Sei sulla pagina 1di 24

Gioved

17 luglio 2014
anno XLVII (nuova serie)
numero 28
euro 1,20
28
Poste Italiane spa
Sped. abb. postale
DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812
Primo piano 5
Alfero: le storie
degli immigrati
di Lampedusa
D
a alcuni mesi sono
ospitati nel paese ap-
penninico diversi giovani
africani. Abbiamo sentito
loro, parroco e sindaco
Il seme del Vangelo
si trova
in ogni uomo
Chiesa 8
L
appello di papa Ber-
goglio per il Medio
Oriente: Signore, do-
naci il coraggio di dire
Mai pi la guerra
Cesena 12
Crack Sapro
Chieste alcune
archiviazioni
Cesena 12
A Calabrina
un incontro
sullomofobia
Lettere 23
Proposto
un gemellaggio
con Gorizia
Verghereto 17
A Donicilio
si ricorda
don Babini
Evviva
il Centro estivo
Vacanze in parrocchia: esperienza di crescita e condivisione
313 BAMBINI E RAGAZZI ANIMANO IL CENTRO ESTIVO PARROCCHIALE DI SANTEGIDIO DI CESENA
GUIDATI DA CENTO EDUCATORI TRA GIOVANI E ADULTI (FOTO SA.L.)
Editoriale
Il cuore delluomo per Dio
di Francesco Zanotti
Lestate un momento caldo per le parrocchie, le associazioni e i mo-
vimenti cattolici, nonostante le inusuali basse temperature delle ultime
settimane. Sono migliaia i bambini e i ragazzi impegnati nei centri estivi.
In questo periodo dellanno le famiglie hanno bisogno di un aiuto. Ter-
minata la scuola, spesso non sanno a chi affidare i figli. Entrano cos in
gioco le parrocchie in unattivit educativa che non ha eguali.
Nella pagina speciale offriamo uno spaccato partendo da uno dei centri
estivi che conta il maggior numero di partecipanti fino ad arrivare alle
piccole realt dellAppennino che, pur con pochi aderenti, rappresen-
tano una realt spesso insostituibile.
Speciale a pagina 4
L
estate ci impone una sosta. Per quattro
settimane il giornale cartaceo non
uscir. Si tratta di un periodo lungo. Lo
sappiamo benissimo, ma non possiamo fare
altrimenti. Un po per le ferie e un po a
motivo delle necessit di bilancio, siamo
arrivati alla decisione di tornare in edicola e
nelle case degli abbonati solamente gioved
21 agosto.
Non smetteremo, comunque, di proseguire
la nostra attivit sul territorio e non solo. Dal
sito online (www.corrierecesenate.it)
continueremo a tenere aggiornati gli
internauti su quanto accade nelle nostre
comunit locali, con un occhio sempre
attento, anche grazie ai servizi dellagenzia
Sir, allItalia e al mondo.
In ogni caso non potremmo fare
diversamente. La fede non va mai in
vacanza. doveroso staccare per
rigenerarsi un po e recuperare maggiori
energie, ma questo non il tempo per
chiamarsi fuori, per non seguire ci che
accade attorno a noi e anche per formulare
un giudizio sulla realt quotidiana. Il
giornale ha anche questo nel suo dna e noi
desideriamo rimanere fedeli alla nostra
missione-vocazione.
Il cuore delluomo fatto per Dio. Lo ha
dichiarato don Mirco Bianchi, il parroco di
Gatteo a Mare, rispondendo al Carlino che
nei giorni scorsi gli ha dedicato un paginone
vista lapertura quasi continuata, dalle 6,30
alle 2 di notte, delle due chiese a lui afdate,
Gatteo e Villamarina. E se luomo, come
sottolinea con efcacia don Mirco, fatto per
Dio, signica che a Dio va avvicinato. Ecco il
senso dellapertura delle chiese, di
conseguenza frequentate oltre ogni attesa.
Lo stesso ragionamento vale per noi. Alla
maniera di don Oreste Benzi non vogliamo e
non possiamo permetterci di abbandonare il
nostro impegno. In questo periodo,
comunque, vorremmo aiutare tutti a vivere
con maggiore intensit le due attenzioni
messe in evidenza dal vescovo Douglas nel
suo messaggio per lestate (il testo integrale
sul sito del Corriere). Innanzitutto i rapporti
in famiglia e con le persone pi vicine. Meno
presi dalle consuete occupazioni, meno
pressati dal lavoro e dalle scadenze, ci si pu
dedicare di pi a chi vive accanto a noi. C
bisogno di rendere pi calde e vere scrive
monsignor Regattieri le relazioni allinterno
della comunit familiare. Inoltre il recupero
del rapporto personale con Dio, innanzitutto
riconciliandosi con Lui. Poi nella preghiera
costante, nellascolto della sua Parola, nella
partecipazione alla Messa, varcando
appunto la soglia delle chiese che speriamo
sempre pi aperte ovunque, al mare, in
montagna, in citt.
creato@corrierecesenate.it
Le fotografie
delle vacanze
sul Corriere
I
niziativa promossa in-
sieme alla commissio-
ne diocesana Gaudium
et Spes in vista della
Giornata del Creato
Il Corriere Cesenate
si ferma per 4 settimane
Torner
in edicola
il 21 agosto
Ogni giorno
seguiteci
su corrierecesenate.it
FESTA
SS. CROCIFISSO DI LONGIANO
Sabato 26 luglio 2014
Nel 250 anniversario della consacrazione del Santuario
Sabato 26 luglio, Festa del Crocifisso
ore 6 Apertura del Santuario. Messe alle ore 6,30 - 7,30 - 8,30
ore 9,30 Messa presieduta da fr. Giovanni Voltan, ministro provinciale dei
frati minori conventuali del nord Italia
ore 11 Messa solenne presieduta
dal vescovo DOUGLAS REGATTIERI
ore 17,30 Rosario
ore 18 Processione con lImmagine del Crocifisso per le vie del
paese
accompagnata dal Corpo bandistico Citt di Gambettola
ore 19 Messa presieduta da fr. Egidio Monzani, in suffragio dei benefat-
tori e dei defunti dellArciconfraternita del Ss. Crocifisso
Foto Marcello Parini
PROGRAMMA CULTURALE-RICREATIVO (in piazza Tre Martiri)
Venerd 25 luglio, ore 21,15: Orchestra Il mulino del Po
Sabato 26 luglio, ore 16,30: concerto del corpo bandistico
Citt di Gambettola
ore 21,15: orchestra Bandiera Gialla
ore 23: spettacolo pirotecnico
PROGRAMMA RELIGIOSO
Novena di preparazione (dal 17 al 25 luglio): le Messe (alle 20,30) sono
presiedute da fr. Egidio Monzani dei frati minori conventuali (Ravenna).
Sono invitati i parroci e le Comunit parrocchiali vicine.
DOMENICA 20 LUGLIO:
ore 20,30 Processione degli automezzi per le vie del comune con limmagine
di San Cristoforo, patrono della citt. Al termine, benedizione degli automezzi
ore 16,30 Messa con il sacramento dellunzione degli infermi
ore 18,00 Messa della novena
LArciconfraternita e i Frati del Santuario ringraziano quanti offrono il loro sostegno per la
buona riuscita della festa. Ges Crocifisso doni a tutti santit, pace e salute.
Gioved 17 luglio 2014 3 Opinioni
Riforme per affermare
che lItalia governata
egli aspetti tecnici si potrebbe discutere ancora
molto a lungo, senza riuscire ad arrivare ad un
approdo convincente. Ma urge la decisione
politica. Cos si pu sintetizzare la questione della
riforma costituzionale, ormai al passaggio decisivo.
Scompare il Cnel, non rimpianto da nessuno, sono
risistemati i rapporti tra Stato e Regioni, dopo la
sbandata della riforma del 2001, e soprattutto cambia il
Senato, pi che dimezzato negli effettivi, non pi
elettivo e senza indennit, almeno formalmente
definita. Non mancano molti altri provvedimenti, solo
apparentemente di dettaglio, come i nuovi quorum per
lelezione del Capo dello Stato, per i referendum, tutte
questioni molto delicate, nel rapporto
efficienza/garanzia, il crinale decisivo delle politiche
istituzionali.
Il rilevante consenso a Renzi fondato soprattutto su
due misure, che hanno immediatamente raccolto un
apprezzamento trasversale, gli ottanta euro e il tetto
agli stipendi pubblici: c tra la gente voglia di maggiore
uguaglianza e maggiore sobriet, mentre le distanze tra
ceti e classi continuano a crescere, in Italia e in Europa
e la crisi continua a mordere.
Per questo le riforme si devono fare e i dubbi tecnici
finiscono per passare in secondo piano. Fare le riforme
diventa una sorta di conferma e accreditamento.
Innanzi tutto nel sistema politico italiano, che pi che
mai Renzi-centrico. La prova di forza con Grillo alle
Europee ha determinato da un lato uno stop alla fase
espansiva del M5S, costretto cos ad un dibattito
interno. Le ulteriori vicende di Berlusconi sul piano
giudiziario hanno vincolato Forza Italia al tavolo di una
riforma condivisa, ma ad evidente propulsione
renziana.
Il secondo (e decisivo) versante quello europeo.
Mostrare di sapere fare le riforme un modo per
affermare che lItalia governata e dunque in grado di
adempiere agli impegni, anzi, di avere voce per
negoziarli.
D
La scommessa politica
La fotograa
Il voto per la riforma avvia un processo complesso, saranno necessarie
almeno altre tre votazioni nellarco di tre mesi, ma chiude una prima fase del
governo.
E ne apre unaltra, il cui orizzonte temporale lo stesso Renzi ha fissato in
mille giorni. In realt a definire la prospettiva temporale di questa nuova fase
contribuiranno le vicende della legge elettorale, il cui iter dovr tenere conto
delle nevrosi che si stanno accumulando in diverse forze politiche, e
soprattutto dipender dallevoluzione della situazione economico-sociale, i
cui nodi, come sempre, si avvertiranno in autunno.
Avanti, dunque, sotto la pressione dello stato di necessit e con la certezza
che il quadro istituzionale decisivo, ma ancor pi importante la stoffa dei
protagonisti, ovvero in questo caso dei rappresentanti.
Che tuttavia, nella media, come gi avevano capito i primi scienziati della
politica, nel diciannovesimo secolo, non sono n migliori n peggiori dei
cittadini. Ne riflettono vizi e virt. Senza sconti per nessuno.
Tutto si tiene, nei sistemi democratici.
Francesco Bonini
Societ: pi disabili, meno badanti
ebbene in Italia cresca il numero di persone con disabilit, si fatica a
offrire un sistema di assistenza adeguato. Anzi, le risorse a disposizione si
contraggono.
I risultati di Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali, prodotti
da Censis e Unipol, indicano che la spesa sanitaria privata per la sanit e
lassistenza ha subito una battuta darresto nellultimo anno. Le famiglie hanno
rinunciato a 6,9 milioni di prestazioni private e per la prima volta diminuito il
numero di assistenti familiari che lavorano nelle case con anziani non
autosufficienti, 4 mila persone in meno. Non diminuito, invece, il numero
delle persone che ne hanno bisogno. Il Censis ne stima 4 milioni. E le
aspettative per il futuro sono di crescita: la proiezione del trend
dellinvecchiamento demografico ne prevede poi 4,8 nel 2020 e 6,7 milioni nel
2040.
Per completare il quadro della situazione utile tenere presente che secondo
S
lIstat la quota delle famiglie con una
persona con limitazioni funzionali
dell11,4 per cento. Molte sono
persone sole (il 40 per cento), un
gruppo pi piccolo (6,2 per cento)
composto da nuclei dove tutti hanno
disabilit, mentre nel 53,8 per cento
dei casi c almeno un componente
della famiglia in grado di farsi carico
degli altri.
Con laumento degli anziani, e con
esso del numero dei non
autosufficienti, le famiglie si ritrovano
sguarnite e a volte impreparate di
fronte al problema. Finora la rete di
prossimit ha funzionato anche per la
ricchezza delle risorse del territorio e
per la capacit dei nuclei familiari di
armonizzarle (assistenza pubblica,
privata, badanti); c bisogno per di
un salto di qualit nelloffrire risposte
adeguate a un fenomeno che si
estende.
Lassistenza difficile in un sistema
che ancora non ha trovato la modalit
di integrare un welfare sanitario
complesso, dove sono presenti attori
diversi: famiglie, imprese private, no
profit e servizio pubblico. D'altronde i
segnali sono contrastanti: da un lato
ci sono famiglie oberate e sofferenti,
dallaltro un servizio sanitario
nazionale che riscuote ampia fiducia,
ci dice lIstat (un indice di gradimento
degli utenti pari a 8 su una scala da
1 a 10), ma ha liste dattesa
inaccettabili per il 75 per cento della
popolazione. Poi ancora ci sono le
strutture private che presentano
spesso costi pi elevati.
Per offrire una soluzione c un nodo
da sciogliere sui confini tra pubblico e
privato: alcuni sostengono lopinione
di alimentare il settore privato perch
pi veloce. Gli stessi aggiungono
che la white economy come la
chiama il Censis potrebbe essere un
volano occupazionale. Altri
sottolineano per la difficolt di
ampliare il mercato nel campo della
salute, perch diventerebbe pi
complesso garantire a tutti,
soprattutto ai pi poveri, le cure e
lassistenza; sarebbe allora pi
opportuno investire in un sistema
sanitario con un forte ruolo,
attribuito al settore pubblico, di
coordinamento nella gestione dei
servizi e di garanzia sugli standard
delle prestazioni.
Dentro il nodo, lintegrazione del
welfare sanitario rimane sospesa.
Facile prevedere che nellinerzia
saranno gli interessi dei primi ad
averla vinta, anche se sarebbe
opportuno privilegiare il diritto alle
cura delle persone rispetto alle
logiche di mercato, utili invece per
ottimizzare i costi.
Andrea Casavecchia
Estate 2014 con bombe dacqua e frequenti temporali. La foto, scattata domeni-
ca 13 luglio, ritrae nubi minacciose sulla campagna cesenate.
La crisi pone interrogativi nuovi sullassistenza familiare.
Lassistenza difficile in un sistema che ancora non ha trovato
la modalit di integrare un welfare sanitario complesso, dove
sono presenti attori diversi: famiglie, imprese private,
no profit e servizio pubblico
FOTO SIR
U
n
a rifo
rm
a
p
er crescere
Gioved 17 luglio 2014 4 Speciale Centri Estivi
Vallesavio
I numeri non sono quelli delle grandi
parrocchie di citt. E neanche le strutture.
Ma per i bambini e i ragazzi della media e
alta valle del Savio non mancano le
opportunit di trascorrere il tempo libero
in compagnia, condividendo le esperienze
di gioco e svago con i propri coetanei.
Diversi sono i centri estivi parrocchiali che
accolgono o hanno accolto i bambini in
questa prima parte di estate.
In Alta valle del Savio la parrocchia di
Alfero guidata da don Edero Onofri per il
mese di luglio, al mattino, ospita nei propri
locali una quindicina di bambini delle
elementari, seguiti da uneducatrice. Non
un vero e proprio centro estivo - spiega il
parroco don Edero Onofri - ma cerchiamo di
dare una mano alle famiglie facendo
trascorrere un tempo costruttivo ai loro
gli.
Uno dei Cep pi strutturati quello
realizzato dalla parrocchia di Quarto,
guidata da don Fiorenzo Castorri. Attivo
per quattro settimane (dal 23 giugno al 18
luglio) ha accolto pi di trenta bambini
(dai quattro ai quattordici anni)
provenienti da Quarto, Sarsina, Turrito e
Sorbano. Le attivit si sono svolte al
pomeriggio dalle 15 alle 18 - spiegano gli
educatori -. Avevamo una programmazione
settimanale con attivit varie: laboratori di
cucina, artigianali, del riciclo,
testimonianze, giochi, escursioni. Siamo
andati al Fumaiolo, ad Atlantica, al mare e
in piscina. Tutto stato realizzato
attraverso il personaggio Bufalo Bill che ci
ha accompagnato nellafrontare temi
come lamicizia, la lealt, laiuto.
A Sarsina il parroco don Renzo ha
organizzato, nel mese di giugno, un campo
ad Alfero per i bambini di terza, quarta e
quinta elementare. Alloggiavano nellex
asilo del paese e, come spiega Benedetta,
educatrice, stata una settimana molto
positiva perch per molti di loro era la
prima esperienza fuori casa, lontano dalla
famiglia. Il luogo scelto ci ha permesso di
fare camminate nella natura, bagni nelle
cascate dellAlferello e al ume Para.
NellUnit pastorale mercatese il Cep
inizier il 21 luglio (no al 3 agosto). Gli
spazi delle attivit saranno quelli adiacenti
alla chiesa di Taibo, trenta gli animatori, e
un centinaio i bambini dai sei anni no alla
terza media Abbiamo messo insieme -
spiega Marco Franzo, educatore - bambini
di Monte Castello, Mercato Saraceno, San
Damiano, Taibo e Cella. Seguiremo una
storia attraverso il personaggio Lo Hobbit,
ci accompagner per tutta la durata del
Cep. Al pomeriggio faremo giochi, incontri
e attivit. E prevista una gita fuori porta.
Ci siamo preparati molto per questo
momento. Fondamentali sono stati gli
incontri fatti agli animatori perch fossero
preparati ad afrontare coi pi piccoli i temi
e le storie che abbiamo scelto come lo
conduttore.
Don Emilio Solis ha nito lo scorso 4 luglio
il Cep iniziato il 16 giugno. Ha coinvolto i
bambini di San Romano (i giochi e le
attivit si sono svolte al Palaband),
Piavola, Linaro, Ranchio e Borello.
Michela Mosconi
Venerd festa finale a Gambettola. A Budrio termina l8 agosto
Un mare di centri estivi nel Rubicone
Numerosi sono i centri estivi che si svolgono
nella zona del Rubicone.
A Gambettola il Cep si conclude venerd sera
con la festa finale. Questo il programma: alle
19,30 cena, alle 21 spettacolo "Larca di No: c
posto per tutti".
Nel territorio di Longiano(per lorganizzazione
il Comune ha stanziato circa 7mila euro) le ini-
ziative principali sono quelle messe in campo
dallassociazione "Homo viator", nel capoluo-
go, e dalle parrocchie di Crocetta e di Budrio,
nelle rispettive frazioni.
Il centro estivo del capoluogo, frequentato da
una trentina di bambini delle scuole elementa-
ri, si svolge nei locali del convento francescano.
Ha aperto i battenti lo scorso 9 giugno e sar at-
tivo fino a venerd 18 luglio. Responsabile del
centro estivo Damiano Garattoni, educatore
del doposcuola, accompagnato dai volontari
del centro di aggregazione giovanile "Forza ve-
nite gente".
A Crocetta le attivit sono partite il 30 giugno e
si protrarranno fino al 25 luglio presso il teatri-
no parrocchiale. Responsabile generale il par-
roco don Alessandro Nava. Con lui ci sono al-
cuni responsabili adulti, coordinati da William
Parini e altri animatori pi giovani. Il centro ac-
coglie circa settanta ragazzi, dallultimo anno di
scuola materna alla terza media.
A Budrio opera il "Vacanziere" per ragazzi dai 6
ai 14 anni. Il responsabile il parroco don Toni-
no Domeniconi. Il numero degli iscritti supera
spesso le cento unit, anche se "questanno -
comunica il parroco - si registra una leggera
flessione". A seguire i ragazzi un gruppo di
educatori coordinato dal professor Filiberto
Maraldi. Il "Vacanziere" attivo dal 9 giugno
all8 agosto, per un totale di tre turni di tre set-
timane ciascuno. Al termine di ogni turno pre-
vista una serata di festa in cui i genitori posso-
no condividere lesperienza vissuta dai ragazzi.
Matteo Venturi
Zona del Mare
In questa pagina speciale abbiamo
riportato solo alcuni dei centri estivi
organizzati. Fra quelli della zona del
Mare, ci giunge notizia del Cep di
Bagnarola e Villalta che terminer il
primo agosto. Oltre 80 i bambini
coinvolti seguiti da 25 educatori, come
spiega don Giovanni Barduzzi. A
Bagnarola attivo anche il centro estivo
de Lalbero della vita che organizza le
attivit tre pomeriggi la settimana,
mentre la parrochcia opera tutte le
mattine e nei restanti due pomeriggi.
La Societ dellAllegria ha dalla sua
oltre 40 anni di esperienza. Il centro
estivo 2014 prosegue no all8 agosto
