Sei sulla pagina 1di 68

La storia

La cultura

Gli spettacoli

Morales traditore in Bolivia vacilla licona degli indios


OMERO CIAI

La conversazione da salotto diventa erotica


ANAIS GINORI

Sophie Marceau Porto in scena Bergman inedito


LAURA PUTTI

Fondatore Eugenio Scalfari


1 2 www.repubblica.it

Direttore Ezio Mauro


venerd 30 settembre 2011

ven 30 set 2011

Anno 36 - Numero 232

1,50 in Italia

SEDE: 00147 ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO, 90 - TEL. 06/49821, FAX 06/49822923. SPED. ABB. POST., ART. 1, LEGGE 46/04 DEL 27 FEBBRAIO 2004 - ROMA. CONCESSIONARIA DI PUBBLICIT: A. MANZONI & C. MILANO - VIA NERVESA, 21 - TEL. 02/574941. PREZZI DI VENDITA ALL'ESTERO: AUSTRIA, BELGIO, FRANCIA, GERMANIA, GRECIA, IRLANDA, LUSSEMBURGO, MALTA, MONACO P., OLANDA, PORTOGALLO, SLOVENIA, SPAGNA 2,00; CANADA $1; CROAZIA KN 15; EGITTO EP 16,50; REGNO UNITO LST 1,80; REPUBBLICA CECA CZK 61; SLOVACCHIA SKK 80/ 2,66; SVIZZERA FR 3,00 (CON D O IL VENERD FR 3,30); TURCHIA YTL 4; UNGHERIA FT 495; U.S.A $ 1,50

I giovani imprenditori: al convegno di Capri non parleranno politici, troppe promesse non mantenute

Industriali, schiaffo al governo


Vince la Merkel: s della Germania al Fondo salva-stati
Il retroscena

R2 Il racconto

Le confessioni di Riina autoritratto di un boss

La rivolta del Quarto Partito


ALBERTO STATERA
OVERNO codardo, che umilia il Paese. Sar per la giovane et, sar perch il tempo ormai scaduto e la crisi morde senza speranze, sar per la percezione di un'avventura politica ormai troppo a lungo agonizzante nel non fare e nel malaffare, ma le parole pi dure del Quarto Partito, nella tarda resipiscenza, vengono da Jacopo Morelli. SEGUE A PAGINA 3

ROMA Non inviteremo pi i politici. Basta passerelle. Avevamo fatto proposte, ma zero risposte. Serve un governo con coraggio e non codardo. Nuovo schiaffo degli industriali allesecutivo di Silvio Berlusconi. A parlare Jacopo Morelli, presidente dei giovani industriali che vuole escludere dalla tribuna del tradizionale convegno di Capri ministri e sottosegretari. Respirano le borse dopo la vittoria in Germania del cancelliere Angela Merkel che ha ottenuto dal parlamento tedesco il via libera al fondo salva-Stati. SERVIZI ALLE PAGINE 2,3, 10 E 11

Corsaro: pi di due candidati Letta: giornate turbolente

Bankitalia non c accordo il premier ordina un vertice di maggioranza


La sede di Banca dItalia a Roma

SERVIZI ALLE PAGINE 4 E 6

Il procuratore Laudati si sospende dallinchiesta. Confermato il mandato darresto per Lavitola

Lanalisi

Loccasione della crisi


ADRIANO SOFRI
A IPPOCRATE in poi, la crisi annuncia la rovina, o la convalescenza. Risuona ununica invocazione: La Crescita! Per non occorre essere adepti della Decrescita per sentire che la crescita pu voler dire cose diverse, e se ne volesse dire una sola, riprendere come se niente fosse dal punto cui eravamo arrivati, sarebbe impossibile e cieca. Eppure la crisi la migliore, forse la sola, occasione per proporsi seriamente una conversione del modo di produrre e di consumare, e dei modi di vivere. SEGUE A PAGINA 40

Bari, Berlusconi sar indagato Ma non far la fine di Craxi


Sulle intercettazioni il Pdl accelera il testo alla Camera la settimana prossima

No al bavaglio saremo in piazza fino a quando il Cavaliere ritirer la legge


CAPORALE E MILELLA A PAGINA 9

BARI Questione di ore. La Procura di Bari si prepara a formalizzare nei confronti di Silvio Berlusconi laccusa di induzione al silenzio e alla falsa testimonianza di fronte allautorit giudiziaria di Gianpaolo Tarantini. Linchiesta sulle escort. E, contestualmente, per lo stesso reato, la Procura chieder al gip la richiesta di custodia cautelare nei confronti del latitante Valter Lavitola. Il capo della Procura di Bari, Laudati, coinvolto in una inchiesta, ha chiesto di essere sospeso dalla indagine sulle escort del presidente del Consiglio. FOSCHINI E BONINI A PAGINA 7

Il personaggio

Il pescivendolo di Panama nuovo eroe dei berluscones


FRANCESCO MERLO
RA che abbiamo visto Lavitola in tv sappiamo che Berlusconi riuscito a degradare anche luomo nero in ometto nero. Nel ruolo di diavolo italiano non ci sono pi i Calvi e i Sindona ma il malandrino piccolo piccolo, allo stesso modo in cui la donna fatale Anita Ekberg, per dirne una stata soppiantata dalla donnetta fatale Ruby e la Began, per dirne due. SEGUE A PAGINA 41

ATTILIO BOLZONI
I si fa vecchio e pi se la tira. Con tutti i suoi segreti e con la smisurata considerazione che ha di se stesso, pensa che sta diventando un bene sempre pi prezioso. A novembre Salvatore Riina di anni ne far ottantuno. Nonostante i malanni dellet due infarti, lipertrofia prostatica, una cirrosi da epatite C e il perenne isolamento, a sentirlo parlare sembra quello che era prima. Un capo. Forse il tempo non passa mai per lo zio Tot. ALLE PAGINE 43, 44 E 45

Inchiesta italiana

La polemica

Se serve pi di un anno Non truccate il vino per una mammografia con il super-mosto
MICHELE BOCCI
I VUOLE pazienza oppure ci vogliono i soldi. Chi si sente prospettare unattesa di un anno per una prestazione sanitaria ha solo queste due armi per ricacciare indietro rabbia e frustrazione. Ogni giorno a migliaia di italiani capita di dover ricorrere alle proprie risorse mentali e materiali per non crollare di fronte a quanto prospettato dalla loro Asl. SEGUE ALLE PAGINE 28 E 29

Il dolore della Podest

CARLO PETRINI
AGRICOLTURA una materia viva, esposta allandamento delle annate e delle stagioni, per questo affascinante. Un anno fa, in questo periodo di vendemmia, pubblicavamo un articolo pessimistico: la produzione delle uve era eccessiva in quantit e i prezzi erano in picchiata. Scrivevamo che se la situazione fosse rimasta cos, la produzione avrebbe iniziato a declinare. SEGUE A PAGINA 41

Io, Bonatti e lamore rubato

A PAGINA 47

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

ECONOMIA E POLITICA

I2

Lo scontro

Schiaffo della Confindustria No ai politici sul palco di Capri


Le privatizzazioni possono fruttare 10 miliardi allanno
LUISA GRION
ROMA Non li chiamano, non li vogliono, non intendono regalar loro nessuna passerella: hanno deciso che non se la meritano. I giovani di Confindustria, ogni autunno fanno un convegno per dibattere i temi dellattualit economica. La sede sempre quella: Capri. La formula, fino a ieri, pure: relazioni e incontri vari e poi la presenza della politica, ministri, da una parte, esponenti della maggioranza dallaltra. Anche questanno il convegno si far a Capri, il 21 e il 22 ottobre, ma dei politici non si vedr ombra. Gli imprenditori under 40 hanno infatti deciso di fare una cosa rivoluzionaria, come spiega il loro presidente Jacopo Morelli. Non li inviteremo sul

PRESIDENTE
Jacopo Morelli, Confindustria Giovani

i politici avevano avuto il loro posto sul palco. Adesso - spiega la giovane Confindustria - diciamo: zero risposte, zero politici. Vogliamo il dialogo, ma che sia serio chiede Morelli. Le cose dette nellassemblea ligure, ricorda, caddero nel vuoto. Adesso si considerano in trincea, ma combattivi e determinati. Non possiamo continuare ad avere un Paese umiliato dalle non scelte precisano. Parti sociali e politica stanno quindi diventando due rette parallele, mondi che non si parlano. Ieri per esempio, con un semi-

nario organizzato da Tremonti (Berlusconi assente perch queste sono giornate turbolente ha precisato Gianni Letta) il governo, ha comunque dato il via alla stagione delle dismissioni. Per rispondere alle richieste della Bce che - nella lettera dello scorso agosto anticipata dal Corriere della Sera - chiedeva azioni pressanti, il ministro dellEconomia ora percorre la strada della vendita e valorizzazione del patrimonio pubblico. Siamo qui per fare linventario ha precisato Tremonti. Ma fra immobili, partecipazioni, infra-

strutture, risorse naturali e beni culturali il patrimonio dello Stato un tesoro da 1.815 miliardi, pi o meno quanto il fardello del debito pubblico (1.843). Una quota, 675 miliardi, fruttifera e un'attenta valorizzazione potrebbe dare, a regime anche 10 miliardi di euro l'anno. Ricchezza, dice Tremonti, che serve ad abbattere il debito e far da volano alleconomia. Ma pensa davvero che gli italiani abbiano dimenticato il fallimento delle cartolarizzazioni? replica Boccia del Pd.
RIPRODUZIONE RISERVATA

REPUBBLICA.IT Sul sito, reazioni e commenti sulla decisioni dei giovani imprenditori della Confindustria

I giovani imprenditori: avevamo fatto proposte e aspettiamo risposte


palco, li inviteremo solo ad ascoltare. Avevamo fatto proposte, abbiamo avuto zero risposte. Non vogliamo essere presi in giro. Dopo i fischi dei costruttori dellAnce al ministro Matteoli ecco dunque il nuovo schiaffo che gli imprenditori assestano al governo. Non la prima volta che Confidustria manifesta il suo fastidio per una classe politica che non fa. Gi lo scorso maggio oltre duemila imprenditori, Marcegaglia in testa, avevano sfilato con una silenziosa marcia di protesta per le vie di Treviso. Pochi giorni dopo i colleghi di Vicenza avevano annunciato che alla loro assemblea i politici non avrebbero parlato perch sarebbe solo una perdita di tempo. Cos sembrano pensarla anche i giovani e il loro presidente. Solo a giugno, nellaltro tradizionale convegno degli imprenditori under 40 a Santa Margherita,

MINISTRO
Il ministro dellEconomia Giulio Tremonti

Lintervista

Il ministro delle Infrastrutture Matteoli: le grandi opere si faranno grazie alla defiscalizzazione

Capisco chi protesta, ma non ci sono soldi


LUCIO CILLIS
ROMA La contestazione allAnce? La comprendo e in un certo senso me laspettavo. Ma non sono una persona che si nasconde dietro le bugie. Per questo ho preferito fare fino in fondo il mio dovere dicendo come stanno realmente le cose: soldi non ce ne sono. Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli accetta le critiche e i vergogna vergogna lanciati contro di lui da un gruppo di costruttori esasperati. Ma non rinuncer ad appuntamenti pubblici che si preannunciano roventi. Ministro, nelle ultime ore sono emerse nuove prese di posizione: i giovani di Confindustria dicono di non volere politici sul palco al convegno che si terr a Capri. E il sindaco di Genova, Marta Vincenzi, annuncia che presenzier accanto a lei allinaugurazione del salone nautico senza indossare la tradizionale fascia tricolore. pronto ad affrontare un possibile crescendo di contestazioni? Allora, partiamo dal caso Ance. Avevo due possibilit: o dire che tutto andava bene, come hanno fatto alcuni fino a poco tempo fa, o parlare chiaro. Io credo che queste persone non dovessero fischiare me, ma quelli che in altre occasioni sono andati da loro dicendo tuttaltro, rassicurando la platea. Appunto: per anni alcuni suoi

CONTESTATO
Il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Altero Matteoli

colleghi, come il ministro Tremonti, non hanno fatto altro che minimizzare lentit della crisi. Ora lei ne fa le spese, non crede? I nomi li fa lei, io non voglio tirare dentro nessuno. In ogni caso sono assolutamente sereno, ho solo cercato di fare il mio dovere dicendo la verit. La dir anche a Genova fronteggiando eventuali proteste?

Guardi che io ho fatto il missino in una citt come Livorno e di coraggio a quei tempi, mi creda, ce ne voleva davvero tanto. E comunque i giovani imprenditori di Confindustria non mi hanno invitato, grazie a dio, e quindi non ci andr. A Genova invece, ci sar come da programma. Lei dice di comprendere la contestazione dei costruttori. Certamente, anche se a ben guardare erano solo in cinque. Avevano le loro ragioni. Non lo nego, ma vorrei anche spiegare che con il decreto che stiamo mettendo a punto rilanceremo alcune opere fondamentali per il Paese. Senza soldi?

Le risorse non ci sono, vero. Ma puntiamo a defiscalizzare gli oneri a carico dei concessionari. Le faccio il caso della Orte-Mestre, unopera che coster 9,4 miliardi di euro: 8 li mette il project financing, il resto verr fuori grazie alla defiscalizzazione. Lo Stato non ci metter un solo euro. E il Ponte sullo Stretto? Lo paga quasi tutto il mercato. In totale coster circa 8 miliardi. Sono risorse che potrebbero essere utilizzate in altro modo, non crede? Guardi che se li avessi nella disponibilit del ministero mi potrebbe anche venire il dubbio. Ma purtroppo cos non .
RIPRODUZIONE RISERVATA

gucci.com/artisan

CELEBRATING 90 YEARS OF TRADITION AND INNOVATION Luomo. La passione. Il sogno. La storia di Guccio Gucci, artigiano dal 1921, a Firenze. Autentica, duratura, rivolta alla perfezione assoluta. La sua dedizione ispira oggi la nostra tradizione. La bellezza di quel che lui ha intrapreso nutre da novantanni intere generazioni di artigiani. Il suo desiderio di realizzare ci che dura per sempre continua a stimolare ognuno di noi. Ricordando il passato mentre creiamo il futuro. Imponendoci di tramandare la sua eredit iconica. Ora e per sempre.

FOREVER NOW

Aldo Gucci, Roma, 1955

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.confindustria.it www.mit.gov.it/mit/

I3

TRARRE LE CONSEGUENZE
Emma Marcegaglia chiede al governo soluzioni immediate, altrimenti molto meglio trarne le conseguenze

Il retroscena

(segue dalla prima pagina)

ALBERTO STATERA
RESIDENTE dei Giovani di Confindustria, Morelli garbato, educato, non avvezzo ai toni troppo forti, tanto da credere di annunciare una cosa rivoluzionaria dicendo che fra poco pi di tre settimane al convegno annuale di Capri rifiuter politici sul palco, dopo che la presidente Emma Marcegaglia ha dato il benservito al governo, e persino i costruttori, colleghi dimprenditoria del premier, hanno gridato vergogna allindirizzo di uno dei tanti suoi improbabili ministri. E se Berlusconi irromper a Capri come nel 2006 a Vicenza, quando sciatalgico salt sul palco, mise in mora lallora presidente Luca Cordero di Montezemolo e insolent Diego Della Valle, godendo le ovazioni di unassemblea da lui ipnotizzata come lo fu Sabina Began? Guardi ci risponde il garbato Morelli sono passati anni e le cose sono cambiate, perch dopo tanta inerzia il paese sta pagando le non scelte. Noi non ci sentiamo il Quarto Partito di degasperiana memoria. Quello senza il quale, De

Limpresa sogna la via spagnola Al voto per rilanciare il Paese


Dialogo con Napolitano, regista della transizione
sperso giusto in un decennio da Berlusconi. Correva il 2001, assemblea di Parma. Il tuo programma il mio programma, urla un Berlusconi appena trapiantato nel pelo non ancora asfaltato ad Antonio DAmato, presidente confindustriale, quasi ipnotizzato dallimprenditore-politico come anni dopo sar Sabina Began. Se oggi a DAmato, comunque uomo di destra, parlate del premier, non otterrete neanche pi risposte, ma soltanto smorfie quasi di disgusto. Il feeling dur. Gli astuti imprenditori credettero davvero per anni che Berlusconi incarnasse la nuova politica, liberista, filoindustriale, liberata di tutti quei fardelli di impianti culturali del passato, persino di quella sacralit della politica alta di Moro e Berlinguer, delle formule politichesi incomprensibili ai pi come le convergenze parallele. Fatti, non formule, dal mago di Arcore. Poi venne Montezemolo che azzard i distinguo e mal gliene incolse. A Vicenza nel 2006, listrione lo alien dalla sua base del nord, la pi importante. Oggi un diluvio, con Emma Marcegaglia che dopo tanti penultimatum ha finalmente vergato lultimatum. Basta leggere Il Sole-24 Ore, cui gli imprenditori interrogati confidano: Mai vorrei essere bollato da comunista dice uno perch chiedo che questo governo se ne vada. Per carit, chi ci crede pi ai comunisti. Altri articolano: Un voto al governo? ironizza Mario Carraro, testa pensante dellimprenditoria veneta Inclassificabile. E Roberto Zuccato, presidente di Confindustria Vicenza: Basta credito, quando finalmente si andr a votare sar un voto complicato. Lo certificano con metodi grillini anche gli imprenditori edilizi dellAnce. E un signore anziano molto dignitoso a urlare per primo laltro giorno in platea vergogna! allindirizzo di Altero Matteoli. Le foto sono sui giornali poche pagine dopo quella di Berlusconi che abbraccia come in una scena del Padrino il ministro dellAgricoltura Saverio Romano, accusato di concorso esterno con la mafia, cui la maggioranza berlusconiana, con il contributo determinante della corrente leghista del ministro di polizia Roberto Maroni, ha negato la sfiducia. Quella foto finir forse sui libri di storia, pi di quelle delle missioni di Stato ufficiali con Lavitola e col ministro degli Esteri Frattini, detto in alcune cancellerie Fattorini, o dei compleanni con

la vergine Noemi Letizia, come la certificazione di unera politica durata quasi quanto il fascismo, che non seppe neanche liberarsi per consunzione interna. Fa piacere che sia il giovane e garbato Morelli, dolce accento toscano, a usare i toni pi aspri: codardia, umiliazione, rabbia per unItalia 50 punti sotto il basis rating della Spagna, che ha un sistema industriale nano rispetto al nostro. Ma tant. Zapatero annunciando le dimissioni e le elezioni anticipate in novembre ha fatto risparmiare al suo paese alcuni miliardi di interessi sui titoli pubblici. Forse la sua patria la ama. Berlusconi diventato invece un costo miliardario per la collettivit, di cui si faranno i conti nel giorno in cui lascer la poltrona cui abbarbicato a palazzo Chigi a non-guidare un paese che considera di merda. Nessuno forse gli ha detto che da diciassette anni questo paese olezzante si identificato con lui, non solo nelle periferie operaie, ma nei santuari industriali e finanziari, in quelli che lui continua a definire i poteri forti. Ma forse poteri morti. Cosa avrebbe detto il giovane e garbato Morelli al premier se ne fosse stato ascoltato? Lo abbiamo chiesto a lui stes-

Morelli: Stufi di pagare per linerzia del governo Gli elettori hanno capito che la demagogia sta affondando lItalia
Gasperi disse allora, nel dopoguerra, che non si poteva governare lItalia. Ma siamo donne e uomini liberi che vogliono contribuire a fare una grande operazione verit. Pretendiamo che i politici e il governo non facciano i sismografi di minoranze elettorali, ma facciano le cose giuste. Anche perch i loro elettori ormai si sono dati una regolata: hanno capito che la demagogia affonda il paese. Berlusconi non salter dunque sul palco di Capri. E off limits anche per lui. In maggio, il garbato Morelli scrisse al premier, chiedendo di essere ricevuto per illustrare un pacchetto di proposte dei Giovani. Mai ebbe risposta, da un uomo forse impegnato troppo a gestire le coorti di coccod, gli amici lenoni e le armate di avvocati. Ho tutto il rispetto istituzionale dovuto al presidente del Consiglio, ma nel rispetto occorre un po di reciprocit, azzarda Morelli. Se il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano accettasse linvito, a Capri sarebbe invece di certo il benvenuto. Morelli gli ha scritto del profondo disagio nel vedere il nostro paese nelle attuali difficolt a causa di una politica priva di coraggio nelle riforme e ne ha avuto subito riscontro. Dio mio, che capitale di consenso di-

Lultima rottura sul tema delle pensioni: Non possono condannare i giovani alla povert futura, ci basta quella presente
so che ci ha sfornato una serie di dati per spiegare, ad esempio, come i suoi coetanei che non hanno beni di famiglia vivranno in povert in un ex grande paese industriale a causa della politica dominante, incapace da anni di superare la vilt soltanto per mantenere il potere. Gli avrei detto, per esempio, che la Germania ha l11 per cento di spesa pensionistica sul Pil, la Svezia il 9,5 per cento, contro il nostro 15. E che per meri interessi elettorali non si possono condannare i miei coetanei, oltre che allattuale alla futura povert. I dati di Morelli sono persino ottimistici. Gli abbiamo segnalato quelli calcolati da Walter Passerini e Ignazio Marino in un libro uscito ieri per Chiarelettere nel quale i conti sono meno propizi: un ragioniere oggi quasi di mezza et andr in pensione con un 20/25 per cento dellultima retribuzione, un biologo con il 13, un infermiere con l11. Ma dopo il 2013. Il futuro del paese per il governo Berlusconi non cosa nostra. Per quasi tre lustri questo berlusconismo di governo ha stregato lex Quarto Partito. Ce ne ha messo per svegliarsi dal lungo sonno della ragione. a. statera@repubblica. it
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

ECONOMIA E POLITICA

I4

PER SAPERNE DI PI www.bancaditalia.it www.palazzochigi.it

La manovra

Cabina di regia Pdl per imbrigliare Tremonti


E su Bankitalia vertice la prossima settimana: si definir una rosa di candidati
ELENA POLIDORI
ROMA Una sorta di cabina di regia nasce al termine del vertice di maggioranza. Silvio Berlusconi annuncia anche che ci sar una nuova riunione, la prossima settimana, per trovare un accordo politico sul nome del nuovo governatore della Banca dItalia. O meglio, sui nomi: per palazzo Koch si profila una terna, forse anche una quaterna di candidati, e dunque una rosa con diversi petali. Sicuramente pi di due, secondo il vicepresidente vicario dei deputati Pdl, Massimo Corsaro. Nei fatti, sulla nomina, il governo ancora diviso. La poltrona numero uno di via nazionale, in questa fase, una delle tessere cruciali dell'equilibrio di maggioranza. Pressato dal Giulio Tremonti che minaccia di andarsene se per lIstituto non passa il suo candidato - Vittorio Grilli, direttore generale del Tesoro, - il premier cerca di imbrigliare il ministro dellEconomia con questa doppia mossa. La prima appunto questa specie di cabina di regia, che poi una commissione Pdlgruppi, dedicata alle questioni economiche e dunque qualcosa di pi soft rispetto ai pronostici. Il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi, spiega che il neonato organismo riferir a Berlusconi, a Letta e allo stesso Tremonti, assente, ieri, a palazzo Grazioli. La seconda mossa riguarda proprio la Banca dItalia. Lipotesi su cui Berlusconi starebbe lavorando, riferita dal capogruppo leghista alla Camera, Marco Reguzzoni, punta a sottoporre i papabili al consiglio dei ministri, per verificare sul campo chi riceve i maggiori consensi. Si sceglierebbe a maggioranza, insomma, annacquando cos la responsabilit di scontentare o accontentare lo stesso Tremonti e, con lui, Bossi che pure appoggia il milanese Grilli. Per certi versi, sarebbe anche una forzatura della procedura di nomina secondo cui il parere dei saggi di palazzo Koch deve essere trasmesso al consiglio dei ministri e non il contrario. La Banca dItalia un problema delicato. Serve una intesa politica prima di presentare un nome avrebbe spiegato il premier ai suoi. Laltra strada presa in esame ipotizza un accordo tramite un vertice a tre: Berlusconi, Bossi, Tremonti. Durissimo Beppe Pisanu, senatore del Pdl: Questo tira e molla debba finire perch non si tratta di una poltrona da negoziare nel mercatino del sottogoverno. Molti i nomi in circolazione, forse troppi. Oltre a Grilli, naturalmente il candidato interno Fabrizio Saccomanni, direttore generale dellIstituto, sponsorizzato dal governatore uscente, Mario Draghi, e da tutta la tecnostruttura di via Nazionale. Sembra poi che a palazzo Grazioli, si sia riparlato a lungo di Lorenzo Bini Smaghi, che sta lasciando la Bce per far posto a Draghi e a un francese, secondo uno scambio deciso a suo tempo tra Berlusconi e Sarkozy. Tra gli altri nomi, l'attuale vice di Saccomanni, Ignazio Visco e la sua collega Anna Maria Tarantola; il rettore della Bocconi, Guido Tabellini; l'ex ministro Domenico Siniscalco; leconomista Mario Monti (che ha smentito) e ieri si sentito con Draghi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I personaggi
DRAGHI
Mario Draghi lascer a fine ottobre la Banca dItalia per guidare la Bce al posto di Trichet

SACCOMANNI
Il direttore generale della Banca dItalia il candidato interno alla guida della banca centrale

GRILLI
Il direttore generale del Tesoro il candidato del ministro Tremonti per la guida della Banca dItalia

Il retroscena

Il premier porter in Consiglio dei ministri il nome di Bini Smaghi insieme a quelli di Saccomanni e Grilli

Berlusconi forza la mano su via Nazionale Un terzo uomo per spiazzare Giulio
CARMELO LOPAPA
ROMA Io vado in Consiglio dei ministri e porto tre nomi, la partita sul governatore di Bankitalia la chiudo l, Giulio se ne far una ragione. Il Cavaliere vuole tenere il punto, non darla vinta a Tremonti, mette in conto di ridurlo in minoranza. La resa dei conti di fatto solo rinviata, per una contesa che diventa logorante, che incrina ancora pi equilibri gi instabili nel governo. Mentre fuori dal Palazzo altre emergenze incombono. I candidati per via Nazionale ora lievitano. Da due, Saccomanni e Grilli, diventano tre, con le quotazioni in crescita di Bini Smaghi. Appena dietro Siniscalco, Ignazio Visco. Come fosse un totoministro qualsiasi. Come se non fosse in gioco la massima autorit monetaria. Tutto si fa pi nebuloso, complicato. Il presidente del Consiglio prende tempo, si sfoga e a molti dei dirigenti della maggioranza che affollano il vertice di met giornata a Palazzo Grazioli appare in stato confusionale. Incerto sul da farsi. Paralizzato sulle decisioni da prendere. Soprattutto in apprensione per le contromosse possibili del suo ministro dellEconomia, nel timore che una forzatura sulla nomina dellattuale direttore generale Saccomanni possa portare il professore di Sondrio a dimettersi e mandare a gambe allaria lintero governo. Berlusconi abbozza una strategia, coi pochi che si trattengono dopo il vertice di maggioranza: I tre nomi per me sono quelli di Saccomanni, Grilli e Bini Smaghi. Oltre a quello dellattuale direttore generale di Bankitalia, soluzione interna che trova il pieno sostegno dellistituto e che non sarebbe certo invisa al Colle, anche il direttore del Tesoro sponsorizzato da Tremonti. E infine il membro ita-

Il meccanismo di nomina
Il consiglio superiore della Banca dItalia esprime un parere obbligatorio ma non vincolante sul candidato

Il Consiglio dei ministri indica il nome da proporre al presidente della Repubblica

Il presidente della Repubblica nomina il governatore con un decreto controfirmato dal presidente del Consiglio dei ministri

Il premier teme che una forzatura sul governatore possa far dimettere il ministro

liano nel board della Bce, prossimo a lasciare il posto italiano per lapprodo di Mario Draghi alla presidenza. Per uscire dal cul de sac ed evitare di esasperare lo scontro il premier intende coinvolgere lintero governo, nella scelta. Anzi, convocare anche un vertice di maggioranza, sarebbe unanomalia procedurale, forse unerrore di grammatica istituzionale per lapice di Palazzo Koch, ma poco importa. Non vedo lanomalia politica spiegava in serata il sottosegretario Daniela Santanch stiamo applicando

per la prima volta la nuova legge del 2005 che prevede un percorso collegiale, in cui la parola ultima spetta al presidente del Consiglio. Il problema si pone se Tremonti dovesse ritrovarsi in minoranza, tra una settimana. Se il Consiglio si pronuncia a maggioranza per Saccomanni, Giulio capace di votare contro e dimettersi il timore del premier. Segnerebbe lapertura di una crisi dagli esiti imprevedibili. Ecco perch in queste ore il braccio destro Gianni Letta va predicando unaltra strategia,

suggerisce al Cavaliere una soluzione pi diplomatica. Questa: il Consiglio dei ministri dovrebbe limitarsi ad approvare la terna dei nomi, da trasmettere poi al Consiglio superiore di Bankitalia, lasciando allorgano interno la scelta fra i tre. A quel punto, Tremonti non potrebbe opporsi a uno dei nomi che comunque avrebbe gi approvato nella riunione di governo. Strategie sottili, da partita a scacchi per un affare che si maledettamente complicato per tutti. Altri nel Pdl, vicini al ministro del Tesoro, non escludono che via XX Settembre possa pure accettare la designazione di Saccomanni, con Bini Smaghi direttore generale in rampa per succedergli tra qualche anno. Voci in libert, sintomo del caos aperto. Un caos che investe anche le prossime mosse per affrontare la crisi, il decreto sviluppo da varare. Il vertice di maggioranza si risolve ancora in un mini processo a Tremonti, accusato da ministri, capigruppo e coordinatori di Pdl, Lega e Responsabili di evitare il confronto. Qualcuno porta una cartellina con tabelle sui provvedimenti in cantiere al ministero del Tesoro, solito solista. il clima che si respira in via del Plebiscito, in questo 29 settembre di compleanno del capo che i vari La Russa, Verdini, Corsaro, Reguzzoni, Miccich, Moffa, Viespoli, tra gli altri, si ostinano a festeggiare. Champagne e torta alla crema, per brindare ai 75 anni. Ma lui di pessimo umore, dopo i 50 non festeggio pi, a tratti perfino cupo, diranno i suoi. Il ministro della Difesa esibisce targa ricordo sui 150 dellUnit con dedica agli ultimi 75 dominati dal premier. Lui sorride, ringrazia. Ma non sono pi i festeggiamenti di una volta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA CONTESA
Berlusconi sta prendendo tempo, intanto la contesa con Tremonti diventa pi logorante, e incrina gli equilibri del governo

Lobiettivo coinvolgere lintero governo per non esasperare lo scontro

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

E GIUSTIZIA POLITICA INTERNA

I6

Il premier
Siamo sotto di 5 punti nei sondaggi

Siamo sotto di cinque punti, ma i nostri elettori sono in stand by e torneranno. Possibile che tutte le donne che vengono a casa mia sono escort e quelle ospiti della sinistra sono sante?

Berlusconi: Inutile governare con questa dittatura dei pm ma non far la fine di Craxi
Letta: giorni turbolenti. Esecutivo ancora sotto alla Camera
GIANLUCA LUZI
ROMA I magistrati hanno ucciso Craxi. Ma non mi faranno fare la stessa fine. Nella notte del suo settantacinquesimo compleanno, festeggiato a casa di Alessandra Mussolini, un cupo Berlusconi allieta la quarantina di invitati con uno sfogo, e i bersagli sono sempre i soliti: magistrati, opposizioni e anche artisti che sono tutti di sinistra, mentre le mie canzoni in radio non le passano mai. Del resto poche ore prima, quando alla Camera la maggioranza con la Lega aveva salvato il ministro Romano, Berlusconi aveva anticipato che non cera niente da festeggiare. In effetti - come ieri ha sintetizzato il sottosegretario Letta - sono giornate intense e per certi versi turbolente. Se non bastasse la imminente ripresa dei processi a Milano (il Rubygate incalza), linchiesta sulle escort che arrivata a Bari e il duello con Tremonti su Bankitalia, c sempre una maggioranza che sembra un po allo sbando e tiene il governo sulle montagne russe. Ieri per esempio la stessa maggioranza che aveva salvato il ministro indagato per mafia, andata sotto per ventiquattro voti su un ordine del giorno del Pd sullotto per mille alla scuola. Per questo non deve sorprendere se lumore del premier come accade sempre pi spesso non era gioioso ma pi incline alla sfogo. Saranno state le settantacinque candeline della torta, che non sono poche, sar stato il segno zodiacale della Bilancia che dovrebbe essere il simbolo della Giustizia uguale per tutti, tranne che per me, fatto sta che a qual punto il premier che aveva pure cantato qualche canzone, ha cominciato a prendersela come al solito con i magistrati. Lanciando unaccusa terribile: Bettino Craxi stata una grande guida per lItalia tanto vero che ogni anno ventimila persone vanno a deporre garofani sulla sua tomba, mentre questo non succede nella tomba di Togliatti o di Berlinguer. Eppure, - insiste Berlusconi - chi ora nel Pd, ma allepoca era nel Pci insieme a certi magistrati e a certa stampa, non gli ha permesso di tornare in Italia per curarsi. Lo hanno ucciso. E adesso quegli stessi magistrati vogliono farmi fare la stessa fine, vorrebbero mandarmi in esilio ma non ce la faranno mai. Per Berlusconi, che ha intenzione di procedere in tempi rapidissimi alla legge bavaglio per bloccare le intercettazioni, la verit che in Italia c una dittatura dei magistrati. Un concetto classico del repertorio berlusconiano: Con la dittatura delle toghe impossibile governare, anzi inutile, perch se una legge non piace ai magistrati, questi fanno ricorso alla Corte costituzionale che di sinistra. Torna nello sfogo del premier la certezza della persecuzione: Possibile che tutte le donne che vengono a casa mia sono delle escort, mentre quelle che sono ospiti di personaggi della sinistra sono vergini e sante?. Ma anche in tempi turbolenti per dirla con Letta, Berlusconi si tira su il morale con il solito sistema collaudato: Come Ibrahimovic io sono un fuoriclasse che ha salvato lItalia dal default preparato da Prodi quando ha permesso il cambio lira-euro. Adesso siamo sotto di cinque punti ma i nostri elettori sono in stand-by e torneranno. Detto nel momento in cui la nostra economia tiene con il fiato sospeso il resto dellEuropa, appare una affermazione parecchio fuori dalla realt. Meglio gli riesce una rievocazione di qualche anno fa: Ero a un G7 quando il premier canadese ci parla di un nuovo prodotto, il Viagra, che permetteva due prestazioni sessuali al giorno. Allora ho chiesto, ma cos, un calmante?. Chirac non la finiva pi di ridere.... La Bbc ha festeggiato il compleanno del premier con un maxi-quiz in dieci domande per i lettori. Di Pietro non gli lascia scampo: Lasciamolo nella sua Sirte, come Gheddafi. Lasciamolo nel suo bunker.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I media esteri

ELLEKAPPA

PREMIER
Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi

COMPLEANNO CON IL PM
Ieri sulla Suddeutsche Zeitung ampio articolo su Berlusconi. Titolo: Buon compleanno dal procuratore

Il caso

I pm di Napoli indagano su finanziamenti e Finmeccanica, la Finanza anche da Bisignani

Perquisita la sede dellAvanti al setaccio gli affari di Lavitola


DARIO DEL PORTO CONCHITA SANNINO

CHIESA ALLATTACCO
Tranquilla per anni, ora la Chiesa attacca llite politica italiana rileva un servizio su Berlusconi del New York Times

IL QUIZ SU SILVIO
Il sito della Bbc ha fatto un quiz sulla vita e le gaffe pi celebri di Berlusconi per celebrare i suoi 75 anni

NAPOLI Con la perquisizione degli uffici dellAvanti! in via del Corso la Procura di Napoli d la scossa al filone dinchiesta sugli affari di Valter Lavitola. E nella stessa giornata batte un colpo anche il caso P4: perquisita labitazione del lobbista Luigi Bisignani, agli arresti domiciliari da met giugno, mentre gli avvocati di Alfonso Papa, in cella dal 20 luglio, chiedono la scarcerazione (ma il pm ha espresso parere negativo) anche per le cattive condizioni psicofisiche dellimputato. La Guardia di Finanza ha bussato alla sede dellAvanti! nel filone dindagine sui finanziamenti percepiti dal quotidiano di cui Lavitola, latitante dal primo settembre nel capitolo dellindagine sui soldi versati dal premier Silvio Berlusconi, direttore ed editore attraverso la societ International press. I pm Francesco Curcio, Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock, con il procuratore ag-

giunto Francesco Greco, vogliono verificare come siano stati ottenuti i contributi e quale sia stato lutilizzo dei fondi. Nellordinanza cautelare emessa nel caso Tarantini-Berlusconi, il gip Amelia Primavera aveva ipotizzato che somme ingenti potessero essere state distolte e destinate da Lavitola e dai suoi complici al perseguimento di interessi e affari personali che nulla hanno a che fare con il suddetto quotidiano.

Mercoled sera, intervenendo dalla latitanza alla trasmissione Bersaglio mobile condotta da Enrico Mentana su La7, Lavitola aveva difeso LAvanti!: falso che non venda una copia. E posso dimostrarlo, aveva ribadito. Ma quello dei finanziamenti al quotidiano costituisce solo uno dei capitoli dellindagine sulla rete di rapporti intrecciata da Lavitola. Si indaga sugli affari con Finmeccanica, sugli interessi a Panama,

Le frasi di Santa Margherita

Non date pubblicit ai giornali nemici Il gip archivia: diritto di critica del premier
ROMA Silvio Berlusconi stato prosciolto dallaccusa di aggiotaggio per le frasi pronunciate nel giugno 2009, a Santa Margherita Ligure, durante un convegno dei giovani industriali. Convegno in cui aveva invitato la platea a non fare inserzioni pubblicitarie sui media che tutti i giorni cantano la canzone del pessimismo, del disfattismo e del catastrofismo di fronte alla crisi economica. Il premier, che parl anche di campagna eversiva e aveva fatto intendere di riferirsi a Repubblica e allEspresso, era stato denunciato dai legali del gruppo Espresso.

dove quasi certamente il faccendiere sta trascorrendo la latitanza, e in altri paesi del Centro e Sud America. Si muove intanto anche il caso P4. Ieri stata perquisita labitazione romana dove Luigi Bisignani, imputato per tre ipotesi di favoreggiamento, si trova agli arresti domiciliari dal 15 giugno. I finanzieri hanno sequestrato il computer del lobbista, che a partire dal 26 ottobre sar processato con il rito immediato, cos come richiesto dai pm Curcio e Woodcock, insieme al deputato del Pdl Alfonso Papa, detenuto nel carcere di Poggioreale da oltre due mesi dopo lautorizzazione concessa dalla Camera. I difensori di Papa, gli avvocati Carlo Di Casola e Giuseppe DAlise, hanno chiesto al gip Luigi Giordano la scarcerazione o gli arresti domiciliari, sottolineando fra laltro che il deputato apparso in cattive condizioni psicofisiche, notevolmente dimagrito e trascurato. I legali chiedono al giudice di acquisire la cartella clinica di Papa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.repubblica.it www.ilpopolodellaliberta.it

I7

Linchiesta

Escort, la prima mossa di Bari il Cavaliere nel registro degli indagati


Oggi o domani la formalizzazione. Laudati chiede di astenersi
Il murales
a Roma loriginaria ipotesi di reato di estorsione nei confronti di Lavitola, Tarantini e la moglie Nicla. Secondo un filo di ragionamento che le indagini verificheranno se fondato o meno. Che non libera, ma semmai aggrava la posizione degli indagati. E che si pu riassumere cos. Berlusconi, nellestate del 2009, compra il silenzio di Tarantini. Paga i suoi avvocati. Provvede allesoso mantenimento di una famiglia che brucia tra i 15 e i 20 mila euro al mese di spese correnti. Affida la coppia alle cure del suo solerte consigliori e spicciafaccende Lavitola. Commette dunque, insieme a lui, il reato di induzione alla falsa testimonianza. E su questo, la competenza di Bari pacifica. Tuttavia - ragiona Saviotti - nellestate di questanno, accade qualcosa di pi. I coniugi Tarantini e quel furbacchione di Lavitola, capiscono che limminente chiusura indagini di Bari offre la

CARLO BONINI GIULIANO FOSCHINI


BARI Questione di ore, dicono. Ma la decisione presa, ancorch scontata. La Procura di Bari si prepara a formalizzare nei confronti del Presidente del Consiglio laccusa di induzione al silenzio e alla falsa testimonianza di Gianpaolo Tarantini (reato comune, punito con la reclusione da due a sei anni). E, contestualmente, e per lo stesso reato, a rinnovare al gip la richiesta di custodia cautelare disposta dal tribunale del Riesame di Napoli il 26 settembre nei confronti del latitante Valter Lavitola. Lo fa sterilizzando limminente mossa da ogni possibile sospetto con una lettera in cui il capo dellufficio, il procuratore Antonio Laudati (indagato a Lecce e sub iudiceal Csm per incompatibilit ambientale), ha chiesto ieri al Procuratore generale Antonio Pizzi di astenersi dal procedimento che riguarder il presidente del Consiglio per gravi ragioni di convenienza (Pizzi, se accoglier la richiesta, indicher, in sostituzione di Laudati uno dei suoi aggiunti, ovvero potrebbe applicare a Bari uno dei magistrati di Lecce). Liscrizione al registro degli indagati di Silvio Berlusconi non appare dunque n questione in discussione, n provvedimento da prendere in data da destinarsi. Per almeno due buone ragioni. La prima: perch si tratta di unaccusa di fatto gi formalizzata dal Riesame di Napoli al momento di dichiararsi incompetente e trasmettere gli atti a Bari

La procura di Roma si occuper della parte dellinchiesta riguardante lestorsione


straordinaria opportunit di alzare con Berlusconi la posta del suo silenzio. E nel farlo, i due gli scuciono 500 mila euro. Per la Procura di Roma unestorsione.

SILVIO-NAPOLEONE
Un murales comparso a Milano raffigura un Berlusconi-Napoleone e le sue Minnie

Che si consuma a Roma e su cui Roma competente. Dunque, almeno per questa tranche di indagine gli atti restano a Saviotti. Fin qui, le mosse delle Procure. Quanto agli indagati, Lavitola, dalla latitanza sudamericana, torna a farfugliare confusi pensieri in una lettera al direttore del tg de La7, Enrico Mentana, con cui prova a correggere alcuni passaggi cruciali della sua lunga intervista tv di mercoled. Dice ora: Lannuncio che rimarr latitante era una provocazione. Non fu Berlusconi a dirmi di occuparmi di Tarantini, ma io ad offrirmi di farlo. Il Presidente non mi deve niente. Io ho anticipato 255 mila euro a Tarantini.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le tappe

NAPOLI AVVIA LINCHIESTA


Linchiesta viene aperta dalla procura di Napoli che ipotizza il reato di estorsione per Tarantini e Lavitola a danno di Berlusconi

Lavitola ritratta: Restare latitante? Una provocazione Silvio non mi diede nulla per Tarantini
(Le dichiarazioni reticenti e mendaci di Tarantini rese allautorit giudiziaria di Bari il 29 e il 31 luglio relativamente al coinvolgimento del Premier nella vicenda delle escort - scrive il collegio determinano la consumazione del reato di induzione alla falsa testimonianza posto in essere da Silvio Berlusconi). La seconda: perch, da ieri mattina, il procuratore aggiunto di Roma, Pietro Saviotti, con una decisione che fa un po di ordine su chi siano in questa storia i giudici naturali degli indagati, ha sciolto lennesimo nodo che riguardava la titolarit dellinchiesta. Saviotti (che aveva ricevuto da Napoli gli atti riguardanti laccusa iniziale di estorsione ai coniugi Tarantini e a Valter Lavitola ai danni del Presidente del Consiglio) ha infatti formalizzato la nuova accusa per cui il Riesame di Napoli ha disposto la cattura di Lavitola, contestandogli il reato di concorso in induzione alla falsa testimonianza e disponendo la trasmissione di copia degli atti a Bari (non ha provveduto sulla posizione di Berlusconi, perch il codice prevede che il pm incompetente provveda solo sugli atti urgenti). Si cos spogliato di fatto dellindagine che riguarda le mosse con cui il Presidente del Consiglio, a partire dallestate del 2009, manovr e compr la strategia difensiva di Gianpaolo Tarantini. Una trasmissione di atti - va aggiunto - che tuttavia mantiene

COMPETENZA A ROMA
Il gip napoletano decide che il reato si consumato a Roma e trasferisce il fascicolo alla procura della capitale

DIRETTORE
Valter Lavitola, direttore dellAvanti, continua a essere latitante a Panama per sfuggire allarresto

GLI ATTI A BARI


Il Tribunale del riesame trasferisce per gli atti a Bari, dove in corso linchiesta principale su Tarantini e luso delle escort

Boutique Via Pietro Verri, 1/3 - Tel. 02 7639 0365 - Milano - www.canali.it

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

E GIUSTIZIA POLITICA INTERNA

PER SAPERNE DI PI www.repubblica.it www.fnsi.it

I9

La manifestazione

No al bavaglio, in piazza finch non lo ritirano


La protesta al Pantheon. Ma il premier va avanti, luned gli emendamenti per il blackout
LIANA MILELLA
ROMA plastico lo scontro sulle intercettazioni. Si gioca al centro di Roma, 600 metri e sette minuti di strada, come indica Google maps. Da una parte c palazzo Grazioli, dove il premier compie gli anni allinsegna dellennesimo vertice in cui si pianifica il colpo di mano per bloccare luscita degli ascolti sui giornali. L si decide che tra luned e marted al massimo saranno pronti gli emendamenti, li stanno gi scrivendo i fidati Enrico Costa e Manlio Contento. Si conferma che si va di furia verso la vecchia legge Mastella, che se serve si mette la fiducia anche perch la Lega non vuole troppa bagarre sullargomento, che tra l11 e il 12 ottobre la partita devessere chiusa. Quando Maurizio Lupi, il vice presidente della Camera, esce e ufficializza il rush sulle intercettazioni sono le 15 e 30. Negli stessi minuti, a tre, quattro isolati di distanza, la protesta diventa protagonista a piazza del Pantheon. Tornano i post-it gialli del no al bavaglio, srotolato per terra c

LE PROTESTE
Le immagini delle proteste contro la legge bavaglio ieri a Roma Una norma che penalizza la libert di stampa

Ma il Pdl va avanti. Il capogruppo Pdl in commissione Giustizia Enrico Costa lavora con lex An Manlio Contento agli emendamento. Come Repubblica aveva anticipato gi dal 24 giugno il Pdl torna, sui input di Niccol Ghedini, al primo articolo della Mastella, pi rigido dellattuale testo in aula perch fa calare il sipario sulle telefonate ( vietata la pubblicazione anche parziale, per riassunto o nel contenuto fino al ter-

mine delle indagini o delludienza preliminare), ma anche sugli atti di indagine che dovranno restare segreti fino alla sentenza dappello. Unico spiraglio, pubblicazione nel contenuto, per le ordinanze ormai notificate agli avvocati. Costa e Contento terranno in piedi ludienza filtro, ma solo per fini processuali, per selezionare le intercettazioni necessarie e quelle inutili, ma i testi resteranno comunque segreti. Am-

morbidita la norma ammazzablog con la modifica di Roberto Cassinelli. Alla Pd Donatella Ferranti che annuncia dura opposizione perch non accettiamo una legge per coprire i rapporti del premier con escort e faccendieri, Costa risponde che il Pdl vuole mettere fine allabuso di uno strumento investigativo che devessere usato nel e per il processo e non a fini mediatici.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Bongiorno boccia il ritorno alla legge Mastella: Si cancellano due anni di mediazioni
lo striscione con la faccia di Berlusconi con su scritto nessuno ti pu giudicare, nemmeno il web, la verit ti fa male lo so. Ecco Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano, il detenuto ucciso a Rebibbia. Le sigle dei partiti, della stampa, dei sindacati, della rete ci sono tutte. La manifestazione non oceanica, ma si ripercuoter con le dirette per tutto il pomeriggio sul web. Contano facce e promesse. Quella del presidente della Fnsi Roberto Natale: Porteremo la protesta nelle piazze dItalia, non smetteremo, alla fine lavremo vinta noi. Giuseppe Giulietti di Articolo 21: A legge approvata andremo alla Corte europea dei diritti delluomo. Nelle cancellerie Ue sar lasciato un dossier che prova il black out. Il presidente dellOrdine dei giornalisti Enzo Iacopino dice no a una legge per colpire i giornalisti scomodi. La piazza applaude, il popolo viola, Valigia blu, Libert e giustizia, la neonata Giulia (giornaliste capitanate dai volti Rai della Busi e della Ferrario). Bandiere della Cgil. Pd, Idv, Sel. Ci sono Udc e Fli. Invito a lasciare tutto com adesso. Per garantire diritto a informare e libert dindagare. Sempre in quei minuti si muove il Terzo polo. Si vedono Giulia Bongiorno, battagliera presidente finiana della commissione Giustizia, il centrista Roberto Rao, il rutelliano Pino Pisicchio. Ed emerge, come dice la Bongiorno, un no reciso al ritorno alla Mastella per come lo propone Ghedini. Se passa il suo stravolgimento nascer un mostro e c il rischio di un totale blackout out informativo. Vietare di pubblicare gli atti di uninchiesta anche nel contenuto significa buttare al macero due anni di dibattito in Parlamento e lo sforzo fatto per una soluzione equilibrata. Significa varare una norma oscurantista contro cui il nostro no sar reciso.

CAVALIERE, RISPONDA
1. Perch ha tanta intimit con delinquenti e trafficanti? 2.Perch si nasconde dietro schede telefoniche peruviane, come qualsiasi malfattore? 3.Perch ripara i suoi atti di beneficenza, se sono tali, dietro accordi segreti e misteriosi? 4.Perch invita Lavitola a non tornare in Italia? 5.Perch quel linguaggio da malavita per mascherare i pagamenti fatti dalla sua segretaria? 6.Perch usa lo Stato per tacitare i ricattatori, presentando Bertolaso a Tarantini e intervenendo sulla Finanza su ordine di Lavitola? 7.Perch usa la Rai e i suoi dirigenti per ottenere favori da giovani donne in cambio di promesse di carriera nello spettacolo? 8.Perch paga chi minaccia di metterlo con le spalle al muro invece di denunciarlo? 9.Perch ha paura di essere interrogato dai magistrati di Napoli? 10.Perch col Paese in crisi passa pi tempo a parlare con Lavitola e Ghedini che con Trichet e Barroso?

Il caso

Consegnate al capo del governo una torta e le 13mila firme raccolte dallassociazione su Internet

Valigia Blu ricevuta a Palazzo Grazioli Presidente, non sfugga alle domande
ROMA Una torta mimosa, una candelina su cui soffiare i 75 anni, e una valigia, di colore blu, con dentro tredicimila firme. A Palazzo Grazioli la torta stata rifiutata, e forse anche gli auguri per il compleanno del premier, ma le firme, a sostegno della richiesta di rispondere alle dieci domande di Repubblica, sono state accolte. La bella scatola infiocchettata presa in carico dagli agenti di sicurezza con la promessa di recapitarla a Silvio Berlusconi. Decine e decine di volti e di no-

LA CONSEGNA
Gli esponenti di Valigia Blu davanti alla residenza di Berlusconi con le 13 mila firme che chiedono al premier di rispondere alle domande sul caso Lavitola

BREVIARIO

Tutti i municipi italiani dovrebbero essere efficienti come quello di Parma


Renato Brunetta. ministro
RIPRODUZIONE RISERVATA

spinta vitale per le iniziative che poi concretizza davanti ai Palazzi della capitale, si presentata sotto la dimora del presidente del Consiglio con il pacco regalo.

