Sei sulla pagina 1di 32

Quindicinale

Anno XXX

12.11.2009
Numero

550
periodico di attualità dei comuni di alano di piave, quero, vas, segusino

Uomini di parola... - pag. 1


Consiglio Comunale di Alano - pag. 2
Poesia è... - pag. 3
Fast Food? No meglio Slow Food! - pag. 4/5
Rifiuti: riciclare o incenerire?
Incontro pubblico a Quero - pag. 17
Chiuso in redazione il 02.11.2009
http://digilander.libero.it/tornado
Tassa pagata/Taxe Perçue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DCB BL
AL MOLIN
Taglio muri
Carotaggi
Ristorante - Pizzeria
Fori su ogni tipo di muratura e spessore
(muri a sassi, cotto e cemento)
Per l’adeguamento alla legge sulle fughe di gas

Tel. 0439.787310 Cell. 328.3577366


Dalla Piazza Livio via Monte Cornella, 40
32030 QUERO (BL)

Per rinnovare la tua casa

todoverto di Todoverto Paolo & C.


S.N.C.

SPECIALITà PESCE imbiancature interni - esterni


termocappotti - spatolati
ALANO DI PIAVE
Piazza dei Martiri, 13 - Tel. 0439.779129 Alano di Piave • Via Caduti e Dispersi in Russia
- chiuso il martedì - Tel. 0439.779208 - Cell. 348.7346084

PRODUZIONE E INGROSSO
Abbigliamento da Lavoro Detergenza Professionale

Abbigliamento Promozionale 455 Cartaria


(t-shirt-cappellini-pile-felpe-ecc..)
Dispositivi Protezione Individuale
Personalizzazioni con
Ricami e Serigrafia Articoli Monouso per Ristorazione

Articoli per Sagre e Feste


Orario: 09:00/12:00 - 14:30/18:00 - Sabato chiuso
VIA DEL FAGHER, 12/B 32030 QUERO- BL
TEL.: 0439788529 FAX: 0439829938 E-mail: mr_info@libero.it www.mringrosso.it
il tornado Sede: Via J. Kennedy - 32031 FENER (Belluno). direttore responsabile: Mauro Mazzocco. redattori: Sandro Curto, Silvio Forcellini. collaboratori:
Alessandro Bagatella, Francesco Dal Canton, Ivan Dal Toè, Gianni De Girardi, Antonio Deon, Foto Comaron, Fotocolor Resegati, Silverio Frassetto, Ermanno Geronazzo, Cristiano
Mazzoni, Sergio Melchiori, Antonio Spada, Andrea Tolaini.
abbonamenti: italia Abbonamento annuale (18 numeri)  20,00 ESTERO Abbonamento annuale (18 numeri)  40,00.
L’abbonamento può essere sottoscritto o rinnovato nei seguenti modi: 1- versando la quota sul c/c postale n. 10153328 intestato alla pro LOCO di FENER;
2- pagando direttamente ad uno dei nostri seguenti recapiti: NEGOZIO “DA MILIO” - Alano; Gelateria due valli - Fener; MAURO MAZZOCCO - Quero; ALESSANDRO BA-
GATELLA - Quero; LOCANDA SOLAGNA - Vas; ANTONIO DEON - Vas; BAR “LE BOLLICINE” - Scalon; bazar di A. Verri - Segusino.
1
2 cronaca
nata in sordina alcuni anni fa ma che si sta rivelando talmente partecipata che, per il futuro, richiederà una riflessio-
ne» (articolo di Fulvio Mondin, da “Il Gazzettino” di sabato 24 ottobre).
La raccolta firme promossa nella frazione è già arrivata a quota 600

Riduzione di orario alle poste di Fener,


incontro interlocutorio in Prefettura
di Silvio Forcellini
Incontro interlocutorio, quello svoltosi martedì 27 ottobre in Prefettura a Belluno. Attorno al tavolo del prefetto, dottor
Carlo Boffi, si sono riuniti gli amministratori di quei Comuni (Alano di Piave, Arsiè, Trichiana e Ponte nelle Alpi) inte-
ressati dalla riduzione di orario messa in atto da Poste Italiane in alcuni uffici postali operanti nel territorio di compe-
tenza, i rappresentanti dei comitati spontanei di cittadini formatisi in difesa dell’orario tradizionale (per la frazione fe-
nerese era presente l’avvocato Sonia Rinaldo), il presidente della Provincia di Belluno Gianpaolo Bottacin e, ovvia-
mente, Poste Italiane nella persona del direttore provinciale, dottoressa Francesca Massagli. I quattro sindaci (Fa-
bio Dal Canton di Alano di Piave, Ivano Faoro di Arsiè, Giorgio Cavallet di Trichiana e Roger De Menech di Ponte
nelle Alpi), decisi a far fronte comune contro una decisione che penalizza i propri cittadini, hanno ricordato i proble-
mi di chi abita un territorio particolare come quello bellunese, contestando con argomenti inoppugnabili una deci-
sione unilaterale presa a Roma da Poste Italiane sulla base di parametri validi in tutto il territorio nazionale ma che
non tiene affatto conto dei disagi del vivere in montagna. Hanno sottolineato inoltre il fatto che, in occasioni prece-
denti, la riduzione di orario, pur se inserita in un’ottica di razionalizzazione del servizio, non è stata altro che il primo
campanello d’allarme che ha portato, alla fine, alla chiusura definitiva degli uffici. Sulla stessa lunghezza d’onda an-
che il presidente provinciale Gianpaolo Bottacin, che ha dichiarato: «Iniziare a garantire un mezzo servizio ai citta-
dini è solo il preludio alla cancellazione totale dello stesso, e noi non possiamo accettarlo. Soprattutto per le zone
periferiche di montagna, quello degli uffici postali è un servizio storicamente essenziale e un presidio importante».
Poste Italiane ha replicato manifestando anzitutto la sua intenzione a non chiudere affatto gli uffici in oggetto, ma ha
motivato la riduzione d’orario con il numero di operazioni medie giornaliere che vi si svolgono, ritenute non soddi-
sfacenti, promettendo altresì una maggior attenzione alla qualità del servizio nei tre giorni di apertura. A parte il fatto
che la qualità del servizio dovrebbe essere una pre-condizione assodata, a prescindere dalle ore di apertura, è sta-
to anche obiettato dai presenti che la chiusura nei rimanenti tre giorni della settimana comporta, a Fener come negli
altri paesi interessati, il formarsi di lunghe code alla cui vista molti potenziali clienti si sottraggono preferendo recarsi
in uffici meno affollati nelle vicinanze: per forza, poi, le operazioni in loco non sono quelle auspicate! La riunione in
Prefettura si è conclusa con la richiesta di un nuovo incontro tra le parti, sollecitato dal prefetto Boffi e da tenersi en-
tro il mese di dicembre, in cui Poste Italiane dovrebbe dare una chiara risposta in merito alle sue intenzioni future.
Per il momento, dunque, l’orario dell’ufficio postale di Fener rimarrà invariato: aperto il lunedì, il mercoledì e il saba-
to dalle ore 8.30 alle ore 14.00. Continua, nel frattempo, la raccolta di firme contro la riduzione dell’orario promossa
nella frazione dagli avvocati Sonia Rinaldo, Cinzia Rinaldo e Matteo Maccagnani, petizione cui hanno già aderito
più di 600 cittadini.

Consiglio comunale di Alano


di Ivan Dal Toè
Assente giustificato il sindaco Fabio Dal Canton, il Consiglio comunale approva il piano casa e, prevedendo un ulte-
riore bonus di sconto sugli oneri di urbanizzazione, dà un forte segnale all’incentivo della bioedilizia e all’utilizzo di
fonti rinnovabili. Nonostante la sintonia e l’atteggiamento di collaborazione che ha visto protagonisti maggioranza
ed opposizione, l’adozione della legge regionale discussa venerdì 30 ottobre sul filo della scadenza approvativa, si
è però dimostrata un parto difficile. Dubbi interpretativi in merito alla definizione di prima casa hanno visto protrarsi il
dibattito per oltre un’ora necessitando dell’intervento di un tecnico comunale interpellato per sciogliere alcuni nodi.
A sollevare la questione è stato il consigliere di NuovAlano Giampaolo Spada che, in merito all’ “obbligo di mante-
nere la residenza per ventiquattro mesi dall’entrata in vigore della legge regionale”, ha sottolineato le ambiguità in-
terpretative della dicitura. Per Spada, la formulazione di tale prescrizione consentirebbe la residenza anche per solo
un giorno, se fatta a ridosso dei termini previsti. «Una possibilità - ha detto Spada - a vantaggio di chi, possessore
di una seconda casa, volesse specularvi». Il dubbio interpretativo ha così innescato una discussione solo parzial-
mente risolta con l’intervento di un tecnico comunale chiamato da altra sede per avere delucidazioni in merito. Alla
fine, con la minoranza che ha optato per l’astensione denunciando lo scarso tempo a disposizione per valutare
l’argomento, il Consiglio ha bypassato la questione affidandosi, con specifica sottolineatura messa a verbale, alle
disposizioni regionali. Salvaguardate le norme sulle distanze dai confini e considerata l’estensione del centro storico
che funge da vincolo per gli aumenti di cubatura, si prevede che le richieste di ampliamento siano decisamente par-
che. Chi invece intendesse costruire con materiale ecologico o servirsi di energie rinnovabili potrà godere di uno
sconto sugli oneri pari all’80%. La maggioranza ha infatti recepito la proposta dell’opposizione di incrementare del
20% la riduzione già prevista dalla legge. Rispetto all’interrogazione della minoranza che chiedeva delucidazioni sui
tempi celeri con cui la “casa brusada” di Fener è stata abbattuta privilegiandola ad altre situazioni “più pericolose”,
quali ad esempio quella che riguarda l’annosa questione della “casa dei gatti” di Campo, il vicesindaco Luigi Code-
mo ha risposto che la demolizione è stata favorita dalla possibilità di usufruire dei mezzi di Veneto Strade presenti
in loco per un intervento sulla “Feltrina” e dalla più semplice situazione patrimoniale che, differentemente dalla
complessa vicenda della casa di Campo, ha permesso la definizione di un accordo con la proprietà.

Gruppo “Amici del Tomatico e del Grappa”


3 poesia

Biblioteca dell’Unione dei Comuni del Basso Feltrino - Sette


Ville
Comuni di Quero e Vas

POESIA È . . .
percorsi per leggere, capire, scrivere poesia

MIGRARE
Condizione cosmica perenne
QUERO (BL)
Sala delle Associazioni
mercoledì 11 novembre 2009 - ore 20,30
INTRODUZIONE
Dall’origine del Cosmo all’avvento del Cristianesimo
a cura di Martino Durighello
mercoledì 18 novembre 2009 - ore 20,30
OTTOCENTO E NOVECENTO
Cent’anni di emigrazione
a cura di Luana Di Tommaso – Enis Pocchetto
mercoledì 25 novembre 2009 - ore 20,30
TRA STORIA E LEGGENDA
Popoli d’Europa in cammino
a cura di Franco Codemo
mercoledì 2 dicembre 2009 - ore 20,30
IL MITO DI ULISSE
Verso l’irraggiungibile Itaca
a cura di Daniela Todoverto
mercoledì 9 dicembre 2009 - ore 20,30
LUCIANO CECCHINEL “LUNGO LA TRACCIA”
a cura di Francesco Carbognin
mercoledì 16 dicembre 2009 - ore 20,30
NUOVO MONDO - MONDO VECCHIO
“Sbalzati lontano da una forza perversa”
a cura di Martino Durighello
con la partecipazione del trio vocale Gabriele – Vittoriano – Stefano
no orgogliosi con le zucche di produzione propria. 4 ASTERISCO

Fast Food? No, meglio Slow Food!


