Sei sulla pagina 1di 52

MERCOLED 4 MARZO 2015

Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 62821


Roma, Via Campania 59/C - Tel. 06 688281

Servizio Clienti - Tel. 02 63797510


mail: servizioclienti@corriere.it

FONDATO NEL 1876

LIran e il nucleare

Il conflitto

Netanyahu negli Usa


Obama: non lo ascolto

Lo scrittore Amos Oz:


uno Stato palestinese
garanzia per Israele

di Guido Olimpio
a pagina 17

Lintervento
alle pagine 18 e 19

Il governo Approvate solo le linee guida. Renzi: fra una settimana il disegno di legge, non slitteranno le assunzioni

DIRITTI (E DOVERI)
DEI NUOVI ITALIANI

Rinvio sulla scuola, il caso precari

di Gian Antonio Stella

Via libera al piano sulla banda larga. LAntitrust su Rai Way: Mediaset chiarisca

Niente decreto sulla Buona Scuola: Renzi


conferma la scelta del disegno di legge, ma
assicura che le assunzioni dei precari, previste da settembre, non slitteranno. Via libera
del Consiglio dei ministri al piano da 6 miliardi sulla fibra ottica. E lAntitrust chiede chiarimenti a Mediaset sulla scalata a Rai Way.

GIANNELLI

RIFORME NECESSARIE MA NON PUNITIVE

Il disordine delle regole


sconvolge le professioni
di Michele Ainis

da pagina 2 a pagina 8

a riforma della scuola, dopo mesi di annunci, resta ancora al tempo futuro. E tra i
temi assunzioni di precari, bonus, scatti di
stipendio, sgravi per le scuole paritarie
spicca una grande assente: la scuola media.

Italia unita non mai stata troppo unita.


Corporazioni e campanili recano i segni di
unantica divisione, cui generalmente manca
ogni visione. Mai un progetto slacciato dal proprio tornaconto, mai una scintilla di solidariet.
Ma adesso divampa un fenomeno senza precedenti: limplosione delle lobby. E dei partiti, e
delle parti sociali. Perch alla guerra contro il
nemico esterno si va sostituendo la guerra intestina, il conflitto tra fazioni armate luna contro
laltra. E forse questa leredit pi consistente
che ci lascia in corpo lanno I del governo Renzi I.

a pagina 31

continua a pagina 30

ANNUNCI E REALT

Novit al tempo futuro


di Gianna Fregonara e Orsola Riva

Intervista con Beppe Grillo

Formula 1 Dopo lincidente di Barcellona

Pronto a trattare su Rai


e reddito di cittadinanza
di Emanuele Buzzi
LA SENTENZA

Il giallo della scossa


Alonso non correr
in Australia
di Flavio Vanetti

ernando Alonso salter il Gran premio


desordio del campionato di Formula 1,
in programma il 15 marzo a Melbourne. Al
suo posto sulla McLaren correr il danese
Kevin Magnussen. Torna ad affiorare
lipotesi della scossa elettrica allorigine
a pagina 49
dellincidente di Barcellona.

a pagina 9

La tangente al simbolo dellantiracket


Palermo, il capo della Camera di commercio intasca 100 mila euro. Ne avevo bisogno
di Felice Cavallaro
PER LA SUPERPROCURA

a commissione del Csm ha


bocciato la domanda del
pm di Palermo Nino Di Matteo
per diventare sostituto procuratore della Direzione nazionale antimafia. Gi oggi, forse, la
scelta definitiva del plenum.
a pagina 25

a pagina 24

Il no del Csm
al pm Di Matteo
di Giovanni Bianconi
9 771120 498008

LINDUSTRIALE

e avevo bisogno. Cos,


subito dopo aver intascato la tangente ed essere stato messo alle strette, si giustificato il presidente della Camera di commercio di Palermo,
Roberto Helg, 77 anni, vicepresidente Gesap allaeroporto
Falcone e Borsellino, per tanti
anni alla guida di prestigiosi
negozi nel cuore della citt, a
parole un simbolo della legalit e dellantiracket, tanti convegni alle spalle contro la mafia.

Chimica, Ghisolfi
si toglie la vita
di Marco Bardesono
e Giusi Fasano

uido Ghisolfi, 58 anni, vicepresidente della Mossi &


Ghisolfi, seconda azienda italiana
della chimica, si tolto la vita con
un colpo di fucile: stato trovato
su unauto nellAlessandrino.
a pagina 27

Ora il Brasile
vuole espellere
Cesare Battisti
di Rocco Cotroneo

AFP / CHRISTOPHE SIMON

MARCO CANONIERO

iamo pronti al dialogo


con tutti, anche con il
Pd, sul reddito di cittadinanza e
la riforma della Rai. Beppe
Grillo apre al confronto su due
dei temi centrali nella strategia
del Movimento 5 Stelle. A cominciare dal sostegno a chi
perde il lavoro, a chi non lo raggiunge. Sono 780 euro al mese,
ma varia a secondo del numero
dei componenti familiari.
Per questo obiettivo, spiega
il leader al Corriere, auspico
tutte le convergenze del mondo. Bisogna capire che la povert va affrontata come una
malattia, non come un reato.
Se ci sono proposte, siamo
aperti a qualsiasi discussione.
Quanto alla Rai, s a una riforma che escluda i partiti
purch le nostre proposte
non siano bocciate a priori: ci
vuole onest intellettuale.

RIPRODUZIONE RISERVATA

50 3 0 4>

ANNO 140 - N. 53

Immigrazione e identit

ohamed Emwazi, il boia dellIsis


detto Jihadi John, ha dato una
coltellata anche ai sogni di tutti
quei bambini e ragazzi figli di
immigrati che sono nati in Italia,
parlano italiano, tifano per la nazionale italiana
e aspirano a diventare italiani. La riforma della
legge sulla cittadinanza del 92, quando a
Palazzo Chigi stava Andreotti e gli immigrati
erano un decimo di oggi, rischia infatti di
arenarsi nella poltiglia della rissa politica. Di
qua quanti vedono in ogni immigrato, fosse
pure buddista, ind o cristiano, un potenziale
tagliagole. Di l quanti credono che sia
irragionevole pretendere dei buoni cittadini
senza cittadinanza ma anche che, di questi
tempi, occorra andar coi piedi di piombo. Tanto
che lo stesso Renzi sembra aver un po
accantonato questo che gli pareva un
problema urgente.
Peccato. Non solo perch lavventura a cercar
la bella morte nel nome dellIsis, come si
visto anche negli occhi delle ragazzine
fotografate in fuga allaeroporto, centra forse
con la crisi di identit culturale e poco coi
documenti di identit personale. Ma perch noi
stessi abbiamo bisogno che quanti pi nuovi
italiani possibile si riconoscano nei nostri valori,
nel nostro sistema di diritti, nella nostra Patria.
Certo, tanto pi coi flussi caotici in arrivo
dalle aree di guerra, occorre andar cauti con lo
ius soli automatico. Come dice uno studio di
Graziella Bertocchi e Chiara Strozzi, solo gli Stati
Uniti hanno conservato il diritto al passaporto a
chi nasce sul loro territorio. Tutti gli altri Paesi
che lavevano (il 47% degli Stati censiti nel 48)
hanno via via abbandonato lo ius soli integrale
per un sistema misto. Scelto anche da chi, come
la Germania, veniva come noi dallo ius
sanguinis. Ormai indifendibile. E bene ha fatto
il premier fiorentino a battere sulla necessit di
uno ius soli che tenga conto di un certo numero
di anni di residenza, del percorso scolastico,
della padronanza della lingua, dellobbligo di
giurare fedelt.
Insomma, bene che i paletti siano ben
conficcati. Ma come ha detto Napolitano non
possiamo rinviare in eterno la questione della
cittadinanza ai bambini nati in Italia da
immigrati. Negarla unautentica follia,
unassurdit. Gli stessi italiani del resto, dice
una ricerca Istat di pochi giorni fa, sono s
preoccupati per i nuvoloni minacciosi spinti su
di noi dai venti di guerra e in tanti vorrebbero
che fosse data la precedenza ai nostri nelle
case popolari e sul lavoro. Ma allo stesso tempo
sono in larghissima maggioranza a favore della
cittadinanza agli immigrati inseriti e ai loro figli.
Prova provata che, non andando a caccia di voti,
loro non fanno di ogni erba un fascio...

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

In Italia EURO 1,50

www.corriere.it

esare Battisti, 60 anni, ex


terrorista dei Proletari armati per il comunismo, condannato allergastolo in via definitiva in Italia per 4 omicidi commessi negli anni di piombo,
rischia lespulsione dal Brasile.
a pagina 26

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

2
#

Primo piano Istruzione

Renzi: da marted decide lAula. Giannini: le carriere secondo il merito

Riforma della scuola, c solo la bozza


Ma le assunzioni non slitteranno
ROMA Non c alcun rischio
che slittino le assunzioni dei
precari dal primo settembre:
dal 10 marzo inizier lo scoccare dei giorni per arrivare allassunzione di tutti coloro che dovranno essere assunti questanno. Quindi, sulla Buona Scuola non c alcun passo indietro
del governo, perch il futuro
del Paese passa per la riforma
della scuola. Ancora. Ma la rivoluzione stavolta non dipende
pi solo dal premier Matteo
Renzi e dai suoi ministri. Stavolta sar tutto il Parlamento a
dover decidere. Perch il governo, dopo mesi di annunci e
promesse, ha abbandonato
lidea di un decreto legge durgenza sulla Buona Scuola per
preferire un disegno di legge
che coinvolga direttamente il
Parlamento.
Ieri, la ministra dellIstruzio-

La copertura
Previsto un miliardo
per il 2015 e altri tre
per lanno successivo
I soldi ci sono
ne Stefania Giannini ha portato
la proposta del Miur in Consiglio dei ministri: hanno una
settimana di tempo per studiarla e approvarla nel prossimo Cdm del 10 marzo. Poi marted prossimo la bozza sar licenziata e portata alle Camere
per essere discussa. La palla
passa al Parlamento ha spiegato Renzi , ci sono le condizioni per cui in un tempo sufficiente ma non biblico, si possa
legiferare senza la necessaria
richiesta di utilizzare gli strumenti di urgenza. Nessun rischio per i 120 mila precari da
assumere il primo settembre
dunque? No, dice Renzi, nessun passo indietro: bisogna superare il meccanismo frustrante del precariato frutto di cattiva politica ma anche di cattivo
sindacato, basta ai precari.
La ministra Stefania Giannini ribadisce che per noi le assunzioni sono unurgenza e
una priorit e che lo stru-

mento legislativo per farlo lo


decideremo marted prossimo. Comunque, copriremo
tutti i posti vacanti di insegnanti, con personale di ruolo
e non supplenti, e il piano di
assunzioni sar elaborato tenendo conto dei fabbisogni. Il
Miur pensa per ancora alla
possibilit di un decreto che
possa includere tutto il pac-

chetto della Buona Scuola,


perch senza le assunzioni,
tutto il resto non si pu fare.
E il resto significa le materie
in pi alle elementari e alle superiori inglese, musica, arte,
educazione fisica, economia,
diritto alla cittadinanza, educazione allambiente , lalternanza scuola-lavoro, la scuola
digitale, lintegrazione degli

alunni stranieri con litaliano


come seconda lingua straniera,
ledilizia scolastica, la formazione degli insegnanti, la loro
valutazione, gli scatti di merito
(che peseranno per il 70% sullo
stipendio) e lanzianit (30%),
un sistema di carriera innovativo e rivoluzionario dice la
Giannini. Il tutto con un miliardo di euro nel 2015, e tre dal

I numeri e le novit
COME SI SUDDIVIDONO I PRECARI NELLA SCUOLA

LIPOTESI SULLE ASSUNZIONI

140 mila
iscritti nelle Gae
(Graduatorie
a esaurimento)

105 mila
entro settembre
dalle Gae
(Graduatorie
a esaurimento)

55 mila
diplomati
magistrali
70 mila
con titolo dei
Percorsi
abilitanti
speciali (Pas)

460 mila
iscritti in
Graduatoria
di istituto
per supplenze
annuali

180 mila
assunzioni
in 4 anni

10 mila
nuovi abilitati con i
Tirocini formativi attivi

I SUPPLENTI

15 mila
con un contratto
ponte e poi concorso

LE PRINCIPALI NOVIT DI IERI


137.500 in totale

59 mila
dalle Gae

78.500 dalla seconda fascia


delle graduatorie distituto

GLI STUDENTI NELLE PARITARIE


nel 2013-14
totale 993.544
621.919 infanzia
186.356 primaria
66.158 medie
119.111 superiori

17%
12%

1970

1990

Scuola MEDIA
Competenze digitali e laboratorio
Lingue e cittadinanza attiva
Scuola SUPERIORE
Arte nei licei, nei tecnici e nei professionali
Diritto e cittadinanza attiva
Economia ed educazione nanziaria

DOCENTI
Formazione continua e obbligatoria
Piano nazionale per la formazione aggiornato
ogni 3 anni
Scatti di stipendio collegati alla valutazione (70%)
e allanzianit (30%)

27%
18%

IL NUOVO CURRICULUM
Scuola PRIMARIA
insegnamento in lingua
specialisti per educazione motoria e musica
logica e pensiero computazionale

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
400 ore nellultimo triennio dei Tecnici e Professionali
200 ore nellultimo triennio dei Licei

NEGLI ANNI
(sul totale degli studenti nelle paritarie)

1950

60 mila
con concorso
nei prossimi
tre anni

2013

FONDI E CONTRIBUTI
5 x Mille destinato anche alla scuola
School Bonus (con credito dimposta al 65%)
per chi investe su nuove strutture, manutenzione
e occupabilit degli studenti
Detrazione scale per chi frequenta le scuole paritarie
Corriere della Sera

Fonte: Corte di giustizia dellUe, Anief, Ministero dellIstruzione, TreeLLLe

I docenti precari

Gli insegnamenti
Tra le nuove
materie educazione
allambiente e
diritto alla cittadinanza
in attesa dellassunzione da anni che negli ultimi mesi avevano visto avvicinare la famosa
immissione in ruolo.
I sindacati mantengono i loro dubbi. LAnief boccia la scelta del ddl che ritarda i tempi e
mette a rischio lavvio del
nuovo anno scolastico. Lo
Snals-Confsal parla di telenovela e stigmatizza: Non dovrebbe essere consentito a nessuno di alimentare speranze e
vanificarle. Gli studenti dellUds scendono in piazza in tutta Italia il 12 marzo e la Flc Cgil
ricorda: Non c pi tempo da
perdere se si vogliono fare le
assunzioni a settembre, ma
sul resto opportuno prevedere un disegno di legge che
coinvolga le scuole, i territori,
le forze sociali e il Parlamento
e si dice pronta a iniziative
clamorose di mobilitazione.
Claudia Voltattorni
cvoltattorni@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Testi a cura di Antonella De Gregorio

Ora sogno il posto fisso


per poter avere un figlio

I miei 15 anni a contratto


nonostante due lauree

ono tanti i precari della scuola illusi


di salire definitivamente in cattedra
dal primo settembre che, in attesa
delle decisioni del Parlamento, temono
che sfumi la prospettiva. Chiara
Gedressi, 33 anni, ci contava per iniziare
a pensare al futuro. Un figlio, per
esempio: un progetto che richiede un
orizzonte, dice. Il suo si ferma il 30
giugno di ogni anno, quando scadono i
contratti per insegnare. Laurea a Napoli,
dottorato a Trieste, labilitazione, poi sei
anni a insegnare Biologia alle superiori,
tra Pistoia e Lucca. Un anno alla volta,
1.200 euro al mese e met se ne vanno
per laffitto. Ora insegnante di
sostegno in un liceo di Viareggio: Mi
completa e mi d delle chance in pi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Una vita con la valigia


per 700 euro al mese

S
Chiara
Gedressi
Da Caserta, 33
anni, insegna
alle superiori

2016. I soldi ci sono, guai a chi


dice il contrario, sostiene
Renzi.
Nella bozza del governo entrano cos anche il 5 per mille
da destinare anche alle scuole,
lo school bonus per chi investe su studenti, manutenzione
e nuove strutture scolastiche e
le detrazioni fiscali per chi frequenta le paritarie, tema che
negli ultimi giorni aveva fatto
molto discutere.
Oggi abbiamo presentato le
linee guida della riforma della
scuola ha detto Giannini :
adesso il Parlamento dovr dimostrare di avere a cuore il tema della scuola. Ma senza
decreto le risponde da lontano Pierluigi Bersani (Pd)
non arrivi allassunzione dei
precari a ottobre. E infatti il
nodo del disegno di legge restano le migliaia di insegnanti

Alessandra
Michieletto
Da Venezia, 48
anni, insegna
nellInfanzia

uesto un Paese che non


premia lesperienza. A un
passo dalla regolarizzazione,
Alessandra Michieletto, 48 anni,
insegnante da quindici nelle scuole
dellinfanzia della provincia di Venezia,
preoccupata dalla possibile frenata nelle
assunzioni. nelle Graduatorie a
esaurimento (le Gae) dal 2006. Ha perso
lultimo concorso per insegnare, nel
1999, ma ha investito molto sulla
formazione: corsi qualificanti e due
lauree, Lingue e Scienza delleducazione.
Incarichi in scuole sempre diverse, da
San Stino di Livenza due ore e mezza
in auto da Venezia, dove vive a Mestre
e Marghera. Questanno un contratto in
citt: Ho toccato il cielo con un dito.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gabriella
Angrisano
Da Napoli, 48
anni, insegna
dal 1995

enti anni di precariato alle spalle,


classe di concorso Discipline
giuridiche ed economiche (Una
delle pi tartassate, siamo tantissimi,
dice), Gabriella Angrisano, 48 anni,
una prof con la valigia. E ancora senza
un lavoro vero. Ha iniziato a insegnare
nelle paritarie nel 95, conseguito
labilitazione nel 2000, insegnato un po
in tutta la provincia di Napoli, Ischia
compresa, lavorando anche in 4 scuole
contemporaneamente. Questanno
nelle graduatorie di Roma, ma quando le
hanno prospettato un incarico a
Civitavecchia (7 ore a settimana) ha fatto
due conti e ha rinunciato: Per 700 euro
al mese, ne avrei spesi 400 tra treni e
autobus, solo per arrivare a scuola.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I punti
Sar scelto
soltanto
marted
prossimo
lo strumento
legislativo
per le
assunzioni
dei docenti
precari.
Decideremo
con chiarezza
contenuti
e veicolo
legislativo,
ha detto
il ministro
dellIstruzione
Stefania
Giannini
Ieri sera,
intervistata
durante
la trasmissione
di Raitre
Ballar,
lo stesso
ministro
ha per chiarito
che sono state
presentate
le linee guida
della riforma
della scuola
e che la
settimana
prossima
ci sar
il disegno
di legge.
Adesso
il Parlamento
dovr
dimostrare
di avere
a cuore
il tema della
scuola
In realt
il premier
Matteo Renzi
non avrebbe
ancora deciso.
Fonti del
ministero
dellIstruzione
sperano fino
allultimo
di convincere
il presidente
del Consiglio
a trasporre
il piano
di assunzioni
in un decreto
Lo stesso
premier ha poi
aggiunto su
Facebook che
nella riforma
della scuola
partiamo
da due concetti
di fondo:
autonomia
e qualit

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

PRIMO PIANO

Il gesto
Il presidente
del Consiglio
Matteo Renzi,
subito dopo
aver finito
la conferenza
stampa
di ieri sera
a Palazzo
Chigi, saluta
il ministro
dellIstruzione
Stefania
Giannini
(foto BenvegnGuaitoli)

Il retroscena

di Andrea Garibaldi

Il governo Renzi esord


con i lavori nelle scuole cadenti
un anno fa. And avanti con la
campagna di ascolto (15 settembre-15 novembre) su come
riformare la scuola. Poi, a gennaio, lannuncio di un decreto
urgente entro febbraio. Fino alla celebrazione di un anno di
governo, con presentazione del
decreto scuola, venerd a Roma.
Ieri la corsa si fermata, anzi
lo stop era gi avvenuto da 24
ore, davanti a un ministro
Giannini incredula, esterrefatta. In Consiglio dei ministri
Renzi ha spiegato: Ci sono
troppe materie dentro questo
decreto, quelle urgenti si mescolano con le meno urgenti.
Meglio che si esprima il Parlamento. Dobbiamo mettere le
Camere nelle condizioni di lavorare al pi presto. Poi, in
conferenza stampa, la frase
chiave: Decreto o disegno di
legge, il dibattito surreale. Lo
strumento da utilizzare dipende dalla situazione politica. E
dalle caratteristiche di necessit e urgenza. Il ministro Giannini, allapparenza non pi incredula, n esterrefatta, ha det-

ROMA

Troppe questioni insieme


e non tutte urgenti
Ecco perch il premier
ha rinunciato al decreto
to che fondamentale che i ministri si esprimano sul testo del
disegno di legge da inviare in
Parlamento. Una riforma cos importante ha bisogno del
suo tempo dice Francesca
Puglisi, responsabile Scuola
del Partito democratico . Deve essere terreno di confronto e
condivisione.
Allora, la situazione politica.
Ci sono due indicazioni che
vengono dal Quirinale di Sergio Mattarella. Indicazioni indirette. Contro labuso di de-

cretazione in nome di un bilanciamento fra esigenze del


governo e del Parlamento, Mattarella parl nel discorso dinsediamento. Va aggiunto che
Mattarella ha gi alla sua attenzione il decreto attuativo sullo
Jobs act, in questo momento
per Renzi pi cruciale della
scuola. Lipotesi decreto stata
usata anche per la Rai, suscitando la critica della presidente
della Camera, Laura Boldrini.
Troppi decreti scritti o annunciati, insomma. In questo qua-

dro, Mattarella ha anche ricevuto i rappresentanti delle opposizioni allindomani dellapprovazione della riforma
costituzionale: chiedevano rispetto per il Parlamento e il
messaggio che esce dal Consiglio dei ministri di ieri una risposta in positivo.
Con condimento al veleno:
Decida il Parlamento ha dichiarato Renzi se procedere
in tempi serrati o se bloccare le
assunzioni dei precari della
scuola con lostruzionismo.

Renzi
Vogliamo
trasformare
la scuola in
unazienda?
Mi viene
da ridere

Crolli in Sicilia

Feriti 2 bimbi
A Bagheria
(Palermo), in una
classe della scuola
Cirincione ha
ceduto il soffitto:
feriti 2 bimbi ( foto
lavocediBagheria.it)

Come a dire: il governo potrebbe sempre riservarsi la possibilit di intervenire durgenza, almeno sulle assunzioni. E in
questo caso dal Quirinale potrebbero non arrivare obiezioni.
Saranno sempre le Camere a
dover dirimere la questione degli sgravi fiscali a vantaggio di
chi iscrive i figli alle scuole paritarie. Sul tema c stata la richiesta esplicita di 44 deputati
della maggioranza e c stata
luned una presa di posizione di Angelino Alfano, leader
del Ncd, la seconda forza di governo.
Renzi non fautore di un
punto di vista laico su questo tema, quello che richiama
larticolo 33 della Costituzione
(scuole private senza oneri
per lo Stato). La senatrice Rosa De Giorgi, che fu a Firenze
assessore allIstruzione proprio
della giunta Renzi, ricorda che
nel capoluogo toscano senza
le materne paritarie non ci sarebbe la possibilit di garantire
un posto a tutte le famiglie che
chiedono il servizio.
Il lavoro su quello che doveva
essere il decreto sulla scuola
del governo Renzi stato ultimato sabato. Contenuti, i pi
svariati: dallautonomia allofferta formativa, dalla carta dello studente ai laboratori territoriali per loccupabilit, dallinclusione scolastica degli
alunni stranieri, fino alle famose assunzioni degli insegnanti
precari. Materia troppo densa.
agaribaldi@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Confermati gli sgravi per le paritarie: Un cambio culturale


Piccoli asili di periferia, licei di prestigio e diplomifici: gli istituti parificati accolgono il 12% degli studenti
Accolgono il dodici per cento degli
studenti, quasi quattro su dieci nelle scuole
dellinfanzia. Incassano rette che vanno dai
tremila ai diecimila euro allanno. Ricevono
dallo Stato l1 per cento della spesa per listruzione. E altro arriva dalle Regioni, almeno in
Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana e Veneto dove le famiglie che mandano i figli alle
paritarie ricevono un buono scuola. Sono per
due terzi di ispirazione cristiana. E pi della met sono al Nord.
Cos si presenta oggi il pianeta paritarie, in
una ricerca illustrata luned a Milano che fotografa un mondo con istituti storici come
quelli dei Gesuiti o dei Salesiani, scuole di
metodo come Montessori e Steineriana ma
anche i cosiddetti diplomifici. Piccoli asili
gestiti dalle suore nelle periferie con retta libera e collegi prestigiosi ma selettivi. Realt
molto distanti. E con risultati diversi sulla

MILANO

preparazione degli studenti.


Adesso per tutti c la crisi sostiene
Maria Grazia Colombo, gi presidente di
Agesc, associazione delle scuola cattoliche
e temiamo che alla fine non ci siano gli annunciati sgravi. La detrazione ci sar, ha
dichiarato intanto il ministro Stefania Giannini, parlando di un cambio culturale molto
importante. Questanno per esempio chiude il liceo Leopardi di Lecco. E la scuola Maria
Consolatrice a Milano spiega Colombo .

Il confronto
Lallarme dellassociazione
scuole cattoliche: Con la crisi
le famiglie non arrivano a pagare
le rette. Limpegno del ministro

Le piccole scuole sono le prime a crollare. Le


famiglie non arrivano a pagare le rette. Secondo lassociazione Treellle, che ha confezionato lindagine sulle paritarie, quel 12 per
cento di studenti delle private era il 27 negli
anni Cinquanta. Si va verso una totale statalizzazione della scuola pubblica, sostiene
Rosario Drago, ispettore e consigliere Miur,
fra gli autori della ricerca.
netta e nota la linea di questa parte, che
schiera anche lex ministro Berlinguer (sua la
legge con il riconoscimento delle paritarie):
A favore del pluralismo e contro la contrapposizione, tutta italiana e fuori dallEuropa,
scuola statale contro scuola privata. Per
pluralismo e libert di educazione stato
anche presentato lappello firmato da 44 deputati della maggioranza. Gli sgravi sono un
punto di partenza, dice ancora Colombo.
Altrettanto noti gli argomenti del fronte

opposto. Che gli studenti negli slogan di piazza riassumono cos: Il governo taglia listruzione pubblica e aiuta le private. E gli studiosi spiegano: Aiuti o sgravi sono un errore: il sussidio che viene dato rappresenta comunque una mancata entrata, sostiene
Daniele Checchi, cattedra di Economia alla
Statale e ricerca sui risultati di pubbliche e
private (NellOcse-Pisa, sui quindicenni c
un divario di punteggio: pi basso alle private, che hanno pi studenti deboli, pi bocciati). La parit di trattamento continua
Checchi corretta soltanto quando manca
il servizio pubblico, ed il caso delle scuole
dellinfanzia dove il privato spesso svolge una
funzione suppletiva. Per le altre scuole, per,
giusto che chi sceglie un servizio diverso paghi un costo aggiuntivo.
Federica Cavadini
RIPRODUZIONE RISERVATA

1,8
Milioni
Le persone
che hanno
partecipato
non soltanto
online
alla
consultazione
nazionale
sulla Buona
Scuola
del governo
guidato
dal premier
Renzi

2
Mila
Quanti sono
stati i dibattiti
(2.040 per
lesattezza)
su tutto
il territorio
che secondo
il ministero
dellIstruzione
hanno
contribuito
a migliorare
la Buona
Scuola

1
Miliardo
La dotazione
prevista
per questanno
per il fondo di
realizzazione
del piano
della Buona
Scuola. Nel
2016, anno in
cui il piano
entra a pieno
regime, la cifra
sale a tre
miliardi di euro

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Scarica lapp Layar


gratuitamente.
Inquadra questo logo
e scopri i segreti del successo
di Double Serum!

Uno.
Potente come due.

Double Serum
Concentrato Antiet
Globale

Pi di un semplice siero,
lunico trattamento antiet
che rilancia le 5 funzioni vitali
da cui dipendono giovinezza
e bellezza della pelle.
Una doppia formula
che concentra i 20 estratti
di piante antiet pi efficaci.
Immediatamente la pelle pi
luminosa; dopo 4 settimane
pi tonica, le rughe attenuate1.
Due sieri in uno:
doppia efficacia antiet.

90%delle donne trova


Double Serum pi efficace
del siero abituale2 .
1. Test di soddisfazione - 197 donne.
2. Test di soddisfazione - 126 donne - 4 settimane.

www.clarins.com

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

5
#

Primo piano Il progetto

Internet veloce, via al piano da 6 miliardi

Nessuno spegnimento forzato della rete in rame. Connessione per il 50% delle famiglie entro il 2020
Renzi: La banda ultralarga labc. Il ministro Guidi: la scelta tecnologica spetter al mercato
La vicenda
Ieri al
Consiglio dei
ministri stato
presentato
il piano di
investimenti
per accelerare
la diffusione
della banda
larga
in Italia in vista
degli obiettivi
2020
Sgravi fiscali
e incentivi
alla domanda
oltre a un
fondo di
garanzia per
le aree a
fallimento di
mercato, cio
quelle dove per
gli operatori
privati non
economicamente
conveniente
investire
La riforma
rientra nei piani
per lAgenda
digitale, un
programma
europeo per
sviluppare
lutilizzo delle
reti veloci di
comunicazione
via internet
Tema
centrale della
riforma
garantire
laccesso alla
banda larga
ultraveloce fino
agli armadi,
fino alle
abitazioni (Fttc
- Fiber to the
cabinet). Non
soltanto agli
edifici
Telecom
Italia non fa
mistero di voler
sfruttare il pi
possibile
lultimo miglio
in rame grazie
alle tecnologie
vectoring e alle
sue evoluzioni,
che
promettono
sulla carta,
velocit da 30 a
100 megabit
al secondo
Il tema sul
tavolo
dellAgcom,
lauthority
per le
comunicazioni.
ma non
chiaro come
portare la rete
allultimo
miglio

Niente switch off della rete


in rame ma latteso piano di investimenti sulla fibra da 6 miliardi, incentivi alla migrazione verso le nuove infrastrutture e un rinvio, quello dellintroduzione del servizio
universale. la sintesi delle
mosse deliberate dal Consiglio
dei ministri che si riunito ieri
in serata per affrontare il piano
per la banda ultralarga.
Comera ormai emerso nelle
ultime ore, la bozza di decreto
preparato dal vicesegretario di
Palazzo Chigi, Raffaele Tiscar,
in cui si parlava espressamente
di uno spegnimento della rete
in rame di Telecom entro il
2030 (il cosiddetto progetto
Ring, da Rete Internet di nuova
generazione) rimasta lettera
morta sulla scrivania del ministero dello Sviluppo economico dovera approdata. Il governo ha invece deliberato il piano
di investimenti da 6 miliardi di
euro che utilizza sia fondi europei sia fondi italiani per approdare agli obiettivi dellAgenda
europea 2020 che dovremo rispettare anche noi. In particolare due miliardi sarebbero a
fondo perduto mentre altri 4
miliardi verrebbero anticipati
attraverso la Banca europea degli investimenti.
La banda ultralarga ha
detto il premier Matteo Renzi
dopo il consiglio labc. Il
nostro Paese si legge nel documento del governo messo in
consultazione pubblica parte
da una situazione molto svantaggiata che ci vede sotto la media europea di oltre il 40 punti
percentuali nellaccesso a pi
di 30 Mbps (megabit al secondo) e un ritardo di almeno 3
anni. Rispetto al documento
iniziale il governo ha ridotto gli
obiettivi di raggiungimento
dell85% della popolazione con
almeno i 100 Mbps, portandolo
vicino al 50%, dunque pi vicino a quelli che sono gli obiettivi gi previsti dagli operatori
privati grazie agli investimenti

Il progetto

di Martina Pennisi

Il poliziotto buono e il poliziotto cattivo. Cos si stanno


ponendo Facebook e Google
nei confronti degli operatori di
telecomunicazioni. Lobiettivo
comune: diventare parte attiva nella diffusione di Internet
in tutto il mondo. E per farlo i
due sono pronti a collaborare.
Durante il Mobile World
Congress il ceo del social
network Mark Zuckerberg ha
parlato del progetto Internet.org per portare connettivit gratuita in mobilit nelle
economie in via di sviluppo.
Ha lodato gli operatori per aver
gi coperto il 90% del pianeta
(si parla del 2G) assicurando
che ad aiutarli a fare cassa sar
laumento del numero dei
clienti potenziali, che ingolositi dai servizi base gratuiti dovrebbero procedere con la sottoscrizione di un abbonamento.
Il vicepresidente di Internet.org Chris Daniels conferma come con il programma il
traffico dati in mobilit sia cre-

I punti

La banda larga
e il ritardo dellItalia

Velocit di connessione
e assenza di domanda

Le opzioni tecnologiche
per installare la fibra

LItalia parte da una


situazione molto
svantaggiata in tema
internet, con una
velocit di
connessione sotto la
media europea e un
ritardo di almeno 3 anni. Secondo i piani
industriali degli operatori privati, infatti,
solo nel 2016 si arriver al 60% della
popolazione coperta dal servizio a 30
megabit per secondo, senza impegni
oltre quella data. Il megabit per secondo
lunit di misura usata per indicare la
capacit di trasmissione dei dati sulla
rete informatica. E da cui deriva
la velocit di connessione

Nel documento sulla


Strategia italiana
per la banda
ultralarga della
presidenza del
consiglio viene
fissato lobiettivo di
raggiungere entro il 2020 la copertura
fino all85% della popolazione con una
connettivit ad almeno 100 Mbps. In
Italia invece la copertura del servizio
Adsl2+, linternet superveloce con
prestazioni nominali fino a 20 Mbps,
superiore all80%. Ma anche a
tali livelli, comunque, la domanda resta
pari al 20% dellofferta. Il punto
ancora lassenza di domanda

Esistono diverse
tecnologie, o
architetture, per
portare la banda
larga nella case. Le
pi diffuse sono
larchitettura Fttc
(Fiber to the cabinet) e Ftth (Fiber to the
home). Nel primo caso la fibra ottica
viene collegata agli armadi telefonici su
strada e il cosiddetto ultimo miglio
viene coperto con la rete in rame. Con
lFtth la fibra arriva direttamente
allinterno delle case. C anche
lopzione Fttb in cui la fibra ottica viene
portata fino alla base del palazzo e le
case collegate con il cavo in rame

messi a bilancio da qui al prossimo anno. Se i 6 miliardi


pubblici avranno un effetto
moltiplicativo con altrettanti
investimenti privati ha specificato il sottosegretario, Graziano Delrio lItalia potr superare gli obiettivi europei al
50% della popolazione coperta
con i 100 Mbps. La copertura
del territorio avverr con la divisione in 4 cluster e aree geografiche che vanno da quelle a
successo di mercato fino a
quelle a fallimento sicuro, dove

cio linvestimento in unottica


pubblica di riduzione del digital divide diviene necessario.
Dal punto di vista tecnologico si va dal Ftth, il Fiber to the
home, cio la fibra fino a casa,
fino alla copertura con i ponti
radio. Si tratter ora di implementare il piano e dargli
unanima. Sullo sfondo rimane
loperazione per dare una forma alla societ delle reti di
nuova generazione che sembrava poter partire con laccordo, sfumato pochi giorni fa, tra

Cos in Borsa
Ieri 0,88 euro
-0,06%

0,840
0,782
0,724
0,666
0,608
0,550

mag

lug

set

nov

2014

gen

mar

2015
dArco

Metroweb e Telecom Italia. Il


nodo rimane il controllo. Il riverbero dello scontro giunto
fino al governo che ha messo in
cantina lo switch off, cio lo
spegnimento della rete in rame, partorendo la migrazione. questo il termine della
diplomazia renziana e circolato
negli ambienti a lui vicini per
rendere pi commestibile a Telecom lidea di una trasformazione della sua rete.
Il numero uno di Vodafone
Italia, Aldo Bisio, ieri ha ribadito la volont del gruppo inglese
di volere investire in una societ pubblico-privata con precise
garanzie sul controllo (che non
dovrebbe essere, per Vodafone,
n di Telecom n di Cdp). Lultima ipotesi a circolare quella
di una newco non, dunque,
Metroweb. Ma la partita aperta. Proprio per questo il premier Matteo Renzi avrebbe
preferito per ora rinviare lintroduzione del servizio universale per le connessioni a Internet, probabilmente per tenerlo
come arma nella trattativa con
Telecom.
Massimo Sideri
RIPRODUZIONE RISERVATA

Google e Facebook, i grandi rivali


si alleano per connettere il mondo

Larry Page e Mark Zuckerberg

sciuto del 40%, ma come il


suo amministratore delegato
non si sbilancia sul tasso di
conversione in utenti effettivamente paganti. In Paraguay,
secondo loperatore Tigo in 4
su 10 non hanno poi sentito il
bisogno di avere (e pagare) una
connessione mobile a tutti gli
effetti.
Menlo Park rimane convinta
della bont della sua strategia
e auspica la disponibilit del
pacchetto di applicazioni base
gratuito senza limiti di tempo e, prosegue Daniels, non

esclude di provare ad azzerare in questo modo il divario digitale anche nelle economie
sviluppate.
Un primo tentativo gi stato fatto lo scorso anno anche in
Italia, quando Facebook si accordata con 3 per garantire
luso di Facebook Messenger
senza pagare il traffico dati.
Chiara la strategia: avvicinare
gli internauti di domani ai propri servizi e assicurarsi la loro
affezione dando anche accesso
a Wikipedia, a siti per cercare
lavoro o per facilitare la comunicazione con le amministrazioni e alla ricerca di Google,
con cui Zuckerberg si detto
pronto a collaborare per mettere nelle mani di ogni abitante del pianeta un telefonino
connesso.
Chiaro anche il vantaggio
per gli operatori, che non hanno la garanzia immediata di un
ritorno economico ma godono
della potenza comunicativa
della creatura di Zuckerberg
per incuriosire chi non ha In-

La vicenda
Larry Page
il ceo Google,
simbolo del
web al pari di
Facebook,
diretta da Mark
Zuckerberg
Il disgelo
emerso al
Mobile World
Congress di
Barcellona

ternet in cima alla lista delle


priorit.
Il progetto di Google invece un po pi bellicoso. Il capo
della quasi totalit degli sforzi
di Mountain View Sundar Pichai ha annunciato lintenzione di fornire connettivit senza
fili.
Si tratta di uniniziativa su
scala ridotta, quantomeno inizialmente, e realizzata appoggiandosi alle telco, perch Google agir in sostanza come un
operatore mobile virtuale. Ma
anche in questo caso il messaggio arriva al punto: con il
nostro valore di mercato da
382 miliardi di dollari pensiamo noi a investire a livello tecnologico per connettere i prossimi 4 miliardi di persone, con
il wi-fi o con i progetti precedentemente annunciati per
portare la Rete ovunque con le
mongolfiere o con i droni. Anche in questo caso, senza
escludere una collaborazione
con Facebook.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Liniziativa
Cna, missione Usa
per le piccole
imprese italiane
di Isidoro Trovato

l sogno americano resta


ancora forte per le
imprese italiane, anche
le pi piccole. Ma gli Usa
sono davvero troppo
lontani e irraggiungibili ?
Meno di quanto si possa
immaginare. Unindagine,
condotta da Cna tra le
piccole e microimprese,
sfata alcuni luoghi comuni,
a cominciare dalla scarsa
propensione allexport
delle Pmi. L82% delle
imprese esportatrici del
campione, infatti, vende i
suoi prodotti fuori
dallEuropa e quasi
unimpresa su cinque
realizza oltre la met
dellexport extra-Ue. Il
76,2% delle piccole imprese
che esportano negli Usa
opera nei settori tipici del
made in Italy ma guarda
con grande interesse
allaccordo commerciale di
libero scambio in corso di
negoziato tra lUe e gli Usa.
Per le micro e piccole
imprese italiane negli Usa
simbattono spesso in
ostacoli molto alti e a volte
insormontabili. I peggiori?
Dazi troppo elevati e
barriere non tariffarie
restrittive. Per questo, per
rafforzare la propria
posizione sul mercato
nordamericano o entrarci
ex novo, i piccoli
imprenditori avrebbero
bisogno di nuovi strumenti
di tutela. Qualcosa come il
Transatlantic Trade and
Investment Partnership, il
partenariato transatlantico
per il commercio e gli
investimenti che prevede
un accordo tra Ue e Usa.
Limpatto della doppia
regolamentazione,
statunitense ed europea
pesa fra il 20 e il 30% sul
costo dei beni afferma il
viceministro dello Sviluppo
economico, Carlo Calenda
. Per inutile illudersi. Le
trattative del negoziato di
libero scambio tra Europa e
Stati Uniti stanno
attraversando una fase
difficile e ci sono poche
possibilit che si riesca a
chiuderlo entro il 2015.
Ma che cosa si aspettano
dal trattato le Pmi del
campione che esportano o
vorrebbero esportare negli
Usa? Il 50% di quelle gi
presenti negli Usa ritiene
che il negoziato potr
portare benefici alla
propria attivit. Ma la realt
un po pi complessa:
Bisogna fare in fretta
avverte Calenda abbiamo
da qui ai primi mesi del
2016, poi si dovr aspettare
la prossima presidenza
americana e per lEuropa
sarebbe un rischio
enorme. Quello di
continuare a pagare per
sognare lAmerica.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Primo piano Che cosa cambia


IL DECRETO INTERNET VELOCE

LA BANDA LARGA
CONNESSIONI, INCENTIVI E REGOLE

Monaco

44,7

Canada

Svizzera

43

Emirati A.U. 81%

3 posizione

Svezia

ITALIA

Danimarca 40,2

64 posizione 58,5

40 posizione 22,3

Dati ultimo trimestre 2014,


valori in megabyte
al secondo

% di abitazioni
raggiunte
(2011)
350
50%
40%
350
50%
330
40%
250
0%

ira

ti

Ar

ab

iU

ni

ti

ITA

LIA

14

4,

12,3 Repu
bblica
Ceca

,8

a7

agn

11

,7

Sp

gia

rve

Fonte: Leichtman Research Group (Maggio 2013)

No

47,5 mln (58%)

ia

di cui cable
operator

an

,4

11

Copertura in Italia

82,5
mln

dia

nito

egno U

LA RETE TELECOM
FISSO

Fin

lan

Fonte: Akamai

Nuove
attivazioni
I trim. 2013
1,1 mln

da

Irlan

5,5

Europa

Totali esistenti

da

Ol

13,9

Francia 6,9

CONNESSIONI BROADBAND IN USA

54%

12 posizione

an

Em

45-50
euro/mese

Usa

G. Bretagna 76%

vez
ia

LA VELOCIT
DI CONNESSIONE

PREZZO MEDIO ABBONAMENTO TV


+ TELEFONO + INTERNET UBB

Fonte: Elaborazioni F2i

82%

Fonte: The state of Broadband 2014

Fonte: Rapporto I-COM 2011 sulle reti di nuova generazione

>100 $/mese
(circa 75 euro)

94,8

9,1

Germania
Francia
Regno Unito
Spagna
ITALIA

96,5

Norvegia 95,1

Russia

Investimenti
dal 2007 al 2010
(milioni di euro)

Islanda

2 posizione

14,
1S

INVESTIMENTI DEI CABLE OPERATOR


DA 2007 AL 2010

1 posizione

14,5 Svizzera

Fonte: Rapporto sulla liera delle telecomunicazioni in Italia Edizione 2013, Analysys Mason (giugno 2013)

Uso dei social


network

8,7

Regno Unito
Germania
Francia
Spagna
ITALIA

Variazione
%
2011-2012
6%
86%
4%
82%
7%
77%
5%
67%
3%
55%

10,7 R

La copertura
del territorio
avverr con la
divisione in
quattro aree,
da quelle a
successo di
mercato fino a
quelle a
fallimento
sicuro

% di famiglie
raggiunte
(2012)

Sottoscrizione
alla banda larga
ogni 100 abitanti

% di persone
che usano internet

,6
a 3

Rispetto al
documento
iniziale il
governo ha
ridotto gli
obiettivi di
raggiungere
l85% della
popolazione
con almeno i
100 Mbps,
portandoli
vicino al 50%,
dunque pi
vicino a quelli
che sono gli
obiettivi gi
previsti dagli
operatori
privati grazie
agli
investimenti
messi a
bilancio da qui
al prossimo
anno

Dati 2013

QUANTO ESTESA
LA BANDA LARGA FISSA

afric

I test pi
recenti dicono
che in Italia la
velocit media
di connessione
di 9,18 Mbps
(megabit per
secondo,
lunit di
misura della
velocit di
trasmissione
su rete
informatica,
ndr), che ci
colloca al 94
su 198 Paesi
osservati

LITALIA A CONFRONTO CON GLI ALTRI PAESI

Sud

LItalia
ancora una
lumaca sulla
banda larga.
Lultima doccia
fredda sulla
rete ad alta
velocit italiana
arrivata
poche
settimane fa
dal britannico
Independent
che ha
elaborato i dati
Ookla

Lo scenario mondiale

rm

Nel piano
della rete
elaborato dal
governo non
ha trovato
spazio lo
switch off dal
rame alla fibra

Per Matteo Renzi labc del


nuovo alfabeto economico. La
base per recuperare la distanza
dai partner europei sulla diffusione di Internet a banda larga
lItalia ultima in Europa
per la copertura con reti digitali di nuova generazione e accelerare la realizzazione delle
reti ultraveloci per stimolare la
crescita. Un compito di cui il
governo si fa protagonista e
promotore, mettendo sul tavolo una serie di provvedimenti
per recuperare il ritardo sullAgenda digitale e portare entro il 2020 la connessione a 30
mega al 100% della popolazione
e 100 mega al 50% degli abitanti. La zona non conta, che sia a
fallimento economico, ossia
poco interessante per le compagnie telefoniche, oppure ad
alto reddito, la rete arriver comunque. Se non lo far il privato ci penser lo Stato. In realt
il piano del governo anche
pi ambizioso e punterebbe a
connettere nel 2020 l85% del
territorio a 100 mega. Sul tavolo
ci sono 6 miliardi a cui aggiungere altri 2 miliardi gi stanziati dalle aziende nei loro piani di
sviluppo e, auspica il governo,
altri 4 miliardi di ulteriori investimenti. Le compagnie telefoniche saranno libere di scegliere la tecnologia pi adeguata
per realizzare la Ring, acronimo di rete italiana di nuova
generazione. Il piano non pone vincoli. Il governo, da parte
sua, punta a portare la fibra ottica fino alla base dei palazzi
(Fttb). Nel piano non ci son0 riferimenti al famigerato
switch off, ossia allo spegnimento della rete in rame e al
passaggio alla fibra, di cui si
parlava nella bozza del decreto
sulla banda larga con riferimento al 2030. stato accantonato anche lobbligo del servizio universale a 30 mega, ossia
lobbligo di portare Internet ultraveloce a chiunque ne faccia
richiesta. Attraverso la rete di
nuova generazione il governo
punta, oltre che a recuperare
terreno, a stimolare lofferta di
nuovi servizi.
Federico De Rosa

Ge

La vicenda

Connessione degli italiani

Banda larga ADSL (no a 7 Mbit/s e basic broadband)


99%

51%

Banda ultralarga
29%

3%

99%

32%

MOBILE Banda larga mobile

0,8 mln (73%)

Banda ultralarga mobile


80%

32%

Fonte: Telecom

Corriere della Sera

RIPRODUZIONE RISERVATA

La tecnologia

I dubbi

La copertura

Fibra verso le case, Rischi e incertezze Gli obiettivi del piano


scelta agli operatori del doppino di rame e lAgenda digitale
Il piano del governo sulla banda ultralarga introduce il
concetto di neutralit tecnologica, dunque la soluzione
dovr essere scelta dagli operatori. Sostanzialmente si parte dalla cosiddetta Fiber to the home (Ftth), fino allutilizzo
delle frequenze radio laddove non sia possibile arrivare
nemmeno con il rame. Le soluzioni intermedie sono rappresentate dal Fiber to the building (Fttb, cio fibra fino ai
piedi delledificio e rame per salire negli appartamenti) e
dal Fiber to the cabinet (Fttc) cio fino agli armadi telefonici. La capacit trasmissiva a disposizione degli utenti con
la soluzione Fttc, basata sulla tecnologia Vdsl2, si legge
nel documento del governo fortemente condizionata
dalle caratteristiche della rete secondaria in rame e dallinterferenza tra i segnali che vengono veicolati in coppie affasciate nel medesimo cavo. Le tecnologie Vdsl2 in campo gi
consentono di raggiungere velocit downstream dellordine dei 50-80 Mbps su coppie di lunghezza inferiore ai
500m. Limpiego di tecniche evolute di soppressione degli
interferenti, denominate vectoring, consentono di spingere verso i 100 Mbps downstream la capacit disponibile
su coppie di lunghezza inferiore ai 300m.

Sempre il documento governativo sottolinea per i rischi


e le incertezze sulluso delle tecnologie usate per accelerare
la navigazione Internet usando il doppino di rame che,
peraltro, in Italia ha gi uneta media di oltre 25 anni.
opportuno precisare che lefficacia del meccanismo di cancellazione degli interferenti subordinata allapplicazione
di un coordinamento unificato delle trasmissioni su tutte
le coppie affasciate nel medesimo cavo (usualmente multicoppie). Laddove pi operatori Fttc sono attivi presso lo
stesso armadio di distribuzione (caso noto come multioperator vectoring), il coordinamento unificato della cancellazione degli interferenti pone un problema di natura
regolamentare (per disciplinare laccesso non discriminatorio alle massime potenzialit della tecnologia) e di tipo
tecnico e operativo (di integrazione e di orchestrazione tra
apparati, eventualmente manifattura eterogenea, e soprattutto di coordinamento di processi e sistemi degli operatori
coinvolti). Ne consegue che la raggiungibilit della velocit
di downstream verso i 100 Mbps con Fttc legata allapplicabilit del vectoring in scenari multioperatore, tuttora
non acclarata. Il tema in mano allAgcom.

Gli obiettivi minimi del governo coincidono con quelli


definiti dallAgenda 2020 e, cio, almeno il 50% della popolazione con accesso a una velocit di 100 mega al secondo e
la restante quota con una velocit non inferiore al 30%. Si
tratta di numeri molto distanti da quelli attuali forniti dalla
Commissione europea che lesecutivo ha preso come riferimento e che mostrano come in Italia solo il 21% della popolazione ha accesso effettivo a una banda definibile ultralarga (contro una media Ue del 64%). Peraltro con una penetrazione minore dell1%. Mentre solo il 23% ha un contratto
con unofferta di banda larga base (al netto delle connessioni mobili, tre italiani su quattro non hanno un accesso casalingo alla rete). La velocit media di navigazione inferiore ai 10 Mbps. Per scardinare questa situazione il governo ha messo nel piano 6 miliardi di investimenti, di cui
almeno 4 dovrebbero essere anticipati dalla Bei e altri dovrebbero arrivare come investimenti a fondo perduto. Il
ministro Guidi ha per aggiunto che gli incentivi del governo saranno maggiori laddove sara offerta una tecnologia
pi avanzata, una sorta di spinta per labbandono del rame.
testi a cura di Massimo Sideri

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Primo piano Il riassetto

Rai Way, lAntitrust chiede chiarimenti a Mediaset


I vertici di Ei Towers
e della societ delle torri tv
convocati in Parlamento
MILANO Sulla scalata di Mediaset ai ripetitori tv
della Rai scende in campo lAntitrust, definendo gravemente incomplete le informazioni
ricevute dal gruppo della famiglia Berlusconi.
Per questo ieri ha chiesto maggiori chiarimenti
sullofferta pubblica di acquisto e scambio da
1,22 miliardi di euro lanciata su Rai Way dalla
societ delle torri del gruppo del Biscione, Ei
Towers.
Lautorit presieduta da Giovanni Pitruzzella
ha ritenuto le informazioni finora ricevute sulloperazione non idonee per una valutazione
compiuta dei profili antitrust della mossa di
Mediaset sulle antenne Rai. Ei Towers di cui
Berlusconi controlla in Borsa il 40% ha cinque giorni di tempo per rispondere allAntitrust, e da quel momento il garante avr a dispo-

La riforma

di Lorenzo Salvia

sizione 45 giorni per valutare nel merito loperazione. Oggi intanto si terr in commissione Industria del Senato unaudizione
dellamministratore delegato di Ei Towers, Guido Barbieri, su finalit e senso dellopas, ha
spiegato il presidente della commissione, Massimo Mucchetti (Pd), mentre domani saranno
convocati i vertici di Rai Way.
AllAntitrust Ei Towers dovrebbe chiarire come pensa di arrivare al 66,7% posto come condizione dellopas, nonostante sulla base del decreto del presidente del Consiglio del settembre
scorso che ha dato il via alla quotazione del 35%
di Rai Way, sul mercato sia disponibile solo il
49%. C poi il tema della concentrazione di mercato: gi nel 2011, quando la berlusconiana Elettronica Industriale acquist la quotata Dmt (dalla cui fusione nacque Ei Towers) lauthority pose
vincoli di mercato e di governance: per esempio
ordin che i consiglieri di amministrazione fossero manager esecutivi o indipendenti, dunque
senza collegamenti con lazionista Mediaset, e
poi che ci fosse libert di accesso alle torri, a
condizioni eque e tariffe trasparenti.

