Sei sulla pagina 1di 36

Quindicinale

Anno XXXVIII

19.10.2016
Numero

675
PERIODICO DI ATTUALIT DEI COMUNI DI ALANO DI PIAVE, QUERO VAS, SEGUSINO

In 1.404 al 6 Giro delle Fontane - pag. 1-2-3


La 112a Fiera Franca del Rosario di Segusino - pag. 4
Il raduno ex Emigranti di Quero - pag. 5
Mariolino Corso ospite dellInter Club al Tegorzo - pag. 6
Referendum Costituzionale del 4 dicembre - pag. 15-16-17-18
http://digilander.libero.it/tornado

Chiuso in redazione il 10.10.2016 - Prossima chiusura il 24.10.2016

Tassa pagata/Taxe Perue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DCB BL

AL MOLIN

TABACCHERIA
EDICOLA

RISTORANTE - PIZZERIA

Pagamenti imposte con F24


Bolli auto e moto

Ricariche telefoniche

SPECIALIT PESCE
ALANO DI PIAVE

Cambio pile ad auricolari


orologi e telecomandi

PIAZZA DEI MARTIRI, 13 - TEL. 0439.779129


- CHIUSO IL MARTED -

32031 ALANO DI PIAVE (BL) - Via Antonio Nani, 14


E-mail: termoidraulica.gierre@vodafone.it

Per rinnovare la tua casa

TODOVERTO

di Todoverto Paolo & C.

S.N.C.

ZD di ZAGO DINO
IMPIANTI ELETTRICI - VIDEO CONTROLLO
ASSISTENZA IMPIANTI TV DIGITALI / SATELLITARI
ASSISTENZA CAME / NICE
VENDITA: MATERIALE ELETTRICO / FERRAMENTA
VERNICI / VETRI / CASALINGHI / DUPLICAZIONE CHIAVI

imbiancature interni - esterni


termocappotti - spatolati

TEL. e FAX 0423.979599 - CELL. 349.6055947 - E-mail: zagodino@hotmail.it

ALANO DI PIAVE Via Caduti e Dispersi in Russia


Tel. 0439.779208 - Cell. 348.7346084

ORARIO APERTURA NEGOZIO


dal luned al sabato: mattina 8.30-12.00 / pomeriggio 15.30-19.00
(luned mattina chiuso)

VIA CARSO, 2 - SEGUSINO (TV)

IL TORNADO Sede: Via J. Kennedy - 32031 FENER (Belluno). DIRETTORE RESPONSABILE: Mauro Mazzocco. REDATTORI: Sandro Curto, Silvio Forcellini. COLLABORATORI: Alessandro Bagatella, Ivan Dal To, Gianni De Girardi, Antonio Deon, Foto Comaron, Fotocolor Resegati, Silverio Frassetto, Ermanno Geronazzo, Cristiano Mazzoni, Sergio Melchiori, Piero Piccolotto, Andrea Tolaini.
ABBONAMENTI: ITALIA Abbonamento annuale (18 numeri) 20,00 ESTERO Abbonamento annuale (18 numeri) 50,00.
LABBONAMENTO PU ESSERE SOTTOSCRITTO O RINNOVATO NEI SEGUENTI MODI: 1- versando la quota sul c/c postale n. 10153328 intestato alla PRO LOCO di FENER; 2- con bonifico
sul c/c Banco Posta intestato alla PRO LOCO di FENER, IBAN: IT49 M076 0111 9000 0001 0153 328; 3- pagando direttamente ad uno dei nostri seguenti recapiti: NEGOZIO DA MILIO - Alano;
GELATERIA DUE VALLI - Fener - BAR JOLE - Fener; MAURO MAZZOCCO - Quero; ALESSANDRO BAGATELLA - Quero; BAR PIAVE Carpen - LOCANDA SOLAGNA - Vas; ANTONIO
DEON - Vas; BAR BOLLICINE - Scalon; BAZAR di A. Verri - Segusino.

CRONACA

Parte del ricavato dalle iscrizioni stato destinato alle popolazioni colpite dal recente terremoto

In 1.404 al 6 Giro delle Fontane


testo e foto di Silvio Forcellini

1.404 iscritti: anche questanno il Giro delle Fontane di Alano, svoltosi domenica 25 settembre e giunto alla sua
sesta edizione, ha registrato un numero impressionante di camminatori, pi o meno pari a quello del 2015, a dimostrazione della assoluta bont della iniziativa promossa da G.S. e Pro Loco Alano con il patrocinio del Comune e in
collaborazione con le associazioni locali. Nella occasione, questa suggestiva passeggiata tra boschi, prati e storia alla
scoperta delle antiche fontane disseminate sul territorio alanese ha presentato la novit dei tre (anzich due) percorsi:
il primo, di 4 chilometri (rosa), era destinato a famiglie con bambini (e la partenza, con tutti i passeggini disposti in
prima fila, ben descrive la bella festa che si vissuta); il secondo e il terzo, rispettivamente di 10 (giallo) e di 16 chilometri (verde), han permesso invece di
apprezzare numerose fontane, anche in legno, che pochi conoscono e ha toccato diverse localit del territorio alanese, nellordine: Alano, Calnega, Pianr, La
Pila, San Lorenzo, Corts, La Riva, Tessre, Uson, Campo e Colmirano per far
poi ritorno ad Alano, presso la Casa delle Associazioni, per le premiazioni e il
Pasta Party (il via era stato dato, invece, davanti alla palestra). La splendida
giornata di sole ha favorito ancor di pi la riuscita di questa passeggiata non
competitiva alla scoperta di suggestivi scorci del nostro territorio e di fontane che
raccontano la storia dei paesi e delle persone che li abitano. Molte delle fontane
incontrate nel corso della camminata erano state addobbate per loccasione,
mentre nei pressi delle stesse erano stati allestiti, dalle varie associazioni coinvolte o dai privati, ricchi rinfreschi a base di prodotti tipici locali, con in pi momenti informativi sulle fontane, sui luoghi limitrofi e sulla storia e sulle leggende
locali (molto interessanti, ad esempio, la storia del santuario di Tessre e la leggenda dei carri doro nei pressi della villa dei Conti Franzoia a Colmirano). Durante il tragitto, inoltre, stato possibile visitare, a Campo, anche il Museo Storico Territoriale della Grande Guerra, aperto per loccasione dagli Amici del Museo. Che altro aggiungere, se non un enorme bravi a tutti coloro che si sono
adoperati per il successo - e che successo! - di questa sesta edizione del Giro delle Fontane. In particolare, ai volontari della cucina per il gran lavoro svolto (sfamare in poco tempo un numero cos elevato di persone non certo facile) e agli organizzatori che, pur lasciando inalterata la quota di iscrizione, hanno deciso di devolverne una parte a favore delle popolazioni dellItalia centrale colpite dal recente terremoto del 24 agosto. Nella prima foto la partenza del
percorso rosa; nella seconda quella dei percorsi giallo e verde; nella terza le impeccabili addette alla narrazione
della storia e delle leggende locali presso la fontana di Colmirano; nelle altre foto alcuni punti toccati dal percorso rosa (con alcuni protagonisti, grandi e piccini).

CRONACA

Giro delle Fontane: il grazie degli organizzatori


La prima domenica dautunno, ma dal tocco decisamente estivo, ha accompagnato la sesta edizione del Giro delle
Fontane ad Alano di Piave. Il Comitato Giro delle Fontane gi in fase organizzativa dai primi mesi dellanno ha saputo

CRONACA

coinvolgere associazioni e comitati vari, coordinati dalla Pro Loco Alano, per poter assicurare una buona riuscita della
manifestazione, confermata peraltro dai complimenti di molti partecipanti. Questanno, gli oltre 1400 partecipanti hanno
avuto lopportunit di scegliere fra tre percorsi di 16, 10 e 4 Km (questultimo adatto a famiglie e/o passeggini). Il
paesaggio, le fontane abbellite e gli abbondanti ristori dislocati
sui tre percorsi sono stati ampiamente graditi da tutti i
partecipanti. Un efficace servizio scopa e un presidio medico con
ambulanza, hanno permesso che il tutto si svolgesse nella
massima sicurezza. Allarrivo, oltre al ristoro finale, a un
abbondante piatto di pasta e un fornito bar, la presenza dei
mercatini di prodotti artigianali e lo spettacolo comico di Pippo e
Mario hanno allietato il pomeriggio. Premiati il pi esperto
(classe 1931), la pi esperta (classe 1935) e ben 8 gruppi pi
numerosi. Il book fotografico della manifestazione visionabile
su Facebook (Giro delle Fontane) o sul sito www.prolocoalano.it;
Il comitato Giro delle Fontane, con tutte le associazioni
partecipanti allevento, ringraziano vivamente comitati locali e
privati che si sono prodigati per la riuscita di questa
manifestazione. Vi diamo perci appuntamento al 2017, alla
quale stiamo gi pensando e dove ci saranno nuove iniziative, ricordando a tutti gli organizzatori e volontari che domenica
23 ottobre 2016, con ritrovo ore 8.30 davanti alla Casa delle Associazioni, ci sar il Giro Fontane Organizzatori per
percorrere anche noi sentieri e strade del giro e poi ritrovarci in compagnia per una pastasciutta e scambiarci idee e
suggerimenti per la prossima edizione.
Il Comitato Giro delle Fontane

Fener, riuscita la Festa di San Michele


di Lorenza Segato
Anche questanno la Pro Loco di Fener si prodigata per
organizzare al meglio la festa del patrono della frazione,
San Michele Arcangelo. Il 25 settembre, dalle ore 12.30
in poi, un nutrito gruppo di commensali ha pranzato
presso la sala parrocchiale di Fener. Ricco il men
proposto, che ha avuto lunanime apprezzamento dei
presenti: antipasti vari, pasticcio, arrosto e spezzatino,
contorni vari, dolci fatti in casa dalle signore del posto (che
meritano un grande plauso) Il pranzo, inoltre, stato
allietato dai Franco Fabrica, due simpaticissimi comici che
abilmente hanno saputo intrattenere gli ospiti in sala.
Successivamente si svolta la tradizionale lotteria con
numerosi premi messi in palio in parte dalla stessa Pro
Loco di Fener e in parte dalla generosit di alcune attivit
commerciali della zona che la Pro Loco - dalle pagine del Tornado - sentitamente e pubblicamente ringrazia: Alimentari
Putton Gabriele (Fener), Estetica Elisir di Marchet Elisa (Fener), Farmacia Grubissa (Quero), Farmacia Zucchetto
(Valdobbiadene), Fioreria Della Bianca (Quero), FotoOttica Comaron (Valdobbiadene), Garden Valcavasia (Cavaso del
Tomba), Jole Bar (Fener), Kangur Bar (Fener), Lochi di Busnello Beniamino (Colmirano), Perenz (Quero), Ortofrutta F.lli
Borgato (Fener), Ortofrutta Mattiazzo (Valdobbiadene), Schievenin Fiori (Fener), Unieuro (Pederobba), Venus Look
(Quero), Vivaio Mondin di Mondin Duilio (Quero). Un ringraziamento anche a tutti quelli che hanno contribuito donando
piccoli omaggi, allo staff della Pro Loco (in particolare, alla mitica cuoca Caterina Canal) e a Giuliana Siragna, sempre
pronta a dare una mano per la buona riuscita della festa. Festa che terminata verso le ore 16.30 con la soddisfazione
dei partecipanti, che hanno trascorso un pomeriggio in allegria, e con la soddisfazione della Pro Loco per aver fatto
qualcosa di bello per i propri paesani. Foto di Sophie De Marco.

Il 19 novembre la cena de Qui da Fener


(s.for.) Sabato 19 novembre il programma, presso la Trattoria Al Pescatore di Pederobba, la cena de Qui da
Fener, tradizionale appuntamento riservato a feneresi ed ex feneresi. Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Valerio
Schievenin (cell. 329.7433860) o a Silvio Forcellini (cell. 348.3142633).

ATTUALIT

La 112a Fiera Franca del Rosario di Segusino


Una delle pi longeve fiere agricole di bestiame e prodotti
agro-alimentari del Veneto: questa Fiera Franca del Rosario di Segusino, pronta anche quest'anno a debuttare per la
sua 112a edizione. Il filo conduttore della fiera rimane il formaggio S-cch, un prodotto segusinese a marchio depositato, un formaggio che veniva realizzato fin dall'antichit utilizzando il latte crudo, non pastorizzato, ma che per motivi
normativi oggi ha visto leggermente modificata la sua ricetta
originale, pur mantenendo invariata la sua caratteristica di
gusto ed olfatto che lo ha sempre identificato. Altro filo conduttore di questa edizione sar la Fienagione, quel "rituale"
estivo che per dedizione e per necessit ogni contadino era
solito compiere per poter fare provvista del fieno necessario
a nutrire gli animali durante l'inverno. Un'importante sinergia
quella che sta avvenendo a Segusino, e lo dimostra il fatto
che la Fiera del Rosario da qualche anno curata da un
pool di associazioni riunite sotto il coordinamento della Pro
Loco che, edizione dopo edizione, merito del lavoro di squadra intrapreso, sta dando i propri frutti, portando a Segusino
migliaia di visitatori alla scoperta di una Fiera dai gusti povea
ri, ma ricchi di sapori, unicit ed ospitalit. La 112 Fiera
Franca del Rosario di Segusino, che rientra nella ricca rete
eventi "Delizie d'Autunno", vedr il via venerd 28 ottobre
nel tardo pomeriggio con l'originale torneo di calcio in gabbia
1 contro 1, mentre nella tensostruttura riscaldata ci sar l'evento di Show Cooking (piatti cucinati in diretta davanti al
pubblico) dal titolo "L'uovo con tutte le sue facce" con alcune
ricette povere a base di uova protagoniste della serata, presentata da Danilo Gasparini -docente universitario in cultura
del Cibo e del Vino e collaboratore della trasmissione televisiva Geo&Geo. (Il tutto ad un prezzo "povero" di .12,00 a
persona - prenotazione obbligatoria Tel. 340.6285209 entro
il 25 ottobre). Al termine la festa continua con la musica giovane del gruppo Hanky Panky. Il clou della fiera inizia il
sabato mattina con la rassegna bovina e di altri animali,
l'apertura degli stand enogastronomici ed espositivi e l'inizio
della mostra mercato. Nel pomeriggio del sabato ci sar la
a
10 corsa podistica "Sulle Grave del Piave e Borghi di Segusino" e la 3a Nordic Walking. Proseguir poi la serata ancora
con tanta musica e cover a 360 gradi con i Rollin'Pop. Altro
giorno clou la Domenica, che esordir fin dal primo mattino con l'apertura degli stand e la mostra mercato, ricche
bancarelle, la sfilata dei mezzi agricoli (d'epoca e contemporanei) lungo le vie del paese, per poi proseguire nel primo
pomeriggio con la sfilata in abiti d'epoca anni 20-30, la sfilata della banda cittadina e la 3a rassegna cinofila segusinese.
Spettacoli ed esibizioni per tutto il pomeriggio fino a tarda
sera con intrattenimento per grandi e piccini. Sempre fornitissimi e ulteriormente potenziati rispetto alle passate edizioni saranno gli stand enogastronomici, dove raccomandiamo di non farsi mancare i pranzi di mezzogiorno e le
specialit serali come la favolosa tagliata di manzo o le specialit a base di prodotti locali segusinesi, primo fra tutti lo Scch, ma anche deliziose specialit a base di tartufo proveniente dalle nostre montagne, il tutto degustando degli ottimi
vini segusinesi. Per tutte le giornate sar inoltre possibile
partecipare all'iniziativa "La Fiera della Solidariet": per
ogni porzione venduta di gnocchi all'amatriciana l'organizzazione devolver una parte del ricavato alle popolazioni del
centro Italia colpite dal terremoto. In occasione del centenario della grande guerra sabato e Domenica ci saranno anche
delle originali e inconsuete rievocazioni storiche in costumi dell'epoca, con l'allestimento di un campo militare, il tutto
accompagnato dagli spari dei cannoni, mentre la vicina palestra comunale ospiter una serie di mostre ed esposizioni,
assolutamente da non perdere! Certi che una visita alla scoperta di questo piccolo paese dalle mille risorse sia quasi
d'obbligo dal 28 al 30 ottobre a Segusino, cogliamo l'occasione per ringraziare fin d'ora tutte le associazioni e le numerose persone che si stanno dando da fare per il grande evento, ma ringraziamo soprattutto Voi, cari amici nostri ospiti,
che verrete a trovarci!
Tutte le info su eventi e orari nel sito: www.prolocosegusino.it o nella pagina Facebook Pro Loco Segusino.

