Sei sulla pagina 1di 9

Calcio

Cronaca

Danni e provocazioni
Il Siracusa reagisce
alla Castelbuonese

I poliziotti sventano
una truffa ai danni
di coppia di anziani
A pagina sette

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina sette

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
sabato 22 novembre 2014 Anno XXVII N. 270 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
www.libertasicilia.it

Cronaca. Ancora un controllo dei carabinieri dellIspettorato del lavoro

Lavoro nero: multe


per 80 mila euro

Scoperti tredici lavoratori, sospese cinque attivit


Scoperti tredici lavorato-

COMMENTI

Il sacrificio
del militare
Raiti
di Concetto Alota

Sar

battezzata come la
strage della circonvallazione di Palermo, l'attentato mafioso che fu messo in
atto il 16 giugno del 1982
a Palermo, e diretto contro
il boss catanese, Alfio Ferlito, mentre veniva trasferito da Enna al carcere di
Trapani (Favignana) e che
mor nell'agguato insieme ai tre carabinieri della
scorta, Salvatore Raiti,
Silvano Franzolin e Luigi
Di Barca, e al ventisettenne Giuseppe Di Lavore,
autista della ditta privata.

Un dipendente dellAst
stato denunciato per il
furto di gasolio dai mezzi
pubblici fermi in deposito.

A pagina sei

A pagina tre

CRONACA

ECONOMIA

Dipendente Presentato
il mercato
dellAst
ruba gasolio km zero
E

stata presentata ieri


mattina al mercato del
contadino di piazza Adda,
liniziativa.
A pagina due

Cerimonia a San Giovanni

I carabinieri
celebrano
Virgo fidelis

OSSeRVATORIO

ri in nero e cinque attivit


imprenditoriali sospese.
80 mila euro circa le sanzioni amministrative e
tre denunce a piede libero. Questi i numeri della
nuova operazione di lotta
al lavoro sommerso. In
prima linea i carabinieri del nucleo ispettorato
del lavoro, coadiuvati da
ispettori tecnici della direzione provinciale del
lavoro e dai militari

Calafatari:
un ponte
da ricostruire

E poi? E questo il punto:


il dopo. Il Comune si dice
determinato a non ricostruirlo. Ma le contestazioni non
mancano. E, a dire il vero,
lago della bilancia pende.

carabinieri hanno celebrato ieri mattina anche a Siracusa la Virgo Fidelis. A fare gli onori
di casa stato il comandante provinciale dellArma, colonnello Mauro Perdichizzi.

A pagina quattro

A pagina dodici

A pagina otto

Ponte dei calafatari addio.

Precipita nel vuoto


a bordo della sua auto
E ricoverata al reparto di rianimazione
dellospedale Cannizzaro di Catania la
donna che ieri mattina precipitata da
una scarpata.
A pagina quattro

Cronaca di Siracusa 2
ECONOMIA

Presentato
in piazza
il mercato
del contadino

Sicilia 22 novembre 2014, sabato

E stata presentata ieri mattina

al mercato del contadino di piazza


Adda, liniziativa Km zero a
Siracusa- scegliamo di mangiar
fresco e sano.
Si tratta di incontri educativi
a tema per bambini e adulti, ai
quali si faranno conoscere e
gustare i prodotti della nostra

22 novembre 2014, sabato

agricoltura. Gli appuntamenti


saranno il venerd in piazza Adda
e la domenica allAntico Mercato
di Ortigia. I dettagli ai giornalisti
sono stati illustrati dallassessore
alle Attivit produttive, Maria
Grazia Cavarra. Auspico ha
detto lassessore Maria Grazia
Cavarra la presenza massiccia

degli istituti scolastici della citt, perch ci piace pensare che i


ragazzi sin da subito, comincino
a conoscere e gustare i prodotti
della nostra agricoltura.
Allincontro con i giornalisti di
questa mattina erano presenti,
anche i consiglieri comunali,
Cosimo Burti e Gianluca Romeo.

veva
abbordato
una coppia di anziani
commercianti ai quali aveva prospettato
di potere accedere a
un sostanziale mutuo,
millantando
conoscenze in banca e pretendendo in cambio
soltanto il pagamento
di un anticipo in denaro per la commissione. E le due vittime
stavano per caderci se

non fosse stato per il


provvidenziale intervento di una pattuglia
della Polizia di Stato.
Sono stati i poliziotti
della sezione Aquile nella mattinata di
ieri, in viale Teracati,
nei pressi di un istituto di credito, a scoprire la questione e a
denunciare un uomo
di 41 anni, che destava sospetto poich era

intento a colloquiare,
animatamente,
con
una coppia di signori
anziani.
La situazione, gi di
per se eclatante, ha
destato il sospetto dea
parte dei poliziotti
che gi da tempo sono
impegnati in specifici
servizi di vigilanza e
controllo nei pressi
degli Istituti di Credito aretusei.

Gli agenti si sono avvicinati al terzetto e


hanno proceduto alla
loro identificazione
per i necessari approfondimenti, i tre sono
stati
accompagnati
negli uffici della Questura dove, dai primi
accertamenti, si poteva ricostruire la vicenda che aveva visto
la coppia di anziani
vittima di un tentativo

trambi dell'Ufficio Europa del Comune,


saranno dedicati a delineare il contesto normativo in cui gli uffici devono
muoversi e a conoscere la programmazione attualmente seguita dall'Amministrazione. Domani, a partire dalle 10,
con le relazioni di due specialiste delle
materia, Gianpaola Mazzola e Caterina
Timpanaro, si entrer nel dettaglio delle azioni promosse dall'Unione Europea per i prossimi 7 anni e si inizieranno a pianificare le scelte per Siracusa.
Lo sbocco finale di questa due giorni
l'istituzione di una Tavolo strategico
sulla programmazione 2014-2020 che
ha avr l'obiettivo di intercettare in maniera massiccia i finanziamenti. I fondi

Si chiede al
nuovo assessore di intervenire
per sbloccare
i fondi

Qui sopra, pattuglia delle Volanti.

di raggiro posto in essere dal quarantenne,


gi noto alle Forze di
Polizia, per precedenti segnalazioni relative alla commissione
di reati contro il patrimonio.
In particolare, dai riscontri effettuati dagli
stessi operatori di polizia che hanno messo a verbale quanto
raccontato dai diretti

Strategia organica
per intercettare
finanziamenti Ue
D

dei corsi di aggiornamento promossi dallOrdine nazionale dei giornalisti. Saranno approfonditi i temi che riguardano lattivit dellufficio
del Gip, comprendere le varie funzioni di Gip e Gup, come e quando
possibile attingere notizie in occasione delle udienze preliminari, di
quelle camerali. Uno degli aspetti che sar approfondito quello legato
alla privacy: quando possibile scrivere le notizie, quali le regole a
cui attenersi, quali riferimenti normativi il giornalista deve tenere ben
presente quando pubblica una notizia proveniente dal Gip o Gup. Sar
anche un momento di confronto tra la classe giornalistica siracusana
e quella della magistratura.

Bonifiche interrogazione
allassessore Ambiente

Appuntamento col vertice amminitrativo

ue giorni di studio e di confronto per mettere a punto una strategia


organica capace di intercettare i finanziamenti della programmazione
europea 2014-2020. L'iniziativa del
Comune che oggi ha convocato i vertici amministrativi e politici, compresi i capigruppo consiliari, per fare il
punto su quanto finora stato messo
in campo e sugli interventi da pianificare in futuro attingendo ai finanziamenti che Bruxelles conceder nei
prossimi anni. I lavori saranno presieduti dal sindaco, Giancarlo Garozzo, e dall'assessore Valeria Troia. Gli
interventi del pomeriggio, di Luigi
Minozzi e Giuseppe Di Guardo, en-

l giudice per le indagini preliminari Michele Consiglio e il fiduciario dellUnci


di Siracusa, Francesco Nania, terranno questa mattina un seminario sul tema
Cronaca giudiziaria e deontologia professionale: il rapporto tra Gip e cronisti.
Lappuntamento fissato per le ore 10 presso il salone di rappresentanza della
Cisl in via Arsenale a Siracusa.
Il seminario, valevole per lacquisizione dei crediti formativi, rientra nellambito

Cronaca di Siracusa

AMBIENTE. Lha presentata lon. marika cirone di marco

sventata dallintervento dei poliziotti

Tenta la truffa
ai danni
di una coppia
di commercianti

Il rapporto tra Gip e cronisti


Appuntamento oggi alla Cisl

Sicilia 3

europei afferma il sindaco, Giancarlo


Garozzo sono una risorsa fondamentale per promuovere sviluppo e investimenti e per sopperire alle difficolt
finanziarie del Paese. Ne siamo stati
convinti, tanto da averne fatto uno dei
punti qualificanti del mio programma
elettorale, ma dobbiamo essere capaci
di fare meglio che in passato. Per riuscirci, necessario mettersi al lavoro e
cominciare a pianificare interventi credibili e rispettosi delle procedure previste. Nelle precedenti programmazioni
la Sicilia, non ha dato grande prova di
s. Sono convinto che abbiamo gli strumenti e le persone che possono imprimere una svolta e intendo dimostrarlo.

interessati, emerso
che la coppia, titolare
di una attivit commerciale nella zona
nord della provincia
di Siracusa, si era fatta irretire dalluomo,
che millantava importanti e qualificate
conoscenze bancarie,
ad accedere ad un prestito particolarmente
vantaggioso per un
ammontare complessivo di 500 mila euro.
Per poter ottenere a
quel prestito i due signori avrebbero dovuto dare al truffatore
solamente 900 euro
in contanti.
Limmediato e provvidenziale intervento
della Polizia di Stato,
e la successiva attivit dindagine esperita,
consentiva di smascherare il tentativo di
raggiro ai danni della
coppia di coniugi.
Per quanto accertato
il presunto truffatore, L.S. di 41 anni, di
Avola, stato denunciato in stato di libert
per il reato di tentata
truffa aggravata. Alla
coppia di anziani,
invece, non rimasto altro da fare che
prendere visione della
questione e di essere
stati salvati dai poliziotti.
R.L.

a deputata regionale
Marika Cirone Di Marco
ha presentato un'interrogazione, con risposta
urgente, in Commissione Legislativa Territorio
e Ambiente, in merito al
dimezzamento dei fondi
della Delibera CIPE 87/
2012 destinati al SIN di
Priolo-Augusta, finalizzati alla messa in sicurezza
della falda acquifera, vincolati all'attuazione alla
stipula di un APQ rafforzato. Gi nell'ottobre
2012, la parlamentare del
PD aveva presentato sul
tema un'interrogazione,
allarmata dal fatto che alla
scadenza del 2013 i 50
milioni destinati al territorio siracusano potessero
essere cancellati dal Dipartimento per lo Sviluppo e Coesione Sociale, in

In foto, palazzo dei Normanni.

mancanza di obbligazioni
giuridicamente vincolanti.
A seguito di quella interrogazione, alla presenza
dell'Assessorato Regionale Energia e Rifiuti,
si tenne una riunione in
Prefettura, alla quale parteciparono deputazione ed
Enti interessati, dalla quale emerse una condivisione sulle destinazioni e sui
percorsi da seguire. Tuttavia, con delibera n. 152
del 20 giugno 2014, il Governo Regionale, venendo

meno agli impegni presi


con il territorio, ha dimezzato i fondi della Delibera
CIPE, destinandoli alla rimodulazione delle risorse
del Fondo Sviluppo e Coesione 2007/2013 ridotte
di 518 milioni di euro. La
Delibera Cipe, come era
stato segnalato con l'interrogazione sin dall'ottobre 2013, finisce nella
tagliola ed molto probabile, giunti ormai alla
fine dell'anno 2014, che le
residue somme non possa-

no essere pi prorogate e
vengano richiamate dallo
Stato in assenza di atti
giuridicamente vincolanti.
"Ogni commento superfluo - dichiara Marika Cirone Di Marco - di fronte
a fatti che parlano chiaro.
Sindaci, organizzazioni,
Enti, deputazione, devono
lavorare per evitare il peggio, impegnando Crocetta
ed il nuovo Assessore ad
impegni stringenti, che
recuperino tempi, risorse,
finalit.

