Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 11 aprile 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 15 - contiene I.P. euro 1,20

15
7 Solidariet
La storia di don Oreste Benzi arriva in teatro
l Bogart di SantEgiA dio, il 19 e 20 aprile, lo spettacolo promosso dalla comunit Papa Giovanni XXIII

Diocesi
Due pubblicazioni scritte dal vescovo Douglas Regattieri
acramento del BattesiS mo e Festa della Madonna del Popolo, due testi per la riflessione personale e comunitaria

Chiesa
Papa Francesco: Per il Signore non siamo numeri
l Pontefice ha preso posI sesso, come vescovo di Roma, della Cattedrale di San Giovanni in Laterano

Diocesi
Pellegrinaggio a SantApollinare e Festa diocesana
uesti alcuni degli apQ puntamenti a cui invitata tutta la comunit di Cesena-Sarsina. Il pellegrinaggio sar il 25 aprile

18

Editoriale Ho fatto un sogno


di William Casanova

Bambini della scuola dellinfanzia di Case Finali a Cesena (foto darchivio)

uesta notte ho fatto un sogno. Mi hanno rapito e caricato su un aereo per un Paese lontano. Appena sbarcato mi sono incamminato in mezzo ad abitanti arrabbiati che raccontavano di una situazione sociale brutta, di un peggioramento della qualit della vita: le famiglie erano in difcolt, i giovani non trovavano lavoro, la scuola funzionava male e cera poco rispetto per la vita nascente e per le persone con necessit sociali e sanitarie. Cerano state da poco le elezioni e il risultato aveva espresso con chiarezza questo disagio: un quarto delle persone non era andato a votare e i voti si erano distribuiti equamente tra le forze politiche, in modo tale da non garantire la governabilit del Paese. Entrai in un bar. In Tv cera un tavolo con dietro un signore anziano che diceva di essere il Presidente della Repubblica. Accanto a lui quattro persone. Dicevano di essere i leader dei partiti pi importanti. Il Presidente aveva deciso di trasmettere quellincontro in diretta Tv e tramite Internet per far sapere a tutti di chi erano le maggiori responsabilit della crisi. Si vergognava perch non era stato neanche in grado di dare al Paese un governo. Battendo i pugni sul tavolo chiese ai quattro di restituire al pi presto dignit al Paese. Ci furono alcuni secondi di silenzio. Nessuno aveva il coraggio di intervenire. Si fece forza uno dei quattro con questa dichiarazione: Penso di avere la capacit di governare, ma rappresento solo un quarto degli elettori. Non me la sento di guidare il Paese senza il vostro appoggio. Intervenne allora il secondo: Sono daccordo, ma avverto molto forte la necessit di cambiamento che hanno chiesto i cittadini. Il nostro sostegno ci sar solo se daremo lesempio riducendo i costi della politica e garantendo la libert dinformazione. Il terzo, dopo aver ascoltato, disse: Per noi va bene. Sentiamo la responsabilit di quanto accaduto e porteremo come nostro contributo una legge elettorale che funzioni. Era rimasto in silenzio il quarto, probabilmente perch portava con s una dote minima di voti. Prese coraggio, dicendo: Se siete daccordo, penseremo a un valido sostituto del nostro Presidente, oramai anziano, ispirandoci a quanto accaduto nellultimo conclave. Sar una persona fuori dai partiti, che ha vissuto molto in mezzo alla gente e ai poveri, in grado di costruire unit nel nostro Paese. Il clima si era rasserenato. Quellincontro rappresent la Pasqua del Paese, una rinascita morale e civile su cui costruire un futuro per tutti. Ora ci aspettiamo che il sogno diventi realt.

La carica delle materne

Un viaggio nelle scuole dellinfanzia del territorio. Pur senza aver la pretesa di aver sondato tutti i plessi, abbiamo cercato di scattare unistantanea su una realt indispensabile per tante giovani famiglie. DallAsilo delle Grazie a San Piero in Bagno fino alla cardinal Schuster di Cesenatico, lo scopo quello di educare e non solo di fungere da parcheggio mentre i genitori lavorano. Il problema delle rette molto sentito specialmente in questo periodo di crisi. Cesenatico vanta un costo fra i pi bassi, mentre a Cesena la retta massima pari a 250 euro al mese. Abbiamo interpellato tre mamme chiedendo cosa apprezzano della scuola dei loro figli. Primo piano alle pagg. 4 e 5

Cesena 13 Dal museo scomparsa una statua etrusca Rubicone 16 Savignano e San Mauro: un unico Comune

Cesenatico 15 La storia della Cassa Rurale di San Giacomo Mercato 17 Fra pochi giorni al via la mostra Dentro il libro

LE NOSTRE PROPOSTE
EGITTO - MARSA ALAM Bravo Club Moreen Beach CUBA - VARADERO Sea Club Laguna Azul Trattamento all inclusive Trattamento all inclusive partenze di maggio da 557 euro partenze di maggio da 1.097 euro EGITTO - MARSA MATROUH Bravo Club Almaza Beach GRECIA - RODI iClub Royal Lindos Trattamento all inclusive Trattamento all inclusive partenze di maggio da 511 euro partenze di maggio e giugno da 532 euro MESSICO - PLAYA DEL CARMEN Bravo Club Viva Atzeca ITALIA - CALABRIA Bravo Club Pizzo Calabro Trattamento all inclusive Trattamento all inclusive partenze di maggio da 1.091 euro partenze di giugno da 315 euro

Informazioni e prenotazioni

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

Opinioni

Gioved 11 aprile 2013

LAquila, fuga dalla citt fantasma


A
Il sindaco parla di 3.500 cittadini che nel 2012 hanno abbandonato la citt. Il centro storico, ancora puntellato come nel 2009, testimone dello stallo di una citt dove le macerie fisiche e del cuore sono davvero ancora troppo ingombranti

Il 14 aprile la festa della Madonna del Popolo

La fotograa

Alla nostra patrona chiediamo di presentare le nostre umili richieste


uasi a met del Tempo di Pasqua, ancora il cero che ha diradato le tenebre della Veglia incontro al Signore Risorto arde accanto allaltare dellEucaristia, ed ecco il pellegrinaggio di tutta la Comunit diocesana che la invoca patrona, alla Chiesa Cattedrale, dove i nostri padri hanno collocato la bella immagine di Nostra Signora, venerata con il prezioso titolo di Madonna del Popolo. La festa liturgica nella terza domenica di Pasqua e in preparazione, la sera del gioved che la precede, il pellegrinaggio da ogni parte della diocesi, dalle vallate del Savio e del Borello, dalla riviera dellAdriatico. In piazza Giovanni Paolo II, che si inginocchiato davanti alla Santa icona quando venuto a Cesena, in occasione della visita pastorale alla Romagna, prima di varcare il portale su cui il maestro Ilario Fioravanti ha scolpito le storie di San Giovanni Battista, alzando gli occhi alla lunetta che lo sormonta, lo sguardo pu cogliere il saluto di benvenuto che scende dalla Madonna, madre del nostro popolo, avendo accanto i vescovi nostri patroni Vicinio e Mauro. Questi tempi di preoccupante crisi affaticano la vita delle nostre famiglie e delle nostre aziende, coinvolgendo imprenditori e lavoratori. Un timore che sta oscurando la speranza che abbiamo rubato ai nostri giovani, avendo intossicato la verit delluomo e del suo agire. Rischiamo di precipitare verso un precipizio impregnato da unatmosfera culturale che ci isola gli uni dagli altri, in un esasperato individualismo che impedisce le relazioni essenziali della solidariet, incapaci di cogliere le responsabilit che ci sono state affidate nella costruzione della polis, dimenticando che la democrazia conquista di ogni giorno e non va mai data per scontata. Qualcuno potrebbe approfittarne per metterla tra parentesi! Chiediamo a Lei la grazia di presentare al suo Divin Figlio, il nostro Salvatore, le nostre umili richieste: lunit nelle nostre famiglie; la pace per tutti i popoli che sono ancora sotto il flagello della guerra, minacciati dal terrorismo degli opposti fondamentalismi; la perseveranza per i fratelli cristiani perseguitati; la comunit del seminario, il fiorire di tante vocazioni e la gioiosa fedelt di quanti hanno risposto alla chiamata; lunit feconda della Chiesa con papa Francesco, della nostra Chiesa con il vescovo Douglas. La grazia di riscoprire con gioia e impegno missionario, la nostra appartenenza

Dialoghi per la Citt, vertigini da Volta Celeste (foto Pg Marini)


alla Chiesa, operosamente impegnati nel cantiere della Nuova Evangelizzazione. Un augurio a tutti gli uomini di buona volont: superino il disgusto per la politica cos abbondantemente diffuso da quanti hanno tradito le responsabilit loro affidate nellamministrazione della cosa pubblica. Recuperiamo la storia che ha forgiato la nostra identit di popolo, vissuta, seppure con tante contraddizioni, nella strada sicura del Vangelo, sotto lo sguardo della Madonna. Eviteremo cos di cedere al fascino di derive populiste che gi in tempi non lontani hanno segnato drammaticamente la nostra storia. Piero Altieri

Gioved 11 aprile 2013

Primo piano

Scuola dellinfanzia Sono diverse le materne cattoliche che operano nel territorio
Bambini alla scuola dellinfanzia di Case Finali (Cesena)

n panorama variegato quello delle scuole per linfanzia gestite dalle parrocchie. Si tratta di realt spesso indispensabili che forniscono un servizio alla cittadinanza altrimenti mancante. Riportiamo le esperienze di alcune scuole materne cattoliche del territorio. La parrocchia di Sala (Cesenatico), guidata da don Luca Baiardi, ha una scuola per linfanzia che comprende due sezione della materna e una primavera, vale a dire per i bimbi di meno di tre anni. Ne parla il referente Nazario Del Vecchio: "Abbiamo due sezioni di materna con una cinquantina di bambini, e una della primavera con 10 bimbi". Del Vecchio conferma che la maggior parte dei bambini, circa il 90 per cento, proviene da Sala o comunque dal territorio comunale. Le rette sono di 145 euro al mese per la materna e 165 per la sezione primavera. "E sempre difficile far quadrare i conti conferma il responsabile - in quanto le spese e gli adempimenti burocratici sono tanti. Uno dei maggiori problemi quello delladeguamento e del miglioramento delle strutture, operazioni che richiedono forti investimenti. Abbiamo la cucina interna e questo consente di preparare i pasti in autonomia. I rapporti con le famiglie sono molto stretti e si cerca di lavorare in modo da soddisfare tutte le richieste". Nella parrocchia di San Carlo (Cesena), la scuola per linfanzia cattolica gestita

Lapassione elimpegno

dalle suore dellordine delle ancelle del Sacro Cuore. Suor Raffaella Santandrea spiega che "per il prossimo anno abbiamo una lista dattesa di 5-6 bambini, nonostante le nostre tre sezioni abbiano una novantina di posti. I bambini provengono non solo dal paese ma anche da localit limitrofe. Nelle nostre attivit cerchiamo di coinvolgere sempre le famiglie e, nel limite del possibile, anche la comunit parrocchiale, in modo che la scuola non sia unentit a s stante". La retta pari a 130 euro pi 5 euro per ogni pasto eventualmente consumato. Una delle scuole materne pi gettonate a

Cesena citt quella di Case Finali che fa capo alla parrocchia. Il responsabile don Marcello Palazzi spiega che la materna esiste dal 1956 e ormai unistituzione. "Contiamo 4 sezioni con 120 bambini in totale. Ogni anno, di solito, qualcuno rimane fuori perch non abbiamo posti a sufficienza. La retta di 150 euro". LAsilo delle Grazie a San Piero in Bagno stato fondato nel 1894. Attualmente gestito dalla Cooperativa Asilo delle Grazie, creata dalla Fondazione Asilo delle Grazie e dalla Societ San Pietro che gestisce le opere parrocchiali. Conta tre sezioni di scuola materna e due di nido primavera per

circa 90 bambini. Impiega 12 dipendenti. "Le quote di iscrizione sono di circa 160 euro per la materna e di 192 per la primavera - dice il presidente della cooperativa Giuseppe Crociani -. Negli ultimi due anni lAsilo non ha avuto alcun contributo pubblico. Quando arriver qualcosa questo andr a diminuire le quote di iscrizione". La materna di Santa Maria Nuova (Bertinoro) sorta grazie alla caparbiet di don Aldo Menghi. "Contiamo 110 iscritti e 51 al nido. Abbiamo la cucina interna e prestiamo molta attenzione alle materie prima" spiega lamministratrice Ursula Bambini. "La retta ammonta a 170 euro". La Fondazione Sacro Cuore, in via Don Minzoni a Cesena, porta avanti la lunga tradizione delle suore della Sacra Famiglia. "Contiamo 88 bimbi - spiega la coordinatrice didattica Emanuela Casali - e 6 insegnanti. La nostra peculiarit sta nello stile educativo incentrato sullesperienza non insegnata ma vissuta. Privilegiamo le attivit di narrazione e la crescita tramite uscite alla scoperta del mondo. In tutto questo cerchiamo di coinvolgere i genitori che partecipano alle iniziative". Alla Cardinal Schuster di Cesenatico sono 120 i bambini in tre sezioni di materna e una primavera come conferma la coordinatrice suor Giovanna Paleari. Anche qui c un forte legame con le famiglie. Cristiano Riciputi

Genitorifurbetti Valgono i criteri delle coppie sposate


Scuole materne: da questanno il Comune di Cesena ha adottato una nuova procedura per il calcolo della retta Oltre i 50mila euro di reddito si pagano 250 euro al mese

Foto archivio Claudio Pagliarani

I bambini iscritti nelle 94 sezioni sono oltre 2500 Negli asili statali si paga solo il servizio mensa

Francesca Siroli

a 5 fasce a 38 scaglioni, con scatti ogni mille euro in pi di reddito e stop ai furbetti dellIsee. A Cesena da questanno scolastico stato attivato, in via sperimentale, un nuovo criterio per la definizione delle rette nelle scuole per linfanzia, sia comunali che statali, che ha portato un risparmio per la maggioranza delle famiglie. Si parte da una retta minima di 72 euro (per Isee inferiori a 10mila euro) a una massima di 250 euro (per chi non presenta la dichiarazione o superiore a 50mila euro). Chi non presenta la dichiarazione lo fa spesso per il timore di un controllo fiscale: tutti gli Isee, infatti, vengono passati automaticamente dal Comune alla Guardia di Finanza per un esame a campione dei redditi e dei patrimoni. Le rette sono diminuite per quasi tutte le fasce Isee mentre si sono alzate solo per quella massima oltre i 50mila euro. "Il nuovo metodo ricalca da vicino quello gi sperimentato nei nidi - spiega lassessore alla pubblica istruzione Elena Baredi -. Ci siamo cos orientati verso una maggiore personalizzazione delle rette, in modo che siano il pi possibile corrispondenti alle reali

capacit delle famiglie di contribuire alla copertura del servizio". Da questanno scolastico stato introdotto, inoltre, il nuovo indicatore della situazione economica aggregata (come previsto dalla delibera del Consiglio comunale del 13 settembre scorso), che riguarda i genitori non sposati, separati legalmente o divorziati, a prescindere dalla loro residenza anagrafica. In pratica, ai fini delle graduatorie e delle rette, entrambi i genitori (anche quello non convivente che ha riconosciuto il figlio) dovranno sommare i redditi Isee. In questo modo si risolve alla radice il problema di chi, per accedere ai servizi educativi, faceva dichiarazioni non congruenti: nel caso delle coppie di fatto, due genitori che dichiaravano residenze diverse, presentando un solo reddito nella domanda, acquisivano un notevole vantaggio sulle coppie sposate o comunque su quelle che dichiaravano ununica residenza. Il nuovo sistema di calcolo afferma cos il principio che entrambi i genitori devono contribuire alla crescita ed educazione dei figli. Negli asili comunali la retta riferita alla frequenza (comprensiva dei costi dei pasti), mentre in quelli statali relativa al solo servizio di mensa, che prevede spuntino del mattino, pranzo e merenda pomeridiana (la retta va pagata anche in caso di parziale fruizione del servizio). Dal secondo fratello in poi si applica una riduzione sulla retta mensile di 20 euro. A Cesena la proposta delle scuole materne ampia e non prevede liste dattesa. Tutte le richieste vengono accolte. In 31 plessi (9 comunali,18 statali e 4 parificati) vi sono un totale di 94 sezioni e 2.523 bimbi iscritti (di cui 1.437 nelle statali e 705 nelle comunali), 35 in meno rispetto il passato anno scolastico. Il servizio di scuolabus attivo per le scuole di Borello, Calabrina, Macerone, Pievesestina, Porta Fiume, Ronta, San Mauro e Torre del Moro: ne usufruiscono 60 bambini (tra cui uno disabile) e le tariffe, calcolate anchesse in base allIsee, vanno da un minimo di 111 euro a un massimo di 196 euro annuali. Possono farne richiesta quelle famiglie che abbiano orari di lavoro incompatibili con laccompagnamento del figlio a scuola, indisponibilit di un mezzo di trasporto o distino oltre 1,5 chilometri dallasilo.

Mercato Saraceno
Bora: scuola nuova
Mercato Saraceno tra i comuni della provincia che, negli ultimi anni, hanno registrato un alto tasso di crescita. Cresce di conseguenza lo sforzo del Comune nel rispondere alle tante esigenze scolastiche. Sono quattro, tutte statali, le scuole dellinfanzia presenti nel territorio comunale, dislocate a Mercato Saraceno, Monte Castello, Bacciolino e Piavola per un totale di 174 bimbi iscritti. A queste si aggiunger dal prossimo settembre il nuovo polo scolastico di Bora (comprensivo del micro-nido), nanziato dai Comuni di Mercato Saraceno e Cesena e dalla Regione Emilia-Romagna, che dar un aiuto nel rispondere alle esigenze educative delle frazioni di Bora, Bacciolino e Borello. A causa della carenza di organico dovuto al taglio delle risorse da parte del Governo, non tutte le richieste di iscrizioni sono state soddisfatte: gli esclusi sono 16 a cui si aggiungo 5 anticipatari. La possibilit di iscrivere allasilo i bambini di 2 anni e mezzo stata introdotta dalla legge Gelmini e possono essere accolti solo in nei plessi attrezzati. La lista di attesa si allunga per il prossimo anno scolastico: 22 di et standard e 15 anticipatari. Uno sguardo alle tariffe per il servizio di mensa, che prevede il pagamento dei pasti effettivamente consumati: si va da 2,20 euro (per Isee non superiori a 5.500 euro) a un massimo di 5 euro (per dichiarazioni superiori ai 15mila euro) per ogni singolo pasto. Per chi consuma solo la merenda, la spesa mensile di 10.50 euro. Data lampia estensione del Comune con la popolazione sparsa in tante piccole frazioni, si rivela particolarmente prezioso il servizio di trasporto scolastico, utilizzato da 91 bambini. La tariffa mensile per le famiglie varia in base al numero dei gli: 28 euro per uno, 19,50 euro per due, 14,50 euro per tre. Per gli alunni disabili, oltre al servizio di trasporto quotidiano personalizzato (di cui si avvalgono 2 bimbi), il Comune organizza anche un trasporto a cadenza settimanale per la sioterapia (utilizzato da 6 bambini), entrambi gratuiti. "Siamo molto orgogliosi dei nostri servizi scolastici, consapevoli che i bambini sono la vera risorsa di ogni territorio", sottolinea Patrizia Pantani dellUfficio istituzioni socioscolastiche e culturali del Comune di Mercato Saraceno. Fs

Primo piano
A Cesenatico sport e laboratorio manuale A Martorano (Cesena) le famiglie apprezzano la cucina interna Fondazione Sacro Cuore scelta per i valori educativi

Gioved 11 aprile 2013

Longiano
Sono tre i plessi del territorio
Sono 231 i bambini che frequentano la scuola dellinfanzia a Longiano. Tre i plessi, tutti statali, presenti nel territorio comunale: Longiano capoluogo, Budrio e Crocetta-Balignano. Le classi (ognuna da 29 alunni) sono tutte al massimo della capienza. DallUfficio alunni comunicano che in lista dattesa ci
La materna di Longiano

Lopinione di tre mamme soddisfatte della scuola materna


ezioni di inglese a partire dai tre anni, attivit di psicomotricit, gioco libero e progetti didattici sulla natura e sullacqua: sono queste alcune delle attivit organizzate nelle materne del territorio cesenate e non solo. "A Martorano dove Tommaso sta frequentando il secondo anno di materna - dice la mamma Elisa - ci sono due sezioni da 28 bimbi ognuna. Qui le due maestre sono divise in due turni: la prima fa dalle 8 alle 12.15 e laltra 10.15 - 16, ma in genere quella del primo turno non se ne va mai prima delle 12.40. In pi ci sono le dade che si occupano di tutte le mansioni che non spettano alle insegnanti come cambio bambini e pulizie". Le due sezioni raccolgono bambini dai 3 ai 5 anni, spesso svolgono lavori di interclasse. "Questanno le maestre hanno seguito un progetto mirato alla scoperta delle verdure: i bambini hanno osservato come nascono le piante a partire dai semi. Hanno raccolto le verdure e imparato a riconoscerle. Le cuoche hanno preparato il minestrone per tutti, ma usando altre verdure". Un aspetto apprezzabile della materna di Martorano la cucina interna, piuttosto rara nelle materne cesenati. Qui i men seguono lindicazione dellAusl e sono tutti a base di prodotti biologici. "A SantEgidio - continua Elisa, dove il mio bambino ha frequentato il primo anno di scuola materna prima che ci trasferissimo a Martorano - la mensa era gestita esternamente attraverso il servizio comunale". La retta massima della scuola dellinfanzia comunale di 250 euro compreso il servizio mensa.

