Sei sulla pagina 1di 73

92 VITTIME

LE TASSE

CENTROSINISTRA

PERSONAGGI

SIRIA, MASSACRO DI BAMBINI


A PAGINA 6

MONTI: LEVASIONE PENALIZZA IL NORD


A PAGINA 4

IDV E SEL LANCIANO LULTIMATUM AL PD


A PAGINA 5

VITTORIA COPPOLA LIBRO A PESCARA


NELLALBUM DOMENICA

Calcio. Battuta anche la Nocerina (1-0). Dopo la serie A, i biancazzurri conquistano anche il primo posto

ABRUZZO MISSIONE INCOMPIUTA


di Sergio Baraldi

Pescara, una chiusura trionfale


Oltre ventimila tifosi in festa allo stadio, oggi giro in citt sul pullman

l pendolo politico della societ abruzzese sembra in movimento. Le elezioni amministrative hanno mandato un segnale di cambiamento che ha premiato il centrosinistra. Lepoca del commissariato per il terremoto si esaurisce. La Regione sembra avviarsi verso un lento, graduale ritorno alla normalit. Ma la situazione a non essere normale. Attraversiamo la crisi pi grave del dopoguerra e, secondo le previsioni, segneremo un -2 per cento nel Pil, il peggiore dItalia. Calano i consumi. Calano gli investimenti. Cala la fiducia. Solo il calcio tira: il Pescara vola in A e diventa un sogno abruzzese, il Teramo viene promosso, il Lanciano lotta per salire in B e il Chieti si comporta molto bene. Come mai Zeman vince e Chiodi (e noi con lui) perde? Ha ragione il consigliere regionale Chiavaroli quando avverte: Se non si rinnova il sistema, ci sar limplosione della vita civile. E un rischio reale, le imprese e i lavoratori lo vivono ogni giorno. Per tentare di fornire una risposta, forse, dobbiamo illuminare lo scenario che ha fatto da sfondo alla sconfitta di Chiodi e del Pdl alle amministrative. Non per sottolineare svantaggi degli uni e vantaggi degli altri. Si tratta di comprendere le ragioni profonde del cambiamento che arriva in Abruzzo. La sfida coinvolge tutti. La posta in gioco non cambia con la maggioranza: o il sistema (politica e societ) compie un salto in avanti, o le conseguenze potrebbero ricadere su tutti. (Segue a pagina 5)

I giocatori del Pescara festeggiano con i tifosi la promozione e il primo posto nel campionato di serie B

(In Pescara e nello Sport)

Il pm chiede linterdizione per Castiglione


Inchiesta Ecosfera, lassessore Pdl accusato di favori a un imprenditore
LAQUILA. La procura dellAquila ha chiesto linterdizione per lassessore regionale Pdl Alfredo Castiglione, vicepresidente della giunta Chiodi. lultimo atto dellinchiesta su presunte tangenti e appalti europei legati allEcosfera di Roma. Domani linterrogatorio con il gip che, poi, decider. Sotto accusa un affare da 100 mila euro condizionato per favorire un amico. (A pagina 3)

Il presidente della Saga

LANALISI

Laureti: Abruzzo senza strategie


A PAGINA 11

IL REBUS DEI TRASPORTI


di Alessandro Sarra
notizia di qualche giorno fa che il Consiglio Regionale ha approvato allunanimit (!) una risoluzione dedicata ai problemi del trasporto e che impegna, fra le altre cose, il presidente della Giunta a sollecitare il Governo. (Segue a pagina 4) Lucio Laureti

Lassessore Pdl Castiglione

Ultr ucciso, ci sono nove testimonianze contro i Ciarelli


Pescara, le accuse costate larresto ai 5 rom: dal raid in piazza dei Grue allagguato di via Polacchi

Casa malati Aids scontro al Tar Caritas-Comune


IN PESCARA

Spari in faccia a una prostituta larrestato nega


IN PESCARA

PESCARA. Nove testimonianze incastrano i cinque Ciarelli accusati a vario titolo dellomicidio di Domenico Rigante la sera del primo maggio. Nove testimonianze che ricostruiscono ogni fase dellagguato, dallarrivo del commando in piazza dei Grue allinseguimento di Antonio Rigante e dellamico lungo via Polacchi, fino allinferno che il commando scatena in casa e alla successiva fuga. Frasi, circostanze e descrizioni che hanno consentito agli investigatori di ricostruire la scena del crimine associando a ognuno dei cinque arrestati ruoli e movimenti. (In Pescara)

IL CENTRO

PRIMO PIANO

F2

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LINTERCETTAZIONE

Alfredo non ti preoccupare


il 12 aprile dellanno scorso e limprenditore Corrado Troiano parla con la dirigente Vanna Andreola. Il colloquio nel ristorante Cadorna di Roma registrato dalle cimici della Mobile: si parla dellassessore Pdl Alfredo Castiglione. Troiano: Ieri mattina ho visto Alfredo che stava partendo per venire a fare la giunta allAquila. Andreola: Mmh. Troiano: Perch mi aveva chiamato laltra sera, mi ha detto passa, eh, mi ha ridetto, oh, mi raccomando. Gli ho detto, non ti preoccupa gi abbiamo parlato con Vanna, il partner albanese fa il capofila.

APPALTI EUROPEI

Il gip decide domani dopo linterrogatorio Il politico si difende: un equivoco, chiarir

Tangenti, il pm: interdizione per Castiglione


Inchiesta Ecosfera, lassessore regionale Pdl accusato di favori a un imprenditore
di Pietro Lambertini
LAQUILA. Una gara dappalto da quasi 100 mila euro condizionata per favorire il progetto dellamico Corrado Troiano. questa laccusa che ha portato il pm della procura dellAquila Antonietta Picardi a chiedere linterdizione dagli uffici pubblici per lassessore regionale Pdl Alfredo Castiglione, vicepresidente della giunta Chiodi. Domani alle 10, nel tribunale di Bazzano allAquila, Castiglione sar interrogato dal gip Marco Billi che, poi, dovr decidere sulla misura cautelare. Se il giudice dicesse s allinterdizione, Castiglione sarebbe costretto a lasciare i suoi incarichi alla Regione Abruzzo e a dimettersi aprendo la crisi in giunta. Esiste gi un precedente: lex assessore regionale alla Protezione civile Daniela Stati stata costretta alle dimissioni il 2 agosto 2010 in seguito allinterdizione dai pubblici uffici decretata nellinchiesta sulla ricostruzione post-sisma dellAquila che ha coinvolto il padre Ezio, il compagno Marco Buzzelli, Vincenzo Angeloni e SabaPESCARA. Lassessore regionale Pdl Alfredo Castiglione non compare soltanto nelle carte sullinchiesta Caligola della procura dellAquila: nome e cognome dellassessore allo Sviluppo economico accusato di corruzione in unindagine su 78 buoni benzina che avrebbe ricevuto nel 2004 in cambio di modifiche alla legge sulla liberalizzazione degli impianti di carburante e assolto in primo grado il 13 giugno 2011 rimbalzano anche in un rapporto riservato della polizia sulla Asl di Pescara lungo 414 pagine. Nellindagine sui presunti lavori gonfiati, da 2,3 a 7 milioni di euro, del polo materno infantile dellospedale, Castiglione non indagato ma, in base agli atti della squadra mobile, arriva a fare pressioni sul direttore generale della Asl Claudio DAmario, non indagato, per incarichi da assegnare agli amici. Dovendo rimuovere determinati ostacoli o risolvere alcune problematiche, naturalmente, i personaggi coinvolti, cos recita linformativa firmata dallex capo della Mobile Nicola Zupo e mandata al pm Gennaro Varone, non mancavano di ricercare contatti con personalit politi-

Rapporto della Mobile rivela: Affare da 100 mila euro condizionato per aiutare un amico
tino Stornelli. Sono sereno, un grosso equivoco e domani chiarir tutto, le uniche parole di Castiglione indagato per corruzione perch, secondo gli inquirenti, ha perseguito un interesse di natura privata consistente nel conseguimento di vantaggi in favore dellassociazione della convivente Marina Kozina. Per la polizia, il bando cucito addosso alla Cyborg trovava una sua paternit politica nellattivit di intermediazione di Castiglione tanto che una delibera decisiva stata approvata dalla giunta proprio con Castiglione presidente e Chiodi assente. In mano allaccusa ci sono anche le rivelazioni di un testimone, consulente della Cyborg, che avrebbe riferito i retroscena della commessa.

Nel mirino un fax per presentare lassociazione della compagna a un politico albanese
Lassessore Alfredo Castiglione vicepresidente della giunta Chiodi con la compagna Marina Kozina glione lungo 14 righe, su carta intestata della Regione, spedito a un vice ministro dellAlbania per presentare lassociazione della compagna: Attesa la rilevanza dellAccademia di danza di Tirana, scrive lassessore, si rileva la valenza di una collaborazione con lassociazione Rassjanka con sede in Pescara per finalizzare una convenzione per definire una collaborazione di lunga durata nel campo della danza. Intorno al fax si dipanano gli accertamenti della Mobile che puntano a dimostrare il trattamento di favore a Troiano della societ Cyborg srl di Chieti sullappalto chiamato

Lultimo atto dellinchiesta Caligola, su presunte tangenti e appalti europei legati alla societ Ecosfera spa di Roma, arriva pi di 4 mesi dopo gli arresti della dirigente regionale Vanna Andreola, detta Zarina, e altri 7 tra politici e imprenditori. Sono 14

gli indagati e, tra questi, il socialista Lamberto Quarta, ex segretario della giunta Del Turco, ancora ai domiciliari. Al centro di questa seconda fase dellindagine della squadra mobile di Pescara, guidata da Pierfrancesco Muriana, c un fax di Casti-

Ipa 2: Il condizionamento della nuova gara per favorire il progetto di Troiano, recita un rapporto della Mobile, passava sempre per il tramite di Andreola, supportata dallinfluenza politica dellassessore Castiglione che, dal canto suo, proprio per le cortesie ricevute dallAndreola, certamente non si tirava indietro. Questultima risultanza investigativa, dice linformativa, trova ulteriore conferma nelle parole dello stesso Troiano, che, forte dellamicizia con lassessore, rassicurava Andreola sul fatto che lesponente politico avrebbe garantito il suo sostegno. A questo punto, per Castiglione potrebbe scattare anche laccusa di associazione per delinquere. Nellinformativa della Mobile, ancora al vaglio della procura, il reato stato proposto: per gli investigatori, Castiglione si adoperava per favorire il raggiungimento degli obiettivi dellassociazione criminosa, pur non facendone stabilmente parte, ovvero laggiudicazione pilotata di commesse pubbliche.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL FASCICOLO BIS

Lassessore citato nellindagine sulla Asl di Pescara


Informativa della polizia denuncia pressioni per i lavori allospedale

Sopra, il capo della Mobile Pierfrancesco Muriana A destra, lassessore regionale Pdl Alfredo Castiglione che regionali attraverso le quali poter esercitare pressioni verso la direzione generale della Asl. Secondo gli investigatori, il primo di questi proprio Castiglione. Comunque la strada che avevo tracciato di andare a parlare con Castiglione io la perseguo, perch voglio arrivare fino in fondo alla questione, dice un imprenditore al telefono. Sempre al telefono, gli architetti coinvolti nellindagine parlano cos di un contatto con lassessore regionale: Che dobbiamo fare, dobbiamo intervenire sul Buzzicone? Che vogliamo fare? Cio, dobbiamo fare una cosa comune. E con il nostro amico... Alfredo?, domanda un imprenditore. Mo bisogna assolutamente parlare con Alfredo, risponde un architetto, bisogna assolutamente sedersi con lui un attimino a tavolino. Dalle stesse intercettazioni, poi, si capisce che alle 8 del 12 gennaio 2010 e Castiglione ha un faccia a faccia con DAma-

rio per parlare dellappalto finito sotto inchiesta. Secondo il rapporto della polizia, lobiettivo di Castiglione condizionare laffidamento dellappalto. Nel rapporto della polizia compare anche un presunto interesse di Castiglione per un appalto Enac: Appare opportuno evidenziare, recita linformativa, alcune conversazioni nel corso delle quali era Castiglione ad attivarsi per far ottenere a un architetto un incarico allEnac che per non risultava neppure iscritto allalbo dei collaudatori. In una telefonata del 5 gennaio 2010, Castiglione dice allarchitetto che Mario Battaglia (non indagato, ndr) non pu fargli la nomina perch non iscritto allalbo collaudatori, Castiglione invita Colliva a chiamare Battaglia. Ecco il colloquio tra Battaglia e larchitetto. Battaglia: Stavo chiamando dallaltra linea... eh, sta a posto, mi sono sentito con lassessore, quindi, abbiamo fatto mente locale. Architetto: Ah, ho capito. Battaglia: Allora, io una cosa, adesso sto girando alla segretaria dellassessore lavviso pubblico che comunque sta sul sito del Coasiv. (p.l.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

ATTUALITA

A2

IL CENTRO

LE TASSE

Il presidente del Consiglio interviene a Bergamo al giuramento degli allievi ufficiali della Finanza

Monti: il Nord penalizzato dallevasione


Il premier: no a superficiali istanze separatiste. Contestazioni da Sinistra e Lega
ROMA. Laccoglienza non stata delle migliori per Mario Monti nel giorno in cui sceso fisicamente in campo al fianco delle Fiamme gialle nella battaglia anti-evasione. Contro la visita del presidente del Consiglio a Bergamo infatti sfilato in citt un corteo promosso da formazioni della sinistra e sindacati di base, mentre un Piper affittato dalla Lega ha sorvolato pi volte larea in cui si teneva il giuramento degli allievi ufficiali della Guardia di Finanza con uno striscione con la scritta Basta Monti, basta tasse. Monti durante il suo discorso stato fischiato pi volte, da militanti di area leghista, ma anche applaudito da molti dei presenti. Il suo intervento incentrato sulla questione settentrionale e sullevasione fiscale ha puntato diritto al cuore del problema, senza evitare di puntare un faro su quella ampia fascia anti-tasse che sfocia nellevasione. Noi cittadini dellItalia settentrionale e lombardi siamo spesso penalizzati nella competitivit internazionale delle nostre imprese per le sacche di grande evasione che si annidano ovunque nel Paese e forse pi in altre parti del Paese che in questa. Poco spazio nel ragionamento del premier alle suggecando distrazioni nel vociare ma cercando di meditare. Per questo, secondo il premier, non dobbiamo farci prendere dallo sconforto e il governo e lo Stato simpegnano a fare la propria parte per promuovere e proteggere linteresse di tutti, anche di coloro che non hanno la possibilit e la forza di far sentire la loro voce. E stata comunque una giornata certamente difficile per Monti. A Bergamo ha ricevuto anche molti applausi ma le contestazioni sono state piuttosto forti. Diversi cittadini gli hanno urlato ridacci le pensioni. Circa cinquecento persone, aderenti alla federazione della Sinistra, sindacati di base e attivisti no Tav hanno sfilato in citt avvicindosi sino a qualche centinaio di metri dal palco del premier per disturbarne lintervento anche con lausilio di aplificatori. Il corteo, aperto dallo striscione Adesso basta stato scortato da un notevole schieramento di poliziotti e carabinieri ma si svolto senza particolari tensioni. Bergano respinge Monti e la sua politica di austerity - hanno urlato i manifestanti - E un nemico delle famiglie, dei giovani, del lavoro. Noi questo debito non lo paghiamo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Uno studio di Infocamere

Quattro imprese su dieci non superano cinque anni


ROMA. Quattro imprese su dieci non arrivano a cinque anni di vita. Una vita breve, secondo uno studio Infocamere, in cui si calcola che solo il 58% delle aziende nate nel 2006 era ancora in vita nel 2011. A peggiorare le cose, il confronto con il quinquennio precedente: le imprese nate nel 2001 e vissute almeno fino al 2006 erano infatti il 61,7%. Tasso di sopravvivenza, negli anni pi duri della crisi, che scende quindi di oltre tre punti percentuali (-3,3%). Larea pi colpita dalla crisi sembra essere il Mezzogiorno, che rispetto al 2006 ha registrato un crollo nella probabilit di sopravvivenza di 5,3 punti percentuali, seguita dal Nord-Est e dal Nord-Ovest che hanno superato entrambe la soglia dei 4 punti in meno attestandosi rispettivamente a -4,9 e -4,1. Unica nota positiva rappresentata dal Centro, che ha invece visto aumentare di 2 punti la percentuale delle imprese ancora in vita dopo un lustro passando dal 57,4% del 2006 al 59,5% del 2011. Il Mezzogiorno rimane comunque larea con la percentuale pi alta di imprese che sopravvivono dopo i 5 anni, sfiorando il 61%. Ultimo il Nord-Ovest con il 55,7%. Lanalisi dei dati stabilisce invece che le ditte individuali hanno una probabilit di sopravvivenza significativamente pi bassa.

Un duro attacco a chi elude il fisco Grande ingiustizia


stioni da disobbedienza fiscale. Rispondendo, infatti, ad alcuni contestatori, Monti ha spiegato che levasione fiscale non solo una violazione del rapporto con lo Stato ma un fattore di ostacolo alla realizzazione di una dinamica di concorrenza leale tra le imprese, di aumen-

Corteo di protesta No allausterit pagatevi la crisi


to della pressione fiscale e di ingiustizia nei rapporti tra i cittadini. Nel Nord produttivo dove la la situazione economica e sociale deteriorata come altrove, Monti ha voluto ricordare che quella italiana una crisi che viene da lontano. Questo deve essere capito non cerIl premier Monti a Bergamo al giuramento degli allievi della Guardia di Finanza

DALLA PRIMA PAGINA

Un impegno affinch in Abruzzo siano programmati ed effettuati investimenti adeguati sul sistema ferroviario. Il riferimento soprattutto alla dorsale Adriatica e al collegamento Pescara-Roma, due direttrici ormai cos frequentemente richiamate nella dialettica politica di casa nostra da aver assunto in quellambito un valore quasi simbolico: la speranza alla quale la nostra regione si aggrappa per restare legata al resto dellItalia e dellEuropa aprendosi la strada verso un futuro di rapido e solido sviluppo. Per farsi una prima opinione di quale sia leffettiva sostanza che si cela dietro i simboli bisogna, per, fare lo sforzo di superare la congenita miopia che condiziona la riflessione sugli investimenti infrastrutturali quando li si guarda, per cos dire, dal basso. Come del tutto comprensibile, le comunit locali tendono infatti a sopravvalutarne lattrattivit prendendo in considerazione solo gli effetti sul territorio di riferimento (quelli sulla crescita innescati dalla fase realizzativa e quelli associati alla maggiore disponibilit di servizi che segue il loro completamento). Si tratta di una prospettiva perfettamente legittima nel caso di opere che esauriscono la loro funzione allinterno del territorio regionale. Nel nostro caso, tuttavia, ci troviamo di fronte a progetti e ad aspirazioni che vanno ben al di l dei confini abruzzesi, e che se trovassero realizzazione inciderebbero in maniera significativa sullassetto complessivo

IL REBUS DEI TRASPORTI


del sistema nazionale del trasporto ferroviario. Proprio per questa ragione non bisogna farsi illusioni. da un punto di vista del genere che le richieste della nostra politica saranno valutate dagli interlocutori nazionali. E poich il Governo, date le circostanze, non ha alcun bisogno di cercare consenso o legittimazione elettorale, c da aspettarsi che varranno solo (o prevalentemente) considerazioni di carattere tecnico. Per quanto riguarda lalta velocit lungo la dorsale adriatica bisogna ricordare che essa stata esclusa dalla pianificazione nazionale soprattutto per la volont politicamente ben sostenuta - di Puglia e Campania di connettersi al tronco che partendo da Roma arriva a Milano. Dal punto di vista del Sistema Italia, per quanto dalle nostre parti si possa far fatica ad accettarlo, si tratta di una scelta motivata e razionale. Essa consente di legare i nodi a maggiore generazione di traffico minimizzando linvestimento complessivo e ottimizzando il rapporto costi/benefici delle nuove opere. Un risultato non da poco in una fase storica, iniziata ormai diversi anni fa, nella quale le risorse da destinare a investimenti infrastrutturali si misurano col contagocce. Daltra parte, per questioni demografiche oltre che economiche, le regioni adriatiche attualmente escluse dai piani nazionali dellalta velocit non esprimono una domanda sufficiente a pareggiare il bilancio costi/benefici. N vale la considerazione che la direttrice adriatica potrebbe contare sul traffico che dalla Puglia si dirige verso Bologna e Milano. Passeggeri e merci sarebbero, in questo caso, semplicemente distolti dal versante tirrenico, il che, dal punto di vista aggregato, non genera alcun valore aggiunto. Per quanto riguarda laumento della velocit di percorrenza fra Pescara e Roma siamo in condizioni pressoch analoghe, anche se per ragioni diverse. Un progetto di ammodernamento della linea langue da anni negli archivi del Cipe. Il fatto che, pur optando per il mantenimento del binario singolo, esso prevedeva gi allorigine un investimento dellordine del miliardo e duecento milioni di euro: una cifra del tutto sproporzionata rispetto al traffico incrementale che potrebbe essere generato, anche senza considerare rivalutazioni. I (relativamente pochi) passeggeri sarebbero, infatti, in quota significativa sottratti al trasporto pubblico su gomma. Mentre per rendere la linea idonea al traffico merci occorrerebbero (pare) ulteriori interventi di adeguamento (aumento della luce delle gallerie per permettere lattraversamento dei container) che da un lato appesantirebbero sensibilmente i costi, dallaltro comporterebbero la necessit di prevedere lunghi periodi di chiusura del collegamento ferroviario con il rischio tuttaltro che trascurabile di perdere definitivamente il traffico passeggeri. Inoltre bisogna tener conto del fatto che allo stato attuale i porti del medio e basso adriatico accolgono soprattutto traffico ro-ro merci (traghetti con a bordo camion) che per definizione proseguono il loro tragitto a terra lungo le direttrici stradali. Per convincere i vettori a preferire la soluzione su ferro occorrerebbero investimenti nel miglioramento delle condizioni portuali, la realizzazione di piattaforme logistiche efficienti, e via di seguito. Se tutto ci non bastasse, va poi ricordato che il valore e lutilit delle opere dipendono strettamente da alcune scelte che si stanno facendo alle porte di Roma, del tutto al di fuori della capacit di controllo o dinfluenza della politica abruzzese. Le vie daccesso alla Citt Eterna (appellativo quanto mai adeguato a descrivere i tempi necessari a percorrerla in automobile) soffrono, infatti, di un congestionamento ormai ingestibile. Le soluzioni allo studio prevedono interventi dinfrastrutturazione leggera basati sulla realizzazione di parcheggi di scambio in prossimit dei tronchi autostradali in ingresso e di metropolitane leggere ad alta frequenza connesse alla rete ferroviaria urbana. Investimenti del genere snellirebbero i tempi del trasporto su gomma e sottrarrebbero utenza al collegamento ferroviario (soprattutto nelle tratte terminali), con la conseguenza che le condizioni di fattibilit della rivendicazione

abruzzese potrebbero sensibilmente peggiorare. vero, si potrebbero riempire libri con considerazioni di dettaglio. Ma la sostanza del problema e resta drammaticamente semplice. Nelle condizioni attuali, per quanto possano essere di estremo interesse per la collettivit abruzzese, gli investimenti sulla rete ferroviaria non rappresentano un buon affare per la comunit nazionale. Ci non significa, naturalmente che non sia giusto o utile proporli. Solo non vale la pena farlo se lunica freccia che si ha al proprio arco una pi o meno presunta (ma economicamente razionale dal punto di vista della scelta pubblica) penalizzazione dellAbruzzo rispetto ad altre realt. Allequit, come i fatti di questi giorni ci stanno tristemente insegnando, ci si appella pi facilmente in tempi di vacche grasse. Ci che occorrerebbe fare, invece, ripensare i progetti infrastrutturali disegnandoli in modo da generare un vantaggio netto per lintero sistema nazionale. Su questa strada c molto da ragionare a partire da una destinazione efficace delle risorse disponibili a livello regionale in unottica di sistema, e c da sperare che chi ha idee le metta in campo al pi presto. Ma soprattutto c da avviare un drastico cambio di metodo: smettere di chiedere e iniziare a proporre. In tempi che non lasciano pi spazio a battaglie simboliche di questo che ha bisogno lAbruzzo. Alessandro Sarra
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

ATTUALITA

A3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LO SCONTRO POLITICO

Il Pd: fa uso strumentale della violenza E scoppia il caso del guru Casaleggio

Grillo: A Roma, bomba o non bomba


Il leader di M5S: non ci fermeranno. Ma resta aperta la polemica per le nomine a Parma
di Paolo Carletti
ROMA. Bomba o non bomba arriveremo a Roma. Beppe Grillo sul suo blog cita la canzone di Venditti e parla di ottime probabilit del ritorno di una stagione stragista. Ma avverte che niente fermer la crescita esponenziale del E non sembra preoccuparsi delle polemiche relative alle nomine al Comune di Parma, e al ruolo che nelle strategie del movimento ricopre Gianroberto Casaleggio, per alcuni lauricolare di Grillo. Con il suo consueto linguaggio colorito, pur senza attacchi personali (e questa una novit), Grillo osserva che se tre indizi ferimento di Adinolfi, bomba di Brindisi, continue esternazioni sul ritorno del terrorismo fanno una prova, ci sono ottime probabilit del ritorno di una stagione stragista. Nei momenti in cui il cambiamento si manifesta possibile aggiunge le forze che vogliono mantenere gli interessi costituiti, economici e politici, bussano alla porta con grande energia. Le bombe e gli attentati sono il loro biglietto da visita. Quindi ricorda la ricorrenza del ventennale delluccisione del giudice Falcone, chiedendo quanti Movimento Cinque Stelle e il suo ingresso in Parlamento. Il leader di M5S del resto vola sullentusiasmo suscitato dai sondaggi che lo danno al 17 per cento: secondo partito dietro il Pd e davanti al Pdl precipitato al 16.

CENTROSINISTRA

Sel e Idv lanciano lultimatum a Bersani


ROMA. Il leader del Pd Pier Luigi Bersani lancia il Patto dei progressisti, per mettere insieme riformisti, moderati e liste civiche. Sel e Idv controbattono con un ultimatum: o subito gli stati generali per un centrosinistra in stile Hollande oppure Vendola e Di Pietro sono pronti ad andare avanti anche da soli. E gi fissano la data (21-23 settembre) della nuova Vasto. Sul fronte centrodestra nessuno sembra invece prendere sul serio la proposta di Berlusconi per il presidenzialismo, rilanciata anche ieri da Alfano. E il Pd replica con una sfida per andare a vedere il bluff: se fanno sul serio allora approviamo per prima cosa la riforma elettorale a doppio turno. Nel frattempo Vendola e Di Pietro affondano il pressing sullalleanza di centrosinistra. Per ricordare la famosa foto di Vasto, ieri a In Onda, su La7, fra il leader di Sel Nichi Vendola e quello di Idv Antonio Di Pietro cera al centro il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, ma solo in una sagoma di cartone. Di fatto Sel e Idv aggirano la proposta del patto che Bersani dovrebbe lanciare marted in direzione, coinvolgendo liste civiche nazionali, moderati e riformisti. Convochiamo gli stati generali del futuro, del centrosinistra come luogo per salvare il Paese. Bersani dice no? Io e Di Pietro apriamo il cantiere, cominciamo lo stesso da soli, anticipa Vendola anche a nome di Di Pietro, con un vero e proprio ultimatum. E il leader Idv rilancia: Ho gi scritto a Bersani per dirgli che lo aspettiamo a Vasto dal 21 al 23 settembre. da l che bisogna ripartire per costruire unalleanza molto pi ampia. rettore generale del Comune. Unidea bocciata da Grillo che proprio sul suo blog ha aperto una raccolta di curriculum on-line per quellincarico. Ma una grana per il comico-blogger, che viene accusato da pi parti di un autoritario centralismo. La questione rimane in

tra coloro che oggi lo piangono pubblicamente sono stati a guardare mentre veniva macellato in vita? Lo stesso trattamento fu riservato a Borsellino, tradito da una parte dello Stato. E il solito Grillo dal linguaggio pesante, che si sofferma per su tematiche pi concrete, senza offese e dileggi a politici o rappresentanti delle istituzioni. Con quella frase che d il titolo alla celebre canzone di Venditti che viene ribadita: Bomba o non

Beppe Grillo a Bologna in una piazza gremita

bomba, arriveremo a Roma. Parole forti che provocano la reazione del Pd. Rosy Bindi commenta: Ci preoccupa luso strumentale della violenza, bisogna stare attenti alle parole. Con le bombe non si scherza, serve responsabilit. Bombe e terrorismo non possono

essere invocate o mischiate, se il movimento di Grillo vuole fare sul serio lo vedremo appena avranno finito di litigare tra loro. Ovvio il riferimento a quanto sta accadendo a Parma, la citt dove il sindaco grillino Pizzarotti vorrebbe Valentino Tavolazzi come di-

sospeso, anche perch Pizzarotti ha rivendicato pi volte lautonomia nelle scelte. E lui vuole Tavolazzi come direttore. Consigliere comunale a Ferrara ed ex city-manager nella stessa citt, grillino della prima ora, Tavolazzi stato espulso dal Movimento nel marzo scorso. E in questi giorni Grillo lo ha accusato di essersi autocandidato per la poltrona di Parma, bocciando il suo nome. Una tesi smentita dallo stesso Pizzarotti: il sindaco conosce bene Tavolazzi e lo vorrebbe accanto a s. Dietro alle polemiche sulle nomine sembra celarsi la figura del guru del web, il milanese Gianroberto Casaleggio, spalla di Grillo da sempre con la sua societ Casaleggio associati, che riunisce alcuni soci del mondo della finanza. E stato lui a convertire Grillo a internet, ma nel Movimento c pi di un fondato sospetto che il guru (formalmente incaricato di gestire la comunicazione di Grillo) abbia conquistato cos tanto potere da poter condizionare se non pilotare le strategie del comico-blogger. Sospetti che circolano soprattutto tra i grillini emiliani, sempre pi spiazzati dai diktat che arrivano da Milano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DALLA PRIMA PAGINA


Lorizzonte, a mio avviso, la crisi di sovranit che ha investito la Regione. La sovranit lespressione di un potere di governo riconosciuta a un soggetto che esercita la supremazia su un territorio. La questione, infatti, proprio questa: esiste ancora un sovrano in regione? Decide? E decide bene? Il punto sul quale vorrei richiamare lattenzione che la nostra Regione, come tutte le regioni, stata declassata di fatto quasi senza che ce ne accorgessimo. Succede che il vortice della crisi e delle trasformazioni che investono il Paese, lEuropa, il mondo, stanno ridimensionando lautonomia dellistituzione regionale. Le hanno tolto potere. Non per colpa di Chiodi, accadrebbe anche con un presidente di centrosinistra. E in atto un trasferimento di competenze reali verso il piano europeo, che tocca questioni di legittimazione democratica, come ci insegna Habermas. Si aperto uno squilibrio tra gli imperativi dei mercati e la capacit regolativa della politica. La Regione deve fronteggiare processi troppo complessi e troppo grandi per poterli controllare. Sta scattando una verticalizzazione che insidia i governi nazionali, figuriamoci le regioni. Siamo in presenza di una redistribuzione del potere nella quale noi come Regione diventiamo pi piccoli. Inseguiamo la modernit. E siamo in ritardo. Non un errore di Chiodi la perdita di sovranit, anzi ne patisce la delegittimazione. Lerrore, a mio avviso, un altro: non comprendere che al movimento di centralizzazione dovrebbe contrapporre un movimento di trasformazione interna.

ABRUZZO, MISSIONE INCOMPIUTA


Lunico modo per rispondere alla svalutazione della Regione la sua modernizzazione, una riforma del sistema Abruzzo per entrare in sinergia con il nuovo ambiente europeo (e globale). Il governatore sembra non intuire la dimensione politica che sta al cuore del cambiamento che si para davanti e non ha reagito, chiamando a raccolta lintera societ, opposizione compresa, per rispondervi. Non ha trasformato la crisi nelloccasione per la ristrutturazione e innovazione del sistema abruzzese. Non stato la sentinella che anticipa il futuro. A questo errore ne ha aggiunto un secondo: ha cumulato una serie dincarichi, commissario per il terremoto per la sanit per questo e quello, per cui non solo veniva lentamente depotenziato nonostante lapparente sovraccarico di potere, ma c da chiedersi dove abbia trovato il tempo per fare il governatore. Se domani il centrosinistra vincesse le elezioni si troverebbe di fronte al medesimo problema: la partita si gioca sempre pi tra Bruxelles e Roma, Pescara e lAquila faticano a farsi sentire. A contare. Ecco perch i risultati delle elezioni dovrebbero essere un monito per tutti. Chiodi e il Pdl pagano questo errore di fondo, perch i cittadini invece hanno colto questo spossessamento di decisione, dinfluenza, di autorit. E puniscono la delegittimazione che complica la soluzione dei problemi secondo i meccanismi della garanzia. Chiodi conduce il Pdl alla sconfitta, perch non il sovrano che i cittadini si attendevano, non riesce a garantire. A questo ha aggiunto la sua personale difficolt a assicurare una mediazione accettabile sui problemi, a fare le scelte strategiche interne che avrebbe potuto compiere in autonomia. Infine, ha persino lesionato la sua imparzialit istituzionale. La sanit il luogo paradigmatico in cui questo processo dindebolimento del sovrano si rivelato ai cittadini. Gli abruzzesi sanno che loperazione di riportare i conti in equilibrio giusta. Sanno che Chiodi ha fatto bene a perseguirla. Ma il presidente di Regione non ha accompagnato il taglio della spesa con una ristrutturazione che ri-qualificasse la sanit pubblica, o almeno cominciasse a farlo. Non ha affiancato lintervento con unoperazione di trasparenza verso i cittadini, affinch sapessero e partecipassero al cambiamento. Invece, lopinione pubblica ha visto i sacrifici, le liste di attesa che si allungano, la qualit dellassistenza che non migliora, e si difendono con la mobilit passiva, si curano pi spesso fuori regione. I cittadini hanno visto una gestione opaca delle nomine: scelte politicamente orientate, che dovevano servire a fare operazioni discutibili, come i dodici primari di Teramo. Hanno assistito sconcertati a una sistematica occupazione di posti e assegnazione di stipendi. Hanno visto che per i cittadini si tagliano i servizi, ma i burocrati fedeli vengono premiati per la produttivit. Mentre lazione avrebbe dovuto ridurre tutti i costi e, insieme, qualificare e innovare. Il nostro governatore ancora non riesce a capacitarsi del perch unoperazione di riequilibrio dei conti che in altri momenti gli avrebbe assicurato un riconoscimento, oggi non basti. Non cambia il sentimento sociale. Anzi, si ritorce contro di lui. Perch ha fatto il commercialista, invece di essere imprenditore politico. Lazione del governo di centrodestra porta il sigillo di questa contraddizione. La Regione presa dai vincoli del depotenziamento e neppure sa cambiare se stessa. Non abbiamo partecipato alla discussione ai tavoli nazionali e ora le infrastrutture strategiche vengono decise senza di noi. Non abbiamo riformato una dispendiosa e inefficiente macchina pubblica per agganciare stanziamenti e progetti europei. Non abbiamo puntato sulla strategia per il futuro, ma su mediazioni al ribasso. Non sappiamo concentrare risorse inevitabilmente scarse su progetti innovativi e trainanti, ma le disperdiamo. Non abbiamo riformato le istituzioni in modo che costassero meno, aumentassero la produttivit, e recuperassimo risorse da investire. Non abbiamo spinto lintero sistema abruzzese a compiere un salto di qualit, non solo per mettersi in rete, ma per entrare nella rete nazionale-europea che corrisponde al salto di scala e di velocit che sta investendo sia il Paese sia lEuropa. Non abbiamo un modello di societ e di sviluppo che colmi i ritardi e valorizzi i nostri punti di forza. Alla crisi di sovranit ha corrisposto una crisi culturale. La crisi di sovranit, per, non risparmia nessuno. Se lo ricordi Cialente, al quale facciamo gli auguri per il lavoro difficile che lattende, ma che sbaglierebbe a pensare che il secondo tempo possa essere uguale al primo e che la sua giunta possa nascere sui vecchi giochi tra i partiti invece che su un progetto alto e condiviso per LAquila e la sua memoria. Ci rifletta il centrosinistra: perch il problema per un attore politico non solo vincere le elezioni o sostituire una classe dirigente, ma che cosa fa il giorno dopo. La questione come connettere lAbruzzo al governo nazionale e, soprattutto, a quello europeo. La sfida chi ha il coraggio di un progetto forte per modernizzare e rendere

efficiente il sistema abruzzese, per recuperare risorse proprie da mettere sul tavolo. Solo cos il sovrano regionale riacquisterebbe margini di manovra e credibilit. Lo scontento nasce, quindi, dalla missione incompiuta di una classe dirigente che ha faticato a vedere la crisi, a leggerla, a reagire. Forse il Pdl dovrebbe riflettere sul fatto che troppi suoi amministratori hanno dato spettacolo di disinvoltura nellutilizzo del denaro pubblico, di favoritismi, di mancanza didee, oltre che di debolezza nellaffrontare i problemi complessi di oggi. Sono emersi cio i limiti di una classe dirigente che ha creduto che lappartenenza berlusconiana fosse il lasciapassare per un successo facile, qualche volta per limpunit. Reclutati con questa filosofia, molti della nuova generazione si sono illusi che governare significasse esercitare il potere. Costruendo una maggioranza che esclude, come dice il sen. Tancredi, e deludendo le aspettative degli elettori. Il centrosinistra si ritiene immune da questi limiti? O dobbiamo ritenere che essi, declinati in modo diverso, appartengono a tutti i partiti abruzzesi? E che i cittadini dovranno riformare la politica con larma dellalternanza e della protesta? La coalizione che ha vinto le amministrative si trova di fronte alla responsabilit di decidere se intende giocare un ruolo centrale nei processi di trasformazione. Ma per farlo non potr pensare pensieri vecchi. Insegna il grande poeta americano Wallace Stevens: Il mondo ci che se ne fa. Sergio Baraldi
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

ATTUALITA
GLI STUDENTI

A5

IL CENTRO

LA RIFORMA DEL MERITO

Cos accentuate le disuguaglianze


ROMA. Se bocciamo il contenuto del pacchetto di riforma? la retorica della parola merito che bocciamo commenta Michele Orezzi, Coordinatore Nazionale dellUdU (Unione degli Universitari). Vogliamo uscire da questa versione perversa della parola merito in una scuola che invece di liberare il talento, ma quello di tutti, accentua disuguaglianza e differenze aggiunge Orezzi. Per lUdu alcune delle proposte inserite nel disegno di legge (ancora in via di definizione), possono anche essere condivisibili. Il punto per un altro: Come si pu parlare di diminuire le tasse solo agli studenti meritevoli, quando ci sono gi ora 145mila studenti idonei alla borsa di studio, per merito e per reddito, che non possono averla per mancanza di fondi? Con quali soldi si farebbe questa riforma? Listruzione non una gara a chi arriva primo. Va bene premiare, ma tutti devono avere le stesse possibilit. (a.da.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ministro Francesco Profumo

Unaula del Politecnico di Torino

di Annalisa DAprile
ROMA. Borse di studio supplementari, riduzione delle tasse universitarie fino al 30 per cento, corsi estivi gratuiti, curricula eccellenti messi on line a disposizione delle aziende, carta sconti per mostre e mezzi pubblici: il tutto per gli studenti migliori. allinsegna della parola merito il disegno di legge, messo a punto dai tecnici del ministero dellIstruzione. Come anticipato ieri dal Corriere della Sera, sarebbero 15 gli articoli della bozza - ancora in fase di ultimazione - che introduce anche un piano di valorizzazione degli istituti migliori e annuncia novit sui test universitari. Il ministero non commenta le anticipazioni sul testo del ddl, a cui comunque da tempo si lavora, ma una fonte conferma

Istruzione, premiati i pi bravi


Borse di studio, riduzione delle tasse, corsi estivi gratuiti, segnalazioni
larrivo del pacchetto merito sul tavolo del Consiglio dei ministri per venerd prossimo. Che la questione del merito fosse da tempo al centro di una riforma lo dice anche latto di indirizzo del Miur sullindividuazione delle priorit politiche (ladeguamento alla nuova normativa si legge nel documento, datatto 3 aprile 2012, prevede la valorizzazione del merito scolastico e accademico). Ancora incerto il costo della riforma, forse le risorse attin-

Tutti gli incentivi per i migliori nella bozza del disegno di legge messa a punto dal ministero
geranno al fondo per lampliamento dellofferta formativa e gli interventi perequativi. Per i migliori. Se nelle universit i pi bravi avranno diritto allo sconto del 30% sulle tasse, nelle scuole superiori sar eletto lo studente dellanno che avr diritto ad una carta di sconti per musei e mezzi di trasporto. Mentre le borse di studio saranno assegnate indipendentemente dal reddito. E sempre ai migliori delle olimpiadi scolastiche verranno offerti corsi estivi gratuiti. Un al-

tro premio al merito potrebbe essere la diffusione, sul sito del ministero, dei curricula dei migliori, consultabili per le aziende che offrono stage. Gratifiche per le scuole. La riforma sul merito toccherebbe anche le scuole: premiate quelle che vantano i migliori risultati, in termini di organizzazione e di risultati degli studenti. Universit: dai test ai concorsi. Test diagnostico in arrivo per tutte le facolt, ma solo per aiutare i ragazzi

sugli studi da intraprendere. Dai test di accesso dovrebbero sparire le domande di cultura generale, sostituiti da quiz di logica. Inoltre, ci si potr iscrivere a due corsi di laurea contemporaneamente, purch siano dello stesso livello. Nuove regole allo studio anche sui concorsi per ricercatori, professori associati e ordinari: 5 i professori delle commissioni, solo due interni allateneo, due sterni, uno straniero. Lintento evitare agevolazioni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ministro degli Esteri britannico: subito un consiglio di sicurezza dellOnu

Siria, massacro di bambini


Lesercito del regime uccide almeno 92 persone a Hula
di Fabio Iuliano
ROMA. Corpicini allineati, uno accanto allaltro. Scoperti come bambolotti rotti. Qualcuno ha la maglietta sollevata sul petto, alcuni hanno addosso il pigiamino: quello di una bambina di 6-7 anni rosa, con limmagine del canarino Titty, che la fa sempre in barba al Gatto Silvestro. Fanno il giro della rete le immagini della strage che ha insanguinato la Siria nel 63mo venerd di proteste contro il regime: a Hula, nella provincia ribelle di Homs, le forze di sicurezza del regime di Bashar al-Assad hanno ucciso un centinaio di persone, tra cui molti bambini. Il team di osservatori Onu, inviato in zona dopo le proteste degli attivisti anti-Assad, ha parlato di almeno 92 vittime, di cui almeno 32 bambini. Il generale Robert Mood, capo degli osservatori ha condannato il massacro come una brutale tragedia, confermando le responsabilit dellesercito siriano. Gli osservatori, ha detto, hanno confermato limpiego dei cannoni dei carri armati. Mood ha anche messo in guardia dal rischio che il paese cada nella guerra civile. Quelli che utilizzano la violenza per i loro obiettivi potrebbero condurre alla guerra civile. Allesito del sopralluogo arrivata la condanna da parte del segretario generale dellOnu Ban Ki-moon e dellinviato speciale in Siria Kofi Annan. Il massacro avvenuto quando le truppe governative hanno lanciato un assalto alla citt di Hula, nella provincia di Homs, al centro della Siria. Il Consiglio nazionale siriano, che raggruppa i principali movimenti dellopposizione, ha chiesto una riunione durgenza del Consiglio di sicurezza dellOnu per accertare le responsabilit. Posizione analoga quel-

Le immagini del massacro hanno fatto il giro del mondo la del ministro esteri britannico William Hague il quale si detto pronto a formalizzare la richiesta alle Nazioni Unite. Abbiamo intrapreso consultazioni urgenti con i nostri alleati in vista di una risposta internazionale forte, mentre il collega italiano, Giulio Terzi, ha chiesto lapplicazione del piano di pace previsto dalla risoluzione 2043 del Consiglio di sicurezza. LOsservatorio siriano

per i diritti umani, ha denunciato che la strage ha prodotto un esodo di massa da Hula. Ieri, allindomani del massacro, le forze fedeli al regime hanno di nuovo sottoposto a intensi bombardamenti anche Homs, capoluogo della provincia omonima, martellando in particolare i quartieri di Jobar e al-Qusayr, considerati bastioni residui dei ribelli. Anche ieri, secondo i Comitati locali, non meno di 40 persone sono state uccise, alcune delle quali in manifestazioni di protesta contro la strage di Hula che si sono svolte nelle citt principali, in particolare Aleppo, Idlib e nei sobborghi di Danasco. Gli uccisi nella repressione sono stati circa 1.500 in soli tre mesi. E ora, la preoccupazione della comunit internazionale riguarda il rischio di unaperta guerra civile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

ATTUALITA

A4

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LINCHIESTA

Paolo Gabriele accusato solo di furto aggravato In casa trovati documenti e strumenti per copiarli

Le carte rubate dalla scrivania del Papa


I retroscena dellarresto del maggiordomo. Benedetto XVI: La casa di Dio sulla roccia
di Fiammetta Cupellaro
ROMA. Lettere e appunti non ancora usciti dallappartamento del Papa e unintera apparecchiatura per fotografare documenti. E quanto avrebbero trovato gli uomini della Gendarmeria vaticana nellappartamento di Paolo Gabriele, laiutante di camera della famiglia pontificia arrestato con laccusa di furto aggravato. I documenti riservati ritrovati nella casa del maggiordomo del Papa, 41 anni padre di tre figli, non porterebbero il timbro della Segreteria di Stato. Particolare questo ritenuto tuttaltro che marginale dalla magistratura vaticana impegnata a scoprire lidentit del corvo (e di eventuali complici) che ha passato le carte segrete ai media e allo scrittore Gianluigi Nuzzi autore del libro Sua Santit. Uninchiesta che porta sempre allo stesso luogo: lappartamento del Papa. Il luogo pi segreto della Santa Sede dove hanno accesso pochissime persone. I dossier rubati e passati ai media arrivano da li, ossia non erano mai stati consegnati alla Segreteria di Stato che riceve la maggior parte della docu-

I laici della famiglia pontificia


Chi sono (in ordine onorifico) Assistente al Soglio (nobile) Consigliere Generale dello Stato Citt del Vaticano Comandante Guardie Svizzere Consiglieri dello Stato Citt del Vaticano Presidente Accademia Scienze Gentiluomini di Sua Santit Procuratori Palazzi Apostolici Addetti di Anticamera Familiari del papa Aiutante di Camera , assieme alle Memores domini, il laico pi vicino al Pontefice Ha la cittadinanza vaticana e vive con la famiglia nella zona residenziale del Vaticano Affiancato da due domestici, aiuta il Papa a vestirsi e spogliarsi, partecipa alla messa privata, lo segue in tutti gli appuntamenti della giornata, gli serve il pranzo, lo assiste nei suoi viaggi

Il Papa con Paolo Gabriele mentazione indirizzata al Papa e la sigilla con un timbro. Alcuni riportavano addirittura solo il numero del fax con il numero riservato di monsignor Georg Gaenswein, il segretario di Benedetto XVI. Per questo motivo, e per quanto sia apparso incredibile, le indagini sulla gola profonda si sono concentrate sulla casa di Benedetto XVI. E ieri, per la prima volta, il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi ha confermato larresto del maggiordomo di Sua Santit sottolineando che linchie-

ANSA-CENTIMETRI

sta ad uno stadio iniziale e che la magistratura ha contestato a Gabriele semplicemente il reato di furto aggravato. E nel discorso di ieri Ratzinger, in piazza San Pietro, ha fatto riferimento alle tensioni in Vaticano. Benedetto XVI ha ripreso le paro-

le del Vangelo per ribadire il ruolo della Chiesa: Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma non cadde, perch fondata sulla roccia. Ma la tensione in Vaticano resta alta. Larresto dellaiutante di camera arrivato il giorno della sfiducia al presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi che ieri, ribadiva: Sono dibattuto tra lansia di spiegare la verit e il non voler turbare il Santo Padre. Si parla poi di computer, email e telefoni sotto controllo, in un clima nel quale non ci si rivolge la parola n al fisso n al cellulare. E poi, per la prima volta dopo secoli, in Vaticano c un detenuto, Paolo Gabriele che ha gi incontrato i suoi due avvocati. Chiuso in una stanza di quattro metri per quattro viene descritto provato e assorto nelle preghiere. Storie di misteri e veleni che si intrecciano luna allaltra. Paolo Gabriele abita nella palazzina, allinterno della citt del Vaticano, in cui vive la madre di Emanuela Orlandi, scomparsa nel 1983 vittima di una delle vicende italiane pi misteriose e inquietanti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CASO

Dal web spuntano le accuse a Gotti dal Cda dello Ior


ROMA. Dal web emerge un appunto con i nove motivi principali che hanno portato il Cda della Ior a sfiduciare il presidente, Ettore Gotti Tedeschi. Un altro documento che sarebbe dovuto rimanere top secret e che invece finito in rete. Questo il jaccuse contro Gotti. Non ha adempiuto ai doveri di presidente. Non si informato sulle attivit dellistituto e non ha informato il consiglio. Ha abbandonato o non ha partecipato ai consigli. Ha dimostrato poca prudenza e accuratezza nei commenti sullistituto. Non ha dato spiegazioni formali per cui documenti, in suo possesso, sono stati divulgati. Divulgazione di informazioni poco accurate sullistituto. Non ha rappresentato e difeso listituto con i media. Ha creato tensione nellistituto e con il personale. Ha tenuto un comportamento eccentrico.

IL CENTRO

ATTUALITA
LA MOBILITAZIONE

A6

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

Finlandia. Orrore in una cittadina E un diciottenne, subito arrestato

Da un edificio spara sulla folla Migliaia di studenti in corteo a Brindisi per ricordare Melissa e uccide due ragazzi

Noi non abbiamo paura

BRINDISI. Urlavano la nostra risposta alla paura la rivoluzione della cultura, portavano striscioni con sopra scritto coraggio, speranza, verit, giustizia e legalit, alzavano al cielo mani dipinte di verde, giallo, rosso a simboleggiare la forza della creativit e della fantasia che si oppone a violenza e illegalit: sono i circa 4.000 studenti che ieri hanno partecipato al corteo di Brindisi in risposta allattentato che sabato scorso ha ucciso Melissa Bassi, 16 anni, ferendo anche altre cinque studentesse. La manifestazione, promossa da varie organizzazioni studentesche con lappoggio di Libera, Rete della Conoscenza, Arci e Cgil, partita da un piazzale vicino alla scuola Morvillo Falcone, teatro dellattentato, ed stata aperta dai compagni di scuola di Melissa che portavano un grande striscione con lo slogan del corteo Io non ho paura, scritto anche sulle magliette che indossava la maggior parte di loro. A seguirli: migliaia di studenti provenienti da varie regioni del centro sud. Noi giovani siamo la forza del nostro futuro, lottiamo per la giustizia;Umiliati e offesi ma in piedi; Gi le mani dagli innocenti; e

ancora pensieri rivolti a Melissa che non c pi erano i messaggi prevalenti sugli striscioni e cartelloni portati dagli studenti. La scritta a mano non voglio crescere nella paura spiccava invece sulla magliettina bianca di Ilaria che a soli tre anni e mezzo sta la pi giovane partecipante al corteo. Questa manifestazione la pi bella risposta di democrazia che si poteva dare alla violenza ha detto il sindaco di Brindisi, Mimmo Consales. Mi sento miracolata, sa-

Una ragazza e, in alto, uno striscione della manifestazione

rei potuta essere io al posto di Melissa e questo mi fa rabbia, perch morire a 16 anni senza un perch, con una vita davanti, colma di progetti e di sogni impensabile, scrive in una lettera una compagna di scuola di Melissa. Intanto sono spuntate fuori altre immagini del presunto autore dellattentato contro listituto professionale Morvillo Falcone. Luomo, ripreso dalle telecamere antiracket piazzate sul chioschetto di fronte alla scuola, sta-

to filmato dallo stesso sistema di videosorveglianza non solo mentre preme il telecomando che scatena lesplosione, ma anche mezzora prima, intorno alle 7 e 15, mentre si aggira nel quartiere fissando il cassonetto. Cammina sicuro, non claudicante come si era detto in un primo momento, e molto probabilmente non era da solo, sebbene il presunto secondo uomo non compaia nei filmati a disposizione degli inquirenti. un caso ancora assolutamente aperto ha dichiarato ieri il sottosegretario allInterno Carlo De Stefano a margine delle celebrazioni del 160 anniversario della fondazione della Polizia di Stato. Ce la faremo ha dal canto suo assicurato il procuratore della distrettuale antimafia di Lecce, Cataldo Motta. Non bisogna aver paura, ha poi aggiunto a proposito della manifestazione nazionale promossa dagli studenti a Brindisi. I giovani di Brindisi - ha concluso ce lo hanno dimostrato. I ragazzi non si toccano stato infine il pensiero struggente di padre che il presidente del Senato Schifani che ha rivolto ieri ai genitori di Melissa. (m.v.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

HELSINKI. salito sul tetto di un edificio del centro di Hyvinkaa, una cittadina finlandese a 50 chilometri da Helsinki, e da l ha aperto il fuoco con due fucili sulla folla uccidendo un ragazzo ed una ragazza e ferendo altre sette persone, una delle quali, una donna poliziotto di 23 anni, in modo gravissimo. Il cecchino, un diciottenne del posto, stato arrestato poche ore dopo la strage dalla polizia (nella foto) mentre si aggirava in tuta mimetica e ancora armato per le strade della cittadina di circa 45 mila abitanti. La sparatoria avvenuta a tarda notte e le vittime sono due diciottenni che stavano festeggiando in un pub la vittoria della squadra di baseball locale, lHyvinkaan Tahko. Il ragazzo morto ed alcuni dei feriti, tutti giovanissimi, fanno parte della squadra. Nessuno sa i motivi della strage. La sparatoria ha per sollevato unondata di sdegno in Finlandia, dove negli ultimi anni si sono verificate numerose stragi in edifici pubblici e centri commerciali, ed ha creato inevitabili paralleli sulla stampa locale con la vicenda di Anders Behring Breivik, lestremista di destra che lo scorso anno uccise 77 persone nella confinante Norvegia. Il killer non ha precedenti penali e non ha nemmeno il porto darmi ma la polizia gli ha sequestrato tre armi. Il governo finlandese ha dovuto inasprire nel giugno scorso la permissiva legge sul porto darmi che aveva provocato il numero pro capite di armi tra i pi alti al mondo.

A. MANZONI & C.

ANNUNCI ECONOMICI
http://annunci.ilcentro.it
PESCARA PORTANUOVA Via Marco Polo (rif. 3556). Appartamento ristrutturato, composto da soggiorno, cucina, camera matrimoniale e acc.ri (CE. =D). Euro 128.000,00. Possibilit di garage Euro 25.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085.389282 www.brokerconsult.it PESCARA PORTANUOVA Zona Universit (rif. 3624). Appartamento composto da ingresso, cucina abitabile, salone, 2 camere, bagno, 3 balconi. Ottimo anche per uso investimento! (CE. =G). Euro 145.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it PESCARA Traversa Via Di Sotto (rif. 3457). Appartamento mansardato in piccolo fabbricato composto da ingresso, soggiorno, cucina, due camere e ripostiglio. Posto auto. (CE. =E). Euro 73.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it SAMBUCETO Zona campo sportivo (rif. 3548). Appartamento di nuova costruzione, composto da soggiorno con cucina a vista, tre camere, studio e acc.ri, terrazzo e posto auto. Molto luminoso (CE =C) Euro 150.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it SPOLTORE Vicinanze centro storico (rif. 3605). Appartamento di recente costruzione con ingresso indipendente, composto da Ingresso/soggiorno con angolo cottura, due camere e acc.ri. Giardino con portico e garage. Buone rifiniture. Euro 145.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it MONELLA trasgressiva 899.111.365 supersexy dal vivo 899.89.79.64 Chat Gay 899.111.367. Mediaservice via Gobetti Arezzo Euro 1,80/minuto ivato max 8min. Vietato ai minori 18 anni. PATRIZIA bellissima venezuelana a Montesilvano simpatica elegante carnagione chiara snella viso stupendo capelli neri lisci e lunghi disponibile. Tutti i giorni. 333 6723111. VASTO MARINA... LOLITA 23 ANNI BELLISSIMA MORA, ALTA, SNELLA, FRIZZANTE, STATUARIA, ELEGANTE, VISO STUPENDO, GENTILE, MOLTO RISERVATA E TRANQUILLA, DISPONIBILE. TUTTI I GIORNI. 327 6247263.

A. MANZONI & C.

MONTESILVANO RIVIERA (rif. 3532). Appartamento in piccola palazzina a 200 m dal mare composto da 3 vani, doppi servizi ed acc.ri, posto auto. Ottime condizioni generali. Euro 155.000,00. Possibilit di garage a 25.000 Euro. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085.389282 www.brokerconsult.it MONTESILVANO Traversa di via Chiarini (rif. 2559). Appartamento mansardato composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, cameretta, bagno, balcone. Euro 65.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it MONTESILVANO VESTINA Zona Bingo (rif. 3566). Appartamento di recente costruzione composto da ampio soggiorno con angolo cottura, due camere, doppi servizi, ampio terrazzo, posto auto. Ottime condizioni interne. Euro 136.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it PESCARA (rif. 3627) Zona Ponte Capacchietti. Porzione indipendente di mq. 50 ca. composta da 2 vani ed acc.ri. Ristrutturato (CE. =G) Ottimo investimento. Euro 65.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it

AFFITTASI in Penne angolo via San Francesco, via Santo Spirito, via Acquaventina locale commerciale mq 80, abbinabile sotterraneo mq 100 pi due garage 085 8279668

A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A. A.A. Stupenda bionda, 23 anni riservata. 339 1213378. A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A. LAquila Cristal affascinante brasiliana 20 anni capelli lunghi neri mulatta chiara viso incantevole simpatica disponibile e indimenticabile. 346 3353675. A.A.A.A. LAquila italiana affascinante indimenticabile stupenda bionda 23 anni aspetto elegante molto disponibile e calma. Tutti i giorni. 329 8454189.

