Sei sulla pagina 1di 32

Quindicinale

Anno XXXIX

19.01.2017
Numero

679
PERIODICO DI ATTUALIT DEI COMUNI DI ALANO DI PIAVE, QUERO VAS, SEGUSINO

Presepi, Babbi Natale, Befane... - pag. 1


Quero: inaugurata la nuova palestra - pag. 2
Gianni, le molte facce di un ricordo - pag. 4
Dopo otto anni aumenta labbonamento - pag. 8
Carla Elda Franzoia nuova presidente Auser - pag. 13
Chiuso in redazione il 10.01.2017 - Prossima chiusura il 23.01.2017
http://digilander.libero.it/tornado
Tassa pagata/Taxe Perue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DCB BL
AL MOLIN TABACCHERIA
RISTORANTE - PIZZERIA
EDICOLA

Pagamenti imposte con F24


Bolli auto e moto

Ricariche telefoniche

SPECIALIT PESCE Cambio pile ad auricolari


orologi e telecomandi
ALANO DI PIAVE
PIAZZA DEI MARTIRI, 13 - TEL. 0439.779129
- CHIUSO IL MARTED -

32031 ALANO DI PIAVE (BL) - Via Antonio Nani, 14


E-mail: termoidraulica.gierre@vodafone.it

Per rinnovare la tua casa

TODOVERTO di Todoverto Paolo & C.


S.N.C.

imbiancature interni - esterni


termocappotti - spatolati
ALANO DI PIAVE Via Caduti e Dispersi in Russia ONORANZE
FUNEBRI
Tel. 0439.779208 - Cell. 348.7346084
IL TORNADO Sede: Via J. Kennedy - 32031 FENER-ALANO di PIAVE (BL). DIRETTORE RESPONSABILE: Mauro Mazzocco. REDATTORI: Sandro Curto, Silvio Forcellini. COLLABORATORI: Ales-
sandro Bagatella, Ivan Dal To, Antonio Deon, Foto Comaron, Fotocolor Resegati, Ermanno Geronazzo, Cristiano Mazzoni, Sergio Melchiori, Andrea Tolaini.
ABBONAMENTI: ITALIA Abbonamento annuale (18 numeri) 25,00 ESTERO Abbonamento annuale (18 numeri) 50,00.
LABBONAMENTO PU ESSERE SOTTOSCRITTO O RINNOVATO NEI SEGUENTI MODI: 1- versando la quota sul c/c postale n. 10153328 intestato alla PRO LOCO di FENER; 2- con bonifico
sul c/c Banco Posta intestato alla PRO LOCO di FENER, IBAN: IT49 M076 0111 9000 0001 0153 328; 3- pagando direttamente ad uno dei nostri seguenti recapiti: NEGOZIO DA MILIO - Alano;
BAR JOLE - Fener; MAURO MAZZOCCO - Quero; ALESSANDRO BAGATELLA - Quero; BAR PIAVE Carpen - LOCANDA SOLAGNA - Vas; ANTONIO DEON - Vas; BAR BOLLICINE - Scalon;
BAZAR di A. Verri - Segusino.
1 CRONACA

Presepi, Babbi Natale, Befane


a cura di Silvio Forcellini
I presepi, si sa, fanno parte da sempre della nostra tradizione.
Anche nel Basso Feltrino sono stati numerosi quelli allestiti, in
casa o allaperto, durante le festivit natalizie, ad opera di privati
o associazioni.
Tra i pi suggestivi vi senza dubbio quello subacqueo posto
allinterno della fontana della piazza di Alano, curato con inossi-
dabile passione da Piero Piccolotto e dai suoi collaboratori (nella
foto a sinistra).

Tra i pi spettacolari il presepio artistico di Segusino


(nella foto a destra) che anno dopo anno (ricorre il
trentennale) si arricchisce di nuovi sorprendenti ele-
menti tanto da richiamare un numero sempre pi ele-
vato di visitatori. Per chi non lo avesse ancora visitato,
ricordiamo che possibile farlo fino al prossimo 5 feb-
braio.
Ma tanti altri meriterebbero un commento e una foto
su queste pagine, da quelli pi conosciuti (il presepio
artistico di Quero, i presepi di San Vittore ad Alano, quelli degli incantevoli borghi di Segusino...) ai minori.
Per ovvi motivi di spazio non possiamo presentarli tutti, ma citiamo al riguar-
do una iniziativa che ci ha piacevolmente colpito: un concorso di presepi rea-
lizzati esclusivamente con materiale di recupero (vietato spendere soldi,
cera scritto sul volantino informativo), cui potevano partecipare bambine e
bambini fino ai 10 anni. Un invito, insomma, a liberare la fantasia, fatto dagli
ideatori, la Parrocchia e il Circolo Acli di Campo (nella foto a fianco i tre pic-
coli partecipanti premiati da don Francesco).
Restando in tema natalizio, Babbi Natale sono stati avvistati un po ovunque,
in particolare nelle nostre case di riposo, mentre una stella luminosa, posta
sul Monfenera allaltezza del Piajo dal gruppo Fener I Giovani, ha dominato
la vallata durante le festivit.
E fedele allappuntamento, il 5 e 6 gennaio anche la Befana ha fatto la sua
apparizione in zona, per la gioia di grandi e piccini. Attirata dai fal accesi quasi in ogni borgata alanese (ad Alano, Bal-
zan, Campo, Colmirano, Fener e Uson), la vecchina ha portato sorprese e dolciumi ai bambini presenti, mentre i pi
grandicelli si sono potuti riscaldare con il brul e la cioccolata preparati dai volontari delle Pro Loco di Alano e di Fener,
delle associazioni locali, del gruppo di cittadini Amici della Befana A Schievenin, addirittura, sono stati accesi due ro-
ghi, il primo nella serata di gioved e nellarea festeggiamenti della frazione, il secondo nel pomeriggio del venerd e
nellarea pic-nic Va bene che, come recita un celebre motto latino, melius abundare quam deficere, per In entram-
bi i casi, comunque, non sono mancate le sorprese per i bambini ei necessari beni di conforto per i pi grandi. A Se-
gusino, infine, nel pomeriggio
dellEpifania la Befana si ap-
palesata allasilo, invitata dagli
Alpini, e a Milies, grazie agli
Amici di Milies che hanno al-
lestito il fal, mentre la sera
precedente si fatta viva nella
corte di Villa FinadrilEco-
Befana, che il fal non lha tro-
vato (per motivi di sicurezza),
ma che non ha mancato di portare tanta allegria, coadiuvata
nelloccasione dalla Pro Loco di Segusino, sempre molto attiva (nelle
tre foto a fianco alcuni momenti della tappa fenerese).
2 CRONACA

Quero: inaugurata la nuova palestra


a cura di Alberto Coppe per lAmministrazione comunale di Quero Vas
Per la gioia degli sportivi e soprattutto del Gruppo Sportivo
Astra, da sempre impegnato nella promo- zione dellatletica e
dello sport in genere, stata inaugurata luned 19 dicembre
la nuova Palestra comunale a Quero dopo il radicale inter-
vento di ristrutturazione edilizia della vecchia struttura. Il pro-
getto, redatto dalling. Stefano Tancon che risale allottobre
2013, stato migliorato con ulteriori lavori inerenti essen-
zialmente la parte impiantistica elettrica e termotecnica. So-
no stati realizzati ex novo tutti gli impianti, con le migliori e
pi moderne tecnologie, finalizzati al contenimento dei con-
sumi energetici e dotati di adeguate caratteristiche tecniche e
prestazionali. Lintervento prioritario ha riguardato la ricostru-
zione della palestra che ha le seguenti dimensioni: lunghez-
za 37,20 mt, larghezza 23,75 mt, altezza media interna
allintradosso 9,50 mt, superficie interna netta pari a 833,50
mq. I tamponamenti laterali della struttura sono stati effettuati in murature portanti di blocchi di argilla espansa fino a 3
mt di altezza, nella parte pi elevata sono stati utilizzati blocchi modulari ad alte prestazioni di assorbimento acustico
dotati di finitura interna con rilievi verticali a canne dorgano. Sui lati lunghi del fabbricato stata prevista la fornitura e
posa di uno strato isolante esterno del tipo a cappotto con finitura di marmorino a grana media con colorazione tipo
pastello. Le pareti frontali sono dotate di isolamento esterno impiegando pannelli tipo sandwich. La nuova copertura ha
la struttura portante in legno lamellare ad alte prestazioni: 9 travi lamellari trasversali, orditura secondaria in travi lamel-
lari disposte in 18 file longitudinali parallele, controventi di falda realizzati nelle campate di bordo e in due campate in-
termedie con idonee tirature in lamellare, il pacchetto di copertura, dallo spessore minimo di 20 cm, realizzato con
pannelli sandwich composti da lamiera esterna grecata in acciaio colorato grigio chiaro.
A finitura del tetto sono state posate idonee lattonerie sagomate di raccordo, grondaie, mantovane laterali, scossaline,
coprigiunti, il tutto in lamiera di acciaio zincato di colorazione grigio chiaro. I serramenti di finestre e porte sono in allu-
minio. Il pavimento interno completamente nuovo del tipo pavimento sportivo in legno.
Al completo rifacimento della palestra sono state previste anche tutta una serie di opere collaterali come: la ristruttura-
zione e riqualificazione delledificio spogliatoi e servizi collegato alla palestra, con nuovi servizi igienici;
lammodernamento dei locali riservati agli arbitri, alla segreteria, allinfermeria, nonch il rifacimento dellisolamento del
tetto ed i serramenti.
Lampliamento del fabbricato esistente a nord con il blocco dei servizi ad uso manifestazioni-sagre in modo da ricom-
porre e riqualificare il volume delledificio che collegato alla nuova palestra, ampliandolo con dei locali ad uso magaz-
zino. Esternamente alla struttura sono stati realizzati nuovi marciapiedi, opere di adeguamento della rete esistente di
raccolta e convogliamento delle acque meteoriche, nuove tubature per le acque nere derivanti dalla costruzione dei
nuovi servizi igienici.

Quadro economico
COSTI CONTRIBUTI OTTENUTI
Rifacimento Palestra Regione Veneto: (contributo per impiantistica
920.000 sportiva) 430.000
Sistemazione spogliatoi
74.000 Regione Veneto (contributo per efficentamento
Ampliamento struttura manifestazioni energetico): 435.000
Pro loco e Associazioni
50.000 Fondazione CariVerona: 60.000
Rifacimento centrale termica Mutuo Credito Sportivo: 150.000
51.500

Comera la vecchia palestra Com quella nuova


3 TEATRO
4 CRONACA

Gianni, le molte facce di un ricordo


(M.M.) Difficile per me scrivere queste righe per ricordare Gianni De Girardi, da poco improvvisamente scomparso, col
quale ho attraversato gran parte dei miei anni, con frequentazioni ora assidue, ora dilatate dalle diverse strade che
ognuno intraprendeva, ma sempre ritrovati, alla
fine, come marinai che tornano sulla banchina
del porto dorigine. Gianni stato amico di fa-
miglia, collaboratore del Circolo Culturale 4
Comuni, attivo anche con il nostro periodico
con interventi che non erano mai banali e la-
sciavano intendere una profondit che uno
sguardo distratto poteva non cogliere nella sua
personalit. Ho ancora in archivio materiale che
testimonia della curiosit verso il mondo che
animava Gianni e la capacit di cogliere aspetti
che spesso sfuggono ai pi. Lattivit che lo ha
reso famoso stata la passione per la raccolta

di autografi su argilla. Nella foto sopra lo vediamo in posa fra alcune


delle sue tante tavole firmate. Era, la sua, unattivit del tutto partico-
lare, tanto da richiamare lattenzione. Digitate sui motori di ricerca il
suo nome, resterete stupiti di quanti siti abbiano registrato il suo no-
me e la sua passione per gli autografi su argilla. Persino una mostra
in centro a Milano, nel 2014, ha celebrato il suo inusuale metodo di
raccolta, definendo Gianni il pi grande collezionista mondiale di au-
tografi. Vi propongo qui a lato limmagine del manifesto della mostra.
Sentite come viene descritta questa sua attivit:
un metodo speciale ideato dal talentuoso artista Gianni de Girardi,
che vanta al suo attivo pi di mille autografi illustri raccolti in giro per
il mondo e accuratamente conservati e custoditi.
La giornalista curatrice darte Elena Gollini nel commentare le pecu-
liari connotazioni di questa pregevole collezione artistica spiega La
storia insegna e soprattutto si ripete. Infatti, da sempre largilla con-
siderata un materiale molto duttile e versatile per la lavorazione arti-
stica, facile da modellare, forgiare, incidere. Inoltre, da sempre an-
che simbolo di una tradizione amanuense di radice ancestrale, che si
tramanda fin dalla notte dei tempi attraverso le tavolette dargilla e
cera, utilizzate dagli antichi scribi egizi, sumeri, ebraici e romani.
Dunque ha rappresentato un prezioso materiale di riferimento sul
quale la nostra storia antica si potuta conservare e tramandare nei
millenni. De Girardi ha scelto proprio largilla per rendere indelebili e
incancellabili i prestigiosi autografi dei tantissimi nomi di spicco, che
ha intercettato negli anni, componendo una collezione davvero sui
generis e da autentico guinness dei primati.
E prosegue sottolineando Anche la particolare tecnica da lui utilizza-
ta davvero unica ed esclusiva. Infatti, al posto delle normali penne,
che ovviamente non possono funzionare sullargilla, ha pensato di
servirsi di stanghette per occhiali come strumenti dincisione pi effi-
caci. Le piastrelle hanno tutte dimensione standard di 3020 cm. Do-
po aver recuperato la firma vip sulla creta mantenuta costantemente
umida, la ripone in un apposito cofanetto in legno di sua creazione e
successivamente la inforna in cottura per 36 ore per poi ricollocarla
nel cofanetto personalizzato, che ne mantiene perfettamente
lintegrit. Questa procedura elaborativa cos doviziosa dimostra
lappassionato impegno e la forte dedizione dellartista, che non tra-
lascia neanche il minimo dettaglio per garantire la miglior riuscita
progettuale ed esecutiva delle sue creazioni darte.
A Gianni dedicato anche un sito internet che contiene molte imma-
gini dei suoi incontri con i personaggi che tallonava per avere un autografo. Chi avrebbe detto di tanta notoriet? Ma-
gari sar stato anche schernito per questa sua passione. Interessanti anche le interviste che gli sono state fatte e che
si trovano, sempre in internet, sul canale YouTube. Di Gianni posso poi citare le sue incursioni nel mondo della grafica
(suo il simbolo usato come logo dal Polifonico Nuovo Rinascimento), della fotografia (con attenzione al particolare, al
macro pi che al panoramico, fra i fondatori del Fotogruppo, associazione fotografica del Basso Feltrino), della poesia
(con uno spontaneismo non privo di sentimento che cercava ogni possibile strada per esprimersi). E un ricordo multi-
colore quello che ho di Gianni, un arcobaleno con mille sfumature diverse i cui contorni si mescolano e danno sempre
un risultato originale. Conservare queste impressioni il modo migliore per rendere omaggio alla sua memoria.
5 CRONACA