Anche se lontano da Diegaro dove abitano, Tania ha scelto per il proprio bimbo Cesare la materna del Sacro Cuore, dove le tre sezioni sono per et (piccoli, mezzani e grandi). "E stata una scelta educativa dettata dal desiderio di condividere i valori su cui fondata la scuola ed arrivata anche dopo alcune esperienze in altre strutture del territorio per noi non molto positive. Quello che apprezzo la didattica a piccoli gruppi che favorisce e stimola la socializzazione. Anche noi genitori siamo coinvolti sia nella programmazione sia in iniziative esterne che facilitano la nostra

frequentazione. Non raro che ci si metta daccordo fra di noi per il trasporto e si fa a turno. Tra le attivit non mancano le uscite come la gita al museo dellarte a Bologna, le lezioni di psicomotricit, Fiabilandia e Ravenna". La scuola si avvale anche dellaiuto di una pedagogista che verifica lo sviluppo dei bambini e individua eventuali problematiche (problemi dellattenzione, piccoli deficit di apprendimento) suggerendo anche le modalit dintervento. Come nelle altre scuole, anche qui lingresso ha orari elastici a partire dalle 7.45. La nanna prevista per i piccoli, ma gi per i mezzani non pi obbligatoria. Per questanno la retta di 240 euro al mese (spuntino al mattino, pranzo e merenda compresi) con iscrizione di 200 euro, ma dallanno prossimo la cifra potrebbe salire a 260. Fanno inglese a partire dai tre anni i bimbi dellAncora di Cesenatico. "Sono molto soddisfatta di aver scelto la materna per il mio Filippo - spiega Sonia -, perch nonostante la presenza dei nonni in famiglia, riteniamo la materna un passaggio fondamentale per la sua crescita e lacquisizione delle regole. Filippo ha partecipato al progetto sullo sport in cui si bambini hanno scoperto attivit come il basket e la pallavolo e originale stato il laboratorio con i materiali di recupero con cui hanno realizzato strumenti musicali". A Cesenatico la frequenza della materna ha un costo fisso di 51,90 euro a cui si aggiungono 2,20 euro a pasto e 7,65 euro mensili per lo spuntino della mattina. Bab

sono tre bambini. "Sono pervenute - fa sapere lUfficio - anche quattro domande di non residenti che non sono state accolte. Gli alunni in esubero in un determinato plesso sono stati spostati nei plessi meno frequentati". La retta di 70 euro al mese. Copre il servizio mensa ed la stessa per tutte e tre le sedi. Il servizio di refezione gestito da "Mens sana", unassociazione non lucrativa formata da genitori volontari che si occupa delleconomato di tutte le scuole di Longiano. I volontari, che lavorano in convenzione con il Comune, cercano i prodotti migliori e li preparano nelle cucine delle scuole. Non mancano frutta e verdura biologica e alimenti senza glutine per celiaci. I soldi della retta aiutano "Mens sana" a nanziare anche alcuni progetti formativi e ad acquistare eventuali materiali didattici. Matteo Venturi

Pasolini Elisabetta
Agenzia Immobiliare
VENDITE

corso Cavour, 157 - CESENA tel. 0547 24228 348 6031576 info@immobiliarepasolini.it www.immobiliarepasolini.it

MADONNA DELLE ROSE (Cesena): vendesi casa depoca di medie dimensioni composta da due appartamenti con ingresso indipendente ciascuno. Ampio balcone e cantine storiche seminterrate. Completa limmobile una zona servizi e bellissimo giardino di mq. 450 ca. Non necessita di lavori strutturali. Rif. V 1 Prezzo: euro 850.000 FORL zona centrale: vendesi luminoso appartamento anni Settanta composto da ingresso, sala e cucina abitabile con balcone, due grandi matrimoniali con balcone, ripostiglio, bagno, grandissima cantina, garage. Impianti autonomi. Rif. A 330 Prezzo: euro 180.000 SANTANDREA IN BAGNOLO (Cesena): vendesi graziosa casa di recente costruzione con ingresso indipendente e giardino. La casa composta da: P.t. sala e cucinotto; p. 1 camera matrim. e cam. singola con ampio terrazzo, bagno. Completa limmobile la mansarda con finestra e lucernaio con attacchi cucina e la taverna seminterrata con due vani, zona lavanderia, bagno e ripostiglio. Il giardino privato di ca. mq. 100 presenta un pergolato e due posti auto scoperti. Rif. C 12 Prezzo: euro 195.000 IPPODROMO: In moderno complesso residenziale di nuova realizzazione, in bioedilizia certificata, vendesi luminoso e confortevole bilocale con ing. indip. con ampio balcone-solarium attrezzato. I pannelli fotovoltaici e solari coprono l80% del fabbisogno delle parti comuni,ascensore e acqua sanitaria, leccedente alimenta la caldaia di riscaldamento. Le geometrie movimentate della struttura, la luminosit, la dinamicit e il comfort degli spazi interni, lampio e profondo balcone attrezzato sono stati pensati per una vita di qualit. Disponibilit di garage, cantina e posto auto coperto. Rifiniture di pregio. Antif., riscald. pavimento, aria cond., asp. central. Rif. B 4 Prezzo: euro 195.900

AFFITTI
CESENA CENTRO STORICO: affittasi bellissimo appartamento su due livelli dalle rifiniture di pregio. Limmobile composto da cucina abitabile, sala, ampio bagno, due camere matrimoniali, cabina armadio. GARAGE. Ampia corte condominiale. Arredato. Impianti autonomi. Contratto agevolato con cedolare secca. Rif. AA 310 Canone: euro 700 ADIACENZE HOTEL CASALI (Cesena): affittasi ampio appartamento semiarredato con sala con terrazzo, cucina abitabile, 2 matrimoniali, una doppia con terrazzo, una singola, 1 bagno. Impianti autonomi, cantina, giardino condominiale. Contratto agevolato con cedolare secca. Anche a studenti. RIF. AA 440 Canone: euro 750 ZONA CENTRALISSIMA E RESIDENZIALE (Cesena): affittasi luminoso attico di ampie dimensioni composto da sala, cucina abitabile, 2 cam. matrim., 2 bagni e ampio balcone tuttattorno + mansarda con ingresso indip. con matrimoniale e bagno. Completa limmobile un garage, la cantina e il giardino condominiale. Servizio di portineria. Arredato. Rif. AA 410 Canone: euro 800 PONTE SAN MARTINO (Cesena): affittasi grazioso trilocale arredato con ingresso indipendente e ampia tavernetta con finestra. Impianti autonomi, minime spese condominiali. Ampia corte condominiale. Posto bicicletta. Contratto agevolato con cedolare secca. Rif. AA 70 Canone: euro 500

Gioved 11 aprile 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Festa della Madonna del Popolo


Patrona della diocesi
Gioved 11 aprile: pellegrinaggio diocesano. Alle 20,30 recita del Rosario e alle 21 solenne concelebrazione. Sono invitate le comunit parrocchiali, i movimenti e le associazioni. Sar un momento unitario di preghiera con il vescovo per la comunit diocesana. La concelebrazione eucaristica sar presieduta dal vescovo Douglas. Venerd 12 aprile alle 21: Cantiamo per Maria, rassegna di cori parrocchiali. Sabato 13 aprile, apertura della Solennit: alle 16,45 Rosario, canto delle Litanie e Vespri solenni. Alle 18 Messa celebrata dal vescovo emerito Lino Garavaglia. Domenica 14 aprile, Festa della Madonna del Popolo: alle 7, 8,30 e 11,30 celebrazione delle Messe. Alle 10 Messa solenne presieduta dal vescovo Douglas, concelebrata dai canonici. La Schola diocesana Santa Cecilia eseguir la Messa Salve Regina del maestro Tassani. Alle 16,45 recita del Rosario, vespri della festa e canto delle Litanie. Alle 18 Messa per gli iscritti alla Compagnia della Madonna del Popolo, celebrata da monsignor Tommaso Ghirelli, vescovo di Imola. Secondo la tradizione, tutte le famiglie sono pregate, la sera della Vigilia (sabato 13 aprile) dilluminare le finestre delle proprie case, come segno esterno di fede e di devozione alla Madonna.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Ti esalter, Signore, perch mi hai risollevato
Domenica 14 aprile - Anno C Terza domenica di Pasqua At 5,27b-32.40b-41 - Salmo 29 Ap 5,11-14 - Gv 21,1-19
misterioso. Strathmann: Lesegesi della Chiesa antica aveva ragione quando intuiva che dietro a quel numero cera qualcosa di misterioso... gli antichi zoologi avrebbero conosciuto 153 specie di pesci; 153 un numero di misteriosa perfezione. Cos la pesca apostolica degli uomini definita universale e misteriosa, nessun popolo ne escluso e tutti si raccolgono nellunica rete della Chiesa universale, che pu accogliere tutti senza lacerarsi. Ma gli apostoli come pescatori di uomini possono compiere con successo questo lavoro soltanto su comando di Ges. Dopo il pasto con i discepoli, Ges si rivolge a Pietro, chiedendogli una professione damore, per affidargli il suo gregge. Il pastore della Chiesa il discepolo che ha un amore pi grande di quello degli altri. Pietro non ha la presunzione di considerarsi migliore dei suoi amici. Lesperienza del rinnegamento gli servita. Ora non si confronta pi con gli altri, ma confessa con semplicit il suo amore per il Signore che lo costituisce pastore di tutto il gregge e gli predice la fine: in vecchiaia soffrir la prigione e verser il sangue imitando il suo Signore anche nel martirio. Il Signore non chiede a Pietro se ama le pecore. lamore per Ges la garanzia dellamore per tutti gli uomini. Angelo Sceppacerca

La Parola di ogni giorno


luned 15 aprile SantAnnibale At 6,8-15; Salmo 118; Gv 6,22-29 marted 16 santa Bernardetta S. At 7,51-8,1a; Salmo 30; Gv 6,30-35 mercoled 17 santAniceto At 8,1b-8; Salmo 65; Gv 6,35-40 gioved 18 san Galdino At 8,26-40; Salmo 65; Gv 6,44-51 venerd 19 san Leone IX papa At 9,1-20; Sal 116; Gv 6,52-59 sabato 20 santAgnese da Montepulciano At 9,31-42; Sal 115; Gv 6,60-69

Giornata di aggiornamento liturgico dei sacerdoti


Gioved 18 aprile, alle 9,30 in seminario
La nuova edizione del rito delle Esequie: caratteristiche e novit sar il tema dellincontro di aggiornamento, rivolto ai sacerdoti, che si terr gioved 18 aprile alle 9,30 in seminario. Guider la riflessione monsignor Angelo Lameri, docente di Liturgia e collaboratore dellUfficio liturgico nazionale.

Ordinazione diaconale in vista del sacerdozio


Sabato 20 aprile alle 18 in Cattedrale a Cesena
I tre candidati al sacerdozio Alessandro Forte, Filippo Cappelli e Michael Giovannini riceveranno lordinazione diaconale per limposizione delle mani e la preghiera consacratoria del vescovo diocesano monsignor Douglas Regattieri.

alla tomba vuota allincontro personale col risorto. Fino allultimo, Ges sta in mezzo alla sua piccola comunit per prepararla alla missione e alle ostilit: deve seguire il Maestro e le tocca uguale destino. Dopo lo sbaraglio della croce gli apostoli sembrano tornati al loro mestiere di pescatori di pesci, un po dispersi e un po smarriti. Pietro il primo a essere nominato. lui che prende liniziativa della pesca, ma senza il risorto non prendono nulla. Allalba, mentre i discepoli tornano stremati e delusi, Ges va loro incontro, ma non lo riconoscono. Quando finisce la notte, viene il momento dellintervento di Dio. Con parola autorevole il Signore comanda di gettare la rete dallaltra parte della barca. Non erano i pesci a essersi nascosti; lui a portare un dono insperato dopo una notte di lavoro a vuoto. Se Giovanni il primo a riconoscerlo ( il Signore!); Pietro il primo a cingersi la veste e a gettarsi in mare. Gli altri tirano la rete piena di pesci e sbarcano sulla spiaggia. Centocinquantatr grossi pesci. Dietro a questo numero c qualcosa di

A MESSA DOVE
Roversano 8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, San Mauro in Valle, Bagnile, Casale, Montereale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, SantEgidio, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, San Pietro, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali, San Rocco 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, San Domenico, San Pietro 18.30 Cappuccini 19.00 Osservanza, San Bartolo 20.00 Villachiaviche Villamarina; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Santa Maria Goretti, Boschetto, Gatteo Mare; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 18,30 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro:
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato) 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo, SantEgidio 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche, Gattolino

18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 17; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11 Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17 (sabato); 11.15 / 17; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15 (domenica); Balze: 16 (sabato), 11.30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola: 9.30; Capanne: 11.00

Sabato e vigilie
17.00 Cappella del cimitero, Formignano 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.30 Istituto Lugaresi 17.30 Santuario del Suffragio, San Vittore 18.00 Cattedrale, Cappuccini, San Domenico, Santuario dellAddolorata, Santo Stefano, Case Finali, San Mauro in Valle, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza, San Rocco, 19.00 Osservanza, San Giorgio, Tipano, Ponte Pietra 19.30 Bulgarn 20.00 Villachiaviche, Gattolino, Bulgaria, Ruffio, Pioppa 20.30 San Giovanni Bono, San Pio X, Calisese, Pievesestina

7.00 Cattedrale, San Rocco 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo,

Messe festive

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo; 16 San Giuseppe; 20,30 Sala, Villalta; Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9,45 Cannucceto, San Pietro; 10 San Giacomo,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 14 del 4 aprile 2013: 7.500 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 9 aprile 2013

Vita della Diocesi

Gioved 11 aprile 2013

Vertigini cosmiche Se guardo il cielo opera delle tue dita...


Lastrofisico Marco Bersanelli al terzo incontro dei Dialoghi per la citt svoltosi luned 8 aprile nellaula magna di Psicologia, a Cesena

universo come una grande sinfonia, leggibile non per mezzo di note, ma di formule matematiche. Formule che agli occhi degli scienziati suonano, toccando le corde dellanima. Una musica primordiale, fatta di matematica e luce ancestrale, che fa intravedere alluomo la concreta possibilit di un disegno superiore, divenuto intellegibile per mezzo della scienza. Il tema trattato luned sera a Cesena al terzo appuntamento dei Dialoghi per la citt, organizzati dalla Diocesi, mirava a far cadere i pregiudizi che vorrebbero scienza e fede come contrapposte e inconciliabili. Relatore stato il professor Marco Bersanelli, astrofisico e docente universitario alla Statale di Milano, gi impegnato nella progettazione e sviluppo di un componente chiave del satellite Planck. Questo satellite dellAgenzia spaziale europea, lanciato nel 2009 e chiamato cos in onore del fisico tedesco Max Planck, sta svolgendo un compito non da poco: misurare le radiazioni emesse dallo sfondo nero dellUniverso, per capire

di pochi giorni fa limmagine pi dettagliata dellUniverso primordiale

meglio cosa accaduto negli istanti successivi alla nascita dello stesso (allincirca 14 miliardi di anni fa). Ad oggi riuscito a ricostruire unimmagine dellUniverso risalente a soli 380mila anni dal Big Bang, praticamente ai primi vagiti. Nel mare di stelle dellUniverso - ha spiegato Bersanelli - ci sono delle forme. Miliardi di stelle formano, ad esempio, la Via lattea, la galassia di cui facciamo parte. Ha la forma di una girandola piatta, dal diametro di 100mila anni luce. Impiegheremmo, cio, 100mila anni ad andare da un capo allaltro della Via Lattea viaggiando alla velocit della luce, ovvero 300mila chilometri al secondo. Questa per solo una delle tante galassie dellUniverso, che ne contiene a miliardi, molte delle quali con una forma a spirale simile alla nostra. Prendete una monetina da un centesimo, allungate il braccio verso il cielo e guardatela: dietro quella monetina ci stanno allincirca 10mila galassie, ognuna contenente miliardi di stelle e sistemi solari. Pensieri in grado di far girare la testa persino agli scienziati pi scafati: Come luomo antico era preso da vertigine di fronte al cielo stellato, cos noi siamo di fronte ad una nuova vertigine del cosmo. Le parole migliori che ho trovato per descriverla risalgono a 3mila anni fa e sono quelle del salmo 8: Se guardo il cielo, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate, che cosa luomo perch te ne ricordi e il figlio delluomo perch te ne curi? Eppure lhai fatto poco meno degli angeli, di gloria e di onore lo hai coronato. Pochi giorni fa il professor Bersanelli e i suoi colleghi hanno ottenuto limmagine pi dettagliata dellUniverso primordiale: Grazie ad essa possiamo capire comera lUniverso prima che nascessero le galassie e le stelle: incandescente e con una temperatura di 3mila gradi Kelvin. Dai grumi di luce possiamo intravedere gli embrioni delle galassie. In quella fase, delle minime imperfezioni hanno dato forma al tutto. Come se in una piscina profonda 5 metri ci fossero increspature di pochi decimi di millimetro. Delle imperfezioni diverse non avrebbero portato a nulla. Per Bersanelli, dunque, non c alcun muro tra la scienza e la fede nella creazione: Ritengo che natura e mistero non siano estranei luno allaltro. Anche studiando la cosmologia non pu non sorgerci la domanda su chi ha fatto scaturire la prima scintilla. Michelangelo Bucci

Brevi
Messaggi del vescovo Battesimo e Festa Madonna Popolo
l Battesimo porta della I nostra salvezza il titolo della nota liturgicopastorale sulla celebrazione del Battesimo, scritta dal vescovo Douglas Regattieri e pubblicata nei giorni precedenti la Pasqua. Sempre a cura di monsignor Regattieri il Messaggio alla Chiesa diocesana Maria, ricordati del popolo cristiano che a te si affida, in distribuzione in occasione della Festa della Madonna del Popolo (domenica 14 aprile); sul Corriere Cesenate della prossima settimana ne pubblicheremo ampi stralci. Entrambi i testi sono disponibili presso il Centro pastorale di Palazzo Ghini (corso Sozzi 39, Cesena), aperto le mattine dal luned al venerd, dalle 9 alle 12.

Percorso per fidanzati


Il percorso diocesano per danzati, promosso dallUfficio Famiglia, prosegue il cammino con lincontro dedicato alla coppia in rapporto con Dio, dal titolo Le ali per volare: chiamati alla santit: per ricordare da dove veniamo e versa cosa tende il nostro cuore, che inquieto nch non riposa in Lui, per continuare a lasciarci sorprendere da Cristo. Lappuntamento per domenica 14 aprile alle 16,30 presso il seminario, a Cesena.

Amici di padre Guglielmo


Luned 15 aprile alle 21, nel convento dei Cappuccini di Cesena, si terr lincontro mensile degli Amici di padre Guglielmo.