econta ben oltre 200 presenze fra
bambini, educatori e giovani della Var
provenienti da diverse parrocchie del
territorio. Le attivit si svolgono dal
mattino no al tardo pomeriggio nella
piaggia antistante la colonia Agip a
Cesenatico. Qui vi uno stabilimento
balneare di propriet.
San Mauro in Valle | Al Cep anche i bambini dai 4 ai 6 anni
Centri estivo aperto anche ai
piccolissimi. Ecco la grande
novit della parrocchia di
San Mauro in Valle di Cesena
per il centro estivo di
questanno. Sono circa 60 i
bambini e ragazzi iscritti e
tra questi ben 10 sono di et
prescolare, tra i 4 e i 6 anni.
"E stata fatta questa scelta -
spiegano le educatrici del
Centro - perch alcune
famiglie della nostra
comunit ci hanno fatto
questa richiesta non avendo
la possibilit di tenera a casa
i bambini in quanto privi di
una rete familiare di
appoggio come nonni o zii".
(Bb)
uattrocento visi sorridenti per un
Viaggio del mondo in ottanta
giorni di crescita educativa tra
gioco, attivit varie e nuove amicizie. Con
il gusto di stare insieme e la gioia di
condividere un tempo estate davvero
eccezionale.
un centro estivo dai grandi numeri il Cep
della parrocchia di SantEgidio di Cesena.
Grandi numeri e grande entusiasmo che si
possono ben gestire negli spazi che la
comunit parrocchiale offre, tra il
Q
Un Giro del mondo
con il gusto dello stare insieme
A SantEgidio il centro estivo parrocchiale coinvolge 400 tra ragazzi ed educatori
multifunzionale tendone, il parco giochi
Marco Barduzzi e il campo sportivo. I
313 bambini iscritti, dallultimo anno di
asilo fino alla terza media - alcuni
provenienti da altre parrocchie - sono
accompagnati e guidati da un centinaio di
educatori (le maglie gialle e arancioni gli
aiuti educatori) di cui una ventina di
mamme e babbi che dal 25 giugno fino al
24 luglio vi dedicano tante belle energie.
Il romanzo di Jules Verne fa da filo
conduttore alle attivit del centro estivo,
siano esse laboratori manuali o tornei e
giochi. Divisi in otto gruppi-nazioni, i
ragazzi vengono impegnati, mattino e
pomeriggio, in laboratori con la creazione
di oggetti di stoffa, legno, feltro, polistirolo,
candele; di giochi quali Uno, elastico,
scacchi, ping pong e biliardino; corsi di
tennis, zumba e canto. Altro tempo viene
dedicato ai compiti delle vacanze. Un
momento di preghiera, guidato dal neo
sacerdote vice parroco don Filippo
Cappelli, apre il Cep ogni mattina e lo
caratterizza alle 12, quando tutto il gruppo
si ritrova in chiesa.
Tra uscite ai parchi di Dugheria e Atlantica,
momento tanto atteso del Centro estivo
stata la Tendata di venerd notte 11
luglio. Trentacinque le tende che hanno
colorato e animato il campo da calcio
adiacente alla chiesa, diventato per due
giorni un grande, animato e allegro
campeggio dove 230 bambini e ragazzi -
pi sessanta animatori - hanno trascorso
la notte. Alla fase del montaggio e
allestimento, sotto lapporto attento di
giovani scout e genitori-campeggiatori,
sono seguiti un grande gioco, la
condivisione della cena e una veglia sotto
le stelle. La luce dellalba ha dato la sveglia
ben presto e alle ore di sonno seguita la
preghiera di ringraziamento e lode per il
sole che sorge su un nuovo giorno, tipica
del risveglio africano. Prima del rientro a
casa, per tutti colazione con torte
preparate dalle mamme e sessanta litri di
latte offerto dalla Centrale del Latte.
Forse non proprio riposati, ma di certo
felici.
Sabrina Lucchi
LA TENDATA DI VENERD 11 LUGLIO STATO
TRA I MOMENTI PI ATTESI DEL CENTRO
ESTIVO DI SANTEGIDIO. 300 RAGAZZI
HANNO DORMITO NELLE TENDE MONTATE
NEL CAMPO PARROCCHIALE
I bambini del centro estivo nella sala intitolata a Lorenzo Cococcia
Foto darchivio
Gioved 17 luglio 2014 5 Primo piano
Il sindaco Guidi
"Non avranno
lo status di rifugiati"
"La maggior parte di loro - dice il
sindaco di Verghereto, Guido Guidi -
non ricever lo status di rifugiato. Lo
ottengono in pochissimi. Solo coloro
che provengono da situazioni di reale
guerra. Altrimenti, e toccher ai pi,
riceveranno il foglio di via". Cos
terminer il loro lungo viaggio verso la
speranza. Un viaggio che nora li ha
condotti ad Alfero, piccolo paese
sullAppennino cesenate. Qui si vive
anche di turismo, soprattutto estivo e
domenicale. Ecco un altro motivo per
cui la presenza di decine di immigrati
non stata vista da tutti nel migliore
dei modi.
"Per ci sono stati anche positivi
episodi di spontanea solidariet -
continua Guidi che anche il referente
della Cooperativa "Le querce" che
gestisce la struttura in cui sono
ospitati gli stranieri -
. Al loro arrivo, i
titolari di un negozio
di abbigliamento che
si trova qui vicino
allHotel "Appennino
nord" ha regalato un
paio di pantaloni a
ogni ospite".
Non manca, invece,
chi boicotta lalbergo e cerca di
metterne in difcolt lattivit. Di
recente intervenuto anche
lIspettorato del lavoro per una
segnalazione di lavoro in nero. In
realt si trattava di una persona che
dava semplicemente una mano, ma per
questo "sono intervenuti quattro
Carabinieri". Invece, "con la presenza
di questi giovani - aggiunge Guidi -
lavorano otto persone che altrimenti
sarebbero in difcolt. Certo, anche
lorganizzazione statale a volte sembra
improvvisata. Cinquanta stranieri sono
arrivati ad Alfero con un preavviso di
un solo giorno. I lampeggianti nella
notte e le mascherine non hanno
aiutato gli abitanti a restare tranquilli.
Per ad oggi posso afermare che non
si vericato un solo episodio
spiacevole. Questi giovani se ne
stanno molto in albergo. Non si
vericato nessun impatto negativo sul
territorio".
Ora alcuni sono stati trasferiti. Ad
Alfero ne restano 26. Per loro il nuovo
termine stato ssato al 31 agosto. Si
mantengono con i due euro e mezzo
dati dallo Stato italiano che per loro
paga 30 euro al giorno. Molti hanno
con s un po di denaro, per lo pi
guadagnato nei Paesi di transito. Quasi
tutti hanno il cellulare, lunico modo
per rimanere in contatto con le
famiglie dorigine. Diversi hanno
parenti in Italia o nel resto dEuropa,
un legame grazie al quale il desiderio
di poter rimanere sembra a molti pi
realizzabile.
Immigrati ad Alfero, tema scottante e delicato. Prove-
nienti da Lampedusa, nella frazione di Verghereto che
conta circa 700 abitanti, sono attualmente presenti 26
giovani, tutti uomini, provenienti per lo pi dal Mali,
dal Senegal e dal Gambia, Paesi dellAfrica occidentale.
Il parroco don Edero Onofri, dalle colonne del foglio
parrocchiale La conca dellAlferello, ha fatto sentire la
sua voce in un accorato intervento pubblicato un paio
di settimane fa.
Negli ultimi mesi, "la vita del nostro paese, normal-
mente tranquilla - scrive il sacerdote che abbiamo in-
contrato nel suo ufficio, in canonica - rimasta turba-
ta, sconvolta. Un folto gruppo di giovani africani ve-
nuto ad abitare tra noi. Sono fuggiti a rischio della loro
vita da situazioni disperate di miseria e guerra. Hanno
affrontato mille pericoli e drammi di estrema sofferen-
za. Si sono salvati dal mare tempestoso e sono stati av-
viati ad Alfero".
Il parroco ricorda ancora il momento dellarrivo: in pie-
na notte, un pullman scortato dai carabinieri, con assi-
stenti sociali dotati di mascherine sul volto. La reazio-
ne della gente stata di inevitabile sospetto e di com-
prensibile timore. "Tenersi alla larga da quella gente,
portatrice di paurose malattie e che avrebbe invaso i
nostri parchi pubblici". Inoltre, la campagna elettorale
in pieno svolgimento in quelle settimane ha accentua-
to i toni dei proclami e delle critiche circa laccoglienza
a persone che sarebbero rimaste senza fare nulla in at-
tesa di essere riconosciute come rifugiati.
"Eppure - riconosce don Edero - per noi alferesi stata
unoccasione mancata. Invece di accoglierli, abbiamo
insinuato contro di loro le cose peggiori: delinquenza,
vagabondaggio, malattie. Bisognava salvaguardare i ra-
gazzi e i bambini", non facendo loro pi frequentare i
posti pubblici e i pullman. "Abbiamo perso loccasione
di conoscerli veramente, di informarci sui loro Paesi
dorigine, sui motivi della loro fuga, sulle loro famiglie
e le loro trib. Sui pericoli e i drammi vissuti nella loro
fuga attraverso il deserto. Di quanto hanno rischiato
nellaffrontare, su misere carrette del mare, la lunga tra-
versata fino alla nostra terra, sfrut-
tati e ingannati chiss quante volte".
Don Edero stato a pranzo con loro
nel giorno di Pasqua. Poi aveva pen-
sato di estendere quel gesto di soli-
dariet ai parrocchiani, ma non ha
dato corso al suo intento. Ora per
riconosce che si poteva fare di pi,
visto anche che "non successo as-
solutamente nulla". Invece, "abbiamo scelto di bloc-
carci in noi stessi - si legge ancora sul bollettino par-
rocchiale che esce ogni quattro mesi - e nella nostra pic-
cola realt. Ma tanti altri verranno a insidiare la nostra
vita tranquilla. Un mare di popoli in movimento conti-
nuo ci pressa, sospinto dalle loro estreme esigenze. Al-
fero non pu continuare ad essere unisola felice".
Poi, unultima amara considerazione: "Dovremo aprir-
ci alle situazioni del mondo intero, se non vogliamo mo-
rire di inedia e di meschinit". Un richiamo che vale per
tutti, non solo per gli abitanti di Alfero.
Alfero Il parroco don Edero Onofri commenta la vicenda degli immigrati ospitati in paese
"Giovani africani fra noi, unoccasione persa"
Abbiamo incontrato i profughi ospitati in centro ad Alfero
Si trovano in Appennino
da tre mesi. Sono molto
giovani, poco pi che
ventenni. Ragazzi buoni,
con alle spalle storie
di povert. Hanno pagato
cifre altissime per il viaggio
con barche di fortuna
Francesco Zanotti
llarrivo ad Alfero, dopo una
sessantina di chilometri da
Cesena, non si nota nessuna
invasione. Lo abbiamo
verificato venerd della scorsa
settimana, quando siamo saliti (con me
cera mio figlio Emanuele, pi abile del
sottoscritto con le lingue straniere) fino
al tranquillo paese collocato in una
splendida conca, a 670 metri sul livello
del mare. Non si vedono uomini che
incutono timore. Il clima il solito: una
localit tranquilla che in estate si gode il
fresco grazie ai vicini boschi di un
lussureggiante Appennino.
Ci aggiriamo incuriositi fra le vie che
velocemente ci conducono dal centro
fino alla parrocchia. Un paio di
alberghi, abitazioni ben curate, la
banca, lufficio postale, la farmacia. Ci
sono anche le indicazioni dei sentieri di
A
"Le nostre storie"
montagna con i tempi per raggiungere a
piedi varie destinazioni: da qui
occorrono tre ore e un quarto per
leremo di SantAlberico, una delle mete
pi ambite della zona.
Dal 10 aprile scorso, allhotel
Appennino nord sono ospitati 26
giovani africani. Allinizio ne arrivarono
43. Nel frattempo 17 di loro sono stati
smistati in altri centri di accoglienza.
Sono quasi tutti francofoni. Per la
maggior parte provengono dai Paesi
sub sahariani, come Mali, Benin,
Camerun e Costa dAvorio. Ce ne sono
anche del piccolo stato del Gambia,una
lingua di terra tutta attorniata dal
Senegal. Ne incontriamo alcuni (la
maggior parte di loro a dormire,
musulmani che rispettano il Ramadan)
anche se non subito semplice entrare
in sintonia. Basta poco, per, per fare
intendere che non abbiamo alcuna
intenzione bellicosa.
Il primo a raccontare di s Mahadi, 24
anni, originario del Mali. Parla un
francese abbastanza stretto. E timido.
Non ha conosciuto altra gente se non
quelli che operano nellalbergo dove
alloggia e i frequentatori
dellattiguo bar. Ha pochi anni di
studi alle spalle. Fa affidamento
su un fratello che vive in Italia. La
sua speranza tutta legata alla
permanenza nel nostro Paese. "O
resto qui o torno a casa mia. Per,
ho pagato troppo per arrivare fin
qua: non possibile pensare di
dover tornare indietro", dice
abbastanza sconsolato.
Kalilou Diakit ha 32 anni. Porta
lo stesso cognome di un calciatore
famoso. E sposato e in Mali ha
lasciato la moglie e un figlio. Per
arrivare fino a Lampedusa ha
finito tutti i soldi. E lunico, tra i
26 presenti ad Alfero, a non
possedere un cellulare. Non se ne
cura. I suoi pensieri sono rivolti
alla permanenza in Italia e alla
sua famiglia rimasta in Africa.
Sono tutti giovani o giovanissimi,
dai visi belli e sorridenti, quelli
che abbiamo incontrato. A motivo
della loro presenza, il paese che li
ospita si diviso. Dopo tre mesi
sono ancora molti quelli
diffidenti. Eppure Cheick Diallo,
classe 1992, un ragazzo che ha
finito il liceo, a casa sua, in Mali.
Poi uno sciopero illimitato lo ha
portato in Burkina, in Niger e in
Libia. "Ho lavorato scaricando
camion tutto il giorno per
pagarmi il viaggio di uscita dalla
Libia. Voi, in Italia, non potete
comprendere cosa significhi la
crisi. Io non sono voluto venire in
Italia. Sono stato "obbligato" a
venire in Italia e adesso qui vorrei
continuare a studiare". Parla un
francese molto comprensibile.
Con lui ci si intende a meraviglia.
Si dialoga con piacere. Un dato
appare abbastanza chiaro: questa
gente che vuole parlare,
raccontare, fare comprendere
come unaltra parte di mondo,
quella che noi a volte ci ostiniamo
a non voler vedere. Eppure,
basterebbe anche solo ascoltare.
Gioved 17 luglio 2014 6 Vita della Diocesi
Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Santuario dellAddolorata,
Villachiaviche
8.30 Madonna delle Rose,
San Domenico,
San Bartolo (lun.-ven.),
San Rocco, Santo Stefano,
Case Finali, Cappella
cimitero
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza,San Mauro in V.
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio
20.00 San Giovanni Bono (Ponte
Abbadesse), Torre del Moro
20.30 Villachiaviche, San Pio X,
Gattolino
Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, cappella
dellospedale Bufalini,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, Santa Maria
della Speranza, San Pio X,
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro, Gattolino,
Madonna del Fuoco,
San Giorgio, Macerone,
Capannaguzzo, Ronta,
Bulgaria, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Martorano,
Cappella del cimitero,
Tipano, San Cristoforo,
Roversano
9.00 Istituto San Giuseppe
(corso U. Comandini)
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, Ponte
Pietra, chiesa Benedettine,
Santa Maria Nuova,
San Vittore, San Carlo,
Ruffio, Diolaguardia,
Valleripa
9.15 San Martino in Fiume
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale,
San Pietro, Case Finali,
San Rocco, Cappella del
cimitero, Santa Maria
della Speranza, Torre del
Moro, San Pio X,
SantEgidio, Cappuccini,
Bagnile, SantAndrea in
Bagnolo, Carpineta
10.30 Santuario del Suffragio,
Bulgaria, Casalbono
10.45 Ronta, Capannaguzzo
11.00 Basilica del Monte,
Addolorata, San Pietro,
Santo Stefano,
San Paolo,
San Bartolo, SantEgidio,
San Giovanni Bono,
Villachiaviche,
San Domenico, Calabrina,
Calisese, Gattolino,
Madonna del Fuoco,
San Mauro in Valle,
Martorano, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Santa Maria
Nuova, Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone
11.10 Torre del Moro
11.15 Diegaro, Madonna delle
Rose, Sorrivoli
11.30 Cattedrale,
Osservanza,
San Pio X
17.00 Cappella del cimitero
18.00 Cattedrale, San Domenico
18.30 San Rocco, San Pietro,
Cappuccini
19.00 Osservanza
20.00 San Bartolo,
Villachiaviche
Sabato
e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto
Soggiorno)
15.00 Formignano
17.00 cappella del cimitero,
Luzzena (primo sabato
del mese)
17.30 Santuario del Suffragio,
Santuario Addolorata,
Istituto Lugaresi
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano, San Paolo,
Diegaro, Madonna delle
Rose, Torre del Moro,
San Vittore, Borello
18.30 San Pietro, Case Finali,
SantEgidio, San Rocco,
Cappuccini, Santa Maria
della Speranza
19.00 Osservanza, San Giorgio,
Villachiaviche, San Bartolo
19.30 Bulgarn
20.00 Bulgaria, Ruffio, Pioppa,
Ponte Pietra,
Pievesestina, Tipano
20.30 San Pio X, San Giovanni
Bono, Martorano,
Gattolino, Calisese,
San Mauro in Valle
Comuni del
comprensorio
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina,
Boschetto
17 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini
18 Gatteo a Mare
18,30 Valverde, San
Giuseppe
19 Camping Cesenatico
20,30 Santa Maria
Goretti, Sala, Villalta
21 San Giacomo,
San Pietro, Boschetto
Festivi: 7 San Giacomo; 7,30
Valverde, San Giuseppe; 8
Bagnarola, Santa Maria
Goretti, Gatteo a Mare;
8,30 Sala, Boschetto; 9
San Giuseppe, Cappuccini,
Valverde;
9,15 San Pietro;
9,45 Cannucceto;
10 Villamarina, Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe; 11 San
Giacomo, Sala; 11,15
Bagnarola, Gatteo a Mare,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
17,30 Cappuccini;
18,30 San Giuseppe,
Valverde, Zadina (Park
Hotel);
21 San Giacomo,
Boschetto, San Pietro
Longiano
Sabato: 18 Santuario
SS. Crocifisso; 19 Crocetta
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8.45 Longiano-
Parrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
10 Badia, Balignano;
10 Montilgallo;
11 Budrio, Longiano-
Parrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Santissimo
Crocifisso
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45 Casa di riposo, 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
20,30 (sabato); 8,30 /
10,30 / 18. Consolata: 19
(sabato); 7,30 / 9,30
Montiano
ore 20,30 (sabato);
9 / 11. Montenovo:
ore 20,30 (sabato,
chiesina del castello), 11
Mercato Saraceno
10.00; San Romano: 11;
Taibo: 10; Pieve
di San Damiano 11,30;
Montejottone: 8.30;
Montecastello: 11;
Montepetra: 8.30;
Linaro: 18 (sabato), 11;
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (chiesa San
Giuseppe); 9,30 (chiesa
parrocchiale); Ciola: 8,30
Sarsina
Casa di Riposo: ore 16
(sabato).
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Tavolicci: 16
(sabato); Ranchio: 20
(sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino: 9,30;
Quarto: 10,30;
Pieve di Rivoschio: 15,30;
Romagnano: 11,15;
Pagno: 16 (seconda
domenica del mese,
salvo variazioni);
Corneto: 11;
Pereto: 10
Civitella di Romagna
Giaggiolo 16 (sabato),
9,30; Civorio 9
San Piero in Bagno
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8,30 / 11 / 18.
Chiesa San Francesco:
10 / 17
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita:
domenica 9
(sabato alle 17)
Valgianna: 10
(sabato alle 16)
Bagno di Romagna
ore 18,30 (sabato);
8/ 11.15 / 18,30;
Alfero ore 18 (sabato); 11.15 /
18; Riofreddo: 10
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica);
Balze (chiesa
Apparizione): 8,15 /
11,15 / 18;
Montecoronaro: 9,45;
Villa di Montecoronaro (al
sabato) 18;
Trappola: 9,30;
Capanne: 11
Eremo SantAlberico
(luglio-ag-sett):
domenica: 16