Tredicimila firme pi altrettante condivisioni su facebook. Torta mimosa e due maschere da pagliaccetti. Sulluscio della dimora che da qualche settimana ha

Rovigo

Preside vieta dibattito su Noemi politica, un liceo non Annozero


ROVIGO Papi girl? No, grazie. La preside del liceo Celio di Rovigo, Joelle Annibalini, ha cancellato lappuntamento tra gli studenti e Conchita Sannino, giornalista di Repubblica, autrice del libro La Bolgia. Ad organizzare lincontro la Provincia e i Lions. Il loro presidente Loredano Fumetti dice: Sono stupito. Era tutto concordato da marzo. La preside spiega a La voce di Rovigo: La Sannino, autrice dello scoop su Berlusconi e Noemi, avrebbe incentrato lincontro su questo. Ma agli studenti si devono offrire contenuti, non Annozero. La Sannino replica: Pregiudizio singolare. Un cronista testimone dei fatti.

mi hanno scelto di dare forza e gambe alle questioni che Repubblica ha posto circa i comportamenti privati del premier, i legami con Lavitola, le relazioni pericolose con Tarantini. Questione riassunta in dieci domande che necessitavano di altrettante risposte, pubblicate sul quotidiano in forma di decalogo ogni giorno dal 18 settembre. Ieri Arianna Ciccone, la blogger che nella rete raccoglie la

un sovrappi di tutele e di attenzioni da parte delle forze dellordine iniziato un lungo faccia a faccia con la scorta del premier. Mentre fiori e altri doni avevano libero accesso, la mimosa e le firme sulle dieci domande sono state bloccate. La Ciccone, capodelegazione, si inalberata: Se passano quei doni anche il nostro deve passare!. Ma questa una residenza privata, ha esclamato lagente di scorta. Assolutamente no stata la replica questa sede pubblica e viene usata quotidianamente per incontri di governo. La breve trattativa si risolta cos: la torta mimosa stata ricacciata sul marciapiede, il pacco dono con le firme di sostegno alle domande che Repubblica stato accolto. C unundicesima domanda - ha aggiunto la Ciccone - ed questa: presidente, quando la smetter di minacciare il bavaglio per i giornalisti, i magistrati e la rete di internet?. Lhappening si concluso con il taglio della torta. La mimosa che il premier non ha voluto assaggiare stata apprezzata sul marciapiedi dai passanti e anche dagli agenti della scorta. La torta di Valigia Blu era la seconda, in ordine di tempo, a non aver avuto accesso nel frigo del premier. Gi in mattinata una troupe di una tv tedesca si era visto rifiutare lingresso: avrebbe voluto offrire a Berlusconi una Sacher.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

LA CRISI FINANZIARIA ECONOMIA

I 10

I mercati

Fondo salva-Stati, vince la Merkel ok del Parlamento al potenziamento


E le Borse festeggiano anche laccelerazione del Pil Usa
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE ANDREA TARQUINI
BERLINO Per un soffio e grazie al soccorso pur non indispensabile dellopposizione democratica, Angela Merkel ha superato la prova del fuoco per lEuropa, ha vinto con il s di quasi tutta la maggioranza di centrodestra il suo giorno pi lungo, la battaglia europeista pi decisiva. Nonostante i franchi tiratori il Bundestag ha detto s al rafforzamento del Fesf, il fondo europeo salvastati. Poco dopo, venivano da otto ore di volo di distanza i forti dati positivi delleconomia americana: aumento del Prodotto Interno Lordo, calo dei sussidi di disoccupazione. Il fuoco incrociato ha sedotto i mercati: tutte le Borse europee tranne Londra e Atene hanno chiuso in rialzo, con Milano maglia rosa, a New York salivano Dow Jones e Nasdaq, e leuro si attestava a quota 1,3627 sul dollaro. Voto tedesco e dati Usa hanno segnato la giornata. Il Bundestag, cio la determinante Camera bassa (la seconda, Bundesrat, questi, solo 315 erano legislatori dei tre partiti di maggioranza, cio la Cdu della Cancelliera, la Csu partito fratello cristianoconservatore bavarese, i liberali della Fdp. Pi del minimo richiesto (311), ma meno del totale dei seggi del centrodestra. Il resto della valanga di s lhanno portato socialdemocratici (Spd) e Verdi per salvare Europa e Germania stessa. La somma degli 85 voti contrari e delle tre astensioni ben superiore al totale dei deputati della Linke, la sinistra radicale, populista e antioccidentale. Undici democristiani e quattro liberali hanno tradito, cavalcano umori di paura. Ma lautorit della cancelliera esce rafforzata, ha detto Peter Altmaier, luomo-chiave del gruppo parlamentare cdu che ha lavorato giorno e notte per piegare i ribelli. Abbiamo tirato un sospiro di sollievo, gli occhi del mondo erano puntati sulla Germania, ha fatto dire Angie al suo portavoce Steffen Seibert. Dallalleato doltre Reno, il presidente francese Nicolas Sarkozy, impegnato anche lui in difficili manovre di tasse e tagli a casa, sono arrivate alla donna pi potente del mondo le congratulazioni pi veloci. Congratulazioni anche dal presidente Napolitano: La Germania ha confermato la sua vocazione europeista.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LAPPELLO DI MONTI SUL FINANCIAL TIMES


Germania, fai il tuo dovere e salva leuro. questo il titolo dellarticolo di Mario Monti, ex commissario europeo, pubblicato ieri sul Financial Times

Napolitano: la Germania conferma la sua vocazione europeista


la Camera delle regioni, rilevante ma meno di un Senato) ha promosso la scommessa di Angela Merkel: mettere in gioco con garanzie e finanziamenti made in Germany al Fesf pi soldi dei contribuenti tedeschi, per salvare la moneta unica senza la cui sopravvivenza il sistema-paese Germania stesso, ha ammonito Angie, crollerebbe. Sui 440 miliardi a disposizione immediata del Fesf Berlino da sola ne coprir ben 211. E in futuro tutti prevedono che il conto salir. Poi venivano da Washington dati positivi: il Prodotto Interno Lordo Usa sale dell1,3% nel secondo trimestre, e secondo fonti Fed potrebbe chiudere lanno con una crescita del 2% per cento e salire al 3% nel 2012. Mentre le richieste di sussidi di disoccupazione sono scese di 37mila unit a 391mila, e in Germania la disoccupazione calata al 6,9%, minimo storico dalla riunificazione. Segnali positivi dalle due locomotive del mondo libero, festeggiati dai mercati: Milano ha chiuso a pi 2,01%, Francoforte a pi 1,10, Parigi a pi 1,07, Madrid a pi 1,32. Negative in Europa solo Londra esterna alleurozona (meno 0,4) e Atene epicentro della crisi del debito sovrano, a meno 1,53. Oltre Atlantico in salita anche il Dow Jones e il Nasdaq. Contestata a casa, in crisi dimmagine, Angela Merkel coglie infine una vittoria sul fronte interno nel segno delleuropeismo. Maggioranza risicata, dietro le apparenze: dopo ore di acceso dibattito sotto la cupola vetrata costruita da sir Norman Foster, su 620 deputati federali hanno votato per il s in 523. Ma di

Il caso

Oggi prezzi bassi per i bond di Atene, ma dopo la ristrutturazione del debito potrebbero valere molto di pi

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FEDERICO RAMPINI


NEW YORK E se il salvataggio della Grecia si trasformasse in un gigantesco regalo agli hedge fund e a qualche banchiere, a spese del contribuente tedesco? Il sospetto affiora, dallultima scommessa in voga tra i gestori di hedge fund. Dopo essersi arricchiti con le puntate ribassiste ai danni delle banche francesi, oggi i maghi del trading hanno cambiato gioco. Loperazione prediletta ha per oggetto proprio i titoli di Stato emessi da Atene. Per lesattezza, secondo informazioni raccolte dal New York Times, gli hedge fund avrebbero accumulato negli ultimi due mesi ben 40 miliardi di euro in titoli del Tesoro greco. Una scommessa azzardata? Mica tanto, se si guarda bene il meccanismo della ristrutturazione ordinata del debito greco, cos com stato illustrato da Bce, Fmi e Commissione europea. Oggi i bond greci vengono scambiati sui mercati a quotazioni che sono appena di 36 centesimi per ogni euro di valore nominale (quello stampato sul titolo allemissione). Ma se il piano di salvataggio della Grecia procede secondo le linee fin qui concordate, quei bond verranno scambiati a fine ottobre con altri titoli, di durata pi lunga, che potrebbero valere sul mercato secondario 70 centesimi per ogni euro nominale. Dunque gli hedge fund potrebbero raddoppiare il capitale investito, in so-

Gli Hedge fund puntano sul default morbido acquistati a man bassa i titoli pubblici greci

40 mld
ACCAPARRAMENTO

36
QUOTAZIONI REALI

70
SALVATAGGIO

21%
PERDITE

I numeri

Gli hedge hanno 40 miliardi di titoli greci

Il prezzo di 36 cent per euro nominale

LUe ricomprer quei bond a 70 cent

Le banche perdono il 21% dei crediti greci

li tre mesi. Tutto questo presuppone naturalmente che i Parlamenti delleurozona ratifichino il fondo salva-Stati, qualche rischio di deragliamento esiste, ma al momento liter sembra bene avviato. E cos, proprio mentre alcune banche cedevano a prezzi di svendita i loro bond greci, sono subentrate le mani forti di altri banchieri e degli

hedge fund a rilevarli. Guarda caso questi investitori hanno cominciato a fare incetta dei titoli pubblici greci dopo il 21 luglio quando divennero chiari i termini del swap per 135 miliardi di euro di quei titoli. Questo non fa che confermare ci che molti sospettavano, da Atene a Berlino: e cio che le condizioni decise per la ristrutturazione del debi-

to greco sono troppo generose con gli investitori, e troppo severe con i contribuenti. Otmar Issing, che fu un membro tedesco del board della Bce, lo ha dichiarato: Tutti sanno che questoperazione un affarone per le banche mentre non aiuter affatto la Grecia a riprendersi. A maggior ragione si giustificano le resistenze dellopinione pubblica

tedesca, che hanno costretto Angela Merkel a un pressing defatigante per ottenere il via libera dal suo Parlamento. Allorigine molti protagonisti tedeschi di questa vicenda, compreso Issing, avrebbero voluto che la ristrutturazione del debito imponesse agli investitori una perdita ben pi sostanziosa, dellordine del 50%. E quella che la stessa

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.bundestag.de www.imf.org

I 11

LO SCIOPERO
I dipendenti pubblici in sciopero hanno bloccato ad Atene (foto a destra) almeno 5 ministeri

La protesta

La troika Bce-Fmi-Ue torna ad Atene ma i manifestanti occupano i ministeri


Ripresi i colloqui con il governo sulle misure anti-crisi
choc di un default improvviso di Atene senza innescare un pericoloso effetto domino. Meno chiara invece la tenuta del governo Papandreou in Parlamento. La maggioranza del Pasok (154 voti su 300) ha tenuto nella votazione sulla patrimoniale immobiliare di marted. Ma stata costretta ieri a rinviare di nuovo la discussione sui tagli nel settore pubblico promessi alla troika 30mila dipendenti finiranno in mobilit al 60% dello stipendio per non rischiare un no che potrebbe avere conseguenze disastrose. Qualche deputato socialista ha espresso in pubblico parere contrario a queste misure e Papandreou (che oggi incontrer Sarkozy a Parigi) sta cercando di serrare le fila del partito in vista del voto posticipato a domenica.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ETTORE LIVINI
MINISTERI occupati dai dipendenti, taxi e ospedali in sciopero e nuove manifestazioni fino a tarda serata davanti al Parlamento. Atene ha dato ieri il bentornato (a modo suo) alla delegazione della troika, rientrata nella capitale per valutare lok alla nuova tranche da 8 miliardi di aiuti per la Grecia. La prima riunione prevista in mattinata tra gli inviati di Ue, Fmi e Bce e il governo Papandreou saltata dopo che i rappresentanti di Bruxelles e Washington hanno trovato il portone del ministero delle Finanze a Syntagma, proprio di fronte al Parlamento, bloccato da una delegazione di impiegati, scesi in piazza per protestare contro lennesimo piano di austerity. Negli stessi minuti con un blitz coordinato dal potente sindacato dei lavoratori

VITTORIA
La cancelliera tedesca Angela Merkel sorridente tra i deputati del Bundestag, dopo il s al rafforzamento del Fesf

Il governo spera in un ok entro il 13 ottobre per poter pagare gli stipendi pubblici
statali Adedy - i loro colleghi hanno occupato le sedi dei dicasteri della Giustizia, dellInterno e dellAgricoltura. Le manifestazioni sono continuate per diverse ore, con lormai tradizionale rogo dei bollettini delle tasse, cortei spontanei e locali pubblici off-limits per tutti. In tarda serata la situazione tornata alla normalit quasi ovunque salvo che alle Finanze, dove loccupazione dovrebbe proseguire per due giorni. Le manifestazioni non sono riuscite a far deragliare del tutto il programma della troika che ha avuto ieri un primo incontro sereno e costruttivo con il titolare del dicastero dellEconomia Evangelis Venizelos. Sul tavolo la lettera inviata da Atene a Bruxelles nei giorni scorsi, una sorta di road map che dettaglia con precisione gli impegni di Atene per centrare lobiettivo di bilancio nel 2011 e nel 2012. Gli organismi internazionali dovranno valutare la fattibilit di queste misure (la Grecia fino ad oggi non quasi mai riuscita a rispettare gli obiettivi posti da Bruxelles) per dare poi il via libera tecnico agli aiuti. La benedizione formale dovrebbe arrivare allEurogruppo del 13 ottobre, giusto in tempo per consentire allesecutivo di pagare gli stipendi pubblici di ottobre. La strada per, malgrado lottimismo degli uomini pi vicini al premier, resta in salita. Il problema non tanto il parere della troika, quanto la tenuta sul fronte domestico. LEuropa sembra infatti essersi rassegnata a riaprire i cordoni della borsa, se non altro perch il sistema creditizio continentale non in grado in questo momento di assorbire lo

Merkel aveva definito una rasatura dei capelli per i banchieri. Ma la sua battaglia fu vana. Alla fine anche le banche che hanno mantenuto cospicui portafogli di bond greci potrebbero vedersi infliggere perdite inferiori al 21%. In alcuni casi gli investitori privati potrebbero subire un modesto 10% di perdite. E chiaro chi ne fa le spese. Se nella ripartizione dei sacrifici fosse stato deciso un onere pi sostanzioso a danno dei titolari di bond, di converso sarebbe stato meno pesante il taglio di spese sociali da parte del governo greco. Ma il governo di Atene, screditato per i trucchi contabili del passato e per i ripetuti insuccessi delle sue manovre di austerit, ha avuto un potere negozia-

Issing: loperazione un affarone per le banche mentre non aiuter affatto la Grecia
le vicino allo zero. Viceversa nelle trattative sulla ristrutturazione del debito ha pesato la forza contrattuale dellInstitute of International Finance, la formidabile lobby dei banchieri presieduta da Josef Ackermann, ex chief executive della Deutsche Bank. Alcune banche, va ricordato, sono a loro volta proprietarie di hedge fund.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

LA CRISI FINANZIARIA ECONOMIA

PER SAPERNE DI PI www.lavoce.info www.tesoro.it

I 13

Il dossier

Crescita verso lo zero, addio tagli al debito


Gli economisti: i conti non sono pi in sicurezza, strada pi ripida con le nuove regole Ue
ROBERTO PETRINI
ROMA Un ostacolo dopo laltro. Neanche il tempo per tirare il fiato, dopo la corsa estiva per fissare il pareggio di bilancio nellanno 2013, che per lItalia si profila un altro sforzo da far tremare i polsi. La nuova meta si chiama regola del debito, lha approvata mercoled scorso il Parlamento europeo insieme ai pi stringenti criteri della sessione di bilancio dellUnione, e prevede nuovi e dolorosi interventi a partire dal 2015. In pratica, per evitare sanzioni, gli Stati dovranno rivolta resta come segnalato pi volte dalla Banca dItalia la crescita. Solo con una crescita del Pil del 2 per cento annuo (tutto sommato non distante dalla media europea), il nodo della nuova regola del debito avrebbe potuto essere affrontato con strumenti meno dolorosi. Secondo alcune stime, con un maggiore crescita, agendo soprattutto sul debito e con minor forza sul deficit-Pil, nel 2020, lItalia avrebbe potuto raggiungere un rapporto debito-Pil del 98,6 per cento (con un taglio di circa 20 punti percentuali). Una cura da cavallo, a colpi di riduzione dello stock di debito, magari aiutata da una patrimoniale, ma possibile e meno violenta in termini di tagli annuali al deficit. Ma la crescita non c e, addirittura, per il prossimo anno si teme quota zero. Inoltre la questione del debito, sotto la pressione della crisi estiva, stata affrontata puntando sul pareggio di bilancio (di cui si profila anche lingresso in Costituzione): il pareggio stato anticipato al 2013 con una cura da 59,7 miliardi in tre anni. In direzione di quanto stabilito dal Parlamento europeo: il rapporto debito-Pil comincer a scendere di poco pi di due punti lanno come indica il Def. Cos si scelto il percorso pi ruvido. Il mix bassa crescita-pareggio di bilancio, secondo il calcoli di Bankitalia, comporter un taglio, dal 2010 al 2016, del 5,3 per cento della spesa primaria corrente, la carne viva del bilancio dello Stato. Dunque, se leconomia non ripartir, bisogner aspettarsi nuovi sacrifici. Se con la crescita bassa la situazione difficile a quota zero o in recessione diventa complicatissima. Lo dimostra Francesco Daveri, in un articolo per lavoce.info dove individua pi di un rischio sul percorso di rientro del debito pubblico fissato dal governo. Secondo il Def, il rapporto de-

IL DIARIO DELLA CRISI

Le simulazioni della voce.info LIstat: il deficit a giugno sale al 3,2% del Pil
durre di un ventesimo lanno la parte di debito che eccede il 60 per cento del Pil: per il nostro paese, a conti fatti, si tratta di un taglio di 3 punti lanno del fatidico rapporto, pari a circa 40 miliardi. Tutto ci mentre dallIstat giungono nuove preoccupanti notizie: il rapporto deficit-Pil salito nel secondo trimestre dellanno al 3,2 per cento contro il 2,5 del secondo trimestre 2010 Dove trovare le risorse per rispettare la regola del debito? Il dibattito aperto, dalle privatizzazioni, allevasione fiscale, alle pensioni, alla patrimoniale. Ma la chiave di

LA BCE COMPRI ANCORA BOND ITALIANI E SPAGNOLI


NOURIEL ROUBINI
APPROVAZIONE a larga maggioranza da parte del Bundestag del rifinanziamento dellEfsf importante, ma la ratifica di una serie di altri parlamenti nazionali comunque necessaria, e gi sette Paesi si sono detti riluttanti. Nelle stesse ore riemerso il disaccordo fra Germania e Olanda da una parte e Francia e Bce sullammontare esatto del debito greco. Di fronte a tutte queste incertezze, fondamentale che la Bce stessa continui lacquisto di titoli italiani e spagnoli prevenendo luscita dal mercato dei capitali di questi due Paesi. Ma la misura dar un sollievo solo di breve termine e non potr proseguire a lungo senza una seria ristrutturazione del debito pubblico e anche senza interventi di sostegno sulle banche: a meno che, per esempio, i politici non trovino un accordo sugli eurobond. (a cura di Eugenio Occorsio)

Entro il 2016 lo Stato dovr ridurre la spesa primaria del 5,3%, inevitabili nuovi sacrifici
bito-Pil dovrebbe cominciare ad invertire la rotta fin dal 2012, scendendo a quota 119,5 per raggiungere il 112,6 per cento nel 2012. Ma questo scenario ancorato ad una crescita gi scarsa, sotto l1 per cento. E se nel 2012 lItalia totalizzasse crescita zero? A quel punto la riduzione del debito sarebbe virtualmente azzerata. E in recessione dell1 per cento? Un dramma: il debito aumenterebbe di quasi due punti. Il messaggio il seguente: Di fronte ad un eventuale rapido peggioramento della situazione economica, per mettere davvero in sicurezza i conti, sar importante agire in fretta, mettendo le esitazioni e i passi falsi dellestate 2011, rapidamente in soffitta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

LE SCELTE DEL GOVERNO POLITICA INTERNA

I 14

Pdl in allarme, Versace se ne va Altri 15 pronti a lasciare


Pisanu: dissenso ampio. Radio Vaticana: serve una spallata
ALBERTO DARGENIO ORAZIO LA ROCCA
ROMA Nessuno sopporta pi Berlusconi, a 75 anni dovrebbe andare in pensione. Limprenditore di moda Santo Versace lascia il Pdl. Per dire addio al Cavaliere e alla sua compagine politica si accomoda tra i banchi del Gruppo misto di Montecitorio: il mio regalo di compleanno per il premier. Poi si lamenta del fatto che nel Pdl non si riesce a lavorare, non si combina nulla. E annuncia che sono parecchi i deputati che la pensano come lui e che potrebbero fare il grande passo. Ognuno ha i sui tempi, spiega dopo che laltro ieri non si presentato al voto sul ministro Saverio Romano: La politica non pu aspettare la magistratura, deve capire prima chi deve andarsene. Nel governo tutti vogliono bene a Berlusconi racconta Versace ma nessuno lo sopporta pi, tutti vorremmo che si godesse la vita. il momento che passi la mano. A chi chiede se il suo addio sia legato anche alle inchieste sul premier risponde che limmagine dellItalia allestero ormai ridicola, i miei amici stra-

Il mio regalo al Cavaliere

Lasciare il Pdl il mio regalo per Berlusconi A me piace lavorare e nel Pdl non hanno bisogno di uno che lavora
EX PDL
Santo Versace ieri ha lasciato il Pdl

Il caso

La bandiera di Porta Pia torna allo Stato Pontificio


ROMA Bucherellata e annerita per i colpi d'arma da fuoco, la bandiera dello Stato Pontificio che 141 anni fa sventolava sulla Fortezza di Porta Pia tornata in Vaticano, consegnata al segretario di Stato cardinale Bertone. Il vessillo era stato finora conservato dal principe Sforza Ruspoli.
giato dai finiani, lui si definisce libero ma non nasconde che con il Terzo Polo, con lUdc in particolare, lavora benissimo. Poi fa tremare il partito di Berlusconi: Ci sono almeno 15 persone che vorrebbero lasciare il Pdl. Scatta lallarme, come testimonia Isabella Bertolini: Siamo preoccupati, se c un malessere va affrontato. In Transatlantico si parla di un gruppo anche pi nutrito di parlamentari pronti a lasciare. Alcuni per andare al Misto aspettando il Ppe promesso da Alfano. Altri stanchi del Pdl o spaventati dal possibile ritorno delle preferenze e delle tessere. Toccher proprio al segretario evitare emorragie, anche se in molti per muoversi potrebbero aspettare la fine di gennaio per scongiurare il voto anticipato. Quasi tutti nel partito sono espliciti quando parlano in privato: Berlusconi deve dimettersi. E Pisanu indica che il dissenso molto pi ampio di quanto non si immagini, in Parlamento non si manifesta perch le condizioni favorevoli non ci sono. Per il presidente dellAntimafia, se

nieri mi chiedono come facciamo a sopportare questo presidente: nel resto del mondo sarebbe impossibile. Poi parla di un Berlusconi che ha degradato limmagine femminile, la vita privata di un uomo pubblico un esempio. Versace ora corteg-

La prossima settimana la Corte Costituzionale risponder sui ricorsi della Bresso e dei Radicali

Firme false, il 4 decide la Consulta in bilico le giunte Cota e Formigoni


ANNALISA CUZZOCREA
ROMA I destini di Cota e Formigoni sono nelle mani di una sentenza della Corte Costituzionale che arriver il 4 ottobre. Sullelezione dei governatori del Piemonte e della Lombardia pendono infatti due diversi ricorsi, uno di Mercedes Bresso, laltro dei radicali. Se la Consulta - tra pochi giorni - dar al Consiglio di Stato il potere di decidere su quei ricorsi, il risultato potrebbe essere un immediato ritorno alle urne. Gianluigi Pellegrino, difensore della Bresso insieme a Federico Sorrentino, Enrico Piovano e Niccol Paoletti, spiega che ci sono gi falsit clamorose accertate dal tribunale di Torino, ma il giudice amministrativo ha le mani legate perch per invalidare le elezioni deve aspettare i tre gradi della giustizia civile. Praticamente, la fine del mandato. Avvocato, su cosa chiamata a decidere la Consulta? La Corte non decide se siano legittime o meno le elezioni in Piemonte e Lombardia, questo sar valutato dai rispettivi giudici nei rispettivi processi, che potranno anche avere esito diverso. per chiamata a dire se - in una fondamentale materia come quella elettorale, davanti a prove clamorose di falsificazioni - sia necessario garantire un processo effettivo e rapido. Una sentenza che possa dire ai cittadini, prima che sia troppo tardi, che quelle elezioni sono valide, oppure no. Il Consiglio di Stato - sospendendo il giudizio e rimettendo la questione alla Corte - ha ricordato completamente falsa. Lavevano chiamata Pensionati per Cota, sicuri che con quel nome avrebbero attratto voti. A parte il capolista per, che ha ideato lartificio con il padre e che poi diventato consigliere regionale, gli altri nomi erano di persone che neanche sapevano di essere candidate. Alcune malate e impossibilitate a muoversi. Gli autori del raggiro consiglieri in due piccoli comuni e quindi pubblici ufficiali - avevano falsificato le accettazioni della candidatura, in modo peraltro del tutto maldestro. Entrambi sono gi stati condannati penalmente in primo grado. In Piemonte Cota ha vinto di 9mila voti, quanti ne ha raccolti la lista falsa? 27mila, ma non doveva essere ammessa e lesito delle elezioni poteva essere a quel punto assai diverso. E in Lombardia? Anche l sarebbe quanto mai necessario un giudizio immediato. Gli avvocati dei radicali hanno presentato una perizia calligrafica secondo cui sulla lista Formigoni ci sono centinaia di firme apposte dalla stessa mano. I giudici amministrativi hanno ritenuto seria la prova, ma anche qui si sono dovuti fermare perch paradossalmente lordinamento non gli consente di fare definitiva chiarezza sulla legittimit delle elezioni. Unombra pesante, sul governo di due grandi regioni, che solo la Consulta pu consentire ai giudici di chiarire con la dovuta urgenza. A beneficio dei cittadini, e a ben vedere degli stessi eletti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GOVERNATORE
Il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni (Pdl) eletto nel 2010

specifici precedenti in cui la falsit delle liste e delle firme era stata appurata, ma solo a legislatura finita. Con un effetto beffardo per la democrazia, e per il diritto. Quali prove ci sono davanti ai giudici amministrativi? In Piemonte cera una lista

MOVIMENTO CATTOLICO
Il piano di Bagnasco e dei cattolici per andare oltre Berlusconi: il servizio sullEspresso

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.repubblica.it www.governo.it

I 15

Il caso

Dopo lastensione sulla sfiducia a Romano, Franceschini rinvia al segretario la scelta delle sanzioni

Pd e radicali ribelli, espulsione congelata Bindi: bizzarro far decidere Bersani


GOFFREDO DE MARCHIS
ROMA Onorati i vincoli del contratto economico (non una metafora) i radicali per il Pd sono diventati un problema. E viceversa. Marco Pannella dice degli alleati democratici che sono dei poveracci. Un partito vuoto di idee. Dario Franceschini, Rosy Bindi, Beppe Fioroni vorrebbero invece cacciare la pattuglia radicale dal gruppo parlamentare del Pd. O meglio avrebbero piacere che se ne andassero loro, con le proprie gambe. A suggello di unincompatibilit manifesta. Il non voto sulla sfiducia a Saverio Romano da parte dei sei deputati pannelliani solo lultima goccia di un vaso stracolmo di diffidenza e reciproca disistima. I radicali non sono stati espulsi dal gruppo democratico come aveva paventato Franceschini mercoled sera, dopo il voto sul ministro indagato per mafia. Una riunione del gruppo ha deciso di passare la palla alla direzione nazionale del partito. Il malessere ha finito per contagiare quasi tutti i dirigenti per il Pd portandoli a litigare tra di loro. La Bindi ha attaccato il capogruppo senza nominarlo: Trovo bizzarro che il gruppo rinvii la decisione al partito visto che i radicali non ne fanno parte. I radicali sono un corpo estraneo nel Pd. Autosospesi dal gruppo gi nel 2010, seduti allultima fila dei banchi democratici nellaula di Montecitorio, la distanza si accentuata negli ultimi mesi quando il partito di Pannella e Bonino ha ricevuto lultima tranche del finanziamento pubblico garantitogli dal Pd alla vigilia del voto del 2008. Un regolare contratto pubblicizzato in tutte le salse: i radicali hanno portato un pacchetto di voti alla causa della vocazione maggioritaria, il Pd gli ha riconosciuto un corrispettivo. Ma la distanza politica non certo una questione di soldi. In questo senso Franceschini ha le sue ragioni: Dobbiamo affrontare un nodo politico, quello del rapporto tra noi e loro. Fosse per lui il cordone sarebbe gi tagliato. Gli ex Ppi non amano Pannella, la Bindi idem (critic duramente la candidatura della Bonino nel Lazio). Tocca a Bersani per decidere. Al segretario del Pd e al leader dei radicali Pannella. Che non hanno mai avuto un incontro a quattrocchi. Alcuni deputati hanno scritto una lettera aperta per chiedere la cacciata. Fioroni, con una battuta, dice: I radicali? E rendiamoli liberi. Francesco Boccia, che sembra parlare a nome della segreteria, smorza i toni: Non ci sar nessuna espulsione. bene discutere con loro, anzi andava fatto prima. Ma il matrimonio destinato a naufragare cos senza rancore. Osserva Pannella: Bersani parla spesso di alleanze, di Idv, Sel, socialisti, ambientalisti. Mai una parola sui radicali. Dice la verit, il partito di Largo Argentina sparito dallorizzonte democratico. Va solo sancita la separazione. Senza i traumi di una purga.
RIPRODUZIONE RISERVATA

domani si dovesse andare a votare, ragioneremo in molti su come muoverci. Dopo che luned il capo della Cei Angelo Bagnasco ha criticato Berlusconi, ieri Radio Vaticana ha parlato della necessit di una spallata politicoculturale per arrivare a un cambiamento per il bene dellItalia. E larcivescovo di Chieti Bruno Forte denuncia la distrazione di chi oggi ci guida di fronte alla sofferenza. Parla di disgusto per una politica che a livello nazionale non d le giuste risposte. A Bossi che a Bagnasco aveva risposto i preti dovrebbero dire qualche messa in pi, lAvvenire ricorda che si pu celebrare pi di una volta al giorno in pochi casi: tra questi i funerali. Immaginiamo che Bossi abbia voluto escludere, se non altro per indole e per radicate abitudini scaramantiche, tali evenienze.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BELPAESE I CAPEZZONCINI

ALESSANDRA LONGO

DUELLANTI
Il leader dei radicali Marco Pannella e il presidente pd Rosy Bindi

radicali non censurano i messaggi in rete. per questo motivo che si pu leggere online il malessere di famiglia che si creato dopo la scelta dei sei deputati pannelliani di astenersi sulla mozione di sfiducia al ministro Romano. Prendiamo fior da fiore: Mi vergogno di avervi votato. Mai pi!; Continuo a volervi bene ma mi dispiace per il vostro masochismo. Avete fatto una cagnara fuori tema con efficacia zero; Mi vergogno di aver fatto parte di questo partito. La battaglia per lamnistia giusta, ma non va fatta a discapito di quella per la legalit; La situazione delle carceri un tema drammatico, il ministro sospettato di mafia unaltra cosa. Sono iscritto al partito radicale da anni. Mi avete deluso. Siete una banda di capezzoncini.

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

POLITICA INTERNA

I 16

PER SAPERNE DI PI www.repubblica.it www.rai.it

Finanzieri al Tg1. Minzolini: i pm esagerano


Acquisiti atti nella causa-Ferrario. Il direttore in video. Garimberti: inopportuno
LEANDRO PALESTINI
ROMA bufera dopo la visita della Guardia di Finanza al Tg1 di Augusto Minzolini per acquisire documenti relativi alla causaFerrario. Il centrodestra insorge e, nel Tg delle 20, lo stesso Minzolini attacca il protagonismo dei magistrati, in un duro editoriale accomuna le sue sventure giudiziarie a quelle del premier infangato. Il presidente Rai Paolo Garimberti giudica inopportuno luso privato della televisione pubblica, ancora di pi quando si tratta di fatti giudiziari. Il centrosinistra attacca per luso improprio della testata, luso privato della tv. Ma il segretario del Pdl, Angelino Alfano, telefona al direttore del Tg1 per esprimergli stima e vicinanza. La Finanza al Tg1 inquieta anche lUdc Pier Ferdinando Casini: In uno stato liberale lautonomia dei direttori sacrosanta almeno quanto il nostro diritto di criticarli, poich la scelta di chi conduce un Tg non pu spettare a un giudice. Tutto nasce dal fatto che Minzolini indagato dalla procura di Roma per abuso dufficio e per mancato adempimento di una ordinanza del giudice del lavoro (non ha reintegrato Tiziana Ferrario nei ruoli di inviato e conduttrice) e ieri i militari hanno acquisito i documenti richiesti dal procuratore aggiunto Alberto Caperna. Ma Minzolini non ci sta, e nel suo

La vicenda
RIMOZIONE
Nellaprile del 2010 viene rimossa dalla conduzione del Tg1. Nel cda Rai la minoranza parla di epurazione

UNOMATTINA
La Ferrario da inviata in Iraq, Africa, Afghanistan, MedioOriente viene messa nello spazio del Tg1 di Unomattina

LA DENUNCIA
Il tribunale chiede al Tg1 il reintegro, Minzolini non esegue: lei lo denuncia in sede penale insieme allex dg Masi

editoriale denuncia lamplificazione mediatica del caso (se me lo avessero chiesto avrei fornito quel carteggio se me lavessero chiesto), strapazza i magistrati che a suo dire infangano il premier di questo Paese, dice che Woodcock ha un debole per i titoli dei giornali. Infine cita Amleto: C del marcio in Danimarca.

La Ferrario tiene il punto sulla sua vicenda giudiziaria: Anche i direttori devono rispettare la legge, che tutela la professionalit e la libert del giornalista. E lavvocato che lassiste, Domenico DAmati, ricorda che la discriminazione sul piano politico stata accertata dal giudice del lavoro. In sede penale, stato denunciato

anche lex dg Rai Mauro Masi. Il cdr del Tg1 attacca Minzolini: Il direttore ha trasformato il nostro giornale in una tribuna per parlare di una causa di lavoro e di uninchiesta penale che lo riguardano. Il suo editoriale ha davvero passato il segno. Il dg Rai Lorenza Lei per ora non si pronuncia. Ma certo vede che il Tg1 (oltre che in crisi di ascolti) una fabbrica di cause del lavoro, coi giudici che indicano spesso il movente politico. La gestione Minzolini hanno prodotto vari demansiona-

Il centrodestra: unintimidazione Il cdr: leditoriale ha veramente passato il segno


Augusto Minzolini, direttore del Tg1 dal maggio 2009 menti. Cos, a Bruno Mobrici la Rai dovr corrispondere una liquidazione. Il caporedattore centrale Massimo De Strobel aspetta il giudizio del Tribunale del Lavoro. Dopo Maria Luisa Busi, la prima ad aver chiesto di togliere la sua faccia dal Tg1 berlusconizzato, anche Elisa Anzaldo ha abbandonato la conduzione. Potrebbero chiedere giustizia anche linviato speciale Paolo Di Giannantonio e Raffaeleh Genah, in pratica rimosso dal ruolo di vicedirettore.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lamministrazione coinvolta nel caso-Penati

A Sesto visita notturna in Comune, spiati documenti


MILANO - Una strana irruzione notturna negli uffici del Demanio del comune di Sesto San Giovanni. Nella cittadina, cio, al centro dellinchiesta della procura di Monza sulla tangentopoli che coinvolge il Pd (ora sospeso) Filippo Penati. A denunciarla stata, ieri, lamministrazione comunale: Ignoti si sono introdotti negli uffici al piano terra della sede comunale. Stranamente, pur avendo a disposizione telefoni cellulari e computer portatili, non hanno rubato nulla. Gli intrusi, che non hanno trovato grossi ostacoli per entrare, hanno acceso un portatile e rovistato qua e l tra le scrivanie, senza portare via nulla. Negli uffici sono custoditi contratti per la manutenzione degli stabili e dei terreni demaniali e documenti che riguardano, sia pure marginalmente, larea Falck e il Palasesto, i due luoghi che ricorrono spesso nelle indagini del pm Walter Mapelli sul sistema Sesto. I carabinieri, che indagano sullepisodio, tendono per a escludere collegamenti diretti con quellindagine.

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

POLITICA INTERNA
I 17
DUE QUESITI
Sono due i quesiti referendari: uno abroga del tutto il Porcellum; laltro cassa quegli articoli che si sono sovrapposti al Mattarellum

MATTARELLUM
Il referendum avrebbe come effetto di ripristinare il Matterellum cio il sistema di voto in vigore dal 1993 al 2005

CONSULTA
Spetta alla Corte costituzionale entro met gennaio ammettere uno dei due quesiti referendari

I punti

Un milione di firme anti-porcellum oggi i referendari in Cassazione


Esultano Parisi e Di Pietro, spunta la bandiera dei pirati
GIOVANNA CASADIO
ROMA Un milione di italiani contro il porcellum. La raccolta di firme sembrava una battaglia disperata. Invece un record. Una vittoria senza se e senza ma dei cittadini. Una manifestazione collettiva. Arturo Parisi euforico. Gli hanno appena regalato una bandiera nera con teschio e sciabole incrociate: vessillo corsaro come corsara dice stata lavventura di lanciare il referendum. Ora la bandiera sventola dal balcone del quartiere generale referendario in piazza Santi Apostoli, l dove cera la sede dellUlivo di Prodi. E dove fino a notte sono state impacchettate le firme in centinaia di scatoloni che saranno portati stamani a mezzogiorno con due furgoni in Cassazione. Le 500 mila firme necessarie sono impilate in 199 scatole. Un banchetto per firmare contro il porcellum

,,
Ma si continua a controllare e mettere nei pacchi per tutta la notte. Antonio Di Pietro annuncia che ce ne saranno un milione di firme, forse oltre. Questa gi una vittoria. Idv infatti ne ha messe insieme altre 500 mila. Attacca: Non accetteremo che il Parlamento faccia lennesima porcata per sfuggire al referendum. Per

Sembrava una battaglia disperata, invece stato un record, una vittoria senza se e senza ma dei cittadini
PROMOTORE
Lex ministro Arturo Parisi. A fianco la bandiera dei pirati

,,

Ora non accetteremo che il Parlamento faccia lennesima porcata per sfuggire alla consultazione
LEADER
Anche Antonio Di Pietro (Idv) tra i principali promotori

questo vigileremo perch non rientri dalla finestra quello che uscito dalla porta. Uno tsunami di firme. Andrea Morrone, il costituzionalista presidente del comitato, calcola che negli ultimi venti giorni sono andate ai banchetti 30-40 mila persone al giorno. stato un miracolo popolare, lanciato attra-

verso la rete, facebook, il passaparola. Solo a Roma fino a ieri le firme conteggiate valide erano 60 mila; 50 mila a Milano. E ci sono stati comuni virtuosi: a Mores, duemila abitanti in provincia di Sassari, in 500 sono andati a firmare. File ai banchetti, cittadini che hanno chiamato i carabinieri se nei municipi non trovavano i

moduli: il racconto di Parisi. Qui si va oltre lantipolitica, c anzi il desiderio di ricominciare, importante stato lesempio di leader come Prodi. Prodi stato il primo, quando il referendum stato lanciato, a rompere ogni indugio, bench il Pd di Bersani abbia sostenuto il referendum ma senza metterci la faccia. Promoto-

ri ne sono stati Sel di Vendola, Idv, il Pli, la Rete di Segni, Unione popolare, e societ civile. Diecimila firme per le hanno raccolte i liberal Pd di Enzo Bianco. Castagnetti, Veltroni, Ceccanti, Tonini avevano lanciato la proposta. Hanno firmato molti leader del partito, sottolinea Parisi, e gli elettori democratici sono stati protagonisti. Anche Fli stata della partita del referendum. Si sono impegnati intellettuali come Sofia Ventura, Renato Balduzzi, c stato lappello di 60 costituzionalisti. Passigli (che aveva lanciato un diverso referendum) alla fine ha appoggiato questo. Tutto pur di cancellare la porcata, la legge che ci ha consegnato un Parlamento di nominati. La Cassazione entro dicembre dovr verificare la validit delle firme. Poi alla Consulta per il passaggio decisivo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Offerta valida fino al 30/09/2011 per C-MAX PLUS 1.6 125CV. Solo per vetture in stock, grazie al contributo dei FordPartner. IPT esclusa. C-MAX: consumi da 4,6 a 6,6 litri/100 km (ciclo misto); emissioni CO2 da 119 a 154 g/km. La vettura in foto pu contenere accessori a pagamento.

Linnovazione nelle tue mani. Nuova Ford C-MAX. Moving Modern Family.
C unauto progettata sui tuoi desideri, con una tecnologia che ti semplifica la vita: nuovi motori EcoBoost e TDCi, cambio PowerShift, sistema di parcheggio semiautomatico, portellone posteriore elettrico.

Nuova Ford C-MAX

18.500

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

MONDO

PER SAPERNE DI PI damascus.usembassy.gov www.dp-news.com/en

I 19

Damasco, assalto allambasciatore Usa


I sostenitori di Assad lanciano sassi e pomodori. Washington: Intimidazione
ALIX VAN BUREN
UNA torma di sostenitori del regime siriano ieri a Damasco ha preso a bersaglio lambasciatore americano Robert Ford con lanci di uova, pomodori e sassi. Ford e i suoi assistenti stavano recandosi a un incontro con un esponente politico siriano, fa sapere la pagina Facebook resa famosa dagli interventi di Ford. Il quale, primo fra i suoi pari a infrangere leffimera etichetta della diplomazia, da quella tribuna si rivolge ai siriani, simpatizzanti e detrattori. Sono tornati sani e salvi, scritto sulla bacheca virtuale: Una folla ha tentato di assalirli senza riuscirvi, per ha danneggiato i veicoli. Le forze dellordine siriane infine hanno aiutato ad assicurare un passaggio fino allambasciata. Ieri mattina Ford aveva appuntamento con un personaggio dellopposizione, Hassan Abdul Azim, nasseriano di lunga data, gi arrestato in aprile allinizio del Risveglio arabo siriano. Un uomo a prima vista moderato, incline al dialogo con il regime, convinto che la soluzione dei problemi (cos nel lessico siriano) che ora dilaniano il Paese passi attraverso le riforme e una morbida transizione verso la democrazia. Per questo Azim era stato eletto a capo della conferenza dellopposizione la prima nella storia moderna del Paese riunitasi in giugno allhotel Semiramis. E anche per questo il gesto di Ford, la visita allanziano dissidente, non aveva il sapore di sco che qualcuno disobbedisca agli ordini, che sia difficile riformare la polizia, per se nessuno viene punito, c da pensare che lui lo accetti. Se a questo si aggiungono i moniti dellAmerica: Assad ha le ore contate. Il regime clinicamente morto, si capisce come il litigio verbale si sia fatto rovente. Malgrado tutto, Ford rimane. Forse non ha torto chi sostiene che dietro le quinte lAmministrazione Obama coltivi un brandello di speranza di dialogo con il regime, per riformarlo. Intanto il dipartimento di Stato condanna la campagna di intimidazione. Rivolti pi al Senato repubblicano, contrario alla nomina di Ford, ricorda: Lambasciatore rischia in prima persona per sostenere le legittime aspirazioni del popolo siriano. E i disegni della diplomazia americana.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Libia

Preso il portavoce di Gheddafi


TRIPOLI I ribelli hanno annunciato ieri di aver catturato il portavoce di Gheddafi, Moussa Ibrahim, mentre fuggiva da Sirte. Secondo alcune fonti, avrebbe indossato abiti femminili e velo islamico per nascondersi. Sempre ieri, lInterpol ha emesso un mandato di arresto per Saadi Gheddafi, 38 anni, il figlio calciatore del ras attualmente rifugiato in Niger.

Le tappe
LA VISITA
A luglio il diplomatico Usa Ford e il francese Chevalier visitano la citt di Hama in rivolta

una delle sue molto citate sfide al regime: come la visita poco protocollare a Hama, in luglio, nella piazza dei ribelli; o quella in agosto a Jassem, scossa dai tumulti, che gli valse laccusa di interferire negli affari interni del Paese. O laf-

fronto, pi recente, indirizzato secondo i siriani al presidente Assad definito evil, malvagio, in unintervista perch, Ford argomentava, sotto la sua autorit la gente viene torturata, uccisa, e nessuno finisce in tribunale. Capi-

IL FUNERALE
Gli ambasciatori di Usa e Francia partecipano alla veglia funebre del 13 per lattivista Matar

LAGGRESSIONE
Il 24 settembre alcuni sostenitori di Assad lanciano uova contro la delegazione francese

Il caso

Il presidente vuole neutralizzare i ricorsi dei repubblicani

Obama alla Corte Suprema per la riforma sanitaria


DAL NOSTRO INVIATO ANGELO AQUARO
NEW YORK LAmerica che non vuole cambiare sfida Barack Obama a colpi di sentenze e leggi. E Barack Obama risponde: a colpi di leggi e sentenze. Dalla sanit allimmigrazione il presidente si gioca tutto. Tra 13 mesi si vota e i suoi nemici hanno fatto un cavallo di battaglia della pretesa incostituzionalit della riforma sanitaria. Una ventina di stati hanno sollevato eccezioni e tre corti si sono gi espresse: una difendendola, laltra attaccandola e laltra ancora astenendosi. Cos il governo ha deciso di andare per le spicce. Investendo direttamente la Corte Suprema. un contropiede in piena regola. Nella nostra storia ci sono state minacce simili ad altre conquiste sostiene il dipartimento di Giustizia: dallassistenza sociale ai diritti civili e di voto. Ma noi crediamo che anche gli assalti alla riforma sanitaria falliranno. E la legge verr difesa dalla Corte Suprema. Eppure, sottolinea il New York Times, il calcolo politico delloperazione complicato. Una bocciatura sarebbe un colpo durissimo. Ma perfino una vittoria per Obama finirebbe per scatenare di pi i poteri forti: che spingerebbero al Congresso i candidati pi conservatori per cancellare la riforma. Barack Obama Dice bene il capo della campagna per la rielezione David Axelrod: Sar unimpresa titanica. LAmerica divisa come mai: e su quei temi sanit, disoccupazione, immigrazione che toccano le tasche. La riforma sanitaria si tradotta per i cittadini in aumenti fino al 9%: vedendo diminuire i margini di cresta sul lungo periodo le grandi assicurazioni si sono rifatte sul breve. La disoccupazione ha esacerbato la rabbia verso gli immigrati, accusati di portarsi via il lavoro che non c. Qui Obama per la verit apparso anche troppo moderato. Aveva promesso ai suoi elettori latinos di sanare milioni di clandestini (in tutto 11 milioni), ma la riforma rimasta sulla carta. Nel vuoto si sono inseriti gli stati con le loro legislazioni pseudorazziste. E lamministrazione ha reagito: denunciando prima lArizona e poi lAlabama (ieri un giudice ha bloccato parti di quella legge). E minacciando nuove iniziative. Con Utah, South Carolina, Georgia e Indiana nel mirino salirebbero a sei gli stati contro cui muove Barack. Alzando il prezzo di queste elezioni di tutti contro tutti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

MONDO

PER SAPERNE DI PI www.lemonde.fr www.liberation.fr

I 21

Faccia a faccia Dsk-Banon Voleva violentarmi, lo disprezzo


Strauss-Kahn alla polizia: Falso, tentai solo di baciarla
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE GIAMPIERO MARTINOTTI
PARIGI Due ore di confronto, due ore penose che probabilmente non serviranno a far emergere la verit: Dominique Strauss-Kahn stato messo ieri mattina di fronte a Tristane Banon, la giornalista e scrittrice che lo accusa di tentato stupro. Secondo le confidenze dei poliziotti, cui stata affidata unindagine preliminare, i due hanno mantenuto le rispettive versioni su quel che avvenuto nel febbraio 2003 in un appartamento di Montparnasse. Lex direttore dellFmi sostiene di aver solo cercato di baciare la ragazza, che allepoca aveva 23 anni, e non ha aggiunto altro: Non ha nessun motivo di scusarsi, ha detto uno dei suoi avvocati. Lei parla invece di un tentativo di stupro cui sfuggita dopo un vero pugilato. La decisione finale spetta adesso al procuratore della Repubblica: larchiviazione considerata probabile, ma in questo caso la Banon presenter una nuova denuncia e si costituir parte civile, obbligando cos la magistratura ad aprire uninchiesta. La Banon andata ieri sera al Tg delle 20 per ripetere le sue accuse: Ho avuto di fronte a me lo stesso uomo visto in tv dieci giorni fa, ho visto la stessa arroganza. Mi aspettavo almeno delle scuse, non mi ha nemmeno guardato. Sul contenuto, la Banon assicura che i due hanno ribadito la loro versione: per lui che si tratta di fatti immaginari, lei insiste: Andr fino in fondo, so che mi avreb-

Parigi, la scrittrice conferma le accuse un arrogante, non mi ha nemmeno guardata


be violentata se non fosse finita com finita, cio con lei che riuscita a liberarsi e a fuggire. La donna ha insistito molto sullatteggiamento tenuto dallex direttore dellFmi (freddo, arrogante, sufficiente), ha ammesso che non ci possono essere prove materiali (non posso sapere quel che passava nella sua testa). Odia Strauss-Kahn, le stato chiesto? Provo per lui disprezzo

ha risposto , lo stesso disprezzo che lui manifesta verso di me e verso Nafissatou Diallo. Sulla stessa rete, Tf1, e alla stessa ora, si era espresso anche Strauss-Kahn il 18 settembre nella sua unica intervista dopo i fatti di New York. In quelloccasione, lex leader socialista aveva ripetuto che durante lincontro non ci fu nessuna aggressione, nessuna violenza. Secondo lui, lidea di un tentativo di stupro puramente immaginaria e calunniosa. Una versione che aveva gi confermata qualche giorno fa, quando stato ascoltato da solo dai poliziotti ed ha giusto ammesso di aver tentato di baciare la Banon. Niente di pi. I due non si sono guardati du-

rante il confronto. Erano seduti accanto, separati da un poliziotto, e si rivolgevano solo agli inquirenti. Dsk ha detto di aver tentato di baciare la ragazza perch gli era sembrata aperta. Non avrebbe insistito e la Banon se ne sarebbe andata arrabbiata. Ma i due hanno dato versioni diverse anche sui dettagli: Strauss-Kahn non ricorda di aver mandato alla ragazza un sms dopo lincontro, le spiegazioni sulla scelta di un appartamento semi-vuoto per unintervista sono divergenti. Al termine, lex direttore dellFmi uscito sorridente. La procura decider nei prossimi giorni se archiviare il caso o aprire un procedimento penale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA GIORNALISTA
Tristane Banon ieri sera nello studio televisivo di Tf1

LEX DIRETTORE DELLFMI


Dominique Strauss-Kahn ieri alluscita dal commissariato

Le tappe
LACCUSATRICE
Tristane Banon, 32 anni, giornalista, figlia della socialista Anne Mansouret

LA DENUNCIA
Il 5 luglio la Banon accusa Strauss-Kahn di tentato stupro avvenuto nel 2003

LINTERVISTA
Il 18 settembre in diretta tv Dsk nega di aver aggredito Tristane Banon

Il personaggio

La moglie di Nicolas Sarkozy ormai prossima al parto

La Bruni: Un figlio con la crisi una felice incoscienza


PARIGI Decidere di avere un figlio, anche in tempi di crisi, frutto di una felice incoscienza, e con la nascita non si far alcuna campagna elettorale: lo ha detto Carla Bruni in unintervista al magazine Madame Figaro in uscita domani e anticipata sul sito Internet. Non credo che si facciano i figli ponendosi queste domande (la crisi economica, ndr) ha spiegato Carla, prossima al parto Un figlio si fa piuttosto in una sorta di felice incoscienza ed cos dalla notte dei tempi. Siamo in tempi di crisi ma se la riproduzione umana fosse legata alla prospettiva di una vita perfetta nemmeno noi saremmo qui. Daltronde, penso che listinto di sopravvivenza si manifesti anche con il desiderio di un figlio. Alla domanda del giornalista che le chiedeva come far a cavarsela tra la campagna del marito, il beb e la sua Fondazione, la Bruni ha detto: Io non far alcuna campagna ha detto, aggiungendo di non sapere se suo marito si ricandider per un secondo mandato. Quindi ha ammesso: Come moglie di Nicolas Sarkozy sono molto aiutata, non ho una vita difficile, non devo chiedere il congedo maternit non sono obbligata nemmeno a prendere i trasporti pubblici alle sei del mattino come il 90% dei miei concittadini. Queste sono le vere difficolt delle donne di oggi. Quanto agli obblighi dovuti alla funzione di mio marito, e non ce ne sono cos tanti, mi piego volentieri.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Bruni nel parco dellEliseo

,,

Io non far alcuna campagna elettorale Non so nemmeno se mio marito si ricandider
REPUBBLICA.IT Iran, ore di speranza per il pastore apostata

e dal 30 settembre al 5 ottobr

mediaworld.it

Offerte valide dal 30 settembre al 5 ottobre 2011, no ad esaurimento scorte e salvo errori e/o omissioni di stampa. Le foto sono puramente rappresentative. I prezzi dei nostri prodotti sono comprensivi degli Eco-contributi RAEE.

15,6

549
ACER
a

Notebook Aspire 5750G-2414G64Mnkk


Processore Intel Core i5-2410M di 2a generazione (2,30 GHz, no a 2,90 GHz con Turbo Boost Intel 2.0, 3 MB Intel Smart Cache). Display 15.6 HD LED 16:9. RAM 4 GB DDR3. Hard Disk 640 GB. Scheda graca NVIDIA GeForce GT 520M con 1 GB di memoria dedicata. Masterizzatore DVDRW. Wireless LAN 802.11 b/g/n. Porta HDMI. Porta USB 3.0. Microsoft Windows 7 Home Premium.

PROCESSORE INTEL CORE i5-2410M DI 2 GENERAZIONE GRAFICA NVIDIA GEFORCE GT 520M DA 1 GB

20

599
ACER
Personal Computer Aspire M3970
Processore Intel Core i5-2300 di 2a generazione (2,80 GHz, 6 MB Intel Smart Cache). RAM 4 GB DDR3. Hard Disk 500 GB 7200RPM. Masterizzatore DVD-RW Super Multi Dual Layer. Scheda graca NVIDIA GeForce G405 con 1 GB DDR3. Porta HDMI. Tastiera e Mouse. Monitor multimediale 20 nero lucido (Mod. P207HVbmd). Windows 7 Home Premium (64 bit).

PROCESSORE INTEL CORE i5-2300 DI 2 a GENERAZIONE GRAFICA NVIDIA GEFORCE G405 1GB

Collegati a mediaworld.it/digital-tools.

Applicazioni, strumenti digitali e canali social per rimanere sempre in contatto con Media World.

APERTI DOMENICA 2 OTTOBRE > Grugliasco (TO) Asti Varese - Gallarate (VA) - Settimo Milanese (MI) - Limbiate (MI) - Milano, Via Pitteri - Milano, Centro Piazza Lodi - Cinisello B.mo (MI) - Rozzano (MI) - Busnago (MI) - Rescaldina (MI) Vignate (MI) - Montebello della Battaglia (PV) - Cant (CO) Lecco - Curno (BG) - Orio al Serio (BG) - Brescia, Via Dalmazia - Erbusco (BS) - Piacenza - Monfalcone (GO) Genova Trieste - Firenze, C. Comm. I Gigli - Collestrada (PG) Grosseto LAquila - Avezzano (AQ) - Roma, C. Comm. La Romanina - Roma, C. Comm. Primavera - Roma, C. Comm. Porta di Roma - Roma, Market Central Da Vinci - Casoria (NA) - Nola (NA) Benevento - Molfetta (BA) - Rende (CS) Catanzaro - Reggio Calabria - Belpasso (CT) Palermo Siracusa.