Festa diocesana
Nei giorni della Chiesa in Festa che si terr alla Fiera di Pievesestina i prossimi 18 e 19 maggio, si esibir il Corone diocesano che gi si era costituito per le edizioni della Festa diocesana 2005 e 2006. Per chi volesse parteciperare, le prove si terranno nellauditorium del seminario, a Cesena, domenica 14 e 21 aprile alle 20,45, e venerd 3 e 10 maggio, sempre alle 20,45. Per info: coro.terrapromessa@tin.it Durante la festa si terranno anche le premiazioni del concorso aperto alle scuole, sul tema Ges, umanit affascinante. Info su www.corrierecesenate.it

Angelo Comastri, un cardinale in canonica


Il porporato ha presieduto la concelebrazione nella parrocchia di SantEgidio di Cesena, venerd 5 aprile, in occasione dei sessantanni di fondazione
n momento di grazia e di Chiesa viva, quello vissuto venerd scorso dalla comunit parrocchiale di SantEgidio di Cesena, con la celebrazione presieduta dal cardinale Angelo Comastri, che ha trascorso la notte nella canonica. La chiesa parrocchiale della prima periferia di Cesena era gremita per una delle celebrazioni centrali del 60esimo anniversario della parrocchia retta dal 2010 da monsignor Gabriele Foschi, che a inizio celebrazione ha illustrato come la parrocchia, nel suo processo di crescita e sviluppo, grazie alle tante attivit sia diventata sempre pi un luogo aperto al confronto costruttivo. Le tante collaborazioni fra parrocchia e istituzioni civili, scolastiche e assistenziali dicono di un rapporto aperto alla comunit civile del quartiere e della citt, segno di convivenza cordiale e confronto costruttivo. Ha fatto gli onori di casa il vescovo Douglas Regattieri, che ha riportato come la presenza del cardinale Comastri solennizza un evento ecclesiale importante per una comunit che cresce e si edifica, in comunione con papa Francesco. Ad multos annos, comunit parrocchiale di SantEgidio! Nellanniversario dei sessantanni di fondazione della vostra parrocchia, vi auguro di essere esempio di Chiesa libera. Libera dallegoismo, in cammino con la luce della fede, capace di vivere il coraggio del perdono e formare gente buona. Sarete cos una Chiesa che brilla, esempio per i giovani, testimoni della gioia della fede e certi che il Paradiso si prepara quaggi. Cos, il buio del presente sar meno buio. Questi alcuni passaggi dellintensa omelia tenuta dal cardinale Angelo Comastri, arciprete

Pellegrinaggio diocesano a SantApollinare in Classe


Gioved 25 aprile tutta la diocesi si recher in pellegrinaggio alla basilica di SantApollinare, a Ravenna. Ci si recher sulla tomba del vescovo che ha dato il via alla diffusione del Cristianesimo nelle nostre terre con il primo annuncio del Vangelo, giungendo per questo alla Gloria del martirio. Il pellegrinaggio sar effettuato con mezzi propri. Arrivo alle 9,45 alla basilica di SantApollinare in Classe. Alle 10,30 solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas Regattieri. Nel pomeriggio le attivit riprenderanno alle 14,30 con lanimazione per i ragazzi e il Vangelo secondo Ravenna per giovani e adulti. Alle 15,30 preghiera conclusiva. Per informazioni e iscrizioni ci si deve rivolgere in parrocchia.

della basilica di San Pietro in Vaticano - e ribattezzato parroco del Papa - in occasione dei sessantanni dellistituzione della parrocchia che, nata nel 1953 su desiderio dal vescovo Vincenzo Gili il cui corpo custodito allinterno della chiesa, ad oggi tra le pi popolose della diocesi. La parrocchia come la fonte del villaggio, alla quale tutti vanno ad attingere. Per questo, la Chiesa deve sempre essere seminatrice di amore, perdono e carit, le tre lampade del nostro cammino - ha proseguito il porporato -. Esempi folgoranti e tanto vicini a noi quanto grandi nella storia della Chiesa sono le

figure di papa Giovanni Paolo II che, pur in punto di morte, trasmetteva la grande serenit di un cuore carico di speranza. E ancora, madre Teresa di Calcutta, che nella sua vita tutta dedita ai poveri ci dice che ogni comunit deve brillare per la carit, lunica valigia che ci porteremo. Tra i tanti sacerdoti ed ex cappellani presenti - c anche chi, a Roma da tanti anni, non voluto mancare, come don Paolo Cartolari - il primo parroco canonico Adamo Carloni, a SantEgidio per 44 anni, dal 1953 al 1997. Un ricordo emozionato anche per il successore don Pino Zoffoli, de-

ceduto nel 2009, che ora fa festa con noi dal cielo, come ha detto monsignor Foschi. Alla celebrazione ha partecipato anche il cesenate monsignor Giorgio Biguzzi, vescovo emerito di Makeni (Sierra Leone). Hanno presenziato il sindaco di Cesena Paolo Lucchi, la presidente del Consiglio comunale Rita Ricci, il viceprefetto Darco Pellos, lassessore provinciale Maurizio Brunelli. La festa poi proseguita negli ambienti parrocchiali per un momento conviviale ricco di abbracci commossi e ricordi grati. E lo scintillo dei fuochi dartificio ad aprire il cammino futuro della parrocchia. Sabrina Lucchi

Vita della Chiesa


IL PAPA A SAN GIOVANNI Jorge Bergoglio, vescovo di Roma, ha preso possesso della sua Cattedrale

Gioved 11 aprile 2013

Per Dio non siamo numeri


isericordia, pazienza, coraggio. Tre parole che Francesco, vescovo di Roma, consegna ai fedeli nella celebrazione in San Giovanni, in occasione della presa di possesso della cattedrale. la domenica della Divina Misericordia, per volere del beato Giovanni Paolo II; e la domenica in cui viene proclamato il Vangelo di Giovanni della duplice manifestazione del Signore risorto, nel cenacolo: la prima volta nella sera della resurrezione, lapostolo Tommaso assente; poi otto giorni dopo e questa volta anche Tommaso presente. Una prima lettura: il Signore si manifesta nellottavo giorno dalla domenica di Pasqua. Come dire, il risorto si rende presente tra i suoi discepoli otto giorni dopo, cos come ogni otto giorni i fedeli si ritrovano per celebrare, la domenica, e fare memoria della Pasqua. Francesco ricorda, nel Regina Caeli, che Tommaso ha creduto perch ha visto il Signore. Ma c una beatitudine della fede che riguarda tutti coloro che hanno creduto pur non avendo

incontrato Ges risorto: beati quelli che non hanno visto e hanno creduto: questa la beatitudine della fede. In ogni tempo e in ogni luogo sono beati coloro che, attraverso la parola di Dio, proclamata nella chiesa e testimoniata dai cristiani, credono che Ges Cristo lamore di Dio incarnato, la misericordia incarnata. E questo vale per ciascuno di noi. Cos papa Francesco chiede alle persone presenti in piazza San Pietro e lungo via della Conciliazione di avere pi coraggio di testimoniare la fede: Non dobbiamo avere paura di essere cristiani e di vivere da cristiani. Noi dobbiamo avere questo coraggio, di andare e annunciare Cristo Risorto, perch lui la nostra pace, lui ha fatto la pace, con il suo amore, con il suo perdono, con il suo sangue, con la sua misericordia. Riflessione che continua, papa Francesco, nel pomeriggio in San Giovanni, con quelle tre parole misericordia, pazienza, coraggio - e con gesti che possiamo definire una sorta di vangelo della tenerezza e della misericordia: gesti affettuosi con le persone ferite nel fisico; abbracci con ragazzi, donne che la malattia blocca

in sedie a rotelle, persone bisognose di assistenza, di aiuto. La misericordia di Dio, dice, un amore cos grande, cos profondo, un amore che ci tocca da vicino e che non viene meno, sempre afferra la nostra mano e ci sorregge, ci rialza, ci guida. Anche qui, mette in primo piano tre esempi, tre racconti, per aiutarci a leggere ci che sta spiegando. La prima immagine che utilizza quella di Tommaso - fa esperienza proprio della misericordia di Dio, che ha un volto concreto, quello di Ges, di Ges risorto - cui non basta la promessa di Ges, che aveva annunciato: il terzo giorno risorger. Vuole vedere, vuole mettere la sua mano nel segno dei chiodi e nel costato. Ed ecco la seconda parola: pazienza. Ges, ricorda papa Francesco, non abbandona il testardo Tommaso nella sua incredulit; gli dona una settimana di tempo, non chiude la porta, attende. E poi, la seconda immagine, Pietro, che lo rinnega tre volte, proprio quando doveva essergli pi vicino. Pietro coglie lo sguardo di Ges che con pazienza, senza parole gli dice: Pietro, non avere paura della tua debolezza, confida in me; e Pietro comprende, sente lo sguardo damore di Ges e piange. Infine i due discepoli

di Emmaus un camminare vuoto, senza speranza. Commenta il Papa: Ges non abbandona, non perde la pazienza; anzi accanto a ognuno lungo la strada: questo lo stile di Dio: non impaziente come noi, che spesso vogliamo tutto e subito, anche con le persone. Dio paziente con noi perch ci ama, e chi ama comprende, spera, d fiducia, non abbandona, non taglia i ponti, sa perdonare. Dio ci aspetta sempre. come il padre della parabola del figliol prodigo, che, vedendolo da lontano, gli corre incontro. Anche se si era allontanato, non lo aveva mai dimenticato: gli corre incontro e lo abbraccia con tenerezza, la tenerezza di Dio, senza una parola di rimprovero: tornato! Dio sempre ci aspetta, non si stanca. Dio risponde alla nostra debolezza con la sua pazienza, dice il Papa citando Romano Guardini: Questo il motivo della nostra fiducia, della nostra speranza. La pazienza di Dio, afferma ancora Francesco deve trovare in noi il coraggio di tornare a lui, qualunque errore, qualunque peccato ci sia nella nostra vita. come un dialogo, aggiunge, tra la nostra debolezza e la pazienza di Dio. Non c peccato grande che Dio non possa perdonare: Non ho il coraggio di tornare, di pensare che Dio possa accogliermi e che stia aspettando proprio me afferma Francesco. Ma Dio aspetta proprio te, ti chiede solo il coraggio di andare a lui e questo perch la sua una carezza di amore. Per Dio noi non siamo numeri, siamo importanti, anzi siamo quanto di pi importante egli abbia; anche se peccatori. Anche in questa seconda domenica del tempo di Pasqua, continua il cammino di Francesco, il vescovo con il suo popolo; un cammino fatto di gesti, di parole, per dire: lasciamoci avvolgere dalla misericordia di Dio; confidiamo nella sua pazienza; abbiamo il coraggio di tornare nella sua casa. Nonostante le nostre mancanze, i nostri peccati, ho sempre visto - dice Francesco che Dio, nella sua pazienza infinita, ha perdonato, ha accolto, consolato, lavato, amato. Fabio Zavattaro

10

Gioved 11 aprile 2013

Vita della Chiesa

INTERVISTA A colloquio con monsignor Giuliodori, assistente ecclesiastico generale


na consolidata tradizione che costituisce un passaggio fondamentale della vita dellUniversit e del suo essere espressione qualificata e dinamica dellimpegno educativo e culturale dei cattolici nel nostro Paese. Monsignor Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dellUniversit Cattolica, parla in questi termini della Giornata nazionale per lAteneo del Sacro Cuore, che si celebra domenica 14 aprile. Istituito ufficialmente nel 1924, a partire dalledizione del 1968 si deciso di sottolineare con un tema specifico levento, accompagnato da un messaggio della presidenza della Cei. Con le nuove generazioni oltre la crisi il tema delledizione 2013 (testo integrale del messaggio: www.chiesacattolica.it). Alla Cattolica (cinque sedi, 54 Istituti, 22 Dipartimenti, 70 Centri di ricerca, 5 Centri di Ateneo, 151 strutture dedicate alla ricerca scientifica) sono attualmente iscritti 40.970 studenti, 1.525 i docenti in organico. In occasione della Giornata, il Sir ha rivolto alcune domande a monsignor Giuliodori. Eccellenza, perch celebrare la Giornata dellUniversit Cattolica? Qual il senso e il significato profondo di questo appuntamento annuale? Il fatto che si tratti dell89 Giornata, ci fa subito comprendere che ci troviamo di fronte a una consolidata tradizione. La sua storia legata agli albori della fondazione dellUniversit Cattolica scaturita dal genio e dalla tenacia di padre Agostino Gemelli. Il suo disegno culturale, teso a offrire ai giovani e al Paese, che usciva devastato dalla prima guerra mondiale, un luogo di eccellenza per la formazione e per la ricerca scientifica, mirava a coinvolgere tutti i cattolici italiani. Con questo spirito nasceva la Giornata nazionale che, nel tempo, si andata rafforzando e che oggi rappresenta un passaggio fondamentale della vita dellUniversit e del suo essere espressione qualificata e dinamica dellimpegno educativo e culturale dei cattolici nel nostro Paese. Qual oggi la missione dellUniversit Cattolica? In profonda continuit con la sua storia lUniversit Cattolica chiamata a essere un luogo di formazione altamente qualificato sia dal punto di vista degli insegnamenti sia per quanto concerne laccompagnamento degli studenti verso una crescita piena e integrale di tutta la persona. Per questo oltre a una formazione di alto livello scientifico, ampiamente riconosciuta e apprezzata, lUniversit offre anche percorsi per illuminare il sapere con la fede. A sostenere la formazione integrale e la crescita spirituale contribuiscono, in modo particolare, i Centri pastorali presenti in ogni sede e i corsi di teologia inseriti nei programmi di tutte le Facolt. Laggettivo Cattolica, che qualifica lUniversit del Sacro Cuore, richiama anche

Catholica
di Stefano Salvi

Universit Cattolica

UCCISO RETTORE DEL SEMINARIO DI BANGALORE (INDIA)


Il 5 aprile migliaia di fedeli hanno partecipato ai funerali di padre Thomas, rettore del seminario di Bangalore, in India, ucciso da sconosciuti la notte fra la domenica di Pasqua e il luned con un oggetto contundente, forse un mattone. Secondo lagenzia AsiaNews del 6 aprile, durante la messa funebre, presieduta dallarcivescovo dei siro-malabaresi di Kottayan, allomelia il vescovo ausiliario ha ricordato la testimonianza di fede di padre Thomas, amato sia dalla popolazione sia dai seminaristi, e ha chiesto di pregare per la conversione dei colpevoli e di quanti hanno compiuto un atto cos crudele.

CRISTIANO SEQUESTRATO E TORTURATO IN PAKISTAN


In Pakistan Siddique Masih, un autista cristiano di 38 anni padre di quattro figli, la notte di Pasqua stato sequestrato dal suo ex datore di lavoro musulmano con alcuni complici ed riuscito a scappare dopo due giorni di torture. Ha raccontato allagenzia AsiaNews del 4 marzo: Sono un poveruomo che si guadagna da vivere in modo onesto, per cercare di portare avanti la famiglia. Non ho inimicizie personali nei confronti del mio ex datore di lavoro, ma lui mi ha voluto sequestrare per un risentimento che covava verso di me. Avrei potuto morire, se non fossi riuscito a scappare. Mi hanno picchiato brutalmente e promesso di uccidere la mia famiglia. Amici musulmani mi hanno aiutato a denunciare la vicenda e non moller sino a che non otterr giustizia.

Luogo deccellenza
le profonde ragioni del suo impegno. In modo quanto mai autorevole, e nello stesso tempo essenziale ed efficace, lo ha spiegato Benedetto XVI nel discorso tenuto in occasione del 90esimo di fondazione dellUniversit. In quella speciale udienza del 21 maggio 2011 concessa alla grande famiglia della Cattolica, il Papa sottolineava che la vocazione originaria dellUniversit legata alla ricerca della verit, di tutta la verit del nostro essere. Per questo motivo la prospettiva cristiana, che costituisce la piattaforma del lavoro intellettuale dellUniversit, non alternativa al sapere scientifico e alle conquiste dellingegno umano. Lessere Cattolica non toglie nulla allUniversit ma la rende pi ricca perch la fede allarga lorizzonte del nostro pensiero, via alla verit piena, guida di autentico sviluppo. Nei momenti pi difficili della storia si legge nel messaggio dei vescovi -, dalle nuove generazioni venuto sempre un contributo decisivo. Quale pu essere, in questo momento storico, il contributo dei giovani? E in che modo pu sostenerli lUniversit Cattolica? Il primo contributo quello di essere portatori di speranza. Di fronte a un quadro dincertezza rispetto al futuro, come quello che ci troviamo a vivere, fondamentale non scoraggiarsi, soprattutto per i giovani. In secondo luogo, per affrontare le grandi sfide del tempo presente occorre avere una formazione di altissimo profilo, anche per essere concorrenziali in tutti i settori della vita sociale ed economica. necessario offrire al Paese nuove generazioni di persone motivate e competenti, capaci di assumersi responsabilit e di garantire autentico sviluppo a servizio del bene comune. Come si colloca lUniversit Cattolica nel decennio dedicato dalla Chiesa italiana al tema delleducare alla vita buona del Vangelo? Tra i tanti contributi che la Chiesa italiana offre al Paese per affrontare la sfida educativa, quello dellUniversit Cattolica certamente tra i pi importanti e qualificati. Con le sue dodici Facolt e con la sua proposta educativa, lUniversit Cattolica costituisce una fucina dintellettuali e professionisti, cristianamente formati e motivati, in grado di alimentare, in tutti gli ambiti del vivere umano, la ricerca del bello, del vero e di tutto ci che concorre al vero bene delluomo e della societ. Vincenzo Corrado

LIBRAIO CRISTIANO ARRESTATO IN CINA


Secondo AsiaNews del 4 aprile, Li Wenxi, libraio cristiano di Pechino si trova da tre mesi in carcere perch ha aiutato i fedeli di Taiyauan nello Shanxi ad aprire una libreria religiosa.

GIUDIZIO DEL PATRIARCA MARONICA SUL MEDIORIENTE


Secondo lagenzia AsiaNews del 5 aprile, il cardinale libanese Bchara Rai, patriarca maronita, ha fatto la seguente dichiarazione il primo aprile davanti allambasciatore francese: Forze oscure operano per disarticolare Stati e istituzioni, e cercano instancabilmente di accendere un conflitto tra le diverse confessioni religiose che, finora, coesistono pacificamente e questo, per ironia, in nome della democrazia e della primavera araba . Ed ha cos spiegato il ruolo fondamentale dei cristiani nella societ mediorientale: La crescita del fondamentalismo islamico minaccia i musulmani moderati, che sono la maggioranza. Essi rischiano di cadere nel pensiero fondamentalista, se i cristiani perdessero la loro presenza effettiva e la loro influenza benefica allinterno delle societ arabe.

In edicola ogni gioved il nuovo periodico della San Paolo. Il direttore don Antonio Rizzolo:La rivista parler soprattutto di fede popolare

SettimanaleCredere, per riscoprire la gioia della fede


in edicola da gioved 4 aprile Credere, la gioia della fede, il nuovo settimanale popolare religioso di Periodici San Paolo: cento pagine suddivise in tre sezioni (Via: i testimoni della fede; Verit: i contenuti della fede; Vita: i gesti della fede). una scommessa proporre, nella nostra Italia in cui si legge poco e si praticano poco le chiese, un nuovo settimanale veramente popolare ed esplicitamente religioso, afferma don Antonio Rizzolo, direttore responsabile. Credere - spiega il sacerdote paolino - parler soprattutto di fede popolare: la devozione, i pellegrinaggi, le feste e le processioni, compresi i santi pi amati - e Padre Pio fra questi. Ma, assicura, daremo a questi contenuti la qualit e la dignit che meritano. Nel primo numero la prima Pasqua di papa Francesco, con le interviste a persone comuni, dando voce ai ragazzi che erano in piazza San Pietro, ma anche a casalinghe, impiegati, sacerdoti e laici, chiedendo loro cosa si aspettano dal nuovo Pontefice. Il dossier centrale, una prima catechesi cristiana curata da un gruppo di

giovani teologi, dedicato allo Spirito Santo. Poi la rubrica mariana di padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria; Dialoghi sullaldil di don Gabriele Amorth, noto esorcista; e Nonno mi spieghi: le grandi domande dei bambini sulla fede a cura dellUfficio catechistico di Roma. Nel nuovo settimanale Credere, la gioia della fede (vicedirettore Saverio Gaeta, caporedattore Gerolamo Fazzini), trovano spazio anche Le storie della Bibbia a cura della biblista Antonella Anghinoni; La settimana liturgica con i commenti specifici per il rito romano e ambrosiano; Ite Missa est, rubrica a carattere leggero e spiritoso che vede alternarsi due giornalisti Rai: Carlo Nesti e Costanza Miriano. Tra i collaboratori il cardinale Angelo Comastri (Settimana liturgica - commenti liturgici alla domenica in rito romano) e mons. Giovanni DErcole (Settimana liturgica - commenti liturgici dei giorni feriali in rito romano). Una risposta a

tante nuove domande che emergono dalla societ di fronte ai cambiamenti che investono la Chiesa, di cui il nuovo papa Francesco motore e icona, definisce il nuovo settimanale don Rosario Uccellatore, publisher dellunit tematica editoriale Religione dei Periodici San Paolo. In edicola e in parrocchia, Credere proposto al prezzo di copertina di 1,50 euro, ma i primi tre numeri sono venduti a 1 euro. Su tutta la tiratura del primo numero in omaggio il volume Dio nella citt scritto da papa Bergoglio, sguardo lucido e colmo di misericordia sul tema della citt e del vivere comune tra le persone. Una rivista tutta nuova, che rilancia il messaggio pi grande di sempre, la buona notizia della nostra salvezza: il Vangelo. Dio ci vuole felici. quanto scrive il direttore, don Antonio Rizzolo, nelleditoriale del primo numero della nuova rivista dei Paolini, Credere, la gioia della fede.

