Sei sulla pagina 1di 32

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

Speciale

La Comunione
in parrocchia
Foto dalle comunit

Dopo di noi
Una nuova legge
per lItalia

ntra nel vivo ledizione


2016 della Festa della
EFamiglia
diocesana. Tra te-

na nuova pagina di volti sorridenti dei bamU


bini di Gatteo, San Carlo,

pprovata dalla Camera


Disposizioni in materia
A
di assistenza in favore del-

stimonianze e adorazione eucaristica

Calabrina, Longiano e Macerone

le persone con disabilit


prive di sostegno familiare

Dopo i proclami, i fatti


di Francesco Zanotti

allottaggio sindaci: ha stravinto il


Movimento 5 Stelle. Il dato
evidentissimo. Ha preso voti ovunque, a
destra, a sinistra e al centro. Su 20 Comuni in
cui erano in lizza, i candidati grillini hanno
prevalso in 19 elezioni. Un esito prevedibile,
ma forse non di questa portata. Come la
schiacciante vittoria di Virginia Raggi a Roma e
il notevole recupero compiuto a Torino da
Chiara Appendino sul sindaco uscente, Piero
Fassino del Pd.
A Milano ha prevalso luomo voluto da Matteo
Renzi. Unica consolazione (Bologna era
scontata) per il premier che da uomo nuovo
della politica italiana, si ritrova a rappresentare,
suo malgrado e nel breve volgere di due anni, il
vecchio del sistema. Una sorte toccata a molti
fra quanti si sono avvicendati, dopo la caduta
dei partiti tradizionali travolti da Tangentopoli
allinizio degli anni Novanta, nellagone
politico italiano, a qualsiasi livello.
Ha vinto lantipolitica, dicono diversi
commentatori. Pu essere vero. Ha avuto
successo chi si fatto interprete di un
diffusissimo malessere che non riguarda solo le
citt italiane, ma pervade tutta Europa e anche
il resto del mondo occidentale. Si avverte
sottesa ha osservato domenica sera in
televisione Nicola Piepoli illustrando gli exit
poll che non hanno sbagliato un solo colpo
una ribellione verso il potere. Una sorta di
rivolta, sospinta dai populismi e dai
nazionalismi del vecchio continente e visti
allopera anche negli scontri tra tifoserie agli
Europei di calcio in corso in Francia. Una
pagina di storia che sembrava chiusa pare ora
riaprirsi con inquietudine.
Merita un cenno lastensionismo. Solo un
cittadino su due si recato al voto per il
ballottaggio. Un dato che deve fare riflettere,
ma al quale ci si dovr sempre pi abituare. Chi
non frequenta le urne deve accettare ci che
decidono i votanti. Non vero che protesta:
magari avr questa intenzione. In realt non si
esprime e lascia ad altri chi scegliere per farsi
governare.
Ora ai seguaci di Beppe Grillo toccher agire.
Dopo i proclami, i fatti. Non solo no, quindi,
ma anche decisioni da prendere e citt da
amministrare in un arduo compito quotidiano.
Il centrodestra rimane molto diviso, mentre
Napoli fa storia a s, con una lotta tutta a
sinistra di non facile comprensione da fuori
citt.
A Cesenatico, per guardare in casa nostra, il
sindaco uscente Roberto Buda ha recuperato
moltissimi voti, ma il distacco da Gozzoli del
Pd era incolmabile. Non mancano argomenti
per riflettere, a partire dallingloriosa
conclusione della passata legislatura, unaltra
brutta pagina per un centrodestra in cerca di
nuove leadership.

anno XLIX (nuova serie)

numero 25
euro 1,30 - contiene I.P.

25

Attualit

Occasioni dincontro
e celebrazioni
Tutto festa

Editoriale

Gioved
23 giugno 2016

11
Confcommercio
imprese per lItalia
del comprensorio cesenate
Inserto di 8 pagine
al centro del giornale

Ristrutturata la canonica di Bagnile di Cesena. Sar gestita dalla Papa Giovanni XXIII

Una nuova casa


per immigrati

FOTO
ARCHIVIO
SIR

Non solo immigrati, anche se il tema sempre in cima alle urgenze da


affrontare, anche nel territorio cesenate. In questo Primo piano pubblichiamo
un aggiornamento sulle presenze di profughi in citt e nei paesi. I numeri,
nonostante gli allarmi spesso ingiustificati, sono ancora modesti.
Laccoglienza non va rivolta solo verso gli stranieri. Accettare laltro significa
anche prendere su di s le dure conseguenze di un incidente stradale. Come
successo alla famiglia Tassinari. Il figlio Gianni in coma vigile dal 1995.
Nella loro casa a Bagnarola di Cesenatico si seguono ritmi del tutto particolari
e le amicizie vere giocano un ruolo fondamentale. Dove non arrivano le
medicine, arriva lamore, dicono i genitori di Gianni. Una lezione per tutti.
Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena

