Sei sulla pagina 1di 9

Politica

Cronaca

Siam assume i primi


42 lavoratori
della ex Sogeas

Sorpresi a rubare
limoni in un giardino
Arrestati due avolesi
A pagina sette

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina tre

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
venerd 6 marzo 2015 Anno XXVIIi N. 54 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Politica. Stamattina a Siracusa Rosy Bindi e la sua Commissione

LAntimafia faccia
luce su mafia politica

Intrecci, appalti, intimidazioni e molte zone dombra


Industria

Fermata Isab
e la guerra
dei numeri

a commissione antimafia
indagher sul movimento Antimafia. Cos Rosy
Bindi si espressa durante
laudizione del Prefetto di
Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta, i vertici delle
forze dellordine e della
DIA. Il riferimento stato
al caso del presidente della
Camera di Commercio di
Palermo, Roberto Helg,
che da una condizione.

Circa

800 lavoratori provenienti da fuori


provincia saranno impegnati nelle operazioni di
manutenzione straordinaria degli impianti. Su
un totale di manodopera
impegnata che osciller
tra 2500 e 3000 unit,
almeno il 30 % verr da
fuori provincia, che corrisponde ad almeno 800
lavoratori. Una scelta
dell'ISAB che stride fortemente con i livelli di
disoccupazione del territorio e con la necessit di
impiego di manodopera
disoccupata locale.
A pagina due

di Concetto Alota

A pagina sei

CRONACA

Rapinano
un Iphone
Arrestati
I

viabilit

A maggio
lo svincolo
Maremonti
E

Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo,


al termine di indagini serrate.

ntro il mese di maggio


verr aperto lo svincolo
sulla Maremonti, Lo comunica Enzo Vinciullo.

A pagina sette

A pagina quattro

Intervento del vice sindaco

Piazza Xibilia
Un progetto
tante polemiche

CRONACA

Molte di pi
le vittime
del barcone

C il dubbio che le vitti-

me del rovesciamento del


barcone in mare non siano
solo 10 ma molte di pi.
La testimonianza dei molti dei 121 superstiti, giunti
la sera di mercoled.

Il disegno che circola un'interpretazione personale

A pagina sette

A pagina tre

ancorch parziale e falsata. Essa non rispecchia il progetto n nelle sue dimensioni e proporzioni effettive, n
nella sua interezza. Cos liquida il vice sindaco Francesco Italia le polemiche scatenate su piazza Xibilia.

Tre consiglieri sincatenano


al palazzo di Giustizia
Tre consiglieri comunali dellopposizione a Melilli si sono
incatenati ieri mattina
davanti allingresso
del palazzo di Giustizia di Siracusa.
A pagina cinque

Cronaca di Siracusa 2
EVENTI

Al Vermexio
il progetto
europeo
Urbact

Sicilia 6 marzo 2015, venerd

6 marzo 2015, venerd

Si terr oggi alle 9,30 nel Salone Paolo Borselli-

no di palazzo Vermexio, levento conclusivo del


progetto Europeo Urbact GeniUS: Open finalizzato a trasferire la buona pratica dellopen innovation
dalla citt di York a quelle di Siracusa, Tallinn e San
Sebastian. Allevento prenderanno parte anche le
altre citt del partenariato Urbact, ovvero York, Tallinn e San Sebastian, che si troveranno a Siracusa
per lultimo workshop di confronto.

l programma prevede: il saluto di Giancarlo Garozzo, Sindaco di Siracusa; 9,40 Siracusa citta smart e inclusiva
Valeria Troia, Assessore alle Politiche scolastiche, Educative, Giovanili, Beni Comuni, Decoro Urbano e Informatizzazione Giuseppe Di Guardo, Ufficio Programmi Complessi
e Politiche Comunitarie, Responsabile del Progetto Urbact
10,10 Politiche innovative e buone pratiche nel panorama
nazionale Federico Lasco, Dipartimento per lo Sviluppo e la
Coesione Economica.

la denuncia da parte della cgil

Fermata Isab
Industria
e territorio
pi distanti
Circa 800 lavoratori
provenienti da fuori provincia saranno
impegnati nelle operazioni di manutenzione straordinaria
degli impianti.
Su un totale di manodopera impegnata che osciller tra
2500 e 3000 unit,
almeno il 30 % verr da fuori provincia,

che corrisponde ad
almeno 800 lavoratori. Una scelta dell'ISAB che stride fortemente con i livelli
di
disoccupazione
del territorio e con
la necessit di impiego di manodopera
disoccupata locale.
E tutto per sole 47
giornate lavorative
previste dal progetto.

Una scelta industriale miope che sottrae


reddito e ristoro sociale per le famiglie
dei lavoratori siracusani disoccupati ai
quali l'azienda lascia
inquinamento, incidenti, miasmi, disagi
e in alcuni casi solo
disperazione.
Uno
schiaffo sociale intollerabile da parte

centi. Per quanto sia stato apposto il segnale di divieto di transito accanto ad una barriera colorata che limita laccesso in via Filisto con
direzione via Pitia, alla presenza di agenti della P.M., ho potuto constatare come molti automobilisti imboccassero ugualmente larteria.
Un problema che sicuramente sar eliminato quando con larrivo
dei mezzi pesanti la carreggiata sar davvero occupata dal cantiere.
Auspico tuttavia un maggiore controllo al fine di evitare incidenti.
Auspico, ancora, che il cantiere possa avere seguito anche nel tratto
non previsto dal progetto di riqualificazione, quello che, superata la
piazza adiacente a via Alcibiade, continua verso via Temistocle.

Piazza Xibilia: quante


polemiche sul progetto
Materia
del contendere
la modifica
parziale
assetto viario

Qui sopra, stabilimento Isab di Priolo.

di uno dei gruppi


industriali pi importanti del territorio
che dopo le massicce riduzioni di manodopera di diretti e
indotto degli ultimi
tempi, dopo l'allungamento progressivo
da tre a cinque anni
degli interventi di
manutenzione straordinaria degli im-

pianti (con buona


pace della sicurezza)
e oggi con il ricorso
ad un migliaio di lavoratori provenienti
da fuori provincia
lancia un messaggio
tanto chiaro quanto
devastante: le spregiudicate logiche del
profitto schiacciano
il territorio e qualunque barlume di

La Cgil inesatta
Il 91% dei lavoratori
del territorio
- Delle circa 2.000 persone dellindotto ordinariamente autorizzate ad
operare in ISAB, l80% circa proviene dalla provincia di Siracusa e il 75%
dal comprensorio di Melilli, Priolo,
Augusta e Siracusa.
Delle circa ulteriori 1.800 persone
autorizzate ad oggi ad operare nella
fermata circa il 75% proviene dalla
provincia di Siracusa.
Questi sono i numeri di una societ
fortemente radicata sul territorio nel
quale opera e continua ad investire e
credere oggi 154 milioni di euro in
un momento in cui tutti i gruppi multinazionali annunciano sulla stampa
nazionale e internazionale tagli negli
investimenti, manutenzioni e chiusure
di impianti.

l consigliere comunale Fabio Rodante interviene sullapertura del cantiere


in via Filisto. Finalmente lopera programmata per la riqualificazione di via
Filisto sar realizzata. Il cantiere stato aperto e a breve cominceranno i lavori
di sbancamento e di realizzazione delle banchine.
In data 5.3.15, mi sono recato presso i luoghi per verificare che la segnaletica
stradale apposta fosse rispettata, o meglio facilmente individuata, dai condu-

Cronaca di Siracusa

politiCA. il vicesindaco italia rintuzza le polemiche

nota da parte dellazienda isab

Pronta la replica da parte del vertice dellIsab di Priolo Gargallo al


documento del sindacato. Qui di seguito, la nota diffusa ieri sera alla
stampa. Lazienda confuta i numeri
della Cgil in materia di lavoratori
provenienti da fuori provincia, che
sarebbero molti meno di quelli dichiarati dallorganizzazione sindacale.
Quanto rappresentato dalla sola
segreteria della CGIL quanto
meno inesatto ed utile solo a facili
strumentalizzazioni. Il 91% del personale diretto ISAB, 1.073 persone,
proviene dalla provincia di Siracusa
ed il 75% circa dal comprensorio di
Melilli, Priolo, Augusta e Siracusa.
- scritto nel documento dellIsab

Aperto il cantiere
per riqualificare via Filisto

Sicilia 3

Inoltre parlare di logiche di profitto in


un momento in cui la societ ha consolidato da quasi cinque anni perdite
rilevanti a causa della crisi internazionale inesatto ed ancora solo utile a
facile demagogia.
ISAB sulla base dei numeri sopra riportati - conclude il documento dellazienda petrolchimica - distribuisce annualmente decine di milioni di euro di
reddito da lavoro diretto ed indiretto
sul territorio provinciale ed ha mantenuto costante le spese in materia di
manutenzione ed investimenti. Pertanto ogni riferimento alla mancanza
di responsabilit sociale dellimpresa
o alla sua insensibilit in materia di
sicurezza e tutela ambientale propaganda.

responsabilit sociale dell'impresa. N


pu essere sostenuta
la ragione avanzata dall'ISAB di aver
esaurito tutte le professionalit locali e
quindi di essere stata
costretta ad appaltare
fuori specializzazioni
utili alla grande industria. E questo almeno per due ragioni:
la prima, perch il
tema della necessit
di alcune
professionalit necessarie
all'industria noto
da parecchio tempo
ed rimasto colpevolmente irrisolto.
La seconda, perch
la ricerca di un proficuo dialogo sui temi
del rapporto fra industria-formazioneriqualificazione dei
lavoratori e territorio
sempre stato inutilmente ricercato dal
sindacato e mai condiviso dal sistema
industriale. Per tutte
queste ragioni, riteniamo irricevibile la
scelta operata dall'ISAB ed esprimiamo
forte preoccupazione
per le disattese aspettative occupazionali
create attorno alla
fermata costruita su
presupposti, scelte e
strategie non condivise dal sindacato.