Attualit La Thatcher morta a Londra luned 8 aprile allet di 87 anni Lady di ferro In unintervista confid la sua profonda religiosit

Gioved 11 aprile 2013

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

La versione di Margaret prima donna a Downing Street


n primo ministro che ha cambiato per sempre il Regno Unito. Prima donna a Downing Street, ha aperto le porte del mondo politico alle donne. Mentre continuano i tributi a Margaret Thatcher, al potere pi di qualsiasi altro premier britannico, dal 1979 al 1990, la baronessa rivel una profonda religiosit in unintervista del 1978. Moore ricorda la Thatcher. La Gran Bretagna rende tributo a Margaret Thatcher con funerali solenni, pari a quelli concessi alla Regina madre e alla principessa Diana, per organizzare i quali il primo ministro David Cameron ha interrotto il proprio viaggio in Europa. Charles Moore, biografo ufficiale della Thatcher e gi direttore del Daily Telegraph, ricorda a Silvia Guzzetti per Sir Europa che la lady di ferro stata il primo ministro inglese pi importante da Winston Churchill e quello di maggiore successo del XX secolo, in tempi di pace. Daltra parte, Moore ribadisce la rivoluzione introdotta nel Regno Unito dal fatto che per la prima volta a Downing Street entrata una donna. Apr Downing street alle donne. In questo modo le opportunit delle donne per il mondo della politica e del lavoro sono cambiate per sempre, aggiunge Moore: Con il suo successo alle elezioni Margaret Thatcher stata in grado di trasformare la Gran Bretagna economicamente e socialmente e recuperare buona parte della reputazione internazionale britannica allestero. La tristezza della Regina e del Primate cattolico. La

GESUITI 2.0
In poche settimane papa Francesco ha superato i cinque milioni di follower su @Pontifex, laccount ufficiale di Twitter ereditato da Benedetto XVI. Il 4 aprile 2013, infatti, il contatore del sito quantificava in 5.001.770 gli utenti del popolare social network iscritti a ricevere gli aggiornamenti papali, regolarmente rilanciati in nove lingue tra cui larabo e il latino. Se in venti giorni i seguaci di Pontifex sono praticamente raddoppiati, in decisa crescita anche il ritmo dei messaggi pubblicati on line: papa Bergoglio cinguetta quattro volte alla settimana, contro le due del predecessore. Il Papa dei gesti si afferma cos anche come efficace comunicatore nei nuovi media. Il suo un modo di parlare semplice, accessibile a tutti, fatto di frasi brevi, con poche subordinate, vocaboli comuni e ripetizione delle parole chiave. Un esempio? Il tweet del 4 aprile scorso: Dio ci ama. Non dobbiamo aver paura di amarlo. La fede si professa con la bocca e con il cuore, con la parola e con l'amore. La notizia del giorno, sul fronte cyber-religioso, per lo sbarco in gran spolvero nel continente digitale de La Civilt Cattolica, la storica rivista della Compagnia di Ges, fondata nel 1850 e da allora sempre redatta da un collegio di scrittori appartenenti alla congregazione. Il passo sui social network era gi stato compiuto; ora si aggiunge un balzo di non poco conto. stata appena resa disponibile, infatti, lapplicazione della rivista per tablet e smartphone, cos da poter scaricare e leggere sul telefonino loriginale produzione editoriale. Come se non bastasse, il direttore padre Antonio Spadaro annuncia di aver stretto un accordo con Google, il motore di ricerca pi famoso al mondo, per la digitalizzazione dellintero archivio del quindicinale, a partire dal numero desordio, uscito il 6 aprile di 163 anni fa. I primi gesuiti della rivista scrive il direttore nelleditoriale che lancia le novit informatiche furono innovatori, immaginando luso della stampa, che era il mezzo stesso di cui si servivano i rivoluzionari, i liberali e gli anarchici. Cos oggi naturale che il nostro messaggio sia diffuso anche su supporti digitali per essere fruibile da parte di un numero maggiore di persone. Nel 1851 ricorda ancora Spadaro si leggeva sulle pagine della rivista: Tra chi scrive e chi legge corre una comunicazione di pensieri e di affetti che tiene molto dellamicizia, spesso giunge ad essere quasi una segreta intimit. Niente di pi confacente alle reti e alle comunit virtuali del ventunesimo secolo.

ancora il problema davvero religioso della scelta tra bene e male. La scelta lessenza delletica. La Thatcher, che avrebbe introdotto in Gran Bretagna una profonda rivoluzione sociale distruggendo il potere dei sindacati, liberalizzando il mercato del lavoro e consentendo a chi fino ad allora non poteva permetterselo di comprare le case delledilizia sociale, disse in quella intervista di non pensare che ci fosse rimasta ancora vera povert in questo Paese. La coscienza individuale. Ci pu essere povert perch le persone non sanno come tenere un bilancio, come spendere i soldi, ma quello che conta a questo punto il carattere fondamentale dellindividuo, disse la Thatcher che, in un altro passaggio dellintervista, si sofferm sui motivi per i quali si ricorre alla droga o al terrorismo che risiedono nella coscienza individuale. Sono diversa da un marxista. C del bene e del male in ciascuno e il motivo fondamentale della vita migliorare la tua condizione umana e puoi farlo soltanto facendo cose per gli altri. Cos la Thatcher in quello che si pu considerare il suo testamento spirituale: Anche quando ti sono state insegnate tutte le cose giuste non significa che le farai. Ogni persona, nata in basso o in alto nella scala sociale, ha quella scelta, quella responsabilit personale. Se la neghiamo, neghiamo la base religiosa della vita. Questa la differenza tra me e un marxista, aggiunse Margaret Thatcher pochi mesi prima di entrare a Downing Street: I valori per i quali vivo non sono dati dallo Stato.

Regina Elisabetta ha espresso profonda tristezza alla notizia della morte dellex primo ministro e il Primate cattolico, monsignor Vincent Nichols, stato tra i primi a pregare per la pace dellanima di Margaret Thatcher e per le intenzioni della sua famiglia e di tutti coloro che la piangono, riconoscendo di aver appreso con tristezza la notizia della morte della Baronessa Thatcher che ha servito questo Paese per molti anni.

che si possa portare armonia. Dove c errore, che si porti la verit. Dove c dubbio, si porti la fede. E dove c disperazione, che si possa portare la speranza.

Raccont al Catholic Herald la sua fede. Qualche mese prima aveva spiegato a Richard Dowden, direttore del settimanale cattolico Catholic Herald, lorigine della sua fede. Parlando dellimpegno dei cristiani per i pi poveri aveva detto che mentre insegni loro la religione devi riconoscere La Thatcher era che probabilmente non la religiosissima. La Thatcher, al accoglieranno o capiranno potere pi a lungo di qualsiasi almeno che significhi altro premier del XX secolo qualcosa per loro e li renda primo ministro dal 1979 al indipendenti. 1990 -, era profondamente religiosa. Allevata dal padre Non basta alleviare la nel metodismo si era poi povert. Questo tuttavia non avvicinata alla Chiesa risolve il problema. Quando anglicana. Famosissima la ti sei liberato di povert, sua immagine sui gradini di ignoranza e malattia se non Downing Street, nel 1979, sei un cristiano pensi che appena arrivata al potere, questo risolva i problemi del mentre cita san Francesco mondo. Noi sappiamo che dAssisi. Dove c discordia, non lo fa perch esiste

il Periscopio

di Zeta
sempre gli altri. Quasi mai qualcuno che ammetta il proprio limite, la propria impotenza. Noi, io compreso, non ci accorgiamo di chi ci vive accanto. Ammettiamolo. Lo vedo ogni giorno, scrutando dallalto della sera il percorso di unintera giornata appena trascorsa. Riavvolgo il nastro e noto i difetti, gli spigoli, le arrabbiature inutili. Quanto avrei potuto fare meglio. Eppure Abbiamo occhi e non vediamo. Abbiamo orecchi e non udiamo. Non c solo un clima generale negativo che ci condiziona e ci deprime. Ognuno di noi mette del suo, nel bene e nel male, e contribuisce a generare il mondo nel quale ci muoviamo. Non possiamo sempre considerarci esclusi dalle responsabilit. Sbagliamo, ma abbiamo la possibilit di riannodare i fili, di ascoltato il solito scaricabarile. La politica si riprenderci ogni volta daccapo. arrampica sugli specchi. Gli altri incolpano lassenza La tenerezza di Dio, senza una parola di della politica. I concittadini indicano le rimprovero. E una frase di papa Francesco, responsabilit del Comune. Altri puntano il dito su pronunciata domenica scorsa a San Giovanni in chi di fronte. Non ho sentito alcuno dire: Ma noi Laterano, a Roma. A volte basta poco: dove eravamo?. unattenzione particolare, una carezza, un sorriso, Non ce la faccio a leggere Non c pi niente da dire. perch Dio aspetta proprio te, ti chiede solo il Soltanto un avvertimento alla politica senza avere coraggio di andare a lui. A noi il primo passo per un moto di ribellione. Non possibile indicare muoverci nella giusta direzione. (789)

La tragedia del triplice suicidio, a Civitanova Marche, pone interrogativi a tutti, nessuno escluso

Usciamo dalle nostre solitudini


orrei cercare di fare una ragionata serena. Nei giorni scorsi ci sono stati fatti inauditi, da non credere. Da ogni parte notizie negative, tanto che un noto opinionista italiano ne ha contate 46 in una sola giornata e lha scritto in prima pagina del suo giornale. Un po di respiro, per favore, lasciateci in pace. Eppure, dobbiamo affrontare anche ci che della vita non ci piace. Anche ci che ci fa male, ci morde la carne, ci lacera dentro. Come accaduto qualche giorno fa quando abbiamo appreso il triplice suicidio di Civitanova Marche. Una coppia di sposi, poco pi che sessantenni, ha deciso di farla finita. Con quel poco che avevano, non riuscivano a sbarcare il lunario. Lui aveva perso il lavoro e non riusciva pi ad andare in pensione. Lei portava a casa meno di 500 euro al mese. Troppo poco per riuscire a pagare le bollette e a comprarsi da mangiare. Fino alla decisione ultima: la facciamo finita. Guarda nello sgabuzzino, il messaggio lasciato sul parabrezza dellauto di unamica di casa. Poi il fratello di lei, saputo della tragedia, non regge alla disperazione e decide anche lui di seguire il destino dei suoi familiari. Unaltra tragedia nella tragedia. Una citt si dispera. Una nazione intera, per un giorno e poco pi, fa altrettanto. Ai funerali si odono grida e qualche urlo, cos abbiamo appreso dalla televisione. Poi abbiamo letto i giornali, i resoconti e i commenti. Ho

12

Gioved 11 aprile 2013

Cesena

Serata al Rotary
Internet e carta stampata
Il Web al servizio della carta stampata, che non minaccia i giornali tradizionali, ma ne diventa alleato. Ecco una delle riessioni a chiusura della conviviale Rotary che si svolta questa sera al ristorante Le Scuderie di Cesena. La serata incentrata sul tema "La stampa locale nellera del web" ha visto la partecipazione di Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate, Emanuele Chesi caporedattore del Resto del Carlino, Davide Buratti, caporedattore del Corriere Romagna ed Elide Giordani per La Voce di Romagna. Cesena risulta unisola felice nel panorama editoriale nazionale, poich con i suoi poco meno di 100mila abitanti presenta tre quotidiani e un settimanale. "Nel tempo - ha evidenziato Chesi nonostante i grandi cambiamenti non c mai stata una sostituzione violenta della carta stampata anzi linformazione sul web si mostrata in realt il riesso di quella cartacea". "I siti dinformazione pi visitati sono quelli dei giornali pi autorevoli - ha sottolineato Zanotti -. Il lettore si rivolge alle fonti sicure perch nel web difficile ricavare laffidabilit della notizia. Durante la tavola rotonda grande spazio stato dedicato anche alla gura del giornalista e alla sua deontologia. "Ogni giornalista - ha concluso Zanotti - ha il dovere di vericare le notizie e deve avere il sacro terrore di sbagliare, perch le parole, una volta scritte, pesano pi delle pietre". Bab

In diga 33 milioni di metri cubi

Acqua: dai rubinetti solo quella di Ridracoli


olo acqua di Ridracoli: nel mese di marzo nel territorio di Cesena, grazie alla sovrabbondanza di piogge, dai rubinetti arrivata solo acqua della diga senza la miscelazione di quella di falda. E anche in aprile, almeno fino ad oggi, il trend il medesimo. Lo si evince dai dati resi noti dal portale del Comune www.cesenadialoga.it. Anche in febbraio era arrivata solo acqua di superficie, mentre in gennaio vi era stata miscelazione pari al 5 per cento. La diga di Ridracoli, posta nella valle del Bidente, fra il territorio dei comuni di Bagno di Romagna e Santa Sofia, alla massima capacit dal 20 gennaio. Si tratta di una riserva di 33 milioni di metri cubi che servir a soddisfare la sete della Romagna per tutta lestate. Lapporto a Ridracoli piuttosto incostante: nel 2011 vi stata una prolungata siccit che aveva letteralmente prosciugato il bacino. A fine novembre di quellanno la riserva era di soli 5 milioni di metri cubi e dai rubinetti cesenati sgorgava il 57 per cento di acqua dei pozzi, ricca di

Restano le preoccupazioni per i danni subiti dal mondo agricolo a causa delle piogge eccessive
calcare. Ancora peggio sono andate le cose nel gennaio 2012 con il 67 per cento di acqua proveniente dalle falde locali. In genere si cerca di limitare al massimo il ricorso alle falde per non acuire il problema della subsidenza, vale a dire lo sprofondamento del terreno. E se per luso potabile lalternativa costituita da Ridracoli, per quello agricolo e industriale si fa ricorso al Canale emiliano romagnolo. Come accennato nel numero scorso del Corriere Cesenate, la situazione in campagna piuttosto preoccupante. Al momento, a subire le peggiori conseguenze delle piogge prolungate il comparto delle colture che si seminano o trapiantano in primavera come cipolle, ortaggi, colture da seme. Sono settimane che non si riesce ad entrare in campo e gli agricoltori sono preoccupati. Anche la frutticoltura ne sta risentendo: troppa acqua durante la fioritura, e senza trattamenti di protezione, aumenta il rischio di marciumi. Al momento non vi sono particolari preoccupazioni per le fragole sotto serra: vero che la coltura in ritardo, ma la fioritura stata abbondante come conferma il ricercatore cesenate Walther Faedi. Rimangono invece dubbi per le piante coltivate senza protezione che possono risentire in maniera negativa dei ristagni idrici. Cr

ANNIVERSARIO

Gi presidente di Ac

Da Cesena a New York

Guido Martini: presenza discreta e concreta


Venerd 19 aprile ricorre il secondo anniversario della morte di

GILBERTO FUZZI
La moglie Lina, i figli Giovanni e Chiara, con le loro famiglie, lo ricordano con immutato affetto Dal cielo continua a proteggerci e a guidarci Una messa di suffragio verr celebrata sabato 20 aprile alle 10 in Cattedrale

A ne marzo morto, allet di 79 anni, il professor Guido Martini. Il funerale stato celebrato nella chiesa di Santo Stefano. Laureato in farmacia, era conosciuto in citt anche per il suo impegno nel mondo cattolico. Nel 1965 era stato nominato presidente diocesano dellAzione Cattolica, quando era assistente don Lino Mancini, e diresse con successo, per vari anni, i campi estivi in montagna per i giovani e le famiglie. Assiduo frequentatore del circolo parrocchiale di San Rocco, vi costru importanti e durature amicizie. Fu sempre molto vicino a don Tarcisio De Giovanni: seguiva le vicende delle sue missioni in terr dAfrica e gli mandava aiuti. Una volta raccolse pure strumenti musicali usati da inviare laggi per limprobabile costituzione di una banda.

Si faceva carico di tutte le situazioni pi penose che incontrava. Dava aiuti in continuazione e ospitalit agli immigrati cercando di facilitare il loro inserimento nella societ e nel lavoro. Si accostava ai sacramenti con umile e commovente devozione. Negli ultimi giorni, lamico che gli aveva portato lEucaristia gli ha detto: "Guido, con la tua grande fede e le tue opere di bene, ti baster un lo di gas per andare in paradiso".

Dieci giovanissime ballerine cesenati alla conquista di New York. Si tratta delle allieve della scuola Ateneo Danza di Cesena, che stanno per partire alla volta della Grande Mela. Qui parteciperanno, dal 12 al 18 aprile, alla fase nale dello Youth America Grand Prix (YAGP), il pi grande concorso al mondo per allievi di danza fra i 9 e i 19 anni. Un appuntamento prestigioso, che le ragazze cesenati hanno conquistato classicandosi al secondo posto nella seminale europea del concorso, svoltasi a Parigi nellautunno scorso. Alla vigilia della partenza le giovani danzatrici, accompagnate dalle loro insegnanti, hanno fatto tappa a Palazzo Albornoz, dove hanno incontrato il sindaco Paolo Lucchi che si complimentato per i risultati raggiunti nora e ha fatto loro i migliori auguri per la trasferta oltreoceano.

Cesena

Gioved 11 aprile 2013

13

Il Gruppo archeologico Cesenate lo ha segnalato alla Soprintendenza

Promosso dal Lions


Un aiuto alle famiglie con disabili
Le famiglie che hanno un congiunto disabile spesso si trovano da sole ad affrontare questa situazione in quanto si chiudono in se stesse, e piano piano viene meno la rete sociale attorno a loro. A Cesena si pensato a un progetto innovativo per andare incontro a queste famiglie: il Coach Familiare, che il Lions Club di Cesena ha deciso di sostenere promuovendo una serie di iniziative. Si partir il 13 e 14 aprile con uno stand informativo in Piazza Giovanni Paolo II (sia mattina che pomeriggio) che vedr i soci del Lions Club Cesena assieme ai Coach Familiari distribuire materiale informativo sul servizio. Lidea venuta nellambito del progetto "Abilit diverse", che riunisce varie associazioni che a Cesena lavorano nel campo della disabilit. Il progetto vede la collaborazione del Comune di Cesena e del Laboratorio di Psicologia di Comunit dellUniversit di Bologna (sede di Cesena). Il Coach Familiare una persona adeguatamente formata che aiuta le famiglie ad aumentare la qualit di vita, o che le aiuta a raggiungere nuove autonomie nella vita di tutti i giorni. Quel che accade di solito, infatti, che ci si stringe attorno al familiare con disabilit per cercare di soddisfare tutte le sue necessit, per dargli una vita pi soddisfacente possibile. Non sempre per facile conciliare i tanti impegni quotidiani con le necessit dellassistenza: pu capitare che a volte si perdano anche i contatti sociali, e una pizza con gli amici pu diventare un ricordo. Nella foto il presidente del Lions Club Cesena Luca Porri con Pietro Berti coordinatore dei coach familiari.

Unanticobronzoetrusco scomparsodalmuseo
Se ne parlato durante lassemblea del sodalizio. Il presidente Dimitri Degli Angeli: "I nostri soci sono sentinelle archeologiche sul territorio"
ella Cesena Malatestiana i reperti sono tanti, molto pi di quelli dellepoca Romana. Ma ormai occorre fare i conti con i rinvenimenti dellet preromana: si tratta di reperti sempre interessanti e risalenti allet del bronzo e del rame". E uno dei concetti emersi un paio di settimane fa durante lassemblea annuale del Gruppo archeologico Cesenate. Una realt fatta di volontari che hanno a cuore la cultura locale declinata nei ritrovamenti archeologici e nella salvaguardia di quanto custodito sottoterra. "In pochi sanno - ha spiegato il presidente Dimitri Degli Angeli - che alcuni reperti di Cesena dellet del rame sono stati esposti a una mostra a Brescia. Verrebbe quasi da pensare che fuori Cesena ci sia pi considerazione, di certi ritrovamenti, che non localmente. Poi abbiamo fatto una segnalazione alla

"D

Un volontario del Gruppo archeologico cesenate al lavoro. Nel riquadro, il bronzetto scomparso dal museo

Collaborazioni archeologiche
Il Gruppo archeologico cesenate impegnato anche nella manifestazione La notte dei Musei che si svolger sabato 18 maggio. I volontari saranno impegnati dal pomeriggio no alla tarda serata per visite guidate. Nei prossimi mesi saranno portati a termine il progetto "Cesuola", con la visita alla chiesa dellOsservanza e la passeggiata dalla Portaccia alleremo. Si tratta di iniziative aperte non solo ai soci, ma a tutti i cesenati amanti della cultura della propria citt. Saranno potenziate anche le collaborazioni con le altre associazioni culturali del territorio come Pro Rubicone e Terre Centuriate.