13 Cesena

Principe Umberto
Una tragedia
dimenticata

Scuole superiori
I primi risultati
Quasi tutti bravi

Cesenatico 15

Valle Savio

Matteo Gozzoli
il nuovo
sindaco

La pastorale
del telefono
e della mail

14

17

Opinioni

Gioved 23 giugno 2016

Limpegno dei settimanali cattolici per la carit del Papa


Obolo
o
di San Pietr

bolo di San Pietro e settimanali diocesani, un binomio quasi inscindibile che


va avanti da anni. Si tratta dellinserzione gratuita pi accettata da tutti i
nostri 191 periodici associati. Un gesto che dice di una stima verso il Papa e
verso quanto realizza in Italia e nel mondo, per portare ovunque lamore di
Dio per ogni uomo.
Lofferta vado a prestito di quanto indicato nel volantino contenuto nella busta
che si allega ai nostri giornali in queste settimane costituisce un eloquente segno
di vicinanza alla Sede apostolica e manifesta, con la partecipazione alle sue opere di
bene, laffetto dei fedeli nei confronti del Papa.
Un gesto concreto col quale viene offerta lopportunit di farsi prossimi agli uomini
e alle donne che si trovano negli angoli pi reconditi del pianeta. Una sintonia,
vorrei aggiungere, grazie alla quale i fogli diocesani si fanno strumenti della
Chiesa per arrivare nelle periferie, per giungere e portare la parola, in questo caso la
richiesta, del Pontefice anche l dove forse farebbe fatica ad arrivare. Uno

LObolo di San Pietro un segno che diventa solidariet praticata


perch permette alla Santa Sede di farsi canale di carit e
reperire i mezzi necessari al funzionamento delle strutture poste
a servizio del ministero del Santo Padre, della sua voce e della
sua azione, nella Chiesa e nel mondo

Le parole malate
Dalle tragedie e dai problemi
lappello per un linguaggio nuovo
rlando, Londra, Parigi e altre citt, anche italiane,
meno conosciute portano i segni di quella feroce
banalit del male che accompagna il cammino
delluomo.
Lelenco delle tragedie diventa ogni giorno pi lungo,
diventa un grido daiuto e nello stesso tempo un appello a
non dimenticare, a non rimuovere dalla memoria.
Lassassinio di una parlamentare a Londra, la strage di
persone a Orlando, luccisione di due poliziotti accanto al
loro figlio di tre anni a Parigi, la violenza delluomo contro
la donna che non condivide pi il percorso iniziato
insieme, rilanciano interrogativi sulla conseguenza che
hanno o possono avere le parole quando sono impregnate
di disprezzo e di voglia di annientare laltro.
Richiamare le conseguenze delle parole malate non
significa dare per scontati i collegamenti tra la violenza
orale e le reazioni di menti disturbate che hanno seminato
morte e disperazione anche in questi giorni.
Tuttavia gli interrogativi si affollano soprattutto
nellosservare che la banalit del male sottilmente
penetrata nel linguaggio, distruggendo relazioni,
interrompendo comunicazioni, cancellando volti.
Si potrebbe partire, come esempio, dallo scenario politico
nazionale ed extranazionale per tentare una riflessione.
E ammissibile la giustificazione dei toni scomposti e a
tratti violenti in un confronto politico pur infiammato? E
accettabile dire che i toni fuori misura sono prevedibili,
comprensibili in un clima teso e quindi da non censurare?
In verit nel tempo della massima tensione di un
confronto, politico e non politico, pubblico e privato, ci si
aspetterebbe da ogni persona la prova della sua maturit,
della sua capacit di tenere viva la dignit della parola.
Il tempo di un confronto acceso sempre breve, ma un
tempo sufficientemente lungo per scatenare
atteggiamenti di intolleranza, di disprezzo e di odio.
E questo avvenuto e avviene anche nel nostro Paese,
nella quotidianit del vivere con gli altri.
Sono ben visibili gli effetti della parola malata, dalla
parola che ha perso la capacit di comunicare, di

La fotografia

Papa Francesco riceve in


udienza il mondo dello spettacolo viaggiante (Vaticano,
15 giugno 2016)
Foto Siciliani-Gennari/Sir

dialogare, di rilevare le differenze di pensiero senza ridurle a motivo di scontro.