Il disegno che circola


un'interpretazione personale ancorch parziale e
falsata. Essa non rispecchia il progetto n nelle sue
dimensioni e proporzioni
effettive, n nella sua interezza. Cos liquida il vice
sindaco Francesco Italia le
polemiche scatenate a seguito della pubblicazione
del progetto di riqualificazione della piazza Xibilia
lungo la via Vittorio Veneto
in Ortigia.
Il progetto approvato dalla
sovrintendenza non prevede che esistano quote diverse da quelle del piano
stradale, ma che tutta la
piazza sia ad un unico livello, ovvero l'attuale livello stradale - continua Italia
- il comune ha chiesto una
modifica, per coerenza alle
finalit del progetto e per
questioni di viabilit, sulla quale la sovrintendenza
non si ancora espressa.
Ci significa che la polemica, montata ad arte, non ha
motivo di esistere perch
basata su un presupposto
che, al momento in cui parliamo, non esiste. a verbale del consiglio di quartiere di ieri, che il comune
adeguer, come sempre, il
progetto alle richieste della
sovrintendenza. La procedura adottata legittima e
trasparente sotto ogni profilo, ancorch assolutamente
pubblica.
Il dibattito, che si acceso,

Assunti
i primi 42
lavoratori
ex Sogeas
alla Siam

In foto, il progetto di piazza Xibilia.

in realt, sui social network,


alimentato dalla controreplica da parte dellavvocato
Salvo Salerno, che presiede il movimento Quartieri
fuori dal Comune: L'assessore Italia dice che non
si tratta di appalto. E chi lo
dice? Cosa cambia? - afferma Salerno - Se un imprenditore privato fa alla Pubblica Amministrazione una
proposta, ci non innesca
allegramente una trattativa
privata diretta, senza regole e senza partecipazione
competitiva n trasparenza.
Altrimenti perch non ha
preventivamente sottoposto il progetto al parere del
Consiglio Circoscrizionale di Ortigia..? Lui oggi si
adatta al dibattito, sol perch quel Consiglio e pochi
altri cittadini hanno svelato
l'operazione. L'umilt, la
trasparenza e la partecipazione sono sempre il problema dell'assessore Italia,
pur brillante amministratore, quando vuole. Ma non
basta dire che si ama la propria citt e voler rimuovere

il degrado (quale degrado in


piazza Scibilia..?). Quindi
la promozione turistica di
Ortigia non pu prescindere dal rispetto delle regole e
dall'osservanza del primato
dei Beni Comuni.
A Salerno si aggiunge la
consigliera comunale Cetty Vinci: Nessuno contro la riqualificazione della
piazza Scibilia, quello che
si contesta sono le procedure seguite e il fatto che
non pu essere spacciato
un progetto di sistemazione
di una piazza con evidenti
interessi privati come un
progetto di riqualificazione di pubblico interesse. ll
progetto (presentato dal titolare della struttura alberghiera) stravolge l'assetto
urbanistico ed architettonico di una zona fra le pi
importanti di Ortigia.
Difatti previsto lo spostamento pi ad est della
Via Vittorio Veneto, (via
esistente da secoli e che
come riportato in testi storici costituisce l'asse viario
principale della Mastrarua),

e ci al fine principale di
creare uno spazio antistante l'albergo da utilizzare in
via esclusiva. Pertanto con
lo spostamento dell'asse
viario della Via Vittorio Veneto verr interrotta la sua
direttrice attuale venendosi
cos a formare una curva.
Ci non solo falser l'originale tracciato della strada
ma creer inevitabilmente
anche un ostacolo al regolare deflusso della circolazione, aggravato nel caso
di eventi calamitosi, su una
via densamente abitata ed
utilizzata in modo intenso
dai cittadini di Ortigia e da
tutti i cittadini siracusani.
Inoltre, verranno a mancare almeno una quarantina
di posti auto, a discapito
dei cittadini residenti e dei
commercianti della zona.
La procedura seguita per
l'approvazione del progetto secondo quanto dato
sapere non chiara e non
rispetterebbe tutte le regole
previste sugli appalti pubblici e sulle approvazioni
dei progetti.

l deputato regionale
Giambattista Coltraro
saluta con soddisfazione
le prime 42 assunzioni
effettuate dalla Siam.
Questo importante
momento precisa
lon. Coltraro mette
infatti la parola fine alle
preoccupazioni di una
parte degli ex lavoratori Sogeas. Entro la
fine del mese di marzo
saranno assunti altri
34 lavoratori e questa
unaltra bella notizia,
ma non bisogna fermarsi qui, Da deputato
regionale continua
lon - Coltraro mi far
infatti portavoce alla
Regione delle istanze
dei lavoratori ex Sogeas
che non hanno ancora
trovato collocazione
nella nuova societ. Per
questo conclude lon.
Coltraro intendo attivare un tavolo tecnico
alla Regione dove, alla
presenza dei sindacati
e delle forze politiche
del siracusano, si possa
agire per trovare la via
pi breve e sicura per
salvaguardare il posto
di lavoro di tutti gli
altri ex Sai 8, oltre i 76
Sogeas.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 6 marzo 2015, venerd

6 marzo 2015, venerd

politica. al contrattacco Palestro e cavarra

Macchina del fango


contro i consiglieri

I due consiglieri contestano il metodo e anche


i numeri presentati nellindagine dei Grilli Aretusei

I consiglieri comunali Alberto Palestro, Salvatore


Cavarra replicano rispetto
alla questione gettonopoli
sollevata dal Movimento
5 Stelle di Siracusa.
Il video presenta una
serie di criticit di natura
matematica - affermano
- nello specifico errori di
calcolo, un consigliere
comunale che nellarco di
un mese riporta 25 presenze tra consiglio comunale
e commissioni giunge ad
incassare una cifra pari a
1.638,75 euro lordi.
Inoltre, il movimento cinque stelle omette di dire
che le somme incassate
da ciascun consigliere in
base al numero di presenza riportate su base mensile variano a seconda del
reddito personale dello
stesso e che gli stessi consiglieri svolgendo pubbliche funzioni rientrano ai
sensi di legge tra i redditi
assimilati a quelli di un lavoratore dipendente.
Ed ancora, palese come
il video colpisca e di conseguenza leda la dignit e

In foto, seduta del Consiglio comunale.

lonore di tutti e quaranta i consiglieri comunali, divenuti tutti in ugual


misura e senza distinguo
alcuno vittime di un attacco mediatico mirato pi
ad ottenere facili consensi populistici e click su
facebook che ad aprire
un dibattito serio sui costi
della politica.
Volendo andare oltre, dal
video traspare un errore

di fondo legato al numero


di presenze minime che
permettono il raggiungimento del massimo gettone mensile erogabile; tale
numero infatti di 26 presenze e non di 25. Inoltre, il pericoloso utilizzo
della media matematica
pura, applicata a comportamenti a volte anche profondamente diversi tra un
consigliere ed un altro,

comporta un livellamento
del giudizio politico e morale nei confronti di tutti i
consiglieri che lede la dignit dell'uomo ancor prima del rappresentante politico. Gli autori del video
non sottolineano come
a prescindere dal tipo di
presenza svolta da ciascun
consigliere comunale, sia
come membro di commissione o come capogruppo

o come delegato in altra


commissione, nel plenum
il limite massimo di gettoni pagabili resti, sempre
e comunque immutato ad
una erogazione massima
pari a 26 presenze pertanto, il consigliere comunale che giunge ad esempio
a 50 presenze mensili otterr sempre e comunque
una erogazione massima
pari a quella prevista per
le 26 presenze.
Una volta fissato con certezza il numero massimo
di gettoni percepibili da
ogni consigliere comunale, evidente che conteggiare tutte le successive
presenze affiancandole
graficamente ad una cifra ricavata da operazioni
matematiche al momento
sconosciute (e con dati
raccolti in periodi di tempo disomogenei ) assume
i toni di un accostamento suggestionante, sintomo di un sleale difetto di
chiarezza.
Il messaggio tuttavia pi
grave che traspare dall'intera vicenda l'assoluta
demonizzazione e macchina del fango avviata
non verso i consiglieri
comunali assenti o inefficaci, bens verso chi
presente pi spesso; ebbene i consiglieri comunali
pi presenti sono caduti
loro malgrado nel gioco
al massacro delle medie
matematiche e riportato
al valore esclusivamente numerico di presenze
pi convenienti al solo
scopo denigratorio.

Mancano solo i fondi per il collegamento con la strada provinciale

ntro il mese di maggio verr aperto lo


svincolo sulla Maremonti, Lo comunica
lOn. Vincenzo Vinciullo, che da sempre
segue tutte le problematiche relative alla
progettazione, al reperimento dei finanziamenti e allesecuzione dei lavori.
Questa volta il CAS, consorzio per le autostrade siciliane, non potr prendere in
giro nessuno, come ha fatto lanno scorso
quando assicur alcuni deputati della provincia di Siracusa la consegna dellopera.
Ho sempre seguito con attenzione i lavori
e non mi sono fatto assolutamente coinvolgere nelle panzane e nelle frottole che
il CAS, di tanto in tanto, ha diffuso, prendendo in giro i cittadini e i rappresentanti
del popolo.
Adesso, ha proseguito il deputato regionale Vinciullo, avuta la certezza che lopera sta per essere conclusa, infatti stanno
gi asfaltando il ponte sul torrente Scandurra, ponte che lanno scorso, quando si
strombazz lapertura, non esisteva ancora, bisogna reperire le risorse necessarie
per poter collegare la strada provinciale,
attualmente esistente, con lo svincolo, per

Si apre entro il mese di maggio


lo svincolo sulla Maremonti

evitare che luscita dallautostrada, anzich agevolare la circolazione dei mezzi,


diventi una strozzatura, che rischia di
coinvolgere ogni giorno centinaia di automobilisti.
Credo di poter dire con orgoglio che,
nonostante le difficolt, i ritardi, le imboscate e le delusioni, ancora una volta,
sono riuscito a mantenere un impegno
con i cittadini, nonostante siano passati
ben 12 anni da quando, nellaprile del
2003, lo svincolo, su mia richiesta, ero
allora Assessore dimissionario da qualche settimana alla Protezione Civile, fu
inserito nel nuovo Piano Regolatore della
citt dal Consiglio comunale di Siracusa.
Nello stesso tempo, ha concluso lonorevole Enzo Vinciullo, penso di poter assicurare la possibilit di reperire le risorse
per il collegamento con la strada provinciale.

Sicilia 5

Cronaca di Siracusa

CRONACA.
Chiedono che Peculato:
la commissione benzinaio
antimafia accondannato
cenda i riflettori
sullamministra- a 10 mesi
zione melillese Gli stata inflitta
la condanna a 10
interessata
mesi di reclusione
e mille euro di
da inchieste
multa il titolare
giudiziarie
di un distributore
Nella foto, la protesta
dei consiglieri.

Tre consiglieri di Melilli


sincatenano in Tribunale
T

re
consiglieri
comunali dellopposizione a Melilli
si sono incatenati
ieri mattina davanti
allingresso del palazzo di Giustizia di
Siracusa. Antonio
Annino, Tommaso
Cannella e Pierfrancesco Scollo si sono
recati in Tribunale,
hanno tirato fuori
una catena e si sono
simbolicamente incatenati. Giusto il
tempo di rilasciare
qualche dichiarazione e di incontrarsi
successivamente con
il procuratore capo
Francesco
Paolo

Annino, Cannella e Scollo danno vita a una manifestazione di protesta, poi lincontro col Procuratore

Giordano.
Una protesta eclatante che giunge alla
vigilia della venuta a
Siracusa della commissione nazionale
antimafia, alla quale
chiedono di accendere i riflettori sul
Comune di Melilli.
Abbiamo ottenuto
ampia assicurazione che la Procura di
Siracusa abbia grande
considerazione
del caso Melilli
dicono i tre - Chiediamo l'intervento

della Commissione
Antimafia e quindi
la politica nazionale prenda in considerazione il caso di
Melilli. Al centro
della protesta, la sospensione del Sindaco Cannata e di altri
quattro consiglieri
comunali, fra i quali
anche il deputato Regionale Pippo Sorbello e decine di procedimenti giudiziari
che coinvolgono amministratori e dirigenti, anche per reati

gravi come associazione per delinquere.