PESCARA PORTANUOVA (rif. 3529). Zona stadio. Cedesi avviatissima attivit di gastronomia da asporto e commercio al dettaglio di prodotti alimentari. Affare! Euro 43.000,00. BROKER CONSULT - Intermediazione Immobiliare Info 085 389282 www.brokerconsult.it

R1

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

e-mail: red.abruzzo@ilcentro.it

11
Disegno di Giuliano DIgnazio

di Andrea Mori

rofessor Laureti, qual la sfida pi grande che ha davanti lAbruzzo? Massimizzare gli effetti economici che possono derivare alla regione dalla ricostruzione dellAquila. cambiato qualcosa per lAbruzzo con il governo Monti? Non credo di intravvedere cambiamenti immediati. Forse ci saranno nel futuro. Quando li vedremo ne prenderemo atto. Quali sono le due cose principali che lAbruzzo deve fare per tornare a crescere? Ci sono le aziende pubbliche che rappresentano da una parte spesa regionale e quindi utilizzo di risorse pubbliche e dallaltra servizi essenziali per la collettivit regionale: trasporti, acqua, rifiuti ecc. Occorre che queste aziende vengano affidate a persone capaci e che siano in grado di migliorare le performances aziendali. In secondo luogo occorre maggiore atCHI E tenzione alle infrastrutture principali. Queste sono i moLucio tori intorno ai quali si pu Laureti svolgere lo sviluppo. ha 56 Lei presidente della soanni ciet regionale che gestied sce laeroporto dAbruzzo, nato a struttura-crocevia dello Pescara sviluppo: quali sono le E professtrategie che ritiene indisore spensabili per lo scalo? imprenLaeroporto uno degli inditore granaggi fondamentali per la e presicrescita della regione. Oggi dente abbiamo 13 rotte tra nazionadella li e internazionali che colleSaga gano pi o meno lAbruzzo alla societ le pi importanti regioni euregioropee. Ora dobbiamo pensanale che re ad utilizzare laeroporto gestisce per il turismo, settore crucialaeroporto le per lo sviluppo, lunico, indAbruzzo sieme allagricoltura, che creInsegna sce in termini di numero di Economia imprese secondo i dati Unioninternacamere. La Regione ritiene zionale laeroporto prioritario nelalla lassetto infrastrutturale. universit Lei insegna anche fuori dAnnunzio regione: come viene visto Alla Lum lAbruzzo da ambienti ecodi Bari nomici esterni? condiLAbruzzo considerata vide una piccola regione dal puncon to di vista economico. Ci soDomino alcune eccellenze che, penick r, non sono molto conosciuSalvate allesterno. Tutti per ammettono che la nostra regiotore ne, una volta conosciuta, la cattedra molto bella e potrebbe essere di pi visitata se ci fossero pi Scenari strutture. macroecoQuanto valutabile il nomici gap infrastrutturale che internaha lAbruzzo rispetto ad alzionali tre regioni come Marche e Puglie? Non voglio esagerare ma enorme. A chi arriva in Abruzzo manca una offerta articolata nelle attivit da svolgere. I parchi sono poco sfruttati, il turismo religioso poco divulgato, le attivit sportive lasciate alla libera iniziativa dei singoli; in sostanza manca una visione coerente sulle reali possibilit turistiche. In questo abbiamo da imparare dalle Marche e soprattutto dalla Puglia che sta crescendo molto. Per quanto riguarda le infrastrutture fisiche, oltre allaeroporto, dobbiamo concentrare uomini e forze per risolvere il problema del porto di Pescara. Parliamo di industrie. Pensa che sia adeguata la politica industriale adottata in Abruzzo? Dove dovrebbe cambiare? Siamo in attesa dellaccorpamento dei Consorzi industriali in uno solo; a dirigere questo occorrer un manager per proporre le nostre aree allesterno, promuovere i nostri servizi e agevolare le pratiche burocratiche. Solo cos si attirano nuove imprese. Lo strumento del Patto per lo sviluppo dellAbruzzo ancora utile o va rivisto?

Laureti: allAbruzzo manca unofferta articolata su infrastrutture e risorse

LUCIO LAURETI

Lucio Laureti imprenditore, professore e presidente della societ che gestisce laeroporto Sinceramente, mi sembrano tante chiacchiere e poche idee. Le Universit in Abruzzo: la loro potenzialit viene sfruttata in modo adeguato? Il problema della ricerca e dellintegrazione tra il mondo dellimpresa e quello delluniversit un problema nazionale. Normalmente i rapporti sono lasciati alla buona volont dei singoli. In Abruzzo la situazione non dissimile: in alcuni casi tra le facolt tecniche dellAquila e il polo elettronico ci sono state alcune iniziative cos come dalle facolt di economia pescaresi talvolta ci sono stati progetti con i territori e le imprese. In altri casi luniversit avulsa dal territorio. E favorevole a una loro federazione, o in alternativa a una unione delluniversit di Teramo con quella dellAquila?

Io sarei favorevole in generale allunione tra territori omogenei nellottica di risparmi di costi; in Abruzzo vedrei la fusione tra le provincie di Pescara con Chieti e quella di Teramo con LAquila. In questottica anche la presenza di sole due universit: un polo Chieti-Pescara e un polo LAquila-Teramo; potrebbero meglio razionalizzare le risorse disponibili ed evitare le duplicazioni. Alla dAnnunzio anche tempo di scegliere il nuovo rettore: quanto influisce la politica nelle universit abruzzesi? Pochissimo direi. Luniversit per rappresenta uno spaccato della societ e per questo deve dotarsi di una governance che sia allaltezza. Anche nel mondo delluniversit si deve scommettere sul futuro, sulla riduzione delle risorse pubbliche, sulla concorrenza con altri atenei e sulla creazione del capitale umano che fondamentale per la crescita. Vorrei vedere al rettorato qualche giovane pieno di entusiasmo e voglia di fare. Pregi e difetti della classe politica abruzzese. Lo penso da tempo e le ultime elezioni amministrative ne sono state un chiaro esempio: non abbiamo sentito da parte dei STRATEGIE candidati programmi per la In Abruzzo propria citt o territorio e manca nemmeno la squadra con cui unofferta perseguire gli obiettivi. Tutarticolata to il periodo ante elezioni nelle attivit stato caratterizzato da queda svolgere stioni sterili di apparentauna menti tra i diversi schieravisione menti o allinterno di essi, tecoerente si a sottrarre allaltro schiesulle reali ramento questo o quel candipossibilit dato e nulla sui programmi e turistiche destini delle citt. Questo il problema della politica IL PATTO abruzzese e non solo. Daltro PER LO canto c anche il lato buono SVILUPPO della politica: sono affascinaMi sembrato quando ascolto da qualche no esponente politico scenari, tante programmi e progetti tesi a chiacchiere migliorare la nostra vita e e poche quella delle generazioni futuidee re. Abbiamo diritto e dovere di aspirare ad avere questo tiATENEI po di politici. In Abruzzo Che giudizio d ai tre anvedrei bene ni della giunta Chiodi? la presenza Vuole sapere che cosa ho di sole apprezzato e non apprezzato due atenei: del governo regionale? Ho apChieti-Pescara prezzato due cose: lo sforzo LAquilaper una pi elevata etica e Teramo moralit nella politica regionale e lo sforzo per il risanaLIDENTIKIT mento della sanit; non eraMi piacerebbe no obiettivi facili. Non ho inche vece apprezzato la visione di i prossimi breve periodo per leconocandidati mia. Inoltre penso che si sia alla Regione persa unoccasione doro per presentassero lo sviluppo derivante dal terprogramma, remoto. Il Giappone presenschieramento ta un tasso di crescita del e obiettivi 4,3% quasi del tutto derivanalmeno te dalleffetto del terremoto. 6 mesi prima I professori in politica sono sempre pi richiesti: si sente uno di essi? I professori sono persone che studiano e vengono dalla cosiddetta societ civile. Dovrebbero essere utilizzati come supporto per le politiche economiche nazionali, regionali o territoriali e nella gestione delle attivit economiche. Io non mi sento un politico e spesso fatico a relazionarmi con la politica e alle logiche che sottintende. Spesso rappresentano la soluzione migliore per sopperire ai difetti della politica. Dica lidentikit che dovrebbe avere il prossimo presidente della Regione. Poich il presidente di una Regione non pu fare tutto da solo, mi piacerebbe che si presenti agli elettori mostrando la propria squadra, le persone che avranno le responsabilit almeno nei settori chiave come trasporti, sanit, ambiente, economia e turismo. Quindi presentare agli elettori non un volto ma un programma, schieramento, squadra e obiettivi. Ma questo non allultimo momento, ma almeno sei mesi prima.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

ABRUZZO

R3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

13

Politica. Il Pdl al simposio di Farindola, lex assessore analizza la sconfitta alle elezioni

Trasporti. Niente catamarano da Ortona

Venturoni: sbagliati i congressi


E Giuliante chiede la fine dei commissari negli enti pubblici
FARINDOLA. stato un errore celebrare i congressi prima della campagna elettorale: le divisioni hanno lacerato anche la base elettorale. Il capogruppo in consiglio regionale ed ex assessore del Pdl Lanfranco Venturoni analizza cos la sconfitta del partito nelle ultime amministrative. Loccasione il simposio di AgorAbruzzo, organizzato dal presidente del Consiglio Nazario Pagano e moderato dal consigliere e portavoce del Pdl Riccardo Chiavaroli. Lincontro si concluso a Farindola dopo due giorni fitti di interventi da parte di esponenti del centrodestra. Oggi, aggiunge Venturoni, necessario rafforzare la leadership del presidente Chiodi, il quale, con decisione, ha avviato il risanamento della Regione ed eliminando gli sprechi che il centrosinistra ci ha lasciato in eredit. Certamente, c ancora molto da fare. Sono seguiti gli interventi del senatore pescarese, Andrea Pastore, e dellassessore regionale alla Protezione civile, laquilano Gianfranco Giuliante. da questultimo che arrivata una proposta operativa sulle prospettive gestionali e amministrative della Regione. Giuliante ha in sostanza chiesto che vengano chiusi i commissariamenti degli enti pubblici ricoerenti e responsabili che, in politica, abbiamo un unico fine e cio gli interessi della comunit. Questo il nuovo Pdl: un partito vicino alla gente. Ieri si parlato anche della comunicazione in politica, con lera del web con il presidente Web Italia onlus Roberto Bonu ed il parlamentare Antonio Palmieri (responsabile nazionale della comunicazione elettorale e internet Pdl). In particolare questultimo ha detto che non c comunicazione senza contenuto, non c forma senza sostanza. Al di l dei cambiamenti di nome e strategie comunicative, aggiunge, il primo lavoro da fare recuperare una nuova visione della realt. Dobbiamo tornare vicino agli elettori. Berlusconi sei mesi fa ha fatto la scelta di non trascinare il Paese verso le elezioni anticipate, ma di accettare un governo tecnico, ricorda Palmieri, questo per mettere fine al clima di guerra civile e per lavorare a riforme costituzionali necessarie: mi riferisco alla forma di governo, ai poteri del premier, il superamento del bicameralismo perfetto, la riduzione del numero dei parlamentari. Sono temi ineludibili sulle future strategie di comunicazione del Pdl. (cr.re.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

LAbruzzo perde i collegamenti per le isole croate


PESCARA. Quella imminente sar per lAbruzzo unestate senza collegamenti marittimi diretti verso la Croazia. La Snav, la societ che inviava ogni anno in Abruzzo un catamarano veloce che trasportava sia auto che passeggeri, non ha inserito alcun tipo di collegamento dallAbruzzo nella sua programmazione ufficiale. N da Pescara, che era comunque stata gi scartata lanno scorso a causa della mancanza di sicurezza dei fondali anche nel porto commerciale, n da Ortona, dove il catamarano Snav era stato inviato per non interrompere la stagione. Ed proprio questultima scelta che colpisce dal momento che Ortona aveva ben accolto lapprodo del catamarano auspicando un suo ritorno. La Snav deve essersi fatta due conti e soprattutto ha valutato la scarsa disponibilit infrastrutturale di Ortona la stazione marittima non stata pi aperta prefigurando unaltra stagione di biglietterie volanti e clienti in attesa sotto i gazebo. Restando nei trasporti, ma cambiando settore, c da registrare il no del Tar al ricorso della societ di Lanciano contro lappalto Saga per la sicurezza allaeroporto dAbruzzo dAbruzzo. (a.mo.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nazario Pagano e Gianni Chiodi al convegno di Farindola prendendo una richiesta avanzata anche dallopposozione di centrosinistra. Il simposio di AgorAbruzzo ha aperto e stimolato un profondo dibattito nel Pdl abruzzese dopo la fase congressuale e soprattutto dopo le ultime elezioni amministrative che hanno registrato la sconfitta elettorale del centrodestra, commenta Pagano. Il presidente del Consiglio convinto che occorre cambiare identit al partito: E necessario aprire a nuove risorse, giovani capaci e preparati, ma soprattutto persone

LA PROPOSTA

E i giudici del Tar respingono il ricorso contro lappalto della Saga sulla sicurezza allaeroporto dAbruzzo

Danni da animali
PESCARA. La proposta di regolamento finalizzata a migliorare la procedura per il risarcimento in caso di morte di un capo di bestiame provocata da animali selvatici, stato il tema dellincontro dei consiglieri regionali pd DAmico e Ruffini con De Sanctis (Wwf), Fabrizi e Balsetti (Confagricoltura), Antonioli e Schiazza (Ambiente vita), Masoni e Sfrattani (Cia). Le categorie saranno probabilmente chiamate dalla commissione regionale.

14

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

ABRUZZO

R2

IL CENTRO

LA POLEMICA

Costantini (Idv): in Regione in corso una guerra tra la casta dei burocrati e quella dei politici

Carpineta: ci sono troppi generali in Regione


Lassessore difende la sua riforma che taglia il numero dei dirigenti: andremo avanti
di Giuliano Di Tanna
PESCARA. Non capisco perch la Lombardia abbia 200 dirigenti regionali, per 9 milioni di abitanti, e lAbruzzo, che di abitanti ne ha un milione e 200mila, dovrebbe continuare ad averne pi di 100. Lobiettivo di ridurre quella cifra a 76. Andremo avanti su questa strada. Federica Carpineta risponde cos alle critiche del Direr, il sindacato dei dirigenti regionali, che, laltro ieri, ha bocciato senza appello il progetto di legge di riforma del personale e della macchina burocratica della Regione Abruzzo. Lassessore regionale al Personale, autore del testo di legge che sar approvato domani dalla giunta Chiodi, attacca, a sua volta, il Direr. Oggi, dice Federica Carpineta, una categoria che difende se stessa a priori, senza spirito critico e senso di responsabilit, fuori dal tempo. C un tavolo sindacale aperto da tempo per discutere il documento. Mi stupisce che il Direr non abbia utilizzato quella opportunit per dire la sua ma abbia preferito inviare ai giornali un documento alla ricerca forse di visibilit. La riforma, prosegue lassessore, non pu che passare attraverso la revisione delle posizioni dirigenziali. Non possono essere tutti generali. I generali devono essere pochi e buoni. Quando ci accusa di voler operare tagli lineari, il Direr dimostra evidentemente di non aver letto il testo di legge. Latto, infatti, assegna ai direttori lobiettivo di portare a 76 il numerto dei dirigenti, da 103 che erano al momento dellinsediamento dellattuale giunta regionale. Ma ad attaccare il disegno di legge di riforma della burocrazia regionale non solo il sindacato dei dirigenti. Secondo Carlo Costantini, capogruppo dei consiglieri regionali dellItalia dei valori, in Regione ormai guerra aperta tra due caste: quella dei politici, che perseguono lobiettivo di accrescere il loro potere clientelare, indebolendo quello di interdizione della burocrazia; e quella dei burocrati, che si oppongono a qualsiasi cambiamento, per conservare intatti i loro privilegi, in termini economici e di gestione pura del potere. I burocrati non sono credibili, spiega Costantini, perch da 15 anni si oppongono a tutto, senza avere mai presentato, come era loro dovere, una proposta organica di riforma; e perch paventano il pericolo di indebolire lefficienza e lefficacia della loro azione, dimostrando di non sapersi guardare allo specchio ed ammettere che peggio di come gestiscono oggi (salvo le dovute lodevoli eccezioni) sarebbe davvero impossibile. I politici (Chiodi e Carpineta), sempre secondo il capogruppo Idv, non sono credibili perch cambiano fingendo di non sapere che, con i dipendenti delle Province, dellArssa eccetera, il quadro che vorrebbero cambiare gi cambiato e perch, senza una visione dinsieme di queste trasformazioni, qualsiasi progetto destinato a fallire. Che cosa propone il consigliere dellIdv? Una legge, spiega Carlo Costantini, per semplificare il sistema e abbattere il potere di interdizione allo sviluppo ed alla crescita della burocrazia regionale (gi presentata dallIdv), una legge per definire il quadro delle competenze delle Province da conservare in capo alla Regione (gi presentata dallIdv) e sapere, di conseguenza, su quali basi ragionare; come effetto (e non come presupposto) unipotesi di riorganizzazione della burocrazia, con la conservazione di pochissime figure apicali e la progressiva riduzione della spesa per il personale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MELILLA (SEL)

Sanit, Chiodi si dimetta


La sanit abruzzese un marasma, in cui spiccano i poteri dittatorali-commissariali di Chiodi che addirittura arrivato a non far conoscere al consiglio regionale e tantomeno alla societ abruzzese, il suo piano sanitario regionale e in cui gira la favoletta del risanamento dei conti della sanit abruzzese. A sostenerlo Gianni Melilla, coordinatore regionale di Sel (Sinistra ecologia e libert). Ma di quale risanamento stiamo parlando?, si chiede Melilla. Dobbiamo parlare invece di un aumento sproporzionato della tassazione e del prezzo della benzina, accompagnato ad uno smantellamento dei servizi sanitari e del sistema ospedaliero. Per questo, secondo il coordinatore di Sel, Chiodi farebbe bene a dimettersi dalla carica di commissario alla sanit per evidente incapacit. Carlo Costantini consigliere Idv Federica Carpineta assessore regionale al Personale
RIPRODUZIONE RISERVATA

Replica al sindacato Direr che ha bocciato la proposta di legge Ridurremo a 76 il numero dgeli apicali

Fino al 7 Giugno Da Noi, Trovi Prezzi Caldi

1061NGB.P65

TERAPIE DEL DOLORE

Giornata del sollievo in tutto lAbruzzo


PESCARA. Si celebra, oggi, nelle piazze principali di Chieti, Teramo, LAquila e allospedale Santo Spirito di Pescara, la Giornata nazionale del sollievo, dedicata a sensibilizzare le persone sul tema del dolore e delle cure palliative, con lallestimento di gazebo, promossa dallAgenzia sanitaria regionale. Operatori sanitari e persone del volontariato saranno a disposizione per fornire informazioni a tutti quei cittadini che mostreranno interesse sul tema del dolore e delle cure palliative. In tale occasione, verr distribuito del materiale informativo e un elenco dei Centri di terapia del dolore e di cure palliative presenti in Abruzzo.

TRIBUNALE DI AVEZZANO
- Sezione civile La Sig.ra LARA LUZZI, c.f. LZZLRA77H60L025Q, e la Sig.ra MELANIA LUZZI, c.f. LZZMLN75H58L025P rappresentate e difese dallAvv. Laura Paolelli con studio in Tagliacozzo alla Piazza Duca degli Abruzzi n. 40 (tel. e fax 0863/698105), chiedono ai sensi della L. 346/1976, il riconoscimento della propriet del terreno sito nel comune di Ortucchio, censito al NCT di detto comune al foglio 2, part.lla 220, seminativo, classe 3, ha 1 are 02 ca 60, R. Dominicale 63,59, R. Agrario 71,53. Il Presidente dellintestato Tribunale, con decreto del 12/04/ 2012, depositato in data 18/04/ 2012, ha autorizzato tutti gli adempimenti necessari a tal fine, compresa tale pubblicazione ed i termini e le modalit per fare opposizione. Tagliacozzo, 22/05/2012 Avv. Laura Paolelli

Avezzano Corso della Libert, 101 Telefono 0863 23123

F3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

15

LA STORIA DELLAZIENDA

Di Florio: produciamo energia pulita


La Solis in Val di Sangro in prima fila nella ricerca su fotovaltaico e logistica del freddo
PESCARA. Una logistica del freddo, in Val di Sangro, con tanto di colonnine elettriche per i camion frigorifero, interamente alimentata da energia pulita prodotta grazie ad un imponente impianto fotovoltaico: questa lultima iniziativa - uno dei primi esperimenti di questo tipo in Italia di Solis spa, azienda abruzzese operante nel settore del fotovoltaico che sta muovendo i suoi primi passi anche allestero. In questi sei anni, Solis ha fatto della ricerca, dello sviluppo e dellinnovazione i suoi cavalli di battaglia. Lazienda, ad esempio, collabora con varie universit e ha una divisione, la SolisLab, che, specializzata nella ricerca dellefficienza energetica, offre un servizio di monitoraggio costante della produzione di energia. La nostra ricetta vincente, confessa il presidente, consiste nei giovani e in una struttura adeguata per promuovere la ricerca. Let media del nostro team al di sotto dei 30 anni. Sono tanti i progetti per il futuro, oltre alla piattaforma logistica del freddo, i cui lavori sono gi partiti. Stiamo lavorando anche su progetti relativi alla micro e mini accumulazione dellenergia prodotta, sottolinea Di Florio, e sulla produzione di energia fotovoltaica ad alta concentrazione, attraverso lutilizzo di pannelli speciali. In altre parole, diminuiscono le dimensioni degli impianti, ma aumenta la quantit di energia prodotta. Solis, il cui fatturato in costante crescita e nel 2011 ha raggiunto i 18 milioni di euro, d lavoro ad oltre cento persone, tra dipendenti interni e di societ direttamente controllate. Oltre mille sono gli impianti realizzati nelle regioni del centro Italia. Tre le sedi dellazienda, tutte a Casoli: una per gli uffici, una per il settore tecnico e una per larea operativa, dove c anche il parco tecnologico. Lazienda, sensibile alle tematiche sociali, ha organizzato nei giorni scorsi, in collaborazione con scuole e istituzioni, una rassegna di incontri, passeggiate, gare ciclistiche, cene e raccolte di fondi, dal titolo LAbruzzo in Sella per lAfrica. Il Sogno di Nenette. Lorenzo Dolce
RIPRODUZIONE RISERVATA

Danilo Di Florio presidente del consiglio di gestione di Solis Solis nasce a Casoli nel 2006 da unidea di Danilo Di Florio, attualmente maggiore azionista e presidente del consiglio di gestione, che vanta un esperienza trentennale come consulente aziendale. Ad avviare lattivit, assieme a lui ci sono Fabio Porreca, direttore tecnico e responsabile ricerca e sviluppo, Ezia Porreca, re-

La societ di Casoli ha un fatturato di 18 milioni di euro e d lavoro ad oltre cento persone

Un impianto fotovoltaico di energia realizzato dalla Solis sponsabile finanziario, e Piero Aquilante, direttore operativo. Dalla semplice consulenza alla progettazione, dai canali di finanziamento alla realizzazione, alla manutenzione e al monitoraggio di ogni tipo di impianto, Solis offre numerosi servizi, dedicati ad abitazioni private, piccole aziende e grandi stabilimenti industriali. Lazienda, tra laltro, nel corso degli anni ha realizzato un vero parco solare di propriet ed produttore di energia. Abbiamo testato e provato personalmente tutti gli impianti che proponevamo ai nostri clienti, spiega Danilo Di Florio, portando avanti uneffettiva ricerca in itinere.

Redazione Via Lucoli - Coppito (Aq) Tel: 0862/61444-5-6 Fax: 0862/22483 Pubblicit: 0862/319301

LAquila
e-mail: red.aquila@ilcentro.it

Q1

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

AllAquila ancora pericolo mafie


Il questore alla festa della polizia: risposta forte, raddoppiati gli arresti
di Giampiero Giancarli
LAQUILA. Inutile negare che la citt susciti gli appetiti della criminalit organizzata ma la risposta forte. Lo ha detto ieri mattina il questore Stefano Cecere commentando i dati delle operazioni svolte in occasione della Festa della polizia. E in effetti balza agli occhi di tutti come alcuni numeri molto alti siano una conseguenza dei controlli e delle inchieste post sisma. Le persone arrestate in provincia tra il 2011 e il 2012 sono state 380 a fronte delle 176 dellanno passato. Raddoppiano anche i denunciati che passano in un anno da 798 A 1450. Moltissime le persone identificate che da 40.600 sono salite a 55.700. Sono aumentate le espulsioni fatte dal questore che da 190 sono passate a 272e le revoche dei permessi di soggiorno divenute 208 mentre i rimpatri con foglio di via sono divenuti 160 (120 tra il 2010 e il 2011). I Daspo sono stati 9 a fronte di 5 del periodo precedente considerato. Molti i controlli nei locali pubblici e dieci di questi sono stati chiusi. Il questore, nel corso del suo breve intervento, ha messo in evidenza come allAquila, per combattere la mafia c stata unit. Divise diverse si sono ritrovate intorno alla stesso tavolo, dice in riferimento a una operazione congiunta contro la malavita calabrese, inoltre nella filiera dei controlli antimafia negli appalti spicca il nuovo modello operativo attuato dalla prefettura. Il dottor Stefano Cecere non ha negato come tra i tanti controlli da fare collegati alla ricostruzione, oltre ai cantieri, ci sono quelli sulle tante presenze straniere in citt, alcune delle quali suscitano dei sospetti. Ma si parlato anche di movida notturna. Secondo il questore gli spazi del centro storico sono pochi. Noi come polizia, assicura, soprattutto il gioved e il sabato siamo presenti anche se i giovani non ci vedono. Il dirigente ha poi evidenziato la soddisfazione per il recupero quasi totale dopo tre anni del palazzo della queCecere e a destra la consegna della medaglia al fratello del compianto Calvitti. Sotto Lorenzetti

Sono cresciute le espulsioni di cittadini stranieri e i provvedimenti di rimpatrio con foglio di via
stura in via Strinella. E proprio per questa ragione la prima volta, ha spiegato, abbiamo deciso di celebrare la festa della polizia nella nostra sede dopo esserci riappropriati dei nostri uffici. Certo abbiamo passato dei momenti di scoramento ma alla fine siamo rientrati. Nei prossimi mesi dovranno essere completati altri lavori prima che lopera possa essere definita. Negli anni scorsi dice siamo stati ospitati nella scuola della finanza oppure nella caserma dellEsercito e mai ci siano sentiti sopportati, tuttaltro!. Egli, infine, ha espresso un grazie ai sindacati di polizia aggiungendo che non si tratta di una dichiarazione di facciata. Poi si passati alla consegna dei risconoscimenti ai poliziotti che si sono distinti nelle operazioni. Encomi: Felice Donati, Gianfranco Congiu, Dario De Angelis, Michelino Durante, Danilo Ciucci, Lucio Flaiano, Vittorio Aprati, Luciano Del Rossi, Freddy Barbarossa, Luciano Bottone, Antonio Mione. Lodi: Francesco Di Cola, Demetrio Pelliccione, Pasqualino Tosone, Vincenzo Gianni, Gaetano Del Treste, Gian Luca Amicucci, Angelo Almonte, Giancarlo Di Martino. Inoltre al compianto Massimo Calvitti, morto a causa del terremoto, stata conferita dal ministero dellInterno la medaglia dargento al merito civile. Lonorificenza stata ritirata dal fratello. A Massimo Calvitti stata intitolata la sala conferenze della questura dellAquila. Le varie e alternanti fasi della cerimonia sono state scandite dalla voce calda ed espressiva del vice questore Mauro Pansini. C stato un minuto di raccoglimento per la prematura morte del finanziere Gerardo Picariello per le vittime del sisma in Emilia e per la strage di Brindisi. Premiati per un lavoro artistico da loro svolto gli alunni dellistituto ad indirizzo artistico Muzi, Lorenzo Manetta e Ilaria Fayer oltre ai ragazzi della terza E della scuola Alighieri per la loro attivit musicale. Premiato, inoltre, lartista Stefano Carapazzi che ha donato una sua opera alla polizia. Festeggiati i poliziotti in pensione: Angelo Di Caterino, Pasquale Morgante, Luigi Testa, Paolo Fracassi, Francesco Angeloni, Giuseppe Maioli, Alfonso Nolletti e Umberto Lorenzetti allenatore dellAquila rugby.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Alcuni tra gli agenti che hanno ottenuto encomi e lodi alla festa della polizia

II

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LAQUILA

Q2

IL CENTRO

Attivit produttive, fondi in arrivo


Un collaboratore di Barca: sta per essere firmato lo sblocco dei 90 milioni
di Marianna Gianforte
LAQUILA. Bisogner aspettare ancora linizio di giugno perch il governo riprenda le fila del discorso LAquila, interrotto in campagna elettorale. Ai primi di giugno il ministro Barca sar in citt e tutti aspettano segnali concreti che diano il la alla ricostruzione. La ricostruzione vera, quella che il presidente dellAnce LAquila, Gianni Frattale, identifica nellapertura dei 300 cantieri della periferia, ha bisogno di segnali concreti, che vanno dallo sblocco dei famosi 90 milioni di euro del de minimis alla conclusione della gestione commissariale. Ieri il capo di dipartimento per lo Sviluppo delle economie territoriali, Aldo Mancurti, ha fatto il punto sullo stato dellarte dellazione di governo sullAquila in occasione della seconda giornata del Salone della ricostruzione, allaeroporto di Preturo. I primi mesi sono stati dedicati a una fase di acquisizione della conoscenza di questa macchina in movimento che la ricostruzione dellAquila, ha ricordato Mancurti. Contemporaneamente stata sviluppata una fase progettuale, ha aggiunto, che Barca esporr. Il ministro per la Coesione territoriale sar allAquila ai primi di giugno e comunicher la strategia del governo. Ma sono tanti i punti lasciati in sospeso con lavvio della campagna elettorale, oltre do sullassegnazione del de minimis, ha spiegato Mancurti, e c un decreto alla firma del ministro dello Sviluppo economico, che stabilisce le modalit di erogazione dei finanziamenti e i requisiti che le imprese dovranno avere per ottenerli e che sar emanato nei prossimi giorni. Lutilizzazione di questi fondi rientra in un disegno organico che tra il 6 e il 20 giugno sar reso pubblico. Mancurti ha poi lanciato un monito: Se pensate che per la ripresa economica del territorio possano bastare questi 90 milioni di euro, sbagliate. Il loro utilizzo deve essere collegato a un progetto molto pi ampio. Quanto alla polemica riesplosa in questi giorni sulla fine del commissariamento, il capo dipartimento ha ricordato che la legge dice che il commissario deve andare via entro il 31 dicembre, ma si sta ragionando, anche sulla base della volontariet dellattuale commissario, per vedere se le strutture chiamate poi a occuparsi della ricostruzione saranno in grado di anticipare questo processo. Il presidente dei costruttori, Frattale, ha auspicato la fine delle polemiche e ricordato che urgente istituire il tavolo tecnico affinch si chiariscano tutti questi passaggi e queste problematiche.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NUOVA GIUNTA

Riga (Api): Non ci sono diatribe nel partito


LAQUILA. Non vero che il sindaco Massimo Cialente sta cercando di spegnere diatribe interne allApi. A sostenerlo lesponente del partito di Rutelli, Roberto Riga (nella foto), in una nota firmata anche da Giuseppe Ludovici, Ermanno Giorgi e Pierluigi Mancini. LApi LAquila un partito coeso, che rispetta il consenso dei cittadini, si legge nella nota. Sulla stampa sono apparse notizie prive di fondamento: il sindaco non sta cercando di spegnere alcuna diatriba interna al partito, che, al contrario, esce coeso dalla tornata elettorale, rappresentando la seconda forza politica dello schieramento di centrosinistra. Una nostra delegazione avrebbe dovuto incontrare il sindaco due giorni fa, ma lincontro stato rimandato a luned prossimo, si ribadisce. Noi non vogliamo partecipare al gioco della spartizione dei posti, ma siamo rispettosi del consenso che i cittadini ci hanno dato. MANNETTI. Intanto il presidente del circolo Progetto LAquila, Carla Mannetti, rende noto che il circolo ha chiesto al vicepresidente vicario del consiglio regionale, Giorgio De Matteis, di impegnarsi per la crisi delle istituzioni culturali: dobbiamo unire le forze per la ripresa della cultura, esorta Mannetti.

PRETURO

Tavolo tecnico con gli ordini professionali


LAQUILA. Ultima giornata del Salone della ricostruzione, allaeroporto dei Parchi, a Preturo. Oggi alle 10,30 si terr un incontro operativo tra ordini professionali, categorie, Comune dellAquila e con la partecipazione del braccio destro del ministro per la coesione territoriale, il capo dipartimento per lo sviluppo delle economie territoriali, Aldo Mancurti. Si parler delle problematiche della ricostruzione. Lincontro prende il titolo Tavolo tecnico per una ricostruzione rapida e di qualit. Parteciperanno tra gli altri, anche il sindaco Massimo Cialente, il presidente dellordine degli Architetti dellAquila, Gianlorenzo Conti, il rpesidente dellAnce LAquila, Gianni Frattale.

due mesi fa. Tra questi c la questione del decreto atteso da tempo che dovrebbe rendere spendibili i 90 milioni del de minimis. Ci sono esperti che stanno ragionan-

Aldo Mancurti il capo dipartimento per lo sviluppo delle Economie territoriali

CONCORSO E MOSTRA

Premiate 10 opere
LAQUILA. Si conclusa con la premiazione di 10 opere architettoniche realizzate in Abruzzo la prima edizione del Premio AdA Architettura, promosso da Carsa e dallAgenzia per lArchitettura dAbruzzo. La cerimonina del premio si svolta venerd, con la presentazione delle opere e di una mostra itinerante.

IL CENTRO

LAQUILA

Q3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

III

Liniziativa della Camera di commercio intende coinvolgere anche altre organizzazioni

Non c accordo sul futuro dellazienda

Santilli: favorire nuove imprese


Nasce un comitato per sostenere i giovani operatori economici
LAQUILA. Impulso e sostegno allimprenditoria giovanile. Unopportunit di crescita del tessuto economico locale, affidata alle giovani generazioni, che rappresentano il futuro. Nasce con questi presupposti il comitato per lImprenditoria giovanile della provincia dellAquila, che ha trovato spazio e terreno fertile allinterno della Camera di commercio. Un organismo attivo, seppure con funzioni consultive, in grado di stimolare la diffusione della cultura dimpresa e linnovazione. Del comitato sono entrati a far parte giovani rappresentanti indicati dalle associazioni di categoria presenti nel consiglio camerale. Uno strumento, spiega Lorenzo Santilli, presidente della Camera di commercio dellAquila, utile a creare sinergie allesterno del sistema associativo e a favorire la nascita e la crescita di aziende, i cui titolari siano giovani imprenditori. Al comitato, gi operativo, hanno aderito Confcommercio, Cna, Confartigianato, Confindustria, Apindustria, Ance, Abi, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Associazione Generale Cooperative Italiane, Unci e Confcooperative. Presidente stato eletto Riccardo Savella, in rappresentanza della Confcommervolta a favorire lingresso dei giovani nel mondo dellimprenditoria, attraverso la conoscenza delle opportunit che pu offrite il lavoro autonomo. Il comitato formuler proposte concrete per dare spazio e visibilit ai giovani nel mondo imprenditoriale e incrementare la presenza dei giovani imprenditori negli organi dirigenti delle associazioni. Si avverte con forza lesigenza, conclude Santilli, di lanciare idee e proposte finalizzate a migliorare i servizi offerti alle attivit imprenditoriali, sia per il normale svolgimento dellattivit lavorativa che per lo sviluppo di nuove aziende. Il comitato, in questo, avr il ruolo fondamentale, spiega Santilli, di dare voce e supporto ai giovani imprenditori, che intendono mettere in piedi unattivit. Un lavoro che verr svolto in collaborazione con le associazioni di categoria che operano allinterno della Camera di commercio, individuando gli strumenti e studiando i progetti idonei ad attivare un sistema di sinergie con gli enti pubblici e privati, che sul territorio svolgono attivit di promozione e sostegno allimprenditoria. In particolare, a quella giovanile. Monica Pelliccione
RIPRODUZIONE RISERVATA

Otefal, fumata nera sul rilancio occupazionale


LAQUILA. Fumata nera sulla vertenza Otefal. Laccordo con la cordata di imprenditori pronta a rilevare lo stabilimento di Bazzano, non andata in porto. Poche le garanzie offerte dalla nuova societ sul fronte occupazionale. Lingresso dei nuovi soci avrebbe, infatti, lasciato fuori dallazienda unottantina di lavoratori, sui 200 complessivi. Sindacati, enti e lo stesso prefetto dellAquila,Giovanna Maria Rita Iurato, si sono detti scettici sulla riuscita delloperazione. A breve si terr I lavoratori durante uno sciopero un nuovo incontro per cercare di arrivare a unintesa e a soluzioni industriali alternative. Una vertenza che si trascina da tempo e che ha visto le maestranze scendere in piazza per portare allattenzione generale i problemi dellazienda. Difficolt legate alla mancanza di liquidit che hanno portato la societ verso il fallimento. Intanto, c da affrontare anche lemergenza economica: la cassa integrazione, concessa inizialmente per 12 mesi, scaduta. I sindacati hanno chiesto il rinnovo per un altro semestre, ma non sugli ammortizzatori sociali non ci sono garanzie. (m.p.)

Il presidente della Camera di commercio dellAquila, Lorenzo Santilli cio, vice presidente vicario Enrico Coppa dellAbi e vice presidente Giuseppina De Simone di Coldiretti. Il Comitato lavorer, in particolare, per la promozione di progetti e idee volti alla valorizzazione del tessuto imprenditoriale e delle aziende della provincia, con maggiore attenzione per quelle che vedono coinvolti, in prima persona, giovani imprenditori, per lo sviluppo della cultura dimpresa e per la promozione di progetti di formazione manageriale e innovazione delle aziende. Unazione

BIBLIOBUS

Laboratori di lettura
LAQUILA. Lassociazione Bibliobus propone per oggi alle 16 nella Bibliocasa di piazza dArti in via Ficara, una nuova attivit dintrattenimento pomeridiana per bambini e famiglie. Lidea nasce dalla volont di offrire unalternativa alle possibilit di incontro e divertimento domenicali dei centri commerciali e di far scoprire o recuperare labitudine alluso della carta. Alcune animatrici terranno letture ad alta voce.

IV

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LAQUILA

Q4

IL CENTRO

RICOSTRUZIONE

Accolto un ricorso presentato da molti residenti In caso di inadempimento arriver il commissario

Montereale, Tar sconfessa Comune


I giudici ordinano allente la pubblicazione degli aggregati entro un mese
ATTI PERSECUTORI
LAQUILA. Il Tar dellAquila ha accolto un ricorso presentato da numerosi residenti del Comune di Montereale che tendeva a ottenere lapprovazione e la pubblicazione dei cosidetti aggregati strutturali in modo da far partire la ricostruzione della parte del paese danneggiata dal sisma. I ricorrenti, rappresentati dallavvocato Mario Antonio Rossi sono tutti proprietari di immobili siti nel comune. Si tratta di unit immobiliari interconnesse nel senso che sono state realizzate contiguamente ovvero in aderenza. Gli stessi ricorrenti lamentavano che il Comune, dove il sindaco stato rieletto da poco dopo un lungo commissariamento, non ha provveduto in alcun modo a pubblicare alcun aggregato relativamente agli immobili del proprio territorio. Per questo essi chiesero al Tar una declaratoria di silenzio inadempimento a carico dellente intimato. Secondo il Tar il ricorso fondato. La individuazione e la pubblicazione degli aggregati, si legge nella lunga motivazione, sono espressio-

Molesta una donna Il gip: ora stia lontano


ROCCA DI MEZZO. Eseguita dai carabinieri della stazione di Rocca di Mezzo una misura cautelare che prevede il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, prevista dalle recenti innovazioni al codice di procedura penale nate dallesigenza di tutelare persone vittime di atti persecutori. La misura cautelare, come informa uno striminzito comunicato dei carabinieri, stata emessa dal giudice per le indagini preliminri del Tribunale di LAquila, su richiesta della Procura della Repubblica, ed scaturita dagli esiti investigativi, riferiti dalla stazione dei carabinieri di Rocca di Mezzo, effettuati a seguito di una denuncia prodotta da una donna del luogo circa atti persecutori commessi da un 48 enne sempre del luogo al quale, per tali motivi, stato imposto il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla parte offesa. Si tratta dellennesimo provvedimento disposto dalla magistratura nellambito di poche settimane nellAquilano a conferma che si tratta di un fenomeno ben represso ma in espansione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ne di un procedimento amministrativo del quale vengono delineati contenuto, tempi e competenze senza che ovviamente possa rilevare il carattere emergenziale degli adempimenti. In ogni caso spiegano i giudici si tratta di fasi nelle quali lammnistrazione rimasta comunque inadem-

Uno dei palazzi danneggiati dal terremoto nel centro del comune di Montereale

piente in un contesto che non affievolisce, ma semmai aggrava, linerzia complessiva del potere pubblico. La presente decisione, si legge nella motivazione, non pu limitarsi a demandare al comune la scelta se adottare o meno la individuazione degli aggregati. La norma chiara nellimporre allente lesple-

tamento della attivit invocata e lordine giudiziale riguarda lobbligo di attivarsi in tal senso definendo il procedimento di aggregazione entro 30 giorni fermo restando che in caso di ulteriore inerzia la parte potr chiedere la nomina di un commissario ad acta. (g.g.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

LAQUILA

Q5

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

La presidente Perfetto: Siamo una importante realt che toglie tanta gente dallisolamento. Presto avremo una sede alla Regione

Universit della terza et, i primi trentanni


Celebrata la ricorrenza allauditorium in un convegno affollato ma disertato dai politici
LAQUILA. Compie 30 anni di vita lassociazione Universit per la terza et. Nellauditorium della Carispaq la presidente, professoressa, Marialaura Perfetto Giuliani ha accolto i suoi ragazzi e aperto i festeggiamenti. Un traguardo importante, quello raggiunto dallassociazione, fondata nel 1982 e cresciuta nel tempo, fino a diventare una realt di grande valore sociale, che toglie centinaia di persone dalla solitudine e dallisolamento, ha spiegato la professoressa Marialaura Perfetto Giuliani, offrendo loro un clima sereno di amicizia. Con abnegazione diamo il nostro contributo di cultura e di vita alla citt. Contributo al quale non ci siamo sottratti neanche dopo il sisma del 2009. Ma purtroppo, ha sottolineato la presidente nella sua relazione, negli ultimi 4 o 5 anni siamo stati abbandonati a noi stessi, nellindifferenza delle istituzioni, costretti ad elemosinare qualche locale idoneo dove riunirci, senza intraprendere nuove iniziative. Unassenza, quella delle istituzioni, evidente anche dalle poltroncine rimaste vuote in prima fila nellauditorium Sericchi. Ma c una bella notizia: dal prossimo anno accademico Il tavolo del convegno e a destra il pubblico presente allauditorium della Carispaq Sotto la professoressa Perfetto

Tra i fondatori dellistituzione Ranghi de Rubeis e Tatozzi


lassociazione avr una sede nel palazzo del consiglio regionale. Ringrazio la dirigente scolastica dellItis Gianna Colagrande, che ci ha ospitati finora nella sua scuola, il presidente della Provincia Antonio Del Corvo e la Fondazione Carispaq, ha aggiunto la presidente, e sono felice di annunciare che grazie alla delibera firmata dal vicepresidente del consiglio regionale Giorgio De Matteis avremo finalmente una sede tutta nostra, arredata con il contributo del socio onorario Rodrigo Rodriquez. Doverosi anche i ringraziamenti a tutti i docenti che hanno svolto i corsi e le lezioni. A tracciare la storia dellistituzione stato Goffredo Palmerini, uno dei fondatori. Tra i fondatori anche Corrado Ranghi, Tullio de Rubeis e Goffredo Tatozzi. Romana Scopano
RIPRODUZIONE RISERVATA

IN BREVE
ROCCA DI MEZZO

LINCONTRO

Giornata delle donazioni


Famulari: in Abruzzo sono in aumento nelle persone c una maggiore sensibilit
LAQUILA. Come ogni anno il Ministero della Salute ha indetto per oggi la Giornata nazionale per la donazione degli organi, quale occasione per riflettere sulla donazione di organi per il trapianto e per sensibilizzare la popolazione su un argomento cos importante, in collaborazione con le associazioni di volontariato del settore (Aido, Aned, Admo). Per loccasione il professor Antonio Famulari, coordinatore regionale trapianti per lAbruzzo e il Molise, insieme ai suoi collaboratori intende ringraziare tutte le famiglie che in un evento cos tragico, quale la morte di un loro congiunto, hanno saputo guardare oltre il loro dolore e, dando

Oggi festa del Narciso


Oggi pomeriggio dalle ore 15 a Rocca di Mezzo tradizionale appuntamento con la 66esima edizione della festa del Narciso. Prevista una sfilata di carri, realizzati con i narcisi, nel centro storico del paese.

ONNA

Elezioni alla Pro loco


Oggi dalle 14 alle 18 a Casa Onna si vota per il rinnovo del consiglio direttivo della Pro loco di Onna.

BENEFICENZA

Antonio Famulari il loro consenso al prelievo degli organi, offrire ad altri pazienti, sconosciuti, la possibilit di avere una nuova vita ed una nuova opportunit. Un sentito ringraziamento va ai

Spettacolo al Ridotto
Domani alle ore 21 andr in scena al Ridotto del Teatro comunale, per iniziativa del Club dellAquila dellInternational Inner Wheel, una romanza gitana musicale inedita, intitolata Lamore nu tempe da re!, scritta e diretta dallautore Claudio Melatti, cantata e suonata in diretta dagli Abruzzo Musical(e), unassociazione teatrale aquilana di recente formazione, che ha gi rappresentato la commedia a Chieti e Pescara. Lo spettacolo servir a raccogliere fondi per il restauro di tredici reliquiari lignei e di unurna di legno argentato, danneggiati dal terremoto, facenti parte del corredo della Basilica di Collemaggio. E questo, infatti, il service principale scelto questanno dallInner Wheel dellAquila presieduto da Annalisa Moretti Petrilli. Incontro ieri pomeriggio a Casa Onna con gli scrittori Giuseppe Magno e Bijan Zarmandili.

coordinatori locali degli ospedali abruzzesi e molisani (Atri - dottoressa Di Marcello, Avezzano dottoressa Blasetti, LAquila dottoressa Di Francesco, Pescara dottor Iervese, Teramo dottor Rosa e dottoressa Marin - Neuromed) che hanno saputo con professionalit e dedizione attivare, in un breve lasso di tempo, tutti i servizi ospedalieri per il complesso iter che parte dalla valutazione di idoneit dei donatori per arrivare al prelievo degli organi e al trapianto. In questi primi mesi del 2012 sono stati valutati 11 donatori che hanno permesso leffettuazione di 22 trapianti di rene allOspedale dellAquila, e limpiego di numerosi altri organi che sono stati prelevati e trapiantati in altre regioni dItalia. Questa realt, che migliore rispetto ai dati del 2011, si associata fortunatamente ad un calo della percentuale delle opposizioni.

RESTAURO

Conclusa lesercitazione Gran Sasso

Accordo Accademia-Ateneo Reggimento alpini


LAQUILA. LAccademia di Belle Arti e lUniversit hanno siglato un accordo che ne sancisce la collaborazione, operativa gi dal prossimo anno accademico, per il corso quinquennale di Restauro con abilitazione alla professione che lAccademia di Belle Arti ha attivato, dando seguito ad un decreto interministeriale emanato dal Miur in accordo con il Ministero dei Beni Culturali. Laccordo prevede la collaborazione tra la scuola di restauro dellAccademia e alcuni dipartimenti dellUniversit. Sar realizzato un percorso formativo per gli studenti iscritti al corso di diploma accademico in Restauro che si avvarr anche di docenti dellAteneo, ognuno secondo le proprie materie di competenza legate ai temi del restauro, coinvolgendo i dipartimenti di ingegneria civile ed edile, architettura ambientale, ingegneria industriale e dell informazione e di economia, scienze fisiche e scienze umane. Laccordo stato siglato dal rettore Ferdinando Di Orio ed Eugenio Carlomagno, direttore dellAccademia di Belle Arti. LAQUILA. Si conclusa nel poligono di Monte Romano lesercitazione Gran Sasso alla quale hanno partecipato oltre mille militari del comando e delle unit della brigata alpina Taurinense che dal prossimo autunno costituiranno a Herat il Regional Command West. Alla giornata finale dellesercitazione hanno presenziato il Generale di corpo darmata Roberto Bernardini comandante delle forze operative terrestri e il generale di corpo darmata Alberto Primicerj, comandante delle truppe alpine, i quali hanno assistito ad una operazione di cordon & search condotta da due complessi minori del 9 reggimento alpini dellAquila insieme agli elicotteri del 1 reggimento Antares dellaviazione dellEsercito di stanza a Viterbo.

Iniziativa di Aido e Admo


LAQUILA. I volontari dellAido e dellAdmo saranno presenti oggi a Onna davanti alla Chiesa del villaggio provvisorio dalle 9,30 alle 11,30 per incontrare i cittadini, dare loro informazioni sullimportanza della donazione come valore sociale e come opportunit per salvare la vita a chi non ha altre possibilit di sopravvivenza. Lobiettivo di questa iniziativa di rendere consapevoli i cittadini che una tragedia pu diventare in un segnale di continuit, la dimostrazione che nella vita anche un segnale negativo, come la perdita di una persona cara, pu essere trasformato.

SCUOLA

Prevenzione obesit
Marted 29 maggio a Piazza Duomo, alle ore 9.30, avr luogo la manifestazione finale del progetto Prevenzione e modifica in et prescolare e scolare di comportamenti alimentari scorretti per contrastare sovrappeso e obesit.

Z1

via Saturnini 6 Centralino 0863/414974 Fax 0863/415971 Pubblicit: 0863/414993

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

e-mail: red.avezzano@ilcentro.it

VI
LA LETTERA

Antrosano, il parroco

Don Aldo: vanno tutelati i pi deboli


Ecco la lettera che don Aldo Antonelli, parroco di Antrosano e portavoce di Libera, ha scritto al sindaco Di Pangrazio. aro Giovanni, in occasione della sua proclamazione ufficiale a sindaco della citt di Avezzano, mi sento in dovere di esprimerle i migliori auguri per il lavoro che si accinge a svolgere. Lo faccio a titolo personale e, soprattutto, come portavoce provinciale di Libera. Le auguro unamministrazione attenta ai diritti delle persone e al loro bisogno di socialit, rimuovendo quel senso di impotenza che li paralizza e uccide la democrazia nel suo stesso essere. Sappia ascoltare i bisogni dei comuni cittadini pi che le pretese dei soliti maneggioni. Le auguro unamministrazione schietta e trasparente, che rifugga dagli osceni giochi di potere, occultati sotto il manto della partecipazione e della democraticit. Le auguro, ancora, di poter dare una sterzata nel rapporto cittadino-amministratore. Le persone che verranno nella casa comunale dovranno sentirsi come in casa propria, fiere della loro dignit e riverite come cittadini. Faccia in modo che i suoi assessori, i consiglieri tutti e il personale di servizio, siano loro a inginocchiarsi di fronte al richiedente, cos come noi cristiani usiamo inginocchiarci davanti al Sacramento. Le auguro, infine, di trovare il coraggio e la forza perch nelle scelte operative sia data preferenza ai bisogni dei meno abbienti, dei disoccupati, dei malati, degli abbandonati e di quanti hanno bisogno di aiuto, a smentita di quanto, gi quattro secoli fa, lamentava Blaise Pascal: Non essendosi potuto fare in modo che quel che giusto fosse forte, si fatto in modo che quel che forte fosse giusto. Auguri, quindi, e buon lavoro.

In alto, i consiglieri di minoranza Mariano Santomaggio e Filomeno Babbo (fotoservizio Pietro Guida)

Il nuovo sindaco attorniato da un gruppo di sostenitrici subito dopo la proclamazione

Cosimati in consiglio, ricorso dellUdc


Di Pangrazio proclamato sindaco, ma Cipollone diserta la cerimonia
di Eleonora Berardinetti
AVEZZANO. Lufficialit della proclamazione del consiglio comunale ha lasciato ieri il posto a un mix di emozioni e colpi di scena. Mentre continua il toto-giunta, nodo che potrebbe essere sciolto tra poco pi di 20 giorni con la convocazione del primo consiglio, stato gi annunciato che lentrata nellassise di Iride Cosimati e lesclusione di Stefano Chichiarelli, faranno scattare il ricorso al Tar da parte del primo dei non eletti dellUdc. Con gli occhi velati dallemozione e le spalle alte per sorreggere la fascia tricolore Giovanni Di Pangrazio stato proclamato sindaco. La commissione elettorale, presieduta dal giudice Stefano Venturini, ha sancito ieri linizio dellera Di Pangrazio. Tra il bagno di folla che ha salutato la proclamazione,

Il primo cittadino: per la scelta degli assessori punteremo sulle professionalit


maggioranza compatta al lavoro e limpegno della minoranza. Il saluto del neo sindaco stato accompagnato dallacclamazione della maggioranza e dagli applausi degli esponenti della minoranza presenti, tra cui si notavano Lino Cipolloni, Filomeno Babbo e Mariano Santomaggio. A sciogliere i dubbi sulla composizione dellassise arrivata la proclamazione della Cosimati. A seguito della sua esclusione Chichiarelli si detto pronto a presentare ricorso al Tar perch la commissione ha tenuto conto

Il sindaco Giovanni Di Pangrazio insieme ai suoi genitori e gli abbracci dei nuovi consiglieri, si notata lassenza di parte degli esponenti di minoranza tra cui il candidato sindaco Italo Cipollone. Ringrazio il mio predecessore, Antonio Floris, la sua giunta e tutto il consiglio comunale, ha affermato il primo cittadino Di Pangrazio seduto sullo scranno, Avezzano sta affrontando un periodo difficile, come il resto dellItalia, e per uscire fuori da questo tunnel serve una

di una sentenza del Consiglio di Stato del 22 maggio e non, come allAquila, delle norme dettate dal Ministero dellInterno. La maggioranza, quindi, avr 14 seggi, mentre la minoranza 10. In virt poi degli accordi pre-elettorali la maggioranza dovrebbe diventare a 15 con lentrata della Cosimati. Intanto continua il toto assessori. Il sindaco Di Pangrazio ha confermato ieri che verr nominata una giunta di alto profilo tecnico con professionalit di spicco scelte dintesa con i partiti. Tra gli aspiranti assessori nelle ultime ore sono spuntanti anche i nomi di Vincenzo Ranalletta, Marco De Luca, Guido Mai e Carmine Di Giustino. Non escluso che il primo cittadino possa ricorrere anche a professionalit del calibro di Ernesto Di Renzo, docente universitario.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

AVEZZANO

MARSICA

Z2

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

VII

LA VERTENZA
della sanit marsicana

La sospensione del Piano della Regione per la riapertura del pronto soccorso stata chiesta dal Comitato cittadino

SANITA IN LUTTO

Oggi alle 16 i funerali in cattedrale

Il Tar: ospedale da riaprire


Tagliacozzo, sospeso il provvedimento di chiusura dei reparti
TAGLIACOZZO. Reparti per acuti e pronto soccorso non potevano essere chiusi e quindi il Piano ospedaliero della Regione (in una nuova versione) va sospeso. Lo ha deciso il Tribunale amministrativo regionale dellAquila segnando ancora una volta la vittoria del Comitato Pro-ospedale di Tagliacozzo, come quelle precedenti del Comune. Un provvedimento che fissa un importante paletto sullassetto della struttura sanitaria. Il comitato civico di Tagliacozzo, capeggiato da Rita Tabacco, con questa vittoria rimette tutto in discussione creando grande disagio allamministrazione regionale guidata da Gianni Chiodi che, dopo aver perso tutti ricorsi per il primo Piano ospedaliero, ci avevano riprovato con una seconda versione, per senza successo. Il Comitato e, anche il Comune, avevano gi impugnato con successo i precedenti atti della Regione che prevedevano il ridimensionamento e la chiusura dellUmberto I. Sulla illegittimit del Piano di riorganizzazione sanitaria si erano gi espressi il Tar e il Consiglio di Stato. La Regione, per, con una delibera del 2 gennaio scorso, ha adottato un nuovo atto aziendale che penalizzava ulteriormente lospedale di Tagliacozzo. Secondo le intenzione della Regione e del commissario alla Sanit, il pronto soccorso era destinato a esse-

morto il dottor Natale stato anche presidente del Rotary Club Avezzano
AVEZZANO. Si spento allet di 86 anni il dottor Alberto Natale, dopo una vita dedicata alla famiglia e alla professione. Il conosciuto e stimato medico avezzanese stato anche Past president del Rotary Club. Lascia la moglie Lia, i figli Roberta, Andrea e Marco, i nipoti Margherita, Lorenzo e Susanna e il genero Umberto. I funerali si terranno oggi alle 16 nella Cattedrale di Avezzano. Il Rotary Club di Avezzano, con il suo presidente Amedeo Figliolini, ricorda con affetto e profonda stima il dottor Alberto Natale, socio emerito e presidente del club nellanno 1987-1988. Una vita esemplare, dedicata alla famiglia, al lavoro e ad una intensa azione rotariana Il dottor Alberto Natale che lo ha visto sempre protagonista e partecipe fino alla fine. I valori che hanno caratterizzato la sua esistenza possono essere racchiusi in poche e semplici parole che ebbe gi a dire il Governatore del Distretto durante il suo anno di presidenza del Club di Avezzano e condivise da tutti coloro che hanno avuto il piacere di conoscerlo ed apprezzarlo: solidariet, impegno sociale, etica professionale, principi morali. Il presidente del club di Avezzano e tutti i soci lo ringraziano per la dedizione e limpegno profuso nella sua lunga attivit di autentico rotariano e si uniscono al cordoglio dei familiari con un affettuoso simbolico abbraccio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LINIZIATIVA

Giornata dello sport per gli 800 studenti dellIstituto Galilei


AVEZZANO. Giornata dello sport per gli studenti dellIstituto tecnico commerciale e lIstituto tecnico per geometri di Avezzano. Gli 800 ragazzi si ritroveranno marted alle 9 allo stadio del Pini e si confronteranno su diverse prove di atletica leggera. Gli studenti si daranno battaglia su velocit, salto in lungo, getto del peso e staffetta. Lappuntamento ormai un evento fisso nel diario dei ragazzi dellIstituto distruzione superiore Galilei, diretto dalla preside Sabina Adacher. Le gare andranno avanti per tutta la mattinata.

re trasformato in un Punto di primo intervento. Il Comitato pro-ospedale, difeso dagli avvocati Paolo Novella e Salvatore Dal Pozzo, ha contestato il piano perch avrebbe leso il diritto di difesa della salute, garantito dalla Costituzione. Il Tar ora ha accolto le richieste dei ricorrenti e ha sospeso latto aziendale della Regione, affermando che, in attesa della definizione delle pendenti questioni giudiziarie, necessario assicurare la

Una raccolta di firme contro la chiusura dellospedale Umberto I di Tagliacozzo

piena funzionalit del pronto soccorso, compresa lattrezzatura tecnologica necessaria per una diagnostica di primo intervento. Nel caso la Regione non adempia a quanto stabilito dal Tar, gli avvocati hanno annunciato ulteriori istanze legali. Visto i precedenti, per, la Regione rischia di fare un buco nellacqua dovendo, alla fine, accettare ugualmente le richieste del comitato, ma in ritardo e senza programmazione. (p.g.)