Ciao Gianni
di Alessandro Bagatella
Sei partito in fretta alla chiamata senza salutare nessuno; sembrava che se
perdevi quel treno non ce ne fossero stati altri! Hai voluto cambiare vita,
prendendo la strada di quella eterna, nella quale camminerai in pascoli erbosi
e acqua tranquille. Anche a me toccato, due mesi fa, di avere la chiamata,
ma grazie a qualcuno ho potuto rimandarla, perdere il treno e riprenderne un
altro, Quando, per oltre ventanni, partecipavi alle escursioni da me guidate,
avevi trovato tanti amici, che ti
aiutavano tutti a sopportare i
problemi che, come gli altri,
avevi. Tutti ti ricordiamo come
arrivavi qualche mattina per
lescursione: senza zaino,
merenda, scarpe e vestito da
festa; eri appena ritornato dal tour delle tavolette degli autografi, la tua
grande passione.
Hai incontrato e
fatto firmare tante
persone, molte
delle quali illustri cantanti, artisti, futuri papi. Ci piaceva vederti
con quel cappello da cowboy, come un artista del cinema, e a
tavola quando il tuo grande appetito non aveva riguardo per la
tua salute. Gianni, ricordati che i veri amici del Gruppo sono
sconvolti dalla tua dipartita, ma ti augurano tu possa essere in
un posto in cui trovare la serenit. Quella che hai perso quando
mancata tua madre. Ti ringraziamo per i bei anni, le giornate
serene, in allegria, passate assieme. Ciao Gianni, arrivederci e
riposa in pace.
Ai famigliari tutti le nostre pi sentite condoglianze, a nome di
tutti gli amici del gruppo escursionisti.
In foto: dallalto, consegna della foto di Gianni della Genziana bianca, donata alla trattoria di Val di Prada, dove stata
fotografata; sotto, Monte Ortigara, agosto 1999; a destra: in coro con il gruppo escursionisti

I presepi di Bar Santin


Bella iniziativa nel locale dei nostri abbonati a S.Pietro di Barbozza
di Alessandro Bagatella
I nostri abbonati Franco e Giulietta nel loro bar
questanno hanno dato lopportunit, a chi lo
desiderava, di lasciare un piccolo segno in omaggio
alla Nativit. Diverse persone hanno colto loccasione
per costruire un presepe artigianale e rappresentarlo
persino sulla suola di una piccola scarpa da
bambino.
Bravissimi, davvero, i gestori ed il complimento si
estende anche a quanti hanno voluto condividere il
loro messaggio natalizio.
6 LETTERE AL TORNADO

Quero Vas: approvato il bilancio di previsione 2017


Pur tra mille difficolt economiche legate soprattutto alla drastica riduzione del trasferimenti statali, stato approvato il
Bilancio di Previsione per il 2017 con molte conferme. Si pensi ad esempio che lincasso dellIMU (ex ICI) che per il
nostro comune di circa 750.000, questa somma tuttavia non resta completamente a disposizione del nostro
comune, quasi 450.000 Euro vanno a Roma. Questo non il federalismo fiscale tanto proclamato dai nostri governanti
di ieri e di oggi!
Torniamo al bilancio di previsione per il 2017.
La prima innanzitutto: il non aumento delle tassazioni per le famiglie residenti: rimane cos invariata la TARI ossia
la tassa sui rifiuti, lIMU esente per la prima casa e al minimo di legge per le altre abitazioni e le attivit produttive.
Invariata anche laddizionale IRPEF.
Inoltre anche per il prossimo anno non verr applicata la nuova imposta denominata TASI. Sono circa 650.000
lasciati nelle tasche di nostri cittadini e delle nostre imprese.
Sono stati confermati anche tutte le agevolazioni degli anni scorsi quali il trasporto scolastico gratuito, le
agevolazioni per la mensa, i buoni libri
Confermati i contributi alle associazioni, allasilo ed alle scuole,
Confermati i contributi alle piccole attivit commerciali del nostro Comune.
Ma com stato possibile raggiungere questo risultato? Soprattutto grazie ai contributi statali e Regionali derivanti
dalla fusione.
Sul piano Opere Pubbliche il territorio ha visto in questi 2 anni e mezzo di amministrazione lesecuzione di
numerose opere e nel corso del 2017 ci sar lavvio di altri importanti lavori per un importo di circa 2 milioni di
Euro. Ma com possibile, in un periodo di vacche magre, avere a disposizione un importo cos rilevante? La
risposta sta tutta sulla capacit di essere pronti con le idee progettuali che ci permettono, al momento giusto, di
agganciarci ai bandi Europei o Regionali al fine di ottenere preziosi contributi. E un lavoro organizzativo
importante, fatto di incontri, di proposte, di soluzioni ai problemi, che sfocia alla fine in progetti di pubblica utilit,
molti dei quali finanziati in tutto o in gran parte dagli Enti sovracomunali.
Questi risultati sono anche il frutto di un lavoro di squadra fatto dagli assessori, dai dipendenti e dallintero Consiglio
Comunale.
Per lAmministrazione Comunale di Quero Vas
Il Sindaco Ing. Bruno Zanolla

ATTUALIT

Elezioni Provinciali 2017: risultati


Ha votato il 78,43% dei consiglieri
e dei sindaci del Bellunese

In data 9 gennaio 2017, successivamente allo spo-


glio delle schede elettorali da parte del seggio elet-
torale, si sono svolte le operazioni di calcolo della
ponderazione del voto al fine della proclamazione
degli eletti per la composizione del nuovo Consiglio
provinciale.

I Consiglieri eletti come risultano dal verbale


n.5, sono i seguenti:
Lista n. 1 - Consiglieri e Sindaci per l'Autonomia:
Minella Ivan
Lista n. 2 - Provincia di Belluno-Progetto Comune:
Lise Ezio, Bogana Amalia Serenella,
Svaluto Ferro Pier Luigi, Massaro Ja-
copo, Costa Mirco, Vendramini Paolo,
Trinceri Calogero Matteo, Tormen Sil-
via;
Lista n. 3 - Per le Autostrade del Futuro:
Dal Farra Renata

Informazioni tratte dal sito della Provincia:


http://www.provincia.belluno.it
7 CRONACA

La morte di Franco Dal Canton


di Sandro Curto e Silvio Forcellini
Ha resistito fin che ha potuto Franco Dal Canton, classe 1955, ma alla fine ha dovuto cedere
alla feroce malattia che lo aveva aggredito da tempo. Originario di Quero, da qualche decennio
si era trasferito in comune ad Alano, prima a Fener e poi nella zona artigianale di Colmirano,
dove aveva avviato unattivit con alcuni dipendenti nel settore degli occhiali. La testimonianza
della stima di cui godeva si vista nel giorno dei funerali a Campo con moltissima gente a
stringersi attorno alla moglie Sara e ai figli Michele, Monica e Manuela, ai quali vanno le nostre
sentite condoglianze. Alle esequie erano presenti anche i gonfaloni dellassociazione dei dona-
tori di sangue di Alano e di Quero con i rispettivi presidenti.

Notizie in breve
di Sandro Curto
VALDEROA IN ASSEMBLEA Sabato 21 gennaio avr luogo, presso la sede, lassemblea generale dei soci del Grup-
po Alpini Valderoa di Alano presieduto da Valentino Rech. Allordine del giorno le relazioni del capogruppo e del segre-
tario, il tesseramento e la presentazione del programma per il nuovo anno che riporteremo nel prossimo Tornado.
AD ALANO IL PRIMO NATO DELLA PROVINCIA 2017 Alle 5.30 del 1 gennaio si registrata allospedale Santa Maria
del Prato di Feltre la prima nascita 2017 della provincia di Belluno. Il bimbo si chiama Farouk Farid ed figlio di Ahmed e
Asmae Lamghari, una famiglia marocchina residente ad Alano di Piave.
CHIUSO LULTIMO NEGOZIO DI COLMIRANO Anche Colmirano, come gi da tempo Campo, rimasto senza negozi
aperti. Col 31 dicembre ha infatti chiuso i battenti la rivendita di pane e alimentari gestita dal Panificio Errandi di Alano.
Troppo impegnativo far fronte ai costi e mantenere una persona in loco per assicurare lorario di apertura. E pensare che
solo allinizio degli anni Ottanta erano quattro i negozi della frazione: Buttol a Uson, le sorelle Parteli in via Calcino, ali-
mentari Tessaro in piazza Fontana Secca e, appunto, il panificio, prima della famiglia Licini, poi Vidorin.
LA MORTE DI SAVERIO DE FAVERI... Dopo lunga malattia venuto a mancare Saverio De Faveri, classe 1925 di
Uson. Molta gente a dargli lultimo saluto nel giorno del funerale a Campo con la presenza dei gonfaloni della locale asso-
ciazione Ex Emigranti e dei Fanti di Alano - Quero Vas.
...E QUELLA DI MARTINA DE FAVERI Allet di 92 anni ci ha lasciati anche Martina De Faveri, una pioniera
dellartigianato del Basso Feltrino. Originaria di Colmirano, a lungo emigrata in Svizzera, poi il rientro a Quero con lidea di
avviare una lavanderia industriale diretta a servire caserme, alberghi, ristoranti e case di riposo. Quando le cose sembra-
vano andare bene arriva la malattia, linvalidit e la morte del marito e, poco dopo, un tragico incidente stradale che le
porta via lunica figlia Rita. Ma Martina non si fermata ed andata avanti tanto che lattivit esiste tuttoggi con la ge-
stione della nipote Manuela.

CAMPIONATO CAM77 2016-2017

Gli Amatori Piave Tegorzo


chiudono il girone dandata al terzo posto
di Sandro Curto e Silvio Forcellini
E giunto al giro di boa il campionato CAM77 Bepi Rizzardo, che vede impegnati anche in questa stagione 2016-2017 gli
Amatori Piave Tegorzo. La nostra squadra ha chiuso landata al terzo posto del proprio girone, a pari merito con Cone-
gliano e Signoressa, posizione che le permette di lottare, con buone probabilit di farcela, per laccesso alla fase finale a
eliminazione diretta (cui accedono le prime quattro di ciascuno dei tre gironi in cui strutturato il campionato). Delle 11
partite finora giocate, 4 sono state vinte, 5 pareggiate e 2 perse, con 17 gol segnati e 14 subiti. Questa la classifica del
girone C del campionato CAM 77, dopo il girone di andata: C.A. Crocetta 27 punti; A.S.D. Pieve 2001 24; A.F. Coneglia-
no, G.S. Signoressa e AMATORI PIAVE TEGORZO 17; A.S.C.A. Trevignano 16; A.S.D. Colbertaldo Vidor 14; C.A. Bigo-
lino 11; C.A. Maser 10; C.A. Farra di Soligo 9; A.S.C.D. Mittici 7; C.A. Sernaja 5.

Raccolta rifiuti ad Alano: rettifiche al calendario


In relazione al calendario 2017 della raccolta porta a porta relativa al comune di Alano di Piave, inserito nello scorso
numero del Tornado, vanno apportate le seguenti due rettifiche. Lecocentro, nel 2017, aprir tre giorni (anzich due),
con i seguenti orari: il luned dalle 14.00 alle 16.30 (utenze private), il mercoled dalle 14.00 alle 16.30 (attivit commercia-
li) e il sabato dalle 8.30 alle 11.45 (utenze private). Marted 25 aprile, pur essendo festivo, verr ugualmente effettuata la
raccolta della carta (e non mercoled 26, come indicato sul calendario).
8 ATTUALIT

Se 8 anni vi sembran pochi


(M.M.) il 2016 stato lottavo anno senza aumenti, ma ora non possiamo
fare a meno di ritoccare il costo dellabbonamento, almeno quello per
25,00 uro lItalia, in considerazione del colore delle ultime risultanze di bilancio, ancora
dal una volta viranti al rosso. Una costante degli ultimi esercizi e per un po
01.01.2017 abbiamo fatto finta di niente, forti delle economie degli anni doro. Nascondere
la testa sotto la sabbia, per, serve a poco e rischia di compromettere il futuro
cammino della nostra rivista. Di qui lobbligo, per noi, di ritoccare allins il
costo dellabbonamento e portarlo a 25,00 uro. Uno sforzo per voi, che si aggiunge ai
mille altri che vi sono sicuramente richiesti. Speriamo, comunque, che sarete nostri alleati in
questo nuovo anno, pronti a collaborare con il nostro periodico e diffonderlo oltre la vetta toccata di 1250
abbonati. Al momento siamo attorno a quota 1240 abbonati. Contiamo sul vostro aiuto per aumentarla! A tutti, grazie!