Una nuova modifica alle


regole sulle pensioni allordine del giorno e il punto di decisione coincider con la nuova
legge di Stabilit. Dopo lintervista al nuovo presidente
dellInps, Tito Boeri, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti
a tornare sullargomento, confermando che luscita anticipata dal lavoro con un assegno
previdenziale pi leggero
una delle opzioni possibili.
Nel merito della nuova legge di
Stabilit si entrer dopo lestate. Ma nel cantiere sempre
aperto della riforma delle pensioni i lavori sono gi in corso,
anche a un punto pi avanzato
di quello indicato dallo stesso
Poletti. Sul tavolo, per il momento, ci sono quattro ipotesi.
Una non esclude laltra anche
se molto difficile che tutte e
quattro entrino nella legge di
Stabilit. Questione di scelte. E
soprattutto di soldi.
La prima ipotesi proprio
quella della flessibilit in uscita, per attutire il colpo dellinnalzamento dellet pensionistica arrivato con la legge
Fornero. Il punto di partenza
resta sempre il disegno di legge presentato dal Pd allinizio
della legislatura con la firma di

PRESTAZIONI E PENSIONATI
Ivs
(Indennit
vecchiaia
superstiti)
18.136.700

Assistenziali
3.869.133

Indennitarie
Inail
827.000

Per Boeri
lInps deve
avere un ruolo
propositivo e di
consulenza per
il governo
Tra le
proposte che
saranno
avanzate, let
flessibile per le
pensioni e il
reddito minimo
anti povert
Per Boeri va
affrontato
anche il tema
esodati,
affrontato fin
qui con sei
decreti di
salvaguardia (e
una spesa
prevista di 12
miliardi) che
spesso per
aiutano anche
chi ha redditi
elevati

Altre
integrative
600.000

RIPRODUZIONE RISERVATA

NUMERO
DI PENSIONATI

SPESE ED ENTRATE
IMPORTO MEDIO
ANNUO PRESTAZIONE
Spesa
pensionistica

11.563

10

50
0

.00

Entrate
contributive

00

25

20

15

0.0

0.0

00

0.0

00

0.0

00

16.561.600

2,526
numero di prestazioni
per abitante

211,1
miliardi

IMPORTO MEDIO
ANNUO
PER PENSIONATO
190,4
miliardi

16.639

Decit esercizio 20,7 miliardi

Fonte: Agenzia delle Entrate

Corriere della Sera

Pensioni flessibili, apertura di Poletti


Quattro ipotesi allo studio del governo
Dalla soglia a 66 anni allintegrazione al minimo, modifiche nella nuova legge di Stabilit
getto, in particolare quel premio dopo i 66 anni che appesantirebbe i conti della previdenza. Ma la penalizzazione al
di sotto dei 66 anni, invece,
uno degli elementi presi in
considerazione. Davvero improbabile, invece, che venga
accolta la richiesta rilanciata
ieri dalla Cgil: s alle uscite anticipate ma senza riduzione degli assegni.
Sul tavolo del governo c poi
lipotesi del reddito minimo,
accennata dallo stesso presidente dellInps nellintervista
di ieri. un vecchio pallino del
professor Boeri, che prima ne
aveva parlato come misura universale contro la povert. E poi
aveva proposto di limitarla alle
persone pi anziane, pur senza
indicare una soglia det preci-

La scelta
Per Poletti luscita
anticipata dal lavoro con
pensioni pi leggere
una possibile opzione
Pier Paolo Baretta, poi diventato sottosegretario allEconomia, e Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera. Secondo quel
testo, let della pensione diventerebbe variabile, tra i 62 e i
70 anni. Lasciando al lavoratore libert di scelta. Chi va via
prima dei 66 anni viene penalizzato, e incassa quindi un assegno pi leggero; chi va via
dopo i 66 anni viene premiato,
e prende un assegno un po pi
pesante. Difficile che il governo
riprenda in pieno questo pro-

Le banche
Jp Morgan finanzier
Mediaset per 1,1
miliardi. Colloqui con
Unicredit, Intesa, Bnp

1,39
numero di prestazioni
per pensionato

numero
di prestazioni
in pagamento

ROMA

Il presidente
dellInps Tito
Boeri ha
annunciato in
unintervista al
Corriere un
servizio web di
simulazione
della propria
pensione
futura. Nel
2015 il calcolo
offerto ai
dipendenti
privati e in
seguito esteso
al settore
pubblico.
Anche i
lavoratori
precari
potranno
accedere ai dati

Concorrenza Giovanni Pitruzzella

La previdenza italiana

23.432.833
Il progetto

dunque possibile che, se approvata, la fusione Ei Towers - Rai Way possa essere condizionata ad aggiustamenti anche rilevanti. Ma di
fronte a paletti troppo stretti, Ei Towers potrebbe far fallire loperazione: lopas infatti subordinata al fatto che lAntitrust approvi incondizionatamente lacquisizione del controllo di
Rai Way. Ei Towers pu comunque modificare le
condizioni dellofferta.
Alla commissione Industria invece Barbieri
dovr spiegare se Ei Towers potrebbe accettare
una quota di Rai Way inferiore al 51% e altre informazioni finanziarie, in particolare su come
Ei Towers finanzier lopas. Secondo fonti finanziarie, ladvisor dellofferente, Jp Morgan,
che garantisce lintero ammontare di 1,1 miliardi, in contatto con vari istituti tra i quali Unicredit, Bnp Paribas e Intesa Sanpaolo per mettere in piedi una cordata. Il prestito sarebbe a 5
anni e comprenderebbe anche la copertura di
250 milioni di euro di bond di Ei Towers in scadenza nel 2019.
Fabrizio Massaro

Il ministro del
Welfare,
Giuliano Poletti,
ha aperto alla
possibilit del
ritiro anticipato
dal lavoro con
un assegno pi
leggero. Let
della pensione
verrebbe
compresa tra i
62 e i 70 anni

sa. Lobiettivo sarebbe quello di


una rete di protezione per gli
esodati, quei lavoratori che dopo la riforma Fornero sono rimasti o rischiano di rimanere
senza stipendio e senza pensione.
La terza ipotesi il cosiddetto prestito pensionistico, studiato anche dal governo Letta
ma mai attuato. In sostanza significa dare a chi esce in anticipo un piccolo assegno, tempo
fa si era parlato di 700 euro al
mese. Il pre pensionato lo
dovrebbe restituire a rate una
volta raggiunti i requisiti per
luscita normale accettando
per una riduzione dellassegno. Non sarebbe una vera e
propria flessibilit perch i limiti det resterebbero fermi e
nel lungo periodo il gioco sa-

Equitalia

Tasse pagate a rate, ventimila richieste alla settimana


ROMA Ventimila a settimana. Le richieste di

rateizzazione dei debiti fiscali viaggiano a ritmo


velocissimo. A fine febbraio i piani di
pagamento rateizzato concessi da Equitalia
hanno ammontavano a 2 milioni 650 mila, per
un importo di 28,5 miliardi di euro:
praticamente la met dei debiti fiscali viene
oggi pagata a rate dai contribuenti. A spingere i
pagamenti dilazionati contribuisce anche la
norma della decreto Milleproroghe che ha

riaperto i termini per i contribuenti che, al 31


dicembre scorso, avevano perso il beneficio
della rateizzazione per morosit. Fino al 31
luglio potranno chiedere un nuovo piano fino
ad un massimo di 72 rate mensili, che avr
alcuni limiti rispetto alle regole generali: non
sar prorogabile e decadr in caso di mancato
pagamento di due rate (non pi otto).
M. Sen.
RIPRODUZIONE RISERVATA

rebbe a somma zero: quello


che viene preso prima deve essere restituito dopo. Ma anche
qui valgono i paletti di Bruxelles sulla flessibilit, raccontati
dallo stesso Boeri: in materia di
pensioni lUnione europea vede solo laumento immediato
della spesa ma non il fatto che
pi in l si risparmier perch
lassegno sar pi basso per recuperare la somma anticipata.
Lultima opzione, la quarta,
il ritorno alla cosiddetta integrazione al minimo. Di cosa si
tratta? Chi ha cominciato a lavorare prima del 1995 aveva comunque a disposizione un paracadute: anche se i contributi
versati erano pochi, la sua pensione non poteva essere pi
bassa di una somma pari a 502
euro, con leventuale differenza
a carico dello Stato. Venti anni
fa la riforma Dini ha eliminato
quel paracadute. E le 51 mila
pensioni liquidate finora con le
nuove regole hanno un importo medio di 173 euro. Ben al di
sotto della soglia di povert.
Nei giorni scorsi le Acli, le associazioni cristiane dei lavoratori, hanno lanciato una campagna per chiedere il ritorno dellintegrazione al minimo. Il costo stimato, per ora, di 75
milioni lanno. Ma probabile
che a regime la spesa salirebbe.
@lorenzosalvia
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Primo piano Il Movimento

LINTERVISTA BEPPE GRILLO

Le piazze non funzionano pi


I divieti tv? Forse ho sbagliato
Il leader dei 5 Stelle: pronti al dialogo su Rai e reddito di cittadinanza
Il testo
Il Movimento
Cinque Stelle
ha presentato
un disegno di
legge sul
reddito di
cittadinanza
Il testo, che
al momento si
trova in
discussione in
commissione
Lavoro al
Senato, ha
ricevuto la
copertura delle
commissioni
Bilancio di
Palazzo
Madama e
Montecitorio
La proposta
del M5S
prevede un
reddito di
almeno 780
euro netti
mensili
per 9 milioni di
cittadini che
vivono sotto la
soglia di
povert
Nel testo
previsto che le
persone che
usufruiranno
del reddito di
cittadinanza
dovranno
seguire un
percorso di
formazione e
reinserimento
nel mondo del
lavoro, che
prevede anche
un progetto di
impegno
settimanale
per la
collettivit

di Emanuele Buzzi
Una nuova fase per i Cinque
Stelle. Beppe Grillo la racconta
partendo dallincontro con il
nuovo inquilino del Quirinale,
ma soprattutto parlando di
una possibile apertura al dialogo con tutti (Pd compreso) su
Rai e reddito di cittadinanza.
Ha appena incontrato il
presidente Mattarella. E i
suoi primi commenti sono
stati molto positivi.
difficile valutare un incontro come una seduta psicoanalitica. In questa occasione
Mattarella mi sembrato una
persona gentile, sensibile ai temi del Movimento, dalla lotta
alla corruzione alla mafia
che ormai cambiata, diventata quasi a norma di legge, 2.0
, al reddito di cittadinanza,
su cui sembrava molto daccordo. Abbiamo speso tempo per
far capire al presidente che
non sono come mi descrivono,
quello che urla, e credo sia rimasto piacevolmente sorpreso.
Pensa sia possibile aprire
un dialogo con Mattarella?
Assolutamente s. gi un
buon inizio. Lui ovviamente
deve essere al di sopra delle
parti, mi sembra un garante
della Costituzione molto preparato, anche se non sta a me
giudicare.
Ora la vostra battaglia il
reddito di cittadinanza, in
commissione Lavoro al Senato.
S, il reddito di cittadinanza vedere il mondo del lavoro
in un altro modo, un diritto
civile. Ed anche uno dei nostri due punti cruciali in economia insieme al referendum
sulleuro. Si tratta di dare una
occasione alla gente.
La vostra proposta costa
15,5 miliardi. In tempi di crisi
e di tagli dove pensa possiate
trovare le coperture? Chi ne
potr usufruire?
destinato a chi perde il lavoro, a chi non lo raggiunge.
Sono 780 euro al mese, ma varia a secondo del numero dei
componenti familiari. Penso a
una coppia con figli, lei casalinga: gli si potr garantire
1.200-1.300 euro. Nel frattempo chi ne usufruisce segue un
percorso con lo Stato. Gli si of-

La carriera
Genovese,
66 anni,
Beppe Grillo,
esordisce in tv
alla fine degli
anni Settanta e
dopo una lunga
carriera da
comico nel
2009 crea, con
Gianroberto
Casaleggio,
il Movimento
Cinque Stelle, di
cui presidente
(LaPresse)

frono due-tre lavori, se non li


accetta, perde il reddito. Cambier anche il rapporto con lo
Stato, i sindacati, le imprese:
un conto che puoi licenziare
con il Jobs act che si abbatte
come una scure con alle spalle
il reddito di cittadinanza, un
altro conto senza. Dobbiamo
tenere presente una cosa: in
Italia solo il 40% delle persone
ha un reddito da lavoro, il 30%
sono figli, persone a carico, il
20% vive da reddito indiretto
con le pensioni e il 10%
con i sussidi.
E per le coperture?
I soldi li troviamo. Spendiamo 45 miliardi per gli armamenti, 20 per la formazione
professionale. Poi c il gioco
dazzardo e le persone che hanno 2-3 milioni di euro di reddito. Se gli prendi lo 0,5-l1% a
questo scopo non credo siano
contrari. Discuteremo anche
con la Cei.
In commissione avrete una
audizione. Voi proponete di
ritoccare lotto per mille.
Quale crede sar la posizione

della Chiesa?
Ne discuteremo, ma credo
che papa Francesco sar sulla
nostra stessa lunghezza donda.
Sul Corriere Tito Boeri
(Inps) ha parlato di reddito
minimo, Libera di Don Ciotti
in sintonia con lidea, Sel ha
presentato una proposta che
ha dei punti di contatto con
voi, la minoranza pd si mostrata sensibile allargomento: pensa che ci possano essere convergenze?
Sono contento che se ne
parli. Io auspico tutte le convergenze del mondo. Bisogna
capire che la povert va affrontata come una malattia, non
come un reato. Se ci sono proposte, siamo aperti a qualsiasi
discussione. Noi il reddito di
cittadinanza vogliamo farlo e
vogliamo che sia chiaro che il
merito del M5S.
Siete disposti a trovare una
mediazione?
Assolutamente s. Per noi il
principio che nessuno deve
rimanere indietro, senn van-

Abbiamo voluto far capire a Mattarella


che io non sono quello che urla,
non sono come mi descrivono
Credo sia stato piacevolmente sorpreso

no su le destre, i fascisti, le persone che.


A proposito di destre, a Roma sabato c stata la manifestazione della Lega di Matteo
Salvini a cui ha partecipato
anche CasaPound. Alcuni
sondaggi dicono che Salvini
possa sottrarre voti al Movimento...
Sinceramente non so dove
Salvini possa arrivare. Decideranno gli elettori. Io non ho
niente contro Salvini, se decideranno di seguirlo terranno
presente anche che la storia
della Lega diversa dalla nostra. La Lega stata al governo,
artefice del patto di Dublino e
ha investito fondi in Tanzania.
La gente confusa, andiamo
sul palco e diciamo tutti la
stessa cosa, ma noi abbiamo
sempre fatto le cose che abbiamo detto.
Senta, Roberto Fico ha parlato di una riforma Rai, una
tv senza linfluenza dei partiti, unidea condivisa nei principi anche dal governo
S, se ci atteniamo ai contenuti. Poi ci sono odi interni e
invidie, tante nostre proposte
sono state bocciate a priori. Se
superiamo questo scoglio, come abbiamo sempre fatto sulle
cose buone, su Rai e reddito di
cittadinanza dialoghiamo con
tutti, anche con il Pd. Ma ci deve essere onest intellettuale.
Si detto stanchino,
parteciper alla prossima
campagna elettorale per le

Regionali?
Nelle liste per le Regionali
abbiamo persone di primordine. Le piazze non funzionano
pi. Resteremo sotto il palco,
staremo a contatto con la gente. Io gi faccio gli autogrill, mi
sento un attivista come lo ero
nel 2005-2006.
Ma andr in tour?
Non come prima: ho dei
sostituti meravigliosi. Il Movimento non una cosa che possiamo gestire solo io e Casaleggio, siamo cresciuti, abbiamo
altri numeri.
Molti volti del direttorio e
non solo sono pi spesso in
televisione
Sono sempre contrario ai
talk show, ma ognuno libero
di scegliere il da farsi. Alla tv
credo meno perch siamo un
Movimento nato in Rete per
capisco che ci sia una fetta di
elettorato che si informa con i
canali tradizionali. Pu essere
che forse abbia sbagliato io.
Ma davvero crede a una Rai
senza partiti?
La vedo necessaria. Sa cosa
mi ha colpito in questi giorni?.
Dica.
Il fatto che Ei Towers (la societ controllata da Mediaset
ha lanciato lopas su Rai Way,
ndr) abbia una struttura congegnata esattamente come Rai
Way. Non un caso: scandaloso, vuol dire che era gi tutto
preparato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il piano di Fico: in viale Mazzini nomine per bando


Gli M5S presentano il loro progetto: fuori la politica, svoltiamo insieme. I dem: bel segnale

7
i membri
del Cda Rai.
La proposta
del M5S
ne prevede
cinque, scelti
attraverso
un bando

ROMA Il Movimento 5 Stelle


vuole liberare la Rai dai partiti.
Non a parole ma coi fatti. Abbiamo depositato in Parlamento una proposta di legge per
cambiare i meccanismi di nomina del consiglio di amministrazione, per renderlo finalmente indipendente dal potere
politico e governativo. Finora il
Cda stato appannaggio dei
partiti che hanno lottizzato la
principale azienda culturale
del Paese, scegliendosi i propri
rappresentanti, in barba al me-

rito e allinteresse dei cittadini,


i veri proprietari della Rai. ora
di cambiare, chiudiamo
unepoca. Beppe Grillo interviene sul suo blog mentre Roberto Fico, presidente della Vigilanza, illustra la proposta di
legge del Movimento e lancia
un messaggio politico: Mi appello al Pd: se vogliamo lo stesso obiettivo, via i partiti e il governo dal servizio pubblico, se
non c nessun tipo di trucco, il
M5S c, ed entro maggio diamo un segnale di svolta al Pae-

Deputato
Roberto Fico
(M5S), presidente
della Vigilanza
Rai
(Ansa)

se. La proposta M5S prevede


cinque consiglieri di amministrazione selezionati per aree
di competenza attraverso un
avviso pubblico e sotto la regia

dellAgcom. Presidente indicato dal ministero dellEconomia.


Soppressione della Vigilanza
Rai. Michele Anzaldi del Pd, segretario della Vigilanza, commenta: Lapertura al dialogo
del Movimento 5 Stelle, per
bocca del presidente della Vigilanza Roberto Fico, va accolta
con soddisfazione. Ora possiamo procedere subito per lavorare a una proposta comune
che faccia finalmente uscire i
partiti dalla Rai. Ed la prima
volta che M5S e Pd si ritrovano

in sintonia sul futuro della Rai.


Ieri anche Mario Marazziti, capogruppo di Per lItalia-Centro
Democratico, in Vigilanza ha
presentato una proposta di riforma con nuovi criteri per la
nomina del Cda e una revisione
del canone.
Insomma, il fronte politico
sulla Rai in pieno fermento. E
Matteo Renzi ha assicurato
che, entro dieci giorni, il governo presenter un suo testo.
P. Co.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

10

Politica

De Luca, il Pd si spacca sulla legge Severino

Tra i democratici c la tentazione di una revisione per eliminare labuso dufficio tra le cause di incompatibilit
Bersani: troppe rigidit, serve una riflessione. Boschi: nessuna modifica, vediamo se il Parlamento riterr di intervenire
ROMA Imbarazzo. Il caso di Vin-

cenzo De Luca, candidato vincente alle primarie del Pd in


Campania, condannato in primo grado per abuso dufficio,
mette il partito in una condizione difficile. Perch, in caso
di vittoria, la legge Severino
prevede la sospensione dallincarico (come accadde a Napoli
per Luigi de Magistris, poi reintegrato dal Tar). E in questa oggettiva situazione di confusione, si fa avanti lopposizione.
Pier Luigi Bersani lo dice chiaro: La Severino contiene rigidit eccessive, un abuso dufficio una cosa che pu succedere a un sindaco. O si cambia
la Severino, senza fare delle
legge ad personam, o si cambiano le regole dingaggio per
le primarie del Pd.
Per il governo parla il ministro della Giustizia Andrea Orlando: Le leggi si devono cambiare se c una valutazione di

52%
il risultato
di De Luca
alle primarie
campane

44%
il risultato
ottenuto
dallo sfidante
Cozzolino

no che escluda il reato di abuso


dufficio da quelli che prevedono la sospensione, per esempio. Comunque qualcosa bisogna fare, sostiene Alessia Morani: Un intervento necessario. Ma che sia chirurgico, con
il bisturi. Il paziente, comunque, a rischio. Perch intervenire ora somiglierebbe molto a
quelle leggi ad personam tanto
criticate dal Pd. Con unaggravante: la Severino fu usata proprio contro Berlusconi (condannato, per, in via definitiva
per un reato fiscale, a differenza di De Luca). Dice Francesco
Boccia: un pastrocchio. La
verit che bisognava intervenire prima, anche se De Luca

stato un ottimo sindaco e non


ho niente contro di lui. Io gi
per Berlusconi dissi che non si
doveva utilizzare la Severino.
Ma allora erano tutti giustizialisti, ora sembrano tutti spariti
di colpo. La speranza adesso
che intervenga la Consulta.
Lintervento della Consulta
sarebbe la vera ancora di salvezza per il Pd. Perch la legge
presenta profili di presunta incostituzionalit e giacciono vari ricorsi. Ma molto probabile
che il verdetto finisca per arrivare tardi. Difficile che si faccia
in tempo anche con una nuova
legge. Ma il piano della minoranza far comunque partire
un iter di riforma. Con calma

Mattarella:
dalla Ue fiducia
sulle riforme
(m.br.) Quello dei profughi
un problema drammatico
che interpella tuttEuropa,
dice Sergio Mattarella a
Bruxelles. il suo modo di
proporre lultima emergenza
che incombe sullUe. Martin
Schulz, presidente
dellEuroparlamento,
raccoglie il messaggio. Elogia
loperazione Mare Nostrum,
definisce lItalia una grande
democrazia umanitaria e
dichiara che sosterr gli
sforzi del mediatore Onu in
Libia. Il capo dello Stato
incontra le istituzioni
dellUnione (Juncker, Tusk,
Mogherini) e incassa
apprezzamento e fiducia per
le riforme del governo Renzi.
Curiosit: tutti mostrano di
conoscere la sua storia
politica, cominciata con il
delitto del fratello Piersanti,
ucciso dalla mafia. Dice
Schulz: La sua elezione il
segno che il vostro Paese in
grado di riservarci sempre
grandi sorprese ( foto Epa).

carattere complessivo non su


un singolo caso. La collega
Maria Elena Boschi dice no al
momento, ma lascia aperto
uno spiraglio: Vedremo se il
Parlamento riterr di dover intervenire. La patata bollente
sembrerebbe cos passare dal
governo al Parlamento. Se non
fosse che la minoranza pd ributta la palla dallaltra parte. Eh
no, ribatte Gianni Cuperlo:
Non si pu usare il Parlamento la carte: il coinvolgimento
non vale sulla riforma costituzionale e vale per la Severino?.
Alfredo DAttorre concorda:
Qual la mia posizione? Sentiamo prima quella di Renzi.
Cosa ha da dire il segretario del
Pd? Non pu non avere una posizione. Quella di Davide Zoggia chiara: Serve un tagliando alla Severino. Un ritocchi-

di Monica Guerzoni

ROMA Quasi quasi faccio un vi-

deo sulla legge Severino e lo


lancio sul web, da stamattina
avr fatto trenta prolusioni....
Camicia nera gessata e in tasca
la tessera Fgci del 1973, che
estrae ogni due per tre, lavvocato Fulvio Bonavitacola ha
lorecchio incollato al cellulare.
Tutti lo cercano, perch il deputato salernitano del Pd lautore della proposta di legge che
elimina labuso dufficio dai reati che fanno scattare sospensione e decadenza.
Lhanno ribattezzata ammazzaseverino e il fedelissimo di Vincenzo De Luca ne parla senza imbarazzi: A De Luca
mi lega da quarantanni un sodalizio politico e umano. Il dato delle primarie campane ci
rende gioiosi e pieni di soddisfazione. orgoglioso di firmare una legge ad De Lucam?
fuorviante, detta cos. Si

RIPRODUZIONE RISERVATA

La visita a Bruxelles

Il no di Orlando
Il ministro: non si pu
modificare una legge
sulla base
di un singolo caso

Lintervista

dice Zoggia . Tanto De Luca sar sospeso e magari reintegrato, come accadde a de Magistris. Pippo Civati trasecola:
Cambiare la Severino? A parti
invertite, avremmo scatenato
una furia omicida. Se una legge pessima, non dovevamo votarla. Cos finisce che facciamo
una legge ad personam.
quello che pensa Renato Brunetta (FI): Per De Luca, siamo
certi, si provveder. Renzi e Boschi, ipocriti. Con il vincitore
delle primarie del Pd, si schiera
invece il governatore Stefano
Caldoro: La legge Severino
sbagliata, va cambiata.
Alessandro Trocino

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il fedelissimo Bonavitacola:
cambiarla una battaglia giusta
e per Enzo ci metto il cuore
tratta di evitare una sanzione
ingiusta che colpisce tanti amministratori per bene, che non
meritano di subire una simile
gogna. Risolvere il problema in
Parlamento, invece di delegarlo alla Corte costituzionale,
una battaglia di civilt giuridica. La farei per chiunque....
Davvero? Diciamo che per Enzo la combatto con pi cuore e
pi passione. Schietto, diretto
e un filo vanesio (non ho il
tempo di invecchiare), Bonavitacola nato a Salerno nel
1957. Nel 1987 era vicesindaco e
assessore ai lavori pubblici nel-

La tesi
Una legge ad De
Lucam? No, fu Monti
a usare la Severino per
la campagna elettorale

la prima giunta di sinistra,


che per la mia citt fu una eresia, un fatto traumatico. Il legame con De Luca lo rivendica
senza ipocrisie, ma giura che la
sua una crociata di principio:
La mia proposta dellottobre
2014. Lho scritta con piglio
giornalistico, perch sono convinto che sia profondamente
giusta. Quando lho depositata,
De Magistris era stato condannato e il Tar della Campania
non si era ancora espresso.
La tesi che il governo dimissionario di Mario Monti
nel dicembre 2012 approva un
decreto legislativo palesemente straripante rispetto alla
delega ricevuta dal Parlamento. Le ragioni politiche del
blitz, lui le spiega cos:
Monti us la severissima legge Severino, che poi dovrebbe
chiamarsi Cancellieri perch fu
scritta al Viminale, come un ca-

Chi

Fulvio
Bonavitacola,
57 anni, alla
Camera con il
Pd dal 2008,
lautore della
proposta di
legge che
elimina labuso
dufficio dai
reati che fanno
scattare
sospensione e
decadenza

vallo di battaglia elettorale. Rigore, rigore, rigore. Troppo


zelo moralizzatore? Peggio, il
governo Monti ha strumentalizzato i temi della moralit.
Quella legge incostituzionale
per eccesso di delega. Per carit, limpianto giusto... Ma
De Luca ha subito una condanna abnorme per irregolarit
formali. Labuso di ufficio un
reato minore, che non comporta un giudizio di disvalore morale. Per non c fretta.
Il Parlamento pu approvare
la sua legge anche dopo le Regionali, tanto De Luca candidabile, eleggibile, vincer la
sfida con Caldoro, verr sospeso e reintegrato dal Tar, che
sollever il tema della incostituzionalit della Severino. Bonavitacola era bersaniano. Ma
quando lex segretario mostr
qualche incertezza sulla formazione del governo e sullelezione di Prodi al Quirinale, segu De Luca nelle manovre di
avvicinamento a Renzi. E adesso, guai a chi glielo tocca:
Mettere in discussione il premier sarebbe una follia.... Non
facciamo come quel tale che
comp un gesto insano per fare
un dispetto alla moglie.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La norma

Il conteggio dei voti

La legge
Severino, il
decreto
legislativo 235
del 2012
firmato
dallallora
Guardasigilli
Paola Severino,
prevede
lincandidabilit
al Parlamento
per chi riporta
condanne
definitive
superiori a 2
anni di carcere

Risultati confermati
con boom a Salerno
Cozzolino attacca:
cos non baster

Con la
formula
condanna
definitiva la
legge impone
la decadenza
per i
parlamentari
nazionali e Ue
solo dopo che
la sentenza
passata in
giudicato:
il caso di
Berlusconi,
decaduto da
senatore dopo
la condanna in
Cassazione nel
processo
Mediaset
Invece agli
amministratori
locali la legge
impone la
decadenza
anche se la
condanna di
primo grado
De Luca,
condannato a
un anno per
abuso dufficio
e non pi
formalmente
sindaco di
Salerno per la
incompatibilit
sancita dalla
Corte dAppello
di Napoli con la
carica di
viceministro
nel governo
Letta, quindi
ineleggibile per
la legge
Severino
Se De Luca
vincesse le
Regionali di
maggio
dovrebbe
scattare la
procedura di
decadenza.
Lui subito dopo
farebbe ricorso

NAPOLI Pare proprio che le


primarie del Partito
democratico in Campania ora
siano veramente finite. Ieri
pomeriggio la commissione
incaricata di esaminare i
verbali provenienti dai seggi
delle cinque province ha dato
il suo ok, e quindi Vincenzo De
Luca diventato anche
formalmente il vincitore delle
consultazioni di domenica.
Non che vi fossero dubbi. Il
successo dellex sindaco di
Salerno era stato chiaro e
schiacciante sin da subito, ma
lufficialit sancita dal Pd
dovrebbe chiudere
definitivamente tutte le
polemiche, pi o meno velate,
che hanno accompagnato le
primarie e che le hanno anche
seguite, con lo sconfitto
Andrea Cozzolino che faceva
notare la singolarit
dellaffluenza massiccia di
votanti nella citt e nella
provincia di Salerno, dove De
Luca ha fatto il pieno dei
consensi, come era
ampiamente previsto. Ci che
per ha davvero sorpreso
stata la quantit di elettori che
si sono recati ai gazebo: se si
pensa che Salerno grande e
popolata grosso modo come
un solo quartiere di Napoli e
che il divario stato di appena
ventimila votanti in favore del
capoluogo di regione, si
comprende chiaramente
quanto la citt che per anni lo
ha eletto ripetutamente e
compattamente sindaco sia
stata determinante per il
successo di De Luca. Una
questione sulla quale non
tarda a soffermarsi Cozzolino.
Leurodeputato ritenuto
favorito e uscito sconfitto, ha
annunciato sin da luned che
non avrebbe fatto alcun
ricorso contro lesito del voto,
ma ha anche voluto aspettare
lufficialit proclamata dal
partito per riconoscere la
vittoria del rivale. E ora, come
primo passo di quellimpegno
in Campania che ha promesso
di continuare a portare avanti
anche se non sar lui il
candidato alla presidenza della
Regione (Da ora star meno a
Bruxelles e molto qui per non
disperdere il patrimonio di
esperienza accumulato
durante questa campagna
elettorale) pone al centro del
dibattito interno al Pd la
questione della territorialit
del suo leader per le Regionali.
Si tratta di un problema
politico, che ora sar De Luca a
dover risolvere. un modo
per dire che al governo della
Campania non si arriva
soltanto con i voti dei
salernitani , anche se in realt
De Luca ha vinto anche nelle
province di Avellino e Caserta.
Ma ovviamente a Napoli che
dovr sfondare, non solo in
quei pochi quartieri dove, a
sorpresa, domenica ha
raccolto pi voti di Cozzolino.
Fulvio Bufi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

La Nota
di Massimo Franco

LE TENSIONI
DELLOPPOSIZIONE
AVVANTAGGIANO
PALAZZO CHIGI

POLITICA

insistenza con la quale Forza Italia


evoca il suo ritorno alla centralit
insieme a Silvio Berlusconi sembra
un modo per cancellare una
sensazione crescente di
subalternit. Subalternit a una Lega con la
quale costretta ad allearsi per le prossime
Regionali, senza avere ottenuto dal leader del
Carroccio, Matteo Salvini, nessun
riconoscimento del proprio peso. E al Pd di
Matteo Renzi, che dalle divisioni del
centrodestra pu guadagnare tempo e spazio
politico. Non solo: nel partito della Nazione di
destra tra Berlusconi e Salvini si intravede il
tentativo di copiare lidea che il premier sta
accarezzando da mesi.
La spaccatura in Veneto tra il governatore
leghista Roberto Zaia e il sindaco di Verona,
Flavio Tosi, ha assunto contorni tali da mettere
in forse la permanenza nel Carroccio del primo
cittadino. Lultimatum di Salvini a lui e ai suoi
sostenitori a scegliere entro luned tra
appartenenza alla Fondazione di Tosi e alla
Lega, azzera i margini per un compromesso. O
il sindaco si piega, o fuori. Non ancora
chiaro quali effetti tutto questo avr sul
risultato del Veneto. Lalleanza con FI dovrebbe

garantire margini tali da assicurare la vittoria


nella regione. Anche se qualche dubbio
comincia a serpeggiare. Ci auguriamo che per
colpa dei veti di Salvini non vengano
consegnate altre regioni, come il Veneto, al
Pd, accusa il Nuovo centrodestra, che si trova
nella posizione scomoda di alleato di Renzi a
Roma, e di Lega e FI a livello locale. Il colloquio
di ieri sera tra il ministro dellInterno, Angelino
Alfano, e Tosi, conferma implicitamente
lincompatibilit di unalleanza tra il cartello
Salvini-Berlusconi e il Ncd. La resurrezione del
Popolo della libert si allontana, insomma, a
conferma di quanto siano cambiati i rapporti di
forza; e di come non solo il capo di FI ma anche
del Carroccio fatichino a evitare rotture interne.
una confusione che avvantaggia Palazzo
Chigi, confortato anche dai giudizi lusinghieri

Scenari
Lega sullorlo della rottura
ma Renzi alle prese con il caso
De Luca e Campania
e la modifica della Severino

11

raccolti nella sua visita ufficiale in Europa dal


presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
La Commissione Ue ha cominciato a usare
parole pi concilianti sugli sforzi fatti in
materia di riforme dal governo italiano.
Piuttosto, dal Pd che Renzi continua a
ricevere messaggi controversi. Lesito delle
primarie in Campania la vittoria di un
candidato osteggiato da Palazzo Chigi: lex
sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca,
decaduto dopo una condanna in primo grado
per abuso dufficio.
Il governatore uscente, Stefano Caldoro,
berlusconiano, lo ricorda agli elettori. Per la
legge approvata quando Guardasigilli era Paola
Severino, anche vincendo De Luca non
potrebbe governare. Il problema di Renzi, ora,
come superare lostacolo, dopo avere predicato
e praticato un rinnovamento radicale del Pd.
Al momento non allo studio da parte del
governo nessuna ipotesi di modifica della legge
Severino, fa sapere il ministro delle Riforme,
Maria Elena Boschi. Al momento: viene da
pensare che una decisione sia ancora da
prendere, nessuna esclusa. E questo mette in
allarme le opposizioni in Parlamento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I punti cardine della riforma

Le tappe

Si proceder dufficio

Via le soglie minime

Le societ non quotate

Le intercettazioni

Il 5 febbraio
la maggioranza
raggiunge un
accordo sulle
norme
anticorruzione.
Nel vertice si
decide anche di
estendere la
punibilit del
falso in bilancio

Le nuove
norme sul falso
in bilancio sono
affidate a un
emendamento
al ddl
anticorruzione,
ora in
commissione
Giustizia in
Senato
Il ministro
della Giustizia
Andrea
Orlando (nella
foto in alto il 23
gennaio alla
inaugurazione
dellanno
giudiziario) ha
detto che il
testo sul falso
in bilancio sar
presentato in
commissione
Lapprodo in
Aula del ddl
anticorruzione,
previsto per
domani,
potrebbe
slittare

Laccordo di maggioranza sul falso in


bilancio mira a estenderne la punibilit:
per quel reato si proceder sempre
dufficio (dal 2002 si poteva procedere
invece soltanto per querela di parte)

Si prevede di abbandonare le soglie di


non punibilit per i bilanci truccati o
sbagliati: niente pi percentuale
minima non perseguibile, tutto
rientrer nellarea penale

Il testo distingue tra societ quotate in


Italia e in Europa, per cui la pena andr
da un minimo di 3 anni a un massimo
di 8, e le non quotate, per cui la pena
sar pi bassa: da 1 a 5 anni

Per il falso in bilancio di societ non


quotate le intercettazioni non
sarebbero cos pi possibili : per
autorizzarle la pena massima del
reato devessere superiore a 5 anni

Falso in bilancio, via le soglie


Si apre il caso intercettazioni
Scompaiono i tetti di non punibilit. A rilento liter per lo sbarco in Aula
Niente pi soglie, al di
sotto delle quali si automaticamente impuniti. Ma per i reati di falso in bilancio, procedibili dufficio, si faranno distinzioni. Verranno puniti pi dur a m e n te i re s p o n s a b i l i e
dirigenti di societ quotate in
borsa (solo in Italia e in Europa): da 3 a 8 anni. Ma per casi di
tenue gravit, e se lazienda
non tra quelle troppo grandi
o troppo ricche per fallire, si lascer al giudice facolt di valutare se il falso in bilancio o le
false comunicazioni possano
essere punite con la reclusione
da 1 a 5 anni. In questo caso,
lentit della pena massima
non consentir al magistrato,
durante le indagini, di poter intercettare i sospetti.
lultimo testo scritto dal
governo sul reato di falso in bilancio. Almeno fino a ieri,
quando larticolato, atteso in
commissione giustizia, si fermato a Palazzo Chigi, allattenzione del ministro ai Rapporti
con il Parlamento, Maria Elena
Boschi. Facendo nascere il gial-

ROMA

lo sui tempi in cui sarebbe approdato al Senato. Tra rumors


di una levata di scudi del ministero dello Sviluppo, che dava
voce ai dubbi di Confindustria
su un testo con un margine di
discrezionalit del giudice ritenuto troppo ampio. Speculare
allaltol registrato al Senato,
dove il pd Giuseppe Lumia
metteva in guardia il governo
dallallargare troppo le maglie:

C stato un accordo di maggioranza ci aspettiamo che


venga rispettato. E che il testo
arrivi qui in commissione. Il
Guardasigilli Orlando, a Ballar, ha confermato che il testo
non arriver direttamente in
aula. Punto non da poco perch la composizione della
commissione Giustizia, ad alta
incidenza cinquestelle e democrat agguerriti, non lascerebbe

La proposta di FI e Gal

Al Senato il governo va sotto sugli ecoreati


Il governo stato battuto ieri pomeriggio in Senato su un
emendamento che prevede lintroduzione nel disegno di legge
sugli ecoreati del divieto di utilizzare esplosivi per lispezione dei
fondali marini e la ricerca di idrocarburi. Il ministro della
Giustizia, Andrea Orlando, aveva chiesto di trasformare la
proposta, primi firmatari Giuseppe Compagnone (Gal) e Antonio
DAl (FI), in un ordine del giorno esprimendo attenzione al tema
sollevato dal gruppo di parlamentari. Ma la proposta di
emendamento stata mantenuta e lAula ha votato: i s sono stati
114 e i no 103. Soddisfatta Forza Italia: Il governo stato battuto
grazie a noi ha dichiarato il senatore Vincenzo Gibiino.
RIPRODUZIONE RISERVATA

passare un testo annacquato. I


tempi dellarrivo in Aula del
provvedimento anticorruzione
si allungano: lAula era convocata per domani. Ma Orlando
ha promesso per la prossima
settimana sicuramente lAula
avr votato il ddl anticorruzione e risolto i dubbi. In una riunione di maggioranza, con Orlando, ieri, si parlato anche di
prescrizione. E si prefigurato
un allungamento dei termini
per i reati della pubblica amministrazione. Ma Ncd protesta
perch ci ne renderebbe alcuni imprescrittibili con
lunico grave effetto di allungare i processi. Il Pd replica
che per reati di grave allarme
sociale previsto addirittura
il raddoppio. E la corruzione lo
, a giudicare anche dai fatti di
ieri.
La tensione alta. E si capir
oggi se almeno sul falso in bilancio si metter un punto fermo. Ma cosa prevede il testo?
Larticolo 7 si occupa delle societ non quotate in borsa. Ed
esclude, come dicevamo, la

Il limite
Per casi di
tenue
gravit
non ci
sar
lascolto
delle
telefonate
Il testo
Lultimo
testo del
governo
ieri stato
bloccato
a Palazzo
Chigi

possibilit di intercettazioni
perch punisce con la reclusione da 1 a 5 anni gli amministratori i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione
dei documenti contabili societari, i sindaci e i liquidatori,
che per proprio o altrui ingiusto profitto, nei bilanci, nelle
relazioni o nelle altre comunicazioni sociali dirette ai soci o
al pubblico, consapevolmente
espongono informazioni non
rispondenti al vero o omettono
informazioni imposte dalla
legge sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della societ o del gruppo al
quale la stessa appartiene, in
modo concretamente idoneo
ad indurre altri in errore. Larticolo 7 bis prevede inoltre la
pena da 6 mesi a 3 anni se i fatti
contestati sono di lieve entit,
tenuto conto di natura e dimensioni della societ e delle
modalit o degli effetti della
condotta. E il 7 ter aggiunge
che ai fini della non punibilit
per particolare tenuit il giudice valuta anche se i fatti riguardano societ soggette al fallimento.
Pene pi dure, invece, da 3 a
8 anni, per amministratori,
direttori generali, dirigenti che
redigono documenti contabili
societari, sindaci e liquidatori
di societ quotate, che diventano intercettabili. Ma solo se le
societ sono ammesse a negoziazioni del mercato regolamentato in Italia o in Europa.
Virginia Piccolillo
RIPRODUZIONE RISERVATA

12

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

POLITICA

Calderoli scrive ai leghisti


O con noi o con Tosi
Si va verso la scissione

Lo scontro
Luned i
vertici della
Lega hanno
affrontato lo
scontro che da
tempo
contrappone il
leader Matteo
Salvini e il
sindaco di
Verona Flavio
Tosi

Maroni: il sindaco? Era in Consiglio e non ha detto nulla


MILANO Carota e bastone. Dichiarazioni concilianti, linvito
a non strappare. Ma anche la
carta che canta: entro sette
giorni i leghisti con la tessera
dellassociazione di Flavio Tosi
dovranno scegliere. O con la
Lega o con i Fari. E il primo a
dover scegliere proprio lui: il
sindaco di Verona, nonch segretario della Liga veneta.
Roberto Calderoli, nella sua
veste di responsabile organizzativo della Lega, ieri ha inviato
a tutte le sezioni con richiesta
di massima diffusione e obbligo di affissione in tutti le sedi
uno stralcio del verbale del
consiglio federale leghista che
si svolto laltro giorno: Con
decorrenza luned 9 marzo,
liscrizione o ladesione alla
Fondazione che fa capo a Tosi
incompatibile con la qualifica
di socio della Lega. Questo perch il Consiglio federale stabilisce che la Fondazione e/o
associazione Ricostruiamo il
Paese, altres nota come Il Faro ha natura politica. E dunque incompatibile con liscrizione alla Lega.
Insomma, i tempi per la scelta sono strettissimi. Ma Flavio
Tosi potrebbe aver bisogno di
meno ancora. Gioved con ogni
probabilit, dir la sua nel consiglio nazionale veneto da lui

convocato gi la settimana
scorsa. In questi giorni, sta infatti facendo la conta delle forze su cui puoi fare affidamento
dentro alla Liga. E, appunto,
domani lo scisma tosiano dal
movimento potrebbe essere
proclamato.
Fabio Venturi considerato
il delfino del sindaco di Verona,
un collaboratore storico di fede
indiscussa. E lui, di dubbi, ne
ha pochi. Che cosa dovrebbe
fare Tosi? Quella avvenuta nei
suoi confronti al consiglio federale stata un esecuzione. Ai
sensi dello Statuto, assolutamente ingiustificata. Il riferimento, in particolare, alla nomina di Giampaolo Dozzo a
commissario della Lega con
delega alle liste elettorali:
un commissario per violare lo
Statuto. Il fatto che le liste spettino alla Liga veneta incontestabile. Ma anche lincompatibilit tra lassociazione tosiana e il movimento, secondo
Venturi, non avrebbe alcuna ragione dessere: I fari sono nati
nellottobre 2013, sulla base di
un patto con Salvini e Maroni,
secondo cui Tosi sarebbe dovuto diventare il punto di riferimento nel centrodestra. Che
cosa successo luned scorso
che fino a quel giorno non era
accaduto?. Forse il fatto che

Tosi ha parlato della possibilit


di correre contro il candidato
della Lega, il governatore Luca
Zaia. Quello ormai un fatto
acquisito? No spiega ancora Venturi le opinioni le sta
raccogliendo Tosi, e lui tirer le
somme. Ma luscita dalla Lega
assai probabile: Che cosa
dovrebbe fare? Rimanere dopo
essere stato sfiduciato?.
Intanto, il segretario leghista
Matteo Salvini rilasciava dichiarazioni di apertura nei
confronti del segretario veneto: Per Flavio Tosi sono convinto che ci sia grande spazio
nella Lega che cresce. Per,
anche un vecchio amico del
sindaco di Verona come il go-

Protesta
I leghisti
Candiani e
Calderoli contro
lassenza del
ministro Alfano
in Senato(Agf)

Il documento Lo stralcio del verbale del Consiglio


federale della Lega firmato dal responsabile organizzativo
Roberto Calderoli e inviato alle varie segreterie regionali
con lobbligo di diffusione in tutte le sedi del partito

vernatore Roberto Maroni, ieri


prendeva le distanze. Osservando che al consiglio federale
non c stato alcun tradimento: si semmai chiusa una vicenda che durata anche troppo. Perch questa contrapposizione incomprensibile nel
Veneto fra Tosi e Zaia ha come
unico risultato quello di danneggiare la Lega. Il governatore lombardo ha anche sottolineato che Tosi era presente
quando Salvini ha proposto la
sua incompatibilit con la Fondazione e non ha detto nulla.
Mi sembrava che intervenire ed
essere pi tosiano di Tosi non
fosse proprio il caso.
La svolta nella Lega apre la
strada a unaccordo in Veneto
tra il Carroccio e Forza Italia.
Salvini ha precisato che ieri
non ha visto o sentito nessun
emissario di Silvio Berlusconi.

E difficilmente accadr oggi,


anche perch il leader leghista
sar a Bruxelles: Di certo, dovremo parlare. Per, vero che
io ho parlato per unora a Radio
Padania e nessun militante mi
ha chiesto degli accordi con
Forza Italia, ma erano tutti assai felici per Luca Zaia.
Dellalleanza con Forza Italia
ha parlato lo stesso Maroni a
Radio anchio, dicendosi favorevole allaccordo, perch
facciamo parte del centrodestra. Per, a livello nazionale,
Silvio Berlusconi dovrebbe avere il coraggio e la lungimiranza
di fare un passo a lato. Dovrebbe accettare di lavorare per ricreare una coalizione vincente
di centrodestra, facendo quello
che ha sempre fatto: sparigliare le carte.
M. Cre.

Tre le
decisioni prese
da Salvini:
candidato in
Veneto Luca
Zaia; nella
Regione viene
inviato un
mediatore,
Giampaolo
Dozzo;
liscrizione alla
fondazione
di Tosi
Ricostruiamo
il Paese
diventa
incompatibile
con liscrizione
alla Lega: i
sostenitori del
sindaco hanno
tempo fino a
luned per
decidere da
che parte stare
Il sindaco
Tosi decider a
breve come
rispondere. Ieri
a Roma ha
visto il leader
ncd Alfano

RIPRODUZIONE RISERVATA

CASSA DEPOSITI E PRESTITI.


SIAMO LITALIA CHE INVESTE
NELLITALIA.

Negli ultimi cinque anni


il Gruppo Cassa depositi e prestiti
ha investito nelleconomia
italiana oltre 100 miliardi di
euro, destinandoli ai settori
pi importanti per il Paese:
le strade, le imprese,
linternazionalizzazione,
le infrastrutture, le reti che
uniscono il territorio.
Il nostro ruolo importante.
Investiamo in Italia impiegando
esclusivamente risorse private,
raccogliendo il risparmio degli
italiani e attraendo capitali
stranieri. Il nostro impegno,
da oltre 160 anni, utilizzare
le risorse che ci vengono
afdate per il futuro del Paese.

www.cdp.it

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

POLITICA

E ora il ribelle tratta con Alfano


Ncd: noi siamo interessati
Per Quagliariello la scelta di Tosi un fatto politico: siamo tra i due Matteo
Di sicuro, con Flavio
Tosi esiste uno scambio. Un
dialogo. E se lui decidesse di
prendere una strada diversa da
quella della Lega, un fatto politico che a noi certamente interessa. Gaetano Quagliariello, il coordinatore nazionale
del Nuovo centrodestra, certifica la frattura sempre pi vistosa tra coloro che un tempo furono alleati. E anche la nascita
ormai allorizzonte di un altro
centrodestra. Il cui cantiere
gi avviato.
A met della giornata, in Veneto rullava un tamburo insistente: il segretario della Liga
veneta Flavio Tosi, ormai in rotta di collisione con il suo stesso
partito, avrebbe pi tardi, in serata, incontrato appunto Quagliariello. Pi tardi si apprender che s, un incontro tra il
sindaco di Verona e il Nuovo
centrodestra, c effettivamente stato. Si svolto al Viminale,
con il ministro dellInterno Angelino Alfano, che di Ncd il
fondatore. Ufficialmente, nulla
di politico. Secondo una nota, i
due esponenti politici, ma anche istituzionali, si sono incontrati in vista della prossima iniziativa legislativa sulla sicurezza urbana, di cui si parler gioved al ministero con
lassociazione dei Comuni (Anci).
Ma, appunto, al di l dellincontro di giornata, Quagliariello manifesta tutto linteresse

MILANO

Le allenze

La Lega non
ha ancora
deciso le
alleanze con gli
altri partiti in
vista delle
Regionali
Dopo la
manifestazione
di sabato che la
Lega ha tenuto
a Roma,
Berlusconi ha
definito
estremiste le
posizioni di
Salvini ma il
dialogo con FI
tuttora aperto
Chiusura
netta invece
verso il partito
di Alfano. E ieri
Quagliariello
(foto),
coordinatore
ncd, ha
ribadito: Mai
con la Lega di
piazza del
Popolo

Lintervista

di Massimo Rebotti

Un po
ricorda
lUomo
qualunque
di Giannini
che poi si
sgonfi
subito
Qui non c
la signora
Le Pen che
vale dieci
uomini
Salvini ha
verve ma
per battere
Renzi le
posizioni
moderate
devono
prevalere
Molti
moderati
ora stanno
con il
premier

MILANO Il carburante questa


nuova destra ce lavrebbe, non
ha per n la macchina n il pilota.
Gianpaolo Pansa, che ha
scritto da poco La Destra siamo noi. Una controstoria italiana da Scelba a Salvini, divide la questione della rappresentanza politica della destra
in due: da un lato i contenuti
il carburante che, sostiene, ci sono; dallaltro il leader
il pilota che viceversa
manca.
Iniziamo dal carburante.
Adesso la rabbia. Per le
tasse, la burocrazia e lo strapotere del sistema dei partiti che,
in questa fase storica, coincide
con il centrosinistra, con il Pd.
E poi c una base potenziale: la
grande massa delle persone
comuni, quelle che non hanno
protezione, che tutta questa ripresa di cui parla il governo
Renzi nella loro vita di tutti i
giorni proprio non la vedono,
non sanno dove sia.
E il leader?
Quello invece non c. Non
basta che ci sia unonda di destra, come in altri Paesi dEuropa. Ci vuole anche qualcuno
che sia in grado di mettersi alla
guida. Qui non c la signora Le
Pen, che da sola vale dieci uomini.
Lultimo libro di Giampaolo
Pansa, a cominciare dal titolo,
racconta di una destra italiana
storicamente maggioritaria nel
Paese, interprete, spesso senza
saperlo, della sua natura pi

del suo partito per la piega presa dagli eventi in Veneto. E per
la possibilit di costruire unalleanza che includa Flavio Tosi e
il suo movimento, che nascer
forse nei prossimi giorni.
Noi dice il coordinatore
di Ncd non vogliamo entrare

nelle vicende interne agli altri


partiti. Siamo per un soggetto
politico assolutamente autonomo, che si colloca tra i due
Matteo. E cio, il premier
Renzi e il leader leghista Salvini. E dunque, in questo contesto, ragiona Quagliariello,

per noi assolutamente naturale


interloquire. Di pi: Qualsiasi movimento esca dallorbita
di Salvini, per noi un interlocutore naturale.
La fisionomia politica di Tosi
interessa a Ncd come ciascun
portatore di iniziative che pos-

In treno
Luca Zaia, 46
anni, presidente
del Veneto, ieri
a Marghera per
inaugurare un
nuovo treno per
i pendolari (Ansa)

13

sano rafforzare la proposta di


Area popolare. Ma attenzione:
quello di cui parla Quagliariello un profilo che non include
necessariamente tutta larea
centrista. Per esempio, sul movimento fondato da Corrado
Passera, Quagliariello cauto,
anzi di pi: Senza voler mancare di rispetto a nessuno, in
questo momento noi stiamo
parlando di unalleanza tra noi
e Tosi.
A certificare lo spostamento
nel Nuovo centrodestra, interviene Marino Zorzato. Che non
soltanto il vice di Luca Zaia in
Veneto e il coordinatore del
partito per tutto il Nord, ma
sempre stato anche un esponente dellala dialogante con la
Lega. Il disegno di legge sul-

Il coordinatore centrista
Qualunque movimento
esca dallorbita di Salvini
per noi assolutamente
un interlocutore naturale
lautonomia del Veneto, per dire, stato a suo tempo presentato da Ncd e non dalla Lega.
Oggi, a quanto pare, le cose sono assai cambiate. Premesso
che finch la vicenda Lega
non chiara, non opportuno
fare ragionamenti, il vice governatore si lascia sfuggire una
sola considerazione: Se la Lega perde la sua fisionomia e diventa da un lato un partito di
destra e dallaltro un movimento lombardocentrico, un fatto
politico assai rilevante. Al quale noi siamo ovviamente interessati. Chi sorride la candidata governatrice del Pd veneto, Alessandra Moretti.
Marco Cremonesi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pansa: la nuova destra?


Ha la benzina della rabbia
ma mancano auto e pilota
profonda, eppure in costante
condizione di inferiorit rispetto alla sinistra.
Cosa tiene insieme la destra adesso?
A questo punto lo devono
scoprire di nuovo. Una fase finita e non c molto tempo.
Berlusconi, che ha un anno
meno di me, alla fine della
sua vita politica, la sua figura
usurata e ha fatto anche tanti
errori. Ma il suo erede non pu
essere Matteo Salvini.
Il leader della Lega per
in costante crescita di consensi.

Parallelo
Guglielmo
Giannini (foto)
nel 1944 fond
il Fronte
dellUomo
qualunque.
Il settimanale
del movimento
arriv a
vendere 800
mila copie. Nel
1946 elesse
30 deputati
allAssemblea
costituente. Nel
1949 il gruppo
si sciolse

La manifestazione di Roma, per me, stata un buco


nellacqua. Ho seguito il comizio e lho trovato banale, francamente mi aspettavo di pi.
Salvini ha fatto un discorso come se fossimo in campagna
elettorale, ma domani mica si
vota. Non cerano proposte.
Oppure sono irrealizzabili. Le
tasse al 15%, per esempio. A chi
non piacerebbe? Ma Matteo
Salvini non ha spiegato nulla
delle coperture, dove si prendono i soldi per finanziare una
riforma di quel tipo? Per un
moderato, per il ceto medio

che si vuole opporre alla sinistra, c bisogno di parecchio di


pi. Cos non basta.
Quella piazza per ha apprezzato.
Il leader della Lega ha verve, ma quellentusiasmo era basato su unillusione: che possa
essere lui a trainare il carro.
Una coalizione di centrodestra
una macchina complessa. E
per battere Renzi devono prevalere le posizioni moderate.
Per nel suo libro ha inserito anche Salvini allinterno
dellalbum di famiglia della
destra italiana.
Ma certo, c anche lui e a
buon diritto. La Lega un partito di destra e non da oggi. E
quella di piazza del Popolo
stata una manifestazione di destra. Una destra non moderata,
ma nemmeno cos estremista
come si dice in questi giorni.
Cera CasaPound in forze.
Lintesa con loro non mi
scandalizza e liquidarli come
fascisti sommario. Tuttavia, e
non voglio mancare di rispetto
alle loro idee mi hanno pure
difeso per i miei libri revisionisti sulla Resistenza , mi pare
contino poco. Insomma, secondo me, vedendo il comizio
di sabato scorso nella Capitale,
nellentourage del presidente
del Consiglio si fregavano le
mani.
Perch i moderati se li
prende il Pd?
Con un opposizione fatta
cos Renzi ha davanti un ciclo.
Lui sicuro di s, ha anche una

La carriera

Piemontese,
79 anni,
Giampaolo
Pansa ha
lavorato come
inviato e
commentatore
nei pi
importanti
quotidiani
italiani. Ora
editorialista di
Libero. Autore
di saggi e
romanzi storici,
ha dedicato
diversi volumi
agli aspetti pi
controversi
della
Resistenza.
Lultimo libro
La Destra
siamo noi. Una
controstoria
italiana da
Scelba a Salvini
(Rizzoli, pp.
406,  19,90)

gran faccia di tolla e in questo


momento pu dire tutto e il
contrario di tutto. Certo poi
pu sempre succedere limponderabile....
Ha scritto un libro che racconta varie fasi, leader e personaggi, della destra italiana:
da Giovanni Guareschi a Mario Scelba, da Indro Montanelli a Giorgio Almirante. Ma
questa nuova aggregazione di
Salvini a cosa assomiglia?
Mi ricorda un po lUomo
qualunque di Guglielmo Giannini. Ma il parallelo, se lo raccontiamo a Salvini, penser
che porti iella. Quel movimento che aveva nel simbolo un
italiano, litaliano medio,
schiacciato da un torchio

La piazza
Ho trovato banale
il comizio
di Salvini a Roma.
Non cerano proposte
ebbe un boom impressionante
alla fine degli anni Quaranta,
ma poi altrettanto rapidamente si sgonfi fino a sparire.
Non pare il caso della Lega.
No, certo. Anche se, come
vediamo in questi giorni, anche quel partito non immune
da liti assassine. Del resto nemmeno la restante parte del centrodestra sta dando una splendida prova di s....
Quindi il paradosso di una
destra potenzialmente maggioranza ma che resta minoranza, come sostiene nel libro, destinato a perpetuarsi?
A questo paradosso forse
adesso una soluzione c: Matteo Renzi di sinistra o di destra?.
Secondo lei?
Secondo me molti moderati ora stanno con lui.
RIPRODUZIONE RISERVATA

14

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Il vitalizio
necessario
di Pillitteri

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il patto in extremis
Veneziani-Pd
per salvare lUnit
Accordo in
extremis
per lUnit.
Oggi era
lultimo
giorno per
evitare il
fallimento
della societ che editava il
quotidiano. Lintesa
giunta ieri sera, dopo
lincontro tra il nuovo socio
Guido Veneziani (foto),
editore anche di Stop e
Vero, il tesoriere pd
Francesco Bonifazi e il cdr:
riassunzione di 25
giornalisti, 16 a tempo
indeterminato e 9
collaboratori fissi. Meno
della met rispetto ai 57
preesistenti, ma pi della
decina delle previsioni
iniziali di Veneziani. Non si
sa ancora quando lUnit
torner davvero in edicola.
(Al. T.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le grandi manovre
per compattare
il fronte anti-Renzi
Grandi movimenti a
sinistra in vista delle due
assemblee della minoranza
Pd. Il presidente dei
deputati alla Camera,
Roberto Speranza, che
riunir Area riformista il 14
marzo a Bologna, ha
convocato per stasera a
Montecitorio i parlamentari
della sua componente, per
fare il punto sulle riforme e
coordinare le mosse del
fronte non renziano. Il 21
marzo allAcquario romano
toccher invece a Pier Luigi
Bersani salire sul palco di
una kermesse ancora pi
allargata, alla quale
prenderanno parte lo stesso
Speranza e i parlamentari
di Area riformista. Non
esistono due riunioni
contrapposte assicura
lex segretario del Pd . Io
nella mia vita non ho mai
lavorato contro qualcuno, il
senso di queste
manifestazioni la ricerca
di unit.
(M.Gu.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

15

Forza Italia sceglie Salvini al Nord


Ma resta il rebus in Campania

Dietro
le quinte

Il figlio Stefano, avvocato,


ex assessore del Comune
di Milano, glielo ha
ripetuto in tutte le salse.
Pap, non ti devi
preoccupare. Per legge
impossibile. Ma Paolo
Pillitteri, ex sindaco di
Milano, ex parlamentare,
cognato di Bettino Craxi,
sul taglio dei vitalizi a chi
subito una condanna non
sente ragioni e ieri alla
Zanzara ha fatto esplodere
la sua rabbia: Se mi
tolgono 3 mila euro al mese
ho un po di difficolt ad
arrivare a fine mese, una
vendetta inutile, non hanno
altri argomenti, vogliono
offrire al popolo scalpi,
cappi sventolati, dopo 20
anni dalla condanna e 15
anni dopo la mia
riabilitazione.
(M.Gian.)

POLITICA

Possibile un asse con Ncd a Napoli. Ipotesi lista di disturbo di DAnna


Tensioni
Non si
placano le
tensioni interne
a Forza Italia,
che da tempo
vede
Raffaele Fitto
contestare la
linea di Silvio
Berlusconi sul
modo di gestire
il partito e sulla
scelta della
classe dirigente
Lex ministro,
da sempre
contrario al
patto del
Nazareno,
accusa
Berlusconi di
subalternit a
Matteo Renzi e
invita il partito
a una vera
opposizione al
governo
La rottura
interna stata
plateale anche
sulla strategia
adottata da FI
nella partita del
Quirinale: dopo
lelezione di
Mattarella,
Fitto ha chiesto
la revoca di
tutte le cariche
del partito
Il 21 febbraio
scorso, poi,
leurodeputato
ha convocato a
Roma una
convention dei
Ricostruttori
(tra i quali una
quarantina di
parlamentari),
rimarcando la
volont di
portare avanti
la sua battaglia
dentro il partito
La reazione
berlusconiana
si vista in
Puglia, a Torino
e a Verbania,
dove il partito
(guidato da
fittiani) stato
commissariato

ROMA Questione di giorni e il


puzzle delle alleanze per Forza
Italia dovrebbe finalmente arrivare a una composizione. Con
una soluzione di compromesso per, il che la dice lunga sulle complicate prospettive del
centrodestra nei mesi a venire.
S perch, a meno di clamorosi
fatti nuovi, gli azzurri sigleranno lalleanza, riconfermandola,
con la Lega di Salvini in Veneto,
sostenendo Zaia, e con lNcd in
Campania.
Nonostante allex ministro
veneto avrebbe fatto piacere
mantenere lattuale maggioranza, non dovrebbe far parte
dellalleanza il partito di Alfano. vero che fino allultimo
momento lavoreremo per
unintesa, perch il centrodestra molto pi forte se non si
divide dice Altero Matteoli
che ha guidato il comitato azzurro per le candidature alle regionali, ma ormai in pochi credono che il veto di Salvini al
partito di Alfano possa cadere.
Molto pi probabile che, se To-

si decider di scendere in campo con una sua lista, lNcd e tutta Area popolare lo appoggi.
Ma non sarebbe rottura con
FI. Anzi, confermano gli azzurri, questa potrebbe essere lunica via duscita ad unimpasse
che rischia di far perdere tutti.
Berlusconi da giorni ha indicato ai suoi la rotta: va sostenuto
Zaia, non Tosi che ricordano
i suoi lo ha spesso e duramente attaccato. Lintesa con la
Lega di Salvini, per lex premier, un obiettivo primario. E
tanto pi lo se lalleanza con
lNcd verr comunque confermata in Campania, come sembra, a sostegno delluscente governatore Caldoro (lintesa pare
vicina anche per il sostegno co-

mune a Spacca, nelle Marche).


Non per detto che in Campania, unica regione che FI pu
cercare di conquistare con un
suo candidato, le cose filino lisce. A complicare il quadro ci
sono infatti due variabili. La
prima, che Salvini non decida
di presentare anche lui un candidato, in quella strategia di
sfondamento nazionale che caratterizza la sua segreteria che
per verrebbe percepita dagli
azzurri come un atto ostile.
Laltro rischio invece quello di
una guerra intestina.
forte infatti il timore che
uno dei senatori fedeli a Fitto
ed animatore della sua componente dei Ricostruttori
Vincenzo DAnna, eletto nel Pdl
e oggi nel Gal, vicino allex coordinatore Cosentino presenti una sua lista civica contro
Caldoro e a sostegno di De Luca. Spero davvero che DAnna
smentisca: sarebbe un fatto
grave spaccare il centrodestra
in una regione come la Campania dove Caldoro ha ben gover-

Le tensioni
Gelmini: sarebbe grave
se il partito si dividesse
in un territorio cruciale
Fitto: tutti con Caldoro

nato e merita di essere riconfermato avverte Mariastella


Gelmini, mandando un messaggio allex governatore pugliese.
Ma Fitto, da parte sua, tranchant: Sosteniamo tutti Caldoro, non esiste una lista DAnna scandisce, annunciando
che sabato sar a Napoli dove
terr una manifestazione alla
quale ha invitato Caldoro e tutti
i consiglieri e parlamentari azzurri. Insomma, la sfida resta
quella di condurre la battaglia
per il rinnovamento dallinterno del partito, resistendo a
quelli che i suoi denunciamo
come tentativi di epurazione
a partire dalla Puglia, dove il
prossimo 8 marzo si aprir la
campagna per le regionali con
Toti e Gasparri e senza di lui: da
tempo, spiegano, era fissato a
Palermo un appuntamento del
tour dei Ricostruttori, ma il
candidato Schittulli pu contare sul nostro appoggio.
Paola Di Caro

130
i parlamentari
di Forza Italia
(70 deputati a
Montecitorio
e 60 senatori
a Palazzo
Madama) che
fanno parte dei
gruppi dopo
la scissione
del Ncd

RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli scenari elettorali


Legenda

FI

Lega/Noi con Salvini

Ncd

Liste civiche

VENETO

LIGURIA

TOSCANA

MARCHE

UMBRIA

CAMPANIA

PUGLIA

Lega e FI insieme
per Luca Zaia; Ncd
tratta con Tosi per
un sostegno a una
sua candidatura

Lega con Edoardo


Rixi; FI con Federico
Garaventa; Ap
(Ncd-Udc) per
Raffaella Paita

FI e Ncd con
Gianni Lamioni;
Lega con Claudio
Borghi

Ncd e lista civica


Marche 2020
insieme con Gian
Mario Spacca. FI
e Lega interessate

Claudio Ricci
il candidato
di liste civiche,
Lega e Ncd;
FI deve decidere

Candidato
Stefano Caldoro
per FI e Ncd; Noi
con Salvini
potrebbe dire s

FI e Ncd con
Francesco
Schittulli.
Noi con Salvini
incerto

Gianni
Lamioni

Gian Mario
Spacca

Claudio
Ricci

Stefano
Caldoro

Francesco
Schittulli

Claudio
Borghi

Edoardo
Rixi
Luca
Zaia
Federico
Garaventa
Flavio
Tosi?

