Sei sulla pagina 1di 9

Calcio

Citt

Il Siracusa sciupa
una grossa occasione
per allungare

Che fine ha fatto


il parco archeologico
della Neapolis?
A pagina due

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina quindici

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
marted 17 febbraio 2015 Anno XXVIIi N. 39 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00

Interventi. La crisi e levacuazione fanno alzare i livelli di guardia in Sicilia Scuole, ancora nessuna ordinanza

Libia, scattano misure


di sicurezza ad Augusta

La nostra terra a soli due passi dallemergenza


CRONACA

di Concetto Alota

Scenari

Arrivano
i primi
evacuati

Augusta e il suo porto sono

ancora una volta il luogo in


cui si scrive la storia. Alla
mezzanotte di domenica
scorsa arrivato il catamarano dellaVirtu Ferrie di
Malta, con a bordo lambasciatore italiano in Libia e
gli altri 81 italiani, che hanno lasciato la Libia. Il primo
a scendere dal natante stato il siracusano Salvatore,
che mantiene la consegna
del silenzio, previo comunque dire ai giornalisti presenti in quel momento alla
banchina del porto commerciale, che la situazioone in
Libia davvero critica e che
lIsis arrivata alla porte di
Tripoli.
A pagina due

cronaca

palazzolo

Detenevano Maxi
rissa
hascisc
in piazza
Arrestati
A

vevano tentato di eludere larresto facendo un


passaggio al volo del panetto di droga.
.
A pagina cinque

na rissa scoppiata
allalba di ieri a Palazzolo
Acreide, al culmine dei festeggiamenti.
A pagina sette

Meteo, allerta
arancione
su Siracusa

POLITICA

Un gruppo
di lavoro
sul Talete

di guerra in
Sicilia dopo che il premier del governo libico,
Abdullah al Thani, riconosciuto dalla comunit
internazionale,
chiede
ufficialmente all'Occidente di sferrare un'offensiva aerea prima che
lIsis arrivi in Italia.
I guerriglieri dellIsis
avanzano speditamente
in Libia e sono giunti.

Un invito allAmministrazione comunale a coinvolgere il Consiglio nelle


scelte che andranno a farsi
sul futuro del Talete e la
richiesta dellistituzione di
un gruppo di lavoro.

A pagina sei

A pagina tre

La

protezione Civile regionale ha comunicato che


nelle prime ore di oggi e per le successive 24-36 ore
su Catania e Siracusa si prevedono precipitazioni, a
prevalente carattere di rovescio o temporale.
A pagina tre

Fucilata al pronto soccorso


Lindagato: Ero ubriaco
Sarebbe stato in preda ai fumi dellalcol
luomo che venerd
scorso ha fatto irruzione allinterno
del pronto soccorso
dellospedale.
A pagina cinque

Cronaca di Siracusa 2
POLITICA

Primarie
ad Augusta
Le critiche
di Sel

Sicilia 17 febbraio 2015, marted

Abbiamo

letto con vivo interesse le dichiarazioni fatte dal Sindaco di Siracusa, Garozzo,
nellambito delle vicenda del PD di Augusta,
che qui riportiamo: Non bastano le primarie di
partito ma si devono organizzare quelle di coalizione sulla scia dellesperienza che nel 2013
ha visto il Centrosinistra conquistare un'esaltante vittoria tornando ad amministrare la citt di
Siracusa. Lo affermano i consiglieri comunali

17 febbraio 2015, marted

di Sel Enrico Lo Curzio, Giuseppe Rabbito e Salvatore


Malignaggi, il segretario provinciale dello stesso Partito, Vincenzo Vitale, e quello cittadino, Andrea Buccheri, che proseguono: Ci viene spontaneo chiederci se si
tratta della stessa persona che, invece, proprio nella citt
in cui amministra, tale principio ha dimenticato di applicarlo. A questo punto non ci resta che tentare di mettere daccordo il Garozzo di Augusta con il Garozzo di
Siracusa.

ad augusta il primo scalo

Quella crisi
in Libia
e il ritorno
degli evacuati
Augusta e il suo porto

sono ancora una volta


il luogo in cui si scrive la storia. Alla mezzanotte di domenica
scorsa arrivato il catamarano della Virtu
Ferrie di Malta, con
a bordo lambascia-

tore italiano in Libia


e gli altri 81 italiani,
che hanno lasciato la
Libia. Il primo a scendere dal natante stato
il siracusano Salvatore, che mantiene la
consegna del silenzio,
previo comunque dire

ai giornalisti presenti
in quel momento alla
banchina del porto
commerciale, che la
situazione in Libia
davvero critica e che
lIsis arrivata alla
porte di Tripoli.
Gli evacuati sono stati

E noto al mondo che la citt di

Siracusa sede delle tragedie greche, ma non tutti sanno che ci sono
tragedie che vengono rappresentate nel corso degli anni anche fuori
dal Parco della Neapolis. Si tratta
proprio della tragedia del Parco
della Neapolis, ovvero di quella
questione riguardante listituzione a Siracusa del Parco che preveda lingresso diretto nelle casse
della citt di tutti gli introiti dello
sbigliettamento per vedere le tante
bellezze monumentali della nostra
Siracusa e non solo una residua
percentuale (quando avviene) di
quanto va a Palermo come accade
finora.
Laffermazione della consigliera
comunale Cetty Vinci, che ritorna
sullargomento relativo allistituzione del parco archeologico della
Neapolis.
Su questo argomento, che vale per
i siracusani oltre tre milioni di euro

sport locale, Enzo Pennone, e dai giornalisti Gaetano Sconzo


e Umberto Teghini.
L'evento sar presentato mercoled prossimo, alle 10,30, nella sala Archimede di piazza Minerva 5, con una conferenza
stampa alla quale parteciperanno: il sindaco, Giancarlo Garozzo, l'assessore alle Politiche sportive, Pietro Coppa, Rosario e Franca Lo Bello, figli di Concetto, e l'editore Carlo Morrone. Il libro, arricchito da foto, stato curato da Rosario Lo
Bello, anche lui ex arbitro internazionale di calcio, e si avvale
della prefazione del giornalista Gianni Min.

Un gruppo di lavoro
per il futuro Talete
Linvito stato
rivolto dal civico
consesso allamministrazione
comunale

Qui sopra, lo scalo ad Augusta.

poi trasportati con il


Van alla base di Sigonella dove hanno trascorso la nottata prima
di essere trasportati in
aereo alle rispettive
destinazioni.
E' atterrato, infatti,
poco prima delle 14

lanno, vi siete tutti battuti il petto


dice la Vinci - intendo tutti coloro
che a vario titolo e in tempi diversi vi
siete ascritti al pensiero renziano da
Palermo a Siracusa promettendo la
realizzazione di questo istituto per la
citt di Siracusa invece ad oggi non
si visto nulla. Non solo. La stessa
percentuale dello sbigliettamento per
godere delle bellezze del Parco della
Neapolis non neanche stata girata
al Comune di Siracusa. Ed inverosimile che sventolando la bandiera
dellamore per le bellezze cittadine,
voi renziani abbiate anche sostenuto
la riconferma di alcuni assessori regionali (poi defenestrati), che hanno
istituito parchi a Segesta, Seminante,
e non sono riusciti solo ad istituire
il Parco a casa propria.
La consigliera Vinci ha, quindi, chiesto al sindaco come mai ancora oggi
non sono stati versati nel bilancio comunale dalla Regione Sicilia i soldi
corrispondenti alla percentuale dovu-

n pezzo del mondo dello sport (tra cui ex calciatori, ex arbitri


ed esponenti del giornalismo) sar a Siracusa venerd prossimo (20
febbraio) per parlare di Concetto Lo Bello, grande protagonista del
mondo del calcio internazionale, sportivo a tutto tondo ed esponente
politico. L'occasione sar offerta dalla presentazione del libro Concetto Lo Bello, un uomo di rigore, scritto a sei mani dallo studioso di

Cronaca di Siracusa

POLITICA. La proposta passa nella seduta straordinaria del consiglio

all'aeroporto militare
di Pratica di Mare il
C-130 dell'Aeronautica che ha portato a
Roma i cittadini italiani evacuati ieri dalla
Libia in seguito alle
minacce dell'Isis. Sul
volo c'erano una ven-

sollecitazione di cetty vinci

Parco archeologico
della Neapolis
che fine ha fatto?

Venerd la presentazione
del libro su Concetto Lo Bello

Sicilia 3

ta per lo sbigliettamento legato alle


visite al Parco archeologico? Come
mai ad oggi non si parla pi dellistituzione del Parco della Neapolis o
parco di Siracusa nella nostra citt?
Lei interessato al fatto che la citt
di Siracusa possa beneficiare per intero degli oltre tre milioni di euro degli
incassi dei biglietti oppure non sta facendo nulla per il raggiungimento di
questo obiettivo?.
In effetti, la questione del parco archeologico della Neapolis sembra
essere calata una cortina di silenzio
dopo le polemiche dei mesi scorsi a
proposito della scelta operata dalla
Sovrintendenza ai beni culturali, che
aveva dato il proprio beneplacito alla
realizzazione dellarea di rispetto che
di fatto ingloba e costringe a non costruire un solo metro cubo di cemento
in pi in una vasta area a ridosso della
Neapolis. Da queste considerazioni,
Cetty Vinci torna alla carica nella speranza di avere risposte.

tina di passeggeri, tra i


quali anche l'ambasciatore italiano a Tripoli,
Giuseppe Buccino.
Il resto degli italiani
evacuati dalla Libia
stato smistato ad
Augusta. Poco dopo
la mezzanotte, erano
arrivati nel porto di
Augusta, a bordo di
un catamarano con altri ottanta italiani evacuati dalla Libia, nel
giorno della diffusione
del video con la decapitazione di 21 egiziani
copti.
L'imbarcazione, di colore bianco e una striscia laterale arancio,
il San Gwann della
compagnia
maltese
Virtu Ferries. Sulla
banchina del porto di
Augusta c'erano ad
attenderli tre autobus
delle forze armate utilizzati per trasferire
gli italiani in un'altra
struttura militare.
I primi a uscire dal porto sono stati funzionari
e addetti all'ambasciata italiana a Tripoli,
compreso l'ambasciatore Buccino, su auto
blindate e scortati, per
tutelare anche il trasferimento di documenti
riservati.
In fuga dal caos libico
anche famiglie che da
sempre vivono in Libia, rimaste nel paese
anche nei momenti pi
duri della guerra contro Gheddafi. "Stavolta
diverso", dicono.

R.L.