In considerazione
del fatto che i partiti
di governo a Melilli
sono PD e UDC
congiuntamente i tre
Consiglieri Comunali chiediamo ai loro
massimi esponenti di
prendere una posizione affinch diano
un chiaro segnale di
legalit per la nostra
cittadina, visto che
gli stessi della legalit hanno fatto una
bandiera.

Ci auguriamo che la
commissione accenda i riflettori su Melilli e su tutti gli appalti pubblici ai fini
di una piena applicazione della normativa anticorruzione,
fiduciosi della strada
che stata intrapresa
dal suo presidente
Raffaele Cantone e
che la Commissione
antimafia approfondisca anche lanomalo incendio delle
auto dellex vice
Sindaco Arcangela
Palmeri, che dopo
qualche settimana da
quellepisodio si
dimessa.

di carburanti di
Priolo Gargallo,
che doveva
rispondere del
reato di peculato.
La condanna
stata irrogata dal
giudice monocratico del Tribunale,
Giovanna Scibilia,
a carico di V.P., di
66 anni, originario
di Buccheri.
La vicenda risale
al periodo tra settembre e dicembre
2007 quando limputato, in concorso
con un poliziotto
allora in servizio
presso il commissariato di Priolo,
che ha seguito
strada giudiziaria
diversa, si sarebbe appropriato di
denaro e buoni
cedole simulando
di mettere benzina
nelle auto di servizio della Polizia
quando nella realt
questoperazione
non sarebbe mai
avvenuta.

Chiede lacquisizione dei filmati della videosorveglianza installata al pronto soccorso

Il marito di Eligia
scrive ai ministri
Voglio riscontri

Una lettera inviata

a due ministri dal


marito di Eligia Ardita, che ha affidato
formale
incarico
allavvocato
Silvana Magliocco di
perorare la vicenda
e comprendere se
la causa della scomparsa della congiunta, sia da ricercare
o meno nel ritardo
nei soccorsi prestati
alla sfortunata puerpera.

Il legale ha preso carta e penna e ha scritto


ai ministri dellInterno, Angelino Alfano, e della Salute,
Beatrice Lorenzin,
per chiedere un loro
intervento per verificare i tempi di attivazione dei soccorsi
e del conseguente arrivo dellambulanza
allospedale Umberto primo di Siracusa.
Il marito di Eligia e
gli altri familiari del-

la donna sostengono
esservi delle incongruenze nella tempistica dei soccorsi
prestati alla donna
dal momento in cui il
consorte si accorto
che la vittima accusava un malessere. Un
ritardo che potrebbe,
a loro giudizio, essere stato fatale per
la vita della donna e
della bimba. Ai due
ministri stata chiesta la possibilit di

In foto, Eligia Ardita.

acquisire una copia


dei filmati delle telecamere di sorveglianza collocate a
ridosso del Pronto
soccorso dell'ospedale Umberto I, da

produrre poi agli atti


dellinchiesta giudiziaria, coordinata dal
sostituto procuratore
Magda Guarnaccia.
Al vaglio del magistrato ci sono tutte le

ipotesi fino a questo


momento disponibili per risolvere il
caso della puerpera, mentre tra qualche settimana sar
depositato anche
lesito degli esami
microscopici che
completano lesame autoptico eseguito dal medico legale Orazio Cascio.
Elementi probatori
che potrebbero essere corroborati da
statistiche e cronologie degli interventi in grado di
fare comprendere
con maggiore chiarezza quanto avvenuto il 19 gennaio.

societ 6

Sicilia 6 marzo 2015, venerd

La Commissione Antimafia faccia


luce sui misteri della mafia politica

di Concetto Alota

a Commissione
Antimafia indagher sul movimento
Antimafia.
Cos
Rosy Bindi si
espressa
durante
laudizione del Prefetto di Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta, i vertici delle
forze dellordine e
della DIA. Il riferimento stato al caso
del presidente della
Camera di Commercio di Palermo,
Roberto Helg, che
da una condizione di
paladino dellAntimafia, nei fatti pratici si rivelato invece
appartenere allaltra
sponda.
Una difficolt in
stato avanzato di
putrefazione per le
istituzioni che si accorgono di avere il
ladro in casa.
Oggi la Commissione
Nazionale antimafia a
Siracusa. Una visita
in cerca di verit nascoste e di possibili
infiltrazioni mafiose, e la speranza che
non sia lennesima
passerella, o peggio
ancora, unAntimafia di facciata. La
venuta della Commissione Antimafia,
presieduta da Rosy
Bindi, come si ricorder, fu attivata dallon. Pippo
Zappulla sullonda
durto causata da
una serie di attentati
a uomini della politica e a imprenditori.
Intimidazioni
con
auto in fiamme, mezzi di lavoro al fuoco,
minacce verbali e
tanto altro ancora, e i
motivi, a parte quelli legati alla classica
estorsione, per la politica rintracciano la
logica di accanimenti e lotte intestine
dallo stile mafioso,
sia allinterno delle
istituzioni, sia negli
stessi partiti dappartenenza; il segnale
anche se non chiaro,
annunciava gli inte-

La presidente della commissione antimafia, Rosy Bindi.

ressi mafiosi-politici
diffusi, cos come i
comportamenti che
attengono una seria
di appalti pubblici
gestiti dalla politica
fuori dal Palazzo,
come fatti privati e
che sembrano andare
verso una soluzione abbastanza vicina allodore di mala
politica e interessi di
squadre organizzate per far politica e
che hanno bisogno di
provviste di denaro
continuo per mantenere la baracca in
piedi; una fabbrica
di voti allineati e
coperti da una serie
di rapporti, connubi,
luci, ombre, il tutto
sotto il direttorio di
esperti commercialisti, avvocati e di
tanti rappresentanti territoriali anche
allinterno delle istituzioni, che coprono lintero territorio
della provincia, per
proporre, studio e
preparare gare e appalti che, nei fatti
pratici, sono a norma
di legge e studiate a
tavolino e in maniera scientifica. Una
condizione che si
present silenziosa,
ma le denunce parlerebbero di circostanze, nomi e cognomi,
come nellinchiesta
Oro Blu, per laffidamento del servizio
idrico del capoluogo e del comune di
Solarino, dellOpen

land, delle Fantassunzioni, e in alcuni


casi ora collegati alla
vicenda Gettonopoli; le cruente lotte
intestine, di fatto,
mai interrotte, pi
per interessi economici, che per ideologie politiche, riportano a fatti dove la
Digos della Questura
di Siracusa gi lavora da qualche tempo
sullintero
fronte;
ma se nel passato il
registro affrancava
un comportamento
omertoso, in una
logica dove luno doveva coprire laltro
per non essere a sua
volta colpito, oggi
quellequilibrio
si
sarebbe rotto, come
un giocattolo caduto
a terra e fatto in mille pezzi. Ecco perch
gli ambienti investigativi parlerebbero
di eventi non controllati. E gli ultimi
riferimenti sarebbero
legati, oltre a fatti del
passato per i quali
sarebbe in corso un
lavoro investigativo multiplo, ora alla
Gettonopoli in generale, e allo svolgimento delle commissioni consiliari
per la copertura di
componenti che sarebbero stati assenti
ma sui verbali scritti
presenti.
chiaro che a questo
punto si tratterebbe di responsabilit
individuali, ma che

potrebbero colpire,
dal punto di vista
giudiziario, tutti i
componenti presenti
e che avrebbero sottoscritto il relativo
verbale. Si tratta di
capire dove qualcuno si sarebbe spinto
nel fenomeno appena accennato o se
invece si trattato
di una possibile, rifacciata per colpire
il nemico di turno e
magari lassenza
stata solo momentanea per una telefonata una capatina al
bagno; un fenomeno
pi volte utilizzato
dai pentiti per ritrovare la pace dopo la
tempesta. Ma la
vecchia consorteria si sarebbe rotta
e i pezzi avrebbero colpito a sua volta, oltre i destinatari,
anche gli autori del
lancio delle pietre.
Gi nel passato a
Siracusa la politica stata pi volte
pizzicata in connubio daffari con
uomini
dellambiente mafioso, e
nella fattispecie la
cura stata sempre
peggiore del male,
oltre ad una realt
da guardare a vista,
specie in un territorio interessato alla
trasformazione sociale e politica dettata dalla presenza
del Polo petrolchimico di Priolo, dove
mafia e antimafia

sono rimasti sempre


oltre lo steccato
istituzionale e fuori dai cancelli delle
fabbriche. Ma i sindacati dei lavoratori
hanno sempre posto
lattenzione su possibili
infiltrazioni
mafiose, specie sullo smaltimento dei
rifiuti
industriali,
come dei fanghi di
risulta della depurazione. Ma anche
nellintero comparto
dei rifiuti, dove gli
interventi dinteressi
sono stati denunciati
anche dalla DDA di
Catania, e raccontati poco tempo, fa
dallonorevole Pippo Zappulla, e che
per certi aspetti stanno condizionando
oggi la preparazione
di alcune gare dappalto; e in tal senso
nellambiente politico del Vermexio
alcune voci avrebbero nei giorni scorsi indicato lalternanza di alcuni
dirigenti da un settore allaltro proprio
nelle tematiche legati alla gestione di
bandi di gara, come
a possibili scontri
sul modo di gestire
le pratiche collegate a settori strategici dellAmbiente,
Gare e Appalti. Ma
per il momento rimangono chiacchiere di corridoio con
la secca smentita dei
diretti interessati.
Siracusa non una
citt mafiosa. Abbiamo nel tempo,
per, appurato che
si tratta, invece, di
un territorio dove la
mafia politica tra
la pi agguerrita e
organizzata della Sicilia, e dove le tracce ci hanno portato
a Roma, Milano e
Palermo.
La storia raccontata,
nella logica dei fatti
accaduti, non segue
un percorso lineare,
definito, ma tenta di
ritornare al punto di
partenza, invertendo
la corsa improvvisa-

mente e tornando indietro per raccontarci


ancora fatti inediti
poco prima sfuggiti.
Ora la volta delle
polemiche sui gettoni e contro gettoni dei consiglieri
comunali, e linvito dellOn. Pippo
Zappulla, alla Commissione Antimafia
non sortisce l'effetto
di una speranza perduta importante, sia
dal punto di vista
politico istituzionale, sia d'incombente
pericolo per il vivere
civile, nello spirito
dello Stato dei diritti
mancati per lintera
collettivit. I risultati negli ultimi tempi
sono stati disattesi e
le visita delle Commissione Antimafia
in Sicilia sono finiti quasi sempre con
una lunga passerella
istituzionale, addomesticata da parte
dei soliti noti e discorsi copiati e tutti
dallo stesso sapore e
tenore, strumentale e
demagogico, una disquisizione di trattati
sociali e politici, di
termini politici e giuridici azzardati, sprecati, e con una lunga
e articolata relazione
al Parlamento, per finire tutto nel cestino
del dimenticatoio.
L'elenco diffuso nel
merito dei fatti aggravanti, per giustificare la presenza nel
territorio siracusano
della Commissione
Antimafia, non ammette o accenna mai
al fatto che ci sono,
in effetti, delle gravi
fratture tra le istituzioni, con il pericolo
di un allarme sociale
davvero inquietante; un forte conflitto
tra le istituzioni dello Stato e dei diritti
costituzionali, dove
dalla cronaca dei fatti
realmente accaduti si
registrato pi volte
lo scontro di una parte della politica e la
magistratura inquirente. Ma la mafia
tuttaltra cosa.