CRONACA

Raduno ex Emigranti di Quero


di Fulvio Mondin

Una semplice ma significativa cerimonia ha visto


riunirsi domenica 2 ottobre gli ex emigranti di Quero
che, dopo aver partecipato alla Santa Messa, si sono
portati in corteo di fronte al monumento allemigrante di
via Roma dove la segretaria Romina Mazzocco ha
salutato i presenti e dato la parola al sindaco di Quero
Bruno Zanolla. Il primo cittadino ha fatto notare come in
contemporanea ci fossero numerosi avvenimenti
segno questo ha sottolineato che siamo parte di
una comunit in movimento che sono onorato di
guidare. Zanolla nel suo breve intervento, partendo
dal presupposto che, a seguito delle crescenti difficolt
economiche, molti imprenditori stanno iniziando di
nuovo a partire per lestero, ha spiegato come il girare
il mondo sia unopportunit soprattutto per i giovani:
una fonte di ricchezza il venire a contatto con altre
lingue e culture. Non bisogna aver paura e chiudersi
ha concluso Zanolla pur difendendo quello che si
costruito negli anni. Alla cerimonia era presente anche
il presidente dei bellunesi nel mondo Oscar De Bona
che, dopo aver rivolto il suo saluto al presidente
dellassociazione Placido Andreazza, al direttivo, ai
simpatizzanti e alle numerose famiglie rappresentate,
ha ricordato che questanno ricorre il 50 dalla
fondazione dellassociazione provinciale che ha
proseguito De Bona - sta lavorando per raggiungere
lobiettivo del museo nazionale delle emigrazioni distretto del nord est - che si aggiunger alla biblioteca
tematica sullemigrazione che possiede gi 4.000
volumi dedicati. Dal primo novembre avremo anche la
nostra web radio. Al termine stata deposta una
corona di alloro ai piedi del monumento per ricordare
gli ex emigranti deceduti. Romina Mazzocco ha voluto
in particolare citare Onorina Peterle Errandi della
famiglia di Alano che ha sempre presenziato con il suo
sorriso e la sua simpatia alle attivit dellassociazione.

rinnovo
abbonamenti

Controlla il numero di scadenza del tuo


abbonamento. Lo trovi sulletichetta.
Eviterai di perdere qualche numero della rivista.

CRONACA

Mariolino Corso ospite dellInter club al Tegorzo


di Sandro Curto

Serata di gala quella di venerd 23 settembre per lInter Club Massimo Moratti di
Fener che ha festeggiato nel migliore dei
modi i suoi primi ventanni di attivit ospitando al ristorante Tegorzo uno dei grandi
protagonisti della grande Inter, Mario Corso
detto Mariolino. Alla serata, organizzata dal
presidente Andrea Tolaini e dai suoi collaboratori, erano presenti il direttore generale
del centro coordinamento Inter Club Valerio
Bressani, il coordinatore veneto Andrea
Rizzi e oltre 70 commensali. Mario Corso,
classe 1941, originario di San Michele Extra in provincia di Verona arriva allInter nel
1958 e vi resta fino al 1973 collezionando
502 presenze, segnando 94 reti e vincendo
4 scudetti, 2 Coppe dei Campioni e 2 Coppe Intercontinentali. Famose la sue punizioni a foglia morta tirate sempre col mancino tanto da meritarsi il soprannome di
piede sinistro di Dio. Meno esaltante
lesperienza con la Nazionale con 23 presenze e 4 gol senza nessuna partecipazione a europei o mondiali. Dopo lInter 2 anni
al Genoa e poi una breve carriera da allenatore in squadre minori (Lecce, Catanzaro, Mantova e Barletta) o primavera (Napoli
e Inter) salvo alcuni mesi nella sua Inter
subentrando, nella stagione 1985/1986 a
Ilario Castagner e piazzandosi al sesto posto finale. Persona squisita Corso si divertito a dialogare con tutti e a rispondere alle
varie domande che gli sono state poste
sempre in maniera gentile e ironica, ha firmato autografi e partecipato alle varie premiazioni. Nel corso della serata sono stati
consegnati degli omaggi allo stesso Corso,
ai club presenti di Castelfranco, Cornuda e
Vittorio Veneto, a Umberto Tessaro ideatore
e fondatore del Club nel 1996 e ad alcuni
soci per lassidua presenza in sede: Landino
Benato, Renato Berra, Michele Cargnel, Gino De Girardi e Romeo Mazzalovo. Il nuovo
consiglio direttivo, il pi giovane dItalia, ha
voluto premiare con una targa limpegno del
presidente Andrea Tolaini che ha portato il
club a essere il primo nel Triveneto per nu-

mero di soci (attualmente 273, lanno scorso a fine stagione oltre 300).
Nelle foto alcuni momenti della magica serata e il saluto a Mario Corso
la mattina successiva, prima della partenza, da parte del presidente
Andrea Tolaini, di uno dei titolari dellalbergo Tegorzo Silvano Gerlin e,
in rappresentanza dei tifosi locali, di Richetto Mondin.

ATTUALIT

ALBI SCRUTATORI E PRESIDENTI SEGGIO


Albo Presidenti

I cittadini residenti, iscritti nelle liste elettorali del Comune, possono richiedere l'iscrizione nell'Albo dei Presidenti di
Seggio entro il mese di ottobre di ciascun anno. Requisiti:
1. cittadinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici
2. et non superiore ai 70 anni
3. titolo di studio: diploma di scuola media superiore.
Sono esclusi dalla funzione di Presidente di seggio:
I dipendenti dei Ministeri dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti
Gli appartenenti alle Forze Armate, in attivit di servizio
I medici delle U.L.S.S. incaricati delle funzioni gi di competenza dei medici provinciali, degli ufficiali sanitari e
dei medici condotti
I segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali
comunali
I candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione.
COSA FARE
compilare la domanda su apposito modulo disponibile presso l'Ufficio Elettorale e presentarla all'Ufficio Protocollo
entro il 30 ottobre di ogni anno.

Albo Scrutatori

I cittadini residenti, iscritti nelle liste elettorali del Comune, possono richiedere l'iscrizione nell'Albo degli Scrutatori di
Seggio entro il mese di novembre di ciascun anno. Requisiti:
1. cittadinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici
2. titolo di studio: Scuola dell'obbligo.
Sono esclusi dalla funzione di scrutatore di seggio elettorale:
I dipendenti dei Ministeri dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti
gli appartenenti alle Forze Armate, in attivit di servizio
I medici delle U.L.S.S. incaricati delle funzioni gi di competenza dei medici provinciali, degli ufficiali sanitari e
dei medici condotti
I segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali
comunali
I candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione.
COSA FARE
compilare la domanda su apposito modulo disponibile presso l'Ufficio Elettorale e presentarla all'Ufficio Protocollo
entro il 30 novembre di ogni anno.

Cittadinanza Italiana per Elvina

CRONACA

Il 24 settembre scorso Elvina Sula ha giurato fedelt alla Repubblica davanti al sindaco di Quero Vas, Bruno Zanolla,
accettando cos il
conferimento della
cittadinanza e diventando
nuova cittadina italiana. A
farle festa tutta la famiglia,
guidata dal marito Mariglen,
accompagnato dai figli Eliano
ed Enea, dal suocero Sula
Gezim, che rappresentava la
suocera Sula Vezihane, dal
cognato Sula Glauk e cognata
Vrapi Elona, dalla nipote Sula
Gladiola. Al termine della
cerimonia, nel corso della
quale il sindaco ha
consegnato copia della
Costituzione Italiana a Elvina,
un breve rinfresco ha
coronato il momento di gioia
vissuto dalla neo cittadina e
dai suoi famigliari.
In foto: Elvina vicino al
sindaco Bruno Zanolla e con i
famigliari

CRONACA

SCOPA ALLASSO

A Curto-Licini la gara
dellInter Club
al bar Piave
di Carpen
(S.C.) La prima gara di scopa allasso della stagione,
sabato 8 ottobre, stata una novit assoluta per la sede del bar Piave di Carpen e lorganizzazione
dellInter Club Massimo Moratti nellambito delle manifestazioni per il ventennale di attivit. A contendersi
la vittoria in finale sono arrivate le due coppie pi accreditate dai pronostici con Sandro Curto e Luigi Licini Cene a prevalere, dopo una partita incerta fino alla fine, su Raffaele Carelle e Giovanni Mondin; al terzo posto,
pari merito, Filippin-Montini di Castelcucco e i veterani Franco Dal Canton-Alfonso Maschio. Nella foto di Paolo Feltrin,
le prime due coppie classificate col presidente dellInter Club Andrea Tolaini e i padroni di casa del bar Piave, Giuliana Manfroi ed Enzo Curto.

La morte di Giovanni Mazzier


(S.C.) E deceduto a settembre Giovanni Mazzier Svanzega, classe 1946, di Alano. Persona stimata che aveva sempre lavorato nel settore edile sia da dipendente che da artigiano e
girando diversi paesi (Algeria, Libia e Svizzera).
La famiglia, attraverso il Tornado, ringrazia quanti hanno partecipato ai funerali, i coscritti, il
dottor Stefan e il personale infermieristico dellULSS di Feltre che opera nella nostra zona. Alla
moglie Elisa e al figlio Francesco le nostre condoglianze.

VENETO MISTERI
MANIFESTO
IN
ALANO DI PIAVE

TIPOGRAFIA

Sabato 5 novembre 2016

Sabato 12 novembre 2016

LA CENA DEI MISTERI

IL MISTERO DEL TORRENTE


E DEL ... CONIGLIO MANNARO

Ore 20.00
Cena su prenotazione (max 90 partecipanti)
presso la sala delle Associazioni in
via Tenente De Rossi.
Durante la Cena sarete intrattenuti
dalle storie e aneddoti riguardanti
Don Tanona.
Costo: 15,00.

Prenotazioni entro:
mercoled 2 novembre

Camminata alla luce delle torce e lanterne, partendo


dalla piazza del Municipio ci addentreremo lungo la
valle dellOrnich e via via dalla luce al buio arriveremo in
loc. Le Sorgenti. Faremo incontri sorprendenti
lungo il cammino e allarrivo!
Concluderemo con un lauto banchetto e un caldo
ristoro a base di sorprese locali.
Percorso privo di difficolt, adatto anche ai bambini.
Programma:
Ore 18.30
Ritrovo in piazza Martiri (davanti al municipio)
per iscrizione e consegna lanterne (fino ad esaurimento).
Quota di partecipazione: 4,00 a persona.
In caso di maltempo la serata verr rinviata al
successivo sabato 19 novembre.
Se anche in quel giorno vi sar pioggia
la manifestazione verr annullata.

PRO LOCO DI ALANO DI PIAVE


Per informazioni e prenotazioni contattare: Serena 0439.779623 - Francesca 0439.779719-338.5298038
segreteria@prolocoalano.it - www.prolocoalano.it

CRONACA

Cambio al vertice della banda cittadina di Alano di Piave


a cura della direzione della Banda di Alano di Piave

Venerd 9 settembre il
Consiglio direttivo della
banda Cittadina di Alano
di Piave, riunitosi nella
sala parrocchiale di Fener, dove stata trasferita provvisoriamente la
propria sala prove, ha
eletto allunanimit Roberto Forcellini come proprio presidente. Prendendo a cuore la proposta
avanzata dal presidente
uscente Valentino Tessaro e precedentemente di un altro
consigliere, per Forcellini, reduce da un recente comunicato dove aveva espresso il desiderio di ritirarsi dal mondo
del volontariato, Roberto non ha saputo dire di no, visto
che era la prima volta che unassociazione locale si esponeva nel chiedergli di accettarne la guida. Naturalmente la
decisione di rimanere in attivit dovuta anche al fatto che
il neo-presidente ha da poco lasciato il lavoro in attesa di
pensione, per cui ha anche il tempo materiale, oltre
allesperienza maturata nei suoi precedenti incarichi a livello provinciale, per prendersi cura dellassociazione bandistica di Alano, nella quale suona la figlia minore Vania. Visto che la nuova investitura coincisa con la ripresa
dellattivit bandistica e che ogni ripresa comporta un notevole lavoro organizzativo, il nuovo presidente, con laiuto
dei componenti del Consiglio Direttivo, partito subito con
il predisporre le prime incombenze, redigendo un programma e le prime tappe da affrontare con nuovo vigore e

fiducia nel futuro. Una tappa molto importante di questo nuovo cammino ha avuto inizio luned 26 settembre presso la
scuola primaria di Alano di Piave, dove alcuni componenti della Banda guidati dalla loro maestra Laura Argenta e con
lattenzione del neo-presidente, hanno illustrato agli scolari delle prime 4 classi suddivise per gruppi, gli strumenti in
uso alla banda stessa con esibizioni dal vivo di alcuni brani. Ad ogni scolaro stato infine consegnato un volantino con
le indicazioni per la loro eventuale iscrizione ai corsi organizzati dalla Banda che i loro genitori dovranno compilare e
consegnare. possibile seguire le varie iniziative della banda cittadina di Alano di Piave anche attraverso la sua pagina Facebook e prossimamente sul sito web, ora ancora in costruzione. Naturalmente come ogni attivit associativa c
estremo bisogno del sostegno della popolazione, sia invogliando gli appassionati di musica ad affacciarsi
allapprendimento di uno strumento in particolare, iniziando dalla giovane et, ma anche economicamente con qualche
libera donazione. Questultime, insieme ai contributi delle istituzioni ed al pagamento regolare dei corsi da parte degli
allievi, ci consentiranno di prestare fede alle varie spese di gestione ed anche alleventuale acquisto di nuovi strumenti
da dare in comodato duso agli allievi pi bisognosi. Imparare a suonare uno strumento un arricchimento personale
che ci accompagna per tutta la vita, suonare insieme ad altri lo ancora di pi. In foto: sopra, il presidente uscente
Valentino Tessaro con il neo eletto Roberto Forcellini; sotto: volantino dei corsi di musica e da sx. esibizione di Paolo e
Valentino - Spiegazione del clarinetto agli scolari da parte della maestra Laura Argenta.

10

CRONACA

Due Valli, chiusura consperanza


testo e foto di Silvio Forcellini
E sempre triste quando chiude un locale pubblico, soprattutto in paesi piccoli come i nostri. Venerd 30 settembre, dopo
poco pi di 4 anni, ha chiuso i battenti a Fener il bar gelateria
Due Valli gestito da Eva Paset. Ma la chiusura in questo
caso avvenuta con allegria, con una bella festa con dj set a
cura di Libero Pensiero e a cui erano stati invitati tutti gli
amici e i clienti. Una festa allinsegna dellasperanza, oserei
dire. Speranza di unimminente apertura in zona di un altro
locale gestito da Eva e di una altrettanto imminente riapertura del locale fenerese. Come Tornado, ringraziamo Eva e tutto lo staff del locale che, in questi anni, hanno svolto al meglio la funzione di recapito del nostro giornale. Nelle foto, alcuni momenti della festa di chiusura. Eva, ricordati di noi !!!

11

CRONACA

Longarone: alla rassegna Sapori Italiani e Alpini


Segusino porta i suoi prodotti locali
di Martina Lio
Incredibile come Segusino stia
prendendo piede per la promozione del proprio territorio e
quello che da esso i nostri piccoli produttori riescono a ricavare. Un passo importante stato
sicuramente quello di partecipare alla 16a edizione della rassegna Sapori Italiani e Alpini a
Longarone dove, lo stand organizzato dalla Pro Loco di Segusino, ha riunito gran parte delle
aziende e societ agricole del nostro paese per esporre i propri prodotti. Alla fiera, decorsa da sabato 1 a luned 3 ottobre,
erano partecipi ben otto aziende agricole di Segusino: lAzienda agricola Stramare Giulio, che ha fatto conoscere il profumo e il gusto inconfondibile del formaggio di malga; La Roja, con la quale anche Segusino ha potuto presentarsi come
produttore di vino Prosecco; La Riva dei Coz; lAzienda agricola Pr Fenil, che ha esposto piccoli manufatti lavorati a ferri
con luso di lane pregiate come cashmere e alpaca; lAzienda agricola di Alessandro Coppe con assaggi e vendita di formaggio e robiola di capra; lAzienda agricola Coppe Fernando di Coppe Siro con lassaggio e la vendita delle sopresse de
casada, patate di Milies e marmellate; lazienda agricola Stramare Dario e Saverio con la vendita dello S-cch (formaggio
tipico segusinese), altri tipi di formaggi e latticini; Uderzo Marino con la vendita del tartufo di Segusino recentemente scoperto nei nostri boschi. Presentarci alla fiera con un proprio stand gastronomico non servito solamente a promuovere la
zona e i prodotti locali ma, io credo, anche a risvegliare, in un certo senso, laffetto e lorgoglio di vivere nel nostro piccolo
paese. Inoltre, noi della Pro Loco di Segusino vi aspettiamo numerosissimi il 28-29-30 ottobre alla Fiera Franca del
Rosario!