Intel, il Logo Intel, Intel Inside, Intel Core e Core Inside sono marchi registrati da Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi. Per ulteriori informazioni sulla classica dei processori Intel, consultare la pagina www.intel.it/classica

Intel . nza ed afdabilit. Pote

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

CRONACA
I 23
LALBUM
Lex sindaco di Parma Pietro Vignali in una sequenza di immagini relative al suo mandato istituzionale

Il personaggio

JENNER MELETTI
PARMA C chi canta Bella ciao, in piazza Garibaldi. C chi brinda con la malvasia in bicchieri di plastica. C chi esulta: Parma libera, come se fosse il giorno della Liberazione. Non esageriamo, dice Gianna Montagna, che fa parte del comitato utenti case protette, uno dei tanti che in questi tre mesi hanno riempito di rabbia e grida il portico del Grano. Per un fatto certo: se n andato un sindaco da fotoromanzo, tutta immagine e niente sostanza. Foto qui e foto l, sorrisi e poco altro. Come nei fotoromanzi di quando ero giovane io, dove si raccontavano amori e avventure e il protagonista era sempre lo stesso. Nel no-

Addio al sindaco da fotoromanzo gioia e incertezza nel day after di Parma


Ma giallo sulle dimissioni. Indignati in festa davanti al Comune
si al governo della citt. Al no del presidente esce dallaula. Il risultato questo: non c pi il numero legale e la lettera di dimissioni viene letta in unaula che non pu votare. tutta una manovra del sindaco dice Giorgio Paglieri, capogruppo del Pd e docente di diritto amministrativo per non formalizzare le proprie dimissioni, presentate solo tramite addetto stampa. Con la lettera ufficiale letta in unaula senza numero legale non vorrei sorprese, nei prossimi giorni. Un fatto certo: larrivo di un commissario (si fa il nome del prefetto Anna Maria Cancellieri, che ha guidato Bologna dopo Flavio Delbono, ndr) non gradito al Pdl, perch avrebbe il potere di aprire troppi cassetti. Il segretario comunale avverte che le dimissioni sono ormai ufficiali, che basta la comunicazione via lettera a tutti i consiglieri. Restano i dubbi del Pd che chiede un incontro al prefetto. Resta soprattutto la tristezza di un gruppo politico che, dopo avere tanto esaltato il primo cittadino, esce dallaula quando viene letta la lettera delle sue dimissioni. Forse non sono finiti gli scontri interni nellex maggioranza. Il Pdl ha sfiduciato il commercialista ex Pierre di discoteche, e questi dice di essere stato fatto fuori. Ho rinunciato al metr, insostenibile nel nuovo contesto economico. E la nostra una citt che non tollera certi sgarri e certa autonomia della politica, soprattutto quando in ballo ci sono affari milionari. Parma la citt delle barricate del 22 e degli scontri accesi, ma la parola sgarro non era mai entrata nel suo linguaggio politico. Il sindaco non vuole precisare le sue accuse. Chiuso in casa, ai pochi amici rimasti dice che deve occuparsi del padre malato e ribadisce: Io non ho fatto niente di male. Forse ho sbagliato a scegliere certe persone ma non ho ricevuto nemmeno un avviso di garanzia. A sera si sono trovati tutti in assemblea, quelli dei comitati, per cercare di progettare un futuro per la citt. Vivere il disastro di Parma sulla propria pelle dice Gianna Montagna significa

scoprire che spariscono o sono privatizzati tutti i servizi alla persona, dai bambini agli anziani non autosufficienti. Per risparmiare qualche soldo, il 1 gennaio di questanno a Villa Parma, la casa protetta dove era ricoverato mio padre, hanno cambiato cooperativa di servizi e da un giorno allaltro sono scomparsi tutti gli infermieri e gli assistenti che gi conoscevano i nostri vecchi. I nuovi arrivati, quasi tutti stranieri, non sapevano nemmeno parlare in italiano. Per quattro anni raccontano Elisa Lavagetto e Roberta Roberti il Comune ha pensato solo a fare affari. Eravamo in competizione con Reggio Emilia, per la qualit degli asili e delle case per anziani. E invece dagli asili e dalle mater-

IL RITORNO DI TITTI
Tiziana Parenti legale di uno degli arrestati

Il disastro cittadino nello smantellamento dei servizi pubblici che funzionavano


ne sono scomparse le maestre comunali, per gli anziani sono arrivati tanti stranieri, e una sola societ privata gestisce tutto, dalle pulizia alleducazione allassistenza sanitaria, con 3.500 dipendenti. Parma un modo di vivere, questo lo slogan su carta patinata lanciato dal sindaco appena un mese prima degli arresti. Vogliamo trovare il modo dice Andrea Bui di tornare ad essere protagonisti nel futuro della citt. Non sar facile. Ma chi avrebbe immaginato, tre mesi fa, che con le pentole, le bare, le maschere da Banda Bassotti, avremmo mandato a casa il sindaco?. (ha collaborato Raffaele Castagno)
RIPRODUZIONE RISERVATA

stro caso, il sindaco che inaugura, il sindaco che sorride, il sindaco che promette Oggi la favola finisce, per chi ci aveva creduto. Non noi, che abbiamo vissuto il disastro della citt sulla nostra pelle. Il Consiglio comunale appena terminato, e c anche un piccolo giallo. Il sindaco si dimesso davvero o no? Succede che il presidente dellassemblea, Elvio Ubaldi ( vero, come ex sindaco ho lanciato Vignali, ma io avevo fatto 70 milioni di debiti e lui 700) , mette in votazione lingresso di un nuovo consigliere e lormai ex maggioranza chiede invece di discutere subito le dimissioni del primo cittadino, che non sente il dovere di presentar-

Il sindaco Vignali insieme allassessore Bernini arrestato luned

Le tappe
IL SINDACO DEI RECORD
L11 giugno 2007 Pietro Vignali, a 39 anni, diventa il pi giovane sindaco di Parma nel dopoguerra. Pupillo del Pdl

I PRIMI ARRESTI E GLI INDIGNATI


A giugno finiscono in carcere 11 persone tra cui il capo dei vigili. Si dimettono fino a 4 assessori. Scatta la protesta degli indignati

IL FLOP DELLA MAGGIORANZA


Luned scorso larresto di un altro assessore per tangenti. Il sindaco Vignali resta senza maggioranza in consiglio

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

CRONACA

I 24

Dai disservizi ai grandi abusi cos il passante col telefonino diventato reporter dassalto
Lalleanza tra cittadini e giornali per rivelare gli scandali
boom di segnalazioni ai siti dei media, Repubblica.it in testa a tutti
VITTORIO RAGONE
ROMA Camion della nettezza urbana che scaricano il materiale sulla pubblica piazza (Napoli); vetture in perenne seconda e terza fila nella latitanza dei vigili urbani (Bologna); conducenti di bus pubblici o parapubblici che guidano con i gomiti per conversare agevolmente al cellulare (Roma e Milano). E poi la madre di tutte le segnalazioni: la vettura di servizio con autista spedita in salumeria per lacquisto di un panino (Roma). Sullo sfondo va il lamento dei pendolari, che viaggiano sulle tratte non Frecciarossa e ogni giorno mandano una mail: zecche, cuscini sfondati, carrozze-sauna a 40 gradi. Gli indignati dItalia stanno emergendo dalle strade e dalla blogosfera e trasferiscono con inedita intensit le loro lagnanze dentro i grandi mezzi dinformazione, in prima fila Repubblica.it, inondata nelle edizioni locali e in quella nazionale di denunce e segnalazioni. I cittadini prendono di mira il disservizio pubblico che funesta le giornate dei comuni mortali. Materiali e notizie la foto, il video girato alla buona, lo scatto ripetuto giorno dopo giorno per documentare come

un problema rimanga irrisolto per lignavia del Comune o della Regione investono ormai i giornali con una forza esponenziale. Come se il paese

avesse individuato nei mass media quel Difensore civico che non ha mai conosciuto. In alcuni casi (come per la morte di un cinquantenne di Milano

Roma

Lautista che guida il bus con i gomiti


A MAGGIO di questanno un autista in servizio su un autobus della Cotral che collega Anagnina allaeroporto di Ciampino, guida un autobus carico di passeggeri con i gomiti: entrambe le mani sono occupate da due telefonini. Con una tenta di configurare la posta del nuovo smartphone e con laltra tiene il telefonino con cui sta parlando. un video di un lettore spedito a Repubblica.it che immortala e incastra il conducente. Che sar poi punito e costretto a lavorare gratis per un mese per una onlus

Napoli

La monnezza scaricata in strada


COPRONO le targhe dei camion dellimmondizia per non essere scoperti e scaricano lintero contenuto degli auto-compattatori su una piazzola pubblica gi colma di rifiuti per la mancata raccolta dei giorni precedenti. Succede a Giugliano (in provincia di Napoli) in un caldo pomeriggio dello scorso agosto. I due operatori ecologici autori della bravata, per vengono ripresi da un video amatoriale girato da passanti, pubblicato dopo poche ore su YouTube e quindi rimbalzato sui giornali online

Roma

La spesa in centro con lauto blu


UNAUTO blu attraversa piazza Campo de Fiori, nel cuore di Roma, incurante dei divieti di transito e facendosi largo tra la folla dei turisti del centro in una mattina dello scorso giugno. Nessun pericolo o emergenza istituzionale alla base dellinfrazione, ma solo lurgenza di fare la spesa. Lautista del mezzo di servizio immortalato da un video infatti mentre entra in una bottega della piazza e esce con un cartoccio di panini e affettati. Le immagini che lo ritraggono, pubblicate su Internet, dopo poche ore fanno subito il giro dei giornali online

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI http://inchieste.repubblica.it www.repubblica.it

I 25

Dalla denuncia allinchiesta


Il sito RE Le inchieste fin dallinizio, ha chiesto ai lettori di segnalare notizie da approfondire. Una parte sono gi diventate inchieste. Le segnalazioni possono essere nello spazio apposito sulla home page del sito. Per video e foto lindirizzo visualdesk@kataweb.it

LAUTOBUS E IL BANCOMAT
Nel video di Repubblica.it, girato a Roma, un autista parcheggia il suo autobus in doppia fila e scende per prelevare al bancomat

dopo un controllo di polizia) il video diventa addirittura rilevante per gli sviluppi di uninchiesta. Naturalmente spiega An-

gelo Agostini, docente di Teoria e tecniche del linguaggio giornalistico allo Iulm di Milano gi trentanni fa il quotidiano, in particolare quello locale, era

Milano

La morte per infarto dopo larresto


UN video girato con un telefonino che documenta la morte di Michele Ferrulli, muratore di 51 anni, stroncato da un attacco di cuore durante il suo fermo da parte della polizia il 30 giugno a Milano. Le immagini, riprese con liPhone da una giovane nomade che si trovava sul posto e fatte arrivare alla polizia, a quanto sostiene la famiglia delluomo, dimostrerebbero che il decesso avvenuto a seguito del pestaggio dei quattro agenti delle forze dellordine e non per un malore dovuto a cause naturali come sostiene la Questura

uno strumento di segnalazione del disservizio. Si entrava nella redazione, di solito situata nel centro della citt, e si raccontava il fatto. Le somiglianze con la ventata di informazioni dal basso di oggi, per, finiscono qui. Intanto perch la notizia del conducente che a Palermo guida il bus mentre gioca col tablet diventa immediatamente notizia nazionale, il che assicura il massimo dellimpatto mediatico. Ma non solo. La fiducia crescente sintomatica sostiene Agostini di un riconoscimento da parte dei cittadini della centralit del giornale. Non basta pubblicare sul proprio blog, si vuole far accettare i materiali dal sito, riconoscendone la potenza e il valore di traino nei confronti dellintera comunit. Questa centralit del giornalismo organizzato non affatto pacifica e accettata. Per esempio non convince chi come Sergio Maistrello, autore per Apogeo di Giornalismo e nuovi media, crede invece nei meccanismi spontanei della Rete e nella capacit dei cittadini di auto-organizzarsi. La nuova attenzione ai giornali sostiene un mezzo senzaltro pi efficace come velocit di contatto, potenziale di scambio delle informazioni, tasso di

Bari

Il pisolino in ufficio al Policlinico


BUONANOTTE Policlinico. questo il titolo del video pubblicato su Youtube e poi segnalato a Repubblica. it da uno sconosciuto utente lo scorso giugno. Il filmato immortala il sonnellino di un solerte dipendente dellospedale pugliese. Seduto alla sua scrivania con la tv accesa, si lascia andare a un sonno profondo. Indisturbato, si abbandona sulla sedia e russa rumorosamente, inconsapevole del fatto che qualcuno sta filmando la scena e di l a breve la mander online

In pochi minuti un video o una foto possono trasformarsi in un caso nazionale


emotivit; Maistrello per preferisce e giudica meno tradizionali le reti civiche di cittadini consapevoli di ci che ritengono giusto o non giusto, di come si reagisce al sopruso in maniera civile e diffusa, insomma disponibili anche a fare e costruire in proprio. La vera, grande novit nellassalto ai media pare essere parole ancora di Agostini la disponibilit individuale di mezzi che consentono di produrre veri e propri embrioni di informazione: iPhone e smartphone, videocamere, webcam, una facilit tecnica di produzione che rende il lettore pi attivo verso i giornali e dei loro siti. Ma anche in questo lItalia ha da imparare da aree del mondo che camminano pi avanti. Servir rispondere alle domande che la microinformazione militante e il tema generale dellinformazione online cominciano a porre: che cosa significa qualit delle notizie? Chi filtra i materiali in arrivo dai singoli e dalla Rete? Chi e come ne soppesa veridicit e attendibilit? Bbc e Guardian hanno formulato delle vere e proprie lineeguida. Da noi la discussione appena cominciata. Ma la campana, sotto il diluvio delle news autoprodotte, suona davvero per tutti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Australia

I brogli sul voto degli italiani allestero


UN video amatoriale che testimonia delle presunte irregolarit sui voti australiani delle elezioni politiche del 2006. Nelle immagini, un mucchio di schede elettorali, almeno un centinaio, vengono compilate in blocco, poi richiuse e sistemate nelle buste originali del Consolato e sigillate. Il filmato era stato girato da Paolo Rajo, allepoca candidato dellUdeur, che lo aveva consegnato a Repubblica.it, stanco delle inutili denunce della situazione fatte invano al suo partito

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

CRONACA
I 27

Gaffe del tunnel, lascia il portavoce della Gelmini


Zennaro resta direttore generale del Miur. Il Pd: insopportabile che non si dimetta anche da l
CORRADO ZUNINO
ROMA Fuori dal tunnel del Cern uscito, per ora, il portavoce del ministro dellIstruzione Mariastella Gelmini. Sette giorni dopo la gaffe sulla scoperta dei neutrini un comunicato scritto in un italiano malfermo per mettere il cappello sui risultati scientifici aveva fatto supporre che tra Ginevra e il Gran Sasso vi fosse una lunghissima galleria sotterranea , Massimo Zennaro ha rassegnato le dimissioni. Il capo dellufficio stampa del ministero non aveva scritto quel comunicato che aveva scatenato ilarit nel mondo, ma ha avuto il torto di non controllarlo: quel venerd, giorno dellinaugurazione dellanno scolastico, lo staff della comunicazione era in forze al Quirinale. La bulimia da intervento del suo ministro, una media di tre take al giorno, pretese comunque lintervento di plauso pubblico. Linciampo comico stato devastante: Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si svolto lesperimento, lItalia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro. Si era capito il giorno successivo che una testa sarebbe saltata, quando il ministro firm il testo di rettifica: Premesso che il comunicato stampa del Miur poteva essono cinquecento domande con risposte errate. Premesso che le domande per la prova pre-selettiva del concorso a dirigente scolastico sono state predisposte da una commissione esterna, il ministero sta provvedendo alla eliminazione dei quesiti che contengono errori o imprecisioni. stato lultimo comunicato, questo, firmato da Zennaro. Lex portavoce resta uno dei dieci direttori generali del ministero e continuer a occuparsi di integrazione e comunicazione a 156.000 euro lordi lanno (cinquemila euro netti il mese). Il Pd attacca, affiancato da esponenti di Pdl e Lega: Non aveva i titoli per fare il direttore generale, ora che non pi responsabile della comunicazione la sua presenza insopportabile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le tappe
LANNUNCIO
Il 23 settembre un gruppo di scienziati del Cern (sede a Ginevra) annuncia che i neutrini viaggiano a una velocit superiore a quella della luce

LA GAFFE
Il ministero dellIstruzione firma un comunicato in cui si parla di uninesistente galleria tra Ginevra e il Gran Sasso

Il ministro Gelmini e il suo portavoce dimissionario, Massimo Zennaro

Il caso

Padova, si faceva esentare dalle tasse universitarie e riceveva un contributo per gli studi. Denunciato dai compagni alla Guardia di finanza

Studente finto-povero con la Porsche in ateneo


FILIPPO TOSATTO
PADOVA Sulla carta era uno studentello povero, tanto che luniversit lo esentava dal pagamento delle tasse accademiche; nella realt si recava a lezione al volante della roboante Porsche dei genitori, alla faccia di tanti compagni di studio davvero indigenti. Limbroglio, che suona beffardo in tempi di crisi e disagio sociale, emerso allateneo di Padova nel corso dei controlli che la guardia di finanza sta conducendo sulle posizioni patrimoniali di centinaia di ragazzi assistiti dallEsu, lente per il diritto allo studio. S perch il finto povero riceveva un assegno compensativo in considerazione della situazione di ristrettezza della famiglia e non pago di ci con i compagni di corso si vantava di continuo dei sorpassi effettuati alla guida del bolide di lusso. Una tracotanza che gli stata fatale: alla fine sono stati proprio i suoi coetanei a segnalare il raggiro agli ispettori del Fisco. Non un caso isolato, il suo. Indagando nel sottobosco affaristico legato alluniversit, le fiamme gialle ne hanno scoperte di tutti i colori. A cominciare dal mercato degli affitti in nero agli studenti, costellato di storie singolari: linfermiera in pensio-

La tracotanza e il vantarsi dei sorpassi gli stata fatale: stato segnalato

Non ha scritto la nota che ha scatenato lilarit di tutti, ma non lha neppure controllata
sere formulato in maniera pi precisa.... Zennaro, che affianca la Gelmini dal 2005, allora era coordinatrice di Forza Italia in Lombardia, e che si sempre considerato lo scudo del ministro pi attaccato del governo Berlusconi, ieri pomeriggio ha confidato: Lascio, sono dimissioni irrevocabili. Padovano e coetaneo del ministro, 38 anni, Massimo Zennaro si mosso in una sintonia profonda con la Gelmini. In difficolt nella fase iniziale, quando il ministero ha dovuto impostare politiche di tagli feroci e togliere centralit ai docenti, noncurante della stampa critica nei momenti del berlusconismo cavalcante, pronto infine a proporre a tutti interviste della responsabile del dicastero nelle fasi di crisi (il tardo autunno 2010, quando la riforma universitaria rischi di saltare, e in questultimo periodo contrassegnato dalle gracilit politiche della maggioranza e dagli errori del Miur). Il volto di Zennaro divent pubblico in un Ballar dello scorso aprile: sugger alla Gelmini la difesa contro Enrico Letta che stava rivelando i nuovi tagli scolastici. Lultimo guaio da gestire, si scoperto in queste ore, stato il concorso per presidi (confermato al prossimo 12 ottobre): nella preselezione ci

IN EDICOLA
Il mare come risorsa per uscire dalla crisi. uninchiesta su D domani in edicola

ne che lucrava somme cospicue sulle case donatele dagli anziani ai quali aveva prestato cure domiciliari; il negoziante senza scrupoli che, partito con due alloggi, evadendo per anni il fisco riuscito a costruire un miniimpero immobiliare di venti abitazioni; il cittadino tedesco che percepiva salati affitti dai ragazzi ma non dichiarava nulla n allerario italiano n a quello del suo Paese; la cinquantina di cinesi che offriva alle matricole stanzette a prezzo scontato, senza peraltro denunciare un centesimo degli introiti conseguenti. Il maltolto recuperato dagli

investigatori ammonta gi a 2 milioni di euro ma la cifra provvisoria visto che in media l80% delle verifiche compiute rivela lesistenza di irregolarit e per gli affittuari che le segnalino la legislazione prevede un premio in forma di garanzia contrattuale. La collaborazione che abbiamo stabilito con la guardia di finanza e il Comune commenta il rettore padovano Giuseppe Zaccaria sta dando risultati importanti su un fronte che ci sta particolarmente a cuore: premiare i meritevoli e colpire i furbetti con unazione complessa ma equa di controllo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Si spenta oggi 29 settembre

Addio

Roma
Paolo Pascot

Loretta Imperatrice Iorio


La piangono il marito Ciro e il figlio Paolo che la ricordano a quanti le hanno voluto bene. Lultimo saluto le sar dato nella Basilica di San Lorenzo in Lucina il giorno 30 settembre alle ore 11. Roma, 30 settembre 2011
Roselli Alberto srl Tel. 06-44.23.23.23

amatissimo compagno, pap, suocero e nonno. I funerali si terranno sabato 1 ottobre. Per informazioni 02-6705515. Milano, 30 settembre 2011 Il tuo splendido sorriso rester nei nostri cuori Vogliamo ricordare lallegria che

11 26 41 45 75 77 46
2.495.683,14
Concorso n. 117 del 29-09-2011

Tbc, il Tar accoglie il ricorso Codacons Test anche sui bimbi nati prima del 2011
ROMA I test per verificare la positivit alla Tbc verranno estesi anche ai bambini nati al Gemelli nel 2010, a partire da febbraio, mese in cui linfermiera ammalata di tubercolosi ha preso servizio nel reparto di neonatologia. La decisione arriva dal Tar che ha accolto il ricorso del Codacons, giudicando immotivata la limitazione dei test solo ai nati nel 2011. Si valuta che saranno altri 3000 i bambini da controllare. Intanto il ministro della Salute Ferruccio Fazio si rivolto al Consiglio superiore della sanit per avere un parere sullopportunit di questo allargamento. Ma, fa sapere, sar un parere che in alcun modo pu mettere in dubbio lapplicazione della sentenza del Tar.

60

Lello
ci ha sempre trasmesso ed essere vicini alla famiglia con tutto il nostro affetto. Gli amici di ASTER Bologna, 30 settembre 2011 Il giorno 28 settembre, improvvisamente, mancato ai suoi cari

Carissimi Giorgio, Sparta, Virginia e Rocco abbiamo condiviso tempi felici con reciproco affetto ora vi abbraccio nel momento del dolore per la scomparsa di

Rubino
La vostra amica di sempre Mimma. Roma, 30 settembre 2011 Maria Paola Orlandini e le Redazioni di Art News e Magazzini Einstein salutano lironia e il talento di

Superenalotto Nessun vincitore con punti 6 Nessun vincitore con punti 5+ Ai 10 vincitori con punti 5 Ai 1.215 vincitori con punti 4 Ai 44.527 vincitori con punti 3

37.435,25 308,10 16,81

Marco Pironti
Lo annuncia la moglie Paola con la famiglia. La salma esposta alle Nuove Cappelle del Commiato di Careggi, dove oggi alle ore 15 avranno luogo le esequie. Firenze, 30 settembre 2011
Macherelli Impresa Funebre 055/4489153

Superstar
Nessun vincitore con punti 5 Ai 5 vincitori con punti 4 Ai 181 vincitori con punti 3 Ai 2.968 vincitori con punti 2 Ai 18.536 vincitori con punti 1 Ai 40.318 vincitori con punti 0 30.810,00 1.681,00 100,00 10,00 5,00

Rubino Rubini
Roma, 30 settembre 2011 Ci ha lasciato

PROSSIMO CONCORSO IL JACKPOT CON PUNTI 6

18.400.000

Dal Tar del Lazio ok ai controlli anti Tbc al Gemelli

Marisa Mantovani
Per lultimo saluto alla Chiesa degli Artisti sabato 1 ottobre 2011 alle ore 11. Roma, 30 settembre 2011 Ciao

Attilio e Annamaria Maltinti partecipano al dolore della famiglia per la scomparsa del caro Prof.

Antonio Santoni Rugiu


Prato, 30 settembre 2011 Si spento serenamente il Dott.

Marisa
attrice, compagna, amica meravigliosa. Sarai sempre con noi. Saviana, Ornella, Mariella, Pia, Robertino, Marisol, Adele Roma, 30 settembre 2011 Domenico Procacci, Laura Paolucci, Andrea Salerno e tutta la Fandango si stringono in un abbraccio intorno ad Antonio e alla sua famiglia per la perdita del padre

Rocco Esposito
magistrato La famiglia partecipa. Le esequie avranno luogo oggi 30 c.m. alle ore 16 in Tiggiano presso la chiesa Cristo Redentore, partendo da via G. Carducci 7. Tiggiano (Lecce), 30 settembre 2011
I.T.O.F. Beneveni Tricase (Lecce)

SuperEnalotto

Oggi torna SiVinceTutto


Dopo la vincita milionaria di Gubbio della scorsa settimana, oggi nuova estrazione di SiVinceTutto SuperEnalotto di Sisal, che in 4 edizioni ha distribuito oltre 62 milioni di euro a 92.374 vincitori.

Umberto
Roma, 30 settembre 2011 30 settembre 2001 30 settembre 2011 In ricordo di

NAZIONALE

83 48 32 23 48 24 33 57 15 82 59

59 36 55 52 26 30 70 10 69 18 42

30 38 18 76 75 70 77 38 49 24 15

4 1 58 12 61 12 89 36 20 3 55

74 43 88 19 70 13 20 21 65 47 63

Lemergenza

Rifiuti, lultimatum della Ue allItalia Napoli pulita in due mesi o scattano multe
NAPOLI LItalia rischia una pesante sanzione finanziaria per la vicenda dei rifiuti campani. Il commissario europeo allAmbiente, Janez Potocnik, ha inviato ieri una lettera di messa in mora al ministro degli esteri Franco Frattini. Potocnik ricorda che nel marzo 2010 cera gi stata una condanna dellItalia presso la Corte di giustizia europea, e che da allora le nostre autorit non sono riuscite a produrre misure per mettersi in regola con la direttiva europea sui rifiuti. Per questo ora la commissione d due mesi di tempo per presentare delle contro osservazioni. Poi per potrebbe partire un nuovo deferimento alla Corte, con annessa proposta di sanzione pecuniaria. (r.f.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

10 e LOTTO
COMBINAZIONE VINCENTE
10 26 38 59 15 30 48 69 18 32 52 70 23 33 55 82 24 36 57 83

Michela Baffi Rogai


compagna e madre amatissima. Ennio, Flavia e Filippo. Ci manchi. Roma, 30 settembre 2011

Via la spazzatura dalle strade di Napoli, lo impone la Ue

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

ATTUALIT
Le visite

I 28

Cattiva organizzazione ma anche troppi esami inutili a soffrire sono tutti gli accertamenti specialistici
Dal Nord al Sud

Un fenomeno che coinvolge tutte le Regioni a Bologna 300 giorni per un test sulle allergie
Attrezzature superate

Il 34% della strumentazione ad alta tecnologia ha pi di otto anni det e viene sotto utilizzata

Inchiesta italiana

Il calvario delle liste dattesa e per una mammografia lappuntamento fra un anno
Ospedali sempre pi in affanno, boom dei privati
(segue dalla prima pagina) MICHELE BOCCI

ONLINE
Sul sito delle Inchieste di RepubblicaEspresso tutti i dati sullo scandalo delle liste dattesa infinite

Gli sprechi

Perch la situazione continua a peggiorare? Come mai i medici non collaborano tra loro? anche colpa del consumismo sanitario?

EI mesi per una risonanza a Bari, quasi tre mesi per una tac al Civico di Palermo, sempre sei mesi per una semplice ecografia a Roma ma anche a Bologna, dove ci vogliono anche 300 giorni per una visita allergologica. Questa specialit soffre ovunque: 9 mesi a Firenze, un po meno ma sempre tanto a Torino. A far segnare lattesa record, succede cos da anni, la mammografia, quella asintomatica, che al policlinico di Bari fissano tra qualcosa come 400 giorni. Forse la lista pi lunga dItalia. Ma non sono solo i grandi numeri a colpire. A Cagliari, per un esame banale come lelettrocardiogramma chiedono ai cittadini 35 giorni di pazienza, a Palermo addirittura 60. Nessun sistema sanitario regionale (come dimostra la nostra tabella) pu sentirsi escluso dal problema delle liste di attesa. Tutti soffrono in certi settori e finiscono per far registrare dati che si rivelano pi virtuali che reali. Chi ha la prescrizione per una visita o un esame infatti non sta certo ad aspettare mesi. Si informa sui prezzi e finisce per rivolgersi al privato, che lo aspetta a braccia aperte e gli assicura la prestazione in un paio di giorni. Succede anche per la libera professione intramoenia, quella svolta dai medici dipendenti del servizio sanitario nazionale in strutture pubbliche o convenzionate. Perch i tempi dattesa nel nostro paese invece di migliorare peggiorano? I fattori sono tanti e disegnano una materia inestricabile da anni, malgrado i tentativi di riforma. Calo di risorse, problemi organizzativi, sprechi e scarsa collaborazione tra medici, ma anche consumismo sanitario sempre pi accentuato.

MENO SOLDI E MACCHINE POCO UTILIZZATE O VECCHIE


Per avere unidea delle unit di misura in cui ci muoviamo, bisogna aver presente che nel nostro Paese ogni anno si fa pi di un accertamento diagnostico per ogni cittadino, in tutto circa 70 milioni, di cui almeno 30 sono radiografie tradizionali. Le visite specialistiche sono pi del doppio: 150 milioni. Numeri impressionanti che aumentano costantemente, anche del 7% nel caso delle risonanze, circa 2 milioni ogni dodici mesi. Co-

me risponde il nostro sistema sanitario alla crescita della rinel pubblico rientra nello stesso sistema sanitario nazionale, chiesta dei cittadini? Non bene, almeno dal punto di vista di atattraverso lintramoenia, cio le prestazioni libero professiotrezzature e personale. Secondo una ricerca della Sirm, la sonali svolte nelle Asl dai dipendenti fuori orario di servizio. Il feciet italiana di radiologia medica, nel nostro paese, il 34% delnomeno riguarda soprattutto le visite ma anche la diagnostila strumentazione ad alto contenuto tecnologico ha pi di 8 ca e non sospinto solo dalle attese. Con questo sistema infatti anni di et (il 50% nelle Marche, nel Molise e in Calabria il 40 in ci si pu scegliere il professionista, cos molti lo usano perch Puglia e Basilicata e Liguria). Per quella di profilo tecnologico vogliono essere visti da un determinato medico. Certo, quanbasso il dato delle apparecchiature vecchie, questa volta con do si parla di attese molto lunghe la possibilit di fissare una pi di 10 anni, sale al 44% (il 64% in Calabria). In pi tac, risovisita a pagamento nel giro di due giorni appare un'ingiustinanze ed ecografie sono zia. Secondo una recente risotto utilizzate. Secondo la cerca dellassociazione Asnostra ricerca non lavorano sotutela per fare un ecocoIl grande affare al loro massimo, cio almelordoppler dei tronchi sono 66 ore la settimana a vra-aortici al San Camillo di macchina - spiega Franco Roma ci vogliono circa 270 Vimercati, radiologo presigiorni. Chi paga ne aspetta dente della Federazione ita2. Non uneccezione, sucliana societ medico sciencede un po ovunque. La litifiche - Perch questo avbera professione in crescivenga ci vorrebbero 600 rata costante: nel 2001 gli italiani spendevano 700 miliodiologi in pi dedicati a ni allanno, nel 2009 quasi il doppio: 1,3 miliardi, una cifra sequelle prestazioni nel pubblico. Le apparecchiature fanno condo le stime che ha continuato a salire anche lanno dopo. cos in media il 15% del lavoro in meno. Circa il 14% di quei soldi resta in tasca alle Asl il resto va ai proNon sar facile risolvere questi problemi molto rapidafessionisti. Spesso il cittadino si sente proporre lalternativa mente. Il sistema sanitario in gravi difficolt economiche, dellintramoenia dallo stesso addetto che gli ha appena cocon una riduzione dellincremento del fondo destinato alle municato lattesa nel pubblico. Eppure vietato, i due percorRegioni ormai continua. Il peggio deve arrivare - dice Massisi dovrebbero essere separati. mo Cozza, responsabile di Cgil medici - Aspettiamo altri tagli. Sostituire i colleghi che vanno in pensione sar sempre pi difficile e vedremo le liste di attesa aumentare ancora. Ma chi ci IL SUD RESTA SEMPRE INDIETRO guadagna se le attese si allungano? Il Censis ha fatto di recente una rilevazione senza un grande valore scientifico ma piuttosto significativa. Ha calcolato lattesa media sopportata dai cittadini italiani prima di otteIL BUSINESS PRIVATO Chi si trova davanti ad unattesa troppo lunga si rivolge al nere la prestazione sanitaria. Il risultato 50 giorni, quasi due privato. Siamo unancora di salvezza, soprattutto oggi che la mesi. La nostra rilevazione svela alcuni dati inaspettati, come situazione nel pubblico sta peggiorando. Vittorio Cavaceppi il peggioramento del sistema sanitario emiliano che si desu presidente dellAnisap, lAssociazione nazionale delle istitume dai dati del sito di Cup 2000. Va detto che a Bologna quanzioni sanitarie private, che raccoglie un terzo delle 3mila do ci sono attese molto lunghe o impossibile prenotare gli adaziende che fanno visite ed esami nelle Regioni italiane. In cerdetti si segnano il nome dellutente e lo richiamano quando si ti casi lavorano in convenzione, e si fanno pagare dalle Asl per libera un posto (le cosiddette agende di garanzia). Anche a Firidurre le attese, in altri sono sul mercato privato, e i soldi arrirenze, per alcune prestazioni ci sono attese lunghissime ma in vano dai cittadini. Ma spesso facciamo sconti per andare inToscana ci sono attivit, come alcune visite specialistiche, tecontro alle persone. Certo, la nostra attivit privata cresce in nute ormai sotto controllo da anni. Al Sud accanto a liste di atperiodi di difficolt per il pubblico come questo. Un dato deltesa molto lunghe se ne trovano di assai contenute. Secondo laumento del nostro lavoro? E impossibile darlo, perch ogni Tonino DAngelo, segretario di Cittadinanzattiva Puglia, bisoRegione ha la sua storia. gna leggere in modo critico i dati. Fidiamoci di quelli alti - diUna parte dei guadagni per i tempi di attesa troppo lunghi ce - Quelli bassi non ci rivelano un miglioramento come trend.

Chi ci guadagna da questo prolungamento dei tempi? Il personale sufficiente? E come lavorano le cliniche ?

70
milioni

LE DIAGNOSI
Sono 70 milioni gli accertamenti diagnostici svolti ogni anno

34%

LUSURA
Il 34% delle attrezzature pi vecchio di otto anni

1,3
miliardi di euro

LA SPESA
Circa 1,3 miliardi spesi per la libera professione intramoenia

50

I GIORNI
Sono 50 i giorni di attesa media per una prestazione sanitaria

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.salute.gov.it www.repubblica.it

Il fatto che talvolta si avviano progetti speciali, con investimenti economici che abbassano le attese per un po'. Poi ricominciano a crescere. Ci sono poi quelle che sembrano delle eccezioni. Secondo la Asl di Napoli, la citt sarebbe una delle migliori dal punto di vista delle attese. Smentisce nettamente i dati la Cittadinanzattiva locale. La nostra sanit malata di attese - dice Carlo Caramelli, responsabile dellassociazione in Campania - Riceviamo tante segnalazioni per attese lunghissime. Il problema che le liste non sono pubbliche, non si trovano online come previste dalla legge. Inoltre ce ne sono ancora molte di bloccate e non abbiamo un Cup. Cos sono cancellati diritti dei pazienti come lequit. La Regione dovrebbe pagare multe salate per non avviare questi servizi.

CENTRI DI PRENOTAZIONE INCOMPIUTI


Che quello dei tempi dattesa sia un problema allordine del giorno al ministero e nelle Regioni non c dubbio. Del resto secondo una recente ricerca del Censis, per il 70% dei cittadini la prima cosa da migliorare nel sistema sanitario pubblico sono le attese. I risultati dellimpegno istituzionale lasciano a desiderare. Il ministro Ferruccio Fazio ha predisposto un piano nazionale di governo delle attese che prevede tra laltro la fissazione dei tempi massimi entro cui devono essere assicurate certe prestazioni, la creazione di classi di priorit, la gestione degli accessi attraverso i Cup, i centri unici di prenotazione che permettono di conoscere i tempi di tutte le strutture della propria zona. Sempre secondo il Censis i Cup non sono ancora abbastanza diffusi, li usa circa il 35% di chi prenota al Nord, il 31 al Centro e intorno al 20 nelle isole e al Sud. Negli altri casi ci si reca agli sportelli degli ospedali o si telefona direttamente ai reparti, e non si pu sapere quale struttura nella propria zona assicuri prima la prestazione. Cittadinanzattiva-Tribunale diritti del malato nel suo rapporto dellOsservatorio sul federalismo in sanit fa notare come i tetti massimi di attesa siano previsti nelle varie Regioni su numeri diversi di prestazioni: dalle 125 del Piemonte alle 33 della Calabria. Anche per la trasparenza le cose non vanno bene. LAgenas, lagenzia nazionale per i servizi sanitari regionali ha rilevato come poco pi della met delle aziende sanitarie, il 57% riporti i tempi di attesa sul proprio sito web e solo 7 Regioni hanno il 100% delle Asl con i dati online. Ma cosa succederebbe se tutti i Cup entrassero a regime, se ci fosse pi personale, le macchine fossero moderne e funzionassero al 100% delle loro possibilit?

DOMANDA SEMPRE IN CRESCITA


Il tema delle liste di attesa reso ancora pi complesso da un aspetto particolare. Se anche il sistema dellofferta fosse perfetto, cosa ancora molto lontana nel nostro paese, secondo molti i tempi potrebbero non migliorare. Lofferta in sanit genera la domanda spiega Vimercati Purtroppo in Italia c un forte consumismo sanitario, cio richiesta di visite ed esami che non servono. Giovanni Monchiero della Fiaso, la federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere, insiste sul tema delle domande improprie: Molto spesso quegli esami non servono. Basta citare un dato. I casi di contenzioso per

presunto errore clinico da ritardata diagnosi sono lo 0,01% del totale. Vuol dire che le prestazioni inderogabili vengono fatte in tempi certi e adeguati. Il caso della risonanza magnetica emblematico. Si tratta forse dellunica prestazione che ha tempi di attesa lunghi in tutte le Regioni. Linvecchiamento della popolazione ha fatto aumentare il numero di richieste ma hanno lo stesso effetto le prescrizioni non appropriate. Ha studiato il fenomeno la Regione Toscana, scoprendo che la richiesta di questo tipo di risonanze cresce quasi del 7% allanno. Che succede? Molto spesso si prescrivono risonanze che non servono. Un settantenne con il dolore al ginocchio non ha bisogno di questo esame perch il suo dottore scopra che ha lartrosi e decida la terapia, basta una lastra. In quel caso la risonanza stata inutile a meno che lesame non serva per programmare un interLe prospettive vento gi deciso - dice ancora Vimercati - Il problema riguarda soprattutto i medici. Devono smettere di fare i passacarte mandando i cittadini a fare gli esami senza visitarli. Finiamola di affidarci solo alle macchine. La querelle tra specialisti e camici bianchi che stanno sul territorio aperta da tempo. vero, c un eccesso professionale - spiega Giacomo Milillo della Fimmg, la Federazione dei medici di famiglia - Noi e i radiologi dovremmo riunirci e scrivere regole comuni. Ad oggi per, visto che le attese sono lunghe, finisce che il medico di famiglia classifica tutte le richieste come urgenti e il sistema si ingolfa ancora di pi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le cose migliorerebbero se i Cup, i centri unici di prenotazione, funzionassero a dovere? Sono attivi anche nel Mezzogiorno?

70%

LE ASPETTATIVE
Il 70% dei cittadini pensa che i tempi di attesa siano il primo problema

35

IL NUMERO UNICO
Sono 35 su 100 i cittadini che per prenotare usano il Cup

0,01%

GLI ERRORI
Appena lo 0,01% i casi di contenzioso per errore da diagnosi ritardata

7%

LAUMENTO
Ogni anno la richiesta di risonanze cresce del 7 per cento

ECONOMIA
FINANZA&MERCATI
Ieri
FTSE MIB ....................15046,02 FTSE IT ALL.................15786,62 FTSE IT STAR ................9849,32 FTSE IT MID ................19585,97 COMIT .............................801,98 FUTURE.......................14916 (+2,07%) (+1,71%) (+0,37%) (-0,01%) (+0,77%) (+1,64%)

la Repubblica

VENERD 30 SETTEMBRE 2011

I 30

I migliori
FTSE MIB Var.% Unicredit.................................................6,04 Intesa Sanpaolo ......................................5,88 Telecom IT..............................................4,92 Mediolanum ...........................................4,35 Bca Pop.Milano.......................................3,99

Principali titoli del Mercato azionario


Titolo
A2A.............................................0,946 Atlantia .....................................10,880 Autogrill ......................................7,505 Azimut ........................................5,370 Banca Generali ............................7,250 Banco Popolare ...........................1,232 Bca Pop.Milano ...........................1,643 Bulgari......................................12,230 Buzzi Unicem ..............................6,200 Campari ......................................5,505 Diasorin ....................................28,050 Enel ............................................3,342 Enel Green Pw .............................1,717

Pr. Rif
1,83 1,21 -0,20 2,29 2,55 2,67 3,99 1,22 -1,52 -0,95 2,58 -1,83

I peggiori
Tods.....................................................-3,03 Luxottica ...............................................-2,37 Pop.Emilia Romagna..............................-2,20 Enel Green Pw .......................................-1,83 Parmalat ...............................................-1,82

Eni ............................................13,260 Exor ..........................................15,210 Fiat .............................................4,218 Fiat Industr..................................5,850 Finmeccanica..............................5,380 Fondiaria-Sai ..............................1,544 Generali ....................................12,080 Impregilo.....................................1,850 Intesa Sanpaolo...........................1,225 Lottomatica...............................12,010 Luxottica...................................19,770 Mediaset.....................................2,388 Mediobanca ................................6,080 Mediolanum................................2,830 Monte Paschi Si...........................0,427

1,45 2,01 1,49 1,38 1,17 2,89 5,88 -0,83 -2,37 1,44 1,76 4,35 3,34

Parmalat .....................................1,615 Pirelli & C.....................................5,365 Pop.Emilia Romagna ...................7,770 Prysmian ..................................10,330 RCS Mediagroup .........................0,716 Saipem .....................................27,390 Snam Gas....................................3,464 STMicroelectr..............................4,992 Telecom IT ..................................0,843 Tenaris........................................9,525 Terna ..........................................2,780 Tods ........................................67,150 UBI Banca ...................................2,844 Unicredit .....................................0,817

-1,82 -1,74 -2,20 2,58 0,77 0,11 -0,23 -1,25 4,92 -1,09 1,09 -3,03 2,97 6,04

Famiglie, risparmio ai minimi da 11 anni


Secondo i dati Istat in calo il potere dacquisto. Si taglia anche sul cibo
VALENTINA CONTE
ROMA A ridosso del crollo di Lehman Brothers, nel settembre del 2008, gli italiani risparmiavano oltre il 16% del loro reddito. Oggi quella percentuale si ridotta di cinque punti, la pi bassa degli ultimi undici anni. La met esatta di quanto registrato nel 1996, quando eravamo i primi in Europa, quattro punti in pi dei francesi, sei sopra ai tedeschi, il doppio degli inglesi. Altri tempi, visto che oggi ci superano otto paesi su quindici. I dati Istat confermano, dunque, che la crisi continua a scarnificare anche lultimo fattore cuscinetto di un Paese dai conti pubblici disastrati. Nel

In un anno messo da parte solo l11,3% delle risorse, due punti sotto la media Ue
privato, si sa, gli italiani sono formichine. Sempre meno, per. Causa crisi, in un anno le famiglie hanno messo da parte solo l11,3% delle loro risorse, oltre un punto in meno di quanto facevano nel secondo trimestre del 2010, sui livelli di inizio secolo e al di sotto della media dellEuropa a 27 (13,2%). Una curva discendente da oltre un decennio, dunque, che svela un effetto sostituzione nelle scelte di singoli e nuclei sempre pi inequivocabile. Nello stesso periodo osservato dallIstat (da aprile a giugno di questanno rispetto allanno scorso), difatti, la quota del reddito riservata agli investimenti (acquisto di abitazioni e altro) si congelata attorno all8,9%. Dove vanno allora i denari sacrificati al gruzzolo o al materasso se non sono n risparmiati n investiti? Nei consumi. Che crescono del 3,7%, mentre il reddito a disposizione delle famiglie corre solo del 2,3%. Gli italiani, dunque, consumano pi di quanto riescano a produrre e guadagnare e per mantenere gli stessi standard devono attingere ai risparmi. Anche a causa di quanto eroso dallaumento dei prezzi, che morde una bella fetta di potere dacquisto (-0,3% nel periodo, al netto dellinflazione che viaggia ben al di sopra del 2,5%). Tra i paesi Euro la media del potere dacquisto calcolata in 108, come numero indice. Per lItalia 100. Inferiore anche agli spagnoli, ben al di sotto del 128 dei tedeschi e lontanissimo dal 283 di chi vive in Lussemburgo. Caler ancora, fino al 6% nel 2014, prevedono allarmati Adusbef e Federconsumatori. Ma di quali consumi parlia-

Il caso

I dati trimestrali dellAgenzia del Territorio. Si riducono anche le richieste di mutui

Gli italiani comprano sempre meno case vendite gi del 6,6%, ma prezzi fermi
ROSA SERRANO
ROMA Nuova gelata sulle compravendite di case. Il 2011 iniziato con un rosso acceso: meno 3,7% nel primo trimestre e addirittura meno 6,6 nel secondo. Le prospettive per il terzo trimestre, quello che sta terminando, non solo diverse: i dati Crif segnalano una forte flessione delle richieste di mutui. Nel mese di luglio, le domande sono calate del 14% per attestarsi, poi, in agosto a meno 18%. La gelata dura, dunque, da quattro anni. Dopo la perdita secca del 30% del triennio 2007-2009, lo scorso anno il mercato immobiliare residenziale ha registrato due trimestri di leggera crescita per riprendere, poi, la clamorosa discesa. Ora linverno del 2011. Il ritorno della crisi economica spiega Enrico Lodi, Direttore Generale Credit Bureau Services di Crif ha spinto le famiglie italiane a tirare il freno a mano rinviando a momenti pi propizi la richiesta di finanziamenti. Ed proprio la stretta sui mutui a generare questa frenata delle compravendite di case. Il sistema bancario spiega Alessandro Ghisolfi, responsabile Ufficio studi Ubh ha di nuovo ristretto le erogazioni concedendo una percentuale di finanziamenti che, in media, non arriva al 65% del valore dellimmobile. Le giovani coppie e i potenziali acquirenti con reddito medio-basso hanno rinunciato dunque allacquisto della prima casa. Nel secondo trimestre del 2011 il settore residenziale con solo

-18%
Agosto, calo da record nella richiesta mutui

-9,6%
Al Sud Italia gi le vendite di abitazioni

Redditi su del 2,3%, mentre le spese per i consumi crescono del 3,7% a causa del rialzo dei prezzi
mo? Di quelli essenziali, per lo pi, difficilmente comprimibili. I pi esposti alle fiammate dei prezzi dellultimo anno e che costringono a scelte dolorose. La Cia (Confederazione italiana agricoltori) ha monitorato le decisioni di acquisto delle famiglie costrette a tagliare persino sul cibo. Nei primi sei mesi dellanno ne hanno fatto le spese anche

i prodotti di prima necessit: pane (-8,5%), pesce (-4,8%), carne rossa (-3,2%), frutta (-2,7%). Persino la pasta (-1,6%). La Coldiretti ancora pi severa nelle stime: pane (-9%), pasta (-4%), frutta (-3%), latte fresco (-2%). Cali che mettono in difficolt tutto il sistema produttivo, a partire dallagricoltura. Il caso bistecca emblematico. LUnisca, lassociazione degli imprenditori del settore carne della Confcommercio di Roma, segnala una contrazione addirittura del 20-25% nei negozi della Capitale, comprese le macellerie fidate di quartieri prestigiosi come Parioli, Prati, Balduina.
RIPRODUZIONE RISERVATA

-4,4%
Flessione anche nel Nord Italia

4
Quarto trimestre in rosso

+0,5%
I prezzi sono in aumento sul piano nominale

160 mila 073 compravendite presenta un trend negativo in tutte le grandi aree. Malissimo il Sud, dove le compravendite calano del 9,6%; male il Centro, 7,8%: e male infine il Nord (meno 4,4%). La flessione investe sia i capoluoghi, che perdono il 4,6%, sia i Comuni minori, che flettono del 7,5%. Paradosso tutto italiano, la diminuzione dei rogiti non butta gi i prezzi che restano sostanzialmente fermi. Le quotazioni nel primo semestre dellanno registrano un lieve incremento dello 0,5% sul piano nominale (mentre la quotazione al netto dell'inflazione scende del 1,1%). La quotazione media pari a 1.588 euro al metro quadro. La tenuta si segnala sia nei capoluoghi (2.299 euro a metro quadro) sia nei Comuni non capoluogo (1.322 euro). Il direttore dellAgenzia del Territorio Gabriella Alemanno spiega che i proprietari di pi case forti della loro solidit economica sfruttano questa rendita di posizione e non accettano di vendere un immobile a prezzi contenuti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BORSE EUROPEE
Paese/Indice 29-09 Amsterdam (Aex) ..................283,98 Bruxelles-Bel 20 .................2163,13 Francoforte (Xet Dax)...........5639,58 FTSE Eurotrack 100 ............1946,07 Londra (FTSE 100)...............5196,84 Madrid Ibex35.....................8592,50 Oslo Top 25...........................324,18 Parigi (Cac 40) ....................3027,65 Vienna (Atx) ........................1998,07 Zurigo (SMI) ........................5608,60 Var.% +2,04 +1,10 +1,10 +0,77 -0,40 +1,32 +0,43 +1,07 +0,90 +1,03

BORSE INTERNAZIONALI
Paese/Indice 29-09 DJ Stoxx Euro........................218,47 Hong Kong HS...................18011,06 Johannesburg ..................26208,54 New York (S&P 500) ............1160,15 New York (DJ Ind.).............11152,77 Nasdaq Comp. ....................2480,76 Singapore ST ......................2708,13 Sydney (All Ords).................4067,89 Tokio (Nikkei)......................8701,23 Var.% +1,26 -2,15 +0,79 +1,29 -0,43 +0,26 -0,73 +0,99

EURIBOR
SCADENZA 1 mese TASSO 360 1,3560 TASSO 365 1,3748
+0,016 +0,358 +0,202 +0,646 +0,551 -0,117 +0,016 -0,126 +0,230

ORO E MONETE AUREE


29 SETTEMBRE Oro Milano (Euro/gr.) Oro Londra (usd/oncia) Argento Milano (Euro/kg.) Platino Milano (Euro/gr.) Palladio Milano (Euro/gr.) 29 SETTEMBRE Sterlina (v.c) Sterlina (n.c) Sterlina (post.74) Krugerrand Marengo Italiano
MATTINO SERA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

VALUTE
CORONA DK...............................7,4422 CORONA N.................................7,8430 CORONA S.................................9,2116 DOLLARO AUS ...........................1,3864 DOLLARO CDN...........................1,4049 DOLLARO USA ...........................1,3615 FRANCO CH ...............................1,2207 STERLINA UK.............................0,8707 YEN J ....................................104,4600

38,61 1.620,00 DENARO

38,43 1.613,00 745,83 37,80 15,34


LETTERA

273,98 273,98 273,98 1.063,90 216,91

315,04 315,04 315,04 1.291,14 247,90

I 31

Cellulari, lasta delle frequenze porta allo Stato 3,9 miliardi


SARA BENNEWITZ
MILANO Quasi 4 miliardi, una cifra che corrisponde al 60% in pi di quanto previsto. E lincasso che lo Stato realizza grazie allasta delle frequenze per i telefonini di quarta generazione. La legge di Stabilit prevedeva un introito di 2,4 miliardi commenta il ministro dello Sviluppo economico PaoWind (che ha speso 1,12 miliardi) sar molto vicina a offrire un servizio analogo, mentre H3g ha scelto di spendere meno (305 milioni) concentrarsi solo su alcune aree. Si appogger alla rete delle rivali dove non presente con le sue frequenze. Visto lincasso record per le frequenze della telefonia mobile, fa ancora pi scalpore che invece le frequenze televisive quelle per il digitale terrestre siano assegnate gratis. Dopo un incasso di 4 miliardi commenta Roberto Rao, capogruppo dellUdc in Commissione di Vigilanza Rai ci chiediamo che cosa sarebbe successo se non si fossero assegnati le 6 reti, i 6 multiplex con la procedura gratuita attraverso il beauty contest. Dello stesso avviso Vincenzo Vita, senatore del Pd, secondo cui il grande successo dellasta per la telefonia fa riflettere sullassurdit di quanto avvenuto nel contiguo campo della televisione generalista. Una scelta dettata dal fatto che il governo, in pieno conflitto dinteressi, ha voluto il beauty contest che in volgare significa niente asta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La crisi

Nokia, via 3500 posti in Europa e Stati Uniti


BERLINO La scure della crisi si abbatte su Nokia, il gigante finlandese e globale della telefonia mobile. Il gruppo taglia 3500 posti di lavoro in Romania, Germania e Usa e chiude il modernissimo stabilimento a Cluj, in Romania, aperto solo pochi anni fa per delocalizzare dallOvest. Ulteriori tagli sono possibili lanno prossimo. In Italia, la Jabil che produce componenti per Nokia a Cassina de Pecchi ha messo in cassa integrazione 325 dipendenti. Dobbiamo prendere misure dolorose ma necessarie ad allineare la nostra forza lavoro con le nostre posizioni e con quello che ci aspetta, ha detto il presidente e Ad Stephen Elop. La delocalizzazione in paesi che offrono operai e ingegneri qualificati a basso costo non sempre basta. Lo stabilimento romeno a Cluj era il fiore allocchiello di Nokia. Chiuder a fine anno, 2200 persone perderanno il lavoro. Gli altri 1300 tagli di esuberi, come vengono definiti i destini umani, verranno effettuati a Bonn, e a Malvern negli Usa. Lanno prossimo verr riesaminata la posizione degli impianti a Salo in Finlandia, Komarom in Ungheria e Reynosa in Messico. (a. t.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiusa la gara per la telefonia di quarta generazione Lopposizione: fare lo stesso per le tv
lo Romani noi lo abbiamo superato. Ci impegniamo a reinvestire nel modo pi efficace le risorse aggiuntive, cos da generare ulteriore sviluppo nel settore. Il ministero starebbe studiando forme di incentivi e un sistema per defiscalizzare i futuri investimenti privati, come forme di sostegno alla telefonia mobile. Alla fine di unasta durata 22 giorni con 469 tornate tra of-

La Fiat e gli Usa


LEspresso, in edicola oggi, dedica la copertina alla Fiat e a Sergio Marchionne. Sergio lAmericano, scrive lEspresso, rinvia i progetti per lItalia e guarda sempre pi agli Usa

INCENTIVI
Il ministero dello Sviluppo sta studiando forme di incentivi per defiscalizzare i futuri investimenti privati nella telefonia mobile

ferte e rilanci arrivano nelle casse dello Stato 3.945 milioni che le societ di telefonia verseranno entro ottobre. E non finita qui. Tutti gli operatori potranno presentare unulteriore offerta per la banda 2000 rimasta non assegnata. Questo, entro le ore 12.00 di luned 3 ottobre. Vodafone, Wind e Tim hanno vinto due delle frequenze pi appetibili (quelle da 800 me-

gahertz). H3g si aggiudicata un lotto da 1.800 mh (anche Vodafone e Tim ne hanno preso uno) e quattro blocchi da 2.600 mh (gli altri 4 sono andati a Wind, e 3 ciascuno a Vodafone e Tim). Quando ci sar la banda mobile veloce, Tim e Vodafone - che hanno entrambe speso 1,26 miliardi - saranno capaci di dare in mobilit una copertura del tutto simile a quella che abbiamo nelle nostre abitazioni.

la Repubblica

IMPRESE
WALTER GALBIATI
MILANO La procura ha chiesto il fallimento del San Raffaele, lospedale fondato da Don Luigi Verz. E non poteva accadere diversamente. I numeri del gruppo non lasciano spazio ad altro. Il patrimonio azzerato da tempo e i debiti che hanno raggiunto gli 1,5 miliardi di euro sono pari a quasi tre volte il fatturato. Con conti di questo tipo, i pubblici ministeri Laura Pedio e Luigi Orsi hanno solo tirato le somme di uno stato di decozione che durava da troppo tempo. Il comunicato emesso ieri in serata dal procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, lo spiega chiaramente. Questa iniziativa innanzitutto finalizzata all'intento di arrestare ulteriori dissipazioni patrimoniali, ma altres orientata a perseguire l'interesse pubblico nella sfera del quale rientra la posizione dei soggetti a vario titolo coinvolti in questo grave default, quali i creditori, i dipendenti, i collaboratori e gli stessi utenti del servizio sanitario gestito dalla Fondazione. Le dissipazioni sono state messe nero su bianco dalla seconda relazione Deloitte. La prima non era altro che una versione edulcorata dello stato di salute dellospedale, perch certificava un patrimonio attivo per 30 milioni di euro. La seconda, invece, scritguire l'interesse pubblico, sotto molteplici profili. Ludienza fallimentare stata fissata per il 12 ottobre, un termine ravvicinato, ma che lascia spazio al nuovo consiglio di amministrazione del San Raffaele, voluto dal Vaticano a fronte di un impegno da 250 milioni di euro versati per risollevare le sorti dellospedale, di presentare un concordato preventivo. La proposta do-

VENERD 30 SETTEMBRE 2011

&MERCATI
I 32

San Raffaele, la procura chiede il fallimento


Bruti Liberati:No ad altre dissipazioni patrimoniali. Il cda procede con il concordato
vrebbe arrivare il 10 ottobre, ovvero prima delludienza in cui verr discusso il fallimento. Il che significa che le due procedure verranno unificate e che qualora il piano venisse approvato dai creditori cadrebbe anche la richiesta di fallimento. Prendiamo atto del deposito dell'istanza ha comunicato ieri il consiglio del San Raffaele, confermando che il piano di risanamento sar asseverato fra poco pi di 10 giorni, entro il termine del 10 ottobre, nel pieno rispetto del doveroso spirito di collaborazione instaurato con l'autorit giudiziaria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL FONDATORE
Don Luigi Verz, fondatore e leader storico dellOspedale San Raffaele. Oggi guida lomonima Fondazione

IL GESTORE
Giuseppe Profiti, presidente dellospedale Bambino Ges di Roma, attuale gestore operativo del San Raffaele

IL BANCHIERE
Ettore Gotti Tedeschi, presidente dello Ior che insieme a Malacalza tenta di rilevare lospedale

IL PARTNER
Vittorio Malacalza, imprenditore siderurgico che con lo Ior ha offerto 250 milioni per il San Raffaele

Tutti i personaggi dellaffaire

Rischio di uscite di cassa per altri 100 milioni entro fine anno. Il 12 ottobre ludienza
ta dopo lacuirsi delle indagini giudiziarie, ha calcato la mano. Il patrimonio apparso improvvisamente negativo per 200 milioni e i debiti sono lievitati da uno a 1,5 miliardi. Cos la procura, mettendo insieme i propri accertamenti (come le perquisizioni a casa di Mario Cal, lex amministratore del San Raffaele, morto suicida lo scorso luglio) a quanto certificato dai revisori, giunta alla richiesta di fallimento. Dagli atti acquisiti- prosegue la procura - emerge lo stato di insolvenza della Fondazione, dato non controverso, tanto che il consiglio di amministrazione ha pubblicamente dichiarato di voler presentare un ricorso per l'ammissione al concordato preventivo, proposito che finora non risulta essersi concretato. Non chiedere il fallimento significherebbe permettere che si possano compiere ulteriori reati. E finora i fatti di reato emersi si riferiscono, stando alla richiesta depositata dai pm, alle fatturazioni di operazioni inesistenti e allostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorit pubbliche di vigilanza, in quanto la Fondazione sembra avere agito in danno dell'organo amministrativo che sulla stessa esercita la funzione di vigilanza, cio la Prefettura. Per questo, a fronte di una situazione, prevedibilmente suscettibile di ulteriore aggravamento (la stima dei pm che da qui a dicembre ci sia una fuoriuscita di cassa di ulteriori 100 milioni di euro) si imposta una richiesta orientata a perse-

Il caso

Il dg Renato Ravanelli conferma che i soci italiani chiederanno a Edf la cessione di impianti per la produzione di energia verde

A2a apre al governo: Via al polo rinnovabili Su Edison italiana il Tesoro contro la Lega
LUCA PAGNI
MILANO Lidea di un polo italiano delle energie rinnovabili non diversa da quella cui stanno lavorando i soci italiani di Edison. La conferma arriva dal direttore generale di A2a, Renato Ravanelli: i soci italiani di Edison chiederanno ai francesi di Edf impianti per la produzione verde in cambio delle loro quote nellazienda di Foro Bonaparte. Secondo fonti vicine al dossier, il divorzio tra le utility italiane e la societ francese prevede due fasi. La prima la sottoscrizione dei pre-accordi stoppati nel marzo scorso dal ministro dellEconomia Giulio Tremonti che prevedono lo spacchettamento di Edipower, secondo il quale Edf prende le centrali a gas mentre A2a e Iren i tre gruppi idroelettrici di Udine, Salerno e della Valtellina. La seconda fase prevede la vendita della quota del 30% di azioni Edison in mano ai soci italiani a Edf. La nuova proposta prevede che gli italiani accettino la vecchia proposta dei francesi intenzionati ad offrire attorno a 1-1,1 euro per azione, con un premio di circa il 30% rispetto agli attuali corsi di Borsa. Ma invece si essere liquidati cash, gli italiani chiederebbero una parte della cifra sotto forma di asset. In particolare, il parco rinnovabili di Edf che sarebbe stato valutato attorno a 6-700 milioni. Uno schema che garantirebbe una via di uscita onorevole anche per il governo, dopo la bocciatura del progetto che avrebbe dovuto portare alla nascita di un polo italiano per la produzione di energia tradizionale, visto che tutti i possibili protagonisti delloperazione (da Intesa alla Cdp fino alle utility locali) si sono defilati. Gli unici a difendere litalianit di Edison sono, cos, rimasti soltanto i parlamentari della Lega. Ma ieri hanno dovuto incassare una sconfitta sul tema in commissione Bilancio della Camera. Il Tesoro, per mano del sottosegretario allEconomia Al-

AFFARI IN PIAZZA SCOPERCHIARE IL PENTOLONE

GIOVANNI PONS

a bagarre che sta investendo la Popolare di Milano forse pi grande di quel che si possa pensare. E dipende in maniera cruciale anche dal prossimo governatore di Bankitalia. Se sar Saccomanni probabile che il commissariamento sar la via preferita mentre se la spuntasse Grilli lo scenario potrebbe essere diverso. Bossi ha detto: Grilli di Milano, e chiss che non pensasse anche al futuro della Bpm visto che poco pi di un anno fa dichiar apertamente di aver sponsorizzato larrivo di Ponzellini. E poi sorprende un po larrivo di cavalieri bianchi, sotto la regia di Mediobanca, pronti a mettere 200 e passa milioni pur di evitare che la Bpm passi in mani esterne al sistema. Non sar che tra politica, finanziamenti strani e cupola dei sindacati scoperchiare il pentolone Bpm stia diventando troppo pericoloso?