TAPPA 20
PORDENONE - ASIAGO
27 MAGGIO 2017, SABATO, 190 KM
Descrizione della tappa
Tappa molto lunga con lunghe salite. Si parte da Pordenone e transitando per Sacile e Godega SantUrbano dopo circa
30 Km si arriva a Conegliano Veneto. Qui la carovana affronta la prima salita della giornata: il muro di C del Poggio
(262 mt. slm) GPM di 3 livello. Discesa verso Refrontolo, passaggio per Pieve di Soligo, Follina, Combai, per arrivare
poco prima di mezzogiorno a Valdobbiadene. Dopo questa prima parte tra le colline trevigiane del Prosecco, i corridori
entrano in provincia di Belluno allaltezza di Fenr, da qui ci si arrampica al colle di Quero (traguardo volante) per
poi arrivare a Feltre, attraversando Carpen e Sanzan. A Caupo, in comune di Seren del Grappa, si attacca il
versante nord del Monte Grappa. Si tratta di 24 km di salita con lunghi tratti al 7-8% intervallati da brevi falsopiani o
piccole discese. Sul Grappa GPM di 1 classe e poi lunghissima discesa fino a Romano dEzzelino, poi 10 km di
pianura attraversando i comuni vicentini di Campese e Valstagna per attaccare la salita di Foza (3 GPM della
giornata) con 14 km al 7.1% con i suoi 1086 mt. slm. Infine gli ultimi 10 km vallonati con passaggio per Gallio, paese
che ha dato i natali a mons. Matteo Segafredo, arciprete di Quero dal 1850 a 1892, e arrivo ai 1002 mt. Slm di Asiago
dopo ben 190 Km di corsa. E lultima vera tappa del 100 Giro dItalia, il giorno dopo, infatti, la passeggiata in rosa
nella cronometro individuale perfettamente pianeggiante (o in leggerissima discesa) lungo i vialoni di Monza e Milano
dopo una partenza allinterno dellAutodromo di
Monza. Finale classico nella citt che ha dato i
natali al Giro con arrivo in Piazza Duomo.

Quero Vas: distribuzione Eco-Tessere


Sabato 28 gennaio negli Ecocentri di Quero e
di Vas saranno poste in distribuzione le eco-
tessere per la raccolta punti per coloro che con-
feriscono, differenziandoli correttamente, rifiuti
nellisola ecologica. Coloro che non hanno an-
cora ricevuto attraverso il canale postale la pro-
pria tessera potranno richiederla direttamente al
personale in servizio allEcocentro, partecipan-
do poi nel corso dellanno alla raccolta differen-
ziata dei rifiuti, concorrendo, alla fine, alla distribuzione premi annuali estratti a sorte fra tutti i cittadini ricicloni.
9 ATTUALIT

Associazione
Associazione ProPro Loco
Loco ASSOCIAZIONE
ASSOCIAZIONE
32031 ALANO
32031 ALANO DI PIAVE
DI PIAVE PROPRO LOCO
LOCO FENER
FENER
BELLUNOBELLUNO C.A.P. C.A.P. 32030 BELLUNO
32030 BELLUNO

Consorzio
Consorzio Pro Pro
LocoLoco del Massiccio
del Massiccio del Grappa
del Grappa Orientale
Orientale
Vi ricordano
Vi ricordano di scaldare
di scaldare i motori
i motori e preparare
e preparare i carrii per
carri
laper la

SFILATA
SFILATA CARRI
CARRI ALLEGORICI
ALLEGORICI
CARNEVALE2017
CARNEVALE 2017
DOMENICA
DOMENICA 2626Febbraio
Febbraio
ore Ritrovo
ore 12,30 12,30 Ritrovo in Piazza
in Piazza a CAMPOa CAMPO
ore 16,20
ore 16,20 Premiazioni
Premiazioni in piazza
in piazza a COLMIRANO
a COLMIRANO
a seguire
a seguire la tradizionale
la tradizionale conclusione
conclusione a USON a USON

In caso In
di caso di maltempo
maltempo laverr
la sfilata sfilatarinviata
verr rinviata alla domenica
alla domenica successiva.
successiva.
N.B.
N.B. - Le - Le iscrizioni
iscrizioni dei carridei
si carri si ricevono,
ricevono, fino al 19
fino al giorno giorno 19 Febbraio,
Febbraio, presso presso i presidenti
i presidenti delle
delle Pro LocoPro Loco
Da fineDa fine gennaio
gennaio moduli moduli scaricabili
scaricabili dal sitodal sito www.prolocoalano.it
www.prolocoalano.it
(Ai capicarro
(Ai capicarro verr consegnata
verr consegnata copia
copia del del regolamento)
regolamento)

LETTERE AL TORNADO
Mio padre diceva
"Finch no se gh sbatte ds col ns, no s se rende conto"
- Finch non ci sbattiamo contro con il naso non ci rendiamo conto -
di Claudio Spadetto
Mi venuta in mente questa frase mentre riflettevo su quello che mi era successo alcuni anni fa, ricoverato all'ospedale di
Feltre e bloccato a letto, impedito a muovermi, persino andare in bagno o bere un bicchiere d'acqua da solo, era un
problema. Ma per fortuna accanto a me avevo una persona cara, la mia compagna, che mi ha sempre aiutato assieme a
tutto il personale infermieristico. Ricoverato, guardavo fuori dalla finestra e vedevo le nostre care montagne tanto contese,
mi chiedevo quanto avessero patito quei poveri soldati, quei poveri cristi che erano stati feriti e magari anche gravemente
o che si erano ammalati durante la grande guerra e venivano portati dentro ad un'umile baracca, senza nessuna persona
cara vicino se non un'infermiera. Ecco l'infermiera, quella persona che delle volte doveva sembrare un angelo sceso dal
cielo, tu impedito a muoverti e magari imbarazzato, ma lei con il suo fare gentile ti pulisce, ti rassicura, ti accarezza le
mani, la fronte, ti aiuta ad alzarti e ti sorride come se tutto fosse dovuto, qell'angelo di cui tu sai che non puoi farne a
meno, che trova la forza anche per dirti due parole di conforto e il giorno dopo qualcuna di pi e magari tu racconti della
tua vita, delle tue paure e piano piano quel camice bianco con un sorriso sempre per tutti ma per te speciale, diventa
qualcosa, qualcuno di famiglia e allora ti sembra di essere a casa. Quelle infermiere, quelle crocerossine venivano da ogni
paese d'Italia e da tutti i ceti sociali, dalle dame di corte alle signore aristocratiche, dalle casalinghe alle contadine tutte
animate dallo stesso ideale, tutte disposte al sacrificio, anche della propria vita per poter aiutare il prossimo, tutte con il
volto sorridente, stanche ma sorridenti, ieri come oggi le trovi negli ospedali, sui campi di battaglia... " che in giro per il
mondo c' ne sono ancora tanti", in mezzo ai profughi, ai terremotati o dopo un vile attentato. Il simbolo di tutti questi
angeli stata la crocerossina Margherita Kaiser Parodi, nata a Roma il 16 maggio 1897, che decise di arruolarsi appena
diciottenne, partendo con la Madre Maria e la sorella Olga per l'ospedale di Cividale del Friuli, alle dipendenze della Terza
Armata comandata dal Duca d'Aosta. Il 19 maggio 1917 l'ospedale mobile n 2 di Pieris, venne bombardato con violenza
dagli austroungarici, Margherita rimase al suo posto, prestando le prime immediate cure ai militari feriti. Per questo suo
comportamento, per la sua dedizione e per lo spirito di fratellanza verso i militari feriti, lo Stato Maggiore dell'esercito le
confer la Medaglia di Bronzo al Valor Militare, con la seguente motivazione" per essere rimasta serena al suo posto a
confortare gli infermi affidati alle sue cure, mentre il nemico bombardava la zona dove era situato l'ospedale di cui era
addetta". La crocerossina Margherita rimase sempre assieme ai suoi soldati, anche quando il fronte si spost e avvenne la
"ritirata di Caporetto", essa vide la vittoria e sicuramente sper in un mondo nuovo, ma nel frattempo arriv una tremenda
epidemia "la spagnola" che colp duramente tutta la popolazione, anche i soldati ne rimasero colpiti, lei rest, cur, medic
giorno e notte, ma alla fine fu contagiata anche lei e mor il primo dicembre 1918 all'ospedale di Trieste. Tutti i suoi soldati
vollero che fosse sepolta accanto a loro, ora veglia su di loro come un angelo, con le sue ali li ricopre, con la sua presenza
li conforta e anche voi se passate per Redipuglia e guardate in mezzo al primo gradone la troverete, l da centanni,
unica donna in mezzo a 100 mila soldati, i suoi soldati.
10 CRONACA

Casa di Riposo San Giuseppe di Quero


Riconoscimenti a Ada Donadini, impiegata, e a Maria Polesana cuoca
segnalazione di Alberto Coppe
Venerd 16 dicembre la Comunit Parrocchiale di Quero assieme a tutti i dipendenti della Casa di Riposo San Giu-
seppe e della scuola materna si sono ritrovati al Ristorante Villa Sandi di Valdobbiadene per gli Auguri di Natale.
Il Parroco don Alessio ha ricordato il grande valore sociale che rappresentano per lintera Comunit le due strutture
parrocchiali: il Centro Servizi per gli Anziani e la Scuola per lInfanzia. Il Direttore Genesio Borsoi ha sottolineato
limportante impegno economico condiviso dalla Parrocchia, a difesa di queste importanti strutture di indubbio interes-
se collettivo. La struttura per anziani da lavoro a 30 dipendenti di varie qualifiche professionali: infermieri, operatori so-
cio sanitari, cuochi, personale per le pulizie e 3 liberi professionisti: fisioterapista, psicologo, educatore professionale.
LULSS assicura lassistenza clinica con la presenza di un medico. Gli ospiti assistiti sono 40. Lattrezzata e rinnovata
cucina della Casa di Riposo sforna giornalmente oltre ai pranzi per gli anziani ed i bambini dellasilo querese, altri 20
vassoi per gli anziani a domicilio, una decina per la scuola materna di Vas e ben 150 per gli studenti che durante
lanno scolastico frequentano la mensa alla scuola elementare e media del capoluogo. Per quanto riguarda la scuola
materna sono iscritti 36 bambini e i piccoli sono assistiti da 5 maestre dasilo. Babbo Natale ha portato questanno sot-
to lalbero dellAsilo una moderna lavagna interattiva, utilissima per le attivit didattiche ed educative. Presenti alla se-
rata di Auguri anche i Volontari dellassociazione San Girolamo Emiliani che prestano gratuitamente la loro opera
allinterno della struttura per anziani, una bellissima realt con circa una trentina di volenterosi.
LAmministrazione comunale sostiene le attivit assistenziali ed
educative della Parrocchia, in particolare della Scuola materna,
con una convenzione il cui contributo economico di 20.000 Euro
annui permette tutta una serie di attivit aggiuntive a vantaggio
delleducazione dei nostri bambini.
La serata conviviale proseguita con la premiazione di due di-
pendenti della struttura parrocchiale:

Ada Donadini, medaglia doro per i 25 anni di attivit. Ada


la storica impiegata della Casa di Riposo di Quero fin dal
1991, prima aveva lavorato per 16 anni come amministrativa
presso la fabbrica querese di lampadari Neo Lux. Andr in
pensione alla fine del prossimo anno.

Maria Polesana ha festeggiato invece il traguardo pensionistico. Cuo-


ca alla Casa di Riposo San Giuseppe di Quero dal 2008, Maria aveva
prima lavorato alla Casa di Riposo di Alano di Piave per 16 anni, alla
Ferroli di Alano per 3 anni, alla conserveria Sartor di Crocetta per 3-4
anni, alla scuola materna di Vas per 5 anni ed infine per due stagioni
aveva diretto la cucina del Ristorante alle Bocchette sul Monte Grappa.
Va in pensione usufruendo della legge statale opzione donna con 36
anni e 6 mesi di servizio.

Ad entrambe un grande abbraccio, ringraziandovi per limpegno e la dedi-


zione lavorativa che in tanti anni avete dato alla Casa di Riposo San Giu-
seppe di Quero.
LETTERE AL TORNADO

CORSO DI POTATURA E INNESTO DEL MELO


Corso teorico-pratico
tenuto dallagronomo
Dott. Alessandro Gallon
CALENDARIO LEZIONI:
GIOVEDI 26 GENNAIO, GIOVEDI 2 e 9 FEBBRAIO (teorico), ore 20,30-22,00
Sabato 11 e 18 Febbraio ore 15.00-17.00 (Pratico)
La data delle lezioni pratiche verr confermata durante il corso teorico.
ALANO DI PIAVE, BIBLIOTECA COMUNALE, PIAZZA MARTIRI
PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI
340 890 4819 Alda - info@associazionearianova.it
11 CRONACA

In attesa dei campionati mondiali di parapendio


di Rech Francesca
Anche se noi siamo ai margini della provincia di Belluno sempre interessante sapere cosa accade..poco sopra! Dal
primo al quindici luglio 2017 si terranno i quindicesimi campionati mondiali di parapendio sul Monte Avena. Un
avvenimento non da poco. Per promuovere l'evento e tutto il
territorio circostante gli organizzatori ed il Consorzio di
promozione turistica Dolomiti Prealpi sono partiti alla volta di St.
Hilaire de Touvet, vicino a Grenoble, per essere presenti alla
mitica Coupe Icare, probabilmente la fiera pi grande del mondo
del settore, sicuramente dell'Europa. Non ci sono parole per
descriverla, bisogna esserci. Una quattro giorni di follia aerea e
non solo. Migliaia e migliaia le presenze da ogni parte del
mondo: Europa in primis, Australia, Americhe, Africa, Azzorre,
Russia....si fa prima a dire da ovunque. Per volare, per vendere
o comprare, semplicemente per vedere. Enorme. Mentre i nostri
organizzatori dei mondiali si davano da fare con la mascotte per
promuovere l'evento girando tra gli stand ed i campi di volo,
volando anche in biposto con tanto di costume, noi del
Consorzio abbiamo
allestito gli stand/igloo
nella posizione privilegiata che l'organizzazione Coupe Icare ci aveva
assegnato, proprio davanti ad un ingresso del campo di volo sud: davvero il
mondo ci passato davanti e soprattutto si fermato a curiosare, assaggiare,
domandare. Veramente tanto l'interesse per le nostre zone, poco conosciute
ai pi. Da buoni bellunesi ci siamo sempre ben guardati dal farci conoscere e
dal comunicare le nostre bellezze e ora diciamo che, per fortuna anche grazie
a questo, abbiamo un territorio ancora abbastanza integro ed autentico che in
molti ci invidiano. Una vera chicca in un mondo che sta perdendo
velocemente questi connotati. Ai tantissimi passati sotto i nostri igloo abbiamo
spostato l'attenzione dalle Dolomiti trentine (belle ma non esistono solo
quelle!) alle nostre
splendide montagne,
svelando le tante
eccellenze del nostro
territorio. Dai punti di
volo (in una manciata di
km ne abbiamo ben tre e
con caratteristiche
diverse fra loro!), alle
varie attivit sportive che si possono fare, alla natura, alle
manifestazioni, alla eno-birro-gastronomia, alle tante piccole
realt di accoglienza. E giusto per non passare inosservati nella
giornata di sabato abbiamo portato una delegazione del palio di
Feltre per sfilare, tamburare e sbandierare lungo le strade della
fiera. Quattro splendidi giorni su un palco con il mondo come
spettatore. Direi un grande successo!!