Presenti in aula trenta consiglieri ed i parlamentari


Zappulla e Zito, toccato allassessore Gianluca
Scrofani fare la cronistoria
della costruzione del Talete: dal progetto originario
di 20 miliardi, finanziato
con i fondi della Protezione
civile per la realizzazione
di una via di fuga attraverso un tunnel sotterraneo di
collegamento tra Ortigia e
la terraferma con due approdi di convogliamento
per auto e sosta; alla variante che, sullonta emotiva del rifiuto del tunnel,
port alla realizzazione di
un passaggio a raso e di un
parcheggio area di primo
smistamento in un contesto di riqualificazione e
messa in sicurezza dellarea che permise lutilizzo
dei fondi. Un esempio
negativo sotto tanti punti
di vista e che dimostra la
scarsa attenzione della classe dirigente di allora verso
le tematiche ambientali e
paesaggistiche ha detto
Scrofani. E chiaro- ha
aggiunto- che la sua demolizione sarebbe un riscatto
della citt, ma il contenzioso ci mette nella situazione,
al momento, di non poterla
fare pena la restituzione del
finanziamento: siamo quindi in presenza non di una
mancanza di volont, ma di
una volont vincolata.
Argomento tecnicamente
sviluppato anche dal le-

In foto, il parcheggio Talete.

gale dellEnte, Salvatore


Bianca, che nel ricordare
il contenzioso aperto con
la Regione, ha consigliato
il rinvio di ogni determinazione sul Talete alla conclusione dello stesso.
Era toccato al consigliere

Simona Princiotta introdurre largomento. Un


ecomostro, un errore eredidato dal passato, un problema che non pu essere
affrontato solo dal punto di
vista patrimoniale ha detto Princiotta che ha chiesto

allAmministrazione la disponibilit ad una diversa


destinazione dei fondi, circa 700 mila euro, previsti
dalla convenzione che impegna una ditta privata ad
una riqualificazione complessiva dellarea.

Meteo, allerta arancione su Siracusa


La protezione Civile regionale ha comu-

nicato che nelle prime ore di oggi e per le


successive 24-36 ore su Catania e Siracusa
si prevedono precipitazioni, a prevalente
carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di
forte intensit, frequente attivit elettrica
e forti raffiche di vento. Nella classificazione di allerta la situazione contraddistinta con il colore arancione di preallarme prevedendo una criticit moderata.
Lamministrazione comunale invita la popolazione alla prudenza.
Sulla base dei fenomeni previsti il Dipartimento ha valutato per stamane una criticit arancione per rischio idrogeologico su
tutto il versante ionico e sul versante tirrenico nord orientale della Sicilia, su buona
parte della Calabria. Lavviso prevede dal
mattino di oggi, marted 17 febbraio il per-

sistere di precipitazioni diffuse, anche a


carattere di rovescio o temporale, su Sicilia e Calabria, in particolare sui settori
ionici. Dalla tarda mattinata di oggi sono
previsti, inoltre, venti forti dai quadranti
orientali, con rinforzi di burrasca, su Calabria e Sicilia con possibili mareggiate
lungo le coste esposte. E stata valutata
per oggi criticit arancione per rischio
idrogeologico su tutto il versante ionico
e sul versante tirrenico nord orientale della Sicilia, su buona parte della Calabria;
criticit gialla per rischio idrogeologico
sulle restanti parti della Sicilia e della Calabria. In base allallerta meteo, sui social
rimbalzano le ipotesi pi fantasiose di
chiusura scuole nelle due principali citt
della Sicilia orientale, Catania e Siracusa,
ma al momento non c alcuna ordinanza
da parte dei Sindaci.

Se il consigliere Cetty Vinci ha lamentato la carenza


di documentazione per una
valutazione
complessiva
della problematica, il consigliere Salvo Castagnino ha
chiesto invece di conoscere
la progettualit dellEnte
sul futuro del Talete e la
verifica dellesistenza del
rispetto della normativa vigente sotto il profilo della
sua agibilit attuale.
Per il parlamentare nazionale Pippo Zappulla il Talete
costituisce Una ferita per il
territorio ma la sua vicenda
da inserire in un dibattito complessivo che deve
coinvolgre, oltre lAmministrazione ed il Consiglio,
anche la Protezione civile
in tutte le sue articolazioni,
nazionale e regionale. Se
la demolizione una scelta strategica- ha concluso
Zappulla- importante anche evitare un danno economico alla citt. Da qui la
necessit della creazione di
un gruppo tecnico-politico
che individui un percorso
condiviso da portare successivamente allattenzione
di chi dovr decidere. E
toccato a Giuseppe Implatini, dellOsservatorio civico
dellassociazione Esedra
illustrare, anche attraverso
slide, la storia del Talete,
e le proposte per una riqualificazione complessiva
dellarea, attraverso un progetto alternativo che prevede labbattimento del manufatto, la creazione di un
parcheggio aperto con un
lungomare e aree balneari.
Peraltro, secondo Implatini,
lopera presenta Una serie
di errori progettuali che lo
rendono appena entro i limiti della sicurezza.
Il costo complessivo potrebbe essere sostenuto con
le somme impegnate per
il restyling dellarea. Dati
contestati dallingegnere
capo, Natale Borgione, sia
dal punto di vista tecnico
La struttura non ha problemi di portanza che da
quello della sostenibilit
economica, visto che per
la sola demolizione occorrerebbe almeno un milione
di euro.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 17 febbraio 2015, marted

CRONACA. dopo il cedimento di alcuni intonaci

Si mette in sicurezza
lex tribunale di Siracusa

Culotti (Neapolis): Lintervento era necessario per


evitare che accadano problemi di qualsiasi genere

Sono

iniziati ieri mattina i lavori di messa in


sicurezza delledificio di
piazza della Repubblica,
che fino a un decennio
addietro ospitava i locali
del palazzo di Giustizia di
Siracusa.
I lavori si sono resi necessari a seguito del cedimento di alcuni intonaci
avvenuto a pi riprese.
Lultimo episodio si
verificato il 10 febbraio
scorso, quando stato necessario lintervento dei
vigili del fuoco per fare
fronte a uno dei tanti crolli, che di fatto mettono a
repentaglio lincolumit
dei passanti. Era gi successo a gennaio, si ripetuto anche in questi ultimi giorni di forte vento e
maltempo. Dalle finestre
del fatiscente e abbandonato stabile che ospitava
diversi anni fa il Tribunale
di Siracusa sono piombati sullasfalto molti pezzi di vetro, in particolare
sul marciapiede di largo
2 Giugno. Pezzi di vetro
che fortunatamente non

17 febbraio 2015, marted

In foto, lex tribunale di piazza della Repubblica.

hanno colpito nessuno ma


che segnalano ancora una
volta la pericolosit legate
alle condizioni di un edificio al centro anche di una
decennale contesa giudiziaria.
Il problema stato pi
volte segnalato allamministrazione pubblica.
Lintervento avvenuto
ieri mattina. Abbiamo
raccolto una specifica

richiesta avanzata da diversi residenti della zona


- ha spiegato il presidente
della circoscrizione Giuseppe Culotti - In attesa di
comprendere che cosa si
abbia intenzione di fare di
questedificio che diventato un reale pericolo per
lincolumit della gente,
abbiamo predisposto un
intervento straordinario
che di fatto rende pi si-

cure le parti di edificio


maggiormente deteriorate. E chiaro che questo
servir a poco se poi non
segue unopera di sostanziale recupero dellintero
edificio ma anche dellarea annessa, atteso che lo
stato di abbandono ha fatto progredire le situazioni
di poca igiene pubblica e
proliferare dio roditori,
che la fanno da padrone.

scettico il parlamentare regionale rosolinese

Gennuso: Stato di calamit


Una presa per il c... comunista

l deputato regionale allArs, Pippo Gennuso,


sullo stato di calamit dichiarato dalla giunta di
governo per i danni causati dal maltempo alla vigilia di Capodanno 2014, ha scritto una nota sulla sua pagina Facebook dal titolo eloquente sulla
presa in giro che a suo dire il governo regionale
starebbe mettendo in atto ai danni degli agricoltori delle aree di Pachino, Portopalo e Rosolini.
Se prima si poteva parlare di "passerella comunista", adesso la farsa completa. Con questo
governo siciliano difficilmente gli agricoltori di
Pachino, Portopalo e Rosolini, danneggiati dal
maltempo di fine 2014 prenderanno il becco di
un centesimo. Stavolta siamo di fronte a una
"presa per il culo comunista".
La giunta ha deliberato in settimana lo stato di
calamit naturale. Bene. Ma dove prender i soldi? Da quale capitolo di spesa? Siamo di fronte
alle solite promesse burla di un governo che tira
a campare e di assessori, come quello alle Poli-

tiche agricole, che non hanno nessuna voce in capitolo. Caleca ha strombazzato ai quattro venti nella
sua visita a Marzamemi, che erano pronti 20 milioni
di euro per sostenere gli agricoltori danneggiati. Poi
i soldi sono scesi a 5, ma credo che stavolta non ci
sar nulla. Solo fumo. La "presa per il culo comunista" ci sta tutta".

a strada provinciale
26, Rosolini Pachino
impercorribile. Tutta la
carreggiata invasa dal
fango e dai detriti e la
vita degli automobilisti
a rischio. Torna a protestare con il governatore della Regione siciliana, Rosario Crocetta, il
deputato allArs, Pippo
Gennuso. Qualora accadesse una tragedia su
questa strada che ha gi
provocato morti e feriti
dice Gennuso riterr Crocetta responsabile
dellaccaduto.
Il deputato regionale che
da anni chiede la messa
in sicurezza larteria di
competenza della Provincia, fa sapere inoltre,
di avere dato mandato
allavvocato Aldo Ganci
di presentare un esposto
alla Procura di Siracusa.
Oramai diventato un
malcostume indignarsi solo quando la gente
muore afferma il parlamentare non si pensa
mai a prevenire le tragedia.
Sono anni che predico che questa strada
impercorribile: manca
la segnaletica orizzontale e verticale, il manto stradale come una
groviera e basta un po
di pioggia per diventare una trappola mortale.
Adesso arrivato il momento di chiamare per
nome e cognome chi ha
responsabilit sulla tutela dei cittadini. Sulla
Pachino Rosolini troppa gente ha perduto la
vita, adesso andr fino
in fondo affinch non
continui ad essere una
strada della morte.