Raffaella
Paita
(Pd)

?
?

Corriere della Sera

E dopo il pranzo ad Arcore Repetti ci ripensa


La senatrice a colloquio da Berlusconi con Bondi: mi ha ascoltato, congelo le dimissioni
ROMA Le mie dimissioni da
Forza Italia sono congelate.
Berlusconi mi ha ascoltato. Su
molte cose mi ha dato ragione,
su altre ha chiesto un po di
tempo per pensarci. Quindi,
per adesso, rimango dove sono. Vediamo quello che succede.
Alle 5 di ieri pomeriggio Manuela Repetti sta per prendere
un aereo insieme al compagno
Sandro Bondi. Doveva essere il
suo primo giorno da ex senatrice di Forza Italia, scandito
dalla lettera al Corriere della
Sera in cui aveva annunciato
laddio a un partito ostaggio di
faide interne il cui unico fine
quello di spartire leredit politica. Doveva essere il giorno
del passo indietro dal berlusconismo morente, visto che
in corso una vera e propria
guerra interna a Forza Italia per
la successione. E invece, arrivato il passo indietro dal passo indietro. La senatrice di Novi
Ligure, compagna dellex coor-

dinatore forzista, non se ne va.


Rimane.
Perch di buon mattino,
proprio mentre la sua lettera al
Corriere apre lennesimo fronte
interno a FI, Berlusconi alza il
telefono e la invita ad Arcore.
Ho letto la tua lettera le dice lex premier . Venite a
pranzo qua tu e Sandro? Vorrei
parlare un po con voi. Un paio
dore e la coppia, che da tempo
denuncia lo stalking politico
di un pezzo del partito nei nostri confronti, varca il cancello
di villa San Martino.
A tavola si siedono solo loro
tre. Berlusconi da un lato, Repetti e Bondi dallaltro. Portata
dopo portata, il ghiaccio diventa acqua, il freddo caldo, lo
sconforto speranza. Presidente e se facessimo un confronto
democratico in cui ciascuno
possa partecipare con le sue
idee, chiamando a raccolta le
forze intellettuali per elaborare
proposte politiche? suggerisce lei. Perch no? Mi sembra

una buona idea risponde


comprensivo lui.
Bondi ascolta. E pi tardi dir che no, questa una cosa di
Manuela, io lho accompagnata
e basta, per me la politica una
cosa passata. Mentre lei, Repetti, pi entusiasta (lo si sente
dal tono della voce), sabbandona a un lo spero, guardi, lo

spero tanto che questa mia storia possa contribuire a un rinnovamento del partito. E le
accuse al cerchio magico? E le
faide interne? No, guardi, io

La lettera
Scrivendo
ieri al Corriere
Manuela
Repetti ha
annunciato
laddio
a Forza Italia

Troppe
T
faide, passo
al Misto
ha scritto la
senatrice. Ieri
la retromarcia

innanzitutto non ho menzionato le parole cerchio magico replica lei. Acqua passata,
almeno per ora.
Che non fosse aria di addii,
dopo il pranzo di Arcore, lo si
era capito dal modo in cui pochi testimoni avevano visto
Berlusconi mentre congedava
la coppia. Chi lo conosce bene
sa, infatti, che per gli addii lex
premier preferisce un abbraccio. Un silenzioso e lungo abbraccio che mai, nonostante
tutto, sono stato capace di dimenticare ha scritto nelle sue
memorie Vittorio Dotti, primo
capogruppo di Forza Italia alla
Camera (aveva abbandonato il
partito dopo il caso Ariosto), ricordando lultima volta che
aveva visto il Dottore. Con
Repetti e Bondi, invece, ieri c
stata una vigorosa stretta di
mano. E quel sorriso che lo accompagna da una vita. Ci vediamo presto, eh?.
Tommaso Labate
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

17

Esteri

No a un accordo con gli iraniani


Servir per ottenere latomica
Ma Obama non guarda neppure in tv il discorso di Netanyahu: nulla di nuovo
Assenti

Il premier
israeliano ha
accettato
linvito dei
Repubblicani a
tenere un
discorso a
Congresso
riunito, senza
accordarsi con
Obama

La reazione europea
Mogherini: aumentare
la paura non
appropriato, mentre
lavoriamo a un accordo

La Casa
Bianca ha
accusato
Netanyahu di
interferenze
con la politica
Usa, mentre
americani e
europei
cercano un
accordo con
lIran
Il discorso, a
due settimane
dalle elezioni
politiche in
Israele, per la
Casa Bianca d
a Netanyahu
unindebita
ribalta
Decine di
deputati
democratici e
una manciata
di senatori, tra
cui linfluente
Elizabeth
Warren (foto)
hanno
boicottato
levento

la collaborazione con Teheran


nella lotta allIsis: Sono la
stessa cosa, sono in lotta per
decidere chi comanda. Uno usa
i coltelli e YouTube, laltro i
missili...Il nemico del mio nemico il mio nemico. Netanyahu ha negato che lalternativa
al mancato accordo sia la guerra, se gli iraniani minacciano
di lasciare il tavolo, lasciateli
andare perch un bluff, ci
capita spesso nel bazar persiano. Quindi le sue condizioni:
Se Teheran vuole essere trattato da Paese normale si comporti in modo normale finendola con minacce e supporto al
terrorismo.
Netanyahu ha ripetuto che
un suo dovere proteggere Israele e lo far anche da solo, anche se certo che lAmerica sar sempre al fianco dello Stato
ebraico. Ma per ora le posizioni
sono lontanissime, come non
mai, con il riemergere del contrasto personale tra Obama e il

WASHINGTON Benjamin Bibi


Netanyahu si liberato dei convenevoli ringraziando Obama
per quanto ha fatto in favore di
Israele, poi ha caricato a testa
bassa denunciando la possibile
intesa sul nucleare iraniano. Lo
ha definito un cattivo accordo che porter i mullah alla
bomba. Il premier israeliano,
nel controverso discorso al
Congresso Usa, non ha rivelato
segreti, per ha calato mazzate
tra citazioni di Mos e scenari
catastrofici. Che non sono piaciuti alla Casa Bianca: solo retorica, nessuna alternativa concreta, stato il commento che
segnala il dissidio profondo,
quasi storico. Nulla di nuovo,
ha aggiunto Obama davanti alla telecamere, dopo aver rimarcato (e ostentato) di non aver
visto lintervento in quanto era
impegnato in colloqui con gli
alleati.
Lingresso di Netanyahu

stato trionfale, forse neppure


alla Knesset lo hanno accolto in
questo modo. Tre minuti di applausi dei congressisti e di
molti ospiti, compreso il Nobel
Elie Wiesel seduto accanto alla
moglie del premier, Sara. Entusiasti i repubblicani, meno i

democratici, tanto vero che


alcune decine hanno disertato
il discorso e quelli che erano in
platea raramente si sono alzati
per le standing ovation. Non
poteva essere diverso davanti a
unapparizione considerata
uno spot elettorale legato al-

Trattative

E Snowden vuole tornare negli Usa


Edward Snowden vorrebbe
tornare a casa. Anatoly
Kucherena, un legale russo
che assiste lex funzionario
della Nsa autore delle
clamorose rivelazioni sullo
spionaggio, ha sostenuto che
alcuni avvocati tedeschi e
statunitensi lavorano a questa
soluzione. Non un segreto,
si sta facendo il possibile per
trovare una strada ha

aggiunto durante la
presentazione di un libro. Lo
stesso Snowden, che oggi vive
in esilio in Russia, ha pi volte
manifestato lintenzione di
rientrare negli Stati Uniti. Per
ha posto come condizione
quella di avere la garanzia di
un processo equo. E sar
anche interessante
comprendere la posizione
delle autorit russe.

limminente voto in Israele.


Per Netanyahu un accordo
pericoloso in quanto, oltre a
rappresentare una minaccia,
contiene elementi inaccettabili. Primo: lascia intatto lapparato nucleare iraniano, nessun
sito sar smantellato. Secondo:
le restrizioni e i controlli internazionali non sono sufficienti
a fermare i mullah pronti a
truccare le carte. E su questo
punto il premier ha citato
lesempio della Corea del Nord
oggi armata di ordigni nucleari. Terzo i dieci anni di congelamento del programma chiesti
dagli Usa sono un periodo
troppo breve, come un battito
di ciglia. Quarto: lIran continuer a sviluppare missili intercontinentali, non inseriti in
alcuna intesa. Quinto: ci sar
una corsa al nucleare in tutto il
Medio Oriente.
Il capo del governo israeliano ha poi messo in guardia sul-

Podio
Il premier
israeliano
Benjamin
Netanyahu al
Congresso di
Washington.
Dietro lui,
il presidente
della Camera
John Boehner
e quello pro
tempore del
Senato Orrin
Hatch (Reuters)

premier. Una situazione senza


precedenti con un presidente
Usa che rimprovera il capo del
governo israeliano in diretta tv.
Irritazione ancora pi forte
perch lentrata a piedi uniti di
Bibi arrivata mentre in corso il negoziato con lIran.
Per questo Obama ha invitato ad aspettare laccordo prima
di giudicarlo e ha assicurato
che non firmer mai unintesa
che possa essere pericolosa.
Una posizione condivisa anche
da figure importanti democratiche e dagli alleati. Nancy Pelosi ha definito il discorso un
insulto allintelligenza del
presidente. La responsabile
della politica estera Ue, Federica Mogherini, ha sostenuto che
usare la paura in questi momenti non appropriato.
Il leader israeliano, dunque,
torna a casa con un busto di
Churchill, gli onori del Congresso e il sostegno di parte
dellestablishment politico
Usa. Un pacchetto che potr
aiutarlo nella prossima sfida
elettorale ma pagato, cinicamente, con la nuova crisi nel
rapporto con il presidente
americano. I fatti diranno se ne
valsa la pena.
Guido Olimpio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bufera su Hillary: da ministro usava la sua email privata


Ora non sar possibile rendere pubblica la corrispondenza. Il repubblicano Jeb Bush allattacco
Sistema
In base alle
procedure
Hillary Clinton,
nelle sue
funzioni di
segretario di
Stato, avrebbe
dovuto usare
il sistema di
posta
elettronica
governativo.
Per ragioni di
sicurezza e
per mantenere
copia delle
comunicazioni

WASHINGTON Hillary Clinton, negli anni alla guida del Dipartimento di Stato, non ha mai
usato un account email federale, ma il suo personale. Migliaia di documenti che in questo
modo resteranno coperti.
La storia, rivelata dal New
York Times, non rappresenta
certo un esempio di trasparenza. Ed un comportamento
che aumenta i sospetti sulla
passione per la segretezza
dei Clinton. O peggio: che Hillary si considera al di sopra delle regole. E di sicuro non una
bella cosa per chi pronta a
lanciarsi nella corsa verso la
Casa Bianca. Infatti, i repubblicani e non solo loro sono
passati allattacco invocando
chiarezza.
In base alle procedure, Hillary, durante la sua funzione di
segretario di Stato, avrebbe do-

vuto utilizzare il sistema di posta elettronica governativo. Per


ragioni, evidenti, di sicurezza e
anche per mantenere copia di
comunicazioni e contatti legati
alla sua attivit. Politica e storia
al tempo stesso. La Clinton, per, si guardato bene dal farlo
e ha continuato a spedire email
con un indirizzo personale e
privato. Solo due mesi fa, i suoi
assistenti hanno risposto alle
sollecitazioni dellArchivio nazionale e fornito decine di migliaia di messaggi. Ma non lintera corrispondenza. I collabo-

Selezione
Ha fornito allArchivio
nazionale migliaia di
messaggi (non lintera
corrispondenza)

ratori dellex segretario hanno


fatto una selezione dei documenti, quindi hanno scaricato
il malloppo di carte.
Latteggiamento non poteva
non sollevare polemiche. rarissimo che un alto funzionario
si comporti in questo modo e
inoltre rappresenta una grave
violazione. Solo in situazioni di
emergenza, o se esistono problemi tecnici al network federale, un ministro autorizzato
a far ricorso alla propria email.
Ma per Hillary non sembra essersi mai trovata in circostanze
tali. Da qui i commenti di sconcerto, uniti a rimproveri severi:
vergognoso che non siano
state seguite le disposizioni.
Rabbia a parte, lamministrazione pu fare ben poco.
Discorso diverso invece sul
fronte politico. inevitabile
che il comportamento della

Clinton sia diventato terreno di


scontro. Sullex segretario statunitense aleggia sempre lombra di Bengasi, con luccisione
da parte dei terroristi dellambasciatore americano in Libia
Chris Stevens. Vicenda dove
non tutto stato chiarito, pagi-

Inviata Hillary
Clinton , 67
anni, dal 2008
al 2012 ha
guidato la
diplomazia Usa
in giro per il
mondo

na nera alla quale hanno contribuito secondo i critici


gli errori di valutazione da parte del Dipartimento di Stato. E
sarebbe interessante leggere le
email della Clinton su un dossier che torna spesso nel dibattito interno.
Lerrore dellex first lady e
probabile candidata democratica nelle elezioni presidenziale per il 2016 si subito trasformata in una palla da schiacciare per i suoi avversari. A cominciare dal repubblicano Jeb
Bush che ha gi reso pubbliche
250 mila email del periodo in
cui era governatore della Florida. Ieri ha subito invitato la
possibile rivale a fare lo stesso
e senza esitazione. Ora la risposta tocca alla Clinton.
G. O.
@guidoolimpio
RIPRODUZIONE RISERVATA

18

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

ESTERI

LINTERVENTO LO SCRITTORE

UNO STATO PALESTINESE


GARANZIA PER ISRAELE
Impegno

Amos Oz, 65
anni, nativo di
Gerusalemme,
tra i massimi
scrittori
israeliani.
figlio di
immigrati
dallEuropa
orientale
Tra i suoi
libri: Una
storia di amore
e di tenebra e
Giuda, editi
in Italia da
Feltrinelli

niziamo dalla cosa pi importante,


una questione di vita o di morte:
Se non ci saranno due Stati, ce ne
sar solo uno;
Se ce ne sar uno solo, sar arabo;
Se sar arabo, chiss quale sar il
futuro dei nostri e dei loro figli.
Uno Stato arabo, quindi, dal mare al fiume. Non uno stato binazionale, poich gli
stati bi e multinazionali (tranne leccezione
svizzera) non hanno un futuro promettente: difatti tendono a frantumarsi o a dissanguarsi fino allannientamento.
E difatti, immaginare che palestinesi e
israeliani, che si sono inflitti finora reciprocamente tante e tali sofferenze, siano
disposti allimprovviso a voltar pagina e ad
accogliere una pacifica ed equa convivenza, appare a dir poco una chimera. Dopo
uneventuale separazione, in un futuro lontano, potrebbero anche adottare una qualche forma di cooperazione, ma non prima
che i palestinesi abbiano avuto modo di
sperimentare la libert e la dignit che
come ben sappiamo scaturiscono dallindipendenza. Pertanto, esclusa la realt
di due Stati, e relegato al dominio della
fantasia lipotesi del binazionalismo, ecco
che avanza minacciosa la prospettiva di un
unico Stato arabo in grado di cancellare il
nostro sogno sionista.
Nel tentativo di arginare una visione cos
funesta, questa terra dal fiume Giordano al mar Mediterraneo potrebbe essere
governata da una dittatura di fondamentalisti ebraici, caratterizzata dal fanatismo
razziale e capace di imporre la sua volont
sia alla maggioranza araba che allopposizione ebraica. Come si visto in gran parte
delle dittature delle minoranze nellera
contemporanea, anche questa non durer.
Dovr fare i conti con il boicottaggio internazionale, assistere a bagni di sangue interni, o entrambe le cose, finch non sar
costretta a cedere davanti allinevitabile:
uno Stato arabo dal fiume Giordano al mar
Mediterraneo. E la soluzione dei due Stati?
Molti di noi, che appoggiano questa prospettiva, sostengono che lattuale conflitto
non pu trovare soluzione in altro modo.
Ai loro occhi, Yasser Arafat era troppo forte
e intransigente, ma il suo successore Mahmoud Abbas (Abu Mazen), uomo ponderato e ragionevole, troppo debole. Pertanto
si manterrebbe in vita lopzione dei due
Stati tramite unoperazione di gestione
del conflitto.
Ma ahim, solo lestate scorsa abbiamo
vissuto sulla nostra pelle il significato di

Milano
Pinacoteca di Brera

Lalternativa una dittatura


dei fondamentalisti ebraici
o un unico Paese in mano araba
che ucciderebbe il sogno sionista
di Amos Oz

questa gestione, che ci condanna alla


prossima Guerra del Libano, e a unaltra
ancora; alla prossima Guerra di Gaza, e a
tutte le successive; come pure alla terza,
quarta e quinta Intifada a Gerusalemme e
in Cisgiordania, combattute nelle nostre
strade. Il collasso inevitabile dellAutorit
palestinese vedrebbe lemergere di Hamas
o di un successore ancor pi estremista,
mentre tutti sarebbero testimoni di uninfinit di morti da una parte e dallaltra.
Questa la realt della gestione del conflitto.
Infine, lidea di una possibile risoluzione
del conflitto merita uno sguardo pi approfondito: da un centinaio di anni a questa parte, non c stato un momento pi favorevole alla fine delle ostilit come oggi.
Non che i nostri vicini si siano convertiti al
Sionismo, n abbiano di colpo accettato il
nostro diritto a questa terra. Il motivo invece sta nel fatto che i principali attori politici
della regione Egitto, Giordania, Arabia
Saudita, gli altri Stati del Golfo e del Nord
Africa si ritrovano ad affrontare una minaccia di gran lunga pi imminente e catastrofica a lungo termine rispetto a Israele.
Per alcuni di loro, lIran al vertice nella
classifica delle forze del male. Per altri,
questa minaccia si chiama Isis. Ma sia
Teheran che lIsis sono la causa delle molte
notti insonni in tutte le capitali del Medio
Oriente, e su questo sfondo oggi Israele appare come parte della soluzione, se solo la
collaborazione con noi fosse legittimata e
rafforzata con la fine delloccupazione dei

Territori palestinesi e con il riconoscimento delle aspirazioni dei palestinesi verso


uno Stato proprio.
Dodici anni fa ci stata proposta lIniziativa saudita per la pace, in seguito sottoscritta (con qualche modifica) anche dalla
Lega araba. Non suggerisco di adottarla a
occhi chiusi, ma certamente vorrei che venissero coinvolti i sauditi ed altri partecipanti in una discussione sui nostri dubbi e
le nostre riserve. Una nostra risposta condizionata, ma positiva, a questo rovesciamento storico dellantica posizione araba
di rifiuto e chiusura totale sarebbe altamente auspicabile, e spalancherebbe la
porta alla collaborazione sia sulla proposta
dei due Stati che sulla sicurezza regionale.
La verit ineluttabile per quanto controversa che la Guerra dei sei giorni,
nel 1967, ha segnato la nostra ultima vittoria decisiva. Da allora, nessun risultato ottenuto pu essere considerato una vittoria,
perch in guerra il vincitore non necessariamente colui che infligge le distruzioni
peggiori, ma colui che ottiene il suo scopo.
Non avendo fissato alcun obiettivo politico
per le guerre pi recenti, non abbiamo potuto n aspettarci n dichiarare vittoria, e
lassenza di obiettivi il riflesso di una realt in cui nessuno dei nostri obiettivi nazionali pi raggiungibile con la forza.
Con questo non intendo dire che la forza
militare sia ormai inutile. Anzi, essa essenziale alla nostra stessa sopravvivenza.
Fin troppo spesso ci ha protetto dallannientamento, ed servita sia come deter-

Lidea di una possibile risoluzione del


conflitto merita uno sguardo approfondito:
da un centinaio di anni a questa parte, non
c stato un momento pi favorevole

rente, ma anche per sconfiggere tutti i nostri avversari laddove la deterrenza fallita.
La forza militare ha svolto egregiamente i
suoi compiti. Ma non confondiamo la legittima autodifesa dove non possono
esserci compromessi con lillusione di
imporre con la forza la nostra volont politica sugli altri.
questa la realt dei limiti della forza
militare, com stato dimostrato a pi riprese negli ultimi decenni, ed per questo
che sono giunto alla conclusione che la cosiddetta gestione del conflitto la ricetta
di nuove sventure. Essa destinata a fallire
e dovrebbe, anzi, cedere il passo a uno sforzo sincero e duraturo verso la soluzione del
conflitto.
Fin troppi israeliani si sono convinti che
basta utilizzare un bastone pi grosso e far
mostra di maggior risolutezza per educare gli arabi a sottomettersi alla nostra volont. Tuttavia, nel centesimo anniversario
di questo concetto fasullo, davanti alla prova schiacciante che il nostro bastone sempre pi grosso si rivela ogni volta inadeguato, giunto il momento di riconoscere larroganza e la futilit del voler convincerli
della nostra supremazia.
Eppure, la nostra politica ancora concepita per imporre la nostra volont con
luso della forza. Di conseguenza, in Cisgiordania, lAutorit palestinese sul
punto di crollare da un momento allaltro,
sbattendo la porta su importanti operazioni di coordinamento per la sicurezza e lasciandola invece spalancata a Hamas e ad
altri gruppi di estremisti pronti a occupare
gli spazi lasciati liberi.
I coloni e i loro sostenitori in patria e allestero ripetono che questa terra nostra
per diritto. E quale sarebbe questo diritto?
Non hanno ancora capito che il mondo
tra cui la maggioranza degli Stati arabi
riconosce il nostro diritto allo Stato di Israele allinterno della linea verde ma respinge senza mezzi termini la nostra occupazione dei restanti territori? Che riconosce il diritto dei palestinesi ad uno Stato accanto al nostro, ma respinge ogni pretesa
di ampliamento?
Questi coloni, molto simili in questo alla
loro controparte estremista tra i palestinesi, sembrano aver dimenticato che i diritti
per quanto divini se privi di legittimit internazionale devono restare confinati
alle sacre scritture, non entrare a far parte
del programma di governo.
Quando vantano il diritto esclusivo alla
Terra di Israele si rifanno al precetto reli-

4 dicembre 2014
22 marzo 2015
da marted a domenica 8.30-19.15
la biglietteria chiude alle 18.40

Bramante

a Milano

Le arti in Lombardia 1477-1499


Direzione Regionale
per i Beni Culturali e
Paesaggistici
della Lombardia

Soprintendenza
per i Beni Storici Artistici
ed Etnoantropologici
di Milano

la mostra stata resa possibile


grazie al sostegno di

media partner

sponsor tecnici

www.mostrabramantemilano.it - www.brera.beniculturali.it

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

gioso di non cedere un palmo di terra, e


quando pretendono di modificare la normativa che regola la Spianata delle moschee non si curano affatto dei sentimenti
di quanti ne condividono la sacralit. Ai loro occhi, offendere 200 milioni di arabi
solo una prova di forza per scatenare lo
scontro con un miliardo di musulmani in
tutto il mondo.
Allora io chiedo: quando reclamiamo il
diritto di pregare sulla Spianata delle moschee, siamo disposti a rinunciarvi finch
non verranno raggiunti gli accordi e che la
questione non sia pi fonte di divisioni e
scontri? A coloro che intendono scatenare
una guerra di religione sulle modalit di
preghiera io dico: non nel mio nome. Non
nel nome dei miei figli, dei miei nipoti,
non nel nome di tutti i miei cari e di tutti
coloro che sono daccordo con me.
sorprendente come persino la provocazione nei confronti degli arabi e dei musulmani non sembri soddisfare il loro appetito. Oggi assistiamo al tentativo di dettare le scelte politiche degli Stati Uniti, senza tener conto delle conseguenze per il
nostro principale alleato strategico. Nel favorire un connubio tra la nostra estrema
destra e la loro, nel tentativo di scalzare le
fondamenta tradizionali bipartisan di tali
rapporti, questi politici irresponsabili mettono a repentaglio la nostra sicurezza nazionale. Con presunzione essi vanno affermando: Il leader del mondo libero oggi
solo nella lotta contro la minaccia iraniana,
come osa Obama sbarrargli la strada?
La nostra storia ricca di esempi in cui
abbiamo sfidato il mondo e in pi di unoccasione i risultati sono stati catastrofici.
David Ben Gurion vedeva giusto quando ci
insegnava che lo Stato di Israele non sarebbe mai esistito senza lappoggio di un forte
alleato a livello globale. Oggi, per quanto
salda sia la nostra alleanza con gli Stati Uni-

ESTERI

ti, la sua permanenza non affatto scontata. Essa richiede rispetto e considerazione,
e certamente non deve essere sottoposta a
pressioni malevole e interessate.
In questo contesto, come in altri, occorre
distinguere ci che permanente da ci
che transitorio. La nostra alleanza con gli
Stati Uniti transitoria, e sta a noi investire
costantemente i nostri sforzi per mantenerla in vita. Daltro canto, la nostra presenza accanto alla Palestina e nel cuore del
mondo arabo una caratteristica permanente della nostra realt ed questa a dover dettare le nostre scelte. Allo stesso modo, la forza degli agenti ostili, dai terroristi
alle potenze nucleari, in fase di trasformazione. Pertanto, dobbiamo garantire in
permanenza la superiorit delle nostre capacit difensive. E per assicurarci che la nostra potenza difensiva sia sempre adeguata
per affrontare ogni eventuale minaccia,
nulla pi deleterio che prendere decisioni unilaterali; coalizzare la comunit internazionale contro di noi; e indebolire la nostra alleanza con gli Stati Uniti. Al contrario, guidare uno sforzo di pace dinamico
con i nostri vicini palestinesi sotto legida
dellIniziativa araba di pace far molto per
forgiare una coalizione di sostegno, regionale e internazionale, e disinnescare le tensioni nei territori, verso un rafforzamento
della sicurezza nazionale.

Il mio appello per la pace non fondato


su ingenue aspettative riguardo le difficolt nel superare le differenze o le sfide che ci
vengono poste dalle bocciature che riceviamo da ogni parte. La pace non un giocattolo su una mensola, che basta allungare
una mano per afferrarlo. N era semplicemente per il rifiuto di un pap Rabin,
Barak o Olmert poco importa di pagare
il prezzo che ne siamo stati privati cos a
lungo. Come dice il proverbio arabo: per
applaudire ci vogliono due mani. Bisogna
essere in due per ballare il tango attorno al
tavolo dei negoziati e la nostra controparte
palestinese ha contribuito non poco ai passati insuccessi. La colpa di tutti coloro
che sono stati coinvolti in questa vicenda,
parti terze e sostenitori inclusi.
Di conseguenza, non prometto nessuna
soluzione rapida verso un accordo; nessuna facile attuazione; n una panacea per il
giorno dopo. Ma prevedo gravissime conseguenze se non sapremo separare il nostro Paese da quello palestinese. Non mi
stancher mai di ripeterlo: ci saranno due
Stati se lo vorremo, oppure un unico Stato
arabo in mancanza di alternative.
Non me la sento di criticare i milioni di
israeliani che riconoscono la necessit di
dividere i territori ma non si fidano della
volont dei palestinesi di garantirci quello
di cui abbiamo pi bisogno: la sicurezza.

Aquilone
Un bambino
palestinese
con un
aquilone in
mano percorre
un vicolo
in salita
nella Citt
Vecchia di
Gerusalemme
(Ap/Maya Hitij)

Oggi assistiamo al tentativo, da parte di politici


irresponsabili, di dettare le scelte politiche
degli Stati Uniti, senza tener conto delle conseguenze
per il nostro principale alleato strategico

19

Capisco e condivido questi timori legittimi. Non li prendo alla leggera. Anzi, ritengo che occorre addossare al movimento
per la pace e ai suoi leader lulteriore responsabilit di vegliare attentamente sulle
questioni di sicurezza; di cercare nuove sedi per ribadirne la necessit e lattuazione
(come quelle offerte dallIniziativa araba
per la pace); e di convincere gli scettici della sua fattibilit.
La mia premessa sionista semplice e
diretta: non siamo soli su questa terra, n
siamo noi gli unici proprietari di Gerusalemme. Ai miei amici palestinesi dico lo
stesso: nemmeno voi siete soli qui. Questa
nostra piccola casa dovr essere suddivisa
in due appartamenti pi piccoli. E che vi sia
una buona recinzione tra le due propriet,
per garantire rapporti di buon vicinato.
Una volta divorziati, proviamo a coesistere gli uni accanto agli altri, lasciando alle
future generazioni il progetto di una possibile coabitazione confederata o di altro
genere. La nostra vita non un film di Hollywood con i buoni contro i cattivi, bens
una vera tragedia di due cause giuste in un
conflitto che genera sempre maggiori ingiustizie. Potranno continuare a scontrarsi,
infliggendo ancora pi lutti e sofferenze.
Oppure potranno cercare di riconciliarsi
tramite la separazione e il compromesso.
Nelle terre bibliche difficile misurarsi
con gli antichi profeti. Eppure, lecito affermare che in Medio Oriente la durata di
un mai o di un sempre va dai tre mesi
ai trentanni. Ci che era impossibile quando prestavo servizio in divisa durante la
Guerra dei sei giorni si trasformato in un
visto egiziano e giordano sul mio passaporto. Coloro che si opponevano aspramente a cedere un territorio tre volte pi
grande di Israele per sancire la pace con
lEgitto non immaginavano che quella pace
sarebbe durata per decenni, superando
prove durissime. I loro argomenti, allora e
adesso, contro la pace con i palestinesi rispecchiano lo stesso terrore dellignoto, la
stessa riluttanza ad assumere rischi nella
prospettiva di un futuro migliore, malgrado la certezza che lo status quo unillusione, che sar sostituita dallinaccettabile. E
proprio come i due precedenti con
lEgitto e la Giordania cos pure le nostre
dispute con la Palestina non saranno risolte dalla sera alla mattina. Eppure anche
qui, con una leadership illuminata, si potr
cancellare la parola impossibile.
(Traduzione di Rita Baldassarre)
RIPRODUZIONE RISERVATA

20

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

ESTERI

Polemiche ai funerali di Nemtsov


Esclusi i deputati dellEst Europa

Musica e politica

La violinista
Batiashvili
contro Gergiev
sulla Russia

Il blogger dissidente Navalny su Internet: Ucciso per ordine diretto di Putin


MOSCA Migliaia di persone
hanno fatto ieri la fila per rendere omaggio a Boris Nemtsov, lesponente dellopposizione assassinato il 27 febbraio. La camera ardente organizzata nel Centro che porta il
nome del pi famoso dissidente sovietico, il fisico Andrej
Sakharov, stata occasione di
una nuova forte polemica tra
la Russia e lUnione Europea.
Allo speaker del Senato polacco Bogdan Borusewicz e allex ministro lettone ed europarlamentare Sandra Kalniete
stato vietato lingresso in
Russia. Il presidente del Parlamento europeo Martin Shultz
ha parlato di un grave affronto e ha detto che interverr
nella maniera pi decisa con
le autorit russe. La risposta
del ministero degli Esteri di
Mosca stata una sorpresa per
i politici europei che hanno
rapporti con la Russia.
stato infatti rivelato che
esiste una lista di esponenti
della Ue ai quali non consentito lingresso nel Paese, come
risposta alle sanzioni varate
dallEuropa e che hanno vietato la concessione del visto europeo a 151 individui accusati
di avere a che fare con le iniziative russe in Crimea e nellEst
dellUcraina. A Borusewicz e
Kalniete, che volevano esprimere il rispetto europeo per
Nemtsov, sarebbe stata impedita la partecipazione ai funerali per una loro presunta attivit antirussa.
Di una controlista russa si
era parlato al momento dellannuncio dellelenco europeo, ma poi dal Cremlino non
stata divulgata alcuna comunicazione ufficiale. Ora si saputo che la lista esiste ma continuer a essere tenuta segre-

Il retroscena

di Marco Galluzzo

Gli incontri li ha chiesti


Matteo Renzi e il Cremlino,
come del resto il premier
ucraino, hanno immediatamente accettato. Se chiedi alla
Farnesina o a chi si occupa di
questi dossier a Palazzo Chigi,
rispondono che non c nessuna voglia del premier di scavalcare il ruolo che finora hanno avuto Parigi e Berlino, ma
non un segreto che nessuno ha il monopolio della pace e dunque ben venga qualsiasi sforzo, anche italiano,
per implementarla.
Lisolamento internazionale di Putin, le sanzioni economiche contro la Russia, hanno
nei mesi limitato i contatti del
Cremlino con gli alleati di una
volta: la Merkel e Hollande
hanno visto Putin e Poroshenko nella cornice del formato Normandia, nato a Deauville, eppure Putin riuscito lo stesso a bucare il cordone diplomatico che gli
stato imposto andando in Austria e in Ungheria, ricevendo
Hollande in aeroporto di ritorno dal Kazakhistan, a dicembre. Per non parlare delle
relazioni con Pechino. Insom-

Laddio
La figlia
di Nemtsov, Dina,
con la madre, la
giornalista
Ekaterina
Odintsova,
durante il
funerale

ta. La misura di ritorsione verr forse utilizzata anche in


futuro a seconda delle circostanze che si determineranno.
Il corteo dei russi che dalla
pi vicina stazione della metropolitana attendevano di entrare nel Centro Sakharov ha
raggiunto a un certo punto la

lunghezza di un chilometro.
Dopo la chiusura della camera
ardente, alcune migliaia di
persone erano ancora in attesa.
Tra quelli che sono sfilati
davanti alla bara aperta di
Nemtsov, che era stato anche
vice primo ministro con Boris

Eltsin, cerano la vedova dellex


presidente russo Naina e molti
personaggi che ancora ricoprono ruoli rilevanti nella vita
politica ed economica russa:
Anatolij Chubais, un altro dei
giovani leoni dellepoca Eltsin
che oggi guida la Societ statale per le nanotecnologie; lex
primo ministro Sergej Kiriyenko, capo dellEnte atomico; German Gref, ex ministro
dellEconomia e presidente
della Sberbank, la pi grande
banca pubblica; Aleksej Kudrin, ex ministro delle Finanze
e consulente di Vladimir Putin.
Per il governo cerano due
vice del primo ministro, Serg e j P r i k h o d ko e A r k a d i j
Dvorkovich, esponenti dellala
liberale e riformista. Pi tardi
si svolto il funerale nello
stesso cimitero dove sepolta
la giornalista Anna Politkovskaya uccisa nel 2006.
Non si sa se le indagini sullassassino e sui mandanti facciano passi avanti. Per Aleksej
Navalny, uno dei leader dellopposizione che in carcere
e non ha potuto partecipare ai
funerali, Nemtsov stato ucciso a seguito di una disposizione precisa dei vertici russi. La
mia idea ha detto pu essere smentita solo dalla scoperta della verit su esecutori e
mandanti dellomicidio. Il
presidente americano Barack
Obama ha detto che lattentato
il segno di un clima che
sta peggiorando in Russia, attirandosi le critiche del ministro degli Esteri Sergej Lavrov
che lo ha accusato di non essere in grado di esprimersi in
maniera decente.
Fabrizio Dragosei
@Drag6

DAL NOSTRO INVIATO

La vicenda

Lagguato
Venerd sera
sul ponte di
fronte al
Cremlino, un
killer spara a
Boris Nemtsov,
ex vicepremier
negli anni
Novanta e uno
dei leader della
opposizione a
Putin
La modella
Al suo fianco,
cera la
compagna e
modella
ventitreenne,
Anna
Duritskaya, che
gi tornata in
Ucraina. Prima
sarebbe stata
trattenuta a
lungo e
interrogata
senza un
avvocato
Laddio
Ieri si sono
svolti i funerali
di Nemtsov,
presenti i 28
ambasciatori
dellUe

E Renzi vola verso il Cremlino


Obiettivo: mediare con lUcraina
e coinvolgere Mosca sulla Libia
La visita
Il premier
arriva stasera
nella capitale
russa, dopo la
tappa a Kiev
dal presidente
ucraino Petro
Poroshenko
Riparte
domani
pomeriggio
dopo i colloqui
con Putin e con
il premier russo
Medvedev
Previsto un
incontro con
la comunit
del business
italiano
a Mosca

ma isolamento, ma sino a un
certo punto.
Anche per questo motivo
Renzi ha deciso di intraprendere la doppia missione: a
Kiev star poche ore, a Mosca
quasi un giorno, non sar un
vertice bilaterale, ma un incontro diplomatico di contesto esclusivamente internazionale: Libia e crisi Ucraina in
testa allagenda. Di sicuro lItalia ha finora mantenuto una
posizione pi pragmatica degli alleati del G7: Senza Mosca si perde un protagonista
di rilievo nel lotta al terrorismo, dalla Siria alla Libia la
linea di Renzi, che ha come
obiettivo quello di riportare in
modo graduale il Cremlino
nel suo ruolo naturale, attore
internazionale dal quale non
si pu prescindere in molte
aree di crisi, oltre che membro del Consiglio Onu.
Mosca si gi candidata per
un pattugliamento navale delle coste libiche, unaspirazione che al momento, visto la situazione e lo stato delle relazioni con gli altri attori della
crisi, appare pi velleitaria
che realistica. Ma che al con-

tempo descrive la voglia della


stessa Russia di tornare protagonista dopo il progressivo
isolamento, almeno se le sanzioni verranno ridotte nel
tempo.
Ovviamente Renzi ribadir
il messaggio che tutta la comunit internazionale ha finora veicolato su Mosca: una
violazione unilaterale del diritto internazionale resta da
condannare ed difficilmente
sanabile, si spera ora che gli
accordi di Minsk vengano attuati secondo gli step che sono stati definiti. Cosa che dipender da entrambi i protagonisti, che Renzi vedr in separata sede: oggi a Kiev Petro
Poroshenko, domani prima il
premier russo Dmitrij Medvedev, poi il presidente della Federazione, Vladimir Putin.
Di sicuro Renzi arriva a Mo-

Nessuna domanda
Dal Cremlino fanno
sapere che Renzi dopo
lincontro con Putin
non vuole domande

sca in un momento che non


potrebbe essere pi delicato,
lomicidio di Nemtsov, i sospetti e i gialli che vi ruotano
intorno, il coinvolgimento di
una fidanzata ucraina, le manifestazioni di protesta contro
il governo di questi giorni, anche sulla Piazza Rossa. Basta
poco per compromettere il
delicato equilibrio degli accordi del cosiddetto Minsk2.
Ieri pomeriggio Renzi ha
avuto una lunga videoconferenza con Barack Obama, Angela Merkel, Franois Hollande, David Cameron e Donald
Tusk. Al centro della conversazione proprio la questione
russo-ucraina alla luce della
implementazione del piano di
Minsk e la lotta al terrorismo,
in relazione in particolare alla
situazione in Libia.
Non casuale che il giro di
orizzonte sia avvenuto alla vigilia del viaggio del premier,
cos come sorprende sino a un
certo punto quello che hanno
comunicato i russi due giorni
fa: Renzi non vuole domande,
al termine degli incontri al
Cremlino.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FRANCOFORTE La Russia ha
sempre avuto problemi con la
democrazia, e quello che sta
avvenendo orribile, dice Lisa
Batiashvili, una delle violiniste
pi affermate nel mondo, in
una pausa della tourne in
Germania con Antonio
Pappano e lOrchestra di Santa
Cecilia.
nata 35 anni fa a Tbilisi, in
Georgia. Ma da tanto tempo
vive a Monaco di Baviera.
Dopo la caduta del Muro, nel
mio Paese ci fu il caos. Prima
un repentino cambio di
governo, poi una seconda
rivoluzione. E allora croll
tutto, crimini, corruzione,
mancavano acqua e elettricit,
non cera pi nulla. La Russia
non accetta lidea che i vecchi
Stati satelliti possano decidere
del proprio destino. La guerra
del 1991 in Ossezia, che fa parte
della Georgia, ha lasciato ferite
aperte, tuttora nelle mani dei
russi. Il movimento
indipendentista della Georgia
dallex Urss fu represso dalla
brutalit dei soldati russi. Mio
cugino era un attivista, fu lui a
trasmettermi passione
politica. Ma non pi
possibile controllare tutto, i
tempi sono cambiati, la nuova

Concertista Lisa Batiashvili

RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA

21

-5,3
miliardi di
euro, la perdita
nellinterscambio ItaliaRussia nel
2014 (-17%
sul 2013)
a causa delle
sanzioni

327
per cento la
crescita
dellexport
italiano verso
Mosca fra il
2000 e il 2013.
La crisi colpisce
soprattutto i
prodotti tessili

generazione viaggia, ha
Internet, ha idea di cosa sia
una societ democratica.
Quello che sta succedendo in
Russia, dallUcraina
allomicidio di Nemtsov, solo
la continuazione di qualcosa
cominciato dopo il Muro. Non
la prima volta che in Russia si
elimina un oppositore di
Putin, nessuno oggi si sente
pi sicuro a Mosca.
Lisa esce dal mondo ovattato
della musica e prende
posizione. Ma anche il suo
modo di vivere la musica
politico, coraggioso. Al
termine di un concerto con
lOrchestra di Rotterdam e il
celebre direttore Valery
Gergiev, amico personale di
Putin, Lisa ha suonato come
bis il brano Requiem per
lUcraina da lei
commissionato al compositore
georgiano Igor Loboda.
Gergiev non ne sapeva nulla,
lorchestra olandese fu
entusiasta. NellEuropa civile,
libera, tollerante, la Russia
appare lontana. Io dico che la
musica, qualche volta pu
essere utile, al di l della sua
bellezza.
A cena, dopo il concerto,
Gergiev (che ha messo la sua
firma a favore dellannessione
della Crimea), circondato dalla
sua corte, ha cominciato a
raccontare barzellette.
Nessuna parola del bis. Ma
chiese alla violinista di tenere
un altro concerto insieme. Lisa
Batiashvili non ha concesso
questo bis e ha rifiutato.
Valerio Cappelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

22

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

23

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

24

Cronache
Milano

Tir contro il bus degli studenti


Paura e feriti in autostrada
Un incidente stradale che poteva trasformarsi in
tragedia. Ma alla fine si concluso senza
vittime, con alcuni feriti (lievi) e tanta paura.
Poco prima delle 10 di ieri sullA4 nei pressi di
Agrate (poco distante dalla barriera di Milano
Est) un tir ha tamponato un bus con a bordo
alcune classi dellIstituto superiore Michele
Sanmicheli di Verona. I giovanissimi erano
diretti a Milano per una gita. Poco dopo lo
schianto il pullman si accartocciato su un
altro tir (Fotogramma). Una dinamica che ha
portato il camionista del primo camion a finire
intrappolato tra le lamiere: luomo stato
estratto salvo e portato allospedale San
Raffaele. I mezzi arrivati sul posto hanno
soccorso 42 persone tra studenti, insegnanti e
altri automobilisti: 35 persone sono state
portate in codice verde e altre 7 in codice giallo
(poi declassato a verde) negli ospedali milanesi
Niguarda e Sacco e nei pronto soccorso di
Vimercate e Cinisello. Tutti gli studenti hanno
riportato contusioni non gravi e sono poi
rientrati a Verona.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Luned 50 mila euro, poi le rate mensili


Palermo, il presidente della Camera di commercio Helg in cella per la tangente imposta a un ristoratore
Intercettato dai carabinieri mentre prende i soldi. Lho fatto per bisogno, mi hanno pignorato la casa
Lassegno a copertura dei 100 mila se lera gi
messo in tasca, mentre la busta
con 30 mila euro in contanti
campeggiava sulla scrivania,
accanto alla foto di Libero Grassi. Eppure, quando i carabinieri
sono sbucati nel suo ufficio, il
presidente della Camera di
commercio Roberto Helg, 78
anni, vice presidente della Gesap, societ che gestisce laeroporto Falcone e Borsellino, per
tanti anni alla guida di prestigiosi negozi nel cuore di Palermo, a parole baluardo della legalit, mille convegni con vittime di mafia, ha solo balbettato
di non sapere, non capire:
Che ne so io di quella busta?.
E lassegno? Mi sembrava un
bigliettino, non so come sia finito in tasca.
Hanno dovuto fargli risentire le sue parole pronunciate
con latteggiamento e lo slang
di un mafioso davanti al pasticciere che aveva chiesto il rinno-

PALERMO

Chi
Roberto
Helg, 78 anni
di Palermo,
stato un
imprenditore
sino al 2012.
commendatore
Nel maggio
2006 eletto
presidente
della Camera di
Commercio,
confermato nel
2011
Il 28 aprile
97 era
diventato
presidente
della
federazione
provinciale del
commercio,
turismo e
servizi (primo
di 4 mandati)
Dal luglio
2006 allaprile
del 2008 ha
guidato
Confcommercio Sicilia
Dal 2001
nel cda di
Gesap, che
gestisce
laeroporto di
Palermo, di cui
vicepresidente
Dal maggio
2000 al 2011
stato console
onorario della
Repubblica
Slovacca a
Palermo

vo dellaffitto per il suo negozio


in aeroporto, Santi Palazzolo.
Ma Helg preferiva parlare di
piccioli (soldi ndr): Cinquanta
(mila ndr) luned, prima del
Consiglio. Lavutri (gli altri
ndr), dieci al mese.
Pronto a tranquillizzare limprenditore imbottito dai carabinieri di microspie, alla vigilia
di un consiglio di amministrazione dove questo dottor Jekyll
e mister Hyde assicurava di potere pilotare lassegnazione:
Ho detto, ne rispondo io.
Senza fare nomi degli eventuali
complici. Fissando le modalit:
Tu hai un risparmio di 104 mila 440... E sei dentro, al dieci...
Lassegno mu tegnu sarbatu (lo
tengo conservato ndr). E poi
dai dieci (mila) a marzo, aprile,
maggio, giugno, luglio. Questo
il quadro. E Palazzolo, stando al gioco: Tu ci dici che dal 2
di aprile, ogni mese, li do a te.
Crolla cos un pezzo di sedicente antimafia che si fa mafia,

alla stregua di un boss: Perch


se non si fa come dico io, sei
fuori. E Palazzolo: So che ti
debbo ringraziare. Glielo aveva detto gioved scorso il pasticciere di considerare quel
rinnovo una questione di sopravvivenza. Ed Helg aveva
prospettato il quadro, riproposto luned sera nel suo ufficio, accanto allo sportello
per le denunce dei commercianti vessati dal racket. Ma
nella sua stanza, fra le targhe di
tanti convegni antimafia, si recitava il copione opposto. Ignaro che Palazzolo si fosse rivolto
ai carabinieri del comandante
Giuseppe De Riggi, del colonnello Salvatore Altavilla e del
maggiore Alberto Raucci, Helg
caduto nella trappola convocando la sua vittima in un palazzo a quellora deserto.
Lo stesso dove ieri mattina i
collaboratori lo aspettavano
per un convegno sullimprenditoria femminile, i lavori av-

Santi Palazzolo,
pasticcere
(Ansa/Lannino)

viati con la scusa di un ritardo,


senza sapere che dal suo ufficio
Helg era finito dritto in caserma, davanti al procuratore della Repubblica Francesco Lo Voi,
fino a mezzanotte, per poi transitare in carcere con laccusa di
estorsione.
In cella Helg ha sostanzialmente confessato, legando la

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ritratto

Dal fallimento dei suoi negozi


alla retorica nei convegni anti racket
PALERMO stato il procuratore
aggiunto Dino Petralia a manifestare lo stupore e il fastidio
per questa mazzetta da centomila euro trattata dentro uno
dei palazzi del potere e della
borghesia palermitana. Un
modo per sottolineare come
larresto di Roberto Helg alla
Camera di commercio sia una
bomba tutta interna al mondo
dei colletti bianchi e di una certa antimafia che riesce a farsi
beffare dagli impostori. Categoria della quale per tanti colleghi e amici di convegni antiracket Helg diventa ora lemblema. Con disappunto di Pina
Grassi, la vedova del coraggioso commerciante caduto nel
1991 per non essersi piegato alle estorsioni. Schifata: Questo
prendeva le tangenti sul tavolo
con la foto di mio marito e veniva ai nostri convegni....

Gi, aveva anche aperto un


ufficio anonimo, uno sportello amico per seguire con garantita massima discrezione
imprenditori e negozianti
pronti a denunciare soprusi e
richieste di pizzo. Deciso a istituire dei corsi dellantiracket in
tutte le camere di commercio.
Usando parole che finivano per
proiettarlo accanto ai ragazzi di
Addiopizzo, adesso disgustati
come la vedova di Libero Grassi.
Ma pochi serano accorti che
il presidente dei commercianti

Lindignazione
La vedova di Libero
Grassi: Incassava
il pizzo con la foto di
mio marito sul tavolo

con una sfilza di incarichi collezionati come le onorificenze


di Cavaliere del lavoro o di
commendatore al merito della
Repubblica era fallito. Paradosso tutto palermitano. Con il
megastore di Carini, con i negozi di via Ruggero Settimo, via
Emilia e via Parisi chiusi o passati di mano dal 2012, anno del
crollo di una famiglia che agli
articoli da regalo e arredo aveva
legato il suo nome dal 1954.
Cancellando infine tutto, compreso lelegante ristorante della
figlia Cinzia, a due passi da via
Libert, recentemente trasferitasi in via Mazzini, un localino
alla buona, in prova con altre
signore di una Palermo azzoppata dalla crisi.
Un tracollo da Helg sempre
indossato bene, come le sue
giacche curate, latteggiamento
signorile, uneducazione che fa

richiesta di denaro al fallimento dei negozi: Lho fatto perch mi hanno perfino pignorato la casa. Di qui la decisione
di tanti di costituirsi parte civile, dalla Confcommercio alla
Gesap, mentre rinuncia al
mandato difensivo lavvocato
Fabio Lanfranca, vicino agli
imprenditori antiracket.
Il caso ha anche richiamato
lattenzione del capo dellautorit anticorruzione Raffaele
Cantone: Fermo restando la
presunzione di innocenza,
evidente - ha detto - come in
questo mondo ci sia tanta ipocrisia e questa fa molti pi danni, ulteriori danni rispetto alla
stessa corruzione. Se un soggetto del genere parla di contrasto alla corruzione e poi viene arrestato il rischio vero che
si mette in discussione anche
la battaglia oltre alle sue parole.
Felice Cavallaro

Sotto accusa
Il presidente
della Camera
di commercio
di Palermo,
Roberto Helg,
arrestato
dai carabinieri
di Palermo
mentre
intascava
una tangente
(foto Fucarini)

a pugni con la registrazione


della mazzetta, pronto a minacciare querela se qualcuno
sazzardava a parlare di fallimento: Chi pu dirlo? Falliscono le societ, non gli uomini. E io sono qui in trincea.
Tuonava, deciso, anche contro
il Giornale di Sicilia che a dicembre aveva sbandierato il paradosso dando voce a Giuseppe
Todaro, un imprenditore sotto
scorta, vice presidente di Confindustria a Palermo, deciso a
criticare i commercianti: Nel
centro della citt il 90 per cento
paga il pizzo e tace.
Sera infuriato Helg, chiedendo a tutti di non rompere il
fronte antimafia, evitando cos
ulteriori attacchi da altre componenti come Addiopizzo o Libero Futuro. Fino al recente ritorno sulla scena per esprime-

re solidariet ad Antonello
Montante, il leader di Confindustria Sicilia a sua volta sotto
inchiesta per le presunte rivelazioni (tutte ancora da vagliare)
di alcuni pentiti.
Ecco il quadro che inquieta
davanti a questa nuova caduta
di un colletto bianco con libero
accesso nei labirinti del potere,
cavaliere dal 1976, dal 2000 per
dieci anni console onorario
della Repubblica Slovacca a Palermo con giurisdizione sullintera isola, protagonista immancabile a ogni ricevimento,
elegante alle prime del Teatro
Massimo, la passione per burraco e buon cibo al Circolo
Unione, il pi esclusivo.
Una vita doubleface, come
spesso capita nella citt dove
non solo politici, ma anche burocrati e professionisti vengono beccati con le mani nel sacco, stando allultima pesante
denuncia della Corte di Conti
che Helg non ha avuto il tempo
di commentare. Ma forse
avrebbe ripetuto la litania del
codice etico coniato per
spazzare via il pizzo, come
diceva e non faceva.
F. C.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Il caso

di Giovanni Bianconi

CRONACHE

25

Di Matteo, il Csm boccia la richiesta


per la superprocura antimafia
Un pentito in aula conferma i progetti di attentato: Andava fermato, era troppo avanti

R O M A La voce del pentito


echeggia dietro il paravento,
solo i giudici possono guardarlo in faccia quando ribadisce i
progetti di attentato che lhanno convinto cos sostiene
a rinnegare la mafia e collaborare con la giustizia. Uscito
dal carcere a settembre del
2012 racconta mi incontrai con altri esponenti di Cosa
nostra che discutevano di una
questione molto delicata riguardante il dottor Di Matteo.
unespressione che lex
boss del quartiere palermitano
dellAcquasanta, Vito Galatolo,
ripete pi volte durante la sua
deposizione nellaula-bunker
di Rebibbia, trasferta di un processo siciliano in cui si dibatte
di associazione mafiosa ed
estorsioni. Perch per spiegare
la genesi del suo pentimento
deve tornare alla questione
delicata, cio il piano per uccidere il pubblico ministero Nino Di Matteo. Messo in cantiere con il beneplacito del superlatitante Matteo Messina Denaro, richiesto dallo stesso
Galatolo. Il quale, arrivato il
via libera dellultimo Padrino stragista ancora latitante,
inizi ad occuparsene. Un anno
prima che Tot Riina cominciasse a inveire contro lo stesso
pm, nelle ormai famose intercettazioni nel cortile del carcere milanese di Opera.
Mi dissero che questo magistrato si doveva fermare perch stava andando troppo
avanti, stava entrando in cose
in cui non doveva, scandisce il
pentito. E comincia a svelare
un progetto di attentato da realizzare al palazzo di giustizia,
nella stradina dove passano i
detenuti per andare ai processi, abbandonato per sopravvenute difficolt logistiche. Lui
andrebbe ancora avanti, ma il
pubblico ministero lo blocca:
Ci sono indagini in corso, non
si dilunghi nei particolari. E
cos il racconto rimane a met,
ma restano gli allarmi ripetuti
sul conto di Di Matteo, alimen-

Magistrato
Il pubblico
ministero
Nino Di Matteo
(sopra) nato
a Palermo
53 anni fa.
entrato
in magistratura
nel 1991
come sostituto
procuratore
alla Direzione
distrettuale
antimafia
di Caltanissetta
(foto Campanini
/ Agf)

tati anche dalle rivelazioni di


G a l a to l o , c h e c o n c l u d e :
Quando mi arrestarono di
nuovo, nellestate del 2014, nel
carcere di Tolmezzo arriv un
compagno di detenzione che
mi rifer che Vincenzo Graziano (altro mafioso accusato dal
neo-pentito, ndr) era tornato
libero. Allora mi preoccupai,
perch Graziano aveva il tritolo
per lattentato a Di Matteo, e la
capacit di utilizzarlo; cominciai a sentirmi la coscienza
sporca, poi mi misero al 41
bis, pensai al futuro dei miei
figli e decisi di collaborare.
Le ricerche dellesplosivo
hanno dato finora esito negativo, ma lattendibilit di Galatolo (unita ad altri allarmi) ha fatto scattare un sistema di protezione al massimo livello per il
pm pi rappresentativo del
processo sulla presunta trattativa fra lo Stato e la mafia, nonch lindagine ancora aperta
sugli stessi fatti, foriera di continui accertamenti che vanno a
scavare sempre pi a ritroso.
Oggi Di Matteo il magistrato pi scortato e protetto dItalia, con i cani-poliziotto specializzati nel fiutare lesplosivo
sguinzagliati preventivamente
in ogni luogo pubblico dove
deve entrare. Nel frattempo ha

presentato diverse domande


per cambiare ufficio, e la scorsa
settimana la commissione del
Consiglio superiore della magistratura ha bocciato insieme a molte altre la sua domanda per diventare sostituto
procuratore della Direzione na-

zionale antimafia. Cerano tre


posti da coprire, e Di Matteo
era uno dei candidati. Ma la
commissione dellorgano di
autogoverno ha preferito altri
magistrati, considerati pi meritevoli: Eugenia Pontassuglia
della Procura di Bari, Marco Del

I 36 arresti nel Torinese

Rapine e droga:
in cella due bande

I carabinieri di Torino hanno sgominato due


bande arrestando 36 persone (4 sono latitanti)
per rapina a mano armata (Photomasi), furto,
sequestri-lampo e traffico internazionale di
droga. Per altri 15 scattato lobbligo di firma.

Gaudio di Napoli e Salvatore


Dolce di Catanzaro. Di Matteo,
che vantava diciotto anni di inquirente antimafia a Caltanissetta e a Palermo, rimasto
fuori, come Paolo Guido (anche lui pm palermitano di lungo corso, che abbandon il pool sulla trattativa perch in dissenso sulle conclusioni raggiunte) e altri.
per su Di Matteo che, vista la particolare situazione di
sovraesposizione dovuta anche
ai ripetuti allarmi sulla sua sicurezza, si stanno concentrando le discussioni allinterno del
Csm. Perch sebbene tutti sostengano che la scelta non
frutto di valutazioni negative
sulla professionalit del magistrato e sulle sue indagini,
pressoch scontata la lettura
da parte di qualcuno di una
bocciatura del pm divenuto
simbolo del travagliato processo sulla trattativa. Che tante polemiche ha gi provocato e
prevedibilmente continuer
a provocare.
La decisione finale spetta al
plenum, e potrebbe arrivare
gi oggi. Ma ieri a palazzo dei
Marescialli si discusso se
procedere oppure rinviare,
tentando di trovare altre soluzioni. Anche sentendo il diretto interessato per sondarne le
reali intenzioni ed eventuali
diverse possibilit. Che tuttavia non appaiono semplici. A
breve il Csm sar chiamato a
nominare un altro sostituto
procuratore alla Dna, ma circolano gi altri nomi, e c chi sostiene che per quel posto necessaria una domanda che Di
Matteo non avrebbe presentato. Cosa che invece ha fatto per
la Procura di Enna, incarico
per il quale altri pretendenti
sarebbero per in posizione
apparentemente migliore; e da
un ufficio direttivo potrebbe
essere pi complicato ottenere
lapplicazione al processo sulla
trattativa per portarlo a conclusione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel Fiorentino

Quattro denunce a Torino

Evade un internato
Scontava la pena
per matricidio

In rete video hard


con una 16enne
Poi il quiz: Chi ?

