Sei sulla pagina 1di 9

Calcio

Cronaca

Beppe Mascara
verso la panchina
del Siracusa

Fiaccolata in memoria
di Eligia Ardita
e della figlioletta
A pagina due

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina quindici

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
domenica 14 giugno 2015 Anno XXVIIi N. 138 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00

Cronaca. Confronto ieri allIsisc tra Universit e Guardia di Finanza

Domani mattina i funerali

Confisca e riciclaggio Un saluto


al Professore
Cos si lotta la mafia Arturo Messina
Illustrate le linee guida della nuova normativa
Proprio di recente a
Lentini stato consegnato a llassociazione
Libera un terreno confiscato alla mafia locale. Nel nostro territorio
sono complessivamente 90 i beni appartenuti
a mafiosi, confiscati e
acquisiti al patrimonio
dello Stato. 79 sono solo
gli immobili, fra appartamenti in condominio
(31) box, garage, autorimesse e posto auto (13)

EDITORIALE

Rimettere
in moto
leconomia
I

di Giuseppe Bianca

l meccanismo sempre
lo stesso. Si tratta per di
metterlo in moto. Anzi di
riuscire a metterlo in moto.
Leconomia siracusana sta
girando a vuoto. Imprese,
che prima rasentavano
fatturati importanti e avevano decine di dipendenti,
oggi lamentano sofferenze
finanziarie e di liquidit e
reclamano a pi voci interventi a vario titolo per
consentire oltre che sgravi fiscali soprattutto la ripresa economica a tutti i
livelli.
A pagina tre

A pagina cinque

citt

economia

Da domani
Ortigia
visite
piazza
allArtemision dellExpo
Al via da domani le visite LAntico
guidate allArtemision, il
padiglione di piazza Minerva che custodisce.

mercato di
Ortigia sar una delle
piazze vetrine scelte per
la promozione.

A pagina tre

A pagina due

TACCUINO

Un debito
sul capo
dei cittadini
di Titta Rizza

Non basta una denunzia

penale e fra laltro a tempi supplementari scaduti,


per aversi contezza di un
fatto gravissimo.

Si celebrano domani mattina con inizio alle ore


10 alla chiesa di Grottasanta, i funerali del professore Arturo Messina, indimenticato collaboratore del quotidiano Libert e di Video 66.

A pagina sette

A pagina dodici

Carnevale segretario
della Fillea Cgil
Salvo Carnevale
il nuovo Segretario Generale della Fillea-gli edili
aderenti alla Cgil
Siracusa.Succede a
Mimmo Bellinvia.
A pagina quattro

Cronaca di Siracusa 2
SIRACUSA

Fiaccolata
in memoria
di Eligia
Ardita

Sicilia 14 giugno 2015, domenica

nche questa volta c' una donna


morta da piangere. Una donna di 35
anni con una bimba in grembo. E la
sua morte non ha nulla di naturale.
La sua morte ha il sapore amaro
dell'assassinio, un sapore inconfondibile che ormai conosciamo a
memoria.
Gravi lesioni al capo. questo

14 giugno 2015, domenica

uno dei nuovi elementi emersi


dall'autopsia compiuta dal medico
legale incaricato dalla Procura e
che apre nuovi scenari sulla morte
di Eligia Ardita,
infermiera di 35 anni all'ottavo mese
di gravidanza, in attesa della piccola
Giulia. Gravi lesioni al capo emersi
dopo cinque lunghi, interminabili

mesi? pensarci subito. Venerd 19


giugno, alle 18,30 al mercatino di
Sanata Panagia, le volontarie della
Rete Centri Antiviolenza faremo
una fiaccolata per la giovane Eligia
Aerdita, linfermiera deceduta a
gennaio e per la piccola Giulia
che non ha visto la luce portata in
grembo dalla madre.

LAntico

mercato di
Ortigia sar una delle piazze vetrine
scelte per la promozione delle eccellenze
siracusane e della Sicilia orientale nellambito del progetto Sicilia
madre terra, coordinato dall'assessorato
regionale alle Attivit
produttive e collegato
ad Expo 2015. Lannuncio stato dato
dal sindaco, Giancarlo

Garozzo, in occasione della presentazione


tenuta alla Camera di
commercio e alla quale hanno partecipato
lassessore regionale Linda Vancheri, il
presidente della Camera di commercio
di Siracusa, Ivan Lo
Bello, e i rappresentanti istituzionali di
tutti gli altri soggetti
coinvolti. Sicilia terra madre abbraccia

5 province siciliane
(Siracusa,
Catania,
Ragusa, Caltanissetta
ed Enna); nella vetrina di Siracusa, oltre a
quelle dellintera provincia, confluiranno le
eccellenze di Ragusa
e Catania, che a loro
volta ospiteranno i
prodotti siracusani.
Sicilia madre terra
ha lo scopo di intercettare i visitatori che in
questi mesi si reche-

La presentazione delliniziativa.

ranno a Milano e, tra


questi, soprattutto gli
operatori commerciali
italiani e stranieri con i
quali si stanno avviando i contatti. gi in
agenda la presenza di
20 imprenditori cinesi nei primi giorni di
apertura. Le iniziative
prenderanno il via nelle prossime settimana
ed prevista, dal 10
al 16 luglio, una presentazione a Milano

dei prodotti e delle


aziende, a cui sono
state collegate anche
le eccellenze culturali.
Siracusa parteciper
con una rappresentanza degli attori impegnati nelle Rappresentazioni classiche della
Fondazione Inda e
saranno proposti brani
di Le Supplici; Noto
porter
lInfiorata,
Ragusa sar presente
con i luoghi di Mon-

Verde cittadino
Simbolo del degrado
di parchi e ville

bello ha rivolto uninterrogazione


per conoscere i motivi dellaccanimento dimostrato da questa Amministrazione nellabbattere alberi di
pregio e in zone rilevanti della citt.
di questi giorni la denuncia di don
Carlo DAntoni per labbattimento
di numerosi alberi nel parco di Bosco Minniti e questo grave episodio
fa seguito al taglio dei cipressi di
Villa Reimann, del platano centenario di Villetta Aretusa, del giardino
dellArtemision.
Sorbello esprime forte disapprovazione per questi attacchi indiscriminati al derelitto verde cittadino
e chiede se siano state rispettate

sulla mancata apertura della Residenza Sanitaria Assistita di Pachino (SR) con la quale chiedevo lapertura con urgenza della
RSA di Pachino, lAssessore Borsellino ha dichiarato che, dopo
aver ascoltato il Direttore Generale dellASP di Siracusa, si va
verso lapertura con una gestione diretta della struttura entro il

le norme del Regolamento per il


verde pubblico e privato della Citt
di Siracusa, approvato di recente e
allunanimit dal consiglio comunale.
Nel regolamento viene infatti sottolineato che il Comune di Siracusa
intende tutelare, in quanto bene
pubblico, le specie vegetali erbacee,
arbustive ed arboree sia pubbliche sia
private, costituendo tale vegetazione
una componente fondamentale del
paesaggio. Lobiettivo la salvaguardia e la riqualificazione del verde di
propriet pubblica e privata. La tutela
della vita vegetale presente sullintero
territorio comunale si attiva ricorda Sorbello - quando questa assume
una qualsiasi rilevanza ambientale

mese di settembre. Lo comunica lon. Vincenzo Vinciullo. Si


risolver cos linsopportabile problematica che, ad oggi, vede i
cittadini di Pachino, Portopalo, Rosolini, Noto ed Avola costretti
a fare centinaia di chilometri per assistere i propri cari, oppure
a rivolgersi a strutture private di fuori provincia, con notevole
aggravio di costi per le tasche dei cittadini.
Gi durante la XV Legislatura, quando ero segretario della Commissione Sanit, era stata proposta la stessa indicazione, ma poi
non si era raggiunto lobiettivo prefisso perch la Residenza Sanitaria Assistita di Pachino era stata aperta a Lentini.

Come rimettere in moto


leconomia siracusana

critico il consigliere comunale Sorbello

Il consigliere comunale Salvo Sor-

Rispondendo allinterrogazione parlamentare n. 1750 Notizie

Cronaca di Siracusa

editoriale. la politica deve assumersi le proprie responsabilit

presentato il progetto Terra madre

Ortigia
recettore
di attivit
produttive

La Residenza Sanitaria Assistita


di Pachino aprir a settembre

Sicilia 3

e paesaggistica. E il regolamento fa
esplicito riferimento ad aree verdi e
giardini annessi a strutture di servizio,
come gli edifici pubblici e ancora si
precisa che gli interventi colturali
sul verde pubblico e sulle propriet
comunali, effettuati direttamente o
tramite terzi dallAmministrazione
Comunale, devono rispettare i principi del presente regolamento e sono
ammesse. Insomma, il degrado della
citt si nota anche dalle piccole cose,
come nel caso del parco Robinson di
Bosco Minniti, per il quale il parroco
della chiesa annessa aveva chiesto che
gli fosse data maggiore attenzione e
cura per evitare che finisse tutto in
ricordo sbiadito.

talbano e Catania con


i musicisti del Teatro
Massimo Bellini. Inoltre, Siracusa ospiter
in esclusiva un evento
proposto dal Ministero dei beni e delle attivit culturali sempre
nellambito di Expo
2015. La nostra una
citt di tale bellezza
ha detto il sindaco
Garozzo che merita una vetrina internazionale e in questo
senso,
proseguendo
un percorso avviato
gi durante linverno
con la partecipazione
alle Bit, sfrutteremo
tutte le occasioni che
Expo ci offre. Stiamo
mettendo in campo
reali occasioni di sviluppo che vanno oltre
la scadenza dellEsposizione universale; c
una consapevolezza
diffusa e stiamo verificando una collaborazione virtuosa con
lassessorato regionale
alle Attivit produttive e con la Camera
di commercio. Altro
aspetto importante la
realizzazione di applicazioni informatiche
che saranno a disposizione dei visitatori, per
la fruizione dei territori e per supportare le
attivit dimpresa.
LAntico mercato di
Ortigia sar il centro
delle attivit.

di Giuseppe Bianca

l meccanismo sempre
lo stesso. Si tratta per di
metterlo in moto. Anzi di
riuscire a metterlo in moto.
Leconomia siracusana sta
girando a vuoto. Imprese,
che prima rasentavano fatturati importanti e avevano
decine di dipendenti, oggi
lamentano sofferenze finanziarie e di liquidit e reclamano a pi voci interventi
a vario titolo per consentire
oltre che sgravi fiscali soprattutto la ripresa economica a tutti i livelli.
Le famiglie siracusane sono
in sofferenza. Anche quelle
che possiamo tranquillamente annoverare nella cosiddetta medio-borghesia,
sono in gravi difficolt e
non riescono a sbarcare il
lunario. Ci dovuto alla
crisi economica che di fatto blocca in casa fino a tarda et i figli e, addirittura,
quando questi riescono a
formare famiglia, a causa
della precariet del lavoro
della coppia, si rifugiano
direttamente dai genitori.
Siracusa piena di questi
esempi e purtroppo non
sempre si riesce ad arrivare
alla fine del mese anche con
pensioni dignitose.
Eppure, non ci stanchiamo
mai di dire che questa nostra terra ha risorse e propensione verso la crescita
culturale ed economica in
generale. Ha potenzialit
inespresse che potrebbero
essere messe in rampa di
lancio per costituire lossatura del futuro sviluppo
economico.
Ma serve una classe dirigente pi coinvolta e coinvolgente. Servono progetti
percorribili e fruibili a qualsiasi livello. Altrimenti il
baratro appena ad un passo
da noi, e c il serio rischio

In foto, la Camera di Commercio di Siracusa.

che si denunci il default.


Le famiglie siracusane non
hanno pi nemmeno la voglia e la forza di protestare.
Sono stanche dellandazzo
e di sentirsi sempre dire che
c crisi profonda e ogni

progetto deve essere rinviato.