Cronaca di Siracusa

CRONACA. Canicattini
Questo ha
Nasconde
riferito lavolese, che la droga
imbracci un nel muretto
fucile, al Gip
veva nascosto
del tribunale laAdroga
in un muretto a secco. Non
che ha
immaginava, per,
convalidato di essere seguito
dai carabinieri, che
il suo
lo hanno arrestato
nella flagranza del
arresto
reato. Protagoni-

CRONACa

Provinciale
Rosolini
Pachino
Esposto
in Procura

Sicilia 5

Nella foto, lavolese


Corrado Scala.

Spar al pronto soccorso


Era in preda allubriachezza

Sarebbe

stato in
preda ai fumi dellalcol luomo che venerd scorso ha fatto
irruzione allinterno
del pronto soccorso
dellospedale
Di
Maria di Avola,
sparando una fucilata, destando il panico tra i medici e
le altre persone presenti al pronto soccorso dellospedale
Di Maria. Difeso
dallavvocato Angela Monni, il 43enne
Corrado Scala
comparso ieri mattina dinanzi al Gip del
tribunale di Siracusa,

Si recato presso il pronto soccorso dellospedale


di Avola per richiedere alcune siringhe

Stefania
Scarlata,
che ha convalidato
larresto delluomo,
disponendone la misura cautelare in carcere.
Lindagato ha giustificato il suo gesto attribuendolo al fatto di
avere alzato un po il
gomito e di non avere, quindi, compreso
la portata dellazione. Luomo, come si
ricorder, si recato
presso il Pronto Soccorso dellOspedale
di Avola per richie-

dere alcune siringhe.


Al diniego del personale sanitario, si
allontanato per farvi
ritorno dopo alcuni
minuti imbracciando
un fucile automatico
calibro 12 con cui ha
esploso un colpo alla
presenza di numerose persone contro la
vetrata dello sportello del triage.
Dopo lesplosione,
si dato alla fuga a
bordo della propria
vettura in direzione
Siracusa.
Scattato

lallarme, stato attivato un dispositivo che ha permesso ai carabinieri di


Siracusa di bloccare
lindagato sulla strada provinciale 38,
nei pressi dellIppodromo, dove a causa
della forte velocit
aveva perso il controllo del mezzo terminando contro un
muretto a secco ai
lati della carreggiata.
Scala poco prima
aveva anche travolto
un ciclista, costretto

al ricovero allospedale Umberto I


di Siracusa a causa
delle lesioni riportate nellimpatto con
la vettura. A seguito
della perquisizione, i
militari hanno sequestrato il fucile con
matricola abrasa, con
quattro colpi nel serbatoio, e dodici cartucce calibro 12, di
cui lindagato ha tentato di disfarsi gettandole nelle campagne circostanti.
Nella disponibilit
delluomo stato anche rinvenuto mezzo
grammo di cocaina.

sta dellepisodio
Paolo Uccello di 38 anni, gi
noto agli ambienti
giudiziari per precedenti anche specifici. Larresto
scattato nel pomeriggio di domenica scorsa quando i
carabinieri di Canicattini, insospettiti dai movimenti
delluomo che si
aggirava guardingo nei pressi di una
stradina di campagna, si sono appostati per osservarne
i movimenti. Dopo
qualche
minuto
luomo si diretto
verso un muretto a
secco e, dopo aver
spostato qualche
sasso, ha prelevato
un vasetto in vetro
da cui ha estratto
un qualcosa che
ha messo in tasca.
Sono stati rinvenuti 34 grammi di
hashish.

Inutile il tentativo di lancare dal balcone di casa la droga, intercettata dai carabinieri

Detenevano panetto
di hascisc: presi
due siracusani

vevano tentato
di eludere larresto
facendo un passaggio al volo del panetto di droga. Ma
ci non servito a
nulla. I carabinieri
sono riusciti ad acciuffare entrambi.
A operare il doppio
arresto sono stati i
militari della Compagnia Carabinieri di Siracusa che
hanno ammanettato
Dario Rustico di 27

anni, gi noto agli


ambienti giudiziari,
e Jamel Hedhili di
24 anchegli siracusano, incensurato.
I due indagati sono
stati trovati in possesso di un panetto
di hashish del peso
di 100 grammi. La
pattuglia dei carabinieri si era recata a
casa di Rustico per
eseguire una perquisizione. Da fonti
confidenziali, infatti,

gli investigatori sospettavano che detenesse della sostanza


stupefacente allinterno della propria
abitazione. Proprio
mentre stavano per
fare ingresso in casa,
sul pianerottolo Rustico ha tagliato la
corda chiudendosi
sul terrazzo dellappartamento.
I militari, affacciandosi dal condominio
attiguo, hanno no-

In foto, Dario Rustico.

tato che Rustico, vistosi ormai braccato,


avrebbe afferrato un
involucro contenente droga e dopo aver
attirato lattenzione

di un altro individuo che si trovava in


strada, gli lanciava il
panetto nellestremo
tentativo di disfarsene. I carabinieri si

sono precipitati in
strada, mettendosi
allinseguimento
del secondo individuo che si era dato
anchegli alla fuga.
Corsa che durata
poche centinaia di
metri perch luomo stato bloccato
e recuperata la sostanza stupefacente. Nel frattempo,
Rustico riparava
dentro labitazione
di alcuni parenti
ma stato individuato e condotto
in caserma. Per entrambi gli indagati
scattato il regime
degli arresti domiciliari.

societ 6

Sicilia 17 febbraio 2015, marted

Dopo che il
premier del
governo libico, Abdullah
al Thani, riconosciuto
dalla comunit internazionale, chiede
all'Occidente
di sferrare
un'offensiva

di Concetto Alota

Scenari di guerra in

Sicilia dopo che il


premier del governo libico, Abdullah
al Thani, riconosciuto dalla comunit internazionale,
chiede ufficialmente all'Occidente di
sferrare un'offensiva aerea prima che
lIsis arrivi in Italia.
I guerriglieri dellIsis avanzano speditamente in Libia e
sono giunti a Sirte
sul Mediterraneo a
soli 280 miglia nautici dalla Sicilia e
minacciano davvero dinvadere lEuropa. Ma i governi
italiano, francese,
tedesco e tanti altri,
senza aspettare la
mediazione dellOnu, hanno allertato
le rispettive forze
armate, insieme a
quelli della Nato, e
hanno fatto scattare lallarme rosso
nelle basi militari a
Sud dellEuropa, in
primis nella rada di
Augusta, dove insiste il Pontile della
Nato, a Sigonella,
a Trapani Birgi, a
Gioia del Colle e
altri, mentre tutti
i sistemi integrati
radar europei sono
stati allertati al codice rosso. Stessa
cosa per la piccola
isola di Malta dove
la preoccupazione
davvero alta per la
vicinanza delle coste libiche.
Uno scenario gi
visto per la gente
di Augusta, quando
il cielo del porto di
Augusta si oscur
per la presenza in
volo di centinaia di
elicotteri da combattimento che dalla
base Nato di Sigonella si muovevano
sulla grande portaelicotteri statunitense
in posizione di navigazione alla Kappa al largo della
rada di Augusta.
La sesta flotta degli
Stati Uniti dAmerica si preparava a
invadere la Libia
di Gheddafi. Lallora presidente del
Consiglio italiano
dellepoca, Bettino
Craxi, minimizz e
rassicur per evitare

In foto, il pontile
della Nato nella rada
di Augusta.

Libia, Sicilia e i tanti


scenari di guerra
il panico le autorit
locali che si trattava di un normale rifornimento di
routine; ma non era
cos. Fonti militari
confermarono che
si tratt di una vera
e propria preparazione di unazione
di guerra verso la
Libia, dopo la scoperta del coinvolgimento dei servizi libici in diverse
azioni di terrorismo
e lazione dimostrativa di Gheddafi nel
tentativo di lanciare un missile verso
il centro controllo
della navigazione a
mezzo radar americano di Lampedusa.
Stessa cosa durante
la guerra del Golfo,
quando oltre mille
militari americani
armati di tutto pun-

to si accamparono
nel piazzale del porto commerciale di
Augusta con mezzi
anfibi, carri armati,
autoblindo, oltre a
tanti mezzi navali,
rimorchiatori, navi
cisterna, con casse
di armi e munizioni dogni genere, e
dove decine di sentinelle armati fino ai
denti erano a guardia in attesa di partire per le zone di
guerra, mentre dal
pontile della Nato
venivano imbarcati
e trasportati i missili a testata multipla
con destinazione le
navi al largo nel Canale di Sicilia.
La paura tra le popolazioni ora ritornata pi forte di prima.
La situazione cambiata fortemente in

Sicilia 7

17 febbraio 2015, marted

peggio e lo scenario
del pericolo proveniente dai combattenti musulmani
diventato reale. Infatti, le milizie filoislamiche che controllano
Tripoli,
dove hanno imposto
un governo parallelo vicino ai Fratelli
musulmani, controllano la parte della
citt vicina al porto
della capitale libica.
Gi a Sirte in Libia
lIsis aveva messo
a segno durante le
ultime festivit natalizie il sequestro
di una ventina di
egiziani copti, la cui
sorte resta ancora
oggi incerta. Ma alcuni fonti confermano lesecuzione di
almeno una decina.
La risposta egiziana
stata immediata

Michle de Nostradamus profetizz


la prima, la seconda ed anche la terza guerra mondiale. Grandi saggi del passato avevano pronosticato gi tre guerre mondiali
per il presente secolo.
Il peggio quello che viene, la terza guerra
mondiale, sar un vero olocausto atomico,
spaventoso. Ma questo dopo che
i musulmani invaderanno lEuropa,
allora spariranno le grandi citt del mondo
con le esplosioni nucleari.

