Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 25 agosto 2011


anno XLIV (nuova serie)

numero 29 euro 1,20

29
17 Interviste
A tu per tu con Roberto Buda e Nevio Zaccarelli
dia Co n c l ueletti m o il confronto con i sindaci alle ultime elezioni

Cesena
Un cesenate sul Cammino di Santiago
a percorso gli Hdallitinerario800 chilometri previsti di fede in 35 giorni

12

Cesena
I 50 anni della parrocchia di San Pio X
orTutti gli eventilapganizzati per puntamento dell8 settembre

11

Solennit
A Sarsina si festeggia San Vicinio
el fine settimana Nle celebrazioni liturgiche e il programma ricreativo

14-15

EDITORIALE A Cesena come a Roma


di Francesco Zanotti
amiglia sempre pi dimenticata. Tutti parlano di tutela della famiglia, ma nessuno concretizza nulla. Il risultato resta sempre il medesimo, a Roma come a Cesena (cfr. servizio di Francesca Siroli a pagina 13): chi ha gli viene penalizzato. In Italia, anzich tutelare chi scommette sul futuro, si preferisce colpire i soliti noti, in primis i genitori con gli. Si parla da anni di quoziente familiare. Lo si sente ricordare in tutte le salse. Viene sbandierato soprattutto in campagna elettorale, per poi tornare lettera morta una volta chiuse le urne. Si dannano lanima le associazioni familiari per vedere riconosciuti i propri diritti, ma nel nostro Paese spira da lungo tempo un vento contrario allistituzione-famiglia. cresciuta e si radicata una mentalit contraria che la considera superata, vecchia, del passato. Non esiste nulla di pi distorto. Lo sanno bene i nostri vicini europei, Francia e Germania in particolare, che hanno ripreso a investire sui nuclei familiari. Da noi, invece, nulla di tutto questo. Se dalla Bce arrivano diktat per una seconda e impegnativa manovra nanziaria da lacrime e sangue, il bisogno di fare cassa fa dimenticare subito i buoni propositi. Anzi, spinti dallurgenza, molto pi semplice colpire nel mucchio, senza distinguere fra chi ha gli e chi non li ha. Nel frattempo si legge che sarebbero 120 i miliardi che ogni anno sfuggono al controllo del sco. Una cifra impressionante lha denita il cardinale Angelo Bagnasco in unintervista andata in onda su Radiouno alla vigilia della Gmg, aggiungendo che pagare le tasse un dovere di tutti e la famiglia un bene da tutelare. il momento di mettere in campo una decisa volont politica. Non sono pi sufcienti le buone intenzioni. Se occorre incrementare le entrate, prima di tutto si deve lavorare per ridurre il numero dei cosiddetti furbi. Non possibile che nel nostro Belpaese venga considerato un vincente chi la franca col sco. Occorre una decisa inversione di mentalit, abbinata ad azioni concrete. Basterebbe realizzare la tracciabilit totale dei pagamenti, come ha detto leconomista della Bocconi, Donato Masciandaro, in unintervista rilasciata ad Avvenire sabato scorso, da realizzare assieme alla possibilit, da parte dei consumatori, di dedurre le spese sostenute. Gli strumenti ci sarebbero e le idee non mancano. Occorre solo la volont, a Roma come a Cesena.

Tornati a casa i quattrocento ragazzi che hanno partecipato alla Gmg in Spagna

Giovani entusiasti

Il gruppone dei cesenati davanti alla Cattedrale di Girona (foto Ettore Roverelli)

Unesperienza unica, indimenticabile, che ha lasciato il segno. Cos si sono espressi alcuni ragazzi della diocesi di Cesena-Sarsina tornati dalla Giornata mondiale della giovent che si conclusa a Madrid domenica 21 agosto. Sono stati giorni di incontri, preghiera, divertimento e fatica, culminati con la messa del Papa. I disagi non sono mancati, ma lintensa esperienza vissuta ha fatto superare ogni difficolt ed ora da vivere nella vita quotidiana. Primo Piano alle pag. 4-5

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Dal 22 agosto aggiornamenti quotidiani dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie

Opinioni

Gioved 25 agosto 2011

In politica con lo sguardo cristiano sulla realt


PANORAMICA DI CESENA DALLALTO (FOTO G. MARIGGI)

ellomelia in occasione della solennit di San Lorenzo, lo scorso 10 agosto, il cardinale Bagnasco faceva emergere una domanda: La partecipazione dei cristiani alla vita pubblica utile per costruire il bene comune, oppure la loro visione religiosa costituisce un ostacolo o, peggio, un pericolo per la collettivit che oggi multiforme e policulturale?. una domanda che porta al cuore del ruolo dei cattolici in politica e pi in generale a riflettere sulla figura del laico. Il cardinale forniva la sua risposta, chiara, cio che la fede cristiana non attenta in nessun modo alla vita sociale e i cristiani hanno un apporto originale e necessario da portare alla vita sociale e politica. I cristiani hanno l'onore e l'onere di ricordare a tutti chi l'uomo, quali sono i suoi principi costitutivi, la necessit dell'etica, il suo fondamento trascendente, la via aurea dell'autentica giustizia e del bene comune. Per questa ragione il mondo cattolico rappresenta per la societ un vivaio di valori, energie ed esperienze consolidate, che continuer a mettere a disposizione del

La partecipazione dei cristiani alla vita pubblica utile per costruire il bene comune, oppure la loro visione religiosa costituisce un ostacolo o, peggio, un pericolo per la collettivit che oggi multiforme e policulturale?

Domenica 28 agosto solennit di San Vicinio La diocesi celebra il Santo Patrono primo vescovo di Sarsina
Ritorna nel calendario liturgico della diocesi di CesenaSarsina, domenica prossima 28 agosto la solennit di San Vicinio, primo vescovo di Sarsina, patrono di tutta la comunit diocesana, da quando nel 1986 le due diocesi sono state unite dando inizio a una nuova cronotassi episcopale. E intrecciando cos una storia plurisecolare, mettendo il futuro cammino di fede sotto la protezione appunto di Santo Vicinio e della Madonna del Popolo. In ogni comunit che si convoca nel giorno del Signore, risuoni linvito a unirsi ai pellegrini che convengono nella splendida basilica romanica che custodisce le reliquie del santo vescovo per la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas. Un pellegrinaggio che peraltro continua in tutte le stagioni dellanno e anche da regioni molto lontane. Vicinio, originario dellItalia nord-occidentale, venne a Sarsina nel secolo IV. In quella citt aveva gi conosciuto una ricca storia testimoniata da splendide dimore e da mausolei funebri che la dicevano urbs antiquissima, costruita nella tradizione di Roma, nel culto dei pagani cui ben presto altri se ne erano aggiunti, portati dal lontano Oriente dove i mercanti sarsinati si erano spinti con successo. La Buona Notizia risuon nella citt, nelle valli e le montagne che la circondavano. L dove era celebrato il culto delle divinit pagane, la comunit dei credenti si ritrov a celebrare lEucaristia, continuando cos lungo i secolo il servizio pastorale del proto vescovo Vicinio. Le opere storiografiche messe in cantiere dal professor Marino Mengozzi consentono di rivisitare questa storia. Pellegrinaggio al sepolcro di San Vicinio per recuperare la forza spirituale di una feconda tradizione, per riorientare il cammino di fede di tutta la nostra Chiesa chiamata alla missione della nuova evangelizzazione, che deve affrontare come nei primi tempi la sfida della cultura pagana che con arroganza, talvolta, con modi subdoli, cerca di imporre la misura miope e nichilista del relativismo che non solo tenta di rimuovere il Nome di Cristo e della sua Chiesa, ma ancor pi di sganciare la realt della verit. Torniamo ad avere gioiosa fiducia nella vita buona del Vangelo, superando le tentazioni dei nuovi idoli. Far bene al cuore accogliere la testimonianza portata a casa dai partecipanti alla Giornata mondiale della Giovent, vissute con papa Benedetto in

La Vignetta

terra di Spagna. Un incontro con Lui, il Signore, capaci di dare ragioni della speranza che Lui ci dona, per condividerla, con semplicit, con quanti incontriamo nelle fatiche e nelle responsabilit di ogni giorno. La vita buona del Vangelo vissuta nel grembo della Chiesa, affrontando cos le sfide della emergenza educativa, in questi tempi di cos squallido disimpegno in quanti hanno responsabilit, ad ogni livello, nellamministrazione della cosa pubblica, dimentichi del futuro dei giovani, non riconoscendo il ruolo fondativo e costruttivo della famiglia. Piero Altieri

Paese. Un noto giornalista, sempre questa estate, faceva notare la differenza esistente fra lesprimersi come cattolici in politica in maniera individuale e larrivare alla politica insieme, attraverso realt prepolitiche dove si impara uno sguardo cristiano sulla realt. Se non ora, quando? Bisogna rifare la Dc era il titolo di un altro articolo apparso su un quotidiano locale qualche settimana fa. Siamo in un periodo certamente maturo per affrontare queste riflessioni: mai come in questi anni il Magistero stato preciso e costante su questi temi e le varie aggregazioni laicali attente al ruolo del laico. Prima del desiderio di unit politica dei cattolici credo per, come gi stato affermato anche da altri, ci debba essere ununit culturale. Oggi esistono diverse culture politiche dei cattolici, nel bene e nel male. Nel bene perch sono espressione della ricchezza della fede, nel male perch non tutte, obiettivamente, conformi al cristianesimo. La Nota dottrinale della Congregazione per la dottrina della fede del 2002, firmata dallallora cardinale Ratzinger, evidenziava la differenza fra giustificare la presenza dei cattolici in partiti diversi e lammettere un pluralismo nella scelta dei principi. Prima del desiderio di unit politica dei cattolici e di ogni considerazione organizzativa, di schieramento vengono quindi i principi. E oggi, purtroppo, nonostante questi principi siano stati in pi occasioni ribaditi dal Papa e da diversi vescovi non sono chiari a tutti. Questa una confusione dottrinale che impedisce una possibile unit, una carenza che si spera possa essere risolta perch cedere al compromesso su questo vorrebbe dire venire meno alla testimonianza della fede. E importante riflettere, allora, sulla figura del laico perch non corretto invocare lautonomia dei laici in politica o il concetto di laicit per giustificare scelte contrarie al bene della persona e della societ. Marco Castagnoli

Gioved 25 agosto 2011

Primo piano

Gmg La messa conclusiva a Madrid vissuta da oltre un milione di giovani


uatro Vientos si risvegliata lentamente, domenica mattina. Oltre un milione di giovani sono usciti da sacchi a pelo e piccole tende di fortuna per prepararsi alla messa finale della 26 Giornata mondiale della giovent (Gmg). La mattinata si aperta con lesibizione di un gruppo di mariachi, i tradizionali musicisti messicani; poi le suore delle Figlie della Madonna del cuore di Ges insieme con le Piccole sorelle dellAgnello hanno recitato le lodi. Intorno alle 9.30 larrivo di Benedetto XVI in papamobile e la celebrazione eucaristica, al termine della quale il Papa ha benedetto e consegnato a cinque giovani una piccola croce, mentre la stessa croce stata donata a tutti i giovani presenti come segno del mandato missionario. "Vi ho pensato molto". "Cari amici, vi ho pensato molto in queste ore in cui non ci siamo visti. Spero abbiate potuto dormire un po". Papa Benedetto XVI ha rivolto un saluto ai giovani prima diniziare la celebrazione eucaristica. Facendo riferimento indiretto alla pioggia, alle nuvole e al vento che hanno segnato la veglia di ieri sera, il Pontefice ha affermato: "Sono certo che questa mattina avete alzato gli occhi al cielo, non solo il cuore". Prima delleucaristia, dagli altoparlanti era stato diffuso lannuncio che la comunione non sarebbe stata distribuita ai pellegrini, a causa dellinagibilit, ha spiegato allagenzia Sir il direttore della comunicazione della Gmg, Rafa Rubio, "di dieci delle quattordici cappelle del Santissimo", punti di distribuzione della comunione ai fedeli, "danneggiate dal forte vento e dalla pioggia di ieri sera". "Chiediamo la vostra comprensione e le vostre preghiere - hanno detto gli organizzatori dagli altoparlanti - e di offrire questo sacrificio per il Santo Padre". Amate la Chiesa. "Non si pu seguire Ges da soli". "Vi chiedo, cari amici, di amare la Chiesa, che vi ha generati alla fede". Queste le parole che il Papa ha rivolto ai giovani

Mai da soli

Arricchiti
Dopo la messa celebrata allaerodromo di Cuatro Vientos, Benedetto XVI ha incontrato i volontari della Giornata mondiale della giovent e li ha salutati e ringraziati per il "prezioso servizio" che hanno prestato ai pellegrini e allorganizzazione della giornata. In seguito si diretto allaeroporto di Barajas a Madrid, dove, prima di partire per Roma, nella cerimonia di congedo ha salutato il Re, le autorit civili e religiose del Paese. "Questa esperienza come volontari vi ha arricchito tutti nella vostra vita cristiana, che fondamentalmente un servizio damore - ha detto ai volontari il Papa incontrandoli alla nuova fiera di Madrid -. Il Signore trasformer la vostra stanchezza accumulata, le preoccupazioni e il peso di molti momenti in frutti di virt cristiane: pazienza, mansuetudine, gioia nel donarsi agli altri, disponibilit a compiere la volont di Dio. Ho desiderato fermarmi qui, prima di tornare a Roma, per ringraziarvi vivamente per il vostro prezioso servizio". Un servizio, ha rimarcato il Pontefice, che " un dovere di giustizia e una necessit del cuore. Dovere di giustizia, perch, grazie alla vostra collaborazione, i giovani pellegrini hanno potuto avere una cordiale accoglienza e un aiuto in tutte le loro necessit". Con il vostro contributo, ha spiegato Benedetto XVI, "avete dato alla Gmg il volto dellamabilit, della simpatia e della premura per gli altri. La mia gratitudine anche una necessit del cuore, perch non solo siete stati attenti ai pellegrini, ma anche al Papa. Amare servire e il servizio aumenta lamore. Penso che questo sia uno dei frutti pi belli del vostro contributo alla Giornata mondiale della giovent". "S, la festa della fede che abbiamo condiviso ci permette di guardare in avanti con molta fiducia nella provvidenza, che guida la Chiesa attraverso il mare della storia". Il Papa, definendosi "contento e riconoscente verso tutti" rivela di essersi "sentito molto bene in Spagna, grande Nazione che, in una convivenza sanamente aperta, pluralistica e rispettosa, sa e pu progredire senza rinunciare alla sua anima profondamente religiosa e cattolica".

Al termine della messa stato annunciata la sede della prossima Gmg, nel 2013: Rio de Janeiro

nellomelia della messa, ponendo loro la stessa domanda che Ges fece agli apostoli: "Ma voi, chi dite che io sia?". "Rispondetegli - ha proseguito - con generosit e audacia, come corrisponde a un cuore giovane qual il vostro". Ma subito dopo, Benedetto XVI ha sottolineato che "seguire Ges nella fede camminare con Lui nella comunione della

Chiesa". "Chi cede alla tentazione di andare per conto suo o di vivere la fede secondo la mentalit individualista, che predomina nella societ, corre il rischio di non incontrare mai Ges Cristo, o di finire seguendo unimmagine falsa di Lui. Aver fede significa appoggiarsi sulla fede dei tuoi fratelli, e che la tua fede serva allo stesso modo da appoggio per quella degli altri". Da qui il caloroso invito ai giovani ad amare la Chiesa, che significa "riconoscere limportanza del vostro gioioso inserimento nelle parrocchie, comunit e movimenti, cos come la partecipazione allEucarestia di ogni domenica, il frequente accostarsi al sacramento della riconciliazione e il coltivare la preghiera e la meditazione della Parola di Dio". Date testimonianza al mondo. Sempre nellomelia, un invito

alla testimonianza. "Il mondo ha bisogno della testimonianza della vostra fede, ha bisogno certamente di Dio". Il Santo Padre ha ricordato che dall"amicizia con Ges" non pu non nascere "la spinta che conduce a dare testimonianza della fede negli ambienti pi diversi, incluso dove vi rifiuto o indifferenza". "Non possibile - ha rimarcato incontrare Cristo e non farlo conoscere agli altri. Quindi, non conservate Cristo per voi stessi! Comunicate agli altri la gioia della vostra fede". "Anche a voi - ha aggiunto - spetta lo straordinario compito di essere discepoli e missionari di Cristo in altre terre e Paesi dove vi una moltitudine di giovani che aspirano a cose pi grandi e, scorgendo nei propri cuori la possibilit di valori pi autentici, non si lasciano sedurre dalle false promesse di uno stile di vita senza Dio".

via Marinelli, 6 - 47023 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:

PETROLCHIMICI

AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI

in ITALIA... nel MONDO

Primo piano
I viaggi in pullman si passano fra giochi, canti e preghiera Il temporale non spaventa i ragazzi A Madrid c stato latteso incontro con il papa

Gioved 25 agosto 2011

Gmg 2011 I primi giorni a Girona


I cesenati alla Gmg di Madrid sono partiti da Cesena mercoled 10 agosto con destinazione Girona, in Catalogna. Questa citt ha rappresentato solo una tappa intermedia prima del passaggio a Madrid, il vero centro della giornata mondiale. Il 12 agosto, c laccoglienza ufficiale della diocesi di Girona, dopo la prima notte trascorsa nelle famiglie. La giornata, a testimonianza che questesperienza un vero e proprio pellegrinaggio, un cammino spirituale, iniziata con le lodi nella parrocchia di San Giuseppe, dove si potuto assaporare il clima della Gmg, con continue traduzioni in tante lingue diverse e innite esultanze quando si
FOTO ROVERELLI

LARRIVO A CESENA LUNED POMERIGGIO, 22 AGOSTO (FOTO MAURO ARMUZZI)