Non c nemmeno la forza
per dire basta a questo stato di cose. Lunico sfogo
dato dal disertare le urne,
come da qualche anno a

questa parte accade e, soprattutto, non pagando le


tasse e i tributi locali. Adesso si avvicina la scadenza
per pagare lacconto Imu
e Tasi, ma almeno il cinquanta per cento dei con-

tribuenti siracusani dichiara


senza fronzoli di non avere
i soldi per potere pagare le
cartelle esattoriali. Immaginate se arrivano quelle esose
dallAgenzia delle Entrate.
E allora, prendiamo noi la
loro voce e diciamo basta
a tutto questo stato di cose.
Bisogna avere il peso politico adeguato alla circostanza. Siracusa non pu essere
lultima ruota del carro o
essere sacrificata sullaltare
delle grandi citt anche limitrofe. I nostri rappresentanti
ai Parlamenti devono sapere
concretizzare gli sforzi per
portare a casa fondi, stanziamenti e opportunit di
lavoro e occupazione. Non
possibile che dalle nostre
parti la lancetta della crisi e
della disoccupazione segni
addirittura il 20% quando
al Nord Italia ci si ferma al
massimo al 9%. Qualcosa
non va per il giusto verso.
Anzi, pi di qualcosa e devono essere i nostri politici
a comprendere il modo e i
tempi in cui attivare le strategie (ammesso che ve ne
siano) per rilanciare quelle
attivit produttive che garantiscono il benessere.

splemdido tesoro a due passi dal tempio dorico siracusano

Partono da domani le visite


guidate allArtemision
Al

via da domani le visite guidate


allArtemision, il padiglione di piazza Minerva che custodisce i resti del
tempio ionico scoperti sotto palazzo
Vermexio. LArtemision stato il pi
imponente edificio sacro di Siracusa,
simbolo di straordinaria vitalit culturale e sociale. Dopo una prima riapertura da parte del Comune anni fa,
oggi lo splendido tesoro a due passi
dalla Cattedrale potr essere fruito in
maniera del tutto nuova, con la possibilit per i residenti in provincia di
Siracusa di usufruire di un biglietto
ridotto.
I visitatori riscopriranno il sito legato
al nome dellarcheologo Paolo Orsi,
che nel 1910, nelleseguire uno scavo
ai piedi del campanile della chiesetta

della Madonna della Misericordia,


nota come S. Sebastianello, rinvenne
frammenti architettonici di un edificio di stile ionico.
Abbiamo avviato una nuova stagione a Siracusa ha commentato il
vice sindaco Francesco Italia . Un
nuovo percorso di gestione degli attrattori culturali e turistici comunali
che ci porter progressivamente alla
creazione di un biglietto unico. L'affiancamento di servizi e le attivit di
animazione culturale ci consentiranno, inoltre, di migliorare e potenziare
la qualit complessiva della nostra
offerta turistica.
I turisti potranno avventurarsi in questo viaggio: attraverso il padiglione,
progettato dallarchitetto Vincenzo

Latina nel 2005, si accede agli scavi dellArtemision, una vasta area
archeologica che si estende nei sotterranei del Palazzo del Senato e che
custodisce le tracce della millenaria
storia di Siracusa. Lungo il percorso
possibile ammirare i resti delle antiche capanne dei siculi.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 14 giugno 2015, domenica

14 giugno 2015, domenica

subentra a Mimmo bellinvia che ha ricoperto l'incarico per 7 anni

Carnevale
segretario
della Fillea
siracusana

Salvo Carnevale il nuovo Segretario Generale della FilleaCGIL Siracusa. Succede a Mimmo Bellinvia.
Carnevale, 35 anni, operatore
di Patronato dal 2000 al 2009,
dove ha maturato esperienza e
professionalit a contatto con
tutti i settori produttivi; stato
responsabile del dipartimento
delle politiche Giovanili della
CGIL nel 2009,costituendo la
Consulta giovanile della CGIL.
Ha,inoltre, ricoperto l'incarico di
Segretario Generale della FILTCGIL per un anno nel 2010 . Nel
corso del Direttivo Provincia-

le di oggi ,alla presenza Franco


Tarantino,Segretario
Generale
Fillea Sicilia e Paolo Zappulla ,
Segretario Generale della CGIL
Siracusa,Carnevale stato eletto con 21 voti favorevoli e uno
astenuto. Le prime dichiarazioni
di Carnevale riguardano la crisi infinita del settore edile che
non lascia tranquilli i lavoratori
a causa di una politica incapace
di scegliere strategie industriali e
attrarre investimenti e non in grado di utilizzare per tempo i fondi a disposizione. La situazione
di una citt che ha complessivamente il 25,3 % ,come tasso di

In foto, Carnevale e Bellinvia.

disoccupazione , il doppio della


media italiana e sopra sia al tasso del mezzogiorno (20,6%) che
a quello della Sicilia(22,1%) non
puo permettere semplici frasi di
rito. Occorre uno shock competitivo per rimetterci in carreggiata.
Emblematica la vicenda del viadotto Targia. Adesso,dicono che
partiranno(oggi dovrebbero arrivare pure i soldi come dichiarato
con grande enfasi) i lavori, ma
stato patetico vedere sfilare e manifestare tutti i partiti politici, che
in questi anni si sono avvicendati
al potere, per chiedere un investimento in un irresistibilmente

incontro tra il comune di canicattini e la cgil

Impegno per migliorare


la qualit della vita

Si svolto nei giorni scorsi al

Comune di Canicattini Bagni


lincontro tra una delegazione
della Cgil e lAmministrazione
comunale. Per la Cgil erano presenti la Segretaria confederale,
Lucia Lombardo, il Responsabile della Zona Iblea, Mario
Malignaggi, e il Segretario della
locale Camera del Lavoro, Salvo
La Rocca, mentre per il Comune
erano presenti il Sindaco Paolo
Amenta e lAssessore al Welfare,
Marilena Miceli.
Al centro del confronto lo stato
di crisi dei cittadini, sempre pi
fragili per la mancanza di lavoro,
la crescita della povert nelle
famiglie, il dramma di lavoratori
e lavoratrici sempre pi precari
e insta-bili, la situazione delle
fasce pi deboli, bambini, donne
e anziani, e i risvolti dei tagli
alle risorse finanziarie destinate
ai Comuni, da parte dei Governi nazionali e regionali, che si
ripercuotono nella riduzione e
nei tagli ai servizi, in particolare
quelli sociali.
Dal canto suo il Sindaco Paolo
Amenta, nel ripercorrere le batta-

glie sostenute da Vicepresidente


di AnciSicilia, sia nei tavoli
nazionali cos come in quelli
regionali, per evitare tagli lineari e ritardi nei trasferimenti dei
fondi, la cui conseguenza, oltre
allimpossibilit dei Comuni di
continuare ad erogare servizi ai
cittadini, il totale default di
molti Enti, ha rimarcato come
a tuttoggi, a giugno 2015, i
Comuni che gi hanno subto,
tra laltro, la riduzione ad un
terzo dei fondi della Legge 328
per gli interventi socio-sanitari,
non abbiano ancora ricevuto
dalla Regione il saldo delle
trimestrali-t del 2014, e i fondi
per pagare i precari.
Ritardi e tagli che stanno costringendo i Comuni a ricorrere
sempre pi a scoperture di
Tesorerie con il pagamento
considerevole di interessi alle
banche, pur di continuare a garantire servizi e stipendi.
Lassessore Miceli ha altres
sottolineato come nonostante la
criticit finanziaria che sta interessando tutti i Comuni siciliani,
lAmministrazione comunale di

Canicattini Bagni, sin dallinizio


del suo operare, abbia dato priorit ai servizi sociali, garantendo, anche con fondi reperiti nel
proprio Bilan-cio, sostegno alle
famiglie bisognose, listituzione
di borse lavoro, lassistenza alle
fasce pi deboli, dai minori, ai
disabili, agli anziani. E grazie al
lavoro fatto a livello nazionale dal
Sindaco Amenta, nel suo ruolo
di Vicepresidente di AnciSicilia,
evitato lulteriore scippo, da parte
del Governo nazionale, dei fondi
Pac (Piani di Azione e Coesione)
destinati proprio ai servizi agli
anziani non au-tosufficienti e ai
minori.
E proprio lavvio dei progetti
per minori e anziani con i Piani
di Azione e Coesione, stato
concor-dato nel corso dellincontro dai rappresentanti della
Cgil e dagli Amministratori canicattinesi, hanno rappresentato
una boccata di ossigeno nei vari
Distretti sociali, mentre le difficolt riscontrate per lapproccio
al nuovo metodo di lavoro negli
stessi Distretti e nei rapporti con
lASP, sono state un handicap

comico e infinito scaricabarile a


catena. Noi abbiamo il compito
di vigilare sulle parole e poi sui
fatti. I lavoratori sono stanchi delle prime, ma vogliono le seconde. Vogliamo lanciare insieme ai
colleghi di Filca-Cisl e FenealUil una nuova e maggiore incisiva battaglia contro chi pratica
il lavoro nero che il principale
nemico dei lavoratori e delle imprese sane. Bisogna, inoltre che I
Governi abbiano finalmente il coraggio di non regalare incentivi a
pioggia, ma incentivare sul serio
le aziende rispettose del contratto.

non indifferente. Sempre nel corso dellincontro stato rilevato


come un grande contributo per
una nuova azione nei territori
rappresentato dal Decreto della
Regione Siciliana, Assessorato
della Famiglia, delle Poli-tiche
Sociali e del Lavoro, nr. 672, del
30 Marzo 2015, di approvazione
del Protocollo dIntesa tra lAssessorato Regionale alla Famiglia,
delle Politiche sociali e del Lavoro, lAnci e le Confedera-zioni
sindacali pi rappresentative, con
listituzione, in ogni Distretto, di
uno specifico Coordina-mento e la
costituzione di Tavoli di concertazione distrettuali.
Nel ribadire il comune intento di
rafforzare la sinergia tra Ente pubblico e Forze sociali del territorio
al fine di migliorare le condizioni
e qualit della vita dei cittadini,
in particolare delle fasce pi bisognose, sono due le decisioni
assunte al termine dellincontro
tra la Cgil e gli Amministratori
del Comune di Canicattini Bagni.
La prima, impegna il Sindaco
Paolo Amenta, nella sua veste di
Vicepresidente di AnciSicilia, a
sol-lecitare un intervento presidenziale presso la stessa Associazione
dei Comuni siciliani, da inviare ai
Sindaci capofila dei Distretti sociali, per dare lavvio alla istituzione
dei Tavoli previsti dal Decreto 672.
La seconda, quella di inoltrare
una richiesta congiunta Cgil.

Sicilia 5

Cronaca di Siracusa

attivit illecite e quindi


proventi della criminalit organizzata, la lotta si
fa ancora pi dura e insidiosa perch tutto quello
che il fatturato della
mafia, o anche, come nel
caso della nuova normativa, anche del denaro
che deriva dalla corruzione, dalle grandi truffe ai danni dello Stato e
quindi dal furto di denaro pubblico. Parliamo
purtroppo di cifre significative che investono
pi campi continua il
Generale Gibilaro - Non
amiamo troppo fare statistiche. I dati consuntivi che ci dicono che,
purtroppo, la Sicilia, in
termini di rapina del denaro pubblico e del riciclaggio, una grande
frontiera aperta agli Stati
internazionali.
Nel corso del convegno
di ieri si parlato anche
della nuova normativa
anti riciclaggio. LItalia
in campo europeo e internazionale allavanIn foto, il tavolo della presidenza. Sotto, il Generale Ignazio Gibilaro.
guardia sostiene lalto
collaborazione tra istitu- e internazionale, affari la frontiera della riscos- ufficiale delle fiamme
zioni per la formazione leciti e illeciti. Questo sa dello Stato.
gialle - Il problema
e la crescita culturale e mescolarsi di economia Sul fronte del riciclaggio un altro: le norme riscientifica del territorio. e criminalit che diventa del denaro derivante da chiedono dei tempi di
La battaglia contro
attuazione e contemplacriminalit organizzata
no dei limiti territoriali,
si vince soprattutto sul
invece, leconomia si
versante economico e fimuove con grandissima
nanziario ha commenvelocit e quindi il dirittato il Generale Ignazio
to e lazione di represGibilaro,
comandante
sione penale, inseguono
della Regione Sicilia
alle volte levoluzione
della Guardia di Finanza
dei fenomeni finanziari
- Il pericolo non deriva
a ritmi pi bassi. Ecco
tanto dalle organizzazioperch ritengo essere
ni nel loro aspetto miliimportanti i momenti
tare, quanto dalla loro
dincontro e di confronstrumentalit al profilo,
to tra dottrina, giurisprudei flussi finanziari. La
denza, classi operative,
battaglia la vinciamo o
mondo delleconomia e
la perdiamo riuscendo a
del diritto: se vogliamo
individuare intercettare,
essere allaltezza della
sequestrare le ricchezsfida, dobbiamo essere
ze sporche, il denaro
costantemente aggiornanero, le organizzazioni
ti e possibilmente anticiche riescono a coniugapare le prossime tendenre, tramite corruzione
ze.
e riciclaggio nazionale
R.L.