con un bombardamento aereo di caccia bombardieri che


hanno colpito campi
di addestramento e
magazzini di armi e
munizioni, con decine di raid aerei che,
secondo le ultime
notizie dallEgitto,
continueranno fino a
nuovo ordine e senza sosta.
Onu e Nato si stanno preparando al
peggio, ma i paesi
europei si sono coalizzati per la difesa
di un attacco da parte dei terroristi musulmani, sostenendo
che quello che succede oggi in Libia
una minaccia serie
alla sicurezza internazionale.
Risulta che il profeta, Michle de
Nostradamus
fu
un grande medicoastronomo del Medioevo, e nella loro
grande
saggezza
gli egiziani dicono
di lui, che passasse
notti intere guardando
fissamente
e senza sbattere le
palpebre,
lacqua
contenuta in un contenitore di rame. Affermano alcuni che
in quell'acqua lucida egli pot vedere
con intera chiarezza
meridiana gli avvenimenti del futuro. Perci, Michle

de Nostradamus fu
un grande veggente, questo nessuno
pu negarlo. Fino
alla data, dove tutte le profezie che
Michle de Nostradamus fece, si sono
realizzate matematicamente. Ma che
cosa profetizz al
riguardo della terza
guerra
mondiale?
Infatti, Michle de
Nostradamus profetizz la prima, la
seconda ed anche la
terza guerra mondiale. Grandi saggi
del passato avevano
pronosticato gi tre
guerre mondiali per
il presente secolo. Il
peggio quello che
viene, la terza guerra mondiale, sar
un vero olocausto
atomico, spaventoso. Ma questo dopo
che i musulmani invaderanno lEuropa,
allora spariranno le
grandi citt del mondo con le esplosioni
nucleari. La cosa pi
grave di tutto l'inquinamento radioattivo. La terza guerra
mondiale inquiner
l'atmosfera in forma
spaventosa. La radioattivit infetter
completamente l'aria, le acque, e in generale, tutto quello
che esiste. Le piogge
che avremo, saranno
radioattive. I raccolti si perderanno.
E si distruggeranno
semplicemente perch nessuno potr
utilizzarli, questo
quasi tutto. Quello
di dover mangiare
alimenti inquinati a
causa della radioattivit grave. Ma cos
succeder? Non c'
alcun dubbio che la
terza guerra mondiale alle porte. D'altra parte, in questi
tempi ci sono fame
e desolazione, miseria spaventosa, crisi
di valori, ecc. Tutto
questo ci porter a
poco a poco, verso la
terza e ultima guerra
mondiale, verso la
fine del mondo, cos
come ipotizzata da
Nostradamus,
ma
lui insiste anche sui
mille anni di vera
pace per lumanit
dopo la terza guerra mondiale e poi la
fine del mondo.

Cronaca di Siracusa

al processo scaturito da Knock out

Le incongruenze
del pentito Troia
su alcuni punti
L

a difesa fa emergere
alcune
contraddizioni
nelle dichiarazioni del
collaboratore di Giustizia Sebastiano Troia,
nellambito del processo
scaturito dalloperazione
antimafia,
denominata
Knock out, in corso
di svolgimento dinanzi
al Tribunale penale di
Siracusa. Per lavvocato Giambattista Rizza,
che difende il principale
imputato alla sbarra, Antonino Linguanti, il teste
sarebbe caduto in diverse contraddizioni nel rispondere ad alcune sue
domande. In particolare,
quando si riferisce alla

In foto, palazzo di Giustizia.

A proposito della custodia delle armi e sui contatti


con Linguanti quando era in semilibert
persona a cui sarebbe
stato affidato il compito
di custodire le armi. La
versione avallata da Troia era quella che le armi
fossero nascoste nel locale pubblico gestito da
Antonino Fabio. Incalzato dalla difesa, invece, il
collaboratore di Giustizia, sentito in videoconferenza, ha riferito ieri
che le armi in dotazione
al presunto gruppo di
Cassibile sarebbero state
affidate, invece, a Giacona.

Dubbi ha sollevato il racconto di Troia anche con


riferimento ad un periodo della vita di Linguanti, quella spesa a Savona
in regime di semilibert.
Troia ha riferito, infatti,
di non essersi mai recato nella citt ligure per
incontrare Linguanti, di
non essersi mai sentito
con lui al telefono e di
non avere ricevuto soldi dallo stesso presunto
capo della cosca, che, a
seguito delle dichiarazioni del pentito, ha gi su-

bito una condanna allergastolo per gli omicidi di


Salvatore Giacona e di
Salvatore Bologna.
Nel corso del controesame di ieri, Troia ha anche
parlato di alcuni episodi
di estorsione ai danni di
titolari di esercizi commerciali, attivit legate
allimposizione
delle
macchinette videopoker.
Completata
la
fase
dellescussione dei collaboratori di Giustizia, che
ha costretto il Tribunale
a trasferirsi nellaula di

Corte dAssise, dotata


della tecnologia necessaria per collegarsi in
videoconferenza, il processo stato aggiornato alludienza di luned
prossimo. In quella circostanza, il pubblico ministero Andrea Ursino, della direzione distrettuale
antimafia di Catania, proceder con lesame delle
prime parti offese, che
avranno modo di affrontare singoli casi estorsivi
e altri episodi per i quali
gli inquirenti sostengono
esservi un gruppo organizzato che avrebbe gestito gli affari illeciti nel
quartiere di Cassibile.

a proposito dellestorsione a In moto

Il pentito Raffa rilancia


le accuse al dipendente

ella prossima udienza al processo scaturito dallestorsione ai danni di Marco


Montoneri, lex titolare dellautosalone
di via Necropoli Grotticelle a Siracusa,
tocca a un altro collaboratore di Giustizia.
In videoconferenza, infatti, sar escusso
il ristoratore siracusano Osvaldo Lopes,
il 39enne, coinvolto nella stessa operazione e che, in un altro procedimento
penale, deve anche rispondere dellomicidio del floridiano Nicola La Porta.
Sar la prima volta che Lopes compare
dinanzi a un Tribunale mentre ieri stato completato il controesame del colla-

boratore di Giustizia Giuseppe Raffa.


Questi ancora una volta ha confermato
limpianto accusatorio anche nei confronti di Andrea Fortuna, il dipendente
dellautosalone, a cui viene contestato il
ruolo di fiancheggiatore dei gregari del
clan Bottaro-Attanasio nellimpossessarsi di mezzi esposti nellautosalone In
Moto.
La nuova udienza del processo stata fissata per il 2 marzo prossimo sulla quale
si fissano gli interessi delle parti in causa
per la presenza di Lopes, che avr modo
di chiarire il suo coinvolgimento nella
vicenda.

Lex autosalone di via Necropoli Grotticelle.

necessario lintervento dei carabinieri

na rissa scoppiata allalba di ieri a


Palazzolo Acreide, al culmine dei festeggiamenti per il Carnevale. Le manette
sono scattate ai polsi di due cittadini romeni Madalin Florentin Stanciu di 37
anni, Bogdan Balauga di 38 e dei siracusani Cristian Scirpo di 20 anni, Eugenio
Breda di 19, Giovanni Cutrona di 20.
Dopo una serata trascorsa in piazza del
Popolo a festeggiare il Carnevale, forse

Rissa in piazza a Palazzolo


Arrestate cinque persone

dopo avere alzato il gomito, alle 4 circa del


mattino gli indagati sono venuti alle mani:
prima gli insulti, poi qualche spintone e
infine le percosse. Lintervento dei Carabinieri della locale stazione ha permesso di
separare i cinque, sedare gli animi ed evitare in questo modo che la situazione degenerasse. Al momento sono al vaglio degli
investigatori le cause per cui scoppiata
la rissa in piazza le cui conseguenze sono

state per fortuna lievi per le persone coinvolte. In quattro hanno riportato qualche
escoriazione mentre sono stati necessari tre
punti di sutura alla fronte per il pi grave
dei cinque, che stato medicato presso la
locale guardia medica e giudicato guaribile in sette giorni. I cinque indagati devono
rispondere dei reati di rissa e lesioni personali.
R.L.

SOCIETA' 8

17 febbraio 2015, marted

Sicilia 17 FEBBRAIO 2015, MARTED

di Paolo Fai
Se il nascere
nascere per la
morte, quanto
strazio devesserci
quando la venuta
un arrivo
senza speranza / quasi gi
unassenza?
Non giunge a
scrivere meglio non esser
nati, Giuseppe
Pettinato,
nella sua densa
e insieme essenziale trenodia per il figlio
Angelo, morto,
ad appena cinque mesi e due
giorni, il 25
giugno 2014.
Delle 23 liriche
di cui si compone la plaquette (Come
una
conchiglia, Morrone
editore, 2014),
6 sono in vita
di Angelo, 17
in morte. Ma
il dolore che
li innerva ha
la stessa torturante intensit,
che nasce dalla
consapevolezza dellindifferibile calvario

Non c
cronologia progressiva,
il prima e
il dopo si
mischiano: lacme gi
nellinizio

Come una conchiglia


fino al factum
est. Che cos
sia, lo dimostrano le date
che scandiscono i tempi di
composizione.
Non c cronologia
progressiva,
il
prima e il dopo
si mischiano:
lacme gi
nellinizio.
Non
appartiene, per, al
suo orizzonte
mentale la sentenza, troppo

umana, dellEdipo a Colono


sofocleo. Pettinato uomo
di fede nella
Provvidenza
divina, sicch,
pur piagato da
una ferita immedicabile,
mai osa alzare, a sfida, gli
occhi al cielo.
Solo
prega,
una volta, Cristo a non fargli
udire pi la
sua voce / addormenta quel

grido che urla


pi forte. Ma
non c scompostezza
nel
padre-poeta.
La forza della
fede e insieme
la virt consolatrice della
poesia conferiscono un tono
medio e colloquiale alle parole di quelle
nenie che sussurra al piccolo Angelo: a
cullarlo come
fosse
ancora
qui, col pap,
con la mamma,
coi fratelli.
Un figlio morto , nel sentimento
comune, figura
cristica. E la
madre,
figura di Maria,
Cos, Pettinato nella poesia
Se bastasse
una mamma
ritrae la moglie
Nancy
come Maria
con Cristo in
ginocchio
/
accartocciata
sopra te stessa
/ con il dolore
dei suoi chio-

di / conficcati
negli occhi e
nel petto.
un quadro vivente di dolore
nel suo essere
e nel suo divenire, di un dolore che strazia
le carni, che fa
sanguinare il
cuore, ma che
nella
parola
poetica trova
la sua sublimazione, e nelle
parole di fede
la sua giustificazione.