Da molto tempo le parole malate, come puntualmente racconta la cronaca,
hanno contaminato gli ambiti di vita nei quali si muovono, in particolare la
famiglia, la societ, la politica, lo sport.
Hanno trasmesso e trasmettono il virus del rancore.
In una societ rancorosa anche la politica viene meno al suo ruolo di maestra e
al suo essere scuola di responsabilit sociale e civica.
Perde la fondamentale dimensione educativa e pedagogica quando, in un tempo
di trasformazioni e complessit, costruisce facilmente schieramenti e muri
contro qualcuno e difficilmente suscita pensieri e progetti per la crescita della
persona e della citt.
La politica una parola pi malata di altre anche perch la sintesi di altre. Si
pu guarire cominciando con il non declinarla con il verbo fare, che introduce
un professionismo distorto, ma riconsegnando contenuto e vigore
allespressione essere nella politica.
E una terapia lunga, ma forse lunica che, con un sussulto della coscienza di
chi al capezzale, pu portare il malato alla guarigione.
Non basteranno gli esperti e gli analisti. Pi che mai urge la presenza delle nuove
generazioni pensanti, prime vittime degli effetti diseducativi delle parole malate.
Se a restituire significato alla parola politica non torneranno i giovani e
soprattutto non torner unalleanza intellettuale e morale tra generazioni, la
politica continuer a esprimersi con parole malate. E la societ non sar aiutata
a uscire dal rancore.
Limpresa non facile, ma oggi ci sono segni, forse ancora un po confusi, che
autorizzano a sperare nella guarigione delle parole malate.
Paolo Bustaffa

strumento, il giornale, che diviene il


mezzo grazie al quale ci si avvicina
alla gente, ci si fa compagni di
viaggio, si percorre un pezzo di
strada assieme a chi si incontra
lungo il cammino.
Papa Francesco invita tutti a non
nascondersi davanti alle urgenze,
alle emergenze, alle ingiustizie, a chi
bussa alla nostra porta, come il
povero Lazzaro dellepisodio
evangelico. E invita anche a
rimuovere le cause dei mali di questo
nostro mondo. Invita a non stare
fermi. Invita a compiere azioni, a
non limitarsi a giri di parole che
rischiano di rimanere elucubrazioni
vuote. Linvito a noi e alla Chiesa
intera quello a uscire, ad andare
incontro a tutti, nessuno escluso.
Ecco allora lObolo di San Pietro, un
segno che diventa solidariet
praticata perch permette alla Santa
Sede di farsi canale di carit e
reperire i mezzi necessari al
funzionamento delle strutture poste
a servizio del ministero del Santo
Padre, della sua voce e della sua
azione, nella Chiesa e nel mondo.
Una missione che coincide con
quella dei giornali Fisc. Da oltre un
secolo i periodici cattolici locali si
pongono a fianco di chi non ha voce
e condividono gioie e dolori, fatiche
e speranze con le genti che abitano i
nostri territori, spesso nullaltro che
periferie di un Paese strabico, attento
solo a ci che rilanciano i grandi
network.
La parola di speranza annunciata dal
Vangelo per tutti gli uomini. A
questa missione chiamato in
maniera particolare il successore
dellapostolo Pietro. LObolo serve
anche e soprattutto a questo fine:
prima di tutto uniniziativa di
solidariet, grazie alle risorse offerte
dai fedeli di tutto il mondo. In questa
operazione di raccolta, i settimanali
diocesani si impegnano volentieri,
ne condividono gli scopi, si trovano
sulla medesima lunghezza donda.
Le forme della carit e della
misericordia possono essere
variegate, ma uno solo lo spirito:
Gratuitamente avete ricevuto,
gratuitamente date, come ricorda il
versetto dellapostolo Matteo (10,8).
Ritrovata la dracma, la vedova and
e fece festa con tutti i vicini. Nulla
possiamo trattenere per noi. Tutto
siamo chiamati a mettere insieme,
per una gioia pi grande. Era, e
resta la mission dei nostri giornali.
Inalterata da oltre centanni.
Compresa la raccolta dellObolo di
San Pietro, un mezzo necessario per
annunciare il Vangelo ovunque,
facendo conoscere la parola e la
salvezza portate da Cristo.

Primo piano

Gioved 23 giugno 2016

ue storie molto diverse.


Laccostamento proposto
pu anche apparire ardito.
Ma il comune denominatore,
pensiamo, dato da una parola
tanto difficile da mettere in
pratica: accoglienza. Quella verso i
profughi e i migranti, gli stranieri
in genere, e quella da imparare di
nuovo in casa quando accade
quello che nessuno si aspetta e si
augura.
Ecco presentate in questo Primo
piano la storia di Gianni Tassinari