Quero, al Vivaio Mondin il castagno Bouche de Betizac


di Silvio Forcellini
La nostra zona, si sa, assai ricca di castagni. Qualche anno fa la stragrande maggioranza
degli esemplari fu colpita dalla cosiddetta vespa cinese, tanto che la produzione ne risent
oltremodo. Adesso che stato risolto il problema (come stato documentato a suo tempo
proprio su queste pagine), la produzione ripresa, incentivata anche dalla grande richiesta.
Per chi fosse interessato, ricordiamo che a Quero, sulla Feltrina, presso il Vivaio Mondin
possibile prenotare castagni Bouche de Betizac, i pi resistenti e, proprio per questo, i
pi ricercati. Le piante in questione - certificate - sono disponibili da fine novembre (e fino a
esaurimento piante): per informazioni chiamare Duilio Mondin al 338.1689292. Di seguito la
scheda del Bouche de Betizac. Castagno ibrido euro-giapponese. Castanea crenata per sativa. Pianta Vigore: medio-elevato. Portamento: espanso. Messa a frutto: molto rapida (2
anno). Produttivit: abbondante e costante, poco esigente per quanto riguarda limpollinazione. Resistenza alle avversit:
variet molto tollerante al cancro corticale e al Cinipide Galligeno. Variet brachistaminea, discreto impollinante. Frutto
Forma: ellittica corta, appiattita. Colore: marrone rossastro che vira rapidamente al bruno scuro. Calibro: da grosso a molto grosso (fino a 25 frutti/Kg). Percentuale di settatura: dall 1 al 5%. Epoca di maturazione: precoce (12 settembre). Conservazione dei frutti: buona. Facilit alla pelatura: discreta. Utilizzo: consumo fresco.

12

CRONACA

Il locale gestito dagli alanesi Ravel Ramirez e Loris Gregolon

La Trattoria Al Pescatore di Pederobba


festeggia il terzo compleanno
di Alessandro Bagatella
Tanta gente, venerd 23 settembre, alla Trattoria Al
Pescatore di Pederobba per festeggiare i tre anni di
attivit del locale. Oltre che da un ricco rinfresco a base di stuzzichini dolci o salati, la serata stata rallegrata dalla musica del mitico Trio Porco che ha intrattenuto i presenti fino a tarda ora. I gestori, gli alanesi Ravel Ramirez e Loris Gregolon coadiuvati dai
familiari, colgono loccasione per ringraziare, oltre al
Tornado per lattenzione nei loro confronti, tutti coloro
che sono intervenuti alla serata di festa: gli amici, i
clienti pi o meno affezionati e quanti non hanno avuto ancora loccasione di fermarsi per assaporare le varie specialit culinarie proposte. Da queste pagine, i
figli Loris e Ravel vogliono in particolare ringraziare di
cuore il pap Toni (che ad Alano molti ricorderanno
per la gestione del Piazzol) e la mamma Raquel che,
con la loro passione e dedizione, rappresentano il vero collante della famiglia. Da parte di tutti loro, un
sentito grazie a quanti, con la loro presenza in questi
tre anni, hanno reso possibile il raggiungimento di
questo traguardo. E un invito, a chi non li conosce ancora, a fermarsi ad assaporare i loro piatti preparati con prodotti de
casada. Ricordiamo che la Trattoria Al Pescatore (situata in via San Giacomo 13/a, sulla Feltrina, tel. 0423.69760)
aperta tutti i giorni a pranzo e il sabato anche a cena. Gli altri giorni aperta la sera solo su prenotazione. Per maggiori
informazioni consultare la pagina Facebook della Trattoria Al Pescatore. Nella foto sopra, lo staff con la torta di rito: da
sinistra, Henry, Loris, Ravel, Fabio, Toni e Raquel; in quelle sotto, di Alessandro Bagatella, alcuni momenti della festa.

LETTERE AL TORNADO

Raccolta fondi per le popolazioni colpite


dal sisma del 24 agosto 2016
A seguito delle numerose richieste da parte della nostra comunit, desiderose di dare
una mano ai cittadini colpiti da questa tragedia, lAssociazione Volontari Protezione Civile
e Antincendio Boschivo del Comune di Quero Vas e il Gruppo Protezione Civile Ana di
Vas si sono resi disponibili ad una raccolta fondi da destinare alle zone colpite dal sisma.
Questi fondi verranno gestiti e consegnati direttamente
da una delegazione della Protezione Civile Aib di Quero e del Gruppo Protezione Civile Ana di Vas
(chiunque desideri partecipare alla consegna il benvenuto).
Visto il momento delicato, non sono stati ancora presi accordi ufficiali con alcun sindaco delle zone terremotate; appena
la situazione si sar normalizzata, procederemo a stabilire il contatto e lo renderemo pubblico. Per quanto riguarda le
tempistica, si ritiene opportuno chiudere la raccolta dei fondi entro il 31 ottobre 2016; la consegna dei fondi prevista nel
novembre 2016. Riteniamo sia una buona cosa coinvolgere a tutti i livelli la nostra comunit, pertanto chiediamo la
collaborazione di locali pubblici, attivit commerciali, aziende e, ovviamente, delle associazioni del paese che fanno del
volontariato il loro credo. Verranno distribuiti degli appositi contenitori per la raccolta nei luoghi citati sopra; chi volesse
fare delle donazioni in modalit diversa (o riservata) invitato a contattare direttamente: Piero Cadorin (segretario
dellassociazione) 347.8542255 - Marika Salemi (vicepresidente dellassociazione) 346.2215950 - Cristian Dalla Piazza
(presidente dellassociazione) 328.4773566 - Matteo Viale (capogruppo Protezione Civile Ana di Vas) 340.3070728 Diego Luban (consigliere comunale con delega alla Protezione Civile e consigliere dellassociazione) 348.2343977.
F.to: il consigliere Diego Luban; il capogruppo Matteo Viale; il presidente Cristian Dalla Piazza

13

ATTUALIT

Appunti, ricordando Orazio Piccolotto


di Alessandro Bagatella

Lamicizia con Orazio Piccolotto nata quando ero giovane


e mi recavo alla Festa
dellAvanti, che lui organizzava
nel suo giardino. Ho stimato
Orazio per la passione per la
montagna che egli aveva come me. Spesse volte ci siamo
incontrati nei pressi delle malghe del Comune, dove realizzava i suoi grandi progetti. Dopo la sua morte, mi sono sentito in dovere, come fondatore e
accompagnatore del gruppo
Amici del Tomatico e del
Grappa, di fare unescursione
in sua memoria, assieme alla
Pro Loco di Fener ed al suo
presidente Silverio Frassetto.

Per dieci anni stata fatta


unescursione in suo ricordo sulle
montagne e malghe del Massiccio del Grappa. Negli ultimi anni
si ricordava anche Mario Durighello. Essendo stato per 25 anni
membro della commissione per
la manutenzione dei sentieri e
della segnaletica, compito nel
quale ero coadiuvato da qualche
volontario, volevo dedicare un
sentiero a Orazio, quello che parte dalle Marche per Fossa Chechi Martin, Barbeghera, Malga
Piz. Con laiuto di Candiani avevo
posto le tabelle con il suo nome.
Causa le mie condizioni di salute
ho dovuto ritirarmi e lasciare il
gruppo. Il peso pi grande che ho
avuto, assieme alla delusione
grande, quello che invece di
continuare per 20 anni quello che
avevo costruito, stato tutto cancellato. Per questo li ho esortati a cambiare nome.
Nelle foto: in alto escursione Campo-Forcella S.Daniele-Cima Rocco Cisa 2006 in ricordo di Orazio Piccolotto. Sotto:
6 Aprile 2008, escursione in ricordo di Orazio Piccolotto e Mario Durighello.

14

ATTUALIT

AMICI DI CARPEN
PATROCINIO COMUNE DI QUERO VAS
____________________________ORGANIZZA___________________________

13^ EDIZIONE

DOMENICA 6 NOVEMBRE 2016


PARTENZA ORE 10:00
TEMPO MAX 3h

IN LOCALIT CARPEN DI QUERO VAS


(BL)

Presso la sagra di
S. Martino

D+ (500m)

D+ (150m)

RUN COMPETITIVA CON CERTIFICATO MEDICO

Iscrizioni gara + gadget 8


Iscrizioni gara 5
PREMI RUN COMPETITIVA:

Primi 10 maschili per 12 Km competitiva


Primi 5 femminili per 12 Km competitiva
Primi 3 maschili under 14 per 5 Km competitiva
Primi 3 femminili under 14 per 5 Km competitiva
INOLTRE PREMI PER:
Partecipanti pi giovani e meno giovani
E gruppi pi numerosi

PREMI SORTEGGIATI PER LUDICO MOTORIA


Iscrizioni dalle 8:30 alle 9:45
presso i gazebo vicino la partenza.
Premiazioni ore 12:30
Per informazioni: Gian Luca Porta tel. 339-2926776
Patrik Roman tel. 388-9463539

Gli organizzatori declinano ogni responsabilit per incidenti che possono verificarsi prima, durante o dopo la gara, a persone o cose.
Il ritrovamento del presente opuscolo, distribuito a mano dagli interessati e gruppi sportivi, esposto in localit e siti non autorizzati, da ritenersi fuori
dalla responsabilit degli organizzatori.

15

SPECIALE REFERENDUM

Referendum costituzionale del 4 dicembre,


ulteriori informazioni per capirne di pi
a cura di Silvio Forcellini
Sul Tornado n. 670 avevamo dato le prime sintetiche
informazioni sulla proposta di riforma della Costituzione
della Repubblica Italiana (47 articoli su 139) contenuta
nel testo di legge costituzionale approvato dal Parlamento il 20 gennaio 2016 (Senato) e il 12 aprile 2016
(Camera), proposta di riforma costituzionale che sar
sottoposta a referendum confermativo il prossimo 4
dicembre 2016. Torniamo sullargomento proponendo
di seguito ulteriori informazioni, un po pi approfondite,
tratte questa volta dal sito www.intelligonews a cura di
Luca Lippi, che ci sembrano utili per capire meglio di
cosa si tratta.
Il 4 dicembre gli italiani saranno chiamati a rispondere
sul quesito referendario che pone tutti davanti alla responsabilit di esprimere un parere confermativo sulla Riforma costituzionale. La legge in questione complessa, piena di argomenti importanti, sui quali per non si ha sempre
competenza o capacit di comprensione... La cosa anche abbastanza normale giacch non siamo tutti costituzionalisti. Per
cercare quindi di arginare la confusione e fornire a tutti la possibilit di capire chiaramente la Riforma, allo scopo di prendere
una decisione in assoluta libert, spieghiamo il contenuto del Referendum nella maniera pi semplice e immediata possibile.
Soprattutto, dopo avere analizzato i contenuti e le plausibili ragioni che si celano dietro questa Riforma, analizzeremo anche cosa succede se vincer il S oppure il No. Importante, bisogna avere la consapevolezza che si vota con un S o con un No a
tutta la Riforma in blocco, e non si votano le parti singolarmente.

Su cosa dobbiamo prendere posizione. Il referendum decider, con un semplice S o No, se siamo a favore o contrari

alla riforma costituzionale (dora in poi solo Riforma e Referendum), detta anche Legge Boschi dal nome del suo promotore, o
anche Riforma del Senato nonostante sia sbagliato definirla solo del Senato visto che, come vedremo, contiene tantissime
altre cose. La Riforma stata approvata perch ha passato tutti gli iter previsti dalla legge. Tuttavia, entrer in vigore soltanto
se vincer il S al referendum. Trattandosi dellimpianto strutturale delle Camere dello Stato, chiedere lapprovazione o la bocciatura popolare indispensabile in democrazia. Il Referendum senza quorum, quindi avr valore indifferentemente da quante
persone andranno a votare.

Personalizzazione del referendum. Il Referendum NON decide se il Governo attuale sopravvive o meno. Non c nessun

vincolo di legge che impone al Primo Ministro di dimettersi in caso di fallimento del Referendum. Non si pu far decadere Renzi
con questa votazione. Anche se Renzi decidesse di dimettersi in caso di vittoria del No, non saremmo comunque andati a votare contro di lui o contro il suo Governo. Questa confusione deriva dal fatto che sia Renzi che lopposizione hanno concentrato
tutto il dibattito sullesistenza futura del Governo e non sui contenuti della Riforma, dando cos lillusione al cittadino-elettore di
poter decidere di mandare a casa Renzi.

Largomento chiave della riforma. Perno della Riforma , in sintesi, la distruzione del tanto discusso Bicameralismo Per-

fetto. Ma cosa vuol dire? In Italia, dal 1948 ad oggi, abbiamo sempre avuto due Camere: la Camera dei Deputati (Camera) e il
Senato della Repubblica (Senato). Entrambe vengono elette direttamente dai cittadini. In ognuna di esse, deputati e senatori
proponevano, discutevano e votavano le leggi che poi, una volta concluso tutto il percorso, diventavano Leggi della Repubblica
Italiana. Alla Camera vi sono 630 deputati, al Senato 315 senatori. La questione che non c differenza nei poteri delle singole
Camere e liter di approvazione delle leggi. Questo significa che le leggi devono passare il vaglio di Camera e Senato, che non
differiscono nei poteri e quindi, secondo chi ha proposto la Riforma, non aggiungono qualit al lavoro svolto e si fanno le cose
due volte senza una valida ragione. Pressoch tutti i maggiori costituzionalisti sono daccordo sullidea che bisogna eliminare il
sistema del Bicameralismo Perfetto. Ci sono, per, diverse opinioni su come bisognerebbe riformarlo. Quasi tutti propendono a
lasciare inalterata la Camera, e modificare strutturalmente il Senato: chi vuole eliminarlo, chi vuole un Senato debole, chi vuole
un modello tedesco, chi un modello inglese, chi un modello americano Il compromesso, in Parlamento, stato raggiunto col
cosiddetto Senato dei 100.
Cosa succede se vince il S? Addio Bicameralismo Perfetto: avremo un Parlamento composto dalla Camera (630 deputati,
uguale a quella attuale) e dal Senato dei 100.
Cosa succede se vince il No? Manteniamo il Bicameralismo Perfetto esattamente com.

Che succede al Senato della Repubblica? Detto anche Nuovo Senato o Senato delle Regioni, il Senato dei 100 il

nuovo impianto che andr a sostituire lattuale Senato della Repubblica. Viene chiamato cos perch, appunto, sar composto
da 100 senatori, invece degli attuali 315. Attualmente, quando andiamo a votare per il Parlamento, votiamo nello stesso momento sia i deputati che i senatori. I 100 nuovi senatori, invece, saranno composti da 95 tra consiglieri regionali e sindaci, e da 5
nominati dal Presidente della Repubblica. Gli ex Presidenti della Repubblica saranno in automatico senatori a vita (come gi
avviene). La filosofia dietro la Riforma quella di creare un Senato che funzioni principalmente da raccordo tra il Territorio e lo
Stato centrale. Questo si vede bene sia nelle persone che lo compongono, sia nelle sue funzioni. Questo Senato ha un sacco di
poteri diversi e complicati, e non c modo di riportarli tutti senza ricopiare tutta la legge per intero. Vediamo per quali sono le

16

SPECIALE REFERENDUM

parti pi importanti. Cosa il nuovo Senato pu fare: il Senato ha piena competenza legislativa (cio discute, approva e vota insieme alla Camera) su tutte le leggi che riguardano i rapporti tra Stato, Unione Europea e territorio, oltre che su leggi costituzionali, revisioni della Costituzione, leggi sui referendum popolari, leggi elettorali, leggi sulla Pubblica Amministrazione, leggi su organi di Governo, leggi sulle funzioni specifiche di Comuni e Citt Metropolitane. Sulle leggi di bilancio, il Senato avr sempre diritto di modifica, ma solo 15 giorni di tempo per deliberare eventuali modifiche. Per il resto, il Senato pu decidere, entro 10
giorni e su richiesta di 1/3 dei suoi componenti, di chiedere alla Camera di modificare una legge. Dopo questa richiesta, avr 30
giorni di tempo per inoltrare alla Camera il testo modificato. La Camera pu decidere di ignorare queste modifiche e votare il disegno di legge senza ascoltare il Senato. Sulle leggi riguardanti competenze che vengono assegnate esclusivamente alle Regioni, la Camera pu bypassare le modifiche del Senato solo con un voto a maggioranza assoluta. Il Senato non per del tutto
insignificante: con voto a maggioranza assoluta, pu proporre alla Camera di discutere e votare delle leggi proposte dai suoi
senatori.
Cosa il nuovo Senato non pu fare: oltre a quanto gi detto sopra, il nuovo Senato non voter pi la fiducia al Governo. Inoltre,
non deliberer pi lo stato di guerra e non avr competenze su leggi riguardanti amnistia e indulti. Non avr competenza nemmeno su leggi che ratificano trattati internazionali, tranne quelle che riguardano la permanenza o meno dellItalia nellUnione
Europea.
Cosa succede se vince il S? Il Senato dei 100 (95+5) diventa il nuovo Senato. Le sue funzioni sono complesse, e la sua filosofia quella di funzionare da legame tra il territorio e lo Stato centrale.
Cosa succede se vince il No? Manteniamo lattuale Senato, con 315 senatori eletti direttamente dai cittadini.