FIRENZE In tutta la Toscana


sono in corso le ricerche di un
internato dellospedale
psichiatrico giudiziario di
Montelupo (in provincia di
Firenze) che ieri fuggito
approfittando della
temporanea assenza di tre
operatori sociali con cui si
trovava. Alluomo, 45 anni, era
stata concessa la fine della
detenzione in comunit di
recupero su ordinanza del
magistrato di sorveglianza.
Luomo era in auto con i tre
operatori i quali, andando in
municipio a svolgere delle
pratiche, lo avrebbero lasciato
da solo. Anzich aspettare il
loro ritorno, il 45enne
scappato. Luomo otto anni fa
aveva ucciso la madre e lo
scorso anno era gi fuggito da
una comunit terapeutica, ma
poi era stato arrestato.

TORINO Un rapporto sessuale


tra una sedicenne ed un
giovane di 21 anni nel bagno di
una discoteca di Torino ripreso
in un video di un paio di
minuti e poi (allinsaputa della
coppia) pubblicato online .
Con tanto di riferimenti e foto
della ragazza per sfidare gli
utenti sui social a scoprirne
lidentit. La clip ha fatto il giro
del web dopo che lautore e tre
suoi amici, tutti maggiorenni
torinesi, lo avevano condiviso
su Facebook. I loro profili sono
stati presi dassalto dalle
richieste damicizia. Fino
allintervento della polizia
postale, che ha denunciato i
giovani per produzione e
diffusione di materiale
pedopornografico. La stessa
sorte potrebbe toccare a tutti
coloro che hanno condiviso il
video sul social network.

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

26

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

CRONACHE

La sfida al governo brasiliano


Un giudice: Battisti va espulso

la prima legge regionale

Biotestamento,
in Friuli il registro
per le dichiarazioni
anticipate

Si riapre il dibattito sullestradizione dellex terrorista. I legali: faremo ricorso


Chi

Cesare
Battisti, 60
anni, nel 1985
viene
condannato in
contumacia
allergastolo
per 4 omicidi, in
concorso,
durante gli anni
di piombo (in
alto, lex
terrorista da
giovane): le
vittime erano
Pierluigi
Torreggiani,
Lino Sabbadin,
Antonio
Santoro e
Andrea
Campagna
Latitante a
Parigi, poi in
Messico, di
nuovo a Parigi
fino al 2004,
poi la fuga in
Brasile. Nel
2007 viene
arrestato, tre
anni dopo il
presidente Lula
nega lestradizione in Italia,
decisione
confermata
dalla Corte
brasiliana l8
giugno 2011
che lo libera

RIO DE JANEIRO dalla notte di


San Silvestro del 2010 quando lallora presidente Lula fece
a Cesare Battisti il regalo dellimpunit che tra Italia e
Brasile si cerca la strada per annullare quella polemica decisione e ricondurre lex terrorista alla giustizia.
Ora a Brasilia ci prova una
giudice federale, decretandone
lespulsione dal Paese. Se liniziativa andr a buon fine, dopo
aver superato altri ostacoli giuridici, Battisti potrebbe infine
essere imbarcato su un aereo in
Brasile e venire arrestato a destinazione, dove lo attenderebbero certamente poliziotti
mandati dalla giustizia italiana.
Lex esponente dei Proletari
armati per il comunismo stato condannato allergastolo per
quattro omicidi avvenuti negli
anni 70. Latitante prima in
Francia poi in Brasile, ora vive
in un paesotto alla periferia di
San Paolo, con in tasca un visto
permanente di lavoro. Qui, in
quella che il latitante ha definito la sua nuova patria, il finale

Permesso illegale
La sentenza: illegale il
suo permesso di
soggiorno, vada
in Francia o Messico
del caso quattro anni fa suscit
altrettanta indignazione che in
Italia. Non c dunque da stupirsi se qualcuno prova a rimetterlo in discussione.
Ed proprio il visto di permanenza il punto debole secondo la signora Adverci Mendes de Abreu, giudice federale
a Brasilia. Oltre al fatto che Battisti entrato nel Paese con documenti falsi. Nei giorni scorsi
ha dato parere favorevole a una
richiesta del pubblico ministero federale, sostenendo che
Battisti non avrebbe mai potuto ottenere il permesso di soggiorno definitivo in Brasile, in
quanto condannato in via definitiva in altro Paese. Tecnicamente lespulsione dal Brasile
cosa assai diversa dallestradizione, chiesta invano per anni
dallItalia. Questultima non
pu essere riproposta, perch
la legge non ne permette il rie-

same, la parola finale del presidente della Repubblica e la


Costituzione chiara in questo
senso. Ma Battisti potrebbe essere invece dichiarato in situazione irregolare e accompagnato alla frontiera, come pu
accadere a qualunque straniero pescato senza i documenti
di permanenza. La giudice, anzi, cita espressamente Messico
o Francia come Paesi dove deportare Battisti, luoghi dove
lex terrorista ha vissuto dopo
aver lasciato lItalia e prima di
arrivare in Brasile.
Non si tratta per di una decisione definitiva, n potr essere eseguita immediatamente. La difesa di Battisti ha a disposizione quattro gradi della
giustizia brasiliana per presentare ricorso e i tempi sono lunghissimi.
I suoi avvocati argomenteranno che il provvedimento di
espulsione devessere respin-

to, in quanto contraddice decisioni di istanze come il Supremo tribunale federale e la stessa presidenza della Repubblica.
Protetto dal governo Lula, su
pressione di unala del Partito
dei Lavoratori, Battisti riuscito ad evitare lestradizione in
Italia in quanto il governo consider politici i suoi reati di
terrorismo. Il passaggio chiave
era stato il riconoscimento del
suo status di rifugiato, concessogli dal governo. Al momento di trovare il modo per
farlo vivere legalmente in Brasile, una commissione gover-

LIter
Restano altri quattro
gradi di giudizio e va
anche contraddetta
una decisione di Lula

nativa gli ha poi concesso un


visto permanente di lavoro.
Mentre in Italia ieri gi si
commemorava la presunta
espulsione di Battisti nella
frettolosa lettura della sentenza della giudice in Brasile gli
addetti ai lavori restano in prevalenza scettici.
Difficile, sostengono alcuni
giuristi, che un giudice di primo grado possa ribaltare la decisione dellAvvocatura generale dello Stato e del Supremo
Tribunal, che a sua volta aveva
lasciato la decisione finale al
capo dello Stato. Solo una decisione politica di Dilma Rousseff potrebbe in teoria riaprire
la vicenda. Ma perch la presidente dovrebbe dare uno
schiaffo al suo predecessore e
mentore Lula per una storia
della quale ormai si parla una
volta allanno?
Rocco Cotroneo

Nel 2011
Cesare Battisti
di fronte
alla casa di un
amico, per le
strade di
Cananeia,
nel litorale
di San Paolo.
Battisti fu
arrestato in
Brasile nel
2007: qui
rimasto in
carcere fino
al 9 giugno
2011 (Ansa/
Paulo Pinto)

Era nellaria. Ieri c stata la


legittimazione ufficiale. Il
consiglio regionale del Friuli
Venezia Giulia ha approvato
con 30 voti a favore, due
astenuti e tre contrari la
proposta di legge che
istituisce il Dat, il registro
regionale per le dichiarazioni
anticipate di trattamento
sanitario. La tessera sanitaria
sar lo strumento attraverso il
quale ogni medico potr
verificare ed eseguire le
volont dettate dal paziente
quando era pienamente
capace di intendere
e di volere. In assenza
di una legislazione nazionale
in materia, il dottore potr
rifiutarsi di rispettare le
richieste del malato, ma ormai
per i giudici non pi
prescindibile il precedente
Englaro. E non un caso
che la legge sul Dat (che
raccoglie anche le disposizioni
sulla donazione di organi e
tessuti) sia stata approvata in
Friuli Venezia Giulia, terra di
Beppino Englaro, nato in
provincia di Udine, citt in cui
nel 2009 mor sua figlia
Eluana. A lui la notizia
dellapprovazione stata data
dallestensore Stefano
Pustetto (Sel). Dice: un
primo passo avanti nella
direzione giusta. Ma non
Beppino Englaro a essere
contento: semmai lo sono
tutte le persone che in questo
modo si possono tutelare da
s, che sanno assumersi la
responsabilit della loro vita.
Certo, senza Eluana non
saremmo mai arrivati a
questo. Pustetto, a sua volta,
ha esultato: Quella di oggi
una data da incorniciare
per la nostra Regione,
un giorno speciale a favore
dei diritti e della libert di
scelta delle persone.
E ha auspicato che
lapprovazione della
legge spinga altre regioni a
legiferare. Orgoglio della
governatrice Deborah
Serracchiani: In un contesto
che dovr trovare normazione
nazionale, il Friuli Venezia
Giulia attiva la capacit
legislativa per contribuire a
mettere ordine, a livello
amministrativo, nella delicata
materia delle Dat.
El. Ser.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Placido Domingo, la raccomandazione e il giallo del San Carlo


La corsa per lincarico di sovrintendente al lirico di Napoli. Lettera (poi smentita) del tenore al sindaco
Al San Carlo di Napoli questa
volta va in scena un giallo. Protagonisti: il compositore con
ambizioni di sovrintendente, il
grande tenore presunto sponsor, una lettera di raccomandazione diffusa e poi smentita, e
una fotografia, lunica certezza
(ma non troppo).
Antefatto: il prestigioso teatro lirico partenopeo in cerca
di una guida, la sovrintendente
Rosanna Purchia dimissionaria (ma gode di molti sostegni
per una riconferma allinterno
del Consiglio di indirizzo dellente). Fino a due settimane fa
il candidato pi gettonato era
per Sergio Rendine, 60 anni,
compositore napoletano dal
curriculum non disprezzabile.
Per lui si mobilitano artisti di
chiara fama e, a sorpresa,
spunta pure una lettera mano-

Lo scatto Rendine e Domingo (a destra)

scritta di Placido Domingo dell11 febbraio. Il tenore spagnolo


si rivolge direttamente al sindaco Luigi de Magistris: Caro
Sindaco, complimenti per
quello che fai per Napoli. Stimo
molto il Maestro Rendine. Verr a Napoli con piacere per te e
per lui.

La lettera, con tanto di tu


affettuoso, probabilmente doveva restare riservata. Viene invece distribuita ai giornali,
Rendine decolla, ma il suo volo
si interrompe pochi giorni dopo, agli inizi di marzo. Nuova
missiva, sempre di Domingo,
sempre al primo cittadino,
questa volta usando il Lei:
Nei giorni scorsi alcuni quotidiani hanno riportato la notizia
di una lettera firmata di mio
pugno. Questa lettera da me
non mai stata scritta: non conosco il Maestro Rendine, n
personalmente n come musicista, ho solo avuto unoccasione dincontrarlo, insieme al resto del pubblico, dopo una recita di Macbeth a Berlino.
Una fucilata per il povero
Rendine. Che non ci sta, si rivolge a un avvocato, annuncia

querele e mostra la foto che ristabilirebbe la verit, la sua verit: uno accanto allaltro, Rendine sorridente, Domingo un
po meno. Sembrano in un camerino. Sulla sinistra, tradito
dallo specchio, lautore dello
scatto con iPad in mano. Non
un fotografo qualunque, ma il
direttore dorchestra Alberto
Veronesi. Che conferma: S, li
ho presentati io, cosa sia avvenuto poi tra loro non so. Posso
solo aggiungere che Domingo
non uno che dice il falso, e
Rendine un ottimo musicista
che io stesso ho sostenuto per
la guida del San Carlo.
Lincontro, come peraltro
conferma lo stesso Domingo,
c dunque stato. Per il legale di
Rendine, lavvocato Gino Bazzani, anche la lettera di raccomandazione autentica. Fare-

Lo scritto
La lettera manoscritta in cui
Placido Domingo avrebbe
sponsorizzato il maestro Sergio
Rendine. Ma il tenore spagnolo ha
smentito di averla scritta

mo una perizia annuncia al


Corriere , lo dimostreremo
senza ombra di dubbio. C
qualcuno che rimesta nel torbido, che sta facendo di tutto
per screditare il maestro, estrometterlo dalla corsa per la Sovrintendenza. Rendine non
ha molta voglia di parlare, ma
una frase basta: A Napoli si
pu morire. E non solo per un
colpo di pistola. Intanto il
Consiglio di indirizzo della
fondazione del San Carlo ha
scelto la via della gara internazionale. Gli aspiranti sovrintendenti potranno mandare il
proprio curriculum entro l11
marzo. Ma ci si riservati di
scegliere un nome anche tra
chi non mander niente. In nome della trasparenza.
Riccardo Bruno
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

CRONACHE

Si uccide lindustriale Ghisolfi


La chimica e la passione politica
Alessandria, colpo di fucile in auto. Chiamparino: grande innovatore, perdo un amico
Aveva finanziato anche la campagna di Matteo Renzi e partecipato alla Leopolda
Seduto nella sua Lexus, il fucile puntato in faccia. Guido
Ghisolfi, 58 anni, ha premuto il
grilletto e ha chiuso gli occhi
per sempre su un angolo della
periferia di Carbonara Scrivia,
vicino ad Alessandria.
Non era uno qualsiasi, questuomo che ieri ha deciso di
non voler pi vivere. Vicepresidente della seconda societ
chimica dItalia la multinazionale Mossi & Ghisolfi, leader mondiale del poliestere Pet
e biocarburanti Guido Ghisolfi era un imprenditore fra i
pi intraprendenti del Paese,
innovatore e anche appassionato di politica, al punto da finanziare Matteo Renzi fin dai
tempi delle primarie, quando
per sostenerlo vers decine di
migliaia di euro.
I carabinieri che stanno ricostruendo le sue ultime ore di
vita si dicono certi che sia stato
un suicidio. Qualsiasi altra
ipotesi destituita di ogni fondamento spiega uno degli investigatori che parla anche dellipotesi prevalente: Motivi
personali, non legati alla sua
attivit di imprenditore ma
pi probabilmente a una forma recente di depressione per
la quale si stava curando.
Silenzio dalla famiglia e da
Federchimica, mentre il presidente della Regione Piemonte
Sergio Chiamparino fa sapere

3
Miliardi
di dollari,
il fatturato
annuo
del gruppo
Mossi & Ghisolfi, fondato
nel 1953 e
controllato
dalla famiglia
Ghisolfi

2100
I dipendenti
dellazienda
che produce
polimeri e
biocarburanti
e ha sedi
in Europa, negli
Stati Uniti,
in Sudamerica
e in Asia

Al microfono
Guido Ghisolfi sul palco della stazione della Leopolda di Firenze
alla convention del 2013. Seduto al tavolo Matteo Renzi (Foto LaPresse)

di aver perso prima di tutto


un amico e che lItalia e il
Piemonte perdono un grande
imprenditore, un grande innovatore e un uomo di grandissima passione civile.
Laureato in ingegneria chimica al Politecnico di Torino,
Guido Ghisolfi aveva mosso i
primi passi nel mondo della
chimica facendo il ricercatore
fino a quando, nel 1984, non divenne capo della ricerca in
azienda. La ricerca era il suo
pallino. Innovazione per lui
sempre stata la parola chiave.
Della parte finanziaria dellazienda, invece, non si mai
curato molto.
Descritto come un imprenditore illuminato e lungimirante, attento alle questioni ecologiche, ha puntato tutto su tecnologia e prodotti chimici
davanguardia. E la Mossi &
Ghisolfi, nata come azienda
specializzata in imballaggi di
plastica per il packaging, soprattutto grazie a questo era diventata un Gruppo capace di
operare in Europa, negli Stati
Uniti, in Sud America e in Asia,
con pi di tre miliardi di dollari
di fatturato, 2.100 dipendenti e
oltre 100 ricercatori.
La leadership del Gruppo
nellinnovazione del settore del
Pet (polietilene per imballaggi), dellingegneria e dei prodotti chimici rinnovabili deri-

Chi era
Guido
Ghisolfi,
58 anni,
si era laureato
in ingegneria
chimica al
Politecnico

di Torino
e dal 1984
era entrato
nellazienda
chimica Mossi
& Ghisolfi
(nella foto gli
stabilimenti)
fondata nel
1953 dal padre
Attualmente
ricopriva la
carica di
vicepresidente
della societ

27

vati da biomasse non alimentari. Lo sviluppo aziendale degli


ultimi dieci anni, tanto per avere unidea, ha portato la produzione di poliesteri Pet da 600
mila a 1,7 milioni di tonnellate
annue.
Il 2013 era stato lanno doro.
stato allora che a Crescentino, in provincia di Vercelli, la
famiglia Ghisolfi ha inaugurato
un impianto in grado di produrre 75 mila tonnellate allanno di bioetanolo realizzato con
gli scarti delle produzioni agricole. Guido Ghisolfi in persona
aveva accolto lallora ministro
delle Attivit produttive Flavio
Zanonato per spiegargli i benefici della bio-raffineria e le potenzialit di mercato delle
energie alternative. E sempre
nel 2013, il Gruppo Mossi &
Ghisolfi ha avviato anche la costruzione di Corpus Christi,
stabilimento in Texas che sar

il pi grande al mondo per la


produzione di Pet e di un altro
prodotto che si chiama Pta.
In Italia, a parte lo stabilimento di Crescentino, la sede
del Gruppo a Tortona, in provincia di Alessandria. Fu l che
Vittorio Ghisolfi, padre di Guido e figlio di italiani emigrati in
Brasile, fond lazienda. Ventanni dopo era gi fra le prime
al mondo per la produzione di
imballaggi in plastica.
Marco Bardesono
Giusi Fasano
RIPRODUZIONE RISERVATA

Prima delle spese mediche assicuriamo la tua Salute

28

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

CRONACHE

In Giappone

Il caso

Ecco lisola dei gatti


(6 per ogni abitante)

Meno potere
al cardinale Pell
La scelta del Papa
sulleconomia

Il rapporto di sei a uno: sei gatti per ogni


umano residente nellisola Aoshima, nel
distretto di Ehime, Sud del Giappone.
Linsediamento dei felini venne favorito per
combattere i topi che non davano tregua ai
pescatori: nel 1945 lisola aveva oltre 900
abitanti e uno sparuto numero di gatti. Oggi
i mici sono i sovrani incontrastati di una
comunit di una ventina di persone sempre
pi anziane che vivono senza ristoranti,
auto, negozi o chioschi ( foto Reuters).

di M. Antonietta Calabr

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il dibattito Il Consiglio dEuropa condanna la Francia: non vieta le punizioni corporali sui bimbi
Nel 2012 il 25% dei genitori italiani parlava di schiaffi educativi. Gli psicologi Usa: una sconfitta

Undicesimo non sculacciare


di Paolo Di Stefano

n giorno Franti, il ragazzo cattivo di Cuor e , a s s i s te a u n o


spettacolo penoso:
un muratore caduto da unimpalcatura e si trova
per terra cadaverico e insanguinato. Che fa quel monellaccio
di Franti? Ride. Un uomo barbuto lo guarda, gli strappa il
berretto dalla testa e gli lascia
andare un ceffone sul viso:
Scopriti il capo, malnato,
quando passa un ferito sul lavoro!. Ben diverso il destino
di Pinocchio, che dopo la prima fuga da Geppetto viene riconsegnato da un carabiniere
al padre, che ha limpulso di
dargli una buona tiratina
dorecchi ma purtroppo si accorge che si dimenticato di
fargliele, le orecchie. Dunque
si accontenta di prenderlo per
la collottola per riportarselo a
casa minacciandolo. Ma le cose
si complicano, perch i passanti cominciano a sussurrare che
quellomaccio di Geppetto pare
un galantuomo, ma in realt
un manesco. Fatto sta che il povero Geppetto finir in prigione e Pinocchio riavr la libert.
Da una parte De Amicis con la
sua lezione morale. Dallaltra la

Le ricerche
Luso delle maniere
forti incrementa
anche laggressivit
nei giovani
beffa irridente di Collodi. Due
visioni opposte della pedagogia ottocentesca. Il risultato
che Pinocchio, tirato su a molliche di pane ed educazione antirepressiva, diventa un Garrone qualunque, mentre Franti,
espulso dalla scuola e additato
ad anti-modello teppistico, rimane linfame che era.
Da sempre ci si interroga se
sia meglio un sano ceffone
ogni tanto, per evitare di tirar
su figli bamboccioni o viziati,
oppure se le mani siano da tenere a freno in ogni caso. Centinaia di pagine sui manuali di
pedagogia familiare invitano
sempre pi ad abbandonare
qualunque forma di violenza
educativa. Del resto, anche il
Consiglio dEuropa non ha
dubbi e condanna (simbolicamente) la Francia che ancora
non prevede, tranne che in alcuni ambiti (tra cui la scuola),
un divieto sufficientemente
chiaro, vincolante e preciso
delle pene corporali, tra cui
schiaffi e sculacciate, violando
cos larticolo 17 della Carta eu-

ropea dei diritti sociali. Secondo lassociazione britannica


per la protezione dellinfanzia,
Approach, auspice delliniziativa europea, sarebbero cinque i Paesi da richiamare, e tra
questi c anche lItalia.
Nel Paese di Maria Montessori e di don Milani, ancora nel
2012, secondo Save the Children, per un quarto dei genitori lo schiaffo era un gesto
educativo. Ci non toglie che
fortunatamente le cose, in pochi decenni, siano cambiate radicalmente: non la bacchettata
ma il colpetto sulla nuca mollato dal prof di matematica, che
ancora negli anni Ottanta veniva tollerato, oggi sarebbe inac-

29

La misura
Il Consiglio
dEuropa oggi
condanner
simbolicamente la
Francia perch
non vieta in
modo esplicito
le punizioni
corporali dei
bimbi (tranne
che a scuola)

cettabile, anzi perseguibile per


legge. E se un Franti aggiornato
al 2015 si prendesse uno schiaffone in un luogo pubblico, per
strada o a scuola, scatterebbe la
denuncia penale della famiglia, sempre pronta a schierarsi
a difesa del pargolo, specie di
fronte a maestri e professori.
Daltra parte, ha ragione Gilles Lazimi, coordinatore della
campagna francese contro le
violenze educative, quando definisce eticamente non difendibile lo schiaffo a un bambino
in un Paese, come il suo, che
proibisce di colpire un animale. E le ricerche scientifiche
dimostrano lincremento di aggressivit in giovani cresciuti

con le maniere forti. Ma se


capita che pap e mamma
escono dai gangheri? Persino
lAmerican Academy of Pediatrics invita i genitori a non lasciarsi autoflagellare dai sensi
di colpa per lo scapaccione in
un momento di esasperazione.
Purch sia inserito in un contesto di abituale serenit, dialogo, affetto. Perdere il controllo
sempre un segno di impotenza e lunica dimostrazione di
autorit saper porre dei limiti
senza ricorrere alla minaccia
verbale (c anche quella!) o fisica. Per fortuna sia il mondo di
Franti sia quello di Pinocchio
sono lontani.
RIPRODUZIONE RISERVATA

27
I Paesi
del Consiglio
dEuropa
che nel 2014
hanno deciso di
prendere posizione contro
le punizioni
corporali sui
bambini. Sono
44 nel mondo

uesto decido e
stabilisco,
nonostante
qualsiasi disposizione in
contrario. Cos termina, il
Motu Proprio con il quale
Papa Francesco, in italiano,
ha promulgato il 22
febbraio gli Statuti, cio le
leggi che regolano i nuovi
organismi economici
vaticani, nati esattamente
un anno fa, come parte
sostanziale della riforma
della Curia. E cio: la
Segreteria dellEconomia,
guidata dal superprefetto
George Pell, il Consiglio per
lEconomia, guidato dal
cardinale Reinhard Marx, e
lUfficio del Revisore
generale. La pubblicazione
degli Statuti era molto
attesa perch da quanto
scritto, nero su bianco, si
sarebbe potuto valutare se
Pell sarebbe stato o no,
come lo ha subito
soprannominato la stampa
anglosassone, lo zar
delle finanze vaticane. Un
appellativo che da solo
basta a evocare un potere
assoluto di vita e di morte
su tutte le attivit
economiche del piccolo
Stato e della Santa Sede.
Non sar cos. Gli statuti
affidano alla Segreteria per
lEconomia funzioni di
controllo e vigilanza sulle
attivit economiche di
dicasteri e uffici vaticani
(con poteri rinforzati
rispetto a quelli finora
esercitati dalla Prefettura
degli Affari economici). Ma
quelle di amministrazione
si limiteranno ad appalti e
forniture (acquisti di beni e
servizi) e alla gestione del
personale (le assunzioni
rimangono sotto il
controllo della Segreteria di
Stato). La segreteria per
lEconomia, soprattutto,
non gestir i beni di
propriet del Vaticano in
particolare gli immobili,
come invece veniva indicato
dal Motu Proprio dell 8
luglio 2014 con cui
Francesco trasferiva al
nuovo superdicastero
guidato da Pell la sezione
ordinaria (cio quella
immobiliare) dellApsa,
lasciando a questultima le
funzioni di banca
centrale del Vaticano e di
Tesoreria dello Stato. Di
tutto questo non c pi
traccia nei nuovi Statuti. N
la Segreteria di Pell
amministrer il patrimonio
inestimabile di Propaganda
Fide. E neppure il Fondo
pensioni dei dipendenti e
dei cardinali (cui fornir
solo assistenza tecnica) che
continuer a essere in
carico alla Segreteria di
Stato. Un segno, questo,
che le obiezioni (formali e
sostanziali) ai
superpoteri affidati a
luglio al Ranger hanno
convinto Francesco, che
peraltro ha coniato il
soprannome. La formula:
Questo decido e
stabilisco, nonostante
qualsiasi disposizione in
contrario, abroga, infatti,
quanto deciso
precedentemente, sia pure
ad experimentum, cio in
prova.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

30

Tutti contro tutti Nel Paese dei campanili, divampa un


fenomeno nuovo: limplosione delle lobby. Allo scontro con il
nemico esterno si va sostituendo il conflitto intestino, sia nei
partiti sia in categorie professionali come i magistrati

ANALISI
E COMMENTI

SEGUE DALLA PRIMA

Il corsivo del giorno

LISIS SI BATTE
STACCANDOGLI
LA SPINA
SUI MEDIA

on che le categorie professionali abbiano smesso


di combattersi. Per dirne una, a febbraio il disegno di legge Concorrenza ha acceso livori e furori.
Derby fra notai e avvocati, dato che questi ultimi
potranno surrogare i primi nella compravendita
dimmobili fino a 100 mila euro. E contro gli avvocati pure i commercialisti (perch loro s e noi
no?). Infine geometri e architetti contro lapertura
del mercato privato alle societ dingegneria.
Mentre fra avvocati e medici, sempre il mese
scorso, s aperta una battaglia a colpi di spot televisivi. Da un lato, lesortazione a denunziare la
malasanit; dallaltro, la maledizione nei confronti degli avvoltoi dei risarcimenti.
Scaramucce, rispetto allo scontro che infuria in
ogni dove. Perch la notizia di giornata questa:
lo scontro sestende a tutti i corpi associativi, e
per lappunto si consuma al loro interno, volge in
lotta fratricida. Nella magistratura lunit delle
correnti, da sempre divise per accaparrarsi posizioni, e per sempre coese nella difesa corporativa del potere giudiziario, andata in fumo sulla
riforma della responsabilit civile: i moderati volevano lo sciopero, le correnti di sinistra no. Nel
frattempo si spacca Magistratura indipendente,
in sospetto di connivenza col governo per inter-

witter ha lanciato la
sua guerra allIsis.
Centinaia e
centinaia di
account della
piattaforma fatta di
brevi messaggi sono stati
chiusi perch legati a
simpatizzanti o membri del
movimento jihadista. I
militanti hanno replicato
con minacce di morte, tutte
da verificare ma che danno
lidea di quale sia il campo
di battaglia.
Lo Stato islamico vive delle
sue conquiste, per si
alimenta con una
propaganda formidabile.
Attacchi, attentati,
combattenti sono celebrati
con raffiche di post su
Internet. I video delle
esecuzioni diventano
unarma per sottolineare la
forza, terrorizzare il nemico
e creare difficolt ai
governi. Tutto questo per
reso possibile dalla
visibilit che noi
concediamo ai terroristi.
Una foto truculenta, le
immagini feroci sono
pubblicate in forme
diverse ovunque per poi
essere rilanciate
allinfinito. E spesso,
quando il movimento ha
patito sconfitte militari, ha
cercato la rivincita con una
sortita su Internet. Tattica
agile quanto efficace perch
ha comunque catturato
lattenzione.
Se vogliamo togliere
lossigeno allIsis
necessario imporre un
blackout sulla propaganda
dei tagliagole. Si pu
raccontare quello che fanno
senza mostrare il filmato o
lo scatto. Non necessario
mostrare il pilota nella
gabbia. Il problema come
arrivarci. Tv e giornali
possono imporsi un codice,
ma gli islamisti hanno a
disposizione gli altri canali
sul web, da Facebook a
YouTube. qui che serve
una risposta ancora pi
decisa in quanto lIsis
reagisce alla chiusura
aprendo nuovi profili in un
duello digitale che non ha
limiti o confini.
chiaro che c un prezzo
da pagare, si tratta pur
sempre di limiti alla
circolazione delle notizie,
esiste il timore della
censura preventiva. In
realt proprio la presenza
di molti strumenti
mediatici, a disposizione di
tutti, permette di restare
informati senza fare un
regalo a chi vuole
distruggere e gioisce dei
suoi massacri.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BEPPE GIACOBBE

di Guido Olimpio

IL CAOS DELLE REGOLE


DIVIDE LE PROFESSIONI
di Michele Ainis
posto sottosegretario (Cosimo Ferri); e Davigo
fonda una nuova corrente. Ma si spacca altres la
Cgil, dilaniata dal conflitto tra Camusso e Landini. Si spacca la Lega Pro del calcio (29 club contro
altri 29 sulla fiducia al presidente Macalli). E si
spacca, in generale, ogni categoria investita dalle
riforme del governo.

Cos, la riforma Delrio delle Province ha avuto


leffetto di porre i loro dipendenti contro gli altri
dipendenti pubblici. La riforma Giannini della
scuola promette dinnescare una contesa fra precari semplici e abilitati. La riforma Madia dellamministrazione, insieme al tetto sugli stipendi pubblici, ha riacceso il malanimo fra impiegati e dirigenti. I chirurghi sono sul piede di guerra contro il
comma 566 della legge di Stabilit, che li equipara
alle altre professioni sanitarie. A dicembre i giovani avvocati si sono rivoltati contro la Cassa forense: in seguito a un regolamento del governo, questultima ha trasformato i contributi previdenziali
in un salasso. Alluniversit la penuria di risorse
ha posto, ormai da tempo, i ricercatori contro i
professori. Con il futuro accorpamento dei tg, anche alla Rai si preannunziano lotte per la sopravvivenza. Senza dire del progetto dunificare le forze
di polizia, sempre annunciato e sempre rimandato: 5 corpi sono troppi, ma alla fine della giostra
c il rischio che ne rimanga in piedi uno soltanto,
con una pistola fumante tra le mani.
Dice: ma dopotutto non c di che allarmarsi, se
qualcuno sarrabbia significa che qualcuno ci rimette, significa perci che le riforme stanno cambiando la faccia plumbea di questo Paese. Vero,

Le istituzioni
Labuso dei decreti ha provocato
ruvide carezze tra presidente
della Camera e premier. E anche
le riforme hanno causato fratture

Su Corriere.it
Puoi
condividere sui
social network le
analisi dei nostri
editorialisti e
commentatori:
le trovi su
www.corriere.it

ma fino a un certo punto. Non se monta una rabbia di tutti contro tutti. Non se la divisione penetra come un coltello nel corpaccione dei partiti,
delle stesse istituzioni. A destra, Forza Italia
spaccata tra Berlusconi e Fitto, la Lega tra Zaia e
Tosi. A sinistra, il Pd ha pi correnti del Mar dei
Caraibi. Non solo nella minoranza, frastagliata tra
bersaniani, civatiani, lettiani, cuperliani, fioroniani, bindiani, dalemiani. Non solo in mezzo
con i Giovani turchi, un piede di qua, laltro di l.
No, anche la maggioranza si scheggia in varie minoranze. A breve con la benedizione di Delrio
il battesimo dei catto-renziani, autonomi e distinti dai renziani-renziani. Di questo passo lo
stesso Renzi finir tagliato in due come il visconte
dimezzato di Calvino.
Infine il seme della discordia mette radici nella
cittadella delle nostre istituzioni. Attraverso
labuso dei decreti, che ha provocato ruvide carezze fra la presidenza della Camera e quella del Consiglio. E di nuovo attraverso le riforme. La legge
elettorale, che distingue fra capilista bloccati e
candidati votati, alimentando un bel dubbio di legittimit costituzionale. Il Parlamento prossimo
venturo, con una Camera deletti e un Senato di
negletti. Divide et impera, dicevano i latini. Ma a
forza di dividere, nella bandiera italiana rimarranno soltanto le bande. Armate.
michele.ainis@uniroma3.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

LE INFRASTRUTTURE DEL WEB

PER PROMUOVERE LA BANDA LARGA


LA MANO PUBBLICA BENVENUTA
di Stefano Passigli

Internet LItalia non pu pi


attendere di sviluppare una Rete
davvero veloce. Quando liniziativa
privata non ne ha mezzi o capacit,
e quando le caratteristiche di
monopolio naturale lo impongono,
lintervento dello Stato pi che
giustificato. E persino virtuoso

aro direttore, che la


banda extra larga sia
decisiva per la competitivit del Paese
indiscutibile. Ma da
venti anni si discute sul come
realizzarla e lItalia oramai
agli ultimi posti in Europa. Eppure non fu sempre cos.
Quando il governo DAlema
mi nomin sottosegretario alla
Innovazione tecnologica, banda larga e superamento del digital divide indispensabili
per la modernizzazione della
pubblica amministrazione cui
si dedic con successo Franco
Bassanini erano parte rilevante del programma di governo. Al summit di Lisbona del
2000, dedicato a fissare gli
obiettivi di crescita per lEuropa, il premier convoc non solo il ministro degli Esteri ma
anche quello del Tesoro e me
per ribadire limportanza dellinnovazione per lo sviluppo
del Paese.
Ma di l a poco il governo
DAlema cadde, e al successivo
governo Amato un colpo di
mano parlamentare del centro-destra impose di utilizzare
gli ingenti proventi della vendita delle frequenze televisive
per diminuire lo stock di debito pubblico anzich investire
nella banda larga e nel sostegno alla ricerca. Dopo le elezioni del 2001, il governo Berlusconi trascur gli investimenti
nella banda, aggravando cos
un ritardo che solo la mano
pubblica avrebbe potuto alleviare, la sua origine essendo
dovuta allerrore di aver privatizzato Telecom senza mantenere pubblica la rete malgrado
la societ non avesse le risorse
per modernizzarla.
Le vicende successive hanno
aggravato il ritardo. noto che
lindebitamento delle compagini azionarie che hanno via
via controllato Telecom ha
portato la societ a privilegiare
elevati pay-out anzich investimenti per trasformare la rete
dal rame alla fibra. Del tutto
naturale, dunque, che Telecom
non avendo le risorse necessarie per investire nella fibra abbia negli anni sempre
difeso il suo controllo della rete esistente anche se avviata alla obsolescenza.
Questa posizione divenne
evidente nel 2006, quando, dopo la vittoria di Prodi, il tentativo di trovare un diverso assetto
per la modernizzazione della
rete fu fermato dalla divulgazione del cosiddetto piano
Rovati, che ipotizzava un ritorno della rete in mano pubblica a fronte di una corresponsione di liquidit che
avrebbe permesso a Telecom
di diminuire il suo consistente

indebitamento senza vendere


alcune delle sue controllate
estere come purtroppo avvenuto.
questo il punto cruciale
che sfugge ai molti che accusano di nostalgia statalista quanti sostengono la necessit di
un intervento pubblico per
promuovere la banda extra larga. Le reti sono dei monopoli
naturali che possono anche
essere possedute da un unico
player purch gestite sotto il
controllo di Autorit indipendenti, e gestite in maniera da
permettere a tutti gli operatori
pari condizioni di accesso.
quanto avvenuto in Italia per la
rete in rame.

Ma non pu essere questa la


soluzione se occorre operare
in tempi brevi ingenti investimenti in nuove reti a tecnologia avanzata. In queste condizioni occorre ricorrere a gestori indipendenti, come avviene
in molti Paesi; o a societ cui
partecipino tutti gli utilizzatori
della rete; o infine, quando
non siano possibili le suddette
soluzioni, a societ a controllo
pubblico sul modello di Snam
o di Terna.
quanto stato proposto a
lungo a Telecom, a Fastweb, e a
Metroweb (la pi estesa rete a
fibra ottica esistente nel nostro
Paese), con i buoni uffici di
Cassa depositi e prestiti. Ed
quanto, ancora una volta, stato rifiutato. Telecom una societ quotata che ha tutto il diritto di assumere liberamente
le proprie decisioni, e sarebbe
impensabile il ricorso ad atti di
imperio per rimediare lerrore
iniziale di aver privatizzato non
solo il servizio ma anche la rete. Ma altrettanto impensabile legare i destini della modernizzazione del nostro Paese a
quelli di unimpresa e dellequilibrio finanziario suo o
dei suoi azionisti. Parafrasando un celebre adagio, potremmo affermare che quanto
bene per Telecom (o per Fastweb) non necessariamente bene per lItalia.
E allora si accetti che Telecom, Metroweb e altri operato-

ri privati confluiscano in una


societ a controllo pubblico, o
la mano pubblica dovr procedere autonomamente. Quando
liniziativa privata non ne ha i
mezzi o le capacit, quando la
caratteristica di monopolio naturale lo impone, quando le
urgenze non consentono tempi lunghi, lintervento dello
Stato pi che giustificato anche in una economia di mercato, e talora persino virtuoso (si
ricordi il piano Sinigaglia per
la siderurgia che permise il
boom della nostra industria
metalmeccanica).
Date queste premesse, bene
ha fatto dunque il governo a
non adottare soluzioni eccessivamente lesive per Telecom,
ma bene ha fatto e bene far
a riservarsi spazi di autonoma azione adottando un piano
che appare realistico quanto a
mappatura del Paese, risorse
disponibili e tempi di attuazione, e incentivi per lutente finale, che senza ricorrere a controversi decreti promuoveranno un naturale switch-off dal
rame alla fibra.
Gli assetti proprietari e le dinamiche interne del nostro
campione nazionale o degli altri operatori non possono pregiudicare ulteriormente lo sviluppo di una infrastruttura indispensabile per il futuro del
nostro Paese.
Universit di Firenze
RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTI
DAL MONDO

Il vero problema?
La politica,
non gli immigrati
verit

La
sullimmigrazione in
Gran Bretagna molto pi
complessa di quanto
ammettano i nostri politici
scrive Rachel Sylvester su
The Times. Perch vero
che il 75% dei britannici,
secondo un sondaggio di
YouGov, pensa che il ritmo
di nuovi arrivi negli ultimi
10 anni sia stato troppo
rapido, ma solo il 15%
pensa che non ci sia alcun
beneficio dallimmigrazione.
E il vero problema che il
63% pensa che il governo
non abbia il controllo della
situazione. In sintesi, non
ha alcun senso usare toni
duri per conquistare voti.

I luddisti sbagliano
Il computer
non uccide il lavoro
Lord Byron era

Anche
luddista. Il poeta difese
gli inglesi che nellOttocento
rompevano le macchine
industriali: Credevano che
la tecnologia avrebbe creato
disoccupazione scrive
Walter Isaacson sul
Financial Times . Avevano
torto. Come sbagliano i
pessimisti di oggi, che
lamentano 200 milioni di
disoccupati nel mondo. Se
i computer togliessero
lavoro, saremmo gi tutti
disoccupati ribatte il
biografo del fondatore di
Apple Steve Jobs . Invece,
negli Usa i sistemi robotici
hanno creato, nel 2014, 3
milioni di nuovi posti.

Nelle citt indiane


troppi anziani
(e molto maltrattati)
India vivono 100

In
milioni di anziani. E il
loro numero triplicher nel
giro di trentanni, avverte
Harsh Mander su The
Hindustan Times. Il risultato
che una societ che fino a
ieri, per tradizione, onorava i
suoi vecchi, oggi mostra,
soprattutto nelle citt, i
primi gravi sintomi di
insopportazione. Gli abusi
sugli anziani attraversano
tutte le classi sociali: 4 su 10
sono vittima di abusi verbali,
3 su 10 di abbandono e un
terzo di mancanza di
rispetto. Secondo la met
degli intervistati, il problema
la dipendenza
economica dai propri figli.

a cura di Sara Gandolfi

31

RIFORMA
LA SCUOLA
MEDIA
LA GRANDE
DIMENTICATA

a riforma della scuola resta per ora al tempo futuro. Ancora un rinvio, anche se breve, e lammissione
che c bisogno di altro tempo e
di discussione: bisogna sentire
i ministri e poi anche lasciare
che il Parlamento si confronti,
ha detto il premier.
Dopo mesi di annunci sulla
scuola, un dibattito ostentatamente sottratto agli esperti,
il provvedimento che dovrebbe
cambiare il modello educativo, come lo ha definito il ministro Giannini, non ancora
pronto. Per i precari, che aspettano cattedra e posto fisso, ci
sar da portare pazienza, sperando che i tempi per lassunzione a settembre siano davvero garantiti come ha promesso
Renzi e che non si scoprano
cammin facendo altri buchi
nella rete dei provvedimenti
che marted prossimo dovrebbero essere licenziati dal governo. La bozza discussa ieri contiene molti rinvii a regolamenti
o norme che dovranno essere
scritte dopo lapprovazione del
provvedimento in Parlamento.
I temi della riforma, che il
ministro Giannini ha definito il
completamento della scuola
dellautonomia impostata da
Berlinguer nel 1998, sono stati
elencati di nuovo ieri sera nella
conferenza stampa. Inglese
con il Clil alle elementari, educazione fisica e musica, maggiore integrazione degli stranieri e poi una serie di iniziative che hanno la loro punta di
diamante nel potenziamento
dellalternanza scuola-lavoro
per le superiori.
Ma c una grande assente
nella riforma elaborata in questo anno, pressoch mai citata
nei lunghi dibattiti: la scuola
media. La pi grande innovazione scolastica del secolo
scorso, dopo cinquantanni, segna il passo: per organizzazione, programmi e struttura. Doveva servire a dare una preparazione di base a tutti. E cos
stato. Ma diventata il vero
moltiplicatore delle differenze
socio-economiche. Un triennio
dal quale i ragazzi escono senza una preparazione adeguata
ai tempi e senza le idee chiare
su che cosa fare dopo. Ed anche una delle cause principali
della dispersione scolastica
che rovina molti giovani subito
dopo la licenza media, portandoli ad addii prematuri. I numeri parlano da soli: al Sud un
ragazzo su quattro lascia la
scuola gi al primo biennio
delle superiori, mentre lEuropa ha fissato come obiettivo comune per il 2020 la soglia massima del 10% di abbandoni.
Ora che ci si resi conto che,
in assenza di unidea forte sulla
riforma, ci vuole un supplemento di lavoro, ci sarebbe da
pensare anche a questo: non
solo a come dividere il miliardo stanziato nella legge di Stabilit tra assunzioni di precari,
di cui nelle ultime ore si sono
persi anche i numeri, bonus,
scatti di stipendio, sgravi per le
scuole paritarie e fondi per i laboratori, ma anche a come raddrizzare quel ramo fragile della
scuola italiana, che ancora una
volta stato dimenticato. giusto per gli studenti pi deboli. Ma anche per i pi bravi e
fortunati, che meritano una
scuola finalmente al passo con
le sfide di questo secolo.
Gianna Fregonara
Orsola Riva
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

32

Unione Europea
Fondo Sociale Europeo

Repubblica Italiana

AVVISO DI GARA
E indetto il Progetto C.A.VAL.C.A.T.E (Conoscere, Approfondire, VALutare Competenze, Azioni, Trasferimenti in Europa) - Procedura aperta
per lappalto del servizio di individuazione e trasferimento di buone pratiche europee nei sistemi regionali dellalta formazione, occupabilit e
immigrazione del POR Sardegna FSE 2007/2013 - CIG 6136580204,
per un importo a base dasta di 429.000,00 IVA esclusa. Il servizio,
con durata massima di 8 mesi e fino al 31/12/2015, ha per oggetto le
attivit di valutazione delle esperienze riferite alle modalit di gestione
delle Autorit di Gestione non italiane specificate nel capitolato e sar
aggiudicato con il criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa.
Il termine per la ricezione delle offerte il 31/3/2015, ore 13.00. Il responsabile del procedimento il dott. Luca Galassi. Il bando integrale,
con capitolato doneri e disciplinare di gara, e relativi allegati, pubblicato sui siti www.regione.sardegna.it (nella sezione Bandi e gare
del menu servizi dedicata allAssessorato del Lavoro), www.sardegnaprogrammazione.it, ed a disposizione per la consultazione presso
lURP dellAssessorato - via XXVIII Febbraio n. 1, 09131 Cagliari,
0706067038. Il bando stato inviato alla Commissione Europea in data
19/2/2015 per la pubblicazione sulla GUUE.
Il Direttore del Servizio - Luca Galassi
FONDAZIONE IRCCS
Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico
Via F. Sforza, 28 - 20122 Milano
tel. 02/5503.8218 - fax 02/5830.6067
Responsabile del procedimento:
Dirigente U.O.C. Approvvigionamenti
E indetta procedura aperta, in unione dacquisto, con supporto
telematico, ai sensi dellart. 55 del d.l.vo n. 163/2006, con aggiudicazione a favore dellofferta al prezzo pi basso, come previsto
dallart. 82 del medesimo decreto, per aggiudicazione fornitura
di COLLE CHIRURGICHE ed EMOSTATICI DIVERSI necessari
alla Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, ente capofila ed alle A.O. Desio e Vimercate, A.O. Fatebenefratelli, A.O. Melegnano, A.O. Niguarda Ca Granda, IRCCS
Policlinico San Matteo, A.O. G. Salvini, A.O. San Gerardo, A.O.
San Paolo, IRCCS Istituto dei Tumori, A.O. Istituto Clinici di Perfezionamento, IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta e A.O. San
Carlo Borromeo, n. 7 lotti, per 36 mesi, eventualmente rinnovabile
per ulteriori 36 mesi. (Determina a contrattare n. 342 del
17.2.2015). Importo complessivo, triennale, posto a base dasta
2.017.978,20.= IVA esclusa. Bando di gara, inviato alla
GUCE in data 24.2.2015. La documentazione di gara (bando integrale, capitolato speciale e disciplinare di gara) potr essere
scaricata dal sito internet www.policlinico.mi.it (gare e concorsi/bandi di gara) oppure dal sito per le gare telematiche
www.arca.regione.lombardia.it - area SINTEL.
IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO - Dott.ssa Francesca Fancelli
IL DIRETTORE GENERALE - Dr. Luigi Macchi

ESTRATTO DI BANDO DI GARA


PER PROCEDURA RISTRETTA
1) Ente Appaltante: Aeroporti di Roma S.p.A. Via dellAeroporto di Fiumicino n. 320 - 00054 Fiumicino (RM) - https://vendor.i-faber.com/adr.
2) Appalto di lavori: ristrutturazione di un edificio
per uffici sito nel sedime dellaeroporto di
Fiumicino e destinato ad ospitare gli uffici di
Aeroporti di Roma S.p.A. I lavori di ristrutturazione interessano una superficie coperta di ca.
11.000 mq. C.I.G. n. 6135178D09
3) Importo complessivo dellappalto pari a Euro
12.236.913,64 cos articolato: a) importo a
corpo per lavori a base dasta pari a Euro
12.028.796,54 b) importo a corpo, non soggetto a ribasso, per oneri di sicurezza pari a Euro
208.117,10. Ai sensi e per gli effetti del D.P.R.
207/2010 richiesta la qualificazione nella categoria OG1, classifica VI.
Le parti di cui si compone lopera sono le
seguenti:
Categoria OG1 per Euro 5.519.559,10 - classifica
V (prevalente);
Categoria OS30 per Euro 3.003.230,47 - classifica IV (scorporabile/subappaltabile);
Categoria OS28 per Euro 2.946.412,64 - classifica IV (scorporabile/subappaltabile);
Categoria OG 3 per Euro 425.595,48 - classifica
II (scorporabile/subappaltabile);
Categoria OS 3 per Euro 342.115,95 - classifica II
(scorporabile/subappaltabile);
4) Aggiudicazione ai sensi dellart. 82, c. 2b) del
D.Lgs. 163/2006: prezzo pi basso.
Non sono ammesse offerte in aumento.
5) Le domande di partecipazione, comprensive di
tutte le dichiarazioni e/o documenti richiesti nella
sezione terza del bando di gara integrale, dovranno, a pena di esclusione, essere inserite, firmate
digitalmente, sul Portale acquisti ADR, in una
busta chiusa digitale, entro e non oltre le ore
12:00 del 18/3/2015.
6) Non stata pubblicata pre-informazione. Il bando
di gara integrale stato inviato allUfficio delle
Pubblicazioni Ufficiali dellUnione Europea il
25/02/2015, che lo ha ricevuto in pari data
ed pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della
Repubblica Italiana 5^ Serie Speciale n. 27/2015
del 04/03/2015 e sul sito web dellEnte Appaltante
www.adr.it.
Aeroporti di Roma S.p.A.
LAmministratore Delegato
Ing. L. Lo Presti

Per la pubblicit
legale e nanziaria
rivolgersi a:
Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano
Tel. 02 2584 6665 - Fax 02 2588 6114

COMUNE DI URGNANO - PROVINCIA DI BERGAMO


BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEL GESTORE DELLA FARMACIA COMUNALE
DI NUOVA ISTITUZIONE PERIODO 2015/2045
CIG: 6099904804 - N. Gara: 5908608
Denominazione Ente concedente: Comune di Urgnano - Via C. Battisti, 74 - 24059 Urgnano (BG) - Tel.
035.4871518/520 Fax 035.896746. Sito Internet: www.urgnano.eu - PEC: pec@pec.urgnano.eu. Oggetto della
Concessione: Affidamento della concessione di gestione della Farmacia Comunale di nuova istituzione. Durata
del contratto: dal 2015 fino al 2045. Importo presunto complessivo della Concessione: 1.200.000,00. (unmilioneduecentomilaeuro/00) al netto di I.V.A. (se dovuta) ai sensi di legge come determinato da perizia economica
agli atti di gara. Procedura di gara: Procedura aperta, ai sensi degli art 54 e 55 del D.Lgs. 163/2006 da aggiudicare mediante il criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa secondo i criteri e sub-criteri previsti dallart. 8.1 del Disciplinare di gara. Termine ultimo ricezione offerte e procedura di gara: le offerte dovranno essere
presentate con le modalit previste nel Disciplinare di gara entro le ore 12.30 del giorno 11/05/2015. Apertura
Buste: ore 9.30 del 12.05.2015 presso la sede municipale, Via C. Battisti, 74, sala Riunioni Area Affari Generali.
Indirizzo ove depositare le offerte: Comune di Urgnano/ Ufficio Protocollo - Via C. Battisti, 74 - 24059 Urgnano
(BG). Responsabile Unico del Procedimento: dott.ssa Maria Concetta Figura - Responsabile Area Affari Generali
- Tel. 035.4871520 - Fax 035.896746 - mail: segreteria@urgnano.eu.
Urgnano, 12/02/2015
IL FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO RESPONSABILE AREA
Dott.ssa Maria Concetta Figura

Via Campania, 59 C - 00187 Roma


Tel. 06 6882 8650 - Fax 06 6882 8682
Vico II San Nicola alla Dogana, 9
80133 Napoli
Tel. 081 49 777 11 - Fax 081 49 777 12
C.so Vittorio Emanuele II, 60
70122 Bari
Tel. 080 5760 111 - Fax 080 5760 126
RCS MediaGroup S.p.A.
Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

33

Economia
 




 
  %      "'''

  
/ &

&$
 00
%
%%+
% !0"
%
 !
"

"  
   
 
"' '
  !
" ' !
  "
' '
   

,#
0'#
0',#
0#
0'#
#
0#
'#
00(#

0,#
0#
0-#
0#

 
 .%
 .%
 .%
 .%

 
!! ''
' "
 '!


& 
 
$

  
 




#   
 
'!'!  

+ ---)0)(

 "

'!  ' "

+ -,)0)-0

 '

' " ' "

+ 0)0,),0 ! ''

""   '

+ 0)0)( ! "'

 ! " ''

La Lente

di Stefania Tamburello

Bce, il Consiglio
a rotazione
Bankitalia
non vota a Cipro

lla riunione del


Consiglio direttivo
della Bce che si
svolger domani a Cipro, il
governatore della Banca
dItalia, Ignazio Visco non
potr partecipare alle
eventuali votazioni. Con lui
si dovranno astenere lo
stesso governatore,
padrone di casa, e quelli di
Grecia e Lituania. Si tratta
del meccanismo di
rotazione scattato in
gennaio, quando i
componenti del Consiglio
sono aumentati a 19, per
semplificare le decisioni.
Visco non voter ma
parteciper come gli altri
alla discussione e quindi
anche alla formazione del
consenso che, se
riconosciuto prevalente dal
presidente Mario Draghi,
sostituisce il voto in molte
delle scelte del Consiglio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ferrari? italiana e rester in Italia


Marchionne: lo spostamento della sede legale unopzione ma la produzione rimarr a Maranello
Salgono le assunzioni a Melfi. Le rosse torneranno a vincere prima del 2018, lo dobbiamo ai tifosi
MILANO La Ferrari continuer a
fare tutte le sue vetture e a pagare le tasse in Italia. Non ci sarebbe notizia, in teoria: una
rossa costruita lontano da
Maranello semplicemente non
sarebbe una rossa. Fine del
mito, fine dei ricchi utili. Ma
evidente che, se Sergio Marchionne torna a precisarlo, una
ragione c. E sta sotto un capitolo gi scritto dalle altre societ del gruppo. Titolo: trasferimento della sede legale (e solo
di quella, qui). Ad Amsterdam.
Come hanno fatto Fca e Cnh.
Finora ipotizzarlo era una pura questione di logica. Con la
quotazione del 10% Ma la
domanda molto alta, stiamo
valutando se venderne di pi
e con lo scorporo il Cavallino
sar contendibile. Dunque a
Exor, cui andr il 24%, non baster lasse con il 10% di Piero
Ferrari contro eventuali scalate.
Perci era sembrato scontato il
percorso olandese. Perch la
relativa legge sul doppio voto alle azioni fedelt consente di
blindare il controllo molto pi
di quanto non faccia la normativa italiana. Cos, se non abbiamo ancora preso alcuna decisione, di fatto indirettamente
Marchionne conferma: Amsterdam non solo unipotesi, il Cavallino rester in tutto e per tutto tricolore ma uneventuale
holding a monte servir a favorire la quotazione. Invito conseguente: Non facciamo confusione. Non centra niente con
loperativit e il fisco. Che sia il
futuro di Maranello, a dominare la giornata del numero uno
di Fca e Ferrari al Salone di Ginevra insieme al presidenteazionista John Elkann, prevedibile. C spazio anche per un
pronostico sportivo: Ferrari
campione prima del 2018. Ma
non lunico tema. C presenza fissa la questione fusioni: nel consolidamento che
Marchionne giudica inevitabile,
e in cui vuole giocare da preda e
non da predatore, sar secondario chi compra chi, i merger
del passato sono una cosa preistorica: non serve una logica da
servo e padrone, servono fusio-

REGIONE CAMPANIA
AORN A. CARDARELLI
Via a. Cardarelli, 9
ESTRATTO BANDI DI GARA - PROCEDURA APERTA - CIG 59487328EF
Oggetto: Procedura aperta per lafidamento della fornitura in leasing operativo quinquennale
con opzione di riscatto di un sistema di Diagnostica per Immagini vari da destinare al Centro di
Biotecnologie dellAzienda Ospedaliera A. Cardarelli.
INDIZIONE:
- Amministrazione aggiudicatrice: A.O.R.N. A. Cardarelli - via A. Cardarelli n. 9 - 80131 Napoli Italia. - Tipo di procedura: Aperta. - Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente pi vantaggiosa. - Importo complessivo dellappalto: 666.000,00 oltre IVA. - Durata dellappalto: mesi
60. - Termine di presentazione delle offerte: ore 12.00 del 03.04.2015. - Esperimento della gara:
ore 10.00 del 08.04.2015. - Responsabile Unico del Procedimento: dott. ing. Ciro Verdoliva. - Pubblicazione su G.U.R.I. n. 14, del 02.02.2015. - Il Bando stato trasmesso alla G.U.U.E. in data
14.02.2015.
DESCRIZIONE DELLAPPALTO
Lappalto consiste nellacquisizione di un sistema di diagnostica per immagini nello specifico n. 1
Tomografo Computerizzato (TC) rigenerato da destinare al Centro di Biotecnologie dellAzienda Ospedaliera A. Cardarelli, grazie allerogazione di fondi ottenuti per uno schema di convenzione tra
lAzienda stessa ed il Consiglio Nazionale della Ricerche (CNR). Lappalto composto da una prima
fase in cui prevista la realizzazione di un progetto per lesecuzione dei lavori nei locali oggetto di
intervento per linstallazione della diagnostica, e da una seconda fase con relativa messa in esercizio
del sistema acquisito, e vincola il fornitore (aagiudicatario) a prestare tutti i servizi richiesti per un
periodo di 60 (sesanta) mesi, a decorrere dalla data di stipula del contratto. Lappalto composto
da un lotto unico e verr aggiudicato con il criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa, ai
sesni dellart. 83 del D.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei Contratti Pubblici - C.C.P.) nonch
dalle disposizioni contenute nel Bando di gara e nel Disciplinare di gara, in base ai criteri e sub.criteri
di valutazione indicati nellart. 7 ed alla ponderazione realativa attribuita a ciascuno di essi (punteggi
e sub-punteggi). Il testo integrale del bando di gara, del disciplinarew di gara e suoi allegati, del capitolato tecnico e dei fac-simile delle dichiarazioni ex DPR n. 445/2000, sono consultabili e scaricabili
dal profilo committente www.ospedalecardarelli.it.
Napoli, l 19.02.2015
Il Responsabile Unico del Procedimento - Dott.ing. Ciro Verdoliva

Strategie

Spinta sulla Cina


e cautela in Russia
aspettando
la ripresa europea

John Elkann e
Sergio
Marchionne
ritratti ieri davanti
alla Ferrari 488
GTB al Salone di
Ginevra, nel
giorno in cui la
Pininfarina
compie 85 anni e
60 di attivit con
Maranello

ni nel senso di cooperazione e


sviluppo industriale (per questo, probabilmente, definisce
non ideale un ipotetico matrimonio con Volkswagen). C
ancora, e anche questo ormai
un classico, la conferma del feeling con Matteo Renzi: Continui a fare il suo lavoro. Ho preso
parecchi insulti anchio: non se
ne preoccupi, ha dimostrato il
coraggio del cambiamento. Sul
palcoscenico della politica vedo
tanta gente che urla e mi viene
quasi da ridere: la disoccupazione sta calando, un po grazie
anche a noi, il Pil dicono sia positivo, lo spread sceso... Quale
altro obiettivo abbiamo?. Ci
sono, infine, le battute di alleg-

Cos a Piazza Affari


Landamento dallinizio dellanno
ieri
13,63 euro
-3,33%

12,95
11,35
9,74
8,14
6,54
4,93
gen mar
2014

mag

lug

set

nov

gen mar
2015
dArco

gerimento: dopo la visita a Mirafiori, dove il premier ha visto


il primo Suv Maserati ed rimasto impressionato dal nostro
impegno, gli faccio lofferta
pubblicamente: ci dica come lo
vuole, il Levante, e il primo
suo. Poi la blindatura la mette
lui. A questo punto: una Panda
blu a Sergio Mattarella no? Magari. Ma quella difficile da
blindare.
solo una parentesi. Perch
tra i tanti temi caldi, e di ben pi
stretta attualit, ce n uno che
Marchionne gi sfiora quando
accenna alla discesa della disoccupazione ed elogia il Jobs act.
Ginevra si apre ventiquattrore
dopo lintesa di Melfi: venti turni in cambio di oltre mille assunzioni stabili. E con la conferma della ripresa del mercato
italiano mentre ieri la notizia
che negli Usa, causa gelo e neve,
le vendite sono salite solo del
6% ha favorito i realizzi e portato
il titolo gi del 3,3% la novit
lannuncio che i nuovi ingressi
nella fabbrica lucana potrebbero salire a 1.900 dai 1.500 attuali (numero che comprende i
350 trasferimenti da Pomigliano e Cassino). Non solo: Se la
nuova Alfa e il Levante andranno bene come credo, penso che
di assunzioni ce ne saranno altre. Almeno a Cassino.
Raffaella Polato

10
per cento la
quota di Ferrari
che potrebbe
andare
in Borsa

6
per cento
la crescita
delle vendite
negli
Stati Uniti

2
mila
le assunzioni
nello
stabilimento
di Fiat-Chrysler
di Melfi

Un operaio del gruppo


automobilistico cinese Gac

RIPRODUZIONE RISERVATA

Rcs, risanamento positivo


Il presidente del Lingotto: Jovane, lavoro adeguato
Al Salone dellautomobile di Ginevra
i vertici di Fca sono stati interpellati dai
cronisti anche su Rcs MediaGroup,
gruppo editoriale che pubblica il Corriere della Sera e di cui Fiat-Chrysler
primo azionista con il 16,7%.
Lamministratore delegato del Lingotto Sergio Marchionne in conferenza
stampa ha detto che in Fca chi gestisce
la partita Rcs John Elkann. Siamo soddisfatti di come sta andando avanti la
partita e lo vedremo dai numeri, che dovrebbero essere decenti. Ha quindi aggiunto, con riferimento a Pietro Scott
Jovane, amministratore delegato di Rcs:
Jovane sta facendo un lavoro adeguato,
star poi agli azionisti risolvere gli eventuali problemi futuri.
E John Elkann, presidente di Fca ed
Exor, in visita agli stand del Salone con
la moglie Lavinia, i figli Oceano, Leone e

la sorella Ginevra (con il figlio Giacomo), ha dichiarato a margine che in Rcs


MediaGroup in corso unopera di risanamento, portata avanti con successo
dallattuale management, che le permette di avere prospettive positive per il
suo futuro. Rcs che, ha precisato
Elkann, societ che noi non controlliamo, presenter i risultati del 2014
nel Consiglio di amministrazione dell11
marzo. Siamo fiduciosi nellaver visto
come una societ quasi fallita nel 2012
si sia risanata.
E ha proseguito: Con La Stampa
abbiamo avuto un buon 2014, abbiamo
chiuso lanno in utile ed era tanto che
non succedeva, questo grazie al lavoro
fatto da tutta quanta la squadra.

