Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 25 aprile 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 17 euro 1,20 - contiene I.P.

17
11 Cesena
Taglio del nastro per la nuova mensa Caritas
ocali ristrutturati dalla Fondazione Cassa di L Risparmio. Sono oltre 40 le persone che ogni giorno chiedono un pasto

Diocesi
Gioved 25 aprile Pellegrinaggio a SantApollinare
utta la comunit diocesana invitata a parteT cipare allappuntamento guidato dal vescovo Douglas Regattieri

Chiesa
Sacerdoti, siate pastori, non funzionari
e parole di papa Francesco durante la mesL sa di ordinazione di nuovi preti, ai quali ha raccomandato la preghiera

Attualit
Una firma per la tutela del concepito
l 12 maggio una grande raccolta di firme sulla I scia delliniziativa europea Uno di noiper il rispetto della vita

12

Editoriale La ricetta per ripartire


di Francesco Zanotti

crisi sociale ed crisi politica. Lha messo nero su bianco la presidenza della Conferenza episcopale italiana (Cei) nel messaggio di felicitazioni al presidente della Repubblica rieletto, Giorgio Napolitano. E il tempo delle scelte impegnative, hanno aggiunto i vescovi che non hanno mancato di rimarcare come sia necessario ragionare in termini di sviluppo storico e non allinsegna della contingenza. Veniamo da giorni terribili. Siamo di fronte a uno stallo politico cui nessuno avrebbe mai voluto pensare. Da ormai due mesi non si riesce a mettere insieme nulla. Ogni schieramento scomunica laltro, con una serie innita di no che pochi comprendono. No al governo, no al Capo dello Stato, no a qualsiasi accordo che faccia ripartire questo Paese ormai troppo avvitato su se stesso. Il Pd ha le ossa rotte. Non sappiamo come uscir dalle enormi difcolt in cui si cacciato da solo inseguendo il miraggio della presidenza del Consiglio. Pare ormai certo che si spezzer fra chi guarda a sinistra, a Sel, ai 5 Stelle, alle posizioni pi radicali e chi invece si vuole collocare pi al centro, in un atteggiamento riformista e moderato. Difcilissimo che riescano ancora a convivere queste due anime, oggi molto pi lontane rispetto a un recente passato. Le bocciature di Marini e di Prodi dicono di un dilemma irrisolto, negli ultimi giorni reso ancora pi tto dallavanzare dei giovani turchi e dei renziani. Ora il presidente Napolitano senzaltro pi forte, eletto con oltre 700 voti provenienti da Pd, Pdl, Lega e Lista Civica. Ha dalla sua i pieni poteri. Ha accettato per senso di responsabilit e senso dello Stato, in una fase per certi versi drammatica. Lha fatto per puro spirito di servizio. Un presidente proveniente dalla Sinistra rinnova il settennato e ha su di s dei poteri di indirizzo impensabili no a oggi. Se i partiti non lo seguiranno in questa nuova fase di ricostruzione, lui potr minacciare le dimissioni o sciogliere il Parlamento. Lo ha ricordato luned Napolitano stesso durante laccorato discorso di insediamento davanti alla Camere riunite. Ha messo in guardia dalle nuove pulsioni eversive e ha avvisato le forze politiche: Non tollerer altre sordit da parte dei partiti, aggiungendo subito dopo che non ha accolto lappello rivoltogli sabato scorso per prendere atto dellingovernabilit. E il momento delle intese fra forze diverse, come accade in ogni altro Paese dEuropa, ha sottolineato il Capo dello Stato che pi volte si commosso. Passione, rigore, umilt, in tre sole parole racchiusa la ricetta per una ripresa possibile.

Informazione nella Rete

Foto Claudio Pagliarani

Le notizie passano sempre di pi attraverso Internet. Sulla Rete i siti dinformazione pi visitati sono quelli dei giornali tradizionali, delle testate presenti in edicola. E il genere dinformazione che pi interessa il lettore quella locale. Il nostro settimanale e i quotidiani locali, gi da tempo si sono attrezzati fornendo ai lettori servizi giornalieri. Di Internet e Rete si parlato anche a Chioggia, allultimo convegno nazionale della Fisc, la Federazione italiana settimanali cattolici. Nessuno, stato detto, pu negare che il futuro della comunicazione passa attraverso un rapporto sempre pi virtuoso tra la stampa e Internet. Primo piano alle pagg. 4 e 5

Cesena 13 Diverse iniziative del Cai per i 150 anni Rubicone 16 Rotary: premiata la cantante Gladys Rossi

Cesenatico 15 Boschetto chiede parcheggi e illuminazione Sarsina In paese un negozio per celiaci 17

Risorse sul territorio per 105 milioni di euro


Il dato nel Bilancio di Sostenibilit pubblicato on-line Maurizio Chiarini, amministratore delegato: Contributo anticiclico alleconomia e alla qualit della vita

Hera Forl-Cesena

nazienda sempre pi green, capace di applicare i principi di responsabilit sociale lungo lintera catena della fornitura e in grado di distribuire ricchezza crescente sul territorio. questo ci che emerge dal Bilancio di Sostenibilit 2012 di Hera, on-line allindirizzo bs.gruppohera.it. Oltre a rendicontare lanno appena trascorso, il documento offre anche un consuntivo sociale, ambientale ed economico dei primi dieci anni di vita della multiutility, testimoniando con i numeri limpegno concreto per il miglioramento della qualit della vita nei territori serviti.

QUALIT DEL SERVIZIO E SODDISFAZIONE DEI CLIENTI: 9 MINUTI IL TEMPO MEDIO DI ATTESA AGLI SPORTELLI Per quanto riguarda il servizio offerto ai clienti, il 2012 ha confermato il costante percorso di miglioramento compiuto durante i dieci anni di vita di Hera. In una scala da 0 a 100, la soddisfazione dei clienti per i servizi forniti nel territorio di Forl-Cesena si attesta a quota 72. In ulteriore riduzione i tempi di attesa a call center e sportelli clienti distribuiti sul territorio. In particolare, i sette sportelli nella provincia (76 complessivi, a conferma di un presidio territoriale unico fra le utility italiane), a fronte di un incremento di oltre il 13 per cento dei contatti, hanno ulteriormente diminuito il tempo di attesa mediamente a 9 minuti (erano 28 nel 2006). Sul territorio provinciale gli standard della qualit commerciale (i tempi di esecuzione dei servizi previsti da Autorit per lEnergia Elettrica e il Gas e Carte dei Servizi, ad esempio attivazione delle forniture, rispetto della fascia di puntualit degli appuntamenti) sono stati rispettati nel 99,7 per cento dei casi, a fronte del 99,4 per cento del 2011. TRATTAMENTO RIFIUTI: SEMPRE PI RECUPERO E CONFERIMENTI IN DISCARICA DIMEZZATI Una cartina al tornasole della qualit ambientale espressa da Hera, riguarda il mix di trattamento rifiuti. Nel 2002 circa la met dei rifiuti raccolti (49 per cento) finiva in discarica e dunque ad un utilizzo del tutto incapace di estrarne valore e di forte impatto ambientale. Nel 2012, grazie allo sviluppo della base impiantistica al servizio del recupero e dei servizi concordati con le amministrazioni comunali, i rifiuti conferiti in discarica sono scesi al 21 per cento. Un dato ampiamente inferiore non solo allItalia (49 per cento), ma anche alla media dei paesi europei (37 per cento). Il resto, viene invece portato a recupero: o di materia, tramite raccolta differenziata (salita nel 2012 a quasi il 52 per cento) o energetico, tramite la termovalorizzazione (nel 2012 al 29 per cento). CHIARINI: QUASI 9 MILIARDI DISTRIBUITI DAL 2002, CONTRIBUTO ANTICICLICO RILEVANTE I dati pubblicati, che non riguardano solo il 2012, ma offrono una panoramica sui risultati non solo economici conseguiti da Hera in dieci anni di attivit, spiega Maurizio Chiarini, amministratore delegato Hera, dimostrano in maniera inequivocabile che avere dato vita, con la fusione di diverse ex-municipalizzate, a un soggetto pi grande e solido, ha migliorato la sostenibilit sociale e ambientale del territorio servito e conseguito una distribuzione di risorse in termini di valore aggiunto sul territorio assolutamente consistente. Alla luce soprattutto della crisi economica di questi ultimi anni ritengo si tratti di uno straordinario contributo anticiclico alleconomia e alla qualit della vita delle comunit. Questi numeri confermano quindi, una volta di pi, la validit del modello Hera, capace di coniugare crescita economica e qualit dei servizi sul territorio.

IL VALORE AGGIUNTO NELLA PROVINCIA DI FORL-CESENA: QUASI 105 MILIONI DI EURO NEL 2012 cresciuta ancora la ricaduta economica del Gruppo Hera sul territorio servito. Nel 2012, infatti, la ricchezza complessivamente distribuita sullintero territorio servito ha superato il miliardo e 700 milioni (+2,6 per cento rispetto allanno precedente). Nei comuni dellArea territoriale di Forl-Cesena la ricaduta economica delle attivit di Hera stata pari a 104,9 milioni di euro. Di questi, 33,6 milioni sono andati ai lavoratori sotto forma di stipendi, 8 milioni sono stati distribuiti, a titolo di utili, ai soci pubblici e privati residenti nel territorio, 16,4 sono stati versati agli enti del territorio come imposte, tasse e canoni e 46,8 milioni di euro sono andati alle aziende fornitrici di Hera operanti nella provincia, un contribuito significativo al tessuto economico locale, ancor pi importante considerando il difficile contesto economico che si trovano a fronteggiare famiglie e imprese. OCCUPAZIONE DI QUALIT. IL 97 PER CENTO DEI LAVORATORI A TEMPO INDETERMINATO Anche per il 2012 il Gruppo Hera si confermato una realt in grado di fornire occupazione consistente e di qualit. Le persone impiegate indirettamente grazie alle forniture del Gruppo sono stimate in 4.233 unit che sommate ai 6.629 lavoratori diretti, portano a un livello occupazionale diretto e indiretto di 10.862 unit, di cui oltre 960 nel territorio di Forl-Cesena. Inoltre, i lavoratori con contratti di lavoro non a tempo indeterminato si sono ridotti ulteriormente. Il 97 per cento dei lavoratori ha un contratto a tempo indeterminato. poi proseguito limpegno verso la sicurezza sul lavoro, con risultati del tutto visibili. Lindice di frequenza di infortunio si ridotto per lottavo anno consecutivo (-23 per cento rispetto al 2010). Il numero complessivo di infortuni di Hera spa passato dai 215 del 2010 ai 154 nel 2012. Per quanto riguarda il territorio di Forl-Cesena, si scesi dai 13 del 2009 ai 9 del 2012. LA RESPONSABILIT SOCIALE LUNGO LA CATENA DELLA FORNITURA: UNA NETTA PREVALENZA VERSO LOFFERTA ECONOMICAMENTE PI VANTAGGIOSA Di rilievo anche limpegno di Hera per estendere le pratiche di responsabilit sociale anche lungo la catena della fornitura. In particolare, il 70 per cento degli affidamenti a cui applicabile il criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa avvenuto secondo tale criterio in luogo del massimo ribasso (era il 53 per cento nel 2011). Rispetto ai bandi di gara pubblici (anche nel 2012 tutti effettuati con il metodo dellofferta economicamente pi vantaggiosa, a eccezione di quelli finanziati da soggetti terzi) il punteggio medio assegnato alla componente tecnica stato di 48 punti su 100, di cui 27 relativi a criteri di sostenibilit ambientale o sociale. Inoltre, le forniture a cooperative sociali sono aumentate complessivamente del 12 per cento sullanno precedente, per un valore complessivo di circa 33 milioni di euro, consentendo linserimento di 576 persone svantaggiate (+7,3 per cento). Nel territorio di Forl-Cesena questi appalti sono stati equivalenti a 9 milioni di euro, con 127 persone svantaggiate occupate.

Dieci anni di attivit per la sostenibilit del territorio Energie rinnovabili e assimilate al 70 per cento
nche nel 2012 sono proseguiti gli investimenti per ridurre limpatto ambientale delle attivit svolte. Ci ha consentito di raggiungere significativi obiettivi e la produzione di energia da fonti rinnovabili (termovalorizzazione, solo per la parte biodegradabile dei rifiuti, centrali biomasse, biogas da discarica, digestione anaerobica e depurazione, impianti fotovoltaici e geotermia) nel 2012 risultata pari a 560 GWh. In crescita rispetto ai 552 GWh del 2011 e quintuplicata rispetto ai 101 GWh del 2003. Dalle fonti rinnovabili, sommate alle assimilate arriva pi del 70 per cento della produzione totale del Gruppo, pari al fabbisogno energetico di 389mila famiglie.

IN COLLABORAZIONE CON LUFFICIO STAMPA HERA

Opinioni

Gioved 25 aprile 2013

Sport: quelle morti evitabili con poco

Un anno fa moriva Piermario Morosini. Ora, avanti con i defibrillatori su tutti i campi

25 aprile, pi che un anniversario


Occorre far fruttificare la tradizione che ha trovato eco nella Carta Costituzionale
orna, nel calendario della Repubblica italiana la data del 25 aprile, festa della Liberazione. Oggi, ancor pi che nel passato, la ricorrenza non pu essere vissuta soltanto nel ricordo, in un quadro retorico che non propone pi le vere motivazioni per cui si deve far festa. Certamente si deve ridonare forza evocativa per non dissipare una memoria che stata e deve rimanere costitutiva della nostra identit di popolo, di nazione che stata generata e forgiata da una lunga storia che ha fatto riferimento alle radici culturali del mondo antico, sviluppate poi lungo i secoli alla luce e con la forza del Vangelo. Luce e forza che ci hanno condotti a riscoprire la verit delluomo e della donna, della fondativa cellula della societ, la famiglia. La prospettiva imprescindibile della laicit che forma il contesto sapiente dellorganizzarsi della polis, sottraendola a ogni potenza egemonica dei clerici di ogni colore; la concezione dellimpresa che vede protagonisti gli imprenditori e i lavoratori. Non a caso, la festa della Liberazione ci riconduce ai giorni che videro laffermarsi vittorioso della resistenza contro la violenza irrazionale delle ideologie totalitarie del Nazismo e del Fascismo, dovendo tuttavia attendere ancora per assistere al dissolvimento del Comunismo sovietico che tanto pesantemente (anche con la complicit dei partiti comunisti) aveva affaticato il cammino dellUnione Europea. Tempo di ricostruzione, giorni che hanno visto il popolo italiano, associarsi nelle diverse formazioni politiche, per costruire democraticamente il nuovo volto dellItalia. Mai pi tentazioni revisionistiche per ridare dignit a quelle ideologie che tanto hanno operato per devastare il nostro Paese, con lintento di dargli una altra identit. Occorrer per recuperare e far fruttificare la tradizione che rimane alle nostre spalle e che ha trovato eco feconda nella Carta Costituzionale. Le recenti vicende relative alla formazione del nuovo Governo e alla elezione del Presidente della Repubblica, ci hanno costretto (ognuno ha fatto i suoi conti!) a constatare la crisi della democrazia nelle sue forme di partecipazione rappresentativa, promosse dai tradizionali partiti politici, dischiudendo allorizzonte preoccupanti derive populiste. I Principi fondamentali che devono rimanere appunto a fondamento della politica nelle sue diverse articolazione; se mai rimarcando la

La fotograa

Auguri a Giorgio Napolitano, primo presidente della Repubblica rieletto (foto Quirinale.it)
posizione fondamentale della famiglia cos come voluta dallarticolo 39. Non come oggetto di elargizioni sempre pi avare, ma come soggetto chiamato, a ogni livello, per programmare e decidere il bene comune. E ancora, il principio operativo della sussidiariet in tutte le sue valenze, capace di far sprigionare tutte quelle energie e risorse che solo possono garantire il futuro delle nuove generazioni. *** Poi la saggezza di Napolitano! La speranza non mai morta. Piero Altieri

Gioved 25 aprile 2013

Primo piano

Fisc I settimanali diocesani italiani si sono riuniti a Chioggia al convegno nazionale per affrontare il tema della comunicazione e del rapporto fra Internet e il giornale tradizionale

Serve un "accordo" fra carta e Rete


Francesco Rossi
a rete e la carta. Due modalit di comunicazione il cui rapporto pu apparire problematico e che in pi di un caso vivono un conflitto. Ma nessuno pu negare che il futuro della comunicazione passa attraverso un rapporto sempre pi virtuoso tra la stampa e Internet. A dirlo sono le 186 testate cattoliche aderenti alla Fisc (Federazione italiana dei settimanali cattolici), che si sono riunite in convegno a Chioggia dall11 al 13 aprile scorso sul tema "Informazione in rete: carta stampata e web". Presenti in circa 170 diocesi, queste testate (1 agenzia, 6 on line, 1 quotidiano, 2 bisettimanali, 128 settimanali, 18 quindicinali e 25 mensili) raggiungono gran parte del territorio nazionale e pure gli italiani allestero, con 5 giornali loro dedicati. "Giornali di carta e Rete sono destinati a viaggiare insieme, non per combattersi, ma per richiamarsi a vicenda", ha esordito il presidente nazionale della Fisc e direttore del Corriere Cesenate, Francesco Zanotti, aprendo i lavori. Mentre monsignor Vincenzo Tosello, direttore di "Nuova Scintilla" (Chioggia), ha ripercorso i centanni della testata, il cui anniversario viene celebrato con questo appuntamento. Infatti, il logo prescelto unisce la prima testata ("La Scintilla") a una raffigurazione della versione attuale per tablet. Tra difficolt e mutamenti Certo, per la carta stampata non mancano le difficolt, specie in questo periodo, motivo per cui serve "unattenta analisi dei fenomeni in atto nel campo della rete e della multimedialit e nel contempo una lungimirante lettura dei
Chioggia: il momento di apertura del convegno Fisc

"presentarci come un corpo unico". No a pericolose scorciatoie "Non avere paura del confronto con questo tempo" la sintesi proposta, a conclusione dei lavori, da don Ivan Maffeis, vicedirettore dellUfficio Cei per le comunicazioni sociali. Ma, al contempo, "guardarsi da pericolose scorciatoie, sirene che affascinano con il loro enorme potenziale innovativo, ma che - almeno fino a questo momento - coinvolgono ancora solo parzialmente i nostri lettori". Stampa e rete, quindi, devono andare avanti di pari passo. Contenuti da comunicare Nei lavori dellultimo giorno, una delle parole chiave stata "consapevolezza". A proporla Luigi Carletti, esperto di comunicazione sul web, per il quale "la tecnologia un pannello pieno di bottoni:

possibili sviluppi al fine di orientare le scelte nellambito della stampa diocesana", ha richiamato nella prolusione monsignor Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dellUniversit Cattolica del Sacro Cuore e presidente della Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali. Il primo dei problemi di natura economica: cala la pubblicit e "le vendite risentono della minore disponibilit di risorse economiche". In secondo luogo, "la possibilit per ognuno di accedere allinformazione in tempo reale e gratuita su web, tv e radio". A tal riguardo, ha sottolineato, " cambiato il nostro modo di ricercare e apprendere informazioni", "siamo bombardati e inseguiti da un enorme flusso, potremmo dire un torrente impetuoso dinformazioni, sempre a portata di mano attraverso un unico strumento: lo smartphone o il tablet", mentre "la corsa allacquisto tecnologico, sebbene rallentata, lunica ancora in

continua crescita". La "saggezza digitale" Conseguenza del "torrente" informativo del web la mancanza di filtri e gerarchie tra le notizie. "Oggi domina il criterio della velocit", ha osservato Giuliodori, interrogandosi "se non si stia sacrificando la qualit comunicativa, e quindi relazionale, sullaltare della quantit e dellefficienza". In altri termini non basta usare il digitale, ma bisogna conseguire una "saggezza digitale" - ovvero la "capacit di prendere decisioni pi sagge in quanto potenziate dalla tecnologia". Ripartire dal territorio "Il territorio il luogo dal quale ripartire per ripensare linformazione", ha esordito Chiara Giaccardi, docente al dipartimento di Scienze della comunicazione dellUniversit Cattolica di Milano, intervenuta nella seconda giornata dei lavori. Fin da subito torna il legame con le nuove tecnologie, poich nel territorio si vivono relazioni

che possono essere "potenziate dalla rete digitale", ad avviso della docente, per la quale la contrapposizione tra digitale e vita reale "unimmagine di cui dobbiamo liberarci". Sulla medesima linea Ferruccio Pallavera, direttore dellunico quotidiano aderente alla Fisc, "Il Cittadino" di Lodi (che con una media di 8 mila copie quotidiane e 15 mila per ledizione del sabato copre il Lodigiano e il Sud Milano). "Bisogna tornare a fare i giornali in piazza, scrivere ci che gli altri non scrivono, dare voce a chi non ha voce, catturare nuovi lettori". Un network digitale cattolico Infine Domenico Delle Foglie, direttore del Sir, parlando per la prima volta a un convegno dei giornali cattolici da quando ha assunto - lo scorso gennaio - la guida dellagenzia, ha confidato quello che ha definito un "sogno", ossia "fondare, tutti insieme, il Sir e i settimanali diocesani, il primo network digitale italiano", per

Festeggiati i cento anni del settimanale Nuova Scintilla di Chioggia


limportante sapere quali ci servono". "La rete - ha evidenziato - oggi comunicare, apprendere, socializzare, condividere, conservare e aiutare", obiettivi che rientrano tutti in uninformazione "con forte impegno sociale" come quella dei giornali del territorio, che da parte loro hanno "i contenuti, derivanti proprio dal contatto diretto con le persone". Un rapporto "che con la tecnologia - convinto Carletti - non viene svilito, ma valorizzato".