Soprintendenza circa la scomparsa di un bronzetto etrusco-italico dal Museo archeologico. Si tratta in realt di una sparizione di molti anni fa, nel senso che il bronzetto fu prestato per una mostra e poi, pare, se ne siano perse le tracce da quel momento". I soci del gruppo sono invitati a segnalare immediatamente eventuali ritrovamenti. Ad esempio, qualche mese fa, su segnalazione di un socio, i responsabili del Gruppo si sono recati su un cantiere in via Marchesi Romagnoli dal quale stavano emergendo dei reperti. Il passaggio successivo prevede lintervento diretto della Soprintendenza. Altri controlli sono stati effettuati ai cantieri della nuova rotonda di Case Gentili, a Pievesestina, per rinvenimenti di strutture di epoca romana, in alta valle del Savio con raccolte di superficie e in corso Garibaldi, a Cesena, con rinvenimenti di et romana. Cristiano Riciputi

Foto darchivio

Borello: a Montevecchio, una frana da tenere sotto controllo


Le piogge dei giorni scorsi hanno causato un movimento sulla collina
La scorsa settimana si vericato un importante movimento franoso a Montevecchio di Cesena, a monte della strada provinciale 75 - via Montevecchio. Sul posto sono subito intervenuti i tecnici dellUfficio di Protezione civile del Comune di Cesena e quelli del Servizio tecnico di

bacino, che hanno eseguito una serie di sopralluoghi per accertare la consistenza del dissesto e provvedere al monitoraggio della situazione. Si proceduto, inoltre, ad allertare anche il Corpo forestale dello Stato e a informare la Provincia. Non si segnalano rischi particolari: larea interessata in gran parte incolta, si trova in una zona piuttosto isolata e la frana non minaccia direttamente case, attivit o strade. Solo alcune abitazioni sono presenti pi a

valle e i residenti sono stati debitamente informati dellevento, ma non corrono alcune pericolo. "La situazione per ora non desta particolari preoccupazioni conferma il sindaco Paolo Lucchi -. I tecnici la stanno tenendo sotto costante osservazione, soprattutto perch, se dovesse piovere ancora in modo persistente e prolungato, non escluso che il movimento franoso possa rimettersi in moto. Anche per questo, al momento, non sono state predisposte particolari ordinanze".

ZONA STADIO (Cesena): in condominio servito di ascensore al quinto piano appartamento completamente ristrutturato composto da salotto, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con doccia e lavanderia, ripostiglio, balcone e cantina. Ottima luminosit e spazi generosi. 178.000 / Rif. 1277 ZONA OSSERVANZA (Cesena): in condominio servito di ascensore al secondo piano appartamento da ristrutturare composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, ripostiglio, disimpegno, balcone, cantina e garage. 215.000 / Rif. 0905 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 PONTE PIETRA: su un lotto di circa 2.000 mq porzione di villa bifamiliare in costruzione composta al piano terra da ampia zona giorno, bagno, servizi, garage doppio e porticato; al piano primo 3 camere da letto, 2 bagni e balconi. Possibilit di acquistare limmobile grezzo o finito. Info in ufficio / Rif. 1250 SAN MAURO IN VALLE (Cesena): bilocale di recente costruzione al primo e ultimo piano composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, 3 balconi, cantina e posto auto riservato. 165.000 / Rif. 1216 CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso AFFITTO, ZONA CENTRALE (Cesena): a pochi passi dal centro e dai principali servizi appartamento al piano terra di recente costruzione composto da ingresso indipendente, soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino privato e ampia veranda. Posto auto scoperto di propriet. 800 mensili / Rif. 1290 AFFITTO, ZONA VIGNE (Cesena): in condominio servito di ascensore appartamento in ottimo stato all'ultimo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. ARREDI MORDERNI. 700 / Rif. 1289

14

Gioved 11 aprile 2013

Cesena

Confartigianato Un riconoscimento agli artigiani che hanno dedicato tutta la vita al lavoro
edaglia al valor artigiano per sarti, barbieri, restauratori, elettricisti, panificatori, pasticceri, parrucchieri, orologiai, un gruppo di imprenditori pensionati cesenati iscritti a Anap Confartigianato, lassociazione degli artigiani pensionati che sono stati insigniti del prestigioso riconoscimento insieme ai colleghi forlivesi. La premiazione ha avuto luogo allErgife Palace Hotel di Roma in una cerimonia in cui sono stati rilasciati riconoscimenti ufficiali con attestati e medaglie dargento per i 25 anni di attivit, e doro per chi ha lavorato come artigiano oltre 40 anni. Gli artigiani premiati, che nella loro lunga vita professionale hanno tenuto alta limmagine di questo intramontabile e variegato mestiere che coniuga manualit e creativit, saranno inseriti nellAlbo Maestri dopera e di esperienza, iniziativa nazionale promossa per dare il dovuto spazio a talento, competenze ed esperienza dellartigiano e per valorizzare sul piano umano e sociale la persona anziana mettendola al centro di una trama di rapporti, relazioni e opportunit. "Lalbo dei Maestri dopera e desperienza - rimarca il presidente dellAnap cesenate Gilberto Sbrighi costituisce un serbatoio di professionalit disponibili a trasmettere le proprie competenze alle

Premio meritato

Gli imprenditori sono stati inseriti nellalbo dei Maestri dopera come riconoscimento per le loro grandi capacit manuali e di creativit

giovani generazioni, in particolare ai neo imprenditori artigiani e a collaborare con le scuole elementari e medie del territorio per diffondere e promuovere i mestieri tradizionali, e con progetti del Sistema Italia e allestero". Alla cerimonia erano presenti il presidente nazionale Anap Palazzi e il presidente confederale Merletti. Nella foto gli artigiani premiati: Umberto Barocci (barbiere), Romano Bazzocchi (restauratore), Alba Fabbri

(sartoria), Biagio Cerbara (elettricista), Gilberto Sbrighi (panificatore), Romano Vaienti (barbiere), Ottavio Giannatempo (panificatore), Roberto Francisconi (sartoria), Luciano Santagata (pasticcere), Giampiero Della Chiesa (falegname). Un riconoscimento stato attribuito anche agli artigiani pensionati non presenti Maria Neri (parrucchiera), Gilberto Romano Giovannini (barbiere), Roberto Ferri (orologiaio), Antonio Bosello (panificatore).

I pubblici esercizi riflettono sul futuro


Luca Collini il nuovo presidente della Fiepet Confesercenti E titolare di una attivit in centro. Fra gli operatori c preoccupazione per laTares
Luca Collini, 30 anni, titolare di Pappa Reale, (linnovativo pubblico esercizio nato allangolo tra via Fra Michelino e Piazza del Popolo) il nuovo presidente della Fiepet-Confesercenti cesenate, eletto dallassemblea comprensoriale di baristi e ristoratori, svoltasi a fine marzo presso la Confesercenti di Cesena. Durante lassemblea alla quale era presente anche il direttore della Confesercenti cesenate, Graziano Gozi,

si sono affrontati i temi e le problematiche della categoria dei pubblici esercizi e discusso sulle tante esperienze di formazione svolte in questi anni dalla FiepetConfesercenti, sulle iniziative locali, sulla difficile situazione economica e dei prezzi e sulle attivit da intraprendere per valorizzare e tutelare il lavoro di chi opera in questo particolare settore. "Nello specifico - si legge in una nota dellassociazione - stata presentata una rilevazione sullintroduzione della nuova tassa sui rifiuti (Tares) che desta molta preoccupazione tra gli operatori, per gli aspetti non ancora chiariti sugli eventuali aumenti di tariffa che si andrebbero ad aggiungere ai costi gi onerosi di questo servizio e agli altri pesanti costi di gestione". Il calcolo compiuto dallArea Ambiente Confesercenti ha individuato un aumento del costo del 7,74 per cento.

Montereale
Processione
La comunit di Montereale propone la tradizionale processione dellAnnunciazione, con la statua della Madonna. Si terr domenica 14 aprile con partenza alle 9,30 dal piazzale della chiesa. La processione si diriger al cosiddetto castello dove si svolger una funzione con la benedizione

dellantica croce. Seguir il pranzo comunitario per il quale gradita la prenotazione (0547/326272).

Cesenatico

Gioved 11 aprile 2013

15

La scorsa settimana presentato il libro sulla storia della Cassa rurale di Cesenatico
Cristiano Riciputi
na Cassa rurale nata, attiva e poi chiusa senza una motivazione chiara. Stiamo parlando della Cassa rurale dei Santi Giacomo e Cristoforo, fondata "in una camera al pian terreno" della canonica sul Portocanale, a Cesenatico. Sono stati 33 gli anni di attivit di questa banca, dal 1904 al 1937: un lasso di tempo non breve del quale, per, sono rimaste ben poche testimonianze. Il merito di aver riportato alla luce questa banca va a Ferruccio Dominici, insegnante in pensione, che ha realizzato un libro ripercorrendone la storia e contestualizzandola nella realt sociale ed economica del tempo. Il volume "In una camera al pian terreno della canonica" stato presentato sabato scorso nellauditorium della parrocchia di San Giacomo. A moderare il convegno vi era Patrizio Vincenzi, presidente della Bcc di Sala, istituto che ha finanziato la stampa. Presenti, oltre allautore, lo storico Claudio Riva, il direttore della biblioteca Davide Gnola e il sindaco Roberto Buda. A fare gli onori di casa il parroco don Gian Piero Casadei. La Cassa era stata voluta dal giovane sacerdote don Domenico Neri che, allepoca, aveva 30 anni. Insieme a lui un gruppetto di soci, per lo pi

La banca dimenticata

Il volume stato curato da Ferruccio Dominici al quale va il merito di aver riportato alla luce le vicende di un istituto bancario sorto nel 1904 e chiuso nel 1937

possidenti e artigiani. Nel primo manipolo di fondatori non vi sono rappresentanti dei pescatori i quali si aggiungeranno in un secondo momento. Una conferma ulteriore del fatto che le casse nascevano davvero come "rurali". Come ha sottolineato Riva, le operazioni bancarie si svolgevano quasi ed esclusivamente la domenica mattina, dopo la messa, dato che nella maggior parte dei casi a tenere i conti era il parroco.

Negli anni 20 la banca conosce il suo massimo splendore. Viene acquistata una nuova sede adiacente a quella vecchia: si tratta di due stanze attigue alla canonica, dove oggi si trova lattuale ingresso del centro San Giacomo. "Il tramonto della nostra cassa - ha sottolineato Dominici - arrivato sul finire degli anni Trenta. Prima una disposizione di legge abolisce la presenza di santi nei nomi delle banche. Quindi la Cassa rurale dei santi Giacomo e Cristoforo deve cambiare denominazione. Ma allordine del giorno dellultima assemblea si leggono le vere motivazioni. Una relazione riporta che i conti sono tutti in ordine, ma c preoccupazione per lavvenire perch la cassa ha a disposizione pochi capitali e un utile di sole 100 lire". Perci i soci concordano "che non conviene continuare unazienda che pu essere poco proficua e rappresenta sempre un non improbabile rischio avvenire per i soci". Un libro pu fissare ci che altrimenti rischia di andare perso per sempre. "Il merito di Dominici - ha detto Gnola - quello di aver svolto unaccurata ricerca e portato alla luce una storia ormai dimenticata. Un volume del genere, prettamente locale, fa cultura perch in grado di restituire spessore, curiosit e sapore agli avvenimenti della nostra terra".

Lavori | Muretto di protezione

In programma domenica 21

Con la "Pantanissima" ciclismo sotto ai riettori


Cesenatico capitale del ciclismo. Nella mattinata di domenica 21 aprile, presso la Colonia Agip in viale Carducci, prender il via la sesta edizione della Pantanissima, gran fondo cicloturistica dedicata al grande scalatore di Cesenatico. La Pantanissima rappresenta il sunto degli itinerari, dei paesaggi e dei luoghi fra il mare e lAppennino che Marco Pantani percorreva sulla propria bicicletta quando si allenava. Si tratta di una granfondo ciclistica che si pone lobiettivo di rievocare, attraverso le strade e i percorsi della Romagna, le gesta di un ragazzo che nel corso della sua carriera ha saputo trasmettere passione ed emozioni come nessun altro campione di questa disciplina sportiva tanto faticosa ha saputo fare. Il tracciato, con partenza e arrivo a Cesenatico, attraversa luoghi e paesi incastonati tra le colline romagnole e presenta alcune difficolt altimetriche di rilievo, come lerta di Montevecchio, con il Monumento a Pantani e il Passo del Carnaio, vera e propria cerniera fra le Valli del Savio e del Bidente con pendenze impegnative. Sono previsti due percorsi: quello corto per i pi "pigri" e i meno allenati, di 110 km, e

Ormai terminati i lavori per la realizzazione del muretto di protezione del CanaleVena. Verso la fine di via Cesenatico, provenendo da Cesena, da diverse settimane vi allestito un cantiere. "Il muretto - spiega Daniele Domenichini, ingegnere del Consorzio di Bonifica - stato realizzato per difendere il quartiere Madonnina dallesondazione del canale. Linvestimento pari a 250mila euro e in tutto si tratta di circa 250 metri di muro. Limpresa esecutrice dei lavori la Nanni di San Piero in Bagno".

quello lungo di 160 km. La quota discrizione di 35 euro e comprende pacco gara, gadget tecnico, prodotti alimentari, integratori. Le iscrizioni sono aperte no alla mattinata di domenica 21 aprile, prima della partenza della gara. Si prevede la partecipazione di oltre 500 atleti provenienti dallItalia e dallestero. I corridori che lotteranno per la vittoria nale, giungeranno sul traguardo posto di fronte alla Colonia Agip, verso le 11.

In arrivo contributi per la rottamazione


La Regione Emilia Romagna ha stanziato due milioni di euro come contributo allacquisto di nuove imbarcazioni per la pesca a strascico
Rottamazione e demolizione delle imbarcazioni per la pesca a strascico di lunghezza pari o inferiore a 15 metri: lo prevede il decreto del Ministero delle Politiche agricole e alimentari del 27 dicembre scorso, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nei giorni scorsi. I pescatori hanno quasi due mesi di tempo per richiedere il premio darresto definitivo e

presentare domanda al Compartimento marittimo presso il quale iscritta la propria imbarcazione. "La Regione ha destinato 2 milioni di euro allindennizzo dei pescatori che volontariamente demoliranno limbarcazione di propriet - spiega lassessore regionale alla Pesca, Tiberio Rabboni -. Si tratta di risorse del Fondo europeo per la pesca dedicate alladeguamento della flotta da pesca comunitaria, che lEmilia-Romagna ha espressamente finalizzato alle piccole imbarcazioni da strascico, mentre fino ad ora nella programmazione ministeriale si erano privilegiati i natanti di stazza superiore. In questo modo diamo la possibilit di riconvertire lattivit a quei pescatori che, dopo le limitazioni introdotte dalle nuove norme europee sulla pesca, si sono trovati nellimpossibilit di proseguire il proprio lavoro sottocosta o altrove in sicurezza. In Emilia-Romagna prevediamo la demolizione di circa 20 imbarcazioni".

I requisiti necessari per avere accesso alla misura sono liscrizione al Registro Comunitario e in uno dei Compartimenti marittimi della Regione, aver effettuato almeno 75 giorni di pesca in ciascuno dei due anni precedenti, possedere una imbarcazione di 10 o pi anni ed essere in possesso del titolo abilitativo allesercizio dellattivit di pesca in corso di validit. La domanda di ammissione al premio di arresto definitivo deve essere presentata allUfficio Marittimo di iscrizione della nave entro il 27 maggio. Al termine della fase istruttoria, il Ministero rediger una graduatoria. La Regione predisporr il relativo decreto di concessione agli aventi diritto e lUfficio Marittimo dar notifica al richiedente. La selezione delle richieste di arresto definitivo tiene conto di due parametri: let dellimbarcazione (5 punti per ogni anno superiore a quello minimo richiesto)e la stazza.

16

Gioved 11 aprile 2013

Valle del Rubicone

Rubicone Pascoli San Mauro e Savignano, il referendum si terr il 9 giugno


usione Savignano San Mauro: nasce una realt da 30mila abitanti. E il 9 giugno si terr un referendum consultivo in modo che i cittadini possano esprimere il loro parere". Lo hanno affermato i sindaci Miro Gori (San Mauro Pascoli) ed Elena Battistini (Savignano) intervenendo gioved della scorsa settimana alla consueta conviviale del Rotary Club Valle del Rubicone. I sindaci hanno precisato che "Savignano il primo Comune sopra i 15mila abitanti che, in Italia, ha deciso una fusione. Leffetto immediato saranno maggiori risorse finanziarie e pi risparmi. Al nostro successore lasceremo una lista di quelle che consideriamo priorit per il territorio". "Il primo anno della fusione - ha detto Battistini - avremo a disposizione due milioni di euro in pi grazie a contribuiti e ai risparmi. Poi si libereranno, dal patto di stabilit, 4 milioni di euro. Dallo Stato arriver un milione di euro lanno, mentre dalla Regione ne arriveranno 6 in 15 anni. Si capisce bene che, dal punto di vista economico, la fusione un grande vantaggio". Assodato che il referendum si terr il 9 giugno, i sindaci hanno spiegato che si tratta di un parere consultivo anche se ne verr tenuto debitamente conto. "La parola finale spetta alla Regione".

"F

Verso la fusione

Un momento dellincontro organizzato dal Rotary Valle del Rubicone

I sindaci Miro Gori ed Elena Battistini hanno illustrato ai soci del Rotary club i particolari dellaccorpamento dei due Comuni

Rubicone Pascoli il nome pi gettonato e, anche in questo caso, sar chiesto parere ai cittadini. "Per il nostro territorio - ha detto Giancarlo Biondini, presidente del sodalizio - si tratta di un evento di portata storica. Ogni cittadino deve sentirsi coinvolto e per questo abbiamo invitato i sindaci a spiegarci nei dettagli la fusione". Gori ha sottolineato che ci saranno risparmi dovuti al dimezzamento

delle cariche pubbliche (sindaco, assessori) e alla suddivisione dei servizi. "Resteranno comunque gli uffici di prossimit come lanagrafe, lUrp, la Polizia municipale. La sede del sindaco sar a Savignano, a San Mauro andranno i servizi sociali, gli uffici di scuola, cultura e turismo". Fra gli oltre 50 soci rotariani presenti, non sono mancate domande. Pressanti quelle degli architetti e degli ingegneri i quali hanno chiesto se ci sar uno snellimento burocratico. "Sar uno dei primi obiettivi - ha confermato Elena Battistini - in quanto sappiamo quanto incida negativamente la burocrazia sui costi, soprattutto in maniera edilizia". Alcuni dei tecnici presenti hanno auspicato una reale semplificazione e un moltiplicarsi di norme e cavilli. Un fatto accaduto in altri comuni del Rubicone dove, al posto di due libri da 80 pagine che regolavano lurbanistica, ora, a seguito del piano strutturale intercomunale, ve ne uno da 486. Riguardo alla mancata adesione di Gatteo, i sindaci hanno commentato senza polemiche: "Ognuno fa le sue scelte. Vedremo poi chi si pentir. Noi, essendo partiti per primi - hanno concluso i sindaci - abbiamo grossi vantaggi. Andando avanti ci saranno pi commensali mentre la torta da dividere sar sempre quella". Cristiano Riciputi

PARTECIPAZIONE

Budrio di Longiano | Festa della famiglia

NOZZE

La grande famiglia del Corriere Cesenate vicina allamico e collaboratore Edoardo Turci nel momento del dolore per la morte della carissima mamma

Tutti gli amici del Corriere Cesenate augurano ogni bene alla ex stagista Beatrice Abbondanza di Gambettola che sabato scorso convolata a nozze con Raffaele Pianori

Lina Placucci
di SantAngelo di Gatteo

Domenica 17 marzo la comunit parrocchiale di Budrio si riunita per celebrare la festa della famiglia. Nel pomeriggio stata celebrata la messa solenne, presieduta dal vicario generale don Pier Giulio Diaco, alla presenza di tante coppie che celebravano particolari anniversari. (foto Mario - Gambettola). Dopo la funzione, la festa proseguita nel salone parrocchiale.