di Antonio Miotto *
Negli ultimi anni, nella nostra società consumistica e frenetica, dove la moda e l’innovazione dettano i tempi
dell’economia e in cui la globalizzazione rompe le barriere naturali della lontananza, cominciamo a sentir parlare di
prodotti eno-gatronomici locali, di valorizzazione del territorio, di prodotti a km zero ma soprattutto sentiamo parlare
non solo di prezzi, ma di qualità di prodotti gastronomici.
Cos’è Slow Food?
L’associazione Slow Food, fondata da Carlo Petrini nel 1986, vuole dare la giusta
importanza al piacere legato al cibo, imparando a godere della diversità delle ricette e dei
sapori, a riconoscere la varietà dei luoghi di produzione e degli artefici, nel rispetto
dell’ambiente e dei ritmi delle stagioni. La ricetta messa a punto da Carlo Petrini e dai
suoi propone di sposare, al piacere del cibo e alla rivendicazione del diritto a fruirne da
parte di tutti, un nuovo senso di responsabilità, ben definita dal termine “eco-gastronomia”. Slow Food, infatti, af-
ferma la necessità dell’educazione del gusto come migliore difesa contro la cattiva qualità e le frodi e come strada
maestra contro l'omologazione dei nostri pasti; opera per la salvaguardia delle cucine locali, delle produzioni tradi-
zionali, delle specie vegetali e animali a rischio di estinzione; sostiene un nuovo modello di agricoltura, meno inten-
sivo e più pulito, fondato sul sapere e sull’esperienza delle comunità locali, in modo da poter offrire prospettive di
sviluppo anche alle regioni più povere del pianeta.
L’approccio di Slow Food nel trattare questi temi così attuali, è particolare: la filosofia del movimento, fondata sulla
difesa del piacere gastronomico e sulla ricerca di ritmi di vita più lenti (da qui, appunto, il termine inglese “slow” che
significa “lento”) e meditati, parte da considerazioni legate al valore del cibo per riflettere anche sulla qualità della vi-
ta e arrivare al riconoscimento delle identità, con l’obiettivo di valorizzare la storia e la cultura di ciascun gruppo so-
ciale in una rete di reciproci scambi. Considerare il valore di un cibo, che si tratti di una varietà di frutta o di un piatto
tipico, non può prescindere dal rapporto di questo con la storia, la cultura materiale e l’ambiente da cui ha avuto o-
rigine. Ecco perché Slow Food sostiene la necessità di mantenere, nella produzione agricola e zootecnica, un equi-
librio di rispetto e di scambio con l’ecosistema circostante.
La rete degli oltre 83.000 associati di Slow Food è suddivisa in sedi locali - dette Condotte in Italia e Convivium nel
mondo, coordinate da un Convivium leader - che si occupano di organizzare corsi, degustazioni, cene, viaggi, di
promuovere a livello locale le campagne lanciate dall’associazione e di partecipare ai grandi eventi organizzati da
Slow Food a livello internazionale. Sono attivi più di 800 Convivium Slow Food in 65 Paesi, comprese le 350 Con-
dotte in Italia.
Il lavoro dei Presìdi
Attraverso la forma del Presidio l’associazione vuole promuovere e far cono-
scere i prodotti realizzati nel rispetto di determinati valori quali la territorialità,
la genuinità e la qualità. I Presìdi Slow Food sono entrati concretamente nella
filiera produttiva, conoscendo i luoghi d’origine, incontrando i produttori e la-
vorando con loro. Possiamo racchiudere in quattro fasi il lavoro del presidio:
1) cerca i produttori, scovandoli di malga in malga, di cascina in cascina, e li
riunisce, coinvolgendo anche tecnici, istituzioni, insomma chiunque sia inte-
ressato al progetto;
2) identifica l’area di produzione e, grazie al confronto con i singoli produttori,
raccoglie tutte le informazioni necessarie a definire le regole per dar vita ad
un prodotto tracciabile, artigianale e di alta qualità;
3) aiuta i produttori a riunirsi in un’associazione (o cooperativa, consorzio,
ecc.) con un nome e un marchio comune;
4) comunica, ovvero racconta, ai consumatori di tutto il mondo che esiste un
prodotto straordinario e che cercarlo, acquistarlo e assaggiarlo è non solo un
grande piacere per il gusto, ma anche un modo per conoscere la storia e le
tradizioni di un territorio.
Naturalmente la realtà dei Presìdi è variegata e complessa quanto il panora-
ma agroalimentare del mondo, quindi ogni caso va considerato e analizzato
singolarmente. In linea generale possiamo dire che un prodotto deve essere il
più naturale possibile, il ché non vuol necessariamente dire “biologico”, dato
che nel Presidio non vengono vietati i pesticidi e i concimi, purché l’uso sia
ambientalmente sostenibile.
A proposito del “Morlach”…
Un esempio di Presidio Slow Food lo possiamo trovare a pochi km da casa: “Murlak”, “Murlaco”, “Burlacco” o “Mor-
lacco” erano i nomi con i quali storicamente si indicava il “Morlach”, un formaggio di latte vaccino prodotto nell’area
dell’altopiano del Grappa. Pastori e boscaioli, insediatisi sul Grappa nel periodo della Repubblica di Venezia, usa-
vano fare un formaggio di latte vaccino tenero, magro, a pasta cruda, che ha preso il nome dalla loro terra d’origine:
la balcanica Morlacchia. Un tempo il latte era scremato totalmente e il grasso era usato per fare il burro che era
venduto in pianura: con quello avanzato, invece, si produceva un formaggio “povero”, base dell’alimentazione dei
5 asTerisco
Un esempio di Presidio Slow Food lo possiamo trovare a pochi km da casa: “Murlak”, “Murlaco”, “Burlacco” o “Mor-
lacco” erano i nomi con i quali storicamente si indicava il “Morlach”, un formaggio di latte vaccino prodotto nell’area
dell’altopiano del Grappa. Pastori e boscaioli, insediatisi sul Grappa nel periodo della Repubblica di Venezia, usa-
vano fare un formaggio di latte vaccino tenero, magro, a pasta cruda, che ha preso il nome dalla loro terra d’origine:
la balcanica Morlacchia. Un tempo il latte era scremato totalmente e il grasso era usato per fare il burro che era
venduto in pianura: con quello avanzato, invece, si produceva un formaggio “povero”, base dell’alimentazione dei
malgari. Il latte era quello delle vacche Burline, unica razza bovina autoctona del Veneto oggi a serio rischio di e-
stinzione. Piccoline, dal manto bianco e nero, rustiche e adatte ai magri pascoli del Grappa, producevano un buon
latte ma in quantità limitata, non paragonabile alle produzioni odierne delle Frisone o delle Bruno Alpine.
Il Morlacco è ancora oggi lavorato in alpeggio con il latte scremato per affioramento della mungitura serale al quale
si aggiunge quello intero munto il mattino. Le operazioni successive sono le medesime di secoli fa: si scalda fino a
38-42°C e si coagula con caglio liquido di vitello. La cagliata è rotta in grani grandi come una noce. Dopo un breve
riposo si trasferisce in ceste di vimini a spurgare il siero. Le forme si salano più volte al giorno per 12 giorni rivoltan-
dole accuratamente a ogni salagione. Si vende a 15 giorni dalla produzione, ma può essere consumato fino a tre
mesi. I pascoli del Grappa, ricchi di ambienti naturali diversi e di una flora ricca e varia, producono un latte straordi-
nario. Il Morlacco a latte crudo d’alpeggio merita di essere valorizzato e differenziato dalla produzione più banale
realizzata in pianura dai caseifici con il latte pastorizzato. Il Presidio riunisce i malgari che producono in estate sui
pascoli del Monte Grappa nei “cason” (casere), alcuni dei quali risalgono al Seicento, e si propone di recuperare,
insieme a una produzione estiva di straordinaria qualità, anche l’allevamento delle Burline.
Il Morlacco è un formaggio tenero ma non molle, può essere abbinato con vini bianchi leggeri, anche se non è esat-
to definirlo un formaggio da fine tavola perché, come vuole l’abitudine dei malgari, è il tipico alimento che si consu-
mava a partire dalla colazione sino al pasto serale accompagnato da polenta, patate lesse o pane casereccio. Lo
potete trovare presso: Malga Coston da Quinto (0423-53660), Malga Mure (0423-538470), Malga Paradiso (0423-
538515)…
*Antonio Miotto si è laureato in Scienze Politiche con una tesi in marketing territoriale e, attualmente, grazie alla
collaborazione con il “Tornado”, sta svolgendo il tirocinio del master in “Cultura del cibo e del vino” promosso
dall’Università Cà Foscari di Venezia. Il progetto del tirocinio prevede una serie di articoli atti a valorizzare e pro-
muovere prodotti locali del Basso Feltrino. Per chi fosse interessato a far conoscere i propri prodotti, può contattarlo
al seguente indirizzo mail: antoniomi8@alice.it.

attualità

GIORNATA DEL RINGRAZIAMENTO AD ALANO


(s.c.) Piazza Martiri ad Alano ospiterà domenica 15 novembre la Giornata del Ringraziamento organizzata dalle
sezioni Coldiretti di Alano e Quero presiedute da Roni Codemo e Oliva De Rui. Come anticipato nello scorso
numero, da quest'anno, per consentire una maggior partecipazione, la manifestazione si svolgerà alternativamente
un anno ad Alano e un anno a Quero.
Il programma della Giornata 2009 è quello tradizionale con raduno dei mezzi e del bestiame, S.Messa nella chiesa
parrocchiale, benedizione, intervento autorità e rinfresco finale.

agraria
MarcHi
• alimENti PER aNimali
• PRODOtti PER l’aGRiCOltuRa E il GiaRDiNaGGiO
• PEllEtS E tRONCHEtti • PRODOtti FitOSaNitaRi
• BOmBOlE GPl • PiaNtiNE Da ORtO

oFFerTa
Casette di legno per cani • trasportini per cani, gatti in ferro-plastica
• Pellets austriaco • tronchetti di faggio
Zona Industriale, 68 - PEDEROBBA (TV) - Tel. e Fax 0423 688902
6 cronaca

Auserflash
A CURA DEL CIRCOLO AUSER ONLUS "AL CAMINETTO" DI ALANO QUERO VAS - VIA ROMA 29 32030 QUERO – tel. 0439.787861

ALLA FESTA DEI COMPLEANNI.


MAI VISTE TANTE TORTE. NON SIAMO RIUSCITI A MANGIARLE TUTTE!
Dopo una lunga estate in cui le occasioni di incontrarci sono state poche (gite e picnic a parte), l’esercito
degli “auseriani” si è presentato in forze all’adunata per la festa dei compleanni. E così l’ospitale sala delle
associazioni di Quero ha riaperto le sue porte ad una trentina di festeggiati e ad un numerosissimo seguito
di “festeggiatori” che ha occupato tutti i posti disponibili. Eravamo veramente in tanti, ma non abbastanza
affamati da far fuori tutte le splendide torte e gli altri dolcetti offerti dai soci nati in settembre e ottobre. Dopo
una pausa dedicata ai cori, diretti come al solito dalla bella voce di Ugo, si è passati alla tradizionale
castagnata, accompagnata da un ottimo vino novello. Molto partecipata anche la sottoscrizione per la
solidarietà, che ha dispensato molti premi, anche di valore come pregevoli litografie ecc. L’atmosfera che si
respirava nella sala era proprio quella classica dell’ autunno. E questo non per la situazione anagrafica dei
partecipanti, come potrebbe insinuare qualche maligno, ma per il caratteristico profumo delle castagne
arroste e per i riverberi del grande caminetto acceso.
Un
particolare,
quest’ultimo,
che non può
non farci
ricordare
come siano
trascorsi
ormai 13 anni
da quando la
sala delle
associazioni
di Quero
ospitò per la
prima volta il
nostro
sodalizio, e
come i nostri
soci fondatori
si ispirarono
proprio al “caminetto” nella scelta del nome da dare al nostro circolo.
E’ stato attorno a questo grande “fogolàr” che per anni abbiamo tenuto le nostre riunioni, le assemblee, le
feste, i pranzi e le altre manifestazioni. Soltanto da un paio d’anni, grazie all’apertura della casa delle
associazioni di Alano, la sala di Quero ha perduto l’”esclusiva” della nostra attività. Tuttavia la struttura
querese, vuoi per l’ampiezza dell’ambiente e per le attrezzature di cui è dotata, vuoi per la “storia” legata
alle nostre origini, resta sempre il nostro principale riferimento.
Tornando alla cronaca della festa di domenica 25 ottobre, concludiamo in bellezza con la tradizionale foto
“Resegati” dedicata ai soci che hanno festeggiato il compleanno in settembre e ottobre. Ecco i loro nomi.
Prima fila in alto, da sinistra: Bruno Melchiori, Mariarita Rento, Delfina Porta, Angelo Dalla Favera, Jole
Santimaria, Gigliola Canzi, Alessandra Buttol (seminascosta), Lino Zanella e Corrado Benvenuti. Seconda
fila, sempre da sinistra: Renata Mazzocco con la nipotina Sabrina, Altea Codemo, Maddalena De Faveri,
Silvia Mondin, Luce Mondin, Nadia Menin, Silvana Prosdocimo, Ottavia Rossa, Antonietta D’Ambros,
Antonio Berton, Clara Mazzocco, Maria Cimolato e Clara Mazzier. In terza fila, seduti o … inginocchiati:
Rosa Maria Grillo, Beatrice Mondin, Piero Piccolotto, Dino Menegon, Rocco Zucchetto, Ugo De Toffol e
Resegati Antonio (questa volta davanti all’obiettivo anziché dietro). p.p.

Ricordiamo ai nostri soci e ai simpatizzanti che il nostro prossimo incontro è per domenica 13 dicembre,
per la tradizionale FESTA DEGLI AUGURI, in occasione delle festività di Natale e capodanno. In
quell’occasione saranno festeggiati anche i compleanni dei soci nati in novembre e dicembre. Oltre al
“lauto pranzo”, ci saranno giochi, canti, premi, sorprese e tanta allegria. Notizie più dettagliate saranno
fornite mediante avvisi nelle nostre bacheche oltre che, ovviamente, nell’ospitale periodico che state
leggendo, e al quale facciamo i più vivi complimenti per la nuova veste coloratissima e sempre più varia e
interessante.
7 attualità

La nuova influenza A.
Prevenirla si può.
Che cosa è l’influenza A H1N1? Tossire o starnutire
È una infezione virale acuta in un fazzoletto di carta
dell’apparato respiratorio. Quando si tossisce o starnutisce,
È causata da un nuovo virus influenzale tenere un fazzoletto di carta davanti
a h1n1 che ha dimostrato la capacità a naso e bocca.
di propagarsi molto rapidamente
in tutto il mondo. È caratterizzata
da manifestazioni cliniche lievi. Gettare il fazzoletto di carta
Come l’influenza stagionale, può causare Dopo l’uso gettare sempre il fazzoletto
complicazioni e un peggioramento di carta nel cestino dei rifiuti e lavarsi
di patologie croniche preesistenti. le mani accuratamente con acqua e sapone.

Come si trasmette?
Come per l’influenza stagionale, Lavare le mani
la trasmissione da persona a persona Accuratamente e più volte al giorno,
si può verificare per via aerea attraverso sempre con acqua e sapone.
le gocce di saliva provocate da starnuto In particolare, dopo aver tossito, starnutito,
o colpi di tosse di persone infette, essersi soffiati il naso.
per mezzo del contatto con materiale
infetto (ad esempio fazzolettini usati),
toccando con le mani superfici Mantenere pulite le superfici
contaminate dalle secrezioni respiratorie, Maniglie, interruttori, telefoni, tastiere,
e attraverso contatti stretti con persone tavoli e altre superfici comuni possono
malate (baci, abbracci…). venire contaminati con diversi tipi
di batteri e virus. Pulire e disinfettare
regolarmente queste superfici.

Non andare al Pronto Soccorso, chiama il tuo medico di famiglia


Indicazioni Consultare il medico
o il pediatra di famiglia
da seguire Per indicazioni sulla malattia e sui farmaci
da utilizzare mettersi in contatto con
in caso di sintomi il medico o con il pediatra di famiglia.
Si ricorda che in caso di influenza
è sconsigliata l’assunzione di farmaci
Quali sono i sintomi a base di acido acetilsalicilico (aspirina)
I sintomi dell’influenza sono febbre in particolare da parte di bambini
improvvisa, di norma superiore a 38 e ragazzi; in ogni caso consultare
gradi, e manifestazioni respiratorie al riguardo il proprio medico.
(tosse, mal di gola, raffreddore) associati Rimanere a casa
ad almeno uno dei seguenti sintomi: L’influenza a h1n1 si manifesta
brividi, dolori muscolari, dolori nella grande maggioranza dei casi
articolari e, in particolare nei bambini, con sintomatologia lieve. È opportuno
mal di pancia, diarrea o vomito. rimanere a casa, restare a riposo,
e limitare i contatti con altre persone
per evitare di diffondere la malattia.

Campagna a cura Per maggiori informazioni


dell’Assessorato alle Politiche Sanitarie
della Regione del Veneto www.regione.veneto.it
8 CALCIO

Calcio - Seconda Categoria


PRIMA VITTORIA PER LA PIAVE TEGORZO
di Cristiano Mazzoni
Una Piave Tegorzo più conscia dei propri mezzi è riuscita ad inanellare due risultati utili consecutivi
conquistando la tanto sospirata prima vittoria in campionato sull’Agordina e, successivamente, un buon
pareggio sul campo del Foen. Una vera boccata di ossigeno per la squadra allenata da Giuseppe Prosdocimo
che ha lasciato così l’ultimo posto risalendo un po’ la classifica, sebbene stazioni ancora in zona play-out.
Comunque i segnali di ripresa si sono visti, ora c’è bisogno di conferme per capire se la compagine bianco-
verde ha passato il brutto momento. I prossimi impegni vedranno la Piave Tegorzo affrontare domenica 15
novembre in trasferta il San Vittore, in quella successiva ospitare l’Altivolese, mentre domenica 29 novembre
farà visita all’Union Maser.