Primo piano

Gioved 25 aprile 2013

I quotidiani Corriere Romagna, Carlino e Voce si muovono in rete in maniera diversa


Michelangelo Bucci
economici e pratici molto diversi. Quali ancora non lo e notizie passano sappiamo". sempre di pi Caso strano, invece, quello attraverso Internet. della Voce di Romagna. Il Sulla Rete i siti quotidiano, presente a dinformazione pi visitati Cesena dal 2001, si sono quelli dei giornali affacciato in Rete nella tradizionali, delle testate primavera del 2009 con il presenti in edicola. E il genere portale Romagna Noi. Il sito dinformazione che pi presenta una selezione di interessa il lettore quella articoli delle diverse edizioni locale. Questi tre assunti sono della Voce e qualche ripetuti spesso dagli esperti anticipazione, oltre a gallerie del settore. Messi luno fotografiche e qualche video. accanto allaltro indicano con Ma non c alcun richiamo chiarezza un profilo netto: esplicito al giornale cartaceo quello dei giornali locali con e questo, a detta di esperti di una presenza in Rete. Un tipo organizzazione editoriale, dinformazione, quella locale, un grave errore, dato che in che accusa la crisi come tutti, genere sono proprio le ma in modo minore rispetto testate tradizionali a dare ai quotidiani nazionali o ulteriore slancio ai siti di alle riviste periodiche. informazione. Per laccesso La cronaca del territorio alledizione completa del cesenate in Rete coperta giornale, la Voce poggia da tutte e quattro le testate sulla stessa piattaforma dinformazione tradizionali: digitale del Corriere. Il Resto del Carlino, il "Sul web manca spesso la Corriere Romagna, la Voce tracciabilit della notizia I giornali del territorio hanno la propria piattaforma digitale. Nel sito del di Romagna e, rileva Elide Giordani, naturalmente, il della Voce - e, nostro settimanale (www.corrierecesenate.com) aggiornamenti quotidiani redattrice settimanale Corriere inoltre, bisogna considerare Cesenate. che i nuovi mezzi di Tra queste testate, la veterana aggiornato e dopo qualche tempo perfino Rete. Lo storico quotidiano bolognese, comunicazione non hanno mai sicuramente il Corriere di Romagna, dismesso. La rinascita nella primaverache in edicola registra il maggior numero cannibalizzato i precedenti. Per questo presente in Rete con un proprio estate 2011, con lattuale versione che di vendite, ha cominciato a curare meglio continuer ad esserci spazio anche in "segnaposto" sin dalla fine degli anni 90 e presenta una selezione di articoli tratti dal linformazione locale su Internet poco pi futuro per la carta stampata". attiva, con una selezione di articoli, dal giornale del giorno, ma nessuna di due anni fa, con notizie aggiornate ogni Ai tre quotidiani locali in Rete si unito, 2001. A inizio secolo il Corriere Romagna anticipazione. Oggi poi possibile giorno dalla redazione cesenate e blog dei dal 2007, il nostro settimanale. Partito con si trovava in una situazione di monopolio acquistare il Corriere Romagna in versione giornalisti. Anche in questo caso un paio daggiornamenti settimanali, dellinformazione locale in Rete. Per fare digitale, sfogliabile da tablet e pc, tramite possibile leggere ledizione completa del dallestate 2011 il sito del Corriere un esempio Il Resto del Carlino, storico la piattaforma "virtual newspaper". giornale a pagamento, tramite la Cesenate ha cominciato a pubblicare ogni concorrente, si limitava a mettere su "Il web sar sempre pi importante per piattaforma "In edicola". giorno, fine settimana incluso, una serie di Internet notizie nazionali o generiche interagire con il lettore - commenta "La Rete non rappresenta un problema notizie brevi. In certi casi si tratta di notizie dagenzia Ansa riguardanti Cesena Davide Buratti, caposervizio della per linformazione tradizionale - spiega anticipazioni di articoli delledizione e la Romagna. redazione di Cesena del Corriere - e per Emanuele Chesi, caposervizio a Cesena cartacea ancora in lavorazione. Sul sito Il successo del Corriere Romagna online pubblicare notizie che non trovano spazio del Resto del Carlino - ma esiste una sono poi disponibili materiali sub una brusca battuta darresto a fine nelledizione classica. In poche parole: problematica per le aziende, alla ricerca di multimediali (foto, video e audio) di 2006 con lingresso nella propriet della qualit nel cartaceo, quantit nel web". un modello economico sostenibile sul eventi cittadini, come i "Dialoghi per la cooperativa editoriale del Gruppo Il Resto del Carlino, come si detto, Web. Nel prossimo futuro i giornali citt" organizzati dalla Diocesi di CesenalEspresso. Il sito non venne pi partito con un approccio pi felpato in continueranno a esistere, ma con modelli Sarsina.

Informazione: piace la locale

Portali di informazione Eccellenze e delusioni

Al di l di quotidiani e settimanali, ci sono altre importanti fonti dinformazione locale in Rete. La principale senza ombra di dubbio Romagna Oggi, portale attivo da ormai dieci anni. Partito come semplice collettore di comunicati stampa, nel giro di poco tempo Romagna Oggi (fondato dal giovane forlivese Marco Di Maio, oggi deputato) ha cominciato a presentare articoli propri in grado di battere spesso sul tempo le grandi testate, grazie a inviati sul territorio (a Cesena Alessandro Mazza). Da due anni a questa parte, le diverse edizioni romagnole di Romagna Oggi sono entrate a far parte del network nazionale di notizie locali "Today", cos le cronache locali cesenati sono state ribattezzate CesenaToday. A Cesena manca per un sito ricco di contenuto multimediale come il riminese Newsrimini.it che, forte della sinergia del gruppo Icaro (radio e Tv), pu presentare numerosi contributi video.

Qualche timido segnale positivo giunge da Romagna Gazzette che, a differenza delle versioni cartacee dei propri periodici (caratterizzati da un mix di pubblicit, comunicati stampa e publiredazionali), in Rete propone rubriche alternative e qualche video autoprodotto. Un fermento, quello dellinformazione locale in Rete, che sta attirando oggi linteresse dei grandi gruppi editoriali. Tanto che il Corriere della Sera, per fare un esempio, ha gi preparato il sottoportale cesena.corriere.it. Peccato che contenga solo dati statici sulla citt e un elenco di cronaca regionale in salsa bolognese. Quanto di pi lontano possa esserci, dunque, da Cesena e dalla Romagna. Da questo punto di vista i grandi gruppi potranno anche investire tempo e risorse nei portali locali, ma non potranno mai mettersi in sintonia con un territorio calandosi dallalto e ignorandone le radici. MiB

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie nella sezione BREVI QUOTIDIANE

Vai su facebook e clicca mi piace!

Gioved 25 aprile 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Pellegrinaggio diocesano a SantApollinare


Gioved 25 aprile tutta la diocesi invitata a partecipare
Gioved 25 aprile tutta la diocesi si recher in pellegrinaggio alla basilica di SantApollinare, a Ravenna. Ci si recher sulla tomba del vescovo che ha dato il via alla diffusione del Cristianesimo nelle nostre terre con il primo annuncio del Vangelo, giungendo per questo alla Gloria del martirio. Il pellegrinaggio sar effettuato con mezzi propri. Arrivo alle 9,45 alla basilica di SantApollinare in Classe. Alle 10,30 solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas Regattieri. Nel pomeriggio le attivit riprenderanno alle 14,30 con lanimazione per i ragazzi e il Vangelo secondo Ravenna per giovani e adulti. Alle 15,30 preghiera conclusiva.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Benedir il tuo nome per sempre, Signore
Domenica 28 aprile - Anno C Quinta domenica di Pasqua At 14,21b-27; Salmo 144; Ap 21,1-1-5a; Gv 13,31-33a.34-35

La Parola di ogni giorno


luned 29 aprile santa Caterina da Siena, patrona dItalia e dEuropa 1Gv 1,5-2,2; Sal 102; Mt 11,25-30 marted 30 san Pio V At 14,19-28; Sal 144; Gv 14,27-31 mercoled 1 maggio san Giuseppe lavoratore Gen 1,26-2,3; Col 3,14-15.17.2324; Sal 89; Mt 13,54-58 gioved 2 santAtanasio At 15,7-21; Sal 95; Gv 15,9-11 venerd 3 santi Filippo e Giacomo 1Cor 15,1-8a; Sal 18; Gv 14,6-14 sabato 4 santAda At 16,1-10; Sal 99; Gv 15,18-21

CHIESA INFORMA

Pastorale familiare, incontro per tutti i percorsi


Sabato 27 aprile alle 17,45 in seminario a Cesena
Si terr sabato 27 aprile alle 17,45, presso il seminario a Case Finali di Cesena, un momento di preghiera guidato dal vescovo Douglas, preparato dallUfficio vocazioni, che riunir in questo mese di aprile tutti i cammini spirituali proposti dallUfficio di Pastorale familiare (percorsi diocesani dei fidanzati, coniugi separati o divorziati soli, per chi ha perso una persona cara, divorziati risposati e separati conviventi). Conclusione con un aperitivo alle 19 circa.

es parla della glorificazione del Figlio delluomo, poi annuncia la sua partenza e d un comandamento nuovo. Il Vangelo ci ricorda che questa glorificazione frutto della passione. La Gloria di Dio la gloria di amare. Cos anche la gloria di Ges la gloria di amare. Ges poi annuncia ai suoi la sua partenza e d ad essi un comandamento nuovo: Che vi amiate gli uni gli altri. Come io vi ho amati, amatevi anche voi gli uni gli altri. Se ci amiamo gli uni gli altri, Ges continua ad essere presente in mezzo a noi, in modo molto concreto. La presenza di Ges molteplice: nella sua Parola, nellEucaristia e nellamore che

unisce i cristiani. La novit consiste nellamare come io ho amato voi. Ges ha dato se stesso come modello di amore. Nei primi secoli, i pagani rimanevano meravigliati del comportamento dei cristiani. Vedete come si amano. Siano anche oggi il nostro impegno e la nostra testimonianza cristiana. questa la pi bella predica che come cristiani possiamo dare al mondo di oggi. Sauro Rossi

A MESSA DOVE
Roversano 8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, San Mauro in Valle, Bagnile, Casale, Montereale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, SantEgidio, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, San Pietro, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali, San Rocco 15.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, San Domenico, San Pietro 18.30 Cappuccini 19.00 Osservanza, San Bartolo 20.00 Villachiaviche Villamarina; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Santa Maria Goretti, Boschetto, Gatteo Mare; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 18,30 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro:
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato) 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo, SantEgidio 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche, Gattolino

18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 17; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11 Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17 (sabato); 11.15 / 17; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15 (domenica); Balze: 16 (sabato), 11.30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola: 9.30; Capanne: 11.00

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Formignano 17.30 Santuario del Suffragio, San Vittore 18.00 Cattedrale, Cappuccini, San Domenico, Santuario dellAddolorata, Santo Stefano, Case Finali, San Mauro in Valle, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza, San Rocco, 19.00 Osservanza, San Giorgio, Ponte Pietra 19.30 Bulgarn 20.00 Villachiaviche, Gattolino, Bulgaria, Tipano, Ruffio, Pioppa 20.30 San Giovanni Bono, San Pio X, Calisese, Pievesestina

7.00 Cattedrale, San Rocco 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo,

Messe festive

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo; 16 San Giuseppe; 20,30 Sala, Villalta; Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9,45 Cannucceto, San Pietro; 10 San Giacomo,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 16 del 18 aprile 2013: 7.500 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 20 di luned 22 aprile 2013

Vita della Diocesi

Gioved 25 aprile 2013

Tre nuovi diaconi | Filippo, Alessandro e Michael verso il sacerdozio


La Cattedrale di Cesena gremita per una nuova occasione di festa celebrata dalla Chiesa diocesana. Sabato 20 aprile, vigilia della 50esima Giornata mondiale per le Vocazioni, il vescovo Douglas Regattieri ha ordinato diaconi - ultima tappa prima dellordinazione sacerdotale - i tre seminaristi Filippo Cappelli, Alessandro Forte e Michael Giovannini (nella foto di Marcello Parini, da sinistra a destra, insieme al rettore don Marcello Palazzi, al vescovo Douglas e al vicario don Pier Giulio Diaco. I tre nuovi diaconi presteranno il loro servizio nelle parrocchie di San Giacomo di Cesenatico (Michael Giovannini), Gambettola (Alessandro Forte) e SantEgidio di Cesena (Filippo Cappelli).

Sabato 4 maggio
Alla Cantina Sociale la Festa del Lavoro
Si terr sabato 4 maggio alle 16, presso la Cantina Sociale di Diegaro di Cesena, il tradizionale appuntamento promosso dalla Diocesi di Cesena-Sarsina in occasione della festivit del primo maggio. Il titolo della festa La visione della citt di Dio e richiama il brano dellApocalisse che verr letto durante la Messa celebrata dal vescovo Douglas Regattieri. Seguiranno alcune testimonianze di imprenditori e lavoratori. A seguire, un momento conviviale offerto dalla Cantina Sociale di Diegaro, che questanno festeggia gli ottantanni di fondazione.

Doppio appuntamento per ricordare, testimoniare, condividere per continuare a costruire il futuro

Il ConcilioVaticano II bussola per il nostro tempo


Venerd 3 maggio alle 20, nella sala ex iscoprire il Concilio Vaticano II, un evento capace di Pescheria in centro a Cesena, linaugurazione conferire alla Chiesa un volto della mostraIn Concilio in immagini. di modernit e di Alle 21, nella chiesa di SantAgostino, superamento di posizioni e tradizioni vecchie di secoli, modellandola come incontroEco e dialogo tra un non credente la conosciamo oggi. Decisioni prese e un credente, con Duccio Demetrio cinquantanni fa che sono ormai e fratel Enzo Biemmi assodate, ma forse le giovani generazioni nemmeno sanno che prima di quel desideri di novit che si esprimevano in diverse forme. momento la lettura della Bibbia non era libera per i Era il periodo della guerra in Vietnam, del movimento fedeli cattolici e che la messa era in latino. A loro in hippy, di Martin Luther King, del muro di Berlino, della particolare sono rivolte le iniziative messe in cantiere crisi di Cuba. C anche un pannello sulla nostra diocesi dellAgesci (Associazione guide e scout cattolici italiani) curato da monsignor Walter Amaducci, con scritti e e dallAzione Cattolica, in collaborazione con lUfficio sollecitazioni del vescovo Augusto Gianfranceschi sul catechistico della diocesi di Cesena-Sarsina. Vaticano II. Venerd 3 maggio alle 20 si inaugura la mostra Il Dopo linaugurazione della mostra, segue alle 21 nella Concilio in immagini, allestita allex Peschiera fino a chiesa di SantAgostino lincontro Eco e dialogo tra un domenica 12 maggio, per poi spostarsi il 18 e 19 maggio non credente e un credente con Duccio Demetrio e nellambito della Festa diocesana alla fiera di Cesena. fratel Enzo Biemmi, moderato da Valentino Maraldi. Il Si tratta di una trentina di pannelli con immagini primo relatore, gi professore ordinario di Filosofia evocative del contesto in cui si innestato il Concilio e delleducazione e di teoria e pratica della narrazione con le principali sue costituzioni dogmatiche. La allUniversit di Milano Bicocca, noto per essere mostra curata dalla diocesi di Verona e rivolta ai fondatore della Libera Universit allAutobiografia di giovanissimi dai 10 ai 20 anni - spiega il responsabile di Anghiari. Fratel Enzo Biemmi, appartenente alla Zona dellAgesci, Paolo Zoffoli - e vuole contestualizzare Congregazione dei fratelli della Sacra Famiglia, il momento storico in cui si tenuto il Concilio e nel cui attualmente membro della Consulta nazionale per la ambito si espresso, riuscendone a interpretare i

catechesi e presidente dellEquipe europea dei catecheti. Le iniziative sono rivolte non solo alla comunit diocesana, ma anche alla cittadinanza - sottolinea Zoffoli -, ricordando come dal Concilio sia partita la speranza di una Chiesa che parli a tutti, uomini e donne, e al contempo li ascolti. Una Chiesa che dialoghi col mondo e non tema il confronto. Un anniversario che anche unoccasione per tratteggiare, dopo mezzo secolo, un bilancio delle luci e delle ombre del grande momento conciliare, divenuto spartiacque nella storia del cristianesimo. Rimangono infatti tutti quegli aspetti in cui lo spirito del Concilio non si tramutato in realt. Temi estremamente innovativi per lepoca, ma che sono tuttora attuali, come il ruolo della donna e dei laici nella Chiesa e lapertura alla multiculturalit, e che contiamo di approfondire in momenti successivi, anticipa Paolo Zoffoli. Francesca Siroli

on passa giorno che qualcuno ti venga a dire: quella coppia scoppiata quellamico ora solo quella persona si accompagnata con un altro mio figlio andato a convivere Anche se la famiglia in Italia ancora tiene, come si suol dire, con una giudizio a mio avviso un po sommario e superficiale, i dati a nostra disposizione testimoniano ben altro scenario: una forte crisi dellistituto matrimoniale (vedi laumento impressionante delle convivenze che vanno avanti per decenni senza approdare alla celebrazione del matrimonio). Cosa fare per contrastare una deriva cos devastante per la societ e per la Chiesa stessa? Lasciare che le cose vadano come vanno ammettendo una certa impotenza nellintervenire nelle scelte dei giovani circa il matrimonio? Intervenire condizionando la celebrazione sacramentale alla dimostrazione di una fede adulta e matura? Ma