Brevi, quelle
nenie,
come
breve fu lesistenza
di
Angelo.
Ma
come
una
conchiglia (
il titolo della
lirica di apertura) nel mare
in
tempesta
[] ha il tempo appena di
rubare il suono
/ alla sua onda
per ritrovarsi
a riva / abbandonata tra la
sabbia e il sole
/ ma se lavvicino
allorecchio / posso
ancora sentirne
la voce.
In quella conchiglia per
possibile leggere qualcosa
daltro, e di
pi alto. Non
un azzardo
pensare che il
padre, da credente quale ,
abbia
voluto
richiamare, subliminalmente, il simbolo
cristiano della fonte battesimale, con
lacqua purificatrice
del
battesimo, che

Sicilia 9

Levento
rivolto a tutti
gli studenti
di scuola
media delle
province di
Siracusa,
Messina e
Ragusa,
che vestiranno i panni di ambasciatori e
diplomatici

Studenti a scuola di simulazione


di processi diplomatici
Il Progetto di simulazione
dei
processi diplomatici, ha avuto
inizio nel 2013
ad
iniziativa
dellex provincia
regionale, stamane iniziata nelle
scuole limportante iniziativa
che si svolger
fino a mercoled 18 febbraio:
lItalian Model
United Nations,
la
simulazione
di processi di-

In collaborazione con lInternational


Model United Nations Association
plomatici, organizzata in Italia
dallAssociazione United Network in collaborazione
con
lImuna di New
York lInternational Model
United Nations
Association.
Levento rivolto
a tutti gli studenti
di scuola media

delle province di
Siracusa, Messina e Ragusa, che
vestiranno i panni di ambasciatori e diplomatici,
per trattare temi
di attualit politica internazionale
durante le simulazioni dellAssemblea Generale delle Nazioni
Unite o di altre

assemblee di organizzazioni internazionali. Nel


rivestire questo
ruolo gli studenti
delegati svolgeranno le attivit
tipiche della diplomazia.
Il primo appuntamento, luned,
si terr nella Sala
Paolo
Borsellino di palazzo

Vermexio, gli altri due appuntamenti del 17 e 18


febbraio nellaula
Vittorini sempre di Palazzo
Vermexio. Saranno presenti, il sindaco Giancarlo
Garozzo, lassessore alla Cultura,
Turismo e spettacoli, Francesco
Italia e lassessore alle Politiche
Scolastiche
ed
educative Valeria
Troia.

La delegazione stata accolta dal direttore Antonio Gelardi

Una delegazione di ufficiali


di polizia egiziani in visita
alla casa di reclusione di Augusta

eri presso la casa di reclusione di


Augusta stata visitata da una delegazione di ufficiali di polizia egiziani
e di esperti internazioni della materia, nellambito del progetto Technical Assistance Program in support
of the Egyptian Ministry of Interior
- The Protection of Human Rights
in the Administration of Criminal
Justice a cura dellistituto superiore
scienze criminali di Siracusa. Lincontro avente finalit non solo di tipo
istituzionale ma, soprattutto tecnicopratiche, stato finalizzato ad offrire
alla delegazione una visione quanto

pi globale possibile della realt carceraria, attraverso la visita della struttura


nelle sue principali articolazioni, quali la matricola, larea sanitaria, larea
educativa e larea dei servizi interni. La
delegazione stata accolta dal direttore dellistituto Dottor Antonio Gelardi,
dal Comandante di reparto della Polizia penitenziaria, dal vice Comandante,
dal responsabile dellarea educativa,
che hanno presentato listituto illustrando numero e tipologia di detenuti
presenti, organizzazione dellistituto, e
le attivit risocializzanti che si svolgono. Si passati poi alla visita dellarea

verde dove si svolgono i colloqui con


i bambini, del nuovo reparto colloqui,
appena ultimato , arricchito dai murales
realizzati dal detenuto A.B. , della zona
lavorazioni, della zona delle aule scolastiche, e della sala teatro, dove gli ospiti sono stati accolti dalla Brucoli swing
Brothers band, con brani di Modugno
e con il brano "Che sar". Da ultimo,
vi stata la visita di una sezione detentiva, caratterizzata, come quasi tutte le
sezioni dellistituto, dal regime aperto ossia dalla possibilit che hanno i
detenuti di trascorrere tutta la giornata
fuori dalle celle.

societ

Presentazione
del Forum
del terzo
settore
della provincia

Stamane alle
10 nella sala
degli Stemmi
del
palazzo
del Governo
in via Roma,
avr
luogo
la
presentazione del Forum del terzo
settore
della
provincia
di
Siracusa.
L a s s e m b l e a
si riunita
alcuni giorni
fa e ha eletto Franco Di
Priolo come
portavoce del
Forum.
Il Forum del
Terzo
Settore
intende
rilanciare
la
sua presenza
come soggetto
attivo, capace
di intervenire sulle dinamiche sociali
pi rilevanti
e sui progetti di riordino
del
welfare. Ne fanno
parte oggi a
Siracusa, 38
tra organizzazioni
nazionali aderenti
al Forum nazionale e rappresentanti di
associazioni e
soggetti a carattere territoriale. Ma gi
altre associazioni
hanno
chiesto di potere aderire. Il
Forum inizier nelle prossime settimane una serie di
incontri con i
sindaci di tutti
i comuni della
provincia per
individuare le
emergenze da
affrontare.

societ 10

Sicilia 17 febbraio 2015, marted

A Maria Serrentino 1 Premio nazionale


Salva la tua lingua locale
Il dialetto
utilizzato dalla
scrittrice il siracusano che
assieme al catanese costituisce il dialetto
siciliano non
metafonetico
sud-orientale
Sopra, la giuria del
Premio; sotto, la prof.
Maria Serrentino.

o scorso sei febbraio a Roma si svolta


nella sala della Protomoteca del Campidoglio una cerimonia di premiazione
Salva la tua lingua
locale, premio letterario nazionale per
le opere in dialetto o
lingua locale, indetta
da: UNPLI (Unione
Nazionale Pro Loco
d'Italia) Per la prosa
edita, il primo premio stato assegnato
alla siracusana Maria Serrentino, con
C'era una volta in
via
Tommaseo...
primo volume
di
quattro opere teatrali
in dialetto, pubblicate nel 2012. (Nero
su Bianco, Io se voglio un altro lo trovo, A.A.A. Badante
cercasi, Il canto di
Aida). Lautrice, assieme ad un gruppo
teatrale Il siparietto le ha messe in
scena, interpretando-

le lei stessa e curandone personalmente


la regia. La Sicilia
sud-orientale il palcoscenico di queste
opere teatrali, anche
se, nel rispetto della
tradizione culturale
dell'isola, essa - con
i propri stereotipi e
le proprie contraddizioni - semplicemente un simbolo,
un contenitore delle

sciagure umane. E'


l'animo umano con
le sue debolezze e le
sue criticit, il vero
palcoscenico all'interno del quale si
muovono i protagonisti delle storie. Un
secondo volume in
fase di revisione. Ultima commedia, inedita, Libert, egalit e soprattutto
fraternit", tratta del

drammatico problema dellimmigrazione. Nel 2013 Maria


Serrentino ha vinto
il primo premio internazionale " Angelo Musco" con la
commedia "A.A.A.
Badante cercasi". Il
dialetto
utilizzato
dalla scrittrice il siracusano che assieme
al catanese costituisce il dialetto siciliano non metafonetico
sud-orientale. Per la
cerimonia di premiazione in Campidoglio, tra i componenti
della commissione
erano presenti: Claudio Nardocci (Presidente nazionale delle
Pro Loco Italiane), Il
prof. Pietro Gibellini, (Presidente della
giuria), il prof. Tullio
De Mauro famoso
linguista (Presidente
Onorario), e il Prof
Franco Loi, premio
alla carriera, poeta,
scrittore e saggista.

17 febbraio 2015, marted

Essere Umani,
tra legge
e solidariet
V

enerd 27 febbraio, alle ore 19.30, presso il Santuario Madonna delle Lacrime di
Siracusa - Salone Giovanni Paolo II (via del
Santuario 33, ingresso lato Piazza della Vittoria), si terr un incontro sui diritti umani
dal titolo Essere Umani, tra legge e solidariet. Liniziativa prevede la proiezione
(prima volta assoluta per Siracusa e provincia) del docufilm Io sto con la sposa e, a
seguire, il dibattito con Gabriele del Grande,
giornalista e uno degli ideatori e registi del
docufilm, e padre Carlo DAntoni, parroco
di Bosco Minniti. Coordiner il dibattito il
giornalista Massimiliano Perna. Levento
(che al mattino avr luogo anche al liceo
Classico Gargallo, ma riservato ai soli
studenti) promosso dalla Comunit di Bosco Minniti e Amnesty International gruppo
Italia 85.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.


Tra la legge ingiusta e la solidariet umana,
qualcuno ha deciso di prendere posizione.
Ed ha scelto la solidariet, organizzando
un viaggio per difendere un sogno. C un
sole unico per tutta lumanit, una sola luna.
Anche il mare di tutti, cos la vita. di tutti
e per tutti. A ricordarcelo Tasneem Fared,
giovane sposa palestinese in viaggio da Milano a Stoccolma con labito bianco indosso,
il futuro marito al fianco e un corteo di amici
siriani, palestinesi e italiani al seguito. Tutti
protagonisti del coraggioso film-documentario che sfida i confini e il pregiudizio: Io
sto con la sposa, di Gabriele Del Grande,
Antonio Augugliaro e Khaled Soliman Al
Nassiry, uscito nelle sale italiane il 9 ottobre 2014 e che arriva per la prima volta a
Siracusa.
Realizzato grazie ad una efficace campagna
di crowdfunding online sulla piattaforma Indiegogo (100 mila euro in 60 giorni con il
contributo di 2617 persone in 38 Paesi) apre
tappa dopo tappa, uno squarcio nelle vite dei
protagonisti che si raccontano ricordandoci
le contraddizioni spesso crudeli e spietate
del sistema Europa e lorrore da cui fuggono
migliaia di uomini, donne e bambini, che per
la disperazione arrivano a pagare mille dollari e anche pi a testa per morire in mare.
Il documentario dedicato ai nostri figli
perch ricordino sempre che nella vita arriva
il momento di scegliere da che parte stare.
Io sto con la sposa. E tu?

a vantaggio delle imprese edili della provincia di Siracusa e dei loro dipendenti

Edilcassa, in materia di sicurezza


e salute sui luoghi di lavoro

Firmato laccordo tra Anaepa Confartigianato


Edilizia, Feneal, Fillea e Filca

Uno

strumento in pi
per garantire agli imprenditori edili e ai propri
dipendenti di accedere
senza costi alla formazione sulla salute e la
sicurezza nei cantieri.
Si tratta del protocollo
d'intesa firmato ieri pomeriggio nella sede della
Feneal Uil al termine di
un incontro che ha visto
seduti attorno allo stesso
tavolo i rappresentanti di
Confartigianato Imprese
Siracusa, Feneal-Uil,
Fillea-Cgil e Filca-Cisl.
L'accordo prevede lerogazione gratuita di servizi
di formazione in materia
di salute e sicurezza sui
luoghi di lavoro, come
disposto dal D.lgs. 81/00,
rivolto a datori di lavoro
e ai lavoratori iscritti a
Edilcassa Sicilia nella
provincia di Siracusa.
Esprimo piena soddisfazione per questo risultato afferma Daniele
La Porta presidente di
Confartigianato Imprese
Siracusa che porter a
conoscere Edilcassa Sicilia alle imprese edili della
provincia di Siracusa. I
miei complimenti allat-

