Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa Giovedì

Sped. abb. postale 29 novembre 2018


DL 353/2003 anno LI (51° nuova serie)
(conv. in L. numero 42
27/02/2004 n. 46) euro 1,30
art. 1, comma 1
cn/fc/giornale locale
Redazione:
via don Minzoni, 47
47521 Cesena
tel. 0547 1938590
fax 0547 328812 42
Diocesi 5 Cesena 6 Cesena 8 Inserto I-IV
Cresime e padrini L’ultimo saluto Piazza del Popolo PropostAc
Il messaggio al professor Arriva 4 pagine a cura
del vescovo Giovanni Maroni il quarto lato dell’Azione Cattolica
associazione si prepara
I catechisti garanti della
fede. Da domenica 2 di- L a città gli ha dato l’addio
sabato scorso nella chie- È stato presentato il pro-
getto che abbellirà la L’ alla Giornata dell’ade-
sione (8 dicembre). Con
cembre entrerà in vigore sa di San Pietro. È stato edu- piazza del centro storico.
la nuova disposizione. È catore, uomo politico e te- L’intervento costerà 250 mila testimonianze, foto, ricor-
sperimentale per tre anni stimone del Vangelo euro di, appuntamenti

Editoriale
Un valore costituzionale Open day. Momenti delicati in tante famiglie in vista delle iscrizioni a scuola
di Francesco Zanotti
e i direttori delle testate Fisc

L
o abbiamo già detto e scritto. Qualcosa
sta cambiando nel Paese se il Presidente
della Repubblica, Sergio Mattarella,
nell’ultimo mese ha sentito la necessità di
ribadire più volte che l’informazione è un
bene pubblico di rilevanza costituzionale. In
un tempo in cui pare che tutto debba essere
ricondotto alla legge di mercato, il valore del
Tempo di scelte
importanti
pluralismo nell’informazione torna a essere al
centro del dibattito. Qui ci interessa in
particolare quello che dà voce ai territori, alle
comunità, alle periferie, alle realtà decentrate.
Sono i giornali di carta e sul web che
raccontano una comunità, un’area ben
definita del nostro Paese. Molte delle notizie
che diffondono non arrivano mai alla ribalta
nazionale. Sono i giornali diocesani che, come
ha sottolineato papa Francesco, sono “voce,
libera e responsabile, fondamentale per la
crescita di qualunque società che voglia dirsi
democratica, perché sia assicurato il continuo
scambio delle idee e un proficuo dibattito
basato su dati reali e correttamente riportati”.
Hanno una tiratura legata al territorio e
svolgono una funzione indispensabile e
preziosa nella crescita democratica della
Nazione e consentono di essere consapevoli
del tempo che si sta vivendo. Da quest’anno,
dopo un lungo e articolato lavoro a livello
parlamentare e dei protagonisti
dell’informazione tra cui anche la Fisc, è in
vigore la riforma del comparto editoria, che
con regole chiare, trasparenti ed eque,
sostiene l’informazione (carta e web) legata al
no-profit e alle cooperative di giornalisti.
La notizia di questi giorni è che in Parlamento
sarà discusso un emendamento alla legge di
Bilancio, su proposta di una porzione della
maggioranza al Governo, che rimette in
discussione tutto questo, liquidando un tema
vitale per il Paese. Tutto si può ridiscutere e
migliorare, ma, per un comparto così
significativo, delicato e complesso come la CESENA, STUDENTI VERSO LE SCUOLE
libertà di stampa e il pluralismo informativo, NELLA ZONA DELLA STAZIONE FERROVIARIA
occorre un ascolto più ampio con coloro che (FOTO ARCHIVIO MAURO ARMUZZI)
sono coinvolti. Evitando dogmatismi
pregiudiziali, e guardando alla realtà delle
cose e al contesto democratico. Le iscrizioni si apriranno il 7 gennaio e si chiuderanno il 31 dello
Un cambio repentino della legge metterebbe a stesso mese. In cronaca pubblichiamo l’elenco completo degli open Cesenatico 9 Montiano 15
rischio anche i posti di lavoro di migliaia di
day di tutte le scuole Superiori del territorio. È all’uscita dalle Medie Le luci del presepe In Comune
giornalisti che sono radicati sul territorio. E
non è immaginabile un Paese impoverito di che si vivono le attese maggiori, con i ragazzi che desiderano essere illuminano una biblioteca
queste voci. Sarebbe privato di apporti
protagonisti del loro futuro. il Porto canale per i ragazzi
fondamentali al dibattito sociale e civile.
Verrebbe meno un’informazione credibile Da anni tutte le scuole, di ogni ordine e grado, hanno avviato gli open
sempre sul campo al di là delle tante, troppe,
fake news che proliferano. day, per farsi conoscere da studenti e genitori. Si tratta di momenti Valle Savio 17 Comprensorio 20
Confidiamo che non si proceda al da sfruttare per tentare di comprendere quale percorso di studi in- Lago di Quarto “Mina in black”
cambiamento attraverso la legge di Bilancio,
ma che si apra un confronto costruttivo e traprendere. Un’occasione preziosa per dialogare tra generazioni. Fondi regionali Un concerto
aperto per continuare a sostenere il Primo piano a pag. 7 per riqualificarlo per la ricerca
pluralismo.
Opinioni Giovedì 29 novembre 2018 3

Informazione Libertà di stampa e democrazia


Pubblichiamo ampi stralci di un pezzo tratto dal blog orizzontipolitici.it. L’ha un posto dagli Stati Uniti. Non finisce
scritto la studentessa Rebecca Cambrini, già nostra stagista durante l’estate qui. Interferenze e attacchi provenienti
scorsa, che frequenta il corso di laurea Big (Bachelor in international politics dal mondo politico, conflitti di
and government) all’università “Bocconi” di Milano. Il testo integrale è interesse, nonché intimidazioni ai
pubblicato sul nostro sito www.corrierecesenate.it, nella sezione “Dall’Italia”. giornalisti da parte della criminalità
organizzata sono solo alcuni dei motivi

M
acchina del fango, fabbrica del falso, complottista: gli epiteti che le per cui Freedom House classifica l’Italia
vengono affibbiati non le fanno sconti. Stiamo parlando tra gli Stati con libertà di stampa
dell’informazione, di questi tempi scomodata persino dalla democrazia, parziale. Perché allarmarsi?
la paladina di tutte le libertà e di tutti i diritti. Se è vero che il lavoro dei Incastonata nell’articolo 21 della
giornalisti è continuamente messo alla prova dai regimi dittatoriali, come Costituzione italiana, la libertà di
l’uccisione del cronista saudita Jamal Khashoggi ha recentemente evidenziato, stampa è una gemma alla quale la
d’altro canto non serve allontanarsi troppo per rendersi conto che la libertà di democrazia non può rinunciare. Aveva
stampa non è poi così scontata neppure dove vige lo stato di diritto. ben chiaro in mente il ruolo
Numeri alla mano, il nostro Paese non fa una bella figura: siamo solo 46esimi nel dell’informazione Thomas Jefferson,
2018 World press freedom index redatto da Reporters senza frontiere, preceduti di che disse: “Se dovessi scegliere fra un
governo senza la libera stampa e la
Minando l’attendibilità dei mezzi di stampa, libera stampa senza un governo,
sceglierei la stampa”.
ALCUNE TESTATE ADERENTI ALLA FISC (FEDERAZIONE
ITALIANA SETTIMANALI CATTOLICI) - FOTO ARCHIVIO SIR il pubblico è portato a svalutarne i contenuti Contemporaneamente, ne riconosceva
il valore anche lo statista britannico
anche quando questi sono garanti del vero Edmund Burke, il quale si sarebbe
rivolto ai giornalisti parlamentari
esclamando: “Voi siete il quarto
potere!”.
Ma da ogni potere derivano grandi
Nota politica La fotografia responsabilità. Il dovere della stampa è
quello di osservare, fare domande,
verificare e informare nella maniera più
Governo e Comuni completa e fattuale possibile. L’intento è
nobile: garantire certezza e trasparenza,

I
rapporti tra l’attuale governo e i comuni italiani per dare ai cittadini uno strumento
sono stati sin dall’inizio molto problematici. Certo, attraverso il quale comprendere dove
il fatto che la legge di bilancio abbia revocato il risiede la verità e pretendere così onestà
blocco degli aumenti delle addizionali Irpef e dell’Imu e responsabilità da chi è al potere. È
sulle seconde case, è stato accolto da migliaia di evidente che libertà non sia sinonimo di
sindaci con largo favore: sono oltre 6.500 i comuni al sregolatezza e che anche il mondo
di sotto del tetto massimo di queste imposte e con il dell’informazione debba seguire regole
nuovo anno potrebbero far scattare i ritocchi all’insù. ben precise per evitare di imbrogliare i
La richiesta, del resto, era partita proprio dai comuni, lettori. Del resto, la sopravvivenza della
molti dei quali sono alle prese con gravi problemi di stampa è vincolata alla fiducia che il
cassa. E al governo centrale non è parso vero di poter pubblico ripone in essa. Una fiducia che
scaricare sui sindaci la responsabilità di nuove tasse. orbita attorno alla qualità delle notizie e
Tanto a pagare saranno i cittadini. all’affidabilità dei contenuti.
Però i rapporti restano problematici. In uno dei primi Purtroppo, la stessa credibilità che lega
atti del nuovo esecutivo, il cosiddetto decreto l’informazione agli individui viene
milleproroghe, erano stati cancellati i finanziamenti sempre più logorata dalle invasioni di
destinati al piano per le periferie varato dai precedenti campo dei politici. Il rischio che ne
esecutivi. Un’iniziativa di grande rilievo sociale che “NATURA SPETTACOLO” A OGNI STAGIONE. PROTAGONISTI DELLA FOTOGRAFIA, deriva è serio: minando l’attendibilità
aveva consentito di attivare interventi significativi in SCATTATA LUNEDÌ 26 NOVEMBRE, SONO I COLORI DELL’AUTUNNO. dei mezzi stampa, il pubblico è portato
tanti comuni di ogni colore, in molti casi già in fase di UN RAGGIO DI SOLE ILLUMINA I PERI NELLE CAMPAGNE CESENATI a svalutarne i contenuti anche quando
avanzata progettazione (con relativi impegni di spesa) questi onorano effettivamente il loro
e in alcuni addirittura già operativi. L’Anci, tempi brevi grazie alle ingenti risorse stanziate (ma certe lacune mandato di garanti del vero. Gli esempi
l’Associazione dei comuni italiani, si è mobilitata con strutturali non si colmano con i soldi), verrà comunque vanificata non mancano. (…)
ogni mezzo, arrivando perfino a interrompere i tutta l’esperienza compiuta dai servizi sociali comunali per E allora il monito va a tutti: alla classe
rapporti istituzionali con il governo all’interno degli l’attuazione del Reddito d’inclusione, che scomparirà, assorbito dirigente, ai cittadini e all’informazione.
organismi rappresentativi. Alla fine l’esecutivo ha fatto dalla nuova misura. Ai primi l’invito è quello di riconoscere
marcia indietro. Sui rapporti difficili tra governo e comuni pesa indubbiamente un il ruolo della stampa come pilastro della
Un altro fronte su cui, invece, non ci sono margini di fattore tutto politico: la maggioranza che a livello nazionale democrazia, nonché come una delle
ripensamento è quello dello Sprar (Sistema di esprime l’esecutivo, a livello locale non esiste. Nelle regole del gioco. Per il pubblico
protezione per richiedenti asilo e rifugiati), amministrazioni comunali il M5S ha ancora una presenza ridotta, l’avvertimento è che l’educazione, o
sostanzialmente smantellato dal decreto sicurezza. la Lega governa da sola o con il centro-destra, in molte situazioni meglio il dovere di informarsi, sta alla
Eppure questo sistema, gestito a livello comunale, ha le giunte sono di centro-sinistra. Ma alla radice forse c’è qualcosa base di qualsiasi libertà i cittadini
rappresentato per riconoscimento pressoché unanime di più. Qualcosa che ha a che fare con il ritorno di forme di pretendano di avere in democrazia.
il modello di accoglienza integrata di gran lunga più statalismo e dirigismo, con l’insofferenza verso le realtà Infine, l’esortazione al giornalismo è
riuscito. Sempre a livello di welfare locale, un altro intermedie tra lo Stato e il singolo, sia quelle della società civile, quella di alzare la posta in gioco e non
colpo di dimensioni ancora più estese è in arrivo con il sia quelle delle istituzioni, come i comuni. Che restano, lo ha barattare il proprio valore e scopo,
Reddito di cittadinanza. Il relativo decreto non è stato ricordato di recente anche il cardinale Bassetti, presidente della perché senza una stampa vigile chi può
ancora presentato, ma su un punto non sembrano Cei, “il cuore pulsante dell’Italia” e “il tipo di governo più vicino portare a galla la verità?
esserci dubbi: saranno i Centri per l’impiego a gestire alla gente”. Rebecca Cambrini
l’operazione. Ammesso che siano in grado di farlo in Stefano De Martis
4 Giovedì 29 novembre 2018 Vita della Diocesi

✎ NOTIZIARIO DIOCESANO IL GIORNO


Veglia di Avvento, per adolescenti e giovani
Presieduta dal vescovo Douglas, sabato 1 dicembre a Villachiaviche DEL
Sabato 1 dicembre alle 21, nella chiesa parrocchiale di Villachia-
viche, il vescovo Douglas presiederà la Veglia diocesana di Av- SIGNORE
vento. All’appuntamento di preghiera sono particolarmente
invitati gli adolescenti e i giovani. Dopo la preghiera comunita- Risollevatevi e alzate il capo, la vostra liberazione è vicina
ria, ci sarà la possibilità di accedere al sacramento della confes-
sione. Domenica 2 dicembre
La Parola
Prima domenica di Avvento - anno C
guardate in faccia la realtà, imponetele di ogni giorno
la sfida di un animo sicuro, aggrappato
Sussidio biblico per l’Avvento Ger 33,14-16; Sal 24; 1Ts 3,12-4,2; alla Roccia che è Cristo. Non perché il lunedì
Lc 21,25-28.34-36 rifugio atomico regge (o si crede che 3 dicembre
In distribuzione presso l’Ufficio catechistico, in Curia regga) e la scorta di viveri è tanto certa san Francesco Saverio

L
Presso l’Ufficio catechistico diocesano(secondo piano della a prima obiezione dinanzi al testo da consentire la sopravvivenza per Is 2,1-5; Salmo 121;
Curia, via don Minzoni 47, a Cesena) è possibile ritirare il sussi- proposto in questa domenica di qualche anno, ma perché è annunciato Mt 8,5-11
dio biblico per l’Avvento. Il libretto contiene le schede bibliche Avvento, presenta, secondo lo stile l’arrivo del Liberatore. Non dagli eventi
relative ai Vangeli delle quattro domeniche di Avvento e una tipico del narratore evangelista, uno stessi, ma dall’esito degli eventi sulla martedì 4
scheda di catechesi con un’opera d’arte. All’interno del sussidio scenario terrificante per la distruzione che persona e sulla sua concezione di vita. san Giovanni
sono pubblicati suggerimenti e strumenti per celebrare in par- comporta. In realtà questi segni li possiamo Alcune dinamiche che si innestano nel Damasceno
rocchia la Giornata della Parola (domenica 2 dicembre). constatare? Non parzialmente, vale a dire quotidiano possono sconvolgere lo Is 11,1-10; Salmo 71;
qua o là ma radicalmente in alcune zone sguardo del cuore, cioè del centro Lc 10,21-24
del nostro pianeta bisogna affermare che decisionale della persona, non in
Ritiro spirituale per sacerdoti, diaconi, religiosi stanno avvenendo. Mutamenti atmosferici, quell’aspetto emotivo che si lascia mercoledì 5
Con il vescovo di Forlì Livio Corazza, il 6 dicembre in Seminario catastrofi, sono un preludio, un sbilanciare, ma in quel fondo in cui ogni san Giulio
avvertimento. opzione è motivata seriamente nella sua Is 25,6-10; Salmo 22;
Con la celebrazione dell’Ora Media alle 9,15, si terrà giovedì 6 di- Tuttavia, l’accento primo cade sulla libertà validità. Mt 15,29-37
cembre negli spazi del Seminario diocesano il ritiro spirituale per della persona che può scegliere di vivere in Il cuore può appesantirsi, cioè risultare
il presbiterio, aperto a sacerdoti, diaconi e religiosi della Chiesa ascolto della Parola oppure in ascolto dello ottenebrato quando venga dissipato, giovedì 6
di Cesena-Sarsina. spirito del tempo, di quelle vane corra dietro cioè a ogni novità che san Nicola di Bari
Il vescovo di Forlì-Bertinoro Livio Corazza proporrà una medita- elucubrazioni che sottraggono lucidità alla promette una vita, comoda, priva di Is 26,1-6; Salmo 117;
zione sugli aspetti della spiritualità del presbitero, prendendo mente e impediscono di avvertirsi liberi nel fatiche e quindi di responsabilità. Tipica Mt 7,21.24-27
spunto dall’Esortazione di papa Francesco “Gaudete et exsultate” profondo. di chi sia centrato su se stesso e su se
sulla chiamatà alla santità nel mondo contemporaneo. Nel brano è porta non la soluzione magica, stesso si rigiri crogiolandosi e venerdì 7
ma la certezza di saper dare il valore a disperdendosi in ubriachezza, cioè sant’Ambrogio
L’omaggio della Diocesi a Maria Immacolata quanto avviene: “Quando cominceranno
ad accadere queste cose, risollevatevi e
l’eccesso che squilibra e falsa i parametri
di giudizio; affanni, in quanto logora,
Is 29,17-24; Salmo 26;
Mt 9,27-31
Sabato 8 dicembre alle 16, in piazza del Popolo a Cesena alzate il capo, perché la vostra liberazione è ma che, veramente, è fallace, illusorio;
In occasione della festa mariana, sabato 8 dicembre alle 16 si vicina”. Chi se ne astenga, può proporsi una sabato 8
rinnoverà l’atto di venerazione e di affidamento alla Vergine Subito all’inizio quando un cataclisma si postura di vigilanza che non si lascia Immacolata
Maria, Madre di Gesù e della Chiesa. annuncia non bisogna scomparire, cedere, sorprendere, ma attende Colui che B.V. Maria
In piazza del Popolo, a Cesena, il vescovo Douglas guiderà un nascondersi e, infine, soccombere. viene, il Liberatore. Gen 3,9-15.20;
momento di preghiera mariana. Sarà poi collocata una corona “Risollevatevi”: quindi si era a terra, Tutto si potrà sfuggire se il cuore sarà in Salmo 97; Ef 1,3-6.11-
di fiori alla statua di Maria Immacolata posta sulla facciata del fisicamente o con il morale, cioè atterriti, Lui e con Lui: leggero, non pesante. 12; Lc 1,26-38
palazzo comunale. spaventati, demotivati. “Alzate il capo”: Cristiana Dobner

✎ A MESSA DOVE (La cura nell’aggiornamento degli orari è sempre massima. Ci scusiamo per eventuali disguidi)

Messe feriali Santo Stefano, San Paolo,


San Mauro in Valle,
San Mamante
10.30 Santuario del Suffragio,
Cesenatico
Sabato:16 Villamarina
Mercato Saraceno
ore 18 a San Damiano di
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
a Cesena Diegaro, Torre del Moro,
Borello, San Giorgio
Casalbono 16,30 San Giuseppe Mercato Saraceno Sarsina
6.30 San Domenico (giovedì) 11.00 Santuario Addolorata, 17,30 Conv. Cappuccini, (al sabato); Concattedrale: ore 18
18.30 Convento Cappuccini,
6.50 San Carlo San Pietro, Sant’Egidio, Basilica del Monte, Boschetto, Santa Maria Nuova, 10; (sabato); 7 / 9 / 11 / 18;
7.00 Convento Cappuccine, Santa Maria della Sper., San Domenico, Santa Maria Goretti Pieve di San Damiano Casa di rip.: 16 (sabato);
Cappella dell’ospedale Ponte Pietra, Bulgarnò San Paolo, Sant’Egidio, 18 San Giacomo 11,30; Linaro: 11,15; Tavolicci: 10,30 (liturgia
(da lunedì a venerdì) San Bartolo, 18,30 Valverde prima domenica mese: della Parola con Eucar.);
Tipano
7.30 Basilica del Monte, 20.00 San Pio X, Pioppa, Santo Stefano, 20 Sala 8,30 a Montejottone e Cella; Ranchio: 20 (sabato), 11;
San Mauro in Valle, San Giovanni Bono, Villachiaviche, San Giorgio, Festivi:8 Bagnarola, San Giacomo, seconda, terza e quarta Sorbano: 9.30;
Martorano Ruffio, Pievesestina, Calabrina, Calisese, Santa Maria Goretti domenica: 8,30 a Taibo; Turrito: 17 (sabato), 10;
7.35 Chiesa Benedettine Calisese, Gattolino Gattolino, Ponte Pietra, 8,30 Sala, Boschetto terza domenica: 8,30 a San Martino in Appozzo: 9
8.00 Cattedrale, 20.30 Ronta Madonna del Fuoco, 9 Cappuccini Ciola;Valleripa: 9; (liturgia Parola con Eucaristia);
San Paolo, Addolorata,
Villachiaviche Messe festive San Mauro in Valle,
Pievesestina, Bulgaria,
9,15 San Pietro
9,30 Valverde
Rontagnano: 9;
Montecastello: 11,15
Quarto: 10,30;
Pieve di Rivoschio: 15,30;
8.30 Osservanza, 7.00 Cattedrale, San Carlo Pioppa, San Carlo, 9,45 Cannucceto Montepetra: 8.30 Romagnano: 11,15;
Madonna delle Rose, 7.30 Santuario dell’Addolorata, San Vittore, Tipano, 10 Villamarina, Villalta Piavola: prefestiva sabato Pagno: 16 (seconda dom).
San Rocco, Sant’Egidio, Martorano, Calabrina, Macerone, Capannaguzzo 10,30 Cappuccini, ore 18 (San Giuseppe), Verghereto
Santo Stefano, Case Finali, Villachiaviche 11.10 Torre del Moro San Giuseppe 9,30 chiesa parrocchiale; ore 15 (sabato), 9;
Ponte Pietra 8.00 Basilica del Monte, 11.15 Madonna delle Rose, 11 San Giacomo, Sala, San Romano: 11 Balze (chiesa parr): 11,15;
9.00 Suffragio, Addolorata San Pietro, San Pio X, Martorano, Diegaro Boschetto Serra: 15 Montecoronaro: 10;
10.00 Cattedrale Santa Maria della Sper. 11.30 Cattedrale, San Pietro, 11,15 Santa Maria Goretti, Montiano Montecoronaro orat. Ville
15.00 Cappella del cimitero San Mauro in Valle, Osservanza, San Rocco, Bagnarola ore 20 (sabato); 9. (al sabato): 16;
18.00 Cattedrale, Calisese, Torre del Moro, Case Finali, San Pio X, 17,30 Cappuccini Montenovo: ore 18 Alfero: 17 (sab.); 11,15;
San Domenico, San Paolo, Madonna del Fuoco, 15.00 Cappella cimitero urbano 18 San Giacomo (sabato), 10,30 Pereto: 10; Riofreddo: 10;
San Rocco Macerone 17.00 Cappella ospedale Bufalini 18,30 Zadina (hotel Zadina) Roncofreddo Sorrivoli: 11,15; Corneto: 11
18.30 San Pietro, San Bartolo, 8.30 Cattedrale, Cappuccine, 18.00 Cattedrale, San Domenico Civitella di Romagna
Sant’Egidio, Cappuccini, San Rocco, Case Finali, 18.30 Convento Cappuccini, Giaggiolo: 10,15
Ponte Pietra, Tipano, Tipano, San Cristoforo, San Pietro, Sant’Egidio, Civorio: 9
Santa Maria della Sper. Gattolino, Roversano Ponte Pietra Gambettola
20.00 San Pio X, San Vittore, 8.45 San Martino in Fiume 19.00 San Bartolo, chiesa Sant’Egidio abate: SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA FONDATO NEL 1911
Gattolino, 9.00 San Giuseppe (Cesena Villachiaviche 8,30 / 10 / 11,15 / 17. “Un po’ di lievito fa fermentare tutta la pasta” (Gal 5,9)
Pievesestina, Martorano (ven.) corso Comandini), Consolata: 19 (sabato);
Torre del Moro chiesa Benedettine, 7,30 / 9,30 Direttore responsabile Redazione, Segreteria e Amministrazione
Francesco Zanotti via don Minzoni, 47
20.15 San Carlo San Bartolo, San Domenico, Gatteo ore 18 (sabato); 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 1938590,
Editore e Proprietà
20.30 Villachiaviche,
San Mauro in Valle (merc. e ven.)
Santo Stefano, San Paolo,
Sant’Egidio, Ponte Pietra, Comuni del 9 / 11
Sant’Angelo: 18,30 (sab.);
Associazione diocesana fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Diegaro, Pievesestina, comprensorio 10; Casa di riposo: 9.
Corriere Cesenate
via don Minzoni, 47 Conto corrente postale n. 14191472
Sabato e vigilie Capannaguzzo, Bagnile, Istituto don Ghinelli: 18,30 47521 Cesena (Fc) E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
7.30 San Mauro in Valle Santa Maria Nuova, Bagno di Romagna (sabato), 7,30 e 10 Presidente: Marco Muratori annuo ordinario euro 48;
8.00 San Paolo San Vittore, San Carlo, ore 18,30 (sabato); Gatteo Mare: Consiglieri: sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro;
8.30 Madonna delle Rose, Ruffio, Bulgaria, Borello 11,15 / 18,30 Festivi 8 / 11,15 Walter Amaducci (vice presidente) estero (via aerea) 100 euro.
San Bartolo, 9.30 Cappella del cimitero, San Piero in Bagno: Longiano Ernesto Giorgi (segretario)
Pier Giulio Diaco Settimanale d’informazione
Cappella cimitero urbano Santuario dell’Addolorata, chiesa parrocchiale Sabato:18 Longiano-Santuario; Andrea Budelacci Autorizz. Trib. Forlì n. 409, 20/2/68 -
15.00 Cappella cimitero Cesena, Madonna delle Rose, ore 17 (sabato); 18,30 Crocetta; Iscrizione al Registro nazionale
Formignano della stampa n. 4.234
Villachiaviche, 8 / 11 / 17. 20 Budrio Testata che percepisce
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno) i contributi pubblici all’editoria Stampa
17.00 Capp. ospedale “Bufalini”, Montereale, San Tomaso Chiesa San Francesco: Festivi: 7,30 Longiano-Santuario, Rotopress www.rotoin.it
Case Finali, 9.45 Bulgarnò 10 / 15,30 ore 9 Budrio; Il Corriere Cesenate, tramite la Fisc via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
10.00 Cattedrale, Case Finali, Ospedale “Angioloni”: ore 8,30 Crocetta; (Federazione Italiana Settimanali Cattolici)
Luzzena (1° sabato mese), ha aderito allo IAP (Istituto Associato
Bora (2° sabato mese) San Pietro, San Rocco, ore 16 (sabato) 9,30 Longiano-Santuario; dell’Autodisciplina Pubblicitaria) all’Unione
Stampa
17.30 Santuario del Suffragio Torre del Moro, Selvapiana: 11,15 10 Longiano parrocchia, accettando il Codice di Autodisciplina Periodica Italiana
Santuario dell’Addolorata, della Comunicazione Commerciale.
San Giorgio, (20 sabato); Badia, Montilgallo; Membro
San Vittore San Giovanni Bono, Acquapartita: 9 11 Budrio; Giornale locale ROC (Registro della Federazione Italiana
18.00 Cattedrale, San Domenico, degli operatori di comunicazione) Settimanali Cattolici
Santa Maria della Sper., Valgianna: 10 11,15 Balignano,
Osservanza, San Rocco, Carpineta, Cappuccini, Bertinoro San Lorenzo in Scanno, Tiratura del numero 41 del 22 novembre 2018: 8.043 copie
Madonna delle Rose, San Pio X, Ronta, Santa Maria Nuova: Crocetta;
Questo numero del giornale è stato chiuso in redazione
Villachiaviche, alle 18 di martedì 27 novembre 2018
Sant’Andrea in B., 9 / 10,30 (19 sabato) 18 Longiano-Santuario
Vita della Diocesi Giovedì 29 novembre 2018 5