MATRIMONI IN CRISI, CHE FARE? |


poi ti accorgi che anche gli sposi cristiani spesso non reggono Credo che nei confronti dei giovani che si pongono davanti alla scelta del matrimonio ci sia un lavoro a monte da fare che si chiama educazione. Vedo perci urgente, come Chiesa, operare pi capillarmente e pi incisivamente in questa direzione. I giovani hanno bisogno di essere educati a comprendere e a vivere bene il matrimonio cristiano. Il corso di sette-otto incontri che noi esigiamo prima della celebrazione sacramentale solo un piccolo tentativo. Sarebbe necessario incidere pi a monte. Il problema che vediamo restringersi e ridursi sempre pi

di Douglas rRegattieri, vescovo di Cesena-Sarsina

Retrouvaille, percorso per ritrovare una vita di fede valorizzando il sacramento del matrimonio
gli spazi di incontro e di aggancio coi giovani di oggi. Il tempo che i ragazzi trascorrono nella scuola uno di questi spazi che dovremmo sfruttare meglio. Simpone tutta una nuova pastorale che sappia intercettare i giovani, incontrarli e parlare a loro in modo chiaro e comprensibile. certamente anche questione di linguaggio! Ma quando la crisi appare allorizzonte e sembra ormai irreversibile, che fare? Qualche tempo fa sono venuto anchio a contatto con una proposta di un percorso volto ad aiutare le giovani coppie in crisi a ritrovare la bellezza della loro comunione coniugale. Si tratta di Retrouvaille. un percorso che offre la possibilit di ritrovare una vita di fede proponendo e valorizzando il sacramento del matrimonio vissuto dentro una comunit cristiana dove conta il sostegno di un gruppo di coppie che crede al valore del matrimonio, e la preghiera. Parlando dei percorsi per i fidanzati verso il matrimonio, anche il recente documento della Commissione episcopale per la famiglia e la vita lo sottolinea: Per affrontare questa tematica (la crisi matrimoniale) potrebbe essere significativa la testimonianza, nei percorsi per i fidanzati, di persone che fanno esperienza di vedovanza, di separazione o che hanno affrontato situazioni difficili

(Orientamenti pastorali sulla preparazione al matrimonio e alla famiglia, n. 34). La Chiesa convinta che la consapevolezza del dono del matrimonio cristiano capace di far superare tutte le crisi che si possono presentare lungo il cammino degli sposi cristiani. Ricominciare, riconciliarsi, rimotivarsi la via, certamente pi faticosa e impegnativa, da preferire a quella, pi facile e immediata, del gettare la spugna

Lassociazione RETROUVAILLE, da sempre impegnata a supporto di matrimoni in difficolt, promuove un percorso, rivolto a coppie della regione Emilia Romagna, che avr inizio dal 3 al 5 maggio a Misano Adriatico (Rn). Per info, chiamare 800 123958, 346 2225896, www.retrouvaille.it

Gioved 25 aprile 2013

Vita della Chiesa

Papa Francesco: Mettete in gioco la vostra giovinezza


Ecco linvito rivolto dal pontefice ai tanti giovani presenti in piazza San Pietro per il Regina Caeli, domenica 21 aprile, Giornata di preghiera per le vocazioni. Nella basilica ha ordinato dieci sacerdoti romani. Dietro e prima di ogni vocazione al sacerdozio o alla vita consacrata - ha precisato - c sempre la preghiera forte e intensa di qualcuno: di una nonna, di un nonno, di una madre, di un padre, di una comunit...
n occasione della 50esima Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, che ha per tema Le vocazioni segno della speranza fondata sulla fede, domenica scorsa papa Francesco ha ordinato dieci sacerdoti, nella messa celebrata nella basilica di San Pietro. Alle 12, il Pontefice ha recitato il Regina Cli con i fedeli a piazza San Pietro. Pastori, non funzionari. Il Santo Padre, nellomelia, ha invitato a riflettere attentamente a quale ministero saranno elevati nella Chiesa questi nostri fratelli e figli che sono stati chiamati allordine del presbiterato. In particolare, il Signore sceglie alcuni tra i suoi discepoli perch esercitando pubblicamente nella Chiesa in suo nome lofficio sacerdotale a favore di tutti gli uomini continuino la sua personale missione di maestro, sacerdote e pastore. Rivolgendosi agli ordinandi, Francesco ha detto: Dispensate a tutti quella Parola di Dio che voi stessi avete ricevuto con gioia. Ricordate le vostre mamme, le vostre nonne, i vostri catechisti, che vi hanno dato la Parola di Dio, la fede il dono della fede! Vi hanno trasmesso questo dono della fede. Leggete e meditate assiduamente la Parola del Signore, per credere ci che avete letto, insegnare ci che avete appreso nella fede, vivere ci che avete insegnato. Il Papa, poi, ha ammonito: La Parola di Dio non propriet vostra: Parola di Dio. E la Chiesa la custode della Parola di Dio. Sia, dunque, nutrimento al Popolo di Dio la vostra dottrina; gioia e sostegno ai fedeli di Cristo il profumo della vostra vita, perch con la parola e lesempio edificate la casa di Dio, che la Chiesa. Il Pontefice ha ricordato: Con il battesimo aggregherete nuovi fedeli al Popolo di Dio. Con il sacramento della penitenza rimetterete i peccati nel nome di Cristo e

Il Pontefice ha ricordato agli ordinandi: Siate pastori, non funzionari! Siate mediatori, non intermediari! Con il sacramento della penitenza rimetterete i peccati nel nome di Cristo e della Chiesa. E oggi vi chiedo in nome di Cristo e della Chiesa: per favore, non vi stancate di essere misericordiosi.

della Chiesa. E oggi vi chiedo in nome di Cristo e della Chiesa: per favore, non vi stancate di essere misericordiosi. Con lolio santo darete sollievo agli infermi e anche agli anziani: non abbiate vergogna di avere tenerezza con gli anziani. Ancora un invito agli ordinandi: Consapevoli di essere stati scelti fra gli uomini e costituiti in loro favore per attendere alle cose di Dio esercitate in letizia e in carit sincera lopera sacerdotale di Cristo, unicamente intenti a piacere a Dio e non a voi stessi. Siete pastori, non funzionari! Siete mediatori, non intermediari!. Infine, il Santo Padre ha invitato ad avere sempre davanti agli occhi lesempio del Buon Pastore, che non venuto per essere servito, ma per servire e per cercare di salvare ci che era perduto. Una voce unica. Al Regina Cli Francesco ha osservato che nel Vangelo del Buon Pastore c tutto il messaggio di Ges, che vuole stabilire con i suoi amici una relazione che sia il riflesso di quella che Lui stesso ha con il Padre: una relazione di reciproca appartenenza nella fiducia piena, nellintima comunione. Per esprimere questo rapporto di amicizia Ges usa limmagine del pastore con le sue pecore: lui le chiama ed esse riconoscono la sua voce, rispondono al suo richiamo e lo seguono. In realt, la voce di Ges unica! Se impariamo a distinguerla, Egli ci guida sulla via della vita, una via che oltrepassa anche labisso della morte. A proposito delle vocazioni, rivolgendosi ai giovani presenti in piazza, ha instaurato un dialogo con loro chiedendo: Qualche volta avete sentito la voce del Signore

che attraverso un desiderio, uninquietudine, vi invitava a seguirlo pi da vicino? Avete avuto voglia di essere apostoli di Ges? La giovinezza bisogna metterla in gioco per grandi ideali. Domanda a Ges che cosa vuole da te e sii coraggioso!. Dietro e prima di ogni vocazione al sacerdozio o alla vita consacrata, ha aggiunto, c sempre la preghiera forte e intensa di qualcuno: di una nonna, di un nonno, di una madre, di un padre, di una comunit. Dunque, le vocazioni nascono nella preghiera e dalla preghiera; e solo nella preghiera possono perseverare e portare frutto. Ai fedeli che lo acclamavano, ha detto: Grazie tante per il saluto, ma anche salutate Ges, gridate Ges, Ges forte. Appello per il Venezuela. Dopo il Regina Cli, il Papa ha detto di seguire con attenzione e viva preoccupazione gli avvenimenti che stanno succedendo in Venezuela, auspicando che si cerchino e si trovino vie giuste e pacifiche per superare il momento di grave difficolt. Di qui linvito al popolo venezuelano e in particolare ai responsabili istituzionali e politici a rigettare con fermezza qualsiasi tipo di violenza e a stabilire un dialogo basato sulla verit, nel mutuo riconoscimento, nella ricerca del bene comune e nellamore per la Nazione. Un pensiero del Pontefice anche a quanti sono stati colpiti dal terremoto che ha interessato unarea del sud-ovest della Cina Continentale. Infine, ha ricordato la beatificazione, a Sondrio, di don Nicol Rusca, sacerdote valtellinese vissuto tra XVI e XVII secolo.

Ponte Giorgi
ARREDI SACRI DI SEMPRINI
Gabriele e Severino
sas Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Vita della Chiesa

Gioved 25 aprile 2013

Parla il cardinale Walter Kasper sulle prospettive del dialogo

A Rimini Esercizi spirituali di Comunione e Liberazione


Guidati da don Julian Carrn, presidente della Fraternit
Presso i padiglioni eristici di Rimini dal 19 al 21 aprile si sono svolti gli Esercizi spirituali annuali della Fraternit di Comunione e Liberazione. Il tema scelto questanno, tratto da San Paolo, era Chi ci separer dallamore di Cristo? (Rm. 8, 35). Vi hanno partecipato circa 24mila iscritti e altre migliaia li hanno seguiti in collegamento via satellite da 21 nazioni. Della Diocesi di Cesena-Sarsina erano presenti circa 300 adulti. Papa Francesco, attraverso un telegramma rmato dal Segretario di Stato, ha fatto pervenire ai presenti la propria paterna benedizione, con lauspicio che tali Esercizi potessero donare ai partecipanti una crescente consapevolezza che il Signore vivo e cammina con noi. Venerd sera don Julian Carrn, presidente della Fraternit, ha introdotto i lavori facendo una meditazione a partire dalla frase pronunciata da Ges: Ma il Figlio delluomo, quando verr, trover la fede sulla terra? (Lc 18,8). Allinterno di questo Anno della Fede, questa domanda ancora pi signicativa e riguarda tutti e ciascuno, perch come ribadisce papa Benedetto XVI nella Porta Fidei, la fede non un presupposto ovvio e anche perch c il rischio del fare prevalere uno schema sulla vita, evitando la fatica dellincarnazione della fede stessa nella vita. Nella meditazione del sabato mattina don Carron ha spiegato che la fede inizia con lirruzione di Dio nella storia. Il cristianesimo infatti un avvenimento, il cui contenuto la risposta a un bisogno delluomo presente ora, momento per momento. Questo lo pu capire chi bisognoso, chi cerca Ges come facevano i pubblicani, che solo con Lui riuscivano a guardare a loro stessi senza nascondere nulla. Infatti Zaccheo lo possiamo comprendere solo se ci immedesimo in Ges che lo chiamava. Per farsi incontrare dalluomo, Dio si fatto uomo. Se non percepiamo ora la Sua presenza, il centro affettivo si sposta. O si rinnova lo stupore dellincontro con Cristo o si diventa vittime dellattivismo e dellintimismo, che sono le due facce dello stesso errore. Luomo veramente bisognoso e proprio per questo Ges ha risposto con la sua morte e risurrezione. Noi lo possiamo incontrare ora nella vita intera della Chiesa, nel dinamismo cio della Grazia sacramentale. Nellomelia della messa il cardinale Jean Louis Tauran, presidente del Ponticio Consiglio per il Dialogo Interreligioso e famoso per avere dato al mondo lannuncio dellavvenuta elezione di papa Francesco, ha approfondito i temi trattati nella lezione appena ascoltata. Nella meditazione del sabato pomeriggio don Carron ha affrontato il cammino che luomo deve compiere per rispondere alla proposta di Dio. La fede dunque riconoscimento di una presenza radicalmente diversa, ma corrispondente alle nostre esigenze. Avere la sincerit di accettare pura Grazia, che esalta le capacit conoscitive della presenza di Ges Cristo. La fede rappresenta, proprio per questo, il compimento della ragione umana. Luomo vi aderisce con la propria libert. La fede deve essere personalizzata, generando cos personalit adulte, che tendano a vivere in Cristo tutti i rapporti. Il metodo della personalizzazione della fede la sequela, come esperienza viva, capace di vincere i rischi della riduzione intellettuale del cristianesimo, dellidenticazione con le iniziative da fare e del personalismo. Attraverso la testimonianza, la fede rende Cristo incontrabile come presenza concreta nella storia. La domenica mattina don Carron ha risposto alle domande nate dal confronto con le meditazioni fatte. Ha inoltre ribadito che la Fraternit di Comunione e Liberazione un luogo dove incontrare Cristo vivo come desiderio di compimento totale della vita, attraverso una compagnia guidata al Destino e alla santit. Alla ne degli Esercizi spirituali, sono stati inviati telegrammi al Presidente Napolitano, appena rieletto, e a papa Francesco. Stefano Salvi

ato c i f i t n o P i d Primo mese

Segni ecumenici che fanno sperare


n solo mese di pontificato. Eppure papa Francesco in questi primi giorni ha saputo costellare il suo agire di significativi segni ecumenici che fanno sperare. il giudizio, sicuramente ponderato, del cardinale Walter Kasper che al dialogo ecumenico ha dedicato anni della sua vita prendendo nel 2001 la guida del Pontificio Consiglio per lunit dei cristiani e tenendo le redini vaticane del dialogo per nove anni, fino al 2010, quando per motivi di et ha lasciato il testimone al cardinale svizzero Kurt Koch. Il suo nome, poi, ha fatto recentemente il giro del mondo, perch nel suo primo Angelus papa Francesco lo ha citato per il suo libro sulla misericordia. Dunque i gesti ecumenici del Papa visti dal cardinale del dialogo: da quel suo primo presentarsi al popolo di Dio come vescovo di Roma, alla scelta del nome Francesco, il santo del dialogo. Venuto a Roma per incontrare il Papa, anche il presidente della Chiesa evangelica in Germania (Ekd), il pastore e teologo Nikolaus Schneider, ha confidato ai giornalisti di essere rimasto colpito dalle parole con cui il Pontefice si presentato sulla loggia delle benedizioni, definendosi vescovo di Roma. Rivelano - ha detto - come da subito il Papa abbia messo in secondo piano limponenza del suo ministero sottolineando la dimensione di servizio che svolge il ruolo: a servizio degli altri, a servizio degli uomini. poi di pochi giorni fa, la decisione di nominare una rosa di cardinali (scelti anche per provenienza geografica) con il compito di consigliarlo nel governo della Chiesa e studiare la riforma della Curia. Un atto che va sotto il segno della collegialit, altro tema particolarmente caro al

dialogo con le Chiese. Ne parliamo con il cardinale Walter Kasper. Quanto importante la definizione del ministero petrino come vescovo di Roma per il dialogo ecumenico? Il titolo di vescovo di Roma , fra tutti i titoli del Papa, quello teologicamente fondamentale. Da vescovo di Roma il Papa successore di Pietro e come tale pastore universale della Chiesa. Soprattutto per gli ortodossi tale titolo importante. Perch sinnesta nella comune tradizione dellEst e dellOvest che, secondo Ignazio di Antiochia (secondo secolo), citato da papa Francesco quando si affacciato sulla Loggia, vede la Chiesa di Roma presiedere nellagape (amore). Anche per i luterani il titolo vescovo di Roma va bene. Martin Lutero cita e riconosce questo titolo negli Articoli di Schmalkalden (1537), che del resto sono molto polemici. Cos esiste almeno un fondamento condiviso, da cui possiamo partire nei dialoghi. La scelta del nome Francesco piaciuta al mondo intero. Come stata recepita in ambito ecumenico? E quale indicazione d al dialogo? Leco allelezione di papa Francesco stata molto positiva sia in ambito ortodosso sia in quello protestante. Il nome Francesco esprime tuttun programma. Evoca, cio, il ritorno al Vangelo e la prospettiva di ricominciare dal Vangelo di Cristo, come hanno voluto san Francesco e santIgnazio di Loyola e, in un altro modo, anche Lutero. Ci implica la rinuncia a tutto ci che pu assimilare a una corte imperiale, come ha indicato papa Francesco dal primo momento del suo pontificato. Sicuro,

finora sono solo segni, ma segni che ci fanno sperare. I cardinali sono andati a prendere il Papa alla fine del mondo. E tra i primi atti, Francesco ha nominato un gruppo ristretto di otto cardinali dei cinque continenti, per aiutarlo nel governo della Chiesa universale e per la riforma della Curia. Ritiene che sia un gesto che vada nella direzione di una maggiore collegialit? Oggi lepoca delleurocentrismo definitivamente passata. Per il nostro mondo globalizzato e in rapidissimi cambiamenti molto complesso. Cos il Papa per il suo governo ha bisogno di consultori autorevoli di tutti i continenti con le sue culture molto diversificate. Bisogna adesso realizzare pi espressamente lidea della collegialit e dellunit nella molteplicit, come lha espressa il Concilio Vaticano II. Tra la gente, in questi giorni, si respira una ritrovata amicizia con la Chiesa, un entusiasmo nuovo che non si vedeva forse dagli anni del Concilio. Lei daccordo con questa visione di speranza per la Chiesa di oggi? Decisamente s. Ho sperimentato il Conclave come un evento profondamente spirituale; cera la sensazione di un soffio dello Spirito Santo, che adesso si allargato al popolo di Dio. C una visione di speranza per la Chiesa. Daltra parte non siamo ingenui. Il Vangelo incontrer sempre opposizione e cos - ne sono sicuro - anche questo Papa sar ben presto bersaglio di attacchi. Perci il Papa ha bisogno del sostegno e delle preghiere di tutte le persone di buona volont.

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:


PETROLCHIMICI AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI in ITALIA... nel MONDO
FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

Attualit Obiettivo 12 maggio la domenica scelta come Giornata per la raccolta delle firme
o vi chiedo che il concepito sia considerato uomo a tutti gli effetti: queste poche e incisive parole furono pronunciate dal Beato Giovanni Paolo II a Vaduz, capitale del Liechtenstein, il 28 ottobre 1985 durante uno dei suoi tanti viaggi apostolici. Sono passati quasi trentanni da allora e la campagna europea Uno di Noi (One of Us) per raccogliere almeno un milione di firme nei Paesi comunitari e poter cos chiedere alle istituzioni comunitarie di fermare la manipolazione e soppressione degli embrioni umani a qualsiasi titolo effettuate, l a dimostrare che papa Wojtyla non venne ascoltato. C bisogno di agire, e in fretta, per tutelare lembrione. Da oltre un mese a questa parte il Comitato italiano per la campagna si messo in moto a pieno regime. Si tratta di mobilitare non soltanto il mondo cattolico, da sempre sensibile ai valori della vita nascente, ma anche quanti non motivati da valori religiosi sono per sensibili al tema della vita. Ecco, quindi, che quel concepito di cui parlava Giovanni Paolo II da considerare uomo a tutti gli effetti assume il valore profondo che gli spetta: non tanto e anzitutto un valore religioso, ma semplicemente e primariamente umano. Un piccolo uomo da difendere. Le realt in campo. Vediamo cosa si propone la campagna Uno di Noi e cosa succeder da qui in avanti. Anzitutto lo schieramento in campo: si tratta di un centinaio di associazioni e movimenti, i pi diversi di area cattolica. Essendo impossibile citarli tutti, ci limitiamo ai principali: Acli, Alleanza Cattolica, Azione Cattolica, Cammino Neocatecumenale, Coldiretti, Cl, Confcooperative, SantEgidio, Focolari, Medici cattolici, Mcl, Movimento per la vita, Rinnovamento nello Spirito Santo, Giuristi cattolici, Unitalsi... A queste sigle bisogna aggiungere le cosiddette reti, cio degli aggregati tematici di associazioni e movimenti che si uniscono per particolari scopi, diciamo cos, settoriali. Basti pensare al Copercom (settore della comunicazione sociale, una trentina di aggregazioni); Forum Famiglie (una cinquantina); Forum associazioni sanitarie (una ventina); Retinopera (altrettante nel settore sociale); Scienza & Vita (costituita da studiosi, scienziati ed esponenti di varie realt oltre che da associazioni operanti in campo sanitario e scientifico). In totale si pu calcolare lequivalente di oltre un milione e mezzo di cittadini variamente impegnati a livello ecclesiale, sociale, culturale, della carit, solidariet e ricerca. Come funziona la raccolta firme. Se lesercito di coloro che vogliono chiedere la difesa dellembrione ben nutrito in Italia, ci non significa che si tratti di una campagna facile. Anzitutto occorre far conoscere il perch della stessa sigla Uno di Noi. E per questo il Comitato nazionale rilancia a ciascuna delle associazioni aderenti la proposta di adottare nel proprio sito internet e sulle proprie riviste i siti e banner ufficiali: quello europeo www.oneofus.eu e quello italiano www.unodinoi.mpv.org gestito dal Movimento per la vita e messo a disposizione di tutti coloro che volessero riproporlo e moltiplicarlo su siti specchio. Si parla di internet perch la raccolta di firme attraverso il canale on line gi partita da qualche mese: nel nostro Paese al momento sono state raccolte 22mila firme on line, mentre le firme cartacee sottoscritte tramite le varie associazioni sono oltre 50mila. Il risultato italiano non male, considerando che la campagna partita di fatto da poco pi di un mese. In altre nazioni quali Polonia, Ungheria e Francia i risultati vanno altrettanto bene, mentre sono un po indietro Paesi quali Spagna, Germania dove la campagna non ancora entrata nel vivo. Complessivamente la campagna europea lambisce le 250mila adesioni, ma siamo ben lontani dal milione di firme necessarie per rendere incisivo il pressing sullEuropa. Per far crescere le adesioni stata promossa una Giornata ufficiale di sensibilizzazione e raccolta firme in tutta Italia per domenica 12 maggio. In quelloccasione ciascuna associazione si attiver promuovendo postazioni con tavolini, opuscoli, striscioni e la possibilit di firmare il modulo di adesione cartaceo oppure di registrarsi direttamente via internet. La condizione di avere con s la propria carta didentit o il passaporto, senza i quali il voto non valido. Cosa pu fare un cittadino. La domanda su cosa possa fare un cittadino qualsiasi trova una risposta molto semplice da parte del comitato Uno di Noi: pu informare i propri familiari, i vicini di casa, i compagni di lavoro, di studio, gli amici, i conoscenti, invitarli ad aderire. Il sito del Mpv offre continui aggiornamenti on line, che possono essere scaricati e diffusi. La stessa agenzia Sir curer notizie e approfondimenti, con interviste a diversi specialisti, materiale che potr essere liberamente rilanciato sui siti associativi e tramite i social network. Si possono inoltre utilizzare le piattaforme di Twitter e di Facebook, rilanciando notizie, avvisi, incontri, appuntamenti. Sempre da Uno di Noi si potr scaricare materiale quali dpliant, volantini, locandine, fascicoli informativi e stamparseli in proprio. Questa campagna Uno di Noi costituisce una forma di democrazia partecipativa che ci si augura dia i suoi frutti. Il termine di raccolta delle firme il 1 novembre e lItalia non vuole sfigurare, da quel grande Paese che !