6a GIORNATA: Piave Tegorzo – Agordina 3 a 1


Con un ottima prova corale la Piave Tegorzo ha centrato la prima vittoria stagionale ai danni di un’Agordina
coriacea ma poco incisiva. Tre punti importanti per la squadra allenata da Giuseppe Prosdocimo che è riuscita
con caparbietà a ribaltare lo svantaggio meritando ampiamente l’intera posta. La prima frazione si apriva con un
tiro di Paolo Scopel al 3° bloccato da Faè. Un minuto dopo era Andrea Scopel a rendersi pericoloso con un tiro
di poco alto sull’incrocio mentre al 6° era ancora Faè a compiere un ottimo intervento sull’insidioso tiro a girare
di Mirko Schievenin. La prima volta che l’Agordina si faceva vedere in attacco coincideva con il vantaggio: era il
15° quando, su un cross di Manfroi, pronto era l’inserimento di Farenzena, che in spaccata trovava l’angolino.
I padroni di casa non si scoraggiavano e, dopo soli tre minuti,
trovavano il pareggio grazie ad un tiro di Mirko Schievenin, la cui
parabola a scendere si insaccava sotto il sette. La squadra di mister
Giuseppe Prosdocimo continuava a premere e, dopo un tiro dal
limite di Mirko Schievenin al 29° parato da Faè, al 34° aveva
l’occasione per passare in vantaggio con un rigore concesso per
fallo su Matteo Codemo. Dal dischetto, però, Marco De Martin si
faceva deviare il tiro dall’estremo ospite e, sul susseguente calcio
d’angolo, lo stesso difensore da due passi non trovava la deviazione
vincente. Ma al 40° la Piave Tegorzo usufruiva di un secondo rigore
per una cintura su Matteo Codemo: questa volta dagli undici metri
andava Paolo Scopel che non falliva. Nella ripresa erano ancora i
bianco-verdi a fare la partita con Khalid Rahli che dapprima al 1°
non arrivava per un soffio sul cross di Simone Binotto e poi al 6°
calciava alto invece di servire Simone Binotto lanciato a rete. Al 13°
l’Agordina si rendeva pericolosa con un bel diagonale di Farenzena
parato a terra da Valter Canova ma al 19° era ancora la Piave
Tegorzo ad andare a segno con Khalid Rahli abile a sfruttare
un’indecisione difensiva e a superare Faè con un tocco morbido. I
padroni di casa in contropiede potevano dilagare ma sia Gallon che
Khalid Rahli peccavano di imprecisione. Nel finale di tempo l’ultima
occasione era per l’Agordina con Valcozzena ma il suo tiro da
L’attaccante Khalid Rahli favorevole posizione era da dimenticare.

7a GIORNATA: Foen – Piave Tegorzo 0 a 0


Si è concluso a reti bianche il derby feltrino tra Foen e Piave Tegorzo al termine di una gara equilibrata,
agonisticamente valida ma povera di occasioni da rete. Un pareggio sostanzialmente giusto per quanto visto in
campo, anche se i padroni di casa possono recitare il mea culpa per aver sbagliato un calcio di rigore che
avrebbe potuto indirizzare diversamente l’andamento del match. Era infatti il 43° del primo tempo quando, sugli
sviluppi di un calcio di punizione scodellato in area, Marco De Martin cinturava Slongo, fallo che l’arbitro
sanzionava con la massima punizione. Sul dischetto si presentava Biasion ma il suo tiro veniva respinto con
bravura da Valter Canova. Nella ripresa al 15° era la Piave Tegorzo ad avere la palla del vantaggio ma sul tiro di
Khalid Rahli, da favorevole posizione, ottimo era l’intervento di De Bastiani che deviava sopra la traversa. Poi le
squadre evitavano di scoprirsi accontentandosi del pareggio.

LA CLASSIFICA DEL CAMPIONATO DOPO LA 7a GIORNATA


Caerano 19, San Vittore 16, Fiori Barp Sospirolo 15, SP Calcio 2005 12, Union Maser 10, Ztll Sx Piave –
Fossalunga 9, Altivolese – Bessica 8, Agordina – Valdosport 7, Foen – Lentiai – Piave Tegorzo 6. Juventina
Mugnai 5, Eagles Pedemontana 4.
9 cronaca

Quero: Via Roma fiorita


Anche quest’anno Via Roma, a Quero, ha avuto le cure
particolari dei residenti rinnovando il successo dell’iniziativa
voluta dall’assessore Angelo Dalla Favera. I frontisti hanno
provveduto a curare le aiuole, qualcuno anche a procurare i
fiori, la cui maggior quantità è arrivata dalla cooperativa
“Arcobaleno” di Feltre, per interessamento del vicesindaco
Bruno Zanolla. Alla fine, il concorso di tutti ha permesso di
avere una via dalle indubbie caratteristiche di ordine, pulizia e
anche… bellezza. Un esempio di collaborazione che
l’assessore tiene a sottolineare e proporre ad esempio su
queste pagine, ringraziando tutti coloro che hanno collaborato
alla riuscita di questa iniziativa civica.

Benvenuta
Camilla!
Quero. Non c’erano solo i genitori Marco
Bollotto e Manuela Carelle a formare il
comitato di benvenuto per Camilla, ma
anche la sorella Carolina (5 anni) ed il
fratellino Leonardo (2), felici ora di
presentarla ai lettori del nostro quindicinale,
dalle cui pagine salutano il variegato mondo
di nonni, parenti ed amici. Camilla è nata
l’undici ottobre 2008, sotto il segno della
bilancia, ed ha appena compiuto il suo
primo anniversario, festeggiato muovendo
per casa i primi passi. Il significato del
nome: deriva dal samotracio Kadmìlos,
nome di Ermes tirreno, latinizzato in
Camillus, e significa "sacerdote partecipante
a speciali cerimonie". L'onomastico si
festeggia il 26 luglio, in memoria della beata
Camilla Gentili di San Severino Marche.

LETTERE AL TORNADO

Tanto rumor per nulla!


Mi presento: sono la persona tacciata di “falsa moralità” (vedi lettera su “Il Tornado” n. 549) semplicemente per aver
posto un piccolo post-it riportante il mio pensiero (condiviso tra l’altro da altre persone del paese) sotto le immagini di
alcuni organi maschili riportati fedelmente sul papiro realizzato in occasione della laurea di Federica Mondin, esposto
all’interno del bar ACLI a Campo. Non era mia intenzione offendere Federica, anche perché ho aggiunto le mie
congratulazioni per il brillante risultato. Se poi ho firmato il post-it ORGOGLIOSAMENTE con il mio nome, come
scrive la carissima Ida, significa che sono una persona responsabile. Preciso che non ho fatto togliere io il papiro, ma
è stato tolto in seguito alla telefonata di un’altra persona. Inoltre conosco benissimo gli organi di riproduzione
maschile avendo tre figli, di cui due maschi, ed avendo cambiato pannolini ai due maschi dei miei cinque nipoti. Ed è
vero, non ho frequentato il Bo di Padova, la Bocconi o la Cattolica di Milano né altre università, ma non per questo mi
sento sminuita come persona. E della mia moralità ne vado orgogliosa! Norma De Paoli
10 cronaca
in loco per un intervento sulla “Feltrina” e dalla più semplice situazione patrimoniale che, differentemente dalla
complessa vicenda della casa di Campo, ha permesso la definizione di un accordo con la proprietà.

Gruppo “Amici del Tomatico e del Grappa”

Riuscita la gita di chiusura


di Alessandro Bagatella
Ben riuscita la gita in Trentino che ha chiuso il diciassettesimo anno escursionistico del Gruppo “Amici del Tomatico
e del Grappa”. Anche in quest’occasione, per il sesto anno di seguito, abbiamo fatto il pienone: una sessantina i
partecipanti che hanno aderito all’iniziativa proposta dal gruppo in collaborazione con gli Amici di Carpen. Partiti di
buon mattino con il pullman della ditta Favaretto di Onigo, ci siamo diretti alla meta prestabilita del Castello di Steni-
co, avamposto del potere dei principi-vescovi di Trento. Il nucleo più antico risale al XIII secolo, con ampliamenti
successivi. Attualmente il maniero è sede staccata del Castello del Buonconsiglio di Trento e ospita numerosi re-
perti storici della collezione provinciale, che invito vivamente a visitare. Prima della visita, il sottoscritto e i suoi validi
collaboratori avevano preparato una ricca “merenda”: panini per tutti, crostate, dolcetti, il tutto “innaffiato” con vino o
bibite. Dopo aver visto la Cascata Bianca e il Castello (e per qualcuno anche una sosta al bar del paese), chi a pie-
di e chi in pullman, ci siamo portati al ristorante dove era previsto un pranzo con specialità locali. Parole di ringra-
ziamento del responsabile nei confronti di chi ha proposto la gita e dato una mano nell’organizzazione. Un grazie
particolare è stato rivolto a chi, come sempre, ha offerto la sopressa (la Pina), il pane (la Ivana) e il vino (alcuni a-
mici di Carpen). Nel primo pomeriggio siamo risaliti in pullman per recarci sul lago di Molveno, con visita del paese
e passeggiata sul lungolago per ammirare la bellezza del luogo, anche se in questo periodo sono chiuse il novanta
per cento delle strutture, che riapriranno in occasione delle festività natalizie. Augurandomi di aver accontentato
quanti hanno partecipato alla sesta gita organizzata dal gruppo, ringrazio tutti sentitamente con la speranza di ripe-
terla anche il prossimo anno in un’altra località altrettanto incantevole.

Alla “Locanda Curto” di Quero-Vas


Paolo Berra festeggia i vent’anni di gestione
di Alessandro Bagatella
Lo scorso 19 ottobre, alla “Locanda Curto” di Quero-Vas, si sono festeggiati i vent’anni di conduzione del gestore
Paolo Berra. In questa giornata così particolare, Paolo non si è risparmiato nell’offrire da mangiare e da bere a tutti
coloro che si sono recati nel suo locale per il consueto pranzo. Un turista brasiliano di passaggio, di professione
giornalista, si è meravigliato a tal punto per la disponibilità del titolare (e per il piatto di pasta offertogli) da promette-
re di dedicare a Paolo un articolo e spedirglielo: speriamo di vederlo presto! Anche nel corso della mattinata caffè e
brioches gratis per tutti coloro che si sono soffermati al bar. Un grazie a Paolo Berra per la sua squisita generosità,
con l’augurio di festeggiare anche il 40° anniversario…e oltre!

Castagnata al Carpen
di Alessandro Bagatella
Il Gruppo “Amici del Tomatico e del Grappa” e gli Amici di Carpen organizzano, sabato 28 novembre alle ore 20,
una castagnata al Carpen presso la nuova sede degli Amici di Carpen. Sono invitati tutti coloro che credono nella
nostra amicizia.
ASTERISCO

Il Mercatino
del Tornado
Per motivi familiari regalo un cane maschio (nella foto a fianco), 6 anni,
taglia grande, non addestrato ma buono, abituato all’aperto, vaccinato
con microchip. Per informazioni telefonare al numero 340-8531184.

Vendo quattro cerchi per Golf Volkswagen, di misura 185-55-14. Per


informazioni telefonare al numero 329-3711893 e chiedere di Darian.
11 cronaca

Amici del Tomatico e del Grappa


La gita del 25 ottobre scorso al Castello di Stenico e Lago Molveno, in Trentino, ha riscosso il favore dei soci e simpatiz-
zanti, numerosi nell’aderire all’iniziativa. Nella foto, di Gino Colombana, vediamo il gruppo in posa per la foto ricordo, a
testimonianza di una giornata trascorsa in serenità e amicizia.

A scuola per
insegnare il
Grappa
Martedì scorso, 27 ottobre, invitato dal
preside dell'università per anziani di
Asolo, ho avuto il piacere di tenere due
ore di lezione, presentando il mio libro sul
Grappa, da me pubblicato a dicembre
2002, e spiegando circa 140 fotografie
con proiezione digitale.
Il mio pubblico era formato da più di cento
persone, tutte interessatissime.
Non è stato facile per me parlare per ben
due ore!
La soddisfazione è stata però tanta,
gratificato anche dalle numerose domande rivoltemi
dai partecipanti. Chi voleva avere nozioni sulla
tecnica fotografica, chi sul paesaggio del Grappa e
chi, ancora, sulla sua storia. Ringrazio sinceramente
il prof. Zordan per l'opportunità che mi ha dato.
E’ stato per me un pomeriggio indimenticabile.
Per chi fosse interessato a questo mio lavoro sul
Monte Grappa e alla fotografia mi rendo disponibile
a ripetere questa mia esperienza.

Settimo Rizzotto http://www.settimorizzotto.it/


12 cronaca

Luisa Damin e Giovanni


Deon festeggiano 92 anni
A distanza di due anni, ripubblichiamo una foto di Giovanni Deon,
“Nani Cot” per i paesani, che il 25 novembre festeggia il 92°
compleanno.
L’uomo più
longevo di Vas
è immortalato
in versione
estiva, con
l’immancabile
cappello per
proteggersi dal
sole, il bastone
per camminare
in sicurezza e
lo specchietto
per controllare
di essere
sempre in
ordine.
Complimenti Giovanni e tanti, tanti auguri!!!

Il 10 settembre ha compiuto 92 anni anche Luisa Damin, vedova di


guerra, donna forte e coraggiosa, che tanto ha fatto per crescere e
far studiare i suoi due figli.
Ancora oggi attivissima, vive da sola nella sua casa in riva al fiume,
che lei ama tanto.
In questa foto la vediamo in un momento di relax, vicino al bouquet
di fiori regalatogli dal figlio Giorgio, per il suo compleanno.
Anche a Luisa complimenti ed infiniti auguri!!!
ASTERISCO

ELENCO BIGLIETTI ESTRATTI


105a FIERA DEL ROSARIO
1 Tre giorni soggiorno benessere 1264
2 Televisore LCD 19“ con digitale terrestre 1427
I premi potranno essere
3 Vapornet 100 1522 ritirati presso la sede della
Tratt. corpo presso il centro estetico “Anima e Corpo” di Pro Loco di Segusino in
4 San Vito di Valdobbiadene 216
5 Idromassaggio plantare 1222
Corte Finadri
6 Monopattino elettrico 363 entro la giornata del
Kit prodotti da parrucchiere offerti dall’ “Insolito Look” di 30 novembre 2009.
7 Segusino 801
8 Cena per due persone presso “osteria Jodo” Maser 2166
Pedicure presso il centro estetco “Anima e Corpo” di San Per informazioni
9 Vito di Valdobbiadene 449 telefonare al: 3346549197
manicure presso il centro est. “Anima e Corpo” di San
10 Vito di Valdobbiadene 1259 info@prolocosegusino.it
11 Caffettiera elettrica 1331
12 Forma di formaggio S’cek 256

La foto di copertina
(M.M.) Una originale composizione autunnale per la nostra copertina, che nasce da un lavoro… di equipe. Le squisitezze
della natura sono state raccolte sui poderi (si usa ancora dire così ?) del nostro abbonato Giorgio Pisan, che ne ha fatto
omaggio ad Antonio Remor, il quale ha curato la realizzazione della composizione e lo scatto, facendo a sua volta omag-
gio dell’immagine alla redazione. Una catena quasi solidale, che porta fino alla nostra copertina in maniera quasi incon-
sapevole, dato che l’ho praticamente rubata agli autori. Alla fine, però, siamo stati autorizzati a proporla anche alla platea
dei nostri lettori. Un tema e dei colori che ben si adattano alla stagione. Buona visione!
13 coMe eravaMo

asTerisco

PITTORI PER GENERAZIONI!!!