S. Bo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Non prevedo una grande


crescita del mercato europeo
nel 2015, gi positivo che
salga dell1%, questa la cauta
previsione di Sergio
Marchionne. Il ceo di Fca vede
un orizzonte pi sereno, ma
sicuramente non ancora
limpido.Con la Russia che
rappresenta una turbolenza,
ma che comunque stiamo
controllando. Alfredo
Altavilla, responsabile della
regione Emea, sottolinea che
la Russia continua ad essere
un mercato molto importante,
lo stiamo monitorando con la
massima attenzione, in attesa
che la tensione economica si
risolva. Fca sta spingendo
sullacceleratore anche in Cina,
sempre Altavilla a precisare
che le linee produttive che
stiamo realizzando con Gac
sono ormai definite, pronte

Il board
Il board Rcs
torna a riunirsi
il 6 marzo per
continuare
lesame avviato
luned su
strategie e
cessioni. Sul
tavolo la
manifestazione
dinteresse di
Mondadori per
larea Libri

per assemblare il Cherokee che


arriver sul mercato nel primo
trimestre del 2016,
proseguiamo naturalmente la
produzione delle vetture Fiat
gi in atto (Viaggio e Ottimo).
Lalleanza firmata alla fine del
2014 prevedeva la costruzione
di tre modelli a marchio Jeep,
tra cui la Renegade, per
arrivare nel 2018 a vendere nel
primo mercato
automobilistico del mondo
circa 800mila veicoli.
Franois Olivier, responsabile
del brand Fiat, parla
dellevoluzione che il marchio
italiano ha avuto in America.
A Ginevra esposta una 500
Vintage 57 Edition, una vettura
nata negli Stati Uniti, con il
vecchio logo Fiat che ci ha
aiutato a guardare il mercato
in un modo diverso, le
americane hanno subito il
fascino di un prodotto latin
lover, con larrivo della 500X,
prima dellestate, verranno
cambiate ulteriormente le
regole del gioco, avremo una
4x4 in grado di affrontare
anche la neve.
Bianca Carretto
RIPRODUZIONE RISERVATA

34

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

ECONOMIA

Lavazza-Novamont

Dopo 5 anni di ricerca, arriva la capsula per il caff che non inquina,
interamente italiana, nata dalla sinergia tra Lavazza e Novamont. Si
tratta di una cialda che pu essere raccolta con il rifiuto umido e
avviata per il compostaggio industriale, dove capsula e caff
vengono riciclati insieme in concime naturale per il suolo. Gian Luca
Galletti, ministro dellAmbiente, la definisce una buona pratica,
perch la tecnologia industriale applicata ai processi produttivi il
futuro. La capsula , sul mercato nel 2016 - sar compatibile con la
macchina Lavazza Min e disponibile in due miscele 100% arabica.

Caff, arriva la
capsula che si ricicla
con i rifiuti umidi

MotorSport Academy
Lindustria dei motori entra in aula
Formazione, motori e lavoro. E previsto per il 7 marzo lopen day
di MotorSport Academy a Maranello, nella motor valley: la
divisione formazione di Experis MotorSport (Manpower) apre le
porte a chi vuole lavorare nel mondo dei motori. A Maranello i
potenziali studenti potranno conoscere le attivit e le proposte
formative del progetto sul Motorsport. Experis MotorSport seleziona
tecnici e ingegneri per i team delle gare sportive su 2 e 4 ruote.

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ilva, ok della Camera al decreto


Il salvataggio ora legge

Il caso
Lo stabilimento del passato
e il modello Bilbao per Taranto
nel libro del verde Bonelli
di Giusi Fasano

Via al prestito da 400 milioni con la garanzia dello Stato. I nodi sul rilancio
Via libera definitivo della
Camera dei Deputati alla legge
per la gestione commissariale
dellIlva di Taranto, che da domani potr cos accedere ai finanziamenti per la bonifica
ambientale ed il rilancio dellattivit. Per Taranto e per lIlva riparte la speranza ha scritto su Twitter il presidente del
Consiglio, Matteo Renzi, segnando anche questa notizia
nel filone de #lavoltabuona.
un progetto che riguarda tutta
la citt e non solo il polo siderurgico. Risaniamo e rilanciamo lIlva mettendo al centro la
tutela dellambiente ha continuato Renzi ribadendo limpegno a rimediare agli errori
fatti in quella citt.
La legge, approvata a Montecitorio con 284 voti favorevoli,
126 contrari e 50 astenuti, permette lavvio delle operazioni
di risanamento aziendale concedendo alla gestione commissariale fondi che potranno arrivare presto a due miliardi di
euro e interviene a favore delle

ROMA

imprese dellindotto. Ed anche il primo passo per il successivo intervento diretto dello
Stato nella gestione della societ, con la costituzione di una
nuova compagnia che affitter

dai commissari gli impianti


produttivi profittevoli, secondo un piano gi previsto dal decreto per favorire gli investimenti, anche questo allesame
della Camera.

Il rialzo della Banca centrale

In Ucraina
tassi al 30%

La Banca centrale dellUcraina,


guidata da Valeria Gontareva (foto),
ha alzato il tasso di riferimento dal
19,5% al 30% per frenare linflazione
(al 28,5% a gennaio), e la
svalutazione della moneta

Con la legge approvata ieri,


intanto, vengono subito messi
a disposizione dei commissari
156 milioni parcheggiati presso
la Fintecna, e relativi ad un vecchio contenzioso . Il provvedimento, poi, prevede un complesso meccanismo per rendere liquidi, e spendibili per le
operazioni di bonifica ambientale, 1,2 miliardi sequestrati alla famiglia Riva, proprietaria
dellazienda, ed in gran parte
bloccati presso le banche svizzere. La legge permette poi ai
commissari laccensione di un
prestito bancario, garantito
dallo Stato, per un importo di
400 milioni finalizzato al rilancio della produzione.
Le piccole e medie imprese
fornitrici dellIlva ottengono un
miglior trattamento fiscale dei
loro crediti, la sospensione del
pagamento delle quote di capitale sui mutui contratti fino al
2017 e di tutti i tributi fino al
prossimo 15 settembre.
M. Sen.

eBook

Il libro di
Angelo Bonelli
Good morning
diossina,
sottotitolo:
Taranto, un
caso italiano ed
europeo.
Dalleconomia
della diossina
alleconomia
della vita
possibile
scaricarlo
gratuitamente

na bambina formato gigante che infila


tulipani colorati nelle ciminiere
bianche e nere dellIlva. Quella bimba
il futuro possibile che arriva con i suoi
colori. I tulipani sono lalternativa, le chance
per cambiare tutto. Lo stabilimento il
passato, lontano e tetro. unimmagine che
racconta gi molto quella scelta da Angelo
Bonelli per la copertina del suo Good
morning diossina, sottotitolo: Taranto, un
caso italiano ed europeo. Dalleconomia
della diossina alleconomia della vita. Il
libro gratuito, edizioni Green european
foundation (si trova online allindirizzo
http://bit.ly/goodmorningdiossinabook).
Il leader dei Verdi ha messo assieme
storia, documenti (alcuni inediti), passaggi
giudiziari, testimonianze e confronti con
altre citt o aree dEuropa che sono state
capaci di trasformarsi. Bilbao, per esempio.
Un tempo polo siderurgico e oggi citt
bellissima in continua trasformazione. Ce la
possiamo fare anche noi convinto Bonelli,
e il messaggio di questo libro esattamente
questo. Chi sostiene che dopo lIlva a Taranto
ci sar il baratro avrebbe ragione se ci
facessimo cogliere da quel momento senza
aver pronta nessuna alternativa. Ma non pu
e non deve succedere. Lo dobbiamo a questa
citt, e a noi stessi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ci sono case
che nascondono
grandi segreti.
Entra.
Gioca su
miniaturista.bompiani.eu
e vinci un viaggio
ad Amsterdam!

@libribompiani

LibriBompiani

miniaturista.bompiani.eu

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Siena
MontePaschi,
tonfo del 9 per cento
Oggi laumento

ECONOMIA

Crollo in Borsa ieri del Montepaschi, che affronta oggi in consiglio di


amministrazione lapprovazione dellaumento di capitale da 3
miliardi di euro concordato con la Bce. Sospeso pi volte per eccesso
di ribasso, il titolo Mps ha chiuso a -9,91% a 0,55 euro. Forti gli
scambi con 254,8 milioni di pezzi passati di mano, pari al 4,9% del
capitale. Landamento, spiegano dalle sale operative, non sembra
trovare ragioni precise se non per le prese di profitto dopo che
nellultimo mese il titolo si apprezzato del 50% circa sulla scia delle
voci che indicavano larrivo di nuovi soci e in vista dellingresso dello
Stato per effetto del pagamento in azioni degli interessi sui Monti

La strategia di Hearst
Carta, digitale e tv
La priorit ai contenuti
MILANO una classica family
company. Cos family che neppure le banche delle quali
non ha comunque bisogno:
guadagna ed liquida hanno accesso ai suoi dati. Fosse
pur solo il fatturato. Non c
dubbio per che la Hearst Corporation, controllata dallomonima dinastia attraverso
un trust e gestita in totale autonomia dal management, sia
un colosso dellinformazione
(e non solo) mondiale.Ha 2o
mila dipendenti. Controlla 15
quotidiani (tutti negli Usa),
decine di brand di periodici
per 300 edizioni internazionali (Elle, Cosmopolitan, Marie
Claire le testate pi note pubblicate anche in Italia), televisioni (tra cui Espn e History
Channel), centrali di raccolta
pubblicitaria, case di produzione e persino una delle tre
agenzie di rating (Fitch). Alla
guida di una delle pi potenti
corazzate di questo impero
mediatico c Duncan Edwards. Inglese, 49 anni, presi-

Made in Italy
In Cina ci occupiamo
di vendere la pubblicit
dei marchi di lusso
italiani

dente e amministratore delegato di Hearst Magazines International. Un posto dosserva z i o n e p r i v i l e g i a to s u i


problemi, le sfide epocali, il
futuro delleditoria globale.
Vista da l: com la crisi?
Pi che di crisi parlerei di
cambiamento strutturale. Riguarda tutti i cosiddetti consumer media, stampa per prima.
Limpatto stato pesante, certo, e ha colpito su scala universale. chiaro che anche il
gruppo Hearst ne ha risentito,
ma i margini restano molto
buoni e gli ultimi tre bilanci
hanno registrato una crescita
con utili record. Gli stessi periodici continuano a guadagnare.
Vista da qui sembra impossibile.
Siamo un gruppo molto
diversificato e ben bilanciato,
e questo ci rende meno vulnerabili. Dopodich devi avere
buoni brand, buoni manager,
e non limitarti a tagliare, ma
investire. anche una questione di prospettiva. Se la parola

chiave cambiamento, il nostro lavoro navigarci dentro.


Sa quante mutazioni ha visto il
gruppo Hearst, in pi di un secolo? Pensi solo allarrivo della
televisione. Si era detto che
avrebbe ucciso la radio. E la radio pi viva che mai.
Quindi linformazione digitale non uccider i giornali
di carta?
Probabilmente no. Qualcuno, forse. Ma credo che la
carta abbia delle sue qualit
insostituibili. Penso soprattutto ai magazine di target alto,
come Elle, mentre certamente
limpresa sar pi sfidante
mano a mano che si scende.
Allo stesso tempo, noi sul digitale stiamo investendo, e molto, perch il problema vero
essere l dove sono i consumatori. Non c ragione per pensare che Elle o Cosmopolitan
non debbano essere importanti per il lettore digitale.
No, per difficile immaginarsi a sfogliare una rivista
patinata su un tablet o uno
smartphone.
Ma noi produciamo contenuti, non media. E il digitale ,
anche, aggiornamento continuo. Per dirla con uno slogan:
from months to moments (letteralmente dai mesi ai momenti, ndr).
Con questa filosofia avete
appena lanciato il Cosmopolitan digitale in Nigeria.
unaltra cosa difficile da immaginare: che nel Paese dilaniato da Boko Haram ci sia
spazio per letture leggere.
vero, il Paese vive una terribile tragedia. Ma grande e
la middle class cresce rapidamente. Lo spazio c.
Lo spazio lo vede anche in
Italia? Rafforzereste la vostra
presenza?
Da voi pubblichiamo le nostre maggiori testate e raccogliamo la pubblicit dei grandi
clienti, dalla moda al lusso,
che vogliono investire sui media esteri. Per darle unidea:
abbiamo un forte business in
Cina, e una grossa percentuale
legata proprio allItalia.
Okay. Ma investireste, qui?
Mi piacerebbe risponderle
s. Per, anche se siamo felici
di esserci, non il posto pi
semplice in cui fare affari. Comunque non siamo dogmatici: se ci fossero opportunit e
buone idee le considereremmo senzaltro.
Un modo educato per aggirare linvito.
Raffaella Polato
RIPRODUZIONE RISERVATA

bond. La ricapitalizzazione dovrebbe essere approvata


nellassemblea del 14 aprile che voter il bilancio (chiuso con 5,3
miliardi di perdite per le maxipulizie di bilancio) ed elegger il nuovo
consiglio di amministrazione. Una lista unitaria va presentata dai
soci pattisti Fondazione Mps (2,5%), Fintech (4,5%) e Btg Pactual
(2%). Nel frattempo al posto del dimissionario David Martinez
Guzman, fondatore di Fintech, che ha lasciato per troppi impegni,
dovrebbe essere cooptato nel board largentino Christian Whamond,
responsabile degli investimenti azionari di Fintech dal 2012.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Salva imprese, nel capitale


anche gli enti previdenziali

Duncan Edwards
Hearst
una family
company
colosso
mondiale
dellinformazione, proprietario di
Fitch, Duncan
Edwards,
inglese, 49
anni, guida la
Hearst
Magazines
International

35

Slittano al 2016 gli stress test Eba sulle banche previsti questanno
Anche gli enti previdenziali potranno partecipare al
capitale della nuova spa salvaimprese. Lo prevede un
emendamento al decreto sulla
banche popolari depositato alle commissioni Finanze e Attivit produttive della Camera
dai relatori, Marco Causi e Luigi Taranto (entrambi Pd). Aumentano inoltre le garanzie
statutarie a vantaggio dei soci
che non si avvalgono della prevista garanzia statale. Si prevede poi che lo schema di decreto sulla garanzia statale vada
comunicato ai competenti organi dellUnione europea.
Attualmente la norma prevede lingresso nel capitale della
societ per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle
imprese, che abbiano comunque adeguate prospettive industriali e di mercato, solo
per investitori istituzionali e
professionali. In questo modo
invece potranno entrare anche
Inps o Inail, ma non potranno
avere la maggioranza. Lemen-

ROMA

Banchiere

Ettore
Caselli, 72 anni,
presidente di
Assopopolari.
numero uno
della Banca
popolare
dellEmilia
Romagna.
consigliere
dellAbi e
vicepresidente
di Icbpi, istituto
centrale
delle banche
popolari

La storia

di Paolo Ottolina

Il profilo

DAL NOSTRO INVIATO

Quando si parla
di produrre personal computer
ma anche smartphone come
per Paperon de' Paperoni: ogni
centesimo conta. Perch un costo di 1 dollaro in pi moltiplicato 60 milioni di unit fa 60
milioni. Il segreto nella tecnologia sempre leconomia di
scala. E poi unestrema eccellenza nelle operazioni. Infine
gli utili vanno reinvestiti nellinnovazione. Detta cos la ricetta sembra semplice (anche
se poi non lo metterla in pratica). A spiegare il segreto del
colosso cinese Lenovo Gianfranco Lanci. Uno dei pochi italiani a occupare un ruolo di
vertice in un gigante dellelettronica di consumo. Gi ceo
della taiwanese Acer, lingegnere laureato al Politecnico di
Torino ora vicepresidente
esecutivo di Lenovo. Di fatto il
numero 2 dellazienda, da tempo leader mondiale nei computer e ora dopo lacquisto di
Motorola anche sul podio degli smartphone dietro Samsung e Apple. Con lambizione
di ripetere il percorso vincente
fatto nei pc.
Motorola pu essere la chiave per puntare ancora pi in alto. Eppure Google se ne era liberata circa un anno fa, scaricandola a Lenovo per meno di
3 miliardi di dollari (per acquistarla ne aveva pagati 12, nel
2012). I conti della casa americana sono gi in miglioramento: entro 12-18 mesi potr tornare in utile, dopo anni di perBARCELLONA

Gianfranco
Lanci,
ingegnere,
laureato al
Politecnico
di Torino,
vicepresidente
esecutivo della
cinese Lenovo.
In passato ha
ricoperto il
ruolo di
amministratore
delegato della
taiwanese Acer

Promotore
Pier Carlo
Padoan, ministro dellEconomia, ha
promosso il
progetto fondo
salva imprese

damento dei relatori prevede


inoltre di allargare il campo di
azione della spa al rilancio di
tutte le imprese in crisi, non
solo quelle industriali (come
previsto ora) e di favorire processi di consolidamento occupazionale oltre che industriale.
Nel decreto sulle popolari
(che scade il 25 marzo) ieri sera
i relatori hanno lavorato anche
a un altro emendamento sul
fondo di garanzia per le piccole

e medie imprese, dopo lapertura del Mise, per chiarire, in


caso di contenziosi, chi sar
chiamato a coprire le perdite.
Ieri mattina le commissioni Finanze e Attivit produttive
hanno solo riammesso alcuni
emendamenti che erano stati
cassati, poi i lavori sono ripresi
in serata con lesame sugli ultimi articoli, i meno spinosi. Restano alcuni nodi politici. Comunque, salvo imprevisti, il testo approder in aula venerd.
Sempre ieri lAutorit bancaria europea (Eba) ha comunicato lo slittamento al 2016 degli
stress test sugli istituti europei previsti per questanno. Il
presidente dellEba, Andrea Ernia, durante unaudizione in
Senato, ha raccomandato di
adottare risposte in linea con
le norme Ue per le Bcc italiane
e ha definito le bad bank come decisamente utili per ripulire i bilanci delle banche dai
crediti problematici.
Francesco Di Frischia
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lenci (Lenovo): dai pc Ibm


agli smartphone Motorola
Gli utili? Nellinnovazione
dite miliardarie. Su Motorola
stiamo lavorando seriamente
nellottimizzare la catena di
produzione e distribuzione. L
possiamo aggiungere valore
perch in questo siamo una
delle aziende migliori al mondo spiega Lanci. In alcuni
mercati ci saranno solo telefoni
Lenovo. In altri, come lItalia,
solo Motorola, un nome che ha
ancora un certo appeal in Europa. In altri Paesi ancora, come
la Cina, convivranno. La speranza per lazienda orientale
ripetere il successo dellacquisizione, che fece storia, dei
computer portatili di Ibm, quei
Thinkpad comprati nel 2005.
Ora Lenovo ha preso da Ibm
anche i server, altro tassello
nella strategia: Gli smartphone e gli altri dispositivi generano in mobilit una quantit

In Cina
volumi e
investimenti
impossibili
in qualunque altro
Paese
Nellhi-tech
ogni
centesimo
conta
perch va
moltiplicato
per milioni
di unit

Il caso
Il Btp riaggancia (per poche ore)
lo spread della Spagna
di Giuliana Ferraino
successo di prima mattina: lItalia ha
agganciato lo spread spagnolo quando il
differenziale tra Btp decennali e Bund ha
toccato quota 99 punti, con un rendimento
dell1,36%. Un traguardo: in 12 mesi lo spread
italiano sceso di 210 punti. Ma il sorpasso
durato poco e in tarda serata Roma risaliva a
106, Madrid a 103. La corsa continua.
RIPRODUZIONE RISERVATA

enorme di dati spiega Lanci


. Dati che vanno gestiti da server o archiviati in dispositivi remoti. Noi siamo unazienda che
vende device al pubblico ma
che ha anche linfrastruttura
per gestirli. E continuiamo a lavorare su nostre applicazioni,
per la condivisione e il trasferimento dei dati, che siano utili
al pubblico anche se non ci
danno unimmediata monetizzazione. Tutto insieme fa parte
della nostra idea di Lenovo
Experience.
Acquisizioni s, ma niente
passi troppo lunghi. Per questo
Lenovo guarda con attenzione
al mercato della tecnologia da
indossare ma non ha fatto la
sua mossa: Per ora abbiamo il
Moto 360, lo smartwatch di
Motorola, che nel settore uno
di quelli pi venduti dice Lanci . Ritengo al momento ci siano limiti tecnologici da superare. Se pensiamo a un orizzonte
di 3-5 anni avremo schermi
flessibili, pi miniaturizzazione dellelettronica e migliori
batterie. Anche il primo iPhone daltronde non era come gli
smartphone di oggi.
Chiss se in futuro avremo
tutti uno smartwatch al polso.
Quel che probabile per che
avremo sempre pi nomi del
made in China a scandire la nostra vita digitale. Lanci non ha
dubbi: Le aziende che hanno
a disposizione un mercato come quello cinese possono generare volumi e fare investimenti che in altri mercati, pi
piccoli, sono impossibili.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

36

ASSISTENZA disabili, italiano, autista, tuttofare, trasferimenti estero, ottimo spagnolo, presenza, seriet
338.64.68.647

www.piccoliannunci.rcs.it
agenzia.solferino@rcs.it
oppure nei giorni feriali
presso lagenzia:

AUTISTA privato abile solutore problemi a disposizione. Tel.


334.16.91.609

tel.02/6282.7555 - 7422,
fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge
903 del 9/12/1977 le inserzioni di ricerca
di personale devono sempre intendersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza
della Legge sulla privacy (L.196/03).

AIUTO contabile, pluriennale esperienza contabilit generale, fatturazione attiva/passiva, gestione cassa, banca, valuta proposte preferibilmente
part-time. 338.74.70.197
CONTABILE pluriennale esperienza,
libera subito. Anche part-time. Contatti: inforete2014@gmail.com 338.23.90.087
CONTABILE ragioniera esperienza
pluriennale clienti-fornitori, banche
offresi. 331.15.45.485
IMPIEGATO 27enne ottimo standing
e inglese esperienza amministrativa
commerciale possesso requisiti assunzione tempo indeterminato sgravi contributivi 2015. Tel. 347.73.53.667
RAGIONIERE pluriennale esperienza co.ge, fornitori, banche, bilanci,
adempimenti fiscali. Offresi.
340.62.20.076
SEGRETARIA anche studi medici,
pluriesperienza pratiche ufficio, referenziata, organizzativa. Milano/limitrofi. 333.79.21.618 no perditempo.
AGENTE di commercio valuta proposte concrete di proficua collaborazione. 347.73.12.582 ididdl@icloud.com
AUTISTA di fiducia, esperienza ventennale, referenziato, cerca lavoro anche part-time. 333.95.76.523
CAMERIERE 37enne esperto, per trattoria/ristorante/bar, buon carattere,
preciso.
02.45.25.531
347.22.73.684

Nome

Data

Valuta

Quota/od.

COLLABORATORE domestico srilankese offresi anche badante, custode, ottima presenza, ottime referenze.
388.93.06.393
PORTINAIO 46enne italiano con
esperienza disponibilit immediata
Milano/hinterland. Referenze controllabili. 346.08.02.729
RAGAZZO srilankese offresi come
colf, badante, operaio, custode, giardiniere.
Ottime
referenze.
388.93.06.393

CONTABILE neopensionato, autonomo fino bilancio, adempimenti/dichiarazioni, inglese, tedesco/francese scolastici, reports, padronanza PC, offresi
par-time/full-time 339.29.95.573
ESPERTA contabilit, bilancio, dichiarazioni, laureata economia, pluriennale esperienza, proponesi ad aziende/studi. 328.14.11.194
TRADUTTRICE madrelingua russa
offresi. 348.47.62.862

A Milano azienda, per nuovo reparto,


impiega 3 ambosessi per gestione
clienti, assistenza e ordini.
02.24.00.177

COMMESSA esperta vendita abbigliamento-accessori uomo/donna,


cercasi. Conoscenza inglese. info@maneramilano.it 377.46.47.451

TEMPORARY export manager per


progetti vendita mercati esteri offresi.
info@primekey.it

APPARTAMENTO grande rappresentanza mq. 420, adiacenze Brera,


edificio storico, scaloni monumentali,
affreschi, grandi spazi artisticamente
restaurati. Fitness golf indoor. CE: D IPE: 104,5 kWh/mqa 02.88.08.31 cod. P05 filcasaimmobili.it
ATTICO nuovo Giulio Cesare. Soggiorno, pranzo, cucina, bicamere, biservizi, terrazzo. CE: B - IPE: 34,78
kWh/mqa. 02.88.08.31. Cod. T30 www.filcasaimmobili.it
BILOCALE nuovo Affori/Taccioli, corte d'epoca. CE: D - IPE: 111,1 kWh/
mqa. 02.88.08.31. Cod. M04 www.filcasaimmobili.it
BILOCALI -trilocali nuovissimi viale
Monza. Varie metrature, box. Da
2.760 euro/mq. CE: B - IPE: 33 kWh/
mqa 02.88.08.31 filcasaimmobili.it

FORO BONAPARTE prestigioso


quadrilocale mq. 160, mai abitato.
Box. CE: C - IPE: 65,85 kWh/mqa.
02.88.08.31 cod. P23 filcasaimmobili.it
ISOLA nuova ristrutturazione, confortevoli bilocali. CE: C - IPE: 86,40 kWh/
mqa. 02.88.08.31. Cod. TC01 www.filcasaimmobili.it

TRIBUTARISTA Milano zona Garibaldi offre ufficio o postazione lavoro


in condivisione. Tel. 349.75.41.826

ACQUISTARE, vendere aziende, immobili, ricercare soci, joint-venture?


Trentennale esperienza nazionale, internazionale, pagamenti garantiti.
www.cogefim.com - 02.39.26.11.91

VENDESI edificio Duomo del 1800 in


Milano. Parzialmente da ristrutturare.
Zona centrale. Trattative riservate. CE
esente. info@proto-group.com. Astenersi agenzie.

SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03

ACQUISTIAMO,
VENDIAMO,
PERMUTIAMO

VAL TIDONE, ZIANO, 70 Km

da Milano, casa indipendente ristrutturata, 230 mq. Terrazzo. Autorimessa tripla. Cortile. Ampio
giardino. Euro 218.000,00.
www.collinepiacentine.it
335.20.66.40

GIOIELLI FIRMATI, orologi marche prestigiose, coralli. Il Cordusio


02.86.46.37.85

compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi,


moderni, orologi prestigiosi, oro, diamanti. Sabotino
14 - Milano. 02.58.30.40.26

ACQUISTIAMO

AUTOMOBILI E FUORISTRALAGO MAGGIORE Vendesi lussuosi


appartamenti in riva al lago. CE: A IPE: >50 kWh/mqa. www.laveno-realestate.it - Tel: 342.61.45.451

EXPO 2015

Quota/pre. Nome

AcomeA SGR - numero di tel. 800.89.39.89


info@acomea.it
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

19,437
20,176
5,204
5,377
14,619
14,813
5,063
5,221
17,287
17,539
14,984
15,470
12,835
13,418
22,846
23,620
8,954
8,954
6,862
7,115
4,114
4,273
5,470
5,614
6,326
6,500
22,160
22,588

19,436
20,179
5,205
5,379
14,610
14,803
5,046
5,203
17,267
17,518
14,954
15,439
12,827
13,410
22,753
23,522
8,954
8,955
6,888
7,142
4,117
4,275
5,472
5,616
6,339
6,512
22,211
22,640

Invictus Global Bond Fd


Invictus Macro Fd
Sol Invictus Absolute Return

24/02
25/02
26/02

EUR
EUR
EUR

108,933
71,827
109,059

108,530
71,691
108,484

28,788
8,244
7,411
7,394
6,796
12,837
12,080
12,121
13,294
13,326
11,705
12,245
12,268
11,043
11,039
17,801
7,276
9,514
9,518
7,080
16,374
15,519
20,879
8,606
10,392
33,678

28,727
8,212
7,408
7,391
6,795
12,837
11,474
11,513
12,797
12,825
11,555
12,077
12,099
10,823
10,821
17,805
7,277
9,490
9,505
7,071
16,427
15,447
20,771
8,609
10,385
33,613

5,673
5,668
5,178
5,452
5,879
4,165
4,216
4,857
5,734
5,882
4,980
5,519
5,638
4,986
5,782
6,058
5,407
5,718
5,267
5,416
5,225
4,972
5,201
4,943
5,756
5,174
5,996
5,496
5,402
5,293

5,648
5,647
5,170
5,452
5,868
4,160
4,230
4,865
5,734
5,878
4,979
5,514
5,631
4,980
5,775
6,057
5,406
5,711
5,260
5,410
5,219
4,968
5,196
4,938
5,755
5,172
5,993
5,493
5,401
5,293

www.azimut.it - info@azimut.it

AZ F. Carry Strategy ACC


AZ F. Carry Strategy DIS
AZ F. Cat Bond ACC
AZ F. Cat Bond DIS
AZ F. CGM Opport Corp Bd
AZ F. CGM Opport European
AZ F. CGM Opport Global
AZ F. CGM Opport Gov Bd
AZ F. Commodity Trading
AZ F. Conservative
AZ F. Core Brands ACC
AZ F. Core Brands DIS
AZ F. Corporate Premium ACC
AZ F. Corporate Premium DIS
AZ F. Dividend Premium ACC
AZ F. Dividend Premium DIS
AZ F. Emer. Mkt Asia
AZ F. Emer. Mkt Europe
AZ F. Emer. Mkt Lat. Am.
AZ F. European Dynamic ACC
AZ F. European Dynamic DIS
AZ F. European Trend
AZ F. Formula 1 Absolute ACC
AZ F. Formula 1 Absolute DIS
AZ F. Formula 1 Alpha Plus ACC
AZ F. Formula 1 Alpha Plus DIS
AZ F. Formula Target 2015 ACC
AZ F. Formula Target 2015 DIS
AZ F. Formula 1 Conserv.
AZ F. Global Curr&Rates ACC
AZ F. Global Curr&Rates DIS
AZ F. Global Sukuk ACC
AZ F. Global Sukuk DIS
AZ F. Hybrid Bonds ACC
AZ F. Hybrid Bonds DIS
AZ F. Income ACC
AZ F. Income DIS
AZ F. Int. Bd Targ. Giugno 2016 ACC
AZ F. Int. Bd Targ. Giugno 2016 DIS
AZ F. Institutional Target ACC
AZ F. Institutional Target DIS
AZ F. Italian Trend ACC
AZ F. Italian Trend DIS
AZ F. Lira Plus ACC
AZ F. Lira Plus DIS
AZ F. Macro Dynamic
AZ F. Opportunities
AZ F. Pacific Trend
AZ F. Patriot ACC
AZ F. Patriot DIS
AZ F. Qbond
AZ F. Qinternational
AZ F. QProtection
AZ F. Qtrend
AZ F. Real Plus A-AZ
AZ F. Real Plus B-AZ
AZ F. Renminbi Opport
AZ F. Reserve Short Term
AZ F. Short Term Gl High Yield ACC
AZ F. Short Term Gl High Yield DIS
AZ F. Solidity ACC
AZ F. Solidity DIS
AZ F. Strategic Trend
AZ F. Top Rating ACC
AZ F. Top Rating DIS
AZ F. Trend
AZ F. US Income

Data

Valuta

Quota/od.

27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

5,133
5,121
5,338
5,263
6,386
7,358
7,247
5,931
3,358
6,924
6,194
6,147
5,584
5,175
6,360
5,437
7,556
2,998
4,828
5,647
5,600
3,869
6,179
6,129
5,622
5,534
6,358
5,682
5,414
4,656
4,272
6,041
5,771
5,611
5,338
6,439
5,834
4,897
4,471
5,982
5,862
3,994
3,995
4,998
4,616
6,392
5,745
5,017
7,985
7,115
5,497
5,473
5,455
5,622
4,854
4,854
5,219
6,305
5,170
4,966
6,497
5,903
6,575
5,329
5,278
7,419
6,451

Quota/pre. Nome
5,123
5,111
5,341
5,266
6,381
7,326
7,229
5,926
3,320
6,910
6,180
6,134
5,583
5,175
6,341
5,420
7,544
3,003
4,790
5,635
5,590
3,851
6,154
6,086
5,614
5,526
6,358
5,682
5,407
4,662
4,277
6,046
5,777
5,603
5,331
6,440
5,835
4,905
4,479
5,976
5,856
3,973
3,974
5,044
4,659
6,398
5,707
5,019
7,957
7,089
5,496
5,477
5,452
5,607
4,817
4,817
5,230
6,305
5,164
4,960
6,488
5,895
6,574
5,323
5,272
7,403
6,449

02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
27/02
27/02
25/02
25/02
25/02
27/02
27/02
27/02

USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

1495,183
1663,967
1594,377
1506,423
1437,836
1486,810
1401,762
1250,905
1205,845
125,957
126,128
75,977
79,559
108,976
1088,677
1313,720
1079,779

1494,407
1661,727
1592,266
1505,827
1437,302
1487,817
1402,754
1250,648
1205,621
125,812
125,978
75,486
79,035
108,737
1087,789
1311,420
1078,385

ABSOLUTE RETURN EUROPA


BOND-A
BOND-B
DYNAMIC EQUITY
EQUITY- I
PRINCIPAL FINANCE 1

27/02
30/01
30/01
30/01
30/01
31/12

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

4950,218
815985,117
815985,117
412574,921
610616,282
64265,183

4915,377
807321,170
807321,170
455218,605
598266,762
62969,876

Tel: 848 58 58 20
Sito web: www.ingdirect.it
02/03
02/03

EUR
EUR

60,300
69,670

Data

Valuta

Quota/od.

02/03
25/02
25/02
25/02
25/02
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

61,910
63,490
62,120
64,740
63,060
60,260
59,150
74,430
70,420
63,810
52,370

DA, qualsiasi cilindrata. Passaggio di propriet, pagamento immediato. Autogiolli, Milano.


02.89.50.41.33 - 327.33.81.299

61,910
63,270
61,680
64,580
62,690
60,280
58,730
74,420
70,430
63,820
52,470

La lista completa dei comparti Invesco autorizzati in Italia


disponibile sul sito www.invesco.it
Invesco Funds
Asia Balanced A
Asia Balanced A-Dis
Asia Consumer Demand A
Asia Infrastructure A
Asian Bond A-Dis M
Balanced-Risk Allocation A
Balanced-Risk Select A
Em. Loc. Cur. Debt A
Em. Loc. Cur. Debt A-Dis.M
Em. Mkt Corp Bd A
Euro Corp. Bond A
Euro Corp. Bond A-Dis M
Euro Short Term Bond A
European Bond A-Dis
Glob. Bond A-Dis
Glob. Equity Income A
Glob. Equity Income A-Dis
Glob. Inv. Grade.Corp. Bd A-Dis M
Glob. Structured Equity A-Dis
Glob. Targeted Ret. A
Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond A
Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond E-Dis
Greater China Eq. A
India Bond A
India Equity E
Japanese Eq. Advantage A
Pan European Eq. A
Pan European Eq. A-Dis
Pan European Eq. Inc. A-Dis
Pan European High Inc A
Pan European High Inc A-Dis
Pan European Struct. Eq. A
Pan European Struct. Eq. A-Dis
Renminbi Fix. Inc. A
Renminbi Fix. Inc. EUR A-Dis
US Equity A EH
US High Yield Bond A
US High Yield Bond A-Dis M
US Value Equity A

02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03

USD
USD
USD
USD
USD
EUR
EUR
USD
USD
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
USD
USD
USD
USD
EUR
EUR
EUR
USD
USD
EUR
JPY
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
USD
USD
USD

24,960
15,880
14,510
14,750
9,974
15,740
10,190
13,425
8,170
12,473
17,687
13,235
11,150
6,313
5,573
61,810
15,390
11,932
47,050
11,122
13,566
12,218
47,380
10,621
47,410
3815,000
20,560
18,490
13,650
20,300
14,470
17,430
16,420
10,330
10,873
15,070
11,939
10,351
33,420

60,230
69,570

Kairos Multi-Str. A
Kairos Multi-Str. B
Kairos Multi-Str. I
Kairos Multi-Str. P
Kairos Income
Kairos Selection
KAIROS INTERNATIONAL SICAV
KIS - America P
KIS - America P-USD
KIS - America X
KIS - Bond D
KIS - Bond P
KIS - Bond Plus D
KIS - Bond Plus D-Dist
KIS - Bond Plus P
KIS - Bond Plus P-Dist
KIS - Bond Plus X
KIS - Bond Plus Y
KIS - Bond P-USD
KIS - Bond Y-USD
KIS - Dynamic D
KIS - Dynamic P
KIS - Dynamic P-USD
KIS - Emerging Mkts D
KIS - Emerging Mkts P
KIS - Emerging Mkts P-USD
KIS - Europa D
KIS - Europa P
KIS - Europa X
KIS - Europa Y
KIS - Global Bond P
KIS - Global Bond P-USD
KIS - Italia D
KIS - Italia P
KIS - Italia X
KIS - Italia X-Dist
KIS - Italia Y
KIS - Key D
KIS - Key D-Dist
KIS - Key P
KIS - Key P-Dist
KIS - Key X
KIS - Key Y
KIS - Liquidity D

25,010
15,970
14,510
14,610
10,005
15,690
10,150
13,441
8,220
12,447
17,675
13,241
11,147
6,344
5,590
61,870
15,400
11,936
47,290
11,125
13,549
12,245
47,430
10,640
46,290
3807,000
20,540
18,530
13,630
20,270
14,520
17,350
16,500
10,332
11,166
15,070
11,924
10,385
33,480

31/12
31/12
31/12
31/12
02/03
02/03

EUR 906743,388 892008,816


EUR 590553,035 581246,653
EUR 612936,458 602744,666
EUR 554398,421 546094,422
6,770
6,769
EUR
10,897
10,902
EUR

27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02

EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
USD
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

214,320
304,310
216,410
128,160
133,080
136,410
102,420
139,380
128,640
103,630
103,220
180,030
102,950
123,790
126,320
177,740
129,570
132,140
176,850
141,180
144,890
147,140
115,310
103,690
141,060
108,620
148,520
147,240
108,900
111,840
107,760
107,770
154,290
149,860
154,350
109,840
102,800

B&B

Quota/pre. Nome

Tel: 02 77718.1
www.kairospartners.com

Num tel: 178 311 01 00


www.compamfund.com - info@compamfund.com
Active Dollar Bond A
Active Emerging Credit A
Active Emerging Credit B
Active European Credit A
Active European Credit B
Active European Equity A
Active European Equity B
Active Liquid Bond A
Active Liquid Bond B
Multiman. Bal. A
Multiman. Bal. M
Multiman. Eq. Afr. & Mid. East A
Multiman. Eq. Afr. & Mid. East M
Multiman.Target Alpha A
SB Bond B
SB Equity B
SB Flexible B

Dividendo Arancio
Convertibile Arancio

Cedola Arancio
Borsa Protetta Agosto
Borsa Protetta Febbraio
Borsa Protetta Maggio
Borsa Protetta Novembre
Inflazione Pi Arancio
Mattone Arancio
Profilo Dinamico Arancio
Profilo Equilibrato Arancio
Profilo Moderato Arancio
Top Italia Arancio

215,060
305,350
217,160
127,990
132,890
136,230
102,290
139,190
128,470
103,490
103,060
179,770
102,790
123,830
126,350
177,780
129,500
132,070
176,760
140,370
144,050
146,190
114,570
103,700
141,080
108,110
147,820
146,580
108,410
111,220
107,530
107,530
153,950
149,530
154,040
109,570
102,810

Data

Valuta

Quota/od.

KIS - Liquidity P
KIS - Multi Str. UCITS P-USD
KIS - Multi-Str. UCITS D
KIS - Multi-Str. UCITS P
KIS - Real Return D
KIS - Real Return P
KIS - Real Return P-Dist
KIS - Risorgimento D
KIS - Risorgimento P
KIS - Risorgimento X
KIS - Selection D
KIS - Selection P
KIS - Selection P-USD
KIS - Selection X
KIS - Selection Y
KIS - Selection Y-USD
KIS - Sm, Cap Y
KIS - Sm. Cap D
KIS - Sm. Cap P

27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
20/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02

EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR

106,490
159,340
116,930
120,310
102,130
102,080
100,320
106,930
140,180
141,020
127,300
130,060
178,490
129,920
105,800
105,760
113,450
105,840
111,640

106,500
159,460
117,020
120,390
101,910
101,870
100,230
106,230
139,250
139,970
127,150
129,910
178,280
129,780
105,660
105,620
113,120
105,550
111,330

ASIAN OPP CAP RET EUR


ADWISE L/S CAP RET EUR
FLEX QUANTITATIVE HR6 A EUR
HIGH GROWTH CAP RET EUR
ITALY CAP RET A EUR
SELECTED BOND DIS RET EUR
SELECTED BOND CAP RET EUR
ACTIVE SH TERM CREDIT CAP RET EUR

02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

14,659
110,889
116,372
132,887
27,182
5,731
123,409
91,305

14,662
111,005
116,258
132,670
27,142
5,729
123,370
91,263

24/02
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03

EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR

1147,460
195,870
122,590
2006,490
1082,890
1092,440
1051,580
107,250
108,800

TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA


Rubriche in abbinata: Corriere
della Sera - Gazzetta dello Sport:
n. 1 Offerte di collaborazione:
2,08; n. 2 Ricerche di collaboratori: 7,92; n. 3 Dirigenti: 7,92;
n. 4 Avvisi legali: 5,00; n. 5 Immobili residenziali compravendita:
4,67; n. 6 Immobili residenziali
affitto: 4,67; n. 7 Immobili turistici: 4,67; n. 8 Immobili commerciali e industriali: 4,67; n. 9
Terreni: 4,67; n. 10 Vacanze e
turismo: 2,92; n. 11 Artigianato
trasporti: 3,25; n. 12 Aziende
cessioni e rilievi: 4,67; n. 13
Prestiti e investimenti: 9,17; n.
14 Casa di cura e specialisti:
7,92; n. 15 Scuole corsi lezioni:
4,17; n. 16 Avvenimenti e Ricorrenze: 2,08; n. 17 Messaggi
personali: 4,58; n. 18 Vendite
acquisti e scambi: 3,33; n. 19
Autoveicoli: 3,33; n. 20 Informazioni e investigazioni: 4,67;
n. 21 Palestre saune massaggi:
5,00; n. 22 Chiromanzia: 4,67;
n. 23 Matrimoniali: 5,00; n. 24
Club e associazioni: 5,42.
RICHIESTE SPECIALI
Per tutte le rubriche tranne la 21,
22 e 24:
Neretto: +20%
Capolettera: +20%
Neretto riquadrato: +40%

Quota/pre. Nome

www.multistarssicav.com multistars@pharus.ch
T. +41 (0)91 640 37 80
Alexander
Biotech A
Biotech E
Biotech I
Emerging Mkt Local Curr Debt A
Emerging Mkt Local Curr Debt B
Emerging Mkt Local Curr Debt F
Orazio Conservative A
Sparta Agressive A

SAN BABILA raffinato centro benessere, personale esclusivamente qualificato, massaggi ayurvedici, professionalit, tranquillit. 02.39.68.00.71

BRILLANTI,

PUNTO D'ORO

COLLINE PIACENTINE

ABBANDONATEVI raffinato ed
esclusivo centro italiano, massaggi olistici, promozioni in corso.
02.36.76.76.87

MALIZIOSAMENTE
insieme
899.60.44.50. Viziosa 899.60.44.51.
Euro 1,30min/ivato. VM 18. Futura
Madama31 Torino.

Una nuova vetrina: ASPETTANDO EXPO MILANO 2015

AcomeA America (A1)


AcomeA America (A2)
AcomeA Asia Pacifico (A1)
AcomeA Asia Pacifico (A2)
AcomeA Breve Termine (A1)
AcomeA Breve Termine (A2)
AcomeA ETF Attivo (A1)
AcomeA ETF Attivo (A2)
AcomeA Eurobbligazionario (A1)
AcomeA Eurobbligazionario (A2)
AcomeA Europa (A1)
AcomeA Europa (A2)
AcomeA Globale (A1)
AcomeA Globale (A2)
AcomeA Italia (A1)
AcomeA Italia (A2)
AcomeA Liquidit (A1)
AcomeA Liquidit (A2)
AcomeA Paesi Emergenti (A1)
AcomeA Paesi Emergenti (A2)
AcomeA Patrimonio Aggressivo (A1)
AcomeA Patrimonia Aggressivo (A2)
AcomeA Patrimonio Dinamico (A1)
AcomeA Patrimonio Dinamico (A2)
AcomeA Patrimonio Prudente (A1)
AcomeA Patrimonio Prudente (A2)
AcomeA Performance (A1)
AcomeA Performance (A2)

AZIMUT CAPITAL MANAGEMENT SGR - tel.02.88981


27/02
Azimut Dinamico
EUR
27/02
Azimut Formula 1 Absolute
EUR
27/02
Azimut Formula 1 Conserv
EUR
27/02
Azimut Formula Target 2013
EUR
27/02
Azimut Formula Target 2014
EUR
27/02
Azimut Garanzia
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Crescita
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Crescita Cl. C
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Equilibrato
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Equilibrato Cl. C
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Garantito
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Protetto
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Protetto Cl. C
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Obbli.
EUR
27/02
Azimut Prev. Com. Obbli. Cl. C
EUR
27/02
Azimut Reddito Euro
EUR
27/02
Azimut Reddito Usa
EUR
27/02
Azimut Scudo
EUR
27/02
Azimut Solidity
EUR
27/02
Azimut Strategic Trend
EUR
27/02
Azimut Trend America
EUR
27/02
Azimut Trend Europa
EUR
27/02
Azimut Trend Italia
EUR
27/02
Azimut Trend Pacifico
EUR
27/02
Azimut Trend Tassi
EUR
27/02
Azimut Trend
EUR
AZ FUND MANAGEMENT SA - tel.00352 2663811
27/02
AZ F. Active Selection ACC
EUR
27/02
AZ F. Active Selection DIS
EUR
27/02
AZ F. Active Strategy
EUR
27/02
AZ F. Alpha Man. Credit
EUR
27/02
AZ F. Alpha Man. Equity
EUR
27/02
AZ F. Alpha Man. Them.
EUR
27/02
AZ F. American Trend
EUR
27/02
AZ F. Asia Absolute
EUR
27/02
AZ F. Asset Plus
EUR
27/02
AZ F. Asset Power
EUR
27/02
AZ F. Asset Timing
EUR
27/02
AZ F. Best Bond
EUR
27/02
AZ F. Best Cedola ACC
EUR
27/02
AZ F. Best Cedola DIS
EUR
27/02
AZ F. Best Equity
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2015 ACC
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2015 DIS
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2016 ACC
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2016 DIS
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2017 Eq Op ACC
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2017 Eq Op DIS
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2018 Eq Op ACC
EUR
AZ F. Bond Target 2018 Eq Op CLD DIS 27/02
EUR
27/02
AZ F. Bond Target 2018 Eq Op DIS
EUR
27/02
AZ F. Bond Target Giugno 2016 ACC
EUR
27/02
AZ F. Bond Target Giugno 2016 DIS
EUR
27/02
AZ F. Bond TargetSettem.2016 ACC
EUR
27/02
AZ F. Bond TargetSettem.2016 DIS
EUR
27/02
AZ F. Cash 12 Mesi
EUR
27/02
AZ F. Cash Overnight
EUR

di distribuzione quotidiani
ricerca automuniti per lavoro di consegne notturne residenti Monza, Carnate,
Usmate Velate, Vimercate,
Brugherio e limitrofi. Tel.
039.88.16.25

BUONARROTI Correggio: piano alto, salone doppio, 4 camere, cucina,


pluriservizi, ristrutturato, climatizzato,
boxes. CE: F - IPE: 65 kWh/mqa. BEI
02.46.26.86
DIOCLEZIANO vendesi bellissimo
bilocale 70 mq, quarto piano, signorile
CE: G - APE: 321,86 kWh/mqa. Business Services 02.29.51.80.14

Alloggi

Milano Via Solferino, 36

SOCIET

Interpreti
e traduttori

Gli annunci si ricevono


tutti i giorni su:

1116,820
194,680
121,850
1994,170
1084,590
1094,080
1053,100
107,170
108,670

Multimanager Emerg.Mkts Eq.A


Multimanager European Eq.A
Strategic A
Usa Value Fund A
Ver Capital Credit Fd A

Data

Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

02/03
02/03
02/03
02/03
02/03

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

4,842
5,138
5,761
7,186
5,732

4,840
5,134
5,756
7,133
5,723

Tel: 0041916403780
www.pharusfunds.com info@pharusfunds.com
PS - Absolute Return A
PS - Absolute Return B
PS - Algo Flex A
PS - Algo Flex B
PS - BeFlexible A
PS - BeFlexible C
PS - Best Global Managers A
PS - Best Global Managers B
PS - Best Gl Managers Flex Eq A
PS - Bond Opportunities A
PS - Bond Opportunities B
PS - Bond Opportunities C
PS - EOS A
PS - Equilibrium A
PS - Fixed Inc Absolute Return A
PS - Global Dynamic Opp A
PS - Global Dynamic Opp B
PS - Inter. Equity Quant A
PS - Inter. Equity Quant B
PS - Liquidity A
PS - Liquidity B
PS - Opportunistic Growth A
PS - Opportunistic Growth B
PS - Prestige A
PS - Quintessenza A
PS - Target A
PS - Target B
PS - Target C
PS - Titan Aggressive A
PS - Total Return A
PS - Total Return B
PS - Valeur Income A
PS - Value A
PS - Value B
PS - Value C

27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
23/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02
27/02

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
USD

120,380
127,360
119,050
114,110
89,930
87,520
105,430
110,060
122,130
166,790
124,670
102,200
134,760
77,340
99,030
109,750
110,800
133,120
136,390
125,120
100,400
99,910
106,340
93,890
105,100
101,230
101,540
97,830
119,920
105,720
100,270
114,590
118,030
120,760
115,860

120,230
127,200
119,030
114,090
89,770
87,460
105,270
109,890
121,570
166,680
124,580
102,120
134,650
77,330
99,000
109,270
110,300
133,250
136,530
125,130
100,410
99,770
106,190
93,500
104,890
101,150
101,450
97,750
119,220
105,420
99,970
114,600
117,910
120,640
115,750

107,310
107,430
105,400
105,670
104,630
102,060

107,400
107,520
105,490
105,760
104,900
102,340

102,710
144,170
456,360
445,240
326,050
118,900
169,140
83,090
90,970
153,890
199,150
140,840
105,370
194,510
214,090

102,260
143,540
453,780
442,740
326,800
119,300
169,700
82,140
89,930
154,010
199,320
140,080
104,830
192,750
212,150

www.pegasocapitalsicav.com
02/03
Strategic Bond Inst. C
EUR
02/03
Strategic Bond Inst. C hdg
USD
www.newmillenniumsicav.com
02/03
Strategic Bond Retail C
EUR
02/03
Strategic Bond Retail C hdg
USD
Distributore Principale: Banca Finnat Euramerica - Tel: 06/69933475
02/03
Strategic Trend Inst. C
EUR
02/03
198,480
198,160 Strategic Trend Retail C
NM Augustum Corp Bd A
EUR
02/03
EUR
107,200
107,250
NM Augustum Extra Euro High Qual Bd 02/03
EUR
02/03
150,150
150,050
NM Augustum High Qual Bd A
EUR
02/03
144,290
144,280
NM Balanced World Cons A
EUR
02/03
140,130
140,100
NM Euro Bonds Short Term A
EUR
02/03
53,640
53,690
NM Euro Equities A
EUR
02/03
79,150
78,860
NM Global Equities EUR hdg A
EUR
02/03
108,830
108,910
NM Inflation Linked Bond Europe A
EUR
02/03
115,480
115,160
NM Italian Diversified Bond A
EUR
02/03
118,480
118,160
NM Italian Diversified Bond I
EUR
www.vitruviussicav.com
02/03
139,140
139,140
NM Large Europe Corp A
EUR
02/03
112,100
111,900
NM Market Timing A
EUR
02/03
113,830
113,620 Asian Equity B
NM Market Timing I
EUR
02/03
EUR
29/01
46,940
47,740 Asian Equity B
NM Q7 Active Eq. Int. A
EUR
02/03
USD
27/02
101,040
101,650 Emerg Mkts Equity
NM Q7 Globalflex A
EUR
02/03
USD
02/03
27/02
125,820
125,250 Emerg Mkts Equity Hdg
EUR
NM Total Return Flexible A
EUR
02/03
EUR
02/03
103,750
103,470 European Equity
NM VolActive A
EUR
02/03
EUR
02/03
105,100
104,810 Greater China Equity B
NM VolActive I
EUR
02/03
Greater China Equity B
USD
02/03
Growth Opportunities
USD
02/03
Growth Opportunities Hdg
EUR
02/03
Japanese Equity
JPY
02/03
Japanese Equity Hdg
EUR
02/03
Swiss Equity
CHF
02/03
Swiss Equity Hdg
EUR
02/03
US Equity
USD
02/03
122,390
122,530 US Equity Hdg
AUGUSTUM EQUITY EUROPE I
EUR
02/03
EUR
02/03
126,950
126,350
AUGUSTUM G.A.M.E.S. A
EUR
02/03
169,560
168,750
AUGUSTUM G.A.M.E.S. I
EUR

Tel 0332 251411


www.ottoapiu.it

Numero verde 800 124811


www.nextampartners.com-info@nextampartners.com
Nextam Bilanciato
Nextam Obblig. Misto
BInver International A
Cap. Int. Abs. Inc. Grower D
CITIC Securities China Fd A
Fidela A
Income A
International Equity A
Italian Selection A
Liquidity A
Multimanager American Eq.A
Multimanager Asia Pacific Eq.A

02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03

EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR
EUR

7,833
8,086
6,925
6,554
6,910
5,899
5,843
8,907
7,087
5,326
6,128
5,454

7,825
8,081
6,926
6,548
6,979
5,890
5,844
8,865
7,078
5,325
6,109
5,439

8a+ Eiger
8a+ Eiger I
8a+ Eiger R
8a+ Gran Paradiso
8a+ Kilimanjaro R
8a+ Kilimanjaro I
8a+ K2
8a+ K2
8a+ Latemar
8a+ Matterhorn
8a+ Tibet

02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
02/03
20/02
02/03

Legenda: Quota/pre. = Quota precedente;

7,008
7,028
EUR
111,150
111,460
EUR
142,470
142,890
EUR
5,175
5,185
EUR
91,210
91,150
EUR
90,940
90,870
EUR
108,790
108,550
EUR
102,580
102,380
EUR
6,111
6,109
EUR
EUR 858705,927 839139,734
104,030
103,940
EUR

Quota/od. = Quota odierna

133781FB www.kneip.com

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

ECONOMIA/MERCATI FINANZIARI

Piazza Affari

37

Sussurri & Grida

Cavour unisce ArcelorMittal e il gruppo Magnetto


di Giacomo Ferrari

La frenata di Pirelli e Luxottica


Gtech e Tenaris in rialzo

attuta darresto per le Borse europee,


che hanno invertito la tendenza nella
seconda parte della seduta a causa
delle prese di beneficio. Con una flessione
dell1,39% il Ftse-Mib si colloca tra i peggiori
indici del Vecchio Continente e in questo
caso hanno pesato il crollo di Monte Paschi
(-9,91%) dovuto alle indiscrezioni sulle
modalit del prossimo aumento di capitale e
i ribassi di Fca (-3,33%) e Pirelli (-3,07%) che
hanno seguito il trend negativo del
comparto automotive. Gi inoltre Bper (3,21%) e Luxottica (-2,86%). In
controtendenza Gtech (+2,04%), in recupero
ormai da diverse sedute, e Tenaris (+1,58%)
grazie al rimbalzo dei prezzi del greggio. In
leggero progresso, infine, StM (+0,67%).
RIPRODUZIONE RISERVATA

  


 ,

% &22
%
"/&#

(c.tur.) Il nome il codice Cavour project ha


due contraenti con il 50% a testa. Il primo ArcelorMittal, primo conglomerato siderurgico globale, laltro la multinazionale Cln con base a
Caselette di Torino, meglio nota come gruppo
Magnetto, 1,5 miliardi di ricavi, 53 stabilimenti e
8.600 addetti, quinta realt italiana dellacciaio,
che con il gigante siderurgico ha rapporti storici
fin da quando si chiamava Usinor. La stessa ArcelorMittal infatti da molti anni azionista con il
35% della Cln, controllata dalla famiglia Perris
Magnetto. Adesso i due gruppi hanno deciso di
mettere assieme tutte le attivit di distribuzione
e i centri servizi nei prodotti piani, ossia sette siti
industriali per i franco-indiani e una decina di
Magnetto, con lobiettivo di ottimizzare le quote
di mercato e la logistica, ottenere sinergie per 10
milioni di euro e maggiori volumi quantificabili
in oltre 170 mila tonnellate. La nuova societ parte con ricavi non lontani da 500 milioni e si chiamer ArcelorMittal-Cln distribuzione Italia, capitale posseduto al 50% tra i due partner e governance affidata di fatto agli italiani che nominano
il presidente e lamministratore delegato.

