Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 6 febbraio 2014


anno XLVII (nuova serie)

numero 5 euro 1,20

5
8 Attualit
Alluvioni, mezza Italia in allarme
l Modenese in grandi difficolt dopo i recenti I allagamenti. 1.800 le aziende colpite. Piove... sui danni del terremoto

Diocesi
Incarico nazionale per il vicario della diocesi
on Pier Giulio Diaco stato nominato nei D giorni scorsi assistente ecclesiastico dellAssociazione familiari del clero

Diocesi
In cammino verso il matrimonio
on Luca Baiardi, parroco di Sala di Cesenatico, D descrive la proposta rivolta ai fidanzati. E che prosegue dopo le nozze

Visita pastorale
Il vescovo Douglas in parrocchia a Tipano
onsignor Regattieri incontrer il parM roco don Antonio Spinelli e tutta la comunit dal 9 al 16 febbraio

10

Editoriale Capaci di osare


di Francesco Zanotti

Storie di ragazzi che lavorano o studiano lontano da casa

uello che successo in Parlamento in questi giorni scandaloso e morticante. Mi sentirei umiliato se lItalia fosse una fotocopia di quanto si visto. Queste sono le parole pronunciate venerd scorso in conferenza stampa dal neo segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino. Ma c anche dellaltro ha aggiunto, rivolgendosi in particolare ai giornalisti e voi siete chiamati a darne notizia. Un invito esplicito a dare voce a unaltra realt, a quella parte di Paese che esiste, ma troppo spesso non emerge, non appare sui grandi media. Da un lato il segretario della Cei ha lanciato un assist verso tutta linformazione cattolica che da sempre e per vocazione d voce a chi non ce lha. Daltra parte ha fatto riettere tutti coloro che operano allinterno di questi media. Se vero che cerchiamo di raccontare unaltra faccia dellItalia e lo facciamo da tempo, ma tutto questo lavoro non appare, signica che qualcosa di meglio si pu e si dovrebbe fare. Uno degli obiettivi che si ponevano i fondatori della Fisc, la Federazione italiana che riunisce 187 testaste diocesane, gi nel 1966 era quello di riuscire a fare opinione pubblica. Un obiettivo che resta nella sua interezza in capo a chi, a livelli diversi, chiamato a raccontare lItalia delle periferie, dei territori, della provincia. Quanto avete udito e visto raccontatelo sui tetti, narrano le Sacre Scritture in pi occasioni. Papa Francesco, nella Evangelii Gaudium, afferma che non c niente di meglio da trasmettere agli altri dellincontro personale con lamore di Ges che ci salva. Quindi abbiamo un messaggio forte da comunicare che spesso si svilisce nel tragitto fra il mittente e il ricevente. Siamo immersi in una babele comunicativa nella quale facile smarrirsi e dove il frastuono sovrasta ogni tentativo di pacato ragionamento. La globalizzazione dellindifferenza sembra spesso avere la meglio. Ci non toglie che non si possa migliorare. Prima di tutto cercando di essere sempre pi bravi, sempre pi efcaci, al passo con i tempi che corrono in maniera vorticosa. Dobbiamo vincere un pregiudizio che relega i media cattolici in un angolo, anche allinterno del variegato e non meglio denito e denibile nostro stesso mondo. Forse abbiamo bisogno di una maggiore stima reciproca e di realizzare il desiderio di fare rete, soprattutto nella Rete, espresso in numerose occasioni. Un invito no a ieri, oggi quasi un obbligo, almeno morale, per tutti noi. Dobbiamo osare per incidere di pi, senza alcun timore, senza paure di un domani che si presenta pieno di incognite.

Giovani in gamba

FOTO ARCHIVIO SIR

Giovani al lavoro, in tutto il mondo. Continuiamo la pubblicazione di storie di ragazzi cesenati in cerca di fortuna in ogni continente. Ce n per tutti i gusti, di questi ragazzi bravissimi. sempre pi emergenza-lavoro. E lo ancora di pi per chi si appresta alla prima occupazione. Abituati a viaggiare, soprattutto grazie al progetto Erasmus, questi giovanotti nati negli anni 80 e 90 non si perdono danimo. Allora aprire unattivit in Svezia pu diventare normale per chi non ha trovato altri sbocchi sul territorio. Tanta ammirazione per questa nuova generazione capace di molti sacrifici. Per gli altri, una sana dose di rimpianti perch ormai da troppo tempo la Romagna non pi in grado di offrire le giuste opportunit. Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena 12 Lavoro, Soilmec Dipendenti con orario ridotto Cesenatico 15 Gravissimi danni agli allevamenti di cozze

Cesena 13 Elezioni/3 Opinioni e idee a confronto Gambettola 16 Amministrative Tre candidati alle Primarie

PARTENZE DI MARZO CON COSTA CROCIERE


MEDITERRANEO - 10 marzo con Costa Classica Canarie, Madera, Marocco, Portogallo, Spagna 12 giorni in pensione completa andata in volo, rientro in nave da 499 euro
Informazioni e prenotazioni

EMIRATI ARABI - 21 marzo con Costa Fortuna Dubai, Oman, Emirati Arabi 8 giorni in pensione completa (volo a parte) da 679 euro CARAIBI - 29 marzo con Costa Magica (attraverso lAtlantico) Caraibi, Madera, Spagna, Malta, Grecia, Croazia 20 giorni in pensione completa andata in volo, rientro in nave da 999 euro

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

MEDITERRANEO - 16 marzo con Costa Serena Tunisia, Spagna, Francia 8 giorni in pensione completa da 249 euro

Opinioni

Gioved 6 febbraio 2014

Le foibe, dove arriv la violenza del comunismo


UNA FOIBA (GROTTA)

i allunga nel calendario lelenco delle giornate che invitano al ricordo, che richiamano la memoria per rivivere responsabilmente le tragedie provocate nel secolo scorso dalle ideologie totalitarie che, agguantato astutamente e saldamente il potere, hanno da subito dichiarato di voler sradicare, fin dal profondo, lanima dellEuropa, per imporle (costi quel che costi!) una nuova identit, un nuovo ordine, quasi una nuova creazione. Il 27 gennaio abbiamo vissuto la Giornata della memoria, e cos ribadito il nostro radicale giudizio circa la soluzione finale voluta demoniacamente dal Reich hitleriano e la nostra solidariet con i fratelli maggiori del popolo di Israele. Il 10 febbraio siamo invitati alla Giornata del Ricordo che una legge del Parlamento italiano ha voluto per riproporre alla coscienza del nostro popolo la tragedia delle foibe e lesodo forzato di oltre 300mila italiani, profughi da Pola, da Zara, dallIstria, dalla

Le foibe, queste grotte scavate dai fiumi sotterranei del Carso dove furono scaraventati, a migliaia, donne uomini e anche bambini. Molti con alle spalle una valorosa partecipazione alla lotta contro i nazifascisti, tutti ritenuti colpevoli di non riconoscere la violenza antidemocratica delle milizie titine, molti (anche numerosi sacerdoti) sommariamente processati per la loro fedelt alla fede cristiana dei padri e alla loro storia

Incontro a Roma, sabato 10 maggio La scuola bene di tutti Sar una festa di popolo
n tempi di crisi bisogna investire. Di pi: lItalia deve ritornare a investire. Anche per fuggire il pericolo, sempre ricorrente, di fermarsi a contemplare le proprie divisioni e i troppi piccoli interessi in conflitto. E cos decadere. Ma linvestimento deve essere trasversale, cio deve servire a tutti. Fenomeni di larghissima portata, globalizzati, accentuano il divaricarsi delle divisioni sociali, per cui si distanziano non soltanto i redditi, ma due parti della societ. Due parti molto diseguali, per consistenza numerica e per consistenza patrimoniale. Dove pochi hanno sempre di pi e molti sempre di meno. un cambiamento rapidissimo che disorienta e lascia un senso di impotenza. Per questo bisogna investire. Ecco allora la scuola e pi ampiamente leducazione - come luogo strategico. il senso delliniziativa La Chiesa per la scuola, il prossimo 10 maggio, in piazza San Pietro, con Papa Francesco. Sar, si legge nellinvito lanciato durante il consiglio permanente della Cei, il giorno di San Tommaso dAquino, unoccasione privilegiata di mobilitazione popolare nella forma di una festa insieme. Essa manifester a tutti, una volta di pi, linteresse e lazione della Chiesa per il mondo della scuola, che da Roma ripartir con rinnovate motivazioni ed energie. La scuola, infatti, un bene di tutti. Appunto: un bene di tutti da rilanciare con il contributo di tutti, per cui come credenti e come cittadini non possiamo disinteressarcene, ma anzi in qualche modo prendere liniziativa, uniniziativa aperta. Certo il campo immenso. Ha detto il segretario generale della Cei, presentando i lavori del consiglio permanente: la scuola deve imparare a recuperare il suo ruolo fondamentale, che non quello di chi d risposte, ma di chi mette in mano agli studenti gli strumenti critici per stare in maniera consapevole in questo mondo. Quando, invece, la scuola si limita a dare risposte a buon mercato, allora scatta la visione ideologica, ha ammonito.

La fotograa
Due facce di un inverno strano, alquanto mite. La neve al passo della Calla (foto di Marino Savoia, il 29 gennaio) e uno scatto di sabato scorso in un uliveto nei pressi di Cesena.

Una precisazione sulla foto di una settimana fa: lauto immortalata dal nostro obiettivo una Lamborghini e non una Maserati. Ce ne scusiamo con i lettori.

C insomma molto da fare e questo il senso della convocazione intorno al Papa, semplicemente per ascoltare la sua parola. Che capace di esprimersi, come abbiamo potuto vedere, a tutto campo e per tutti. Partiamo dalla realt di un sistema di scuola pubblica che sia statale che non statale e dalla consapevolezza di una situazione di crisi, sui cui riflettere senza pregiudizi e senza indulgere alle mode e alle ideologie. La crisi della scuola non dipende da fattori soltanto economici. una crisi pi profonda che chiama in causa la responsabilit di ogni cittadino che si sente convocato e obbligato a contribuire al bene comune, tanto pi urgente quanto meno avvertito, si legge nella lettera di convocazione. Bisogna dunque entrare in questa linea dellinvestimento. Senza steccati. Monsignor Nunzio Galantino ha ribadito che non faremo rivendicazioni di nessun genere. Non chiediamo nulla. Andiamo in piazza per ascoltare ci che il Papa ha da dirci. Per muoversi, tutti, con rinnovata lena. Francesco Bonini

Dalmazia, terre italianissime da sempre, costretti a fuggire dagli sgherri del maresciallo Tito che, spinti anche da un desiderio di vendetta per le violenze subite dalloccupazione dei nazifascisti, volevano in realt annettere quelle terre al regime comunista della Jugoslavia, allora saldamente in rapporto con lUnione Sovietica di Stalin. Le foibe, queste grotte scavate dai fiumi sotterranei del Carso dove furono scaraventati, a migliaia, donne uomini e anche bambini. Molti con alle spalle una valorosa partecipazione alla lotta contro i nazifascisti, tutti ritenuti colpevoli di non riconoscere la violenza antidemocratica delle milizie titine, molti (anche numerosi sacerdoti) sommariamente processati per la loro fedelt alla fede cristiana dei padri e alla loro storia. Per i partecipanti al forzato esodo, umiliazioni e sofferenze li accolsero quando, con speranza e portando con s poche cose, vennero in Italia, la terra dei loro padri. Furono accolti e tollerati in campi di raccolta che avevano il volto dei campi di concentramento. Durante il transito alla stazione ferroviaria di Bologna, furono addittura impediti dai ferrovieri di sicura fede comunista per scendere alla ricerca di qualche genere di conforto, subissati dalle grida che li dichiaravano fascisti. Alcune famiglie sono giunte anche a Cesena (nella nostra citt erano aperti gli stabilimenti dellArrigoni che allora aveva la sua sede centrale a Trieste). Non per rinverdire rancori o tristi nostalgie, dobbiamo ricordare, ma per rimarcare un giudizio netto di condanna per quelle ideologie che con tanta violenza hanno devastato la grande casa comune, nel grembo della quale hanno costruito la loro storia i popoli e le nazioni dellEuropa. Una storia vissuta nella luce della tradizione cristiana che tanto ha allargato gli orizzonti della ragione. Una storia doverosamente rispettosa (anzi, avvantaggiandosene!) delle peculiarit storico-culturali di ciascuna, potendosi cos candidare ed essere partecipe del processo di globalizzazione che sar autentica solo se nel segno della solidariet. Questo prima ancora che nelle intenzioni della grande finanza! Oggi ci ritroviamo in questa stagione. Dopo linverno, la primavera? Un suggerimento: nella libreria San Giovanni di piazzetta Isei, a Cesena, disponibile il volume di R. Pupo (editrice Rizzoli) intitolato Il lungo esodo. Istria: le persecuzioni, le foibe, lesilio. Piero Altieri

Gioved 6 febbraio 2014

Primo piano
Il batterista Lorenzo Bonucci

Lorenzo Bonucci studia a Rovigo

Un batterista sulla scia dei pi grandi musicisti


a passione lo ha preso quando "Qualche anno fa, ascoltando jazz era bambino e da allora non si degli anni 50 e 60, mi pi fermato. Lorenzo Bonucci di Cesena ha quasi 26 sono appassionato del genere anni ed un batterista che si sta e ho cominciato a studiarlo affermando a livello nazionale. Il suo genere il jazz, il tipo di musica dove in maniera approfondita" meglio di ogni altro si esprimono la fantasia, la tecnica e le capacit innate di ogni musicista. per chi ascolta. E una musica che va compresa, oltre che "Ho iniziato a studiare lo strumento - dice Bonucci ascoltata. Bonucci dice che riesce a suonare abbastanza allet di 8 anni con il maestro Glauco Oleandri che mi nei locali, nei jazz club, nei teatri. E stato ingaggiato per ha accompagnato fino al 2008. A lui devo davvero tanto molti concerti anche grazie allinteressamento di di quanto ho imparato. Poi dal 2008 ho frequentato, con Tamburini che non solo linsegnante di tanti giovani, borsa di studio, il conservatorio di musica "Venezze" di ma si impegna anche per proporre e favorire eventi. Rovigo, sotto la guida del professor Marco Tamburini e "Studio la batteria da tanti anni - aggiunge il giovane mi sono laureato alla triennale nel 2012. Ora sto ma non si finisce mai di imparare. A volte riprendo con continuando gli studi per completare il Biennio Jazz". esercizi di qualche anno fa allo scopo di non perdere Tamburini uno dei migliori trombettisti jazz italiani ed manualit, precisione e velocit. Si crede di essere di Cesena e con lesperto musicista cesenate Bonucci arrivati a buon punto e poi ci si rende conto che davanti fa parte della "Venezze Big Band". c ancora un mare inesplorato. C cos tanto da "Quando avevo 14-15 anni - continua Bonucci - ho imparare che a volte ci si scoraggia". iniziato a suonare pop-rock. Sono i generi pi in voga, Alle superiori si diplomato allAgraria, ma chiaro che specie tra i ragazzini. Ma qualche anno fa, ascoltando nel suo futuro vede la musica. Un paio di settimane fa ha jazz degli anni 50 e 60, mi sono appassionato a questo passato tutto il pomeriggio a Bologna per provare con il genere e ho cominciato a studiarlo in maniera famoso Carlo Atti, saxofonista jazz di fama approfondita". internazionale. Il jazz pi complesso, sia per chi lo deve suonare, sia

"Il jazz un genere che lascia spazio alla fantasia conclude il batterista -. Dopo lesposizione del tema i musicisti, pur seguendo un canovaccio, improvvisano e lasciano libero sfogo alla propria fantasia e alla capacit di interpretare il pezzo". Tanti i riconoscimenti che Bonucci ha gi raccolto. Nel curriculum si legge che arrivato terzo al concorso nazionale "Chicco Bettinardi" per nuovi talenti del Jazz Italiano (2011) ed stato finalista al "Victoria Rotary Jazz Award" di Ragusa (2012), diretto da Francesco Cafiso. Ha suonato in vari Festival e Rassegne Jazz in Italia: Umbria Jazz Winter di Orvieto (2008-2009 ); Umbria Jazz Perugia (2009), "Roccella Jazz Festival" rumori mediterranei di Roccella Jonica (2010); "Tuscia Jazz Festival" di Viterbo (2012); rassegna "Kilometro Zero" Scorz e Monza; rassegna "Emilia Romagna Jazz Festival" di Pomposa (2012 ). Cristiano Riciputi

Si sta concretizzando lidea dei due giovani cesenati Andrea Biondi e Luca Santi
Francesca Siroli
e prelibatezze culinarie e le atmosfere della Romagna superano i confini nazionali grazie ad Acqua & Farina (www.acqua-e-farina.it). Lidea, nata nellottobre 2010 dallintuizione di due giovani cesenati - il 27enne Luca Santi e il 26enne Andrea Biondi - unisce la bont e la qualit dei prodotti tipici romagnoli (pasta, piadina e crescioni) con la velocit e la semplicit di un fast food, il tutto nel rispetto dellambiente. Luca Santi, quali sono le caratteristiche del progetto? Oltre allutilizzo esclusivo di prodotti e materie prime di alta qualit made in Italy, un altro punto centrale luso di macchinari innovativi in grado di cuocere il prodotto in un minuto senza lemissione di fumi, alimentati con energia elettrica: cos il locale non ha bisogno di cucina, canne fumarie o cappe, il che comporta un alleggerimento delle pratiche burocratiche e meno spese. Negli store Acqua & Farina si vogliono ricreare le atmosfere romagnole, utilizzare materiale biodegradabile, compostabile e riciclabile e differenziare i rifiuti. Non si possono paragonare a un ristorante, ma vogliono essere luoghi dove mangiare cibo di qualit preparato in poco tempo. Come sta andando Acqua & Farina? Lobiettivo iniziale era quello di aprire un

Da sinistra, Andrea Biondi e Luca Santi

In modo entusiastico: a livello culinario gli svedesi non sono alla stregua degli italiani, ma sanno apprezzare i prodotti di qualit. Sono rimasti a bocca aperta nellassaggiare la piadina calda col prosciutto crudo, rucola, formaggio di fossa. Come nata questa idea? Approfittando di una borsa di studio per tesi a Londra, abbiamo scoperto le opportunit offerte dal business del food nella capitale inglese, dove la piadina sconosciuta. Ci siamo chiesti: perch non provare a esportarla? Cos dopo esserci laureati, nel dicembre del 2011, in Management e marketing sportivo, io e Andrea siamo tornati a Londra per approfondire le nostre ricerche sviluppando analisi di mercato. Nel 2012, sfruttando le pause e le ferie dal lavoro, siamo stati anche Praga, Stoccolma, Copenaghen e Valencia. Grazie a queste esperienze e agli studi universitari abbiamo completato il nostro progetto. I prossimi passi? Stiamo cercando di coinvolgere altri imprenditori e valutiamo affiliazioni in franchising e collaborazioni in qualsiasi luogo e paese in cui il progetto possa essere apprezzato. Inoltre entro lestate partir una start-up, inizialmente nel Regno Unito, collegata ad Acqua & Farina il cui il core business il settore online, curata dallinformatico cesenate Lorenzo Baldacci.

Lapiadina sbarcatainSvezia
Il cibo tipico romagnolo piace nel nord Europa dove si vendono macchinari e prodotti alimentari. Il prossimo obiettivo quello di esportare il progetto a Londra
primo store in franchising a Londra, ma a oggi non siamo riusciti per le difficolt burocratiche: abbiamo riscontrato che fondamentale contare su una persona del posto che si occupi dellapertura. Abbiamo allora seguito la via pi veloce e al momento stiamo vendendo prodotti alimentari e macchinari, anchessi realizzati in Romagna, a un centro sportivo a Sollesta, nel nord della Svezia. Come stata accolta in Svezia la piadina, regina della tavola in Romagna?

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE e sul sito WWW.CORRIERECESENATE.COM La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO con il CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

Primo piano
Proseguono le storie del Corriere Cesenate. Continuano con quelle dei nostri giovani "costretti" ad andare allestero. Ne abbiamo parlato nelleditoriale della scorsa settimana: il dramma del lavoro (confronta a pagina 12 Orario ridotto in azienda cesenate). Abbiamo aggiunto che deve diventare unossessione. E la prima e pi importante emergenza, se possibile fare graduatorie fra le emergenze. Ormai una piaga.

Gioved 6 febbraio 2014

| Giovani ricchi... di buona volont


Per i giovani si tratta spessissimo della prima occupazione che non si trova. Per tanti altri, e sono anche questi ormai numerosi, limpiego che viene a mancare per una crisi aziendale. Una volta a casa, diventa difficilissimo ricollocarsi, soprattutto per chi ha superato i 40-50 anni. Le avventure messe in pagina questa settimana spiegano la volont che anima le nuove generazioni. Abituati a viaggiare e ad avere come confini il mondo, ai nati negli anni Ottanta e Novanta pare abbastanza semplice decidere di partire per avviare una piadineria in Svezia e cercare di esportarla nel Regno Unito. Cos come pu apparire

di Francesco Zanotti

banale per un giovane cuoco passare dalle cucine dellHotel Palace di Milano Marittima a quelle di locale vicino a Sidney, in Australia, dallaltra parte del mondo. Resta un grande rammarico, dopo aver verificato la capacit di adattamento di tanti che si trasferiscono per cercare risposte a

giuste aspirazioni. Non possiamo privarci di unintera generazione, soprattutto dopo avere investito per anni su di essa. Accade oggi quel che si gi visto negli anni in Italia, anche se non proprio in Romagna. Ora riguarda anche noi. Noi che esportiamo la Wellness valley, ma poi ci facciamo scappare i ragazzi migliori. I racconti di questi giovani sono pagine di vita sulle quali occorre meditare a fondo. Pagine che devono togliere il sonno.