Il messaggio del vescovo Douglas Diaconato ◗


Michele Galassi
in cammino verso il sacerdozio
I catechisti veri padrini Domenica 25 novembre in
Cattedrale a Cesena, il
vescovo Douglas ha

garanti della fede ordinato diacono Michele


Galassi, seminarista
originario di Gambettola
e in servizio pastorale a

dei ragazzi della cresima San Carlo di Cesena.

“Da domenica 2 dicembre,


P
erché il documento della
Conferenza episcopale italiana
del 29 giugno 2014, dal titolo prima domenica di Avvento, In breve
Incontriamo Gesù, ha scritto che la per la nostra Diocesi entrerà in
funzione di padrini e madrine per i
vigore questa disposizione, a cui tutti, parroci e catechisti, genitori e famiglie, Convegno
ragazzi della cresima “può essere
assunta opportunamente da un devono attenersi. La sperimentazione durerà tre anni, terminati i quali, dopo Maria Cristina di Savoia
catechista o da un educatore” (n.70)? Il
documento poi aggiunge: “Alcune un’attenta verifica, si decideranno i passi da compiere in futuro” Nuovo appuntamento promosso dal Convegno
Maria Cristina di Savoia.
comunità parrocchiali hanno Martedì 4 dicembre alle 16, la professoressa
sperimentato l’utilità di fornire alle questa materia, dopo lungo tempo afferma anche il documento della Carmela Giannessi relazionerà sul tema
famiglie la possibilità di scegliere dedicato al discernimento, mi sono Conferenza episcopale italiana quando “Leonardo e Michelangelo: due artisti a
padrini e madrine tra operatori detto: se è vero che non ci sono più (o scrive che resta la sfida per tutti di confronto”.
pastorali o altre figure significative dei sono comunque molto rari) i candidati “prepararne la scelta, la qualificazione e L’incontro, aperto a tutti, si terrà nella sala “E.
gruppi familiari che operano in a essere padrini che rispondano a la valorizzazione (del padrino). A Cacciaguerra” della banca Credito Cooperativo
parrocchia e conoscono i ragazzi” (l.c.). queste condizioni, ci sono però persone questo scopo, a seconda delle risorse Romagnolo (viale Bovio, 72, Cesena).
Questa indicazione, autorevole e che effettivamente svolgono la funzione della comunità, possono essere pensati
ufficiale, ha nella realtà pastorale la sua di padrini; sono i catechisti e gli percorsi essenziali di preparazione
prima ragione; infatti oggi non è facile educatori che ponendosi accanto alla insieme ai genitori, affinché i candidati Unitalsi
trovare padrini e madrine che
rispondano ai requisiti necessari per
famiglia, dentro e a nome della
comunità, sono veri accompagnatori
a essere padrini riflettano
sull’assunzione di responsabilità
Giornata dell’Adesione
svolgere questa importante e antica del cammino di fede dei ragazzi. connessa con questo ruolo e sulla loro La sezione cesenate dell’Unitalsi (Unione
missione. Precisa il citato documento: Per questo abbiamo colto volentieri testimonianza di fede” (l.c.). nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes
“I padrini e madrine hanno la l’indicazione del documento e dal Sento il dovere di rivolgere una parola e Santuari Internazionali) invita soci e
responsabilità di collaborare con loro (i prossimo 2 dicembre, 1° domenica di ai catechisti e agli educatori. Mentre simpatizzanti alla Giornata dell’adesione.
genitori) per accompagnare i bambini e Avvento, per la nostra Diocesi entrerà in esprimo loro un riconoscente grazie per L’appuntamento è per domenica 2 dicembre
i giovani loro affidati” (l.c.). Il padrino vigore questa disposizione, a cui tutti, il servizio che svolgono, vorrei invitarli a negli spazi della parrocchia di San Domenico,
infatti deve essere “persona matura parroci e catechisti, genitori e famiglie, non spaventarsi davanti alla prospettiva accolti dall’assistente e parroco don Firmin
nella fede, rappresentativa della devono attenersi. di fare da padrini/madrine ai loro Adamon. Alle 10,30 ritrovo e accoglienza in
comunità, approvata dal parroco, La sperimentazione durerà tre anni, ragazzi. In fondo si evidenzia quello che parrocchia; alle 11 Messa con la comunità
capace di accompagnare il candidato terminati i quali, dopo un’attenta già con tanto amore compiono: prima, parrocchiale. A seguire, pranzo presso il
nel cammino verso i sacramenti e di verifica, si decideranno i passi da durante e dopo la celebrazione del ristorante “La Stalla” e alle 14,30, in chiesa, rito
seguirlo nel resto della vita con il compiere in futuro. Sacramento. A loro non chiedo altro dell’adesione.
sostegno e l’esempio” (l.c.). Siamo “ben Intanto le comunità parrocchiali - come che di continuare a fare quello che, né Per info: Giovanna Baiardi, 333 2995808.
consapevoli delle difficoltà emergenti del resto indico anche nel Decreto e più né meno, già fanno con tanto
dalla concreta situazione pastorale, a come avevo già a suo tempo suggerito impegno. Comunione e Liberazione
volte inesorabilmente tentata di vedere nel Direttorio (cfr Il grembo materno I genitori non si sentano defraudati di
nella richiesta della presenza dei della Chiesa, Orientamenti pastorali per una loro prerogativa, quella di indicare Ritiro di Avvento
padrini una sorta di adempimento l’iniziazione cristiana dei bambini, dei un padrino o una madrina ai loro figli.
formale o di consuetudine sociale in cui fanciulli e dei ragazzi, parte III, n. 5, p. Vedano piutttosto in questa decisione La fraternità di Comunione e Liberazione vivrà il
rimane ben poco visibile la dimensione 25) - continuino a mettere in campo l’amore materno della Chiesa che si ritiro di Avvento domenica 2 dicembre.
di fede” (l.c.). iniziative pastorali volte a preparare la preoccupa per il cammino di fede dei Appuntamento alle 15,30 nel salone di Palazzo
Io, insieme ai miei confratelli sacerdoti, comunità per spiegare il ruolo del suoi figli. Ghini (corso Sozzi 29, Cesena): ascolto musica,
ai responsabili degli Uffici preposti a padrino e della madrina. Questo lo Douglas, vescovo Angelus, silenzio e condivisione in assemblea.
Al termine, celebrazione della Messa.

In Vescovado, al piano terra Madre superiora delle suore della Sacra Famiglia, a Firenze, durante la seconda guerra mondiale, ha aiutato famiglie ebree
apolidi. Insieme alle altre suore ha reso
Aperta la casa
di accoglienza notturna Suor Benedetta meno triste la nostra reclusione e ha
assistito mia madre durante la sua grave
malattia; si è comportata
coraggiosamente durante una
Quattordici i posti letto
ono stati inaugurati sabato mattina 24 novembre i
proclamata perquisizione e un interrogatorio”.
Le suore della Sacra Famiglia a Firenze si
occupavano dell’accoglienza di giovani
S nuovi locali destinati, per volere del vescovo
Douglas, all’accoglienza notturna. Sono stati ricavati
all’interno dell’episcopio, dove fino a due anni c’erano
“Giusto studenti, ufficio di collocamento e ritrovo
festivo per le donne di servizio, assistenza
morale e rifugio provvisorio delle giovani,
gli uffici di curia. SUOR DANIELA SCARPELLINI, MADRE SUPERIORA in collaborazione con l’associazione
Sono 14 i posti disponibili. La struttura è gestita dalla
Comunità papa Giovanni XXIII, in collaborazione con la
Caritas diocesana.
fra le nazioni” DELLE SUORE DELLA SACRA FAMIGLIA, CON “Protezione della giovane” che si
L’ATTESTATO DI “GIUSTO FRA LE NAZIONI” DI SUOR occupava di ragazze che si trovavano in
BENEDETTA POMPIGNOLI situazioni di difficoltà, con la Diocesi e
Alla breve cerimonia all’esterno del vescovado erano con le forze pubbliche. Questa fraternità

L
presenti, tra gli altri, l’assessore ai servizi sociali del e suore francescane della Sacra sono indicate in maniera particolare: attraversa tutto il periodo molto difficile
Comune di Cesena, Simona Benedetti, e il responsabile Famiglia lunedì 26 novembre a Nella Bichi che era una insegnante, della seconda guerra mondiale,
di zona della Comunità papa Giovanni XXIII, Daniele Firenze, presso la Sinagoga, hanno collega di Miranda, e suor Benedetta, rimanendo in Firenze anche se spesso
Severi. Il vescovo Douglas ha impartito la benedizione ritirato un riconoscimento importante superiora delle Suore della Sacra Famiglia, isolata dalle altre fraternità delle suore
ai presenti e ai locali. riguardante la consorella suor Benedetta nella comunità di via del Serraglio, 21. delle Suore della Sacra Famiglia. Negli
La spesa complessiva per la ristrutturazione, ha detto Pompignoli. Originaria di Modigliana e In seguito al ritrovamento di questa archivi sono state trovate lettere scritte da
l’economo diocesano don Marco Muratori, si è aggirata per anni responsabile della fraternità che testimonianza, Sara Cividalli si è suor Benedetta nei mesi del conflitto
sui centomila euro. ha visto le suore presenti a Firenze dal adoperata affinché lo Yad Vashem di bellico alla Madre Generale della
Dopo la soluzione temporanea di un’abitazione in via 1912 al 1998, è stata proclamata “Giusto Gerusalemme rilasciasse loro il Congregazione, che si trovava a Cesena, e
Costa utilizzata lo scorso inverno per far fronte fra le nazioni” dallo Yad Vashem di riconoscimento di “Giusto tra le nazioni”. di cui spesso, per lunghi mesi, non
all’emergenza freddo con 12 posti letto, ora la Diocesi, Gerusalemme. Cosa che è avvenuta nel luglio scorso e avevano notizie. In queste lettere si parla
e di conseguenza la città, si è dotata di una struttura Sara Cividalli, già presidente della poi è stato ufficialmente consegnato ai di privazioni, pericoli, angustie, ma non si
stabile per venire incontro alle esigenze dei cosiddetti comunità ebraica di Firenze, in occasione parenti delle salvatrici. fa cenno ad accoglienza di persone ebree,
senza fissa dimora. Un’opera-segno l’ha definita il della pubblicazione della storica Marta La testimonianza che riguarda suor anche perché la corrispondenza poteva
vescovo che dopo aver deciso per una casa-famiglia in Baiardi negli annali di storia fiorentina di Benedetta è stata riassunta da Miranda cadere in cattive mani e portare alla
vescovado, ora ha dato vita anche a questa altra realtà, un memoriale che raccoglieva due Servi: “Suor Benedetta, superiora del denuncia e all’arresto delle sorelle. In una
sull’invito di papa Francesco di aprire le proprie case a memorie e testimonianze di ebrei Convento della Sacra Famiglia - lettera del 23 maggio del 1945 scrive: “In
chi non le ha. fiorentini sopravvissuti alla seconda Protezione della Giovane - via Serragli, 21 questa terribile guerra tutte abbiamo
Sul sito www.corrierecesenate.it la fotogallery a cura guerra mondiale, ha ritrovato una - ci ha accolto il 16 novembre 1943 per lavorato per il bene di tante persone che
di Sandra e Urbano fotografi. testimonianza risalente al 21 settembre pochi giorni, finché scappammo dal non si conoscevano nemmeno”.
del 1944 e rilasciata da sua madre Convento, avendo saputo della retata del Dunque, suor Benedetta e la comunità,
Miranda Servi. In essa la donna vicino Convento del Carmine; ci ha senza rendere pubblica la cosa, anzi nel
raccontava come lei e la sua anziana accolto una seconda volta il 17 marzo ’44 più totale segreto e silenzio, persino con i
madre malata, Pia Ajò Servi, erano e ci ha ospitato fino al 30 luglio, superiori, hanno aperto le porte alle
sopravvissute a Firenze ed erano sfuggite nonostante che gravi sospetti gravassero famiglie ebree che, rimanendo in Firenze,
alla deportazione grazie all’aiuto prestato sul Convento, che proteggeva altre due cercavano di non farsi catturare e
loro da varie persone. Tra le altre, due famiglie di ebrei italiani e una di ebrei deportare.
6 Giovedì 29 novembre 2018 Cesena

Alla chiamata di Gesù ha risposto “Eccomi”


Lo ha ricordato il parroco di San Pietro, monsignor Walter Amaducci, per i funerali
del professor Giovanni Maroni, deceduto a 83 anni lo scorso 22 novembre.
Ha poi aggiunto: “È la risposta dei profeti, di Maria, dei santi”

T antissima gente, sabato mattina 24 novem-


bre nella chiesa di San Pietro, a Cesena, per i
funerali del professor Giovanni Maroni, morto
due giorni prima all’età di 83 anni. L’amico di
tanti, il caro Giovanni, come è stato ricordato al CESENA, PALAZZO DEL RIDOTTO,
termine della Messa da ex studenti, accorsi in 20 OTTOBRE 2011:
massa per un ultimo saluto al loro prof, e da Mi- L’INTERVENTO
DEL PROFESSOR GIOVANNI
chelangelo Bucci per l’associazione “Zacca-
MARONI (PRIMO A SINISTRA)
gnini”.
AL CONVEGNO NAZIONALE
All’inizio della Messa, il parroco monsignor Wal-
DEI SETTIMANALI CATTOLICI
ter Amaducci, molto commosso, ha letto un ORGANIZZATO IN OCCASIONE
messaggio del vescovo Douglas che riportiamo DEI 100 ANNI
a fianco. Con don Walter hanno concelebrato DEL CORRIERE CESENATE
numerosi sacerdoti, tra cui il vicario generale, (FOTO ARCHIVIO
monsignor Pier Giulio Diaco, e monsignor Piero MAURO ARMUZZI)
Altieri, già direttore del nostro giornale. Con i
preti, sull’altare anche diversi diaconi. Tra i fe-
deli, il vicesindaco di Cesena Carlo Battistini, dare risonanza ai ricordi”. E citando le parole del
l’assessore alla cultura Christian Castorri, l’as- Vangelo, ha aggiunto “non sia turbato il vostro
Il vescovo Douglas, nel messaggio
sessore alla scuola Simona Benedetti, il parla- cuore”. Obiettivo che si può realizzare tenendo lo per il funerale di Giovanni Maroni: “Uomo integerrimo,
mentare europeo Damiano Zoffoli, la ex sguardo fisso su Gesù. A quel Gesù a cui Gio- di statura morale. Uno che non è rimasto dal balcone”
presidente del consiglio comunale Rita Ricci, di- vanni ha risposto “Eccomi”. “Vorrei condensare Caro monsignor Walter,
versi presidi in carica e in pensione con nume- in questa parola la persona e la vita di Giovanni - nel momento in cui ti appresti a presiedere i funerali del professor Giovanni Ma-
rosi docenti in servizio e a riposo del liceo ha proseguito don Amaducci -. È la risposta dei roni, ti giunga l’attestazione della mia sincera partecipazione spirituale al lutto
Scientifico “Augusto Righi”, istituto nel quale il profeti, di Maria e dei santi. Ed è anche la nostra: che ha colpito la tua parrocchia e la Città intera, con la perdita di una valido col-
professor Maroni ha insegnato per decenni. sono qui. Sono disponibile, questo era Giovanni. laboratore pastorale e di un cittadino dalla coscienza retta e dall’impegno gene-
Folta la rappresentanza dell’Azione cattolica, Aveva la capacità di attenzione, il segreto per ab- roso per il bene di tutti.
con il presidente diocesano Rosauro Amadori, e battere il muro dell’indifferenza. Sì, perché per Il mio intervento sia – tuo tramite – di conforto soprattutto alla moglie Giovanna
gli ex Gilberto Zoffoli e Carmelina Labruzzo. donarsi agli altri occorre comprendere che si è e ai fratelli che perdono una persona cara e un marito premuroso e fedele.
Tantissimi gli esponenti della ex Dc e del mondo un dono di Dio. Nessuno si è chiamato alla vita Non posso non ricordare – perché anch’io ne sono stato testimone – l’impegno pro-
politico locale, dall’ex consigliere comunale Da- da solo, ma per il Signore siamo preziosi. Accet- fuso da Giovanni nel campo ecclesiale, come storico e saggista e anche in quello ci-
vide Fabbri a quello regionale Andrea Bertani, tarsi come dono di Dio è la vera umiltà. E la vile e politico, avendo dato testimonianza fattiva di non essere rimasto al balcone.
solo per citarne alcuni. Sull’altare anche il gon- prontezza dell’eccomi diviene utile per fare frut- Ma è specialmente per il suo amore alle lettere classiche e – di conseguenza – per
falone del Comune di Cesena con due vigilesse tare i talenti che a ciascuno sono dati”. l’essersi speso per il progresso culturale dei suoi studenti che rifulge davvero da-
in uniforme di rappresentanza. Presente anche “Portare frutto - ha aggiunto monsignor Ama- vanti a noi la sua statura morale di uomo integerrimo.
il direttore generale del Credito cooperativo ro- ducci - significa arricchirsi e sviluppare i talenti a Voglio infine sottolineare che la sua fede in Cristo, manifestatasi concretamente
magnolo Giancarlo Petrini. Numerose anche le nostra disposizione. È rispondere al debito che nella partecipazione attiva alla vita ecclesiale, lo ha portato a vivere la sua profes-
suore della Sacra Famiglia, con la madre supe- abbiamo verso Dio e verso il prossimo. Oggi, qui sione di insegnante con la consapevolezza che in essa avrebbe realizzato la co-
riora suor Daniela Scarpellini. Tantissimi anche in chiesa, esprimiamo riconoscenza a Dio e a mune vocazione alla santità; competenza, correttezza e generosità sono stati i
gli amici della parrocchia e di una vita spesa nel Giovanni per ciò che il professor tratti caratteristici del suo impegno quotidiano. Sono l’eredità che tutti vogliamo
mondo cattolico, dalla politica al sindacato, pas- Maroni ha realizzato in ciascuno di noi. cogliere e portare avanti.
sando per il volontariato e gli organismi dioce- E siamo qui anche per pregare per lui, per la mo- Con la mia benedizione.
sani. glie Giovanna, i fratelli, gli amici e quanti gli sono Douglas, vescovo
Nell’omelia don Walter ha ricordato che “il si- stati vicino e oggi avvertono il vuoto del di-
lenzio, in questi casi, ci è indispensabile per stacco”.