6 marzo 2015, venerd

Sicilia 7

Cronaca di Siracusa

la testimonianza dei sopravvissuti

Molte di pi le vittime
del ribaltamento
del barcone in mare

Le salme ad Augusta.

C il dubbio che le vit- Arrestato, intanto, un cittadino di nazionalit tunisina


time del rovesciamento
del barcone in mare non
siano solo 10 ma molte
di pi. La testimonianza dei molti dei 121 superstiti, giunti la sera di
mercoled scorso al porto
di Augusta, dopo essere
stati soccorsi dalla nave
della Marina Militare Italiana Dattilo, frammentaria e per certi versi
contrastante ma sembra
proprio che, purtroppo,
non possano essere solo
dieci le vittime di quel
naufragio, avvenuto nel
Canale di Sicilia, vicino
alle coste libiche da dove
partito il barcone stra-

indicato dagli altri immigrati come presunto scafista

carico di migranti. Dalle


dichiarazioni testimoniali c la sensazione che i
deceduti possano essere
molti di pi afferma il
sostituto procuratore Antonio Nicastro, che sta
coordinando le indagini
su questo nuovo, tragico
sbarco Alcuni di loro
sostengono che in mare
siano rimasti i corpi di
almeno dieci persone, altri ancora sostengono che
allappello mancherebbero una ventina di migranti
che si trovavano sul bar-

cone, finendo in mare e


rimanendoci. Non sar
semplice per noi scoprire
quanti siano gli altri cadaveri dispersi in mare.
Le operazioni didentificazione dei 349 migranti, sbarcati al porto di
Augusta si sono conclude allalba di ieri. Tra i
migranti figurano 14 minori, trasferiti al vicino
centro di accoglienza di
Augusta. Gli altri profughi, molti dei quali interi
nuclei familiari, sono stati
trasferiti una parte alli-

stituto Umberto primo di


Siracusa, altri a Messina
e altri ancora in diversi
centri di accoglienza dItalia, a disposizione del
Ministero dellInterno per
decidere se concedere o
meno lo status di rifugiato.
Le dieci salme, invece,
si trovano al momento
allobitorio del cimitero di Lentini. E in corso
unattivit di ricerca e di
riscontro presso le ambasciate di alcuni paesi da
cui potrebbero provenire

le vittime, per comprendere se nel frattempo qualcuno dei familiari possa


chiedere notizie dei loro
congiunti. In caso contrario, si proceder alla loro
tumulazione presso lo
stesso campo santo lentinese.
E stato tradotto nel carcere di Cavadonna un giovane cittadino tunisino a cui,
secondo i riscontri delle
dichiarazioni dei migranti,
sarebbe stato dato il governo dellimbarcazione,
poi ribaltata in mare aperto. Una tragedia annunciata che potrebbe purtroppo
non essere lultima nel
mar Mediterraneo.

operazione dei carabinieri a priolo

Rapinano un Iphone
Presi due minorenni

I Carabinieri della Stazione di Priolo

Gargallo, al termine di indagini serrate, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto due giovani minorenni
di origine nigeriana, di 16 e 17 anni,
ospiti di una struttura di prima accoglienza per migranti sita in quel centro, responsabili di rapina aggravata in
concorso.
I due nigeriani, dopo aver notato un
giovane di Priolo Gargallo nella zona
di San Foc, intento a passeggiare con
la propria fidanzata, lo hanno avvicinato e dietro la minaccia di unaggressione fisica si sono fatti consegnare il

cellulare I-Phone, dandosi ad immediata fuga. Avviate immediatamente


le indagini, i Carabinieri sono riusciti
dapprima a recuperare, anche grazie
la piena e preziosa collaborazione dei
responsabili della struttura, il telefono
cellulare sottratto, restituendolo alla
vittima. In seguito, terminate le perquisizioni a tappeto, dagli elementi desunti si riusciti a risalire agli autori della
rapina che, al termine delle formalit di
rito, sono stati associati allIstituto di
prima accoglienza minori di Catania,
a disposizione dellautorit giudiziaria
dei minorenni del capoluogo etneo.

Si sarebbero introdotti nottetempo in un


fondo agrumicolo per rubare limoni dagli
alberi. Ma lintervento dei poliziotti ha posto fine al tentativo di furto.
Sono stati gli agenti della Polizia di Stato,
in servizio al Commissariato di pubblica sicurezza di Noto, hanno arrestato Sebastiano
Nastasi di 41 anni e Sebastiano Tiralongo
anchegli di 41, entrambi di Avola, per il
tentato furto aggravato di agrumi.
Gli Agenti sorprendevano in un terreno, sito
in contrada Roveto, i due arrestati che, dopo
aver rotto il lucchetto del cancello dingresso del podere, indossando un caschetto da
minatore con relative luci, stavano rubando
i limoni raccogliendoli dagli alberi.
I due, talmente assorti nella loro opera,

Si erano armati di elmetti da minatori

Rubavano limoni in un giardino


In due arrestati dai poliziotti

non si accorgevano
dellarrivo dei Poliziotti se non quando
gli stessi li bloccavano.
I due arrestati, dopo
le incombenze di
rito, venivano posti
agli arresti domiciliari.

Sopra, Sebastiano Nastasi, Sebastiano Tiralongo.

societ 8

Sicilia 6 MARZO 2015, VENERD

6 marzo 2015, venerd

di Giovanna Marino
"Epoche a Confronto" il titolo del memoriale di Sebastiano
Di Pietro, past governatore del Lions Club
di Priolo Gargallo, un
cittadino esemplare
per la sua correttezza
in tutti i diversificati
aspetti della vita familiare, politica, sociale.
Il
riconoscimento
dell'importanza
di
condividere con gli
altri i ricordi fermi da
anni nella mente, ha
spinto l'Autore a scrivere il racconto che
per le sue peculiarit si legge d'un fiato
commuovendoci, divertendoci, ammaestrandoci.
L'immagine in copertina sintetizza il
contenuto, il passaggio dalla civilt contadina a quella industriale, che sconvolse
l'ambiente di Priolo e
la sua vocazione agricola, la mentalit della gente.
L'Autore narra i suoi
ricordi come se si
trattasse di un film
avente se stesso come
protagonista e i luoghi del suo vissuto
come scenografia. E
questa impostazione
permette di rivedere
tappa dopo tappa il
suo percorso di vita
da bambino fino al
2014, di comprendere le qualit umane, i
nobili sentimenti che
continuano a connotare le sue azioni, il
suo comportamento.
Cos scrive Sebastiano Di Pietro nell'ultima pagina del libro,
che riportiamo in sintesi, perch permette
farlo, come inizio del
resoconto scaturito
dalla sua lettura.
A rivedere il proprio
film, a ripercorrere la propria vita, e
come la mia quella
di tanti altri coetanei
e conterranei,mi accorgo di provare pure
gusto. Ti vedi
bambino,
scolaro,
giovanotto, militare,
persona impegnata
professionalmente,
marito, padre, amico fra amici. Ritrovi
momenti belli e altri
meno belli, obiettivi,
impedimenti,
tante esperienze belle

L'Autore
narra
i suoi ricordi
come se si
trattasse di
un film avente se stesso
come protagonista e
i luoghi del
suo vissuto
come
scenografia

Epoche a confronto, il memoriale


di Sebastiano Di Pietro, past governatore
del Lions Club Priolo Gargallo
e tante brutte come
sembravano prima,
che poi si sono trasformate in soddisfazioni.Tante esperienze che ti hanno fatto
capire che nella vita
serve l'umilt, che ti
hanno fatto riflettere
chi sono i veri amici. Il tempo passato
dona certezza, non
pu essere modificato ci che stato,
passato. Quello che
successo lo sai gi
e non puoi pi preoccupartene mentre
apre la porta a nuove

pagine tutte da scrivere.


E con fiducia nelle
novit che attendono
lo scrittore del volume, andiamo a presentare il contenuto
dei fatti di ieri, che
troviamo nella raccolta.
Il primo approccio lo
abbiamo con le sue
esperienze di bambino e con le vicissitudini assieme alla
madre e ai parenti
per mettersi al riparo
nel 1940 dalle bombe
della seconda guerra

mondiale che cadevano su Sortino mentre il padre militare


era a combattere per
servire, come si diceva, la Paria.
Sono ricordi di paure,
di stenti, di assordanti scoppi e fragori,
di fioca illuminazione, di attesa nel ritorno del padre, che
nel 1943 a seguito
dell'armistizio dell'Italia con gli angloamericani,
giunse
dall'America, dov'era stato prigioniero.
E cos a cinque anni

Sebastiano Di Pietro conobbe il padre


ricordando ancora il
suo forte abbraccio,
stretto al suo petto. E
nel rivivere le pagine
belliche descrive la
colonna di autocarri
dei militari inglesi
che sfilavano per il
paese lanciando tra
la folla, cioccolata,
caramelle. Superata l'esperienza della
guerra si sofferma
sulle misere condizioni della societ e
delle famiglie a causa
delle ristrettezze finanziarie, sulla mancanza di istruzione
e dei mezzi atti ad
alleggerire il lavoro
agricolo e domestico.
E nel contempo evidenzia la saggezza di
un popolo vissuto nel
rispetto reciproco e
con dignit.
Si sofferma sui mestieri del tempo, sui
giochi fanciulleschi,
sul modo di conoscere il meteo, sulla moneta allora circolante,
sugli oggetti casalinghi della cucina e
su quelli per filare e
tessere, per lavorare
la lana, indici di una
povert che induceva a fare aggiustare

anche i piatti rotti


con punti di sutura,
a stagnare pentole e
padelle. Si sofferma
sull'amoreggiarsi, 'a
fuitina, il matrimonio spesso combinato, sulla medicina
empirica per guarire
piccoli disturbi, una
carie, una slogatura,
sulla figura della fattucchiera e i suoi interventi, sui modi di
dire e sulle preghiere,
sui reperti archeologici greci, su quelli
romani e medievali e
sul loro abbandono,
sulle catacombe e la
loro distribuzione nel
territorio.
A fronte di un passato non tanto lontano
ci pone a riflettere
sulle
conseguenze
dell'insediamento tra
il 1953-1957 a Priolo
dell'industria petrolchimica che fece
gridare al miracolo economico nella
provincia siracusana.
Fatto, che apport un
cambiamento nella
struttura familiare e
sociale, economica.
Nacquero altre piccole industrie, negozi di vario genere,
case ben arredate e
con elettrodomestici.
In seguito con l'autonomia il paese si
arricch di scuole, del
Centro polivalente, di
associazioni sportive
e culturali, si abbell con una piazza e
una pineta. Ma come
ogni realt umana
l'industrializzazione
present i suoi lati
negativi e nello specchio davanti al quale
ci pone Sebastiano
Di Pietro vediamo
riflesso i danni prodotti
dall'inquinamento, l'esagerazione
del comportamento
dei giovani e degli
adulti, scivolato nella crisi di valori che
stiamo attraversando
nella preoccupante
domanda sul futuro e
la risposta la fornisce
l'Autore dell'opera.
Domani? Si vedr,
abbi fede. E con due
pagine dedicate al
Papa Benedetto XVI
e a Papa Francesco
si ferma l'onda dei
ricordi lasciandoci in
attesa che essa ritorni
a fluire con l'annuncio dell'arrivo di un
secondo volume.