CELANO. Con lintento di uscire dai tradizionali schemi di partito e dalle logiche di cui essi si nutrono, si costituito a Celano un movimento socio-politico-culturale dal nome Celano in movimento. Il movimento si ritiene libero da ogni appartenenza ideologica di partito, si propone e si augura di aggregare e dare voce a chiunque voglia mettere le proprie idee e la propria professionalit al servizio della nostra citt. Lauspicio, dunque, attraverso il massimo coinvolgimento, soprattutto dei giovani, quello di riportare a Celano, il confronto politico e sociale, il dibattito e la di-

Celano, obbligo di dimora Il nuovo movimento punta al confronto politico per i Ciccarelli
li componenti presenti in consiglio comunale, supportati e incoraggiati da numerosi altri amici, hanno ritenuto di rendere pubblico questo progetto di cambiamento, fiduciosi di un suo ampio successo, in termini di consenso, nel tessuto sociale celanese. Ecco i componenti di Celano in movimento. Fondatori: Domenico Bonaldi, Francesco Cerone, Ezio Ciciotti, Giancarlo Di Persico, Pietro Marcanio, Lino Mascitti, Ilio Nino Morgante (portavoce del movimento), Domenicantonio Rosati, Vittorio Paris, Bruno Torrelli e Carmine Torrelli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nasce Celano in movimento

I consiglieri contestano il pignoramento di una pala meccanica

Celano, il Pd contro Piccone: Lamministrazione crisi


CELANO. I consiglieri del Pd di Celano attaccano lamministrazione comunale: Il pignoramento della pala meccanica del Comune emblematico dello stato di crisi in cui ormai da mesi versa lamministrazione Piccone. Carlo Cantelmi, Antonello Di Stefano, Aniceto Ciaccia, Calvino Cotturone, Nazareno Tiberi e Daniele Bombacino hanno impugnato la determina dirigenziale numero 129 spiegando che il sindaco Filippo Piccone il 4 aprile ha voluto questo atto per elargire 40 mila euro formalmente destinati alla Societ Olimpia per la gestione del Bonaldi, ma poi di fatto sono stati riferiti a non ben identificati progetti di carattere sociale, e ignorando invece quelle che sono richieste legittime di cittadini e altre ditte di Celano che hanno da tempo prestato servizi alla societ municipalizzata. Secondo gli esponenti del Pd in un momento di forte crisi economica sono stati sperperati centinaia di migliaia di euro per ripianare i debiti di una societ fallita in partenza; gli operai che hanno lavorato per la municipalizzata non vengono retribuiti; non si versano i contributi previdenziali; diverse ditte fornitrici son costrette a ricorrere allautorit giudiziaria per essere pagate. In conclusione questa la cronaca di una morte annunciata, ampiamente prevista dai noi consiglieri di opposizione.

Il municipio di Celano scussione, strumenti essenziali per dare nuovo impulso alla voglia di fare e di partecipare fattivamente al rilancio del territorio. I promotori del suddetto movimento, tra cui tre attua-

CELANO. Sullinchiesta legata allimmigrazione clandestina nel Fucino, il gip del tribunale dellAquila, Giuseppe Romano Gargarella, ha concesso lobbligo di dimora, al posto degli arresti domiciliari, a Vincenzo, Massimo e Simone Ciccarelli, difesi nellinchiesta dagli avvocati Domenicantonio Angeloni e Angelo Cora. Una misura cautelare analoga stata applicata nei confronti del cittadino marocchino, Kannyra El Haouari, indagato nellambito della stessa inchiesta. Il 4 giugno udienza davanti al Riesame. (p.g.)

VIII

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

AVEZZANO

MARSICA

Z3

IL CENTRO

MAXI-SEQUESTRO DELLA FINANZA

Luco dei Marsi, caccia ai pusher della coca


La droga entrava in Italia dentro le barre metalliche dei trolley per eludere i controlli
AVEZZANO. Caccia ai pusher della droga che arrivava da Santo Domingo. A Luco, dopo larresto di quattro persone, tre stranieri e un italiano domiciliati in paese, ora si cerca chi spacciava la cocaina. Le sostanze stupefacenti passavano la dogana nascosti nelle barre metalliche dei trolley. Underwater (sottacqua), la maxi operazione della Guardia di finanza di Verona, ha fatto emergere un mondo sommerso legato allo spaccio di sostanze stupefacenti a Luco e nella Marsica. Ha portato alla luce le dinamiche che caratterizzavano il mercato della droga nella piana del Fucino e fatto chiarezza sulla provenienza della cocaina. Ora per si cercano gli spacciatori, coloro che materialmente si occupavano sul territorio della distribuzione delle grandi quantit di droga. Gli arresti di Freddy Ramirez, 37 anni, la mente della banda, Hansel Samir Escobar Zapete (26), Juan Dionisio Francisco Gutierrez, detto Jesolito (30), dominicani, e Paolo Venticinque (31) marsicano, tutti domiciliati o residenti a Luco dei Marsi, sono il tassello fondamentale di un puzzle pi complesso e articolato. Loperazione delle Fiamme gialle era iniziata a ottobre con larresto di altre tre persone di origine dominicana e soprattutto con il sequestro dei primi 20 chili di cocaina purissima destinata

Dalle intercettazioni risultano partite di scarsa qualit


al mercato marsicano e abruzzese. La seconda fase dellindagine, che ha portato agli arresti di Luco, ha visto il sequestro di altri 4 chili di cocaina. A Luco, secondo quanto emerso dalle intercettazioni telefoniche, potrebbero essere arrivate partite di droga di pessima qualit che veniva a costare allingrosso 35 euro al grammo. In una conversazione tra Escobar e Guitierrez, i due commentano: Ci hanno venduto merce come se fosse pura, invece era spazzatura. Un disastro. I clienti si sono lamentati e la gente ha pagato tutto come se fosse stata pura. Escobar propone quindi una revisione dei precedenti accordi proponendo di pagare trenta e di abbassare di cinque punti il prezzo ancora da corrispondere al fornitore dominicano. Nelle conversazioni, inoltre, si capisce che i corrieri preferivano viaggiare sullaereo piccolino che arriva diretto. Gli arrestati sono difesi dagli avvocati Roberto Verdecchia e Pasquale Motta. Pietro Guida
RIPRODUZIONE RISERVATA

CARSOLI

Segnalazioni per il decoro urbano


CARSOLI. Il Comune chiede la collaborazione della popolazione per la soluzione dei problemi relativi al decoro urbano. Per raggiungere questo obiettivo, tramite il sito www.decorourbano.org, si potranno segnalare i vari inconvenienti. La decisione stata presa dalla giunta municipale. Spesso pervengono agli uffici comunali segnalazioni relative a strade dissestate, lampioni non funzionanti ed altre forme di degrado urbano. Tali segnalazioni vengono gestite in modo non informatizzato e quindi con onere di lavoro manuale da parte degli uffici di competenza. Tale forma di gestione, quindi, non consente visibilit al cittadino. Da qui la decisione che ogni abitante pu inviare la segnalazione sul sito sudetto. (m.l.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lavvocato Roberto Verdecchia e laeroporto di Verona, da dove i trafficanti introducevano la droga in Italia

FURTO IN UN NEGOZIO DEL CENTRO

Ragazza ruba vestiti, arrestata e rilasciata


AVEZZANO. Ruba dei capi di abbigliamento in un negozio del centro, ma viene scoperta dal personale e poi arrestata dai carabinieri. Nei guai finita una ragazza di 26 anni residente a Paterno. Una volta nellesercizio commerciale, approfittando di un momento di distrazione delle commesse, la ragazza ha infilato in una borsa che aveva a tracolla alcuni indumenti. Il furto non per passato inosservato agli addetti alla vendita tanto che hanno fermato la giovane marsicana in attesa dellarrivo dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Avezzano. I militari dellArma sono arrivati dopo pochi minuti visto che era in corso unoperazione di controllo del territorio proprio in quella zona. I capi dabbigliamento rubati sono stati recuperati e restituiti. Il Pm, Maurizio Maria Cerrato, in attesa della convalida prevista per marted, ha deciso di scarcerare lindagata difesa dallavvocato Roberto Verdecchia. (p.g.)

IL CENTRO

MARSICA

Z4

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

IX

Alcuni alunni che hanno preso parte alla manifestazione che si svolta allo stadio Fabio Piccone di Celano

Padre Salomone ha spiegato che i frutti dellalbero sono come lamore per il prossimo
LA SCUOLA E LA NATURA

Lezione sullambiente per 400 alunni


Celano, manifestazione promossa dal Parco Sirente-Velino tra disegni, poesie, e canti
CELANO. Il Parco insegna alle nuove generazioni il rispetto per lambiente, e la natura insegna ai ragazzi, sullesempio di San Francesco, ad amare il prossimo, lasciando alle spalle legoismo, larrivismo e lindifferenza che spesso fa parte della societ. questo il messaggio lanciato alle scuole del Parco regionale Sirente-Velino nella manifestazione di conclusione del progetto Io, Francesco, gli altri e il Parco. Lo stadio Fabio Piccone stato colorato da disegni, poesie, messaggi e canti con un unico filo conduttore: la dottrina e i valori di San Francesco dAssisi, il santo nominato custode dellarea protetta nel 2008. San Francesco, secondo il suo primo biografo, Tommaso da Celano, tra il 1215 ed il 1216, si ferm nella citt marsicana. Liniziativa ha insegnato ai ragazzi la salvaguardia della biodiversit e a non inquinare lambiente. Questo messaggio, ha affermato il neo-presidente del Parco, Simone Angelosante, insieme a quello sulle difesa dellambiente, sono sempre attuali e il Parco deve tutelare il futuro dei ragazzi, la loro vita e quella dei loro figli. Voi avete una grande fortuna, ha aggiunto rivolgendosi ai ragazzi, vivete in un territorio che i vostri coetanei delle grandi citt vedono in televisione. Qui proteggiamo natura e cultura lo slogan del Parco: lavoriamo insieme per farne un obiettivo di tutte le istituzioni. Parole salutate da un applauso sugli spalti e sul prato di gioco dagli oltre quattrocento alunni delle scuole di Celano, Rocca di Mezzo, Pescina, Castelvecchio Subequo, Pettorano, Popoli, Raiano e Avezzano accompagnati dai docenti nel giorno della festa europea dei parchi. Non poteva mancare lomaggio a Giovanni Falcone e agli uomini della sua scorta, massacrati a Capaci ventanni fa, ricordati con un minuto di silenzio e una maglietta e un cappellino bianchi deposti sul prato accanto al simbolo dellItalia: il tricolore. La giornata stata dedicata anche ad Alessia, una bimba di Avellino, morta in tenera et e che aveva scritto numerose poesie su San Francesco, ora raccolte in un piccolo volume che ha ripreso il titolo dellomonima preghiera del Santo: il Cantico delle creature. La raccolta stata presentata davanti ai genitori commossi per laffetto dimostrato. Padre Quirino Salomone, davanti allalbero mostrato sul campo sportivo, ha affascinato i ragazzi parlando dellallegoria della vita e rappresentando i frutti come lamore per il prossimo. Alla manifestazione hanno partecipato lassessore comunale allAmbiente, Settimio Santilli e il consigliere Ezio Ciciotti, il dirigente scolastico Abramo Frigioni, Annabella Pace della Regione, Pasquale Casale, Maria Teresa Di Risio, Rita Vitucci, Maurizio Sista della Forestale, i frati di Celano e Castelvecchio Subequo, Marcello Nissi del Centro studi celestiniani. (p.g.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Qui sopra il presidente del Parco Sirente-Velino, Simone Angelosante. Nelle altre foto i vari momenti delliniziativa promossa dal Parco per trasmettere alle giovani generazioni la passione e lamore per la natura. Alla manifestazione hanno partecipato quattrocento ragazzi provenienti da vari Comuni

L1

Centralino 0863/414974 Fax 0863/415971 Pubblicit: 0863/414993

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

e-mail: red.sulmona@ilcentro.it

LA MAXI-TRUFFA DELLIMMOBILIARE

Mi hanno raggirato e non ho pi soldi


Il racconto di un risparmiatore, un ex sindaco della zona ci ha rimesso 200mila euro
SULMONA. Mi hanno convinto a ritirare 50mila euro dal libretto postale promettendomi che in un anno sarebbero diventati quasi 70. E invece sono rimasto senza soldi, tra mille difficolt economiche, tanto che ho dovuto chiedere aiuto ai miei familiari per superare il brutto momento. C anche un pensionato tra le 50 persone truffate da una societ immobiliare.

LINTESA

LApi boccia la Marelli nellAutomotive


SULMONA. Arriva la secca e piccata bocciatura dellApi alla proposta della Uil di stilare un protocollo dintesa fra enti locali per assicurare larrivo di parte dei Fas (Fondi aree sottoutilizzate) per lingresso della Magneti Marelli nellAutomotive. La demagogia della ridicola proposta sui Fas imbarazzante, tuonano dallApi, com altrettanto imbarazzante la posizione di forze politiche sulmonesi che plaudono a simili fuorvianti sparate. Ma hanno guardato i dati delle vendite negli ultimi mesi della Fiat? Vengono da un altro pianeta o credono a Babbo Natale? I 17 milioni dei fondi Fas per la Valle Peligna ammesso che esistano ancora, fatto che non dato sapere e anche quelli non specificamente destinati al territorio, non possono e non devono essere sputtanati per far sopravvivere un impianto che non ha bisogno di nulla se non degli investimenti della propriet. Se crede nella tenuta e nel rilancio del settore. Pronta la replica della Uilm. Noi chiediamo che lutilizzo di quei 33 milioni di euro, risponde Roberto Di Pardo, venga utilizzato in quota parte anche per la Marelli, ma soprattutto per riavviare un percorso virtuoso di indotto in Valle Peligna vorremmo far in modo che una parte di quei fondi arrivino a sostegno della possibile ripresa industriale del nostro territorio. (f.p.)

Tutte hanno versato consistenti capitali a questa societ che solo a Sulmona riuscita a truffare quasi un milione e mezzo di euro. Tra truffati anche avvocati, professionisti, ingegneri, politici, ex sindaci della Valle Peligna e commercianti, tutti attirati dalla possibilit di facili guadagni. Invece sono rimasti con un pugno di mosche in mano e con la sola possibilit di rivolgersi alla giustizia per riavere indietro il loro denaro. Una storia che, oltre ad alleggerire le tasche di molte persone, ha provocato tanto rumore in citt proprio per lentit e la portata dellimbroglio. In cinque sono finiti sotto processo con laccusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Tra questi due coniugi di Spoltore e la sulmonese Angela Silvestri, ex dipendente di un istituto di credito e

Il palazzo di giustizia di Sulmona dove si tiene il processo per truffa procacciatrice daffari particolarmente abile tanto da essere stata capace di convincere anche un avvocato a investire soldi nei prodotti finanziari che lei proponeva. Per fortuna ho investito solo 18mila euro, spiega lavvocato, laffare non mi aveva convinto fino in fondo. Poi ho deciso di accettare la proposta dopo che alcuni investitori avevano incassato alcune rate degli interessi maturati. Un ex sindaco di un paese dellla Valle Peligna stato alleggerito di 200 mila euro, convinto anche lui a investire forte sulla proposta finanziaria, dopo aver incassato alcune rate degli interessi. Stessa cosa ha fatto un albergatore di Scanno, anche se in questo caso la cifra investita stata nettamente in-

Lammontare della truffa sfiora il milione e mezzo feriore. Una mossa, quella di consegnare piccoli acconti, che poi si rivelata unabile strategia per far cadere gli ultimi dubbi a quelle persone ancora titubanti. Angela Silvestri, che prima di mettersi in proprio lavorava in un istituto bancario cittadino, era talmente sicura di quello che stava facendo, che ha continuato a far firmare contratti anche dopo essere finita sotto inchiesta. La strategia era quella di invogliare i clienti proponendo interessi fino al 30 per cento in un anno. Contratti altamente remunerativi ma che non avevano alcun valore e non potevano essere sottoscritti perch erano privi del documento di rischio. Claudio Lattanzio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ecco il nuovo palio della Cordesca


Giostra dei piccoli, opera del pittore Mastrangioli
SULMONA. Un grande cavallo al centro della scena: fa da mantenitore dellanello che un piccolo cavaliere sta per centrare in corsa. Sul basso le pietre tipiche della citt di Sulmona e, in alto, sul cielo azzurro, gli stemmi dei sette borghi e sestieri della citt. Un connubio tra realismo ed espressionismo, con colori molto vivaci, il palio della Cordesca 2012, in programma i prossimi venerd e sabato allo stadio Pallozzi. Il palio, che andr al rione vincitore, stato presentato ieri nella sala consiliare del comune. A realizzarlo, ispirandosi alle elaborazioni grafiche e pittoriche degli alunni dellIstituto comprensivo Masciangioli-Capograssi, guidato dalla dirigente Giuseppa La Sala, stato il pittore sulmonese Emidio Mastrangioli. la prima volta che viene dedicata una cerimonia ufficiale alla presentazione del palio della Cordesca: un modo per celebrare al meglio il decennale della piccola Giostra. Alla cerimonia hanno preso parte, oltre ai capitani e ai rappresentanti dei sette borghi e sestieri, anche tanti piccoli tamburini che nel prossimo week end saranno tra i protagonisti della Cordesca. A loro, con loccasione, sono stati consegnati diplomi di frequenza della scuola di musici della Giostra. A portare i saluti dellassociazione stata la vicepresidente Rosa Giammarco; per lamministrazione il sindaco Fabio Federico e il presidente del consiglio comunale, Nicola Angelucci. Aperta ieri, alla Rotonda di San Francesco, anche la mostra di giocattoli dellantica Roma, realizzata dal sestiere di porta Japasseri in collaborazione con la Giostra. Annalisa Civitareale
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il palio della Cordesca 2012 e il pittore sulmonese Emidio Mastrangioli

Chiesto laccorpamento scuole


Iniziativa di quattro consiglieri provinciali
SULMONA. I consiglieri provinciali Amedeo Fusco, Andrea Gerosolimo, Gianluca Alfonsi e Fernando Caparso, presenteranno uninterrogazione al consiglio provinciale di mercoled prossimo per chiedere il rispetto delle indicazioni della giunta regionale per laccorpamento dellistituto comprensivo Mazzara-Capograssi. I consiglieri, portavoce della volont dei comuni di Introdacqua, Bugnara, Anversa, Cocullo, Villalago e Scanno, nel documento chiedono che lufficio scolastico regionale possa procedere allaccorpamento dellistituto Mazzara-Capograssi con quello della Valle del Sagittario. Il presidente della commissione cultura, Alfonsi, chieder inoltre unaudizione alla dottoressa Vitucci per invitarla a dare seguito a quanto deliberato dalla Regione Abruzzo. Nel caso in cui lufficio scolastico regionale restasse indifferente a quanto stabilito dal consiglio provinciale e recepito dalla giunta regionale, precisano i consiglieri nellordine del giorno che verr presentato in consiglio provinciale mercoled 30, impegneremo il presidente Antonio Del Corvo a procedere, per conto della Provincia, a sollecitare la Regione e di procedere a unimpugnativa al Tar chiedendo la sospensiva del provvedimento lesivo, tra laltro di quel principio di sussidiariet che dovrebbe innervare lazione delle pubbliche amministrazioni. Secondo il consigliere Fusco, primo firmatario dellordine del giorno non si pu accettare che un intero territorio riceva uno schiaffo, per interessi di becera burocrazia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

VALLE PELIGNA
LA QUARANTESIMA EDIZIONE

ALTO SANGRO

L2

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

XI

CASO SNAM

Il Premio Scanno trasloca a Roma


La Fondazione Tanturri: in paese non ci sono le strutture adatte
SCANNO. Giunto al suo quarantesimo anno di vita, il Premio Scanno lascia il piccolo centro abruzzese per trasferirsi a Roma. Lo comunica la Fondazione Tanturri, che in una nota inviata al Comune di Scanno ha ufficializzato la separazione tra la manifestazione culturale e il centro montano dove nel 1972 nato il Premio. La cerimonia di premiazione dei vincitori delle varie sezioni infatti si terr il prossimo 23 giugno a Palazzo Taverna, una delle pi importanti testimonianze storiche e artistiche di Roma, situata tra Piazza Navona e Castel Sant Angelo. A Scanno, nel mese di settembre, previsto solo uno spettacolo musicale per ricordare lideatore del Premio Scanno, Riccardo Tanturri, prematuramente scomparso nel dicembre del 2001. Il Premio ancora oggi ne porta il nome, a ricordo della sua figura carismatica ma lascia il suo luogo natio, e forse per sempre. Abbiamo pensato di organizzare una cerimonia in grande stile per festeggiare limportante traguardo dei quarantanni del Premio, chiarisce il presidente della stanno la volont della Fondazione Tanturri quella di tenere la cerimonia di premiazione dei vincitori del Premio a Roma. anche unidea che vuole rilanciare ulteriormente lattivit culturale della manifestazione che ormai tra le kermesse nazionali pi importanti, aggiunge ancora la Schoenbrg, ma visto che il cinema-teatro di Scanno necessita di altri interventi di manutenzione per lutilizzo abbiamo ritenuto opportuno garantire alla manifestazione uno scenario diverso e pi consono allimportanza dellevento. Fin dalle sue origini il Premio Scanno stato multidisciplinare e ha moltiplicato via via le sue sezioni, che oggi spaziano dallEconomia alla Medicina, dallEcologia al Diritto, dalla Sociologia allAlimentazione, dalla Letteratura allAntropologia Culturale e dalla Musica ai Valori. Nellalbo doro del Premio si trovano i rappresentanti pi illustri delle varie discipline e spesso stato merito delle felici intuizioni di alcune giurie quello di avere riconosciuto e premiato lopera di un talento emergente. Massimiliano Lavillotti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo lo stop agli impianti emiliani

Lettera dei comitati al ministro Clini contro il gasdotto


SULMONA. Dopo il terremoto dellEmilia Romagna i Comitati cittadini per lambiente chiedono al ministro delle Politiche ambientali di bloccare ogni autorizzazione per il gasdotto e la centrale della Snam. Signor ministro, scrivono gli ambientalisti a Corrado Clini, riteniamo giustamente fondate le sue preoccupazioni in merito ad alcuni progetti del settore energetico che dovrebbero essere realizzati nelle aree dellEmilia Romagna colpite dal sisma dei giorni scorsi. Altrettanto fondate sono le preoccupazioni delle popolazioni per il progetto della Snam relativo al grande gasdotto Rete Adriatica e alla centrale di compressione di Sulmona che dovrebbero essere realizzati in territori che sono tra quelli a pi elevato rischio sismico della penisola. Perci le rivolgiamo un appello affinch sospenda il decreto di compatibilit ambientale, disponga i necessari approfondimenti e metta in atto le opportune iniziative per dare immediata attuazione a quanto deciso dalla Camera dei deputati. (f.p.)

Fondazione e moglie di Tanturri, Alessandra Schoenburg, e anche se il paese stato da sempre una cornice fondamentale per la manifestazione siamo stati costretti a trasferire la cerimonia a Roma per ragioni di rappresentanza e di sicurezza vista lannunciata presenza di personaggi di fama nazionale ed internazionale. A ospitare a Scanno negli anni passati la manifestazione stato il cinema-teatro Aurora, che ha accolto degnamente illustri personaggi del mondo della poli-

Tanturri (a destra) a Scanno con il premio Nobel Franco Modigliani

La kermesse si terr a Palazzo Taverna il 23 giugno prossimo

tica e della cultura grazie allintervento del sindaco di Scanno, Patrizio Giammarco. La vecchia sala infatti chiusa dal 1996 per il mancato rispetto delle norme di sicurezza e sebbene lamministrazione municipale negli ultimi anni abbia sempre garantito lutilizzo della struttura teatrale que-

CASTEL DI SANGRO

Eletto delegato
Unattesa lunga due anni per Roccacinquemiglia, frazione di Castel di Sangro, che ieri ha eletto il suo delegato comunale. Le votazioni, che hanno avuto inizio dalle 11.30, coordinate dal consigliere di maggioranza Simone Di Michele, hanno eletto Antonio Santucci, disoccupato 50enne.

Pratola Peligna. Nel progetto dellAgrario viene utilizzato il compost del Cogesa
PRATOLA PELIGNA. Oltre ad apprendere le tecniche di coltivazione e di semina, contribuiscono a portare sulle tavole delle famiglie del territorio prodotti di qualit a prezzi assolutamente competitivi. Sono gli studenti dellIstituto professionale per lAgricoltura e lambiente Arrigo Serpieri di Pratola Peligna che hanno dato avvio, nel corso del corrente anno scolastico, a un progetto molto particolare. Uniniziativa didattica finalizzata alla produzione di vari tipi di insalate utilizzando nuove tecniche produttive e avvalendosi di compost fornito dal Cogesa, il Consorzio intercomunale che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti dei paesi della Valle Peligna e della Valle del Sagittario. Lentusiasmo per la riuscita del progetto stato tal-

Studenti coltivano insalate


Nuove tecniche di semina sperimentate al Serpieri
Due immagini degli studenti mentre coltivano le insalate nei terreni di Pratola Peligna no, la direttrice Fausta Pezzi e tutto il personale educativo della scuola hanno espresso tutta la loro soddisfazione per la riuscita delliniziativa. Lintenzione di potenziare queste attivit anche nei prossimi anni, spiega la direttrice dellistituto scolastico, con il duplice obiettivo di rafforzare nella intera collettivit il convincimento dellutilit di una scuola che ben indirizza gli alunni al mondo del lavoro, e di arricchire la dieta dei cittadini della Valle Peligna con prodotti dellagricoltura tutti di assoluta qualit. (c.l.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

mente grande che i prodotti biologici e di buon gusto prodotti dalla scuola con il diretto coinvolgimento dei ragazzi e la collaborazione del personale docente, Ata e Itp, sono finiti sul tavolo dei consuma-

tori che hanno avuto la possibilit di acquistarli, appena colti e a prezzi davvero convenienti, in un noto supermercato locale. Il dirigente scolastico dellIstituto, Gennaro Di Marti-

Acciano, incendio distrugge in poche ore un magazzino agricolo nellarea Parco


ACCIANO. Le fiamme distruggono una rimessa agricola nella frazione di Beffi. Il fuoco si sviluppato intono alle 8 di mattina mandando in fumo lintera struttura nel giro di un paio di ore. Il capanno era stato realizzato nellarea del Parco. La rimessa agricola era stata realizzata nei pressi di via della chiusa a qualche centinaio di metri dalla chiesa di San Michele di Beffi. Le fiamme hanno divorato anche tutti gli attrezzi da lavoro contenuti nella struttura di propriet di un residente del luogo. Il rogo si sviluppato poco prima delle 8 di mattina distruggendo tutto nel giro di un paio di ore. A dare lallarme alcuni residenti che hanno notato il denso fumo prodotto dal legno delle pareti, ma anche da un paio di motozappa, decespugliatori e motoseghe contenute nella rimessa. Sul posto si sono recati i volontari del gruppo intercomunale di protezione civile della Sirentina, i carabinieri del comando stazione di Castelvecchio e i vigili del fuoco dellAquila. Questi ultimi, una volta domato lincendio, insieme ai volontari, hanno iniziato a bonificare anche lintera area circostante la rimessa di circa 60 metri quadrati. Loperazione stata condotta con scrupolo pro-

Pratola, gli anziani al sindaco: impianto elettrico per il centro


PRATOLA. Interventi rapidi per il centro anziani ma anche il ripristino del monumento allemigrante. Questo il contenuto della lettera inviata al sindaco Antonio De Crescentiis, da parte del presidente del centro, Galileo Pizzoferrato. Si complimentano con il sindaco per la rielezione e tornano a chiedere alcuni interventi prioritari per il centro sociale anziani di via De Gasperi. Una richiesta in via formale voluta dagli iscritti e firmata dal presidente Galileo Pizzoferrato. La missiva, pone nero su bianco delle richieste come la necessit di rendere pi sicuro il marciapiede sconnesso in alcuni punti che si trova davanti al centro, e la necessit di realizzare allinterno del locale, un impianto elettrico a norma e rapidi lavori di riqualificazione. Inoltre, chiedono la realizzazione di una pensilina per lombra e il ripristino del monumento allemigrante. Tutte opere attese da tempo. Siamo convinti, sottolinea Gino Tofano, della bont di queste richieste che si spera, saranno esaudite. Il centro svolge unattivit di aggregazione e socializzazione per molti anziani, anche per questo, necessario che rimanga alta lattenzione per la sede. Federico Cifani
RIPRODUZIONE RISERVATA

Una autobotte dei vigili del fuoco prio per evitare eventuali altri focolai nellarea protetta del parco Sirente Velino. Indagini sono in corso per capire la natura dellincendio che ha distrutto la rimessa agricola. (f.c.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Via Tiburtina 91 Centralino 085/20521 Fax 085/4318050 Pubblicita: 085/441231

Pescara
e-mail: red.pescara@ilcentro.it

C1

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

I
La casa famiglia di via Caboto per i malati di Aids il presidente del Tar Zuballi Sotto, il sindaco Mascia

Il provvedimento emanato dal servizio Suap prevede il blocco dellattivit sanitaria per almeno cinque anni

La casa famiglia aperta nel 99 ospita dieci malati ma sono numerose le richieste di assistenza provenienti dalle Asl

di Andrea Bene
PESCARA. La casa famiglia della Caritas Il Samaritano, lunica in Abruzzo per assistere i malati di Aids, rischia la chiusura. Il 21 febbraio scorso, il Comune ha emanato un provvedimento di interdizione allesercizio dellattivit sanitaria per un periodo di ben 5 anni della struttura di via Caboto, per non aver richiesto due anni e mezzo fa lautorizzazione necessaria ad operare. La chiusura stata per il momento scongiurata, perch la Caritas riuscita ad ottenere dal Tar, gioved scorso, la sospensiva dellordinanza. Ma la vicenda ancora pendente, i giudici si pronunceranno nel merito il 10 gennaio del prossimo anno. Lamministrazione comunale ha gi dato mandato ai propri avvocati di opporsi al ricorso della Caritas, guidata dal direttore don Marco Pagniello. COSE LA CASA FAMIGLIA. La struttura di via Caboto stata aperta dalla Caritas alla fine del 1999 per offrire una risposta alle tante richieste di aiuto delle persone malate di Aids. La casa famiglia convenzionata con la Asl e pu ospitare in tutto dieci persone, ma le richieste che giungono dalle Asl di tutto lAbruzzo sono numerosissime. I malati vengono assistiti da unquipe medica del reparto di Malattie infettive dellospedale civile. Hanno a disposizione, inoltre, un laboratorio dove possono eseguire lavori artigianali e unaula informatica in cui si realizzano prodotti grafici.

LA STRUTTURA DI VIA CABOTO

Casa malati di Aids, Caritas contro Comune


Manca il permesso e lamministrazione ordina la chiusura. Ma il Tar blocca tutto
PARLA IL DIRETTORE

Don Marco: non possiamo abbandonare i pazienti


PESCARA. C stata una cattiva interpretazione della legge da parte nostra, per questo non abbiamo presentato la domanda di accreditamento. Don Marco Pagniello, direttore della Caritas, spiega cos lirregolarit commessa dalla fondazione che ha portato il Comune ad emanare unordinanza di chiusura per cinque anni della casa famiglia Il Samaritano per malati di Aids. Abbiamo fatto la richiesta alla Regione, non labbiamo fatta al Comune, afferma. Fortunatamente siamo riusciti ad otteneCONTROLLI DEL COMUNE. Nei mesi scorsi il Comune, in seguito ad alcuni controlli, ha scoperto che la casa famiglia non era in regola con la documentazione richiesta da una legge regionale, la numero 32 del 2007, sullaccreditamento delle strutture sanitarie. La Caritas non avrebre la sospensiva dal Tar, dice don Marco, se la struttura avesse chiuso, avrebbe causato un danno gravissimo ai malati assistiti. Ormai non si muore pi per lHiv, ma per le patologie correlate alla malattia, fa presente il direttore, molte famiglie non hanno la possibilit di assistere i propri parenti e quindi si rivolgono a noi, unica struttura in Abruzzo. Riceviamo tantissime richieste dalle Asl abruzzesi e i nostri pazienti provengono da tutta la regione. (a.ben.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Don Marco Pagniello gnato il provvedimento davanti al Tar contro Comune e Regione per scongiurare la chiusura della struttura ed evitare di mettere alla porta i dieci pazienti assistiti. E la prima volta che si apre un contenzioso tra Comune e Caritas. Nel ricorso la fondazione,

be presentato al Comune nei termini di legge, cio entro ottobre del 2009, lapposita richiesta per ottenere lautorizzazione allaccreditamento della casa famiglia. ORDINANZA DI CHIUSURA. Una dimenticanza che ha fatto scattare immediatamente le sanzioni previste in questi

casi dalla legge regionale. Cos il 21 febbraio, il dirigente del servizio Suap, lo Sportello unico del Comune per le attivit produttive, ha emanato un provvedimento per bloccare per 5 anni lattivit della struttura sanitaria. RICORSO AL TAR. La fondazione Caritas ha subito impu-

difesa dallavvocato Alessandra Rulli, contesta la violazione e la falsa applicazione della legge nazionale numero 724 del 1994, del decreto legislativo numero 502 del 1992 e della legge regionale numero 32 del 2007 e di ogni altra norma e principio in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio sanitarie. Contesta, inoltre, leccesso di potere per errore sui presupposti, nonch la violazione e la falsa applicazione delle norme in materia di autorizzazioni allesercizio dellattivit sanitaria. Sulla base di questi presupposti, la Caritas ha chiesto al Tar di annullare il provvedimento e di condannare lente al pagamento delle spese di giudizio. Il 17 maggio scorso, la giunta ha dato mandato alla direttrice dellAvvocatura del Comune Paola Di Marco di resistere al ricorso della fondazione. ACCOLTA LA SOSPENSIVA. Il primo round stato vinto dalla Caritas. Gioved scorso il tribunale amministrativo, presieduto da Umberto Zuballi, ha accolto la richiesta di sospensiva del provvedimento del dirigente del Suap e ha fissato, per la trattazione di merito del ricorso, unudienza pubblica per il 10 gennaio. I giudici hanno motivato la loro decisione facendo presente limportanza dellattivit svolta dalla struttura per i malati Hiv, lunica funzionante sul territorio. E stato inoltre considerato il periodo relativamente breve della presunta irregolarit commessa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

II

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PESCARA

C2

IL CENTRO

IL TENTATO OMICIDIO

Il giovane non risponde al gip mentre il suo avvocato fa ricorso al Riesame per ottenere la libert

Larrestato: non ho sparato io


Prostituta ferita al viso, la difesa punta sullo scambio di persona
PESCARA. Non sono stato io. Di fronte al gip, Pasquale Di Giovanni resta in silenzio, ma attraverso il suo legale, lavvocato Luca Sarodi, il giovane di 28 anni ribadisce che non lui luomo che la notte del 25 aprile ha sparato alla prostituta nigeriana lasciandola in fin di vita in una stradina di Colle Santo Spirito, a San Donato. proprio sullerrore di persona che punta ora la difesa che ha gi annunciato di fare ricorso al Riesame per ottenere la libert: la descrizione fornita dalla ragazza non sarebbe poi cos precisa, sostiene la difesa. pronta a contestare proprio le lacune della descrizione fornita dalla ragazza. A cominciare dai tratti somatici piuttosto marcati delluomo di cui la donna non fa parola. E soprattutto, sostiene la difesa, dal fatto che prima di indicare Di Giovanni, la donna avrebbe indicato unaltra persona. Fondamentale, a questo punto, appare il confronto allamericana tra laccusatrice e larrestato richiesto con lincidente probatorio dal pm Giampiero Di Florio al gip Luca Sarandrea. Un atto finalizzato a far entrare, nel processo che sar, le dichiarazioni dellunica e principale accusatrice, blindando laccusa e proteggendo la testimone da possibili intimidazioni che potrebbero spingerla a ritrattare o a lasciare definitivamente lItalia. (s.d.l.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

CANTIERE A PORTA NUOVA

Limpresa fallita. Unaltra ditta chiede un milione, ma non viene pagata

Pasquale Di Giovanni, larrestato

Caserma della finanza, lavori fermi


PESCARA. I lavori per la costruzione della nuova caserma della finanza sulla riviera di Porta Nuova si sono fermati. Il fallimento dellimpresa appaltatrice, la Prismo universal italiana, di Roma, ha costretto il provvediIl pericolo deriva dal fatto che la societ non riesce ad ottenere il pagamento dei lavori, circa un milione di euro, per fare fronte a un fido concesso dalla Caripe, non pi disponibile a rinnovarlo. La vicenda, spiega lavvocato Giancarlo Viglione, che assiste la Sim project appalti, annega nel mare della burocrazia. Il contratto dappalto per la costruzione della caserma stato sottoscritto nel 2010 tra il Provveditorato interregionale alle opere pubbliche e la Prismo universal italiana, la quale ha subappaltato parte dei lavori alla Sim project. Questultima li ha eseguiti senza ottenere il corrispettivo a causa del fallimento della Prismo, dichiarato dal tribunale di Roma nel gennaio scorso. Poich la Prismo risulta creditrice nei confronti della finanza di una somma pari a un milione di euro, contitorato alle opere a rescindere il contratto e ora ne stipuler uno nuovo con la seconda classificata. Nel frattempo, rischia il fallimento anche la Sim project, di San Giovanni Teatino, che ha ricevuto lavori in subappalto. nua Viglione, la Sim project ha chiesto il pagamento a suo favore di quella somma, ma il riscontro stato finora negativo, perch la finanza ritiene di non aver debiti nei confronti della societ. Il titolare della societ, avverte il legale, ha gi licenziato una ventina di lavoratori, i fornitori non consentono pi di acquistare con promessa di pagamento e la banca ha chiesto il rientro del fido entro il 31 maggio. Fonti della finanza fanno presente che le norme di Diritto fallimentare non consentono di poter accogliere le richieste della Sim project. Lappalto, intanto, fermo. Gli edifici sono stati realizzati, mancano le rifiniture e gli impianti. Il progetto prevede tre edifici. Il primo di tre piani, per la polizia tributaria; gli altri due di quattro piani, di cui uno per il Nucleo aeronavale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Una descrizione che la ragazza nigeriana fa subito in ospedale due giorni dopo la spaventosa aggressione del 25 aprile, parlando ai poliziotti della Mobile di un uomo sui 30 anni, di 1.75 di statura, leggermente robusto, con addome prominente e capelli neri corti pettinati in maniera disordinata. Ma soprattutto di un uomo con una vistosa cicatrice tra il pollice e lindice. Particolari che la donna conferma e Lispettore Antonio Iervese amplia nella sua seconda deposizione quando, una volta uscita dallospedale, l11 maggio, scarta 250 foto segnaletiche, approfondendo il particolare delle cicatrici notate sulla mano destra dellaggressore

e descrivendole, questa volta, come cicatrici plurime di piccole dimensioni su alcune dita della mano. Segni che lei ripete di aver notato la notte del 25 aprile a causa della pelle pi chiara intorno alle ferite rispetto al resto della mano. Ne segue un ulteriore riconoscimento fotografico, questa volta basato sullintuizione dellispettore della sezione Omicidi, Antonio Iervese, il quale collega questa descrizione alle fattezze di Pasquale Di Giovanni che proprio in quei giorni era stato portato in Questura tra i sospettati dellomicidio Rigante. Per laccusa la svolta, perch tra le quattro foto che le vengono mostrate, la nigeriana, colta da unagitazione improvvisa, indica subito Di Giovanni. Subito, dice laccusa, ma non in maniera cos sicura, ribatte la difesa che invece

Vittima e aggressore a confronto nei prossimi giorni

IL CENTRO

PESCARA

CA

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

III

LOMICIDIO DI DOMENICO RIGANTE

Ultr ucciso, 9 testimoni contro i Ciarelli


Dal raid in piazza dei Grue allagguato nella casa, ecco le accuse che hanno fatto arrestare i 5 rom
di Simona De Leonardis
PESCARA. Bagnal, bagnal grida il commando rom mentre scappa da via Polacchi e gi sa che per quellagguato sanguinario si stanno precipitando polizia e carabinieri. solo uno dei tanti particolari che, ognuno dalla propria posizione, raccontano i nove testimoni che incastrano i cinque Ciarelli arrestati per lomicidio di Domenico Rigante. Nove testimonianze che ricostruiscono ogni fase dellagguato, dallarrivo del commando in piazza dei Grue allinseguimento di Antonio Rigante e dellamico lungo via Polacchi, fino allinferno che il commando scatena in casa e alla successiva fuga con la 500 Abarth e lo scooterone. Particolari che, dopo la reticenza dei primi giorni spiegata dagli stessi testimoni con le minacce ricevute dal commando prima di lasciare la casa, in seconda battuta sono stati riferiti dai testi senza ombra di dubbio agli investigatori della Mobile. Frasi, circostanze e descrizioni che hanno consentito agli uomini diretti da Pierfrancesco Muriana di ricostruire la scena del crimine associando a ognuno dei cinque arrestati ruoli e movimenti. Di qui la richiesta al gip, da parte del pm Salvatore Campochiaro, di un incidente probatorio che con un confronto allamericana protetto, tra testimoni e arrestati, blindi le prove finora acquisite a carico di Massimo Ciarelli, presunto omicida dellultr di 24 anni, e dei suoi complici: i cugini Luigi, Angelo e Antonio e il nipote Domenico Ciarelli. MASSIMO. A inchiodare il rom di 29 anni accusato di essere lassassino di Domenico Rigante innanzitutto la vittima che, prima di morire, rivela il suo nome ai soccorritori. Ma la presenza di Massimo Ciarelli (che avrebbe organizzato il raid per vendicare le botte subte la sera prima dal gruppo da Antonio Rigante in via delle Caserme), confermata da due testimoni che lo vedono arrivare in piazza dei Grue a bordo della Fiat Cinquecento (lato passeggero) e scendere armato; da due che no sparato a una gamba. Dichiarazioni che si intrecciano con quelle di un altro teste che descrive Massimo accovacciato accanto a Domenico, mentre gli punta la pistola a un fianco e poi dice allo stesso teste: Non lo uccido solo perch ci sei tu. LUIGI. Sono tre i testimoni che riconoscono Luigi, il primo dei tre cugini di Massimo. Tre persone che ne dipingono un ruolo pi che attivo nellagguato: da quando arriva in piazza dei Grue in sella allo scooterone guidato da Domenico a quando piomba anche lui nella casa di via Polacchi: secondo un testimone, armato anche Luigi e sempre lui, dopo che Massimo ha sparato a Rigante, si accanisce sul giovane pap colpendolo ripetutamente con un casco. ANGELO. il conducente della 500 che viene visto mentre con Massimo e gli altri rincorre Rigante e lamico fin dentro casa. Qui un testimone lo incrocia in sala e un altro lo riconosce come quello che dopo gli spari torna indietro e minaccia: Vi dovete fare i fatti vostri. La sua presenza confermata anche da chi assiste alla fuga e lo vede risalire sulla 500 con altri 4 nomadi. ANTONIO. Il fratello gemello di Angelo viene riconosciuto solo da una persona che lo vede scendere e risalire sulla Cinquecento (sedile posteriore) prima e dopo il raid, descrivendo nel dettaglio com vestito lui e com vestito il gemello Angelo alla guida dellauto. Antonio anche quello a cui risulta in uso la 500: i poliziotti la ritrovano poco dopo lomicidio proprio sotto casa sua, in via Caduti per Servizio, con il motore ancora caldo, le portiere aperte e senza chiavi. DOMENICO. quello che secondo cinque testimoni guida lo scooterone che piomba in piazza dei Grue con la 500. lui che viene visto correre e rimettersi sulla moto, con cui scappa verso via Croce dopo che unaltra persona lo ha incrociato nella sala dellappartamento di via Polacchi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ricostruita dalla Mobile ogni fase del delitto del primo maggio in via Polacchi
lo vedono impugnare la pistola con un guanto in lattice mentre insegue e spara contro Antonio Rigante e lamico, e da quattro che allinterno della casa ne descrivono movimenti e frasi. Come lordine che Massimo d ai due che sono nascosti sotto al tavolo della cucina con Domenico Rigan-

te: Fuori dai cogl... voi due e mentre quelli escono, uno dei due riferisce che Domenico implora Non mi sparate ho una bambina piccola, seguito da un colpo di pistola e Domenico che si lamenta mi han-

Muriana, capo della Mobile e a fianco la casa dellomicidio

ORDINANZA DEL GIP DELLAQUILA

Speronano auto della polizia, presi 4 minori


Non si fermano allalt, bloccati a Rancitelli dopo un inseguimento
PESCARA. Pur avendo 16 e 17 anni ne hanno gi combinate di tutti i colori e la polizia li ha fermati pi volte per vari episodi criminali. Lultimo fatto di cui sono stati protagonisti accaduto il 2 maggio, quando hanno tamponato lauto della polizia che li stava inseguendo a Rancitelli. Dopo lo scontro si sono allontanati, ma i loro volti sono ben noti agli agenti che li hanno subito riconosciuti e denunciati e ieri li hanno arrestati su disposizione del gip del tribunale per i minorenni dellAquila, Silvia Reitano, che li ha fatti condurre in comunit. I tre giovani, due di 16 anni e uno di 17, tutti pescaresi, devono rispondere dei reati di ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale in concorso. Lauto su cui viaggiavano quella sera, una Lancia Y10 rubata, stata intercettata dagli agenti della volante, diretti da Alessandro Di Blasio, durante una perlustrazione a Rancitelli. Inutile lalt intimato dagli agenti: lauto, che procedeva speditamente, ha tentato di allontanarsi aumentando la velocit e azzardando una serie di manovre pericolose. La corsa si interrotta quando la Lancia si schiantata contro la saracinesca di un garage in via Lago di Capestrano e nello stesso tempo ha urtato lauto della polizia. Senza darsi per vinti gli occupanti, che erano quattro, sono fuggiti a piedi. Tre di loro sono stati riconosciuti subito dagli agenti e uno di loro stato anche bloccato nellimmediatezza, identificato e denunciato. Gli altri due sono spariti, ma sono stati comunque segnalati allautorit giudiziaria, che ora ne ha disposto larresto. Da identificare il quarto. Sulla Lancia cerano una chiave alterata per accendere il mezzo rubato, una tenaglia e un tronchese, arnesi tipici dei ladri. Flavia Buccilli

I ragazzi sono stati sorpresi a bordo di unauto rubata

Sono stati trovati in possesso di attrezzi da scasso

IV

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PESCARA

C5

IL CENTRO

LA QUESTURA IN FESTA
A sinistra la platea con i poliziotti premiati per i meriti conquistati con le indagini (foto Michele Raho)

Il questore di Pescara Paolo Passamonti ieri al teatro Massimo

Premiati 14 poliziotti coraggiosi


Passamonti: Citt al sicuro, pronti a fronteggiare le tensioni sociali
di Pietro Lambertini
PESCARA. Pescara sotto controllo, anche a Rancitelli e a Fontanelle. Lo dice il questore Paolo Passamonti nel giorno della festa per i 160 anni della polizia. Al centro dellanalisi di Passamonti ci sono le tensioni sociali esplose in citt conAl teatro Massimo, Passamonti elenca le criticit di Pescara, dalla questione dellinsabbiamento del porto, irrisolta e ancora in fase calda, al movimento popolare per Fontanelle sceso in strada dopo le minacce a Nello Raspa, e le tensioni sociali a seguito del delitto Rigante. TENSIONI SOCIALI. Significativa, dice il questore, stata la manifestazione del 6 maggio scorso quando un migliaio di persone, prevalentemente ultr ma anche espressione della cittadinanza pescarese, si sono riunite in piazza Italia per rappresentare il proprio disagio in relazione allillegalit diffusa verso lampia comunit rom. In prima fila, ieri, ad ascoltare lintervento del questore il procuratore Cristina Tedeschini, il giudice Carmelo De Santis, i vertici delle forze dellordine, e anche i deputati Antonio Razzi di Popolo e territorio, ex Idv diventato famoso per unintervista rubata su politica e affari personali, Gianpiero Catone, ex Pdl e riformatore della Dc. SEQUESTRI. Ammontano a 7 milioni di euro i beni sequestrati ai rom: La polizia e le altre forze dellordine, afferma Passamonti, agiscono attraverso misure preventive e repressive, con il contro i rom dopo lomicidio dellultr Domenico Rigante il primo maggio scorso: Il quadro sociale, a Pescara e Montesilvano, estremamente complesso, spiega il questore, ma lattenzione delle forze dellordine massima. no per aver collaborato allindagine sul Caff Venezia, unoperazione, dice la motivazione, che si concludeva con il sequestro preventivo di quattro societ di capitali e relativi rami d azienda e dei saldi di conto corrente, proventi di illecite attivit. Premiati anche Mauro Di Persio per aver bloccato due rapinatori stranieri, e Antonio De Sanctis, Amerino Ver, Marcello Di Blasio e Marco Faieta per unoperazione antidroga. Encomio, per unindagine su bancomat manomessi, a Tiberio Marrone e Mario Mosca. SIULP PROTESTA. Alla festa non ha partecipato il Siulp per il mancato pagamento, da oltre un anno, delle indennit dovute ai dipendenti di polfer, polizia autostradale e postale, ai ritardi per avere uguali ricompense a uguali condizioni di impiego per la partecipazione alle operazioni di soccorso per il terremoto dellAquila e il G8; dalleccessivo carico di lavoro dei servizi sul territorio, rispetto a personale e risorse assegnate, ai mezzi obsoleti, le uniformi insufficienti e linidoneit dei posti di lavoro per i tagli ai vari capitoli di spesa. La celebrazione della nostra festa, dice il segretario Orazio Colantuono, la faremo continuando a svolgere il nostro lavoro di tutela della legalit per i cittadini, nonostante tutto e con enorme sacrificio, sempre nel rispetto dei principi cardini della legge 121/1981.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I poliziotti sul palco del teatro Massimo durante la festa per i 160 anni del corpo trollo e messa in sicurezza dei quartieri difficili, la gestione della protesta di piazza e lazione investigativa, fondamentale per dare risposte alle aspettative delle vittime e della popolazione. Passamonti, poi, dice che a Pescara ci sono diverse realt criminali: quelle di transito abbiamo arrestato rapinatori di banche palermitani , i rapinatori di gioiellerie tutte bande specializzate che siamo riusciti ad assicurare alla giustizia , piccoli rapinatori locali che prediligono farmacie e supermercati e, poi, spacciatori. I PREMIATI. Tra i poliziotti premiati, lunico con la medaglia di bronzo al valor civile, Danilo Ciurlino del reparto Prevenzione crimine per aver salvato due ragazzi dal mare in burrasca a Francavilla il 4 settembre 2009: Libero dal servizio, recita la motivazione, con generoso slancio ed esemplare altruismo non esitava a tuffarsi nel mare agitato in soccorso di due ragazzi in difficolt. Encomio solenne ed encomio allispettore superiore della Mobile Nicolino Sciol per unindagine che ha sgominato unorganizzazione criminale finalizzata al traffico di droga. Encomio anche al dirigente della Postale Pasquale Sorgon e al suo vice Gianluca De Donato per unindagine su carte di credito clonate sfociata in 26 arresti. Encomio al sostitu-

to commissario della Mobile Giancarlo Pavone per lindagine sulla ricostruzione post-sisma allAquila con quattro arresti e linterdizione dellex assessore regionale Daniela Stati: Evidenziando capacit professionali e acume investigativo collaborava a unoperazione di polizia giudiziaria che si conclu-

deva con lesecuzione degli arresti domiciliari nei confronti di quattro persone e con la misura interdittiva a carico di un funzionario regionale, responsabili di associazione per delinquere e corruzione. Encomio al sostituto commissario della Mobile Mauro Sablone e allassistente capo Claudio Ciurli-

Pranzo di festa allEsplanade per i cento anni di nonna Maria


PESCARA. Grande festa oggi a pranzo al ristorante dellhotel Esplanade per Maria Delli Zoppi che laltro ieri ha raggiunto un importante traguardo, il compimento dei suoi primi cento anni. Nata a Pescara e residente ai Colli in via Marchegiani, proprio dietro alla basilica della Madonna dei Sette Dolori, la simpatica nonna, nonostante let fa ancora il bucato, innaffia le piante del balcone e passeggia. Vive con suo figlio Massimo e la nuora. Con loro, a festeggiarla oggi, ci saranno tutti i familiari e i parenti.

PORTO TURISTICO

Diportisti, iniziativa del circolo La Scuffia


PESCARA. Il circolo velico La Scuffia ha organizzato per oggi una giornata dedicata alla sicurezza per i diportisti. La manifestazione si svolger nelle acque interne del porto turistico Marina di Pescara. La manifestazione consiste in manovre per il recupero di un uomo a mare, uso dei salvagenti, simulazione di una falla con conseguente mayday, apertura di una zattera, abbandono di unimbarcazione, apertura di una seconda zattera a terra. Lappuntamento alle 8,30, sul molo Oscar del porto turistico, dopo la torre di controllo.

La centenaria Maria Delli Zoppi

IL CENTRO

PESCARA

CB

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

VI

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PESCARA

CD

IL CENTRO

IL TOUR IN CENTRO

LA FESTA PROMOZIONE

Due fratelli-tifosi imparruccati

Esplode la festa per la A oggi Zeman e i giocatori in corteo sul bus scoperto

Champagne, balli e canti la notte del Pescara alla concessionaria Porsche


PESCARA. La grande giornata di festa del Pescara, che dopo la vittoria sulla Nocerina e la conquista del primo posto della Serie B, si conclusa ieri in tarda serata nella concessionaria Porsche Autoimport Abruzzo di Gianni Paglione, che per loccasione ha adibito una parte del salone auto a vero e proprio locale per ospitare la festa biancazzurra di mister Zeman, dei calciatori artefici dellimpresa e di tutta la dirigenza del Delfino Pescara 1936. Tra champagne, balli e canti si andati avanti fino allalba per non dimenticare una notte magica, una notte da campioni. Caroselli, clacson e trombette impazzite fino a notte fonda anche in tutte le strade del centro cittadino con migliaia di tifosi in delirio per il ritorno della squadra del delfino in Serie A a distanza di quasi ventanni. In tantissimi si sono riversati in corso Umberto, piazza Salotto e la nave di Cascella. Ma tutta la giornata di ieri stata una grande festa, con Porta Nuova completamente colorata di bianco e azzurro, con le bancarelle di magliette, sciarpe, bandiere e cappellini disseminate a tutti gli angoli delle strade. Adulti, bambini, donne e anziani, tutti accomunati dalla fede biancazzura, hanno passato una giornata intera a festeggiare, con la zona della stadio congestionata e zeppa di tifosi gi a partire dalle 16 di ieri pomeriggio. Tra gli oggetti pi venduti dai venditori ambulanti (provenienti da Campania, Sicilia e Cina) sono state le magliette celebrative con la foto di Zeman e i nomi di tutti i calciatori. A seguire gli articoli pi richiesti sono stati le trombette, i cappelli jolly, le sciarpe e le bandiere. Tra le maglie con i nomi della squadra, a ruba sono andate quelle dei bomber Insigne e Immobile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

di Loris Zamparelli
PESCARA. La citt intera oggi si ferma per la grande festa del calcio organizzata per celebrare la promozione in serie A del Pescara di Zeman e Sebastiani. Dopo ben diciannove anni dallultima partecipazione, i pescaresi tornano a festeggiare un traguardo storico, dopo diversi anni bui passati anche il Lega Pro, la vecchia Serie C. Questo giro invece si torna a sorridere per la seconda volta in soli tre anni, grazie a due promozioni, quella di adesso e quella di due anni fa in B. Il capoluogo adriatico torna dunque a colorarsi di bianco e azzurro, con tutti i cittadini pervasi dallo stesso sentimento di gioia e felicit. Alle 16 in punto partir il pullman dallo stadio Cornacchia per un lungo e lento viaggio tra i luoghi storici e simbolo della tifoseria che ha sostenuto per interi campionati la squadra che ha ora compiuto la grande impresa. Per loccasione saranno chiuse al traffico ventisette strade. prevista la partecipazione di migliaia di tifosi, supporter e gente comune che nel corso di questa splendida cavalcata verso il massimo campionato italiano si affezionata a mister Zeman e ai suoi ragazzi, capaci di unimpresa alla quale davvero in pochi credevano. Tra le 15.30 e le 16 prevista la partenza del bus scoperto con a bordo i calciatori e i dirigenti della societ biancazzurra: il mezzo prender il via dallingresso della curva nord dello Stadio Cornacchia per

poi percorrere via DAvalos, via Vespucci, il lungomare Cristoforo Colombo, il porto turistico, di nuovo il lungomare Cristoforo Colombo, via Andrea Doria, il ponte dellasse attrezzato, via Paolucci, via Gobetti che verr percorsa contromano, via Foscolo, sempre contromano, il lungomare Matteotti, viale della Riviera nord per entrare a Montesilvano, con ritorno in via Nazionale Adriatica nord, viale Bovio, via Michelangelo, via del Santuario, strada Vecchia della Madonna, via Monte di Campli,

via Prati, via Fonte Romana, via del Circuito, via De Gasperi, via Caduta del Forte, corso Vittorio Emanuele, corso Umberto e arrivo in piazza Salotto. In ogni strada del percorso ci sar una fermata in un luogo storico della tifoseria e in ogni tappa stata prevista una sorpresa organizzata dagli stessi supporter. Tutte le strade verranno chiuse al passaggio del bus scoperto, per poi essere riaperte alla viabilit. stato istituito anche il divieto di sosta e fermata su entrambi i lati di via Gramsci, nel tratto

compreso tra piazza Primo Maggio e via Galilei dalle 12 fino alla fine della manifestazione. Linvito che rivolgiamo ai cittadini, dice lassessore al Traffico Berardino Fiorilli, quello di prestare massima attenzione alle indicazioni della polizia municipale, di limitare al minimo indispensabile luso dellauto, e magari di evitare le vie dov previsto il passaggio del bus per non restare bloccati in colonna, in attesa che passi il pullman dei calciatori.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LOMAGGIO

Mercoled poster in regalo


PESCARA. Mercoled in edicola con Il Centro in omaggio con il nostro quotidiano ci sar un poster celebrativo per la promozione in serie A del Pescara, tornato nella massima serie italiana a distanza di diciannove anni. Nel poster limmagine di mister Zeman con tutti i calciatori della squdra e i dirigenti del Delfino Pescara 1936, artefici dellimpresa.