Gioved 25 aprile 2013

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

GLI ANIMALI PRIMA DEI BAMBINI, WIKIPEDIA PI DEI NONNI


Gli occhi grandi di una foca neonata o lo sguardo impertinente di un gattino; la coda lucente di una balena che sinabissa o il primo pasto di un piccolo gorilla. Se vi state chiedendo quale sia la causa sociale pi seguita e veicolata sui social network, dimenticate i rifugiati politici e le donne maltrattate. Piuttosto, puntate con decisione alla salvaguardia dei diritti degli animali. Sono questi rivela Emanuela Vinai sullagenzia Sir i risultati di uno studio realizzato da alcuni centri americani di ricerche per rappresentare con precisione il comportamento e le motivazioni dei cittadini digitali nei confronti delle cause sociali. Lindagine ha preso in considerazione un campione di circa duemila statunitensi attivi sui social network e sostenitori di uno o pi enti di beneficenza. Lo scopo era capire quali siano i temi pi seguiti e, soprattutto, se al clic sul pulsante mi piace segua poi un impegno attivo per la causa stessa, magari tramite una donazione. Il quadro risultante dalla ricerca svela che la percentuale pi significativa dellattenzione ai temi sociali va in primo luogo agli animali (41 per cento), seguiti dai bambini (37 per cento). Pi staccati, salute (19 per cento) e diritti umani (18 per cento). Fanalino di coda di questa singolare classifica la violenza domestica (11 per cento), i disabili (8 per cento), la condizione delle donne (7 per cento) e dei rifugiati (1 per cento). Chiss se la medesima indagine in Italia avrebbe dato gli stessi risultati Se dagli Usa ci si sposta in Gran Bretagna, ecco unaltra sorprendente ma non troppo rivelazione. Stando a un recente sondaggio, infatti, i nonni non sono pi il canale preferito dai bambini per vedere soddisfatta la loro curiosit e risolte le proprie domande. I nipotini della generazione techno, i cosiddetti nativi digitali, preferiscono cercarsi da soli le risposte e quale miglior enciclopedia universale se non la Rete? Risultato: se in un tempo nemmeno troppo lontano il parere dellanziano era rispettato e ascoltato, ora la dritta giusta arriva da Google, Wikipedia o Youtube, diventati la fonte privilegiata nonch istantanea delle informazioni adolescenziali e non solo. Lo evidenziava gi nel 2012 una ricerca della britannica Ofcom, dalla quale era emerso come la met dei bambini di 3-4 anni fosse gi tecnologicamente istruita, con il 3 per cento che usava il telefonino per navigare online e il 10 per cento che adoperava liPad. Forse il campione non sufficientemente rappresentativo per giungere a conclusioni certe, ma c di che riflettere. Perch non sono pochi, anche da noi, i nonni che, a causa della tecnologia, si sentono messi da parte. C un nuovo punto di riferimento, peraltro onnisciente e immediato: Internet.

il Periscopio

di Zeta
con loro, visto che la loro presenza ingombrate e a volte imbarazzate, Luca se ne va di casa, per poi tornare e rivivere con altro spessore quegli stessi rapporti un tempo rifiutati, e in seguito rivalutati. La madre e il fratellone sono figure di giganti nel percorso tormentato di chi sa di dover affrontare la morte. Ma per il protagonista il tempo rimasto da vivere con intensit, da spendere per gli altri, come prima non avrebbe mai fatto. Muta totalmente la prospettiva. Era sufficiente mettersi nella giusta sintonia. Dio mi ha stupito scrive Luca in un messaggio redatto pochi giorni prima di morire -. Tante volte. E lo ha fatto con gli strumenti pi normali, il dono delle giornate semplici. Dio mi ha insegnato a contarli, quei giorni. Uno alla volta, non uno dopo laltro. Uno! E grazie. Uno! E grazie. E poi ancora uno, tanti uno, regalati da una bont che non conosce limiti e che dona gratuitamente e senza sosta. Sia fatta la tua volont, questo il titolo del volume di Stefano Baldi. Da leggere, certamente. (791)

La drammatica storia del giovane Luca che nellavvicinarsi della morte ritrova la vita

La fede, ncora di salvezza


a vita che Dio dona va solo amata. il succo di un libro che ho letto di recente. Un testo a tratti crudo, fin troppo immagine fedele di un certo mondo giovanile che si concentra solo sul sesso, il divertimento, il calcio e la ricerca spasmodica di un amore in grado di cambiare il corso di unesistenza piatta. Siamo nella bassa bolognese. Un gruppo di giovani si perde dietro alle passioni di tanti. Scherzi a non finire, il lavoro per tirare a campare, la partitella del sabato pomeriggio e il circolo Arci in cui seguire alla tv la squadra del cuore o giocare una partita a carte. Tutto normale e tutto senza un senso, una ragione vera, un motivo valido per cui spendersi. Fino alla notizia pi sconvolgente. Luca ha un tumore che non perdona. I giorni sembrano finiti, a scadenza, determinati, una volta per sempre. Ma proprio con larrivo della malattia che porta alla morte arriva la vita vera. il ritorno del figliol prodigo. Compare, in maniera molto discreta, la figura di un sacerdote, quel prete non pi incontrato dai tempi lontani della cresima. E in quel nuovo incontro, in quellabbraccio di unesperienza da affrontare assieme, la vita riprende coraggio e riacquista un valore.

unavventura da affrontare. Un romanzo gioioso, ancorch straziante, si legge in alcune note stampa diffuse dalla casa editrice, la Newton Compton. Emergono con grande nitidezza i rapporti logorati con la madre e il fratello ritardato. Per non stare pi

12

Gioved 25 aprile 2013

Cesena
Il taglio del nastro. Da sinistra Bruno Piraccini, il vescovo Douglas Regattieri, il sindaco Paolo Lucchi

Sabato scorso inaugurati i locali

Per la mensa Caritas una nuova sede


n piccolo aiuto per le La Fondazione Cassa di Risparmio persone in difficolt del ha offerto gli spazi e gli arredi nostro territorio". Cos ha esordito il vescovo nel complesso di via Padre Vicinio Douglas Regattieri al taglio del nastro dei nuovi locali della sala mensa della da Sarsina angolo via Don Minzoni Caritas diocesana. "I nuovi locali - ha La ditta Trevi offre, tramite proseguito il vescovo - sono pi ampi la mensa aziendale, i pasti e accoglienti e testimoniano la vicinanza della comunit diocesana testimonia la forte coesione sociale a chi sta attraversando un momento difficile. che ancora presente nel nostro La nuova mensa si trova presso gli spazi della ex Sacra territorio e la collaborazione fra la Famiglia, allangolo fra via Don Minzoni e via Padre nostra Fondazione, la Diocesi e le Vicinio da Sarsina, a Cesena. La ristrutturazione stata associazioni di volontariato". finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio. Erano Il sindaco Lucchi ha detto che "sono presenti, fra gli altri, il sindaco Paolo Lucchi, il direttore almeno 1300 le famiglie povere nel della Caritas don Carlo Meleti, il presidente della nostro Comune. Qui si danno Fondazione Crc Bruno Piraccini, limprenditore Davide risposte concrete anche grazie al Trevisani, il vicesindaco Carlo Battistini, lassessore servizio di tanti volontari". Simona Benedetti, il vicario diocesano don Pier Giulio Al termine stato firmato, fra la Diaco, il viceeconomo diocesano don Marco Muratori e, Diocesi e limmobiliare della per la Caritas, anche Adolfo Zanuccoli, Paolo Cipolloni e Fondazione Cassa di Risparmio, il Carla Benelli. comodato gratuito per luso dei I posti sono una cinquantina e gli utenti, in media, sono locali, utenze comprese. A porre la 40 al giorno. I pasti sono offerti dalla ditta Trevi che li firma monsignor Regattieri e, per la trasporta ogni giorno dalla cucina della propria mensa Fondazione, Giuliano Galassi. aziendale. Cristiano Riciputi "Questa inaugurazione - ha commentato Piraccini -

"U

Un gruppo di volontari

Martorano | Due quadri valorizzati

Liceo linguistico | Incontro interreligioso

Nei giorni scorsi sono stati collocati, nella cripta della chiesa di Martorano, due grandi quadri rimasti per anni seminascosti in una sacrestia. Il primo del XVII secolo e rappresenta la Madonna del rosario, con il Bambino, San Domenico e SantAndrea. Il secondo raffigura san Francesco ed di un artista anonimo di scuola bolognese. Le opere sono ai lati dellaltare e sono state dotate di impianto di sicurezza.

E stato incentrato su Cristianesimo, Ebraismo e Islam lincontro organizzato, la scorsa settimana, al liceo linguistico di Cesena. Lappuntamento, che rientra allinterno delle settimane delle lingue e delle culture dellIstituto, ha visto gli interventi di Enrico Bertoni, direttore del Museo interreligioso di Bertinoro, Luciano Meir Caro, rabbino capo di Ferrara, don Erio Castellucci, teologo. A moderare lincontro Giuseppe Cantarelli, docente di Religione cattolica del liceo cesenate. (foto Mauro Armuzzi)

Cesena

Gioved 25 aprile 2013

13

Cai Con diverse iniziative il Club alpino italiano ricorda lanniversario di fondazione
l Cai, Club alpino italiano, festeggia questanno il 150esimo anniversario della sua fondazione, avvenuta nel lontano 1863, ad opera dello statista Quintino Sella. Questi, allora Ministro delle Finanze, diede un notevole impulso allo sviluppo e alla diffusione della cultura e della scienza, da lui giustamente considerate basilari per uno Stato moderno. Il Cai, fondato a Torino dopo che una spedizione guidata dallo stesso Sella aveva raggiunto la cima del Monviso, rappresent una forza unificante, un insieme di idee e di valori che contribuirono allunificazione dellItalia e lo spirito unitario rimane tuttora un valore essenziale. A livello nazionale una delle manifestazioni celebrative del 150 anniversario della fondazione quella denominata "150 cime per 150 anni" che si terr il 6 e 7 luglio prossimi e che consiste nella salita in contemporanea di 150 vette che hanno rivestito, o rivestono, un particolare significato, alpinistico, storico, geografico o naturalistico nella storia dellalpinismo italiano. Unaltra consiste nella proposta di 150 escursioni in ambienti di particolare valore naturalistico in tutto il territorio nazionale. Una di queste escursioni, aperta a tutti, si svolger nel territorio romagnolo il 12 maggio, avr come meta la Cascata dellAcquacheta, e alla sua

Unsecoloemezzo diescursioni

La sezione cesenate conta 700 iscritti. Il 5 maggio in programma un trekking itinerante lungo il Cammino di San Vicinio

realizzazione contribuir anche la Sezione di Cesena. "La sezione di Cesena - si legge in una nota del Cai locale - conta 700 iscritti e ha in programma anche altri eventi. Alcuni sono aperti a tutta la cittadinanza, altri, per motivi di copertura assicurativa, sono riservati ai soli soci. Dal primo al 5 maggio in programma un trekking itinerante lungo una parte del Cammino di San Vicinio, con partenza da Sarsina e arrivo alle Balze, dopo aver toccato

Bagno di Romagna, La Verna e Verghereto. Saranno presenti rappresentanti del Cai di Tradate (VA), Lodi, Ravenna e Rimini". Unaltra manifestazione, anche questa aperta a tutti, quella denominata "Fumaiolo c" e realizzata in collaborazione con lAssociazione Fumaiolo Sentieri dal 17 al 19 maggio. Nei mesi successivi, sono in programma manifestazioni a Sarsina (29 e 30 giugno) e un incontro interregionale a Badia Prataglia (14 e 15 settembre). Informazioni pi dettagliate sono disponibili nel sito: www.caicesena.com o contattando la sede al numero 0547/661461 il mercoled dalle 21 alle 23. La sede si trova a Cesena in via Chiesa di Tipano, 81. IL Cai promuove lalpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza lo studio e la difesa della montagna, o pi esattamente dellambiente naturale. Ha come fine la diffusione della frequentazione della montagna, lorganizzazione di iniziative alpinistiche, escursionistiche e speleologiche. Organizza corsi di addestramento e corsi di formazione per gli addestratori, individua e traccia i sentieri e ne cura la manutenzione, promuove attivit scientifiche e didattiche finalizzate alla conoscenza, alla protezione e alla valorizzazione dellambiente montano.

Comunit di Villachiaviche | Pellegrinaggio e festa parrocchiale


La parrocchia diVillachiaviche in festa per il patrono San Giuseppe Artigiano. Marted 30 aprile alle 20,30 saranno celebrati i vespri solenni in canto. Sar presente il vescovo Douglas. Seguiranno focarina, rinfresco e musica. Il giorno della festa, il primo maggio alle 11, il vescovo Douglas conferir la cresima a 28 ragazzi. Nel pomeriggio sar attiva la pesca e, dalle 15.30, giochi per tutti. Alle 17,30 sar recitato il rosario e, dalle 18, sar possibile cenare. Accompagner la serata lorchestra "Luca Olivieri". I festeggiamenti termineranno sabato 4: alle 21 sar presentata la commedia dialettale "Adelmo, Adelmo" allestita da "Quei ad San Zili" con ingresso a offerta libera. Il ricavato andr per sostenere i numerosi lavori, necessari, alla chiesa e alla canonica. Pi di cento persone hanno partecipato (foto), il 13 aprile, al pellegrinaggio a Loreto e Corinaldo organizzato dalla parrocchia.

ZONA STADIO (Cesena): in condominio servito di ascensore al quinto piano appartamento completamente ristrutturato composto da salotto, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con doccia e lavanderia, ripostiglio, balcone e cantina. Ottima luminosit e spazi generosi. 178.000 / Rif. 1277 ZONA OSSERVANZA (Cesena): in condominio servito di ascensore al secondo piano appartamento da ristrutturare composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, ripostiglio, disimpegno, balcone, cantina e garage. 215.000 / Rif. 0905 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 PONTE PIETRA: su un lotto di circa 2.000 mq porzione di villa bifamiliare in costruzione composta al piano terra da ampia zona giorno, bagno, servizi, garage doppio e porticato; al piano primo 3 camere da letto, 2 bagni e balconi. Possibilit di acquistare limmobile grezzo o finito. Info in ufficio / Rif. 1250 SAN MAURO IN VALLE (Cesena): bilocale di recente costruzione al primo e ultimo piano composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, 3 balconi, cantina e posto auto riservato. 165.000 / Rif. 1216 CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso AFFITTO, ZONA CENTRALE (Cesena): a pochi passi dal centro e dai principali servizi appartamento al piano terra di recente costruzione composto da ingresso indipendente, soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino privato e ampia veranda. Posto auto scoperto di propriet. 800 mensili / Rif. 1290 AFFITTO, ZONA VIGNE (Cesena): in condominio servito di ascensore appartamento in ottimo stato all'ultimo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. ARREDI MORDERNI. 700 / Rif. 1289

14

Gioved 25 aprile 2013

Cesena
Come si traduce questo al Sermig? Noi quando siamo nati eravamo un semplice gruppo missionario. Per altre situazioni il Signore ha voluto e vuole che certi gruppi si occupino solo di Terzo mondo. A noi ci ha fatto scoprire anche i poveri vicini e noi li abbiamo scoperti perch avevamo messo una targa davanti alla nostra casa "Arsenale della Pace, casa della speranza" e la gente venuta a chiederci ragione della nostra speranza. Per cui ci venuta a chiedere di dormire di notte e noi non eravamo attrezzati, ci venuta a chiedere "voglio uscire fuori dalla mafia" e noi non eravamo attrezzati. Le Brigate Rosse sono venute a chiederci "vogliamo uscire fuori da questo giro", non eravamo capaci di offrire niente. Per ci abbiamo provato subito, non abbiamo rimandato. Allora veramente il Cristianesimo pregare e agire. Dove la preghiera diventa immediatamente una risposta concreta". Ai cattolici lei chiede testimonianze credibili, cosa potrebbero fare in concreto? Fare il bene. Un cattolico che esce fuori dalla sua parrocchia, per esempio, non ruba. Un cattolico che si impegna in politica lo fa per servizio e se guadagna dei soldi in pi li da alla parrocchia che lo ha mandato. Se un cristiano diventa economista vuol dire che lotter contro gli imbrogli delleconomia. Dobbiamo essere, in sintesi, cristiani da 24 ore su 24. E se diventa cardinale continuer ad essere un prete di campagna, perch il suo non un ruolo, non un onore ma un compito. Io vorrei che ogni parrocchia fosse una fucina di santi, di persone normali. Dobbiamo tornare a fare cose normali, chi fa cose eccezionali non mi piace. Dobbiamo tornare ad essere cristiani ordinari. Perch il Papa entrato subito nel cuore della gente? Cosa sta facendo di straordinario? Nulla. E arrivato al balcone di San Pietro e ha detto buonasera. Limpegno del Sermig anche un aiuto concreto a favore della difesa della vita. Le faccio subito un esempio Arriva da me una ragazza, mi dice Ernesto il mio ragazzo mi ha messo incinta, mi ha detto che se abortisco lui mi sposa. Caccialo via, le rispondo io. Se lo fai nascere io divento padre di tuo figlio. Da quel giorno sono diventato padre di tanti di quei figli. Anche questo il nostro lavorare per la vita, senza chiacchiere".

Ernesto Olivero "Essere cristiani 24 ore su 24"


Il fondatore del Sermig di Torino ha partecipato, venerd scorso, a un incontro, nella parrocchia di Santo Stefano, promosso dagli scout
Michela Mosconi
iventare cristiani la cosa pi bella che ci possa capitare". Lo ripete spesso Ernesto Olivero, fondatore del Servizio Missionario Giovani (Sermig) di Torino, nel suo intervento, venerd sera del 19 aprile, presso la chiesa della parrocchia di Santo Stefano a Cesena. Invitato in citt in occasione del trentennale del gruppo Scout Cesena 7 ha parlato di fronte ad una platea di 200 persone presentando anche il libro "Per una chiesa scalza", il cui titolo, riprende un commento che lo scrittore Erri De Luca, non credente, aveva lasciato sul suo diario alla rovescia.