Auguri Elvira!
segnalazione di Giannino Collavo
E cosi il il 12 novembre ultimo scorso la nostra concittadina Elvira Mazzier ha
soffiato su 100 candeline con tutto il fiato che aveva in corpo.
Elvira emigrata in Belgio alla fine degli anni 40 ivi rimasta sino alla fine degli
anni 90 quando con il
marito venuta a passa-
re i suoi ultimi anni ad
Alano. La morte del ma-
rito Carlo Pisan (gnel) e
poi la sua infermit la
hanno costretta a torna-
re in Belgio con le due figlie e la sua forte tempra la hanno portata
a questo felice evento.
Amiche, parenti, concittadini, redazione del Tornado inoltrano i pi
sinceri auguri ad Elvira che vediamo in foto.
12 AUSER

Festeggiati i soci Auser nati in dicembre


Lappuntamento dei soci Auser di dicembre servito non solo a festeggiare i nati del mese, ma anche allo scambio di
auguri per le imminenti festivit natalizie e di fine anno. Si ripetuto il successo di questo tipo di iniziative, grazie alle
quali i soci trascorrono alcune ore in lieta compagnia.
In foto i festeggiati del mese: da sinistra, seconda fila: Letizia Donnini, Antonio Remor, Mirella Specia, Domenico
Schievenin, Armida Biz; in prima fila col grembiule, da sinistra: Renata Melchiori, Luisa Canzi.

Domenica 29 gennaio 2017


ci incontreremo per la tradizionale festa del
tesseramento. La giornata inizier con il
seguente programma: Le prelibatezze della casa,
Ore 11:30 tesseramento per chi non avesse dallantipasto al dolce, le
gi rinnovato la tessera. sfiziosit, i profumi, i sapori, le
Ore 12:30 pranzo
Non mancheranno sorprese, canti e la lotteria magie della grande cucina
sempre per la solidariet.
La prenotazione obbligatoria entro il giorno 27 gennaio.
E disponibile il servizio del pulmino che partir:
da Quero alle ore 11:15 e da Alano alle 11:30. Da Vas su richiesta
Per informazioni e prenotazioni:
sede Auser Quero 0439/787861 luned mercoled e venerd dalle ore 15:00 alle 17:00
13 CRONACA

Auser: eletto il nuovo Consiglio del circolo Al Caminetto


Carla Elda Franzoia la nuova Presidente
di Renata Mazzocco
Sala don Milani, a Quero, gremita di soci Auser l8 gennaio scorso per lannuale assemblea e per le operazioni di voto
per il rinnovo del consiglio direttivo. I partecipanti sono stati 85 e lassemblea stata presieduta da Luisa Peccenini, in-
viata dal Provinciale. Anna Dalla Favera, la presidente uscente, ha letto la relazione al bilancio, mentre Renata Maz-
zocco, segretaria in carica, ha dato lettura del bilancio precisando che si tratta di un bilancio come sempre molto attivo.
I candidati alla carica di nuovi consiglieri erano 17 ed i partecipanti allassemblea hanno espresso le loro preferenze
con scheda elettorale distribuita a tutti i soci presenti. Sono risultati eletti: Gigliola Canzi, Renata Mazzocco, Elda Carla
Franzoia, Anna Lisa Bertoncin, Ivana Bernardele, Luisa Canzi, Corona Mondin, Gino Curto e Mariangela Fioravanti. I
revisori dei conti, Alessandro Curto, Germano Susanetto, Stefano Zatta effettivi e Marcello Meneghin, Antonio Tran-
quillo Mondin supplenti, sono stati eletti per alzata di mano. A fine assemblea si subito riunito il nuovo direttivo che ha
eletto la nuova Presidente Franzoia Elda Carla. La grande partecipazione di iscritti stata, ancora una volta, dimostra-
zione che i soci partecipano volentieri alle attivit del Circolo.

Inaugurato il nuovo Centro Civico della frazione di Carpen


a cura di Alberto Coppe
Si svolto luned 5 dicembre lincontro con gli amministratori quero-vassesi nella frazione di Carpen. Si discusso di
immigrazione, opere pubbliche, cimiteri, problemi idrogeologici, rifiuti e di attivit socio-ricreative. Una quarantina i
partecipanti con presenze sia di Carpen che di Santa Maria e Quero Vas. Lincontro stato introdotto dal giovane
consigliere comunale Curto Tiziano che ha poi ceduto la parola al sindaco Bruno Zanolla, al suo vice Andrea Biasiotto
e allassessore Alberto Coppe. Successivamente
stato inaugurato il nuovo Centro Civico della frazione,
costruito grazie al recupero di un vecchio caseggiato
posto proprio davanti alla sala riunioni degli Amici di
Carpen. Ora, grazie a questo ulteriore spazio pubblico,
larea frazionale pu contare su un attrezzato ed ampio
Centro Civico composto da una grande sala riunioni
con cucina, un magazzino ed una seconda saletta che
servir per le attivit ricreative, culturali in favore dei
giovani del paese. Allesterno la zona abbellita con
un piccolo parco giochi ed unarea pianeggiante a
parcheggio. Ringraziamo quanti si sono adoperati per
raggiungere questo importante risultato (il Comune per
aver fornito i materiali necessari, i volontari della
frazione che hanno messo a disposizione il loro tempo
libero, lUfficio Tecnico e la squadra operai del
Comune) che, grazie agli Amici di Carpen, oggi una
splendida realt a disposizione di tutti.
BOCCE
Asd Ponte Tegorzo: 50 anni al volo
Iniziati i festeggiamenti per i 50 anni della Ponte Tegorzo con la prima gara stagionale
presso il proprio Bocciodromo.
Domenica 8 Gennaio con le semifinali e finali si conclusa la gara sociale a terne. I 24
soci partecipanti si sono dati battaglia nelle varie fasi di qualificazione. Combattutissima la
finale, al termine della quale la formazione Bernardo Carrer - Antonio Bronca - Eugenio
Biron si aggiudicata l'ambito trofeo battendo di poco la terna Renzo Gerlin - Luciano
Pauletti - Ruggero
Sbizzera. Alle
premiazioni era
presente il Vice
Sindaco di Alano
Angelo Zancaner. Grazie a tutti i partecipanti da
parte della Ponte Tegorzo.
Bocciodromo
Aperto di Mercoled
Nel mese di Febbraio riprender "Bocciodromo
Aperto di Mercoled", corso gratuito di bocce,
aperto a tutti.
La prima fase si conclusa nel mese di No-
vembre con 6 nuovi bocciofili.
Chi volesse partecipare pu inviare una mail a: asdpontetegorzo@gmail.com oppure telefonare a 347.8004030
14 CRONACA

Lattivit 2015-2016 dellACR


a cura degli animatori ACR

Con la messa del 4 settembre, si concluso lanno ACR 2015-2016, anno intenso di impegni per i bambini e i ragazzi
che hanno partecipato alle iniziative proposte da noi animatori.
Tra queste, la Festa del Ciao ha dato inizio, ad ottobre, allanno ACR che ha previsto un incontro a settimana, per tutto
larco dellanno scolastico, nel quale i nostri giovani hanno avuto loccasione di stare in compagnia, giocare, crescere,
condividere e conoscersi. I ragazzi sono stati suddivisi
in quattro gruppi secondo fasce det: elementari, prima
e seconda media, terza media, prima e seconda supe-
riore. Ad accompagnare questi quattro differenti percor-
si, sono stati impegnati diciotto animatori tra i quali gli
otto ragazzi che avevano svolto il cammino di forma-
zione lanno precedente. Per integrare i percorsi intra-
presi dai vari gruppi e coinvolgere tutti i bambini dalla
prima elementare alla terza media, sono state organiz-
zate delle feste: a Natale, a Carnevale e al termine
dellanno ACR a fine maggio. Unaltra iniziativa tradi-
zionale, ma diversa dalle altre, stato lincontro con le
altre Parrocchie della Diocesi a Padova, in occasione
della Domenica delle Palme, ulteriore momento per vi-
vere esperienze ed emozioni nuove.
Con lestate sono arrivate anche le tanto attese setti-
mane di CAMPOSCUOLA, svoltesi a Santa Giuliana di
Levico (TN) a fine luglio. I primi a partire sono stati 23
bambini dalla terza alla quinta elementare, seguiti da sei animatori, a cui ha dato il cambio il gruppo di 40 ragazzi dalla
prima media alla seconda superiore con 10 animatori. In questi giorni intensi vissuti insieme, tutti noi abbiamo imparato a
convivere, condividendo la quotidianit in ogni sua par-
te. Ci sono stati momenti ricchi di emozioni inaspettate,
di riflessioni insolite e di spunti utili alla crescita perso-
nale, ma anche momenti di svago e di gioco.
Ad inizio settembre, anche i pi piccoli sono stati resi
partecipi alla settimana del GREST, nella quale hanno
avuto spazio cinque nuovi animatori pi giovani. Come
ha fatto notare anche Don Francesco alla serata finale
del Grest, tra i 60 ragazzi coinvolti, ben undici avevano
appena 5-6 anni! Noi animatori siamo stati entusiasti e
piacevolmente sorpresi della voglia di partecipare di
questi piccolini e dalla fiducia dataci dai genitori
nellaffidarci i loro figli.
Ed proprio loro che vogliamo ringraziare, perch per
primi si prendono limpegno di accompagnare i loro figli in canonica, si fidano di noi e credono in quello che lACR e il
Camposcuola sono capaci di donare; sono loro che permettono al nostro gruppo, sempre giovane, sempre colorato di vol-
15 CRONACA

ti nuovi e diversi, di continuare a brillare della luce emanata dal sorriso dei ragazzi. Noi vogliamo ribadire a gran voce che
non vero che ah, i giovani doggi.., noi vogliamo essere un esempio positivo, che meriti di essere seguito e che venga
sostenuto. Spesso non ci viene dato il giusto riconoscimento, siamo giovani pieni di impegni, studenti o lavoratori, che oc-
cupano una parte del proprio tempo libero per i ragazzi: vogliamo che anche loro abbiano loccasione di vivere ci che noi
qualche anno fa abbiamo vissuto, perch le nostre attivit in parrocchia, campiscuola e ACR, non sono soltanto occasioni
di svago, sono vere ESPERIENZE DI VITA. Solo in questi momenti abbiamo avuto occasioni per pensare, parlare, condi-
videre ci che di pi intimo ci appartiene, di crescere e di ascoltare il silenzio che c in ognuno di noi. E in questi momenti
sentiamo davvero la vita che scorre dentro di noi e, come fiori appena sbocciati, pieni di forze e di energia, siamo pronti a
far sentire a tutti il nostro profumo: nostro e dei vostri figli.
Per concludere, un grazie di cuore va a Don Francesco che per primo, con la sua presenza e i suoi preziosi consigli, ci d
sempre sostegno, alla Schola Cantorum per il suo generoso contributo e a tutti i genitori (e non!) che al bisogno sono
sempre pronti a darci una mano.

Alano, riaperto il Caff Speranza


di Silvio Forcellini
Dopo alcuni mesi occupati dai lavori di ri-
strutturazione, gioved 22 dicembre ha fi-
nalmente riaperto il Caff Speranza, sto-
rico locale alanese situato in piazza Martiri.
Chiusura consperanza titolavamo non a
caso sul n. 675 in relazione al bar gelateria
Due Valli di Fener, gestito per oltre quattro
anni da Eva Paset e chiuso lo scorso 30 settembre. E proprio Eva, come previsto, ha ora preso
in mano il Caff Speranza, che si presenta molto rinnovato. Lo contraddistingue un lungo
bancone in legno, disposto come una volta sulla sinistra di chi entra (bancone che contiene an-
che unampia scelta di gelato). Sulla destra, invece, sono disposti i tavolini, presenti anche alla
fine del bancone (mentre, al momento, deve essere ancora approntata lultima saletta, quella
un tempo riservata ai giochi e alla tv). Questi gli orari di apertura del Caff Speranza: dal marted al venerd dalle 6.30
alle 3.00 (con chiusura intermedia dalle 13.30 alle 16.00); il sabato e la domenica dalle 7.30 alle 3.00 (con orario conti-
nuato). Giornata di chiusura: il luned. Ad Eva e al suo staff i migliori auguri di buon lavoro.