Nicol Farias ha 23 anni ed di Cesena

Ha frequentato lIstituto alberghiero a Cesenatico

Ha lavorato anche a Cortina e ai Caraibi

Cesena
E cesenate il miglior giovane avvocato in Regione
E cesenate il miglior neo-avvocato dellEmilia Romagna. Emanuele Valentini, 28 anni, ha ricevuto il premio "Mario Jaccha", che lordine degli avvocati di Bologna riserva ogni anno al neo-iscritto che ha conseguito il pi alto punteggio allesame di stato nel distretto della corte dappello dellEmilia Romagna. La cerimonia si svolta nel contesto dellassemblea annuale del consiglio dellordine presso il Conservatorio "Giovan Battista Martini". Valentini ha

Giovane raccoglie soddisfazioni come cuoco in Australia


n Australia pi facile trovare lavoro che non un appartamento in affitto. Per fortuna sono comunque riuscito in entrambe le imprese". Nicol Farias, 23 anni di Cesena, dal 12 novembre si trova a Sidney dove lavora come cuoco. Lo abbiamo intervistato via Skype, cio con una connessione telefonica attraverso il computer, una mattina di fine dicembre, quando in Italia erano le 13.20 e a Sidney le 23.20. "Ho appena terminato la mia giornata lavorativa - racconta il giovane - e ora torno a casa. Sono arrivato qua in novembre e gi avevo il posto di lavoro presso questo ristorante che conta unottantina di coperti. Credo di rientrare a fine febbraio. Se per il lavoro non ci sono stati problemi, qualche difficolt in pi c stata nel trovare lalloggio. Ho notato che qua sono molto rigidi e prima di affittare un appartamento vogliono sapere tutto, avere una marea di documenti e le garanzie per il pagamento della pigione. Abito fuori Sidney, a circa 30 minuti dal luogo di lavoro e a soli 9 chilometri dal ristorante di un altro cesenate, Vincenzo Biondini, il fratello del calciatore Davide. Il suo locale si chiama Osteria Riva". Farias svolge la professione di cuoco da 8 anni, avendo cominciato quando ancora studiava allIstituto alberghiero Ial di Cesenatico. "Dal punto di vista lavorativo - racconta sono cresciuto al Palace Hotel di Milano Marittima nella stagione estiva, mentre in inverno sono stato pi volte in un ristorante di Cortina. Ho fatto anche una stagione lavorativa ai Caraibi e una al San

"I

Domenico di Imola che un due stelle Michelin. Qua a Sidney sono in un ristorante italiano dove il livello molto buono". Un giovane di 23 anni non pensa solo al lavoro e Nicol impiega il tempo libero in una delle sue passioni, quella del surf. Le condizioni delloceano sono ideali per chi ama cavalcare le onde (nella foto piccola). "Oppure visito le spiagge che qua sono incantevoli, cos come certi paesini dellentroterra", aggiunge.

LAustralia piuttosto rigida dal punto di vista degli ingressi degli stranieri: il Governo concede alcuni tipi di visto con durata limitata. Per poter rimanere in maniera definitiva, occorre un iter piuttosto complicato. "Incontro spesso italiani - prosegue Farias - che sono qui per studio, oppure per lavorare alcuni mesi. Ho conosciuto anche dei romagnoli: di Cesena, di Ravenna e di Rimini. Gli australiani sono persone gentili, disponibili, a volte un po ottusi e schematici su certi ragionamenti. Il Paese molto organizzato e avanzato". Forse perch svolge il lavoro che pi ama, ma lesperienza non gli affatto pesante. "Certo, la lontananza da casa e dagli amici a volte si fa sentire, per qua sto bene. Il lavoro piacevole e mi trovo a mio agio. Qui si viene pagati molto meglio che in Italia e poi la paga viene data una volta alla settimana e se una persona accorta riesce a gestirsi bene. Credo che se questo avvenisse anche in Italia, per certe famiglie in difficolt sarebbe una cosa positiva". Cristiano Riciputi

superato lesame di stato con il punteggio record di 411/450. Le prove si sono svolte tra il 2011 e il 2012, ma lesito stato reso noto solo nei mesi scorsi. Valentini, che vive a Cesena, ha studiato prima al liceo scientico "Augusto Righi" e poi allUniversit di Bologna, dove nel 2009 ha conseguito la laurea magistrale con 110 e lode in soli quattro anni accademici, invece degli ordinari cinque. Ha quindi svolto la pratica professionale e collaborato presso lo studio bolognese dellavvocato Ugo Ruffolo, noto al grande pubblico televisivo per le sue continue presenze durante la trasmissione "Mi Manda Rai Tre". Valentini si specializzato in diritto civile e recentemente ha intrapreso lattivit professionale a Cesena. Mario Jacchia, in memoria del quale viene assegnato il premio, era un avvocato ebreo di Bologna, morto come partigiano durante la seconda guerra mondiale.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

FIAT 500 ANNO 1968


tutta originale - motore revisionato - gomme nuove interni in ottimo stato - carrozzeria restaurata revisione effettuata - bollo esente assicurazione ridotta 147 euro annui PREZZO: 2.700 euro Per informazioni, telefonare 3343588143

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Gioved 6 febbraio 2014

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

22esima Giornata mondiale del malato


Marted 11 febbraio celebrazioni in Cattedrale e al Bufalini
In occasione della 22esima Giornata mondiale del malato, che si celebrer marted 11 febbraio e avr come tema Fede e carit. ...anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli (1Gv 3,16), il vescovo Douglas presieder una Messa alle 15,30 in Cattedrale a Cesena. Alle 17 dello stesso giorno il vescovo Regattieri presieder una celebrazione eucaristica nella cappella dellospedale Bufalini di Cesena.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Impregnare il mondo del sale del Vangelo
Domenica 9 febbraio - Anno A V Domenica del Tempo Ordinario Is 58,7-10 Salmo 111 1Cor 2,1-5 Mt 5,13-16
racchiusa per lappunto in questo alimento. Il sale, oltre a essere un condimento, un mezzo per conservare i cibi: non a caso, il termine alleanza di sale, nellAT, significa alleanza che dura, eterna. Il sale assolve al suo compito con unoperazione semplice, ma nello stesso tempo complessa: sciogliersi nella minestra. In questo senso riflette la stessa sorte del seme che, per portare frutto, accetta di cadere nella terra e di morire. Sale, un piccolo ingrediente, ma capace di trasformare il gusto della vita. Se il sale si confonde nei cibi, la luce no. Contro ogni facile trionfalismo, il richiamo alla luce non va letto come un invito allesibizionismo, sia pure lodevole, delle opere buone di cui parla il Vangelo; Ges conosceva bene la tentazione dellesibizionismo; a lui stesso, nel deserto, era stato suggerito di esibire la propria potenza. E allora cosa significa essere sale e luce del mondo? Non ci chiesto di essere chiss cosa, ma di essere un pizzico di sapore nelle cose del mondo, senza abusare. Il cristiano ha la missione di impregnare il mondo del sale del Vangelo, dare sapore: una missione nascosta, perch nel cibo i complimenti non vanno di certo al sale, ma guai se manca! Alessandro Forte

La Parola di ogni giorno


luned 10 febbraio santa Scolastica 1Re 8,1-7.9-13; Sal 131; Mc 6,53-56 marted 11 B.V. Maria di Lourdes Is 66,10-14c; Gdt 13,18-19; Gv 2,1-11 mercoled 12 san Damiano 1Re 10,1-10; Sal 36; Mc 7,14-23 gioved 13 santa Maura 1Re 11,4-13; Sal 105; Mc 7,24-30 venerd 14 santi Cirillo e Metodio, patroni dEuropa At 13,46-49; Sal 116; Lc 10,1-9 sabato 15 santi Faustino e Giovita 1Re 12,26-32; 13,3334; Sal 105; Mc 8,1-10

Festincontro fidanzati e Giovani sposi


Domenica 16 settembre alle 17,30, in Seminario a Cesena
LUfficio per la Pastorale familiare, lUfficio vocazioni e lAzione Cattolica diocesana organizzano per domenica 16 febbraio in seminario a Cesena (via del Seminario, 85), il Festincontro Fidanzati e Giovani sposi. Il suo amore per sempre il tema dellincontro, con inizio alle 17,30; alle 18 preghiera insieme e alle 19,15 cena fraterna. Per la cena (10 euro), prenotare entro mercoled 12 febbraio presso matteo.amadori@libero.it, valentina@turci.biz (tel. 0547 645722). Per info: alexrobyfam@libero.it, ftappi79gmail.com (tel. 0547 671869).

CHIESA INFORMA

Preghiera del Roveto Ardente


A San Domenico di Cesena
Sabato 15 febbraio alle 20,30, presso la chiesa di San Domenico, in centro a Cesena, preghiera del Roveto Ardente. Ladorazione sar guidata dal Rinnovamento nello Spirito Santo. Lincontro di preghiera aperto a tutti.

i che rende affascinante la predicazione di Ges non solo la ricchezza dei contenuti, lannuncio del Regno, ma lefficacia espressiva. Attingendo da esempi tratti dalla vita quotidiana, Ges traccia lidentikit del discepolo, chiamato a far gustare e a rendere visibile la forza trasformante della Parola. Sale e luce dicono due dinamiche opposte tra loro. Il sale non si vede: lo riconosci, lo senti, lo percepisci, ma non lo vedi. Il sale non si vede, ma se manca, lo senti subito. La luce, al contrario, si vede, eccome. Limportanza della luce, al pari della salute fisica, la avvertiamo nel momento in cui viene a mancare. Sale e luce, nella struttura della parabola evangelica, tradiscono unapparente contraddizione: se il sale non si vede ma si sente, non cos la luce. Il sale, istintitvamente, suscita repulsione al gusto, mentre il dolce risulta gradevole. Eppure Ges non ci chiede di portare la dolcezza, ma ci invita a scoprire una sapienza misteriosa

A MESSA DOVE
(corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, Villachiaviche, SantEgidio, Bagnile, Montereale, San Tomaso Bulgarn Cattedrale, San Pietro, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Casalbono Ronta, Capannaguzzo Basilica del Monte, Addolorata, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, SantEgidio, San Giovanni Bono, Villachiaviche, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Istituto Lugaresi, Osservanza, Case Finali, San Pio X Cappella del Cimitero Cappella ospedale Bufalini Cattedrale, Osservanza, San Rocco, San Domenico Cappuccini, San Pietro 19.00 San Bartolo, Villachiaviche

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale 7.30 Basilica del Monte 7.35 Chiesa Benedettine 8.00 Cattedrale, San Paolo, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 17.00 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo (al sabato alle 8,30) 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X, Torre del Moro 20.30 Villachiaviche, Gattolino

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 15.00 Formignano 17.00 Istituto Lugaresi, Luzzena (primo sabato del mese) 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Osservanza, Case Finali, San Rocco, Santo Stefano, San Paolo, SantEgidio, Villachiaviche, Diegaro, Madonna delle Rose, Bulgarn, San Mauro in Valle, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, Santa Maria della Speranza 19.00 San Giorgio, Tipano 20.00 San Pio X, Gattolino, Bulgaria, San Giovanni Bono, Calisese, Ruffio, Pioppa, Ponte Pietra, Pievesestina

Bagnarola, Gatteo a Mare, Santa Maria Goretti, Boschetto; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18 Santuario SS. Crocifisso; 19 Crocetta 20 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11,15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11,15 / 17 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30 Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 17. Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30 Montiano ore 20 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20,30 (sabato, chiesina del castello), 11 Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18 (sabato), 11; Piavola: prefestiva sabato ore 18 (chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8,30

9.15 9.30

9.45 10.00

Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7 / 9 / 11 / 17; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20 (sabato), 11; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9,30; Quarto: 10,30; Pieve di Rivoschio: 15,30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9,30; Civorio 9 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 18 (sabato); 8,30 / 11 / 18.

Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18,30 (sabato); 8/ 11.15 / 18,30; Selvapiana: 11,15 (18 sabato); Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9,15 (domenica); Balze (chiesa Apparizione): 8,15 / 11,15 / 18; Montecoronaro: 9,45; Villa di Montecoronaro (al sabato) 18; Trappola: 9,30; Capanne: 11

10.30 10.45 11.00

Messe festive
7.00 Cattedrale 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Pio X, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Madonna del Fuoco, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Tipano, San Cristoforo, Roversano 9,00 Istituto San Giuseppe

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina, San Giuseppe; 17,30 Conv. Cappuccini, Santa Maria Goretti 18 Gatteo a Mare 20,30 Sala, Villalta Festivi: 8 Bagnarola, San Giacomo, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; 8,30 Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9,15 San Pietro; 9,45 Cannucceto; 10 Valverde, Villamarina, Villalta; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 San Giacomo, Sala; 11,15

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Redazione, Segreteria e Amministrazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Tecnostampa via Brecce - 60025 Loreto (Ancona) www.tecnostampa.it

11.10 11.15 11.30 15.00 17.00 18.00 18.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Tiratura del numero 4 del 30 gennaio 2014: 7.720 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 17 di marted 4 febbraio 2014

Vita della Diocesi


nche questanno lUfficio diocesano per lArte A sacra e i Beni culturali partecipa alle Giornata dei Musei ecclesiastici (15-16 febbraio), indette - Museo Madonna della Vita di Mercato Saraceno: sabato 15 febbraio ore 15-18; domenica 16 ore 15-18. - Museo Madonna del Carmine di Bagno di dallAmei (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani). Romagna: sabato 15 febbraio ore 15-18; domenica I musei saranno aperti secondo questo calendario: 16 ore 15-18. Ai visitatori del Museo di Cesena sar data in - Museo della Cattedrale di Cesena: sabato 15 febbraio ore 9,30-11,30; 16,30-18,30; domenica 16 omaggio la carta Cesena sacra. Itinerari nellarchitettura e nellarte delle chiese urbane. ore 9,30-11,30. Lingresso ai Musei gratuito. - Museo diocesano di Sarsina: sabato 15 febbraio Nella foto, La Madonna della Pera (Paolo ore 10-12; 16-18; domenica 16 ore 10-12; 16-18. Veneziano), dipinto esposto al Museo della - Museo dArte sacra di Longiano: sabato 15 febbraio ore 14,30-18,30; domenica 16 ore 10-12 e Cattedrale di Cesena (proviene dalla chiesa di Carpineta) 14,30-18,30.

Gioved 6 febbraio 2014

In breve
40esimo don Carlo Baronio, le celebrazioni
Venerd 7 febbraio ricorre il 40esimo anniversario della morte del canonico Carlo Baronio. Si conclude gioved 6 febbraio, nella cappella della Fondazione Don Baronio in via Mulini 24, a Cesena, il Triduo di preghiere per le vocazioni: alle 16 ora di adorazione eucaristica; a seguire, Messa. Alle 22,45 di gioved 6 febbraio, collegamento in diretta con Radio Maria dalla cappella dellistituto: recita del Rosario e canti; don Tarcisio DallAra far memoria del Servo di Dio don Baronio. Venerd 7 febbraio alle 18, in Cattedrale a Cesena, solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo monsignor Douglas Regattieri. Alle 20 di venerd 7 febbraio, il canale televisivo TeleRomagna Mia (canale 193) trasmetter il lmdocumentario Don Carlo Baronio, un apostolo di carit a Cesena.

Giornate dei Musei ecclesiastici

Intervista

Non si tratta di un percorso di pochi mesi - dice don Luca Baiardi, parroco a Sala di Cesenatico - ma di una preparazione alle nozze che prosegue anche dopo

In cammino verso il matrimonio


n percorso di preparazione al matrimonio che vada oltre alla preoccupazione di accedere velocemente alle nozze, ma che si traduca in unesperienza di coppia da vivere prima e dopo il matrimonio. Ecco la proposta di don Luca Baiardi, parroco di Santa Maria del Rosario a Sala di Cesenatico. Don Luca che alla guida della comunit di Sala dal 1999 con il suo ingresso in parrocchia ha avviato questo progetto. Proprio per la mia formazione e gli studi fatti, mi sono sempre interessato alle

Familiari del clero Don Pier Giulio Diaco assistente nazionale


on Pier Giulio D Diaco, vicario generale della diocesi di Cesena-Sarsina, stato nominato assistente ecclesiastico nazionale dellAssociazione familiari del clero. Gi da molti anni don Diaco segue lassociazione a livello diocesano. Gli amici del Corriere Cesenate esprimono rallegramenti a don Pier Giulio per il nuovo incarico, e gli porgono i migliori auguri di buon lavoro.

FOTO ARCHIVIO SIR

Dopo gli incontri i fidanzati sono chiamati a confrontarsi nella quotidianit del loro rapporto
problematiche che riguardano la vocazione in generale e la vocazione al matrimonio in particolare. Fin da subito ho cercato di realizzare in parrocchia un percorso per fidanzati che andasse anche al di l della frequentazione degli incontri zonali in preparazione al matrimonio. Cos ho formato quattro coppie che con me seguono i fidanzati e i giovani sposi. Non si tratta di pochi mesi

di impegno, ma di cammini di preparazione al matrimonio che proseguono anche dopo le nozze. In oltre dieci anni sono state una ventina le coppie, da diverse parti della diocesi, che hanno scelto questo cammino. una proposta aperta a tutti, ma certamente non scelta da tutti perch molto coinvolgente. chiaro, allora, perch tante coppie preferiscono altri corsi. La mia una proposta per chi ha il desiderio di andare in profondit sia sul piano spirituale sia teologico che umano. Ci incontriamo di solito una volta al mese e organizziamo anche le due giorni due volte lanno, aperte a coppie di fidanzati e sposi sia dalla

nostra che da altre parrocchie: una a Fognano presso il convento delle suore domenicane e laltra in parrocchia. I temi affrontati sono i pi diversi: crescita umana della persona, rapporti con la famiglia dorigine, relazioni interne tra moglie e marito, relazione genitori e figli, crescita umana e sviluppo morale dei figli, affettivit - sessualit, etc. Dopo gli incontri i fidanzati sono chiamati a confrontarsi nella quotidianit del loro rapporto. C molta attenzione alla crescita totale della persona che con il partner forma la coppia. A volte infatti si ha limpressione che diverse giovani coppie abbiano

aspettative poco reali sul matrimonio, o non siano in grado di leggere al meglio la realt che vanno a formare. Proprio alla luce di tale situazione diventa fondamentale verificare con attenzione le radici dellunione e al perch si sceglie di sposarsi. Tutto questo richiede un accompagnamento e una verifica seria e ben approfondita. Ci ricorda papa Benedetto XXVI in una delle sue catechesi del mercoled, citando san Tommaso dAquino: la Grazia divina non annulla, ma suppone e perfeziona la natura umana. Questultima, infatti, anche dopo il peccato, non completamente corrotta, ma ferita e indebolita. Barbara Baronio

Piedi sporchi, spettacolo su don Tonino Bello


Si terr sabato 8 febbraio alle 21, nel teatro del Seminario a Cesena (via del Seminario, 85) lo spettacolo Piedi sporchi incentrato sulla gura di don Tonino Bello. Lo spettacolo, promosso dallAzione Cattolica di Cesena-Sarsina, di e con Corrado La Grasta, per la regia di Giulia Petruzzella (scene di Gianluca De Pinto e Matteo Altomare, scenotecnica di Gabriele Lucanie, opera di Anna Teresa Solimini, graca di Piero Gioia). Ingresso gratuito.

Gara canora al Teatro Carisport


Domenica 16 febbraio dalle 16 alle 20, al Teatro Carisport di Cesena, Gara canora promossa dallAzione Cattolica. Il tradizionale appuntamento artistico, che vede sul palco lesibizione di diversi gruppi parrocchiali, promossa dallAzione Cattolica. Ingresso: 6 euro (gratis no a 10 anni). Per info: commissionesportetempolibero@gmail.com, tel. 328 7508182 (Giacomo).

Gioved 6 febbraio 2014

Speciale Visita pastorale

ZONA PASTORALE VALLE DEL SAVIO-DISMANO - UNIT PASTORALE N. 19

Parrocchia di Tipano Il vescovo Douglas in visita


ipano un piccolo centro di 1200 abitanti nella prima periferia cesenate. Labitato si sviluppa in campagna, a tre chilometri dal centro citt e poco distante da San Vittore, alla cui pieve era collegata la sua chiesa romanica fondata probabilmente tra i secoli VII e VIII, come spiega la targa allingresso. attorno alla piccola e graziosa chiesa dedicata a San Bartolomeo Apostolo che si sviluppa la parrocchia di Tipano e il relativo paese. Non c un vero e proprio agglomerato di case, n condomini o palazzine. Si tratta di abitazioni indipendenti, alcune con terreni circostanti. Da gennaio del 1991 guida la parrocchia don Antonio Spinelli che non esita, come prima cosa, ad aprire lantica pieve per un breve tour alla sua scoperta. La chiesa a navata unica e anticamente era annessa a un convento di monache benedettine. stata oggetto nel corso degli anni di numerosi restauri spiega -. Esternamente labside presenta archetti ciechi e finestre romaniche. Allinterno sono ancora visibili frammenti di affreschi: Nella parete sinistra quello di San Sebastiano e di tre teste di Santi e nellabside una Madonna con Bambino in trono con Santi del XVI secolo. Nello stesso piazzale della chiesa sorge la canonica e tutte le opere parrocchiali e sociali che vengono messe a disposizione degli abitanti per momenti di aggregazione e feste. Si tratta del campo sportivo e del circolo Acli Tipano (2006) comprensivo anche del bar. Lo stesso edificio fino alla primavera scorsa ospitava anche la sede del Cai (il Club Alpino Italiano, sezione di Cesena) poi trasferitosi a Macerone. Qualche anno fa si tenuta linaugurazione (da parte dellallora vescovo Antonio Lanfranchi) di nuovi spazi e locali parrocchiali. Unopera fortemente voluta da don Antonio e dai parrocchiani comprendente una sala luminosa a pian terreno, duttile anche per pranzi e cene comunitarie, una cucina altrettanto spaziosa, un seminterrato e una terrazza per circa 900 metri quadri complessivi. Attorno vi sono spazi verdi e aree per i bambini con campi da giochi e altalene. Opere pensate in chiave di aggregazione non solo per adulti, ma anche per i pi piccoli. Questi ultimi, spiega don Antonio,

Da domenica 9 a domenica 16 febbraio monsignor Regattieri visiter la comunit parrocchiale guidata dal parroco don Antonio Spinelli

ESTERNO E INTERNO (FOTO IN BASSO) DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI TIPANO DI CESENA.