A MESSA DOVE
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana
Testata che fruisce
di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911
Redazione, Segreteria e Amministrazione
via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 45;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 80 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 -
Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it
Tiratura del numero 27 del 10 luglio 2014: 8.613 copie
Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 17,30 di marted 15 luglio 2014
Domenica 20 luglio
16 domenica Tempo Ordinario - Anno A
Sap 12,13.16-19;
Salmo 85;
Rm 8,26-27;
Mt 13,24-43
N
ella sua lunga storia, la Chiesa ha
sempre dovuto affrontare la
tentazione di sentirsi la Chiesa
dei puri, contrapposta al mondo dei
malvagi. Tentazione che rischia di
insinuarsi pi o meno velatamente ogni
qualvolta impugniamo la verit con
arroganza, senza porci in un
atteggiamento di confronto e di
misericordia. Ma la Chiesa del Signore,
venuto a cercare i peccatori, non pu
essere una realt perfetta,
incontaminata, avulsa dalle debolezze
costitutive della condizione umana. Ci
piaccia o non ci piaccia, nella Chiesa di
Dio convivono grano e zizzania, bene e
male, luce e tenebra, santit e peccato. Il
guaio che quando si pensa al male, lo
si pensa istintivamente concentrato solo
da una parte. E la tentazione quella di
distruggerlo. la logica della pulizia
etnica, delluso sistematico delle
maniere forti per estirpare la radice del
male che, guarda caso, sempre
presente nellaltro da me. Chiss quante
volte, di fronte ai tanti disordini sociali e
morali che riempiono le pagine dei
quotidiani, vorremmo un Dio
castigatore, pronto a raddrizzare le cose
storte! E siccome le nostre aspettative
vengono puntualmente disattese, nasce
in noi il dubbio: forse Dio
disinteressato alle vicende degli uomini
o, peggio ancora, impotente. La
parabola ci invita a guardare la realt
contraddittoria in cui viviamo con sano
realismo. Dio sa che, in tutti, il bene e il
male sono strettamente intrecciati. E
distruggere la zizzania vorrebbe dire
distruggere anche il grano: fuor di
metafora, distruggere il male sarebbe
distruggere luomo. Forse non neppure
totalmente vero che convertirsi significa
sradicare tutta la zizzania da me, ma
accettare che le luci e le ombre presenti
in me si aprano allinvocazione propria
del pellegrino russo: Signore Ges
Cristo, piet di me, peccatore!. La
conversione, allora, vuol dire assumere
uno sguardo positivo sul mondo,
congedarsi dalla mentalit disfattista e
catastrofica del nostro tempo. S, perch
nessun uomo coincide con il suo
peccato o con le sue ombre, ma con le
sue lente maturazioni. Davanti a Dio
ed questa la lieta notizia del Vangelo
una spiga di buon grano conta di pi
di tutta la zizzania del campo: la
potenzialit del seme buono gettato nel
mio cuore viene prima delle erbacce che
tentano di soffocarne la crescita.
Alessandro Forte
IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Il grano e la zizzania. Nessuno coincide con il suo peccato
luned 21 luglio
san Lorenzo da Brindisi
Mi 6,1-4.6-8; Sal 49;
Mt 12,38-42
marted 22
santa Maria
Maddalena
Ct 3,2-5; 8,6-7; Sal 62;
Rm 7,1-6;
Gv 20,1.11-18
mercoled 23
santa Brigida
patrona dEuropa
Gal 2,19-20; Sal 33;
Gv 15,1-8
gioved 24
santa Cristina
Ger 2,1-3.7-8.12-13;
Sal 35; Mt 13,10-17
venerd 25
san Giacomo
2Cor 4,7-15; Sal 125;
Mt 20,20-28
sabato 26
santi Gioacchino
e Anna
Ger 7,1-11; Sal 83;
Mt 13,24-30
La Parola
di ogni giorno
NOTIZIARIO DIOCESANO
Incontro dei sacerdoti al Monte Fumaiolo
Luned 4 agosto alle 10 allalbergo
Monte Fumaiolo a Balze di
Verghereto si terr il tradizionale
incontro estivo di tutti i sacerdoti
in occasione della festa del santo
curato dArs (4 agosto), patrono
dei parroci. Nelloccasione
monsignor Piero Altieri
presenter un profilo di don
Alfredo Paganelli, del quale
stata recentemente curata una
biografia. Alla relazione
seguiranno il dialogo e le
testimonianza dei presenti. A
conclusione, alle 12,30, pranzo
insieme.
Radio Maria in collegamento
dalla Basilica del Monte e da Cesenatico
Venerd 15 e marted 19 agosto
Radio Maria, emittente cattolica
internazionale, in occasione della
Festa dellAssunzione della Beata
Vergine Maria, si collegher ve-
nerd 15 agosto alle 18 con la Ba-
silica di Santa Maria del Monte
per trasmettere il solenne pontifi-
cale dellAssunta presieduto dal
vescovo monsignor
Douglas Regattieri. Eseguir i
canti sacri la Corale La Grego-
riana diretta da Pia Zanca.
Lemittente cattolica internazio-
nale Radio Maria si collegher marted 19 agosto alle 16,45
con le Ancelle del Sacro Cuore di Ges Agonizzante in Ce-
senatico. Verr trasmessa lOra di Spiritualit con lAdora-
zione Eucaristica, il Rosario e il Vespro.
Liturgia delle Ore: 1 sett.
Gioved 17 luglio 2014 7 Vita della Diocesi
Dalle monache Benedettine| Venerd 11 luglio la festa di San Benedetto
Nella mattina di venerd 11 lu-
glio, solennit di San Bene-
detto, patrono dEuropa, il
vescovo Douglas ha celebrato
la messa al monastero delle
benedettine che si trova a Ce-
sena lungo la via Celincordia, in
zona Monte. Con lui hanno con-
celebrato i tre nuovi sacerdoti
ordinati il 28 giugno scorso:
don Alessandro Forte, don Fi-
lippo Cappelli e don Michael
Giovannini. Con loro anche
monsignor Mario Morigi, vicario
episcopale per la vita consa-
crata. A svolgere le funzioni di
cerimoniere era presente don
Marco Muratori. Il vescovo era
accompagnato dal segretario, il
diacono Giancarlo Ricci. I canti
sono stati eseguiti dai giovani
della parrocchia di Bulgarn
(nella foto con monsignor Re-
gattieri, alcune monache e i
nuovi sacerdoti).
Al momento dellomelia, il ve-
scovo ha chiesto una sedia e,
Brevi
Unitalsi e Cvs,
ritrovo a Villa Dionora
Gli amici e volontari dellUnitalsi e del
Centro volontari della soferenza (Cvs)
sono invitati al tradizionale
appuntamento estivo a Villa Dionora di
Carpineta, che si terr domenica 10
agosto alle 15. Alle 15,30 rosario e alle 16
Messa celebrata dal vescovo Douglas
Regattieri. A seguire la merenda e la pesca
preparata dal Cvs, musica e canti insieme.
Per informazioni e necessit di
trasporto: Unitalsi, tel. 0547 610399
(Nives e Umberto), 333 2995808; Cvs:
Isabella: 335 8196739.
na proposta
della
commissione
diocesana Gaudium et Spes in
preparazione alla Giornata della
Salvaguardia del Creato che si
celebrer luned 1 settembre.
Ai tantissimi gruppi (parrocchie,
associazioni, privati...) in partenza per
i campi scuola e le ferie estive in
luoghi a stretto contatto con la
natura, viene proposto di segnalare i
clic pi belli e suggestivi allindirizzo
creato@corrierecesenate.it.
Le fotograe che arriveranno in
redazione saranno pubblicate nelle
settimane che precederanno la festa di
settembre.
U
Festa del Creato
Sul Corriere
Cesenate
le foto
delle vacanze
Giornata del Creato
sui passi di San Vicinio
Sabato 29 e domenica 30 agosto, nei
giorni successivi alla festa di San Vicinio e
in preparazione alla Giornata per la
custodia del Creato, si terr un
pellegrinaggio dal Passo del Carnaio al
Monte di San Vicinio (circa 25 chilometri
totali in due tappe).
La proposta a cura della Commissione
diocesana Gaudium et Spes.
Per info e adesioni:
silvani.lorenzo@gmail.com
La Giornata per la custodia del Creato, che
si celebra il 1 settembre di ogni anno,
questanno in diocesi sar ricordata
domenica 14 settembre, al convento dei
Cappuccini, a Cesena. Alle 18,30 cena
conviviale e alle 21 celebrazione
ecumenica.
Tutte le celebrazioni
per la festa dellAssunta
enerd 15 agosto tutta la
Chiesa celebra la festa
dellAssunta. A Cesena la
solennit trova il suo
particolare punto di riferimento
alla Basilica dove si prega la
Madonna del Monte, e nellattiguo
monastero benedettino che
questanno ricorda il 200esimo
anniversario dellincoronazione
della statua della Madonna del
Monte da parte di papa Pio VII, al
secolo Barnaba Chiaramonti.
Durante la giornata, le Messe
saranno celebrate a ogni ora, dalle
6 alle 12.
Alle 17 saranno recitati i Vespri
solenni. Alle 18 concelebrazione
eucaristica presieduta dal vescovo
Douglas Regattieri (i canti saranno
eseguiti dalla corale La
Gregoriana diretta da Pia Zanca).
Lemittente radiofonica Radio
Maria trasmetter in diretta, a
partire dalle 18, il Pontificale
dellAssunta presieduto dal
vescovo Douglas.
Nel giorno della festa, in cripta
V
saranno disponibili diversi
sacerdoti per le confessioni.
La solennit sar preceduta da una
Novena, dal 5 al 14 agosto: al
termine della Messa feriale delle
7,20 ci sar il canto delle Litanie,
seguito dalla preghiera alla
Madonna del Monte.
Le celebrazioni mariane
proseguiranno e troveranno nuovo
appuntamento luned 8 settembre
alle 18 con la celebrazione
eucaristica presieduta
dallarcivescovo di Bologna Carlo
Caffarra.
DUE MOSTRE NEL CHIOSTRO
Saranno due le mostre allestite in
agosto negli spazi del monastero, in
collaborazione con la Societ Amici
del Monte, allestite entrambe nel
chiostro grande del complesso
monastico e che saranno
inaugurate sabato 9 agosto alle
17,30. Quella dal titolo La sacralit
dellarte raggruppa opere di
diversi artisti contemporanei.
La seconda mostra, esposta nella
cappella di San Benedetto, propone foto
provenienti dallarchivio del Monte, dal 1914
ad oggi: le immagini raffigurano monaci,
ristrutturazione post bellica, comunit
parrocchiali in pellegrinaggio alla basilica.
Alla Basilica del Monte, a Cesena arriver
larcivescovo di Bologna Carlo Caffarra
Un We da Dio per adulti
e famiglie di Azione Cattolica
Testimonianza di una tre giorni sul Lago di Bolsena e a Orvieto,
in occasione del 750esimo anniversario del Miracolo Eucaristico
n occasione del 750esimo anniversario del Miracolo Eucaristico di Bolsena-
Orvieto, il Settore Adulti e Area Fam&vitACI dellAzione Cattolica diocesana ha
organizzato un week end nellomonima citt. Il ritrovo stato nel pomeriggio di
venerd 11 luglio allippodromo di Cesena, per partire poi tutti insieme con i propri
mezzi verso lalbergo che ci avrebbe ospitato sulle rive del lago di Bolsena, fino alla
mattina di domenica 13 luglio.
Anche noi come famiglia abbiamo accettato questo invito e abbiamo vissuto
questa occasione riscoprendo di far parte di una grande famiglia, la Chiesa, dove si
respira Speranza. stato bello vivere la Messa celebrata dal nostro vescovo Douglas
nella chiesa di Santa Cristina, luogo in cui avvenuto il Miracolo Eucaristico; le
catacombe sottostanti sono il simbolo di unantica fede cristiana.
Ma anche momenti di svago, come il giro in barca sul lago di Bolsena, il bagno
nella piscina dellalbergo, le passeggiate al centro storico, hanno dato vita a una
familiarit, a un vivere la comunit nella quotidianit.
Nella giornata conclusiva di questo week end da Dio ci siamo spostati nel
I
magnifico Duomo di Orvieto, ove situata
la cappella del Corporale che conserva la
preziosa reliquia, il lino insanguinato
utilizzato nella miracolosa Messa di
Bolsena (1263) e macchiatosi di sangue
sprizzante dallOstia al momento della
celebrazione eucaristica da parte del
sacerdote.
I volti gioiosi e puri dei bambini, i paesaggi
naturali e le opere darte fatte da mani
duomo hanno richiamato a una bellezza
divina, che porta a ringraziare il Creatore.
bello uscire, andare, condividere! Si
cresce e ci si arricchisce tutti.
Enrico&Sara
Irene, Michele, Gioele
FOTO PG MARINI
appena preso il microfono, ha tranquillizzato i tanti fedeli in chiesa dicendo Ho una sciatica che mi tormenta.
Poi ha avviato la sua riflessione dicendo che in Diocesi siamo fortunati perch abbiamo due presenze bene-
dettine, con le monache nel monastero dello Spirito Santo e i monaci allabbazia del Monte . A causa del per-
durare del fastidio procurato dalla sciatica, al vescovo stata consigliata una settimana di riposo.
FOTO DI GRUPPO DAVANTI AL DUOMO DI ORVIETO
Gioved 17 luglio 2014 8 Vita della Chiesa
rosegue la degenza di monsignor Antonio Lanfranchi
presso il reparto di Ematologia del Policlinico di
Modena. Lo rende conto con un comunicato lufcio stampa
della diocesi di Modena. Monsignor Lanfranchi ha
completato il primo ciclo di terapia farmacologica, previsto
dai protocolli terapeutici, che nel complesso ha ben
tollerato. Nei prossimi giorni larcivescovo sar sottoposto
a una serie di accertamenti per valutare la risposta alle
P
Larcivescovo Lanfranchi
prosegue la terapia
terapie praticate. Larcivescovo desidera esprimere
la propria gratitudine commossa per le numerose
attestazioni di afetto, di vicinanza e di preghiera
che gli sono giunte dai confratelli vescovi, dai
sacerdoti e religiosi e religiose, dalle autorit civili
e militari, dalla Comunit cristiana ortodossa, dal
rabbino di Modena e dalla comunit islamica. Un
grazie particolare va ai tanti fedeli della Diocesi di
Modena, unitamente a quelli di Cesena e Piacenza,
che si sono stretti a lui in questa circostanza.
Larcivescovo assicura la propria preghiera
nelloferta di questo momento di prova e
soferenza.
ccogliere la Parola,
custodirla e farla
fruttificare in noi e
negli altri. linvito che ha
rivolto domenica mattina 13
luglio papa Francesco, in
occasione dellAngelus da piazza
San Pietro, commentando la
parabola del seminatore.
Il vero protagonista di questa
parabola - ha osservato -
proprio il seme, che produce pi
o meno frutto a seconda del
terreno su cui caduto.
In questo caso, Ges, che
utilizza un linguaggio
comprensibile a tutti, con
immagini tratte dalla natura e
dalle situazioni della vita
quotidiana, non si limitato a
presentare la parabola, lha
anche spiegata ai suoi
discepoli. Cos la semente
caduta sulla strada indica quanti
ascoltano lannuncio del Regno
di Dio, ma non lo accolgono;
cos sopraggiunge il Maligno e lo
porta via. Il Maligno infatti non
vuole che il seme del Vangelo
germogli nel cuore degli uomini.
Questo - ha precisato - il primo
paragone. Il secondo quello
del seme caduto sulle pietre:
esso rappresenta le persone che
ascoltano la parola di Dio e laccolgono
subito, ma superficialmente, perch
non hanno radici e sono incostanti; e
quando arrivano le difficolt e le
tribolazioni, queste persone si
abbattono subito.
Il terzo caso quello della semente
caduta tra i rovi: Ges spiega che si
riferisce alle persone che ascoltano la
parola ma, a causa delle preoccupazioni
mondane e della seduzione della
ricchezza, rimane soffocata.
Infine, ha ricordato il Pontefice, la
semente caduta sul terreno fertile
rappresenta quanti ascoltano la parola,
la accolgono, la custodiscono e la
comprendono, ed essa porta frutto. Il
modello perfetto di questa terra buona
la Vergine Maria. Per il Santo Padre,
questa parabola parla oggi a ciascuno
di noi, come parlava agli ascoltatori di
Ges duemila anni fa. Infatti, ci
ricorda che noi siamo il terreno dove il
Signore getta instancabilmente il seme
della sua Parola e del suo amore.
Francesco ha posto alcuni interrogativi:
Con quali disposizioni lo accogliamo?
E possiamo porci la domanda: com il
nostro cuore? A quale terreno
assomiglia: a una strada, a una pietraia,
a un roveto?. Dipende da noi - ha
sottolineato - diventare terreno buono
senza spine n sassi, ma dissodato e
coltivato con cura, affinch possa
portare buoni frutti per noi e per i nostri
fratelli. E, ha aggiunto, ci far bene
non dimenticare che anche noi siamo
seminatori. Dio semina semi buoni, e
anche qui possiamo porci la domanda:
che tipo di seme esce dal nostro cuore e
dalla nostra bocca?. Le nostre parole,
ha precisato, possono fare tanto bene e
anche tanto male; possono guarire e
possono ferire; possono incoraggiare e
possono deprimere. Ricordatevi: quello
che conta non ci che entra, ma
quello che esce dalla bocca e dal cuore.
Un accorato appello a continuare a
pregare con insistenza per la pace in
Terra Santa, alla luce dei tragici eventi
degli ultimi giorni. quello che
ha rivolto papa Francesco, dopo
la recita dellAngelus, con i
pellegrini giunti a piazza San
Pietro. Ho ancora nella
memoria il vivo ricordo
dellincontro dell8 giugno
scorso con il patriarca
Bartolomeo, il presidente Peres e
il presidente Abbas, insieme ai
quali abbiamo invocato il dono
della pace e ascoltato la
chiamata a spezzare la spirale
dellodio e della violenza, ha
confidato il Pontefice.
Qualcuno potrebbe pensare
che tale incontro sia avvenuto
invano - ha evidenziato -. Invece
no! La preghiera ci aiuta a non
lasciarci vincere dal male n a
rassegnarci che la violenza e
lodio prendano il sopravvento
sul dialogo e la riconciliazione.
Esorto le parti interessate e
tutti quanti hanno
responsabilit politiche a livello
locale e internazionale a non
risparmiare la preghiera e a non
risparmiare alcuno sforzo per
far cessare ogni ostilit e
conseguire la pace desiderata
per il bene di tutti, ha detto il
Santo Padre. E, ha aggiunto,
Invito tutti voi ad unirvi nella
preghiera. In silenzio, tutti, preghiamo.
Dopo la preghiera silenziosa,
Francesco ha rivolto a Dio queste
parole: Ora, Signore, aiutaci Tu!
Donaci Tu la pace, insegnaci Tu la pace,
guidaci Tu verso la pace. Apri i nostri
occhi e i nostri cuori e donaci il
coraggio di dire: mai pi la guerra!;
con la guerra tutto distrutto!. Infondi
in noi il coraggio di compiere gesti
concreti per costruire la pace... Rendici
disponibili ad ascoltare il grido dei
nostri cittadini che ci chiedono di
trasformare le nostre armi in strumenti
di pace, le nostre paure in fiducia e le
nostre tensioni in perdono.
A
LAngelus di papa Francesco di domenica 13 luglio
Il seme del Vangelo
nel cuore degli uomini
Jorge Bergoglio: Questa parabola parla oggi a ciascuno di noi, come parlava
agli ascoltatori di Ges duemila anni fa. Poi un accorato appello a continuare
a pregare per la Terra Santa. Mai pi la guerra. Con la guerra tutto distrutto
FOTO SIR
Gioved 17 luglio 2014 9 Attualit
il Periscopio di Zeta
Il portiere della Germania campione del mondo
ha interpretato in maniera innovativa il ruolo di estremo difensore
Neuer ha inventato un nuovo calcio