Esperienza indimenticabile D
opo Girona e Barcellona, il marted, mercoled e gioved per i viaggio per Madrid dei giovani di cesenati sono organizzate tre catechesi e Cesena pu contare su molti la santa messa presso la parrocchia meno cori ed energie. E un madrilena di Santa Maria Majadahonda, luned mattina stanco (15 agosto) per le e il pomeriggio la visita della citt di intense giornate precedenti, e un viaggio Madrid. di 700 chilometri in pullman per raggiungere la capitale fiaccherebbe CI SI DIVERTE chiunque. Il desiderio per di essere La sera, inoltre, al ritorno al palazzetto accanto alle centinaia di migliaia di altri dello sport per il riposo notturno, i giovani intervenuti da ogni parte del cesenati scoprono in fretta un locale nei mondo per testimoniare la propria fede dintorni dove viene servita dellottima in Cristo e incontrare il Papa supera tutte Sangria e cervesa ghiacciata, utilissime le fatiche. Nei pullman ci si organizza con per combattere il caldo. Lultimo brindisi momenti di preghiera e con qualche sana il venerd sera, perch la mattina dopo maraffa. E poco importa se la Romagna si parte per laeroporto di Madrid Cuatro mia cantata allarrivo dallItalia stata Vientos. Limpatto con la spianata dove si sostituita da cuscini per recuperare un rester per due giorni insieme po di sonno e la musica dellmp3. splendido e terrificante: il terreno fatto Allarrivo al palazzetto dello sport di del cemento delle piste e da una terra Collado Mediano dove il gruppone di secca e polverosa. Neppure una zolla Cesena ospitato le bandiere di Cesena dombra. Il caldo terribile, le poche (appena sotto quelle dellItalia, montati fontane disponibili sono prese dassalto, su lunghi bastoni telescopici dai vari ma riempire troppe bottiglie inutile: gruppi per essere visibili) sventolano dopo qualche minuto lacqua delle ancora alte e sembrano non aver perso bottiglie di plastica diventa bollente, alcuna vitalit. E sera: si mangia imbevibile. Il settore dei cesenati circa a qualcosa alla festa del paese e ci si met della spianata, proprio di fronte al organizza per la notte. Sacchi a pelo, palco dove la sera salir il papa materassi gonfiabili, luci demergenza, Benedetto XVI. Il caldo soffocante, lo caldo umido e tante bottiglie dacqua. La palestra sembra LA VEGLIA A GIRONA (FOTO ROVERELLI) grande, ma allinterno si davvero tanti: ai cesenati della prima ora si riunito il centinaio partito nei giorni successivi, oltre al gruppone di Rimini. Ricaricare cellulari e macchine fotografiche impossibile: funzionano solo le luci, la corrente elettrica stata tolta per problemi di sicurezza. Si provvede collegando ciabatte allunica presa elettrica ancora funzionante: quella del distributore di merendine. File lunghissime per i bagni e le docce: alcuni rinunciano, altri puntano la sveglia alle quattro del mattino sperando di trovare i servizi liberi. CI SI AIUTA Nonostante qualche difficolt generata dallalto numero di persone, un piacere vedere come si tenti di aiutarsi fra tutti. Un sorso dacqua c sempre per chi ha dimenticato di riempire la borraccia, quando s stanchi per il cammino qualcuno con un sorriso si offre di portare lo zaino, e la sera la preghiera d forza a tutti, probabilmente pi di quanto sia possibile immaginare. Alle due di notte le luci vengono spente. I giorni successivi sono fra loro simili e costituiscono la preparazione per lincontro col Papa. La mattina di Signore la propria gioia di essere amati. Anche il papa appare in forma, felice. Dopo qualche minuto dallinizio della preghiera, per, larghe nubi sembrano farsi minacciose. Il caldo del pomeriggio diventa lontano: sabato sera ed il momento della tempesta. La pioggia inizia a cadere con gocce grandi e pesanti come sassi. Poi un vento fortissimo che spazza tutto. Ci si avvolge in teli e cerate, ci si aiuta per arpionare e fissare meglio le tende, i cesenati si organizzano insieme per difendersi dalla pioggia. Si avvolgono i sacchetti col cibo e gli zaini in teli di plastica, si indossano lunghi poncho, i lunghi lampi fanno paura. Anche il papa sospende la veglia, indeciso se continuare o meno. Si prega per la fine della pioggia, e dopo un quarto dora tutto si placa, la veglia pu continuare. Anche il papa sorride. I cesenati raccolgono le loro bandiere, quel che era stato dimenticato fuori dalla tenda o dai teli stato rovinato dalla pioggia o portato via dal vento. Eppure i giovani di Cesena sorridono, anche sotto la pioggia che per tutta la notte prover a ricominciare: ci si stende sui sacchi a pelo, avvolti nelle cerate. E unesperienza da ricordare, e va bene cos. Eppoi la notte giovane: fra i canti e i balli organizzati a gruppi soprattutto dai sudamericani ci sono anche i ragazzi di Cesena. IL RITORNO La mattina la messa, poi la partenza dopo pranzo. Si devono percorrere a piedi molti chilometri per arrivare ai pullman. Si sente gi aria di casa. Il viaggio di ritorno dura pi di un giorno. Si dorme molto, sui sedili o stesi nei corridoi dei pullman, ma in molti preferiscono parlare: si ammirano i paesaggi western della Spagna e si racconta il mito della libert cristiana vissuto per alcuni giorni per mostrare al mondo laltra faccia della medaglia. I giovani vanno con i corpi pesanti e lespressione che a volte scansa il sorriso, ma solo perch la fatica c, ed giusto cos. Le cime delle montagne non si conquistano con leggerezza. Eppure tutti hanno la voglia di raccontare, si capisce che si vissuto qualcosa di grande, il cuore caldo e sembra voler raccontare qualcosa che gli occhi faticano a spiegare. Quando si mette piede nel pullman e si riparte verso lItalia, e si chiudono gli occhi per provare a riposare, Madrid gi lontana. E il mondo il nuovo obiettivo. Filippo Capelli

Il resoconto dei cesenati


strato di stoffa addosso, dopo qualche minuto, diventa una pesante armatura bagnata e bollente. Si pranza con i sacchetti di vivande preparati dallorganizzazione. Nessuno si lamenta, c anche del pat. E comunque si attende la serata. Si stendono i moduli e i sacchi a pelo, si occupa il proprio spazio, qualcuno ha anche delle tende. La grande veglia della sera seguita in un clima di preghiera e di festa stupefacente. Si riuniti tutti insieme sotto un cielo striato di rosso e nuvoloso per urlare al

sente citare la propria citt o il proprio Paese. La sera, mentre tutti tornavano alle proprie case, ancora un classico della Gmg: italiani che cantano linno di Mameli, francesi che ricordano gli europei di calcio del 2000, italiani che rispondono col classico "po po po" dei mondiali 2006. Sabato 13 agosto, i pellegrini ospiti in Catalogna si sono riuniti a Barcellona per partecipare alla messa internazionale al Forum. A seguire, c stata la visita alla citt di Barcellona: lunico punto sso stata la Sagrada Familia, unarchitettura che toglie il ato. Per concludere la giornata, il ritorno al Forum, dove era in programma il concerto dei Gen Rosso e dei Please. I primi, un gruppo internazionale fondato a Firenze nel 1966, famoso in Italia per canzoni liturgiche come "Resta qui con noi", hanno cantato in tantissime lingue diverse, rendendo "orgogliose" tante persone che sventolavano bandiere. I Please, tribute band ufficiale degli U2, hanno invece suonato tantissimi successi del gruppo capitanato da Bono Vox, scatenando lentusiasmo della folla. Ancora una volta, il concerto ha rappresentato solo la cornice rispetto al vero spettacolo che si stava scatenando nella piazza. Nonostante fossimo "solo" in 40mila (niente rispetto ai due milioni che saranno presenti a Madrid), in una sola serata i cesenati abbiamo potuto fare conoscenza con italiani da nord, sud ovest, est, e poi francesi, tedeschi, polacchi, cechi, ungheresi, brasiliani, onduregni, slovacchi, spagnoli, catalani, australiani. Ogni foto scattata con al centro due bandiere di Paesi diversi diventava una festa a cui molto velocemente si aggiungevano decine di persone che volevano prendere parte a questo incredibile e spontaneo scambio di culture. Domenica 14 agosto, la mattinata iniziata tardi, seguita dallo scambio di alcuni regali come ringraziamento per lospitalit catalana, davvero "romagnola". Il primo pomeriggio trascorso da turisti, in Costa Brava, a unoretta di pullman da Girona. Qualche ora in una piccola spiaggia, una delle calette tipiche della zona, potendo fare il bagno, prendendo il sole, oppure esportando la "maraffa" anche in terra spagnola. La sera, dopo la cena (per molti di noi una tipica "paella") c stata la recita della compieta con cui tutta la citt ha salutato tutti i pellegrini. Per concludere, il canto Emmanuel, come al solito una festa, prima della partenza per Madrid. (Il diario di viaggio in tre puntate sui giorni dei cesenati a Girona disponibile su www.corrierecesenate.it) Lele Zanotti

Gioved 25 agosto 2011

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Da Cesena-Sarsina al Congresso eucaristico nazionale di Ancona


Dal 3 all11 settembre. Le proposte di partecipazione dai vari gruppi diocesani
- Il Cvs (Centro Volontari della Sofferenza), lUnitalsi di Cesena e lUfficio diocesano di pastorale della salute propongono per marted 6 settembre la partecipazione al Congresso eucaristico nazionale, nella giornata dedicata alla fragilit. La giornata si svolger a Loreto e avr per tema Presenza di Misericordia. Eucaristia per la fragilit. Sono invitati a partecipare in modo particolare gli ammalati, anziani e accompagnatori. Partenza alle 6,30 dalla stazione di Cesena; alle 9,30 Lodi e lectio; dalle 10 alle 12, nella piazza della Madonna, proiezione video introduttivo e approfondimento sul tema della giornata; alle 12 celebrazione eucaristica e alle 16 benedizione eucaristica; visita e preghiera in Santa Casa. Alle 19,30 partenza per il rientro a Cesena. Quota di partecipazione: 30 euro per pass e viaggio (45 euro comprensivo del pranzo). Iscrizioni entro il 25 luglio presso: Centro Pastorale di Palazzo Ghini, tel. 0547 611001; Umberto, tel. 0547 610399; Isabella, tel. 335 8196739; Giovanna, 333 2995808. - Famiglie al Congresso eucaristico. Nellambito del XXV Congresso Eucaristico che si svolger ad Ancona dal 3 all11 settembre, lUfficio diocesano della famiglia propone la partecipazione alla giornata di sabato 10. Programma: alle 7,30 partenza da Cesena; alle 10,30 lectio divina guidata da monsignor Carlo Rocchetta e celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Ennio Antonelli; alle 12,30 pranzo al sacco e alle 14 pellegrinaggio di quattro chilometri (scorrevole e pianeggiante) meditando i 7 misteri del Rosario della famiglia. Alle 16 accoglienza con monsignor Edoardo Menichelli e atto di affidamento delle famiglie alla Vergine Lauretana. Alle 16,30 frammenti di vita vera, incontro per le famiglie (diretta Rai). Ore 20,30 ritorno a Cesena. Per info: famiglia Bartoletti Stella Ivan e Floriana, tel. 0547 662055.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Ha sete di te, Signore, lanima mia
Domenica 28 agosto XXII Domenica Tempo Ordinario - Anno A Ger 20,7-9; Sal 62; Rm 12,1-2; Mt 16,21-27
rinnegare se stessi, prendere la propria croce e seguirlo. E poi aggiunge: Chi vorr salvare la propria vita, la perder e chi perder la propria vita per causa mia la trover. Rinnegare se stessi vuol dire: smetti di pensare a te stesso e al tuo interesse e tornaconto personale, non incentrare la tua vita sul tuo egoismo, ma su Dio e il suo progetto. E poi prendi la tua croce, cio portala dietro a Cristo seguendo il cammino che Lui ha percorso: dare la vita per i suoi stessi ideali. Porta la Croce chiunque sacrifica se stesso per fare del bene, per rendere felice qualcuno. E da ultimo seguimi, cio condividi la mia scelta, prendi parte alla mia vita, gioca la mia vita sullamore. Colui che dona la propria vita non la perde, ma la guadagna. questa e solo questa la strada che porta alla risurrezione. allora molto appropriato e attuale linvito di San Paolo ai Romani: non conformatevi alla mentalit di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volont di Dio: Ges ha voluto educare Pietro e gli apostoli a pensare e a vivere come Lui e oggi continua a farlo con noi, attraverso la Messa prima di tutto. Il cristiano, si diceva una volta ma vale anche oggi e sempre, un altro Cristo. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 29 agosto Martirio San Giovanni Batt. Ger 1,17-19; Sal 70; Mc 6,17-29 marted 30 Santi Felice e Adautto 1Ts 5,1-6.9-11; Sal 26; Lc 4,31-37 mercoled 31 SantAristide Col 1,1-8; Sal 51; Lc 4,38-44 gioved 1 settembre SantEgidio abate Col 1,9-14; Sal 97; Lc 5,1-11 venerd 2 SantElpidio Col 1,15-20; Sal 99; Lc 5,33-39 sabato 3 San Gregorio Magno Col 1,21-23; Sal 53; Lc 6,1-5

opo la confessione di Pietro di domenica scorsa che ha proclamato Ges il Cristo, il Figlio di Dio, oggi Ges comincia ad annunciare la sua passione. Pietro vi si oppone. Gi il profeta Geremia vive una tensione forte e si lamenta don Dio: Mi hai sedotto e io mi sono lasciato sedurre. Il profeta diventato oggetto di scherno, la gente non lo vuole sentire parlare. Geremia vorrebbe uscire da questa situazione, ma non possibile perch la Parola di Dio nel suo cuore come un fuoco ardente che non pu contenere.Una situazione simile a quella del Vangelo dove Ges va verso la sua passione. Ma non si lamenta. Pietro invece non condivide questa prospettiva, perch contraria alle sue idee. Dio te ne scampi. Pietro non accetta la passione, vuole la gloria. Ges rimprovera Pietro: Tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini. una delle tentazioni di satana a Ges nel deserto. E come non ricordare le sue parole: I miei pensieri non sono i vostri pensieri, le mie vie non sono le vostre vie. Ges poi elenca le condizioni per essere suoi discepoli:

A MESSA DOVE
8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Madonna delle Rose, Osservanza, Boccaquattro, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Formignano, Bagnile, Casale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, San Mauro in Valle, Torre del Moro, Casalbono, Borello, Bulgaria 10.45 Ronta 11.00 Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Pietro, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Capannaguzzo, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria della Speranza, San Pio X, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale 18.30 San Domenico, San Rocco, San Pietro 19.00 Osservanza 20.00 San Bartolo Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; 8.30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9.00 Cappuccini di Cesenatico, San Pietro, San Giuseppe, Valverde; 9.30 Villalta; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11.00 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Cappuccini di Cesenatico; 17.45 San Giuseppe; 18.30 Valverde, Zadina (Park Hotel); 18.45 San Giuseppe; 21 San Giacomo, San Pietro, Boschetto Longiano Sabato: 18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta; 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 Longiano-Parrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18.00 Santuario Santissimo Crocifisso. Gatteo ore 20.00 (sabato); 9 / 11.15 / 18.00 SantAngelo: 20.00 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17.00 (sabato); 8.00 / 11.15. Villamarina: 16.00 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 20.30 (sabato), 8.30 / 10.30 / 18.00 Consolata: 19.00 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.00; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 18 (sabato), 7.00 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17.00 (sabato), 10.00; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16.00 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10.00 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 S. Piero in Bagno chiesa parr. ore 17.00 (sabato); 8.30 / 11.00 / 17.00. Chiesa San Francesco: 7.00 / 10.00 / 18. Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10.00. Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16.00; Montecoronaro: 17 (sabato), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena

7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9.30 Boccaquattro, Osservanza; 10.00 Cattedrale; 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 17.30 Istituto Lugaresi, San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche); 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Osservanza; 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza; 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Pio X (Vigne).

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 17.00 Cappella del Cimitero, Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Cappuccini, Santuario dellAddolorata (chiesa dei Servi), Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Vittore 18.30 San Pietro, San Rocco, San Domenico, SantEgidio, Case Finali, Santa Maria della Speranza 19.00 Osservanza, San Bartolo, San Giorgio 20.00 Tipano 20.30 San Pio X, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Borello, Ponte Pietra, Ruffio, Calisese, Torre del Moro, Santa Maria Nuova, Pievesestina, Gattolino, Bulgaria, San Cristoforo, Bulgarn, Pioppa, Martorano 20.45 San Mauro in Valle

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Bulgaria, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Cappuccini di Cesenatico; 18,30 Valverde; 18,45 San Giuseppe; 19 camping Cesenatico; 20,30 Santa Maria Goretti, Villata, Sala; 21 San Giacomo, San Pietro (Ponente), Boschetto Festivi: 7 San Giacomo; 7.30 San Giuseppe, Valverde; 8.00

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 28 del 28 luglio 2011: 7.900 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 23 agosto 2011

Vita della Diocesi

Gioved 25 agosto 2011

Una convenzione ne garantisce lapertura. stata sottoscritta sina da Comune, Diocesi, seminario e Bcc di Sarsina Sar

In breve Ai Cappuccini di Cesena


Nuova famiglia
Da mercoled 14 settembre - Festa della esaltazione della Santa Croce, il convento dei cappuccini di Cesena avr una nuova famiglia. Padre guardiano o Superiore: fra Maurizio Marini, sacerdote, cesenate doc; vicario e addetto alla chiesa: fra Francesco Bocchi sacerdote, emiliano. Gli altri tre componenti della fraternit sono: fra Antonio Stacchini da Borghi, sacerdote (lunico rimasto della precedente famiglia); e due fratelli non sacerdoti: fra Michele Soleni da Offagna e fra Youhan A. Dermo, iraniano. La fraternit decisa dal provinciale e dal denitorio sar Casa di Preghiera e per lEvangelizzazione.

Porte pi aperte al Museo diocesano di arte sacra


useo diocesano darte sacra di Sarsina, una convenzione ne garantisce lapertura fino al prossimo autunno. stata sottoscritta lo scorso 2 agosto dal Comune di Sarsina, la Diocesi di CesenaSarsina, il seminario vescovile, e la Banca di credito cooperativo di Sarsina. In rappresentanza di questi

Il museo si sviluppa lungo quattro ambienti tematici. Il manufatto pi antico e pregiato la mitra aurifregiata del vescovo Giovanni Bernardino Vendemini (1733-1749)
enti, in episcopio a Sarsina hanno firmato il sindaco Malio Bartolini, il vescovo Douglas Regattieri, don Ezio Ostolani e Alberto Giannini (nella foto, un momento dellincontro). Grazie allintesa raggiunta tra le parti firmatarie della convenzione (con valenza decennale) e alla disponibilit di personale volontario stata assicurata lapertura del Museo nei sabati e domeniche destate (dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18), nonch nelle serate del Plautus Festival, a Ferragosto, e nella settimana di San Vicinio (28 agosto). In altri orari possibile visitare il Museo previa prenotazione telefonando alla Basilica Cattedrale (tel. 0547 94818). Il Museo diocesano di Arte Sacra raccoglie una rilevante collezione di paramenti sacri, oggetti liturgici e dipinti, per lo pi provenienti dai territori facenti parte dellarea di competenza dellex diocesi di Sarsina, salvati dal degrado, da atti vandalici e furti. Questo materiale stato raccolto negli anni per la rovina di quelle chiese e di quegli oratori non pi officiati di cui ne costituivano larredo. Ne un esempio la raccolta di antiche campane fuse in bronzo ritrovate nelle chiese e oratori attorno a Sarsina. Il museo si sviluppa lungo quattro ambienti tematici - spiegano i responsabili -. Nelle prime due sale sono collocate due grandi teche in cui conservato ed esposto un patrimonio tessile notevole. Si tratta di pianete, piviali, mitre per lo pi appartenute ai vescovi sarsinati, i cui nomi sono stati rintracciati nellarchivio vescovile grazie agli stemmi ricamati sui preziosi parati, in particolare quelli di monsignor Giovan Battista Mami, monsignor Nicola Casali, monsignor Pietro Balducci. Tra questi indumenti sacri, che si situano in un arco temporale che va dalla met del sec. XVIII alla met del sec. XIX. Il manufatto pi antico e pregiato la mitra aurifregiata del vescovo Giovanni Bernardino Vendemini (1733-1749), intessuta con tralci vegetali in filato doro. Dalla prima sala si accede a un piccolo ambiente, la cappella, che oggi stata allestita come pinacoteca. Qui sono custoditi piccoli capolavori pittorici tra cui si evidenziano la teletta proveniente dalla chiesa di Montesorbo di Mercato Saraceno raffigurante la Madonna con Bambino. Il percorso espositivo si conclude nellultima saletta dove due teche che occupano quasi interamente lambiente espongono argenterie sacre e oggetti usciti dalluso liturgico con la riforma introdotta dal Concilio Vaticano II. Michela Mosconi

6 Giornata del Creato

In una terra ospitale educhiamo allaccoglienza


Organizzata dalle Commissioni diocesane Gaudium et Spes e per lEcumenismo e il dialogo interreligioso, gioved 1 settembre alle 21, presso la Basilica del Monte, a Cesena, verr celebrata una Liturgia della Parola presieduta dal vicario generale monsignor Virgilio Guidi, con la partecipazione di ministri di altre fedi cristiane. Proposta dalla Conferenza Episcopale Italiana attraverso la Commissione per i Problemi Sociali e il Lavoro, la Giustizia e la Pace e la Commissione Episcopale per lEcumenismo e il Dialogo, la Giornata di questanno sensibilizza ciascuno di noi a educarci allaccoglienza e a nuovi stili di vita che favoriscano una moltiplicazione della condivisione delle risorse della terra, consentendo a ogni persona di condurre unesistenza dignitosa. Liniziativa aperta a tutti.