Organizzato dal Cumi e dalla Guardia di Finanza

Proprio di recente a
Lentini stato consegnato allassociazione
Libera un terreno confiscato alla mafia locale. Nel nostro territorio
sono complessivamente 90 i beni appartenuti
a mafiosi, confiscati e
acquisiti al patrimonio
dello Stato. 79 sono solo
gli immobili, fra appartamenti in condominio
(31) box, garage, autorimesse e posto auto (13)
e poi ci sono 2 capannoni, 7 terreni agricoli, 4
terreni con fabbricati rurali, un terreno edificabile, 9 fabbricati. Il primato delle citt siracusane
dove si sono registrate
pi confische spetta a
Noto con 29 beni sottratti alla disponibilit
di presunti mafiosi o di
loro prestanomi, numero
superiore anche al capoluogo dove sono state
26 le confische. Seguono Augusta 11, Lentini
5, Carlentini e Priolo
Gargallo 4, Avola e Pachino con 3 e Melilli con
un bene confiscato. La
provincia di Siracusa ,
comunque, ben lontana
dai numeri registrati a
Palermo che con oltre
4 mila confische al
primo posto in Sicilia,
mentre la nostra provincia al terzultimo.
Di beni confiscati, riciclaggio e corruzione si
discusso ieri mattina
allIsisc, al convegno organizzato dal Consorzio
Universitario Megara in
collaborazione con e la
Guardia di Finanza, alla
presenza, tra gli altri del
questore Mario Caggegi
e del procuratore capo
Francesco Giordano.
Il convegno trae spunto
dagli accordi tra lUniversit di Messina e le
fiamme gialle per una

Confisca dei beni


Un convegno
per confrontarsi

Il procuratore capo Francesco Paolo Giordano ha commissionato ad un gruppo di esperti uno studio per accertare lincidenza delle
tra le emissioni prodotte dagli stabilimenti
del polo petrolchimico ed i casi di cancro.
La Procura nei mesi scorsi ha aperto diversi
fascicoli di inchiesta, tutti legati allinquinamento ambientale per risolvere uno degli interrogativi pi assillanti in tutta la provincia.
A quanto pare il registro dei tumori dellAsp
non sarebbe esauriente da consentire agli inquirenti di risolvere la vicenda inquinamento
e dare risposte a tanti cittadini che piangono
ancora la scomparsa dei loro cari, di certo
ci sono numerosi studi che sono abbastanza
preoccupanti sullo stato di salute dei resi-

Aperta dalla Procura in provincia di Siracusa

Procede linchiesta
sullinquinamento
ambientale e tumori

denti dei Comuni allombra degli stabilimenti


petrolchimici. Il rapporto dello Studio epidemiologico nazionale, pubblicato nel maggio
dello scorso anno, ha rilevato un incremento
di tumori in 18 aree italiane, tra cui in quella
del nostro triangolo industriale Priolo-Melilli-

Augusta ma il dilemma di stabilire, con assoluta certezza, lorigine di questo fenomeno. Gli
esperti avranno il compito di recuperare molto
materiale, come cartelle cliniche che saranno
incrociate con altre informazioni sui malati, a
cominciare dai sintomi, e una informazione potranno fornirla non solo i familiari ma i medici
che li hanno avuti in cura. Una spinta allapertura dellinchiesta della Procura lhanno data i
tanti esposti presentati al palazzo di giustizia,
lultimo, in ordine di tempo, quello firmato
dal comitato Aria pulita, un gruppo di residenti della citt preoccupato per i cattivi odori
provenienti dalla zona industriale.

societ 6

14 giugno 2015, domenica

Sicilia 14 giugno 2015, domenica

Dati Inps: gli incentivi


del jobs act non
possono da soli
funzionare in Sicilia
I dati Inps sulloccupazione confermano quanto avevamo percepito: in Sicilia gli incentivi del
Jobs Act non possono funzionare da soli, perch la carenza delle infrastrutture, la continua chiusura di strade per frane, il crollo
dei viadotti autostradali, le piogge che allagano zone industriali
e fanno ribaltare i Tir, sono alcuni
dei tanti elementi che impediscono di produrre di pi, di prendere
nuove commesse e, quindi, di
assumere ulteriore personale.
Per questo le imprese chiedono che gli sgravi contributivi del
Jobs Act in Sicilia siano destinati
alle infrastrutture e alla manutenzione del territorio e che il taglio
del costo del lavoro avvenga solo
tramite interventi strutturali sulle
retribuzioni per favorire nuove
assunzioni.
Lo dichiara Vincenzo Barbaro,
presidente dellOrdine dei consulenti del lavoro di Palermo,
anticipando uno dei temi del Festival del lavoro che il Consiglio
dellOrdine nazionale dei consulenti del lavoro terr a Palermo
dal 25 al 27 giugno prossimi.
I consulenti del lavoro chiedono
ai governi nazionale e regionale
e alle parti sociali, nellambito
delle previsioni di legge spiega Barbaro di aprire una discussione per una riduzione
strutturale del costo del lavoro
in Sicilia anche con interventi
della contrattazione sulla parte

retributiva facendo uso di una


contrattazione collettiva territoriale per un determinato periodo.
Purch aggiunge Barbaro a
fianco del taglio delle buste paga
si creino le condizioni per un aumento delloccupazione e del
reddito complessivo nei territori,
attraverso investimenti sulle infrastrutture e sulla competitivit
che consentano alle aziende di
produrre di pi favorendo lincremento del personale e un recupero di redditivit nel tempo. In
caso contrario, ridurre le retribuzioni senza sviluppo non farebbe
che aggravare la povert dei territori.
I dati Inps parlano chiaro
Nel periodo gennaio-aprile 2015

la Sicilia - cio la regione con la


pi alta disoccupazione dItalia quella che, dopo Basilicata e
Calabria, ha fatto meno nuove
assunzioni a tempo indeterminato rispetto allo stesso periodo
del 2014 (+3.719), sia perch ha
meno contratti precari da convertire sia perch le condizioni strutturali non consentono di
aumentare gli organici a lungo
periodo. Infatti, mentre in quasi
tutte le altre regioni c un calo,
la Sicilia, sempre secondo i dati
Inps, fra quelle che invece nello
stesso quadrimestre hanno fatto
pi contratti a termine (+5.945),
pi dellEmilia Romagna; mentre
nellIsola crolla lapprendistato
(-527) perch, spiega Barbaro,
questo strumento, utilissimo per
lingresso dei giovani nel mondo
del lavoro, stato ucciso dalle
Regioni che hanno voluto mantenere sotto la propria competenza
la formazione degli apprendisti,
bloccando tutto.
Altro indicatore preoccupante
laumento della cassa integrazione nel trimestre gennaiomarzo 2015 (fonte Inps Sicilia).
Se quella in deroga crollata,
come nel resto dItalia, passando
da 5.121.594 a 146.877 (perch,
essendo le imprese ancora in
attesa dei pagamenti dellintero
2014, quasi nessuna la richiede pi), quella straordinaria, cui
si fa ricorso negli stati di crisi,

Lamara verit consiste che stata destinata ad Augusta

Cittadini priolesi preoccupati per la mancanza dellambulanza

Protestano i cittadini di Priolo Gargallo


in quanto da alcuni giorni non c traccia dell'ambulanza destinata alla cittadina
priolese. Lamara verit consiste che stata
destinata ad Augusta, dove attualmente quella locale deve essere riparata. I cittadini priolesi sono preoccupati non poco, per le emergenze sanitarie che si possono prospettare in
qualsiasi momento.
Molto probabilmente questa scelta sar dovuta al fatto che ad Augusta il soccorso effettuato con la presenza del medico, cosa che
invece non avviene a Priolo. Il Psi, sentiti i
cittadini molto allarmati, chiede spiegazioni
per questa scelta e chiede agli organi predisposti di intervenire al pi presto anche con
finanziamenti destinati all'acquisto di pi
ambulanze per questo territorio che necessi-

ta obbligatoriamente la presenza dei soccorsi


in caso, soprattutto, di incidenti industriali.
Non pensabile di rattoppare da una parte

togliendo dall'altra. Gi da tempo la sanit


siracusana stata posta sotto i riflettori del
partito socialista che ha interrogato, tramite
il deputato nazionale Oreste Pastorelli, il Ministero della Sanit per quanto riguarda i casi
di malasanit di cui tanto hanno avuto modo
di parlare i giornali, compresa la mancanza
di coperte all'ospedale Umberto I lo scorso
febbraio. La sanit ha necessario bisogno di
investimenti per rendere migliore questo settore e la vita delle persone. Infine il Psi tiene
a ricordare che l'ufficio prenotazioni esami,
che adiacente alla guardia medica, non ha
avuto alcun aumento di personale nonostante
le tante lamentele.
Si auspicano interventi rapidi e mirati a risolvere queste problematiche.
Christian Bosco

Cronaca di Siracusa

Per ogni
siracusano,
compreso i
neonati,
il maxi risarcimento dei
danni stimato
dal Ctu
ammonta
a 200 euro

POCHE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO, BOOM DI QUELLE A TERMINE E CE UN PICCO DI CIG PER LAGGRAVARSI DELLA CRISI

ha avuto un picco da 1.825.549


a 2.895.383 ore (oltre 1 milione
di ore in pi). Inoltre, la Cig ordinaria, che si utilizza per fermi stagionali o temporanei, ha
avuto un calo di 580.254 ore (da
1.570.736 a 990.482) perch nel
frattempo buona parte delle imprese ha chiuso battenti.
Le imprese costrette a rinunciare
alle commesse
Denunciamo aggiunge Barbaro che molte imprese medio-grandi della Sicilia orientale
hanno dovuto rinunciare a commesse per clienti della Sicilia occidentale a causa della chiusura
del viadotto Himera che ha allungato i tempi di percorrenza rendendo obbligatorio il doppio autista sul mezzo e un insostenibile
raddoppio dei costi di consegna.
Infatti, dopo alcune ore per legge occorre il cambio alla guida,
ma sulla Messina-Palermo non ci
sono aree di sosta dove servirebbero per effettuare il cambio, ma
ci sono puntuali le pattuglie che
elevano multe salatissime. Dopo
le prime dolorose esperienze le
imprese hanno rinunciato.
Ecco incalza Barbaro uno
dei tanti esempi di come sia impossibile fare impresa in Sicilia,
altro che aumento della produzione e internazionalizzazione!
Qui le imprese, prima di investire
sulla qualit e sullinnovazione
del prodotto, devono inventare
packaging che impediscano il
deperimento delle merci a causa
dei lunghissimi tempi di percorrenza dei mezzi di trasporto, anche sui sistemi intermodali.
Dunque conclude il presidente
dei consulenti del lavoro di Palermo le imprese siciliane non
hanno bisogno di sgravi contributivi, anzi preferirebbero che queste risorse finanziarie venissero
dirottate sulle infrastrutture e
sulla manutenzione del territorio
sempre pi colpito dal dissesto
idrogeologico. Il pubblico deve
agire sulle condizioni di sviluppo,
spetta alla contrattazione fra le
parti condividere condizioni minime di trattamento dei lavoratori
idonee a fare crescere una terra
fin troppo impoverita da decenni
di abbandono.

Sicilia 7

A fianco, il centro commerciale nel quartiere


dellEpipoli.

Caso Open Land: troppo


tardi latto del Consiglio
Non

basta una denunzia penale e fra


laltro a tempi supplementari scaduti,
per aversi contezza
di un fatto gravissimo che potrebbe
pesare per 200 euro
sulle spalle di ogni
siracusano, neonati
compresi.
Mi riferisco al voto
di gioved 11 giugno del Consiglio
Comuscorso nale di
Siracusa che finalmente viene investito dal sindaco di
una tegola di venti
milioni di euro.
Il Consiglio Comunale prende ufficialmente atto che
gioved 18 giugno
,quindi a distanza
di appena una settimana, ci sar una
sentenza del massimo giudice amministrativo e quindi
non appellabile con
la quale il Comune potrebbe essere
condannato a pagare alla societ Open
Land ben venti milioni di euro a risarcimento di danni
che la societ avrebbe ricevuto per un
ritardo, sembra di
un anno, nel rilascio
di una concessione
edilizia.
Se ci sar una tale
condanna, con sentenza ripeto oramai
non impugnabile, il

Non basta una denunzia penale per aversi


contezza di un fatto gravissimo

bilancio del nostro


comune salter; forse a stento resterebbero i soldi per pagare gli stipendi dei
dipendenti di ruolo,
non ci sarebbero pi
soldi per riparare
una buca di una strada, per pagare lenergia elettrica per
lilluminazione di
uffici e di strade comunali, per le opere
sociali in favore dei

nostri concittadini
meno fortunati: Una
settimana prima del
tsumani, e dire che
il tifone era stata
preannunziato
da
anni !!!
Una societ mi auguro che siano esatte
le mie informazioni
per le scarne notizie
filtrate da un ermetico Comune - afferma che il ritardo di
un anno per costru-

ire la sede della sua


attivit commerciale
le ha provocato danni per venti milioni.
Non si tratta n
della Fiat, n della
Mercedes o di una
Simsung, si tratta soltanto di una
societ che voleva
aprire un
centro
commerciale!
Anzi ci andata
bene, perch una
prima
consulenza

tecnica aveva affermato che il danno


era stato di ben 32
milioni.
Una vicenda simile
che ha tutta la capacit per fare fallire il
Comune, stata presa sottobanco; vero
che lattuale sindaco lha ereditata dalla gestione Visentin,
ma altrettanto vero
che stata gestita assai in sordina come
se non fosse una
vicenda che riguardava lintero Consiglio Comunale e

cento mila siracusani. Ma lavvocato


del Foro di Catania
che rappresenta il
Comune sin dallAprile scorso,tre mesi
fa, in una lettera al
Sindaco,aveva chiaramente parlato di
possibili
risvolti
penali.
Perch il
sindaco ha atteso tre
mesi per comunicare
il gravissimo sospetto di un professionista al Consiglio
Comunale?
Quali strade ha tessuto in questi tre
mesi?
Oltre la leopolda
siracusana
della
settimana
scorsa
quali grandi cure
hanno imposto al
sindaco un silenzio
assurdo sulla vicenda?
Ed ora, forte del
mandato
conferitogli dal Consiglio Comunale di
Siracusa una denunzia penale,potr
bloccare una sentenza che in calendario
fissata per il 18
giugno prossimo?
Sono misteri. Quanto sarebbe bello ed
utile per tutti che
il sindaco indicesse una conferenza
stampa con una ripresa televisiva in
diretta per rassicurare tutti i suoi amministrati che non c
pericolo di fallimento per il Comune di
Siracusa.
Titta Rizza

prende il nome di aretusa 2015" e si svolge nelle acque siracusane

Esercitazione antinquinamento
della Marina Militare Italiana

vr luogo marted 16 e mercoled 17 nelle acque


antistanti Siracusa lesercitazione antinquinamento
marino Aretusa 2015, organizzata dalla Marina Militare nellambito delle attivita svolte per assicurare la
prontezza e il mantenimento delle capacita delle unita
navali responsabili delle operazioni di disinquinamento in mare. Vi prenderanno parte unita navali e mezzi
aerei della Marina Militare e della Capitaneria di Porto
che, insieme ad altri mezzi, simuleranno le operazioni
per far fronte ad uno sversamento in mare di idrocarburi fuoriusciti da un mercantile in seguito ad un incidente. Lesercitazione iniziera con il Seminario sulla
lotta allinquinamento da idrocarburi in mare, giunto
alla sua ottava edizione, che si terra presso la Camera
di Commercio di Siracusa. Vi prenderanno parte tecnici specializzati in materia di antinquinamento marino
e qualificati rappresentanti del mondo accademico siciliano. Lo scopo del seminario e favorire e consoli-

dare la cooperazione interministeriale ed inter-agenzia,


coinvolgendo il mondo accademico e gli specialisti in
materia, oltreche offrire un momento di condivisione
delle conoscenze reciproche dei partecipanti. Fra questi
rappresentanti della Capitaneria di Porto, della Protezione Civile, dellIstituto per lAmbiente Marino CostieroCNR di Messina, dellArpa, e delle Universita di Messina e Catania. La fase in mare delloperazione si svolgera
il giorno successivo. Contemporaneamente la Prefettura
di Siracusa attivera una sala operativa simulando di predisporsi a contrastare il possibile spiaggiamento su costa
di parte degli inquinanti. La Marina Militare, nellottica
della tutela ambientale propria dellesercitazione Aretusa 2015, aderendo al progetto flotta verde per navi militari sempre piu eco-efficienti, durante lesercitazione
impieghera biocarburanti provenienti da fonti sostenibili, riducendo cosi limpiego di derivati petroliferi e le
emissioni inquinanti.