Chi sono i nuovi senatori? Come gi detto, i nuovi senatori vengono scelti tra i consiglieri regionali e i sindaci del territorio

(sul come verranno eletti, vediamo dopo). A differenza degli attuali, non necessitano di un limite minimo di et per essere eletti
(al momento devono avere almeno 40 anni), e tutti i cittadini possono eleggerli (al momento devono avere minimo 25 anni).
Inoltre, essendo eletti tra i consiglieri regionali e tra i sindaci, non riceveranno unindennit per il loro ruolo da senatori (cio non
avranno due stipendi). Inoltre, tutti i consiglieri regionali (sia che svolgano funzioni di senatore, sia che non) avranno un tetto
massimo al loro stipendio determinato dallo stipendio del sindaco del capoluogo della Regione di riferimento (ad esempio, i
consiglieri regionali dellAbruzzo avranno uno stipendio al massimo pari a quello del sindaco dellAquila). Come gli attuali senatori, questi avranno limmunit parlamentare (cio non potranno essere incarcerati se non ci sar il voto favorevole del Senato,
tranne nei casi in cui sia necessario larresto in flagranza di reato, oppure vi sia una sentenza irrevocabile di condanna), e non
vi sono norme che regolano i rimborsi-spese, che dovranno essere decisi singolarmente dai regolamenti delle due Camere.
Cosa succede se vince il S? I nuovi senatori non avranno limite minimo di et e doppio stipendio, ma mantengono limmunit.
Le Camere decideranno singolarmente sui rimborsi-spese.
Cosa succede se vince il No? Manteniamo gli attuali senatori: minimo 40 anni, stipendio e immunit parlamentare, con rimborsi-spese cos come stabiliti attualmente.

Come si eleggeranno i nuovi senatori? A differenza del precedente Senato, i senatori non saranno eletti direttamente da

noi. Ma quindi chi li sceglie? La Riforma ci d poche indicazioni. Intanto sappiamo che i senatori saranno eletti in conformit
alle scelte espresse dagli elettori e che saranno ripartiti tra le Regioni in base al loro peso demografico. A parte questo,
lelezione dei nuovi senatori non ancora normata da una legge specifica. Nel testo della Riforma, si legge che le modalit di
elezione verranno decise da Camera e Senato in un secondo momento. Come mai dopo e non ora? La ragione perlopi politica. Largomento dellelezione dei senatori stato uno dei pi dibattuti e infiammati, specie allinterno del PD dove la minoranza
voleva (e vuole tuttora) leleggibilit diretta. Altri volevano unelezione indiretta (cio da parte dei consiglieri stessi), altri un particolare meccanismo che coinvolgeva le preferenze dei cittadini e i consigli regionali. Non si trovato un accordo, ergo avremo il
meccanismo preciso solo in futuro.
Cosa succede se vince il S? Si approva il nuovo Senato, ma le modalit dellelezione dei senatori verranno chiarite con una
legge futura.
Cosa succede se vince il No? Si mantiene il vecchio Senato, con le sue modalit elettive. Le implicazioni della vittoria del No
sono, per, molto pi complesse di quella del S, e sono strettamente vincolate a quello che potrebbe accadere dopo il Referendum.

Ci sono due scenari principali: 1. Renzi non si dimette o non viene sfiduciato: non succede nulla, perch realisticamente

non si va ad elezioni anticipate (salvo decisioni clamorose di Mattarella); 2. Renzi si dimette o viene sfiduciato: in questo caso,
Mattarella pu decidere di sciogliere le Camere ed andare ad elezioni anticipate, oppure non farlo e puntare a formare un governo che abbia lapprovazione del Parlamento. Se decide di sciogliere il Parlamento, eleggeremmo la Camera con il sistema
dellItalicum (in cui avremo sicuramente il 55% di deputati di un partito politico) e il Senato con il Consultellum (una modifica della Corte Costituzionale al famoso Porcellum), dove i senatori verranno assegnati in maniera proporzionale. Un sistema elettorale che condurrebbe, realisticamente, a uno scenario simile a quello delle elezioni nazionali del 2013: Camera forte, Senato fragile, probabile ingovernabilit e necessit di un governo di coalizione. Nulla vieta, naturalmente, di creare una legge elettorale
specifica per il Senato (oppure integrare lItalicum) che possa risolvere questo problema. Recentemente, Renzi ha escluso nuove elezioni dopo leventuale vittoria del No, sebbene avesse precedentemente proclamato le sue eventuali dimissioni. Se Renzi
non si dimettesse, sarebbe suo compito (e del Parlamento) modificare la legge elettorale; in caso contrario, Mattarella potrebbe
tentare di formare un governo di scopo, cio deputato unicamente alla modifica della legge elettorale (insieme al Parlamento),
oppure indire nuove elezioni col sistema Italicum+Consultellum.

I senatori a vita. Col Senato dei 100, saranno Senatori a vita solo gli ex Presidenti della Repubblica (come gi avviene). Gli

altri verranno sostituiti da senatori scelti dal Presidente della Repubblica (i famosi 5 del 95+5), che rimangono in carica 7 anni, e
non potranno essere nominati nuovamente. Inoltre, non possono essercene pi di 5 contemporaneamente. I senatori a vita attualmente presenti (Mario Monti, Elena Cattaneo, Renzo Piano e Carlo Rubbia) rimarranno al loro posto. Lo stesso vale per
Giorgio Napolitano, in quanto ex Presidente della Repubblica.
Cosa succede se vince il S? Niente pi senatori a vita, esclusi gli ex Presidenti della Repubblica; ci saranno, al loro posto,
senatori di nomina presidenziale che rimarranno in carica 7 anni e non rieleggibili.

17

SPECIALE REFERENDUM

Cosa succede se vince il No? Resta intatta la legislazione sui senatori a vita.

Il Presidente della Repubblica. Con la Riforma cambia anche il modo in cui viene eletto il Presidente della Repubblica.

Lelezione rimane sempre competenza di deputati e senatori (non c lelezione diretta del Presidente della Repubblica: non
siamo una Repubblica Presidenziale), ma diversi aspetti della votazione sono stati modificati. Votano solo deputati e senatori.
Non ci sono pi i 59 delegati regionali, visto che i senatori del Nuovo Senato sono, appunto, scelti dal territorio. Nelle prime tre
votazioni, servono i 2/3 degli aventi diritto (circa 500 elettori) per eleggere il Presidente. Dalla quarta votazione in poi, la legge
precedente prevedeva che il limite scendesse alla maggioranza assoluta (50%+1); con la Riforma, dal 4 al 6 scrutinio sono
necessari i 3/5 degli aventi diritto al voto (circa 440 elettori); dal 7 in poi, la maggioranza dei 3/5 dei votanti (cio quelli che sono presenti e votano effettivamente). Il Presidente della Repubblica potr sciogliere unicamente la Camera e non pi il Senato,
essendo questultima composta da rappresentanti regionali. Inoltre, il Presidente della Camera, durante lassenza del Presidente della Repubblica, ne fa le veci (attualmente questo compito svolto dal Presidente del Senato).
Cosa succede se vince il S? Vengono approvate le modifiche sul quorum per eleggere il Presidente della Repubblica, oltre al
suo potere di sciogliere unicamente la Camera.
Cosa succede se vince il No? Restano intatte le modalit di elezione e i poteri del Presidente della Repubblica.

Leggi con voto in data certa. Nella Riforma presente un meccanismo per consentire lapprovazione rapida di un disegno

di legge reputato essenziale per lattuazione del programma di Governo. Funziona cos: il Governo pu chiedere alla Camera
una via preferenziale per lapprovazione di una data legge. La Camera ha tempo 5 giorni per accogliere questa richiesta e, se
lo fa, deve discutere e approvare tale legge entro 70 giorni (con massimo 15 giorni di rinvio). Questa possibilit non prevista
per le leggi di competenza del Senato, oltre a una serie di leggi essenziali e non discutibili in tempi brevi (in particolare: le leggi
elettorali, la ratifica dei trattati internazionali, le leggi di amnistia e indulto, le leggi di bilancio).
Cosa succede se vince il S? Viene inserita una via preferenziale che consente al Governo di accelerare liter di approvazione di leggi importanti per il suo programma.
Cosa succede se vince il No? Semplicemente, non viene inserito questo meccanismo.

Questioni di coerenza. Tra le varie norme legate alle leggi, un aspetto interessante riguarda i decreti legge (cio gli atti pro-

posti dal Governo, di solito urgenti, e che diventano immediatamente legge ed hanno funzione provvisoria, che diventa definitiva
se vengono approvati entro 60 giorni dal Parlamento). I decreti legge, si legge nel testo, devono contenere misure di immediata
applicazione e di contenuto specifico, omogeneo e corrispondente al titolo. Lidea quella di limitare labuso dei decreti legge
da parte del Governo e impedire la formazione di un minestrone di argomenti diversi nello stesso decreto. Il contenuto, perci,
deve essere coerente con ci che si propone. Infatti, non possono essere approvate disposizioni estranee alloggetto o alle finalit del decreto. Un classico esempio di minestrone riguarda il cosiddetto decreto mille proroghe, nato come strumento
eccezionale (ma poi diventato prassi nellultimo decennio) per quelle disposizioni urgenti da risolvere entro lanno in corso.
Cosa succede se vince il S? Viene inserito lobbligo costituzionale, per i decreti legge, di coerenza nel contenuto e
limpossibilit di votare disposizioni non omogenee.
Cosa succede se vince il No? Semplicemente, non viene inserito questo obbligo nella Costituzione.

Riemerge la cancellazione delle Province. Con la Riforma, le province vengono definitivamente abolite (ma non doveva-

no essere gi state abolite?). Tutte le loro competenze vengono spartite tra Comuni, Citt Metropolitane, Regioni e Stato. Nel
corso degli anni, sono state discusse e/o approvate una serie di leggi che hanno progressivamente svuotato il contenuto degli
enti provinciali (tra cui, degna di nota, la pi recente Legge Delrio). Per labolizione definitiva necessaria una modifica della
Costituzione, prevista con questa Riforma.
Cosa succede se vince il S? Addio province, per sempre.
Cosa succede se vince il No? Le province non vengono formalmente abolite del tutto, ma mantengono la struttura prevista
dalla Legge Delrio.

Abolizione del Cnel. Il Cnel, ovvero Consiglio Nazionale dellEconomia e del Lavoro, un ente statale che ha la possibilit di

proporre iniziative legislative (limitatamente alle sue competenze, appunto in economia e lavoro) e di fornire pareri su questi argomenti. Tali pareri non sono vincolanti e vengono forniti solo se richiesti o dal Governo o dalle Camere o dalle Regioni. E stato
ritenuto da molte parti un ente inutile (visto che le sue competenze sono compiute anche da altri organi statali) e negli anni ne
stata richiesta pi volte labolizione. Siccome si tratta di un ente previsto costituzionalmente, lo si pu abolire solo con una
legge costituzionale. Renzi ha fortemente voluto la norma sullabolizione del Cnel in questa Riforma, per fornire un antipasto
sul progetto di chiusura degli enti inutili.
Cosa succede se vince il S? Addio Cnel.
Cosa succede se vince il No? Il Cnel rimane in piedi.

Le competenze di Stato e Regioni. E il punto pi complicato di tutta la Riforma, oltre a essere fortemente dibattuto. La Ri-

forma ridefinisce le competenze dello Stato e delle Regioni, e regola in particolare i rapporti tra le due. Vediamo gli aspetti pi
importanti. Fino ad oggi, le competenze su tutto ci che di interesse pubblico erano suddivise in due modi: esclusive (cio
riguardanti o solo le Regioni o solo lo Stato) e concorrenti (cio su cui hanno competenza le Regioni, ma con diversi principi
fondamentali dettati dallo Stato). Con la Riforma, la definizione di competenza concorrente viene eliminata, mantenendo solo il
concetto di competenza esclusiva. Ma come fare, quindi, con tutte quelle materie ibride che riguardano tanto lo Stato quanto
le Regioni? E come vengono ripartiti i poteri? Con leliminazione della competenza concorrente, buona parte delle competenze
va riassegnata o ridistribuita. Viene introdotta, per, la cosiddetta clausola di supremazia, in base alla quale la legge dello Stato (su proposta del Governo) pu intervenire in materie non riservate alla legislazione esclusiva di Stato o Regione, se ritiene
sia necessaria una tutela dellunit giuridica o economica della Repubblica ovvero la tutela dellinteresse nazionale. Lo Stato
pu perci agire sulle competenze non esclusive (quelle che erano regolate dalla competenza concorrente), nei casi in cui
necessario un intervento per lunit giuridica/economica dello Stato, o di pi generico interesse nazionale. Inoltre, viene introdotto il cosiddetto regionalismo differenziato. Alle Regioni (tranne quelle a Statuto Speciale e alle Province Autonome di Tren-

18

SPECIALE REFERENDUM

to e Bolzano) possono essere attribuite particolari forme di autonomia, a condizione che presentino un equilibrio di bilancio tra
le entrate e le spese. La legge per attuare il regionalismo differenziato deve essere approvata da entrambe le Camere, oltre a
necessitare un continuo dialogo tra Stato e Regione interessata. Va notato, infine, che la maggiore critica a questa parte della
Riforma riguarda laccentramento dei poteri e delle competenze verso lo Stato centrale, che diminuisce limpatto delle Regioni.
Cosa succede se vince il S? Le competenze dello Stato e delle Regioni vengono profondamente riviste e modificate, insieme
ai rapporti tra le due entit e alla possibilit di avere pi o meno autonomia.
Cosa succede se vince il No? La spartizione delle competenze tra Stato e Regioni restano invariate (in particolare rimane la
competenza concorrente e tutte le sue implicazioni).

Le leggi di iniziativa popolare. Fino ad oggi, per fare una proposta di legge di iniziativa popolare era richiesto, oltre al testo

della legge redatto in articoli, la firma di 50.000 elettori. Con la Riforma, sono richieste 150.000 firme, ma con la garanzia costituzionale che tale legge verr discussa e votata in Parlamento. Le regole precise di questo meccanismo verranno delimitate dai
singoli regolamenti di Camera e Senato.
Cosa succede se vince il S? Sale a 150.000 il numero di firme per una proposta di legge di iniziativa popolare, con la garanzia che tale legge venga discussa e votata in Parlamento.
Cosa succede se vince il No? Il numero di firme rimane 50.000, ma senza il vincolo costituzionale di discussione e voto.