Gambettola
E uscito poco prima di Pasqua il primo numero del 2013 del trimestrale di informazione della parrocchia di SantEgidio (Gambettola), Il Campanile nella Citt. Numero dedicato alle celebrazioni pasquali, ma dove non mancano pezzi di approfondimento e di colore. Fra le curiosit spicca una foto depoca del Carnevale de Bosch, risalente agli anni 50. Nella foto campeggia il carro "Arriva il giro" con ciclisti di cartapesta in sella, omaggio al Giro in rosa e a tutti gli appassionati di bici che in terra di Romagna sono davvero tanti. Tra le altre curiosit, nel settore della storia locale, una pagina sui cento anni del Municipio di Gambettola, un approfondimento corredato da numerose foto, della festa della famiglia tenutasi in parrocchia lo scorso 24 febbraio e una testimonianza di una famiglia del Sermig di Torino invitata a Gambettola per un incontro pubblico con la comunit. Mm

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:


PETROLCHIMICI AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI in ITALIA... nel MONDO
FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

Valle del Savio

Gioved 11 aprile 2013

17

Inaugurazione il 20 aprile

San Piero in Bagno


Controlli al ponte Bailey
Chiuso il ponte Bailey di San Piero. E il manufatto fa capo, volendo semplicare, allEsercito. Le ultime rotture di assi avevano provocato danni a diversi autoveicoli e costretto lamministrazione comunale ad emettere unordinanza di chiusura al traffico, lo scorso 13 febbraio. Nelle ultime settimane il Comune, scrive lAmministrazione, "rilevando la necessit di un intervento di rifacimento dei traversi e dellassito di usura, aveva provveduto coi

"Dentro il libro" a Mercato Saraceno


iapre la mostra "Dentro il Libro". La grande esposizione biennale del libro per bambini e ragazzi viene inaugurata sabato 20 aprile, alle 10. Si svolger fino al 5 maggio nei locali della scuola media "F. Zappi" di Mercato Saraceno. Un progetto nato nellanno scolastico 92/93 in seno allIstituto Comprensivo mercatese e giunto allundicesima edizione. Il tema scelto per questa edizione quello dellambiente, in particolare la gestione del rifiuto. Come ridurlo, riutilizzarlo, recuperarlo e riciclarlo per salvaguardare e proteggere lambiente. Oltre alla esposizione libraria vera e propria saranno esposti, come di consueto, i tantissimi elaborati (di vario genere: scritto, figurativo, video, teatrale) realizzati dagli alunni dellIstituto mercatese e dalle scuole del comprensorio. Davvero tante le esperienze e i progetti portati avanti in questi mesi dagli studenti: dal progetto "Ortoincondotta" attraverso la realizzazione di un orto scolastico Slow Food, ad "Ali spiegate", promosso da Federcaccia per valorizzare

Lesposizione biennale prevede anche diversi incontri fra cui due con il meteorologo Giancarlo Bonelli
la scoperta di flora e fauna e dei loro equilibri biologici. E ancora i vari progetti di educazione ambientale promossi dal gruppo Hera e le uscite didattiche al Fosso di Sassignolo, allOasi ecologica di San Damiano, allImpianto di compostaggio di Tessello e al termovalorizzatore di Forl, allacquedotto di Bubano-Mordano e Bologna, allOasi ecologica di Cannevi, alla Foresta della Lama, allOsservatorio di Val Marecchia. Quattro gli incontri con lautore: venerd 26 aprile in programma quello con Ivonne Mesturini, autrice del libro "Guerra ai rifiuti"; sabato 4 maggio intervengono Luigi Dal Cin e Beatrice Masini; mercoled 15 maggio Andrea Pinchera di GreenPeace Italia parler del libro "Di chi la terra?". Lesposizione libraria con tutte le novit delleditoria per ragazzi curata dalla libreria Bettini di Cesena. Nel vasto programma sono previsti due incontri con il colonnello Giancarlo Bonelli, meteorologo. Il primo, venerd 26 aprile alle 21 verter sui cambiamenti climatici. La mattina successiva lesperto si confronter con i ragazzi della scuola media. Allappuntamento biennale, organizzato dallIstituto comprensivo di Mercato Saraceno, hanno contribuito lassociazione Fogli Volanti", il Comune, la Pro Loco, Confesercenti, Slow Food. Michela Mosconi

propri operai alla rimozione del piano viabile, predisponendosi alla sostituzione dello stesso sulla base di un nuovo assito in larice". Contemporaneamente lAmministrazione aveva scritto alla sezione attivit logistiche del Polo di mantenimento pesante nord dellEsercito italiano chiedendo lautorizzazione ai lavori. Ora il Comune di Bagno di Romagna aspetta le decisioni dellEsercito, proprietario della struttura, sulla eventualit di effettuare direttamente i lavori di ripristino. Il Comune a sua volta si dichiarato disponibile a realizzare i lavori, anche per cercare di velocizzare i tempi. Alme

Ranchio | Unopera artistica

Domenica 14 aprile

A Romagnano si svolge la maratona "Amici di Alice"


Domenica sportiva e solidale per Romagnano. Il piccolo paese a due passi da Sarsina ospita, domenica 14 aprile, la prima maratona "Amici di Alice", organizzata dallassociazione "amici di Alice" e dal Circolo Acli "Convivio". Questultimo sar anche il punto di partenza della corsa con il ritrovo dei partecipanti ssato per le 14 proprio davanti al circolo da poco inaugurato, mentre il via alla corsa sar alle 15. Una corsa beneca il cui tracciato, di circa 8 chilometri, si snoda per le vie del paese. Circa tre giri di corsa per sostenere la scuola che lassociazione "Amici di Alice" non solo ha costruito in Etiopia grazie alla sua azione di solidariet e sensibilizzazione tra la gente, ma sta cercando di mantenere. "La scuola ospita oltre 200 bambini e serve un continuo mantenimento per migliorarne i servizi", fanno sapere i referenti dellassociazione. La quota per ciascun partecipante di 10 euro. Il ricavato sar interamente devoluto allassociazione "Amici di Alice" che si impegner direttamente per devolverli alla scuola etiope. Per i meno allenati c la possibilit di coprire lintero percorso, o anche solo una parte di esso, a piedi. Allarrivo lo staff offrir un ricco buffet a tutti. Per maggiori informazioni

La festa a Romagnano (foto Daniele Bosi)

Da tempo don Rafael Rojas, parroco di Ranchio (Sarsina), stava pensando alla scena della Risurrezione di Ges, da apporre davanti allaltare il giorno della Santa Pasqua. Lintenzione del parroco era quella di rendere tangibile, quasi concreto, levento della Santa Pasqua. E cos, insieme al prezioso lavoro di alcuni artigiani, ha proposto una rappresentazione del "trionfo di Cristo sulla morte" posta davanti allaltare maggiore, retto da due laterali di un sarcofago paleocristiano del V secolo.

possibile contattare i seguenti numeri: 3425087838 e 3311311797. Mm

Ponte Giorgi
ARREDI SACRI DI SEMPRINI
Gabriele e Severino
sas Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

18

Gioved 11 aprile 2013

Solidariet
Don Oreste Benzi Spettacolo alBogart
Con le scarpe sempre ai piedi
Lhanno denito il prete dalla tonaca lisa. Ma se aveste guardato le sue scarpe Don Oreste Benzi era perennemente in corsa, per non sprecare un attimo di tempo: correva verso gli oppressi che lo aspettavano in angoli di mondo dimenticato. Per loro lottava, macinava chilometri, non dormiva, apriva case di accoglienza, fondava la Comunit Papa Giovanni XXIII. Ma, prima di tutto, li ascoltava, li faceva sentire accolti e amati. A cinque anni dalla scomparsa del sacerdote romagnolo, alcuni artisti della stessa Comunit hanno realizzato uno spettacolo teatrale che ha gi ottenuto larghi consensi e risposta di pubblico al suo debutto avvenuto alcuni mesi fa. Sul palco uno spicchio di umanit tanto cara al don: bambini, ospiti di strutture comunitarie, amici e professionisti. Uno spettacolo che non vuole fare memoria storica, ma rendere attuale il messaggio di don Oreste; si presenta come contenitore con musiche e testo originale pieno di appunti vari, come varia e poliedrica stata la sua vita, ma tutti legati da un lo invisibile: la tenerezza, lo sguardo benevolo sulluomo, lamore ai piccoli e a Dio. La regia di Pasquale DAlessio ed Emanuela Frisoni, testo e musiche originali di Chiara Aldrovandi e Davide Bianchini. Il testo stato scritto da autori vari e vede il contributo della scrittrice Costanza Savini. Lo spettacolo nel suo mini tour appena partito far tappa a Cesena con una doppia replica ssata per venerd 19 e sabato 20 aprile al teatro Bogart di SantEgidio, alle 21 in entrambe le serate. Partner delliniziativa per la replica cesenate sono la Cassa di Risparmio di Cesena, la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena e la Cils. possibile acquistare i biglietti in prevendita presso Ufficio Turistico Cesena, piazza del Popolo,15 tel. 0547 356327 o telefonando al 342 5698627 o sul sito conlescarpesempreaipiedi@apg23.org. Costo del biglietto 8 euro. Una volta coperte le spese organizzative il ricavato servir a sostenere i progetti di teatro da anni attivi nelle realt di accoglienza della Comunit Papa Giovanni XXIII.

2xBene

Lultima edizione della manifestazione sportiva che si svolge sulle colline longianesi ha permesso la raccolta di 15mila euro

Tempo di consuntivi e progetti


erata conviviale della 2 x Bene, la manifestazione che unisce sport e beneficenza. Venerd scorso, presso il ristorante Setaccio di Longiano, amici e collaboratori della 2 x Bene, assieme alle autorit locali, si sono ritrovati per fare il consuntivo della dodicesima edizione e per consegnare i fondi raccolti lo scorso settembre ad alcune realt che operano nel sociale. Il patron della manifestazione, lavvocato Roberto Landi, ha ricordato che in dodici

Laiuto economico stato consegnato alla casa famiglia della Papa Giovanni XXIII di Santa Paola, alla Caritas parrocchiale di Longiano, alla comunit San Luigidi Balignano alla casa famiglia Il sorrisodi Montiano
anni sono stati donati in beneficenza circa 150mila euro. La manifestazione ha detto Landi - non esisterebbe senza il patrocinio della citt di Longiano, la collaborazione del Panathlon club di Cesena e laiuto di tanti sponsor. Nonostante le difficolt ha aggiunto Landi -

ledizione 2012 stata particolarmente felice: sono stati raccolti 15mila e 300 euro. Del ricavato, 5mila euro sono stati consegnati a Franca Franzetti, referente della casa famiglia Papa Giovanni XIII di Santa Paola (Roncofreddo). Serviranno per finire di pagare le spese di ristrutturazione della canonica della Pieve, i cui locali danno accoglienza a madri in difficolt, ragazze tolte dalla strada e giovani con disabilit. Altri 5mila euro sono andati alla Caritas di Longiano. Per la responsabile, Stefania

Meschiari, si tratta di un contributo provvidenziale. Attualmente la Caritas aiuta 31 famiglie del territorio, per le quali sono necessari circa 300 euro al mese. Tramite Sofia Brigliadori, sono stati assegnati 5mila euro anche alla comunit terapeutica San Luigi di Balignano. Serviranno per ampliare gli spazi dove i 17 ospiti vivono un percorso di recupero dalla tossicodipendenza. Un piccolo contributo (300 euro) andato infine alla casa famiglia Il sorriso di Montiano, che ospita bambini in affido

temporaneo. Durante la serata, sono state annunciate le novit per il 2013. A causa dellorganizzazione del Festival internazionale dellantico organetto, la nuova edizione della Longiano in bicicletta slitter dal secondo al terzo week-end di settembre (21 e 22 settembre). A ricevere il premio Citt di Longiano sar Maurizio Fondriest, ex campione del mondo in linea. Ci sar la prima collaborazione con lassociazione Fausto Coppi di Cesenatico, gi organizzatrice della Nove Colli. Matteo Venturi

Conguaglio fiscale pensioni ex Inpdap


Numerose proteste sono state avanzate da parte dei pensionati pubblici, nei confronti dellex Inpdap, per il fatto che questultimo, senza alcun preavviso, ha corrisposto, nel mese di marzo pensioni di importo esiguo (circa 2 euro). Il problema nasce dallapplicazione della procedura relativa al conguaglio scale per lanno 2012/2013, per i trattamenti pensionistici dimporto superiore a 18mila euro che hanno avuto il recupero del debito scale in ununica soluzione, sulla rata del mese di marzo. La Fnp ha subito evidenziato che il debito dimposta risultante dal conguaglio scale per il 2012 completato dallInps entro il 28 febbraio 2013 stato recuperato in ununica soluzione sulla rata di marzo 2013, a eccezione di coloro che percepiscono un reddito inferiore a 18mila euro; per questi, infatti, il conguaglio, se superiore a 100 euro, stato rateizzato a decorrere da marzo 2013 in 10 rate senza interessi come previsto dalla legge. Per gli altri, invece, il debito stato recuperato integralmente nei limiti della capienza della rata di marzo. Al ne di non creare ulteriori disagi ai pensionati, lAgenzia delle Entrate, a seguito di specica richiesta, ha autorizzato lIstituto a una rateizzazione a partire dalla corrente rata di aprile con modalit diverse secondo limporto della pensione. Il recupero sar effettuato salvaguardando limporto mensile di 990,86 euro, pari al doppio del minimo Inps; il recupero verr applicato anche nei mesi successivi utilizzando anche limporto della tredicesima mensilit qualora il debito non venga estinto prima. Nel caso in cui la rateizzazione in corso sinterrompa per decesso del titolare, gli

NOTIZIARIO PENSIONATI
eredi dovranno provvedere a quanto dovuto. Inoltre, la Fnp Cisl ha chiesto allInps che coloro che, avendo percepito nel mese di marzo trattamenti pari a 2 euro, possano chiederne il riaccredito della pensione per un importo corrispondente alla differenza no a concorrenza del doppio del minimo (990,86 euro).

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Quattordicesima 2010: recupero indebiti


Lo scorso 26 marzo Spi, Fnp e Uilp hanno incontrato i dirigenti della direzione centrale pensioni per essere informati sullavvio della procedura per il recupero delle somme percepite indebitamente, relative alla 14esima 2010. Le comunicazioni sono state gi inviate nei giorni scorsi. Il recupero delle somme avverr in trentasei rate a cominciare da quella di giugno. Si tratta di circa 300mila persone - compresi i residenti allestero - che nel 2010 erano gi titolari della quattordicesima, oppure lhanno percepita per la prima volta nel 2010. Abbiamo chiesto allInps di essere messi a conoscenza della casistica, anche perch il numero dindebiti elevato, addirittura pi elevato di quello dello scorso anno. Nei prossimi giorni dovremo avere qualche elemento di conoscenza in pi. A met aprile lInps avvier una nuova procedura per il recupero delle somme percepite indebitamente. Si tratta di un avvio sperimentale che riguarder le sedi di Chioggia, Jesi, Merano e Andria. Con loccasione sar inviato un nuovo modello, il Te08 Ind, che metter il pensionato nella condizione di conoscere qual la causa dellindebito, le modalit per il recupero, come avanzare le possibili contestazioni, i tempi e le modalit per impugnare il provvedimento.

Rapporto Eurispes Italia 2013


Anche questanno ha visto la luce il 25esimo Rapporto Eurispes Italia, che possiamo, in qualche modo, ritenere un testimonial della memoria storica del nostro Paese e dei suoi momenti pi importanti. Dal Rapporto emerso come la vulnerabilit della nostra societ sia divenuta oramai evidente a tutti; quando si accentuano le disuguaglianze, tanto pi le societ diventano fragili e questo porta alla distruzione delle risorse umane. La crisi non solamente economica e politica, ma anche sociale. Forse possiamo arrivare a dire che proprio lemergenza etica ha innescato la crisi. Oggi pi che mai, siamo di fronte a un cambiamento: le crisi, in quanto tali, obbligano a una scelta e ad unassunzione di responsabilit; senza questa inversione di tendenza, il declino diventer un dato di fatto. Limpoverimento del nostro Paese dipende dallo stock di ricchezza che non crea sviluppo, dallimmobilismo dei grandi patrimoni immobiliari che ristagnano. Limpoverimento dellItalia causato anche dal blocco anagraco della

trasmissione della ricchezza e del trasferimento delleredit. Certamente positivo laumento della speranza di vita, ma questo porta a non generare nuovi ussi di ricchezza. Un altro aspetto limprenditoria in Italia, ovvero il parco delle imprese italiane che, a parte qualche societ di grandi dimensioni (Enel, Eni, Finmeccanica, Trenitalia) il resto costituito prevalentemente nelle medie e piccole imprese, ed proprio in questultime che dobbiamo riporre ducia piuttosto che assistere allisolamento in cui sono piombate nellultimo periodo. Altro aspetto rilevante nelleconomia nazionale il dato preoccupante della spesa pubblica e della sua allocazione. In denitiva, per sbloccare leconomia del Paese servirebbe una nuova ingegneria

di produzione della ricchezza nazionale, che faccia leva sulle imprese pi dinamiche, su misure scali pi eque e su una seria politica di redistribuzione della ricchezza. LItalia, nonostante le sue difficolt, ha le risorse per uscire dalla crisi, ma bisogna superare la cultura del presente, con una classe dirigente che, con passione, costruisca il futuro, poich la politica una parte di una classe dirigente pi ampia. Per il cambiamento ci vuole la consapevolezza, limpegno e la partecipazione di tutti i cittadini perch le rivoluzioni nascono e si affermano prima di tutto dentro ognuno.

Fnp e Inps: il punto su Cud, Red e Obism


Nei giorni scorsi la Fnp ha incontrato la

dirigenza Inps per il fare il punto sullinvio dei Cud, dellObisM e Red. A oggi sono stati emessi 12.748.714 modelli cos ripartiti: 714.808 rilasciati dalle sedi Inps, 8.620.357 rilasciati dai soggetti quali Caf, patronati e altri, 2.461.002 richiesti dai pensionati, 850mila rilasciati dai centri di servizio Inps, 102.547 rilasciati dagli uffici postali. Restano ancora da rilasciare circa 3milioni e 500mila Cud. La Fnp sta predisponendo una convenzione con listituto che ci permetter di utilizzare una password specica per la stampa del Cud e ObisM su richiesta del pensionato interessato senza utilizzare il Pin e senza oneri a suo carico. Per linvio del bustone contenente il Red e altri documenti e che riguarder circa 5 milioni di pensionati la Fnp ha chiesto che venisse inserito anche lObisM.

Cultura&Spettacoli
Lettura di poesie Di posto in posto, di verso in verso
iniziativa Di posto in posto, L di verso in verso. La poesia nelle case prender il via venerd 12 aprile. Alle 20,30, presso il teatro della Brc a Macerone (via Cesenatico 5423) si terr una serata di letture di poesia dautore e del poeta cesenate Franco Casadei. Sabato 13 aprir la porta di casa la famiglia Medri (via Assano, Ponte Pietra). Nella parrocchia di Gattolino, i nonni de mircual ospiteranno lincontro del 17 aprile (ore 16,30). Nella parrocchia di San Paolo di Cesena, lettura di poesia mercoled 24 aprile alle 16,30. Liniziativa, promossa dal Comune di Cesena in collaborazione con la Biblioteca Malatestiana, nasce nellambito delle celebrazioni della giornata mondiale della Poesia, che si tiene ogni anno il 21 marzo.

Gioved 11 aprile 2013

19

Primo appuntamento venerd 12 aprile con la compagniaSan Paolo

Cinema
Uci Savignano

di Filippo Cappelli

X Victor, gruppi teatrali locali in scena a San Vittore di Cesena


Una nuova iniziativa artistica si svolger le sere dei venerd al cineteatro Victor, a partire da venerd 12 aprile: la rassegna X VICTOR. Direttore artistico e organizzatore della manifestazione Roberto Fabbri, noto animatore e regista teatrale nel territorio cesenate (e non solo), che ha riunito varie compagnie giovanili in un evento in totale autoproduzione che contempla varie forme di esibizione artistica, tutte accomunate dalla voglia di fare teatro. Diversi attori delle Compagnie partecipanti danno il loro contributo anche in altri spettacoli, a testimonianza di come in questo particolare momento si stiano realizzando signicativi scambi di esperienze e competenze che sfociano in una fattiva collaborazione, testimone di unit e condivisione. Il cartellone contempla sei prime rappresentazioni nei venerd che vanno dal 12 aprile al 24 maggio (con lunica eccezione del 26 aprile, che si trova nel ponte del 25). Vi partecipano lassociazione di promozione sociale Compagnia di Arte e Spettacolo di San Paolo (il Laboratorio Giovani con un musical e quella dei giovani e adulti con uno spettacolo scritto da Roberto Fabbri), lassociazione culturale Le Quinte Strappate, lassociazione Anffas col Gruppo Danza La Rosa Blu, il Teatro dei Talenti, la Compagnia del Casello di Gatteo. Particolarmente signicativa la presenza dei ragazzi dellAnffas, che col loro Ricordi di Pinocchio chiuderanno la rassegna, a testimoniare come il fattore X sia davvero di tutti e di come sia importante che nello stesso cartellone possano coesistere tante realt diverse, ma affini e complementari. Ingresso unico: 5 euro. Prevendite posti numerati: 329 3903263. Inizio spettacoli ore 21. Ad aprire la rassegna X Victor, venerd 12 aprile alle 21, sar la compagnia di arte e spettacolo di San Paolo di Cesena. Presenter In viaggio verso la luce. Sul palco, gli attori: Beatrice Batani, Mattia Castronai, Marco Mancini, Chiara Bratti, Mattia Ceccarelli, Emanuele Rossitti, Vanessa Cappelli, Franco Ceredi, Valentina Targhini, Diletta Casadei, Nancy Curr, Barbara Tassinari, Licia Casadei, Ilaria Foschi, Sara Valerio, Lorenzo Casadei, Stefano Gazzoni. Regia: Roberto Fabbri.

