Sei sulla pagina 1di 44

attualit

P. Belingheri in Indonesia: la Chiesa vicina alla gente

dossier
Intervista a Benedetto XVI sul futuro dellEuropa

fatti
Il servizio alla Procura delle Missioni Estere di p. Ventriglia

missioni
Qui Uruguay Qui Senegal e le lettere

Prezzo di copertina 2,20 - gennaio-febbraio 2013 - Poste Italiane s.p.a. - spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2, DCB/ UFFICIO POSTE ROMA ROMANINA

MISSIONI

RIVISTA MENSILE DI ATTUALIT MISSIONARIA

n. 01/02 GENNAIO-FEBBRAIO 2013

OMI

Rinnovata speranza

Dal Sinodo sulla Nuova evangelizzazione

SOMMARIO
MISSIONI OMI Rivista mensile di attualit Anno 20 n.1-2 gen.-feb. 2013

attualit

Burlo, nel giardino di Maria di Fabio Ciardi OMI Una Chiesa vicina alla gente di Salvo DOrto OMI Murano e Burano
di Thomas Harris

04 06 10

La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 EDITORE

Provincia dItalia dei Missionari Oblati di Maria Immacolata Via Egiziaca a Pizzofalcone, 30 80132 Napoli
REDAZIONE

Via dei Prefetti, 34 00186 Roma tel. 06 6880 3436 fax 06 6880 5031 pasquale.castrilli@poste.it
DIRETTORE RESPONSABILE

news

Notizie in diretta dal mondo oblato


a cura di Elio Filardo OMI

22

Mgc news

25

Pasquale Castrilli
REDAZIONE

Salvo DOrto, Elio Filardo, Gianluca Rizzaro, Adriano Titone


COLLABORATORI

fatti

Nino Bucca, Claudio Carleo, Fabio Ciardi, Gennaro Cicchese, Angelica Ciccone, Luigi Guzzo, Thomas Harris, Sergio Natoli, Luca Polello, Claudia Sarubbo, Giovanni Varuni
PROGETTO GRAFICO E REALIZZAZIONE

Sostenere al missione ad gentes


di Pasquale Castrilli OMI

30

Gioia e commozione a Medjugorje 34


di Francesca Vuono Giordano

Elisabetta Delfini
STAMPA

missioni

Lettere al direttore Storia di storie Lettere dai missionari Qui Uruguay, Qui Senegal

02 13 37 39

Tipolitografia Abilgraf Roma


FOTOGRAFIE

Si ringrazia Olycom www.olicom.it


UFFICIO ABBONAMENTI

Via dei Prefetti, 34 - 00186 Roma tel. 06.9408377 - fax 06.9408017 procura@omimed.eu Italia (annuale) Estero (via aerea) Di amicizia Sostenitore 17 euro 37 euro 35 euro 65 euro

dossier

Conferme e nuove prospettive


Lassemblea dei vescovi ha proposto ad un mondo liquido, che muta rapidamente, valori e evangelici e missionari
di Carmine Tabarro

Tre interventi

significativi
Tra i tanti discorsi proposti, nei giorni del Sinodo sulla Nuova evangelizzazione, svoltosi a Roma dal 7 al 28 ottobre, tre sono stati forse i pi apprezzati e applauditi: le parole di un giovane catechista laico di Roma, nominato dal papa tra gli uditori, come anche le parole del vescovo croato di Tromso, in Norvegia e del vescovo, di origine francese, di Phnom-Penh, in Cambogia. Lo stesso papa Benedetto XVI, nel discorso che ha

tenuto in aula sinodale il 27 ottobre, ha affermato il suo apprezzamento per le e testimonianze della Chiesa che cresce e vive dove piccola e povera. Riportiamo una breve sintesi di questi interventi: TOMMASO SPINELLI, catechista di giovani catecumeni presso lufficio catechistico della diocesi di Roma. A maggior ragione oggi che le famiglie sono disunite e spesso abdicano al loro ruolo educativo, i sacerdoti testimoniano ai giovani la fedelt ad una vocazione e la

DOSSIER

al Sinodo sulla Nuova evangelizzazione


chiamata a vivere sotto il segno della crisi: nellEuropa di antiche radici cristiane, la trasmissione della fede conosce fatiche e difficolt. La Chiesa registra una diminuzione delle vocazioni e, in una societ segnata dal postsecolarimo, appare a volte periferica e marginale. vero che nella cultura dominante ci sono ancora alcuni elementi ispirati al cristianesimo, ma questi valori spesso sono pi estetici che concreti - valori che privilegiano lindividualismo e la negazione di ogni forma di fraternit e di vincolo comunitario. In Occidente, il cristianesimo ormai una religione tra le altre e lindifferentismo della societ postconsumistica mette in difficolt i cristiani che vorrebbero essere il samaritano che aiuta il cammino di umanizzazione attraverso lannuncio stesso del Vangelo. Nei continenti come il Sud America,

Da versare su cc p n. 777003 intestato a: Missioni OMI - Rivista dei Missionari OMI via Tuscolana, 73 - 00044 Frascati (Roma) Finito di stampare dicembre 2012 Reg. trib. Roma n 564/93 Associata USPI e FESMI www.missioniomi.it www.facebook.com/missioniomi

ono passati cinquantanni da quel profetico evento che stato il Concilio Vaticano II, preparato e vissuto come una nuova pentecoste: da allora, pi volte la Chiesa cattolica ha fatto ricorso allo strumento del Sinodo per leggere i nuovi segni dei tempi e delineare scelte concrete per la vita dei cattolici. Cos, per tre settimane, circa duecentocinquanta vescovi, giunti da diversi continenti, si sono ascoltati, hanno pregato, hanno ricercato insieme, hanno discusso e dialogato. Seguendo il Sinodo attraverso i di comunicazione, il primo aspetto che colpisce stato il suo respiro mondiale. Si comprende anche quanto sia importante avere uno sguardo informato e attento alle diverse situazioni positive e difficili che attraversano la Chiesa. In questo senso un altro dato che emerso dal Sinodo, che la Chiesa cattolica

14
15
10/12/12 23:08

14 MISSIONI OMI 01/02_13


014_021.indd 14-15

MISSIONI OMI 01/02_13

una foto per pensare

UNA FOTO PER PENSARE

Storie di vita
foto Alessandro Milella, alexmil@tele2.it testo Claudia Sarubbo, claudia.sarubbo@yahoo.it

28

salata ra profumi d'acqua T affiorano mare generoso, e doni,di un raccolte, reti calate e storie di chi,in e desideri. Storie rici intreccia paure fatiche dispensat di chi vive umili con sudore raccoglie di vita; di chi nella profondit ci che celato do alla luce dell'abisso,riportan coprendone una storia nuova,ris vera. l'essenza pi

28 MISSIONI OMI 01/02_13


028_029.indd 28-29

MISSIONI OMI 01/02_13

29

10/12/12 23:09

editoriale
pasquale.castrilli@poste.it

MISSIONI

OMI

Sempre noi
ranquilli. La rivista che avete tra le mani sempre la fedelissima Missioni OMI, da 92 anni sulla breccia dellinformazione missionaria (nasceva nel 1921 con il titolo La Voce di Maria). Nella sua lunga storia il periodico dei Missionari Oblati di Maria Immacolata si rifatto il look in diverse occasioni. Non solo in occasione dei cambi di testata come nel 1952 quando si chiam Fino la Polo o nel 1959 quando usc con lattuale dicitura Missioni OMI, ma anche in varie altre occasioni. Quello che in gergo viene definito restyiling fa parte del normale andamento di ogni giornale, quotidiano, settimanale o mensile che sia. In realt anche le testate giornalistiche televisive e radiofoniche rinnovano periodicamente grafica e suoni. la vita stessa che richiede cambiamenti, aggiornamenti, novit e ottimizzazioni. Gli italiani cambiano automobili, frigoriferi e apparecchi televisivi a intervalli pi o meno regolari. Le cose si consumano ed necessario sostituirle, Ma anche quando lusura del tempo non le ha intaccate, a volte necessario, dopo alcuni anni, passare ad una versione, diciamo, pi aggiornata dello stesso prodotto. Capita, a volte, di non abbandonare la marca, ma di cambiare il modello. Forse pu essere inteso cos anche questo cambiamento di Missioni OMI. Stessa marca, ma modello diverso, versione

attualit
P.Belingheri in Indonesia: la Chiesa vicina alla gente

dossier
Intervista a Benedetto XVI sul futuro dellEuropa

fatti
Il servizio alla Procura delle Missioni Estere di p. Ventriglia

missioni
Qui Uruguay Qui Senegal e le lettere

Prezzo di copertina 2,20 - gennaio-febbraio 2013 - Poste Italiane s.p.a. - spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2, DCB/AL

MISSIONI

RIVISTA MENSILE DI ATTUALIT MISSIONARIA

n. 01/02 GENNAIO-FEBBRAIO 2013

OMI

Rinnovata speranza

Dal Sinodo sulla Nuova evangelizzazione

aggiornata e attualizzata dello stesso prodotto la cui qualit abbiamo imparato a conoscere e sostenere in tanti anni di fedelt. La continuit con il passato espressa in maniera significativa dallo stesso tipo di carattere tipografico della testata che abbiamo volutamente mantenuto ad indicare uninnovazione nel solco della continuit. Abbiamo voluto porre maggiormente in rilievo la sigla OMI, perch molti identificavano questa rivista chiamandola semplicemente Missioni mentre per noi sempre stata Missioni OMI. Ci sono alcune nuove rubriche, ci saranno vecchie e nuove firme. Ci piace intendere Missioni OMI come un laboratorio dove poter fare del buon giornalismo a servizio della missione. Far conoscere storie, persone, avvenimenti che hanno come protagonisti i Missionari Oblati di Maria Immacolata, i giovani e i laici che condividono il carisma di S. Eugenio de Mazenod e la gente che essi incontrano e servono in tanti angoli del pianeta. Con un occhio anche ai nuovi mezzi di comunicazione, a cominciare da internet, che sempre pi costituiscono un linguaggio pi che uno strumento di cui soprattutto le giovani generazioni sono molto esperte. Contiamo sullamicizia e sul sostegno di voi lettori. Pasquale Castrilli OMI

omi_cover_gennaio.indd 1

10/12/12 22:01

MISSIONI OMI 01/02_13

lettere al direttore

MISSIONI
Un valore enorme
La missione che ogni giorno i missionari compiono nel mondo ha un valore enorme e incommensurabile. Io ho avuto la fortuna di vivere tanto tempo fa una missione popolare con il Movimento Giovanile Costruire in Calabria che ha cambiato la mia vita, perch mi ha permesso di avvicinarmi al prossimo cercando di ascoltarlo ed aiutarlo per come mi possibile. Ringrazio i Missionari OMI, perch sanno come comunicare la gioia di

OMI
diocesana conclusasi con il mandato missionario da parte del vescovo mons. Salvatore Nunnari. Ha poi avuto luogo unaltra parte fortemente voluta e curata dalla famiglia oblata: una notte di adorazione eucaristica dal titolo Una luce per la missione con la preghiera per i missionari nel mondo e per le vocazioni missionarie. Gli Oblati della comunit di Cosenza, le famiglie, i consacrati e i giovani, del MGC e non, hanno coperto con dei turni tutte le ore

vivere la missione, con un linguaggio damore che va dritto al cuore. Mariella Latina

La balbuzie di Jacopo
Sul numero di Missioni OMI di ottobre 2012 di mi ha coinvolto la testimonianza di Jacopo e della sua Cara amica balbuzie. Unopportunit interessante per avvicinare da diversi punti di vista una realt che mi riguarda da vicino. Jacopo mio amico e gli sono affezionata. Nella semplicit e sincerit di quanto ha condiviso, ha offerto a me, e a quanti lo hanno letto, un modo per convivere con le piccole o grandi diversit che tanto ci pesano, ma che ci rendono ancora pi unici e irripetibili. Suor Francesca Castelgandolfo (Roma) Abbiamo raccolto anche da altri lettori un particolare gradimento di quegli articoli cui fa riferimento. Colpisce la serenit con cui Jacopo, scolastico oblato italiano, parli di questa difficolt della comunicazione orale. Facciamo il tifo per lui: sar senzaltro un valido missionario e predicatore.

Una luce per la Missione


Nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, la chiesa di San Domenico a Cosenza rimasta aperta, per pregare in preparazione alla Giornata Missionaria Mondiale. Nella prima parte della serata la diocesi si radunata per vivere la veglia missionaria

SUL DESK DEL DIRETTORE

AMMI. Negli ultimi mesi del 2012 diverse comunit italiane dellAMMI (Associazione Missionaria Maria Immacolata) si sono attivate per la campagna di rinnovo abbonamento. Tra esse segnaliamo le comunit di Vercelli, Messina e Taranto. A Taranto in particolare il direttore della rivista, il 10 novembre, ha incontrato la vivace comunit AMMI. Numeri. I Missionari OMI della Provincia mediterranea sono attualmente 247: 140 in Italia, 33 in Spagna, 49 in Senegal-Guinea Bissau, 13 in Uruguay, 6 in Venezuela, 4 in Romania, 2 nel Sahara occidentale. 44 invece il numero totale delle comunit oblate della Provincia: 21 in Italia, 5 in Spagna, 1 in Romania, 2 in Venezuela, 10 in Senegal-Guinea Bissau, 1 nel Sahara occidentale, 4 in Uruguay. Quattro Oblati sono presenti nella comunit internazionale di Lourdes. Lo ha reso noto p. Alberto Gnemmi, superiore provinciale, nella sua relazione allincontro dei superiori delle comunit, svoltosi a Frascati lo scorso novembre.