Programma della manifestazione

MOSTRASCAMBIO
del 3 e 4 settembre 2011
Sabato 3 settembre
ore 10,30 ore 10,30 ore 21 ore 24 Inaugurazione ufficiale della manifestazione Mostra e vendita moto-auto storiche (piazza S. Pertini) Proseguimento della Mostrascambio (notturno) Chiusura della prima serata

Domenica 4 settembre
ore 8 ore 8,30 Apertura della Mostrascambio PARTENZA ZIR DE BOSCH 24 EDIZIONE RADUNO AUTO-MOTO DEPOCA (piazza Foro Boario) ore 16,30 Arrivo auto-moto depoca. Passerella ore 24 Chiusura della manifestazione

Prossima edizione MOSTRASCAMBIO: 12-13 maggio 2012

Attualit

Gioved 25 agosto 2011

Il commento di monsignor Giovanni Martinelli, vicario apostolico di Tripoli

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

i in Libia Attacch

ANCHE UN GIORNALISTA PATRONO DEI GIOVANI

Ore decisive tra ansia e speranza


el momento in cui andiamo in Martinelli, il vicario apostolico di In citt per c molta tensione stampa, continua a ritmo serrato Tripoli, che attualmente in Italia e non Certamente aspettiamo il ritorno la battaglia di Tripoli. Non si potendo rientrare sta costantemente in dellordine. Che la gente ritrovi la ferma. Anzi, aumenta di intensit dopo contatto con la sua comunit. pacificazione tra le diverse parti. Ma se che la Nato ha bombardato il bunker di Raggiunto telefonicamente per non c ora un ritorno allordine, non si Gheddafi. Ed proprio nei pressi del chiedergli notizie, cos ha risposto pu fare niente, non c nemmeno la compound che si stanno consumando allagenzia Sir. pace. gli scontri pi duri. Testimoni parlano di attacco pesante. Secondo quanto Monsignor Martinelli, cosa sa della Cosa sar ora della Libia. Ne uscir riportano Al Arabiya e Al Jazira i ribelli situazione a Tripoli in queste ore come un Paese spaccato? libici hanno circondato e assediano il decisive? Non credo, perch il fatto che siano compound di Bab al Aziziya, presunto Le informazioni che ricevo dicono che venuti a Tripoli ed abbiano conquistato rifugio di Gheddafi. E da Bruxelles le vie di accesso dalla Tunisia e da Malta Tripoli, vuol dire che in qualche modo arriva la conferma che operazioni Nato sono ancora chiuse. Stamattina dovr ricomporsi lunit. Certamente in sono ancora in corso. Anche se abbiamo avuto qualche disturbo, ma una forma da studiare tra loro, con le dallAlleanza spiegano che il Colonnello sono azioni di delinquenti che sono persone di buona volont che sappiano non rappresenta un nostro obiettivo. entrati in casa per prendere qualcosa, imporsi con linee riconciliatrici. Questo In ogni caso, secondo il corrispondente non c stato nessun oltraggio alla il problema: trovare le persone che di Al Jazira, alcuni ribelli sono penetrati chiesa. I miei collaboratori francescani, siano capaci di avviare un dialogo tra le in uno dei portoni esterni del due filippini e un egiziano, si stanno due parti. Ma non credo che ci siano compound fortificato di Bab al Aziziya. prendendo cura della chiesa e sono divisioni. La rivoluzione nata a Le immagini trasmesse in diretta dalla tranquilli. Benghasi ed arrivata fino a Tripoli. A televisione panaraba Tripoli pensavano che ci testimoniano i numerosi fosse una grande resistenza, colpi darma da fuoco e c stata, ma alla fine sparati intorno allarea. hanno ceduto. vero che Ore decisive ma concitate a non dappertutto, perch ci Lassalto al bunker si starebbe svolgendo (nella giornata di Tripoli dove le forze del sono delle zone a Tripoli e marted 23 agosto) allingresso ovest. Il bunker sarebbe Consiglio nazionale di fuori Tripoli con le fazioni circondato. Alcuni twitter della rivolta riferiscono del lancio di transizione stanno arrivando che si battono ancora, ma razzi Grad dallinterno della struttura. Nel bunker per, secondo nel cuore della capitale penso e spero che si arrivi il generale dei ribelli Umar al Hariri, ci sarebbero tunnel lunghi libica. In citt sono rimasti presto ad una no a 30 km che lo collegano al mare. tre religiosi francescani che riconciliazione. Lo speriamo Si combatte per difendere o arrestare il leader libico. Ci pensa si stanno prendendo cura veramente. Saif al-Islam a sciogliere i dubbi sulla sorte di Ghedda: Mio dellunica Chiesa cattolica padre a Tripoli. Il glio prediletto del colonnello apparso la presente a Tripoli: due Come sta vivendo tutta notte di luned nella cittadella di Bab al Aziza, il bunker nei filippini e un egiziano. Nella questa situazione da fuori, sobborghi della Capitale, quando per tutto il giorno si loro casa sono entrati dei lei che ha sempre voluto rincorrevano voci sul suo arresto. Ipotesi che Saif, su cui pende delinquenti. La Chiesa non stare accanto alla sua un mandato di cattura internazionale, scarta come menzogna. stata oltraggiata. Volevano gente? Cos il 39enne, da sempre considerato amico delloccidente solo rubare qualcosa. La Sto vivendo con lansia di per i suoi studi londinesi, si mostrato ai giornalisti sorridente. situazione tranquilla, ha tornare gi presto, appena Tripoli sotto il nostro controllo, stiamo vincendo noi. affermato monsignor possibile, appena c la Giovanni Innocenzo prima occasione di tornare.

La battaglia del bunker

una notizia relativa alla Gmg madrilena che il mondo dei media ha pressoch ignorato. Eppure riguarda proprio luniverso della comunicazione. Fra i santi e i testimoni proposti allattenzione dei giovani che hanno partecipato allevento, infatti, c anche un giornalista: lo spagnolo Manuel Lozano Garrido. Il primo giornalista proclamato beato. Lolo, come veniva chiamato in famiglia, ha sedici anni nel 1936 quando nel Paese scoppia la guerra civile. Scatenatasi la caccia ai preti e religiosi cattolici, il giovane iscritto allAzione Cattolica fa da staffetta clandestina per portare la comunione agli ammalati. Scoperto dai miliziani, ricercato e arrestato. A ventitre anni, gi costretto dalla malattia su una sedia a rotelle, diventa giornalista. La sua invalidit diverr progressivamente totale, privandolo negli ultimi nove anni anche della vista. La sofferenza per non ferma il giovane andaluso. Dalla sua penna escono centinaia di articoli e diversi libri. Si racconta che, quando ancora poteva muovere un poco le dita, gli venne regalata una macchina da scrivere. Il primo testo che egli batt con forza sui tasti fu: Signore, grazie. La prima parola, il tuo nome; che sia sempre la mia forza e lanima di questa macchina. Che la tua luce e la tua trasparenza stiano sempre nella mente e nel cuore di tutto quelli che lavoreranno con lei, affinch tutto ci che si faccia con lei sia nobile, puro e pieno di speranza. E, in Decalogo del giornalista, d questo consiglio a chi opera nel mondo della comunicazione: Quando scrivi lo devi fare in ginocchio per amare, seduto per giudicare, eretto e potente per combattere e seminare. Alla sua feconda attivit si deve anche lopera Sinai, che unisce malati e monasteri di clausura nella preghiera per i giornalisti. Come Mos che prega con le braccia alzate sul Sinai per aiutare Israele spiega tutti questi infermi che non possono alzare le braccia n camminare con i propri piedi offrono un appoggio cristiano e apostolico per i giornalisti. Il 3 novembre 1971, Manuel Lozano Garrido muore a Linares, dove era nato cinquantuno anni prima. L11 giugno 2010 Benedetto XVI firma il decreto che iscrive Lolo nella schiera dei beati, mentre il giorno successivo si tiene in Spagna la solenne celebrazione. Definito da molti il Giobbe del ventesimo secolo, Lolo attirava lattenzione per la sua gioia e la speranza che infondeva. Quando era gi cieco da cinque anni, scrisse un breve opuscolo. Il titolo? Le stelle si vedono di notte.

10

Gioved 25 agosto 2011

Attualit

Alla fiera di Rimini fino a sabato 27 agosto La 32esima edizione della grande kermesse di Comunione e Liberazione ha per tema E l'esistenza diventa un'immensa certezza

PresidenteePapa,messaggialMeeting
ome ogni anno, anche il Meeting 2011 si aperto domenica 21 agosto con la messa, celebrata dal vescovo di Rimini, monsignor Francesco Lambiasi, durante la quale stato letto il messaggio inviato, a nome di papa Benedetto XVI, dal Segretario di Stato cardinale Tarcisio Bertone. Questo testo non contiene mai un saluto formale, ma interviene direttamente sui contenuti del tema fissato. Infatti vi si trova scritto: Il tema scelto per ledizione 2011, E lesistenza diventa unimmensa certezza - suscita profondi interrogativi: che cos lesistenza? Che cos la certezza? E soprattutto: qual il fondamento della certezza senza la quale luomo non pu vivere?. Citando il filosofo Martin Heidegger, il messaggio afferma che lesistenza sarebbe uno stare, essendo provenuti da e, allo stesso tempo, un portarsi oltre, quasi un trascendere che definisce in modo permanente lo stesso stare. Tocchiamo qui il livello pi originario della vita umana: la sua creaturalit, il suo essere strutturalmente dipendente da unorigine, il suo essere voluta da qualcuno verso cui, quasi inconsapevolmente, tende. () Il riconoscimento della propria origine e la prossimit di questa stessa origine a tutti i momenti dellesistenza sono la condizione che permette alluomo unautentica maturazione della sua personalit, uno sguardo positivo verso il futuro e una feconda incidenza storica () Occorre, dunque, entrare nellamore di chi ci ha voluti per potere sperimentare la positivit dellesistenza. Se manca una delle due, la coscienza dellorigine e la certezza della meta di bene cui luomo chiamato, diventa impossibile spiegare il dinamismo profondo

inaugurata alle 17 del 21 agosto dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha concluso il suo intervento sulla modalit con la quale uscire insieme dallattuale crisi, rivolgendosi in particolare ai giovani, e affermando: C bisogno di nuove leve e di nuovi apporti. Non fatevi condizionare da quel che si sedimentato in meno di due decenni: chiusure, arroccamenti, faziosit, obbiettivi di potere, e anche personalismi dilaganti in seno ad ogni parte. Portate nellimpegno politico le vostre motivazioni spirituali, morali, sociali, il vostro senso del bene comune, il vostro attaccamento ai princpi e ai valori della Costituzione e alle istituzioni repubblicane: apritevi cos allincontro con interlocutori rappresentativi di

Il tema scelto per ledizione 2011 suscita profondi interrogativi: che cos lesistenza? Che cos la certezza? E soprattutto: qual il fondamento della certezza senza la quale luomo non pu vivere?
dellesistenza e comprendere luomo. A questo punto il messaggio interviene sulla seconda domanda che si posto allinizio e si chiede: Ma su quale certezza luomo pu ragionevolmente fondare la propria esistenza? Qual , in definitiva, la speranza che non delude? Con lavvento di Cristo la promessa che alimentava la

speranza del popolo di Israele raggiunge il suo compimento, assume un volto personale. (..) Cristo risorto, presente nella sua Chiesa, nei Sacramenti e con il suo Spirito, il fondamento ultimo e definitivo dellesistenza, la certezza della nostra speranza. Egli leschaton gi presente, colui che fa dellesistenza stessa un avvenimento positivo, una storia di salvezza nella quale ogni circostanza rivela il suo vero significato in rapporto con leterno. Se manca questa coscienza facile cadere nei rischi dellattualismo, nel sensazionalismo delle emozioni, in cui tutto si riduce a fenomeno, o alla disperazione, nella quale ogni circostanza appare senza senso. Allora lesistenza diventa una ricerca affannosa di avvenimenti, di novit passeggere, che, alla fine, risultano deludenti. Solo la

certezza che nasce dalla fede permette alluomo di vivere in modo intenso il presente e, nello stesso tempo, di trascenderlo, scorgendo in esso i riflessi delleterno in cui il tempo ordinato. Solo la presenza riconosciuta di Cristo, fonte della vita e destino delluomo, capace di risvegliare in noi la nostalgia del Paradiso e cos di proiettarci con fiducia nel futuro, senza paure e senza false illusioni. Questo messaggio descrive molto bene la preoccupazione che da sempre ha spinto i cristiani ad un impegno nella societ, come documenta la mostra presente a Rimini su 150 anni di sussidiariet,

altre, diverse radici culturali. Portate, nel tempo dellincertezza, il vostro anelito di certezza. per tutto questo che rappresentate, come ha detto nel modo pi semplice la professoressa Emilia Guarnieri, presidente della Fondazione Meeting per lAmicizia fra i Popoli, una risorsa umana per il nostro Paese. Ebbene, fatela valere ancora di pi: il mio augurio e il mio incoraggiamento. Stefano Salvi

il Periscopio

di Zeta
saluto al diciottenne cesenate. Moltissimi i ragazzi rimasti allesterno, sul piazzale soffocato dalla tipica calura ferragostana. Tanti anche gli adulti presenti, amici dei genitori, conoscenti, professori. Tutti in silenzio, un silenzio quasi surreale, interrogativo, in cui si coglieva la solita, terribile domanda: perch? Ci ha provato don Ettore, il parroco, a dare qualche spiegazione. Lo ha fatto con parole semplici, spezzate dalla commozione. Giovani, tornate protagonisti della vostra vita, ha detto con tono partecipato. Perch quellinvocazione e quel pressante invito? Chi non vuole essere protagonista della propria esistenza? Chi decide per noi? Ho visto i volti di quei giovani che frequentano quei pellegrinaggi forzati. Sui loro visi rigati di lacrime ho notato le stesse domande presenti nel cuore di ciascuno di noi. Perch la vita? Perch la sofferenza, il dolore, la morte? Esiste Dio? Occhi assenti, distrutti da uno strappo violento che in un attimo ha tolto lamico pi caro, il pi cercato, il pi voluto bene. La vita e rimane un mistero. Ma la vita soprattutto un dono, non va mai dimenticato. I giovani sono chiamati a trasgredire, non nel senso in cui lo intende il mondo di oggi, ma come li richiamava don Oreste Benzi. La trasgressione dalla mentalit comune, quella che li vuole

Troppi morti sulle strade Tornano i soliti interrogativi

LA VITA SOPRATTUTTO UN DONO, NON VA MAI DIMENTICATO

Quei pellegrinaggi forzati

nestate costellata da incidenti mortali. Se ne verificato quasi uno al giorno, nelle scorse settimane, nel nostro territorio (cfr. pag. 20). Uno stillicidio di eventi tragici da lasciare senza parole intere comunit, oltre a numerose famiglie che si sono ritrovate nel dolore e nello sconforto. Una striscia di sangue come forse non si vedeva da tempo su cui bene fermarsi un attimo a riflettere. Ho partecipato al funerale di Anthony Ricchi, il giovane di San Martino in Fiume deceduto in seguito a un incidente stradale avvenuto verso le cinque di mattina di gioved 11 agosto, in pieno centro abitato, a San Giorgio di Cesena. Anthony era a pochi chilometri da casa. Si era messo alla guida da soli cento metri, dopo una notte trascorsa sulla Riviera, in compagnia di amici. La piccola chiesa di Ronta non stata in grado di accogliere tutti coloro che hanno voluto dare un ultimo

tutte le sere in giro senza meta, da un locale allaltro, con un bicchiere sempre in mano. Trasgredire dalla mentalit del se bevi non guidi che racchiude un messaggio inquietante non detto in maniera esplicita, ma ugualmente chiaro: se non guidi, puoi bere quanto vuoi, come se labuso di alcol non sia gi un fatto grave in s. Non c nulla di pi ingannevole di messaggi come questo. Tocca a noi adulti essere esigenti e domandare ai giovani di tornare protagonisti di loro stessi. Il resto sar solo appassionata conseguenza. (711)

Speciale

Gioved 25 agosto 2011

11

5 0 i s t i t u z i o n e d e l l a p a r ro c c h i a

S a n Pi o X a l l e V i g n e
8 settembre 1961 - 2011
Il messaggio del parroco di SAN PIO X alle VIGNE, don EGIDIO ZOFFOLI
Diletti parrocchiani,
linizio di un anno comporta alcune attivit pastorali, entrate nella tradizione della nostra vita parrocchiale. (...) Vorrei attirare lattenzione sul 50esimo anniversario della nostra parrocchia, istituita l8 settembre 1961 dal vescovo Augusto Gianfranceschi e affidata al ministero sacerdotale di don Dino Cedioli. Personalmente, come seminarista, ho seguito i primi passi di questa comunit e ricordo vivamente, ancora oggi, lentusiasmo e limpegno di tanti parrocchiani, ora membri della Chiesa celeste. Poich non c futuro senza memoria, vogliamo celebrare questavvenimento come persone coinvolte e animate dalle seguenti finalit: - Recuperare lentusiasmo e limpegno iniziali. - Accrescere maggiormente il senso di appartenenza alla comunit ecclesiale. - Confrontare il nostro essere Chiesa con quello della prima comunit di Gerusalemme, fondata dagli Apostoli e descritta nel libro Gli Atti degli Apostoli. Vi troviamo alcune note caratteristiche, essenziali: - la COMUNIONE, alimentata dalla preghiera, dalla Parola di Dio, dallEucaristia; - la MISSIONE, vissuta con lannuncio del Vangelo, la testimonianza cristiana, la carit, nelle sue diverse espressioni. Dal confronto alla conversione, al rinnovamento: il modo migliore per celebrare cristianamente il cinquantenario parrocchiale. Che San Pio X Papa, nostro patrono, ci aiuti a realizzare il suddetto programma e cos condividere pi intensamente la gioia dellesperienza cristiana. sac. Egidio Zoffoli, parroco

(Cesena)
LA STATUA DI SAN PIO X A CUI DEDICATA LA PARROCCHIA

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI


in occasione del 50esimo di istituzione della parrocchia di San Pio X alle Vigne
Mercoled 31 agosto, ore 20,30:

concelebrazione dei sacerdoti che hanno prestato servizio nella nostra parrocchia. Presieder la concelebrazione il vescovo di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri Apertura della mostra sulla storia della parrocchia Trattenimento fraterno

Venerd 2 settembre, ore 20,30:

Messa, poi TAVOLA ROTONDA sulla storia della parrocchia Confessioni: disponibile un padre dei Missionari del Preziossimo Sangue
LA PRIMA CHIESA DI SAN PIO X ALLE VIGNE., RICAVATA DA UNA FALEGNAMERIA DISMESSA, IN VIA RAVENNA (LATO VIA BARDUCCI) LA FOTO FA PARTE DELLA MOSTRA CHE SARA INAUGURATA LA SERA DI MERCOLED 31 AGOSTO

Sabato 3 settembre, dalle 15 alle 18:

Domenica 4 settembre, ore 10:

Messa solenne celebrata dal cardinale Agostino Cacciavillan, con partecipazione del coro parrocchiale e del gruppo accoliti ore 16: incontro comunitario di preghiera

ESTERNO DELLA CHIESA DI SAN PIO X IN VIA ZOLI A CESENA (FOTO ARMUZZI)

INTERNO DELLA CHIESA DI SAN PIO X, IN OCCASIONE DELLA FESTA DELLA FAMIGLIA 2011 (FOTO ARMUZZI)

12

Gioved 25 agosto 2011

Cesena

Piero Tappi ha percorso, in 35 giorni, gli 800 chilometri di Santiago de Compostela


Terzo Spada
ono ottocento i chilometri percorsi, a piedi, da Piero Tappi dal 15 giugno al 20 luglio. Pensionato da due anni, della comunit parrocchiale di Bulgaria, dopo giornate di duro allenamento ha deciso di compiere "El Camino de Santiago", il pellegrinaggio che nel 2010, Anno Santo per Santiago de Compostela, ha registrato la partecipazione di 236.755 persone. "Mercoled 20 luglio mi sono inginocchiato sulla vasta piazza di Santiago de Compostela, davanti alla grandiosa Basilica del Santo- racconta Tappi - stanco, ma molto felice di aver compiuto questo pellegrinaggio. Unindimenticabile esperienza umana e spirituale. Grandissima lemozione allarrivo, in parte gi provata al monte Gozo, a sei chilometri dalla citt, quando ho intravisto le guglie della Cattedrale. Ho visitato la tomba di san Giacomo, primo martire tra gli apostoli e poi abbracciato la sua grande statua. Ho ritirato la "compostela", il certificato del pellegrinaggio fatto. Ero alloggiato al seminario minore della citt. Partecipavo alla messa del pellegrino a mezzogiorno in spagnolo e latino e la sera alla novena cantata per prepararmi alla festa del 25 luglio. La sera della vigilia ho ammirato il fantastico spettacolo multimediale sulla storia della Cattedrale e del Santo con musica, colori e fuochi artificiali". Pu descrivere le tappe di questo "Camino"?