Sicilia 9

societ

L'incontro Ragusa, via della


ha come
obiettivo la citt intitolata
presenta- al Carabiniere
zione agli Giovanni
operatori
Martorana
del settore
Questa mattina alle
delle stra- ore
11, si terr la cerimonia di intitolategie onli- zione della strada gi
via 511,
ne e offline denominata
in Contrada Brusc,
Il salone
della Camera
di Commercio
di Siracusa.

Il Negozio nellera di internet


linnovazione nel settore commercio
Il

Negozio
nellera di internet
sul tema dell'innovazione nel settore del commercio,
turismo, servizi, il
convegno si svolger questa mattina presso il Salone della Camera
di Commercio di
Siracusa dalle ore
9,30 alle 13.
L'incontro
organizzato
dalla
Confcommercio
Siracusa ha come
obiettivo la presentazione agli opera-

Per combattere la crisi economica che sta coinvolgendo le


aziende e suggerire loro metodologie per innovare il modo
tori del settore delle strategie online e
offline da realizzare per combattere
la crisi economica
che sta coinvolgendo le aziende e
suggerire loro metodologie per innovare il modo di fare
impresa.
Durante
lincontro sar presentato
il testo, Il nego-

zio nell'era di Internet, edito da


Confcommercio e
presentato dall'autore Fabio Fulvio
- Confcommercio
Nazionale.
Si inizia alle 10 con
una serie d'interventi programmati:
Liberante Sandro
Romano presidente Confcommercio
Siracusa, succes-

Convegno presso museo paolo orsi

Archimede
luomo venuto
dal futuro

La

vita di Archimede
fu influenzata dalla natia citta' di Siracusa ed
essa, a sua volta, fu condizionata dal suo operato.
Tre appuntamenti dedicati ad Archimede
luomo venuto dal futuro. A promuoverli in citt la Societ
siracusana di storia patria, nellambito degli
eventi culturali realizzati per questo periodo. Le giornate si svol-

geranno vTre Venerd


dedicati al piu' grande
matematico e fisico di
tutti i tempi: 6 - 13 - 27
Marzo 2015. Le conferenze vedranno la partecipazione di Umberto
Di Marco che parler di
Archimede, delle sue
scoperte scientifiche e
del suo legame con la
citt.
La conferenza si svolger al museo Paolo
Orsi di viale Teocrito
con inizio alle 18.

sivamente Pietro
David parler di
Strategie del futuro, Ricercatore dipartimento scienze
economiche,
aziendali, ambientali e metodologie
quantitative
dellUniversit degli Studi di Messina; seguir l'intervento di Fabio
Fulvio con om-

menti sul testo Il


negozio
nellera di internet,
Confcommercio
Nazionale - autore
del testo; a seguire Antonio Butera
con il tema Le sinergie tra imprese
e professionisti,
presidente Ordine
dei Consulenti del
Lavoro Siracusa.
Alle 11,30 case histories: esaminer
Salvatore Cavallo
con il tema Processo di innovazione
condivisa:
la serra sostenibile
nel
comprensorio IGP, Direttore scientifico del
C.U.M.O.
Salvatore Lauria
parler de Linnovazione nel sistema assicurativo e
bancario, Agente
Generale UnipolSai Siracusa;
Alle 12,15 il convegno si avvia a
conclusioni e dibattito
virtuale:
Teresa
Gasbarro
relazioner
La
risposta della politica ad un territorio che cambia,
assessore attivit
produttive Comune di Siracusa;
moderatore
sar
Francesco Alfieri:
direttore Confcommercio Siracusa.

al cittadino ragusano
Giovanni Martorana, nato nel 1907 e
deceduto nel 1971,
militare
dell'Arma
dei Carabinieri che si
distinse, con sprezzo
del pericolo ed encomiabile coraggio,
durante la Seconda
Guerra Mondiale nella battaglia del 23 luglio del 1941 svoltasi
nella rada di Katalios,
sulla costa meridionale di Cefalonia.
Per tale fatto darmi
gli venne conferita la
Croce al Valor Militare con la seguente
motivazione:
In territorio nemico
occupato, venuto a
conoscenza che quattro contrabbandieri,
sudditi stranieri, avevano ucciso a tradimento, da una barca,
due guardie di finanza, montava su un
veliero requisito dal
proprio comandante
di stazione e partecipava allinseguimento dei malviventi, che
venivano raggiunti in
alto mare. Fatto segno a ripetuti colpi
di arma da fuoco, con
sprezzo del pericolo
ed encomiabile coraggio, apriva insieme agli altri il fuoco
sugli assassini cooperando ad abbatterne
tre ed assicurare il
quarto alla giustizia.
Mare Di Zante (Grecia 23 Luglio 1941).
LApp. Martorana ricevette, altres, dalla
Presidenza del Consiglio dei Ministri la
Medaglia
d'Onore
attribuita ai cittadini
italiani militari e civili deportati ed internati nei lager nazisti
destinati al lavoro
coatto per l'economia
della guerra. Alla cerimonia, organizzata
dallamministrazione
comunale di Ragusa e
dallArma in servizio
e in congedo, parteciperanno le autorit
civili, militari e religiose della provincia.

societ 10

Sicilia 6 marzo 2015, venerd

Inizia domani il corso


di Archeologia Fenicio-Punica
il seminario
attuale
racconta la
presenza dei
Fenici in Sicilia
iniziata prima
dellVIII
secolo a.C

In foto, frammento
di anfora punica
con segno di Tanit

nizia domani alle


ore 16,30 il Corso di
Archeologia Fenicio-Punica organizzato dallAssociazione SiciliAntica in
collaborazione con
il Parco Archeologico di Himera e con
il Museo Archeologico A. Salinas
di Palermo. Dopo
la presentazione di
Anna Rita Zappulla,
Dirigente scolastico
del Liceo N. Palmeri, di Francesca
Spatafora, Direttrice
del Museo Archeologico A. Salinas
di Palermo, di Agata
Villa, Direttrice del
Parco Archeologico di Himera e di
Alfonso Lo Cascio,
della Presidenza Regionale di SiciliAntica, si terr la prima
lezione dal titolo: I
Fenici tra Oriente e
Occidente.
La relazione sar tenuta da Gioacchino

Falsone, Docente di
Archeologia Fenicio-Punica presso
lUniversit di Palermo. Gli incontri
si terranno presso
lauditorium del Liceo scientifico N.
Palmeri a Termini
Imerese.
Il Corso prevede
dieci lezioni che affrontano i diversi
aspetti della presenza dei Fenici in Sicilia: dalla ceramica
allartigianato, dalla
lingua alla scrittura
e ancora le navi costruite e i porti realizzati fino alla monetazione punica.
Inoltre previste visite guidate ai pi
famosi centri fenici
della Sicilia: Mozia,
Palermo e Solunto.
Alla fine del Corso
verr rilasciato un
attestato di partecipazione Per informazioni: SiciliAntica, Via Ospedale

Civico, 32 - Termini Imerese Tel. 091


8112571
346
8241076
E-mail:
terminiimerese@siciliantica.it.
Il Corso di Archeologia Fenicio-Punica
afferma Alfonso
Lo Cascio, della
Presidenza Regionale di SiciliAntica
la terza tappa del
percorso di studio
archeologico promosso dallAssociazione.
Dopo il Corso dedicato alla Preistoria
di due anni fa e quello sulla Protostoria
dello scorso anno,
il seminario attuale
racconta la presenza
dei Fenici in Sicilia
iniziata prima dellVIII secolo a.C.,
con la creazione di
alcune colonie nella zona occidentale
dellisola, e finita
nel 241 a.C., con la
vittoria dei Romani

nella battaglia delle


Egadi, che pose fine
alla prima Guerra
Punica e stabil il
definitivo abbandono dellisola da parte dei Fenici.
Per lunghi anni questo mondo stato
trascurato e ne sono
stati sottovalutati gli
effetti e i significati pi profondi. Ma
decenni di studi e
campagne di scavo
in diverse localit
dellarea mediterranea hanno contribuito a correggere lidea che nel mondo
antico i valori pi
alti e rappresentativi sono stati toccati soltanto dalla
civilt greco-latina,
ma anzi, contributi
e apporti innovativi a queste culture
sono stati forniti dal
mondo orientale, e
in maniera non irrilevante dagli stessi
Fenici.