Car. Edil
di Ferdinando Carraro
PITTORE RESTAURATORE
Via Roma - Quero (BL)
Cell. 339.2242637

Car.Edil esegue opere murarie, rivestimenti interni in acciaio di camini (canne fumarie),
strutture in cartongesso, opere di ristrutturazione in genere, copertura/scopertura tetti
esistenti (risanamenti). E' disponibile anche per preventivi senza alcun impegno.
14 MOSTRA

SCULTURE DI PAOLO SCHENAL


Chiarimenti!!!
Lo scultore feltrino Paolo Schenal a partire dal 2 novembre espone le proprie
opere in Comunità Montana Feltrina. Per la rassegna Atrio d’Autore, nell’ambito della
quale si sta chiudendo un mesedi Gioachino
dedicato Tessaro
alla pittura, si apre dunque un nuovo evento,
dedicato questa volta alla scultura su legno. Nato a Feltre
Caro Tornado, rieccomi qui a difendermi, questa volta da un certo signor e residente a Pedavena,
Paolo Licini. Paolo Schenal
Costui credoè abbia
da sempre
presoun fi-
appassionato della lavorazione di questo materiale. Da diversi anni si dedica alla scultura
schi per fiaschi, in quanto non il sottoscritto lo ha tirato in campo, ma il signor Silvio Forcellini (vedere Tornado lignea di stampo
del
naturalistico-figurativo
16/7/09). Che lei abbia ricavando
approvatofigure umane(riportati)
gli scritti (nudi, torsi)
del esignor
animali (cavalli in
Forcellini, particolare).
a me non me Ha frequentato
ne può importarper di diversi
meno,
anni
per ilil semplice
corso di motivo
sculturache su io
legno
non organizzato dall’associazione
la conosco affatto. culturale
Quindi, il suo “Pietro
giudizio, per Marchioretto”
me, non vale di Lamon e diretto
assolutamente dal
niente.
maestro Antonio Bottegal. Ha partecipato inoltre a svariate mostre collettive (l’ultima a Feltre proprio
In quanto alla frase da lei citata, il sottoscritto non ha detto che lei “è tesserato” ma che “potrebbe essere tesserato”, quest’anno) e ha
realizzato una mostra personale a Pedavena nel 2007. Negli ultimi anni ha preso parte a diversi
ma sempre nel contesto del discorso riportato sopra. Da qui i fischi per fiaschi. Se la rilegga bene !!! E in confiden- concorsi di scultura su
legno, ottenendo spesso ottimi risultati (un primo posto a Siror nel 2008 e un secondo posto
za, se posso, voti pure per chi vuole, il mio era solo un modo, magari un po’ provocatorio, per far vedere alla gente sempre nel 2008 a
Castello
che, quandoTesino). Nel 2006un
vi mettono hapo’
collaborato alla realizzazione
di pepe sulla coda, il vostrodel“aplomb”
monumento va in pietrabenedire.
a farsi “L’età della vita” adico
Perché Lamon.
questo? Si-
La
gnormostra potrà
Paolo Licini, leiessere visitata difino
parla di “dittatori” al di
turno, 30“alleati”
novembre, nell’atrio
e di “lacchè”: ma di della
cosa staComunità
parlando? Montana,
Presumo leinegliabbia
orari
provato disulla
apertura
sua pelle dell’ente.
la vera dittatura, e non mi dica, per favore, che ci trova un’analogia con i nostri tempi. Penso
avrebbe pagato di tasca sua per avere una “feroce” e “brutale” dittatura come quella ai giorni nostri. Non attualità
lo so se lo

Premio ai Bellunesi che hanno onorato la


ha letto, magari su “Repubblica”, ma ultimamente sono nati più giornali “di sinistra” che “di destra”, o neanche que-
sto non si può dire? E questa sarebbe dittatura? “Ma mi facci il piacere”, …direbbe Totò.

prendoProvincia
l’occasione). Incomincioin Italia ealnel“voi”, io mondo
P.S. Ormai che ci sono, volevo dare un consiglio al signor Silvio Forcellini (mi ero riproposto di lasciar perdere, ma
dai passaggi dal “tu” veramente ne ho contato solo uno. (La prossima
volta,
Comese giàciannunciato
sarà, dammi sulpure
sito del tu). Proseguo dicendotilache
www.bellunesinelmondo.it, quando di
cerimonia non hai le notizie
conferimento deldi prima mano, e quindi ri-
“Premio
porti ai Bellunesi
i ricordi di qualcunche hanno
altro, onorato
per favore la Provincia
mettici in Italia
anche il nome e nel mondo”,
e cognome, giunto
lo fa anche il prete in chiesa quando leg-
quest’anno
ge i Vangeli.alla
(Tidecima edizione,
ricordi che nei giorni delle nostre schermaglie, ci siamo incontrati da Rizieri e, con mio stupore, hai
avrà luogo
ammesso di nonsabato 12 dicembre
sapere neanche chi ero,2009
finchénel Centro
il signor Culturale
Sandro Curto nondi Quero .
ti ha illuminato sulla mia identità?).
Tre i premiati
Sbaglio? Quindidi questa edizione:
tu hai ripreso Fiorelo
brani della Zanela,
mia vitasegnalato dall’Associazione
solo sul sentito Bellunesiunnel
dire, non ti sembra tantino scorretto? Perciò fa’
Mondo
nomi per il settore
e cognomi. Almeno solidaristico, orginario
al tizio gli posso del Comune
chiedere lumi. E lodisaiLentiai;
perché?Carlo
Perché Doglioni,
quello che ti ha fatto la soffiata
e mi ha visto con gli adesivi del “Nicaragua” e della “Padania” (nessun pentimentocultura,
segnalato dall’Associazione Bellunesi nel Mondo e Rotary Club per il settore naturalmente), se tutto ciò è ve-
originario
ro, del Comune
deve avere di Feltre,
una memoria Antoine
di ferro datoSpecia, originario
che quella dell’ho
macchina Comune
venduta di Quero
da quasi davent'anni
cui e non mi ricordo più
è stato segnalato, per il settore professionale.
neanche il colore. E chi è, uno 007 della STASI (servizi segreti ex DDR) !!!
Quest’ultimo i nostri lettori lo hanno già conosciuto attraverso le pagine del numero
precedente. Avremo modo di ritornare sull’argomento in un prossimo futuro.

Diavolo di unLeone
Premio Sandro Curto,
d'Oro delagente
Venetodella
2009 Ddr!
di Silvio Forcellini
Il premio quest’anno è stato dato alla Protezione Civile del Veneto e a Renzo Rosso, titolare della Diesel. Per la
Diavolo di un
Protezione Sandro
Civile Curto!
sono Ci conosciamo
stati premiati da più anziani
i volontari di trent’anni e mai avrei
che hanno sospettato
partecipato che fosse uno
alla emergenza 007 della
Abruzzo: uno Stasi,
per
finalmente smascherato
ogni provincia del Veneto.dall’implacabile Gioachino
I premi sono stati consegnatiTessaro. E, nello
dal Presidente delstesso tempo,
Consiglio mai avrei
regionale immaginato
del Veneto, Marinoche
l’intera comunità alanese pullulasse di agenti segreti al soldo
Finozzi, nella dei
sede comunisti,
di Palazzo visto che “la
Ducale soffiata”,Per
a Venezia. come la chiamadiil
la Provincia
Nostro con involontaria comicità, è giunta da piùBelluno
parti. Agenti
è statoun po’ sgangherati,
premiato se Luigi
il volontario mi è Da
concesso, perché non mi
Pont, dell’Associazione
sembra una grande impresa accorgersi dei dueAVAC adesiviFENRIR
ben visibili sull’auto del
di S.Giustina, signor Tessaro,
Associazione che fauno
parteinneggiante
del al
Nicaragua, l’altro alla Lega Nord-Liga Veneta, in un bizzarro accostamento che all’epoca, ma guarda un po’, aveva
Coordinamento di
colpito anche me, anche se non conoscevo ancora il nome del proprietario del veicolo. Signor Tessaro, se lo illasci
P.C. Feltrino, cui
dire: era davvero il segreto…di Pulcinella, altro che Stasi, e invocare in questo caso la privacy è davvero presidenteridicolo:
Cadorinse
non si vuol far sapere come la si pensa, non si appiccicano i suddetti adesivi al lunotto, è così semplice! Ma tant’è,
Pietro era presente il
signor Tessaro, persona eclettica come pochi, non finisce mai di sorprenderci in quanto riesce contemporaneamen-come ospite a
te (e non è impresa da poco, gliene do atto!) a contraddirsi ad ogni piè sospinto, offendere tranquillamente questo chi si
permette di non pensarla come lui (salvo adombrarsi se c’è poi chi gli replica con più o meno “aplomb”) e, non
prestigioso con-
evento.
tento, tentar persino di farsi passare per vittima di un manipolo di illiberali “comunisti” (e magari anche In foto:lettori
con i di Re-
pubblica, che orrore!) da cui si deve difendere: un triplo salto mortale che neanche al circo… A volontari questo punto, non
mi sorprenderebbe, in quella che Mauro Mazzocco ha definito ormai “una saga”, dover assisterebellunesi ad ulteriori
posapunta-
Lino
te… Che so, “Gioachino Tessaro contro Maciste, Zorro e Godzilla”… Toffolo, anche lui
ospite della serata.

A Segusino affittasi
locali per ambulatorio
o studio professionale
A Segusino, in via Piave, affittasi a professionisti
(medici, dentisti, ingegneri, geometri…) ex studio
medico da adibire a ambulatorio o studio professio-
nale. Dotato di due stanze, uno stanzino, un bagno,
riscaldamento autonomo, con giardino con gazebo e
ampio parcheggio. Per informazioni, chiamare il
328-5416606.
Alimentari Via D. Alighieri, 26 - FENER (BL)
PUTTON GABRIELE Tel. 0439 789388

...e tanti altri buoni..


validi fino al 2 dicembre
16 cronaca

Alla Bensol di Quero diciassette in mobilità


La trattativa ha fatto scendere gli esuberi da 25 a 17, su una settantina di dipendenti della Bensol di Quero, ma non
è bastato a sedare le preoccupazioni dei lavoratori. «La notizia - spiega un dipendente - ci è stata comunicata ieri
durante un incontro fra sindacato e lavoratori. Durante l’assemblea - aggiunge - siamo riusciti a strappare alcuni
sgravi alla triste situazione, ma sta di fatto che, quasi sicuramente, una ventina di noi si troverà presto senza lavo-
ro». Interpellato in merito, l’assessore alle attività produttive del Comune di Quero Germano Mazzocco ha detto di
non essere ancora stato messo al corrente delle intenzioni dell’azienda. «Sapevo che la ditta stava attraversando
un periodo di crisi - dice - e che, già all’epoca della mia visita alle aziende comunali, aveva circa 18 dipendenti in
cassa integrazione. Circa un mese fa, avevo contattato il titolare, del quale sono amico, per capire se vi fossero svi-
luppi, ma, all’epoca, era ancora tutto fermo. Mi impegno comunque, già nei prossimi giorni, ad incontrarmi con la di-
rezione per capire come stiano effettivamente le cose». La Bensol è un’importante azienda avviata
dall’indimenticabile Antonio Bennato, fondatore della storica Moda Solaris, che produce occhiali iniettati e che negli
anni ha presentato nelle principali fiere mondiali decine di collezioni. Da pochi mesi la Bensol aveva incorporato la
Roma Optical, una piccola azienda in forte crisi (articolo di Fulvio Mondin, da “Il Gazzettino” di mercoledì 28 otto-
bre).

Nuova indagine sullo stato di salute


delle attività produttive queresi
La Bensol ha annunciato la messa in mobilità di 17 dipendenti e l’assessore alle attività produttive del Comune di
Quero, Germano Mazzocco, ha subito effettuato una verifica sul campo per capire lo stato di salute delle aziende
queresi e, in particolare, di quelle che lo scorso mese di luglio, all’epoca della sua prima indagine conoscitiva, pre-
sentavano una situazione di incertezza. «Come avevo annunciato - esordisce Mazzocco - ho incontrato il titolare
della Bensol che mi ha confermato la prossima messa in mobilità di un importante numero di dipendenti anche se, a
conti fatti, la situazione presenta delle sfumature che le conferiscono delle attenuanti. Infatti - sottolinea Mazzocco -
dei 17 esuberi previsti, 4 sono prossimi alla pensione e per 6 verrà attivato un contratto part time. L’azienda ha fatto
quanto poteva per rendere meno dolorosa possibile la decisione dovuta ad una perdita di fatturato da parte dei
clienti di oltre il 40% che ha costretto ad una riduzione di produzione giornaliera che è passata da 4.500 occhiali ai
2.300 attuali. D’altronde, dopo un anno di ricorso alla cassa integrazione non sono risultate percorribili altre strade e
il prossimo 9 novembre ci sarà l’incontro con l’Associazione Industriali per definire nello specifico le mosse». Per il
resto l’assessore fa notare una situazione di ripresa (almeno se si guardano i numeri dei cassintegrati) rispetto a lu-
glio, ma di contro il clima generale non è parso brillantissimo e molti imprenditori si dicono preoccupati per la co-
stante incertezza sul futuro. «Fra martedì e mercoledì - riprende Mazzocco - ho visitato 13 aziende. Se escludiamo
la Bensol, le rimanenti 12 a luglio avevano 67 dipendenti in cassa integrazione mentre ad oggi i cassintegrati di
queste 12 aziende risultano complessivamente 27. Il dato triste però è che, se non cambiano le cose, entro breve,
25 si troveranno in mobilità. Nel mio giro di monitoraggio ho trovato anche belle situazioni come, ad esempio, una
ditta che ha aumentato il numero dei dipendenti» (articolo di Fulvio Mondin, da “Il Gazzettino” di sabato 31 otto-
bre).
ASTERISCO

Zucche
giganti
a Quero
Non è solo Campo a offrire “raccolti
Non è solo Campo
miracolosi”o Caoreraa offrire “raccolti
a poter esseremi-
racolosi” o Caorera a poter essere
considerata “il paradiso della zucca”. con-
sideratavia
Anche “il paradiso della zucca”.
Toà, a Quero, Anche
da questo
via Toà, a Quero, da questo punto
punto di vista si difende bene, come di vi-
sta si difende bene, come testimonia la
testimonia la foto a fianco in cui i nostri
foto a fianco in cui i nostri abbonati Giu-
abbonati Giuseppe Ceccato e Bruno
seppe Ceccato e Bruno Melchiori posa-
Melchiori posano orgogliosi con le zuc-
che di produzione propria.
17 attualità

Con il Patrocinio dei Comuni di Quero, Alano di Piave e Vas

NS
Ass. NOVA SOSTENIBILE

un’iniziativa

“MoFFe 2009”…Monnezza Film Festival


Pellicole d’autore ad Alano, Quero e Vas
per un’altra verità sulla strana abitudine di consumare l’indispensabile
per rincorrere il superfluo
- inizio ore 20.45 -
ingresso libero
13 NOVEMBRE a VAS, IMPIANTI SPORTIVI
“Home” (Francia 2009)
Un film di Yann Arthus-Bertrand prodotto da Luc Besson
Com'è il nostro pianeta visto dal cielo? Come l'impronta dell'uomo l'ha modificato e messo in serio pericolo? Besson
risponde a queste domande attraverso un volo ideale attorno alla Terra, focalizzando l'attenzione sull'importanza di
preservare la bellezza e le risorse di una pianeta in pericolo.