Un cammino di fede

"Lungo il percorso non puoi sentirti solo, perch alcuni pellegrini ti raggiungono, altri li trovi avanzando Certo sei solo con te stesso, libero dal mondo"

Alla partenza da Saint Jean Pied de Port mi sono munito della carta del pellegrino e con una media di 20 chilometri al giorno ho raggiunto Santiago per la via francigena, percorrendo sentieri sterrati, in salita e discesa, in altopiano (Meseta); ho attraversato le citt di Pamplona, Logrono, Burgos, Leon e tanti paesi di cui ho ammirato le splendide cattedrali. Bella quella gotica di Astorga con il vescovado progettato da Gaud. Ogni sera raggiungevo un centro daccoglienza presso parrocchie o monasteri o ostelli

municipali. Si pu sostare una notte con cena e letto a castello a prezzi veramente modici. In particolare ricordo la sosta allHospital de San Nicols vicino a Burgos gestito da italiani della confraternita di san Giacomo. Dispone di 12 posti a offerta libera. Prima della cena ci hanno lavato i piedi e abbiamo cantato, ciascuno nella propria lingua. Io ho eseguito "Romagna mia". Alle 22 in tutti i centri daccoglienza si fa silenzio e vengono spente le luci. Ha incontrato tante persone. Quali ricordi? Lungo il percorso non puoi sentirti solo, perch alcuni pellegrini ti raggiungono, altri li trovi avanzando. Certo sei solo con te stesso, libero dal mondo. In particolare ricordo un francese 40enne, disintossicato dallalcol. Per una settimana mi ha raccontato la sua vita. Mi ha detto di non essere praticante, ma poi me lo sono ritrovato alla messa. Alle 20 in ogni citt e paese si celebra la messa con la benedizione in tutte le lingue. Ho incontrato un coreano alla messa e poi ritrovato lungo il cammino. Avendo visto che tenevo la corona del rosario in mano, mi ha fatto capire che voleva recitarlo con me, lui nella sua lingua ed io in latino. Quando arrivava alla parola "Jesus" capivo che toccava a me dire Santa Maria. Infine un buddista, docente di botanica in una universit del Sudafrica. Sposato con unindiana, 5 figli, riteneva interessante il pellegrinaggio perch intende scrivere un libro su questa esperienza di spiritualit.

Viabilit

Due arterie, pronte fra 18 mesi, che leveranno traffico dalla via Cervese. Investimento da 8 milioni

Gronda e Bretella, lavori al via


Gronda e bretella: questa volta sembra proprio che sia quella buona. Marted scorso la ditta incaricata di realizzare la Gronda e la Bretella ha preso possesso degli ultimi terreni da espropriare, i cui proprietari si erano rifiutati di scendere a patti per un accordo bonario. Il cantiere potr cos cominciare i lavori: "Le due strade dovrebbero essere pronte per la primavera 2013, salvo intoppi da maltempo o ritrovamenti" spiega Nazario Sintini, responsabile del cantiere per conto della Provincia di Forl-Cesena. Provincia che siede in cabina di regia per coordinare, dopo averle progettate, entrambe le opere: la Gronda dalla rotonda Merzagora (sulla via Assano) fino a via Faenza, la Bretella dal "curvone" di via Assano (foto) fino al casello autostradale di Villa Chiaviche. Qualche anno fa si diceva che la prima sarebbe stata finanziata dal Comune, la seconda dalla Provincia. Nel tempo questa rigida distinzione venuta meno. Rispetto al costo complessivo di 8 milioni di euro, il Comune ha messo sul piatto 5 milioni, mentre la Provincia 3 (arrivati dalla Regione). Limpresa costruttrice ora ha 18 mesi di tempo per completare i lavori, poi la via Cervese potr finalmente respirare. Gronda e Bretella garantiranno un collegamento rapido tra il casello autostradale di Villa Chiaviche (dove sorger una terza rotonda) e gli svincoli della Secante dello Stadio e di Ponte Pietra. La zona dello Stadio, con le sue grandi rotatorie, diventer la principale porta di accesso alla citt per chi viene dallautostrada e dal mare. Mentre la via Torino e la via Calcinaro (che collegano Pievesestina a Villa Chiaviche passando per Martorano) troveranno nella Gronda-Bretella il loro naturale proseguimento. Anche le caratteristiche stradali saranno simili: una sola corsia per senso di marcia, con carreggiata per molto larga (otto metri banchine escluse). "La firma del contratto con la ditta esecutrice - aggiunge Sintini - ha avuto luogo a met luglio. La consegna dei lavori avvenuta a inizio mese e ora, dopo le ferie di ferragosto, siamo passati agli espropri finali. Luned e marted abbiamo verificato lo stato di consistenza dellarea, per lo pi a frutteto, delle cinque ditte che non avevano firmato laccordo bonario durante la procedura di esproprio. Sar la commissione provinciale a stabilire, in un secondo tempo, lammontare degli indennizzi". Michelangelo Bucci

Cesena
Le opinioni Ma per il presidente del Forum delle famiglie i rincari colpiscono soprattutto chi ha redditi bassi
UNO SPETTACOLO IN UNA SCUOLA PER LINFANZIA. (FOTO DARCHIVIO)

Gioved 25 agosto 2011

13

Scuole materne: penalizzati i ceti medi


Francesca Siroli
amiglie cesenati sul piede di guerra. Dopo laumento delle rette dellasilo nido avvenuto un anno fa, ora la volta di quelle delle scuole dellinfanzia a essere ritoccate allins. Una decisione "scaturita dalla volont di mantenere lalta qualit dei nostri servizi scolastici e, al tempo stesso, continuare a garantire laccesso a tutti i bambini, pur di fronte ai pesantissimi tagli del governo, che ci costringeranno a far a meno di circa 7 milioni di euro fra questanno e il prossimo", si giustifica il sindaco di Cesena Paolo Lucchi. La notizia della revisione delle rette stata diffusa in pieno agosto, forse sperando che passasse sotto silenzio, e si subito scatenata la bufera. Per Riccardo Cappelli e Tommaso Marcatelli, consiglieri comunali del Pdl,

"aumentare le tariffe sopra i 30mila euro di reddito vuol dire colpire tutta la classe media di Cesena e se davvero il Comune avesse voluto rivedere le tariffe delle scuole comunali secondo criteri di equit, si sarebbero potute individuare altre fasce di reddito pi puntuali", mentre per il segretario comunale del Pd Enzo Lattuca la ragione di equit e buon senso sta nel fatto che "chi ha, pi deve contribuire al costo di un servizio". Piovono critiche da Giancarlo Guiducci, presidente del Forum delle associazioni familiari che riunisce 17 associazioni di declinazioni cattolica del territorio. "E solo lultimo degli aumenti che vanno a colpire le famiglie - debutta -. Questa volta si andati a toccare una platea pi ampia, quella dai 20 ai 30mila euro, dunque anche le famiglie con monoreddito vi rientrano in pieno. Ma cos si rischia di intaccare il tessuto sociale. Oltretutto un calcolo fatto in modo iniquo, che penalizza chi ha una famiglia riconosciuta con atto pubblico qual il matrimonio". Guiducci lamenta il mancato confronto con il Comune. "Al contrario della

precedente Amministrazione comunale, con cui si era instaurato un dialogo rileva-, non siamo mai stati convocati dallattuale Giunta nonostante avessimo dato la nostra piena disponibilit. Dopo lestate ci faremo sentire". Per il presidente del Forum delle associazioni familiari non si tratta solo di una questione di tagli. "Ma quando cerano, come sono state spese le risorse? A Cesena sono sempre mancate politiche destinate alle famiglie e questo significa non progettare il nostro futuro - sottolinea -. Il 70-80 per cento del budget riservato agli anziani con servizi, a volte, non strettamente necessari". E questo ha portato conseguenze negative sui nuclei familiari in citt. "Dai dati statici diffusi dal Comune si evince come teoricamente pi del 50 per cento delle famiglie non ha figli - conclude -. I nuclei con due figli sono l8 per cento, quelli con tre il 2 per cento: dunque ci vorrebbe davvero poco per non penalizzare le famiglie numerose, che invece sono le pi colpite economicamente, basti pensare alle tariffe di gas, acqua e luce. Un altro dato che fa riflettere quello dellindice di vecchiaia, che molto alto: ogni 100 giovani si contano 230 anziani".

Gli aumenti
Il nuovo metodo di calcolo prende le mosse dal cosiddetto quoziente Cesena, questo significa che ciascuna famiglia sar chiamata a contribuire alla copertura del servizio in modo aderente alla propria capacit di spesa determinata sulla base della dichiarazione Isee (Indicatore della situazione economica equivalente), ricorda lAmministrazione comunale. E passato da tre a cinque scaglioni: per quelli pi bassi gli importi sono rimasti invariati, per quelli pi alti c un incremento proporzionale e sono state introdotte rette diversificate per le scuole comunali e statali. Si va dunque da un minimo di 72 euro per lIsee fino ai 10mila euro a un massimo di 220 euro per quelli sopra i 30mila euro. Confermato lo sconto di soli 20 euro per eventuali fratelli. Secondo il Comune le prime tre fasce, per le quali non previsto aumento, comprenderanno oltre il 63 per cento degli iscritti, mentre nelle due fasce pi alte vi ricadr poco pi del 36 per cento. Fs

Nuova viabilit allOsservanza

Un po di ordine nelle zone Osservanza e Monte. Prima di Ferragosto sono partiti i lavori per la riorganizzazione della viabilit, scaturita da un percorso di progettazione partecipata che ha visto coinvolti, oltre al quartiere Cesuola, i residenti e operatori. Nella zona Monte si intervenuti in via Giotto e via Veneziano ( stato istituito un senso unico per la creazione di un percorso pedonale con segnalazione dei posti auto consentiti per la sosta), via dei Pini, via da Vinci e via Pascoli (con la riqualicazione della

sede stradale) e poi ancora in via Raffaello e via Monte. In via Osservanza stata sistemata la sede stradale, mantenendo il doppio senso di circolazione e non prevedendo posti auto. Analogo intervento su via San Francesco dAssisi, dove per sono previsti parcheggi segnalati a terra nei tratti con sufficiente larghezza stradale. In via San Giovanni Bono e via Da Figline (entrambe gi a senso unico) stato aggiunto un percorso pedonale e indicati i posti auto. Idem in via Villari, dove stato istituito il senso unico, e in via

Savonarola, che non conta parcheggi perch troppo stretta. Gli interventi saranno conclusi entro ne agosto e vedranno interessate altre strade, tra cui via Pacchioni, lungo cui previsto il completamento del percorso pedonale protetto da paletti. La sperimentazione della nuova viabilit, durante la quale il Comune ha promesso controlli rigidi da parte della polizia municipale, durer no allautunno. Negli incontri con la cittadinanza, a cui ha partecipato il responsabile del Settore mobilit del Comune Gastone Baronio, i

residenti avevano chiesto a gran voce di attuare provvedimenti per limitare il traffico nella circonvallazione sud, ma lintenzione dellAmministrazione comunale si limita a una sistemazione della segnaletica orizzontale e verticale al ne di garantire pi ordinate e sicure le strade. Altre richieste del Quartiere (piste ciclabili e rotonde) saranno sviluppate in un secondo momento. (Fs) Nella foto, parcheggio irregolare in viale Osservanza. Quando il Comune terminer di installare anche la segnaletica verticale, scatteranno le multe dei vigili.

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Sconti fino a 400 euro a coppia e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi aspettiamo in agenzia per ritirare il nostro bel catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

I NOSTRI VIAGGI VENERI-ROBINTUR IN GRUPPO E SOGGIORNI MARE


GRECIA, ISOLA DI KARPATHOS
volo da Bologna, dal 12 al 19 settembre Volo, trasferimenti, assistenza, prima colazione 6 giorni, ponti di novembre e dicembre 2011 dal 27 ottobre al 1 novembre e dal 6 all11 dicembre Voli da Milano e Roma, visite della citt, cena, assistenza Ponte di di novembre: 25 ottobre-5 novembre 2011 Grecia, Israele, Turchia (12 giorni) da 485 euro

VIAGGI DI GRUPPO A NEW YORK

da 1.430 euro

TEMPO DI CROCIERE! RITORNO IN TERRASANTA

da 670 euro

LA LUNGA ESTATE NELLA MAGNIFICA ISOLA DI ISCHIA

Hotel 3 stelle a Forio dIschia, 8 giorni/7 notti. Viaggio in pullman da Bologna compreso! Partenza 23 ottobre e 30 ottobre (ponte), pens completa e bevande 660 euro

VIAGGI VENERI

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it

PRENOTA I NOSTRI TOURS ESTIVI GUIDATI PARTENZA DA BOLOGNA DA LUGLIO A OTTOBRE: TOUR DELLA SCOZIA, RUSSIA, PORTOGALLO AUTENTICO, SPAGNA DEL SUD, GRECIA, TURCHIA, MAROCCO...

14

Gioved 25 agosto 2011

Cesena
Alcuni progetti sono per il rilancio di beni storici e architettonici Il Comune insiste su tre Diocesi: Forl, Cesena e Ravenna

Il sindaco stato riconfermato con il 62 per cento dei voti

Parrocchie Festa a Casale e Calisese


Comunit in festa a Casale e Calisese dal 3 all11 settembre. Nella lettera inviata a tutti i parrocchiani, il parroco don Stefano Pasolini rimarca il vangelo di Giovanni dove Pietro dice: "Signore da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna", riallacciandosi allappuntamento imminente del congresso eucaristico nazionale. La doppia festa parte sabato 3 settembre a Casale quando, alle 20,30, la serata sar allietata da cesena Danze. Sar attivo lo stand gastronomico oltre alla pesca e alla lotteria. Domenica 4, nel pomeriggio dalle 15,30, ci sar la musica dal vivo con lorchestra Vincenzi. Luned 5 settembre la piccola comunit di Casale accoglier il vescovo Douglas Regattieri che celebrer la messa alle 20,30. Al termine si terr la processione con limmagine della Madonna del parto. A Calisese la festa prender il via mercoled 7 con lincontro comunitario alle 21. Gioved 8 si terr il pellegrinaggio a piedi a Madonna dellOlivo con partenza dalla celletta Mulino vecchio e celebrazione della messa una volta arrivati alloratorio. Venerd 9, dopo la messa alle 20, ci sar una serata con giochi, piano bar, karaoke. Sabato 10 alle 21 spettacolo della Tre Monti Band. Gran nale domenica 11 con la messa solenne alle 10,30, la festa con gli anziani nel pomeriggio e i giochi senza frontiere. In serata, dopo la musica dellorchestra Gianluca Berardi ci saranno i fuochi darticio. Lo stand gastronomico, allestito grazie allAvis di Calisese, sar attivo da venerd 9 a domenica 11.

Bertinoro: Nevio Zaccarelli punta su turismo e riciclo dei rifiuti


Cristiano Riciputi
lle ultime elezioni ha ottenuto oltre il 62 per cento dei consensi: Nevio Zaccarelli continua il proprio lavoro di sindaco di Bertinoro con molte idee e iniziative a favore del territorio. Cinquantasei anni, in aspettativa dal proprio lavoro di dipendente provinciale, ha ottenuto la maggioranza dei voti (per il Pd) probabilmente grazie alla pragmaticit delle decisioni della sua Giunta. Bertinoro, considerato il balcone della Romagna per la vista che si gode dallalto del colle, conta 11mila abitanti su 56 chilometri quadrati. Bertinoro un Comune su tre diocesi: Cesena-Sarsina (per Santa Maria Nuova), Ravenna-Cervia (per San Pietro in Guardiano) e Forl-Bertinoro per tutto il restante territorio. alle persone in difficolt. Quali sono le sue priorit nel governo di Bertinoro? Fin dalla scorsa legislatura ci siamo concentrati sulla messa in sicurezza delle scuole del territorio. Ma non solo: abbiamo cercato di fornire anche tutti i servizi relativi alla scuola collaborando con le realt esistenti. Ad esempio, a fine luglio abbiamo rinnovato per tre anni la convenzione con la scuola materna di Santa Maria Nuova di propriet della parrocchia guidata da don Aldo Menghi. Il nostro un territorio che si avvale di molte associazioni di volontariato e con queste vogliamo collaborare. Non a caso abbiamo un confronto sempre aperto con questi volontari, con le parrocchie, con le case famiglia. Nel nostro territorio contiamo 5 centri del banco alimentare che distribuiscono alimenti Avete optato per la raccolta differenziata dei rifiuti. S, una decisione presa pochi mesi prima delle elezioni. La gente sta rispondendo bene e, manco a dirlo, i pi entusiasti sono i pi giovani, compresi i bambini. Ma anche gli adulti si sono adeguati in fretta. Sui rifiuti vogliamo chiudere il ciclo e allestire una gara fra aziende per il ritiro dei rifiuti stessi. Anche Hera potr partecipare, ovviamente, ma occorre dare anche ad altri la possibilit di lavorare in questo settore. Leconomia locale ha risentito della crisi? S, e in maniera anche pesante. Per abbiamo alcune aziende di livello europeo, penso ad Infia, Fustelpak,

Babbi, che grazie allinnovazione sono in grado di mantenere bene le posizioni di mercato. Oltre alle industrie della zona artigianale, abbiamo due altri settori che possono decollare definitivamente: quello vitivinicolo e quello turistico. Le nostre Cantine stanno facendo squadra e alla fiera Vinitaly di Verona, la pi importante del settore, ci presentiamo come consorzio e il Comune contribuisce per le spese dello stand. Oltre al vino puntiamo su altre eccellenze come lolio. Cosa intende per turismo a Bertinoro? Oltre alle terme di Fratta, conosciute a livello nazionale e in continuo rilancio, vorremmo aumentare anche il turismo collinare, ad esempio creando un percorso delle chiese restaurate. Penso alla stupenda pieve di Polenta, al nostro duomo che risale al 500, alla chiesa della Madonna del Lago. In collaborazione con le parrocchie e la Diocesi di Forl-Bertinoro, potremmo proporre un itinerario fra fede e storia. Senza dimenticare il Museo interreligioso, conosciuto in tutta Italia, dove premieremo, il 26 agosto, il ministro Franco Frattini. Ci sono progetti in cantiere? Ce ne sarebbero diversi, ad esempio a Fratta e a Santa Maria Nuova. Per ora sono nel cassetto a causa della mancanza di trasferimenti dallo Stato e dalla crisi che stanno attraversando le aziende. Stiamo portando avanti la riqualificazione del nostro centro storico con nuove pavimentazioni. Abbiamo in mente di creare dei parcheggi scambiatori con navette in modo da togliere dal centro un numero di auto sempre maggiore.