ASTE GIUDIZIARIE 8

Sicilia 14 GIUGNO 2015, DOMENICA

TRIBUNALE DI SIRACUSA

14 GIUGNO 2015, DOMENICA

PROSSIMA INSERZIONE:

17/06/2015

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI www.astetribunale.com


TRIBUNALE CIVILE DI SIRACUSA

TRIBUNALE DI SIRACUSA

AVVISO DI VENDITA - PROC. ESEC. N 13/2006


Il Cancelliere avvisa che in data 05/11/2015 alle
ore 11:30, avanti il Giudice delle Esecuzioni, si
proceder alla vendita senza incanto del seguente
immobile:
LOTTO 1: Casa per civile abitazione, sita in Noto
(SR), nella Via Caprifoglio n. 20, su due elevazioni
fuori terra, sprovvista di certificato di abitabilit, nel
NCEU del Comune di Noto al fg. 427, part.lle 720
e 721. Limmobile cos suddiviso: al piano terra
un ingresso vano scala che d accesso alla cucina,
con annesso il bagno e ad una camera contigua alla
stessa; dal vano scala si accede al piano primo dove
vi un ulteriore ambiente, con annessa terrazza a
livello, il tutto per un totale di mq 75 di edificato e
mq 24 di terrazza al livello del piano primo. Prezzo
base, ulteriormente ribassato di , 25.312,50.
Rilancio minimo 2.000,00; data esame delle offerte
di acquisto, ovvero gara sulle medesime, ex art. 572
c.p.c. alludienza del 05/11/2015 ore 11:30, nei locali
di rito. Avvisa, altres, che in caso di esito negativo
della prima vendita, avr luogo vendita con incanto
il 12/11/2015, ore 11:30, del medesimo bene ed alle
stesse condizioni. La presentazione delle offerte,
senza incanto e con incanto, deve avvenire presso
la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, entro le
ore 12:00 del giorno precedente a quello fissato per
lespletamento delle operazioni di vendita.
Si fa espresso rinvio alla relazione di stima per la
descrizione del bene e per tutto ci che concerne
lesistenza di eventuali oneri e pesi, a qualsiasi titolo
gravanti sul bene, consultabile sul sito internet: www.
astegiudiziarie.it . Maggiori info in Cancelleria.
Siracusa l 05.06.2015
IL CANCELLIERE

PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE


N. 387/2013 R.E.I.
LAvv. Cesare Amato con studio in Siracusa viale
Teracati n63, delegato dal G.E. rende noto che
il 16 settembre 2015 alle ore 11,30 presso
il proprio studio, proceder alla vendita senza
incanto del seguente bene:
-
Basso commerciale sito in Siracusa Via
Michele Bonanno n18/20 , con una superficie
calpestabile di mq.67 . N.C.E.U. al fg. 33 p.lla 1525;
sub. 22, cat. C/1. Limmobile viene venduto nello
stato di fatto e diritto in cui si trova. Prezzo base
70.000,00. La misura minima dellaumento
fissata in . 3.500,00. Limmobile oggetto di
concessione Edilizia n94 del 21.3.96. Presenta
allinterno alcune modifiche che si potranno
regolarizzare ai sensi dellart.9 L. 47/85. Tutti
i costi per la regolarizzazione urbanistica e
amministrativa sono stati detratti dal prezzo stima
e sono a esclusivo carico dellaggiudicatario dopo
il decreto di trasferimento. Le offerte in busta
chiusa dovranno presentarsi entro e non oltre
15.9.2015 ore 11,00 presso lo studio del delegato,
oltre 10% del prezzo proposto a titolo di deposito
cauzionale e al 20% per spese del prezzo proposto.
In caso di mancanza offerte, vendita con incanto
il 29.09.2015 ore 12,00 allo stesso prezzo base,
aumento minimo 3.500,00. Deposito offerte
entro ore 12,00 del 28.9.15.
Maggiori info presso delegato tel.0931 414115
e sul sito internet: www.astegiudiziarie.it, www.
tribunale.siracusa.it
Siracusa 1.6.2015
Il Professionista Delegato
Avv. Cesare Amato

INSERZIONI GRATUITE

TRIBUNALE DI SIRACUSA

ASSISTENZA
ANZIANI
CERCASI
CASA di riposo per anziani a Siracusa cerca
personale femminile per
assistenza ad anziani
autosufficienti e non.
Solo con esperienza. Per
informazioni Telefonare
0931/415106
CERCA S I s i g n o r a
40/50enne con esperienza, seria ed educata
per signora invalida che
ha bisogno di assistenza
a seconda delle necessit. Lungo periodo Tel.
0931/750342
CERCASI collaboratrice
domestica, una volta la
settimana per tre ore
Telefonare al numero
0931/702996
OFFRESI
CERCO lavoro come
assist. agli anziani. Possibilmente di mattina Tel.
324/9957306
DONNA 40enne cerca
lavoro come badante
o come cameriera a
persone adeguate e
serie Telefonare per info
389/5475450
SIGNORA seria e affidabile con ottime referenze
nel settore assistenziale
cerca lavoro per assistenza anziani. Disponibilit sia pomeridiana

che notturna, anche


per notti in ospedale Tel. 340/3541405
- 328/0168084 0931/24936
SIGNORA disponibile
per notti in ospedali, E 60
a notte Tel. 333/6695658
SIGNORA cerca lavoro
come badante, disponibile anche come baby
sitter, massima seriet,
disponibilit di orari flessibili Tel. 324/6992044
SIGNORA 50anni, referenziattissima, cerca
lavoro come badante
h24 Tel. 389/0366317
SIGNORA straniera cerca lavoro come badante
o assistenza agli anziani.
Disponibile anche per
pulizie Tel. 331/7637351
SIGNORE con esperienza cerca lavoro come
badante a solo uomini. Mezza giornata Tel.
389/9148050
SIGNORE cerca lavoro
come badante 24h o ad
ore Tel. 388/1873916
AD interessati mi offro
per assistenza notturna
presso ospedali o cliniche. E 40 a notte Tel.
329/0112990
ASSISTENTE qualificato per anziani o diversamente abili cerca lavoro
anche ore notturne. Max
seriet, miti pretese Tel.
346/7630096

Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 277/90 R.E.I.
Si rende noto che giorno 29/7/15, ore 11.00,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
del seguente bene:
LOTTO 2: appartamento sito a Lentini in via
C. Rosselli 107, p. 3, vani 1,5, esteso mq. 53
ca., cat. A\5; in catasto Fg. 91 p.lla 2924 sub 6
(ex Fg. 92 p.lla 1325 sub 6). Prezzo base dasta
8.100,00 (al netto dei costi per sanare le
difformit edilizie e catastali meglio descritta
dal CTU nella relazione di stima in atti). Minima
offerta in aumento 1.000,00.
In caso di esito negativo della vendita senza
incanto, il 31/7/15, ore 11.00, sempre presso il
proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder
alla vendita allincanto del suddetto bene. Le
offerte o le domande di partecipazione dovranno
essere depositate in busta chiusa, presso lo
studio del suddetto professionista, entro le ore
12.00 del giorno precedente a quello fissato
per la vendita, accompagnate da cauzione del
10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni
circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe
Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto
disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero
presso lo studio predetto.


Il professionista delegato

Avv. Giuseppe Librizzi

ASSISTENZA anziani
anche notte, disp. anche
pulizie Tel. 347/0583085
BADANTE polacca cerca lavoro 24h su 24 Tel.
333/7843121
CERCO lavoro come
assistente agli anziani
Tel. 349/1260393

IN villa, allinterno di un
residence immerso nel
verde, famiglia accoglie
donna, uomo o coppia di
anziani, anche non del
tutto autosuff. Assistiti da
una Oss. Disp. anche per
assist. in ospedale. Per
info Tel. 339/2288893

Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del bando fino alla data prevista per l'asta sul sito:

TRIBUNALE DI SIRACUSA
PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE
N. 176/2010 R.E.I.
LAvv. Cesare Amato con studio in Siracusa viale
Teracati n63, delegato dal G.E. rende noto che
il 16 settembre 2015 alle ore 11,30 presso
il proprio studio, proceder alla vendita senza
incanto del seguente bene:
-
Appartamento sito in Siracusa Via Alcibiade
n25 , con una superficie lorda di mq. 149, oltre
mq. 12,00 di balconi. N.C.E.U. al fg. 32 p.lla
1268; sub. 12. Limmobile viene venduto nello
stato di fatto e diritto in cui si trova. Prezzo base
ribassato 114.750,00. La misura minima
dellaumento fissata in . 5.740,00. Limmobile
privo dellautorizzazione di abitabilit e presenta
allinterno alcune modifiche che si potranno
regolarizzare ai sensi dellart.9 L. 47/85. Tutti
i costi per la regolarizzazione urbanistica e
amministrativa sono stati detratti dal prezzo
stima e sono a esclusivo carico dellaggiudicatario
dopo il decreto di trasferimento .Le offerte in
busta chiusa dovranno presentarsi entro e non
oltre 15.9.2015 ore 11,00 presso lo studio del
delegato, oltre 10% del prezzo proposto a titolo
di deposito cauzionale e al 20% per spese del
prezzo proposto. In caso di mancanza offerte
vendita con incanto il 29.09.2015 ore 12,00 allo
stesso prezzo base, aumento minimo 5.740,00.
Deposito offerte entro ore 12,00 del 28.9.15.
Maggiori info presso delegato tel.0931 414115
e sul sito internet: www.astegiudiziarie.it, www.
tribunale.siracusa.it
Siracusa 1.6.2015
Il Professionista Delegato
Avv. Cesare Amato

TRIBUNALE DI SIRACUSA
Avviso di vendita
Procedura esecutiva n. 34/13 R.E.I.
Si rende noto che giorno 29/7/15, ore 12.00,
presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale
Santa Panagia 136/N, lavv. Giuseppe Librizzi
proceder allesame delle offerte di acquisto
senza incanto, e se del caso allaggiudicazione,
del seguente bene:
appartamento sito ad Augusta (SR) in via
Xifonia 203, 4 piano, vani 5, esteso mq. 110
ca., cat. A\3; in catasto Fg. 91, p.lla 3861 sub
10 (ex Fg. 95, p.lla 888 sub 5). Prezzo base
dasta 50.625,00 (al netto dei costi per la
regolarizzazione urbanistica meglio descritti
in premessa). Minima offerta in aumento
3.000,00.
In caso di esito negativo della v.s.i., il 31/7/15,
ore 12.00, sempre presso il proprio studio,
lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita
allincanto del suddetto bene. Le offerte o
domande di partecipazione dovranno essere
depositate in busta chiusa, presso lo studio
del suddetto professionista, entro le ore 12.00
del giorno precedente a quello fissato per la
vendita, accompagnate da cauzione del 10% e
deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari
non trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi.
Avviso integrale e relazione dellesperto
disponibile su www.astegiudiziarie.it ovvero
presso lo studio predetto.

Il professionista delegato
Avv. Giuseppe Librizzi

INFERMIERE professionale, gi in pensione


si offre per terapie, assistenza o accompagnamento anziani Tel.
0931/492837 -

RAGAZZA cerca lavoro come badante Tel.