Sul Doc ciaspolata al chiar di luna


di Silvio Forcellini
Sabato 11 febbraio il Plotone Esploratori Btg. Feltre propone la prima
ciaspolata al chiar di luna (vedi locandina a fianco). Si partir da Malga
Doc, in territorio alanese, alle ore 20 lungo un percorso pianeggiante e
accessibile a tutti, anche ai bambini, su strada silvo-pastorale. La durata

ciaspa LUNA
L
comune di
A la
no di Piave

del percorso di circa unora e mezza per landata e altrettanto per il ri-
torno, sulla stessa strada percorsa. Prevista una tappa presso La Fossa,
dove al chiarore di ceppi illuminati sar offerto un ricco rinfresco. Per par-
PRIMA CIASPOLATA LUDICO MOTORIA AL CHIAR DI LUNA
tecipare (il costo di 10 ) necessario pre-iscriversi entro il 7 febbraio
sabato presso MALGA DOC inviando un sms o contattando Alessandro al 342.0594606 o Francesco al

11
ritrovo ORE 19,30 - partenza ORE 20,00
Percorso facile su strada silvopastorale.
345.1047179. E' essenziale essere gi muniti di ciaspole, torcia e baston-
TAPPA presso la FOSSA dove troveremo un ampio rinfresco. cini. La manifestazione si svolger anche in assenza di neve. Come ha
febbraio Si consiglia un abbigliamento adeguato, tutti devono munirsi
di attrezzatura idonea: ciaspole, bastoncini, torcia, ecc... ricordato Luca Turchetto, coordinatore del Plotone Esploratori Btg. Fel-
2017 La ciaspolata si svolger anche in assenza di neve.
Il COSTO di 10 euro.
tre, lungo il percorso sarete accompagnati da alcuni rievocatori in divisa
storica della Grande Guerra e in abiti storici locali. I loro racconti vi alliete-
ranno lungo il percorso, tra passato e presente, storie vere e leggende al
chiaro di luna, tra abeti sussurranti e slarghi panoramici sulla valle del
Piave. Nel mese di gennaio, invece, i ragazzi del Plotone Esploratori
Btg. Feltre sono stati protagonisti, a Fener, dellintervento di pulizia nei
pressi del ponte sullOrnic (vedi foto sotto): bravissimi !!!

Solo su preiscrizione
INFO
Alessandro 342.0594606
Francesco 345.1047179
FACEBOOK
Lorganizzazione declina ogni responsabilit per danni a persone o cose prima, durante e dopo la manifestazione. Btg. Feltre Plotone Esploratori
16 ALPINI

Annuale assemblea
del gruppo Alpini Monte Cornella di Quero
a cura del gruppo Monte Cornella D.P.C.
Giornata fredda, ma limpida con cospicua par-
tecipazione quella che ha visto il locale gruppo
Alpini svolgere la propria annuale assemblea.
Presente per la sezione Feltre, il vice presiden-
te Mione, per la amministrazione comunale
lassessore Coppe, e poi il Sindaco Zanolla, il
comandante della locale stazione dei carabi-
nieri maresciallo De Leo, il nostro parroco Don
Alessio e il presidente della Associazione Fanti
Carelle. La relazione morale riporta quanto
stato fatto durante il 2016: 340 sono state le
ore che i volontari del gruppo hanno dedicato a
favore della comunit, oltre a quelle fatte su al-
le casette rosse per il ripristino e il manteni-
mento di quel bel luogo che aspetta ancora vo-
lontari desiderosi e mezzi economici per la sua
ricollocazione. Tra gli alpini esiste ancora la so-
lidariet, fatta di gesti concreti, fatta anche di
semplici azioni come quelli a favore della Sezione per i terremotati, per la parrocchia, la colletta alimentare, la borsa di
studio per i nostri giovani, lalbero natalizio in piazza, fatto anche per i nostri vecchi della casa di riposo. E altri ancora.
Ora guardiamo avanti, a questo 2017, anno particolare per Quero nel contesto del centenario della prima guerra mon-
diale, ci siamo gi mossi presso la scuola, si stanno preparando eventi che ricordino i fatti che, giusto 100 anni fa, il
nostro paese ha subito, come la sua distruzione, la profanazione della chiesa, i profughi, e altre sofferenze.
Chiediamo a tutti coloro che lo vogliono che questanno ci sia un po pi di impegno per realizzare le varie attivit che
man mano nello scorrere del tempo si presenteranno. A seguire vi stata la Santa Messa, e poi il pranzo ben prepara-
to dai cuochi del gruppo. Grazie a tutti
ASTERISCO
17 CRONACA

90 candeline per Marcella


Marcella Dalla Zanna, nata il 14 novembre 1926 a Mel, partita giovanissima
per la Svizzera, dove ha trovato lavoro in una fabbrica di orologi: la Tissot.
Rientrata in Italia, dal Comune di Lentiai
dove risiedeva, dopo il matrimonio con Vit-
tore Dalla Costa, con la famiglia si trasfe-
rita a Quero. Era lanno 1959. A Quero ha
gestito un negozio di alimentari, in via Na-
zionale, nello spazio che fu poi occupato da
una agenzia bancaria, di fronte al Bar Cen-
trale. Rimasta vedova nel 1984 si poi riti-
rata dal lavoro, facendo la nonna a tempo
pieno, accudendo i due nipoti Alessandro e
Dennis, che si ricordano dei prelibati piatti
che preparava per loro, soprattutto gnocchi,
lasagne e i Krapfen con la nutella. A Mar-
cella piacevano anche le bellissime gite or-
ganizzate da don Luigi, parroco di Vas, e le
ricorda tuttora con entusiasmo. Ora vive a
casa, accudita dalle figlie, tenendosi informata leggendo il Gazzettino e guardando la televisione. Al suo compleanno le
hanno fatto corona i nipoti Alessandro, Dennis, i pronipoti Samuele e Linda assieme a tutti gli altri famigliari.

Giulia
neo dottoressa
in Matematica!
Lo scorso 21 novembre, presso luniversit degli studi di Trento,
dipartimento di matematica, Colombana Giulia, si laureata in
matematica discutendo la tesi: Ricerca di soluzioni al problema dei
tre corpi.
Si complimentano con lei i genitori Colombana Gino, Buttol Mariacristina
con i nonni, il fidanzato Matteo e famiglia Marangon.

LETTERE AL TORNADO

LE MACCHINETTE Non il caso, che alle volte benigno


e pu casualmente arricchirti,
Nome volgare invece un cervello maligno
Da tempo diffuso ed elettronico che, ben nascosto, opera
Per designare ed a bilancio compilato,
gli strumenti in uso calcola e ricalcola per decidere
i quali, per falso divertimento a chi deve dare il primato
ti dan lillusione se a te oppure al banco, vero potere.
di farti contento Esperienza dice che, fatalmente,
con le imminenti vincite solo le briciole, devi sapere,
di altissimo livello: ti restano poich sempre il banco vincente.
molte di quelle monete adorate Un pensiero devo aggiungere
dovran pur cascare nel cestello di getto in questo frangente:
le perdite da te accumulate una tassa sullimbecillit
per ampiamente ripagarti. il gioco di cui parlo veramente
Errore, errore, errore! nel senso che paga pi imposta
Attento! non fidarti! chi di intelligenza pi carente. di Marcello geom. Meneghin
18 RASSEGNA STAMPA

Il ristorante dalla cucina tipica gestito dalla famiglia Mondin

Il Castel di Prada compie 40 anni


QUERO VAS. Quarantanni d attivit per il ristorante Castel di Prada. In questo 2016 in corso la famiglia Mondin ha fe-
steggiato i quattro decenni di attivit di ristorazione nella vallata di Prada. Era il lontano 1976 quando la famiglia Mondin
inaugurava il locale che a quellepoca era il bar ristorante da Flavio. Con forte spirito imprenditoriale Flavio e la moglie An-
na hanno portato avanti lattivit mantenendo sempre una cucina tradizionale e molto gustosa. Quarantanni fa tra i piatti
serviti cerano il minestrone e il formaggio fuso. Tutti i giovani a quei tempi festeggiavano in Prada i momenti importanti della
vita con tanta allegria, raggiungendo il ristorante percorrendo lultimo tratto su un sentiero a piedi. Ora al ristorante ci si arri-
va comodamente in macchina e da qui si pu ammirare il suggestivo panorama circostante.Destate laria fresca accompa-
gna i deliziosi piatti serviti in tavola. Attualmente sono i figli Andrea ed Elena, con grande passione e professionalit, a por-
tare avanti lattivit di famiglia ristorante Castel di Prada. La clientela sempre stata numerosa e la famiglia Mondin coglie
questoccasione offerta dal quarantesimo compleanno per ringraziarla vivamente.
da Il Gazzettino del 10 dicembre 2016

Lo ha reso noto lassessore Massimo Colomban

Comune di Roma, lalanese Paolo Simioni


alla guida di un gruppo di lavoro sulle partecipate
ROMA. Le aziende partecipate del Campidoglio sono state sempre la croce e la delizia di ogni Amministrazione che si
succeduta al governo della Capitale. Virginia Raggi stata chiara fin dallinizio: tutte queste aziende devono tornare ad es-
sere il fiore allocchiello dellintera Giunta a Cinque Stelle. Ad oggi lassessore Massimo Colomban, colui che ha nelle pro-
prie mani la delega specifica, ha sottolineato che ci saranno meno costi grazie a gruppo lavoro sulle partecipate: Tra gli
obiettivi ci sar pi sinergia tra Ama, Atac ed Acea. A guidare questa nuova squadra ci sar lingegner Paolo Simioni. In
una nota diramata a mezzo stampa lassessore Colomban ha sottolineato che da alcune settimane la macchina amministra-
tiva si adoperata per dare il via al progetto di Roma Capitale che prevede una valorizzazione e uno sviluppo sinergico tra
Ama, Atac, Acea e le altre partecipate; per raggiungere tali obiettivi stato costituito un gruppo di lavoro coordinato
dallingegner Simioni. Lassessore che ha tra le mani la difficile e insidiosa matassa delle partecipate capitoline ha fatto sa-
pere che il gruppo di lavoro composto da manager provenienti da Roma Capitale e dalle singole societ coinvolte ed
finalizzato allefficientamento dei processi, alla riduzione dei costi e allindividuazione ed implementazione delle sinergie tra
le partecipate, con lobiettivo di migliorare la qualit dei servizi resi alla cittadinanza ed aumentare la creazione di valore per
i cittadini. Sullingegnere Simioni stata posta grande fiducia soprattutto per merito delle sue competenze; nato nel 1960
e si laureato in ingegneria civile a Padova nel 1984 con il massimo dei voti. Nel corso degli ultimi 16 anni, in qualit di
amministratore delegato, ha acquisito unimportante esperienza nella gestione di aziende operanti nel settore dei servizi di
trasporto e delle infrastrutture di mobilit, in regime di concessione. Lesperienza maturata allinterno di realt complesse
sia in ambito aeroportuale, sia in Italia che allestero, che ferroviario. Dal comunicato emanato dal Campidoglio viene anche
sottolineata la sua significativa competenza sviluppata nella gestione di societ a capitale misto pubblico-privato: prima
degli anni 2000 ha sviluppato una solida esperienza partendo dalle posizioni pi basse nei cantieri per poi arrivare ad occu-
pare una posizione di vertice nelle varie aziende in cui ha lavorato. Dal 2000 al 2002 stato amministratore delegato di Sa-
ve Engineering Spa; dal 2002 al 2015 ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato di Centostazioni Spa, una societ del
Gruppo Ferrovie dello Stato e contemporaneamente, pi precisamente dal 2007 al 2016, Simioni stato amministratore de-
legato del Gruppo Save Spa - Aeroporto Marco Polo di Venezia.
dal sito www.farodiroma.it del 22 dicembre 2016

Consiglio comunale di Alano di Piave

Che fatica chiudere in pareggio,


il Governo taglia sempre di pi
ALANO DI PIAVE. Nellultimo consiglio comunale del 2017 svoltosi gioved, lAmministrazione di Alano di Piave ha approva-
to il bilancio di previsione per il prossimo triennio che - come ha sottolineato il consigliere Nicola Pisan - abbiamo faticato
non poco a chiudere in pareggio. Ci era venuta la tentazione di chiudere in perdita, per provocazione al Governo di Roma
che continua a tagliarci le entrate, in quanto stato davvero difficile riuscire a pareggiare le uscite con le entrate previste.
Per raggiungere la parit siamo dovuti intervenire limando, anche in maniera sostanziosa, le spese fra le quali quelle di ri-
scaldamento e luce degli edifici comunali e quelle di illuminazione pubblica. Cercheremo infatti di ridurre le ore di accensio-
ne dei lampioni e di ottimizzare, ad esempio lasciando spenti quelli superflui, il loro utilizzo. Un peso notevole nelle spese di
bilancio - ha proseguito il consigliere di maggioranza - dato dai mutui accesi dalle precedenti Amministrazioni fra i quali
quelli per la realizzazione della scuola e della palestra. Basti pensare che nel 2017 solo di interessi dovremo sborsare circa
100mila euro. Attualmente riusciamo a non far pagare alle famiglie il servizio di trasposto scolastico ma, pur facendo il pos-
sibile per mantenere tale onere a carico del Comune, se raschiando il fondo dei barile non troveremo il necessario, potrem-
mo essere costretti a intervenire chiedendo a chi usufruisce del servizio di contribuire in parte al suo pagamento. Prima del
bilancio sono state approvate alcune delibere propedeutiche al bilancio stesso e sono state confermate le tasse che interes-
sano direttamente i cittadini. Imu e Tasi restano invariate. Esenti le prime case da A2 a A7, le pertinenze C2, C6 e C7 e i
0 0 0
terreni agricoli; Imu al 4 /00 e Tasi all1 /00 per le prime case A1, A8 e A9 e le pertinenze C2, C6 e C7; Imu al 7,6 /00 per altri
0
fabbricati e aree edificabile Invariata anche l'Irpef che resta all'8 /00 e, per quanto riguarda la Tarsu, il sindaco Serenella Bo-
19 RASSEGNA STAMPA

gana ha tenuto a ricordare che per chi usa pannolini lavabili prevista una riduzione sulla tassa annuale di 30 euro.
da Il Gazzettino del 24 dicembre 2016

In una targa consegnata durante il Consiglio comunale

La gratitudine del Comune a Piero Piccolotto


ALANO DI PIAVE. Limpegno a favore del territorio dedicato dallalanese Piero Piccolotto stato
riconosciuto dagli amministratori comunali nel corso dellultimo Consiglio: Tante sarebbero le
cose da dire per motivare la consegna di una targa al nostro concittadino - ha esordito il sindaco
Amalia Serenella Bogana - ma sintetizzo il tutto ringraziandolo per limpegno costantemente de-
dicato alla valorizzazione di Alano. Non posso per non citare il caratteristico presepio subac-
queo di Piazza Martiri (nella foto tratta dal sito Terre del Basso Feltrino) che diventato un ri-
chiamo per chi transita ad Alano nel periodo natalizio. Cos come impossibile non riconoscere
in Piero, fratello del compianto sindaco Orazio, la memoria storica di Alano. Grazie ancora - ha
concluso il sindaco - per la costante collaborazione offerta alle associazioni nella organizzazione di eventi, primo fra tutti il
Giro delle Fontane e per la passione con la quale illustra a bambini delle scuole gli infiniti aspetti storico-culturali del prese-
pio subacqueo.
da Il Gazzettino del 28 dicembre 2016