Sopra, firma protocollo formazione sicurezza.

tivit svolta della nostra


segreteria rappresentata
dal segretario provinciale, Roberta Zappal, per
aver stabilito un dialogo
proficuo assieme ai Segretari generali di Feneal,
Fillea e Filca e che, di
certo, porter frutto per
imprenditori e per i loro
dipendenti.
La cultura dellimpresa
non pu prescindere dalla
cultura della sicurezza
sui luoghi di lavoro - ha

aggiunto il presidente di
Anaepa Confartigianato
edilizia Siracusa, il giovane imprenditore edile
Alessandro Trigila e in
questo periodo di grave
crisi economica del settore edile, garantire un
supporto a vantaggio dei
tanti colleghi e dei loro
dipendenti, pu fare la
differenza. Ringrazio i
segretari generali Severina Corallo di Feneal,
Domenico Bellinvia di

Fillea e Paolo Gallo di


Filca per la disponibilit
mostrata e per questo la
volont di organizzare
questincontro.
Sulla stessa lunghezza
d'onda i responsabili
delle tre organizzazioni
sindacali che ieri hanno
sottoscritto l'accordo con
Anaepa Confartigianato
Imprese. Per Severina Corallo, Domenico
Bellinvia e Paolo Gallo,
non si fa mai abbastanza
per garantire la salute e
la sicurezza nei cantieri
edili, pertanto ben venga
quest'ulteriore strumento
a disposizione delle imprese volto a garantire
diritti inalienabili.
Il protocollo d'intesa
firmato con Anaepa Confartigianato Imprese affermano i segretari generali di Feneal-Uil, Fillea
Cgil e Filca-Cisl - dimostra che, quando si lavora
unitariamente, remando
nella stessa direzione,
si possono raggiungere
obiettivi condivisi dalle
organizzazioni datoriali
e dai rappresentanti dei
lavoratori con ricadute
positive per tutti.

un impianto dotato di vasche per migliorare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti della differenziata

1 milione di euro per la realizzazione


del centro comunale di raccolta di Avola
Presto il centro comunale di raccolta
di Avola sar una realt. La Regione
ha finanziato il progetto di 996 mila
euro, per la realizzazione del CCR e
lente comunale comparteciper al
progetto con una somma di 135 mila
euro, gi prevista nel bilancio 2014.
Avola avr cos un finanziamento
importante che permetter alla citt di
dotarsi di una struttura allavanguardia
per la gestione dei rifiuti. Il Ccr sorger
in via Cesare Abba, in prossimit degli
attuali uffici di ecologia: un impianto
dotato di vasche per migliorare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti della
differenziata. Il finanziamento regionale prevede che lopera sia conclusa

e operativa entro il 31 dicembre 2015,


e quando limpianto sar in funzione
limpatto immediato sui costi di gestione dei rifiuti potrebbe far abbassare la
Tassa sui rifiuti. "Il processo semplice
dice il sindaco Luca Cannata ed
la strada che vogliamo prendere. Pi
differenziata significa meno costi di
gestione da parte del Comune, che si
tramuteranno in un risparmio in bolletta per lutenza finale. Il Ccr nascente
va a legarsi allaltro centro comunale
di raccolta, Eco Ambiente, dotato
gi di macchinari per il conferimento
della plastica. Un ciclo completo che
ci consentir di essere leader della
raccolta differenziata in provincia.

Sicilia 11

societ

solidariet

1 giornata
studentesca
lo sport
che aiuta
A

lla Cittadella dello sport


Lo Bello, si svolta la
prima giornata de Lo sport
che aiuta. La manifestazione stata organizzata dalla
Consulta Provinciale degli
Studenti, che riuscita a
coinvolgere centinaia di
ragazzi, provenienti da
tutte le scuole superiori
della citt, che aveva come
obiettivo, la riscoperta del
vivere sano in compagnia
ed in movimento, con
un'attenzione particolare ai
meno fortunati per i quali
stata raccolta e donata
una somma di 2000 Euro
alla Caritas Diocesana di
Ortigia. Durante il corso
della mattinata, nella sala
riunioni del palazzetto
dello Sport di Siracusa, si
sono alternati interventi di
esperti nutrizionisti, dello
sport e di rappresentanti di
enti di beneficenza.
Tanti gli incontri disputati,
tra questi, un incontro di
Calcio denominato La
partita del Cuore fra rappresentanti della Consulta e
i Ragazzi del Centro di Accoglienza Papa Francesco.
Per l'occasione, sono stati
anche allestiti, degli stand
dimostrativi e informativi
riguardanti le varie attivit
sportive offerte nel nostro
capoluogo.
Una giornata all'insegna
della solidariet ha detto
l'assessore allo Sport Pietro
Coppa che ha partecipato
alla presentazione della
manifestazione per portare i
saluti dell'Amministrazione
e ringraziare la Consulta
provinciale degli studenti.
Una iniziativa lodevole
all'insegna della solidariet
e dello sport sano. E' stato
emozionante constatare, la
partecipazione di moltissimi giovani studenti, che
con la loro presenza hanno
voluto testimoniare con entusiasmo, ancora una volta,
che la solidariet esiste e
resiste. Mi piace sottolineare ha infine detto l'assessore Coppa l'impegno dei
componenti della Consulta,
Giacomo Loreto - Mirko
Sapia - Federica Giaquinta - Giulia Conti, Davide
Cappellani, Dario Lukas,
che hanno reso possibile
questa manifestazione.

SPECIALE 12

Sicilia 17 FEBBRAIO 2015, MARTED

17 FEBBRAIO 2015, MARTED

Nel Medioevo il Carnevale era il tempo delle scorpacciate

Le origini del Carnevale


I pi significativi e caratteristici

Nello stesso periodo a febbraio si celebravano nellantica Roma


vari riti che hanno lasciato le loro tracce nel Carnevale attuale
di Giorgio Guarnaccia

Non si sa con
esattezza da dove
derivi il nome
carnevale: c
chi dice da car
navalis , il rito
della nave sacra
portata in processione su un carro; secondo altri
significa carnes
levare (togliere
la carne) o carne
vales (carne addio) e allude ai digiuni quaresimali,
dato che il Carnevale si conclude con il marted
grasso, il giorno
che precede, nei
paesi cattolici, il
mercoled delle
ceneri.
Nello stesso periodo a febbraio
si celebravano
nellantica Roma
vari riti che hanno
lasciato le loro
tracce nel Carnevale attuale.
Intanto febbraio
era il mese delle
purificazioni. Lo
scrittore latino
Macrobio ricorda
che il mese era
dedicato al dio Februus: Durante
questo mese bisognava purificare
la citt e celebrare
i riti funebri per i
Mani, divinit del
mondo sotterraneo
Il passaggio
dallinverno alla
primavera permetteva un contatto con il mondo
dellaldil, i morti
reclamavano cerimonie in loro
onore, come oggi
accade nelle so-

ciet primitive
che venerano i
morti nei periodi
del cambio di stagione.
A febbraio, dice
il poeta Ovidio,
si onorano anche le tombe, si
placano le ombre
degli avi e si portano piccoli doni
sui sepolcri. Poco
chiedono i Mani,
gradiscono la piet come un ricco
dono
Basta coprire la
lastra con corone, offerte, basta
spargere con un
poco di sale, con
preghiere e gesti
del rito.
Alle cerimonie di
purificazione e di
commemorazione si intrecciavano riti di feconda-

zione, come nei del dio Fauno.


Lupercali, feste
antichissime in Il riso che scononore di Marte e figge il lutto

Durante il Carnevale si festeggiava


la fecondit della
terra, che, dopo

il risveglio dal
sonno invernale,
doveva nutrire gli
animali e gli esseri umani.
Grande valore
avevano i riti di
fecondit e il riso.
Al riso, infatti, si
attribuiva il potere di sconfiggere
la morte e il lutto
e gi tradizioni
antichissime lo
collegano alla fertilit della natura
e degli uomini.
Moltissime popolazioni seminavano gli ortaggi
ridendo e, per i
Greci ed i Romani, Ghelos e Risus, divinit del
riso, erano sacre
e venerate.
In un papiro detto che Dio rise e
nacquero i sette
dei che governano
il mondo.
Al primo scoppio
di risa la luce.
Scoppi a ridere
la seconda volta
e apparvero le acque, con successive risate vennero
al mondo Hermes,
il Destino e Psiche.
Nei miti dei misteri eleusini, la
grande cerimonia religiosa della
Grecia antica in
onore di Demetra,
la dea, che ha perduto la figlia Core,
non ride pi e tutto
il mondo rischia
la morte; non nascono n fiori, n
piante, n animali, n umani.
Finalmente una
servetta fa ridere
la dea facendo
un gesto volgare
e tutto rinasce e
fiorisce.
Le feste
del carnevale
Affermando che
a Carnevale ogni
scherzo vale, si
vivono giorni
allinsegna della sregolatezza,
delle burle, delle
mascherate danzanti, della gioia

sfrenata. Le feste di Carnevale


sono occasione
di divertimento
esagerato e di
grandi mangiate.
Nel Medioevo il
Carnevale era il
tempo delle scorpacciate comunitarie e delle danze
infinite. Il re del
Carnevale garantiva lallegria
pazza e la sospensione temporanea
delle leggi, delle regole e della
morale. Come a
Capodanno, semel in anno licet
insanire: si pu
ben essere folli
una volta lanno:
I ruoli sociali si
invertivano: gli
uomini si vestivano da donne e viceversa, i poveri
da ricchi, i ricchi
da accattoni o da
giullari; celando
la loro propria
identit dietro una
maschera (ecco
svelato il motivo per cui ancora oggi si usa la
tradizione di un
travestimento.
I balli, che ancora oggi contraddistinguono
i veglioni, erano
dedicati alle divinit della terra. Il
ballo con i saltelli
(come il saltarello laziale) imitava il crescere
delle spighe di
grano: pi in alto
saltavano i danzatori, pi lunghi e
fecondi sarebbero
stati gli steli delle
spighe. La danza,
il riso e lamore
santificavano leterno ritorno della
primavera.
Tali festeggiamenti prevedevano inoltre un
rituale processo,
seguito dalla condanna, dalla lettura del testamento,
dalla morte e dal
funerale di un fantoccio, simbolo
di una medaglia
dal doppio volto:

il primo quello della cuccagna, quindi degli


agi e dello star
bene; il secondo rappresenta il
capro espiatorio
dei mani dellanno precedente.
Questo fantoccio
subiva quindi una
fine davvero molto violenta, e ci
era fatto appositamente per propiziare e rinnovare
la fecondit in

particolare della attraverso lanello


terra esorcizzan- di congiunzione
delle feste carnedo la morte.
valesche medioevali, si possono
I piu significativi e caratteri- ricollegare ai lupercali romani e
stici carnevali
Il pi significati- quindi ai riti della
vo Carnevale il fertilit agraria.
Carnevale stori- (la Radeca altro
co di Frosinone. non che il nome
E caratterizzato in dialetto della
dalla Festa della foglia dagave,
Rebecca, di ori- simbolo di fecongini antichissime, dit.
addirittura precri- Il carnevale di
stiane, origini che Striano, in pro-