SantEgidio in festa
"Servire regnare" il tema della festa parrocchiale di SantEgidio di Cesena che si aprir gioved 1 settembre, giorno in cui si ricorda il patrono SantEgidio. E sar il vescovo Douglas Regattieri a

presiedere la Messa che sar celebrata alle 20,30. Tutto il mese di settembre sar quindi dedicato a celebrazioni e appuntamenti che vedranno i parrocchiani protagonisti di celebrazioni, feste e incontri, per concludersi domenica 2 ottobre con il mandato ai catechisti ed educatori e la festa di inizio catechismo. Ampio servizio sul prossimo numero del Corriere Cesenate.

Bulgaria, una settimana dedicata alla comunit


Entra nel vivo la festa parrocchiale di Bulgaria. La comunit, guidata da don Enzo Vitali, ha organizzato un ricco programma ricreativo scandito da importanti momenti religiosi. Gioved 25 agosto, alle 20,30, ci sar la recita del rosario, seguita dalla messa. Venerd 26 alle 15 ci sar la confessione per tutti i bambini, mentre la messa sar celebrata alle 21 con possibilit

della confessione. Sabato 27 alle 15 ci sar la orita dei bambini alla Madonna. Domenica, giorno della festa, la messa solenne sar celebrata alle 10,30, mentre nel pomeriggio, dalle 16, si terr la processione. Il programma ricreativo prevede momenti per tutti i gusti. Sabato 27 agosto alle 20,45 spettacolo con il gruppo Cesena Danze. Alle 22,30 pasta al rag per tutti. Domenica 28 alle 17 spettacolo di arte varia organizzato dai giovani della parrocchia. Sar possibile cenare grazie allo stand gastronomico. Alle 20,30 inizier il concerto dellorchestra Pacini. Ci saranno inoltre giochi a premi e il mercatino di benecenza.

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA OSPEDALE In palazzina al primo piano con ascensore appartamento di mq. commerciali 135 composto da salone, cucina abitabile, 3 letto, 2 bagni, balcone, ampio garage. OTTIMO STATO. 320.000 euro / Rif. 0988

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CASE FINALI immerso nel verde appartamento nuovo a piano terra con ingresso indipendente e spaziosa corte privata. Riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata. Informazioni in ufficio. ZONA OSSERVANZA in condominio ben conservato servito di ascensore appartamento al secondo piano internamente da ristrutturare composto da ampio ingresso, soggiorno, cucina, bagno (possibilit di secondo bagno), ripostiglio, 2 letto, balcone, cantina e garage. 235.000 euro / Rif. 0905 IN ZONA OSSERVANZA, MONTE, MADONNA DELLE ROSE: VENDESI SOLUZIONI ABITATIVE DI PRESTIGIO

MADONNA DELLE ROSE Trilocale al quinto piano con loggia panoramica composto da soggiorno, cucina, letto matrimoniale, bagno, cantina e garage. In parte da rivedere 180.000 euro / rif. 1017 ZONA CENTRALE - VIALE CARDUCCI In condominio ben conservato al piano terzo con ascensore appartamento internamente da rivedere composto da ingresso, soggiorno di mq. 30, cucina, 2 letto matrimoniali, disimpegno, bagno, balcone, cantina. Impianti Autonomi. 260.000 euro / Rif. 0963 ZONA VIGNE in contesto tranquillo e ben servito appartamento al 1 piano con ascensore composto da cucina abitabile, ampio salotto, 2 letto matrimoniali, 2 bagni, 2 balconi, garage. Aria condizionata, impianti autonomi e a norma. 200.000 euro / Rif. 1069 TIPANO 2 villette in bifamiliare con spaziosa zona giorno, 3 letto, 3 bagni, sottotetto, portico, ampio giardino con attrezzaia. Info in ufficio. / Rif. 0564

LOCAZIONI
ZONA CENTRALE appartamento anno 2004 con soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, 2 balconi, garage. Impianti autonomi. ARREDATO. 650 euro RIO MARANO villetta abbinata ben rifinita e di circa 150 mq. con a piano terra sala con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino, portico e posto auto; al piano interrato ampia taverna, cantina, ripostiglio, lavanderia. NON ARREDATA. 1100 euro / Rif. 1037 ZONA STADIO in casa bifamiliare appartamento al piano primo recentemente ristrutturato composto da soggiorno-cucina, 2 letto, bagno, balcone, posto auto. Arredato solo di cucina. 700 euro / Rif. 1044

Cesenatico
"Un anticipo dei soldi che arriveranno fra 6 mesi, per dare una mano ai pescatori in difficolt". Cos Nazario Sintini, presidente di Banca Romagna Cooperativa (Brc), ha esordito spiegando i dettagli dellaccordo fra listituto di credito e la cooperativa Casa del Pescatore di Cesenatico. "I pescatori vengono da mesi di profonda crisi - ha detto il segretario della cooperativa, Mario Drudi, illustrando la convenzione durante la presentazione di gioved mattina - a causa delle scarse quantit di pescato. E la mazzata nale arrivata con il fermo pesca che stato prolungato no a due mesi. In questo modo le imbarcazioni perdono la possibilit di uscire in mare in settembre, periodo storicamente abbastanza buono per la pesca. Poi, al momento della ripresa, in ottobre, le condizioni del mare penalizzano soprattutto le imbarcazioni pi piccole favorendo i grandi armatori". Durante il fermo pesca lo Stato prevede un indennizzo agli armatori, mentre i marittimi imbarcati, cio i marinai, percepiscono una cassa integrazione. Lindennizzo dello Stato ai proprietari delle barche piuttosto misero, ma permette di sopravvivere. Solo che arriver nei conti correnti non prima dei primi mesi del 2012, mentre le aziende sono gi in difficolt. "Per questo - ha aggiunto Roberto Battistini, responsabile marketing di Brc - apriamo un credito sul conto corrente delle aziende che ce lo chiederanno, a tasso particolarmente

Gioved 25 agosto 2011

15

Accordo fra Brc e i pescatori

vantaggioso. In pratica, si tratta di un do alle aziende, che sar chiuso quando lo Stato far arrivare lindennizzo". Sono una cinquantina gli armatori di Cesenatico che percepiranno lindennizzo, con una media di circa 6000 euro ad azienda. La sovvenzione statale dipende dalla stazza dellimbarcazione. I marittimi interessati dal fermo pesca sono circa 150 e questi usufruiscono di una sorta di disoccupazione. Cristiano Riciputi

IL SINDACO BUDA NEL GIORNO DEDICATO A GARIBALDI (PIPPOFOTO)

Intervista Laureato in fisica, insegnante, ha 38 anni. Fra i progetti, portare avanti la pista ciclabile sul Pisciatello

RobertoBuda,unsindaco coninumerigiusti
Francesco Zanotti
oberto Buda un sindaco sereno. Questa la prima impressione che si ricava dallincontro con il nuovo primo cittadino di Cesenatico. "Non ho dormito nella mia prima settimana da sindaco - confessa -, quando cera da fare la Giunta". Classe 1973, insegnante di matematica e fisica, "ma laureato in fisica", come lui tiene a precisare, Buda coniugato e ha due figli, Francesco di otto anni e Davide di sei. Nel pieno dellestate che porta nella citt rivierasca centinaia di migliaia di turisti e la trasforma in una grande citt, il sindaco delinea le linee guida della sua amministrazione. "Noto attorno alla mia elezione - dice Buda - un grande entusiasmo e notevoli aspettative. Davanti al mio ufficio ci sono continue file di persone che desiderano parlarmi. Vengono per raccontarmi le loro storie, i timori per il lavoro e il futuro. Il sindaco l per loro, proprio come mi disse dieci anni fa don Silvano Ridolfi, lallora parroco

Limpegno in parrocchia
Da sempre impegnato in parrocchia, il sindaco Roberto Buda non si smentisce neppure nei panni di primo cittadino. E stato visto cantare col coro "Terra promessa" diretto da Marco Balestri durante il concerto svoltosi venerd della scorsa settimana nella piazza Spose dei marinai, a Cesenatico. Buda ha fatto parte anche del corone diocesano che ha animato le due Feste della famiglia diocesana tenutesi nel 2005 e nel 2006 e lintitolazione della piazza del duomo a papa Giovanni Paolo II avvenuta nel maggio 2006, a ventanni dalla visita del Pontece in Romagna.

di San Giacomo, che mi invit a impegnarmi in politica, la pi alta forma di carit, secondo la definizione che ne fece papa Paolo VI". Il sindaco pu incidere sulla vita delle persone, nel bene e nel male. "Di fronte alle scelte occorre avere chiara la differenza fra ci che buono e ci che non lo - continua il primo cittadino -. Si deve sempre discernere e per questo ispirarsi alla richiesta che re Salomone fece a Dio. Occorre anche stare sempre molto attenti a non mettere in secondo piano la famiglia. A questo proposito, mi fa piacere sottolineare che tutta la mia campagna elettorale stata curata da mia moglie che, dal nulla, ha anche organizzato tutti gli eventi". Ci sono diverse partite aperte a Cesenatico, dalla citt delle colonie, al nuovo insediamento nellarea exNuit. Su Ponente il sindaco riconosce che quando era allopposizione vot contro il progetto, "ma ora in maniera responsabile lidea quello di portarlo avanti con lintroduzione di nostre

indicazioni". Anche i parcheggi a pagamento in zona mare verranno ridotti di numero e "diminuir anche il loro costo", assicura il sindaco. Sulle frazioni Buda dice che avranno "uno sviluppo pi equilibrato", meno a macchia di leopardo, "con piazze e parchi giochi sicuri, non come quello che si trova a ridosso della rotonda, a Villalta". Anche le piste ciclabili avranno un incremento, con il prolungamento di quella che Cesena ha realizzato sullargine del Pisciatello, per proseguire in mezzo ai campi, nei pressi di alcune antiche fornaci romane, nella zona del campo da golf. Un ultimo pensiero sulla balneazione e lo stato delle acque a Cesenatico. "Facciamo controlli continui. Abbiamo avuto un problema, durato un solo giorno ammette il sindaco - attorno a Zadina. Abbiamo lavorato anche di notte per ripristinare la normalit nel pi breve tempo possibile. Le ultime analisi danno le nostre acque veramente sane. Posso dire con tutta tranquillit che gli allarmismi sono ingiustificati".

I marinai ringraziano

Il 27 e 28 agosto tradizionale evento al farneto di Sogliano

E ssata per prossimo ne settimana (27 e 28 agosto) "Il mare visto dalle nuvole", lundicesima edizione della festa di ringraziamento dei marinai di Cesenatico al Santuario della Beata Vergine del Farneto a Bagnolo di Sogliano al Rubicone. Il monte Farneto, dove sorge la chiesina della vergine, grazie alla elevata altitudine, tramanda da secoli la parabola dei marinai di

Cesenatico e Bellaria. Loro infatti consideravano come faro naturale in monte Farneto perch era il primo punto della terra ferma che gli appariva quando si avvicinavano alla costa. Alla Madonna del Farneto, i marinai elevavano le loro preghiere e, dopo lo scampato pericolo in mare, in segno di ringraziamento, salivano al santuario portando ex voto, di cui ancora oggi restano le testimonianze. Questanno il rito si ripete con la presenza dei marinai e con la tradizionale rustida; tutte le offerte che saranno raccolte verranno poi

devolute alla piccola parrocchia per mantenere aperta la chiesetta. Il programma prevede per sabato 27 il raduno delle Fiat 500 e delle auto depoca, mentre domenica alle 11 nella chiesetta si terr la santa messa per il rinnovo del voto dei marinai alla Beata Vergine. Alle 19.30 prevista la rustida di pesce fresco con i marinai; lofferta libera ma il pasto non gratuito proprio per raccogliere fondi da devolvere al mantenimento della chiesina. (Cf)

DIPLOMI - RECUPERO ANNI SCOLASTICI


DA ANNI NELLA TUA CITT

CENTRO STUDI CARTESIO


Sono aperte le iscrizioni allanno scolastico 2011-2012 - VUOI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI PERDUTI? - TI SERVE UN DIPLOMA PER INSERIRTI NEL MONDO DEL LAVORO?
IL CENTRO STUDI CARTESIO TI OFFRE LA POSSIBILITA DI CONSEGUIRE UN DIPLOMA E DI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI, CON LAIUTO DI DOCENTI QUALIFICATI E CON GRANDE ESPERIENZA NEI SEGUENTI INDIRIZZI:

GEOMETRA - RAGIONERIA - LICEO SCIENTIFICO - DIRIGENTE DI COMUNIT LICEO CLASSICO - ITI - LICENZA MEDIA - LICEO SOCIO PSICO-PEDAGOGICO CONTATTACI PER INFORMAZIONI tel. 0547 24700 - Viale Mazzoni 31/A 47521 Cesena (Fc) Cell. 347.9761004 e-mail: centro.cartesio@libero.it www.paginegialle.it

16

Gioved 25 agosto 2011

Valle del Rubicone


Gambettola
Suor Casadei infermiera fra i poveri del Ciad
Finir il 2 settembre il breve periodo di riposo che Anna Rosa Casadei delle suore della Carit di santa Giovanna Antida Thouret ha trascorso in Italia e nella sua famiglia a Gambettola. Ritorner a NDjamena, capitale del Ciad, dove svolge, da qualche anno, la sua missione di infermiera responsabile della sala operatoria (nella foto) di un ospedale fondato dai gesuiti e gestito da associazioni ciadiane. Il nosocomio dispone di 120 posti letto e non lunico in una citt che conta un milione di abitanti su una popolazione totale di 11 milioni di persone. Suor Anna Rosa si trova come missionaria dal 1993, in diverse mansioni, in quello Stato dellAfrica

A Longiano la variazione di bilancio

Indagini sul sindaco Diverbi in Consiglio


erata rovente al consiglio comunale dei primi di agosto a Longiano. Allinizio della seduta, protrattasi fin dopo la mezzanotte, stata approvata (con il voto contrario delle opposizioni) la quarta variazione al bilancio di previsione 2011. Le modifiche principali della parte corrente riguardano laggiornamento della stima della gestione del calore e gli introiti della conduzione del teatro. Nella parte capitale sono stati aggiunti 30mila euro per la messa in sicurezza del tetto della scuola di Budrio, 5mila euro per la gestione della Galleria delle Maschere e 5mila euro per la manutenzione dellimpianto sportivo del capoluogo. Sono state lasciate per fine seduta le dichiarazioni del sindaco, attese da una sala pi che mai gremita, riguardanti la vicenda giudiziaria che da qualche settimana lo vede protagonista. Pascucci indagato dalla Procura di Forl per atti commessi come pubblico ufficiale: avrebbe usato lauto di servizio per tragitti diversi da quelli previsti, cos come gli si addebitano alcuni rimborsi

spese. "Volendo salvaguardare il progetto politico de La Longiano che vogliamo - ha dichiarato Pascucci - ritengo di non dimettermi, anche se, sul piano personale, questa vicenda sta compromettendo la mia salute psico-fisica". "Noi siamo sempre garantisti, ma se le accuse risulteranno fondate non esiteremo a richiedere le sue dimissioni", ha asserito, a nome di tutto il centrodestra, Pietro Chiarabaglio. Pi duro lex sindaco Giuseppe Raggini che, invocando la piazza e le dimissioni, ha bollato il fatto come "una pagina nera per il comune di Longiano e per la Romagna". Il capogruppo del Pd Ruggiero Di Paola, confermando il "percorso di avvicinamento dalle file dellopposizione a quelle della maggioranza" ha rilevato "lesigenza di scindere le valutazioni politiche da quelle personali nei confronti del sindaco", ma ha assicurato che "nel caso in cui listruttoria dovesse

concludersi con un rinvio a giudizio, riteniamo opportuno che Pascucci si dimetta". Il gruppo consiliare La Longiano che vogliamo, di cui leader Pascucci, ha espresso "fiducia totale nelle istituzioni, comprese quelle comunali" e ha bollato le accuse di "certi giornali" come "prive di ogni fondamento". Nei giorni successivi al consiglio, Lelia Serra, membro della giunta comunale, ha tuttavia rimarcato la sua "sostanziale divergenza con la posizione attendista del movimento La Longiano che vogliamo" e si dimessa dal ruolo di assessore dei servizi scolastici e sociosanitari. Matteo Venturi

PARTECIPAZIONE
Non piangete la mia assenza: sentitemi vicino e parlatemi ancora. Io vi amer dal Cielo come vi ho amato in terra

Gatteo

Riuti e gestione della burocrazia Corso per i rottamai


Confesercenti cesenate e Bcc di Gatteo hanno organizzato, nelle scorse settimane, un seminario dedicato agli imprenditori del settore della rottamazione, demolizione e smaltimento riuti. Lincontro, tenutosi dietro iniziativa di Confesercenti e Innova, una societ del gruppo Confesercenti, rappresenta la conclusione di un percorso lungo quattro appuntamenti, che ha visto nellultimo anno il coinvolgimento dei soci Confesercenti e non, sul tema Sistri, il nuovo sistema di controllo e tracciabilit dei riuti, utilizzabile esclusivamente online. "La problematica dei riuti speciali ad oggi molto complessa e poco chiara - spiega Davide Ricci, responsabile dellarea Rubicone per la Confesercenti e responsabile nazionale del sindacato autodemolitori rottami e ricambisti - e sta mettendo in grave difficolt le piccole e medie aziende del settore con la conseguente chiusura di alcune di esse. Quello che si chiede al Governo di rivedere i tempi di entrata in vigore della norma, previsti a partire dall1 settembre 2011". Il Sistema un sistema di controllo della tracciabilit dei riuti che nasce nel 2009 nel pi ampio quadro di innovazione e modernizzazione della Pubblica amministrazione per permettere linformatizzazione dellintera liera dei riuti speciali a livello nazionale e dei riuti urbani.