Nuove norme sui referendum. Nella Riforma, vengono aggiunte e modificate alcune regole relative ai referendum. Innanzi-

tutto, per i referendum abrogativi rimane il limite minimo al 50%+1 degli aventi diritto per rendere valido il voto. Tuttavia, se sono almeno 800.000 gli elettori a richiedere il referendum abrogativo, il quorum si abbassa al 50%+1 dei votanti alle ultime elezioni per la Camera dei Deputati. Se i richiedenti sono tra i 500.000 e gli 800.000, rimane la regola del 50%+1 degli aventi diritto. Esempio. Attualmente, sono circa 50 milioni gli italiani che possono votare. Alle ultime elezioni politiche (2013) hanno votato,
per la Camera, poco pi di 34 milioni di elettori. Se un ipotetico referendum abrogativo venisse richiesto da 800.000 elettori,
basterebbero circa 17 milioni di elettori + 1 (il 34% di tutti gli elettori) per rendere valido il referendum. A parte questo, viene introdotto un nuovo tipo di referendum: il referendum propositivo (detto anche di indirizzo), attualmente presente solo in Val
dAosta e nella provincia di Bolzano. Con questo referendum, la popolazione pu richiedere al Parlamento di emanare una nuova legge su un tema particolare ( diverso quindi dalla sopracitata legge di iniziativa popolare: quella richiede un testo gi fatto
e redatto in articoli). Per capire nel dettaglio come funzioner, per, serviranno nuove leggi da discutere e approvare in un secondo momento.
Cosa succede se vince il S? Si inseriscono delle modifiche al quorum per i referendum abrogativi e viene introdotto il referendum propositivo (o di indirizzo).
Cosa succede se vince il No? Rimangono inalterate le regole sui referendum, senza nessuna aggiunta.

Le quote rosa. La parit di genere nelle Camere e nelle Regioni viene stabilita costituzionalmente: con la Riforma, infatti, vie-

ne promosso lequilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza. Questo significa che lo Stato e le Regioni devono avere delle norme appropriate per garantire la parit di genere nei consigli regionali, nella Camera e nel Senato. Quasi certamente, ci si
tradurr in apposite regole nelle leggi elettorali che consentano lequilibrio tra uomini e donne. Per la Camera dei Deputati, esiste gi una norma nellItalicum che prevede la possibilit di esprimere sulla scheda elettorale due preferenze di genere dalle
liste presentate (se vengono scelte entrambe, devono per forza essere un uomo e una donna). Per le Regioni, servir una nuova norma.
Cosa succede se vince il S? Diventa obbligatoria, nellelezione delle Camere e dei Consigli Regionali, la parit di genere.
Cosa succede se vince il No? Non viene introdotta alcuna quota rosa obbligatoria.

Il ruolo della Corte Costituzionale. La Corte Costituzionale, ente supremo che vigila sulla Costituzione e sulla sua appli-

cazione, composta da 15 giudici: 5 eletti dal Presidente della Repubblica, 5 eletti dalla magistratura e 5 eletti dalle Camere in
seduta comune. Con la Riforma, cambia solo che i 5 giudici che oggi sono eletti insieme dalle due Camere vengono eletti separatamente: 3 dalla Camera, 2 dal Senato. Inoltre, la Riforma introduce la possibilit di sottoporre alla Corte Costituzionale le
leggi elettorali per accertarne la legittimit (questa norma stata pensata dopo la bocciatura del Porcellum per palese incostituzionalit). Per farlo bisogna presentare la legge alla Corte, entro 10 giorni dalla sua approvazione, con un ricorso firmato da almeno 1/3 dei componenti del Senato o 1/4 della Camera. La Corte ha 30 giorni di tempo per pronunciarsi e la legge non viene
promulgata se viene considerata incostituzionale.
Cosa succede se vince il S? I 5 giudici della Corte vengono eletti separatamente: 3 dalla Camera, 2 dal Senato. La Corte ha,
inoltre, la possibilit di giudicare preventivamente la legittimit delle leggi elettorali.
Cosa succede se vince il No? I 5 giudici della Corte vengono eletti dalle Camere in seduta comune, e non vi la possibilit di
giudicare preventivamente le leggi elettorali.

Conclusioni. Comprensibilmente, per quanto si sia cercato di essere semplici e sintetici non proprio una passeggiata cerca-

re di comprendere tutte le implicazioni di un quesito che risulterebbe oggettivamente troppo generico e assai poco trasparente.
Abbiamo cercato di far comprendere tutto quello che si decider mettendo la croce su una delle due opzioni. La Riforma molto
importante, per qualcuno troppo, la carne al fuoco tantissima e non sar facile comprenderne tutte le implicazioni, forse questo il motivo che far stare lontani dalle urne molti cittadini. Non a caso, ben 50 costituzionalisti hanno, tra le altre cose, chiesto che si potesse fare un referendum differenziato sui singoli punti, in maniera tale da non doverla votare in blocco. Sicuramente non avverr mai. Il nostro consiglio di prender tutto il tempo che serve, fino alla data del Referendum, per riflettere su questi argomenti. Le opinioni sono diverse anche allinterno di schieramenti apparentemente gi certi delle scelte fatte e in fase di promozione (parliamo dei vari comitati). Noi prendiamo limpegno di seguire e continuare a esaminare tutte le varie implicazioni del voto aggiornando questo articolo con sollecitudine. Buon voto a tutti!
Per chi volesse leggere il testo integrale della proposta di riforma della Costituzione sulla quale siamo chiamati ad
esprimerci il prossimo 4 dicembre, rimandiamo alla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 88 del 15-4-2016, al link:

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2016/04/15/16A03075/sg

19

ATTUALIT

COMUNE di QUERO VAS


Provincia di Belluno

32038 QUERO VAS (BL) Piazza Guglielmo Marconi n. 1 Cod. Fisc. P.I. 01151950258

ASSESSORATO ALLECOLOGIA

PROGETTO DI PROMOZIONE E INCENTIVAZIONE


SULLUTILIZZO DEGLI ECOCENTRI

SERATA INFORMATIVA SULLA


RACCOLTA DIFFERENZIATA
DEI RIFIUTI
NEL COMUNE DI QUERO VAS

LUNEDI 28 NOVEMBRE
ORE 20.00
PRESSO IL CENTRO
CULTURALE DI
QUERO

Nel corso della serata verranno estratti a sorte numerosi premi (biciclette, zaini scolastici,
marsupi, materiale scolastico) per coloro che avranno consegnato la tessera ecocentro (qui
sopra) timbrata con le presenze annuali effettuate presso lEcocentro di Quero o di Vas.
Se qualcuno ha omesso qualche timbratura per dimenticanza della tessera, possibile sulla fiducia
ottenere qualche timbro rivolgendosi allufficio tecnico del Comune il sabato mattina.

Dieci Racconti

LIBRI

Opera prima di Marco Carlotto, ex residente di Quero

Il libro composto da dieci racconti introspettivi, ambientati in varie regioni italiane tra il 1967 e il 2013. I racconti mettono in luce le riflessioni, le emozioni e i
sentimenti dei loro protagonisti, che sono in alcuni casi dei bambini, in altri degli
adulti. In queste narrazioni traspare quindi il loro mondo interiore, quell'universo
nascosto che le persone che incontriamo quotidianamente non vedono e non
percepiscono, perch rimane nel profondo della nostra coscienza e della nostra
intimit. Tutti i racconti, tranne Passioni, sono frutto della fantasia dell'autore:
ogni riferimento a fatti o personaggi reali da ritenersi puramente casuale.
Marco Carlotto nato a Mira (Venezia) nel 1964. Attualmente vive a Feltre
(Belluno). Laureato in Filosofia presso l'Universit di Padova (con una tesi sulla Filosofia sociale di Robert Owen), insegna Materie letterarie in un istituto
professionale. Le sue passioni, oltre al lavoro e alla sua famiglia, sono la lettura (Goffredo Parise, Dino Buzzati, Giuseppe Berto, Victor Hugo; Guy de Maupassant, Anton Cechov); la scrittura (predilige i racconti e i saggi brevi); l'ascolto di alcuni grandi chitarristi della musica jazz (Barney Kessel, Joe Pass,
Pat Martino); la visita di mostre d'arte moderna e contemporanea; la pratica
del ciclismo su strada. Questa la sua prima pubblicazione.
Note tratte dai risvolti di copertina del libro edito da LINEA Edizioni Luglio 2016
Reperibile in libreria e anche nelle nostre edicole. uro 10,00

20

RASSEGNA STAMPA

Illustrate le indagini che hanno portato alla scoperta della maxi-piantagione.


Larresto del coltivatore di maria partito dalla segnalazione dei genitori del ragazzo.

Quero: mamma denuncia, pusher in cella

QUERO VAS. Spacciatori in manette grazie alle segnalazioni dei genitori. dalla denuncia della mamma che sono partite le
indagini anche nellultimo caso balzato alle cronache: la maxi-piantagione di canapa indiana scoperta dalla polizia a Quero.
Loperazione - ha spiegato il capo della Squadra Mobile, Mauro Carisdeo - si inserisce in quella attivit mirata al contrasto
dello stupefacente che per definizione pu vedere a volte coinvolti ragazzi tanto giovani. Lattenzione proprio per questo
massima, come voluto dal questore e c la collaborazione della gente che segnala. Lattivit portata a termine nel Feltrino
mercoled mattina stata illustrata ieri mattina in Questura a Belluno. stato spiegato come in questo tipo di indagini, oltre
agli appostamenti e osservazioni, siano fondamentali le segnalazioni. II soggetto in questione stato individuato proprio
grazie ai genitori di un ragazzo. Genitori detective che hanno sorpreso il figlio con la droga e non si sono fermati l: hanno
chiesto da dove provenisse la marijuana e poi sono andati dritti a denunciare il fatto alla polizia. Nelloperazione della Mobile
a Quero sono state trovate una decina di piante di canapa indiana alte quasi 2 metri e mezzo e anche 2 chili e 530 grammi
di sostanza gi essiccata. Il bottino spuntato dalla perquisizione effettuata mercoled mattina a casa di L.S., 62 anni di
Quero. Luomo, disoccupato, probabilmente aveva come unico lavoro quello della coltivazione e trattamento della sostanza.
stato arrestato con laccusa di coltivazione, produzione e detenzione di sostanze stupefacenti. Ieri mattina in carcere a
Baldenich si tenuta ludienza di convalida: il gip ha convalidato larresto, ma ha disposto la misura degli arresti domiciliari.
Il coltivatore tornato a casa. L aveva messo su di fatto un vero e proprio laboratorio: una stanza era adibita alla preparazione della marijuana. Cera una stufa per lessicazione e tutto il necessario per la preparazione delle dosi. La sostanza
sotto sequestro in un luogo sicuro ed a disposizione dellautorit giudiziaria per le analisi sul principio attivo. Ma gi da una
prima stima si pu ipotizzare che la droga avrebbe potuto fruttare oltre 20mila euro.
da Il Gazzettino del 17 settembre 2016

Michele Balen: Lavoriamo compatti per dare un futuro professionale alla zona

Ferroli in Regione, si apre uno spiraglio

ALANO DI PIAVE. La Ferroli non chiude tutte le porte: forse per il sito produttivo di Alano di Piave non ancora tutto perduto. Nel primo pomeriggio di ieri, nella sede di Veneto Sviluppo a Venezia, si svolto un incontro fra lazienda, i sindacati (sia
di Belluno che di Verona), Veneto Sviluppo e le forze politiche: lassessore regionale al lavoro Elena Donazzan, il sindaco di
San Bonifacio, la Provincia di Belluno e il Comune di Alano di Piave rappresentati da Serenella Bogana. Finalmente abbiamo potuto anche noi del comitato istituzionale incontrare la propriet, commenta il presidente del comitato di sorveglianza istituzionale Michele Balen. La richiesta pi importante che abbiamo fatto stata quella di avere un piano industriale da cui partire per poter trattare. Piano che ad oggi non ci ancora stato dato di vedere. Il contenuto del piano industriale
era gi stato le presentato nello scorso mese di il luglio alle forze sindacali, e i contenuti erano precisi: alla Ferroli il sito di
Alano non interessa pi e lo stabilimento in cessione. Solo con un piano industriale in mano - prosegue Balen - potremo
capire come le istituzioni possono rendersi utili nellaffiancarsi alla Regione e alle forze sindacali. Creare un tavolo di concertazione che possa portare a risultati importanti e positivi. Un esempio? La Ideal Standard di Trichiana. Della situazione
e dei suoi sviluppi ne costantemente aggiornato anche il prefetto di Belluno. La novit emersa ieri riguarda la posizione
dellazienda. La Ferroli ha dichiarato una certa disponibilit che cercheremo di capire fin dove arriva, conclude Balen.
C quindi un interessamento della stessa Ferroli per riprendere la marcia ad Alano ed quello che ci interessa. Lobiettivo
nostro arrivare alla fine della trattativa garantendo unattivit redditizia nel Basso Feltrino, e mantenendo pi posti di lavoro
possibili. Questoggi nuovo appuntamento per la Ferroli. Lazienda e le forze sindacali saranno al Ministero dello Sviluppo
economico a Roma per discutere del piano industriale.
da Il Gazzettino del 20 settembre 2016

Il riconoscimento del Gambero Rosso a Denis Lovatel della pizzeria da Ezio

Puer, la miglior pizza made in Alano di Piave


ALANO DI PIAVE. Gi per un pizzaiolo essere a Napoli di per s speciale. Figurarsi se ti trovi l perch ti hanno appena consegnato il premio per la pizza pi buona
d'Italia. E cos ieri Denis Lovatel, titolare e pizzaiolo della pizzeria da Ezio di Alano
di Piave, ha ricevuto il riconoscimento miglior pizza a degustazione della guida
Gambero Rosso 2017. La pizza premiata la prima del progetto In-Fusioni, rigorosamente made in Veneto, elaborata grazie alla sinergia tra lo stesso Lovatel e lo
chef Francesco Brutto di Undicesimo Vineria (Treviso), miglior chef emergente nord
2016. Puer (nella foto) una pizza bianca dalla farcitura originale e ricercata, che
ha riscontrato lapprezzamento della critica: mozzarella fiordilatte, topinambur al forno, chips, succo di cavolo nero e infuso di Puer, che altro non che un the postfermentato cinese nel 1998 molto raro per dare un effetto balsamico alla pizza. Il tutto
con un impasto Crunch, creato nel 1977 secondo le leggi della digeribilit e leggerezza e che stato ulteriormente alleggerito assieme allo studio della dottoressa Luisa Piva, biologa molecolare e specialista in genetica medica e nutrizione, in modo da dare estro a Denis Lovatel sulla farcitura, senza appesantirla e seguendo la
stagionalit degli ingredienti. Quando lo abbiamo raggiunto ieri pomeriggio era in aeroporto proprio a Napoli. Non mi aspettavo il premio, devo essere sincero. Una settimana fa ho ricevuto la telefonata dal Gambero Rosso, ma pensavo fosse solo una conferma che la mia pizzeria sarebbe stata inserita anche nella guida 2017. Chi avrebbe mai pensato che, tra tutti i
pizzaioli d'Italia, avrebbero appunto scelto una nostra creazione per un premio cos speciale?. Una ricetta nata come? Io

21

RASSEGNA STAMPA

sono un amante della buona cucina, mi piace girare e capire le filosofie dei vari chef. Inoltre volevo appunto creare una pizza croccante con i prodotti della terra, come appunto il cavolo nero che non molto sfruttato. Cos, ho proposto allo chef
Francesco Brutto di lavorare alla creazione di questa pizza che, tra i vari ingredienti, ha anche questo the postfermentato
che le conferisce degli aromi particolari. La pizza sar presente il 28, 29 e 30 ottobre a Milano per ChePizza!. Un appuntamento in cui saranno presenti: 18 tra i pi importanti pizzaioli dItalia, tra cui appunto il nostro Lovatel, 36 tipi di pizza differenti in versione gourmet e oltre 20 masterclass attraverso cui imparare tutti i segreti del piatto italiano pi famoso al mondo.
Poi a gennaio dovrebbe rientrare nel men: d'altronde pi di qualcuno vorr provarla. Lovatel sar poi presente il 7 novembre a Ferrowine, emporio enoculturale a Castelfranco. Sar la conclusione del progetto In-Fusione nel quale quattro chef
molto importanti realizzeranno assieme a lui alcune pizze. Ne approfitto per ringraziare mio padre Ezio, che mi ha trasmesso le basi per intraprendere il mestiere, gli chef che hanno partecipato al progetto In-Fusioni, tutti i dipendenti della pizzeria e ovviamente i clienti, che a volte sopportano anche le lunghe attese per mangiare da noi. Daltronde per la pizza cosa non si farebbe...
da Il Corriere delle Alpi del 23 settembre 2016