366/1331174
CERCO lavoro come
badante, anche interna
giorn. Tel. 346/6711241

Al via i tirocini formativi per giovani


di et compresa tra i 18 e i 29 anni

niziano
domani
giugno i tirocini formativi programmati allinterno della
collaborazione tra la
Confesercenti Sicilia
e il Ministero del Lavoro e delle Politiche
Sociali nellambito
dellintesa con Confesercenti nazionale.
Lobiettivo quello
di mirare a promuovere azioni concrete
a sostegno delloccupazione giovanile
nellambito del Piano Nazionale Garanzia Giovani. I tirocini
saranno svolti presso
le aziende che hanno
manifestato la disponibilit ad ospitare i
giovani di et dai 18
ai 29 anni. Lavvio
dei tirocini stato
preceduto da uno
specifico percorso di
natura informativa
teso a fornire notizie sia alle aziende
che ai giovani sulle
opportunit previste
dal piano Garanzia
Giovani. Inoltre si
avuta la pubblicazione, sul portale regionale, delle offerte di
lavoro, apprendistato
e tirocinio proposte
dalle aziende aderenti allorganizzazione di categoria.
La
Confesercenti
Area Sicilia Centro
Meridionale, diretta
da Massimo Giudice, assiste infatti le
aziende che vogliono

legge 68/99 e delle


persone svantaggiate
ai sensi della legge
381/91 la durata di
dodici mesi. Possono
ospitare i tirocinanti
tutti i datori di lavoro pubblici o privati
di tutti i settori anche
se privi di dipendenti, che siano in regola
con le normative di
sicurezza sul lavoro,
che rispettino le norme relative al diritto
di lavoro per disabili,
che non abbiamo effettuato licenziamenti della stessa unit

operativa per attivit


equivalenti a quelle
del tirocinio nei dodici mesi precedenti,
e che non abbiano in
atto per la stessa unit
lavorativa procedure
di cassaintegrazione.
Lazienda deve assicurare i tirocinanti
contro gli infortuni
sul lavoro (Inail) per
la responsabilit civile. A ciascuno di loro
spetter unindennit di 500 euro lordi
mensili che sar corrisposta direttamente
dallInps.

SOCIETA'

La smodata prosperit
sfianca lesistenza

Essere

attivare i tirocini. E
sufficiente presentare la domanda presso
le sedi provinciali di
Ragusa, Agrigento
e Caltanissetta. Il tirocinio formativo
unesperienza di formazione professionale presso un luogo
di lavoro. Non costituisce rapporto di
lavoro e il tirocinante mantiene lo stato
di disoccupazione. I
tirocini hanno la durata massima di sei
mesi. Per i soggetti
disabili di cui alla

Sicilia 9

logorati da ricorrenti dilemmi


quotidiani pu essere quasi consueto, se
si trascorre unoperosa ma comunissima
esistenza. Ottenere un lavoro, perderlo, convivere, sposarsi o trasferirsi sono soltanto
alcune delle cause che generano stress e
smarrimento della tranquillit. Difficilmente, per, si riescono a comprendere le cause
che producono unassillante apprensione
in coloro che dovrebbero esserne immuni.
Numerose persone, lusingate dalla fama
per i loro ruoli di attori, calciatori ed altri
celebri sportivi, luminari della medicina,
della scienza e della finanza, personalit politiche, esercitano delle apprezzabili attivit,
ma di certo molto spesso sono gratificate di
un eccessivo e forse immotivato benessere.
Laccumulo incessante dei loro proventi
talvolta sembra non li appaghi per nulla,
pur alimentando egregiamente le esigenti
pretese della loro singolare quotidianit.
Forse essi hanno gi cancellato dalla loro
memoria i periodi difficili, se mai sperimentati, perch contagiati dal banale ed
inevitabile virus generato dal loro nuovo
stile di vita. Il polverone sui dettagli positivi dei loro giorni e latmosfera artefatta
fornita ai loro estimatori tramite i media,
offuscano per lo specchio autentico dei
retroscena della loro esistenza. Molti di essi
ritengono forse che lappagamento di ogni
stravaganza lenisca le loro ansie del troppo
possedere. Purtroppo qualcuno, distrutto
dagli agi, ogni tanto desiste e pone fine in
modo inglorioso alla sua vita.
Le inevitabili inesattezze di questa descrizione sono motivate da certe emozioni
inusuali, mai vissute da chi scrive, e di
certo anche da tantissimi nostri lettori.
Sembra per illogico che ci si possa rodere,
invidiando lagiatezza di molti personaggi
pubblici, senza accettare anche linevitabile
stress con cui essa si accompagna. Purtroppo il serio malanno causato dalleccessiva
opulenza economica, stimola anche i nostri
idoli a intrattenere dei precari rapporti e
delle relazioni appena formali con i comuni
mortali, che per non desistono mai nel
rinsaldare la loro fama.
Senza alcun dubbio siamo proprio noi
i fautori delleccessiva inquietudine di
molti osannati fuoriclasse di simpatia e
dincassi. Se ci stessero maggiormente a
cuore, dovremmo adoperarci seriamente
per ridimensionare le loro smodate entrate,
inducendoli a camminare insieme a noi con i
piedi ben saldi sulla terraferma. Essi stanno
invece ben adagiati su instabili nuvolette
dorate dalle quali propongono, con agevole
alterigia, i loro soliloqui allumanit sottostante. Forse arginando la nostra smisurata
attenzione di sostenitori, riducendo i flussi
delle loro rendite e riportandoli alla ragione,
potremmo riscrivere lepilogo di troppe fiabe intriganti. Ci assale per il serio dubbio
di non essere per nulla capaci di compiere
simili gesti.

SPECIALE 10

Sicilia 14 giugno 2015, domenica

Un saluto
speciale
a un padre
putativo
L

a cultura siracusana dice addio a un suo figlio


illustre: venuto a mancare, infatti, il prof. Arturo
Messina, docente allistituto Corbino, giornalista,
di grande spessore non solo per il ruolo da lui
ricoperto, ma per il carisma e la forte personalit
che lo caratterizzava. Il vuoto lasciato incolmabile non solo nel mondo della cultura, amici,
docenti, studenti, ma soprattutto nella redazione
del quotidiano Libert di cui era un prezioso
collaboratore, un profondo conoscitore della
letteratura dellarte e della musica.
Per noi giornalisti della famiglia Libert-Video 66
stato un padre putativo, sempre pronto a dare dei
giusti consigli, un uomo eccezionale come pochi.
Come ha scritto recentemente su Libert il nostro
Aldo Formosa: Istintivo e determinato, Arturo
Messina aveva pubblicato un libro intitolato "I
Megghiu" dedicato al Premio Cultura e Socialit,
Oscar della Siracusanit, da lui stesso fondato
e portato avanti per molti anni. Parte dal 1983
questa sua avvincente avventura, e nel libro si
ferma al 1997.
In effetti, come racconta Messina in premessa,
l'idea di un premio di cultura e socialit fu di un
sacerdote, P. Carlo Ramondetta, come corollario alla festa dell'Addolorata della Parrocchia di
Grottasanta. Dopo aver confidato di essere un ex
Servo di Maria dal 1941 al 1949, e quindi compagno di P. Ramondetta, Messina si addentra nel
riferire articoli rievocativi pubblicati dall'Aretuseo,
giornale col quale ebbe a collaborare, e precisa
di essere il fondatore dell'Incas.
Anema e core, Arturo Messina ha pubblicato uno
spaccato di vita siracusana continua Aldo Formosa -, che mi capitato casualmente tra le mani
in questi giorni a cura di un amico. Un compendio
al quale bisogna fare tanto di cappello. Non solo
per la pazienza, limpegno, la fatica, l'entusiasmo
arrembante che Messina ha speso negli anni,
ma soprattutto per le motivazioni umane e per
la sensibilit da cui stato animato.
Poeta, musico e giornalista, Arturo Messina - conclude Formosa -. con questo libro ha certamente
reso un servigio alle cronache sociali di Siracusa.
E considerando che giustamente Dino Cartia
chiamava "scordarella" questa citt, l'impresa di
Arturo Messina non impresa da poco.
Fa male ora a tutti che ci manchi prof. Messina,
fa male anche che tutte queste nostre parole
non potrai leggerle, fa male perch ci sei sempre
stato e pochi di noi hanno saputo dimostrarti il
rispetto e il bene che tu ci hai insegnato ad avere
incondizionatamente per gli altri, che con la tua
durezza ci insegnavi regole di vita, che facevi
battute per sdrammatizzare le situazioni scomode o complicate, che venivi in redazione con
la tua inconfondibile voce, pronto a profondere
simpatia: a volte anzich spiegare cosa avessi
scritto ci facevi discorsi come i padri fanno ai
propri figli, che ci hai insegnato a usare meglio
i rapporti interpersonali con la tecnica dellanalisi funzionale sociologia. Chiss come sar ora
lass, o dovunque tu sia, e come saremo noi
qui senza pi sentire i tuoi discorsi , senza pi
leggere ile tue recensioni.
Un minuto di silenzio, come dicevi, per te e
per tutti.
Ci scusi prof. Messina per averle dato del tu, ma
forse ora saresti contento che ti diamo del tu,
come sempre pretendevi: Voi ragazzi siete dei
miei figli putativi, quindi datemi del tu, ma noi
ostinati per rispetto continuavamo a darti del
Lei, ora, ma strano scrivere cos tante parole
a un professore e a una persona che pensava
sempre al futuro, ed strano anche dirgli addio,
inaspettato, amaro, triste ma allo stesso tempo
carico di positivit.
Ciao per sempre professore.
Che dico, ciao per sempre pap Arturo!
Giuseppe Bianca

14 giugno 2015, domenica

I funerali si svolgono domani alle ore 10 a grottasanta

Con Arturo Messina, la citt


perde un uomo darte e cultura
Palazzolo nel suo cuore ma a Siracusa che ha vissuto
e prodotto in diversi settori. Il ricordo, il rimpianto, le passioni

Si svolgono domani
mattina alle ore 10
i funerali del prof.
Arturo Messina. Le
eseque si terranno
nella chiesa di Grottasanta a Siracusa.
Il prof. venuto a
mancare la scorsa
notte allet di 86
anni che avrebbe
compiuto nel mese
di settembre, dopo
una lunga malattia
che lo ha afflitto

Ci ha lasciati il pro-

fessore Arturo Messina. Una grave perdita


per il nostro giornale
ma anche per lintera
citt di Siracusa per Sopra, il prof. Arturo Messina con la moglie Elvira Cultrera.
la quale era diven- struttura penitenzia- alle contese tra rioni traumatico di quando
tato un personaggio ria del centro collina- e soprattutto alle di- nel 1943 gli giunge
poliedrico e amato. re siracusano. Qui ha spute sempre accese notizia che la casa
In genere occupava vissuto i primi anni di tra sammastianisi paterna il 9 luglio del
con i suoi articoli vita insieme agli altri e sanpaulisi. Ben 1943 era stata colpita
questo paginone che quattro fratelli (Giu- presto, per, la vita dai bombardamenti
oggi dedichiamo in- seppe, militare della lo mette di fronte a aerei da parte degli
teramente a lui, certi Regia Marina, imbar- gravi difficolt.
inglesi nei giorni
che ci abbia lasciato cato sulla corazzata Nel 1939, infatti, concitati di luglio
in questi lunghi anni Roma e morto in allet di 10 anni, il in occasione dello
di collaborazione do- guerra, Tino, dise- padre costretto a sbarco in Sicilia decumenti significativi gnatore della CGE inviarlo a Palma di gli anglo-americani.
e di valore sociale e a Milano, Rosetta e Campania, ospite Ancora oggi si emoGiulio) scorrazzando di un convitto, a ziona al ricordo di
culturali.
Arturo Messina era per i vicoli del quar- causa della prema- quella vicenda che
nato a Palazzolo tiere storico, attorno tura scomparsa della ha segnato la storia
Acreide ma gi dai al castello Minzanu, madre.
recente di Palazzolo,
primi mesi della sua e la piazza del po- Il distacco dalla fa- provata dai disastri e
vita si trasferito a polo; partecipando miglia non meno dai lutti provocati da
Siracusa. Compositore, autore, musicista, giornalista,
scrittore, commediografo, poeta, critico
darte. Tutto questo
e tantaltro era Arturo Messina, noto a
diverse generazioni
di studenti siracusani
perch principalmente ha svolto la professione di docente,
ordinario di lettere
nei licei.
Nato a Palazzolo
Acreide il 22 settembre 1929, ricordava
sorridendo di avere
emesso il primo vagito in carcere, perch
suo padre, guardia
carceraria, svolgeva
servizio presso la Sopra, il prof. Messina nel corso di unintervista.

quei raid aerei.