Sicilia 13

vincia di Napoli,
considerato uno
dei pi importanti
carnevali del Sud.
I carri allegorici, che sono i
pi grandi e movimentati della
Campania, sfilano
ogni anno in un
luogo diverso della citt di Striano.
Tali carri sono
maestose opere
realizzate esclusivamente in cartapesta nei cantieri

speciale

della Cittadella
del Carnevale,
una struttura unica nel suo genere
nellintera Campania.
I pi bei carnevali
della Sicilia sono:
Il carnevale di
Sciacca, rinomato per la bellezza
delle sue opere
in cartapesta realizzate dai locali
maestri ceramisti,
il carnevale pi
antico di Sicilia,
con origini che risalgono al periodo
romano.
Oggi caratterizzato da sfilare
di carri allegorici
che percorrono
lantico centro
della citt accompagnati da gruppi
mascherati che
danno vita a coreografie realizzate
sulle note di musiche a tema.
Famoso il Carnevale di Acireale, comunemente
definito il pi
bel carnevale di
Sicilia per la
bellezza dei suoi
carri allegorici e
infiorati (questi
ultimi, unici nel
loro genere). Anche il Carnevale
di Acireale vanta
antichissime origini, prevedeva la
lotta delle arance
che fu vietata dalla Corte criminale
nel lontano 1612
a causa dei gravi
incidenti che si
provocavano.
In Sicilia si ricorda ancora il Carnevale di Patern
che attirava molti
turisti in quanto
lintera citt diveniva ununica
balera allaperto,
sotto una fantasmagorica illuminazione artistica.
In ultimo, in quanto molto pi modesto, il Carnevale di Palazzolo,
frequentato da
molti Siracusani
in cerca di divertimento.

Cultura 14

La leggenda
di Facci Dispirata

di Arturo Messina

Il quotidiano Libert, riportando che


nellultimo marted
della siracusanit al
cenacolo di Antonio
Randazzo
largomento era stato Via
Maestranza, aveva
ricordato che essa
sbocca al Belvedere
San Giacomo, sotto
il quale circa mezzo
secolo addietro cera
il balneatoio, lo stabilimento balneare
nel cuore dello scoglio: il Nettuno, che
era langolo pi suggestivo e frequentato
di estate. Infatti bastava uscire di casa,
dallufficio gli impiegati, dalla scuola
gli studenti, che subito si arrivava a
Facci dispirata. Si
scendeva la scaletta
di legno e vi veniva
incontro quella specie di simpatica botte ambulante che era
don Severino, che vi
invitava ad affittarvi una cabina e, se
proprio ne avevate
bisogno, persino il
costume, per potervi
fare il bagno. Quasi nessuno sapeva
il cognome di Don
Severino e tutti lo
conoscevano per
Don Severinu culu
i truscia, appunto
perch le sue protuberanze posteriori
lo facevano apparire
come appartenente
alla famosa razza
africana degli steatopigiti.
Ora, proprio in
quelleden acquatico, tanto tempo
prima, era accaduta una tragedia, una
doppia,
tremenda
tragedia.
Nelle vicinanze di
quella piazza c il
popolare quartiere
della Graziella, detta cos perch vi si
venerava soprattutto
la Madonna delle
grazie, che era la
protettrice dei marinai: era infatti una
grande grazia quando uno poteva da l

17 febbraio 2015, marted

Sicilia 17 FEBBRAIO 2015, MARTED

E cos chiamato il Belvedere S. Giacomo alla fine della via Maestranza


perch si racconta che da l si gett la giovane moglie dun pescatore
partire, recarsi a pescare e potere ritornare incolume con la
propria barca.
Tanuzzu Pilastru era
un giovane pescatore che si era guada-

non perdere neanche


un giorno di lavoro
cera: si era sposato da tre anni con
la figlia di Compari
Cirinu u Tacciaru,
Mariuzza che final-

dopo la festa di Santa Lucia, gonfiava


sempre pi le onde
che sembravano lingue di draghi che
volessero ingoiare i
piccoli navigli dei

disse quella notte,


raccomandandole il
proprio ragazzo, che
gli facesse la grazia di tornare sano
e salvo, con pesce e
magari senza pesce.

Si bastava
uscire di casa,
dallufficio gli
impiegati, dalla scuola gli
studenti, che
subito si arrivava a Facci
dispirata

gnato il soprannome
perch fisicamente
era una colonna monoblocco, robusto
come un Tartan ma
tenace e instancabile forse ancora di
pi. Non conosceva riposo, andava a
pescare categoricamente tutti i giorni,
sia che fosse una
giornata
dagosto
sia che fosse la pi
fredda giornata dinverno. E il motivo di

mente, dopo tre anni


di matrimonio, era
uscita incinta e figuratevi lesultanza
di Tanuzzu quando
la mogliettina gli
rivel che sospettava di aspettare una
creatura. I soldi non
bastavano mai, non
solo per Mariuzza,
ma anche e soprattutto per la casa che
si stava affrettando a
costruire
Il vento di dicembre,

poveri
pescatori,
parecchi dei quali
avevano rinunziato
ad andare a pescare.
Tanuzzu aveva bisogno di pesce, aveva
bisogno di denaro
pi degli altri: perci
non cera mare che
potesse farlo dissuadere dallandare ai
soliti posti che sapeva lui e dove gli
altri non andavano.
Mariuzza non si sa
quante Ave Marie

Le ore passavano
e il maltempo non
accennava a imbonirsi. Mariuzza decise di andare a fargli lincontro, come
qualche volta aveva
fatto, quando la salute e il tempo glielo
avevano permesso.
Che gioia, allora,
riabbracciarlo, felice di rivederlo e di
sentirgli dire che la
pesca era stata abbondante! Al primo

pescatore che vide


rientrare domand
ansiosa:
- tu vistu a Tanuzzu?
Nuttata dinfernu
chista, figghia mia!
Sempre correndo affannosamente verso
il punto dove sapeva
che si poteva intravedere lontano, piccolo
come una lucciola, il
barlume che gli indicava dove pescava il
suo Tanuzzu, incontr poi un altro, proprio nello spiazzo:
-tu visto a Tanuzzu?
Tanuzzu?! Poviru
figghiu! Visti antura
ca u lumi si stutau!
Vatinni a casa, figghiuzza, vatinni! E
gli vide farsi il segno della croce. Un
urlo terribile, come
di animale colpito
a morte, si dice che
avesse gettato Mariuzza, mentre quello
si allontanava scuotendo il capo di commiserazione. Scavalc il parapetto del
belvedere e si gett
gi a capofitto!
Lindomani il mare
era calmo, impassibile, come se niente
fosse stato, come se
niente avesse provocato
La risacca aveva
trascinato, proprio
a due passi dallo
scoglio, dove si era
sfracellata la disperata Mariuzza e dove
don Severino molti anni dopo soleva
approntare lo stabilimento balneare,
il corpo inanime di
Tanuzzu. Da allora
i Siracusani preferirono chiamare quel
meraviglioso belvedere: Facci dispirata, che adesso
un semplice spiazzo
dove si accalcano le
macchine in sosta
e nessuno sa niente
n della tragedia, n
dello stabilimento
balneare
Nettuno,
del mitico Don Severino.Non diciamo n il cognome n
il soprannome.

Per gli azzurri nuovo pari interno senza reti

Lo Scordia vola,il Siracusa frena


e squilla il campanello dallarme

Il gran correre di Mascara non riesce a sopperire alle incertezze difensive, alle idee confuse del centrocampo e alla
sterilit dellattacco. Cos si sciupa un anno di lavoro

alternarsi
di
prove discrete ad
altre a dir poco
disarmanti
non
ci fa ancora capire se il Siracusa
questo campionato lo vuole veramente vincere o
vuole soltanto
vederlo vincere .
Una frenata, tutto
sommato, ci pu
anche stare. Ma
due sono decisamente troppe perch hanno avuto
come conseguenza non solo quella di dimezzare il
vantaggio
sulla
seconda in classifica, ma anche
quella di incoraggiarla ad insistere
facendole intravedere scenari fino
alla
settimana
scorsa impensabi-

li . Quali le cause? Stanchezza?


Idee annebbiate?
Condizione fisica scadente? La
concomitanza di
troppi
infortuni? Di probabili
cause ce ne potrebbe essere per
la verit unaltra
e sarebbe quella
che le partite vanno attentamente
preparate, e non
lasciate
allimprovvisazione,
con la presunzione che prima o
poi si sbloccano.
Il tipo di partita
che avrebbe fatto
il Viagrande non
ci voleva molto
ad immaginarlo,
anche sulla scorta della partita di
andata finita con
lo stesso risultato,

eppure il Siracusa
ha affrontato questo impegno quasi alla chetichella,
senza particolari
accorgimenti . Ce
nera uno in particolare, facile da
prevedere, ed era
quello di evitare
di insistere nel
gioco aereo avendo da fare con
precisi colpitori
come DArrigo e
Cristaldi e invece il Siracusa non
ha fatto altro che
tentare di superare la munita difesa etnea con palle
alte che puntualmente
diventavano preda degli
aitanti difensori
ospiti anzich accorciare la squadra, renderla pi
compatta e farla

giocare palla a
terra .
E
mentre
il
Siracusa
gigioneggiava alla timida ricerca di
una soluzione ad
un gioco prevedibile e senza sbocchi, a Scordia i
padroni di casa,
a conoscenza del
risultato del De
Simone,
mettevano letteralmente a sedere un
Milazzo che pure
si era presentato,
diversamente che
a Siracusa, a ranghi quasi completi . E vero che per
il Siracusa non
ancora allarme
rosso, ma bisogna
pur cominciare a
domandarsi perch mai la sua
difesa va incontro ad improvvise,
inspiegabili
amnesie, perch
il
centrocampo
si regge solo sul
gran correre di
Mascara e infine,
perch lattacco
fa spesso e volentieri scena muta.
Ma a parte le domande probabilmente destinate
a rimanere senza
risposta, quando
nei meccanismi