Organizzata dalla erg che coinvolge gli istituti tecnici aretusei

Oggi la giornata dellenergia elettrica


Si svolger oggi ledizione 2014

della Giornata dellEnergia Elettrica ERG. Liniziativa, gi organizzata per il 5 novembre, era stata
rinviata per le avverse condizioni
atmosferiche e riprogrammata in
accordo con gli istituti scolastici
che avevano aderito.
Liniziativa dedicata da ERG al
mondo della scuola riservata
questanno agli studenti delle ultime classi degli Istituti Tecnici di

Siracusa e provincia che, nellambito


dei programmi scolastici, seguono
corsi di studi dedicati alle macchine
di produzione di energia elettrica.
Lattivit coinvolge cinque scuole di istruzione superiore: lIstituto
Tecnico Industriale Enrico Fermi
e l IPSIA Federico di Svevia di
Siracusa, lIstituto Tecnico Industriale Pier Luigi Nervi di Carlentini, lIstituto Tecnico Industriale di
Palazzolo e Istituito Tecnico Indu-

striale Arangio Ruiz di Augusta.


Gli studenti, insieme dai loro insegnanti, visiteranno la centrale a ciclo
combinato ERG Power di Melilli e il
parco eolico di ERG Renew di Carlentini.
I tecnici delle societ del Gruppo racconteranno agli studenti coinvolti le
caratteristiche e i diversi aspetti relativi alla gestione dei due impianti,
con particolare attenzione ai temi della sostenibilit ambientale e dellef-

Rodante:
Importante
restituire
ai pedoni
via Ciane

Il consigliere comunale, avv.

Fabio Rodante, e il consigliere di circoscrizione Neapolis,


arch. Nicoletta Abela, si
schierano a favore dei commercianti di via Ciane che
hanno richiesto allAmministrazione la pedonalizzazione
della via offrendo lorganizzazione di eventi natalizi e un
nuovo arredo urbano. Una
proposta che segue lesempio
virtuoso dei Ce.Na.Co., a
tutela dei negozi di vicinato,
contro la concorrenza della
grande distribuzione. Una
forma di collaborazione
consortile tra imprenditori e
tra le attivit commerciali e
lente pubblico. Una sintesi
di ci che dovrebbe essere
il rapporto quotidiano con
le amministrazioni locali.
Lautofinanziamento dei
commercianti sar compensato con lorganizzazione
della viabilit e del traffico da
parte dellassessore competente che garantir sicurezza
ai pedoni e agli automobilisti.
Via Ciane peraltro una via
secondaria, gi a limitato
traffico veicolare, che ha
assunto negli anni, proprio
durante le festivit natalizie,
le caratteristiche tipiche delle
micro aree pedonali gi presenti in Ortigia.

ficienza energetica. La societ ERG Power gestisce


le attivit di produzione e
fornitura di energia elettrica
e vapore operando sui mercati all'ingrosso e su quello
della borse dell'energia con
attivit di trading.
ERG Renew il primo operatore eolico in Italia con
1087 MW, tra i primi dieci
operatori a livello europeo
con 1341 MW installati. In
Sicilia ERG Renew proprietaria di dieci parchi eolici, per un totale complessivo di 198 MW istallati.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 22 novembre 2014, sabato

CRONaCA. al processo per luccisione di tringali

Pascalau irreperibile
Il Pm rinuncia alla teste
La Corte dAssise ha dichiarato chiuso il dibattimento
Nella prossima udienza ci sar la requisitoria del Pm

l pubblico ministero Antonio Nicastro ha rinunciato a sentire lultima


teste citata al processo a
carico dellimprenditore
Francesco Giarracca, sul
quale grava la pesante
accusa di omicidio volontario ai danni dellimprenditore
augustano
Giancarlo Tringali, il cui
cadavere stato rinvenuto in una camera del residence di contrada San
Foc, gestito dallimputato.
Alludienza di ieri, infatti, era stata citata Florina
Pascalau, forte ex giocatrice della Trogylos di
pallacanestro femminile.
Gi altre volte era stata
citata per essere escussa
dinanzi alla Corte dAssise, ma non stato possibile reperirla. Le ultime
notizie la davano ritornata in Romania, sua nazione dorigine, dove milita
in una squadra locale di
pallacanestro.
Neanche la polizia romena, per, riuscita
nell'intento di notificarle latto di citazione. La
Pascalau si trovava la
notte del delitto Tringali
nella struttura ricettiva di
contrada San Foc ed era

In foto, Giancarlo Tringali.

unamica della vittima.


Con la rinuncia del pm a
sentire la teste, si chiusa
la fase dibattimentale. Si
passa quindi, alla discussione. La requisitoria del
rappresentante della pubblica accusa fissata per
l11 dicembre prossimo.
Subito dopo sar la volta delle parti civili. Per
quanto riguarda la difesa
dellimputato, probabile che occorra la fissazione di una nuova udienza.
R.L.

Raccolta di firme
sul servizio 118
Una due giorni di informazione e sensibilizza-

zione sul servizio del 118 e sui lavoratori che


lo garantiscono. Ad organizzarla la FP Cisl che,
secondo un calendario di appuntamenti stabilito
in chiave regionale, partir anche a Siracusa con
i primi incontri con la cittadinanza.
Il primo appuntamento domani, oggi dalle ore
10 alle ore 20, davanti al centro commerciale Auchan di contrada Spalla a Citt Giardino.
Lindomani, domenica stand e gazebo si sposteranno in largo XXV luglio, in Ortigia.

presi di mira pizzerie, pub e cantieri edili in provincia

Lavoro nero, 80 mila euro


di sanzioni ad imprenditori
Scoperti tredici lavoratori in nero e cinque atti-

vit imprenditoriali sospese. 80 mila euro circa


le sanzioni amministrative e tre denunce a piede
libero. Questi i numeri della nuova operazione di
lotta al lavoro sommerso. In prima linea i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro, coadiuvati da ispettori tecnici della direzione provinciale
del lavoro e dai militari del comando provinciale dei carabinieri. Le ispezioni hanno interessato
a Siracusa una pizzeria dove sono stati scoperti
sette lavoratori in nero su undici presenti al momento del controllo. In un pub sono stati scoperti
tre lavoratori in nero su tre; in una casa di riposto nella zona Sud della provincia, scoperto un
lavoratore su due in nero. Nei tre casi, applicata
la sospensione dellattivit imprenditoriale, quasi

subito revocata previo pagamento di 5.850 euro


di somma aggiuntiva oltre alla successiva maxi
sanzione da 4 mila euro contestata per ogni lavoratore in nero.
Non solo, in un pub stato utilizzato un impianto di video sorveglianza senza autorizzazione. I
carabinieri hanno eseguito controlli nei cantieri
edili. In uno nella zona Nord della provincia scoperto un lavoratore in nero su due; in un secondo
cantiere a Sud della provincia scoperti tre lavoratori su tre irregolari. I rispettivi imprenditori edili
sono starti deferiti alla Procura di Siracusa oltre
che sanzionati.
I controlli proseguiranno in maniera costante anche nei prossimi giorni per il rispetto delle norme
a tutela dei lavoratori.

22 novembre 2014, sabato

Cronaca di Siracusa

Prefettura,
Asp, Croce Rossa e
Medici senza frontiere
hanno sottoscritto il protocollo che
li impegna
congiuntamente

CRONACA

Il patronato
raccoglie
le firme
I

l patronato Inca continuera' la raccolta


firme nei comuni di
Augusta,Noto e Lentini. Sono oltre 8000 le
firme raccolte in provincia contro le decisioni
contenute nella legge di
stabilita' che decretano
di fatto la morte dei Patronati( oltre 2500 firme
raccolte solo dall'Inca).
E' una scelta simbolica,
poiche' per motivi diversi, questi sono i comuni
dove vi sono state e vi
sono le minacce piu'
forti di tagliare Inps ed
enti di servizio.
La CGIL e il Patronato
INCA ritengono importante continuare a
spiegare nelle piazze i
motivi della petizione
e il rischio incredibile
che corrono i cittadini di
Lentini,Noto e Augusta
nello scenario immaginato da questo Governo,
nemico dei deboli.
Cosa succederebbe se a
un pensionato o a un invalido civile togliessero
sia il Patronato , garanzia di servizio e tutela
del diritto, sia gli enti
previdenziali a Lentini e
Augusta
Consegneranno dei
volantini informativi e
allestiremo dei banchetti
per la raccolta firme per
spiegare cosa potrebbe
succedere gia' dal 1
Gennaio.

Sicilia 5

In foto, sbarco
ad Augusta.

Assistenza ai migranti
Intesa fra le istituzioni
I

nteressante Protocollo dintesa firmato nei giorni scorsi


tra la prefettura di
Siracusa, lAzienda
Sanitaria Provinciale, la Croce Rossa
Italiana e Medici
Senza
Frontiere,
per la progettualit assistenziale nel
territorio di competenza dellASP di
Siracusa a supporto
dellattivit sanitaria ai migranti che
sbarcano nel porto
di Augusta, dal 1
novembre al 31 dicembre
dellanno

in corso. Il Protocollo fa riferimento


alluso alle banchine del Porto commerciale di Augusta
quale
principale
approdo ideale per
i migranti soccorsi
in mare nellambito delloperazione
umanitaria Triton;
lAssessorato regionale alla Salute ha
riconosciuto limportanza di una corretta estensione ai
migranti di una valida e completa assistenza sanitaria, secondo le indicazioni

del Ministero della


salute, per la massima concertazione
e coordinamento di
tutti gli attori della
gestione per lemergenza legata alle
problematiche sugli
sbarchi dei migranti, dal punto di vista
igienico sanitario,
cos come la salvaguardia della dignit
e dei diritti umani.
LASP di Siracusa
dal canto suo ha richiesto un supporto
in termini di risorse
umane, come sanitari e mediatori cultu-

rali, mezzi e attrezzature per garantire


unassistenza sanitaria adeguata.
Medici Senza Frontiere, ha manifestato la propria disponibilit a fornire il
necessario supporto
in occasione degli
sbarchi nel porto di
Augusta, in continuit con lattivit gi
svolta nel periodo
passato, con la partecipazione attiva e
idonee risorse professionali.
La Croce Rossa Italiana con lAccordo

sottoscritto con il
Ministero della Salute, prevede la sua
fattiva collaborazione e il supporto logistico sanitario con
medici, infermieri al
personale dellUTUSMAF durante gli
sbarchi dei migranti
nei porti della Sicilia, assicura altres
il supporto allASP
di Siracusa con il
proprio staff tecnico, infermieristico
e logistico in ogni e
qualsiasi emergenza
necessaria.
R.L.