(d. pol.) Il nuovo volto della governance del fondo per le infrastrutture F2i sar completato il
18 marzo, data dellassemblea
generale. In quelloccasione sar nominato presidente Bernardo Bini Smaghi (nella foto), ossia il
fratello del pi noto top banker Lorenzo, approdato a gennaio alla presidenza della Socit
gnrale. A giugno i soci, tra cui Cassa depositi e
prestiti, Unicredit, Intesa Sanpaolo e sei fondazioni bancarie, avevano scelto come amministratore delegato Renato Ravanelli, lex capo di A2A
che ha preso il posto di Vito Gamberale. Andava
colmato lultimo tassello, quello della presidenza
che vede uscente Giuliano Asperti. C voluto tempo per elaborare la nomina di Bini Smaghi, top
manager della Cdp (manterr il ruolo) che anche sponsor principale del secondo fondo. Qualche malumore sulla candidatura cera stato da
parte dei soci privati (tra cui il fondo Ardian) e degli istituzionali di minoranza. Oggi ricomposto.

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Bernardo Bini
Smaghi entra in F2i

1
!,2
 " 
"/&#  /&#

 ,

% &22
%
"/&#

/- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
0. 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
1#/8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
1#/ =##1 H8888888888888888888888888888888888888888888867
1#=G-C888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
1*-1##=-1*  888888888888888888888888888888888888888888888888 67
1- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
=*88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
=*J 5-C/ 88888888888888888888888888888888888888888888888888888 67
=*J 5-C/ 4@H88888888888888888888888888888888864@7
>5=-1#C  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
F.#"3>88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
F=3C#+ 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
I3=888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
I5=-G- 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
) /. #1#H/#> 88888888888888888888888888886 7
,-C +=J>/#= FC888888888888888888888888888888888 67
#==*03 8888888888888888888888888888888888888888888888888888867
-"- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
-#= -/13 8888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
-11C-#=- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
-1#31.8888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
-10#1-8888888888888888888888888888888888888888888888888867
 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
F//>-I888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
* #CC- =3888888888888888888888888888888888888888888 67
> /F>888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
#&=1  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
#1#=/-888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67
#3I 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
=F553 "-C8 <>5=#>>3888888888888888888888888888888888 67
C#+88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
+ #= 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
, =1"- -**-8888888888888888888888888888888888888888 6 7
 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
/ 3/# E) =#8888888888888888888888888888888888888888888888888886E)7
0 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
00>-888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
1"F>C=- # 118 888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
1C#. =3F5888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
1C#. =3F5 =1 8888888888888888888888888888888888888888888886 7
1C#=5F05  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
1C#> 153/3888888888888888888888888888888888888888888888886 7
1C#> 153/3 =18888888888888888888888888888888888886 7
1G#>C # G-/F5538888888888888888888888888888888888888888888886 7
=#  8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
=#188888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
>*=3 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
>*=3 K-31- G-/F553  8888888888888888888888888886 7
   888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
C/#0#1C-8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
C/03-/-=#8888888888888888888888888888888888888888888888888888 6  7
C/03-/-=# =1 88888888888888888888888888888888888888888 6  7
 =3F58888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
 =3F5 4@ H==888888888888888888888888888888888888886 7
-
FG#1CF> 888888888888888888888888888888888888888888 6
7
. 881#=*J888888888888888888888888888888888888888888888886 7
-1#I- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
/  3=- 8888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
1"- #1K3 88888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
K-38888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
FI3CC- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
G#1CF=# =3F5888888888888888888888888888888888888888888886 7
0 -=# #1-031C8888888888888888888888888888888888886 7
1*#0#1C # 8888888888888888888888888888888888888888886 7
 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
#"-31C#+88888888888888888888888888888888888888888888888 6 7
#"->#C88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
#"-31 88888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7

&%
&%

% 3.*3 *.3  
" $# " $# "/&#

  

4!2)?
L!$$E
)!L?)
4!$@E
D!2)L
)?!E(L
4@!DDL
44!(@L
L!4L@
L!L4E
?!(EL
4!LLL
4!2@2
D$!$4L
L!$4E
4!442
4D!@DL
E?!D)L
D!((L
?!L@L
L!?$(
(!@EL
4L!$2L
L!@DE
4!?)(
L!$?L
)!LLL
D!@EL
4$!E@L
D!4))
4!42L
42!((L
E!4E)
L!)2E
L!$D2
L!?@E
)E!E)L
L!@$(
L!)L2
L!D(@
L!@4$
4D!(@L
E!$2)
E!@4L
L!(4?
4!2?$
4!4)@
4!?)L
4!)L?
4!2?L
@!@)(
E(!$LL
4$!L2L
@!(LL
L!4?L
L!ED2
L!2E4
4!DD@
4)!L(L
4!L44
L!(E4
()!)LL
L!2L?
E!4(L
L!4L@
4(!$EL
L!2D)
)!LL$
$!4LL

,4!??
,4!)(
,E!LE
,E!??
,L!E(
,4!ED
,4!4(
94!$(
94!4(
,L!$@
,4!$D
9L!@L
,E!(E
,E!E2
,4!L)
,L!2?
,D!DD
,L!$L
,4!E$
,E!E$
,L!4D
,4!($
9L!((
,L!)?
,L!E2
,E!@D
94!E?
,4!2L
,L!D$
,4!4D
,4!L$
9E!L)
,E!LD
,L!(D
,L!?4
,E!D4
,E!4$
,D!L(
94!()
,L!@)
,E!@$
,4!4?
,4!??
,E!2L
,4!E)
,L!L(
,E!L(
,(!4$
,L!E4
,)!2E
,E!22
9L!D(
,E!(D
%
%
9L!E4
,E!L?
,(!DE
9D!L$
,4!E?
,4!@4
,E!$@
9L!L@
,)!E?
,E!DL
,L!(L
,4!4@
,E!??
,4!)@

94@!4?
94!@4
94L!?4
9@!2(
94)!(D
9E)!4(
944!2D
9EE!$(
94)!?E
,)!4?
9E$!44
9E!L)
94$!)?
94E!?E
94(!(L
94?!@?
9)L!$$
9D)!((
9E4!22
94L!$D
9E!L4
94$!(?
9)L!$$
94)!D2
9E!E2
9@!DL
9(!E@
9EL!@?
9?!4@
94)!?)
9EE!@E
9(!4@
92!)D
,2!?@
9E?!$L
9E2!E@
94D!E)
9E)!)(
94E!$4
9@!($
9)!4D
94D!E$
94?!2D
9ED!?L
9?!()
944!42
9ED!?@
9EL!LL
94(!L)
9DD!?)
9DD!44
9D(!?2
9E)!DD
,44!(@
,4(!L(
9?!4$
9(!2D
9DD!@L
9@E!4(
94!2E
9(!($
9EL!L@
9DL!4D
94@!D)
94?!2@
9@!4?
94?!42
94@!?$
94?!22

4!@@@
L!$)E
D!))E
4!@D(
D!D)L
D@!$DL
4D!D?L
2!LEL
L!L$?
L!LL$
(!?DL
L!24$
4!@4L
DD!4(L
L!@2@
L!$?)
2!)@(
42!?@L
E!$2)
@!4L(
L!?L@
)!)D$
?!D(L
L!(4@
4!@4E
L!?DL
D!)LL
E!22E
4@!)DL
E!(?E
L!$2D
4@!(DL
4!2E4
L!)24
L!@)D
L!(@L
D(!E4L
L!()L
L!D44
L!D42
L!(?(
44!)@L
E!E)$
4!2?E
L!)DE
4!?EL
L!$?D
4!D?@
4!E4(
4!)4?
)!($E
4?!D4L
4D!22L
@!D(L
L!4)(
L!E4$
L!?D(
L!$(E
$!44L
L!2$(
L!)$@
))!24L
L!@?2
4!@E(
L!L$@
4)!E@L
L!?E4
D!4?E
@!)@(

 ,

% &22
%
"/&#

&%
&%

% 3.*3 *.3  
" $# " $# "/&#

2 %

&%
,, %

2 %

&%
,, %

4D8LD84(
4)8L)84(
4)8L(84(
4E8L@84(
4)8L?84(
4)8L$84(

22!222
22!22$
22!22E
22!222
22!22D
22!2?@

4)8L284(
4)84L84(
4D84484(
4)84E84(
4)8L484@
4E8LE84@

22!2?4
22!2@@
22!2(2
22!2)E
22!$)$
22!2L)

42D
EED
E(D
E$)
D4(
D))

1
!,2
 " 
"/&#  /&#

E!LL@ 4E)!2
L!2L2 4)@!@
)!4($ D$?((!?
4!24( 2)LE!D
)!42L
?L!4
)?!$)L (2$!4
4@!@$L (2?(?!$
44!(@L 4?DL!2
L!44)
4$!L
L!L4)
%
?!?E( D2$!@
4!4)L
4$!4
E!42$
?4!(
D2!$(L 2@$E!?
L!$D(
)E!(
4!4DD DE?!2
4)!4LL 4$LL4!?
E?!(@L )@$L!2
D!@)L
4$!E
?!)2L DLL!D
L!?$@ 4DED!(
(!?4L D)(?!(
4L!2?L @E2(!@
L!@)L E?$!L
4!?$L
42!(
L!2()
D$!)
)!4LL 4?2!(
D!2LL
(D!E
4$!?LL E$?D2!@
D!ELE $4)!)
4!ED@ )24!(
42!((L D)?4!?
E!EEL D4?E!?
L!(2)
EE!E
L!$)( @D?!@
L!?2L
DD!)
)D!)LL 4(@2!@
L!?L@ ED$!D
L!)4)
2!)
L!D@$ 4E)!L
L!@D@
D4!)
4D!?EL 4)24!$
E!2$) )@D4L!)
E!?LL E)@$!)
L!@4L
D!D
4!2?2
()!2
4!4$L 4D)2!?
4!$D(
)D!$
4!)4L
42!2
E!EE)
4@!E
?!4$L ED(D!?
E(!$LL (?4!E
4$!(@L DLE!)
?!@2L E(D!E
L!E?(
%
L!E)4 ED2!$
4!L4$
D4!4
4!(LL
?@!@
4)!L(L )D(!)
4!L$@ 44)!@
L!(E2
D(!E
(@!LLL E@(E2!?
L!24@
4@!D
E!E@L @?E!?
L!44)
(L!(
4@!ELL 4L@@!E
L!2@$
4?!L
)!E@E )$4E!L
$!E$( ?L@4!$

#"-3/1F088888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 @!?DL ,L!L? 9E(!(@ (!L2L @!$E( )2?)!?


#=-"-#888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!44$ ,4!$D 94$!LL L!L2D L!4E@
@!L
-" 1"F>C=J 58888888888888888888888888888888888888888888 6 7
%
%
%
%
%
%
-CC#/8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 4!(() ,4!LE 9E$!EE 4!4@( 4!(?L 4D$!?
3/#>.-1# 88888888888888888888888888888888888888888888888888886  7 4!E$L ,E!EE 9E(!2$ L!22L 4!DDL E?D!?
3/ #" 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!)?E ,L!@D 9)!)? L!)4) L!(L( 44L!$
31/#= 888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4D!D4L 9L!L$ 9EL!ED 4L!@$L 4D!)?L DDE?!(
31""3=- 888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!22@ ,4!($ 94D!$D L!$E( 4!L4E E@D!L
31"3 G 888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 D!E)@ 9L!L@ 9$4!)) 4!@2( D!(?L
$?!2
31=-&8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!DD2 ,D!L2 942!(D L!E?( L!D(E
(L!)
31C# >+- -8 88888888888888888888888888888888888888886 7 L!((L ,2!24 94)!E( L!)LL L!@42 E2@)!(
3G-#0I8888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
%
%
%
%
%
%
FCF-31/-1# 8888888888888888888888888888888888888888888888886  7 (!@2L ,4!4D 9EL!L) )!?LL @!LLL EE?!(
1 -#  888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 D!44L ,4!L$ 94@!L) E!@?E D!4)) D@L!?
3#0/-&#8888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 )!?@$ 9L!$L 9)!2D )!)$E )!??L
D@!L
3#0/-&# 4( H== 888888888888888888888888888864(7
%
%
%
%
%
%
3G=# 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!?EL ,)!(4 ,4L!LL L!?LL L!$LL
2!?
2 /-"C8888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!D$E
% 94?!E2 L!D42 L!D2(
4D!@
888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 )!L?L ,L!?D
% )!L?L )!4LL 2E2!4
3 1=-*=3F5  88888888888888888888888888888888888867 4!$DL ,4!@? 9)D!2$ 4!E)( 4!$2L
$D!@
=0/C 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 E!))L
% 9E!(E E!D($ E!(E$ ))@)!E
=0/C 4(H8888888888888888888888888888888888888886 4(7 4!)LE ,L!(L 94!$E 4!D)@ 4!(L)
%
-**-38888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 E!?2E ,4!@2 94@!DD E!D)$ E!$?$ 4LE2!L
-#==#/88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!?E) ,E!E2 9E!(( L!@$4 L!?)4
D)!)
-#==#/ 4EH8888888888888888888888888888888888888888888886 4E7
%
%
%
%
%
%
-1-1&=-1888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 )!L@L ,4!?2 9E@!(@ D!L@L )!4D) 4E?!$
-:F"=3 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 4!?EL 9D!@4 94?!)2 4!)4( 4!?EL
$(!L
-=#//-  8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4D!E)L ,D!L? 94$!$( 4L!@$L 4D!@2L @D2$!$
-=#//-  8 =18888888888888888888888888888888888888888888888888867 4E!)DL ,L!)L 9E)!2E 2!$@L 4E!)$L 4(E!?
3/-*=8 8F>C-13 888888888888888888888888888888888888888 67 @!?@L 94!(L 94L!24 (!@@L @!?@L
(?!)
3/-*='- "-C3=-/#88888888888888888888888888888888888886 7 L!E$2 ,E!4? 9E?!E? L!EE( L!E22
D$!)
=#/-3>8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!D@$ ,E!4( 9D@!2( L!E(L L!D$4 4$2!L
=#0F" 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!E42 ,L!ED 9E2!E2 L!4D$ L!EDL
)L!?
=-0 1"F>C=-#  8888888888888888888888888888888888888888888 6 7 4$!LLL ,L!EE 9E2!@$ 4D!)?L 4$!L)L 4$?!4
=J>0-18888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4?!)$L ,L!?2 94)!2E 4)!)DL 4?!2LL D$EE!)
5 8 # #"-- 8888888888888888888888888888888888888888886 7 L!D(4
% 9E$!)E L!E?4 L!D(4 4DD!E
- J8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 )!LLL ,4!2@ 9E)!$) D!4@@ )!L$L 4L2)!?
CC-888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 E!@(L 9L!L$ 94L!)E E!DEL E!@(L
?E!)
 #"-*=3F5 888888888888888888888888888888888888888888867 4!444 ,(!$( 94)!@L L!$E? 4!E)) (2@!E
#3="C- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 4@!4EL ,L!?) 9ED!)D 4E!$(L 4@!E@L D)L?!2
#5/J 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 ?D!ELL ,4!L4 9EL!?2 (2!L(L ?)!)LL @$@!?
#C#/-C 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!@(@ ,D!(D 94L!$4 L!((? L!@$L 44L!E
->10#1C388888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!4D@ ,@!)2 9D@!$? L!L2D L!4)( E((!L
3>>>888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 4!ED( 94!D4 9)!$) 4!4@L 4!E@L
4)!@
6 & 8588 8888888888888888888888888888888888888888867 4E!)(L ,L!$L 944!)@ 4L!@)L 4E!?LL 4))!L
#> 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 ?!(4( ,D!)4 9EE!LL (!$4L ?!?$L 44E!E
#> =1 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 @!??( ,4!$4 9DL!?2 (!LD( @!2LL
(L!(
'/3 =3F58888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4D!@$L ,4!?E 9E(!L( 4L!D2L 4D!22L $@)!?
-5#0888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 2!E@L ,L!4@ 9(!)? ?!42L 2!)D( )4L?!4
-5#0 =->5888888888888888888888888888888888888888888888888886 7
%
%
%
%
%
%
/-1- 05=#*-/38888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 )!L$L ,4!E@ 9DE!22 E!?)L )!4DE ELD2!E
/-1- 05=#*-/3 =1 88888888888888888888888888888888888 6 7 4L!)(L ,L!)$ 9E!)( 2!DLL 4L!(LL
4@!?
=>888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4!ED) 9L!)2 9)$!2) L!?2) 4!E@@ 44?$!?
C888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4)!42L 9E!@L 9(!2L 4D!L4L 4)!)LL 4D2!2
G#888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4E!?DL ,4!DE ,)!(? 4E!)2L 4D!?EL ?4L!$
=##1 #=G-#88888888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
#C 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!LL) 94@!@? 94@!@? L!LLE L!LL) EL?!(
#C  4@ H== 888888888888888888888888888888888888 64@7
%
%
%
%
%
%
#C  = 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
#=G-K- C/-  8888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 )!$)L ,L!$E 9EL!?L D!22L )!$$L 4D?!(
#=G-K- C/- 4( H== 8888888888888888888888886 4(7 L!D$L
% 9E@!?( L!E?L L!D2L
%
#>888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 4(!(LL ,L!2L 9EL!4@ 4E!)LL 4(!@)L E)D!L
 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 2!D(L ,4!(D 94@!($ ?!$(L 2!(2( E4)D!?
-1C#>-88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!L@( ,L!D4 9E4!D( L!L(L L!L$L
E!?
1- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 4!@DL ,4!2D 9E?!@) 4!E@4 4!@2$ 42E!E
10 > 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 )!)(L ,4!@) 92!4$ D!24L )!(E) 4(@2$!)
3*#' 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 E!2?@ ,4!4D 9)4!L) E!L)L D!L)L D@L!D
3/ 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 ?!LEL 9L!(? 9(!DD @!(?( ?!4EL @D2!$
3=-18888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 E!2LL 94!?( 9(4!4E 4!$2L E!2(L 4D?D!?
5#888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 44!(LL 9L!4? 942!?2 2!@LL 44!(LL 4)2!(
5# H== 88888888888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
C#&1#/  888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!DD$ ,E!)$ 94D!EL L!E$4 L!D(L
E2!(
C#&1#/ =->5  888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
 -=3#/#C=88888888888888888888888888888888888888888888888886 7 $!E(( 9L!@? 9DE!(L @!L?L $!E((
%
7 0F=-8888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 D!L2@ ,4!)L 94?!2L E!(?) D!4?L )(4!E
0F=- 4DH88888888888888888888888888888888888888888886 4(7 4!L4L ,L!2$ 9?4!DD L!((? 4!L(@
%
88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!(EL 94(!($ 9D$!@? L!DD( L!(EL
EL!?
#/#30  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4!L?? ,L!E$ 9EE!2( L!$(L 4!L$L 4)@(4!L
#/#30  #"-888888888888888888888888888888888888888886 7 4!LDD ,L!42 9@!$$ L!2() 4!L(D 4L@!$
#/#30  #"- =18888888888888888888888888888886 7 L!@L4
% 9D!@E L!(DD L!@@L
D!D
#/#30  =1 888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!$$E ,L!L@ 9E@!(@ L!@$L L!$$E (D4)!D
#1=-> 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4E!$?L 94!($ 9D!() 44!E(L 4D!@?L
%
#=1888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 D!2?L ,4!)) 9(!2$ D!((@ )!LDL $LE$!L
#=1-1#=*-  888888888888888888888888888888888888888888888888 67 4!?@2 ,L!@? 9E)!?( 4!)4$ 4!?$4
@?!E
#>0# 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!@EL ,4!2L 9)!24 L!(@( L!@((
@@!)
->/-888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!L(2 ,E!2@ 94E!4) L!L(L L!L@4 44E!4
3"<>8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 2L!)(L ,4!)? 9E(!() @2!)(L 2E!4(L E?2@!(
=#G- -18 1"888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 D!EDL ,E!)E 944!$) E!(LL D!)2E (D$!D
 #,>3/FC-31 8888888888888888888888888888888888888888888 67 2!4$L ,E!L$ 94$!L? ?!D$L 2!D?( 44L!L
8  1 8888888888888888888888888888888888888888888888886 7 @!?$L ,E!4@ 944!)E (!D4( ?!4$( @4$E!$
1-=#"-C88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 (!$2( ,L!(4 9$!)@ )!24L (!2)( D)$?@!E
1-=#"-C =->588888888888888888888888888888888888888888888888867 $!4)( ,L!D? 94!4$ ?!?EL $!4?(
EL!4
1-53/8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 )!()E ,E!D@ 9$!?@ D!$D) )!@$L EL)$!$
1-53/ 5=G 88888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 )!(L@ ,E!DL 9$!L@ D!$?@ )!@() 4E(E!E
1-53/-8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!($$ ,4!2? 94(!() E!4EL E!@)L (2(4!L
1-53/- =->58888888888888888888888888888888888888888888888867 E)?!LLL ,4!EL 9E@!D) 42E!(LL E(L!LLL D4@!4
1-53/- =->5  88888888888888888888888888888888888888888867 E!@L$ ,4!E2 94@!@) E!4E@ E!@)E 22L!2
9 />3- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 42!)LL 9D!42 9E(!)2 4)!$$L 42!)LL ELL!?
-1-1- 1"F>C=- 8888888888888888888888888888888888888888888886 7 4!E?? 9L!(( 9)!@? 4!4@@ 4!E??
D?!?
-1-1- G3=- 88888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 (!@@L ,4!?) 94!L? )!$?L (!?@L E)2!)
-CC3=- >>8 88888888888888888888888888888888888888888888888888 67 2!(D( ,E!4L 9?!?) $!EE( 2!?@L @)$!L
: 3=/" FCJ =##8888888888888888888888888888888888867 4L!DDL ,4!E) 9E?!DL ?!2@( 4L!)@L E@D2!2
< 33I 8888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4$!?4L ,E!4) 9D!$D 4(!?DL EL!)?L 44@@!E
= -*1*3 #C=3 888888888888888888888888888888888888888 67 (!D4L ,4!@? 9D!24 )!24$ (!()L )?E!(
F+- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!L() ,4!@D 9D!@E L!L(L L!L(2
E4!4
F+- 4) H==8888888888888888888888888888888888888864)7
%
%
%
%
%
%
F+- =1888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!4@E 9L!L@ ,D!24 L!4(@ L!4?E
L!@
 -C3/3 55=C#1#1C# / >#*0#1C3 C=8

G/FC / L(,LD,4(
,
,
,
,
,
L!LE

RIPRODUZIONE RISERVATA

1
!,2
 " 
"/&#  /&#

C-  F= "#//;*#1K- *-3=1/->C- "-33=8 31#C# F=## 31-1G#>C 8 8 -/13

$
)L
?L
22
4D4
4@E

(f.ta.) Lapprovazione del decreto legge sullIlva


ha un effetto positivo anche nei rapporti con le
banche. Tanto che la scelta dei commissari di
mettere in cantiere un beauty contest, una gara,
per verificare la praticabilit di spostare su altri
istituti almeno parte dei 400 milioni di euro per i
quali si resa disponibile la Cassa depositi e prestiti. Loperazione resa possibile dalla garanzia
dello Stato sui finanziamenti. La disponibilit di
altre banche, se risulter effettiva, sar anche
una carta importante da giocare in sede europea
per smontare laccusa che gli interventi a favore
dellIlva siano aiuti di Stato. La prima banca a
rendersi disponibile stata Intesa Sanpaolo, con
lintervento del direttore generale Gaetano Miccich, che ha avuto un ruolo determinante.
Listituto milanese ha riaperto i rubinetti per 160
milioni di euro, seguita da Unicredit che ha garantito altri 60 milioni di euro. Ora le verifiche
serviranno a coinvolgere altri istituti come Banca Popolare di Milano, Deutsche Bank, Banco
Popolare.

%# (  ## % # & 


    ##    
    % $$$  # ) %    &%#  % ''' #! 
&%
&%

% 3.*3 *.3  
" $# " $# "/&#

$ 88 30 88888888888888888888888888888888888888888888888867 L!(D? ,E!4L ,D!(4 L!)22 L!((2 E4)!4


E88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886E7 L!$2) ,E!DL 9?!LL L!?2E L!24$ E$DL!(
#88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4L!2LL ,L!E? 942!@( $!2LL 44!LLL EDD$!(
3C#/ =3F5 88888888888888888888888888888888888888888888888867 4D!LDL ,D!4E 9E?!(L 4L!EEL 4(!(LL
((!(
2@!$
>0,*0888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4!E?@ ,L!L$ 94$!L) 4!L@4 4!E$D
",#=358-=#1K#888888888888888888888888888888888888888886 7 4)!2$L 9L!E? 94)!?L 4E!@$L 4(!DDL 4D(!2
#"#> 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!((L ,E!LL 94E?!)$ 4!L4L E!?)L
E?!$
#&&# 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 E!E$L 94!?2 9D!D( 4!?2? E!DLL E)D!(
/#=-3188888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!?2$ 94!$2 ,4!EL E!D$@ E!$@L 4ED!L
)$!?
0-#1C+#>->8888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!(ED ,4!$$ 9DD!E$ L!D(D L!@4)
05/-&318888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 (!?)( 9L!D( 94?!E) )!$$) (!?)( 4DLE!L
1-0 3/"-1* 888888888888888888888888888888888888888888886 7 (!L)( ,L!(2 9EL!2$ D!$LL (!L$L 4(DL!4
1>/"3 C> 88888888888888888888888888888888888888888888888888 67 2!D@L ,L!L( 944!(@ $!42L 2!D2L 4$?)!@
=#188888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
>35-G#  8888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4!22( 9L!EL 92!@E 4!?@L 4!22( )@?!(
>C/"-  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 @!)(( ,4!)( 9D)!4) )!)4L @!((L @)D!4
C/1C-8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 ED!4EL ,L!?? 94(!2( 42!4(L ED!()L 424@D!E
FC3*=-//88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 $!L2L ,L!$L 9E@!?L @!L@L $!4(( EL?(!D
FC3>C=" 3, -88888888888888888888888888888888888888888888 67 4E!EEL ,L!@( 9E)!@2 2!)(L 4E!DLL 4L?2!(
?L!4
FC3>C="# #=8888888888888888888888888888888888888886 7 4@!L(L 9L!@2 94!2? 4)!$2L 4@!D(L
K-0FC8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 EE!$DL ,E!(E 9E)!E4 4?!@)L ED!)EL DD4(!@
%  5#.#=>  8888888888888888888888888888888888867 @!$$L ,L!4( 94D!4@ (!@?L @!$2L
?(!)
1 #1#=/-888888888888888888888888888888888888888888888867 E)!$$L ,4!D4 9@!?$ EE!EDL E(!?LL E2LL!E
1 '>  888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4?!4LL ,E!(@ 9EL!L$ 4D!@EL 4?!((L 2D)!4
1 358 0-/- 888888888888888888888888888888888888867 @!2)L ,D!E4 9E)!D? )!$L) ?!)2( DD2(!D
1 358 31"=-3 888888888888888888888888888888888 67 D!24) ,D!E@ 9E(!(D E!$)L )!L2) 4$LE!?
13 353/=# 88888888888888888888888888888888888888888888888867 4D!ELL ,E!$L 9E$!4@ $!24( 4D!$$L )$)@!$
13 353/=# H4L888888888888888888888888888864L7
%
%
%
%
%
%
1K-  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 @!4)L ,L!2?
% @!4)L @!(?L E)2!E
>-1#C88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!?2E 9L!?E 9ED!)D E!EE@ E!?2E 4@2!@
>C3*-88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!DE$ 9L!D) 9D!?) E!4LL E!))L E?(!)
 -3C#+  88888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 E@2!LLL 9L!42 9D(!?2 42@!?LL E@2!LLL
%
 =-*# 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!L?D 9L!)E 9E2!)@ L!L(( L!L?D ?@2!E
 =-*# =88888888888888888888888888888888888888888888888888867 4!(LL 9?!4) 9DE!D2 4!L2( 4!(LL
D!$
 -11C  8888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!(?) ,D!4E 9D$!2$ L!D2( L!@L) E44!$
 1C#=03-/-=#88888888888888888888888888888888888888886 7 D!)$) ,L!@$ ,4!($ D!)DL D!()@ ())!L
 358C=F=- # K-3 888888888888888888888888888 6 7
%
%
%
%
%
%
 358 -/138888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!$4L ,E!(D 9)E!44 L!(D) L!$)) D@42!@
 35853/#C3 8888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
 =3'/38888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!D$? ,E!?4 94$!E) L!DL( L!)L) E@)!E
3 #>-3,=-1K8888888888888888888888888888888888888867 E!@2L ,4!4L 9ED!(4 E!LDL E!?EL D4)!?
3 #>-3,=-1K =188888888888888888888888888867 E!(2) 94!DD 9EL!?@ E!L4E E!(2)
D)!D
3 1C1"#=88888888888888888888888888888888888888888888867 @!))L ,4!ED ,$!?$ (!24L ?!L@L
%
3 ="#*1 =188888888888888888888888888888888888888867 4L!$@L ,L!24 944!4L 2!@LL 44!EDL
?4!?
## #0 88888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!(E2 9L!)? 9(!$L L!)$( L!((E
?4!E
$@!L
#*+#//-8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!)E$ 9D!4@ 9?!)D L!D$2 L!)D4
#1- C-/-888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!?D? ,L!EL 9E(!)? L!(@$ L!?D$ 4@@?!D
#>C 1-31 38 888888888888888888888888888888888888888888888 67 4!24L ,L!@E ,)!(L 4!$DL E!LLL
4?!2
-/#CC- 1"F>C=-# 88888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!(D2 94!DE ,(!)) L!(DL L!($4
)L!2
4?!E
-1013 888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!(LL 94!?? 9(!2$ L!)E4 L!(E)
-#>># 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4(!@$L ,(!LD 9@D!$( 2!D@L 4@!(4L )D?!?
-3#=88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!DEL ,L!22 94$!D? L!E)$ L!DED
44!?
3#=3 =C8888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 EL!LLL
% ,4!2@ 42!(LL E4!LLL
$@!$
3/K31-  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 D!EEE ,4!2( 94$!LE E!@L$ D!E2@
$)!L
318#===#>-88888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E@!(LL 9L!D$ 94@!4D EE!?LL E?!L(L 4)2!4
3=*3>#>- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!??@
% ,E!@D L!?)@ L!?2?
E$!$
3=*3>#>- =1 888888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
=#03 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 DD!(DL ,4!2@ 9EL!)$ E@!@(L D)!ELL EE@?!(
=-3>+-888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!4L? ,)!D4 94$!@L L!L$@ L!44@
$@!L
=F1#//3 F-1#//- 8888888888888888888888888888888888888888867 4$!?@L ,4!E@ 9D!2D 4?!L2L 42!2LL 4E2$!@
FKK- 1-#0 8888888888888888888888888888888888888888888888888867 4E!D?L 9L!)2 94?!$4 2!@DL 4E!?EL EL)?!)
FKK- 1-#0 =1888888888888888888888888888888888888888867 ?!$E( ,L!L@ 9EL!D$ (!$$L ?!2$( D4?!2
& " C  8888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 )!4() ,E!D( 92!DE D!@4L )!E()
D$!D
-=3 3008 8888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 (!($( ,E!?L 94E!?$ )!?4L (!2@L ))D!4
/#&' 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4!E(D ,L!2( ,4L!D? 4!EDD 4!D2$
4(!?
/C*-=31# 88888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 E!E)L 9L!)( 9E4!L$ 4!$4L E!E)L E@)!)
/C*-=31# "88888888888888888888888888888888888888888888888867 4!LLL ,L!EL 94@!)4 L!$4L 4!LD( 4E(!)
05=-888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 @!L@( 9L!E( 9EL!EE )!2DL @!L$L D((L!?
5# -G# 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!D4@ 9L!?L 9E!LD E!4(L E!D4@
ED!@
===388888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E!D4L 94!$( 9E4!($ 4!$D4 E!DEL 4L)!2
CC3/- >888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 ?!L@L ,4!2) 9E4!)4 (!(LL ?!E(L 4E)4!?
%
#// +#=58888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 E!44$ 9L!)? 9$!@E 4!2EE E!44$
#0=#  8888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 44!$EL 9L!)E 94D!@( 4L!E4L 44!$EL ELL!4
#0#1C-= 88888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 @!4DL ,E!4( 94?!E4 )!$$E @!()L 2$L!$
#1C8 CC# 3=-13 8888888888888888888888888888888888888886 7 D!2?L 9L!)@ 9)?!4( E!@$) )!4?)
D2!(
#=08 -+#CC-888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!E$( ,L!2) 9E2!D4 L!EL2 L!E$2
ED!E
#=G#"8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 (!D@( ,E!)( 9E)!L? )!L)L (!@LL 4L($!)
 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!L(E ,)!2$ 9DD!L? L!LD@ L!L()
4D!(
 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!E2L ,4!$@ 9EE!)? L!EDL L!E2?
E@!$
-3/#// 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67
%
%
%
%
%
%
-=8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4!LD) ,L!@? 94(!)L L!$)? 4!L(2 $DL!L
/>> "-C3=- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 L!)LL ,?!)D 9E$!2? L!E$@ L!))D 44(!$
 1"F>C=-/88888888888888888888888888888888888888888888886 7 ?!D4( ,L!E? 944!L2 @!E)( ?!@)( 22)L!(
3'"# 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 L!(L( ,E!L) 94@!$? L!)LD L!(4@ D@)!4
3*#0# #C 8888888888888888888888888888888888888888888888888888 67
%
%
%
%
%
%
31' =#>C-C3<8888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!D@? 94)!@) 9(4!44 L!ED( L!D@?
4@!E
=#"8 =C-*-13 8888888888888888888888888888888888888888888888867
%
%
%
%
%
%
=#"8 0-/-13 88888888888888888888888888888888888888888888888888867 ?!D$L ,L!@? 94@!(2 @!EDL ?!)DL E)D$!@
=#"8 /C#//-1#>#888888888888888888888888888888888888888886 7 4!42L ,E!$@ 9)(!4E L!?EL 4!DLL 4D)L!$
>58888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4!?$( ,E!(4 9E(!?L 4!D2? 4!$?E
(2!@
' <0-3 8888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!)@@ ,E!(D 9L!42 L!)DE L!)2D 422!(
<0-3 4@ H== 8888888888888888888888888888888 6 4@7 L!L@) ,?!E( ,@!4@ L!L() 33(3
%
" 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 67 E!24L ,L!$2 944!)2 E!)4) E!2D@
)$!D
0-1- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4!D$2
% 944!DL 4!EL( 4!))D 44(!D
1-#/-88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888867 E4!)EL 9L!)E 9)!4D EL!L2L EE!(4L $?E!D
1-#/- =1 888888888888888888888888888888888888888888888888888867 4)!LLL ,L!E4 94!$E 4D!E$L 4(!@LL (@@!$
C/3*- 88888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4L!(?L 9L!42 942!LD $!$LL 4L!$?L @4)!D
#< 31*+- 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 4$!D2L 9@!D@ 9ED!)E 4)!?DL 4$!D2L E@22!@
# 5-C/ 88888888888888888888888888888888888888888888888888867 4!?@? ,E!D$ 9(!)2 4!@E4 4!$)D ()$!L
#//-0 8888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 E!DDL
% 942!@4 4!$L( E!DDL D(@!L
->3=-1  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 D@!LLL ,L!@4 9?!)D DD!DDL D@!EEL ELE@!@
-*-C/ =3>  8888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 )!))E 9L!L( 9D$!D$ D!LDL )!))E
@(!D
0-/ =3F5  88888888888888888888888888888888888888888888886 7 E!(LL ,4!D) 9$!2$ E!L2) E!$)L
D!2
  88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 )?!LLL ,E!E2 944!LD )4!D4L )2!L4L 4D)L!4
( "->31 = 888888888888888888888888888888888888888888888888 67 L!$@E 9L!)? 9L!ED L!$D2 L!$?4
2(!L
 888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888 6 7 L!4)E ,D!4) ,4?!2E L!4E) L!4?D
@!D
/818 88888888888888888888888888888888888888888888888888888888888888886 7 DL!4(L ,L!)@ 9@!24 E@!(DL D4!@LL 4)@!4

% %%

Acciaio, le banche a Taranto

L!LE
L!LE
L!LE
L!LE
L!4(
L!L?

, /&
3- &
C#=/-1 6G87
C#=/-1 6187
C#=/-1 653>C8?)7
=F*#==1"
=#1*3 C/-13
=#1*3 G-KK#=3
=#1*3 =1#>#

& ,,&
ED?!2) E?$!2D
E)(!L4 E$D!2D
E)(!L4 E$D!2D
48L4?!2) 484D@!)@
42L!D) E4@!(4
4$?!)? E4D!($
4$@!)) E4L!D?

&
3- &

,,

=3 -/13 6F=3A*=87


=3 31"= 6F>"A31-7

D(!L4
D(!4$
48EL?!?( 48E4E!?(

=*#1C3 -/13 6F=3A.*87


/C-13 -/13 6F=3A*=87
//"-3 -/13 6F=3A*=87

''

/&&

,,,
,,,
,,,

&

)2?!DD
D(!$L
E(!44

&%
%-)3 -)
4 >#CC8 ,L!LD( ,L!LD(
4 0#># ,L!LL@ ,L!LL@
E 0#>L!L4$ L!L4$
D 0#>L!LD$ L!LD2
) 0#>,
,
( 0#>,
,
@ 0#>L!4L2 L!444

&%
%-)3
? 0#>,
$ 0#>,
2 0#>L!4(2
4L 0#>,
44 0#>,
4E 0#>- L!EE$

-)
,
,
L!4@4
,
,
L!ED4

, ,&0
C/-
F=34?
1"
1-0=
-1/1"-
=1-

33
33
3(
3
33
33

L!L(
L!L(
L!?(
L
L!L(
L!L(

, ,&0
#=01-
-5531#
88

G#K-

33
3
3.
3

L!L(
L!4
L!(
L!E(
,L!4

  C 09+ B,09* :29 ::* *. 0,,9*  0.9 *.


2 .   A9*'0 *. #9.(* :B*FF 9*5 >* *  C 09+
090.>0 ''*09.>* ,, 09 @G5GG
*.**

-:> 9- 3 D4555555555555555555555555555&"GG<
9 .> . D5555555555555555555555555555555555555555555<1//
9AD ,, :) , @G55555555555555555555555555 ?<<;@%

>0DD A905555555555555555555555555555555555555?<@;<

>0DD A90%G5555555555555555555555555555?%&/11

>0DD  5555555555555555555555555555555555555555 ?";<"

>0DD %G55555555555555555555555555555555??%"<"
 A90>951GG5555555555555555555555555555?G/"/G
0.' 0.' 5555555555555555555555555555@&;G@;"

0(.. :A9' 5555555555555555555555555555&;%<1?"


0.9 31GG45555555555555555555555<""/1?
9*  D?%555555555555555555555555555511G1&;G
:,0 02 @% 555555555555555555555555555555555555555%<G11
*.'209  555555555555555555555555555555555?&@@11
E. E 3,, 9:45555555555555555555555555%/G@";
090.>0 3?GG0-24 5555555555555555 1%1@;%?
* .. 3>D455555555555555555555555555555555555@&;<?@
A9*'0 3 455555555555555555555555555555555555"/%&<"


)11/
6G?@
)1@&
)11@
)11;
)G/@
)G/?
)G/"
)G;&
61&%
)G;&
)1&;
6G;@
6G%&
)G&G
)G"/
)G1;
)11@

: , F*0.
    
*:55555555555555555555555555555555555555555555555555555<"&&
,,*.F 555555555555555555555555555555555555555555555555551&/&%
E 9 ' 5555555555555555555555555555555555555555555551?1&%
 * 9:09# 555555555555555555555555555555555555555555555 ;;&<
-C555555555555555555555555555555555555555555555555555555111GG
0-- 9F.+ '55555555555555555555555555555511"?
 A>:( .+ . 5555555555555555555555555555555@";"
 A>:( 0:>5555555555555555555555555555555555555@/"@
 A>:(  , +0- .55555555555555555555555551<??
> A#>(.: '5555555555555555555555555555555551?11
A'0 0:: '5555555555555555555555555555555555511%@%
>90 '555555555555555555555555555555555555555555555555@/"@
* - .: . 555555555555555555555555555555555555555555555 /;/?
0,+:C' . ' 55555555555555555555555555555555@@1<G

*9 *7A* 55555555555555555555555555555555555555555511<;G
,:>0-55555555555555555555555555555555555555555555555555555@/?@
D 55555555555555555555555555555555555555555555555555555@@@?
.255555555555555555555555555555555555555555555555555555555555%G/1
2  -*.*5555555555555555555555555555555555555555555;@<"
99 #0A9 55555555555555555555555555555555555555555555555@/?1
:*.0 55555555555555555555555555555555555555555555555555555"%G"
9!*> '9*0, 55555555555555555555555555555555555551@%/
.0. 555555555555555555555555555555555555555555555555555<1%G
89!, 555555555555555555555555555555555555555555555555551<11G
*( ,*.55555555555555555555555555555555555555555555555555"?%/
 A' 0> 55555555555555555555555555555555555555555551&<G
 .A,>555555555555555555555555555555555555555555555555555"?G/
*.>)0*.555555555555555555555555555555555555555?/@@
.0$)E.>( ,555555555555555555555555555555"<1<
0*!>! !.!9, 55555555555555555555555555555555&G%%
0 D(0 ,,*. 5555555555555555555555555555555"/?G
0>, 5555555555555555555555555555555555555555555555555555555555&;1?
   
-F0. 0- 555555555555555555555555555555555555?"&G"
- 9*. D29 ::555555555555555555555555555555"1%%
22, 0-2 .555555555555555555555555555555551@""&
>555555555555555555555555555555555555555555555555555555555?&&&
.+ 0# - 9*5555555555555555555555555555555551<G@
0 *.' 55555555555555555555555555555555555555555555555551%<@G
9.*B, 55555555555555555555555555555555555555555555555555&&;%
> 92*,,9 . 55555555555555555555555555555555555555"@/<
*:0 E:> -:55555555555555555555555555555555555555@/%?
*>*'90A2 .55555555555555555555555555555555555555555%?<"
0)0, 0555555555555555555555555555555555555555&@";
0,'> ,-0,*B 555555555555555555555555555555;G%G
0C ( -*, 5555555555555555555555555555555555555&/G/
A0.> 555555555555555555555555555555555555555555555555555;"G1
DD0. 0*,555555555555555555555555555555555555555555";%;
09 0>09 555555555555555555555555555555555555555555551<1;
 . 9, , >9* 5555555555555555555555555555555555@%"&
 . 9, 0>09:55555555555555555555555555555555555?;%;
0,-. (: 55555555555555555555555555555551/G/&
 C, >>)+95555555555555555555555555555555?&&/
0. EC ,,5555555555555555555555555555555555555555551G?"<
- 555555555555555555555555555555555555555555555555555555551<G;"
.A:>9* >AFF* 255555555555555555555555555551<;
.> , 092 55555555555555555555555555555555555555555555555?&G/

0(.:0. 
0(.:0.5555555555555555555555551G@G?

 09'. 555555555555555555555555555555555555555555555<1;%
0+(  9>*.55555555555555555555555555555@GGG@
AD0>>* 92 2555555555555555555555555555555<G<&
0.,8:5555555555555555555555555555555555555555555///@
9+  055555555555555555555555555555555555555555555%"1@
*90:0#>555555555555555555555555555555555555555555555555&?@&
0.:.>0 0555555555555555555555555555555555555511//%
09'. >., E5555555555555555555555555555555555?%"@
*+ .5 ,5 5555555555555555555555555555555555555555 /;<G
* .>,  >5555555555555555555555555555555555555;"%?
$F 955555555555555555555555555555555555555555555555555555555?&%;
(*,*2 099*:55555555555555555555555555555555555555555"@/1
90> 9  -, 555555555555555555555555555555"&//
.*, B 9 555555555555555555555555555555555555555555&?<%
,> *:. E 5555555555555555555555555555555555555551G%"&
(*9,200, 55555555555555555555555555555555555555555555@1?&G
 90D555555555555555555555555555555555555555555555555555555551?&1
(00 .55555555555555555555555555555555555555555555555&@%G


?* 90A2 5555555555555555555555555555555555555555555555&/@@/
.',0 - 9*.55555555555555555555555555551@G&%G
:>9 . 55555555555555555555555555555555555&&?1%G
9,E: , 555555555555555555555555555555555555555@%&?G
 5555555555555555555555555555555555555555555555555555555555&&//%
9*>*:(  , 0-55555555555555555555555555555555&%?;/
A9 99E 90A2 5555555555555555555555555555 1"&;GG
,D0:-*>(+,*. 5555555555555555555555555551%<1?/
9+:  2 . 955555555555555555555555555555%G"GG
 9:0. ,55555555555555555555555555555555555551&@?@@
9A .>*, 5555555555555555555555555555555555555551<@<<?
0,,: 0E 55555555555555555555555555555555555555555 /?;GG
0E,  A. ,,555555555555555555555555555555555&@G@G
0E, + 0# 0>5555555555555555555555555555555?;G1G
(90 9: ,5555555555555555555555555555555555?G%;;1
.*, B 9 ,5555555555555555555555555555555555555@";1GG
0#0. 90A2555555555555555555555555555555@@<1;
 
 :>,!555555555555555555555555555555555555555555555555555555;&<G
0B9>*:55555555555555555555555555555555555555555555555555/%GG


)G<&
)11/
)G?&
)G1;
)@"G
)1&@
)@1/
)1"/
)@G&
6G"%
)11<
)G1;
)G;1
)@?"

)G"/
)1&<
)1G;
)?1G
6G1/
)11%
)GG"
)1@<
)G&/
)G<@
)1/&
)1%@
)@<&
)1<&
)G@"
)@@%
)G&/
)G1&

)G&1
)G%/
)G1/
)G%/
6GG%
61%<
)G/;
)GG%
)@@G
6G?<
)G;<
)G;@
)G%?
)G<1
)G%?
)@&1
)1G?
)G11
)G&&
)1@?
)G</
6G1/
)G<G
6GG/
)11%
)GG?
)1&"
)%1"
)GG"
)G;/
)1&<
)111
)11<
)11<
61G@
)G%"
)GG%
)G&/
)G@%
)GG%
)G;&
)1@%
)?<%

)1@1
6G@/
)G/"
)?@@
6G&&
)G;%
)@?"
)G1/
)G?/
)G;G
6GG?
6G@;
)?@%
)@1;
)G"1
)G1&
6G1?

)G@;
)?G<

38

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

39

Cultura
& Spettacoli

Bestseller mondiale

Addio a Stanley:
fu lo scopritore
dei milionari Usa

Lo scrittore e saggista statunitense


Thomas J. Stanley (nella foto), autore del
bestseller internazionale Il milionario
della porta accanto, morto a 71 in un
incidente stradale ad Atlanta. Aveva un
dottorato in Business Administration e
aveva insegnato a livello universitario.
Dopo anni di studi approfonditi sui
milionari americani attraverso sondaggi,
interviste, elaborazione di dati statistici,

nel 1996 pubblic il suo primo libro di


grande successo, Il milionario della porta
accanto appunto, scritto con William
Danko (tradotto in italiano da Gribaudi
Edizioni), in cui descrive nel dettaglio le
caratteristiche di queste persone, lo stile
di vita, il modo di pensare e come abbiano
costruito la loro ricchezza. Per oltre 3 anni
di seguito il volume rest nelle classifiche
dei bestseller del New York Times.

Ritratti Lo scrittore Ivan Bunin in un volume di Adelphi demolisce i clich sullamico Cechov
Una festa di aneddoti, spunti e illuminazioni che rendono vivida la sua grande forza morale

La biografia come opera darte


di Alessandro Piperno

Autori

e ponderose iper-documentate biografie dei


grandi scrittori suscitano la stessa delusione di
un tour nelle case delle celebrit di Beverly Hills e di Bel Air. Il
sogno di immergersi almeno
per un attimo nel cuore del privilegio hollywoodiano si infrange su recinzioni fortificate e
inaccessibili. Ti ritrovi l, con un
branco di sfigati in shorts e canottiera, a scattare foto a un
cancello.
A suo tempo aggredii fiducioso la biografia di Baudelaire
scritta da Pichois, poi quelle
m o n u m e n t a l i d i Ta d i s u
Proust, di Atlas su Bellow... Be,
non ce n una che abbia saputo
darmi ci che si soliti cercare
nella vita di un granduomo: la
ricetta del genio. Evidentemente non c niente di geniale nellesistenza di un genio. E di certo un individuo non tutto nelle cose che gli capitano. Dati
anagrafici, alberi genealogici,
matrimoni, piccinerie, lutti, gusti sessuali, successi, tracolli....
Cosa c di straordinario in questo? Non basta essere zoppi per
essere Lord Byron. Forse il solo
modo per raccontare la storia di
un creativo immaginifico raccontarla in modo creativo e immaginifico. Mettersi sullo stesso piano, giocare nello stesso
campionato. Di recente ho amato molto la biografia di Salinger
di David Shields e Shane Salerno proprio per come era concepita, per come era scritta. A suo
modo era unopera darte.
Mi sa che anche allAdelphi la
pensano cos, visto che nel giro
di pochi mesi hanno riproposto
due gioielli: la biografia di Gogol scritta da Nabokov (Nikolaj
Gogol) e i ricordi di Ivan Bunin
della sua amicizia con Cechov
(A proposito di Cechov). Due
opere diverse naturalmente,
con un suggestivo punto in comune: ecco due grandi scrittori
russi del 900 , due emigr di
successo, che si cimentano con
la vita e lopera di illustri sfortunati compatrioti ottocenteschi
(quando una patria cera ancora). Un mix da capogiro. Nabokov svolge il compito da par
suo, baloccandosi con Gogol e
il suo fantasma, facendo splendere le ultime ore di vita del suo
eroe duna vividezza gogoliana.
Bunin pi sobrio: per dare
conto del tenero sodalizio con
Cechov procede per accumulazione. Ispirato dallepistolario
cechoviano, riesuma impressioni lasciate in cantina per
mezzo secolo. Affastella ricordi
in modo caotico, senza un programma preciso, senza rispetto
per la cronologia, ipnotizzato
dallo sfavillio retrospettivo dei
flashback (il libro fu dettato alla
moglie un anno prima di morire). Assembla un ready-made

Sopra, lo scrittore
russo Ivan Bunin
(1870-1953).
Nella foto grande
Kazimir Malevich
(1878-1935),
Contadini (1930,
particolare)

zeppo di materiali riciclati: lacerti di lettere, taccuini, diari,


memorie. Ne esce un libretto
che somiglia alla cassettiera
della famosa lirica di Baudelaire, stipata di verbali, romanze,
bilanci, lettere damore, ciocche
di capelli avvolte in ricevute
sbiadite.
A cinquantanni dalla morte
dellamico, Bunin demolisce i
clich su Cechov: il nichilismo,
la remissivit, il nostalgico sentimentalismo, lestenuata tenerezza del moribondo. E il miracolo si compie: il Cechov di Bunin aderisce al nostro Cechov,
senza somigliargli in modo pedissequo. un uomo allegro,
concreto e infelice, fiaccato dalla malattia e nobilitato dallironia e dalla temperanza. Un tizio
che vive di ci che scrive (sia in
senso materiale che emotivo).
Uno scrittore appunta Cechov
nei taccuini deve essere povero, deve sapere che se non scrive, se cede alla pigrizia, potreb-

be morire di fame. Vanno incarcerati, gli scrittori, per costringerli a scrivere di galere, torture
e bastonate. Per lui esiste solo
il lavoro, il resto non ha importanza. Da una lettera a Suvorin, il
celebre editore: Sono due anni
che, dalla sera alla mattina, mi
passata la voglia di veder pubblicate le mie opere, che non mi
curo delle recensioni, dei dibattiti letterari, dei pettegolezzi, dei
successi e dei fiaschi o dei lauti
guadagni. Per chi si lavora allora? Per limmortalit? Di norma
Cechov diffida razionalmente
del sogno dellimmortalit, ma a
tratti vi si abbandona. Del resto,
consapevole dei fraintendi-

Personalit forte
Cechov era allegro,
concreto e infelice,
fiaccato dalla malattia
e nobilitato dallironia

menti cui si espone. fiero della


sua peculiarit rispetto ai contemporanei: non un profeta,
non un pedagogo, n un ideologo. Il suo mondo popolato di
figure squallide, mediocri, umanissime, che insultano la sensibilit oracolare dei suoi connazionali. A cominciare dal pi illustre: il conte Tolstoj. A proposito, una volta Cechov confessa
al giovane Bunin: Quello che
mi colpisce in Tolstoj il disprezzo che nutre per noi scrittori. Certo, capitato che avesse
parole di lode per Maupassant
(...), o anche per me. Ma sapete
perch? Ci considera bambini.
Per lui i nostri racconti, le novelle, i romanzi sono giochi puerili. Che meraviglia! Uno dei ritratti condensati di Tolstoj pi
belli che abbia mai letto.
A Bunin bastano pochi tocchi
per presentarci il signor Cechov.
Non sopportava i festeggiamenti, odiava essere al centro
dellattenzione. E ancora:

Fu il primo russo insignito del Nobel per la letteratura

Lesule malinconico nellEuropa sconvolta

n discorso insolito e amaro, quello che lo scrittore


russo Ivan Bunin (Vorone, 1870 Parigi, 1953)
pronuncia al banchetto del Nobel nel 1933. Primo
russo insignito del Premio Nobel per la letteratura,
concentra in poche frasi lemozione che domina la
seconda parte della sua vita, quel dolore non soltanto
personale che d il senso di unEuropa mutata, dopo la
caduta dello Zar e con lascesa del nazismo in Germania.
Bunin ha dipinto nei suoi romanzi e racconti il ritratto
della vecchia Russia, ed egli ormai esule; sono lontani i
tempi in cui, giovane nobile ma privo di mezzi, lavora
come redattore e critico teatrale, scrive nel 1901 il poema
Listopad (La caduta delle foglie) che gli vale il Premio
Pukin, e viaggia in tutto lOccidente, da Costantinopoli
a Parigi, fino a Capri, per poi dedicarsi al romanzo, con
Derevnya (Il villaggio) e varie altre opere in cui il
mondo rurale, il crollo della nobilt terriera, il
decadimento della vecchia Russia sono rappresentati

senza illusioni. Ma la Rivoluzione lo trover tra gli


oppositori: nel 1920 lascia la Russia e si rifugia in esilio
in Francia, dividendosi tra la casa di Grasse in Provenza
e lindirizzo di Parigi; scrive romanzi e novelle come La
grammatica dellamore (in Italia tradotta da Tommaso
Landolfi, uscita per Valsecchi nel 1960), i Racconti
damore (Bur), il delitto passionale de Laffare
dellalfiere Elaghin (Sellerio) e il ritratto di Cechov che
sar postumo; intanto continua la sua personale
battaglia per la libert, da antinazista, nascondendo
ebrei e russi (anche sovietici) nella sua casa. Proprio a
Grasse lo raggiunge la telefonata dellAccademia nel 33,
che lo saluta erede della grande letteratura russa.
Risponder al banchetto, definendosi primo esule
premiato con il Nobel, e inneggiando alla libert
assoluta della scrittura.
Ida Bozzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Non lo vidi mai in vestaglia. Era


sempre molto accurato nel vestire, sempre impeccabile. Nutriva un amore ossessivo per
lordine; era un retaggio familiare, come la perseveranza e lindulgere alle reprimende. E ancora: Mangiava poco, dormiva
poco, adorava lordine. Nelle sue
stanze regnava un lindore fuori
dellordinario, la sua camera da
letto pareva la stanza di una fanciulla. E ancora: Aveva belle
mani, grandi e asciutte. E ancora: Non sopportava parolai,
scribi e farisei, e fra costoro in
special modo quelli talmente
presi dal proprio ruolo da farne
una seconda pelle.
Ma la cosa pi ragguardevole,
almeno per me, lintransigenza di Cechov nei confronti della
scrittura: Bisogna mettersi a
scrivere solo quando ci si sente
freddi come il ghiaccio. Bunin
racconta dellaspro commento
scappato a Cechov sullo stile di
Gorkij che si compiaceva di
espressioni tipo: Il mare rideva. Il mare non ride n piange si arrabbia Cechov il mare
pu rombare, sciabordare o
scintillare al sole. Prendete
Tolstoj: il sole si leva, il sole tramonta... Gli uccelli cinguettano... Non singhiozzano, n ridono. Perch la semplicit che
conta. Lo sguardo, almeno
quello, deve essere esatto.
Quando leggi racconti mirabili
come La steppa ti rendi conto
di quanto Cechov sputi il sangue, in modo flaubertiano, su
ogni immagine, ma di come, al
contrario del suo precursore
francese, eviti le affettazioni. In
un taccuino annota: In natura
una larva disgustosa si muta in
una splendida farfalla, mentre
per noi accade linverso: da
splendide farfalle a larve disgustose.
Gi, ci che conta la semplicit.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lo scrittore
russo Anton
Cechov (foto)
nacque il 17
gennaio 1860 a
Taganrog, in
Ucraina, e mor
a Badenweiler,
un piccolo
centro tedesco,
il 2 luglio 1904.
Fu autore di
novelle e opere
di teatro che
ebbero un
grande
successo.
La sua vita
raccontata con
estrema
sobriet
dallamico
personale Ivan
Bunin nel libro
A proposito di
Cechov,
pubblicato da
Adelphi
(traduzione di
Claudia
Zonghetti,
pagine 223,
14)

Vladimir
Nabokov (foto),
scrittore russo
naturalizzato
statunitense
(Pietroburgo,
1890 Montreux,
1977), era nato
da una famiglia
aristocratica
costretta poi a
emigrare
allestero in
seguito alla
rivoluzione
dOttobre.
La sua opera
pi celebre il
romanzo Lolita.
Adelphi ha
da poco
pubblicato
Nikolaj Gogol,
la biografia che
Nabokov aveva
dedicato al
grande autore
russo

40

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Editoria per ragazzi

Premi e menzioni
a Bologna
anche per le app

TERZA PAGINA

Anche questanno la Fiera del Libro per


Ragazzi premier il libro digitale. Il
Bologna Ragazzi Digital Award, giunto al
suo quarto anno, intende promuovere le
modalit innovative di sviluppo per
leditoria digitale destinata allinfanzia. Il
premio, che prevede le due categorie
Fiction e Non Fiction, si rivolge a tutti gli
editori e sviluppatori di app pensate per
bambini e ragazzi dai 2 ai 15 anni ed

Elzeviro / In libreria con Feltrinelli

LA MISSIONE
DI BORGNA:
CAPIRE GLI ALTRI

Segna
libro

Al gran ballo dei sovrintendenti


cambiano di posto in cento
di Pierluigi Panza

l gran ballo dei sovrintendenti, diretto dal


ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, sono invitati un centinaio di conservatori dei nostri
quadri e monumenti. Per lesattezza 89 soprintendenti, tre direttori di biblioteche nazionali
e 19 dirigenti del ministero.
Senza problemi di genere, anzi:
qui per le signore difficile trovare abbastanza cavalieri.
Sebbene dal ministero non
arrivi alcuna conferma ufficiale
(pubblicheremo i nomi sul sito dopo il vaglio della Corte dei
Conti), la riforma Franceschini sta entrando nel vivo con le
nomine nelle nuove sovrintendenze. Nomine che sono state
trasmesse ai sindacati per valutazione consultiva.
La riforma Franceschini
prevede una rivoluzione nel
settore che tralasciando le soprintendenze archeologiche e
archivistiche porter a identificare quattro diversi livelli nella gestione dei beni artistici. Il
primo la nomina dei direttori
dei 20 principali musei italiani:
sono arrivate 1200 domande e
una commissione sta vagliando
i candidati. Il secondo la nomina dei veri e propri soprintendenti alle Belle arti, architettura e paesaggio. Il terzo la
nomina dei direttori dei Poli regionali che si occuperanno di
tutti i musei della regione (ad
eccezione di quelli che rientrano nei 20). Il quarto sono i segretari regionali, dirigenti di
seconda fascia (76 mila euro)
che sostituiscono i direttori regionali (dirigenti di prima fascia, 130 mila euro), che hanno
compiti di stazioni appaltanti.
Laccorpamento delle sovrintendenze innesca un cambio generale che non , per,
un rinnovamento (solo per i 20
direttori di musei c un concorso con possibili nuovi inserimenti) ma un rimescolamen-

RIPRODUZIONE RISERVATA

provenienti da 27 Paesi, selezionando un


vincitore, quattro menzioni e dieci
finalisti. Ha vinto My Very Hungry
Caterpillar (foto) realizzato dallirlandese
StoryToys, per il libro (tradotto in italiano
come Il piccolo bruco Maisazio) di Eric
Carle. Tra le menzioni quella per litaliana
Elastico che ha realizzato Good Night
Dada, per aiutare i bambini a superare la
RIPRODUZIONE RISERVATA
paura del buio. (c.br.)