Le utility locali puntano a essere liquidate parte in denaro, parte con asset idro ed eolici
berto Giorgetti (Pdl), ha bocciato la proposta presentata dai parlamentari leghisti Polledri e Bitonci per attribuire al ministro dellEconomia un potere di veto contro le scalate straniere nei confronti di societ che in futuro saranno partecipate dal Fondo strategico della Cdp. Sarebbe contraria alle direttive europee, ha risposto Giorgetti. Un replica scritta di notte in stato di alterazione psicofisica - ha polemizzato Polledri con la tipica coloritura politica leghista - visto che la nostra proposta presa alla legislazione belga che stata gi approvata dalla Ue.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

@
NEW YORK Diecimila posti di lavoro in quattro anni. Settemila gi entro il 2011. Alla faccia delle cassandre che annunciano la nuova recessione stiamo conoscendo ancora unespansione economica, dice lamministratore delegato di Ford, Alan Mulally. Lunica delle tre big di Detroit che non passata dal salvataggio governativo per affrontare la pi grande recessione dai tempi della Depressione punta a raddoppiare le vendite raggiungendo quota 8 milioni di veicoli nel 2015. E le cose per il colosso di Dearborn, Michigan, vanno cos bene che il copresidente Joel Goddard responsabile delle trattative con il sindacato si dice speranzoso di dare una buona notizia per la fine della settimana. La buona notizia sarebbe la firma del rinnovo del contratto quadriennale: come ha gi fatto la General Motors che questa settimana se l visto approvare dal sindacato. Per chiudere la discussione prima con Gm e poi con Ford il capo del sindacato Bob King

PER SAPERNE DI PI www.bpm.it www.safilo.com

I 33

Global market

FLASH

Ford sprinta 7000 assunti entro il 2011

I bond venezuelani hanno toccato il maggior rialzo da tre mesi perch Hugo Chavez potrebbe non ricandidarsi per motivi di salute. Ma il ricambio sar turbinoso
K. Rooney Vera, Bulltick Capital

aveva dato buca al Ceo di Chrysler e Fiat Sergio Marchionne. E il pi piccolo dei tre grandi ha dovuto cos prolungare intanto il vecchio contratto al 19 ottobre. I primi 7000 posti in pi arriverebbero dal rientro negli Usa della lavorazione della Fusion: lauto pi venduta (pi 16% qui negli Usa) attualmente prodotta nella fabbrica di Hermosillo, Messico, che impiega 3.335 lavoratori. Ford assumer anche 750 nuovi ingegneri e altri 2500 operai: questi ultimi per con la deroga che ha permesso finora alle big di versare ai nuovi assunti la met della paga, 14 dollari invece di 28 allora. Il prezzo per abbattere la disoccupazione: ma pagato dagli operai. Angelo Aquaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bpm stretta tra cavalieri bianchi e deposito liste per lassemblea


VITTORIA PULEDDA
MILANO Clima sempre pi incandescente alla Bpm, mentre si moltiplicano i potenziali investitori che potrebbero farsi avanti. Sullo sfondo continua a rimanere Matteo Arpe, sebbene la sua partecipazione sia antitetica agli scenari e agli assetti di governance che si vanno delineando; al contrario, si stanno facendo avanti il fondo Clessidra e il fondo Investindustrial, di Andrea Bonomi. Siamo stati chiamati da Mediobanca, stiamo studiando il dossier, ma non siamo in supporto di nessuno, n pro n contro, spiegano da Clessidra. Il fondo, che fa capo a Claudio Sposito, gi nel pianeta Bpm, essendo socio con Clessidra capital partners II del 38,11% di Am holding, il polo del risparmio gestito creato dalla stessa Popolare Milano con Mps. Il presidente e amministratore delegato del Fondo Clessidra potrebbe recarsi nei che negli ultimi mesi hanno fatto fronte comune, anche con la presentazione di uno Statuto alternativo al modello duale e relativo voto contrario in cda - non si facciano la lotta e puntino a due posti in consiglio ciascuno. Il che significa, anche per loro, rinunciare ad un pezzo di rappresentanza rispetto alla situazione attuale. Cresce invece di ununit il plotoncino della lista di maggioranza (11 membri su 19 contro i 10 su 18 precedenti). Per il momento, lunico che vince il titolo in Borsa: anche ieri ha guadagnato il 3,99%.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Massimo Ponzellini, presidente della Bpm

Il piano

Safilo sprofonda: senza Armani futuro pi incerto


MILANO Capitombolo per Safilo (-8,7%), che ieri a Parigi ha presentato il piano industriale 20122015. In realt la debole performance borsista delle azioni del gruppo di occhiali legata pi alle difficolt incontrate per ottenere un rinnovo della licenza con Giorgio Armani piuttosto che rispetto alle strategie e agli obiettivi di crescita delineati dal gruppo. La societ guidata da Roberto Vedovotto conta a fine 2015 di aggiungere 300 milioni di euro arrivando a 1.400-1.450 milioni di fatturato, un margine lordo pari al 15% dei ricavi e di ripianare i 240 milioni

Oltre a Bonomi e ad Arpe anche il fondo Clessidra conferma l'interesse. E il titolo sale del 3,99%
prossimi giorni in Banca d'Italia, per illustrare il proprio progetto. Di sicuro, mentre sale la tensione in vista della presentazione delle liste per lelezione del consiglio di sorveglianza, continuano le risse allinterno delle sigle sindacali di Bpm e tra queste e le segreterie nazionali (secondo le attese, mercoled la Fabi dovrebbe commissariare i vertici milanesi della sigla sindacale). La tensione ai massimi livelli; comunque, sempre che da qui al momento dellassemblea non ci siano altri colpi di scena clamorosi, lattenzione interna catalizzata dalla compilazione delle liste per il consiglio di sorveglianza. Quella di maggioranza, espressa dagli Amici (secondo lassetto attuale e sempre che Bankitalia non impedisca loro il voto in assemblea) otterr undici voti, altri due sono riservati al Credit Mutuel e alla Fondazione Cassa di Alessandria, mentre altri sei sono di competenza delle altre liste. Due per sono riservati dal nuovo Statuto ad organismi di investimento collettivo (i fondi comuni) sempre che presentino liste e a condizione che raccolgano almeno 100 voti, per cui i soci di minoranza storici di Bpm sono destinati a fare una cura dimagrante: i sei della minoranza che attualmente fanno capo ai Soci non dipendenti e alla Lista pensionati (in larghissima prevalenza) saranno infatti costretti a questo punto a scendere a quattro posti complessivi. Ed ragionevole pensare che a questo punto le due associazioni -

Lad Roberto Vedovotto

del debito attuale. Il gruppo ha anche annunciato importanti investimenti (165 milioni) sia nelle fabbriche che sistemi informatici. Tutte queste assunzioni si basano sul fatto che lo stilista milanese rinnover il suo accordo con Safilo. Solo che ieri il gruppo di Padova, dopo aver detto di avere inoltra ad Armani la sua migliore offerta, ha anche ammesso che lesito incerto. Secondo la comunit finanziaria, il piano presentato ieri da Vedovotto coerente ma forse troppo prudente, soprattutto riguardo alle stime del biennio 20122013. Gli analisti si aspettavano di pi, soprattutto in termini di redditivit negli anni seguenti. (s.b.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

LORA DI UNA BUONA IDeA

IDeA FIMITsgr

Si comunica che in data 26 settembre 2011 Fimit SGR (Fondi Immobiliari Italiani - Societ di Gestione del Risparmio Societ perAzioni) e First Atlantic RE SGR S.p.A. (First Atlantic Real Estate Societ di Gestione del Risparmio S.p.A), hanno stipulato latto di fusione tra le due Societ cos come deliberato dalle rispettive Assemblee dei soci in data 26 luglio 2011 a seguito del nulla osta rilasciato dalla Banca dItalia con provvedimento n. 617064 del 21 luglio 2011. La denominazione della SGR risultante dalla suddetta fusione sar IDeA FIMIT - Societ di Gestione del Risparmio Societ per Azioni. In conseguenza di ci verranno apportate ai Regolamenti dei fondi gestiti le modiche concernenti i dati anagraci delle SGR di provenienza. In particolare le modiche regolamentari avranno ad oggetto i seguenti articoli:

1
Artt. 1.1 e 4.1 del Regolamento del Fondo Alpha Immobiliare, fondo comune di investimento immobiliare gestito da Fimit SGR e quotato sul segmento MIV di Borsa Italiana S.p.A.
(codice di negoziazione QFAL; codice ISIN IT0003049605)

2
Artt. 1.1, 4.1 e 4.2 del Fondo Atlantic 2 - Berenice, fondo comune di investimento immobiliare gestito da First Atlantic Real Estate SGR e quotato sul segmento MIV di Borsa Italiana S.p.A.
(codice di negoziazione QFATL2; codice ISIN IT0003855696).

Artt. 1.1 e 4.1 del Regolamento del Fondo Beta Immobiliare, fondo comune di investimento immobiliare gestito da Fimit SGR e quotato sul segmento MIV di Borsa Italiana S.p.A.
(codice di negoziazione QFBET, codice Isin IT0003497721)

Artt. 1 e 6 del Regolamento del Fondo Delta Immobiliare, fondo comune di investimento immobiliare gestito da Fimit SGR e quotato sul segmento MIV di Borsa Italiana S.p.A.
(codice di negoziazione QFDI; codice ISIN IT0004105273)

Art. 3 del Regolamento del Fondo Atlantic1, fondo comune di investimento immobiliare gestito da First Atlantic Real Estate SGR e quotato sul segmento MIV di Borsa Italiana S.p.A.
(codice di negoziazione QFATL; codice ISIN IT0004014707)

Si ricorda che latto di fusione e conseguentemente le suddette modiche ai Regolamenti, avranno efcacia a partire dal 3 Ottobre 2011. I Regolamenti aggiornati dei fondi quotati gestiti saranno disponibili a partire dalla data di efcacia, 3 ottobre 2011, sui rispettivi siti internet (www.fondoalpha.it www.fondobeta.it www.fondodelta.it www.fondoatlantic1.it www.fondoatlantic2 berenice.it). Il Regolamento sar, altres, fornito gratuitamente ai partecipanti che ne facciano richiesta, salvo addebito delle spese postali nel caso di invio al domicilio.

W W W . I D E A F I M I T. I T I N F O @ I D E A F I M I T. I T

Ai sensi dellart. 6 della legge 25 febbraio 1987, n. 67, si pubblicano i seguenti dati relativi al bilancio preventivo 2011 e al rendiconto 2009:

QUADRO GENERALE
ENTRATE DENOMINAZIONE TRIBUTARIE (di cui da I.C.I.) CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI (di cui dallo Stato) (di cui dalla Regione) EXTRATRIBUTARIE (di cui per proventi servizi pubblici) TOTALE ENTRATE DI PARTE CORRENTE ALIENAZIONE DI BENI, E TRASFERIMENTI DI CAPITALE E RISCOSSIONE DI CREDITI (di cui dallo Stato) (di cui dalla Regione) ASSUNZIONE DI PRESTITI TOTALE ENTRATE CONTO CAPITALE SERVIZI PER C/DI TERZI TOTALE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE TOTALE GENERALE Previsioni di competenza da bilancio 2011 2.009.876.617,63 691.000.000,00 1.598.227.713,33 1.114.935.382,78 466.691.584,49 788.666.930,62 352.778.151,66 4.396.771.261,58 1.437.391.066,48 515.961.376,06 161.212.161,98 388.190.000,00 1.825.581.066,48 289.884.642,61 6.512.236.970,67 358.268.987,74 6.870.505.958,41 Accertamenti da rendiconto 2009 997.779.163,10 652.517.301,25 2.252.410.642,90 1.796.167.813,20 439.912.082,22 819.843.070,01 348.141.889,76 4.070.032.876,01 703.856.922,43 156.322.110,30 106.886.395,59 137.254.201,31 841.111.123,74 412.893.981,88 5.324.037.981,63 5.324.037.981,63 USCITE DENOMINAZIONE SPESE CORRENTI personale beni di consumo, di materie prime e prestazioni di servizi interessi altri interventi TOTALE SPESE DI PARTE CORRENTE SPESE IN CONTO CAPITALE per investimenti reali per investimenti finanziari per concessione di crediti e anticipazioni TOTALE SPESE CONTO CAPITALE RIMBORSO DI PRESTITI SERVIZI PER C/DI TERZI TOTALE DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE TOTALE GENERALE Previsioni di competenza da bilancio 2011 1.144.657.343,40 3.239.975.034,78 16.089.940,92 129.647.111,05 4.530.369.430,15 1.847.469.540,88 77.918.763,24 50.010.000,00 1.975.398.304,12 74.853.581,53 289.884.642,61 364.738.224,14 6.870.505.958,41 ---6.870.505.958,41
Principali spese in conto capitale nellanno di competenza 2011 Obiettivi Realizzazione opere pubbliche Beni strumentali Le spese in conto capitale sono finanziate: con entrate proprie per con contributi e trasferimenti per con il ricorso allindebitamento per Avanzo di Amministrazione Avanzo di Gestione Fondi Ordinari (dati in Euro) 1.757.975.503,79 167.412.800,33 612.021.997,33 677.213.516,04 338.190.000,00 297.238.790,75 724.000,00

Impegni da rendiconto 2009 1.127.200.957,97 2.715.243.033,62 12.814.793,23 121.661.168,13 3.976.919.952,95 702.868.855,22 122.752.089,01 248.745.124,62 1.074.366.068,85 3.290.814,54 412.893.981,88 416.184.796,42 5.467.470.818,22 ---5.467.470.818,22

Distribuzione delle spese secondo lanalisi economico-funzionale (cifre in Euro) FUNZIONI Impegni da rendiconto anno 2009 Previsioni di competenza anno 2011 Amministrazione generale, Spese correnti Spese in c/capitale Spese correnti Spese in c/capitale di gestione e di controllo 1.015.088.131,65 243.446.300,35 1.280.865.563,56 152.159.476,26 Giustizia e polizia locale 338.672.423,27 2.902.300,00 373.135.691,47 3.982.560,00 Istruzione pubblica 491.851.831,53 60.338.744,62 481.964.339,12 50.612.852,17 Cultura, beni culturali, sport e turismo 198.625.817,76 10.805.140,50 188.691.190,49 28.474.690,18 Viabilit e trasporti 751.736.775,95 523.743.539,09 818.593.932,16 1.053.530.847,33 Gestione del territorio e ambiente 939.876.484,22 488.337.562,22 214.026.398,10 289.130.262,77 Attivit sociali 696.590.434,11 68.931.342,58 632.207.794,88 41.698.674,28 44.357.572,11 2.233.563,78 41.005.002,72 29.436.516,84 Sviluppo economico e servizi produttivi 3.976.919.952,95 1.074.366.068,85 4.530.369.430,15 1.975.398.304,12 TOTALE Il Patrimonio e lindebitamento (esercizio anno 2009) Attivo: Immobilizzazioni immateriali (progettazione, sviluppo) Immobilizzazioni materiali (impianti, mobili ed altri beni) (-di cui patrimonio disponibibile Euro 65.917.429,18) (-di cui patrimonio indisponibile Euro 3.034.206.352,45) (-di beni demaniali Euro 773.478.327,00) (-di cui immobilizzazioni in corso Euro 4.753.050.691,15) Immobilizzazioni finanziarie (titoli, partecipazioni, redditi, ecc.) Altre attivit Totale attivit Indicatori finanziari esercizio anno 2009 (Gestione Ordinaria) Autonomia finanziaria: entrate proprie/entrate correnti Pressione tributaria: entrate tributarie/popolazione Intervento pubblico: trasf. Statali/popolazione Intervento pubblico: trasf. regionali/popolazione Rigidit spesa corrente: Spese personale + Rata ammort.to mutui/entrate correnti x 100 Redditivit del patrimonio: entrate patrim./valore patrimonio disp. Altri indicatori
IL RAGIONIERE GENERALE (Maurizio SALVI)

DATI DI RENDICONTO 2009 (Gestione Ordinaria) 34.874.083,65 8.626.652.799,78 Passivo: Patrimonio netto Conferimenti (per investimenti) Debiti di finanziamento (mutui, prestiti) 3.347.681.362,19 6.668.695.738,88 18.677.903.984,50 1.817.622.233,11 4.070.032.876,01 997.779.163,10 2.743.796 1.796.167.813,20 2.743.796 439.912.082,22 2.743.796 1.143.306.565,74 4.070.032.876,01 176.429.615,52 121.797.654,02 44,66% 363,65% 654,63% 160,33% 28,09% 144,85% Altre attivit Totale passivit Indicatori di efficacia dei servizi (esercizio 2009) Acquedotto: % unit immobiliari servite Fognatura: % unit immobiliari servite Nettezza urbana: % unit immobiliari servite Viabilit ed illuminazione pubblica: % Km strade illuminate Asili nido: % domande soddisfatte Trasporti pubblici: viagg. x Km/posti disponibili x Km percorsi Altri indicatori 10.157.795.770,35 5.766.047.738,95 1.149.722.206,04 1.604.338.269,16 18.677.903.984,50

Gestito da S.p.A. con partecipaz. maggioritaria E.I. Gestito da S.p.A. con partecipaz. maggioritaria E.I. Gestito da S.p.A. con partecipaz. maggioritaria E.I. 99,60 69,20 Gestito da S.p.A. con partecipaz. maggioritaria E.I.
IL SINDACO (Giovanni ALEMANNO)

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

IMPRESE&MERCATI
I 37

www.finanza.repubblica.it in tempo reale quotazioni di Borsa, commenti e notizie


TITOLO
A A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam AdF-Aerop.Firenze Aedes Aeffe Aicon Alerion Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pell Apulia Pront Arena Arkimedica Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Autostrada To-Mi Autostrade Mer. Azimut B B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Basicnet Bastogi BB Biotech Bca Carige Bca Carige r Bca Finnat Bca Intermobiliare Bca P.Etruria e Lazio Bca P.Milano Bca P.Spoleto Bca Profilo Bco Desio-Brianza Bco Desio-Brianza rnc Bco Popolare Bco Santander Bco Sardegna rnc Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Stabili Best Union Co. Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Boero Bart. Bolzoni Bon.Ferraresi Borgosesia Borgosesia rnc Brembo Brioschi Bulgari Buone Societ Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem rnc C Cad It Cairo Comm. Caleffi Caltagirone Caltagirone Ed. Cam-Fin Campari Cape Live Carraro Cattolica As CDC Cell Therap Cembre Cementir Hold Cent. Latte Torino Ceram. Ricchetti CHL CIA Ciccolella Cir Class Editori Cobra Cofide Cogeme Set Conafi Prestito Cred. Artigiano Cred. Bergamasco Cred. Emiliano Cred. Valtellinese Crespi Csp D DAmico Dada

Rif ieri
0,675 0,946 6,075 3,414 21,300 0,937 0,802 9,005 0,092 0,703 0,122 3,738 3,780 7,600 0,303 0,202 0,011 0,270 1,471 4,244 10,880 7,505 7,285 19,240 5,370 2,920 7,250 4,350 1,940 1,159 44,280 1,436 2,026 0,362 3,240 1,491 1,643 2,310 0,300 3,386 2,750 1,232 6,155 6,880 0,375 0,455 4,458 0,399 1,205 0,280 1,460 2,686 0,500 21,000 1,980 22,870 0,920 1,309 6,980 0,123 12,230 0,356 0,870 6,200 3,400 3,450 2,612 1,290 1,480 1,299 0,267 5,505 0,139 2,212 16,340 1,145 0,801 7,500 1,629 1,968 0,165 0,074 0,253 0,527 1,460 0,335 0,785 0,626 0,111 0,712 0,911 20,100 2,980 2,260 0,038 0,910 0,609 2,390

ieri
0,07 1,83 0,08 2,52 0,95 6,91 4,16 -1,15 3,95 -0,21 8,98 0,96 3,40 -3,01 -1,22 17,20 0,48 2,61 1,21 -0,20 1,18 0,47 2,29 -0,61 2,55 0,14 0,78 2,93 -0,18 -0,21 1,30 -0,77 -0,31 -1,91 3,99 0,43 -1,12 1,07 -2,76 2,67 1,07 2,23 -1,13 -0,79 -2,32 -0,10 1,95 3,63 2,10 6,93 0,97 1,54 0,13 -0,49 2,05 2,08 0,03 9,09 1,22 0,89 1,11 0,69 3,28 2,07 1,48 6,81 -1,52 6,92 0,73 -0,37 -0,17 -3,61 1,21 -0,18 -7,04 1,37 2,43 0,67 0,90 15,92 -5,31 -0,08 3,55 3,41 -0,22 -0,50 2,05 1,80 0,26 -0,93 1,84 -1,57

Var % inizio anno


-36,07 -9,78 -29,11 -5,89 -51,58 -34,74 -25,95 -16,85 -52,21 38,39 -31,03 -29,27 -17,21 -35,72 -42,69 -57,42 -40,33 -6,96 -14,35 -26,20 -29,53 -28,65 -15,61 -20,51 -22,34 -20,85 -17,77 -30,71 -24,50 -8,89 -8,54 -26,99 -26,92 -22,49 -51,11 -38,35 -32,95 -31,91 -16,40 -25,93 -50,02 -21,89 -27,20 -6,60 -33,84 -10,84 -37,75 -12,68 -20,96 10,61 -50,07 -50,59 5,00 -7,15 -22,29 -28,74 -2,97 -11,03 -11,92 49,69 -8,74 -25,26 -28,61 -37,61 -15,75 -3,71 11,50 -16,34 -24,43 -28,59 12,92 -44,73 -43,10 -14,67 -30,23 -28,35 20,77 -22,89 -19,67 -34,65 -44,05 -14,56 -19,12 6,34 -25,72 -40,88 -7,05 -69,97 -28,66 -29,82 -2,33 -36,22 -31,77 -60,81 -15,43 -38,36 -51,12

2009- 2010 min max


0,637 0,826 5,066 3,145 20,485 0,765 0,752 8,555 0,084 0,285 0,119 3,263 2,889 5,463 0,269 0,194 0,009 0,084 1,285 3,619 9,362 7,331 6,718 15,870 4,369 2,457 6,286 4,100 1,862 1,100 39,719 1,270 1,907 0,344 3,151 1,386 1,264 2,177 0,275 3,037 2,736 1,038 5,325 6,437 0,351 0,421 4,271 0,401 1,062 0,237 1,252 2,313 0,460 19,000 1,365 20,726 0,869 1,056 4,446 0,113 5,372 0,302 0,731 5,643 3,057 3,382 2,164 0,946 1,392 1,215 0,233 3,505 0,126 2,042 15,183 1,082 0,751 4,398 1,582 1,887 0,168 0,069 0,238 0,475 1,305 0,266 0,737 0,568 0,100 0,613 0,915 19,204 2,710 2,097 0,036 0,754 0,581 1,990 1,256 1,467 9,064 4,630 72,282 1,947 1,183 14,309 0,253 1,463 0,349 6,357 4,532 11,002 0,784 0,459 0,041 0,741 1,719 6,248 17,195 10,956 11,489 24,442 9,624 3,997 11,529 5,913 3,302 2,219 55,079 2,023 2,990 0,619 4,371 4,198 5,567 4,951 0,677 4,348 4,127 3,973 12,059 10,903 0,555 0,760 6,738 0,764 1,600 0,645 2,026 7,879 1,709 21,500 2,344 35,352 1,413 1,530 10,258 0,240 12,322 0,735 1,455 12,034 7,651 5,824 3,275 1,414 2,454 2,172 0,430 5,909 0,428 4,450 24,257 2,460 5,057 8,731 3,354 4,080 0,527 0,189 0,350 1,033 1,929 0,695 2,161 0,790 0,954 1,200 1,910 25,646 5,714 5,690 0,221 1,295 1,386 6,134

Cap. in mil. di
91 2955 1293 187 91 32 61 85 67 76 13 159 828 1050 14 47 14 22 341 410 6836 1917 635 84 773 32 807 231 118 20 2329 353 130 500 114 680 69 201 395 36 2167 45 26 93 820 772 11 20 49 73 18 91 51 129 40 1 466 96 4266 4 87 1017 136 31 205 16 178 160 175 3212 7 100 880 14 127 257 20 14 12 23 93 1149 33 34 445 7 33 260 1241 973 610 6 30 91 39

IL PUNTO

TITOLO

Rif ieri
1,945 5,365 4,210 5,545 0,379 0,851 7,770 5,630 0,884 0,218 0,280 0,512 5,970 10,330 0,188 0,320 1,704 0,633 0,716 0,560 0,812 6,465 17,140 0,301 0,115 0,963 12,920 0,256 5,685 4,258 7,010 27,390 34,000 1,048 9,340 6,730 0,375 0,040 1,029 5,090 0,299 5,890 1,994 3,464 2,226 4,820 0,055 1,644 0,368 167,500 4,992 1,456 0,595 0,843 0,162 0,228 0,743 9,525 2,780 2,450 0,380 0,047 67,150 1,523 7,910 8,320 2,844 0,504 0,817 1,390 0,310 0,224 4,150 0,138 1,229 3,880 2,894 10,740 1,994 4,738 0,830 0,671

ieri
-3,62 -1,74 -0,94 0,09 0,13 5,06 -2,20 0,54 2,02 2,98 7,69 -0,78 -0,50 2,58 -1,98 5,54 -3,18 -2,62 0,77 -0,88 21,19 1,02 1,60 -0,23 0,52 -4,70 -0,62 3,78 -0,26 3,20 -8,72 0,11 0,58 -5,27 2,12 -0,82 3,13 -0,10 0,79 2,35 2,47 -0,23 -0,45 -1,23 2,62 -0,06 0,63 0,48 -1,25 0,41 0,17 4,92 1,83 0,04 4,13 -1,09 1,09 0,08 1,33 4,43 -3,03 0,73 1,80 -0,83 2,97 6,04 -0,71 4,94 3,47 1,22 -3,48 1,54 -4,96 6,06 -0,08 -2,87 0,07

Var % inizio anno


0,78 -12,55 -26,14 -38,97 -22,57 -12,13 -18,21 -9,19 -15,00 -52,16 -63,40 -31,96 -17,66 -19,92 -20,68 -8,57 -20,37 -25,22 -31,73 -22,87 -60,00 -8,82 -13,30 -15,21 -47,99 -30,85 -48,91 -22,69 -16,40 -13,98 -48,91 -27,31 -6,85 -34,50 -6,79 -11,10 -41,10 -51,47 25,49 -14,45 -18,87 -24,61 -6,82 -11,14 -2,63 -28,24 -4,14 -24,90 0,48 -37,91 3,70 -12,82 -14,12 -32,30 -29,27 -9,56 -48,51 -12,85 -32,88 -41,31 -41,20 -9,10 6,06 -27,16 54,07 -54,26 1,61 -48,45 -27,42 -33,83 -38,23 -0,66 -6,47 -3,00 -19,27 8,38 -62,73 -2,06 79,85 32,25

2009- 2010 min max


1,048 3,780 3,924 5,404 0,364 0,676 6,173 5,028 0,694 0,209 0,245 0,515 5,901 9,652 0,172 0,291 1,492 0,633 0,645 0,540 0,419 5,112 14,721 0,297 0,110 0,656 12,773 0,230 4,806 3,701 6,110 23,078 23,000 0,989 8,504 5,755 0,371 0,035 0,725 4,729 0,297 5,425 1,791 3,185 1,797 3,620 0,039 1,195 0,319 3,412 4,065 1,163 0,492 0,728 0,153 0,224 0,667 9,442 2,402 1,707 0,358 0,042 43,470 1,234 6,965 5,065 2,236 0,476 0,666 1,310 0,257 0,192 3,800 0,138 1,153 3,561 2,590 5,113 1,789 3,799 0,389 0,465 2,926 7,654 6,274 12,321 0,542 1,451 11,380 7,604 2,361 0,586 1,080 1,036 9,738 16,037 0,273 1,096 2,850 0,981 1,419 0,880 2,298 7,733 21,402 0,612 0,436 1,839 26,756 0,509 8,731 6,106 13,700 38,607 39,250 2,311 10,832 8,129 0,736 0,207 1,750 7,328 0,299 8,760 3,116 4,285 2,931 6,039 0,131 2,102 7,776 177,000 9,596 1,580 4,533 1,144 0,528 0,780 1,014 18,734 3,463 4,863 0,708 0,187 96,373 1,720 13,152 9,533 9,776 0,950 2,336 2,949 0,862 0,570 4,789 0,139 1,501 4,731 4,113 13,274 18,650 5,678 1,509 1,125

Cap. in mil. di
100 2557 52 7 52 118 1971 1721 27 183 110 97 51 2189 71 14 47 20 517 17 35 1351 156 48 93 11 151 24 83 30 411 12105 5 996 92 364 52 77 1 83 8 1323 230 12383 261 438 23 788 31 197 25 11132 231 1 4409 5586 69 41 88 2076 47 502 22 2544 80 15421 34 649 290 44 20 37 174 192 589 2 380 20 2

Brillano Unicredit e Intesa Sanpaolo Corre Telecom Lusso in ribasso

MILANO Piazza Affari torna a salire dopo la pausa di ieri, sostenuta dal voto tedesco al fondo salva-stati e dai buoni dati macro americani. Lindice Ftse Mib torna oltre 15.000 (+2,07%), All Share +1,71%. Brillano banche, Unipol e Telecom. Bpm +3,99% in vista della ricapitalizzazione, meglio le big Unicredit (+6,04%) e Intesa Sanpaolo (+5,88%), tallonate da Mps (+3,34%), Banco popolare e Ubi. Tra le polizze Unipol +4,94%, nel risparmio Mediolanum +4,35%, Azimut +2,29%. Corre forte Telecom (+4,92%) spronata dalla conferma dei target 2011. Nellenergia Enel guadagna il 2,58%, Eni l1,45%, Edison +1,89% dopo lok di Delmi al riassetto di Foro Buonaparte. Pausa di riflessione per Pirelli, a -1,74%. Male la moda: Safilo -8,72% nel giorno del piano industriale senza laccordo con Armani, vendute anche Luxottica e Tod's.
Cap. in mil. di
87 660 347 347 1060 462 1569 13 15 177 4741 101 34 48 65 69 31240 8616 34 264 52721 1252 29 162 62 14 2414 1096 112 37 225 1933 4573 323 253 6366 292 230 15 156 3114 90 570 109 20 16 152 53 925 3 18720 735 30 526 18 1275 36 345 34 492 204 742 12 555

TITOLO
Damiani Danieli Danieli rnc Datalogic DeLonghi Dea Capital Diasorin Digital Bros Dmail Group DMT E Edison Edison r EEMS El.En. Elica Emak Enel Enel Green Pw Enervit Engineering Eni Erg Ergy Capital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor priv Exor risp Exprivia F Falck Renewables Ferragamo Fiat Fiat Ind. priv Fiat Ind. risp Fiat Industr. Fiat prv Fiat rnc Fidia Fiera Milano Finarte C.Aste Finmeccanica FNM Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai rnc Fullsix G Gabetti Pro.Sol. Gas Plus Gefran Gemina Gemina rnc Generali Geox Greenvision Gruppo Ed.LEspresso Gruppo Minerali M. H Hera I I Grandi Viaggi IGD Il Sole 24 Ore Ima Immsi Impregilo Impregilo rnc Indesit

Rif ieri
1,052 15,960 8,570 5,985 7,075 1,510 28,050 0,980 2,010 15,790 0,917 0,917 0,789 9,810 1,027 2,470 3,342 1,717 1,845 21,380 13,260 8,360 0,308 3,138 1,780 0,215 15,210 14,350 12,420 0,715 0,793 11,190 4,218 3,118 3,170 5,850 2,832 2,882 2,950 3,688 5,380 0,360 1,544 0,870 1,774 0,064 3,420 3,672 0,634 0,870 12,080 2,830 5,280 1,296 3,030 1,144 0,803 1,101 0,802 13,290 0,603 1,850 7,250 4,922

ieri
-0,75 -2,33 -0,92 0,59 -2,28 -2,89 -0,95 1,14 1,28 1,89 0,60 0,51 -1,21 1,68 2,58 -1,83 -1,91 1,81 1,45 -0,06 2,22 1,69 1,83 2,01 0,14 0,32 -1,11 3,59 -6,20 1,49 -2,32 -1,12 0,43 0,42 1,79 -0,70 1,52 1,38 4,32 0,57 2,75 -0,23 -0,81 0,96 0,69 1,17 -0,91 1,83 5,19 1,60 -3,89 -0,90 4,84 -0,08 3,97 2,89 -1,09

Var % inizio anno


25,24 -34,05 -34,93 -1,32 21,15 31,30 -11,09 -35,98 -31,05 2,67 6,01 -24,90 -40,14 -22,51 -28,68 -44,05 -11,47 9,22 48,31 -0,51 -19,24 -19,23 -36,76 -44,56 -4,81 -38,99 -23,67 -33,58 -25,01 -52,68 12,46 -39,96 -50,11 -48,71 -35,00 -46,47 -45,47 -20,00 -15,22 -37,51 -28,71 -57,74 -66,25 61,27 -71,09 -13,42 -18,04 17,41 -8,47 -16,11 -17,79 12,40 -24,25 -32,21 -26,19 -2,07 -25,10 -42,54 -11,22 -27,41 -13,75 -6,45 -39,94

2009- 2010 min max


0,734 13,854 7,650 2,995 2,763 1,107 23,514 0,909 2,010 11,536 0,744 0,850 0,663 8,804 0,969 2,500 2,885 1,489 1,102 18,948 12,278 7,886 0,299 2,936 1,547 0,100 10,937 6,116 8,215 0,672 0,719 9,715 3,337 2,890 3,011 5,493 2,218 2,375 2,727 3,499 4,511 0,350 1,190 0,665 1,054 0,059 2,250 2,028 0,448 0,799 10,665 2,615 4,253 1,091 2,848 1,028 0,776 1,007 0,778 12,810 0,541 1,522 7,250 4,429 1,246 24,692 13,658 6,544 9,239 1,594 35,892 2,334 5,698 23,286 1,156 1,566 1,719 15,099 1,996 4,562 4,828 2,050 2,301 27,750 18,634 10,776 1,162 9,840 2,918 0,396 25,701 21,275 20,231 1,267 2,986 13,586 8,084 7,304 7,250 10,443 6,418 6,399 4,758 5,030 11,359 0,597 7,016 5,316 3,240 0,424 6,472 5,277 0,758 1,701 19,099 5,316 7,340 2,428 5,411 1,756 1,085 1,735 1,958 15,186 0,954 2,605 8,649 10,303

TITOLO
Indesit rnc Industria e Inn Intek Intek r Interpump Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo rnc Invest e Sviluppo Irce Iren Isagro IT WAY Italcementi Italcementi rnc Italmobiliare Italmobiliare rnc Italy 1 Invest. J Juventus FC K K.R.Energy Kerself Kinexia KME Group KME Group rnc L La Doria Landi Renzo Lazio Lottomatica Luxottica M M&C Maire Tecnimont Marcolin MARR Mediacontech Mediaset Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Mid Industry Cap Milano Ass. Milano Ass. rnc Mirato Mittel MolMed Mondadori Mondo HE Mondo Tv Monrif Monte Paschi Si. Montefibre Montefibre rnc Monti Ascensori Mutuionline N Nice Noemalife Novare O Olidata P Panariagroup Parmalat Piaggio Pierrel Pininfarina

Rif ieri
4,770 1,800 0,279 0,713 4,346 1,225 1,028 0,580 2,150 0,880 2,636 1,277 4,668 2,164 19,490 12,990 9,850 0,719 0,027 1,429 1,330 0,283 0,570 1,560 1,495 0,716 12,010 19,770 0,217 0,605 4,620 7,695 1,658 2,388 6,080 2,830 0,051 0,154 9,945 0,331 0,288 1,733 0,539 1,628 0,460 5,090 0,350 0,427 0,105 0,256 0,225 4,006 2,570 5,530 1,090 0,381 1,070 1,615 2,596 1,400 3,274

ieri
-3,83 -1,04 -0,32 -2,86 5,88 7,64 13,73 2,67 1,15 1,31 1,11 1,52 1,98 -1,07 0,31 -1,01 -0,21 2,29 3,85 -5,00 4,08 1,70 0,65 1,91 -2,25 -0,83 -2,37 0,14 2,72 3,82 2,12 -1,89 1,44 1,76 4,35 0,39 2,47 5,09 5,38 1,29 -1,28 0,68 1,10 0,89 -1,93 3,34 -0,95 2,40 0,81 1,26 -0,36 2,81 0,47 -1,82 -3,13 -1,20 3,94

Var % inizio anno


-30,72 -25,47 -29,10 4,09 -24,22 -36,44 -38,71 35,31 -29,94 -24,20 -50,39 -29,27 -40,67 -24,28 -27,39 9,75 -24,72 -61,22 -58,91 -37,70 -14,25 -2,06 -16,67 -49,87 -5,98 27,63 -13,71 -3,04 -82,03 1,15 -11,96 -29,45 -47,46 -10,06 -9,51 13,27 -55,12 -0,55 -56,55 -63,09 -43,55 31,62 -39,59 190,04 7,78 -12,80 -41,18 -30,55 -13,25 -73,53 -18,75 -15,53 -13,46 -6,84 -37,02 -30,29 -21,98 7,16 -57,80 -14,96

2009- 2010 min max


4,628 1,724 0,270 0,586 3,156 0,898 0,781 0,482 1,299 0,765 2,346 1,222 4,256 1,950 18,767 12,396 8,768 0,715 0,024 1,255 1,268 0,246 0,500 1,449 1,459 0,301 9,002 17,871 0,130 0,577 1,314 5,907 1,601 2,111 5,429 2,244 0,040 0,102 9,094 0,235 0,229 1,623 0,319 1,500 0,110 4,676 0,334 0,372 0,105 0,240 0,197 3,953 2,391 5,194 1,090 0,335 1,058 1,522 1,816 1,405 1,635 8,491 2,800 0,636 0,965 6,158 2,998 2,314 3,811 2,663 1,517 4,005 3,586 10,280 5,455 32,985 23,365 10,107 0,981 0,199 9,128 2,881 0,381 0,720 2,497 3,962 1,478 15,381 23,486 0,230 3,591 5,488 9,437 3,348 6,487 8,827 4,568 0,120 0,600 15,490 1,388 1,385 4,136 1,298 3,228 0,720 8,095 0,481 1,127 0,206 0,521 1,457 5,980 3,394 6,752 1,190 0,931 2,200 2,638 3,020 5,101 7,378

Cap. in mil. di
3 41 36 4 431 18606 929 7 60 1038 46 10 821 229 433 212 148 144 26 24 29 124 24 48 167 48 2074 9369 102 194 286 511 30 2798 5214 2046 71 8 37 639 29 121 112 398 9 23 53 4579 14 6 3 158 295 24 15 13 48 2850 977 22 97

Piquadro Pirelli & C. Pirelli & C. rnc Poligr. S.Faustino Poligrafici Editoriale Poltrona Frau Pop.Emilia Romagna Pop.Sondrio Pramac Prelios Premafin Finanziaria Premuda Prima Industrie Prysmian R R. De Medici R. Ginori 1735 Ratti RCF RCS Mediagroup RCS Mediagroup risp RDB Recordati Reply Retelit Risanamento Rosss S Sabaf S.p.a. Sadi Saes Saes rnc Safilo Group Saipem Saipem risp Saras Sat Save Screen Service BT Seat PG Seat PG r Servizi Italia Seteco International SIAS Snai Snam Gas Sogefi Sol Sopaf Sorin Stefanel Stefanel risp STMicroelectr. T Tamburi TAS Telecom IT Telecom IT Media Telecom IT Media rnc Telecom IT rnc Tenaris Terna TerniEnergia Tesmec Tiscali Tods Toscana Fin Trevi Fin.Ind. TXT e-solution U UBI Banca Uni Land Unicredit Unicredit risp Unipol Unipol pr V Valsoia Viaggi Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass. Y Yoox Yorkville Bhn Z Zignago Vetro Zucchi Zucchi rnc

FONDI COMUNI APERTI - SICAV ITALIANI E LUSSEMBURGHESI DEL 28 SETTEMBRE 2011


TITOLI Val. oggi Val. ieri Diff.% 12 mesi TITOLI Val. oggi Val. ieri
9,035 3,739 5,642 5,684 8,845 3,549 12,880 17,821 11,370 6,594 6,766 5,500 4,918 4,723 4,586 4,243 5,046 4,692 5,356 6,816 6,408 5,950 11,501 5,992 11,593 11,753 4,465 10,404 7,336 9,818 6,807 18,029 33,265

Diff.% 12 mesi
2,72 -9,56 -6,59 -9,87 -15,29 -12,79 -7,19 -11,82 -11,63 -0,57 -5,65 -6,38 -9,73 -5,53 -7,81 -2,71 -8,82 -0,05 -18,13 -12,20 -14,35 -23,16 -2,93 -8,36 3,52 -3,14 -3,51 -1,32 -9,14 -5,84

TITOLI

Val. oggi

Val. ieri

Diff.% 12 mesi

TITOLI

Val. oggi

Val. ieri

Diff.% 12 mesi

TITOLI

Val. oggi

Val. ieri

Diff.% 12 mesi

TITOLI

Val. oggi

Val. ieri
3,190 5,324 5,224 20,049 5,473 3,553 6,526 6,035 6,968 5,602 3,639 4,754 4,676 5,156 11,637 4,570 5,426 4,237 8,133 4,995 4,490 2,073 7,462 9,464 7,030 4,642 4,719 5,009 4,407 4,706 5,460 5,113 5,109 5,054 5,017 5,389 5,014 5,202 5,067 5,026

Diff.% 12 mesi
-20,14 -20,88 -14,32 -10,31 -2,20 -6,19 -0,44 0,38 -0,68 -5,18 -6,72 -10,01 -13,43 -8,58 -12,29 -10,76 -14,20 -24,92 -21,73 -6,87 -9,22 -23,84 0,36 -2,21 -1,08 -11,05 -22,83 -19,29 -22,45 -14,37 -14,39 -4,28 -7,42 -11,53 0,04 -1,79 -1,12 -1,40 0,40 -4,33

tel.02-72206431(EX L)/80 AcomeA (EX L) Italian Opportunity6,946 AcomeA (EX L) Monetario.............5,808 AcomeA (EX L) Obbligazionario....7,049 AcomeA (EX L) Trend ....................5,714 AcomeA America A1 ..................10,473 AcomeA America A2 ..................10,535 AcomeA Asia Pac. A2 ...................2,980 AcomeA Asia Pacifico A1 .............2,975 AcomeA Breve Term. A1............11,287 AcomeA Breve Term. A2............11,298 AcomeA Etf Attivo A1....................3,472 AcomeA Etf Attivo A2....................3,474 AcomeA Eurobb. A1...................12,283 AcomeA Eurobb. A2...................12,299 AcomeA Europa A1 ......................8,448 AcomeA Europa A2 ......................8,473 AcomeA Globale A1......................7,394 AcomeA Globale A2......................7,450 AcomeA Italia A1 ........................12,723 AcomeA Italia A2 ........................12,759 AcomeA Liquidita A1 ...................7,630 AcomeA Liquidita A2 ...................7,629 AcomeA Obblig.Corp. A1 .............5,925 AcomeA Obblig.Corp. A2 .............5,938 AcomeA Paesi Em. A1 ..................5,366 AcomeA Paesi Em. A2 ..................5,378 AcomeA Patr. Aggr. A2.................3,077 AcomeA Patr. Aggr.A1..................3,066 AcomeA Patr. Dinam.A1...............4,078 AcomeA Patr. Prud. A1.................4,812 AcomeA Patr. Prud. A2.................4,821 AcomeA Perform. A1..................16,462 AcomeA Perform. A2..................16,493

6,931 5,807 7,050 5,709 10,672 10,735 2,955 2,951 11,259 11,269 3,488 3,489 12,227 12,242 8,477 8,503 7,456 7,513 12,736 12,772 7,622 7,622 5,893 5,906 5,361 5,374 3,080 3,070 4,070 4,800 4,809 16,392 16,422

-19,85 -4,43 -7,36 -5,08 -5,95 -12,47 -1,80 -4,55 -17,97 -10,27 -22,98 -11,73 -13,97 -12,87 -8,11 -3,76 -6,16 -

ANM Americhe .............................8,913 ANM Anima America ....................3,651 ANM Anima Asia ...........................5,722 ANM Anima Convertibile ..............5,661 ANM Anima Emerging Mkts .........8,818 ANM Anima Europa ......................3,526 ANM Anima Fondattivo ..............12,775 ANM Anima Fondimpiego..........17,774 ANM Anima Fondo Trading........11,234 ANM Anima Liquidit ....................6,594 ANM Anima Obbl.Euro .................6,763 ANM Anima Obiettivo Rend..........5,500 ANM Anima Trag II 2016 ...............4,918 ANM Anima Traguardo 2016 ........4,723 ANM Anima Traguardo 2018 ........4,586 ANM CapitalePi Comp.Az. .........4,213 ANM CapitalePi Comp.Bil.15 .....5,039 ANM CapitalePi Comp.Bil.30 .....4,701 ANM CapitalePi Comp.Obb. ......5,355 ANM Corporate Bond...................6,816 ANM Emerging Mkts Bond...........6,440 ANM Emerging Mkts Equity..........5,933 ANM Europa...............................11,419 ANM Iniziativa Europa ..................5,928 ANM Italia ...................................11,554 ANM Monetario..........................11,769 ANM Pacifico ................................4,506 ANM Pianeta ..............................10,404 ANM Risparmio ............................7,333 ANM Sforzesco.............................9,807 ANM Tesoreria..............................6,809 ANM Valore Globale...................17,839 ANM Visconteo ..........................33,200

Azimut Trend America ..................8,557 8,651 -4,33 Azimut Trend Europa..................10,042 10,129 -16,06 Azimut Trend Italia......................11,157 11,208 -24,23 Azimut Trend Pacifico...................6,143 6,103 -3,41 Azimut Trend Tassi .......................8,689 8,688 -2,69 Formula 1 Absolute.......................5,908 5,911 -9,22 Formula 1 Conservative................6,119 6,119 -4,63 Formula 1 Target 2013..................6,240 6,245 -5,92 Formula 1 Target 2014..................5,693 5,714 -10,59

tel.800-255783

tel.02-88981 Azimut Bil. ..................................21,200 Azimut Garanzia .........................12,108 Azimut Reddito Euro ..................15,200 Azimut Reddito Usa......................5,884 Azimut Scudo ...............................7,152 Azimut Solidity ..............................7,481 Azimut Str. Trend ..........................4,606 Azimut Trend ..............................17,765

21,296 12,104 15,201 5,874 7,133 7,472 4,647 17,977

-8,92 -1,49 -3,12 -1,98 -6,97 -5,23 -9,58 -7,58

tel.02-88101 EC Focus Cap Pro 12/14 ..............4,732 Eurizon Az. Asia Nuove Economie9,316 Eurizon Az. Finanza ....................13,605 Eurizon Az. Int. Etico .....................5,122 Eurizon Az. Salute e Amb. ..........13,888 Eurizon Az. Tecn.Avanz ................3,861 Eurizon Az.EnMatPrime................8,077 Eurizon Az.PMI Amer. ................19,132 Eurizon Az.PMI Europa.................7,331 Eurizon Az.PMI Italia .....................3,843 Eurizon Azioni America .................8,248 Eurizon Azioni Area Euro ............19,949 Eurizon Azioni Europa...................6,996 Eurizon Azioni Internazionali.........6,614 Eurizon Azioni Italia.......................9,052 Eurizon Azioni Pacifico .................3,508 Eurizon Azioni Paesi Emergenti ....7,738 Eurizon Bilan.Euro Multimanager33,225 Eurizon DiversEtico.......................7,710 Eurizon F. Garantito 03/13 ............5,034 Eurizon F. Garantito 06/12 ............5,082 Eurizon F. Garantito 09/12 ............5,036 Eurizon F. Garantito 12/12 ............5,024 Eurizon F. Garantito 2sem06 ........5,219 Eurizon F. Garantito 2tri07 ............5,085 Eurizon F. Garantito 3tri07 ............4,945 Eurizon F. Garantito 4tri07 ............5,115 Eurizon F. Garantito Itri07 .............5,106 Eurizon Liquidit cl. A....................7,277 Eurizon Liquidit cl. B ...................7,479 Eurizon Ob. Internaz. ....................9,109 Eurizon Obb. Euro Breve T. ........14,987

4,732 9,285 13,748 5,173 14,020 3,904 8,230 19,738 7,385 3,811 8,402 20,088 7,055 6,680 9,086 3,479 7,763 32,928 7,718 5,039 5,083 5,039 5,028 5,220 5,087 4,947 5,114 5,106 7,275 7,477 9,090 14,989

-6,69 -14,41 -20,88 -9,49 -6,17 -0,08 -8,73 -4,29 -12,62 -15,82 -1,68 -20,82 -14,80 -7,92 -21,96 -10,44 -15,83 -7,85 -3,09 -2,50 -0,95 -1,47 -1,97 -0,53 -0,84 -0,36 -1,96 -1,18 0,12 0,39 4,48 -1,07

Eurizon Obb. Euro Corp. BreveT. .7,458 Eurizon Obb. Euro Corporate .......5,469 Eurizon Obb. Euro High Yield .......6,908 Eurizon Obblig. Etico ....................5,385 Eurizon Obbligazioni Cedola ........5,911 Eurizon Obbligazioni Emergenti.11,850 Eurizon Obbligazioni Euro..........13,975 Eurizon Obiettivo Rend.to.............7,896 Eurizon Profilo Conservativo ........5,385 Eurizon Profilo Dinamico ..............5,098 Eurizon Profilo Moderato..............5,243 Eurizon Rend. Assoluto 2 Anni......5,178 Eurizon Rend. Assoluto 3 Anni......5,289 Eurizon Rendita ............................5,808 Eurizon Soluzione 10 ....................6,660 Eurizon Soluzione 40 ....................5,818 Eurizon Soluzione 60..................22,315 Eurizon Strat.Protetta III trim 20115,252 Eurizon Team 1 .............................5,926 Eurizon Team 1 Cl G .....................5,926 Eurizon Team 2 .............................5,605 Eurizon Team 2 Cl G .....................5,614 Eurizon Team 3 .............................4,633 Eurizon Team 3 Cl G .....................4,679 Eurizon Team 4 .............................3,895 Eurizon Team 4 Cl G .....................3,941 Eurizon Team 5 .............................3,703 Eurizon Team 5 Cl G .....................3,747 Eurizon Tesoreria Dollaro ...........12,235 Eurizon Tesoreria Dollaro ($).......16,640 Eurizon Tesoreria Euro A ..............7,687 Eurizon Tesoreria Euro B ..............7,757 Passadore Monetario ...................7,141 Teodorico Monetario ....................7,505 Unibanca Azionario Europa..........5,058 Unibanca Monetario .....................5,755 Unibanca Obbligazionario Euro....5,802

7,456 -1,24 5,473 -4,57 6,911 -7,81 5,396 -3,16 5,911 -3,45 11,853 1,08 13,993 -1,25 7,896 -2,75 5,385 -1,54 5,100 -4,30 5,245 -2,40 5,179 -1,35 5,295 -3,63 5,812 -2,68 6,648 -3,46 5,814 -5,12 22,270 -6,38 5,252 -0,92 5,926 -1,36 5,926 -1,36 5,605 -1,75 5,614 -1,53 4,633 -3,24 4,679 -2,80 3,893 -3,78 3,939 -3,26 3,705 -4,93 3,749 -4,49 12,206 -0,33 16,643 -1,19 7,686 0,46 7,755 0,74 7,141 0,42 7,505 0,68 5,109 -16,37 5,754 0,54 5,811 -1,06

Fideuram Rendimento..................8,807 8,822 -6,40 FMS - Absolute Return .................8,648 8,640 -5,72 FMS - Eq.Glob.Resources .........10,019 9,900 -6,19 FMS - Equity Asia..........................7,770 7,726 -10,47 FMS - Equity Europe.....................7,890 7,770 -11,76 FMS - Equity Gl Em Mkt .............10,870 10,803 -15,14 FMS - Equity New World ............13,772 13,755 -19,18 FMS - Equity Usa ..........................7,774 7,810 -1,03

tel.800-551-552 Pion. Eur Gov BT (ex Mon.).........13,330 Pioneer Az. Crescita.....................9,998 Pioneer Az Area Pacifico...............3,230 Pioneer Az Valore Eur Dis..............6,085 Pioneer Az. Am. ............................6,759 Pioneer Az. Europa.....................13,183 Pioneer Az. Paesi Em....................9,338 Pioneer Liquidita Euro..................5,108 Pioneer O.Euro C.Et. Dis...............4,544 Pioneer Obb. Euro Dis ..................6,599 Pioneer Obb. Paesi E. Dis .............9,485 Pioneer Obb. Pi Dis.....................8,308 Pioneer Target Controllo...............5,292 Pioneer Target Equilibrio ..............5,245 Pioneer Target Sviluppo.............22,310 UniCredit Soluzione 20A...............4,905 UniCredit Soluzione 20B ..............4,896 UniCredit Soluzione 40A...............4,783 UniCredit Soluzione 40B ..............4,773 UniCredit Soluzione 70A...............4,601 UniCredit Soluzione 70B ..............4,592 UniCredit Soluzione BTA ..............4,923 UniCredit Soluzione BTB..............4,914

13,334 0,99 10,030 -20,81 3,224 -10,25 6,136 -9,46 6,909 2,35 13,259 -9,05 9,381 -15,81 5,108 0,77 4,552 -4,39 6,619 0,33 9,489 -0,72 8,310 1,45 5,295 -2,45 5,250 -3,34 22,337 -1,68 4,922 4,913 4,798 4,788 4,636 4,626 4,922 4,913 -

tel.800-546961 Fideuram Bilanciato ...................11,206 Fideuram Italia............................17,345 Fideuram Liquidit .....................16,803 Fideuram Moneta.......................14,672

11,255 -9,30 17,375 -19,10 16,800 -0,15 14,671 0,42

tel.800-614614 Bim Az. Small Cap Italia ................6,026 Bim Azionario Europa ...................7,507

5,980 -13,06 7,610 -22,61

Bim Azionario Globale ..................3,145 Bim Azionario Italia .......................5,320 Bim Azionario Usa ........................5,086 Bim Bilanciato ............................19,940 Bim Corporate Mix........................5,464 Bim Flessibile................................3,544 Bim Obblig. Breve Term................6,524 Bim Obblig. Globale......................6,013 Bim Obbligazionario Euro.............6,960 Symphonia MS Adagio.................5,623 Symphonia MS America...............3,610 Symphonia MS Asia .....................4,758 Symphonia MS Europa.................4,724 Symphonia MS Largo...................5,189 Symphonia MS P. Emer. ............11,605 Symphonia MS Vivace..................4,585 Symphonia SC Asia Flessibile ......5,403 Symphonia SC Az. Euro ...............4,201 Symphonia SC Az. Italia................8,121 Symphonia SC Bil. Equil. Italia......4,988 Symphonia SC Europa Flessibile .4,499 Symphonia SC Fortissimo............2,041 Symphonia SC Monetario ............7,464 Symphonia SC Obblig. Area Eur...9,449 Symphonia SC Patrim.Glob.Redd.7,025 Symphonia SC Patrim.Globale.....4,611 Synergia Az. Europa .....................4,666 Synergia Az. Globale ....................4,947 Synergia Az. Italia..........................4,397 Synergia Az. Sm.Cap It. ................4,739 Synergia Azionario Usa.................5,323 Synergia Bilanciato 15 ..................5,102 Synergia Bilanciato 30 ..................5,091 Synergia Bilanciato 50 ..................5,025 Synergia Monetario ......................5,017 Synergia Obbl Corporate..............5,381 Synergia Obbl. Euro BT ................5,013 Synergia Obbl. Euro MT................5,194 Synergia Tesoreria........................5,068 Synergia Total Return ...................5,020

ESTRATTO AVVISO ISTITUZIONE ALBO FORNITORI CARBOSULCIS S.p.A.