Vittima una donna che rimasta gravemente ferita

Precipita
in auto
nel vuoto

ricoverata al
reparto di rianimazione dellospedale
Cannizzaro di Catania la donna che ieri
mattina precipitata da una scarpata
dopo avere perso il
controllo della sua
vettura lungo lautostrada SiracusaCatania.
Lepisodio avvenuto intorno alle 11
del mattino, quando
la donna, per cause

tutte al vaglio degli


agenti della Polstrada
di Siracusa, ha perso
il controllo del mezzo mentre stava per
imboccare un ponte,
pochi chilometri prima dello svincolo per
Priolo Gargallo.
Lauto ha divelto il
guard rail ed ha fatto un volo di almeno una quindicina di
metri, schiantandosi nella sottostante
scarpata.

In foto, il luogo dellincidente.

I primi a soccorrerla
sono stati gli automobilisti, che hanno pensato subito al
peggio. E dovuto intervenire lelisoccorso per trasportare la

malcapitata allospedale di Catania a causa delle gravi lesioni


riportate nel violento
impatto con il terreno
sottostante.
Ai soccorritori la

donna apparsa
vigile e presente
anche se dolorante
per le conseguenze
del gran balzo fatto
a bordo della sua
vettura.

Estorsione
Central
Park: il Pm
Condanne
I

l pubblico ministero ha chiesto


la condanna a 6
anni di reclusione
ciascuno a carico
di due siracusani imputati alla
sbarra, che devono rispondere del
reato di estorsione. La richiesta
pervenuta a
conclusione della
requisitoria dettata ieri mattina
dal rappresentante della pubblica accusa alla
sezione penale
del Tribunale di
Siracusa.
Imputati alla
sbarra sono Alessandro Curcio e
Sebastiano Greco, difesi dagli
avvocati Giambattista Rizza,
Stefano Rametta
e Giorgio DAngelo.
I fatti oggetto della contestazione
risalgono addirittura a dodici
anni addietro. I
due erano stati
sorpresi a taglieggiare i titolari del
Central Park a
Siracusa. Il processo si trascinato a lungo per
diverse vicissitudini e la sentenza
arriver proprio
sul filo di lana
della prescrizione. Il tribunale
ha fissato una
nuova udienza
per il 9 gennaio
prossimo nella
quale saranno
impegnati i legali
della difesa nelle
loro arringhe.
Subito dopo
attesa la camera di consiglio e
quindi il verdetto
di primo grado.
I due imputati,
dopo questi lunghi anni dallepisodio estorsivo,
sono tornati in
libert e attendono il responso dei
giudici.

Cronaca di Siracusa 6

Sicilia 22 novembre 2014, sabato

Il 16 giugno
1982 a Palermo un commando crivell di colpi
Alfio Ferlito
e la scorta
che lo stava
trasportando
al carcere di
Favignana.
Il mistero dei
siracusani

di Concetto Alota

Sar
battezzata
come la strage della
circonvallazione di
Palermo, l'attentato
mafioso che fu messo
in atto il 16 giugno
del 1982 a Palermo,
e diretto contro il
boss catanese, Alfio
Ferlito, mentre veniva trasferito da Enna
al carcere di Trapani
(Favignana) e che
mor
nell'agguato
insieme ai tre carabinieri della scorta, Salvatore Raiti,
Silvano Franzolin e
Luigi Di Barca, e al
ventisettenne Giuseppe Di Lavore,
autista della ditta privata che aveva in appalto il trasporto dei
detenuti, il quale aveva sostituito il padre.
Di Lavore ebbe la
medaglia d'oro al valor civile. Il mandante di questa strage fu
Nitto Santapaola, che
da anni combatteva
contro il rivale, Alfio
Ferlito, una guerra
per il predominio sul
territorio catanese.
Le vittime di quella
strage furono: il carabiniere, Salvatore
Raiti, nato a Siracusa
il 6 agosto 1962. Il 7
marzo 1981 arruolato
nellArma dei Carabinieri quale Allievo
Carabiniere e ammesso a frequentare
il corso distruzione
presso la Scuola Allievi Carabinieri di
Iglesias di Cagliari.
Al termine del ciclo
formativo fu promosso Carabiniere il
19 settembre 1981 e
destinato, l11 ottobre successivo, alla
Stazione Carabinieri
di Enna dove rest
fino al tragico 16
giugno 1982, data in
cui comp latto di
valore per il quale
venne insignito della Medaglia dOro
al Valor Civile alla
memori. Lappuntato
dei carabinieri, Silvano Franzolin, nato
a Pettorazza Grimani, Rovigo il 3 aprile
1941. Il 18 novembre 1959 arruolato
nellArma dei Carabinieri quale Allievo
Carabiniere a piedi e
ammesso a frequentare il corso distruzione presso la Scuo-

Onori militari al carabiniere Salvatore Raiti. Sotto, la strage della


circonvallazione e il
boss Nitto Santapaola

Lotta alla mafia: il sacrificio


del militare Salvatore Raiti
la Allievi Carabinieri
di Torino. Al termine
del ciclo formativo
integrato presso la
Scuola Allievi Carabinieri di Roma per il
passaggio nellArma
a cavallo, fu promosso Carabiniere il 31
agosto 1960 e destinato, il 30 novembre
successivo, al Gruppo Squadroni Carabinieri a Cavallo in
Roma. Successivamente prest servizio presso le Stazioni
Carabinieri di Brescia dal 30 giugno
1961, Butera, Caltanissetta, dall8 marzo 1964, Calatafimi,
Trapani, dal 17 ottobre 1964, Aidone,
Enna, dal 7 settembre 1967, Tortorici,
Messina, dal 21 marzo 1968, Maniace,
Catania, dal 15 aprile
1970 e ad Enna dal 4
maggio 1979, dove
rest fino al tragico
16 giugno 1982, data
in cui comp latto

di valore. Medaglia
dOro al Valor Civile
alla memoria;
Il carabiniere scelto,
Luigi Di Barca, nato
a Valguarnera, Enna,
il 10 aprile 1957. Si
arruol
nellArma
dei Carabinieri il 14
settembre 1974 e,
dopo aver frequentato il previsto corso
distruzione presso
la Scuola Allievi Carabinieri di Roma, fu
promosso Carabiniere il 15 aprile 1975 e
trasferito al Reparto
Comando della Legione Carabinieri di
Catanzaro.
Presso

questo Reparto prest servizio fino al


20 maggio 1976, data
sotto la quale fu trasferito alla Stazione
Carabinieri di Riace,
Catanzaro, ove rest
fino al 2 dicembre
1980, quando venne
assegnato alla Stazione Carabinieri Catanzaro Principale. In
data 15 aprile 1981
ottenne la promozione a Carabiniere
Scelto. Rest al citato Comando fino al
30 novembre 1981
quando fu destinato
prima alla Legione
Carabinieri Messi-

Sicilia 7

22 novembre 2014, sabato

na e il successivo 4
dicembre al Nucleo
Operativo e Radiomobile di Enna, dove
prest servizio fino
al tragico 16 giugno
1982,data sotto la
quale perse la vita a
seguito di agguato
mafioso. Per il valore
dimostrato nel corso
del citato agguato, fu
insignito della Medaglia dOro al Valor Civile alla memoria. Fonte: Sito
Ufficiale dell'Associazione Nazionale
Carabinieri Sicilia;
Il giovane Giuseppe
Di Lavore, 27 anni,
autista della ditta privata del padre che
aveva in appalto il
trasporto dei detenuti, il quale aveva sostituito proprio quel
giorno il padre. Ebbe
la medaglia d'oro al
valor civile.
Chi era davvero quel
boss che per ucciderlo furono sacrificati
tre giovani carabinieri e un giovane autista che quel giorno
sostitu il padre nel

lavoro? Era un boss


della mafia catanese, Alfio Ferlito, 36
anni, met della vita
passata nel cuore del
racket
malavitoso
del quartiere S. Cristoforo di Catania;
quando viveva a Milano venne catturato
con un carico di un
miliardo di hashish
e viaggiava in Alfetta blindata. Insieme
al suo fidato amico,
Francesco Ferrera,
46 anni, detto 'u cavadduzzu, che avevano pi volte tentato
di ammazzare; quella
strage di Palermo,
che insieme al boss
Alfio Ferlito ha fatto
altre quattro vittime
innocenti, era quindi
facilmente prevedibile, quasi tecnicamente prevista; ma allora
non cera la banca
dei dati, non cera il
coordinamento, ripetevano i poliziotti e i
carabinieri. Tutti quei
morti perch nessuno
pens di destinare per
la traduzione di Alfio
Ferlito dal carcere di
Enna a quello di Favignana, Trapani, una
macchina blindata,
qualcosa di pi solida, pesante e sicura
di quella Mercedes
malandata e di propriet di Calogero
Di Lavore, che aveva
in appalto il trasferimento dei detenuti
dal carcere di Enna, e
che proprio quel giorno si era fatto sostituire dal proprio figlio
Giuseppe, aiutante
giudiziario presso il
Tribunale di Caltanisetta, dove aveva
ottenuto un giorno
libero. Eppure, con
le stesse modalit ed
assieme ad altri tre
carabinieri trucidati,
un altro boss catanese, Angelo Pavone,
detto faccia d'angelo, venne rapito ed
eliminato al casello
autostradale di S.
Gregorio soltanto un
anno prima. Un vecchio adagio recita:
Chi non pensa prima
soffre dopo.
A Siracusa stata titolata una strada nel
quartiere della Pizzuta al carabiniere Medaglia dOro al valor
Civile alla memoria Salvatore Raiti,
vittima della mafia.

Cronaca di Siracusa

parla lamministratore delegato del siracusa

Albergamo: Dalla
Castelbuonese solo
provocazioni e danni
Continuano

le polemiche sul dopo SiracusaCastelbuonese. Azzurri


ancora una volta tirati in
ballo dalla Polisportiva
Castelbuonese. A rompere il silenzio, allora,
lamministratore delegato
Gaetano Albergamo che
ai microfoni dellufficio
stampa azzurro dichiara:
Volevamo mantenere il
silenzio e rimediare da
soli ai danni subiti senza
alimentare polemiche inutili su una situazione incresciosa della quale siamo vittime. Domenica, ad
esempio, al termine della
gara con i nostri collaboratori ci siamo accorti di
alcuni danni nel corridoio
che porta agli spogliatoi
ospiti, come la porta della sala anti-doping divelta
e alcune pareti bucate dai
giocatori palermitani per
sfogare la rabbia per la

In foto, i danni provocati alla paretia degli spogliatoi.