Docente ed educatore, uomo politico e storico. Testimone del Vangelo


Con la morte di Giovanni abbiamo perso un amico prezioso

L
a notizia della morte del professor Giovanni Maroni, noti nel mondo del cattolicesimo impegnato. Furono per
giovedì pomeriggio della scorsa settimana, ci ha colto noi occasioni preziosissime di arricchimento personale.
di sorpresa. Non che non ce lo aspettassimo. Tutti sa- Come tra vasi comunicanti, Giovanni trasmetteva a noi
pevamo che stava male da lungo tempo, ormai. Però, quello che viveva e ce lo rendeva familiare. Un normale
quando muore un amico, anche se la notizia è in un certo passaggio tra generazioni vissuto senza strappi, anzi.
senso attesa e preannunciata, ci si sente lo stesso strappare Anche la visita a don Giuseppe Dossetti, a Monte Sole nei
qualcosa da sé. È come se venisse incisa la carne. Ogni pressi di Bologna, rimane per me un ricordo indelebile, ca-
volta si vive la stessa sensazione. E con la morte di Gio- rico di suggestioni e di insegnamenti che mi apparten-
vanni, sì perché per me da anni era Giovanni, questa inci- gono ancora, nonostante il lungo tempo trascorso.
sione è stata ancora più dolorosa. Giovanni negli anni è stato anche un preziosissimo collabo- vare. Non sapevamo ancora né nella sua morte né del suo
Subito, dopo aver cercato le conferme di quanto appreso, ratore (il termine, mi rendo conto, è troppo inadeguato) del peggioramento. Parlavamo di Giovanni come di un grande
sono tornato a quanto vissuto assieme al professore, un Corriere Cesenate. Veniva in redazione, quando eravamo per tanti di noi. Parlavamo di lui con il cuore pieno di grati-
mito per tanti di noi nati negli anni '60, '70 e '80. Giovanni ancora in seminario, e mi portava i suoi foglietti scritti con tudine, del tutto ignari di quello che avremmo appreso di lì a
ha educato centinaia, forse migliaia di studenti, amici, gio- una grafia da miniatura. Erano testi preziosi, sofferti anche, poche ore. Una notizia che, anche ora che cerco di accompa-
vani, conoscenti che oggi lo ricordano con affetto ricono- in cui condensava il suo pensiero, un argomento da met- gnarla con qualche sconclusionato ricordo, mi fa sentire un
scente. Non una roba sdolcinata che anche a lui non tere a fuoco, un punto su cui aprire il dialogo dalle pagine po' più solo, meno protetto da questi testimoni autentici del
sarebbe piaciuta per nulla. Ma con quel calore umano, del Corriere Cesenate. Era impossibile dirgli di no. Anzi, lo Vangelo. Giovanni, uno di quelli che si è sempre fatto pros-
quella pacatezza risoluta con la quale ti convinceva quando dovevo ogni volta ringraziare perché sapeva cogliere il noc- simo a chi aveva accanto, chiunque fosse, senza distinzioni.
si ragionava su ciò che a lui stava più a cuore. ciolo delle faccende, il cuore dell’anelito umano, il deside- Da ultimo non posso non ricordare il libro per i 100 anni
Giovanni mi ha insegnato tanto. Devo riconoscerlo e voglio rio profondo di chi cerca, ma forse ancora non sa cosa si del Corriere Cesenate. Sei degli otto capitoli di cui è compo-
riconoscerglielo, anche adesso che non c'è più. Ci siamo in- aspetta davvero. sto sono stati redatti da Giovanni che poi compare anche
contrati per la prima volta quando io ero ormai grande, vi- Giovanni era questo: un uomo autentico, un professore che come curatore assieme al professor Marino Mengozzi, suo
cino ai 30 anni. Il merito è dell'Azione cattolica a cui ha incarnato in pieno l’animo dell’educatore, non per am- collega al Liceo scientifico “Righi”. Giovanni era un valen-
Giovanni ha voluto un bene grandissimo. Era il suo luogo maestrare nessuno, ma per tirare fuori il meglio da ogni per- tissimo storico, con la capacità di saper raccontare la storia
per vivere la Chiesa da dentro, in un'associazione di laici a sona a lui affidata dalla Provvidenza divina. Un prof, uno a tutti. Sapeva rendere la storia leggibile. Dote non comune
tutto tondo, a cui non sfuggiva nulla dell'umano, dall'impe- storico, un marito (la moglie Giovanna è stata per decenni la che gli ho sempre riconosciuto e ho tanto apprezzato. Ri-
gno nella città dell’uomo alla cultura, dalla scuola alle pro- sua fedele segretaria) e un padre per tantissimi che forse in sfogliare il libro col quale abbiamo ricordato il secolo di vita
fessioni e alla politica. E proprio la città dell’uomo divenne questi giorni emergeranno. Proprio giovedì mattina parlavo del nostro giornale è come avere ancora qui con noi il caro
il luogo di elaborazione culturale vivace e fruttuoso, dopo la di lui con una persona un po’ più grande di me. E lo ab- amico Giovanni, che è e resterà sempre con me, con noi.
caduta della Democrazia cristiana, vissuta anche da Gio- biamo ricordato pensando anche di poterlo andare a tro- Francesco Zanotti
vanni come una perdita, quasi un tradimento dei valori cri-
stiani vissuti nell'ambito sociale. Sul nostro sito corrierecesenate.it sono pubblicate
A noi giovani, con me Ernesto Diaco, Arianna Pivi e altri an- diverse testimonianze-ricordo del professor Giovanni Maroni
cora più sbarbati come William Casanova, solo per citarne Citiamo il messaggio di cordoglio del sindaco di Cesena Paolo Lucchi e dell’associazione “Zaccagnini”, del sindacato
pochi, Giovanni ha trasmesso la passione per l'impegno Cisl e Federazione Pensionati, Liviana Siroli, Daniele Vaenti e Ute, Popolari per Cesena.
nella società. Ricordo le serate alla Scuola di Dottrina so- È pubblicata anche una registrazione audio di un’intervista radiofonica che il professor Maroni ha rilasciato a Radio
ciale della Chiesa con don Piero Morigi. Gli incontri con Icaro Rubicone, a conclusione del convegno “La felicità nella filosofia, nell’arte, nella musica” che si è svolto a Savi-
personaggi del calibro di Maurilio Guasco, Giorgio Campa- gnano nel novembre 2010. L’intervista è a cura di Silvia Galassi, ex alunna di Giovanni Maroni.
nini, Alberto Monticone, solo per ricordarne alcuni tra i più
Cesena Giovedì 29 novembre 2018 7

Tipano ◗ Sant’Egidio ◗ Istituto Lugaresi ◗ Torre del Moro ◗ San Paolo VI ◗


Adorazione Preghiera Burraco di beneficenza “Un brenc ad bucalun” L’associazione “Zaccagnini”
Eucaristica di Taizé Si terrà domenica 9 dicembre (ritrovo La Compagnia di Bucalun metterà in scena sabato 8 dicembre alle 20,30, nel
in assemblea
In chiesa Venerdì 7 dicembre alle 14,45, inizio alle 15) un torneo di teatro parrocchiale di Torre dl Moro, la commedia dialettale in tre atti di don Giovedì 29 novembre alle 20,45,
a Tipano, ogni alle 20,45, nella chiesa di burraco di beneficenza presso l’istituto Sergio Cappelletti “Un brenc ad bucalun”, per la regia di Alvaro Evangelisti. nella sede in corso Sozzi 74, a
giovedì dalle Sant’Egidio, Lugaresi (via Canonico Lugaresi, 202, Ingresso 5 euro; il ricavato andrà in favore delle attività educative del Cesena, in occasione
20,30 alle 21,30, celebrazione della Cesena). Il torneo prevede premi e “Cantiere 411”. Sul palco: Rita Danesi, Piera Pazzaglia, Morena Valentini, dell’assemblea ordinaria dei soci, il
si tiene la Preghiera di Taizé, buffet. Il ricavato andrà in favore delle Corrado Asirelli, Giulia Nunziatini, Domenico Mondardini, Terzo Lucchi, Paride vescovo Douglas proporrà una
preghiera proposta dai opere parrocchiali di San Domenico. Speroni, Massimo Lucchi, Sanzio Speroni, Antonella Targhini, Paola Franchini, riflessione su papa Paolo VI,
dell’adorazione giovani della comunità Per info Lia Maraldi. Scenografie realizzate da Massimo Rasi e Marco Ugolini; assistenti recentemente proclamato santo da
eucaristica. parrocchiale. e iscrizioni, 335 5420139. Miriam Neri e Ambres Benedetti. Prenotazione al 380 2120262. papa Francesco.

Gli istituti si aprono alle famiglie. Entro gennaio occorre effettuare Venerdì 30 novembre
l’iscrizione a scuola. Il calendario degli open day alle superiori
FOTO SIR
apprendere tre lingue straniere, accoglierà
le famiglie al Cubo il 15 dicembre con tre ■ L’alba della vita
turni di visite (ore 15, 16,30 e 18).
Il 6 e 14 dicembre dalle 18 alle 20 sono Serata di musica,
invece le date scelte dal liceo paritario
scientifico sportivo ed europeo “Almerici”,
poesia e testimonianze
che ha sede nel complesso del seminario con il Centro
diocesano. di aiuto alla vita
Open day all’istituto economico “Serra” il
15 dicembre e il 12 gennaio: inizio visite Poesie, testimonianze e musica per difendere il
alle 15 e alle 16,30. valore della vita che sboccia, fin dal minuscolo
L’istituto tecnologico “Pascal” aspetta i cuore che batte nel ventre di una donna. Il
futuri iscritti e gli indecisi il 1° dicembre Centro di aiuto alla vita (Cav) di Cesena
alle 15, il 14 dicembre alle 18,30 (open organizza per venerdì 30 novembre alle 20,45
night fino alle 21,30) e il 12 gennaio alle 15. al teatro del Seminario diocesano (via del
Appuntamento all’agrario “Garibaldi” il 15 Seminario, 85) l’iniziativa “L’alba della vita”.
dicembre alle 15 e alle 17 e l’11 gennaio Parteciperanno, tra gli altri, il medico e poeta
con l’open night dalle 18. Franco Casadei; Mario Alai, professore associato
E ancora, l’istituto per geometri “Da Vinci” di Filosofia teoretica dell’Università di Urbino,
si apre alla città il 1° dicembre alle 15, il 14 presenterà il volume “40 anni al servizio della

Terza media, il momento


dicembre alle 18 e il 19 gennaio alle 15. vita”. Durante la serata, a ingresso gratuito e
Diverse occasioni anche per conoscere i condotta da Angela Jin Chen, ripercorreranno
professionali: il “Comandini” (il 15 la loro esperienza alcune mamme che, grazie al
dicembre e il 26 gennaio alle 15 e il 18 sostegno del Cav, hanno dato alla luce i propri

di decisioni non facili


gennaio dalle 18.30 alle 21,30) e il “Versari- figli, e anche alcuni di questi ultimi diventati
Macrelli” (il 16 dicembre dalle 10 alle 12 e il adulti. Il tutto sarà allietato dalla band “Bss
19 gennaio dalle 15 alle 18). Brutti sbarbi sanitari” composta da Massimo
A Cesenatico il liceo scientifico e scienze Bertozzi, Claudio Turci, Ranieri Gaio, Costantino

T
empo di scelte importanti per (visite alle 15 e alle 16.30) e il 24 gennaio umane “Ferrari” e l’istituto economico Mastronardi e Maurizio Rebecchi, sanitari
studenti e studentesse di terza media dalle 18 alle 20, mentre la succursale di “Agnelli” organizzano l’open night il 13 dell’ospedale “Bufalini” per lavoro e musicisti
che si apprestano a decidere dove Bagno di Romagna il 1° dicembre (ore 15- dicembre alle 20,30 e altre visite il 19 per passione.
proseguire gli studi. Per le famiglie 19) e il 14 dicembre (ore 18-20). gennaio alle 14,30 e alle 16.
orientarsi nel labirinto delle tante offerte Appuntamento al liceo “Monti” il 1° A Savignano sul Rubicone l’istituto di
formative delle scuole superiori non è dicembre alle 15 e alle 17 e ultima istruzione superiore “Curie” incontra le
facile e gli open day - con lezioni, opportunità l’11 gennaio dalle 16,30 per famiglie il 1° dicembre: alle 15 visita
laboratori, confronto con i docenti e visita la “Notte nazionale del liceo classico”: la all’istituto tecnologico e al professionale
degli spazi - aiutano a schiarirsi le idee. prima parte del pomeriggio sarà dedicata calzaturiero e abbigliamento; segue alle 16
Ecco le prossime iniziative degli istituti alla scoperta dei tre indirizzi (classico, quella al liceo scientifico. Si replica il 14
superiori del Cesenate. scienze umane ed economico sociale) cui dicembre alle 18 e il 19 gennaio alle 15 per
Il liceo scientifico “Righi”, sede di Cesena, seguirà un momento conviviale. tutte e tre le scuole.
apre le porte il 15 dicembre e il 12 gennaio Il liceo linguistico “Alpi”, che consente di Fs
8 Giovedì 29 novembre 2018 Cesena

Il progetto“So_stare Un progetto
in piazzaӏ stato presentato e le critiche
dal collettivo di architettura
montianese “La prima L a soluzione d’arredo urbano trovata non
convince però gli addetti ai lavori, a partire
dall’ingegnere Ermanno Gianessi già autore di
una sua idea per la piazza pubblicata nei mesi
stanza”. L’intervento scorsi sul Corriere Cesenate: “Decine di anni di
attesa, meditazioni, polemiche, per una solu-
costerà 250mila euro e sarà zione così banale al problema del quarto lato?
La proposta, mia e dell’amico Rossi, era di rea-
interamente a carico di Conad lizzare un’ampia serra all’interno di una strut-
tura in acciaio e vetro che avrebbe consentito di
riproporre un’oasi naturalistica nel cuore della

Piazza
città. Un modo per riconnettere la Piazza al
parco della Rocca e, soprattutto per ottenere
una cortina verde a chiusura di uno spazio che,
con qualche difficoltà, può definirsi piazza. In-
vece, a quanto sembra, si realizzerà un banale

del Popolo giardinetto come ce ne sono tanti, senza rela-


zione col luogo, incapace di delimitare uno spa-
zio che resterà slabbrato, indefinito. E il parco
della Rocca rimarrà isolato, inaccessibile ai più.

avrà il suo Perché rinunciare a seguire una strada più im-


pegnativa, certo, ma anche davvero risoluti-
va?”.
Scettico anche l’architetto Denis Parise (della li-

quarto lato
ha stabilito la Nell’area sarà posizionata poi la sta civica Cesena Siamo noi): “Difficile disgiun-
costruzione della statua in bronzo “Grande gere il progetto che sarà realizzato dalla vicen-
nuova caserma dei Centauro”, imponente opera da Montefiore. Da una parte l’Amministrazione
Carabinieri e realizzata da Augusto Perez nel ha fatto la scelta di ampliare il più grande cen-
investimenti sul 1970. La scultura apparteneva allo tro commerciale della città, di certo aumentan-
centro storico a carico scomparso Carlo Pieri (fondatore do le difficoltà per tutti i piccoli commercianti,
di Conad. della galleria d’arte “Il Portico” e del centro storico e non solo, che già sono alle

I
l “quarto lato” di piazza del Nell’area di 500 metri quadrati collezionista) ed è stata donata prese con la sopravvivenza quotidiana. Dall’al-
Popolo sarà ripensato e saranno piantati nuovi arbusti e alla città dalla sua famiglia. tra, decide di impiegare una parte degli oneri
abbellito, nei prossimi mesi, per alberature (come i carpini, alberi Dovrebbe giungere così al dovuti da Conad in un intervento di arredo ur-
dare a Cesena un ingresso degno con radici superficiali che non capolinea, dopo decenni di ipotesi bano che ha il sapore di una compensazione of-
della sua piazza principale. Il interferiranno con i sottoservizi) e e polemiche, il dibattito cittadino ferta ai commercianti del centro. Ma a che cosa
progetto, curato dal collettivo di installato un nuovo arredo su cosa fare del “quarto lato” della servirà esattamente? Di certo migliorerà il de-
architettura montianese “La prima urbano, con sedute circolari in piazza. Una ferita causata coro della piazza, senza affrontare nessuna del-
stanza” (Francesco Ceccarelli, legno. Non ci saranno barriere dall’abbattimento del quartiere di le questioni che nel corso del tempo sono emer-
Davide Agostini e Matteo architettoniche, mentre la Borgo Chiesanuova (tra gli anni se nell’annoso dibattito sul quarto lato”.
Battistini), è stato presentato nei pavimentazione avrà porzioni ’60 e ’80 del XIX secolo) che ha “Non sono certo contrario all’abbellimento de-
giorni scorsi. Gli architetti hanno circolari in marmo bianco di privato la maggiore piazza gli spazi pubblici - aggiunge Parise - e immagi-
pensato non a un luogo di Carrara e pietra nera lavica cittadina di un suo lato, no che il progetto sarà interessante e migliorati-
transito, ma anche di sosta e dell’Etna (un bianco e nero che si lasciandola aperta sull’allora vo della situazione esistente, ma mi sembra
ritrovo, tanto da chiamare il rifà ai colori dello stemma neonato viale Mazzoni. Un primo l’ennesimo frammento d’arredo “smart”, uno
progetto “So_stare in piazza”. comunale). Oltre ai classici punti tentativo di riqualificare la piazza dei tanti che negli ultimi anni stanno prolife-
L’intervento costerà 250mila euro, luce, ci saranno tanti piccoli led è stato fatto nel 1983, con la messa rando in questa città. Al di fuori di una visione
interamente a carico della tra le aiuole per creare un “effetto al bando delle auto in sosta e la d’insieme sul cuore della città, mi pare che que-
Commercianti indipendenti lucciole”. ripavimentazione dell’area, ma il sti progetti servano soltanto ad abbellire un
associati (Conad) che si occuperà Gli scavi archeologici preliminari quarto lato è stato a lungo un piccolo centro (peraltro già bello) al quale or-
anche dei lavori. Questo per sono già in corso, mentre tema irrisolto, tamponato per anni mai si chiede di essere lo sfondo piacevole di sa-
rispettare l’accordo di programma l’intervento partirà a gennaio per con un marciapiede e qualche gre, mercati e attività commerciali che ruotano
che, in cambio dell’espansione del concludersi nella prima metà di aiuola. attorno al cibo”.
Centro commerciale Montefiore, aprile. MiB MiB

❚❚ Orticoltura, a Cesena un Centro dimostrativo permanente

M
acfrut raccoglie la sfida ambiente protetto comporta un staccata dai leader dell’orticoltura
della rivoluzione orticola minor utilizzo di prodotti fitosa- mondiale come Olanda e Belgio.
in atto a livello mondiale. nitari. Realizzare a Cesena un centro con
E lo fa proponendo un progetto al L’obiettivo del Centro sarà quello queste caratteristiche potrebbe si-
servizio del territorio: realizzare di far toccare con mano le novità gnificare un rilancio del settore
un Centro dimostrativo perma- tecnologiche realizzando un cam- orticolo a livello romagnolo”.
nente per l’orticoltura in serra nei po prova che funga anche da cen- “Uno dei modelli di riferimento di
pressi della fiera a Cesena. tro di formazione sia sulla parte questo progetto può essere Acqua
In orticoltura protetta, la tecnolo- agronomica sia su quella tecnolo- Campus, il centro dimostrativo
gia, sia hardware che software, gica (tecnici, agricoltori e opera- sulle tecnologie dell’irrigazione
svolge un ruolo fondamentale tori del settore, sia italiani che gestito nei pressi di Bologna - pro-
nella conduzione dei processi esteri). Il Centro dovrebbe anche segue Piraccini - Per la parte ge-
produttivi e gestionali. Nelle serre essere a supporto di eventi fieri- stionale, si pensa di realizzare un
dove è possibile controllare e ge- stici e convegnistici specializzati contenitore societario che veda la
stire temperatura, umidità, luce, e di caratura internazionale, in si- partecipazione dei soggetti coin-
apporto di nutrienti attraverso la nergia con Macfrut, nonché per volti nel settore mentre gli utiliz-
fertirrigazione, stanno acquisen- attività di formazione e tirocinio zatori-partner dovrebbero essere
do un’importanza sempre mag- in stretta collaborazione con l’Isti- le singole imprese interessate a
giore. Appaiono sempre più im- tuto Agrario e l’Università. promuovere le proprie novità e a
portanti i vantaggi derivati dal mi- “In Italia una struttura di questo realizzare eventi dimostrativi”.
glior utilizzo delle risorse natura- tipo non è presente - spiega Ren- Un “assaggio” del progetto sarà
li, in quanto nelle colture in serra zo Piraccini, presidente di Mac- nella prossima edizione di Mac-
si possono ottimizzare i consumi frut -. L’orticoltura in serra si sta frut dove verrà realizzato un vero
di acqua e di concimi chimici e rapidamente evolvendo, e l’Italia, e proprio villaggio dell’innovazio-
l’impatto ambientale è minimo malgrado imprese di assoluta ec- ne in orticoltura in serra: Green-
dal momento che coltivare in un cellenza, in questo momento è house Technology Village.

ANNIVERSARIO
7/12/2009 Nel nono anniversario della nascita al Cielo,
7/12/2018 la famiglia e i tanti che gli hanno voluto bene
ricordano
Il tuo volto, Signore, DON PINO ZOFFOLI
io cerco. Messe saranno celebrate
Non nascondermi venerdì 7 dicembre
il tuo volto alle 18,30 a Sant’Egidio;
(Salmo 26) sabato 8 dicembre alle 11,15
a Santa Maria Goretti
e alle 10 a Villalta
Cesenatico Giovedì 29 novembre 2018 9

Costa ◗ Scuola ◗ Ponente ◗ Povertà ◗


Fondi per la riqualificazione Una nuova aula Il mare d’inverno Trentunenne morto al freddo
Dalla Regione un progetto di legge di informatica A Cesenatico, in zona Ponente, c’è Un uomo di 31 anni è stato trovato morto lunedì 26
con contributi (20 milioni di euro da Dodici nuovi computer per chi scommette sul “mare d’inverno”. novembre all’interno di una colonia abbandonata di
distribuire in tre anni) ai 14 comuni la scuola media “Arfelli” di Riapre il 30 novembre il “Rifugio Ponente. Si chiamava Imo Obinna, era originario della
che rientrano nel Distretto balneare Cesenatico grazie a Cna Belvedere”. Nello stabilimento Nigeria ed era in regola con i documenti, ottenuti per
per incentivare progetti di Formazione. Sono stati balneare, ora rifugio invernale, si motivi umanitari. Dalle prime indagini, svolte dalla
rigenerazione urbana e rimuovere donati venerdì 23 novembre. Presenti l’assessore Valentina alterneranno due proposte. Il Compagnia Carabinieri di Cesenatico, sembra che si
eventuali elementi di degrado. Montalti, Marco Gasperini e Marco Lucchi, rispettivamente venerdì sera, dalle 18, ci sarà spazio tratti di morte naturale. Non è azzardato supporre che
Cesenatico pensa alla riqualificazione presidente e responsabile di Cna Est Romagna, Riccardo Guardigli, per aperitivi e dj-set. Il sabato e la il decesso sia avvenuto per un malore causato da
del tratto finale della Vena Mazzarini. responsabile di Cna Formazione, e la preside Maria Stella Grandi. domenica ristorazione di qualità. freddo e stenti. Un caso che smuove le coscienze.