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

di una squadra
come il Siracusa,
impegnata nella
volata finale per il
salto di categoria,
i campanelli dallarme cominciano
a squillare ripetutamente,
non
si pu fare finta

di niente e bisogna chiedersi il


perch. Salvo far
sfumare
colpevolmente un sogno che sembrava
ormai sul punto di
trasformarsi in realt .
Armando Galea

Calcio serie D, vittoria e sorpasso Basket, lAretusa torna al successo Pallanuoto, successo e primato
per i netini di mister Romano contro il Peppino Cocuzza
per l'under 15 della 7 Scogli

Il Noto vince in casa per 2-0


contro la Tiger e la scavalca in
classifica. Ottima la prova dei
ragazzi di mister Romano che
hanno vinto in occasione della
giornata granata.
La rete arrivata al 3 grazie a
Caci, il centrocampista granata stato bravo ad eludere la
marcatura di De Cristofaro e a
correggere di testa in rete una
punizione insidiosa di Ficarotta e su calcio di rigore per atteramento di Ficarotta in area
di rigore da parte di De cristoforo.
Sono molto contento della
prova dei ragazzi- da dichiarato mistr Giuseppe Romano-,
hanno giocato bene ma soprattutto hanno raggiunto il risultato, battendo una diretta concorrente. Il nostro obiettivo resta
sempre la salvezza e quindi
scenderemo in campo per tutta
la stagione per raggiungerlo.

Torna

a sorridere l'Aretusa. Battuta con fatica un


coriaceo Peppino Cocuzza con il punteggio di 7670. Avvio molto aggressivo della squadra di Romeo
che dopo 3 si porta sul 4-0. Per i biancoverdi i primi punti arrivano dalla lunetta e li sigla Agosta. Ci
pensa Messina da tre ad effettuare il primo sorpasso,
ma gli ospiti riportano il naso avanti con le conclusioni di Albana e dellex Caripinteri, 10-13 al 8. La
gara caratterizzata da molti errori da ambedue gli
schieramenti eil primo parziale si chiude con i locali
avanti di due lunghezze. Nel secondo tempo Anastasi attua un largo turn over, ma la Kama Italia non
riesce a scrollarsi di dosso lavversario, 24-24 al 14.
A 530 dallintervallo lungo si rivede in campo capitan Agosta che sigla il 27-24. Partita non bella, ma
valida da un punto di vista agonistico con gli ospiti che non cedono di un centimetro e che chiudono
sul +1. La squadra di Anastasi con Agosta e Ferraro
tenta lallungo portandosi sul + 8 al 25, 48-40. I 4
falli di Alescio sconvolgono i piani del tecnico siracusano, gli ospiti ringraziano e vanno sul 50-51 al
28. Ma la Kama Italia reagisce da squadra e chiude
il parziale sul 54-51. Ultimo tempo che si apre con
un 2+1 di Carpinteri e nuova parit. Ancora due tiri
dalla lunetta di Pandolfo e +1 Peppino Cocuzza, 5556 al 31. Finale elettrizzante e gara decisa, come
allandata, al fil di sirena a favore dei siracusani.

Weekend intenso per le giovani aquile della

7 Scogli. Scontro al vertice in terra etnea nel


campionato under 15, per decidere la leadership del girone. Un derby equilibrato, giocato con molta grinta e determinazione sul filo
dellequilibrio per molti tratti da parte delle
due formazioni che ha visto prevalere la prestazione aretusea, portando a casa vittoria e
primato solitario in classifica. Punteggio finale Acicastello-7 Scogli 4-7. Sconfitta pesante
per gli under 13 di mister Simone Marachioli
nella piscina della Nuoto Catana, contro la pi
forte squadra di questo categoria con il punteggio di 30-4. Una sconfitta che va oltre il risultato, per la prestazione e la determinazione
visti in acqua che fanno ben sperare per il futuro della societ. Ferma ai box, invece, lunder17 di coach Steve Camilleri.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 17 febbraio 2015, marted

Il podio ha visto
la conferma
di tanti atleti
aretusei come
Laura Pasqua,
bronzo
ai mondiali

In foto, il maestro
Franco Pasqua, Lorena e Cristina Bus,
Laura Pasqua, Luigi
e Nello Bus.

Karate, Torino festeggia le campionesse


assolute di Kumite aretusee
E

stata una due


giorni di gara appassionante quella
da poco conclusa a
Torino, con il Campionato Assoluto che
ha assegnato il massimo titolo tricolore
femminile nella specialit kumite.
Sono state circa un
centinaio le atlete
che si sono contese
l'alloro di migliore
della categoria ed il
podio ha visto grandi conferme come
Cristina Bus del
Centro arti marziali
Bus di Avola. Grande soddisfazione per
la siracusana che
proviene da una famiglia di campioni,
il padre Nello che
anche il suo allenatore, il fratello Luigi
campione del mondo
e la sorella Lorena
dieci volte campionessa italiana.
A Torino le luci della
ribalta si sono accese
su di lei che gi a livello giovanile aveva vinto 4 tricolori,
oltre un campionato
universitario e le ultime due competizioni a squadre con
la Forestale. Nella
categoria 55 kg assente per infortunio
la campionessa del
mondo Sara Cardin,
un' occasione da non
perdere per le ag-

Le prime tre societ classificate sono state la GS Frestale


p.32,Fiamme Oro Roma p.22 e l'ASD Talarico Karate Team p.18

guerrite contendenti che possono cos


coronare il sogno
tricolore. Cristina
scesa sul tatami tranquilla e consapevole,
e man mano che vinceva i combattimenti
andata aumentando la sua forza e la
sua consapevolezza.
Spettacolare la semifinale contro la
favorita Hasani che
la vedeva in svantaggio per 2-0 fino a
pochi secondi dalla
fine, quando con un

meraviglioso calcio
circolare alla testa ha
sorpreso l'avversaria
chiudendo 3-2.
Le tecniche di gamba sono da sempre
le preferite di questa
atleta dotata di un fisico longilineo, e di
un' ottima scioltezza
articolare che abbinata alla precisione
tecnica le permette di
piazzare tutti i calci
possibili e immaginabili con una naturalezza disarmante,
cos come avvenuto

Pallanuoto, buona prova


degli Under dellOrtigia
Domenica

di successi per la pallanuoto


giovanile
dell'Ortigia.
Si
sono giocate le partite delle formazioni Under 13 e Under 17. Nel girone
2 del campionato
nazionale di pallanuoto (fase eliminatoria regionale),
lunder 13 allenata
da Peppe Cassia ha
battuto, alla Francesco Scuderi, la
Nuoto Catania B
con il punteggio di
16-4 aggiudican-

dosi, cos, la seconda vittoria in tre partite fin qui disputate.


Buone le prestazioni
di Francesco Cassia,
andato a rete per cinque volte, e di Federico Conti e Andrea
Leone che hanno
messo a segno una
tripletta a testa.
LUnder 17 di Patricelli-Lisi, invece,
ha avuto la meglio
sullEtna Waterpolo,
imponendosi con un
sonoro 31-1. Grande
soddisfazione per
Daniele Lisi che,

in finale contro la
romana Riccardi che
niente ha potuto sopraffatta dai mawashi dell'avolese che
si imposta con un
netto 7-1. Sempre
nella stessa categoria medaglia anche
per l'altra siracusana
impegnata, Francesca Cavallaro del
Renbukan
Villasmundo bronzo alla
sua prima apparizione in un campionato assoluto in cui ha
vinto ben quattro in-

questanno, guida
le squadre Under
17 e Under 20 insieme al compagno
di squadra Gianluca Patricelli. Aldil del risultato di
ieri, che comunque
ci fa molto piacere,
sono contento di
come queste due
formazioni si stiano approcciando
ai rispettivi campionati ha commentato Lisi. I ragazzi, tra laltro,
stanno reagendo
molto bene anche
al cambio di allenatore che, soprattutto a questa et,
non mai facile.

contri su cinque con


punteggi perentori.
Medaglia anche per
l'altra Bus sempre
sul podio dal 2005,
Lorena che difende i
colori della Forestale
nella 68 kg dopo un
percorso perfetto si
dovuta inchinare
in finale portando a
casa l'argento.
Chiudiamo la carrellata di campionesse
siracusane che hanno letteralmente dominato gli Assoluti
femminili con il secondo oro di giornata, si tratta di Laura
Pasqua, per lei che
lo scorso novembre
ha vinto la medaglia
di bronzo ai mondiali senior si tratta del
settimo titolo senior
individuale, a cui
si aggiungono i tre
vinti nelle categorie
giovanili e i cinque a
squadre difendendo
i colori della Forestale. Numeri impressionanti che ben
rappresentano la sua
bravura e la sua passione per questa affascinante arte marziale. Per lei sul tatami
torinese ben 16 punti
fatti e nessuno subito, tanto per non
perdere terreno dal
fidanzato Luigi Bus
che il giorno prima
aveva vinto il suo decimo titolo.

Calcio a 5
A1/F, brutta caduta al PalaLoBello
per le Formiche
nel derby
contro Vittoria

l derby tra le Formiche ed il Vittoria


premia
quest'ultime, che mette
fine al momentono passando a
Siracusa: Caserta
illude Le Formiche al 13', ma la
cabala non funziona, cos due volte
Primavera e una
Corrao piazzano le
stoccate per il secco 3-1 conclusivo.
Una sconfitta che
allontana le ragazze del presidente
Basile dalla "zona
tranquilla" e li fa
avvicinare
pericolosamente nella
zona bassa della
classifica, quanto
mancano solo sei
gare alla fine della regular season.
nelle altre gare del
girone C, abbiamo
la ventesima vittoria del Real Statte
che accompagnata
dall'ennesima
goleada stagionale
punteggio
finale 14-2. Identico
punteggio a Locri,
con lo Sporting che
maramaldeggia sul
Cus Cosenza.Alle
spalle delle due di
testa che si scatena la bagarre. Non
tanto nella corsa al
gradino pi basso
del podio, con l'ITA
Salandra che cala la
cinquina sul Futsal
Melito. La Salinis
cede per 3-2 a Bisceglie e l'Arcadia
si porta a 27 punti,
approfittando non
solo del pareggio
nel derby palermitano tra Futsal P5 e
Iron Team), ma anche dell'imprevisto
scivolone del Real
Five Fasano a Rionero per 5-3.
S.C.