Cibo e tradizione a confronto

Il Veneto sfida, Napoli si offende:


si accende la guerra della pizza
VENEZIA. Proponendo una sfida Nord-Sud sulla pizza si accende una miccia, attenzione, scherza Denis Lovatel, della pizzeria da Ezio. Lovatel la tensione lha percepita dal vivo, durante le ultime premiazioni del Gambero Rosso: la sua pizzeria di
Alano di Piave, nel Bellunese, serve la miglior pizza a degustazione dItalia. La sfida in
questione quella lanciata dal presidente del Veneto Luca Zaia che, non pago dei
primati gastronomici indiscussi di baccal e tiramis, sembra vagheggiare anche un
brand pizza veneta, dichiarando che sulla pizza siamo migliori dei napoletani.
Allombra del Vesuvio non lhanno presa tanto bene, con Antonio Pace, presidente
dellassociazione Verace Pizza Napoletana, che tuona mai ci saremo permessi di
sfidare i veneti sul baccal alla vicentina o sulla polenta con gli osei e mi stupisce che
avvenga il contrario con la pizza. A gettare acqua sul fuoco, con appassionate tirate
sulla differenza che corre fra la pizza napoletana e la pizza del nord, sono proprio i
pizzaioli, da Belluno a Napoli. Le pizze sono simbolo mondiale di convivialit, di pace
- osserva Lovatel - non ha senso metterle in competizione. Gli fa eco dalla Campania
il napoletano Ciro Oliva, della pizzeria Concettina ai tre santi, premiato nella categoria miglior pizza dellanno: Le sfide le
lascio allo sport, mescolarsi con altre tradizioni arricchisce il prodotto. Fra Nord e Sud non ci deve essere sfida, bens unione. La pizza un prodotto made in Italy che non dobbiamo farci scappare dalle mani. Motivo per cui lunico discrimine la
qualit. Se lassociazione Verace Pizza Napoletana ricorda che stato stilato un vero e proprio disciplinare per tutelare
un prodotto che vanta pi di 300 anni di storia, chi sta in prima linea davanti al forno a legna sembra pensare che ci sia posto davvero per tutti. Le polemiche fini a s stesse non servono a nessuno - commenta Simone Padoan della pizzeria I
Tigli di San Bonifacio, nel Veronese, che anni fa, da creatore della pizza degustazione, stato al centro della prima querelle sulla pizza moderna - se invece il dibattito sulla galassia dei lievitati costruttivo, fa bene a tutti. Ecumenismo
dellarte bianca, insomma. Per un pizzico dorgoglio regionale resta. A fine settembre - racconta Lovatel - i 18 migliori pizzaioli italiani si esibiranno a Milano per ChePizza!, la kermesse organizzata dalla rivista La Grande Cucina. Siamo in cinque veneti, una bella soddisfazione. Oltre a Lovatel e Padoan, ci saranno anche Renato Bosco di Sapor (San Martino
Buonalbergo nel Veronese), Alberto Morello di Gigi Pipa (Este, Padova) e Gianni e Giulia Dodaj di San Don di Piave (Venezia), guru della pizza da asporto di qualit. Lho detto di recente anche al Times di Londra - spiega Lovatel - al Nord
siamo pi portati per la pizza che tutti chiamano gourmet, di fatto labbiamo inventata noi. Ci sono per radici storiche, quella napoletana nata per essere piegata a libro e mangiata per strada, al nord la pizza si diffusa come sinonimo di convivialit, quindi, per essere gustata pi a lungo, doveva essere pi croccante. Il movimento si sviluppato anche grazie al molino Quaglia nella ricerca delle farine, cui abbiniamo farciture da ristorazione. Sono sfaccettature diverse del prodotto pizza,
una sfida non avrebbe senso. Collaboriamo, piuttosto, per farla diventare Patrimonio dellUmanit. Padoan, veterano della
nouvelle vague veneta, osserva: Chi pi attempato ha idee pi legate alla tradizione, chi pi giovane ha pi coscienza
del fatto che tutto ci che tradizione ha vissuto una fase di innovazione. logico che i napoletani vogliano difendere la
pizza classica. La pizza quella napoletana, un cibo di strada, nato povero, per tutti. Questa la pizza nellimmaginario collettivo ma ormai si apre un mondo: dalla pizza alla romana croccante alle sperimentazioni del Nord nate dalla pinza salata
dei nostri nonni. Larte bianca un universo complesso, ampio e bellissimo, che ognuno cerca di interpretare con unidea
personale. quindi sbagliato cercare di definire cosa meglio o peggio. Il valore vero della pizza, per il napoletano Ciro
Oliva, la capacit di attrarre e avvicinare il popolo. La nostra forza il popolo, scandisce Oliva. A Napoli abbiamo
labitudine di mangiarla due-tre volte a settimana. Lalleanza con i mugnai uno degli ingredienti per migliorare il nostro
prodotto, con amore. Cos si riscoprono i sapori dellinfanzia, della genuinit. S, mi hanno premiato, ma per me il premio vero far conoscere il mio quartiere, il Rione Sanit, attraverso il mio prodotto di qualit. Certo, la pizza possiamo esportarla
in tutto il mondo ma qui che tira unaltra aria, che c un altro fascino, c il sapore della nostra natura. Per questo noi non
faremo mai la polenta come la fanno i veneti. Intanto, ad Alano di Piave, Lovatel segue le stagioni e propone zucca al forno, guanciale di suino nero dei Nebrodi e polvere di liquirizia senza dimenticare la pizza col baccal dissalato con salsa di
piselli, germogli e carbone di olive nere. Padoan segue non solo le stagioni ma anche il proprio stato danimo e si accalora:
Le stagioni stanno impazzendo e cos i nostri piatti, spiega. Lestate sembra non voler finire allora ecco una pizza con
cozze sarde, battuto di pomodoro a crudo, zucchine saltate alla julienne e il ridotto delle cozze, in bocca resta lo iodio del
mare. Bon apptit.
da Il Corriere del Veneto del 26 settembre 2016

22

ASTERISCO

La foto di copertina

(M.M.) Abbiamo scelto questa immagine, fra le numerose scattate dal nostro abbonato di Alano: Giorgio Mazzier,
che, con i fratelli Giocondo e Roberto, un noto escursionista delle nostre montagne ed appassionato di fotografia,
per il significato allegorico che ne abbiamo tratto, ispirati anche dalla lettura di un paio di brani tratti dal libro di
Gianfranco Ravasi, le parole del mattino, che qui proponiamo alla Vostra attenzione. Unimmagine bella, che sa
infondere lidea di movimento pur nella staticit del panorama ritratto. Merito del sentiero che la caratterizza e che
ci induce a viaggiare con il pensiero. La foto stata fatta ad agosto 2016 e offre uno scorcio della strada che da
Pian della Bala conduce verso la valle delle Mure.
Il nostro augurio che sappia suscitare anche in voi lemozione provata nel sceglierla fra le molte, belle immagini di
Giorgio, che ritroveremo ancora prossimamente su queste nostre pagine.

Un percorso
Oggi tutto un percorso. Lo sconosciuto che partecipa a un reality sostiene di aver fatto un percorso. Il delinquente in
galera sottoposto a un percorso di recupero, come il tossico. La vita di coppia un percorso, di guerra e di pace. Due
genitori che intendono adottare un figlio devono compiere un percorso affettivo. Leggere un libro un percorso di lettura. Di solito, per, chi si riempie la bocca della parola percorso non si smuove mai dalle sue convinzioni.
Aldo Grasso
Dei miei molteplici percorsi di lettura, mi rimangono spesso tracce in note, ritagli, appunti che dopo mesi di giacenza
cestino. cos che mi tornato tra le mani (ed stato salvato) un frammento di rivista ove era conservata questa osservazione del principe dei nostri critici televisivi, Aldo Grasso (un autore incisivo nel suo dettato, ma anche nei contenuti delle sue osservazioni spesso pungenti). La verit che ci propone , a mio avviso, duplice e utile a tutti, anche a
chi non fa percorsi. Innanzitutto egli ci mette in guardia contro l'uso degli stereotipi. terribile, ma quanto pi diventa
rarefatto il nostro linguaggio, tanto pi lo si inzeppa di luoghi comuni, di clich banali indotti dalla moda soprattutto televisiva (e questo vale anche per il comportamento). Occorre una purificazione della comunicazione dalle parole nere,
ossia vacue e fatue, scimmiottature di replicanti. Ma c' un'altra verit ed quella esplicitata da Grasso: chi si pavoneggia per i suoi percorsi in verit fisso e inamovibile come un paracarro. Chi ricerca autenticamente non lo ribadisce a ogni passo; la creativit non ha percorsi scontati, ma fatica nell'analisi, originalit nelle indagini, umilt anche
nel tornare indietro se la strada errata. Non imitazione di un tic o di una moda, ma rischio, interrogazione, impegno serio e severo.

Il percorso e il discorso
Si deve conoscere la meta prima del percorso. Jean Paul
Chi non ha uno scopo non prova quasi mai diletto in nessuna operazione. Giacomo leopardi
Incrociamo tra loro due voci, identiche per tema e per epoca storica, anche se di lingua differente. La prima frase che
proponiamo appartiene a uno scrittore tedesco che aveva assunto uno pseudonimo francese, Jean Paul (1763-1825).
Egli traccia simbolicamente un disegno che comprende due componenti: lo Ziel, cio la meta da raggiungere, e una
Bahn o via tra le tante possibili. Il primato va alla prima componente, cio la meta, che dovrebbe comandare il percorso da scegliere. Troppo spesso questa logica viene ribaltata.
Non interessa la verit da raggiungere, il significato ultimo di un'azione; ci si mette per
strada e poi si vedr. Anche in religione alcuni studiosi hanno sottolineato che per molti
pi importante un percorso che il discorso. Si procede sulla base di impulsi e non di motivazioni, a imperare il fare prima del pensare. Nonostante l'apparente facilit di tale impostazione di vita, la seconda voce, quella del nostro Leopardi nel suo prezioso Zibaldone, ci
avverte che alla fine un agire disordinato senza uno scopo netto e fondato risulta alienante
e deludente. Eppure, far capire che necessaria la ponderatezza nelle scelte, che avendo
a disposizione anche il computer, se non hai chiara la finalit della ricerca, rimani a secco,
che ogni progetto tale solo se si prefigge un obiettivo preciso, non poi una verit cos
ovvia come pu sembrare a prima vista. Individuare con acutezza la finalit ultima dell'agire (per non parlare poi della vita) esige riflessione e pacatezza, virt ignorate ai nostri giorni. Gi l'antico sapiente latino Publilio Siro nel I secolo a.c. ammoniva: In ogni iniziativa,
pensa bene a dove vuoi arrivare!.
Tratto da Le parole del mattino di Gianfranco Ravasi Mondadori 2011

MOSTRA

23

BOCCE

A Fregona-Licini-Suman la gara dautunno


di Sandro Curto

Si svolta al
bocciodromo del Tegorzo,
dal 19 al 24 settembre, la
gara serale dautunno (ex
pallino doro) alla quale
hanno partecipato 48
giocatori suddivisi in 16
terne dopo sorteggio. A
prevalere la terna
composta da FregonaLicini G.-Suman che,
nella finalissima, ha
superato PasaPasqualetti-Strag; al
terzo posto, pari merito,
Bronca-BusanaSchievenin D. e
DAgostini-SbizzeraTormen. Ancora sugli
scudi i veterani della
Tegorzo con Giorgio
Licini, classe 1934, che
ritorna alla vittoria e
leterno Ruggero
Sbizzera, classe 1929, al
terzo posto. Nelle foto
alcuni momenti della gara
e delle premiazioni
effettuate dal presidente
della Bocciofila Ponte
Tegorzo Andrea Tolaini,
dal suo vice Armando
Gerlin e dal segretario e
direttore tecnico
Bernardino Carrer.

24

RASSEGNA STAMPA

Alla rassegna di Piazzola sul Brenta primo posto per il Morlacco di Malga Piz

I formaggi feltrini dominano a Caseus

PIAZZOLA SUL BRENTA. I formaggi feltrini piacciono e fanno incetta di premi alla dodicesima edizione di Caseus Veneti, la
pi importante rassegna regionale dedicata al patrimonio caseario del territorio che si svolta nellultimo fine settimana a Villa
Contarini di Piazzola sul Brenta, attirando decine di migliaia di visitatori. Tre medaglie doro portate a casa dalle eccellenze lattiero casearie feltrine: primo posto per il formaggio Piave Dop di Lattebusche, il Morlacco del Grappa di Malga Piz di Franco
Gallina di Alano di Piave (in realt, la malga in territorio alanese mentre Gallina querese, ndr) e lErborinato de La Speloncia
di Feltre. Questo il responso della giuria tecnica (formata da esperti e assaggiatori) che ha esaminato quasi 400 formaggi del
Veneto assegnando 37 medaglie doro per ciascuna categoria di appartenenza. Ma quello del Piave Dop di Lattebusche stato
un trionfo su tutta la linea, perch stato incoronato dalla giuria aurea come il migliore dei migliori nella sezione formaggi Dop
stagionati (imponendosi anche sui campioni delle categorie Grana Padano, Montasio, Asiago stagionato). La giuria, formata da
rappresentanti della stampa nazionale di settore, ha degustato i 37 formaggi gi premiati con una medaglia doro, assegnando
quattro premi ai top formaggi 2016 suddivisi per categoria. E il Piave Dop di Lattebusche spicca tra i Dop stagionati. Una votazione che ha messo daccordo anche la giuria popolare, che ha confermato il verdetto degli esperti. I consumatori hanno ribadito il premio al Piave Dop, che andato in questo caso al casaro che lo ha realizzato. Secondo posto per il formaggio di capra
dellazienda agricola San Romedio di San Gregorio. Lattebusche festeggia inoltre il terzo posto del Montasio Dop fresco. Spostandosi dallaltra parte del ponte di Busche, terzo il formaggio a pasta dura stagionato oltre dieci mesi della Latteria sociale di
Lentiai. Qualche numero della manifestazione di Piazzola sul Brenta rende lidea del prestigio dei riconoscimenti: superata la
quota delle 30 mila visite della passata edizione, quasi 400 formaggi esposti nella mostra della Sala delle conchiglie, 78 realt
produttive, 37 medaglie doro, 4 premi assegnati dalla giuria aurea formata da stampa nazionale, 4 premi ai casari assegnati
dalla giuria popolare.
da Il Corriere delle Alpi del 27 settembre 2016

Le due aziende hanno chiesto a Comune e Provincia di poter ampliare le proprie superfici.
Il vicesindaco Andrea Biasiotto: Ottime notizie che porteranno nuovi posti di lavoro.