MISTER ZEMAN SI SCATENA IN UN BALLO PER FESTEGGIARE LA PROMOZIONE IN A


Matti Lund Nielsen con la compagna ieri sera alle festa del Pescara (foto Lattanzio)

Uno delle decine di venditori ambulanti presenti ieri in citt per vendere sciarpe e magliette

Due ragazze con lo scudetto

Giovani tifosi in festa in corso Vittorio Emanuele

Un gruppo di disabili con amici e familiari festeggia il ritorno in Serie A del Pescara dopo quasi venti anni di assenza

IL CENTRO

PESCARA

C3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

VII

GLI OSTACOLI VICINO ALLOSPEDALE

di Loris Zamparelli
PESCARA. complicato muoversi su una carrozzella, non immaginavo fosse cos difficile. Questo il primo pensiero del vescovo Tommaso Valentinetti subito dopo il giro fatto sulla sedia a rotelle in compagnia di Claudio Ferrante, presidente dellassociazione Carrozzine determinate, che lo aveva invitato a provare in prima persona le difficolt che sono costretti a vivere quotidianamente i disabili per muoversi in citt e fare tutti gli spostamenti e tutte le operazioni basilari che ognuno di noi fa. Non la prima esperienza di questo tipo che Ferrante propone, gi un anno fa fece sedere in carrozzina assessori e consiglieri regionali e qualche mese dopo anche i loro omologhi del Comune. Il

Il vescovo Valentinetti sfida in carrozzella le barriere architettoniche


problema per, che dopo la presa datto delle difficolt e le dichiarazioni dintenti per risolvere la problematica, le barriere architettoniche restano sempre l e anche nei lavori fatti di recente, i saliscendi (dove ci sono) restano degli ostacoli praticamente insormontabili per leccessiva pendenza. Continueremo con la nostra lotta per la civilt, afferma Ferrante, ma per richiamare le istituzioni al rispetto della legge siamo pronti a depositare un esposto alla procura della Repubblica. Non c dignit nel doversi muovere in questo modo. La passeggiata di Valentinetti e Ferrante si snodata nelle vie circostanti allospedale e poi ai varchi di ingresso dello stesso. Assenza di scivoli, marciapiedi con alberi al centro e saliscendi troppo pendenti i problemi principali che non permettono la fruizione dei servizi ospedalieri ai disabili. In sostanza una persona sola sulla sedia a rotelle non pu recarsi autonomamente in ospedale. Negli occhi del vescovo, durante la passeggiata sulla sedia a rotelle, in pi di unoccasione si leggeva un vero timore nellaffrontare la salita o la discesa di un marciapiede: In effetti la citt disseminata di barriere architettoniche. Andare in giro cos provoca un vero senso di impotenza. Il mio vuol essere un messaggio affinch si possa rimediare a questi ostacoli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il vescovo Tommaso Valentinetti in carrozzella con Claudio Ferrante in alto, da sinistra, il vescovo e Ferrante bloccati su un marciapiede al centro Valentinetti e il gruppo di Carrozzine Determinate

VIII

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PESCARA

C4

IL CENTRO

LA DENUNCIA
A occuparsi dello studio la cooperativa Strada Facendo e il direttore del Sert
di Loris Zamparelli
PESCARA. I ragazzi bevono troppi alcolici, fumano spinelli, sono ossessionati dai soldi e pensano spesso al sesso. Questo lautoscatto degli studenti del BellisarioMisticoni coinvolti nel progetto Il mondo che potrei. Oltre l80 per cento dei ragazzi dice che i propri coetanei spendono troppi soldi per cose inutili, bevono troppi alcolici, pensano sempre al sesso e fumano spinelli. Mentre il 65 per cento afferma che siano ossessionati dai soldi. A realizzare concretamente il progetto stata la cooperativa Strada facendo, presidente Claudio Clavario, che in collaborazione con Pietro Fausto DEgidio, direttore del Sert di Pescara ha coinvolto le quarte classi delle scuole pescaresi Bellisario e Misticoni, listituto darte e il liceo artistico, in una serie di quiz sulle abitudini degli studenti. Nello specifico, lobiettivo del progetto quello di sensibilizzare i giovani studenti alla prevenzione delluso di sostanze psicotrope attraverso una maggiore consapevolezza degli effetti delle stesse. Ha anche promosso la sperimentazione di nuovi canali di comunicazione per facilitare il dialogo tra i giovani, i servizi territoriali e le istitu-

Gli studenti del Bellisario durante lincontro con DEgidio

DEgidio: giovani vittime dello sballo


Ricerca del Bellisario-Misticoni su alcol e droga rivela eccessi nel divertimento
zioni attraverso lutilizzo della metodologia della Peer Education, molto usata da DEgidio e i cui risultati sono stati certificati anche dal ministero della Salute. Lo studio di ricerca stato suddiviso in tre momenti differenti: ai ragazzi stato chiesto come vedono il rapporto con le droghe, il sesso e i soldi degli adulti, dei loro coetanei e di loro stessi. La cosa importante da sottolineare, dice DEgidio, la trasformazione di valore enorme negli ultimi anni del genere femminile, che oramai mette sotto gli uomini in tutti i modi. Ad esempio hanno pi successo nella scuola, per ogni due ragazzi si laureano tre ragazze. Ma soprattutto hanno acquisito quella indipendenza emozionale, che fa s che siano pi inclini alla cultura delleccesso rispetto ai maschi. Nel progetto sono stati coinvolti 122 ragazzi, 34 del Bellisario e 88 del Misticoni. Ci che emerge dalla lettura dei risultati che gli occhi dei ragazzi vedono, con larga percentuale, sia gli adulti che i loro coetanei, vivere molte situazioni con eccesso, come il denaro, il potere, le sostanze stupefacenti e il sesso. Gli operatori della cooperativa hanno costituito dei gruppi, che nel corso dellanno hanno avviato una serie di attivit di prevenzione basata sulla valorizzazione di alcune specifiche abilit sociali. Pietro Fausto DEgidio, direttore del Sert di Pescara
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA POLEMICA

Manifesto anti-rom esposto dellUnar


PESCARA. Lufficio nazionale antidiscriminazione razziale (Unar), operante nellambito del dipartimento per le Pari opportunit della presidenza del Consiglio dei ministri, ha trasmesso alla Procura di Pescara una comunicazione di reato per la violazione della legge sulla discriminazione razziale in merito ai manifesti del Pdl affissi a Pescara in cui i rom sono stati equiparati a delinquenti.

IL CENTRO

PESCARA

ce

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

IX

Foto di gruppo di due classi di via Cavour che ieri mattina hanno partecipato alla manifestazione sul campo di Zanni

Mattinata di sport per gli alunni e gli insegnanti dei plessi di via Cavour, via Gioberti e Piano T
LE FINALI DEL DECIMO CIRCOLO

Giochi della Giovent, festa per 840 bambini


Staffette, sfide di basket e pallavolo: ecco le mini Olimpiadi con le fiamme gialle

PESCARA. Giornata di festa per gli 840 alunni delle scuole primarie del decimo circolo didattico che ieri, al campo sportivo di Zanni, hanno rinnovato con i loro insegnanti il tradizionale appuntamento con la finale dei Giochi della giovent. Una sorta di mini Olimpiadi per i bambini dei plessi di via Gioberti, via Cavour e Piano T che, con le casacche di diversi colori a seconda delle classi, hanno messo in scena una coreografia ispirata ai Giochi olimpici di Londra 2012 prima di cimentarsi, dopo i saluti delle autorit (presenti il comandante del Nucleo di polizia tributaria della Finanza Roberto Di Mascio, lassessore regionale Carlo Masci, il presidente provinciale del Coni Enzo Imbastaro, il vice presidente della Provincia Fabrizio Rapposelli, lassessore comunale Marcello Antonelli) e la suggestiva accensione della fiaccola, nei giochi veri e propri sotto gli occhi dei giu-

dici gare della Fidal. A conclusione dei percorsi staffetta, delle gare di pallacanestro e pallavolo sono state consegnate 840 medaglie a tutti i partecipanti, davanti alle centinaia di genitori che hanno affollato gli spalti. Il Circolo diretto dalla dirigente scolastica Francesca Berardinelli questanno si avvalso del progetto nazionale Miur - Coni di alfabetizzazione motoria coordinato dai professori Valentina De Martino e Adriano Masci. Il presidente del consiglio di circolo Aurelia Di Nunzio a nome del dirigente scolastico ha salutato il comando provinciale delle Fiamme gialle che ha coordinato la sicurezza e la premiazione dei partecipanti. Il tutto sotto gli occhi di centinaia di genitori che hanno gremito le tribune e che con i loro figli, a fine manifestazione, hanno assistito come da tradizione alla partenza dellelicottero delle Fiamme Gialle.

Le diverse gare in cui si sono cimentati i bambini del X circolo nel corso della mattinata allinsegna del divertimento e dellamicizia. A sinistra in alto la dirigente Francesca Berardinelli durante una fase di premiazione con le Fianne gialle che hanno partecipato allevento

GIOCHI STUDENTESCHI

Volley, listituto Rossetti-Mazzini accede alle finali di Chianciano


PESCARA. Istituto Rossetti-Mazzini sugli scudi per la doppia qualificazione alle finali nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di pallavolo per le scuole secondarie di primo grado. Sia i maschi sia le ragazze (nelle foto) hanno vinto le rispettive fasi provinciali e regionali guadagnando laccesso allultimo atto della manifestazione, in programma a Chianciano Terme dal 28 al 31 maggio. Il grande slam un traguardo mai raggiunto negli ultimi anni da nessun plesso scolastico pescarese e tutto ci per merito del responsabile tecnico Bruno Ciuffi e della proficua collaborazione dellAntoniana Pescara, una delle societ cittadine pi longeve a livello pallavolistico, che proprio in questa stagione festeggia il quarantennale di attivit. La superiorit della Rossetti-Mazzini stata netta nei confronti delle scuole avversarie in tutti gli incontri, tanto che nessun match ha avuto un epilogo al terzo set. Nellordine i maschietti hanno battuto la Antonelli-Croce, Pianella e Villa Verrocchio nella fase provinciale e scuole di Chieti e Teramo nelle finali regionali. Per le ragazze la scalata al vertice ha visto soccombere una dopo laltra Villa Verroc-

chio, Pianella, Cepagatti, Tinozzi-Pascoli e Pratola Peligna. Ecco i nomi di tutti i protagonisti del doppio titolo regionale: Ragazzi: Manuel Al-

fieri, Andrea Marcotullio, Edgardo Ceccoli, Alessio DAlberto, Davide Grilli, Valerio Maurizio, Marco DIsidoro, Davide Marotta, Alessandro Buccione,

Pietro Montefalcone, Livio Cicconetti. Ragazze: Eleonora Pento, Francesca Isidoro, Greta Alberici, Francesca Piermatteo, Sara Cipriani, Martina Giammaruco, Teresa Cucullo, Sara Del Peschio Liberatore, Lucia Dire, Roberta Falasca, Giulia Cellini, Chiara Apostumo. Accompagnatori della

spedizione i professori Anna Tortora, Alessandra Lanza, Chiarida Ricci e Gabriella Consolazio. Nella fase nazionale listituto pescarese disputer almeno tre partite in un girone di qualificazione, poi scatteranno gli incontri a eliminazione diretta, fino alla gara decisiva per il titolo di campione dItalia. Marco Ratta

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

MONTESILVANO

C7

IL CENTRO

Lenaz chiede un faccia a faccia a Di Mattia: Deve garantire visibilit alle liste civiche

Tentato furto in una casa di via Chieti

Ladri si nascondono sotto un letto Essere Montesilvano: immotivata la richiesta di avere due assessori ma vengono arrestati

La lista di Tini dice no allUdc

MONTESILVANO. La lista civica Essere Montesilvano, fondata da Giuseppe Tini e Giuliano Lenaz, chiede un incontro di coalizione al sindaco Idv Attilio Di Mattia: un faccia a faccia per considerare gli assetti del futuro governo della citt. questa la presa di posizione del gruppo della maggioranza di centrosinistra che ha eletto in consiglio Federico Di Giovanni (197 voti). Una dichiarazione che arriva dopo la richiesta dellUdc, confermata dal segretario provinciale Antonello De Vico, di avere due assessori per il pi votato del partito Lino Ruggero (630 preferenze) e Pietro Gabriele, ex assessore della giunta Cordoma. Alla luce di richieste difficili da interpretare, spiega il presidente di Essere Montesilvano Giuliano Lenaz, che non trovano condivisibili motivazioni e che non esprimono posizioni di equilibrio verso la coalizione e in considerazione di spinte lontane dalle esigenze della citt, riteniamo necessario chiedere un incontro. Un confronto, quindi, tra Di Mattia, Pd, Idv, Sinistra Unita, lista civica Montesilvano Bene Comune e proprio lUdc. A Di Mattia, Essere Montesilvano chiede spazio: Siamo certi che il neo sindaco, dice Lenaz, sapr compiere

I consiglieri Pd Chiulli, DIgnazio e Di Pasquale con il sindaco dellIdv Di Mattia corrette scelte per la composizione della giunta tenendo in considerazione le necessit amministrative e le competenze e che sapr garantire la dovuta visibilit ai partiti e alle liste civiche che erano al suo fianco nel primo turno elettorale e che sono riuscite a eleggere almeno un consigliere. Lenaz prosegue: Siamo convinti che la fiducia da noi sempre riposta in Di Mattia sar ricambiata e siamo certi che sapr essere guida sicura per tutta la citt. Con le prime discussioni

per la giunta nella coalizione allargata del centrosinistra, arriva anche il commento di Manola Musa, candidato sindaco del centrodestra battuta (53 per cento a 46, pari a 1.474 voti): Non mi vorrei trovare nei panni di Di Mattia, dice Musa, lUdc chiede spazio ma adesso come far Di Mattia a nominare Gabriele se stato assessore con Cordoma. Se lo facesse, anche se Gabriele stato un ottimo assessore, smentirebbe la sua campagna elettorale. Il clima nel centrosinistra, per Musa, teso: non sar facile raggiungere lequilibrio con tutti quei partiti e liste civiche. Al posto di Di Mattia, io avrei gi trovato la quadra. Noi siamo pronti ad andare in consiglio, conclude Musa, gli altri sono preoccupati. Intanto, si avvicina il momento dellinsediamento per Di Mattia: forse, domani, dalla prefettura potrebbe arrivare la convalida degli eletti. Poi, Di Mattia avr 20 giorni di tempo per convocare il primo consiglio e annunciare i suoi assessori. In squadra non ci sar Debora Comardi, prima eletta di Sinistra Unita (232 voti): dopo lofferta di Di Mattia, il padre Aurelio Colangelo ha detto che Debora non si dimetter mai da consigliera.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giuseppe Tini di Essere Montesilvano

MONTESILVANO. Si sono infilati sotto il letto sperando di non essere visti dai carabinieri, che hanno fatto irruzione in casa dopo lallarme lanciato da un passante che aveva visto entrare dei ladri. Ma il tentativo maldestro di nascondersi non riuscito e i due stranieri sono stati scovati e arrestati. Sono un marocchino di 25 anni e un palestinese di 27, il primo gi indagato per questioni di droga. Ad informare i militari del radiomobile, diretti dal maresciallo Silvestro Scurti e coordinati Il capitano Marinelli dal capitano Enzo Marinelli, stato un passante che, verso mezzanotte, ha notato i due che scavalcavano un cancello in via Chieti per raggiungere ledificio composto di tre appartamenti vuoti, occupati solo in estate. Quando la pattuglia arrivata i carabinieri hanno notato che erano stati forzati gli ingressi di due alloggi e cera disordine ovunque. I malviventi, che non avevano ancora preso alcunch, si sono nascosti sotto il letto ma qualche istante dopo sono stati scoperti e arrestati con laccusa di tentato furto. Flavia Buccilli

LA PROTESTA

Gli studenti: cambiate gli orari alla biblioteca


Contestata la chiusura anticipata, i giovani occupano la struttura
MONTESILVANO. Ridateci la biblioteca. Il grido di protesta viene dai ragazzi che quotidianamente frequentano la biblioteca comunale di Palazzo Baldoni. Gioved scorso si sono visti ridurre lorario di apertura. Non possibile che da un giorno allaltro venga ridotto lorario di accesso e limitato il diritto allo studio senza una motivazione, dice Simone Di Matteo, ex coordinatore del movimento giovanile Generazione futuro. Un protocollo dintesa, stilato lo scorso 25 gennaio tra lamministrazione comunale e luniversit della Terza et, presieduta dal consigliere uscente ex Udc Maria Rosaria Parlione, garantiva il prolungamento del servizio fino alle 19,30 dal luned al venerd e il sabato dalle 9,30 alle 12. I giovani studenti non ci stanno e hanno deciso di occupare la biblioteca. Gioved sono rimasti nella struttura fino alle 19,30 e promettono di non fermarsi. Nei prossimi giorni continueremo con la nostra azione di protesta non violenta, aggiunge Di Matteo, vogliamo lottare per farci valere e per far ripristinare il nostro diritto allo studio. Chiediamo ai responsabili una soluzione rapida e definitiva, una risposta concreta che permetta alla biblioteca di mantenere gli orari di apertura stabiliti dal protocollo. E propongono soluzioni: Siamo disposti a responsabilizzarci offrendo gratuitamente il nostro contributo per autogestirci durante gli orari che rimarrebbero senza copertura del personale comunale. La riduzione pomeridiana di unora e 45 minuti rispetto allorario in vigore fino a mercoled scorso. La comunicazione arrivata nella mattinata di gioved. E stato ristabilito lorario dellanno scorso, dalle 15,15 alle 17,45, conclude Di Matteo, non ci fermeremo fino a quando non sar ripristinato un orario ottenuto dopo mesi di richieste e petizioni. Non vorremmo che questa scelta fosse dettata da meri interessi di parte, sostiene Corrado Di Sante, di Rifondazione, quantomeno bizzarro che a pochi giorni dalla sconfitta del centrodestra al ballottaggio, luniversit della Terza et, presieduta dalla Parlione, prima dei

Gli studenti che occupano la biblioteca per protestare contro gli orari non eletti della lista Arcobaleno a sostegno di Manola Musa, interrompa il rapporto con il Comune. Vorremmo tanto sbagliarci ed avere lumi su quanto accaduto. Ci auguriamo che il sindaco intervenga. Come al solito a Montesilvano le beghe della peggior politica danneggiano la comunit, a cominciare dai giovani. Rosa Anna Buonomo
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

FRANCAVILLA
DELIBERA CONTESTATA

AREA METROPOLITANA

C6

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

XI

Domani i funerali di Alfredo Papa nella chiesa di San Rocco a Cepagatti

Francavilla, il progetto che fece dimettere Luciani ritorna in consiglio


NOZZE

Morte sul lavoro indagato il titolare dellazienda


CEPAGATTI. Si terranno domani alle 10,30, nella chiesa di San Rocco e Santa Lucia, a Cepagatti, i funerali di Alfredo Papa (nella foto), il pensionato di 58 anni morto venerd dopo essere precipitato da un soppalco alto cinque metri in un capannone artigianale di Villareia. La salma stata riconsegnata ai familiari ieri pomeriggio dopo lautopsia eseguita su disposizione della procura. Lesame autoptico ha confermato che la morte delluomo avvenuta per i gravissimi traumi riportati nella caduta. Nellambito dellinchiesta indagato per omicidio colposo il titolare della societ Giemme Plastik, che produce tende da sole nel piccolo opificio di via Serao, messo sotto sequestro subito dopo lincidente. Liscrizione del proprietario dellazienda nel registro degli indagati un atto dovuto. Trattandosi di un incidente sul lavoro, la procura dovr accertare lattivit che Papa, in pensione da alcuni anni dopo aver lavorato sulle piattaforme petrolifere, stava svolgendo nel capannone. Non risulta che luomo fosse dipendente della societ e non chiaro che cosa ci facesse in pieno orario di lavoro nellazienda di Villareia, sul soppalco che divide il piano terra dal piano rialzato. (g.d.l.)

Paola Toro si sposata

FRANCAVILLA. Dopo la prima bocciatura che ha innescato le dimissioni (poi ritirate) del sindaco Antonio Luciani, il progetto di riconversione in 81 alloggi residenziali dellex complesso industriale Mencarelli torna in consiglio comunale. Il capogruppo del Pdl Carlo De Felice Marted prossimo, la delibera verr rivista dalla commissione consiliare. Errare umano, ma perseverare diabolico: il sindaco Luciani va avanti con gli 80 appartamenti, afferma dallopposizione il capogruppo Pdl Carlo De Felice, che fin dallinizio ha contestato progetto e procedura di approvazione. Ci riesce difficile comprendere le motivazioni che hanno indotto il sindaco a riportare la delibera in commissione a poco pi di un mese di distanza dalla bocciatura in consiglio, a causa della quale si era dimesso. La delibera sempre la stessa, questa volta accompagnata da una relazione del dirigente che, per, non dice niente di nuovo rispetto a quanto aveva gi affermato in consiglio. Il sindaco nelle ultime settimane si impegnato a ricostruire una maggioranza e ora, al primo consiglio comunale utile, ripropone la stessa delibera: evidentemente questa approvazione ha molta importanza per lui e per il centrosinistra. Sono convinto che Luciani non fallir al secondo tentativo, anche se sono curioso di vedere come faranno i consiglieri che votarono contro, a motivare il ripensamento. Il progetto di riconversione in residenziale dellex impianto industriale si articola in tre edifici che si innalzano per 4 piani fuori terra, pi sottotetto e garage interrato. La proposta prevede la riconversione di 17 mila metri cubi di volume pi un 10% in base al decreto sviluppo, ricorda De Felice, posizionando gli standard in una zona vincolata. Secondo il capogruppo Pdl, quindi, il nodo della questione che aveva contestato a suo tempo, resta sempre lo stesso. Il dirigente scarica le responsabilit sul consiglio comunale, che di fatto dovr approvare una variante urbanistica senza seguire gli iter di legge, sostiene De Felice. Non ci sar alcun vantaggio per la collettivit, in quanto gli standard saranno utilizzati solo per i parcheggi al servizio delle attivit commerciali e dei residenti degli stabili, cos come si gi verificato per il complesso sorto nelladiacente area dellex Farmindustria. Di fatto ci sar un vantaggio a favore del costruttore, che potr realizzare una palazzina di circa 30 appartamenti in pi. Giuseppina Gherardi
RIPRODUZIONE RISERVATA

FRANCAVILLA. Lei bellissima nel suo abito bianco e una collana di perle intorno al collo, lui emozionato. Si sono sposati, ieri nella chiesa di SantAntonio, Paola Toro, collaboratrice del Centro, e Fabio Nativio. Tanti auguri dalla redazione del Centro.

Alloggi residenziali nellarea industriale Protesta il Pdl

XII

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PENNE

CITT SANTANGELO

VAL TAVO

C8

IL CENTRO

GRAVE ATTO VANDALICO

MANIFESTAZIONE

Squarciato il tendone del tennis


PENNE. Vandali in azione nella cittadella dello sport di contrada Campetto a Penne. Usando probabilmente una lama molto affilata, qualcuno ha squarciato il tendone che copre i campi del circolo tennis. Lincomprensibile e incivile gesto avvenuto nella notte tra venerd e sabato. Fino alle ore 21 di venerd sera, infatti cos ha confermato ai carabinieri Franco Olivieri, che insieme a Gino DAngelo gestisce il circolo tennis la struttura era a posto. Le prime persone ad accorgersi che il pallone era stato gravemente danneggiato, ieri mattina, intorno alle 9.30, sono state due tenniste, assidue frequentatrici del circolo, che non appeentrate allinterno del pallone, hanno visto il vistoso squarcio e hanno avvertito i gestori del circolo. Sul posto, per effettuare i rilievi del caso e stendere il verbale per laccaduto, sono subito intervenuti i carabinieri della compagnia di Penne coordinati dal capitano Massimiliano Di Pietro che hanno ispezionato il luogo senza trovare la lama con cui sarebbe stato eseguito il lungo taglio. La struttura, al cui interno ci sono due campi da tennis in cemento, stata praticamete messa fuori uso con un taglio di 36 metri, pari a tutta la lunghezza di uno dei quattro lati. Secondo le prime stime, il danno procurato alla struttura si aggira intorno ai 15mila euro. Il complesso sportivo comunale Sports Park, soprattutto nelle ore notturne, a causa della totale assenza di sistemi di controllo e recinzioni, sempre pi spesso teatro di vandalismo e di bravate. Il circolo tennis, la cui struttura fino a non molto tempo fa poteva contare su un minimo di recinzione, ultimamente rimasta scoperta dopo i lavori per la sistemazione della pista ciclabile che circonda limpianto tennistico. Lenorme taglio allimpianto coperto del circolo tennis, comunque, a differenza di quanto accaduto non molto tempo fa al Palatenda, colpito allinterno con archi e frecce da alcuni ragazzi in vena di bravate, non sembrerebe solo una ragazzata, ma fa pensare a un atto pi violento e intenzionale, volto a danneggiare lattivit dei gestori del circolo tennis. Per il momento n DAngelo n Olivieri hanno voluto rilasciare dichiarazioni sullaccaduto. Francesco Bellante
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gare e passeggiate per i bambini

Festa con i pony Penne, distrutta la copertura dei campi con un taglio di 36 metri al campo di Elice
ELICE. Si svolger oggi a Elice una tappa del campionato regionale Abruzzo 2012 Gimkana Jump 40 e Gimkana 2 Warm-Up Pony, una giornata di gare nella quale sar possibile vedere da vicino i pony e anche effettuare delle passeggiate gratuite. Il programma prevede linizio della manifestazione alle ore 9, quando nel campo sportivo del paese inizier la Gimkana jump 40 individuale, un percorso a ostacoli cavalcando dei pony. Alle 12 ci sar battesimo del pony: grazie al centro ippico Casale delle Querce di Nocciano i bambini potranno montarli e divertirsi. Alle 14.30 inizier la Gimkana 2 individuale, mentre per le 15.30 in programma il warm-up, un percorso senza ostacoli, per principianti. Alle 16 ci saranno le premiazioni. Sul podio i primi tre classificati, ma ci saranno medaglie e premi per tutti i partecipanti. La manifestazione spiegano gli organizzatori, stata organizzata grazie al supporto del sindaco Gianfranco De Massis. Si tratta di unopportunit per i ragazzi di vivere unesperienza unica, a contatto con i pony. Altro aspetto importante che essendo una tappa del campionato regionale in paese sono attesi numerosi visitatori. La manifestazione sportiva, che si protrarr sino alle ore 18, stato organizzato in collaborazione con il professor Marzio Lauria e con la consigliera comunale di Elice Stefania Di Federico. (ev.fr.)

Lenorme squarcio sul tendone dei campi da tennis di Penne Indagano i carabinieri

Villa Celiera. Impegnati per molte ore i vigili del fuoco e i volontari della protezione civile
VILLA CELIERA. Un incendio di vaste proporzioni ieri ha distrutto un capannone agricolo in contrada Pietra Rossa a Villa Celiera Il rogo, che si innescato accidentalmente intorno alle 8.30, si subito sviluppato poich allinterno della rimessa di circa 50 mq, era presenta una grande quantit di legna accatastata e altro materiale infiammabile. Le fiamme hanno avvolto tutto mettendo in pericolo anche le case circostanti, vicino alle quali ci sono dei bomboloni del gas. Sul posto sono subito intervenuti i volontari della protezione civile Nove di Villa Celiera e i vigili del fuoco di Alanno, coordinati dal caposquadra Antonio Ramasco, con un primo mezzo e successivamente, data la vastit dellincendio, con una auto-

Rogo in un capannone agricolo


Dentro cera legna accatastata, le fiamme hanno incenerito tutto
Il capannone distrutto dalle fiamme A fianco i volontari della protezione civile idranti e la pioggia pomeridiana che ha impedito almeno che lincendio continuasse a diffondersi ulteriormente. Sono servite enormi quantit dacqua per spegnere il rogo tanto che lazienda acquedottistica Aca si immediatamente adoperata insieme alle quadre dei soccorritori per fare un allaccio straordinario sulla condotta principale del paese per rifornire costantemente i mezzi di spegnimento. Al momento dellincendio nel capannone di propriet di Emidio Amatobene, non cera nessuno. Claudia Ficcaglia
RIPRODUZIONE RISERVATA

botte da Pescara che ha trasportato una maggiore quantit dacqua. Per circoscrivere la zona del rogo sono arrivati anche i volontari della protezione civile di Montebello di Berto-

na con il proprio pick-up dotato di modulo per lo spegnimento. Operazioni complesse che hanno impegnato gli uomini, in tutto una ventina tra pompieri e volontari, per molte ore nonostante gli

Oasi di Penne, premiate le scuole del concorso Wwf


Hanno partecipato duemila classi dalle elementari alle superiori
COLLECORVINO

Furto di ferro arrestato 50enne


COLLECORVINO. E accusato di aver rubato materiale ferroso e utensili in un opificio. Arturo Berardinucci, 50 anni, stato arrestato dai carabinieri che lo hanno bloccato mentre si allontanava con la refurtiva a bordo di un autocarro, in contrada Gallo. Per entrare avrebbe rotto la recinzione, tant che con s aveva anche degli arnesi da scasso, trovati durante la perquisizione dai carabinieri del posto, diretti dal maresciallo Francesco DOrta. Il valore della refurtiva di 700 euro.

PENNE. Risparmio energetico, verde scolastico e orti, rifiuti, riuso e riciclo dei materiali di scarto, tutela del mare e dellacqua, alimentazione sostenibile. Questi i temi dominanti del concorso Scuole semi di futuro, organizzato in collaborazione tra il ministero dellistruzione e il Wwf Italia, e che ha avuto nella particolare atmosfera dellOasi naturale del Lago di Penne la cornice ideale per la cerimona di premiazione. Per tre giorni la riserva di Penne ha ospitato il concorso scolastico che, nellanno del vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile di Rio+20, ha coinvolto circa

2000 classi in tutta Italia, dalle elementari alle superiori. Sei le classi che venerd scorso si sono ritrovate nella struttura dellOasi naturalistica per essere premiate dopo il lavoro sperimentale svolto durante tutto lanno scolastico. Alla cerimonia erano presenti il direttore delloasi di Penne Fernando Di Fabrizio, il dirigente del ministero Roberto Battistini, il sindaco di Penne Rocco DAlfonso, Erminia Spotti del Wwf Italia e il consigliere nazionale delassociazione ambientalista Dante Caserta. Sono state premiate la sezione F della scuola dellin-

Un momento della cerimonia di premiazione allOasi di Penne

fanzia Giordani di Tivoli, la classe I della scuola elementare Cavour di Cutrofiano (Lecce), la III B della scuola elementare Crispi di Vittorio Veneto (Treviso), la II A del-

la scuola media Pirandello di Mombaroccio (Pesaro), la II A Moda dellIpsia di Chieti e la II D del liceo Scientifico brunelleschi di Afragola (Napoli). (f.bel.)

IL CENTRO

POPOLI

MANOPPELLO

VAL PESCARA

C9

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

XIII

Bussi. Incontro sul destino del polo chimico, c incertezza sulla reindustrializzazione dellarea ex Montedison

LINIZIATIVA

LIdv: chiarezza sul patto fra Solvay e Toto


Secondo Mascitelli i 50 milioni disponibili non bastano per bonificare il sito
BUSSI SUL TIRINO. Una vicenda, quella del polo chimico di Bussi, che presenta ancora molti lati oscuri, da chiarire. Si cerca di far credere, che tra Solvay e Toto costruzioni si sia ad un passo dallaccordo, ma non vero. E quanto ha sostenuto il senatore dellIdv Alfonso Mascitelli nellincontro di ieri che il suo partito, rappresentato a Bussi da Pina Pulcina, ha organizzato sulla crisi del polo chimico. Mascitelli ha sostenuto che i 50 milioni di euro disponibili per la bonifica del sito industriale inquinato non sono sufficienti, anche se nessuno ha mai asserito il contrario. La discussione su temi centrali del caso Bussi lemergenza occupazionale e ambientale sono stati introdotti dal responsabile regionale del dipartimento Lavoro e Welfare dellIdv Marcello Salerno, e largamente approfonditi dai sindacalisti Domenico Ronca, segretario generale della Filctem Cgil, Massimo Razzaia della Cisl, Gianni Cordesco della Uil, Giovanni DAddario della Cgil e dal sindaco di Bussi Marcello Chella, che proprio nei giorni scorsi ha chiesto al ministro dellAmbiente Corrado Clini di intervenire rapidamente sul caso Bussi attraverso un accordo di programma. Laccento calato pesante sulle responsabilit dello stallo delle procedure in atto ormai da qualche anno che frena ogni tipo di soluzione e che Ronca ha attribuito interamente al governo Monti, al presidente della giunta regionale Gianni Chiodi e alla stessa Solvay. Alla Regione, ha detto Ronca, anche a nome delle altre rappresentanze sindacali, chiediamo la convocazione immediata di un tavolo che entri nel merito delle questioni poste, sia rispetto alla bonifica che rispetto alla reindustrializzazione che avvii la trattativa tra Solvay e organizzazioni sindacali, dia tempi e impegni occupazionali certi. La Regione, alla riunione sullaIl senatore Alfonso Mascitelli dellIdv Sotto Domenico Ronca della Cgil pazioni sulla possibilit che si stiano studiando soluzioni preconfezionatem che alimentano conflittualit e scontro sociale, avvertendo che i lavoratori non sono disponibili, ad ingoiare rospi di qualsiasi genere. Il pericolo per i lavoratori, ha evidenziato il collega Giovanni Daddario, quello di restare disoccupati senza lavoro ed ammortizzatori sociali. Se non dovesse andare in porto laccordo fra Solvay e Toto, la Solvay inizierebbe la ristrutturazione interna dando il benservito a decine di lavoratori. Qusti non avrebbero sostegno in base alla riforma del mercato del lavoro che sar legge a fine giugno, che, per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali, non preveder pi gli strumenti della cassa integrazione e mobilit fino a 48 mesi, ma 12 mesi per chi ha meno di 50 anni e 18 mesi per chi ha pi di 50 anni. Un termine, secondo il sindacalista, chiaramente insufficiente per poter bonificare e reindustrializzare il sito: quale sar la sorte di questi lavoratori?. Walter Teti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Un momento del dibattito a Popoli

Coinvolte le scuole dei due centri

Giornata della legalit a Popoli e Manoppello


POPOLI. La giornata della legalit e della lotta alla mafia, celebrata nel 20 anniversario delle stragi di Capaci e di via DAmelio, a Popoli si svolta nel modulo scolastico provvisorio. I ragazzi della terza media hanno esposto il lenzuolo della legalit sul quale sono impresse le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Si svolto quindi un dibattito sui principi della cultura della legalit, al quale hanno partecipato lassessore Vincenzo Davide, il sindaco Concezio Galli, i dirigenti scolastici Carlo Galante e Nicola De Grandis, i parroci don Panfilo Vecchiarelli e don Ariosto Mendez, i rappresentanti delle forze dellordine e dellassociazione dei Carabinieri in pensione e i docenti Zaino e Squartecchia, organizzatori delliniziativa. Anche a Manoppello si celebrata la giornata della legalit con il progetto Antenne di memoria, riservato alle terze medie dei due istituti di Manoppello e proposto dalla Compagnia dei merli bianchi di Giulianova, in collaborazione con il Museo della ndrangheta di Reggio Calabria e la Casa memoria Felicia e Peppino Impastato. Il progetto vuole esaminare la storia delle mafie e in particolare della ndrangheta in Calabria. Sono intervenuti il consigliere delegato Alessio Blasioli, promotore delliniziativa e lassessore alla pubblica istruzione Sandro Petaccia, che hanno sottolineato limportanza di una maggiore diffusione della cultura della legalit da operare con unazione concreta e permanente che sia da guida per le nuove generazioni. (w.te.)

Ronca della Cgil chiama in causa i ritardi della Regione

rea di crisi della Val-Pescara, (svoltasi dieci giorni fa ndr) ha assunto limpegno di convocare il tavolo entro dieci giorni, pertanto gi inadempiente e dimostra insensibilit rispetto ad una drammatica situazione che avrebbe bisogno di ben altro impegno istituzionale. La Solvay, invece ci faccia conoscere i termini delle trattative in corso con il gruppo Toto. Ronca ha espresso preoccu-

Ricordati Falcone e Borsellino ricerca sulla ndrangheta

SAN VALENTINO

Terminati i lavori per la posa dei cavi in fibra ottica


SAN VALENTINO. La fibra ottica sta per diventare una concreta realt per i sanvalentinesi e per gli abitanti dellarea. A San Valentino sono terminati i lavori di scavo e posa in opera dei cavi da parte della Infratel spa (societ interamente partecipata dal ministero per lo Sviluppo Economico) che ha poi passato la mano ai tecnici della Ericsson, i quali hanno appena avviatio i lavori di collegamento dei cavi in fibra ottica. I lavori, finanziati per 10 milioni di euro dal ministero per lo Sviluppo Economico e dalla Regione, prevedono labbattimento del cosiddetto digital divide (cio la condizione di chi non ha accesso alla connessione veloce con la rete) in decine di comuni dAbruzzo tra i quali Scafa, San Valentino, Abbateggio e Roccamorice. Il fronte degli scavi dal territorio di San Valentino si sta orsa spostando verso Abbateggio e Roccamorice. Lavoro conclusivo sar quello della realizzazione delle cabine per avviare le connessioni che daranno circa 20 mega di velocit. Stiamo lavorando, dintesa con i colleghi sindaci, afferma il primo cittadino di San Valentino e assessore provinciale allinformatica, Angelo DOttavio, ad un ulteriore progetto con lobiettivo di realizzare una serie di aree wi-fi free, in ogni paese dellarea, al fine di poter offrire un servizio innovativo alle nostre comunit. (w.te.)

Il sindaco Angelo DOttavio

Popoli, baby tennista vince al trofeo Kinder


POPOLI. La piccola tennista popolese Emily Di Giannantonio continua a dare conferme positive e apre la nuova stagione di tornei tennis con una prima vittoria a Vasto, nella tappa del trofeo nazionale Kinder. Domenica scorsa, la tennista under 10 si aggiudicata il primo posto nel trofeo nazionale Kinder di Vasto. Emily seguita da tre anni dalle coach Bruna DAlbenzio e Carlotta Mascetta (nella foto), presidenti dell asd tennis Royal team Lcb con sede a Montesilvano. La giovanissima Di Giannantonio, nel 2011, suo primo anno di attivit agonistica, arrivata finalista dopo le varie tappe nazionali del Kinder, aggiudicandosi il primo posto a Civitanova Marche. (s.l.)

TOCCO DA CASAURIA. La comunit cittadina ha partecipato ieri alla commemorazione dello scrittore e giornalista Gennaro Manna che divise la sua esistenza fra Roma e il suo paese dorigine, Tocco da Casauria. Al convegno dal titolo Lingiusto oblio di Gennaro Manna hanno partecipato i figli Anna, Elisa e Domenico, lanziana moglie Rosalba e i relatori che hanno illustrato le sue opere e la sua vita, Anna Ventura, Vito Moretti e Giacomo DAngelo, mentre lattore Mariko Massari ha letto alcuni brani di scritti di Manna. Dalla sala Michetti, luogo del convegno, ci si spostati nello spazio della Torre dellOrologio dove a Manna stata intitolata una piazzetta, uno spazio nel cuore del centro storico. A scoprire la lapide il sindaco Luciano Lattanzio e la vedova dello scrittore, visibilmente emozionata. Manna nelle sue opere (vedi Laquila impagliata o Il tramonto della civilt contadina) ha esaltato limportanza delle radici, del luogo dove si nasce e la cultura ricevuta, pietra miliare di umanit e rispetto. Un altro evento, ieri, ha

LE CERIMONIE

Tocco, intitolata una piazza allo scrittore Manna


Lassociazione alpini inaugura un monumento dedicato ai Ragazzi del 99

coinvolto la comunit toccolana che ha ricordato i Ragazzi del 99, quei giovani che a 18 anni partirono per la prima guerra mondiale e molti di loro non tornarono. Un tributo di sangue che ha scritto la storia anche di Tocco. Con lassociazione degli alpini, che ha coordinato liniziativa, ci si diretti in montagna in localit Villa nella zo-

La vedova di Gennaro Manna inaugura la piazzetta Gli alpini di Tocco con il monumento alla montagna

na del campo di parapendio. Qui stata inaugurato, e dedicato ai giovanissimi che morirono nelle ultime battaglie della prima guerra mondiale, un monumento allo Spirito della montagna e della natura interamente scolpito sulla pietra bianca della Majella dallartista scalpellino Arcangelo Carobone.

Gli alpini, che sono stati poi raggiunti dal sindaco Luciano Lattanzio, il quale ha sottolineato limportanza delliniziativa per lincremento della crescita culturale, hanno poi riscoperto e risistemato due tolhos in pietra, antichi ricoveri per le greggi che venivano costruiti negli alpeggi montani. (w.te.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

P.zza M. Libert, 24 Centralino 0861/245230 Fax 0861/243819 Pubblicita: 0861/240006

Teramo
e-mail: red.teramo@ilcentro.it

M1

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LA SANITA DIVENTA CASO NAZIONALE

Asl, inchiesta sui medici dal doppio lavoro


Varrassi: usano lospedale per fare pi visite private a pagamento che pubbliche
di Lorenzo Colantonio
TERAMO. Perch le liste dattesa sono da record nella Asl teramana? Per i pazienti e per i sindacati la risposta una sola: tutta colpa dei tagli alla sanit se le file nei nostri ospedali sono diventate un caso nazionale. Ma Gianni Chiodi non ha dubbi: il governatore dichiara in tv che se un esame diagnostico allospedale Mazzini di Teramo oppure al San Liberatore di Atri ti sar fatto solo tra 404 giorni, colpa di certi medici che sfruttano la struttura sanitaria pubblica per interessi privati. Chiodi, quindi, sempre in tv, chiede al manager della Asl Giustino Varrassi di rendere pubblici i casi di medici infedeli per dare un segnale. Chi sono i medici infedeli? Quelli che, nei quattro ospedali della provincia, secondo il presidente della Regione, fanno pi esami privati, e quindi a pagamento, che pubblici. Non sappiamo quale reazione avranno gli ospedalieri teramani di fronte a questa pesante accusa. Ma abbiamo girato il caso al direttore generale della Asl Varrassi. Che risponde alle domande del Centro. Il manager svela che, da non pi di una settimana, c una indagine interna alla Asl per individuare i medici che svolgono una doppia attivit e che per ne apIl manager Giustino Varrassi con il direttore Antelli A sinistra Gabriella Palmeri e in basso Gianni Chiodi

Il direttore Antelli e la Palmeri avviano lindagine nei reparti, presto saranno tutti convocati dal manager
que avviato lindagine, conferma per Varrassi, e non sar difficile scoprire chi non rispetta la legge. Faccio un esempio: se c un medico che nellarco di unora fa un solo esame per la struttura pubblica e, nello stesso lasso di tempo, ne fa quattro a pagamento lo convocher e gli chieder spiegazioni. Poi render pubblico il suo nome. Il manager non rivela se ha gi delle segnalazioni sotto mano ma fa questa considerazione finale: Vede, noi siamo in Italia dove loccasione fa luomo ladro. In Germania non accadrebbe mai. Da noi invece non c alcun controllo e la situazione precipita.
RIPRODUZIONE RISERVATA

profittano. La legge Bindi permette ai medici che hanno scelto un tipo di rapporto intra moenia con la Asl che d loro la possibilit di esercitare la libera professione anche

dentro lospedale di svolgere visite ed esami privati, versando per una consistente porzione della parcella alla Asl (in media il 70 per cento) e soprattutto, spiega il manager,

senza eseguire, nello stesso arco di tempo, pi prestazioni a pagamento e private rispetto a quelle pubbliche. Se non rispetta la regola ma ne apprifitta il medico diventa un infede-

le: un opportunista. Ma giusto far ricadere su di loro il problema delle liste dattesa? Il manager non risponde. I direttori sanitari Camillo Antelli e Gabriella Palmeri hanno comun-

Esami notturni per abbattere le liste dattesa


Il consigliere del Pd Ruffini presenta la sua proposta a Chiodi
TERAMO. Il consigliere regionale Claudio Ruffini presenta una proposta per abbattere le liste dattesa. Il documento sar presentato il 5 giugno in Consiglio regionale. I dati pubblicati dal Centro denunciano casi record di liste dattesa: 404 giorni per una ecografia tiroidea, 367 giorni per una mammografia, 299 giorni per una risonanza magnetica e 257 per una ecografia alladdome. Chiedo al presidente Chiodi di fare un programma finanziato con i Progetti Obiettivo 2012 il cui fondo ammonterebbe ad oltre 30 milioni di euro, esordisce il consigliere del Pd che ricorda come i tempi di attesa fanno fuggire i pazienti verso altre regioni e che la mobilit passiva costa 84 milioni di euro alla Regione. Ma si possono mettere in campo azioni di contrasto. Come? In Lombardia esistono gli appuntamenti fuori orario: risonanze magnetiche, Tac e altri test diagnostici allospedale di Varese sono eseguiti dal luned al venerd fino a mezzanotte. Di pari passo servono forme di incentivo economico per il personale che lavora di notte. La Toscana ha stabilito lo standard per ogni prestazione diagnostica che ad esempio nel campo della risonanza magnatica equivale a 6,1 prestazioni ogni 1.000 abitanti. Se questo standard venisse applicato alla Asl di Teramo dovremmo offrire 18.000 risonanze magnetiche annue. Questo siginifica che le restanti 12.000 richieste non riescono ad essere soddisfatte e che i cittadini vanno altrove. Cosa si pu fare per soddisfare 18mila esami lanno? La Asl di Teramo deve, attraverso i Progetti obiettivo 2012, sia incrementare le prestazioni di risonanza magnetica in orari notturni sia realizzare un service per esami ad un costo che permetta alla Asl di pagare di meno rispetto ai rimborsi per le prestazioni fuori regione. (Esempio: mentre una risonanza magnetica eseguita fuori regione costa alla Asl 140/150 euro, con un service mobile costerebbe 80 euro. I restanti 50/60 euro la Asl li pu utilizzare per investimenti in macchinari). Questo modello, conclude Ruffini, pu essere replicato per ogni tipo di prestazione diagnostica.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Claudio Ruffini

II

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

TERAMO

M2

IL CENTRO

CERIMONIA PER I 160 ANNI DALLA FONDAZIONE

A sinistra il questore Amalia Di Ruocco premia gli studenti A destra un gruppo di poliziotti della volante con il dirigente Di Benedetto

Dallalto gli studenti il questore Di Ruocco con la polizia di Memmingen

TERAMO. In mezzo alla gente con coraggio e innovazione: sono i due aggettivi con cui questanno la polizia ha scelto di celebrare il suo 160 anniversario. A Teramo lo ha fatto nel verde del parco fluviale Vezzola, tra bambini festosi, mamme con le carozzine e cittadini in bicicletta. Cos, in uno dei posti pi frequentati dai teramani, il questore Amalia Di Ruocco ha voluto celebrare il tradizionale appuntamento. E bene ricordare che quelli che oggi appaiono ovvi ai giovani poliziotti, non sono concetti nati dal nulla, spontaneamente o grazie allintuizione di un solo uomo, ma sono emersi a seguito di unintelligente e critica speculazione intellettuale che ha portato nel tempo agli ormai noti enunciati, ha detto il questore, essere tra la gente, per la gente e insieme alla gente, insieme meglio, c pi sicurezza insieme. E in tanti hanno risposto affollando larea verde accanto alle tante autorit. Con loro numerosi

La polizia premia gli eroi festa sul lungofiume tra la gente e gli studenti
Il questore: siamo sempre pi vicini ai cittadini encomi al personale e riconoscimenti alle scuole

Il questore passa in rassegna i reparti (foto Adriani) gnitti; lode al vice questore aggiunto Mimmo De Carolis, allispettore capo Umberto Pavoni, allispettore capo Giuseppe Di Francesco, allassistente Mirio Evangelista, allassistente capo Dino Corrado Di Properzio; al sostituto commissario Stefano Di Stefano. Il questore ha premiato le scolaresche che hanno vinto il concorso indetto dalla polizia in diversi settori della didattica. Nella categoria arti figurative e tecniche varie, i premi sono andati allistituto comprensivo Gaetano Cardelli scuola dellinfanzia di Selva Piana, sezione A; alla classe 4 C del 1 circolo didattico di Giulianova, scuola elementare De Amicis; allalunno Leonardo Pavone della classe 3 D dellistituto comprensivo di Atri. Nella categoria opere letterarie, premio a Valeria Ciccocelli e Annalisa Luzi della classe II E dellistituto tecnico statale commerciale Blaise Pascal; alle classi VC e VD dellistituto comprensivo di San Nicol scuola elementare. (d.p.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

alunni e studenti di scuole elementari, medie e superiori che hanno partecipato ai vari progetti sulla legalit promossi proprio dalla polizia. Ma la festa stata anche per consegnare riconoscimenti ai numerosi poliziotti che si sono distinti in varie

I funzionari e gli agenti che hanno ricevuto encomi e lodi

operazioni. Questi i premiati: encomio solenne ed encomio allispettore Antonello Giusti e allassistente capo Gabriele Pagnottella; encomio allispettore superiore Tazio Di Felice, allassistente capo Rosario Di Ilario, allassistente capo Paolo Co-

TENNIS UNDER 12

Teramana vince torneo nazionale


Marilyn Ranalli (a destra) con il trofeo vinto ad Avezzano e la sua avversaria della finale

TERAMO. La teramana Marilyn Ranalli ha vinto il torneo di tennis Under 12 di Avezzano valido come tappa del torneo nazionale Kinder+Sport. La forte giocatrice del Circolo tennis Teramo ha avuto la meglio sulla pe-

scarese Teresa Antico con il punteggio di 1-6 7-6 7-5 al termine di una finale combattutissima, durata due ore e 35 minuti. Marilyn non si abbattuta dopo un difficile primo set e ha mostrato carattere e caparbiet.

IL CENTRO

TERAMO

M3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

III

In carcere per errore, lo Stato lo risarcisce


Geometra assolto nellinchiesta sulla banda dei postini avr 15mila euro per i danni
di Diana Pompetti
TERAMO. E rimasto ingiustamente in carcere per 7 giorni: dopo lassoluzione lo Stato lo risarcisce con 15 mila euro. Si chiude cos il caso di Carlo Vetuschi, geometra di 31 anni, che nel 2008 venne arrestato con laccusa di aver ricettato e usato carte di credito rubate. Luomo venne fermato nellambito dellinchiesta sulla presunta banda dei postini che port a Castrogno altre nove persone che appena qualche settimana fa sono state tutte assolte con formula piena. Dopo sette giorni di carcere il tribunale del Riesame revoc lordinanza di custodia cautelare e nel 2011 Vetuschi (assistito dal legale Claudio Iaconi) venne assolto con formula piena. A pronunciare la sentenza fu il gup Giovanni de Rensis a seguito di un rito abbreviato. Le indagini difensive fatte dal legale dopo larresto dimostrarono subito che Vetuschi, nei giorni in cui alcuni testimoni dicevano di averlo visto entrare in un punto scommesse per usare le carte di credito rubate, era al lavoro a Valle San Giovanni. Non solo. Le indagini difensive, infatti, dimostrarono anche come il testimone a cui faceva riferimento laccusa lo avesse scambiato per qualche altra persona di aspetto fisico simile a quello del giovane geometra. Da qui la revoca, da parte del Riesame, dellordinanza di custodia e la scarcerazione. Intanto, dopo lassoluzio-

Cgil, Cisl e Uil mandano una diffida a Catarra

Provincia, dai sindacati no alla riorganizzazione


TERAMO. Il progetto di riorganizzazione del personale della Provincia continua ad alimentare la frattura tra ente e sindacati. Le sigle della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil hanno inviato un formale atto di diffida al presidente Valter Catarra per condotta antisindacale in merito allultima deliberazione sullorganizzazione di uffici e personale. A scatenare la protesta stata in particolare la delibera di giunta del 18 maggio, che apporta nuove modifiche ed integrazioni al progetto di organizzazione degli uffici e dei servizi e alla vigente dotazione organica varata dallente. Si tratta di piccoli cambiamenti, che hanno in ogni caso innescato la reazione dei sindacati. Laccusa rivolta allente quella di non aver coinvolto le sigle sindacali nelle decisioni prese, ovvero di non aver provveduto allassolvimento della prevista relazione sindacale denominata consultazione. Cgil, Cisl e Uil chiedono quindi di rimuovere la delibera e di convocare un tavolo per la consultazione prima di dover procedere a una diffida davanti al giudice del lavoro. Contro il piano di riorganizzazione dellente, che tra laltro ha introdotto il principio di rotazione dei dirigenti, Cgil e Uil hanno gi presentato un ricorso al Tar nei mesi scorsi. (b.g.)

POLIZIA

Rubano cavi elettrici in un cantiere arrestati in due


TERAMO. Gli agenti della volante li hanno bloccati a bordo della macchina in cui nascondevano una grossa matassa di cavo elettrico di circa 150 chili appena rubata in un cantiere. Per questo Germano Fucilone, 34 anni, di Teramo, e Gianni Ranalli, 44 anni, di Tossicia, sono stati arrestati. I due, agli arresti domiciliari, ieri mattina sono comparsi davanti al giudice per ludienza di convalida. Secondo la versione della polizia i due sono stati fermati venerd sera durante un controllo su strada: nel bagagliaio della vettura i poliziotti hanno trovato la matassa del cavo elettrico. Un successivo controllo ha consentito di accertare che qualche minuto prima i due lo avevano rubato in un cantiere edile di Casemolino.

Il giudice Giovanni de Rensis, che ha assolto Carlo Vetuschi ne, anche gli altri nove teramani finiti in carcere sono pronti a chiedere i danni allo Stato con una richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione preannunciata dai loro legali. Secondo laccusa della procura quattro postini di una societ privata avrebbero sottratto 22 carte di credito della Findomestic mai arrivate nelle mani dei legittimi proprietari che risultavano aver firmato lapposito modello delle Poste per la consegna. Per la pubblica accusa le carte sarebbero state usate con laiuto di alcuni negozianti: una tesi, quella della procura, spazzata via dai giudici che hanno firmato la sentenza di assoluzione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I costruttori dellAnce formano gli studenti


TERAMO. Si terr domani, a partire dalle 10, nellaula magna dellistituto per geometri di Teramo la giornata di formazione promossa dal gruppo giovani dellAnce, lassociazione nazionale costruttori edili. Agli studenti saranno illustrate le fasi di acquisizione e gestione delle commesse e lesecuzione dei lavori. Successivamente si passer poi ad analizzare le varie fasi operative di un cantiere, prendendo come esempio la costruzione di un ponte e di unabitazione. Gli studenti potranno segnalare la loro disponibilit ad effettuare stage e tirocini formativi. (p.c.)