2 MISSIONI OMI 01/02_13

Sopra, Una luce per la Missione a Cosenza. A fianco dei giovani calabresi del Movimento Giovanile Costruire

della notte. Per loccasione era stato chiesto agli Oblati in missione di inviare delle intenzioni di preghiera. A seguire alcune. Sara Tripicchio Cosenza  La Missione ha bisogno solo di preghiera... ed ancora di preghiera. Quali sono le intenzioni di preghiera che mi stanno pi a cuore? Pregare per questo povero ed affaticato missionario che sono io, pregare perch possa imparare ad amare solo Lui e sempre Lui, pregare per questi

poveri fratelli che ogni giorno vivono sulla strada abbandonati da tutti. Pregare per i miei ragazzi difficili e ribelli solo perch nel cuore hanno tante ferite Pregare per questa mia missione che ogni giorno si fa pi pesante e difficile p. Vincenzo Bordo Corea  Esattamente il 13 ottobre 1992 partivo per il Senegal, giovane missionario con nel cuore pi il senso dellavventura che il senso di Dio. A distanza di venti anni ho capito che

la missione un progetto damore: Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico Figlio, dunque la Missione prima di tutto un atto di amore verso ogni uomo che il sangue di Ges ha riscattato. Vorrei pregare con voi perch nella nostra Chiesa la smettiamo di romperci la testa per quello che non va, la finiamo di organizzare tante cose quando la sola importante incontrare lAltro per comunicare non una dottrina, ma una persona, Ges p. Bruno Favero Senegal

C  arissimi giovani e laici di Cosenza. Oggi sono in India e sono in unione con tutti voi che pregate in adorazione davanti al Signore nellEucaristia, il Pane della Vita. Prego che la benedizione di Dio scenda su tutti voi: lamore di Dio, la sua pace, il perdono, la riconciliazione, la gioia e la salute. Ho ununica intenzione e so che avete gi pregato per questa: la Congregazione dei Missionari Oblati di Maria Immacolata. Per ogni uomo sacerdote, fratello o giovane in formazione, per tutti i laici associati con noi e con il carisma di S. Eugenio de Mazenod. Grazie per le vostre vite generose di testimonianza e di preghiera. Con tutto laffetto e la benedizione! Vostro fratello Oblato in Ges Cristo e Maria Immacolata p. Louis Lougen superiore generale OMI

Para que tengan vida il programma che gli OMI di Montevideo (Uruguay) conducono tutti i gioved su Radio Maria Uruguay dalle 20.30 alle 22.15, ora locale. possibile ascoltare le trasmissioni dal sito www.radiomaria.org.uy.

MISSIONI OMI 01/02_13

attualit

Burlo,
di Fabio Ciardi OMI ciardif@gmail.com mezzanotte quando scendo dalla macchina. Sono in aperta campagna, nel pi profondo silenzio. Il cielo terso e la Via lattea, nel suo distendersi irregolare, brilla di luce vivissima. Al mattino gli ampi spazi si popolano di giovani. La scuola di Burlo, in Vestfalia riprende vita. Mi trovo nel centro nord della Germania al confine con lOlanda, in una vasta zona agricola. Nelle vicinanze Kempen, lantica Kempis, mi ricorda il presunto autore dellImitazione di Cristo, Tommaso da Kempis, e la grande tradizione mistica qui sorta alla fine del 1300 lungo il fiume Reno, detta appunto mistica renana. Il primo monaco venne in queste campagne nel 1220. Qualche anno pi tardi arriv lantico ordine monastico dei

nel giardino di Maria

Burlo

Guglielmini, sostituiti poco dopo dai Cistercensi, che costruirono una loro chiesa. Chiamarono quel luogo Mariengarden, giardino di Maria. A Burlo non trovo gli antichi monaci, ma gli Oblati, qui arrivati allinizio del 1900. Vennero per dar vita ad una scuola apostolica; s, una scuola per formare i futuri apostoli, i missionari. Istituirono medie e liceo e formarono tanti ragazzi che partirono per il mondo ad annunciare il Vangelo. Adesso c ancora una bellissima scuola moderna, per i ragazzi della regione che ricevono una educazione deccellenza. rimasto lunico liceo degli Oblati in

tutta Europa; porta ancora il nome di Mariengarden. Gli ambienti scolastici sono moderni, dislocati in diversi edifici in una grande estensione di prati e boschi. Lultima costruzione il grande auditorium con sale dincontri, mensa e biblioteca, dove si tiene un fitto programma di eventi anche per la vicina cittadina. Esco nella piazza centrale al momento dellintervallo per gustare il ronzio degli giovani. Particolare punto di attrazione i banchi con la vendita di fette di torta per raccogliere i soldi in vista di una festa degli studenti. I due cappellani Oblati sono in mezzo a loro, come

4 MISSIONI OMI 01/02_13

Sopra, il preside della scuola tra il cappellano e il provinciale dei Missionari OMI. A fianco labside della chiesa cistercense di Burlo, oggi parrocchia tenuta dagli Oblati

Gymnasium

Mariengarden

Ottocento gli studenti che arrivano ogni giorno da un raggio di venti chilometri. C anche il coinvolgimento dei genitori alla vita scolastica. Essi svolgono ad esempio volontariato permettendo il funzionamento della biblioteca. Un edificio adibito ad accoglienza di studenti di altre scuole che vengono da diverse parti per qualche giorno di studio o di ritiro. www.gymnasium-mariengarden.de

sempre. Sono rimasti gli unici Padri che lavorano nella scuola. Anche il direttore non Oblato, ma un gentilissimo signore che mi accoglie con una festa infinita e con qualche parola in italiano; sembra pi Oblato degli Oblati. Mi guida nella visita alla scuola. Visto che gli Oblati non insegnano pi, occorre assicurare una formazione ai professori, in modo che portino avanti listituzione secondo lideale oblato. Ecco perch nel pomeriggio, con una sessantina di loro, vado a Freckenhorst per passare due giorni a riflettere insieme sulla vocazione oblata. Nel viaggio verso Freckenhorst attraversiamo Mnster, una citt invasa da biciclette, con appositi semafori e parcheggi ovunque. Giungiamo in un bel centro per convegni della diocesi, circondato, come tutto il paesaggio che ho visto fin qui, da fattorie e boschi. Lungo le vie, come per i sentieri o agli angoli delle case, testimonianze di una fede antica e radicata: edicole

della Madonna, statue del Sacro Cuore, crocifissi. Eccomi dunque con sessanta professori, alcuni tanto giovani da sembrare ancora studenti, accanto ad altri pi sperimentati. Passiamo assieme momenti intensi nei quali ripercorriamo lesperienza spirituale di S. Eugenio, dalla quale sono sorte uninfinit di iniziative tra le quale anche lesperienza formativa in questa regione della Germania. Linteresse altissimo, tutti sono in ricerca dei valori che hanno animato per un secolo la loro scuola e che vogliono mantenere vivi. Chi stato colpito da un aspetto, chi da un altro: limprescindibile incontro con Cristo e la scoperta del suo infinito amore personale per ognuno, il senso della sincera donazione di s (non questa loblazione?), il desiderio di trasmettere i valori cristiani (non questa la missione?). Dopo aver ascoltato la storia di S. Eugenio un professore mi dice: Questo giovane di venticinque

anni, figlio di divorziati, senza futuro, smarrito Cerano tutte le premesse per una crisi depressiva. Invece la scoperta di essere amato da Cristo ha dato senso alla sua vita. Ha trovato lamore di Dio proprio in mezzo alle difficolt e al dolore. Ho una figlia con un tumore, una tragedia. Anche in questo dolore posso trovare lamore di Dio. Attraverso la proiezione delle foto e il racconto dei viaggi che in questi anni mi hanno portato per i pi diversi Paesi del mondo, ho condotto anche i professori nei luoghi dove vivono e lavorano gli Oblati. Sono rimasti sorpresi, fra laltro, nel vedere che i nostri missionari guidano licei analoghi in tanti altre parti del mondo, dal Messico allAustralia, dalle Filippine a Hong Kong, continuazione delle scuole iniziate tanti anni fa con lo scopo di portare il Vangelo ai giovani. Una missione che i professori di Burlo sono fieri di continuare, accanto agli Oblati. n

MISSIONI OMI 01/02_13

attualit

Una Chiesa vicina alla gente

Intervista a p. Natalino Belingheri, missionario in Indonesia. Tra passato e presente un impegno di solidariet e formazione
di Salvo DOrto OMI salvodorto@gmail.com

a presenza di Oblati italiani in altre Province della Congregazione stata, e continua ad essere, un segno di missionariet. Tre Omi italiani sono in Indonesia: p. Carlo Bertolini, p. Giuseppe Rebussi e p. Natalino Belingheri. In questa intervista, p. Natalino racconta uno spaccato dellattivit dei Missionari Oblati di Maria Immacolata in Indonesia: limpegno per la formazione cristiana, culturale e sociale. I Missionari Oblati di Maria Immacolata sono ricordati come i Missionari dellepopea

6 MISSIONI OMI 01/02_13

Pillole

indonesiane

JUGA DATANG Ben arrivato SAYA SENANG BERTEMU DENGAN ANDA Sono felice di conoscerti. KERIGMA Parola greca che nel suo significato originale significa proclamazione, annuncio. Ges Cristo identifica s stesso come colui che venuto a proclamare la buona notizia ai poveri (Lc. 4). Il termine sta ad indicare anche il centro sintetico della fede cristiana alla quale ogni discepolo chiamato ad aderire: Ges Cristo, Crocifisso e Risorto, Signore e Salvatore. KABARGHENVIRA La parola che viene usata per dire Vangelo, significa notizia della gioia.

DENOJIAH Sinonimo di Kabarghenvira nella lingua dei Punan. Vuol dire Il Padre porta la notizia buona. ASRAMA una specie di ostello. Gli occupanti, a pari spesa, possono stare per un periodo molto pi lungo rispetto ad altre forme di alloggio. DAYAK una sigla per indicare oltre duecento sottogruppi etnici del Borneo. Ciascuno di essi ha una propria lingua, tradizione, cultura e ordinamento giuridico. Originariamente animisti, molti dayak si sono convertiti al cristianesimo e alcuni recentemente hanno abbracciato lIslam. Una stima attesta che i dayak sono tra i due e i quattro milioni di persone. SELAMAT TINGGAL Arrivederci.

Tarakan

Kalimantan

bianca a motivo delle missioni nel Polo Nord. In Indonesia siamo stati gli iniziatori della Chiesa e qualcuno ipotizza la scrittura di unepopea verde. In poco meno di trentanni siete riusciti a costruire una diocesi a partire da una parrocchia, cominciando da Tarakan e andando verso linterno del Kalimantan Vedendo il piccolo gruppo di Oblati italiani, tornati dal Laos, direi che certamente avevano unesperienza che ha permesso unimmediata integrazione. Quando il vescovo ci ha affidato questa zona del Nord del Paese, per noi non stato un trauma, ma una gioia! Senza tante chiacchiere ci siamo buttati e abbiamo visto che tutto stato frutto di Dio che ci ha preceduto; lo Spirito Santo che precede tutto e ci ha anche protetti dandoci una salute, in genere, di ferro. Ci siamo adattati ad una vita semplice,

molte volte isolata, una vita spesa in mezzo alla gente senza nessuna pretesa, con questunico ideale di costruire la Chiesa. Abbiamo visto che con questa costanza, con questo programma fatto insieme, quasi senza accorgerci, e con la risposta della gente, da un villaggio allaltro, da una comunit allaltra, la zona si sempre pi allargata. Linteresse aumentato verso la Chiesa Cattolica. Ci siamo trovati cos, senza lodi e senza chiedere troppe glorie e medaglie, con una Chiesa, che s ancora piccola, povera e senza pretese, ma che ha la struttura principale: abbiamo un vescovo, quindici parrocchie con linserimento di altri missionari di altre congregazioni. Adesso la nostra diocesi si sta misurando con problemi seri, perch dopo lannuncio del kerigma che abbiamo fatto noi, c bisogno che lannuncio

del Vangelo sia approfondito e consolidato con la trasmissione delle tradizioni cristiano-cattoliche. Non bisogna dimenticare, infatti, che viviamo qui in una pluralit di religioni, anche se la maggioranza cristiana. Ci sono tante Chiese protestanti che hanno un loro influsso; come noi abbiamo avuto un influsso su di loro. Vedendo come la Chiesa Cattolica ha portato avanti seriamente il lavoro in mezzo a questa gente, c stato un grande ascendente nelle altre chiese e senza fare tante prediche, tante cose che prima loro non facevano, per esempio nella loro liturgia, le hanno cominciate a fare. Hanno cambiato mentalit riguardo alla Chiesa Cattolica, prima era sempre odiata,