Gambettola Una tre giorni di giochi e iniziative


Chiude i battenti "Estate a Gambettola 2011," la lunga kermesse di manifestazioni organizzate dallAmministrazione di Gambettola in collaborazione con le associazioni culturali e non del territorio. Sar "Giochidea 2011" una grande festa per le famiglie, in programma venerd 26, sabato 27 e domenica 28 agosto, nel parco "F. Fellini", in via Soprarigossa 785 a Gambettola. Tre giorni di spettacoli, giochi, musica e animazione per i bambini di tutte le et, organizzati dalla societ cooperativa "Idea" in collaborazione con lassociazione TreEsessanta. Lingresso alla manifestazione gratuito. (Ps)

Il Corriere Cesenate esprime nella preghiera vicinanza e affetto a Terzo Spada e a tutta la sua famiglia per la perdita del caro fratello

ADELIO

centrale che l11 agosto del 2010 ha festeggiato nalmente in pace il 50esimo di indipendenza dalla Francia. Si tratta di un paese vasto quattro volte lItalia con il 20 per cento di cattolici a fronte del 54 per cento di musulmani, il 14 per cento di protestanti e un 7 per cento di animisti e una minima percentuale di atei. Nel momento dei saluti ci propone di far conoscere il progetto delle suore della Carit di costruire un ospedale con 60 posti letto a Ngaoundal in Camerun. Per chi desidera entrare in contatto con lassociazione italiana che si interessa di raccogliere fondi clicchi su michelecornut@yahoo.fr o mariagraziadelaidini@yahoo.it o gfgiussani@yahoo.fr. Terzo Spada

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

Valle del Savio

della prima azione evangelizzatrice, avvi cos la cristianizzazione di territorio e persone, segnandone per sempre esistenze, concezioni e cultura; la sua opera, efficace e persuasiva, funse da spinta risorgiva e costitu il germe di una nuova civilt; stimato e apprezzato, si fece instancabile banditore del Vangelo, autorevole a tal punto da divenire primo Pastore e vescovo della citt; il suo agire cristiano e pastorale risult cos esemplare da condurlo alla santit e alla venerazione dei fedeli. Da allora una lunga serie di Pastori testimonia la fedelt al Verbo, con Il 28 agosto, a Sarsina, si celebra la solennit di San Vicinio una catena di guide che giunge sino al vescovo Douglas (alla sua prima solennit La sua esemplare pagina di santit vissuta assume i viciniana). Nel santuario sarsinate la santit (o almeno connotati dun modello di cristianesimo incarnato la sua desiderabilit) si fa visibile e tangibile, persino contagiosa e osmotica; il raccoglimento sortito dal luogo sacro, il linguaggio delle reliquie, il buon arcano di gesti tanto antichi quanto suggestivi fungono da viatico e propulsione, costringono a riflessione, si fanno concreta ipotesi e possibile varco, invitano al mutamento: auspicano, in una parola, conversione, spesso - magari nascostamente - cos attesa e necessaria, perfino salutare nel corpo perch nello spirito. Nella cappella del santo si pu assistere, curiosi o attoniti, devoti o dubbiosi, allinevitabile e convincente duello fra vecchio e nuovo, antico e moderno: ma stupefacente non la ritualit dei gesti (governati e stabiliti dalla saggezza liturgica, non a caso precisa sin nelle forme e nelle formule) quanto lo sguardo e il volto di chi se ne torna comunque toccato, visitato, a qualcosa disposto pi di quanto non lo fosse allentrata, pi incoraggiato a camminare (pellegrino) in un tempo che davvero somiglia vieppi ad una valle di lacrime. Questa la semplice-difficile lezione di san Vicinio: lo aveva ben compreso anche l calendario liturgico diocesano (28 lanonimo autore che, a cavallo dei secc. agosto) ci riporta a Sarsina, davanti XI-XII, compose la Vita Vicinii, lunica allurna del santo protovescovo testimonianza che il passato ci affida sul Vicinio: e la solennit della Chiesa, santo. Quelle pagine, doverosamente come da uso, determina anche la festa filtrate dal metodo storico, vagliate nella della comunit, della citt, del popolo topica agiografica e defibrillate da spasmo tutto. Nella cornice splendida della miracolistico ci consegnano tuttavia un concattedrale, ancora una volta lultimo convincente e attuale modello di santit vescovo guida i fedeli a rendere vissuta e incarnata. La quale, fenomeno omaggio al primo, origine di una propriamente cattolico, contempla la sequenza pastorale che perdura ormai possibilit per luomo di essere perfetto, da sedici secoli. Certo le mura della fede secondo la ben nota esortazione sono eloquenti, ma le processioni evangelica: "Siate voi dunque perfetti, duomini piamente veneranti come perfetto il Padre vostro celeste" (Mt tracimano di significato e vincono in 5,48). Il sepolcro di Vicinio per noi un persuasione. Ci rechiamo dunque, invito e una sfida. Partecipare alla sua festa fiduciosi, al sepolcro del santo patrono solenne, se gi non un accoglierli, Partecipare alla sua festa diocesano: non nelle vesti di turisti ma almeno traduce una disponibilit, solenne traduce una di pellegrini, disposti cio alla unintenzione, unincipiente risposta: a domanda, a mendicare il celeste aiuto uniniziativa che neppure nostra ma, disponibilit, nel cammino terreno, per come nella vita del santo, di un Altro. unintenzione, lintercessione del beato Vicinio; la sua Opportunamente, dunque, la liturgia delle esemplare pagina di santit vissuta Ore del Proprio ci sottopone quale antifona unincipiente risposta assume per noi i connotati dun dei secondi Vespri: "Non voi avete scelto modello di cristianesimo incarnato. Egli me, ma io ho scelto voi; e vi ho costituiti giunse nella nostra terra sulle macerie perch andiate e portiate frutto e il vostro di Marino Mengozzi della civilt antica, spinto da ansia frutto rimanga" (Gv 15,16). Come accaduto religiosa e anelito eremitico; portatore per Vicinio, di cui restano copiosi frutti.

Gioved 25 agosto 2011

17

SanVicinio: un invito e una sfida alluomo moderno

Un ricco programma ricreativo


La festa patronale di San Vicinio, oltre al profondo valore che rappresenta per i cristiani di Sarsina e della diocesi, anche motivo e occasione di festa per tutta la cittadinanza. Accanto al programma religioso, la Pro Loco plautina ha allestito un nutrito calendario civile che si snoda le sere della festa per concludersi alla mezzanotte del 28, con il consueto spettacolo di fuochi darticio. Gioved 25 agosto, a partire dalle 19, in programma la serata di solidariet "A tavola coi nonni", offerta dai Mecenati del Savio in collaborazione con la Pro Loco di Sarsina. Verr offerta una cena di pesce agli anziani della Casa di Riposo e a tutti i nonni con pi di 70 anni. Ad animare la serata il gruppo Amici della Danza Havana Club Latino. Venerd 26 dalle ore 21,30 musica dal vivo con il complesso Good Fellah, il concerto offerto dai bar e dai ristoranti di Sarsina Sabato 27serata di musica giovane coi Dj storici Giambi Ronconi e Mario Colonna di Radio Studio Delta. Presentano la musica anni 80 del gruppo QLuedo. Domenica 28 agosto, giorno della festa, la serata sar animata dallorchestra spettacolo del giovane sarsinate Luca Olivieri. Per tutte le serate della festa e per linterna giornata del 28 funzioneranno nella centrale piazza Plauto stand gastronomici a cura della Pro Loco. m.mosc.

SantAlberico
Si avvicina ormai il 29 agosto, giorno importante per leremo di SantAlberico e per tutta la zona montana della Diocesi, in cui si ricorda il santo anacoreta. Lo scorso anno ci fu un abbondante afflusso, oltre 2500 persone, provenienti dalla Romagna, dalle Marche e dalla Toscana in quanto leremo sul conne delle tre regioni. Il santo eremita, che gi in vita operava molti prodigi, invocato dai pellegrini che salgono allEremo, contro le malattie addominali e le ernie dei bambini. In questi secoli continuato lavvicendarsi degli eremiti, che sia pure a fasi alterne, hanno fatto funzionare leremo e la chiesetta annessa, accogliendo ed assistendo i pellegrini devoti del santo. Il

Montepetra

E morta suor Dorotea

Lions Club
Si svolta nei giorni scorsi presso il Grand Hotel di Cesenatico la cerimonia del passaggio delle consegne del Lions Club "Valle del Savio" al termine dellanno sociale 2010 -2011. Il presidente uscente, Ugo Berti, che tra le varie iniziative ha organizzato una mostra itinerante di cimeli storici che si svolta con successo a Mercato Saraceno, Sarsina, San Piero in Bagno, Alfero e Sogliano, ha consegnato la "stecca" dove sono riportati i nomi di tutti i presidenti, a Flavio Cermaria, che guider il Club nel suo trentanovesimo anno di attivit. Il Consiglio direttivo per lanno sociale 2011 -2012 risulta quindi cos composto: presidente:Flavio Cermaria, Ugo Berti; vice presidente Piergiorgio Pellicioni; segretario: Rotilio Biserna, Gianantonio Zanchi, Adriano Neri, Adriano Maraldi, Michele Crociani, Mauro Fabbretti, Alfredo Landi, Renato Mariani, Maria Nunzia Strano, Alberto Bertozzi, Romano Prati, Mirca Amadori. programma prevede le messe alle ore 7,30 - 8,30 - 9,30 - 11 - 15,30 - 16,30 17,30. Alle 11 la messa solenne presieduta da mons. Douglas Regattieri. Alle ore 10 inaugurazione del piazzale sottostante leremo con dedica a fratel Vincenzo, eremita dal 1962 al 2005, presenti le autorit e una delegazione da Racale. Alle 10,30 riconoscimento alla Scienza e alla Tecnica da parte dellAssociazione Culturale "Cooperazione Cristiana per lEuropa". possibile prenotare il pranzo presso leremita fratel Michele 0543 908156. Dalle 8,30 alle 10,30 presente un servizio di trasporto per anziani o chi avesse difficolt a camminare. Inoltre domenica 28 agosto sar dedicata a fratel Vincenzo, diacono eremita, con ladorazione eucaristica alle 15, alle 16 messa presieduta da monsignor Berardo Casini, parroco del luogo e alle 18,30 vespro solenne. Ci sar un ricordo particolare alla gura del Servo di Dio don Quintino Sicuro, eremita dal 1954 al 1968. Daniele Bosi

Aveva lavorato in Valle del Savio


Il vescovo Douglas Regattieri per la prima volta in visita a Montepetra. E successo domenica 14 agosto, vigilia della festa dellAssunta, nella chiesa di Montepetra, a pochi km da Sarsina. Qui ha concelebrato la messa insieme a padre Francesco Giuliani (Missionari della Consolata) e al parroco don Ezio Ortolani. La presenza di un porporato mancava da molto tempo a Montepetra. Il vescovo ha accolto con piacere linvito dei paesani con la promessa di tornarvi presto in visita. (foto Stefano Giannini) Alcuni giorni fa morta improvvisamente a Roma, allet di 84 anni, suor Dorotea Poggi, della Congregazione delle Ancelle del Sacro Cuore di Ges, sotto la protezione di San Giuseppe. La sua lunga vita religiosa ha superato i 60 anni di professione. Aveva iniziato la sua attivit di educatrice in diverse comunit dove cerano ragazze interne, inizialmente a Imola, poi a Finale Emilia e quindi nellIstituto "Casa della Provvidenza" di Cesena. Qui rimase ininterrottamente dal 1959 al 1971 quando fu nominata Superiora nellIstituto "Sacro Cuore" ancora a Finale Emilia. LIstituto " Casa della"Provvidenza", molto conosciuto a Cesena, si trovava in via Tiberti, dove attualmente c la Casa del Clero. E stato chiuso verso il 1980. Dopo aver costituito, per circa 100 anni, un importantissimo punto di accoglienza per le ragazze. Oltre ad una scuola interna di maglieria, dove suor Dorotea ha insegnato, dava ospitalit ad un centinaio di ragazze provenienti in gran parte da varie localit della valle del Savio: Sarsina, San Piero in Bagno, Ranchio, Balze, Mercato Saraceno, che frequentavano le varie scuole superiori della citt. Suor Dorotea, grande lavoratrice no allultimo, sempre sorridente, ha lasciato un ricordo incancellabile in loro. (Pp)

18

Gioved 25 agosto 2011

Solidariet
Cesenatico
Unitalsi. E proprio allemergenza che nelle ultime settimane vede coinvolti diversi Stati dellAfrica centrale, colpiti da una lunga siccit che sta seriamente compromettendo i raccolti e le relative sussistenze di milioni di persone, stata destinata lintera questua. Lofferta gi stata versata sul conto corrente della Caritas nazionale.

Cvs e Unitalsi Cesena


Un aiuto per il Corno dAfrica

Festa destate

Gatteo a Mare
Musica di solidariet

Seicento euro per il Corno dAfrica. A tanto ammonta quanto raccolto durante loffertorio della Messa che si celebrata nel pomeriggio di domenica 7 agosto nel parco di Villa Dionora di Carpineta, sulle colline cesenati. Allappuntamento hanno partecipato 250 tra ammalati, familiari e simpatizzanti aderenti al Cvs (Centro volontari della sofferenza) e

La fondazione La Nuova Famiglia ha organizzato per venerd 26 agosto dalle 18 la festa per i ragazzi, i volontari e gli amici nel piazzale della sede in via Cesenatico 60. In programma musica del gruppo La Leggera, cena a base di pesce preparata dai Pescatori a casa vostra, giochi, animazione del tenore Paolo Polini ed esibizione del gruppo Balla con noi.

Piazza della Libert, a Gatteo a Mare, ospiter spettacoli musicali e di danze con spazio al volontariato. Gioved 25 agosto alle 18,30 concerti di band giovanili, mercatino delle associazioni del volontariato, mostra fotograca; venerd 26 alle 21,30 spettacolo con Moreno il Biondo & Friends; marted 30 alle 21,30 esibizione del gruppo Romagna Mia; mercoled 31 alle 21,30 danze latino-caraibiche e folk romagnolo con Casadei danze Cesena. Ingresso libero.

Nel chiostro la mostraArtisti per il Monte

Quadri e sculture per ristrutturare le mura dellAbbazia


allestita fino all8 settembre, nel chiostro settecentesco dellAbbazia del Monte, a Cesena, la mostra darte Artisti per il Monte. Sono una trentina le opere della mostra promossa e curata dalla Societ Amici del Monte; tutti gli artisti, che hanno messo a disposizione gratuitamente le proprie opere, sono iscritti allassociazione che da oltre cinquantanni promuove e sostiene labbazia del Monte. In particolare, vi partecipano gli artisti Ilario Fioravanti (che ha messo a disposizione quattro disegni sanguigni e una scultura raffigurante un clown), Adelmo Calderoni (suoi anche diversi ex voto custoditi nellabbazia), Antonio Dal Muto, Fernando Fabbri, Loris Pasini, Franca Rossi, Leonardo Rossi, Giancarlo Turroni, Gilberto Turroni e Ilario Sirri. La mostra visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 18,30. Il ricavato sar devoluto interamente per il restauro delle secolari mura dellAbbazia, che necessitano di urgenti interventi di ristrutturazione. In pi punti, negli ultimi mesi, si sono verificati cedimenti, visibili anche salendo da via del Monte. Le mura

Mercatino Per i bimbi dellEritrea


Nel parco della Basilica del Monte
Nelle domeniche 28 agosto e 4 settembre, nel parco antistante la Basilica del Monte a Cesena, continua il mercatino a favore di adozioni missionarie francescane in Eritrea, allestito da volontari del comprensorio cesenate. Ad oggi sono circa 400 le adozioni a distanza, per un sostegno scolastico ai bambini dei villaggi in Eritrea. Le adozioni prevedono un impegno economico di 312 euro allanno. Negli ultimi anni con le offerte raccolte stato inoltre possibile la costruzione di un pozzo e sono stati inviati cinque container con generi di prima necessit. Nei giorni del mercatino viene distribuito il nuovo calendario 2012 nel quale sono riprodotte diverse immagini scattate nei recenti viaggi di alcune volontarie in Eritrea. Nella citt di Senaf, in particolare, in fase di costruzione una scuola materna dedicata alla memoria del musicista cesenate Alberto Borsari. Nella foto, lo scarico in Eritrea di uno dei container partiti da Cesena.

LA MOSTRA STATA INAUGURATA VENERD 12 AGOSTO. NELLA FOTO, ALCUNI DEGLI ARTISTI CHE HANNO MESSO A DISPOSIZIONE LE LORO OPERE

che delimitano il confine dellarea della Basilica risalgono al 400 e hanno una funzione estetica e di contenimento. Ad oggi, quantomai urgente un intervento di ristrutturazione il cui costo di partenza quantificato a non meno di 100mila euro - per il quale gi stato avviato un progetto e confronto con la Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici di Ravenna; fattiva anche la partecipazione dellamministrazione comunale di Cesena. Ma, ancora una volta, lappello rivolto ai tanti fedeli di Cesena e non solo che riconoscono nella Basilica del Monte la casa di Maria, madre nostra.

Attivit di ricovero 2010


I ricoveri ospedalieri si sono ridotti del 4,9 per cento: ecco il dato pubblicato dal Ministero della Salute dopo lultima rilevazione sui dati delle Schede dimissioni ospedaliere. La riduzione appare marcata soprattutto per i day hospital per acuti e per riabilitazione. Le giornate di degenza, anchesse stimate, risultano pari a circa 70,7 milioni e si riducono del 3,7 per cento. Il tasso di ospedalizzazione nel 2010 sceso a 174,5 ogni 1000 abitanti contro i 184,9 del 2009. Per acuti si ridotto raggiungendo i 120 ricoveri ogni 1000 abitanti contro i 124 dellanno precedente. Le dimissioni post intervento chirurgico sono aumentate di un 0,3 per cento, raggiungendo il 41,5 per cento dei ricoveri. Circa un terzo (31,5 per cento) di questi interventi avvengono in day surgery. La degenza media in ospedale non si discosta da quella dei precedenti anni, rimanendo sui 6,7 giorni. I giorni di attesa pre intervento scendono a 1,87, contro l1,88 del 2009.

NOTIZIARIO PENSIONATI
per presentare alle sedi Inps competenti la domanda di ricostituzione. In presenza di documentate contestazioni, lInps ha riconosciuto lesistenza di possibili errori le cui cause, peraltro, sono ancora in fase di accertamento. Sar cura del sindacato inviare tali segnalazioni allInps per facilitare lanalisi di quanto accaduto. Linps ha gi comunicato ai pensionati che dal 1 settembre p.v. dovrebbe operare la trattenuta. Da parte della Fnp Cisl, in presenza di errori accertati e tenendo conto del livello di reddito delle persone che potrebbero essere colpite da una ingiusta riduzione della pensione, stato chiesto di procedere al recupero dellindebito solo dopo laccertamento dei casi erroneamente contestati. A tal ne, facendo seguito a una specica richiesta del sindacato, i dirigenti dellIstituto hanno preannunciato la possibilit di spostare il recupero al 1 ottobre. Di questo si avr conferma nei prossimi giorni.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Indebiti sulla quattordicesima


Il recupero delle somme per la 14esima mensilit non spettante, accertate dallInps, sar effettuato tra novembre e dicembre, come richiesto dalla Fnp Cisl a livello nazionale per dare la possibilit allInps di compiere ulteriori accertamenti. Si rammenta che la lettera di indebito gi inviata dallInps agli interessati deve essere sempre esaminata dalle strutture Inas. In particolare si tratta di indebiti scaturiti dai controlli incrociati con lAgenzia delle Entrate e dalla rilevazione del mancato invio del Red relativo allanno 2008. Al riguardo lInps ha gi inviato agli interessati la lettera di indebito, concedendo 60 giorni di tempo

Per i pensionati del Corpo dei Vigili del Fuoco


La Fnp Cisl di Cesena rende noto che il personale in quiescenza nel periodo di vigenza del decreto per il contratto 2006/2007 e per il biennio economico 2008/2009 pu chiedere la riliquidazione del trattamento pensionistico. Rimane da accertare il diritto allapplicazione del contratto per coloro che sono andati in pensione prima dellemanazione dei decreti. Sar premura della Fnp Cisl di Cesena

36,7 per cento del 2009 al 47,3 per cento del 2010 tra le famiglie Ancora tagli alle pensioni? La Cisl non ci sta, se non si rimettono prima i buoi con tre o pi gli davanti ai carri. Ovvero, dice il leader Cisl Raffaele Bonanni, se non si tagliano minori. La povert prima i costi della politica, e se non si fa una riforma fiscale che contenga tagli relativa aumenta tra le allIrpef, aumenti dellIva e se non si introduce una patrimoniale sugli immobili, famiglie con persona prima casa esclusa. di riferimento Sulle pensioni si sono gi fatte tutte le operazioni possibili e immaginabili, e ora lavoratore autonomo abbiamo un sistema solido, come riconoscono tutti in Europa. Se vogliono metterci (dal 6,2 per cento al ancora le mani, vuol dire che non vogliono consolidare il sistema pensionistico: 7,8 per cento) o con un vogliono prendersi i soldi e basta. Il sistema politico italiano costa molto, e titolo di studio mediosoprattutto un freno allo sviluppo, con mille poteri in conflitto. Sono troppi e alto (dal 4,8 per cento costano troppo. Non c nessun Paese in Europa e nel mondo con un livello tanto al 5,6 per cento), a pletorico e complicato di istituzioni. Quando si parla di consolidare il sistema seguito del previdenziale siamo daccordo. Ma prima ci sono altre cose da fare. Della politica ho peggioramento detto. Poi bisogna anticipare la riforma fiscale, anche aumentando lIva, ma osservato nel riducendo lIrpef. Bisogna colpire le rendite finanziarie, passando dal 12,5 per cento Mezzogiorno, dove allaliquota del 20 per cento. E poi io sono per la patrimoniale, ovviamente senza laumento pi marcato toccare la prima casa. Se fanno le cose che abbiamo detto - politica, Iva, rendite, si rileva per i patrimoniale - tirano su un sacco di soldi, e le pensioni non c bisogno di toccarle. lavoratori in proprio E si rimette in moto leconomia. (dal 18,8 per cento al 23,6 per cento). Tra le famiglie con persona di riferimento relativa, per una famiglia di due informare gli interessati su eventuali diplomata o laureata aumenta anche la componenti, pari a 992,46 euro, circa 9 povert assoluta. LIstat sottolinea come sviluppi. euro in pi rispetto alla soglia del 2009 peggiora la condizione delle famiglie di (+1 per cento). La povert relativa ritirati dal lavoro in cui almeno un Oltre 8 milioni di persone sottolinea lIstat - aumenta tra le componente non ha mai lavorato e non sotto la soglia di povert famiglie di 5 o pi componenti (dal 24,9 cerca lavoro: si tratta essenzialmente di In Italia nel 2010 la povert risulta per cento al 29,9 per cento), tra quelle coppie di anziani con un solo reddito da sostanzialmente stabile rispetto allanno con membri aggregati (dal 18,2 per pensione, la cui quota aumenta dal 13,7 precedente: l11 per cento delle famiglie cento al 23 per cento) e di monogenitori per cento al 17,1 per cento per la relativamente povero e il 4,6 per cento (dall11,8 per cento al 14,1 per cento). povert relativa e dal 3,7 per cento al lo in termini assoluti. Lo comunica La condizione delle famiglie con membri 6,2 per cento per quella assoluta. La lIstat in unindagine in cui fotografa la aggregati peggiora anche rispetto alla Lombardia e lEmilia Romagna sono le realt da Nord a Sud, ma da cui emerge povert assoluta (dal 6,6 per cento al regioni con i valori pi bassi come il fenomeno tocchi comunque 8,27 10,4 per cento). Nel Mezzogiorno dellincidenza di povert, pari al 4,0 per milioni di persone. La soglia di povert lincidenza di povert relativa cresce dal cento e al 4,5 per cento rispettivamente.