Istituto "Serra"
Studenti allopera con la "differenziata"
Ecoserra: stare bene a scuola, ecologicamente la denominazione di uno storico progetto formativo che lIstituto tecnico cconomico (Ragioneria) di Cesena propone ogni anno agli studenti di tutte le sue classi. Lobiettivo principale quello di promuovere la raccolta differenziata di lattine di alluminio, bottiglie di plastica e carta allinterno della scuola. La presenza di un bar interno allIstituto, con una utenza media di circa mille studenti al giorno, rende quantitativamente interessante il materiale che pu essere recuperato attraverso una raccolta differenziata, con evidenti vantaggi ambientali. Ad ogni classe vengono assegnati due contenitori per la raccolta differenziata dei riuti uno per le lattine di alluminio e delle bottiglie di plastica e uno per la carta stampata e fogli di quaderno - e mensilmente uno staff di docenti effettua controlli in tutte le classi assegnando un punteggio in base alla sensibilit mostrata dagli studenti nella cura dellambiente e nella raccolta differenziata. Con cadenza bimestrale vengono premiate le 2 classi che hanno ottenuto i migliori piazzamenti nella scuola. Giovanni Giorgini, in rappresentanza della Banca di Cesena, ha premiato gli Ecostudenti vincitori nel bimestre febbraio marzo, consegnando loro buoni per lacquisto della colazione al bar interno della scuola e un omaggio per le prossime vacanze estive gentilmente offerti dalla Banca.

"D

Di fronte a una platea di 200 persone ha posto laccento sullessere testimoni credibili in ogni luogo e ogni ora del giorno e della notte

Gli ultimi, i poveri, gli emarginati. Queste ed altre fasce sociali sono al centro dei discorsi e dei gesti di papa Francesco. Che significato assumono allinterno della Chiesa, esortata dallo stesso Pontefice a "non diventare una Ong pietosa"? Intanto va un grande ringraziamento a questo Papa che sta educando a diventare cristiani da 24 ore su 24. Oggi la Chiesa, che siamo noi tutti e non solo preti e vescovi, ha da dire qualcosa di fondamentale, ma deve convertirsi non ad una ideologia ma al Vangelo. Dobbiamo riuscire ad abitare il Vangelo, a masticarlo tanto da saper riconoscere il volto di Ges. Il Cristianesimo una pratica da vivere, la storia pi bella che possa capitare a un uomo e a una donna. Ma il Cristianesimo pregare e agire. La mia speranza che la Chiesa parli alla politica, alleconomia, alla finanza. Il Cristianesimo, inoltre, deve essere alimentato nella preghiera, che il respiro maggiore per noi cristiani: pregare e agire, e commuoversi per poi dare delle risposte immediate, altrimenti ci dicono che siamo degli ipocriti.

Taglio del nastro

Elettricit in piazzale Ambrosini


Pensiline fotovoltaiche e distributore di energia elettrica per auto. Sabato scorso c stata linaugurazione al parcheggio dellippodromo, alla presenza del sindaco Paolo Lucchi e del presidente di HippoGroup Tomaso Grassi. Molta curiosit ha destato il distributore di energia per automobili elettriche, situato sempre in piazzale Ambrosini.

CERAMICHE DIPINTE A MANO


Leo Bartolini, Gambettola

TELE STAMPATE A MANO Antica


Stamperia Pascucci (Gambettola)

LABORATORI IN CORSO: REGALO PER LA FESTA DELLA MAMMA


realizzeremo o una catenella di sapone o un mosaico di saponi, a seconda dellet dei partecipanti. I laboratori si tengono presso il punto vendita e anche allaperto, nello spazio Isola del Bar Caeina (Cesena). PER INFO, contattare telefonicamente o visionare la pagina Facebook

Dalle tradizioni romagnole prodotti naturali per il corpo e oggetti di artigianato


PRODOTTI NATURALI PER IL CORPO
realizzati grazie alla collaborazione con lerboristeria La Mandragola (Cesena)

TEGLIE DI MONTETIFFI SAPONI NATURALI PER IL CORPO


rielaborati anche in decorazioni profuma-ambienti

BOMBONIERE
anche fai-da-te, molto stimolanti se realizzate dai bambini in occasione della loro Comunione

LISTE NOZZE COLLABORAZIONI CON ASSOCIAZIONI NOPROFIT


sostenendo la realizzazione in autonomia di oggetti da regalo di sapone, nalizzati allautonanziamento

IDEE REGALO PER LA FESTA DELLA MAMMA

RICORDI DI ROMAGNA

Corso Ubaldo Comandini, 4 - Cesena


cell. 348 1796689 info@ricordidiromagna.com presenti su FACEBOOK www.ricordidiromagna.com

Cesenatico
Chiesto al sindaco Roberto Buda Operatori incontrati al bagno Zara Per la stagione turistica c un cauto ottimismo

Gioved 25 aprile 2013

15

Museo Marineria
Mostra relitti ancora visitabile
Prorogata no al primo maggio la mostra "Wrecks. Relitti", installazione costituita da modelli di navi da battaglia, esposta per la prima volta al pubblico, a cura di Roberto Nottoli. "I visitatori hanno apprezzato particolarmente lesposizione - spiega Davide Gnola, direttore del Museo della

Boschetto, da migliorare illuminazione e parcheggi


Cristiano Riciputi
a zona di Boschetto il cuore pulsante del turismo di Cesenatico. Lo abbiamo detto anche al sindaco specificando che vogliamo fare sempre di pi per migliorare, anche con laiuto dellamministrazione comunale". Cos si esprime Ezio Budini, titolare del bagno Zara, che venerd mattina ha incontrato Roberto Buda nellambito delliniziativa "Il sindaco con te". Il bagno Zara gestito, da oltre 30 anni, in maniera familiare e ormai unistituzione. A giudizio dei partecipanti lincontro con il sindaco stato positivo. Erano presenti il presidente della cooperativa esercenti balneari Simone Battistoni, il responsabile del Boschetto Village Fabrizio Oliva e un gruppo di operatori, fra cui albergatori e negozianti della zona. "Possiamo ravvivare ancora di pi la nostra zona - commenta Budini - per attirare un maggior numero di turisti e lasciare loro un bel ricordo del soggiorno a Cesenatico. Abbiamo avuto riscontri molto positivi delle serate organizzate, lo scorso anno, ogni mercoled. Al sindaco abbiamo chiesto di migliorare alcuni servizi, fra i quali i parcheggi e lilluminazione". Larredo urbano nella zona prospicente la spiaggia caratterizzato dai "Giardini al mare" che danno un valore aggiunto agli stabilimenti balneari adiacenti. In pi la zona di Boschetto contraddistinta, come ben si evince dal nome di questo quartiere, dalla presenza di tanto verde pubblico e del parco urbano. Riguardo alla stagione estiva, Budini

"L

ottimista: "C chi dice che le cose partiranno a rilento, ma sono convinto che i turisti ci premieranno. I nostri prezzi sono competitivi soprattutto in relazione al rapporto con i servizi offerti. Credo che in poche altre zone turistiche si possano ottenere cos tanti servizi a un prezzo invariato da anni. E puntiamo a migliorare sempre. Senza dimenticare che lospitalit per noi alla base di tutto. Siamo contenti quando vediamo gente felice e soddisfatta della propria vacanza. E anche noi romagnoli dovremmo imparare a valorizzare di pi la nostra terra e, in particolare, la nostra spiaggia". In questi giorni gli stabilimenti balneari sono impegnati per risistemare ombrelloni, cabine, giochi e bar in vista dellarrivo dei primi turisti. "Sentiamo anche qui il problema dellerosione - conclude Budini - ma molto meno rispetto ad altre parti del litorale. I turisti possono stare tranquilli: di posto, in spiaggia, ce n quanto ne vogliono".

Marineria - e questo ci ha spinti, in accordo con lartista, a prorogare lapertura di qualche giorno". Nottoli un artista gi molto noto e apprezzato soprattutto per i suoi Androidi, sculture realizzate con materiali di recupero che uniscono aspetti e temi della cavalleria medievale con i materiali e le icone delle moderne tecnologie. Anche in questo caso il lavoro artistico di Nottoli preceduto da approfonditi studi e ricerche - parte da materiali di varia provenienza che vanno a riprodurre antiche navi da battaglia, in particolare quelle che diedero vita a una delle pi famose battaglie della storia marittima, quella dello stretto di Tsushima (27 maggio 1905) nella quale si confrontarono la otta russa e quella giapponese. Il risultato quello di un inedito divertissement fatto di cartoncino e voglia di giochi di un tempo passato, quando si cresceva sui banchi di scuola a forza di battaglie navali. Sul pavimento della sala mostre del Museo della Marineria, come su un carta nautica, si affrontano una trentina di navi da battaglia sui due opposti schieramenti, mentre alla parete sono esposti i disegni e gli studi preparatori e due monitor mostrano ricostruzioni e lmati depoca.

ANNIVERSARIO SIMONE ROMAGNOLI


25.04.2010 - 25.04.2013

Sedute ergonomiche grazie a Technogym


Una novit entrata nelle aule dellIsis Leonardo da Vinci di Cesenatico: due Wellness ball. Si tratta di un sistema innovativo di seduta: invece che sulla classica sedia, rigida, statica o ergonomica, ci si accomoda su una palla gonata a seconda dellaltezza e della necessit, che costringe la persona a un continuo lavoro muscolare per mantenere lequilibrio e far s che il corpo non acquisisca posizioni scorrette. Insieme si lavora e ci si tonica, insomma. Ma come sono entrati questi innovativi strumenti nelle aule dellIsis? In risposta a una richiesta della professoressa Venzi, docente attenta alle tematiche della postura e della salute, la Technogym, azienda leader nel settore del Wellness, ha dato in omaggio alla scuola le due Active Sitting Ball (questo il nome tecnico). Al momento sono state sistemate solo in Presidenza e nel laboratorio di Informatica, ma gi moltissimi le hanno richieste. La scuola ringrazia vivamente la Technogym per la sensibilit dimostrata nei confronti dellIstituto.

Cos anche voi, ora, siete nella tristezza; ma vi vedr di nuovo e il vostro cuore si rallegrer e nessuno vi potr togliere la vostra gioia Nel terzo anniversario della morte, una messa in suffragio sar celebrata gioved 25 aprile alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Villalta

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE


e sul sito www.corrierecesenate.com
La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO al CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

16

Gioved 25 aprile 2013

Valle del Rubicone

Il Rotary club Valle del Rubicone ha premiato la giovane artista Gladys Rossi
alla piadina allArena di Verona il passo non breve. E questa in sintesi la storia di Gladys Rossi, il soprano romagnolo ormai famoso in tutto il mondo. E stata una serata dalle grandi emozioni quella vissuta gioved della scorsa settimana al Rotary club - Valle del Rubicone. Nella splendida cornice di Villa Malatesta a Poggio Berni (RN), il sodalizio guidato da Giancarlo Biondini ha premiato la cantante lirica, giunta per loccasione in Romagna da Parma, dove impegnata da giorni. Poco nota al grande pubblico, la Rossi canta in tutto il mondo e nei teatri pi famosi, fra i quali la Fenice di Venezia, lAlighieri di Ravenna, il Regio di Parma, la gi citata Arena di Verona, lo Sferisterio di Macerata, il Bellini di Catania, il Verdi di Salerno, fino ai teatri di Bilbao e Pechino. Nel 2009 la Rossi incontra il tenore Jos Carreras e con lui far una serie di concerti in duo un po in tutto il mondo. Durante la serata di gioved, davanti a un centinaio di persone entusiaste, la cantante si esibita in alcuni brani famosi, riscuotendo un immediato e meritato successo. Tutti in piedi ad applaudirla dopo lesecuzione finale della napoletana "Te vojo bene assai", accompagnata al piano dal maestro Davide Cavalli. Nella sua carriera, iniziata allet di otto anni, quando vinse una gara canora nella parrocchia di Bellaria, si sempre trovata davanti Laura Pausini che la precedeva a ogni concorso. Ha

Da destra, il soprano Gladys Rossi, il presidente Rotary Valle del Rubicone Giancarlo Biondini e lex governatore, il cesenate Pierluigi Pagliarani

Voce della Romagna


Voce potente e pulitissima, Gladys Rossi ha raccontato come ha scoperto la passione per la lirica Tutto accadde grazie a una cassetta di Katia Ricciarelli ricevuta come gadget di un bagnoschiuma
sognato il festival di Sanremo. Ha cantato come corista di Adriano Celentano. Ha conosciuto Mogol e Gianni Bella. Proprio questultimo le diceva sempre di cimentarsi con la lirica. Cantava. Cantava sempre, anche in casa. Il nonno le ricordava spesso "Cipa ben la curva", anche se lei non ha mai inteso bene cosa volesse significare quella raccomandazione. La Rossi ha anche confessato che a volte, prima di cantare "viene una paura da fare tremare le ginocchia e ladrenalina sale

cos tanto che una volta non mi sono neppure accorta che mi avevano cucito su un braccio uno scialle che non voleva stare al suo posto. Ma in quei momenti, uno non sente nulla". Poi si impara a convivere con il timore di ogni mattina, al risveglio, quando "verifico se la voce c ancora", ha detto con estremo candore. Facendo questa professione, bellissima, "non si possono pi fare stravizi", ha aggiunto. Voce potente e pulitissima, la Rossi ha raccontato come ha scoperto la passione per la lirica. Tutto accadde grazie a una cassetta di Katia Ricciarelli ricevuta come gadget di un bagnoschiuma. Da allora solo studio e studio, per imparare a migliorare la voce, il canto e a interpretare i personaggi. Ironica e simpatica, la Rossi riconosce le origini romagnole come suo dna caratteristico: "Sono molto romagnola e me ne vanto", ha sottolineato fra un aneddoto e laltro. "Questo premio un sogno che si realizza", ha concluso la cantante che ha messo laccento su tre qualit per coltivare il proprio sogno. "Non vero che tutto facile. Per dare il meglio di me devo applicarmi tantissimo e devo mettere in campo sempre unimmensa passione, una grande pazienza e uninfinita perseveranza". Una serata di canto sopraffino e di genuina saggezza popolare, le due migliori qualit che incorniciano Gladys Rossi in un ritratto di eccellenza romagnola esportata in ogni continente. Francesco Zanotti

Sogliano
Fiume Uso da valorizzare
Un progetto per rivalutare la vallata del ume Uso, dalla sorgente alla foce: lidea venuta a Quintino Sabattini, sindaco di Sogliano al Rubicone che ne ha parlato in un post sul suo prolo Facebook. "Che ne direste di un itinerario che comprenda tutta la Valle dellUso dalla sorgente alla foce o viceversa? - chiede il sindaco -. E una bella idea, nata per caso da un contatto tra me e Daniele Amati, primo cittadino di Poggio, circa diciotto mesi fa, per fare qualcosa che tendesse a vendere quanto di bello abbiamo. Poi lidea si sviluppata no a comprendere come attori anche i sindaci di quei territori che lUso attraversa". Sarebbe un progetto che porterebbe vantaggio sia ai territori dellalta vallata sia a quelli vicino al mare, dove sfocia il corso dacqua. Pochi conoscono il percorso e la primavera e lestate sono le stagioni migliori per potere fare una passeggiata. "Lidea di fare qualcosa di non invasivo che vada a individuare un percorso che possa unire mare, colline e monti, usando come lo conduttore non un asse viario, ma un asse naturale, il ume, o almeno quello che ne rimasto dopo le escavazioni selvagge degli anni Settanta/Ottanta. Proporre un itinerario naturale, da compiere in una o pi tappe, permetter a camminatori, trekker, biker o ciclisti di apprezzare quanto di bello la Valle dellUso sa offrre agli occhi, al palato, alla mente". Cristina Fiuzzi

Carlotta Urbini ha 26 anni ed unappassionata di trekking

A Santiago con Longiano nello zaino


Si chiama Carlotta Urbini, ha 26 anni ed originaria di Gambettola. Fa la barista presso lattivit di famiglia, il bar "Pioti", al confine fra Gambettola e Longiano. Luned scorso partita, zaino di sei chili alle spalle e gagliardetto di Longiano in mano, alla volta di Santiago de Compostela, meta di pellegrinaggi. Si appassionata alla salutare attivit del camminare grazie alliniziativa "Longiano cammina sotto le stelle", che va avanti dallo scorso ottobre. Carlotta Urbini partita da Saint Jean Pied de Port, sui Pirenei francesi. Da l percorrer circa mille chilometri a piedi, passando per le regioni spagnole della Navarra, della Rioja, della Castiglia e della Galizia, per arrivare a Santiago e proseguire fino a Capo Finisterre, sulla costa delloceano Atlantico. Per giungere a destinazione occorrer un mese di cammino, percorrendo circa 30 chilometri al giorno. La ragazza si allenata in queste settimane con il suo coach, Filippo Macchia di Savignano sul Rubicone, con il quale ha percorso ogni giorno dai 20 ai 30 chilometri a piedi. Macchia era stato a Santiago lanno scorso e ha trasmesso alla Urbini, che ha conosciuto durante le camminate longianesi, linteresse per limpresa. Amici e parenti si dicono "contenti e orgogliosi di Carlotta". Per mamma Patrizia, "Carlotta molto sicura di s. Ama lo sport, ma si sempre limitata a seguirlo in Tv". Si poi detta "preoccupata, perch il primo viaggio che fa da sola", ma anche "certa che quando torner sar pi matura". "Vado per scoprire me stessa e affrontare le mie paure", ha detto la Urbini, alla vigilia della partenza. Matteo Venturi

Gambettola, i progetti della Croce Verde


Nella sala riunioni del centro Fellini a Gambettola, domenica 21 aprile si sono svolti i lavori dellassemblea di rendiconto annuale della locale Croce Verde. Nei 21 anni trascorsi dalla sua fondazione, la prima volta che chiudiamo il bilancio in perdita - ha precisato lamministratore Bruno Gobbi -, anche se il disavanzo stato di soli 97,38 euro". "Per il 2013 - ha spiegato il presidente Ivo Bellavista oltre a consolidare tutti i servizi che gi svolgiamo, ci siamo posti tre obiettivi: lacquisto di una nuova autoambulanza, aumentare la nostra attivit e il contatto con i cittadini e ladesione al progetto nazionale Anpas Terremoto io non tremo sullinformazione e prevenzione dei danni causati dal sisma". Al termine dei lavori dellassemblea si svolto il tradizionale pranzo conviviale di tutti gli associati. Piero Spinosi

Valle del Savio

Gioved 25 aprile 2013

17

Sarsina si prepara alle elezioni di maggio


Si deve eleggere il sindaco che sostituir Malio Bartolini deceduto due mesi fa. Gi definita una rosa di candidati
A meno di un mese dalle elezioni comunali (in seguito alla morte del sindaco Malio Bartolini) indette per il 26 e 27 maggio prossimi, nel paese plautino iniziano a delinearsi i nomi dei candidati in lizza per formare la nuova Amministrazione. Il termine ultimo per presentare le liste venerd 26 aprile. Appaiono certe le candidature

dellattuale vicesindaco Luigi Mengaccini per la lista di centrodestra, e di Giovanni Faggi, attuale segretario della sezione Pd di Sarsina, per il centrosinistra. Il Movimento 5 Stelle che a Sarsina alle ultime elezioni politiche ha raccolto 523 voti, in un primo momento aveva candidato Hubert Bosch, della ditta Remedia di Quarto. Costretta a ritirare la candidatura per condizione di ineleggibilit (Bosch ha doppia cittadinanza italiana e austriaca) appare ormai certa la candidatura della moglie di Bosch, Lucilla Satanassi, che gestisce insieme al marito la ditta di famiglia (specializzata nellautoproduzione di prodotti erboristici naturali e piante officinali). Allorizzonte appare anche una quarta lista, ispiratore Lucio Cangini, gi sindaco di Sarsina. Si tratta di una lista civica e trasversale, aperta a tutti: "lista civica per Sarsina Comune del buon vivere e dellinnovazione", la definisce cos Cangini su Facebook dove delinea

anche schede progettuali, fulcro del suo programma elettorale. In questo quadro politico locale, la componente centrista dellUdc ha nei giorni scorsi reso noto, attraverso un comunicato alla stampa, la propria posizione dichiarando la rottura con la Giunta di centrodestra con la quale aveva governato in questi anni e lasciando libert di voto ai propri elettori: "Fin dal primo momento abbiamo indicato la necessit di creare un terreno fertile alla nascita di una lista civica che potesse assumersi lonere e lonore di amministrare Sarsina. Abbiamo avuto qualche apertura dal Pd, ma una netta chiusura da parte del Pdl. Non sosterremo la lista elettorale del Pdl guidata da Luigi Mengaccini n quella del Pd con Giovanni Faggi, n quella del Movimento a 5 Stelle. Ci asteniamo dalla contesa politica dando ai nostri amici lindicazione di libert di voto secondo coscienza". m.mosc.