MISSIONI OMI 01/02_13

a loro. Hanno trovato nel missionario, qualcuno, che ha portato loro una nuova visione della vita, anche se la loro vita non cambiata molto. cambiato per il loro stile. Questo si vede soprattutto nelle nuove generazioni; sono ancora cacciatori, pescatori, ma adesso vedono che il loro avvenire ormai pieno di speranza, quello che loro prima non avevano. Vedevano il buio, avevano vissuto nel buio e vedevano il futuro nel buio. E hanno paragonato larrivo del missionario tra loro come qualcuno che porta una lampada, una luce che ad un certo punto si riflessa, stata accesa e ha permesso loro di vedere quello che prima non avevano mai visto. Questo tipo di speranza particolarmente legata alle nuove generazioni. significativa lattenzione con cui seguite le esperienze degli asrama, i luoghi in cui offrite ai ragazzi e ai giovani dei villaggi la possibilit di studiare. Diventano per questi giovani unesperienza comunitaria. Vedendovi in mezzo a loro mi sembrava di intuire che questa una delle cose pi importanti che state facendo qui. Una delle prime cose che fin dallinizio abbiamo capito, stata dare loccasione a questa nuova generazione, che andava formata, di poter accedere alleducazione minima, fondamentale. Eravamo coscienti che un domani, il mondo sarebbe cambiato, e queste etnie avrebbero avuto a che fare con il cambiamento. Se non fossero stati preparati al cambiamento, se non ci fosse stato qualcuno ad aiutarli e a permettere loro di fare questo salto di qualit attraverso leducazione, la scuola, sarebbero stati schiacciati e distrutti. Noi siamo arrivati quando ancora il governo non garantiva le scuole nei villaggi. Poi ha cominciato con le elementari, ma non era sufficiente, perch cerano dei problemi quando i ragazzi doveva-

era la Chiesa di Satana che stava a Roma. Non una volta i padri sono stati trascinati pubblicamente in tribunale, non una volta siamo stati disprezzati in pubblico. Proprio questo odio, che era stato seminato senza nessun motivo, non sappiamo neanche perch, pian piano scemato. Siamo stati insieme al villaggio di Adiu, a quattro ore di macchina da Pulau Sapi, il centro della tua missione. Un villaggio che conta unottantina di cristiani. stato interessante vedere il tuo rapporto con la gente, mi ha fatto pensare che tu in qualche modo eri il custode delle loro tradizioni. Mi dicevo quanto sia vera lidea

che i missionari sono cos dentro la cultura di un popolo da essere in qualche modo anche degli antropologi. Il Vangelo nella lingua indonesiana chiamato la kabarghenvira che significa notizia della gioia, i membri delletnia dei Punan chiamavano le mie barche denojiah che vuol dire la stessa cosa: Il Padre porta la notizia buona. Questa gente vive certamente in un mondo da un punto di vista culturale totalmente diverso dal nostro. Hanno accettato la religione, hanno visto che sono stati liberati da tante paure, da tante schiavit, da uno stile di vita che li faceva sentire un po pi oppressi, abbandonati: soffrivano il fatto che nessuno mai si era interessato

8 MISSIONI OMI 01/02_13

attualit

ch li hanno fatti crollare loro, si sono aperti. E queste nuove generazioni, soprattutto dei dayak, le vogliamo preparare per il futuro. In queste regioni dove c una situazione di povert, di mancanza di istruzione, cerchiamo di collaborare con il governo per alzare la condizione delle nuove generazioni che saranno i leader della societ e della Chiesa. La Provincia oblata indonesiana ormai una realt con una quarantina di Oblati, con tante comunit apostoliche, con vari giovani in formazione. Una realt in crescita. Visto che la composizione di italiani, australiani, francesi e indonesiani, che esperienza di internazionalit fate tra voi? Penso che questa internazionalit, sempre presente in Indonesia fin dallinizio, stata per le nuove generazioni di Oblati un vantaggio unico. Forse diverso da altre esperienze oblate in Asia, perch con la presenza di tre gruppi oblati che avevamo accentuazioni e criteri diversi nella pastorale, gli Oblati indonesiani hanno potuto scegliere per maturare una loro modalit. I primi Oblati sono venuti dallAustralia, e hanno dato un colore particolare insediandosi a Giava e interessandosi soprattutto della formazione e delle vocazioni. Per fortuna, hanno pensato al futuro della Congregazione in Indonesia; mentre noi italiani e francesi, essendo un po lontani da Giava, nellEst e nellOvest del Kalimantan, abbiamo offerto ai giovani Oblati indonesiani la possibilit di maturare dal punto di vista pastorale. Penso che noi come italiani non abbiamo mai fatto brutta figura, anche se siamo stati talvolta messi un po allangolo. Abbiamo costruito la realt della nuova Provincia dove la maggioranza indonesiana: gi da due mandati che il Superiore Provinciale indonesiano, compresi i suoi consiglieri. n

Sotto p. Carlo Bertolini e p. Natalino Belingheri. In alto a sinistra il gruppo dei primi Missionari Oblati di Maria Immacolata italiani arrvati in Indonesia e sotto, la comunita cristiana di Adiu

no uscire per andare alle scuole di grado superiore. Ma non era solo quello, abbiamo visto che oltre al fatto delleducazione questi ragazzi avevano bisogno di unaltra prospettiva: vivendo nel villaggio, nellambiente familiare ricevevano uneducazione che consisteva nel crescere in fretta per potersi arrangiare per vivere, diventare adulti il pi presto possibile per andare a caccia e a pesca, per poter trovare da mangiare, perch questa la vita e la vita dura. I matrimoni erano precoci, in giovanissima et, tredici, quattordici anni e le prospettive per un futuro non cerano. Quindi questi asrama sono stati importanti per laccesso alleducazione e per leducazione alla socializzazione. Attraverso i ragazzi, i villaggi delle diverse etnie hanno cominciato a socializzare tra loro. Prima tra i vari gruppi etnici cera una certa paura di frequentarsi. Era la paura del confronto, il ricordo delle guerre che erano state fatte nel passato, la paura dei guaritori o di coloro che potevano usare i veleni contro il nemico; andare in un altro villaggio era considerato sempre un pericolo. Oggi invece no, e questi muri sono veramente crollati, non perch li abbiamo fatti crollare, noi, ma per-

MISSIONI OMI 01/02_13

attualit

Murano e Burano
testo e foto di Thomas Harris www.thomasharris.it

10 MISSIONI OMI 01/02_13

orno a Venezia sempre volentieri, ma in questo caso ho evitato il centro per dedicarmi ad una visita a Murano e Burano. Per curiosit. Ogni volta che vado in un paese, una citt o una nazione, mi documento su usanze tipiche e cultura del luogo Sono appassionato di artigianato e ho colto loccasione per vedere come lavorano il vetro di Murano e i merletti di Burano. Mestieri antichi che raccontano la storia di una citt.

e mi immergo nella sua realt che mi parla della fornace come della sua seconda casa, della sua arte, non intesa come lavoro, ma come vocazione.

Pausa caff
Il mastro si avvicina con in mano lasta che sulla punta tiene una bolla di vetro rovente che sembra cadere da un momento allaltro. Il vetraio completamente a suo agio mentre cammina; si gira verso la moglie che dopo una manciata di secondi arriva con una moka piena di caff che appoggia sul tavolo. Lartigiano stende un po del suo vetro a 1.000 gradi sul tavolo e ci ap-

La fornace di Murano
Il mastro vetraio tiene in mano lasta con cui manovra il vetro fuso dentro la fornace. Laria calda ma non insopportabile. Respiro polvere asciugata dal calore. Mi accorgo della bambina che gioca dentro al box. Un lavoratore che si porta la famiglia in azienda mi trasmette scarsa professionalit, ho pensato. Accantono questo pensiero

MISSIONI OMI 01/02_13

11

attualit

poggia la moka che, tempo due secondi borbotta e fuma emanando linconfondibile aroma del caff.

Fatemi uscire
La bambina gioca nel suo box, come se fosse la cosa pi naturale del mondo stare in un lettino da campeggio allinterno di un capannone con una fornace perennemente oltre i 1.000 gradi. Mi vede incuriosito ed inizia a mostrarmi il suo repertorio di smorfie, parole accennate, sguardi, applausi ed

vedo la polvere e metto a fuoco il vissuto delle sue mani e dei suoi occhi e della loro reciprocit. Oramai gli occhi non hanno bisogno di vederci perfettamente, perch hanno guardato abbastanza e le mani percepiscono ugualmente quello che devono fare.

Compagni di merende
Cammino per le coloratissime calli di Burano. Nessun palazzo, solo case a due o tre piani al massimo, ognuna di un colore diverso. Si dice che siano stati i pescatori a volerle cos perch dal mare potessero riconoscere la propria. Oltre un cortile noto molti gatti che mangiano. Vedo affacciarsi una signora che inizia a lamentarsi della loro presenza, ma allo stesso tempo allungando loro un altro po di pesce per continuare a godere della loro simpatica compagnia.

Rincasando
espressioni. Poi lancia uno sguardo che sembra dire fammi uscire Molte piccole barche con una sola persona a bordo che, lentamente, rientrano in porto. Questa immagine mi fa pensare al romanzo di Hemingway Il vecchio ed il mare e mi fa capire quanto intimo sia il rapporto tra luomo ed il mare nella laguna veneziana. Immagino che aprendo la porta trovi un ambiente caldo, una pentola sul fuoco con lacqua che bolle ed una moglie felice di aver preparato per lui la pasta fatta in casa. n

Lenti di polvere
A Murano sapevo di un negozio nel quale era possibile trovare una merlettaia allopera. Vedo una signora anziana impegnata nei suoi ricami. Una faccia dolce, buona e vissuta. Mi concentro sugli occhiali e cerco di guardarci attraverso per capire cosa sta provando lei ed in questo momento che

12 MISSIONI OMI 01/02_13

storia di storie

MISSIONI

OMI

E per dote un paio di mocassini


di Andr Dorval OMI tradotto e adattato da Nino Bucca OMI adre Claude Bellot, che pass trentasei anni nelle missioni fra gli indigeni della Columbia Britannica, non forse fra gli Oblati pi conosciuti. Nato in Francia (Alta Loira) nel 1874, arriv nel 1901 nellisola di Vittoria, dove solc la maggior parte delle missioni della regione, sperimentando la felicit di far conoscere Dio a quei figli dei boschi. La sua penna vivace, ci ha lasciato racconti accattivanti sugli incontri con gli indigeni. Ecco, per esempio, le avventure di un vecchio che voleva sposarsi. Avendo sentito dire che mons. Augustin Dontenwill OMI, vescovo di New Westminster, era di passaggio al lago Babine, Nessait, 55 anni, aveva percorso 250 chilometri attraverso la foresta per vedere il grande orante. Questo non credente visitava per la prima volta una missione cattolica. Il suo stupore raggiunse il culmine quando entr in chiesa per la preghiera. Tutto era cos pulito rispetto a casa sua e i canti cos belli! Quando sent parlare di Dio, della terra di lass e della Madre del cielo, fu per lui una vera rivelazione. Fino a quel momento aveva sentito parlare solo di pelle di castori, di fucili e caccia. La sera stessa il suo nome fu iscritto nel registro dei catecumeni. In meno di una settimana impar bene il catechismo, o perlomeno

abbastanza per ricevere il battesimo. Due giorni prima della nostra partenza Nessait venne a trovarmi con aria misteriosa. Dopo un momento di silenzio mi mostr i suoi mocassini usati: Padre, guarda come faccio pena. Sono vecchio Vorrei sposarmi, perch ho bisogno di una donna accanto per fare i miei mocassini. Feci del mio meglio per infondergli coraggio e gli chiesi di fare una scelta fra le perle del posto. Ne design una, brutta da far paura. Seguendo il mio consiglio, Nessait and a sondare le intenzioni della futura met. Ahim! La sera stessa torn con un viso abbattuto. Dopo un lungo silenzio mi disse che leletta voleva s sposarsi per avere t, farina e carne di capriolo, ma che non era capace di fare mocassini, perch non ci vedeva pi abbastanza. Naturalmente suggerii al malcapitato di cercare altrove. Il giorno successivo Nessait ritorn, invece, tutto felice. Avr i suoi mocassini, pensai. In effetti, aveva trovato una donna che potesse fargli le scarpe tanto desiderate. Chi? La stessa vecchia che il giorno prima diceva di essere cieca! Oggi poteva vedere un po meglio, quel tanto che bastava per fare i mocassini. La sola condizione che poneva per sposarsi era che Nessait facesse durare i suoi mocassini il pi a lungo possibile, poich non voleva lavorare troppo... Voleva s morire, ma di vecchiaia, non di fatica. Ho letto da qualche parte che vengono richieste quattro cose a una donna prima di sposarsi: che nel suo cuore dimori la virt, che la modestia brilli sulla sua fronte, che la dolcezza promani dalle sue labbra e che il lavoro occupi le sue mani. Nessait, invece, mi ha provato che una sola cosa necessaria per una donna: saper fare dei mocassini. n