Continuano le polemiche a distanza tra le due


dirigenze a proposito della partita di domenica scorsa
sconfitta subita al 90. In
questa circostanza siamo
stati ingenui perch abbiamo notato tutto questo
soltanto alcune ore dopo
lincontro quando larbitro era gi andato via
senza poter, cos, refertare laccaduto. Ma questo
perch noi, domenica,
pensavamo solo alla vittoria ottenuta in campo.
LAD intende poi chiarire alcuni punti sollevati
dal presidente Monaca
durante la conferenza indetta appositamente dalla
Castelbuonese. Innanzitutto larbitro non stato,
ovviamente, costretto ad
abbandonare il terreno di
gioco dai nostri dirigenti. Ma come si pu anche
vedere nel video girato

da un loro collaboratore
(fatto entrare per nostra
gentile concessione perch neanche accreditato),
il direttore di gara lascia
il terreno accompagnato
e protetto da due uomini
della protezione civile per
evitare il contatto proprio
con alcuni loro tesserati
che continuavano a protestare per non si sa quale
motivo. La societ palermitana dovrebbe, invece,
ringraziare il civilissimo
pubblico siracusano per
non aver reagito alle continue provocazioni dei
loro giocatori che subito
dopo il gol del 2 a 1 non
hanno fatto altro che indirizzare gesti offensivi
verso il pubblico sistemato in tribuna. Bisognereb-

be puntare lattenzione su
questo. Perch nessun tesserato dovrebbe aizzare i
tifosi. Questi sono i gesti
che andrebbero condannati. I nostri sostenitori, per
fortuna, si sono limitati
nel rispondere verbalmente o al massimo fischiando
la squadra granata. Assolutamente inventato il lancio di pietre, petardi ecc.
Accuse queste davvero ridicole. A Siracusa nessuna
societ si mai lamentata
per laccoglienza loro riservata, anzi, siamo sempre stati riempiti di complimenti. A tal proposito
voglio aggiungere che i tifosi ospiti hanno pagato 5
euro nel settore loro riservato e non dieci come erroneamente riportato nella

conferenza stampa della


Castelbuonese. Volevamo
evitare questo confronto
tramite mezzo stampa, ma
nelle ultime ore il nome
della citt di Siracusa
stato usato a sproposito e
questo non giusto. Non
crediamo sia corretto che
qualcuno pensi di farsi
pubblicit accostando il
nome della loro societ a quello glorioso del
Siracusa Calcio. Allo stesso modo troviamo assurde
le critiche fatte al sig. Giuseppe Mascara. Proprio il
nostro capitano stato il
primo a sedare la rissa finale scaturita dalle loro
assurde proteste. Linvasione finale qualcosa da
condannare ma si tratta
soltanto di una decina di
bambini entrati in campo
col solo scopo di abbracciare e chiedere ai propri
beniamini la maglia.

lettera in redazione di un anziano tifoso

Lettera aperta allex presidente


azzurro Gaetano Cutrufo

Caro Cutrufo, da 70 anni, seguo e tifo per


il Siracusa. Con lesperienza acquisita ho la
certezza che anche questanno andr a buca.
Anastasi, allenatore che si dice zemaniano, ha
preso solo i difetti di Zeman, e non i pregi. La
prova lampante la partita di Giarre. Invece
di impostare la squadra per il pareggio, lallenatore ha scriteriatamente impostato la partita
in attacco.
Il risultato la quasi certa eliminazione dal-

la coppa Italia. Errori del genere Anastati li


ha commessi, in questo scorso campionato,
aiosa. Avevo chiesto al padre Eterno che, prima di chiudere gli occhi, potessi rivedere il
Siracusa dove lo trovai nel 1946, cio in D.
Ma credo che questa grazia il Signore non me
la far. Con Stima
Vincenzo Bordone
Ps. Betta lavora alla Sovrintendenza ed li-

bero da impegni: sarebbe lultima occasione


per cambiare il corso del campionato.

Sorpreso la scorsa notte dai poliziotti delle Volanti mentre rubava

Dipendente Ast
rubava gasolio
dai bus pubblici
Un dipendente dellAst stato denunciato

per il furto di gasolio dai mezzi pubblici


fermi in deposito.
Sono stati gli agenti delle Volanti a denunciare un avolese G.S. di 46 anni per il reato

di furto di 325 litri. Il denunciato, dipendente


dellAST, con funzioni di portineria presso il
deposito pullman, verso le ore 2 circa della
scorsa notte, si recava al deposito dellAzienda siciliana trasporti e, dopo aver aperto il
cancello con le chiavi in consegna allo stesso, si introduceva allinterno del deposito
lungo la strada per Canicattini, a ridosso
del circuito autombilistico ed asportava il
carburante dai serbatoi di tredici pullman.
Gli agenti hanno sequestrato 13 taniche di
carburante nellautovettura dellindagato
a piede libero.

societ 8

Con una sobria ce-

rimonia si svolta
ieri mattina presso la Chiesa di San
Giovanni alle Catacombe di Siracusa,
la ricorrenza della
Virgo Fidelis Santa Patrona dellArma
dei Carabinieri, alla
presenza del personale in servizio ed in
congedo del Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa.
Fu Papa Pio XII che
l8 dicembre 1949,
festa di Maria Immacolata,
proclam Maria Madre di
Ges Virgo Fidelis
Patrona dei Carabinieri fissando la
sua ricorrenza il 21
novembre di ogni
anno, in concomitanza con lanniversario
della Battaglia di
Culqualber. Combattuta dal 1 Battaglione Carabinieri e
mobilitato nel 1941
in Africa Orientale, i
fatti darme sono stati ricordati al termine
del rito religioso, dal
Comandante Provinciale,
Colonnello
Mauro Perdichizzi
che, nel discorso di
saluto alle autorit
intervenute, ha voluto evidenziare come
il fatto di eroismo
collettivo che ha
portato al sacrificio
di cos tanti uomini
debba essere ricercato essenzialmente
nella concomitante convergenza di
un forte sentimento
nazionale, un sentito spirito di corpo
ed
una profonda
motivazione esaltata dallesempio del
comandante di quel
reparto, il Maggiore Alfredo Serranti,
che cadde insieme
ai suoi carabinieri.
Nelloccasione della
celebrazione della
Giornata dellOrfano che ha visto
la
partecipazione
delle vedove e gli
orfani dei militari
dellArma, sono stati ricordati i caduti
nelladempimento
del proprio dovere, Carabinieri che
in pace ed in guerra
hanno saputo tener
fede al giuramento
prestato fino allestremo sacrificio e ai
quali sono stati resi
gli onori sulle note
del Silenzio suonato al termine della
cerimonia.
Qui di seguito l'intervento del Comandante Provinciale,
Colonnello Mauro
Perdichizzi:
Un

Sicilia 22 novembre 2014, sabato

22 novembre 2014, sabato

I fatti darme
sono stati
ricordati
al termine del
rito religioso,
dal comandante
provinciale,
Colonnello
Mauro
Perdichizzi
In foto, celebrazione
della Virgo Fidelis.
Sotto il titolo, il Comandante Provinciale, Colonnello Mauro
Perdichizzi.

Virgo Fidelis, 73 anniversario


della Battaglia di Culqualber
e della Giornata dellOrfano
sentito ringraziamento alle Autorit ed a
tutti gli ospiti che con
la loro partecipazione hanno voluto confermare la vicinanza
delle Istituzioni e dei
cittadini ai Carabinieri, questa giornata
dedicata alla Virgo Fidelis, patrona
dellArma dei Carabinieri, proclamata
da Pio XII con bolla
pontificia
dell11
novembre 1949. Un
riconoscimento che
esalta la fedelt nei
secoli dimostrata dai
Carabinieri verso le
Istituzioni ed i cittadini anche a prezzo
del supremo sacrificio.
Si tratta di ricorrenza che legata,
ormai indissolubilmente, allanniversario, della Battaglia
di Culqualber, localit dellAbissinia,
oggi Etiopia, dove
il I Battaglione Carabinieri mobilitato
nel 1941, si sacrific
fedele al compito assegnato ed al giuramento prestato.
Sacrificio che valso il conferimento
della seconda medaglia doro al VM alla
Bandiera dellArma.
Un intero reparto
protagonista di unazione fuori dal comune, 400 Carabinieri
che diedero luogo ad

un fatto darmi che


somiglia allimpresa
delle Termopili.
Posti a difesa di un
estremo baluardo, su
uno sperduto passo
desertico,
distante migliaia di km
dallItalia, stremati
dalle fatiche e senza
pi viveri e munizioni, sottoposti agli
incessanti bombardamenti inglesi, anzich arrendersi con
lonore delle armi,
rituale cavalleresco,
in base al quale il
vincitore,
riconosciuto il grande valore del vinto, si schiera in presentatarm,
mentre questultimo
sfila in parata, si predisposero a combattere allarma bianca
e con le mani nude

cadendo quasi tutti in


battaglia.
Come si pu spiegare un gesto di eroismo collettivo cos
estremo?
da premettere, che
si tratta di un gesto
eroico, che si manifesta alla fine del 1941,
quando i Carabinieri,
come del resto tutti
gli altri nostri soldati,
pensano ancora che
la guerra possa essere
vinta.
L8 settembre di
due anni dopo, sar
molto diversa la situazione psicologica.
In ogni caso, anche
nella delicatissima
fase di transizione
dopo l8 settembre,
momento di massima
difficolt per i cittadini e le istituzioni, i

Carabinieri sapranno
comunque esprimere
il loro attaccamento
incondizionato all
ideale pi profondo ed autentico di
Nazione, con una
serie di episodi che
segneranno la storia
dellArma: dalla strenua difesa di Roma,
al sacrificio di Salvo
DAcquisto, fino alla
liberazione di Milano
nellaprile del 45 .
Tornando a Culquaber non siamo comunque di fronte al
sacrificio di un singolo, a Culquaber
non erano n potevano essere presenti
contemporaneamente
400 eroi.
Allora il motivo che
pu aver spinto al sacrificio cos tanti uomini, aldil delle loro
umane debolezze, va
ricercato essenzialmente nella concomitante convergenza
di una serie di importanti fattori: un forte
sentimento nazionale, un sentito spirito
di corpo ed una profonda motivazione
esaltata dallesempio
del loro comandante,
il Maggiore Alfredo
Serranti, che cadde
insieme ai suoi carabinieri.
Ecco oggi non celebriamo una battaglia,
celebriamo il sacrificio degli uomini che

lhanno combattuta,
celebriamo la loro
coerenza. Ricordiamo il loro valore, i
loro ideali, il senso
di profonda italianit. Commemoriamo
ciascuno dei nostri
Carabinieri,
fedeli
a Dio ed alla Patria
sino alla morte. Da
quel momento, Culqualber non stato
pi solo il nome di un
altipiano che si erge
sulla strada per Gandar, ma ha rappresentato il significato
stesso del sacrificio e
dellonore militare.
E divenuto un punto di quella sottile
linea rosso-bl, i colori dellArma, che
attraversa il Paese
rendendo pi visibile
una storia di grandi e
piccoli eroismi lontani da ogni tentazione
di clamore e protagonismo.
Sentimento nazionale, spirito di corpo,
coesione e motivazione sono i valori
immutati che debbono ispirarci ancora
oggi, insieme alla
convinzione che la
battaglia, affianco ai
cittadini, contro le ingiustizie la criminalit ed il malaffare, pu
essere ancora vinta!
Ed in questo solco,
oggi si celebra anche
la giornata dellorfano. A tutti i carabinieri deceduti in servizio
o comunque venuti
a mancare allaffetto
dei loro cari ed a tutti i familiari che con
coraggio e dignit
hanno sopportato e
sopportano il proprio
dolore, noi vogliamo
rendere omaggio.
Il legame dellArma
con queste famiglie
indissolubile e non
si mai interrotto,
come testimonia lopera assistenza orfani militari Arma dei
Carabinieri, ONAOMAC, ente morale
istituito nel 1948 che
si occupa, dellassistenza ai figli dei carabinieri deceduti in
servizio, sostenendoli sino al compimento
degli studi, con finanziamenti che derivano dai contributi
volontari,
mensili,
offerti proprio dagli
appartenenti allArma. Ecco un altro
esempio di spirito di
corpo e coesione.
Ed ora, con la lettura della preghiera
dellorfano e lesecuzione del silenzio
fuori ordinanza, rendiamo gli onori a tutti
i caduti.