A Sarsina aperto un negozio di prodotti per celiaci


negozi specializzati) macinando chilometri in giro per la Romagna. E maturata cos la decisione di aprire il primo negozio di alimenti senza glutine nella valle del Savio (che secondo stime ufficiali conta una settantina di casi di celiachia). Oltre ad essere convenzionato con lUsl di Cesena con possibilit, cos, di fare spesa attraverso i buoni concessi dallAzienda sanitaria locale (i prodotti senza glutine sono molto pi costosi rispetto a quelli tradizionali), il negozio anche associato Aic (Associazione italiana celiachia) entrando in rete nel circuito dei negozi segnalati in tutta Italia. Nel negozio sarsinate ogni dodici buoni spesi, inoltre, viene offerto un buono omaggio. La gamma di prodotti che si possono trovare presso La Dispensa varia: biscotti, pane, focacce, crema di cioccolato, merendine, pizza, riso, e anche la birra. "Per quanto riguarda la pasta ci serviamo dalla ditta locale Belli Freschi specializzata nella produzione di prodotti freschi senza glutine". "Siamo appena partiti - racconta Stefania - ma lintenzione quella di poterci pian piano ampliare proponendo anche altra tipologia di merce come il kamut, molto richiesto, o altri prodotti nel campo del biologico". A Sarsina intanto, anche alcuni ristoranti sono attrezzati con men per celiaci come il ristorante pizzeria Zelus e il ristorante Le Maschere.

Verghereto
Il Wwf contesta i lavori allAlferello
"Si autorizza lo sfascio del territorio". Cos il Wwf Cesena, col presidente Ivano Togni, commenta la decisione del nuovo Prefetto di autorizzare la presa di possesso dei terreni per la realizzazione dellimpianto idroelettrico Fgf lungo lAlferello. Una decisione denita "gravissima", perch sblocca i lavori mentre restano da discutere i ricorsi dei proprietari dei terreni al Tribunale superiore delle Acque e lesposto Wwf alla Procura della Repubblica. E dopo loccupazione e il picchettamento dei terreni "espropriati" la Fgf ha cominciato subito ad operare, inizialmente tagliando alcuni alberi e cominciando a realizzare la pista che condurr i mezzi per i lavori verso la cascata dellAlferello. "Si d il via ad unopera - scrive il Wwf - che ha ottenuto lautorizzazione della Regione, ma che secondo noi rimane illegittima". "Appare davvero eclatante - continua la nota - che si autorizzi la prosecuzione dei lavori con interventi che andranno a sbancare le pendici in destra orograca dellAlferello, gi considerate a rischio per dissesto idrogeologico. Non dimentichiamo inoltre che labitato di Alfero grava pesantemente con i suoi scarichi reui sulle acque dellAlferello. Potrebbero quindi essere gravi le ripercussioni che la captazione idroelettrica causer (riduzione delle portate e della capacit di autodepurazione del torrente) allo status di salute ambientale della zona, e quindi al turismo". Alberto Merendi

Il sano coraggio di offrire un servizio


Michela Mosconi
rodotti senza glutine di ogni tipo, oli, legumi e farine biologiche. Questo ed altro offre il punto vendita sarsinate La Dispensa .Inaugurato sabato 13 aprile nella centralissima via Roma, il negozio fa parlare di s non solo per la merce proposta, ma anche per il coraggio di chi, coi tempi che corrono, ha aperto unattivit a Sarsina, paese che negli

ultimi anni ha contato pi serrande abbassate che alzate. Una scommessa dovuta anche alla necessit. Stefania Camagni, di Sarsina, pur non essendo celiaca, ha iniziato a mangiare prodotti senza glutine. Il marito Flavio e la piccola Michela sono affetti da celiachia da circa tre anni e in casa era diventato difficile gestire i pasti in maniera separata. Non solo, ma la famiglia era spesso costretta a raggiungere punti vendita (farmacie o

Montesorbo | Insegnanti in visita

Mercato Saraceno | Dentro il libro

Nutrita partecipazione allincontro degli insegnanti di religione che si tenuto lo scorso 15 aprile a Montesorbo. I docenti guidati dal direttore dellufficio diocesano per lIrc don Giordano Amati hanno visitato la pieve di recente restaurata. I docenti hanno potuto contare sullaiuto di una guida deccezione: lo studioso e storico Marino Mengozzi, curatore anche di un volume sulla storia della pieve che si trova nei pressi di Ciola (Mercato Saraceno).

Sabato scorso stata inaugurata, presso la scuola media "F. Zappi", lundicesima edizione della mostra "Dentro il libro". Numerose le autorit presenti, fra cui il dirigente dellUfficio scolastico provinciale, Agostina Melucci, lispettore scolastico Gabriele Boselli, il vescovo diocesano, monsignor Douglas Regattieri e, in rappresentanza del sindaco, lassessore alla scuola, Monica Rossi (nella foto con la fascia tricolore). Fra i vari appuntamenti sul tema del riciclo e del rispetto dellambiente, venerd 26 aprile alle 21 il meteorologo Giancarlo Bonelli parler di mutazioni climatiche e tutela dellambiente.

18

Gioved 25 aprile 2013

Solidariet

A Cesena, nellaula magna di Psicologia, il convegno Stereotipo, Pregiudizio e Cambiamento organizzato dal liceo Monti di Cesena. I protagonisti saranno i due campioni italiani di nuoto non vedenti Manuele Bravi e Cecilia Camillini

Disabilit e sport, si pu. Eccome


aranno Manuele Bravi e Cecilia Camillini, due campioni italiani di nuoto non vedenti, i protagonisti del convegno Stereotipo, Pregiudizio e Cambiamento organizzato dal liceo Monti di Cesena. Lappuntamento, che si terr venerd 26 aprile dalle 8,30 presso laula magna della Facolt di psicologia, rientra nel progetto di integrazione 2012/2013 ed stato organizzato con lobiettivo di sensibilizzare sui fenomeni sociali che hanno modificato nel tempo il significato di Psicopatologia, con particolare attenzione alle

rappresentazioni mentali su disabilit e sport. Interverranno: Pietro Berti, psicologo di comunit e docente alluniversit di Cesena, Manuele Bravi, ex campione italiano nuoto diversamente abile; Cecilia Camillini, campionessa paralimpica Londra 2012. Liniziativa resa possibile anche grazie alla collaborazione con il Comune di Cesena, assessorato alla Cultura e allo Sport, il Comune di Forl, il Patrocinio della regione Emilia Romagna, lUfficio Scolastico Provinciale di Forl-Cesena. In particolare, il progetto nasce dalle riflessioni sorte allinterno del Progetto Integrazione distituto dellanno 2011/2012 durante il laboratorio sulla disabilit visiva tenuto da Manuele Bravi, che ha approfondito le tematiche sulle

dinamiche di inclusione/esclusione a cui sono esposti gli studenti con disabilit o in situazione di svantaggio nellimmagine sociale, dentro la realt scolastica e la comunit territoriale. Il progetto finalizzato agli studenti di alcune terze in cui sono inseriti alunni con bisogni speciali e a tutti gli studenti delle classi quinte del Liceo Classico V. Monti. Lo stereotipo appartiene al modo di ragionare dellessere umano e risente dellinfluenza con lambiente, la cultura e leducazione familiare, spiegano i docenti coinvolti. Si mantiene in maniera relativamente stabile allinterno di schemi mentali mutuati culturalmente. Lindividuo tende a riconfermarlo nellinterpretazione degli eventi, per conservare la stabilit interna propria e del sistema a cui appartiene. Pu assumere la forma di un giudizio positivo o negativo che viene utilizzato per etichettare cose,

fenomeni e persone. Solo nei sistemi sociali aperti e interattivi pu essere messo in discussione. I due esperti - Bravi, laureato in scienze del comportamento a Cesena iscritto al corso magistrale alla Bicocca di Milano e la Camillini, laureanda in scienze del comportamento e delle relazioni sociali a Cesena - hanno gi incontrato i ragazzi con cui hanno condotto dei workshop e alla conferenza parleranno della loro esperienza. Il progetto - spiega Giancarlo Domenichini, dirigente scolastico - si integra allinterno di una visione multidisciplinare. Le specifiche attivit programmate tendono a promuovere la riflessione, il pensiero critico e la causalit circolare come modalit di interazione nellaffrontare loggetto di studio. La metodologia si basa sul potenziamento del pensiero che integra la ricerca scientifica allinterno di una relazione empatica e comprensiva con gli studenti. Barbara Baronio

Disabilit: diritti e integrazione


LOsservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilit, che promuove la convenzione sui diritti delle persone con disabilit dellOnu, ha approvato il Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e lintegrazione delle persone con disabilit. Come indicato dalla Strategia Europea sulla Disabilit 2010-2020, il programma valorizza il rispetto dei diritti umani, garantendo lintegrazione e la piena partecipazione delle persone con disabilit alla vita sociale. Il programma si basa sul rispetto dei diritti umani, valorizza la diversit di genere, di cultura, di lingua e di condizione psico-sica. Il cambiamento di prospettiva profondo, perch i principi generali della convenzione Onu sottolineano la non discriminazione, linclusione, la parit fra uomo e donna e laccessibilit. un documento di innovazione e sperimentazione, formulato in un clima di grande collaborazione fra le amministrazioni, le parti sociali e le associazioni delle persone con disabilit. Denisce importanti linee guida sui temi fondamentali per le persone con disabilit e le loro famiglie; il sistema di valutazione e di accertamento della condizione di disabilit, il lavoro e loccupazione, con particolare attenzione per le donne; il valore dellaccessibilit, labbattimento delle barriere architettoniche; il diritto alla vita indipendente e alla libert di scelta. La Fnp ritiene un importante passo per il nostro Paese ladozione del programma nazionale biennale sulla disabilit. Ne condivide le proposte innovative e la promozione dei diritti delle persone con disabilit, e rappresenta un primo importante contributo alla denizione

NOTIZIARIO PENSIONATI
di una strategia italiana su questo tema. Il programma stato approvato dallOsservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilit presso il ministero del lavoro e delle politiche sociali e segna un importante risultato di unione e condivisione con lEuropa.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Pensionati Cisl (Fnp) Emilia Romagna: crolla il potere dacquisto delle pensioni. In quindici anni -33 per cento
Crollo vertiginoso del potere di acquisto delle pensioni, diminuito in quindici anni del 33 per cento nei confronti delleconomia reale e riduzione del 5 per cento del valore di una pensione media. questo lallarme lanciato dal sindacato Pensionati Cisl (Fnp) dellEmilia Romagna, in occasione del 9 Congresso della categoria che si svolto a Riccione presso lhotel Mediterraneo nei giorni 8 e 9 aprile. I dati relativi al potere di acquisto delle pensioni, inoltre, sono destinati a peggiorare per effetto del blocco della rivalutazione annuale introdotto con la riforma Fornero, che ha tolto mediamente 1.135 euro in due anni a 6 milioni di pensionati. Infatti, un pensionato con un assegno di circa 1.200 euro netti ha perso 28 euro al mese nel 2012 e ne perder 60 nel 2013, mentre chi percepisce una pensione di circa 1.400 euro netti ha perso 37 euro al mese nel 2012 e ne perder 78 nel 2013. Ancora, nel 2013 tasse e tariffe aumenteranno ulteriormente, incidendo sui pensionati per una spesa media totale di 2.064 euro pro capite, pari al 20 per cento in pi rispetto al 2012. Per le tasse, tra addizionale regionale Irpef, addizionale comunale, Imu e Tares ci sar un esborso medio di 640 euro, il 12 per cento in pi rispetto al 2012. Circa le tariffe, la spesa media sar di 1.424 tra telefonia fissa, acqua, luce, gas e riscaldamento. Infine, pesano il canone Rai e laumento dellIva dal 22 per cento al 23 per cento previsto per luglio. In Emilia Romagna gli anziani sono 1 milione e 326 mila, su 4 milioni e mezzo di residenti. Un terzo di questi percepisce un importo medio pensionistico di 776 euro. Le donne ricevono un assegno medio di 625 euro, gli uomini di 1.134 euro. Il 64 per cento, pari a 853mila anziani, ha una sola pensione. Il 75 per cento non supera i 1.000 euro, il 43 per cento i 500 euro e solo il 2,5 per cento supera i 2.500 euro. La limitazione del reddito complessivo investe tutti i pensionati, ma resta una forte penalizzazione di genere, che si ripercuote sui bisogni primari da soddisfare, aggravati dai vincoli dovuti allinnalzamento dellet come solitudine e riduzione dellautonomia. Oltre 800mila pensionati emiliano romagnoli sono iscritti ai sindacati, a conferma della forte rappresentanza sociale radicata in regione. dellInps, ha spiegato Roncarelli, ha inviato, alla presidenza e alla direzione nazionale dellInps e ai ministeri del Lavoro e della Pubblica amministrazione, un ordine del giorno in cui si segnalavano le possibili difficolt dei pensionati ad accedere ai documenti telematici e si chiedeva di riconsiderare, almeno per il 2013, la scelta di non inviare pi il cartaceo a casa. Per venire incontro ai pensionati, lInps ha aperto nei suoi uffici in Emilia Romagna 47 sportelli veloci dedicati. Abbiamo fatto quanto era nelle nostre possibilit - continua Greco - Fino a oggi abbiamo rilasciato in forma cartacea 72mila modelli Cud. Evidentemente non basta, i pensionati in regione sono circa un milione e 200mila - dicono i segretari di Spi, Fnp e Uil Pensionati dellEmilia Romagna -. Apprezziamo lo sforzo dellInps, ma non risolutivo rispetto al disagio dei pensionati, che da gennaio attendono lObis M e sono costretti a fare la la alla Poste o a rivolgersi a Caf, patronati e commercialisti per avere il Cud. Per questa ragione la nostra mobilitazione continuer anche nelle prossime settimane.

Cud telematico, la protesta dei pensionati dellEmilia Romagna


Sono stati 300 i pensionati di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uil Pensionati dellEmilia Romagna che, lo scorso 18 aprile, si sono radunati sotto la sede regionale dellIstituto di previdenza (Inps) a Bologna, per protestare contro la scelta di non inviare pi al domicilio il modello Cud (certicato per la denuncia dei redditi) e lObis M (la cosiddetta busta paga del pensionato), ma di renderli disponibili online. Una delegazione, guidata dai segretari generali Maurizio Fabbri dello Spi, Loris Cavalletti di Fnp e Rosanna Benazzi di Uil Pensionati, si incontrata con il direttore dellInps Emilia Romagna Giuseppe Greco e con il presidente del Comitato regionale dellInps Luciano Roncarelli, per manifestare il disagio tra i pensionati e chiedere di ripristinare la spedizione a chi non riuscito a ottenere i documenti in altro modo. Sfondate una porta aperta - ha detto il direttore Greco - questa stata la prima regione a sollevare il problema e mi far portavoce della vostra richiesta presso le competenti strutture centrali. Gi lo scorso 29 gennaio, il Comitato regionale

Cultura&Spettacoli
Luned 29 aprile alle 20,45 presso il cine-teatro Astra di Cesena

Gioved 25 aprile 2013

19

Cinema

di Filippo Cappelli

l Centro Aiuto alla Vita di Cesena offre gratuitamente alla cittadinanza lo spettacolo Musiche e Testimonianze per la Vita, in programma luned 29 aprile alle 20,45 presso il cine-teatro Astra, a Cesena. In scena il duo Gabri-Eli, composto dal violinista Gabriele Castellani e dalla pianista Elena Giovannini, con la partecipazione del tenore Theo Pezzi. I musicisti, presentati da Carmelina La-

Musiche e testimonianze per la vita I

Eliseo Cesena, Uci Savignano

ATTACCO AL POTERE
di Antoine Fuqua Potrebbe apparire come il solito mediocre blockbuster fracassone, e invece qualche punto a suo favore riesce anche a ottenerlo. Dopotutto si tratta del settimo film dellesperto Antoine Fuqua, il regista afroamericano salito alla ribalta con Training Day, qualche passo falso (Lultima alba, Shooter) e qualche buon colpo (Brooklyns Finest). La trama. Il film inizia in accelerata: il Presidente degli Stati Uniti (Aaron Eckart) e la First Lady (Ashley Judd) sono in viaggio quando una tempesta di neve sorprende la lunga colonna composta dallammiraglia presidenziale e auto della scorta. Dopo non essere riuscito a salvare la First Lady nellincidente che segue, lagente dei servizi segreti Mike Banning (Gerald Butler, anche produttore) deve lasciare il servizio attivo e restarsene dietro una scrivania. Ma, grazie a un attacco terroristico, non detta lultima parola Purtroppo, dopo le prime sequenze la tensione dei primi momenti cade a larghi passi, mentre il film prosegue. Pi volte torna alla mente lo schema del poderoso Trappola di cristallo: un uomo solo, mezzo ferito e poco armato chiuso assieme a dei terroristi che hanno preso in ostaggio il Paese. I risultati, purtroppo per Fuqua, sono assai diversi. Da ricordare che a giugno uscir il film gemello White House Down di Roland Emmerich. Domanda legittima: perch il cinema americano ha tanta voglia di far saltare la Casa Bianca? Butler spiega: I film parlano delloggi, quando neppure la Casa Bianca pi sicura. Ma forse sarebbe stato pi sincero ricordare come la Casa Bianca sia stato il solo obiettivo terroristico scampato nellattacco dell11 settembre (a proposito, arrivato anche il film di Renzo Martinelli 11 settembre 1683: mediocre e superficiale). Fa tremare il pensiero che i terroristi siano coreani, vista la vicenda di Boston qui e ora, aldiqu dello schermo e delle preveggenze. Certo, sono tante le imperfezioni: gli sceneggiatori Rothernberg e Benedikt, entrambi al primo film, tagliano con laccetta le psicologie dei personaggi fino a mancare di verosimiglianza e rasentare il ridicolo. Troppi i clich (la Mitchell, moglie del protagonista che soccorre il Paese nei panni di una dottoressa; il Presidente eroico e senza dubbi; i cattivissimi coreani senza piet e poco intelligenti) e tanta la retorica. Eppure dallinizio alla fine ladrenalina scorre, gli effetti speciali non deludono e la sveglia alla Nazione non manca di seminare speranza: i cattivi cadono, almeno al cinema. Il film funziona, ma come un motore senzolio: procede a strappi, e si spera che regga fino al ritorno a casa.

bruzzo, guideranno il pubblico attraverso un percorso di musica e poesie e metteranno alla prova la loro duttilit artistica cimentandosi in una vasta gamma di generi musicali, dai valzer pi celebri della tradizione italiana (Valzer del Gattopardo, Meglio sarebbe e La Spagnola), passando per il fox allegro (Un bacio piccolissimo), lo slow (Moon River), il rag-time (The easy winner), fino a polka (Rusticanella), tango (Tango italiano-Gelosia), rumba rock (Una vita per te) e tradi-

zione napoletana (Anema e core, Mala femmina, O surdato nnamorato). Allinterno del percorso la lettura di alcune poesie a cura di Graziella Evangelisti e Gino Della Vittoria, lesecuzione dellAve Maria di Schubert da parte della violinista Laura Sgoifo e la testimonianza della dottoressa Mariana Azzarone, che racconter la sua esperienza di volontaria nel Centro di Aiuto alla Vita. Francesco Zamagni