Quero, crescita in vista per Imv e Birrificio

QUERO VAS. LImv spa di Quero crede nel territorio del Basso Feltrino e amplia la propria attivit con nuove tecnologie e nuovi
posti di lavoro. In un periodo storico in cui si parla troppo spesso di aziende in crisi e che chiudono, ecco invece un caso inverso
in cui unattivit funziona e che addirittura punta a implementare le proprie strutture e il proprio personale. Si tratta di un ampliamento in deroga, spiega lassessore allurbanistica Andrea Biasiotto. Un ampliamento importante, che verr realizzato in
due tempi, e che permetter allazienda di insediare tutte le lavorazioni meccaniche che attualmente fa realizzare allesterno.
Invece di spostare lazienda che produce articoli in acciaio mediante stampaggio a freddo, i titolari hanno invece deciso di dar
vita a un ampliamento proprio nel sito querese. Consideriamo positivamente questa scelta - prosegue il vicesindaco - anche
perch vuol dire che un'azienda che sta bene, che cresce e che d possibilit di nuova occupazione. Unazienda quindi che
si specializza e che diventa sempre pi tecnologica. LImv spa ma non solo. Anche la birra va forte, e per sopperire alla necessit di potenziare la propria produzione, il Birrificio di Quero si sposta e si e si amplia. Attualmente lattivit ha problemi di spazi
e di crescita per cui i proprietari hanno in animo la realizzazione di un nuovo sito produttivo con annesso locale di degustazione.
Entrambe le attivit hanno avuto il parere favorevole del consiglio provinciale - conclude il vicesindaco Biasiotto - e ora avranno lultimo passaggio in consiglio comunale. E infatti questi due argomenti faranno un passaggio tecnico questa sera alle 20 in
consiglio comunale di Quero Vas. Oltre a questo si parler dellacquisto di un immobile a Schievenin, del regolamento per il sostegno finanziario delle micro attivit commerciali e artigianali operanti nel Comune, alcuni passaggi tecnici e poi si aprir la discussione proposta dal gruppo Il ponte in merito a coltivazioni intensive di vigneti in prossimit del centro abitato.
da Il Gazzettino del 29 settembre 2016

Il consiglio comunale di Quero Vas

La minoranza: Ok le aziende in crescita,


ma rispettino le norme
QUERO VAS. Le approvazioni delle varianti urbanistiche riguardanti lampliamento del Birrificio di Quero e della Imv hanno
animato il consiglio comunale di gioved. Mauro Miuzzi (minoranza), pur se favorevole, ha sollevato alcune perplessit riguardanti la regolarit delle procedure che hanno portato il progetto in consiglio. Per la Imv Miuzzi non ha rivelato tali irregolarit.
Per il birrificio ha invece elencato pi aspetti che non consentirebbero al consiglio di approvare. Fra essi limpossibilit di poter
consultare file e versione cartacea dei progetti, la non presa in considerazione nella conferenza decisoria di quanto
Obiettato in quella istruttoria, leccessivo aumento di metratura, da 145 mq a 807 quando la legge permette al massimo di raddoppiare, i 495 mq di area commerciale che trasforma lattivit produttiva in esercizio pubblico e laccesso viario che non rispetterebbe il codice della strada. Il vicesindaco Andrea Biasiotto, che presiedeva la seduta, ha per deciso di procedere alla votazione in quanto se il responsabile del procedimento non ha sollevato obiezioni, non c motivo di non fidarci di quanto stato
giudicato regolare. Il consigliere Diego Luban ha invitato la minoranza a tener conto del difficile momento congiunturale ma,
pur ribadendo di essere favorevole al progetto, lintero gruppo de Il ponte non ha partecipato al voto. Fra i restanti punti
listituzione di un fondo di solidariet per aiutare piccole attivit commerciali e artigianali, il recepimento del decreto del presidente della Repubblica che autorizza il nuovo stemma col conseguente inserimento nello statuto comunale e la sostituzione del
consigliere di maggioranza Cristian Corr nellUnione Montana Feltrina con Antonio Miotto.
da Il Gazzettino del 1 ottobre 2016

25

RASSEGNA STAMPA

Lingua blu, la testimonianza del pastore residente a Fener

Boldrin: Su 500 capi perso il 30 per cento


ALANO DI PIAVE. Un centinaio, fra pecorelle e capre, sono le vittime della malattia blue tongue che ha falcidiato le greggi ad
Alano di Piave, primo luogo del Feltrino dove si manifestato il focolaio. La conta dei danni riguarda soprattutto due allevamenti, con due tenutari differenti ma contigui e uniti fra loro. Su cinquecento capi, complessivamente, ne abbiamo perduti il 30 per
cento secondo le previsioni di morbilit e mortalit che ci erano state prospettate dai servizi competenti, dice Marco Boldrin
che si trasferito con il gregge in una localit del monte Tomba in attesa di poter discendere a valle quando gli animali avranno
maturato l'immunizzazione. A giorni le greggi scenderanno a pascolare sulle grave del Piave. A mio avviso la moria maggiore
quella che ha riguardato le specie pi selezionate, come le pecore biellesi pure e le femmine in gestazione. Servizi e Comune
hanno fatto tutto il possibile dal punto di vista procedurale e burocratico. Ma se posso fare una critica costruttiva, a mio avviso
molte bestie potevano essere salvate. Intervenendo subito, con leutanasia, su quelle che a un esame obiettivo si vedeva che
erano segnate dalla malattia. Io li vedevo, i miei animali: quelli malati ciondolavano ed erano intontiti, un po' come gli umani
quando hanno una temperatura corporea superiore ai quaranta gradi. Il gregge intero mostrava turbamento per il destino dei
consimili. Persino i cani si rifiutavano di eseguire il ruolo di pastore sulle bestiole malate. Per Marco Boldrin la pastorizia l'unica fonte di reddito che garantisce poco pi che la sopravvivenza, ammette lo stesso. E oltretutto non gode di copertura assicurativa per danni al patrimonio zootecnico avendo stipulato una polizza solo per calamit naturali: un fulmine che si abbatta su
un gregge, pu fare una strage. Sono originario di Venezia e sei anni fa mi sono trasferito in zona Fener. Da allora mi sono
dedicato a questo settore puntando sulla riproduzione, considerati gli elevati indici di fecondit delle pecore. Ho iniziato a Fener
con tre pecore e un montone. Sono arrivato a un gregge, fra capre e pecore, di 350 capi. Ma lanno scorso, mi sono risolto a
venderne parecchi. Il lavoro difficile stato quello dellavvio della gestione dell'emergenza, a focolaio individuato. Spiega Marco Boldrin: Quando si evidenziato il problema, non era chiaro se dovessimo rimanere in un posto o esiliarci altrove. Noi ci
siamo attenuti alle prescrizioni e abbiamo levato le ncore dal paese quando ci stato richiesto. Il fatto che siamo pastori nomadi, non stanziali, e i nostri animali sono abituati a pascolare allaperto. Capre e pecore, cos abituate, non si ricoverano nelle
stalle e restano fuori anche per partorire. Abbiamo dovuto provvedere a recinzioni man mano che si spostavano da un punto del
pascolo allaltro, ma non abbiamo potuto evitare i loro spostamenti, per quanto confinati, per dar loro modo di alimentarsi.
da Il Corriere delle Alpi del 30 settembre 2016

BASSO FELTRINO. Sempre a causa della lingua blu, la terza edizione della desmontegada dal Piz a Quer pasando par Lan,
in programma sabato 1 ottobre, stata annullata in seguito a una circolare dellUlss 2 di Feltre che stabilisce che tutte le mucche devono essere trasportate con camion e trattori con rimorchi dalle malghe alpine direttamente alle stalle del paese.

A giorni inizieranno i lavori per la realizzazione di un parco dedicato alle famiglie

Spiaggia, giochi e chiosco lungo il Piave a Caorera


QUERO VAS. Turisti, villeggianti e cittadini potranno, il prossimo anno, godere di una zona dedicata al tempo libero, con parco
giochi, spiaggia, panchine e un chiosco per dissetarsi. Il tutto nel Comune di Quero Vas. Terminata la Sagra della zucca santa
bellunese a Caorera pronta ad aprirsi una stagione di grandi lavori nella zona del parco del Piave. Partiranno infatti in questi
giorni le opere di riqualificazione e valorizzazione dellarea di questa frazione di Quero Vas. Lavori importanti che daranno un
nuovo volto e un nuovo indirizzo turistico a tutta questa zona. Andremo a sistemare il parco - spiega il sindaco di Quero Vas
Bruno Zanolla - con tutto il sistema di convogliamento delle acque, la realizzazione di barbecue per chi vorr fare una grigliata
in compagnia, unarea giochi dedicata ai bambini, una piccola spiaggia per chi vorr andare a prendere il sole, panchine per chi
vorr fare una passeggiata e vorr riposarsi allombra di qualche albero e un chiosco. Non un semplice chiosco fisso, ma un
chioschetto mobile a forma di zucca, il prodotto tipico di questa zona. Infine, verr realizzata la pavimentazione della zona del
capannone della Pro Loco di Caorera - prosegue Zanolla - tutti questi interventi vanno a completare quello che gi stato realizzato, ossia il fabbricato che vede al suo interno i bagni e un punto informativo/sede della Pro Loco Caorera. I lavori, che
hanno un costo complessivo di 360mila euro finanziati dai fondi ex Brancher, saranno realizzati dallazienda Mazzon. Lo start in
questi giorni e poi si lavorer per cercare di stringere i tempi che saranno per dettati dalle condizioni meteorologiche.
da Il Gazzettino del 6 ottobre 2016

Unopera di Elvio Meneghetti


per ricordare Orazio Piccolotto
di Silvio Forcellini
Nel numero scorso abbiamo ricordato - a ventanni dalla sua scomparsa la figura di Orazio Piccolotto, indimenticabile sindaco di Alano, proponendo allamministrazione alanese di dedicargli una via, una piazza o, meglio
ancora, un edificio pubblico (la scuola o la biblioteca, ad esempio). Lo
scorso 9 ottobre, anniversario della morte, in occasione della Fiera di Autunno abbiamo scattato questa foto, allinterno del brolo di propriet della
famiglia Piccolotto, in piazza Martiri, che ritrae una scultura raffigurante
Orazio, opera del maestro Elvio Meneghetti.

26

ATTUALIT

COMUNE DI QUERO VAS


PROTEZIONE CIVILE DI QUERO
In collaborazione con
PRO LOCO QUERO, GRUPPO ALPINI MONTE CORNELLA, ALPINI MEDA VIA, COMITATO FESTEGGIAMENTI
SAN VALENTINO, AMICI DI CARPEN E IL VOLONTARIATO LOCALE

ORGANIZZANO
SERATA DI SOLIDARIETA PER AMERIGO
SABATO 29 OTTOBRE ALLE ORE 19.00
PIAZZA MARCONI - QUERO
PROGRAMMA:
ORE 19.00: INIZIO SERATA CON IL MONDO DEL VOLONTARIATO LOCALE
ORE 19.30: CENA DI SOLIDARIETA A BASE DI MINESTRONE E SPEZZATINO
CON POLENTA
ORE 21.00: CONCERTO SOLIDALE CON IL COMPLESSO ROCK KEY
TUTTO IL RICAVATO ANDRA A SOSTEGNO DEL PROGETTO DI SOLIDARIETA RIVOLTO AL VOLONTARIO AMERIGO
SCHIEVENIN COINVOLTO NELLAZIONE GIUDIZIARIA PER I FATTI ACCADUTI NELLESTATE 1997 DURANTE LA
MANIFESTAZIONE APE-CAR IN VALLE DI SCHIEVENIN DOVE AMERIGO SVOLGEVA LA SUA ATTIVITA DI
VOLONTARIO PER CONTO DELLASSOCIAZIONE PRO SCHIEVENIN.
Si ringraziano gi da ora tutti coloro che parteciperanno a questo evento di solidariet verso un nostro concittadino

27

ATTUALIT

REGIONE VENETO
UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 2
32032 FELTRE (BL)
U.O.S./D. CONSULTORIO FAMILIARE TUTELA MINORI

Care mamme, l'Ostetrica del


Consultorio Familiare propone gli

INCONTRI dopo il PARTO


dedicati a tutte le mamme con i loro bambini
neonati PER CONDIVIDERE L'ESPERIENZA
DEL PARTO, PER SOSTENERE
L'ALLATTAMENTO AL SENO,
PER IL MASSAGGIO DEL NEONATO

il MARTED dalle 14.00 alle 16.00

in biblioteca ad Alano il primo e il terzo marted del mese


in biblioteca a Quero il secondo e il quarto marted del mese

Portare: olio vegetale per massaggio, asciugamano, calzini


OTTOBRE
NOVEMBRE
DICEMBRE

--------6 ALANO

8 QUERO
13 QUERO

15 ALANO
20 ALANO

25 QUERO

29 QUERO
--------------

Per ogni informazione si pu contattare:


l'Ostetrica del Consultorio Familiare Distretto di Fener
il marted mattina dalle 8.30 alle 12.30 al numero 0439.789346 oppure contattare dal luned al venerd
Telefono Bianco n. 3293194100 dalle ore 8 alle ore 13.00
oppure la segreteria al n. 0439 883170 dalle ore 9.00 alle ore 12.30
U.O.S./D. Consultorio Familiare tutela minori
Viale Marconi 7 - 32032 Feltre (BL)
Tel 0439 883170 Fax 0439 - 883172
E-mail:
consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.it

Biblioteca Comunale di Quero


Via Nazionale, 16 - 0439.787097
marted 9.30-12.30 e 14.30-18
gioved 14.30-18
sabato 10.30 -12.30

TENNIS

Tennis: 10a edizione torneo Astra Quero

Si conclusa la decima edizione


del torneo di tennis "Astra
Quero" con la riconferma del
titolo per Piero Corr nel torneo
maschile , un po' a sorpresa,
della giovane Anna Dal Canton
nel femminile.
Una trentina i partecipanti da
tutta la pedemontana conclusasi
con due belle ed incerte finali.
Cogliamo
l'occasione
per
ricordarvi che il 17 settembre ha
riaperto la scuola tennis (17
anno)
diretta
dall'istruttore
federale Roberto Durante.
Le iscrizioni sono ancora aperte.
Per informazioni chiamare il nr:
338/3717726
E.mail: robydurante@tin.it

28

ATTUALIT

Quando guidi #guidaebasta

Che lutilizzo del cellulare mentre si sta


alla guida, non solo per la telefonia ma
anche per la messaggistica e addirittura
per i selfie, stia ormai dilagando in modo
incontenibile oramai sotto gli occhi di
tutti e la percentuale del 12,4% stimata
un paio di anni fa dall'Asaps (Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale)
di utilizzo irregolare del telefonino, oggi ampiamente superata. Ma, se complicato stabilire con certezza quanti incidenti sono causati dall'utilizzo scriteriato del telefonino mentre si al volante, accertato che la conversazione telefonica durante la guida abbassi la capacit di attenzione in percentuali elevate. Se poi si maneggia lo smartphone per inviare un messaggio se ne vanno mediamente 10 secondi; come dire che a 80 km/h vengono percorsi oltre
220 metri (praticamente due campi e di calcio) di fatto al buio. Un ulteriore dato che deve portare a riflettere l'aumento sia della mortalit stradale sia della percentuale delle fuori uscite per sbandamento. Le sanzioni previste per chi viola lart. 173 del Codice della Strada (che ha introdotto il divieto durante la guida di uso di cuffie sonore; di utilizzo di apparecchio telefonico che comporti l'uso della mano, di utilizzo di apparecchio telefonico viva voce o auricolare a
conducenti riconosciuti privi di adeguate capacit uditive) sono: 161 euro e decurtazione di 5 punti a cui si aggiunge (pochi lo sanno) la sospensione della patente da 1 a 3 mesi qualora lo stesso conducente compia una violazione nel corso di un biennio.

Operazione colombi

ASTERISCO

di Nella Botto Tadozzi

Non so se anche voi avete avuto il problema dei colombi. Mio suocero non li sopportava e le aveva provate tutte per allontanarli: gli spunci di metallo, la carta delluovo di pasqua, i campanelli tibetani che suonano al vento, le palline di
naftalina, il repellente spray, lapparecchio delle scosse elettriche (anche se lunico che ne ha presa una stato lui).
Per non parlare di quella volta che era andato a controllare in soffitta se ne erano entrati dal lucernario mentre
lantennista lavorava sul tetto. Poi, quando aveva provato a scendere attraverso la botola, non ne era pi stato capace
per via della sua bella pancia a D. Era rimasto incastrato con le gambe penzoloni in corridoio e tutto quel che era riuscita a tirare mia suocera erano stati i calzini e le pantofole. Sembravano le comiche. Fortuna che dopo unora mio marito era tornato dal lavoro, si era attaccato come un campanaro alla corda e finalmente lo aveva tirato gi.
Ma quello che a mio suocero veniva meglio era battere le mani ogni volta che arrivava un colombo e per farlo si sporgeva dal balcone, cos mia suocera credeva che applaudisse alla vedova Baudino che curava i fiori sul poggiolo a tutte
le ore e con tanti sorrisi, e allora apriti cielo ogni volta.
Insomma, dopo tutti sti tentativi infruttuosi, un suo cugino in seconda gli aveva suggerito un rimedio infallibile.
Si doveva essere in due; poi bisognava
- comprare un bel po di petardi
- prendere una scopa
- individuare il posto preferito dei colombi che di solito sempre sopra i fili dove si
stende il bucato e appostarsi il pi vicino possibile e infine, contemporaneamente,
- far scoppiare i petardi e battere con forza la scopa sul muro prossimo alle bestie e

rito era tornato dal lavoro, si era attaccato come un campanaro alla corda e finalmente lo aveva tirato gi.
Ma quello che a mio suocero veniva meglio era battere le mani ogni volta che arrivava un colombo e per farlo si sporgeva dal balcone, cos mia suocera credeva che applaudisse alla vedova Baudino che curava i fiori sul poggiolo a tutte
le ore e con tanti sorrisi, e allora apriti cielo ogni volta.
Insomma, dopo tutti sti tentativi infruttuosi, un suo cugino 29
in seconda gli aveva suggerito un rimedio infallibile.
ASTERISCO
Si doveva essere in due; poi bisognava
- comprare un bel po di petardi
- prendere una scopa
- individuare il posto preferito dei colombi che di solito sempre sopra i fili dove si
stende il bucato e appostarsi il pi vicino possibile e infine, contemporaneamente,
- far scoppiare i petardi e battere con forza la scopa sul muro prossimo alle bestie e
andare avanti fino al conseguimento dellobiettivo.
Dopo qualche settimana di tutto questo cine, per i due era una questione di vita o di
morte e son convinta che lo fosse anche per i piccioni. Sennonch mia suocera e la
moglie del cugino, stufe di quel baccano inconcludente, un bel giorno hanno chiamato un marito in affitto per fargli installare lungo i cornicioni alcuni punti luce intermittente di una certa rclame.
Cos i colombi se ne sono andati e sono arrivate le gazze ladre.
Grazie a Settimo Rizzotto per la foto del colombo

LETTERE AL TORNADO

Gruppo Amici della Montagna


Resoconto delle escursioni
E' stata una splendida giornata di sole, domenica 11 settembre. Il gruppo
partito da San Vito di Cadore per raggiungere la prima tappa al rifugio
Scotter e proseguire dopo un buon caff verso il rifugio San Marco a
circa 1800 m. Proseguendo si raggiunge la Forcella Grande dove si
possono ammirare il Gruppo del Sorapis e le Marmarole. La Forcella
Piccola invece, offre uno spettacolare panorama del Gruppo dell'Antelao
e le Marmarole. Queste vaste montagne rocciose formano insieme il
Gruppo dell'Antelao, le Marmarole e il Sorapis. Il rifugio ai piedi di queste
cime gestito in maniera ancora casalinga. Si assapora infatti la
familiarit e la cortesia dei gestori, un buon piatto di pasta viene servito
fresco senza precottura. La gita del gruppo continuata verso un altro
rifugio, il Galassi per poi seguire la strada del ritorno.
Qui a fianco: 28 agosto 2016 Rif. Fontanafredda - Passo Staulanza.
(a cura del gruppo)
Pi sotto le altre foto testimoni delle escursioni.