L’inaugurazione dell’edizione numero 33 si terrà domenica 2 dicembre Maltempo


museo della marineria con due sezioni,
una a terra, nel fabbricato che avrebbe ■ Porto e arenile
preso il posto del vecchio ospedale su via
Armellini, demolito nel 1973, e una La Regione annuncia risorse
galleggiante, nel tratto di porto allora
squallido e semi-abbandonato tra i due
ponti principali del centro storico, quello
su piazza Pisacane, detto “di Garibaldi”, e
quello della ex-Circonvallazione, detto
“del Gatto”. Nei primi anni ’80 prese
forma il progetto del museo, con alcune
barche variopinte che subito divennero
soggetto per un’infinità di fotografie.
L’altro personaggio chiave fu il Maltempo e arenile. Dopo le mareggiate, a
presidente (dal 1958 al 1992) Cesenatico arrivano dalla Regione un milione di
dell’Associazione albergatori Guerrino euro per il dragaggio del Porto Canale e 300mila
FOTO ARCHIVIO MEMASTUDIO Gardini, uomo di grande levatura morale per il ripascimento del litorale. Nel 2019 saranno
e assiduo frequentatore della parrocchia. resi disponibili i primi 500mila euro per il
A lui si deve l’idea di collocare dragaggio del tratto compreso tra i cento metri a

Presepe della Marineria sull’ammiraglia delle barche , il


trabaccolo da trasporto “Giovanni
Pascoli”, in acqua dal 1982, un primo
gruppo di statue, ovvero la Sacra famiglia
monte e i cento metri a mare delle Porte Vinciane.
Su tutta la costa forlivese-cesenate è previsto il
ripascimento complessivo di 150 mila metri cubi
di sabbia per prevenire l’erosione. Dopo l’allarme

Si accendono le luci di Nazareth. I personaggi, in legno di


cirmolo e ricoperti con abiti in tela cerata
per resistere alle intemperie, sono opera
degli artisti Mino Savadori e Maurizio
lanciato nei giorni scorsi dal Comune e dai
rappresentanti di bagnini e pescatori, la risposta
della Regione non si è fatta attendere.
Dalla fine della stagione estiva a oggi si sono

L
e luci del Presepe della Marineria, visitabile fino a domenica 13 gennaio Bertoni, i quali, ogni anno, realizzano susseguite varie perturbazioni, interessando circa
alla sua 33esima edizione, si 2019. nuove figure da collocare sulle altre 25 giornate di stato del mare agitato. Dal 26
accenderanno domenica 2 Si tratta di un allestimento di forte barche del museo galleggiante. agosto al 29 novembre è stato necessario chiudere
dicembre alle 17, alla presenza del richiamo turistico, tanto da diventare Attualmente raggiungono un totale di 53. le Porte vinciane dieci volte. Dal 1° gennaio 2018
vescovo Douglas Regattieri. uno dei soggetti più fotografati a livello La magia del Natale, l’atmosfera delle a oggi sono state più di 40 le giornate di chiusura.
L’inaugurazione sarà accompagnata dal nazionale nel periodo natalizio. Tutto ha barche illuminate e “abitate” dai tanti A seguito delle ultime mareggiate, si stima
concerto spettacolo del coro inizio dall’intuizione di due personaggi figuranti che popolano quel quadro, le un’erosione del litorale cesenaticense di circa
“Werevolution”, composto da 30 fondamentali per il mondo turistico di luci e gli addobbi creano un soggetto da 80mila metri cubi. Altro problema è quello dello
elementi. Cesenatico. Si tratta dell’allora sogno che attrae visitatori da tutte le spiaggiamento dei detriti alluvionali, soprattutto
Il presepe, allestito sulle antiche barche presidente dell’Azienda di soggiorno e regioni e dall’estero e rendono, quello di legname (vedi foto scattata nei giorni scorsi sul
del Museo galleggiante nell’asta del turismo, (così si chiamava), Bruno Cesenatico, il presepe galleggiante più lungomare Ponente). Si parla di circa 1.500
Porto Canale antistante la chiesa Ballerin, il quale, sul finire degli anni ’70 famoso d’Italia. tonnellate di rifiuti non riciclabili, che devono
parrocchiale di San Giacomo, sarà del secolo scorso, lanciò l’idea di un Ferruccio Dominici essere smaltiti da Hera.
Mv
Sito internet
DIOCESI DI CESENA-SARSINA www.corrierecesenate.it
Siamo presenti
campagna anche su Facebook e su Twitter
abbonamenti con lʼaccount @ccesenate

2019 Per info: redazione Corriere Cesenate,


via don Minzoni, 47 - Cesena
tel. 0547 1938590
Settimanale d’informazione fondato nel 1911 redazione@corrierecesenate.it

Un nuovo anno
da vivere
insieme

in omaggio
agli abbonati
lʼedizione digitale
per pc, tablet
e smartphone
Per leggere il giornale
già dalle 12
del mercoledì

foto mema studio


cesenatico

Territorio, Chiesa, opinioni, sport, cultura, solidarietà, attualità


Ogni giovedì in edicola. Ogni settimana a casa tua
COME ABBONARSI QUOTE ABBONAMENTO (invariate)
● Utilizzando il bollettino di C.C.P. n. 14191472,
intestato a Corriere Cesenate, via don Minzoni 47, Cesena ● Ordinario: 48 euro
● Presso la redazione del Corriere Cesenate, in via don Minzoni 47, Cesena ● Sostenitore: 70 euro
● Alla libreria cattolica “San Giovanni”, corso Sozzi 39, Cesena ● Amico: 100 euro
● Con bonifico bancario. Beneficiario: Associazione Diocesana Corriere Cesenate.
Banca: Credito Cooperativo Romagnolo - Bcc di Cesena e Gatteo, sede di Cesena ● Estero: 100 euro
Iban: IT 51 S 07070 23900 000000855057
PropostAC
Inserto a cura dell’Azione Cattolica di Cesena-Sarsina Numero 61 Novembre 2018

L’approfondimento
L’iniziativa annuale di Ac Il lavoro e la festa
Gli orientamenti del nuovo anno pastorale che il

Scegliere la parte migliore nostro vescovo Douglas ha consegnato lo scorso


settembre a tutte le comunità della Diocesi hanno
come tema di fondo il lavoro e la festa nel
contesto del piano pastorale della Chiesa italiana
di questo decennio (“Educare alla vita buona del
Vangelo”).
La casa di Betania esempio e modello di ospitalità e accoglienza. Una riflessione La lettera pastorale, che contiene gli
in preparazione all’Adesione all’Azione Cattolica, nei giorni attorno l’8 dicembre orientamenti, nella prima parte presenta in modo
analitico la realtà del lavoro nel nostro territorio:
imprese attive, fallimenti delle imprese, imprese

I
n tutta sincerità, se a ognuno di noi fosse posta questa
precisa domanda: “Di che cosa c’è veramente straniere, imprenditorialità femminile, imprese
bisogno?”, penso che la nostra risposta non sarebbe giovanili, mercato del lavoro, occupati, in cerca di
immediata o tanto meno andrebbe in una sola direzione. lavoro, disoccupazione...
Immersi in un mondo che ogni giorno ci racconta La seconda parte contiene una riflessione biblica
soprattutto di tragedie più o meno grandi e con sul tema: il lavoro e la festa alla luce della Parola
l’abitudine diffusa al pessimismo, cominceremmo con la di Dio.Si parte dai racconti della creazione (Gen. 1-
litania del lamento e quindi: c’è bisogno di dare una 2) in cui il lavoro viene inteso come collaborazione
risposta al grande tema dell’immigrazione, perché non è dell’uomo con l’opera creatrice di Dio. Creato a sua
più sopportabile assistere all’esodo di tante persone in immagine e somiglianza l’uomo è chiamato a
cerca di una vita dignitosa e che non trova nella nostra continuare l’opera di Dio, a “rappresentarlo” nel
Europa soluzioni e linee condivise; c’è bisogno di nuove mondo. Come Dio lavora, opera, pianta un
possibilità di lavoro soprattutto per i giovani, che diano un giardino, così l’uomo diventa anch’egli un
senso ai tanti anni di studio e al desiderio di mettere in giardiniere. “Coltivare” e “custodire” sono i due
gioco i propri talenti; c’è bisogno di più attenzione verso il termini che esprimono la missione dell’uomo e
creato perché tanti episodi di calamità naturali e il nella lingua ebraica fanno riferimento proprio a
progressivo surriscaldamento del nostro pianeta un’azione sacra; così Adamo, oltre che giardiniere,
purtroppo confermano uno stato di degrado che sembra coltivatore-custode, è anche “sacerdote”.
irreversibile; c’è bisogno di più dialogo nel mondo della Ma oltre che a lavorare l'uomo è chiamato a
politica che sempre di più allontana invece di riposare e a fare festa.
appassionare al confronto costruttivo; c’è bisogno di Il riposo del Shabàt per gli Ebrei - come per noi
legalità per placare tanta violenza che spesso coinvolge cristiani la domenica - ha un significato molto
anche le donne e i bambini; c’è bisogno di riscoprire importante, non solo sotto l’aspetto religioso (il
l’importanza del ruolo educativo della famiglia che è rapporto con Dio e il culto), ma anche sotto quello
fondamentale e necessario nella cura dei ragazzi, dei antropologico: il lavoro umano, pur importante,
giovani e degli anziani. C’è bisogno, c’è bisogno… non è tutto; egli non deve diventare schiavo
A fronte di tutti questi bisogni che avvertiamo e che dell’opera delle sue stesse mani. L’uomo è
spesso faticano a trovare soluzioni, Gesù, il Maestro, ci chiamato a prendersi del tempo e a sospendere
invita a fermarci ai suoi piedi per ascoltarlo, perché solo ogni lavoro per ritrovare le ragioni della sua
scegliendo “la parte migliore” troveremo la risposta ad attività e ridarle senso. Egli lavora per vivere e non
ogni domanda di vita. E ce lo dice visitando una casa. È la vive per lavorare!
casa di Betania, ma potrebbe trattarsi anche di una delle Dopo i primi capitoli che raccontano l’opera della
nostre case. E allora proviamo a chiederci: la nostra, è una creazione, il terzo capitolo della Genesi parla del
casa ospitale in grado di accogliere e ascoltare Gesù? peccato originale: il male entra nel mondo in
Entrare in una casa, essere accolti, ascoltati e serviti è seguito alla disobbedienza di Adamo ed Eva.
qualcosa che ci fa capire l’importanza per ognuno di noi Anche il lavoro - come del resto tutta la condizione
della dimensione fraterna delle relazioni. Entrare in una umana - ne viene a subire le conseguenze: anziché
casa è come entrare nella vita delle persone e iniziare un essere realizzazione dell’uomo, diventa fatica,
intreccio di quotidianità che dà senso e valore alla nostra dolore, sudore, sfruttamento. Nonostante ciò il
esistenza umana. mondo tutto è un problema, meno una cosa: la carità, l’amore. lavoro umano conserva ancora la sua dignità;
Gesù stesso nel suo percorso è entrato in molte case e in Dall’amore ci arriveranno le risposte a tutto ciò che di volta in volta ci spesso nei libri sapienziali e nei Salmi viene lodata
molte vite portando la luce generativa della Resurrezione, verrà chiesto. Come amava dire Carlo Carretto: “La carità è la sintesi la laboriosità e vengono biasimati l’ozio e
ecco perché è necessario e c’è bisogno di fermarsi e della contemplazione e dell’azione, è il punto di sutura fra il cielo e la l’inoperosità. Nel Nuovo Testamento Gesù stesso, il
mettersi ai suoi piedi. Siamo un po’ tutti sull’onda del “chi terra, tra l’uomo e Dio”. E ancora: “La Chiesa nella sua realtà, è nel Figlio di Dio fatto uomo, negli anni trascorsi a
si ferma è perduto” e allora proviamo a chiederci come deserto ed è sulle strade. È nella notte passata a pregare ed è nella Nazareth prima d'iniziare la “vita pubblica”
singoli, ma anche come associazione e comunità tensione dolorosa del mondo chiamato ad essere rigenerato in Cristo esercita l'attività di carpentiere con il padre
parrocchiali, qual è la nostra “parte migliore”? Se i nostri Gesù. La Chiesa, la vera Chiesa, è contemplativa e attiva allo stesso putativo Giuseppe. Questo fatto conferma la
“molti servizi” anziché avvicinarci a Lui ci allontanano, tempo, proprio come contemplativo e attivo è il suo fondatore e grande dignità del lavoro umano. Non solo: Gesù
perché mettiamo noi stessi al centro, con le nostre “cose modello unico: Gesù”. Vogliamo che anche tutta l’Azione Cattolica sia con la sua morte e risurrezione redime tutto
da fare”, non riusciamo più a dire con la nostra vita che una casa accogliente per tutti e soprattutto per noi, ragazzi, giovani e l'uomo, e quindi anche il lavoro. Esso, pur le
per servire la Chiesa e il mondo bisogna avere il coraggio adulti. Ripassare ogni tanto dalle parti di Betania nella casa di Marta e conseguenze del peccato originale ancora
di fermarsi del tempo davanti a Gesù e ascoltare la sua Maria non potrà che farci un gran bene per ritrovare il gusto e la bellezza presenti, è chiamato a diventare ‘luogo’ e
Parola. della vita cristiana. ‘strumento’ di santificazione.
don Giordano Amati
Quando ci troviamo di fronte ai tanti problemi che ci Rosauro Amadori
sembrano insormontabili, proviamo a ricordarci che al presidente diocesano Ac continua a pag. 2 

I
l rapporto fra Giovanni Battista
Montini e l’Azione Cattolica è stato
lungo e profondo. In numerose
✎UNA FAMIGLIA DI CATTOLICI ATTIVI Indice
occasioni, egli ne parla come di un Fin dalle prime righe, il papa lega il nuovo corso dell’Ac al
impegno personale, ricordando Concilio Vaticano II, in cui si radica il suo impegno serio e
esperienze e le amicizie maturate nel ampio di rinnovamento. Non è solo una riforma organizzativa Lanci iniziative annuali II
suo ministero sacerdotale ed quella che si va predisponendo da parte dell’associazione, ma
episcopale, fin dagli anni in cui aveva chiama in causa la responsabilità di un laicato maturo, unito, sin Nuovo sito dell’Ac diocesana II
guidato in veste di assistente la Fuci e dalle sue origini, alla cattedra di Pietro. Paolo VI riafferma così le
la nascita del Movimento Laureati di caratteristiche fondamentali dell’Ac: la natura ecclesiale, la Ricordo di Giovanni Maroni III
Ac. finalità formativa, il rapporto di diretta collaborazione con i
Da papa, il momento in cui la sua Pastori della Chiesa.
vicinanza si esprime in modo speciale “Anzitutto l’Ac non deve perdere di vista la sua originale vocazione spirituale-religiosa”,
Focus adesioni:
è nella fase delicata del rinnovamento scrive il papa, ricordando le “imprescindibili basi soprannaturali” che ha l’azione dei “Cara Ac, ti scelgo perché” III
statutario dell’associazione, nel 1969. laici nel mondo. In secondo luogo, l’Ac si affidi alla gerarchia “con offerta libera,
La lettera che Paolo VI inviò generosa e totale”. Da parte loro, i Pastori distingueranno le forme di collaborazione dei Foto e notizie dall’estate IV
all’assistente generale di allora, laici valide da quelle che non lo sono. E appoggeranno con convinzione l’apporto
monsignor Franco Costa, è una sintesi sostanziale dei laici alla missione di tutta la Chiesa.
attualissima del suo pensiero sui fedeli A questa Ac, “grande e operosa famiglia di cattolici attivi”, egli rivolge il suo speciale
Consigli per la lettura IV
laici, l’associazionismo e la stessa interesse, compiacimento e benedizione.
missione ecclesiale. Ernesto Diaco
II Giovedì 29 novembre 2018 PropostAc

Quattro giorni Acg I l settore Giovani per questo dicembre vuole lanciare una proposta che già nell’estate
2016 ci aveva portato fuori dai nostri orizzonti, in un’ottica di servizio e gratuità. Dal
27 al 30 dicembre infatti trascorreremo la tradizionale Tre giorni (o meglio Quattro

Al Sermig giorni!) al Sermig, il Servizio Missionario Giovani fondato a Torino nel 1964 da Ernesto
Olivero e sua moglie Maria.
Il loro sogno era ambizioso, ma chiaro: sconfiggere la fame nel mondo. Attorno a loro e

di Torino al gruppo iniziale è nata la Fraternità della Speranza, composta da famiglie e da


consacrati. Da più di 40 anni animano l’ex arsenale militare di Torino, ora Arsenale della
Pace.
L’Arsenale era un’antica fabbrica di armi in disuso: il lavoro gratuito di tanti, soprattutto
Dal 27 al 30 dicembre. La proposta giovani, lo ha trasformato in una profezia di pace. Ogni anno accoglie migliaia di giovani
per i giovani della Diocesi che, come noi, scelgono di vivere un’esperienza di condivisione, formazione e servizio:

il passaparola di chi vi è venuto richiama


ogni anno nuovi giovani da tutta l’Italia.
Siamo pronti a metterci in gioco nei

Acr UNO SCATTO


DALLA FESTA DEL CIAO
ragazzi ed educatori durante il nostro
cammino Acr, insieme a Marta e Maria
che nel Vangelo di quest’anno "ci
momenti di servizio, di spiritualità e di
riflessione che ci verranno proposti, e
faremo tesoro di tutte le fantastiche
DEL 2017
prendono gusto" a incontrare Gesù e ad relazioni che stringeremo tra noi e con
accoglierlo nella loro casa. tanti altri giovani da tutta Italia che
La cucina diventa quindi un mezzo di condivideranno con noi queste giornate.
condivisione, che sia di un piatto di Crediamo che sia bello dedicare il nostro
pasta o di una giornata da raccontare; tempo a conoscere e vivere questa realtà,
di gratitudine per chi con amore ha per portare a casa noi questo spirito di
speso tempo per cucinare il mio piatto servizio che dovrebbe contraddistinguere
preferito; rispetto per ciò che ho nel il nostro essere cristiani.
piatto, per le cose buone ma soprattutto Sara Zambelli
per quelle meno invitanti che spesso
nascondono un bene nascosto; fiducia
nello sperimentare gusti e sapori nuovi
di piatti mai provati; attenzione per
scegliere accuratamente gli ingredienti Continua da pag. 1
di un buon piatto e metterli insieme È importante, in una società sempre più
con cura e nei giusti tempi. secolarizzata, che la comunità cristiana annunci il
Si potrebbero scrivere libri sul tema “Vangelo del lavoro” in tutte le sue componenti, agli

La ricetta perfetta della cucina, gli spunti sono tantissimi,


ma anziché riempirvi di parole vi
invitiamo a toccare con mano uno dei
nostri appuntamenti più belli: la Tre
giorni di Natale!
uomini e le donne che operano in tutti gli ambiti del
mondo del lavoro. I contenuti fondamentali di questo
annuncio li troviamo con abbondanza nella Scrittura
e nel ricco patrimonio del Magistero e della dottrina
sociale della Chiesa. Insieme al lavoro bisogna ri-
La Tre giorni è un’esperienza di attività, evangelizzare e riscoprire il significato e l’importanza

Condivisione, rispetto, gioco e preghiera che vede insieme


bambini e ragazzi delle diverse realtà
parrocchiali. Quest’anno si svolgerà al
Mare e Vita di Pinarella dal 27 al 29
della festa e della domenica. L’apertura non stop dei
negozi e dei grandi centri commerciali, come le
attività sportive e turistiche hanno contribuito
sempre più a far perdere alle nostre famiglie il

fiducia, attenzione dicembre.


Gli ingredienti di base di questa grande
iniziativa sono la voglia di mettersi in
gioco, la curiosità e il desiderio di
significato cristiano della domenica e della festa. Il
vescovo dà indicazioni concrete e preziose per
l’azione pastorale delle comunità cristiane:
promuovere la testimonianza dei laici nel lavoro e

L’
estate è ormai finita e sono un piatto nuovo si chiedono: "È per me? incontrare nuovi amici. Ad aiutarci ad nella festa, la catechesi sulla dottrina sociale della
tante le domande che i ragazzi Mi piacerà?". affrontare il tema sarà un piccolo Chiesa; valorizzare la domenica nella pastorale delle
portano nel cuore all’inizio di In questo Mese del Ciao i ragazzi sono grande cuoco, ma non possiamo famiglie, dare significato all’offertorio della Messa
ogni nuovo anno, come: "Chissà cosa infatti chiamati ad assaporare la svelarvi niente di più, dovrete venire collegandolo al lavoro dell’uomo; dare attenzione e
faremo quest’anno all’Acr?", "Come bellezza dell’invito a sedersi a tavola per scoprire tutte le sorprese che aiuto nelle nostre comunità alle persone che sono
sarà la ripresa della scuola?", "Mi insieme a tanti amici dell’Azione stiamo pensando per i ragazzi e gli senza lavoro (e sono sempre di più!).
piaceranno gli allenamenti?". Cattolica, dove ritrovano il sapore delle educatori, correte ad iscrivervi, vi Anche noi come Azione Cattolica, in comunione col
Domande che raccontano il loro cose "che piace loro fare". Come avrete aspettiamo! vescovo Douglas e con i nostri pastori, siamo chiamati
desiderio di novità, di autenticità, come immaginato sarà proprio la cucina Maria Federica Currà ad accogliere ed attuare nelle nostre comunità le
quando si siedono a tavola e di fronte a l’ambientazione che accompagnerà Giulia Angeli indicazioni pastorali della nostra diocesi.
don Giordano Amati, assistente generale

Dal Settore Adulti, un calendario ricco di proposte BORELLO, 5 OTTOBRE 2018:


PRIMO LABORATORIO FORMATIVO “COPIA E INCOLLA. I FILM”

Adulti generatori RIVOLTO AI RESPONSABILI PARROCCHIALI SETTORE ADULTI


TENUTO DA DON FILIPPO CAPPELLI

L
a vita adulta talvolta può sembrare un susseguirsi fermeremo,
di impegni, servizi, iniziative. Si corre il rischio di torneremo
affannarsi e pre-occuparsi, ma come ci ricorda all’essenziale,
papa Francesco: "Siamo chiamati a vivere la nutrendoci con
contemplazione anche in mezzo all’azione, e ci l’esempio dei
santifichiamo nell’esercizio responsabile e generoso santi della porta
della nostra missione" (Esortazione apostolica Gaudete accanto; nelle
et exsultate n. 26). Il nuovo anno associativo dell’Azione stesse serate, al
Cattolica richiama l’adulto a essere persona generativa, termine della
di processi e relazioni nuove. celebrazione
Sfogliando il pieghevole con le proposte associative, o eucaristica, ci
scorrendo il rinnovato sito dell’Ac diocesana, non verranno
vedremo semplicemente un elenco di iniziative, ma proposti dei
coglieremo l’opportunità di fissare lo sguardo sul momenti
Signore: le serate dedicate alla lectio divina presso il formativi rivolti in particolare ai responsabili alla costituzione del Movimento Lavoratori di Azione
Santuario di Santa Maria del Suffragio, la due giorni del parrocchiali del settore Adulti. Per accompagnare tutti i Cattolica (Mlac) in Diocesi. In questo movimento
12 e 13 gennaio per adulti in famiglia, le veglie alla pace e giovani adulti, poi, è dedicato loro un percorso di fede scorgiamo il "luogo" dove incontrare un’Ac più popolare,
alla croce, gli esercizi spirituali. Trascorrendo assieme un specifico, in cinque tappe, che proseguirà fino al maggio dove incontrare il giovane che nel lavoro diventa adulto e
giorno di festa (1 maggio 2019) o una settimana estiva di 2019. il giovane adulto che spesso costituisce "la forza lavoro"
relax, vacanza e cultura (luglio 2019) potremo, poi, Anche nelle parole del nostro vescovo Douglas Regattieri delle nostre associazioni e parrocchie.
tessere o intensificare relazioni di amicizia. Con la abbiamo raccolto il nostro anelito a farci prossimi, Roberta Franceschini
partecipazione alle sante messe in memoria dei beati ci iniziando un cammino generativo che intende portare vice presidente diocesana Settore Adulti di Ac

n sito nel quale potrete trovare le news e gli eventi che ci vedono tutti protagonisti, a partire
CLICCACI... U dai più piccoli, fino ai mitici “adultissimi”, un portale in continua evoluzione che vuole essere
uno strumento utile per restare sempre sintonizzati sulla “frequenza giusta”.
CHE NOVITÀ! Www.cliccaci.org è facilissimo da consultare, sia per i grandi, sia per i più giovani. Tutti potranno
ben presto usarlo anche come strumento per scoprire e approfondire temi di attualità, sui quali
Stesso nome, sempre più siamo chiamati a informarci e confrontarci. Il sito contiene, poi, materiali d’archivio e relativi all’anno associativo in corso,
sito completamente rinnovato che possono dare spunti e idee per preparare attività, veglie, feste, laboratori.
Dopo tanta attesa siamo lieti Www.cliccaci.org è un “volto” virtuale che racchiude tanti volti reali di persone che hanno deciso di metterci letteralmente la faccia,
spendendosi per la nostra bella Ac diocesana. Sul sito potrete vedere e conoscere i membri della Presidenza e quelli del Consiglio
di invitarvi a visitare il nuovo diocesano di Azione Cattolica, in modo che possano essere riferimento e aiuto per tutte le parrocchie.
sito dell’Ac diocesana Ancora intenti a leggere questo articolo? È tempo di visitare il sito e, se volete, di aiutarci a migliorarlo inviando i vostri consigli
all’indirizzo e-mail della segreteria che troverete sul sito: davvero l’unione fa la forza!
www.cliccaci.org Stefania Di Leo per la Commissione Sito dell’Ac diocesana
PropostAc Giovedì 29 novembre 2018 III