IV

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

TERAMO

M4

IL CENTRO

Luomo di Napoli morto nel rogo del Tir che venerd si incendiato sullA24 a Colledara

A PARIGI

Bloccati i funerali del camionista


Il pm dispone lautopsia, sindaga sulla dinamica dellincidente
TERAMO. Bloccati i funerali del camionista morto nel rogo del suo Tir. Ieri il pm Irene Scordamaglia ha disposto lautopsia: domani mattina il magistrato affider lincarico al medico legale che, molto probabilmente, gi nella giornata di oggi eseguir lesame. Lobiettivo di quello di fare chiarezza, accertando anche se luomo abbia avuto un malore. Intanto proseguono le indagini per ricostruire nei dettagli la dinamica dellincidente in cui morto Giovanni Di Natale, 45 anni, di Napoli. Il camionista era alla guida del mezzo pesante, con a rimorchio due cisterne piene di percolato, che venerd pomeriggio si ribaltato lungo lautostrada A24 e ha preso fuoco. Lincidente avvenuto sulla carreggiata in direzione Teramo, davanti alla galleria che si trova poco priIl mezzo pesante ha sbandato e si spostato sulla sinistra, in un ultimo disperato tentativo del conducente di evitare lo schianto allinterno della galleria che avrebbe causato una strage. In pochi istanti, per, il camion ha abbattuto il guard rail e nellimpatto con la cuspide della galleria tra le due carreggiate si rovesciato e si incendiato. Sembra che il boato sia stato talmente forte da essere sentito da alcuni cittadini che abitano a ridosso del tracciato autostradale. Alcuni autobilisti si sono fermati e hanno dato lallarme. Uno di loro ha tentato con un piccolo estintore di spegnere le fiamme che stavano divorando il Tir, alimentate anche dal carico di liquame, ma non sono riusciti a salvare il camionista.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Caporale rieletto a capo della commissione per i vaccini animali


TERAMO. Il teramano Vincenzo Caporale, ex direttore generale dellistituto zooprofilattico, stato eletto venerd a Parigi, per la seconda volta consecutiva, presidente della commissione per gli standard biologici dellOrganizzazione mondiale per la sanit animale (Oie), organismo tecnico dellOrganizzazione mondiale per il commercio che raccoglie 178 autorit nazionali competenti di altrettanti Paesi membri. La commissione per gli standard biologici composta da sei membri eletti dallassemblea generale dellOie ed ha il compito di sviluppare e armonizzare gli standard internazionali per i test diagnostici di laboratorio e i vaccini per le principali malattie dei mammiferi, degli uccelli e delle api. Caporale al suo quarto mandato consecutivo come presidente di una commissione specialistica dellOie (aveva infatti guidato per due trienni la commissione scientifica per le malattie animali) ed stato candidato a questa carica da tutti i 53 Paesi che appartengono al raggruppamento europeo. Nella votazione lo hanno sostenuto anche America Latina e Africa.

ma dello svincolo di Colledara. Quel tratto autostradale molto tortuoso, con curve in discesa e in forte pendenza. Da una prima ricostruzione sembra che Di Natale abbia

perso il controllo del Tir, della ditta Ecolpower di Termini Imerese, probabilmente a causa dellesplosione di uno pneumatico o di un altro guasto meccanico.

La scena del tragico incidente sullA24

Il convegno sulle comunicazioni con Covatta

Il Corecom sfida Chiodi: dai a tutti la banda larga


TERAMO. Ce la far lAbruzzo a superare il cosiddetto digital divide, ovvero il divario digitale che vivono tutti quei territori ancora non raggiunti dalla banda larga? stata questa la sfida lanciata al governatore Gianni Chiodi dal presidente del Corecom Abruzzo Filippo Lucci nel corso del convegno organizzato dal Comitato regionale per le comunicazioni venerd a Teramo. Ospite deccezione della serata stato il comico e attore Giobbe Covatta, che ha travolto con la sua ironia il pubblico teramano che ha riempito la sala polifunzionale della Provincia. A pochi giorni dal cosiddetto switch off, che ha portato lAbruzzo nellera del digitale terrestre, Lucci ha voluto riportare allattenzione della Regione la necessit di spingere sulla digitalizzazione e quindi di pensare ad investimenti mirati sulla banda larga, ancora un sogno in molte aree della regione. C tutto il nostro impegno a farlo, ha risposto il governatore, ma purtroppo in Abruzzo si gi investito molto e male nella banda larga. Avevamo a disposizione 40 milioni di euro dallEuropa che sono stati sperperati dal carrozzone politico di Abruzzo Engineering, cos alla fine il progetto costato 110 milioni di euro ed stato fatto davvero poco. Da parte di Chiodi arrivato per limpegno a coinvolChiodi e (sotto) Filippo Lucci gere il Corecom nelle strategie di sviluppo del digitale, includendo lorganismo allinterno del Patto per lo sviluppo. Ma il convegno organizzato dal Corecom stato soprattutto occasione per discutere a 360 gradi di comunicazione nellera del digitale con una tavola rotonda di esperti del settore, ovvero il presidente del Corecom Marche Pietro Colonnella, Ettore Di Cesare di Open Polis, il preside della facolt di scienze della comunicazione Luciano DAmico e la dirigente Agcom Maria Pia Caruso. Il futuro della comunicazione e della democrazia passa dalla tasparenza delle informazioni nella pubblica amministrazione, ha spiegato Ettore Di Cesare di Open Polis, associazione vincitrice del primo premio al Forum Pa con lapplicazione Open Parlamento, come dimostrano i risultati delle ultime elezioni la mancanza di trasparenza uno dei punti deboli della nostra societ, necessario che gli enti rendano pubblici tutti i dati su finanziamenti e opere pubbliche per ricostruire un rapporto di fiducia tra politica e cittadini. Barbara Gambacorta
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

TERAMO

MA

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LEVENTO IN PIAZZA
I centauri in piazza Martiri (Adriani) TERAMO. I centauri invadono Teramo. Erano circa mille i motociclisti che, ieri mattina, hanno occupato Piazza Martiri della libert, nellambito del 7 raduno nazionale Ccmotordays, a cui hanno preso parte gli appartenenti allArma dei Carabinieri, di altre forze dellordine e semplici appassionati della moto. Alle 10.30 il rombo assordante dei motoveicoli, per molti una melodia, ha riempito il centro cittadino, attirando lattenzione di centinaia di persone in giro per le tradizionali spese del sabato. C stato anche chi, amante del settore, si armato di macchina fotografica e videocamera, per immortalare il mega evento ma soprattutto gustarsi da vicino Ducati, Yamaha, Harley Davinson e una storica Benelli. Tra i centauri, attrezzato di moto e tenuta da motociclista, anche lassessore comunale Rudy Di Stefano. Liniziativa, organizzata dallassociazione Ccmotorday, tocca per la seconda volta lAbruzzo. Ma la calda mattinata quasi estiva non stata tutta rose e fiori perch durante il raduno nellantica piazza della citt, nei pressi di piazzale san Francesco c stato uno scontro tra uno scooter ed unautomobile, che ha finito di intasare il traffico. Non mancata la polemica. Sulliniziativa, infatti, avrebbe avuto da ridire il consigliere comunale Pietro Milton Di Sabatino (Unione democratici teramani), gi pronto a discuterne in aula, nella prossima question time. I motociclisti, dopo aver ricevuto una targa ricordo dallassessore comunale agli eventi Guido Campana, hanno attraversato Teramo alla volta del Gran Sasso, per approdare al lago di Campotosto. Oggi, invece, la manifestazione si chiuder con la visita di Civitella del Tronto e della sua antica fortezza. Lo scopo del motoraduno stato anche quello di raccogliere fondi da

Ma scoppia la polemica per il traffico in tilt e un incidente: il caso finisce in consiglio comunale

Mille motociclisti invadono Teramo


Da tuttItalia in citt per raccogliere fondi e aiutare i bambini malati

donare in beneficenza. Questa volta lassociazione effettuer donazioni per circa 30 mila euro ripartite tra Adricesta, per portare avanti il progetto che prevede la realizzazione, nellospedale di

Pescara, di una sala per medicazioni complesse; Amref Italia e Anffas, associazione teramana che si occupa di bambini disabili. Antonello Foglia
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERAMO. Anche le 500 Fiat invadono Piazza Martiri, in mostra in occasione del gran meeting 500 Teramo, giunto alla 16 edizione. Ieri pomeriggio, nonostante il maltempo, le storiche utilitarie della casa automobilistica torinese erano tutte in fila nella centralissima piazza cittadina, per farsi ammirare da appassionati e passanti, grazie al gran meeting 500 Teramo a loro dedicato, organizzato dal club Amici della 500 della citt. S e potessero parlare queste automobili, ne avrebbero di cose da raccontare, visto che uno dei primi modelli (in totale sono stati quattro) venne realizzato nel 1936 e, secondo gli esperti del settore, qualcuno potrebbe ancora essere custodito gelosamente in qualche garage. La manifestazione, a carattere nazionale, consente di osservare ancora una volta i diversi modelli della 500, prodotti dal 1957 al 1975, come la Bianchina, la Giardinetta familiare, le elaborate Albarth e Giannini ed altre ancora. Non mancano allappello

Le Fiat 500 sfidano la pioggia per mettersi in mostra


Le mitiche utilitarie sfilano in centro storico, oggi la seconda parte della manifestazione

IN BREVE

Il minivolley al Gran Sasso


TERAMO. Il centro commerciale Gran Sasso ospita oggi il torneo regionale Pallavolando si cresce organizzato dalla Asd San Nicol volley. Dalle 10 alle 17, in venti campi, si sfideranno le squadre di minivolley abruzzesi.

IN VIA DANNUNZIO

La mostra di foto di Marcocci


Piccoli sguardi la mostra che sar inaugurata domani alle 18 nello studio fotografico Image di Giampiero Marcocci in via DAnnubnzio. In esposizione le opere dei bambini che hanno partecipato al laboratorio tenuto dal fotografo e dalla psicoterapeuta Daniela Ferroni. La mostra resta aperta fino al 9 giugno, dal luned al sabato, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 20.

Alcune Fiat 500 ieri pomeriggio in piazza Martiri

le 500 personalizzate e rese originali ed esclusive dalla passione e dalla fantasia dei loro proprietari. Levento, che si aperto ieri pomeriggio con una mostra statica delle vetture ed un giro per le vie del centro, questa mattina pre-

vede una nuova esposizione delle auto al pubblico ed una sfilata per le strade di Teramo, Montorio al Vomano e Colledara, dove liniziativa si concluder con una premiazione delle 500 con particolari caratteristiche. (a.fog.)

VI

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

ALBA

MARTINSICURO

TORTORETO

M5

IL CENTRO

TRAGEDIA A COLONNELLA

Non lo pagano, costruttore si toglie la vita


Imprenditore marchigiano vittima della crisi, aspettava mezzo milione di euro
COLONNELLA. La crisi lo ha travolto: lui, come altri suoi colleghi imprenditori, non ce lha fatta ad andare avanti. Vantava crediti per circa mezzo milione di euro da privati per lavori eseguiti e mai pagati, ma quei soldi ormai da mesi non entravano nelle casse della sua piccola impresa edile di Monteprandone. Troppo per un uomo abituato a rispettare gli impegni, a cominciare dal pagamento degli stipendi dei suoi tre dipendenti. S.C., 49 anni, imprenditore edile marchigiano, si impiccato nella sua casa di Valle Cupa di Colonnella, un edificio in costruzione in aperta campagna al confine con la provincia ascolana. I familiari lo hanno trovato nel garage. Nessuna lettera per spiegare il gesto, ma ai carabinieri bastato poco per far emergere la drammatica verit. E una vittima della crisi, hanno ripetuto i familiari mentre raccontavano le ultime ore di un uomo che fino allultimo ha tentato di farcela, di superare il mo-

Lo trovano i familiari nella casa che stava costruendo


dare avanti, a proseguire con un peso cos grande. Cos ieri mattina uscito dalla sua abitazione dicendo che sarebbe andato a fare dei lavori nellabitazione di Colonnella. E qui, lontano da tutti, ha scelto di dire addio con una corda stretta intorno al collo. Una decisione senza ritorno, probabilmente maturata da tempo. A scoprire il corpo sono stati proprio i familiari, allarmati per non averlo visto rientrare a casa per lora di pranzo. Hanno provato a chiamarlo sul cellulare, ma al telefono non ha risposto nessuno. Dopo vari giri a Monteprandone, sono andati a Colonnella. I soccorsi delle ambulanze del 118 sono stati immediati, ma per limprenditore non cera niente da fare. (d.p.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL PRECEDENTE

A marzo industriale pescarese si tolto la vita in azienda


TERAMO. Lultimo caso di suicidio per crisi in Abruzzo risale a marzo: a Villanova di Cepagatti E.F., 44 anni, imprenditore, si impiccato nella sua fabbricca di infissi. A trovarlo sono stati i suoi operai. Era oppresso dai debiti: si impiccato legando una corda a una trave nei locali dellazienda che con sacrifici aveva messo su da diversi anni. I carabinieri hanno appurato, anche dalle testimonianze dei dipendenti, che limprenditore negli ultimi tempi era preoccupato e depresso proprio per le difficolt economiche. Allapertura dei cancelli, gli operai, una mezza dozzina, sono entrati in fabbrica e hanno visto il cadavere dellimprenditore penzolare da unaltezza di pochi metri. Evidentemente scossi, hanno lanciato lallarme, ma non c stato nulla da fare. Un suicidio, quello dellimprenditore pescarese, non nuovo nelle sue modalit. Cos, impiccandosi a una trave allinterno della sua azienda, si era ucciso il 27 febbraio scorso un imprenditore 64enne in un paese sulle colline nei dintorni di Firenze, trovato senza vita dai familiari. Vicino al corpo un biglietto per spiegare la propria disperazione per le difficolt economiche, anche se lazienda fatturava due milioni di euro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il recupero di una salma mento di crisi per andare comunque avanti. Cos come era riuscito ad andare avanti dopo la scomparsa di un figlio morto dopo una lunga malattia. A Monteprandone, la cittadina alle porte di Ascoli dove S.C. era molto conosciuto, raccontano dei tanti tentativi fatti per ottenere prestiti dalle banche anche fornendo come garanzia le sue case. Allennesimo rifiuto luomo, sposato e padre di un figlio, non ce lha fatta ad an-

Partenza e arrivo oggi ad Alba

Alba. Messaggio di pace nella parrocchia di Villa Fiore dopo i contrasti dellanno scorso
ALBA ADRIATICA. Un monumento in ricordo di don Serafino Vanni, il fondatore della parrocchia di Santa Maria a Villa Fiore di Alba Adriatica. stata scoperta ieri lopera che ricorda, nel giardino di fianco alla chiesa, lo storico parroco che dal 1963 al 2004, anno della sua morte, ha guidato la spiritualit del quartiere. Il monumento, scoperto in occasione delle Comunioni che si terranno oggi, un omaggio al vecchio parroco da parte dei fedeli e di don Ruggero Gallo, che amministra la parrocchia da poco pi di un anno e che si gi trovato al centro della cronaca cittadina per una discussione che, allinizio del suo mandato, ha spaccato i cittadini di Villa Fiore e creato un clima di tensione non ancora completamente sanato. Allinizio dellestate scorsa, infatti, lallora neo parroco fu criticato per aver rivoluzionato alcune delle tradizioni instaurate durante il mandato di don Serafino e confermate dai parroci venu-

Un fiume di ciclisti attraversa la Val Vibrata per la Gran Fondo


ALBA ADRIATICA. Si svolge questa mattina la seconda edizione della Gran Fondo Costa dei Parchi ad Alba Adriatica, organizzata dalla Asd Costa Eventi. Il fiume di ciclisti partir alle 8.30 sul lungomare Marconi; alle 13.30 circa le premiazioni. Due i percorsi, uno medio e uno lungo, Ciclisti sul lungomare di Alba che partono e terminano ad Alba. Il percorso medio ha una lunghezza di 89 km con un dislivello pari a 1.070 metri e toccher Corropoli, Controguerra, Ancarano, SantEgidio, Villa Lempa, Civitella, Paolantonio, Garrufo, SantOmero e Tortoreto Alto. Il percorso lungo di 120 km con un dislivello di 1.920 metri e attraverser anche San Marco e San Giacomo. (l.ri.)

Un monumento per don Serafino


Lattuale parroco prova a riconciliarsi cos con parte dei fedeli
Lattuale parroco di Villa Fiore don Ruggero Gallo molto scossi dalle tensioni generate lanno scorso, che hanno intaccato anche i rapporti tra concittadini. Il monumento, realizzato dallartista neretese Francesco Perilli, composto da una lastra di travertino dallo spessore di 10 centimetri e con superficie grezza, inserita obliquamente nel terreno del giardino. Sulla superficie della lastra sono stati applicati dei tasselli di ceramica smaltati e dipinti a mano che, a mo di mosaico, raffigurano limmagine di don Serafino quasi a grandezza naturale, data laltezza di un metro e 80 e la larghezza di un metro. Dietro la figura sono state dipinte due delle realizzazioni pi fortemente volute dal parroco morto nel 2004: la chiesa stessa e la grande statua della Vergine.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il monumento per lo storico parroco don Serafino Vanni

ti dopo la sua morte. Don Ruggero, rinnovando laspetto della chiesa soprattutto allinterno, ha modificato la disposizione degli arredi ed ha spostato allesterno il battistero fortemente voluto da

don Serafino, sostituendolo. Inoltre ha introdotto canti gregoriani nella liturgia, cambiando il musicista e mettendo in discussione il gruppo storico del coro. Ora, a un anno da quelle vicende, vede la luce il monumento che ricorder ai posteri la figura di don Serafino. Questopera, quindi, potrebbe rappresentare un motivo di riconciliazione tra i parrocchiani, essendo ancora forte in loro il ricordo di don Serafino, pur se sono ancora

Citt Attiva: il progetto Ambra monco


Martinsicuro, Camaioni spiega perch blocca lappalto dellex cinema
MARTINSICURO. Citt Attiva, gruppo di maggioranza, chiarisce in una nota perch ha bloccato liter del progetto di ristrutturazione dellex cinema Ambra, avviato dalla maggioranza uscente. Siamo coerenti con il voto contrario espresso nel consiglio comunale dello scorso novembre e, come dichiarato a pi riprese nel corso della campagna elettorale, non contrari allidea, ma sicuramente non in sintonia sul progetto e sui costi. Le accuse arrivate nel consiglio comunale dinsediamento sono state respinte al mittente in maniera puntuale, con consapevolezza e grande senso di responsabilit, comporter, individuare delle figure adatte affinch la struttura possa funzionare in maniera adeguata e, cosa non da poco, pensare alle strutture accessorie, come i parcheggi, per renderla fruibile. Intanto il candidato sindaco del gruppo di centrosinistra, Andrea Buonaspeme, ha lanciato un messaggio alla cittadinanza ieri in conferenza stampa. Il nostro gruppo coeso e porter avanti il discorso politico che Cambiamo Insieme ha intrapreso in occasione delle amministrative. Laltra parte della minoranza, invece, ha optato per tre gruppi distinti: Massimo Vagnoni rappresenta Proget-

Il neo sindaco Paolo Camaioni mettendo in evidenza le lacune oggettive che il progetto presenta. Queste lacune, secondo Citt Attiva, sono la copertura finanziaria e i costi di gestione che tale opera

to Comune, Alduino Tommolini Martin Rosa e Marcello Monti lUdc. Il nostro gruppo vuol essere una fucina di idee, dice Buonaspeme, nostra ferma intenzione continuare quanto intrapreso in campagna elettorale e far capire alla gente il nostro progetto. La vittoria di domani nasce ora. Questo lo slogan elaborato dal gruppo. La consigliera Simona Antonini dice: Siamo aperti alla collaborazione sia con le altre forze di minoranza sia con la maggioranza, quando ce ne saranno i presupposti, per il bene della cittadina. Non consideriamo una sconfitta le ultime amministrative, ma un punto di partenza. (s.d.s.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

GIULIANOVA

M6

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

VII

I giudici ordinano al Comune di chiarire se ledificio pu essere espropriato alla famiglia o no

Rottura con il segretario provinciale

Una casa blocca il piano ex Foma


Il Tar accoglie il ricorso dei proprietari dellex casello ferroviario
GIULIANOVA. Lex casello ferroviario blocca il piano di recupero dellarea ex Foma/Ads: il Tar d ragione alla famiglia Di Battista, proprietaria delledificio che dovrebbe essere abbattuto per far posto ad una strada, e invita il Comune a fare chiarezza sulla posizione dellabitazione nel piano di interventi. Una sorta di Davide contro Golia vede contrapposti da Nel 2011 la vicenda sembrava essere giunta ad una conclusione con un accordo fra i proprietari e i costruttori (il Diamond Group), ma alla fine i Di Battista non ricevettero pi alcuna proposta. Nel consiglio comunale del 19 gennaio lamministrazione ha approvato il piano di recupero ex Foma/Ads, sostenendo come ledificio non fosse incluso nel progetto di riqualificazione. Ma i Di Battista, osservando attentamente i documenti depositati in Comune, si sono accorti che la loro abitazione contraddistinta da una strana colorazione. In pratica sembrerebbe che sulledificio gravi un vincolo che ne comporterebbe lesproprio. Per far luce sulla vicenda i diretti interessati si sono quindi rivolti al Tar, che con unordinanza depositata il 24 maggio invita lamministrazione a fare chiarezza sullestraneit dellex casello al piano di recupero. In sostanza, il Comune dovr certificare lassenza di vincoli che pregiudichino lesistenza del fabbricaoltre un anno i Di Battista e il Comune: il piano di recupero prevede infatti labbattimento dellabitazione di via del Carso (un ex casello ferroviario ristrutturato) per permettere la costruzione di una strada che colleghi il futuro quartiere con via Lepanto. I residenti, contrari a rinunciare al fabbricato, hanno avviato un iter legale per autotutelarsi.

Il Pd giuliese contro Verrocchio sul caso Mastrilli


GIULIANOVA. Il Pd giuliese rimprovera Robert Verrocchio, segretario provinciale del Partito democratico. In un comunicato, il circolo di Giulianova paese auspica una maggiore attenzione da parte del segretario nei confronti dei circoli locali. La tirata dorecchie affonda probabilmente le sue radici nelle dimissioni dellassessore Roberto Mastrilli, il quale ha abbandonato anche il Pd. In quelloccasione, mentre il circolo giuliese critic duramente Mastrilli, Verrocchio auspic un ripensamenRobert Verrocchio to da parte dellex assessore, lodandone le qualit politiche ed umane. Il circolo Pica, nel corso di una riunione nella quale sono state analizzate le ultime elezioni e le strategie da adottare in futuro, ha evidenziato come il segretario provinciale dovrebbe interloquire con i vari circoli, seguirli nelle proprie attivit, dando segnali di interesse e di crescita per il partito, un invito rivolto comunque anche allamministrazione comunale. Il Pd giuliese ha infine duramente criticato lopposizione in consiglio, rea di aver attaccato Giancarlo Cameli e loperato del sindaco Francesco Mastromauro. (s.p.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

La vicenda giudiziaria rallenta lavvio dei lavori per la costruzione di un nuovo quartiere Non decolla neanche lintervento nellex Sadam
to. Per i ricorsi fatti al Tar ho gi speso oltre 1.500 euro solo per far valere i miei diritti, senza contare le spese legali, dichiara Nicola Di Battista, allo stesso tempo anche il Comune, costituendosi, dovr spendere del denaro pubblico, nonostante le casse siano vuote. Ora la palla passa al Comune, che dovr fare chiarezza una volta per tutte. Di sicuro tale situazione comporta un ulteriore ritardo nellavvio dei lavori nellex area industriale di via Trieste: le operazioni tardano a cominciare, anche in porzioni dove il piano di recupero stato adottato ed approvato da tempo. Per larea ex Sadam, il primo Lex casello ferroviario di via del Carso e il sindaco Francesco Mastromauro comparto che si incontra procedendo in direzione sud, i lavori sarebbero dovuti cominciare gi nellestate scorsa. Secondo alcuni, alla base dei ritardi ci sarebbero degli imprevisti di carattere economico cui devono far fronte le imprese costruttrici. Sandro Petrongolo
RIPRODUZIONE RISERVATA

I tarli minano leffigie del patrono, il comitato la porta a Ortisei per farla restaurare

La statua di San Flaviano si trasferisce


GIULIANOVA. La statua di San Flaviano si trasferisce ad Ortisei per unoperazione di restyling: leffigie rappresentante il santo, contenuta nel duomo, a breve raggiunger il centro in provincia di Bolzano per essere sottoposta ad un intervento volto a salvaguardare la sua struttura. Il legno della statua, infatti, gravemente danneggiato dallazione dei tarli nonostante sia gi stato restaurato alcuni anni fa. Ora il comitato dei festeggiamenti di San Flaviano cercher di trovare una soluzione al problema portando la statua dagli specialisti del legno. Non potevamo fare a meno di prendere questa decisione, ma siamo sicuri che dopo lintervento degli esper2012, tenuto conto dellimprevisto lavoro, proporremo solo una festa strettamente religiosa. In pratica il denaro che occorrer per il restauro della statua sar sottratto ai festeggiamenti in onore del santo, la cui celebrazione stata rilanciata alcuni anni fa. Questanno comunque verr presentato alla cittadinanza il nuovo inno di San Flaviano: alla composizione sta lavorando Marco Frisina, consultore del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione e gi direttore del coro della diocesi di Roma, che presenter linno il prossimo 24 novembre, in occasione dei festeggiamenti per il patrono giuliese. (s.p.)

La statua di San Flaviano ti di Ortisei, veri maestri nel ramo, la statua di San Flaviano potr essere riconsegnata alla citt in tutto il suo splendore, dichiara Flaviano Di Giosafat, presidente del comitato, e aggiunge: Per il

La gara europea annunciata dal sindaco non si ancora fatta

Il Pdl accusa: Comune in ritardo per affidare il servizio rifiuti


GIULIANOVA. Che fine ha fatto il bando europeo per laffidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti?. Il Pdl chiede allamministrazione comunale di fare chiarezza in merito alla gara che dovrebbe designare il nuovo soggetto responsabile della gestione dellimmondizia. Il bando infatti sarebbe dovuto essere gi pronto, ma il Pdl fa notare come da tempo non se ne sappia pi nulla. Siamo vicini al termine, il 17 giugno, della validit dellordinanza di affidamento del servizio allEcologica Sangro, dichiara il Pdl. Non bisogna perdere tempo con laffidamento del servizio. Il Pdl ricorda come, gi agli inizi di marzo, il sindaco comunic lavvio delliter per laffidamento del servizio, e di come la vicenda sarebbe dovuta giungere in consiglio comunale alcune settimane fa. I cittadini sono stati lesi nei loro diritti di avere un servizio di raccolta pi vantaggioso, mentre la Tarsu aumenter, sostiene il Pdl. (s.p.)

Stamattina quarta edizione di Bimbimbici


GIULIANOVA. Si terr stamattina la quarta edizione di Bimbimbici, la manifestazione organizzata dal Centro di educazione ambientale di Giulianova e promossa dalla Federazione nazionale amici della bicicletta. In piazza Dalmazia si ritroveranno bambini e genitori per una biciclettata, seguita da dimostrazioni di educazione stradale coordinate dai vigili urbani. Il progetto, cominciato sui banchi di scuola, rivolto agli alunni del II circolo didattico e mira a sviluppare nei bambini la sensibilit alla mobilit sostenibile.

VIII

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

ATRI

PINETO

ROSETO

SILVI

M7

IL CENTRO

Gli ambientalisti: i politici mentono, ora larea protetta pi piccola di 40 ettari

Borsacchio, una nuova mappa dimostra il taglio della Riserva


ROSETO. La questione del Borsacchio si tinge di giallo. A quasi un mese dallapprovazione della legge regionale sulla perimetrazione definitiva dellarea protetta, non ancora chiaro di quanti ettari sia effettivamente la Riserva. Sulla questione ci sono due tesi contrapposte, entrambe sostenute carte geografiche alla mano.

Roseto, romeno arrestato per evasione


ROSETO. I carabinieri della stazione di Roseto nella notte di ieri hanno arrestato in flagranza di reato con laccusa di evasione Alexandru Dumitru Balan, 26enne romeno. Il giovane, alle 15 di venerd scorso, stato scarcerato dalla casa circondariale di Avezzano e invitato a presentarsi liberamente alla stazione carabinieri di Roseto per poi essere sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Lui, per, non si presentato subito come prescritto ma in tarda serata, venendo pertanto tratto in arresto e portato a Castrogno.

Per la maggioranza che ha approvato il provvedimento in consiglio regionale (Pdl, Fli e parte del Pd) la nuova area sarebbe pi grande di quasi 50 ettari (1.148-1.100), inoltre tutte le aree di interesse faunistico e vegetazionale o naturalistico, tanto decantate, sono allinterno del perimetro approvato, come ha sottolineato Berardo Rabbuffo allindomani dellapprovazione della sua proposta di legge. Per i gruppi ambientalisti, al contrario, adesso la Riserva sarebbe pi piccola di 40 ettari (1.180-1.140). Con la nuova perimetrazione stata sottratta una superficie di 40 ettari circa, ribadiscono in una nota i gruppi contrari alla riperimetrazione, e cio: Comitato abruzzese per la difesa dei beni comuni, Comitato Riserva naturale regionale guidata Borsacchio, Italia Nostra di Atri e Giulianova. Ma non tutto. Secondo gli stessi comitati anche la fascia costiera avrebbe subito un ta-

In alto la mappa della Riserva naturale del Borsacchio resa nota ieri dai comitati ambientalisti che difendono il perimetro originario. Questo tracciato in rosso, mentre i nuovi confini decisi dalla Regione sono segnati in giallo. Secondo gli ambientalisti, si perderebbero 40 ettari A sinistra Fabio Celommi, il portavoce del comitato pro Borsacchio

Smentito Rabbuffo (Fli): secondo lui il perimetro sarebbe stato ingrandito di quasi 50 ettari
glio con lesclusione delle due aree di foce del Borsacchio e del Tordino. Inoltre la pineta Mazzarosa, simbolo della stessa Riserva, sarebbe stata tagliata in due parti. Tutti questi dati sono tecnicamente verificabili, sottolineano gli ambientalisti, confrontabili

e calcolabili con lesame e lutilizzo delle planimetrie. Il ridimensionamento e lo stravolgimento della Riserva, che gli amministratori locali e buona parte dei consiglieri regionali hanno approvato con il consenso dello stesso governatore, costituiscono, pertanto, dati di fatto incontrovertibili. Altrettanto certo che la ferita arrecata al territorio, con la riperimetrazione, rimarr un danno grave e irreparabile per le aspettative di crescita della popolazione che vi risiede. Federico Centola
RIPRODUZIONE RISERVATA

ROSETO

LUdc: il 5 per mille al Comune


ROSETO. LUdc di Roseto invita lamministrazione comunale a dare rilievo e risalto alla possibilit per i cittadini rosetani di destinare il cinque per mille delle imposte Irpef al Comune. Le risorse che se ne ricaveranno, si legge in una nota del partito, che fa parte della maggioranza, saranno utilizzate per i servizi sociali della nostra citt, per il sostegno alle famiglie, per gli asili nido, per lassistenza agli anziani e ai disabili, per aiutare il volontariato e in generale per tutti quei servizi che permettono di venire incontro alle esigenze quotidiane dei nostri concittadini che ne hanno bisogno. (f.ce.)

Lex sindaco attacca la giunta Astolfi Pineto, travolto dal treno: era Marchese accusa: ad Atri Il Comune incontra marted commercialisti e contabili senza documenti tante opere incompiute
ROSETO. Lamministrazione comunale di Roseto si confronta con gli operatori del settore finanziario-contabile sulla questione dellImu. Durante lincontro, che si terr marted alle 11 nellaula consiliare del municipio, verranno trattate le modalit di calcolo della nuova imposta e approfonditi i vari aspetti applicativi. Con lavvicinarsi della scadenza per il pagamento della prima rata dellImu, limposta unica municipale (entro il 18 giugno), si legge in una nota del Comune, lamministrazione ha deciso di promuovere un incontro con i commercialisti, tecnici e Caf (sindacati) per fare chiarezza sullimposta. Lorientamento del Comune di applicare laliquota del 4 per mille sulla prima casi affideranno i cittadini tuttaltro che semplice. Abbiamo organizzato questo appuntamento per venire incontro a quanti lavorano in questo settore e metterci cos a loro disposizione per chiarire tutti i possibili dubbi, ha spiegato il vicesindaco con delega al bilancio Alfonso Montese, in attesa che venga approvato il regolamento, importante che gli operatori siano preparati nel giusto modo, anche perch alla prima scadenza del 18 giugno i cittadini faranno riferimento a loro. Durante lincontro di marted interverranno il sindaco Enio Pavone, il vicesindaco Alfonso Montese e il dirigente del settore ragioneria comunale Rosaria Ciancaione. (f.ce.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Roseto, decise le aliquote dellImu

sa, mentre per la seconda abitazione la tassa da pagare sar pari al 7,6 per mille. Ma le combinazioni per lapplicazione dellImu sono molteplici, pertanto il calcolo che dovr essere effettuato dai professionisti ai quali

Pavone Montese e la dirigente Rosaria Ciancaione

PINETO. Si disteso sulle rotaie con le mani sulla testa e ha atteso che il treno lo travolgesse. Un uomo, dallapparente et di circa 50 anni, si ucciso ieri mattina in prossimit della stazione di Pineto. Luomo fino a ieri sera non era stato ancora identificato visto che non aveva nessun documento addosso. Il fatto avvenuto intorno alle 14. Alcuni testimoni hanno raccontato di averlo improvvisamente visto scendere sui binari poco minuti prima che il treno passasse. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani e gli agenti della polizia ferroviaria. Il traffico sulla linea Adriatica ha subito notevoli rallentamenti e solo dopo qualche ora tornato alla normalit.

ATRI. Sinistra Indipendente bacchetta lamministrazione di Atri per situazioni di degrado e opere pubbliche mai avviate o lasciate a met. Il circolo dellex sindaco Mario Marchese fa lelenco degli interventi che la citt attende da tempo, partendo dalla zona ospedale. Lasfalto di piazzale Alessandrini una vergogna, si legge nella nota, e cos anche il terminal degli autobus, sprovvisto di bagno pubblico. E poi quando riprenderanno i lavori per il manto dasfalto in viale Risorgimento e quando saranno reinstallati i lampioni abbattuti a seguito di incidenti stradali?. Si chiede anche conto del progetto per la riapertura del giardino Sorricchio e di quello per lilluminazione del campanile del duomo e di altri monumenti, mai concretizzati. Infine si chiede il recupero delle mura della citt, leliminazione di tutti i fili pendenti in centro storico e il completamento dei lavori di riqualificazione della villa comunale. (ma.mu.)

Trionfano gli allievi del Cologna Spiaggia


Calcio giovanile, la squadra neroverde si laurea campione provinciale
ROSETO. Con tre giornate di anticipo sulla fine della stagione gli allievi del Cologna Spiaggia calcio trionfano nel campionato provinciale e acquisiscono il diritto di competere, dalla prossima stagione, nel torneo regionale di categoria. stata la vittoria del progetto Cologna Spiaggia, iniziato due anni fa con la riorganizzazione del settore giovanile, commenta entusiasta il presidente della societ neroverde Silvino DEmilio, un programma che ha gi portato la nostra scuola calcio tra le migliori realt abruzzesi e le squadre Juniores dlite (campione regionale 2010/2011) e Giovanissimi a disputare da protagoniste i campionati regionali. Un progetto voluto fortemente dal presidente Silvino, per questo festeggiato da squadra, staff tecnico e dirigenti. E lui si gode il trionfo da uomo solo al comando. La splendida cavalcata degli allievi provinciali colognesi si chiusa con 49 punti, frutto di 16 vittorie, un pareggio e tre sole sconfitte. La squadra vanta anche la migliore difesa e il migliore attacco, con ben 70 reti realizzate. Questa la rosa della squadra campione: Matteo Lilla, Manuel Bidetta, Alessandro DAngelo, Marco Gual, Alessandro Ambrosi, Mattia Di Paolo, Gianluca Barlafante, Emanuele Nazionale, Nicolas Alessandrini, Ronald Costantini, Federico Petraccia, Simone Recchiuti, Giampaolo Lelj, Andrea Iaconi, Riccardo Latorre, Daniele Lallone, Tommaso Pedicone, Angelo Nazionale, Federico Pistilli, Guerino Geminiani, Giacomo DAmbrosio, Giammarco DAmbrosio, Alessio Zitti, Lorenzo Gervasini, Piercarlo Di Giampietro, Marco Serafini. Allenatore Giulio Ettorre; preparatore atletico Marco Fior. (f.ce.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli allievi del Cologna Spiaggia con allenatore e preparatore atletico

Via Vicentini 12 Centralino 0871/330300 Fax 0871/330914 Pubblicita: 0871/330167

Chieti
e-mail: red.chieti@ilcentro.it

H1

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LA CITT PERDE IDENTIT


CHIETI. Uffici della questura al collasso per limiti strutturali non pi tollerabili. Il questore Orazio DAnna lancia lappello dal palco della festa della Polizia: Serve subito una sede diversa. Un problema che richiama lurgenza di ridisegnare la mappa dei contenitori istituzionali in citt, a partire da quelli vuoti. Il senatore del Pd, Giovanni Legnini, invita a mettere seriamente mano al problema. E porta il caso Chieti nel dibattito in Senato sulla spending review. La sede centrale della questura, dice DAnna, risente di unallocazione infelice, che crea disagio sia al personale dipendente che allutenza. Il disabile non pu neppure arrivare a diversi uffici amministrativi, cos come difficile per gli anziani o anche per un genitore con il proprio piccolo nel carrozzino. I locali non sono idonei e sufficienti, esiste un carteggio pluridecennale e monumentale che ne parla, occorre al pi presto trovare una soluzione unitaria e condivisa. Il capoluogo teatino vive da tempo il paradosso di enti, a partire dal Comune, che pagano affitti per i locali che usano e lasciano a riposo quelli di propriet. Un lusso che in un fase di crisi profonda non possiamo pi permetterci. Lesempio Chieti approda dunque in Senato con Legnini, Pd, come paradigma di una gestione inefficiente delle risorse. Se ne parler in occasione della discussione sul decreto per la revisione integrale della spesa pubblica con lobiettivo di eliminare gli sprechi. Occorre rilanciare con forza lambizioso programma di valorizzazione degli edifici pubblici vuoti a Chieti, sottolinea il senatore del Pd, il lavoro di mappatura degli edifici vuoti, che facemmo tra il 2005 e il 2007, prezioso. Unindagine fatta a costo zero, corredata da unampia documentazione e un programma di riutilizzo, che ancora oggi di strettissima attuale e trova nuove ragioni di fattibilit. scandaloso che lo Stato paghi affitti rilevanti a Chieti per diversi uffici pubblici e mantenga le sue propriet, di grande pregio, vuote e inutilizzate. Legnini da tempo indica nella questura una delle prime risposte da dare. Emblematico il caso degli uffici di polizia, afferma il senatore, le cui condizioni sono da troppo tempo inaccettabili, indecorose e fuori norma. Da anni, si assumono impeSenatore del Partito democratico Giovanni Legnini. A destra lex ospedale Santissima Annunziata: a 12 anni dalla dismissione resta un edificio solo parzialmente utilizzato

Dalla questura agli ospedali dismessi Una cattiva gestione delle risorse

Legnini: edifici vuoti, basta sprechi


Il senatore del Pd porta il caso in Senato: Chieti modello di inefficienza
CONVEGNO ALLA DANNUNZIO

Stoppa: Villa Mezzanotte patrimonio storico da salvare


CHIETI. Salviamo Villa Mezzanotte, il gruppo di recupero della residenza storica dello Scalo, zona Santa Filomena, sbarca da Internet alluniversit dAnnunzio. Domani pomeriggio alle 18.30 previsto un incontro nellateneo, promosso da Francesco Stoppa, direttore del Centro di antropologia territoriale per il turismo dellUniversit dAnnunzio. Si sono iscritti in una ventina e hanno detto che portano anche altre persone, dice il docente, cercheremo di mettere insieme prove documentali ed esperienze professionali per incamminare uno studio di fattibilit volto al recupero e la salvaguardia di questo bene storico. Di propriet privata, la Villa ha un indiscutibile rilevanza storico-culturale e con il piano regionale paesistico, legge 431 del 1985, approvato dal consiglio regionale nel 1990, fu stabilito di recuperarne il valore architettonico. Da allora nulla e un crolFrancesco Stoppa lo potrebbe vanificare attese e salvaguardia, andando a mortificare un interesse dei teatini al recupero della struttura, portato alla luce da questo gruppo nato su Facebook nella prima met di maggio, che oggi conta 350 iscritti e che ha deciso di mettere mano al problema in maniera seria, con proposte fattibili e soprattutto rispettose di vincoli, leggi e destinazioni duso naturali di questa struttura che, come lo stesso Stoppa evidenzia, sul finire del 1800 fu luogo di incontri dei senatori degli Abruzzi, tra loro e con la popolazione. (s.b.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Un interno della questura con i corridoi stretti e alcuni poliziotti che tolgono lacqua dalle stanze allagate gni e sinvocano soluzioni che non arrivano mai per linerzia degli apparati governativi che non dialogano tra di loro. Noi avevamo individuato delle soluzioni. Se non vanno bene, si possono cambiare ma si provveda subito. Una situazione, quella dei contenitori vuoti, non pi sostenibile. Al Senato, riprende Legnini, discutiamo il decreto sulla spending review, la revisione integrale della spesa pubblica. Porto nella discussione il caso Chieti: tre grandi immobili militari impiegati parzialmente, un altro edificio del Comune inutilizzato da anni, lAgenzia delle entrate e altri uffici pubblici ospitati in locali privati a canoni elevati, lex ospedale mai pi riconvertito a nuove funzioni, uffici giudiziari dislocati in tre immobili. Spazi vuoti che misurano perdita di direzionalit e identit urbana. E potrei continuare a lungo. Sprechi e inefficienze non sono pi accettabili. Nei venti mesi del governo Prodi avevamo posto le basi per affrontare e risolvere questi enormi problemi. Poi il nulla. Adesso il governo cambiato. Lutilizzo e la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico di stringente attualit. Riprendiamo il lavoro con tutte le istituzioni interessate, costanza e unit dintenti. Io mi muover in questa direzione. Sipo Beverelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

II

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

CHIETI
Celebrati ai Santi XXII Apostoli i 160 anni dalla fondazione: premi ed encomi agli agenti e alle scuole della provincia

H2

IL CENTRO

LA FESTA
DELLA POLIZIA

Tanti giovani ai Tempietti romani con liniziativa Barattiamoci la lettura

Censiti oltre 16 mila immigrati


CHIETI. Unoccasione per celebrare il compleanno e rafforzare il legame con la citt. Con questo spirito la polizia di Stato ha celebrato ieri i 160 anni dalla sua fondazione. Lappuntamento convocato nella sala Giovanni XIII della parrocchia dei Santi XII Apostoli, allo Scalo, ha visto la partecipazione del questore, Orazio DAnna, il prefetto Fulvio Rocco De Marinis, il vescovo Bruno Forte, i rappresentanti delle istituzioni civili e militari. Nel corso della cerimonia sono stati presentati i risultati dellattivit di polizia svolta in tutta la provincia dal primo maggio 2011 al 30 aprile scorso. Fra i dati in evidenza le infrazioni al codice della strada: poco pi di 11 mila in 12 mesi. Fra queste, 113 denunce per guida in stato di ebbrezza e tredici sotto leffetto degli stupefacenti. La polizia giudiziaria ha arrestato 72 persone in un anno e ne ha denunciate 605 per reati di vario genere. Le chiamate al 113 sono state 4.178. Quanto agli stranieri presenti nel Chietino, lufficio immigrazione ne ha censiti 16.149. Quelli espulsi sono stati 89, dei quali 65 con foglio di via obbligatorio, mentre sono stati i 29 cittadini comunitari allontanati dallItalia. Premiati gli agenti che si sono distinti per particolari meriti di servizio. Encomio solenne al vice questore aggiunto Cesare Ciammaichella; promozione per merito straordinario per il sovrintendente capo Renato Menna e un encomio al sovrintendente Boris Di Federico. Hanno invece ricevuto la lode il vice questore aggiunto Francesco Costantini, gli ispettori capo Stefano Bini, Giancarlo De Santis, Giuseppe Masci e Gabriele Miccoli; i sovrintendenti Mario Del Prete, Lorenzo Gagliardi, Giuseppe Menna; gli assistenti capo Gianni e Marco Aceto, Giuseppe Como, Antonello Del Rosso, Domenico Ranieri, Paolo Vanni, Alessandro Di Michelangelo e lassistente Gianluca Palmerini. Premiati anche gli studenti dellistituto Mattei di Vasto, che hanno vinto il concorso Regoliamoci con un videoclip intitolato Chi si salver. Per il concorso Il poliziotto un amico in pi sono state premiate la classe II A della scuola materna di via Masci, la IV B della primaria Ciampoli di Atessa, la II H della media

Libri in prestito per passione Aumentano le infrazioni per guida sotto leffetto di alcol e droga senza burocrazia

Paolucci di Vasto, la III A della scuola media di Orsogna e la II A del liceo delle scienze umane De Titta di Lanciano. Allesterno della sala della cerimonia erano in mostra auto e moto della polizia oltre alle attrezzature usate dagli agenti durante il lavoro. Unoccasione che ha richiamato un gran numero di persone: i bambini incuriositi dalle due ruote, i genitori molto interessati al funzionamento degli autovelox. (f.r.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIETI. Leducazione al senso civico che arriva condividendo lamore per i libri. la scommessa di Barattiamoci la lettura, uniniziativa a cura dellassociazione a difesa del cittadino (Aduc) che ieri ha sorpreso i visitatori per una caratteristica: prendere i libri senza registrare il proprio nome o lasciare un documento. Nella sede ai Tempietti romani sono entrati circa una settantina di visitatori, tanti giovani. Quaranta i libri dati in prestito nellappuntamento ideato per scambiarsi testi in libert, cancellando lobbligo di compilare la scheda dei volumi in uscita, un chiaro esempio di senso civico. E importante condividere una passioLibri in prestito ai Tempietti nei, dice il neo presidente dellassociazione, Maurizio Barbacane, per questo non abbiamo voluto imporre firme e identificazioni. Non a caso per la manifestazione stata scelta la sede dei tempietti romani, di fronte al rudere della biblioteca De Meis. Con il crollo, dice Alessandro Morgante, uno dei soci, venuto meno un luogo ma soprattutto loccasione di vivere la curiosit e lamore per la cultura, che difficilmente recupereremo. I prossimi appuntamenti di Barattiamoci la lettura il 23 giugno e l8 settembre allo Scalo, piazzale Marconi, il 6 ottobre a Chieti, nella piazzetta davanti alla sede della Fondazione Cassa di Risparmio. (s.b.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Un momento della premiazione

IV

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

CHIETI E PROVINCIA

H3

IL CENTRO

LEVENTO

Successo per la rassegna di auto depoca che ha incantato centinaia di appassionati


La Lancia Aurelia del film Il sorpasso vince il primo premio I proprietari dellauto dannata felici per la vittoria La sfilata delle auto lungo il corso e una Fiat anni Trenta

CHIETI. la macchina originale guidata da Vittorio Gassman nel film Il sorpasso a trionfare nel Gran premio d eleganza citt di Chieti. La Lancia Aurelia B24 portata sul grande schermo nel 1962 da Dino Risi si guadagnata il trofeo best of show, la migliore tra le 19 vetture esposte, ed ha vinto anche nella categoria aperte post 50. Tra le chiuse ante 50 si classificata prima la Citroen traction avant, mentre tra quelle post Cinquanta la Aston Martin DB2. Nella categoria aperte ante Cinquanta, invece, ha vinto la Fiat 1500 6C, esemplare unico che Agnelli regal a Benito Mussolini. Il premio Old motors andato invece alla Ferrari 250 gt cabrio. Trofei a parte, la rassegna automobilistica organizzata da Fabio Di Pasquale ha radunato nelle vie del centro un gran numero di persone incuriosite dalle forme sinuose delle auto depoca. Il Gran premio citt di Chieti, giunto alla sua seconda edizione, promuove il tema delleleganza sposato ai motori. Una competizione di alto livello, se si pensa che le vet-

La Lancia Aurelia del film Il sorpasso vince il premio eleganza


ture partecipanti, tutte immatricolate in un periodo compreso tra gli anni Trenta e gli anni Sessanta, sono arrivate a Chieti guidate da appassionati di tutta Italia. Dalle 13 alle 18 le auto depoca sono state in mostra in piazza G.B.Vico. E sin dal loro arrivo in centro storico hanno attirato una gran folla di appassionati e semplici curiosi. Nel tardo pomeriggio hanno sfilato intorno alla citt fino a raggiungere largo Martiri della Libert. E qui, mentre i teatini ammiravano le carrozzerie dannata, i giudici dell Asi (Fausto Tronelli, Achille Gerla, Gabriele Fabbri) e dell Old motors club dAbruzzo (Nello DellOsa e Nino Di Fazio) hanno valutato con occhio esperto quali autovetture premiare. La passione teatina per le quattroruote depoca sembra non essere mai passata di moda. Chieti, infatti, ha una lunga tradizione automobilistica, per aver ospitato in passato eventi come la Coppa Colonnetta, la Coppa citt di Chieti e il Gran criterium vetturette. Competizioni che hanno sempre regalato alla citt un movimento vivace. E nella giornata di ieri sembrava essere tornati a quel fermento di tanti anni fa: le auto depoca, per un giorno almeno, hanno rianimato il centro cittadino e fatto sognare grandi e piccini. Francesca Rapposelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

VI

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

ORTONA

GUARDIAGRELE

H4

IL CENTRO

Atteso per oggi larrivo del megayacht con oltre quaranta passeggeri inglesi in visita in Abruzzo Proclamazione degli eletti in Consiglio

Ranalli: il porto va potenziato


Confindustria chiede pi servizi per incrementare il turismo
ORTONA. Si chiama Harmony G. e ospita a bordo una quarantina di turisti inglesi il megayacht atteso per lapprodo in porto stamattina. Larrivo della mini nave da crociera un evento che a pochi giorni dalle elezioni ha gi avuto leffetto di resuscitare il dibattito sulle prospettive dello scalo marittimo leader nel traffico delle merci in Abruzzo. Dibattito che riparte allinsegna dei timori ormai ben fondati sulla bocciatura quasi certa pronunciata dalla Snav, la societ che gestisce i collegamenti attraverso lAdriatico per le localit di vacanza della Croazia. E che sembra aver scartato tutti gli scali abruzzesi per le partenze dei suoi aliscafi. Ma al di l della questione Snav, su cui non si hanno ancora notizie definitive, spiega Giuseppe Ranalli, presidente della sezione Trasporti in seno a Confindustria teatina, la scelta degli armatori dellHarmony di attraccare a Ortona ci ricorda che il nostro porto, dagli alti fondali unici in Abruzzo in grado di accogliere megayacht e piccole navi da crociera, ha occasioni tuttora a portata di mano, se soltanto la nuova amministrazione comunale sapr inserire nel nuovo Piano regolatore portuale misure orientate con sione pi realistica sulle necessit impellenti e future per lo sviluppo del porto. Le proposte partono da una considerazione generale. Occorre rafforzare i servizi alla marineria da pesca con nuovi pennelli, spiega Ranalli, ma lorizzonte si allargher alla parte sud dello specchio dacqua, dove pontili galleggianti per il diporto e i relativi servizi sulla terraferma farebbero da volano per loccupazione attraverso la creazione di tutte quelle attivit di supporto alle imbarcazioni sul modello di Ancona e Salerno che hanno rilanciato i rispettivi scali e aperto nuovi scenari per la cantieristica, e Ortona conta oggi gi 4 aziende attive in questo campo. Vantaggi che secondo lesponente confindustriale si riverserebbero nellentroterra. La citt e lintero comprensorio dalla costa alla montagna, annota Ranalli, avrebbero anche un porto turistico ad alta frequentazione, con una valorizzazione indotta di enogastronomia, beni artistici e architettonici, commercio e tutto quanto collegato alle vacanze. E porta a esempio la destinazione della comitiva inglese, che si ferma in Abruzzo per un giro tra le cantine di prestigio. Francesco Blasi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Citt pulita e viabilit le due priorit del sindaco DOttavio


ORTONA. Il sindaco Vincenzo DOttavio punta sulligiene urbana, il restyling di strade e servizi per rendere pi accogliente la citt in vista della stagione turistica 2012. Tra le priorit, anche quella di portare a compimento i lavori di riqualificazione in via della Libert con il ritorno al a doppio senso di circolazione. In questi giorni, il neo sindaco alle prese anche con la formazione della giunta che sar formata da cinque assessori. Ieri mattina, intanto, c stata la proclamazione del consiIl sindaco Vincenzo DOttavio glio comunale. Per la maggioranza: Tommaso Coletti; Roberto Serafini; Giannicola Di Carlo; Enzo Tucci; Nadia Di Sipio, tutti del PD; Ilario Cocciola e Simonetta Schiazza dellIdv; Maria DAlessandro, dellUdc; Patrizio Marino, del Sel e Alessandro Scarlatto, della lista civica Uniti per DOttavio. Quanto allopposizione: Remo Di Martino, Nicola Fratino del Pdl; Leo Castiglione, di Insieme per Cambiare, Tommaso Cieri e Giulio Napoleone, area di centrodestra, e Giovanni Valentinetti, della lista civica Citt Nostra. (l.s.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il megayacht atteso a Ortona con 40 turisti inglesi a bordo chiarezza al rilancio di tutta la parte diportistica, rimasta il tallone dachille dello scalo mentre al potenziamento delle infrastrutture per la movimentazione commerciale si lavorato con risultati pi che apprezzabili. Ranalli lancia le proposte di Confindustria, con la premessa che dopo laudizione del Comitato porto in sede di redazione del Prp, lamministrazione di Vincenzo DOttavio siamo certi che sentir singolarmente tutti gli operatori portuali per un giro di opinioni che faranno emergere una vi-

CROAZIA

Ortona senza aliscafo


ORTONA. Il nostro porto pronto ad accogliere anche nel 2012 il Pescara Jet della Snav dice il vice comandante della Capitaneria, Angelo Capuzzimato, lo scorso anno la compagnia ci anticip a marzo le sue intenzioni di utilizzare il porto di Ortona. Lassenza di contatti ancora a fine maggio il segnale, secondo gli operatori dello scalo, che gli aliscafi non torneranno sulle coste abruzzesi. (f.b.)

N1

Via Dalmazia 9 Centralino 0872/42040 Fax 0872/42169 Pubblicita: 0872/724050

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

e-mail: red.lancianovasto@ilcentro.it

VII

NUOVI GESTI INTIMIDATORI

Minacce a Equitalia, filmati sotto esame


Dalle immagini delle telecamere un aiuto agli investigatori sugli autori delle scritte
LANCIANO. caccia agli autori delle scritte minacciose sulle vetrine di Equitalia. Saranno le immagini delle telecamere a fornire risposte agli investigatori. Non solo quelle del circuito di videosorveglianza dellagenzia di via Piave, ma anche quelle registrate da altri impianti presenti in alcuni negozi e servizi della zona. Nessuna pista al momento esclusa.