Sicilia 9

La storia
del mondo femminile, il
ruolo che
ha avuto
nella storia dellumanit e i
fatti gravi
che ancora oggi si
ripetono

Extramoenia partecipa alla


giornata contro la violenza
Ci

sono ricorrenze
importanti ogni anno
e
lAssociazione
Culturale Extramoenia presente puntualmente in alcune
occasioni. Nata con
lintento di promuovere le bellezze archeologiche, artistiche e monumentali
del nostro territorio
siciliano e nazionale,
non meno interessata alle tematiche
sociali come quelle
che riguardano i temi
femminili.
Pertanto, in occasione della Giornata Internazionale contro la

Le discriminazioni nel lavoro, nella famiglia,


nella politica, attraverso la letteratura

Violenza sulla Donna, indetta dallONU,


lassociazione organizza nel Comune di
Priolo Gargallo, presso il Centro Diurno
il questa sera alle 21,
lo Spettacolo Teatrale Multimediale La
Donna nella Storia,
tra Amore e Tragoedia per la regia e
adattamento di Agostino De Angelis. Levento promosso dal
Comune nella persona del Sindaco e degli

Assessori alla Cultura


e alle Pari Opportunit e inserito in un
ampio cartellone di
manifestazioni organizzato dallo stesso
con le associazioni
Studio di Progettazione Arcadia, Reti
Centri Antiviolenza,
Level One, Artemide
e Morphosis. Ingresso libero.
Lo spettacolo ripercorre la storia del
mondo
femminile,
il ruolo che questa

ha avuto nella storia


dellumanit e i fatti
gravi che ancora oggi
si ripetono nei loro
confronti, le discriminazioni nel lavoro,
nella famiglia, nella
politica, attraverso la
letteratura in prosa e
poesia, musica, canto
e immagini.
Un mix di voci Marco Scuotto, Giulia
Acquasana,
Giusi
Lisi, Lucia Imprescia,
Paola Pulvirenti, Giulio Scariolo e Claudia

Pulvirenti, il canto
del soprano Donatella
Aloschi, le musiche
di Graziano Grancagnolo e Massimiliano
Pulvirenti, le tele di
scena di Cetty Midolo e Marika Cassone,
gli abiti di scena di
Stefania Frasca Aurora Boreale Atelier, il
make-up di Francesca
Silvani Stella Make
up , video proiezioni e come sempre in
scena con maestria
lattore e regista Agostino De Angelis, daranno vita ad un viaggio nella storia ricco
ed emozionante.

Si possono realizzare delle idee progettuali

Assegnata
al comune di Melilli
larea ex Polveriera

Trova soluzione liter procedurale

dell assegnazione dellarea militare denominata ex Polveriera di


C.da Comito . Lo riferisce il vice
sindaco Arcangela Palmeri, in atto
facente funzioni del Sindaco del
Comune di Melilli.
Tutto nasce qualche anno addietro
con la richiesta avanzata dal Comune di Melilli alla Marina Militare, proprietaria dellarea, finalizzata ad ottenerne lattribuzione
considerato che la stessa ricade
allinterno del territorio comunale
del centro ibleo. Listanza ultima-

mente stata reiterata dal Comune


in virt della disciplina Decreto del
fare che riguarda anche i trasferimenti di immobili agli enti territoriali.
Nellarea militare individuata, afferma Palmeri, il Comune di Melilli
potrebbe realizzarvi delle idee progettuali che ambiscono a sfociare in
attivit volte ad assicurare ricadute
economiche per il nostro territorio.
Per tali ragioni il Vicesindaco Palmeri ieri mattina stata ricevuta dal Comandante di Marisicilia, Ammiraglio
Roberto Camerini, per chiarire alcu-

ni aspetti burocratici volti a definire


la vicenda. Il Comando Marittimo
Sicilia, continua Palmeri, ha ricevuto
mandato dallo Stato Maggiore della
Marina per procedere alla valorizzazione del cespite in argomento, mediante permuta con soggetti pubblici
o privati. Da qui la necessit dellincontro dei vertici delle due amministrazioni coinvolte.
Seguiranno, afferma Palmeri, dei
tavoli tecnici per determinare una
eventuale proposta di accordo. Nei
prossimi giorni le parti concerteranno
la prima delle riunioni.

societ

Che si doti
piazza s. Lucia
di bagni chimici
che per igiene

Piazza

Santa Lucia, grazie


al restauro degli
ultimi dieci anni
ed alla sua riqualificazione urbanistica, attraverso
listituzione della
fiera domenicale e le ripetute
iniziative estive
risulta carente di
servizi primo fra
tutti di bagni pubblici lo afferma
Luigi Iacono. A
questo si aggiunge la tradizionale
fiera nella settimana dei festeggiamenti
della
nostra Santa Patrona.
LAmministrazione comunale
provvede a tale
esigenza
affittando dei bagni
chimici che per
igiene, decoro e
costi sicuramente fa a pugni con
una piazza di tale
importanza; lodg
proposto impegna
lAmministrazione comunale, utilizzando i fondi
della tassa di soggiorno
(versati
anche dalle strutture ricettive della Borgata) a realizzare un volume
a basso impatto
con dei servizi
igienici adeguati
alle esigenze della piazza. In fine
alcune considerazioni il costo
dellopera potr
in tre anni essere
ammortizzata dal
costo dellaffitto
di bagni chimici
( Euro 15.000,00
ca ogni anno),
la nuova struttura eliminerebbe
quella indecorosa
batteria di bagni
chimici e garantirebbe il servizio
durante tutto lanno ai tanti anziani
e visitatori della
Basilica di Santa Lucia e della
piazza.

societ 10

Sicilia 22 novembre 2014, sabato

I progetti di servizio civile


assegnati allUnc di Siracusa
In foto, il presidente
Luigi Giarratana

I progetti, i
servizi offerti
saranno per
la promozione
e la tutela dei
Consumatori.
Nello Sportello , saranno
svolte fondamentalmente
le azioni di
Conciliazione

l via i progetti di
servizio civile assegnati allUnione
nazionale Consumatori di Siracusa a
renderlo noto il presidente Luigi Giarratana. Quest'anno
consistono: losportello di assistenza
ai consumatori per
la conciliazione e
il sistema informativo e integrato di
monitoraggio prezzi e tariffe.
I progetti danno
la possibilit all
Unione
nazionale Consumatori di
avviare al servizio dieci volontari;
quattro per lo sportello; sei volontari
per il sistema informativo di monitoraggio prezzi e tariffe. La durata del
servizio di dodici
mesi. Ai volontari
in servizio spetta
un assegno mensile
di 433,80 euro. I

pagamenti saranno
effettuati a partire
dalla conclusione
del terzo mese di
servizio.
La sede di attivit,
oltre a quella dell
UNC sita in ( R.co
II a Via Tisia 1/D)
in cui si svolgeranno i lavori principali dello Sportello
in collaborazione

con sedi Comunali,


saranno anche sedi
esterne quali negozi, supermercati
nonch tutte le sedi
esterne per svolgere
le pratiche di raccolta prezzi e qualit che vede protagonista il progetto
S.I.I.M.P.T. 8.
Per entrambi i progetti, i servizi of-

ferti saranno per la


promozione e la tutela dei Consumatori. Nello Sportello, saranno svolte
fondamentalmente
le azioni di Conciliazione e tutela.
In quello di Monitoraggio prezzisar
svolta
principalmente
unazione
di informazione e

zione per un unico


progetto di servizio
civile nazionale. La
promozione per il presentazione di pi
Consumatore. Per domande comporta
informazioni
ri- l esclusione dalvolgersi all Ente la partecipazione a
Unione Nazionale tutti i progetti inseConsumatori ( R.co riti nei bandi citati.
I requisiti necessari
II a Via Tisia /D );
Tel: 0931 412904; per essere ammessi
e-mail;
uncsi- sono:
racusa@virgilio. Possono partecipait;
consultazione re alla selezione i
sito internet: www. giovani, senza diuncsiracusa.it. La stinzione di sesdomanda di parteci- so, che alla data di
pazione, indirizza- presentazione della
ta direttamente all domanda abbiano
Ente che realizza il compiuto e non suprogetto prescelto, perato il ventottesideve pervenire allo mo anno di et.
stesso entro e non . essere regolaroltre le ore 14.00 mente residenti in
del 15 dicembre Italia.
. essere disoccupati
2014.
Le domande perve- o inoccupati.
nute oltre il termine . non essere inseristabilito non saran- ti in un percorso di
no prese in consi- istruzione o formaderazione. La do- zione (non iscritmanda, firmata dal ti a corsi di studio
richiedente, deve secondari superiori
o universitari) o di
essere:
- redatta secondo formazione.
il modello riporta- . essere registrati al
to nellallegato 2 programma Iniziaal presente bando, tiva Occupazione
attenendosi
scru- Giovani in data anpolosamente
alle tecedente a quella
presentazione
istruzioni riportate di
in calce al modello della domanda.
. non aver riportastesso;
- accompagnata da to condanna, anche
fotocopia di valido non definitiva, alla
documento di iden- pena della reclusione superiore ad
tit personale.
- Corredata dalla un anno per delitto
scheda di cui all contro persona o
allegato 3, conte- concernente detennente i dati relativi zione, uso, porto,
trasporto, importaai titoli.
Le domande posso- zione o esportaziono essere presentate ne illecita di armi
esclusivamente se- o materiali esplocondo le seguenti denti, ovvero per
delitti riguardanti
modalit:
1) Con Posta Elet- l appartenenza o il
tronica Certificata favoreggiamento a
(PEC) di cui ti- gruppi eversivi, tertolare linteressato roristici, o di crimiavendo cura di al- nalit organizzata.
legare tutta la docu- La selezione dei
mentazione richie- candidati sar effetsta in formato pdf. tuata dall ente che
All indirizzo Pec realizza il progetto
uncsiracusa@pec.it prescelto seguendo
2) A mezzo racco- le procedure selettive dellart. 5 del
mandata A/R.
bando. I volontari
3) A mano.
E possibile presen- ammessi saranno
tare una sola do- preventivamente
manda di partecipa- avvisati.