MISSIONI OMI 01/02_13

13

dossier

Conferme e nuove prospettive


Lassemblea dei vescovi ha proposto ad un mondo liquido, che muta rapidamente, valori e evangelici e missionari
di Carmine Tabarro

al Sinodo sulla Nuova evangelizzazione

ono passati cinquantanni da quel profetico evento che stato il Concilio Vaticano II, preparato e vissuto come una nuova pentecoste: da allora, pi volte la Chiesa cattolica ha fatto ricorso allo strumento del Sinodo per leggere i nuovi segni dei tempi e delineare scelte concrete per la vita dei cattolici. Cos, per tre settimane, circa duecentocinquanta vescovi, giunti da diversi continenti, si sono ascoltati, hanno pregato, hanno ricercato insieme, hanno discusso e dialogato. Seguendo il Sinodo attraverso i di comunicazione, il primo aspetto che colpisce stato il suo respiro mondiale. Si comprende anche quanto sia importante avere uno sguardo informato e attento alle diverse situazioni positive e difficili che attraversano la Chiesa. In questo senso un altro dato che emerso dal Sinodo, che la Chiesa cattolica

chiamata a vivere sotto il segno della crisi: nellEuropa di antiche radici cristiane, la trasmissione della fede conosce fatiche e difficolt. La Chiesa registra una diminuzione delle vocazioni e, in una societ segnata dal postsecolarimo, appare a volte periferica e marginale. vero che nella cultura dominante ci sono ancora alcuni elementi ispirati al cristianesimo, ma questi valori spesso sono pi estetici che concreti - valori che privilegiano lindividualismo e la negazione di ogni forma di fraternit e di vincolo comunitario. In Occidente, il cristianesimo ormai una religione tra le altre e lindifferentismo della societ postconsumistica mette in difficolt i cristiani che vorrebbero essere il samaritano che aiuta il cammino di umanizzazione attraverso lannuncio stesso del Vangelo. Nei continenti come il Sud America,

14 MISSIONI OMI 01/02_13

Tre interventi

significativi
Tra i tanti discorsi proposti, nei giorni del Sinodo sulla Nuova evangelizzazione, svoltosi a Roma dal 7 al 28 ottobre, tre sono stati forse i pi apprezzati e applauditi: le parole di un giovane catechista laico di Roma, nominato dal papa tra gli uditori, come anche le parole del vescovo croato di Tromso, in Norvegia e del vescovo, di origine francese, di Phnom-Penh, in Cambogia. Lo stesso papa Benedetto XVI, nel discorso che ha

tenuto in aula sinodale il 27 ottobre, ha affermato il suo apprezzamento per le e testimonianze della Chiesa che cresce e vive dove piccola e povera. Riportiamo una breve sintesi di questi interventi: TOMMASO SPINELLI, catechista di giovani catecumeni presso lufficio catechistico della diocesi di Roma. A maggior ragione oggi che le famiglie sono disunite e spesso abdicano al loro ruolo educativo, i sacerdoti testimoniano ai giovani la fedelt ad una vocazione e la

MISSIONI OMI 01/02_13

15

CI SARANNO SEMPRE NUOVI RISVE


IL FUTURO DEL CONTINENTE EUROPEO IN UNINTERVISTA INEDITA AL SANTO PADRE NEL FILM BELLS OF EUROPE, PRESENTATO AL SINODO SULLA NUOVA EVANGELIZZAZIONE
Pi o meno a met del Sinodo sulla Nuova evangelizzazione stato presentato ad alcuni padri sinodali il filmBells of Europe. Campane dEuropasul tema dei rapporti fra il cristianesimo, la cultura europea e il futuro del continente. Il film presenta estratti di una serie di interviste originali con le maggiori personalit religiose cristiane, papa Benedetto XVI, il patriarca ecumenico Bartolomeo I, il patriarca di Mosca Kirill, larcivescovo di Canterbury Rowan Williams, lex presidente della federazione delle Chiese evangeliche in Germania Wolfgang Huber e altre personalit. Il filo unificante del film dato dal suono delle campane dei diversi angoli del Continente e dalla fusione di una campana nellantica fonderia di Agnone (Is). La

16 MISSIONI OMI 01/02_13

dossier

Tre interventi

possibilit di scegliere un modo di vivere alternativo e pi bello rispetto a quello proposto dalla societ. Ci che mi preoccupa che per tali figure di spessore stanno diventando la minoranza. Il sacerdote ha perso fiducia nellimportanza del proprio ministero, ha perso carisma e cultura. () Sacerdoti, vi chiedo di trovare il coraggio di essere voi stessi. Non temete, perch l dove sarete autenticamente sacerdoti, l dove proporrete senza paura la verit della fede, noi giovani vi seguiremo (). Pertanto propongo di: 1) Nella foto mons. Alberto Aumentare la formazione dei Sanguinetti Montero, sacerdoti, non solo spirituale vescovo di Canelones ma anche culturale (). e mons. Milton Trccoli, vescovo ausiliare di Montevideo 2) Riscoprire il Catechismo

significativi

lAfrica e lAsia, la Chiesa cattolica deve subire anche la concorrenza di sette cristiane, di spiritualismo new age e di fenomeni legati alla magia. Viviamo in un mondo paradossale, dove il religioso ancora in mezzo a noi, ma le chiese tradizionali sembrano incapaci di intercettare i nuovi bisogni della gente. Inoltre in Africa, in Medioriente, in

Asia e da qualche decennio anche nei Paesi dellOccidente a causa dellimmigrazione, lIslam, con le sue diverse componenti, costituisce una presenza che interroga la Chiesa intera: i padri sinodali provenienti dai Paesi arabi, dove la convivenza non facile, hanno fatto comprendere e conoscere, con rispetto, i loro problemi, le difficolt nellevangelizzazione a causa

della mancanza di libert religiosa, il rischio che i cristiani - pur abitando da secoli quei Paesi (ben prima che lIslam apparisse), oggi siano percepiti come Occidente, e considerati estranei nel loro stesso Paese e siano spinti a emigrare. Queste testimonianze sono state straordinarie. Ascoltare le voci dei vescovi dellesilio, tutte incentrate sul

GLI PER IL CRISTIANESIMO Benedetto XVI


colonna sonora realizzata con musiche del compositore estone Arvo Prt. Realizzato dal Centro Televisivo Vaticano in base a unidea di p. Germano Marani, con il supporto di diverse altre istituzioni, il film ora a disposizione di RAI Cinema, che ne detiene i diritti per la diffusione televisiva e home video. Un fascicolo con i testi integrali delle interviste realizzate in occasione del film stato distribuito ai partecipanti al Sinodo. Da segnalare il testo dellampia intervista, finora inedita, a Benedetto XVI, che riportiamo di seguito:

MISSIONI OMI 01/02_13

17

Santit, nelle sue encicliche sta proponendo unantropologia forte, un uomo abitato dalla carit di Dio, dalla razionalit allargata dallesperienza di fede, un uomo che ha una responsabilit sociale. Proprio in questo orizzonte antropologico lei ha pi volte ribadito che questa riscoperta del volto umano, dei valori evangelici, delle radici dellEuropa motivo di speranza per il continente europeo e non solo Pu spiegarci le ragioni della sua speranza? Il primo motivo della mia speranza consiste nel fatto che il desiderio di Dio, la ricerca di Dio profondamente scritta in ogni anima umana e non pu scomparire. Certamente, per un certo tempo, si pu dimenticare Dio, accantonarlo, occuparsi di altre cose, ma Dio non scompare mai. semplicemente vero quanto dice santAgostino, che noi uomini siamo inquieti finch non abbiamo trovato Dio. Questa inquietudine anche oggi esiste.

la speranza che luomo sempre di nuovo, anche oggi, si ponga in cammino verso questo Dio. Il secondo motivo della mia speranza consiste nel fatto che il Vangelo di Ges Cristo, la fede in Cristo semplicemente vera. E la verit non invecchia. Anchessa si pu dimenticare per un certo tempo, si possono trovare altre cose, la si pu accantonare, ma la verit come tale non scompare. Le ideologie hanno un tempo contato. Sembrano forti, irresistibili, ma dopo un certo periodo si consumano, non hanno pi la forza in loro, perch manca loro una verit profonda. Sono particelle di verit, ma alla fine si sono consumate. Invece il Vangelo vero, e perci non si consuma mai. In tutti i periodi della storia appaiono sue nuove dimensioni, appare tutta la sua novit, nel rispondere alle esigenze del cuore e della ragione umana che pu camminare

18 MISSIONI OMI 01/02_13

dossier

Tre interventi

della Chiesa Cattolica nella sua conciliarit: in particolare la prima parte di ogni sessione dove i documenti del concilio illuminano i temi tradizionali (). 3) Infine la liturgia: troppo spesso trascurata e desacralizzata, va rimessa con dignit al centro della comunit sia parrocchiale che territoriale.

significativi

BERISLAV GRGIC, vescovo prelato di Tromso, Norvegia. Nei Paesi nordici - Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia - la Chiesa cattolica una piccola minoranza e quindi non ha n i vantaggi n gli svantaggi che si riscontrano spesso nelle regioni in cui il

cattolicesimo tradizionale e/o prevalente. Malgrado la sua limitata rilevanza, sotto il profilo numerico e sociale, la nostra tuttavia una Chiesa in crescita. Vengono costruite nuove chiese, istituite nuove parrocchie, vengono ad aggiungersi riti non latini, il numero delle conversioni e dei battesimi adulti relativamente alto, non mancano le vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa, il numero dei battesimi supera di gran lunga quello dei decessi (). In alcuni settori della societ c grande interesse per la fede e per la spiritualit (). Va inoltre osservato che negli ultimi anni sono piuttosto numerosi gli ordini contemplativi che vi hanno aperto le proprie case. Tuttavia, la trasmissione della fede spesso resa pi difficile dalle grandi distanze. I nostri sacerdoti devono viaggiare molto (talvolta fino a 2000 km al mese) per visitare i fedeli che abitano in luoghi distanti e celebrare con loro la messa. Nei mesi invernali ci diventa molto faticoso.

dialogo, prive di accenti aggressivi o toni da crociata. La Chiesa ha veramente camminato in questi ultimi cinquantanni: non pi ostilit verso gli infedeli, ma impegno al dialogo, ricerca del Dio vivente, comune responsabilit per il bene della societ,

ricerca di pace tra le religioni, libert di coscienza. Il Sinodo per la Nuova evangelizzazione ci ha proposto una Chiesa che non vuole promuovere un proselitismo che imponga il Vangelo agli uomini e le donne del nostro tempo, ma vuole che la Buona Notizia pos-

sa essere ascoltata da tutti, perch ogni essere umano chiamato ad incontrare il Cristo Risorto. Per questo la Chiesa si impegna a evangelizzare innanzitutto se stessa e quindi a offrire una vita che abbia senso, un messaggio che testimoni lamore vissu-

in questa verit e trovarvisi. E perci, proprio per questo motivo, sono convinto che ci sia anche una nuova primavera del cristianesimo. Un terzo motivo empirico lo vediamo nel fatto che questa inquietudine oggi lavora nella giovent. I giovani hanno visto tante cose - le offerte delle ideologie e del consumismo - ma colgono il vuoto in tutto questo, la sua insufficienza. Luomo creato per linfinito. Tutto il finito troppo poco. E perci vediamo come, proprio nelle nuove generazioni, questa inquietudine si risveglia di nuovo ed essi si mettono in cammino, e cos ci sono nuove scoperte della bellezza del cristianesimo; un cristianesimo non a prezzo moderato, non ridotto, ma nella sua radicalit e profondit. Quindi, mi sembra che lantropologia come tale ci indichi che ci saranno sempre nuovi risvegli del cristianesimo e i fatti lo

MISSIONI OMI 01/02_13

19

Tre interventi

significativi

OLIVIER SCHMITTHAEUSLER, M.E.P., vicario apostolico di Phnom-Penh, Cambogia. Il genocidio perpetrato dai khmer rossi ha ucciso vescovi, sacerdoti, religiosi e la maggior parte dei cristiani. Da ventanni, viviamo nuovamente lepoca degli Atti degli Apostoli con un primo annuncio della buona novella praticato dai pochi sopravvissuti e sostenuto dallarrivo in massa dei missionari. Oggi abbiamo circa 200 battesimi di adulti allanno. La piccola Chiesa della Cambogia in qualche modo un laboratorio di evangelizzazione in un mondo buddista che ha pienamente aderito al processo di secolarizzazione

veicolato dalla globalizzazione, un po come i draghi asiatici. La missione ad extra intimamente legata alla missione ad intra. Ad extra e ad intra si arricchiscono reciprocamente esortandosi a servire una sola e unica missione di evangelizzazione! Ecco alcuni punti significativi per un primo annuncio di Ges Cristo che possono essere estesi anche a una riflessione sulla nuova evangelizzazione. Due sono fondamentali: Il vero incontro con Ges Cristo apre il cuore alla carit e allesperienza del perdono per condurre alla scoperta del dono della vita. E i laici, apostoli in questo mondo (Apostolicam actuositatem). E come sar la Chiesa sacramento di Cristo nel mondo per una nuova evangelizzazione in atto e in verit? Una Chiesa che tocca il cuore. Una Chiesa semplice. Una Chiesa ospitale. Una Chiesa orante. Una Chiesa gioiosa.