Un volumetto curato dai fratelli don Giovanni, Mariasanta, Rosalba e Morena Savini

Al paroli de mi b (dalla A alla Zeta)


i sono fantasia e attenzione alle esigenze che emergono dalla realt in questa nuova iniziativa della parrocchia di San Carlo di Cesena. Dalla prossima settimana sar possibile reperire il libro Al paroli de mi b. (dalla A alla Zeta). Don Giovanni Savini e le sorelle Mariasanta, Rosalba e Morena hanno deciso di racchiudere la storia del padre Benito in un volumetto. Nulla di originale e di fantasioso fin qui se non fosse per la struttura del libro: la vita del padre raccontata attraverso un glossario di parole chiave che ne hanno caratterizzato lesistenza. Inoltre, lintero ricavato dalla vendita verr destinato al progetto Postepay San Carlo, una iniziativa a sostegno delle famiglie in difficolt della frazione cesenate. Il libro non scritto con presunzione e nemmeno tende a enfatizzare la figura di un padre. Ci che emerge la semplicit e allo stesso tempo la radicalit con cui questuomo ha vissuto la vita riuscendone a godere in tutti i suoi aspetti presenti. I trentotto termini dellindice allapparenza non sempre articolati

Il libro non scritto con presunzione e nemmeno tende a enfatizzare la figura di un padre. Ci che emerge la semplicit e allo stesso tempo la radicalit con cui questuomo ha vissuto la vita riuscendone a godere in tutti i suoi aspetti presenti
tra loro - non lasciano spazio al rammarico o alla nostalgia per quello che sarebbe potuto essere. In poche pagine i quattro fratelli Savini presentano - con le debite proporzioni - il loro inno alla vita attraverso la sapienza del padre. Con questo libro le mie sorelle ed io non vogliamo esaltare la figura di nostro padre, ma desideriamo mettere a disposizione dei genitori di oggi una bella esperienza di vita, perch possa dare spunti di riflessione alle famiglie,

spiega don Giovanni. E conclude: Allo stesso tempo questo fascicoletto vuole essere uno strumento per aiutare le famiglie pi bisognose attraverso una raccolta fondi nata nel 2012 da un gruppo di famiglie sancarlesi. Il libro sar a disposizione presso la parrocchia di San Carlo di Cesena (via San Carlo 474, tel. 0547 663043). Antonio Domenico Capristo

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
LA BIBBIA NELLARTE Chiara de Capoa, Stefano Zuffi
Ed. Electa, collana I dizionari dellArte, 2013 (24 euro) Per la collana Dizionari dellarte, la editrice Electa ha stampato il libro La Bibbia nellarte. Si tratta della ristampa integrale, in formato leggermente pi grande, dei libri di Chiara de Capoa Episodi e personaggi dellAntico Testamento del 2003 e di Stefano Zuffi Episodi e personaggi del Vangelo, del 2002. I sette capitoli relativi al Vecchio Testamento commentano opere darte sui seguenti temi: Dalla creazione alla torre di Babele; La storia di Abramo; La storia di Giacobbe; DallEgitto alla terra promessa; Davide e Salomone; Storie ed eroi del popolo dIsraele; Sapienti e profeti, mentre i sette relativi al Nuovo Testamento parlano de La famiglia di Ges, Nascita e infanzia di Ges; Storie del Battista; La vita pubblica di Ges; Miracoli e parabole; La Passione; Dopo la Resurrezione. Ogni capitolo ha pi paragrafi introdotti da una pagina di commento che evidenzia il luogo e il tempo dove avvengono i fatti illustrati, i personaggi protagonisti, le fonti bibliche di riferimento, le varianti e altre definizioni, la diffusione delle immagini. In ogni paragrafo si trovano pi immagini commentate in modo da fare risaltare i particolari pi importanti. Ad esempio, nel capitolo relativo alla Nascita ed infanzia di Ges troviamo lAnnunciazione (con quadri di Nicolas Poussin, Beato Angelico, Carlo Braccesco, Lorenzo Lotto, Jan Van Eyck e il mosaico di San Marco a Venezia), la Visitazione a Elisabetta (con quadri di Pontormo, Roger Van der Weyden), la Madonna del Parto (con il quadro di un anonimo della fine del XIV secolo e quello di Piero della Francesca), la Nativit (con quadri di Hans Baldung Grien, Pietre Bruegel il vecchio, Geertgen tot Sint Jans, Sandro Botticelli e una scultura di Bonanno Pisano), lAdorazione dei Pastori (con quadri di Hugo Van der Goes, El Greco, Giorghione e le miniature dellEvangeliario di Enrico II e del Maestro delle Heures de Boucicault), il viaggio dei Magi (con quadri di Rogier van der Weyden, del Mestra dellaltare di San Bartolomeo e di Giorgione), ladorazione dei Magi (con quadri del Mantenga, Stefano da Verona, Jan Gossaert detto Mabuse) la circoncisione di Ges (con quadri di Giotto, Michael Pachet), la presentazione di Ges al Tempio (con quadri di Ambrogio Lorenzetti, Hans Memling, Giovanni Bellini), i sogni di Giuseppe (con un quadro di Georges de La Tour), la fuga in Egitto (con quadri di Orazio Gentileschi, Giotto, Adam Elsheimer, Fernando Llanos, Fra Bartolomeo) la strage degli Innocenti (con quadri di Matteo di Giovanni, Guido Reni), SantAnna Metterza (con la scultura del maestro dellaltare di Eggenberg ed il quadro di Masolino e Masaccio), la Sacra Famiglia (con quadri di Jacob Jordaens, Rembrandt), lInfanzia di Ges (con quadri di Georges de La Tour, Ambrogio Lorenzetti, Gerard David, Francisco de Zurbran, Gerrit Van Hornthorst), Cristo fra i dottori (con una scultura lignea tedesca dellinizio del XVI secolo e i quadri di Pinturicchio, Albrecht Durer). Negli apparati finali il libro presenta la struttura dellAntico Testamento, i Vangeli apocrifi e gli indici degli episodi, dei personaggi e degli artisti.

20

Gioved 25 aprile 2013

Cesena & Comprensorio


Sarsina
Festa della Liberazione
Il Comune celebra il 68esimo della Liberazione con queste manifestazioni: gioved 25 aprile alle 11 deposizione di corona dalloro al parco della Resistenza di Sorbano con esecuzione musicale della banda "Citt di Sarsina". Alle 12 deposizione di corona alla lapide dei Caduti a Ranchio. A Pieve di Rivoschio alle 15,30 santa messa, poi corteo con la banda verso il Parco della Resistenza e della Pace, discorso commemorativo e concerto della banda.

Cesena

Vita di Vicinio
Nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana, gioved 2 maggio alle 17,15, sar presentato il libro di Marino Mengozzi "Vita di Vicinio" (Societ editrice Il Ponte Vecchio), Parteciperanno il vescovo Douglas Regattieri, Pierluigi Licciardello e don Fiorenzo Castorri.

Longiano

Spettacolo di burattini
Il Petrella, sabato 27 e domenica 28 aprile alle 21, ospiter lo spettacolo "La notte delle gure" con il teatro dei burattini di Como, Gyulia Molnar, teatro Bostick, La Voce delle cose, Arrivano dal mare! e altre compagnie del teatro di gura.

Cesena flash
Concerto al Bonci
Concerto verdiano gioved 25 aprile alle 21 al teatro Bonci. Si esibiranno il coro cesenate "Maria Callas", diretto da Giorgio Borghi, il coro "Araba Fenice" diretto da Barbara Amaduzzi e il coro "Fondazione Sacro Cuore", diretto da Chiara Rocculi. Con la partecipazione del soprano Raffaella Battistini, del tenore Angelo Villari, del mezzosoprano Christine Knorren, del baritono Giuseppe Altomare, del basso Ellero DArtegna. Pianisti Andrea Albertin e Giancarlo Peroni.

Cesena

Biglietti estratti
Ecco i biglietti vincenti della lotteria del volontariato. 1) 14205; 2) 21862; 3) 18905; 4) 19787; 5) 15845; 6) 6535; 7)425; 8) 2342; 9) 4913; 10) 13845. Lelenco completo sul sito del Corriere Cesenate, sezione "brevi". I premi dovranno essere ritirati presso Assiprov in via Serraglio entro il 19 luglio 2013.

San Piero in Bagno


Sagra di primavera

Gatteo

Festa della Liberazione


Da piazza Vesi, gioved 25 aprile alle 15, slata sino al monumento della Liberazione e al Parco 25 Aprile con deposizione di corone che sar replicata a SantAngelo. Alle 15,30 animazione per bambini con il ludobus "Scombussolo" e dalle 16 lo spettacolo musicale e teatrale "Lettere alla radio" con Raffella Cavalli, Liana Mussoni e Henry Red group.

Nelle feste del 25 aprile e del 1 maggio, la piazza e le vie del centro ospiteranno oltre 60 stand con prodotti del bosco e del sottobosco, giardinaggio, orticoltura, artigianato artistico, enogastronomia, ceramica e vasellame. Levento organizzato dalla Pro loco in collaborazione con Comune, Comunit montana, Confcommercio e Confesercenti.

Lezioni allUte
Nella sala Vaienti della Cisl in via Renato Serra, venerd 26 aprile alle 15,30, Vincenzo Balzani dellUniversit di Bologna parler de " Il ruolo della scienza in un mondo fragile". Marted 30 aprile alle 15,30 nella sala Fantini, Rabith Chattat, docente nella sede universitaria di Cesena, affronter i temi "Memoria come partecipazione e reciprocit nelle relazioni".

Cesena, mostra allestita fino a giugno

25 Aprile
Nel 68esimo anniversario della Liberazione si svolger una manifestazione pubblica. Gioved 25 aprile alle 10,30 dalla Barriera Cavour sler il corteo no al monumento alla Resistenza. Poi saranno deposte corone. Interverr Maurizio Viroli, docente allUniversit di Princeton. Verr premiato il manifesto realizzato dagli studenti dellIstituto "Iris Versari". Eseguiranno brani musicali gli allievi della scuola media "Anna Frank".

Cesena, sabato 27 aprile alle 17.30 presso la chiesa di San Zenone si terr linaugurazione della mostra "Ilario Fioravanti, Luoghi & Paesaggi dellAnima". A seguire, visita alla sezione dedicata ai "Tarocchi - Gli Arcani Maggiori", allestita nel Corridoio Lapidario della Biblioteca Malatestiana. Alla presentazione parteciperanno lassessore regionale alla cultura Massimo Mezzetti, lassessore alla cultura del Comune di Cesena Maria Elena Baredi, monsignor Ernesto Giorgi, direttore della Galleria dArte Palazzo Ghini, Adele Briani Fioravanti e la curatrice Marisa Zattini. Si tratta di unarticolata rassegna che comprende due prestigiose sezioni espositive: nella chiesa di San Zenone (fino al 2 giugno) vi un "racconto visivo" della Romagna di Ilario Fioravanti realizzato attraverso cinquanta suggestive fotografie - tutte a

Le perle di Fioravanti A

colori - scattate dai fotografi Gian Paolo Senni e Andrea Guastavino. Spiega Marisa Zattini: "E una Romagna declinata nellarte di un architetto scultore che nel tempo ha disseminato sul territorio pubblico, in undici localit della Romagna, oltre 40 opere, ripercorrendo solo quelle collocate "allaperto". Un percorso unico per un "pellegrino curioso". Le opere e i luoghi sono rivissuti attraverso le atmosfere delle stagioni partendo dalle parole di Fernando Pessoa, per una mappatura "emotiva". Una mostra e un libro che vogliono offrire lo spunto per un intenso e singolare viaggio attraverso lunione di due grandi bellezze: quelle visionarie dellarte scultorea e quelle del paesaggio nelle architetture delle sue citt. A completamento, due suggestive figure in terracotta prescelte a custodi della rassegna: LAnnunciazione - (Maria e lArcange-

lo Gabriele) - la cui fusione in bronzo ospitata nel Convento dello Spirito Santo dalla Monache Benedettine, a Cesena. A queste si aggiunge la Vergine con Bambino benedicente (o Madonna che ride): una terracotta proveniente dalla Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta di Bagno di Romagna. Nel Corridoio Lapidario della Biblioteca Malatestiana sono esposte fino al 24 giugno 33 fotografie di Daniele Ferroni realizzate nellestate del 2007, a ripercorrere le fasi della realizzazione delle 22 tavole degli Arcani Maggiori dei Tarocchi che Ilario Fioravanti realizz per il progetto "Il diavolo e lacqua santa".

Mostra di Cosentino
La galleria comunale darte al Palazzo del Ridotto da sabato 27 aprile a domenica 26 maggio ospiter la mostra "Figure 19892012" di Alberto Cosentino. Orari di visita: marted e venerd dalle 16,30 alle 19,30; mercoled, sabato e domenica dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 19,30.

Poesia arte e musica


Per la rassegna "Uno scrittore e le sue musiche", venerd 26 aprile alle 21, sul palcoscenico del Bonci la casa editrice cesenate Il Vicolo presenter "Marea-Poesie libere". La rassegna chiuder sabato 27 alle 21 con una serata dedicata a John Ronald Reuel Tolkien, a cura di Paolo Turroni.

Cervia

Festival degli aquiloni


Avr luogo sulla spiaggia di Pinarella no al 1 maggio la 33esima edizione del festival internazionale degli aquiloni. Arriveranno duecento artisti da 30 paesi europei ed extra tra cui Giappone, Indonesia, Singapore, Australia, Canada, Messico, Usa.

Gambettola

Spettacoli a teatro

Gatteo

Arte e solidariet
Secondo appuntamento in piazza Vesi e nel centro storico, domenica 28 aprile dalle 9, con liniziativa "Fra terra e mare: arte e solidariet" dedicata a hobbysti e artigiani creativi, associazioni di volontariato. Nel pomeriggio quello teatrale della compagnia "Tana liberi tutti" con giovani volontari e ragazzi diversamente abili nello spettacolo "Alice nel bourg sgumb". Poi slata di moda a cura di Federico Cina.

I Classici
Un altro incontro nella sala lignea della Malatestiana domenica 28 aprile dalle 17 alle 18. Giorgio Rocculi, musicista, compositore e cabarettista, fondatore del gruppo "Il Fosso", presenter "Il profumo" di Patrick Suskind. Gli fu consigliato durante il corso quadriennale di musicoterapia ad Assisi dal neuropsichiatra infantile Ricciotti.

Per la rassegna "Gioved jazz" Vincenzo Vasi presenter il suo nuovo Cd il 25 aprile alle 21. Sabato 27 e domenica 28 weekend dedicato al teatro di gura. Mercoled 1 maggio alle 21 concerto del coro delle "Mondine" di Medicina (Bologna).

Festa a Sapigno
Apre il ciclo delle festivit del mese di maggio, nella zona sarsinate, la parrocchia di Sapigno, ricordando la patrona Santa Flora, titolare della parrocchia e della nuova chiesa costruita nel 1960. Marted 30 aprile alle 19 saranno aperti la pesca e gli stand gastronomici e, alle 21, musica con la sarmonica di Luca Olivieri. Alle 22 la maccheronata per tutti. Mercoled 1 maggio ci sar la messa solenne alle ore 10. Dalle 12,30 sar attivo lo stand per il pranzo, presso i locali dellex scuola elementare, mentre nel pomeriggio sar recitato il Rosario. Alle 15.30 inizier a suonare lorchestra "Due di picche" e saranno attivi la pesca, i giochi per i pi piccoli, stand gastronomici no a sera. Riguardo alla storia recente, nel 1960 stata costruita la nuova chiesa parrocchiale di Santa Flora, vicino allabitato, chiusa al culto per instabilit il 27 ottobre 1986. Nel 2001, grazie allimpegno del parroco don Ezio Ostolani e dei parrocchiani, stata riaperta al culto e consacrata dal vescovo Paolo Rabitti il 1 di maggio. (Db)

Cesena | Incontro con Napoletano

Cesena

E morta nonna Letizia


La chiave per ricostruire il futuro dItalia sta nel suo passato. Nello specifico, negli straordinari venti anni seguiti alla fine della seconda guerra mondiale. Ad affermarlo il direttore de Il Sole 24 Ore Roberto Napoletano nel suo libro "Promemoria italiano", presentato gioved scorso a Cesena su invito dellassociazione Benigno Zaccagnini. Il libro stato scritto perch nel 2032 non accada pi quello che successo nel 2012 rispetto a Mani pulite del 92, sprecando altro tempo in un tunnel di crisi e corruzione.
A 102 anni deceduta Letizia Santini, vedova Casadei, che aveva vissuto la sua lunga vita in campagna a Calisese. Grande partecipazione al funerale di sabato 20 aprile nella chiesa di Bulgaria. Due anni fa era stata festeggiata in casa, in occasione del centenario, dal sindaco Paolo Lucchi, dal vescovo Douglas, dal parroco don Stefano Pasolini, dai gli e dai parenti.

Sport

Gioved 25 aprile 2013

21

Sabato scorso pareggio (1-1) interno con il Lanciano


riuscito a ostacolare in qualche modo il cammino della squadra di Bisoli: l1-1 sofferto contro gli abruzzesi stato firmato da Succi dopo che Piccolo aveva portato in vantaggio i rossoneri. Il presente comunque si chiama Empoli: gli azzurri toscani sono in piena zona play-off, dallalto dei loro 63 punti che valgono anche il quarto posto in classifica. La squadra allenata da mister Sarri artefice di 17 vittorie, 12 pareggi e 9 sconfitte, con 62 reti segnate e 50 subite. Trasforma tanto la squadra toscana, ma incassa anche parecchio: solo 4 gol in meno del Cesena 16esimo in graduatoria. In attacco particolare attenzione andr riservata al tandem TavanoMaccarone, uno dei pi temibili di tutto il torneo cadetto. Sar unimpresa dura, ma nulla deve spaventare questo Cesena. Grosso sospiro di sollievo, invece, a livello societario, dopo la discesa in campo della NewCo trainata da Giorgio Lugaresi, succeduta alla gestione Campedelli, ora non pi presidente del sodalizio bianconero. Il percorso ancora irto di difficolt ma il peggio sembra essere passato. La nuova societ intenzionata a ripartire da Bisoli per costruire un futuro pi solido. Il tecnico di Porretta disponibile a sedersi al tavolo delle trattative, ma prima di tutto bisogna salvarsi sul campo. Eric Malatesta

25-28 aprile
Al Romagna Centro torneo giovanile
Lundicesima edizione del torneo di calcio giovanile Cesenatico Youth Festival sar inaugurata gioved 25 aprile allinterno dello stadio "Moretti" di Cesenatico, quando tutte le squadre partecipanti sleranno davanti alle tribune della struttura con tanto di fuochi articiali al termine della serata. Lorganizzazione a cura dellAssociazione sportiva dilettantistica Romagna Centro, con la collaborazione delle agenzie Play Sport di Cesena e Adria Sport di Cervia, specializzate in eventi sportivi. La kermesse, che ospita squadre in rappresentanza di tutte le regioni dItalia e di tutte le categorie del settore giovanile (Pulcini, Esordienti, Giovanissimi, Allievi), negli ultimi anni ha registrato un notevole successo in termini di partecipanti. Lo spirito con cui sono nate le iniziative quello del divertimento e della socializzazione attraverso lo sport e offre la possibilit di una piccola vacanza in una terra davvero ospitale come quella romagnola. La manifestazione vanta numeri importanti e si disputer sui campi dellimpianto sportivo Romagna Centro di Martorano Cesena, che conta un settore giovanile di 22 squadre per un totale di 370 ragazzi e offre strutture allavanguardia per la pratica calcistica: tre campi da calcio a 11 (di cui due in erba articiale di ultima generazione), due campi da calcio a 7 in sintetico, un campo da calcio a 5 e tre campi da beach soccer. Il torneo coinvolger altri 12 campi del circondario. Circa 300 le partite in programma durante questi tre giorni di sport.