22 novembre 2014, sabato

Visita del Club KIWANIS di Siracusa allIstituto Comprensivo RAITI

La giornata a favore
dellinfanzia e delladolescenza
La partecipazione degli alunni stata
attiva e allo stesso tempo propositiva

Il

Kiwanis di Siracusa
scende in campo per
la giornata a Favore
dellInfanzia e dellAdolescenza, presentando agli
alunni della scuola Raiti
di Siracusa la Carta sui
Diritti approvata dallAssemblea delle Nazioni
Unite (ONU) a New York
il 20 Novembre del 1989.
Il Kiwanis ha dato un
segno tangibile della sua
presenza sul territorio
e nella citt, cogliendo
linvito del Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela
Cucinotta. Abbiamo organizzato questa giornata
- ha detto il Presidente
del Club KIWANIS di
Siracusa Donato Maiorca - per sensibilizzare i
giovani ad approfondire
le tematiche dei contenuti
articolati nella convenzione dei diritti dellInfanzia
e dellAdolescenza a
distanza di 25 anni dalla
FONDAZIONE ONU.
La partecipazione degli
alunni stata veramente
attiva e allo stesso tempo
propositiva discutendo i
vari articoli e confrontandosi con la loro esperienza

In foto, una classe del Raiti.

di vita quotidiana.
Non mancata loccasione per ricordare, attraverso la proiezione di un
filmato, limportanza del
progetto ELIMINATE
che vede impegnati il
KIWANIS INTERNATIONAL & LUNICEF
a livello internazionale
per Eliminare il TETANO
MATERNO E NEONATALE da tutto il mondo.

Gli Alunni della Scuola


Raiti sono stati protagonisti sposando la Nobile
Causa del Progetto ELIMINATE, indossando il
braccialetto regalato dal
KIWANIS di Siracusa.
Liniziativa stata favorita grazie alla campagna
fondi che il KIWANIS di
Siracusa ha condotto nella
propria citt sensibilizzando Sponsors Locali.

Il valore di acquisto di
tre dosi di vaccino pari a
$1,80 permette di salvare
la Vita di una Mamma e
del suo Bambino
Liniziativa del KIWANIS di Siracusa, commenta Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Angela Cucinotta
un segno tangibile per
lattenzione e lamore nei
confronti di tutti i bambini
del mondo.

presso la galleria roma dal tema: dittico siracusano

Le opere di Luciano Paone e Giacomo


Perticone tra intimismo, natura e mito
Lesposizione di opere che Luciano Paone e Giacomo

Perticone propongono in un allestimento sobrio ed


elegante nella Galleria darte contemporanea Roma
di Ortigia, nella sua naturale complementarit e nella
comune pratica, anche, di una pittura di paesaggio en
plein air - pratica quasi completamente relegata oggi a
una dimensione amatoriale - va letta come un dittico.
Nella fresca immediatezza di una pittura sensitiva e
sincera, che non ci tiene ad essere incasellata in una
qualsiasi tendenza, le opere di Paone e Perticone
emanano una essenza reale e fantastica insieme, un
poco incantata come quella che si percepisce in certe
musiche di Grieg: balsamica e pacificata come un profumo resinoso.
Le opere esposte costituiscono brani magnifici di un
creato felicissimo, in cui mito e storia sprofondano nella
natura e riemergono luminose e vive: marine scoperte in
tagli di coste morbide che sembrano abbracciare il mare,
torri, templi, casolari remoti, piazze ed eremi, poesia di
montagne, di vulcani, di fiumi e di acque limpidissime,

di tempeste impetuose; di riflessi della natura nella storia


e della storia nella natura, in una simbiosi antica e sempre
ritrovata, colta dallo sguardo sincero e profondo dei due
pittori. In Luciano Paone la fluida stesura dei colori, a un
tempo contenuta ed eccitata, d la possibilit alla materia
cromatica di inserirsi, fluire, cadere rapida ad abbracciare
le forme, per poi svanire o ritornare a macchiare, fondendosi in giochi di colore, creando brillii, trasparenze, palpiti
coloristici di un vero incantato.
Forme e colori esprimono il temperamento equilibrato
dellartista, fondato su un felice connubio tra la riflessione
intellettuale e la componente emotiva, che trova massima
espressione nellintensit del colore e nella ricerca di una
spazialit vasta e diffusa, che accoglie in s la narrazione
dei luoghi del mito e della classicit siracusana in cui si
rispecchia lanima dellautore, che si ricompone nellassetto
strutturale del dipinto e nella solidit del lineamentum
che allude a vere e proprie architetture cromatiche.
Giacomo Perticone crea una pittura che , nel suo fundamentum, esperienza.

Sicilia 11

societ

evento

E Jos
Lo Menzo
il vincitore della
prima cocktail
competition
siracusana

mericani, Spritz, Long


Island ma anche caff innovativi da bere e mangiare
insieme e fumanti Irish Coffee, questi ed altri i territori
di sfida dei ventisette partecipanti alla prima cocktail
competition FIPE tenutasi
ieri a Siracusa presso la
sede Confcommercio.
A vincere il primo posto
Jos Ignacio Lo Menzo,
floridiano doc di origini colombiane che ha
conquistato la giuria con
la preparazione del suo
Mexican Green, una
miscelazione long drink di
tequila, liquore alla mela,
midori, zucchero, lime
e lemon soda. La giuria,
composta dal Presidente
Provinciale FIPE Enza Privitera, l'Assessore alle Attivit Produttive di Siracusa
Maria Grazia Cavarra, il
vice presidente di Slow
Food Sicilia e il tecnologo
alimentare Andrea Campisi, ha assaporato le varie
miscelazioni e decretare
il podio dei migliori tre
stato impossibile, tanto da
realizzare ben due ex aequo
per i secondi e terzi posti.
Secondi classificati Davide
Scroppo con il pre-dinner
Belle poque e Carmelo
Lopes con l'after-dinner
Energia di Mezza Sera; terzi classificati, invece, Luca
Rubera con il suo Bronte,
un mix realizzato con tequila e rosolio di pistacchio,
e Roxana Crismaru con il
suo cocktail champagne
Passione Italiana. Ringraziamo il formatore FIPE
Pierluigi Cucchi per la sua
preziosa collaborazione e
grande professionalit
ha dichiarato il Presidente
Confcommercio Siracusa,
Sandro Romano con il suo
entusiasmo ha saputo coinvolgere i ragazzi facendoli
innamorare di questo straordinario mestiere. Siamo
lieti di proseguire anche
il prossimo anno questa
partnership sperimentata
con grande successo continuando ad offrire alla nostra
citt percorsi formativi di
grande livello.

attualit 12

Sicilia 22 novembre 2014, sabato

22 novembre 2014, sabato

LOSSERVATORIO

Decisioni di vertice affrettate e perniciose per la collettivit

Il ponte dei calafatari


devessere ricostruito

E una struttura necessaria per il traffico e per la sicurezza


Salvatore Maiorca

Ponte

dei calafatari addio. E poi?


E questo il punto:
il dopo. Il Comune
si dice determinato
a non ricostruirlo.
Ma le contestazioni
non mancano. E, a
dire il vero, lago
della bilancia pende tutto dalla parte
delle contestazioni.
Vediamo perch,
anzi vediamo i tanti
perch.
Il primo motivo
si riassume in due
parole: traffico e
sicurezza.
Primo motivo: il
traffico. Chiuso il
ponte dei calafatari, in attesa della
demolizione, tutto
il traffico in uscita
da Ortigia si concentra ormai sul
ponte Umbertino.
Con laggravan-

Il Comune determinato a non ricostruirlo.


Ma le contestazioni non mancano. E lago della
bilancia pende tutto dalla parte delle contestazioni
te che in uscita
da Ortigia tutti i
veicoli devono seguire un tortuoso e
lungo percorso che
li porta a confluire

sul ponte Umbertino, incrociando i


veicoli provenienti
da piazza Pancali.
Ed un caos, un
inferno.

Provate a stare un
po, pochi minuti
appena, sul ponte
Umbertino, in una
normale fascia oraria della giornata.

Non c un attimo
di tregua nel flusso veicolare. Ed
massa critica di
veicoli circolanti,
rumore, addensamento di scarichi,
quindi caos circolatorio e inquinamento acustico e
atmosferico.
Tutto questo accade in una normale
fascia oraria, normale per i flussi
veicolari.
Se poi provate a
soffermarvi per
qualche minuto in
unora di punta,
per esempio sabato sera, domenica
sera, ma anche di
mattina in questi
due giorni specialmente, la reazione
una sola: scappare;
il pi in fretta possibile. Non se ne pu
pi: i polmoni, le
orecchie, gli occhi,

CULTURA Presentato a Palazzolo il nuovo libro di Aldo Formosa


Presentato il libro
"Scendendo dal cavallino
della giostra" di
Aldo
Formosa
al Rotary club di
Palazzolo Acreide.
stata una serata che ha riscosso
molto successo,
sia per la personalit dell'autore
sia per la critica
letteraria tenuta
dallo scrittore e
giornalista Salvatore Scalia.
II
presidente
del Rotary Club
"Valle dell'Anapo", Nino Cucu-

Scendendo dal cavallino


della giostra. Ma non troppo

Relazione di Salvatore Scalia e intervento dellAutore

rullo, ha aperto
la cerimonia dando il benvenuto
ai soci, ad Aldo
Formosa, a Salvatore
Scalia,
sottolineando la
valenza della manifestazione che
sinserisce
nel
contesto
delle
iniziative culturali 2014 e della
presenza fattiva
del sodalizio nel

Tutto il flusso veicolare in uscita da Ortigia


confluisce sul ponte Umbertino. Ed massa
critica di veicoli circolanti, rumore, addensamento di scarichi, quindi caos circolatorio
e inquinamento acustico e atmosferico
scoppia tutto.
Domanda: qualcuno dei signori tecnici e dei signori politici del Comune ha
fatto una esperienza
del genere sul ponte
Umbertino? C
proprio da dubitarne. Seriamente.
Allora una preghiera da rivolgere
a lorsignori: per
favore (come dice
papa Francesco),
per favore, fate
qualche piccolo sopralluogo (piccolo
piccolo, breve breve) quanto basta per
capire. Almeno un
po cosa significa
eliminare il ponte
dei calafatari. E
forse capirete (forse!) come questa
eliminazione non
possa non riuscire
perniciosa.
Ma c poi la questione sicurezza. Il
ponte dei calafatari
stato sempre considerato luscita di
sicurezza da Ortigia
in caso di calamit.