GIOVEDÌ 23 NOVEMBRE È DECEDUTO IL PROFESSOR GIOVANNI MARONI


Q
uando mi è stato chiesto
di scrivere qualcosa per
ricordare Giovanni su
PropostAc la prima reazione è
stata quella di rifiutare, perché
Un laico in uscita Cristo) lo
abilitava a fare
incapace di scrivere un articolo
che lo presentasse. Poi ho
risposto che potevo solo
con la passione per il bene comune a servizio del
bene.
Giovani, adulti
provare a declinare qualche propria vita la ritrova in riunisce la domenica attorno soprattutto dei di Azione
motivo per cui ringraziare di pienezza, non solo nell’aldilà, all’Eucarestia, “fontana del più bisognosi. Cattolica credo
vero cuore, senza retorica, ma a partire da quaggiù. villaggio”, ma ovunque vive Studiare per non che il più
Giovanni e ho anche pensato ai Ma non voglio dimenticare che l’uomo, lì dove Dio è già reagire di pancia, grande grazie
giovani di Ac che non lo hanno sto parlando a degli aderenti di presente prima che noi istintivamente, che possiamo
conosciuto personalmente, Azione Cattolica di cui Giovanni arriviamo. E questo tu, superficialmente, dire a Giovanni
questi giovani che meritano di ha fatto parte dando vita per Giovanni, lo avevi molto chiaro leggere, sia quello di
sapere come e per chi lui è alcuni anni all’esperienza di e lo sapevi trasmettere. confrontarsi, non lasciare
vissuto e morto. “Città dell’uomo”, che ha E poiché ancora non voglio discernere cadere quello
Mi viene alla mente l’immagine (perché esiste ancora anche se dimenticare che sto scrivendo a insieme. Senza che lui ci ha
evangelica del pastore, il buon non più a Cesena) come dei laici di Azione Cattolica a cui paura di esporre lasciato in
pastore, che conosce le sue obiettivo quello di formare laici papa Francesco ha dato come le proprie idee eredità. Lancio
pecore, fascia quelle ferite, si credenti a pensare da cittadini missione quella di coltivare la una volta che le qui una
carica sulle spalle quella rimasta maturi. passione per la politica, quella avevi vagliate, meditate. E allora proposta: non pensate che sia
indietro ed è pronto a dare la GRAZIE Giovanni! Ho visto con la P maiuscola, beh qui vedevi questo uomo mite farsi arrivato il momento di fare
vita per loro. Così lui ha fatto incarnata in te la primavera Giovanni è stato un grande. La forte, perseverante come una risorgere anche a Cesena “Città
con tanti, tantissimi studenti (io piena di germogli del Concilio passione per il bene comune, la roccia anche se era in dell’uomo”? Io sì, io ci sto.
sono una di quelli) e con tante Vaticano II che papa Francesco passione per studiare i problemi minoranza, perché sapeva di Grazie Giovanni,
tante altre persone che non so ci fa riassaporare. Un laico “in e poi arrivare insieme a difendere non se stesso, ma contiamo su di te in Paradiso e lì
nemmeno elencare. Grazie uscita” che sente il mondo in cui elaborare nel confronto possibili quello che la propria vocazione il Signore ti avrà già detto il
Giovanni perché ci hai fatto vive e lavora come Chiesa soluzioni, mediazioni, che laicale (partecipe dell’ufficio grazie più bello.
toccare che solo chi dona la feriale, non solo quella che si salvaguardassero il bene sacerdotale, profetico e regale di Marina Orioli

UN’ASSOCIAZIONE VOLTI SORRIDENTI DALL’ASSOCIAZIONE PARROCCHIALE DI CASE FINALI DI


CESENA TESTIMONIANO LA BELLEZZA DI FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI AC

FRA MARI E MONTI


“Cara Azione Cattolica
ti scelgo perché...”
Le testimonianze di alcuni aderenti
di diverse parrocchie in vista dell’adesione.
“La Chiesa ha bisogno di laici responsabili
che sanno fare comunione fra loro e con i sacerdoti”

“C
ara Azione Cattolica, ti scelgo perché…”. In occasione Chiesa che ha sempre più bisogno di laici avessi iniziato questo percorso probabilmente
dell’appuntamento annuale con l’adesione, abbiamo voluto responsabili; di laici che sanno fare comunione tra non avrei mai avuto occasione di incontrare figure
raccogliere testimonianze da alcuni aderenti da diverse loro e con i sacerdoti, che sanno aprirsi al territorio che sono state per me degli esempi, non avrei
parti della nostra diocesi. Le tre domande che abbiamo loro posto ci anche vasto di una zona pastorale, senza paura di stretto amicizie che ancora oggi mi scaldano il
guidano a leggere le tracce che l’Ac ha lasciato e lascia oggi nelle vite smarrirsi. Vorrei un’Ac in missione permanente, cuore, non avrei trovato spazio e tempo per
di ogni giorno, in parrocchia e negli ambienti tutti, e aprono lo vorrei un’Ac dal cuore grande. riflettere sulla mia vita, sulla la persona che voglio
sguardo verso il futuro della nostra associazione locale e particolare. essere e soprattutto sulla mia fede e il mio
Ci guidano in queste riflessioni Marina Orioli, della parrocchia di rapporto con Dio. Ancora oggi dunque dico il mio
Case Finali, Unità pastorale Centro Urbano; Sara Romoli, di San Pio AC, scelgo ancora te perché… “Sì” all’Ac perché credo di avere ancora tanto da
X; Luca Ravaglia della parrocchia Santa Maria Cleofa (Budrio di Luca: Perché l’Ac è il mio modo di sentirmi a casa imparare e da capire e non voglio perdere nessuna
Longiano); Francesca Fabbri dell’Unità Parrocchiale Mercatese e nella Chiesa, con il suo stile popolare, accogliente, occasione per farlo.
Alessandra Fantozzi, di Santa Maria del Rosario in Sala di Cesenatico. fattivo e democratico. Perché riconosce il valore di
camminare insieme ai fratelli nella formazione
Cosa può dare l’AC alla parrocchia/zona pastorale cristiana, in tutte le età della vita. Cara AC ti auguro…
in cui vivi? Francesca: Perché ti sono riconoscente, perché mi Alessandra: Cara Ac ti auguro di continuare a
Marina: L’Azione Cattolica può essere una fonte di dialogo sia fido delle tue proposte formative, perché ho coltivare i tuoi carismi, d’essere sempre al servizio
all’interno della comunità, sia là dove si vive, si lavora, si soffre. Niente bisogno di una buona visione diocesana. Scelgo te, della Chiesa, di farti sempre strumento di crescita,
ci vuole essere estraneo della vita delle persone e del nostro tempo e Ac, e con te tutti i tuoi aderenti e i tuoi conoscenza e incontro.
desideriamo confrontarci con tutti per perseguire il bene comune. Mi simpatizzanti, scelgo di riconoscermi nella Francesca: Di avere sempre occhi nuovi per saper
sono sempre piaciuti i momenti unitari in Ac e credo che questa forma comunione che ci lega, che supera l’amicizia o le leggere, senza paura, il passato e, soprattutto, il
di dialogo tra generazioni vada ritrovata e incoraggiata. affinità e ancor di più le umane divisioni. Scelgo di presente e il futuro della nostra Chiesa particolare,
Alessandra: Credo che l’Ac possa essere, all’interno della parrocchia e tesserarmi per dare un aiuto concreto alla vita con lo sguardo amorevole di Gesù.
della zona pastorale, quel luogo in cui riscoprirsi partecipi di una dell’Associazione. Sara: Cara Ac, ti auguro di mantenere sempre quel
Chiesa in cammino, per essere tra la gente operai laboriosi che hanno Alessandra: Ac ti scelgo perché ancora oggi mi clima di accoglienza che ti caratterizza e
nel cuore il desiderio di Dio e l’amore per l’altro in tutte le sue stupisci, mi fai crescere e mi parli di un modo contraddistingue. In Azione Cattolica per fare
differenze e unicità. gioioso di essere Chiesa, in cui è bello mettersi alla gruppo non servono motti, uniformi o bandiere,
Sara: Penso che all’interno di una parrocchia, un gruppo di Ac sia un sequela di Gesù. in Ac basta una chitarra, una risata e tanta voglia
porto sicuro. Un ambiente in cui tutti si sentono liberi di partecipare e Marina: I laici paiono aver smarrito la passione di stare insieme. Ti auguro di rimanere sempre
dire la loro, senza però sentirsene in dovere. Un luogo in cui, a partire per questo mondo, dimenticando che questo è il così: una famiglia dalle mille forme, dai mille
dai più piccoli fino agli adulti, ognuno possa trovare negli educatori e luogo in cui il Signore si rende presente. Scelgo colori, aperta ad ogni esperienza e rivolta a tutti,
nei compagni, dei punti di riferimento per compiere un percorso di ancora te, Ac, perché coltivo la speranza che tu nessuno escluso.
fede adatto alla propria persona. L’Ac, nell’ambiente parrocchiale e di sappia aiutarci a uscire da questo torpore e a Luca: Ti auguro di saper sempre valorizzare la
unità pastorale, è un mezzo sicuro per poter intrecciare relazioni e ridestare quella passione che è stata ed è quella di ricchezza delle tue radici, dei tuoi testimoni santi
conoscenze forti con le persone che si hanno intorno ed anche con se Gesù e dei santi. più nascosti e quotidiani e di continuare a dare un
stessi. Ti scelgo ancora perché da sempre ti è cara la contributo qualificato e contemporaneo alla vita
Luca: L’Ac può fornire proposte di qualità per i cammini di fede delle formazione, una formazione non avulsa dalla vita. della Chiesa, restando fedele ai tuoi valori più
persone. In modo particolare, sento che oggi c’è grande bisogno di Ti scelgo perché credo nella forza del lievito che fa autentici, come formazione, gratuità, accoglienza,
dare risposte adeguate per la crescita spirituale e umana dei ragazzi fermentare la pasta scomparendo, in un tempo in stile di prossimità.
nel tempo che si apre oltre i sacramenti. cui sembra che solo chi appare conti e chi fa tante Marina: Vado in prestito di quanto nel 2017 papa
Alessandra: Credo che l’Ac possa essere, all’interno della parrocchia e cose valga agli occhi di Dio. Francesco ha detto ai soci di Azione Cattolica, in
della zona pastorale, quel luogo in cui riscoprirsi partecipi di una Ti scelgo perché ci hai insegnato a volere bene ai festa per il 150° anniversario di fondazione
Chiesa in cammino, per essere tra la gente operai laboriosi che hanno nostri vescovi, sacerdoti, parroci, a essere loro dell’associazione: “Allargate il vostro cuore per
nel cuore il desiderio di Dio e l’amore per l’altro in tutte le sue collaboratori generosi, chiedendo il rispetto per la allargare il cuore delle vostre parrocchie. Siate
differenze e unicità. nostra vocazione laicale. viandanti della fede, per incontrare tutti,
Francesca: L’Ac può formare, motivare, illuminare noi giovani e adulti Sara: Ac, scelgo ancora te perché dopo tutti questi accogliere tutti, ascoltare tutti, abbracciare tutti.
cristiani che abitiamo e amiamo la parrocchia o la zona pastorale in anni passati insieme, mi rendo conto che la mia È nel dialogo che si può progettare un futuro
cui abbiamo scelto di vivere. Occorre partire dall’essere, essere di esperienza in Azione cattolica è stata e rimane un condiviso”.
Cristo, essere nella sua Chiesa particolare. Essere a servizio di una tassello fondamentale per la mia crescita. Se non Claudia Coppari
IV Giovedì 29 novembre 2018 PropostAc

Amori in corso mettersi in gioco per far crescere il


loro amore. In questo cammino sono
susseguite, alcune hanno verificato che
forse quella non era la loro strada,
accompagnati da un sacerdote e da mentre altre sono arrivate al
23 anni insieme alcune coppie e insieme si
confrontano sui temi che stanno loro
matrimonio.
C’è una frase nel testo della canzone da
ffidarsi, meritarsi, orgoglio, restituzione, a cuore e sui quali chiedono dialogo, cui deriva il titolo del percorso - “Amori
A incontro, insieme, narrare, condivisione,
occhi, risate, scoperta, organizzazione.
confronto e ascolto.
Si scoprono emozioni, sentimenti, si
in Corso” di Claudio Baglioni - che è la
perfetta sintesi di tutto questo: “Amori,
Queste sono solo alcune delle parole che i affrontano anche argomenti scomodi, quanti chilometri di amori al mondo. Un
ragazzi che partecipano ad “Amori in corso” ma ognuno è libero di esprimersi con po’ smarriti in questo traffico di cuori.
hanno usato per definire questo cammino. grande rispetto, senza sentirsi Così diversi, così uguali di una vita o di
“Amori in corso” è rivolto a tutti i giovani giudicato. In 23 anni di amori in un secondo”.
che si vogliono bene e che hanno voglia di corso tante coppie si sono Raffaella Pepa e Stefano Neri

WEEK END DA DIO. Adulti e famiglie di Ac per tre giorni nel capoluogo toscano
Consigli per la lettura
FOTO DI GRUPPO INSIEME
Le novità dell’Ave ALL’ASSISTENTE DIOCE-
SANO DON PIERGIULIO
per l’anno associativo DIACO

A cent’anni dalla morte, avvenuta il 7 otto- Momento centrale per la


bre 1918, grazie all’autore Marco Zabotti, nostra riflessione è stata la
AVE pubblica “Giuseppe Toniolo. Nella sto- visita di Palazzo Vecchio e
ria il futuro”: prendendo spunto dalla re- del Salone dei ’200, sede
cente esortazione apostolica di papa del consiglio comunale,
Francesco Gaudete et exsultate e dagli inter- con la guida speciale del
venti dell’episcopato italiano sul beato To- neo-assessore Massimo
niolo, si ricercano la storia, le opere e i Fratini. Massimo ci ha
giorni del professore pisano, anche nelle sue parlato di La Pira, della
radici spirituali e culturali venete, e si pro- sua fede, dell’impegno per
iettano nell’oggi il suo straordinario apporto i poveri e la pace e di come
nel campo del pensiero e dell’azione sociale. ha saputo conciliare il suo
È intenso il bisogno di ritrovare Giuseppe essere cristiano, uomo
politico e insegnante negli
Toniolo, di “colloquiare” con lui, di cono-
anni difficili del dopo
scerlo e di riconoscerlo, di capire sempre
meglio la portata e la profondità del suo
messaggio di fede e di vita, la qualità dei
suoi pensieri, il valore delle sue intuizioni, la
A Firenze sulle orme guerra e della guerra fredda. Proprio
per aver vissuto fino in fondo la sua
vocazione, il 5 luglio 2018 il Papa ha
autorizzato la Congregazione delle

del sindaco La Pira


loro esemplarità. Cause dei Santi a promulgare il decreto
Il beato Toniolo è qui a dirci che la santità è riguardante “le virtù eroiche del Servo
possibile e appartiene a tutti. Che la coe- di Dio Giorgio La Pira”.
renza e la sintesi felice tra fede e vita sono Fede, impegno sociale, poveri:
una realtà fattibile. Che è tempo di essere tematiche più che mai attuali,
sale e luce. Non più ripiegati all’indietro, no-

I
l week-end da Dio 2018 è partito docente di Diritto romano. soprattutto dopo l’invito di papa
stalgici, paurosi. Come lui, per essere santi dalla lontana Sicilia, più A Firenze è arrivato anche il nostro bel Francesco a spendersi come laici
in una “società di santi”. precisamente da Pozzallo. Questa gruppo di “adulti al plurale”: adulti, cristiani nella politica con la P
*** città oggi è nota per il suo hotspot per giovani adulti, adultissimi, famiglie. Lì maiuscola.
“Sogna vivi scegli. Giovani protagonisti del migranti, ma qui il 9 gennaio 1904 è abbiamo gustato insieme opere d’arte Tre giorni ricchi e indimenticabili,
cambiamento”, scritto dai vicepresidenti nato da una famiglia semplice e povera stupende come il Museo dell’Opera del volati in un soffio. Proprio per questo, è
nazionali del Settore Giovani Luisa Alfarano Giorgio La Pira, il “sindaco santo”, oggi Duomo, il Museo del Bargello, le già in elaborazione una bella proposta
e Michele Tridente, prende spunto dai tre venerabile. La Pira si spostò poi a Cappelle medicee; abbiamo vissuto dell’Azione Cattolica diocesana da
verbi imperativi, forse un po’ forti, che di- Messina, dove iniziò gli studi di intensi momenti di spiritualità e segnare in agenda per la prossima
cono la passione con cui i giovani di Azione giurisprudenza, per trasferirsi abbiamo avuto il privilegio di estate: dal 13 al 20 luglio 2019 ci aspetta
Cattolica pensano alla loro vita e a quella di successivamente a Firenze, dove, conoscere una città nuova, vista con la prima “Settimana da Dio”.
tanti giovani coetanei. Ciascuno ha dei laureatosi, sarà per tutta la vita gli occhi del suo sindaco La Pira. Valentina Santerini
sogni nel cuore, sogni a volte fragili ma
grandi. Sono quei sogni per i quali ti si illu-
minano gli occhi e che ti danno forza nei
momenti difficili. Vivi, il secondo imperativo
forte, forse un po’ scontato, ma, in realtà, Due giorni giovani a Camaldoli il 20 e 21 ottobre si è svolto Camposcuola ACR (foto sotto)
non è per nulla scontato vivere al massimo l’appuntamento di spiritualità per i ragazzi tra i 18 e i 30 anni Vive ancora il ricordo di giorni stupendi
la propria vita. Il giovane beato Pier Giorgio nel cuore dei ragazzi.
Frassati ci ricorda che c’è una bella diffe- Il protagonista è stato san Paolo di
renza tra il vivere e il vivacchiare e tra questi Tarso che, da persecutore di Cristiani, si
due verbi, c’è lo scarto tra una vita piena e converte diventando testimone del
una vita che si trascina. Scegli perché solo i Vangelo. La sua storia di conversione
sogni veri sono quelli capaci di essere fe- non è così lontana dalla nostra quoti-
condi, di seminare pace, fraternità, gioia: in dianità: servire, custodire e conservare
sono passaggi fondamentali di una vera
una parola, sono capaci di generare bene. relazione. È stata un’esperienza che ha
Il volume è arricchito dal confronto quoti- regalato nuove amicizie e ha dato mag-
diano e dal reciproco accompagnamento giore consapevolezza del percorso di
all’interno della Presidenza nazionale, dai Azione Cattolica intrapreso.
sogni e dalle esperienze condivise con i con- Francesca Squeo
siglieri nazionali e i tanti collaboratori del
Settore Giovani. Ogni persona che cammina
a fianco degli autori è un tassello che impre-
ziosisce il percorso di fede ed essere insieme
all’interno dell’associazione fa sperimentare
la grazia di un costante esercizio di discerni-
mento comunitario, molte volte faticoso, ma
necessario e fecondo.
***
L’ultima opera di Anselmo Palini è dedicata
alla vita di Teresio Olivelli, uno dei tanti gio-
vani cresciuti negli anni del fascismo. La sua
vicenda biografica è al centro di numerose
pubblicazioni. Eppure vi sono degli aspetti
della sua vita e delle sue scelte che non sono
stati sufficientemente chiariti o esplorati.
Il testo dal titolo “Teresio Olivelli. Ribelle per
amore” offre un contributo per far cono- L’Azione Cattolica
scere, nella sua completezza e complessità, diocesana
Evviva
una persona che ha concluso la propria vita
con la totale offerta di sé nel famigerato si stringe attorno alla cara gli sposi!
lager tedesco di Hersbruck e che la Chiesa Marina Orioli per la morte Andrea Busi e Claudia Coppari
ha innalzato agli onori dell’altare con la della sua amata mamma sposi il 21 aprile,
EVA a San Domenico di Cesena
beatificazione avvenuta a Vigevano il 3 feb-
braio 2018. Il Signore della vita Giacomo Battistini e Giulia Nucci
Ivan Fusconi asciughi ogni lacrima. sposi l’8 settembre, a Sarsina
La nostra preghiera Felicitazioni e rallegramenti
Per informazioni: 392 3940351, e la nostra vicinanza da parte di tutta
ivan.fusconi@gmail.com siano di conforto. l’Azione Cattolica diocesana.
Valle del Rubicone Giovedì 29 novembre 2018 15

Gambettola È
stato presentato alla
cittadinanza nei giorni
scorsi il bilancio di
previsione 2019 del Comune di
recuperare risorse (quasi 100mila euro
l’ammontare).
“Grazie a questa cifra recuperata - ha
detto il vicesindaco Eugenio Battistini -

Bilancio 2019
La lotta all’evasione fiscale
Gambettola. Il sindaco Roberto
Sanulli ha sottolineato
l’importanza della sinergia fra i
vari uffici del Comune con un
inciso al lavoro svolto contro la
l’Amministrazione prevede di
abbassare l’addizionale Irpef, in
particolare sui due scaglioni più bassi,
quello da 10mila a 15mila euro e quello
da 15mila a 28mila euro. Le aliquote
GAMBETTOLA, 17 NOVEMBRE 2018 lotta all’evasione e all’elusione passeranno rispettivamente da 0,64 a
INAUGURAZIONE DI VIA DON MINZONI porta risorse per abbassare le tasse fiscale che hanno consentito di 0,54 e da 0,65 a 0,55. Verranno
aumentati gli sconti per le tariffe per i
servizi scolastici e il trasporto pubblico
- ha aggiunto il vicesindaco con delega
al bilancio - aumentando le risorse per
Conclusi i lavori al palazzo comunale le famiglie numerose che vi accedono.
Non saranno aumentate le imposte e le
tariffe dei servizi. Saranno riconfermati
gli sconti su Imu e Tasi per le abitazioni

Biblioteca dei ragazzi date in comodato d’uso gratuito ai


parenti in linea retta di primo grado
(genitori-figli, ndr)”.
Per quanto riguarda il piano

In arrivo a Montiano investimenti, “grazie al recente sblocco


degli avanzi pregressi - ha annunciato
Battistini - già a partire dal prossimo
anno sarà finanziato il secondo stralcio
dei lavori di riqualificazione di viale
Nuova organizzazione
T
erminati a Montiano i lavori di Carducci fino all’incrocio semaforico
miglioramento sismico al palazzo con viale Matteotti”. In arrivo anche la
comunale. Iniziati a novembre per il Comune. Al piano terra realizzazione di nuovi loculi cimiteriali
2017, si erano interrotti per alcuni mesi gli uffici di accoglienza dei (800mila euro), la messa in sicurezza
a causa di difficoltà finanziarie vissute degli edifici scolastici (450mila euro), la
dall’impresa esecutrice, la ditta cittadini. Spazi dedicati manutenzione di alcune strade e
“Mammoli edilizia” di Todi (Perugia), ai bambini al secondo piano. l’ampliamento del parcheggio attiguo
per poi riprendere a pieno ritmo la IL SINDACO DI MONTIANO FABIO MOLARI NEGLI SPAZI alla stazione.
scorsa estate. In arrivo nuovi arredi CHE SARANNO OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA DEI RAGAZZI Il sindaco Sanulli ha riassunto le
Si dice “molto soddisfatto” il sindaco principali opere pubbliche portate a
Fabio Molari, dopo i momenti di compimento nel corso del suo
apprensione per lo stop forzato. Gli municipale e ufficio tributi. saranno pronti entro l’anno e mandato: completamento dell’ultimo
interventi, realizzati grazie a un Al primo piano ci saranno l’ufficio l’inaugurazione è prevista a inizio 2019. tratto dei lavori di riqualificazione del
finanziamento regionale di oltre 400 tecnico, gli amministratori e ci sarà Nei mesi successivi - fa sapere Molari - centro urbano (corso Mazzini, angolo
mila euro, hanno riguardato sia spazio per una novità. Arriva la il Comune avvierà una serie di piazza Cavour e via Pascucci, sino al
l’esterno sia l’interno della struttura. Biblioteca dei ragazzi. Occuperà le due interventi: recupero della tomba storica Ponte della Libertà sul torrente
Recuperato, nel corso dei lavori, uno stanze centrali del primo piano e sarà al cimitero di Montiano; sistemazione Rigossa); riqualificazione di via Nenni,
spazio - sopra al Caffè centrale - che ammobiliata con nuovi arredi, “idonei - del tetto del centro culturale “San di via don Minzoni (nella foto in alto, la
sarà adibito ad archivio comunale. In dice il sindaco - a un uso piacevole da Francesco”; realizzazione della nuova recente inaugurazione) e del plesso
questi giorni, artigiani montianesi parte dei bambini”. Per favorire la scuola dell’infanzia a Montenovo. della scuola materna “Collodi”; messa
stanno ripristinando gli scuri in legno lettura fra i più piccoli, il Comune Per quanto riguarda il centro culturale, in sicurezza e rifacimento del verde alla
del palazzo. acquisterà, di anno in anno, con la ospitato nell’ex santuario francescano, scuola elementare in via Gramsci; area
Al termine dei lavori, il municipio avrà consulenza di un gruppo di genitori la chiusura perdura dallo scorso 19 cineraria nel cimitero urbano; orti
una nuova organizzazione. “L’idea - volontari, le pubblicazioni più nuove febbraio quando arrivò l’ordinanza di urbani di via Udine. L’impegno totale di
spiega il sindaco Molari - è di avere un destinate all’infanzia. “non utilizzabilità” per l’“inflessione di spesa è stato di oltre 6milioni e 500mila
comune aperto a tutti i cittadini, che sia Confermata al secondo piano la alcuni elementi dell’orditura euro. Quasi un milione e mezzo di
’casa comune’ della collettività”. Al pian collocazione della biblioteca moderna secondaria con conseguente principio opere pubbliche all’anno che saranno
terreno troveranno posto gli uffici e della sala del Consiglio comunale. Per di collasso di parte del manto di illustrate in uno opuscolo in fase di
deputati all’accoglienza dei cittadini: tutti i locali del palazzo sono previsti copertura”. ultimazione che sarà consultabile
anagrafe (Sportello facile), Polizia nuovi arredi (tavoli e sedie). Gli spazi Matteo Venturi anche sul sito del Comune.
Piero Spinosi