La Carbosulcis S.p.A, con delibera del Consiglio dAmministrazione del 27 luglio c.a, intende uniformare le proprie procedure di acquisizione di forniture e lavori a quanto previsto dal D.lgs n. 163 del 12 aprile 2006. A tal fine, con il presente avviso, comunica listituzione del proprio Albo Fornitori da utilizzarsi quale strumento per la selezione dei soggetti cui appaltare forniture di beni e servizi e lavori mediante affidamento diretto o gara informale. Gli operatori economici interessati alliscrizione al suddetto albo dovranno, come previsto nel disciplinare adottato dalla stessa Carbosulcis S.p.A e consultabile online allindirizzo www.carbosulcis.eu, spedire la domanda (allegata al disciplinare) a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento a: Carbosulcis S.p.A-Miniera Monte Sinni-09010 Cortoghiana (CI), oppure potranno consegnarla a mano presso lUfficio segreteria di direzione situato presso la Miniera Monte Sinni a Nuraxi Figus, 09010 Gonnesa (CI) dal Luned al Venerd dalle ore 08.00 alle ore 13.00. Il Presidente Sergio MATZUZZI

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI CASSINO


Settore Attivit Contrattuale Ufficio Contratti e Convenzioni Via Marconi 10 - 03043 Cassino (FR) ESTRATTO BANDO DI GARA
Questa Amministrazione, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m. e i., indice, mediante procedura aperta comunitaria, la seguente gara: aggiudicazione dei servizi assicurativi dellUniversit degli Studi di Cassino. Importo complessivo presunto imponibile per il triennio dellappalto: Euro 237.000,00 cos ripartito: Lotto 1) Incendio / Furto / kasko autoveicoli di amministratori e dipendenti Euro 4.500,00; Lotto 2) Infortuni Cumulativa Euro 66.000,00; Lotto 3) Tutela Legale Euro 13.500,00; Lotto 4 RCT/O Euro 30.000,00; Lotto 5) All Risks Euro 75.000,00; Lotto 6) Responsabilit Civile Patrimoniale della P.A. Euro 48.000,00. Le offerte vanno presentate per uno o pi lotti. Criterio di aggiudicazione: prezzo pi basso. Le offerte dovranno pervenire allUniversit degli Studi di Cassino, Via Marconi, 10 - 03043 Cassino (FR) entro e non oltre le ore 12,00 di venerd 28 ottobre 2011. Tutti gli atti di gara sono disponibili sul sito internet: http://www.unicas.it/ATENEO/Amministrazione/Gare-e-Appalti. RUP: Dott.ssa Immacolata Simeone. Data spedizione nella G.U.U.E. 06 settembre 2011. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dott. Ascenzo FARENTI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI SIRACUSA


AVVISO BANDO DI GARA LASP di Siracusa ha indetto procedura aperta, ai sensi dellart. 55 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. con le modalit di cui allart. 53 comma 2, lettera a) del citato Decreto, per lesecuzione dei lavori di completamento della piastra operatoria e realizzazione della sala gessi e gruppo parto nel P.O. G. Di Maria di Avola. Importo lavori (compresi oneri sicurezza) 1.250.000,00 Categoria prevalente richiesta: OG1 classica III. Lestratto del bando di gara stato pubblicato nella Gazzetta Ufciale della Regione Siciliana n. 38 del 23/09/2011 ed disponibile, insieme a maggiori dettagli, sul sito www.asp.sr.it
IL DIRETTORE GENERALE: Dott. Franco Maniscalco

ANAS S.p.A.
DIREZIONE GENERALE
PROV. DI VITERBO Estratto avviso esito procedura negoziata affidamento lavori realizzazione parcheggio Porta S. Cesareo CIG 3189823535. Il Responsabile del Settore LLPP rende noto che con lettera di invito del 31/08/2011 prot. 10805 sono state invitate alla procedura negoziata col metodo offerta economicamente pi vantaggiosa le seguenti ditte: 1) Edil Strade Crocicchia Srl 2) Edilbartoloni Snc di Bartoloni Vando e Carlo 3) Fabrica Impresa di Costruzioni Srl 4) Gioacchini Sante Sas di Mauro e Andrea Gioacchini 5) Isam Srl 6) I.C.M.T. Casini Srl 7) Mollame Emilio 8) Nicolai Stefano 9) Ortana Asfalti Sas 10) Eurostrade Srl. Entro il 14/09/2011 hanno presentato offerta le seguenti ditte: 1) I.C.M.T. Casini Srl 2) Eurostrade Srl 3) Ortana Asfalti Sas. Con determina IV Settore LL.PP. n. 116 del 19/09/2011 lappalto stato aggiudicato definitivamente allimpresa Eurostrade Srl. Lavviso completo consultabile sul sito www.comune.orte.vt.it IL RESPONSABILE DEL SETTORE LLPP Dott. Ing. Massimo Paccosi

COMUNE DI ORTE

AVVISO RELATIVO AGLI APPALTI AGGIUDICATI


Sul foglio inserzioni della Gazzetta Ufciale della Repubblica Italiana n. 115 del 30.09.2011 pubblicato lavviso relativo allappalto aggiudicato inerente la sottoindicata procedura ristretta con il criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa ai sensi degli artt. 81 e 83 del D.Lgs 163/2006 s.m.i.. Oggetto: DGACQ 13-10 Fornitura di materiale di consumo e cancelleria rispondente ai criteri di sostenibilit ambientale. Offerte ricevute: n. 3. Aggiudicatario: C.C.G. S.R.L. con limporto complessivo pari a 15.627,00 (Euro quindicimila seicentoventisette/00) I.V.A. esclusa Lavviso integrale stato inviato alla GUUE il 26/09/2011, pubblicato sul sito internet www.stradeanas.it e sul sito www.infrastrutturetrasporti.it.

Il quotidiano nazionale conforme allart. 110, D.P.R. 207/2010, ideale per la pubblicit legale
ESTRATTO AVVISO DI AGGIUDICAZIONE DI LAVORI PUBBLICI PROCEDURA APERTA Istituto Trentino per lEdilizia Abitativa S.p.A. Via Guardini, 22 38121 - TRENTO Si rende noto che in data 26 agosto 2011 stato trasmesso per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufciale delle Comunit Europee, ai sensi dellart. 66 del D.Lgs. 163/2006, lavviso di aggiudicazione relativo alla procedura aperta per i lavori di realizzazione di un complesso residenziale sulla p.f. 3294 in C.C. Riva del Garda (TN) loc. Alboleta per complessivi n. 60 alloggi ambito 3 cant. 493. I lavori sono stati aggiudicati, in data 25 luglio 2011, allimpresa COVECO SCPA di Venezia (VE), per limporto contrattuale di Euro 5.091.011,00. Lavviso, gi esposto allAlbo di ITEA S.p.A. e disponibile sul sito internet http:// www.itea.tn.it/appalti_e_ incarichi/gare, stato pubblicato anche sulla Gazzetta Ufciale della Repubblica Italiana. Il Dirigente del Settore Affari Generali - Dr. Silva Librera -

Roma, l 30.09.2011

IL RESPONSABILE DELLUNIT ACQUISTI Dott. Mauro FRATTINI

VIA MONZAMBANO, 10 - 00185 ROMA Tel. 06/44461 - Fax 06/4454956 - 06/4456224 sito internet www.stradeanas.it

Consorzio Industriale Provinciale dell'Ogliastra


Z.I. Baccasara 08048 - TORTOLI' (OG) Tel. 0782 600600 - Fax 0782 600620

AVVISO ANNULLAMENTO GARA Si comunica che con Deliberazione del Commissario n. 71 del 13/09/2011, in relazione alla gara per la realizzazione di un centro per lo stoccaggio e la valorizzazione dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata - CIG 247483499D, si disposto lannullamento in autotutela, ai sensi dellart. 21 quinques della legge n. 241/1990 della procedura di gara. IL COMMISSARIO (Dott. Marco Atzei)

Ministero della Difesa


DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Indirizzo: Via Marsala, 104 - 00185 Roma Codice 072/11/0077 AVVISO DI PROCEDURA NEGOZIATA SENZA PREVIA PUBBLICAZIONE DEL BANDO DI GARA Questa Direzione ha in programma lapprovvigionamento dello studio e la progettazione del Veicolo Tattico Leggero Multiruolo (VTLM) Lince nella versione 2 che implementi le migliorie scaturite a seguito dellimpiego intensivo in Teatro Operativo. La procedura che si intende adottare quella della procedura negoziata con la Ditta IVECO S.p.A. che possiede la privativa industriale per la costruzione dei veicoli VTLM LINCE gi in servizio presso la F.A. (art. 57 comma 2b del D. Lgs. 163/06). Eventuali informazioni sulla provvista potranno essere richieste allUfficio Relazioni con il Pubblico - Via Marsala, 104 - 00185 Roma - dalle ore 08.30 alle ore 14.00 (dal luned al venerd) Tel. 06.47359069 - 06.47359094 - 06.47359539 Fax 06.4825279. (Codice di riferimento: 072/11/0077). IL DIRETTORE Ten. Gen. Gianfranco GIGLIO

A.MANZONI & C. S.p.A.


Milano - Via Nervesa 21 - 20139 tel. 02.574941 - fax 02.57494860

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

LETTERE,COMMENTI&IDEE

I 40

LOCCASIONE DELLA CRISI IL VETO DEI VESCOVI SUI PROF DI RELIGIONE


ADRIANO SOFRI
(segue dalla prima pagina) l contrario, i pi sembrano pensare (ammesso che ci pensino) che il cambiamento di abitudini sia un lusso da tempi grassi, e che la crisi confischi le scelte alternative, o le riduca tuttal pi a divergenze sugli espedienti per passare la nottata: due scuole di chirurgia rivali, una che predilige loperazione azzardata e riuscita (e il paziente morto), laltra che prova a combinare bisturi e rianimazione. La chiamo conversione, perch di questo si tratta, di un cambiamento di vita, e non della sola riconversione da una produzione e una merce a unaltra produzione e unaltra merce. Che la conversione abbia un senso religioso non nuoce affatto, perch la posta qualcosa di sacro, come il rapporto fra gli umani, le altre creature, e il pianeta. Se si leggono queste frasi del Papa, appena citate da Bagnasco: Talvolta quando si parla di conversione, si pensa unicamente al suo aspetto faticoso, di distacco e di rinuncia. Invece, la conversione cristiana anche e soprattutto fonte di gioia, speranza e amore, si pu laicamente trasferirle ai rapporti sociali: la cui conversione alla sobriet, al disgusto per privilegi e disuguaglianze, alla solidariet e alla cura delle generazioni future non affatto votata al sacrificio e alla mortificazione al contrario. Viene un momento, nella esistenza personale e in quella del genere umano, in cui scelte e fatti compiuti accumulati sono cos pesanti da impedire di cominciare daccapo, e anche soltanto di cambiare significativamente strada. Si vede che lo si deve fare, ma non lo si pu pi fare. N per propria scelta razionale (la cosa pi improbabile) n perch la situazione di necessit costringe. Siamo a questo punto? Il feticcio della crescita indiscriminata ha, lui s, portato gi a una decrescita forzosa e mortificata, e tuttaltro che provvisoria. Molto prima del 2007 o del 2011 eravamo avvisati che stavamo vivendo ben al di l delle nostre possibilit. La Crescita la scrivo maiuscola, in omaggio alla stranezza per cui tutti la pronunciano come se sapessero davvero che cos come la carota che penzola davanti al muso del somaro bastonato dal carrettiere. Il somaro sta per stramazzare, e il carrettiere lo bastona pi di prima. Questa decrescita, recessione e impoverimento, si misura gi sul metro di famiglie e individui che riducono i propri consumi, per necessit o paura del futuro. Vedremo come la restrizione si tradurr in una modificazione nella scala dei desideri e dei valori. Che cosa, cio, venga sentito come superfluo. (Mi viene in mente quella riduzione dei consumi che sperimentano citt assediate decimate e affamate, come Sarajevo: e la commovente combinazione che in quegli stremi molte donne cercavano fra il pane e le rose). La nostra civilizzazione questo, la scelta di qualcosa di preziosamente superfluo che, una volta che esista, diventa indispensabile, e preclude il rientro in altre possibilit se non altro per lenergia che ha dissipato e per lo scarto ingombrante e inquinante che lascia. Fin dalle collezioni delle caverne preistoriche, gli umani sono stati affascinati dalle cose rare. Le cose rare sono diventate semplicemente le merci pi costose. Si compra qualcosa non perch ce lhanno tutti, ma perch non ce lhanno ancora tutti. Per i giovani la promozione sociale non pi disponibile se non nel consumo, e il consumo spesso non disponibile se non nella rivolta e nel black-out, nel saccheggio: nonostante le lamentele di grandi magazzini e assicuratori, le merci scelte dagli scassatori di Londra erano una specie di grandiosa campagna promozionale salve le librerie, illese. (Deve averci pensato Bruce Weber per la nuova campagna pubblicitaria che dice Dont steal the Jacket). Il Bagnasco che insiste sulla necessit di correggere abitudini e stili di vita sta parlando di Berlusconi, il cui peculiare consumismo un caso clinico. Ma si tratta anche del consumismo, sessuale e no, di tutti, della universale patologia. Nemmeno i governanti (leccezione sono i nostri, mutazione in Capi non-governanti) si attentano pi a sostenere che indietro non si torna. Proclamano la ritirata sulla via del nucleare. Lo fanno dopo che anche la commovente intenzione giapponese di riparare a Hiroshima col suo apparente contraltare pacifico gli si ritorta contro a Fukushima. La crisi non se non la velocit bruscamente vertiginosa che ha preso il guazzabuglio ingovernato che chiamiamo, ormai pigramente, capitalismo. Non si sa se ridere o piangere a sentire che il sistema mondiale andr a fondo o no nel giro del prossimo mese, delle prossime settimane, delle prossime ore. Ma la crisi la sfilata in cui il re col suo codazzo di cortigiani esce finalmente a mostrare ai sudditi la meraviglia del suo abito, e il bambino screanzato che non tiene gli occhi a terra esclama: Ma nudo! Permette di guardare come un bambino dopo essersi sfregati bene gli occhi, dopo una lunga pesante dormita le cifre degli armamenti, o lingaggio daghestano di Etoo, o le automobili ferme che abitano le citt e ne sfrattano gli umani, e di esclamare che una cosa da pazzi. Occorre coraggio per affrontare dentro la crisi lidea di un altro modo di muoversi, di abitare, di impiegare il vento e la monnezza e il tempo, di imparare e insegnare. Ma difficile che un paese come lItalia (o come la Grecia, cui bisogna intanto volere bene) ne esca se non puntando a fare, meglio che sa, le scelte che la terra intera ha bisogno di fare e qualcuno ha cominciato. Marted, si simbolicamente calcolato, il fabbisogno umano ha superato le risorse del pianeta: notizia (Cianciullo e Spielberg a parte) scivolata via. Ma questo un discorso lungo, e i tempi sono stretti, e intanto Berlusconi sempre l, e di questioni simili lui e i suoi se ne fregano del tutto Infatti, e bisognerebbe mettere assieme sgombero e costruzione. In Parlamento, dove bisogna che succeda, non succede, perch c il voto di fiducia e il dettaglio del vitalizio. Quei Greci avevano inventato lostracismo. Non era una sanzione penale, ma civile: si premuniva da chi sembrasse costituire un pericolo per Atene. Era un esilio provvisorio, e non confiscava i beni del bandito. Noi non ce labbiamo, ma qualcosa di simile avvenuto con le elezioni amministrative e poi, soprattutto, coi referendum. Non basta a far cadere il governo, ma basta e avanza a motivare un effettivo governo ombra e una dissociazione da un gioco parlamentare degradato. Lopposizione parlamentare forse troppo ipnotizzata, oltre che da un astratto senso di responsabilit, dalla suggestione del nome di Aventino, in un contesto che lo rende del tutto incomparabile. Si sente comunque il bisogno di qualcosa che somigli a uno sciopero alla rovescia, un governo alla rovescia. Chiedere le dimissioni, poi chiederle subito, poi chiederle ad horas, giusto, e le chiedono gli industriali e i vescovi e i coristi di montagna: ma le ore passano, e i giorni e i mesi. Chiedere la crescita va forte, finch quelli tagliano e basta, ma non sar granch quando si presenteranno con qualche foglietto di fregnacce da rilancio. Lopposizione, cui si deve spesso essere grati, forse tentata sotto sotto di lasciare che sia questo non-governo a cavare dal fuoco castagne che scottano troppo. Ma una forza politica che raddrizzi la deriva indecente di ricchezza e povert (anche la patrimoniale ormai slogan universale, bench, nella versione confindustriale, piccola, eh!) pu affrontare le sfide pi impegnative del passato pensioni e demografia comprese e del futuro. E restituire alla politica, in Italia e in Europa, i suoi diritti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRADO AUGIAS c.augias@repubblica.it

entile Augias, la seconda Sezione del Tar di Lecce ha pubblicato ieri la sentenza sul ricorso (n.1634/010) della prof. F. A. per la nomina a tempo indeterminato, quale docente di religione. F. A. era gi stata immessa in graduatoria nonostante lufficio scolastico della Regione glielo avesse negato: mancava lidoneit da parte del vescovo di Otranto. Perch il vescovo aveva detto no? Perch linteressata era stata madre nubile, anche se poi coniugata col rito civile ed anche religioso, dopo aver ottenuto lannullamento del primo matrimonio, proprio da un Tribunale ecclesiastico. Tutto bene dunque? No. Il Tar ha negato lassegnazione di posto perch il diritto allinclusione in graduatoria impedito da unanaloga idoneit che solo il vescovo pu rilasciare. In questi casi si tira in ballo Kafka: due matrimoni, due sentenze e due diocesi, alternativamente favorevoli e contrarie. Al fondo di tutto lincredibile stato giuridico dei docenti di religione della scuola pubblica che possono insegnare s ma a patto che siano abilitati da una autorit religiosa extrastatale. Ma le pare possibile?

G R

Giacomo Grippa Lecce - giacomogrippa2000@yahoo.it


isposta: s, mi pare possibile perch cos stabilisce il Concordato, un trattato che ha pochi elementi di reciprocit perch in realt obbliga una sola delle due parti. Gi Antonio Gramsci aveva individuato lucidamente questo aspetto: Un concordato non un comune trattato internazionale: nel concordato si verifica di fatto uninterferenza di sovranit in un solo territorio statale poich tutti gli articoli di un concordato si riferiscono ai cittadini di uno solo degli Stati contrattanti sui quali il potere di uno Stato estero giustifica e rivendica determinati diritti di giurisdizione. Il concordato dunque il riconoscimento esplicito di una doppia sovranit in uno stesso territorio statale. Noi ci troviamo esattamente in questa condizione di doppia sovranit: la Repubblica italiana e la Chiesa cattolica si sovrappongono su numerosi argomenti. Coincidenze particolarmente visibili per esempio nei matrimoni detti appunto concordatari, oppure nellinsegnamento della religione che, cos com organizzato, viola apertamente la Costituzione. Allarticolo 33 la Carta fondamentale detta: larte e la scienza sono libere e libero ne linsegnamento, mentre spetta allo Stato dettare le norme generali sullistruzione. Lora di religione sfugge al dettato della Costituzione poich in pratica diventa lestensione in ambito scolastico della catechesi di quella chiesa. Che poi alcuni insegnanti trasformino la loro ora in una lezione sulla spiritualit umana cosa che va certo a loro merito ma non elimina limpianto medievale di questo insegnamento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le difficolt economiche e le riserve di parmigiano


Felice Cipriani Bologna
QUESTE crisi vanno e vengono. LIrlanda, per esempio. Sei mesi fa era tra i quattro Paesi europei disperati sullorlo del default. Ora cresce e corre. Nel frattempo quelli che ci hanno rimesso le penne sono stati soprattutto i suoi purosangue, la maggior parte dei quali venduti alle macellerie di tutta Europa. Bisognava avvertire loro del triste destino che li aspettava piuttosto che i titolari dei conti in banca. Noi in Emilia non abbiamo cavalli, ma qualche tonnellata di parmigiano pare sia depositata nei caveau delle banche. Se proprio va male faremo a meno per sei mesi del cacio sui maccheroni.

mento dei saluti. Avevo letto della passione tutta italiana per il telefonino. Ora ne ho la prova.

Registriamo il marchio bunga bunga


Mario Poli m.poli@telenuovo.it
VISITANDO Amsterdam ho visto che nei sexy shop impazza la foto di Berlusconi che uscendo da una banana sbucciata inneggia al bunga bunga. Pare che per merito suo sia tornata in auge anche la figura del latin lover, andata in soffitta da molto tempo. Ieri stato il suo 75esimo

compleanno e finalmente si saputo il nome della sua famosa fidanzata ufficiale, una ventenne montenegrina. Lasciamo perdere tribunali e avvocati, tanto non se ne esce, cerchiamo di depositare il marchio bunga-bunga. questo il made in italy pi efficace per penetrare nei mercati d tutto il mondo.

Se la mutazione della Rai fa riscoprire la lettura


Paolo Croatto San Vito al Tagliamento (Pn)
CON i tagli della Rai e i conseguenti nuovi palinsesti, il mio tempo da

spettatore della tv pubblica andato via via assottigliandosi, costringendomi a trovare rifugio su di oscuri canali satellitari o streaming via Internet. Come se non bastasse, da circa tre settimane, esattamente durante la trasmissione del film documentario Silvio-Forever, scompare anche il segnale di La7, piacevole riscoperta di questi ultimi anni. Il problema sarebbe addebitabile a un nuovo ripetitore installato sulle coste croate. Una congiura internazionale. Ma credo di aver trovato la soluzione: in poltrona a leggere le news sul portatile o a sfogliare libri dimenticati, in attesa che arrivi il tecnico per lattivazione della pay tv.

LAMACA

MICHELE SERRA

Aumento dellIva e ritorno dei furbi


Biagio Tarasco Matera
ENTRO in un grande magazzino e i cartelli avvisano che, a causa dellaumento dell1% dellIva, alla cassa dovr pagare qualche centesimo in pi. Fin qui niente male. Ho paura per che si sia aperta una strada per arrotondamenti sui decimi non solo sui centesimi. Al mercato ortofrutticolo dove i cartelli fino allaltro giorno riportavano i prezzi tondi di 1 o 2 euro, gi sono stati soppiantati da quelli di 1,20 euro o 2,30 euro. Chiesto il motivo dellaumento, la risposta stata: lIva aumentata dell1%. L1% dellIva trasformato in 20% o gi di l. Il rischio che si torni a dare la colpa alleuro, come dopo il passaggio dalla lira, e non alla mancanza di controlli e al ritorno dei furbi.

Francesi e italiani divisi dal telefonino


Antonio De Stefano Brescia
ALCUNE settimane fa ho partecipato a una vacanza-avventura sullAppenino: luoghi bellissimi e fuori dal mondo, eppure, in molti casi raggiunti dal segnale di telefonia mobile. Il risultato che i miei compagni di viaggio, e io stesso, eravamo spesso al cellulare. Facevano per parte del gruppo anche quattro turisti francesi che non hanno mai messo mano al telefono, tanto da indurmi a pensare che non lavessero con s. In realt lo hanno riacceso alla fine della settimana di vacanza, al mo-

entinaia, migliaia di militanti leghisti si sentono traditi dai loro capi. Molto spesso si tratta (vedi la lettera al Corrieredel sindaco di Macherio) di persone per bene, che si sono buttate in politica per servire la loro comunit. un sollievo vederli reagire alla squallida agonia del governo di cui fanno parte. Non un sollievo, per, sapere che a metterli in allarme, prima di adesso, non sono bastati quel linguaggio da trivio, quegli slogan razzisti, quella violenza verbale, quel dito medio divenuto il misero scettro del capo. Non una questione di forma. Nessuna cosa davvero buona, davvero utile pu nascondersi dentro un involucro cos torbido e cos sciatto. Il pi onesto dei politici, il pi virtuoso dei programmi non pu usare a lungo parole volgari, battute infami, senza esserne intaccato, sporcato. Senza distruggere, per prima, la sua politica. Il linguaggio ben temperato e la cultura non sono vezzi da fichetti, come credono le camicie verdi (e come credevano gli squadristi). La cultura ci che d dignit al popolo, lo libera dalla sottomissione, lo trasforma in classe dirigente. facile, adesso che il vassallaggio di Bossi verso Berlusconi cos palese, sentirsi traditi. Peccato non essersi sentiti traditi prima, quando la rivoluzione leghista si annunciava, ancora in culla, con parole rasoterra, meschine, prive di nobilt. Senza nobilt (di intenzioni e di parole) la politica non pu che tradire.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Via Cristoforo Colombo, 90 00147 Roma Fax: 06/49822923 Internet: rubrica.lettere@repubblica.it

FONDATORE EUGENIO SCALFARI DIREZIONE Ezio Mauro direttore responsabile vicedirettori Gregorio Botta, Dario Cresto-Dina, Massimo Giannini, Angelo Rinaldi (art director) caporedattore centrale Fabio Bogo, caporedattore vicario Massimo Vincenzi, caporedattore internet Giuseppe Smorto GRUPPO EDITORIALE LESPRESSO Spa Consiglio di amministrazione Presidente: Carlo De Benedetti Amministratore delegato: Monica Mondardini Consiglieri Agar Brugiavini, Rodolfo De Benedetti, Giorgio Di Giorgio, Francesco Dini, Sergio Erede, Mario Greco, Maurizio Martinetti, Tiziano Onesti, Luca Paravicini Crespi Direttori centrali Alessandro Alacevich (Amministrazione e Finanza), Pierangelo Calegari (Produzione e Sistemi informativi), Stefano Mignanego (Relazioni esterne), Roberto Moro (Risorse umane), Divisione Stampa Nazionale - Via Cristoforo Colombo, 98 - 00147 Roma Direttore generale: Corrado Corradi
Certificato ADS n. 7037 del 21-12-2010
REDAZIONI Redazione centrale Roma 00147 - Via Cristoforo Colombo, 90 - tel. 06/49821 G Redazione Milano 20139 - Via Nervesa, 21 - tel. 02/480981 G Redazione Torino 10123 - Via Bruno Buozzi, 10 - tel. 011/5169611 G Redazione Bologna 40125 - Via Santo Stefano, 57 - tel. 051/6580111 G Redazione Firenze 50121 - Via Alfonso Lamarmora, 45 - tel. 055/506871 G Redazione Napoli 80121 - Riviera di Chiaia, 215 - tel. 081/498111 G Redazione Genova 16121 - Via XX Settembre, 41 - tel. 010/57421 G Redazione Palermo 90139 - Via Principe di Belmonte, 103/c - tel. 091/7434911 G Redazione Bari 70122 - Corso Vittorio Emanuele II, 52 - tel. 080/5279111. PUBBLICIT A. Manzoni & C. - Via Nervesa, 21 - 20139 Milano TIPOGRAFIA Rotocolor SpA - 00147 Roma, Via Cristoforo Colombo, 90 STAMPA - Edizioni teletrasmesse: G Bari Dedalo Litostampa srl - Via Saverio Milella, 2 G Catania ETIS 2000 Spa - Zona Industriale VIII strada G Livorno Finegil Editoriale - Via dellArtigianato G Mantova Finegil Editoriale presso Citem Soc. Coop. arl - Via G. F. Lucchini G Paderno Dugnano (MI) Rotocolor SpA - Via Nazario Sauro, 15 G Padova Finegil Editoriale - Viale della Navigazione Interna, 40 G Roma Rotocolor SpA - Via del Casal Cavallari, 186/192 G Salerno Arti Grafiche Boccia SpA Via Tiberio Claudio Felice, 7 G Sassari La Nuova Sardegna SpA - Zona Industriale Predda Niedda Nord Strada n. 30 s.n.c. G Gosselies (Belgio) Europrinter S.A. - Avenue Jean Mermoz G Toronto (Canada) Newsweb Printing Corporation, 105 Wingold Av. G Norwood (New Jersey) 07648-1318 Usa - Gruppo Editoriale Oggi Inc., 475 Walnut Street G Malta Miller Newsprint Limited - Miller House, Airport Way - Tarxien Road - Luqa LQA 1814 G Cipro Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 206 Yiannou Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia, Cyprus ABBONAMENTI Italia (c.c.p. n. 11200003 - Roma): anno (cons. decen. posta) Euro 403,00 (sette numeri), Euro 357,00 (sei numeri), Euro 279,00 (cinque numeri). Tel. 199 787 278 (0864.256266 da telefoni pubblici o cellulari). E-mail: abbonamenti@repubblica.it Arretrati e servizio clienti: www.servizioclienti.repubblica.it, e-mail: servizioclienti@repubblica.it, tel. 199 787 278 (0864.256266 da telefoni pubblici o cellulari) gli orari sono 9-18 dal luned al venerd, il costo massimo della telefonata da rete fissa di 14,26 cent. al minuto + 6,19 cent. di Euro alla risposta, IVA inclusa.

RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DATI (D. LGS. 30-6-2003 N. 196): EZIO MAURO REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N. 16064 DEL 13-10-1975

La tiratura de la Repubblica di gioved 29 settembre 2011 stata di 532.445 copie

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.slowfood.it www.la7.it

I 41

NON TRUCCATE IL VINO CON IL SUPER-MOSTO


CARLO PETRINI
(segue dalla prima pagina) tutto ci si avverato. Il motivo fin troppo semplice: se la remunerazione di chi ogni giorno va nei campi troppo bassa, a lungo andare i contadini abbandonano il proprio lavoro. Il grido dallarme che lanciammo non riguardava tanto il prezzo del vino che alla fine avrebbero pagato i consumatori, ma il fatto che il fiore allocchiello della nostra agricoltura potesse non pi produrre valore come in passato. Complice una vendemmia meno abbondante e soprattutto gli incentivi allespianto di vigne da parte dellUnione europea, questanno ci troviamo con 10 milioni di ettolitri in meno nelle cantine. Un dramma? Per nulla. Finalmente, come ha detto bene il produttore Angelo Gaja in una lettera aperta: Il vino non ci esce pi dalle orecchie e i vigneron non sono pi obbligati a svendere il loro prodotto. Sicuramente una buona notizia, perch si passer da una gestione costantemente con lacqua alla gola e con la paura di dover a ogni costo smaltire il surplus a unaltra in cui si pu programmare con intelligenza e con seriet la promozione del proprio vino. La scarsa produzione, in questo senso, pu essere unopportunit favorevole. La battaglia se la vogliamo chiamare cos con la Francia non si deve fare sulle quantit, ma sul valore che ognuna delle due economie riesce a sviluppare. Ebbene, noi producevamo di pi ma raccoglievamo un terzo dei soldi rispetto ai cugini transalpini. La sfida quella di riuscire a far conoscere i nostri vini, oltre a fare una buona promozione e a portare a casa qualche incasso in pi. Questo il lato felice della medaglia, ma purtroppo dallaltra parte notiamo come si siano messe in moto le pi potenti lobby dei commercianti e degli industriali del vino, i cui intenti rischiano di mandare a monte sia gli sforzi dei viticoltori, sia quelli dellUnione europea. Alcuni giorni fa quasi tutte le Regioni italiane hanno deciso, in sordina, di autorizzare luso del mosto concentrato per aumentare il grado alcolico dei vini. Questo al normale cittadino dice poco o nulla. Cerchiamo quindi di spiegarlo con molta semplicit: in Italia se la stagione non stata calda e ricca di sole c la possibilit di rendere i vini pi corposi utilizzando un po di questo mosto concentrato (nientaltro che succo duva condensato), a differenza dei Paesi nordici che possono ricorrere allo zucchero. Diciamo che per unannata come il 2002, molto piovosa e fredda, questa pratica, anche se non molto rispettosa delle stagioni, pu aiutare i vignaioli a produrre un vino decente e commerciabile. Le cose non quadrano pi quando la stessa richiesta viene fatta dopo unestate africana come quella che abbiamo appena avuto. Gli ultimi 20 giorni di agosto e le prime due settimane di settembre hanno determinato un anticipo di vendemmia di almeno 15 giorni. Luva, durante quei giorni infernali, quasi appassita raggiungendo un grado zuccherino, e quindi alcolico, da primato. Ora la domanda sorge spontanea, perch le Regioni, sotto la pressione di associazioni di categoria e altre lobby, hanno sentito il bisogno di ricorrere al mosto concentrato? Una possibile risposta la paventa Angelo Gaja: Non vorrei che la diminuzione degli ettolitri, riscontrata con la vendemmia 2011, avesse preso in contropiede alcuni industriali che con questo famoso mosto concentrato si preparano a ripianare le quantit mancanti di prodotto che la natura non ha provveduto a fornire. Vini creati ad hoc. La mia paura che alla fine a perderci saranno come sempre i piccoli produttori che non ricorrono a queste scorciatoie e che subiranno la concorrenza sul mercato di una bella quantit di vino che sbuca da chiss dove.... Quella del mosto concentrato rientra nelle possibilit assurde che ormai la politica e la legislazione concede allindustria alimentare: pensiamo allo yogurt senza latte e allaranciata senza arance. Con questandazzo alla fine si arriva al vino senza le uve di qualit. Un rischio che non va sottovalutato, perch i fantasmi della sofisticazione possono tornare sotto una diversa forma rispetto al passato. Alla voce di Gaja si aggiunge quella di Costantino Charrre, presidente dei Vignaioli Indipendenti (Fivi): La richiesta di contributi allUnione europea per finanziare il ricorso alluso di mosto concentrato una pratica che speravamo potesse essere abbandonata. Da misura straordinaria si trasformata in malcostume. Il caldo eccezionale dellestate 2011 ha arricchito cos tanto le uve di zucchero che lincremento dellalcol non pu che nascondere qualcosa sotto. La prima la possibilit di creare artificiosamente del vino, utilizzando metodi poco puliti e lontani dal processo naturale di trasformazione delluva. La seconda quella di poter sfruttare questi aiuti europei al fine di arricchire commercianti e industriali a discapito dei poveri contribuenti che si trovano a sostenere un tipo di enologia fraudolenta e assistenzialista. Tra laltro lItalia pare che abbia richiesto la proroga della sovvenzione del mosto concentrato ancora per tre anni (doveva scadere nel 2011). Noi vignaioli siamo convinti che quel denaro potrebbe essere destinato ad altro. A questo punto cosa auspicabile? Per prima cosa che gli aiuti di Stato alluso di mosto concentrato finiscano, perch sono pratiche che non hanno ragione di esistere, soprattutto perch le temperature sempre pi alte durante lestate ci permettono tranquillamente di raggiungere le gradazioni alcoliche necessarie, a volte addirittura eccessive. In questo momento il nostro problema, se proprio si volessero manipolare i prodotti della terra, sarebbe quello di de-alcolizzare il vino e non di arricchirlo ulteriormente. In secondo luogo, bisogna dire che chi ha comprato grandi quantit di mosto concentrato andr controllato con grande cura, per evitare possibili fenomeni di sofisticazione. Infine, al termine della vendemmia ci piacerebbe conoscere lammontare del contributo concesso da Bruxelles allItalia per il mosto concentrato. In modo da avere idea del volume prodotto e da qui ricavare, seppure con un calcolo approssimativo, i milioni di ettolitri di vino probabilmente falso che sar entrato in commercio a vanificare gli sforzi di contenimento delle rese in vigna e mettendo a repentaglio luscita dalla crisi di un settore di primaria importanza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL PESCIVENDOLO DI PANAMA
FRANCESCO MERLO
(segue dalla prima pagina) d gi partito sulla stampa di casa Berlusconi il tam tam dellelogio del mascalzone. Lavitola lidolo nascente della bricconeria come stile di vita, molto pi del vecchio Briatore, il nuovo Jean Paul Belmondo della patacca, la simpatica canaglia, il bravo ragazzo per male e non solo perch ha saputo tenere testa ai cronisti giudiziari con la sua aria da impunito, la cartellina verde e i dettagli di scena preparati con lavvocato. Ma ci si pu estasiare per la normalit con cui Lavitola affronta temi come la latitanza a Panama, lorigine e il destino di tutti quei soldi chiamati foto, il codice malavitoso adottato con Berlusconi, le accuse di avere pagato Tarantini perch mentisse ai giudici? In realt Lavitola, con la sua allegria e la sua disinvoltura sfrontate, ribadisce la trionfante normalit italiana: la normalit di convivere con le deiezioni, la normalit della monnezza, la normalit della festa del boss per le strade di Napoli Rendere normale il delitto un altro delitto, ed definitivo perch, dopo il delitto, lonest diventa noiosa. Davvero sono normali la satiriasi del vecchio potente e la prostituzione pagata con pezzi di Stato? Davvero normale Lavitola? Ma lei che mestiere fa? gli ha chiesto Carlo Bonini e, detto fatto, il pescivendolo ha risposto, e subito si messo a magnificare la sua merce: un foglietto illeggibile ma vivo come le sogliole e i crostacei, un tabulato telefonico incomprensibile ma sostanzioso come il salmone e il baccal. Vaghezza e imprecisione sono le risorse della tv e delle fiere, e sono i vecchi trucchi berlusconiani come il contratto con gli italiani nella pescheria di Vespa. Agitando davanti alla telecamera una carta qualsiasi si arriva alla gag irresistibile della prova inconfutabile che scagiona perch non c: Vedete dice, ma non si vede nulla in quel giorno e a quellora ho fatto la telefonata che raccontava tutta la verit. Si sa che c una grande sintonia tra furbizia e stupidit, si sa che si ingravidano a vicenda. Dunque il telespettatore berlusconiano cade nella botola del luogo comune antigiustizialista quando Lavitola chiede: Perch i magistrati non hanno esibito la telefonata-prova della mia innocenza?. E nessuno ride: la prova che non c in tv un falso s, ma autentico. come lattore che si sazia mangiando da un piatto vuoto. La sola cosa che si capisce che Lavitola ha in mano Berlusconi e crede di potere imbrogliare il mondo perch imbroglia lui, sa di essere migliore di lui e sa anche che lui il suo salvacondotto, in suo nome intorta capi di Stato, ministri, manager pubblici e certo devono essere andati in solluchero, che so?, Verdini e Previti, dinanzi a quella faccia da schiaffi che sembra levoluzione ammorbidita delle loro facce, riedizione incanaglita del Superbone, vecchio fumetto del Monello: Io non sono scemo ripete Lavitola proprio come ripeteva quello. E ancora: Berlusconi tutto tranne che scemo. Di Tarantini invece: un poco fesso. Passare per scemo la sua ossessione e per grazia fisiognomica ha le sopracciglia unite dellintelligenza istintiva. C stata, nellItalia dei diavoli, la faccia tormentata di Bruno Contrada, ad esprimere la complessit del Paese. Ora c la faccia rotonda e primitiva di Lavitola che non rivela n rimorsi n rimproveri, la faccia paffuta che sta per diventare la nuova bandiera degli spavaldi ribaldi e ricchi del berlusconismo, quelli che gli scemi siamo noi. Lo scemo Libero Grassi e non Brunetta, lo scemo don Milani e non la Gelmini, lo scemo il contribuente e non levasore, lo scemo il drogato e non lo spacciatore, lo scemo il pesce e non il pescivendolo. questo il mondo sottosopra di Lavitola. Elogiarlo non allegria e non goliardia ma solo una versione da mezzacalzetta del maledettismo, della trasgressione e del dannunzianesimo politico. E forse hanno esagerato i colleghi a contrapporre cavilli a cavilli: il famoso formalismo giudiziario tanto utile ai pm per incastrare quanto agli avvocati per imbrogliare e scagionare. Insomma la tecnicalit e i dettagli giudiziari hanno reso noiosa e lunga lintervista al latitante che voleva ovviamente far conoscere la sua strategia difensiva. Solo i dettagli antropologici hanno, al contrario, reso sapido il programma di Mentana: Mi sono iscritto alla massoneria racconta perch avevo letto la storia dei Rosa Croce e qui non resiste al richiamo del pescivendolo e io leggo moltissimo dice. E si capisce che questo il pesce avariato che usa con i Tarantini. Nessun lettore di libri dice di leggere molto, un tic di copertura, lo stesso di Minzolini che li esibisce dietro le spalle quando recita leditoriale del Tg1. E ancora: Nella loggia mi diedero il ruolo di apprendista, ma dovevo star zitto e io invece sono un chiacchierone di natura, e qui si intuisce che ha provato ad intortare pure la massoneria. E infine c un comprensibile messaggio alla propria famiglia che per anche un rimprovero a Berlusconi: Io non centro nulla con le feste, non sono mai stato invitato. Marca la differenza, Lavitola. Non uomo da patonza. Ha la fama non dello sciupa femmine ma del castiga femmine, quello che seduce la donna del nemico o del grullo che ha sotto tutela. E ha una sua morale, Lavitola. un commerciante allantica, non ama le spese false che riducono il guadagno. Nel berlusconismo cattolico che ammorba laria Lavitola un magliaro s, ma calvinista.
RIPRODUZIONE RISERVATA

visit

VENERD 30 SETTEMBRE 2011

Gli spettacoli

Lo sport

Il debutto pop di Giops da X Factor a De Andr


LUIGI BOLOGNINI

Parla Allegri Voglio un Milan che corra e dia spettacolo


ENRICO CURR

I 43

Ha quasi 81 anni ed ancora in isolamento. Ora Tot Riina racconta ai magistrati le sue verit sulla mafia, dallomicidio Borsellino al bacio con Andreotti

ATTILIO BOLZONI
i si fa vecchio e pi se la tira. Con tutti i suoi segreti e con la smisurata considerazione che ha di se stesso, pensa che sta diventando un bene sempre pi prezioso. A novembre, di anni ne far ottantuno. Nonostante i malanni dellet due infarti, lipertrofia prostatica, una cirrosi da epatite C e il perenne isolamento, a sentirlo parlare sembra quello che era prima. Un capo. Forse il tempo non passa mai per lo zio Tot. Vive fuori dal mondo e si sente al centro del mondo. sepolto dal 1993 in un buco (una cella lunga tre metri e larga centottanta centimetri), si mostra duro e puro per sotto sotto nasconde qualche fragi-

lit. Cedimenti mai, non il tipo. Solo piccole debolezze. sempre lui ma da quello che leggerete si pu capire che un po gli si sciolta la lingua. Dopo unesistenza di ostinato silenzio Salvatore Riina concede e si concede. Allude, ammicca, annuncia, nega, conferma, rettifica, pontifica su tutto e tutti. Difficile supporre che si tratti di strategia difensiva con i tredici ergastoli che ha da scontare, pi probabile che voglia levarsi qualche sassolino dalla scarpa. E mandare messaggi ad amici e nemici. Dalle sue parole racchiuse in due verbali di interrogatorio top secret dei magistrati di Caltanissetta di cui pubblichiamo ampi stralci affiora un autoritratto inedito del boss di Corleone. SEGUE NELLE PAGINE SUCCESSIVE

OGGI SU REPUBBLICA.IT
Persone Il video

Demi e Ashton cronaca 2.0 di un divorzio


Libri

Cetto esiste e fa il sindaco in Sicilia

ilRagazzini
Usalo come vuoi.
DIZIONARI ZANICHELLI per tutte le lingue disponibili anche in edizioni minori

VENERD

NATALIA ASPESI

LO STILE ESCORT NON SFILA PI


l terrore degli stilisti, alle recenti sfilate milanesi, era quello di proporre, come del resto in passato capitato, modelle e abiti tipo escort. Quindi si sono viste poche ragazze coi lunghi capelli biondi, rarissimi abitini neri da serate eleganti, contingentate anche le indossatrici provenienti da Bulgaria e Montenegro, paesi fornitori di fidanzate istituzionali. Gi in maggio Vogue Italia aveva trovato la soluzione: per un servizio fotografico di Steven Meisel scegliendo una ragazza marocchina, bruna e di pelle scura, in pi orgogliosa di essere musulmana, quindi senza alcuna intenzione, come Ruby, di farsi cattolica. Sahli vive a Rabat e ha sfilato per la prima volta a New York nel 2008 per Philosophy. Viene invece da Tunisi unaltra modella musulmana, lelegantissima Ben Abdesslem: nessuna delle due porta ovviamente il velo, ma tutte e due rifiutano abiti immodesti. Si sentono un esempio di libert per le donne arabe.

Parla Simoni I segreti di un bestseller


Tecno Immagini iPad

Multitouch: la parola di tutti


Interattivit

Alfred, luomo che voleva essere pinguino

VIVERLA TUTTA, COME CONVIVERE CON LA MALATTIA

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO:AGENZIA LUZ

di un boss

Autobiografia

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

LINCHIESTA R2CRONACA
A novembre far 81 anni e a sentirlo sembra ancora quello di una volta Vive fuori dal mondo e si sente al centro del mondo. Dal 1993 rinchiuso in una cella lunga tre metri e larga centottanta centimetri. Dopo unesistenza di ostinato silenzio e tredici ergastoli da scontare per crimini efferati, ha deciso di rispondere ai giudici Probabilmente per mandare dei messaggi ad amici e nemici. Dalle sue parole, racchiuse in due verbali di interrogatorio top secret dei magistrati di Caltanissetta, di cui pubblichiamo ampi stralci, affiora un autoritratto inedito del boss di Corleone
(segue dalla copertina) su 24 - e naturalmente di s: Aio 80 anni e si hanno una volta sola. A 80 anni c morte. Gli anni sono gli anni. Per come vedete non sono proprio abbattuto... penso che tirer ancora un altro po. Il pensiero di quello che ancora oggi viene indicato come il capo dei capi della Cosa Nostra siciliana dentro un centinaio di pagine (settantatr nellinterrogatorio del 24 luglio 2009 e trentatr nellinterrogatorio del 1 luglio 2010) che di fatto se si esclude un breve e brusco incontro del 22 aprile 1996 fra lui e il procuratore di Firenze Pier Luigi Vigna rappresentano le uniche testimonianze ufficiali di Tot Riina dal giorno del suo arresto avvenuto nel gennaio del 1993. Linterrogatorio del luglio 2009 lha voluto proprio lui, quando ha chiesto di presentarsi davanti al procuratore capo Sergio Lari per fare dichiarazioni spontanee. Insomma, dopo tanto tempo abbiamo scoperto che lo zio Tot non muto. TOT PARLA DI SE STESSO Io sono stato dichiarato dal direttore del carcere un detenuto modello. Se lei mi dice che cosa vuol dire detenuto modello io glielo dico: io sono uno che mi faccio i fatti miei, non so niente di nessuno. Lei mi vede e dice: Ma com che Salvatore Riina cos sereno, cos tranquillo? Perch io sono al di fuori del mondo. Io non vivo sulla terra, io vivo sulla luna. Io se faccio parte di Cosa Nostra o se sono il capo dei capi o il sotto capo dei sotto capi, non sono tenuto a dirlo n a lei n a nessuno. Tengo a precisare pure di non mi fare questa domanda, perch io sono per i fatti miei e voialtri siete per i fatti vostri. Lei fa il procuratore di Caltanissetta e io sono Salvatore Riina da Corleone. Se io avrebbi conosciuto a uno delle servizi segretideviati o ansirtati (letteralmente centrati, in questo caso regolari, ndr) io non mi chiamerebbe Salvatore Riina perch facissi parte a questa pentita, a questi signori e a questa deviata, a questo Ciancimino, a questo Spatuzza...fusse(sarei) una persona uguale a iddri (loro) se io avissi iunciuto(mi fossi accompagnato) a uno di questi o conosciuto uno di questi, io sarebbi una persona uguale a questi. No, questo non Salvatore Riina. Dovete sapere chi Salvatore Riina. Salvatore Riina escluso da tutti questi servizi perch non ce lha nel-

I 44

ATTILIO BOLZONI
on Tot Riina che racconta Tot Riina chiacchierando di stragi e di pubblici ministeri, di vecchi compari, di paesani suoi, di generali, spie, di senatori e di pentiti. Colloqui e sproloqui di alta mafiosit. Nel suo stile e in un molto approssimativo italiano, a modo suo Salvatore Riina si confessa per la prima volta. Ce lha con quel furbacchione di Mas-

Cos parl
Tot
SU RE-LE INCHIESTE
Su Re-Le inchieste possibile leggere linchiesta completa sulle parole di Tot Riina con i servizi di Attilio Bolzoni su Repubblica e Lirio Abbate su LEspresso e i verbali integrali. E inoltre: le parole del boss lette dallattore Marco Gambino e spiegate dai giornalisti e approfondimenti video

Riina
simo Ciancimino che vi usa per recuperare i soldi perduti di suo padre. risentito con il procuratore Gian Carlo Caselli che non mi ha mai chiesto se ho baciato o no Andreotti. Ricorda Paolo Borsellino ed esorta ad indagare sulla scomparsa della sua agenda rossa. Ironizza su un Bernardo Provenzano troppo scrittore per quella mania dei pizzini ritrovati nei covi di mezza Sicilia. Chiede conto e ragione della chiaroveggenza dellallora ministro degli Interni Nicola Mancino sulla sua cattura. E poi parla e straparla. Di trattative e papelli, di traditori veri e presunti, della tiratura morale di Luciano Violante, della sua condizione carceraria - Non mi pozzo fare neanche un bid pei telecamere 24 ore

la testa, nella mente e nel fisico...Riina Salvatore Riina Salvatore da Corleone, paese agricolo di campagna sperduto e lasciato l. LUCCISIONE DI BORSELLINO Visto considerato che questo Spatuzza e altri pentiti parlano.. allora ci dissi allavvocato: si vuole interessare di tutti questi miei casi nuovi e vedere come stanno i fatti e che c di vero di questi papelli, di queste mie cose scritte, di queste mie con lo Stato? Ma volete cercare? Ma volete trovare? Volete vedere? Se dice la verit questa signora (Rita Borsellino, ndr) che lagenda era l, cio che lagenda ce lhanno preso, che aveva tutte cose scritte, tutti gli appunti di dove andava,

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.interno.it/dip_ps/dia/ www.repubblica.it

I 45

Un detenuto modello

Sono uno che mi faccio i fatti miei. Sono al di fuori del mondo. Se sono il capo dei capi non sono tenuto a dirlo

La vita in isolamento

Faccio 17 anni che sono in isolamento, telecamere nelle stanze, non mi pozzo fare neanche la doccia

Alloscuro delle trattative

Ciancimino e Spatuzza vi usano per i mezzi propri. Io di queste trattative sono caduto dalle nuvole

tanto lui e tanto Spatuzza, vi usano per i mezzi propri... Io di queste trattative sono caduto dalle nuvole..non deve prendere le mie parole per oro colato, per io di tutti questi fatti sono oscuro..loro facevano trattative con Lo Donno (il capitano del Ros Giuseppe De Donno, ndr) con Mori (il generale Mario Mori, ndr) con altri..io sono stato arrestato da Mori e sono qua. E da quel giorno che sono qua carcerato. Io la voglio aiutare, ma posso dire le cose che.non li conosco a questi, io sono stato oggetto della trattativa, hanno cercato di speculare tutti su di me. Io non ho mai parlato con Giovanni Brusca di trattative e del ministro Mancino..Bugiardo, bugiardo fino a sopra i capelli Brusca. Lui ha sempre cercato di farsi i fatti suoi, di non volersi fare galera, c riuscitoMa diciamo vero?Brusca ha detto che volevo qualcuno dellopposizione per la trattativa e che poteva essere Luciano Violante. Violante era un giudice che per me, per me, Riina Salvatore, era un giudice tedesco, io non voglio descrivere lei che pure magistrato ma deve sapere che (Violante ndr) di una tiratura morale, Violante, da non ci credere. E mi fermo l, mi fermo l. LA LATITANZA E LA CATTURA Per grazie a Dio e per la mia abitudine io potei fare 24 anni il latitante solo per..un latitante pu durare un anno, due anni..non pu fare ventiquattro anni il latitante..io fici ventiquattro anni di latitante, mi fici una famiglia, mi sposai cos..perch facevo il solitario per i fatti miei..io ero un solitario, io sono un solitario. Glielo pozzo giurare davanti a Dio e davanti ai figli, Provenzano non lo sapeva dove abitavo io e non mi poteva fare arrestare perch non lo sapeva dove mi nascondevo e non lo sapeva manco Cianciminoccu ci lavia addiri (chi

Sono un solitario

Io fici24 anni di latitante, mi fici una famiglia... Provenzano non lo sapeva dove abitavo, lunica colpa che ha che troppo scrittore... Ma io sono stato venduto

naio del 1993, ndr)disse: Fra 5-6 giorni larrestiamo Riina e lo mettiamo in carcere.. perci, quindi, 6 giorni prima sapevano che mi dovevano arrestare e lo sapeva Mancino e qualcun altro che non so chi . Provenzano? Non lo so Provenzano io lo conosco come corleonese perch corleonese, per io non ho niente da dire, mai. Io sono sempre stato per i fatti miei, stu Provenzano non lo so. Se vogliamo dire una bugiase io facevo un passo Provenzano non lo sapeva. Lunica colpa che ha Provenzano quella che troppo scrittore. Io sono stato venduto, per non posso dire che stato Vito Ciancimino, non lo so. Per non stato quello Di Maggio. Mi si dice Di Maggio (Balduccio Di Maggio, lex autista di Riina indicato dagli ufficiali del Ros come luomo che li ha portati alla villa di via Bernini dove il capo dei capi aveva il suo rifugio ndr) ma non stato Di Maggio. IL BACIO FRA LUI E ANDREOTTI Io non mi sono mai incontrato con stu Andreotti. La prego di capirmi, signor procuratore. Non mi ha chiamato mai manco Caselli, ma a lei ci sembra giusto signor procuratore..non mi chiama per dirmi: Ma Riina, ma ti sei incontrato cc Andreotti? Lhai visto Andreotti? Lhai baciato Andreotti? Mai interrogato. Mai citato. Signor procuratore, questo se lo vuole scrivere? Che poi sar sicuramente copiato e registrato. E quindi storia. Mai interrogato. Io solo dovevo dire s o no. Per non mi si mai domandato. Si fatto un processo, si fatto un appello, si fatto tuttonon esiste. Mi dicisse una cosa, nella magistratura, nella legge giusto di non essere..non essere interrogato una volta..una voltaio glielo sto dicendo perch importante. Una volta per dire: ma ti sei incontrato con questo? Mai. Vidisse, vidisse (veda) che un procuratore non pu fare questo abuso di potere, questa una cosa che non giusto, lei signor procuratore lammiro, laccetto, questa mattina stato brillante, per non si fanno queste cose. Ma Andreotti si baciava con me? Ma che era, lo scemo dItalia?. I CONTATTI CON I SERVIZI SEGRETI Non ho mai sentito parlare dellesistenza del signor Franco o del signor Carlo ( il misterioso personaggio che secondo Massimo Ciancimino avrebbe fatto da mediatore fra Cosa Nostra e i servizi segreti al tempo delle stragi, ndr) io glielho detto: mi chiamo RiinaRiinaquesto Riina accetta Riina per quello che ..se poi altri che labbiamo fatto..ma io... Se poi spunta mio fratello e potrebbe aprire queste cose io non lo so..io parlo per me. Io sono al di fuori di queste riconoscenze, io nella mia vita non ho mai trattato con gente che potessero essere al di fuori di pensarla come me..se trattavo con una persona la doveva pensare come me dritta per dritta, perch sono una specie di acqua e sapone fatto: me patri e me madri quando mi ficiru mi ficiru accuss (mio padre e mia padre quando mi hanno fatto mi hanno fatto cos). Signor procuratore, la prego una volta per sempre, cercate la verit, fate luce perch voi potete, potete trovare tante strade, tanto lavoro. Smettiamola con Riina a parafulmine, Riina e Tot Riina. Riina non niente. Riina 20 anni che sacrificato cc, io signor procuratore la prego mi lascino stare in pace, io aio 80 anni, sono malato, io sono un vecchio finito.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La verit da trovare

Cercate la verit, fate luce, perch potete trovare tante strade. Riina non niente. Mi lascino stare in pace, io aio 80 anni, sono malato, sono un vecchio finito
glielo doveva dire, ndr) possiamo scrivere tutti i libri che vogliamo ma ccu ci lavia addiria CianciminoC stato qualcuno che ha avuto interesse di vendermi e farmi arrestare..e quelle parole dette da Mancino (ministro degli Interni nel gen-

quello che faceva, scritti in quellagenda rossarossa, detto dalla signora Borsellino... Ma allora per qui (la strage Borsellino ndr) chi stato? Perch al Castel Utveggio (una costruzione sulla cima di Montepellegrino che guarda via DAmelio e dove le indagini ipotizzavano che ci fosse una base clandestina di 007 nei giorni delluccisione del procuratore, ndr) ci sono i servizi segreti quando scoppia la bomba di Borsellino? E allora qui come siamo combinati? Chi ha commesso questo omicidio di Borsellino? Chi sono queste...queste persone. Procuratore, mi sento preso in giro dalla mattina alla sera perch faccio 17 anni che sono in isolamento, sempre in isolamento, area riservata, telecamere nelle stanze, non lo so pi che cosa debbo fare e sono poi sempre io il capomafia, io che conta, io che ho la posta controllata, i telecameri nella stanza, nella saletta, nel bagno, non mi pozzo fare il bidet, non mi pozzo fare la doccia. E allora questo il momento per dirci: ma volete vedere questi incartamenti, dove io ho fatto ste trattative ccu stu Statu? Chi questo Stato che io fatto queste trattative? Ecco perch sono venuto alla scoperta e sono stato io al mio avvocato a dire: faccia una richiesta di essere sentiti. Quindi che cosa ho fatto di male, signor procuratore? Sti servizi segreti che cosa facevano? Che cosa hanno fatto? Io non conoscevo Borsellino, non ho mai avuto una contravvenzione fatta da Borsellino. Il PAPELLO E MASSIMO CIANCIMINO Non, non cosa mia, non ho scritto questo papello e non ne so parlare. Se c questo papello, ci deve essere anche la mia firma. Io non lo conosco Ciancimino, loro sono di Corleone ma non sono mai abitati a Corleone...Ciancimino se ne vuole andare sulla luna, vuole recuperare i soldi e vuole recuperare anche

voi altri per recuperare i soldi perduti di suo padre. Io gli d la risposta signor procuratore: lei dice che non la pozzoscrivere questa risposta ma io gliela d lo stesso. Come vede sacciu pure rispondere e rispondo. Questo...(Ciancimino ndr) e

Le tappe

Ora vale la pena cambiare.