20 NOVEMBRE ad ALANO DI PIAVE, CASA DELLE ASSOCIAZIONI, via Tenente De Rossi


“The End of Suburbia - La Fine dei Sobborghi” (Canada - Stati Uniti 2004)
Attraverso questa pellicola, Gregory Greene e Barry Silverthorn annunciano la fine dei “suburbia living”, concetto
americano tradotto con la seguente formula: (zone residenziali + strade + macchine) x petrolio = benessere
economico. L'equazione che ha retto lo sviluppo occidentale non ha tenuto conto della sua più importante variabile:
l’esaurimento del petrolio.
Sarà presente Enrico Biasolo, curatore dell’edizione italiana ed economista

INCONTRO PUBBLICO A QUERO, CENTRO CULTURALE


27 NOVEMBRE
- ore 20.30 -
RIFIUTI: RICICLARE O INCENERIRE?
a confronto soluzioni, costi e nocività
per una questione che riguarda tutti i cittadini
Interverranno:
Dott. G. Salvador, responsabile rifiuti ed energia del WWF - sezione Veneto
Dott.ssa C. Poli, imprenditrice titolare del Centro Riciclo di Vedelago (TV)
Dott. C. Panizza, medico, associato Isde “medici per l’ambiente”
Ing. B. Zanolla, assessore provinciale e presidente Bim Infrastrutture
…e altri relatori da confermare!!!

Tutta la cittadinanza di Quero, Alano di Piave e Vas è invitata!!!


18 ASTERISCO

Cilladon, Chipilo, Asolo


Un viaggio lungo un secolo
Presentazione del racconto “Al prim”, scritto in veneto-chipileňo, il 28 novembre ad Asolo, Treviso, con la
partecipazione del presidente dell’associazione Soraimar, Gianluigi Secco, lo scrittore e giornalista Ivano
Pocchiesa e altri artisti e studiosi del fenomeno dell’emigrazione.
Il racconto “Al prim” (Il primo) narra di
Giuseppe Roman (1870? - 1896), nato a
Cilladon, Quero, provincia di Belluno, e
morto a 26 anni d’età a Chipilo,
fondatore del cimitero della comunità.
Scritta interamente nella variante
linguistica chipileňa della lingua veneta,
che lo scorso 7 ottobre ha celebrato 127
anni di conservazione linguistica in
Messico, “Al Prim”, servendosi del tema
del ritorno del morto, compie un percorso
attraverso i cambiamenti socio-culturali
di questa comunità, utilizzando la lingua
come primo termometro d’identità, ed è
una allegoria della conservazione o
perdita dell’identità individuale e
collettiva.
Su “Al prim” così si è espresso lo
scrittore ed editore Gianluigi Secco:
Attraverso Giuseppe, il morto-che-
torna, primo ospite del cimitero del
paesino, reincarnato e inviato dalle
anime del ‘paradiso della Comunità a
verificare le trasformazioni accadute
in un secolo, si possono verificare i
cambiamenti di tutte le variabili in
gioco già menzionate. In questo
senso il testo diventa davvero la
bibbia chipilena più aggiornata,
sicuramente quella più significativa
perché rivissuta in modo attuale,
critico e drammatico.
E sulla mia scrittura in veneto, Gianluigi
Secco ha commentato: Negli ultimi
tempi, grazie a internet, sono entrato
in contatto con Eduardo Montagner
Anguiano, di Chipilo, ed ho potuto
cominciare a leggere alcune sue
opere in dialetto o lingua, la si chiami
come si vuole, chipilese (segusinese),
dialettale veneta o messicana. Credo
di poter dire che si tratta di uno
scrittore vero e importante; secondo me il migliore della attuale nostra letteratura veneta. Il suo modo di scri-
vere, almeno per quanto riguarda il chipilese – dato che la sua prosa di romanziere messicano non sono anco-
ra in grado di valutarla – è molto poetico e sintetico nel passaggio del discorso tra diversi livelli di intuizione e
di rappresentazione. È come se un filo di lucida pazzia, nel senso di percezione al di sopra, al di fuori del di-
scorso, rimanesse sempre tesa, pronta a dar appiglio, conforto, alle domande dello scrittore quando egli tal-
volta si fa bambino ovvero torna al suo io innocente (ne ha molto che fa capolino). Al centro del suo discorso
esistenziale è, a suo modo, e non da intendersi in modo irriverente, un altro verbum che si fa carne nella sua
interpretazione di tradizione come credo popolare (religio) e trova la sua massima essenza nella parola, nel
suo verbo dialettale. Una tradizione e una lingua in crisi, sono l’emblema di una società che, se non in disfa-
cimento, è certamente in rapida trasformazione, nei suoi comandamenti e nella sua necessità di linguaggio (o
multilinguaggio). La parola come caposaldo è in crisi: Eduardo lo evidenzia continuamente sia con le sue
strane coniugazioni di termini che cercano di portare linfa vitale al concetto, sia apparentemente abusando di
quel termine cosar che vuol dire nulla e tutto, secondo ciò che si vuole. L’obbligo conseguente del lettore è
quello di prendersi la responsabilità interpretativa di quel vuoto ammiccante ed è forse proprio questo il punto
chiave della possibile risposta positiva al rinnovamento del rapporto con lingua e tradizione.
Tratto da: http://eduardomontagner.blogspot.com/2009/10/presentacion-en-italia-de-la-novela-al.html
19 cronaca

L’esito del voto nella conca: a Bersani il 46,3%, a Franceschini il 30,9%, a Marino il 22,8%

Le “primarie” del Partito Democratico


nel Basso Feltrino
di Silvio Forcellini
«Nonostante tutto, noi ci siamo». Credo sia stato questo il pensiero prevalente della maggior
parte degli oltre 3 milioni di elettori e simpatizzanti del Partito Democratico recatisi domenica 25
ottobre negli oltre 10.000 seggi allestiti in tutta Italia per eleggere il segretario nazionale, i segretari
regionali e le rispettive assemblee. «Noi ci siamo»: nonostante un partito - a due anni dalla nascita
- dai contenuti ancora indistinti; nonostante un’opposizione sinora incerta e, in qualche caso, addi-
rittura sciatta; nonostante una classe dirigente litigiosa al suo interno e “avvitata” in strategie tanto
sottili quanto perdenti; nonostante comportamenti individuali eticamente censurabili, se non penalmente rilevanti, di
alcuni suoi esponenti di primo piano. «Nonostante tutto», dicevo, il “popolo del centrosinistra” ha voluto ugualmente
dare un’ulteriore chance, forse l’ultima, al Pd, che si ritrova ora - grazie alle “primarie”, il suo elemento sicuramente
più identitario - con un nuovo segretario e, soprattutto, con una ragguardevole base di persone su cui contare.
Semplici cittadini che, in una domenica assolata, si sono recati numerosi ai seggi, si sono messi pazientemente in
fila e, addirittura, hanno versato un contributo di 2 euro per poter esprimere la propria preferenza. Non perché Ber-
sani, Franceschini e Marino siano leader dal travolgente carisma, né sull’onda di un entusiasmante dibattito con-
gressuale, ma nella speranza di una politica migliore, con l’obiettivo di far decisamente cambiar passo al principale
partito d’opposizione, renderlo più credibile e autorevole e infondergli così la forza necessaria per mandare a casa
quello che è percepito come “il peggior governo della storia repubblicana”. Come ha ben ricordato il politologo Ilvo
Diamanti, uno dei motivi di questa partecipazione al di sopra delle aspettative, tra l’altro proprio all’indomani
dell’esplosione del caso Marrazzo, è «che gli elettori del centrosinistra sono pronti a mobilitarsi se si forniscono loro
occasioni serie e ragionevoli ragioni. Come hanno fatto anche stavolta. Quasi per riflesso condizionato. Alcuni - più
di quanto si pensi - per disperazione. Come estremo atto di fiducia. Per non lasciare nulla di intentato». Un atto di
generosità e di responsabilità, dunque, qualità rare ai vertici. Tutto inutile? Niente affatto! Comunque la si pensi,
quella del 25 ottobre è stata soprattutto una bella giornata di democrazia dal basso, che è auspicabile possa segna-
re un punto di svolta nello stagnante e deprimente panorama politico italiano e dare una scossa positiva al Pd, in
cerca di identità da troppo tempo, rendendolo finalmente un’appetibile alternativa di governo. Spetta però ora alla
nuova dirigenza non vanificare (ancora una volta) questa apertura di credito che gli viene accordata. Emblematica
la dichiarazione di un’elettrice all’uscita dal seggio: «Sono andata a votare e sono felice che tante persone abbiano
partecipato. Vorrei informare il nuovo segretario che tanta partecipazione non lo autorizza a fare come gli pare. Che
vogliamo un partito serio, che si liberi dei personaggi che inciuciano e intrallazzano con la criminalità, dove l’onestà
e la trasparenza siano una cifra. Un partito che non trami tra le correnti, che non spartisca posti tra gli amici e si li-
beri di chi ha questa mentalità. Un partito di gente onesta che lavora nell’interesse del Paese e che pensa a se
stessa come “servitori dello Stato”». Tra i 3.067.821 “speranzosi” ci sono anche i 124 alanesi, queresi e vassesi
che hanno votato nel seggio allestito presso l’Hotel Tegorzo dal circolo del Pd del Basso Feltrino (un dato comples-
sivo che ricalca quello delle “primarie” del 14 ottobre 2007, quando a Villa Cinespa votarono in 131). Andando ai ri-
sultati di queste “primarie” (in cui, per la prima volta, si è assistito a una competizione “vera”), nell’elezione per il se-
gretario nazionale gli elettori del Basso Feltrino si sono così espressi: 57 voti a Pierluigi Bersani (pari al 46,3%),
38 voti a Enrico Franceschini (pari al 30,9%), 28 voti a Ignazio Marino (pari al 22,8%), più una scheda bianca.
Per quanto riguarda invece la segreteria regionale, questo l’esito: 51 voti a Rosanna Filippin, mozione Bersani
(pari al 42,1%), 41 voti a Felice Casson, mozione Marino (pari al 33,9%), 29 voti ad Andrea Causin, mozione
Franceschini (pari al 24%), più tre schede bianche. Dati che si discostano un po’ sia da quelli nazionali, dove Ber-
sani ha prevalso con il 53,15% davanti a Franceschini (34,31%) e a Marino (12,54%), che da quelli regionali, con
Filippin al 46,13%, Causin al 30,82% e Casson al 23,05%. A Pierluigi Bersani, dunque, il compito di guidare
un’opposizione seria nei toni, ma dura nella sostanza, più dura di quanto sia stata finora, e di affrontare il rinnova-
mento interno al partito, che non sia la mera riproposizione della vecchia nomenklatura. Dando ascolto alle richieste
della base, che possono efficacemente essere riassunte nell’accorato appello di un altro elettore: «Per favore, gli
eletti non sprechino anche questo risultato, non deludano ancora una volta coloro che hanno dato una ennesima
prova di attaccamento alla democrazia»…

Alano, la “pindolata d’autunno”


La terna composta dal capogruppo ANA Valentino Rech, dal campione uscente Ivano Masocco e da Mario Collavo,
si è aggiudicata la “pindolata d’autunno” 2009 che ha visto in campo ben 69 concorrenti che si sono dati battaglia
lungo via tenente De Rossi. Obiettivo cercare di essere i primi a far entrare il proprio “pindol” nel contenitore posto
alla fine del percorso di gara. Un appuntamento, quello organizzato dal GS Alano e dagli ex emigranti in collabora-
zione con l’Ana e l’Associazione Fanti, che, anno dopo anno, cresce costantemente restituendo sempre più allo
sport del “pindol-pandol” una valenza che si era persa negli anni e che gli alanesi stanno rivalutando assieme a tan-
ti altri giochi d’un tempo, come si è potuto vedere alla recente Festa dei Ciodet. «Il nostro obbiettivo - ha spiegato il
presidente del GS Alano Claudio Dal Canton - è quello di avvicinare i giovani a questo sport attraverso un’iniziativa
nata in sordina alcuni anni fa ma che si sta rivelando talmente partecipata che, per il futuro, richiederà una riflessio-
ne» (articolo di Fulvio Mondin, da “Il Gazzettino” di sabato 24 ottobre).
La raccolta firme promossa nella frazione è già arrivata a quota 600