Montiano Longiano Gambettola Savignano


In parrocchia Concerto gospel “Nemo propheta” Fotografia
un documentario per il Cile Cultura e solidarietà Progetto europeo
su Lucio Dalla in Santuario Tre appuntamenti
I
l Comune di Savignano,
città del festival di
aro Lucio ti scrivo”. È il oncerto di beneficenza a i terrà nel teatro comunale di fotografia più longevo in
“LucioCDalla
titolo di un film dedicato a
che sarà proiettato al
C Longiano. Si terrà sabato 1°
dicembre alle 21 al santuario del
S Gambettola, venerdì 30 novembre alle
20,45, “Percorsi di solidarietà”, il primo di
Italia - il Si Fest - guida il
partenariato tra Italia, Danimarca, Olanda e Spagna, titolari del
teatro parrocchiale di Montiano Santissimo Crocifisso. A esibirsi tre appuntamenti dedicati alle “Giornate del progetto europeo “Rio - Reconstruction of Identities” finanziato
sabato 1 dicembre alle 21 e sarà il coro “Intercity gospel Nemo 2018-2019”, organizzate dal gruppo dalla Ue con 200mila euro nell’ambito del programma “Europa
domenica 2 dicembre alle 15. train orchestra” di Forlì, diretto culturale Prospettive. Alla serata,dedicata creativa”. Il progetto, di cui Savignano è capofila, mette le
L’evento è organizzato dalla dal maestro Valerio Mugnai. alla capacità degli italiani di dedicarsi agli quattro nazioni attorno a un tavolo (foto) per ricostruire,
parrocchia di Sant’Agata, in L’evento, a offerta libera, è altri, interverranno Giampiero Cofano, tramite il linguaggio fotografico, le rispettive identità locali ed
collaborazione con la Pro loco e organizzato dalla Caritas segretario dell’associazione Papa Giovanni entra nelle fasi operative. Domenica 25 novembre sono arrivati
col patrocinio del Comune. Al parrocchiale e dalle comunità XXIII, Arturo Alberti, fondatore dell’Avsi, e sul Rubicone cinque ospiti: Maja Dyrehauge Gregersen e
termine delle due proiezioni è dei frati minori conventuali e monsignor Giorgio Biguzzi, vescovo emerito Marine Gastineau in rappresentanza del Copenhagen photo
previsto l’incontro con il regista delle suore francescane di Makeni (Sierra Leone). festival, Marta Fernandez Sanz e Katerina Buil per Ad hoc
Riccardo Marchesini. missionarie di Assisi. I fondi Il secondo appuntamento si svolgerà gestion cultural, impresa culturale di Saragozza, e Clement
Il film è tratto da uno spettacolo raccolti andranno a sostegno mercoledì 5 dicembre, stesso luogo e stessa Saccomani e Francesco Zizola per Noor Foundation, agenzia
di Cristiano Governa con le delle famiglie povere del Cile, ora, con “Lo spirito dei luoghi” a cura di fotogiornalistica di Amsterdam. Nei prossimi 22 mesi in ciascun
canzoni di Lucio Dalla e con le dove i frati francescani guidano Carlo Antonio Conti. Il premio “Nemo Paese partner verranno organizzate residenze transnazionali
voci di Ambra Angiolini, tre missioni e dove, da alcuni propheta in patria” sarà assegnato al per fotografi, laboratori di fotografia anche con le scuole,
Alessandro Benvenuti, Piera anni, opera fra Fabio Mazzini, cineteatro Metropol l’11 gennaio 2019 a raccolte di foto sulle identità delle comunità locali, archivi
Degli Espositi, Neri Marcorè, originario della parrocchia di Sandro Faedi, missionario della Consolata in fotografici digitali, mostre con l’intento di condividere le
Ottavia Piccolo, Andrea Roncato, Bulgaria e già guardiano del Mozambico, dove dal 2017 è amministratore strategie culturali nel campo della fotografia.
Grazia Versani. convento di Longiano. apostolico della diocesi di Teti. (Ps)
Valle del Savio Giovedì 29 novembre 2018 17

L’Unione dei Comuni punta a fondi regionali per la riqualificazione dell’area

C
osa si è fatto in questo ultimo passerella a bordo lago che consenta di

Il lago di Quarto
anno per verificare la possibilità completare in sicurezza un percorso ad
di utilizzare l’invaso del lago di anello lungo tutto il perimetro del bacino,
Quarto a scopi di rifornimento e di un’aula didattica multifunzionale per
idrico? accogliere gruppi e scolaresche, attività
E come mai, a proposito di studi in corso didattiche e di informazione, offrire un
da parte di Romagna Acque per
prevedere nuovi bacini “a soccorso” del
lago di Ridracoli, il sindaco di Bagno di
Romagna Marco Baccini ha parlato di un
invaso a sud di Verghereto, uno nei pressi
Preziosa risorsa riparo ai visitatori. Segnaletica, arredi,
opere sulla sentieristica, pontili e
attraversamenti fluviali completano le
azioni previste. In questo modo l’area del
lago e i percorsi escursionistici e ciclabili
delle Gualchiere a sud di Bagno di attorno al bacino si potranno collegare
Romagna e uno in zona Premilcuore, con la rete escursionistica regionale.
senza citare il Lago di Quarto? Della L’obiettivo è ottenere 125.000 euro di
questione si è fatto portavoce anche contributo, i restanti 30.281,60 euro
il consigliere regionale necessari per l’intervento saranno a
Massimiliano Pompignoli, con una carico del Comune di Sarsina.
interrogazione in Regione. Il 21 Invece sul tema dell’eventuale utilizzo
dicembre 2017 l’Assemblea come risorsa idropotabile, in un periodo
regionale aveva approvato un di studi per “rinforzare” la risorsa di
ordine del giorno presentato tra gli Ridracoli, non pare che nell’ultimo anno
altri dallo stesso Pompignoli e dalla vi siano stati passi in avanti. Sull’utilizzo
consigliera Lia Montalti (Pd) che del lago di Quarto a scopi di rifornimento
impegnava la Giunta regionale a idrico l’assessore regionale Paola Gazzolo,
verificare la fattibilità tecnica di nella primavera 2018, rispondeva a una
sfruttare il lago di Quarto per scopi interrogazione del consigliere
di rifornimento idrico e a comitato “Dilaghiamo” e l’allora Ministro Pompignoli precisando che “compete ad
valorizzare l’area. Qualche iniziativa dell’Ambiente Gianluca Galletti e il Atersir individuare nel piano d’ambito gli
per la sistemazione della zona e dei sottosegretario alla presidenza del Consiglio interventi di manutenzione straordinaria,
sentieri circostanti c’è stata, con la
collaborazione col Comune della
Un ordine del giorno approvato Sandro Gozi). È in cantiere anche una più
complessiva sistemazione dei percorsi
le nuove opere da realizzare, nonché gli
interventi di adeguamento delle
associazione “Dilaghiamo”, e un piccolo
contributo regionale per attività di
dall’Assemblea regionale attorno al lago, presentata tramite l’Unione
dei Comuni per il finanziamento regionale. Il
infrastrutture già esistenti” e sottolineava
“come non ci siano previsioni di questa
promozione turistica (nella foto
l’incontro di un anno fa tra gli
impegna la Giunta sulla verifica progetto è denominato “Dal lago al bioparco:
interventi di riqualificazione e
natura nell’attuale pianificazione”. Nello
stesso momento, già da qualche tempo,
amministratori comunali, i tecnici
progettisti, il presidente di
della fattibilità dell’utilizzo valorizzazione ambientale e turistica
dell’area umida del lago di Quarto all’interno
Romagna Acque stava studiando la
fattibilità dei nuovi invasi a Verghereto,
Confcommercio Augusto Patrignani e
Giuseppe Satanassi, presidente del
dell’invaso per rifornimento idrico delle reti tematiche ed escursionistiche
regionali” e prevede la realizzazione di una
Bagno di Romagna e Premilcuore.
Alberto Merendi

San Piero in Bagno La valle si accende


Ritiro spirituale
di inizio Avvento in attesa del Natale
C
Intanto iniziano gli appuntamenti ol mese di dicembre entriamo in concorso “La
pre-natalizi. È in programma per pieno periodo pre-natalizio e i vetrina più bella”,
domenica 2 dicembre dalle 15,30 paesi si illuminano per rendersi con le foto
presso la Chiesa parrocchiale di San più accoglienti e pronti alla festa scattate da
Piero in Bagno, il ritiro spirituale di e all’incontro tra e con le persone. Stefano Giannini
inizio Avvento per le parrocchie della Tante le iniziative in programma. inserite nella
zona pastorale Sarsinate - Alta Valle “Per Natale tutta Sarsina si accende”, pagina Facebook
del Savio. commenta l’assessore del Comune “Sei di Sarsina
La meditazione iniziale, sul tema plautino Elsa Angela Cangini, che ha se..” e
“Viene il Signore e lavora con noi”, è coordinato gli incontri con gli operatori premiazione
affidata a suor Ornella Fiumana. per organizzare le iniziative natalizie. finale per la
Seguiranno l’adorazione eucaristica, A Sarsina i negozi rimarranno aperti vetrina che
la celebrazione del Vespro e il ritrovo nelle tre domeniche precedenti il riceverà più “like”. programma il pranzo seguito alle 16 dal
nella sala parrocchiale. Sarà Natale, da domenica 9 dicembre, con Dalle 14,30 “Natale con Avis in piazza” tradizionale presepio allestito nel
disponibile un servizio di baby-sitter. pomeriggi ricchi di animazione, tra con musica dal vivo, casa di Babbo borgo.
Dopo il pellegrinaggio a Sant’Alberico musica, giochi, casetta di Babbo Natale, Natale allestita in collaborazione con A San Piero in Bagno sabato 15
e l’incontro col vescovo Douglas esposizione di cesti natalizi. L’inizio Pro loco e commercianti, tisane e vin mercatino e animazione in via Pascoli
Regattieri sulla lettera pastorale sul degli appuntamenti è fissato per sabato brulè offerti dai bar della piazza. dalle 14 e domenica 16 mercatino e
lavoro e la festa, le comunità della 8 dicembre alle 18, in piazza Plauto, con Ad Acquapartita sabato 8 si svolgerà la animazione in via Marconi.
valle si ritrovano per prepararsi al l’accensione dell’albero e la quarta edizione del Presepe vivente. Anche a Bagno di Romagna il “lungo
Natale. partecipazione della banda. A Poggio alla Lastra, in Comune di Natale” comincerà con eventi e
Poi da domenica 9 comincerà il Bagno di Romagna, domenica 9 è in iniziative dall’8 dicembre. (Al.me.)

Mercato Saraceno | La festa degli alberi Cesena | Cna Cesena Valsavio in assemblea

L’IMMAGINE DELLA SCOLARESCA CON STUDENTI DI MERCATO SARACENO DI OLTRE SES- ERANO OLTRE 300 LE PRESENZE ALLA SERATA DI GIOVEDÌ 22 NOVEMBRE AL TEATRO VERDI DI
SANT’ANNI FA SI RIFERISCE AL 21 NOVEMBRE 1955, GIORNO DELLA “FESTA DEGLI ALBERI”, CESENA, IN OCCASIONE DELL’ASSEMBLEA ANNUALE DI CNA AREA CESENA VAL SAVIO, CHE HA
CON IL GIOVANE INSEGNANTE GIOBBE GENTILI (1929 - 2018) CHE DIVENTERÀ POI DOCENTE CONSENTITO ALL’ASSOCIAZIONE DI APRIRSI ALLA SOCIETÀ CIVILE. Al centro del dibattito il
di materie classiche al Liceo “Vincenzo Monti”di Cesena e politico lungimirante, nonché presi- tema della fusione tra comuni. Dopo l’assemblea, si sono svolte le premiazioni “Cna col Cuore”, la
dente per anni dell'Opera 'Maria Fantini' e dell'Opera 'Don Dino Cedioli” a Cesena dove ha rice- cena di gala e per finire lo spettacolo di Paolo Cevoli aperto alla cittadinanza. Obiettivo di Cna Ce-
vuto, nel 2013, il “Premio Malatesta Novello”. Torna alla memoria questa festa che si celebrava, sena Val Savio era quello di riflettere gli esiti di sondaggio condotto tra gli associati, e raccogliere il
ogni anno il 21 novembre. Istituita nel lontano 1899 pare sia una di quelle ricorrenze “superate”; parere degli imprenditori sula fusione, tema di interesse strategico per le comunità, per proseguire
non si festeggia più come un tempo quando si ricordava con attenzione il valore degli alberi. (Et) il confronto, da tempo avviato, con l’Unione e con le singole amministrazioni.
18 Giovedì 29 novembre 2018 Solidarietà

Cesena Associazione “Penelope” Cesenatico | Un defibrillatore “granata”


Orizzonti onlus Persone scomparse
Mercatino
di Natale al via Due convegni in Romagna
l via le iniziative di Natale a onlus “Penelope” (Associazione nazionale delle famiglie e degli
A della onlus cesenate
Orizzonti. Dall’1 al 24
L amici delle persone scomparse) propone due convegni in
Romagna. Il primo, sul tema “Scomparse: dallo stalking al
dicembre all’ingresso di femminicidio”, si svolgerà venerdì 30 novembre dalle 15,30 nella Sala
Palazzo Ghini, in corso Sozzi plenaria del Palazzo del turismo di Bellaria, in via Leonardo Da Vinci. A
39, si svolgerà un mercatino di moderare l’incontro, l’avvocato Carlotta Mattei. Interverranno: Cristina
beneficenza. Sarà attivo dal Zanotti, assessore alle Pari opportunità del Comune di Bellaria; Marisa
lunedì al sabato dalle 9,30 alle Degli Angeli Golinucci, presidente dell’associazione “Penelope” Emilia
12,30 e dalle 15,30 alle 20; la Romagna; Elisabetta Melotti, procuratore capo presso il tribunale di
domenica solo in orario Rimini; Fiorenzo e Alberto Alessi, avvocati di Jessica Notaro; Silvia
pomeridiano. Prevista anche Gentilini, dirigente del Commissariato di Polizia di Faenza; Antonio
un’asta di oggetti d’arte e di Maria La Scala, presidente nazionale associazione “Penelope”. DONATO UN DEFIBRILLATORE ALL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA
alto artigianato, donati da Il secondo convegno, sul tema “La scomparsa: ricerche e criticità”, si “GRANATA” CHE, DA OLTRE 40 ANNI, GESTISCE UNA SCUOLA CALCIO A CESENATICO, IN
artisti o da privati. svolgerà sabato 1 dicembre dalle 9,30 nel Salone comunale di Forlì, in ZONA PONENTE. A offrire lo strumento salvavita sono state le agenzie del gruppo Tecno-
Appuntamento domenica 16 piazza Saffi. A moderare l’incontro, Giacomo Franchi, esaminatore casa di Cesenatico. La consegna è avvenuta sabato 24 novembre 2018, alla presenza del
dicembre alle 15,30 presso la forense. Interverranno: Davide Drei e Raoul Mosconi, rispettivamente sindaco Matteo Gozzoli. “Ringrazio Tecnocasa - ha detto il primo cittadino - per aver scelto
sala “Biagio Dradi Maraldi” sindaco e assessore alle Politiche sociali del Comune di Forlì; Fabio un nostro centro sportivo gestito dalla cooperativa “Granata” per questa importante dona-
dell’ex Cassa di Risparmio di Coppolino, comandante provinciale dei Carabinieri; Marisa Degli Angeli zione. Il centro sportivo di Ponente è importante sia come centro per le giovani generazioni
Cesena. Il ricavato sarà Golinucci, presidente dell’associazione “Penelope” Emilia Romagna; che frequentano la scuola calcio, sia in chiave turistica per i tanti tornei che vi si svolgono”.
devoluto a progetti in Siria e Giorgio Di Munno, dirigente della Polizia di Stato di Cesena; Antonio “Questa iniziativa - fanno sapere da Tecnocasa - consente a tutti gli operatori del Gruppo di
in Venezuela. Maria La Scala, presidente nazionale associazione “Penelope”. diventare ancora di più parte integrante del quartiere”.

Fondazione Avsi Salute Clownterapia


Nuovi progetti Fibromialgia Clown in corsia d’ospedale
per allargare lo sguardo A Cesena un focus
con medici e pazienti Docufilm e tavole rotonde
S
iamo “tutti sotto lo stesso
cielo”. È il messaggio che
lancia la fondazione Avsi con iconoscere e gestire la fibromialgia, sperienze di clownterapia in Italia. Mercoledì 5 dicembre sarà
la Campagna Tende 2018-2019.
Cambiano le circostanze intorno a noi, ma il cielo sotto il quale ci
R malattia reumatica difficile
da diagnosticare.
E presentato in anteprima assoluta il docufilm “Clown in corsia”
all’Aula Magna del dipartimento di Psicologia di Cesena. L’evento,
muoviamo, è lo stesso. Questa consapevolezza aiuta a riconoscere con Per approfondire il tema Amrer, gratuito e aperto a tutti, dà diritto a 4 crediti Ecm per le professioni
nitidezza l’ingiustizia di situazioni non accettabili, di fronte alle quali Associazione malati reumatici Emilia- sanitarie. Appuntamento alle 14 con l’apertura del seminario.
non è possibile accomodarsi e voltarsi dall’altra parte. La nuova Romagna, promuove un incontro Al termine della proiezione, è prevista una tavola rotonda su “I clown
Campagna Avsi invita ad allargare lo sguardo su quattro situazioni: c’è pubblico fra medici e pazienti che si in pediatria” e una su “I clown in oncoematologia” con dibattito
un modo concreto per ridurre la distanza tra noi e chi vive ancora in svolgerà sabato 1 dicembre dalle 9,45 al aperto al pubblico.
guerra in Siria, da profugo in Brasile, in estrema povertà in Burundi e palazzo del Ridotto a Cesena. Interverranno: il regista Matteo Medri; i clown dottori Fabio Ambrosini
Kenya, da rifugiato o senza tetto in Italia. Parteciperanno ai lavori, dopo il saluto (Ancona), Laura Donzella (Roma), Chiara Faggiano (Cesena), Roberto
A Cesena il via all’iniziativa è in programma sabato 1 dicembre alle delle autorità, il direttore di Medicina Flangini (Cesena), Paolo Scannavino (Roma), Linda Venturi (Cesena); il
19,45 presso la sala parrocchiale di Martorano. La serata prevede una interna del Bufalini Beniamino Praticò; pediatra ed ematologo Augusto Biasini; Rossella Braviccini,
cena di raccolta fondi con musica dal vivo e intrattenimento per tutte Davide Botturi del Servizio assistenza coordinatore infermieristico al Bufalini; Ottavia Cantuti Castelvetri,
le età. Interverrà Edoardo Tagliani, direttore dei progetti Avsi in Medio territoriale della Regione; Simona Bosi, presidente Fnc; Umberta Dradi, coordinatore infermieristico al
Oriente (Siria, Iraq, Libano e Giordania). reumatologa dell’Ausl Romagna; Bufalini; Davide Melandri, dirigente medico del Bufalini; Elisabetta
Sabato 15 dicembre alle 18, a San Rocco, Davide Rondoni presenterà il Giovanni Musetti della Terapia antalgica Montesi, responsabile fundraising dell’Ausl Romagna; Oro Katia
suo libro “L’amore non è giusto”. A seguire, cena e festa a favore del del Bufalini; Lino Gilioli del Consorzio (infermeria oncoematologica pediatrica Ancona); la psicologa Giulia
progetto Avsi “Una compagnia che allarga la casa”. Per prenotare cena circuito termale Emilia Romagna; Emi Palego; Paola Sama, coordinatore infermieristico al Bufalini; Marcello
ed eventuale servizio babysitter è possibile contattare Claudia Fava Rossi delle Terme della Fratta. In Stella, dirigente medico del Bufalini; Vima Valmori della direzione
(349 6445884) entro lunedì 3 dicembre. chiusura, l’intervento di Daniele Conti di medica degli ospedali Bufalini e Marconi.
Amrer onlus. La fine dei lavori è prevista per le 18. Per informazioni: 366 5453893.