to. La Chiesa, nella sua opera evangelizzatrice consapevole che il mondo non un deserto, un vuoto pneumatico, un mondo buono e senza valori. cosciente che lo Spirito Santo agisce nella Storia della Salvezza; un mondo ogni giorno abitato e plasmato dalluomo, creatura fatta a immagine e somiglianza di Dio, dunque capace, con laiuto

dello Spirito Santo di vivere il gi del Regno di Dio. Per annunciare il Vangelo, necessario che i cristiani siano capaci di ascoltare il mondo, conoscerlo, leggerne le gioie e le sofferenze e, soprattutto, discernere in esso i poveri materiali e spirituali. Ges ha detto di essere venuto a portare la buona notizia del Vangelo ai po-

veri, la Chiesa non pu fare altrimenti perch, al seguito del suo Signore, chiamata a essere innanzitutto Chiesa povera e di poveri. Il Sinodo ha dato agli uomini e alle donne del nostro tempo parole di speranza. Si ribadito a pi riprese che lamore del Signore resta fedele anche quando ci sono situazioni di infedelt, perch la

confermano con una parola: fondamento profondo. il cristianesimo. vero, e la verit ha sempre un futuro. Santit, ha pi volte ribadito che lEuropa ha avuto e ha tuttora un influsso culturale su tutto il genere umano e non pu fare a meno di sentirsi responsabile, non solo del proprio futuro, ma anche di quello dellumanit intera. Guardando avanti, possibile tratteggiare i contorni della testimonianza dei cattolici e dei cristiani appartenenti alle Chiese ortodosse e protestanti, nellEuropa, che, vivendo i valori evangelici contribuiscano alla costruzione di unEuropa pi fedele a Cristo, accogliente, solidale, nellimpegno a cercare vie nuove per affrontare le sfide comuni che contrassegnano lepoca post-moderna e multiculturale? Si tratta della grande questione. evidente che lEuropa ha anche oggi nel mondo un grande peso sia economico,

sia culturale e intellettuale. E, in corrispondenza a questo peso, ha una grande responsabilit. Ma lEuropa deve trovare ancora la sua piena identit per poter parlare e agire secondo la sua responsabilit. Il problema oggi non sono pi, secondo me, le differenze nazionali. Si tratta di diversit che non sono pi divisioni, grazie a Dio. Le nazioni rimangono, e nella loro diversit culturale, umana, temperamentale, sono una ricchezza che si completa e d nascita ad una grande sinfonia di culture. Sono fondamentalmente una cultura comune. Il problema dellEuropa di trovare la sua identit mi sembra consistere nel fatto che in Europa oggi abbiamo due anime: unanima una ragione astratta, anti-storica, che intende dominare tutto perch si sente sopra tutte le culture. Una ragione finalmente arrivata a se stessa che intende emanciparsi da tutte

20 MISSIONI OMI 01/02_13

dossier

Chiesa casa di tutti i battezzati, anche di quelli che vivono situazioni di contraddizione al Vangelo. Altra grande conferma che il Sinodo, ormai divenuto una via ordinaria nella vita della Chiesa cattolica; anche questo un grande messaggio di speranza ai fedeli, ma ha anche indicato a quanti non appartengono alla Chiesa e se

ne proclamano estranei che i cristiani che vivono in mezzo a loro partecipano senza esenzioni alla costruzione di una societ civile pi umana e sanno di dover essere portatori di fiducia, fraternit e di speranza. La Chiesa impegnata pi che mai nel dialogo con la postmodernit, nella consapevolezza che ci non sempre facile - ma che questa la

sua missione - vivere il Vangelo: questo il mandato ricevuto da Ges. Vivere il Vangelo in un mondo liquido sempre pi difficile, a volte appare persino impossibile a causa di una generazione che appare indifferente allevento cristiano, eppure i cristiani sono chiamati a dare la vita, come Cristo, per fare presente gi ora il Regno di Dio. n

le tradizioni e i valori culturali in favore di unastratta razionalit. La prima sentenza di Strasburgo sul Crocifisso era un esempio di questa ragione astratta che vuole emanciparsi da tutte le tradizioni, dalla storia stessa. Ma cos non si pu vivere. Per di pi, anche la ragione pura condizionata da una determinata situazione storica, e solo in questo senso pu esistere. Laltra anima quella che possiamo chiamare cristiana, che si apre a tutto quello che ragionevole, che ha essa stessa creato laudacia della ragione e la libert di una ragione critica, ma rimane ancorata alle radici che hanno dato origine a questa Europa, che lhanno costruita nei grandi valori, nelle grandi intuizioni, nella visione della fede cristiana. Soprattutto nel dialogo ecumenico tra Chiesa cattolica, ortodossa, protestante, questanima deve trovare una comune espressione e deve poi incontrarsi con questa ragione

astratta, cio accettare e conservare la libert critica della ragione rispetto a tutto quello che pu fare e ha fatto, ma praticarla, concretizzarla nel fondamento, nella coesione con i grandi valori che ci ha dato il cristianesimo. Solo in questa sintesi lEuropa pu avere il suo peso nel dialogo interculturale dellumanit di oggi e di domani, perch una ragione che si emancipata da tutte le culture non pu entrare in un dialogo interculturale. Solo una ragione che ha unidentit storica e morale pu anche parlare con gli altri, cercare una interculturalit nella quale tutti possono entrare e trovare una unit fondamentale dei valori che possono aprire le strade al futuro, a un nuovo umanesimo, che deve essere il nostro scopo. E per noi questo umanesimo cresce proprio dalla grande idea delluomo a immagine e somiglianza di Dio.

MISSIONI OMI 01/02_13

21

news

Notizie in diretta dal mondo oblato


Messaggi e notizie Spagna La Missione oblata in Europa dalle Missioni
a cura di Elio Filardo OMI eliofilardo@omimissio.net

al 19 al 22 novembre si tenuto a Pozuelo lincontro Rivitalizzare la vita e la missione oblata in Europa (pozuelomi.sitego.fr). Vi hanno partecipato circa 60 Oblati provenienti da tutta Europa, dai 5 ai 25 anni di ministero con la presenza di un numeroso gruppo appartenente alla Provincia polacca. Per questo motivo le lingue dellincontro sono state inglese, francese e polacco. P. Rafael Villanueva dice che la sua difficolt pi grande stata la lingua, ma il frutto pi significativo di questo incontro la vicinanza con gli Oblati che in futuro lavoreranno in Europa. Dopo questo incontro sento di dovermi impegnare di pi nellapprendimento delle lingue, almeno linglese. (fonte: nosotrosomi.org)

PER UN FEDELE SERVIZIO


H
a ricevuto la medaglia papale Pro Ecclesia et Pontifice per i suoi diciassette anni come segretario di lingua inglese e consigliere canonico presso la Nunziatura Apostolica di Ottawa. p. Thomas Cassidy. Durante questo periodo, stato al servizio di quattro nunzi apostolici: Carlo Curis, Paolo Romeo, Luigi Ventura e Pedro Lopez-Quintona. La maggior parte della gente non ha familiarit con il lavoro dellUfficio di Nunzio Apostolico. Non si sa che circa il 20% di questo servizio consiste nel rappresentare la Santa Sede presso il Governo nel ruolo di ambasciatore e che quasi l80% dedicato ai vescovi cattolici del Canada. un Paese bilingue e per questo la Nunziatura non pu contare su un segretario per il francese ed un altro per linglese. Tom racconta che inizialmente, quando ha ricevuto la telefonata dalla Nunziatura in cui gli si chiedeva di presentarsi per un colloquio, era rimasto molto perplesso. Non poteva essere uno scherzo? Tuttavia non conosceva nessuno dei suoi confratelli Oblati in canada grado di imitare un accento italiano cos pronunciato. La richiesta del Nunzio accolta favorevolmente dal

22 MISSIONI OMI 01/02_13

Ucraina

P. Jacek Pyl nominato vescovo

l Santo Padre Benedetto XVI ha nominato vescovo ausiliare della diocesi di OdessaSimferopol p. Jacek Pyl, finora Parroco della parrocchia di S. Michele Arcangelo a Tyvriv nella diocesi di KyivZhytomyr assegnandogli la sede titolare vescovile di Novasinna. P. Jacek Pyl nato il 17 agosto 1962 a Garwolin, nella Diocesi di Siedlce in Polonia. Nel 1977 entrato nel Seminario minore degli Oblati e nel 1981 ha iniziato il noviziato ed ha emesso i voti perpetui l8 settembre 1986. stato ordinato sacerdote il 20 giugno 1988. Dal 1988 al 1990 stato sssistente del Maestro dei novizi a Swiety Krzyz in Polonia. Dal 1990 svolge il ministero pastorale in Ucraina, dove dal 1997 al 2003 ha ricoperto per tre mandati consecutivi anche lincarico ucraina di superiore della Delegazione oblata. Attualmente parroco della parrocchia di S.Michele Arcangelo a Tyvriv nella Diocesi di Kyiv-Zhytomyr. (fonte: news.va)

Provinciale di allora, p. Gerry Morris, ha iscritto Tom nella lista dei sette Oblati che hanno prestato il loro servito presso la Nunziatura e probabilmente con il primato di aver svolto questo compito per il periodo pi lungo. Quando ha iniziato il periodo di prova, l8 settembre 1994, si reso subito conto che si trattava di un ministero tipicamente oblato. Altri confratelli avevano ricoperto incarichi simili e lo stesso Eugenio de Mazenod aveva sempre voluto che i suoi uomini fossero al servizio dei vescovi. Questo lavoro, interamente al servizio dei vescovi del Canada, stato iniziato da Tom con un salto nel vuoto. Ciononostante, in tutti questi anni, ha ricevuto soltanto uno o due commenti negativi sul suo lavoro di segretario

e consigliere canonico. Durante questo incarico ho vissuto alcuni momenti significativi. Per esempio, una volta, dovendo rappresentare il Nunzio Apostolico, ha incontrato il primo ambasciatore nero del Sudafrica. Tom racconta che lambasciatore era un uomo molto grande. Quando vide il colletto romano, si accorse di Tom, gli diede un bel bacio e si vant davanti a tutti i presenti: Questo il rappresentante della Santa Sede. lunica istituzione che fin dallinizio ha affiancato il movimento anti-apartheid. Tom si alz e lo ringrazi. In questo contesto si sent molto vicino allarcivescovo, Denis Hurley ed ai suoi confratelli che erano stati forti sostenitori della resistenza al movimento apartheid in Sudafrica. ( fonte: omilacombe.ca)

MISSIONI OMI 01/02_13

23

news

Haiti

India

Sandy ha lasciato segni anche sullisola

Incontro dei giovani in formazione


al 27 al 29 dicembre allIstituto di Filosofia de Mazenod (DIP) di Gnanalayam si tenuta una tre giorni dal titolo Bosom rivolta a 120 giovani: candidati alla vita oblata, studenti di filosofia, novizi e scolastici. Da qui lacronimo Bosom che significa Studenti oblati indiani in convegno. Il tema dellincontro La formazione alla fede per la missione stato impostato mediante unapprofondita e precedente consultazione dei partecipanti. Gli argomenti affrontati nelle conferenze sono stati:  La formazione alla fede alla luce dellesperienza ad Aix di S. Eugenio.  Il senso di appartenenza, una sfida per la comunit.  La vita comunitaria degli Oblati una testimonianza apostolica. P. Francis Nallappan, provinciale dellIndia, stato presente insieme a tutti i formatori. I partecipanti di Bosom hanno dedicato il tempo necessario alla preghiera ed alla celebrazione dellEucaristia, ai canti, ai giochi ed a manifestazioni culturali nello spirito delle feste natalizie. Hanno animato il corso p. Chinnapan, p. David Kumar e i fratelli C. Salomon, Rabul e S. Joseph. Hanno coordinato liniziativa giovani di tutti i livelli della formazione e lequipe organizzativa composta da sette giovani guidati da p. Antony Samy. ( fonte: omiworld.org)

el mese di ottobre luragano Sandy, noto per aver causato danni e vittime nel nord-est degli Stati Uniti, passato per Haiti toccando questa popolazione che di recente era gi stata colpita da terremoti ed uragani. Pi di cinquanta persone sono state uccise e le colture sono state gravemente danneggiate. Il 27 ottobre p. Real Corriveau descrive la situazione dopo il passaggio di Sandy: Tre giorni di pioggia e vento, giorno e notte. La piccola sala parrocchiale di fronte alla chiesa stata distrutta. La cucina e la casa parrocchiale sono rimaste senza tetto. Il vento era cos forte che la pioggia ha allagato la canonica. La canonica della parrocchia S. Marie Madeleine a Sibert questanno stata inondata per la seconda volta. Fortunatamente gli Oblati e la gente hanno trovato rifugio nella scuola parrocchiale. Per quanto ne so, nessuno rimasto ferito. Sembra che Sandy abbia fatto molte inondazioni a Les Cayes e sulla costa meridionale, dove abbiamo pi di dieci parrocchie. Il vento e le onde hanno causato enormi danni alle case in riva al mare. consolante vedere che le persone ricevono aiuto da parte del governo e di altre organizzazioni. Questa volta erano stati preparati ad affrontare gli effetti di un uragano. ( fonte: omiworld.org)