A DESTRA, DON ANTONIO SPINELLI, PARROCO A TIPANO DAL 1991

CALENDARIO VISITA PASTORALE PARROCCHIA DI

TIPANO
dal 9 al 16 febbraio
Domenica 9 febbraio ore 15,30: inizio Visita Pastorale con Messa Luned 10 febbraio ore 15: incontro con i diversamente abili Marted 11 febbraio ore 9,30: visita ad anziani e ammalati

vengono seguiti nel catechismo settimanale il sabato pomeriggio. Destate frequentano i centri estivi, ma si aggregano ad altre parrocchie come San Vittore o San Mauro. Pi problematico, secondo il parroco, creare momenti di aggregazione per i ragazzi del dopo cresima. I pi se ne vanno anche perch

manca chi li tiene uniti. C, invece, un gruppo di adulti che si adopera per animare la Messa in occasione delle celebrazioni pi importanti e che si fa promotore dellorganizzazione della festa paesana in luglio. Un momento di festa con stand gastronomici e musica negli spazi allaperto messi a disposizione della parrocchia. La festa parrocchiale, invece, viene celebrata lultima settimana di settembre ed dedicata alla Vergine Maria con momenti di preghiera e preparazione che precedono la domenica della festa. Michela Mosconi

Mercoled 12 febbraio ore 20: Messa e incontro sulla Parola di Dio Gioved 13 febbraio ore 19: cena ore 20,30: incontro con genitori, adulti e membri del Consiglio pastorale parrocchiale Sabato 15 febbraio ore 14,30: incontro con i bambini e ragazzi del catechismo Domenica 16 febbraio ore 11: Messa e conclusione della Visita pastorale

Il vescovo Douglas Regattieri sar presto a...


Visita pastorale: pubblichiamo di seguito i prossimi appuntamenti: SAN CARLO: dal 23 febbraio al 2 marzo DIEGARO: dal 2 marzo al 9 marzo GUALDO-BACCIOLINO: dal 16 marzo al 23 marzo SANTA MARIA NUOVA: dal 23 marzo al 30 marzo PIEVESESTINA, SAN CRISTOFORO, SANTANDREA IN BAGNOLO: dal 6 aprile al 13 aprile

Vita della Chiesa

Gioved 6 febbraio 2014

La domenica del Papa Tra osservanza e profezia


I giovani Maria e Giuseppe e gli anziani Simeone e Anna
VATICANO, MERCOLED 29 GENNAIO: UDIENZA GENERALE DI PAPA FRANCESCO (FOTO LOSSERVATOR E ROMANO (WWW.PHOTO. VA) / SIR - 30 GENNAIO 2014)

e c unimmagine che ci aiuta subito a comprendere la diversit con cui il Signore coglie il senso della grandezza e del potere rispetto al comune sentire, proprio la presentazione al tempio. Gesto legato alla osservanza della legge di Mos, che la prevede dopo i quaranta giorni della purificazione. Ges entra in braccio alla madre, piccolo nella sua grandezza; entra nel modo pi semplice possibile, in silenzio. Attorno ai giovani sposi e al neonato tutto un susseguirsi di preghiere, parole distratte, sguardi rapidi. Anche i sacerdoti del tempio non si rendono conto di quanto sta avvenendo in quel momento: sono guidati, forse, pi dallabitudine che dalla fede. Eppure proprio in quel momento mentre si prega il Signore, lui proprio l in carne e ossa: piccolo, stretto tra le braccia di Maria. Entrer nel suo tempio il Signore che voi cercate, leggiamo in Malachia. Va incontro al suo popolo e visita il suo tempio come neonato indifeso. Motivo ricorrente nelle scritture il tema della visita di Dio al suo popolo: potremmo dire che visita un termine analogo a presenza, solo che quella sottolinea in modo particolare la condiscendenza dinamica di Dio; questa, invece, la sua condiscendenza permanente, statica, afferma don Tonino Bello in un suo commento. La visita infatti una presenza che si offre in un momento determinato, per comunicare una grazia, una benedizione. Comporta perci una graduazione di pi grande attivit: il tempo di un dono divino pi intenso, pi efficace. Nella pagina del Vangelo, lincontro con il popolo rappresentato dai due anziani Simeone e Anna: incontro tra i giovani e gli anziani chiosa Papa Francesco. Ma cosa ci dice Luca di Simeone? un uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione di Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Ecco allora

lincontro tra lanziano frequentatore del tempio e il bambino di soli quaranta giorni, nel quale riconosce colui che porter a compimento la legge. Bello il cantico di Simeone: ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perch i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli: luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo Israele. Simeone riconosce in quel bambino che accoglie tra le braccia il Signore, cosa che invece i sacerdoti e gli altri frequentatori del tempio non hanno colto. Luca evidenzia cos il rischio che nelle nostre preghiere non si cerchi il volto di Dio, ma solo il nostro desiderio e la nostra finta certezza delle cose. Commenta Francesco: questi due anziani, Simeone e Anna, sono pieni di vita perch animati dallo Spirito Santo, docili alla sua azione, sensibili ai suoi richiami. Ed ecco lincontro tra la santa famiglia e questi due rappresentanti del popolo santo di Dio. Al centro c Ges. lui che muove tutto, che attira gli uni e gli altri al tempio, che la casa di suo Padre. Maria e Giuseppe sono due giovani osservanti della legge mosaica e volevano fare ci che era scritto nella legge del Signore. Singolare incontro, afferma ancora Papa Francesco, tra osservanza e profezia, dove i giovani sono gli osservanti e gli anziani sono i profetici. Lepisodio evangelico, afferma ancora, costituisce anche unicona della donazione della propria vita, offerta che riguarda ogni cristiano, perch tutti siamo consacrati a lui mediante il battesimo. Tutti siamo chiamati ad offrirci al Padre con Ges e come Ges, facendo della nostra vita un dono generoso, nella famiglia, nel lavoro, nel servizio alla Chiesa, nelle opere di misericordia. Domenica anche la giornata della vita consacrata, cio di coloro che hanno scelto la vita religiosa o monacale, consacrati, anche laici, che con la professione dei voti appartengono a Dio in modo pieno ed esclusivo. Lo ricorda il Papa allAngelus: permette loro di offrire una testimonianza speciale al Vangelo del Regno di Dio. Totalmente consacrati a Dio, sono totalmente consegnati ai fratelli, per portare la luce di Cristo l dove pi fitte sono le tenebre e per diffondere la sua speranza nei cuori sfiduciati. Le persone consacrate sono segno di Dio nei diversi ambienti di vita, sono lievito per la crescita di una societ pi giusta e fraterna, profezia di condivisione con i piccoli e i poveri. Fabio Zavattaro

Catholica
di Stefano Salvi

IN NIGERIA CONTINUANO LE VIOLENZE


Domenica 26 gennaio il gruppo fondamentalista islamico Boko Haram ha fatto irruzione nella chiesa del villaggio di Waga Chakawa al termine della Messa, lhanno chiusa a chiave e hanno sgozzato trenta persone, poi si sono recati a Kawuri, mettendo bombe in un mercato, attentato che ha ucciso oltre cinquanta persone e ha distrutto tutte le 300 case di quel villaggio. La notte fra il 29 e il 30 gennaio il gruppo Boko Haran a Gujba ha assaltato la facolt di Agricoltura, uccidendo cinquanta ragazzi di et fra i 18 e i 22 anni, in gran parte di religione islamica, perch studiavano alloccidentale. Il 31 gennaio hanno anche ucciso un pastore protestante e il primo febbraio un religioso musulmano che aveva sostenuto pubblicamente la campagna contro il terrorismo islamico voluta dal governo. Nellultimo mese le vittime complessive sono state circa 500.

IL DRAMMA DELLA REPUBBLICA CENTROAFRICANA


Lagenzia Fides del 31 gennaio ha riportato la notizia che il vescovo Nzapalainga e liman Layama, anche a nome del presidente delle Chiese Evangeliche, si sono recati in Europa per attirare lattenzione sul dramma che sta vivendo la Repubblica Centroafricana, dove il gruppo di ribelli musulmani Seleka il 24 marzo scorso ha fatto un colpo di Stato in una nazione a stragrande maggioranza cristiana. Solamente da dicembre a oggi sono morte pi di mille persone. Uno spiraglio sembrerebbe essere nato dal momento che il gruppo Seleka fuggito e il presidente golpista musulmano Djotodia ha rassegnato le dimissioni, sostituito dalla prima presidente donna ad interim, Catherine SambaPanza.

ATTACCHI A CHIESE IN EGITTO


Il 24 gennaio la polizia egiziana ha trovato una macchina piena di esplosivo dietro una chiesa di Assiut, il giorno dopo a fianco di una chiesa di Ismailia stata trovata una borsa con 26 bombe molotov ed il 28 uomini armati hanno sparato contro una chiesa, uccidendo un poliziotto.

Maria Cristina di Savoia: nobili e popolo alla celebrazione nella basilica di Santa Chiara, sabato 25 gennaio

Il cardinale Sepe: Fu una straordinaria donna di carit con una predilezione per i poveri, i malati, le donne in difficolt

FOTO SIR

A Napoli la beatificazione della Reginella santa


na Reginella santa che mette daccordo notabili e persone semplici. Sabato 25 gennaio alla beatificazione di Maria Cristina di Savoia, sposa di Ferdinando II di Borbone, morta a 23 anni il 31 gennaio 1836 dopo aver dato alla luce il figlio Francesco tanto desiderato dopo tre anni di matrimonio, a gremire la basilica di Santa Chiara a Napoli cerano duemila persone, tra nobili, come i discendenti dei Borbone e dei Savoia, uniti, per una volta, dallamore e dalla devozione per la nuova beata, ma anche tanta gente del popolo. Il rito di beatificazione stato presieduto dal cardinal Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi e rappresentante del Papa; la celebrazione eucaristica stata presieduta, invece, dal cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli. La festa liturgica per la nuova beata, le cui spoglie mortali sono custodite proprio nella basilica di Santa Chiara, stata fissata il 31 gennaio.

Dono prezioso. Maria Cristina di Savoia dono prezioso per la Chiesa di Napoli e per la Chiesa universale. La sua vita e le sue opere di carit rimangono per tutti un tesoro da custodire e da imitare anche oggi, ha osservato nellomelia il cardinale Crescenzio Sepe, che indossava una casula confezionata, per loccasione, dalle seterie di San Leucio. Opera rilanciata proprio dal coraggioso impegno della nuova beata. Ella - ha aggiunto - fu una straordinaria donna di carit con una predilezione speciale per i poveri, i malati, le donne in difficolt; carit autentica e incarnata nella realt del suo tempo, carit vissuta come promozione umana e cristiana del suo popolo. Maria Cristina stata la regina dei poveri perch ha posto lamore evangelico alla base del suo stile di vita semplice e sobrio, del suo impegno per il perdono e la pace in famiglia e nella societ; per il sostegno alla giovent esposta, anche allora, a pericoli di ogni genere; per la difesa dei diritti inalienabili della persona umana,

consapevole che nulla estraneo a Cristo e al suo Vangelo di quanto veramente umano. Il cardinale Sepe ha ricordato anche che la regina fu consigliera del suo sposo, adoperandosi per la difesa e la promozione del popolo a lui affidato e che Ferdinando II, nella sua azione di governo, fece suoi i desideri di bene della sua sposa che lo consigliava alla moderazione e alla clemenza, come nel caso della commutazione delle condanne a morte alla pena del carcere anche per cospiratori e nemici. Quadruplice messaggio. La beata Maria Cristina stata talmente conquistata dallamore di Ges da trasformare la nobilt del censo in nobilt di grazia, diventando unautentica regina della carit, ha affermato il cardinale Angelo Amato, alla fine della messa. Per il porporato, la beata ci consegna oggi un quadruplice messaggio. Innanzitutto, ricorda a tutti i battezzati che tutti siamo chiamati alla santit. Il secondo messaggio consiste nel riconoscere che la vera ricchezza e nobilt il nostro essere cristiani, figli del Padre celeste, salvati da Ges Cristo. In terzo luogo, i santi come Maria Cristina risvegliano il mondo facendolo uscire dal torpore della mediocrit e del male per aprirlo al dinamismo del bene. Infatti, i santi bonificano la nostra vita sociale dallinquinamento dei vizi, restituendo valore alla virt e dignit alla vita. Infine, ha concluso il cardinale Amato, la nostra beata, giovane mamma, morta nel dare alla luce il suo bambino tanto atteso, ci ricorda che la nostra esistenza, breve o lunga che sia, avr il suo approdo nella vita eterna. Gigliola Alfaro

10

Gioved 6 febbraio 2014

Attualit

Denuncia dei genitori: Sui temi sensibili mancata consultazione


Un documento unitario di Age, Agesc e Faes: Sul tema cos delicato della educazione allaffettivit la primaria responsabilit educativa dei genitori non pu essere minimamente scavalcata e richiedono con forza di partecipare alla definizione delle linee dintervento a scuola
ssociazioni familiari dispirazione cristiana sul piede di guerra a proposito della Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sullorientamento sessuale e sullidentit di genere (2013-2015), in parole povere unazione varata dal governo Monti e assunta poi dal governo Letta, con la quale si fanno salire in cattedra esponenti delle associazioni gay, lesbiche, bisessuali e transessuali per parlare di discriminazione ai ragazzi e giovani delle scuole italiane. Dopo aver letto lintervista rilasciata il 21 gennaio al Sir della viceministro Maria Cecilia Guerra, i presidenti rispettivamente di A.Ge. (Associazione italiana genitori), Fabrizio Azzolini, e Agesc (Associazione genitori scuole cattoliche), Roberto Gontero, e il portavoce del Faes (Famiglia e scuola), Claudio Marcellino, hanno preso carta e penna e hanno stilato un documento in cui rispondono punto per punto alla senatrice del Pd e viceministro. Anzitutto affermano che questo documento, redatto da funzionari pubblici e ununica categoria di associazioni, quella cosiddetta Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali) presentato come validato per il fatto di essere stato assunto da un ministro. Secondo le associazioni una discussione fra i rappresentanti politici eletti dai cittadini e un confronto con tutte le rappresentanze della societ civile sarebbero pi adeguati per arrivare a decidere su temi decisamente delicati che vanno a impattare direttamente nelle scuole sulleducazione delle giovani generazioni, a partire dalle scuole dellinfanzia. Dimenticato il Forum delle associazioni di genitori. Il viceministro afferma che la Strategia nella parte riguardante le scuole intende fornire solo delle indicazioni - si legge nel testo predisposto da Age, Agesc e Faes - e quindi non c niente di predeterminato: in realt essa prevede - anche con finanziamenti pubblici previsti dal Decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, art. 16 lettera d), oltre ai 500mila euro dichiarati dalla sen. Guerra stessa - azioni dinformazione, sensibilizzazione, monitoraggio e formazione su questa materia e afferma che necessario elaborare strategie e progetti formativi strutturali allinterno dellattivit didattica, in maniera adeguata e sistematica, che coinvolgano tutti gli attori della comunit scolastica, in particolar modo le seguenti categorie: gli studenti, i docenti e le famiglie, in particolare valorizzando lexpertise delle associazioni Lgbt. Un po pi che mere indicazioni. Secondo il viceministro Guerra - aggiungono le associazioni - si tratta di attivit che vengono proposte, nessuna scuola obbligata a fare nessuna attivit. Il ministero dellIstruzione, daccordo con noi, fa circolari che

MASCHIO E FEMMINA (FOTO SIR)

invitano a riflettere su questi temi. Le associazioni familiari invece non sono state coinvolte perch le famiglie sono rappresentate direttamente nella scuola. Due osservazioni da parte degli estensori del documento: Il confronto fra il parere di un piccolo gruppo di genitori di una scuola e lindicazione che arriva da un ministero dellIstruzione che gestisce tutte le scuole statali appare in partenza sbilanciato a favore di questultimo; se il ministero decide da solo cosa indicare, perch ha istituito un Forum nazionale delle associazioni di genitori della scuola come organo consultivo?. Inascoltato il richiamo del Consiglio dEuropa. Per questi motivi le associazioni di genitori della scuola contestano il fatto che tutto sia stato programmato e deciso senza il loro coinvolgimento, come invocato invece dalla Raccomandazione del Comitato dei ministri del Consiglio dEuropa agli Stati membri in merito: Tali misure dovrebbero tener conto del diritto dei genitori di curare leducazione dei propri figli. Esse ritengono dunque, di diritto, che sul tema cos delicato della educazione allaffettivit la primaria responsabilit educativa dei genitori non pu essere minimamente scavalcata e

richiedono con forza di partecipare alla definizione delle linee dintervento a scuola non accettando che vengano predisposte e attuate politiche scolastiche sullo sviluppo dellidentit sessuale, sulleducazione affettivo-sessuale e sulle altre tematiche citate senza il preventivo pieno ed esplicito accordo con le famiglie e le associazioni di genitori che le rappresentano. Fin qui il testo delle associazioni Age, Agesc e Faes. Dal canto suo, il presidente del Forum delle associazioni familiari, Francesco Belletti, condivide il concetto che in questo caso sia stata effettuata una totale espropriazione dei genitori allinterno della scuola e che c una forzatura per cui i valori di alcuni diventano mappa per tutti, compreso il linguaggio, con una iniziativa troppo unilaterale. Secondo queste linee prosegue - dire che un bambino ha bisogno di un pap e di una mamma diventa difficile e ci si collega allimpianto del progetto di legge Scalfarotto per cui vengono condannati anche i giudizi diversi che non corrispondono al nuovo pensiero unico. Quella che in gioco - spiega poi Belletti - una campagna di auto-affermazione di questo nuovo soggetto che sono i movimenti Lgbt, tra laltro nemmeno sostenuto da tutte le realt gay. Secondo alcune di loro, infatti, si stanno esasperando richieste di legittimazione indebite. Qui - conclude - si rischia di trasformare la giusta difesa della persona in una rappresentazione di un interesse particolare. Luigi Crimella

I vescovi concordano nel giudizio negativo sullaccesso liberalizzato alla Procreazione medicalmente assistita

(Pma) e sulla Gestazione surrogata (Gpa). Qualche divergenza emersa sullopportunit di scendere in piazza

PARIGI, 2 FEBBRAIO: MANIFESTAZIONE DI PIAZZA (FOTO AFP/SIR)

Manif pour tous Manifestazioni in Francia


i nuovo in piazza, di nuovo migliaia di persone per le strade a sfilare. Unaltra domenica di mobilitazione per la famiglia e la vita, questa volta a Parigi e a Lione. 500mila i manifestanti per gli organizzatori della Manif pour tous, 80mila per la polizia. Per fortuna tutto si svolto nella calma e non ci sono stati casi di violenze e tafferugli. A Parigi, il corteo ha percorso sette chilometri da LEcole Militaire e la place Denfert Rochereau. Secondo i promotori delliniziativa, il presidente della Repubblica e il suo governo non possono ignorare questo movimento sociale. Al centro delle rivendicazioni, i manifestanti chiedono un impegno definitivo da parte del governo e della sua maggioranza parlamentare affinch si rinunci alle successive evoluzioni della legge Toubira e cio laccesso alla Pma (procreazione medicalmente assistita) alle coppie di donne e laccesso allestero alla tecnica Gpa (gestazioni per altri o maternit surrogata). In una parola, i manifestanti chiedono il rispetto del diritto del bambino ad avere un padre e una madre.

Ludovine de la Rochre, portavoce della Manif pour tous spiega: questo governo incapace di esprimersi chiaramente rispetto ad eventuali emendamenti che alcuni membri della maggioranza intendono depositare nel corso dei dibattiti sulla legge per la famiglia. Noi chiediamo quindi risposte chiare a questo proposito. Il rischio di dare un carattere confessionale alla protesta. Se sul tema della famiglia e della vita i vescovi si sono espressi allunanimit con documenti che chiaramente spiegano la loro posizione, sulla modalit di manifestare il proprio pensiero c nellepiscopato francese una certa divergenza. Monsignor Hippolyte Simon, arcivescovo de Clermont, spiega cos la sua decisione di non partecipare alla manifestazione di domenica. Anchio sono scioccato da un governo che si ostina a non ascoltare le opinioni di chi cerca di metterlo in guardia sulle derive liberali e libertarie che conducono a instaurare la legge del pi forte a

scapito del pi debole. Comprendo pertanto che ci siano cittadini che vogliano manifestare contro la legge sul matrimonio e che questi stessi cittadini abbiano intenzione a continuare il loro movimento di protesta. La Parabola del Buon Samaritano. Esprime uno stile diverso larcivescovo di Lione, cardinale Philippe Barbarin che sulle pagine del quotidiano cattolico La Croix spiega le ragioni della sua partecipazione domenica alla manifestazione. Se si apre laccesso alla Pma e alla Gpa - scrive tutta la filiazione si trover sconvolta e disorientata. Per la prima volta verr alla luce una generazione di bambini privati intenzionalmente di uno dei due genitori Bisogner sopportare unaltra volta questa ingiustizia rivestita con gli abiti della legge?. E poi sulla sua partecipazione alla manifestazione, il cardinale propone la parabola del Buon Samaritano: Per i bambini senza nascita, senza genitori, senza voce, per le persone senza avvenire, per i senza permesso

di soggiorno, i senza fissa dimora, per tutti i senza che sono i nostri vicini oggi, la parabole del Buon Samaritano mi interpella: io, Philippe, prete, non posso passare oltre. Impegno a lungo termine sulla pedagogia dellamore. Posizione squisitamente equilibrata quella dellarcivescovo di Parigi, il cardinale Andr Vingt-Trois che intervenendo alla Radio Notre Dame della sua arcidiocesi mette in guardia da ogni tipo di radicalizzazione: la manifestazione non deve trasformarsi in una macchina da guerra. Larcivescovo riconosce che ci sono senzaltro questioni sensibili come la Pma e la Gpa ed normale che ci siano persone che vogliano esprimere ci che pensano. Ma aggiunge - la manifestazione non fine a se stessa. un mezzo al servizio di una causa. E questa causa necessita di due avvertenze: la prima - dice larcivescovo - quella di essere vigilanti contro ogni tentativo di radicalizzazione messo in atto da alcuni movimenti e partiti che gettano la protesta verso loscurantismo, la violenza e lestremismo. Laltro avvertimento che linvestimento per il futuro non si gioca sul calendario delle manifestazioni. sapere come i cristiani vorranno impegnarsi a sviluppare una vera pedagogia della famiglia, agendo quindi su un lavoro a lungo termine a fondamento di una societ pacificata verso la quale la Francia anela. Maria Chiara Biagioni

Attualit

Gioved 6 febbraio 2014

11

MODENESE IN GINOCCHIO.Il bilancio dei danni: 10mila ettari allagati e 1.800 aziende colpite. I dubbi dei cittadini su una calamit da prevenire