Le priorità di Cisl, Cgil, Uil a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL
per la Legge di bilancio
Si è svolto lunedì 26 novembre a Cesena
l’Attivo unitario dei quadri e dei delegati
di Cisl, Cgil e Uil.
NOTIZIARIO PENSIONATI (tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

I sindacati hanno affermato con forza la il Paese, ma la povertà non si


necessità che lo sviluppo del Paese sia combatte se non c’è lavoro e non si Come usufruire del Bonus ristrutturazioni
supportato da politiche espansive e che rafforzano le grandi reti pubbliche
sia necessario il superamento delle del Paese: sanità, istruzione e servizi Come previsto dalla Legge di PIXABAY.COM - sostituzione di infissi;
politiche di austerity che, in Italia come all’infanzia e assistenza. Bilancio 2018, i contribuenti - installazione di collettori solari;
in Europa, hanno determinato profonde Del tutto assenti sono i riferimenti che intendono accedere al - sostituzione di generatori di calore
disuguaglianze, aumento della povertà, all’innovazione nella Pubblica bonus ristrutturazioni sono con caldaie a condensazione;
crescita della disoccupazione, in Amministrazione e al rinnovo di obbligati a trasmettere al- - generatori di calore ad aria a
particolare giovanile e femminile. La contratti in essere e di quelli futuri. l’Enea (Agenzia nazionale per condensazione;
manovra del Governo, pur Sulla previdenza è positiva l’apertura le nuove tecnologie, l'energia - pompe di calore per climatizzazione
rappresentando una prima inversione di di una base di confronto su “quota e lo sviluppo economico so- degli ambienti;
tendenza, mostra elementi di 100”, ma manca qualunque stenibile) le informazioni sui - sistemi ibridi;
inadeguatezza ed è carente di una riferimento alla pensione di garanzia lavori effettuati. La trasmis- - microcogeneratori;
visione del Paese e di un disegno per i giovani, agli interventi a favore sione dei dati dovrà avvenire entro il termine di 90 - sostituzione di scaldacqua tradizionali con
strategico che sia capace di ricomporre e delle donne, ai lavoratori precoci e
giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o scaldacqua a pompa di calore;
rilanciare le politiche pubbliche lavori gravosi e la separazione tra
del collaudo. - installazione di generatori di calore a biomassa;
finalizzate allo sviluppo sostenibile e al previdenza e assistenza.
lavoro. L’utilizzo degli oltre 22 miliardi di Sul versante fiscale i provvedimenti Per gli interventi già conclusi, il termine dei 90 - installazione di sistemi di contabilizzazione del
spesa previsti in deficit dalla manovra annunciati sono percepiti come giorni per l’invio delle informazioni decorrerà dal 21 calore negli impianti centralizzati;
deve essere finalizzato a nuove politiche iniqui e sbagliati in quanto si sceglie novembre 2018. Se conclusi prima del 21 novembre - sistemi di termoregolazione e building
che mettano al centro il lavoro e la sua di introdurre un nuovo condono 2018, vanno comunicati entro il 19 febbraio 2019 (90 automazione;
qualità, in particolare per i giovani e le premiando gli evasori e non si riduce giorni dalla pubblicazione del sito). - impianti fotovoltaici;
donne, che siano in grado di contrastare il cuneo fiscale per i lavoratori e per i Gli interventi interessati sono: - installazione di elettrodomestici di classe energe-
l’esclusione sociale e la povertà; che pensionati, non si prevedono né una - riduzione delle dispersioni termiche di pareti tica elevata collegati a un intervento di recupero del
determinino processi redistributivi e di maggiore progressività delle imposte verticali; patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gen-
coesione nel Mezzogiorno; che e interventi sui patrimoni dei più - coperture e pavimenti; naio 2017.
prevedano investimenti in infrastrutture ricchi e non si programma un deciso
materiali e sociali; innovazione, scuola, contrasto all’evasione.
formazione e ricerca, prevenzione e Queste le conclusioni. Riteniamo che l’aumento delle risorse europee per gli riparta dalla coesione, dall’inclusione e libero, dignitoso e di qualità, si basa su
messa in sicurezza del territorio e che il confronto con l’Europa sulla investimenti; per la sostenibilità ambientale dall’integrazione, antidoti alle paure di un sistema virtuoso di convivenza,
sostengano le politiche industriali. manovra dovrebbe essere e per le politiche di coesione. dell’altro, in un sistema virtuoso di rispettoso delle necessità e dei bisogni
La manovra traccia invece un percorso caratterizzato più che da Le proposte che Cisl, Cgil e Uil intendono convivenza in cui il lavoro può favorire le delle persone, in un’ottica di reciprocità,
diverso. Mancano le risorse per gli atteggiamenti strumentali spesso presentare per la prossima legge di bilancio politiche di integrazione dei migranti, chiave di volta per una reale
investimenti poiché si privilegia la spesa reciproci e da tensioni anti- delineano un modello di sviluppo del Paese evitando forme di sfruttamento, di integrazione. Soltanto una buona
corrente, si preannunciano ulteriori tagli europeiste, da una grande e seria fondato sulla sostenibilità sociale e caporalato, che, negando le condizioni politica di accoglienza, equa, solidale e
e si introducono misure che non battaglia per cambiare lo statuto ambientale, sulla solidarietà nazionale, di vita e di lavoro dignitoso, favoriscono sostenibile può permettere una corretta
determinano creazione di lavoro ma economico europeo e le politiche anche in netto contrasto con scelte le speculazioni malavitose che si nutrono integrazione, mettendoci al riparo da
rischiano di rappresentare mere economiche attraverso lo scomputo autonomiste che la potrebbero del disagio sociale. possibili degenerazioni razziste e
politiche di assistenza. Il contrasto alla delle spese per investimenti compromettere. Un Paese che costruisce il proprio futuro xenofobe di cui l’Italia non ha certo
povertà è senza dubbio una priorità per materiali e sociali dal deficit, Le tre sigle sindacali vogliono un Paese che e lo rappresenta a partire dal lavoro, bisogno.
Radici&Futuro Autunno Giovedì 29 novembre 2018 19

IL MITO DELLA GENESI DEI SOPRANNOMI IN ROMAGNA. Ne potevano


affibbiare uno per un difetto fisico, per la voracità, per la somiglianza a un
animale, per la casata di provenienza. E anche se si combinava qualcosa che
rimaneva nella storia del paese

I registri contabili di un tempo


riportavano solo soprannomi COLAZIONE TRA LE RIGHE
Racconto: Serena Menghi

L
a scorsa settimana abbiamo visto come i
soprannomi vengono usati ancora nei piccoli Foto: Denise Biondi
centri abitati e nelle campagne. Ricetta: Marika Lombardi
In Romagna, cinquant’anni fa, bastava dire il
soprannome e tutti immediatamente capivano. Oggi
tenteremo di individuarne la genesi. Si partiva dal
nome patronimico (Toni ’d Michil) oppure l’accenno Sbucciare tre mandarini e unire l’asso vincente
al mestiere esercitato (Jusef de’ fabar - Zvanon de’ alla partita.
trator). Nel mercato del bestiame non si andava Aggiungere vino e risate q.b., poi mettere l’im-
avanti che coi soprannomi. Sfogliando alcuni libri pasto ottenuto attorno al tavolo di un pome-
nell’ufficio di un notissimo commerciante di Lugo, si riggio piovoso.
notano partite intestate coi soprannomi: E’ mor de’ Le carte sparpagliate sulla tovaglia, l’ultimo
sdarz, Muritell de’ Catzlon, E’ sbrengh, E’ svezzar, E’ mandarino rimasto.
mor de’ Rose, E’ Gagiôn... Certo è che i soprannomi in L’odore di sigaretta spenta sulla buccia color
genere devono aver avuto origine da un atto o da un arancio. E tu che sorseggi l’autunno.
fatto che serviva a determinare un dato soprannome
piuttosto che un altro. E questo si può chiaramente
vedere da quelli nuovi, cioè affibbiati di recente a chi
compie qualcosa che si distacca dal comune, che è
da ricordare.
Qualche volta il soprannome ha avuto origine da una
parola qualsiasi che un tale aveva il vezzo di ripetere Plumcake
troppo spesso. Per esempio “me degh o l’è vera”. Se la
ricerca di queste provenienze potesse avere qualche al mandarino
interesse si troverebbe con sicurezza e in breve la
genesi di quasi tutti i soprannomi e anche il fatto o il
detto che li determinò. Alcuni derivano dal luogo di
origine, come Cmacès, Bulgnès, Furlès, Mugiana,
Ruman, Vintsian, Ravgnan. Alcuni sanno di autorità,
come E’guéran, E’ vescuv, E’ paruch, E pépa, E’
sendich, E’ Signor, E’ popul, Garibeldi. Molti sono
derivati dai generi alimentari: Caplett, Lisagnott,
Macarön, Brasula, Bistech, Salamen, Panett, Pulintôn. capostipite. Quando sentite dire che un tale lo
Altri provengono dal regno animale, quali Gatôn, chiamano l’imbalzè credete che cammini spedito?
Cagnôt, Vuipetta, Sumaren, Ranoc. Altri ancora si Se a un altro sentite dire l’imbarlè credete che non
rifanno ai più comuni volatili: Rundanena, E’ merel, abbia una imperfezione fisica che lo fa apparire tale?
Pizôn, La ciòzza, Pujan, Quaja. Molti altri non sono che E’ gobb, E’ tistôn, E sguerz, E merz, sono tutti
indumenti, quali Bretta, Caplena, Gabana, Bragunôn, soprannomi derivanti da difetti fisici.
Muda, Cassetta, Curpett. Alcuni facevano riferimento Un tempo vi erano molti nomi doppi come Pir-
alle monete: Bajoch, Tripéval, Sterlena, Bajuchen, Sintôn, Pir-Zvanì, Zvan-Antoni, Pir-Batzton.
Zantesum. I componenti di una famiglia prendevano il L’arzdor che portava uno di tali nomi formava
nome o il soprannome, anche per più generazioni, dal senz’altro il soprannome della famiglia e ai
personaggio più conosciuto della famiglia stessa: per discendenti si diceva invariabilmente Zvanôn Ingredienti:
esempio i Camel dal nome del più noto Camillo e così d’Pirsiniô, Toni d’Pirmareja.
per il soprannome, per esempio i Bajoch dal più noto Diego Angeloni 4 mandarini
200 gr di farina integrale
80 gr di zucchero di canna
1 bustina di lievito

Le cose dei nonni La soluzione a “Le cose dei Proverbio 1 uovo


1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
nonni” della scorsa settimana, E tocca sempr’a i schêlz
è: e’ pisadur, o bucalét, andê pr’ i spen. Procedimento:
o urinèri (vaso da notte, tenuto Tocca sempre a chi è scalzo cammi-
sotto il letto). nare sugli spini. Spremere 3 mandarini e unirli alla farina, allo
La soluzione esatta è stata data zucchero e al lievito.
per primo da Giuseppe Bono: In questi giorni in cui lo “spread” ha su- Aggiungere l’uovo e l’olio. Mettere l’impasto ot-
vince il libro “Te lo do io il bar- perato quota trecento, i nostri parla- tenuto in uno stampo da plumcake.
mentari, ricordandoci che è tempo di Sbucciare il quarto mandarino e tagliarlo a fette
bone” da ritirare in redazione, via
sacrifici per tutti, hanno annunciato il sottili.
don Minzoni 47, Cesena. Disporre sul plumcake e infornare a 180° per
taglio dei vitalizi. Noi che intuiamo
Tra i partecipanti che hanno dato come andrà a finire, sappiamo bene 30-35 minuti.
la soluzione esatta, è stata sorteg- chi dovrà sopportare veramente i di-
giata Antonia Rendine. Vince un sagi di questa crisi. E saranno i più de-
I nostri lettori sono invitati a indovinare l’og- vassoio di 10 bomboloni della boli, gli ammalati, i veri invalidi, i
getto della memoria. Che cosa è? tradizione da ritirare presso la pensionati al minimo, i cassaintegrati
La soluzione, rigorosamente in dialetto, va co- pasticceria “Caffè le millevoglie”, e tutti quelli che si troveranno ad avere
municata alla redazione viale Abruzzi 233 angolo via Lazio bisogno di quelle provvidenze sociali
(redazione@corrierecesenate.it, a Cesena (zona stadio), che saranno tagliate per non aumen-
tel. 0547 1938590). entro il mercoledì mattina suc- tare le tasse. Allora è proprio vero:
Primo premio: un libro. Premio a sorteggio fra “Sono sempre gli scalzi che devono an-
cessivo la pubblicazione del vin-
tutti i partecipanti: un vassoio di bomboloni. dare sulle spine!” . D. A.
citore.

Ingredienti per 4 persone


L’azdora di Romagna 1,2 Kg di telline
di Giusi Canducci 200 gr di polpa di pomodoro
1 spicchio di aglio
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale, pepe
Lavare accuratamente le telline. Lasciarle un’oretta a bagno in acqua sa-
Telline al tegame lata in modo che spurghino la sabbia.
In un tegame piuttosto ampio rosolare l’aglio con l’olio. Aggiungere la
L e telline, o per meglio dire le poveracce,
erano il piatto povero dei nostri nonni.
In realtà anche oggi hanno un prezzo ab-
polpa di pomodoro e far cuocere per qualche minuto, aggiustare di sale e
pepe.
bordabile, soprattutto se confrontate alle Quando il sugo sarà bello asciutto, eliminare l’aglio e versare le telline
più nobili vongole veraci. Ma il prezzo più ben scolate, mescolare bene e coprire. Cuocere a fuoco vivo fino a quando
basso non significa qualità inferiore. Al con- tutte le telline saranno aperte, basteranno pochissimi minuti.
trario, il sapore delle poveracce è davvero Portare in tavola nel tegame di cottura e accompagnare con pane case-
eccellente. reccio tostato.
20 Giovedì 29 novembre 2018 Cesena&Comprensorio

CESENA
Cesenatico ◗ Cesenatico ◗ Cesenatico ◗
Mostra di Mauro Pipani Sisters & Friends in concerto Le fotografie di Luigi Tazzari
Si potrà visitare fino al 20 gennaio a Casa Moretti a Cesenatico e
Gino Barbieri e Renato Serra alla galleria d’arte Damasco a Cesena la personale “Luoghi Nel giorno dell’inaugurazione dell’Ice È prorogata a domenica 16 dicembre la
L’associazione Auser e Il Teatro delle Lune hanno riflessi” di Mauro Pipani, cesenaticense di nascita. In esposizione Park & Christmas village, sabato 1 mostra “Addio colonia” del fotografo Luigi
organizzato un incontro sul tema “Gino Barbieri e un centinaio di opere suddivise tra le due sedi. La mostra è curata dicembre dalle 15,30 in piazza Andrea Tazzari, alla galleria comunale d’arte
Renato Serra artisti nella Grande guerra” nel da Flaminio Gualdoni, che interverrà all’inaugurazione, a Costa risuoneranno le note delle “Leonardo da Vinci” in viale Anita Garibaldi.
centenario della fine della Prima guerra mondiale. Cesenatico sabato 1 dicembre alle 18 al Museo della Marineria e “Sisters & Friends”, gruppo musicale Si mette in evidenza ciò che resta delle
Avrà luogo nella sala della Fondazione della Cassa domenica 2 dicembre alle 18 a Cesena alla galleria Damasco in via di nove voci femminili e 5 maschili, colonie della riviera romagnola. Lungo i suoi
di Risparmio venerdì 30 novembre alle 17. I testi Fra Michelino 9. Questi gli orari di visita: a Casa Moretti il sabato, coordinato e diretto da Rossano sessanta chilometri si nascondono circa 240
sono di Franco Spazzoli, le letture di Maurizio la domenica e i festivi dalle 15,30 alle 18,30; dal 22 dicembre al 6 Scanavini. Un viaggio nella musica di questi mastodontici edifici abbandonati.
Mastrandrea e Denis Presepi, le canzoni di Marco gennaio tutti i giorni nelle stesse ore. A Cesena tutti i giorni, italiana dagli anni Sessanta a oggi e Orari di apertura: il sabato, la domenica e i
Fiumana e Valerio Marani. L’ingresso è libero. lunedì e giovedì esclusi, dalle 16 alle 19. in chiusura brani dedicati al Natale. festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Storia ed educazione
Nella sala “Maria Fantini” in via Renato Serra, ◆ Cheryl Porter canta per la ricerca. Lunedì 3 dicembre “Io valgo”
venerdì 30 novembre alle 15,30, a cura dell’Ute, il al teatro Bonci
dottor Giancarlo Cerasoli terrà una conferenza su
“Medici ebrei a Cesena e Forlì nel 1938”. Martedì 4
dicembre alle 15,30 lo psicopedagogista Giorgio
Al Bonci serata Giornata dei diritti
delle persone
Biondi parlerà de “Il cammino educativo di don
Lorenzo Milani: gli anni di Barbiana”.
con “Mina” e “Aretha” con disabilità
n occasione della giornata
Ipersone
internazionale dei diritti delle
I giardini nel Medioevo
L
a solidarietà siede in poltronissima. È tutto grup- con disabilità che ricorre il 3
pronto per l’ottava edizione del galà natalizio po di dicembre, la comunità Papa Giovanni
Un incontro dedicato al giardino medievale nelle
dei Club service di Cesena che lunedì 3 dicem- Patolo- XXIII propone eventi e manifestazioni
celebrazioni del 600esimo della nascita di
bre vedrà sul palcoscenico del “Bonci” la cantante gia ga- in varie parti d’Italia.
Malatesta Novello. Si terrà venerdì 30 novembre alle
statunitense Cheryl Porter. Per la prima volta un’ar- stroen- A Cesena lunedì 3 dicembre il centro
17 nell’aula magna della Malatestiana. Patrizia
tista non italiana interpreterà i più grandi successi di terico si focalizza dunque sulle interazioni che diurno Don Oreste Benzi organizza
Caraffi, docente di Filologia e Letteratura romanza
Mina con un pizzico di musica soul in riferimento ci possono essere tra le cellule tumorali e le al- una marcia attraverso il centro
all’Università di Bologna, terrà una conferenza sul
alla compianta Aretha Franklin. tre del sistema immunitario al fine di indivi- cittadino “per promuovere e sostenere
tema “Rappresentazioni del giardino nella
La serata, che sarà presentata da Fabiola Casadei, è duare strategie terapeutiche personalizzate il diritto della persona con disabilità
Letteratura medievale romanza”.
sostenuta da 27 sponsor e organizzata dai sette club più efficaci. ad esesre protagonista della storia e
cesenati (Agora, Ladies Circle 3, Lions, Panathlon, Prosegue così, da parte dei Clubs service di della società”. Ritrovo alle 9,45
Commedia, cinema e lirica Rotaract, Rotary e Round Table 3) che da otto anni re- Cesena, la preziosa attività di sostegno alla ri- davanti al teatro Bonci; seguirà il
plicano l’appuntamento per raccogliere fondi a fa- cerca oncologica dell’Irst che, negli anni, ha saluto di Daniele Severi, responsabile
Al Victor di San Vittore, venerdì 30 novembre si vore della ricerca contro i tumori. Quest’anno i pro- portato alla raccolta di 71.500 euro destinati a di zona della Papa Giovanni XXIII. A
chiuderà la rassegna “Pvlon Matt” delle commedie venti saranno devoluti a un importante progetto di due studi sul tumore del seno, uno sulla pro- seguire, partenza del corteo, sosta
dialettali. Alle 21 la compagnia cesenate “La Broza” ricerca contro i tumori gastrici in corso al laborato- stata e uno contro la leucemia mieloide acuta. davanti al sagrato del Duomo e saluto
presenterà “L’eredità dla pora Sunta”, tre atti rio di Bioscienze Irst, coordinato dal dottor Luca Grande la soddisfazione manifestata da Cate- del vicario generale don Pier Giulio
brillanti di Loredana Cont. La regia è di Fausto Frassineti e dalla ricercatrice Chiara Molinari. “Si rina Lucchi, Ester Castagnoli e Carlo Fiumana, Diaco; flash mob con gli studenti
Ceccarelli. Ingresso 7 euro. Giovedì 29 novembre, tratta - ha spiegato Frassineti nel corso della confe- rispettivamente presidenti Lions, Rotary e Pa- dell’Ips “Versari-Macrelli”. Alle 11,15
sabato 1, domenica 2 e martedì 4 dicembre alle 21 renza di presentazione dell’evento - di una malattia nathlon, che dell’evento ne hanno sottolinea- arrivo in piazza del Popolo, flash mob
in visione il film di Guido Chiesa “Ti presento Sofia”. che ha segnato negativamente il nostro territorio”. to il valore etico. collettivo e musica dal vivo; alle 11,30
Domenica 2 dicembre alle 15 e alle 17 sullo schermo Lo studio della dottoressa Molinari e dell’equipe del Alessandro Notarnicola saluto delle autorità e testimonianze.
il film d’animazione “Smallfoot-Il mio amico delle
nevi”. Lunedì 3 dicembre alle 20,30 dal teatro La
Fenice di Venezia sarà trasmesso il “Don Giovanni”
di Wolfgang Amadeus Mozart. Ingresso 10 euro.
Cesenatico ◗ Sant’Angelo di Gatteo ◗ Mercato Saraceno ◗
Canto di Natale Si accende l’Albero di Natale Un libro e un film
Tosca di Giacomo Puccini L’associazione dei genitori “La Magica Un pomeriggio di festa in famiglia sabato 1 Ultimo spettacolo al Dolcini della rassegna “Lo
Notte” ripropone “Scrooge. Il magico dicembre in piazza Arturo Fracassi. Alle 17 saranno schermo sul leggio” domenica 2 dicembre alle 16,30.
Sarà eseguita al teatro Bonci, sabato 1 dicembre Canto di Natale”, liberamente tratto dal accesi l’Albero e le luminarie. In precedenza sarà Isabella Ragonese, attrice, drammaturga e regista
alle 21, l’opera lirica di Giacomo Puccini “Tosca”. romanzo di Charles Dickens. In scena al presentato lo spettacolo di narrazione e musica “Le teatrale, presenterà “Io non ho paura”, romanzo di
Interpreti Raffaella Battistini, Antonio Coriano, teatro comunale sabato 1 dicembre alle storie di Sindél” di e con Matteo Curatella. Dalle Niccolò Ammaniti con le immagini del film omonimo di
Carmine D’Ambrosia, Claudio Ottino, Davide Mura, 20,30, domenica 2 alle 14,30 e alle 17,15 terranno un concerto “I Canclan”. Saranno Gabriele Salvatores. Al termine aperitivo curato dalla
Paolo Gabellini e Simona Benini. Lorenzo Bizzarri 20,30. L’incasso è destinato a progetti aperti stand gastronomici con cantarelle e vino a Pro loco. Ingresso 8 euro, ridotto 5 per under 18,
dirigerà l’orchestra “Città di Ferrara”. scolastici e a carattere sociale. cura delle associazioni di volontariato. universitari con tesserino e over 65.
Parteciperanno i cori “San Rocco” di Bologna,
diretto da Marialuce Monari, e “Maria Callas” di
Cesena, diretto da Lorenzo Lucchi, gli alunni delle
scuole “Anna Frank, San Giorgio e Plauto” e i ragazzi
“Auser” di Cesena. Al piano Pia Zanca.
San Mauro Pascoli ◗ Savignano sul R. ◗ Sogliano al Rubicone ◗
Concerto di Natale 368esimo Anno accademico Premio nazionale di poesia
Cinema per famiglie Nella chiesa parrocchiale si terrà, domenica 2 dicembre Nell’aula magna della Rubiconia L’associazione culturale “Agostino Venanzio Reali” ha
alle 21, il concerto spettacolo “La Notte della Cometa” Accademia dei Filopatridi, bandito la 16esima edizione del Premio nazionale
A cura di Afi e centro famiglie “Benedetta Giorgi” al con canti, musiche, luci e storie di Natale. Quattro domenica 9 dicembre alle 10, sarà biennale di poesia dedicato al frate cappuccino, a tema
cinema Astra sarà proiettato sabato 1 dicembre alle musicisti-cantori con venti strumenti popolari e moderni inaugurato il CCCLXIII Anno libero per opere edite o inedite in lingua italiana di
16,30 e domenica 2 alle 14,30 e alle 16,30 il film eseguiranno brani natalizi della tradizione: la accademico. Roberto Bizzocchi, autori italiani e stranieri. Il concorso è articolato nelle
d’animazione “Hotel Transylvania 3-Una vacanza Chiarastella delle Alpi, canti di pescatori liguri, antichi Docente di Storia moderna sezioni “Adulti”, “Giovani” e “Alunni” delle scuole
mostruosa” di Genndy Tartakovsky. Con Claudio Nouve occitani, la Nina veneta, laudi friulane, pive all’Università di Pisa, terrà la primarie e medie. Le poesie dovranno pervenire alla
Bisio e Cristiana Capotondi. Ingresso 3,50 euro, lombarde, il cantar Befana dell’Appennino tosco- Lectio magistralis dal titolo “Per segreteria in via Egisto Ricci 9, 47030 Sogliano al
gratuito dal 4° componente. emiliano, musiche di campane, il Pastor Gelindo che si una storia dei cognomi degli Rubicone entro il 31 maggio 2019. Per info, telefonare al
presentava nelle veglie invernali. L’ingresso è libero. italiani”. 334 3794512. Il bando è su: ww.comune.sogliano.fc.it.
Romanzo
di Orintia Romagnoli
Nell’aula magna della Malatestiana, domenica 2
dicembre alle 17, Paolo Turroni presenterà il
Sogliano al Rubicone ◗ Ponte Giorgi
principale romanzo di Orintia Romagnoli “Adelina” Fiera del formaggio di fossa
(Il Ponte Vecchio), pubblicato a cura di Franco Ultimo weekend
Spazzoli. La scrittrice di commedie, novelle e
romanzi, nacque a Cesena nel 1762, figlia del
PRANZO DI NATALE
In questo weekend chiude la 44esima
marchese Lucio Romagnoli e Caterina Leonardi Fiera del formaggio di fossa Dop. a Ponte Giorgi
Della Rovere. Morì a Firenze nel 1834. Venerdì 30 novembre alle 20,30
al teatro comunale martedì 25 dicembre
Il dovere di essere felici sarà presentato il libro del soglianese 33 euro a persona
Bruno Bartoletti “E’ sempre lunedì-Voglio
Un altro incontro promosso dall’associazione “Se ringraziarvi tutti per avermi
Prenotazione necessaria
questo è un uomo” sul tema “Essere felici è un concesso di insegnare”. Entrè di benvenuto - strudel con verdure su
dovere”. Avrà luogo nella sede dell’Assiprov in via Sabato 1 dicembre dalle 18 salsa di formaggi - cappelletti in brodo di cap-
Serraglio 18, mercoledì 5 dicembre alle 20,45. Lo tre spettacoli a menù fisso (10 euro)
psicoterapeuta e formatore Francesco Baldinini fra musica, teatro e degustazioni al fossa pone - crepes ai porcini con salsa brie - bigoli
porrà l’accento sui temi del benessere mentale, con Denis Campitelli, Francesco Gobbi e zucca e briciole di cotechino - girelle di vitello
della cura e della guarigione, sul significato altri interpreti. farcito su misticanza - cappone alle castagne -
dell’autorealizzazione nel corso della storia umana. Domenica 2 dicembre dalle 9 alle 19 aper- patate alla paprica affumicate - spinaci alla
tura degli stand gastronomici di formag- crema - pomodori gratinati - dolce di Natale
gio di fossa e prodotti tipici.
Opera di Brecht al Bonci Dalle 9 alle 19 “Street band” itinerante.
Il Ctb, Centro teatrale bresciano e l’Ert, Emilia Alle 11,30 pranzo-ristoro
Romagna teatro fondazione, in collaborazione con in piazza Giacomo Matteotti.
Al teatro comunale alle 15,15 concerto
Ristorante Albergo Bar
“Le Belle Bandiere”, porteranno in scena l’opera di
Bertolt Brecht “L’anima buona del Sezuan”. per pianoforte a 4 mani del duo Cesaretti 47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Progetto, elaborazione e interpretazione di Elena Tura con musiche di Castelnuovo Tedesco, Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
Bucci e Marco Sgrosso. Da giovedì 6 a sabato 8 alle Debussy e Rossini.
21, domenica 9 dicembre alle 15,30.
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto
Sport Giovedì 29 novembre 2018 21