LALTRA SOSTANZA

Polvere sospetta a Monte Marcone attesi i risultati


ATESSA. Si aspetta invece di conoscere lesito degli esami sullaltra sostanza, rinvenuta a Monte Marcone in una busta indirizzata alla sede Equitalia di Vasto. Dai primi accertamenti fatti a Chieti sembra che si tratti di fertilizzante o di un composto chimico utilizzato in agricoltura, come nel caso di Lanciano e quindi non nocivo. La calligrafia sulla busta verr analizzata e messa a confronto con quella delle altre lettere recapitate allagenzia frentana per verificare se c una matrice comune. (s.so.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi ha imbrattato con la vernice rossa le vetrate degli uffici di Equitalia e il marciapiede sottostante lo ha fatto a pochi passi dal sistema di videosorveglianza della societ di riscossione dei tributi. Non solo: nellarea tra via Piave e viale Delle Rimembranze altri circuiti potrebbero avere ripreso qualche immagine interessante ai fini dellindagine. Dopo essersi fatta aprire gli uffici chiusi dalla scorsa settimana, la polizia ha acquisito le immagini registrate dalla telecamera di Equitalia, anche se puntata in particolare sullingresso dellagenzia. Saranno confrontate con i fotogrammi registrati da altri impianti presenti nella zona, spiega il dirigente del commissariato, Katia Basilico, le indagini proseguono ad ampio raggio. Le scritte, realizzate con la vernice spray rossa, sono state cancellate ma non sono an-

Le scritte sui vetri di Equitalia e sul marciapiede (foto di Arnolfo Paolucci) date via bene. Nella notte tra gioved e venerd ignoti avevano imbrattato due vetrine dellagenzia con le parole Boom...boom!, mentre sul marciapiede era stata impressa la frase Il popolo vive. Nessuna ipotesi viene esclusa da chi indaga. Potrebbe essersi trattato dellennesimo gesto intimidatorio nei confronti dellagenzia Equitalia, gi oggetto di lettere minatorie, oppure di unazione di emulazione, magari a opera di un mitomane. Prefettura, Procura e forze dellordine non possono sottovalutare nulla, tant che i passaggi di pattuglie nella zona degli uffici Equitalia saranno intensificati, anche di notte. Le scritte contro lagenzia di riscossione dei tributi sono comparse a una settima-

La cassetta delle Poste sequestrata a Monte Marcone na di distanza dalla busta gialla contenente polvere sospetta, recapitata da unignara postina negli uffici di via Piave. La donna rimasta in isolamento per oltre quattro ore con nove dipendenti dellagenzia, prima di scongiurare il pericolo di contagio. Scattato lallarme, infatti, si era attivato il protocollo demergenza, con lintervento di personale specializzato dei vigili del fuoco e della Asl per eventuali rischi batteriologici. Le analisi, effettuate prima a Chieti e poi allIstituto zooprofilattico di Foggia, hanno escluso che si trattasse di una sostanza nociva: era un composto chimico usato in agricoltura. Da domani gli uffici di via Piave riaprono al pubblico. Stefania Sorge
RIPRODUZIONE RISERVATA

LINTITOLAZIONE

Nuova piazza, polemiche anche in giunta


La cerimonia disertata da due assessori e 5 consiglieri
Il sindaco Mario Pupillo con Giuliano Amato e il prefetto Fulvio Rocco de Marinis al cambio dintitolazione di piazza della Vittoria in piazza Unit dItalia ma si racconta di un confronto acceso tra i contrari ai festeggiamenti e il sindaco, Mario Pupillo, che ha sposato in pieno la proposta di Alessandro Acciavatti per il tramite del capogruppo Udc, Paolo Bomba. Il gruppo di dissidenti non avrebbe digerito sia la scelta di cambiare nome a piazza Della Vittoria senza consultare i cittadini, sia lopportunit di realizzare una cerimonia pomposa, con grande dispiegamento di forze dellordine, auto blu e pranzo di gala, in un momento difficile economicamente per le famiglie. I conti, in realt, centrano poco, perch dalle casse comunali non usciranno pi di 4 mila euro: le due giornate sono costate 18 mila euro sponsorizzate anche da Provincia, Regione, Bls e Fondazione Carichieti. Per i dissidenti, per, il messaggio che passa quello sbagliato, di una manifestazione non in linea con i sacrifici che anche ai lancianesi saranno richiesti dalla stessa amministrazione. Qualcuno non ha gradito neanche i due ospiti, lex presidente del Consiglio, Giuliano Amato, e lex sottosegretario Gianni Letta. E le polemiche continuano anche al di fuori. Un pezzo della storia della citt stato cancellato, dichiara Katia De Ritis, coordinatrice provinciale di Fascismo e libert, se volevano intitolare una piazza allUnit dItalia, decisione apprezzabile, potevano scegliere una piazza qualsiasi. Invece stata scelta piazza Della Vittoria poich era fascista. Per fortuna si salvato viale Delle Rimembranze, grazie a un decreto regio che ne protegge il nome a vita. (s.so.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

LANCIANO. Lintitolazione di piazza Della Vittoria allUnit dItalia ha sollevato polemiche fuori ma anche dentro Palazzo di citt. Non sfuggito ai pi il fatto che una parte della maggioranza che amministra Lanciano ha disertato le manifestazioni di venerd per i 150 anni dellunificazione. Volontariamente assenti sono stati ben sette tra assessori e consiglieri di maggioranza. Tra i dissidenti, il vice sindaco, Pino Valente, lassessore Antonio Di Naccio e i consiglieri Michele Ucci, Giacinto Verna e Giuseppe Ferrante (Pro-

getto Lanciano e Rinnoviamo Lanciano), Piero Cotellessa (Socialisti) e Gabriele

Di Bucchianico (Idv). Allindomani delle celebrazioni le bocche sono cucite,

Il punto informazioni attivo tutti i giorni fornito anche di guide

LANCIANO. Ha riaperto dopo cinque mesi lufficio informazioni turistiche in piazza DAmico. I pellegrini, tutti i giorni, possono andare nella piccola struttura posta poco prima del santuario del Miracolo Eucaristico per avere informazioni, anche su altre bellezze cittadine. La riapertura stata decisa dallamministrazione comunale e sinserisce nel piano di miglioramento dellaccoglienza dei turisti avviato negli ultimi mesi. Con la riapertura del punto dinformazione si volta pagina nellaccoglienza, affer-

Dopo 5 mesi riapre lufficio turisti


La struttura pronta a indirizzare 90 mila pellegrini
ma lassessore al turismo Pino Valente. A cinque mesi dalla riconsegna della chiavi dellufficio (fino al 31 dicembre stato gestito dal consorzio Vpt, ndc) abbiamo avviato un progetto che, in via sperimentale, porta a riaprire il chiosco tutti i giorni. un punto importante per indirizzare i circa 90 mila turisti che arrivano ogni anno anche ad altre mete, non solo al santuario del Miracolo Eucaristico. Al momento ci sar il personale, multilingue, dellufficio Iat, ci saranno nuove guide e percorsi, poi in base alle risposte, agiremo. importate partire ora che c il maggior afflusso turistico. Lapertura segue i lavori di restyling fatti in piazza DAmico dove stata creata una corsia preferenziale per i bus turistici che possono lasciare in sicurezza e direttamente davanti lingresso del santuario i pellegrini senza che questi siano costretti a risalire a piedi dalla Pietrosa. Il restyling e lapertura del box informazione, la collocazione di un bagno chimico fanno parte del primo step del progetto di crescita del turismo, spiega Valente, il se-

Pellegrini diretti al Miracolo condo, su cui stiamo gi lavorando, riguarda la messa in rete di tutti gli operatori del settore, ossia albergatori e

commerciant, e di altri Comuni del comprensorio per sviluppare un programma di marketing e promozione territoriale e nuovi pacchetti turistici globali che ampliano lofferta e facciano cessare il turismo mordi e fuggi che ci caratterizza. Il tutto in attesa del passo pi lungo e complesso che riguarda le strutture: la realizzazione del parcheggio per i bus turistici a Pozzo Bagnaro inserito nel piano triennale delle opere pubbliche e nuove strutture ricettive. Teresa Di Rocco
RIPRODUZIONE RISERVATA

Albergatori e negozianti presto in rete per creare pi servizi

VIII

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

LANCIANO ATESSA CASOLI VAL DI SANGRO

N2

IL CENTRO

BANDO PUBBLICO

VIABILITA

Feste di settembre il presidente Angelucci Marino


IN BREVE
LANCIANO, bambini. Dalle 10 alle 19 nella villa comunale il Rotaract Club organizza la manifestazione Il paese dei balocchi, giornata di allegria e divertimento per bambini con giochi con animatori professionisti. C anche il concorso fotografico Mettici il cuore: liscrizione (5 e 10 euro) viene devoluta allAnffas. LANCIANO, pedalata. Parte da piazza Plebiscito, alle 8,30, la gara non competitiva per ciclosportivi di 81 chilometri. LANCIANO, Madonne. Il polo museale Santo Spirito ospita fino al 10 giugno la mostra La sapienza risplende. Madonne dAbruzzo tra Medioevo e Rinascimento. Ingresso gratuito. Orari da marted a venerd 10-12,30, marted, gioved, sabato e domenica 16-18. LANCIANO. Stefano Angelucci Marino il nuovo presidente del Comitato feste di settembre. Il suo nominativo stato scelto dalla giunta comunale, per la prima volta nella storia delle celebrazioni per la Madonna del Ponte, con un bando. Lassessore Valente e il neo presidente Angelucci Marino Preferisco considerarmi un direttore piuttosto che un presidente. Stefano Angelucci Marino, attore, regista e da anni protagonista nel settore della cultura, dello spettacolo e dellintrattenimento, consapevole di aver appena accettato un ruolo considerato tra i pi delicati per lorganizzazione di eventi in citt: Il direttore, dice, quello che si accolla le responsabilit, ma lo fa sempre con gioia ed entusiasmo. Le Feste di settembre sono da sempre un appuntamento irrinunciabile per ogni lancianese. Non le scalfiscono la crisi, le difficolt finanziarie dei comitati feste che si susseguono negli anni, le questue sempre pi scarne: i giorni 14, 15 e 16 settembre vanno festeggiati con la tracotanza e gli eccessi propri dei lancianesi da ormai 179 anni. Abbiamo concorso a scrivere unaltra bella pagina di democrazia partecipata, sottolinea lassessore alla cultura, Pino Valente, grazie al bando abbiamo non solo potuto scegliere persone valide, ma anche un bel programma. Angelucci Marino non svela particolari inediti. Abbiamo poco tempo e poche risorse, esordisce, ma questo non cimpedir di dedicare il doppio degli sforzi possibili per la riuscita di questo importante appuntamento. Il taglio che il neo presidente del comitato vuole dare alle feste quello di un ritorno alla tradizione, con pi attenzione alla cultura e al folklore, appoggiandosi alle realt culturali cittadine. Unattenzione particolare sar dedicata ai new media, come tv e canali web, social metwork come Facebook e Twitter, e blog. La prima novit delle feste la rivela per il sindaco, Mario Pupillo: Le giostre cambiano sede, spiega, quelle pi rumorose e destinate ai ragazzi pi grandi dovranno trasferirsi nellarea fiera. La scelta era gi stata concordata dallanno prima con i giostrai. Ed magro il budget che il comune impegna per le feste: 35 mila euro. Cercheremo di farceli bastare, sorride Angelucci Marino, queste feste devono essere di tutti e tutti dovranno concorrere, per quanto possibile, alla riuscita delle celebrazioni in onore della Madonna del Ponte, patrona di Lanciano. Daria De Laurentiis
RIPRODUZIONE RISERVATA

Casoli, riaperto alle auto il ponte sullAventino


CASOLI. Riapre al traffico veicolare il ponte sullAventino in localit Guarenna, lungo la Provinciale 211 (ex Statale 86 Frentana), chiuso lo scorso 10 aprile a causa dellerosione dei piloni. La Provincia per i lavori di somma urgenza ha stanziato 129 mila euro, adesso si in attesa che la Regione faccia la sua parte per la copertura di quanto gi speso e soprattutto per destinare limporto occorrente alla definitiva sistemazione e messa in sicurezza del ponte, stimato in circa 950 mila euro. Siamo stati tempestivi e, come avevamo promesso, abbiamo ridotto al minimo i disagi per gli automobilisti, attivit commerciali e residenti, dicono il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, e lassessore alla viabilit, Antonio Tavani, assumendoci anche in prima persona lonere di intervenire. Fra laltro la riapertura del ponte ci permette di agire su unaltra infrastruttura che la precedente amministrazione aveva sottoposto al senso unico alternato: si tratta del Ponte Gogna, sullex statale 84, sempre allaltezza di Guarenna di Casoli, che sar demolito e ricostruito. Quella del ponte sullAventino una situazione arcinota a tutti gli enti ma oggi solo la Orovincia di Chieti, nella sua drammatica situazione, se n fatta carico. In tempi brevi saranno avviati anche i lavori sullex statale 84 nel tratto Casoli-centro di sistemazione e messa in sicurezza, per un importo di un milione di euro mentre sono stati completati i lavori di risagomatura lungo la provinciale 95 a Castellarso, fra Casoli e Palombaro. Matteo Del Nobile
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le giostre pi grandi via dal centro e trasferite alla Fiera

V1

Via Dalmazia 9 Centralino 0872/42040 Fax 0872/42169 Pubblicita: 0872/724050

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

e-mail: red.lancianovasto@ilcentro.it

FURTI, RICETTAZIONE E SPACCIO

I carabinieri fermano la banda degli scooter


Tre giovani ai domiciliari e tre denunciati: pezzi di moto rivenduti per acquistare droga
CUPELLO. Dietro londata di furti di moto a Vasto cera una gang di insospettabili ventenni. Il gruppo stato tradito dalle intercettazioni telefoniche. Tre di loro, Andrea Sciascia, 27 anni, di Cupello; Roberto Gigliotti, 26 anni, di Vasto; Ayyad Bouchaib, 22 anni, nord africano residente a Monteodorisio, sono agli arresti domiciliari. Denunciati S.A., 19 anni, T.M., 20 anni, e D.A., 19 anni.

LINIZIATIVA

Bullismo a scuola convegno europeo


VASTO. Restano in citt da domani al 1 giugno le delegazioni di insegnanti di Bulgaria, Romania, Svezia e Turchia che, con i colleghi del terzo circolo didattico di Vasto, partecipano al progetto europeo contro il bullismo Comenius, bully,how to prevet bullyng at schol. Il 29, alle 16,30, allistituto Palizzi, si svolge il convegno Bullismo, quali segnali? Come prevenire il bullismo a scuola? con il professor Marco Maggi consulente educativo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La combriccola, accusata di furto, ricettazione e spaccio, si era specializzata soprattutto nel furto di ciclomotori. Lultima moto sarebbe stata rubata in piazza Rossetti. I proventi dei furti delle moto, ma anche di altro materiale comprese le grondaie in rame, servivano per acquistare hascisc e marjuana, dice il capitano dei carabinieri, Giuseppe Loschiavo. Lindagine stata lunga e delicata. I militari del nucleo operativo hanno lavorato un anno per ricomporre il mosaico. A incastrare il gruppo di amici sono state le intercettazioni telefoniche. stato ascoltando le chiacchierate telefoniche del gruppo che abbiamo scoperto che le moto, in particolare i ciclomotori Piaggio Zip, una volta rubate venivano depositate in

I carabinieri illustrano loperazione che ha portato ai tre arresti (foto di Gianfranco Dacc) un garage per essere smontate. I pezzi venivano rivenduti singolarmente ad altri giovani del Vastese. Con i ricavi delle vendite i ragazzi compravano la droga e la rivendevano ad altri coetanei, raccontano il capitano Loschiavo e il tenente Loredana Lenoci. Oltre a quello dei motorini gli indagati devono rispondere anche del furto in un bar della zona e di alcune grondaie di rame. Nel corso delle perquisizioni che hanno preceduto i provvedimenti di custodia cautelare i militari hanno recuperato 5 telai di moto, diversi pezzi di ricam-

Il telaio di uno scooter con il pezzo mancante si mai accorto di niente, sostiene il tenente Lenoci. Luned gli indagati saranno sottoposti allinterrogatorio. Prima di allora non mi sbilancio, afferma lavvocato Gianni Menna, difensore di Andrea Sciascia. Paola Calvano
RIPRODUZIONE RISERVATA

bio, 65 grammi di hascisc, materiale per il confezionamento delle dosi, un bilancino di precisione, un flacone con semi di canapa indiana e 50 litri di nafta. Erano riusciti a organizzarsi molto bene e soprattutto sono stati bravi a non insospettire le famiglie. Nessuno dei genitori

Lassociazione: regolamento dallalto, lospedale non una colonia

Nuovi orari nei servizi sanitari Vastoviva: disagi per il personale


VASTO. Gli amministrativi devono facilitare il lavoro assistenziale e non concorrere alla palude burocratica per favorire il disservizio. Lassociazione Vastoviva raccoglie il malumore degli operatori sanitari Asl sul nuovo regolamento orario, un sistema definito rigido dalla stessa dirigenza aziendale, che sta creando disagio nei reparti ospedalieri e nei servizi territoriali. Le problematiche lamentate vanno ad aggiungersi ai frequenti errori nei cartellini, alle ore in meno conteggiate e alle indennit che non vengono retribuite. Il nuovo regolamento orario piovuto dallalto, come ovvio da Chieti, sta creando criticit dei servizi, sostiene il sodalizio che fa capo a Maria Amato e Angelo Bucciarelli, non entriamo nel merito tecnico della vicenda, ma giusto sottolineare che Vasto non una colonia lontana e Chieti non la capitale dellimpero. Le scelte non contestualizzate, fatte senza sapere come e perch ununit operativa lavora secondo unorganizzazione non omogenea, hanno il respiro corto. Secondo Vastoviva, che fa appello a principi di equit e non di campanilismo, il territorio del Vastese sta pagando la razionalizzazione e lomogeneizzazione di alcune procedure. (a.b.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Suriani: tutti facciano la differenziata


Rifiuti, appello dellassessore per la raccolta ferma al 42%
VASTO. Il problema dei rifiuti riguarda tutti e c un unico modo per fronteggiarlo adeguatamente: fare la raccolta differenziata. Parte da questa premessa lappello che lassessore allambiente, Anna Suriani (Sel) lancia alla vigilia dellestensione del servizio domiciliare allIncoronata, quartiere a nord della citt. Nel rione periferico inizia il porta a porta. I residenti hanno ricevuto da settimane i contenitori colorati: marrone per lorganico, giallo per carta, cartone e tetrapak per alimenti, blu per plastica e metalli, verde per vetro e grigio per residuo, cio il materiale che non pu essere riciclato. Con lestensione del porta a porta allIncoronata, Comune e Pulchra (la societ mista che cura il servizio), contano di raggiungere il 65 per cento, un obiettivo molto lontano se si pensa che la raccolta si attesta al 42 per cento e che persiste il malcostume di andare a gettare il pattume in quelle zone dove non ancora stato attivato il servizio. Fare con diligenza la raccolta differenziata non uno sport per ambientalisti, ma un obbligo di legge, ammonisce la delegata allambiente, per questo chiedo ai cittadini di adoperarsi con scrupolo per la buona riuscita delliniziativa. Fare una buona raccolta significa recuperare tutto quello che si pu: carta, plastica, metalli, umido, rifiuti ingombranti, prosegue lassessore, che detta alcune regole. Produrre meno rifiuti che non possono essere avviati al recupero significa limitare luso delle discariche, insiste la Suriani, ma anche evitare labbandono incontrollato del pattume che una citt come Vasto cos ricca di attrattive paesaggistiche, culturali e ambientali e che vive anche di turismo proprio non pu permettersi. Basta un minimo sforzo per uno straordinario risultato di civilt. Adoperiamoci per presentare la citt nella sua forma migliore ai turisti, ma soprattutto a noi che qui viviamo per dodici mesi lanno. Anna Bontempo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lassessore Anna Suriani

IL CENTRO

VASTO S.SALVO CASALBORDINO GISSI V.SINELLO TERMOLI

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

XI

ESPOSIZIONE AI RISCHI

Amianto, benefici a chi ancora in attivit


Il giudice accoglie i ricorsi di nove operai della ex Magneti Marelli e condanna lInps
VASTO. I benefici previdenziali connessi allesposizione allamianto vanno riconosciuti anche al dipendente ancora al lavoro o in mobilit, a prescindere quindi dalleffettivo pensionamento. linnovativo principio della sentenza emessa dal giudice del lavoro del tribunale di Vasto, Stefania Izzi, in favore di 9 lavoratori della ex Magneti Marelli, ora Denso. La sentenza, arrivata dopo unattenta valutazione da parte del magistrato, mette fine a un lungo e sofferto procedimento giudiziario. Lesposizione allamianto per i nove lavoratori ha riguardato un lasso di tempo che va dal 1972 al 1992, anno questultimo in cui lamianto stato bandito per legge dalle produzioni industriali. Venti anni nel corso dei quali gli operai sarebbero stati esposti a gravi rischi per la loro salute. Alla Magneti Marelli, le resine che si utilizzavano per la produzione industriale erano composte da amianto crisolito in percentuali dal 60 al 70% per diverse centinaia di chili al giorno, spiega in una nota il direttore provinciale del sindacato Inca-Cgil, Stefano Gamberale, il patronato sindacale dei lavoratori che ha promosso il ricorso davanti al giudice per il riconoscimento delle indennit e che riuscito a incassare una vittoria difficile. Una sola fibra di amianto inalata pu provocare malattie gravissime a distanza di decine di anni, figurarsi una percentuale cos alta, ha sottolineato in aula il legale dei ricorrenti, lavvocato Fabio Giangiacomo. Per gli esposti allamianto sono previste facilitazioni cos previdenziali. Fino a oggi la rivalutazione dei benefici era stata per riconosciuta solo a chi nel frattempo aveva raggiunto la pensione dopo aver presentato il ricorso. La particolarit della procedura in questione, intralciata dal susseguirsi di leggi contorte e talvolta contraddittorie, sta nel fatto che stato affermato il diritto a instaurare un procedimento giudiziario anche per lavoratori in mobilit o addirittura ancora al lavoro, rimarca Giangiacomo. Grande compiacimento stato espresso anche dalla Fiom-Cgil, il sindacato dei lavoratori metalmeccanici. Non semplice ottenere facilitazioni previdenziali per via giudiziaria, sostiene

GISSI

Festa alla Golden Lady per la riconversione


GISSI. Fra i primi ad arrivare per unirsi alla festa dei lavoratori, il consigliere regionale Nicola Argir (Pdl). Assente, invece, il presidente della Regione, Gianni Chiodi (Pdl), nello stesso oprario a Vasto per un convegno. Per lottavo sabato di fine mese, i 382 ex dipendenti della Golden Lady si sono ritrovati davanti ai cancelli della ex fabbrica di calze, nella zona industriale di Gissi. Questa volta, per, lo spirito era diverso. Il peggio passato. La fabbrica stata rilevata dalla Holding Silda e dalla New Trade. Luned a Roma previsto il passaggio finale. Resta comunque la paura dei lavoratori espressa con un punto interrogativo sullo striscione allingresso dello stabilimento: Finalmente la riconversione?. Grande la soddisfazione stata espressa dl sindaco di Gissi, Nicola Marisi e da molti politici intervenuti al sit-in. Visto che il presidente Chiodi stato a Vasto, avrebbe almeno potuto salutare 382 persone che hanno trascorso un anno dinferno, ha commentato amaramente il consigliere provinciale del Pd, Camillo DAmico. (p.c.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mario Codagnone, segretario provinciale della Fiom-Cgil. I sindacati da anni sono in prima linea per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori. In pochi anni dopo un serrato confronto con gli organi amministrativi di Inail e Inps, gli aventi diritto alle maggiorazioni contributive sono passati da 150 a 450. La sentenza destinata a fare giurisprudenza e a spianare la strada ad altre inizia-

Unudienza in tribunale e a lato Fabio Giangiacomo

tive analoghe. Esultano i lavoratori ai quali i sindacati e lavvocato Giangiacomo hanno subito comunicato lesito del procedimento. E con loro esultano anche gli ambientalisti e i rappresentanti del Comitato esposti allamianto che da tempo erano scesi in campo per affiancare gli operai nella battaglia contro lamianto nei luoghi di lavoro. (p.c.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PAGINA APERTA
entile direttore da quando cambiato il vento in Italia si etichettano discorsi, pensieri, proposte come frutti dellantipolitica o di discorsi demagogici. Mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse in maniera seria, convincente ed esaustiva cosa questa antipolitica e verso chi si riversa. Il fatto che in una Italia cos come lhanno ridotta, molti hanno preso coscienza dello stato delle cose: corruzione dilagante, sprechi nelle pubbliche amministrazioni, partiti che fanno un uso improprio del denaro dei contribuenti (visto che disattesa la volont espressa in

PA

IL CENTRO
politici avete fallito ma nonostante tutto rimanete ugualmente l a pane e vino. Beh se lantipolitica questa, la presa di coscienza del popolo che voi chiamate sovrano quando vi conviene e trattate da somaro quando governate, sia la benvenuta, non penso possa far danni o debiti pi di quanto ne avete fatto voi fino ad oggi. La vera antipolitica siete voi, avete disaffezionato i cittadini alla politica e lastensionismo dilagante ne una conferma. Chi invece crede in un futuro fatto di politica, non crede in voi, prendetene atto. Camillo Di Felice Vasto

LA LETTERA

Lantipolitica creata dai politici


un referendum sul finanziamento pubblico ai partiti). Ci siamo resi conto di essere tassati in maniera scandalosa in cambio di servizi che fanno pena; levasione fiscale che non si vuole combattere seriamente, una classe politica composta da circa mille persone che si vantavano di essere frutto del voto popolare (ad convenentiam) quindi legittimate a governare, mentre sono state incapaci a farlo e han dovuto delegare altre persone, i tecnici, mentre loro imperturbabili sono l inchiodati, senza vergogna e senza nemmeno la consapevolezza dei loro limiti e del loro fallimento. Tante altre cose ci sarebbero da dire e sarebbe troppo lungo. Voglio comunque riflettere su una cosa: se una fabbrica o una attivit che si trova in difficolt, costretta a mettere i dipendenti in cassa integrazione o addirittura licenziarli, anche voi

LEuropa e il marxismo

Santoro come lapprendista stregone si inalbera con Grillo che lo snobba


el corso della trasmissione Servizio pubblico di gioved scorso, 24 maggio, il giornalista conduttore Michele Santoro ha colto loccasione per togliersi alcuni macigni dalle scarpe pronunciando parole molto dure. Contro Berlusconi, Bersani, Vendola, Alfano, Casini, Di Pietro, Rosy Bindi, Enrico Letta, Franceschini, altri politici o contro i dirigenti della Rai che lo hanno costretto a fare altrove un programma che si ripaga ampiamente - contrariamente, per esempio, a quelli condotti da Giuliano Ferrara al quale, con il nostro canone, siamo costretti a dare tanti soldi per un programma in crisi di ascolti, soldi che dunque potrebbero essere quindi utilizzati meglio con gli introiti della pubblicit? No. Questa volta nel mirino santoriano stato il nuovo (si fa per dire) protagonista della politica italiana, quel Beppe Grillo che pretende di dominare chi si riconosce nel movimento da lui fondato, che bacchetta un consigliere regionale - eletto da quel popolo in nome e per conto del quale Grillo dice di parlare - solo perch ha giustamente solidarizzato con un giornale - lUnit - fatto defiggere dalla bacheca in cui era stato per oltre sessanta anni, alla Magneti Marelli di Bologna, da Sergio Marchionne, lamministratore delegato della Fiat, e ne espelle un altro di consigliere solo perch gli si contrapposto, con una visione della democrazia interna tale da fare impallidire i peggiori dittatori del secolo scorso e gli aspiranti del secolo attuale. Che cosa ha fatto infuriare Santoro? La dichiarazione di Grillo che ha detto, a mio avviso sbagliando come sbaglia su tantissime altre cose, che tutti i conduttori sono uguali. Non sono, ovviamente, in grado di potermi misurare con lelevato pensiero del Grillo, con i suoi vaffa, il suo continuo turpiloquio, ma arrivo a pensare, sia pure con molta fatica, che Giovanni Floris, Corrado Formigli, Lucia Annunziata, Bruno Vespa, Gad Lerner, Lilli Gruber, Alessio Vinci, Gianluigi Paragone, tanto per citare alcuni dei conduttori di programmi che, con quello di Santoro, seguo maggiormente, non siano proprio tutti uguali, cos come non lo sono i partiti messi spesso, da Santoro, Travaglio e Vauro, sullo stesso piano. Santoro si giustamente arrabbiato, ricordando le sue iniziali simpatie per Grillo, i suoi incoraggiamenti quando spargeva quintali di letame su tutto e tutti. Ed qui che non ci siamo, perch dopo aver tifato per chi sparlava degli altri, adesso che tocca a lui di essere accumunato ad altri, si inalbera e si comporta come lapprendista stregone, figura di una celebre ballata di Wolfgang Goethe, il cui ruolo ho capito a suo tempo, guardando il film danimazione Fantasia con protagonista Topolino. In parole povere, significa che non bisogna mai evocare gli spiriti con la convinzione di poterli tenere a bada con qualche Sim-salabim. Cos successo, almeno a mio avviso, a Santoro: ha tifato, stimato, incoraggiato Grillo sino a quando costui ha pronunciato i suoi elevati e profondi vaffa contro i partiti, la politica e le istituzioni. Adesso che Grillo ha conquistato spazi forse insperati in televisione e sui quotidiani e attacca anche i conduttori, non va pi bene, al punto che un caustico Santoro, concludendo il suo sermone contro Grillo, lo ha mandato, usando il suo linguaggio colorito, a quel paese. Che dire? Solo che chi di tutti uguali colpisce, di tutti uguali perisce. Giustino Zulli Chieti

Il comico lo ha messo sullo stesso piano di altri conduttori scatenando le sue ire

Vorrei far seguito alla del tutto condivisa lettera di Licio Sabatini sullEuropa e la cultura delleffimero prendendo spunto da un articolo di Marcello Veneziani: Alla fine ha vinto Marx. Siamo tutti uguali: individualisti e nichilisti, ponendo in risalto che in fondo il comunismo reale e la sua politica sociale sono stati sconfitti dallOccidente, ma non i valori che ne sono i fondamenta. A ben vedere quanto previsto da Marx si avverato: ricchezza in poche mani e povert per tutti gli altri. questa la crisi economica di oggi che ci riporta alle sue preconizzazioni e paradossalmente il marxismo non si realizzato in quei paesi (Russia, Cina, Cambogia, Cuba) che hanno abbracciato il comunismo, reso vitale e perpetuato solo da misure totalitaristiche, bens nellOccidente capitalista, che ne stato il crogiuolo e dove oggi valori combattuti dal suo credo - Dio, il Sacro, la famiglia, le radici, le tradizioni fanno tanta fatica a resistere alla crescente e persuasiva perdita di significato. Lutopia comunista si materializzata non a livello collettivo, con le padronanze proletarie, anticapitaliste, antistataliste, bens individuale, come lui stesso dichiarava nellIdeologia tedesca: lo scopo del comunismo la liberazione di ogni singolo individuo dai dettami dello Stato, familiari, religiosi, economici e via dicendo. Ci siamo. Siamo nella societ capitalistica globale. La Patria non racchiude pi lidea della Nazione con confini quasi inesistenti e definiti sempre pi transnazionali, ove per sembra ancora funzionare quando si tratta di imporre diktat economici; lEuropa appare sempre pi utopica nel suo essere nazione in quanto ancora priva di collettivismo geopolitico, economico e fiscale; lateismo, non quello vero, razionale, ma quello nichilista manicheo e benpensante pone le fondamenta e si radica nellaffermare quellirreligiosit tanto cara al filosofo tedesco; i rapporti umani sempre pi mediati da motivi utilitaristici e materiali pi che da richiami spirituali, morali e tradizionali; la liberazione da ogni legame organico e naturale ha finalmente realizzato il prometeismo marxista dellindividuo. Questa commistione di radical-liberalismo che potremmo definire marxismo occidentale non era stato previsto dal filosofo che avrebbe decretato la fine dei regimi dellEst e reso limborghesimento del proletariato molto pi povero. La sua lotta di classe invece che sfociare in un modello sociale egualitario ha incrementato le diversit biologiche (pi furbo-meno furbo) e patrimoniali nel nome di una pseudo egemonia culturale che rientra dalla fi-

nestra dopo essere uscita dalla porta. Parafrasando Woody Allen (Marx morto, Dio morto e io non sto tanto bene) potremmo dire che Dio in stadio terminale, Marx non morto ma ha solo tolto la barba e cambiato vestito e noi stiamo veramente male! Arcadio Damiani Pescara

Il calcio di Zeman puro Rock&Roll


Caro direttore, impazzano titoli e complimenti si moltiplicano sui maggiori quotidiani nazionali: tutti pazzi per Zeman, pensiero stupendo, la vittoria di un uomo serio,ecc. Ma con poche parole possiamo dire che il suo calcio non la solita canzonetta ma puro Rock & Roll e ci piace, ci piace... Un salutone a tutti i tifosi biancazzurri Alfredo Di Tillio Pescara

I politici perdenti non se ne vanno


E non se ne vogliono andare era il titolo di un film che si attaglia perfettamente a quel che stiamo vivendo. Ai

politici del nostro Paese, che ormai godono la fiducia del 4% dei cittadini, praticamente loro stessi e i parenti pi stretti. Eppure, mentre monta la rabbia, con una situazione economica drammatica, imperterriti continuano con le stesse litanie, le stesse promesse di cambiamenti, di innovazioni e pulizia. Continuano a parlare in modo quasi surreale, delle stesse leggi ferme in Parlamento da anni, dei tagli ai loro privilegi, tante volte annunciati e mai fatti, di riforme sempre promesse e mai attuate. Sembrano non capire che questa volta davvero suonata la campanella e la loro pervicacia alimenta ancor pi rabbia e risentimento. Come ha detto qualcuno, stanno partecipando ad un funerale, senza capire che si tratta del loro. E non c differenza tra livello nazionale o locale. Anzi, nellAbruzzo profondo i commenti del dopo elezioni dei protagonisti somigliano a quelli, stereotipati, degli allenatori di calcio dopo una partita e indicano il permanere di una classe politica strapaesana, in buona parte inadeguata, che continua a proporre clich parolai e clientelari, datati e obsoleti. Gi in questa tornata, sono andati a votare solo la met degli aventi diritto e quelli che lhanno fatto hanno

dato segnali forti di cambiamento. A dimostrazione che questo Paese capace di metabolizzare tutto. Si adegua al clientelismo, agli scandali, ai miliardari demagoghi e amorali, ai professionisti eterni della politica intesa come mestiere, che vivono il ruolo nelle istituzioni come privilegio e diritto eterno, ma anche capace, come ha gi dimostrato, di azzerare tutto molto rapidamente. Ha vinto Grillo e, per esorcizzare, si sono evocati il populismo e l anti politica. In realt, unonda di rivolta, che sta montando contro chi ci ha portato allo sfascio e, piuttosto che farsi da parte, pretende pure di gestire la rinascita. Cos facendo, con il previsto peggioramento della situazione, alle prossime elezioni andranno ancora meno elettori e c il rischio concreto, come in Grecia, che la rabbia si incanali verso movimenti meno rassicuranti o forme di dissenso meno pacifiche. La ricreazione finita e la gente che tira la cinghia non pu essere pi rabbonita con promesse o adeguandosi al linguaggio dei grillini, come sta accadendo. La gravit del momento richiede provvedimenti concreti ed equi, con lesempio della politica stessa, con cambiamenti rapidi e radicali. Per questo impensabile, che il nuovo corso abbia le stesse facce. Di sicuro, ci sar chi prover con i vecchi giochini gattopardeschi, cambiare tutto affinch tutto resti come prima. Bisogna dissuaderli, se vogliamo prevenire davvero scenari di tipo greco, da albe radiose o da sol dellavvenire. Mario Frattarelli Controguerra

Lincubo della Grecia


Caro Direttore, non basta un clima politico e sociale delicato e caotico, non bastano le gravi difficolt economiche, non basta un futuro sempre pi fosco, ora ci affliggono anche la minaccia di uscita della Grecia dalleuro e gli scenari inquietanti ad essa connessi! Mi sembra di vivere un incubo, dove ogni giorno ci aspetta un nuovo pericolo, nascosto nelle pieghe di una Europa divisa e conflittuale. Credo che il comportamento dellEuropa verso la Grecia sia stato arrogante e improvvido, quasi come si trattasse di uno scolaro negligente e da bacchettare. Forse sarebbe stato pi consono un atteggiamento pi morbido e meno punitivo e sprezzante, al fine di indurre la Grecia a un atteggiamento pi graduale e pacato verso un cammino non facile e non indolore, verso una maggiore consapevolezza e fiducia nei propri mezzi. Vivere nel terrore di una Europa infuocata, indebitata e perdente non mi va proprio gi. Antonio Taraborrelli Pescara

Per il Teatro Stabile dAbruzzo

Il libro di Vittoria Coppola Il romanzo pi votato su Rai Uno marted approda alla Feltrinelli

Gli occhi di mia figlia fenomeno letterario acclamato a Pescara


di Federica DAmato

LAUTRICE

l caso letterario dellanno? Forse penserete ad un Carofiglio, alla Maraini, a Erri De Luca... No. Il caso letterario che pi ha destato interesse questanno Gli occhi di mia figlia dellesordiente Vittoria Coppola, pubblicato nel 2011 da una piccola casa editrice salentina, la Lupo Editore. Si parte con mille copie e con lintrepida speranza connaturata ad ogni piccola realt editoriale italiana: questa volta ce la faremo? Ce lhanno fatta: il libro arriva al settimanale culturale del Tg1, Billy, partecipa al concorso, suscita il vivo interesse dei curatori del programma, Doglio e Luver, fino allinaspettato. Gli occhi di mia figlia, di Vittoria Coppola, vince il concorso con circa 600.000 voti, battendo i grandi quali Rizzoli, Mondadori, Bompiani, che restano a bocca aperta, increduli. Potenza assoluta del passaparola, di gente comune ma soprattutto di piccoli e medi editori locali, che si compattano intorno alla propria corregionale. E il passaparola fa lievitare le vendite in tutta Italia, anche a Pescara, ci informa Francesca DellOrso, responsabile eventi della Libreria Feltrinelli: I lettori pescaresi hanno molto apprezzato il libro della Coppola, tant che noi librai lo abbiamo conosciuto grazie ai consigli di chi lo ha inizialmente ordinato per s, incuriosendoci e spingendoci ad ordinarlo. Da qui, mi parso naturale invitarla in

Vittoria Coppola e a sinistra la copertina del suo libro Gli occhi di mia figlia citt, per parlare del suo libro ad un pubblico gi orientato. La giovane scrittrice, sar infatti presente in libreria marted prossimo, 29 maggio, alle ore 18, introdotta dalla sottoscritta. A questo punto resta da chiedersi se il successo commerciale sia supportato da un reale valore letterario dellopera: chi scrive cercher di affrontare meglio la questione in sede di presentazione; la considerazione dalla quale in questi casi bisogna sempre muovere, che davanti al consenso schiacciante che determinati fenomeni, di qualsiasi tipo, riscontrano presso il pubblico, bisogna tacere e mettersi in ascolto, perch troppo spesso la saggezza popolare relegata

ai margini di una giusta considerazione analitica. Circa le questioni sopra accennate, cercando di scandagliarne meglio le ragioni, abbiamo intrattenuto un breve colloquio con lautrice, Vittoria Coppola, che con le sue risposte ci aiuta a comprendere il senso di un libro nel quale vige tirannica la legge dei sentimenti. Come ha interpretato la

vittoria del sondaggio Billy, quando la gente ha scelto proprio il suo romanzo, scansando titoli forti di scrittori popolari quali Gianrico Carofiglio o Dacia Maraini? Sono convinta che il concorso-sondaggio indetto da Billy sia stata una straordinaria occasione di partecipazione alla cultura. Permettendo agli utenti di internet di votare il libro preferito tra gli undici in ga-

ra, stata data la parola alle persone senza le quali i libri non avrebbero senso, ovvero i lettori. Votando per il mio libro, inizialmente distribuito solo in Puglia e oggi in tutta Italia, credo che sia avvenuto qualcosa di magico: i lettori (che hanno partecipato) hanno deciso di mettere Gli occhi di mia figlia sullo scaffale delle librerie italiane. Niente di pi bello.

Ti sei definita la narratrice dei sentimenti quotidiani: di quali sentimenti? Mi piace molto pensare di riuscire a scrivere dei romanzi che aiutino ad evadere dalla realt. Al contempo, narro di sentimenti quotidiani e comuni a molti. Sentimenti forti. Con la mia scrittura spero dunque di creare un dolce equilibrio tra la verit che viviamo e quella che potremmo vivere. Se ho ben inteso, ci che cerchi di comunicare al lettore che vivere consiste nello sporcarsi le mani, far intendere che anche lindividuo pi innocente ha la sua parte di responsabilit nelle trame che il destino intesse dentro sul tempo... vero. Con il romanzo che ho scritto ho voluto arrivare a spiegare come non ci possano essere dei colpevoli o innocenti in senso assoluto. Mi riferisco, ovviamente, a persone che non fanno del male agli altri. Nonostante, con ogni probabilit, ci sia un destino che alla fine arriva a compiersi, per me importante la qualit dellesistenza. Vivere a pieno i sentimenti, nel rispetto pi totale di ognuno. Cosa significa essere non solo una esordiente, ma anche, se vogliamo, la rappresentante di una ideale primavera salentina? Mi sento emozionata per questo. Sono unesordiente e, come tale, voglio e devo crescere nella scrittura. Il territorio a cui appartengo mi stato e mi vicino pi che mai. Una primavera salentina? Meraviglioso: spero di rappresentarla nei colori pi vivi. Con umilt e lavoro. Da attenta lettrice, mi permetto di darti un consiglio, parafrasando un detto del Ges islamico: beato colui che guarda con il cuore, ma il suo cuore non in ci che narra. Invece lei, quale consiglio d ai critici, me compresa, che la leggono? A chi legge Gli occhi di mia figlia voglio dire di abbandonarsi alle pagine, con occhi curiosi. A chi legger il mio prossimo libro e tutto ci che scriver in futuro, suggerisco di aprirsi verso una nuova penna che convinta di poter arrivare al cuore, con tante storie diverse. Non posso consigliare nulla, in fondo. Se non di predisporsi verso chi vuole raccontare e non insegnare. Spero solo che i lettori possano percepire la mia autenticit e onest. Nulla pi di questo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ANALFABEATLES di MASSIMO CARBONI


Avessi potuto scegliere il sottotitolo per Analfabeatles di Massimo Carboni, avrei scelto Cosa non si fa per amore. Perch lautore, che insegna Estetica allUniversit della Tuscia e allAccademia di Belle Arti di Firenze, pur di parlare dei suoi baronetti inglesi e del loro genio musicale, scomoda i pi grandi pensatori di tutti i tempi. Una narrazione che fa del frammento la sua cifra stilistica e che - soprattutto - va ascoltato con le cuffie hifi. Castelvecchi, 14 |

LA LUNGA STRADA DI SABBIA di PIER PAOLO PASOLINI


(Riletture) Vi consiglio la lettura di questo bel reportage realizzato nei mesi di luglio, agosto e settembre del 1959 da Pasolini. il viaggio in Italia, o meglio sulla costa italiana, che il grande poeta italiano realizz per la rivista Successo. Il libro ci restituisce unItalia che non c pi. Un libro utile per ricordare le nostre pi recenti radici. Tra le tante descrizioni dellItalia di quegli anni c anche la citt di Pescara: Pescara splendida. Edizioni Contrasto, 39 |

RESISTERE NON SERVE di WALTER SITI


Una fotografia della contemporaneit quella di Walter Siti, con lobiettivo dichiarato di mettere in scena il suo presente, senza infingimenti, senza ipocrisie. Si pensano in unlite, si scambiano opinioni trendy al posto dei sentimenti, si spendono in cene velleitarie tra banchieri. Rizzoli, 17 |

SULLA MIA TESTA di MILE JADOUL


(3-6 anni) Ne Il cielo sopra Berlino, capolavoro del regista tedesco Wim Wenders, solo i bambini riescono a vedere gli angeli. In questa bella storia di mile Jadoul solo Gastone, un bambino, riesce a vedere Gaspare, un uccellino che si sistemato sulla sua testa. Babalibri, 10 |

LUNGO LA VIA INCANTATA di WILLIAM BLACKER


Se pensate anche voi che al mondo doggi non ci siano pi nuove terre da scoprire, nuovi mondi in grado di mettere in discussione le vostre certezze, se pensate davvero questo, non potete non leggere Lungo la via incantata di Blacker. Non vi opponete ma lasciatevi trasportare. Adelphi, 23 |

18

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

P2

IL CENTRO

IL CENTRO

P3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

19

DDU BOTT SIMBOLO DEL FOLCLORE

GIULIANOVA

di Evelina Frisa
ra lo strumento dei pastori e dei contadini. Per rendere pi leggere le loro ore sui campi, a orecchio provavano a produrre piccole composizioni. In modo semplice, divertendosi anche a canticchiare. Uno strumento che da generazioni scandisce la vita degli abruzzesi. Tecnicamente si chiama organetto diatonico, ma Ddu bott il nome con cui tutti lo conoscono e che meglio lo rappresenta. Uno strumento che racconta la storia dAbruzzo e che in qualche modo ha contribuito a scriverla. Sono tanti i musicisti che sono riusciti a varcare i confini anche nazionali attraverso le musiche che riesce a emettere. Tra questi Roppopp, un cantastorie come ama definirsi. Anche nel suo caso il nome con cui diventato noto pi semplice di quello di battesimo. Un nome orecchiabile, riconoscibile, divertente. Era lappellativo con cui lo salutavano gli spettatori delle sue serate quando non era ancora conosciuto. Una voce e un sorriso diventati famigliare soprattutto per anziani e bambini. Sono infatti loro i pi appassionati al genere che propone e che riempiono da anni le piazze in cui si esibisce. Franco Palumbo, questo il suo vero nome, nato a Penna SantAndrea, il paese che da quasi un secolo la patria del Laccio damore, caratteristico ballo folk di gruppo. Non ho mai studiato questo strumento, racconta Roppopp, ma quando ero piccolo ricordo che il gruppo folk del Laccio damore aveva bisogno di qualcuno che sapesse suonare e in paese non cera nessuno. Fu chiamato il maestro Fanciullo Rapagnetta per quel ruolo, ma anche per tenere delle lezioni. Ne presi davvero poche, poi mi sono allenato da solo. In compagnia di un vicino di casa che mi faceva ascoltare e provare a eseguire le musiche attraverso una cassetta. Il nastro andava avanti e indietro finch non riuscivo a riprodurre il suono in modo perfetto. Ho imparato cos. Aneddoti, incontri, passione e soprattutto semplicit. La parola chiave dei musicisti di ddu botte. Facciamo musica per divertire spiega Palumbo per raccontare momenti di vita, damore, di rapporti umani. In una parola del-

Roppop, il cantastorie che narra lAbruzzo Suono per divertire


Igor Ianni nella sua fabbrica di organetti a Giulianova

La culla dellorganetto da Ianni artigiani per vocazione dal 1882


Lorganetto nacque qui. Questa la frase che si legge aprendo il sito della fabbrica di ddu bott Ianni di Giulianova. Una ditta che esiste da 130 anni. Era il 1882 quando Giuseppe Ianni diede vita alla bottega artigiana che oggi punto di riferimento per musicisti e appassionati del genere. La fabbrica, tuttoggi a conduzione familiare, alla quarta generazione. Dopo Giuseppe, il figlio Armando continu la sua attivit, quindi il nipote Alfredo, poi Marcello e oggi Igor. Una fabbrica, ma anche un museo, che racconta la storia di questo strumento e dellAbruzzo. Lorganetto pi antico che abbiamo prodotto, dice Igor ha 128 anni. Era molto semplice e veniva acquistato per lo pi dai contadini per allietare il lavoro tra i campi. Oggi le esigenze sono varie e le richieste arrivano da tutto il mondo. Spesso i musicisti chiedono particolari caratteristiche che cerchiamo di soddisfare.

LO STRUMENTO IERI E OGGI

I segreti per suonarlo a tutte le et


Il maestro Pierluigi Delle Vedove insegna il ritmo con un metodo speciale
In questo periodo, racconta sto insegnando a suonare a delle insegnanti in pensione che finalmente hanno tempo da dedicare a questa arte. Aldorino ha amato questa musica sin da bambino, aveva 13 anni quando da autodidatta inizi a strimpellare motivi orecchiabili. Una passione che non ha mai abbandonato, e ha atteso di andare in pensione per dedicarsi completamente alla musica. Tanti i bambini che hanno appreso le prime nozioni musicali con lui, gli stessi che poi hanno partecipato a dei concorsi e si sono fatti notare vincendo dei premi. Ce ne sono molti in Abruzzo di festival dedicati a questo strumento. Tra questi famoso quello di Basciano, in provincia di Teramo, che esiste da 44 edizioni e che si svolge a met agosto. Manifestazioni che, seppur sottoforma di gara, contribuiscono a mantenere viva la tradizione musicale e canora regionale. Oltre a insegnare, Aldorino riempie le piazze con un gruppo che quando al completo raggiunge 50 elementi. Tra pochi giorni, spiega andr in Sardegna a far sentire la nostra musica e portare un pezzo del nostro Abruzzo. Io e il mio gruppo facciamo quello che pi amiamo: suonare la tradizione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Suona lorganetto da quando aveva otto anni

Il maestro Fanciullo Rapacchietta a 97 anni il decano dei suonatori Ddu bott, il pi grande amore

IL BRIGANTE DI PENNE

Manuel DArmi talento di 17 anni

Manuel DArmi in concerto Il Brigante di Penne. Cos che lo chiamano i suoi concittadini. Un nome che si addice al suo carattere allegro e intraprendente. Ha solo 17 anni, ma con la sua bravura ha gi conquistato gli appassionati di musica folk. Si tratta di Manuel DArmi, talento della musica tradizionale. La sua passione stata premiata tante volte: nel 2001 ha vinto il campionato del mondo di organetto e nel 2007 quello internazionale. Manuel fa parte del gruppo Gli Scordati. Ci sono anche i miei genitori: pap alla grancassa e mamma ai tamburelli, dice.

Il maestro Aldorino Graziani e il suo gruppo a Villa Badessa le storie. Molte le ho scritte io, molte altre le ho rispolverate dalla tradizione o dalla collaborazione con grandi scrittori locali. Tra questi il bisentino Michele Notturno. Alcune sue poesie, tipo A Fonte Vetica sono diventate canzoni molto amate. Roppopp in poco tempo riuscito a creare il suo pubblico, a Penna SantAndrea, in occasione di una festa di paese, poco dopo luscita del suo primo cd, ci fu il pienone per ascoltarlo dal vivo. Un momento che non dimenticher mai, racconta. Cerano i miei compaesani, ma non solo e da l lo stimolo di continuare stato forte. Oggi ho pubblicato cinque album molto apprezzati anche allestero. Il brano il cui ritornello fa proprio roppopp stato tradotto in olandese ed stata colonna sonora di un festival. Ora sto lavorando a un nuovo cd. A riempire le piazze abruzzesi a suon di questo strumento anche il gruppo di Aldorino Graziani, storico suonatore e maestro di ddu bott di Scafa, che tuttoggi, allet di 78 anni, lo insegna a ragazzi e a adulti.

Una vita dedicata a una passione: lu ddu bott, uno strumento che per lui il pi grande amore. Si chiama Fanciullo e il suo nome, forse proprio per la musica che lo ha sempre accompagnato, non va in contraddizione con il suo animo, nono-

stante let. Fanciullo Rapacchietta (nella foto), teramano doc, ha 97 anni, e da quando ne aveva 8 le sue mani non hanno mai lasciato lorganetto. Ha composto musiche e insegnato a generazioni di ragazzi ad amare le proprie radici. (e.f.)

a passione per lorganetto non ha et. La voglia di imparare a suonare questo strumento arriva anche da adulti, spesso da pensionati. Et in cui non semplice iniziare con le tecniche tradizionali. Per facilitare lo studio di questo strumento il maestro Pierluigi Delle Vedove adotta un metodo basato su lettere e numeri. Un modo per aiutare a imparare velocemente a suonare, saltando lo studio del solfeggio e delle note. Ho deciso di usare questo metodo, spiega, soprattutto per quanti vogliono solo divertirsi a suonare e non vogliono farne una professione. Invece di procedere a orecchio ho scritto su un pentagramma lettere e numeri che corrispondono ai tasti e i risultati dal punto di vista dellapprendimento ci sono. Delle Vedove vive a Penne e ha insegnato e insegna a tantissimi a suonare. Ha iniziatto a proporre il suo metodo dal 1993, di ritorno da un viaggio in America. Il metodo, spiega, lho imitato dagli americani e lho fatto mio. Ho tratto ispirazione anche dalla Bontempi, che usava dei pentagrammi con i numeri per iniziare i bambini al pianole. Semplicit per non vuol dire superficialit. La musica matematica, ricorda,

PENNA SANTANDREA

Della Noce, produttori da tre generazioni


Pierluigi Delle Vedove di Penne maestro di organetto, qui accanto il suo metodo musicale complessa, se si cominciasse dal solfeggio molti lascerebbero alla seconda lezione, invece cos in poco tempo imparano, si appassionano e magari poi, se c interesse davvero si incominciano studi specifici. (e.f.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Correva lanno 1920 quando Loreto Della Noce diede vita a una piccola fabbrica di organetti a Penna SantAndrea. Una ditta a conduzione familiare che cresciuta nel tempo e che oggi alla terza generazione. Dal 1960 la fabbrica si trasferita a Teramo, in localit Specola, dove gli organetti vengono prodotti. In centro invece c il negozio che punto di riferi-

mento per numerosi musicisti e non solo. Ogni organetto, spiegano i titolari, un prodotto unico e personalizzabile. Molti dei nostri clienti sono stranieri. Acquistano dal Canada, dalla Francia, dalla Spagna. Questo strumento molto richiesto dagli emigranti e dai loro figli. Quello che ci distingue la costante ricerca per linnovazione. (e.f.)

20

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

P4

IL CENTRO

Santino Spinelli
musicista

Fu a scuola a Lanciano che scoprii la mia diversit cominciando dal bilinguismo Ma la maestra fu bravissima

Se ho potuto sviluppare il mio talento lo devo a mio padre deportato in un campo di sterminio

di Giovanna Di Lello

rigoroso, fiero, Santino Spinelli, quando ci parla della sua cultura di appartenenza. Le sue sono parole militanti che ci raccontano del mondo rom visto dal di dentro. Un narrare in cui lunica parola non ammessa zingaro. Va da s che a nessuno piace essere definito con un termine dispregiativo, dice. Parole che riferiscono di un percorso di vita scandito da successi professionali, non arrivati dal nulla, ma conquistati faticosamente e con determinazione, sfidando ogni forma di discriminazione e razzismo. Musicista, compositore, docente universitario, Santino Spinelli sicuramente lartista rom pi importante del nostro paese, nonch uno dei maggiori conoscitori della cultura e della lingua roman in Europa. Appartiene al gruppo dei rom abruzzesi (uno dei primi giunti in Italia intorno al 400) e vive da sempre a Lanciano, anche se nasce 48 anni fa a Pietrasanta, in Versilia, durante uno dei numerosi viaggi dei suoi genitori, impegnati nel commercio di cavalli. Un lavoro che prevedeva un nomadismo stagionale. Si viaggiava per andare alle fiere, ma la nostra casa sempre stata a Lanciano. Mio padre stato avviato da mio nonno materno a questa professione. Un nonno che era uno dei pi grandi commercianti e allevatori di cavalli del Centro Italia e che per questo fu risparmiato dai rastrellamenti fascisti che prevedevano, in base alle Leggi Razziali dellepoca, linternamento nei campi di concentramento di tutti i rom (e molti finirono nei lager nazisti). Ad evadere da uno di questi campi tocc, invece, al padre di Spinelli, che da bambino fu deportato da Lanciano a Rapallo con tutta la famiglia. Se ho potuto fare musica e sviluppare il mio talento, lo devo a mio padre. Era la sua grande passione, ma non lha potuta esercitare perch era il primo di dodici figli e ha dovuto aiutare la famiglia. A me, invece, ha fatto studiare. Mi portava dai migliori maestri. Ho preso lezioni anche dal maestro Dante DAlfonso, campione mondiale di fisarmonica. Spinelli diventa un virtuoso dellaccordon e con lo pseudonimo di Alexian inizia giovanissimo a comporre brani dalle sonorit roman. Questa musica carica di pathos e sorretta da ritmi incalzanti. Oggi ha alle spalle una decina di album, tourne internazionali e collaborazioni di spicco (Moni Ovadia, Lino Patruno, la prestigiosa Orchestra Sinfonica Europea della Pace). A breve inizier a lavorare anche alla colonna sonora del prossimo film interpretato da Silvio Orlando, per la regia di Giulia Calenda. Convinto che la discriminazione la si combatte con la conoscenza, Spinelli utilizza la musica roman anche in concerti-seminari per ripercorrere la storia di un popolo visto troppo spesso solo attraverso stereotipi negativi. Un popolo singolare, originario dallIndia, che riconosce come unica istituzione la famiglia ed composto da etnie diverse (rom, sinti, ecc.) sparse in tutto il mondo. Gente che ha prodotto una musica straordinaria, che va dal Flamenco al Jazz Manouche, dalle melodie leggendarie di Django Reinhardt alle sonorit gitane che influenzarono i compositori classici. Un patrimonio artistico che appartiene allintera umanit, afferma. Luniverso roman confluisce immancabilmente anche nelle ricerche accademiche di Spinelli, che dal

DallAbruzzo al mondo cantando il popolo rom Fiero della mia gente

CHI

Scrive libri e incide dal 1986


Santino Spinelli, in arte Alexian, un musicista, compositore e docente universitario di etnia rom abruzzese. Nasce a Pietrasanta (Lu) il 21 luglio 1964, ma vive da sempre a Lanciano. Incide dischi dal 1986. Le ultime produzioni sono Andr Miro Romano Gi e Me pase ko Murdevele, entrambi su iTunes. Ha pubblicato saggi, tra cui Rom, genti libere (Dalai) presidente dellEru (European Roma Union) e rappresentante italiano dellErtf (European Roma and Travellers Forum). Organizza a Lanciano il festival musicale Alexian & International Friends, presentato da Lorena Bianchetti.