stato il Mondiale dei portieri. Il Campionato di calcio per Nazioni svoltosi


in Brasile non ha incoronato un campione-goleador, ma ha senzaltro
messo in evidenza tanti bravi numeri 1. Su tutti, lestremo difensore
tedesco, il monumentale Manuel Neuer, uno che ha avuto il merito di aver
inventato un nuovo modo di giocare al calcio. Grazie a lui, i formidabili
tedeschi hanno potuto accorciare il campo di trenta metri, hanno giocato
altissimi e hanno messo spesso in fuorigioco gli avversari.
Si sono presi rischi enormi, gli uomini del ct Joachim Loew, ex vice di Jurgen
Klinsmann (ct degli Usa, altra bella sorpresa), ma poi hanno trovato dei
difensori eccellenti, come Boateng, il fratello del pi famoso calciatore ex Milan,
che in finale ha disputato una gara da incorniciare. Con lui come emblema, la
Germania ha dimostrato che per vincere ci vogliono convinzione, applicazione
e umilt. Proprio questa ultima dote sembrata difettare in avvio di partita,
domenica scorsa. Rimessi gli abiti usuali, i bianchi di Germania hanno vinto in
maniera meritata superando unArgentina ancora in cerca del miglior Messi.
Toccher a Neuer il pallone doro? Potrebbe essere una gradita sorpresa, dopo i
fasti del russo Lev Yashin che per primo raggiunse, da portiere, quel prestigioso
traguardo. Da allora quasi sempre attaccanti, con il nostro Cannavaro come
eccezione nel 2006, dopo il bis (1972 e 1976) dellinarrivabile Franz
Beckenbauer, un libero di alta classe e di altri tempi.
Ghana. Mai ai rigori. Una superiorit indiscussa
del collettivo, con il fortissimo Schweinsteiger a
fare da esempio per tutti. Un eroe in finale, uscito
cucito in volto, ma sorridente a guidare la sua
squadra fino al podio. Dopo le reti fallite dagli
argentini Higuain, Messi e Palacio, la vittoria
poteva essere solo tedesca.
Chiudo con le sorprese e le delusioni. Fra le prime,
mi piace sottolineare il colombiano James
Rodriguez, ottimo cannoniere. La sua nazionale
meritava di pi. Di certo stata tra le squadre pi
brillanti. Anche il Cile ha fatto vedere calcio di
sostanza, cos come la Svizzera e il Costa Rica.
Bravissimo anche lolandese Robben che ha
condotto la sua nazionale al terzo posto. In
semifinale con lArgentina gli orange avrebbero
potuto e dovuto osare di pi. Non bene la Russia di
Capello, tradita dallunico portiere deludente.
Malissimo Inghilterra, Spagna e Italia. Ma non
infierisco. Del Brasile si gi detto fin troppo.
Unesagerata attesa andata delusa. Quella di
Scolari non era una squadra. La disamina banale.
Invece il calcio un gioco di squadra che si pratica
in undici. Mi sembra abbastanza semplice. Non
sempre cos, per. A Rio e dintorni ne sanno
qualcosa. (847)
Ma torniamo ai recenti Mondiali in terra
sudamericana. stato sfatato un tab: la vittoria di
una squadra europea oltre oceano. Non era mai
successo. E poi la prima vittoria della Germania
riunificata, dopo gli allori in casa del 1974 e quello a
Roma nel 1990. Con otto finali disputate, i tedeschi si
collocano una volta di pi ai vertici assoluti del calcio
mondiale. Un successo che si abbina a quello
delleconomia. E forse non un caso neppure questo.
Il bellissimo gol del giovane Goetze, abbastanza
abulico per il resto del torneo, al termine di
unazione da manuale messa in campo al 113esimo
minuto di gioco, il coronamento di un mese vissuto
al massimo: sei vittorie e un solo pareggio, quello col
MONDIALI DI CALCIO BRASILE 2014:
LA GERMANIA VINCE LA COPPA DEL MONDO
IN FINALE CONTRO LARGENTINA (FOTO SIR)
SuperAbile
di Arianna Maroni
CAVALCANDO
LAUTISMO
Ritorna
Cavalcando
l'Autismo, la
settimana a
cavallo degli 11
adolescenti
affetti dal
disturbo che dal
31 agosto al 6
settembre
percorreranno
100 km per
attraversare lUmbria settentrionale
e il Chianti. Liniziativa organizzata
dallassociazione LEmozione
non ha voce Onlus, un gruppo di
genitori di adolescenti e adulti con
diagnosi di autismo, per dimostrare
che questi ragazzi possono fare
con successo attivit che
sembrano loro negate,
aumentando cos la loro autostima e il
piacere di stare in sella e insieme al
cavallo.
Cavalcando lAutismo al suo
secondo giro. Lanno scorso gli 11
cavallerizzi speciali percorsero
sempre 100 km dal Lazio allUmbria,
arrivando fino alla Tenuta dei
Ciclamini, resort del maestro Mogol.
Il viaggio di questanno ripartir
proprio da qui e si divider
in sette tappe: partenza
dal Centro Europeo Toscolano
dellUniversit della Musica ad
Avigliano Umbro, ospiti del maestro
Mogol, con arrivo a Impruneta
passando per le sponde del lago
Trasimeno e Cortona.
Si cavalcher la mattina, in piena
sicurezza (ogni cavaliere sar
affiancato, supportato e protetto
da un operatore esperto di
riabilitazione equestre), mentre nel
pomeriggio si svolgeranno attivit di
comunicazione e consapevolezza nei
paesi attraversati dalla carovana.
Infatti, levento sar ripreso web-
streaming in diretta (ove tecnicamente
possibile) e verr realizzato anche un
docufilm per la successiva
distribuzione cinematografica e
televisiva.
Non ci saranno solo i cavalli forniti dal
centro ippico Labbadia di Ponzano
Romano, ma anche una carrozza
wagoon su cui gli adolescenti
potranno riposarsi tra un turno di
monta e laltro. La carrozza, quale
comoda base dappoggio per viveri e
materiale tecnico, stata fornita dallo
sponsor associazione Ippica SantElia
- Capranica Scalo (Vt).
La cavalcata nellautismo anche un
viaggio di sensibilizzazione volto ad
aumentare la consapevolezza delle
attivit necessarie per affrontare e
risolvere i problemi del passaggio
alladolescenza e alla vita adulta dei
soggetti autistici.
resentiamo alcuni fra gli incontri e momenti di
spettacolo proposti al Meeting 2014, che aiutano
ad approfondire in modo significativo il tema
generale, che questanno Verso le periferie del
mondo e dellesistenza. Il destino non ha lasciato solo
luomo.
Il programma dettagliato sul sito
www.meetingrimini.org. La lettera (p), scritta dopo il titolo
dello spettacolo indica che a pagamento e che le
prenotazioni si possono fare anche sul sito.
- Domenica 24 agosto: ore 10,45 Messa presieduta dal
vescovo di Rimini e trasmessa in diretta da Rai1; ore 15
testimonianza inaugurale del Custode di Terrasanta Padre
Pierbattista Pizzaballa su Il dialogo unica via per la pace;
ore 21,45 (p) esecuzione della musica del film La Strada
di Federico Fellini da parte dellorchestra filarmonica del
festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo con
introduzione della nipote del regista che render omaggio
al 60esimo anniversario delluscita del film, che evidenzia
la domanda sul significato della vita.
- Luned 25 agosto: ore 11,15 sul tema dellimmigrazione
interverranno monsignor Silvano Maria Tomasi,
osservatore permanente della Santa Sede allOnu,
monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale,
lammiraglio Giuseppe De Giorgi, capo di Stato Maggiore
della Marina; ore 15 testimonianze sul fatto che luomo
vale pi della sua malattia; ore 15 incontro con il ministro
Stefania Giannini sul valore delleducazione; ore 17
presentazione del tema del Meeting da parte del filosofo
ucraino Aleksandr Filonenko; ore 20,00 (p) esecuzione da
parte del gruppo di Gianni Aversano di musiche
tradizionali napoletane e spettacolo di teatro acrobatico
dal Kenya.
- Marted 26 agosto: ore 11,45 sui nuovi diritti si
confronteranno giuristi di fama internazionale; ore 15
testimonianze sul valore dellarcheologia nella sua
capacit di proporre un progetto di pace; ore 20 (p)
concerto di musica tradizionale dalla Lituania e replica
spettacolo di teatro acrobatica del Kenya; ore 21,45 (p)
concerto dellorchestra filarmonica armena.
- Mercoled 27 agosto: ore 15 testimonianze di libert
dietro le sbarre; ore 17 testimonianze sul fascino della
ricerca con la presenza del paleontologo Yves Coppens,
scopritore di Lucy, del matematico Laurent Lafforgue,
dellastronomo Christopher Impery e dellastrofisico
Marco Bersanelli; ore 20 (p) viaggio nel mondo per
incontrare diverse culture attraverso il canto del gruppo
vocale Amarcanto e spettacolo della Compagnia Fratel
Ettore su Sabatino; ore 21,30 (p) spettacolo teatrale al
teatro Novelli di Rimini sulla grande guerra con Ugo
Pagliai che interpreta testi di Ungaretti e Lussu
accompagnato da Giulio Giurato al pianoforte.
- Gioved 28 agosto: ore 11,15 incontro con Antonio
Spadaro, direttore della rivista La Civilt Cattolica; ore 15
incontro con Stefania Famlonga, Avsi dellEcuador, e il
giornalista irlandese John Waters; ore 15 incontro con
monsignor Javier Echevarra Rodriguez, prelato dellOpus
Dei; ore 17 sul tema giustizia e gratuit si confronteranno
Javier Prades Lopz, rettore delluniversit San Damaso di
Madrid e Luciano Violante, presidente emerito della
Camera dei Deputati; ore 19 testimonianze dallArgentina
con Silvina Premat, autrice del libro Preti dalla fine del
mondo. Viaggio tra i Curas Villeros di Bergoglio (ed. Emi)
e Charlos Olivero parroco di Villa 21 a Buenos Aires; ore 20
(p) concerto del musicista curdo Siamak Guran e replica
dello spettacolo su Sabatino; ore 21,30 (p) al teatro Novelli
di Rimini Andrea Carabelli interpreter levangelista
Matteo su testo di Giampiero Pizzol (ed. Mimep).
- Venerd 29 agosto: ore 11,15 incontro sulla Evangelii
Gaudium con il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo
di Perugia e con Guzmn Carriquiry, segretario della
Pontificia Commissione per lAmerica Latina; ore 15
incontro con Pantaleimon Vicario del Patriarca di Mosca;
ore 17 incontro sullattualit della vita don Giussani con il
filosofo Massimo Borghesi, il monaco buddista Shodo
Habukawa e il sociologo Mauro Magatti; ore 21,45 festa
finale con musica folk e celtica.
Sabato 30 agosto: ore 15, testimonianze del cattolico
pakistano Paul Jacob Bhatti, del presidente della
conferenza episcopale nigeriana Ignatius Kaigama e del
giornalista Domenico Quirico.
Fra gli incontri proposti dalla Compagnia delle Opere si
segnalano quelli su: Le imprese italiane e la sfida dei
mercati globali (il 25 alle 15); Investire in Italia. Quale
opportunit? (il 26 alle 17); Creare occupazione. Quali
garanzie? (il 28 alle 11,15); Riformare lItalia. La
responsabilit della societ civile (il 29 alle 11,15);
Globalizzazione e competitivit (il 30 alle 11,15).
Stefano Salvi
P
MEETING DI RIMINI
Dal 24 al 30 agosto
alla Fiera, sul tema Verso
le periferie del mondo
e dellesistenza.
Numerosi gli appuntamenti
di confronto e artistici
Occasione
di incontri
e spettacoli
FOTO ARCHIVIO SIR
Gioved 17 luglio 2014 11 Cesena
6 agosto 2007 - 6 agosto 2014
Io sono la resurrezione e la vita
Chi crede in me non morr in eterno
BARBARA DOMENICONI
in Romboli
Nel settimo anniversario
della morte familiari
e amici la ricordano
con immutato affetto
Le Messe di suffragio
saranno celebrate
nella chiesa di San Carlo
il 6 agosto alle 7 e alle 20
ALBERTO MONDARDINI
14 agosto 1994 - 14 agosto 2014
Sono trascorsi gi ventanni
dalla tua partenza per
il Cielo. Altri che ti hanno
voluto bene ti hanno gi
raggiunto. Oggi sempre pi
crediamo nellunico
Abbraccio di eternit che
ci unisce per sempre
La Messa sar celebrata
gioved 14 agosto alle 8,30
a San Rocco di Cesena,
alle 18,30 a Santa Maria
della Speranza, a Cesena
ANNIVERSARIO ANNIVERSARIO
11 agosto 2010 - 11 agosto 2014
STEFANO TORDI
Nel quarto anniversario
della nascita al cielo
sar celebrata una Messa
di suffragio domenica 10
agosto alle 10 nella chiesa
di Case Finali
a Cesena
ANNIVERSARIO
GIAN ANGELO SIROTTI
Il 28 luglio alle 18,30
nella chiesa
di San Pietro,
la Messa sar
celebrata in sua memoria
e suffragio
nel quinto anniversario
della morte
ANNIVERSARIO
Papa Giovanni XXIII
Preghiera a sostegno
delle mamme
La Comunit Papa Giovanni
XXIII invita al momento di
preghiera a sostegno delle
mamme in difficolt e a favore
della vita. Si tiene ogni primo e
terzo venerd del mese alle
6,45 di fronte allingresso
principale dellospedale
Bufalini di Cesena. Il prossimo
appuntamento per venerd
18 luglio.
7 agosto 2013 - 7 agosto 2014
Lamore sopporter tutto,
lamore andr oltre la morte,
lamore non teme niente
GIUSEPPINA BENEDET
in Bonoli
Nel primo anniversario parenti
e amici ti ricordano in una
santa Messa di suffragio
che sar celebrata
nella chiesa parrocchiale
di San Carlo
il 10 agosto alle 9
ANNIVERSARIO
Consiglio comunale Maggioranza e opposizione dialogano, 5 Stelle non contribuisce
I vertici delle Commissioni:
prima Stefano Spinelli (Libera
Cesena); seconda: Caterina
Molari (Pd); terza: Federico Bracci
(Pd); quarta: Vittorio Valletta
(Cesena SiAmo Noi)
Michelangelo Bucci
uello che per qualcuno un
inciucio per altri un accordo.
Quello che per qualcuno un
percorso di confronto comune,
in nome delle regole, per altri una
spartizione pura e semplice. Come
sempre, quando si parla di politica,
approcci differenti possono portare a
valutazioni molto diverse dello stesso
fatto. Emblematico, in questo senso,
lavvio dei lavori del rinnovato
Consiglio comunale di Cesena,
chiamato gioved di due settimane fa,
alla sua seconda seduta, a votare
componenti e vertici delle commissioni
consiliari.
Poco conosciute dal cittadino medio, le
commissioni sono il vero "motore"
dellattivit amministrativa. Chi
presiede una commissione, fissando
convocazioni e ordine del giorno della
stessa, si trova sulla prima linea dei
lavori del Consiglio comunale.
A seguito di un incontro tra il sindaco e
le forze presenti in Consiglio, di
maggioranza e opposizione, si arrivati
alla seduta della settimana scorsa con
un preaccordo sui vertici delle
commissioni. Un patto disconosciuto
dal Movimento 5 stelle che non ha
preso parte al confronto preventivo:
"Non si pu venire invitati per sms -
stato il commento del consigliere
grillino Giorgio Gustavo Rosso - non
istituzionale. Il luogo dove decidere
queste cose pu solo essere il
Q
Commissioni
con accordo
Consiglio".
I grillini locali hanno rincarato la dose
chiedendo che tutti i presidenti delle
commissioni andassero a esponenti
dellopposizione, chiedendo per s la
presidenza della seconda e terza
commissione consiliare: "Le
commissioni devono essere luogo di
confronto, dialogo e garanzie - ha
spiegato in aula il consigliere
pentastellato Giovanni Babbi - ma se le
larghe intese dovessero aver gi deciso
tutto allora non parteciperemo al voto".
Una posizione, questa, criticata da tutte
le altre forze presenti in Consiglio
comunale (Partito Democratico, il
gruppo di centrodestra Libera Cesena,
la lista civica Cesena SiAmo noi): "Non
si tratta di "larghe intese" - ha
commentato il capogruppo Pd Andrea
Pullini - ma intese fatte con chi era
presente agli incontri".
"La nostra opposizione sar sui
contenuti - ha precisato il capogruppo
di Libera Cesena Gilberto Zoffoli - di
mediazione per raggiungere il bene
possibile o lotta dura su ci che non
pu essere accettato. Ma lopposizione
possibile solo stando dentro le
istituzioni, oltre che dentro la citt".
La votazione, alla fine, non ha riservato
sorprese. I 5 stelle non hanno ritirato il
cartoncino di voto, mentre laccordo del
Pd col resto delle opposizioni ha retto.
Questi i vertici delle Commissioni
consiliari: prima commissione
(bilancio, polizia municipale e altro)
presidente Stefano Spinelli (Libera
Cesena), vicepresidente Davide
Ceccaroni (Pd); seconda commissione
(Prg, lavori pubblici, mobilit, imprese e
altro): presidente Caterina Molari (Pd),
vicepresidente Domenico Formica
(Libera Cesena); terza commissione
(cultura, sport, Malatestiana e altro):
presidente Federico Bracci (Pd),
vicepresidente Marco Casali (Libera
Cesena); quarta commissione (welfare,
immigrazione, scuola): presidente
Vittorio Valletta (Cesena SiAmo Noi),
vicepresidente Silvia DAltri (Pd).
Gioved 17 luglio 2014 12 Cesena
LA FONDAZIONE OPERA DON BARONIO- Onlus, con sede in Cesena Via Mulini n 24, comunica di essere alla ricerca di una persona idonea ad assumere le responsabi-
lit e a svolgere i compiti e le mansioni di direzione della Fondazione e del Centro Residenziale Anziani da questa gestita in Cesena, Via Mulini n 24, da assumere alle proprie dipendenze.
Nella storia trascorsa e nellesperienza presente quella del Direttore , per la nostra Fondazione, una figura di assoluta e decisiva importanza: non solo perch apicale nellorganizzazione e
nella responsabilit della vita del Centro Residenziale Anziani e nella gestione del personale, dipendente o convenzionato, che opera in esso a servizio delle persone anziane spiti (ad oggi n 97 an-
ziani con vario grado di non autosufficienza stabilmente residenti, e n 25 anziani che frequentano, invece, il Centro Diurno Assistenziale rientrando ogni giorno presso le proprie famiglie); ma anche
perch ad essa, pi di chiunque altro, affidato, in stretta collaborazione e comunione dintenti con il Consiglio di Amministrazione, lattuazione concreta degli scopi statutari della Fondazione stessa
(sorta a Cesena nel 1926 per opera del sacerdote Don Cesare Carlo Baronio, sacerdote diocesano e apostolo della carit di cui in corso, fra laltro, anche il processo di beatificazione).
Pur nelle mutate condizioni attuali, lOpera Don Baronio, mediante il lavoro e la dedizione delle tante persone che operano nei vari Servizi socio-assistenziali, vive ogni giorno la sfida
di rimanere coerente e fedele ai valori della fede cristiana che motivano e sostengono il lavoro e la fatica dellassistenza e della cura delle persone anziane ospiti, spesso in condizioni
di solitudine, di malattia e di grave sofferenza sia nel corpo che nello spirito: avendo in questo come riferimento costante e concreto la testimonianza luminosa di carit cristiana di Don
Carlo Baronio, suo Fondatore.
Al Direttore della Fondazione sono richieste pertanto, e in primo luogo, unadesione sincera e una condivisione profonda e costante di queste finalit e di questi valori. Tenendo presenti
queste indicazioni, alle Parrocchie, alle Organizzazioni, agli Istituti religiosi e alle Associazioni in indirizzo si chiede di segnalare tale opportunit a persone che, per conoscenza personale, si riten-
gano professionalmente competenti, sensibili, dinamiche, capaci e disponibili concretamente a instaurare relazioni personali significative con le persone anziane, animate da valori cristiani ed umani
coerenti con la storia, lo spirito e gli ideali della Fondazione Opera Don Baronio, e desiderose di dedicarsi con passione e generosit (e anche col necessario spirito di sacrificio) al compito deli-
cato e impegnativo della direzione della Fondazione e del suo Centro Residenziale Anziani.
Per lammissione alla selezione richiesto il possesso sia alla data della domanda che a quella delleventuale successiva assunzione - dei seguenti requisiti:
a) Et: minima anni 25 e massima anni 50;
b) Titolo di studio: possesso di laurea specialistica non specifica o di laurea equipollente (escluse, in ogni caso, le lauree c.d. brevi o triennali);
c) Godimento dei diritti civili e politici;
d) Assenza di procedimenti penali in corso e di condanne penali passate in giudicato (salvo quelle per le quali fosse stata accordata la riabilitazione).
FONDAZIONE OPERA DON BARONIO onlus - SELEZIONE INFORMALE A FINI DI ASSUNZIONE
NUOVO DIRETTORE DELLA FONDAZIONE
uuucontinua a pag. 13
Villachiaviche
Grande festa
in parrocchia
La parrocchia di Villachiaviche festeggia
la Madonna del Carmine,
particolarmente venerata nella chiesa
dove ha anche un altare a lei dedicato.
Si inizier venerd 18 luglio alle 20.30
con la messa celebrata presso la
"Polisportiva Rumagna" e processione
per via Lavaredo, Arzignano, Valdagno,
Feltre, Padova, Legnago, Valdagno,
Pastrengo, Pisignano, Asiago, Cervese,
accompagnata dalla Banda "Citt di
Sarsina". Sabato 19 luglio si inizier la
giornata col Rosario alle 7.30 e la Messa
alle ore 8. Sar possibile visitare il SS.
Sacramento esposto dalle 9 alle 12 e
dalle 16 alle 18 e ci sar la possibilit di
confessarsi. Alle 19 sar celebrata la
messa festiva seguita dalla cena
preparata dai volontari della parrocchia.
Alle 21.15 la Compagnia dialettale
"Hermanos" di Longiano presenta la
commedia brillante "Quand e nas un
vec" tre atti di Giusi Canducci. Domenica
20 le messe saranno alle 7.30, alle 9.30
e alle 11 con canto delle litanie alla ne
di ogni messa. Al pomeriggio sar
recitato il rosario alle 18.15 con canto
delle litanite e omelia, e inne
benedizione e distribuzione degli
scapolari. Alle 19 il vescovo Douglas
Regattieri celebra la messa. A questa
Eucarestia sono invitati gli ex
parrocchiani e le persone che, nate a
Villachiaviche, sono poi emigrate. Sar
la seconda edizione della "Festa del
Ritorno". Si continuer poi con la cena,
accompagnata dallo spettacolo "Amici
della danza".
NOZZE DORO
Venerd15 agosto
il diacono Antonio Busni
e la moglie Agnese Cereti
ricordano il 50 anniversario
di nozze (15.8.1964-15.8.2014),
attorniati dai figli Andrea,
Gianluca e Mara e dai nipoti Sara
e Samuele. Una Messa di ringrazia-
mento sar celebrata alle 11
nella chiesa di San Paolo.
Partecipano don Tarcisio,
don Filippo e tutta la comunit
parrocchiale di San Paolo
on il passo della giustizia
italiana, lento lento lemme
lemme, linchiesta sul crack di
Sapro sta per approdare in aula
di giustizia. Qualche giorno fa la Procura
della Repubblica, a quasi un anno dalla
chiusura delle indagini, ha chiesto il
rinvio a giudizio per 22 indagati, mentre
per altre sei persone stata chiesta
larchiviazione. Spetta ora al Giudice
delle indagini preliminari decidere se
accogliere in toto, o meno, la richiesta
C
Anche se con lentezza
la giustiza procede
Fallimento Sapro, sono state chieste alcune archiviazioni
della Procura, con decreti di
archiviazione oppure di rinvio a
giudizio.
Il nodo del contendere sempre quello:
un presunto "buco" di 110 milioni di
euro nelle casse della societ pubblica,
nata nel 1995 sulle ceneri dellex
Consorzio provinciale per lo sviluppo
industriale dei comprensori di Forl e
Cesena (del 69) e fallita a fine 2010 dopo
mesi di agonia. Per laccusa, alla base del
fallimento ci sarebbero stati
"comportamenti illeciti dei propri
amministratori infedeli, che hanno
usato la societ per effettuare una serie
di attivit antieconomiche illecite e in
molti casi aventi come fine ultimo il
lucro personale".
In pratica si sarebbero acquisite aree a
prezzi pi alti di quelli di mercato, in
alcune circostanze per convenienza
personale. Con larrivo della crisi
economica, e limpossibilit di
rivenderle, Sapro sarebbe rimasta con
un pesante fardello sul groppone e senza
liquidit, tanto da arrivare ad una
esposizione nei confronti degli istituti di
credito per 80 milioni di euro.
Gli indagati per cui la Procura ha chiesto
larchiviazione sono sei: due revisori dei
conti, due consiglieri della societ e due
esterni. Tra questi William Casanova,
indicato dal Comune di Cesena ai tempi
in cui era assessore nella Giunta Conti.
Nonostante fosse stato nominato nel
Cda di Sapro espressamente in veste di
assessore, e in attuazione delle direttive
del sindaco, al momento delle indagini il
Comune di Cesena ha negato a
Casanova lassistenza legale. Lo stesso
aveva quindi fatto ricorso al difensore
civico regionale, che aveva chiesto gi
nei mesi scorsi al Comune di Cesena di
rivedere la propria deliberazione. Questa
richiesta di archiviazione sembra
sancire, dunque, lassenza di un conflitto
dinteressi per Casanova, per il quale ora
potrebbe aprirsi lo spiraglio di una tutela
legale a posteriori da parte di palazzo
Albornoz.
Rotary
Andrea Paolo Rossi
succede
ad Arbizzani
Per lanno 2014-2015 la guida del
Rotary Club Cesena stata afdata
alloncologo Andrea Paolo Rossi.
Il passaggio delle consegne, da
Giuliano Arbizzani ad Andrea Paolo
Rossi, si tenuto recentemente
presso il Grand Hotel Da Vinci di
Cesenatico.
"E trascorso un altro anno rotariano
- ha ricordato nel suo saluto
Arbizzani - e per me si compiuto un
ciclo pluriennale di attivit. Sono
stato ammesso al Club nel 2002 qui
a Cesenatico. Negli anni successivi
sono stato coinvolto in tante attivit
del Club. Sono arrivato ad assumere
la presidenza del Club lanno scorso.
Lazione verso le nuove generazioni,
attraverso il Ryla ad esempio - ha
proseguito Arbizzani - mi ha
riservato le pi belle soddisfazioni".
Feste parrocchiali
Omofobia o eterofobia?
Incontro a Calabrina
La parrocchia di Calabrina si appresta a vivere nove
giorni di festa. "Famiglia, diventa ci che sei" il
tema dellevento e si parte subito con un momento
molto importante: venerd 18 luglio alle 21,30 sar
presentato il libro "Omofobia o eterofobia? perch
opporsi ad una legge ingiusta e liberticida".
Interviene Gianfranco Amato, presidente
dellassociazione "Giuristi per la vita".
Sabato 19 luglio dalle 21 serata di musica latina,
mentre domenica 20 ci sar la festa conclusiva del
centro estivo. Marted 21 luglio, alle 20,30,
pellegrinaggio parrocchiale al convento dei
cappuccini (ritrovo in parrocchia alle 20). Mercoled
22 luglio alle 21,30 animazione per bambini alla
presenza del Mago Cotechino. "La spurtaza" il titolo
della serata conviviale di gioved, mentre venerd 25
luglio si terranno le nali dei tornei sportivi.
Il V palio di Calabrina sar il momento centrale della
serata di sabato 26 luglio, mentre domenica 27 in
programma la serata amarcord con scene di vita
contadina. Tutte le sere funzioner lo stand
gastronomico. La festa ha il sostegno di Banca
Romagna Cooperativa.
SAN DEMETRIO
Domenica di festa per la piccola comunit di San
Demetrio, nella frazione collinare di Acquarola. La
chiesa rientra nei conni pastorali dellOsservanza. Il
20 luglio si tiene alle 18 la celebrazione eucaristica
celebrata da don Virgilio Guidi, seguir alle 19 la cena,
nel piazzale antistante la chiesa (per prenotarsi, tel.
0547.610286-29457). In caso di maltempo la festa
verr rimandata alla domenica successiva.
Aree agricole e aree artigianali (foto Cristiano Riciputi)
La chiesa di Calabrina
Gioved 17 luglio 2014 13 Cesena
LA DOCUMENTAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI suindicati dovr essere allegata, anche in carta semplice, alla domanda di ammissione alla selezione e
consister:
a) per let: nel certificato di nascita dellinteressato;
b) per il titolo di studio: nel diploma di laurea (anche in copia semplice) o di un equipollente certificato di laurea;
c) per il godimento dei diritti civili e politici: nel relativo certificato rilasciato dal Comune di residenza dellinteressato;
d) per lassenza di procedimenti penali in corso e di condanne penali passate in giudicato: nel certificato dellufficio del Casellario Giudiziale presso la Procura della Repubblica del
Tribunale nella cui circoscrizione linteressato residente;
Una Commissione di Consiglieri, integrata dalla partecipazione di un esperto, valuter attentamente tutte le domande pervenute, le documentazioni allegate e i relativi
curriculum, e inviter i candidati, che nella sua discrezionalit riterr pi rispondenti ai requisiti richiesti, ad un colloquio ai fini della selezione.
La Commissione potr valutare, come titoli di preferenza (purch debitamente documentati e allegati alla domanda di ammissione), eventuali esperienze professionali di gestione e
amministrazione di Enti non profit, Cooperative Sociali, Associazioni di volontariato e/o Enti non commerciali in genere; esperienze professionali o di volontariato presso strut-
ture socio-assistenziali e/o socio-sanitarie per persone anziane o disabili fisici e/o psichici; esperienze professionali o di volontariato presso strutture o servizi socio-assistenziali e/o
socio-sanitarie diverse da quelle precedenti; eventuali pubblicazioni di libri, articoli, conferenze, ecc. sulle esperienze o nelle materie sopra indicate.
I testi della domanda di ammissione alla selezione, del fac-simile del curriculum (secondo il formato c.d. europeo) e del mansionario del Direttore della Fondazione po-
tranno essere scaricati dal sito web della Fondazione (www.operadonbaronio.org) oppure essere ritirati presso gli Uffici della Fondazione stessa in Via Mulini n 24, esclusivamente
dal Luned al Sabato e dalle ore 8,30 alle ore 14,30.
N.B.: Le domande di ammissione alla selezione in carta semplice, corredate dalla documentazione richiesta e dal necessario curriculum, dovranno pervenire alla Fon-
dazione Opera Don Baronio Onlus - a pena di esclusione dallammissione stessa - ENTRO E NON OLTRE IL 31 LUGLIO 2014, o mediante consegna presso
gli Uffici della Fondazione esclusivamente dal Luned al Sabato dalle h. 8,30 alle h 14,30, mediante lettera raccomandata A/R, oppure via p.e.c. allindirizzo di posta
elettronica certificata della Fondazione: fondazioneoperadonbaronioonlus@ticertifica.it
Si fa presente, infine, che ai dipendenti della Fondazione si applica il Contratto Collettivo di Lavoro dei Dipendenti degli Enti Locali, e che in sede di prima assunzione pre-
vio espletamento con sito positivo di un periodo prova della durata di mesi sei il Contratto vigente prevede linquadramento della figura del Direttore nella qualifica funzionale
D3 con una retribuzionebase, comprensiva dellindennit di posizione e risultato (c.d. A.P.O.) pari a 34.388,54 euro salvo eventuali assegni per il nucleo familiare se dovuti.
Il presidente avv. Luca Castagnoli
continua da pag. 12
Istituti superiori del territorio Pubblichiamo lelenco degli studenti che hanno superato
lesame con il massimo dei voti. Qualcuno ha meritato la lode. E c anche lencomio
Maturit: ecco la squadra dei cento
agognato pezzo di
carta arrivato
proprio per tutti.
Dopo una forte
selezione al momento
dellammissione alle prove,
non si registra infatti nessun
respinto sui tabelloni dei
risultati della maturit delle
scuole superiori di Cesena,
Cesenatico e Savignano.
Iniziato il 18 giugno con il
tema di italiano, lesame di
Stato si concluso la scorsa
settimana con gli ultimi
colloqui.
Di seguito riportiamo una
breve sintesi dei risultati.
Liceo scientifico Righi
Tradizionale infornata di
supermaturi allo Scientifico:
24 i diplomati che hanno
agguantato il 100 su un totale
complessivo di 203 candidati
(compresi quelli della classe di
Bagno di Romagna), tutti
promossi. Questanno si
registra per solo una lode,
quella di Martina Ruscelli della
5Db. Sono tre coloro che
hanno ricevuto lencomio per
il brillante risultato conseguito
allesame, ma non erano in
possesso dei requisiti per
ottenere la lode: Andrea
Bianco, Valeria Raffuzzi ed
Edoardo Bussi. Gli altri
centisti sono: Erica Righi,
Federico Tappi, Maria Vittoria
Bazzocchi, Diana Ehsani,
Enrico Manuzzi, Francesca
Basini, Matteo Magnini,
Valeria Verona, Marta Ziosi,
Federica Lavezzo, Gaia Rossi,
Alessandro Simonelli, Alessia
Amadori, Silvia Baiardi,
Debora Falaschi, Elisa Perini,
Simona Vita, Davide Sintoni,
Michele Sintoni, Giorgia
Camillini.
Liceo Monti
Tutti promossi i 187 liceali che
hanno affrontato le prove.
Molto bene andata, in
particolare, la classe 3B
dellindirizzo classico, che si
portata a casa 4 degli 11 cento
totali, comprese le due lodi di
L
Niccol Greco e Chiara
Saglietti. Gli altri centisti
sono: Maria Giorgia Alfarano,
Naomi Crociati, Alessia Faedi,
Alessandro Colavecchia,
Maddalena Romboli, Sara
Urbini, Chiara Campanini,
Linda Guiducci e Giulia Zanoli.
Liceo Immacolata
Si diplomata questanno
lultima quinta del liceo della
comunicazione e non poteva
farlo meglio: tra i 24 diplomati,
tutti promossi, si contano due
100 (Serena Bertozzi e Sofia
Bertozzi). Dal prossimo anno
scolastico la scuola paritaria
che fa capo alla Diocesi di
Cesena-Sarsina attiver il
Liceo scientifico sportivo:
corso previsto dalla riforma
Gelmini che mira a formare
figure di atleti dal profilo
culturale importante e
strettamente legato alla loro
attivit.
Liceo scientifico Sacro Cuore
Molto positivi i risultati dello
Scientifico della Fondazione
del Sacro Cuore: tra i 12
candidati che hanno
affrontato la maturit spiccano
ben 5 cento e si registra una
media complessiva di 95,75. I
diplomati a pieni voti sono:
Elena Belluzzi, Francesca
Brotto, Luigi Montalti,
Federica Pianese (con lode) e
Lorenzo Piddiu.
Istituto tecnico commerciale
Serra
Risultati positivi per tutti i 201
freschi ragionieri. I
supermaturi sono 14 (Sofia
Scarpellini, Samantha Magrini,
Silvia Brighi, Claudio Ethan
Manzo, Elisa Bruschi,
Francesco Foschi, Silvia Pieri,
Ylenia Stambazzi, Sonia
Venturi, Sara Fellini), di cui 4
con lode: si tratta di Lisa
Alessandri, Giorgia Barducci,
Marco Brighi e Silvia Ferretti.
Istituto tecnico industriale
Pascal
Ce lhanno fatta tutti i 100
candidati, tra cui si contano 4
centisti (Elia Lolli, Andrea
Macrelli e Alessandro Toschi)
con lode per Lorenzo
Valentini.
Istituto tecnico agrario Gari-
baldi
Anche questanno nella scuola
che forma i periti agrari la pi
brava una ragazza:
Samantha Sampaoli lunica
che, oltre al massimo
punteggio, si aggiudicata
anche la lode. In totale sono 6 i
centisti (Viola Bernabini,
Jacopo Menghi, Matteo
Magnani, Simona Lombardi,
Leonardo Urbinati) su 84
studenti.
Istituto tecnico per geometri
Leonardo da Vinci
Nessuna bocciatura per i 74
candidati distribuiti in quattro
quinte. Quasi tutti rosa i 6
centisti: Marco Franchini,
Veronika Stefanova Stoyanova,
Faiza Adam, Giulia Gabellini,
Ludovica Gobbi e Marika
Spada.
Istituto professionale Co-
mandini
Prova superata per tutti i 93
studenti e 4 i 100: Beatrice
Ballerini (del corso per
Operatori di abbigliamento e
moda, trasferitosi dal Versari
un paio di anni fa), Lorenzo
Baiocchi, Alessandro Maraldi e
Luca Marinelli.
Istituto professionale Versari-
Macrelli
Diploma in mano per tutti i
193 (per problemi di salute
una studentessa dar l esame
a settembre in sessione
straordinaria) con 3
supermaturi: Greta Vitali e
Sonia Moretti dellex Versari e
Dario Capasso del corso serale
dellex Macrelli.
Istituto distruzione superiore
Leonardo da Vinci di Cesena-
tico
La scuola raggruppa il Liceo
scientifico Ferrari e lIstituto
tecnico economico Agnelli.
Per lo Scientifico si contano
solo 2 100 tra i 54 studenti:
Jacopo Bonini (per lui anche la
lode) e Matteo Perini. E
andata meglio Ragioneria: 72
diplomati e 6 centisti con
lode per Nicole Navarra, gli
altri sono Lara Lucchi, Flavio
Carino, Silvia Magnani,
Francesca Montali e Federica
Montalti.
Istituto distruzione superiore
Marie Curie di Savignano
La scuola propone tre percorsi
di studio: Liceo scientifico,
Istituto tecnico tecnologico e
Istituto professionale
abbigliamento e moda
orientato al settore
calzaturiero. Lo Scientifico
quello andato meglio: fra i 71
neodiplomati si registrano 10
centisti, con lode per Marco
Galassi e Massimo Muraccini
(gli altri sono Annalisa Baiardi,
Federico Gianessi, Erica
Semprini, Francesco Sicolo,
Sara Pasini, Adele Salvi, Elena
Biondini, Arianna
Mondaini).Buoni risultati
anche per i 26 studenti dellIti,
tra cui si registra il voto
massimo di Giacomo
Piraccini. Non delude neppure
lIstituto professionale: tra i 32
candidati spicca il 100 di
Giovanna Zizzariello.
Il gruppo di diplomati
del Liceo scientifico
del Sacro Cuore
con alcuni insegnanti
Gioved 17 luglio 2014 14 Cesena
Gruppo "Ali di classe"
Tanti cesenati
amano volare
Il club si trova a Lido di Classe. Buona parte dei soci
di Cesena. Il volo con gli ultraleggeri unesperienza
alla portata di tutti. La pista lunga 700 metri
Cristiano Riciputi
il club di riferimento per tutti
quei cesenati che hanno la
passione del volo. Si tratta del
club "Ali di Classe", che ha
sede fra la campagna, la pineta e la
spiaggia di Lido di Classe (Ravenna).
"Fra tutti i soci del club - spiega Davide
Casalboni, cesenate e da 10 anni socio
del sodalizio - gli amanti del volo che
provengono da Cesena sono molti".
"Almeno un terzo - conferma listruttore
di volo Stefano Bezziccheri - mentre i
restanti provengono dal ravennate, da
Forl e anche da Rimini".
In questi giorni il club festeggia i 25 anni
della nuova pista, una lunga striscia
(circa 700 metri) in erba . In precedenza,
dal 1987, la sede era pi a nord, nel
territorio poi diventato parco del fiume
Po.
Con lidea di fare qualche foto aerea
(vedi fotogallery su
www.corrierecesenate.it) abbiamo
approfittato della disponibilit di Davide
Casalboni, originario della parrocchia di San Vittore ma, dopo il matrimonio
con Claudia, trasferitosi a San Giorgio. Il decollo previsto per venerd 4
luglio alle 18,30.
Il velivolo un Tecnam P92 Echo, ultraleggero fra i pi affidabili e usati. Il
club ha 4 aerei a disposizione dei soci e gli istruttori tengono corsi di
addestramento al volo per far conseguire lattestato Vds (Volo da diporto o
sportivo).
Lo spazio allinterno della cabina non molto, ma sufficiente ad accogliere
due persone di corporatura robusta. Casalboni, prima del decollo, compie
tutte le verifiche di rito spuntando le varie operazioni da una lista. Il quadro
dei comandi appare complesso per un aereo cos piccolo.
Col motore al massimo dei giri inizia la fase di decollo e in pochi secondi gi
E
si libra nellaria. Sar che non si
raggiungono le velocit e le altezze degli
aerei di linea, fatto sta che non abbiamo
alcuna sensazione di stordimento
(chiusura orecchie, stomaco sottosopra)
che a volte qualcuno pu sentire nei voli
tradizionali. Le cuffie, indispensabili per
comunicare con lausilio di un microfono
ad archetto, attutiscono il rombo del
motore e il sibilo dellaria.
Casalboni stabilizza il velivolo a 160
chilometri orari e ad unaltezza di 1000
piedi, poco sotto i 400 metri. Ci dirigiamo
verso Cesena seguendo alcune precise
disposizioni. Ad esempio vi il divieto di
sorvolare larea dellaeroporto di Cervia e
la relativa zona di rispetto, cos come non
si pu volare sopra alle citt. Ligi alle
regole lambiamo Cesena passando sopra
a Pievesestina e ci dirigiamo verso le
colline. Allaltezza di Santa Lucia, dove
notiamo una festa in atto con tante auto
nel parcheggio e gente che cena sotto a
un gazebo, si vira a 360 gradi non lontano
dalla torre di Roversano. I colori a terra
sono intensi, fra i quali spiccano il giallo
dei campi di grano, il verde intenso
dellerba medica e dei frutteti e si notano
spesso i riflessi luccicanti delle reti
antigrandine.
Lultraleggero prosegue e punta verso il
porto di Ravenna e il mare antistante.
Sorvoliamo due piattaforme per
lestrazione del metano per poi fare
ritorno verso terra dove notiamo le foci
del Bevano e del Reno. Sul cielo di
Casalborsetti, verso nord, locchio si
perde in direzione delle Valli di
Comacchio, mentre a sud c la macchia
della pineta ravennate. Qui risalta anche
lampia porzione bruciata un paio danni
fa, tra i lidi di Classe e di Dante.
Lumidit sta avendo il sopravvento e la
visibilit non pi come quella dei primi
minuti. E poi gi trascorsa unora ed il
momento di rientrare. Con grande
maestria ed esperienza Casalboni, che ha
al suo attivo pi di 100 ore di volo,
effettua un atterraggio perfetto.
"Il nostro club aperto a tutti - ci
congeda il pilota - e credo che lemozione
del volo sul proprio territorio sia
unesperienza da non perdere".
Sul sito www.alidiclasse.info si possono
trovare numerose informazioni sul
mondo degli ultraleggeri.
Abbiamo sorvolato una
zona della Romagna
con Davide Casalboni,
pilota cesenate con dieci
anni di esperienza
alle spalle
La zona dellIppodromo a Cesena
nel riquadro, laereo ultraleggero
utilizzato per il volo
(foto Cristiano Riciputi)
Incontri | Strauss alle Terre Centuriate
Ospite deccezione per lassociazione Terre Centuriate. Dal 4 al 6 luglio il sodalizio ha
accompagnato nel cesenate Barry Strauss (al centro, seduto), professore di storia alla
Cornell University. Strauss, autore di libri e grande esperto di Cesare, ha voluto visitare
i variRubicone (a Savignano, a Calisese e a Fiumicino) la Malatestiana e la
Centuriazione a San Giorgio. La serata conclusiva si svolta allagriturismo I Bosconi.
Villachiaviche | Protesta contro lantenna
Pi di cento persone hanno camminato, marted 8 luglio, a Villachiaviche per protestare
contro il possibile posizionamento di unantenna per la telefonia. Il Comitato che si
oppone allantenna ha portato testimonianze di medici ed esperti sugli effetti nocivi
dellelettrosmog. Luned scorso per sono iniziati i lavori. Ampia fotogallery su
www.corrierecesenate.it
Gioved 17 luglio 2014 15 Cesenatico
San Giacomo | Mostra sulla natura
Rimarr visitabile fino al termine del mese di agosto la mostra "La natura che stupisce" con
gli animali imbalsamati del tassidermista Antonio Berardi di Cesena. Lallestimento si trova
nel teatro adiacente alla chiesa di San Giacomo. In queste prime settimane di mostra sono
state tantissime le persone che hanno voluto vedere da vicino gli esemplari perfetti realizzati
da Berardi. Sabato scorso ha visitato la mostra anche il criptozoologo Lorenzo Rossi.
Sala | Via Mare, ponte da rifare
Un abbattimento lampo. Sabato scorso un passante ha comunicato alla
Municipale che il ponte sullo scolo consorziale di via Mare (fra via Pavirana e via
Branchise), dava segni di cedimento. Nellarco di pochi minuti la strada stata
chiusa e nel giro di poche ore il ponte stato abbattuto. I tempi di riapertura non
saranno brevi (fotogallery su www.corrierecesenate.it)
28 luglio
Rock: "The Sun"
in concerto
Domenica 27 luglio "The Sun" in
concerto: il Comune di Cesenatico
organizza lappuntamento con la rock
band The Sun alle 21, in Piazza Spose
dei Marinai. Luned 28 luglio i The Sun
presentano il libro "La strada del sole"
sulla terrazza del Bagno Mar alle 17. Il
libro, edito da Rizzoli e scritto dal
cantante e compositore della band
Francesco Lorenzi, con la prefazione del
cardinale Gianfranco Ravasi stato
pubblicato il 7 maggio 2014, ed stato
presentato al Salone internazionale del
Libro di Torino il 9 maggio; dopo soli
due giorni dalla pubblicazione le copie
sono state esaurite ed ora disponibile
la seconda edizione. Per levento della
presentazione del libro il Comune di
Cesenatico in collaborazione con
lAssociazione di promozione sociale
Touche.
Mercatino al Camping
Gli agricoltori
offrono ai turisti
prodotti di qualit
alorizzare il secolare legame tra
lentroterra cesenate e il turismo
della Riviera romagnola aprendo
un ponte tra i prodotti tipici del
territorio e le eccellenze del litorale. Questo
lobiettivo del mercato a km zero di Cam-
pagna Amica Coldiretti attivato nei giorni
scorsi (e proseguir fino alla fine di agosto)
allinterno del Cesenatico Camping Villa-
ge, una delle 14 strutture che fanno capo al
Club del Sole.
Per il quarto anno consecutivo ogni vener-
d, sempre alle 18.30 e per tutta lestate, nel-
larea verde accanto al teatro del Camping
V e sostenibilit ambientale. "Gli agricoltori
di Campagna Amica - afferma Filippo Tra-
monti presidente di Coldiretti Forl-Cesena
- proprio per garantire al massimo il con-
sumatore e per contrastare le inefficienze e
le distorsioni di una filiera agricola che
spesso, dal punto di vista reddituale pena-
lizza proprio i produttori - ci mettono la
faccia e scelgono la vendita diretta dal cam-
po alla tavola, garantendo la massima tra-
sparenza allacquirente finale".
i produttori agricoli del territorio aderenti
al circuito Campagna Amica - la rete che si
occupa di promuovere i punti di eccellen-
za della filiera agricola italiana dal produt-
tore al consumatore - proporranno a citta-
dini, campeggiatori e villeggianti le produ-
zioni tipiche della Romagna, dalle pesche e
nettarine Igp, al Sangiovese e allAlbana,
dallo Squacquerone e il formaggio di Fos-
sa sino allolio extravergine passando per
le erbe aromatiche, marmellate, miele - tut-
to rigorosamente a km zero e allinsegna
della "qualit", "tipicit", "tradizione" ol-
tre, ovviamente, alla sicurezza alimentare
PRODOTTI AGRICOLI IN UNA BANCARELLA
Gioved 17 luglio 2014 16 Valle del Rubicone
SAVIGNANO
SABATO 19 LUGLIO
IL WINE FESTIVAL
Moda, buon cibo e vino di qualit.
Sabato 19 luglio (dalle 19), nel
centro storico di Savignano sul
Rubicone, rivivranno le atmosfere
della Dolce Vita di Marcello
Mastroianni e della bionda Ekberg,
nella cornice del Savignano Wine
Festival
(www.savignanowinefestival.com),
giunto alla settima edizione con un
tema che si richiama agli anni 60.
Protagoniste del Savignano Wine
Festival saranno le oltre 40 cantine
presenti dalle ore 19 fino a notte,
unoccasione per degustare
responsabilmente i migliori vini del
territorio. Come da tradizione, le
degustazioni di vino saranno
abbinate ai menu speciali
appositamente ideati dai ristoranti
e allo street food proposto nelle
gastronomie.
Longiano in festa
per il Crocifisso
esta del Santissimo Crocifisso il
prossimo 26 luglio al santuario
di Longiano.
Oltre tre secoli fa,
lArciconfraternita del Santissimo
Crocifisso, sorta per promuovere il
culto e la conservazione della sacra
immagine (una tavola del tredicesimo
secolo, davanti alla quale si
inginocchi, il 6 maggio 1493, una
vitella donata dai gambettolesi ai
fratini di Longiano) si propose di
solennizzare una festa e la fiss per il
26 luglio.
"La ricorrenza - spiega fra Mirko
Montaguti, rettore del santuario - trae
origine dal fatto che fu proprio un 26
luglio che il Crocifisso venne traslato
dal chiostro (ove si trovava il giorno
del miracolo) allinterno della chiesa,
dove gli sarebbe potuto conferire
maggior onore".
In preparazione alla festa si terr, dal
17 al 25 luglio, una novena con Messe
in santuario alle 20,30 presiedute da
fra Egidio Monzani dei frati minori
conventuali di Ravenna. Domenica 20
luglio la Messa della novena sar
F
celebrata alle 18 e sar preceduta (alle
16,30) da una funzione con il
sacramento dellunzione degli
infermi.
Il giorno della festa, sabato 26 luglio, il
santuario aprir alle 6 di mattina e
saranno celebrate sei Messe: alle 6,30,
7,30, 8,30, 9,30, 11 e 19.
La Messa delle 9,30 sar presieduta da
fra Giovanni Voltan, ministro
provinciale. Quella delle 19 sar in
suffragio dei benefattori e dei defunti
dellArciconfraternita.
Alle 17,30 ci sar la recita del rosario e,
alle 18, la tradizionale processione per
le vie del centro storico con
limmagine del Crocifisso,
accompagnata dal corpo bandistico
"Citt di Gambettola".
La Messa solenne delle 11 e la
processione delle 18 saranno
presiedute dal vescovo Douglas
Regattieri.
Il programma ricreativo della festa
prevede lorganizzazione, da parte
dellArciconfraternita, di due serate
della "Settimana longianese". Venerd
25 luglio si esibir in piazza Tre Martiri
alle 21,15 lorchestra "Il mulino del
Po". Sabato 26 luglio suoner, alla
stessa ora, lorchestra "Bandiera
gialla" e, alle 23, ci sar il tradizionale
spettacolo pirotecnico.
Matteo Venturi
La solennit si celebra
il 26 luglio. La Messa
sar presieduta
dal vescovo Douglas
Regattieri
Il programma dal 17 al 25 luglio
Gatteo
Il Comune facilita
le nuove assunzioni
Uno stanziamento di 50mila euro per
favorire le nuove assunzioni. E quello
che propone lAmministrazione di
Gatteo a vantaggio delle aziende del
territorio.
"Leconomia stenta a ripartire - ha
spiegato il sindaco Gianluca Vincenzi in
conferenza stampa - anche perch le
imprese sono gravate da notevoli spese
non supportate da immediati incassi. A
volte potrebbero assumere ma non
riescono a coprire tutti i costi. Abbiamo
pensato di pagare buona parte dei
contributi previdenziali nel caso in cui
assumano personale con contratto
serio, non co.co.co o similari, sia a
tempo indeterminato che determinato.
Abbiamo calcolato che, suddiviso fra i
vari settori, il fondo baster per una
trentina di assunzioni".
In linea di massima, per unassunzione
a tempo indeterminato, il Comune
stanzia 4200 euro annui, che diventano
1500 euro per gli apprendisti. Per i
contratti a tempo determinato limporto
di 350 euro mensili. Per il settore
agricolo, i fondi vanno a vantaggio
degli addetti assunti per almeno 101
giornate.
Il 10 per cento della somma verr
erogato allinizio del contratto e il
restante a 6 mesi e a un anno per le
assunzioni a tempo indeterminato, e al
termine del contratto per le altre.
Oltre allagricoltura, utilizzano
contratti a termine anche gli operatori
del settore turistico.
Cristiano Riciputi
Sogliano
Sconto sulla Tari
Sconto del 30 per cento sulla tassa dei riuti
solidi urbani, la nuova Tari, per chi ha un
reddito del nucleo familiare no a 25mila
euro e del 20 per cento per chi va dai 25mila
ai 45mila euro. Reddito inteso non come
Isee, ma complessivo lordo. Lo ha deciso alla
unanimit il consiglio comunale di Sogliano
al Rubicone e i moduli per le domande per
lagevolazione si trovano presso gli ufci
comunali o si possono scaricare dal sito
internet dellEnte. "Per questo intervento
lamministrazione comunale ha previsto un
fondo di 130mila euro che serve a ridurre la
bolletta dei riuti per le famiglie e per le
imprese - ha detto Loredana Zamagni
assessore allo sviluppo economico -. Stiamo
predisponendo un bando per le imprese per
alleggerire il carico scale. Ma ci anche altre
agevolazioni per le famiglie che hanno gli
a carico. Dal totale del reddito si possono
infatti detrarre duemila euro per ogni glio.
La prima rata si paga entro il 30 settembre".
Cf
Torna la Settimana longianese, dal 25 luglio al 3 agosto
Si terr a Longiano da venerd 25 luglio a domenica 3 agosto la 53esima
edizione della "Settimana longianese", la popolare kermesse legata al
patrono san Cristoforo (il 20 luglio, con slata e benedizione degli
automezzi al termine della Messa delle 8,45) e alla tradizionale festa del
Santissimo Crocisso (il 26 luglio).
La kermesse organizzata dalla Pro loco con il patrocinio del Comune. Il
programma come sempre ricco: dieci serate di festa (dalle 21 alle 24)
con spettacoli di variet, orchestre romagnole, band giovanili e
intrattenimento per ogni et, tutto a ingresso gratuito.
Non mancheranno ogni sera lo stand gastronomico della Pro loco in
piazza San Girolamo e una piccola era lungo le vie del borgo. Aperti
anche tutti i musei. Confermata la formula, introdotta lanno scorso, del
doppio spettacolo. Uno in piazza Tre Martiri con spettacoli legati alla
tradizione, e uno in piazza Malatestiana con sonorit pi moderne.
Fra le conferme anche la slata dei carri agricoli (sabato 2 agosto) e la
tradizionale spaghettata (domenica 3 agosto). Si segnala, dopo
ventanni di assenza, il ritorno, domenica 27 luglio, della "Giornata
dello sport", con una gara ciclistica categoria "juniores". (Mv)
Il Giardino della Poesia, il festival di
parole e musiche nei luoghi pascoliani,
diretto da David Riondino (foto),
giunge questanno alla sua
diciottesima edizione. Il festival si
svolger nei due luoghi pascoliani
deccellenza: il giardino della casa
natale del poeta (Casa Pascoli) e la
Torre-Villa Torlonia. Sette gli
appuntamenti in programma. Di scena
alcuni protagonisti del panorama
culturale e del mondo dello spettacolo,
come un inedito Antonio Di Bella, la
poetessa Patrizia Cavalli, lattore
Vincenzo Pirrotta, e il sodalizio David
Riondino e banda comunale di San
Mauro Pascoli, Amici della Musica. I
primi due appuntamenti, promossi da
Sammauroindustria che da anni
collabora alla rassegna, sono il 17
luglio, la XIVesima edizione del Premio
Pascoli di Poesia, e il 23 luglio la
presentazione dellAntologia dei poeti
romagnoli Dun sangue pi vivo a
cura di Gianfranco Lauretano, Nevio
Spadoni e con leditore Marisa Zattini.
San Mauro
Pascoli
porta
la poesia
in giardino
Gioved 17 luglio 2014 17 Valle del Savio
Sarsina | In vacanza con la Bcc
Unottantina di persone ha preso parte alla gita sociale in Sardegna
organizzata, nelle scorse settimane, dalla Banca di Credito Cooperativo di
Sarsina. I partecipanti si sono imbarcati a Livorno alla volta di Olbia. Dalla
citt sarda partito il tour che li ha portati a scoprire le bellezze della Costa
Smeralda, tratto costiero tra i pi belli del Mediterraneo occidentale. Altre
localit toccate sono state Castelsardo, Alghero, La Maddalena e Santa
Teresa di Gallura.
Alfero, messa il 26 luglio
Donicilio ricorda
il sacricio di don Babini
Il 26 luglio 1944 il parroco di
Donicilio, localit vicina ad
Alfero, il non ancora trentenne
don Francesco Babini, venne
fucilato a Pievequinta di Forl,
insieme ad altri nove prigionieri
(tra cui il giovane colono di
Donicilio Alero Bartolini e
laltro residente Mario Romeo),
per rappresaglia dopo luccisione
di un soldato tedesco.
Come tutti gli anni Donicilio lo