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

QUESTIONE DI UMANIT
C una frase nel recente messaggio di papa Francesco per la prossima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali che vale il testo intero. Suona cos: La comunicazione , in definitiva, una conquista pi umana che tecnologica. Non dunque la raffinatezza del mezzo a garantire la qualit dellincontro, ma il profilo umano di coloro che vi si mettono in gioco. A poco serve lultimo gingillo uscito sulla piazza se chi vi digita resta comunque chiuso, distante o, peggio, superbo e ostile. Pare scontato, ma non cos raro anche in casa nostra che lattenzione sia catturata pi dalle novit del supermercato digitale che dalla necessit di costruire legami tra persone che siano in grado di sopravvivere a eventuali e naturalmente scongiurabili black out elettronici. Mettere la persona al centro della dinamica comunicativa non significa svalutare gli strumenti. Il Papa stesso ne parla abbondantemente, riconoscendo che i media possono aiutare a farci sentire pi prossimi gli uni agli altri. Internet, in particolare, pu offrire grandi possibilit di incontro e di solidariet tra tutti. E questa una cosa buona, un dono di Dio. Ma, prosegue poco dopo, ispirandosi alla parabola del buon samaritano, non basta passare lungo le strade digitali, cio semplicemente essere connessi: occorre che la connessione sia accompagnata dallincontro vero. Nella visione di papa Bergoglio, a decidere della bont della comunicazione sono tutti elementi ben poco tecnologici: lamore, laccoglienza, la gioia, la tenerezza. E ancora: profondit, attenzione alla vita, sensibilit spirituale. Il mondo dei media spiega non pu essere alieno dalla cura per lumanit, ed chiamato a esprimere tenerezza. La rete digitale pu essere un luogo ricco di umanit, non una rete di fili ma di persone umane. Nella stessa direzione va anche la conclusione del messaggio di Francesco, che non rinuncia al suo stile chiaro e diretto: La testimonianza cristiana non si fa con il bombardamento di messaggi religiosi, ma con la volont di donare se stessi agli altri. La luminosit della nostra comunicazione, insiste, non provenga da trucchi o effetti speciali. Limmagine del buon samaritano scelta dal Papa di solito licona dellattivit caritativa della Chiesa, non dei suoi profili comunicativi. Segno forse che le due cose non sono poi cos lontane. E che i feriti lasciati privi di senso ai margini delle strade, davanti a cui non si pu passare oltre, sono anche gli esclusi del continente digitale.

ni o i v u l l a e m r Alla

UNA STRADA DELLA PRIMA PERIFERIA DI MODENA (FOTO SIR)

Con il fiato sospeso. In attesa di aiuti


iove, ed ancora allarme in Emilia Romagna per linnalzarsi del livello dei fiumi. Da venerd scorso sotto osservazione il bacino del Reno, in particolare nei Comuni di Cento e Pieve di Cento (rispettivamente in provincia di Ferrara e di Bologna). Ma critica la situazione di molti dei bacini fluviali delle province di Bologna, Modena e Ravenna (come pure in diverse altre parti dItalia colpite dalle intemperie di questi giorni). Restano sempre sotto osservazione i bacini del Secchia e del Panaro, per i quali rimane attivo lo stato di preallarme a seguito delle particolari condizioni di criticit dovute alle ultime piene. Frattanto il Consiglio dei ministri ha riconosciuto lo stato demergenza per le zone alluvionate del Modenese, misura che si aggiunge alla sospensione per sei mesi dei termini relativi a tutti i pagamenti per i territori colpiti. Larcivescovo tra la popolazione alluvionata. Larcivescovo di ModenaNonantola, monsignor Antonio Lanfranchi, domenica scorsa ha celebrato leucaristia tra la popolazione alluvionata a Bomporto, nella palestra parrocchiale che accoglie le funzioni religiose fin dai giorni del terremoto, nel 2012. Vi testimonio la vicinanza dellintera diocesi: in tutte le parrocchie - ha ricordato larcivescovo - oggi si prega per le persone colpite dallalluvione, come nel giorno di san Geminiano, e alla preghiera si fa seguire il gesto di solidariet, perch i bisogni sono tanti. Nella diocesi di Modena, e pure in quella di Carpi, ieri stata indetta una colletta straordinaria per le comunit parrocchiali delle zone colpite. Mentre venerd scorso,

solennit di san Larcivescovo di Modena-Nonantola, Geminiano, patrono monsignor Antonio Lanfranchi, ha celebrato della diocesi di leucaristia domenicale tra la popolazione Modena, monsignor Lanfranchi aveva alluvionata a Bomporto, nella palestra parrocchiale nuovamente espresso che accoglie le funzioni religiose fin dai giorni vicinanza e solidariet ai fratelli e del terremoto, nel 2012 sorelle colpiti dallalluvione, riconoscendo che la naturali, privo di risorse, per approvare loro prostrazione e umiliazione sono uno stanziamento ad hoc per pi che legittime. ripristinare strutture, attrezzature, frutteti, vigneti e colture distrutte o Diecimila ettari allagati, 1.800 imprese danneggiate. colpite. Lalluvione del 19 gennaio ha causato danni significativi alle aziende Verificare le responsabilit. Da e allagricoltura, oltre a quelli nelle Coldiretti giunta anche la richiesta di abitazioni e nelle attivit commerciali. verificare eventuali responsabilit e Secondo le stime di Coldiretti Emilia mancanze, in modo che si possano Romagna, negli 8 Comuni interessati predisporre tutti gli interventi necessari dallesondazione (Bastiglia, Bomporto, per mettere in sicurezza gli argini, Camposanto, Finale Emilia, Medolla, salvaguardare le imprese e i territori. San Felice sul Panaro, San Prospero e Un appello che richiama quanto parte di Modena) di 10mila ettari la denunciato nei giorni scorsi dal superficie agricola allagata: sottacqua presidente di Lapam Federimpresa, Erio sono finiti soprattutto terreni Luigi Munari, il quale aveva lamentato seminativi, ma anche un migliaio di la mancanza di vera prevenzione, ettari di vigneto - in unarea rinomata rilevando che molto pi della natura le per la produzione di Lambrusco - e responsabilit sono dellincuria degli altrettanti di frutteto. Numeri ai quali uomini. Mentre lassessore regionale bisogna aggiungere 95 allevamenti alla difesa del suolo, Paola Gazzolo, in bovini danneggiati, mentre, sul fronte assemblea legislativa ha fatto sapere delle imprese, la stima - ancora che pochi giorni prima dellalluvione provvisoria - di 1.800 aziende con era stato deliberato di chiedere al danni. Esprimiamo apprezzamento Ministero dellambiente 16 milioni per per i solleciti interventi delle istituzioni la sistemazione del nodo idraulico di regionali, che consentono di far fronte Modena, a cui ora ne sono stati alle prime immediate esigenze dei aggiunti altri 3, per costruire un piano cittadini e delle imprese delle zone straordinario dinterventi sul nodo alluvionate, ha dichiarato il presidente idraulico, immediatamente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro cantierabili. Parole che rafforzano i Tonello, chiedendo una norma dubbi dei cittadini circa una calamit speciale che consenta un intervento in che, forse, si sarebbe potuta prevenire. deroga al decreto sulle calamit Francesco Rossi

il Periscopio

di Zeta
allospedale per abortire, ma continua a piangere. Piange anche quando varca la soglia della sala operatoria. Poco prima il marito ha per lei le parole decisive: Fino allultimo momento puoi decidere quello che vuoi. Una frase che riapre le speranze, anche se aumenta le responsabilit di Michela, a un passo dallabisso. Il resto un susseguirsi di emozioni forti, di lacrime, di abbandono, di paure di commettere unazione che devaster la vita per sempre. Fino allapparizione di un medico che si fa prossimo e le dice che fino allultimo istante si pu tornare indietro. A Michela si spalanca il mondo e quel lettino di dolore si trasforma in un luogo di rinnovata speranza. Ragazzi, fermate tutto. La VENERD 31 GENNAIO, PALAZZO DEL RIDOTTO (CESENA): signora va via, dice questo angelo vestito da INCONTRO CON LA MAMMA-SCRITTRICE MICHELA medico che apposta si era cambiare turno di NAPOLITANO (TERZA DA SINISTRA, FOTO MAURO ARMUZZI) lavoro. A Cesena, ad accompagnare Michela, cerano ginecologo obiettore di coscienza e padre di quattro anche il marito e la sorella. Tutti uniti in una vita bambini le cui foto erano esposte nello studio ritrovata grazie a quel coraggio giocato sul filo di medico. Nessuno a tendere la mano, a parte lana. Con loro, per la prima volta durante queste loperatrice di un Centro di Aiuto alla Vita che testimonianze, cera anche Elvira, una simpatica e tenter di tutto, anche limpossibile. serena ragazzina di ormai 14 anni, nata allinizio La scelta diventa obbligata. Michela si reca dellanno 2000. (825)

La mamma-scrittrice Michela Napolitano ha raccontato a Cesena il suo dramma-aborto

A un passo dallabisso

na serata indimenticabile, per gli oltre cento presenti. Venerd della scorsa settimana, nellambito degli eventi organizzati in diocesi per la Giornata per la vita, al palazzo del Ridotto, a Cesena, si svolto un incontro con la mamma-scrittrice Michela Napolitano. La signora nel 2010 ha messo nero su bianco la sua vicenda personale. Ne nato un volumetto, Venti notti per unalba, di un centinaio di pagine che si fa leggere dun fiato nel breve volgere di un paio di ore. Un libro da consigliare, di quelli che non si pu non avere letto. Davanti a un pubblico sempre pi attento, Michela Napolitano ha raccontato la sua storia. Grande calma e tanta semplicit nel dire dei suoi tre figli e della nuova gravidanza, durante le vacanze al mare, nellestate del 1999. Un evento del tutto imprevisto, davanti al quale i coniugi Festa (vivono da sempre in un paese dellAppennino lucano) rimangono senza parole e senza soluzioni possibili. Almeno cos pare a tutti. cos che si fa strada, complici i rischi legati allennesimo parto cesareo, lidea di passare per la scorciatoia dellaborto. Una decisione terribile a cui si accompagnano venti giorni e venti notti da incubo, vissuti nel disperato tentativo di incontrare qualcuno a cui potersi aggrappare. Tutti dicono a Michela di pensare agli altri tre figli. E quando si dice tutti, sono proprio tutti: il marito, la mamma (madre di otto figli!), la sorella, il

12

Gioved 6 febbraio 2014

Cesena
Macchine Soilmec al lavoro

La ditta fa parte del Gruppo Trevi

Rotary
Parla un superstite della strage di Capaci
Un toccante ricordo delle vittime della maa quello organizzato venerd scorso dal Rotary club di Cesena al ristorante le Scuderie. Lispettore capo Angelo Corbo, uomo della scorta del giudice Giovanni Falcone, ha ricordato la strage di Capaci del 23 maggio 1992 alla quale riusc a sopravvivere con tre colleghi, a differenza del magistrato antimaa Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e degli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. "Non hanno avuto il coraggio di affrontarci a viso aperto - ha commentato Corbo - i maosi furono costretti a nascondersi sopra una collinetta dalla quale premere un pulsante. E lattentato, tecnicamente, non gli riusc. Falcone infatti, il loro vero

Orario ridotto allazienda Soilmec


al 13 gennaio orario ridotto per i dipendenti dellazienda cesenate Soilmec (Gruppo Trevi). La riduzione riguarda il 50 per cento dellorario contrattuale. La conferma arriva da uno dei sindacati del territorio. "Si tratta - dice Davide Drudi, segretario aggiunto della FimCisl area Romagna - di una delle pochissime volte nella sua lunga storia in cui la societ cesenate ricorre alla Cassa integrazione. In questo caso si tratta di quella guadagni ordinaria. Siamo davanti a unazienda virtuosa. La situazione di certo preoccupante, ma non drammatica. La decisione stata presa per un momentaneo calo delle commesse". C una comprensibile inquietudine fra i dipendenti e anche fra coloro che lavorano nelle attivit legate allindotto. Per venire incontro ai lavoratori, dai vertici della ditta cesenate si pensato di anticipare lerogazione che arriver dallInps, in modo da alleviare le difficolt di un taglio agli stipendi, come conferma lo stesso Drudi. Dal canto suo lazienda fa sapere di

La misura stata adottata per tre mesi, a partire dal 13 gennaio Nonostante la crisi globale, lazienda guarda avanti con fiducia
essere ricorsa alla Cassa integrazione solo per tre mesi. Una misura temporanea, quindi. La diffusa e permanente incertezza sui tempi della ripresa economica europea, limpegno pressante dei Paesi europei nel contenimento della spesa pubblica, la stretta nel credito bancario, le tensioni politiche nel Nord Africa e medio Oriente hanno inevitabilmente frenato gli investimenti nelle grandi opere infrastrutturali e pi in generale nel settore delle costruzioni, in special modo in Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Gli effetti negativi sul mercato delle macchine per fondazioni sono stati quasi immediati. Inevitabilmente, a lungo andare, anche Soilmec ne ha risentito. Comunque, allinterno dellazienda si guarda al futuro con fiducia. Gli importanti investimenti compiuti da Soilmec in questi anni in termini di aumento della rete commerciale nel mondo, di ampliamento della gamma prodotti e servizi e di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie, mettono lazienda nelle condizioni di trovarsi pronta alla ripresa del mercato. Un altro colpo (speriamo temporaneo) per tutto il territorio, gi in sofferenza per nuova occupazione. Alle pagine 4 e 5 raccontiamo le storie di giovani cesenati costretti a emigrare per cercare risposte alle loro giuste ambizioni.

"Amici della Malatestiana"

Giordano Conti stato eletto primo presidente


E Giordano Conti il primo presidente degli Amici della Biblioteca Malatestiana. Ad eleggerlo stato il Consiglio direttivo dellassociazione, riunitosi nella serata di luned 3 febbraio. Nel corso della riunione si proceduto anche allelezione delle altre cariche: come vicepresidente stato indicato Giancarlo Biasini, segretario Elide Giordani, tesoriere Massimo Riva, presidente del collegio dei revisori dei conti Oreste Di Giacomo. Massima la convergenza sul nome di Conti, votato allunanimit. Del resto, oltre a essere stato il sindaco che ha dato lavvio ai lavori per la Grande Malatestiana, il neo-presidente anche uno dei maggiori esperti della Biblioteca, a cui ha dedicato diverse pubblicazioni. Com noto gli altri membri del consiglio, direttamente indicati dallassemblea dei soci dellAssociazione il 22 dicembre scorso, sono Elda Salvetti, Camillo Acerbi, Federica Bianchi, Sara Santoro e Pier Luigi Bazzocchi. Dopo laffidamento degli incarichi direttivi, ora il Consiglio si metter al lavoro per predisporre le linee programmatiche da sottoporre allassemblea generale i cui membri che oggi hanno raggiunto la quota di 120 aderenti saranno chiamati a collaborare alle numerose iniziative che gi si stanno profilando. Si parla di conferenze su temi legati alla Malatestiana e non, incontri con studiosi, viaggi culturali in visita alle altre biblioteche in Italia e in Europa, iniziative dedicate ai giovani, alla scuola e agli anziani.

obiettivo, mor paradossalmente a causa di un incidente stradale. Se avesse indossato la cintura di sicurezza sarebbe forse sopravvissuto". Prima dellintervento dellispettore Corbo stato proiettato un video per mettere a fuoco la realt della maa a Palermo tra gli anni 80 e i primi 90, quando con luccisione di Falcone prima e Paolo Borsellino poi, le speranze di una Sicilia libera dalla maa sembrarono spegnersi irrimediabilmente. Quella dellispettore Corbo stata una testimonianza umana, carica di quel fardello che si portano dietro i sopravvissuti alle grandi tragedie: "Il senso di colpa che si prova - ha spiegato - pu essere lenito da una presa di coscienza. Che forse c un senso nellessere rimasti in vita, quello di raccontare".

Gruppi in preghiera
Per lItalia e per la vita

Ogni primo e terzo venerd del mese, alle 6,45 di fronte allingresso del Bufalini, i volontari della Papa Giovanni XXIII pregano contro laborto, a favore delle mamme in difficolt. Prossimi appuntamenti venerd 7 e 21 febbraio. Ogni secondo luned del mese, alle 19 nella chiesa del Suffragio a Cesena, si tiene la Preghiera per lItalia con la recita del rosario. Lappuntamento quindi per il 10 febbraio.

Cesena

Gioved 6 febbraio 2014

13

Cercare fondi europei per aiutare chi in difficolt


E solo una delle proposte avanzate dagli esponenti politici in vista delle prossime elezioni amministrative che si terranno a fine maggio
uova puntata del dibattito sui progetti e le visioni per Cesena, a seguito delle sollecitazioni lanciate sulle colonne del Corriere Cesenate. Le posizioni integrali degli intervenuti sono consultabili, come di consueto, sul nostro sito nella sezione "Opinioni e lettere". La coesione sociale prima di tutto, nonostante gli stretti vincoli di bilancio. E la posizione del capogruppo della lista Sinistra per Cesena Bruno Giorgini (esponente di Sel): "Priorit per il Comune quella di aiutare gli ultimi, chi ha perso il lavoro, operare sulle emergenze abitative, sulle nuove povert, sul fronte dei servizi sociosanitari. Per quanto riguarda i progetti a medio-lungo termine, invece, ritengo Continua il confronto importante puntare sullambiente, con promosso laumento di raccolta differenziata, porta a porta e mobilit sostenibile, e sulla dal cultura. Temi che possono rappresentare Gli interventi integrali un bacino e un volano di nuove opportunit sul fronte occupazionale e sul sito di miglioramento della qualit di vita". www.corrierecesenate.it Marco Casali (consigliere comunale della rinata Forza Italia-Pdl), ha in mente una macchina comunale pi snella: "E inutile negarlo: questa amministrazione e non solo quella comunale, costa troppo e non possiamo pi permettercela. E necessario quindi ridurla invece che aumentarla cos come stato fatto negli ultimi lustri, dove si assistito alla creazione di una vera e propria holding comunale, dato che le societ partecipate ammontano oggi a 34. Il Comune pu ridurre del 10 per cento il proprio personale attraverso lutilizzo dellUnione dei Comuni Valle del Savio". Un arretramento del settore pubblico al fine di contenere le spese e diminuire la pressione fiscale sui cittadini: "Il comune leggero dovr essere il comune del futuro. Tutte le politiche di Area vasta devono portare nella loro creazione a un

Corriere Cesenate

risparmio che deve essere quantificato a priori e deve essere lobiettivo da raggiungere. In tutti gli accorpamenti che stiamo facendo e ipotizzando non esiste invece mai nessuna percentuale di contenimento costi. Sono necessari piani industriali dettagliati che permettano di identificare quantitativamente gli obiettivi". Spirito di servizio, competenza e dedizione totale. Queste le caratteristiche di un buon sindaco per Cinzia Pagni, consigliere comunale ex Italia dei valori ora capogruppo di "Politica diritto economia": "Serve un programma reale e non demagogico, per far comprendere ai cittadini la necessit degli eventuali sacrifici e le corrispondenti ricadute". Per reperire risorse, la Pagni punta sullutilizzo dei fondi europei. Indispensabile, poi, una visione di ampio respiro: "Non avr senso ragionare solo su una programmazione entro gli attuali confini. Cesena dovr continuare limpegno di comune capofila, allargando sempre pi lorizzonte e il proprio ambito di azione in una dimensione romagnola. Questa sfida richieder maggiore impegno, ma soprattutto alte competenze strategiche con

i territori. Bisogner superare molti ostacoli culturali, frutto di resistenze e inutili localismi". Per Gilberto Zoffoli (Movimento Romagnolo, formazione centrista da non confondere con il quasi omonimo Movimento per lautonomia della Romagna) prima del medio-lungo termine ci sono fior di problemi "delloggi" che richiedono risposte immediate: "C un "adesso" per il quale la politica non pu perdersi in chiacchiere! I progetti, le idee, le risposte che si intendono mettere in campo per la prossima legislatura non possono essere disgiunte dal senso e dal valore che viene attribuito a quellamministrare che capacit e cura per linteresse comune, perseguito con il dialogo e il consenso". Sul tema delleconomia-lavoro per Zoffoli bisogna "creare un clima favorevole allimpresa", mentre la citt da pensare in relazione al "territorio Romagna". Importanti poi la responsabilit ambientale e la centralit della persona e della famiglia: "Centralit che presupposto di un welfare e di una sanit posta a tutela soprattutto di chi pi debole, di chi non ha voce". MiB

Con la nuova piattaforma il Mercato fa un salto in avanti


Unampia fotogallery relativa alla mattinata si pu visionare sul nostro sito corrierecesenate.it ANNIVERSARIO
Inaugurata venerd scorso la nuova piattaforma di distribuzione al mercato ortofrutticolo di Cesena alla presenza dellassessore regionale Tiberio Rabboni, del sindaco di Cesena Paolo Lucchi, dellamministratore delegato del Mercato Domenico Scarpellini, del presidente della

provincia Massimo Bulbi, del responsabile Conor Lauro Guidi. La benedizione stata impartita da monsignor Piero Altieri. Grazie alla nuova struttura, nel 2014 il Mercato prevede di superare il milione di quintali di ortofrutta commercializzata, con un aumento del 10 per cento rispetto allanno scorso quando sono transitati 918mila quintali di frutta e verdura. Cresciuto del 6 per cento anche il numero di compratori (arrivato a quota 1300). In crescita anche i produttori, arrivati al numero di 840 (+1,6 per cento).