Riduzione di orario alle poste di Fener,


20 LETTERE AL TORNADO

Popolo di falsari
di Martino Durighello
Noi, (probabilmente non solo noi; ma, in questo caso gli “altri” mi interessano relativamente) noi italiani siamo dei gran
falsari. No, non intendo dire che coniamo monete o che stampiamo e spacciamo monete false. No, no! Noi siamo fal-
sari di parole e di conseguenza di concetti, di idee, di conoscenze: noi falsiamo il linguaggio, spacciamo termini lingui-
stici falsi, fasulli o in modo fasullo. Eufemismi, insomma: figure retoriche con le quali si velano idee spiacevoli o scon-
ce, mitigando le espressioni.
Insomma… moneta falsa!
E così “truffiamo” la gente. La gente, che, già intontita da politici, conduttori, pubblicisti, “testimonials” (veramente que-
sti ultimi dovrebbero essere detti, imbonitori di fiera, cialtroni, ciarlatani), la gente, che senza minimamente accorgersi
della moneta (linguistica) falsa con cui è bombardata quotidianamente, finisce (o è già finita?!) per non capire più nien-
te, incapace di distinguere il vero dal falso, di comprendere se ciò che si dice, si scrive, si legge è reale o fittizio.
Eufemismi! Oppure volgarità gratuite. E, nell’uno o nell’altro caso, “moneta falsa”.
Qualche esempio concreto? Finchè volete: ce n’è così tanta e per tutti i gusti, tanto che il problema sta solo nello sce-
gliere.
Un individuo è sempre così pieno come un otre? Un ubriacone, insomma? Alt! Non dirlo: potresti essere possibile di
querela.
Alcoolizzato, Allora. No! Parola volgare; si diceva un tempo, quando erano povera gente, individui ridotti in miseria o
vagabondi, o “pelandroni”. Ora sono persone che… hanno i soldini. E i soldoni… No, “alcoolizzato” non si dice più! Al-
colista? Superato! Oggi si dice “etilista”. Bella parola, elegante, che suona bene: etilista! Proprio come marmista, pro-
fessionista, equilibrista, specialista, salmista… Ma il marmista lavora il marmo, il professionista esercita una professio-
ne (arte nobile), l’equilibrista lavora nel circo (a meno che non sia un politico), lo specialista ha competenza in
qualcosa, il salmista scrive o recita o canta i salmi…
Che fa l’etilista? Non lavora, non esercita, non dà spettacolo (o forse si, ma gratis), non ha particolari competenze, non
è poeta, fine dicitore, cantante; non fabbrica né estrae “etile” (radicale dell’alcool etilico, derivato dall’etano, gas conte-
nuto nel petrolio; liquido incolore, molto volatile, usato in anestesia); non è nemmeno un chimico: lui ingurgita in grande
quantità vini e liquori e basta!
E’ un alcolizzato! No, non si dice…(del resto, ho scoperto che il significato di questo aggettivo vale… raffinato!?!)
E allora? Bando agli eufemismi (verbalismi falsi): chiamiamolo semplicemente “ubriacone cronico” e tutto sarà più chia-
ro, tutti capiranno alla perfezione.
Un tempo colui o colei che aveva un grave difetto fisico o mentale era detto porogramo cioè povero e misero: termine
dialettale che, a mio parere, non aveva nulla di offensivo; anzi: era espressione compassionevole, di pietà, di compar-
tecipazione alla disgrazia altrui: povero e misero. La lingua italiana poi era ricca di termini più specifici atti ad indicare
ogni tipo di menomazione fisica o mentale da cui fossero stati colpiti questi diseredati da madre natura o dalle vicende
della vita.
Avevamo quindi: demente, idiota, minorato, autistico, ritardato, mongoloide (poi addolcito in “affetto da sindrome di
Down”!); ed ancora: zoppo, sciancato, muto, sordo, cieco…
Poi tutta questa terminologia fu dichiarata “lesiva della persona” e sostituita con …cerebroleso (e/o psicolabile) e disa-
bile. Ma anche questi termini suonavano troppo crudi, ed allora si passò ad “handicappato” (tanto… non è italiano e
perciò nessuno capisce e quindi non può sentirsi offeso). Ma qualcuno disse che non andava bene e presto “handi-
cappato” fu sostituito da “portatore di handicap”. (Handicap, termine sportivo inglese che letteralmente significa “tene-
re” ( la mano) sul cappello”: gareggiare in questa posizione è indubbiamente uno svantaggio e quindi il soggetto in
questione è definito semplicemente e genericamente “svantaggiato”!)
Tutto bene, allora. Ma neanche per sogno! Forse qualcuno si è reso conto della stupidità di tale definizione (chiamia-
mola così) o forse no, fatto sì è che l’ultima (per ora) soluzione è: diversamente abile. (In che cosa?!...)
Grande idea! A me, sinceramente, questo eufemismo sembra una presa in giro. Sì, perché da tutto questo girare e rigi-
rare il dito nella piaga, diseredati e incidentati non traggono alcun vantaggio. Finiamola di giocare con le parole. Con gli
eufemismi non si migliora il mondo, né si cura la gente. Le si da solo…moneta falsa!
Io ricordo, e, sinceramente con affetto, alcuni alanesi (sono originario di Alano e non ho conoscenza delle situazioni di
altri paesi): Toni Orbo, il Sordo della Contrada, la Carmela Trula, Sesto Vento, il Mut… oggi li diremmo non vedenti,
non udenti, diversamente abili; ma, il rispetto, l’affetto, l’umanità … vanno cambiati anche questi sentimenti?
C’erano, una volta, le calchere: luoghi dove esistevano le fornaci e si ammonticchiavano sassi da calce: scarpate nei
pressi dei torrenti dove, sparite le fornaci, si rovesciava di tutto: sassi, erbacce, ferri vecchi, bandòt di tutti i tipi e di tutte
le misure, vetri e bottiglie rotte, scoaže… «Onde òe da trarla, sta roba» «Trala dό par le calchere».
Non era certo una bella cosa, ma, allora, non esistevano le “isole ecologiche”. Non ce n’era bisogno: i rifiuti organici
andavano sui letamai e finivano nei campi e gli “inerti”, appunto, dό par le calchere; che si trovavano un po’ fuori mano,
via dal centro abitato e dalla vista della gente. Oggi ti beccheresti la multa, e giustamente; ci sono i punti di raccolta,
specifici per ogni tipo di rifiuti: immondizie urbane solide, umidi, vetro, carta, plastica vanno nei cassonetti che fanno
bella mostra di sé in tutte le vie e le piazze e il resto nelle “isole ecologiche”. (e i tossici? Negli appositi bidoni, dove as-
solutamente non entrano…)
Quando sentii la prima volta usare questo termine pensai si trattasse di discorsi (logia=discorso) scientifici relativi
all’eco (ripercussione di suoni prodotti da riflessioni di onde sonore) cioè: scienze dell’eco! Ma, mi dissi: di quale suo-
no? (eco=suono). Che ignorante! Ben presto capii che non di ECO (eco) trattavasi, ma di OIKOS (casa, abitazione);
quindi ecologia è studio dell’ambiente degli esseri viventi!
L’isola ecologica dovrebbe, perciò, essere un luogo circoscritto (l’isola è terra circondata dal mare) nel quale si studia-
no gli esseri viventi e il loro habitat, cioè “luogo ove abita la vita”. In realtà è il logo dove la vita…muore! Eufemismo!
Non sarebbe più logico chiamarla semplicemente discarica? Eh no! Discarica è parola “sconcia”, richiama ammasso di
rifiuti! Ma lo è! Sì, però non si dice! Proprio come “porogramo”. Porigrami noi!
21 LETTERE AL TORNADO

Ma di eufemismi oggi si usa e si abusa a tutto spiano, vuoi per ignoranza, vuoi per malafede, snobismo, cattiva edu-
cazione, finto pudore.
E di volgarità, per le stesse ragioni o tutto il contrario, ma soprattutto per cattiva educazione, per abitudine, per imita-
zione, per farsi notare…
Spesso, convinti di parlare forbito e raffinato, molti fanno la figura, come si diceva ai miei tempi, di chi al voleva parlare
in cicara e al xe cascà in piatelo.
Ricordo le risate, a dir il vero piuttosto maleducate, che ci facemmo a spese di quel distinto signore che disse:«Mi di-
spiace, ma sono “costipato”», senza rendersi conto di aver dichiarato di essere, non come intendeva lui “raffreddato”,
ma… “stitico”!
Una volta, durante un’accesa discussione, mi capitò di dare all’interlocutore (non sono nemmeno io senza peccato) del
“coglione”. Giustamente si offese: «Ma bravo! E sei un maestro; bella educazione!» «Hai ragione» ammisi «Ti chiedo
scusa: mi è sfuggito. Però ti devo dire che sei proprio un gran minchione!» «Già meglio» sentenziò, a denti stretti.
Ma, “minchione”, termine che molti giudicano…raffinato e corretto, deriva da “minchia”, espressione dialettale sicula e
volgarissima che indica il membro virile, mentre “coglione” deriva da “coglia”, vocabolo scientifico, italianissimo e di no-
bile etimologia che indica la sacca dei testicoli. Un’altra volta mi capitò di dare (l’ho detto che non sono senza pecca-
to…) del rompicoglioni ad una persona che si ritiene molto… pudica. Alle sue rimostranze mi scusai, ovviamente, ma
precisando: «Però, se permetti, a volte sei proprio un didimoclasta» «Didimo che?» «Didimoclasta» «Ah; e che vuol di-
re?» «Rompicoglioni».
Eufemismi!
Esistevano nei tempi andati le “case chiuse” (che è proprio un eufemismo; ed un falso, perché quelle “case” tenevano
la porta aperta…) Più volgarmente erano dette “casini” (il parlamentare non c’entra) e dentro c’erano le puttane. Oggi
le abbiamo per le strade, però si chiamano “professioniste del sesso”. In compenso, a parte tutti gli altri inconvenienti,
rischi l’A.I.D.S. e “casino” è una parola che si dice come mangiar caramelle.
È ben vero che le lingue si evolvono e le parole, nel tempo, mutano di significato.
Villano oggi è un’offesa, ma significava persona di rispetto: colui che abitava in villa.
Casino, che, come abbiamo detto indicava un locale non tanto perbene ed essere invitati ad andarci non era proprio
garbato, ora, dacché la famigerata legge Merlin (che si potrebbe definire “legge eufemistica”) li ha vuotati, il vocabolo
ha assunto l’innocuo significato di “confusione”.
Però, sentire espressioni come: «Uh, che casino ho combinato» o «Che figo quel ragazzo» «Mi sono rotta, uffa!» «Ne
ho piene le palle» «Fichissimo, ciò», uscire dalla bocca di tante ragazzine, lascia perlomeno perplessi. Sincerità e non
eufemismi, pane al pane, sì, però…
Però, ragazzine, lasciate certe espressioni in bocca ai “ragazzacci” (che non fanno, usandole, proprio bella figura) e voi
vedete di non perdere la vostra “femminilità”: sarete più apprezzate anche da quei maschiacci, che le volgarità le usa-
no, sì, per sentirsi uomini, per spavalderia, per darsi importanza, ma non amano sentirle da voi.

Allevi, la musica e l'Osservatore


di Roberto Cotroneo
Abbandoniamo per un giorno i temi politici. E concentriamoci su quelli culturali.
Ieri su un giornale molto particolare, "L'Osservatore Romano" è apparsa una Il nostro abbonato Gilberto
recensione davvero interessante. Il critico musicale Marcello Filotei scrive un Meneghin Neirotti ci segnala
articolo fortemente polemico nei confronti del pianista Giovanni Allevi e della il pezzo qui a fianco
sua musica. Dice: "Giovanni Allevi non è affatto "strambo", è costruito con una riprodotto, trovato sul sito di
cura assoluta ed è la rappresentazione oleografica del compositore, così come
se l'aspetta chi non ha molta consuetudine con le sale da concerto". E più
Roberto Cotroneo, critico
avanti: " il compositore marchigiano arriva e offre al pubblico quello che già musicale, e ci invita a
conosce... E questa è la forza culturalmente pericolosa dell'operazione Allevi: riflettere sulla qualità dei
convincerci che tutto quello che non capiamo non vale la pena di essere prodotti culturali oggi
compreso. Rassicurati sul fatto che "non siamo noi ignoranti, sono loro che non propagandati dai mass-media.
sanno più scrivere una bella melodia", potremo finalmente andare fieri di non
avere mai ascoltato Stravinskij". La recensione del quotidiano della Santa Sede è molto stimolante. Non tanto per il
fenomeno Allevi, che di per sè ha pochissimo di interessante, quanto sul fatto che il pianista marchigiano definisce la
sua musica: "classica contemporanea". In realtà la musica classica sta ad Allevi come la pizza napoletana sta a quella
che vendono surgelata in Germania. E Allevi stesso è un fenomeno commerciale, che porta con se tutti i luoghi comuni
sulla musica, sul pianoforte, sull'esecuzione pianistica. Qualunque persona di media cultura musicale capisce
immediatamente di che musica si tratta: roba da aereoporto o studio dentistico, perfetta per rimanere in sottofondo. Ma
é soprattutto una musica che non ha ambizioni, né di essere ricordata, né di essere ascoltata con emozione. Eppure è
ormai qualche anno che ci si sente ripetere sempre la stessa cosa. Allevi compositore strambo, ragazzino capace di
incantare quando siede alla tastiera. E invece se lo ascolti dal vivo ti accorgi che il suo suono non è mai pulito, che la
dinamica pianista di Allevi è incerta, e che persino la tecnica non è al livello di un pianista degno di questo nome. Per
non parlare del livello delle composizioni. Ma queste cose non le scrive nessuno, perché i critici dei giornali non sono
critici, ovvero non sono persone con una preparazione specifica per capire certe cose, ma sono giornalisti che
esprimono giudizi. Ovvero persone prive di una vera preparazione che si inventano canoni che non esistono.
Il critico dell'"Osservatore" aggiunge: "In un Paese come l'Italia - dove c'è chi, come Alessandro Baricco, arriva a
scrivere e dirigere film per spiegare che Beethoven è sopravvalutato - è abbastanza frequente che si cada nel tranello
dell'artista svagato. Certo non è colpa dell'artista in questione, ma di un sistema scolastico fatto di flauti dolci e Fra
Martino campanaro che spesso non fornisce gli strumenti per distinguere Arisa da Billie Holiday, figuriamoci Puccini da
Allevi". Io direi che è colpa di tutti. Di tutti quelli che hanno inventato casi, fenomeni, scrittori, geni della musica, artisti
che non avevano peso e valore, per moda e per debolezza, e perché proni a un'industria culturale capace di
manipolare i media. Il risultato è quello che abbiamo sotto gli occhi. È quello che vado a ripetere qui da mesi. Il crollo
culturale di un paese che va di pari passo con il crollo morale. Riguardo ai flauti dolci, magari si insegnasse davvero a
suonarli, sarebbe già qualcosa. 30 luglio 2009
http://www.robertocotroneo.net/
22 attualità

Carta d’identità: durano 10 anni anche le vecchie


Quelle fatte dal 26 giugno 2003 in poi sono automaticamente prorogate di 5 anni
(M.M.) Una precisazione che va fatta dopo aver sentito qualche cittadino riferire di essersi visto rifiutare la carta
d’identità, in qualche ufficio, perché priva della proroga apposta dal Comune. Questa proroga è utile perché dà la pos-
sibilità istantanea di verificare la validità del documento, ma anche senza il documento resta valido, perché la proroga
è automatica per forza di legge. Basterebbe che gli operatori fossero aggiornati…

Quero, la centrale idroelettrica


Realizzata tra il 1957 e il 1960, la centrale idroelettrica di Quero, sul fiume Piave, è ubicata nel comune di Quero, in
provincia di Belluno. È una centrale ad acqua fluente con un bacino imbrifero
di circa 1474 km2; un canale derivatore lungo 17 km (di cui 12 in galleria)
convoglia le acque intercettate dallo sbarramento di Busche sul fiume Piave
fino alla vasca di carico dotata di sfioratore. Lo sbarramento di Busche è
costituito da una parte mobile con tre paratoie di scarico lunghe 33 metri
ciascuna e provviste di ventole superiori, e da una paratoia sghiaiatrice da 10
metri; la parte fissa è costituita da un ciglio fiorante in calcestruzzo lungo 125
metri. oco prima del tratto in galleria, in località Anzù, una stazione di
pompaggio provvede a pompare acqua dal torrente Sonna nella galleria di
adduzione tramite due pompe da 1 m3/sec. ciascuna. La centrale è situata
sulla sponda sinistra del torrente Tegorzo, poco prima della confluenza di quest'ultimo nel Piave, in località Fener, tra i
comuni di Alano di Piave e Quero. n canale di scarico lungo oltre 1 km restituisce le acque utilizzate immettendole
direttamente nel bacino di calma del canale Brentella di Pederobba, da cui ha poi inizio un articolato sistema di
derivazioni che consente non solo la produzione di energia elettrica in altre centrali a valle di Quero ma alimenta anche
uno dei sistemi di irrigazione agricola più vasti di tutta la pianura padano-veneta. La potenza installata è pari a 30 MW.
Contattateci per visite guidate di gruppi e scolaresche Telefono 0438729938 e-mail: laura.martorel@enel.it

come eravamo

Incontrarsi alla
fontana
Segnalazione di Agnese Dalla Piazza

La nostra abbonata Agnese ci ha consegnato


diverse fotografie da condividere con i lettori e qui
ve ne proponiamo una degli anni 50 circa, con
Giannina e Rita che posano mentre aspettano di
caricare d’acqua la botte. L’approvvigionamento
d’acqua era un compito anche gravoso e la
fontana situata vicino alla chiesa di Quero era
meta di numerosi viaggi.
Grazie ad Agnese per questo pizzico di storia
locale.
23

ASSOCIAZIONE FELTRINA DONATORI


VOLONTARI DI SANGUE
LE SEZIONI DI
ALANO DI PIAVE, QUERO,
MARZIAI-CAORERA-VAS

Organizzano per donatori di sangue, familiari e simpatizzanti tutti

GITA AL MERCATINO DI NATALE


DI BRESSANONE E VIPITENO
DOMENICA 6 DICEMBRE 2009
Programma:
Partenza con pulmann della ditta Baratto: davanti ex occhialeria Piave Segusino …. ore 6.00
dalla piazza di Alano…………………. ore 6,10
dalla piazza di Quero ………………….. ore 6,20
dalla piazza di Vas ……………………… ore 6,25
Breve sosta lungo il percorso di andata.
Ore 10.00 circa: arrivo a BRESSANONE. Visita libera al mercatino e alla città.
Ore 11.45: pranzo presso un hotel di Bressanone
Ore 13.15 circa: si prosegue fino a Vipiteno. Arrivo verso le ore 13.50. Visita libera al mercatino e
alla città.
Ore 17.30: partenza da Vipiteno per il rientro con sosta lungo il percorso con arrivo alle ore
21.00 circa.