In quegli anni, il
giovane Arturo maturava la sua passione
per la musica, che
studia dal 1941 al
1947 a Napoli, dal
1947 al 1949 a Firenze, dopo di che
torna a Siracusa nelle
cui chiese si presta a
suonare per le messe
solenni e nuziali,
come inizia a dare
lezione di musica
a parecchi giovani,
mentre compone
tanta musica, tra cui il
commento musicale
per la rappresentazione della tragedia
euripidea Troadi allestita dagli studenti
del liceo classico
Tommaso Gargallo
con la regia del prof.
Renato Randazzo.
Lanno precedente
aveva composto la
fiaba musicale con il
testo di Maria Bottiglieri, dato al Lux
dal CIF.
Lanno successivo
componeva il commento musicale e le
danze per la lOrchestra Filarmonica
Vivaldi di Tripoli.
Loccasione data
dalla messa in scena di Alcesti e
Troadi al teatro di
Sabratha con la compagnia del teatro di
Renato Randazzo e la
coreografia di Maria
Clementina Cumani
Quasimodo
Nello stesso 1953
viene iscritto alla
Siae come autore e
compositore tra i
pochissimi della sezione D.O.R. Lanno
successivo compone
il commento musicale per il carro di
Dioniso messo in
scena da Sebastiano
Zammitti alle latomie dei cappuccini.
Nel 1955 compone
le musiche e le danze

per Prometeo incatenato e per Le supplici, date in prima


assoluta sotto la regia
di Gioacchino Lentini e la coreografia
di Maria Clementina
Cumani Quasimodo
alle mura fenicie di
Capo Soprano a Gela.
Di particolare importanza le musiche per
le Baccanti, tradotte e
portate in scena al teatro greco di Siracusa
nel 1978, quando vi
fu la partecipazione
di Sebastiano Lo Monaco e di Salvo Bitonti allora appena saliti
sulla scena del teatro
in campo nazionale,
nonch quella del pi
celebre baritono che
a Siracusa sia nato,
Lino Puglisi, che ne
cant il prologo della
tragedia tradotta dal
prof. Renato Randazzo: O beato
da fare sbalordire
tutti gli spettatori che
gremivano la vasta
cavea, come fece per
Agamennone, tradotta sempre dallesimio professore e
regista nel 1982 nello
stesso teatro. Ma
gi da prima aveva
compreso che non si
potesse vivere di sola
musica in una citt
come Siracusa che si
dimostra poco fertile
e generosa con chi
abbia sposato larte.
Cosicch aveva intrapreso gi la carriera di
insegnante, vincendo
nel 1956 il relativo
concorso con il massimo dei voti: 50 allo
scritto e 50 allorale.
Il primo incarico ottenuto era stato presso

In foto, il prof. Arturo Messina.

la scuola elementare
di Lentini. E lanno in cui conosce e
convolava a nozze
con linseparabile
Elvira, dipendente
delle allora Poste e
Telecomunicazioni,
anchella con la passione per la musica,
che gli doner quattro
figli.
Da quella data Arturo
Messina divideva la
sua vita tra linsegnamento pubblico
e privato, la famiglia,
la musica e gli studi
universitari. Si laurer di l a breve con
una tesi su Il barocco
di Palazzolo, divenuta poi la sua opera
prima.
Il nuovo titolo di
studi gli consente di
partecipare ai corsi
di abilitazione per
docente di scuole
medie superiori e di
insegnare Lettere per
oltre un trentennio

Sopra, il musicista Messina visto da Frana.

presso il liceo scientifico Corbino di


Siracusa.
Gi negli anni Settanta si avvicina al
giornalismo con una
costante collaborazione settimanale a
LAretuseo. Agli
inizi degli anni Ottanta, intuisce limportanza del mezzo
televisivo locale,
ancora agli albori, e
cos propone i suoi
pezzi da critico darte
allemittente Teleuno
Tris. Malgrado la
sua intensa attivit
nel settore, liscrizione allOrdine dei
Giornalisti avviene
soltanto nel 2002,
a seguito della sua
collaborazione con
Libert quotidiano
di Siracusa, avviata
nel 1997 e pienamente operativa e quotidiana fino a qualche
settimana fa, quando
il male incurabile lo

Sicilia 11

ha debilitato a tal
punto da non riuscire
pi a concentrarsi.
Eppure. Dal lettino
in ospedale, si era
portato appresso libri
da recensire. Per il
giornale, Messina
curava da anni una
sorta di pagina tre,
dedicata alla cultura,
agli approfondimenti, alle interviste,
allanalisi funzionale
sociologica.
Il suo motto in redazione era Niente
voglio ma niente
dovete togliermi, e
non mancava sera che
non salisse le scale
della sede del giornale in via Mosco,
per proporre la sua
pen-drive piena zeppa di file con lunghi
articoli corredati da
fotografie.
Alle migliaia di articoli si aggiungono
le numerose pubblicazioni: Angioletto larcidiavoletto,
Lultimo eremita
di Grottasanta, I
magnifici sette di
Firenze, Domenico
Foti, Leggende, paesaggi e personaggi
di Siracusa, Personaggi insigni dellOttocento siracusano,
Due al d- 14 pillole
di parapsicologia,
il trittico di commedie Mafia ieri,
mafia oggi, Due
met fanno sempre
meno di uno, Il
figlio di due madri,
Lultimo rais della
tonnara e i primi
archeotummaturi,
Condominio alla
Mazzarona U baruni di canalazzu,

SPECIALE

I miegghiu, cio
i designati al Premio
di Cultura e Socialit,
le cui motivazioni venivano fatte in sonetti
o sonettesse, oltre a
centinaia di liriche.
Come compositore
ha scritto, oltre a
centinaia di canzoni
in lingua e in dialetto,
parecchie eseguite
dai suoi Siracusani
Singers, anche due
fiabe: Soldino e
Sbriciolino, rappresentate in una
operazione teatrale
e didattica mettendo
insieme i suoi studenti liceali del Corbino
con cento ragazzini
dellallora VIII Circolo Didattico, Pasturali sarausani,
La via di la cruci
Resurrexit, nonch
il musical Tutti gli
uomini sono uguali,
con il testo della prof.
ssa Maria Saddemi e
numerosi commenti
musicali per teatro
classico e moderno.
Ha anche curato la
pubblicazione di parecchie opere altrui,
come I miei primi sessantanni di
Turi Sardo Liriche
siracusane di Gina
Chimirri; Storia di
Siracusa di Francesco Oliva, Cunti muntirussani di
Francesco Scollo
ha curato la presentazione del libro
La farfalla dalle ali
spezzate e Lisola
a forma di quaglia,
di Vittoria De Marco
Veneziano, Ma lopera alla quale pi
legato la Grammatica siciliana,
pubblicata di recente,
tra le pochissime esistenti in circolazione,
nella quale vengono
spiegate le regole da
rispettare per scrivere
correttamente nella
lingua siciliana e
viene adottata da
Daniele Galea presso
la facolt di lingue
delluniversit Ekts
di Mosca, Arturo
Messina faceva della
Siracusanit (con la
esse maiuscola) il suo
epicentro, attorno al
quale ruotano personaggi pi o meno
noti, che hanno dato
lustro alla citt dArchimede e al suo paese natio: Palazzolo.
Francesco Nania

SPECIALE 12

Sicilia 14 GIUGNO 2015, DOMENICA

14 GIUGNO 2015, DOMENICA

La premiazione si terr a Torino il 16 ottobre 2015

Francesco Candelari con il racconto breve


Non sar lultimo Consiglio si qualificato
al secondo posto del Premio Nazionale CISAF

Francesco Candelari
grazie al racconto breve
Non sar lultimo Consiglio si qualificato,
dopo un agguerrito
testa-a-testa, al secondo
posto del Premio Nazionale CISAF 2015.
Candelari, gi noto
scrittore di fantascienza, ha letteralmente
stregato buona parte
della giuria raccontando di un bizzarro incontro fantascientifico tra
un ambasciatore alieno
e tutti i Consiglieri di
Quartiere della Borgata: in poche righe (e pochi concitati momenti)
saranno proprio questi
ultimi a dover lottare,
inaspettatamente e loro
malgrado, per salvare
lintera umanit dallapocalittico ultimatum
che il crudele diplomatico ha consegnato nelle
loro mani.
Tuttavia in fondo si
sa: la Borgata non
esattamente lONU,
n quei giovani politici sono preparati
nella sopraffina arte
della diplomazia, di cui
sembrano brillare gli
imbelli funzionari delle
Nazioni Unite, pertanto
la loro reazione del tutto
inaspettata non si far
attendere e trasciner
il lettore in un finale
inatteso, nonch ironicamente spiazzante.
La premiazione si terr
a Torino il 16 ottobre
2015, durante la serata
di gala per i festeggiamenti del decimo
anno di fondazione del
CISAF, nella splendida
cornice dello storico
Grand Hotel Sitea.
Candelari aveva gi
ambientato il romanzo
Il cibo dei topi nella
nostra amata citt e nel
racconto con al centro
il Quartiere Santa Lucia
ha chiuso il cerchio di
una splendida avventura fantascientifica in cui
Siracusa sempre stata
la protagonista.

NON SAR L'ULTIMO CONSIGLIO


di Francesco Candelari Che schifo di
tempo! sbott Fabio
Rotondo, Presidente del
Consiglio di Quartiere
Santa Lucia, mentre
entrava fradicio di pioggia allinterno dellaula
consiliare. Incroci
gli occhi di Francesco
Candelari, il vicepresidente, comodamente
seduto nel suo solito
posto, che lo accolse
con un sorriso ironico
mentre continuava a
tamburellare distrattamente con la penna sul
proprio cellulare. Siamo a novembre, cosa ti
aspettavi? E poi, per due
gocce di
pioggia! Due gocce?
Sembra il diluvio universale! Comunque,
buonasera a tutti disse
rivolgen- dosi ai nove
consiglieri presenti su
dieci. Ho gi fatto
lappello comunic
Candelari, facendolo
accomodare nel posto
che gli spet- tava di

diritto, e cio tra lui e


il segretario Giuseppe
Naccarato, un competente burocrate laureato
in giurisprudenza che
curava la stesura dei
verbali dassemblea e
delle delibere. Quei giovani, che si riunivano
due volte alla settimana
nella piccola ma accogliente aula consiliare,
erano gli amministratori eletti del quartiere
Santa Lucia, meglio
conosciuto con il nome
di Borgata; un quartiere
storico di Siracusa, nato
nella seconda met
dellOttocento e famoso per la sua chiesa di
Santa Lucia al Sepolcro
fuori le mura, luogo in
cui la leggen - da narra
che avvenne il martirio di Lucia, vergine e
martire, patrona di tutti
i siracusani. Rotondo
si guard in giro: Chi
manca? Christian Garofalo rispose con
prontezza Naccarato.
Ha appena telefonato: dice che ritarder
qualche minuto. Con

questa pioggia viale


Scala Greca diventato un fiume in piena.
Per fortuna quella
zona non appartiene
alla Borgata osserv
Simona Schiavone,
la sola e bellissima
ragazza del Consiglio,
quando, allimprovviso, un fulmine illumin
la sala, se- guito da
un tuono il cui boato
fece tremare i vetri
delle finestre per alcuni secondi. Rotondo
imprec sottovoce, poi
pass subito allordine
del giorno. Il primo
punto di oggi riguarda
il manto stradale della
via Agrigento, ormai da
rifare ex-novo. Se non
erro, questa problematica stata sollevata dal
consigliere Calcinella.
Non erra affatto, Presidente rispose questi
con voce pacata e roca.
Luigi Calcinella era soprannominato da tutto il
gruppo il Senatore,
per let anagrafica
alquanto avanzata, ma
anche perch poteva

vantare un numero di
legislature superiore a
quello di tutti gli altri
consiglieri. Infatti da
mesi che sto cercando
di convincerne il Vice
Sindaco Italia sulla
necessit...
Un fulmine pi brillante
e intenso illumin laula
e i volti dei presenti di
una luce bianco- azzurrina cos splendente da
mostrare tutti in una
trasparenza innaturale.
Segu un boato tanto
assordante da trafiggere
i timpani e togliere il
respiro; lintera stanza
vibr parecchi secondi, come scossa da un
terremoto. Gli sguardi
dei consiglieri sincrociarono accompa- gnati
da eloquenti espressioni
di silenzioso e interrogativo terrore.
Poi il buio pi pesto
e profondo li fagocit
nel suo impenetrabile grembo tenebroso.
Can- delari si alz per
dirigersi a tentoni verso
luscita: come allinterno dellaula, anche

fuori re- gnava loscurit pi totale. Non


si vede assolutamente
nulla rifer. Il temporale deve aver interrotto
lerogazione elettrica in
tutta la Borgata.
Andiamo bene! comment Rotondo con
voce rassegnata. Vedrete domani i giornali:
due gocce dacqua e il
Quartiere Santa Lucia
resta al buio per ore.
Non mi resta che te- nere
spento il cellulare tutto
il giorno. A proposito
di cellulari sintromise
Luigi Iacono, il mio
non funziona pi.
A turno i consiglieri
Gambuzza, Midolo,
Navanteri, Fiducia e
Ardita, accertatisi che
i propri telefoni non
davano pi segni di vita,
confermarono lo strano
fenomeno. Qualcuno
mi d un accendino?
La richiesta di Rotondo
rimase senza risposta,
poich al centro dellaula si era improvvisamente acceso un fioco
grumo di luce ambrata,
sospeso a un metro da
terra, che si ingigant
centuplicando la propria massa iniziale e
accompagnan- do quella crescita vertiginosa
con migliaia di scintille
dorate in vorticoso movimento.
Gli esterrefatti consiglieri sgranarono ancor
di pi gli occhi, quando
al centro di quellipnoti- co mulinellare di
particelle luminose si
materializz dun tratto
un essere umanoide,
spa- ventosamente ricoperto da una pesante
e finemente decorata
corazza metallica dai
lumi- nosi riflessi violacei. Sono Harak-t,
Ambasciatore dellImpero Vorgon esord
con voce metallica e
autoritaria. Sollev di
poco il capo, mettendo pi in evidenza lo
splendido elmo crestato, percorso in tutta
la circonferenza da
oscuri arabeschi. Sono
stato inviato su questo
pianeta per prendere
contatto con il rappresentante dellistituzione
chiamata Nazio- ni
Unite. Chi di voi due
il presidente? domand indicando Rotondo
e Candelari, gli unici
seduti dietro una scrivania, quindi, secondo
le fredde logiche dedu-