24 MISSIONI OMI 01/02_13

mgc news

COSENZA

Un volto per costruire

stato un weekend diverso quello del 3 e 4 novembre per i giovani dellMGC della Calabria. Due giorni cos intensi da sentirne molti di pi, fisicamente, ma soprattutto interiormente. Partiti con tanto entusiasmo abbiamo trascorso questo fine settimana ospitati dalle suore nella Colonia S. Benedetto, a Cetraro (Cs). Pochi minuti per sistemarsi e per conoscere i nuovi ragazzi, arrivati da Paola (Cs), Cosenza, Oppido Mamertina (Rc) e Cetraro (Cs), e subito si inizia. Con lo slogan Un volto per costruire. Nei vari gruppi di comunione, partendo proprio dallo slogan, ciascuno ha donato agli altri una parte di s. Esprimendo e condividendo paure e debolezze, sono venuti fuori aspetti

del proprio carattere che molti non avevano mai considerato. Intensa stata ladorazione eucaristica di sabato sera, terminata con un grande abbraccio finale tra i giovani presenti, cos come emozionanti sono state le testimonianze di Salvatore e Angela, una coppia di fidanzati dellMGC che da alcuni anni vive la propria storia nella purezza e nella sincerit, e di un adulto della comunit di Cosenza che dopo un pellegrinaggio a Medjugorje ha riscoperto la fede e lesperienza del perdono. Ecco alcune testimonianze. Ci su cui mi sono soffermata la conferma che Dio ci ama cos come siamo. Direi che questa 2-giorni stata davvero un mattoncino che si andato ad aggiungere alla costruzione di quella casa che la mia fede. Francesca, Cosenza

MISSIONI OMI 01/02_13

25

Il tema mi ha aperto gli occhi, facendomi capire che devo imparare a conoscermi, senza aver paura di scoprire chi sono realmente. Imparando ad amarmi posso donare me stessa agli altri. Ester, Oppido M. - Rc

Ultimamente non mi sentivo vicino a Dio andavo a messa la domenica, ma per tradizione. Da quando i missionari sono venuti a Oppido cambiato tutto, adesso s che posso pormi delle domande, che prima neanche immaginavo. Raffaele, Oppido M. - Rc

TARANTO
Un incontro insolito
Il mio Liceo partecipa ad un progetto di gemellaggio con il Burkina Faso che ha come obiettivo la costruzione di pozzi e di una centrale elettrica a pannelli solari che permetter la distribuzione dellelettricit allintera cittadina di Fada. La mia professoressa di francese mi ha proposto di esporre ai miei compagni il lato etico del progetto. Per questo ho deciso di organizzare un incontro nellAula Magna della scuola, per poter parlare del termine missione inteso non solo col significato ecclesiale, ma come opera di volontariato e di cooperazione. Il punto su cui mi sono soffermato particolarmente riguarda lessere Missionario nel quotidiano, ovvero come noi ragazzi possiamo essere missionari. Direi che anzitutto possiamo vedere un esempio di missionari nelle figure dei nostri genitori, che ogni giorno fanno sacrifici per assicurarci una vita dignitosa senza farci mancare nulla. Ma anche noi come figli siamo missionari a casa quando diamo una mano in cucina o aiutiamo il fratellino a fare i compiti o semplicemente buttiamo la spazzatura. Il luogo forse pi difficile dove possiamo essere missionari la scuola. E come si fa? Aiutando i compagni in difficolt, cercando di risolvere le discordie che si creano in classe, facendo ogni giorno il nostro dovere di studenti. Siamo chiamati a vivere come se fossimo gli operai di un cantiere, il cantiere di quel progetto

VERCELLI

Ripartiamo con la fede


La famiglia oblata di Vercelli ha iniziato il cammino di questanno con una festa. Abbiamo voluto unire due momenti: lintroduzione del tema di questanno, ossia la fede, e il saluto di congedo a p. Saverio Zampa e p. Dino Cadon, che hanno cambiato sede, rispettivamente Aix-en-Provence (Francia) e Passirano (Bs). La festa iniziata sabato con una partita di calcetto seguita poi dalla cena in comunit, noi ragazzi e p. Saverio. La giornata ufficiale stata la domenica; erano presenti pi di 100 persone e si respirava davvero un calore di famiglia. stata una giornata di gioia e comunione, di unione, con qualche lacrima certo Abbiamo avuto la possibilit di conoscere e intrecciare il nostro cammino con due persone eccezionali! Lappuntamento successivo per lMGC si svolto nel fine settimana successivo. stato un weekend di novit, anche se il posto lo conoscevamo bene: lAbbazia di San Nazzaro Sesia. Un luogo sicuro, rilassante e silenzioso. Solo in questo modo potevamo accogliere altri giovani che hanno chiesto di camminare con noi nellMGC: Elena, Laura, Andrea e Luca. Durante quei giorni abbiamo ascoltato la testimonianza di Martina, sul viaggio missionario in Guinea Bissau, e di Eleonora, una ragazza da sempre dedita alla vita di oratorio, che ora ha scelto di aiutare i poveri della citt, vivendo in un appartamento insieme con altri giovani.

26 MISSIONI OMI 01/02_13

mgc news
disegnato da Dio. Cos possiamo fare quel qualcosa in pi che fa del bene a noi stessi e alla persone intorno a noi. Durante la seconda parte di questo incontro ho avuto loccasione di parlare di come la mia vita sia cambiata da quando faccio parte del Movimento Giovanile Costruire; ho esposto la storia e lattualit dei Missionari Oblati di Maria Immacolata e in particolare della loro missione in Senegal e GuineaBissau, con la testimonianza di p. Bruno Favero. In conclusione ho raccontato la storia di p. Mario Borzaga e del suo grande carisma illustrata nel libro Il sogno e la realt di p. Fabio Ciardi. P. Nicola Parretta, il mio parroco, stato presente ed intervenuto alla fine della conferenza. Andrea Chioppa

sicuramente gioia la parola che lMGC di Firenze si porta nel cuore al termine della maxi convivenza fatta nel ponte di Ognissanti a Femminamorta (Pt). A portare la gioia pi grande sono state sicuramente le nuove pre-comunit, che da questanno hanno intrapreso un cammino di formazione per creare delle comunit di vita. La radicalit, in tutti i contesti della vita, stato il tema, e grazie alla formazione di p. Francesco, alle meditazioni tenute da alcuni giovani, ma soprattutto alla comunione tra noi, abbiamo trovato una nuova motivazione alla radicalit. Sar che solitamente le esperienze di convivenza rendono pi buoni - racconta Claudia - ma questa volta credo che in me sia cambiato seriamente qualcosa! La mia esperienza per questa maxi convivenza si fonda su due parole: rinascita e lievito. La prima si riferisce proprio al fatto di essere cambiata e di essere rinata, sentirsi finalmente parte di ununica famiglia, riuscire a mettere a disposizione di quasi sessanta persone le proprie forze fisiche (per cucinare). La seconda esperienza lho vissuta una settimana prima della convivenza: essere come

Maxi convivenza
il lievito nel pane. In pratica essere testimoni di Cristo nella vita di tutti i giorni. Cosa c da dire di questa maxi-convivenza si chiede invece Dimitri Principalmente io direi wow, perch la prima convivenza che faccio da non giovanissimo, ed davvero emozionante arrivare alla casa e conoscere solo met della gente. Subito dal pomeriggio non stato difficile relazionarsi. Nei giorni successivi sentivo uno spirito di una grande famiglia! Giulio, un altro dei, per cos dire, nuovi MGC, racconta: Il percorso che ho iniziato, secondo me, il trampolino di lancio per vivere la vita: ti d le basi su come vivere da cristiano. Si sente che siamo in un mondo completamente diverso, rispetto a quello dei giovanissimi: qualcosa di pi raffinato! La parola che mi porto a casa cerchio, perch in un cerchio tutti siamo rivolti verso lo stesso centro che Dio, ci possiamo guardare in faccia e condividiamo le nostre idee. Andrea Cuminatto

FIRENZE

MISSIONI OMI 01/02_13

27

una foto per pensare

Storie di
foto Alessandro Milella, alexmil@tele2.it testo Claudia Sarubbo, claudia.sarubbo@yahoo.it

'acqua sala ta ra profumi d T ,affiorano are generoso m un di ni e do ccolte , ti cala te e ra re in i, ch di storie . Storie re e desideri in treccia pau sp ensa trici ili fa tiche di um ve vi i ch di raccoglie i con sudore di vita ; di ch ndit fo to nella pro ci che cela luce portando alla dell 'abisso,ri one ova ,riscoprend una storia nu vera . l'essenza pi

28 MISSIONI OMI 01/02_13

vita

MISSIONI OMI 01/02_13

29

fatti

Sostenere la missione

ad gentes
P. Ventriglia racconta degli anni di lavoro trascorsi alla Procura delle Missioni estere
di Pasquale Castrilli OMI pasquale.castrilli@poste.it

o vediamo pregare il Rosario in diretta da Lourdes su TV2000, con i pellegrini alla Grotta e con migliaia di telespettatori italiani. P. Nicola Ventriglia approdato da qualche mese nel Santuario mariano probabilmente pi famoso al mondo, a servizio, insieme alla comunit oblata, dei pellegrini che sempre numerosi vi si recano. Negli ultimi anni stato incaricato della Procura delle Missioni estere, lufficio della Provincia religiosa che coordina i progetti missionari.

P. Nicola che bilancio tracci di questi anni di servizio come Procuratore delle Missioni estere? Anzitutto sento di dire grazie ai superiori per la stima e la fiducia accordatami nellavermi voluto affidare questo incarico, per avermi sostenuto e incoraggiato in questi anni anche nei momenti difficili. Grazie ai confratelli

oblati che mi hanno sempre accolto con grande fraternit nelle Missioni che ho potuto visitare. Grazie a Melina, Francesca e gli ultimi due anni Maria, che mi hanno saputo affiancare nel portare avanti lufficio della Procura. Un grazie voglio esprimerlo ai nostri amici benefattori per la stima, la fiducia e laffetto che mi hanno sempre

30 MISSIONI OMI 01/02_13

Progetti

completati

INTERNAT DI KOUMPENTOUM (Senegal), convitto inaugurato il 22 luglio 2012 (36 ragazzi hanno gi cominciato a viverci). ACQUISTO DI 3 MOTO-TAXI per offrire un servizio agli abitanti dei villaggi e lavoro ai giovani (Koumpentoum, Senegal). COLONIA ESTIVA A KABROUSSE, sponsorizzata dal Viaggio missionario 2012, per 81 bambini provenienti dalle missioni di Temento ed Elinkine (Senegal). PROGETTO MARTINA. Terminato larredamento della scuola di Farim (Guinea Bissau). SALA POLIVALENTE di Wenday a Elenkine (Senegal). RIPARAZIONE DELLA SCUOLA Keur Daouda (40 Km da

Koumpentoum, Senegal) e costruzione di una camera con servizi. POMPA PER IL POZZO nel villaggio di Felane (Koumpentoum, Senegal). SCAVO POZZI in tre villaggi della Missione di Temento grazie soprattutto alla collaborazione del progetto Un pozzo dacqua per la vita.

realizzazione

Progetti in corso di

SCUOLA DI MARAKISSA (Temento , Senegal): ultimata la copertura del tetto, rimane lintonaco.

i vari progetti missionari, delle adozioni a distanza e dei contatti con amici e i benefattori. E per quanto possibile tiene i rapporti con le comunit della Provincia di appartenenza. Per questo lufficio richiede tempo, delicatezza e rispetto, poich si tratta di rapporti con persone concrete. C tanta gente di buona volont, desiderosa di poter aiutare i poveri e le Missioni, ma vuole vederci chiaro. Vuole essere sicura che i piccoli e grandi sforIn tutte le foto p. Ventriglia durate alcune missioni. In apertura, con i bambini del Centro daccoglienza e doposcuola Cenai a San Gregorio de Polanco (Uruguay). Sopra, con alcuni monaci buddisti a Bangkok (Thailandia) e a fianco a Pitesti in Romania con p. Angelo Daddio

dimostrato, sostenendo in questi anni, con amicizia e generosit, i tanti progetti che abbiamo potuto realizzare nelle nostre Missioni dove si trovano gli Oblati italiani e non solo. Lufficio della Procura molto complesso e non sempre facile da gestire, si occupa specialmente dei rapporti con i missionari, di reperire fondi per

zi che ciascuno fa, abbiano buon esito. questo uno dei motivi che obbliga il procuratore a muoversi, e a cercare di avere sempre un contatto vivo e diretto con amici e benefattori delle Missioni. Trovo inoltre che, lufficio della Procura possa essere un ottimo strumento di animazione missionaria per lintera Provincia, proprio grazie al diretto

contatto che essa ha con le Missioni e i missionari. Quali sono stati i momenti per te pi significativi? In questi anni ho sperimentato la forza prorompente della provvidenza, che si fa strada per andare incontro alle necessit dei poveri. Allinizio mi chiedevo dove avrei trovato i fondi per rispondere alle tante richieste che arrivano in Procura dalle nostre Missioni. Ma sentivo che questa non doveva essere la preoccupazione primaria. Mi sono detto: Sono stato chiamato a questo servizio non per cercare soldi, ma per promuovere e sensibilizzare lanimazione missionaria. Con questa certezza le cose sono cominciate ad essere molto pi serene dentro di me. La mia primaria preoccupazione in questi anni stata di promuovere i rapporti sempre pi fraterni con i missionari e con i nostri amici delle Missioni; questo ha prodotto il centuplo anche negli aiuti alle Missioni. Posso dire che non mi sono mai preoccupato di cercare soldi, anche se questi sono sempre arrivati e anche pi di quello che mi aspettassi. Questo ha dato la possibilit di poter far fronte a nuovi progetti che erano gi in programma e che tante volte non

MISSIONI OMI 01/02_13

31

SCUOLA DI KOUMPENTOUM, materna ed elementare, per accogliere 500 bambini provenienti dai villaggi limitrofi. il pi grande dei progetti in corso.