Quota di iscrizione € 40,00 da versare all’atto dell’iscrizione entro

SABATO 21 NOVEMBRE 2009

La quota comprende: La quota non comprende:


viaggio in pulmann; - bevande e cibi durante le soste ed extra menù
pranzo in hotel - tutto quanto non menzionato nella quota
comprende

Menù: Buffet di insalata In caso di mancata partecipazione la


Antipasto quota di iscrizione (euro 40,00) verrà
Bis di primi
Secondo di carne con due contorni
restituita solo in presenza di
Dessert sostituzione
Vino, acqua e caffè

Iscrizioni: Alano: Spada Serena c/o Cartolibreria (0439 779623),


Zatta Stefano (0439 779278),
Dal Zuffo Giuseppe (0439 779508)
Quero: Susanetto Silvano tel 0439 787592;
Cartolibreria Schievenin Albertina - Via XXXI Ottobre tel. 0439.787012
Marziai-Caorera-Vas: Deon D'Orazio Annita (0439 788124),
Tieppo Paola (0439 789111)

SONO APERTE LE ISCRIZIONI ALLA SECONDA CORRIERA.


I POSTI A SEDERE IN PULLMAN VERRANNO ASSEGNATI IN BASE ALL’ORDINE DI ISCRIZIONE.
24 LETTERE AL TORNADO

Continua il dibattito sull’innocuità o meno degli inceneritori

Medici e conflitti
a cura della Dott.ssa Patrizia Gentilini
(Coordinamento Nazionale dei Comitati dei Medici per l’Ambiente e la Salute)

Certo molti ricorderanno le tranquillizzanti parole del professor Umberto Veronesi intervistato da Fazio a “Che tempo
che fa” circa l’innocuità degli inceneritori, quando con assoluta sicurezza affermò: “Zero rischio”.
Tuttavia, certamente un numero minore di cittadini ha potuto ascoltare le parole dell’illustre oncologo quando,
intervistato su YouTube (http://www.youtube.com/watch?v=B5Zou-1MXQg), affermava: “Non sono un esperto di
inceneritori” e che, quanto all’assenza di danni, si rimetteva ai suoi esperti affermando: “I miei esperti mi hanno
giurato”.
Spiace davvero dover contraddire il professor Veronesi ma, proprio per la serietà in passato dimostrata e per la
gratitudine che gli dobbiamo per gli indiscutibili miglioramenti nella chirurgia del carcinoma mammario, sentiamo il
dovere di consigliargli di scegliere meglio i suoi esperti. Siamo infatti venuti a conoscenza di lavori che recano anche la
sua firma - quali ad esempio: Veronesi U., Giugliano M., Grasso M. e Foà V., “Il recupero di energia da rifiuti: la
pratica, le implicazioni ambientali e l’impatto sanitario”, Quaderni di Ingegneria Ambientale, Vol. 45, CIPA Editore
Milano, 2007 - in cui, con grande stupore, abbiamo dovuto constatare che sono stati letteralmente stravolti risultati di
lavori scientifici ed epidemiologici in modo da assolvere gli impianti di incenerimento, con buona pace dell’onestà
intellettuale e del rigore scientifico.
Qualche esempio chiarirà meglio la questione: nel capitolo “L’impatto sanitario” di Vito Foà, a pag 54-55 vengono presi
in esame quattro studi:
1. Franchini M., Rial M., Buratti E., Bianchi F., “Health effect of exposure to waste incinerator emissions: a review
of epidemiological studies”, Ann. Ist. Sup. Sanità, 2004, 40 , 105-115
2. Elliot P., Shaddick G., Kleinschmidt I., “Cancer incidence near municipal solid waste incinerators in Great
Britain”, British J. of Cancer, 1996, 73, 702-710
3. Hu S.W., Shy C.M., “Health effects of waste incineration: a review of epidemiological studies”, J. Air and Waste
Manag. Assoc., 2001, 51, 1100-1109
4. Enhance Heath Report finale - febbraio 2004-marzo 2007: sistema di sorveglianza ambientale e sanitaria in
aree urbane in prossimità di impianti di incenerimento e complessi industriali, n 2 E 0041 programma
INTERREG IIIC zona Est Comune di Forlì
Di tutti viene fatto un utilizzo inappropriato, in particolare:
1. lo studio di M. Franchini viene mutilato e ne sono totalmente ignorate le considerazioni sulla relazione fra
inceneritori e cancro, in particolare che: “associazioni statisticamente significative sono riportate da due terzi
degli studi che hanno preso in considerazione il cancro (mortalità, incidenza o prevalenza)”.
2. lo studio di P. Elliott viene capovolto nel suo significato, aggiungendo una negazione alla frase in cui si afferma
che il rischio per diversi tipi di cancro diminuisce via via che ci si allontana dalla fonte emissiva. Vito Foà, a
proposito di esso, scrive infatti: “La conclusione degli Autori è che non è stata trovata alcuna evidenza di
diversità d’incidenza e mortalità per cancro nei 7.5 chilometri di raggio studiati ed in particolare nessun declino
con la distanza dall’inceneritore per tutti i tumori: stomaco, colon-retto e polmone oltre che per linfoma di
Hodgkin e sarcomi dei tessuti molli” . Peccato che nell’originale sia scritto: “Observed-expected ratios were
tested for decline in risk with distance up to 7.5 km. ... Over the two stages of the study was a statistically
significant (P<0.05) decline in risk with distance from incinerators for all cancers combined, stomach,
colorectal, liver and lung cancer”. Ovvero: “I rapporti osservati-attesi furono verificati in base al declino del
rischio con la distanza fino a 7.5 km. … Dopo i due stadi dello studio c’era un declino statisticamente
significativo (p<0,05) nel rischio con la distanza dagli inceneritori per tutti i cancri riuniti, stomaco, colon retto,
fegato e polmone”.
3. dello studio di S.W. Hu si riporta solo una frase “rassicurante”: “Alcuni anni prima, nel 2001, Hu e Shy avevano
condotto una revisione degli studi epidemiologici pubblicati fino ad allora. Questi Autori avevano considerato
tutti i possibili effetti che potevano essere o che sono collegati alla presenza di un inceneritore di rifiuti sia
municipali che industriali, arrivando alla conclusione che gli studi epidemiologici esaminati erano stati concordi
nel descrivere più elevati livelli corporei di metalli pesanti, ma nessun aumento di sintomi respiratori o di
declino della funzione polmonare. Le analisi effettuate avevano fornito risultati inconsistenti per rischio di
cancro e di effetti sulla riproduzione” e si omette viceversa l’affermazione che attesta l’esistenza di rischio:
“Several studies showed significant associations between waste incineration and lower male-to-female ratio,
twinning, lung cancer, laryngeal cancer, ischemic heart disease, urinary mutagens and promutagens, or blood
levels of certain organic compounds and heavy metals”. Ovvero: “Diversi studi hanno evidenziato
associazioni significative tra inceneritori ed alterato rapporto maschi/femmine alla nascita, cancro al polmone,
cancro alla laringe, malattie ischemiche cardiache, mutageni e pro-mutageni nelle urine, o livelli elevati nel
sangue di alcuni composti organici e metalli pesanti”.
4. dello studio di Coriano Foà scrive: “Gli estensori e gli esecutori del progetto avevano ovviamente condotto una
ampia analisi della letteratura già allora esistente e sono arrivati anche loro alla conclusione: non esistono
prove concrete di un legame fra l’esposizione alle emissioni di inceneritori ed un aumento di tumori. Dove
25 LETTERE AL TORNADO

sono stati osservati effetti apparentemente rilevanti, questi effetti erano spesso legati ad inceneritori siti vicino
ad altre fonti di emissione potenzialmente pericolose”. Peccato che ciò che viene riportato come “conclusione”
è viceversa una frase tratta dall’introduzione allo studio e, nel riportare i risultati, Foà omette di evidenziare i
gravi danni per la salute femminile ed il rischio di sarcomi in entrambi i sessi, messo ampiamente in risalto
dagli estensori nella “discussione” dello studio.
Desta sgomento scoprire che questi lavori “scientifici” sono quelli su cui varie Amministrazioni Pubbliche (Provincia di
Grosseto e Firenze, Regione Sicilia ad es.) fondano le proprie scelte irriducibilmente “inceneritoriste”, senza alcuna
attenzione verso le tante alternative immediatamente percorribili per la gestione dei rifiuti e con una drammatica
sottostima per le ricadute sulla salute pubblica. Ma ancora più sgomento desta constatare che anche coloro che sono
vincolati dal giuramento di Ippocrate e dall’art. 30 del Codice Deontologico possono, ci auguriamo solo per distrazione,
incorrere in gravi omissioni, che non fanno onore né a loro né alla categoria dei Medici cui tutti noi apparteniamo.
Ad evitare futuri “scivoloni” ricordo a cosa ci vincola l’art. 30, relativo al conflitto di interesse: “Il medico deve evitare
ogni condizione nella quale il giudizio professionale riguardante l’interesse primario, quale è la salute dei cittadini,
possa essere indebitamente influenzato da un interesse secondario. Il conflitto di interesse riguarda aspetti economici
e non, e si può manifestare nella ricerca scientifica, nella formazione e nell’aggiornamento professionale, [….] e nei
rapporti individuali e di gruppo con industrie, enti, organizzazioni e istituzioni, nonché con la Pubblica
Amministrazione”. Ci sono altri conflitti, non citati nel Codice Deontologico, che riguardano quelli con la propria
coscienza: fortunatamente questi, al pari dei precedenti, non ci appartengono ed almeno questa consolazione
nessuno potrà togliercela: di certo nessuno potrà mai dirci: “Se i medici sapevano, perché hanno taciuto?”.
Segnalazione di Alda Panciera

Percorso Progetto ERWIN ROMMEL,


primo tenente del
Battaglione Württemberg,
con l’insegna dell’ambitissima
L’aiutante di Battaglia
VINCENZO MATTEO
COLOGNESE (1894-1917)
di Montebelluna.

VALDEROA “Sentieri della Pace”


onorificenza “Pour le Mérite”, Terzo Plotone,
attribuita per la conquista 265ª Compagnia,
del Monte Matajur Battaglione “Val Cismon”,
il 26/10/1917. 7° Reggimento Alpini.

Cima Valderoa - Intitolazione “Sentieri della Pace” sulle prime linee Cima Valderoa - Title "Paths of the Peace" on the first lines of the con- Cima Valderoa - Überschrift "Pfade des Friedens” auf die ersten Linien Cima Valderoa - Titre "Sentiers de la Paix” sur les premières lignes des armées Cima Valderoa - Poimenovanje «Poti miru» na prvih frontnih crtah
ˇ ˇ si
nasprotujocih
dei contrapposti eserciti e picchetto d’onore con deposizione di una trasted armies and picket of honor with deposition of a crown of laurel in von den gegesätzlichen Armeen und Pflock von Ehre mit Niederlegung opposées et garde d'honneur avec déposition d'une couronne de laurier à la ˇ
armad in castna ˇ ob polozitvi
straza ˇ lovorovega venca v spomin na Vincenza Mattea
corona di alloro alla memoria di Vincenzo Matteo Colognese. memory of Vincenzo Matteo Colognese. eines Siegerkranz zum Gedenken an Vincenzo Matteo Colognese. mémoire de Vincenzo Matteo Colognese. Colognese.