BIANCA COME IL LATTE, ROSSA COME IL SANGUE


di Giacomo Campiotti C un errore da evitare parlando di Bianca come il latte, rossa come il sangue: cio di valutarlo con gli occhi (e il giudizio) degli adulti. Se lo si prende cos, il divertente (per mezzora) e tragico (per unora) percorso di formazione di un giovane liceale risulta una polpetta avvelenata di retorica, eccessivo nelle proposte e insopportabilmente ruffiano nelle dinamiche adolescenziali. Se invece si affronta il film con il punto di vista di Giacomo Campiotti, consapevole nel realizzare un film per adolescenti con sguardo (vergine?) da adolescente, ecco che allora la pellicola assume una insperata forza. La trama: I colori per Leo (Filippo Scicchitano) sono importanti: il bianco silenzio, nulla, evitabile. Il rosso il sangue nelle vene, lenergia, il motore verso un altro motore, quel cuore che gli batte forte quando vede la sua Beatrice dai capelli rossi e di una bellezza struggente. Allinizio la sua sfida sar di dichiararsi attraverso i consigli della sua migliore amica, ma poi le cose cambieranno drammaticamente A unocchiata superficiale, il fenomeno Alessandro DAvenia somiglia al caso Federico Moccia. Entrambi hanno scritto un libro in parte autobiografico diventato rapidamente un fenomeno di culto. Ma i ragazzi mocciosi, cos attenti a griffe e figli del peggio degli anni 80, hanno poco da condividere con quelli di DAvenia: altra sensibilit, altra tenerezza, altro spessore. Nelle mani delleterno Peter Pan Giacomo Campiotti, il libro di DAvenia diventato un film che perfino nello stile (dai movimenti di macchina alla fotografia, dai costumi al montaggio) riproduce la volubilit, lincostanza e la gioia di vivere dei ragazzi di sedici anni, aggrappandosi ostinatamente a questa leggerezza formale perfino quando la commedia scolora nel dramma e la felicit rischia di essere annullata dal dolore. Proprio il virare dal divertissement alla tragedia uno dei momenti meglio gestiti del film: netto, bruciante. Nella bella metafora cromatica di DAvenia e Campiotti si affronta il dramma di un cambiamento, di una fine, di una mancanza dascolto. Si felicemente nel rosso vigore della vita e capita che la tavolozza dei giorni prenda toni che nessuno si augurerebbe. La morte, la fede in Dio, la crescita attraverso il dolore, sono gli argomenti importanti che elevano la pellicola e nello spettro dei colori tra rosso e bianco trova perle da scrivere sui diari, come le parole di Beatrice quando racconta che la speranza terribile. Tiene appesi a quel filo che non sai mai se si staccher o permetter di risalire. Purtroppo il pieno di questi grandi valori disegnati e colorati viene soffocato troppo spesso da un treno di clich che fanno inciampare la narrazione: il secchione, chiss perch, sempre in carne; la ragazza snobbata dal calcio che snocciola schemi degni di Zeman e (falsissimi) discorsi motivatori; il professore-amico, la migliore amica-non amica, i bulli pi grandi nerovestiti ma dal cuore grande-grande. Ecco, qui il critico adulto e ormai da troppo tempo exadolescente storce il naso e prepara la matita rossoblu. Poi ricorda i suoi diciassette anni e trova la storia sincera, affronta con garbo la colonna sonora dei Mod, e ritorna a lasciarsi andare. Fino (ed dura ammetterlo) alla commozione finale.

Sabato 13 aprile alle 20,45 a Montiano la presentazione del libro curato da Giorgio Bolognesi Fu parroco a Boccaquattro, Montecodruzzo, Montiano e San Pio X. Mor nel 1982 a 61 anni

Don Alfredo Paganelli sacerdote a servizio come amico e fratello


on Alfredo Paganelli deceduto nel 1982, a 61 anni, per una malattia improvvisa. Chi lo ha conosciuto esprime ancora sentimenti di riconoscenza per il bene che ha fatto nelle comunit che gli sono state affidate. Giorgio Bolognesi ha raccolto ricordi e testimonianze in un libro che sar presentato sabato 13 aprile a Montiano, alle 20,45 presso il Centro Culturale San Francesco, da monsignor Piero Altieri, con lintervento del vescovo Douglas Regattieri e delle autorit cittadine. La presentazione del libro sar preceduta dalla breve cerimonia di intitolazione della sala della parrocchia di Montiano a don Alfredo, con scoprimento di una targa. Don Alfredo era un uomo felice della vita, di essersi consacrato a Dio in una dedizione totale che ha abbracciato con amore, ma anche con autorit e fermezza ogni ambito della vita dei suoi figli, dalle necessit materiali a quelle culturali e spirituali. Ordinato sacerdote il 18 maggio 1944, venne subito mandato come

cappellano a Boccaquattro, con la guerra in atto e la Chiesa cesenate in prima fila per soccorrere e aiutare la popolazione. Dal 1947 fu parroco a Montecodruzzo, dove visse le vicende politiche del primo dopoguerra e dal 1955 a Montiano. Infine, negli ultimi sette anni del suo ministero fu parroco di San Pio X, a Cesena. Colpisce lassoluta umilt e gratuit espresse nel suo servizio; una generosit che lo portava a dare il massimo nella missione sacerdotale per essere Tutto per tutti a servizio di ognuno come amico e fratello. Troviamo in lui quelle caratteristiche degli apostoli che San Paolo indica nella Prima lettera ai Tessalonicesi: non ha mai cercato la gloria umana, n di piacere agli uomini, ma soltanto a Dio. Amorevole in mezzo alla sua gente, affezionato a loro da dare non solo il Vangelo di Dio, ma la sua stessa vita, perch quelle persone gli erano diventate care. Alcuni confratelli lo indicano come una figura di prete da riscoprire, al quale guardare con ammirazione, un dono

meraviglioso del Signore alla Chiesa; un uomo umanamente realizzato nellessersi lasciato plasmare dallo Spirito Santo, che ha dato tutto se stesso per il Signore e per il bene della gente. Come ha scritto il vescovo Douglas nella presentazione al libro, emerge un profilo di sacerdote innamorato del Signore e della Chiesa sono cresciute con lui personalit robuste, uomini e donne impegnati - diremmo oggi - nella emergenza educativa e nelle responsabilit dellazione sociale e politica, a emergere era sempre il cuore del buon pastore Ancora una volta ci affidata uneredit che rende coraggiosa e sicura la Vita buona del Vangelo. Lucia Guglietta Morgillo

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
JORGE BERGOGLIO. PAPA FRANCESCO. IL NUOVO PAPA SI RACCONTA. Conversazione con Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti Ed. Salani (12,90 euro)
Leditore Salani ha stampato in edizione italiana con il titolo Jorge Bergoglio Papa Francesco. Il nuovo Papa si racconta lintervista che lallora cardinale Jorge Mario Bergoglio aveva concesso ai giornalisti Sergio Rubin del quotidiano argentino Clarn e Francesca Ambrogetti dellagenzia Ansa ed era stata pubblicata in Argentina nel 2010 con il titolo El Jesuita. Nel prologo scritto il 23 dicembre 2009 il rabbino argentino Abraham Skorka ha scritto: Pi che il Gesuita amo definire Bergoglio come il Pastore. Questo libro una testimonianza della sua vita. un libro destinato ai molti che hanno condiviso con lui un percorso esistenziale e in particolar modo al suo gregge di fedeli. Un libro nel quale ricorrono spesso espressioni come ho peccato ho sbagliato con tutti i miei difetti il tempo, la vita mi hanno insegnato. Perfino sui temi scottanti che riguardano la vita argentina, il ruolo suo e della Chiesa negli anni oscuri della dittatura, Bergoglio sa esprimersi con grande umilt e con la costante preoccupazione di comprendere e immedesimarsi nel prossimo, specialmente in coloro che soffrono. Ci sar chi dissentir dalle sue valutazioni, ma al di l di ogni possibile critica, nessuno potr negare quel sottofondo di umilt e comprensione con cui affronta ognuno di questi temi. Lossessione di Bergoglio, che percorre come un leit-motiv tutto il libro, pu essere riassunta in due parole: incontro e unit. Intendo questultima come una condizione di armonia tra gli uomini nella quale ognuno, a partire dalle proprie peculiarit, ma ispirato da un sentimento damore, si adopera per la crescita materiale e spirituale dellaltro. Questo libro aiuta moltissimo a capire il pensiero di Jorge Mario Bergoglio. Ad esempio alla domanda Secondo Lei la Chiesa non insiste troppo su certi aspetti della condotta umana come quelli relativi alla morale sessuale?, cos risponde: La Chiesa predica ci che ritiene sia meglio per le persone, ci che le rende pi piene, pi felici. Ma sovente si ha un riduzionismo ignobile. Mi spiego: laspetto pi importante della predica lannuncio di Ges Cristo, che in teologia detto kerygma e viene sintetizzato nel concetto che Ges Cristo Dio, si fatto uomo per salvarci, ha sofferto, morto, stato sepolto ed risuscitato. Questo il kerygma, lannuncio di Cristo, che provoca stupore, porta alla contemplazione e a credere. Alcuni credono immediatamente, come Maddalena; altri credono solo dopo aver dubitato a lungo e altri ancora hanno bisogno di mettere il dito nella piaga, come Tommaso. Ciascuno ha il suo modo di arrivare a credere. La fede lincontro con Ges Cristo. Dopo lincontro con Ges viene la riflessione, che sarebbe il compito della catechesi. La riflessione su Dio, Cristo e la Chiesa, da dove si ricavano i princpi e le condotte morali religiose che sono in contraddizione con quelle umane, ma conferiscono anzi una maggiore pienezza. In generale osservo in alcune lite illuminate cristiane un deterioramento dello spirito religioso dovuto allassenza di vera esperienza di fede. Lo noto nel fatto che non si presti attenzione al kerygma e si passi direttamente alla catechesi, di preferenza in ambito morale. Basta ascoltare alcune omelie, che dovrebbero essere kerygmatiche con un pizzico di catechesi, ma finiscono invece per essere morali, se non addirittura catechetiche. E in ambito morale anche se nelle prediche non quanto in altre occasioni si preferisce parlare della morale sessuale e di tutto ci che abbia un legame con il sesso. Questo si pu, questo non si pu. Questo sbagliato, questo non lo . E allora finiamo per dimenticare il tesoro di Ges vivo, il tesoro dello Spirito Santo presente nei nostri cuori, il tesoro di un progetto di vita cristiana che ha molte implicazioni che vanno ben oltre le mere questioni sessuali. Trascuriamo una catechesi ricchissima, con i misteri della fede, il credo, e finiamo per concentrarci sul partecipare o no a una manifestazione contro un progetto di legge in favore delluso del preservativo.

20

Gioved 11 aprile 2013

Cesena & Comprensorio


Cesena
Incontro con Roberto Napoletano
A cura dellassociazione cesenate "Benigno Zaccagnini", gioved 18 aprile alle 21 nella sala della Cassa di Risparmio in via Tiberti, interverr il direttore de "Il Sole 24 ore" per un incontro-dibatto sul suo libro "Promemoria italiano. Quello che abbiamo dimenticato. Quello che dobbiamo sapere. Quello che dovremo fare". I presenti potranno porre domande al relatore tramite Web e sms.

Cesenatico

Tragico incidente, muore un giovane


Si chiamava Marco Campori il ragazzo di 20 anni morto sabato sera in un incidente in via Staggi, fra Sala e Gambettola. Da qualche anno abitava in comune di Longiano. Lauto su cui viaggiava si scontrata frontalmente con unaltra. Sono rimasti ferite altre 5 persone. Tantissimi gli amici e i conoscenti che si sono stretti attorno ai familiari per manifestare vicinanza e affetto.

Cesena

Romanzo di Dostoevskij
Proseguono gli incontri nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana sui classici della letteratura. Domenica 14 aprile dalle 17 alle 18 Giuseppe Viroli presenter "Delitto e castigo" del grande scrittore russo. Ingresso gratuito.

Cesena flash
Orticoltura biologica
Al centro Congressi di Cesena Fiera, venerd 12 aprile dalle 15, si terr un incontro sul tema "La liera corta e la valorizzazione delle produzioni orticole biologiche".

Alla ricerca dellEden


La societ Amici del Monte, lassociazione il Mignolo Verde e lAbbazia di Santa Maria del Monte hanno programmato per sabato 13 aprile alle 17 un incontro sul tema "Il giardino come luogo di possibile felicit. Alla ricerca del paradiso perduto". Introdurr Ines Briganti. La relazione sar tenuta da Gabriella Assirelli, presidente di Mignolo Verde.

Bagno di Romagna
Stagione espositiva

Gatteo

Corso di formazione
Lassociazione "Angela Rosa Moretti" onlus di SantAngelo propone incontri sugli anziani. Luned 15 aprile alle 20,45 nella sala della casa di accoglienza "Arturo Fracassi" la dottoressa Donatella Venturi terr una relazione sul tema "La perdita di autonomia dellanziano: il ruolo del volontario nellaiutare ad affrontare questi cambiamenti".

Cesenatico

Spettacolo a teatro
Il gruppo comico dialettale "De Bosch", coordinato da Luisa Valentini, metter in scena al Comunale, sabato 13 aprile alle 21, due brillanti farse del proprio repertorio. Protagonisti Leonarda Baldacci, Leo Bartolini, Pierpaolo Golinucci, Riccardo Pascucci e Luigi Vernocchi. Mercoled 17 aprile alle 21 Corrado Nuzzo e Maria Di Biase presenteranno lo spettacolo comico "Paradossi e parastinchi".

Il Comune attende le richieste per le mostre alla Loggetta Lippi in piazza Ricasoli. Gli artisti interessati dovranno presentare domanda al sindaco entro il 24 aprile. Poi sar predisposto il calendario espositivo. Informazioni sul sito www.bagnodiromagnaturismo.it

Poesia e speranza
E il titolo del libro di Maurizio Paganelli che sar presentato dal sindaco di San Mauro Pascoli, Gianfranco Miro Gori, venerd 12 aprile alle 17,15 nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana. Edito da Carello di Catanzaro. Un "Incontro con lautore" sponsorizzato dalla Banca popolare dellEmilia Romagna - sede di Cesena.

Al palazzo del Ridotto il 13 e 14 aprile

Film al Victor
Al cineteatro di San Vittore sono in visione tre lm. Gioved 11, sabato 13 e domenica 14 aprile alle 21 "W la libert". Domenica 14 alle 15 e alle 17 "Il grande potente Oz". Marted 16 alle 21 "Quartet" di Dustin Hoffman (2012). Ingresso 3,50 euro.

ditori indipendenti di qualit sono i protagonisti della "Fiera del libro della Romagna", di scena a Cesena (Palazzo del Ridotto) il week end del 13 e 14 aprile. Liniziativa organizzata da Historica Edizioni, in collaborazione con il sito web per gli amanti della lettura e della scrittura "Scrivendo volo", e patrocinata dalla Biblioteca Malatestiana. "Cesena da sempre una citt culturalmente molto viva, eppure mancava una fiera del libro capace di raccogliere editori provenienti non solo dalla Romagna ma da tutta Italia. Uniniziativa in grado di dare visibilit agli editori indipendenti che in libreria difficilmente trovano spazio pur pubblicando libri di ottima qualit, una fiera attenta alla bibliodiversit e al valore dellintero catalogo degli editori pi che alla logica del bestseller", la descrive il direttore di Historica, Francesco Giubilei, che con

Cesena: la Fiera del libro E

i suoi 21 anni il pi giovane editore italiano. Unoccasione non solo di conoscere nuove case editrici, ma anche di confrontasi direttamente con gli editori (oltre una ventina), di acquistare opere che in libreria stentano a trovare spazio, dialogare con gli autori e partecipare a incontri e presentazioni. Anteprima venerd 12 aprile alle 20.30 alla Sala Einaudi (Galleria Einaudi 6, traversa di Corso Sozzi) incontro con Simona Spartaco, autrice di "Nessuno sa di noi", candidato al "Premio Strega 2013". La fiera si apre ufficialmente sabato alle 9 con il corteo storico della "Confraternita della fenice" con partenza dalla Barriera. Nel pomeriggio un doppio evento per i pi piccoli: alle 16 Stefano Bordiglioni presenta i suoi libri (a cura dellassociazione Barbabl), seguono le letture animate, alle ore 17, di Raffaella Candoli di Piccolo Mondo.

Poesie dialettali
Domenica da segnalare, alle 11, la premiazione del concorso letterario della fiera e dellantologia "Romagna scrive". Al pomeriggio sfilza di presentazioni di libri alla presenza degli autori: alle 15 Massimo Pulini con lopera prima "Gli inestimabili", alle 16.30 il giornalista sportivo Giovanni Guiducci con "Breve storia del Cesena calcio", alle 17.15 il Premio Bancarella Marcello Simoni con "La biblioteca perduta dellalchimista". Chiudono, alle 18.15 Pier Luigi Bazzocchi e il giornalista Maicol Mercuriali con"Cesena segreta. Luoghi, personaggi e storie della citt". Francesca Siroli Per la rassegna "Incontro con lautore" promossi dal Comune e dalla Malatestiana col contributo della BpEr, sabato 13 aprile alle 17,15 nella sala lignea, Roberto Casalini e Maria Assunta Biondi presenteranno il libro di Antonio Gasperini "Sla spnda de m" (Cesena- Il Ponte Vecchio), una raccolta di poesie in dialetto romagnolo. Sar presente il sindaco di Montiano, Fabio Molari.

Mostra al cinema
Al cinema Eliseo, gioved 11 aprile alle 20 dalla Royal Academy of Art di Londra, per la rassegna "Exhibition. La grande arte al cinema" sar proiettata la mostra "Manet. Ritratti di vita" sulle note di Chopin e Schumann. Un viaggio tra le tele e nel cuore della vita di Edouard Manet (1832-1883) e del suo tempo. Ingresso 10 euro, 8 per studenti, insegnanti e over 60.

Cesena

Incontro con Olivero


La parrocchia di Santo Stefano e il gruppo scout Cesena 7 hanno organizzato un incontro con Ernesto Olivero, fondatore del Sermig a Torino. Si svolger in chiesa venerd 19 aprile alle 21 sul tema "Scommetto sui giovani".

Cesena

Teatro scolastico
Fino al 13 aprile in programma al Bonci il festival nazionale del teatro scolastico. Protagoniste cinque compagnie di istituti superiori, selezionate su 104. Provengono da Castelnovo ne Monti (Re), Verona, Orbassano (To),Pavullo (Mo), Villa Ranchibile (Pa). La premiazione e la consegna del premio "Elisabetta Turroni" si terranno sabato 13 aprile alle 15 ai Giardini pubblici.

Cesena

Mostra a Santa Lucia


Fino al 18 maggio al parco tematico Artexplora di Santa Lucia allestita la mostra "Disegnare la vita. I mondi di Gianfranco Zavalloni". Una selezione dei suoi lavori artistici, disegni realizzati dalla stamperia Pascucci sulle tele, illustrazioni per leditoria, produzioni artigianali, burattini. Una mostra da vedere e da "fare" con laboratori di vario genere. Consultare il sito: www.artexplora.it.

Conferenze allUte
Gianfranco Morra parler dei "Simbolismi della cattedrale gotica" venerd 12 aprile alle 15,30 nella sala Fantini in via Renato Serra. Marted 16 aprile alle 15,30 nella sala del Conservatorio, il direttore del "Bruno Maderna" terr una lezione sul tema "Un percorso attraverso il Romanticismo europeo - parte quarta".

Rubicone
Open day al Petrella
Il teatro Petrella sar aperto al pubblico dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 17 nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 aprile per visite guidate. Sabato 13 si esibiranno gli allievi del conservatorio "Bruno Maderna" e domenica 14 concerto di Sara Castiglia al pianoforte.

Gambettola | Il carro vincitore


Vincono i Vichinghi. Domenica scorsa si sono concluse a Gambettola le sfilate dei Corsi mascherati 2013. In serata, dopo la gastronomia e la musica offerta dai carristi, si svolto lo spoglio delle schede che ha decretato vincitore il carro "I Vichinghi-I Draghi del Nord" (nella foto Mario) del Bar Malatesta con 2.514 voti. Ha preceduto "La pi bella del mondo (secondo Roberto Benigni)" del gruppo Amici della Scuola con 1.996 voti e il carro "Lego Star Wars" de I Santangio-Lesi con 1.881 voti. (Piero Spinosi)

Fiera a Cesena
Orti e giardini
Cesena Fiera, in collaborazione con Blu Nautilus, propone sabato 13 e domenica 14 aprile(a Pievesestina di Cesena), Hobby Farmer, era degli orti e dei giardini. La rassegna dedicata al crescente fenomeno dellagricoltura hobbistica, e conferma Cesena come autentico polo dellortofrutticoltura. Hobby Farmer non tratter solo di orti e frutteti ma anche di giardinaggio e di allevamento di piccoli animali da cortile: in una parola, tutto quanto serve per "curare" il proprio angolo verde. Ad Hobby Farmer (ingresso 6 euro) ci saranno macchinari, attrezzature, prodotti, mangimi, fertilizzanti, servizi, sementi, piante e ori e vari incontri, presentazioni di prodotto e dimostrazioni pratiche su cosa e come fare grazie alla partecipazione di esperti.

Rotary Rubicone
Sar consegnato al soprano Gladis Rossi di Bellaria il premio Rotary club Valle del Rubicone. La cerimonia si svolger gioved 18 aprile alle 20,30 a Villa Malatesta di Poggio Berni. La cantante lirica ricever unopera di Ilario Fioravanti.