"Negli ultimi tre anni - ha detto Scarpellini il Mercato ha investito oltre un milione di euro per realizzare nuove tettoie, per lampiamento degli spazi e la riasfaltatura e per la piattaforma ecologica". Lassessore Rabboni ha affermato che "Cesena deve essere presa desempio per la celerit e lefficienza". Un concetto ribadito anche dal sindaco Lucchi secondo il quale "le amministrazioni pubbliche devono favorire in tutto e per tutto le imprese che investono, specie in questo periodo". Cristiano Riciputi

ANNIVERSARIO

ANNIVERSARIO

Risparmio o precariato?
Batti e ribatti sulla situazione del personale nel Comune di Cesena. In quattro anni e mezzo il Comune di Cesena si legge in una nota dellAmministrazione ha perso 60 dipendenti, riducendo cos la spesa per il personale di quasi 1 milione e mezzo di euro. Al 30 giugno 2009, infatti, lavoravano nei vari servizi comunali 650 persone, per una spesa complessiva di 26 milioni e 72mila euro; al 31 dicembre 2013 il loro numero sceso a 590 unit (pari a 9%), con una spesa complessiva che ammonta a 24 milioni e 586mila euro. Al 30 giugno 2009 erano presenti 9 dirigenti a tempo indeterminato, 5 dirigenti a tempo determinato, il segretario generale e il direttore generale, per un totale di 16 gure. Al 31 gennaio 2014 sono presenti 7 dirigenti a tempo indeterminato, 6 dirigenti a tempo determinato (di cui 2 extradotazione) ed il segretario generale che ha assorbito le funzioni del Direttore generale. I Liberaldemocratici per Cesena replicano che Nella commissione consiliare del 18 aprile 2013 lAmministrazione comunic che i dipendenti totali erano pari a 586, di cui 518 a tempo pieno e 68 parttime. Sommando i 60 persi a quella cifra abbiamo 646 unit, un po meno dei 650 del 2009: se ne sono perduti quindi solo 56. Inoltre lAmministrazione dimentica di indicare che ci sono altri dipendenti sotto forma di: tempo determinato (84), Co.Co.Co. (6), tirocini (10) e Coop.appalto (11), per un totale di altri 111. Il complessivo dellorganico comunale allora pari a 586 pi 111 per un totale di 697. Abbiamo ridotto la pianta organica o abbiamo aumentato il precariato?

ALESSANDRO ANTONELLI
Sono trascorsi 18 anni da quando te ne sei andato lasciando dietro di te un vuoto incolmabile. Il ricordo della tua bont e sensibilit del tuo dolce sorriso e dellaffetto che dimostravi in mille modi ci permettono di andare avanti Alessandro sar ricordato nella S. Messa di domenica 9 febbraio alle 9,45 e venerd 14 febbraio alle 20 a Bulgarn

BENINI GIULIO
8.02.2008 - 8.02.2014 Il dolore per la tua perdita nonsi attenua, non ti dimenticheremo mai Sei sempre nei nostri cuori Anna, Paolo, Simona e Viola Una messa in suffragio sar celebrata sabato 8 febbraio alle ore 20 nella chiesa di Pievesestina

Io sono la via, la verit e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me 9.02.2013 - 9.02.2014 DON GIUSEPPE CANDUCCI
La santa messa di suffragio sar celebrata domenica 9 febbraio alle 9,30 nella chiesa di Piavola

14

Gioved 6 febbraio 2014

Cesena
Istruzione
Campo della Stella Proposte ai maturandi
Nella settimana in cui il ministero ha reso note ai "maturandi" materie e commissari desame si apre anche lormai tradizionale serie di iniziative per tutti gli studenti dellultimo anno delle superiori e agli insegnanti dal Centro culturale "Campo della Stella", in collaborazione con la Banca di Cesena. Il ciclo, giunto ormai alla trentaseiesima edizione, sar incentrato sul tema "Incontro allaltro", volto a mettere a fuoco quel rapporto con la diversit che attraversa drammaticamente il nostro tempo. Su tale tematica i giovani saranno chiamati a riettere nel concorso saggistico conclusivo che premier tre studenti, i quali, oltre a un premio in denaro, riceveranno la graticazione della pubblicazione del loro testo sul quaderno degli atti. Questanno saranno presentati due lm al Cinema Astra: marted 11 febbraio "Il glio dellaltra" della regista francese Lorraine Levy e luned 7 marzo "Il fondamentalista riluttante " dellindiana Mira Nair. Ad essi si accompagneranno le conferenze storico letterarie, volte ad approfondire largomento allinterno di nodi centrali del programma di maturit. Si comincia mercoled 5 febbraio con lo storico Andrea Caspani che nella Sala "Cacciaguerra" della Banca di Cesena alle 15 parler di "Le primavere arabe a rischio dinverno? Uno sguardo all"altra" sponda del Mediterraneo", per poi proseguire con litalianista dellUniversit di Bologna Andrea Battistini che interverr sul tema "Lalterit nelle "Myricae" di Pascoli" e concludere con la lezione del critico e poeta Gianfranco Lauretano su "Il passaggio dalle idealit dellOttocento a quelle del Novecento in poesia. La vicenda esemplare di Clemente Rebora". A ne maggio il momento della premiazione degli studenti che si sono distinti, della classe che ha partecipato in maniera pi signicativa e degli Istituti che li hanno espressi sar come sempre loccasione di una mattinata in cui si raccoglieranno i frutti della proposta che negli anni si rinnova e di un festoso augurio per la maturit, che ha sempre premiato con il massimo dei voti i vincitori.

La nuova sede Palazzo Nadiani

Musica a Cesena Il Corelli cambia casa


uovi e accoglienti spazi per la musica cesenate. stata inaugurata nel pomeriggio di sabato 1 febbraio la nuova sede dellIstituto musicale "Arcangelo Corelli" a Palazzo Nadiani, in via Dandini 5, in centro storico a Cesena. Alla presentazione, il musicologo Franco DellAmore ha ripercorso "le date che hanno fatto la storia dellistruzione musicale a Cesena, e il professor Mauro Casadei Turroni Monti, docente dellUniversit di Modena e Reggio, ha illustrato "il Corelli e la rete scolastica musicale cesenate". Gran finale in musica con il concerto degli insegnanti e degli allievi, insieme per quella che si presenta come una nuova stagione dellistituto di cultura musicale. Nello storico palazzo - che negli anni stata sede provvisoria di alcune sezioni dellistituto tecnico "Renato Serra" prima, e della Fondazione Sacro Cuore pi di recente - rispetto alla precedente sede al San Biagio, il "Corelli" ha ora a disposizione ampi spazi per la disposizione di 17 aule musicali, oltre

Gli iscritti sono quasi 250, in prevalenza bambini e ragazzi, ma non mancano gli adulti
alle due sale dove hanno trovato spazio la biblioteca musicale e la fonoteca. Il rinnovo dei locali ha riguardato in modo particolare ladattamento soprattutto dal punto di vista dellacustica - dellauditorium che con i suoi ottanta posti diventa una sala a disposizione della citt per nuovi eventi musicali e non solo. Variegata la proposta formativa dellistituto musicale, studiata per valorizzarne il ruolo di "diffusore della cultura musicale" nel comprensorio cesenate e rispondere alle sensibilit di chi desidera avvicinarsi alla musica. Quasi 250 gli iscritti ai vari corsi frequentati in prevalenza da bambini e ragazzi (la propedeutica rivolta a bambini in et prescolare); sempre pi numerosi gli adulti che si sono avvicinati a questa forma di espressione artistica. Tredici i corsi attivi: propedeutica, pianoforte, chitarra, flauto, violino, canto, sassofono, clarinetto, violoncello, solfeggio superiore, laboratorio archi, laboratorio di canto corale, laboratorio di avvio alla musica. Gestito dallAsp di Cesena (Azienda pubblica di servizi alla persona) per conto del Comune, i costi di iscrizione sono modulati tenendo conto dellIsee familiare: si attestano da un minimo annuale di 48 euro, fino a un massimo di 780 euro per un corso individuale. Grazie alla collaborazione con il "Maderna" i corsisti del "Corelli" possono accedere al conservatorio di Cesena grazie a esami da privatisti. Sabrina Lucchi

Villachiaviche, Comitato "antenna" al lavoro


Antenna Telecom a Villachiaviche: luned sera si tenuta la terza assemblea alla presenza del dottor Antonio Marongiu, biologo direttore del Comitato scientico Arrt. Il dottor Marungi intervenuto parlando sulla nocivit dellelettrosmog e illustrando gli studi indipendenti esistenti che prendono in considerazione sia i telefonini che le Stazioni Radio Base. "E impressionante constatare - si legge in una nota del Comitato - come da tali studi risulta che il tasso di mortalit e linsorgenza di malattie maligne e benigne aumenti in modo considerevole nelle popolazioni che vivono in aree limitrofe alle Stazioni radio". Nellaprile del 2013 Telecom ha presentato il progetto per installare una Stazione in via Cerchia di SantEgidio. Le caratteristiche tecniche dellimpianto hanno destato preoccupazione fra i residenti.

Sala di palazzo Ghini affollata gioved 27 gennaio per lincontro della "Zaccagnini"
ubblico delle grandi occasioni gioved scorso a Palazzo Ghini per "Le parole nuove di papa Francesco", serata organizzata dallassociazione Zaccagnini con il teologo cesenate don Carlo Molari (gi insegnante di teologia alla Lateranense, allUrbaniana e alla Gregoriana) e Pierluigi Castagnetti (conosciuto, prima ancora che per il suo passato impegno nelle istituzioni, per essere stato collaboratore di don Giuseppe Dossetti e per la sua competenza di storico del cattolicesimo democratico). Le duecento persone presenti hanno ascoltato don Molari tenere una densa lezione su papa Bergoglio. Il teologo si soffermato in apertura sul neologismo coniato dal papa (nellintervista col gesuita Spadaro), in riferimento al motto del suo stemma "Miserando atque eligendo". Non trovando corrispettivi in italiano o spagnolo, il papa ha detto che gli piacerebbe tradurre quel gerundio in "misericordiando": "Questa pu essere una delle cifre di questo pontificato, cos come quella di essersi definito, per prima cosa, "peccatore". Forse non un caso che lautore di un grave peccato (rinnegare Cristo tre volte) sia stato il primo papa". Sempre sullimportanza delle parole, don Molari si soffermato sul rifiuto di ogni proselitismo: "Che non vuol dire abdicare alla missionariet,

Riflettendo sulle parole del Papa

La sala di palazzo Ghini gremita


sempre doverosa, quanto al modo di vivere la stessa. Una missionariet non fatta di imposizioni, nemmeno per schermaglie intellettuali, ma prima di tutto di "fascinazione" per il vero e il bello. Un fascino per il bene simile a quello che ha fatto crescere la Chiesa nei suoi primi tre secoli di vita, una crescita per attrazione". Trattando del concetto di "verit come relazione", don Carlo arrivato ad affermare "La necessit di un dialogo con tutti, sempre senza

Don Carlo Molari: "Occorre un dialogo con tutti, senza scadere nel relativismo Per arrivare alla verit bisogna abbassare le difese e aprire le porte"

scadere nel relativismo. Per arrivare alla verit bisogna abbassare le difese e aprire le porte. Dialogare difficile, ma un antidoto alla globalizzazione dellindifferenza". Per questo papa Francesco ha affermato di preferire una Chiesa "accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade", nelle periferie. Non una Chiesa-dogana, dunque, bens una casa paterna. In definitiva, per don Carlo, c bisogno di "una Chiesa che riscaldi il cuore, che non abbia paura di entrare "nella notte delle persone", camminando al loro fianco come nel caso dei discepoli di Emmaus". Castagnetti si detto colpito dal fatto che il pontefice, sin dalla sua prima apparizione, si sia definito pi volte vescovo di Roma: "Mi ha ricordato la "collegialit della Chiesa" di Dossetti, cos come molti padri conciliari che nel Vaticano II parlarono spesso di una "Chiesa di chiese". Ed un papa che ci offre un vangelo "sine glossa", la gioia diretta di una Parola che scalda il cuore, colmando i vuoti interiori delluomo di oggi". Stupore e apprezzamento, da parte di Castagnetti, anche per le parole decise di papa Francesco nella Evangelii Gaudium: "Al punto 53 recita: "dobbiamo dire no a uneconomia dellesclusione e della iniquit. Questa economia uccide". Il Papa pronuncia parole che noi laici non siamo pi in grado di pronunciare".

Cesenatico

Gioved 6 febbraio 2014

15

Correnti anomale a 3 miglia dalla costa

Assemblea
Ciclismo: i numeri della Fausto Coppi
Si tenuta nel pomeriggio di sabato 25 gennaio - nella sala convegni del Palazzo del Turismo di Cesenatico - la presentazione degli atleti e dello staff tecnico del settore giovanile dellAsd "Fausto Coppi" di Cesenatico che nel 2014 raggiunge il 34esimo anno di attivit. Nel 2013 il sodalizio cesenaticense ha preso parte a 57 gare con i ragazzi delle categorie Giovanissimi, Esordienti e Allieve donna. Le numerose vittorie e i tanti piazzamenti ottenuti dai giovani ciclisti sono state impreziosite dalla conquista dei Campionati regionali e Provinciali su strada e su pista nella categoria Esordienti di 2 anno ad opera di Lorenzo Casadei e dal titolo di Campione romagnolo pista stratch ottenuto da Federico Caputo. Durante il 2013 il gruppo "Fausto Coppi" ha organizzato tre gare per le categorie Giovanissimi: il trofeo "Sacchetti Tuttoparquet" a Villalta di Cesenatico, il trofeo "Blu Baj" a Cesenatico zona Ponente e il "Memorial Matteo Casadei Bracci" al pistino di Cesenatico. In pi, stata organizzata una gara per Esordienti intitolato Trofeo Banca di Credito Cooperativo Sala di Cesenatico nellomonima frazione. Dopo il saluto di Alessandro Spada, presidente del sodalizio, si sono registrati gli interventi delle numerose autorit che hanno preso parte alla affollata presentazione: il vice sindaco di Cesenatico Vittorio Savini, Raffaele Babbini (direttore di corsa Rcs), Lino Secchi (presidente del Comitato regionale Fci Marche), Massimo Squadrani (vice presidente Comitato provinciale Fci), Emanuela Zaccaria (vice presidente Comitato regionale Fci Emilia-Romagna). Da segnalare che tra i tanti invitati erano presenti anche lassessore Giovannino Fattori e Paolo Pantani, padre di Marco.

Allevamenti di cozze Danni gravissimi


ravissimi danni agli allevamenti di cozze situati al largo di Cesenatico, 3 miglia dalla costa. La scorsa settimana si sono verificati degli eventi che hanno messo in ginocchio il settore. "Dal punto di vista lavorativo - spiega Arnaldo Rossi, presidente della cooperativa Casa del Pescatore - stata una tragedia. Una corrente anomala ha spostato le corde, i sassi di ancoraggio e le calze con le cozze, ormai pronte per la vendita, sono andate perse. A causa delle condizioni del mare, che hanno impedito luscita, ancora oggi (luned, ndr) non sappiamo con precisione quale sia leffettivo stato dellallevamento e cosa si possa recuperare. Di certo sappiamo che lannata compromessa". Rossi dice che 15 anni fa era capitata una situazione simile. Non si trattato di una mareggiata, ma di una corrente molto forte, di certo anomala. La Capitaneria di Porto di Cesenatico comunica che "particolare attenzione stata rivolta in questi giorni ai tre piani di mitilicoltura installati nelle acque antistanti la costa tra i comuni di

Arnaldo Rossi, presidente Casa del Pescatore: lannata e compromessa, cerchiamo di salvare il salvabile
Cesenatico e Gatteo a Mare". La Guardia Costiera ha detto ai concessionari degli impianti di verificare le condizioni dei vivai, essendo state avvistate diverse boe di segnalazione dei filari alla deriva in mare aperto. Dopo una ricognizione effettuata con la Motovedetta di Cesenatico - continua la nota - sono risultate non pi in posizione diversi i filari interni agli impianti, e sono stati diramati appositi avvisi ai naviganti per segnalare il pericolo per barche in transito. Per consentire il pronto ripristino dei filari di mitili, inoltre, e soprattutto per accelerare le operazioni di messa in sicurezza degli impianti stessi, lUfficio Circondariale Marittimo di Cesenatico ha emanato lordinanza n. 1/2014 (reperibile sul sito web del Comando www.guardiacostiera.it/Cesenatico ) che disciplina le modalit di esecuzione dei lavori che verranno eseguiti da un "Motopontone" di propriet di una societ riminese, finalizzati al posizionamento di massi di ritenuta delle file di mitili nei vivai danneggiati. "Tutti noi lavoratori degli allevamenti conclude Rossi - siamo scoraggiati per quel che accaduto. Ora riprenderemo a lavorare sodo per recuperare il recuperabile, ma di certo si trattato di un brutto colpo per il settore". Cristiano Riciputi

Col sostegno della Bcc di Sala

Sala: protagoniste le commedie dialettali brillanti


Commedie dialettali con il sostegno della Bcc di Sala. Il gruppo "Diciamo la nostra" una compagnia teatrale di stampo amatoriale nata 14 anni fa quasi per caso. Ma da allora il teatro parrocchiale "Letizia" di Sala si anima di spettatori che arrivano dai paesi vicini con lo scopo di passare un sabato sera allinsegna di un sano divertimento. La compagnia teatrale allinizio ha ideato uno spettacolo rivolto ai pi piccini che frequentavano la materna: "Visto lo sfrenato divertimento e la partecipazione di tanti cittadini del paese - spiega Maria Assunta Borghesi - quel gruppo che inizialmente era conosciuto tramite il nome "I genitori dei bimbi di Sala" decise di mettere in atto la rappresentazione di vari spettacoli passando dal variet alle commedie dialettali". "Murei da e reid" la commedia dialettale che verr messa in scena i prossimi 15 e 22

Ciclismo e sicurezza
Prosegue limpegno per la sicurezza da parte della "Fausto Coppi". Il sodalizio ha appena concluso un corso daggiornamento quinquennale per i volontari Asa (Addetti alle segnalazioni aggiuntive). Il corso suddiviso in due lezioni da tre ore ciascuna ha visto una forte partecipazione da parte dei numerosi volontari del gruppo i quali, durante la stagione, saranno impegnati nel garantire la sicurezza ai partecipanti della Granfondo Nove Colli, oltre a supportare i pi piccoli nelle gare giovanili. Ha preso parte alle lezioni anche lAssessore Giovannino Fattori. Il corso di aggiornamento Asa stato organizzato in collaborazione con la Fci e in collaborazione con la Polizia Stradale. A insegnare ai volontari tutte le accortezze e le regole per dare le giuste indicazioni ai corridori e garantirne lincolumit ci ha pensato il docente Luigi Lucchesi.

febbraio alle 21 presso il teatro "Letizia di Sala" con il sostegno della Bcc Sala di Cesenatico. Lincasso sar interamente devoluto in beneficenza. Giorgio Magnani

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:


PETROLCHIMICI AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI in ITALIA... nel MONDO

16

Gioved 6 febbraio 2014

Valle del Rubicone

Gatteo
Tre milioni per la nuova scuola
Tre milioni di euro per lampliamento della scuola di Gatteo Mare. E il costo previsto per la nuova struttura che il sindaco Gianluca Vincenzi ha presentato nei giorni scorsi durante unassemblea pubblica al palazzo del turismo. I cittadini di Gatteo possono dormire sonni tranquilli: lopera sar realizzata senza creare mutui o debiti a carico del Comune e le risorse saranno reperite da accantonamenti eseguiti sin dallinizio del mandato e da cessioni di patrimonio pubblico. Vincenzi ha illustrato nel dettaglio il progetto preliminare approvato in Giunta: "La scuola sar sviluppata su tre livelli: al piano terra trover spazio tutta la scuola materna, comprensiva di due sezioni, aree comuni, dormitorio o possibilit di creare una terza sezione; durante il periodo estivo, inoltre, in una parte di questi locali verr svolto il servizio di guardia medica estiva. Lingresso principale della scuola elementare condurr a due classi, allaula insegnanti, ai vani tecnici e a una palestra. Questa sar dotata anche di un piccolo secondo livello posto al di sopra degli spogliatoi, in cui si potranno tenere attivit sportive per piccoli gruppi o comunque in cui non necessario lutilizzo di un ampio spazio. La palestra avr anche un accesso indipendente dallesterno per leventuale utilizzo extrascolastico pomeridiano e serale. Diverr pertanto una notevole risorsa non solo per i bambini della scuola primaria e dellinfanzia ma dellintera comunit di Gatteo Mare". Il secondo livello ospiter otto aule, una seconda aula insegnanti e un laboratorio. Lultimo livello sar occupato da altre otto aule, la terza sala insegnanti e un laboratorio. "Con questa struttura - continua il sindaco - ci preggiamo di predisporre gli spazi idonei ad ospitare, con lapprovazione del provveditorato, anche una sezione di scuole medie, in modo da garantire un istituto che si caratterizzi per unofferta formativa unica nella nostra frazione, in grado di assicurare lo svolgimento del percorso formativo, dalla materna alle scuole medie, nello stesso edicio".

Gambettola, il mese della famiglia


In occasione del "Mese della Famiglia", promosso dalla comunit parrocchiale di Gambettola, domenica 9 febbraio si svolger la "Festa degli anniversari di matrimonio"- 2550 e 60 con il seguente programma: alle 16 la messa con tutti i festeggiati e le loro famiglie, poi seguir un momento conviviale nei locali parrocchiali di via Ravaldini. Entro domenica 9 febbraio possibile prenotare (no ad esaurimento posti) la partecipazione al pranzo comunitario della "Festa della Famiglia" che si terr domenica 16 febbraio alle 13, presso i locali della parrocchia di SantAngelo di Gatteo. Per informazioni e prenotazioni al pranzo contattare Andrea e Michela Magnani (0547/ 657975) e-mail: amagno24@libero.it o Maurizio e Michela Foschi (0547/59286) e.mail: michiber@alice.it.