Riconoscimenti allazienda vassese dallannuario Maroni e da un prestigioso concorso francese

Il prosecco Andrea Biasiotto il migliore dItalia


QUERO VAS. Il Prosecco Andrea Biasiotto prodotto dallomonima cantina di Vas si conferma il migliore dItalia. Ai nume-
rosi riconoscimenti ottenuti negli anni scorsi, lazienda bassofeltrina pu aggiungerne ora altri due: quello di produttrice an-
che con la vendemmia 2016 del miglior prosecco dItalia secondo lannuario Maroni dei migliori vini nazionali e la medaglia
dargento al concorso internazionale Gilbert & Gaillard svoltosi in novembre in Francia. Luca Maroni nel suo annuario dei
migliori vini dedica unintera pagina allazienda Biasiotto il cui prosecco ha ottenuto un punteggio di 92 su 99 (2 punti pi del-
la passata edizione) e viene definito fra i pi sapientemente inossidati e cristallini. Ma anche tutte le altre tipologie di vino
prodotti dallazienda Biasiotto si collocano molto in alto nelle rispettive classifiche aggiudicandosi punteggi compresi fra 85 e
91. Per lazienda sottolinea Andrea Biasiotto stata una grandissima soddisfazione. Questi riconoscimenti ripagano di tutti
gli sforzi e gli investimenti fatti nella qualit. tutta produzione dei vigneti Biasiotto che seguono le fasi di lavorazione dalle
piante alla bottiglia e alla vendita. Lazienda ha investito in tecnologia e ricerca. Il vino mantenuto sempre alla stessa tem-
peratura tutto lanno, il mosto conservato consente di produrre durante tutto lanno uno spumante fresco al top della quali-
t. Lazienda Biasiotto da 4 generazioni legata alla produzione e vendita di vini spumanti. Il capostipite, Luigi, pass dalla
produzione per consumo famigliare ad una realt aziendale situata nel cuore della zona del Prosecco sulle colline confinanti
con Valdobbiadene. Luigi, nipote del fondatore e il figlio Andrea, continuano oggi la lunga tradizione famigliare mantenendo
inalterata una filosofia aziendale orientata alla qualit.
da Il Gazzettino del 28 dicembre 2016

Ma nessun dipendente dello stabilimento di Alano sar chiamato a lavorare. Preoccupato il sindaco.

Ferroli, venduta a una ditta di Quero parte della fabbrica


ALANO DI PIAVE. Una parte dello stabilimento di Ferroli di Alano di Piave stata venduta. Da quanto si sa, mancherebbero
ancora alcuni passaggi e poi la parte nuova della fabbrica andr in mano ad una ditta di Quero Vas. Questo passaggio, pe-
r, non dovrebbe portare al ricollocamento del personale che da un anno ormai a casa in cassa integrazione a zero ore.
La nuova propriet, infatti, avrebbe gi il personale da mettere al lavoro. Siamo preoccupati, dice il sindaco di Alano, Se-
renella Bogana, perch non sappiamo realmente che fine far questa azienda che per tanti anni ha rappresentato un vola-
no per leconomia del nostro territorio. E proprio per conoscere meglio cosa riserver il futuro allo stabilimento, la prima cit-
tadina, non appena saranno passate le festivit natalizie, chieder che venga convocato il Comitato di sorveglianza con la
presenza anche della Ferroli spa per capire cosa succeder. Credo che sia venuto il momento di capire come stanno
realmente le cose. Era il luglio scorso quando nata la nuova Ferroli che, tramite un nuovo piano aziendale e la chiusura
di alcuni siti e il licenziamento di 750 lavoratori di cui 600 in Italia e 150 allestero, riuscita ad evitare la procedura fallimen-
tare, godendo anche dei benefici di legge. Il piano parla, come si ricorder, della vendita dello stabilimento di Alano. Una
vendita che in parte giunta in porto. A farne le spese i 130 dipendenti che da un anno sono a casa. Di questi, nel frattem-
po, alcuni hanno trovato un altro impiego, altri sono andati in pensione approfittando degli scivoli messi a disposizione dal
governo, mentre i 70 addetti rimanenti stanno seguendo, come da accordi con la Regione Veneto, dei corsi di riqualificazio-
ne. Corsi che ad oggi ancora non hanno prodotto lesito sperato: cio lacquisizione di un nuovo posto di lavoro. E daltra
parte per molti di questi dipendenti le occasioni non saranno tantissime, visto che hanno pi di 50 anni. E a questa et, si
sa, difficile trovare un nuovo lavoro, conclude con preoccupazione il sindaco Bogana.
da Il Corriere delle Alpi del 28 dicembre 2016

Quero, Il Comune vuol far morire Rivivi la Valle


QUERO VAS. La Pro Loco di Quero scavalca lassociazione Rivivi la Valle e organizza un secondo rogo dellEpifania
nellarea pic-nic della frazione gestita da un privato: Chi pu tutelarci? LAmministrazione no di certo, visto che vuole farci
morire. rimasto esterrefatto Gino De Girardi, consigliere della Pro Loco ed ex amministratore, nel vedere sulle locandine
dellevento il logo della Pro Loco. Come mai la Pro Loco organizza la befana in valle invece che a Quero?, si chiede. Mi
20 RASSEGNA STAMPA

sembra assurdo che unassociazione proponga un evento in un territorio in cui esiste gi unaltra realt che lo organizza e
soprattutto lo fa in unarea che di gestione privata. Se voleva proporre qualcosa per i bambini ben venga, ma doveva farlo
a Quero. Io faccio parte del consiglio della Pro Loco e ci siamo incontrati poco tempo fa per stilare il calendario degli eventi
ma di questo non si mai discusso: credo sia stata una mancanza di rispetto da parte del presidente nei confronti dei con-
siglieri stessi. De Girardi punta il dito contro il Comune: Lamministrazione comunale vuole far vedere che la nuova ge-
stione assegnata a un privato funziona pi della gestione precedente, che era affidata allassociazione Rivivi la Valle - pro-
segue - e il fatto che la Pro Loco abbia posto il proprio logo sul manifesto ci fa capire il peso che lesecutivo di Quero Vas ha
sullattuale dirigenza della Pro Loco. Comune e Pro Loco hanno linteresse di far morire lassociazione Rivivi la Valle e
questo non si pu accettare. Il problema che non sappiamo chi possa tutelarci, non certo il Comune. Ultimo, ma non ulti-
mo, lordinanza di accensione fuochi emessa dallo stesso Comune. Siamo in piena emergenza per il pericolo incendi -
conclude De Girardi - e con il divieto di fare roghi. In valle di Schievenin, che circondata da boschi secchi, addirittura fac-
ciamo due fal in due giorni, mi pare veramente che stiamo cadendo nel ridicolo.
da Il Gazzettino del 5 gennaio 2017

Polemica su befana, la Pro Loco getta acqua sul fuoco


QUERO VAS. Con un colpo di scopa, la befana della valle di Schievenin vuole spazzare le polemiche che si sono accese
intorno al suo rogo. Il consigliere della Pro Loco Gino De Girardi aveva sollevato il fatto che in valle si sono organizzate due
befane, una in programma ieri e una oggi, la prima organizzata dalla locale associazione Rivivi la Valle e la seconda dalla
Pro Loco Ed proprio questultima ad aver scatenato le ire, perch letta come unintrusione da parte sua in unarea dove
gi esiste un sodalizio. Inoltre aveva accusato la presidente di aver fatto tutto di nascosto. Non ho mancato di rispetto a
nessuno - dichiara la presidente Teresa Gallina - tant che nellultima riunione, a cui De Girardi non ha partecipato per mo-
tivi personali, ho portato a conoscenza lintero consiglio della cosa. Appoggiando questa iniziativa, non credevo di fare del
male a nessuno, anche perch organizzata a 24 ore di distanza. Sono rimasta amareggiata, perch pensi di fare del bene e
alla fine vieni ancora attaccato. A difendere la bont delliniziativa lamministrazione comunale, anchessa tirata in ballo
perch colpevole, a detta di De Girardi, di voler far morire Rivivi la valle. Questa festa. - spiega lassessore Cristina Dalla
Rosa - nata da un gruppo di paesani con lobiettivo di raccogliere fondi per aiutare nella sua vicenda processuale lamico
Amerigo. La scelta non stata casuale. Amerigo, insieme ad altri ragazzi, aveva inventato tanti anni fa questa manifesta-
zione, per cui ci sembrata una bella occasione per ricordare un qualcosa che aveva fatto lui come volontariato.
Lassessore Alberto Coppe puntualizza che stata svolta una riunione con tutte la associazioni per stilare il calendario con
tutti gli eventi dellanno e lassociazione Rivivi la Valle non ha partecipato, ha solo mandato una carta con le proprie inizia-
tive non interessandosi se ci andava a cozzare con altri eventi. In quella serata arrivata anche la richiesta di organizzare
un evento al pomeriggio, pi adatto per i bambini; abbiamo verificato che in tutto il Basso Feltrino le befane vengono orga-
nizzate il gioved sera e cos la Pro Loco di Quero ha dato la propria disponibilit a dare un supporto nella parte burocratica.
Tutto qui.
da Il Gazzettino del 6 gennaio 2017

Lartista nel cast del programma condotto da Bonolis e Laurenti in onda il mercoled per tre settimane

Da Quero a Canale 5, Andrea Dalla Piazza


ha la sua occasione
QUERO VAS. Ci sar anche un giovane di Quero nel cast del nuovo show di Paolo Bonolis.
Music,che andr in onda su Canale 5 a partire da mercoled prossimo, con il primo di tre ap-
puntamenti, sar dedicato alle pi belle canzoni di tutti i tempi interpretate da grandi artisti. Ad
accompagnarli unorchestra, le vocalist e il coro di art.voice.academy di cui fa parte anche il bel-
lunese Andrea Dalla Piazza, artista locale che gi da molto tempo sta facendo parlare molto be-
ne di se e del suo talento: Sin da bambino ho nutrito un forte interesse per la musica, dallet di
12 anni ho cominciato a suonare la chitarra e un anno dopo ho iniziato a scrivere poesie e can-
zoni, racconta Andrea. Nel 2010 sono entrato a far parte del Cet (Centro europeo di Toscola-
no) fondato da Mogol dove mi sono diplomato come autore di testi. Mogol mi ha insegnato tanto
sia dal punto di vista artistico sia da quello umano: un grande maestro con una grandissima
umilt. L'ascesa professionale di Andrea Dalla Piazza non si ferma a questo e infatti ha inoltre una licenza complementare
di pianoforte livello C, rilasciata dal conservatorio di Castelfranco Veneto e fra sei mesi si diplomer in canto al centro di alta
formazione per lo spettacolo, ossia allart.voice.academy, diretto dal maestro Diego Basso. Tra le sue opere va ricordata la
colonna sonora intitolata Elef, realizzata nel 2013 che in ebraico significa mille, inserita nel documentario prodotto per ri-
cordare il campo di internamento di Quero durante lolocausto, che viene mandato in onda ogni anno dalle emittenti regiona-
li. Tante le collaborazioni come vocalist per alcuni dei pi famosi artisti italiani come i Pooh, Enrico Ruggeri, Katia Ricciarelli,
Amedeo Minghi, Marco Mengoni e Giusy Ferreri. Esibizioni che gli hanno permesso di calcare alcuni dei pi prestigiosi pal-
chi nazionali come lArena di Verona, il Gran Teatro Geox e il Festival Show. Il talento artistico di Dalla Piazza non passa
inosservato agli addetti ai lavori e sono gi molti i premi che il giovane querese si aggiudicato, lultimo in ordine di tempo
risale al marzo scorso con il microfono dargento ottenuto al Festival della Canzone di Venezia dove Andrea ha cantato un
suo pezzo intitolato Io sto bene adesso. La partecipazione allo show di Bonolis una bella esperienza che mi sta permet-
tendo di capire meglio come funziona il mondo della tv e come si vive a Cinecitt, racconta l'artista di Quero, un am-
biente frenetico, qui ho visto e conosciuto tanti artisti perch quello di Music un cast stellare. Paolo e Luca Laurenti sono
simpaticissimi e i miei colleghi (le voci di art.voice.academy) ed io abbiamo avuto lopportunit di lavorare con professionisti
del settore. La seconda puntata saremo proprio noi ad aprirla cantando un brano di Morricone.
da Il Corriere delle Alpi del 7 gennaio 2017
21 CALCIO

riservata a bambini/e nati/e negli anni 2006 - 2007 - 2008 - 2009 - 2010 - 2011
VALDOSPORT a VALDOBBIADENE - via Molini
2006-2007 luned, mercoled e venerd dalle ore 17,30 alle ore 19,00
2008-2009-2010-2011 luned e mercoled dalle ore 17,00 alle ore 18,30
SPCALCIO2005 a COVOLO - via Matteotti
2006-2007-2008 marted e gioved dalle ore 18,00 alle ore 19,30
SPCALCIO2005 ad ALANO DI PIAVE - palestra comunale
2009-2010-2011 marted dalle ore 18,00 alle ore 19,00 e venerd dalle ore 17,00 alle ore 18,00
SPCALCIO2005 a ONIGO - palestra comunale
2009-2010-2011 sabato dalle ore 14,15 alle ore 15,30
CORNUDA-CROCETTA1920 a CROCETTA DEL MONTELLO - via Canapificio
2006 marted e venerd dalle ore 17,30 alle ore 19,00
2007 luned e gioved dalle ore 18,00 alle ore 19,30
2008-2009 luned e gioved dalle ore 17,30 alle ore 19,00
2010-2011 venerd dalle ore 16,00 alle ore 17,15
MODALITA DISCRIZIONE: direttamente nel luogo di svolgimento dellattivit, mediante pagamento di una quo-
ta associativa variabile in base allet del bambino/a. INIZIO: luned 16 gennaio 2017 - INFO: direttamente nel
luogo di svolgimento dellattivit - NON MANCARE !!!
22 COME ERAVAMO