A proposito della manovra di Ferragosto

Cultura&Spettacoli

Gioved 25 agosto 2011

19

PlautusFestival successo dipubblico equalit


Sono aumentati gli spettatori che hanno affollato larena di Calbano di Sarsina per la rassegna estiva di teatro classico, curata di Cristiano Roccamo
a 51esima edizione del Plautus Festival di Sarsina si conclusa sabato 20 agosto con la replica della commedia Miles Gloriosus di Plauto, interpretata da Vanessa Incontrada che ha riscosso ancora una volta un successo pi che lusinghiero. Lo spettacolo aveva inaugurato la rassegna il 16 luglio scorso, ma tali sono state le richieste che la replica si resa indispensabile. Non mai successo prima e gi questo costituisce una positiva novit. A questo punto gi possibile fare un bilancio della manifestazione, che positivo su tutti i fronti. Aumentato di oltre il 10 per cento il numero degli spettatori (che sono stati circa 8mila), aumentati gli incassi e le sponsorizzazioni. Tutti dati in controtendenza. Numerosissimi gli spettatori giunti a Sarsina per la prima volta, anche da localit lontane come Milano e Genova, con innegabile ricaduta positiva sulle varie attivit commerciali e ricettive. Questo grazie anche alla pubblicit radiofonica sulle reti Rai. Da rilevare infine la lusinghiera presenza di numerosi giovani. Questo lascia ben sperare per un rinnovato interesse per il teatro classico che si evidenzia quando vengono presentati spettacoli validi. A proposito degli spettacoli in cartellone si pu tranquillamente affermare che il loro livello stato nel complesso molto positivo. A cominciare proprio dal Miles Gloriosus che, evitate eccessive manipolazioni (non sono da considerare tali gli interventi in dialetto propri della Commedia dellArte), risultato piacevole e soddisfacente. C stata qualche differenza fra la prima e la seconda serata, dove si sono notati maggiori ammiccamenti di carattere cabarettistico che hanno divertito molto il pubblico. Successo anche per la tragedia Edipo di Seneca. Edoardo Siravo, il protagonista assoluto di questopera a fosche tinte, si fatto
IL PREMIO PLAUTUS 2011 STATO ASSEGNATO A VANESSA INCONTRADA, INTERPRETE DI PALESTRIONE NELLA COMMEDIA DI PLAUTO MILES GLORIOSUS CHE APERTO E CHIUSO CON SUCCESSO LA 51 EDIZIONE DELLA RASSEGNA. SOTTO, LA STATUA (OPERA DI DOMENICO NERI), RAPPRESENTANTE PIRGOPOLINICE, IL MILES GLORIOSUS DI PLAUTO. LA STATUA SI TROVA IN PIAZZA A SARSINA

Il Plautus Festival edizione 2011 si concluso in bellezza sabato 13 agosto con il monologo Edmund Kean. Genio e sregolatezza, interpretato da Giuseppe Pambieri
di Piergiorgio Pellicioni

apprezzare specialmente nella seconda parte. La commedia La Locandiera di Goldoni, ben interpretata da Nathalie Caldonazzo e Franco Castellano, tutta giocata sul movimento, seduzioni e moine, ha divertito il pubblico per il tono leggero e brioso. Non c stato un attimo di tregua e lo spettacolo filato via nel migliore dei modi. Giudizi complessivamente positivi anche per La commedia degli errori di Shakespeare con Beppe Barra, che si cimentato addirittura in quattro personaggi. stato uno spettacolo incalzante, facile da seguire nonostante la presenza sulla scena di due coppie di gemelli che ovviamente causavano equivoci a non finire, con unambientazione senza tempo e in un luogo, quasi immaginario, con belle musiche eseguite dal vivo. Forse c stato un po troppo poco Shakespeare, ma in compenso c stato tanto Beppe Barra, attore veramente bravo e di consumata esperienza. Buon successo di pubblico anche per George Dandin ovvero il marito scornato di Molire. Bella la scenografia, piacevoli i costumi, buona ovviamente la recitazione di attori esperti come Maurizio Micheli e Aldo Ralli. Gradimento totale per laltra tragedia in cartellone: Antigone di Sofocle in unarena ancora una volta gremita. Il pubblico ha seguito con particolare attenzione la tragica vicenda di Antigone messa a morte per aver voluto ubbidire alla legge divina piuttosto che a quella umana. Apprezzata Vanessa Gravina nel ruolo della protagonista e grandi applausi anche a Luca Biagini, nellimportante ruolo di Creonte, interpretato con toni vagamente mussoliniani. Il Plautus Festival edizione 2011 si concluso veramente in bellezza con il monologo Edmund Kean. Genio e sregolatezza. Bellissimo il testo teatrale arricchito da noti brani tratti dalle pi note

Plautus a Incontrada
Il Plautus Festival di questanno, sempre pi di respiro nazionale dopo il plauso del Presidente della Repubblica Napolitano attraverso il conferimento di una medaglia, e dopo la novit dei passaggi pubblicitari in Rai grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, ha fatto registrare anche un piacevole bis. Il Miles Gloriosus di Plauto, che ha aperto la stagione, stato riproposto il 20 agosto, in seguito alla grande richiesta del pubblico. Nelloccasione, a luglio, stata premiata Vanessa Incontrada, nota attrice e conduttrice televisiva, e debuttante assoluta in teatro. Anche per questo il Comune di Sarsina, insieme alla Bcc di Sarsina, al Rotary Club Valle del Savio, alla Fondazione Crc e alla Comunit Montana, ha voluto conferirle il Premio Plautus: un piatto in argento consegnatogli proprio alla fine della recita che lha vista protagonista nei panni maschili dellastuto servo Palestrione, ideatore di tutto linganno ai danni del soldato fanfarone. Il Miles Gloriosus, con la regia di Cristiano Roccamo (direttore artistico del festival) e in collaborazione con Teatrovivo, una produzione del Comune di Sarsina e girer lItalia con una trentina di repliche. Michela Mosconi
commedie di Shakespeare (si tratta infatti del racconto in prima persona della vita di Edmund Kean, attore inglese e grande interprete shakespiriano), intensa e modulata su toni diversi la recitazione di Giuseppe Pambieri, che ha brillantemente superato questa che pu essere considerata una vera e propria prova dartista.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


LA PI UMANA DELLE PASSIONI. STORIA DI FRANCESCO RICCI
di Alessandro Rondoni(ed. Bur, collana I libri della speranza), euro 8,90 Il giornalista Alessandro Rondoni a cinquantanni ha deciso di fare una riflessione su se stesso, facendo memoria, a ventanni della morte, della persona che di fatto lo ha aiutato di pi ad affrontare la vita. Ne nato il libro La pi umana delle passioni. Storia di Francesco Ricci, pubblicato nel luglio 2011 nella collana I libri della speranza della Bur. Per capire meglio la statura umana e culturale di don Francesco bene partire dallappendice, che riporta tre suoi testi molto significativi: leditoriale della rivista da lui fondata, Cseo documentazione, n. 147, febbraio 1980, intitolato: Europa, Europa in cui profeticamente afferma che la divisione del nostro continente si pu superare riscoprendone lunit culturale data dalla fede cristiana, congiunta alla vita delluomo; la nota di edizione dellaltra rivista da lui fondata, Il Nuovo Areopago, n. 4, 1989, dove, commentando la caduta del muro di Berlino afferma: Dio davvero il Signore della storia e Cristo ne davvero il centro. Ci significa che il destino delluomo e dei popoli continuer ad essere amato da un Amore pi potente di tutti i poteri e che il luogo dellesperienza di questo Amore continuer ad essere dato agli uomini nel corpo di Cristo che la sua Chiesa. Non mancheranno certo prove e persecuzioni, sofferenze e martirii, ma la Chiesa continuer a essere il segno e la ragione della speranza, la testimone della verit e il giudice della menzogna, a favore

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)

delluomo e contro coloro ai quali delluomo non importa. In altre parole, non verr meno il miracolo; lomelia per un battesimo di un bambino, nella quale spiega che in tale sacramento accade, mentre uno neanche in condizione di rendersene conto, lunico cambiamento possibile alluomo, che cambiamento delluomo, della persona, cambiamento dei suoi rapporti con gli altri e cambiamento della sua relazione con il mondo. Rondoni, che ne stato collaboratore e amico, afferma a pag. 21 che Ricci non voleva essere ammirato, voleva essere seguito. Voleva che chi stava al suo fianco guardasse nella direzione in cui lui guardava, che era quella indicata da Ges Cristo, Signore del cosmo e della storia. Come evidenzia molto bene il libro, Don Ricci, nato nel 1930, ha vissuto alcuni incontri decisivi con monsignor Giuseppe Prati detto don Pippo, fondatore nel 1919 del settimanale cattolico Il Momento, di cui stato un giovane collaboratore, con il gesuita padre Pietro Leoni, suo compaesano di Premilcuore, missionario in Russia tornato in Italia nel 1955 dopo dieci anni di gulag sovietici, con don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione con il quale ha condiviso la passione per lannuncio cristiano a tutto il mondo, con papa Giovanni Paolo II, da lui conosciuto quando era cardinale di Cracovia.

Concorso di poesia In ricordo di Nello Vaienti, fondatore Cisl a Cesena


La Fnp di Forl-Cesena, in collaborazione con IUte e IUst Cisl, bandisce un concorso di Poesia, allo scopo di ricordare la gura e lopera di Nello Vaienti, tra i fondatori della Cisl di Cesena e della Fnp dellEmilia Romagna. La partecipazione riservata ai soli iscritti alla Fnp della regione Emilia Romagna. Il concorso si articola in due sezioni: Poesie in lingua aperto a tutti e Poesie in dialetto romagnolo. Pu essere presentato un solo testo o in lingua italiana o in dialetto romagnolo. I testi devono avere forma anonima. Nome, cognome e recapito andranno allegati in busta chiusa. Le poesie saranno a tema libero. Le opere devono essere inviate entro il 10 settembre e indirizzate alla Fnp-Cisl, via Renato Serra 15, 47521Cesena (Fc) tramite raccomandata R.R. Per info: Fnp Cesena, tel. 0547 22803.

20

Gioved 25 agosto 2011

Cesena & Comprensorio


Longiano
Fotografie in mostra
Immagini di viaggio di Michel Butor realizzate negli anni Cinquanta sono esposte, per la prima volta in Italia, dalla fondazione Tito Balestra al Castello Malatestiano.E aperta dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 no a marted 30 agosto.

Notizie flash Cesenatico


Concerto dorgano
Sar il tedesco Wolfgang Klsener allorgano con la glia Maria al violoncello e il glio Johannes alla tromba a chiudere la rassegna di "Concerti dorgano 2011", giunta alla XXIV edizione e organizzata da Adac in collaborazione con la parrocchia. Venerd 26 agosto alle 21,30 nella chiesa di San Giacomo eseguiranno brani di Purcell, Bach,Alain, Naulais, Liszt e Clarke. Lingreso libero. Seguir un assaggio di pesce sul porto canale.

Cesena

I suoni dello spirito


La serata conclusiva della rassegna "I suoni dello spirito", venerd 26 agosto alle 21 al chiostro di San Francesco, dedicata al tema del "Viaggio in Italia" di viandanti, viaggiatori e pellegrini. Letture a cura di Loris Canducci, Graziella Carnaccini, Maria Faggiano, Daniela Montanari, Paolo Turroni e Giuseppe Valzania. Accompagnamento musicale del Trio Semitonato. Lingresso libero.

Sogliano
Mostra darte

E allestita al museo di Arte povera nel palazzo Marco Santi-Ripa in piazza Garibaldi la mostra curata da Sara Tintori e dedicata ad Antonio Canova e Michelangelo. E aperta tutte le domeniche dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 e su prenotazione al 3351039833 o allo 0541 948418.

Gambettola

Cesena
Mostra darte
C tempo no a domenica 28 agosto per visitare alla galleria darte del Palazzo del Ridotto la mostra, a cura di Massimo Pulini, di 35 opere della collezione AltomaniCiaroni. Raccoglie dipinti di Carracci, Sassoferrato, Cagnacci, Pomarancio. Orari di apertura: dalle 9,30 alle 13 e dalle 16 alle 19,30.

Un premio ai giovani neolaureati


i svolta nella suggestiva cornice del Giardinetto dello Straccivendolo, e nel tratto antistante di corso Mazzini, la settima edizione di "Dottorinstrada". La serata, organizzata dal gruppo culturale "Prospettive" dedicata ai neo-laureati di Gambettola negli anni accademici 2009/2010 e 2010/2011. Sono stati premiati: Alice Foiera (Scienza della Formazione) e Federica Motta (Scienze Economico-aziendali). Questi i nomi dei neo laureati e relativi indirizzi: Beatrice Abbondanza (Matematica), Orietta Amadori (Sociologia), Enrico Bertozzi (Informatica),

Gatteo a Mare
Partita benefica
Il primo biglietto per la partita tra la nazionale cantanti e il GatteoMareVillage team stato acquistato dal sindaco Gianluca Vincenzi. La gara si terr sul campo sportivo di Gatteo a Mare venerd 9 settembre alle 20,30. Lincasso della partita sar devoluto alla casa di accoglienza " A. Fracassi" di SantAngelo e listituto "Don Ghinelli" di Gatteo.

Giorgia Calandrini (Scienze e Tecnologie Alimentari), Chiara Canducci (Scienze Chimiche), Martina Domeniconi (Economia e Commercio), Sara Fabbri, Arianna Magnani e Vincenza Scalise (Psicologia), Simona Giorgini (Ingegneria Edile), Chiara Gardini e Valentina Montalti (Architettura/Ingegneria Edile), Federica Motta (Scienze Economico Aziendali), Alessandra Panacea (Veterinaria), Dalila Riva (Farmacia), Gabriella Rossi (Filologia Moderna), Debora Spinello (Lettere), Serena Zavalloni (Economia Politica), Daniela Barberini e Fabio Rossi (Architettura), Gianni Neri e Matteo

I NEOLAUREATI E CON ALCUNI DEGLI ORGANIZZATORI (FOTO MARIO GAMBETTOLA)

Stacchini (Ingegneria Civile), Enrica Campana e Monica Rossi (Lingue), Elisa Ambrosiani e Ramona Norvese (Giurisprudenza), Alice Foiera (Scienze della Formazione), Lara Lombardi e Silvia Nanni (Scienza della Formazione Primaria), Simone Baiardi, Valentina Boschetti, Laura Brigidi, Andrea Gobbi, Riccardo Gobbi e Daniele Screpis (Medicina e Chirurgia). Nella foto di Foto Mario Gambettola, i neo dottori ed i relatori della serata. Piero Spinosi

Bagno

Il territorio in mostra

San Mauro

Festa in parrocchia

Cesenatico

Musiche di Mozart e Rossini


Al teatro allaperto di Largo Cappuccini, mercoled 31 agosto alle 21,15, terranno un concerto Elio (voce) e I Fiati associati con Massimo Mercelli (auto), Fabio Bagnoli (oboe), Riccardo Crocilla (clarinetto), Paolo Carlini (fagotto) e Paolo Faggi (corno). Ingresso da 14 a 18 euro.

Longiano
Serate di musica
Ogni sera alle 21 lungo le vie e le piazze del centro storico saranno eseguiti concerti dai 125 giovani musicisti, italiani e stranieri, che partecipano al VI corso estivo organizzato dallassociazione "Deamusica" di Rimini in collaborazione con il Comune e diretto da Claudio Casadei. Il concerto conclusivo sar tenuto al teatro Petrella domenica 28 agosto alle 18. Venerd 26 agosto alle 21 nel Santuario del SS. Crocisso eseguir musiche dorgano Francesco Tasini. Lingresso gratuito.

Chiuder domenica 4 settembre al Palazzo del Capitano la mostra "Il paesaggio attraente. Per una carta dei beni culturali di Bagno di Romagna e dellAlto Savio" sul patrimonio storico, artistico e culturale del territorio. Ingresso gratuito dal marted alla domenica.

Prender il via gioved 1 settembre la ventinovesima edizione della festa di ne estate alla parrocchia di San Mauro in Valle. La festa, che si snoder per quattro serate allinsegna del gioco, della gastronomia romagnola, della musica e di incontri, si aprir gioved primo settembre con la cena delle famiglie, alle 20, e a seguire alle 21 i bambini e i giovani della comunit parrocchiale presenteranno lo "Spettacolo di casa nostra", con canti e scenette.

3Montiband in trasferta

Bagno
Le magie del canto
Saranno il soprano Paola Romano e i suoi allievi del XX corso internazionale di perfezionamento musicale a proporre il concerto di domenica 28 agosto alle 21 nella basilica di Santa Maria Assunta. Al pianoforte Raffaella Migailo e Giancarlo Peroni. Lingresso libero.