Con Poltrona Frau sar pi comodo.
LA MAFIA
Dal 74 capo dei Corleonesi e scala i vertici di Cosa Nostra

LARRESTO
Dopo 25 anni di latitanza nel 1993 viene catturato

Dal 15 settembre al 19 novembre 2011, cambiate poltrona e divano. Venite a conoscere liniziativa dei Rivenditori Autorizzati Poltrona Frau.
LE CONDANNE
13 gli ergastoli inflitti al boss per i suoi reati

Lelenco completo su www.poltronafrau.com

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

LA STORIA IL PERSONAGGIO R2MONDO

I 46

PER SAPERNE DI PI www.presidencia.gob.bo www.la-razon.com

Unautostrada contestata infiamma la rabbia dei popoli della foresta Repressione violenta, Morales costretto a scusarsi. E la Bolivia nel caos
La scheda
INDIGENO
Eletto nel 2005, Evo Morales il primo presidente indigeno della Bolivia. Di etnia Aymara, promette di dare pi potere alla maggioranza indigena

COCALERO
Detto presidente cocalero per il suo passato di leader della associazione dei coltivatori di coca, nel 2009 viene rieletto con il 63% dei voti

SOCIALISTA
Morales stringe da subito stretti rapporti con gli altri due leader socialisti in America Latina: Castro a Cuba e Chvez in Venezuela

Evo, traditore della Terra vacilla licona degli indios


OMERO CIAI
hi avrebbe immaginato nella Bolivia di Evo il presidente indio, eletto e rieletto trionfalmente nel nome della difesa della Pachamama, la madre terra sacra degli aymara e dei quechua gli agenti della polizia che assaltano una marcia di protesta e pestano a sangue gli indios? E chi avrebbe immaginato intere comunit indigene in piazza per gridare fascista al presidente? Invece successo dopo che gli squadroni della polizia nazionale hanno attaccato un corteo, intere famiglie che protestavano contro il progetto di una autostrada. La violenza e la brutalit del pestaggio stato uno choc per tutto il paese. Evo, che fino a quel momento aveva rifiutato il dialogo con gli indios che protestavano accusandoli di essere agenti degli Stati Uniti, si dissociato dallazione della polizia e ha chiesto perdono ai fratelli indigeni. Nel governo il ministro della Difesa si dimesso in solidariet con i pestati, mentre il suo collega degli Interni stato costretto ad andarsene. La costruzione dellauto-

co Naturale contro quelli di Cochabamba. Cos Evo che nel 2006 era arrivato trionfalmente al potere avvolto nella whipala, la bandiera

degli indios; che aveva modificato la Costituzione per trasformare la Bolivia in uno stato multietnico riconoscendo ufficialmente 36 lingue e popolazioni indigene;

che aveva proclamato come primo obiettivo la difesa della madre terra dallavidit delle multinazionali; che aveva proclamato il diritto allautonomia e allauto-

governo di tutti i popoli e nazioni indigene allinterno del paese: si ritrovato ha fronteggiare il disamore dei suoi simili. Noi non gli crediamo pi, solo un

bugiardo, ha urlato in tv Justa Cabrera, leader indigena della foresta di Secur, mentre il presidente chiedeva perdono. Voglio dirvi che non ho mai autorizzato la repressione della marcia, stato un eccesso, un abuso commesso anche contro di me. Ma la credibilit se n andata, non gli hanno creduto. E mentre Morales annunciava lo stop ai lavori dellautostrada le centrali sindacali pi forti del paese lanciavano lo sciopero generale e migliaia di indios scendevano in piazza indignati e delusi. Il Parco Nazionale di Isoboro Secur un territorio ancestrale delle comunit Chiman, Yuracar e Moxos che si estende in una foresta di un milione di ettari ed abitato da 15 mila persone. Ha una grande importanza naturale per le sue lagune, per gli animali e la fauna. La costruzione dellautostrada, finanziata completamente da investimenti brasiliani, avrebbe leffetto di spaccare in due la foresta e di distruggerne una parte importante. Il solo annuncio che sarebbe stata costruita una via di comunicazione ha prodotto larrivo ai margini della foresta di centinaia di contadini poveri del Chapare che hanno

Il paese sembra tornato a dieci anni fa quando le rivolte cacciarono Sanchez de Losada accusato di svendere il paese alle multinazionali
strada stata bloccata e Morales ha promesso un referendum per decidere sul da farsi. Ma qualcosa si rotto. Consenso, fiducia, appoggio: Evo, rieletto due anni fa con il 63% dei voti, li ha persi nel breve volgere di unestate; e la Bolivia, tra scioperi e cortei, sembra tornata a dieci anni fa quando le rivolte degli indios cacciarono un presidente yankee e liberal, Sanchez de Losada, accusato di svendere il prezioso gas delle viscere della Pachamama alle multinazionali e alla California. Il retroscena di tutta la vicenda uno scontro tra comunit indios. Da una parte i contadini cocaleros dellarea di Cochabamba e del Chapare, il principale bacino elettorale di Morales. Dallaltra gli indigeni del Parco Nazionale Isoboro Secur. I primi, infatti, sarebbero i maggiori beneficiari dellautostrada che consentirebbe di unire una zona agricola che ha bisogno di investimenti e sviluppo con i mercati brasiliani. Gli altri, quelli della foresta, ne avrebbero fatto le spese. Fin qui il conflitto che, gestito malissimo da governo e presidente, esploso portando tutto il resto del paese a tifare per gli indigeni del Par-

Il retroscena uno scontro tra comunit: da una parte i contadini cocaleros dallaltra gli indigeni del Parco naturale
iniziato ad occupare terre e a disboscare. Ed questo quel che pi temono le comunit della foresta: che lautostrada diventi il veicolo per la distruzione del paradiso con migliaia di coloni che arrivano per distruggere gli alberi e seminare nuovi campi (magari di preziose foglie di coca). Ora Evo davanti al bivio: ai suoi cocaleros (il presidente boliviano nasce come leader sindacale dei coltivatori di foglie di coca del Chapare) ha promesso nuove terre e lautostrada mentre tutte le altre etnie si oppongono al progetto. La fine dellidillio, ha titolato El Pais ricordando come la forza originale di Morales era stata nel 2006 quella di unificare nella sua candidatura le aspirazioni di tutte le comunit indigene del paese. E di spezzare cos il dominio politico dei capitalisti bianchi delle pianure di Santa Cruz, la capitale economica della Bolivia, cos lontana e cos diversa da La Paz, arroccata ad oltre 4mila metri sulle Ande. Evo ha gi perso lappoggio di tre delle cinque comunit indios pi grandi ma adesso rischia di deludere anche i suoi elettori pi fedeli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

IL PERSONAGGIO R2CRONACA
Parla Rossana Podest, compagna dellalpinista Non eravamo sposati, mi hanno vietato di assisterlo

PER SAPERNE DI PI http://it.wikipedia.org/wiki/Walter_Bonatti www.repubblica.it

I 47

MICHELE SERRA DUBINO (Sondrio) anche qualche bigotto sadico che ha letto qualcosa su qualche giornale e le scrive per sgridarla: Di che cosa si lamenta, signora? Lei non era sposata. Non pretenda di avere diritti che non le competono. Ma nel giardino di Walter Bonatti e Rossana Podest, alle porte della Valtellina, nessuna asprezza, nessuna ottusit pu attecchire. In questa infinita coda di estate il vento caldo spande il profumo di uva fragola, le cince e i merli ingrassano previdentemente, i monti abbracciano lo sguardo. Il dolore di Rossana mite, sorridente, addolcito dal ricordo del suo grande uomo. Se siamo qui a parlare di come Walter se ne andato solo perch vorrei che non capitasse a altri. Vorrei che ci si pensasse prima che accada, e che si sapesse che pu accadere. Ci eravamo giurati, con Walter, una dolce morte, avevamo anche sottoscritto una carta davanti al notaio, impegnandoci reciprocamente a difendere laltro. Poi tutto accaduto troppo velocemente. Tutto precipitato. Avrei voluto che Walter morisse tra le mie braccia, magari guardando il cielo e il mare, nella nostra casa allArgentario dove abbiamo passato la nostra ultima estate. Invece morto solo, chiamandomi inutilmente, con me dietro una porta che riuscivo a entrare solo ogni tanto, e solo supplicando un medico che non conoscevo e non ci conosceva. E che di noi, leggendo qualche carta burocratica, aveva capito solo che non eravamo sposati. Rossana si sta ancora facendo carico, parecchi giorni dopo la morte del suo compagno inseparabile, di un commiato che ancora la turba e la ferisce, di un accudimento finale che non stato allaltezza di quanto avrebbe voluto, per il suo uomo, per se stessa. Non vuole fare nomi, n di ospedali n di medici. Non questo che le interessa. Non , questo, un caso eclatante di malasanit. una storia di quasi ordinaria approssimazione e insensibilit. Due vizi non capitali, prevedibili anche negli esseri umani in camice, ma insopportabili nelle ore nevralgiche che segnano la fine di una vita. Walter stava sempre peggio. Da una decina di giorni non camminava pi. La mia famiglia, i miei due figli, i nove nipoti, per i quali era un padre e un nonno, per tutta lestate lo avevano circondato di cure e di affetto. Io gli avevo nascosto la sua malattia, un cancro gi molto avanzato al pancreas, sapendo che era incurabile. Decisione dura, difficilissima, contrastata da tutti. Un uomo del genere aveva il diritto di sapere, e magari di decidere che doveva essere lui a finire la sua malattia prima che lei finisse lui. Ci eravamo promessi di dirci sempre la verit. Ma non me la sono sentita, non ce lho proprio fatta. Posso solo dire che ha potuto passare unestate quasi normale, lavorava, scriveva, a giugno faceva ancora il bagno. Aveva dolori tremendi, ma era sedato dai farmaci. Luned 12 settembre, di mattina, siamo partiti dallArgentario per Roma, stava molto male, respirava con difficolt, volevamo rico-

Le ultime ore di Bonatti derubato del mio amore


verarlo al Policlinico Gemelli, dove gli avevano fatto la diagnosi due mesi prima, avevano impostato le cure per togliergli il dolore, ci eravamo trovati benissimo. Ma quando siamo arrivati ci hanno detto che non cerano pi camere, solo posti in corsia. Non volevo lasciarlo solo, da trentanni viviamo appiccicati, il nostro era un rapporto simbiotico, viscerale, come potevo pensare di lasciarlo in corsia proprio adesso che si avvicinava la fine? Volevo una stanza tutta per lui per poterlo assistere. Nella fretta di trovarla ho fatto un errore fatale, siamo finiti in una clinica privata religiosa, molto lussuosa, tutta marmi e stucchi. Walter stava sempre peggio, respirava a fatica. Appena entrato il professore lo ha visitato, gli hanno fatto una lastra, aveva i polmoni pieni dacqua. Ha avuto un attacco di cuore, hanno detto che lo portavano in rianimazione. Si aperta una porta e si richiusa. Non era un reparto di rianimazione vero e proprio, non cerano le attrezzature per intubarlo, per aiutarlo davvero a respirare. Era una stanza dove cera solo Walter. Solo lui. Ma mi hanno detto che non potevo entrare. Unora, due ore di attesa, unangoscia infinita. Poi mi hanno chiamata: venga, la sta cercando. Entro, lo trovo sdraiato su un lettino che rantola, si dibatte, scalcia, chiede aiuto: non riusciva a respirare, non gli bastava la pic-

Nella foto, Walter Bonatti, morto il 13 settembre, con Rossana Podest

Qualcuno le ha anche scritto: Non pretenda di avere diritti che non le competono
cola maschera dossigeno a disposizione. Chiedo al medico di sedarlo, per carit, di levargli il dolore. Gli faccia la morfina! Non posso, mi risponde, ha la pressione troppo bassa, rischia di morire. Non lo sa, signora, che c una legge? Chi lei per violarla? Lo sa, questuomo, che lei lo vuole uccidere? E lei non neanche la moglie. Esca dalla rianimazione. La chiamer io quando sar il momento. Poi fa un sorriso assurdo: vedr, tra cinque giorni glielo restituisco sano e salvo. Capisco che non sa neanche che Walter un malato terminale. Sa qual il nostro stato civile. Ma non sa che Walter sta morendo di cancro. Comincia un lungo, penoso, inutile braccio di ferro, che dura qualche ora, troppe ore. Rossana, anche se non la moglie, vuole entrare, assistere il suo compagno, non vuole che se ne vada da solo. Telefona oltre quella porta, chiede che la lascino entrare. Quando entra, verso le sette di sera, vede che Walter ha lo sguardo vitreo e ha smesso di respirare, anche se il dottore, con un palloncino, cerca di soffiargli qualche residuo di fiato in corpo. Sono stata io a dirgli che era morto. Gli ho chiesto di levargli di bocca quel ridicolo palloncino. Si ricordano dei dettagli assurdi, sinistri. Pareva un film di Bunuel. Quel palloncino era rosa, sembrava un gioco dei bambini, il dottore un uomo grosso, calvo e abbronzato. Non so neanche il suo nome, non lo voglio sapere. Mi sento in colpa per non avere preparato in tempo la partenza di Walter, ci sono cronicari, anche in Italia, dove si pu morire circondati dai parenti, ho fatto qualche telefonata, negli ultimi giorni, ma non ho trovato niente. Mi hanno derubata delle ultime ore di Walter. Hanno derubato Walter di me, nelle sue ultime ore. Il profumo di uva fragola sempre pi forte. Il racconto crudo, doloroso di Rossana suona straniero in quel giardino e in quella casa dove tutto protettivo, fiorito, colorato, armonioso, ordinato. C disordine, nelle ultime ore di Walter, ed a quel disordine che ha voluto reagire Rossana Podest. Per morire in ordine (quando possibile, quando la morte non sia un bruto incidente, quando annunciata) ci vorrebbe una cultura delladdio che nel nostro Paese, probabilmente, manca pi che in altri. Una cultura che restituisca la morte a chi muore. I medici devono poter fare il loro mestiere, che a volte molto duro, a volte necessariamente spiccio. Ma non parte del loro mestiere giudicare gli affetti, separarli in ufficiali e ufficiosi, distinguere tra mogli (ce ne sono di molto distratte) e compagne (ce ne sono di straordinariamente innamorate). La morte non ha bisogno di guardiani, di giudici, di gendarmi. Ha bisogno esattamente come la vita di vicinanza e di amore. Credo che Rossana Podest volesse raccontare soprattutto questo. Nella sua casa di Dubino sta ancora aspettando, in queste ore, che liter burocratico della cremazione (pi complicato quando non sei la moglie) arrivi al suo termine, per portare le ceneri di Walter a Portovenere, a riposare nella tomba di famiglia dei Podest, tra la montagna e il mare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Non sua moglie

Il medico mi ha detto: Ma cosa vuole lei? Non neanche sua moglie. Esca dalla rianimazione

morto da solo

Volevo che Walter morisse tra le mie braccia. Se n andato da solo, chiamandomi inutilmente

Genova, 1-9 Ottobre 2011


Non accada ad altri

Ho deciso di parlare perch vorrei che quello che successo a noi non capitasse ad altri

iNautico

genoaboatshow.com

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

STILI DI VITA R2CRONACA

I 48

PER SAPERNE DI PI http://espresso.repubblica.it/food www.vinitaly.com

La nuova Guida dellEspresso 2012 promuove bottiglie di gran pregio che non costano pi di dieci euro Piemonte e Toscana le regioni pi selezionate ma in grande ascesa lAlto Adige con bianchi straordinari
I 15 produttori con tre stelle

Conterno Giacosa Giacomo Bruno


(Piemonte)

Rinaldi Giuseppe
(Piemonte)

(Piemonte)

IN EDICOLA
Gaja
(Piemonte)

Ca del Bosco
(Lombardia)

Terlano
(Alto Adige)

Vini, ecco gli outsider leccellenza non cara


MARCO TRABUCCO
uestanno fate gli snob. Lasciate per un attimo da parte i grandi vini laureati e andate alla scoperta degli outsider. Vigne e cantine italiane ne sono piene: partite dallAlto Adige con una Schiava, fermatevi sul lago di Garda per un Lugana, in Piemonte divertitevi con una Freisa vivace, con un Cerausolo in Abruzzo, un Vermenti-

Da oggi in libreria e in edicola I vini dItalia 2012, la Guida Vini dellEspresso

Ferrari
(Trentino)

Quintarelli Giuseppe
(Veneto)

Ama
(Toscana)

Ornellaia
(Toscana)

Poggio di Sotto
(Toscana)

San Guido Montevertine


(Toscana) (Toscana)

no di Gallura in Sardegna. Nessuno di loro costa pi di 10 euro. E tutti hanno votazioni ragguardevoli. La Guida I Vini dItalia dellEspresso 2012, da oggi in edicola e in libreria, di questi outsider, rappresentanti della straordinaria diversit del vino italiano, ne segnala una quarantina. Perch finalmente, nel 2011, come spiega Fabio Rizzari, curatore della Guida insieme ed Ernesto Gentili, oggi per bere vini di qualit non necessario spendere cifre eleva-

tissime. Tant vero che un terzo delle bottiglie che abbiamo premiato come eccellenti, costa 10 euro o meno, in cantina. Ho il massimo rispetto per chi fa grandi vini, pi costosi, ma per il consumatore la buona notizia che la qualit media si sta elevando in ogni fascia di prezzo. il vino al tempo della crisi, ma anche il punto di arrivo di un lungo percorso di crescita. Ventanni fa continua Rizzari cerano poche bottiglie di valore in Italia,

pochi stili di vinificazione, due o tre, poche varianti produttive. E cerano meno appassionati e meno lettori. Adesso gli stili sono una marea. C chi produce il biologico, chi il biodinamico, chi si affida al guru modernista. Proprio in questa fase una guida serve, aiuta a orientarsi in un ginepraio. Per lEspresso questanno sono stati assaggiati 22mila vini e 10mila sono stati quelli selezionati per un totale di 2.240 produttori. La nostra una guida laica sottolinea

Valentini
(Abruzzo)

Produzione di vino nel 2010


In Italia

44,8 45 34

milioni di ettolitri

In Francia

In Spagna

circa mila aziende vinicole in Italia

800

3,5 miliardi euro lanno


valore export

8 miliardi di euro

il giro daffari in Italia

sfiora i miliardi di euro lintero patrimonio della filiera vitivinicola milioni gli occupati riconducibili al vino, compresa la fase della distribuzione

50

1,2

Rizzari Noi abbiamo sempre cercato di non farci irretire dalle mode, prima quella dei vini strutturati, pieni di legno, adesso quella delle uve autoctone e dei vini naturali. Il buono ovunque. Tra i vini delleccellenza (cio oltre con un voto di 18/20esimi o pi) uno questanno ha raggiunto la perfezione: un rosso piemontese, il Barbaresco Asili 2006 di Roagna, con 20 ventesimi. Lo seguono, a 19,5, due rivelazioni valtellinesi, il Grumello Riserva Buon Consiglio 2001 e il Sassella Riserva Vigna Regina, tutti e due di AR. PE. PE, e poi tanti, ma davvero tanti vini con 19/20, bianchi, rossi e bollicine, distribuiti in ogni regione. In totale i vini eccellenti sono 225, sei in meno dello scorso anno. In testa il Piemonte con 46, seguito, come sempre, dalla Toscana (45), ma in grande crescita lAlto Adige (32) che vanta zone, come la Valle Isarco, con punte, nei bianchi, straordinarie. Ci sono giacimenti ancora inesplorati aggiunge Rizzari o solo in parte esplorati, come i nebbioli del Nord Piemonte, il Gattinara il Lessona, sempre pi eleganti, o la Malvasia di Bosa in Sardegna che gi negli Anni VentiTrenta era considerato il vini dolce pi raffinato dItalia. Insomma non si inventa nulla.

Lintervista

Luca Roagna, titolare della celebrata cantina I Paglieri di Barbaresco

Il segreto della nostra perfezione? Lasciar parlare le vigne, non le mode

RIPRODUZIONE RISERVATA

PRODUTTORE
Luca Roagna, titolare della cantina I Paglieri di Barbaresco

uca Roagna, con il padre Alfredo, lanima della cantina I Paglieri di Barbaresco, da cui viene il vino perfetto per la Guida dellEspresso, appunto il Barbaresco Asili 2006. Roagna la seconda volta che succede. Il segreto? Cerchiamo, nel limite del possibile, di non dare una nostra impronta ai vini. Il segreto assecondare ci che la vigna pu dare, lasciare parlare lei. Certo bisogna lavorare in terreni storici che hanno il potenziale per dare grandi vini. Tradizionalisti o rivoluzionari? Il nostro motto Roagna non cambia. Mio nonno diceva che le mode devono stare distanti dal vino. Come va il mercato? Si sta evolvendo, ci sono sempre pi persone attente alle piccole produzioni come le nostre. E sta aumentando la consapevolezza dei consumatori in Italia e a livello internazionale. Allestero c interesse per il vino italiano? Noi esportiamo il 90% della produzione. Nel Nord Europa, in Giappone, negli Usa, arriviamo persino nelle Filippine. Dietro la buona cucina italiana arrivano i nostri vini. (m.tra.)

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERDI 30 SETTEMBRE 2011

LA MODA R2CRONACA
Via alle sfilate di Parigi: la sfida Facchinetti-Pinko Le stampe notturne di van Noten, Balmain rock
I dettagli
MISS BIKINI LUXE
Giochi di intarsi per Miss Bikini Luxe, per una eleganza estroversa

PER SAPERNE DI PI http://seidimoda.repubblica.it/moda www.modeaparis.com

I 49

MIM
Anello coi cuori inno allamore

JACOB COHEN
Jeans di culto con dettagli preziosi per Jacob Cohen

FESTINA
Lorologio chic di Festina con un prezioso bracciale acciaio

Webcouture
Le griffe dei creativi subito in vendita online
il pubblico con prodotti di scarsa qualit, venduti online spiega Pietro Negra noi ci atteniamo a regole nuove e puntiamo su prodotti di alto livello, firmati dalla

DAL NOSTRO INVIATO LAURA ASNAGHI PARIGI a moda cambia e segue i ritmi di Internet. Perch aspettare mesi prima di poter acquistare in negozio una collezione? La risposta alle nuove esigenze di mercato la Web Couture, che si ordina su Internet e nel giro di 48 ore viene recapitata a domicilio. La Web Couture, lanciata ieri sera a Parigi, una creatura di Uniqueness, il marchio che unisce due nomi prestigiosi del made in Italy. Da un lato Alessandra Facchinetti, 39 anni, figlia di Roby dei Pooh e sorella di Francesco, stilista che ha lavorato con Prada ed stata la creativa di Gucci e Valentino. A far coppia con lei Pietro Negra, lindustriale di Pinko. Insieme hanno dato vita a Uniqueness, una collezione eccezionale: vedi un abito, ti piace, lo ordi-

Facchinetti. A Parigi ha preso il via la settimana della moda, con 80 sfilate e un calendario che tiene banco fino al 5 ottobre. Il primo defil sta-

to quello del belga Dries van Noten, con abiti che incorporano stampe di paesaggi notturni di citt come Londra, Las Vegas, Marsiglia e Beirut, tratti dalle foto

di James Reeve, uniti sapientemente a stampe di piante. Il tutto indossato su giacche da biker, con decori neri o bianchi che ricordano quelli opulenti dei toreri. Bal-

PIONIERISTICA
La stilista Alessandra Facchinetti. In alto due sue creazioni presentate alle sfilate di Parigi

main, come sempre, va a tutto rock. Lo stilista Christophe Decarnin uscito di scena e al suo posto c Olivier Rousteing, 26 anni, abilissimo nel creare un guardaroba da rock star, con giacche ispirate a quelle dei rodei, con intarsi di pelle oro e frange scintillanti. Gli orli sono inguinali e i pantaloni attillatissimi. Rochas, con lo stilista Marco Zanini, guarda al cinema e le sue eroine si rifanno alle atmosfere dei film di Hitchcock o di Tim Burton, con abiti anni 50, in maglia e lurex, gonne svasate e molto lusso allinsegna della raffinatezza. Delfina Delettrez crea i gioielli che cristallizzano, in cuori di resina, i pegni damore: una ciocca di capelli o un frammento di rubino che simula il sangue dellamato. Tra le novit: le forbici con il cigno contro le malelingue.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Rochas guarda alle eroine di Tim Burton: gonne svasate, maglia e lurex. Pegni damore nei gioielli di Delfina Delettrez
ni e lo indossi dopo sole 48 ore. Sono abiti no season, che vanno bene per tutte le stagioni, di alta qualit, vera couture online, spiega Alessandra Facchinetti. I prezzi? Accessibili: dai 90 euro fino a un massimo di 1.200 per le pellicce. Gli abiti, una ottantina da qui a fine anno, si possono ordinare su thecorner.com e sul sito di Uniqueness, dove la stilista suggerisce, insieme a Dj e, a breve, anche con suo fratello, quale musica ascoltare e quali immagini guardare. Dar anche suggerimenti su come indossare i miei abiti spiega Alessandra Facchinetti, che ieri sera, al Jeu de Paume, ha organizzato una performance con le modelle. Dentro una enorme scatola, ha ricreato il back stage di una sfilata, mostrando i suoi abiti di stile gotico-fumettistico. Poi la scatola svanita e sono iniziati gli acquisti online. Finora molte griffe, giocando sulla forza del loro nome, hanno imbrogliato

Il caso Balenciaga
Da Balenciaga sfilata con il pubblico in piedi. Nellatelier del marchio (del gruppo Pinault, uno dei potenti poli del lusso), prima dellinizio dello show, quattro panche si sono rotte con alcuni ospiti finiti a terra. Francois Henri Pinault era in prima fila con la moglie Salma Hayek, Catherine Deneuve e la figlia Chiara Mastroianni, Isabelle Huppert e Charlotte Gainsbourg. Le panche dei Vip hanno retto ma il pubblico, compresa Anna Wintour, ha seguito in piedi la sfilata. Uno show degno della bravura di Nicolas Ghesquiere, con giacche dai volumi architettonici, portate con short.

Per informazioni, numero verde 800-922259

yslexperience.com

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

CULTURA
Chantal Thomas racconta il suo saggio per ritrovare larte di Madame de Stal

*
I 51

LEROS
da
ANAIS GINORI PARIGI nche se parlare diventato soprattutto comunicare, anche se nel flusso di messaggi in entrata e in uscita ogni dialogo destinato a essere interrotto, dagli sms alle chat, forse ancora possibile riscoprire quella magia indefinibile che Benjamin Constant provava davanti alleloquio disarmante di Madame de Stal. Leffimera comunione di intelligenze, parole che si toccano, impalpabili corrispondenze, dalletimo latino trovarsi insieme. La conversazione uno spazio erotico, ricorda Chantal Thomas, storica francese specialista di Sade e Casanova, autrice di un piccolo, raffinato omaggio a Lesprit de Conversation pubblicato da Payot & Rivages. Un viaggio nel tempo attraverso diversi salotti letterari, rievocazione dellarguzia e della sofisticatezza di amabili conversatrici, che Thomas paragona a unutopia, l'incontro attraverso il solo linguaggio. Come ci si muove in questo spazio? Durante la conversazione si pu esercitare un potere che trascende i limiti dellaspetto fisico e della seduzione estetica. Grazie alla forza verbale e soprattutto alla voce, uno dei mezzi dellerotismo, si accende il desiderio. Sinstaura cos un dinamismo intellettuale che ci fa dimenticare la realt, provocando momenti di totale astrazione. Ma al tempo stesso, nessuna conversazione possibile senza contatto fisico, senza una vera presenza. questo esserci e non esserci che mi affascina. Quando la conversazione comincia e sinfervora qualcosa di noi sfugge inevitabilmente. Una pulsione erotica, appunto. La conversazione anche un luogo piacevolmente ambiguo. Ci sveliamo ma con pudore. Confessiamo ma dialogando. E sempre faccia a faccia. Questo il punto. La presenza. Perch quando conversiamo offriamo qualcosa del nostro corpo. E soprattutto: la conversazione non richiede solo attenzione allaltro ma implica una concessione del nostro tempo. Dare del tempo a qualcuno aprirsi allimprevedibile. Assomiglia a un piacere clandestino. Poi ci sono dialoghi senza passione, artefatti, che aumentano anzich diminuire la distanza tra le persone. quello che Paul Claudel chiamava il dialogo tra morti. Una conversazione noiosa, nella quale non accade nulla, pu scatenare unestrema depressione, un senso di disagio profondo. Penso alle riunioni negli uffici, quando il minimo soprassalto retorico salvifico. Di parola in parola, fin dove si arriva? un viaggio che pu cambiarti la

COS LA CONVERSAZIONE ACCENDE IL DESIDERIO

SALOTTO
Il libro
Si intitola Lesprit de Conversation il saggio della storica francese Chantal Thomas: un viaggio nel tempo attraverso i salotti letterari (Payot & Rivages)

vita, aprirti nuovi mondi, farti prendere la decisione giusta. Un momento di creazione assoluta. Oggi capita purtroppo di incontrarsi in luoghi tristi, dove si costretti ad attendere. Sotto alla pensilina dellautobus o nei terminal delle stazioni, degli aeroporti. qui che si afferrano brandelli di conversazione che riempiono in modo vivo un tempo che altrimenti sarebbe morto. Cosa rimane di quellantico esercizio intellettuale che lei ripercorre nel libro? Le abitudini delle grandi metropoli, il nostro stile di vita frenetico, caoti-

co, con frasi corte, incompiute, spesso telegrafiche, ci ha allontanato da una civilt basata sul gusto dellespressione. Oggi difficile incontrare per strada qualcuno con cui parlare. Spesso, sta gi parlando con qualcun altro al telefono. Ma proprio perch una pratica cos minacciata, assume unimportanza vitale. Nonostante le nuove tecnologie, la conversazione pu ancora nascere in modo originale ed estemporaneo. Oggi la conversazione non pi un appuntamento fisso come accadeva in altre epoche con i salotti letterari, appare allimprovviso, all'incrocio tra lamicizia e il desi-

derio. Infatti, quasi sempre la consacrazione di unamicizia amorosa. Quali sono le difficolt nel rievocare storicamente unarte orale di cui si sono perse molte tracce? Ci sono gi state erudite ricerche, in particolare quelle di Marc Fumaroli e Benedetta Craveri, anche se rimane una parte inaccessibile e misteriosa, come le voci dei protagonisti dellepoca. Nel mio libro, ho scelto tre esempi di salotti letterari, che corrispondono a diversi registri di conversazione. Madame de Rambouillet, con la sua Camera Azzurra nel Seicento, rappresenta la raffinatezza del lin-

Roma

UN DOCUMENTO INEDITO SUL GIOVANE MICHELANGELO


ROMA LArchivio di Stato di Roma riporta alla luce un documento inedito sul primo soggiorno di Michelangelo nella citt dei papi. La carta un atto notarile, datato al 7 settembre del 1498, e indica Buonarroti come uno dei due testimoni alla nomina di un procuratore per Giacomo Galli nella vendita di una casa. il primo documento in cui si dimostra che Michelangelo in quellanno, a ridosso del contratto per la Piet, era a Roma e a casa del banchiere Jacopo Gallo, suo protettore racconta Maria Antonietta Quesada a capo del progetto . La particolarit che se per laltro testimone viene specificata la regione di appar- LORIGINALE tenenza, per Michelangelo Il documento su manca, a ribadire che larti- Michelangelo sta era ospite del Gallo. Le condizioni della carta sono gravi: il foglio, piegato in quattro parti, presenta delle lesioni, e linchiostro, con componenti allalbume duovo, appare evanescente e a rischio scomparsa. Per il restauro si mobilitata la Fondazione CittItalia che il 6 ottobre organizzer unasta benefica di opere darte contemporanea per la raccolta fondi. Laura Larcan
RIPRODUZIONE RISERVATA

guaggio, il gioco poetico. Di Madame du Deffand, un secolo dopo, ho apprezzato la formidabile ironia, la critica intellettuale, non a caso era amica di Voltaire. E poi ho scelto Madame de Stal, per la sua voglia di cambiare il mondo e la potente seduzione che era in grado di esercitare attraverso le parole. un universo ancora tipicamente femminile? Esiste purtroppo lo stereotipo secondo cui le donne chiacchierano molto per non dire nulla. Ma nella tradizione dei salotti letterari, le donne avevano fatto della conversazione il loro punto di forza per intervenire nella vita culturale e intellettuale. uneredit fragile, che si deve costantemente rinnovare. Gli uomini costruiscono monumenti, le donne castelli di parole. Che rapporto c tra scrivere e conversare? Lo stile di Madame de Stal scaturiva dalle sue conversazioni, era rivolto verso lesterno, pretendeva un rapporto diretto con il lettore. Marcel Proust, invece, separava i due momenti. La scrittura era un'esplorazione intima, da condurre in completa solitudine. Lei parla anche dellimportanza del silenzio. Durante le lezioni, Roland Barthes sinterrompeva spesso. Pause inspiegabili. Io che ero sua allieva non potevo far altro che aspettare. Con i ritmi attuali, dettati soprattutto dalla televisione, il silenzio disturba, sembra un difetto. Invece credo che sia una magnifica prova di fiducia nei confronti dellinterlocutore. Le pause sono necessarie, come in una partitura musicale. Il silenzio incita allascolto. Le nuove tecnologie possono cambiare tutto? Oggi spesso siamo prigionieri della nostra ossessione di comunicare. Che per spesso diventa una pratica astratta, grazie ad internet, dove siamo in contatto istantaneamente con gente lontanissima. Si perde lunit di tempo e di spazio, si gioca con la parola scritta e con loralit insieme. E nascono altri fantasmi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

R2CULTURA
Lanalisi del politologo sulle ragioni della crisi dei modelli occidentali

I 52

LE LETTERE DI CARTESIO QUANDO LA FILOSOFIA DIVENTA UN ROMANZO


GIUSEPPE LEONELLI
affaele Simone un noto linguista, ha scritto molti saggi, celebrati anche allestero. Ora ha scelto il romanzo. Epistolare. E Vale la pena di raccontarlo, questo suo Le passioni dellanima appena uscito per Garzanti. Allinizio del 1649, anno di pubblicazione del Trattato sulle passioni, Ren Descartes, filosofo celebre in tutta Europa, riceve dalla regina Cristina di Svezia linvito a recarsi in quel paese. La regina, impressionata dalla risposta del filosofo a un quesito sullamore che gli aveva inviato, vuole prendere lezioni di filosofia direttamente da lui. In cambio, promette onori e appannaggi. Lusingato, Descartes accetta linvito e, dallOlanda in cui si trova, parte nel settembre su una nave che solo la perizia del comandante sottrae al naufragio. Quando infine giunge a Stoccolma, Descartes si ritrova in una citt di non pi di diecimila abitanti, tetra, attanagliata dai ghiacci e, malgrado gli sforzi della regina che vorrebbe farne una grande capitale europea, ancora barbarica. Appena arrivato, lillustre maestro, come lo definisce la regina, apprende che le lezioni allaugusta allieva si svolgeranno la mattina alle IL LIBRO Le passioni cinque. Man mano che i giordellanima ni e i mesi passano, Descartes, di Raffaele cui capita di offendere, senza Simone volerlo, la regina con un giudi(Garzanti, zio di inattualit della poesia pagg. 320, antica nel mondo moderno, euro 19,60) capisce che il vero collante fra lui e Cristina la vanit. Per vanit la regina lha invitato, Il pensatore per vanit lui venuto e, una protagonista volta compiutosi levento, del racconto non resta quasi pi nulla da epistolare scritto da dirsi. Passa il tempo, i due si vedono sempre pi di rado. Raffaele Simone Nella quasi inattivit, Descartes ha modo di misurare e quasi auscultare con freschezza inusitata le vibrazioni della sua umanit quotidiana: il cibo, i sogni, le necessit del corpo, i disturbi della salute, lamore della donna che lo ospita, percepito dai sensi, ma senza apparente riscontro nella mente; infine, la rivelazione della bella amicizia con lo spagnolo Machado, pittore di professione e poeta dilettante, che a volte sembra saperne, sulla vita e i suoi moti, pi dellinvestigatore delle passioni. Intorno a Descartes volteggia un turbine di lettere, quelle che scrive e riceve, quelle che si scambiano i vari personaggi della corte. Il grande filosofo oggetto di ammirazione, ma anche di sospetto e di invidia. In questa corrispondenza, Cristina, al di l della dignit regia, si svela per quello che : una ragazza poco pi che ventenne, innamorata di un padre quasi sconosciuto e tormentata da una madre squilibrata, che le ha strappato linfanzia. La sua anima rimasta, malgrado gli studi, selvaggia nel profondo, come quella dei suoi sudditi. Simone ha intrecciato intorno a questi personaggi uno dei libri pi intensi e meglio scritti dellanno, costruito con la tecnica del romanzo epistolare. Impeccabilmente dtach, lautore ha intessuto lopera di testi autentici e apocrifi con rara sapienza orchestrale. Ma attenzione: ogni tanto, e soprattutto nella narrazione delle ultime ore di Descartes, quando tutta la scienza filosofica sembra vacillare davanti alle ragioni flagranti della vita e della morte, cogliamo un suo ammicco, che sembra confidarci, sulla scorta dellamatissimo Flaubert: Monsieur Descartes cest moi.

LA DEMOCRAZIA DELLA

SFIDUCIA
Dal 68 a internet lascesa del populismo

RIPRODUZIONE RISERVATA

IVAN KRASTEV a crisi a cui oggi le democrazie europee si trovano a far fronte non un fenomeno temporaneo, n il risultato delle ripercussioni della crisi economica o del fallimento delle leadership nelle democrazie occidentali. La crisi attuale affonda le radici nel fatto che le societ europee sono pi aperte e democratiche di quanto siano mai state in passato. Proprio questa loro apertura sfocia nellinefficacia delle istituzioni democratiche e nella mancanza di fiducia in esse. Probabilmente ormai tempo che le democrazie della fiducia vengano rimpiazzate dalle democrazie della sfiducia, per dirla con Rosanvallon. Sicch il problema non pi in che modo le lite possono ripristinare la fiducia della gente: linterrogativo ora come pu una democrazia liberale funzionare in un contesto in cui le classi dirigenti saranno costantemente oggetto di sfiducia, a prescindere da quello che fanno o dal livello di trasparenza dei meccanismi di governo. Lascesa del populismo e la sfi- rivoluzioni che hanno scosso il ducia nelle lite hanno ridotto la mondo occidentale a partire dal politica europea a uno scontro Sessantotto. tra la retorica anti-corruzione La prima la rivoluzione sodella gente e la retorica anti-po- cio-culturale degli anni Sessanta pulista dellestablishment. Non con cui lindividuo fu posto al vi una nuova utopia collettiva in centro della politica. La seconda grado di catturare limmaginario la rivoluzione del mercato degli degli individui. Anzich ridare anni Ottanta che ha delegittimaslancio alla sinistra o alla destra, to il ruolo dello Stato quale attore lattuale crisi economica ha mi- economico. Le terze sono le rivonato lidea stessa di democrazia luzioni del 1989 nellEuropa cenpolitica strutturata in destra e si- trale che hanno conciliato la rinistra. LEuropa e il mondo sono voluzione socio-culturale degli diventati populisti. Nondimeno, anni Sessanta (respinta dalla desi tratta di una strana versione del stra) con la rivoluzione del merpopulismo: il popolo insorge cato di Ronald Reagan degli anni non per esprimere una concezio- Ottanta (rigettata dalla sinistra) ne chiara di ci che vuole cam- promuovendo lidea che la debiare, bens per reclamare ven- mocrazia liberale fosse il fine deldetta e punizioni. I ribelli di oggi la storia e la condizione naturale non si oppongono allo status quo dellumanit. La quarta la rivodi ieri: al contrario, cercano di luzione nelle comunicazioni depreservarlo. (...) il Sessantotto terminata dalla diffusione di inal contrario. Nel Sessantotto nel- ternet; e la quinta la rivoluzione le piazze di tutta Europa gli stu- delle neuroscienze che ha indotdenti proclamarono il loro desi- to i consulenti politici a credere derio di vivere in un mondo di- che al cuore della politica demoverso da quello dei loro genitori; cratica vi fossero la manipolazioora gli studenti scendono in piaz- ne delle emozioni e il dibattito irza per proclamare il loro deside- razionale. Nelle prime fasi, queste cinque rio di vivere nel mondo dei loro genitori. Per dare un senso allo rivoluzioni sono state cruciali stato attuale della democrazia nellapprofondimento dellenecessario ripensare le conse- sperienza democratica. La rivoguenze involontarie delle cinque luzione socio-culturale degli an-

ni Sessanta ha portato allo smantellamento della famiglia autoritaria dando un nuovo significato allidea di individuo libero. La rivoluzione del mercato degli anni Ottanta ha contribuito alla diffusione globale dei regimi democratici e al crollo del comunismo. Le rivoluzioni del 1989, pur non essendo la fine della storia, han-

Ora gli studenti vanno in piazza proclamando la voglia di vivere nel mondo dei genitori
no rappresentato una svolta nellesperienza democratica dellEuropa, riuscendo a conciliare il liberalismo e la democrazia nel continente. La rivoluzione di internet ha dato nuovo impulso allattivismo civile e ha cambiato radicalmente il modo in cui gli individui pensano e agiscono. E le nuove scienze del cervello hanno

riportato le emozioni nel processo di comprensione della politica e della deliberazione politica. Ma queste cinque rivoluzioni sono al centro dellattuale crisi della democrazia. La rivoluzione socio-culturale degli anni Sessanta ha portato al declino del senso di finalit comune. La politica degli anni Sessanta degenerata in unaggregazione di richieste individuali riguardanti la societ e lo Stato. Lidentit ha cominciato a monopolizzare il discorso pubblico: lidentit privata, lidentit sessuale e lidentit culturale. La violenta reazione contro il multiculturalismo una conseguenza diretta dellincapacit degli anni Sessanta di ideare una concezione condivisa di societ. Lascesa del nazionalismo anti-immigrazione una tendenza pericolosa, ma rappresenta pi un desiderio di comunit e vita comune che non una forma di avversione verso gli stranieri. La rivoluzione del mercato degli anni Ottanta ha reso le societ

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

PER SAPERNE DI PI www.reset.it www.oed.com

I 53

Dalla fine delle utopie collettive al desiderio di mantenere lo status quo

Cos si decidono i neologismi e le parole da cacciare nelle edizioni aggiornate dei vocabolari

PERCH PESCETARIANO ENTRATO NEL DIZIONARIO


RAFFAELLA DE SANTIS
za e di corruzione. La realt, tuttavia, si rivelata molto pi complessa. La Cina ha dimostrato che gli Stati autoritari sono in grado di mantenere un elevato tasso di crescita per lunghi periodi di tempo. Il fallimento della democratizzazione in molti paesi del terzo mondo ha dimostrato che non bastano libere elezioni per ottenere ordine e prosperit. Lesperienza dei paesi dellEuropa orientale indica che quello tra democrazia e autoritarismo il confine meno protetto in Europa. La rivoluzione di internet ha frammentato lo spazio pubblico e ridisegnato i confini delle comunit politiche esistenti. Pur avendo dato agli individui il potere di sollevarsi contro chi governa, la rivoluzione di internet non ha contribuito a consolidare la natura deliberativa del processo democratico. Meno considerati sono gli effetti che i nuovi studi sul cervello e sulle nuove tecnologie di marketing hanno avuto sulla formazione delle concezioni democratiche degli individui. Le nuove neuroscienze hanno portato a una migliore comprensione del modo in cui i soggetti pensano, ma esse sono diventate altres uno strumento per manipolare gli individui, perch molte scoperte sono sfociate in una rottura radicale con la tradizione della politica basata sulle idee. Karl Rove (il consulente politico dellex presidente Usa George W. Bush) ha rimpiazzato Karl Popper quale nuovo profeta della politica democratica. In breve, il mondo non pi strutturato su una netta contrapposizione tra democrazia e autocrazia, ma sono piuttosto le contraddizioni intrinseche alle societ democratiche a destare preoccupazione. Quel che da temere lautolesionismo della democrazia. E sarebbe un errore enorme considerare lattuale ascesa del populismo come una sorta di patologia o di fenomeno temporaneo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La rivista
Oltre allanalisi di Krastev, presidente del Centre for liberal strategies di Sofia, nel nuovo Reset riflettono sul futuro del welfare Biasco, Ichino, Saraceno e Messori pi ricche che mai, ma ha anche infranto quella relazione positiva che esisteva tra la diffusione della democrazia e la diffusione delluguaglianza. Dalla fine del XIX secolo fino agli anni Settanta le societ avanzate dellOccidente sono diventate tutte meno inique. La rivoluzione dellavidit portata avanti da Reagan ha ribaltato questa tendenza ed sfociata in unossessione per la creazione di ricchezza, alimentando altres quei sentimenti anti-governativi che oggi sono al centro della crisi di governabilit nelle democrazie occidentali. La rivolta popolare contro le liteche al cuore dellattuale condizione populista una conseguenza diretta del fatto che la maggioranza dei cittadini tende a percepire i cambiamenti sociali e politici che hanno accompagnato i decenni neo-liberali come un momento di emancipazione: ma non emancipazione delle masse, bens emancipazione delle lite. Nel nuovo, meraviglioso mondo regolato dal mercato le lite si sono affrancate dai vincoli ideologici, nazionali e comunitari. Lascesa delle lite offshore stata la parte oscura del successo della rivoluzione del mercato degli anni Ottanta. Elevando la democrazia a condizione naturale della societ, le rivoluzioni del 1989 nellEuropa centrale hanno ingenerato enor-

Il web ha frammentato lo spazio pubblico e ridisegnato ogni confine


mi aspettative circa le conquiste della democrazia, piantando cos i semi del futuro malcontento. Nel periodo post-1989 era credenza comune che lintroduzione di libere elezioni e ladozione di costituzioni liberali fossero sufficienti a garantire la pace, a promuovere la crescita economica e a ridurre i livelli di violen-

uando Angus Stevenson, il lessicografo che cura lOxford Dictionary, ha annunciato che per fare spazio a quattrocento nuove parole, duecento delle vecchie erano state espulse dal vocabolario, si creato qualche malumore. E stato fatto fuori leurocomunismo, ma uscita anche linsospettabile threequel, parola usata per indicare il terzo libro di una serie. Ma cosa regola il flusso di entrate e uscite di un vocabolario? Nello Zingarelli 2012 sono stati accolti 1500 neologismi, da biotestamento a digital divide (divario digitale), da compostiera (per i rifiuti solidi urbani), a glocalizzazione. Spariscono invece il seccatasche, per dire seccatore, il panicolaio, per indicare un miscuglio confuso, e il guardiavia, che era un calco speranzoso degli anni 60 dallinglese guard rail che si sperava attecchisse ma che invece non ce lha fatta. Certo se il linguaggio la fotografia del nostro presente, alcune nuove acquisizioni non fanno ben sperare. Nella lunga lista hanno fatto il loro ingresso fighettismo, della solfatara addetto alla copertura dei velinismo e celodurismo, inserito calcaroni, i forni di fusione dello zolfo. Le questanno dopo quasi ventanni di os- solfatare non esistono pi, la parola servazione. Mario Cannella, lessicografo espulsa. Resiste il comizio, anche se orche si occupa della revisione e dellag- mai sostituito dai dibattiti televisivi, ma giornamento annuale dello Zingarelli, esce il verbo comiziare, mentre a fianspiega perch ci voluto tanto tempo per co del talk show fa questanno il suo insdoganare il nuovo conio di marca leghi- gresso il people show: Spettacolo telesta: Fino a quando stato usato come visivo in cui persone comuni si confessatermine gergale riferito solamente a un no in pubblico, si sfidano in giochi a premovimento politico abbiamo evitato. mi o si esibiscono in prove di abilit. La Abbiamo invece riscontrato che poi di- societ cambia e anche le parole conoventato un modo di dire generale per in- scono una loro stagione. Cos non ha retdicare unostentata esibizione di grinta e to lurto dei tempi il baciabasso, che virile risolutezza. Ed lesempio del me- un inchino accompagnato dal bacio deltodo di lavoro: si tiene sotto osservazione la mano. Il linguista Luca Serianni, che insieme a Maurizio Trifone cura dal 2000 il Devoto-Oli, ne spiega cos le alterne fortune: Molte parole marginali sono state messe da parte. Inoltre quando si regiLOxford Dictionary ha cancellato strano parole nuove, c sempre il rischio eurocomunismo mentre lo che non siano destinate a durare. Cos Zingarelli sdogana celodurismo e terzopolista potrebbe uscire se il terzo il Devoto Oli il termine per indicare polo non decollasse. Hanno invece sicuramente un futuro le parole legate allechi mangia solo pesce cologia: agriasilo, agrinido, biopattumiera, bioplastica, biosacchetto, un termine per qualche anno e quando si green economy, termocamino. VOCABOLARI vede, tra tv, web e carta, che luso non efUna volta i lessicografi lavoravano con Lo fimero si decide lingresso. i ritagli di giornale che ognuno gelosaZingarelli Da Internet ne sono arrivate, di parole. mente conservava nei cassetti, oggi si aiu2012 Tra internauti, il niubbo lutente tano con la ricerca online: mettono una e il Devotonuovo e inesperto, chi frequenta per la parola su Google o su Google Libri e iniOli 2012 prima volta una comunit virtuale, lim- ziano ad esplorare. Lo Zingarelli dispone branato che non conosce le regole base e anche di una banca dati di cinque miliarappare goffo. Il neologismo circola da di di parole per verificare sul campo le qualche tempo in rete, ma entrato nel ipotesi che si fanno strada. Ci sono paroDevoto-Oli solo questanno, come ma- le poco usate che per hanno unimporniera per dire neofita non guardando tanza storica o letteraria e dunque non pi al greco ma allinglese. Il calco sul- possono essere eliminate. Eurocomunilanglosassone newbie (contrazione di smo, ad esempio, io non lavrei eliminanew beginner). Il niubbo si riconosce ta, spiega Cannella, che nel libro Il lessisubito: colui che entrando in un gruppo cografo (Zanichelli) racconta proprio codi discussione non osserva le regole di me adeguare il vocabolario alla societ comportamento in uso tra i partecipanti che cambia. Un tempo per dire rallegrare fa magari la domanda sbagliata, una do- si si poteva anche dire sbaudire, poi manda niubba appunto, inopportuna uscito dalluso e non ha lasciato traccia, la e ingenua. Attenzione per a non confon- taverna si chiamava baccanella, perdere il niubbo con lutonto, che un ch l dentro si faceva baccano. E oggi? Per utente stupido fino ad essere irritante (il Luca Serianni non c da allarmarsi: Bitermine non stato ancora inserito nei di- sogna avere il coraggio di dire no e introzionari, pur essendo frequente sul web). durre un criterio di selezione per non esParole che entrano, parole che escono. sere invasi. Il vocabolario non pu accoNel Devoto-Oli 2012, ecco il pescetaria- gliere tutto come fosse un fiume che riceno, che non mangia la carne ma mangia ve continuamente affluenti. il pesce, ed esce labbadatore, loperaio RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL 30SETTEMBRE AL 2OTTOBRE

Sconto del 15% su tutti i libri solo per i titolari Carta Pi nei punti vendita la Feltrinelli e RicordiMediaStores e per tutti i clienti on line su www.lafeltrinelli.it Diventare titolare facile! Carta Pi non ha scadenza e costa solo 3.