Amministrative Domenica 2 marzo le pre-elezioni

entre per il centrodestra, come Sanulli Maestri per altre coalizioni, la situazione ancora da definire, sulla scia di quanto gi attuato in altri comuni del circondario la coalizione di centrosinistra di Gambettola sceglie la via delle "primarie" per il candidato sindaco alle prossime elezioni di primavera. Le primarie sono fissate per domenica 2 marzo e la consultazione coinvolger tutta la coalizione gambettolese, costituita da Partito democratico, Rifondazione Comunista, Partito poco tempo fa per divergenze con il socialista e Verdi. Sono tre i sindaco Iader Garavina sulla vicenda candidati in lizza: Alex Guidi e "Area Sacta". Roberto Sanulli per il Pd e Esponente dellarea cattolica Massimiliano Maestri per gambettolese, convinto sostenitore Rifondazione Comunista. di Matteo Renzi, Foiera, che veniva Partito Socialista e Verdi hanno dato come sicuro aspirante confermato il sostegno alla candidato, ha invece dichiarato coalizione in attesa del confronto conclusa la sua esperienza politica. sul programma, senza presentare un proprio candidato. Ha destato Ecco una breve scheda di sensazione la notizia della presentazione dei candidati. rinuncia alla competizione Roberto Sanulli, 60 anni, attuale interna di Mauro Foiera, ex vice assessore ai lavori pubblici e sport sindaco ed assessore, dimessosi della Giunta del secondo mandato

Gambettola:alleprimarie Sanulli,MaestrieGuidi M

Guidi

del sindaco Garavina, lavora presso la Cna come responsabile per la zona Cesena-Valle Savio. E anche consigliere di Cesena Fiera. Alex Guidi, 39 anni parrucchiere e stimato insegnante in questo settore, attualmente alla sua prima esperienza da consigliere comunale nel secondo mandato Garavina. Massimiliano Maestri, 46 anni, lattuale assessore alla cultura, scuola e servizi sociali, con lunga esperienza di pubblica amministrazione. Piero Spinosi

Montiano

Festa di SantAgata
In occasione della festa patronale di SantAgata, sabato 8 febbraio alle 21, la compagnia "Quei dla Bagnarola" propone la commedia dialettale "I count is fa a la viziglia". Il ricavato andr a favore della parrocchia. Lo spettacolo si tiene nella sala Don Alfredo Paganelli negli spazi parrocchiali.

Due giovani coinvolti nella fiction di Rai Uno


C un po di Rubicone nella ction di Raiuno "Braccialetti rossi", la serie in sei puntate diretta da Giacomo Campiotti e ispirata a un romanzo del catalano Albert Espinosa. La ction, che piace a pubblico e critica, va in onda ogni domenica alle 21,30 su Raiuno e racconta la vita di alcuni ragazzi ricoverati in un ospedale pugliese. A

interpretarli un gruppo di giovani attori non professionisti. Fra loro, nei panni di Leo, c il 17enne Carmine Buschini. Sul suo prolo facebook, Carmine scrive di abitare a Longiano. Frequenta il liceo scientico "Marie Curie" di Savignano e, nel tempo libero, gioca a pallanuoto. Nel 2013 stato il protagonista di uno spot pubblicitario. Carmine non lunico della Valle del Rubicone coinvolto nel progetto "Braccialetti rossi". Una delle nove canzoni incluse nella colonna sonora ("Una storia lontana") cantata da Greta Manuzi. Greta (classe 1990), resiede a Budrio di Longiano ed stata nalista alla scorsa edizione di "Amici". (Mv)

Studenti di architettura coinvolti in un progetto di riqualificazione urbana

Montiano legge il paesaggio con occhi giovani


Studenti di Architettura coinvolti in un progetto di riqualificazione urbana a Montiano. Il collettivo di architetti "Laprimastanza" (Davide Agostini, Matteo Battistini, Steve Camagni e Francesco Ceccarelli) di Montiano, in collaborazione con lassociazione "Spazi" e il patrocinio del Comune, ha organizzato, nelle scorse settimane, un laboratorio pratico di sperimentazione urbana che ha visto la partecipazione di una ventina di studenti della facolt di architettura di Cesena. Il workshop di progettazione partito lo scorso novembre con un ciclo di conferenze su architettura e paesaggio e si sviluppato a met gennaio, quando il centro culturale "San Francesco", in piazza Garibaldi, si trasformato in un grande laboratorio di creativit e progettazione. Gli studenti sono stati chiamati a progettare, in tempi strettissimi (una settimana di lavoro) e con un budget limitato, una microinstallazione per il parco "Virginia Battistini" in pieno centro storico a Montiano. Il frutto di questa esperienza la mostra "Montiano: vivere il paesaggio 2013-2014" che stata inaugurata domenica 2 febbraio. Lesposizione si trova presso il centro culturale "San Francesco" ed visitabile tutti i fine settimana di febbraio dalle 11 alle 17. Ogni visitatore avr lopportunit di votare il proprio progetto preferito. I lavori saranno giudicati da una giuria tecnica che decreter, domenica 2 marzo alle 16, il progetto vincitore, il quale sar realizzato dagli stessi vincitori e donato alla collettivit entro la prossima estate. "I lavori in mostra - commenta Francesco Ceccarelli di "Laprimastanza" - sono di ottimo livello, attenti a riscoprire la bellezza del paesaggio montianese e a creare nuove opportunit sociali per i cittadini. Grande novit stata la partecipazione di realt artigianali del territorio che hanno affiancato i ragazzi nelle varie fasi di progettazione. Larchitetto di oggi - conclude Ceccarelli - deve essere non solo un professionista, ma anche un artigiano". Matteo Venturi

Valle del Savio

Gioved 6 febbraio 2014

17

San Piero: sono 70 i dipendenti dellazienda chiusa


continuato a rimanere attivo a San Piero. E queste 4/5 dipendenti sono attualmente divenute dipendenti della nuova propriet del gruppo, la "La Perla Global Management" dellimprenditore Silvio Scaglia. "Le parti - scrivono le organizzazioni sindacali in un comunicato - prendendo atto che gli stabilimenti di San Piero e Roseto hanno cessato da tempo la attivit, hanno concluso che al termine dellutilizzo della cassa integrazione straordinaria previsto per il 14 febbraio i lavoratori verranno licenziati come previsto dalle procedure di mobilit, utilizzando i benefici previsti dalla legge 223/91". "Si apre adesso una fase nuova continuano i sindacati - nella quale si auspica che la propriet della nuova Perla, che ha gi manifestato lintenzione di riportare le produzioni in Italia, possa rappresentare per le lavoratrici unopportunit di lavoro stante anche i notevoli vantaggi offerti dai lavoratori collocati in mobilit, e cos rispondere ad un problema occupazionale sempre pi grave in Alto Savio". Durante la scorsa estate, qualche giorno dopo la comunicazione del passaggio di propriet, lAmministrazione comunale aveva incontrato organizzazioni sindacali e dipendenti dellex Simona, con lintenzione di contattare la nuova propriet e verificare la possibilit di programmi di reimpiego. Alberto Merendi

Nel sarsinate
A San Martino festa di SantAntonio
Continuano le feste di SantAntonio Abate nelle parrocchie del sarsinate. Conclude il ciclo delle feste "antoniane" la parrocchia di San Martino. Fino a vari decenni fa si iniziava a festeggiare SantAntonio il 16 gennaio e si andava avanti, di parrocchia in parrocchia, ogni giorno no al 31 gennaio. Questo per permettere ai sacerdoti delle parrocchie circonvicine di trovarsi insieme, celebrare lEucarestia e condividere il pranzo, talvolta coi parrocchiani. Ora, essendo varie le comunit guidate da un solo sacerdote, le feste di SantAntonio si sono svolte la domenica pomeriggio e si concludono il 9 febbraio a San Martino. Alle 15.30 sar celebrata la Messa solenne, terminata la quale ci sar il

Foto darchivio

Per gli "ex Simona" cassa integrazione finita


opo cinque anni di cassa integrazione e ammortizzatori sociali, gli ex dipendenti della ditta "Simona" di San Piero sono stati definitivamente licenziati. Ad ogni modo, con la messa in mobilit, continueranno a ricevere una indennit per periodi di uno, due o tre anni, a seconda della et. Il 14 febbraio termina lultimo periodo di utilizzo della cassa integrazione straordinaria per 70 dipendenti del

gruppo La Perla. Erano un centinaio, nel marzo 2009, i lavoratori messi in cassa integrazione. Poi in questi cinque anni, tra pensionamenti e qualche passaggio a nuova occupazione, il numero sceso a 70, comunque alto per una realt come lAlto Savio. Stessa sorte per 60 dipendenti del gruppo dello stabilimento di Roseto degli Abruzzi. Sono invece sempre rimaste "operative" le dipendenti impegnate nellex spaccio aziendale, ora negozio, che ha

Mercato | Cento anni per Giovanna


Lo scorso 29 gennaio la mercatese Giovanna Montalti ha raggiunto il centesimo anno di vita. Il sindaco Oscar Graziani si unito alla famiglia, con fascia tricolore in rappresentanza della comunit mercatese, per festeggiare la centenaria. Giovanna Montalti, originaria di San Piero, conosciuta da molti cittadini di Mercato Saraceno poich, fin dal 1939, ha assistito il cugino don Luigi Montalti, parroco di Montesasso fino al 1988, anno della sua morte. (Am)

Casa protetta Spighi


Il Consiglio comunale di Bagno di Romagna ha approvato il Bilancio di previsione per il 2014 della Casa protetta Camilla Spighi, col voto favorevole dei sette consiglieri di maggioranza e lastensione dei due di minoranza. Lassessore Claudio Valbonesi ha illustrato la proposta, approvata dal Consiglio damministrazione dellIstituzione, ed alcune modifiche alla pianta organica con listituzione della figura di coordinatore dellattivit di assistenza. Per il 2014 non sono comunque previsti aumenti nel costo del personale. Lassessore ha sottolineato la qualit del servizio, riconosciuta anche dalla soddisfazione degli utenti e dei loro familiari, che comprende anche la produzione diretta dei pasti e la gestione diretta dei servizi di guardaroba e di pulizia. Quanto alle rette si lasciata per il momento invariata la quota di compartecipazione a carico dellAusl (37,59 euro giornaliere), ma si spera di poter ottenere qualcosa in pi.

rinfresco e la musica di alcuni componenti della Banda di Sarsina. Sar un prezioso momento per rivedere gli ex parrocchiani trasferitisi per lo pi a Sarsina. La chiesa, che per i molti rimaneggiamenti pu apparire recente, di fondazione ultramillenaria. Alcuni muri e le cantine risalgono al secolo XI. Negli anni 60, ad opera di don Vittorio Morosi parroco per 57 anni dal 1950 alla sua morte nel 2007, venne sistemato linterno, aggiunto lingresso, rimpicciolita la canonica. Nel 1988 sono stati fatti il nuovo altare e il pavimento. Nel 2005 la chiesa, dichiarata inagibile, stata rinnovata con contributo della Regione con sistemazione del tetto, rifacimento di una parete laterale instabile, tinteggiatura interna ed esterna che ha dato nuovo volto a tutta la struttura. Nel 2011 le tre campane del "Brighenti" del 1930, di fattura straordinaria, sono state sistemate "a dondolo" sulle nestre espandendo maggiormente la loro voce. Nel 1886 in parrocchia abitavano 700 persone, nel 1915 si ridussero a 539, arrivando a 397 nel 1954 no agli attuali 60. Il parroco don Renzo Marini di Sarsina vi si reca una volta al mese a celebrare la messa, mentre nelle altre domeniche svolge una celebrazione laccolito Giampaolo Bernabini di Sarsina. Daniele Bosi

SAN GIORGIO (Cesena): in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale in pronta consegna con soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 3 bagni, tavernetta, cantina, ampia mansarda, ripostigli, garage e giardino. 380.000 / Rif. 0986 A DUE PASSI DAL CENTRO STORICO (Cesena): in piccolo contesto di sole 4 unit, appartamento su due livelli recentemente ristrutturato composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, studio, 2 bagni, camera matrimoniale con cabina armadio, 2 camere singole, garage e corte esterna. Ottime finiture, riscaldamento a pavimento, aria condizionata e pannelli solari. Trattativa riservata / Rif. 1370 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 SANTEGIDIO (Cesena): in piccola palazzina al secondo e ultimo piano appartamento in parte ristrutturato composto da soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. Impianti autonomi. 210.000 / Rif. 1254 SAN VITTORE (Cesena): in contesto residenziale del 2009 con ampi spazi verdi e dotato di ascensore, allultimo piano appartamento con ottime finiture composto da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, bagno, 2 terrazzi, ampio sottotetto ad uso ripostiglio, cantina, garage e posto auto riservato. Predisp. per aria condizionata, aspirazione centralizzata e canna fumaria. 227.000 / Rif. 1332 ZONA SEMINARIO/OSPEDALE (Cesena): in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit, appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 230.000 / Rif. 1129 GAMBETTOLA: in palazzina di recente costruzione appartamenti con ottime finiture di diversa tipologia con possibilit di ingresso indipendente, corte esclusiva, sottotetto e garage. Pronta consegna. Informazioni in ufficio / Rif. 0178

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

18

Gioved 6 febbraio 2014

Solidariet

Il Pane della vita da Longiano al Benin


rogetto di solidariet promosso dalla Caritas P di Longiano-Balignano-Crocetta. Si chiama Il pane della vita e consiste nellaiutare le Suore degli angeli che prestano servizio in un piccolo villaggio del Benin (Africa), ad acquistare una impastatrice da venti litri. Le suore hanno, da pochi mesi, realizzato un orto.

Con una macchina per fare il pane renderanno le famiglie maggiormente capaci di provvedere alla propria sussistenza. Il referente del progetto don Theodule Koutchoro, amministratore della parrocchia di Bulgarn, che conosce personalmente le suore e la loro comunit, in quanto originario dello stesso paese africano (nella foto, don Theo insieme ad alcune suore nellorto). La raccolta predisposta per tutto il mese di febbraio. Chi volesse aderire al progetto pu lasciare unofferta nella chiesa parrocchiale di Longiano, nellapposita cassetta collocata vicino alluscita. Mv

Tante le campagne di solidariet portate avanti dai Lions Club locali e dal distretto

Gli occhiali usati possono avere nuova vita


hiss quanti hanno un paio docchiali nel cassetto, messi da parte perch non pi della gradazione ottica adatta, oppure perch leggermente scoloriti o pi semplicemente perch passati di moda. Ma invece che lasciarli chiusi in un cassetto, o peggio ancora buttarli via, gli si pu donare una nuova esistenza. Da anni i il Lions club di tutto il mondo portano avanti una campagna di riutilizzo degli occhiali usati in buono stato. In primo luogo vengono mandati nei paesi del terzo mondo, ma non sempre cos. Pensiamo al terremoto in Abruzzo del 2009 - spiega Antonio Suzzi, socio del Lions di Cesena - quando nel cuore della notte migliaia di persone scapparono dalle case pericolanti o crollate. In tanti rimasero senza occhiali. Nel giro di 24 ore, grazie alla continua attivit di raccolta, siamo stati in grado di dare ai terremotati 3500 paia di occhiali in ottimo stato, cos da superare lemergenza. E solo un esempio delle attivit del Lions, un club che a livello locale non sempre riesce a comunicare i service che porta avanti come, ad esempio, la costruzione di un presidio pubblico nella piana di Navelli, in Abruzzo, una struttura che sostituisce quella distrutta dal terremoto.

Suzzi nel 2009 stato presidente di distretto 108A, che comprende i club di Romagna, Marche, Abruzzo e Molise. Quella della raccolta occhiali - continua Suzzi - non lunico servizio inerente alla vista. Il Lions club finanzia ogni anno laddestramento di cani guida per persone non vedenti. La scuola di addestramento si trova a Lam-

biate, in Lombardia, e non tutti sanno che intitolata a un benefattore di Cesena. Vicino allingresso della sede si trova un mosaico che raffigura Giorgio Albano, cesenate, nato nel 1922 e morto nel dicembre 2007. Pochi giorni fa stato ricordato il sesto anniversario della morte. Grazie alla sua generosit lattivit di addestramento pu continuare: il centro prepara una cinquantina di cani allanno. La scorsa primavera a Gambettola c stata la consegna di un cane guida ad un ragazzo cieco di Santarcangelo. Laddestramento ha un costo che supera i 10mila euro lanno. Siamo in continuo contatto - conclude Suzzi - con lEtiopia dove, nel 2009, il nostro distretto ha inaugurato una scuola che ospita 450 bambini con alunni dai 3 ai 14 anni. E stata una coincidenza quella per cui linaugurazione avvenuta quando io ero presidente, dato che nel paese del Corno dAfrica ho lavorato per 5 anni. Ancora oggi siamo in rapporti con le suore che gestiscono la scuola, per verificare che tutto proceda secondo gli obiettivi di crescita sociale che ci eravamo prefissati per quel territorio. Cristiano Riciputi

Latte materno per i bambini del Bufalini


Giornata mondiale del Malato: incontro volontari Anteas
Per celebrare insieme la XXII Giornata mondiale del malato intitolata Fede e carit... anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli, i volontari dellAnteas si ritroveranno per una riessione sul servizio che svolgono quotidianamente. Lappuntamento per marted 11 febbraio alle 17,30 presso la sala parrocchiale di San Mauro Pascoli, in piazza Battaglini. Lincontro inizier con un momento di confronto e di presentazione dei nuovi volontari, poi alle 18,30 don Sanzio Monaldini, parroco di San Mauro Pascoli, presenter i pensieri di papa Francesco sui temi del servizio gratuito.

Ausl di Cesena invita tutte le mamme che allattano a donare il proprio latte materno per L aiutare i neonati prematuri ricoverati allospedale Bufalini. Per avere latte materno serve una mamma, ma spesso quelle dei bimbi prematuri di latte non ne hanno o ne hanno troppo poco. Quello che unaltra mamma produce in eccesso al suo bimbo non serve, ma pu aiutare un bimbo prematuro che lotta ogni giorno contro mille difficolt. LAusl invita cos tutte le mamme che allattano a donare il proprio latte materno, un piccolo e semplice gesto di

grande amore e generosit per fornire ai neonati critici, ricoverati nel reparto di Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dellospedale Bufalini la possibilit di essere nutriti con un alimento dalle propriet uniche, fondamentale per i primi mesi di vita dei neonati. Per donare il latte occorre rivolgersi alla Banca del Latte Umano Donato, operativa allinterno dellunit operativa Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale di Cesena, telefonando ai numeri 0547 352844; 0547 394362. Per ulteriori informazioni possibile consultare il sito

www.ausl-cesena.emr.it La Banca del Latte Umano Donato presente allospedale Bufalini n dal 1962. Attualmente operativa allinterno dellUnit Operativa Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dove viene raccolto, selezionato, trattato e distribuito il latte umano offerto da donatrici volontarie selezionate tramite unattenta valutazione clinica e sierologica effettuata da unquipe medica. Nel 2013 sono stati raccolti e distribuiti 400 litri di latte, grazie alla generosit di 34 donatrici.

NOTIZIARIO PENSIONATI
Brancanto: Con la Fnp Romagna sempre pi vicini alle esigenze degli iscritti
Questa la lettera inviata a tutti gli iscritti alla Fnp Cisl della Romagna in occasione del tesseramento 2014 dal segretario generale Luigi Brancato. Amiche e amici, il 2013 certo non stato per noi un anno buono. Per il secondo anno consecutivo infatti molti di noi, chi ha avuto una pensione superiore a 3 volte il minimo, non ha avuto quel piccolo aumento legato allindice di inazione. Al momento in cui vi scrivo, come osservate ogni giorno, la situazione politica cambia dalla mattina alla sera. Certo la crisi c ancora, ma come pensionati abbiamo dato e non giusto che a pagare di pi debbano essere sempre e solo i pensionati e i lavoratori. La legge di stabilit penalizza i pensionati. Assieme, Cisl e la nostra Federazione (Fnp), chiediamo delle modiche per avere dal 1 gennaio 2014 la certezza di vedere riconosciuto il diritto allaggiornamento annuale delle nostre pensioni. Ma non abbiamo dimenticato il recupero del potere dacquisto delle nostre pensioni che dal 1992 (ne dellaggancio delle pensioni ai salari) a oggi hanno perso il 33 per cento del loro valore. Ci aspettiamo dal Governo una diminuzione delle tasse che sono ormai arrivate a pi del 40 per cento e che noi pensionati paghiamo in anticipo perch ce li trattengono tutti i mesi. La crisi si Tutto pronto per il tradizionale appuntamento con lOpen day dellambulatorio Anteas di San Mauro Pascoli in occasione della Giornata mondiale del malato. Per loccasione, domenica 9 febbraio, grazie alla collaborazione della parrocchia di San Mauro Pascoli, lambulatorio infermieristico sociale Anteas sar allestito nei locali parrocchiali dove, dalle 8,30 alle 12, tutti gli interessati potranno recarsi per un controllo della pressione arteriosa e della glicemia. Nella stessa giornata agli ospiti della Residenza per Anziani Domus Pascoli verr consegnato un ricordino della giornata. Nelloccasione lAnteas rende noti i dati supera se pensionati e lavoratori hanno la possibilit e i mezzi per tornare a comprare quelle cose necessarie delle quali da qualche tempo sono costretti a fare a meno, cos aumentando i consumi si mettono in moto le aziende e quindi loccupazione. Altro tema per noi sempre presente quello della non autosufficienza. Chiediamo ancora una volta che venga approvata una legge che assicuri servizi e mezzi necessari a chi non in grado pi di badare a se stesso aiutando le famiglie a sopportare un peso cos enorme. La vostra adesione al nostro sindacato ci d la forza di lottare per questi obiettivi. Intanto il 2013 stato lanno della riorganizzazione di tutta la Cisl che ha costituito ununica organizzazione per tutta la Romagna, superando cos la

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Open day allambulatorio Anteas di San Mauro Pascoli


dellambulatorio infermieristico del 2013. Gli accessi sono stati 3.263 e il totale delle prestazioni 5.542. Nel territorio della Valle del Rubicone Anteas oltre a fornire il prezioso servizio dellambulatorio infermieristico, prosegue con il progetto di lotta alla solitudine con accompagnamento sociale rivolto alle persone sole e con quello della fragilit del dottor Ballotta. A chiusura di un anno intenso e ricco di iniziative lAnteas di Cesena con il contributo della Fnp Cisl ha anche donato un defibrillatore al Centro Sociale I sempergiovin di San Mauro Pascoli.

Sindacati pensionati a confronto sul futuro dei pensionati


I direttivi regionali a confronto. in programma per luned 10 febbraio dalle 9,30 alle 13 a Bologna (presso il salone Bondioli della Cisl di Bologna in via Milazzo, 16) la riunione congiunta dei direttivi regionali Fnp, Spi e Uilp. Allordine del giorno la legge di stabilit 2014 e gli scenari di contrattazione territoriali e gli obiettivi sindacali per il 2014. Da alcuni anni - scrivono in un documento unitario i sindacati pensionati - stiamo assistendo a un arretramento sul lato delliniziativa sociale territoriale. Molti Comuni non hanno sottoscritto intese o verbali di riunioni sui bilanci 2013. Le confederazioni e i sindacati pensionati ritengono invece prioritari gli scenari della contrattazione territoriale per affermare pienamente i diritti di cittadinanza e di tutela delle persone deboli.

divisione territoriale esistente con le sedi provinciali di ForlCesena, Rimini e Ravenna. Questo ci consente di essere pi vicini a tutti gli iscritti con sempre migliori e pi puntuali servizi e capacit di batterci con Regione e Comuni per ottenere minori tassazioni locali e agevolazioni sui pagamenti di servizi comunali per i pi deboli. Il 2013 stato anche lanno del congresso sintetizzato dallo slogan Con la nostra Storia,insieme ai giovani costruiamo il futuro e sono stati rinnovati tutti gli organismi direttivi, compresa quindi la nuova segreteria della Fnp Romagna.