Arriva il girone C Under 21 Tranquillità cercasi MANCATO GOL DI CIOFFI (PIPPO FOTO)

Dal 16 al 30 giugno
Europei in vista
per i bianconeri
I
l Cesena non tiene il passo del Il pareggio contro

V
enerdì scorso a Bologna è stata Matelica. È questa la verità
decisa la composizione dei emersa dall’ultimo weekend di il Campobasso
gironi degli Europei Under 21, Serie D, nel quale i bianconeri ha allonanato
competizione che si terrà tra hanno pareggiato al Manuzzi per 1-1 di ben 7 punti il Cesena
Bologna, Reggio Emilia, Trieste, Udine, contro il Campobasso. La squadra, dalla prima in classifica
San Marino e Cesena, dal 16 al 30 priva del centravanti Ricciardo che
giugno della prossima estate. Nella dovrebbe rientrare in campo
nostra città verranno disputate tre domenica per la gara contro il parate straordinarie. Nel
partite del girone C, quello che include Montegiorgio, è passata in vantaggio frattempo il Matelica
Inghilterra, Francia, Romania e Croazia, grazie al colpo di testa di Ciofi su capolista aveva sconfitto il
più in particolare la super-sfida tra calcio d’angolo di Alessandro, ma è Forlì in casa, volando così a
Inghilterra e Francia del 18 giugno, stata recuperata in pochi minuti da 7 punti di distacco dal
quella tra inglesi e Romania il 21 giugno un tiro di Giacobbe, il tutto nei primi Cavalluccio. Un gap che
e l’ultimo match del girone che vedrà 10 minuti dell’incontro. Nella inizia a preoccupare anche
contrapporsi romeni e francesi il 24 restante ora e mezza circa gli uomini Angelini, che nel post-partita ha messo
giugno. Proprio in vista di questo evento di Angelini hanno attaccato a flusso in chiaro come il suo desiderio sia bianconeri: gli avversari marchigiani
il Comune si è impegnato finanziando continuo, senza però avere la quello di togliere pressione dalle spalle non mollano un colpo e per provare
l’ammodernamento del Manuzzi, freddezza di mettere la palla alle dei giocatori, influenzati dalle grandi ad avvicinarsi in classifica bisogna
all’interno del quale sono state spalle del portiere avversario, il aspettative dell’ambiente romagnolo riconquistare fiducia nei propri
ristrutturate tribune e panchine (A.p.) classe 2001 Sposito, di proprietà per la stagione del Cesena. Ritrovare mezzi e voglia di vincere in campo.
dell’Empoli, autore di almeno cinque tranquillità è l’aspetto primario per i Andrea Pracucci

❚❚ Serie B1 donne Sul Filo del fuorigioco di


Filippo Cappelli

Sette su sette D
ice la Bibbia (Daniele,II,31-35)
che il Re Nabucodonosor vide

per ilVolley in sogno un gigante che aveva


la testa d'oro, il petto e le braccia
d'argento, il ventre e le cosce di
bronzo, le gambe di ferro e i piedi in

Club Cesena parte di ferro e in parte d'argilla. La


visione venne interpretata dal
profeta Daniele come la successione
dei regni sulla Terra, destinati a

D
omenica 25 novembre l’Elet- della centrale Donarelli. Sette vit- colo esempio di attenzione con un crollare a causa della caducità dei
tromeccanica Angelini Cese- torie su sette cominciano a diven- segno sul viso fatto con il rossetto valori su cui si fondano. Il colosso,
na ha vinto 3-1 (25-20, 20-25, tare un indizio molto credibile sul per sensibilizzare l’opinione pub- simbolo della sostanziale unità della
25-15, 25-18) il match casalingo valore e sul potenziale del sestetto blica. Le due squadre hanno inol- storia, crollò quando il suo piede
contro Montespertoli mantenendo, di coach Andrea Simoncelli. Partite tre posato insieme prima del match venne colpito da un sassolino gettato da Dio. La sapienza
oltre all’imbattibilità stagionale, la a fari spenti, le bianconere si stan- con un pallone rosa in mano. degli antichi, e in particolare questa visione del colosso dai
vetta della classifica del campiona- no ritagliando fette sempre più Ora, per l’Elettromeccanica Ange- piedi d’argilla, può essere perfettamente adeguata a
to di serie B1 femminile con 3 pun- grandi di soddisfazione, ma anche lini Cesena si alza l’asticella. Do- spiegare la crisi del Cesena, gigante della serie D incapace
ti di vantaggio su Macerata. grande considerazione da parte menica 2 dicembre le bianconere di andare al di là del pareggio con l’ultima in classifica
L’attenta regia di Marta Bertolotto delle avversarie più accreditate alla saranno di scena a Pescara sul cam- Campobasso. Addirittura fra le mura amiche. Avere una
ha trovato nelle schiacciatrici di vigilia. po dell’Altino, una delle candidate mezza rosa ‘forte’ (quella che aveva tenuto il passo del
banda Rubini e Frangipane i termi- In occasione della giornata contro alla lotta di vertice (nella foto le due Matelica) con una base fatta di giocatori pervenuti dal
nali più redditizi e ha inciso senza la violenza sulle donne il Volley squadre posano insieme prima del ‘vecchio’ Martorano (che invece avrebbe potuto garantire
dubbio l’ingresso in corso d’opera Club Cesena ha voluto dare un pic- match con il pallone rosa). nel migliore dei casi una serena salvezza) non pare essere
stata una scelta vicente. Tutt’altro. Soprattutto in questo
momento in cui il Colosso (leggi: la mezza rosa forte) è
Calcio a cinque ◗ Basket serie B ◗ Basket Serie B ◗ decimato dagli infortuni e toccherebbe ai ‘piedi’ reggere la
baracca. A malapena si combatte contro la fortuna e
comunque prendersela col fato è sempre la ragione dei
Futsal Cesena cede al Le tigri hanno espugnato La Siropack Nuova Virtus
deboli. È in questo momento invece che il Cesena deve
Bagnolo Faenza vince contro il Bologna dimostrarsi il più possibile forte. Come? Facendosi piccolo.
Brutta batosta per la Futsal Al termine di un derby vero e Bella vittoria in chiave salvezza, Cioè imparando dagli errori commessi in precampionato e
Cesena che il 24 novembre ha denso di tensione agonistica, 64-44, contro la Libertas Basket spendendo ‘cum grano salis’ i soldi accantonati per il
perso contro il Bagnolo 6-2. Nelle domenica 25 novembre i Tigers Bologna domenica scorsa per le mercato di riparazione. Farsi piccoli e letali, ecco la ricetta
prossime due settimane li aspetta Cesena hanno battuto al PalaCattani di Faenza la Rekico ragazze della Siropack Nuova per un buon regalo di Natale ai tifosi cesenati. Lo spazio
molto lavoro in vista dell’ottava prima in classifica 53-61, raggiungendola al primo Virtus Cesena che tornano in per riagguantare il Matelica c’è ancora. In fondo un’altra
di campionato che si giocherà in posto con il vantaggio nello scontro diretto. Il prossimo campo domenica 2 dicembre alle vicenda raccontata dalla Bibbia, quella del buon Davide
casa contro Calcetto appuntamento delle tigri è domenica 2 dicembre alle 18 17,30 a Borgo Val di Taro (Pr) di contro il gigante Golia, suggerisce che non sempre i destini
Poggibonsese sabato 8 dicembre. a Orzinuovi (Brescia). fronte al Bk Valtarese 2000. del mondo sono dei grandi e grossi. Figuriamoci una
partita di calcio.
22 Giovedì 29 novembre 2018 Sport Csi Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano
Comitato di Cesena

In breve Il presidente regionale del Csi Candini in visita alla fiera“Ruotando”


■ Calcio a cinque
pagine di questo settimanale.
Torna il torneo Natalizio Lo stand ha ricevuto la visita del
presidente regionale Csi, Raffaele
Candini, a conferma dell’attività rilevante
indetta dal comitato cesenate del Csi per
lo sviluppo e la diffusione delle due ruote
nel nostro territorio.
Solo da pochi anni il Csi si è ripresentato
nel panorama ciclistico locale (pur
vantando una grande tradizione,
purtroppo abbandonata per un lungo
periodo), promuovendo un’attività, per il
momento non agonistica, di grande
rilevanza sociale.
Notevole importanza rivestono le società
Torna nella stagione invernale il sportive, che hanno come mission lo
tradizionale torneo natalizio di calcio a sviluppo di questa disciplina,
cinque, riservato alla categoria giovanile
“Primi Calci-Under 8” (nella foto la
squadra di Dismano), che interessa gli
atleti nati negli anni 2011 e 2012 (non
Una stagione ciclistica interagendo con il territorio e gettando le
basi di una bella e proficua modalità di
aggregazione sportiva.

sono ammessi fuori quota).


La competizione è aperta a tutte le
società e prevede che i giocatori debbano
essere regolarmente tesserati al Csi
di conferme e novità Nella fotografia la visita di Raffaele
Candini, presidente regionale del Csi,
allo stand del Csi Cesena nell’ambito
della manifestazione Ruotando. Da
Cesena prima di scendere in campo, pena sinistra Edoardo Rossi, membro

S
la perdita della gara da parte della abato 24 e domenica 25 novembre La commissione ciclismo del Csi Cesena, dell’Associazione Amrer (Associazione
squadra di appartenenza e le sanzioni presso i padiglioni della Fiera di coordinata dall’infaticabile Fabrizio Merli malati reumatici Emilia-Romagna, che
previste dal regolamento interno Cesena si è svolta la 18esima era presente all’interno della fiera con collabora con il Csi Cesena
dell’associazione cesenate. edizione di Ruotando, uno stand specifico, insieme alle società nell’organizzazione degli eventi
Il termine d’iscrizione al torneo è fissato manifestazione che si propone come un organizzatrici della prossima stagione ciclistici), Sergio Tommasini in
per lunedì 3 dicembre e la formula di appuntamento fisso per gli appassionati ciclistica (cicloturismo su strada con rappresentanza del comitato cesenate
svolgimento sarà stabilita in base al romagnoli delle 2 e 4 ruote, e non solo. “Pedalando con gusto Tour” e mountain del Csi, Raffaele Candini, presidente del
numero delle squadre partecipanti. Durante la due giorni si sono potute bike con “Colori & Sapori-Feste Csi regionale, Mauro
Le partite si disputeranno sabato 8, ammirare non solo auto e moto da sogno, d’autunno” e “Terre & Fango Mtb Tour”), Armuzzi,responsabile del servizio
domenica 9 e 16 dicembre, dalle 14,30 con esibizioni dal vivo, prove di guida, che è stata presentata per l’occasione informazione e stampa del Csi Cesena e
alle 19, e i tempi di gioco sono fissati in sfilate, musica, spettacoli, concorsi, ma nella sua ricchezza di conferme e novità e Fabrizio Merli, responsabile della
13 minuti cadauno, senza possibilità di anche biciclette per ogni gusto ed esigenza. che illustreremo successivamente nelle commissione ciclistica del Csi cesenate.
time-out.

● A Roma tre giorni ● Malagò: “Si è perfino ● Il presidente del Csi


di riflessioni sullo sport proposto di cambiare Bosio: “Saremo liberi
come fattore sociale il nome al Coni” fino in fondo”

“Sistema sportivo italiano


La riforma è sbagliata”
“S
-Factor”, il fattore sport mondo e un nome che dura da 105 proporre di cambiare il Coni in Sport e
al servizio del Paese, anni e che é rappresentato dal salute, anzi Sport e benessere spa...”.
convegno organizzato tricolore. Nella logica tanto in voga Bosio ha successivamente replicato:
dal Csi, è tornato dell’ ’Uno vale uno’ anche un gigante “Il nostro compito, come Csi, è di fare
all’Hotel Holiday Inn Rome Aurelia di nel panorama degli enti di promozione sportiva a supporto delle
Roma dal 16 al 18 novembre scorso. promozione, come è il Csi, si ritroverà Federazioni. Il nostro valore consiste
Sul tema “Fattore sport e funzione a fare i conti con la politica”. nel fare reale promozione sul
sociale: dai limiti alle possibilità” i All’iniziale imbarazzo del numero uno territorio. Il nostro vanto sono gli oltre
protagonisti più attesi sono stati ciessino Bosio, che nel salutare il neo 60 per cento di tesserati tra i giovani:
Giovanni Malagò, presidente del membro Cio si è detto “vicino e grato questo ci dice chi siamo.
Comitato olimpico nazionale italiano, a Malagò per la presenza a “S- Factor” Promuovere lo sport per i più giovani invece dal 2020. La politica non deve
e Vittorio Bosio, presidente nazionale in questo delicato momento, dopo rappresenta un importante “SE LE CASE impossessarsi dello sport, d’accordo,
SONO COSTRUITE
del Csi. questo ’terremoto’”, il presidente del investimento che crediamo debba BENE, CON ma deve vigilare per far sì che i soldi
Malagò era decisamente provato dalle Coni ha comunque risposto: “Se le essere sempre più sostenuto da realtà METODO, dello Stato vengano spesi in modo
giornate che hanno fatto seguito alla case sono costruite bene, con metodo, come Fondazione Vodafone, ma RIMANGONO IN equo. La promozione sportiva non
proposta di legge di riforma del rimangono in piedi. Non devi avere anche dal Coni. PIEDI. NON DEVI spetta al Coni. Le istituzioni vanno
sistema sportivo italiano, da lui paura del cambiamento. Ma se la Non sappiamo cosa succederà. È vera AVERE PAURA DEL rispettate, ma dobbiamo far sentire la
definita “senza polemiche, scossa è talmente forte, così l’amicizia e la disponibilità nei CAMBIAMENTO. nostra voce rispetto all’equità.
MA SE LA SCOSSA
profondamente ingiusta, chiaramente inaspettata, allora ti modifica confronti del comitato olimpico, È TALMENTE Noi non dobbiamo sostenere l’una o
sbagliata, illogica nei tempi di l’esistenza. Anche con voi che vi come è vero che nel rapporto con il FORTE, COSÌ l’altra parte. Il Csi sarà sempre dalla
attuazione”. occupate di volontariato, terzo, quarto Coni gli Enti di promozione sono stati INASPETTATA, parte ragionevole per la crescita dello
Il presidente del Coni ha poi settore, la controparte (l’attuale considerati di serie... Z , nemmeno ALLORA TI sport in Italia. Saremo liberi fino in
proseguito: “Avverto un senso di Governo) non ha parlato. Ma se si dico di B! MODIFICA fondo se non dovessimo ricevere
profondo dolore e ingiustizia per ciò vuole riformare lo sport, credo Dal 1° gennaio 2019 gli Enti sono L’ESISTENZA. SE alcun contributo dal Coni”.
SI VUOLE
che ha in mente il Governo sulla occorra farlo con chi conosce la attesi da una serie di condizioni da far RIFORMARE LO Per il comitato Csi di Cesena erano
riforma del Coni. materia. Vanno coinvolti gli attori rispettare ai propri arbitri, ai tecnici, SPORT, OCCORRE presenti al convegno il presidente
Perdere il nome Coni penso sia un dello sport. Oggettivamente nessuno agli atleti. Non mi sta affatto bene che FARLO CON CHI Luciano Morosi e il responsabile della
grande errore e non abbia senso: un pensava si arrivasse a tanto: perfino a le stesse per le Federazioni partano CONOSCE LA comunicazione Mauro Armuzzi.
MATERIA”
Pagina aperta Giovedì 29 novembre 2018 23

✎ Il direttore risponde  L’Occhio indiscreto


La colletta alimentare: la Carità che guida alla solidarietà
è una delle più alte forma di empatia fra gli uomini

Un’attenta lettrice ci fa notare tramite la fotografia che pubblichiamo, che tutte le fermate
della linea di Atr da e per Pievesestina attribuiscono alla frazione del quartiere Dismano il
nome di “Pievesistina”. Il “refuso” va ad arricchire la storia degli errori della cartellonistica
stradale che - va detto con un certo sconforto - è già piuttosto nutrita.

Facciamo qualcosa per gli immigrati che rischiano l’espulsione


Caro direttore,
dal mese di gennaio 2018 sto ospitando un ragazzo di colore,
20 anni, della Guinea Conakry regolarmente munito di
permesso di soggiorno per motivi umanitari che, dopo il
percorso presso uno Sprar, ha trovato lavoro in una fabbrica
metalmeccanica di Gualdo di Roncofreddo, poco distante da
casa mia. Mia moglie e io gli stiamo dando un aiuto, offrendo
vitto e alloggio, accudendolo come un figlio.
Oggi è arrivato a scadenza il permesso di soggiorno e il
decreto Salvini sta producendo l’effetto che lo stesso relatore
voleva: il ragazzo non riesce a ottenere la conversione in
permesso di lavoro in quanto non è in possesso del passaporto che la Questura di
Forlì invece richiederebbe. Avevo la mansarda libera, perché mio figlio è andato a
vivere da solo. Adesso questo giovanotto ha le chiavi di casa nostra. È uno che merita
davvero. È puntuale sul lavoro, corretto e preciso, come scrive anche il suo datore di
lavoro in una lettera predisposta per ottenere il rinnovo o la conversione del permesso
di soggiorno. Gli si deve offrire il tempo opportuno, almeno fino alla prossima estate,
per poter tornare a casa e sistemare i suoi documenti. Ora non può lasciare l'Italia in
queste condizioni. Perderebbe il lavoro, mentre lui ha alloggio e occupazione.
Se non aiutiamo questi giovanotti è inutile che poi ci lamentiamo se vivono da
clandestini e poi sono costretti a commettere piccoli reati. Devono mangiare anche
loro. Oggi lui è in grado di provvedere per sè e per la sua famiglia rimasta in Africa.
Chiedo a voi dei mezzi della comunicazione sociale di darmi una mano per
sensibilizzare l'opinione pubblica e le autorità competenti circa questa storia. Una,
probabilmente, come ce ne sono tante dopo le novità introdotte dal decreto Salvini
che invece di fare diminuire la clandestinità rischia di farla crescere.

Tipi da bar “Nove giorni con l’Unitalsi davvero preziosi”


di Diego Angeloni

IL PRIMATO
DI GIOVANNI MARIA
Per gli appassionati di “Tipi da bar”,
questa settimana, incontreremo Gio-
vanni Maria candidato a finire nel
“Guinness dei primati”.
Onnipresente avventore di tutti i bar fra
Martorano, Ronta, San Martino e San
Giorgio. Giovanni Maria si sta preparan-
do da qualche anno in alcune specialità.
La prima è quella di permanenza al bar
prescelto, per la giornata, senza soluzio-
ne di continuità.
Egli arriva alle 8 in punto e lascia il bar
alle 19 nutrendosi solo di una brioche e
bevendo una bottiglietta d’acqua.
PSICOLOGIA della vita quotidiana
È diventato la mascotte e in alcune
occasioni si è trattenuto fino
alle 23, quindi 15 ore consecutive al
Q uesta rubrica, tenuta da Mirella Montemurro, si pro-
pone di osservare il mondo attraverso una “lente” psi-
coanalitica. Si parla di funzionamento psichico, relazioni,
paure, le sue vicende tristi, di quanto abbia amato
questa vita che si appresta a lasciare. Di solito il geni-
tore (specie il padre) tende a dare al figlio una imma-
bancone parlando con tutti, fermando educazione dei figli, fatti di cronaca locale e nazionale. gine granitica di sé. Spesso si teme di mostrare ai figli
gente, facendo continue richieste
Buona lettura. le proprie debolezze e fatti dolorosi della propria
ai baristi.
vita.
Non è un disturbatore. Al contrario, è un
anziano signore, con un passato di tutto
Cosa raccontare di sé ai figli? Al contrario i figli hanno bisogno di conoscere il ge-
rispetto. «Sto cercando di raccontarti cose che non mi sarebbe mai nitore autenticamente e profondamente. Questo è
Preferisce la compagnia degli avventori venuto in mente di dirti se ti avessi cresciuto io, come importante per la costruzione della loro identità e
al posto di quella dei familiari. padre e figlio, in un rapporto improntato all’abituale ca- per la creazione di un rapporto vero. I genitori de-
Quando arrivano le 19, un taxi lo viene a meratismo. Quando le cose prendono il loro corso nor- vono raccontarsi. Naturalmente con parole e discorsi
prendere e lui mestamente fa ritorno a male, diventa difficile ricordare quelle importanti. C’è idonei all’età del figlio. Man mano che i figli diven-
casa dispiaciuto di dover lasciare la sua talmente tanto che non si penserebbe mai di raccontare a tano grandi si può scegliere quale pezzo della propria
poltroncina vicino al termosifone e qualcuno. E a mio avviso potrebbero essere le cose essen- storia narrare. È bene rivelare oltre alle gioie, ai suc-
rientra alla sua residenza, in centro cit- ziali per te, e che anche tuo figlio dovrebbe sapere per co- cessi, alla forza e al coraggio anche i propri dolori, la
tà. noscerti bene. Ricordo quel giorno della mia infanzia…» fatica, le paure, le debolezze, le vicende tristi che
Qualcuno, visto che la questione va (tratto da Gilead di Marilynne Robinson, 2017). hanno riguardato la propria vita. I figli hanno biso-
avanti da anni, pensa di far omologare Il coinvolgente libro della Robinson racconta di un padre gno di ascoltare le storie di vita dei genitori e quelle
l’originale record nel “libro dei primati”, gravemente malato che decide di scrivere una lettera-dia- della famiglia d’origine per la costruzione della loro
catapultando Cesena all’attenzione rio a suo figlio di 7 anni che non potrà crescere. Gli raccon- identità.
mondiale. terà del nonno abolizionista e del padre pacifista, delle sue a cura di Mirella Montemurro
Noi nel nostro piccolo vogliamo agevo- convinzioni e dei suoi dubbi, della sua infanzia, le sue mirellamontemurro@gmail.com
lare questo progetto.