Nel 91° anniversario della fine della Grande Guerra il Museo On the 91st anniversary of the end of the Great War, the Beim 91. Jahrestag vom Ende des Großen Krieges entschied Dans le 91ième anniversaire de la fin de la Grande Guerre, le Ob 90. obletnici konca 1.svetovne vojne sta se Museo del
del Piave e il Museo di Campo hanno deciso di assumere delle “Museo del Piave” and the “Museo di Campo” have decided to das “Museo del Piave” mit dem “Museo di Campo” einige “Musée del Piave” et le “Musée di Campo”, ils ont décidé d'assumer Piave in Museo di Campo odlocila ˇ pristopiti k pobudam, da se do-
iniziative per celebrare degnamente l'evento "Sulle orme della assume some initiatives to worthily celebrate the event "On the Initiativen anzunehmen, um würdig das Ereignis "Auf die Spuren des initiatives pour célébrer l'événement dignement "Sur les traces stojno obelezi ˇ dogodek «Sulle orme della Grande Guerra». Tako
Grande Guerra" in ricordo di eroismi e sofferenze di quanti si so- tracks of the Great War", in memory of heroisms and sufferings des Großen Krieges" zu feiern, in Erinnerung von Heldentum de la Grande Guerre" en souvenir d'héroïsmes et souffrances de ˇ
naj bi pocastili junastvo ˇ
ˇ in trpljenje udelezencev spopadov in voj-
no scontrati quotidianamente ed eserciti che hanno combattuto of all people that daily encountered and of all armies that fought und Leiden von allen Leuten, die täglich aufeinander stießen toutes les personnes qui quotidiennement se sont heurtés et des ˇ posebno je spomin na-
ska, ki so se eno leto borile v teh krajih. Se
in questi luoghi per circa un anno (tra il 1917/18) e in particolare in these places for about one year (among 1917/18); and parti- und von allen Armeen, die in diesen Plätzen für etwa ein Jahr armées qui ont combattu dans ces endroits pour environ un an, menjen dogodkom, ki so se odvijali leta 1917, 17. decembra zju-
nella mattinata del 17 dicembre 1917 quando avvenne uno cularly on 17th December morning 1917, when a bloody clash (zwischen 1917/18) kämpften, und besonders am Vormittag entre 1917/18, et en particulier dans la matinée du 17 décembre traj, ko sta se v krutem boju spopadla Würtemberski ˇ gorski batal-
scontro cruento tra il Battaglione da montagna del Württemberg happened between the mountain Battalion of the Württemberg, vom 17. Dezember 1917, wenn es ein Blutzusammenstoß zwi- 1917, lorsque une collision sanglante arriva entre le Bataillon de jon pod poveljstvom Erwina Rommla in bataljon «Val Cismon»
comandato da Erwin Rommel e il Battaglione "Val Cismon" 7° commanded by Erwin Rommel, and the Battalion "Val schen dem Gebir-gebataillon von Württemberg, kommandiert montagne de Württemberg, commandé par Erwin Rommel, et le 7. alpinskega polka, pri katerem je v eksploziji min padel alpin Vin-
Reggimento Alpini, dove l'Alpino Vincenzo Matteo Colognese fu Cismon",7th Alpine troops Regiment, where the Alpine Vincenzo von Erwin Rommel, und dem Bataillon "Val Cismon", 7. Alpen- Bataillon "Val Cismon" 7ième Régiment Chasseurs Alpins, où le cenzo Matteo Colognese.
dilaniato dallo scoppio delle bombe. Matteo Colognese was torn to pieces by the burst of the bombs. regiment, gab, wo der Alpenjaeger Vincenzo Matteo Colognese chasseur alpin Vincenzo Matteo Colognese fut déchiqueté par l'ex- To sodelovanje dveh muzejev je pomembno, ker je pripeljalo k
Questo connubio, tra i due musei, è un evento importante This match, among the two museums, is an important event vom Platzen der Bomben zerrissen wurde. plosion des bombes. poimenovanju poti miru na prvih strateskih ˇ polozajih
ˇ obeh armad.
che ha contribuito all'intitolazione dei "Sentieri della Pace" sulle that has contributed to the title of the "Paths of the Peace" on the Diese Vereinigung zwischen die zwei Museen ist ein wichti- Ce mariage, entre les deux musées, c'est un événement impor- Pod pokroviteljstvom dezele ˇ Veneto so bile poimenovane infor-
prime linee strategiche dei contrapposti eserciti, grazie al patro- first strategic lines of the contrasted armies. Thanks to the patro- ges Ereignis, das zur Überschrift von den "Pfaden des Friedens” tant qui a contribué au titre des "Sentiers" de la Paix sur les premiè- macijske table vzdolzˇ obmocja ˇ «linea del Piave», v pogorju Grap-
cinio della Regione Veneto sono state intitolate delle targhe po- nage of the Region Veneto, some plates have been entitled and auf die ersten strategischen Linien von den gegensaetzlichen res lignes stratégiques des armées opposes; grâce à le parrainage pa, na gori Pasubio in drugod. S sodelovanjem predstavnikov Ko-
ste sulla “linea del Piave”, al massiccio del Grappa, al Pasubio set on the "line of the Piave", on the mountain Grappa, on the Armeen beitrug. Danke dem Patrozinium der Region Venetien de la Région Vénétie, des plaques ont été intitulées et mises sur la ˇ
bariskega muzeja in Ustanove poti miru v Posocju ˇ so bile na pre-
ecc., con la partecipazione straordinaria di rappresentanti del mountain Pasubio, ect, with the extraordinary sharing of repre- wurden einige Schilder betitelt und auf die "Linie des Piave”, auf "ligne" du Piave, au massif du Grappa, au Pasubio etc., avec la par- lazu Solarje v Obcini ˇ Dreka (Drenchia UD) ze ˇ pred tem urejena
ˇ Muzej - Caporetto e Fondazione Poti Miru (Sentieri
Kobariski sentatives of the Kobariski ˇ Muzej - Caporetto and Foundation Grappa-Gebirge, auf Pasubio-Gebirge, usw. gestellt, mit der ticipation extraordinaire des représentants du Kobariski ˇ Muzej - obmocja ˇ z imenom «Poti miru po sledeh Rommla»
della Pace) che precedentemente hanno intitolato sul passo So- Poti Miru (Paths of the Peace) that previously entitled, on the ungewöhnlichen Teilnahme von Vertretern des Kobariski ˇ Muzej Caporetto et Fondation Poti Miru (Sentiers de la Paix) qui précé- «Poti miru»: 1. informacijska tabla Cippo Domador 1196 m; 2.
larie in Comune di Drenchia (UD) "Sentieri della Pace sulle trac- footstep Solarie in Drenchia (UD), "Paths of the Peace on the - Caporetto und Gründung Poti Miru (Pfade des Friedens), die demment ont intitulé sur le pas Solarie en Commune de Drenchia ˇ
i.t. srednji vrh; 3. i.t. na vrhu Valderoa, kjer je organizirana castna
ce di Rommel". traces of Rommel." im Voraus "Pfade des Friedens auf die Spuren von Rommel" in (UD) "Sentiers de la Paix sur les traces de Rommel." strazaˇ pripadnikov skupine v zgodovinskih uniformah italijanske in
"Sentieri della Pace": 1° tabella Cippo Domador quota 1.196 "Paths of the Peace": 1st plate Cippo Domador at 1.196 Drenchia (UD) betitelten. "Sentiers de la Paix": 1ième tableau “Cippo Domador” cote 1.196 avstrijske vojske ter pozdrav s trobento.
m.; 2° quota intermedia; 3° tabella a Cima Valderoa dove è stato meters above sea level, 2nd plate at intermediary altitude; 3rd "Pfade des Friedens" - Erste Tabelle Cippo Domador 1.196 m.; 2ième cote intermédiaire; 3ième tableau à la cime Valderoa où Na tem svetem kraju je bil polozen ˇ venec v spomin mnogih
organizzato il picchetto d'onore con alcuni figuranti di soldati ita- plate in Valderoa where the picket of honor was organized with M.; Zweite Tabelle zu Zwischenhoehe; Dritte Tabelle in Valderoa, la garde d'honneur a été organisée avec quelques figurants de sol- vojakov, ki so bili tezko ˇ ranjeni in tistim, ki so izgubili svoja zi-
ˇ
liani e austriaci con il suono di tromba. some walk-ons of Italian and Austrian soldiers with the sound of wo der Pflock von Ehre mit einigen Figuranten von italienischen dats italiens et autrichiens avec le son de trompette. vljenja.
In questo luogo sacro è stata deposta una corona d'alloro the trumpet. und oesterreichischen Soldaten mit dem Laut von Trompete Dans cet endroit sacré une couronne de laurier a été déposée où
dove tanti soldati furono gravemente feriti ed altri cessarono di In this sacred place a crown of laurel was deposed where organisiert wurde. Ein Siegerkranz wurde in diesem heiligen beaucoup de soldats furent blessés gravement et des autres cessè- 27 September 2009

vivere. many soldiers were seriously wounded and other ones died. Platz abgesetzt, wo viele Soldaten schwer verletzt wurden und rent de vivre.
andere starben.
27 Settembre 2009 September 27 th 2009 Le 27 septembre 2009
27. September 2009

Diotisalvi Perin - Presidente Museo del Piave “Vincenzo Colognese” - Caorera di Vas (BL) Luca Turchetto - Presidente Museo storico territoriale di Campo “Amici del museo della Grande Guerra” Alano di Piave (BL)

Caccia
come eravamo

Caccia
grossa
grossa
anni ‘50
anni ‘50
di Marcello Meneghin
di Marcello Meneghin
Come cambiano i tempi!
Come cambiano i tempi!
Cinquant'anni
Cinquant'anniororsono
sonosi si
sentiva l'orgoglio
sentiva l'orgogliodidi
documentare
documentarecon confoto
foto
davanti al al
davanti Municipio
Municipioun un
avvenimento
avvenimento
sensazionale che ai
sensazionale che ai
nostri giorni sarebbe
nostri giorni sarebbe
giudicato né più né meno
giudicato
che unané più né
strage deglimeno
cheinnocenti!
una strage degli
innocenti!
26 ASTERISCO

CLASSE ……ANTA CON NOI!!!


☺ Questa tappa passiamola tutti
insieme, mangiandoci sopra...
Noi “giovani” di Quero e Alano, organizziamo la “cena della classe”
per passare in compagnia l’importante traguardo dei 40 anni….
Si cena al Ristorante “Da Bastian” di Pederobba,
sabato 21.11.09 alle ore 20,30
Se sei dei nostri, vai al “Caffè Centrale“ di Quero
entro il 08.11.09 e dai la tua adesione!
Per 30 € riceverai un bigliettino numerato come ricevuta (porrai il
tuo nome sulla matrice) da consegnare la sera della cena agli
organizzatori.
Il ritrovo per l’aperitivo è alle ore 19:30 sempre al
“Centrale”, oppure alle ore 20,30 al ristorante.
INFO: X Quero: Curto Pietro 339 7792358
X Alano: Rossi Tarcisio 380 3978347

cronaca

Serena Schievenin:
una laurea… di corsa
Nelle frasi dette da Stefano Baldini, che Serena ha
riportato anche nella tesi:

<<...correre è bello… la corsa ti fa stare bene con il


corpo e con la mente >>,
<<...la maratona è una bella sfida con sé stessi
prima che con gli altri ...>>

si può cogliere la passione con la quale la querese


Serena Schievenin ha seguito il suo corso di studi che
si è concluso con la laurea alla facoltà di Scienze
Motorie dell'Università degli studi di Padova.
Serena ha scelto di approfondire un tema particolare ed
ha discusso una interessante tesi dal titolo: "Maratona:
gara olimpica e fenomeno di massa".
Appassionata di corsa, Serena ha scelto proprio il filone
giusto di studi per cogliere anche gli aspetti più nascosti
e coinvolgenti di questa pratica sportiva.
Nella foto la vediamo ritratta, felice, assieme ai genitori,
Daniele Schievenin e Daniela Bardin, anch’essi
orgogliosi per il traguardo raggiunto da Serena.
27 cronaca

Ricordo di Angelina Dalla Favera


vedova Menegon
di Maria Rita Zuco
Il 3 ottobre, alle 14 circa, si è spenta serenamente Angelina Dalla Favera, di Alano di
Piave, vedova Menegon. Aveva compiuto 100 anni il 13 marzo scorso. La sua vita è
stata lunga e caratterizzata dalla sua immensa bontà d’animo. Scrivo come ad una
mamma queste poche righe, perché tale lei è stata per me, essendo lontanissima la
mia (in Sicilia).
“Grazie, mamma! perché mi hai dato la tenerezza delle tue carezze, il bacio della
buona notte, il tuo sorriso premuroso, la dolce tua mano che mi dava sicurezza. Hai
asciugato in segreto le tue lacrime, hai incoraggiato i miei passi, hai corretto i miei
errori, hai protetto il mio cammino, hai educato il mio spirito, con saggezza e con
amore mi hai introdotta alla vita.
E mentre vegliavi con cura su di me, trovavi il tempo per i mille lavori di casa.
Tu non hai mai pensato di chiedere un grazie”.

ASTERISCO

YALLA ITALIA!
Una rivista nuova per una nuova Italia. I giovani di seconda generazioni si raccontano.
Yalla Italia è un’avventura iniziata informalmente alla fine del 2006. Alla base c’è un’idea semplice: dar voce e visibilità
al processo d’identità delle seconde generazioni, a quelle nuove cittadinanze che mantengono le loro radici vitali nei
paesi di provenienza dei loro genitori e che fanno crescere i rami della loro
vita in Italia.
Nel nostro inserto mensile pubblicato da Vita Magazine, cerchiamo di
comunicare l’intrigante visione del mondo a 360 gradi delle seconde
generazioni, come viviamo giornalmente la sintesi tra la cultura di
appartenenza e quella di provenienza, come mediamo le aspettative delle
nostre famiglie con le nostre aspirazioni personali, quali scelte comporta
vivere boderline tra il sacro e il profano, e spiegare quanto medio oriente c’è
in noi e quanta italianità ci portiamo dentro quando giriamo il mondo. Ma
anche che Italia vediamo dal nostro osservatorio privilegiato di italiani con un
doppio background, con gli occhi di chi non ha una visione esclusivamente
eurocentrica.
In Yalla Italia comunichiamo noi stessi, quale può essere il nostro ruolo in un
Italia che sta cambiando e lo facciamo con senso dell’ umorismo, con auto
critica, senza essere autorefenziali, senza dare licenze di moralità alla
politica e alla società, senza imporre la nostra identità a nessuno. Qualcuno
ci ha definito nuovo ossigeno per l’Italia, altri un promo dell’Italia del futuro.
Noi ci consideriamo dei testimonial di un nuova Italia sempre più multietnica,
affascinante, globalizzata e dinamica a volte anche complessa. Prima della
nascita di Yalla Italia molti di noi si limitavano a mangiare cous cous e a bere
tè alla menta, lasciando sospesa la propria questione identitaria, Vita
Magazine ci ha dato la possibilità di uscire in superficie e di interrogarci su
molte questioni fondamentali, come appunto il nostro ruolo nella società italiana.
Ci riteniamo dei ponti di collegamento tra il passato e il futuro, la prima generazione di immigrati e la società italiana, la
clandestinità e la stabilità, insomma dei mediatori che, volenti o nolenti, si ritrovano simultaneamente a far parte di due
dimensioni senza mai dover rinunciare davvero ad una delle due.
Lo staff di Vita, il sostegno di tanti addetti ai lavori come mediatori culturali e giornalisti, professori, studenti, lettori e
amici vari sia in Italia che all’estero, ci stimolano a navigare verso orizzonti e sfide sempre più interessanti. Non sap-
piamo ancora dove arriveremo, quale sarà la nostra destinazione, ma sappiamo che la direzione è quella giusta.
http://www.yallaitalia.it/index.html

LETTERE AL TORNADO

COSCRITTI SETTANTENNI DI VAS – QUERO – ALANO


Volete festeggiare le vostre PRIME 70 PRIMAVERE?
Troviamoci il 21 NOVEMBRE PROSSIMO
Ore 18,30 Messa a Quero, poi aperitivo al Bar Centrale e Cena al Tegorzo (ore 20,30)
28 MOSTRA
V.D.M.
di Marco Van Dijk
ELETTROTECNICA
Cell. 335-7604181

impianti elettrici civili e industriali – manutenzione e riparazione automazione industriale


progettazione e montaggio impianti fotovoltaici
distributore e installatore autorizzato CAME
vendita al dettaglio di materiale elettrico, ferramenta (minuteria) e piccola attrezzatura
Quero (BL) – Via del Fagher, 14
Orario di apertura: 9.00-12.00 / 16.00-19.00
Tel. 0439-829124 – Fax 0439-788523 – E-mail: marco.vandijk@tiscali.it

Fioreria “Manuela”
Fiori e addobbi floreali
per ogni occasione.
accurato servizio
a domicilio
AlAno di pIAVE (BL)
Tel. e fax 0439.779778 - 0439.779482 via Monte Grappa, 28 · Feltre
(chiuso mercoledì pomeriggio, aperto la domenica mattina)
tel. 0439 840 443 · www.bancapopolare.it

due esse s.n.c.


di Stramare nicola e oscar
Via S. Rocco, 39 - 31040 SEGuSINo (TV)
Telefono e Telefax 0423.979344
Via della Vittoria - 32030 FENER (BL)
Telefono 0439.789470

onoranZe
terre armate - strade forestali - muri in roccia Funebri
ripristino frane - Fornitura inerti

Via Caduti e Dispersi in Russia, 10


32031 ALANO DI PIAVE (BL)
Codice Fiscale e P. Iva 01027490257
Tel. 0439 787707 - Cell. 347 9775461
Tel. 0439 776076 - Cell. 380 5154637
RICOSTRUZIONE UNGHIE
EXTENSION

SALONE UNISEX ACCONCIATORE MASCHILE


Viale Italia, 205 Piazza Licini, 1
31040 SEGUSINO (TV) 32031 ALANO DI PIAVE (BL)
Tel. 0423.979188 Tel. 0439.779745

Alessia Rizzotto
impresa edile Consulente per Viaggiare

L'unica agenzia di viaggi anche a domicilio


Fabrizio Mondin
Stampa DBS - Rasai di Seren del Grappa (BL)

nei giorni e negli orari che preferisci!

costruzioni civili e industriali viaggi di nozze * vacanze in tutto il mondo


viaggi su misura * gruppi * lastminute
ristrutturazioni e manutenzioni di ogni tipo week end * itinerari culturali e archeologici
vacanze in barca a vela
allacciamenti fognature
cell: 349.5282262
email: a.rizzotto@cartorange.com
tel. 349.3024131 web: www.consulenteperviaggiare.com