6 marzo 2015, venerd

La Mafia unidea:
da Siracusa il via
alla tourne siciliana

na storia coinvolgente che ha convinto il


regista e attore Massimo Tuccitto a inaugurare La mafia un'idea Sicilian tour che
partir da Siracusa, quindi Catania, Palermo,
Ragusa, Modica, Acireale e grande festa finale al ritorno a Siracusa. Lo spettacolo teatrale
La mafia unidea ispirato alla rivista di
Pippo Fava I Siciliani, fondata nel 1982.
un dovere morale dice Massimo Tuccitto, scrittore e direttore della pice teatrale
far conoscere alle nuove generazioni questa
fetta di storia della nostra terra. Gli scritti di
Pippo Fava trasudano ironia gentile e netta,
in altri casi seriet ed in altri ancora addirittura farsa; questo lo stile che lo spettacolo
vuole proporre: una visione della mafia non
pi intesa come imponente sovrastruttura che
ci governa direttamente e indirettamente,
ma come quello che rappresenta realmente,
vale a dire, unespressione dellinesperienza,
della fame e del grottesco tentativo di identificarsi, di una parte del popolo siciliano, in
qualcosa che apparentemente sembra possa
garantire benessere.
Lo spettacolo, progettato per una durata di 90
minuti, che si connota nel teatro della narrazione, non intende cercare consensi o mutare
le opinioni della gente, ma mira a creare un
dibattito su una storia di coraggio e dedizione
alla cultura della legalit. La pice teatrale,
questanno sar pregiata dalla presenza di
Giuseppe Mangiafico in alcune date. L'imprenditore siciliano, appassionato da sempre
di teatro, ha avuto il coraggio di denunciare le ritorsioni mafiose subite e per otto anni
ha vissuto sotto scorta. La sua testimonianza
non potr che arricchire lesibizione teatrale.
Pensiamo di poter essere desempio racconta ancora Tuccitto - per quanti condividono il nostro pensiero, ma non hanno il coraggio di dargli voce pubblicamente. Perch
la mafia non si deve pi accostare al popolo
siciliano.
Questa sera l'esordio al cineteatro Aurora a
Belvedere (Siracusa) a partire dalle 21, poi
tappa a Catania al Glamour (mercoled 11
marzo), al teatro Coppola (il 13, 14 e 15 marzo), e al teatro Tezzano (venerd 21 marzo).
Quindi a Palermo il 27 e 28 marzo al teatro
del Mediterraneo, a Ragusa il 2 e 4 aprile
al Piccolo teatro del Mercato e l'11 aprile
all'Accademia della Bellezza. Il tour proseguir al Piccolo Palcoscenico di Modica il 12
aprile, al Mistero Buffo di Acireale sabato 18
aprile e si concluder al Moon di Siracusa domenica 19 aprile con inizio alle 22,30. Il cast
formato da Laura Giordani, Luigi Maria
Rausa e Massimo Tuccitto. Musiche dal vivo
di Mimmo Aiola; assistente alla regia Marco
Castellani; Grafica di Andrea Schiavone ed
Eleonora Mazzurco; fotografia di Giancarlo
Bello
La parola mafia fece la sua comparsa prima
nel dialetto siciliano e poi nella lingua italiana intorno alla met dell800. Indicava una
rete di associazioni legate da stretti vincoli
gerarchici e da un codice donore fondato
sullomert. Queste associazioni si caratterizzarono ben presto per la pratica di violenza e intimidazione al fine di trarre vantaggi
e guadagni. Storicamente le radici di questo
fenomeno sono state individuate nella Sicilia
semifeudale del 700 800. Dopo lUnit
dItalia lassociazionismo mafioso si estese e
si rafforz, ma fu soprattutto dopo il 1983,
anno dellassassinio di Emanuele Notarbartolo e del relativo processo giuridico, che il
fenomeno mafioso assunse rilevanza nazionale svelando anche i suoi intrecci con la politica italiana.

indetto dai cinque Lions Club della provincia di Siracusa

Sicilia 11

societ

Melilli

villetta
Giornata Internazionale della Donna Alla
comunale
al via il concorso Amore Criminale di Melilli nastro
Allaula magna dellIstituto Principe di Napoli Insolera, inaugurale del
parco giochi
si terr la premiazione degli studenti

In

occasione della
celebrazioni della
Giornata Internazionale della Donna, domani mattina, a partire dalle
ore 9.30, a Siracusa,
presso lAula Magna
dellIstituto Principe di Napoli F.
Insolera, in Via Aldo
Modica 66, si terr
la premiazione degli
studenti degli istituti
di istruzione secondaria vincitori del
concorso Amore
Criminale, indetto,
anche questanno,
dai cinque Lions
Club della provincia
di Siracusa.
Liniziativa tende
a sensibilizzare gli
adolescenti sulla
violenza di genere che, purtroppo,
ogni anno, anche in
Italia, miete diverse
vittime.
Reato il femminicidio che, come
statistiche confermano, si consuma

D omani,

La locandina delliniziativa.
prevalentemente in ranno mostrati alla
ambito domestico platea, subito dopo
o comunque affet- lintervento del Prof.
tivo. I ragazzi sono Antonino Bucca, dostati invitati ad af- cente di discipline
frontare il tema di semiotiche e filosofia
persistente attuali- del linguaggio, dell
t, sintetizzandone Universit degli Stui contenuti in una di di Messina, che
presentazione Po- relazioner su La
wer Point, realizzata Gelosia ed i suoi decon al massimo 15 moni, poich spesso
slide. Gli elaborati per giustificare
multimediali ver- alcuni efferati de-

litti si chiamano in
ballo questa componente emotiva e
le sue dinamiche.
Agli otto finalisti
saranno consegnati dei buoni spesa
da utilizzare presso
uno store di prodotti
elettronici ed informatici. Lincontro
sar moderato dalla
giornalista Mascia
Quadarella.

Vinitaly in programma a Verona, dal 22 al 25 marzo

Noto e Pachino per la partecipazione


congiunta a Vinitaly 2015

I comprensori di Noto e Pachino in sinergia per


partecipare alla prossima edizione del Vinitaly,
in programma a Verona, dal 22 al 25 marzo. E
stato approvato dalla giunta comunale di Noto, il
protocollo dintesa, che prevede la suddivisione
delle spese in parti uguali (circa 11mila euro ciascuno), e che affida la gestione e il coordinamento
di tutto il progetto al comune di Pachino, in quanto
comune capofila.
Sar dunque compito del comune di Pachino
provvedere a tutte le finalit per garantire la buona
riuscita dellevento, prenotando gli spazi espositivi
in fiera e provvedendo allacquisto e allallestimento degli stessi, compresa la spedizione del
materiale promozionale, del trasporto, montaggio e
successivo smontaggio degli allestimenti. Comune
pachinese che dovr pensare anche alla vigilanza
degli allestimenti e al presidio con personale du-

rante i giorni di apertura delle fiere, e a contattare


le aziende ricadenti nel territorio, interessate a
partecipare alla manifestazione.
Lo stand, alla fiera di Verona, avr il brand
Pachino&Noto. La partecipazione aperta anche
ai soggetti privati interessati.

alle ore
10,30, ci sar il taglio
del nastro inaugurale
del Parco Giochi realizzato allinterno della
nuova villetta comunale
di Melilli centro, di
recente ultimazione.
Un area accuratamente
attrezzata che dar a
tutti i bambini la possibilit di usufruire di
momenti di svago da
condividere con altri
coetanei. Lintervento
di restyling, riferisce
il Presidente della IV
Commissione Consiliare Nuccio Ribera, che
ha seguito liter amministrativo impegnandosi personalmente per
curare lintero progetto,
ha portato il parco ad
avere pi verde e visibilit. I piccoli visitatori,
avranno modo di trascorrere le belle giornate allaperto, tra corse,
giochi e divertimenti.
Nuovo arredo urbano,
commenta il Sindaco
F.F. Corrado Mascali.
Il parco rappresenta
unulteriore spazio dedicato ai pi piccoli, ma
che usufruibile anche
dagli anziani e dalle
famiglie che amano la
passeggiata.
Alla cerimonia di apertura, oltre al Sindaco
F.F. Mascali e al Consigliere Ribera, interverranno le locali Autorit
Civili, il Dirigente Scolastico di Melilli Prof.
Angela Fontana, e circa
400 bambini. Benedir
larea il Sacerdote Don
Giuseppe Blandino,
parroco della Basilica
di San Sebastiano.
Levento sar allietato
dalla performance di
artisti di strada che,
con musiche e una
montagna di pop con,
divertiranno grandi e
piccini.

SPECIALE 12

Sicilia 6 MARZO 2015, VENERD

6 MARZO 2015, VENERD

dalla donna si genera la vita e sempre pi spesso alla donna viene essa stessa strappata

I Volti Dietro mostra dell8 marzo, Festa della


donna 2015, Parrocchia di San Giuseppe Cassibile
Oggi sembra sempre pi efficace il mondo delle immagini come
struttura portante della nostra comunicazione e comunicabilit

Sotto

la guida
di don Salvatore
Arnone unarmata di volontari
tenta, da quasi
due anni, di depistare gli anfratti
rocciosi di una
cultura della devalorizzazione e
della dis-unione
che si celano
oramai dietro le
immagini di ogni
luogo sociale. I
percorsi forma- supporto costan- e spazio adulti, ne religiosa dei
tivi che si espe- te ai bisognosi mamme-cate- propri ragazzi,
rienzano sono del luogo, vo- chiste che col- coro adulti e coro
svariati : incontri
di formazione Il gruppo catechiste coadiuvato da alcune famiper genitori-fi- glie, ha inteso servirsi di questo mondo per reagli, incontri di
formazione per i lizzare una mostra allinterno della parrocchia
futuri sposi, Lectio Divina setti- lantino periodi- laborano fattiva- bimbi che nelle
manale, Caritas co parrocchiale mente al percor- diverse tipolocome servizio di spazio giovani so di educazio- gie della messa

Per la Giorna-

ta internazionale della donna,


La Misericordia
di Cassibile ha
organizzato
un
momento di aggregazione e solidariet in ricordo non solo delle
conquiste sociali,
politiche ed economiche
delle
donne, ma soprattutto per dire
NO alle discriminazioni e le
violenze cui sono
ancora
oggetto
in molte parti del
mondo. Levento
voluto fortemente dal Governatore della Misericordia, Franco
Listo, si svolger
a Cassibile gior-

Insieme contro i diritti violati


l8 marzo sempre

contribuiscono
allanimazione
liturgica, famiglie impegnate
su diversi fronti
sociali e parrocchiali, e tanto
altro ancora.
Oggi sembra
sempre pi efficace il mondo
delle immagini
come struttura
portante della
nostra comunicazione e comunicabilit, ed
per questo che
questanno, in
occasione della
festa delle donne, il gruppo
catechiste coadiuvato da alcune famiglie, ha
inteso servirsi
di questo monno 8 Marzo p.v.
dalle ore 9 in
Piazza
Caduti Conte Rosso.
Sar unoccasione di confronto
e di sensibilizzazione verso la tematica della Violenza, lo scopo
della manifestazione quello di
raccogliere fondi
da donare al Centro Antiviolenza
"La Nereide". La
manifestazione
dal titolo " Insieme contro i Diritti Violati- l'8
Marzo sempre",
sar
presentata
dalla giornalista
Stefania Calanni
e vedr la partecipazione: della
banda Citt di

do per realizzare una mostra


allinterno della
parrocchia San
Giuseppe, sperando di riuscire
a veicolare messaggi incisivi e
rivelatori. Attraverso foto che
ritraggono volti
di donna tumefatti, nascosti e
violati in modi

Siracusa; presidente
dellAssociazione
La
Nereide Adriana
Prazio; della palestra "Dragonfly" di Cassibile
diretta da Anita
Trimarchi
che
animer la giornata con balli e
coreografie e con
un flash - mob
contro la violenza alle donne ,
i quali passi si
possono
trovare in un video
postato sulla pagina
Facebook
della
"Misericordia Siracusa
- Cassibile ADS
Drogonfly; Il fotografo Antonio
Terranova, presidente dell'Ass.

diversi, levento si cagiona di


svelare e rivelare il male che
cresce in modo
esponenziale in
molti strati di
umanit anche
vicinissimi a noi,
inoltre sfida tutti ad ammirare
la vera essenza
della donna, il
suo vero Volto ...