SCRITTORE

Santino Spinelli insieme al drammaturgo bulgaro Moni Ovadia Ovadia ha scritto per Alexian la prefazione del suo Rom, genti libere fortuna ho avuto lamore incondizionato della mia famiglia che mi ha fatto da scudo, ma non per tutti i bambini rom cos. Per questo si chiudono in se stessi e rifiutano di integrarsi nel gruppo, ma solo una forma di difesa. Determinante per la formazione di Spinelli stata lattenzione della sua maestra. Una donna straordinaria che mi aveva preso a cuore. Portava me e mia sorella a casa sua per farci fare i compiti. Mi ha trasmesso un senso di sicurezza

Suoner per il Papa e prepara le musiche del film con Orlando

2001 insegna lingua e cultura roman in diverse universit italiane (Torino, Trieste, Chieti). Il musicista studioso lancianese ha due lauree, entrambe conseguite alluniversit di Bologna, una in Lingue e letterature straniere, laltra in Musicologia, ed lunico italiano presente nel gruppo di ricerca internazionale di studi Roman. Con il suo ultimo saggio Rom, genti libere (che Moni Ovadia ha definito una vera e propria enciclopedia della storia e della cultura roman), Spinelli riesce a colmare un vuoto nel panorama editoriale scientifico italiano, dove nulla di cos sistematico era presente su questo popolo. Di particolare interesse lo studio che fa del romans, la lingua di derivazione indoeuropea parlata da tutte le etnie roman, di cui Spinelli uno dei massimi esperti. Ha subto numerosi influssi nel corso delle peregrinazioni di questa popolazione ed proprio grazie a questi influssi che si potuto ricostruire il loro millenario viaggio. una lingua neo-indiana, transnazionale che rappresenta perfettamente letnia rom, la sua prismaticit. il simbolo di un popolo presente ai quattro angoli della terra, ma che si sente unito. Ovviamente tutti i bambini rom imparano prima il romans a casa e poi la lingua del paese in cui vivono. Anche a lui capitato a Lanciano. Il suo stato un bilinguismo che si trascinato fino a scuola. in classe che ho scoperto la mia diversit, il fatto di essere rom. I bambini a volte sanno essere pi crudeli degli adulti. Io per

e mi ha mostrato che era possibile avere un rapporto sereno con la scuola. Quando stata trasferita, facevo la 4 elementare e ho avuto uno shock. Latteggiamento del nuovo maestro era molto diverso dal suo e persi un anno di scuola. Mi ci voluto del tempo per recuperare ma poi ho superato anche questo scoglio. Negli anni sono sempre stato il primo della classe. I miei genitori hanno capito ci che per me era chiarissimo: la scuola era la strada per uscire dal circolo vizioso del pregiudizio, afferma. Anche le sue cinque sorelle (tutte pi grandi di lui) hanno un titolo di studio, seppur inferiore al suo. Studiare un valore, dice. Spinelli ricorda che molti sono i rom integrati in Abruzzo, persone che hanno studiato e lavorano onestamente. Direttori di banca, professionisti, infermieri, operai, impiegati, come tutti gli altri, ma quando tornano a casa parlano la loro lingua, seguono le loro tradizioni. Continua: Alcuni ragazzi rom, invece, sono pi disillusi, pensano di non farcela, ma bisogna far capire loro che non cos. Per combattere questo ci serve unintegrazione positiva, fatta di conoscenza reciproca. Spinelli ha sposato una gag (una non rom), conosciuta ai tempi delle superiori. Il mio matrimonio la dimostrazione che la cultura maggioritaria e quella rom possono coesistere. Mia moglie rispetta la mia cultura e i miei valori e io faccio lo stesso con lei. I nostri tre figli sono portatori sani della terza via: quella di una felice convivenza. Sullomicidio di Domenico Rigante e il conseguente arresto di rom a Pescara dice: un atto deplorevole, ma unetnia non pu pagare per le azioni di un singolo criminale. Donne e bambini non centrano. I lanci di sassi e molotov nelle case dei rom a Pescara non dovrebbero essere possibili in uno stato di diritto. Il padre del povero ragazzo ucciso ha dato una prova di civilt encomiabile. solo grazie a lui che si evitato il peggio. Dei manifesti razzisti sfoderati in questi giorni dal Pdl pescarese aggiunge: sciacallaggio politico, un crimine. Non si pu istituzionalizzare il razzismo. Ci che ci vuole, invece, aprire un tavolo di lavoro serio sullintegrazione dove anche la politica si deve assumere le sue responsabilit. Io mi metto a disposizione. E nel frattempo Santino Spinelli si prepara a a un evento di portata internazionale, che si terr il 2 giugno a Milano in presenza del Papa. Nellambito della Giornata internazionale della famiglia, si esibir, in mondovisione su Rai Uno, insieme ai suoi figli e unorchestra, in onore di Benedetto XVI. Canter il Murdevele, il Padre Nostro in lingua roman.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Alexian con Silvio Orlando

IL CENTRO

T2

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

21

CONCORSO DI SAGGISTICA

Gli studenti di Roseto premiano Cos la vita di Concita De Gregorio


La giornalista si aggiudica la sezione Tematiche giovanili Ieri la cerimonia alla Villa comunale con finalisti e giurati

Ho scritto questo libro per ridare un posto a parole che non si usano pi

di Federico Centola
a giuria degli studenti e degli utenti della Biblioteca Civica di Roseto degli Abruzzi ha scelto: Concita De Gregorio la terza vincitrice della decima edizione del Premio internazionale di Saggistica Citt delle Rose. Con il libro Cos la vita, la giornalista di Repubblica si aggiudicata il primo premio di 1.600 euro e liscrizione allalbo donore del Premio. Gli altri vincitori, scelti dalla giuria tecnica presieduta da VincenzoCappelletti gioved scorso, sono Boris Cyrulnik per la saggistica straniera e Miguel Gotor per quella nazionale. Tra i finalisti della sezione tematiche giovanili cerano anche lastrofisico Amedeo Balbi e lattore Flavio Oreglio. Segnalato con una menzione speciale il volume dellautore abruzzese Marco Santarelli, scritto con Margherita Hack, LAquila volta la carta edito da Arkh. La premiazione si svolta ieri pomeriggio nella splendida cornice della Villa Comunale di Roseto. La cerimonia ha chiuso la Settimana della Cultura, che da diversi anni viene allestita per celebrare latto di nascita della Citt delle Rose che risale al 22 maggio del 1860 (152 anni). Tornando al concorso, va sottolineata la presentazione che lo psicologo Franco Ferrarotti ha fatto del libro del collega francese Cyrulnik, rimarcando limportanza di aprire una finestra sul mon-

La premiazione di Concita Di Gregorio, a sinistra quella di Cyrulnik e in basso il pubblico con, in primo piano da sinistra, Miguel Gotor

LA SCHEDA
Giornalista e scrittrice, firma storica de la Repubblica, dove attualmente lavora, Concita De Gregorio, nata a Pisa nel 1963, ha partecipato al Premio Citt delle Rose con il libro Cos la vita. Imparare a dirsi addio (Giulio Einaudi editore, 2011). Dellinvecchiare, dellessere fragili, perfino del morire si parla di nascosto. Ai bambini negata lesperienza della fine. La sofferenza fonte di frustrazione e vergogna. Lestetica delleterna giovinezza costringe molte donne nella prigione del corpo perfetto. Concita De Gregorio chiede di seguirla nei luoghi rimossi dal discorso contemporaneo.

I finalisti del Premio Micol Cavicchia con i giurati e il libro premiato

do, riferendosi alla premiazione di un autore straniero. Questo volume pu apparire poco profondo, ha detto Ferrarotti, ma leggendo con attenzione ci si inoltra in un per-

corso poliedrico, da cui si traggono importanti considerazioni, come quella che definisce la democrazia sempre un suicidio. Il vincitore della sezione stranieri ha tracciato

una guida alla distruzione di un sentimento logorante quale la vergogna: un malessere che logora chi gi logorato e che costringe al silenzio e impedisce il racconto di quan-

to ha subito. Secondo Cyrulnik luomo pu resistere e superare episodi tragici basandosi solo sulle proprie forze, pu dominare e non subire il proprio destino. Lui stesso ha

un percorso di vita resiliente, infatti figlio di una famiglia ebrea deportata durante la seconda guerra mondiale. Tra le migliori menti nel mondo in campo psicoterapeutico, si dedicato allanalisi delle capacit e delle reazioni delluomo in situazioni critiche e drammatiche e nel suo libro spiega come mutare il sentimento che si nutre verso se stessi, elevandolo da vergogna ad orgoglio. Il Premio per la sezione Autori italiani stato assegnato allo storico Miguel Gotor per il volume Il memoriale della Repubblica - Gli scritti di Aldo Moro dalla prigionia e lanatomia del potere italiano (Einaudi). Un pozzo di segreti esplorato con il rigore dello storico e la passione di chi vuole comprendere com cominciata una deriva da cui nata lantipolitica e sulla quale si annichilita unintera generazione. Infatti, al pari del delitto Matteotti, la vicenda Moro un caso chiuso continuamente da riaprire, per chi voglia ricomporre lanatomia del potere italiano e saggiare il peso della Ragion di Stato in un Paese come il nostro. Per questo motivo, ha sottolineato lautore, il memoriale di Moro diventato memoriale della Repubblica; unautobiografia del Paese. Ho scritto questo libro perch sentivo il bisogno di ridare un posto a parole che non si usano pi: cos ha presentato il suo volume Concita De Gregorio, vincitrice della sezione Tematiche giovanili con Cos la vita - imparare a dirsi addio (Einaudi) in cui parla dellinvecchiare, dellessere fragili e sentirsi inadeguati e della morte. Gli altri finalisti della sezione giovani erano lattore Flavio Oreglio e lastrofisico Amedeo Balbi. Con il saggio Il buio oltre le stelle - Lesplorazione dei lati oscuri dellUniverso (Codice), Amedeo Balbi si aggiudicato il premio di 800 euro. Conosciamo solo il 5 per cento del nostro universo, il resto materia sconosciuta, ha ricordato lautore, unenergia che anche qui, in questa sala, che ci attraversa e interagisce con noi senza che ce ne accorgiamo. Laltro finalista delle Tematiche giovanili Oreglio con Storia curiosa della scienza - Le radici pagane dellEuropa (Adriano Salani), percorso a ritroso che porta fino ai greci.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Assenze, opere punk a Pineto


Inaugurata la mostra dellartista Carla Manco
di Anna Fusaro
stata inaugurata ieri sera la mostra dellartista teramana Carla Manco Assenze, ambientata negli spazi dellautosalone Progetto Auto a Scerne di Pineto (strada statale 16). In rassegna sino a met giugno una trentina di opere dellestrosa pittrice e designer. Si tratta di creazioni compiute nellarco dellultimo anno, come gli otto busti realizzati recuperando e reinventando vecchi manichini, e lavori ideati negli

anni precedenti, come le opere pittoriche di carattere figurativo, i collage, le teste punk, i grandi cuori su legno. Leclettica artista, presente alla vernice, ha dedicato la sua mostra allappena scomparso Antonio Tancredi, a lungo parlamentare e presidente della Banca di Teramo: Un grande intenditore darte e un attento mecenate, che ha incoraggiato e promosso tanti artisti. Anchio gli devo tanto. Proprio la Banca di Teramo ospit una delle prime mostre importanti di Manco, The body sensual sensi-

tive complex and always changing. Riannodandosi ai contenuti di quellesposizione anche Assenze, nello stile espressionista e al contempo pop tipico di Carla Manco, una riflessione sul corpo e sul dolore del corpo, con particolare attenzione al corpo femminile. Le opere pi recenti, i manichini rivestiti di carta, gesso, plastica, ricoperti da interventi pittorici e trafitti da vecchi chiodi o pezzi di legno raccolti sulla riva del mare, costituiscono dei simulacri di corpi femminili feriti: Ogni volta che torno in

Lartista Carla Manco tra le sue teste punk Italia trovo un bollettino di guerra, con tante donne uccise o sparite. Il titolo della mostra allude anche a questi lutti, a una mancanza di affetti, di amore, di sentimenti. Carla Manco, originaria di Atri, ha tenuto mostre personali in Italia e in tutta Europa. Vive e opera da tempo a Monaco di Baviera, dov stata tra laltro art director per ledizione tedesca di Vogue e designer per le porcellane Rosenthal, nonch autrice di grandi installazioni pittoriche nella metropoli bavarese per il Porsche Zentrum e per il palazzo Ber-

nheimer della Deutsche Bank. Attualmente impegnata per la casa cinematografica Metropol a Los Angeles nellart direction di un film che prevede riprese anche in Abruzzo, nel mese di settembre. Legatissima alla propria terra, lartista abruzzese trascorre lunghi periodi dellanno nella dimora-atelier di Montefino, un torrione del Duecento dei duchi dAcquaviva acquistato e recuperato dopo lunghi lavori, profondamente danneggiato tre anni fa dal terremoto: Questa di Scerne la mia mostra pi cupa, pi dark. I corpi violati esprimono anche le ferite del terremoto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

22

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

T1

IL CENTRO

CHAMBER MUSIC FESTIVAL

IL NUOVO TOUR

Oggi al Marrucino il quartetto jazz di Delle Monache


CHIETI. il giorno di Piero Delle Monache e del suo quartetto al Chamber Music Festival di Chieti. Oggi alle 17.30, nella superba cornice del teatro Marrucino il sassofonista trentenne nato a GiulianoUn altro grande appuntamento per questa quinta edizione del Chamber Music Festival, dichiara soddisfatto il maestro Giuliano Mazzoccante, direttore artistico e ideatore della rassegna con lassociazione culturale Artensemble, in collaborazione con il Fai e la Caritas diocesana Mater populi teatini. Ospitiamo lesibizione di una formazione musicale emergente formata da artisti di grande spessore, due dei quali di origine abruzzese come Piero Delle Monache e Claudio Filippini. Delle Monache, che d il nome al quartetto, lartista emergente della prestigiosa etichetta Parco della Musica Records e nel 2010 ha conquistato un grande successo di pubblico e critica con la pubblicazione del suo primo album da leader, dal titolo Welcome, insignito anche va e pescarese dadozione, con il pianista abruzzese Claudio Filippini, Tito Mangialajo Rantzer al contrabbasso e Alessandro Marzi alla batteria, presenter il suo ultimo lavoro: Thunupa

Povia stasera in concerto a Torino di Sangro

Il cantante Povia stasera a Torino di Sangro

CONTEST
Si svolger stasera a Pescara la finale del contest di scrittura creativa Racconti contro la guerra, ideato in collaborazione con il Centro dallo scrittore Alessio Romano insieme al Gruppo Emergency di Pescara. Dopo che pi di 5000 lettori hanno individuato i 30 racconti pi belli dei 97 in gara, tre comitati di lettura hanno scelto gli 8 finalisti che stasera si sfideranno in un contest al Groove di via dei Bastioni a Pescara. del Premio Clessidra in Musica dedicato a quelle personalit che con la propria attivit hanno dato lustro alla regione Abruzzo, ricorda Mazzoccante, pianista, che nel festival si esibito con Giuliano Mazzoccante e in alto Piero Delle Monache successo marted scorso in duo con Rita DArcangelo, flautista originaria di Guardiagrele, presentando in prima assoluta a Chieti per il loro album Allegro con brio. Il nuovo lavoro del Delle

Monache Quartet, Thunupa arriva dopo entusiasmanti quanto difficili rollin years, passati gomito a gomito con tanti dreamers, in Rue des Saisons, tra un aperol e laltro, ha raccontato il leader del gruppo al Centro, definendo poi lalbum un progetto jazz ma non solo, pi maturo del precedente e tuttavia fresco. La chiusura del festival teatino, marted 29 maggio alle ore 21, affidata al trio Des Alpes, ovvero Corrado Greco, Mirjam Tschopp e Claude Hauri, che eseguir brani di Dvork e Ravel. Il costo del biglietto intero per ogni ingresso di 8 euro, sono previste riduzioni a 5 euro per pensionati e per ogni categoria di studenti e il ricavato della serata verr devoluto alla Casa di Accoglienza Mater Populi Teatini della Caritas diocesana.

TORINO DI SANGRO. Povia sar in concerto questa sera alle 21,30 nella piazza principale di Torino di Sangro, nellambito dei festeggiamenti in onore della Madonna di Loreto. Il cantautore porta in Abruzzo il suo tour I bambini fanno rock, dallomonimo ultimo lavoro discografico che arriva dopo il successo ottenuto dallEp Scacco Matto (oltre trentamila copie vendute). Povia presenter le sue nuove canzoni pronte a ripetere il successo delle sue grandi hit e a entrare nel cuore dei fans, che anche in questo nuovo tour estivo sono pronti a seguire Povia in tutta Italia. Temi che spaziano dallamore, come in Ricordi, alla famiglia. PESCARA INCONTRA LAFRICA. Pescara incontra lAfrica. Si conclude oggi allo spazio Matta di via Gran Sasso la due giorni dedicata allarte africana. Oggi alle 15 seconda parte degli stage di Jean Louis Ndiaye e Pap Yeri Samba, ai quali si sommer alle 19 quello dedicato a un altro importante strumento della tradizione africana, il balafon, che sar tenuto dal guineiano Hosman Coulibaly.

IL CENTRO

TELEVISIONE

T4

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

23

Programmi di oggi

Film & Telefilm di oggi

Omnibus
Programma di informazione e approfondimento con rubriche, rassegna stampa, servizi, aggiornamenti sul traffico, previsioni meteo e dibattito sul tema del giorno con numerosi ospiti in studio.
LA 7, ORE 7.00

Melaverde
Edoardo Raspelli e Ellen Hidding sono al timone dell'appuntamento domenicale di Rete 4 con l'agricoltura, l'ambiente e le tradizioni enogastronomiche della nostra amata cucina italiana.
RETE 4, ORE 12.00

Domenica In - LArena
L'approfondimento sui temi di cronaca e attualit a cura di Massimo Giletti con testimonianze, contributi filmati e interventi di esperti e ospiti in studio. Novit della stagione il format Due contro tutti.
RAI 1, ORE 16.35

Out of time

LOlimpiade nascosta
Nel 1940 e nel 1944, in alcuni campi di prigionia, si svolsero clandestinamente Giochi Olimpici: detenuti di diverse nazionalit, a rischio della vita, tennero alta la bandiera dello sport e della civilt di fronte alle barbarie nazista.
RAI 1, ORE 21.30

Matt, comandante della polizia di una cittadina, rispettato dai colleghi e benvoluto dai cittadini. Fino a quando una serie di indizi lo indicano come l'autore di un efferato duplice omicidio.
RETE 4, ORE 21.30

Angel Eyes Occhi dangelo


Mentre l'agente Pogue della polizia di Chicago sta inseguendo un tipo sospetto, rischia di morire in un agguato. A toglierla dagli impicci ci pensa un misterioso individuo...
CANALE 5, ORE 0.00

First Strike
Jackie (Jackie Chan) un poliziotto di Hong Kong che viene incaricato dalla Cia e da un'organizzazione spionistica russa di rintracciare una testata nucleare trafugata in Ucraina.
ITALIA 1, ORE 19.35

RAI 1
6.00 TG Parlamento Rubrica 6.30 UnoMattina in famiglia Variet 9.30 TG1 L.I.S. News 9.35 Easy Driver Rubrica 10.00 Linea verde orizzonti Rubrica 10.30 A Sua immagine Rubrica religiosa. Con Rosario Carello 10.55 Santa Messa Evento religioso 12.00 Recita del Regina Coeli Evento religioso 12.20 Linea verde Rubrica 13.10 Pole position Sport/Motori 13.30 TG1 News 13.40 Pole position Sport/Motori 14.00 Automobilismo, Formula 1: GP Monaco, Gara Sport/Motori 15.45 Pole position Sport/Motori 16.25 Che tempo fa Meteo 16.30 TG1 News 16.35 Domenica In - LArena Talk show 17.45 Domenica In - Cos la vita Variet. Conduce Lorella Cuccarini 18.50 Leredit Gioco 20.00 TG1 News 20.35 Rai TG Sport News 20.40 Affari tuoi Gioco

RAI 2
6.00 Cuori rubati Soap (2002) 6.30 RaiEdu Terza Pagina Rubrica 7.00 Cartoon Flakes Cartoni 8.25 Art Attack Ragazzi 9.00 Battle Dance Gioco 10.00 Culto Evangelico di Pentecoste Evento religioso 11.00 Mezzogiorno in famiglia Variet 13.00 TG2 Giorno News 13.30 TG2 Motori Rubrica 13.40 Meteo 2 Meteo 13.45 Il commissario Herzog Telefilm (2008) Con Walter Kreye, Michael Ande 15.50 Omicidi nellalta societ Miniserie (2007) Con Fritz Wepper, Sophie Wepper 17.20 Private Practice Telefilm (2007) Con Kate Walsh, Taye Diggs,Audra McDonald 18.00 TG2 Flash L.I.S. News 18.05 Le visioni di Ellie Film/Thriller (USA 2007) Con Amy Acker, Browen Booth, Steve Cumyn 19.35 Il clown Telefilm (1998) 20.30 TG2 News

RAI 3
6.55 Wind at my back Telefilm 7.40 Questi fantasmi Commedia (Italia 1967) 9.20 Giro dItalia: Si gira! Rubrica sportiva 9.50 Numero 1 Sport/Motori 9.55 Automobilismo, GP2: GP Monaco Sport/Motori 11.00 Numero 1 Sport/Motori 11.30 TGR RegionEuropa Rubrica 12.00 TG3 - Rai Sport Notizie 12.25 TeleCamere Talk show 12.55 RaiEdu Lezioni dalla Crisi Rubrica 13.25 Il Capitale di Philippe Daverio Cultura 14.00 TG Regione News 14.15 TG3 News 14.30 In 1/2 h Attualit 15.00 TG3 L.I.S News 15.05 Ciclismo: Giro dItalia Sport/Ciclismo 17.00 Processo alla tappa Rubrica sportiva 18.05 Piazza di Siena: Gran premio di Roma Sport/Equitazione 18.55 Meteo 3 Meteo 19.00 TG3 News 19.30 TG Regione News 20.00 Blob Rubrica 20.20 Pronto Elisir Attualit

RETE 4
6.40 TG4 Night News News 7.00 Media shopping Televendita 7.30 Super Partes Attualit 8.05 Zorro Telefilm (1990) 8.30 Ti racconto un libro Cultura 8.50 Slow Tour Viaggi 9.25 Magnifica Italia Documentario 10.00 S. Messa Evento religioso 11.00 Pianeta Mare Documentario 11.30 TG4 - Telegiornale 11.55 Meteo Meteo 12.00 Melaverde Rubrica. Con Helen Hidding ed Edoardo Raspelli 13.20 Pianeta Mare Documentario 14.02 DonnAvventura Reality 14.35 La finestra sul cortile Film/Giallo (USA 1954) Con James Stewart, Grace Kelly 16.45 Colombo Telefilm (1989) 18.55 TG4 - Telegiornale 19.31 Meteo Meteo 19.35 Tempesta damore Soap (2005) Con Daniel Funffrock, Simone Ritscher, Ines Lutz

CANALE 5
6.00 7.55 7.57 8.00 8.50 9.42 10.00 10.30 11.00 Prima Pagina News Traffico News Meteo 5 Meteo TG5 - Mattina News Le frontiere dello spirito Rubrica TGCom News Ciak Junior Rubrica Finalmente soli Sit com (Italia 2001) Voce del verbo amore Film/Commedia (Italia 2007) Con Stefania Rocca, Cecilia Dazzi TG5 News Meteo 5 Meteo Lonore e il rispetto Parte seconda Fiction Noblesse oblige Film/Commedia (Germania 2007) Con Walter Sittler TGCom News Meteo 5 Meteo Noblesse oblige Film/Commedia (Germania 2007) I delitti del cuoco Fiction (2010) TG5 News Meteo 5 Meteo Paperissima Sprint Show

ITALIA 1
7.00 7.40 7.50 8.15 8.40 9.10 9.35 10.00 Super Partes Attualit Samson & Neon Cartoni Viva Pinata Cartoni Spongebob Cartoni Dinosaur king Cartoni Dino squad Cartoni Spiderman Cartoni Una gorilla per amica Film/Avventura (USA 1995) di John Gray Grand Prix Rubrica sportiva Studio Aperto News Meteo Meteo Virus letale Film/Thriller (USA 1995) Regia di Wolfgang Petersen. Con Dustin Hoffman, Rene Russo, Morgan Freeman Greystoke - La leggenda di Tarzan, il signore delle scimmie Film/Avventura (USA 1984) Con Christopher Lambert Bugs Bunny Cartoni Studio Aperto News Meteo Meteo Bau Boys Show First Strike Film/Azione (USA 1997) Di Stanley Tong. Con Jackie Chan, Chen Chun Wu

LA 7
6.00 6.55 7.00 7.30 7.50 10.00 TG La7 Meteo News Movie Flash Anteprima Omnibus Talk show TG La7 News Omnibus Talk show Ti ci porto io Rubrica culinaria. Conducono Gianfranco Vissani e Michela Rocco di Torrepadula Accadde al penitenziario Film/Commedia (Italia 1955) Con Aldo Fabrizi, Walter Chiari,Alberto Sordi,Peppino De Filippo, Mara Berni,Nino Besozzi TG La7 News Movie Flash Anteprima La donna di paglia Film/Drammatico (UK 1964) Con Gina Lollobrigida, Sean Connery, Ralph Richardson,Alexander Knox The District Telefilm (2000) Lispettore Barnaby Telefilm (1997) Con John Nettles, Jane Wymark, Laura Howard, Jason Hughes TG La7 News

DEEJAY TV
6.00 Coffee & Deejay Weekend Musicale 9.45 Deejay Hits Musicale 13.00 Born to mix Rubrica 13.55 Deejay TG News 14.00 Fino alla fine del mondo Documentario 15.00 Iconoclasts Documentario 16.00 Deejay Hits Musicale 18.00 Via Massena 2 best of Sitcom 18.55 Deejay TG News 19.00 The Middleman Telefilm (2008) 20.00 Lincoln Heights Telefilm (2007) 21.00 Lorem ipsum best of Rubrica 21.30 DJ Stories Musicale 22.30 Deejay chiama Italia Remix Musicale 0.30 Deejay Night Musicale

11.50 12.25 12.58 13.00

11.25

13.00 13.39 13.40 16.00

13.30 14.05 14.10

15.25

16.55 16.56 16.59

18.00 20.00 20.39 20.40

18.20 18.30 18.58 19.00 19.35

16.00 18.00

GIALLO
8.00 Alfred Hitchcock presenta Telefilm (1955) 8.50 Ellery Queen Telefilm (1975) 10.35 Mr. & Mrs. Smith Telefilm 12.20 The practice Telefilm (1997) 14.05 3 libbre Telefilm (2006) 15.50 Ellery Queen Telefilm (1975) 17.30 Mr. & Mrs. Smith Telefilm 19.15 E-Ring Telefilm (2005) 21.00 Keen Eddie Telefilm (2003) 22.45 Killer instinct Telefilm (2005) 0.30 3 libbre Telefilm (2006) 2.10 Alfred Hitchcock presenta Telefilm (1955) 3.00 Mr. & Mrs. Smith Telefilm 4.40 The practice Telefilm (1997)

20.00

21.30
LOlimpiade nascosta
FICTION (Italia 2012) Con

21.05
N.C.I.S. Los Angeles
TELEFILM (2009) Con Chris

21.00
Off the Report
INCHIESTE Un programma di

21.30
Out of time
FILM/AZIONE (USA 2003) Con

21.30
Caterina e le sue figlie 3
FICTION (Italia 2009) Di

21.30
Archimede - La scienza secondo Italia 1
CULTURA N. Torielli si confronta

21.10
Quello che (non) ho Il meglio di
SHOW La coppia Fabio Fazio-

Cristiana Capodondi,Alessandro Roja,Andrea Bosca,Johannes Brandrup. 23.30 Speciale TG1 Approfondimento 0.30 TG1 Notte News 0.55 Cinematografo Rubrica 2.10 Sette Note - Musica e Musiche Rubrica 2.30 Cos la mia vita... Sottovoce Talk show 3.00 Giovanni Falcone, luomo che sfid Cosa Nostra Fiction (2006)

O'Donnel, LL Cool J, Peter Cambor, Daniela Ruah, Barrett Foa, Linda Hunt. 21.50 Ringer Telefilm (2011) on Sarah Michelle Gellar, Kristoffer Polaha 23.25 La Domenica Sportiva Estate Rubrica sportiva 0.30 TG2 News 0.50 Protestantesimo Rubrica religiosa 1.15 Six Degrees Telefilm (2006) Con Jay Hernandez

Milena Gabanelli e Sigfrido Ranucci. 22.45 TG3 News 22.55 TG Regione News 23.00 Cosmo Rubrica. Condotto da Barbara Serra 0.00 TG3 News 0.10 TeleCamere Talk show 1.00 Giro dItalia: Giro notte Rubrica sportiva 1.30 Fuori Orario. Cose (mai) viste Contenitore

Denzel Washington, Eva Mendes, Sanaa Lathan, Dean Cain,Alex Carter. 23.40 E adesso sesso Film/Commedia (Italia 2001) Regia di Carlo Vanzina. Con Elena Russo,Alessio Modica, Tony Sperandeo,Adolfo Margiotta 1.29 TG4 Night News News 1.54 Circo Massimo Antonello Venditti 1983 Musicale

Alessandro Benvenuti. Con Virna Lisi, Giuliana De Sio, Manuela Arcuri. 0.00 Angel Eyes - Occhi dangelo Film/Thriller (USA 2001) Con Jennifer Lopez, Jim Caviezel, Sonia Braga, Jeremy Sisto 1.30 TG5 - Notte News 2.00 Paperissima Sprint Show 2.58 Lassedio Drammatico (Italia 1998)

con la grandezza della scienza con un tono ironico e giocoso. 0.30 Confessione Reporter Attualit 1.50 Poker1mania Show 2.40 Media shopping Televendita 2.55 Lasko - Deathtrain Film/Azione (Germania 2006) Con Arnold Vosloo, Jef Bayonne, Stephan Bieker, Ken Bones

Roberto Saviano torna in tv con un nuovo programma. 23.30 In onda Attualit. Conducono Luca Telese e Nicola Porro 0.35 TG La7 News 0.45 Motociclismo, Superbike: GP USA Superpole differita Sport/Motori 1.55 Movie Flash Anteprima 2.00 Bookstore Rubrica 3.05 Omnibus Talk show

RADIO UNO
7.35 Culto Evangelico 8.00 GR1 8.28 Radio1 Sport 8.35 Il viaggiatore 9.30 Santa Messa 10.10 Area di servizio 10.35 La bellezza contro le mafie 11.00 GR1 11.05 Oggi Duemila. La Bibbia 12.15 GR Regione 12.30 Radio1 Musica 13.00 GR1 13.18 Radio1 Sport 13.30 Storie a cinque cerchi 13.50 Domenica Sport 23.00 GR1 23.30 Radio1 Motori 23.40 LArgonauta 23.50 Oggi Duemila. La Bibbia 0.00 Il giornale della mezzanotte 0.25 Da Roma a Gerusalemme 0.30 Brasil: musica e cultura del Brasile contemporaneo 4.00 GR1

RADIO DUE
6.00 Tiffany 7.30 GR2 7.53 GR Sport 8.00 Black Out 9.00 Ottovolante 10.00 610 Weekend 11.00 Radio2 Social Club 12.30 GR2 12.50 GR Sport 13.00 Astrologica 13.30 GR2 14.00 Hit Parade Eurosonic 15.00 Musical Box 17.00 Nessuno perfetto 18.00 Radio2 Days 19.30 GR2 19.45 GR Sport 19.50 On the road 19.55 Urban Suite 21.00 Pop Corner 22.30 GR2 23.00 Babylon 0.30 Musical Box 2.30 Juke Boxe allidrogeno 5.00 Twilight

RADIO TRE
6.00 Qui comincia 6.45 GR3 6.53 Radio3 Mondo 7.15 Prima Pagina 8.45 GR3 9.00 Radio3 Suite 9.30 Uomini e profeti 10.15 File Urbani. Remix 10.45 GR3 10.50 Passioni 11.20 A3: Il formato dellarte 11.50 I concerti del Quirinale di Radio3 13.00 Il dottor Djemb 13.45 GR3 14.00 Le Musiche della vita 14.50 Radio3.rai.it 15.00 Zaz. Arte, musica, spettacolo 16.45 GR3 16.55 Domenica in concerto 18.00 La grande radio 18.45 GR3 19.00 Cinema alla radio 20.15 Radio3 Suite 23.30 Due sulla strada 0.00 Battiti 1.30 Notte Classica

RADIO DEEJAY
6.00 Deejay Podcast 7.00 Megajay 10.00 Deejay chiama Italia 12.00 Deejay Sport Village 14.00 Weejay 18.00 Rudy Sunday 20.00 Dee Giallo 20.30 Molespina 21.30 Dee Giallo 22.00 Cordialmente 23.00 Dee Notte 0.00 Deejay Podcast 1.00 Ciao Belli 2.00 Il Volo del Mattino 3.00 Deejay Podcast 4.00 Deejay chiama Italia

RADIO CAPITAL
6.00 Capital Re-wind 7.00 Breakfast in the world 9.00 Capital Week End 12.00 Capital Re-wind 13.00 Super Capital 14.00 Soul Tracks 15.00 Parole note 16.00 Playlist (radio) 18.00 Take Away 20.00 Vibe 21.00 Whatever 22.00 Classic Today Hit Parade 23.00 Heart and Song 0.00 Sentieri Notturni

RADIO M2O
7.00 Musica allo stato puro 12.00 Musica allo stato puro 14.00 Musica allo stato puro 16.00 M2O Club Chart 17.00 Musica allo stato puro 20.00 Less Conversation 21.00 G.D.C. Back to Back 22.00 Main Room 23.00 ReMemo 0.00 ReMemo 1.00 To the club

RADIO

A cura di Italia Media

www.italiamedia.it RAI 4
7.15 Alphas Telefilm (2011) 8.55 The dead zone Telefilm (2002) 9.35 Sanctuary Telefilm (2007) 10.20 Eureka Telefilm (2006) 11.00 Piramide di paura Avventura (USA 1985) 12.50 Streghe Telefilm (1998) 13.35 Largo Winch II - The Burma Conspiracy Film/Azione (Fra 2011) 15.35 Mainstream Rubrica 15.55 Haven Telefilm (2010) 17.25 Rai News News 17.30 Alphas Telefilm (2011) 19.05 Flashpoint Telefilm (2008) 19.45 Desperate Housewives Telefilm (2004) 21.10 Ned Kelly Drammatico (Australia/UK/Fra 2003) 22.55 Mainstream Rubrica 23.20 Rischiose abitudini Film/Noir (USA 1991) 1.15 Pretty Persuasion Commedia (USA 2005)

SATELLITE E DIGITALE TERRESTRE


SKY CINEMA 1
8.10 Dylan Dog - Il film Film/Horror (USA 2010) 10.00 The Terminal Commedia (USA 2004) 12.10 Dont say a word Film/Thriller (USA 2001) 14.10 Che bella giornata Film/Comico (Italia 2011) 15.50 Age of heroes Film/Guerra (UK 2011) 17.25 Il signore dello zoo Commedia (USA 2011) 19.10 Il gioiellino Drammatico (Italia 2011) 21.00 Sky Cine News Rubrica 21.10 Con gli occhi dellassassino Film/Horror (Spa 2010) 23.15 Philadelphia Drammatico (USA 1993) 1.25 Dylan Dog - Il film Film/Horror (USA 2010)

IRIS
7.30 The Unit III Telefilm 8.45 Saints and soldiers Film/Guerra (USA 2003) 10.25 Ciak news Rubrica 10.30 Infedeli per sempre Film/Commedia (USA 1996) 12.15 The body Film/Drammatico (Ger/USA/Isr 2000) 14.40 Qualcuno con cui correre Drammatico (Israele 2006) 16.50 O Jerusalem Film/Drammatico (Fra/UK/Gre/Isr 2006) 18.50 Kippur Film/Drammatico (Italia/Fra/Israele 2000) 21.00 La lettera scarlatta Film/Drammatico (USA 1995) 23.20 Codice omicidio 187 Film/Thriller (USA 1998) 1.30 Insomnia Film/Thriller (Norvegia 1997)

PREMIUM CINEMA
6.40 Il vizio di famiglia Film/Erotico (Italia 1976) 8.32 Il giocatore - Rounders Drammatico (USA 1998) 10.31 Il mistero delle pagine perdute Film/Avventura (USA 2007) 12.44 Sliding doors Commedia (UK 1998) 14.29 Un impresa da Dio Film/Commedia (USA 2007) 16.10 Una cella in due Commedia (Italia 2011) 17.49 Faccio un salto allAvana Commedia (Italia 2011) 19.29 Parto col folle Commedia (USA 2010) 21.15 La vita facile Commedia (Italia 2011) 23.09 Immaturi Commedia (Italia 2011) 1.05 Il Tigre Film/Commedia (Italia 1967)

PREMIUM STEEL
8.15 GSG9 - Squadra dassalto Telefilm (2007) 9.10 Hamburg distretto 21 Telefilm (2007) 11.00 Sanctuary Telefilm (2007) 13.30 Nikita Telefilm (2010) 14.20 Rookie Blue Telefilm (2010) 15.10 Lassassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford Western (USA 2007) 17.50 Big bang theory Telefilm (2007) 18.15 Mike e Molly Telefilm (2010) 18.45 Chuck Telefilm (2007) 19.35 Terminator: the Sarah Connor Chronicles Telefilm (2008) 21.15 Big bang theory Telefilm (2007) 21.40 Mike e Molly Telefilm (2010) 22.10 Chuck Telefilm (2007) 23.00 Fringe Telefilm (2008) 0.40 Terminator: the Sarah Connor Chronicles Telefilm (2008)

SKY CINEMA FAMILY


8.30 Ant Bully - Una vita da formica Animazione (USA 2006) 10.00 Tron Film/Fantascienza (USA 1982) 11.35 Pecos Bill una leggenda per amico Avventura (USA 1995) 13.10 Cool runnings Commedia (USA 1993) 14.50 High School Musical 3 Commedia (USA 2008) 16.55 Hook - Capitan Uncino Avventura (USA 1992) 19.15 Il principe dEgitto Animazione (USA 1998) 21.00 The Librarian 2 Avventura (USA 2006) 22.45 Asterix & Obelix:missione Cleopatra Commedia (Fra/Ger 2002) 0.40 Tre scapoli e un beb Commedia (USA 1987)

SKY CINEMA MAX


8.15 Once fallen - Oltre la legge Film/Thriller (USA 2010) 10.10 I padroni della notte (2007) Film/Poliziesco (USA 2007) 12.10 Salvate il soldato Ryan Film/Guerra (USA 1998) 15.00 The manchurian candidate Film/Thriller (USA 2004) 17.10 Soldato Jane Drammatico (USA 1997) 19.15 Fantasmi da Marte Film/Fantascienza (USA 2001) 21.00 Sahara Film/Avventura (USA/Spagna 2005) 23.10 The Terminators Fantascienza (USA 2009) 0.50 The roommate: il terrore ti dorme accanto Film/Horror (USA 2011)

SKY CINEMA PASSION


8.30 Un fidanzato venuto dal futuro Film/Commedia (USA 2011) 9.50 Mangia, prega, ama Drammatico (USA 2010) 12.10 Il matrimonio del mio migliore amico Commedia (USA 1997) 14.00 Amori e disastri Commedia (USA 1996) 15.45 Heaven Drammatico (USA/UK/Fra/Ita/Ger 2002) 17.25 Se sei cos ti dico s Commedia (Italia 2011) 19.10 Rimbalzi damore Commedia (USA 2010) 21.00 Ragione e sentimento Soap 23.25 Appuntamento a tre Commedia (USA 2000) 1.10 Un fidanzato venuto dal futuro Film/Commedia (USA 2011)

LA PROMOZIONE DEI BIANCAZZURRI

Vittoria e primo posto: lApoteosi


Maniero-gol stende la Nocerina, festa nella notte e oggi in citt
di Walter Nerone
PESCARA. Missione compiuta, il trionfo completo: promozione, primo posto per miglior differenza reti, record di partite vinte e gol fatti e senza uno 0-0. Battuti tutti i primati possibili. Festa doveva essere e festa stata dunque ieri sera allAdriatico, anche se non con la goleada che molti auspicavano. In uno stadio che era a sua volta spettacolo nello spettacolo, con una maxi bandiera a coprire mezza Nord, decine di striscioni e cori inneggianti ai protagonisti della straordinaria avventura, in particolare il principale artefice dellimpresa pi incredibile che la storia calcistica pescarese ricordi. Impresa che non a caso si affianca a quella dell86-87, unica altra circostanza in cui i biancazzurri furono primi in B (allora per differenza reti sul Pisa), ma la sovrasta per gol (90 oggi 43 allora) e vittorie raccolte ben 26, contro le 16 di allora, anche se con quattro partite in meno. La vera cifra del trionfo per nel gioco, nella mentalit, nella spensieratezza trasmessa dal tecnico alla squadra, e da questa allambiente, ai tifosi. Zeman resta e scolpiremo la tua faccia sul Gran Sasso, ha scritto un tifoso in un sms. Ma in qualche modo sculture celebrative dellimpresa sono gi state fatte: si chiamano Verratti e Immobile, Insigne e Capuano, Balzano e Sansovini, ecc.. Una pattuglia di giovani speranze e alcuni maturi professionisti trasformata in un grande patrimonio del calcio italiano. Per questo non solo Pescara a dover manifestare gratitudine al boemo. E per il modo in cui Pescara lha seguito, condiviso, sostenuto e rispettato forse anche Zeman qualcosa deve alla citt. Baster per convincerlo a continuare? Forse. Prima dellapoteosi finale, Zeman ha comunque iscritto a tabellino la 26esima vittoria stagionale. Anche se molto pi sofferta del previsto. Il boemo ha sostituito gli squalificati Romagnoli e Nielsen con Brosco e Kone. Sulla destra, invece, rilancia in avvio la coppia Zanon-Sansovini, lasciando Caprari e Balzano in panchina. Auteri schiera una Nocerina ovviamente aggressiva, con un assetto che in fase di rilancio passa dal 4-2-3-1 anche al 4-2-4, con la salita dei trequartisti sulla linea di Castaldo. Appena persa palla per, Mingazzini si aggrappa a Cascione e Merino alle caviglie di Verratti. La sbornia di feste e premiazioni incide sulle gambe dei biancazzurri. I rossoneri prendono campo e creano alcuni pericoli ma a surriscaldare il clima sono solo gli ultr campani che bombardano i distinti con petardi e bengala. Poi le notizie da Reggio (Vicenza subito in avanti) spengono lardore dei nocerini. La gara va avanti a sprazzi, occasioni non mancano ma sono azioni isolate, spesso individuali. Fino al gran guizzo di maniero che scatena la festa finale, durata fino a notte fonda e che ricomincer oggi pomeriggio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL FILM DELLA GARA


4 pt - Catania sciupa. Castaldo dalla linea mediana libera Catania che arriva solo davanti a Anania, ma spreca a lato. 18 - Farias pericoloso. Catania taglia in verticale, Farias elude il fuorigioco ma sulluscita di Anania manda a lato. 20 - Sansovini alza. Da Verratti a Insigne che tira al volo, Concetti respinge corto, irrompe Sansovini, ma alza da 5 metri. 29 - Gol annullato. Palla in area piccola, Castaldo ostacola luscita di Anania, mentre Catania insacca. Larbitro annulla. 38 - Campani pericolosi. Cross di Farias dalla sinistra, Catania devia da pochi passi. Anania respinge sui piedi di Laverone che dal limite manda la palla alle stelle. 41 - Kone da fuori. Livoriano caracolla fino ai venti metri poi scarica un destraccio che va fuori di poco. 20 st - Immobile sbaglia. Iniziativa Verratti-Insigne, gran tiro e il portiere rinvia a mani aperte. Immobile cicca la ribattuta. 21 - Gessa sfiora la rete. Insigne incrocia per Gessa che angola troppo. 28 - Immobile fuori misura. Verratti libera il bomber in area, girata pronta ma fuori. 46 - Maniero gol. Da una prodezza di Anania, contropiede veloce con palla a Gessa che serve Maniero sui 20 metri. Il centravanti si gira e scarica una bordarta che sinfila sotto la traversa. Pescara in A e primo in classifica.

26

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PESCARA CALCIO

S2

IL CENTRO

Appello dei tifosi: firma col cuore ma Zeman dribbla tutti sul futuro
Il tecnico: Devo tanto alla citt. E riflette sullofferta della Roma
PESCARA. Un anno di lacrime tra la gioia e il dolore te lo chiede questa gente: firma con il cuore!!!. Questo lo striscione che ha esposto la curva Nord a fine partita. Pescara chiama Zeman. Lincubo Roma forte. Pescara ha paura di perdere il suo eroe. Zdenek Zeman attirato dalle sirene giallorosse e nella capitale stanno dando gi per fatto laccordo per il prossimo campionato. La Roma americana sembra che abbia scelto il boemo come successore di Luis Enrique, ma da Pescara sono convinti che Zeman rimarr anche la prossima stagione. I rumors raccontano di una lunga chiacchierata esplorativa tra la dirigenza biancazzurra e il boemo venerd sera, che non ha portato a nessuna fumata bianca. Le prossime 24 ore saranno molto delicate. Il presidente, Daniele Sebastiani, domani prover a chiudere il cerchio con lentourage del tecnico di Praga. Il club pi di una volta ha fatto capire di avere la certezza di poter mantenere Sdengo anche per la prossima stagioni. I pescaresi attendono con ansia la notizia, ma ieri per gli spalti dellAdriatico si aggirava lex bandiera biancazzurra Ricky

IL BOEMO IN BILICO
Lo striscione con cui la curva nord ha chiesto a Zeman di restare Massara, strettissimo collaboratore del ds della Roma, Walter Sabatini, il quale ha gi avuto un contatto con gli ambienti del boemo. La presenza di Massara pu essere tradotta anche in una specie di sopralluogo, prima di sferrare lattacco finale. Pescara ama Zeman e il boemo ha fatto capire di avere trascorso una grande annata in questa citt. Il mio futuro? Ci vorr qualche giorno, adesso voglio godermi la festa, ha detto il boemo negli spogliatoi. Sono pronto per la festa e per le altre cose ci pensiamo dopo. Alle domande sul suo futuro, ha dribblato: Cosa far? Non ne voglio parlare e penso solo a godermi questo primo posto e la promozione. La Roma va in pressing, ma il boemo non conferma il contatto. Non vi posso dire se sono stato cercato dalla Roma. Un contatto c stato e adesso si gioca una partita molto delicata. Zeman, prima di dare una risposta, vuole vederci chiaro. Il richiamo della sua Roma fortissimo: lo vuole anche Totti. Ma sa anche che a Pescara potrebbe continuare il suo lavoro iniziato questanno. Devo molto a questa gente, ai tifosi, alla citt, alla diriIl presidente Sebastiani e il tecnico Zeman al giro di campo con i tifosi genza. I nostri tifosi ci hanno sempre trasmesso grande calore e non ci hanno mai contestato, anche quando abbiamo sbagliato qualche partita. Pescara urla la sua conferma e dalla curva apparso anche uno striscione significativo. Lo striscione firma con il cuore? Ho visto, molto bello. Rinnovo e futuro argomenti tab. Abbiamo vinto il campionato e per me questo oggi molto importante. La squadra mi ha seguito dallinizio. Sapevo bene di avere un buon gruppo, ma non aspettavo certi numeri, riferendosi alla miriade di record infranti. E sul fenomeno Marco Verratti, in proiezione Europeo: Verratti non sar inserito nei 23, per spero di vederlo al mondiale. Zeman prende tempo e il Pescara incrocia le dita. Nei prossimi giorni parleremo del suo futuro. Io sono ottimista di natura, dice il presidente, Daniele Sebastiani, il mister ha capito cosa lascerebbe a Pescara. Questa societ una grande famiglia. Adesso godiamoci questa festa e nelle prossime ore parleremo con il tecnico. Il boemo ha dato la disponibilit alla Roma, ma non ha ancora parlato del progetto. Il Pescara, invece, un progetto vero, per lui, da cucirgli addosso pu darglielo, per toccher al tecnico decidere. In citt sperano nel suo rinnovo, tuttavia qualche dirigente inizia ad appuntarsi il numero di Delio Rossi. Per ora non c nessuna idea, ma per dare un seguito al lavoro di Zeman, potrebbe essere contattato un suo discepolo. Zemanlandia biancazzurra finita? In tanti sperano di no. Luigi Di Marzio
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

PESCARA CALCIO

S3

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

27

I GIOCATORI

Sansovini: io come Cannavaro a Berlino


Il capitano: Che emozione alzare la coppa. Kone: Trionfo dedicato a Mancini
PESCARA. Notte magica in riva allAdriatico, di quelle che spesso si materializzano solo nei sogni. Notte culminata con una Coppa alzata al cielo. La Coppa dei vincitori. La ciliegia sulla torta di una stagione fantastica. E ad alzare quella Coppa non poteva che essere Marco Sansovini, il capitano di mille battaglie, luomo che pi di ogni altro incarna la metamorfosi della Pescara calcistica: dalla polvere del fallimento, alla gloria della serie A. stato fantastico; mi sono sentito come Cannavaro a Berlino, attacca sorridente ed emozionato il capitano biancazzurro. Una sensazione unica e inaspettata e per questo ancora pi bella. Inspettata, ma assolutamente meritata, per tutto quello che il Pescara ha saputo esprimere in questa pazzesca stagione. E poi festeggiare davanti a questo pubblico, mi ha fatto riflettere molto. Pensare che ho esordito qui, allo stadio Adriatico, cinque anni fa, con trecento spettatori sulle tribune e neanche un cartellone pubblicitario. Di strada davvero ne abbiamo fatta tanta, tra gioie e sofferenze. Spero di continuare a farne ancora molta con questa maglia. Mi piacerebbe, conclude Sansovini, che tutPadova - Ascoli Crotone - Brescia Empoli - Cittadella Livorno - Grosseto Bari - Gubbio Pescara - Nocerina Varese - Sampdoria Juve Stabia - Sassuolo Albinoleffe - Torino Modena - Verona Reggina - Vicenza 0-2 4-1 3-2 2-0 3-0 1-0 3-1 1-3 0-0 1-1 0-3

Giro di campo dei giocatori del Pescara dopo la partita to questo gruppo fosse confermato in blocco, perch siamo davvero un grande gruppo. E se alla guida ci fosse ancora mister Zeman, sarebbe veramente il massiimo. Alla gioia di capitan Sansovini, fa eco quella di Moussa Kone: Serata da brividi. Non mi era mai capitata una cosa cos nella mia carriera. Credo che la ricorder per sempre come uno dei momenti pi belli della vita. Meglio di cos la stagione non poteva concludersi. Abbiamo vinto il campionato, un giusto riconoscimento al valore di questa squadra. In questo momento vorrei ancora una volta dedicare i nostri successi a Franco Mancini, un uomo unico. Ora pensiamo a festeggiare. Il mio futuro? Spero che sia ancora a Pescara, conclude livoriano, una citt dove mi sono trovato benissimo. Sono sicuro di riuscire a dare il prossimo anno un contributo ancora migliore a questi colori. Tommaso Palmerio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pescara Torino Sassuolo Verona Varese Sampdoria Padova Juve Stabia Brescia Reggina Crotone Modena Bari Ascoli Grosseto Livorno Cittadella Empoli Vicenza Nocerina Gubbio Albinoleffe

83 83 80 78 71 67 63 57 57 55 52 52 50 49 49 48 48 47 44 40 32 30

42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42 42

26 5 11 24 11 7 22 14 6 23 9 10 20 11 11 17 16 9 18 9 15 16 13 13 15 12 15 14 13 15 13 15 14 12 16 14 14 14 14 15 11 16 11 16 15 12 12 18 13 9 20 12 11 19 10 14 18 10 10 22 7 11 24 6 12 24

15 16 11 15 10 9 10 10 8 9 9 9 5 8 5 5 8 8 6 6 6 3

2 4 7 4 5 8 5 6 4 7 7 7 11 5 9 6 3 6 6 5 7 8

4 11 1 8 3 11 2 8 6 10 4 8 6 8 5 6 9 7 5 5 5 4 5 3 5 9 8 7 7 6 10 7 10 5 7 4 9 4 10 4 8 1 10 3

3 7 7 5 6 8 4 7 8 6 8 9 3 6 7 6 6 5 8 5 4 4

7 6 3 8 5 5 9 8 6 10 9 9 9 8 8 8 10 12 9 12 16 14

90 57 57 60 57 53 56 53 48 63 60 50 47 47 47 49 51 48 43 52 37 39

55 28 33 41 41 34 58 49 50 59 58 58 48 50 60 49 64 59 61 71 69 69

28

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

PESCARA CALCIO
IL MIGLIORE

S4

IL CENTRO

VERRATTI

6,5 CAPRARI

(dal 16st)

Il solito Verratti illumina la scena allAdriatico Maniero, un gol da favola


Il clima di festa condiziona la prova della squadra Insigne finisce con i crampi, anche Gessa sfiora la rete
di Walter Nerone
Verratti festeggia col trofeo per il primato in classifica

Un paio di lanci illuminanti dei suoi mal sfruttati dalle punte, alcuni contrasti da medianaccio ruvido ma con la possibilit, seppur minima, che Prandelli abbia bisogno di lui per Euro 2012, chiedergli di rischiare oltre non era proprio giusto.

Entra per dare respiro al capitano e per la giusta passerella davanti al pubblico amico. Prova a svariare su tutto il fronte dattacco ma non trova mai il varco giusto per tentare la zampata vincente. Ma su di lui per lanno prossimo si pu contare.

7,5 CASCIONE
Il buon Cascio chiude quasi con la lingua di fuori, tanto si spreme dallinizio fino a quando Zeman lo richiama per lapplauso personale meritatissimo. Aveva voglia di mettere la firma sul match ma non ci riesce per poco. Ora i tifosi aspettano il rinnovo.

IMMOBILE

Cicca un paio di palloni che se andavano in gol facevano esplodere lAdriatico a alcuni palazzi vicini. Manca quota 30 e Zeman lo sfotte (hai fallito). Ma anche il boemo vorre avere ogni anno uno che manca lobiettivo come Ciro questanno.

6,5 ANANIA
Non impegnatissimo ma ha il suo da fare per tenere inviolata la porta contro un attacco di tutto rispetto, anche se mal sostenuto. Missione compiuta ancora una volta per il giaguaro che chiude bene una stagione ricca di soddisfazioni.

BROSCO

BOCCHETTI

6,5 GESSA

(dal 16st)

7,5 MANIERO

(dal 30st)

In campo nel ruolo di Romagnoli, ha spesso Castaldo come riferimento ma deve andare a tamponare uin po qua su Farias e un po l su Catania che provano a inserirsi a pi riprese. I tempi non sono sempre perfetti ma il risultato alla fine s.

Da quella partiti nascono un paio di iniziative pericolose dei rossoneri in avvio di partita. Poi prende meglio le misure e riduce molto le insidie andando a cercare gloria in avanti in coppia con Insigne, che per non neanche lui in gran serata.

Rileva Cascione ormai in riserva e prova ad accelerare il ritmo del gioco proponendosi in diverse ripartenze. Sfiora il gol e serve lassist decisivo a Maniero. stato prezioso a inizio stagione, si conferma altrettanto utile anche alla fine.

Entra quando si pensa ormai ci sia solo da arrivare alla fine senza traumi ma lui si sentiva in credito con la sorte questanno. E in quel destro mette tutta la rabbia repressa per dieci mesi, voleva fare anche lui un bel regalo ai tifosi. C riuscito. Lo meritava.

ZANON

7,5 CAPUANO
Contro un attacco che prova a non dare riferimenti fissi ma nemmeno spaventa pi di tanto spesso tenta la sortita accompagnando le ripartenze ma la serata non la migliore per esaltare sovrapposizioni e inserimenti. Cos decide che basta curare la copertura.

KONE

SANSOVINI

7,5 INSIGNE
Voleva anche lui chiudere col botto, quota 20 gol (la Porsche, perch no?) era l. Ed infatti uno di quelli che non si risparmia un attimo, fino a chiudere in preda ai crampi. Ma resta uno degli uomini simbolo della straordinaria cavalcata biancazzurra.

Si riprende la sua fascia per la partita della celebrazione e in avvio d un po lidea di sentire un po levento. Poi si scuote e alla fine sbroglia con risolutezza qualche situazione che si faceva complessa, andando non di rado a sostenere lattacco.

Il capocannoniere Ciro Immobile

caracolla di qua e di l della linea mediana qualche volta portando troppo palla altre andandola a sradicare dai piedi avversari, aiuta Verratti in interdizione ma certo non un geometra preciso come Nielsen. Chiude stanco ma ha fatto in pieno il suo.

Zeman gli restituisce la fascia per la passerella finale ed forse il pi esplicito dei segnali del grande rispetto che il tecnico ha per il vecchio Sansogol. Ma non era certo in questa la migliore occasione per il capitano per colpire come tante volte in stagione.