ricorda, questanno nel giorno
esatto della morte, a 70 anni di
distanza.
Sabato 26 alle 19 verr celebrata
la Messa, col vescovo monsignor
Douglas Regattieri, il vescovo
emerito di Grosseto don
Germano Babini (cugino di don
Francesco), il parroco di Alfero
don Edero Onofri.
Come sempre sar presente la
sorella di don Francesco,
Agata Babini.
Dopo la celebrazione gli
abitanti del posto, con le
famiglie originarie che negli
anni si sono trasferite e che
tornano per loccasione, si
ritrovano per conversare e
mangiare qualcosa insieme.
Nel pomeriggio, prima della
celebrazione, verranno letti
brani dal diario del pilota
sudafricano Hinton Brown,
abbattuto in zona il 3 luglio 1944
e accolto presso la canonica di
Donicilio, che tra laltro descrive
la giornata del 14 luglio, quando
al mattino presto un drappello di
nazifascisti arriv a Donicilio per
cercarlo.
Il pilota dormiva nella canonica
ma riusc a fuggire appena in
tempo.
Don Francesco Babini, medaglia
doro al valor civile, nascondeva
allora anche due militari inglesi
fuggiti dopo l8 settembre da un
campo di prigionia.
"Cosa ho da fa?" chiedeva a sua
volta don Francesco a quanti gli
facevano presenti i rischi e i
pericoli nel dare accoglienza a
militari in fuga e a giovani
renitenti alla leva.
Alberto Merendi
Sarsina apre le porte
ai "gemelli" esteri
aranno unottantina le persone
da Olanda, Germania e Francia
ospitate a Sarsina per lannuale
incontro di gemellaggio. Dal 24
al 28 luglio trenta famiglie della citt
plautina apriranno le porte delle loro
case ai gemelli di Lopik, Grebenstein
e Lezoux. Lorganizzazione dellevento
affidata al rinnovato Comitato
Gemellaggio.
"Abbiamo lavorato sodo in questi mesi
per accogliere al meglio gli amici
olandesi, tedeschi e francesi - dice il
presidente Simone Bartolomei -. La
soddisfazione maggiore stata la
risposta delle famiglie sarsinati che si
sono mostrate disponibili ad ospitare e
per questo gliene siamo grati.
Abbiamo coinvolto nuove famiglie che
non avevano mai ospitato prima". Il
programma ricco di proposte.
Dopo laccoglienza di gioved 24 luglio
(ore 17), i gemelli potranno ascoltare la
Corale di Sarsina in "Armonie per
lEuropa" (21,30) nella piazzetta
Santarelli, antistante Mausoleo di
Rufo. Il giorno successivo, venerd 25
luglio, gita fuori porta a Cesena con
S
visita alla biblioteca Malatestiana e alla
Rocca al mattino. Nel pomeriggio si
proseguir per Pinarella. In seguito
partenza per Cesenatico e visita al
Museo della Marineria. Sabato 26
luglio visita al patrimonio storico,
culturale e gastronomico sarsinate:
Museo Archeologico e Basilica
Cattedrale al mattino. Il pomeriggio
dedicato ad unescursione con gli asini
in collaborazione con lAzienda
agricola il Pagliaio, mentre la sera
concerto nella piazzetta Lucio Pisone
dei "As Madalenas".
La domenica (27 luglio) sar scandita
da momenti ufficiali con la conferenza
al Centro culturale dei quattro comitati
di gemellaggio, delle istituzioni con
interventi di Marijeke Vanbiervliet
(responsabile cittadinanza europea),
Centurio Frignani, membro dellAiccre
(Associazione Italiana per il Consiglio
dei Comuni e delle Regioni dEuropa),
Anna Melotti, autrice di una tesi sugli
scambi internazionali. Nel pomeriggio
(piazzetta L. Pisone) si terr un
workshop sulle tradizioni locali.
Una novit la mostra (inaugurazione
gioved 24 alle 18, attiva per tutto il
periodo del gemellaggio nella sala ex
Cofam, piazzetta Lucio Pisone) "Cielo,
terra, mare", presentata da Pascucci &
Le ceramiche di Faenza, grazie alla
collaborazione dellassociazione di
promozione sociale "Laviadegliorti.
Michela Mosconi
Dal 24 al 28 luglio
trenta famiglie
sarsinati accolgono
in casa gli amici
stranieri
In arrivo da Francia, Olanda e Germania
Feste in Valle
San Silvestro
La tradizionale festa di San Silvestro, il
paese a qualche chilometro da San Piero,
comincia col triduo in onore di
SantAntonio da Padova, gioved 17,
venerd 18 e sabato 19, con la
celebrazione della Messa alle 20.
Venerd in programma una cena di pesce
ed intrattenimento musicale, sabato
"Sagra del basotto" e spettacolo di
cabaret e musica.
Domenica 20 in calendario la
celebrazione della Messa alle 11, pranzo
su prenotazione, alle 15 esibizione di
motocross, cena e serata con musica del
dj.
Per info e prenotazioni: 349/3148139.
Montecoronaro
Torna questo ne settimana, con la 31
edizione della Sagra del Cinghiale, anche
il Pentathlon del boscaiolo, gara valida
per il campionato nazionale organizzato
dallAssociazione Forestale del Trentino.
A Montecoronaro di Verghereto sabato 19
si comincia con stand gastronomici,
mostre ed esposizioni, ballerini e musica.
Domenica 20 si svolge il Pentathlon del
boscaiolo e vi saranno anche esibizioni di
"Ape cross".
Per tutte e due le giornate la Pro Loco di
Montecoronaro ha programmato attivit
di animazione per bambini, scuola di
motociclismo per bambini tra i 7 ed i 14
anni (a cura di Federmoto), concorso di
pittura estemporanea per le vie del paese,
mostra micologica, tiro al piattello laser
(anche in notturna con piattelli luminosi)
e gara dei boscaioli.
Alme
Bagno
di Romagna
Incontri
su natura
e territorio
Il Consorzio Natura e Natura, al quale sono associati
diversi operatori turistici e dei prodotti tipici dellAlto
Savio, con la collaborazione del Comune di Bagno di
Romagna, promuove un ciclo di incontri dedicati alla
natura e al territorio dellAppennino.
"La conoscenza di storie, luoghi, curiosit e prodotti
dellAppennino Tosco-romagnolo - sottolinea il
Consorzio - pu diventare un piacevole momento di
trattenimento per gli ospiti di Bagno di Romagna e dei
dintorni.
Conversazioni arricchite con la proiezione di immagini o
con lassaggio di prodotti possono diventare anche
ulteriori momenti di promozione del territorio, possono
accendere il desiderio di tornare per vedere, conoscere o
gustare aspetti non ancora conosciuti."
I temi delle dieci serate, che si svolgeranno dalle 21 alle
22,15 presso il Palazzo del Capitano spaziano
dallitinerario della Via Romea Germanica alle "Foreste
Sacre" di Camaldoli e La Verna, da prodotti tipici come
funghi e miele alle produzioni locali di cioccolato
artigianale.
I prossimi appuntamenti sono: 30 luglio con tema
Camaldoli; 6 agosto il miele; 20 agosto il cioccolato di
Bagno di Romagna; 27 agosto i funghi.
Doppio brindisi per Tenuta
Casali. Con uno dei suoi vini di
punta conquista nel giro di
pochi giorni due importanti
premi. Il sangiovese superiore
Baruccia 2012 tra i vincitori
del Concorso enologico
nazionale Premio Douja DOr
e tra i vini eccellenti della nuova guida Emilia
Romagna da Bere dei sommelier regionali di Ais.
Nato nel 1967 nella citt di Asti, il Premio Douja dOr
viene assegnato ogni anno al meglio della
produzione Doc e Docg italiana, celebrando le
etichette selezionate in occasione del grande salone
nazionale del vino che la seconda settimana di
settembre riunisce migliaia di operatori del settore
e wine lover provenienti da tutto il mondo. Sono 513
i vini dalla Valle dAosta alla Sicilia che nel 2014
potranno fregiarsi dellambito bollino con la
Douja, lantico e panciuto boccale che nei secoli
scorsi veniva servito nelle osterie piemontesi: unico
selezionato per la provincia di Forl-Cesena, il
Baruccia riuscito a conquistare per il secondo
anno consecutivo il premio, impresa mai riuscita a
una cantina romagnola.
Ma il sangiovese superiore di Mercato Saraceno si
conferma anche profeta in patria, rientrando tra i
97 vini di eccellenza, tra gli oltre mille in gara, della
guida Emilia Romagna da Bere 2014-2015),
presentata nei giorni scorsi a Bologna. In
unedizione della guida che vede in calo il numero
delle produzioni da oscar del territorio cesenate, gli
intensi profumi fruttati e minerali del Baruccia,
abbinati a un sorso fresco e dinamico, hanno
conquistato la giuria dei sommelier regionali.
Vini premiato Un sangiovese
della Tenuta
Casali
di Mercato
Saraceno
Foto Ettore Roverelli
Gioved 17 luglio 2014 18 Solidariet
a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL
(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena
NOTIZIARIO PENSIONATI
Non dimenticare
lalluvione in Bosnia
Serve maggiore impegno per non
dimenticare e fronteggiare con pi
decisione le conseguenze della
violenta alluvione che lo scorso
maggio ha colpito i territori di
conne tra Serbia e Bosnia-
Herzegovina. questo lappello
lanciato dalla Cisl, dallIscos
(Istituto sindacale per la
cooperazione allo sviluppo) e dai
pensionati (Fnp) Cisl dellEmilia
Romagna nel corso dellincontro
Europa senza conni o conni
senza Europa?, organizzato a
Bologna.
Appello rivolto a tutta la societ
civile, ma in particolare a quelle
istituzioni, a quei comuni e a quelle
associazioni di volontariato
dellEmilia Romagna che da decenni
hanno rapporti di partenariato e di
gemellaggio istituzionale con
numerose citt bosniache colpite
dallalluvione.
importante non girare la testa
dallaltra parte su ci che accaduto
a pochi chilometri da noi,
sottolinea Andrea Cortesi, direttore
dellIscos Emilia Romagna. Oggi -
continua Cortesi - sono almeno
950mila i cittadini bosniaci che sono
stati obbligati a lasciare le proprie
case e, oltre ai 50 morti accertati, ci
sono ancora troppi dispersi. Interi
centri continuano a non avere
elettricit e acqua potabile e
laccesso agli ospedali rimane
difcoltoso a causa delle strade
franate, senza contare il disastro
subito dagli insediamenti produttivi
e la cancellazione della
segnalazione delle mine in
numerose aree.
In altri termini, lintento
delliniziativa di Bologna quello di
impedire che unimmane tragedia
alle porte di casa continui a
permanere in una zona grigia di
disinteresse e, nello stesso tempo,
cercare di creare un fronte comune
regionale che agisca concretamente
a sostegno delle zone colpite dalla
calamit. Noi - ha concluso il
direttore dellIscos Er - attraverso
lassociazione bosniaca Lotos, di cui
siamo partner da quasi dieci anni,
stiamo cercando di fare al meglio la
nostra parte, ora ci aspettiamo che
anche da parte di altri,
associazioni, comuni, istituzioni e
anche mezzi dinformazione, ci sia
il medesimo impegno.
Un Posto Occupato
in nome delle donne
Il coordinamento nazionale donne
pensionate Cisl aderisce alla
Campagna Posto Occupato.
un gesto concreto dedicato a tutte
le donne vittime di violenza.
I pensionati italiani sono tra i contribuenti pi tartassati d'Europa. Dal 2088 ad oggi il loro potere
dacquisto ha perso oltre 1.400 euro (1419 euro).
Il trattamento fiscale dei pensionati italiani pesante e punitivo, sia perch soffre delleccesso di prelievo
che scaturisce dalla combinazione fra Irpef e addizionali regionale e comunale, sia perch, diversamente
da quanto avviene nel resto d'Europa, il carico fiscale sulle pensioni superiore a quello che grava sui
redditi da lavoro dipendente di analogo ammontare. quanto emerge da uno studio di Confesercenti.
Secondo lassociazione, limporto delle detrazioni dimposta riconosciute ai pensionati (1.725 euro al di
sotto dei 75 anni e a 1.783 euro oltre 75 anni) inferiore a quello previsto a favore dei redditi da lavoro
dipendente (1.840 euro); nel nostro Paese non vi traccia dei trattamenti impositivi agevolati che sono
riconosciuti nella quasi generalit dei Paesi europei, ricorrendo a deduzioni maggiorate e, talora,
esentando parzialmente dallimposta sul reddito limporto della pensione.
Per quanto riguarda il confronto con gli altri pensionati dEuropa, se la pensione pari a 1,5 volte il
trattamento minimo, solo il pensionato italiano paga le imposte (che decurtano di oltre il 9 per cento la
sua pensione), mentre altrove non si subisce alcun prelievo, a motivo delloperare di specifici trattamenti
agevolativi.
Se invece la pensione pari a tre volte il minimo, sostiene la Confesercenti, il pensionato italiano
soggetto a un prelievo doppio rispetto a quello spagnolo, triplo rispetto a quello inglese, quadruplo
rispetto a quello francese e, infine, incommensurabilmente superiore a quello tedesco. In euro significa
che si va dagli oltre 4mila euro sopportati dal pensionato italiano ai 39 a carico del pensionato tedesco.
Per questo i sindacati dei pensionati, a cominciare dalla Fnp Cisl, hanno pi volte rivendicato per i loro
rappresentati il medesimo trattamento garantito ai lavoratori con bassi redditi che hanno avuto il bonus
di 80 euro previsto dal Governo. Ma non sono solo i pensionati a piangere per l'erario. Le imprese italiane
pagano la bellezza di 110,4 miliardi di tasse lanno. In Europa - afferma la Cgia - solo le aziende tedesche
pagano in termini assoluti pi delle nostre, ma la Germania conta oltre 20 milioni di abitanti in pi
dellItalia.
I pensionati italiani sono i pi tartassati dEuropa
Ciascuna di quelle donne, prima che
un marito, un ex, un amante, uno
sconosciuto decidesse di porre ne
alla sua vita, occupava un posto a
teatro, sul tram, a scuola, in
metropolitana, nella societ. Questo
posto vogliamo riservarlo a loro,
afnch la quotidianit non lo
sommerga.
Sappiamo che purtroppo le donne
non sono le uniche vittime di
violenza e che le forme di violenze
sono molteplici. Per questo siamo
convinte che sia necessario un
impegno collettivo per difondere
sempre pi la cultura della non
violenza.
Maratona Alzheimer
Biglietti
della lotteria
Distribuiti sul territorio
Si svolger domenica 21 settembre la terza
Maratona Alzheimer, un grande evento di
sensibilizzazione e di solidariet attorno al tema
della demenza, promosso dallassociazione
Amici di Casa Insieme. Una novit di questanno
labbinamento alla Maratona di una lotteria a
premi.
Il ricavato della lotteria andr a nanziare
diversi progetti a favore dei malati di demenza e
delle loro famiglie. Tra questi, c il progetto
Gps, ideato e portato avanti con grande impegno
e dedizione, sia nel nostro territorio che in
regione dalle associazioni Penelope e Caima di
Cesena. Liniziativa apprezzata e sostenuta da
tutte le realt associative attive per le demenze
aderenti allassociazione regionale Alzheimer
Emilia Romagna. Il progetto in questione
prevede limpiego e la difusione di localizzatori
satellitari in grado di rintracciare persone con
disturbi di memoria a rischio di smarrimento.
Per sostenere il Progetto Gps, si possono
acquistare i biglietti della lotteria presso Amici
di Casa Insieme, in via Garibaldi 3 a Mercato
Saraceno, da luned a venerd dalle 9 alle 13,30
(tel. 0547 691695) e presso Caima, in via Gadda
120 a Cesena, il luned e il venerd dalle 9,30 alle
11,30 (tel. 0547 646583). Un altro punto
vendita dei biglietti della Lotteria attivo
allingresso dellospedale Bufalini.
I biglietti sono inoltre disponibili presso attivit
sparse su tutto il territorio da Bagno di Romagna
a Cesena: a San Piero in Bagno bar Fuori Orario,
bar Acca, bar Ristorante Italia e Mancini mangimi;
a Bagno di Romagna palestra Body Art; a Civitella
di Romagna ristorante Civorio; nel comune di
Sarsina ristorante La Pineta (Quarto), bar Zelus,
bar Drago, bar Romagna (Ranchio), panicio
Moretti (Ranchio), circolo Il Ciclista e La Pieda; a
Mercato Saraceno chiosco Giuli e Pumdor,
supermercato Crai di Montecastello, Locanda Di
Monte, bar-tabaccheria Leonardi, ristorante Da
Elena, trattoria Savio, chiosco Sara e Luca,
pescheria I Tesori del Mare, ferramenta Moreno,
bar Centro Caf, agriturismo La Raniera,
ristorante Ponte Giorgi, circolo Endas di
Bacciolino, trattoria Brustlon; a Roncofreddo bar
Calypso; a Cesena bar della Secante, bar
Capriccio, bar Chiodo di San Vittore, bar Centrale
di San Carlo, trattoria Paco, bar Caf Edera e bar
Gallo di Borello; a Gambettola ferramenta
Moreno.
La Fnp Cisl augura a tutti gli iscritti, agli anziani e a tutte
le loro famiglie un sereno periodo di vacanza a casa o
fuori citt.
Ricorda che gli uffici saranno chiusi da 4 al 23 agosto e
riapriranno al pubblico il giorno 25 agosto.
RAPPORTO CARITAS
Raddoppiati gli italiani
(quasi 5 milioni)
in povert assoluta
La crisi ha raddoppiato
il numero delle persone
che in Italia vivono in
povert assoluta: nel
2007, ultimo anno di
crescita del Pil, erano
2,4 milioni, ovvero
il 4,1 per cento della
popolazione, nel 2012,
sono saliti a 4,8 milioni,
l8 per cento del totale
a crisi ha raddoppiato il numero delle persone che in Italia vivono in povert
assoluta: nel 2007, ultimo anno di crescita del Pil, erano 2,4 milioni, ovvero il
4,1 per cento della popolazione, nel 2012, sono saliti a 4,8 milioni, l8 per
cento del totale. quanto emerge dal Rapporto Il bilancio della crisi. Le politiche
contro la povert in Italia, realizzato da Caritas Italiana e presentato luned 14
luglio a Roma. Si tratta del primo Rapporto sulle politiche contro la povert in
Italia cui hanno collaborato Action Aid, Cisl, Fondazione Banco Alimentare, Save
the children, Cittalia-Fondazione Studi e ricerche Anci, e accademici, come
Cristiano Gori e Massimo Baldini. Con questa iniziativa, ha spiegato monsignor
Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, si vuole concorrere alla riflessione
sulla efficacia delle forme istituzionali di contrasto alla povert, al fine di stimolare
un dibattito pubblico e suscitare la pi ampia e condivisa consapevolezza intorno
a questi fenomeni.
Politiche neutre. Dal Rapporto, curato da Cristiano Gori delluniversit Cattolica
di Milano, emerge anche che la povert in Italia sta toccando segmenti che nel
passato erano considerati poco vulnerabili come il Centro Nord, famiglie con due
figli, i nuclei con capofamiglia under 35 e famiglie con componenti occupati.
Prima della crisi i poveri si contavano soprattutto tra anziani, famiglie numerose e
abitanti del Sud. Dati incontrovertibili che testimoniano come le politiche
economiche e sociali varate in questi anni di crisi non siano state capaci di dare
risposte ai poveri. Se dal 2007 fino al 2013 (governi Berlusconi e Monti) lunica
risposta messa in campo stata la Carta Acquisti, (Social Card), uno sforzo
limitato per la Caritas, la politica economica del governo Letta non ha aiutato le
famiglie in povert ma non ne ha neppure peggiorato le condizioni. Il bonus di 80
L
euro deciso dal premier Renzi, stando al
rapporto Caritas, ha avuto qualche effetto sulla
povert, ma di portata assai ridotta. Sul fronte
dei servizi, la crisi ha addirittura fatto s che le
politiche sociali siano state vittime di un
ulteriore indebolimento. In due anni, dal 2010 al
2012, la spesa dei Comuni su questo versante
calata del 6 per cento; tagli - evidenzia la Caritas
- che hanno colpito un settore gi sotto-
finanziato. Tutte azioni sostanzialmente
neutre nei confronti delle famiglie in povert e
che hanno fatto dire a monsignor Soddu che
lItalia lamenta una fondamentale assenza di
forme di contrasto effettivo ai rischi di povert.
Progetto Reis. Tra le prospettive realizzabili di
politiche pubbliche di contrasto alla povert,
indicate dalla Caritas italiana, c quella del Reis,
il Reddito di inclusione sociale, auspicato anche
dalla Alleanza contro la povert in Italia alla
quale la Caritas aderisce. Ma perch ci avvenga,
ha affermato il curatore scientifico Cristiano
Gori, necessario che il Governo Renzi faccia
della lotta alla povert una priorit politica. Il
Reis, che dovrebbe essere introdotto
gradualmente dal 2015, verrebbe destinato a
tutte le famiglie in povert assoluta di tutte le
nazionalit, in possesso di un valido titolo di
legittimazione alla presenza sul territorio
italiano e ivi residenti da almeno 12 mesi. Ogni
famiglia riceve mensilmente - afferma il
Rapporto Caritas - una somma pari alla
differenza tra il proprio reddito e la soglia di
povert cos da disporre dellinsieme di risorse
economiche necessarie a uno standard di vita
minimamente accettabile. Non solo: lattuale
Governo dovr decidere se avviare un Piano
nazionale contro la povert, di cui il Reis un
progetto concreto, o se continuare sulla falsariga
delle politiche fino a oggi attuate. Quindi un
ritorno a un welfare allitaliana come la Social
card, o peggio a uno scenario da Seconda
Repubblica (1997) limitato a sperimentazioni
sul reddito minimo destinate a spegnersi
progressivamente.
Adesso difficile. La richiesta della Caritas ha
trovato una prima risposta del ministro del
Lavoro, Giuliano Poletti, presente alla conferenza
stampa. Ad oggi difficile - ha spiegato il
ministro - poich abbiamo bisogno di costruire
anche uninfrastruttura che ci consenta di farlo.
LItalia non ha una dotazione del tipo banche
dati o elementi di analisi. Lavorare per una sorta
di casellario dellassistenza, per avere tutti gli
elementi che ci fanno capire lo stato effettivo
delle famiglie e quindi quali siano le politiche
pi giuste in questa situazione.
Daniele Rocchi
FOTO ARCHVIO SIR
Gioved 17 luglio 2014 19 Cultura&Spettacoli
itornano, per lundicesimo anno, I
Suoni dello Spirito, la
manifestazione organizzata da
Paolo Turroni per la Societ Amici del
Monte, con il patrocinio del Comune di
Cesena.
La rassegna si svolger nel chiostro di San
Francesco, sul retro della Malatestiana e
avr luogo i venerd del mese di agosto (1,
8, 15, 22) con inizio alle 21, a ingresso
libero. In caso di maltempo, gli spettacoli
si svolgeranno al Palazzo del Ridotto.
Luciano Almerigi, presidente della
R
I Suoni dello Spirito
al chiostro di San Francesco
Nelle serate dei primi quattro venerd di agosto, a Cesena
Societ Amici del Monte, cos presenta
I Suoni dello Spirito: Paolo Turroni ha
sempre individuato i contenuti, tenendo
conto, nella progettazione, della
suggestione delle realt contingenti e
delle ricorrenze legate al territorio e alla
grande storia. Il 2014 strettamente
connesso a due eventi centenari. Il 1914
linizio della Grande Guerra che
sconvolse soprattutto lEuropa, ma
anche il bicentenario dellincoronazione
della Madonna del Monte, avvenuta il
primo maggio 1814, quando il cesenate
Pio VII, monaco benedettino, volle, con le
proprie mani, incoronare Maria, Regina
ausiliatrice, dopo aver acquistato la
libert dalla pluriennale prigionia voluta
da Napoleone. I Suoni dello Spirito del
2014, inseriti nel calendario di queste
celebrazioni, vogliono essere soprattutto
un omaggio a Barnaba Chiaramonti,
insigne cittadino che, anche con gesti
concreti e doni, dimostr affetto per la
sua Cesena.
Questi, nel dettaglio, gli appuntamenti:
venerd 1 agosto, Dante e il papa.
Lectura Dantis: Inferno 3 (con la musica
del Settimino Malatestiano, le letture di
Ilario Sirri, il commento di Paolo Turroni),
una lettura dantesca dedicata a due papi
importanti nella vita di Dante, Celestino V
e Bonifacio VIII.
Venerd 8 agosto, serata dedicata alla vita
di Pio VII, con le voci di Loris Canducci,
Sabrina Guidi, Alessandro Pieri, Paolo
Turroni e le musiche realizzate da
Margherita Pieri e Gioele Sindona.
Venerd 15 agosto serata mariana, nel
giorno dellAssunta; voci di Loris
Canducci, Sabrina Guidi, Daniela
Montanari, Alessandro Pieri, Paolo
Turroni, musica del Quartetto vocale
Myricae.
Venerd 22 agosto, Viaggio in Francia
(voci: Loris Canducci, Sabrina Guidi,
Daniela Montanari, Paolo Turroni,
musica del Duo Alarch), sia perch il
Papa vi fu prigioniero, sia perch il grande
tema che sottost al rapporto fra Francia
e papato quello fra scienza e fede, fra
illuminismo e religione.
LA RASSEGNA,
GIUNTA ALL11ESIMA EDIZIONE,
PROMOSSA DALLA SOCIET
AMICI DEL MONTE
E DALLASSESSORATO
ALLA CULTURA
E PROMOZIONE
NELLA FOTO, UN RITRATTO DI PAPA
PIO VII, IL CESENATE BARNABA
CHIARAMONTI, FU LUI, NEL 1814 A
INCORONARE LA STATUA DELLA
MADONNA DEL MONTE. IL
BICENTENARIO DELLEVENTO TRA
I TEMI-GUIDA DELLA RASSEGNA
ORGANIZZATA DA PAOLO TURRONI
Fino al 24 luglio festival dedicato al cinema italiano
Piazze di cinema, Cesena come unarena
l centro storico di Cesena si accende di luci e le sue piazze e corti di-
ventano suggestive arene allaperto. Fino al 24 luglio di scena Piaz-
ze di cinema, festival dedicato al cinema italiano contemporaneo e
del passato, promosso dal Centro Cinema e dal Comune di Cesena.
Madrina di questa quarta edizione Sabrina Impacciatore, eclettica
attrice romana che si muove tra cinema, televisione e teatro, che sa-
r presente in citt per accompagnare alcuni film da lei interpretati e
per incontrare il pubblico (appuntamento il 19 luglio alle 19,30 al
chiostro dei giardini Savelli). Il Premio Monty Banks - in omaggio a
Mario Bianchi, divo cesenate del cinema muto degli anni Venti - met-
te a confronto le migliori opere prime italiane della stagione (sei tito-
li questanno appartenenti tutti al genere della commedia italiana),
esaminate sia da una giuria qualificata che dal pubblico, con le pro-
iezioni allArena San Biagio.
La sezione Invisibili invece riservata ai film penalizzati da una li-
mitata distribuzione e che quindi difficilmente raggiungono le sale ci-
nematografiche, ma sono meritevoli di essere visti.
Piazza Amendola la location della retrospettiva Sulla strada. Cine-
ma italiano on the road (1990-2010) con un programma che si al-
lungher fino ad agosto, collegata alla mostra Viaggi in Italia 3, cu-
rata da Antonio Maraldi e allestita alla galleria ex Pescheria, che rac-
conta le citt e le piazze italiane attraverso le fotografie di scena.
Per la prima volta al festival ci
sar spazio per le produzioni
straniere con Piazza Europa,
grazie alla proiezione di tre pel-
licole e la Piazza baby alla
Rocca Malatestiana dedicata ai
pi piccini. LAperitivo con
lautore permetter di incon-
trare attori e registi dei film in
programmazione nei diversi
locali della citt. Infine, il 18 lu-
glio si accenderanno i riflettori sulla Notte del cinema: iniziativa
non stop in tutte le piazze e proiezioni di classici del muto con ac-
compagnamenti musicali dal vivo, il tutto abbinato ai prodotti eno-
grastronomici regionali, con stand aperti dalle 19,30.
La manifestazione ha un costo complessivo di circa 60mila euro:
40mila coperti dal Comune e il resto dagli sponsor, informa la diri-
gente del settore Cultura del Comune di Cesena Monica Esposito.
Le proiezioni sono tutte gratuite tranne quelle del Premio Monty
Bank (ingresso 2 euro); dalle 18 attivo in piazza Almerici un info-
point.
Fs
I