Cultura&Spettacoli

Gioved 6 febbraio 2014

19

The Peasant girl al teatroVerdi di Cesena


I

barocco alla musica contemporanea, dalla world fusion alla musica sperimentale. The Peasant Girl, il suo ultimo progetto con lEnsemble di Matthew Barley (appassionato di educazione, improvvisazione, progetti interdisciplinari, composizione e pionieristici programmi per comunit, n cartellone, un concerto marted 11 febbraio alle 21. Si tratta del oltre che violoncellista noto in tutto il mondo), un violino di Viktoria Mullova e The Matthew Barley Ensemble in The itinerario nella musica del mondo guidato dagli echi della Peasant Girl. Si terr al Teatro Verdi, in via Sostegni, sito proprio tradizione zingara. Insieme al suo violino, Matthew Barley accanto al teatro Bonci. La violinista russa Viktoria Mullova si (violoncello), Paul Clarvis (percussioni), Julian Joseph imposta allattenzione internazionale con il primo Premio al Concorso (piano), Sam Walton (percussioni). Sibelius di Helsinki, nel 1980, e con la Medaglia doro al Concorso Biglietti: intero 20 euro, ridotto 16 euro, loggione, Ciaikovskij del 1982. Curiosa ed estremamente versatile, in pi di giovani e studenti 15 euro. Per info: tel. 0547 355959, info@teatrobonci.it, www.teatrobonci.it trentanni di carriera ha esplorato tutto il repertorio per violino, dal

Cinema
di Filippo Cappelli
Uci Romagna Savignano, Eliseo Cesena

I SEGRETI DI OSAGE COUNTY


di John Wells LOklahoma delle grandi pianure, dove in estate il caldo soffocante. questa lambientazione agorafobica de I Segreti di Osage County, tratto dalla pice teatrale di Tracy Letts. Con un cast di attori stellari. La trama: Figlie e parenti vari sono invitati alla riunione della famiglia di Violet (Meryl Streep) in occasione del funerale di suo marito Beverly, noto poeta alcolizzato, morto suicida. Attorno alla neo vedova si stringono le tre figlie, tra cui spicca una bravissima Julia Roberts, accompagnate da ci che resta delle rispettive famiglie. Violet scaglia la sua rabbia, la sua frustrazione, le sue paure e le frustrazioni subte in infanzia su ogni membro della famiglia, ingurgitando come se fossero noccioline vari antidepressivi, sedativi, psicofarmaci e pillole per limitare i danni di un cancro alla gola. Decidendo inoltre di rivelare i segreti familiari tenuti gelosamente nascosti per tutti quegli anni Il regista John Wells gioca tutte le sue carte e sembra suggerirci che dalla dura e triste realt non si pu fuggire in nessun modo, rendendo forse pi drammatica del dovuto la commedia (?) di Tracy Letts. Meryl Streep e Julia Roberts sono perfette nel trasmettere attraverso i loro personaggi una solitudine e unangoscia illimitate. La grandezza di questo film, infatti, sta nella capacit di accompagnare il pubblico in un mondo costruito su misteri, incertezze e compromessi. Di far accomodare e prendere parte a un pranzo a base di rancori e dure confessioni, che invece di riunire una famiglia, ne allontana irreparabilmente i membri. Ma cosha questa famiglia che non funziona? Si odiano, e fin qui niente di strano, di famiglie disfunzionali piena la storia. Ma quel che qui colpisce a fondo, forse troppo, leccesso, lesuberanza, lhorror vacui implicito in un testo a cui sarebbe bastato anche solo un terzo di quellaccumulo narrativo per dichiararsi soddisfatto. La sensazione di sovraccarico immediata. E il crudele cinismo solo occasionalmente alleggerito da un umorismo cupo. Le note drammatiche hanno un retrogusto da soap opera, forse per la quantit di rivelazioni che si susseguono dopo il pranzo che fa loro da detonatore. Victoria, la matriarca, la principale responsabile, con il suo flusso ininterrotto di insulti sarcastici e insinuazioni malevole, del precipitare delle conversazioni in vere battaglie. Teatrale e manipolativa, quando individua dove colpire, lo fa senza piet. Nella sua perenne belligeranza sta tutta la sua disperazione di creatura incapace di amare eppure desiderosa daffetto. Assistere alla forza distruttiva di questa donna di ferro estenuante, ma la superlativa recitazione di Meryl Streep rende lesperienza meravigliosa. Guardatelo e poi tornate a casa dalle vostre famiglie: dopo questo film, tutti i problemi sembreranno scherzi da fanciulli.

LIBERTY fra splendore e incanto


La mostra inaugurata nei giorni scorsi ai Musei di San Domenico, a Forl, rester aperta fino al 15 giugno. In esposizione 305 esposizioni
ta nel sottotitolo la vera chiave di lettura dellimponente mostra forlivese (305 opere, 200 prestatori, aperta fino al 15 giugno 2014): Uno stile per lItalia moderna. Dopo Wildt. Lanima e le forme (2012) e Novecento. Arte e vita in Italia tra le due guerre (2013), con Liberty la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forl e il San Domenico suggellano il progetto di un trittico intelligente, originale e suggestivo, che ha imbandito, in tre tempi, larte italiana tra fine Ottocento e primi decenni del Novecento. Liberty, Stile floreale, Belle poque, Art Nouveau, Jugendstil, Modern Style: la sequenza dei sinonimi manifesta lampiezza di sviluppo e il carattere europeo di uno stile che divenne ben presto una koin, lingua comune; e la terminologia secondo le declinazioni assunte nei diversi Paesi ruota sul concetto di novit e

giovinezza, di modernit. Una modernit che intende affacciarsi sul XX secolo gettandosi alle spalle visioni storicistico-naturalistiche e appesantiti regionalismi: in unItalia ancor giovane per unificazione ma gi matura nelle aspirazioni, sospinta da progresso ( il caso del traforo del Sempione, 1905), aperture mentali e culturali (si pensi al ruolo delle esposizioni nazionali e internazionali: Palermo 1892, Torino 1902, Milano 1906). Pulsano, nelle multiformi manifestazioni di questo flessuosissimo e coloratissimo stile, aneliti e spinte a sentimenti nuovi, a spazi di una bellezza che mentre crea elargisce sogno e felicit; ma il visitatore percepisce che tanto slancio vitale nasconde, al fondo, un corto respiro, una frenesia incrinata, un malessere sociale ed esistenziale che non tarder a inverarsi. Prefigurato, per via simbolica, dalla tragedia del Titanic (1912), prender tragicamente corpo con lo scoppio della grande guerra (1914). La mostra conduce a un percorso esemplificativo ma completo fra pittura e scultura, arredo e architettura, in continuo dialogo e relazione: un vero trionfo di figure femminili, di arte figurativa e applicata, dinvenzione e tecnica. Ancora una volta ribadito il modello espositivo forlivese, che parte dal legame con il territorio (esemplari i protagonisti, schedati in ben 50 pagine, con grande spicco di presenze emiliano-romagnole, soprattutto del faentino Cenacolo baccariniano che con originalit marc la miglior arte decorativa liberty) per estendersi a livello nazionale e cos articolare una narrazione nuova e di respiro, introdotta da un incipit - lopera di apertura che funge da prima pagina espositiva, La principessa Sabra di Edward Burne-Jones proveniente dal dOrsay - cui sono affidati, per suggestione propositiva, il criterio interpretativo e lipotesi culturale. Insomma, il frutto originale di una ricerca scientificamente condotta e documentata: lo testimonia, analiticamente, il catalogo (Silvana Editoriale, pp. 408), aperto da saggi importanti e destinato a segnare la bibliografia di riferimento. Marino Mengozzi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
IL TESORO DITALIA. LA LUNGA AVVENTURA DELLARTE
Vittorio Sgarbi Ed. Bompiani, 2013 (22 euro) Leditore Bompiani ha pubblicato il libro Il tesoro dItalia. La lunga avventura dellarte del critico e storico dellarte Vittorio Sgarbi. L apparato iconografico comprende 220 immagini. Nel prologo lautore sorprende il lettore affermando che probabile che il tesoro dItalia sia, pi che altrove, in una regione: le Marche. Poi, dopo avere dimostrato questa tesi, afferma che Le Marche introducono agli Abruzzi traghettando da Ascoli Piceno a Teramo attraverso [la fortezza di] Civitella del Tronto e [la scala santa] di Campli, due luoghi segreti e obbligatori dItalia. Luoghi di storia e di devozione, di unItalia infinita nel presente e nella memoria. Oggi non sappiamo ancora cosa sar dellAquila, simbolo pi alto del tesoro dItalia violato dalla natura e abbandonato dagli uomini. A partire da questi luoghi la prospettiva di Sgarbi si allarga presentando luoghi e artisti che sono allorigine delle caratteristiche proprie dellarte italiana. Nella prima parte del libro infatti, nel primo capitolo In principio fu la scultura ci presenta Wiligelmo, Benedetto Antelami, il maestro dei mesi di Ferrara, Nicola e Giovanni Pisano, Marco Romano, Tino di Camaino; nel secondo capitolo i mosaicisti siciliani che hanno operato a Cefal, Monreale e Palermo; nel terzo capitolo, Prima della rivoluzione parla dei maestri di Anagni; nel quarto capitolo, Centralit di Roma si sofferma su autori come Jacopo Torriti, Pietro Cavallini, Nicol di Bartolomeo da Foggia, lanonimo autore del ciclo di SantAngelo in Formis, Pietro Cavallini, Roberto dOderisio; nel quinto capitolo, La nascita della pittura moderna si sofferma su Giotto, su Maso di Banco, sul Maestro di Santa Cecilia e su Bernardo Daddi; nel sesto capitolo, La resistenza di Siena parla di Duccio di Buoninsegna, di Simone Martini, di Pietro e Ambrogio Lorenzetti, del Maestro di Badia Isola; nel sesto capitolo, Incursione bolognese, si sofferma su Cimabue, su Vitale da Bologna, su Jacopino di Francesco e su Tommaso da Modena; nellottavo capitolo affronta I pittori padani dopo Giotto come Giovanni da Milano, Giusto de Menabuoi, Guariento di Apo, i Maestri dellabbazia di Santa Maria in Sylvis a Sesto al Reghena; nel nono capitolo, Intanto a Venezia, parla di Paolo e Lorenzo Veneziano, di Nicoletto Semitecolo e di Altichiero di Zevio; nel capitolo X, In Romagna, ci presenta Giovanni e Pietro da Rimini. Nella seconda parte nel primo capitolo, Nel tempo sospeso, parla di Agnolo Gaddi, Lorenza Monaco, Gentile da Fabriano, Michele di Matteo, Michelino da Besozzo, Giovannino de Grassi, Belbello da Pavia, anonimo Maestro di casa Minerbi a Ferrara, Filippo Brunelleschi, Lorenzo Ghiberti, Jacopo della Quercia, Francesco di Valdambrino e Donatello; nel secondo capitolo, Titani, presenta Taddeo di Bartolo, Masolino, Masaccio, Paolo Uccello e Domenico Veneziano; nel terzo capitolo, Resistenza a Siena (seconda parte), si sofferma sul Sassetta, sullanonimo Maestro dellOsserevanza e su Giovanni di Paolo; nel quarto ed ultimo capitolo, Riflessi veneti, presenta Andrea del Castagno, Stefano di Zevio, Pisanello, Michele Giambono, Antonio da Negroponte, Antonio Vivarini e Carlo Crivelli. Come si vede da questo elenco il libro si ferma allalba di quella che Sgarbi chiama la felicit espressiva del Rinascimento. Il pregio del libro quello di presentare autori sconosciuti al grande pubblico, ma che hanno fatto capolavori mirabili, come Jacopo Torriti, autore dei mosaici absidali romani di San Giovanni in Laterano del 1291 e dellIncoronazione della Vergine nella basilica di Santa Maria Maggiore, firmato e datato 1296 e dei dipinti nella fascia pi alta della basilica superiore di Assisi. Il commento di Sgarbi sempre molto dotto, anche se possono lasciare perplesso qualche lettore gli accostamenti del volto di Cristo dipinto nel Giudizio Universale da Pietro Cavallini per la basilica romana di Santa Cecilia in Trastevere con la fotografia di Ernesto Che Guevara e il san Giovanni Battista di Donatello della basilica veneziana di Santa Maria Gloriosa dei Frari con la fotografia di Grigorij Rasputin.

20

Gioved 6 febbraio 2014

Cesena & Comprensorio


Cesenatico

Cesena flash
Commedia dialettale
Sar presentata, sabato 8 febbraio alle 21 al teatro Bogart di SantEgidio, la commedia in dialetto "Al tre bigti". Sul palco la compagnia "La Rumagnola" di Bagnacavallo. Lo spettacolo sar preceduto dalla lettura di poesie dialettali. Ingresso 7 euro, ridotto 6.

Due spettacoli al Comunale


La Cumpagn dla Zercia di Forl porter in scena, sabato 8 febbraio alle 21, la commedia "Al badanti", due atti di Roberta Nanni e Fausto Carpani. Regia di Claudio Tura. Ingresso palchi e platea 8 euro, loggione 6. Per la rassegna "Favole", domenica 9 febbraio alle 16 la fondazione Aida presenter "Storie di gnomi coraggiosi. Il regno di sasso e pietra", liberamente ispirato a "Lo gnomo del ricordo" di Paola Favero.

Gatteo

Torneo di maraffa
Il Comitato soci della Banca di credito cooperativo di Gatteo ha organizzato lVIII torneo di maraffa. Le iscrizioni sono aperte no all11 febbraio presso tutte le liali. Le gare inizieranno marted 18 febbraio alle 20,30 presso bar o circoli a Gatteo, Gatteo Mare, Budrio di Longiano, Gambettola, SantAngelo, Villamarina e Cesena. La nale aperta al pubblico si svolger nella sala multimediale della sede della Bcc a Gatteo. In palio otto premi.

Montiano

Cultura e musica ai Pavoni


Alla Casa dei Pavoni a Montenovo, domenica 9 febbraio alle 15,30, sar presentata la IV raccolta di racconti brevi in prosa dialettale del premio "Sauro Spada". Marted 11 alle 21,30 il gruppo "Lunanoa" proporr musica popolare salentina.

Lezioni allUte
Nellambito delle lezioni dellUniversit della terza et, venerd 7 febbraio lappuntamento ssato presso il Consorvatorio Maderna alle 15,30 per un appuntamento musicale. Marted 11 febbraio alle 15,30 larcheologa Maria Grazia Maioli parler di oriceria nel mondo antico (greco, romano, etrusco, turco), presso la sala Vaienti della Cisl.

Nel fine settimana la seconda edizione del Wine Festival


presentazione del libro della giornalista cesenate Elsa Mazzolini, "Grandi chef piccoli prezzi" (Giunti editore). Alle 19 allEnoteca ViV, Caff Zampan, Bar 45 Giri e Pappa Reale vanno in scena gli AperiDHoc in compagnia dei produttori di Vino e olio delle colline cesenati che promuoveranno il bere territoriale attraverso degustazioni delle Doc romagnole. Sabato 8 febbraio (ore 11) la giornata si apre alla scoperta di uninedita Cesena in compagnia del giornalista studioso di storia locale Gabriele Papi che guider una passeggiata nel cuore della citt a spasso per secoli, osterie e belle storie di vino. Il ritrovo presso la Nuova Biblioteca Malatestiana, la partecipazione gratuita. La tradizione nulla senza lo sguardo rivolto al futuro, e proprio al futuro della comunicazione volge lo sguardo lincontro delle 11,45 da Zampan (Corso Garibaldi 52). A dialogare con il pubblico due estrose blogger, Mary Andreucci (Italian Cooking Adventure) e Alessandra Catania (21grammy) che attraverso la rete hanno fatto della Romagna un cult nel mondo. Sabato alle 15,30 alla Nuova Biblioteca Malatestiana (Aula Magna). in programma un confronto di esperienze da tutta la penisola insieme ai protagonisti della filiera, tra i quali il giornalista Ian DAgata, Giovanni Busi Presidente del Consorzio Vino Chianti, leconomista Nicola Rossi e tanti altri.

Cesena
Il gruppo consorti del Rotary Club di Cesena organizza, venerd 7 febbraio presso laula magna dellOrogel, una serata tutta al femminile il cui ricavato sar interamente devoluto allAssociazione "Volo Oltre". Una performance live. dove lo chef di fama internazionale Sergio Ferrarini cucina dal vivo, trasferendo ricette, trucchi e curiosit ai partecipanti. Il service legato allevento ha lo scopo di aiutare, nella sua opera di informazione e prevenzione, lAssociazione Volo Oltre Onlus che si occupa dei disturbi del comportamento alimentare. Lassociazione nata per volont di un gruppo di genitori affetti da sindrome dei disturbi alimentari (Dca) ed un punto di riferimento per tante famiglie della nostra citt con persone affette da Dca e vuole sensibilizzare il territorio su questa epidemia del nostro tempo. Alla serata presenzieranno Elena Baredi, assessore alla cultura del Comune di Cesena e il gruppo direttivo dellassociazione "Volo Oltre".

er quatto giorni Cesena diventa la capitale romagnola del vino. Gastronauti, vignaioli, giornalisti, winemaker, cuochi, degustatori, blogger, si danno appuntamento nella citt Malatestiana per la seconda edizione del Cesena Wine Festival. Da venerd 7 a luned 10 febbraio il cuore di Cesena si trasforma nellAgor del confronto aperto e collaborativo fra la Romagna del vino e altri territori enologici italiani di qualit. Primo fra

Sangiovese contro Chianti Sfida in centro a Cesena P

tutti il territorio del Chianti che, come la Romagna, ha nel Sangiovese il suo vino portabandiera. E proprio fra il Sangiovese di Romagna Doc Riserva e i Chianti Riserva si aprir sabato 8 e domenica 9, un incontro-confronto con due giornate di degustazioni e un concorso aperto al pubblico e agli esperti. La kermesse si apre venerd 7 febbraio alle 18 alla Libreria Giunti (piazza Giovanni Paolo II), con la

Metrofestival a Gambettola Film di buon livello a basso costo


Nella "Multisala Abbondanza", in corso Mazzini a Gambettola, prosegue con successo, la rassegna cinematograca "Metrofestival". La rassegna prevede la visione in abbonamento, di 7 lm al prezzo di 7 euro, in programma nelle serate di gioved e venerd, con proiezione unica dalle 21. Il nuovo calendario delle proiezioni di febbraio-marzo 2014, (tra parentesi la durata in minuti della proiezione), prevede: gioved 6 e venerd 7 febbraio "Venere in pelliccia" (96) di Roman

Polanski; gioved 13 e venerd 14 febbraio "Il passato" (130) di Asghar Farhadi; gioved 20 e venerd 21 febbraio "Zoran, il mio nipote scemo" (103) di Matteo Oleotto; gioved 27 e venerd 28 febbraio "Giovane e bella" (94) di Franois Ozon; gioved 6 e venerd 7 marzo "Still Life" (87) di Uberto Pasolini; gioved 13 e venerd 14 marzo "Molire in bicicletta" (104) di Philippe Le Guay e gioved 20 e venerd 21 marzo "Philomena" (98) di Stepher Frears. "La sempre maggiore affluenza di

spettatori alla nostra rassegna di pellicole di qualit - precisa Sergio Biondi - testimonia la doppia utilit delliniziativa che riproponiamo da oltre quindici anni. Offrire a un vasto pubblico lopportunit di vedere pi pellicole a un prezzo vantaggioso e allo stesso tempo salvare dalla chiusura una sala cinematograca di periferia". Per informazioni e/o prenotazioni abbonamenti contattare: 0547/53249 (Multisala Abbondanza) o 0547/58991. Piero Spinosi

Cesena | 101 anni per nonna Olga

Sogliano al Rubicone
Spettacolo a teatro

Longiano

Premiazioni delle compagnie


A conclusione della XIII rassegna di teatro dialettale al teatro Petrella, organizzata dalla lodrammatica longianese "Hermanos", domenica 9 febbraio alle 15 saranno assegnati il premio alla migliore compagnia e quello della giuria popolare. Fuori concorso la compagnia longianese presenter "Ah! Lamour", tre atti di Giusi Canducci. Ingresso 5 euro.

Prosegue la 16^ stagione al teatro comunale "Elisabetta Turroni". Sabato 8 febbraio alle 21, sar presentato "Agnes Brown" di Brendan OCarrol con Lucia Vasini e gli "Jashgawronsky brothers". Ingresso 12 euro, ridotto 10.

Savignano

Parole e musica

Savignano

Teatro per ragazzi

Il 9 febbraio i figli, i nipoti e tutti gli amici festeggiano il 101esimo compleanno di Olga Raggi in Ambrosini. Nata a Cesena il 9 febbraio 1913, risiede sulla via Emilia a Case Castagnoli, nel territorio della parrocchia di Madonna del Fuoco.

Sar Amanda Sandrelli linterprete di "Oscar e la dama in rosa" dal libro di EricEmmanuel Schmitt al teatro Moderno, sabato 8 febbraio alle 21. Regia di Lorenzo Gioielli, musica di Giacomo Scaramuzza. Da un piccolo capolavoro della letteratura un monologo di parole e musica. Ingresso unico 15 euro, ridotto 12.

Secondo appuntamento della rassegna "Il Gigante buono". Nella sala Allende, domenica 9 febbraio alle 16,30, la compagnia "I ragazzi di Betta" metter in scena "Il piccolo principe". Ingresso 4 euro.