IL CENTRO

PESCARA CALCIO

S5

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

29

IL TRIPUDIO SUGLI SPALTI


La curva nord con limmagine della squadra biancazzurra A destra, Zeman premiato dal presidente della Lega di B Andrea Abodi

Notte magica: festa per 21 mila tifosi


Striscioni, cori e sventolio di bandiere: allo stadio va in scena lapoteosi biancazzurra
PESCARA. Che bello ... quando esco di casa... per andare allo stadio a vedere il Pescara.... La colonna sonora della promozione ormai rimbomba in ogni meandro di Pescara. Profumo di A. Tripudio biancazzurro. La partita con la Nocerina passata quasi in secondo piano. La festa promozione iniziata gi ieri mattina, quando alle prime luci del giorno la citt si iniziata a colorare di biancazzurro. In ogni angolo del centro bandiere, striscioni e magliette celebrative indossate come un prezioso cimelio. Le bancarelle lungo le strade vicino allo stadio Adriatico hanno fatto affari, come lo Il capitano Marco Sansovini e biancazzurri festeggiano con la coppa store ufficiale del Delfino preso dassalto da giorni. Una citt elettrizzata, una tifoseria ubriaca di gioia, un popolo inebriato dal profumo della serie A. Mancavamo 4-5 ore al fischio dinizio, ma i clacson impazzavano abbondantemente lungo viale Marconi, larteria cittadina che porta dritta allo stadio. Nessuna distinzione di et, sesso, estrazione sociale tra i tifosi: tutti festosi che si abbracciavano Biancazzurri in festa dopo la premiazione (fotoservizio Adriani) tra di loro fuori dallAdriatico. Donne con bambini in braccio completamente vestiti a festa, anche gli anziani con il bastone sono usciti in strada con il vecchio cappellino da pescatore rigorosamente marchiato dal Delfino. Alle 19.30 lo stadio era gi quasi pieno e dopo pochi minuti ecco che arrivato il tutto esaurito. 20.575 spettatori paganti (record stagionale), compresi i 2.882 abbonati, secondo le fonti ufficiali. In realt molti di pi, tra inviti e accrediti. Oltre 21mila spettatori pronti per salutare i campioni che hanno riportato lolimpo del calcio in citt dopo quasi 20 anni. Bandiere ovunque, in ogni angolo dellimpianto. Striscioni dappertutto. La star della serata, cera da aspettarselo, Zdenek Lorenzo Insigne premiato da Claudio Onofri commentatore di Sky

Giro di campo per il bomber della serie B Ciro Immobile insieme ai tifosi

Un gruppo di fans di Ciro Immobile prima dellingresso allo stadio Zeman. Per il boemo dai cori Ol ol ol ol, Zeman, Zeman ai messaggi dagli spalti. Boemo non ci lasciare, Zeman portaci in Europa oppure Zeman il calcio, Boemo: se mi lasci non vale, solo per citare qualche striscione. La curva nord in fermento. Il covo del tifo ha preparato una coreografia con una gigantografia della squadra e una scritta Grazie ragazzi e ai lati le foto di Franco Mancini, il preparatore dei portieri morto lo scorso marzo, e quella di Domenico Rigante, giovane esponente dei Rangers ucciso il primo maggio scorso. I Rangers non dimenticano e hanno ricordato con cori e colori chi non c pi. Prima del calcio dinizio premiato Zeman dal presidente della Lega di B Andrea Abodi come miglior allenatore. Riconoscimenti anche per Insigne: premiato dalla Lega come miglior attaccante e da Sky sport con un premio speciale consegnato dal commentatore Claudio Onofri. A fine gara trofeo anche per Ciro Immobile, capocannoniere del torneo. Peccato che parte della festa sia stata rovinata da una frangia violenta dei tifosi della Nocerina che ha iniziato un lancio di bengala nel settore dei distinti, con il rischio sospensione della partita e il presidente della Lega Andrea Abodi, presente in tribuna, molto adirato per quanto accaduto. Alla fine arrivato anche il gol di Maniero: 26 vittoria stagionale e primo posto in classifica, a pari punti con il Torino, ma con gli scontri diretti a favore. Tanto che alla fine c stata anche la premiazione ufficiale: Pescara primo classificato e Abodi ha consegnato il trofeo al presidente Sebastiani. La notte biancazzurra continuata con una mega festa privata dei giocatori nello show room Porsche Abruzzo a San Giovanni Teatino. E oggi si continua con il tour organizzato dalla societ con tappe in diversi punti della citt e del suo hinterland con un autobus scoperto, che culminer nella festa organizzata in piazza Salotto. Che bello .... la festa continua. Proseguir anche la prossima settimana. Luigi Di Marzio
RIPRODUZIONE RISERVATA

S6

sport@ ilcentro.it

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

30
I PLAY OFF DELLA LEGA PRO

Lanciano e Chieti a caccia della finale


I frentani a Siracusa, i teatini in casa con lAprilia: basta non perdere per qualificarsi
di Rocco Coletti
il giorno dei primi verdetti dei play off di Lega Pro. Oggi pomeriggio si conosceranno le otto finaliste che si contenderanno le quattro promozioni messe in palio in Prima e Seconda divisione. In corsa ci sono anche Virtus Lanciano e Chieti. Entrambi hanno la qualificazione in pugno: in virt dei risultati delle gare dandata delle semifinali, infatti, oggi (calcio dinizio alle ore 16) baster non perdere per accedere alla finale e continuare a inseguire la promozione. Frentani e teatini hanno a disposizione due risultati su tre per ottenere la qualificazione. Non sono previsti i tempi supplementari. Lanciano a Siracusa. Il gol di Manuel Turchi, nella gara dandata vinta 1-0, ha rovesciato gli equilibri. Gli aretusei sono partiti in una condizione di favore in virt del miglior piazzamento in classifica al termine della stagione regolare. In caso di parit di gol fatti nellarco dei 180, infatti, la qualificazione andr al Siracusa. Ma il successo nella gara dandata mette la Virtus Lanciano in una condizione favorevole: non deve perdere per andare poi a incontrare la vincente di Trapani-Cremonese. Le insidie sono sia di natura tecnica che ambientale. Il Siracusa, infatti, la squadra che ha conquistato pi punti nel girone B di Prima divisione. Se non fosse stato per la penalizzazione di

Il terzino della Virtus Lanciano Antonio Aquilanti, classe 1985 Lattaccante del Chieti Jonathan Alessandro

cinque punti, sarebbe gi approdato in serie B. Squadra tosta quella Andrea Sottil in cui svetta per esperienza Davide Baiocco, ex centrocampista del Perugia e della Juventus. Oggi il tecnico po-

trebbe proporre una novit in formazione: lex biancazzurro Testardi al centro dellattacco al posto di Fofana. Si giocher allo stadio De Simone gremito in ogni ordine di posto, oltre cinquemila

spettatori con rappresentanza rossonera. La Virtus Lanciano a caccia di una qualificazione storica: nel 2002 si fermata in semifinale, oggi ha la possibilit di raggiungere il punto pi alto della sto-

ria calcistica. Chieti-Aprilia. Il 2-2 di domenica scorsa al Ricci ha posto una seria ipoteca sulla qualificazione, anche perch conquistato in inferiorit numerica. Il Chieti, dallalto del

miglior piazzamento in classifica al termine della stagione regolare, oggi conquista la finale con due risultati su tre. LAprilia dellex Vincenzo Vivarini, invece, passa il turno solo vincendo. In questa stagione tre pareggi in altrettanti scontri diretti. Attenzione allAprilia: in campionato ha conquistato sette successi in trasferta, di cui tre nellultima parte della stagione. La vincente di Chieti-Aprilia affronter una tra la Vigor Lamezia e la Paganese: nellandata successo dei campani per 1-0. Chieti citt dei play off. Oggi allAngelini (ore 16) in programma Chieti-Aprilia; alle ore 18 appuntamento al palasport di Colle dellAra per Cus Chieti-Orvieto, gara-1 della finale play off del girone sud di A2 di pallacanestro femminile; poi, alle ore 20,30, Bls Chieti-Trento, gara-4 della finale play off per la Legadue.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

SPORT

S7

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

31

PRIMA DIVISIONE

Gautieri conferma il Lanciano vincente


Il tecnico: Il gol dellandata non ci deve condizionare, a Siracusa per ottenere il massimo
LANCIANO. Dimenticare la gara di andata. E questo il diktat lanciato ai suoi ragazzi dallallenatore della Virtus Lanciano alla vigilia del delicato e decisivo confronto di Siracusa. La vittoria di misura ottenuta al Biondi, spiega Carmine Gautieri, non deve far testo, almeno per i prossimi 90 di gioco. Guai, infatti, a pensare di poter gestire la partita che ci attende, facendo affidamento sul risultato dellandata. La mia squadra, del resto, non abituata a fare calcoli, soprattutto in trasferta dove, non a caso, ha collezionato ben otto successi, contro i sette ottenuti tra le mura amiche. Questo a conferma del fatto che, ovunque giochi, scende in campo per ottenere, o almeno provarci, il risultato pieno. Sar cos anche al De Simone, al cospetto di unavversaria altrettanto agguerrita e decisa a conquistare il pass per la doppia finale play off. Ventuno gli atleti convocati per loccasione, compreso il terzo portiere Casadei, peraltro indisponibile per infortunio: Angelo, spiega lo stesso Carmine Gautieri, un ragazzo eccezionale che, pur non avendo giocato nemmeno una gara di campiona-

to, non si mai lamentato, ed stato anzi uno dei primi a motivare tutto il gruppo. Un professionista esemplare, che meritava dunque di esserci e vivere, sia pur dagli spalti, una partita del genere. Quanto allesclusione dalla lista di Margarita e Donnarumma, ecco le motivazioni addotte dal Gaucho: Si tratta di scelte fatte in base a considerazioni tattiche. Per la gara che ho in mente

ho ritenuto funzionali al mio progetto gli atleti che sono con me in Sicilia. E del resto, col pieno recupero di Titone ed i progressi evidenziati da Zeytulaev le alternative sulle corsie esterne dellattacco, non mi mancano di certo. Stando cos le cose, e tenendo conto del rientrato allarme per le condizioni fisiche di Carlo Mammarella (anche se la caviglia destra gli fa ancora un po male, il

terzino sar in campo), tutto lascia supporre, in assenza di conferme da parte del trainer rossonero, abituato a comunicare le sue scelte solo a poche ore dal fischio dinizio, che lundici inizialmente opposto al Siracusa possa essere lo stesso schierato, sette giorni fa, al Biondi. Dunque difesa tipo, con Massoni e Amenta centrali, supportati sulle corsie laterali da Aquilanti e Mammarella, ed una linea mediana

a tre con DAversa, ai cui lati agiranno Capece e Volpe, mentre in attacco toccher a Sarno e Turchi affiancare il bomber Pavoletti, con Chiric, pronto a subentrare, con tutto il suo estro, in caso di necessit. Anche il Siracusa, avendo recuperato in difesa lacciaccato Fernandez, si presenta al completo, con mister Sottil intenzionato a riproporre per dieci undicesimi la squadra vista a Lanciano, con il

solo Testardi preferito a Fofana, al centro dellattacco. Lultima annotazione riguarda i tifosi frentani: quelli presenti sugli spalti dello stadio aretuseo saranno circa trecento, in aggiunta ai cinquemila di fede locale. Un ulteriore attestato di stima, vista la distanza ed i costi della trasferta, nei confronti dei ragazzi di Gautieri e della famiglia Maio. Stefano De Cristofaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

32

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

SPORT

S8

IL CENTRO

PRIMA DIVISIONE
LANCIANO. A dispetto di una concorrenza agguerritissima, sulle corsie esterne dellattacco rossonero, lex enfant prodige del calcio italiano (ingaggiato dal Torino a soli undici anni) Vincenzo Sarno stato uno dei protagonisti della sfida tra Virtus Lanciano e Siracusa, semifinale di andata dei play off per la serie B. Del suo passato ingombrante preferisce non parlare per: Sono stufo, spiega, di rispondere sempre alle solite domande su un argomento ormai vecchio. A me interessa solo il presente, nello specifico rappresentato dallimminente gara con i siciliani, dal cui esito dipende unintera stagione. Se vero infatti che siamo gi ampiamente andati al di l degli obiettivi di inizio stagione, altrettanto ovvio che nessuno di noi si senta appagato. Se n accorto a sue spese lo stesso Siracusa, battuto sette giorni fa al Guido Biondi, dal cui campo uscito a mani vuote e con una rete al passivo. Al di l del rigore sbagliato (da Volpe, ndc), sottolinea il 24enne esterno campano, avremmo sicuramente meritato di vincere con uno scarto maggiore, viste le numerose occasioni da rete create nellarco del match. Almeno tre delle quali lhanno vista protagonista assoluto: un insidioso diagonale sventato con una prodezza dal portiere aretuseo, e ben due pallonetti dalla lunga distanza, su uno dei quali stato provvidenziale il salvataggio in extremis dellex Moi.

Sarno: Lanciano in finale sono pronto a restare se la Reggina dar lok


Lesterno dattacco della Virtus Lanciano Vincenzo Sarno nato lundici marzo 1988 a Napoli

Nella gara di andata avremmo meritato una vittoria con pi gol oggi sar dura ma possiamo farcela

In effetti, conferma Sarno, quelVincenzino Sarno stato acquistato dal Torino lo un colpo a 11 anni per circa 120 milioni di vecchie lire che provo spesso, appena me ne capita loccasione. Stavolta per, un po per sfortuna, un po per imprecisione, non andata bene, per cui non mi dispiacerebbe riprovarci anche domani (oggi, ndc), sempre che il mister mi confermi tra gli undici di partenza. A proposito di formazione, quando ha saputo che avreb-

AL TORO A 11 ANNI

be giocato da titolare la sfida di andata? A poche ore dal match, come sempre del resto, visto che il nostro allenatore preferisce giustamente tenerci sulle spine sino allultimo. Sorpreso? S e no, nel senso che pur essendo consapevole di dover fare i conti con colleghi di ruolo altrettanto validi e meritevoli, sotto sotto ci speravo. E quando ne ho avuto certezza, ho pensato solo a concentrarmi nel giusto modo ed a sfruttare la chance offertami. Con una prova pi che buo-

na, che potrebbe esserle valsa la conferma anche al De Simone. E ci che spero, nel qual caso far di tutto per ripagare sul campo la fiducia del mio allenatore. Che per lo splendido lavoro sin qui svolto meriterebbe davvero, al pari della squadra e della dirigenza, di coronare unannata cos bella con il raggiungimento della finale. Percentuali di centrarla? Da buon napoletano preferisco non esprimermi, per scaramanzia. Dico solo che ce la

giocheremo a viso aperto, seguendo alla lettera le indicazioni del mister. A Lanciano lei di passaggio, essendo arrivato in prestito secco, a gennaio, dalla Reggina: E vero ma sono pronto, svela in conclusione Sarno, a tornare qui, se i due club dovessero trovare un accordo in tal senso. A Lanciano, infatti, mi sono trovato benissimo: sia a livello di ambiente che di spogliatoio. Stefano De Cristofaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

SPORT

S9

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

33

SECONDA DIVISIONE

Paolucci ordina: Chieti allassalto


Il tecnico: Non mi fido dellAprilia, giocheremo per vincere come al solito
CHIETI. Chieti in gara-2 del primo turno dei play off con i bookmakers che accreditano la formazione teatina di un moderato ma prezioso margine di vantaggio sullAprilia. Siamo intorno al 60% nei pronostici della vigilia, ma Silvio Paolucci non vuol sentir parlare del teorema dei due risultati su tre utili per ottenere la qualificazione e taglia corto: E vero, alla fine male che vada il pari ci far passare il turno per con i ragazzi sono stato chiaro: il Chieti deve scendere in campo per vincere. Se stiamo l a fare calcoli rischiamo di brutto. E mentre il Chieti prover a vincere lincontro per evitare brutte sorprese, lAprilia dellex Vincenzo Vivarini non pu far altro che puntare ai tre punti. Certo, ed per questo, continua Paolucci, che non abbiamo scelta. Non dobbiamo aspettare che lAprilia faccia il suo gioco. Per quanto possibile il pallino dovr averlo il Chieti. In settimana si detto di tutto e di pi su questa gara, con interventi dei due tecnici improntati al fair play anche se Silvio Paolucci ci ha tenuto a precisare che la vera novit del campionato il Chieti, sicuramente partito per guadagnarsi una onesta salvezza, ma poi apra, come la possibilit di mischiare le carte con l eventuale innesto di Anastasi o di Gammone. La partita sar tirata e giocata su ritmi alti, conclude Silvio Paolucci, pu succedere di tutto e dunque bene poter disporre delle variabili appropriate per adeguarsi alle pi svariate situazioni come sempre ce ne sono quando l avversario di qualit ed il risultato incerto, per il resto dovremo essere bravi a giocare con intelligenza, umilt e giusta carica agonistica. Da Aprilia, intanto, arriva la conferma della indisponibilit della punta Ceccarelli, assente anche allandata per infortunio. Vivarini, pertanto, punter di nuovo su Pignalosa. Ancora acciaccato Lacheheb, anche lui destinato a saltare la sfida decisiva per la finale play off. Al Guido Angelini si respirer il clima delle grandi occasioni. La societ ha fatto appello alla tifoseria per una presenza massiccia e calorosa. Buone le indicazioni provenienti dalla prevendita per una presenza stimata di oltre 1.500 spettatori. Si ricorda che la gara direttamente organizzata dalla Lega- Pro. Non saranno ammessi ingressi di favore. Oscar DAngelo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lallenatore del Chieti Silvio Paolucci prodato con merito e capacit di squadra e societ al prestigioso traguardo degli spareggi. Insomma, se il Chieti proseguir nella sua scalata alla Prima divisione si potr parlare, senza mezzi termini, di una bella favola che continua; se, viceversa, il responso del campo favorir lAprilia si dovr parla-

Il mediano dellAprilia Marco Croce e quello del Chieti Stefano Amadio re di risultato in linea con i programmi e gli investimenti del club pontino. E cos, spiega Paolucci, la sorpresa siamo noi e siccome le sorprese sono quelle che fanno pi simpatia mi auguro che alla fine siano i miei ragazzi a festeggiare; purtroppo, una delle due uscir e questo dispiace perch sia il Chieti che l Aprilia hanno espresso un calcio di qualit. Uno sguardo alle scelte tecniche: Jonathan Alessandro pare l abbia spuntata per indossare la maglia n9. S, conferma il tecnico di Tollo, mi sto orientando verso questa scelta, Alessandro in altre circostanze ha fatto bene nel ruolo di punta centrale, il giocatore ha caratteristiche diverse da quelle dello squalificato Lacarra ma con la sua imprevedibilit dar sicuramente fastidio al pacchetto arretrato degli ospiti. Con l impiego dell argentino quale punta di ruolo, Paolucci, che schierer Berardino sulla corsia sinistra, si mantiene aperte altre opzioni in corso d ope-

34

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

SPORT

SA

IL CENTRO

I LAZIALI
CHIETI. Esca fuori la prima finalista dei play off del girone B di Seconda divisione. Chieti e Aprilia viaggiano sul perfetto equilibrio (tre sfide e altrettanti pareggi), ma, oggi, la bilancia dovr per forza pendere da una parte o dallaltra. Il pareggio, infatti, un risultato che andrebbe bene solo ai neroverd e non ai pontini che, invece, hanno lobbligo della vittoria per centrare la finale. Jonathan Sabbatini, uruguayano di nascita ma teatino di adozione, per, non firma per il pareggio e mette in guardia i suoi. Non possiamo permetterci di farli giocare e di aspettarli perch sono molto tecnici e veloci quindi, scenderemo in campo per imporre il nostro gioco e per centrare la vittoria. Cercheremo di fare la partita e di sfruttare gli spazi che ci lasceranno e, poi, come ci ha chiesto il mister, in base al risultato gestiremo gli ultimi minuti di gara. Non mi fido dellAprilia, aggiunge Sabbatini, perch ha i due esterni (Criaco e Buonaiuto, ndc) imprevedibili e gli attaccanti (Pignalosa e Ceccarelli, ndc) forti fisicamente. Dunque, massima attenzione. E anche la sfida dei numeri 10: Sabbatini contro Calderini, lo spettacolo assicurato. Calderini un gran bel giocatore, mi ha impressionato e sicuramente pronto per il salto di categoria, ma anche noi abbiamo tante armi a disposizione. Siamo tranquilli, stiamo bene fisicamente e consapevoli delle no-

Lex Vivarini privo di Ceccarelli e Lacheheb


APRILIA. La squadra dellAprilia arrivata ieri a Chieti. E nellelenco dei convocati non ci sono gli attaccanti Fabio Ceccarelli, 14 gol nella stagione regolare, e Samir Lacheheb, infortunati. Due assenze di non poco conto per lex Vincenzo Vivarini che, quindi, orientato a confermare la squadra della scorsa settimana che ha pareggiato gara-1 2-2 al Quinto Ricci. Ceccarelli lamenta una distorsione al ginocchio e Lacheheb alle prese con un guaio muscolare; entrambi erano assenti allandata e entrambi non ci saranno oggi. Da Aprilia previsto larrivo di 4-500 tifosi che saranno sistemati nel settore ospiti dellAngelini.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Jonathan Sabbatini nato il primo gennaio 1988 a Paysundu (Uruguay): alla terza stagione in maglia neroverde

SECONDA DIVISIONE

Sabbatini: Chieti da promozione


Abbiamo le carte in regola per battere lAprilia e vincere la finale play off
stre forze: penso che se giocheremo con la stessa intensit del secondo tempo dellandata, faremo nostra la partita. Vogliamo fare una grande prestazione e regalarci la finale per la Prima divisione; lo meritano i nostri tifosi che hanno nel Dna palcoscenici pi prestigiosi. A tal proposito, auspica luruguayano, vorrei rivedere una curva Volpi piena come ai tempi doro. Ricordo ancora la bolgia nella partita con il Luco Canistro in serie D (9 maggio 2010, ndc): ecco, rivoglio quellatmosfera. Oltre al fattore campo, servir anche calma, come quella olimpica che lo stesso Sabbatini ha avuto allandata dagli undici metri con un cucchiaio a beffare lex Bifulco. Sul dischetto inizialmente cera Lacarra, svela, ma il mister aveva scelto me come rigorista e, per di pi, avevo promesso ai miei compagni che al prossimo rigore avrei fatto il cucchiaio. Non potevo deluderli. Senza Lacarra, espulso domenica scorsa gli arbitri lhanno preso di mira Paolucci dovrebbe optare per il versatile Alessandro come sostituto naturale con la carta Anastasi da giocare negli ultimi minuti. Con Alessandro mi trovo benissimo perch viene incontro al pallone e mi permette di attaccare lo spazio, ma anche con una punta di riferimento abbiamo sempre fatto bene. Decider il mister. Lui, invece, certo di una maglia da titolare, ma ancora indeciso sul colore delle scarpette da indossare. Con il Campobasso, la donna delle pulizie gli sugger il giallo e la sorte gli regal un gol: si ripeter la magia? Aspetto una nuova profezia. Scherzi a parte, il Chieti a un passo dalla finale dove affronterebbe la vincente tra Paganese e Vigor Lamezia. Sono entrambi campi difficili, ma preferirei la Paganese sia perch avremmo il fattore campo a favore e sia perch sarebbe pi facile da raggiungere per i nostri tifosi. E, qualora il sogno della Prima divisione dovesse diventare realt, Jonathan Sabbatini avrebbe gi pronta una richiesta da fare al suo presidente, Walter Bellia. Il rinnovo? No, il premio promozione!, conclude, ovviamente, con tono scherzoso. Giammarco Giardini
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CENTRO

SPORT

SB

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

35

SERIE D

Valentini illude la squadra di Cappellacci costretta alla resa nellultimo quarto dora

Teramo, sfuma il sogno tricolore


Biancorossi sconfitti dal Venezia nella finale per lo scudetto dilettanti
GUBBIO. Il sogno di presentarsi sui prestigiosi palcoscenici della Lega Pro con uno scudetto cucito sul petto sfuma allo stadio Barbetti di Gubbio, dove il Teramo deve arrendersi allUnione Venezia. Subito in vantaggio con Valentini, la squadra di Cappellacci incassa limmediato pareggio a firma di Oliveira, per poi crollare nellultima parte del secondo tempo quando subisce un micidiale uno-due da parte di Zubin (su rigore) ed Essoussi. Petrella riapre i giochi a neutralizzando in corner pochi minuti dalla fine, quan- una punizione battuta da do per troppo tardi per Lauria. pensare di riprendersi quel E la formazione di Favatricolore ormai da qualche rin a chiudere la prima framinuto sulla strada dei vene- zione in crescendo, tanto che ti. Si chiude cos con un pizzi- al 44 Zubin, lanciato da Grico di rammarico la stagione foni, si ritrova davanti a Serche ha regalato alla citt di raiocco che riesce ad ipnotizTeramo il ritorno nel calcio zare il quotato attaccante avprofessioniversario. Listico dopo TERAMO 2 nizio della rigli ultimi anpresa equiU. VENEZIA 3 librato, ma ni vissuti nei campionati dopo dieci TERAMO (4-4-2): Serraiocco; Ekani, minuti Capdilettantistici (un torneo Ferrani, Speranza, De Fabritiis (41 st pellacci predi Promozio- Tommaselli); Saraceno (12 st Petrel- ferisce gione, uno di Ec- la), Valentini, Vitone, Laboragine; Buc- carsi subito cellenza e chi, Borrelli (12 st Masini). A disposizio- due cambi: due di serie ne: Cappa, Calabuig, Iazzetta, Arcamo- dentro MasiD). Unespe- ne. Allenatore: Cappellacci. ni e Petrella, rienza confuori Borrelclusa dopo UNIONE VENEZIA (4-2-3-1): Gallo; li e SaraceVidetta, Scardala, Mirri, Scantaburlo; no. A met unottima poule scudet- Crafa, Silvestri (27 st Marcolini); Grifo- tempo camto in cui ni (22 st Casagrande), Lauria, Oliveira; bia anche Fariuscito a su- Zubin (32 st Essoussi). A disposizione: varin, che inperare an- Riommi, Ciaramitaro, Florean, DApol- serisce Casache il Saler- lonia. Allenatore: Favarin. grande per no, anche se Grifoni. rispetto al- ARBITRO: Vesprini di Macerata. Il Teramo lundici che RETI: pt 3 Valentini, 8 Oliveira; st 30 ri- prova a farsi ha avuto la gore Zubin, 35 Essoussi, 42 Petrella. pericoloso meglio sui NOTE: ammoniti Vitone e Crafa. Angoli anche su calcampaniCap- 8-6 per il Teramo. Recuperi: pt 1, st 5. cio piazzato, pellacci ha come quanpresentato do al 26 Madiverse novit nella forma- sini viene chiuso in angolo zione iniziale. sugli sviluppi di una punizioTra i pali c Serraiocco, in ne calciata da Vitone. Marcocampo Ekani, Laboragine e lini per Silvestri la seconda Saraceno tolgono il posto a mossa di Favarin, i cui ragazCiampi, Iazzetta e Petrella. Il zi passano alla mezzora, 4-4-2 premia subito le scelte quando il direttore di gara asdel tecnico, perch al 2 il Te- segna un rigore per un fallo ramo gi in vantaggio: di mano nellarea veneta. cross di De Fabritiis dalla de- Sul dischetto si presenta Zustra, palla per Valentini che bin che porta in vantaggio i sottomisura non sbaglia. suoi. Poco dopo lo stesso ZuNeanche il tempo di esulta- bin lascia il posto ad Essousre che il Venezia riordina le si, che impiega tre minuti idee e pareggia: l8 quando per ripagare il suo allenatoOliveira non perdona, e fina- re segnando la rete del 3-1 lizza al meglio un assist del con un colpo di testa su solito Zubin. cross di Lauria. La partita si incanala sui Gallo si oppone a Masini che binari dellequilibrio. Poco prova a riaprire la gara. Nel prima del quarto dora Gallo finale il Teramo trova il 3-2 devia in angolo un tiro di La- con un gran tiro da fuori di boragine, qualche minuto do- Petrella. po Serraiocco imita il collega Daniele Cibruscola

GIULIANOVA

Le ipotesi per il dopo DAgostino


GIULIANOVA. Un gruppo di imprenditori locali e del circondario ha avviato una serie di incontri per salvare il Giulianova nelleventualit che Dario D Agostino non iscriva la squadra al prossimo campionato di Seconda divisione. Lipotesi sulla quale si lavora maggiormente, la meno dolorosa, sarebbe lacquisizione di nuovo titolo sportivo che consentirebbe, sulla falsariga del Perugia del 2010, di ripartire dalla serie D. Nel caso peggiore, si ricomincerebbe inevitabilmente dalla Promozione. Ci sarebbe per una terza strada, caldeggiata da parte del gruppo: agganciarsi al Cologna Paese per ripartire dallEccellenza. La cordata rilanciarebbe il Giulianova nel giro di due-tre anni. Marted, intanto, sar presentato in Lega il progetto di messa a norma del Fadini predisposto da un tecnico incaricato dal Comune.

Il presidente del Teramo Luciano Campitelli con la coppa riservata alla seconda classificata

Play out, Rc Angolana-Sant in palio c la salvezza


CITTA SANTANGELO. La Rc Angolana per brindare alla salvezza; la Santegidiese per tentare il miracolo ed evitare la retrocessione in Eccellenza dopo sei anni. Nella gara di ritorno dei play out (inizio ore 16) i nerazzurri, grazie al 3-1 conquistato sette giorni fa a SantEgidio, hanno in tasca la permanenza in D. Tra i giallorossi diverse assenze tra infortuni (Censori) e squalifiche (Coccia). In pi c laddio di La Vista, assente gi nel match della scorsa settimana. Possibile, in difesa, il rientro di Lonardo; in attacco c il dubbio Cremona. Per salvarsi la Santegidiese deve vincere con tre gol di scarto. NellAngolana lunico indisponibile lo squalificato Berra. Tra i nerazzurri il terzino sinistro Fabio Micaroni, classe 1991, verr premiato con una targa per aver raggiunto le 100 presenze con la maglia dellAngolana. La gara sar arbitrata da Fiorini di Frosinone. Play off. E anche il giorno della quarta fase dei play off di serie D. La Sambenedettese, in gara unica, riceve il Legnago (ore 16). A completare il programma dei play off nazionali Atletico Arezzo-Sandon Jesolo e Nuova Cosenza-Lavagnese. (g.l.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

36

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

SPORT

SC

IL CENTRO

VERSO EURO 2012

Niente Italia per Verratti


Prandelli ha in mente i 23 della rosa, il pescarese non c
COVERCIANO. Se Mazzarri ha le idee chiare su quello che deve dire a De Laurentiis, Cesare Prandelli le ha ancora di pi sui 23 che porter allEuropeo. Una cosa certa: non ci sar il pescarese Marco Verratti. La lista ufficiale il ct la far conoscere domani, con un giorno di anticipo sulla scadenza (marted alle 12). Ma ha fatto capire molte cose. no Pirlo, Marchisio, Thiago Motta, De Rossi e Nocerino, quasi sicuri del pass, cos come uno dei neo azzurri, Diamanti, resterebbero in tre a duellare per un posto: Giaccherini, Cigarini e lo stesso Montolivo. Soprattutto per il regolamento Uefa: se un calciatore si infortuna, dopo la presentazione della lista ufficiale, pu essere sostituito fino a un giorno prima dellinizio dellEuropeo. Per questo, tra Chiellini e Montolivo il ct potrebbe preferire lo juventino e lasciare il neo milanista in stand by. Intanto ieri Buffon stato protagonista con la sua schiettezza, aprendo una polemica, pi da vice presidente Assocalciatori: Penso che Conte non abbia nulla da temere. E poi non c nulla di male se in una partita una squadra mira al pareggio. Nel calcio accade sempre. Abete ha subito precisato che quello che ha detto Buffon non centra col calcioscommesse, dove c la dazione di denaro, mentre il presidente dellAssociazione, Tommasi, ha elogiato le parole di Buffon; sempre schietto. Mercato. Napoli alle prese con il nodo Mazzarri: Non preoccupatevi, rassicura il tecnico, so cosa dovr dire a De Laurentiis. Sono tranquillissimo. Ho un altro anno di contratto, lo voglio rispettare, ma bisogna confrontoarsi con la societ. Lavezzi? Mi dispiace, anche dal punto di vista umano, ma bisogna rispettare la volont del calciatore. Cosa occorre al Napoli? Innanzitutto che ci sia unit di intenti tra allenatore e presidente.

NUOTO

Pellegrini regala il quinto oro azzurro


DEBRECEN. Doro, imbattuta da cinque anni: la regina sempre lei. E con tre argenti e un bronzo, la festa a Debrecen tutta azzurra. Federica Pellegrini regala allItalia il quinto titolo in questa rassegna continentale di nuoto: la divina sale sul gradino pi alto del podio nella sua gara, quei 200 stile libero in cui dal 2008 ha sempre dominato. Lo fa dopo avere trascinato la staffetta alla medaglia pi preziosa, un successo di gruppo a cui segue quello a cui ha abituato tutti, loro nella gara individuale in una giornata, la penultima, in cui lItalnuoto sale cinque volte sul podio. Arrivano infatti anche tre argenti con la 4x200 stile che ha visto Filippo Magnini graffiare ancora dopo il titolo nello sprint, capace, il pesarese, di spingere la quaterna al secondo posto alle spalle della Germania di Paul Biedermann. Seconda piazza anche per Fabio Scozzoli nei 50 rana e per la giovane Arianna Barbieri, che nei 50 dorso si ripete dopo la medaglia vinta sulla doppia distanza. A chiudere il bottino ricco, a sorpresa c il bronzo di Matteo Rivolta, che da matricola si scopre grande salendo sul podio dei 100 farfalla alle spalle di due mostri come Milorad Cavic e Laszlo Cseh.

Verratti non viene neppure citato tra i possibili componenti della rosa. Non una bocciatura, certo, quella del campioncino di Manoppello, ma, al contrario, stato un premio fargli respirare laria della Nazionale a 19 anni. E comunque vada, tra due anni c il Mondiale in Brasile. Verratti avr 21 anni. E due anni di esperienza in serie A. Il ct della nazionale aveva gi annunciato, due giorni fa, che avrebbe resa nota la lista domani, dopo avere saputo il responso degli esami di Giorgio Chiellini e Riccardo Montolivo. Esami che sono stati, invece, anticipati a ieri mattina. Con esito positivo per i due azzurri, che a questo punto dovrebbero esser dentro. Ma tenendo conto che, oltre ai 6 attaccanti, a centrocampo ci so-

Giovinco chiesto dal Rubin Kazan ma c gi il no Muntari, rinnovo pronto Mazzarri lancia frecciate a De Laurentiis

Morgan De Sanctis scherza con Gigi Buffon nel ritiro di Coverciano E mentre il Milan ribadisce che Ibra e Thiago Silva resteranno rossoneri (punti fermi insieme a Pato) e raggiunge laccordo per il rinnovo con Muntari (pronto un biennale), il neo ds della Fiorentina, Daniele Prad, vede in Jovetic il punto fermo dal quale far ripartire i viola. Preziosi da Genova fa sapere che ha intenzione di confermare De Canio, ma decider tra qualche giorno. Il Rubin Kazan si dice interessato a Giovinco. Ma la Formica atomica, da Coverciano, ha gi risposto di non ricambiare linteresse.

FORMULA 1 - GP DI MONACO

Il tedesco penalizzato di 5 posizioni partir dietro la Ferrari di Alonso

Schumi vola, ma pole a Webber


MONACO. Rispunta Schumacher, le Ferrari crescono ma dalla pole partir Webber. Il sette volte iridato risponde ai tanti detrattori che vorrebbero mandarlo definitivamente in pensione ottenendo il miglior tempo sul giro secco a Monte Carlo. A 43 anni, il tedesco della Mercedes, ottiene la terza pole da queste parti, raggiungendo gente del calibro di Farina, Fangio e Jack Brabham, unici ad aver fatto segnare il miglior crono con tante primavere sulle spalle. Ma Schumi sar costretto a scattare dalla sesta piazzola, per la penalit di cinque posizioni inflittagli nella gara di Barcellona. Dalla pole scatter Mark Webber che con 114381 era stato pi lento di 80 millesimi. Al fianco dellaustraliano della Red Bull, laltra Mercedes di Rosberg. Dalla seconda prenderanno il via Hamilton con la McLaren e Grosjean. Fernando Alonso con la Ferrari prender il via dalla terza dal quinto posto, col sesto tempo in qualifica. Al suo fianco Schumacher; Felipe Massa partir dalla quarta fila con il settimo tempo. I due piloti di Maranello non confermano quanto di buono fatto vedere nelle libere e saranno costretti a inseguire. Lo stesso discorso vale per il campione del mondo Vettel, che scala di un posto per la penalizzazione di 10 posti a Maldonado. Tv: Raiuno ore 14.

IL CENTRO

SPORT

SD

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

37

PALLACANESTRO DNA - PLAY OFF

La Bls Chieti riprova a battere Trento


I biancorossi cercano la vittoria per pareggiare i conti e giocarsi la promozione nella bella
CHIETI. Nemmeno un attimo di riposo per la Bls Chieti, questa sera si torna in campo per gara-4 di finale (ore 20.30, Pala santa Filomena), sfida infinita con la corazzata Trento, valevole per la promozione in LegaDue. La serie sul 2-1 per gli ospiti e Chieti ha lintenzione di pareggiare il conto e giocarsi il tutto per tutto nella bella di gioved prossimo, in terra trentina. In caso di sconfitta unulteriore possibilit di promozione rappresentata dalla sfida al meglio delle cinque partite con Trieste, squadra uscita sconfitta dalla finale con Ferentino, la formazione del coach abruzzese Franco Gramenzi, che ha cos conquistato la promozione in Legadue. Ma adesso la Bls concentrata sul primo obiettivo, quello di tenere viva questa serie e mettere pressione ai favoriti avversari. Per questa sera previsto il record stagionale di presenze, il match di venerd scorso ha dimostrato ancora una volta lefficacia del fattore campo teatino: davvero incredibile lo spettacolo di tifo, il piccolo impianto universitario stato trasformato in una vera bolgia, con circa 1.500 spettatori. Il giudice sportivo ha comminato alla societ teatina una

C REGIONALE

Campli-Vasto, parte la finale


CAMPLI. Primo atto (oggi ore 18,30 a Campli) della finalissima in C regionale di basket. Da oggi in palio la promozione in Dnc. La serie si gioca al meglio delle cinque partite. Di fronte la Renit Campli, prima al termine della stagione regolare, e Vasto, seconda. Entrambi hanno chiuso le semifinali con due vittorie in altrettante partite contro Isernia e Campobasso. In stagione regolare due vittorie per i farnesi. In dubbio Ciervo (Campli) per un fastidio al polpaccio; Di Pierro per Vasto per un problema ad una mano. sanzione piuttosto salata, per lancio di oggetti e insulti frequenti e collettivi; episodi isolati, per, che non hanno influito in alcun modo sul corretto svolgimento del match. Vedere il palazzetto strapieno, dice il teatino Fabrizio Gialloreto, rappresenta per noi uno stimolo in pi a far bene. Lincredibile finale di partita ha dimostrato ancora una volta che questa una squadra che non muore mai, daremo tutto per allungare quanto pi possibile la serie. Guai a guardare oltre gara-4, conclude il play, solo continuando a vivere partita Il play della Bls Chieti Fabrizio Gialloreto 25 anni

dopo partita avremo qualche possibilit di tornare a giocarci il tutto per tutto a Trento. Prevendite prese dassalto nella giornata di ieri. La societ consiglia a tutti i tifosi di acquistare in anticipo i tagliandi, per evitare spiacevoli disguidi. Limportante partita di calcio tra Chieti e Aprilia, render infatti inaccessibile larea del Pala Santa Filomena, almeno fino alle 18; pertanto, i biglietti saranno in vendita fino a quellora al Gran Caff Vittoria, in corso Marrucino, e dalle 18 (fino a esaurimento) al botteghino del palazzetto. Coach Sorgentone avr a disposizione gli stessi 10 andati a referto venerd, cos come il tecnico ospite, Maurizio Buscaglia. LE FORMAZIONI BLS CHIETI: De Gregorio, Rajola, Gialloreto, Iannone, Martelli, Raschi, Di Emidio, Porfido, Rossi, Diomede. Coach: Domenico Sorgentone. BITUMCALOR TRENTO: Brandani, Pascolo, Spanghero, Santarossa, Fiorito, Pazzi, Negri, Medizza, Conte, Forray. Coach: Maurizio Buscaglia. ARBITRI: Roberto Biasini di Veroli (Fr) e Marco Sivieri di Mainarda Vigarano (Fe). Luca Colella
RIPRODUZIONE RISERVATA

VOLLEY PLAY OFF B1

Ortona supera Carpi mercoled sfida decisiva


ORTONA. Confermando la propria imbattibilit casalinga, la Sieco Service Ortona si aggiudica per 3-1 la semifinale di ritorno dei play off per la A2, guadagnandosi la possibilit di giocarsi la qualificazione nella decisiva bella, in programma mercoled (ore 20.30) a Carpi. Il tutto al termine di una bella prova, cominciata ieri con un combattuto quanto interminabile set, vinto in rimonta dagli ortonesi, capaci di annullare ben cinque set point, sino al 31-29 finale. Altrettanto equilibrato, il secondo parziale, giocato punto a punto dalle due squadre, finch non sono gli emiliani a prendere il sopravvento e a vincere il game col punteggio di 17-25. Sospinta dal calore del pubblico, la Sieco Service tira per fuori le unghie e parte a spron battuto nel terzo parziale che la vede avanti dallinizio alla fine, sino al 25-16 conclusivo. Si va cos al quarto, che ricalca il precedente, sancendo (con un quasi analogo 25-17) il definitivo successo della Sieco. Che per accedere ora alla finale (contro la vincente la sfida tra Bassano e Brolo) sar obbligata ad espugnare, mercoled, il parquet di Carpi. (s.d.c.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Montesilvano eliminato
Calcio a 5, biancazzurri ko a Bassano
LUPARENSE MONTESILVANO 5 2
LUPARENSE: Putano, Munaretto, Fabiano, Bertollo, Pedotti, Merlim, Euler, Honorio, Canal, Fortino, Pablo, Andretta. Allenatore: Fernandez.
MONTESILVANO:Mammarella, Burato, Fragassi, Iribarne, Garcias, Borruto, Calderolli, Scordella, Cuzzolino, Fantecele, Di Pietro, DellOso. Allenatore: Ricci.

CALCIO BALILLA

Campionati universitari nazionali, pallavolo e calcio

Pescara vince a Curtatone


PESCARA. Una squadra pescarese si imposta nel raduno nazionale di calcio balilla a Curtatone (Mantova). Dodici le formazioni in lizza, ha vinto quella composta dai pescaresi Angelo Ciurlino, Martino La Selva, Casimiro Volpe, Daniele Riga e Paola Pannella. I concorrenti hanno gareggiando secondo il regolamento Fpicb (federazione paralimpica italiana calcio balilla). Presente anche il campione mondiale di calcio balilla paralimpico Francesco Bonanno, uno degli organizzatori dellevento nonch presidente del Fpicb.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cus, la spedizione Chieti-Pescara conquista un oro e un bronzo


PESCARA. La spedizione delle squadre del Cus DAnnunzio Chieti-Pescara, terminano lavventura ai Campionati nazionali universitari di Messina con un bronzo e una medaglia doro. La squadra di pallavolo, guidata dal tecnico Tommaso Flacco, sconfigge in un match ricco di emozioni il Cus Torino e conquista lambito titolo, che lo scorso anno era sfuggito nella finale col Cus Parma. Invece, nel calcio la squadra di Alessandro Del Gallo supera agilmente nella finale per il bronzo il Cus Palermo per 4-2; resta qualche rammarico per la semifinale persa ai calci di rigore contro il Cus LAquila. Nel primo tempo la squadra di Alessandro Del Gallo chiude con un secco 3-0, grazie alle marcature di Mattia Galasso, Valerio Carconi e Riccardo Rispoli; nella ripresa i siciliani accorciano le distanze con Vito Bono, ma poi gli abruzzesi ristabilicono le distanze con Virgilio Marzano. Nei minuti finali un rigore di Davide Rizzo accordcia di nuovo le distanze e fissa il risultato sul definitivo 4-2. Laltra abruzzese Cus LAquila, impegnata nella finale del calcio per la medaglia doro, esce sconfitta contro il Cus Parma per 3-0. Riccardo Di Persio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Fragassi
ARBITRI: De Varti (Foggia), Gisondi (Molfetta), Giannantonio (Campobasso). RETI: nel pt, 2 Honorio, 301 Canal, 1617 Fabiano; nel st, 515 Fragassi, 837 Putano (a), 952 Fortino, 1846 Honorio.

BASSANO DEL GRAPPA. Il

Montesilvano termina la sua corsa al tricolore. La squadra di Ricci dopo due pareggi costretta ad arrendersi contro la Luparense nella bella della semifinale scudetto al termine di un incon-

tro combattuto. Partenza impetuosa dei padroni di casa che, subito in vantaggio con Honorio, trovano il raddoppio poco dopo con Canal. Doppio miracolo della difesa veneta al 14 quando Fortino salva sulla linea un tiro di Borruto e poi Putano si oppone al successivo tentativo di Garcias. Con il portiere di movimento, per, arriva la terza rete di Fabiano. Nella ripresa il Montesilvano accorcia le distanze prima con una splendida rete di Fragassi e poi con Calderolli che provoca lautogol di Putano. I veneti, per, non ci stanno e, con le reti di Fortino e di Honorio, chiudono il match, guadagnando la finalissima contro la Marca.
RIPRODUZIONE RISERVATA

38

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

SPORT
CLASSIFICA GENERALE
1) RODRIGUEZ Joaquin (ESP) in 91h 04 16 2) HESJEDAL Ryder (CAN) a 31 3) SCARPONI Michele (ITA) a 151 4) DE GENDT Thomas (BEL) a 218 5) BASSO Ivan (ITA) a 318 6) CUNEGO Damiano (ITA) a 343 7) URAN URAN Rig. (COL) a 452 8) POZZOVIVO Dom. (ITA) a 547 9) NIEVE ITUR. Mikel (ESP) a 556 10) GADRET John (FRA) a 643 11) HENAO Sergio L. (COL) a 720 12) CATALDO Dario (ITA) a 1214 13) TSCHOPP Johann (SUI) a 1234 14) BRAMBILLA Gian. (ITA) a 1328 15) KREUZIGER Rom. (CZE) a 1809
21

SE

IL CENTRO

ORDINE DI ARRIVO
1) DE GENDT Thomas (BEL) ha coperto 219 km in 6h 54 41 2) CUNEGO Damiano (ITA) a 56 3) NIEVE ITUR. Mikel (ESP) a 250 4) RODRIGUEZ Joaq. (ESP) a 322 5) SCARPONI Michele (ITA) a 334 6) HESJEDAL Ryder (CAN) a 336 7) GADRET John (FRA) a 429 8) URAN URAN Rigob. (COL) a 453 9) HENAO Sergio L. (COL) a 455 10) BASSO Ivan (ITA) s.t. 11) POZZOVIVO Dom. (ITA) a 539 12) DUPONT Hubert (FRA) a 553 13) HERMANS Ben (BEL) a 758 14)BRAMBILLA Gianl. (ITA) a 832 15) KREUZIGER Rom. (CZE) a 910

la TAPPA DI DOMANi
tappa
Milano (Castello Sforzesco) - Milano (Piazza del Duomo) (30 km )

PARTENZA
121 - Castello Sforzesco
126 - P.le Damiano Chiesa

Diretta TV: ore 15:10 su Rai Tre e Rai Sport 2


134 - viale Alcide De Gasperi 128 - viale Lodovico Scarampo 128 - viale Eginardo 126 - Piazza Giovanni Amendola 123 - Piazza Giulio Cesare 121 - Piazza della Conciliazione 118 - viale Papiniano

ARRIVO
121 - Piazza del Duomo

10

20

30
ANSA-CENTIMETRI

La Milano-Milano di 30,1 chilometri naturalmente una cronometro individuale, come recentemente spesso capita al Giro. Il percorso piatto, la distanza canonica, ma le curve del percorso cittadino pesano sulla media finale. Come tutte le crono poste in fondo a una corsa a tappe, a contare non tanto il fatto di essere specialisti, quanto il fatto di essere nella parte alta della classifica. Dove ci sono quelli che hanno ancora un po di energie da spendere.

143 - via Papa Giovanni XXIII 140 - via Sempione 141 - Molino Dorino

134 - Rotatoria Cimitero Maggiore

De Gendt, unaquila sullo Stelvio


IL GHIRO DITALIA di MASSIMO GHIROTTO

Arriva a due passi dalla maglia rosa, Rodriguez la difende, Basso si arrende. Ora il favorito Hesjedal
di Antonio Frigo
Q INVIATO AL PASSO DELLO STELVIO

118 - Piazza San Babila 117 - via Palazzo Reale

130 - Piazzale Accursio

122 - via Legnano 122 - via Douhet 123 - Corso Sempione

147 - Fiera di Milano

116 - Porta Vittoria 117 - Porta Monforte 120 - Porta Venezia

140 - via Luigi Rizzo

114 - Porta Romana

115 - Porta Ticinese

137 - via Sempione

141 - via Sempione

CONTROPEDALE

OCCHIO AL BELGA, CRONOMAN

artiamo da chi vincer il Giro dItalia edizione 2012? Il canadese Hesjedal favorito, ma De Gent, che fortissimo a cronometro, potrebbe ribaltare tutto anche in una trentina di chilometri. Di sicuro, anche se si dice sempre che alla fine di una corsa a tappe vanno forte i migliori e non i cronomen, il belga ieri stato brillante e lo scorso anno arrivato terzo nella crono finale del Tour, dando un sonante distacco al canadese. Ieri per Hesjedal stato fortissimo e ha risposto sempre da solo. Che poteva fare di pi, il Fenomeno? Andiamo alla Lampre. Qualcosa non mi torna, nel comportamento di Cunego. Lui e Scarponi hanno fatto due corse diverse. Damiano era andato in fuga, perch? Lo so, magari non avrebbe fatto vincere il suo capitano, ma se avesse dato una mano a Scarponi, forse il marchigiano stasera sarebbe sul podio. Invece mi sa che De Gent, che in classifica staccato di poco, lo sorpasser e il podio del Giro, dopo tanto tempo, sar tutto straniero. Infine, diciamocelo chiaro in faccia, il Giro lo ha perso Basso. Lo ha corso come uno che doveva vincerlo, ha spadroneggiato con la squadra, poi si ritrovato con le gambe fiacche e ha stentato a difendere una posizione in classifica che comunque non gli consona.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Giro trema sotto i colpi di un belga in fuga dallinizio della tappa di Mortirolo e Stelvio. Thomas De Gendt conquista Cima Coppi e per qualche minuto maglia rosa. Alla fine il suo distacco in classifica di 218, troppo, nonostante la propensione per il tic-tac, per operare oggi il sorpasso nella crono di Milano. In maglia rosa resta ancora Rodriguez, che invece a cronometro va maluccio: lo spagnolo fa... il portoghese nella salita dello Stelvio, succhia le ruote fino a 800 metri dallarrivo, poi scatta, prende Scarponi, involatosi prima di lui, e guadagna una manciata di secondi sul pretendente alla Rosa di Milano, Ryder Hejsedal, capace di condurre (abbandonato da tutti) linseguimento di De Gendt da solo e ora indiziato di vittoria finale. Aggiungiamo che al secondo posto di tappa arriva Cunego. Il quale, in qualit di resto di fuga , potrebbe anche fermarsi per dare una mano a Scarponi ma non lo fa. Ma da resto di fuga si comporta. Polposa cronaca. La corsa apre le ali sul Mortirolo, dopo che il Tonale aveva visto passare una fuga folta - improbabile? - piena di gregari. Certo il nido delle aquile lontano e la fuga preoccupa poco in chiave Stelvio, ma tattica pura. Da questa innocente fuga prendono per il largo Zaugg (tutto solo, il vincitore del Lombardia 2011), seguito da Serpa, Losada. Amador e Cataldo. Quando s'attacca Cima Pantani, sono gi stati cacciati per scia prolungata dietro le auto un bel po' di corridori, tra i quali Guardini e Hunter.

QuellEasy Ryder talento un po tardo


Caro Giro, oggi finisce tutto. Scrivo queste poche righe prima che si corra la tappa dello Stelvio, per non essere influenzato e per non fare la figura del lavevo detto io. Ho una cosa importante da dirti: come non credevo a Pantani secondo a crono, come non credetti alla prima vittoria di Basso, come non ho creduto a uno solo dei Tour di Armstrong, non credo neanche a Ryder Hesjedal vincitore o tra i primi tre. Ho detto recentemente che avrebbe giocato un ruolo nella corsa rosa, ma a 31 anni nessuno si scopre ciclista da corse a tappe. E le magie da Silvan mi fanno ridere. Il settimo posto al Tour? Ne aveva gi 30. Rominger docet? (a.f.)
larrivo vittorioso di Thomas De Gendt al traguardo del Passo dello Stelvio dopo una lunga fuga solitaria

Nella salita vanno in fumo un bel po' di dischi della frizione delle ammiraglie, con corridori costretti a zigzagare (quando non a scendere di sella) tra le auto e la sensazione che l'organizzazione sia stata troppo indulgente con il seguito. Vanno segnalati poi tre attacchi di Rodriguez, ai quali risponde in prima persona l'... onnipotente Hesjedal. E un attacco di Kreuziger tamponato in modo corale dal gruppo, (Ryder lucido: di inseguire non ci pensa nemmeno e lascia che il ceko faccia). Dice radiocorsa che Basso s'incatrami un paio di volte e ci crediamo (ha bruciato la squadra). Scarponi? Presente. La squadra di Ivan ferma dunque Cataldo per dare una mano al capitano dei ramarri, che

Il canadese Ryder Hesjedal

sembra pi Liqui che ...gas. Dal gruppo evade Cunego (dovrebbe fare il punto dappoggio per Capitan Scarpoon) e inizia a dare la caccia ai primi. Ma siamo solo all'avvicinamento a Bormio, dove la tappa s'infiamma per 20 km, fino ad arrivare tra due muri di neve e qualche sciatore in attivit. A Bormio, nel profumo del pino cembro, passano Zaugg,

poi Cunego, De Gendt, Izaguirre, Nieve, Amador,Kangert. In gruppo riposa la Katusha e tira la squadra di Hejsedal, che evidentemente si sente gi in rosa. Bisognerebbe dirlo alla valanga di pseudo-inviati spagnoli e russi, spediti a intasare la sala stampa. La corsa si spacca in due: davanti i cacciatori di tappa (pi De Gent), dietro la creme di classifica, con il canadese della Costa Brava in veste di osservato speciale. Il ribaltone. Ma qui i giochi si ribaltano. De Gendt molla di nuovo tutti (quelli in mezzo non contano) e inizia a rincorrere addirittura la maglia rosa, mentre i big non possono fare altro che sperare che il belga scoppi. Il problema che si apre un secondo fronte: Ga-

dret, il francese che ama il Giro, si spara in avanti e sogna, anche lui, in rosa, almeno per un giorno Caporetto?. Hesjedal circondato da lupi (lavora tu, che a noi scappa da ridere), deve fare tutto da solo e non ne ha la forza. Gadret cede, De Gendt no. Cedono anche Basso e Pozzovivo. Andiamo, il tempo delle aquile. Basso fa la quaglia, parte Scarponi e pianta l il canadese (e Purito El Drito, che gli succhia la ruota e poi andr a fulminare lui e Scarpoon). Il resto lo sapete gi. Chiacchiere al traguardo se ne fanno tante. Ma oggi c la crono. Il favorito (per la classifica) il canadese. Ma ieri s stancato molto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

a cura di:

IL GIORNO: E il 148 giorno dellanno alla fine ne mancano 218 IL SANTO: Agostino di Canterbury

IL SOLE: Sorge alle 5:31 e tramonta alle 20:30 LA LUNA: Si leva alle 11:24 e cala alle 0:55

Mare

DOMENICA 27 MAGGIO 2012

OGGI

DOMANI

a Una circostanza favorevole vi conARIETE 21/3 20/4

sentira di migliorare i rapporti con le persone che incontrerete oggi. Approfittatene: presto ne sentirete i vantaggi. Amore sincero.

b Preparate un programma di facile


TORO 21/4 20/5

attuazione. Landamento tranquillo della giornata vi consentira di metterlo in atto senza troppe difficolta e con successo.

MARTEDI

c Un grande desiderio di rinnovamenGEMELLI 21/5 20/6

to si impadronira di voi: cambiare il vostro stile di vita, le amicizie e il modo di vestire appaghera le vostre esigenze.

Temperature
min

d Vi sentirete pieni di energie positive


CANCRO 21/6 22/7

max

e riuscirete a trasmettere il vostro entusiasmo a tutti coloro che vi saranno vicini. Soddisfazioni notevoli dalla vita familiare.

LAQUILA AVEZZANO SULMONA PESCARA PENNE CHIETI LANCIANO VASTO

Italia
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI BOLOGNA BOLZANO CAGLIARI CATANIA CROTONE FIRENZE GENOVA LAQUILA MESSINA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA PISA POTENZA ROMA TORINO UDINE VENEZIA

TERAMO GIULIANOVA CAMPOBASSO

+6 +7 +8 +12 +10 +9 +10 +13 +10 +12 +8

+17 +17 +18 +20 +18 +19 +19 +18

e Qualche sbalzo dumore nel corso


LEONE 23/7 22/8

della mattinata, ma poi tutto dovrebbe tornare alla normalita. Non deludete le aspettative di chi vi e vicino e vi vuole bene. Un incontro.

+20 +19 +16

IL PUNTO Cielo poco o parzialmente nuvoloso, con cumuli pomeridiani lungo la dorsale. Temperature: in lieve flessione. Precipitazioni: non sono previsti fenomeni di rilievo. Venti: deboli-moderati da nord-est. Mare: mosso.

PROSSIMI GIORNI DOMANI: nubi irregolari pi consistenti all'interno con deboli piogge sulla dorsale. Velato o poco nuvoloso sulla costa. Temperature stabili. MARTEDI': variabile con nubi sparse e schiarite, possibili rovesci pomeridiani a ridosso dei rilievi. Temperature stazionarie.

f Piccoli disturbi e fastidiose allergie


VERGINE 23/8 22/9

scompariranno solo se incomincerete a seguire unalimentazione piu sana ed equilibrata. Le stelle preannunciano importanti incontri.

g Non siate testardi e cercate di vedeBILANCIA 23/9 22/10

re le cose con un pizzico di ottimismo in piu. In questa maniera avete maggiori possibilita di successo. Una serata un po diversa.

+15 +13 +16 +14 +10 +15 +16 +17 +17 +6 +15 +6 +17 +14 +15 +14 +7 +12 +9 +12 +14 +10 +12

+25 +20 +17 +20 +23 +20 +25 +21 +20 +19 +20 +17 +18 +22 +20 +22 +19 +22 +14 +24 +22 +21 +22

h Sarete esibizionisti, quel tanto che


SCORPIONE 23/10 22/11

OGGI IN ITALIA

DOMANI

Europa
AMSTERDAM ATENE BERLINO BRUXELLES BUCAREST DUBLINO HELSINKI ISTANBUL LONDRA MADRID MOSCA PARIGI PRAGA VARSAVIA VIENNA ZAGABRIA ZURIGO ZARA

basta per attirare lattenzione, non certo per scandalizzare. Otterrete leffetto desiderato e la vostra intraprendenza sara premiata.
min max

Nord: sole e nuvole con rovesci sui comparti alpini. Centro: soleggiato con addensamenti sui rilievi. Sud e Isole: instabile sulle peninsulari, pi asciutto sulle Isole.

Nord: rovesci sul Triveneto e rilievi liguri. Centro: instabilit di passaggio, specie su dorsale e tirreniche. Sud e Isole: rovesci sparsi su basso tirreniche e Sardegna.

+13 +17 +9 +11 +13 +12 +10 +16 +12 +11 +7 +11 +20 +9 +9 +8 +5 +16

+20 +23 +23 +23 +18 +15 +21 +20 +22 +25 +20 +23 +20 +21 +20 +19 +22 +20

i Non dovete avere alcun timore di afSAGITTARIO 23/11 21/12

frontare una questione familiare anche se complicata. Se la soluzione ce, riuscirete a trovarla e a renderla concreta e costruttiva.

j La vostra oculatezza nelle spese vi


CAPRICORNO 22/12 19/1

consentira di superare momentanee difficolta. Una nuova storia sentimentale potrebbe avere delle prospettive molto interessanti.

k Nuovi interessi vi spingeranno ad


ACQUARIO 20/1 19/2

approfondire alcuni aspetti della vostra vita. In amore troverete il coraggio di troncare una relazione ormai insostenibile.

l Non insistete troppo per realizzare


PESCI 20/2 20/3

un vostro progetto se incontrate qualche difficolta da parte del partner. Non guastatevi per cosi poco una giornata tanto promettente.