A SANMINIATO(PISA), DAL17 AL23 LUGLIO| di Andrea Fagioli


orte e speranza confuse
sui volti spauriti di
clandestini che
affrontano il mare e la malvagit
degli uomini alla ricerca di un
approdo per una vita appena
dignitosa. Tragedia di un mondo
diviso tra chi ha tutto e chi non ha
niente. Povert materiale e
spirituale, accoglienza e
discriminazione. in questi temi
il nucleo palpitante di Finis
Terrae, spettacolo nato da
unidea di Antonio Calenda su
drammaturgia di Gianni Clementi
che la Fondazione Istituto
Dramma popolare e il Teatro
stabile del Friuli Venezia Giulia si
apprestano a mettere in scena in
collaborazione e nella cornice
della Festa del Teatro di San
Miniato, dal 17 al 23 luglio, nella
storica piazza del Duomo della
cittadina in provincia di Pisa.
Il Dramma popolare di San
Miniato, dunque, ha scelto
questanno - spiega il direttore
artistico Piero Ciardella - di
affrontare un tema di drammatica
attualit e di dimensioni epocali,
M
pur tuttavia lintento dellopera
non solamente quello di
descrivere uno dei tanti sacrifici
umani che si consumano nelle
coste della nostra nazione e di cui
la cronaca quotidianamente ci d
conto, ma di richiamare
lattenzione pi in generale sulle
molteplici forme di povert che in
maniera crescente obbligano una
gran parte dellumanit a vivere
in condizioni di assoluta
precariet.
A far da corona allo spettacolo
principale, il cartellone della
edizione 2014 del Festival ha
previsto altri cinque spettacoli la
cui prerogativa quella di aprire
lorizzonte verso una pluralit di
forme espressive. Tra questi uno
spettacolo di testi e canzoni
firmato da uno tra i pi
importanti e apprezzati
compositori italiani, Beppe Dati,
che il 7 luglio ha proposto Il mio
Ges, unopera che ripercorre la
vita di Ges e della Palestina dal
60 avanti Cristo fino alla
Resurrezione attraverso la
narrazione di coloro che ne
furono testimoni oculari. Si tratta
di un percorso interiore molto
intimo e personale con cui
lautore, che si dichiara
esplicitamente non credente,
cerca di evidenziare nella vita di
Ges di Nazaret quei tratti di
umanit che rendono ancora oggi
il suo messaggio un riferimento
prezioso a quanti, animati da
buona volont, sono in cerca
della Verit. Lo spettacolo, carico
di tensione e slancio spirituale, si
compone di canzoni inedite e di
testi poetici che si illuminano a
S, il teatro vive con Finis Terrae e Il mio Ges
vicenda dando vita a una sorta di
Vangelo cantato che restituisce
contemporaneit alla vita
esemplare di Ges di Nazaret.
Non c niente da fare,
nonostante la mia mancanza di
fede, devo ammettere che Ges
ancora vivo in me, dichiara
Beppe Dati. E ci possiamo
credere, perch lo si coglie
appieno in quello che lui
definisce il suo piccolo
contributo alla riscoperta della
nostra essenza e che, a giudizio
di chi (causa maltempo) ha
affollato la Cattedrale di San
Miniato (anzich la piazza), in
realt un piccolo, e nemmeno
tanto piccolo, capolavoro: una
settantina di quadri, per
altrettanti brani musicali o
recitati, che ripropongono
unentusiasmante e ispirata storia
di Cristo per quasi due ore di
intensa emozione. Belle le
musiche, belli i brani, bravi gli
attori, i cantanti, il coro, il regista
Pier Paolo Pacini, larrangiatore
Lorenzo Piscopo. Che dire? Se
qualcuno vuole fare un confronto
con il mitico Jesus Christ
Superstar ha materia per farlo.
Nel Mio Ges, che non e non
vuole essere un musical ma
unopera musicale moderna
senza messa in scena, c poesia
in pi. Basterebbe pensare
allintensit del ruolo della madre,
alla forza della maternit, alle
tante Marie a cui dopo la morte
di Ges (quando cantano solo le
donne) affidato il lamento Oh
figlio, figlio, figlio o linvocazione
Figlio dei miei sogni.
Verrebbe da dire, contraddicendo
il maestro Dati, che c anche fede
in pi. Senza fede, infatti,
difficilmente si potrebbe
concepire la resurrezione come
lha concepita lui (Miriam) e
non si arriverebbe allo stupendo
epilogo del Lui vivo!.
In libreria
Terra Santa, una sfida
Guide per i pellegrini
Osservando con attenzione gli scafali della
libreria San Giovanni in piazzetta Isei, a Cesena,
ancora una volta ho notato con vero piacere la
presenza di volumi che le case editrici (non solo
cattoliche), presentano per il necessario
aggiornamento circa lo studio e quindi la
meditazione con la lectio biblica, delle Sacre
Scritture. Ben vengano questi preziosi sussidi che
portano a maturazione i frutti prodotti dalla
Chiesa che si lasciata commuovere dallo Spirito
nella Pentecoste del Concilio
Ecumenico Vaticano II.
Questa settimana alcune
segnalazioni a proposito di
quei sussidi che aiutano a
visitare come umili pellegrini,
i luoghi santi che hanno
dato volto alla storia della
salvezza.
In particolare, due libri-
guida: uno, La Terra Santa.
Guida storico-archeologica
della Palestina. Catalogo
delle Edb, autore il frate domenicano Jerome
Murphy OConnor, insegnante di Nuovo
Testamento allcole Biblique et archeologique
franaise a Gerusalemme che ha editato la Bibbia
di Gerusalemme, tradotta, con successo
editoriale, in italiano, dalle Edizioni Dehoniane di
Bologna e tanto presente nelle nostre comunit.
Pi che una guida da tenere in mano, visitando i
luoghi santi, il corposo volume (ben 624 pagine)
pu essere di valido aiuto per preparare il
pellegrinaggio e ancora come riferimento
indispensabile per cogliere, quasi in presa diretta
durante la lettura della Bibbia, la storia e la
geograa che connotano i luoghi e il Paese segnati
dal giungervi dei patriarchi, con i successivi
sviluppi vissuti nellarco temporale del Primo
Testamento (lantica alleanza) e poi, nella
pienezza dei tempi, con la venuta del Messia, Ges
Signore in mezzo a noi.
Suggerimenti anche per i pellegrini che
dallUfcio diocesano pellegrinaggi (Cesena via
Papa Giovanni XXIII, 13, tel. 0547 610280, 335
58007280), con la guida del vescovo Douglas
andranno in Terra Santa, dal 31 luglio al 7 agosto.
Una vera sda, spes contra spem, per fronteggiare
le tragiche vicende che sono tornate a violentare
la pace dei discendenti del patriarca Abramo.
Sempre dalle Edizioni Dehoniane, un sussidio per
partecipare, con fede e non come semplici turisti,
ai viaggi di San Paolo e quindi per la lettura
sapienziale degli Atti degli Apostoli, delle lettere
dellapostolo e dellApocalisse, che rivelano la
oritura di chiese cristiane nella diaspora guidaica
medio-orientali; oggi spesso ridotte a ruderi, ma
pur sempre vive nella storia della salvezza.
Stiamo segnalando il volume del gesuita Paolo
Bizzetti Turchia. Guida biblica, patristica e
archeologica. Lattuale Turchia (dal secolo XI la
invasione dei turchi selgiudichi) stata e rimane
(seppure in piccole comunit) la terra santa dei
cristiani provenienti dal paganesimo.
Divagazione ultima: forse da questa storia,
rivissuta nel dialogo leale con le Chiese cristiane
che la Repubblica di Turchia pu chiedere di essere
ammessa alla Unione Europea.
Pa
Gioved 17 luglio 2014 20 Cesena & Comprensorio
Non solo musica destate a Gambettola
Proseguono a Gambettola gli eventi estivi. Domenica
20 luglio alle 21, in piazza II Risorgimento "Gran
concerto destate" del corpo bandistico "Citt di
Gambettola" diretto da Valentino Calbucci. Il
gruppo culturale Prospettive invita, marted 22
luglio alle 21, nellArena Fellini, in corso Mazzini, al
concerto dei "Bulldog", folk-blues band.
Con partenza e arrivo al Parco Fellini in via
Soprarigossa, domenica 27 luglio dalle 6,30 alle
12,30, il Pedale Polisportiva Gambettolese
organizza il "XXI Memorial Renzo Frisoni",
mediofondo cicloturistica. Musica e spettacolo
venerd 8 agosto alle 21, nellArena Fellini, con il
Trio "Made in Italy" che presenta "I migliori anni",
animazione spettacolo e musica degli anni 60-70-
80 e 90. Tutti gli spettacoli sono ad ingresso
gratuito.
Piero Spinosi
Castiglione di Ravenna

Solidariet intrapresa in festa


La cooperativa Solidariet intrapresa, fondata dal
cesenate Davide Benini, il 18 luglio celebra la festa del
Sacro Cuore. Alle 18 ritrovo presso la sede di via Ponte
della Vecchia 86 a Castiglione di Ravenna. Alle 18,30
Messa celebrata dal vescovo di Ravenna-Cervia
monsignor Lorenzo Ghizzoni, cui seguiranno la cena e
un concerto. La cooperativa accoglie e d lavoro a
decine di persone con disabilit diverse. Per
informazioni e prenotazioni 0543/722777.
Cesena
I suoni del tempo
Voci & Instrumenti il titolo della XXXI
edizione della rassegna musicale "I
suoni del tempo", a cura di Mauro
Casadei Turroni e Franco Pollini, che si
tiene allAbbazia del Monte in
collaborazione con il Comune, la
Comunit monastica e lassociazione
"Amici del Monte". Domenica 20 luglio
alle 21,30 Maria Luisa al clavicembalo
eseguir musiche di Sweelinck, Storace,
Couperin e Rameau. Venerd 25 alle
21,30 musica e poesia nelle rime di
Vittoria Colonna da parte dellensemble
"Il Turturino". Lingresso gratuito.
Note destate
Ancora quattro i concerti promossi dalla
Cassa di Risparmio di Cesena nella
piazzetta del suo centro direzionale in
piazza Leonardo Sciascia. Luned 21
luglio alle 21,30 si esibir il "Mac
saxophone quartet". Mercoled 23 sul
palco il "Caf concerto Strauss". Luned
28 loperetta "Una scugnizza al
Cavallino bianco" a cura della
compagnia "Magia doperetta". Luned
11 agosto Yuri Ciccarese al auto e
Andrea Faggetta alla sarmonica
suoneranno musiche di Bach, Mozart,
Morricone e Piazzolla. Lingresso
libero.
Lirica al chiostro
Gal della lirica gioved 17 luglio alle
21,30 con la partecipazione di tenore,
soprano, mezzosoprano e basso. Al
pianoforte Fabrizio Di Muro. I "Mini
della lirica Citt di Ravenna", gioved 24
luglio alle 21,15, proporranno "Il
Trovatore" di Giuseppe Verdi. Lingresso
gratuito.
Commedie dialettali
Al chiostro di San Francesco, domenica
20 luglio alle 21, la compagnia
longianese "Hermanos" presenter
"Quand e ns un vecc" di Giusi Canducci.
Domenica 27 luglio la compagnia
forlivese "Dla zercia" metter in scena
"Zibaldon rumagnol: cudal ad Rumagna
in poesia e fersa". Domenica 3 agosto la
compagnia "I mei dla parocia" proporr
"Di larmirta", tre atti di don Sergio
Cappelletti. Regia di Luciana Berretti.
Ingresso 5 euro.
Estate nei parchi
Il racconto animato "Lacqua di tutti"
di Roberto Fabbri & Friends gioved 17
luglio alle 21 al parco per Fabio. Gioved
24 alle 21 spettacolo dei bambini del
centro estivo "Dante Alighieri" "Re
ciclando e le 3R". Al parco Ippodromo
gioved 31 luglio alle 21 sempre Roberto
Fabbri & Friends nel racconto animato
"Re Aureo e il viandante saggio".
Cesenatico

Festa di San Giacomo


Si festegger venerd 25 luglio il patrono
della citt. Alle 21 nella chiesa parrocchiale
dedicata allapostolo sar celebrata la
Messa e a seguire la processione con la
statua del santo, benedizione della citt e
lancio di corona di ori. Domenica 20 luglio
alle 21,15 "Aspettando San Giacomo"
spettacolo e animazione del coro dei Bimbi
e laboratori creativi.
Cesenatico

Festival organistico
Lassociazione degli albergatori in collaborazione con
la parrocchia ha organizzato la XXVI edizione dei
concerti dorgano nella chiesa di San Giacomo. Due si
terranno in luglio e due in agosto (16 e 23). Sabato 19
luglio alle 21,30 brani di Haendel, Forestier, Bach,
Petrali e Zanichelli saranno eseguiti allorgano da
Marco Arlotti e alla tromba da Michele Santi. Sabato
26 canter il soprano Elisa Zamagni accompagnata
allorgano da Sylvia Angelini. Lingresso libero.
Cesenatico

Convegno sulla salute


"Cibo, corpo e mente" il titolo del
convegno che si terr gioved 31 luglio al
Palazzo del turismo di Cesenatico.
Linizio del convegno previsto per le
19,30. Al termine Degustazione men ad
alto tasso salutistico secondo le linee
guida Personal Care Project. In
collaborazione con Avis di Cesenatico e
Sole Giallo.
Longiano

Il poeta Douglas Dunn


Ultimo appuntamento della rassegna "Le
ali della libellula", organizzata dalla
Fondazione Tito Balestra, gioved 31
luglio alle 19 al Castello malatestiano.
Marco Fazzini condurr lincontro con il
poeta di lingua inglese Douglas Dunn che
converser con il pubblico e reciter
alcune delle sue poesie.
Cesenatico

Estate al museo della Marineria


Musica e canti di mare, luned 21 luglio alle
21,30 con "La Moresca antica" (Milano) e
"Stormalong John" (Liverpool). Venerd 1
agosto nellanniversario dellarrivo di
Garibaldi a Cesenatico lo spettacolo "La
trala garibaldina" di Vladimiro Strinati e
domenica 3 agosto Marco Afronte torner per
raccontare "Il mare che non ti aspetti"
(LAdriatico).
San Mauro Pascoli

Spettacolo su don Benzi


Lo spettacolo "Con le scarpe sempre ai
piedi" su don Oreste Benzi fa tappa a Villa
Torlonia il 25 luglio alle 21. I biglietti si
possono prenotare presso Peter Pan
0541/931405 e ufcio turistico di San
Mauro Mare numero verde 800589021.
Longiano

Incontro con lautore


Al Castello malatestiano, venerd 18
luglio alle 21 Elena Baredi e Paolo
Turroni presenteranno il libro di Guido
Pedrelli "La lunga notte di Rosetta" (Ed.
Il Ponte Vecchio, Cesena). Alcuni brani
saranno letti da Lelia Serra e Giuseppe
Viroli. Lappuntamento apre la serie di
iniziative organizzate per celebrare il
70esimo anniversario della Liberazione.
Sarsina

Plautus festival
Lassociazione Romagna ricerca tumori, venerd 18 luglio alle
21 allarena plautina, presenter "Borodin Moscow" col
soprano Rafaella Battistini e il violoncellista Alberto Casadei.
Ingresso 7 euro. Sabato 19 luglio alle 21 "Processo alla strega"
di Silvano Spada. Protagonista Ornella Muti. Domenica 27
luglio Giorgio Albertazzi ne "Il mercante di Venezia" di
Shakespeare. Per questo spettacolo come per "Casina" di
Plauto il 4 agosto e "Il vero amico" di Goldoni del 12 agosto i
non vedenti saranno dotati di cufe wireless.
Cesena

Trasmissione su Superquark
In giugno una troupe della
trasmissione scientica Superquark ha
registrato un servizio presso il Campus
di Scienze degli alimenti di Cesena sul
tema della nutrizione. Il servizio sar
trasmesso durante la puntata di
Superquark in onda su Raiuno il 31
luglio in prima serata
Mercato Saraceno

Palcoscenici destate
Allarena di Bora, a cura della Pro loco
Borello-Valle Savio, luned 21 luglio
alle 21,15, la compagnia Quinte
strappate presenter "Le ragioni dei
folli". Mercoled 30 luglio alle 21,15
Vladimiro Strinati porter in scena lo
spettacolo di burattini "Fagiolino e
Sganapino contro la zanzara tigre".
Lingresso gratuito.
Bagno di Romagna

Concerto in piazza
Nel cartellone estivo degli
appuntamenti musicali della Cassa di
Risparmio di Cesena inserito lo
spettacolo del "Caf concerto
Strauss" che si terr domenica 20
luglio alle 21,30 in piazza Ricasoli.
Lingresso libero.
Cesena

Rock alla Rocca


Proseguono le serate musicali alla
Rocca malatestiana. Gioved 17
luglio alle 21,30 la banda "Tra Liga
e Realt" render omaggio a
Ligabue. Gioved 24 il gruppo "The
Youngs" in "Tributo a Neil Young.
Ingresso 8 euro.
Gatteo

Teatro per la famiglia


Al Pala G di Gatteo a Mare,
mercoled 23 luglio alle 21,
la compagnia del Serraglio
porter in scena
"Machemare! Fiabe di acqua
salata". Si tratta di tre abe
con molti personaggi,
protagonista il mare.
Ingresso 4 euro.
Cesena