30

ASTERISCO

Panorama di Quero (e) Vas


di Alessandro Bagatella

Da questa foto, tratta da una cartolina


fornitami da un
amico di Vas, si
pu notare, dallo
scatto di un fotografo sconosciuto, il
panorama che vedeva anche allora i
paesi uniti.
Si pu inoltre notare quanta campagna da lavorare
aveva Quero e anche Vas.
Oggi si notano i
cambiamenti con le
tante fabbriche costruite.
Buon segno per la
nostra emigrazione,
anche se non sonotutte rose quelle
che sbocciano.

ATTUALIT

Con Teatro del cuore a scuola di


teatro, lettura espressiva e scrittura creativa

Anche quest'anno, l'Associazione culturale Teatro del Cuore di Feltre organizza corsi di teatro, lettura espressiva e
scrittura creativa. Lofferta
riguarda bambini, ragazzi e
adulti. Il fondatore
dell'Associazione, Roberto
Faoro, anche il
conduttore dei corsi di
teatro e lettura espressiva.
Lavora sul territorio del
bellunese/feltrino da
vent'anni e ha messo in
scena opere teatrali di
grande spessore per
l'intensit degli argomenti
portati, o sarebbe meglio
dire ri-portati, all'attenzione
del pubblico. Fra i tanti
esempi: Ho giocato a carte
con l'assassino - Sergio
Saviane e i delitti di
Alleghe, per la regia di
Francesco Bortolini,
recentemente scomparso, e
Annegati di terra La storia
dei fratelli Bisaglia, per la
regia di Federico Bertozzi.
Casi culturali e politici di
rilievo e respiro nazionale.
La poetica del teatro che
Faoro porta nei corsi offerti
prende spunto dalla scuola
del compianto Nin Scolari,
drammaturgo padovano, fondatore del progetto Teatrocontinuo - un'isola di ricerca, scuola di sperimentazione fra le pi
importanti nel panorama nazionale. Come per Scolari, anche per Faoro il teatro un luogo di ricerca, di vita, di
sperimentazione, ma anche di conferme, di libert: "il sogno che si fa carne, il fantasma che si materializza, la
rivoluzione che si realizza, anche se per breve tempo" (Castaneda). Questa l'atmosfera che permea i corsi, formando
al teatro in modo professionale senza rinunciare a ci che deve emergere in modo determinante: la gioia di fare teatro.
I corsi di lettura espressiva consentono agli allievi di esplorare le potenzialit della voce, appropriarsi delle parole,
divertirsi nel leggere, scoprire il piacere di emozionare ed emozionarsi attraverso la lettura. Nell'offerta formativa

La poetica del teatro che


Faoro porta nei corsi offerti
prende spunto dalla scuola
del compianto Nin Scolari,
drammaturgo padovano, fondatore del progetto Teatrocontinuo
fra le pi
31 - un'isola di ricerca, scuola di sperimentazione
ATTUALIT
importanti nel panorama nazionale. Come per Scolari, anche per Faoro il teatro un luogo di ricerca,
di vita, di
sperimentazione, ma anche di conferme, di libert: "il sogno che si fa carne, il fantasma che si materializza, la
rivoluzione che si realizza, anche se per breve tempo" (Castaneda). Questa l'atmosfera che permea i corsi, formando
al teatro in modo professionale senza rinunciare a ci che deve emergere in modo determinante: la gioia di fare teatro.
I corsi di lettura espressiva consentono agli allievi di esplorare le potenzialit della voce, appropriarsi delle parole,
divertirsi nel leggere, scoprire il piacere di emozionare ed emozionarsi attraverso la lettura. Nell'offerta formativa
dell'associazione non mancano i corsi di scrittura creativa, condotti da Vania Russo, scrittrice e lettore editoriale
professionista. Il percorso ideato come un laboratorio di scrittura creativa dove i partecipanti possano acquisire
maggiore consapevolezza delle tecniche narrative, esplorando da un lato le conquiste teoriche della narratologia, e
mettersi alla prova, qualora lo si voglia, nei laboratori durante i quali la teoria si concretizza nella pratica e la
condivisione con gli altri partecipanti pu diventare un momento di crescita collettiva. I corsi di scrittura 2015/2016 si
sono conclusi con la realizzazione di un progetto editoriale: l'Antologia City Tales, pubblicata dalla Simple di Macerata,
che raccoglie nove racconti di altrettanti corsisti.
Per partecipare ai corsi necessario iscriversi contattando:
Roberto Faoro per il teatro e la lettura (robertofaoroteatro@gmail.com) e
Vania Russo per la scrittura (vania.russo@gmail.com).

Editoria. Censis: continua il calo dei quotidiani, tengono tv e radio


ROMA, 28 settembre 2016. - tv e radio godono di ottima salute, mentre continua il calo delle vendite dei quotidiani cartacei. E' la fotografia scattata nel 13mo rapporto censis-ucsi sulla comunicazione, presentato oggi a Roma. La televisione continua ad avere un pubblico coincidente con la quasi totalit della popolazione: il 97,5% degli italiani. I telespettatori aumentano ancora (+0,8% nell'ultimo anno), soprattutto quelli della tv digitale terrestre (+1,5%) e satellitare
(+1%), mentre gli utenti delle diverse forme di tv via internet (la web tv attraverso il pc e la smart tv) si attestano al
24,4% e quelli della mobile tv all'11,2%. La crescita cumulata per la tv via internet nel periodo 2007-2016 pari a +14,4
punti percentuali. Ottimi anche gli ascolti della radio, con una utenza complessiva pari all'83,9% degli italiani. Aumentano i radioascoltatori che utilizzano gli apparecchi tradizionali (+4,8% in un anno) e restano stabili gli altri vettori del
messaggio radiofonico, dopo una crescita complessiva nel periodo 2007-2016 dell'utenza della radio da smartphone
pari a +13,7% e della radio da internet via pc pari a +6,9%. Note dolenti invece per i quotidiani cartacei, che perdono
lettori, ridotti al 40,5% degli italiani (-1,4% nell'ultimo anno, -26,5% complessivamente nel periodo 2007-2016). Mentre
continua ad aumentare l'utenza dei quotidiani online (+1,9% nell'ultimo anno) e degli altri siti web di informazione
(+1,3%). Mantengono i propri lettori i settimanali (+1,7%) e i mensili (+3,9%), ma non i libri cartacei (-4,3% nell'ultimo
anno, con una quota di lettori diminuiti al 47,1% degli italiani), ancora non compensati dai lettori di e-book, che aumentano dell'1,1% nell'ultimo anno, ma si attestano solo al 10% della popolazione. (agi)

E Il Tornado ?

(M.M.) Inutile nasconderlo. Anche noi stiamo patendo un po la crisi, forse proprio per la propensione a scegliere canali di lettura diversi da parte delle nuove generazioni. Molte cancellazioni che registriamo sono dovute allet avanzata
dei nostri abbonati e i nuovi arrivi non riescono a tenere il passo degli abbandoni. Siamo ora in 1.230 (milleduecentotrenta), con una flessione di venti unit rispetto alla vetta storica Poca cosa direte, ma pur sempre un meno 1,60%.
Noi ce la metteremo tutta per recuperare altri lettori, sperando anche nel volano del vostro passaparola.

CRONACA

Anna Maria e Vittorio: 50 anni assieme


segnalazione di Renata Mazzocco

Cinquantanni di matrimonio
sono decisamente un bel
traguardo; un tempo in cui si
sono condivisi gioie, dolori,
fatiche, speranze, sogni,
delusioni, ma anche tante
soddisfazioni.
E allora, perch non augurare
ad Anna Maria Dalla Favera e
Vittorio Fioravanti, residenti a
Quero, ancora tanti anni da
trascorrere assieme?
Dai soci del Circolo Auser Al
Caminetto un augurio speciale
e le pi vive congratulazioni.
In foto: gli sposi nella chiesa di
Santa Maria di Quero, dove il 24
settembre hanno rinnovato la
loro promessa damore,
circondati con affetto dai
famigliari.

32

LETTERE AL TORNADO

A tutti i collaboratori, amici e sostenitori


La Comunit Villa San Francesco e la Cooperativa Sociale Arcobaleno 86 Onlus illustra i contenuti educativi, le attivit sociali, artistiche, formative e lavorative offerte a chi personalmente, con la propria famiglia, in gruppo e con associazioni, desidera conoscere quanto indicato per eventualmente anche fruirne.
ACCOGLIENZA GRUPPI
Visite guidate al Museo dei Sogni,
Memoria, Coscienza e Presepi. E bene prenotare con largo anticipo. Sono
oramai 3500 le visite guidate fatte con
parrocchie, scuole, associazioni, movimenti, gruppi sportivi.
ORTOFLORICOLTURA
Ricordiamo che per tutto il mese di ottobre presso la nostra Cooperativa
Sociale Arcobaleno 86 in Via Calcin,
11 Loc. Casonetto Feltre sono a disposizione bellissimi CRISANTEMI.
Qualora vorreste prenotarli potete inviare una e-mail al seguente indirizzo:
info@comunitavsfrancesco.it, telefonare allo 0439/300180 (Ennio) o
0439/80668 (Silvano) oppure recarvi
direttamente in Cooperativa. I nostri
soci passeranno anche per i 40 paesi
del Feltrino, porta a porta, a partire dal
20 di ottobre c.a.
E evidente che il passaggio di questa
nota riguarda persone residenti anche nelle provincie a noi vicine, e non quelle lontane.
LABORATORI DI ASSEMBLAGGIO E MANUTENZIONE DEL VERDE
Chi intendesse fruire del nostro laboratorio di assemblaggio, per la propria attivit produttiva e commerciale, ci contatti
liberamente. Siamo a disposizione per eventuali esigenze aziendali, e garantiamo la massima seriet e tempistica nel
lavoro. Assembliamo per Lattebusche, Fabbrica Birreria Pedavena e Mauser Group.
Questo vale anche per la manutenzione del verde privato, come pubblico.
Siamo grati a quanti vorranno diffondere la nostra offerta laboratoriale ad amici e conoscenti eventualmente interessati.
La Cooperativa Sociale Arcobaleno 86 vive solo del proprio lavoro ed accoglie 8 soci lavoratori in difficolt.
SOGNI ANTICHI
Gli oggetti prodotti nei nostri laboratori di ceramica, ceramica raku, vetrofusione, sono venduti presso la Cooperativa
Sociale Arcobaleno 86 e la Casa Emmaus- Casa degli Affreschi. Dove invitati, siamo presenti anche nei mercatini solidali. Vengono prodotti su ordinazione anche ricordi personalizzati e per battesimi, comunioni, cresime, matrimoni,
manifestazioni sportive e culturali.
ALFA e OMEGA, PRINCIPIO e FINE
Continua la raccolta di ferro per realizzare unopera di grandi dimensioni sul tema ALFA e OMEGA, PRINCIPIO e FINE
che vi gi stato inviato nel mese di agosto e che sar in mostra a Natale 2016 al Museo dei Sogni.
Siamo grati a quanti, da ogni angolo del mondo, hanno fatto pervenire un pezzo di ferro per liniziativa e ricordiamo che
chi vuole partecipare pu inviare il proprio ferro, scultura, strumento e simbolo legato anche a storie di sogni, fatiche,
miniere, guerre, valori, alla Comunit Villa San Francesco allindirizzo in calce o consegnare allArcobaleno 86 a Feltre, se possibile entro il 31 ottobre 2016.
FORESTERIA EMMAUS E TREQUERCE
Offerta ricettiva a gruppi fino a 14 unit.
APERTURA ANNO COMUNITARIO E PRESENTAZIONE DEL TEMA EDUCATIVO
Luned 17 ottobre 2016, ore 20:00, Casa Emmaus in Facen di Pedavena (BL).
Ennio DE POI Segretario Segreteria della Comunit Villa San Francesco Via Facen 21 - 32034 Facen di Pedavena
(BL) Tel. 0439-300180Fax0439-304524 - e-mail: info@comunitavsfrancesco.it - Sito: www.comunitavsfrancesco.it

Zona industriale - 31040 Segusino (TV)


Tel. 0423.979282

DUE ESSE s.n.c.


di Stramare Nicola e Oscar
Via S. Rocco, 39 - 31040 SEGUSINO (TV)
Telefono e Telefax 0423.979344
Via della Vittoria - 32030 FENER (BL)
Telefono 0439.789470

ONORANZE
FUNEBRI

PRENOTA SUBITO!
LIBRI

SCOL

ASTIC

DI TUTTE LE MATERIE
per le scuole elementari,
medie e superiori

DA NOI

CONVIENE !
co
Simpati IO
G
OMAG

SCONTO 10%

SU TUTTI I TESTI SCOLASTICI


SERVIZIO COPERTINE

GRATUITO

libri garantita entro 3 giorni


Fornitura
(con disponibilit a magazzino)

Tempestivo aggiornamento

sullo stato degli ordini in corso

Rasai di Seren del Grappa (BL) - Z.I. - Via Quattro Sassi, 4/C - Tel. 0439.394113
info@libreriaquattrosass.it - www.libreriaquattrosass.it
Orari libreria: da marted a sabato 9.00-12.30 e 15.00-19.00 - domenica e luned 15.00-19.00

grafica - stampa
editoria - libreria
z.i. RASAI di Seren del Grappa (BL)
Via Quattro Sassi
DBS TIPOGRAFIA - EDIZIONI DBS
Tel. e Fax. 0439 44360 - 0439 448300
OCCHIO - Tel. 0439 44111
LIBRERIA QUATTRO SASS
Tel. 0439 394113

commerciale@tipografiadbs.it
www.tipografiadbs.it

di Ferdinando Carraro
PITTORE RESTAURATORE
Via Roma - Quero (BL) - Cell. 339.2242637

Azienda Agricola

SIMIONI DAVIDE
VENDITA ORTAGGI
E FRUTTI DI BOSCO
Via della Vittoria, 15 - FENER
Cell. 392.6391164
seguici anche su facebook

ONORANZE FUNEBRI SPADA


VALENTINO

SPADA

MARMI E BRONZI
CIMITERIALI
TRASPORTI NAZIONALI
ED ESTERI
CREMAZIONI
SERVIZIO 24 H

TEL. 0423 69054 - 348 5435137


SERVIZI FUNEBRI A PARTIRE DA 1.800
CON POSSIBILIT DI RATEIZZAZIONE
ACCORDI CON VISITE A DOMICILIO SU VOSTRA
RICHIESTA CON GARANZIA DI CONVENIENZA,
SERIET E PERSONALE QUALIFICATO

CONSEGNA A DOMICILIO

Via F. De Rossi, 16/C - ALANO DI PIAVE (BL)


Tel. 0439 776002 - 349 1466314

VIVAIO - PIANT E

di Mondin Duilio

CRISANTEMI IN VASO E RECISI


Via Feltrina - 32038 QUERO (BL) - Cell. 338.1689292
E-mail: mondingiardini@gmail.com - mondingiardini.blogspot.com