zioni dellalieno, quelli


con il pi alto grado di
comando, visto che il
segretario Naccarato
aveva raccolto le sue
carte e si era gi defilato
alla chetichella di un
paio di metri dai due
politici.
Presidente dellONU? rispose sconvolto
Rotondo. Guardi, non
ho la pi pallida idea
n di chi sia lei, n
tantomeno di chi labbia mandata fin qui,
ma sappia che finito
proprio nel bel mezzo
dellaula consiliare del
Quartiere Santa Lucia
di Siracusa. Altro che
ONU! Candelari si
sporse e, osservando
con fare curioso il cinturone dellalieno, pieno
di strumenti ipertecnologici, non pot trattenersi: Complimenti
per il gioco di luci, ma
il vostro te- letrasporto
una vera schifezza: lONU ha sede a
New York, dallaltra
parte del pianeta. Non
avete un navigatore
satellitare? sghignazz. Basta! Lalieno
sbatt con violenza il
pugno sulla scrivania
e allistante la corazza
au- ment lemanazione violacea, quasi a
voler indicare lira e il
disappunto del proprietario. Smettetela, noi
Vorgon non sbagliamo
mai! ovvio che sono
giunto nel posto giusto.
Boh! esclam Rotondo rassegnato. Se
le fa piacere crederlo,
faccia pure. Comunque
io sono il presidente di
questa assemblea, e lui
il mio vice aggiunse
indicando Candela- ri.
Molto bene sorrise
mettendo in evidenza
due sinistre file di denti
aguzzi. Ora che abbiamo chiarito i ruoli,
posso procedere con il
compito che mi stato
assegnato dal Sacro Imperatore: non sono qui
per negoziare la vostra
resa, che avverr senza
condizioni. Di quale
resa stiamo parlando?
domand Federico Di
Franco Gambuzza, il
diplomatico del gruppo.
E che vorrebbe dire
senza condizioni?
Si discutono sempre i
termini di una resa!
Lalieno si volt nella
sua direzione, propinandogli unocchiata
al vetriolo. Per tutti

i vulca- ni del Sacro


Crestor! Non ti permettere pi dinterrompere
lambasciatore Vorgon,
razza dimbelle primitivo! O scoprirai per la
prima volta sulla tua
fragile pelle il significato del do- lore allo
stato puro. Torn a
parlare ai due politici,
che, nonostante tutto,
continuavano a guardarlo con lespressione
di chi si trova davanti un
malato di mente in pieno delirio. Tra poche
decine danni il nostro
Impero sinteresser
a questo settore galattico e quindi an- che
al vostro miserabile
pianeta. Per quel tempo
dovrete farvi trovare
docili e sottomessi.
Ogni minima forma di
resistenza sar punita
con lannientamento
di interi gruppi sociali.
A occupazione avvenuta, gli uomini abili
verranno resi schiavi e
deportati nelle miniere
spar- se per la galassia
e nelle nostre industrie
belliche a lavorare fino
alla morte, per la gloria
di Vorgon! Le donne in
et riproduttiva saranno
sottoposte a fecondazione forzata per
dare allImpero Vorgon
braccia lavoro sempre
fresche e disponibili.
Nel frattempo Garofalo, il consigliere in
ritardo, fece il suo
ingresso bagnato come
un pulci- no, ma con gli
occhi fissi sullalieno e
il suo classico sorriso
sardonico dipinto sul
viso. Ciao ragazzi
esord allegro. Cos
tutta sta luce viola? Si
vede addirittura dalla
strada. E questo chi
? domand indicando il Vorgon. Avete
invitato i Cavalieri dello
Zodiaco? Christian,
per lamor del cielo
stai zitto!
Lammonimento di
Giuseppe Fiducia, il
consigliere a lui pi vicino, non serv a nulla:
un violento manrovescio dellambasciatore
colp il nuovo arrivato
in pieno volto, facendolo rovinare oltre la
scrivania. Avete preso
il numero di targa? furono le sue ultime parole, pri- ma di perdere i
sensi. Lalieno torn a
parlare come se nulla
fosse successo. Ora,
per esser certo che ab-

biate recepito le volont


del Sacro Imperatore,
vi far conoscere il
destino cui sono andati
incon- tro i popoli ribellatisi ai Vorgon.
Una bolla olografica fece improvvisa
comparsa al centro
dellaula: allinterno
era visibile un pianeta
molto simile alla Terra,
circondato da decine di
astronavi.
Mentre lultimo degli
in- crociatori ribelli
precipitava in fiamme
allinterno dellatmosfera, sotto i colpi delle
invincibili corazzate imperiali Vorgon,
lintera superficie del
pianeta veniva illuminata da migliaia di
esplosioni pi accecanti
del Sole. I consiglieri
dovettero distogliere
lo sguardo, poich tale
luminosit non era pi
sopportabile.
Quando fu loro possibile tornare a guardare,
il pianeta azzurro aveva
lasciato il posto a una
visione da incubo: gli
oceani erano evaporati,
le nuvole scomparse,
lintera crosta ter- restre
era completamente nera
e calcinata, tranne nelle
zone dimpatto delle
bombe, dove a causa
delle altissime temperature il terreno, ancora
liquefatto, era colorato

di un sinistro rosso
rubino, dai cui crateri
andavano diramandosi
cremisi venature ricolme dincande- scenti
e mortali sostanze radioattive che avrebbero
reso il pianeta inospitale
alla vita per leternit.
La bolla scomparve e
nellaula cadde un tale
silenzio da poter persino percepire il respiro
affannato di qualcuno.
La pausa venne presto
interrotta dalla voce
carica dautorit del
Vorgon: Credo che
queste immagini valgano pi di mille discorsi.
Non daccordo con
me, Presidente?
Rotondo non rispose,
troppo impegnato ad
ascoltare ci che il
suo vice Candelari gli
stava freneticamente
comunicando sottovoce
allorecchio. S, Francesco rispose con tono
complice forse questa
lunica cosa giusta
da fare. Cosa vi siete
detti? domand furioso lalieno. Niente
colloqui privati in mia
presenza. Stia sereno,
Ambasciatore disse
Candelari con un ambiguo sorriso che non
lasciava presagire nulla
di buono. Noi umani
avremo un gran rispetto
per la sua razza, quando
ar - river. Sa qui sulla

Sicilia 13

Terra come vi potremmo chiamare? Nazisti!


Nazisti? Chi sarebbero
costoro? Degli uomini
che a loro modo hanno lasciato un segno
indelebile nella storia
dellumanit. Rotondo
interruppe il suo vice e
si rivolse al segretario:
Dottor Naccarato, mi
vorrebbe gentilmente
passare il cacciavite
dentro quel cassetto?
Subito Presidente
rispose senza indugio.
Cosa avete intenzione
di fare con quellarnese? chiese lalieno
con tono circospetto.
Ma alla domanda non
segu risposta; a un
cenno di Rotondo tutti
i consiglieri gli saltarono addosso schienandolo sulla scrivania.
La Schiavone gli sfil
lelmo crestato; Iacono
e Mi- dolo lo tennero
stretto per i polsi; Navanteri, il pi forzuto
del gruppo, gli stacc
da dosso pezzo dopo
pezzo lintera armatura
con il solo ausilio delle
mani. Cosa volete
farmi? Ho limmunit
diplomatica: non mi
potete nemmeno sfiorare! Mi dispiace, signor
Ambasciatore rispose
Rotondo. Lei non pu
venire a casa nostra,
mostrarci filmati di
mondi in fiamme, mi-

speciale

nacciarci, deriderci e
sperare di farla franca.
Non qui alla Borgata!
concluse passando il
cacciavite a Candelari
A te lonore. Il vice
afferr lattrezzo e senza pensarci su due volte
lo affond con fredda
precisione chi- rurgica
nella cavit oculare destra dellalieno, per poi
estrarne il suo occhio
sanguinante. Maledetti! Maledetti selvaggi!
Lira Vorgon sar tremenda. Vi pentirete
per ci che mi ave- te
appena fatto.
Lo scintillante vortice
che lo aveva teletrasportato fece la propria
ricomparsa al centro
del- la sala. Lasciatelo
andare ordin Rotondo. Lalieno, privo
dellarmatura e con il
volto ricoperto di sangue, si tuff dentro il
tunnel di luce ambrata
senza pi osare voltarsi.
Candelari sfil locchio
dal cacciavite e con
un lancio da manuale
lo pass al giovane
con- sigliere Ardita,
che stazionava vicino
al vortice. Buttaglielo
dentro! gli url. Questi, lungi dallafferrare
il viscido bulbo con
le mani, lo intercett
stoppandolo con un
piede e dopo un paio
di lesti palleggi glielo
calci dentro con una
rovesciata degna del
Pel dei tempi migliori,
subito accompagnata
dagli applausi di tutti
i consiglieri. Il tunnel
spar implodendo su se
stesso e pochi istanti
dopo torn la luce.
Cosa abbiamo fatto?
si domand Rotondo,
facendosi dun tratto
serio. Candelari losserv per un instante,
poi gli pose una mano
sulla spalla e replic:
Abbiamo salvato lumanit. Anzi no, forse
le abbiamo concesso
qualche anno in pi
per prepararsi: adesso,
grazie a noi, i Vorgon
ci temono. Pensa cosa
sarebbe successo se
quellessere si fosse veramente materializzato
alle Nazioni Unite. Si
sarebbero immediatamente calati le braghe e
gli avrebbero consegnato le chiavi del pianeta.
Infatti. Doveravamo rimasti? La via
Agrigento: devessere
riasfaltata. Gi!

Cultura 14

Sicilia 14 GIUGNO 2015, DOMENICA

14 giugno 2015, domenica

vero che i
figli sono una
benedizione di
Dio, ma un padre e una madre
saggi e fedeli a
Dio si faranno
qualche conto
per poter provvedere adeguatamente a un
numero di figli
congruo con le
loro possibilit

di Roberto Tondelli
Quando si arriva, si
rimane e poi si lascia
un villaggio dEtiopia lesperienza
sempre la stessa, si
viene circondati da
centinaia di bambini
sorridenti; sorridenti
e festosi, nonostante
la loro estrema povert. cos in Africa e in tutti i Paesi
che noi, in genere,
chiamiamo sottosviluppati. Il problema
demografico la
crescita esponenziale incontrollata delle
nascite lo si nota
proprio in questi Paesi. Nel contempo
vi sono Paesi, come
lItalia, dove la crescita minima, in
alcune citt zero o
addirittura negativa
(ci sono pi morti
che nascite).
Talvolta accade che
persino i grandi insegnanti di morale
sembrano non accorgersi della seriet
e gravit del problema demografico. Si
continua a predicare
il crescete e moltiplicatevi
come
fosse uno slogan per
convincere i popoli
a figliare come conigli. Forse questo genere di predicazione
dovuto anchesso,
come per altri aspetti, ad una ignoranza
di fondo del testo biblico? Forse i brani
della Bibbia vanno
esaminati con cura
e alla luce del loro
contesto per poter
essere ben compresi? Altrimenti, non
solo si rischia di far
dire a Dio ci che
Egli mai ha detto,
ma si produce disistima e sfiducia
di fondo in ci che
la Bibbia effettivamente dice. Ed
proprio per questo
che, purtroppo, anche persone di cultura finiscono per non
dare alcun credito a
quelle che con sbrigativa superficialit
si chiamano vecchie favole della
Bibbia. Se letta con

Crescete e moltiplicate
attenzione e studiata
con paziente cura, ci
si accorge non solo
che la Bibbia non
racconta favole, ma
che propone agli
esseri umani una sapienza e una intelligenza delle cose che
possono venire solo
da una Mente che
conosce molto bene
le esigenze della
persona umana.
La prima narrazione
della creazione (Gen
1) presenta la persona umana al culmine
dellazione buona di
Dio. Uomo e donna,
statue viventi o riproduzioni plastiche
del Creatore (pur se
ben lontane dallOriginale), ricevono
la benedizione: E
Dio li benedisse; e
Dio disse loro: Crescete e moltiplicate... (Gen 1,28). In
genere ci si ferma
qui nella citazione.
Ecco perch se ne
traggono quelle conclusioni errate cui si
accennava sopra.
La motivazione del
crescete e moltiplicate scritta subito
dopo: ... e riempite
la terra. La terra era
infatti priva di abi-

tanti, per cui linvito


a riempirla era giustificato e comprensibile. Quellinvito
non viene pi ripetuto n nella Bibbia
ebraica n nel Nuovo
Testamento. Come
mai? Semplicemente perch si trattava
di un comando perfettamente logico al
momento di dover
popolare la terra. Le
vicende narrate nei
libri di Genesi, Esodo, Numeri, mostrano come gli uomini,
cio i vari popoli,
ben compresero e attuarono il consiglio

divino. Egiziani, Assiri, Babilonesi, popolazioni asiatiche e


dellestremo oriente, africane, arabe,
medio orientali ed
europee, fecero proprio cos. Ma quando Paolo apostolo,
ispirato dallo stesso
Dio che aveva ordinato il crescete e
moltiplicate, scriver intorno alletica della famiglia,
dir che se uno non
provvede ai suoi,
e principalmente a
quelli della sua famiglia, ha rinnegato
la fede, ed peggio-

re dellincredulo (1
Tim 5,8). vero che
queste sono parole
molto forti, ma sono
anche molto sagge;
tanto sapienti oggi
quanto lo erano duemila anni or sono.
Quando si decide di
metter su famiglia,
occorre pensare a
provvedere per la
famiglia stessa. Solo
persone sconsiderate possono pensare
di mettere al mondo
un tale numero di
figli per poi accorgersi di non riuscire
a provvedere al
loro mantenimento fisico, morale e
spirituale. Chi per
pigrizia, sconsideratezza o stoltezza agi-

sce in questo modo


simile a colui che ha
rinnegato la fede,
ed anzi peggiore di chi non crede affatto. Mettere
al mondo tanti figli
per ridurli in povert non solo segno
di ignoranza sociale
e/o famigliare, ma
addirittura indice di
una fede immatura,
se non di incredulit.
vero che i figli
sono una benedizione di Dio, ma un
padre e una madre
saggi e fedeli a Dio
si faranno qualche conto per poter
provvedere adeguatamente a un numero di figli congruo
con le loro possibilit. Non si mettono
al mondo figli pensando che tanto poi
ci si potr far aiutare per farli vivere.
LEvangelo esorta i
credenti a lavorare
con le loro mani, a
camminare onestamente e a non aver
bisogno di nessuno
(1 Tes 4,11 s.). Infatti la Provvidenza
una cosa, il fideismo tuttaltra cosa.
(Chiesa di Ges Cristo via Modica 3
di fronte ingresso
Istituto F. Insolera
mercoled e venerd
ore 19:30, conversazioni
bibliche;
domenica ore 10:30,
culto al Signore info: 0931.1664671
340.4809173
email: chiesadicristo@alice.it).