Savignano
Nella serata della proclamazione del vincitore del premio "Citt di SavignanoFrancesco Montanari" sabato 13 aprile debutter la "Compagnia della Speranza". Alle 21 al teatro Moderno presenter "A rub poch us va in galera".

Sport

Gioved 11 aprile 2013

21

Anticipo serale alle 21 per il Cesena di mister Pier Paolo Bisoli


Nellultimo turno i veneti hanno battuto la Ternana per 2-1 e nella rosa vantano anche gli ex cesenati Moras e Martinho. Lanciatissimo quindi il Verona, un po sulle gambe il Cesena che ha incassato una strana sconfitta a Brescia dopo il bel momento positivo che si protraeva da qualche giornata. Al Rigamonti i romagnoli erano anche passati in vantaggio grazie ad una rete di Granoche. Poi per le rondinelle sono venute fuori alla distanza e con Daprel e Caracciolo hanno ribaltato il risultato. Peccato dunque per la squadra di Bisoli che, in caso di vittoria in Lombardia, avrebbe visto avvicinarsi ulteriormente la zona play-off. Dopo la sconfitta invece le cose sono tornate ad essere imprevedibili. La classifica sempre molto corta e affollata soprattutto verso il basso. La zona che scotta distante solo quattro punti, ecco perch i bianconeri dovranno prestare molta attenzione in queste ultime 7 giornate di campionato. La salvezza assolutamente alla portata del Cesena, che coi suoi 44 punti racimolati in 35 partite ha comunque invertito in maniera positiva un cammino reso molto tortuoso da un inizio di stagione agonistica alquanto preoccupante. Intanto sembra scongiurato il pericolo di una eventuale penalizzazione in caso di mancato pagamento degli stipendi. I calciatori del Cavalluccio Marino saranno regolarmente retribuiti entro il 15 aprile. Eric Malatesta

Romagna Centro
Si concluso lXI Torneo dellAdriatico, organizzato la scorsa settimana dallassociazione sportiva Romagna centro di Martorano di Cesena. Primo dei quattro tornei Internazionali di calcio giovanile organizzati nei mesi di aprile, maggio e giugno dallAssociazione sportiva, con la collaborazione delle agenzie Play Sport di Cesena e Adria Sport di Cervia, la kermesse ha ospitato squadre in rappresentanza di tutte le Regioni dItalia oltre che alcune squadre straniere (una tedesca e una

Volta in azione (foto archivio Pippo)

Venerd con ilVerona per non ripetere Brescia


opo il kappa di Brescia, ecco il Cesena tornare al Manuzzi per lanticipo della 36esima giornata di serie B. Venerd 12 aprile alle 21, i bianconeri di Romagna affrontano la corazzata Verona tra le mura amiche, in un match che non sar certo avaro di emozioni. Il Cesena vuole assolutamente rialzare la testa dopo il 2-1 patito a Brescia, mentre il Verona intenzionato a confermare la seconda posizione in classifica che varrebbe la promozione

Larbitro Cristian Brighi al torneo dellAdriatico

diretta. Un brutto cliente lHellas Verona allenato dal ravennate Mandorlini. I giallobl contano gi 67 punti (23 in pi del Cesena) frutto di 19 vittorie, 10 pareggi e 6 sconfitte. Davanti c solo il Sassuolo capolista con 73 punti allattivo, mentre a braccetto dei veneti c il Livorno. Entrambe le squadre appaiate al secondo posto lottano per la promozione diretta in serie A senza passare dai playoff, che non ci sarebbero qualora ci siano pi di 10 punti tra le terza e la quarta.

svizzera), di tutte le categorie del settore giovanile (Pulcini, Esordienti, Giovanissimi, Allievi). Di seguito le squadre vincitrici: Astro (Como, allievi 96), Cant San paolo (Como, Allievi 97), Romagna Centro (Cesena, Giovanissimi 1998), Cenisia (Torino, Giovanissimi 99), Insubria (Varese, esordienti 2000), junior Mapello Bonate (bergamo, esordienti 2001), Virtus nettuno (Roma, pulcini 2002), Mamas (Spezia, pulcini 2003), Mamas (Spezia, pulcini 2004).

Atletica, una cesenate che si fa onore: Margherita Magnani


Nei giorni scorsi il sindaco di Cesena Paolo Lucchi ha incontrato a palazzo Albornoz Margherita Magnani, mezzo fondista cesenate reduce dai Campionati europei indoor di Goteborg, per i quali si era qualicata grazie alla vittoria nei 1500 ottenuta agli Assoluti tricolori indoor. Classe 1987, un breve trascorso da pallavolista quando era ragazzina, Margherita Magnani cresciuta nel vivaio dellatletica Endas Cesena e dopo il trasferimento al Cus Bologna, dallottobre 2010 milita nel gruppo sportivo delle Fiamme Gialle di Ostia. Lattivit sportiva ad alto livello non le ha impedito di concludere brillantemente gli studi: dopo maturit classica al Liceo Monti, ha frequentato Giurisprudenza, laureandosi con lode. Gli impegni agonistici la tengono spesso lontano da Cesena: per gran parte dellanno si allena a Ostia. Di recente ha trascorso un mese in Qatar insieme alla Nazionale per uno stage di preparazione e a breve parteciper ad un altro stage in Sud Africa. Ma nonostante la vita da globetrotter, resta fortissimo il legame con la sua citt, dove vivono il padre Werther, insegnante in pensione, e la mamma Mariangela Bonetti, avvocato ed ex consigliere comunale. E quando torna a Cesena, non difficile incontrarla mentre si allena nei parchi e nelle strutture sportive cittadine.

22

Gioved 11 aprile 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Nei locali dellistitutoLugaresi, sede del Csi Cesena, conviviale dei fischietti

A Castrocaro
Cicloturismo: Gran Fondo Fondriest
Stanno lavorando a pieno ritmo gli organizzatori della 6 Gran Fondo FondriestTerme di Castrocaro, seconda prova del Circuito di granfondo cicloturistiche Romagna Sprint, in programma il 28 aprile a Castrocaro Terme. Lo scopo quello di offrire ai partecipanti una manifestazione perfetta in tutti suoi aspetti. Fondamentale nel cicloturismo, oltre alla pratica sportiva, il buon cibo, ragion per cui ci si adopera per allestire dei ristori e un pasta party che in quantit e qualit lascino soddisfatti tutti i partecipanti. Sul percorso lungo di 136 chilometri il primo ristoro sar posto a Passo del Muraglione (chilometro 44) e chi vorr potr effettuare un rifornimento idrico alla fresca fontana di Fiumicello (inizio salita della Braccina). Dopodich si pedaler verso il secondo ristoro, posto a Santa Soa (chilometro 88), mentre il terzo si trover invece nei pressi di Santa Marina di Predappio (chilometro 110). Sul percorso medio di 110 chilometri il primo ristoro sar a Passo del Muraglione (chilometro 44), mentre il secondo si trover nei pressi di Santa Marina di Predappio (chilometro 86). Sul percorso corto ci sar un solo ristoro, quello nei pressi di Santa Marina di Predappio, posto al chilometro 36. In tutti i ristori i partecipanti troveranno spianata con mortadella, piadina e panini con prosciutto crudo, grana a scaglie, pane con marmellata e nutella, crostata alla frutta, torte, ciambelle, frutta secca e fresca (banane, pompelmi e limoni). Da bere acqua, integratori, t e Coca Cola. Terminata la fatica, tutti a rifocillarsi al pasta party, il cui men prevede pasta al rag, salsicce, patate fritte, frutta, crostata, pane con marmellata e nutella, vino, birra, acqua e coca cola. Un men che gli organizzatori stanno lavorando per ampliare con altre succulente leccornie. Va inne ricordato che anche la Gran Fondo Sport Per Crescere Insieme del 4 agosto, organizzata dallUs San Marco di Cesena, fa parte di tale circuito ed valevole anche come prova unica del primo Campionato Regionale Emilia Romagna di Granfondo cicloturistiche del Centro Sportivo Italiano e come ultima prova della kermesse Pedalando con Gusto organizzata dal portale www.ruoteamatoriali.it.

Pasqua

Arbitri di calcio in festa


stata sicuramente una bella festa! Di quelle che gli arbitri di calcio del Csi di Cesena organizzano periodicamente per ritrovarsi con le famiglie. La conviviale stata organizzata il mercoled Santo, presso i locali del Lugaresi, dove stata preparata una ricca paella da servire agli intervenuti (nella foto sotto, il gruppo dei cuochi). Il compito dellallestimento dei locali con la preparazione dei tavoli stato

pazientemente affrontato dal gruppo di lavoro composto dalle mogli di alcuni arbitri, inseparabili e pazienti collaboratrici che completano con il loro lavoro la giovialit del nostro stare assieme. Non mancata la lotteria di beneficenza con in palio un gigantesco uovo di cioccolato vinto da Cesare Marani. La cifra raccolta stata donata dal responsabile del gruppo Valerio

Fabbri allassociazione Cattolica per la Tanzania (www.cattolicaperlatanzania.net) presente alla serata con una propria collaboratrice (nella foto sopra, la consegna dellofferta). Anche il presidente del Csi Morosi Luciano ha voluto contribuire a nome del Comitato di Cesena con una offerta finalizzata allacquisto di medicinali per i bimbi della Tanzania. In chiusura, a ogni arbitro stato donato, dal consiglio direttivo del gruppo, un uovo di Pasqua. Ma

Qualificate alla fase successiva la Virtus Cesena e lUs San Marco. Giocheranno domenica 28 aprile al Centro sportivo Sigonio di Carpi

Calcio a 9, completata la fase locale della Danone Cup


ei bellissimi impianti della Societ Virtus Cesena, a Ponte Abbadesse di Cesena, si conclusa domenica 7 aprile la fase locale della Danone Cup a cui hanno partecipato le 34 squadre del campionato di calcio del Csi di Cesena, iniziato ai primi di ottobre 2012. Sei le squadre qualificate a questa fase finale riservata ai ragazzi nati nel 2001 e 2002 e che per loccasione si trasformata in Calcio a 9: Virtus Cesena, Coop. Granata, Us San Marco, Roncofreddo, Pol. 5 Cechi e Pol. Forza Vigne.

In palio la qualificazione per due squadre alla fase regionale denominata Final Ten Danone Nations Cup da disputarsi domenica 27 aprile al centro sportivo Carlo Sigonio di Carpi (Modena). Alla fine di una lunga e divertente giornata di gare, sono risultate qualificate alla fase successiva la Virtus Cesena e lUs San Marco. Riuscita la festa organizzata dalla commissione calcio giovanile del Csi che ha predisposto una merenda per ogni giocatore partecipante, mentre limpeccabile ospitalit della Societ di casa Virtus si concentrata sul numeroso pubblico presente offrendo loro circa 20 chilogrammi di fragole, gradito intermezzo fra una gara e laltra in un pomeriggio assolato. Ma

Pagina Aperta

Gioved 11 aprile 2013

23

Il direttore risponde
Ancora riflessioni sulle bambine-chierichetto Non facciamone un caso. Ricordiamo Marta e Maria

LOcchio indiscreto

arissimo direttore, sono una mamma che frequenta la parrocchia di San Rocco, a Cesena. Con molta fatica, lo ammetto, cerco di tenere viva la mia fede e soprattutto la mia traballante pratica, sperando, con alterne fortune, di essere un esempio per i miei figli; in questo, poco aiutata da mio marito che, pur sentendosi cristiano, come molti, dichiara di non credere nella Chiesa e nei suoi "uomini". Questa piccola premessa per spiegare il disappunto o, meglio, la delusione, nel leggere le parole del mio parroco e a poco serve, mi scusi, la gioia immensa provata nellascoltare le parole di papa Francesco: nelle nostre parrocchie che viviamo la quotidianit, in questo contesto che dobbiamo misurarci con pensieri che sinceramente non credevo pi di dover ascoltare... Quando le bambine del catechismo della prima comunione (...do una mano alla catechista) hanno ascoltato le spiegazioni di don Paolo sul perch loro non potevano seguire le lezioni sul servizio di chierichetto e io ho dovuto arginare il loro smarrimento e la boria dei maschietti che si sono sentiti inevitabilmente appartenenti a una categoria di esseri superiori, non mi sono sentita nel giusto, ma solo molto, molto amareggiata. Ma devo dire che nelle parole di don Paolo, in quella occasione, non avevo colto davvero il disagio della prossimit delle donne allaltare che , come lui ha scritto, sente di provare... eppure le donne nella sua come in tutte le parrocchie vicino, accanto, allaltare ci stanno eccome ! E quanti pochi uomini... Io non provo disagio, ma gioia e profonda gratitudine nellascoltare chi mi racconta di donne che tutte le mattine aiutano e sostengono un anziano prete nel dire messa... Lo so, forse non aggiungo molto alla discussione con queste mie parole, volevo solo rendere testimonianza della mia profonda tristezza. Saluti Paola DUrso

Cerchiamo di fare un po di chiarezza. Ragioniamo, se possibile, con un po di serenit e una buona dose di sana ironia. Non stiamo parlando della fine del mondo, ma della possibilit che le bambine e le ragazzine servano allaltare. Ho gi pubblicato sul sito (www.corrierecesenate.it) quanto previsto dal nostro Sinodo diocesano, cio la possibilit che al servizio allaltare siano ammesse anche le ragazze e le donne, secondo le norme vigenti" (cfr. n. 618 Primo Sinodo della Chiesa di Cesena-Sarsina, 1999). Detto questo, potrei subito aggiungere, in qualit di padre di tre maschi, che a volte succede che io inviti i miei figli a servire alla messa e mi senta rispondere che sono in tanti, anche troppi, e per lo pi sono femmine. Niente male, direi, e nessuna rivendicazione da parte dei ragazzi di casa nostra che alla messa, se non servono, leggono, suonano o cantano, oppure partecipano e basta, perch la messa gi un fatto immenso lo stesso e non dipende certo dallessere ministranti o meno. Sul caso concreto, penso che non valga la pena aggiungere altro, oltre a quanto gi detto in abbondanza. Inviterei a non farne un caso. Mi pare che la questione sia del tutto marginale raffrontata con i problemi della vita quotidiana e pensando che lesperienza cristiana si realizza nella sequela a una Persona e non nello svolgimento di alcuni servizi, seppur importanti. Pensiamo allepisodio evangelico di Marta e Maria. Ringrazio in ogni caso dellattenzione e della passione manifestata verso la vita delle nostre parrocchie. Il segnale incoraggiante. Ci teniamo ad esserci. gi un grandissimo inizio. Buon cammino a tutti. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it
Alcuni anni fa ho avuto la fortuna di organizzare una festa quasi a sorpresa in occasione del 50esimo della Sua Ordinazione Sacerdotale, potendo sperimentare direttamente il legame profondo che ha sempre unito Lui ai Suoi ragazzi, testimoniato dalla pronta adesione di moltissime persone di et completamente diverse, ciascuna nel ricordo degli anni stupendi trascorsi insieme. Come non ricordare la Sua presenza discreta accanto a noi, fino a tarda ora durante le serate estive,quando noi studenti tiravamo tardi mentre lui avrebbe dovuto alzarsi presto la mattina per esercitare il Suo (Ministero) servizio che ancora continua di Cappellano delle Cliniche; come dimenticare la Sua attenzione a (cementare i gruppi) tenere uniti i compagni tra loro, arrivando ad intercedere presso i Presidi delle scuole perch venissero inseriti (ssero) nella medesima classe i Suoi ragazzi, le lezioni di Matematica o di Chimica (donate) prestate a chi ne aveva bisogno, la copertura delle spese necessarie per portare ai campeggi o alle gite chi non poteva permetterselo. E come non ricordare i campeggi, grande opera sociale, e le meravigliose gite in localit che i pi potevano allora solo immaginare E tuttavia estremamente riduttivo associare a Don Neri lidea dellorganizzatore di campeggi o gite o del fotografo o alpinista. E certamente vero che moltissimi di noi hanno vissuto gli anni delle gite e dei campeggi e sono stati contagiati dalla passione per la pratica della fotografia o dellalpinismo che Don Neri ha trasmesso a tutti mentre le esercitava a livelli di eccellenza. E tuttavia altrettanto vero, e mai abbastanza sottolineato, che soprattutto stato ed tuttora un grande Sacerdote e che il Suo Ministero sempre stato ed tuttora basato su una grande spiritualit, su un grandissimo senso di giustizia che ha trasmesso a tutti i Suoi ragazzi contribuendo a farli diventare in primo luogo persone perbene, a prescindere dalle scelte di vita, anche se diverse da quelle di fede. Solo pochissimi hanno avuto la fortuna di ascoltare le

Ancora una mareggiata e ancora metri di spiaggia portati via dalla furia delle onde. Nei giorni scorsi la Riviera romagnola stata flagellata da mare grosso e a pagarne le spese stata soprattutto la zona di Valverde a Cesenatico. Come si vede dalla foto scattata durante la bassa marea, gli stabilimenti balneari non hanno quasi pi spazio per ombrelloni e lettini.

In ricordo di Guido Martini


morto nei giorni scorsi, allhospice di Savignano sul Rubicone, il 79enne Guido Martini. Di Martini, da sempre impegnato nel mondo cattolico diocesano, pubblichiamo un profilo a pagina 12. Cos lo ricorda in una poesia lamico Giuseppe Cantoni. GUIDO, stretti attorno alla tua fisarmonica sui prati della Val Parola, innalzavamo i canti della sera: Eravamo per il sorriso e per la gioia; si sa, passano le stagioni della vita e quella stagione assai lontana. Lascia dunque che ti ricordiamo ora che sei entrato nel mistero pasquale in sincronia col Salvatore. Ho letto sul tuo volto pallido e disteso il segno di una grande pace dopo i lunghi giorni del dolore. Perch anche il dolore degli altri fino in fondo ti prendevi; degli sconosciuti venuti da lontano e incontrati sulla strada, come il samaritano del Vangelo. Perch eri lamico che si poteva importunare ad ogni ora della notte per un pane. In tanti saremo a ricordarti come colui che dalle beatitudini non fu mai colto di sorpresa e che perfino allingratitudine altrui trovava giustificazione. Stimato ed amato dagli alunni e dai colleghi, tutti terranno caro il tuo ricordo. La tua alta ombra ci sar accanto nelle lunghe serate del marafone e sentiremo il tuo ironico bravo ! nellabbassare la carta sbagliata della partita... e della vita. Sue omelie, tanti invece hanno potuto ascoltare i suoi interventi corti, ma brevi sia a livello personale che comunitario sempre densi di senso cristiano e pervasi di quel senso di giustizia che ha sempre segnato e continua a segnare il Suo Ministero. Per anni e ancora oggi Don Neri ha garantito la Sua presenza costante per un consiglio o pi semplicemente per una metaforica carezza o anche un rimbrotto, se necessario! Mi fermo perch, come dicevo, conosco il Suo carattere e mi sto accorgendo che con queste poche righe gli faccio un grosso dispetto e so che per questo, come lui ama dire, non mi dar lassoluzione. Dico solo, e sono certo di farlo a nome di tutti, grazie al Sacerdote e allUomo che ha speso tutto il Suo Ministero Sacerdotale, per accompagnarci nella nostra crescita sia nella fede che nella vita. Gli dico grazie anche per il suo Ministero di assistente degli infermi, al quale oggi aggiunge il servizio agli anziani dellIstituto Don Baronio. Gli chiedo infine personalmente perdono per questo dispetto confidando nel suo immenso cuore. Alberto Antonelli

Mai dimenticare che il sudario non ha tasche


Caro direttore, la legge uguale per tutti. Per Berlusconi lo un po di meno perch impegnato in politica. Giusto? () Grazie per lattenzione. Vittorio Savoia Cesena Carissimo Savoia, la ringrazio per la passione con cui segue il Corriere Cesenate. Nel merito mi pare di poter ribadire che tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge. Notiamo, spesso, che ci non si verifica nella realt, per quanto giornali e tv ci portano in casa e noi ne abbiamo percezione. Per questo a volte ci indigniamo, come lei accenna nel resto della lettera. Non saprei che altro aggiungere al suo sfogo. Mi permetto di citare papa Francesco che ha ricordato la sua nonna quando ricordava ai bambini la splendida frase: Il sudario non ha tasche. Alla faccia di ogni ricchezza terrena e di mille discorsi di qualsiasi origine. Cordialmente. Fz .

Don Egidio Neri ha lasciato la comunit di San Bartolo


Mi stato chiesto di preparare alcune righe di saluto al nostro don Neri. Per me un onore da un lato, ma dallaltro un compito ingrato perch conosco Don Neri da pi o meno 45 anni ed con tristezza che ho appreso della Sua decisione di lasciare la Parrocchia dopo (75) 58 anni di servizio a questo altare, pur consapevole della ponderatezza della Sua scelta, anche stavolta, come in tutte quelle che hanno segnato la Sua vita e inoltre perch lo conosco bene e so come non ami le (celebrazioni) cerimonie.