Cna Day
Festa della Cna venerd 25 luglio ai
giardini pubblici in corso Garibaldi.
Alle 19 apertura della mostra
fotograca "Il lavoro nel cuore". A
seguire slata di acconciature,
premiazioni di aziende artigianali e
spettacolo di Sergio Sgrilli &
"Imola big band".
Cesenatico
Concerti e operetta
In piazza Andrea Costa, gioved 17
luglio alle 21,30, sul palco
esibizione del Caff concerto
Strauss, a cura della Crc. Sulla
spiaggia di Ponente, domenica 20
luglio alle 6, suoner il Gloria
Turrini soul quartet e domenica 27
allalba sulla spiaggia delle
Tamerici si esibir il gruppo
Miscellanea beat. Per i Notturni
alle Conserve marted 29 luglio
alle 22 musiche di Rossini, Verdi,
Bizet e Mozart col Two-Foul
quartet. Al Comunale, venerd 18
luglio alle 21 Un palco
alloperetta con la compagnia
Magia dOperetta.
Montiano
Presentazione libro
Un libro per Angelo, edizioni Il
Ponte, il titolo del libro che sar
presentato luned 21 luglio alle
20,45 a Montiano, presso il centro
culturale San Francesco.
Intervengono Marina Seganti,
lautore Giorgio Bolognesi, il
sindaco di Montiano Fabio Molari.
Conduce Giuliano Gasperini.
Levento ha il patrocinio
dellAmministrazione comunale.
Notte del Cinema e Wine Festival
Cesena, terzo venerd sera
con eventi e negozi aperti
Venerd 18 luglio i negozi del centro storico di Cesena saranno aperti
no a mezzanotte per il terzo appuntamento con i "Venerd sera in
Centro" organizzati dal consorzio Cesena in Centro in collaborazione
con lassessorato allo sviluppo economico del Comune di Cesena, con il
contributo della Banca Popolare dellEmilia Romagna, la Camera di
Commercio di Forl-Cesena, Zona A, Comitato di valorizzazione del
centro storico, Radio Studio Delta e P.Auto.
I venerd sera di luglio sono unoccasione per vivere la citt e le sue
bellezze con visite guidate gratuite, saldi, spettacoli, ed animazioni per
tutta la famiglia con DJ set e concerti nei bar e negozi aderenti.
Si svolger dalle 21, in piazza Giovanni Paolo II, Vivi la Voce", una
serata di canto e intrattenimento con lesibizione di piccoli cantanti di
grande talento, dai 3 ai 16 anni.
Le piazze e gli angoli del centro storico della citt si trasformeranno in
sale cinematograche allaperto con "La Notte del Cinema", mentre in
Piazza del Popolo si terr lanteprima Wine Festival con degustazioni
delle eccellenze vinicole e gastronomiche locali (ingresso 12 euro).
La visita guidata gratuita alla riscoperta del centro storico avr come
titolo "La nostra storia attraverso le vie, la toponomastica del centro
storico" a cura di Artemisia.
Tutto il programma delle serate su: www.cittaconstile.it
Gioved 17 luglio 2014 21 Sport
SAN GIORGIO di Cesena: in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale in pronta
consegna con soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 3 bagni, tavernetta, can-
tina, ampia mansarda, ripostigli, garage e giardino. 325.000 / Rif. 0986
CASE FRINI (Cesena): zona verde e tranquilla in piccola palazzina di recente costru-
zione appartamento al primo piano disposto su tre livelli composto da ampio e lumi-
noso soggiorno/pranzo, cucinotto, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, mansarda,
garage con bagno/lavanderia. 260.000 / Rif. 1432
MADONNA DELLE ROSE (Cesena): in buona posizione casa indipendente da ristrut-
turare disposta su tre livelli con garage esterno su lotto di 428 mq. Limmobile offre al-
linterno 6 vani abitabili con servizi e un ampio piano interrato con cantine e ripostigli.
possibile in base alle norme di PRG del Comune di Cesena poter trasformare il fab-
bricato realizzando altri spazi e altri volumi. 650.000 / Rif. 1438
MACERONE (Cesena): in posizione tranquilla e vicina ai principali servizi in palazzina
di piccole dimensioni appartamento su due livelli al secondo e ultimo piano compo-
sto da soggiorno angolo cottura, 2 balconi, doppi servizi e camera da letto. Cantina,
garage e posto auto. 130.000 / Rif. 0094
TIPANO (Cesena): casa di civile abitazione da ristrutturare con ampio terreno agricolo
di 13.150 mq. Possibilit di costruire fabbricato ex novo fino ad un massimo di 270 mq
di S.U.L. 275.000 / Rif. 1437
PIAZZA DELLA LIBERT (Cesena): al terzo piano servito di ascensore ampio bi-
locale composto da soggiorno con angolo cottura, camera da letto matrimoniale,
bagno, ripostiglio/lavanderia, balcone e cantina. Ottime finiture. NESSUNA
SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO.
225.000 / Rif. 1448-1
CESENA ZONA CENTRALE (adiacenze viale Mazzoni): in elegante palazzina di re-
cente costruzione appartamento al primo piano composto da soggiorno con an-
golo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi e garage. Ottime finiture.
NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONE-
ROSO. 325.000 / Rif. 1449-2
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina di
nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto
da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, tavernetta,
cantina, garage doppio e corte esterna di propriet. Ottime finiture, aspirazione cen-
tralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e al-
larme. PRONTA CONSEGNA. 277.000 / Rif. 1334-5
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde ap-
partamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico composto da sog-
giorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 3 bagni, 3 logge, tavernetta, cantina,
garage, corte esclusiva e giardino di propriet. NESSUNA SPESA DI MEDIA-
ZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO. 355.000 / Rif. 0121
Sabato 19 luglio inizia
la nuova avventura in A
gi tempo di ritiro per il
Cesena neopromosso
nella massima serie.
Tanta lattesa e diffuso
lentusiasmo per la nuova
stagione dei bianconeri. Dopo la
cavalcata trionfale ai play off e i
bagni di gioia in citt per il risultato
raggiunto il momento di ripartire.
La prossima sfida si chiama
salvezza.
Vacanze agli sgoccioli dunque per i bianconeri: il
ritrovo per sabato mattina 19 luglio allo stadio
Manuzzi. Verr presentata la nuova rosa che partir
verso il ritiro estivo di Acquapartita (Bagno di
Romagna) subito dopo.
I primi test saranno quelli contro la Primavera di
mister Angelini (sabato 26 luglio alle 17,
Acquapartita), e contro i campioni dItalia della
Juventus (mercoled 30 luglio, alle 20,45 al Manuzzi)
in occasione del 2 Memorial "Edmeo Lugaresi".
Intanto la squadra inizia a prendere forma grazie
anche ai contatti e al mestiere di Rino Foschi (il
direttore sportivo bianconero proprio nel giorno del
suo 68compleanno, venerd 11 luglio, ha rinnovato
col Cesena anche per la stagione 2014-2015) . Le belle
notizie arrivano dalla riconferma di alcune pedine
importanti che hanno fatto la differenza nella passata
E
stagione. Su tutti spicca il nome di Emmanuel
Cascione. Il centrocampista, riscattato dal Parma, ha
firmato un contratto triennale che lo legher al
Cesena a titolo definitivo fino al 2017.
I buoni rapporti di Rino Foschi con lAtalanta hanno
portato in casa bianconera, oltre alle riconferme di
Guido Marilungo e Daniele Capelli, anche Riccardo
Cazzola, centrocampista classe 1985, e Luigi Giorgi, 27
anni, esterno di centrocampo. Entrambi approdano
in Romagna con la formula del prestito. Dalla sponda
bergamasca arriva anche, sempre a titolo
temporaneo, il 21enne rumeno Costantin Nica,
terzino destro ufficializzato venerd scorso.
Formalizzato la scorsa settimana, intanto, anche
larrivo di Nicola Leali. Contratto a titolo temporaneo
per il portiere della Juventus che ha disputato un
buon campionato lo scorso anno allo Spezia.
Si attendono nuove mosse di mercato che possano
rinforzare lorganico. La strada tracciata da Foschi
pare essere quella di pochi nomi altisonanti (non
arriver il difensore colombiano Yepes: su di lui erano
girate parecchie voci relative ad un suo passaggio in
Romagna). Pi concreta la strada di scelte oculate
sfruttando i movimenti di mercato e i buoni rapporti
con le grandi.
Tra i nomi che circolano intorno alla rosa quelli di
Alan Arario, mezzala argentina comprato dalla Roma.
Verr girato in un club minore per farlo maturare e
anche il Cesena in lista. Altri nomi che vengono
accostati al Cavalluccio sono Joseph Alfred Duncan,
centrocampista ghanese di propriet dellInter,
Hordur Magnusson, difensore islandese che la
Juventus ha in compartecipazione con lo Spezia,
Gabriele Perico, difensore 30enne proveniente dal
Cagliari e, sempre dallAtalanta, il difensore Lucchini.
Michela Mosconi
Cesena Calcio, in ritiro ad Acquapartita
Grazie al lavoro del direttore
sportivo Rino Foschi,
e del presidente Giorgio Lugaresi,
i bianconeri stanno allestendo
una rosa degna del campionato
di massima serie
Quadrangolare
Un torneo per ricordare
Corrado Benedetti
La famiglia Benedetti, Giovanna, Carlotta e
Michele, in collaborazione con la
Polisportiva San Vittore di Cesena, organizza
il 1 Memorial Corrado Benedetti,
quadrangolare di calcio a 5, tra quattro
formazioni che hanno rappresentato, per il
calciatore ed allenatore bianconero,
recentemente deceduto, tappe importanti
della propria carriera. Le quattro squadre
saranno formate da: formazione Berretti,
campione dItalia 1994/95; prima squadra
Ac Cesena, vincitrice del campionato di Serie
C 1997/98; squadra allievi regionali Ac
Cesena 2013/2014; Benedetti All Stars
Team. La manifestazione si terr venerd 8
agosto alle 20 presso il campo sportivo
parrocchiale di San Vittore di Cesena.
Lincasso della serata sar devoluto in
benecenza allHospice di Savignano sul
Rubicone. Per informazioni potrete chiamare
i numeri: Mauro Taioli: 348-3201622; Andrea
Pullini: 335-5922448.
La presentazione del rinnovato sito www.cesenacalcio.it
Da sinistra Leonardo Scirpoli, Gianluca Rossi (Webanics), Gabriele Valentini
(foto Cr)
Ciclismo
Juniores
Ad Ancona vince
Elia Battistini
Dopo un inizio di stagione con
tanto lavoro ma pochi frutti, la
romagnola Sidermec F.lli Vitali
giunge alla vittoria. "Linizio di
stagione stato avaro - si legge
in una nota della squadra
ciclistica di Gatteo - la
Sidermec-F.lli Vitali ha rotto il
ghiaccio aggiudicandosi in quel
di Pianello di Ostra, in provincia
di Ancona, il 22 Memorial
"Diego Schiaroli". Un primo
signicativo segnale di risveglio
dopo un lungo periodo di
negativit".
Ha vinto con sicurezza la volata
Elia Battistini, alla sua prima
vittoria da juniores. Ha
completato la festa il sesto
posto conquistato da Davide
Casadei.
Secondo posto nelle Marche
Per la Regina di Cuori
un secondo posto
Unaltra buona prestazione per il team Regina di
Cuori di Cesenatico. Alla seconda edizione del
chilometro lanciato della Citt di Iesi la potente
vettura romagnola si classicata seconda con un
tempo di 6,9 secondi su un ottavo di miglio.
"Nelle prove libere del sabato - spiega il
responsabile tecnico dellelettronica William
Spinelli - abbiamo avuto due rotture. La prima al
diferenziale anteriore, la seconda al ripartitore
centrale di trazione. Abbiamo lavorato intensamente
per riportare la Regina nelle prestazioni ottimali per
gareggiare la domenica per le qualiche e per la
gara".
Al momento il team terzo in classica della categoria
Superpro, con la speranza di guadagnare altri punti
nella gara "in casa" a Lugo il 27 e 28 settembre.
"Come team Regina di Cuori - aggiunge Spinelli -
ringraziamo la Sadurano Motor sport di Forl e Selena
Eventi di Jesi per la ottima organizzazione dellevento.
Questo sport molto bello e nello stesso credo che sia
educativo per i giovani perch indispensabile che le
gare siano svolte secondo i criteri ssati, seguendo in
tutto e per tutto il regolamento, in uno spirito di
divertimento e di competizione. E poi passa il
messaggio che le auto, belle e potenti, possono dare
sfogo alla velocit solo in pista e non sulle strade. La
strada fatta per rispettare i limiti e, quando
necessario, per andare anche pi piano dei limiti. Solo
in pista, e in condizioni di massima sicurezza, si
possono fare gare. Per risparmiare, mettiamo a punto
da soli le nostre auto: si tratta di bolidi da 450 cavalli.
Per fare ci occorre una grande professionalit e
anche un po di inventiva, specie per risolvere i
problemi improvvisi".
Cr
Gioved 17 luglio 2014 22 Sport Csi
Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano
Comitato di Cesena
Pattini sotto le stelle
Serata di sport e spettacolo
Il memorial Nazario Bettini si svolto nel cortile dellIstituto Lugaresi,
sede del Csi di Cesena. Vi hanno partecipato anche i campioni del mondo
2013 Sara Venerucci e Danilo Decembrini
i svolta venerd 13 giugno nel cortile dellIstituto Lugaresi, a Cesena,
una serata di festa e di spettacolo, con la manifestazione Pattini sotto
le stelle, che ha visto scendere in pista i giovani atleti della societ di
pattinaggio artistico a rotelle, affiliata al comitato cesenate del Csi..
Levento, denominato Memorial Nazario Bettini gi direttore generale
della Cassa di Risparmio di Cesena, giunto alla sua 11esima edizione, ha visto
la presenza, oltre ai familiari del compianto Bettini, del neo assessore allo
sport del Comune di Cesena, Christian Castorri, e del presidente provinciale
Fihp, Lino Truffi.
Il presidente del Csi Luciano Morosi, nel porgere il saluto ai convenuti, ha
sottolineato i buoni risultati che questa attivit sta registrando, nonostante le
difficolt in cui si trova a operare per la mancanza di strutture adeguate. Da
anni infatti i corsi si svolgono in palestre non idonee per carenza di misure e
S
fondo. Lassessore ha promesso di fare il
possibile per trovare una soluzione al
problema.
La serata stata allietata dai saggi di
gruppo dei ragazzi della scuola di
pattinaggio Csi Cesena cat. Avviamento
e cat. Agonistica. Latleta Arianna Suzzi,
selezionata per partecipare alla fase
regionale di categoria, si esibita con un
singolo. Hanno partecipato
inoltre i gruppi della scuola di
pattinaggio di Cervia e di
Cesenatico, nonch la coppia
di mini-campioni di Rimini
Siria Monti-Emiliano Gennari.
Il clou della serata stato
raggiunto con la splendida
esibizione della coppia
campioni del mondo 2013
Sara Venerucci e Danilo
Decembrini (nella foto), che
hanno letteralmente mandato
in visibilio i tanti ragazzi e
genitori che gremivano il
cortile.
Un ringraziamento
particolare va fatto al responsabile della
commissione pattinaggio Giuseppe
Degli Angeli e ai numerosi genitori che
collaborano attivamente con lui. Si
ringraziano anche gli sponsor della serata
Cassa di Risparmio di Cesena e
Panathlon Club Cesena, che hanno
contribuito al successo della
manifestazione.
imarr scolpita a caratteri cubitali nella storia dello
sport cittadino e del cicloturismo la data del 15 giu-
gno 2014 grazie alla prima edizione della Gran Fon-
do Citt di Cesena, appuntamento inserito tra gli eventi
celebrativi di Cesena citt europea dello Sport 2014 e na-
to dalla volont di due importanti e intraprendenti Socie-
t Sportive che, anche in memoria dei compianti Antonio
Medri e Antonio Corzani, hanno realizzato questa straor-
dinaria manifestazione. Unite dallamore per il ciclismo,
mosse da grandi capacit organizzative e passione enco-
miabile, lUsd San Marco Cesena e lArs et Robur Cesena
Cycling Team hanno dato vita a una due giorni esaltante,
con il quartier generale posto presso lippodromo del Sa-
vio, a Cesena. La festa ha avuto inizio nel pomeriggio di sa-
bato 14 giugno con la gimkana per bambini (gelato a tutti
i partecipanti offerto dalla Centrale del Latte di Cesena) ed
proseguita alle 17 con 60 minuti di musica elettrizzante
che ha stimolato i muscoli di chi si dedicato allo spin-
ning; laperitivo delle 18, aperto a tutta la cittadinanza,
stato il sigillo alle proposte della prima giornata. La piog-
gia, caduta prima copiosa e poi a sprazzi, accompagnata al-
le previsioni poco incoraggianti, ha pesantemente condi-
R
zionato lo svolgimento del programma domenicale. An-
nullato il tour della citt, a cura dellUfficio del Turismo co-
munale, circa 100 dei 542 iscritti hanno indossato i panni
degli sportivi indomiti e si sono lanciati lungo i cinque sug-
gestivi percorsi disegnati per soddisfare ogni palato: dai
quaranta chilometri del Giro del Buongustaio (Pro Loco di
Monteleone e Agriturismo LInfinito hanno occupato la ri-
balta) ai 155 km della Granfondo, 2.5000 mt. di dislivello
spettacolare. Atmosfera delle grandi occasioni allarrivo:
ricco pasta party, comprendente gelato e caff, colonna so-
nora, premi individuali a tutti i ciclisti e premiazioni alle
Societ alla presenza e per mani di Christian Castorri e Ni-
coletta Tozzi, rispettivamente neo assessore allo Sport del
Comune e coordinatrice di Cesena Citt Europea dello
Sport 2014.
Per dovere e piacere di cronaca, la Asd Grama di Pisignano-
Cannuzzo di Cervia si aggiudicata la preziosa targa in ar-
gento gentilmente offerta dallAmministrazione comuna-
le e riservata alla Societ vincitrice; al 2 posto si classifi-
cata la Asd Medinox di Savignano sul Rubicone, mentre sul
3 gradino del podio salita lAsd Cesena Bike. A entrambe
andato come premio una caveja in argento.
Oltre cinquecento i ciclisti che hanno partecipato alla gara di domenica 15 giugno con partenza e arrivo dallippodromo
Gran Fondo Citt di Cesena, buona la prima
DA SINISTRA:RENATO QUADRELLI, PRESIDENTE DELL'A.S.D. SAN MARCO. NI-
COLETTA TOZZI, RESPONSABILE DEL PROGETTO CESENA CITT PER LO
SPORT 2014,MAURIZIO MEDRI IN RAPPRESENTANZA DELLA FAMIGLIA
MEDRI,CHRISTIAN CASTORRI NEO ASSESSORE ALLO SPORT DEL COMUNE DI
CESENA, GIANFRANCA CORZANI, IN RAPPRESENTANZA DELLA FAMIGLIA
CORZANI E GASTONE ERCOLANI, PRESIDENTE DELL'A.S.D. ARS ET ROBUR.
UNMODOPARTICOLAREPERFAREATTIVITFISICA|Luciano Morosi, presidente Csi Cesena
enerd 4 luglio scorso
verso sera presso la zona
orticola comunale di via
Boscone in Cesena, vi stata
una bella conviviale riservata
agli ortolani pensionati
assegnatari dei 72
appezzamenti terrieri
comunali della zona.
Oltre alla cospicua
partecipazione di una
cinquantina di persone, vi
stata anche quella del
presidente del Consiglio di
Quartiere Cervese Sud, Alberto
Comandini il quale,
congratulandosi con gli
organizzatori per la bella
iniziativa intrapresa,
sottolineava limportanza di
questi momenti aggregativi e
di socializzazione pienamente
in sintonia con le finalit per
cui sono stati ideati e realizzati
gli orti comunali.
Durante la cena a base di
penne alla amatriciana,
porchetta, carne ai ferri, torte
varie e vino buono, vi stato
un momento molto toccante: il
V
Serata rosa per gli orticoltori di via Boscone
festeggiamento del
92esimo compleanno
di Aldo, lortolano pi
anziano del
complesso. A lui
stato donato un
quadro ritratto molto
bello e ben
raffigurante le linee
del suo volto austero
ma sereno.
Qualcuno potrebbe
domandarsi cosa ci
azzecca una notizia di
questo tipo pubblicata
sulla pagina riservata
al Centro Sportivo
Italiano di Cesena.
Secondo me ci azzecca
e come! Ritengo infatti
che lo sforzo fisico che
ciascun ortolano
compie durante
lanno sia pari se non superiore
a molte discipline sportive che
praticano i nostri militanti. Ve
lo dice uno che di sport ne ha
fatto tanto e che ora condivide
questa bella esperienza
dellortolano. Se poi pensiamo
che let media di questi
particolari atleti si aggira
attorno ai settanta/ottantanni,
beh allora comprendiamo
facilmente che non solo questa
una vera e propria attivit
sportiva importante e salutare,
ma che rientra a pieno titolo
nel progetto della nostra
associazione, orientato a
proporre a tutti i cittadini, dai
pi piccoli agli anziani, una
qual si voglia attivit sportiva.
Pertanto noi del Csi,
se pur non direttamente
coinvolti in questa bella
iniziativa che il Comune
di Cesena ha esteso a tutti i
suoi quartieri, condividiamo
la scelta fatta e auspichiamo
che altre di questo genere
se ne possano aggiungere in
futuro.
Gioved 17 luglio 2014 23 Pagina Aperta
POLONIAdal 16 al 22/8/2014 Per la canonizzazione di Karol Wojtyla - Visite ed escursioni a Vienna, Cracovia, Wa-
dowiche, Graz - In pullman da Cesena, pensione completa, guide - ULTIMI POSTI - 780
ARMENIA dal 12 al 19/9/2014, presieduto dal vescovo di Rimini monsignor FRANCESCO LAMBIASI - Pullman da Rimini e
volo da Milano, pensione completa 1.470
MOSCA E SAN PIETROBURGOdal 25/7 all1/8, con la diocesi di Fano-Fossombrone - pullman da Cesena - volo da
Verona - hotel 4 stelle - guide - pensione completa 1.650
LOURDES varie partenze in aereo da Bologna: dal 26 al 29/9: 630 - Partenza in pullman: dal 25 al 29/8: 490
LE SETTE DIOCESI DELLA ROMAGNA
CON I LORO VESCOVI A ROMA DA PAPA FRANCESCO:
Udienza organizzata da Opera Pellegrinaggi della Romagna:
mercoled 22 oobre. Concelebrazione della Messa in San Pietro. In pullman da Cesena: 39
La nostra Diocesi propone il pellegrinaggio al Santuario del Divino Amore marted 21 oobre,
e la partecipazione alludienza di mercoled 22 oobre (da 115).
Possibilit di prolungare con la visita a Roma dal 20 al 22 oobre (3gg.): da 180
Organizzazione tecnica Ariminum Viaggi
Carcere ed ergastolo: gli uomini ombra
per un giorno sono usciti dallombra
C
aro Francesco, mi ha fatto
particolarmente piacere vederti. E
abbracciarti.
Ti allego il documento che ho scritto sul
convegno del 6 giugno, dal titolo Gli uomini
ombra per un giorno sono usciti dallombra.
Grazie della voce e della luce che ci dai.
Carmelo Musumeci
carcere di Padova
Probabilmente la pena dellergastolo, a parte
la forza, ha dalla sua anche la giustizia. Ed io
non ho nessuna ragione, a parte la ragione che
non si pu essere condannati ad essere
maledetti, cattivi, e colpevoli per sempre, ma
non mi arrender mai lo stesso di lottare
contro lesistenza in Italia (Patria del Diritto
Romano e della Cristianit) della Pena di
Morte Viva.
Il 6 giugno 2014 al carcere di Padova, c stata
unimportante giornata di studi in carcere dal
titolo Senza lergastolo per una societ non
vendicativa. E per la prima volta alcuni
ergastolani sono usciti dallombra e hanno
avuto il coraggio di fare sentire la loro voce e di
fare vedere il loro cuore. Eccovi alcune loro
testimonianze:
-Mi metto a pensare alla mia pena respiro,
dormo, bevo, sogno, insomma vivo, ma
sarebbe meglio dire che muoio vivendo, dato
che, mentre gli altri detenuti vivono per la
libert, gli ergastolani vivono solo per morire.
-Certe sere, anche se l fuori sei amato, ti senti
solo e non hai altro che te stesso. La cella ti
sembra una gabbia. E ti senti lunico abitante
di questo carcere, di questo mondo e di questo
universo. C la speranza, ma ormai questa
diventata come un filo dacciaio dove tutti si
aggrappano ma poi una alla volta cadono tutti.
-Con la pena dellergastolo lo Stato si prende

Il direttore risponde
la vita di una persona come se questa fosse un
oggetto e la ruba per sempre come cadere
in un pozzo nero senza toccare il fondo.
- Lergastolano deve scegliere eternamente fra
la speranza di uscire e la saggia rinuncia alla
speranza di uscire. Se decidi di rinunciare a
tutte e due sei sistemato perch ormai la tua
vita non pi tua. E non c pi posto per te.
- La pena dellergastolo non offre nessuna
possibilit, la pena di morte almeno offre la
scelta di smettere di soffrire. Meglio morire
una volta sola che ora per ora, giorno per
giorno ed ogni ora ed ogni giorno un po di
pi, per sempre, fra dolore, solitudine e
disperazione.
- La vita dellergastolano una lunga marcia
attraverso la notte, e si avanza verso un vuoto
senza nessun sbocco. Non si vive, si mantiene
in vita solo un corpo che non ti appartiene pi
perch diventato propriet del Ministero di
Giustizia.
Gli uomini ombra ringraziano tutti quelli che
gli hanno dato voce e luce per labolizione
dellergastolo tramite questo convegno, i
relatori, gli organizzatori, i partecipanti, gli
uomini e le donne che lavorano nel carcere di
Padova, i detenuti non ergastolani, lUniversit
di Padova, la Redazione di Ristretti Orizzonti,
i volontari e tutti quelli che mi dimentico di
citare.
Grazie a te, carissimo Carmelo. Ho gi scritto
del nostro incontro e di quella
indimenticabile giornata nel carcere di
Padova. Lascio volentieri lo spazio a te e ai
tuoi amici ergastolani per i vostri pensieri e
riflessioni. Lo meritate tutto.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it
A proposito della presenza
dellUniversit a Cesena
Egregio direttore, ho letto con interesse lampio servizio che la scorsa settimana
il Corriere Cesenate ha dedicato ai 25 anni di presenza dellUniversit a Cesena.
Mi permetto farle notare che non si tratta della prima presenza delluniversit in
citt. Gi dal 1500 abbiamo notizie di corsi di laurea che hanno costituito, per
lunghi anni, unattivit preziosa per la citt e per tutta la Romagna. Una pre-
senza luminosa e di prestigio per Cesena. Cordialit.
Massimo Baronio Cesena
Egregio Baronio, la ringrazio per la sua precisazione a cui diamo spazio con
vivo piacere. Dal sito dellUniversit di Bologna - Alma Mater Studiorum a.d.
1088 si apprende che, cito, la nascita delluniversit a Cesena fu probabil-
mente collegata con la forma-
zione del Collegio Giuridico
cesenate concesso da Giulio II nel
1504. Poco oltre precisato che
nel 1561 Pio IV eresse il Collegio
dei Medici e dei Filosofi. Nel
1675 Clemente X, con un motu
proprio, conferm i privilegi del-
lUniversit cesenate e nel 1796 il
cesenate papa Pio VIB raschi
equipar, a tutti gli effetti, le lau-
ree assegnate dallo Studio cese-
nate a quelle conferite dalle
maggiori universit dello Stato
della Chiesa. Ma il 17 novembre
1800 vennero dichiarati deca-
duti i privilegi su cui si fondava il
diritto di addottorare: lo Studio
di Cesena poteva considerarsi de-
finitivamente soppresso, susci-
tando modeste resistenze e
isolate proteste.
Ecco ricostruita un po di storia
del rapporto fra la nostra citt e
luniversit. Il resto fatto re-
cente, di cui abbiamo parlato nel
Primo piano della scorsa setti-
mana. Grazie a lei, caro Baronio,
per la precisazione richiesta. Sa-
luti cordiali.
Fz
LOcchio indiscreto

Il letto del Pisciatello prima (a Macerone) e dopo la cura (a Ponte Pietra, foto in
basso)
Il presidente dellassociazione Benigno Zaccagnini, Ercole
Acerbi, ha preso carta e penna e ha scritto al sindaco di Cesena
Paolo Lucchi. Gli ha proposto, nellanno dedicato ai cento anni
dalla Grande Guerra, il gemellaggio con la citt di Gorizia vista la
vicinanza tra le due citt per i fatti della Prima guerra mondiale e
anche perch entrambe le citt sono state insignite con la Meda-
glia al Merito per il Valor Militare e la Resistenza.
Di seguito pubblichiamo le motivazioni indicate nella lettera, fra
le quali il sacrificio, nelle battaglie sullIsonzo, di personaggi quali
Renato Serra e Decio Raggi e la preziosa presenza in trincea del
Servo di Dio, il canonico don Carlo Baronio.
Fra le iniziative e le manifestazioni promosse da Enti e Istituzioni
per ricordare il centenario della Grande Guerra e della morte in
trincea di Renato Serra, lillustre concittadino autore di Esame di
coscienza di un letterato e di Diario di trincea, crediamo debba
collocarsi, per il suo particolare significato, il gemellaggio della no-
stra citt con la citt di Gorizia.
Gorizia la citt martire e irredenta, conquistata e persa dopo la
rotta di Caporetto (ottobre 1917) e infine riconquistata dopo le 12
famose battaglie dellIsonzo a prezzo di enormi sacrifici umani e
di tante vite cadute sul Podgora Monte Calvario. Fra queste, quella
di Renato Serra e quella di Decio Raggi: il primo morto il 20 luglio
1915, il secondo, gravemente ferito in trincea qualche giorno
prima, mor il 24 luglio 1915. Vicino a loro, quale cappellano mili-
tare in quell11 Fanteria che verr chiamato I gialli del monte
Calvario si trovava un altro cesenate, Don Carlo Baronio, lapo-
stolo della carit di cui avviata la causa di beatificazione.
Unaltra circostanza di non minore conto, accomuna le due citt.
Entrambe sono insignite della Medaglia al Merito per il Valor Mili-
tare e la Resistenza. Gorizia con la medaglia doro per i gravi lutti
subiti nella sua storia complessa, tra questi la deportazione e leli-
minazione nei campi di sterminio dellintera comunit ebraica
della citt e poi la sparizione, da parte delle truppe jugoslave di
Tito, di centinaia di cittadini inermi che furono barbaramente
trucidati e gettati, molti ancora vivi, nelle foibe, profonde cavit di
formazione carsica; Cesena con la medaglia dargento perch,
come dice la motivazione (17.4.1975) fu centro di una decisa rea-
zione di lotta contro loppressione nazista e fascista, esprimendo e
sostenendo coraggiosamente le forze partigiane, la cui organizza-
zione ebbe inizio con la costituzione della prima base di volontari
a Pieve di Rivoschio.
Gemellaggio con Gorizia. La Zaccagnini propone