Accadde nel 1997


a cura di Sandro Curto
LA MORTE DI RENZO STEFANO MATTEI Il 29 dicembre 1996 moriva a Belluno, a soli 57 anni, Renzo Stefano Mat-
tei, direttore responsabile del nostro giornale dal 1980. Nel primo numero del 1997 il Tornado lo ricorda dedicandogli
la prima pagina con un articolo di Silvio Forcellini nel quale vengono elencate le sue doti fondamentali: lumanit, la
sensibilit, la generosit e la disponibilit non comuni, tipiche di chi ha dedicato lintera vita al servizio del prossimo.
NASCE LAUSER In una sala delle associazioni di Quero gremita, a testimonianza dellinteresse suscitato
dalliniziativa, nasce ufficialmente lAUSER Al Caminetto con lo scopo di aggregare le persone anziane tutelandone i
diritti sociali e sanitari. Negli anni successivi lassociazione si amplier anche al comune di Alano.
DAL POS RICONFERMATO ALLA GUIDA DEL MONTE CORNELLA Nel corso dellannuale assemblea, allinizio
del 1997, il gruppo alpini Monte Cornella di Quero procede al rinnovo delle cariche sociali riconfermando capogruppo
Claudio Dal Pos affiancato dai vice Clemente Spadarotto e Roberto Dal Canton e dal segretario Vilmer Schievenin.
MUORE IL MAESTRO CRISTIANO CODEMO Allet di 84 anni, nel gennaio 1997, muore nella sua casa di Fener il
cav. Cristiano Codemo, notissima figura di insegnante ed appassionato studioso di storia locale, presidente della loca-
le sezione dei Combattenti e Reduci, ideatore del museo storico culturale di Alano e collaboratore del nostro giornale.

Quattro amici al bardi Carpen


di Sandro Curto
Dallarchivio del bar Piave di Car-
pen, tramite la nostra abbonata Mi-
rella Curto, ci arrivano in redazione
queste due foto scattate allinizio de-
gli anni 60 e che testimoniano mo-
menti di allegria. In quella allesterno
del bar troviamo, da sinistra, Attilio
Curto, Rino Mazzocco, Richetto Cur-
to e Decimo Mazzocco; nellaltra con
la tavola preparata per qualche cena
Toni Curto, Mario Mazzocco, Attilio
Curto e Angelo Curto. Sconosciuto
invece il signore in piedi.

CURIOSIT

Da buon montanaro
di Silvio Forcellini
Da buon bellunese, il nostro affezionato
lettore Massimo Zatta non ha perso
loccasione offertagli dallabbondante ne-
vicata per inforcare gli sci e sgranchirsi
cos le gambe. Nulla di strano, se non per
il fatto che le foto, risalenti allo scorso 7
gennaio, non sono state scattate sulle
nostre Dolomiti, bensin Puglia, per la
precisione a Casamassella in provincia di
Lecce, dove Massimo (di origini feneresi,
che rivendica orgogliosamente) vive da
oltre cinquantanni con la propria famiglia. E proprio vero, non ci sono pi le stagioni di una
volta Quasi quasi vien da dire: Se Massimo non va alla montagna, la montagna vaa
Casamassella

Presepiofenerese
di Silvio Forcellini
In queste due foto, proponiamo il presepio allestito
durante le festivit natalizie presso la propria abita-
zione fenerese dai nostri affezionati lettori Grazia
Bonsembiante e Renzo Buffon.
23 CRONACA

MILAN CLUB FELTRE ROSSONERA 1968

Consegnate le tessere ai soci del Basso Feltrino


di Silvio Forcellini

Per il terzo anno consecutivo il Caff Tegorzo di Fe-


ner ha ospitato lincontro degli iscritti bassofeltrini al
Milan Club Feltre Rossonera 1968, radunati per
loccasione dal querese Paolo Feltrin, rossonero doc e
referente di zona del club. Rincuorati dal buon anda-
mento della formazione ora guidata da Vincenzo Mon-
tella, che ha il grande merito di averle dato una per-
sonalit che prima non aveva, domenica 18 dicembre
ben trentun tifosi locali della squadra rossonera (lo
scorso anno erano ventuno) hanno ricevuto tessere e
gadget dalle mani di Marco Malag, presidente del
sodalizio feltrino (nonch coordinatore di tutti i Milan
Club della provincia) e di Daniele Zambon, segretario
del club. Un riconoscimento particolare andato a
Paolo Feltrin e a Romolo Tollardo (per limpegno pro-
fuso a favore del club), al padrone di casa Massimi-
liano Andreazza e ai rappresentanti della stampa lo-
cale presenti. Tra i nuovi soci anche il sindaco di Ala-
no Amalia Serenella Bogana, particolarmente festeg-
giata. Il Milan Club Feltre Rossonera, fondato nel
1968, conta attualmente circa duecentocinquanta soci
(tra i quali moltissimi giovani) ed (con Cortina
dAmpezzo, Ponte nelle Alpi-Longarone, Taibon Agordino e la new entry Sedico) uno dei cinque Milan Club della
provincia. Assieme a Taibon dispone di 46 abbonamenti per San Siro, per cui organizza un pullman in occasione di
tutte le partite casalinghe del Milan. Chi volesse iscriversi al club o chiedere informazioni sulle trasferte, pu rivolgersi
a Paolo Feltrin al 334-5331739. La foto di gruppo che proponiamo, che immortala i locali tifosi rossoneri presenti
allincontro, stata scattata da Fulvio Mondin. Nelle altre due foto, il sindaco di Alano Amalia Serenella Bogana che
posa orgogliosa con la sua nuova tessera e i due pi giovani soci del Basso Feltrino ritratti con i responsabili del club.

Il Mercatino del Tornado


A Fener:
- affittasi locale ad uso commerciale/ufficio di 85 mq composto di ampio salone, ripostiglio e bagno. Esterno al
locale parcheggio auto;
- affittasi locale ad uso artigianale di ampia metratura con ampio parcheggio esterno.
Per informazioni chiamare il 328.8957930.
24 LIBRI

In amore e in guerra
DallIsonzo al Piave, un romanzo storico ambientato tra Friuli e Provincia di Treviso
che racconta la grande guerra dalla parte degli ultimi
Veneto, luglio 1957: un vecchio burbero racconta ad un ragazzo la sua storia.
Parte da qui unavventura appassionante che attraversa le battaglie dellIsonzo
per arrivare fino a Caporetto e alla drammatica ritirata dellesercito italiano e che
Dino Speranzon ha raccontato nel libro In amore e in guerra, fresco di stampa
per Edizioni DBS. E un romanzo storico basato su documenti darchivio e che ri-
costruisce in modo originale ma veritiero cosa fu la Grande Guerra per gli ultimi.
La voce narrante quella di un vecchio soldato, pluripremiato eroe di guerra la
cui identit si sveler solo alla fine del libro e che lascer al suo giovane interlo-
cutore la memoria di un conflitto sporco di sangue e fango e lontana da quanto
narrato dai libri di storia. Supportato da questo espediente narrativo il reduce
che racconta al ragazzo il romanzo vero e proprio che ripercorre con estrema
accuratezza alcune delle fasi salienti del conflitto: il richiamo alle armi, le battaglie
dellIsonzo, la vita al fronte, i gas e la disfatta di Caporetto, la ritirata fino al Piave,
la vittoria e il dopoguerra. La grande storia il palcoscenico su cui Speranzon in-
nesta le storie degli uomini: i traditori, i furfanti, gli sprovveduti, gli autolesionisti, i
coraggiosi. Tra passioni umane e sorprese degli eventi, protagonista diventa la
vicenda di chi a sorpresa si innamora nel mezzo della guerra e a causa della
guerra perder tutto. Sullo sfondo, immoti e bellissimi, Friuli e Veneto con i loro
paesi e le loro asperit naturali. Speranzon cita con precisione localit e dettagli
come il ponte di Vidor, ritratto anche in copertina.
Dino Speranzon, In amore e in guerra, Edizioni DBS, 2016, 17,00

ASTERISCO

Il cibo
Ai tempi remoti
per domare
dello stomaco i moti
tu uomo preistorico
dovevi nella selva oscura
con fare eroico E quindi lampante
le belve uccidere ed averne cura che nel tempo futuribile
inoltre dei selvaggi frutti benevoli sia prevista una personale stampante
cibarti in grande misura a tre dimensioni che in quattro e quattro atti
Tu agricoltore arrivato dopo secoli realizzi in casa bistecche, pane, pastasciutta e qualsivoglia
felicemente colmasti i famelici umani bisogni primi e secondi piatti tutti perfetti come fossero fatti
evitando epidemie al forno oppure alla griglia
e soddisfacendo tutti i sogni oppure al girarrosto.
culinari e le relative alchimie. Una vera meraviglia
Arrivarono poi negozi grami o importanti dalla quale ci si aspetta con grande fasto
chiamati alimentari perch degli affamati una nuova generazione di bambini e bambine
si facevan garanti che nulla hanno a che fare
seguiti a ruota dai supermercati con le bistecche fiorentine
dove tutto si trovava o con i tortellini di Bologna e pare
dalla carne ai carboidrati nemmeno col siciliano cannolo
ma che invece vantino progenitori digitali
Ma ecco improvvisamente Amazon e lelettronica essendo costituiti solo
mail di google e similari enti da componenti artificiali
imperversare perch tutto vi si pu comprare
e direttamente a casa dei clienti Alla fine come potrei parlare?
in brevissimo tempo arrivare meglio sarebbe fermarsi e con vigore
surgelati i pranzi e tutti gli alimenti almeno nel mangiare
riconoscere il valore
Non manca pi nulla, proprio nientaltro non del fulmineo progresso
da poter oggi prevedere pel futuro. ma invece del cibo tradizionale
senonch si profila un archimede scaltro genuino e che nel futuro stesso
che tutto sconvolge e di sicuro continuasse la fama ed il prestigio eccezionale
troppo prefigura dellavvenire della dieta mediterranea dei nostrani cuochi
visto che il dna di tutti gli elementi che avesse da trionfare sulla tecnica assurda
oggi ben definito limitando questultima soltanto ai giochi
fin nei minuti componenti. di potere che alcuni progressisti animali
esso verr per legge consentito potrebbero impunemente propinarci
anche per ogni tipo di commestibile per portarci inevitabilmente a tragici finali.
(M.g.M.)
25 ATTUALIT

Tra Feltre e Montebelluna la prima edizione di NATUR,


una rassegna di film, incontri e immagini per
riflettere sul rapporto uomo e natura.

Film, incontri e immagini per riflettere sul rapporto uomo e natura


dal 14 gennaio al 12 febbraio
Montebelluna, Valdobbiadene, Feltre, Pedavena
Dopo due anni di positiva collaborazione con lassociazione bergamasca Gente di Montagna nellambito della rasse-
gna cinematografica Brescia Winter Film, nasce oggi
NATUR.
Questa iniziativa, progettata e organizzata da AKU con il
fondamentale supporto di alcuni amici e importanti partner
istituzionali, vuole essere unoccasione speciale per riflet-
tere sul tema del rapporto fra uomo e natura, prendendo-
ne in esame diversi aspetti. Dallemozione avventurosa al
beneficio terapeutico, dal valore della conoscenza al tema
della salvaguardia ambientale. Aspetti diversi ma ricondu-
cibili tutti ad un comune denominatore, di grande impor-
tanza nel nostro tempo: il senso della rigenerazione che la
natura da sempre offre alluomo.
NATUR prender avvio il 14 gennaio, con lesposizione
a Montebelluna e a Feltre delle migliori foto in concor-
so al IMS Photo Contest 2016, uno dei pi importanti
concorsi fotografici internazionali dedicati alla montagna.
La mostra rimarr aperta fino al 31 gennaio. Pedavena invece sar sede della mostra More More More Moun-
tains, esposizione collettiva di (falsi) manifesti cinematografici illustrati nata dalla collaborazione fra Brescia Winter
Film e Tra le Nuvole - festival itinerante di fumetto e illustrazione, e sar visitabile fino al 12 febbraio.
La rassegna cinematografica, proporr film il cui tema la vita nelle terre altre, tra lavoro, avventure, viaggi ed esplo-
razioni, ma si parler anche della montagna come luogo del pensiero e spazio culturale. Sono in programma 20 film (di
cui 8 prime nazionali o europee), corto e medio-metraggi, selezionati tra le migliori produzioni nazionali ed internazio-
nali, spesso lavori di giovani registi o di case di produzione indipendenti, che, quindi, difficilmente potrebbero essere
visti nelle grandi sale italiane. Unoccasione unica, dunque, per apprezzare queste opere sul grande schermo insieme
ai loro protagonisti e con ospiti deccezione, con i quali riflettere su nuovi modi di vedere e raccontare la montagna e la
natura. In totale sono sei serate: 17 e 24 gennaio a Montebelluna, 20 e 27 gennaio a Feltre, 3 febbraio a Valdobbia-
dene e 10 febbraio a Pedavena. E infine, il 31 gennaio ancora a Montebelluna, si terr una nuova serata di altitudi-
ni. storie da condividere, in cui, dopo il successo dello scorso anno, i protagonisti saranno ancora i racconti. E il te-
ma di questanno saranno I vagabondi delle montagne, ossia la montagna come terreno di vagabondaggio. E avr
come interpreti-narratori : Matteo Melchiorre (storico recalcitrante), la sua la storia di un giovane ricercatore univer-
sitario alla ricerca della via di Schenr, un vagabondaggio tra le montagne "reali" e le montagne narrate dalle carte
d'archivio; Damiano Levati (fotografo e filmaker vagabondo) fra i migliori fotografi italiani di outdoor e ci racconter
come nel suo lavoro, oltre alla tecnologia, ci che conta soprattutto la capacit di raccontare una storia; Ausilia Vi-
starini (esploratrice in bicicletta) una biker tenace votata alle lunghe distanze, la prima donna italiana ad aver com-
pletato in Alaska i 1800 km della durissima Iditarod Trail Invitational; Manolo, Maurizio Zanolla fra i pi grandi miti
dellarrampicata sportiva, il primo climber a portare larrampicata libera sulle grandi pareti delle Dolomiti, nel suo rac-
conto la storia di un viaggio: necessario ed educativo, pericoloso, doloroso e meraviglioso che mi ha dato la possibilit
di essere me stesso.
Sono partner di NATUR: Gente di Montagna, BWF17, CAI Feltre, CAI Montebelluna, International Mountain Sum-
mit, MoFFe-Monnezza Film Festival, altitudini.it, Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.
Con il patrocino del: Comune di Montebelluna, Comune di Valdobbiadene, Comune di Feltre, Comune di Pedavena.
Ulteriori informazioni sul programma sono consultabili sul sito www.aku.it o sulla pagina facebook di AKU
www.facebook.com/AKUTrekkingOutdoorFootwear
NATUR ideato e realizzato da AKU trekking & outdoor footwear
AKU Italia Srl - Via Schiavonesca Priula 65 - 31044 Montebelluna (TV) Italy
Phone: +390423 2939 - www.aku.it Montebelluna, 28 dicembre 2016