Sport

Gioved 6 febbraio 2014

21

Calcio serie B Venerd sera anticipo in trasferta a Lanciano


campionato. I rossoneri abruzzesi occupano il quinto posto, proprio dietro il Cesena, distanti un solo punto dai romagnoli. Sar quindi una partita che dir molto sullevolvere delle posizioni di vertice. E soprattutto dir se il Cesena ha tutte le carte in regola per dire la sua anche in chiave promozione diretta. Oltre a meritare in pieno una posizione di privilegio nella zona play-off, i bianconeri stanno dimostrando di avere le potenzialit per ambire a qualcosa di pi importante. Il mercato invernale stato azzeccato dal direttore sportivo Rino Foschi che ha consegnato una rosa ancor pi competitiva in mano a mister Bisoli. Con gli arrivi di Belingheri, Marilungo, Gagliardini e del nuovo portiere Agliardi dal Bologna, il Cavalluccio Marino sicuramente pi forte di prima. In uscita invece, oltre a Tabanelli approdato al Leeds via Cagliari e ad Almici (Atalanta), se ne sono andati dalla Romagna Granoche (al Modena) e Tommaso Arrigoni alla Spal. Dopo la bella di Varese che poteva essere ancor pi pingue, il Cesena ha ottenuto anche una rassicurante vittoria contro il difficile Crotone. Nelloccasione, pur faticando a trovare la rete nel primo tempo i bianconeri non si sono mai scomposti e hanno pazientato per venire a capo di una formazione calabrese ben disposta in campo e capace di difendere con ordine. Il guizzo lo trovava il neoentrato Rodriguez al 70. Eric Malatesta

Cesena
San Vittore: la pioggia non spaventa i podisti
Nonostante il gran freddo e il clima poco clemente anche questanno cerano tanti atleti e tante famiglie in festa lungo le strade di San Vittore di Cesena per la Cursa di Poll - il primo appuntamento della stagione podistica cesenate - organizzata domenica scorsa dalla Podistica San Vittore/Amici della Fatica insieme al Gruppo Amadori. Circa 2.300 in totale le persone presenti, tra cui pi di 200 dipendenti Amadori, i "Peopoll Runners", che per il secondo anno consecutivo hanno corso o passeggiato lungo i 3 percorsi indicati, da 3, 7 e 16 km, insieme agli oltre 500 atleti che hanno preso parte alla gara "competitiva". Si piazzato al primo posto fra i Peopoll Runners in gara Emanuel Macrelli, dipendente dellazienda cesenate. E al termine della gara, il clima festoso della mattinata proseguito nel parcheggio dellazienda, con prodotti Amadori in omaggio per tutti gli iscritti, musica dal vivo, stand gastronomici e dellottimo Vin Brul per gli sportivi e i familiari presenti. Non una semplice gara podistica quindi, ma un modo per passare una mattinata di festa con amici, colleghi e familiari, e sostenere la ricerca a favore della brosi cistica. Allevento, oltre a Francesco Amadori e alla sua famiglia al gran completo, ha partecipato alla corsa anche Paolo Lucchi,

Pippofoto

Il Cesena va come un treno Quarto posto in classifica


l Cesena prosegue nel migliore dei modi il suo inizio anno. Due vittorie su due gare disputate hanno permesso ai bianconeri di Romagna di issarsi al quarto posto solitario in classifica. E le prime due piazze, che significano promozione diretta, non sono distanti. Il successo per 1-0 sul Crotone grazie al gol di Rodriguez a 20 minuti dalla fine ha suggellato un piazzamento che a quota 37 punti sempre pi dolce. Il campionato di serie

B, sempre allinsegna del grande equilibrio, non annoier di certo i propri seguaci e le restanti 19 partite sono ancora tantissime da giocare. Intanto il Cesena deve concentrarsi sul prossimo obiettivo: la trasferta di Lanciano. In Abruzzo si gioca venerd 7 febbraio nellanticipo della 24esima giornata del torneo cadetto. Allo stadio Biondi, i ragazzi allenati da Bisoli troveranno un avversario ostico, una delle vere rivelazioni di questo

Ciclismo, gli juniores si preparano alla nuova stagione

Sidermec, una squadra di belle speranze


Dopo il successo della stagione agonistica 2013 che si conclusa con un cospicuo bottino di 16 vittorie, un titolo italiano della velocit su pista, un titolo regionale su strada e numerosi piazzamenti, la societ ciclistica dilettantistica "Sidermec-F.lli Vitali sta oliando il motore per prepararsi alla nuova stagione 2014. Non sar facile ripetere lexploit della scorsa annata che ha permesso di classificare la societ al terzo posto della classifica generale finale delle societ juniores dItalia, inserendola cos tra le pi blasonate e titolate del panorama juniores nazionale. Il Consiglio direttivo non intende assolutamente mollare e il 16 febbraio presenter allHotel Aurelia di Milano Marittima la formazione 2014. Il presidente Tarcisio Paolucci comunque ottimista. "Non sar facile riconfermarsi, ma il nostro obiettivo ancora pi ambizioso, anche perch abbiamo improntato una formazione di tutto rispetto con diversi ragazzi talentuosi provenienti quasi tutti da quella straordinaria fucina che la Fiumicinese-Fait Adriatica, squadra che con 18 vittorie si classificata al 1 posto nella classifica generale nazionale della categoria". "Sarebbe stupendo - aggiunge il presidente - vedere i nostri atleti vestire non solo la maglia della nostra societ, ma anche quella azzurra della nazionale, partecipando quindi a gare internazionali e ai campionati italiani ed europei sia su pista che su strada. Sognare non proibito". In effetti la formazione che verr presentata domenica 16 febbraio ha tutte le credenziali per essere ottimisti. E composta da 12 elementi alcuni dei quali nella categoria inferiore hanno messo in mostra il loro valore agonistico. Ad esempio Federico Orlandi porta in dote ben otto vittorie e numerosi buoni piazzamenti; Luigi Falanga ha nel carniere dello scorso anno sei vittorie e diversi buoni piazzamenti. Cos pure Davide Casadei ha ottenuto tre vittorie e piazzamenti e Pioli Roberto una vittoria e diversi piazzamenti. La squadra affidata al confermato Gianluca Maffi, un direttore sportivo ricco di esperienza e buon stratega. Non sar solo perch avr il sostegno e la collaborazione di altri tre esperti: Giovannino Brunelli, direttore sportivo della Sidermec per vari anni, Massimo Belletti, padre del professionista Manuel, e Francesco Catalano, proveniente dalla Scd Corpus di Cesena. Questi i 12 juniores (11 di primo anno e Battistini di secondo): Mattia Bocchini, Davide Casadei, Luca Casalboni, Luca Di Bari, Daniele Di Gilio, Luigi Falanga, Attilio Laghi, Leonardo Metalli, Federico Orlandi, Roberto Pioli, Filippo Suzzi, Elia Battistini. sindaco di Cesena, che ha riconosciuto in questa manifestazione il forte legame tra volontariato, sport, impresa e territorio. "Questa iniziativa organizzata dalla Podistica San Vittore dimostra come impresa e territorio possano collaborare insieme a favore dello sviluppo della comunit - ha commentato Francesca Amadori -. Nonostante la pioggia non ci abbia mai abbandonato durante tutta la corsa, tuttavia abbiamo registrato grande adesione alla gara. Grazie allo spirito e alla collaborazione di tutti - quartiere, dipendenti e sportivi, venuti con le loro famiglie - la corsa stata un grandissimo successo che ci permetter di sostenere lAssociazione Fibrosi Cistica Romagnola attraverso una donazione a favore della ricerca".

22

Gioved 6 febbraio 2014

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

er organizzare le Olimpiadi di Sochi la Russia ha gi speso pi di 36 miliardi di euro, 5 volte il budget inizialmente previsto. Il nostro Fabio Capello, allenatore della nazionale russa, il mister pi pagato al mondo. E se la Federazione Italiana Sport Invernali investe circa 200mila euro lanno per la disciplina del Biathlon, la Russia per la stessa causa mette sul piatto 15 milioni di euro. A tutto questo fanno da contraltare le tensioni che si registrano nella societ, labbandono in strada cui sono condannati gruppi di bambini e anziani. Per restare allo sport, anche la contraddizione tra le tonnellate di denaro investite in Russia nello sport di vertice e la povert assoluta dello sport di base (medicina salvavita della societ mondiale di oggi) stridente, pur se il fenomeno non solo

UNA RIFLESSIONE E GLI AUGURI DELLA PRESIDENZA NAZIONALE CSI |


In vista delle Olimpiadi invernali di Sochi, a una sola voce diciamo Forza Azzurri
russo e, con cifre differenti, si trova dappertutto. Ci detto, cosa possiamo aspettarci dalle Olimpiadi di Sochi?, si chiede Massimo Achini, presidente nazionale del Csi. Ai 113 atleti che fanno parte della delegazione azzurra noi del Csi vogliamo far sentire tutto laffetto e il tifo dello sport in oratorio. Quando si tratta di Olimpiadi invernali, a scendere in pista sono molto spesso ragazzi e ragazze poco conosciuti, abituati a mangiare ogni giorno sudore e fatica lontano dai riflettori, atleti che hanno cucito addosso i valori dello sport e della vita. Per questo ci piace fargli sentire il nostro tifo positivo e con loro vogliamo salutare con entusiasmo la presenza di monsignor Mario Lusek, cappellano olimpico, che prosegue una tradizione aperta a suo tempo da monsignor Carlo Mazza e costituisce un segno significativo per tutto lo sport italiano. Ci piace immaginare che gli Azzurri, impegnati a dare il meglio di s per conquistare medaglie, sentano sempre la responsabilit di essere modelli educativi per i giovani. Sarebbe bello se da Sochi arrivassero, oltre che risultati, storie, testimonianze, messaggi sui valori dello sport e della vita e vogliamo immaginare che questa sensibilit sia fatta propria anche dal nuovo presidente del Cio, Thomas Bach. Sarebbe una gran cosa se ogni Olimpiade, dora in avanti, si caratterizzasse per un messaggio forte e chiaro a tutta lumanit, se lo sport si prendesse sulle spalle la responsabilit di far vincere i valori della vita. Grandi persone come Nelson Mandela, il quale affermava che lo sport pu cambiare il

mondo, ci hanno sempre creduto. vero, i messaggi sono solo messaggi, ma anche vero che i messaggi possono diventare segni, ed vero che i segni possono attivare processi di cambiamento straordinari. Esempi? Massimo Achini ne enumera alcuni: la lotta mondiale alla sedentariet; la sfida di affermare il diritto di giocare per tutti i bambini che vivono nei Paesi in via di sviluppo sotto la soglia di povert; fare dello sport di vertice un mondo capace di coniugare sempre prestazione e valori, liberandolo da malattie degenerative come il doping o le scommesse; avvicinare i popoli attraverso lo sport. Da sempre sono valori olimpici. Sochi potrebbe essere una grande occasione o unoccasione persa. Nel frattempo, forza Azzurri: il popolo dello sport in oratorio con voi.

Ciclisti Csi Cesena, partita la carovana


Oltre alla storica societ Usd San Marco, si sono affiliate quattro societ: lArs et Robur Cesena, Cesena Bike, Hobby Bike Gambettola eVirtus Cesena

l Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena saltato ufficialmente in sella e ha iniziato a pedalare allegramente in direzione del cicloturismo e dellescursionismo bello e buono. Accogliendo lo slogan Libert, gioia, emozioni che ha caratterizzato la sua partecipazione alla manifestazione autunnale Ruotando 2013, quattro nuove prestigiose squadre hanno deciso di seguire le orme dellaffiliata storica Usd San Marco e di entrare a far parte della grande famiglia del Csi. Sono: Ars et Robur Cesena (in latino significa Arte e Forza), Cesena Bike, Hobby Bike Gambettola e Virtus Cesena. I vertici dei cinque sodalizi sportivi si sono riuniti mercoled 22 gennaio presso la sede del Csi Cesena

per conoscersi e confrontarsi, allo scopo di costruire insieme la casa di tutti gli appassionati che vogliono vivere la bicicletta in fratellanza e puro divertimento. Alla serata ha partecipato anche Luciano Morosi, presidente Csi Cesena, che ha ringraziato calorosamente gli intervenuti esprimendo la propria grande soddisfazione per il coronamento di un sogno. pure intervenuto Stefano Gurioli, membro della Commissione nazionale Ciclismo Csi, per formulare i migliori auguri per la nuova esperienza che sosterr con la massima disponibilit. La storica serata terminata attorno al tavolo di un noto ristorante locale ove cordialit e goliardia hanno arricchito la cena e fatto alzare i calici per un brindisi speciale al futuro del movimento ciclistico Csi, che si preannuncia radioso.

Calcio Dilettanti, tutte le classifiche


pprofittiamo della pausa imposta dal maltempo nel primo fine settimana di febbraio per fare il punto della situazione nel campionato di calcio, riservato alla categoria Dilettanti e giunto alla sua 44esima edizione, cui hanno aderito complessivamente 39 societ in rappresentanza di varie citt e localit della Romagna. Per quanto concerne la serie Eccellenza, la Pol. Sala occupa saldamente la prima posizione e si avvia a conquistare anche questanno il titolo provinciale di categoria, confermando un dominio che dura gi da quattro anni. Seguono infatti a dieci punti di distacco il Climagas Ponte Pietra e lUs Mercatese 1931, a undici il San Cristoforo Nonsolobar e a tredici la Pol.Forza Vigne, lU.S. Capannaguzzo e il Rubicone Calisese. Nella serie A troviamo in vetta una coppia,

Calcio Dilettanti
Coppa Valentini, secondo turno
La Coppa di calcio dilettanti, intitolata alla memoria di Gianfranco Valentini, ex arbitro, dirigente e presidente del comitato cesenate del Csi e giunta alla sua 26esima edizione, approdata al secondo turno, che si disputer nel mese di marzo. Si sono qualicate per questa fase dodici squadre: Rubicone Calisese, Asics Cannucceto, Pol. 2000 Calcio, Us Mercatese, Pol. Sidermec, Asd San Cristoforo, Pol. San Mauro in Valle, Asd Diegaro, Pol. Boschetto, Us Capannaguzzo, Pol. Bulgarn, As Badia. Il regolamento della competizione prevede la disputa di una gara unica a eliminazione diretta in campo neutro. In caso di parit si proceder direttamente con i calci di rigore.

formata dallAsics Cannucceto e dalla Pol. Forza Vigne, inseguite a due punti dalla Valle 86, dal Cesena Over 35 e dal Refugium Corpol e a tre dalla Pol. Bulgarn Unica Energia; nella serie B la S.S. Body Art al primo posto e precede di tre lunghezze il Mastri Wollas San Piero, di quattro lEdilcasanova Montecastello e di cinque il Real Cesena.

Pagina Aperta

Gioved 6 febbraio 2014

23

Il direttore risponde
Gli studenti della 2ab del Liceo Righi di Cesena raccontano lincontro con due ex tossicodipendenti

LOcchio indiscreto
droghe leggere e droghe pesanti non consiste nel danno provocato dalla sostanza, ma solo nella modalit di assunzione? In inglese la droga che si assume per via orale si chiama soft drug che in italiano viene tradotta droga leggera e quindi scambiata per poco pericolosa, in realt gli effetti sono dannosi quanto quelli della droga pesante che viene somministrata per via endovenosa. Il pericolo della sostanza rimane tale in tutto e per tutto. E allora che dire? Noi siamo contenti che la scuola ci abbia consentito di conoscere pi da vicino questa realt, abbiamo chiarito tanti aspetti del problema. Come afferma J. Morrison: Comprare droga come comprare un biglietto per un mondo fantastico, ma il prezzo di questo biglietto la vita. E noi, no, non ci stiamo! Grazie dellospitalit. Gli studenti della 2ab del Liceo Righi Grazie a voi, carissimi ragazzi. E grazie ai vostri prof (la professoressa Giovanna Amaduzzi e don Giovanni Savini, in particolare) che vi hanno permesso di vivere unesperienza cos intensa. Grazie soprattutto perch avete deciso di condividere anche con i lettori del Corriere Cesenate quanto da voi appreso e meditato. Le nostre pagine (e anche il nostro sito) sono luoghi aperti nei quali potersi confrontare e nei quali dialogare con estrema franchezza e sincerit. Tenetelo sempre presente. Aspettiamo altri vostri contributi scritti o fotografici. Manteniamoci in contatto. In bocca al lupo per i vostri studi e la vostra vita. Sempre in gamba. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

aro direttore, noi 26 alunni della 2ab (bilinguismo) del Liceo scientifico A. Righi di Cesena volevamo renderla partecipe di unesperienza vissuta poco prima di Natale. A completamento di un percorso di approfondimento sul variegato mondo della droga, ci siamo recati a San Carlo di Cesena presso la Comunit di recupero di ex-tossicodipendenti dellassociazione Papa Giovanni XXII fondata da don Oreste Benzi. Abbiamo incontrato due ragazzi che ci hanno raccontato come e perch sono caduti nel tunnel della droga, sottolineando con drammatica emozione tutte le lotte e la fatica per uscirne. Due ragazzi che si sono persi durante la loro adolescenza, che non avevano nessuno che potesse credere in loro se non compagnie sbagliate, che avevano noia della vita e inconsciamente un grande bisogno di colmare il loro vuoto, purtroppo nel modo sbagliato: un vortice che risucchia inesorabilmente e fa toccare il fondo. Le loro storie ci hanno testimoniato che il problema alla radice. Si tratta di combattere un vuoto esistenziale che pu essere recuperato solo se c un Io vivo che agisce qui e ora. dunque un problema di autocoscienza che pu essere educata, ad esempio attraverso un dialogo pi aperto con il mondo degli adulti e una valorizzazione pi consapevole delle proprie risorse, dallaltro un problema di conoscenza che pu essere alimentato da uninformazione pi precisa e corretta. Riguardo al primo aspetto, quanti di noi pensano che, per essere pi felici, basterebbe far leva sulle droghe naturali di cui ogni uomo dotato per natura? Scatta subito ladrenalina quando si fa qualcosa che piace o quando troviamo un ambito in cui riusciamo, quando cio spendiamo bene i nostri talenti! Riguardo al secondo aspetto, quanti di noi sono a conoscenza (e qui ringraziamo i ragazzi della comunit di avercelo detto) che la differenza tra

Questo cartello si trova in via San Marco, a Cesena. Una zona tranquillissima, vicina al centro-citt, ma ancora in aperta campagna. Questo invito agli automobilisti di spegnere il motore in caso di incolonnamenti pare un po eccessivo, verificata lassenza di traffico quando abbiamo scattato la foto e fatto una gradevole passeggiata.

La crisi economica incide sullinformazione


Carissimo direttore, con grande dispiacere abbiamo disdetto labbonamento al Corriere Cesenate. Le dico che dobbiamo cominciare a tagliare sul bilancio familiare. Questo molto grave, perch significa che le famiglie sono costrette a rinunciare a scelte anche piccole, ma che sommate incidono sul bilancio. Non siamo una famiglia in difficolt. Ci apprestiamo a dare una mano ai figli gi grandi che vogliono costruire il loro futuro, ma la situazione economica non li aiuta. Mia moglie ed io siamo due dipendenti che da anni non vedono aumenti di stipendio, ma solo aumenti di tasse e spese. Siamo comunque felici, nonostante le rinunce che spesso dobbiamo fare. Esprimo ammirazione e complimenti per il settimanale da lei diretto. Continueremo a seguirvi. Auguri a lei e a tutta la redazione. Lettera firmata Carissimo lettore, la sua sincerit le fa onore. Comprendo benissimo le difficolt sue e di quanti faticano in questi anni cos difficili per il nostro Paese e per il nostro territorio. Come gi scritto e detto in altre occasioni, anche il Corriere Cesenate non naviga nelloro. Anzi, per continuare a uscire ha bisogno dellaiuto di tanti amici e sostenitori. Nonostante il costante incremento delluso della Rete, le assicuro che a oggi tutti i giornali cartacei sono presenti anche sul web grazie alla prima attivit che sostiene la seconda. Ma non solo. la carta che assicura autorevolezza alla Rete. E ci vale sia per noi sia per i grandi network italiani ed esteri. Nessuno sa come andr a finire questa sfida tra Internet e carta. In ogni caso le assicuro che in quel momento vorremmo esserci, per poter imboccare la strada giusta. Fino ad allora, comunque, occorrer abitare entrambi i luoghi. Conto sulla vostra amicizia. Fz

A proposito di accessibilit ai Cup


Egregio direttore, mi rivolgo al suo settimanale perch pi sensibile a certe problematiche umane e sociali. Di leggi, regolamenti, normative in Italia ce ne sono fin troppe e troppo poco rispettate. Detto apertamente, venuto meno il semplice buon senso. Quello che evidenzio la scarsa attenzione, sensibilit e rispetto al dettato costituzionale che sancisce pari opportunit per tutti i cittadini e le persone con disabilit in particolare. Recentemente, lAusl di Cesena, per migliorare laccesso ai servizi, ha istituito il prenota facile che sono degli sportelli Cup di prossimit allinterno delle farmacie sparse sul territorio. In questa riorganizzazione, lAzienda sanitaria ha dimenticato di verificare il grado di accessibilit di queste strutture. Quelle del territorio cesenate, e cio le quattro farmacie (Farma Cup) e Sportelli Cup di piazza Magnani e Montefiore, presentano problemi di accessibilit. Mi riferisco, in generale, a diverse gradi di accessibilit che vanno dalla mancanza di una fermata-bus, abilitata allaccesso delle persone in sedia a rotelle entro i venti metri circa, rampe e dislivelli superiori alla norma, corrimano, porte scorrevoli automatiche, toilette per disabili non completamente a norma etc

Nella disabilit, i pi svantaggiati di tutti anche per quanto riguarda il territorio, sono i non vedenti, gli ipovedenti e i sordomuti. Mancano percorsi tattili, informazioni in alfabeto Braille e vocale, pulsante di chiamata semaforo con pulsanteria meccanica a pressione e vibratile, collegato a un cicalino quando scatta il verde, tanto per elencare le necessit principali. La politica, le associazioni di categoria e la societ civile devono favorire ogni azione finalizzata alleliminazione e al superamento delle barriere architettoniche.per favorire le stesse opportunit di qualit della vita e vivibilit dellambiente. La si pu definire una battaglia di civilt. Mi auguro che chiunque vinca le elezioni amministrative, abbia questa sensibilit non solo politica ma anche umana . In democrazia si chiamano diritti di legge e di cittadinanza. Grazie per lattenzione. Marino Savoia

GIOVANI AL LAVORO IN TUTTO IL MONDO


Azienda cesenate Cassa integrazione per 400 dipendenti
C.I.P . - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2014