Anzi si era pure


pensato a un miglior collegamento
viario sulla terraferma. Poi tutto
s fermato. E ora
si parla addirittura
della sua definitiva
eliminazione. Follia pura.
E poi una consi-

territorio. Il socio
Pippo Bennardo.
Bennardo ha poi
evidenziato
in
sintesi la figura
artistica di Formosa rimarcando l'importanza
della presenza e
della partecipazione del critico
letterario Scalia.
L'amministrazione
comunale di Palazzolo
era rappresentata dalla delegata del sindaco,
Melita Girasole,
capogruppo
di
maggioranza nel
Consiglio comunale, la quale ha
espresso il com-

piacimento
del
sindaco e suo
personale
per
l'avvenimento.
Quindi
Salvatore Scalia ha
tenuto una brillante
relazione
sul libro di Formosa, non solo
illustrandone
i
contenuti ma anche sottolineandone le modalit
di realizzazione,
la scrittura, il linguaggio, segnalando all'uditorio
alcune coordinate di particolare
pregio quali l'ironia e il paradosso.
Poi ha preso la

derazione, signori,
una sola: il ponte
Umbertino la porta di Ortigia. Ma
veramente volete
osare maltrattarla, oltraggiarla con
questo fiume di
traffico che vi si
addensa in mancanza del ponte dei

Sicilia 13

attualit

calafatari? Suvvia,
non scherzate con
le cose serie! Per
favore! Un po di rispetto per Ortigia. A
cominciare dallaccesso allIsola. In
concreto. Al di l
delle parole. Laccesso storico il
ponte Umbertino.
Non oltraggiatelo
con questo infinito, infernale flusso
veicolare.
Daltra parte, per
ricostruire il ponte
dei calafatari, con le

I tre ponti di Ortigia: da sinistra quello dei Calafatari da demolire,


l'Umbertino e il ponte Santa Lucia detto anche "ponte gobbo"

tecnologie di oggi
non c pi bisogno
di riprodurre quella
mostruosa struttura
in cemento armato
che si sta per demolire. Che purtroppo
analoga a quella
del terzo ponte,
quello tra via Malta
e Ortigia, denominato ponte Santa
Lucia e ribattezzato ponte gobbo.
Oggi esistono strutture leggere (in
acciaio per esempio) prefabbricabili e collocabili
in opera in quattro e quattrotto.
A basso costo e
basso impatto am-

bientale. E non c
bisogno alcuno di
andare a disturbare, ad esempio, un
Santiago Calatrava
Valls, larchitetto e
ingegnere spagnolo mago dei ponti
pi importanti del
mondo, per nozioni
del genere.
N si pu dire che
strutture del genere
turbino il decoro
di Ortigia. Venezia
densa di ponti
sui suoi tanti canali. Cos pure Amsterdam. Cos pure
Roma sul Tevere.
Cos pure Firenze
sullArno. E Parigi
sulla Senna. E Lon-

dra sul Tamigi.


Allora, prima di
decidere di non
ricostruire questo
ponte, per favore,
i signori amministratori, i signori
tecnici di loro supporto, analizzino
bene la situazione,
la raffrontino con la
situazione di altre
citt, a cominciare
da quelle appena
citate, le quali non
sono certo meno importanti di Siracusa
e di Ortigia. Consultino esperti e
cittadinanza. Dio
ci liberi dalle decisioni arbitrarie del
potere.

parola Aldo Formosa, il quale ha

puto evidenziare
del libro anche

alcuni
passaggi analizzati con
acume critico.
Dopo il ringraziamento
per
l'ospitalit, Formosa ha tenuto
un breve intervento dicendo tra
l'altro: " stato
scritto che l'autore non trova pace
nell'assorbimento dei valori della
vita, ma li elabora nella propria
continuit creativa.
Cos ogni storia
diventa madre di
nuove presenze,
di altre creature
inventate e destinate a popolare

la sua immaginazione trasmigrando nella partecipazione


del
lettore. Perch un
libro continua il
proprio sviluppo
creativo nel lettore, che si addentra tra le pagine
cercando stimoli
ed emozioni.
Un libro - ha
concluso Formosa - come un
bambino che nasce alla vita, ma
per crescere ha
bisogno di essere
condiviso entrando nello spazio
emozionale di chi
legge".
Rossella Rizza

ringraziato Scalia per aver sa-

Sopra un primo piano di Aldo Formosa. A sinistra Aldo con Lydia Alfonsi

Cultura 14

Hanno clonato san Cal


di Arturo Messina

Nellottica dei prossimi festeggiamenti


della santa patrona di
Siracusa, Santa Lucia,
lassociazione culturale Turiddhu Bella,
fondata e presieduta
dalla prof.ssa Maria
Bella,
validamente
collaborata da Dominella Santoro e da
Lalla Bruschi, gioved scorso ha presentato nella biblioteca
dei frati Cappuccini,
il libro del giovane
giornalista trapanese
Giovanni Cammarata
dallemblematico titolo Hanno clonato
San Cal. Abbiamo
detto emblematico il
titolo perch in senso
traslato, perch riteniamo che lautore
abbia usato il termine
semplicemente
per
stupire e interessare il
lettore. Infatti il termine clonazione deriva
dal greco kln, che
vuol dire ramo; in biologia si intende la riproduzione asessuata,
naturale o artificiale,
dun intero organismo
vivente o anche duna
singola cellula; nella
moderna genetica vuol
significare la riproduzione di copia geneticamente identica
di organismi viventi,
tramite manipolazione genetica. Nel caso
specifico lintelligente
e arguto giornalista ha
voluto significare che
ad Agrigento, dove si
venera San Calogero
pi dello stesso patrono della citt (che
San Gerlando), del
simulacro del santo,
che negli anni si era
deteriorato,
hanno
realizzato una copia.
Ma questo non significherebbe affatto che
la devozione del santo
eremita si sia affievolita Tanto vero che
lo stesso Andrea Camilleri, che di Porto
Empedocle,
(paese
dellagrigentino dove
il culto del santo eremita molto sentito,
pur definendosi ateo,
molto devoto al santo
eremita negro( negro
perch fu ritenuto cartaginese e non calcide-

Nella biblioteca dei frati Cappuccini, gioved sera il dr. Gianni Failla ha presentato il libro
del collega giornalista trapanese Giovanni Cammarata
se!) e lo definisce il
pi popolare e popolano della Sicilia!
Prima che Gianni
Failla presentasse il
giornalista scrittore ai
convenuti, abbiamo

ni Cammarata e chi
egli?
Il mio collega un
giornalista che scrive
per diverse testate; sul
rispetto delle nostre
tradizioni e in parti-

tramandato i nostri avi


e che pertanto dovremo tramandare ai posteri!
-Sei daccordo su
quello che lautore ha
scritto, che le nostre

noi eravamo bambini,


in occasione, ad esempio, della festa di San
Sebastiano a Melilli, a
Palazzolo,di san Paolo
nello stesso Palazzolo,
quella di Santa Lu-

Nel caso specifico


lintelligente e arguto giornalista ha
voluto significare
che ad Agrigento,
dove si venera San
Calogero pi dello
stesso patrono
della citt (che
San Gerlando), del
simulacro del santo, che negli anni
si era deteriorato,
hanno realizzato
una copia.

In alto, presentazione del libro;


A fianco, la pro.ssa Maria Bella;
Sopra, Gianni Failla.
voluto intervistare il
presentatore per conoscere la sua opinione,
non tanto riguardante
lautore e il contenuto
della sua pubblicazione, n per obiettare
sulla sedicente clonazione del santo ,quanto sul cambiamento
delle feste, su che cosa
il cambiamento consiste, se un fattore
positivo o negativo,,
sulle motivazioni del
mutamento. La prima
domanda che gli abbiamo rivolto stata:
-E la prima opera
che pubblica Giovan-

colare delle nostre feste, ha scritto questo


libro che ho letto con
vivo piacere e ritengo
molto interessate, perch le oltre 150 pagine sono illustrate da
numerose fotografie
che si riferiscono alle
feste pi importanti e
tradizionali della Sicilia e che dimostrano,
in effetti, lattenzione
che egli ha da sempre
avuto per quelle che
sono la componente
principale delle nostre
tradizioni. Sono, del
resto, il retaggio pi
prezioso che ci hanno

tradizioni si stanno
perdendo e che le feste non sono pi come
quelle che si svolgevano nel passato, e se
pi non lo sono, in che
cosa sono cambiate?
In che cosa sono cambiate le feste religiose
che ancora si svolgono
nella nostra provincia
con lo stesso entusiasmo, lo stesso fervore,
la stessa devozione, le
stesse spese che si affrontavano nel passato, con la stessa partecipazione del popolo,
con cui si celebravano
nel passato, quando

cia a Siracusa, di San


Corrado a Noto, di
SantAlfio a Lentini,
il tuo paese, per non
parlare della festa di
SantAgata a Catania
o di quella di Santa
Rosalia a Palermo?
In effetti-e questo
ci tengo molto a dirlo, perch ci sono
coinvolto direttamente- (n.d.a.: Gianni
Failla oltre ad essere
il vicedirettore del
Cammino, pubblica personalmente un
pregevole opuscolo
dedicato a Santa Lucia nelle due celebra-

zioni annuali che a


Siracusa si celebrano
della santa patrona) il
rito, la scaletta del programma, direi anche
lentusiasmo popolare
sono sempre gli stessi, almeno dal 600
In effetti lautore non
generalizza,, ma riporta quanto accaduto
ad Agrigento, dove il
simulacro di san Calogero ha subito quello
che egli definisce una
clonazione per dire
che ne stata realizzata una copia perch
quella di diversi secoli
addietro si era definitivamente deteriorata.
A questo punto gli ho
domandato:
-Ma forse mutata,
affievolita, la devozione che gli agrigentini
hanno avuto nel passato, anche se delleffigie stata realizzata
una copia? A Siracusa
forse affievolita la
devozione per Santa
Lucia?
Direi di no! Lo stesso urlo che i siracusani
gettavano nel passato:
<Sarausana !... Viva
Santa Lucia!> lo sentiamo ancora oggi; anzi
a Siracusa nel contesto
della festa di Santa Lucia, da diversi anni si
aggiunta unaltra bellissima consuetudine
che vogliamo diventi
radicata tradizione per
il futuro: quella di far
venire dalla lontana
Svezia una ragazza, a
simboleggiare che la
martire concittadina e
concittadina di tutte le
persone del mondo.
A questo punto io
avrei detto a Gianni
Failla ( che fu mio
alunno di lezioni private di Italiano, Latino
e Greco ai primissimi
anni del 60 a Lentini
e che molto ha preso,
oltre che appreso, da
me, in cultura come
in carattere e comportamento): -Perch
non inviti il tuo amico
a constatare se la devozione per Santa Lucia
si affievolita, venendo a Siracusa quando
la Santa arriver da Venezia? Sicuramente gli
verr di scrivere un altro libro: Mutatis mutandis, fides perennis!

Sicilia 15

22 novembre 2014, sabato

Sicilia 22 NOVEMBRE 2014, SABATO

SPORT SIRACUSA

Contro il Citt di Messina tre bomber in prima linea?