La foto di copertina
(M.M.) Non c quasi bisogno di commentare la nostra prima copertina del nuovo anno, che anche stavolta abbandona
il gusto del paesaggio per una forma grafica, a mattonelle colorate come le finestre di un noto sistema operativo per
elaboratori, tutte con un unico tema: il richiamo alla pace. Abbiamo ancora nelle orecchie il suono lugubre delle notizie
di attentati che troppo spesso avvengono nel mondo e negli occhi le strazianti immagini che propongono i telegiornali
di guerre, attentati, soprusi di ogni genere. Inevitabile il richiamo alla Giornata della Pace, il 1 gennaio, ed alla
necessit di ricordarci che la pace dobbiamo costruirla giorno per giorno e non solo invocarla. Questo il significato della
nostra copertina che inaugura il 2017: che la pace sia il nostro obiettivo quotidiano. Se vuoi la pace, prepara la pace.
26 LETTERE AL TORNADO

In carrozza!
di Tristano DC
Inutile negarlo, i treni affascinano tutti i maschi, sia bambini che adulti, ancora di pi se poi si diventa ingegneri, non
necessariamente meccanici! Trovandomi a Longarone per un expo di modellismo ferroviario, in concomitanza col pas-
saggio del treno a vapore anche per Quero Vas, mi sono imbattuto in un gruppo dal nome Gruppo Fermodellisti
Trevigiani, il quale ha realizzato un plastico con treni funzionanti dellintera linea del Cadore (Padova-Calalzo). La
parte paesaggisticamente pi interessante sembra proprio quella che passa per il nostro Comune, ricca di particolari
come lOssario Germanico, la strada feltrina, Castelnuovo

Chi sono i Fermodellisti Trevigiani? Rispondono direttamente loro per i lettori del Tornado:
Ci accomuna la passione per le ferrovie reali ed in miniatura. Passione che ci rende amici e che ci ha spinti ad unirsi
per dare vita ad un gruppo. L'idea si concretizza per volont di alcuni soci del Dopolavoro Ferroviario di Treviso che, in
data 31 Agosto 1978 chiedono al Presidente del D.L.F. di creare un gruppo denominato "Fermodellisti del D.L.F. di
Treviso". La proposta viene accettata. Nasce cos un nuovo gruppo: "GRUPPO FERMODELLISTI TREVIGIANI" che si
affianca ai gi numerosi altri presenti in seno al D.L.F. Ora il G.F.T. conta una trentina di soci e lo scorso Ottobre 2008
ha festeggiato il 30 anniversario della fondazione riunito in assemblea conviviale. Sono passati 30 anni ma la passio-
ne per il treno rimasta la stessa di allora. Il gruppo si affiatato, rinforzato, aggiornato con i tempi. Ha partecipato a
varie manifestazioni e mostre di modellismo ferroviario con successo di pubblico in Italia e all'estero; si reso autono-
mo nel trasporto dei plastici modulari per le mostre. Organizza inoltre due Borse Scambio all'anno.
Per altre info: http://www.gruppofermodellistitrevigiani.it

ASTERISCO

Loriginale vassoio
di Maria Stimpfl
(S.C.) Stavolta la nostra poliedrica abbonata di Pedavena Maria Stimpfl ci propone
ancora qualcosa di diverso rispetto alle sue opere delle quali ci siamo pi volte occupati
(poesia-foto-quadri-ricami-libri). Quello a fianco infatti un vassoio, misura 35 x 45 cm.,
realizzato con semi di mele, arance, limoni, datteri, ciliegie, cornoli, zucche grandi e
piccole, nespole e chiodi di garofano. Complimenti per la pazienza e per il risultato.
27 LETTERE AL TORNADO

Poesie in cucina.
Il mio "regno" la cucina, mi piace cucinare per la mia famiglia, per
Carissimi tutti della redazione del
gli amici che vengono a trovarci. Lo faccio con estro e fantasia per
Tornado, forse sono un p in ritardo
creare dei piatti oltre che buoni anche belli da vedere. E' in cucina
con questo articolo... mi piacerebbe
che divento creativa, a volte basta il disegno di uno strofinaccio per
comunque vederlo pubblicato, e fare
far volare la fantasia, ogni tanto i pensieri che nascono li trasformo
una sorpresa a mamma... grazie
in ricami.
Cecilia Rech
Saluto e ringrazio Fiorenza che mi ha ispirato questi versi. Ci siamo
Scusa mamma, come sempre sono in
riviste quest'estate dopo tanto tempo e
ritardo , ma gli auguri vanno
siamo riandate con gioia e
ugualmente bene, anche perch Natale
simpatia a quando da bambine si andava a
ogni giorno, ogni volta che sappiamo
giocare e a "lavare" nel
donare un gesto d'affetto a chi solo.
ruscello vicino al Mas.
Il paesaggio dello strofinaccio sembra
proprio il Mas con il ponte da passare... Sembra anche un paesaggio natalizio e cos a
tutti i lettori del Tornado
Al pont de la vita auguro buon Natale, che
Me ricorde, quande ere ca l era n aventura ognuno di noi sappia
pasar al pont senza paura. incontrare in quel bambino
Me pop me cenia par man e cos me sentie segura. piccolo e fragile Ges che
Signor traversar al pont de la vita l naventura illumina e sostiene la nostra
che a olte me fa paura. vita.
Ceneme forte n te le to man, fame sentir segura. Un abbraccio speciale alla
mia cara mamma... ecco
finalmente svelato il ricamo che non ti avevo fatto vedere. Questo il mio piccolo-grande dono di Natale. Che il
Signore vegli su di te, e ti sostenga ora che l'et rende pi faticoso il cammino.

MOSTRE

rinnovo Controlla il numero di scadenza del tuo


abbonamento. Lo trovi sulletichetta.
abbonamenti Eviterai di perdere qualche numero della rivista.
28 POESIA

Ricordando lamico Giancarlo Dal Pr


di Alessandro Bagatella
Ricordando
Vegnendo do da Drmen Co la legna de noghr lamico Giancarlo
Dal Pr, poeta
noi farn an gran foghr.
Cri, cri caretin, dialettale feltrino,
e cseste le brsole e tutti i poeti
v a portar la legna e l vin colmern tute le tle dialettali, da
a quel nostro bn Piovn fine che dopo, te l p bel Geronazzo (Nino
che ne juta tut el n. riva el rosto de vedl, Cela), Toni
Do da dermen te prton Cortes e tanti
el formajo de casl, altri, che con le
come l la tradizon. la polenta quela dla loro poesie, come
A la casa de l Prevst e quel vin che manda in bla ... me, vogliono
nisern el vin de l ost Buta, buta, barisel, mantenere un po
e dasp c canti e foghi di storia locale.
noi bevn sempre de quel La poesia qui
brindern par tu ti i loghi, Moscatl da bona lena proposta tratta
e finide le cntade da l disnar fin a la zena ... dalla rivista In
tacher le gran magnade Vla, vla cartel Cammino
Vola, vola caretl notiziario del
che sto d l proprio bl. Circolo Centa di
co' sto' vin che sa da miel. Giancarlo Dal Pr Feltre.

Al Santo Padre Pio di Pietrelcina


di Maria Biz
Venerato Santo / Padre Pio di Pietrelcina, / nel mio cammino / ti sento a me vicino. / Mi proteggi.
Mi guidi. / Mi tieni per mano. / Offri il tuo cuore. / Un segno del divin signore. / Quando mi sento
sola / e mi assale la malinconia, / amico sei di buona compagnia. / Mi cerchi, lo sento. / lo ti prego
ogni momento. / E se le stelle nel cielo / scompaiono nelloscurit, / basta un tuo sorriso da lass
/ dove risiedi tu / e le stelle ritornano / a brillare di pi. / Gli occhi innalzo a te / o buon pretino /
per intercedere il divino / Ges misericordioso. / Per fermare questa brutta guerra / che devasta
tutta la terra. / Terrore, fame, morte e dolore / i popoli soffrono. / Il nostro amato pontefice affranto, nel dolore e nel
pianto, / prega incessantemente, / invoca Iddio, / per tutta questa povera gente. / Santo buono, aiutaci tu. / Intercedi
per noi fedeli / la santissima Vergine Maria / per questo grande uomo. / Che dia forza e coraggio / nel condurci tutti al-
la salvezza. / Buon benefattore, / imploriamo con ardore / una benedizione da te, / nostro Santo protettore!

La poesia Al Santo Padre Pio di Pietrelcina della nostra abbonata Maria Biz stata selezionata al 34 concorso
50&Pi La parola e limmagine di prosa e poesia, edizione 2016, svoltosi a Baveno (VB) dal 1 al 7 luglio.

ASTERISCO
E la luna buss
Due nostri lettori hanno
aperto lobiettivo ed
immortalato le immagini
della grande luna,
apparsa in cielo lo scorso
mese di novembre.
Ve le proponiamo qui a
fianco, ringraziando gli
autori, nellordine da
sinistra a destra:
Pergentino Dallo e
Tristano Dal Canton, per
aver condiviso questi
magnifici scatti.
Zona industriale - 31040 Segusino (TV)
Tel. 0423.979282

DUE ESSE s.n.c.


di Stramare Nicola e Oscar
Via S. Rocco, 39 - 31040 SEGUSINO (TV)
Telefono e Telefax 0423.979344
Via della Vittoria - 32030 FENER (BL)
Telefono 0439.789470

ZD di ZAGO DINO
IMPIANTI ELETTRICI - VIDEO CONTROLLO
ASSISTENZA IMPIANTI TV DIGITALI / SATELLITARI
ASSISTENZA CAME / NICE
VENDITA: MATERIALE ELETTRICO / FERRAMENTA
VERNICI / VETRI / CASALINGHI / DUPLICAZIONE CHIAVI
VIA CARSO, 2 - SEGUSINO (TV)
TEL. e FAX 0423.979599 - CELL. 349.6055947 - E-mail: zagodino@hotmail.it
ORARIO APERTURA NEGOZIO
dal luned al sabato: mattina 8.30-12.00 / pomeriggio 15.30-19.00
(luned mattina chiuso)

PRENOTA SUBITO! grafica - stampa


LIBRI
SCOL SCONTO 10% editoria - libreria
ASTIC
I SU TUTTI I TESTI SCOLASTICI z.i. RASAI di Seren del Grappa (BL)
DI TUTTE LE MATERIE
per le scuole elementari,
SERVIZIO COPERTINE Via Quattro Sassi
medie e superiori GRATUITO DBS TIPOGRAFIA - EDIZIONI DBS
Tel. e Fax. 0439 44360 - 0439 448300
DA NOI Fornitura libri garantita entro 3 giorni
OCCHIO - Tel. 0439 44111
CONVIENE !
(con disponibilit a magazzino)

Tempestivo aggiornamento LIBRERIA QUATTRO SASS


co
Simpati IO
G
sullo stato degli ordini in corso Tel. 0439 394113
OMAG

Rasai di Seren del Grappa (BL) - Z.I. - Via Quattro Sassi, 4/C - Tel. 0439.394113 commerciale@tipografiadbs.it
info@libreriaquattrosass.it - www.libreriaquattrosass.it www.tipografiadbs.it
Orari libreria: da marted a sabato 9.00-12.30 e 15.00-19.00 - domenica e luned 15.00-19.00

di Ferdinando Carraro
PITTORE RESTAURATORE
Via F.lli Agrizzi - FENER - ALANO di PIAVE (BL) - Cell. 339.2242637
Azienda Agricola
SIMIONI DAVIDE
VENDITA ORTAGGI
E FRUTTI DI BOSCO
Via della Vittoria, 15 - FENER CONSEGNA A DOMICILIO
Cell. 392.6391164
seguici anche su facebook Via F. De Rossi, 16/C - ALANO DI PIAVE (BL)
Tel. 0439 776002 - 349 1466314

ONORANZE FUNEBRI SPADA VIVAIO - PIANT E


MARMI E BRONZI
VALENTINO

SPADA
CIMITERIALI
TRASPORTI NAZIONALI
ED ESTERI di Mondin Duilio
CREMAZIONI
SERVIZIO 24 H
Realizzazione e Manutenzione Giardini
TEL. 0423 69054 - 348 5435137 Prati - Irrigazione - Potature
SERVIZI FUNEBRI A PARTIRE DA 1.800
CON POSSIBILIT DI RATEIZZAZIONE
ACCORDI CON VISITE A DOMICILIO SU VOSTRA Via Feltrina - 32038 QUERO (BL) - Cell. 338.1689292
RICHIESTA CON GARANZIA DI CONVENIENZA, E-mail: mondingiardini@gmail.com - mondingiardini.blogspot.com
SERIET E PERSONALE QUALIFICATO

Potrebbero piacerti anche