La promozione valida solo sui prodotti disponibili nei punti vendita o disponibili per la spedizione su www.lafeltrinelli.it , no ad esaurimento scorte. Nei punti vendita la promozione non cumulabile con altre offerte in corso e sono escluse le vendite a credito e in contrassegno.

MENO 15!

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

I 54

LEGUIDE
3

DIREPUBBLICA
@ guide@repubblica.it

COSTRUIRE&INNOVARE
Quattro grandi progetti e quattro idee di giovani studenti: sono i vincitori del concorso Saie Selection che indicano la strada maestra per larchitettura di domani. Pensare in sintonia con uno sviluppo sostenibile il tema al centro del Salone dellEdilizia, da mercoled a Bologna

ilconcorso
I PROGETTISTI VINCITORI Nelle foto, i progetti vincitori del Saie Selection per la categoria progettisti under 40 1 CALCESTRUZZO Student housing in Etsav di HArquitectes + dataAE, Spagna 2 LEGNO Don Milani green garden school, di des+bettini/Nicola Bettini, Italia 3 LATERIZIO Rivp Student Residence, di Lan Architects/Umberto Napolitano, Francia 4 METALLO E VETRO Val DOca wine center di Caf Architettura/Devis Busato, Italia Tutti i ventiquattro lavori selezionati saranno in mostra durante il Saie nella piazza dellEnergia (pad. 16)

LACASA LEGGERA
ILENIA CARLESIMO

architettura di domani comincia oggi. E passa per la strada dove si incrociano sostenibilit, innovazione, efficienza energetica, riqualificazione urbana, estetica e democrazia. Valori oggi imprescindibili come le fondamenta di un edificio: gli stessi che hanno guidato la mano (e la mente) dei giovani progettisti che hanno partecipato al Saie Selection 2011, il concorso lanciato da BolognaFiere (con Archi-Europe) nellambito del Saie - Salone internazionale delledilizia, in programma a Bologna dal 5 all8 ottobre. Architetti con meno di quarantanni e studenti - le due categorie a cui era riservato il concorso - si sono sfidati sul tema Innovare, integrare, costruire - Soluzioni innovative sostenibili. Molti i partecipanti: oltre 160 progetti, provenienti da 20 paesi, tra cui la giuria internazionale presieduta dallarchitetto Mario Cucinella ha selezionato ventiquattro progetti (in mostra al Saie) e scelto otto vincitori, uno per ogni categoria (progettisti under 40 e studenti di architettura e ingegneria) e per le quattro sezioni proposte (metallo&vetro, laterizio, legno, calcestruzzo). Otto lavori che sono saliti sul podio - la premiazione avverr mercoled 5 nel corso del forum Larchitettura delle nuove generazioni - dopo essere stati valutati in base a tre parametri: utilizzo di criteri di sostenibilit; soluzioni innovative di integrazione di materiali, tecnologie, sistemi o metodi costruttivi diversi; com-

Alta efficienza energetica basso impatto ambientale


petitivit dei costi dellintervento. Tra i giurati, anche larchitetto altoatesino Matteo Thun, che negli anni ha dimostrato di essere molto sensibile al tema, perch in un certo senso lui pensa e costruisce eco da sempre. Precursore delle case prefabbricate in legno - che ha utilizzato anche in contesti pi ampi, come nelledificio collettivo ecocompatibile delle Social Houses a Motta di Livenza (Treviso) - mette il concetto di sviluppo sostenibile al centro di ogni sua opera. Anzi, ha anche proposto di costruire meno: di riqualificare i centri storici e dare nuova vita a ci che gi c, come ha fatto, per esempio, con Tortona 37, un complesso residenziale, nato riconvertendo unarea industriale, che ha fatto delle risorse naturali la sua forza: Gli edifici -spiega infatti Thun - sfruttano la geotermia delle acque della falda cittadina, un serbatoio di calore che permette di abbattere i costi del riscaldamento invernale e del condizionamento estivo e di azzerare le emissioni di CO2.

futuro tra sostenibilit, green Ilbuildingdelle costruzionise ne5parlaottobre asalone e innovazione: al Saie, internazionale delledilizia dal all8 Bologna. Occasione di riflessione per le imprese e vetrina specializzata per materiali, tecnologie e servizi, il Saie anche mostre e convegni. Al centro dei dibattiti, ricorda Duccio Campagnoli, presidente di Bologna

levento

Fiere, anche una discussione sulla riqualificazione urbana e del territorio, che va verso un cambiamento di prospettiva, dalla logica di crescita quantitativa a quella di riqualificazione degli spazi costruiti, tra sostenibilit ed energie alternative. Una nuova accezione in cui il mondo delle costruzioni potr ritrovare il ruolo di motore di crescita economica

lappuntamento
SAIE
DOVE Bologna, viale della fiera QUANDO 5 - 8 ottobre INFO www.saie.bolognafiere.it

I 55

lanteprima

Per la prima volta lItalia vola al Solar Decathlon tre pi energia quanta ne cappotta esterna fotovoltaica che produce energia anche Produceallevoltetemperaturedipucasa diconsuma, a sistemidi riciclaggio - sia inetermini energetici: ha una resiste alte e essere montata quando in parte allombra che ottimizza lescursione in otto giorni. Med in Italy, la super qualit
italiana per paesi mediterranei. Il progetto, degli studenti dellUniversit di Roma Tre col laboratorio di Disegno industriale della Sapienza, in gara per il prestigioso Solar Decathlon 2012 olimpiade dellarchitettura sostenibile che si terr a settembre 2012 a Madrid, a cui lItalia ammessa per la prima volta ed in mostra in anteprima al Saie di Bologna. Si tratta di un modulo abitativo autosufficiente sia per il sistema idrico - grazie termica tra giorno e notte. Contribuiscono allisolamento termico le pareti, con strutture in legno riempite di materiale locale come sabbia o ghiaia. Un progetto che coniuga tecnologia e artigianato: il patio per esempio in vimini intrecciato a mano, un materiale tradizionale utilizzato - spiega Chiara Tonelli, team leader di Med in Italy - per non dimenticare il design manuale. (f. g.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI STUDENTI VINCITORI Qui sopra, il progetto London center for urban agriculture, di Tim Nrlund Jensen, vincitore per la sezione metallo e vetro. Gli altri studenti vincitori: 1 CALCESTRUZZO C-Park, di Rosan Qubti, Israele 2 LEGNO Valle Moceniga. Verso la rinascita, di Silvia Finco, Italia 3 LATERIZIO Eco friendly cubix, di Anna Maccario, Italia

liniziativa

la mostra/1

il convegno

Il salone specializzato

Design di pietra
nche il settore pi duro come quello della pietra si apre al design, per puntare a nuovi mercati. Il risultato? Prodotti in marmo dalle forme ricercate, in mostra a Saie new stone age, evento collaterale di Saie dedicato al settore litico. Tra le aziende presenti, Odorizzi Porfidi, Grassi 1880, B-Stone, Marmi Ghirardi, Formigari e altri

Edilizia urbana

l salone dentro il salone: a Saie ritorna SaieConcrete, levento con cadenza biennale dedicato alla filiera del calcestruzzo e del calcestruzzo armato. Organizzato in collaborazione con la Consulta del calcestruzzo, unoccasione per confrontarsi su sostenibilit, qualificazione del settore, sicurezza nei luoghi di lavoro e formazione manageriale

na nuova politica edilizia per la citt e il territorio. Riqualificazione urbana e sostenibilit: si intitola cos il convegno in programma il 7 ottobre sul futuro delle citt e sul rilancio delledilizia in chiave green economy. Stesso tema per la lectio magistralis dellarchitetto Oriol Bohigas (anche questa il 7 ottobre)

LA FORZA DELLACQUA Punto di forza del progetto Tortona 37 (nella foto accanto), lo sfruttamento geotermico dellabbondante acqua di falda sotterranea. Dello studio Matteo Thun & Partners

Una sensibilit, quella ambientale, che dunque parte da lontano; ma che contagia sempre di pi le nuove generazioni di progettisti. Il successo riscosso dal tema del Saie Selection lo ha dimostrato. Come conferma Mario Cucinella, ormai si tratta di un valore assodato, che fa parte della prassi progettuale e si fonde con laspetto estetico e concettuale delle architetture. In pi analizzando i progetti presentati abbiamo notato che questa dinamica comune a tutte le aree geografiche e si consolidata a livello trasversale. Anche se qualche differenza in realt c e dipende da et ed esperienza; o forse anche dalla dose di romanticismo che in base al vissuto si mette nel proprio lavoro. Nella valutazione dei progetti in concorso afferma infatti Matteo Thun emersa una differenza di approccio tra architetti e studenti. I lavori di questi ultimi rivelano una ricerca pi approfondita alla base, dal concept del progetto allanalisi di materiali e tec-

nologie, con una maggiore originalit dinsieme. Gli architetti, invece, prestano pi attenzione alla fattibilit esecutiva che alla ricerca innovativa. Motivo per cui, continua Thun, i giovani ricoprono un ruolo centrale nello sviluppo dellarchitettura sostenibile. Lutilizzo dei materiali, la scelta di nuove tecnologie, o il ciclo di vita del progetto, considerando leventuale demolizione del manufatto architettonico, sono fasi di sviluppo che devono essere allineate alla tutela e alla valorizzazione delle risorse naturali. E guai a pensare che la sostenibilit comprometta un linguaggio architettonico raffinato o sia un lusso per pochi, anzi. Per Thun larchitettura sostenibile gi unarchitettura democratica, perch permette di conseguire un risparmio energetico, nonch economico nel tempo. Non solo: oltre a diventare per tutti, si fa sempre pi bella e legata allidea di benessere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la mostra/2

Venti edifici dal cuore verde

osa hanno in comune il Museo delle scienze di Trento e lEnergy Park a Vimercate? Lanima verde. Il primo, firmato da Renzo Piano, un importante esempio di riqualificazione ambientale; il secondo invece, un parco tecnologico a risparmio energetico che ospita aziende e uffici nellhinterland milanese. Sono due dei venti progetti in mostra nella Piazza della sostenibilit (padiglione 21 di Saie), selezionati dal Green Building Council Italia, unassociazione no profit che favorisce la diffusione di una cultura delledilizia sostenibile

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

I 56

SPETTACOLI

&TELEVISIONE

Lattrice francese torna sul palcoscenico dopo ventanni di assenza dal teatro con una sceneggiatura inedita del grande regista svedese, Une histoire dme, monologo di una borghese insoddisfatta

Sophie

Marceau
Ora porto in scena il film che Bergman non realizz mai
LAURA PUTTI LIONE u un piccolo palcoscenico, in mezzo a tre pareti di metallo su rotelle che sposta come paraventi, o come griglie di una prigione, Sophie Marceau ha a disposizione unora e un quarto per diventare pazza. Non le sar difficile, raccontando la vita di una donna di Ingmar Bergman. Vicktoria leroina di una realt in apparenza normale. E un soldato senza guerra. Ha, come lei stessa dice allinizio del monologo, quarantatre anni e tutti i miei denti. Ha un marito importante Alfred il professore che la tradisce e accanto al quale si annulla in una vita molto mondana; ha una governante, Anna, che soddisfa i suoi capricci di borghese infelice; ha un padre vescovo severo e distante, e una madre troppo silenziosa. E ha sogni, rimpianti, desideri non realizzati, angosce profonde, e improvvise, vitalissime esplosioni di ottimismo. Si intitola Une histoire dme, una storia danima, il monologo di Ingman Bergman (al momento in scena al Thtre des Clestins di Lione, ma dal 13 ottobre al 27 novembre al RondPoint di Parigi poi in tourne in Francia fino al 17 dicembre) che riporta in teatro Sophie Marceau dopo quasi ventanni di assenza. In una carriera gi lunga perch precocissima (iniziata nel 1980, a 13 anni, con Il tempo delle mele e proseguita a 15 con il sequel), sul palcoscenico salita soltanto due volte: nel 91 con Euridice di Anouilh e due anni dopo con Pigmalione di Shaw. Attrice (e persona) diligente, precisa e molto seria, al personaggio di Viktoria d tutto, sera dopo sera, fino alle lacrime, allo stremo. Di solito vado a letto presto e mi sveglio presto dice Sophie Marceau quasi a scusarsi dellappuntamento fissato a mezzogiorno. Ma dopo lo spettacolo sono turbata, non prendo sonno facilmente. Quindi la mattina ho bisogno di dormire. Ha laria di chi abbia aperto gli occhi da un quarto dora. Anche labito che indossa, in raso di seta, potrebbe essere una raffinata camicia da

Indipendente

Sussurri e grida

Il tempo delle mele? Avevo accettato il ruolo per lavorare, perch gi a dodici anni sognavo di essere indipendente non di fare lattrice
notte, e lampio golf grigio chiaro, una liseuse. Non un filo di trucco. Bellissima. Ordina caff e prosciutto crudo (si raccomanda molto che sia crudo) e inizia a parlare. Il ritorno al teatro venuto naturale. Qualcuno mi ha raccontato che una signora, Bndicte Acolas (la quale ha adattato, tradotto e messo in scena il monologo, ndr), aveva trovato nel 2004 una sceneggiatura scritta da Bergman nel 72 per un

I personaggi femminili di Bergman non sono solo quelli di Sussurri e grida Nei suoi film c anche ironia, sarcasmo
creato da Bergman era gi convincente. Alla prima lettura non mi sono sentita abbastanza intelligente da capirlo fino in fondo. Bndicte Acolas me lo ha spiegato. Meno male che con me ogni sera perch incredibile la quantit di sentimenti che si possono far passare in una sola, medesima frase, e alle volte si scivola senza rendersene conto in modi sbagliati. Lei mi riporta alla tonalit iniziale.

film mai girato e ne aveva comprato i diritti. Il regista laveva scritta in undici quadri, ma Bndicte, con il consenso di Bergman, ancora vivo, sarebbe morto tre anni dopo, lha trasformata in monologo. In teatro siamo arrivate con laccordo della Fondazione Bergman. Quello di Vicktoria un ruolo impegnativo, intenso, doloroso. E stato difficile sceglierlo? Il solo fatto che fosse stato

Lo spettacolo

La carriera

CARISSIMA ME
la protagonista del film di Yann Samuell del 2010

007 - IL MONDO NON BASTA


la nemica di Bond

UNE HISTOIRE DME


Sophie Marceau in due momenti dello spettacolo tratto da una sceneggiatura inedita di Ingmar Bergman e, sotto, un bozzetto

IL TEMPO DELLE MELE


Il debutto dellattrice adolescente nel 1980

Tentazioni di farlo la Bergman? Non sono daccordo sulla definizione. Prima di tutto Bergman era un uomo di teatro: accanto ai cinquantotto film ci sono pi di duecento messe in scena teatrali svedesi a noi sconosciute. E poi i suoi personaggi femminili non sono quelli di Sussurri e grida. Nei suoi film c ironia, sarcasmo, si pu passare da registri tragici a situazioni divertenti. Per Un histoire dme abbiamo tenuto conto soprattutto di una cosa: la quotidianit di Viktoria. E infatti mangia una mela, fa una torta; dalla sua grande borsa tira fuori la vita. E alla fine arriva in manicomio. Non sappiamo se la fine dello spettacolo proprio quella della sua vita. Lei dice di essere fuggita dal manicomio, quindi pu darsi che quello sia stato un momento, soltanto un periodo. Il sogno di Viktoria era fare lattrice. Potrebbe essere unattrice che non ha mai recitato, oppure una donna che ha passato la vita a recitare. Neanche di questo siamo sicuri. Anche se alla fine sono stremata, il ruolo non mi pesa mai, come, bizzarramente, in palcoscenico non mi pesa la solitudine. Il marito Alfred, la sua amante Marianne, la governante Anna, la madre, il padre, le amiche con le quali va alle mostre, i sogni e i ricordi abitati ai quali Vicktoria d corpo: tutte queste presenze mi fanno compagnia. Anche il personaggio di Il tempo delle mele si chiamava Victoire, e anche l era una coetanea che le somigliava: in ogni ruolo trova se stessa? Non sempre. Se parliamo di Viktoria s. Mi somiglia, come somiglia a molte donne, nel voler fare tante cose nello stesso momento. Ma io non potrei mai stare con un uomo che non metta nel rapporto il mio stesso impegno. Se parliamo di Victoire no. Era una ragazzina molto diversa dalladolescente che ero, non aveva niente a che vedere con me. Avevo accettato il ruolo per poter lavorare, non perch nei miei sogni ci fosse quello di essere attrice. Avevo dodici anni e gi volevo essere indipendente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Su RaiUno a novembre

Il conduttore

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

Fiorello: titolo dello show ispirato a Jovanotti


Fiorello svela il titolo del nuovo show in quattro puntate: Il pi grande spettacolo dopo il weekend, ispirato alla canzone di Jovanotti. Il debutto previsto per luned 14 novembre

Baudo: voglio tornare al pi presto al lavoro


Pippo Baudo stato dimesso dallospedale SantAndrea. Voglio tornare al pi presto al lavoro, se non lavoro sto male ha detto a Sky Tg24 Mi fa piacere linteressamento di tanti.

I 57

Giops, un debutto pop da X Factor alletichetta di De Andr


Dori Ghezzi: lavoriamo per i giovani
LUIGI BOLOGNINI MILANO i profilo sembra Samuele Bersani, i capelli sono del primo Alberto Fortis. Ma Andrea Giops non n luno n laltro. E come precisa lui nel titolo del suo disco di esordio Io non sono Giuseppe Verdi. Non che ci fossero dubbi. Ma questo disco una relazione con un nome illustre ce lha, eccome: il primo album prodotto dalla Nuvole Production, letichetta voluta da Fabrizio De Andr e ora diretta dalla vedova Dori Ghezzi. Che finora aveva sempre realizzato dischi di Faber, come le due raccolte In direzione ostinata e contraria. La prima escursione fuori dal pianeta De Andr con un cantante che ne sideralmente lontano: protagonista addirittura di X Factor, nel 2009. Cinque puntate col solo nome di Giops (ma in realt Morgan me lo cambiava a ogni puntata), qualche televoto superato anche per un viso decisamente caruccio e malgrado comportamenti parecchio esuberanti per la tensione e prestazioni imbarazzanti, come un Voglio vederti danzare di Battiato semplicemente agghiacciante, ammette onesto questo 31enne di Melzo, nel Milanese, che in realt si chiama Andrea Gioacchini. E per stato proprio il talent show, genere molto amato e moltissimo odiato nel mondo della musica, a farlo conoscere a Dori Ghezzi. Questi format hanno anche troppo spazio, ma ormai restano lultimo baluardo del talent scouting. Giovanni proprio per lirruenza mi sembrato perfetto per alcune canzoni di Felice Simeone, grande amico di Faber, che erano in un cassetto da anni. Lho chiamato il giorno che sta-

ARTISTI
Accanto, Andrea Giops; a sinistra, Dori Ghezzi che ha prodotto il disco del giovane cantante, protagonista di X factor nel 2009

to eliminato, arrivato subito, ha preso le canzoni e pochi giorni dopo aveva gi fatto i provini. Un entusiasmo che mi ha confermato lidea: un Peter Pan ingenuo, ma che sa cosa vuole. Non il solo paradosso sorprendente. Ad esempio Giops, dopo parecchio studio di canto, ha preso un deciso stile pop. E

malgrado esca per letichetta di uno dei pi grandi cantautori italiani, cantautore non . Solo due delle 10 canzoni ne hanno il nome nei credit. Ora mi sento pi compositore che autore. Per i testi ci vuole pratica. Ma ho messo mano un po a tutti brani. E Mai pi, il primo singolo, stato scritto su di me, da Niccol Agliardi.

Altre canzoni sono di Fabio Cinti, musicista del giro di Morgan, ma ci sono pure Lopportunista, una traduzione del cantautore francese Jacques Dutronq, e una cover della Rettore, Svegliati. Un disco vario e curioso, in cui Dori Ghezzi crede molto. Anzi, ci crede tutta la famiglia De Andr: la produzione artistica curata

da Luvi, figlia di Faber e Dori. Il punto che noi non vogliamo trovare il nuovo Fabrizio, anche perch non credo che esista. Vogliamo lavorare per i giovani, che in questo momento storico hanno bisogno di noi come noi di loro. Provini e mp3 ne arrivano in continuazione, ma di cose interessanti ne ho sentite poche. An-

drea invece mi ha colpito. Lintenzione che non resti lunico disco prodotto dalle Nuvole. Anzi, un altro gi in gestazione, per decisamente De Andr, fin dal cognome: il nuovo disco di inediti di Cristiano, primogenito di Fabrizio, che dovrebbe essere pronto nel 2012.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La produttrice

Non vogliamo trovare il nuovo Fabrizio perch non credo che esista aiutiamo gli esordienti ne hanno bisogno

Il cantante

Non sono un cantautore, mi sento compositore per i testi ci vuole pratica, ma ho messo mano a tutti i brani

Liniziativa

RICORDO
Fabrizio De Andr scomparso l11 gennaio 1999

Genova, apre in via del Campo il museo per ricordare Faber


GENOVA Diventa un emporio-museo multimediale lo storico negozio genovese in via del Campo appartenuto a Gianni Tassio, grande amico di Fabrizio De Andr, che in suo ricordo ne fece un luogo di memorabilia e divenuto nel corso degli anni luogo di culto per i fan del cantautore. Il Comune di Genova ne ha infatti affidato la gestione a un team privato i cui obiettivi saranno esaltarne le potenzialit non solo artistiche ma anche turistiche. Via del Campo 29 rosso, questo il nome del progetto, verr inaugurato il prossimo 18 febbraio (giorno in cui nacque De Andr), dopo i lavori di ristrutturazione. Sar un luogo della memoria per custodire e promuovere leredit della cosiddetta scuola genovese, sottolinea Angelo Bodra, rappresentante del consorzio. Con il sito www.viadelcampo29rosso.com, Facebook e i social network lemporio diverr anche un luogo virtuale di incontro. (lucia marchi)
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

R2SPETTACOLI & TV
LA PELLE CHE ABITO TERRAFERMA

PER SAPERNE DI PI trovacinema.repubblica.it www.horrortv.it/cronenberg.htm

I 59

IN SALA DA NON PERDERE


A CURA DI ROBERTO NEPOTI

CONTAGION

Un chirurgo si vendica sul ragazzo che ha violentato la figlia cambiandogli il sesso. Almodovar riadatta il tema dello scienziato folle al suo tema prediletto: l'incertezza dell'identit sessuale.
Regia di Pedro Almodovar. Con Antonio Banderas, Elena Anaya

In un'isola del Mediterraneo vive Filippo con la madre e il nonno, pescatore di antico pelo. Un giorno nonno e nipote salvano dalle acque una clandestina incinta.
Di Emanuele Crialese. Con Donatella Finocchiaro, Filippo Pucillo

Arrivata da Hong Kong via Gwyneth Paltrow, una micidiale pandemia di origine animale sta decimando l'umanit. Mentre gli scienziati cercano di isolare il virus, il panico si diffonde ovunque.
Regia di Steven Soderbergh. Con Matt Damon, Kate Winslet

PRIME FILM

Horror

IL FILM DI PAOLO DAGOSTINI A DANGEROUS METHOD

PRIME FILM

Commedia

Giovani, amanti e vampiri una storia di sangue salva la vita a un bambino


Prima regola: non confonderlo con un Twilight a sessi rovesciati. Blood Story (brutto titolo che sostituisce l'originale Lasciami entrare) s la storia d'amore tra un umano e un vampiro: ma ne la versione inquietante, anzich piaciona, pi il racconto del sentimento che nasce tra due creature marginali e diverse che una fantasy vampiresca in senso stretto. Il piccolo Owen, bambino solitario vittima del bullismo di compagni di scuola odiosi, passa il tempo a osservare i vicini del triste condominio in cui abita. Finch non incontra la coetanea Abby, una ragazzina misteriosa che non ha nulla in comune con le altre. Il film il rifacimento di un precedente gi ottimo, di produzione svedese e adattato dal romanzo di John Ajvide. Con l'effetto collaterale che chi lo conosce potrebbe avere un forte senso di dj-vu, tanto Matt (Cloverfield) Reeves si mantenuto fedele al modello nella versione americana da lui diretta. Salvo qualche particolare: gli eventi spostati nel New Mexico, e introducendo il personaggio di un detective che incornicia la vicenda in un'indagine di polizia. Comunque, non proprio il caso di lamentarsi. (roberto nepoti)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Si fortunati al gioco ma una battuta alla Tot non basta a fare un film
Tolta qualche buona battuta che pare presa di peso dallo stile e dal repertorio di Tot (il protagonista Salemme riguardo alla ex moglie: con tutti gli alimenti che le passo potrebbe aprire un negozio di alimentari) la commedia Baciato dalla fortuna diretta da Paolo Costella su soggetto di Vincenzo Salemme e con il contributo alla sceneggiatura (tra gli altri) di Massimiliano Bruno, parecchio moscia dal principio alla fine. Senza offesa. Limpronta alla Tot regna un po su tutto a partire dalla storia, con il suo nucleo centrale che la febbre del gioco (superenalotto) e le situazioni che ne discendono. Parma il teatro dellazione. Salemme un vigile urbano assatanato giocatore, pieno di debiti e cornificato dalla compagna Asia Argento, procace ristoratrice che fa il verso a Sophia, mentre Alessandro Gassman dei vigili cittadini il comandante che seduce questa e tutte le altre mogli dei sottoposti. Quando la famosa sestina esce tutta la citt fa a gara a portare in trionfo il neomilionario. Ma naturalmente le cose non stanno proprio cos. Come al solito i pezzi migliori sono i duetti tra Salemme e Maurizio Casagrande. (paolo dagostini)
RIPRODUZIONE RISERVATA

BLOOD STORY

Regia di Matt Reeves Con Cody Smith-McPhee Chloe Moretz

Azione

Scene di ordinaria violenza sulle strade di Hollywood ma il gusto romantico


Quando arrivano a Hollywood, molti registi europei anche i pi originali si uniformano all'industria, confezionando film formattati. Non il caso del danese Nicola Winding Refn che, pur se in un film su commissione da un romanzo (di James Sallis), lascia tracce ben visibili della personalit mostrata nella trilogia Pusher e in Bronson. Uno stuntman di Hollywood taciturno e solitario, che di notte fa l'autista per la criminalit, s'innamora di Irene, vicina di casa fragile con bimbo e marito in galera. Il film comincia con sequenze d'azione degne del migliore cinema americano anni '70; poi, pian piano, si trasforma in una fiaba nera col cavaliere solitario che protegge vedove e orfani contro i mostri. Uno struggente romanticismo lo traversa; malgrado alcune scene di estrema truculenza, alcune (tra tutte quella dell'ascensore) di un virtuosismo che le candida fin da ora alle future antologie del cinema. Non mancano i riferimenti metacinematografici, a cominciare dalla maschera di scena in lattice indossata dall'eroe per rendersi irriconoscibile. Il divo ascendente Ryan Gosling si conferma molto oculato nello scegliere le parti. (roberto nepoti)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Freud & Jung cos fin lamicizia tra i geni della psiche
PAOLO DAGOSTINI
ur non realizzando un film allaltezza dei suoi due precedenti History of violence e La promessa dellassassino ambedue interpretati da Viggo Mortensen che torna anche qui Cronenberg riesce in A dangerous method ad aggirare con classe quasi tutte le trappole del film biografico e in particolare sui grandi protagonisti e sui temi della psicoanalisi. Tutti spunti che, quando il cinema ne ha tratto ispirazione, hanno regolarmente provocato naufragi nel ridicolo. Dunque con un certo sprezzo del pericolo, e sorprendendo nellallontanarsi dal suo mondo di fantasia per scegliere invece un soggetto quasi didascalico, il regista canadese ha messo in scena il caso di Sabina Spielrein, che, da quando stato reso celebre grazie al ritrovamento e alla pubblicazione delle sue carte, molto tempo dopo la morte avvenuta durante la seconda guerra mondiale, ha gi dato materia a due film italiani (Cattiva di Lizzani e Prendimi lanima di Faenza). E delle sue relazioni con il fondatore della teoria e della terapia psicoanalitica Sigmund Freud e con il suo allievo prediletto e poi principale antagonista Carl Gustav Jung. Nel film rispettivamente Viggo Mortensen e Michael Fassbender, mentre Sabina Keira Knightley. Non la sede per misurare quanto disti la reale dimensione biografica e scientifica dalladattamento che Cronenberg ne ha fatto alle esigenze narrative e alla propria sensibilit. Si pu solo dire che la sua preferenza va a Jung. Il quale, non ancora trentenne allinizio del racconto che prende grosso modo il decennio tra primi Novecento e vigilia della Grande Guerra, riceve nella sua clinica svizzera una giovanissima paziente, Sabina, ebrea russa di famiglia benestante. La cura alla luce della nuova terapia inventata da Freud a Vienna, portando alla superficie della consapevolezza lintreccio, che motivo di terribile sofferenza per la

BACIATO DALLA FORTUNA

Regia di Paolo Costello. Con Vincenzo Salemme, Asia Argento

Erotico

IL REGISTA
Il cineasta canadese David Cronenberg. In alto, Michael Fassbender nei panni di Carl Gustav Jung e Keira Knightley in quelli di Sabina Spielrein nel film A dangerous method

giovane, tra dolore e piacere, tra umiliazione delle punizioni ricevute da un padre violento e godimento sessuale che dalle stesse umiliazioni ella trae. Via via che la cura ottiene risultati Jung sospinge Sabina verso lo studio e la pratica psichiatrica, mentre di pari passo ne diventa lamante, anche brutale e feroce, come la ragazza gli chiede di essere. La figura di Sabina e i comportamenti di Jung verso di lei sofferti e contraddittori rispetto al suo comportamento pubblico improntato a morigeratezza e rigore diventano il motivo scatenante delle divergenze e rivalit tra lallievo e il maestro e mentore Freud. Anche passando per lintervento di unaltra figura storica, quella di Otto Gross che interpretato da Vincent Cassel predica nel confronto con Jung le virt della poligamia e linnaturalit della monogamia o in altre parole la liberazione degli istinti contro il reprimere e reprimersi che non sono sinonimo di civilt ma di malattia, sullo sfondo c il contrasto (cui non estranea la distanza tra lebreo austriaco e il protestante svizzero) tra la ferma convinzione scientifica di Freud a proposito dei limiti invalicabili della terapia e della professione psicoanalitiche, e la ricerca di Jung anche oltre e al di l di quei limiti. Soluzioni o battute da ricordare. Quando Jung e Freud intraprendono, assieme allaltro allievo del fondatore Ferenczi il loro viaggio negli Stati Uniti del 1909, Freud si chiede se al di l dellOceano si rendano conto che stanno portando loro il contagio della peste. E, sul finale, il sogno di Jung sul sangue versato dallEuropa che, siamo nel 14, prefigura la catastrofe della Prima guerra mondiale. Soluzioni, o scorciatoie, un po hollywoodiane. Ma servite con stile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Se leros estremo dOriente incontra il cinema in 3D risulta soltanto grottesco


Subito promosso agli onori del web per avere incassato, nel primo weekend honghkonghese, pi soldi di Avatar, un oggetto filmico non identificato ai confini tra commedia erotica e film di exploitation sessuale. Durante il periodo Ming, Wei sposa una bella fanciulla: con la quale per, pur continuando ad amarla, non trova l'appagamento dei sensi. Decide allora di mettersi alla ricerca del piacere, pi o meno proibito, onde approfittare del proprio corpo (sar questo il messaggio zen?) finch possibile. Ora: malgrado un budget modesto, la produzione si concede scenografie piuttosto ricche e bei costumi. Il guaio del film di essere concepito tutto in funzione degli effetti tridimensionali: per ragioni di concorrenza con l'Occidente senza dubbio; anche se, a Hongkong, realizzati solo in postproduzione. Cos, ogni tre minuti, qualcosa viene lanciato contro lo spettatore: pugnali, pallottole di fucile o seni di donna che siano. Difficile, per, trovare eccitante la faccenda, che perlopi suona falsa come i gemiti di piacere delle succose bellezze orientali coinvolte nell'impresa, qualche volta scivola nel grottesco involontario. (r.n.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

DRIVE

A DANGEROUS METHOD

SEX & ZEN 3D

Regia di Nicolas Winding Refn Con Ryan Gosling Carey Mulligan

Regia di David Cronenberg Con Viggo Mortensen, Michael Fassbender, Keira Knightley

Regia di Christopher Sun Lap Key Con Saori Hara Leni Lan

avviso al pubblico
Pubblicazione del Provvedimento Finale
Snam Rete Gas S.p.A., con sede legale e direzione in San Donato Milanese (MI) Piazza Santa Barbara n 7, societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento dell Eni S.p.A., pubblica, ai sensi di quanto previsto dallart. 14/ter, comma 10, della legge n. 241/90 e successive modiche e integrazioni e dallart.52 ter del D.P.R. 327/01,come modicato dai D.lgs. n. 302/2002 e n. 330/04, la Delibera della Giunta Regionale della Basilicata - n 40 del 18 gennaio 2011, concernente la realizzazione del metanodotto Derivazione per Sapri DN 250 (10) P=75 bar, Allacciamento Comune di Sapri DN 100 (4) P=75 bar, Allacciamento Comune di Camerota e San Giovanni a Piro DN 250 (10) P=75 bar, tratto in Regione Basilicata. Regione Basilicata Attivit Produttive Politiche dellImpresa, Innovazione Tecnologica Ufcio Energia La Giunta Regionale riunitasi il giorno 18.01.2011 Premesso, visto, considerato, ritenuto - omissis Delibera Di approvare sulla scorta del parere emesso dalla conferenza, alluopo convocata, e secondo le prescrizioni dettate dalle diverse Amministrazioni interessate, ai sensi e per gli effetti del comma 3 dellart. 52 quater del D.lgs 330/04 di integrazione al D.P.R. 327/01 il progetto denitivo con lallegato piano particellare descrittivo di esproprio dellopera denominata metanodotto Derivazione per Sapri DN 250 (10) P=75 bar, Allacciamento Comune di Sapri DN 100 (4) P=75 bar, Allacciamento Comune di Camerota e San Giovanni a Piro DN 250 (10) P=75 bar, tratto in regione Basilicata, presentato dalla societ Snam Rete Gas S.p.A.; Di dichiarare, lopera di che trattasi, conforme alle previsioni degli strumenti urbanistici dei Comuni di Rivello e Trecchina dichiarandone inoltre la pubblica utilit, lurgenza e lindifferibilit ai sensi dellart. 22 bis del D.P.R. 327/01; Di apporre il vincolo preordinato allesproprio sulle aree interessate dalla costruzione dellopera approvata; Di stabilire che entro 5 anni dalla data del presente provvedimento verr emanato il Decreto di esproprio ai sensi dellart. 22 bis del D.P.R. 327/01. Regione Basilicata Ufcio Compatibilit Ambientale, Territorio e Politiche della sostenibilit Estratto del Giudizio di compatibilit ambientale Oggetto: L.R. n. 47/1998; D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i. parte II, D.P.R. n. 357/97 (e s.m.i); D.lgs 42/2004 ( e s.m.i.) - Giudizio favorevole di Compatibilit Ambientale, comprensivo del parere di valutazione di incidenza e rilascio dellautorizzazione paesaggistica relativamente al tratto ricadente nella Regione Basilicata, per la realizzazione del metanodotto Derivazione per Sapri DN 250 (10) P = 75 bar, Allacciamento al Comune di Sapri DN 100 (4) P = 75 bar, Allacciamento al Comune di Camerota e San Giovanni a Piro DN 250 (10) P = 75 bar. La Giunta Regionale riunitasi il giorno 16.03.2011 Premesso, visto, considerato, ritenuto - omissis Con delibera N. 376 Esprime parere favorevole di compatibilit ambientale per lintervento di cui alloggetto, proposto da Snam Rete Gas S.p.A., con le seguenti prescrizioni - Omissis.

avviso al pubblico
Pubblicazione del Provvedimento Finale
Snam Rete Gas S.p.A., con sede legale e direzione in San Donato Milanese (MI) Piazza Santa Barbara n 7, societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento dellEni S.p.A., pubblica, ai sensi di quanto previsto dallart. 14/ter, comma 10, della legge n. 241/90 e successive modiche e integrazioni e dallart. 52 ter del D.P.R. 327/01, come modicato dai D.lgs. n. 302/2002 e n. 330/04, il Decreto Dirigenziale della Giunta Regionale della Campania - n 556 AGC.12/Sett.04/Serv.03 del 18 novembre 2010, concernente la realizzazione del metanodotto Derivazione per Sapri DN 250 (10) P=75 bar, Allacciamento Comune di Sapri DN 100 (4) P=75 bar, Allacciamento Comune di Camerota e San Giovanni a Piro DN 250 (10) P=75 bar, tratto in Regione Campania. Regione Campania Area Generale di Coordinamento Sviluppo Economico Settore Regolazione dei Mercati Servizio 03 Mercato Energetico Regionale Energy Management Il Dirigente di Settore Premesso, Visto, Considerato, Ritenuto - omissis Decreta Art 1 - Su richiesta della societ Snam Rete Gas S.p.A. - ai sensi dellart. 52 quater del D.P.R. 327/01, come modicato dai D.lgs. n. 302/2002 e n. 330/04, di dichiarare la pubblica utilit, nonch lurgenza e lindifferibilit con contestuale approvazione del progetto per la costruzione del metanodotto Derivazione per Sapri DN 250 (10), P=75 bar - Allacciamento al Comune di Sapri DN 100 (4), P=75 bar - Allacciamento al Comune di Camerota e San Giovanni a Piro DN 250 (10), P=75 bar, tratto in regione Campania da realizzare nei Comuni di Sapri, Torraca, Tortorella e Vibonati, tutti in provincia di Salerno, come da elaborati graci depositati presso il Servizio Mercato Energetico Regionale Energy Management Settore Regolazione dei Mercati A.G.C. 12 Centro Direzionale Isola A/6 (NA). E altres imposto il vincolo preordinato allesproprio o allasservimento sugli immobili occorrenti alla realizzazione del medesimo gasdotto; Art. 2 assegnato il termine di mesi 12 e quello di anni 5, del presente Decreto, rispettivamente per linizio e la ne dei lavori e dei relativi procedimenti ablativi; Art. 3 - Obbliga la Snam Rete Gas S.p.A. allosservanza di tutte le prescrizioni contenute nelle autorizzazioni, pareri, nulla osta comunque denominati rilasciati dalle competenti Amministrazioni; Art. 4 Avverso il presente Decreto ammesso ricorso giurisdizionale al TAR competente o, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato nel termine rispettivamente di 60 e 120 giorni a partire dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufciale della Regione Campania; Art. 5 - Il Servizio 03 Mercato Energetico regionale Energy Management incaricato della notica, del presente atto, alla societ richiedente; Art. 6 - Il presente provvedimento sar pubblicato sul Bollettino Ufciale della Regione Campania (BURC) e verr trasmesso allAssessore alle Attivit Produttive nonch alla Segreteria di Giunta Servizio 04 Registrazione Atti Monocratici Archiviazione Decreti Dirigenziali dellA.G.C. 02 Affari Generali della Giunta. Napoli 18.11.2010 Il Dirigente di Settore (Dott. Luciano Califano) Estratto del Giudizio di Compatibilit Ambientale Oggetto: Metanodotto Derivazione per Sapri DN 250 (10) P = 75 bar, Allacciamento al Comune di Sapri DN 100 (4) P = 75 bar, Allacciamento al Comune di Camerota e San Giovanni a Piro DN 250 (10) P = 75 bar. La Regione Campania Area Generale di Coordinamento 5 Ecologia, Tutela dellAmbiente, Disinquinamento, Protezione Civile Omissis considerato che per il metanodotto in oggetto, la Snam Rete Gas S.p.A. con istanza acquisita al prot. 701451 del 14.08.2008 ha chiesto la pronuncia di compatibilit ambientale Omissis con Decreto del Dirigente del Settore 2 servizio 3 del 31.08.2010 n. 897, ai sensi del D.P.R. 12. aprile 1996 e s.m.i. e del. D.lgs 152/2006 e s.m.i., esprime parere favorevole di compatibilit ambientale per lintervento di che trattasi, facendo proprie le prescrizioni contenute nella nota del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali (prot. n.9770 del 25.03.2010) e con ulteriore prescrizione di acquisire tutti i pareri per gli attraversamenti dei corsi dacqua. Omissis Napoli, 31.08.2010 Il Dirigente di Settore (Dr. Rauci Luigi)

SEGRETERIA REGIONALE PER LAMBIENTE DIREZIONE REGIONALE DIFESA SUOLO AVVISO DI GARA: Appalto n. 01/2011/Difesa Suolo Si rende noto che questa Amministrazione intende espletare una gara per laffidamento dello Studio di fattibilit degli interventi per il completamento dellIdrovia Padova-Venezia. Il sistema di gara quello della procedura aperta con svincolo dallofferta valida decorsi 180 giorni dal termine di presentazione dellofferta. Non sono ammesse offerte in aumento. Importo netto a base dasta: 160.000,00. Il criterio per laggiudicazione dellappalto quello dellofferta economicamente pi vantaggiosa ai sensi dellart. 83 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i e degli artt. 252 e ss. Del DPR 207/211. Le offerte, a pena di esclusione, devono pervenire a: Regione del Veneto Giunta Regionale - Segreteria Regionale per lAmbiente - Direzione Difesa del Suolo - Calle Priuli, Cannaregio 99 30121 Venezia entro e non oltre le ore 12. del giorno 3 novembre 2 11. Per tutte le altre disposizioni, le modalit di partecipazione e di espletamento della gara si fa rinvio al bando ed al disciplinare di gara reperibile sul sito dellOsservatorio Regionale degli appalti di questa Amministrazione, allindirizzo http://www.regione.veneto.it/appaltipubblici oltre che sul sito internet ufficiale della Regione del Veneto http://www.regione.veneto.it/. Il bando di gara in parola sar pubblicato, in versione integrale, nel B.U.R.V. del 30 settembre 2011; Il bando e il disciplinare di gara sono, inoltre, disponibili presso gli uffici della Direzione Difesa del Suolo Calle Priuli, Cannaregio 99 30121 Venezia - telefono: 041 2792357 041 2792772- telefax: 041 2792234 - e mail: difesasuolo regione.veneto.it. Ulteriori informazioni possono essere richieste presso la stessa Direzione. IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Ing. Tiziano Pinato

COMUNE DI TRENTO PROVINCIA DI TRENTO ESTRATTO AVVISO DI AGGIUDICAZIONE - D.Lgs. n. 163/2006 e s.m. - Dir. 2004/18/CE. Il Comune di Trento (via del Brennero, 312 38121 Trento tel. 0461884684 fax 0461884696 e.mail: appalti.comune.tn@ cert.legalmail.it) ha aggiudicato denitivamente lappalto per lafdamento a terzi del servizio di portineria di alcuni immobili comunali (palazzo Thun, torre Mirana, palazzo Geremia, villa de Mersi, sede della biblioteca comunale, sede di via Aleri) e dei servizi connessi - CIG n. 0783492E09 allImpresa Euro e Promos Group soc. coop. p.a., con sede legale in Udine, via Antonio Zanussi n. 11/13, per un importo complessivo sessennale di euro 905.980,20. Lavviso di aggiudicazione integrale richiedibile allArea Tecnica e del Territorio Ufcio Appalti allindirizzo sopra indicato e disponibile sul sito internet: www. comune.trento.it. Data di invio e ricevimento dellavviso da parte dellUfcio Pubblicazioni CEE: 13 settembre 2011. Trento, 16 settembre 2011 F.to Il Dirigente dellArea Tecnica e del Territorio SP/jt - arch. Ennio Dandrea -

E.N.P.A.P.
Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi
Settore Affari Legali - Via Andrea Cesalpino, n. 1 (00161) Roma Tel. 06.97748630 - Fax. 06.97748653 - Codice Fiscale n. 05410091002

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI


Oggetto: Estratto di bando di gara per laffidamento dellelaborazione dello studio Adriatic Gateway
Ente aggiudicatore: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Direzione Generale per i Porti - Viale dellArte 16, CAP 00144, Roma (tel. +39 0659084208 fax +39 0659084307). Tipo di procedura e criteri di aggiudicazione: gara a procedura aperta accelerata secondo le modalit di cui al Decreto legislativo n.163 del 12.04.2006 e s.m.i.; aggiudicazione con il criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa. Oggetto dellappalto: affidamento elaborazione dello studio Adriatic Gateway. Luogo di esecuzione: territorio italiano. Durata dellappalto: termine di esecuzione il 15.12.2012. Importo dellappalto: importo complessivo di euro 1.000.000,00 (un milione/00) IVA inclusa oltre oneri fiscali. Termine per il ricevimento delle domande di partecipazione: entro le ore 12.00 del giorno 31/10/2011 presso lEnte Aggiudicatore. Pubblicazione GUUE: inviato alla GUUE il 15 /09/2011- GURI Parte II n. 112 del 23/09/2011. Categoria servizi :11. CPV: 73220000. Codice identificazione gara (CIG) 32618958E6 rilasciato dallAutorit per la vigilanza sui contratti pubblici. Bando integrale: visionabile sul sito www.mit.gov.it. Responsabile del procedimento: Dott. Cosimo Caliendo (e-mail: cosimo.caliendo@mit.gov.it
IL DIRETTORE GENERALE (Dr. Cosimo CALIENDO)

Avviso di appalto aggiudicato (Art. 65 del D. Lgs. 163/2006)


1. Stazione appaltante: E.N.P.A.P. - Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi - Settore Affari Legali - Via A. Cesalpino, n. 1, (00161) Roma Tel. 06.97748630, Fax 06.97748653; 2. Gara europea a Procedura ristretta; 3. Affidamento dei servizi relativi alla progettazione, realizzazione ed esercizio del Sistema Applicativo Previdenziale dellE.N.P.A.P. (c.d. S.A.P.E.), CIG n. 0616499F0D; 4. Data di aggiudicazione dellappalto: 3 Agosto 2011; 5. Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente pi vantaggiosa (Offerta tecnica 70%; Offerta economica 30%); 6. Numero di offerte ricevute: 27 (ventisette); 7. Aggiudicatario: R.T.I. tra Progesi S.p.A. (mandataria) con sede in Via del Maggiolino, 125 (00185) Roma, e Procne S.r.l. (mandante) - con sede in Viale del Trigesimo, 246 (33100) Udine; 8. Prezzo offerto: Euro 784.973,60 (Eurosettecentottantaquattromilanovecentosettantatre/sessanta); 9. Data di trasmissione del bando alla UPUCE: 29 novembre 2010; 10. Data di pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale - 5 Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 144 del 15 dicembre 2010; 11. Organo competente per le procedure di ricorso: Pu essere presentato ricorso innanzi al TAR del Lazio - Roma ovvero ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica, come specificato dagli articoli 244 e 245 del D. Lgs. 163/2006, dalla L. 1034/1971 e dal D.P.R. 1199/1971. Per ulteriori informazioni: infogare@enpap.it Il Presidente - Dott. Angelo Arcicasa

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PUGLIA E BASILICATA - BARI Via Dalmazia 70/B - Telef. 080/5552246 - Fax 080/5552222

AVVISO DI GARA PER ESTRATTO


Questo Istituto deve appaltare a mezzo procedura aperta i lavori, da eseguirsi presso Bari Palese di ristrutturazione edile ed impiantistica per il ripristino delle condizioni igienico-sanitarie e messa in sicurezza del Centro di Identificazione ed Espulsione immigrati irregolari (C.I.E.) in viale Europa - I Stralcio funzionale. IMPORTO A BASE DAPPALTO: 722.500,00 di cui 701.710,36 per lavori a misura, ed 21.389,64 per oneri della sicurezza, oltre IVA. CATEGORIA PREVALENTE: OG11 importo 440.558,04 classifica II ( 516.457). CATEGORIA SCORPORABILE: OG1 importo 281.941,96 classifica II ( 516.457). CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE: prezzo pi basso, inferiore a quello posto a base di gara, determinato ex artt. 81, 82 co.2 lett. b), 86 e 122 co. 9 del D.lg. 163/2006 e s.m.i.. Le offerte devono pervenire allindirizzo indicato nellintestazione entro le ore 13,00 del giorno 26.10.2011. La gara sar esperita il giorno 27.10.2011. Alle offerte i concorrenti dovranno allegare i documenti indicati nel Disciplinare di Gara. Lavviso integrale pubblicato in data 28/9/2011 su GURI - 5^ Serie Speciale - Contratti Pubblici, n. 114 disponibile, corredato del disciplinare, sui siti Internet ai seguenti indirizzi www.serviziopubblicazionebandi.it. - www.provveditoratooopppuglia.it. Il progetto visionabile presso lUfficio Contratti di questa Stazione Appaltante allindirizzo su indicato. Bari IL PROVVEDITORE (Dott. Ing. Francesco Musci)

Trib. Roma Fall. 275/09


G. D. Dott. Di Salvo, ud.za 29/11/2011, ore 10,30, vende, in quinto incanto ed in unico lotto, immobili in Roma, via Giulio Galli n. 25/D. LOTTO 1 (Area A CTU) 1- magazzio-deposito, piano S1 int A in Catasto al F 111, p. 32, sub 506 (ex sub 49), Cat. C/2, 350 mq., rendita Euro 759,19; 5- autorimessa, piano S1 int 12 in Catasto al F 111, p. 32, sub 53, Cat. C/6, 42 mq., rendita Euro 169,19 Prezzo base Euro 508.300,00. Aum.to minimo Euro 10.000,00. Offerta, cauzionata 35%, entro ore 13 giorno lavorativo precedente quello di vendita. Info Cancelleria G. D. e <www.astegiudiziarie.it>.