Culturale "Ulyssess Sicilia" per


l'occasione allestir una mostra
fotografica
dal
titolo "Espressioni di Donna"; La
Cantante Roberta
Di Pietro, accompagnata al piano
dal maestro Domiziano Romano si esibir con
delle canzoni in
tema;
Saranno
letti delle riflessioni a cura della
giovane studentessa del Liceo
T.Gargallo, Gaia
Giliberto e saranno lette dal giovane poeta, Nunzio
Bellassai, anche
lui studente del
Liceo T.Gargallo
delle sue poesie

Dietro, dietro la
violenza, dietro
lividi e veli culturali. La mostra
non si offre di
esaltare soltanto
la figura della
donna, quanto
invece esige denunciare i mali
che si possono
generare dalla
persistenza di
un giudizio ma-

premiate al Concorso di Poesia


e Narrativa dal
titolo,
"Ghinnawa-Poetiche
velate"; un altro
momento
toccante sar rappresentato dalla
testimonianza di
una donna vittima di stalking.
I volontari della
Misericordia Siracusa-Cassibile
durante la giornata effettueranno una simulazione BLS-D e
unaltra riguardante la disostruzione pediatrica,
inoltre allestiranno una cucina da
campo e dimostreranno come
si gestisce in caso

schile, ma non
solo, che reputa
ancora inferiore
un altro essere
umano. La paura
delle sfide che
incalzano nella
societ odierna,
perorate in maniera eccessiva
dal mondo delle immagini ma
non solo, spinge
luomo talvolta
a voler annientare e controllare
laltro. Questa
mostra allestita
nella nostra Parrocchia, come
qualsiasi altra
denuncia sociale, si propone pi
che altro il dovere della verit
che, purtroppo,
tende a palesare sempre un
qualche grande
contrasto: dalla
donna si genera
la vita e sempre
pi spesso alla
donna viene essa
stessa strappata.
I Volti Dietro
dunque, come
lidentit di essere donna senza
dover essere per
questo Ordigno

della rabbia maschile.


Una delle protagoniste di questo
allestimento, la
catechista Anna
De Grandi, parlando di questa iniziativa ha
spiegato: esse-

Sicilia 13

re Donna e essere colei che dando la vita la ama


immensamente
nonostante tutto.
E non rimane in
silenzio, ma si
dichiara preziosa e irripetibile.
Un ringrazia-

speciale

mento speciale
a don Salvatore
Arnone, al gruppo catechiste e
alle famiglie che
hanno collaborato e al supporto
di Carone Salvatore.
Annalisa Amico
di Protezione Civile. CON UN
CONTRIBUTO
di 2,00 a partire
dalle ore 12,00
verr servito un
ottimo
pranzo
preparato dagli
stessi volontari e
parte del ricavato verr devoluto
allAssociazione
La Nereide Biglietti disponibili
presso - Misericordia Cassibile-Palestra Asd
dragonfly - Plaza
caf Gentleman
Parrucchiere By
Stefano - Compagnia teatrale IL
BORGO. In caso
di tempo avverso
la manifestazione
sar rinviata con
data da stabilire.

Cultura 14

Sicilia 6 MARZO 2015, VENERD

6 marzo 2015, venerd

La musicoterapia non
un semplice palliativo
di Arturo Messina

Il dott. Giovanni Burgaretta il medico responsabile della direzione


medica dellospedale
Rizza dove, oltre alla
salute fisica dei malati,
si cura con efficacia anche quella dello spirito,
cui il quotidiano Libert ha accennato in una
delle pi recenti pagine della cultura, il cui
titolo era Il male del
secolo il tumore; ma
la scienza e la medicina sapranno debellarlo?
Lhanno ritenuto linsigne prof. Soto Parro a
CT e il dott. G. Moruzzi
a Siracusa.
Abbiamo voluto incontrare quindi il dott. Burgaretta perch proprio
allospedale Rizza, oltre
agli altri reparti, come
quello della medicina
fisica riabilitativa, con
palestra attrezzatissima,
il consultorio, lo spring,
la dermatologia, la medicina del dolore, vi
lhospice che cura lo
spirito e che sicura di
ottenere gradualmente i
migliori risultati, per cui
vengono ricoverati qui
quegli ammalati terminali che, di conseguenza, devono essere curati, oltre che nel corpo
(o pi che nel corpo)
nello spirito.
Quali sono le medicine,
i rimedi medici che si
dedicano alla cura dello
spirito ce lha descritto
sabato scorso nel suo
studio, dove ci siamo
recati appunto ad assistere a quella che potremmo definire distribuzione della medicina
pi efficace che viene
diverse volte la settimana offerta agli ospiti, affinch meglio si sentano
nello spirito, assieme
e- di riflesso possiamo
anche dire- nel fisico
perch- come lo stesso dott. Burgaretta ha
asserito- quello che
pi conta lo spirito,
quello di sentirsi a casa
proprio; quello che pi
conta che lhospice
faccia sentire che non vi
per questi ammalati
nessuna differenza con
la loro casa, perch qui
vengono usati tutti gli
accorgimenti possibili
e immaginabili, oltre
che terapeutici, che favoriscano sensibilmente
latmosfera di serenit
che essenzialmente ne-

Lha affermato il dott. Giovanni Burgaretta responsabile della direzione medica


dellospedale Rizza, dove si cura efficacemente oltre che il corpo anche lo spirito
cessita in queste circostanze, che non devono
ritenersi
incresciose,
bens di serena preparazione alla partenza verso la casa del Padre. E
questa cos delicata funzione viene qui svolta

Qui non si organizzano simili convegni; qui


si svolgono cure concrete, pratiche, facendo
ascoltare della musica
che effettivamente solleva lo spirito. In ci
io devo dire che sono

efficace medicina dello


spirito, che nello tempo
d sollievo fisico.
Pertanto mi invita ad
assistere alla singolare
distribuzione di questa
medicina ideale dello
spirito che nello stesso

verati. Che ne traggono


sicuramente un grande
sollievo nello spirito si
evince dallindice del
loro ascolto, sia che restino nelle loro stanze,
sia che si rechino direttamente a vederla e ad

Quali i rimedi
medici che si dedicano alla cura
dello spirito ce
lha descritto nel
suo studio, dove
abbiamo assistito a quella che
potremmo definire distribuzione
della medicina
pi efficace

attraverso la musicoterapia, che sicuramente


contribuisce a sollevare
anche le sofferenze fisiche, oltre che a sollevare lo spirito dei nostri
ospiti".
-A Siracusa il termine
musicoterapia gi
da anni noto: ci, senza malati ma tramite
convegni, come quello
che in questi giorni si
svolto a Noto. Che differenza c con liniziativa che svolgete qui da
5 anni?

uno dei promotori e mi


tengo in attento e continuo contatto con la
cos pregevole attivit,
anche perch, essendo
il nostro un nosocomio
piccolo, mi offre pi facilmente lopportunit
di farlo. E una particolare medicina che qui
viene praticata tre volte
la settimana con ottimi
risultati ed io ho il piacere di prender parte a
questa cos importante e
cos bene accetta distribuzione ideale di cos

tempo concreto sollievo del fisico, quale


appunto la musica e in
questo caso la musica
dellarpa.
Infatti, appena varchiamo la soglia dellhospice, ci accolgono le
stupende armonie che
provengono dalla saletta di ascolto: la
giovane arpista Loredana Vasta che viene
tre volte la settimana
in generoso ed encomiabile volontariato a
suonare per quei rico-

ascoltarla. Ne troviamo
uno che linvita a suonare Mamma-mormora la bambina, mentre
di pianto ha gli occhiper la tua piccolina
non compri mai balocchi.: la celeberrima
canzone di tanti e tanti
anni fa, che egli canta
meravigliosamente, con
nostra grande sorpresa.
Dopo di che lo stesso
improvvisato cantante
invita lo stesso responsabile della direzione
medica ad esibirsi- si

vede che ne conosceva


il talento- ed egli, invitando me ad accompagnarlo al pianoforte,
si presta volentieri al
gioco e sfodera una sorprendente voce tenorile
che fa ricordare Beniamino Gigli cantando la
stessa Mamma, son
tanto felice.. Dopo
di che invita me a cantare qualcosa: agli ordini
dun tal direttore, potevo sottrarmi? Ho cantato, per rimanere nello
stesso argomento, quella mia Serenata a mamma mia che composi e
feci cantare a Carmelo
Zappulla quando fui
invitato a portare dei
ragazzi che cantassero
e facessero da Piccoli
Canterini di Val dAnapo alla Fiera del Tempo
Libero di Messina nel
1968.
La musicoterapia- ha
poi affermato lo stesso
dott. Burgaretta- veramente di grande sollievo ai nostri ammalati. Intanto diciamo che
esistono diversi studi
che sostengono come la
musica abbia veramente un effetto rilassante
e contribuisca notevolmente ad alleviare la soglia del dolore: lo prova
il fatto che i pazienti
sono rimasti pienamente
soddisfatti della nostra
iniziativa. C anche da
dire che offre agli ospiti nelle nostre strutture
un tempo e uno spazio
dincontro basati sul
piano della musica, nonch la possibilit di fare
esperienze sul piano
musicale cos efficaci da
coinvolgere sempre pi
persone che intrattengono encomiabilmente
i nostri ammalati con i
loro interventi musicoterapici cos efficaci ed
apprezzati. La mia ammirazione e il mio encomio vanno, oltre ai musicisti volontari, come
larpista Loredana Vasta, il tamburellista cantante Raffaele Schiavo,
i due chitarristi Briganti
(fratello e sorella) anche ai medici dellHospice, che fin dallinizio
si sono dimostrati cos
entusiasti verso queste
lodevoli iniziative, in
modo particolare questa
nostra preziosa dottoressa collaboratrice che
stata presente a questa
prestazione musicoterapica.