Riforma Franceschini: nuovi vertici a Milano, Roma e Venezia

di Cinzia Fiori
l tempo come chiave di accesso a se stessi
e alla comprensione degli altri. Non di
quello misurabile, esteriore, non delle ore
registrate dagli orologi scrive Eugenio
Borgna, ma del tempo interiore, con le sue
accelerazioni e i ristagni, con i mutamenti
legati allet, alle situazioni, alle emozioni
generate. il tempo dellanima su cui riflette
santAgostino nelle Confessioni: il continuo
fluire in noi di passato, presente e futuro. La
speranza, per esempio, abita nel futuro, il
presente del futuro. Non si pu vivere senza,
scrive il grande psichiatra, eppure molte congiunture esistenziali possono cancellarla, cos
come numerose condizioni psicopatologiche.
Nel dolore acuto, invece, il tempo si arresta:
diventa un presente senza storia e senza avvenire. La vecchiaia, al contrario, si alimenta
del passato, con i ricordi che innervano lidentit attraverso la memoria, mentre il futuro
tende a cancellarsi.
Sono veloci esempi per dare lidea di come,
attraverso il mistero del tempo, si possa avvicinare il mistero dellaltro (e di se stessi), perch le esperienze interiori del tempo sigillano
modi di essere comuni. Molto pi profondo
il procedere di Eugenio Borgna in Il tempo e la
vita (Feltrinelli, pagine 224,  18). Il professore, a quasi 85 anni e dopo tantissimi saggi, ha
ormai una cifra ermeneutico-stilistica immediatamente riconoscibile. Crede nellinterdisciplinariet e nellintertestualit, capaci di
allargare i confini di un
sapere ibrido, il suo, che
abbraccia la medicina e
le scienze umane. Perci
dialoga con molti anche
in questo saggio, interseca le sue riflessioni a
citazioni dautore: scrittori, poeti, filosofi, gli
psichiatri fenomenologi
Lo psichiatra Eugenio
che lo hanno preceduto.
Borgna, nato a
Borgomanero nel 1930 Li chiama a testimoniare,
ad approfondire, illuminare il discorso perch lavvenenza dei loro
testi risuoni a fondo nellanimo di chi legge.
Poi, con le conoscenze psichiatriche, offre
orizzonti di senso a quegli scritti. E chiavi di
accesso alla comprensione di molte condizioni diffuse, dalla nostalgia alla depressione.
Le emozioni, ricorda il professore, sono
forme di conoscenza e vanno ascoltate, sondate. Introduce ad esse e alle loro connessioni
con il tempo soggettivo, raccordandole con le
diverse stagioni della vita. in queste pagine
che Borgna racconta un poco di s, dalle sue
attese adolescenti del padre partigiano sino
allarrivo allospedale psichiatrico di Novara a
fine anni 60, dove liberare, per quanto possibile, il tempo delle pazienti significava liberare anche quello dei medici dalla stagnazione.
Molte adolescenze, come la sua, vivono nel
tempo dellattesa, non sono per rare quelle
soffocate dalla noia: una condizione orbata di
passato e futuro. Ha parole nette Borgna a
proposito, perch quella noia dovuta allindifferenza, allinaridirsi delle emozioni. in
simili stati esistenziali che nascono le azioni
violente dei ragazzi e perfino la dipendenza da
internet. Lindice puntato verso i genitori,
quelli incapaci di comunicazione emotiva, di
ascolto e apertura al confronto.
Il testo che non tralascia tempi sottili da
cogliere, come quello del sogno, della gioia o
le esperienze mistiche che lo trascendono
si addentra via via nelle condizioni pi critiche, quelle psicopatologiche, ma anche negli
abissi della malattia di Alzheimer, che progressivamente frantuma ogni tempo soggettivo, lasciando il malato in preda alla confusione profonda, senza pi neppure lappiglio del
tempo oggettivo, anchesso sbriciolato. Sono
argomenti affrontati con scienza, ma anche
con riguardo, dolcezza. Anzi, gentilezza, perch questo ci che da sempre Eugenio Borgna promuove: una psichiatria umana e gentile.

organizzato in collaborazione con la


rivista statunitense Childrens
Technology Review. Per ledizione 2015
del premio, quattro giurati esperti
(lamericano Warren Buckleitner, direttore
della Childrens Technology Review,
Cristina Mussinelli dellAie, lillustratore
belga Klaas Verplancke e linglese Max
Whitby, co-fondatore di Touchpress).
Hanno esaminato 192 candidature

41

Nel numero
speciale di fine
anno del 2014
lEconomist
ha elogiato il
pragmatismo e
la moderazione
della Tunisia,
unico Paese
che stia dando
corpo alle
speranze delle
primavere
arabe. Il
saggio di
Kenneth
Perkins Tunisia.
La via pacifica
allindipendenza (Beit , pp.
371,  20) ne
approfondisce
le vicende a
partire dal
1835,
passando per il
protettorato
francese
(1881-1956) e
il regime
autoritario
caduto allinizio
del 2011.

Entrambi
schivi, sobri e
riservati,
rigorosi e
severi con se
stessi, non
amano le luci
della ribalta,
hanno un forte
senso dello
Stato, sono
attaccati alla
famiglia e agli
affetti. Cos il
curatore del
volume
Beniamino
Andrea Piccone
presenta il
governatore di
Bankitalia
Paolo Baffi e il
giurista Arturo
Carlo Jemolo
nellintrodurre il
loro carteggio
dal 1967 al
1981, edito da
Aragno con il
titolo Anni del
disincanto (pp.
218,  25).

a cura di
Antonio
Carioti

Sopra: il
ministro Dario
Franceschini.
A sinistra:
Antonio
Canova
Danza dei figli
di Alcinoo,
gesso, della
Collezione
Fondazione
Cariplo (part.)

to di sedie di dirigenti gi in
ruolo. Ovvero spostamenti e
qualche avviamento alla pensione.
Difficile individuare un criterio univoco negli spostamenti, che paiono frutto di valutazioni ad personam: lunico elemento che li unirebbe sarebbe
la richiesta del commissario
anticorruzione Cantone che
avrebbe suggerito il rimescolamento delle cariche per impedire che i dirigenti pubblici
mettano troppe radici. Il ministero si attiene alla regola che
nessuno resti pi di dieci anni
nello stesso posto. Valutazione
che non tiene in conto la necessit, per i soprintendenti, di conoscere profondamente il territorio.

Cambi
Nel capoluogo
lombardo un valzer
di poltrone. A Firenze
nessuna rivoluzione

Il valzer tocca in maniera diversa Venezia, Firenze, Milano,


Roma. Via tutti da Venezia: Renata Codello, che ha curato i restauri delle Gallerie dellAccademia come sovrintendente ai
Beni architettonici viene mandata a fare la soprintendente a
Roma; la sua collega Giovanna
Damiani, sovrintendente ai Beni artistici, va in Sardegna. Metodo opposto a Firenze: qui,
dopo il controverso addio della
Acidini (che ebbe divergenze
con Renzi quando era sindaco),
la poltrona passata ad interim
ad Alessandra Marino che viene ora promossa a soprintendente generale. Secondo alcuni
una strana coincidenza,
ma anche altri 7 sovrintendenti
sono nelle sue condizioni.
A Milano arriva una nuova
soprintendente che era a Ravenna: Antonella Ranaldi, non
famosissima. Siccome a Brera
arriver un nuovo direttore,
Sandrina Bandera, attuale sovrintendente e direttore di Brera, diventa sovrintendente del
polo regionale della Lombar-

dia (si occuper di tutti i musei


fuorch Brera), mentre Alberto
Artioli, attuale responsabile
dei Beni architettonici, far il
segretario regionale. Luigi Ficacci, noto studioso e sovrintendente a Bologna, andr ad
Urbino, posto lasciato libero da
Fabio de Chirico, che va alla direzione generale per larte contemporanea a Roma. Pure Maria Vittoria Marini Chiarelli lascer la Galleria darte moderna di Roma per andare al
settore educazione e ricerca del
ministero (una posizione subordinata rispetto alla precedente?), retto da pochi mesi da
Caterina Bon Valsassina, ex direttrice regionale della Lombardia. Luca Rinaldi, sovrintendente in Piemonte al centro
della polemica sulla richiesta
rimozione del vagone in piazza
a testimonianza della deportazione ebraica, andr in Liguria
(aspirava alla Lombardia).
Cambiare tutto per cambiare
qualcosa o per non cambiare
niente?
RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna la biografia di Michel-Charles Diehl (Castelvecchi)

Teodora, ovvero la Belle poque a Bisanzio


di Marco Rizzi

Sovrana

i dice comunemente che dietro


ai successi di ogni grande uomo ci sia una grande donna. Se
per questultima esce dallombra e
assume un suo autonomo profilo,
quasi inevitabile che si attiri maldicenze, antipatie, vero e proprio
odio. Un caso celebre quello di Teodora, moglie di Giustiniano, limperatore bizantino che riusc per
breve tempo a riunire per lultima
volta le due parti dellimpero (i due
appaiono luno di fronte allaltra nei
celebri mosaici della basilica di San
Vitale a Ravenna).
Lo storico Procopio di Cesarea dedic a Teodora un ritratto al vetriolo,
conosciuto sotto il titolo di Storia
segreta, che prudentemente scelse
di tenere nel cassetto, perch fosse
pubblicato dopo la morte di Giusti-

Teodora
(497-548),
moglie di
Giustiniano,
limperatore
romano
dOriente. qui
raffigurata
nella volta di un
mosaico della
basilica di San
Vitale a
Ravenna

niano. In realt fu Procopio a morire


per primo, e la sua opera rimase a
lungo ignorata. Stampata per la prima volta nel 1623, diffuse limmagine di Teodora come una prostituta
che, grazie alla bellezza e agli intrighi, riusc a diventare imperatrice,
macchiandosi di ogni tipo di nefandezza.
Lastio di Procopio era probabilmente dovuto allestromissione dalla cerchia del potere dopo un lungo
servizio nella corte e nellesercito bizantino. Altrettanto inevitabilmente, una vicenda biografica come
quella descritta dalla Storia segreta
doveva accendere linteresse e la
fantasia di storici e letterati di epoche assai meno moralistiche. Gibbon, De Sade, Sardou, dAnnunzio,
sono tra quanti hanno contribuito al
contromito moderno di Teodora.
Tra loro va ricordato anche uno
dei fondatori della bizantinistica

moderna, Michel-Charles Diehl, di


cui Castelvecchi ripropone la biografia dellimperatrice, originariamente pubblicata nel 1903, Teodora
imperatrice di Bisanzio (pp. 184, 
17,50). Lapproccio meno romanzesco, le vicende di Teodora sono
inserite nel contesto della sua epoca, anche se dalle pagine di Diehl
traspare linconfondibile clima della
Belle poque parigina, che spiega la
simpatia con cui lo studioso tratteggia il profilo dellimperatrice.
Per una ricostruzione pi aggiornata, si pu vedere la biografia di Paolo Cesaretti, uscita nel 2001, Teodora. Ascesa di una imperatrice (Mondadori). Curiosamente, nella quarta
di copertina di Castelvecchi, Diehl
viene fatto morire a Dachau nel
1945, anzich lanno prima nella Parigi da poco liberata. Forse, una vendetta postuma di Procopio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

42

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

SPETTACOLI
Nuovo appello

I cinema restino cinema. Nuovo appello dei


registi italiani da Bertolucci a Scola, da Sorrentino
(nella foto con Servillo sul set de La grande
bellezza) a Salvatores. Gli autori contestano i
progetti che prevedono un cambio di destinazione
e possibili speculazioni. Dubbi anche
sulloperazione recupero messa in campo dal
Comune che vuole salvare i grandi schermi chiusi,
non escludendo lipotesi di affiancarle ad altri
spazi culturali. Si pensa a ludoteche, librerie ma

I grandi autori del cinema:


Roma non svenda
le sale cinematografiche

anche allenogastronomia. Entro marzo il


Campidoglio vorrebbe lanciare un bando pubblico.
Abbiamo individuato 42 sale abbandonate e
dismesse spiega lassessore allUrbanistica
Giovanni Caudo . Lobiettivo riaprire queste ex
sale cercando di far mantenere la loro funzione.
Ma attori e registi chiedono interventi pi decisi.
Tra le proposte quella di tassare le sale
abbandonate e la riduzione delle imposte per chi
vuole riaprire cinema.

Il caso Le scelte di attori e registi nelle sequenze erotiche: un tema rilanciato dal successo di Cinquanta sfumature di grigio

Sguardi
Anne
Hathaway (32
anni) e Jake
Gyllenhaal (34)
protagonisti
della commedia
Amore & altri
rimedi (2010).
Tante scene di
nudo e sesso
tra i due
protagonisti nel
film diretto da
Zwick.
Gyllenhaal
dichiar:
Non ho mai
avuto rapporti
sessuali
indossando la
biancheria
intima...
Sarebbe strano
farlo in un film

I confini del sesso sul set


C

i sono momenti in cui il


confine tra un attore e il
suo personaggio diventa pi sottile. Momenti
in cui le parole si spengono e
cedono il posto al corpo, strumento con cui molto pi
complicato fingere ma che diventa lunico a disposizione
quando si girano scene damore. Che si tratti solo di un bacio
o di tutte le cinquanta sfumature di passione, gli attori di solito minimizzano sullerotismo
di quei ciak. Ma il non c
niente di vero, pare essere la
prima bugia sul tema.
C chi lo ha ammesso, come
Ryan Gosling: Di solito tutto
finto, ma se vuoi rendere lintimit devi comportarti diversamente. Anche se la maggior
parte degli attori parla di imbarazzo. Come John Hamm:
strano e sgradevole..., Rosamund Pike: Sei con un uomo
che non tuo marito: ha solo le
mutande, tu solo il tuo intimo
e tutto si conclude in unarida
scena o Mila Kunis: difficile girare una scena di sesso...
non affatto piacevole. Jake
Gyllenhaal su Amore e altri rimedi, ha ironizzato: La cosa
pi difficile era fingere di essere eccitati da Anne Hathaway.
Anche se poi ha specificato:
Non ho mai fatto sesso indossando la biancheria intima, sarebbe strano.
Eppure quelle scene sono
spesso i momenti pi dimpatto in un film, quelli che si ricordano di pi. Dal ghiaccio sulla
pancia di Kim Basinger in Nove
settimane e mezzo allamore
sul tavolaccio della cucina di
Jack Nicholson e Jessica Lange
in Il postino suona sempre due
volte fino agli orgasmi diretti
da Lars Von Trier in Nymphomaniac. Il sesso si ricorda e
piace anche, almeno stando
agli incassi record (413 milioni
di dollari nel mondo) di un
film la cui unica ragione dessere in quelle scene, come Cinquanta sfumature di grigio.
Ma c una visione, anticipata dal New York Times, molto
distante tra chi quelle scene le
interpreta e chi invece le im-

Da Jake Gyllenhaal allimbarazzo di Mila Kunis


le confessioni opposte dei protagonisti
Bellocchio: a volte limiti incerti tra realt e finzione

Sei da sola
con un
uomo che
non tuo
marito e
tutto finisce
in unarida
scena
Rosamund
Pike

Nei miei
film non c
niente
di simulato
Anche
Elio
Germano
stato
sempre lui

magina, scrive, dirige. I registi


sono poco convinti della pura
finzione. Non vero che gli attori sono freddi. Se sono nel
personaggio non possono che
provare i suoi sentimenti. Almeno se a monte si fa un lavoro
serio con loro, spiega Paolo
Franchi. Lui ha diretto scene
intense in film come Nessuna
qualit agli eroi (discusso a Venezia per il nudo integrale di
Elio Germano) o E la chiamano
estate (che ha avuto grande
fortuna in Oriente): Ma mai fini a loro stesse: erano subordinate allaspetto psicanalitico
della storia. Non pensa che i
suoi attori abbiano mai finto.

Poi certo, quando finisce il ciak


tornano in loro. Scene come
queste toccano anche gli autori: Spesso sono pi intimidito
io degli attori: cerco sempre di
fare molti passi indietro.
Marco Bellocchio sintetizza
cos: Sono scene in cui la differenza tra lessere e il rappresentare pi confusa. Laddove
ci sono azioni cos ravvicinate
difficile separare linterprete
dalluomo. Per questo il pi
delle volte, quando devono essere girate, si cerca di limitare
al minimo la troupe sul set, di
mettere gli attori a loro agio.
Sperando ci sia intesa. successo in Vincere! con Giovan-

Avevo
sognato
quella
sequenza,
facevo
vedere i
movimenti
a Scamarcio
e Bellucci
Giovanni
Veronesi

Milioni di
dollari
incassati nel
mondo dal film
con Jamie
Dornan
Cinquanta
sfumature di
grigio (oltre
369 milioni di
euro)

I trucchi alcolici
Bacio
Nanni Moretti e
Isabella Ferrari
si scambiano un
bacio
appassionato in
Caos calmo di
Grimaldi. Tra i
due protagonisti
anche una
scena di sesso
bollente

Paolo
Franchi

413

Laiuto della vodka nel Caos calmo di Isabella


E Douglas beveva champagne con Glenn Close
Tra i pochissimi trucchi accettati da chi
fa cinema dautore c lui, lalcool.
Quando si deve simulare una grande
passione, spesso lidentificazione con il
personaggio non basta. E cos, gi un
bicchierino. O pi. Come ha ammesso
Isabella Ferrari. Prima di girare la scena
con Nanni Moretti, in Caos Calmo,
lattrice ha confessato di aver bevuto
vodka, Nanni un paio di birre. stata
la scena pi forte della mia carriera,

non nego che mi ha lasciato un segno.


Anche Keira Knightley ha confessato lo
stesso aiutino per girare A Dangerous
Method: Ho prima bevuto due
bicchierini di vodka e poi due bicchieri
di champagne. E proprio lo
champagne pare sia stato il miglior
amico anche di Michael Douglas e
Glenn Close durante le riprese di
Attrazione fatale. (c. maf.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

na Mezzogiorno e Filippo Timi.


Ma con il passare del tempo,
tendo pi ad alludere. Questo
perch le scene di sesso se
non sono sorrette da una grande ispirazione diventano pornografia.
Bellocchio poi ricorda la famosa scena della fellatio in Il
diavolo in corpo: nellesplicita
erezione del pene cera lesempio di un coinvolgimento non
credo solo meccanico. la rappresentazione visiva di come
sia difficile se non impossibile
astenersi da ogni sentimento
quando si mette in scena un atto damore.
Esistono dei trucchi: cuscini,
protesi, lavoro di post produzione.... Ma si vedono. Il solo
trucco che uso la luce. Daccordo anche Franchi: Nei miei
film non c niente di simulato.
Anche Elio Germano era completamente lui.
Giovanni Veronesi ha pochi
pudori: Le scene damore sono i miei effetti speciali. Gli attori devono fingere e io mostro
come. Lo ha fatto con Bellucci
e Scamarcio in sedia a rotelle in
Manuale damore 2: Montavo
sopra di lui, simulavo i movimenti. Quella scena laveva
sognata: era un mio sogno
erotico. molto sensuale ma
non si vede niente: ho fatto togliere le mutandine alla Bellucci, ma ne indossava un altro paio, lui aveva le sue. Secondo
Veronesi di solito comandano
le donne. Non per delicatezza:
non c sesso tra gli attori, sono
tutte attrici. Ma perch in genere una donna ha girato pi scene di sesso. E cos, se lattrice
imbarazzata, come lo era Violante Placido con Silvio Muccino in Che ne sar di noi, il regista deve stare accanto a loro. I
trucchi degli attori? Se si gira
dopo pranzo bevono un po.
In questa camminata da funamboli tra realt e finzione, la
regola per Veronesi una sola:
Il cinema deve essere per met ci che si mostra e per met
immaginazione. Altrimenti diventa un film porno.
Chiara Maffioletti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Titoli celebri

Ultimo tango a Parigi


Maria Schneider (19522011)
e Marlon Brando (19242004) nel
film di Bertolucci del 72 che fece
scalpore per le scene di sesso

Intimacy
Il film di Chreau premiato con
lOrso dOro a Berlino nel 2001
con Kerry Fox e Mark Rylance: fu
definito un nuovo Ultimo tango

Manuale damore 2
Nella commedia diretta da
Veronesi una scena di sesso sulla
sedia a rotelle tra Monica Bellucci
e Riccardo Scamarcio

50 sfumature di grigio
Dakota Johnson nel film
tratto dal best seller scritto da E. L.
James: campione dincassi nel
mondo

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

SPETTACOLI

Verso la finale

Dispetti televisivi. Ieri sera Striscia la notizia ha rivelato che sar


Stefano il vincitore della quarta edizione di Masterchef, il talent di
cucina di Sky Uno, la cui puntata finale sar trasmessa domani. A
giocarsi la vittoria sono rimasti in tre: Stefano, Nicol e Amelia. E,
stando al tg satirico, come ha svelato linviato Laudadio, sarebbe
proprio in questordine la classifica finale del programma, che stato
gi registrato da tempo. A nulla valso lappello di uno dei tre giudici
di Masterchef, Carlo Cracco (foto), che aveva twittato il suo
disappunto: Il rispetto per i telespettatori deve venire prima di tutto.
Invidie e ripicche lasciamole fuori please. Detto, non fatto. (R. Fra.)

Striscia svela
il nome del vincitore
di Masterchef

Premi
Quatriglio fa il bis ai Nastri dargento doc
Nel 2013 lo aveva vinto con Terramatta. Ieri sera a Roma alla Casa
del Cinema Costanza Quatriglio ha vinto il Nastro dargento doc, il
premio assegnato dal Sngci (Sindacato nazionale giornalisti
cinematografici), con Triangle, racconto incrociato di due tragedie sul
lavoro in cui sono morte operaie tessili a distanza di un secolo,
Barletta 2011 e New York 1911. Per la categoria cinema e
spettacolo, Nastro doc a Giorgio Treves per Vita cinema e passione
su Gian Luigi Rondi. Nastri dellanno a Amelio, Salvatores e Veltroni.

Sfogo di Madonna:
veleni e paparazzi
adesso mi feriscono

scendo: non avevo la stessa libert degli uomini, anzi degli


uomini etero. Ancora arte con
Frida Kahlo: Nei suoi quadri
vedi forza e sofferenza. Non era
convenzionalmente bella, la
gente la prendeva in giro e a lei
non gliene fregava nulla. Come
me.... Si torna sulla libert,
ma in senso pi ampio: A Parigi suonata una sveglia per il
mondo: abbiamo capito che
diamo la libert per scontata
ma anche che dobbiamo essere
pi tolleranti. Approfondisce
lontana dalle telecamere: In
Europa ho sentito crescere lintolleranza: contro i diversi co-

Difficile spiegare a mio figlio gli insulti sul web


Lalbum

Rebel
Heart, 13
album in studio
di Madonna,
esce il 9 marzo:
lo scorso
dicembre i
demo del disco
furono piratati
costringendo la
star a
pubblicare sei
brani su iTunes

uesta volta c un gradino solo. Dopo il volo ai Brits della scorsa


settimana Madonna
non rischia. Per la performance
da Fabio Fazio (registrata nei
giorni scorsi e in onda domenica) va sul sicuro. Pu bastare
un predellino, nascosto sotto il
lungo abito nero. Quel volo,
senza conseguenze grazie al fisico allenatissimo, ci ha mostrato una regina vulnerabile.
Esce luned Rebel Heart, il
suo tredicesimo album. Se in
Veni Vidi Vici si autocelebra
(ma guarda al passato), in Joan of Arc ammette che ogni
paparazzata e ogni insulto le
fanno male. Allarghiamo il discorso ai suoi cari... Ai miei figli ho sempre chiarito la differenza fra la mamma e la professionista racconta dietro le
quinte . A Rocco, che su Instagram riceve brutti commen-

ti, ho spiegato di non prendersela personalmente per ci che


dicono di me. Ma a volte io
stessa resto ferita. Qualcosa
scricchiola anche nella musica.
Fino a qualche anno fa era lei a
dettare la linea: nuovi produttori per nuovi suoni. Questa
volta ha chiamato Avicii, Kanye
West e altri che hanno gi confidenza con le classifiche.
Non penso di dover essere attuale ma di dover scrivere classici da risentire fra 100 anni. Ho
buon gusto e ho scelto molti dj:
suonano davanti alla gente,
sanno cosa attuale.
Con Fazio parla di libert
personale: Andare contro le
convenzioni difficile, ma un
artista pu esprimersi solo cos. Il conduttore mostra un
quadro di Tamara De Lempicka
(lei possiede quello vero):
Quella donna in catene illustra come mi sono sentita cre-

Fu direttore di Sorrisi e canzoni

Addio a Gigi Vesigna


Celebr la tv pop

spir i Telegatti, diresse per


oltre 20 anni Tv Sorrisi e
Canzoni. Una vita per la notizia, ma quella della sua morte
ha voluto che uscisse a funerali
avvenuti: Gigi Vesigna morto
sabato scorso a 83 anni, ma si
saputo solo ieri.
Una vita da giornalista iniziata gi al liceo (il Parini di Milano) dove scrive per La Zanzara, il giornale della scuola. Poi
decide di fare sul serio, prima
pubblicista, quindi professionista. Entra in Mondadori e dal
1961 lavora al settimanale Teletutto, lanno in cui comincia a
seguire il Festival di Sanremo,
di cui diventer uno dei massimi conoscitori e non solo. La
svolta risale al 1973, quando asGiornalista
Gigi Vesigna,
nato a Milano
nel 1932,
morto a Roma
il 28 febbraio

sume la direzione di Sorrisi


prima che la testata venga acquistata da Berlusconi e il
settimanale si avvia a vivere un
periodo doro: Vesigna lo porta
da 600 mila copie fino al muro,
ineguagliato, dei 3,3 milioni di
pezzi. Sono gli anni in cui si dice che Sorrisi avesse un po pi
di uninfluenza su Sanremo: in
pratica si diceva era il settimanale a decidere chi vinceva. Lui ricordava cos i suoi Festival: Solo due volte entrai allAriston, dove mi misero in
prima fila, ho sempre preferito
la sala stampa, in mezzo a 400
colleghi che fanno a gara a chi

pi pirla; oppure una saletta


dellHotel Royal davanti a un televisore, che il modo migliore
per giudicare quello che vedi e
che senti, perch quello che
vede e sente il pubblico di casa.
Vesigna inventa il Telegatto
(fu il suo gatto nero a ispirare la
statuetta), il suo capolavoro,
scrisse anni fa Curzio Maltese:
Pu premiare un nobile o lultimo scemo da talk show. Il
premio in s ridicolo diventato con gli anni il simbolo del
potere enorme gestito da Vesigna. Inventa anche Vota la voce, la superclassifica dei dischi
pi venduti della settimana: la
rubrica, nata su Sorrisi, si trasforma in tv nella trasmissione
di Maurizio Seymandi.
Nella sua carriera ci sono anche cinema, calcio e fallimenti:
nel 1985 fonda Ciak, il mensile
di settore; per un periodo dirige Forza Milan!, il giornale
della squadra rossonera; nel
1995 partorisce Il Telegiornale
ma lesperienza del quotidiano
dura appena 33 giorni. Non
smette per mai di scrivere e
nel tempo collabora con Oggi e
Famiglia Cristiana.
Con Berlusconi il rapporto
stato saldo finch durato. Allorigine del divorzio ci furono i
dissidi con Tat, allora amministratore delegato di Fininvest, secondo il quale i giornali
diretti da Vesigna andavano
svecchiati. Il riferimento era
anche al calo di vendite di Sorrisi: erano 2 milioni e 600 mila
copie. Altri numeri, altri tempi.
Renato Franco
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sul palco
Madonna agli
ultimi Brit
Awards, quelli
della caduta
dal palco che
ha fatto il giro
del mondo.
Madonna
nata a Detroit il
16 agosto 1958

Brindisi Lex Material Girl con Fazio

Lintervista registrata

E la popstar gela Fazio: Sto parlando io

unica diva del pop. E da diva


Madonna si comportata con
Fabio Fazio nella trasmissione Che
tempo che fa?. Non solo perch
arrivata a Milano su un jet privato e con
un codazzo di 58 persone. Sto
parlando io, cos Madonna ha gelato il
conduttore mentre cercava di

43

intervenire durante una risposta. E poi


ha voluto, gesto poco chic, controllare
letichetta del vino (un pregiato
Sassicaia) prima del brindisi. Lultimo
sgambetto sul finale di un discorso di
Fabio Fazio: Quale sarebbe la
domanda?. (a. laf.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

me ebrei, gay, musulmani o come sessismo.


La diva si prepara al tour (21
novembre a Torino): Non mi
ripeter. In tante, da Britney a
Lady Gaga, lhanno inseguita
sulla strada della trasgressione
e si sono bruciate senza raggiungerla. Alla fine lei non farebbe cambio con nessuno.
Beh, facile essere me. Io sono io. Chi altro potrei essere?.
Andrea Laffranchi
RIPRODUZIONE RISERVATA

44

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

45

Risponde Sergio Romano

IL PARLAMENTO TEDESCO
E LEUROPA DA COSTRUIRE

Caro Romano, Andreas


Papandreu (come lei scrive in
una risposta) o Papandreou
(come spesso leggo)?
Marta Rosati
Reggio Emilia
Per molto tempo, nella traslitterazione dei nomi propri
scritti in caratteri non latini,
sono stati adottati i criteri della
fonetica francese. Per rendere
il suono u di Papandreu il
francese deve scrivere ou.
Oggi luso della fonetica francese molto meno frequente,
ma vi sono nomi storici della
vita pubblica greca, come Papandreou, che continuano a
osservarla. La prossima volta
scriver Papandreou.

Ho letto che il Bundestag, il Parlamento


federale tedesco, ha approvato lestensione
di altri quattro mesi del piano di aiuti alla
Grecia, deciso dalla Ue. Ne ho dedotto che le
decisioni prese dalla Unione europea sono
salvo approvazione della Germania o della
casa madre, come si dice per operazioni di
finanziamento al consumo. Se il Bundestag
non lavesse approvata, che cosa
sarebbe successo? Gli altri Paesi stanno a
guardare?
Pierfrancesco Camilleri
fracamilleri@hotmail.it

Le lettere firmate con


nome, cognome e
citt, vanno inviate a
Lettere al Corriere
Corriere della Sera
via Solferino, 28
20121 Milano
Fax: 02-62827579

@
lettere@corriere.it
www.corriere.it
sromano@rcs.it

Il presidente dellInps ha
detto: chiaro che se in
passato lo Stato non pagava i
contributi dei suoi dipendenti
perch si trattava di una
partita di giro, questo ancora
pesa sul bilancio, ma lo
squilibrio verr riassorbito. Il
giorno in cui la previdenza
verr separata dallassistenza
e lo Stato verser i contributi
dei suoi dipendenti, non
sentiremo pi dire che lInps
in perdita e non possiamo
permetterci di pagare le
pensioni?
Mario Bocci, Milano

Caro Camilleri,
ellart. 11 della Costituzione italiana
(quello che ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali) scritto che lItalia, in
condizioni di parit con gli altri Stati, consente
alle limitazioni di sovranit necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia tra
le nazioni. Nella Costituzione tedesca questa
clausola non esiste e il Tribunale costituzionale
di Karlsruhe ha pi volte richiamato il governo
alla necessit di modificare le leggi che non erano state espressamente approvate dal Parlamento.
Ce ne siamo accorti, per esempio, nel 2010,
quando il Bundestag approv la legge di ratifica del Fondo di stabilit finanziaria con cui oltre
centoventi miliardi di euro venivano destinati a
questo nuovo fondo europeo e veniva stabilito
che ogni futuro incremento di tale fondo sareb-

N
La tua
opinione su
sonar.corriere.it

PENSIONI / 1
I conti dellInps

di Gian Antonio Stella

Le costose riproduzioni
dei nostri libri antichi

LETTERE
AL CORRIERE

TRASLITTERAZIONI
Andreas Papandreou

Tuttifrutti

Siete daccordo
sulla possibilit
di detrazioni
fiscali anche
per chi iscrive i
figli alle scuole
paritarie?

SUL WEB

be stato possibile con la semplice autorizzazione


della Commissione bilancio del Parlamento
(cito dalla rivista Il Federalista, n. 3 del 2011). Interpellato, il Tribunale costituzionale approv la
costituzione del Fondo, ma non la clausola che
consentiva alla Commissione bilancio di autorizzare laumento della sua dotazione e motiv la
sua decisione ricordando che la Costituzione
esige che sia il Bundestag a prendere le decisioni
fondamentali in materia di spesa pubblica, essendo questa una delle attribuzioni sovrane di
cui titolare il popolo. Sono piuttosto numerosi gli altri casi in cui il Tribunale costituzionale
ha restituito al Parlamento il compito di approvare esplicitamente le scelte europee della Repubblica federale.
Questo non significa, caro Camilleri, che la
Germania sia meno europeista dellItalia. In
molti casi, negli scorsi anni, Angela Merkel ha ricordato agli altri governi dellUe che la soluzione
dei problemi creati dalla crisi del credito richiede pi Europa. Ma il ruolo del Tribunale di
Karlsruhe nella politica tedesca dimostra che
ogni costituzione riflette i sentimenti dominanti
di un Paese nel momento in cui stata scritta. La
Costituzione italiana ha creato una sorta di diarchia composta dal presidente del Consiglio e dal
presidente della Repubblica perch temeva il ritorno delluomo forte; mentre i costituenti tedeschi erano preoccupati soprattutto dal modo
in cui Hitler aveva aggirato o eliminato tutte le
salvaguardie giuridiche della Repubblica di Weimar.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Risposte
alle 19 di ieri

61%
39%
No

PENSIONI / 2
Confronto misterioso

La domanda
di oggi

Il presidente dellInps dice che


far unoperazione di
trasparenza, ovvero uno
studio per categorie, per
confrontare limporto delle
pensioni pagate, con quello
ottenuto dal ricalcolo col
metodo contributivo. Difficile
capire come sia possibile farlo,
considerato che ogni posizione

Il ministro
dellInterno,
Angelino
Alfano: norme
pi severe
contro
accattonaggio
e carit
molesta.
Giusto?

la conseguenza di una
specifica storia contributiva
per contributi versati, periodo
di contribuzione, et di
cessazione del lavoro, enti a
cui i contributi sono stati
versati, modalit con cui i
contributi si sono distribuiti
nel periodo di contribuzione e,
non da ultimo, la non
reperibilit dei dati sulle
contribuzioni. Gi aria di
nuove operazioni sulle
pensioni per fare cassa?

controllo riferisco: ho
percepito 11.40 di interessi e
ho pagato 34.40 di imposta
di bollo. Questo dovuto a una
legge del governo Monti. Penso
che di pellegrini come me ce
ne siano tanti, ma non
sufficienti a pareggiare i
miliardi di evasione che
tuttora pesano sul nostro
Paese. Non complicato
scovare gli evasori: basta
volerlo veramente.
Rosario di Bella

Luciano Gioia

dibellarosario@alice.it

Trezzo sullAdda (Mi)

LIBRETTO POSTALE
Interessi inferiori a spese
Dal 2013 ho un libretto postale
con 5.000 euro. Dopo un

SVIZZERA
Sicurezza e controlli
In Svizzera ho visto cose
impensabili in Italia. Ogni
giorno la polizia controlla i

nomi degli ospiti degli alberghi


e chi desta un minimo sospetto
viene portato via per
accertamenti. Insomma, si
respira sicurezza!
Andrea Del Giudice

svalemass@virgilio.it

STUDI MEDICI
Riviste a disposizione
Anni fa nelle sale dattesa dei
medici era frequente trovare
riviste come Selezione dal
Readers Digest. Erano
interessantissime, ricordo
ancora la volta che imparai
tutto su Nefertari. Oggi si
trovano riviste di gossip. Sere
fa, nellattesa, ho imparato
tutto sul Festival di Sanremo!
Michele Massa, Bologna

e per due caff fatti pagare 7 euro in un


bar di Milano arrivano i carabinieri a
chieder conto al barista della esosit
dellimporto, perch mai un archivio
pubblico pu impunemente chiedere 7 euro
per la riproduzione digitale di una pagina
di un libro antico che appartiene a tutti i
cittadini italiani e a tutti gli studiosi del
mondo? Eppure cos continua ad essere,
nonostante gli appelli e le denunce, da mesi.
Per colpa di una delle leggi pi sbagliate,
insulse e forse incostituzionali (articolo 9:
la Repubblica promuove lo sviluppo della
cultura e la ricerca scientifica e tecnica)
varate negli ultimi anni. Quella che vieta
tassativamente a chi studia un testo in una
biblioteca o un archivio di riprendere questa
o quella pagina con la propria macchina
fotografica o il proprio telefono cellulare.
Proibito. Poco male, se il servizio offerto
dalle istituzioni pubbliche fosse efficiente ed
economico. Il guaio che i prezzi rasentano
spesso lo strozzinaggio. Un solo esempio, le
tariffe dellArchivio di Stato di Venezia:
Riprese digitali b/n da originali (tratte
dalla medesima unit archivistica), formato
A4: euro 1,00 / formato A3: euro 2,00 /
formato A2: euro 3,00. Riprese digitali a
colori da originali: formato A4: euro 7,00 /
formato A3: euro 10,00 / formato A2: euro
15,00. Sinceramente: una vergogna. Vi pare
possibile che uno studente obbligato ad
avere le riproduzioni di 20 pagine possa
essere costretto a pagare 300 euro? O che un
docente di codici medievali debba sborsarne
500 o pi per una manciata di foto digitali
che potrebbe fare lui stesso?
Tra le recenti proteste merita una
segnalazione la lettera aperta a Dario
Franceschini di Brian J. Griffith, dottorando
californiano: un sacrosanto dovere la
tutela dei beni culturali al fine di
preservare nel tempo il ricordo della storia.
Ma quando noi ricercatori, specialmente
stranieri come il sottoscritto, ci troviamo
costretti a spendere grandi cifre per le
riproduzioni delle nostre fonti, ecco che la
conoscenza e lo studio della stessa storia
dItalia ne paga le conseguenze. La
prego, prosegue la lettera al ministro dei
Beni culturali, noi non intendiamo fare foto
ai vostri archivi e biblioteche per
impadronirci dei vostri beni culturali, ma
solo perch, grazie alle foto avremo la
possibilit di concentrarci sulle fonti
documentarie per un tempo pi lungo
rispetto al breve periodo di soggiorno in
Italia concesso dalle borse di studio. Toc
toc, c qualcuno in ascolto?
RIPRODUZIONE RISERVATA

INTERVENTI E REPLICHE
Fs: Napoli-Salerno in funzione dal 12 aprile
Al lettore che sul Corriere di ieri segnalava la
prolungata chiusura della linea ferroviaria
costiera Napoli-Salerno (fra San Giovanni Barra
e Torre Annunziata), per il crollo parziale di un
edificio storico sui binari della stazione Portici,
probabilmente sfuggita la notizia che il traffico
ferroviario riprender domenica 12 aprile.
Solo a fine febbraio Rete Ferroviaria Italiana ha
potuto riprendere i lavori per ultimare la galleria
artificiale provvisoria di protezione della linea
ferroviaria. La societ proprietaria del fabbricato
pericolante ha infatti rimosso, come disposto
dalla Procura di Napoli (28 gennaio 2015), i
ponteggi non autorizzati che occupavano la sede
ferroviaria. Ponteggi che, oltre a intralciare i lavori
di completamento della galleria artificiale

(sospesi), costituivano un ostacolo fisico al


passaggio dei treni. Il nuovo tunnel, che
consentir il passaggio dei treni in sicurezza e al
riparo da possibili ulteriori cedimenti delledificio
storico, sar ultimato entro marzo.
Ripristinati poi i sistemi tecnologici e le
condizioni di sicurezza dellinfrastruttura ad
aprile i collegamenti ferroviari potranno
riprendere regolarmente. La galleria artificiale
provvisoria sar rimossa da Rfi quando saranno
conclusi i lavori di messa in sicurezza di Villa
dElboeuf.
Stefano Biserni, Relazioni con i Media Rfi
Attivit dei notai
Rispondo allautore della lettera Notai e
avvocati: attivit a confronto (Corriere di ieri)
2015 RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI

FONDATO NEL 1876


CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE

PRESIDENTE Angelo Provasoli

Ferruccio de Bortoli

VICE PRESIDENTE Roland Berger

CONDIRETTORE

AMMINISTRATORE DELEGATO Pietro Scott Jovane

Luciano Fontana
VICEDIRETTORI

Daniele Manca
Venanzio Postiglione
Giangiacomo Schiavi
Barbara Stefanelli

CONSIGLIERI

Fulvio Conti, Teresa Cremisi, Luca Garavoglia,


Attilio Guarneri, Piergaetano Marchetti,
Laura Mengoni
DIRETTORE GENERALE DIVISIONE MEDIA

Alessandro Bompieri

Sede legale: Via Angelo Rizzoli, 8 - Milano


Registrazione Tribunale di Milano n. 5825 del 3 febbraio 1962
Responsabile del trattamento dei dati (D. Lgs. 196/2003): Ferruccio de Bortoli
privacy.corsera@rcs.it - fax 02-6205.8011
COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere
riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione
sar perseguita a norma di legge.
DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA 20121 Milano - Via Solferino, 28 Tel. 02-62821
DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A.
Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano - Tel. 02-2582.1 - Fax 02-2582.5306
PUBBLICIT
RCS MediaGroup S.p.A. Dir. Communication Solutions
Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. 02-25846543
www.rcscommunicationsolutions.it

Vincino

che si chiede perch un atto curato da un


avvocato debba essere considerato a priori
meno sicuro di quello redatto da un notaio.
Qualche motivo ci sar! Anche i medici sono
tutti laureati in medicina, ma allora perch, per
disturbi specifici, si preferisce andare da
specialisti come lortopedico, lurologo, il
ginecologo, lotorino eccetera? E perch si va
dallavvocato matrimonialista, dal legale esperto
in diritto del lavoro, dal penalista eccetera? E poi
perch i notai devono superare un concorso
statale e i loro atti devono essere sottoposti a
controlli biennali da parte del Conservatore
dellArchivio notarile che non un organo interno
della categoria, ma dipende direttamente dal
ministero di Giustizia?
Maria van Dijk , Milano

EDIZIONI TELETRASMESSE: RCS Produzioni Milano S.p.A. 20060 Pessano con Bornago - Via R. Luxemburg - Tel. 02-95.74.35.85 RCS Produzioni S.p.A. 00169 Roma Via Ciamarra 351/353 - Tel. 06-68.82.8917 RCS Produzioni Padova S.p.A. 35100 Padova - Corso Stati Uniti 23 - Tel. 049-87.00.073 Tipografia SEDIT Servizi Editoriali S.r.l.
70026 Modugno (Ba) - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - Tel. 080-58.57.439 Societ Tipografica Siciliana S.p.A. 95030 Catania - Strada 5 n. 35 - Tel. 095-59.13.03 LUnione Sarda
S.p.A. Centro stampa 09034 Elmas (Ca) - Via Omodeo, 5 - Tel. 070-60.131 BEA printing sprl 16 rue du Bosquet - 1400 Nivelles - Belgium Speedimpex USA, Inc. 38-38 9th
Street Long Island City - NY 11101 - USA CTC Coslada Avenida de Alemania, 12 - 28820
Coslada (Madrid) - Spagna La Nacin Bouchard 557 - 1106 Buenos Aires - Argentina
Miller Distributor Limited Miller House, Airport Way, Tarxien Road Luqa LQA 1814 Malta Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia 1300 Nicosia - Cyprus FPS Fernost Presse Service Co. Ltd 44/10 Soi Sukhumvit, 62
Sukhumvit Road, Bang Chark, Phrakhanong - Bangkok 10260 - Thailandia

Corsera + IoDonna + Cor. Como 1,30 + 0,50 + 0,20. In Campania, Puglia, Matera e
prov., non acquistabili separati: lun. Corsera + CorrierEconomia del CorMez. 1,03 +
0,47; m/m/g/d Corsera + CorMez. 1,03 + 0,47; ven. Corsera + Sette + CorMez. 1,03
+ 0,50 + 0,47; sab. Corsera + IoDonna + CorMez. 1,03 + 0,50 + 0,47. In Veneto,
non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + CorVen. 1,03 + 0,47; ven. Corsera +
Sette + CorVen. 1,03 + 0,50 + 0,47; sab. Corsera + IoDonna + CorVen. 1,03 + 0,50
+ 0,47. In Trentino Alto Adige, non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + CorTrent. o CorAltoAd. 1,03 + 0,47; ven. Corsera + Sette + CorTrent. o CorAltoAd. 1,03 +
0,50 + 0,47; sab. Corsera + IoDonna + CorTrent. o CorAltoAd. 1,03 + 0,50 + 0,47.
A Bologna e prov. non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + CorBo 0,72 + 0,78;
ven. Corsera + Sette + CorBo 0,72 + 0,50 + 0,78; sab. Corsera + Io Donna + CorBo
0,72 + 0,50 + 0,78. A Firenze e prov. non acquistabili separati: l/m/m/g/d Corsera
+ CorFi 0,72 + 0,78; ven. Corsera + Sette + CorFi 0,72 + 0,50 + 0,78; sab. Corsera
+ Io Donna + CorFi 0,72 + 0,50 + 0,78.

PREZZI: *Non acquistabili separati, il venerd Corriere della Sera + Sette 2,00 (Corriere
1,50 + Sette 0,50); il sabato Corriere della Sera + IoDonna 2,00 (Corriere 1,50 +
IoDonna 0,50). A Como e prov., non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + Cor.
Como 1,30 + 0,20; ven. Corsera + Sette + Cor. Como 1,30 + 0,50 + 0,20; sab.

La tiratura di marted 3 marzo stata di 432.472 copie

PREZZI DI VENDITA ALLESTERO: Albania 2,20; Argentina $ 15,50 (recargo envio al interior $ 1,00); Austria 2,20; Belgio 2,20; Canada CAD
3,50; CH Fr. 3,00; CH Tic. Fr. 3,00 (quando pubblicato con Style Magazine Fr. 3,50); Cipro 2,20; Croazia Hrk 17; CZ Czk. 64; Francia 2,20;
Germania 2,20; Grecia 2,50; Irlanda 2,20; Lux 2,20; Malta 2,20; Monaco P. 2,20; Olanda 2,20; Portogallo/Isole 2,50; SK Slov. 2,20;

ISSN 1120-4982 - Certificato ADS n. 7682 del 18-12-2013

Slovenia 2,20; Spagna/Isole 2,50; Hong Kong HK$ 45; Thailandia THB 190; UK Lg. 1,80; Ungheria Huf. 700; U.S.A. USD 5,00.
ABBONAMENTI: Per informazioni sugli abbonamenti nazionali e per lestero tel. 0039-02-63.79.85.20 fax 02-62.82.81.41 (per gli Stati Uniti tel.
001-718-3610815 fax 001-718-3610815). ARRETRATI: info@servizi360.it. SERVIZIO CLIENTI: 02-63797510 (prodotti collaterali e promozioni).

* Con Sette 3,00; con Io Donna 3,00; con Style Magazine 3,50; con Living 5,40; con Lucio Dalla 12,49; con Piero Angela. Viaggio alla scoperta della Scienza 11,49; con Maurizio Pollini 11,40; con Le parole di papa Francesco 7,40; con Disney English 9,49; con Oriana Fallaci 11,40; con Grandangolo 7,40; con Giovannino Guareschi 9,40; con Mim 3,49; con Agatha Christie Poirot 11,49; con Il cane. Amarlo capirlo educarlo 11,49; con Savana Disney 3,49; con Espaol da zero 11,49; con Diabolik.
Nero su nero 8,49; con Asterix 7,49; con Il teatro di Eduardo 12,40; con I capolavori della danza 12,40; con Storie di cucina 9,40; con I capolavori dellArte 7,40; con Violetta fotostory 4,00; con Rocky Joe 11,49; con Jeeg Robot dacciaio 11,49; con Beast Quest 7,40; con Topolino story 8,49; con Mary Higgins Clark 9,40; con The Beatles 14,40; con Braccialetti Rossi. Il mondo giallo 14,40; con Il mondo di Braccialetti rossi 14,40; con Le leggende dellalpinismo 12,49; con Don Giussani 11,49

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

46

Sport

Botta e risposta
Pep: Se torno al Bara
datemi una martellata
Dybala: Io invece
ci andrei anche a nuoto

Se vedete che sto per tornare al Barcellona, datemi una martellata


in testa. Sono queste le parole con cui Pep Guardiola (foto),
domenica sera protagonista a Monaco di un incidente dauto senza
conseguenze, ha escluso categoricamente lipotesi di accomodarsi di
nuovo sulla panchina del Barcellona. Sono molto felice al Bayern:
escluso che me ne vada questestate. Di parere opposto al Pep
Paulo Dybala, (foto) giovane e molto ricercato attaccante argentino
del Palermo: Al Barcellona ci andrei anche a nuoto se necessario, si
tratterebbe solo di attraversare il Mediterraneo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Coppa Italia, che Madama non


vince da ventanni (1995) sarebbe la decima e rappresenta certamente un obbiettivo. Ha la
sua importanza, ma meno della Champions, meno dellEuropa, meno del campionato e
quindi domani contro la Fiorentina ci saranno dei cambi,
nuova-vecchia gente.
La Juventus vuole arrivare tra
le prime otto squadre in Champions, riprendersi un posto
nelllite dEuropa. Poi l si vedr, a quel punto c anche bisogno di un buon sorteggio.
LEuropa non un optional, ecco perch Allegri era particolarmente teso nella notte di Roma. Non gli piaciuto latteggiamento della squadra nellultimo quarto dora. I risultati
non sono preoccupanti, anche
per le mancanze degli avversari, ma le statistiche s. Madama
va in vantaggio e subisce il pa-

Gioia
Carlos Tevez,
30 anni,
festeggia con
Leonardo
Bonucci, 27,
sotto i tifosi il
gol dello 0-1
contro la
Roma. Tevez
cos tornato da
solo con 15 reti
in testa alla
classifica dei
marcatori. La
Juve ha
mantenuto i 9
punti di
vantaggio sui
giallorossi a 13
turni dal
termine del
campionato
(LaPresse)

Obiettivi
John Elkann: Peccato
non aver vinto a Roma,
ora per pensiamo
a superare il Borussia

Tour de force
Otto partite
in 31 giorni:
dopo le sfide
con Atalanta
(20/2),
Borussia D.
(24/2)
e Roma (2/3),
i bianconeri
proseguono la
loro maratona
sui tre fronti.
 domani
Fiorentina
(Coppa Italia)
 luned
9/3
Sassuolo
 venerd
13/3
Palermo
(campionato)
 mercoled
18/3
Borussia D.
(Champions)
 domenica
22/3
Genoa
(campionato)

Juve, il pareggio scudetto


era un test per lEuropa
Pareggio di Coppa. Prima di
Ro m a - J u ve n t u s , M a d a m a
avrebbe firmato per uscire indenne dallOlimpico. Dopo,
per lottima prestazione senza Pirlo e Pogba offerta per
70 minuti, per il vantaggio, per
luomo in pi, non prevale la
delusione ma forte senso delloccasione sfumata, come sintetizza (via Twitter) Leonardo
Bonucci: Due punti persi. Peccato. Partita che ci far crescere. Ora testa alla Coppa Italia!!!.... A parte luso sconsiderato della punteggiatura, interessante lidea di fondo:
andare avanti, pensare anche al
resto della stagione, alle Coppe. Infatti il pensiero del difensore si intreccia con quello dellazionista di maggioranza del-

L1-1 allOlimpico stato unoccasione persa


ma i 9 punti in pi saranno utili in Champions
la Juventus, John Elkann che,
dal salone dellauto di Ginevra
manda a dire: Peccato non
aver vinto a Roma, per il pari
un buon risultato per portarci
avanti nel campionato. Ora abbiamo una partita importante
in Germania, a Dortmund, che
disputeremo partendo dalla
vittoria dellandata.
Sul fatto che la Juventus in
campionato sia ormai in discesa, arriva anche la conferma
della Snai che ha eliminato la
scommessa sulla vincente della

serie A, aprendo le puntate solo sul parziale delle ultime 13


giornate. La Juventus pi prudente ma c la convinzione
che questo risultato possa favorire il cammino nelle altre
competizioni, a cominciare
dalla Coppa Italia (domani andata allo Stadium con la Fiorentina, prevista unadunata
popolare), ma soprattutto come ha fatto intendere chiaramente la voce del padrone, la
Champions League, nel ritorno
a Borussia del 18 marzo. La

RIPRODUZIONE RISERVATA

Totti e De Rossi consumati


dal troppo amore per la Roma
Uno ha fatto lo stakanovista, laltro frenato dagli infortuni
Non la prima volta: era
gi successo, clamorosamente,
nel derby del 18 aprile 2010,
quando Ranieri li lasci tutti e
due in panchina nellintervallo,
e il 19 febbraio scorso, quando
Garcia li ha sostituiti insieme al
65 di Roma-Feyenoord per far
entrare Doumbia e Keita.
Per vedere Totti e De Rossi
sedersi in panchina, mentre la
Roma stava perdendo contro la
Juventus, unimmagine che
ha stretto il cuore a molti romanisti. Tanto pi perch, senza di loro in campo, anche se
non erano gli unici a non aver
convinto, la squadra miglio-

ROMA

I numeri
Totti, a tre
mesi dalla fine
della stagione,
gi stato
in campo 28
pi della scorsa
stagione
(1.868 a 1.840)
De Rossi
ha subito
due infortuni
al polpaccio e
giocato quasi la
met dei minuti

rata e ha raggiunto il pareggio.