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE


Direzione Affari Contrattuali e Patrimoniali ESTRATTO BANDO DI GARA ATTO GE N. 9083 DEL 13.07.2011 LI.N.F.N. con sede in Frascati (RM) Via Enrico Fermi, 40 - 00044 - indice una gara a procedura ristretta ai sensi del D.lgs. 163/06 e s.m.i.- per la fornitura di un sistema di storage disco di almeno 2150 TB lordi in tecnologia SAN con relativa manutenzione e assistenza tecnica on site per 5 anni e opzioni. Contratti: bandi@Inf.infn.it e RUP luca.dellagnello@cnaf.infn.it. Luogo di consegna: INFN .CNAF V.le Berti Pichat, 6/2 - 40127 Bologna. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente pi vantaggiosa, ai sensi dellart. 83 del d.lgs. n. 163/06 e s.m.i.; dellart. 283, commi 1, 2 e 3 del dPR n. 207/10, nonch dellallegato P, punto II - lett. a) 4 e lett. b) al dPR n. 207/10 secondo quanto sar dettagliato nella lettera di invito. Importo a base di gara Euro 570.500,00 (oltre IVA) importo delle opzioni: opzione 1: Euro 356.600,00 (oltre IVA), opzione 2: Euro 132.719,00 (oltre IVA). Oneri per eliminazione rischi da interferenze pari a zero. Termine di ricezione domande: entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 17.10.2011. Il bando di gara e il Capitolato Tecnico sono disponibili sul sito http://www.ac.infn.it nella sezione bandi ed esiti di gara. Il bando stato inviato allUfficio Pubblicazioni della U.E. in data 16.09.2011 e pubblicato sulla G.U.R.I. quinta serie speciale n. 111 del 21.09.2011. Il Direttore (Dr. Dolores Federici)

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE


Direzione Affari Contrattuali e Patrimoniali Estratto Bando di gara atto GE n. 9139 del 13.09.2011
LI.N.F.N. con sede in Frascati (RM) Via Enrico Fermi, 40 00044 - indice una gara a procedura aperta ai sensi del D.lgs. 163/06 e s.m.i. per la fornitura di un sistema di calcolo con potenza minima di 19.000 HEP-SPEC per il Tier1 del CNAF con relativa manutenzione e assistenza tecnica on site per 3 anni e opzioni per Tier-1 e Tier-2. Contatti: bandi@Inf.infn.it e RUP davide.salomoni@cnaf.infn.it. Luogo di consegna: presso le strutture dellINFN. Criterio di aggiudicazione: prezzo pi basso, ai sensi dellart. 82, del D.lgs. 163/06 e s.m.i.; dellart. 283, comma 4 del dPR n. 207/10. Importo a base di gara Euro 292.310,00 (oltre IVA) importo delle opzioni: opzione 1: Euro 307.690,00 (oltre IVA), opzione 2: Euro 153.850,00 (oltre IVA), opzione 3: Euro 230.770,00 (oltre IVA). Oneri per eliminazione rischi da interferenze pari a zero. Termine per il ricevimento del plico: entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 04.11.2011. Il bando di gara, il Capitolato Tecnico, di cui sono parte integrante il Disciplinare di Gara, le Condizioni Generali di Fornitura e gli allegati, sono disponibili sul sito http://www.ac.infn.it nella sezione bandi ed esiti di gara. Il bando stato inviato allUfficio Pubblicazioni della U.E. in data 16.09.2011 e pubblicato sulla G.U.R.I. quinta serie speciale n. 111 del 21.09.2011. Il Direttore (Dr. Dolores Federici)

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

R2PROGRAMMI
CANAL GRANDE DI ANTONIO DIPOLLINA

PER SAPERNE DI PI tv.repubblica.it www.donmatteo.rai.it

I 61

LA FORZA CRISTIANA DI DON MATTEO PRODUCE ANCHE MIRACOLI

Oggi
ALBUM Attrice per essere unaltra (me). Incontro nella Darkroom con lattrice Isabella Ragonese, una delle migliori interpreti della nuova leva nazionale. Lintervista di Maria Pia Fusco. RAI 1
6.10 Unomattina caff 6.30 Tg1 Previsioni sulla viabilit 6.45 Unomattina: Allinterno: Che tempo fa / 7.00-8.009.00-10.00 Tg1 / 7.30Tg 1 L.I.S. / - Che tempo fa / 7.30Tg 1 L.I.S. / 7.35 Tg Parlamento /9.30 Tg 1 Flash / 9.55 Appuntamento al cinema 10.55 Che tempo fa 11.00 Tg1 11.05 Occhio alla spesa 12.00 La prova del cuoco 13.30 Telegiornale 14.00 Tg1 Economia Tg1 Focus 14.10 Verdetto finale 15.15 La vita in diretta 16.50 Tg Parlamento Previsioni sulla viabilit 17.00 Tg1 Che tempo fa 17.00 Che tempo fa 18.50 Leredit 20.00 Telegiornale 20.30 Qui Radio Londra 20.35 Soliti ignoti 21.10 I migliori anni - conduce Carlo Conti 23.15 Tg1 60 secondi 23.35 Tv7 0.35 Lappuntamento Scrittori in Tv 1.05 Tg1 notte 1.35 Che tempo fa 1.40 Qui Radio Londra 1.45 Sottovoce 2.15 S.O.S tenibilit

ATI alla mano, rester lultimo programma tv a raccogliere un pubblico vasto, significativo e raccolto intorno a un ideale. Il Tg1? No, Don Matteo, giunto alledizione ottava, fisso nei gioved di Raiuno e chi lo cancella? Stavolta hanno inserito nella trama una ragazza madre che va a convivere con lanziano prete Terence Hill. Qualcuno ha tentato di strizzare locchiolino. Un bel niente, sempre autentica e pura carit cristiana, ogni passo della trama evangelico e ogni puntata una parabola,

Don Matteo rimane il veicolo cattolico pi seguito dItalia surclassando tutte le Messe della domenica. Alla fine di ogni puntata ti viene da andare a comprare Famiglia Cristiana scelta politica precisa, peraltro. Il tutto con le trame pallido noir, redenzioni a piovere, tirate contro i rave-party etc. La scorsa settimana mentre iniziava la puntata in tv, a Gubbio citt teatro delle storie hanno vinto 60 milioni al Superenalotto: andarci piano con lo scetticismo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FICTION
Terence Hill Don Matteo successo di RaiUno

RAI 2
6.00 7 Vite 6.30 Cartoon Flakes 10.00 Tg2 Meteo2 Tg2 punto.it 10.25 Tg2 Medicina 33 10.35 Non solo soldi 10.40 Tg2 S, Viaggiare 10.45 Tg2 Eat Parade 10.50 Tg2 Costume e Societ 11.00 I fatti vostri - con G. Magalli, A. Volpe, M. Cirillo 13.00 Tg2 Giorno 13.30 Costume e Societ 13.50 Tg2 Eat Parade 14.00 Italia sul Due - con L. Bianchetti, M. Infante 16.15 Ghost Whisperer - Tf 16.50 Hawaii Five-0 - Tf 17.45 Tg2 Flash L.I.S. Meteo2 17.50 Rai Tg Sport 18.15 Tg2 18.45 Numb3rs - Tf 19.35 Squadra speciale Cobra 11 - Tf 20.30 Tg2 20.30 21.05 N.C.I.S. Los Angeles - Tf 21.50 Blue Bloods - Tf 22.40 Cold Case - Tf 23.25 Tg2 23.40 Lultima parola - con G. Paragone 1.15 TG Parlamento Meteo 2 1.25 Italia sul Due 1.30 Appuntamento al cinema 3.25 Secondo canale 4.10 Universit Telematica Internazionale UniNettuno

RAI 3
6.00 6.30 7.00 7.30 8.00 10.00 11.00 12.00 12.25 12.45 13.10 14.00 14.20 14.50 14.55 15.00 15.05 15.50 17.40 19.00 19.30 20.00 20.15 20.35 21.05 22.55 0.00 0.10 1.00 1.05 1.10 1.40 Rai News Morning News Il caff di Corradino Mineo Tgr Buongiorno Italia Tgr Buongiorno Regione Agor. Conduce A. Vianello Rai 150 anni. Fratelli dItalia Apprescindere. Allinterno 11.10 Tg3 Minuti Tg3 Rai Sport Notizie Meteo3 Tg3 Fuori Tg Le Storie - Diario italiano. Conduce Corrado Augias La strada per la felicit - Tf Tg Regione Tg Regione Meteo Tg3 / Meteo3 Tgr Piazza Affari Tg3 L.I.S. Figus Album di persone notevoli The Lost World - Tf Cose dellaltro Geo Geo & Geo. Allinterno: 18.10 Meteo3 Tg3 Tg Regione Tg Regione Meteo Blob Sabrina vita da strega - Tf Un posto al sole Film: Complici del silenzio - di S. Incerti, con A. Boni, F. Raggi, G. Battiston Blu notte - Misteri italiani Tg3 Linea Notte Tg Regione Meteo3 Appuntamento al cinema Rewind - Visioni private ApriRai

CANALE 5
6.00 Prima pagina 7.55 Traffico / Meteo5 / Borse e monete 8.00 Tg5 Mattina 8.40 La telefonata di Belpietro 8.50 Mattino cinque - conduce F. Panicucci, e P. Del Debbio 10.10 Tg5 - Ore 10 10.15 Mattino cinque 11.00 Forum 13.00 Tg5 Meteo5 13.40 Beautiful - Soap 14.10 Centovetrine - Soap 14.45 Uomini e donne - Show 16.20 Pomeriggio Cinque 18.50 Avanti un altro - conduce Paolo Bonolis 20.00 Tg5 Meteo5 20.30 Striscia la notizia - La voce della contingenza 21.10 Sangue caldo - di L. Parisi e A. Inturri, con M. Arcuri, F. Testi, R. Monaco di Lapio 23.30 Matrix 1.30 Tg5 Notte Meteo5 Notte 2.00 Striscia la notizia (r) 2.20 In Tribunale con Lynn- Tf 3.45 Media Shopping 4.00 Uomini e donne - Show 5.15 Tg 5 Notte (r) Meteo5 Notte (r) 5.45 Media Shopping

ITALIA 1
6.50 8.55 9.55 10.55 11.55 12.25 13.00 13.40 14.35 15.00 15.35 16.30 17.25 18.30 18.55 19.00 19.25 21.10 0.00 Cartoni Nin - Telenovela Strano, ma vero?- Doc Deadly 60 - Doc Spose extralarge - Doc Studio Aperto Meteo Studio Sport I Simpson Cartoni Big Bang Theory - Sitcom Chuck - Tf Glee - Tf Cartoni Studio Aperto Meteo Studio Sport C.S.I. Scena del crimine - Tf Colorado - con B. Rodriguez, P. Ruffini, Dj Angelo Film: La terza stella - di A. Ferrari, con Franz, Ale, P. Faksova Grand Prix - Prove sintesi Red Bull X - Fighters 2011 Poker1mania Studio Aperto - La giornata Film: Tutti defunti... tranne i morti - di P. Avati, con G. Cavina, F. Marciano Grand Prix Campionato Mondiale Motociclismo G.P. Giappone - Prove 125

RETE 4
6.25 7.00 7.30 8.30 9.55 10.50 11.30 12.00 12.05 13.00 13.50 14.05 15.35 15.45 18.55 19.35 20.30 21.10 23.55 0.00 Media Shopping Zorro - Tf Starsky e Hutch - Tf Hunter - Tf R.I.S. Delitti imperfetti - Tf Fornelli dItalia Tg4. Allinterno: 11.55 Meteo Vie dItalia notizie sul traffico Detective in corsia- Tf La signora in giallo - Tf Il Tribunale di Forum - Anteprima Sessione Pomeridiana: Il Tribunale di Forum Ieri e Oggi in Tv Film: Havana - di S. Pollack, con R. Redford, L. Olin Tg4. Allinterno: Meteo Tempesta damore Walker Texas Ranger - Tf Quarto grado I bellissimi di R4 Film: Il tocco del male - di G. Hoblit, con D. Washington, J. Goodman, D. Sutherland. Allinterno. Tg4 Night News Film: Corleone - di P. Squitieri, con G. Gemma, C. Cardinale, F. Rabal Media Shopping Peste e corna e gocce di storia Casa Vianello - Sitcom Ieri e Oggi in Tv

LA SETTE
6.00 Tg La7 Meteo Oroscopo Traffico 6.55 Movie Flash 7.00 Omnibus 7.30 Tg La7 9.40 Coffee Break - conduce Tiziana Panella 10.30 Chiamata d'emergenza Tf 11.00 G Day (r) 11.30 (ah)iPiroso - conduce A. Piroso 12.25 I men di Benedetta 13.30 Tg La7 14.05 Film: 5 per la gloria - di R. Corman, con Raf Vallone, Stewart Granger, Mickey Rooney, Henry Silva 16.15 Atlantide - Storie di uomini e di mondi - con G. Mauro 17.25 Movie Flash 17.30 L'ispettore Barnaby - Tf 19.30 G' Day - di Geppy Cucciari 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo - conduce Lilli Gruber 21.10 Film: Uomini che odiano le donne - di Daniel Alfredson 0.10 Tg La7 0.20 Crossing Jordan - Tf 1.05 Movie Flash 1.10 N.Y.P.D Blue - Tf 2.10 Otto e mezzo (r) 2.50 La7 Colors

DEEJAY TV
13.30 13.55 14.00 15.55 16.00 18.55 19.00 20.00 21.00 22.00 23.00 23.30 1.10 The Club Deejay Tg Deejay Hits Deejay Tg Deejay Hits Deejay Tg Vacanze Romagne Best of Chi se ne frega della musica Jack Osbourne - No Limits Uomini che studiano le donne Best of Motherboard Dvj by Night Deejay Night

MTV
12.00 12.05 13.00 13.05 14.00 14.05 15.00 15.05 16.00 17.00 18.00 19.00 19.05 20.00 21.00 22.00 23.30 0.00 0.30 Mtv News When I was 17 Mtv News Jersey Shore Mtv News Scrubs Mtv News Randy Jackson Presents: Americas Best Dance Crew Disaster Date Made Mtv Mobile Chat Mtv News Il Testimone Greek Hard Times Blue Mountain State Speciale Mtv News I soliti idioti True Blood

2.00 2.50 3.15 4.05 4.20

2.40

4.30 4.45 4.55 5.20

5.55

SKY

DIGITALE TERRESTRE

SATELLITE

[servizio a pagamento]

RAI

cinema mattina

cinema pomeriggio

cinema sera

cinema notte

I
6.15 6.30 7.00 7.25 8.10 8.55 9.40 10.25 11.10 11.55 12.40 13.25 14.10 14.55 15.40 16.25 17.10 17.55 18.50 19.35 20.25 21.10 23.00 23.15 23.20 1.25 2.25 3.10 3.55 4.40

RAI 4
Maddecheao La situazione comica 30 Rock - Serie Tv Beverly Hills 90210 - Serie Tv 90210 - Serie Tv One Tree Hill - Serie Tv Desperate Housewives - Serie Brothers & Sisters - Tf Alias - Serie Tv Invisible Man - Tf Eureka - Serie Tv Desperate Housewives - Serie Tv Brothers & Sisters - Tf Alias - Tf 90210 - Serie Tv One Tree Hill - Serie Tv Eureka - Tf Star Trek - Serie Tv Invisble Man - Tf Doctor Who - Tf Supernatural - Tf Film: Specie mortale - di R. Donaldson, con B. Kingsley, M. Madsen Wonderland Appuntamento al cinema Film: The Mist - di F. Darabont, con T. Jane, M. Gay Harden Weeds - Serie Tv Alias - Tf Invisible Man - Tf Doctor Who - Tf Star Trek - Serie Tv

I
8.45 9.40 10.35 11.30 12.25 13.20 13.30 14.25 15.25 16.20 16.25 17.15 18.10 19.05 20.05 21.00 22.45 0.35

PREMIUM
Un medico in famiglia - Tf Tutti pazzi per amore - Tf Sospetti - Miniserie Incantesimo - Tf Butta la luna - Serie Tv Andata e ritorno - Sitcom Un medico in famiglia - Tf Tutti pazzi per amore - Tf Orgoglio - Tf Appuntamento al cinema Butta la luna - Tf Sospetti - Tf Incantesimo - Tf Tutti pazzi per amore - Tf Un medico in famiglia - Tf Soraya - Miniserie La ladra - Miniserie Soraya - Miniserie

9.30 28 giorni dopo - di D. Boyle Sky Cinema Max HD 9.50 L'uomo nero - di S. Rubini Sky Cinema Passion 10.20 Chiedimi se sono felice - di M. Venier Sky Cinema Comedy 10.30 Ho visto le stelle! - di V. Salemme Sky Cinema Hits HD 11.20 Tarzan & Jane - di V. Cook Sky Cinema Family HD 11.50 Prima o poi mi sposo - di A. Shankman Sky Cinema Passion 12.05 Wild Target - di J. Lynn Sky Cinema Hits HD 13.35 La bella societ - di G. Cugno Sky Cinema Passion

14.10 Bibi e il segreto della polvere magica di F. Buch Sky Cinema Family HD 15.05 Scomodi omicidi - di L. Tamahori Sky Cinema Max HD 15.40 La valigia sul letto di E. Tartaglia Sky Cinema Comedy 16.10 The Last Song - di J. Robinson Sky Cinema Family HD 16.55 Star Trek - di R. Wise Sky Cinema Max HD 17.30 Una bionda in carriera di C. Herman-Wurmfeld Sky Cinema Comedy 18.00 Il 7 e l'8 - di G. Avellino Sky Cinema Family HD

21.00 La donna della domenica di L. Comencini Sky Cinema Classics 21.00 Mystery, Alaska - di J. Roach Sky Cinema Family HD 21.00 28 giorni dopo - di D. Boyle Sky Cinema Max HD 21.00 In the Cut - di J. Campion Sky Cinema Passion 21.00 Housebroken - Una casa sottosopra di S. Harper Sky Cinema Comedy 21.10 I Borgia - di O. Hirschbiegel Sky Cinema 1 HD 21.10 La principessa e il ranocchio di R. Clements, J. Musker Sky Cinema Hits HD

22.05 I Borgia - di O. Hirschbiegel Sky Cinema 1 HD 22.35 I carabbinieri - di F. Massaro Sky Cinema Comedy 22.55 Urban Cowboy - di J. Bridges Sky Cinema Classics 22.55 Una tata magica 2 - di M. Scott Sky Cinema Hits HD 23.00 Natural City - di M. Byung-Chun Sky Cinema Max HD 23.05 Nata ieri - di L. Mandoki Sky Cinema Passion 23.10 Resident Evil: Afterlife di P. Anderson Sky Cinema 1 HD 0.30 Daddy Cool - di F. Desagnat Sky Cinema Hits HD

Anspaugh, con E. Perkins, W. Goldberg 19.15 Film: Appuntamento al buio - di J. Keach, con C. Pine, S. Wellington 21.00 Film: Omicidio in diretta - di B. De Palma, con N. Cage, G. Senis 22.55 Film: Tutti i battiti del mio cuore - di J. Audiard,c on R. Duris, A. Atika 0.45 Appuntamento al cinema 0.50 Film: Iene - di Q. Tarantino, con H. Keitel, T. Roth 2.25 Film: Infernal affairs - Nascita di una leggenda - di W. Keung Lau, con E. Chen, S. Yue 4.25 Film: Malombra - di M. Soldati, con I. Miranda, E. Bilotti

I
14.30 15.20 16.10 17.55 18.25 18.55 19.25 19.55 20.40 21.10 22.00 22.55 23.50 0.45 1.40 2.25

RAI 5
David Letterman Show Dreams Road Star Story Mixeur Tutte le televisioni del mondo Icone: Obama The Snatch Dreams Road Passepartout David Letterman Show Les Nouveaux Explorateurs Explore The Day Before II David Letterman Show Dreams Road Star Story

sport
Sky Sport 3 HD 20.30 Rugby: Studio Mondiale Rugby 2011 Replica Sky Sport Extra 20.45 Golf: Alfred Dunhill Links Championship PGA European Tour Replica Sky Sport 3 HD 21.00 Calcio: Sampdoria - Torino Serie B Sky Sport 1 HD 21.00 Wrestling: Ep. 14 WWE Domestic Smackdown! Sky Sport 2 HD 21.00 Rugby: Sudafrica - Samoa Mondiale Rugby 2011 Replica Sky Sport Extra 21.00 Calcio: Sampdoria - Torino Serie B Sky Supercalcio HD 22.00 Bowling: PBA Tour Differita EuroSport HD 22.30 Basket: Una partita Eurocup Differita Eurosport 2 22.45 MotorSport Replica Sky Sport 2 HD 22.45 Calcio: Una partita Calcio Internazionale Sintesi Sky Sport 3 HD 22.45 Rugby: Studio Mondiale Rugby 2011 Replica Sky Sport Extra 23.00 Altri: Champions League Strongest Man Differita EuroSport HD 23.00 Serie B postpartita Sky Sport 1 HD 23.00 Calcio: Sampdoria - Torino Serie B Replica Sky Sport 3 HD 23.00 Serie B postpartita Sky Supercalcio HD 23.15 Altri: UFC Show Replica Sky Sport 2 HD 23.15 Rugby: All Blacks - Francia Mondiale Rugby 2011 Sintesi Sky Sport Extra 23.30 Domani si gioca Sky Sport 1 HD 23.30 Domani si gioca Replica Sky Supercalcio HD 0.00 Motori: GTA Road to Dubai Replica EuroSport HD

19.30 Bollettino Sportivo Eurosport 2 19.30 Rugby: All Blacks - Francia Mondiale Rugby 2011 Sintesi Sky Sport Extra 20.00 Tennis: Torneo WTA di Tokyo Replica Eurosport 2 20.00 Serie B prepartita Sky Sport 1 HD 20.00 Wrestling: Ep. 14 WWE Superstars Sky Sport 2 HD 20.00 Highlights Champions League Sky Sport 3 HD 20.00 Serie B prepartita Sky Supercalcio HD 20.15 PGA European Tour Weekly Replica

MOVIE

6.30 Film: Dolci inganni - di A. Lattuada 8.15 Film: Le ragazze di San Frediano - di V. Zurlini 9.55 Film: Sedotti e bidonati - di G. Bianchi, con F. Franchi, C. Ingrassia 11.40 Film: Le rose del deserto - di M. Monicelli, con M. Placido, A. Haber 13.25 Film: Notte dellaquila - di J. Sturges, con M. Caine, D. Sutherland 15.25 Film: Bon Voyage - di Jean P. Rappeneau, con I. Adiani, G. Depardieu 17.25 Film: Moonlight and Valentino - di D.

FOX
09.10 Extreme Makeover - Belli per sempre Fox Life 09.25 Futurama Fox HD 10.00 Numb3rs Fox Crime HD 10.10 Grey's Anatomy Fox Life 10.45 Modern Family Fox HD 11.05 Giudice Amy Fox Life 11.15 I Simpson Fox HD 11.45 C.S.I. New York Fox Crime HD 12.00 Mary Tyler Moore Fox Retro 12.30 Sex and the City Fox Life 12.40 C.S.I. New York Fox Crime HD 13.00 Bones Fox Life 13.30 La vita secondo Jim Fox HD 13.50 Grey's Anatomy Fox Life 14.00 14.25 14.50 15.00 15.25 15.45 16.00 16.20 16.40 17.00 17.15 17.35 18.10 Happy Days Fox Retro I Simpson Fox HD How I Met Your Mother Fox HD Charlie's Angels Fox Retro N.C.I.S. Anthology - Unit anticrimine Fox Crime HD Buffy Fox HD Dharma e Greg Fox Life Numb3rs Fox Crime HD Streghe Fox HD Il Tenente Colombo (1968-1978) Fox Retro Bones Fox Life I Simpson Fox HD C.S.I. New York Fox Crime HD 18.30 18.55 19.05 19.20 19.45 20.00 20.05 20.30 20.35 21.00 21.00 21.00 21.00 21.30 21.50 Mary Tyler Moore Fox Retro La vita secondo Jim Fox HD Will & Grace Fox Life I Griffin Fox HD American Dad Fox HD Happy Days Fox Retro Sex and the City Fox Life Sex and the City Fox Life I Simpson Fox HD Lie to Me Fox HD Rapimento & riscatto Fox Crime HD Cougar Town Fox Life L'ora di Alfred Hitchcock Fox Retro Hot in Cleveland Fox Life Lie to Me Fox HD 21.55 21.55 22.00 22.45 22.45 22.50 23.00 23.15 23.30 23.35 23.45 0.00 0.00 0.10 Rapimento & riscatto Fox Crime HD Bones Fox Life L'ora di Alfred Hitchcock Fox Retro White Collar Fox HD Kitchen Confidential - Cuochi a New York Fox Life Rapimento & riscatto Fox Crime HD I Jefferson Fox Retro Medium Fox Life Happy Days Fox Retro I Griffin Fox HD Genesis Fox Crime HD American Dad Fox HD Tre cuori in affitto Fox Retro Sex and the City Fox Life

MEDIASET PREMIUM

cinema
Premium Cinema Energy 18.30 Vacanze romane - di W. Wyler Studio Universal 19.00 Lultima eclisse - di T. Hackford Premium Cinema Emotion 19.05 Cosa voglio di pi - di S. Soldini Premium Cinema 21.15 Hotel Rwanda - di T. George Studio Universal 21.15 Van Helsing - di S. Sommers Premium Cinema Energy 21.15 Last Night - di M. Tadjedin Premium Cinema 21.15 Fawless - di J. Schumacher Premium Cinema Emotion 22.55 Appuntamento con lamore di G. Marshall Premium Cinema 23.30 Dal tramonto allalba 3 - di P.J. Pesce Premium Cinema Energy 23.40 Inland Empire - di D. Lynch Studio Universal

I
08.50 09.15 09.30 09.55 11.10 11.45 12.35 12.40 13.40 15.25 15.50 16.40 17.05 17.30 17.30 19.30 20.25 21.15 21.15 21.15 22.50 22.50 22.55

intrattenimento
Nassyria Per non dimenticare - Tf Steel Friday Night Lights - Tf Joi Le cose che amo di te - Sitcom Mya Luna di miele con la mamma - Tvm Mya Supernatural - Tf Steel E.R. Medici in prima linea - Tf Joi The Mentalist - Tf Joi Lettere da Iwo Jima - Film Steel Un principe tutto mio - Tvm Mya Una mamma per amica - Tf Mya Monk- Tf Joi Camelot - Tf Joi Le cose che amo di te - Sitcom Mya Amori, figli e altri disastri - Tvm Mya Una famiglia del 3 tipo - Sitcom Steel E.R. Medici in prima linea - Tf Joi Big Bang Theory - Tf Steel Greys Anatomy - Tf Mya Royal Pains - Tf Joi Supernatural - Tf - Steel Il labirinto del fauno - Film Steel Matrimonio a sorpresa - Tvm Mya Outsourced - Sitcom Joi

9.40 Il fuggitivo - di A. Davis Premium Cinema Energy 9.50 Marpiccolo - di A. Di Robilant Premium Cinema Emotion 11.05 The Edge of Love - di J. Maybury Premium Cinema 11.25 La strategia della maschera di R. Mortelliti Premium Cinema Emotion 12.15 Alla deriva - di H. Horn Premium Cinema Energy 13.15 Alza la testa - di A. Angelini Premium Cinema Emotion 14.45 Love Actually - di R. Curtis Premium Cinema 16.15 La storia del dottor Wassell di C. DeMille Studio Universal 16.35 Baciami anora - di G. Muccino Premium Cinema Emotion 17.10 Seta - di F. Girard Premium Cinema 17.25 Rocknrolla - di G. Ritchie

IRIS
10.45 Tvm: La bellezza dIppolita - di G. Zagni, con G. Lollobrigida 12.30 Film: Il generale dorme in piedi - di F. Massaro, con U. Tognazzi, F. Fabrizi 14.20 Film: Baciami piccina - di R. Cimpanelli, con V. Salemme, N. Marcor 16.10 Film: Come le formiche - di I. Borrelli, con G. Ranzi, P. Pellegrino 17.45 Film: Sea Change - Delitto perfetto - di R. Harmon, con J. Akerman, G. Anderson 19.30 Criminal Intent - Tf 20.20 Law & Order: Unit Speciale - Tf 21.10 Film: Larte della guerra - di C. Duguay, con W. Snipes 23.20 Film: Il potere dei sogni - di R. Chabria, con J. Leguizamo 1.20 Film: The Mangler - La macchina infernale - di T. Hooper, con R. Englund, T. Levine

CIELO
Hell's Kitchen Masterchef Magazine Cambio vita... mi ha lasciato Dog Whisperer con Cesar Millan Project Runway - Taglia, cuci... sfila! Drop Dead Diva Cambio vita... mi ha lasciato Masterchef Magazine Hell's Kitchen Dog Whisperer con Cesar Millan Film: Pelham 1 2 3. Ostaggi in metropolitana - di T.Scott con D. Washington, J. Travolta 23.00 Call Me Fitz 0.00 Cielo TG24 notte 0.30 Sex Therapy 13.15 14.00 14.45 15.45 16.15 17.15 18.15 18.45 19.15 20.00 21.00

SPORT
Da ragazzo tifava per la Juve di Platini, ha ammirato Sacchi, considerato un allievo di Capello: il tecnico del Milan si racconta in vista del match di domenica Guardiola? Ogni tanto viene fuori che qualcuno ha creato il modulo vincente
ENRICO CURR MILANO cusi Allegri, lei mai stato juventino? S, certo. Da ragazzo, quando ci si innamora delle squadre che vincono. E poi in quella Juve cera Platini: tecnica e cervello. A quando risale la dejuventinizzazione? Poi cresci e se ti piacciono le squadre che giocano bene, come sono sempre piaciute a me, ti invaghisci appunto del gioco e di chi ti fa divertire: quindi il Milan di Sacchi e poi ancora la Juve dellera Lippi. Di tutti questi amori, che cosa le rimasto, nel bagaglio da allenatore? La cultura del lavoro. Non ho mai visto squadre che vincono senza la fatica e la concentrazione quotidiane. Se no, diventi come i Globetrotters. Per vincere, devi volerlo ogni giorno, anche in allenamento. Non devi mai arrivare al punto in cui vincere o perdere sia la stessa

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

I 62

Allegri

Una scelta italiana

Abbiamo puntato sugli italiani, ne abbiamo avuti anche 7 su 11 nella formazione di partenza. Anche Prandelli sar contento
Il Barcellona

Imitare il Bara? Credo sia da presuntuosi. La Roma non pu farlo. Mi accorgo sempre pi che nel calcio funziona soprattutto la semplicit

cosa. Adesso che cos per lei la Juve? Unavversaria di primordine, che ha fatto una grande mercato e che ha il vantaggio, senza coppe, di giocare una volta alla settimana. E stato davvero un mercato che pu trasformare una squadra da settimo posto, che dopo calciopoli non ha mai fatto sfracelli, in unavversaria per lo scudetto? Secondo me s. Hanno preso tutti quelli che potevano. Incluso Pirlo, che voi rischiate di rimpiangere. La verit lha detta Andrea: cercava altri stimoli. Quando stai per dieci anni nello stesso posto, hai bisogno di cambiare e lui lo sta dimostrando sul campo, fermo restando che gi lanno scorso con noi era rientrato benissimo a Bologna, da mezzala, e poi praticamente ha perso la stagione solo per una serie dinfortuni. Non pensa di avere un po di merito nella scelta di Conte da parte della Juve: giovane e italiano come lei, che aveva appena vinto lo scudetto? Ma no, lhanno scelto perch bravo, perch ha vinto due campionati di serie B e magari perch stato un calciatore importante e un capitano, nella Juve. Infatti sta riuscendo a trascinare squadra e tifosi nelle sue convinzioni. Quindi non centra la moda del Guardiolismo? Non credo che centri Guardio-

La difesa

Non ho mai visto vincere squadre ballerine. Vince chi prende pochi gol: noi lanno scorso abbiamo avuto la migliore difesa

Sfidiamo una grande Juve sono loro i primi rivali scudetto


rinhizzando lInter. Io penso semplicemente che Ranieri abbia sfruttato la propria esperienza di tecnico. A proposito di esperienza, lei viene iscritto dautorit tra i capelliani, per via del pragmatismo: condivide? Io amo le cose concrete: non ho mai visto squadre ballerine vincere i campionati. Di solito vince chi prende pochi gol, noi lanno scorso abbiamo avuto di gran lunga la migliore difesa. Dopo il 2-2 di Barcellona le hanno dato del catenacciaro. Facciano pure. Io dico che siamo stati ordinati, che abbiamo concesso pochissime occasioni pulite al Barcellona, che abbiamo subito un gol perch pensavamo che il pallone uscisse e invece quel fenomeno di Messi lha rigiocato al centro e un altro su punizione. Che cosa avremmo dovuto fare, contro una squadra del genere, stare con dieci giocatori davanti alla linea del pallone?. Al Camp Nou mancava Ibra: quanto vale in percentuale? Non so quantificare, so solo che sono felice di averlo ritrovato. Ha grande tecnica e fisicit. Nei primi

la, anche se vero che nel calcio ci sono sempre le mode. Ogni tanto viene fuori che qualcuno ha inventato il modulo vincente. A me piacerebbe scoprire le virt magiche, che so del 2-1-3-3. Invece pi vado avanti e pi mi accorgo che nel calcio funzionano la semplicit. Imitare il Barcellona credo che sia da presuntuosi: ogni squadra ha una rosa di giocatori con determinate caratteristiche e deve giocare per esaltarle: noi non possiamo giocare come la Juve, la Roma non pu giocare come il Barcellona e cos via. Qualcuno mai riuscito replicare il Milan di Sacchi o la Juve di Capello o lInter di Mourinho?. No, per forse Ranieri sta Mou-

La squadra
SI RIVEDE BOATENG
Il Milan ritrova Boateng: il centrocampista ghanese guarito dal problema al costato e ieri ha disputato tutto lallenamento. Non ha ancora i 90 nelle gambe, ma con la Juve torner trequartista. Dovrebbe farcela anche Abate, alle prese con un affaticamento muscolare. Ancora a parte Ambrosini. Anche per Mexes lobiettivo la panchina. (s.sca.)

sei mesi della scorsa stagione, prima delle assenze per squalifica, ha permesso al Milan di crescergli attorno, sotto forma di squadra. La squadra dei mediani, con cinque giocatori sempre dietro la linea della palla e il creativo decentrato un po a sinistra: il suo Milan. Lunica intuizione che mi riconosco Boateng trequartista atipico. Di diverso ha una grande forza e la capacit di aggiungersi indifferentemente allattacco o al centrocampo. Ma se gli altri non mi avessero dato disponibilit al sacrificio, la mia intuizione non sarebbe servita a niente. Larma in pi dellanno scorso stata il mercato di gennaio per

Arbitri

Tagli al Coni

A Torino c Rizzoli, Inter-Napoli a Rocchi


ROMA Serie A, arbitri della 6 giornata: Roma-Atalanta (domani ore 18), Celi; Inter-Napoli (domani ore 20.45), Rocchi; Novara-Catania (domenica 12.30), Brighi; Cesena-Chievo (15), Banti; Fiorentina-Lazio, Bergonzi; Lecce-Cagliari, Guida; Palermo-Siena, Romeo; Parma-Genoa, Damato; Udinese-Bologna, Peruzzo; Juventus-Milan (20.45); Rizzoli (foto).

Petrucci: Mi piange il cuore, sono stato costretto


ROMA - La Giunta Coni ha approvato ieri il piano di risanamento dello sport (30 milioni e 1000 dirigenti in meno nei prossimi 34 anni). Mi piange il cuore - spiega Gianni Petrucci (foto) - ma non potevo certo voltarmi da unaltra parte Ma che potevo fare? Non pagare il personale o le Federazioni nellanno olimpico?

I 63

Gli avversari

Pepe e lo spirito bianconero Conte ci tira fuori lanima


Siamo nati pronti. E valiamo i campioni dItalia
EMANUELE GAMBA

S
convocato Abate. Io faccio gi fatica a fare le mie, di convocazioni. Posso solo dire che Abate cresciuto molto, anche tatticamente. Per la Champions sufficiente il mercato che ha fatto il Milan? Per lottare per la vittoria s. Certo poi la Champions una competizione strana: non esistono avversari che non siano in grado di metterti in difficolt. Il vero acquisto Cassano? Con la continuit di impiego, tra Nazionale e Milan, ha trovato tanti stimoli: si sentito importante. Per me lo sempre stato, ma vallo a spiegare a uno che va in panchina. Ora migliorata la sua condizione, fisica e mentale.

TORINO imone Pepe, la Juve pronta per sfidare il Milan?

La Juve nata pronta. Dal-

I vincenti

Pirlo

La verit lha detta Andrea: cercava altri stimoli. Quando stai 10 anni nello stesso posto, hai bisogno di cambiare e lui lo sta dimostrando

tronde, proviamo a vincere anche quando siamo in dieci. Non teme limpatto del primo avversario di alto livello che affrontate? In Italia non ci sono avversari di basso livello. curioso di scoprire se la Juve vale i campioni dItalia? Non siamo curiosi, ma consapevoli. Conte ci ha dato una grande impronta e noi lo seguiamo alla lettera. Ci ha trasmesso carica, voglia, fame. Delneri non lo sapeva fare? Ognuno ha il suo metodo. Quello che so che Conte ti tira fuori lanima. Addirittura? I suoi discorsi ti restano dentro. Lui un vincente. Ma non c solo Conte: se perdo una partitella mi arrabbio ma dopo cinque minuti passa, invece Del Piero resta incavolato delle ore. Allora lo guardi e capisci tutto. Ma domenica non era lei a sacramentare dopo il pareggio di Catania? E come no. Adesso lincazzatura mi dura di pi: qualcosa sta cambiando. Lei gioca, le ali comprate sul mercato no: perch? Perch sono italiano e non devo imparare un campionato e una lingua difficili. Ma verr il tempo di

I suoi discorsi ci restano dentro, un vincente. Come Del Piero: se perde in partitella resta incavolato per ore
Il soprannome

Simone Pepe, 28 anni, alla seconda stagione con la Juve Elia, di Estigarribia. Ricordo che a Udine nei primi sei mesi Asamoah cadeva da fermo, ma quando s ambientato poteva giocare da solo al posto dei quattro centrocampisti. Ma lei non doveva andare in Russia, allo Zenit? Se n parlato, ma Conte mha detto chiaro chiaro: non ti muovi da qua. Fine della storia. La critica non la considera da Juve: sbaglia? Al mondo ci sono cento milio-

vero, mi chiamano er chiacchiera: sono lunico che riesce a parlare ore con Krasic. In romanesco...
ni di allenatori, che parlino pure. A me interessa il giudizio di chi ha studiato a Coverciano: Lippi, Marino, Conte. I fatti dicono che ho giocato 150 partite in tre anni, pi un Mondiale: tanto scarso non sono. vero che gli allenatori la apprezzano perch tiene alto il morale della truppa con le sue battute? Per mica mi fanno giocare perch faccio ridere. Toni un tipo come me, ma non diventato campione del mondo perch un comico. vero che Conte le ha vietato le spiritosaggini in allenamento? Vero. Mha detto: Sim, non sono tutti come te. Evita di scherzare, perch tu ridi e riparti ma magari un altro no, si ferma e perde il filo. Adesso in campo devo stare zitto, ma me lha chiesto il mio capoufficio e quindi obbedisco. Conte di cali di concentrazione non ne vuole. dura stargli dietro? Per me no. Ha vinto sudando e vuole che facciamo lo stesso. La Juve arrabbiata, il Milan elegante: ci stanno le definizioni? Ci stanno, e io mi tengo la Juve rabbiosa, che vince con lanima. Come il nostro allenatore. In partita le mai scappata una battutaccia? Mi sa che gli altri ventuno non starebbero allo scherzo. Simone Pepe detto Er Chiacchiera: giusto? Il soprannome me lo appiopp Berti a Palermo. Non fa una grinza. Sono lunico che riesce a parlare per ore con Krasic. In romanesco. Pure Conte non uno di poche parole, giusto? Quando lo vedo agitarsi mi metto a filare il doppio perch penso: mo entra in campo. Durante la partita fa i concerti, alla fine non ha un filo di voce. Ci urla di tutto. E nessuno soffende? Se stai ancora a pensare che lallenatore ce lha con te, devi essere de coccio. Mi preoccupo se non mi dice niente nessuno, casomai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La squadra
BARZAGLI OK, TORNA VUCINIC
Conte ha la rosa al completo: Vucinic ha scontato la squalifica e Barzagli ha smaltito il dolore alla caviglia e saranno entrambi titolari. Due i dubbi di formazione: Giaccherini o Krasic sulle fascia, Matri o Del Piero in attacco. Ieri a Vinovo si rivisto, dopo parecchie settimane, Pavel Nedved, che mercoled sera aveva seguito il Milan a San Siro

Allegri, alla 2 stagione alla guida del Milan. Sopra, Pirlo. In alto, Cassano e Chiellini. A sinistra il rigore di Ibra contro il Viktoria Plzen

tamponare gli infortuni: visto che la cosa si ripete, ripeterete anche il rimedio? Troppo presto per parlarne: quando recupereremo tutti - Gattuso, Robinho, Pato, Ambrosini, Mexs - avremo una rosa pi che sufficiente. Se a gennaio arrivasse Montolivo, lo manderebbe via? Io non mando via nessuno, ma ora stiamo bene cos. A gennaio la societ provveder, se sar il caso: il Milan sempre vigile sul mercato. E scelta litalianizzazione, con Nocerino, Aquilani ed El Shaarawy tra gli acquisti? S, anche una scelta. Abbiamo avuto anche sette italiani su undici nella formazione di partenza. Anche Prandelli sar contento. Per il momento non ha ancora

El Shaarawy un fuoriclasse in potenza? S, ma tra serie B e serie A c una differenza enorme. Oggi la vita va troppo di fretta: uno dopo una buona partita diventa fenomeno, invece ci vogliono anche le legnate. Dopo lo scudetto lei sembra pi sicuro e impermeabile alle critiche. Pi il tempo passa pi uno acquisisce sicurezza e conoscenza. Ma bisogna riconfermarsi. Dopo scudetto, Supercoppa e semifinale di Coppa Italia, questanno dobbiamo fare meglio in Champions. Che cosa le ha insegnato un anno e passa da star, a Milano? A relazionarmi con 400 giornalisti al giorno, anzich con quattro come a Cagliari. Non che io faccia lallenatore-manager, come in Inghilterra. Se vado spesso in via Turati, perch abito molto vicino e mi piace conoscere e sapere tutto. Ho dato qualche opinione sui rinnovi di contratto. Su tutti tranne che sul suo. Con Galliani ci siamo gi stretti la mano: quando gli pare, mi chiama e ne parliamo. Si emozioner a entrare nel nuovo stadio della Juve? Mi dicono che la panchina sia in tribuna: cos, se uno mi vuol dare dei buoni suggerimenti, posso sentire.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

R2SPORT

PER SAPERNE DI PI http://it.uefa.com/uefaeuropaleague www.seriebwin.it

I 65

Amauri, sindacato disarmato Non possiamo farci niente


Tommasi e Albertini: un fuori rosa, ma lui non denuncia
ANGELO CAROTENUTO ROMA mauri fuori rosa, e l dovr restare. Finch il caso rimarr com, il sindacato non potr metterci bocca. Un mese fa venne bloccata la A proprio per difendere il principio degli allenamenti con la prima squadra per quei giocatori in rotta con i club; ora che Amauri si allena con la Juve Primavera (dopo il no al Marsiglia) lAic scopre di poter solo allargare le braccia. Un paradosso. Possibile? Ci battiamo per la salvaguardia dei diritti, nei singoli casi non siamo tenuti a entrare. Limpotenza del presidente Damiano Tommasi tutta nelle sfocate metafore che sceglie per spiegare il silenzio pubblico dinanzi al caso: Mica i vigili hanno il dovere di allacciare le cinture a tutti i guidatori che mettono in moto una macchina?. Eppure lAic avrebbe fra le mani il perfetto ritratto della sua battaglia. Un caso eclatante, di mezzo ci sono il club pi glorioso dItalia e un giocatore da 4 milioni di euro lanno che lItalia voleva portare ai Mondiali. Tommasi sbuffa. Il comportamento della Juve non accettabile, il nostro compito dare battaglia per evitare che sia codificato nel nuovo contratto. Per il resto siamo in contatto con Amauri da tempo. Una situazione al limite, ci sono i presupposti perch non sia lecita, certo, ma non possiamo fare una battaglia al posto suo. Se a lui sta bene cos, non possiamo entrarci. E allenarsi con la Primavera al momento il male minore. Insomma, non tira aria da barricate. Il male minore, dice Tommasi. Per capire perch, bisogna tornare al 5 settembre scorso, otto giorni dopo lo sciopero. Quando Lega e Aic firmano il cosiddetto contratto-ponte. Prevede che sullarticolo 7 (i fuori rosa), le due parti debbano trovare una posizione condivisa entro 30 giorni. In caso di disaccordo, far fede linterpretazione di Abete, presidente Figc. Che dice: Per ambiente consono alla dignit professionale deve intendersi quello dedicato al gruppo di prima squadra. Prevede allenamenti differenziati solo per ragioni tecniche temporanee. I 30 giorni scadono la prossima settimana. E questo vuoto legislativo che manda Amauri tra i Primavera. Orari differenti, senza aver mai messo piede nel nuovo stadio,

Europa League

Il rigore del Celtic realizzato da Ki Sung-Yong

Friulani 1-1 su rigore. A Lisbona 2-1, Reja espulso

Udinese, pari a Glasgow Lazio ko con lo Sporting


FUORI DAL PROGETTO
Repubblica raccontava ieri gli ultimi mesi dellattaccante, fuori rosa, nemmeno invitato allinaugurazione del nuovo stadio e finito ad allenarsi con la Primavera

GIULIO CARDONE
confitta che fa male per la Lazio a Lisbona, pareggio prezioso per lUdinese a Glasgow: questo il verdetto della seconda giornata di Europa League. Dopo il 2-2 in casa con il Vaslui, il ko con lo Sporting complica ulteriormente il cammino dei biancocelesti (anche se il pareggio tra romeni e Zurigo li tiene in corsa), senza gioco, nervosi, distratti in difesa e incapaci di sfruttare la superiorit numerica (espulso Insua al 5 st). Lazio subito in difficolt sulle fasce e in svantaggio al 21: cross di Capel e tacco di sinistro dellolandese Van Wolfswinkel. I biancocelesti non creano nulla in avanti ma riescono lo stesso a pareggiare con Klose. Punizione di Hernanes e guizzo del tedesco: 1-1. Quando il recupero del primo tempo scaduto da 23 secondi, un gran sinistro da 25 metri di Insua riporta avanti lo Sporting. Reja protesta per il gol a tempo scaduto e viene espulso. Nella ripresa Cisse sostituisce Klose (staffetta prevista) e
CELTIC-UDINESE 1-1

Amauri, 31 anni, la Juventus lo ha ingaggiato nel 2008

Il presidente Aic

Il comportamento della Juve non accettabile, dobbiamo evitare che venga codificato nel nuovo contratto. Ma non possiamo fare battaglie per i singoli
senza il numero di maglia che aveva scelto (l11, passato a De Ceglie). Amauri, ma non solo. Secondo lAic in serie A ci sarebbero almeno altri 10 casi. Demetrio Albertini, uno dei vice di Abete, in consiglio federale come rappresentante dei calciatori, chiarisce: Lassociazione dar tutto il sostegno possibile ad Amauri e a chiunque altro si dichiarasse nella condizione di fuori rosa. Se non c la richiesta di aiuto, come possiamo intervenire? Per restare allo stesso club, fino a poco fa, il campione del mondo Grosso veniva tenuto ad allenarsi in orari diversi dai compagni, alle due del pomeriggio, sotto il sole. Era un fuori rosa? A prima vista s. Ma pu darsi che fosse un accordo accettato da Grosso con la speran-

za del reintegro. Nessuno dei calciatori denuncia, n Amauri n altri, e bisognerebbe domandarsi come mai. Escludiamo per timore di ritorsioni, stabilisce Albertini. Un inghippo burocratico c. I collegi arbitrali per deliberare su richieste di reintegro o di rescissione del contratto sono vacanti. Eventuali cause, dunque, non avrebbero giudici. Stasera il sindacato si riunisce per discutere di questo e altri temi, come i diritti dimmagine che molti club inglobano nei contratti. Lappuntamento con i dirigenti di Lega per la prossima settimana, in concomitanza della scadenza dei famosi 30 giorni. Anche col caso Amauri sul tavolo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lanticipo

Samp-Toro, notte da grandi limportante fuggire dalla B


cuore ma anche dellex in panchina: con la Samp fin 5 in B nel 2000. Ora il suo promettente avvio sullaltra sponda disegnato con lantico e/o moderno 4-2-4 (Toro 1 in classifica con Padova e Brescia). Sfruttando questo o altri moduli prover a battere la sua Sampdoria allenata da Atzori, il 40enne tecnico che, per amor di incroci, gioc e vinse il campionato primavera col Toro di Christian Vieri nello stesso anno dello scudetto di Vialli e Mancini. Ad Atzori stato chiesto di risistemare una squadra retrocessa in piena crisi di autostima. Sembrano passati secoli da quando Pazzini e Cassano lottavano per battere il Werder ed entrare in Champions. Eppure era soltanto un anno fa. La Samp adesso a 2 punti dalla vetta dei piccoli. I tifosi granata torneranno a Marassi 10 anni dopo gli incidenti del febbraio 2001 (1000 diffidati). La due squadre sono imbattute. Al Toro mancheranno Guberti, altro ex, Verdi e Oduamadi. La Samp avr in attacco Maccarone al fianco di Bertani: Ma la differenza potrebbero farla Foggia e Semioli. E sugli esterni che Atzori sogna il sorpasso. (e. si.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

sfiora il 2-2 al 13. Al 27 clamorosa traversa di Konko a portiere battuto e al 42 Rocchi divora un gol incredibile di testa: brutta e sfortunata, la Lazio, a cui viene anche negato un rigore su Sculli durante il recupero. Meritato il pareggio dellUdinese contro il Celtic: l1-1 consente ai friulani di restare in testa al proprio girone con lAtletico Madrid. Lasciato a casa Di Natale, Guidolin schiera una formazione imbottita di giovani e riserve, il Celtic ne approfitta gi al 2: Ekstrand sgambetta Hooper, rigore sacrosanto trasformato dal sudcoreano Ki Sung-Young. Per un quarto dora lUdinese soffre da pazzi, poi partita pi equilibrata. Nella ripresa Guidolin fa entrare tre titolari, Benatia, Isla e Armero: unaltra Udinese. Arriva anche il gol, al 18, ma larbitro annulla giustamente: trattenuta di Abdi. Quando il Celtic attacca, ci pensa Handanovic a salvare la porta: almeno tre miracoli. Il gol buono arriva a 2 dalla fine, ancora su rigore: Hopper spinge con il petto Neuton, fallo dubbio ma larbitro fischia e Abdi firma il pari.
SPORTING LISBONA-LAZIO 2-1

n ricordo su tutti: il Toro che il 12 maggio 1991, con un rigore di Bresciani costringe la Sampdoria all1-1 rinviando di una settimana la sua festa dello scudetto. Stasera a Marassi (ore 21, Sky Sport 1) si giocher per non restare in B: per scappare prima possibile. Cambiano i tempi, a volte cambiano anche i traguardi. Sampdoria-Torino lanticipo migliore ma forse anche il peggiore perch gli altri, Crotone-Vicenza (ore 19) e Varese-Sassuolo (ore 21), inevitabilmente scadono. C Ventura nei panni del doriano di

CELTIC (4-4-2) Zaluska 6.5 Matthews 5.5, Majstorovic 6, Ledley 6 (1 st M. Wilson 5.5), Mulgrew 6 Ki Sung-Yong 6.5, Kayal 5.5, Wanyama 5.5, Bangura 5 Forrest 6 (27 st Samaras 4.5), Hooper 6. UDINESE (3-5-1-1) Handanovic 7.5 Basta 6 (1 st Benatia 6.5), Danilo 6, Ekstrand 5 Pereyra 5.5 (1 st Isla 6.5), Doubai 6, Battocchio 6, Badu 6, Neuton 6.5 Fabbrini 6 (22 st Armero 6.5) Abdi 6.5. Arbitro: Yildrim (Tur) 5.5. Reti:3 pt Ki Sung-Yong (rig.), 43 st Abdi (rig.). Note: ammoniti Kayal, Samaras, Wanyawa, Armero, Ekstrand e Badu.

SPORTING LISBONA (4-3-3) Rui Patricio 6.5 Joao Pereira 6.5, Onyewu 6.5, Polga 6, Insua 6.5 Fernandez 6 (24 st Andr Santos 6), Rinaudo 6, Schaars 6.5 Carrillo 6.5 (7 st Evaldo 6), Van Wolfswinkel 7, Capel 6.5 (28 st Carrio sv). LAZIO (4-3-1-2) Marchetti 5.5 Konko 5, Diakite 5, Dias 5.5 (23 st Radu 6), Lulic 6 Gonzalez 6, Cana 6, Brocchi 5.5 (18 st Sculli 5) Hernanes 5 Klose 6.5 (1 st Cisse 5), Rocchi 4.5. Arbitro: Gumienny (Bel) 5. Reti: 21 pt Van Wolfswinkel, 40 pt Klose, 47 pt Insua. Note: espulso Insua al 5 st. Ammoniti Hernanes, Dias, Joao Pereira, Rinaudo, Cisse, Sculli.

Girone I: Rennes-Atletico Madrid 1-1. Classifica: Atletico e Udinese 4; Rennes e Celtic 1. Prossimo turno, 20 ottobre: Rennes-Celtic; Udinese-Atletico

Girone D: Vaslui-Zurigo 2-2. Classifica: Sporting Lisbona 6, Vaslui 2, Lazio e Zurigo 1. Prossimo turno, 20 ottobre: Sporting Lisbona-Vaslui; Zurigo-Lazio

evento di:

DeejayTen2011
RUN LIKE A

DEEJAY MILANO
2 OTTOBRE ORE 9:30

ARENA CIVICA

run!
5 e 10 Km da correre con Linus per le vie di Milano.
Per info e iscrizioni:

www.deejayten.it

Marani

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

R2SPORT

I 66

PER SAPERNE DI PI www.cev.lu www.federvolley.it

Lultimo sogno delle donne dei record


Europei volley: domani semifinale con la Germania, un passo per Londra 2012
ALESSANDRA RETICO ROMA entotto anni di media, per niente pivelle, hanno medaglie, figli, racconti, e anche dolori passati. Poi quelle che erano riserve, e in mezzo ci sono finite per caso. Le facce da figurina per lalbum della pallavolo italiana, le signore che sono fenomeni e una generazione da ricordare. Sono le azzurre del volley, ci provano ancora a prendersi la scena, domani a Belgrado semifinali dellEuropeo (contro la Germania), la quarta di fila, per la nona volta tra le prime quattro nelle ultime dodici edizioni. Perch i numeri contano, e dicono tutto quello che queste signore hanno attraversato e ancora stanno l a desiderare. Un oro possibilmente, il terzo consecutivo nel vecchio continente. Ma basta anche largento per andare in Giappone a novembre alla Coppa del mondo, che significa due passaporti per Londra. Vogliono unaltra Olimpiade, per alcune di loro lultima per via dellet e di altri progetti: club esteri e famiglia. A Pechino cera tutto da sperare, poco prima avevano battuto i maschi negli annali dei record: 26 successi consecutivi (in-

In breve

CAMPIONESSE IN CARICA
Le azzurre domani a Belgrado per la semifinale degli Europei contro la Germania difendono i titoli 2007 e 2009. Nella foto grande, il martello Antonella Del Core, a destra Piccinini

MotoGp

Dovizioso: Rossi? Mai insieme a lui


MOTEGI Oggi le libere del Gp di Giappone (sintesi alle 2 su Italia 1). Intanto Andrea Dovizioso in unintervista a Max: Non accetterei di stare in squadra con Rossi. Non c spazio per nessuno al suo fianco, uno che si prende e ti prende tutto. TNAS Rinviata ludienza del 3 ottobre sul ricorso Juve contro lassegnazione allInter dello scudetto 2006. SUPERCLASICO Brasile-Argentina 2-0 (Neymar, Lucas) nel ritorno del Superclasico delle Americhe. VETTEL Laereo che riportava il tedesco in Europa da Singapore ha dovuto interrompere latterraggio a Zurigo per un problema tecnico e riprendere quota molto vicino a terra. BOXE Mondiali: Creati conquista il passaggio ai 16mi nei 69 Kg., battendo Ahmedov (Aze). BRYANT Kobe in visita a Roma: Bologna? 50% sogno, 50% realt. TENNIS Wta Tokyo, doppio, quarti, Pennetta-Dulko b. Begu-Rodionova 6-1 6-1. RUGBY Mondiali: ieri riposo, oggi Sudafrica-Samoa (9.30 Sky2).

terrotti il 29 giugno 2008 dalla Cina) contro i 20 della generazione dei fenomeni. Invece molto fu da dimenticare: Del Core con quel tipico paradosso della sorte fin fuori per male al cuore, poi la storia di Tay Aguero la cubana dItalia che non riusc a raggiungere al capezzale la madre morente. Erano le promesse spose al titolo, finirono quinte con qualcosa di sospeso. Invece la palla va schiacciata. Alla pallavolo italiana lha spiegato Julio Velasco, allenatore della nazionale rosa per un anno dal 97, non vinse ma insegn inventandosi il Club Italia, la palestra delle promesse sottorete, da l

Una generazione vincente: a caccia del terzo oro consecutivo e di unaltra Olimpiade
uscita anche lattuale capitana, Leo Lo Bianco che viaggia verso le 500 presenze in azzurro. Disse: Non sopporto gli occhi di mucca, voglio vittorie. Col filosofo argentino (ora con la nazionale maschile dellIran, ieri laltro ha vinto la Coppa dAsia contro la Cina, risultato storico) ha lavorato lattuale ct, Massimo Barbolini, il modenese che dal 2006 guida il gruppo. Variazioni nel tempo, ma i nervi degli inizi. Dice: Sar difficile, ma questa una squadra deccellenza che si esprime al meglio nei momenti importanti. La sua forza il

carattere. Per lui sar una strana partita in casa contro le tedesche (come due anni fa a Lodz), allenate dallemigrante modenese Giovanni Guidetti, che ha messo su una squadra forte, brava in battuta e difesa. In stagione le due avversarie si sono incontrate 5 volte, 3 a 2 per le azzurre. Per avere il meglio, dovremo fare tutto al meglio. A questo punto nessuno pu permettersi distrazioni. Vengono da unestate strana le pallavoliste, molti esperimenti nei ruoli e due libero azzoppate (Cardullo e Merlo) finch lesordiente Leonardi, seconda a Cesena fino allaltro ieri, per fatale destino diventa titolare, corre e difende affamata, per sua richiesta meglio non svegliarla: Sto vivendo un sogno, gioco con le grandi. Con la grande pallavolo delle donne, un modo di stare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

la Repubblica
VENERD 30 SETTEMBRE 2011

METEO

PER SAPERNE DI PI meteo.repubblica.it

I 67
dati a cura di 3BMeteo.com - Elaborazione grafica: Centimetri.it

Aosta

Meteo in tempo reale su

Repubblica.it

Mare e venti oggi

Mattino
Sole splendente su tutte le regioni grazie ad un robusto campo di alta pressione. Locali foschie nelle ore pi fredde sulla Val Padana. Minime in calo al Centro-Nord, stabili al Sud. Venti deboli in prevalenza settentrionali con locali rinforzi sullo Ionio.

Perugia

Domenica
Bel tempo con cieli sereni o poco nuvolosi su gran parte della Penisola. Fanno eccezione addensamenti in sviluppo diurno sulla dorsale meridionale ma senza fenomeni significativi. Temperature in lieve aumento, clima simil-estivo. Venti deboli-moderati da N.

Campobasso

Pomeriggio
Condizioni di bel tempo con cieli sereni su tutto il Paese, salvo addensamenti cumuliformi sull'Appennino meridionale. Massime in aumento, con valori tardo estivi su Val Padana, centrali tirreniche e Sardegna. Venti deboli, a tratti moderati, tra NO e NE. Mattino: La presenza di una robusta struttura di alta pressione sull'Europa centrale protegge anche il nostro Paese. Il tempo risulta stabile e soleggiato su tutte le regioni, salvo la presenza di poche nubi sparse su Prealpi e relative pedemontane, nonch velature su Toscana, Liguria, Sardegna ed Emilia Romagna, locali foschie su Val Padana e valli interne del Centro-Sud. Temperature minime stazionarie. Venti deboli-moderati da Est, fino a tesi sullo Ionio. Pomeriggio: Si confermano condizioni di tempo stabile e ben soleggiato su tutte le regioni. Da segnalare solo lo sviluppo di addensamenti cumuliformi sull'Appennino meridionale e sulle aree interne di Sicilia e Sardegna, comunque senza fenomeni di rilievo. Innocue nubi sparse non escluse su Alpi occidentali e pedemontana piemontese. Clima molto mite per la stagione, simil-estivo. Temperature massime stabili. Venti deboli tra NO e NE con locali rinforzi sullo Ionio.

Luned
L'alta pressione concede un'altra giornata di tempo stabile e soleggiato su tutte le regioni, con clima quasi estivo. Locali foschie nottetempo sulla Val Padana. Temperature in ulteriore aumento. Venti deboli da Nord, con locali rinforzi sull'Adriatico. SOLE Sorge Tramonta

Ieri
min max min

Oggi
max percep. UV

Domani
min max UV

Ieri
min max min

Oggi
max percep. UV

Domani
min max UV

Ieri
min max min

Oggi
max percep. UV

Domani
min max UV

0-2

3-5

6-7

8-10

>11

IN EUROPA
Reykjavik Helsinki Oslo Stoccolma Gteborg Riga Edimburgo Belfast Dublino Birmingham Londra Kaliningrad Amsterdam Amburgo Berlino Bruxelles Nantes Parigi Minsk Copenaghen Vilnius Tallinn

NEL MONDO

Colonia Francoforte Praga Lussemburgo Monaco Berna Lione

Varsavia Kiev Bratislava Budapest Chisinau Bucarest

Vienna

Tours Bordeaux Gijon Porto Lisbona Malaga Bilbao Madrid Valencia Tolosa

Marsiglia

Lubiana Zagabria Milano Belgrado Sarajevo Roma Tirana

Barcellona

Sofia Skopje Salonicco Atene Istanbul Smirne Iraklion

A
Larnaca

Algeri

Tunisi Valletta

Come si gioca: Completare il diagramma in modo che ciascuna riga, colonna e riquadro 3x3 contenga una sola volta tutti i numeri da 1 a 9.

3 4 1 7

2011 nonzero

8 2 9 1 7 3 3 5 6 9 1 2 7 5 1 9 4 8 3 1 2 9 6 8 7 5

5 6 1

le soluzioni su www.repubblica.it