Inedito tridente azzurro


per sbancare il Celeste

Anastasi vara un nuovo modulo per sfatare il tab-trasferta


senza esporre la difesa, di questi tempi non proprio
ermetica, alle pericolose ripartenze dei padroni di casa

isto
che
il
Siracusa a sfatare
il tab-trasferta, a
quanto pare, non
ci pensa proprio,
Anastasi fa di testa
sua e per la trasferta di Messina tira
fuori dal cilindro
un modulo inedito
che in teoria dovrebbe portare non
solo genericamente
a buoni risultati, ma
allunico risultato
che gli pu consentire di tenere
il passo delle due
squadre pi pericolose che lo sopravanzano: il Vittoria
e lo Scordia. Quindi, difesa a tre con
Orefice al centro e
Montella e Liistro
sulle fasce, solito
centrocampo con il
rientrante Scarano
e DAgosta esterni

e Arena e Pettinato
centrali. Attacco a
tre punte allo scopo di scardinare
una difesa, peraltro
priva di Munaf e
di Romeo, ma che,
tutto sommato,
riuscita ad arginare domenica scorsa
lattacco dellIgea
Virtus, una delle
candidate alla promozione.
Dovr,
per, il tecnico
azzurro
vagliare
prima le condizioni della difesa che
questa volta potr
contare sulla solita, buona copertura
di Pettinato che ha
scontato la squalifica e di Fabio Arena
ormai avviato verso
un rendimento pi
che soddisfacente.
Resta, come al solito, il problema

Calcio, per il Real Siracusa


arriva il Trecastagni
Vittoria preziosa e tre

punti doro,
per il Real Siracusa che ha espugnato il Nino Bottino di Patern, compiendo un passo avanti importante
in classifica. "Grande prova della
squadra ha commentato il tecnico
Danilo Gallo -. Sono contento per
latteggiamento e per lo spirito combattivo ma anche per la qualit del
gioco mostrato. Abbiamo girato il
pallone con grande saggezza, verticalizzando e colpendo al momento
giusto.
E stata una prova di maturit importante in un momento delicato del
campionato, perch siamo quasi alla
fine del girone di andata ed fondamentale per noi non perdere terreno
dalla zona playoff. Oggi alle 18 al
Giorgio Di Bariarriva il Trecastagni. E il momento di trovare continuit di risultati ha concluso Gallo
-. Affronteremo una buona squadra
ma sono convinto che, ripetendo la
prestazione di Patern, possiamo
batterla.

degli under, aggravato


dallincerta
forma di Pandolfo
fra i pali, che suggerirebbe il rientro di Vitale, ma
questo un nodo che
probabilmente verr sciolto poco prima di scendere in
campo.
Proseguono intanto le prove e le
controprove di fattibilit di una formazione
inedita,
effettuate fra un
reclamo che va in
archivio, quello che
riguardava
Giuseppe Carbonaro,
e un altro in arrivo, quello proposto
dalla Castelbuonese per larroventato
finale causato pi
dagli isterismi degli ospiti che dalle
intemperanze dei

In foto, lo Stadio "Giovanni celeste" di Messina

sostenitori aretusei.
Passando infine alle
ultime notizie che
filtrano dalla citt
dello Stretto, danno in forti ambasce il binomio che
guida la squadra
giallorossa formato da DAndrea e
DAlessandro, per
la contemporanea
impossibilit
di
utilizzare per squalifica ben quattro
elementi
importanti come Costa,
Munaf, Romeo e
Salvatore Trovato.
E se per la sostitu-

zione del centrale


difensivo ci sarebbe gi pronto Moreno Bus, appare
pi che probabile lutilizzo nella
linea centrale di
DAngelo, ormai
guarito dallinfortunio,
fermo restando
limpiego
del
mobilissimo
Cariolo e di Mastroieni in avanti.
Superfluo aggiungere che le forzate
assenze fra i padroni di casa favoriranno il Siracusa
che lamenta la sola

Pallamano, l'Abatro ad Alcamo


a caccia della prima vittoria esterna

Prosegue, senza soste, il campionato di Serie A Maschile 1^ Divisione Nazionale ultimo match del girone d'andata.Ad aprire il
calendario della 9^ giornata, alle ore 17:00,
il derby siciliano tra TH Alcamo e Teamnetwork Albatro (arbitri Savarese Bocchieri)
Per i ragazzi di mister Vinci un match da non
sottovalutare contro gli alcamesi di Randes,
reduci di una pesante sconfitta nello scontro
salveza contro il Conversano. Per Vasquez il
compito di sfatare la maledizione della "trasferta", che li vede ancora a 0 punti fuori dal
PalaLoBello .
Nelle altre gare Impegno casalingo per la Junior Fasano, che alla Palestra Zizzi riceve la
visita del Benevento (h 19:00, arbitri Amendolagine Potenza). Alle 18:00 fischio dinizio dei signori Chiarello Pagaria per la sfida
tra Geoter Gaeta e Conversano, mentre alle
20:00 la Dorica, seconda forza del campionato, ospite della Lazio (arbitri Lorusso
Strippoli).

S.C.

assenza di Palermo,
appiedato dal giudice sportivo, anche se ai tre frombolieri che Anastasi
intende proporre in
contemporanea in
avanti, bisogner
pur dare un adeguato supporto di rifornimenti. Per gli
azzurri loccasione,
almeno sulla carta,
appare pi che propizia per colmare la
casella delle vittorie fuori casa. Bisogner vedere se
sapranno sfruttarla.
Armando Galea

Calcio, per il Siracuse porte


chiuse nella sfida di Messina
Domenica 23 novembre il
Siracusa affronter in trasferta
il Citt di Messina al Giovanni Celeste di Messina alle ore
14.30, e lo far a porte chiuse. Infatti la Questura di Messina, ha
segnalato che lo stadio non possiede i requisiti di agibilit per
ospitare pubblico e, pertanto, la
partita in oggetto dovr svolgersi
in assenza di pubblico.
Mentre mercoled 26 novembre
gli azzurri sfideranno il Giarre al
Nicola De Simone, inizio fissato alle ore 14.30, per il ritorno dei
Quarti di Finale di Coppa Italia.
Vista la grande rivalit tra le due
tifoserie, la vendida dei tagliandi
per il settore ospiti sar disponibile fino alle 19:00 del giorno
precedente, previa esibizione da
parte dellacquirente di un documento di identit e solo nelle ricevitorie individuate dalle societ sportive sotto la responsabilit
delle stesse.

SPORT PAGINA 17

Sicilia

22 novembre 2014, sabato

Esordio al
"Paolo Caldarella"
della 7 Scogli
contro la Rari
Nantes Salerno

In foto, il nuovo acquisto


della 7 Scogli Camilleri

Pallanuoto A2/M, al Paolo Caldarella


debutto casalingo per la 7 Scogli
T

rasferta insidiosa per i ragazzi di


mister Leone, che
dovranno vedersela con la President
Bologna che ha gi
dimostrato di essere una squadra
rocciosa e caparbia in un campo
come quello di
Salerno, dove in
pochi sono riusciti
a portare via punti. Alla squadra di
Salonia toccher
dunque dimostrare
altrettanto valore
anche tra le mura
amiche nonostante lavversario sia
unOrtigia che nella prima giornata ha manifestato
solo una parte del
proprio potenziale
grazie alla pericolosit di un mancino come Danilovic. Esordio al
Paolo Caldarella
della
promossa
Canottieri 7 Scogli contro la Rari
Nantes
Salerno
forte di una buona
prestazione fornita allesordio ed
quindi motivata
pi che mai a fare
bene davanti ai
propri tifosi.
La partita sar

I Ragazzi di mister Leone a Bologna


in cerca di conferme contro la President
tuttaltro che scontata.Nonostante la
Rari Nantes Salerno sia una tra le
squadre pi esperte della categoria, la formazione
siracusana
potr
di nuovo contare
sullapporto di un
giocatore di gran-

de spessore come
Camilleri, assente contro la Roma
Nuoto. A far pendere lago della
bilancia da una
parte piuttosto che
dallaltra ci potrebbe essere, tra laltro, il fattore campo, che nel caso

della piscina Caldarella di Siracusa


ha sempre un impatto maggiore rispetto al consueto.
A suonare la carica
per gli aretusei il
Presidente Capillo,
vero artefice del
miracolo 7 Scogli
che in soli 2 anni

Calcio a 5 A2/M,
l'Augusta a Policoro
per ritrovare la vittoria
La Serie A2 di calcio a 5, manda in
scena questo sabato
la nona giornata di
andata. Nel girone
B (ore 17), trasferta da prendere con
le dovute attenzioni
per la Salinis (priva
degli
squalificati
Colangelo e Perri)
in casa della Partenope. E con lAtletico
Belvedere
fermo per osservare
il proprio turno di
riposo, sono pronte
ad approfittare del
difficile test che at-

tende la capolista
sia il Catania (alle
prese con la Libertas Eraclea) che la
Carlisport Cogianco, che ritrova Ippoliti per il derby con
la Roma Torrino
ultima in classifica.
Acireale e Futsal
Isola pronte a sfruttare il fattore campo
contro Catanzaro e
Odissea 2000, alle
quali la classifica
impone almeno un
punto. Dopo due
stop di fila, lAugusta risale la pun-

ta dello Stivale per


sbarcare a Policoro:
ma il Borussia non
pu fare ulteriori
concessioni se non
vuole ritrovarsi impelagato nella lotta sui fondali della
graduatoria.

ha raggiunto la serie A. "Sono davvero orgoglioso di


come sta crescendo
la nostra societ.
Prosegue il progetto di rafforzamento
societario e organizzativo.
Ogni
giorno riceviamo
grandi apprezzamenti per il duro
lavoro che stiamo
portando avanti e
siamo orgogliosi
di vedere l'impianto della Cittadella
dello Sport,ed in
particolare le piscine,
stracolme
di gente. Siamo
coscienti di essere
diventati una realt emergente della
pallanuoto italiana e contenti dei
complimenti ricevuti dal Presidente
Barelli, incontrato
a Roma la scorsa
settimana. Sabato
ci attende una gara
delicata contro una
squadra molto forte ma sono certo
che i ragazzi daranno il 100 %".
Appuntamento f da
non perdere oggi
alle ore 15:30 presso la piscina "Paolo Caldarella".
Salvatore Cavallaro

Calio,
iBelvedere
torna in campo contro il
Gela. Tante
le assenze
nelle file
aretusee
Il Belvedere dopo
la sosta, torna in
campo , oggi, a
Gela. Terza trasferta in terra nissena nel solo girone dandata per
Messina e compagni che domani
si troveranno di
fronte il Macchitella.
Un appuntamento
importante per il
Belvedere che ha
bisogno di punti
per togliersi dalla
zona play out del
girone D di Promozione. Ma non
sar un compito
agevole
anche
per le assenze del
capitano Carmelo
Messina squalificato, di Conti
e Tralongo alle
prese con impegni lavorativi e
di Giardina con
un problema alla
caviglia. Rientra
dalla squalifica il
difensore Christian
Saraceno
che far coppia
con Rossitto anche se questultimo non in
perfetta
forma
fisica. Insomma,
qualche problema di formazione per Costantino
Forcellini,
alla sua prima in
panchina dopo le
dimissioni di Nicola Bonarrivo:
Vogliamo vincere dice per
dare una svolta
alla classifica e
sono sicuro che
la squadra far
una grande partita perch in queste due settimane
i ragazzi si sono
allenati alla grande.