La 3Montiband di Montiano, accompagnata dal sindaco Fabio Molari, dal 21 al 24 luglio stata ospite di Trossingen, una citt di 15mila abitanti nel Baden-Wurttenberg, nota per le rassegne e gli istituti musicali. Si esibita in un concerto che ha riscosso calorosi applausi, meritando un rinnovato invito per la stagione estiva 2012 e ha fatto conoscere i prodotti tipici di Montiano. Non mancato il ricevimento in Comune alla presenza delle autorit municipali e regionali. Continuano frattanto le performance della Band in terra di Romagna. Sabato 27 agosto alle 21 terr un

concerto beneco al quartiere Fiorenzuola a Cesena. Sabato 3 settembre sar in piazza a Roncofreddo, sabato 10 alla festa parrocchiale di Calisese, domenica 11 in piazza Ciceruacchio a Cesenatico. Tra le iniziative organizzate per diffondere la cultura musicale sono da annoverare la scuola di musica per lanno 2011-2012 che chiuder con il saggio nale degli allievi in piazza Maggiore nel mese di giugno 2012 e il corso di auto dall1 al 4 settembre, tenuto da Alessandra Berardi e Simone Prozzo. Terzo Spada

Sorrivoli
Spettacoli di burattini
Continuer no al domenica 28 agosto al Castello la XIV festa dei burattini. Ogni sera alle 21 spettacolo con compagnie diverse e al mattino laboratori per bambini e adolescenti che terranno il saggio nale alle 21 di domenica 28 agosto.

San Piero Festa alleremo di Corzano

Comincia gioved 25 il Triduo in preparazione della Festa di domenica 28 al santuario della Madonna di Corzano (San Piero in Bagno). E la tradizionale festa dellultima domenica di agosto, legata alla ricorrenza (il 24 agosto) di San Bartolomeo, cui era intitolata la chiesa del castello di Corzano. Nelle giornate di gioved, venerd e sabato previsto il ritrovo dei fedeli alle 15,30 nella piazza Grande per andare in pullman a Corzano. Alle 16

si recita il rosario, alle 16,30 si celebra la messa. Sabato alle 20, al suono delle campane di Corzano, si accendono contemporaneamente i fuochi nella valle. Domenica 29 la messa in programma per le 7, 9, 11, 15,30 e 17. Alle 6,15 prevista la partenza a piedi in pellegrinaggio dalla chiesa parrocchiale con la recita del Rosario. La messa delle 7 sar dedicata in maniera particolare allultimo eremita di Corzano, Quirino Maggio. (Alme)

Cesenatico
Marted 16 agosto il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla ha premiato insieme al sindaco del Comune di Cesenatico Roberto Buda (nella foto Pippo), gli ideatori e artisti che hanno realizzato il Presepe della Marineria a cui stato conferito dal Ministro il riconoscimento di "Patrimonio dItalia per la Tradizione".

Incidenti: tragica estate nel Cesenate


Tanti, troppi incidenti mortali sulle strade del Cesenate. L8 agosto, in zona Pennabilli, morto Pierluigi Leoni di Cesena, in uno scontro fra la sua moto e un camion. Marco Selva, 52enne di Gambettola, morto il 10 agosto a Cesenatico in sella al suo scooter a causa di uno scontro con unauto.

Il 12 agosto, a San Giorgio di Cesena, morto il 18enne Anthony Ricchi, di San Martino in Fiume, che ha sbattuto violentemente contro un palo della luce a bordo della sua auto. Il 12 agosto un bambino di 10 anni, Matteo Casadei Bracci di Gatteo morto in un incidente nella zona di Molfetta (Bari): unauto ha speronato la vettura, guidata dal padre, su cui il bambino viaggiava per raggiungere il luogo delle vacanze. Il 13 agosto Emanuel Di Grazia, in sella alla sua moto, morto a SantAngelo di Gatteo. Abitava a Ponte Ospedaletto di Longiano e aveva 33 anni.

Sport

Gioved 25 agosto 2011

21

I bianconeri affrontano lAtalanta

Riparte la serie A Cesena pronto alla sfida

I LAVORI ALLO STADIO, CON LA REALIZZAZIONE DEL CAMPO SINTETICO E I NUOVO GRADONI, IN LEGNO, DELLA GRADINATA (PIPPOFOTO)

Si riparte: il campionato di serie A La squadra del presidente riallaccia gli scarpini questo weekCampedelli sta trovando la sua end, e il Cesena di scena a Bergamo contro lAtalanta. Dopo fisionomia. In Coppa Italia lAscoli aver saggiato le competizioni di mister Castori battuto al ufficiali domenica scorsa in Coppa Italia contro lAscoli di mister fotofinish con un gol di Bogdani Castori, i bianconeri di Romagna tornano a fare sul serio questa domenica alle ore 18 contro i nerazzurri allenati da Colantuono. Allo stadio Atleti atto, non solo portando in riva al Savio giocatori come Azzurri dItalia, Mutu e compagni troveranno un Mutu, Eder, Comotto, Candreva e Guana, ma anche ambiente particolare, reso pi difficile dalla approntando novit a tutto campo. A partire dal situazione della squadra lombarda dopo le sentenze rinnovato ed ampliato terreno di gioco in sintetico di "scommessopoli" che hanno portato a terminare la che ha sostituito il glorioso manto erboso del carriera anzitempo del capitano atalantino Doni e alla Manuzzi, le cui zolle sono finite addirittura allasta su partenza ad handicap di -6 punti da scontare in internet schizzando a 7000 euro. Sar un Manuzzi dal questo campionato. Ecco perch, contro lex cesenate nuovo look quello che si scoprir alla seconda Schelotto e gli altri nerazzurri, la partita sar davvero giornata di campionato in programma dopo la prima una battaglia, visto che i padroni di casa vorranno sosta dovuta alla nazionale. Contro il Napoli il 10 o 11 subito "correggere" il punteggio che li fa partire ancor settembre limpianto della Fiorita si presenter infatti pi nelle retrovie in quella che sar la volata salvezza. con barriere pi basse in gradinata (ottenendo una Partire col piede giusto ovviamente lobiettivo del migliore visibilit e pi vicinanza al campo), e senza Cesena targato Gianpaolo. Il tecnico di Giulianova sta le reti nella parte alta delle curve. In pi ci saranno predicando il bel calcio, con giocatori di categoria, alcuni box per pochi eletti sistemati quasi in campo a che vorranno portare avanti il progetto ambizioso fianco delle bandierine del corner, rendendo tracciato dal presidente Igor Campedelli, vulcano latmosfera del Manuzzi ancora pi innovativa e inarrestabile di idee che poi mette prontamente in allinglese. Il popolo di fede cesenate ha risposto

presente in massa anche questanno sottoscrivendo numerosi abbonamenti per quello che ci si aspetta sia un campionato in cui divertirsi. Le insidie per sono sempre dietro langolo e dopo la salvezza dello scorso anno, sar importante non sottovalutare gli avversari e cementare un nuovo gruppo fatto anche di spiccate personalit (su tutte Mutu) che dovranno convivere nel miglior modo possibile. Cesena-Ascoli. Il Cesena batte lAscoli di Castori per 1-0 in Coppa Italia sul neutro di San Marino e accede al turno successivo della competizione. A decidere le sorti dellincontro, contro lapplauditissimo ex tecnico bianconero, stato un guizzo di Bogdani che di testa ha rotto gli indugi al 13 del secondo tempo supplementare. Sul cammino della truppa cesenate ci sar ora il Gubbio neopromosso in serie B, che ha eliminato lAtalanta. Eric Malatesta

Il rugby protagonista in tutta Cesena


Dopo la nazionale italiana al Manuzzi, riprende lattivit la compagine locale promossa in A
Rugby in primo piano. A met agosto lo stadio Dino Manuzzi di Cesena ha ospitato la partita della nazionale italiana contro il Giappone. Gli Azzurri hanno battuto (31-24) in amichevole gli atleti del Sol Levante, in una serata di grande sport. (nella foto GM Zanotti). A livello locale il rugby sotto ai riflettori. Il Romagna RFC, la squadra di rugby cesenate neopromossa in serie A, ha completato la rosa in vista del nuovo campionato. Dopo la conquista della serie A,

avvenuta lo scorso maggio nelle finali promozione contro il Rugby Casale, i galletti si preparano a disputare un nuovo campionato che si preannuncia molto combattuto, in particolare per quello che riguarda la lotta per non retrocedere. Sulle dodici formazioni partecipanti sono sei le neo-promosse (quattro di diritto, due ripescate) e per questo i romagnoli dovranno faticare per guadagnarsi la permanenza nella categoria. La formula prevede la retrocessione diretta per le due squadre che si classificheranno in ultima e penultima posizione in campionato, mentre la nona e la decima dovranno disputare le finali play-out con le squadre classificate allundicesimo e dodicesimo posto nel Girone 1. Con linizio della preparazione, lo staff dirigenziale del Romagna RFC ha optato per una riconferma sostanziale del gruppo che ha conquistato promozione cercando di inserire alcuni innesti di qualit anche a fronte di alcune defezioni. Sono da segnalare le partenze di Maccieri, Martinelli, Pirona e Qeli, oltre che al ritiro dal rugby giocato di Scozzatti che sar sostituito

dal ventitreenne Marioli Nobile Claudio Piero. Quattro i nuovi giocatori che potenzieranno il comparto: il veneto Alessandro Gregnanin, Stefano Petrella, Marco Mattiacci e Matteo Righi. Gregnanin, proveniente dal Modena Rugby Club, un giocatore di grande esperienza nel campionato di serie A e sar una pedina importante per dare maggiori sicurezze alla linea arretrata romagnola. Petrella, estremo proveniente dal Rugby Grande Milano, classe 1988 che, trasferitosi a Faenza per motivi di lavoro, cerca un posto con la maglia dei galletti. Marco Mattiacci e Matteo Righi tenteranno di conquistare il diritto di indossare la maglia da titolare del Romagna RFC.Nel reparto delle seconde linee la novit Alessandro Devodier, nato nel 1991, di scuola nocetana e atleta che vanta un ottimo approccio fisico al gioco. Nel ruolo delle prime linee, sono tre i nuovi innesti: Gabriele Turroni, dopo due stagioni passate al Colorno ed al Gran Ducato, ha scelto di ritornare alle origini e di vestire nuovamente la maglia del Cesena. Giusy Riciputi

Pagina Aperta

Gioved 25 agosto 2011

23

In ricordo di monsignor Pietro Sambi


Decine gli interventi e le testimonianze sullarcivescovo originario di Sogliano al Rubicone deceduto negli Usa il 27 luglio scorso

LOcchio indiscreto

I pensieri dellex vicesindaco di Gerusalemme

la Romagna e autorevole diplomatico dalla lunga esperienza, chiamato a svolgere il suo difficile con sommo dispiacere che ho inteso la doloe complesso servizio di rapprerosa notizia della scomparsa del nostro cosentante pontificio in alcuni dei mune amico Pietro Sambi. Sapevo che doveva luoghi pi delicati e caldi del essere sottoposto a un piccolo intervento da mondo. niente, mai mi sarei immaginato che questo Conservo ancora vivo il ricordo potesse diventare letale. del mio incontro con lui a GeruQuando si trovava qui a Gerusalemme absalemme, dove come nunzio apobiamo avuto molti incontri sempre amichestolico in Israele e delegato per la voli. Era una persona piena di brio, un tipo Palestina ha svolto unintensa e ameno dal quale potevamo sentire unottima proficua opera a sostegno dei cribattuta quanto un discorso molto serio e, semstiani in Terra Santa con un prepre, pieno di senno e di amore. ciso contributo alla soluzione Nonostante le nostre fedi fossero diverse ci trodellassedio alla Basilica della vavamo daccordo su tantissimi argomenti. Nativit nella primavera del Come vice sindaco di Gerusalemme mi adope- MONSIGNOR PIETRO SAMBI ERA ORIGINARIO DI 2002. SOGLIANO AL RUBICONE. DAL DICEMBRE 2005 rai molte volte per appoggiarlo di fronte al sin- STATO NUNZIO APOSTOLICO PER GLI STATI UNITI Ho avuto poi il piacere di rivedaco e ad alti esponenti del governo. Con il DAMERICA E OSSERVATORE PERMANENTE derlo nuovamente nel giugno tempo anche il sindaco seppe apprezzarlo e PRESSO LORGANIZZAZIONE DEGLI STATI scorso, alla vigilia della sua parseppe usufruire delle sue doti di Nunzio amico AMERICANI. NEGLI STATI UNITI SI OCCUP DI UN tenza per gli Stati Uniti. Anche in CASO DELICATO: QUELLO DELLO SCANDALO in Terra Santa. quel caso stato un incontro corIn unoccasione mi rivolsi a lui per una mis- PEDOFILIA, TEMA CHE LO AFFLISSE dialissimo, nel corso del quale ha sione molto delicata. In quei giorni il primo PARTICOLARMENTE MA CHEAFFRONT CON espresso ancora una volta tutta la FERMEZZA E DELICATEZZA. MORTO IL 27 ministro israeliano Ariel Sharon stava effet- LUGLIO 2011 A BALTIMORA ALL'ET DI 73 ANNI, sua schiettezza, la sua ironia, ma tuando il disimpegno dalla striscia di Gaza. PER COMPLICAZIONI IN SEGUITO A UN DELICATO anche la sua profondit. In quelVennero abbattute tutte le abitazioni dei Co- INTERVENTO CHIRURGICO AI POLMONI. loccasione ho avuto lonore di loni che dovevano essere espulsi e si cre un consegnargli un libro su Cesena, problema: cosa fare con le sinagoghe. che aveva accolto con sincero interesse. Il premier voleva abbatterle, io pensavo che noi ebrei non po- Con la sua scomparsa la Romagna perde uno dei suoi tevamo dare una mano allabbattimento anche di una sola rappresentanti pi illustri e uno straordinario testisinagoga. Non sapevo come convincere il primo ministro e mone di fede. mi venne unidea: mi rivolsi a monsignor Pietro Sambi. Lo Rita Ricci incontrai nella sua dimora e lo implorai di segnalare la cosa presidente del Consiglio Comunale di Cesena al Santo Padre a Roma. Lui mi ascolt con molta attenzione e mi disse: Far tutto quello che potr. Il giorno dopo la de- Cordiale, gioioso, fraterno cisione del premier fu revocata. Qualche giono dopo mi telefon e mi disse tre parole: Da- quanto profondo e umano vide, hai visto!!. Era davvero un vero amico. Ho avuto il privilegio e la fortuna di conoscere e di David Cassuto frequentare a Bruxelles per un lungo periodo monsiex vicesindaco di Gerusalemme gnor Pietro Sambi, Pietro, come si faceva chiamare dagli amici. Un grande vuoto Lho poi incontrato, durante il suo peregrinare per il mondo per assolvere al suo Ministero, in varie occaper la comunit di Sogliano sioni: a Rimini per la sua consacrazione di arciveMonsignor Pietro Sambi ha lasciato un vuoto veramente scovo; a Sogliano, ospite della sua dimora; ad Anzio grande nella nostra comunit e nel nostro cuore. presso di noi, a Bujumbura, a Giacarta. Ho potuto Sapeva fare valere le sue doti di uomo di Chiesa e diploma- cos apprezzare e godere della sua grandezza: di tico, assieme alla fraternit e amicizia che da sempre lo uomo e di religioso e far tesoro dei suoi insegnahanno contraddistinto. Era davvero un grande uomo, ma menti di vita. anche un amico. Cordiale, gioioso, fraterno, modesto, semplice, Il giorno della partenza per gli Stati Uniti, salutandoci qui a quanto profondo e umano. Non dimenticher mai Sogliano al Rubicone, nulla lasci trapelare di quanto pro- tutti i momenti trascorsi in sua compagnia e gli inbabilmente sapeva che sarebbe potuto accadere di l a pochi segnamenti che ci ha trasmesso col suo modo di fare giorni. amichevole e a volte scanzonato ma sincero e intenOggi lo abbiamo accolto nuovamente, con grande emozione, samente educativo. quella stessa emozione che sicuramente ci pervader ogni Addio caro Pietro, ci hai lasciati troppo presto lavolta che il nostro pensiero passer in rassegna le tante oc- sciandoci costernati senza pi il tuo accattivante casioni in cui ci ha reso partecipi della sua grande umanit. sorriso. Quintino Sabattini Giacomo Giacomello sindaco di Sogliano al Rubicone

Un pescheto abbattuto, un ritornello cesenate. Purtroppo, si potrebbe aggiungere. Gli alberi che un tempo popolavano la nostra campagna stanno diventando una rarit. I prezzi stracciati che vengono riconosciuti agli agricoltori stanno mettendo in ginocchio una delle culture pi tipiche della Romagna. Nel Primo piano della prossima settimana affronteremo largomento diventato di stretta attualit.

moderna (fatti religiosi e politici mondiali, etc,), tutte le persone che ha incontrato, anche le pi modeste, quasi a volere rendere loro quanto non potevano ottenere in altro modo. La sua presenza infondeva quella sua radicata fede anche in mezzo a una bonaria chiacchierata tra amici. Addio amico monsignore, mi mancher tanto il tuo esempio di fede e di uomo. Marco Guiduzzi

IL DIRETTORE RISPONDE
Carissimi lettori, prima di tutto desidero esprimere il mio pi vivo ringraziamento a quanti sono intervenuti per ricordare monsignor Sambi. Il nostro sito internet stato molto visitato alla notizia della morte del nunzio apostolico, giunta quando il giornale cartaceo era gi chiuso per ferie. E stato bello e consolante esserci scambiati le diverse esperienze vissute in varie parte del mondo con il vescovo che veniva dalla Romagna, la sua amata terra che ha sempre portato nel cuore. In questa pagina abbiamo riportato alcuni dei numerosi scritti pubblicati sul nostro sito www.corrierecesenate.it. Mi permetto di inserire anche il mio, scritto il giorno seguente al funerale, che non dice dellimmenso dispiacere provato alla notizia della morte, ma cerca solo di fare comprendere quanto abbiamo ricevuto da un prete fuori dallordinario. La morte improvvisa e del tutto inattesa di monsignor Pietro Sambi ha lasciato senza parole tutte le persone che lhanno conosciuto e ne hanno apprezzato le doti umane e spirituali. Ho avuto il privilegio di essere stato a colloquio con lui in diverse occasioni. Solo qualche settimana fa abbiamo pubblicato un pezzo relativo a una serata al Rotary del Rubicone. Prima della cena, come sempre grande cordialit negli incontri informali. Monsignor Sambi aveva sempre mille aneddoti da raccontare. Ci rendeva familiari i grandi e i potenti della terra, come ho scritto ieri sul libro posto accanto al suo corpo, nella chiesa parrocchiale di Sogliano al Rubicone. Amava la sua Romagna e la gente di Romagna. Da lui, confessiamolo, ci sia sentiti voluti bene. E di questo, tutti quanti, ne andavamo orgogliosi. Sentirlo parlare di Obama, di Arafat, di Bush o di altri presidenti, con la semplicit di cui solo lui era capace, era un piacere che mai avremmo voluto interrompere. Un prete nella stanza dei bottoni il titolo dellultimo pezzo che il Corriere Cesenate ha pubblicato il 16 giugno scorso. Un prete presente fra i potenti del mondo ricordava monsignor Sambi con poche armi a sua disposizione. Personalmente utilizzo la capacit di convincere i miei interlocutori con argomenti umani ed etici. Poi, in un altro momento della serata aveva ribadito che non dobbiamo mai dimenticare che lautorit ci conferita non per il potere, ma per il servizio. Dobbiamo davvero essere grati a Dio per averci donato lamicizia e la vicinanza di monsignor Sambi. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Schiettezza, ironia e profondit

Infondeva fede anche in una bonaria chiacchierata


La singolarit di monsignor Sambi la sua capacit di fare partecipare ai grandi avvenimenti della storia

Desidero esprimere il pi sentito cordoglio per la scomparsa di monsignor Pietro Sambi, vivo testimone di fede per tutta