Succi in azione (Pippofoto)

Pranzo toscano alle 12,30 Il Cesena va a Empoli


ancano solo quattro gare al termine del campionato, e il Cesena deve allungare il passo se non vuole rischiare brutte sorprese. Dopo il pareggio di sabato scorso col Lanciano per 1-1 la classifica rimasta molto compatta nelle zone centro-basse. Ecco perch, gi dalla difficile trasferta di Empoli di domenica 28 aprile, i bianconeri sono chiamati al massimo impegno per incamerare punti preziosi

in chiave salvezza. Allo stadio Castellani di Empoli si gioca alle 12,30. I 46 punti ottenuti fino ad oggi dalla truppa bianconera non lasciano ancora dormire sonni tranquilli ai tifosi cesenati. La zona play-out distante solo 4 punti e i 2 punti racimolati nelle ultime 4 partite hanno permesso ad altre formazioni di avvicinarsi notevolmente al Cesena. Dopo la sconfitta di La Spezia nel turno infrasettimanale, anche il Lanciano

Pallavolo B2
Sconfitta secca (3-0) per il Volley club
Brutto stop per il Volley Club Cesena, che torna dalla lunga trasferta di Quarrata con una pesante scontta di tre punti e con lo stop di Serena Gardini, infortunata alla caviglia. Coach Bazzocchi ha dovuto inoltre fare a meno di capitan Cancellieri, colpita da un improvviso attacco inuenzale, e ha quindi schierato Poggiali in regia, Parenti opposto, Di Fazio e Zebi in banda, le Gardini Serena e Camilla al centro e Fabbri libero. Ora bisogna stringere i denti e prepararsi al meglio alla sda di sabato prossimo, decisiva per i play-off, contro Montespertoli. "Proprio per questa sda si legge in una nota della societ -, che andr in scena al Minipalazzetto sabato sera alle 21, linvito a tutti i sostenitori, amici, atleti ed atlete di riempire il palazzetto per sostenere le ragazze in questo delicato incontro".

Ginnastica acrobatica, "Olimpia" sugli scudi


La societ di Gambettola fa man bassa di vittorie
Ottimo risultato per la squadra giovani dellOlimpia Gambettola nella terza gara del campionato italiano di ginnastica acrobatica, disputatasi a Cumiana (Torino) la scorsa settimana. Con la vittoria ottenuta, la terza su tre gare disputate, i giovani atleti allenati da Franca Casadei hanno pressoch ipotecato il titolo nazionale di ginnastica acrobatica quando rimane solo lultima gara "casalinga", che si disputer a giugno a Cesenatico. La squadra dei giovani dellOlimpia Gambettola, composta da atleti tra i 9 e i 13 anni, stata lautentica rivelazione di questo campionato, imponendosi su avversari che impiegavano atleti pi "grandi" di et, come i tradizionali rivali torinesi di Cumiana. A differenza delle altre gare disputate, nella prova di Cumiana il successo degli atleti gambettolesi stato ancora pi netto perch ottenuto in tutte le discipline, con un bottino di 5 primi posti e 16 podii in totale. La formazione dei giovani stata rappresentata dalle

ragazze Viola Biguzzi, Linda Bartoli, Sara Consani, Ilenia Evengelisti, Martina Zani e dai maschi Borik Baiardi, Alessandro Evangelisti, Lorenzo Magrini e Matteo Zamagni. Ipoteca sul titolo nazionale anche per la squadra femminile juniores, che pure, nella gara di Cumiana, in vista dellimminente prima prova del Campionato europeo in programma in Austria per il secondo fine settimana di maggio, ha dosato le forze, lasciando riposare alcune atlete, ma non ha comunque rinunciato alla competizione individuale. Il risultato pi eclatante lhanno ottenuto proprio le ragazze gambettolesi, dimostrando la netta supremazia a livello nazionale, conquistando tutto il podio nel tumbling, con Eva Luna Maestri che ha preceduto le compagne Zoe Paganelli e Giada Lombardi. Nel trampolino, invece, primo posto per Zoe Paganelli, davanti a Eva Luna Maestri. Piero Spinosi

IMU

22

Gioved 25 aprile 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

AllEurocamp di Cesenatico il Trofeo Polisportivo


abato 4 e domenica 5 maggio a Cesenatico, presso S lEurocamp in via Cristoforo Colombo, si svolger il Trofeo Polisportivo Regionale del Csi. Il programma della competizione, dopo laccoglienza delle societ sportive iscritte, prevede alle 16 di sabato linizio delle gare di volley, basket e calcio e alle 21,30 la serata associativa. Domenica proseguiranno le gare a partire dalle 9 e alle

12,30 verr celebrata la Messa. Dopo la pausa pranzo, alle 15,30 prevista la ripresa delle partite, alle 18 la premiazione dei tornei di calcio e basket e alle 18,30 quella del volley. Alle 19 partenza delle squadre. I comitati Csi presenti sono, per il momento, quelli di Cesena, Parma, Modena, Reggio Emilia e Ravenna. Le societ cesenati gi iscritte alle varie discipline sono per ora quattro: Virtus Cesena, Usd San Marco, Coop. Granata Bagnarola e Pol. Forza Vigne.

Nuoto Csi
Ottima terza prova del circuito Csi
Si svolta domenica 7 aprile, presso la piscina comunale di Ravenna, la 3 prova del circuito regionale Csi e i ragazzi della Mg Team Nuoto Csi Cesena, dai pi piccoli ai pi grandi, hanno meritano lapplauso per non aver perso ancora una volta loccasione per farsi valere, conquistando complessivamente 14 podii. In ordine di stile, dalla categoria pulcini a quella degli assoluti, questi i risultati conseguiti dagli atleti di casa nostra: 50 mt. dorso maschi categoria pulcini: Riccardo Baldini 3 classicato; 50 mt. dorso femmine categoria giovanissimi: Giada Zavalloni 3 classicata; 50 mt. dorso maschi categoria giovanissimi: Alessandro Nieddu 3 classicato; 50 mt. dorso maschi categoria ragazzi: Nicola Bagnoli 2 classicato, Gian Marco Bartoli ed Elia Morosi 3 classicati; 50 mt. dorso maschi categoria assoluti: Matteo Barca 1 classicato, Filippo Onofri 3 classicato; 50 mt. rana maschi cat. Giovanissimi: Alessandro Nieddu 3 classicato; 100 mt. rana femmine categoria assoluti: Giulia Dapporto 1 classicata; 50 mt. stile libero maschi categoria ragazzi: Elia Morosi 3 classicato; 50 mt. stile libero categoria assoluti: Giacomo Bondi 1 classicato; Matteo Barca 3 classicato; Staffetta 4x50 mt. stile libero maschi categoria assoluti: Barca, Morosi, Onofri e Bondi 2 classicati (anche se con lo stesso tempo dei vincitori). Sottolineiamo poi per dovere di cronaca le vittorie di Matteo Barca e Giulia Dapporto e le prestazioni di Alessandro Nieddu, Elia Morosi e Matteo Barca, che sono riusciti a salire per ben tre volte sul podio, senza nulla togliere a tutti gli altri e a coloro che per poco non ce lhanno fatta. Al di l delle performance individuali, comunque la prova di squadra che piaciuta, in quanto, agonisticamente parlando, il gruppo sta crescendo con tante e belle nuove realt. Si conclusa solo una tappa di questo cammino, che tutti noi ci auguriamo possa essere foriero di tante belle soddisfazioni per i nostri ragazzi, nella speranza, un giorno, di poter vantare un nostro campione o una nostra campionessa di nuoto. Per concludere, un ringraziamento anche agli allenatori, Alberto e Fabio, che meritano i nostri complimenti per limpegno, la dedizione e il bel lavoro che stanno facendo.

Sui campi le fasi finali dei tornei iniziati nellautunno scorso

mesi di maggio e giugno caratterizzano da sempre lattivit del comitato cesenate del Csi con la disputa delle fasi finali delle competizioni che hanno preso lavvio allinizio dellanno sportivo. Il calendario delle attivit diventa dunque impegnativo per la concomitanza di vari appuntamenti.

Attivit del Centro sportivo Primavera intensa I

La 6 Coppa di calcio a 7 maschile prevede, dal 6 maggio al 9 maggio, la disputa dei quarti di finale: il Ritorno Autotrasporti Bragagni opposto al New Team San Piero, il Ristorante Da Mario di Cervia al G.P . Vigne New, lAtletico Il Passatore alla Pol. San Lorenzo e lAcquapartita Calcio al Montenovo Montiano. Le semifinali

avranno luogo dal 20 al 23 maggio e le finali il 3 o 4 giugno. Sempre nelle medesime date si svolgeranno i quarti di finale (la Virtus San Mauro Mare se la vedr col G.P . Vigne Arison, il San Cristoforo Frigoriferi Caporali con il Montaletto Lucy Bar, la Tecnoperforazioni con lAtleich Mlv, lAssociazione Homo Viator con lUs Pagigi), le semifinali e le finali del 5 Trofeo Seven di calcio a 7 maschile. A completamento del quadro dellattivit di calcio a 7 maschile occorre ricordare che dal 13 al 17 maggio si effettueranno i quarti di finale dei play-off e dei play-out del relativo campionato; dal 27 al 31 maggio le semifinali e dal 3 al 7 giugno le finali. Per quanto riguarda il campionato di calcio a 5 femminile, dal 6 al 10 maggio si disputeranno gli ottavi di finale dei play-off e dei play-out; dal 13 al 24 maggio i quarti, dal 27 maggio al 7 giugno le semifinali e il 14 giugno le finali. Relativamente al campionato di calcio a 5 maschile, dal 6 al 13 maggio si svolgeranno i quarti di finale della Coppa, dal 20 al 31 maggio le semifinali e il 31 maggio le finali della stessa competizione, mentre il 10 maggio si giocheranno le finali dei play-off e dei play-out del campionato.

| Csi cesenate: un po di storia

Beach Tennis
Tornei conclusi
I campionati di beach tennis, disciplina nuova per il nostro territorio che sta incontrando crescenti simpatie tra le giovani generazioni, hanno avuto il loro epilogo. Per quanto concerne la competizione maschile, giunta alla sua seconda edizione, cui hanno partecipato sette societ che hanno dato vita a un solo girone, il successo nale spetta allAdriatica, che ha preceduto di quattro lunghezze il Team Caccia e di cinque il G.P. Vigne-Nolorico: pi distante lUs Tanta Roba. Nel 2 campionato femminile, che ha visto ladesione di otto formazioni in un unico raggruppamento, il Team Bota ha conquistato il primo posto, precedendo di cinque punti il Team Delno, di sette il Team Puma e di nove lUs Le Margherite. Nel 2 campionato misto, cui erano iscritte quattro compagini, la vittoria andata allUs Come Vuoi-Villa Rosa Beach, che ha preceduto di una sola lunghezza il Team Caccia- Fulminate e lUs metamorfosi- Fratelli Amaducci-Margherite e di due lUsd San Marco-Spriz Pol. Vigne.

La foto di questa settimana si riferisce alla formazione del Bar Cacciatori, che partecip nellanno sportivo 2004/05 al Campionato di calcio a 7 maschile.

Pagina Aperta

Gioved 25 aprile 2013

23

Il direttore risponde
LItalia sullorlo di una crisi di nervi Adesso il momento della responsabilit

LOcchio indiscreto

gregio direttore, le vicende che si sono consumate in Parlamento in questi ultimi giorni, mi suscitano alcune considerazioni. Le annoto con lauspicio che possano essere lette cos come sono scritte, senza retropensieri. La prima: il popolo italiano decisamente migliore dei politici che lo rappresentano. Lo affermo con un certo reale paradosso, seppur drammatico. Se davvero il popolo fosse ad immagine dei proprio politici, mentre questi discutono, si accusano reciprocamente, si parlano luno sullaltro nei dibattiti televisivi con modi e toni da becero urlatore che contesta a priori laltra parte, allora il popolo per analogia dovrebbe essere allo scontro civile fra chi ha sostenuto una parte e chi laltra. Per fortuna e per intelligenza ( un auspicio!) il popolo decisamente migliore dei politici che lo rappresentano. E che tutto questo duri, ancora per molto. La seconda considerazione: nei passaggi di difficolt della vita di un gruppo di persone - sia che queste costituiscano una famiglia, un nucleo parentale, unazienda, una comunit locale o un popolo nazionale la soluzione praticabile quando il nucleo di coloro che guidano fa prevalere il bene di quel popolo nazionale piuttosto dellinteresse di parte. E in questo momento a me pare si farnetica molto, ma si pratica poco per il bene del popolo italiano. Altrimenti si sarebbe gi messo in pista un percorso per rianimare la societ civile, piuttosto che giocare ancora - sulla pelle delle persone, dei loro ideali, delle loro fatiche quotidiane. Lultima considerazione: sono stufo di leggere di dimissioni comode! Quelle in cui ti chiami fuori, lavandotene le mani, per le tue incapacit. Troppo comodo essere parte-artefice di questo livello di sofferenza istituzionale e sociale e poi scendere dalla giostra. E lasciare il

conto da pagare alle famiglie, alle piccolemedie imprese, allagricoltura, agli artigiani, a tutte le importanti realt produttive e ai loro lavoratori. Quando la vita si incrina e diventa sofferenza, io non mi tiro indietro. N mi allontano dai miei familiari, anche se la vedono e la pensano diversamente da me. Tuttaltro. Prendo le redini della quotidianit in mano e le stringo pi forte; discuto ma mi stringo a quel nucleo di appartenenza. Grazie per lospitalit. Raffaele Brighi Cesena (Fc) Egregio Brighi, mille grazie per le sue riflessioni scritte a caldo dopo la bocciatura di Prodi alla presidenza della Repubblica. Sono daccordo con lei quando afferma che nel momento del bisogno non si pu fare altro che mettersi insieme, tutti quanti, per salvare la barca mentre sta affondando. Invece, troppo spesso assistiamo a teatrini avvilenti in cui pare si faccia di tutto per demolire. Si dice solo di no alla proposta dellavversario politico. Siamo davanti a un gioco al massacro che non conduce da nessuna parte. Speriamo nel richiamo alla responsabilit che giunge dal Colle. Speriamo non cada nel vuoto. Per il resto, la rimando alleditoriale che trova in prima, terminando con unultima annotazione. Non so se i politici siano o meno lo specchio del Paese reale. So per certo che ciascuno di noi pu mettersi una mano sulla coscienza e domandarsi quale contributo porta alla ricostruzione di questa Italia sullorlo di una crisi di nervi, oltre che economica, morale e anche culturale. Cordialit. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Pioggia, tanta pioggia. Poi sole, poi ancora acqua. La primavera 2013 stata favorevole alle piante erbacee spontanee, come tutti possono notare nei propri giardini o nei campi. I giardinieri dei Comuni non riescono a stare al passo di questa crescita tumultuosa. Nella foto, unaiuola della rotonda Cervese a Cesena.

Libert, parola a proprio uso e consumo


Caro direttore, la parola libert magica, invocata e desiderata da tanti, ma difficilmente realizzata perch ognuno la desidera a proprio uso e consumo. Ora che le dittature si sono dileguate, autodistrutte per la loro incapacit di creare benessere, per tante malefatte e ingiustizie di ogni genere, il momento propizio perch quella parola magica si tramuti in realt. Restiamo comunque guardinghi, sotto le ceneri di quelle dittature c sempre qualche tizzone acceso pronto a emergere, ed questa una delle difficolt che impediscono il nuovo decollo politico. La libert come una pianta ad alto fusto esposta alle intemperie della natura. Il vento la fa oscillare ora a destra, ora a manca. Finch converger verso il centro regger, ma se un forte vento la spinger con violenza da una delle due parti e le sue radici non saranno profonde nel terreno dellordine e del diritto, verr sradicata. Molti vorrebbero una libert radicale che porterebbe certamente alla schiavit di molti, specie dei pi deboli. Altri la vorrebbero limitata, impedendo cos un reale sviluppo sociale. Liniziativa privata, dove una persona pu operare ed esprimersi a seconda dei propri carismi, la via migliore, a mio avviso, per uno sviluppo reale di tutta la societ. Come gettando un sasso in acqua, cos le onde del benessere si propagano raggiungendo anche i meno fortunati. La restrizione a tale processo , al contrario, come lanciare un sasso in una pozzanghera melmosa: il sasso affonda nella miseria. Daltro canto un libero guadagno egoistico, fine a se stesso, non porta giustizia alla comunit. Una libert perfetta non esister mai, perch luomo stesso imperfetto, perch la societ sottoposta ai cambiamenti del progresso, delle nuove scoperte, della cultura e per elementi imprevedibili. Lunica via possibile resta quella pianta dondolante purch salda nel diritto e nellordine, che come un pendolo oscilla da destra a sinistra convergendo sempre verso il centro. Guai se quel dondolare si bloccasse da una delle due parti; ritorneremmo indietro. Il cammino della libert sempre imperfetto, specie se il popolo si allontana dal Decalogo, unico fondamento di libert e di ogni diritto, verit di tutta la storia umana. Cordiali saluti Bettino Campidelli

Il tempo degli eroi I Giusti senza nome e senza gloria


Coraggio, senso di giustizia, nessun beneficio, poche possibilit di successo, grande senso del dovere, speranza e amore. Questo sono i Giusti. Ma non facile individuarli: nessuno sa chi sono, e nemmeno loro stessi, che per sanno riconoscere il dolore degli altri e se lo caricano sulle spalle. Si tratta di persone comuni che, durante l'Olocausto, hanno messo da parte ogni pregiudizio e hanno perfino rischiato la vita pur di fare del bene e salvare gli ebrei dalla deportazione e dalla morte. Costoro non hanno avuto il bisogno di raccontare le loro storie per sentirsi bene, hanno preferito restare eroi silenziosi, anonimi, con il rimorso, talvolta, di non aver fatto abbastanza, di non aver difeso pienamente i diritti dei pi deboli. A queste persone sono stati dedicati veri e propri giardini, e, dal 6 marzo di questanno, anche una giornata, la Giornata europea dei Giusti, promossa da Gariwo e approvata dal Parlamento di Bruxelles. Cesena stata tra le prime citt europee ad aderire a questa importante iniziativa: lo ha fatto con una mostra dal titolo I giusti in tempi ingiusti (a cura del Centro Culturale Il Gabbiano), allestita nel salone del Palazzo Comunale e introdotta da Antonio Ferrari, editorialista

del Corriere della Sera, e dal nostro professore Filippo Panzavolta. Al Teatro Verdi andato poi in scena Pi che mediocre, uno spettacolo (con Lelia Serra e i Siman Tov) su Don Odo Contestabile, un monaco del Monte che rischi la vita per salvare una famiglia di ebrei. Anche noi ragazzi siamo stati coinvolti: i nostri compagni di IV e V dellindirizzo Spettacolo hanno infatti realizzato il manifesto della giornata, sotto la guida della prof. di disegno e storia dellarte Maria Grazia Cantoni. Per noi la Giornata dei Giusti stata soprattutto unoccasione per riflettere, e ci sorta spontanea una domanda che non ci eravamo mai posti prima: chi davvero un eroe? E abbiamo capito che l'eroe non colui che non teme niente e non dubita di nulla. L'eroe colui che affronta la realt apertamente, che non volta le spalle al prossimo e sa ascoltare la voce del cuore. E abbiamo compreso che i Giusti sono anche tra noi e che anche noi siamo chiamati a esserlo, a cominciare dalla nostra quotidianit. Questa la lezione della storia. Fermatevi nelle strade e guardate, informatevi circa i sentieri del passato, dove sta la strada buona e prendetela, cos troverete pace per le anime vostre dice Geremia. Ludovica Lugaresi, Giorgia Tisselli, Luca Evangelisti 5B Liceo della Comunicazione Immacolata, Cesena

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

INFORMAZIONE E INTERNET I PORTALI E I SITI A LIVELLO LOCALE


Raccolta di firme a difesa della vita