Inizia il valzer
nelle panchine
del calcio siciliano

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

La formazione del Citt di Siracusa affida la squadra al fantasista


di Caltagirone Peppe Mascara per il prossimo campionato di serie D

n serie D Peppe
Mascara, ex calciatore del Catania,
Palermo e Napoli
il nuovo allenatore del Siracusa. La
formazione aretusea
da neo promossa
terr a battesimo la
nuova avventura del
fantasista di Caltagirone. Da alcuni
giorni stato raggiunto laccordo tra
i dirigenti azzurri
e lex giocatore di
Catania e Palermo.
Sono carico e non
vedo lora di cominciare - ha spiegato
il capitano azzurro
- cercheremo di riportare il Siracusa
nel calcio che conta.
Con una societ so-

lida si possono raggiungere traguardi


importanti. Durante
la mia carriera ho
avuto tanti allenatori molto preparati
sicuramente questo
mi potr servire anche se cercher di
mettere in pratica
alcune mie idee di
calcio. In panchina Peppe Mascara
verr affiancato da
un
supervisore
che potrebbe essere
Gaetano Favara che
avrebbe dato alla
societ piena disponibilit di lavorare
ancora una volta
con la societ azzurra ma in questo caso
si tratterebbe di una
promozione dalla

juniores azzurra alla


prima squadra. Pietro Infantino lascia
la panchina della
Leonfortese. I bianco verdi ennesi sono
cos orfani dell'allenatore dei miracoli.
Infantino ha voglia
di cimentarsi con il
campionato di Lega
Pro, come dargli
torto. Il Mussomeli,
dopo avere concluso il campionato di
Eccellenza sfiorando laccesso ai playoff, riprogetta il proprio futuro e lo fa tra
innesti eccellenti e
qualche addio inaspettato. Di sicuro
la prima importante
new entry riguarda
il cambio di guardia

in panchina. Dopo
due anni finisce il
matrimonio tra
la squadra e lallenatore Lucio Sapia,
uno degli artefici dellapprodo in
Eccellenza. Al posto di Sapia, dalla
prossima stagione
sieder in panchina mister Renato
Maggio, per molto
tempo uomo simbolo del Kamarat.
Dopo "essersi giurato amore eterno" a
fine aprile, arriva la
rescissione del rapporto fra il tecnico
Corrado Mutolo e
la Polisportiva Castelbuonese. Ora al
presidente Capuana, oltre alla grana

legata all'agibilit
dello stadio "Failla", deve risolvere la
questione allenatore
trovando un successore all'altezza delle
velleit societarie.
La societ granata
ha iniziato a contattare alcuni tecnici
per il campionato di
Eccellenza 2015/16.
Lattenzione
del
calcio siciliano
attualmente focalizzato sulla cittadina
madonita, dove non
trapela nessun nome
per la panchina granata, ma sembra
che il club di via
Dafni stia puntando su qualcuno dei
seguenti allenatori:
Mimmo
Bellomo

(ex Akragas), Christian Perricone (ex


Denfini
Vergine
Maria), Giuseppe
Guida
(giovanissimi regionali di
Calcio Sicilia) e
Salvo Ricca (ex giocatore della Ternana
e allenatore dellAcireale). Su Mutolo come ogni anno
scatta il "toto destinazione" le voci lo
vedrebbero vicino
l'Asd Alcamo. Ufficializzato da Castelbuono l'arrivo di
Cristian Perricone.
Dopo aver chiuso
con la retrocessione
in Prima Categoria
coi Delfini Vergine
Maria,
Perricone
prende il posto sotto
al castello di Paolo
Scalia che lascia le
Madonie dopo aver
portato la squadra in
semifinale playoff.
I walzer delle panchine non risparmia
la Parmonval. Ninni
Carollo, traghettatore della formazione
mondellina, lascia
il passo a Rosario
Biondo. Su questa
scelta c' l'avallo
della societ.
Salvatore Cavallaro

Karate, ai Giochi Europei argento Canoa, Irene Burgo a Baku


per l'avolese Luigi Bus
per i Giochi Europei 2015
I

Luigi Bus si arrende in finale all'idolo


di casa, l'azero Rafael Aghayev, che vince
all'ultimo attacco per 1-0 con una serie di
colpi molto efficaci. Lavolese conquistando cos la prima medaglia siciliana ai 1'
Giochi Olimpici Europei, la seconda per la
spedizione azzurra a Baku, in Azerbaijan.
Dopo aver vinto la semifinale nella cat. 75
kg, conquistata nellincontro combattutissimo con il turco Eltemur Erman terminato in parit 4 a 4 in cui si giunti allhantei del gruppo arbitrale. Vinto dallatleta
aretuseo per la maggiore qualit dimostrata durante il combattimento, avendo
tutti e 5 i giudici a favore permettendo
cos do disputare la finale e conquistare
largento perdendo con Rafael Aghayev.
S.C.

canoisti italiani sono a Baku, in


Azerbaijan, a tra loro anche laretusea Irene Burgo. Da ieri linizio delle
gare e le prime medaglie assegnate, per la canoa bisogna aspettare i
primi giorni della prossima settimana. La nazionale di canoa velocit
azzurra presenter a Baku quattro
donne e cinque uomini. Non mancano le speranze di conquistare buoni
risultati, sopratutto al maschile con
Sergiu Craciun, fresco del passaggio alle Fiamme Oro e gli specialisti
delle brevi distanze Manfredi Rizza
e Matteo Florio. Attenzione anche
a Irene Burgo, a caccia di unaltra
finale nel K1 500 metri e a Giulio
Dressino ma comunque tutta la
squadra azzurra ad essere pronta in
una competizione che vedr in gara
moltissimi big internazionali. Irene
Burgo, solare isolana, atleta del CC
Siracusa, stata recente protagonista
della canoa in rosa. Dopo una carriera avviata con ben tre medaglie
conquistate tra il 2010 ed il 2012 in
barca multipla ai campionati europei
di categoria, guidata dal pap-allenatore, cresciuta molto tecnicamente iniziando ad esprimere in questo

2015 il suo potenziale anche in barca singola. Medaglia dargento al


recente Europeo 2015 di Racice nel
K1 1000mt e finalista nella specialit
olimpica del K1 1000mt, ha replicato
il successo anche a Duisburg in Coppa del Mondo, intromettendosi tra le
leader della canoa mondiale. Oltre
alla canoa, lazzurra studia Scienze
Politiche e Relazioni Internazionali.

SPORT PAGINA 16 14 giugno

Sicilia

2015, domenica

Tringali. Nonostante
tut o, la fiducia nella
giustizia ancora
non ci manca
ed affronteremo
questa vicenda
fino all'ultimo grado
di giudizio

Calcio a 5 A2/M, LAugusta non si arrende


ricorrer al Collegio di Garanzia del Coni
A

marezza e delusione in casa


Augusta,
dopo
la sentenza della corte sportiva
di appello che ha
respinto il reclamo della societ
nero verde ed ha
sentenziato che la
partita di ritorno
della finale play
off di A2 tra Carlisport Genzano
ed Augusta debba
essere disputata.
Nonostante tutto
dice il presidente Andrea Tringali - la fiducia nella
giustizia ancora
non ci manca ed
affronteremo questa vicenda fino
all ultimo grado
di giudizio ricorreremo al Collegio di Garanzia
del CONI tentando il tutto e per
tutto per tutelare
la nostra comunit, il nostro lavoro
ed i nostri investimenti. Ad essere stati penalizzati
da questa assurda
e per certi versi
pirandelliana
vicenda sono stati soprattutto i ti-

La societ laziale, unica responsabile, fa l'orecchio da mercante


e scarica la responsabilit all'aministrazione comunale
fosi dellAugusta
spiega Tringali
- che muovendosi
in massa avevano
raggiunto la cittadina laziale per
quella che avrebbe dovuto essere
una festa dello
sport che, invece,
si tramutata in
una delle peggiori
pagine dello sport
italiano.
Una citt che aveva festeggiato in
massa, in attesa
di una sentenza
scontata, il ritorno nella massima
serie del Campionato di Calcio
a 5 della societ
storica
megarese che ha visto
generazioni, nei
suoi 29 anni di
gloriosa
carriera,
susseguirsi
nell indossare la
tanto amata maglia neroverde. L
Augusta calcio a
5 affidatasi allattenta ed ineccepibile difesa dell
avv. Ugo Pera era

certa che la Corte


Sportiva
dAppello avesse dato
atto alle dichiarazioni rese dalla
societ laziale in
merito alla piena
responsabilit oggettiva, resa all
atto discrizione
al
campionato,
garantendo sicurezza ed agibilit
della struttura ed
il regolare svolgimento delle gare.
Lassenza del parere
favorevole
della Commissione Pubblici spettacoli, certificato
di agibilit ex art.
80 TULPS, necessario per poter dar
luogo a manifestazioni in presenza di pubblico, il
nocciolo della vicenda che ha fatto
scattare i sigilli al
Palacesaroni, teatro dellincontro,
da parte del Vice
Questore Aggiunto di Genzano di
Roma.
Un fatto risaputo

fin dal Mercoled antecedente la


gara, dopo la riunione tra Autorit
di P.S., Comune
di Genzano e la
societ Carlisport
Cogianco.
La societ laziale,
unica
responsabile, fa orecchie
da mercante e
scarica le responsabilit all amministrazione
comunale dichiarandosi
semplice
utilizzatrice
dellimpianto, il
sindaco di Genzano, Fabio Gabbarini,
dichiara
che tutto avrebbe
sistemato il tutto e che la gara
si fosse giocata,
nonostante
non
avessero prodotto il documento
richiesto al Vice
Questore
Aggiunto, il quale di
fronte alle richieste della Giustizia
Sportiva si limita,
senza ricostruire
realmente i fatti

che hanno portato


al decreto di chiusura della struttura e far chiarezza
su tutta la vicenda, a dichiarare
che la Carlisport
Cogianco lavesse
saputo formalmente solo nella giornata della
gara. In tutto questo scaricarsi le
responsabilit, la
giustizia sportiva
crea un precedente clamoroso, facendo diventare
latto di un Questore una causa di
forza maggiore e
smentisce quanto
scritto sui regolamenti federali
nazionali discolpando in toto la
societ laziale che
ribadiamo, in fase
discrizione,
si
assunta precisi
obblighi e responsabilit sul regolare svolgimento
della gara, anche
di fronte a particolari
decisioni
da parte di organi
preposti, garantendo la sicurezza
ed agibilit della
struttura.

Calcio,
a Malta
un torneo in
onore
dellavv.
Brandino

Si

giocher a
Malta, venerd
19 giugno, un
triangolare
di
calcio organizzato per ricordare lavvocato
Peppe Brandino,
scomparso prematuramente lo
scorso mese di
aprile. Levento
sar presentato
in una conferenza stampa, che
si terr marted
prossimo
(16
giugno),
alle
10,30, nella Sala
Archimede di
piazza Minerva
5. Saranno presenti il sindaco,
Giancarlo Garozzo, lassessore allo Sport,
Pietro Coppa, il
presidente
del
consiglio comunale,
Antonio
Sullo, il consigliere comunale
Massimo
Milazzo,
lorganizzatore della
manifestazione
sportiva, Salvatore Bianchini, e
i rappresentanti
della squadra di
calcio ex Berretti
Siracusa
calcio1924 che
parteciper
al
triangolare. Prevista anche la
presenza dei familiari dellavvocato Brandino.