Progetti in corso di

realizzazione

PASSEGGIANDO IN SENEGAL... CON DANIELA completamento campo-scuola agricolo di Temento; finanziamento di linee di microcredito per attivit femminili; costruzione di una sala polivalente socioculturale a Ngueniene. SCAVO DI ALTRI POZZI in diversi villaggi delle nostre missioni. I tempi di realizzazione dipendono da vari fattori tecnici e sociali. ROMANIA formazione insegnanti specializzati per il sostegno ai bambini diversamente abili.

si pensava di poter realizzare. Un altro momento significativo stato poter stare, anche se solo per poco tempo, con i nostri missionari sul campo di lavoro e vedere con quanta tenacia, forza e abnegazione, sanno osare e spendersi per andare verso i poveri. Bello stato in questi anni sperimentare di persona che in qualsiasi parte del mondo, nelle pi differenti situazioni, gli Oblati conservano quella caratteristica di famiglia facendo sentire tutti a casa propria. Mi pare una cosa interessante per la Procura aver dato a numerose persone la possibilit di visitare le nostre Missioni (Senegal, Guinea Bissau, Uruguay) e vivere per qualche tempo la stessa vita dei nostri missionari, attraverso i viaggi missionari. Ultimo, ma non meno importante, questi anni di servizio come Procuratore delle Missioni Estere, sono stati utili per conoscere pi da vicino tutta la nostra Provincia Come vedi, in questo momento, limpegno ad gentes dei Missionari OMI italiani?

In questa foto p. Ventriglia in Venezuela, nella zona degli indios Boksi. Nella foto a destra sulle montagne del Guatemala

Per quanto mi dato di conoscere, posso affermare che limpegno ad gentes da parte dei missionari Omi italiani , e rimane, una delle priorit. Lo si sente dallinteresse che ho potuto costatare nel visitare le nostre comunit oblate italiane. Questo per anche un discorso complesso, che non pu non tener conto dellattuale configurazione della societ e della chiesa italiana. P. Franco Cagnasso del Pime ha affermato: Finora si pensato che per fare missione ad gentes si doves-

se andar fuori, ad extra, perch in casa tutto era gi cristiano o quasi. Oggi i non cristiani ci vengono in casa, si prospetta dunque un cambiamento del modo di concepire la missione ad gentes, che non pu pi essere esaurito dal partire. Sbaglia chi, da questa affermazione conclude, Non pi tempo di partire!. Anche se tale missione compete alla Chiesa italiana nel suo insieme, e non direttamente agli Istituti missionari, i quali possono dare un con-

32 MISSIONI OMI 01/02_13

fatti

CONTRIBUTI A PROGETTI E ATTIVIT OPERATIVI Aiuti a diverse strutture sociali e sanitarie gestite da Oblati tra le quali: Casa di Anna in Corea del Sud, Casa Emanuele in Guinea Bissau, Centro Talitakum in Uruguay, assistenza ai bambini diversamente abili in Romania, dispensari, ecc. Aiuti alle Case di formazione dei futuri missionari in Senegal, Congo, Thailandia e Italia. PER UN FIGLIO IN PI. ADOZIONI A DISTANZA Limpegno per le adozioni a distanza, continua a coinvolgere tanti generosi benefattori e quasi tutte le nostre missioni. I nostri confratelli sono il terminale di una solidariet capillare che raggiunge tanti bambini e ragazzi, pi di 1200, l dove vivono, e permette alle loro famiglie di vivere un po pi degnamente e a loro di frequentare la scuola e di acquisire uneducazione adeguata. Adriano Titone OMI e la squadra della Procura delle Missioni estere

cia, 18 maggio 1957). Mi sembrano attuali, a questo proposito, le risposte date da p. Nicola Parretta. allora Provinciale, ad unintervista che ti ha rilasciato e che Missioni OMI ha pubblicato nel numero 12/2009. Per concludere ti chiedo di raccontarci di cosa ti occupi ora a Lourdes. A noi Missionari Oblati di Maria Immacolata, a Lourdes, affidato il compito di coordinare tutti i pellegrini. Per ogni lingua c un coordinatore. Io mi occupo, insieme a p. Palmiro Delalio e p. Roberto Villa, di coordinare in particolare i pellegrini di lingua italiana. A Lourdes si usano sei lingue ufficiali. Tutte le pubblicazioni e attivit pastorali, liturgiche e amministrative, la cui lingua principale il francese, vengono tradotte in italiano, inglese, spagnolo, belga-fiammingo e tedesco. Ci sono, perci, cinque cappellani coordinatori, che hanno un proprio Ufficio allinterno del Segretariato generale. Da alcuni anni, sono tutti Oblati di Maria Immacolata.

tributo qualificato ma non farsene un carico esclusivo o prevalente. Gli Istituti missionari? Possono essere presenti, non in alternativa al partire, ma come forma di animazione missionaria. Come dice p. Mario Borzaga: Noi missionari siamo fatti cos: il partire una normalit, andare una necessit! Domani le strade saranno le nostre case; se saremo costretti ad ancorarci in una casa, la trasformeremo in una strada: a Dio (lettera alla sorella Lu-

Lavorano a tempo pieno, anche al di fuori della stagione ufficiale, che va dalla Domenica delle Palme alla festivit di Ognissanti e oltre. Tra le principali responsabilit c lorganizzazione del ministero della riconciliazione, che prevede la presenza nei tempi di maggiore afflusso, di un gran numero di confessori italiani. Particolarmente impegnativo il rapporto con le grandi organizzazioni, come Unitalsi nazionale e sezioni regionali, Oftal, Opera Romana, i Paolini Brevivet, gruppi parrocchiali da ogni parte dItalia. Il coordinatore, oltre ad accogliere i pellegrinaggi e assegnare luoghi e orari delle varie celebrazioni, partecipa in prima persona alle funzioni, dove vengono usate le lingue ufficiali, come le messe internazionali, la processione eucaristica pomeridiana, la fiaccolata serale. Da tre anni il Coordinatore italiano responsabile della diffusione del S. Rosario in diretta dalla Grotta su TV2000 (alle ore 18, con replica alle 20) e, ogni giorno, dalle ore 11,40, sempre in diretta su TV2000, un messaggio e la recita dellAngelus. n

MISSIONI OMI 01/02_13

33

fatti

Da Cosenza a Medjugorje. Incontri e sensazioni di un pellegrinaggio estivo

di Francesca Vuono Giordano

Medjugorje
osa porteremo nel cuore e nella mente del meraviglioso pellegrinaggio compiuto a Medjugorje? Certamente il primo ricordo legato alla partenza, molto presto, il 20 agosto, da quella che per molti di noi ormai la seconda casa: la Chiesa di San Domenico. Quella levataccia mattutina, fatta a cuore allegro anche da chi solitamente non si alza molto presto, il primo sacrificio che con gioia offriamo a Maria, il primo di tanti appuntamenti che avremmo avuto con Lei in orari che non avrebbero tenuto conto delle ore

Gioia e commozione a

canoniche di sonno e di veglia. Conserveremo il ricordo della Messa in lingua italiana celebrata il nostro primo giorno a Medjugorje sulla spianata ricavata dietro la chiesa, quella chiesa a due campanili divenuta famosa in tutto il mondo. Tema dellomelia, il buon uso che il cristiano deve fare della ricchezza, la quale male solo se fine a se stessa, ma diventa strumento di Provvidenza se il ricco la usa per aiutare il prossimo bisognoso. Conserveremo il ricordo della comunit di recupero fondata da Madre Elvira, Cenacolo, la prima di nume-

rose altre che avremmo visitato e in cui il Vangelo si fa vita. Che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amati linsegnamento che ha guidato, e ancora guida, Madre Elvira. l metodo di recupero messo a punto da questa straordinaria donna si fonda sulla preghiera, sullaccoglienza amorevole ma anche sullassunzione di responsabilit nel lavoro e nellattenzione verso il fratello ancora debole nella rinuncia alla dipendenza. Come dice la stessa fondatrice, la sua comunit non distribuisce caramelle. Toccanti sono le esperienze di vita che

34 MISSIONI OMI 01/02_13

ci raccontano, senza nascondere nulla di s, Giampiero e Ivan. Ascoltandoli, cominciamo a versare le prime lacrime nel constatare quanto lamore di Dio infinitamente pi grande delle nostre miserie! Allo stesso modo non potremo mai dimenticare la comunit dei Figli del Divino Amore, anche questa nata per iniziativa di una donna, suor Maria Rosaria, una donna che nella sua precedente vita, prima di scegliere Ges, svolgeva il suo lavoro nel mondo della moda. Le attivit di questa casa di accoglienza e recupero ci vengono illustrate da frate Roland, un bel giovane nato a Bolzano, abile chitarrista e bravo cantante, che ci racconta anche la sua esperienza di vita. Chi avrebbe mai potuto sospettare che alle spalle di quella persona ci potesse essere stato un passato tanto doloroso? Vedo commuoversi e piangere anche molti uomini, oltre alle donne, al racconto che Roland fa della sua vita, delle lacrime versate da sua madre e del suo affidarsi incessante e tenace alla preghiera; dellintervento di Maria a Medjugorje per salvare que-

sto suo figlio per il quale Dio aveva un progetto grandissimo. Ancora una volta riceviamo la testimonianza che nulla impossibile a Dio e che la preghiera fatta con fede smuove le montagne. Nei nostri cuori rimarr anche don Tonino, un sacerdote impegnato nella comunit di Chiara Amirante, che, cos come Roland aveva rinunciato a diventare musicista heavy metal, ci racconta di avere abbandonato la sua aspirazione di diventare attore. Entrambi questi uomini oggi usano i loro talenti artistici per dare testimonianza di Dio e portare tante anime a Lui. Anche la comunit Orizzonti di Luce nata dallamore fattosi concretezza nella donazione generosa di un industriale di Sassuolo e nelloperato di Chiara Amirante, una giovane romana che ha trovato il senso della vita nellandare alla ricerca dei pi disperati nei luoghi pi poveri e degradati delle nostre citt. Anche nel venire a conoscenza delle opere straordinarie compiute da Chiara e dai suoi collaboratori, non possiamo fare a meno di commuoverci.

Porteremo nel cuore e nella mente il ricordo della celebrazione eucaristica nella piccola chiesa messaci a disposizione nellorfanotrofio di suor Kornelya, superiora della Congregazione delle Sorelle della Famiglia Ferita. una celebrazione sentita, nessuna bocca resta chiusa al momento dei canti e lo scambio del segno di pace diventa labbraccio festoso tra i componenti di una unica famiglia! E come potremo mai dimenticare lappuntamento pi importante di tutto il pellegrinaggio: lincontro con la Croce sul monte Krizevac! Il percorso sul Krizevac, scandito dalle stazioni della Via Crucis, tra sassi e rovi, pari a tre volte quello del Podbrdo, la collina delle apparizioni. Pertanto, il nostro pellegrinaggio sulla montagna ha inizio alle 4.30, nel buio della notte, ben prima del sorgere del sole. Non passato inosservato che, al nostro arrivo in cima al Podbrdo, dinanzi alla statua della Madonna, il sole tramontava, mentre, nel procedere vero la Croce del Krizevac, il sole sorgeva. Sembra che Maria ci abbia

MISSIONI OMI 01/02_13

35

fatti

Il gruppo di Cosenza al porto di Dubrovnik con p. Roberto Bassu e p. Carmine Marrone

voluto ricordare, rafforzando il valore delle testimonianze ascoltate nelle comunit, che Ges ci d sempre la possibilit di risorgere, perch sulla croce ha sconfitto la morte. La nostra salita faticosa, ma arriviamo tutti alla meta aiutandoci lun laltro e contando sul Suo aiuto. Ricorderemo con gioia tutti i sei giorni di intensa preghiera e di comunione, tra noi e tra noi e il Cielo, vissuti in quellangolo di Paradiso sulla terra, dove la Gospa ci chiama per farci

meglio conoscere Suo Figlio. Dalle testimonianze che vengono fatte sul pullman mentre ci dirigiamo alla volta di Dubrovnik si comprende che quanto abbiamo vissuto ci ha arricchito e ci fa tornare a casa con una pi profonda conoscenza di Ges, che a Medjugorje, come forse in pochi altri luoghi della terra, si manifesta concretamente come Via, Verit e Vita. Con la accresciuta consapevolezza e responsabilit di dovere, anche noi, far diventare vita il Vangelo. chiaro a

tutti che Maria ci ha chiamati a Lei per affidarci Suo Figlio e farlo vivere nel mondo, a cominciare dallambito delle nostre famiglie. Come qualcuno di noi ha ben detto, il nostro pellegrinaggio comincia adesso, al ritorno da Medjugorje, dove abbiamo ricevuto un mandato che si pu riassumere in questi due insegnamenti: Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amati (Gv. 15,12) e Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo a ogni n creatura (Mc. 16,15).

APPARIZIONI DA PI DI TRENTANNI
Il 24 giugno 1981 la data della prima apparizione della Vergine a Medjugorje. Il paesino situato a 25 km da Mostar ha vissuto uno vero e proprio cambiamento dovuto alle migliaia di pellegrini che ogni anno vi si recano per un esperienza di preghiera e ricerca interiore. Nel marzo del 2010 la Santa Sede ha istituito una speciale commissione formata da vescovi, teologi ed esperti e presieduta dal card. Camillo Ruini, per approfondire i fenomeni e i racconti dei veggenti.