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

Se il Luigi Failla per i granata un fortino

Contro la Castelbuonese
azzerare il fattore campo

Il Siracusa impegnato a far saltare i piani di Corrado


Mutolo che vuole riscattare la sconfitta subita allandata
con una tattica spregiudicata alla o la va o la spacca

Le

novit nel calcio sono poche per il


semplice motivo che
non c episodio che
non abbia avuto un
precedente. E frugando in quellimmenso archivio che
la memoria, troviamo similitudini
anche a proposito di
terreni di gioco dal
fondo ai limiti della praticabilit che
rendevano e continuano a rendere la
vita difficile alle
squadre pi titolate.
E quando i terreni di
gioco si presentavano buoni o discreti,
le societ pi terra
terra cercavano in
tutti i modi di peggiorarli. Una tecnica che negli anni
50 e 60 anche il
Siracusa, opposto a

squadroni come Napoli, Roma. Genoa,


Udinese,
Parma,
praticava. Allallora
Vittorio Emanuele, come ricordano
i tifosi di una certa
et, il protagonista
assoluto era il custode storico, Golino,
che nellintervallo
fra primo e secondo
tempo,
innaffiava
abbondantemente
larea di rigore della squadra avversaria, che al ritorno in
campo per disputare
il secondo tempo,
aveva la sgradita
sorpresa di trovare
una parte del campo,
quella pi critica,
letteralmente allagata. A Castelbuono
domenica non ci sar
bisogno di innaffiare
il terreno di gioco

perch gi brutto di
suo. Ma i terreni di
gioco in queste condizioni non sono pochi nellEccellenza
siciliana, come abbiamo avuto modo
di scoprire, domenica dopo domenica,
e costituiscono un
bel rompicapo per
gli allenatori che
sul quel genere di
campi devono fare
i conti con giocatori mediocri che si
esaltano ed altri in
possesso di buona
tecnica che stentano
terribilmente. E studiare una strategia
in queste condizioni
non roba da niente. Ma domenica il
Siracusa non si pu
permettere di scendere in campo con
le idee annebbiate e

In foto, stadio Luigi Failla.


allora bisogna avere po, con gli esterni
almeno uno sche- di attacco in linea
ma di partenza che coi centrocampisti
riesca a neutraliz- e con Contino a giozare la fase iniziale care e scattare, come
a spron battuto dei gli riesce bene, sul
locali che contano filo del fuori giomolto sulla sorpresa. co. Questo almeno
Prevedendo quindi nelle fasi iniziali e
una partenza spa- di studio. Passata
rata da parte della per la prevedibile
Castelbuonese, se- sfuriata iniziale dei
condo il collaudato padroni di casa, il
clich casalingo di Siracusa, visto che
mister Mutolo, lo in questo finale i
schieramento inizia- pareggi non fanno
le del Siracusa non brodo, devessere in
dovrebbe
andare grado di prendere in
pi in l di un 4-1- mano le redini della
4-1, con Mascara a partita e cercare di
far da pendant fra penetrare dalle parti
difesa e centrocam- del difensore di de-

stra, che sulla carta


appare come lanello debole di una difesa che proprio da
quel lato ha subto
il sessanta per cento
del ventiquattro gol
incassati.
Importante sar quindi il
ruolo di DAgosta
che giocher proprio
su quella fascia e di
Contino che non si
fa pregare di questi tempi a metterla
dentro. Due arieti
per far saltare quel
fattore campo sul
quale la Castelbuonese ha costruito le
proprie fortune.
Armando Galea

Pallanuoto femminile, parte


lavventura dellOrtigia in Rosa

Presentata la squadra femminile dellOrti-

gia di pallanuoto che, domenica 8 Marzo,


debutter a Trapani nella prima fase del
campionato nazionale di serie B.
Alla serata, oltre ai familiari di alcune delle giocatrici, sono intervenuti anche il presidente Valerio Vancheri e il tecnico della
squadra maschile Gino Leone. I due, salutando gli ospiti, hanno preso la parola e
voluto esprimere il loro sostegno alle biancoverdi per questa nuova avventura. Volevo ringraziare innanzitutto Valentina Ayale
che, in qualit di giocatrice-allenatrice, si
fatta carico di allestire la squadra e racimolare anche diversi sponsor per dare nuovamente una squadra femminile allOrtigia
ha esordito il presidente Vancheri.
Questa rosa composta da elementi di et
differenti, con alcune giocatrici di esperienza e tante giovanissime, la pi piccola
delle quali nata nel 2003. Ricordo, inoltre,
che lOrtigia una delle pochissime societ
nel panorama della pallanuoto nazionale a
presentare una squadra maschile in A2, una
femminile in B e tutte le squadre delle ca-

tegorie giovanili, dalla Under 11 alla Under


20. Il nostro ha continuato un progetto basato proprio sui giovani, e la societ sta
cercando di portarlo avanti nel migliore dei
modi. Sono contento, quindi, di quanto stiano facendo le nostre squadre fin qui e faccio
il mio in bocca al lupo a queste ragazze, ribadendo loro che la societ le sosterr affinch possano ottenere i risultati sperati ha
concluso. Valentina Ayale, giocatrice-allenatrice, a presentare le ragazze che faranno
parte della squadra e che sar cos composta:
Portieri Lo Monaco Barbara, Comitini Co-

stanza, Papa Chiara; Difensori Capuano


Giovanna, Comitini Arianna, Sparacia Grazia, Crisafulli Roberta, Arangio Marianna;
Centrovasca Barranco Carla, Finocchiaro Francesca, Lo Monaco Daniela, Natale
Miriam, Crisafulli Simona, Cascione Erika,
Rella Agnese, Marotta Roberta; Centroboa
Tagliaferri Federica, Amodeo Alessia;
Attaccanti Gulotta Erika, Mollica Alessandra, Schiavone Simona, Ayale Valentina
(Allenatrice), Gallo Giorgia, Vitagliano Federica, Bacchelli Elena; Universali Cassone Anna, Todaro Paola.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 6 marzo 2015,venerd

Vinci: A
Nuoto,
Fondi ci
attende un ai campionati
ambiente regionali podio
caldo,una per Federico Perez
squadra
del Team Nuoto
molto
fisica, ma Siracusa
noi non
Le vittorie di
Federico
Perez
temiamo
e Floriana Noto,
anche tanti
nessuno ma
primati.I campioIn foto, l'Albatro
in allenamento.

Pallamano, lAlbatro si prepara


per la sfida zona play off
E

ora, sotto con


i playoff! Archiviata, con qualche
rammarico, la Final Eight casalinga di Coppa Italia,
lAlbatro Teamnetwork Siracusa
si prepara per lesordio nella postseason. Il primo
avversario sar il
Fondi
(squadra,
anchessa, reduce
dalle gare di Coppa dello scorso
fine settimana al

La Figh, ha comunicato che la gara Albatro-Dorica, valevole


per la seconda d'andata stata anticipata stata anticipata
PalaLobello) sabato alle 18,30 in
terra laziale. Unico indisponibile,
per
loccasione,
Giannone, che rester in sede per
motivi di lavoro.
Pienamente recuperato
Bianchi,
che ha smaltito la
distorsione alla caviglia e sar con-

vocato.
Ancora
qualche acciacco
fisico tormenta invece Dedovic, che
ieri pomeriggio ha
dovuto interrompere la parte finale
dellallenamento a
causa del riacutizzarsi di un problema alla schiena.
Nulla di grave,
anche se contro il

Calcio Palazzolo, Cutrufo: Contro


il Gela nessun clima ostile

solo una partita di calcio tra due ottime squadre che,


ne sono certo, se la giocheranno nel nome dell'amicizia che
unisce la nostra societ a quella
gelese: ci che successo all'andata, infatti, non conta pi nulla,
e al triplice fischio finale, cos
come abbiamo sempre fatto con
qualsiasi avversario, ci stringeremo la mano". Il "patron" del
Palazzolo Graziano Cutrufo carica i suoi giocatori in vista dell'
attesissima gara in programma
domenica al "Vincenzo Presti"
col Gela e sgombera il campo
dagli equivoci dopo che in molti, nei giorni scorsi, hanno parlato di trasferta ad alto rischio e
di strascichi polemici legati alla

gara d'andata, che termin sul


2-2. "Ho parlato con Tuccio, il
massimo dirigente del Gela, societ che merita grande rispetto
anche per il suo passato calcistico, - ha sottolineato il presidente
del Palazzolo - e posso rassicurare tutti sul fatto che siamo
assolutamente
tranquilli.
Non troveremo alcun clima
ostile - ha aggiunto - e potremo affronteremo la partita senza paura n condizionamenti. Speriamo, al di l
dell'assenza di Calabrese,
di riuscire a fare bene, visto
che la regular- season sta
per finire, e di vivere tutti
insieme un'intensa giornata
di sport".

Fondi non potr


fornire un contributo eccelso. Stesso discorso per
Andrea Calvo, che
lamenta un risentimento muscolare alla coscia, ma
sar tra i convocati. Vincere a Fondi ha commentato il tecnico Peppe
Vinci significherebbe essere quasi
certi della conferma del secondo
posto nel girone.
Partiamo
infatti con tre punti di
vantaggio
sugli
avversari (Fasano
9, Albatro 6, Fondi 3, Dorica 0) e,
mettendoci a pi
6, li taglieremmo
praticamente fuori. Battendo poi
il Dorica, i giochi
sarebbero fatti.
La prima classificata di ciascuno
dei tre gironi playoff andr in semifinale. Le seconde
disputeranno un
triangolare da cui
verr fuori laltra
semifinalista. Se
facessimo il pieno nelle prime due
gare ha prose-

guito lallenatore
aretuseo metteremmo pressione
anche al Fasano
e potremmo sperare di concorrere
addirittura per il
primo posto. Per
il momento, per,
pensiamo al Fondi. Ci attende un
ambiente
caldo,
una squadra molto fisica, ma noi
andremo l senza
paura. Abbiamo
iniziato un percorso di crescita che
deve portarci in
alto. E chiaro, non
siamo dei fenomeni, ma non vedo
in questo momento, in Italia, molte
squadre superiori
alla nostra. Con
tenacia ed un pizzico di fortuna che
ci mancata in
Coppa, lobiettivo
semifinali playoff
possiamo raggiungerlo. La Figh,
intanto, ha comunicato che la partita Albatro-Dorica,
valevole per la seconda di andata,
stata anticipata per
esigenze
televisive. Si disputer
gioved 12 marzo
alle 18 al PalaLobello con diretta
su Raisport.

nati regionali primaverili offrono


nuove indicazioni per il nuoto di
fondo siciliano.
La manifestazione,
organizzata
dalla Fin Sicilia
si svolta nella
piscina Cappuccini a Messina, ha
laureato i nuovi
campioni regionali sulle distanze speciali, anche
se tra gli atleti in
gara nessuno ha
raggiunto il tempo-limite per la
fase nazionale indoor, in programma a Riccone nel
mese prossimo.
La gara dei 5 km
stata dominata dal
campione uscente Federico Perez (Team Nuoto
Siracusa), che ha
concluso la prova
in 5806 ripetendo nella categoria
assoluti
quanto
aveva fatto vedere
da juniores l'anno
scorso.
La 5 km femminile andata alla palermitana Floriana
Noto (Cus Palermo) che ha stabilito il nuovo record
regionale
sulla
distanza col tempo di 1h.05'41.
Al secondo posto,
prima tra le Juniores, MartinaRosa Perez (Team
Nuoto Siracusa)
in 1h.06'04, crono che migliora di
oltre due minuti il
record regionale
di categoria che
gi le apparteneva.