La domanda, brutale, facile: sono finiti? La risposta, sincera, : no, ma forse non sono
pi in grado di giocare al top
due gare decisive ravvicinate. A
Rotterdam, gioved scorso, De
Rossi era stato in campo (molto bene) per 90 e Totti (bene)

La rosa corta
Destro via, Doumbia e
Ibarbo desaparecidos:
cos il capitano
ha giocato 1.868

per 80. Contro la Juve hanno


sofferto moltissimo.
C un dato, su Francesco
Totti, che spiega la travagliata
stagione dei giallorossi. Nella
scorsa stagione ha giocato
1.840 minuti (1.664 in campionato e 176 in Coppa Italia), in
questa gi a 1.868 (1.222 in
campionato, 365 in Champions League, 143 in Europa League e 138 in Coppa Italia). E
mancano ancora tre mesi pieni
alla fine della stagione.
chiaro che a 38 anni compiuti un simile utilizzo non pu
andare a braccetto con la qualit delle prestazioni. Ma gli in-

reggio da quattro partite di


campionato. A Cesena e con la
Roma non riuscita pi a portarsi avanti, anzi ha corso qualche rischio. Se aggiungiamo la
gara con il Borussia Dortmund,
(da qui arriva la notizia di un
infortunio a Marco Reus in
Coppa di Germania) sono cinque le partite consecutive in
cui i bianconeri prendono gol.
Lattenzione difensiva si abbassata e lo manifesta la fragilit sui calci piazzati, (tre reti su
cinque). in trasferta che la Juventus ha perso i punti che le
avrebbero consentito di aumentare la distanza: terzo pareggio dopo Udine e Cesena.
Soprattutto in vista di Dortmund, la saldezza difensiva devessere ripristinata, anche perch, come gi sottolineato,
quasi tutti i gol concessi provengono da errori bianconeri
(vedi la sfortunata scivolata di
Chiellini con il Borussia Dortmund). Allegri avverte: Dovremo essere pi concentrati, e
questa arrabbiatura la voglio rivedere nelle prossime partite.
A cominciare da quella di domani, ma soprattutto in Europa. LItalia, a Madama, sta ormai stretta.
Roberto Perrone

fortuni di Iturbe, la Coppa


dAfrica di Gervinho che continua a pesare sul rendimento
dellivoriano, gli acquisti harakiri di Ibarbo e Doumbia (desaparecido), la cessione di Destro al Milan hanno portato al
superlavoro del capitano gial-

Romani e
romanisti
Francesco
Totti, 38 anni, e
Daniele De
Rossi, 31: a vita
con la maglia
della Roma

lorosso. Allopposto il discorso


per De Rossi. Un anno fa era intoccabile (2.723 in campionato, 360 in Coppa Italia), mentre
questanno ha visto il campo
assai meno: 1.250 in campionato, 270 in Champions, 154
in Europa League e 120 in Coppa Italia. Hanno pesato due infortuni al polpaccio e la necessit di recuperarlo a tappe forzate dopo il gravissimo nuovo
infortunio di Strootman, la cui
stagione gi finita.
La Roma era sicura di avere
allestito una rosa per reggere il
triplo impegno, ma non stato
cos. Totti e De Rossi, simboli
della squadra, ora sono discussi per leccesso di amore, che li
ha portati a giocare anche
quando sarebbe stato meglio
per loro riposare. Garcia potr
gestirli nel finale di stagione?
E, soprattutto, a giugno che
mercato far la Roma?
Luca Valdiserri
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

Serie B
Il Carpi torna a volare
Avellino battuto
Bologna 0-0 e fischi
Pareggio del Vicenza

Campionato di B: 29 giornata. Dopo quattro 0-0


consecutivi, il Carpi tornato alla vittoria: due gol
(Lollo e Lasagna) e tre pali contro lAvellino. Cos gli
uomini di Fabrizio Castori (foto) hanno allungato,
guadagnando due punti sul Bologna, secondo e
sul Vicenza, raggiunto al terzo posto dal Frosinone.
Il Bologna ha chiuso sullo 0-0 e tra i fischi la gara
con il Latina; si annunciano giorni complicati per il
tecnico Lopez. Sembrava dovesse interrompersi la
corsa del Vicenza, invece la squadra di Marino,

Galliani vuole
spiegazioni
Una lettera
a Inzaghi e staff
tenuta fisica, infortuni.
Adriano Galliani pretende
spiegazioni. Assieme alla crisi
di risultati, allinvoluzione
della manovra e alla fatica che
i giocatori sembrano fare per
correre 90, linterrogativo che
toglie il sonno allad perch il
Milan il 13 gennaio avesse tutta
la rosa a disposizione e fosse la
squadra di A con il minor
numero di infortuni e poi sia
stata vittima della recente

ecatombe (oggi sono 12 gli


indisponibili), che ha portato
risultati conseguenti. Galliani
non si limitato a chiedere
lumi a voce nella riunione di
ieri a Milanello in cui ha
incontrato tutte le componenti
dello staff, ma ha messo le sue
domande per iscritto, in una
richiesta formale di
spiegazioni che ha inviato agli
stessi interlocutori, ovvero
Pippo Inzaghi e Mauro Tassotti
per la parte tecnica, Daniele
Tognaccini, preparatore
atletico, Marco Cesarini,
responsabile dei fisioterapisti
e della prevenzione degli
infortuni e Rudi Tavana, il
medico (che cura i giocatori
dopo che si sono fatti male e
quindi sembra quello meno
nel mirino). Un atto ufficiale
per richiamare ciascuno alle
proprie responsabilit, che ha
senzaltro un peso maggiore
rispetto a una semplice
chiacchierata. Il processo
iniziato. Ora i principali
problemi di Inzaghi si
concentrano a centrocampo,
dato che col Verona sabato
mancheranno Montolivo e De
Jong. Varie le ipotesi di lavoro:
ieri sono stati provati Poli
(sicuro del posto), Essien e Van
Ginkel, altrimenti Bonaventura
arretrer in mediana. Davanti,
Cerci prova a conquistarsi
spazio al fianco di Destro (i
due acquisti di gennaio hanno
bisogno di essere valorizzati,
lex granata reduce da tre
panchine, al n 9 non arrivano
palloni), ma Mnez resta una
pedina di cui Inzaghi non
vuole privarsi. A proposito di
Pippo: nonostante le forti
perplessit della societ
intenzionata ad avviare un
nuovo ciclo (in Argentina
scrivono che ci sono stati
contatti con Sabella per
giugno), lui non ha perso
convinzione. Luned ha tenuto
un discorso alla squadra pieno
di grinta, pare apprezzato dai
giocatori. Vedremo gli effetti in
campo: sabato serve vincere.
Arianna Ravelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

dopo aver sbagliato un rigore sullo 0-0, ha


raggiunto il Lanciano sul 2-2 con Cocco (42 s.t.).
Non servito al Varese il cambio di allenatore,
travolto dal Cittadella (tre gol nel primo tempo),
invece il Modena, che ha sostituito Novellino,
andato a vincere sul campo del Brescia. Il Livorno
non andato oltre lo 0-0 a Trapani; risalgono
Pescara e Spezia, che ha vinto 5-2 in rimonta sulla
Pro Vercelli, che ha giocato la ripresa in nove.
RIPRODUZIONE RISERVATA

47

29 giornata: Bari-Catania 1-1, Bologna-Latina 0-0,


Brescia-Modena 0-1, Carpi-Avellino 2-0, Cittadella-Varese
3-0, Frosinone-Perugia 2-1, Pescara-Crotone 2-1,
Spezia-Pro Vercelli 5-2, Ternana-Entella 0-1,
Trapani-Livorno 0-0, Vicenza-Lanciano 2-2
Classifica: Carpi 56; Bologna (-1) 48; Vicenza e Frosinone 47;
Avellino 46; Livorno 44; Pescara e Spezia 42; Perugia
e Lanciano 39; Bari 37; Ternana 36; Pro Vercelli, Latina,
Trapani e Cittadella 34; Modena* e Entella 33; Brescia 32;
Catania* 29; Varese (-3) e Crotone 28
*una partita in meno: il recupero si gioca il 10 marzo alle 18.30

C la Lazio, Benitez alza la voce

Milan

MILANO Gioco (o assenza del),

SPORT

In Coppa Italia il Napoli cerca la svolta della stagione


ROMA La Lazio in salute, gioca

Semifinali
 oggi
ore 20.45
LAZIO
NAPOLI
(rit. 8/4)
 domani
ore 20.45
JUVENTUS
FIORENTINA
(rit. 7/4)
Finale
Roma, 7/6
Lalbo doro
Questa
la classifica
delle squadre
vincitrici
di Coppa Italia
9 JUVENTUS
9 ROMA
7 INTER
6 LAZIO
6 FIORENTINA
5 NAPOLI
5 MILAN
5 TORINO
4 SAMPDORIA
3 PARMA

bene, ha individualit che catturano locchio, bracca il Napoli per un posto Champions e
pensa positivo. Il Napoli malaticcio, gioca male, le sue stelle sono impolverate, vede la Lazio negli specchietti e mastica
inquietudine.
A prima vista, la semifinale
di andata di Coppa Italia tra le
ultime due vincitrici (Lazio
2013, Napoli 2014) sembra avere una chiara favorita ma naturalmente non cos, perch il
calcio ogni tre giorni non d
certezze nel tempo e soprattutto perch il Napoli di Torino
stato troppo brutto per essere
vero. La chiave del match, in
fondo, sta tutta qui: riusciranno i Rafa Boys a uscire dal loro
incomprensibile torpore e a capire che questi sono i giorni in
cui ci si gioca una stagione?
Esaurite le chiacchiere di puro depistaggio sullarbitro, Benitez luned ha alzato la voce
coi suoi, soprattutto con i presunti leader spesso assenti
(Hamsik in primis): Abbiamo
sbagliato tutto. Ora che si fa,
andiamo a Roma per una passeggiata?. Ieri invece ha recitato la parte di quello sereno e
ironico, ha ricordato che in stagione il Napoli ha gi vinto due
titoli e che nel 2015 ha vinto il
77 per cento delle partite. Poi,
gi che cera, a Massimo Mauro

Lintervista

TORINO Non tradisce segni di


stanchezza nonostante nelle
ultime mattine si sia svegliato
allalba per accompagnare i
bambini a scuola a Milano.
Mentre ora Valentino, Constantino e Benedicto riposano nel
centro storico della citt vegliati dal baby sitter, Maxi Lopez, il
nuovo idolo della Torino granata al bar Norman, ex birreria
Voigt, ma soprattutto luogo di
nascita del club, racconta il segreto della rinascita. Ero uno
dei pochi ad aver fiducia in me
stesso. Non giocavo da tanto
tempo: Ventura stato bravo a
inserirmi gradualmente e io ho
risposto sul campo nei momenti in cui la squadra aveva
bisogno.
Il Torino , con la Juve, la
squadra ad aver totalizzato
pi punti nel 2015 (cio 19).
Le radici del successo?
Qui ho trovato le motivazioni giuste dopo un periodo al
Chievo in cui non ero stato preso in considerazione: stata
una bella occasione di riscatto.
E si capiva che la squadra poteva dare di pi.
La sfide con lAthletic Bilbao vi hanno dato la scossa?
Nessuno credeva nella nostra qualificazione. Poi trovare
tutta quella gente allaeroporto
alle 5 del mattino stata

Roma, ore 20.45


Lazio
Napoli
4-3-3
4-2-3-1
45 Andujar
1 Berisha
16 Mesto
8 Basta
33 Albiol
3 De Vrij
5 Britos
33 Mauricio
31 Ghoulam
26 Radu
88 Inler
16 Parolo
19 David Lopez
20 Biglia
23 Gabbiadini
22 Cataldi
17 Hamsik
87 Candreva
14 Mertens
11 Klose
9 Higuain
7 Felipe Anderson
Arbitro: Damato di Barletta
Tv: ore 20.45 Raiuno

che in tv lo aveva bollato come


disonesto per le sue critiche
allarbitro ha dato del tifoso juventino e consigliato di parlare
di golf, diletto che lex giocatore solito praticare con Andrea
Agnelli. Insomma, se gli azzurri oggi saranno tonici la met
del loro guru, la reazione garantita. Se poi baster, un altro discorso.
Di l infatti c la Lazio di
Pioli che gioca un football leggero, felice e vincente, primo
testimonial Felipe Anderson.
Sar dunque interessante vede-

11
Le Coppe Italia
conquistate da
Lazio (6)
e Napoli (5).
Le due squadre
hanno vinto
le ultime due
edizioni del
trofeo: la Lazio
nel 2013,
il Napoli
nel 2014

Web scatenato

Il lifting
in fuorigioco
di Maradona

Labbra gonfiate,
rughe spianate, volto
ringiovanito. Cos
riapparso Maradona
a Tele Sur. E al lifting
seguita lironia.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Maxi Lopez, talento


sempre in bilico: Il Toro
il mio Barcellona
Bomber
Maxi Lopez, 30
anni, ha giocato
tra le altre
con River Plate,
Barcellona,
Catania, Milan,
Sampdoria e
Chievo. Al Torino
da gennaio: 9
presenze e 4 gol
(Ramella)

re come la traballante difesa


del Napoli regger limpatto
con lattacco laziale, al quale
per mancher Mauri, infortunato.
Dovremo fermare le loro
verticalizzazioni improvvise,
ha ammonito Rafa Benitez. Che
forse inserir Gabbiadini, lattaccante azzurro pi caldo, e
spera di ritrovare i gol di Higuain, ultimamente nervosissimo. Proprio il Pipita risolse lo
strano match di campionato allOlimpico il 18 gennaio: la Lazio gioc meglio ma il Napoli
vinse grazie a un gran guizzo
dellargentino con la complicit di Radu e del portiere Berisha. Questultimo ci sar anche stasera al posto di Marchetti, in panchina: i tifosi della Lazio si fanno il segno della
croce.
Oltre le apparenze, sintuisce
dunque grande equilibrio, e a
complicare la lettura della sfida
c la data del ritorno al San Paolo: 8 aprile. Il geniale regolamento della Coppa non solo inserisce il doppio turno solo in
semifinale dopo un intero torneo a partita secca, ma piazza
oltre un mese tra le due gare:
non cos che si salvano la coerenza tecnica e il pathos di
uneliminazione diretta per la
finale.
Alessandro Pasini

unemozione incredibile.
Il gol dei sogni?
Spero nel derby.
vero che in passato fu vicino alla Juve?
Dopo i miei primi mesi a
Catania, ma Pulvirenti non mi
lasci partire.
Dieci anni fa vinceva la Liga
e la Champions con il Barcellona di Ronaldinho ed Etoo.
Non le viene il dubbio di aver

sprecato il suo talento?


Forse, quando lasciai il
Bara, sbagliai a scegliere lFk
Mosca invece di andare al Marsiglia o allo Sporting Lisbona.
Ma oggi il Toro il mio Barcellona e lEuropa League la mia
Champions League.
Il pi grande con cui ha
giocato?
Ho avuto compagni come
Messi e Ibrahimovic ma le cose

Ho giocato
con Messi e
Ibra, ma il
pi grande
di tutti
Ronaldinho
Un vero
fenomeno
in campo.
E che feste
organizzava

Con Wanda
ho relazioni
serene
Stringere
la mano
a Icardi?
Non dedico
a questo
pensiero
nemmeno
un minuto

che ho visto fare a Ronaldinho


sono uniche.
Dicono che fossero uniche
anche le sue feste...
vero, ma tanto poi segnava in campo. A lui tutto era permesso, era fatto cos.
A Milano verr sempre ricordato per la settimana del
gennaio 2012 chiuso in hotel
in attesa della fumata bianca.
Pazzesco a ripensarci. Stavo
per lasciare Catania accettando
una proposta dalla Premier League quando si fece avanti il
Milan. Ci tenevo a giocare in
una big, cos presi laereo. Non
immaginavo di dover restare
prigioniero in albergo per tanti
giorni prima della firma. Nella
mia carriera ho sempre conquistato tutto con fatica.
Come sono i rapporti con
Wanda Nara, la sua ex moglie?
Sempre gli stessi. Siamo i
genitori di tre bambini. Per loro abbiamo lobbligo di mantenere la serenit nelle relazioni.
Lha denunciata per aver
violato la privacy dei bimbi
pubblicando loro foto sui social...
Ho il dovere di proteggerli,
nei loro confronti bisogna avere attenzione. Tutta questa sovraesposizione non mi piaciuta.
Stringer la mano a Icardi
al prossimo incrocio?
Non ci penso, non dedico a
questo pensiero nemmeno un
minuto di preoccupazione.
Ha cambiato pi maglie o
fidanzate?
Di squadre ne ho girate parecchie, il resto fa parte della
vita, no?.
Monica Colombo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

48

Giorgio con Beatrice e Maria con Filippo con infinita tristezza annunciano la morte della loro adorata mamma

Maria Lucia Riccardi Ferrari


- Milano, 3 marzo 2015.
Partecipano al lutto:
Alberto, Raffaella, Giorgio, Viola e Alessandra
Mioni.
Tommaso e Francesca piangono la loro grande

nonna Lina
- Milano, 3 marzo 2015.
Mara, Paolo e Paola Petrilli sono vicini con grande affetto a Maria e alla sua famiglia per la perdita
della cara madre

Guido Marco Robotti


mancato oggi dimprovviso, dopo aver scambiato
un sorriso con tutti, come sempre, anche se sorridere era cos difficile...- Un padre ed un marito a
cui la vita ha tolto ogni cosa.- Un imprenditore geniale, tanto amato e stimato.- Un uomo forte, buono e pieno di energia.- Mi mancher ogni cosa di
te, pap.- I funerali si svolgeranno direttamente
nella chiesa di San Babila, per il giorno e lora telefonare allImpresa San Siro tel. 02.32867.- Micky. - Milano, 3 marzo 2015.

Alessandra e Raffaella Genghini sono vicine alla


Dottoressa Maria Ferrari per la scomparsa della
mamma

Maria Lucia Riccardi Ferrari


- Milano, 3 marzo 2015.
Franco, Roberta, Margherita e Carolina abbracciano forte Maria, Giorgio e le loro famiglie nel
ricordo affettuoso della loro cara mamma

Lina

Guido

Caro

Guido
lo avevi detto che non stavi mica tanto bene e lo
sapevamo ma poi dimprovviso il tuo spirito e le
tue battute diventano parte di noi come il bene che
sognavi attorno a te e che ci hai donato.- Veciu.
- Milano, 3 marzo 2015.

Nanni e Mariuccia, Andrea e Federica con Beatrice e Niccol abbracciano forte Miky per la perdita del pap

Guido

- Milano, 3 marzo 2015.


Giacomo e Raffaella Caliendo, Roberto e Alessandra Ruggiero sono affettuosamente vicini a Maria per la scomparsa della mamma signora

Maria Lucia Ferrari


- Milano, 4 marzo 2015.
Loredana e Paolo abbracciano fraternamente
Maria e Giorgio e piangono con loro la scomparsa
della adorata mamma

Maria Lucia Riccardi Ferrari


- Milano, 3 marzo 2015.
Susanna e Simonetta sono vicine con tanto affetto a Maria per la perdita della cara mamma

Maria Lucia

Guido
ti ricorderemo sempre con tanto affetto.- Siamo vicini a Miki.- Nuccia, Franco, Alessandro, Massimo
e Susanna. - Milano, 3 marzo 2015.
Grazie
per avere lavorato al mio fianco tutti questi anni.Molto poco di quello che abbiamo realizzato si sarebbe potuto fare senza il tuo aiuto.- Giacomo.
- Milano, 3 marzo 2015.
Il Consiglio dAmministrazione e i soci di Arbo
SpA profondamente addolorati si uniscono al lutto
della famiglia Castagni per la perdita della preziosa e indimenticabile collaboratrice

Maria Giovanna Cavallini


Castagni
Federico e Giovanna Borsani profondamente addolorati prendono parte al lutto della famiglia Castagni per la prematura perdita della cara

Maria Giovanna

- Milano, 3 marzo 2015.

- Milano, 3 marzo 2015.

La Fondazione Giorgio Pardi esprime il proprio


cordoglio a Maria Maddalena Ferrari per la perdita
della mamma

Marco e Valeria Fantoni ricordano con affetto e


riconoscenza

Maria Lucia Riccardi Ferrari

Maria Giovanna

- Milano, 3 marzo 2015.

- Milano, 3 marzo 2015.

Partecipano al lutto:
Nicoletta Corbella Pardi.
Guido e Giulia Venturini.
Sabino Maria Frass.
Enrico Ferrazzi.
Massimo Candiani.
Anna Maria Marconi.
Irene Cetin.

Munita dei conforti religiosi, serenamente spirata la

Unit Cardiochirurgia e Cardiologia University Hospital Zrich. - Zrich, 3 marzo 2015.

- Cologno Monzese, 3 marzo 2015.


Fedele e Annick Confalonieri sono vicini alla moglie Fiorella e ai familiari per la scomparsa del caro
amico

Gigi Vesigna
- Milano, 3 marzo 2015.

N.D.
contessa

Beatrice Venier di Sanguinetto


Lo annunciano i cugini Persico, Ranza, Venier, Gavotti e Angeloni, gli affezionatissimi amici Giuseppe Franca Spadaro e figli, lamica di sempre Renata Moroni.- Le esequie saranno celebrate il 5 marzo
alle 11 presso lIstituto Don Gnocchi via Palazzolo
21, Milano.- Le spoglie saranno tumulate nella
tomba di famiglia a Lancenigo (Tv).
- Milano, 4 marzo 2015.

Il Consiglio dellOrdine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano, unitamente
ai Revisori, al Dirigente e ai dipendenti, sono vicini
a Claudio e alla sua famiglia nel triste momento
della scomparsa del pap

Gigi Vesigna
I condomini di via Revere n. 6 Milano sono vicini
con grande affetto a tutta la famiglia nel ricordo
della carissima

Anna Maria Zambelli


Fabbrichesi
I fratelli Roberta e Gianfranco annunciano la
scomparsa di

Alessandro Rossi

Giulia, Paola, Carlo e Marco Mitarotonda si uniscono a Lucrezia, ai figli e alle nuore per la perdita
del caro

Ciao

zia Lidia
Romeo Foppiani, Giorgio Zanon e Dolores Conti
partecipano al lutto dei familiari per la scomparsa
di

Lella e Francesco con Giulia e Francesca piangono con Lucrezia, Davide, Barbara, Massimiliano,
Antonia e Andrea per la perdita dellamato

Giorgio Caprotti
- Milano, 3 marzo 2015.
Partecipano al lutto:
Mariapia e Giorgio Giuliani.

Giorgina Scanavino
che ha custodito con ammirevole dedizione la memoria di Emilio Scanavino.
- Milano, 3 marzo 2015.
I Direttori di Dorotheum Vienna e il team di Dorotheum Italia partecipano al lutto di Paola e Sebastiano Scanavino per la perdita della madre

Giorgina Scanavino
Ferdinando Superti Furga partecipa al grave lutto che ha colpito Umberto e Mario Della Porta e le
loro famiglie per la perdita del padre

Prof. Paolo Della Porta


- Milano, 3 marzo 2015.

Gianpaolo Della Porta


Partecipano al lutto:
Carlo Beccalli e studio.
mancato allaffetto dei suoi cari l

Ing. Lionello Negri


Ne danno il triste annuncio la moglie Stefania e le
figlie Cecilia e Licia.- I funerali si svolgeranno oggi,
nella chiesa Santa Maria della Mercede, alle ore
10. - Roma, 4 marzo 2015.

Il Presidente, il Consiglio Direttivo, i colleghi e i


soci tutti di AVEDISCO - Associazione Vendite Dirette Servizio Consumatori - sono vicini alla cara
Simonetta e alla sua famiglia per la scomparsa del
pap

Tutti gli amici del forum F1Community appassionati di motori si stringono a Giancarlo e famiglia
nel ricordare con immenso affetto il caro

Giorgio Caprotti

Gianluca Valt

e porgono le pi sentite condoglianze.


- Milano, 3 marzo 2015.

e-mail: acquisizione.necrologie@rcs.it
SI ACCETTANO RICHIESTE VIA WEB, E-MAIL E CHIAMATE DA CELLULARI
SOLO DIETRO PAGAMENTO CON CARTA DI CREDITO
Laccettazione delle adesioni subordinata al pagamento con carta di credito

Corriere della Sera


TARIFFE QUOTIDIANO (Iva esclusa) :
PER PAROLA: Necrologie: 6,50 - Adesioni al lutto: 13,00

I testi verranno pubblicati anche sul sito

www.necrologi.corriere.it
possibile richiedere servizi aggiuntivi,
disponibili solo on line

Placido Cernuto
La Galleria Tonelli ricorda con stima

Partecipano al lutto:
I nipoti Aldo Carlo Pietro Luciano e Teresa.

"Un tocchll di nuu che le vol via".


Addolorata la famiglia annuncia la scomparsa
del pap

Tel. 02 50984519

www.necrologi.corriere.it

- Milano, 3 marzo 2015.

Lidia Mammani
- Milano, 3 marzo 2015.

ATTIVO DA LUNEDI A DOMENICA 13.30-19.30

Placido Cernuto

- Milano, 4 marzo 2015.

Patrizia e Germana. - Milano, 3 marzo 2015.

SERVIZIO
ACQUISIZIONE NECROLOGIE

- Milano, 3 marzo 2015.

Lidia Mammani
Si ringrazia per laffettuosa assistenza il Dottor
Paolo Banfi e tutto il personale di RSA Santa Lucia
di Milano.- I funerali si svolgeranno gioved 5 marzo alle ore 11 presso la parrocchia SantAngela
Merici di via Cagliero. - Milano, 3 marzo 2015.

RCS MediaGroup S.p.A. - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

- Milano, 3 marzo 2015.


Partecipano al lutto:
Alessandro Solidoro.
Marcello Guadalupi.
Roberta Zorloni.
Michele Pirotta.
Vittoria Alfieri.
Giorgio Canova.
Augusto De Simoni.
Nicola Frangi.
Michaela Marcarini.
Giuseppe Munaf.
Cristina Quarleri.
Francesco Randazzo.
Massimo Rizza.
Alessandro Savorana.
Andrea Carlo Zonca.
Marzia Provenzano.
Costanza Bonelli.
Angelo Gervaso Colombo.
Paola Tiraboschi.
Elena Cattaneo.
Serena Comincioli.
Giusy DAngheo.
Antonella Gatti.
Franco Iovino.
Mariarosa Mastrosimone.
Laura Nachahon.
Barbara Piotto.
Roberta Piovan.
Marina Rebuscelli.
Antonio Russo.
Loredana Sala.
Micaela Ventola.

Pier Silvio Berlusconi ricorda con stima e affetto

- Milano, 3 marzo 2015.

Gio

Cristina, Sissi, Luciano e Italo sono vicini e abbracciano la cara Maria per la perdita dellamata
mamma

Giuseppe Maccabelli

Gigi Vesigna
indimenticabile professionista.
- Milano, 4 marzo 2015.

- Cologno Monzese, 3 marzo 2015.


Ciao

- Milano, 3 marzo 2015.

Ricordiamo con grande affetto il collega e amico

Discovery Italia vicina alla famiglia per la perdita del caro

amico carissimo con cui tanti momenti della vita


hanno condiviso. - Milano, 3 marzo 2015.

- Milano, 3 marzo 2015.

Maria Lucia Ferrari

Gigi
- Segrate, 3 marzo 2015.

Gigi Vesigna

Maria Lucia Riccardi

Maria Lucia

Rosanna ricorda con grande affetto

Guido Robotti

Franco e Vittoria, Adolfo e Patricia sono affettuosamente vicini a Maria per la scomparsa della cara
mamma

Luigi e Lorenza si stringono con affetto a Maria


e Filippo nel ricordo di

- Segrate, 3 marzo 2015.

Il presidente Fedele Confalonieri, il vicepresidente Pier Silvio Berlusconi, lamministratore delegato


Giuliano Adreani, i consiglieri damministrazione,
il collegio sindacale, i dirigenti e tutti i dipendenti
del gruppo Mediaset partecipano al lutto per la
scomparsa del grande giornalista

e, con Laura e Raffaella, Michele e Massimo, si


stringono a Micky con tutto il loro affetto uniti nei
ricordi di tutta una vita passata insieme.
- Milano, 3 marzo 2015.

- Milano, 3 marzo 2015.

Luigi (Gigi) Vesigna


Aldo Vitali, Bice Colarossi e Rosanna Mani partecipano al dolore della famiglia per la scomparsa
dellamico e collega

Franca e Piero, sconvolti e ancora increduli,


piangono uno tra i loro pi cari amici

Claudio, Giuliana, Claudia, Sergio e Doriana.


- Forte dei Marmi, 3 marzo 2015.

Maria Lucia Riccardi Ferrari

- Milano Due, 3 marzo 2015.


La redazione di TV Sorrisi e Canzoni piange il
grande e storico direttore

Gigi Vesigna

Caro
sei stato una bella persona ed un buon fratello.Ora sarai libero con la tua Emanuela, con Luca e
Tilda, ma ci hai lasciato un vuoto terribile e a me
mancherai tanto.- Luisa.
- Milano, 3 marzo 2015.

- Milano, 3 marzo 2015.


Cara Maria, con infinita tristezza ci uniamo al
dolore tuo, di Francesca e Tommaso per la perdita
della tua mamma

Gigi Vesigna

- Segrate, 3 marzo 2015.


Partecipano al lutto:
Lucia.
Maurizio, Pietro e Lorenza.
Michele e Patrizia Posadinu.

Maria Lucia Riccardi Ferrari


- Lucera, 3 marzo 2015.

Antonio Ricci e tutta Striscia la notizia si stringono attorno alla moglie Fiorella e alla figlia Cristina
in questo momento di immenso dolore per la perdita del grande

Vivrai per sempre nei nostri cuori.


- Milano, 2 marzo 2015.

TARIFFE ONLINE (Iva esclusa) :


Partecipazioni al lutto online

20

Fotograa

15

Biograa

50

Abbonamento annuale pagina defunto

60

Fotograa + biograa + abbonamento annuale pagina defunto

100

Gazzetta dello Sport


TARIFFE QUOTIDIANO (Iva esclusa) :
PER PAROLA: Necrologie: 2,50 - Adesioni al lutto: 5,50
Diritto di trasmissione: pagamento differito 5,00

Anniversari e ringraziamenti a modulo


Corriere della Sera

Gazzetta dello Sport

300,00 a modulo

185,00 a modulo

Servizio sportello:
i necrologi acquisiti presso Via Solferino 36 Milano
(luned-venerd orario continuato 9/17.30)
beneceranno di uno sconto del 20% sulla tariffa
Servizio fatturazione necrologie:
tel. 02 25846632 mercoled 9/12.30 - gioved/venerd 14/17.30
fax 02 25886632 - e-mail: fatturazione.necrologie@rcs.it

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

SPORT

49

Federcalcio
Un avvocato guida la commissione medica

Basket
Nba, Gallinari senza coach: esonerato Shaw

Doping
Tas, ricevuti appelli Kostner e Procura Coni

La Federcalcio ha provveduto a nominare il nuovo presidente della


commissione antidoping e tutela della salute: Carlo Sica. Prende il
posto di Capua, ma la curiosit che non un medico, ma un
avvocato dello Stato, che ha gi lavorato per la Figc, con altri
incarichi. Era vicepresidente della commissione antidoping, ma con
compiti burocratici. La vicepresidente Diana Bianchedi, fisiatra, due
ori olimpici e cinque mondiali nel fioretto. Nessun componente
segnalato dallAssocalciatori stato inserito nella commissione.

LItalia si affida a Roma e Cant. Oggi Eurocup in campo con landata


degli ottavi di finale: Banvit Bandirma-Roma (Sportitalia, ore 18),
Cant-Unics Kazan (Sportitalia, ore 20.45). Intanto Danilo Gallinari
resta senza allenatore: i Nuggets hanno deciso di esonerare Brian
Shaw. Bilancio sotto le aspettative: la squadra al 13 posto nella
Western Conference con uno score di 20 vittorie e 39 sconfitte. Shaw,
48 anni, era stato ingaggiato nel 2013 per sostituire George Karl, che
per otto anni di fila aveva condotto Denver ai playoff.

Il Tas di Losanna ha annunciato di aver ricevuto due ricorsi in merito


alla sentenza del Tribunale nazionale antidoping del Coni, che il 16
gennaio ha squalificato Carolina Kostner per 16 mesi per il suo
coinvolgimento nel caso Schwazer. Il primo ricorso stato
presentato dalla stessa Kostner, che chiede lannullamento della
squalifica; laltro ricorso arriva dal Coni stesso, la cui Procura (che
aveva chiesto 2 anni e 3 mesi) richiede invece un inasprimento della
sanzione. Atteso in materia anche il pronunciamento della Wada.

Parma, anche la Finanza nel mirino


Ritardi sospetti nelle indagini sul club. Provvedimenti per i vertici GdF
Lo stadio

DAL NOSTRO INVIATO

Si allarga il baratro Parma. E rischia di inghiottire pezzi importanti della citt. Lazione della Procura della Repubblica, che da settimane ha puntato la lente sulle cause e le
eventuali responsabilit del
crac, sta riservando sviluppi
clamorosi. Secondo quanto anticipato dal sito gazzettadiparma.it, lindagine dei magistrati avrebbe messo nel mirino i vertici locali della Guardia
di Finanza, sfociando in uninchiesta nei confronti del comandante provinciale, colon-

PARMA

Lo stadio
Tardini
disponibile per
la sfida con
lAtalanta, ma
solo se
qualcuno paga
le spese per gli
steward, i vigili
del fuoco e per
tutti i servizi
indispensabili
al regolare
svolgimento
della partita

Citt travolta Il sindaco Pizzarotti (Ansa)

nello Danilo Petrucelli, e del


suo vice, il capo del Nucleo di
polizia tributaria, Luca Albanese. I due, attualmente in ferie,
sarebbero stati sollevati dai rispettivi incarichi con provvedimento immediatamente operativo e nei loro confronti la
Procura sta indagando per
lipotesi di reato di omissione
di atti dufficio.
Petrucelli e Albanese sono
sospettati di aver ritardato le
inchieste sulla disastrosa situazione del Parma. Lindagine
dovr accertare se leventuale
lentezza nel valutare il dissesto
del club sia riconducibile a una

precisa volont o frutto di circostanze daltro genere. Ormai


il caso Parma tracima dallambito sportivo. Ieri stato reso
noto che i debiti del club verso
il Comune ammontano a 1 milione e 400 mila euro e che dal
2011 la societ non ha mai pagato laffitto dello stadio. Stiamo valutando azioni legali dice lassessore al Bilancio Marco
Ferretti, mentre lopposizione
del Pd si scagliata contro il
sindaco grillino Pizzarotti: Sapeva, ma ha continuato a schierarsi a fianco della societ.
un tutti contro tutti. Il presidente Manenti, prodigo di

1
milione
e 400 mila euro
lammontare
del debito che il
Parma ha nei
confronti del
Comune.
Dal 2011 il club
non paga
laffitto
dello stadio

parole (ma non di soldi), ha attaccato Pizzarotti: Non ha alcun tipo di mandato per trattare la cessione del club: chi interessato ad acquistare, deve rivolgersi a me. Intanto Mauro
Morelli stato nominato curatore fallimentare del Parma Fc.
Il Tribunale di Bologna ha accolto il ricorso di Energy T.I.
Group, socio di minoranza del
club, che aveva presentato la
domanda per gravi inadempienze nella nomina del nuovo
cda. E domenica in casa c
lAtalanta. Saltare la gara (la
terza) potrebbe essere mortale.
Lidea quella di affidare la gestione del Tardini a un ente terzo. Per il sindaco c il 50% delle possibilit di giocare. Il presidente dellAic Tommasi spera
nel vertice di venerd in Lega.
Piacenza offre il suo stadio.
Francesco Alberti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Alonso salta il Gp dAustralia


Resta il mistero dellincidente
Niente gara. Il pilota: Capisco le raccomandazioni dei medici
tutto tranne che una soluzione del mistero, ma almeno
un punto fermo dopo giorni di
interpretazioni e di ipotesi:
Fernando Alonso salter il Gp
desordio del nuovo campionato della F1, il 15 marzo a Melbourne, e al suo posto sulla
McLaren correr il danese Kevin Magnussen, lanno scorso
titolare ma diventato pilota di
riserva dopo il ritorno dellex
ferrarista nel team di Woking.
Limpressione di molti, dopo i fatti di domenica 22 febbraio al Montmel e dopo
quellincidente strano tra la
curva 3 e la curva 4 del circuito
catalano, si trasformata in un
comunicato ufficiale della
McLaren. Completati nuovi
test e accertamenti, i medici
hanno trovato il pilota in salute dal punto di vista neurologico e cardiaco. Ma gli hanno
raccomandato, visto il doppio e
duro impatto contro il muretto, di limitare quanto pi possibile ogni rischio ambientale
che possa portare a unaltra
commozione cerebrale a distanza ravvicinata dallaltra.
Alonso ha accettato e condiviso il suggerimento: Sar difficile non essere in Australia,
ma capisco le raccomandazioni dei medici. Un secondo impatto in meno di 21 giorni
NO. Questo lha scritto su
Twitter, preannunciando anche che lo rivedremo a Sepang
nel Gp della Malesia. Fernando
rimane a casa sua, a Oviedo, e
luned prossimo riprender la
preparazione atletica, primo
atto di un percorso obbligato
che si concluder con la visita
fiscale della Fia. Saranno giorni
di recupero e di lavoro, ma
quanto deciso ieri pare aver attenuato una certa tensione che
pareva sorta tra il pilota e la
McLaren. Si vuole che Alonso
abbia apprezzato la prudenza
usata nel diffondere informazioni su di lui e soprattutto che
il buonsenso abbia avuto il sopravvento su interessi facilmente comprensibili. Una volta
tanto, insomma, luomo e il pilota sono venuti prima delle

Lo sostituir Magnussen
Sar il danese Kevin Magnussen a sostituire Fernando Alonso
nel Gran premio inaugurale della stagione 2015 di Formula 1.
Lo spagnolo dovrebbe tornare al volante in Malesia, a Sepang
Il calendario
La stagione 2015
 15/3
Gp Australia
 29/3
Gp Malesia
 12/4
Gp Cina
 19/4
Gp Bahrein
 10/5
Gp Spagna
 24/5
Gp Monaco

 7/6
Gp Canada
 21/6
Gp Austria
 5/7
Gp Gran Bretagna
 19/7
Gp Germania
 26/7
Gp Ungheria
 23/8
Gp Belgio
 6/9
Gp Italia

 20/9
Gp Singapore
 27/9
Gp Giappone
 11/10
Gp Russia
 25/10
Gp Usa
 1/11
Gp Messico
 15/11
Gp Brasile
 29/11
Gp Abu Dhabi

convenienze sportive e di quelle commerciali.


Per resta un nervo scoperto: mettere in chiaro quanto
realmente accaduto alle 12.36
del 22 febbraio. Malore del pilota? Shock elettrico che ha impedito a Fernando di manovrare a una velocit relativamente
bassa (150 orari)? Guasto meccanico? Continua a non esserci
una risposta e riteniamo che
Alonso vorr sapere, perlomeno in camera caritatis, di che
cosa stato vittima, posto che
la prima ipotesi, quella della
defaillance fisica improvvisa,
perde a rigor di logica credibi-

Assente
Fernando Alonso,
33 anni, non ci
sar al primo Gp
della stagione
(Canoniero)

lit a fronte dei vari e rassicuranti verdetti medici.


Ribadito che ridicolo pensare che sia stato un colpo di
vento a determinare tutto (questa per rimane la spiegazione
del team), ecco che si torna allidea, montata quasi subito,
che alla base ci sia una scossa
elettrica, legabile alla presenza
degli apparati per il recupero
dellenergia cinetica. Gli esperti hanno smentito che sia cos ,
ma un ex pilota, Fabrizio Barbazza, sulla sua pagina di Facebook ha invece rilanciato la teoria facendo riferimento a informazioni sicure. Quindi ha
aggiunto: Tutto ci non potr
mai essere ammesso. Non
una grande scoperta: prima di
lui Ivan Capelli aveva lanciato
strali contro la F1 e la sua propensione allomert. Come osserva un commentatore francese, dopo la rinuncia di Alonso
al Gp di Australia c stata s
una risposta a una domanda
(ce la far a essere a Melbourne?), ma nello stesso tempo sono aumentati gli interrogativi.
Volendo poi sostenere che il
forfait stato deciso per scongiurare un eventuale nuovo impatto, si ritorna a un altro elemento di perplessit: se il trauma alla testa era stato un fattore critico a Barcellona, come
mai a Fernando non era stato
fatto indossare il collare che si
usa in questi casi? Qualcosa
continua a non quadrare, qui si
cerca di aggiustare la verit a
martellate. E immaginiamo
che se Alonso non avr le risposte che aspetta, prima o poi
avr voglia di parlare.
Flavio Vanetti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Liniziativa

Catania inaugura
Piazza Cannav
a sei anni
dalla scomparsa
CATANIA La Fondazione
Candido Cannav e La
Gazzetta dello Sport hanno
ricordato il mitico direttore
della rosea in una giornata
speciale: ieri la sua citt,
Catania, gli ha intestato lex
piazzale Oceania. Le
manifestazioni hanno avuto
inizio in mattinata, con
linaugurazione di piazza
Candido Cannav alla
presenza dei direttori de La
Gazzetta dello Sport, Andrea
Monti, e della Fondazione
Candido Cannav, Elio Trifari.
Costituita poco dopo la sua
scomparsa, avvenuta il 22
febbraio 2009, la Fondazione
ha dato vita a 35 progetti, in
collaborazione con istituzioni,
associazioni e fondazioni, con
550 mila euro erogati. Gli
ambiti di intervento sono
quelli pi vicini allimpegno di
Candido Cannav: vivibilit
nelle carceri, abbattimento
delle barriere che
impediscono laccesso alla
pratica sportiva, cultura delle
regole. A nome dello sport
italiano rivolgo il pi vivo
apprezzamento per liniziativa
del Comune di Catania ha
detto ieri il presidente del
Coni, Giovanni Malag.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera

50

Tv
TELERACCOMANDO

 

 

1-35  * )+2(@%+)
1-'&   77:'%7
1-&&  

1-55   2%7


0-*5 
 ''(
$-35      

 

 

  

 

 

di Maria Volpe

Alla scoperta
del Michelangelo
pi segreto

)+2(@%+)
 * )+2(@%+)
   77:'%7
   77:'%7
 * )+2(@%+)

   )+2(0
   77:'%7

0-55
)-3&
*5-55
**-55
**-5&
**-*5
*4-55    

2%7
*3-35  * )+2(@%+)
*'-5&    

2%7
*'-'5    .
    770
*1-55      

''(
*5-55
**-55
*3-55
*3-35

)+2(@%+)
*3-&5  4    33
*'-55   2%7
*1-*&
 


''(
*0-55
*0-'&
*$-55
*$-45
*$-&5

77:'%7
*1-35
*$-&5
45-55
45-35

rotagonisti di questo
documentario sono i
dipinti di Michelangelo
realizzati nella Cappella
Paolina del Vaticano,
attigua alla Sistina, ma
fuori dal circuito dei Musei
Vaticani e non accessibile al
pubblico. Sei metri e
sessanta per sei e
venticinque la misura dei
due quadroni affrescati
dal Buonarroti, a partire dal
1542 (La Conversione di
Paolo, foto; e La
Crocifissione di Pietro).
Unimpresa sofferta per il
Maestro del Rinascimento
italiano iniziata allet di 67
anni e conclusa a 75
compiuti.
Michelangelo sconosciuto
Rai5, ore 21.15.

DallUomo ragno
alla Solitudine

tasera di scena la
musica dei primi anni
90 e Federico Russo
ripropone le hit parade
degli album pi venduti tra
il 1990 e il 1995. Alcune
delle canzoni pi ascoltate
e passate dalle radio di
sempre sono gli 883 con
Hanno ucciso lUomo
Ragno, Sei un mito e
Nord Sud Ovest Est. Ma
c anche la sfida tra gli
Uomini soli dei Pooh e
Gli amori di Cutugno. E
ancora I Ladri di biciclette
con il tormentone Sotto
questo sole; il genio di
Lucio Dalla con Attenti al
lupo; e infine Laura
Pausini che con La
solitudine vince nelle
Novit Sanremo 93.
Emozioni
Rai2, ore 23.50

 * )+2(@%+)
/  2%7
  )+2(0
  "
     
  ( 

7%+ '%(-%+ % +(


43-*5    77:'%7
5-'&  *  )+2(@%+)
*-*& 
  

)+2(@%+)
*-45  77:'%7
*-&5     
    
   +:()7%
4-45     
  +:()7%


   ''(
  )+2(@%+)

 ''(
 ''(
 ''(
    ''(
    0

 
  ''(
    ''(
    ''(
  ''(

''(
''(
45-35  4 (45-35 )+2(@%+)
4*-55  "(, %7+(
4*-*5 
    

')70
+): 2%+ :33+
')7%) +22)% +)
$> +(% +?
 2)3+ #%)77%
 %2+ ';
43-55  4 )+2(@%+)
43-&5  
 

:3%'
*-5&  4 )+2(@%+)
*-45 4  
  77:'%7


*3-*5
*'-5&
*1-55
*1-&5
*0-'5
*$-35
*)-4&
45-45
4*-*5
43-45



*3-*&
*'-*&
*1-*&
*0-*&
*$-*&
*)-*&
45-*&
4*-*5
43-55
5-55


  '%7?

  
   '%7?
  !   +0
   '%7?
    '%7?
 45   +0
    - 

   +:()72%+


    
/    

  ''(


  )0
   )0
 4 )+2(@%+)
 

*)-'5 -- --

 
*1-35
*0-45
*0-4&
*$-*5
*$-&&
*)-'5
45-4&
4*-*5
44-*&
43-*5
43-&&

 4   )+2(0
  2%7
 4  )+2(0
 4    

*1     '%7?


   

  ''(
   
 
"   
     
 ''(
  ''(
   -+27"
     4
  
 '%7?

 

1-55
1-35
0-55
$-55
*5-5&
*5-*&
**-55
*4-55
*4-'&
*3-*5
*'-55
*'-45
*'-&5
*&-55
*1-5&
*1-*5
*1-'5
*)-55
*)-35
45-55
45-*&

45-3&
4*-5&

 4' )+2(@%+)
   )0
     
  77:'%7
 
   77:'%7
    770
   77:'%7
 3 )+2(@%+)
    770
  77:'%7
   )+2(@%+)
 3 )+2(@%+)
   )+2(0
   770
      )0
  +0
 +:()7%
 3 )+2(@%+)
   )+2(@%+)
 2%7
   
  
    77:'%7
    +
/
  

77:'%70
+): 2%
%2''%
5-55  3    )0
5-*5    )+2(@%+)
*-5&   )0
*-*&   
  
4-5&   -  + ,
  77:'%7

 
*$-*5   / 
 77:'%7
*$-'& "  
    +0
*)-'5   
 / / +0
45-3&  77:'%7
4*-*&  
 
  +0
44-*&     /
 +0

 


1-55
1-&5
$-3&
)-35
*5-3&
*5-'&
**-35
*4-55
*3-55

 ' 
  )0
    ''(
   +   ''(
   . 770
  /  
 ' )+2(@%+)
     0
    

''(
77:'%7

 

  

*)-5& / 


!+ 
*)-*&     
!+ $
*)-45   !+
45-5&     
!+ $
45-5& / 
!+ 
45-*5
  

 !+

*1-*5 /   

'%7?

*&-35
   4*

''(
*1-3&     
 

*$-&&
*)-4&
*)-35
45-35

<<)7:2 .3 ,* 9/
 ' )+2(@%+)
-  )+2(@%+)
 / +  

77:'%7
4*-*&   ---  / #
  %

*1-45    +*0-55    

77:'%7
*$-'&   % :%@
*)-&&  &    

)+2(@%+)
45-55  & )+2(@%+)
45-3& -  )+2(@%+)
45-'5      

2%7
4*-*5   

<<)7:2 .7'% ,*49/


% %:3-- +'%@@%
43-*5   

2((7%+
.7'% 9AAA/
% %:3-- +2)7+2
5-55 -  )+2(@%+)

%7%+)0
+)
3-2 --2+)%
43-*&  

77:'%7
*-*&  & )+2(@%+)
*-3& -  )+2(@%+)
*-'5      
4-*5    

'& 3#+=

4-*5       

+:()7%
&-'5  :%@

'-55 

 ''(
&-*&  & )+2(@%+)

 

*&-&5      
  
*0-45   )+2(@%+)
*0-4&    
*)-*&   
   
4*-*&      
43-*&    
  
+     ,
*-55   )+2(@%+)

*'-'5
*&-5&
*1-5&
*1-&&
*0-45
*$-45
*$-'&
*)-3&
45-4&
4*-*&
44-5&

   
''(
 ''(
   
   27+)
     27+)
  "@%)
   +  ''(
    ''(
   
''(
 ''(

 
*3-*5   
  
*&-5&     500
    
*0-55     
*)-*5  ''(
45-5& ( ''(
4*-55   
 %
44-&&   / 
/    (


*0-35
*$-55
*$-3&
*$-&&
*)-35
*)-'5
45-55
45-35

*)-3&   "


  
+((% .3 9AA /0
% %& %"'+=0
,   !,
4*-55   
+((% .7 ,*55/0
% :%"% %'%--+ 1(%+0
,   %%
  
@%+) .3 9AA!/0
% %( 7+2?0
,   !,
      
+((% .) 9AA4/0
% #+(3 %)722"0
,   )'

  4
+((% .3 9A,,/0
% ')% ?2+)0
,   ,
     
2((7%+ . /0
% >>>> >>>>>0
,   +
 
+((% .3 9A,8/0
% +3-# +2+)$ <%770
,   %%!
4*-*5  
)73%)@
.3 9AA9/0
% 0 %"#7 #?(')0
,   '%


+((% .3 9A,,/0
% %( %' (%7#0
,   "
44-'5   
+((% .3 9AA /0
% %#2 %)&'720
,   ,
  (    
  
+((% .3 9AA*/0
% <% &)@%0
,   %%!
44-'&      

+((% .2 9A,8/0
% %+'3 2?0
,   "

*&-55  "


  
 (  
%277 )$!%#!$'
*0-55  "
  
  (  
%277 )$!%#!$'
*)-55 " 
  (
  
%277 )$!%#!$'
45-35  "
 
  (


%277 !+ #!$'% (

45-3&
4*-55
4*-55
4*-55

45-*5  
% ,  
45-45   
"
 
,  !
45-3&  

 % % ,  
4*-55   
% ,  
4*-*5  

'   ,  !

4*-4& 
% ,  
4*-&5 
 
% ,  
44-55 
   '
,  !
44-45  
% ,  
43-55 

 '
  ,  !

4*-5& 
!!$ 
4*-5&   
    %
4*-3& 
!!$ 
4*-3&  %    
   (
4*-&&  

   

  %

4*-&5
4*-&&
4*-&&
44-'&
44-'&

    

'%7?
#2%''2 .3 9AA /
% +) +=2
44-*5 -  )+2(@%+)

   27+)



    
 27+)

  / 27+)
  27+)
    
     
  

/ 27+)%%
4*-55   27+)
4*-35   27+)



1-55  0   

)+2(@%+)
0-55
0-35
0-&5
0-&&

2((7%+ .3 9AA*/


% 72 &3+)
5-&& -  )+2(@%+)
4-45   

)+2(@%+)
4-'&   
  )+2(0
3-55   

77:'%7
77:'%7
*3-35  0

)+2(@%+)
*'-55  0 
 )+0
*'-'5    
  ''(
*1-*&  
   

''(
*$-5& /  

''(
*)-&&  )+2(@%+)
45-55  0 )+2(@%+)
45-35    

77:'%7
4*-*5   
 
 77:'%7

+): 2% %")2%


5-55  0

)+2(@%+)
5-*&     77:'%7
5-&&   77:'%7
4-5& 0 

+:()72%+
3-55 /  
   77:'%7
&-45     

27+)

77:'%7

 
*&-'5
*1-'5
*0-35
*0-3&
*$-35
*)-*&
45-*5
4*-*5
43-5&

 4 ''(
  ')+<'
  )+2(@%+)
  ')+<'
    
')+<'
  ')+<'
       $
''(
  ''(
   ''(

 
*0-3&
*$-55
*$-5&
*$-35
*$-'&
*)-55
45-'&
4*-55
4*-5&
44-55
44-5&

 
*&-45
*0-35
*$-55
*$-35
*)-55
*)-35
45-55
45-35
4*-5&
43-55
43-35

   77:''%7
      
   
 4555 )+2(@%+)
  
  77:''%7
   
 )+2(@%+)
 77:''%7
  77:''%7
   77:''%7

  77:'%7


 0 )+2(@%+)
   )+2(0
    

)-'&   77:'%7


**-55 /  
  

43-&&     

 


*0-55 *' +:()7%


*$-55            
  +:()7%
*$-'&    (
/   +:()7%
*)-35  +:()7%
45-4&      
4*-4&     +:()7%
4*-3&     +0
44-35  +:()7%

  
 ''(
 27+)
/ --- 

  27+)
   27+)
    
 ''(
   )+2(0
-  )+2(@%+)
   )0
/    '%7?
  ''(
   ''(
 ''(

      0

 ''(
   )+2(0
-  )+2(@%+)

    ''(
/   

45-35 -- -   ''(


4*-*5        

 

*3-&5         
*'-'&    
  +0
*&-'5      "
 '%7?
*0-*5   
  +:()72%+
*$-*5   +:()72%+
*)-*5         
45-*5     
4*-*5    +0


  
!+
 !+
 !+ $
  
   !+ 
/   !+
 !+ $
   
!+ 
  !+
  !+ 

1-*&
1-&&
0-*5
0-3&
$-55
$-35
*5-35
*4-4&
*4-&&
*3-55
*3-&&
*'-*5
*'-3&
*&-55
*&-&5
*1-'5
*$-35
*$-&&
*)-55
*)-&&

2%7

*-35  ' 
 

)+2(@%+)

    )+2(0
  )+2(@%+)
 & )+2(@%+)
    770
 & )+2(@%+)
 77:'%7
 & )+2(@%+)
-  )+2(@%+)
  +    

'& 3#+=

*'-55    

 

*)-*&    
   
+((% .3 9AAA/0
% <%  ''?0
,   %%!
*)-45    4
)%(@%+) .3 9A,8/0
% +? (2+)0
,   ,
*)-4&       
+((% .7 9A,8/0
% +-#% #%2''+0
,   "

/ 
@%+) .3 9AA4/0
% %#' <%30
,   +

1-55
0-&&
$-55
$-'&
*5-55
**-55
*3-55
*3-3&
*3-'5
*'-'&

   


**)5

 
 
  
  
**)5

**)5

  


*&-5&
*&-&&
*1-&5
*0-'&
*$-3&
*)-35
45-45
4*-*5
44-55
44-&&
43-'&

      +0
  +7+2%
   
    
 % +0
    +0
     +0
      +0
  
 <<)7:2
  " --
  +0

 
 
45-'&  "
   

 ( 

%277 !+ #!$'%
45-'&  "
  
  ( 
%277   !
44-35 "

      ( 

%277 !+ #!$'% (
*-35 " 
  (

 
%277 , #!$' (


  

4*-55 
   
%!*$,  
4*-55    
 %'!$,  
4*-*5   
%!*$,  
4*-4&    
'!  !$#
4*-&&   
 (
 
'!  !$#

*)-4&    


<( $)  
*)-4&     
''( ,
*)-35 
''( '
*)-3&    ''(
!
45-45    ''( ,
45-4&    ''(
!
45-4& 
  

''( '
45-'&
/   
#+= ')!  *$%
4*-*&   ''( '
4*-*& 

''( ,
4*-*&    
''(
!
4*-*&    
%'( $)  
4*-*&   
%'( ')!  *$%
44-55 
 *55 ''( '
44-5&    
''(
!
44-5& 

''( ,
44-&5 
 ''( '

Corriere della Sera Mercoled 4 Marzo 2015

51
Sul web
Forum Televisioni: www.corriere.it/grasso
Videorubrica Televisioni: www.corriere.tv

A FIL DI RETE di Aldo Grasso

Calcio in tv, lenfasi dei telecronisti in una fiera del superfluo


Vincitori e vinti

erdonate linsistenza e soprattutto la presunzione, ma so di aver ragione: le telecronache delle partite di calcio sono vecchie
dappertutto. Anni fa sono servite a uscire
dal grigiore ministeriale Rai, ma adesso
sono in piena fase involutiva.
Ho seguito Roma-Juve con due televisori; da una
parte il racconto di Sandro Piccinini e Aldo Serena
(Mediaset Premium), dallaltra quello di Fabio Caressa (romanista) e Beppe Bergomi (Sky Sport).
Molti vizi in comune, a cominciare dal fatto che in
90 e pi minuti non c stato un solo attimo di silenzio per percepire latmosfera del campo. Possibile
che dopo 60 anni di tv bisogna insistere ancora con

MAI STATI UNITI


Ambra Angiolini
Commedie allitaliana,
perde il cinema: per i
Vanzina su Rai1 4.392.000
spettatori, 15,3% di share



  
*0  &&









388

37

32

33

2>8

RIPRODUZIONE RISERVATA

  
378

3>





33

33

3

 


0'*(6 && +23 +>8 +> +>3 ++) +23 +>7 ++7 ++ +>+



 


 90 #

 


tecniche e il ruolo dellex calciatore solo di ribadire il gi detto (funzione veridittiva). Se il commento
tecnico fosse limitato a due o tre interventi per tempo, si potrebbe osare un po di interpretazione. Ci
arrivo anchio, a fine partita, a dire che nel calcio
conta anche la testa. Bergomi, per esempio, deve
smetterla di iniziare i suoi interventi con Fabio:
si sta rivolgendo ai telespettatori non al suo amichetto.
Il paradosso delle telecronache, con immagini in
HD, che soffrono di parole non necessarie. Il ritmo, il tono della voce sono altra cosa. Comunque,
meglio Piccinini-Serena.

le radiocronache? Perch assillarci con pervicacia


sul fatto che Cholevas passa la palla a Keita?
Lasciamo perdere lenfasi dei telecronisti (a volte
danno la sensazione di essere loro in campo), lasciamo perdere la miriade di frasi gergali (attaccare gli spazi, linerzia della partita, il cono
dombra, limbucata), lasciamo anche perdere la quantit di parole superflue che vengono spese durante un incontro (visto che presente un timer e uno score proprio necessario ricordare di
continuo tempi e risultato?), ma evidente che il lavoro pi grosso da fare quello che riguarda il rapporto fra la prima e la seconda voce.
Ormai il telecronista, se bravo, fa osservazioni

LISOLA DEI FAMOSI 10


Alessia Marcuzzi
Commedie allitaliana,
vince il reality: per Siffredi
& C. 5.042.000 spettatori,
29,9% share

  

9*;

0#'* .906*

+ 0#*

8 0#*

#(

&6#'* .906*

 '0=*

+8 '0=*




 

'"*#
'(*

#(*
 "#

"0

#'"#
# #"
"#,
"#"
'"0
'+

9&
#600(* (60&  19&&/6&# #00*', 9( ;*06# 0* # '60# 06# ! ,*06 *(#=#*(# # #(6(1* '&6',* 1,# 60 * #  ;(0$ ' *(
1601#!# (! (& <%( #( ,06#*&0 & (60*"9 6',*0('(6 (! 19 #;01 0 & *0 (&& #*0(6 *#0(- # 10((* ,#*  
(;#6  .9*6 ;# ;# ,#: 11 (! (* & ,#(* 19& '#* 0#6#*-
# &#*0 & *0  ,06#0  *'(# *( 1*& ,0;&(6-

&%+ 
 
!$#((#
'


 

$# 
#*"0

*"0'#

 '

   
*16
*0#(*

#&(*
 0(6*
 (=#
 0#16













(*;
*&* (
#0(=
09 #
(*(
/.9#&

*'
',*11*
,*&#
0#
*6(=
6(=0*










 '!#

- &0#
6(#
&0'*
& !0*
 &#0#
&#







 
*&

9;*&*

*,06*

#* #

*;1# ',*0&#

;

 
  
  
*0= >47 *0= 4 *0= 342 *0= 4)

#

        

!"

)#
!#!
#*.
)
##!
#4!#
)*

!.

$0
,
$
$$
0
/


$+
$/
$5
$+
$
$0
$

)
 %#**#
.!
)#.#!
1!#
)!4
!#2

!"

!.

$0
,
$5
$0
/
"
"

$"
$/
05
$"
$0
$+
$,

!"

 %)

$0
+
$5
$0
0
$5
$

('1

**!
!#
%#



!.

!"

05
$/
$
0$
$/
05
$"

) #





,** '*11*
*&6* '*11*
*&6*  #66*

!.

$


,
"
+
$$

) 
)1
*)
*
#.!4
& )

$"
$/
$
$,
$,
$0
00

!"

# 

)*.
!
!4
)#!

$"
$/
$/
$
$0
$/
$

!"

/
$0

0(*

!.

!"

 

Estrazioni di marted 3 marzo

19
47
45
51
6
6
67
6
90
51
55

BARI
CAGLIARI
FIRENZE
GENOVA
MILANO
NAPOLI
PALERMO
ROMA
TORINO
VENEZIA
NAZIONALE

71
26
34
75
11
30
21
11
1
65
33

43
56
4
22
44
3
42
79
50
7
21

37
39
63
88
50
1
45
18
46
87
7

66
50
44
32
32
48
50
25
80
86
49

!"

*.!1
#!)




',*0&

!.

$$ )
+ #*
*,06*

10eLotto
I numeri vincenti
1
43
4
45
6
47
11
51
19
56
21
65
22
67
26
71
30
75
34
90
19 Numero Oro

!"

!.

+
$
(6*

$"
$

!"

 )
 !!

*;1#

6 7

26

48

61

63

Ai 5 stella:
Ai 4 stella:
Ai 3 stella:
Ai 2 stella:
Agli 1 stella:
Agli 0 stella:
www.corriere.it/giochiepronostici

66.738,68
474,37
22,38



'

   

4
7 3 8 2 6
5 4 6 9 1

9
5

1
4 5

47.437,00
2.238,00
100,00
10,00
5,00

6 8

LA SOLUZIONE DI IERI
3
5
1
8
6
2
9
7
4

7
6
2
4
3
9
5
8
1

8
4
9
5
7
1
6
2
3

4
1
3
9
8
6
2
5
7

5
9
8
7
2
3
1
4
6

6
2
7
1
4
5
3
9
8

9
7
5
3
1
4
8
6
2

1
8
6
2
9
7
4
3
5

2
3
4
6
5
8
7
1
9

#

Come si gioca
Bisogna riempire la
griglia in modo che ogni
riga, colonna e riquadro
contengano una sola
volta i numeri da 1 a 9
Altri giochi su www.corriere.it

050

)#!.
)#

0/5
/5/

+"(


/

)#!.

1*#

 
( "




"*#

#( " (



"'

'#
!

- #'
/"/

$05

*"



" '"(#

**  ((#

4 2

'"


   


+'(*

 "#





)#!.
#



""

#/#
"#+,'



$5



 '


**
)**#!

$5$

'(

5




' #" 

(#"


,

'(,

#!

87

81 Numero Jolly
17 Numero SuperStar
Jackpot indicativo prossimo concorso: 6.500.000,00

Ai 6:
Ai 5+
Ai 5:
Ai 4:
Ai 3:


!(*'!

'



!.

0

/

 #

Superenalotto - Combinazione vincente del 3-3-2015


16

"

"#



GIOCHI E PRONOSTICI SUDOKU DIFFICILE


Lotto

#"'


.
)**#!

5

*## !
#$""
' "# 

!+'#

$5
$5

 ("


+ "#

'*

!.

 )!#
$
+
0$ )13*
0
,
 #* #
 9;*&*1*

"#

        
 *.)
.!


( #

  

!.

+



/
0
$

#)!#
)!.#

( ;*06# ,06906* 
0660 0*
,0*;(#(6 & *0
90*, 0 #9(  #&

#600(*
(60*"166(60#*(&
,*06(* (9# ,#*  
(;#6 (*  .9*6
'#*"11 #(
16(1#*( (! &&
0 #*(# (9#(  
.9&& &,#(- &#'
0* *( &*&#
(;#6 (*  11
.9*6 (! 19&
(60*" *0 90*,
6',* ,#: 1#966* 
1*& #6* 19& 016* &
*(6#((6-



#

"'# '
" # #
+"#( '(





'#

#(
+"




**  $#



52

Mercoled 4 Marzo 2015 Corriere della Sera