36 MISSIONI OMI 01/02_13

lettere dai missionari

MISSIONI

OMI

Oblati e laici al Convegno di Valencia

Un congresso interessante
Il primo Congresso nazionale di Pastorale Giovanile, organizzato dalla Conferenza episcopale spagnola e svoltosi a Valencia dal 1 al 4 novembre, dal titolo Anche voi mi renderete testimonianza (Gv. 15,27), stato davvero una sorpresa. Hanno partecipato pi di duemila persone da tutta la Spagna. Insieme a noi cerano due giovani, Manolo e Antonio, della diocesi di Monzn del nord della Spagna che conoscono gli oblati da tempo e Kiky della famiglia oblata di Jan. Limpressione che ho avuto stata molto positiva. Ho visto una Chiesa aperta e disponibile ad evangelizzare i giovani

e pronta a mettersi in discussione in un clima di profonda comunione e fraternit tra vescovi, sacerdoti, religiosi, consacrati, laici e giovani rappresentanti di tutte le diocesi. Abbiamo avuto la possibilit di partecipare a diversi laboratori di evangelizzazione entrando in contatto con molte realt che evangelizzano a partire dalla strada, internet, preghiere notturne, studio di YouCat, settimane vocazionali... Da queste esperienze ho capito che qui levangelizzazione si sta muovendo sul piano del primo annuncio e che sar la linea della pastorale futura. Tino Migliaccio OMI Madrid

Caterina, missionaria fatta in casa


Sono ancora emozionato del conforto umano che gli amici congolesi e senegalesi mi hanno manifestato in occasione della morte mia sorella Caterina (Lina). Da alcune notti, nella mia camera di Kinshasa dormivo con il cellulare a portata di mano aspettando il peggio, anche se avevo fatto insieme alla mia comunit e agli amici tutte le preghiere possibili. Alle sei di mattino di sabato 20 ottobre, vigilia della giornata missionaria, Lina si imbarcava per lultimo viaggio terreno. La condivisione spontanea e riconoscente della gente dAfrica e le condoglianze palpitanti di tanti amici

MISSIONI OMI 01/02_13

37

MISSIONI

OMI

italiani, mi metteva a poco a poco nella pace dellaccettazione piena della volont di Dio. Nei giorni vicini ai suoi funerali sono state celebrate una decina di messe, in Congo, Senegal, Italia e probabilmente altrove. Lina ha dato una testimonianza di amore per la famiglia e allo stesso tempo per la Missione, nel caso specifico per la mia missione in Africa, dapprima, per oltre venti anni, nelle zone rurali piuttosto aride del Senegal, poi nella RD Congo dove mi trovo da otto anni, occupandomi della formazione delle giovani leve oblate e dellinsegnamento. Infatti, in unepoca in cui ero superiore della Delegazione oblata del Senegal e in cui i miei genitori diventavano vecchi e bisognosi di assistenza ravvicinata, Lina

aveva accettato, su invito e augurio di noi membri della famiglia, di accudire i genitori. Una scelta del cui peso lei, probabilmente, non si rendeva tanto conto, presa comera dalla sua generosit e dal suo amore per la comunione familiare. Lina lasciava Roma, un posto di lavoro con un salario rispettabile, nella sola prospettiva di andare incontro ad un futuro finanziario incerto. Lina accettava questa soluzione anche per permettere a me di compiere la mia missione in Africa con pi tranquillit. Lasciava la grande citt, per ritirarsi a S. Ferdinando (Rc), il nostro paese della Calabria. E poi, si sa, le persone anziane alla lunga, anche nel caso di genitori affettuosi e bravi in tutti i sensi, possono diventare capricciosi come i bambini. E Lina, certamente,

pensava che fosse venuto il momento anche per lei di occuparsi dei bambini, dei suoi nipotini. Invece doveva mettere in conto di allontanarsi da tutti loro, nipoti e figli, per rivederli insieme al marito Paolo durante le vacanze estive. Lina e Paolo avevano fisso nella loro testa di non spostarsi mai dal fianco di mamma Carmela e di pap Giuseppe. Non cera alcun verso per convincerli a lasciare i genitori da soli, nemmeno per un istante! Cos, sono andati avanti per pi di sette anni. Nel mese di giugno del 1998 muore pap, mentre mi trovavo in Senegal. Poi, nel 2004, il giorno di Pasqua, muore mamma, giusto un mese dopo che ero arrivato nella nuova destinazione missionaria del Congo. Grazie a Dio e alla compassione dei confratelli, potei partecipare ai funerali di entrambi, ma furono loro, Lina e Paolo, che, anche a nome mio, chiusero loro gli occhi, accompagnandoli, col loro filiale abbraccio finale, allincontro col Padre dellamore eterno e della vera vita. stato cos anche in occasione dei funerali di Lina ai quali ho partecipato intimamente, ma da lontano, continuando a svolgere le attivit della mia missione. Lina voleva cos: che io non fossi distratto dal perseguire lideale missionario per motivi

familiari. Voleva che tutto si facesse come prima, anche al momento della sua morte, per non disturbare il compiersi della missione di suo fratello. Sono quindi rimasto a Kinshasa seguendo per in preghiera i momenti di una morte-vita. In effetti, pur da lontano vedevo come Lina, nel calvario della lunga e straziante malattia, che sul finire laveva resa cieca lultima grande prova fisica e spirituale che poteva capitarle -, aveva riunito in maniera nuova la famiglia. Il suo consumarsi in croce con Cristo aveva creato una nuova unit in seno alla nostra famiglia. Di pi, Lina aveva favorito un bel riannodarsi dei rapporti di amicizia tra il nostro nucleo familiare e la famiglia oblata. Erano quei rapporti di amore stabilitisi ai tempi dello scolasticato di Vermicino (Frascati, Rm). Infatti, al suo funerale, che coincideva con la celebrazione della Giornata Missionaria Mondiale, ufficiavano ben cinque Oblati, tra cui p. Paolo Archiati, vicario generale.

Mimmo Arena OMI

38 MISSIONI OMI 01/02_13

lettere dai missionari

MISSIONI
Qui Uruguay
di Luca Polello OMI
poleesdra@gmail.com

OMI
persone, appartenenti alla famiglia oblata, cercano di affrontare le situazioni di emarginazione sociale, lassenza di prospettive lavorative, lelevata disoccupazione, il disagio sociale e la violenza giovanile. Da diversi anni si organizza una kermesse missionaria a favore del Centro di Formazione Talitakum. Unopportunit per me, per entrare in contatto con questa realt, per riconoscere i volti degli Oblati che l vivono, per essere consapevole del lavoro di tante persone che con gioia condividono la loro fede, attente e pronte a spendersi per i pi abbandonati.

Kermesse missionaria
Con i giovani della parrocchia di Libertad, dopo pochi giorni dal mio arrivo in terra uruguaiana, ho partecipato a una giornata missionaria, organizzata dalla parrocchia oblata San Rafael nel Cerro di Montevideo, in occasione della DOMUND, la Domenica Missionaria Mondiale. Il Cerro un quartiere tra i pi a rischio della capitale: la popolazione giovane e vive in una situazione sociale precaria. Nel quartiere gira droga a basso costo, la disoccupazione altissima, molti si mantengono con piccoli furti. Qui gli Oblati, le Comi, e tante

Qui Senegal
di Gianluca Rizzaro OMI
gianlucarizzaro@gmail.com

Teranga Comincio ad orientarmi nellimmenso quartiere di Parcelles, periferia di Dakar, anche se sono qui da pochissimi giorni. Quando p. Marcel gira a sinistra,

vedo in fondo alla strada il piccolo monumento eretto nel 2009, anno in cui quella strada ha ricevuto il nome di Rue Maria Immacolata. Siamo praticamente arrivati, ma Marcel accosta dicendo: Oh oh, crevaison!. Il mio francese ancora un cantiere aperto, cos rimango interdetto. Poi scendo, vedo la gomma anteriore sinistra completamente sgonfia e capisco! Nemmeno il tempo di prendere gli attrezzi dal cofano e due giovani di passaggio si avvicinano. Uno dei due sposta un po di sabbia, lonnipresente sabbia di Parcelles, da

sotto la nostra auto, laltro inserisce il cric e, ad un certo punto, come se fossimo noi ad aiutare loro a cambiare la gomma. Eppure siamo noi ad aver forato! Si chiama teranga, che spesso si traduce con accoglienza.

In realt molto di pi. qualcosa che annulla la sensazione di essere estranei. Quando arrivi in un Paese completamente diverso da quello in cui sei cresciuto, puoi forse volere di pi?

MISSIONI OMI 01/02_13

39

missioni

Siamo tutti missionari!

Attenzione alle generalizzazioni: rischiano di essere superficiali e non ci aiutano a crescere! Conoscete la storiella delle quattro persone, chiamate Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno? Cera un lavoro importante da fare e Ognuno era sicuro che Qualcuno lo avrebbe fatto. Ciascuno poteva farlo, ma Nessuno lo fece, Qualcuno si arrabbi perch era il lavoro di Ognuno. Ognuno pens che Ciascuno potesse farlo, ma Nessuno cap che Ognuno lavrebbe fatto. Fin che Ognuno incolp Qualcuno perch nessuno fece ci che Ciascuno avrebbe potuto fare. Cosa vuol dire che tutti siamo missionari e cosa comporta questo nella nostra vita cristiana? Cosa pu apportare alla crescita della coscienza missionaria di tutti i cristiani lesperienza di chi ha consacrato interamente la sua vita per la missione? In questa rubrica missionaria che apparir nei numeri di questanno, prover a condividere con voi qualche briciolo della mia esperienza missionaria dalla quale provo a distillare provocazioni missionarie per tutti (no, non per tutti, solo per chi le riterr significative per la sua vita). P. Adriano

Missione un biglietto di sola andata


di Adriano Titone OMI - titonomi@gmail.com ono passati pi di trentanni anni da quando ho fatto per la prima volta un biglietto di sola andata: avevo appena ottenuto la maturit scientifica e andavo a vivere nella comunit oblata di Marino (Roma). Dei mesi, un anno, due? Non sapevo bene cosa sarebbe stato, ma mi sentivo coinvolto dalla vita dei missionari e dal loro modo di spendersi senza misura per trasmettere il vangelo. Quello stile di vita mi attraeva e giustificava una partenza senza un ritorno programmato. Questo mio primo partire a fondo perduto era gi gravido di quella chiamata alla fiducia incondizionata in Dio-Amore, di quel senza misura che lo stile di Ges, primo missionario. Sentivo sbocciare in me una libert a tutto campo di fronte a me stesso e di fronte a quanti incontravo. Adesso, col senno del poi, dopo svariati biglietti di sola andata, lo comprendo: il Signore mi chiamava ad essere missionario, ad uscire dal mio mondo e andare verso laltro veramente, rischiando di non P. Adriano Titone a potere pi tornare indietro. Non Ngaoundr (Camerun) quello che ha fatto Ges facendosi nell'aprile 2004 uomo? n

40 MISSIONI OMI 01/02_13

APPUNTAMENTI 2013 PER I GIOVANI


Ragazzi
2 - 5 gennaio Tre giorni giovanissimi dai 14 ai 17 anni a Marino laziale (Roma) 27 - 30 marzo (triduo pasquale) Tre giorni per ragazzi dai 17 anni in su a Marino laziale (Roma) 1 -13 agosto Esperienza di discernimento e servizio per ragazzi dai 18 anni in su a Marino e Lourdes La comunit di Marino sempre disponibile ad accogliere giovani, singoli o gruppi. Non esitate a contattare la comunit. Missionari Oblati di Maria Immacolata Centro Giovanile eNoviziato Corso Vittoria Colonna 158 00047 Marino (RM), tel. 06 9387300 www.omimarino.it Per informazioni: p. Luca Mancini OMI lucamancini@omimissio.net

Ragazze
2 - 5 gennaio Tre giorni giovanissime a Vermicino (Frascati, Roma) 30 luglio - 5 agosto Campo giovanissime a Gesso (Messina) Per informazioni: p. Francesco Lugar OMI cicciolugara@libero.it p. Francesco Volpintesta OMI francesco.volpintesta@tin.it

Ragazzi e ragazze
26 - 28 aprile Incontro giovani del Movimento Costruire (MGC) per il 25 (luogo da definire) Per informazioni: p. Antonio DAmore OMI antoniodamore@gmail.com 18 - 28 luglio Giornata Mondiale della Giovent ad Aparecida e Rio de Janeiro (Brasile) Per informazioni: p. Carmine Marrone OMI carminemarrone@omimissio.net, p. Francesco Lugar OMI cicciolugara@libero.it 12 - 18 agosto Incontro internazionale per giovani sul carisma oblato a Aix-en-Provence (Francia)

MISSIONI

OMI

MISSIONI
riViSTa MenSiLe Di aTTUaLiT MiSSionaria

1-2/2012 Gennaio/Febbraio

La beatificazione dei martiri oblati in Spagna


Prezzo di copertina e 1,50 - Gennaio/Febbraio 2012 - Poste Italiane s.p.a. - spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2, DCB/AL

- Nuovi evangelizzatori per la nuova evangelizzazione

IN QUESTO NUMERO:

IN CONTATTO CON TE,

SEMPRE.
RINNOVA LABBONAMENTO PER IL

2013

www.facebook.com/missioniomi www.missioniomi.it www.omi.it

MISSIONI

OMI