ATTENZIONE ALLA GLOBALIZZAZIONE DELLINDIFFERENZA | di Francesco Zanotti


(di lui e della sua famiglia
abbiamo gi raccontato cinque
anni fa) e quella di Giorgio
Pollastri della papa Giovanni XXIII
che con sua moglie Rosa andr a
gestire la canonica di Bagnile di
Cesena trasformata in comunit
daccoglienza.
Non manca neppure un
approfondimento su ci che
accade nel nostro territorio verso

chi giunge con viaggi di fortuna


nel nostro Paese. Al momento
sono 175 gli immigrati ospitati in
strutture che hanno sede a Cesena
e nel circondario. Tra queste anche
alcuni edifici che fanno capo alla
Diocesi. Ma laccoglienza di chi
scappa dalla guerra non si
esaurisce nel fornire un tetto o un
pasto. La vera mission sta
nellintegrazione, nel vedere

nellaltro il volto di Cristo,


chiunque esso sia, dicono gli
operatori che pi da vicino e
nellemergenza si occupano del
fenomeno.
Per noi si tratta del Vangelo da
incarnare sine glossa, senza
commento, senza ragionamenti,
senza riserve, senza indugio. Lo
straniero bussa a casa nostra, ma
ci chiede anche di aiutarlo a casa

sua, come abbiamo ascoltato dal


vescovo siriano monsignor Hindo
dellarcieparchia di Hassek-Nisibi
dei Siri che ha chiesto a gran voce
sabato scorso a oltre 200
giornalisti riuniti a Grottammare
(AP): Fateci sentire il vostro
amore (cfr. pag. 11). In una
battuta, con le parole di papa
Francesco: attenzione alla
globalizzazione dellindifferenza
che pu raggiungere tutti, in casa,
in parrocchia, per strada, ovunque
siamo o ci troviamo.

Accoglienza nella disabilit.Iliana e Corrado Tassinari, di Bagnarola di Cesenatico, raccontano della


loro famiglia, la pi grande forza nella vita di ogni giorno. Insieme al figlio Gianni, in coma vigile dal 1995

Dovenonarrivanolemedicine,arrivalamore
Elisa Romagnoli

Iliana e Corrado insieme


a Gianni sono stati diverse
volte in pellegrinaggio,
sia a Lourdes sia
a San Giovanni Rotondo.
Il raccoglimento e la
preghiera, lincontro con
tante altre persone
chiamate ad affrontare
fatiche simili alle nostre ci
hanno donato momenti
di grande pace racconta
Iliana. Anche le amicizie
hanno una ruolo
fondamentale nella vita
dei Tassinari

GIANNI, CORRADO
E ILIANA TASSINARI
INSIEME AI NIPOTINI

a famiglia di Iliana e
Corrado Tassinari vive a
Bagnarola, in una bella
casa nella zona
residenziale. una giornata
piena di sole, mentre mi dirigo
da loro. Quando li ho chiamati
avevo chiesto al pap di Gianni
se poteva essere il momento
per unintervista. Lui, con la
serenit di chi ha la pace nel
cuore, ha risposto che per loro
sempre il momento, perch
vivono da ventanni questa
situazione, dallesterno
tremenda: Gianni, il figlio
maggiore, in coma vigile
dopo un incidente stradale che
gli ha provocato gravi danni
neurologici. Quando entro in
soggiorno, Gianni sta
guardando la televisione
insieme a Luca, uno dei
bambini di sua sorella Stefania.
Li saluto e con i genitori ci
sediamo attorno al tavolo.
Gianni Tassinari oggi ha 43
anni. Nel settembre del 1995 ha
avuto un terribile incidente
stradale mentre guidava la sua
moto. Da quel giorno, i danni
neurologici riportati hanno
cambiato la sua vita e quella
della sua famiglia. Prima il
ricovero a Cesena, poi la
lungodegenza al Centro di
Riabilitazione San Giorgio di
Ferrara. In quei mesi per la
famiglia Tassinari stato
necessario trasferirsi vicino a
Gianni. Dopo sette mesi di
ricovero, con consapevolezza e
coraggio i suoi genitori hanno
scelto di portarlo a casa e di
farsi carico personalmente nel
quotidiano delle cure di cui ha
bisogno. Corrado dice che da
allora sua moglie Iliana che
ogni giorno, con laiuto del
resto della famiglia, si prende
cura del figlio.
Corrado, invece, ha mantenuto
gli impegni di lavoro, anche se
questa nuova e grave
situazione gli ha insegnato a
dare un nuovo peso alle diverse
situazioni della vita. Mi
racconta che la sua famiglia di

Non siamo persone


straordinarie, ma una
famiglia che ha deciso di
farsi carico del problema.
Non accettare la situazione
sarebbe stato un dramma
per noi. Certamente il
dolore resta nel cuore ed
grande, ma affrontiamo la
vita con la tranquillit e la
speranza che Dio ci aiuta
origine di estrazione
cattolica, ma comunque lui era
sempre stato molto preso dal
mondo esterno. Con
lincidente di suo figlio ha
avuto modo di riflettere, di
dare nuove priorit
allesistenza e ai valori in cui
crede. Il lavoro per lui resta
importante e necessario, ma in
funzione di quanto pi conta
nella sua vita. La nostra - mi
dice Corrado guardando la
moglie - una famiglia
normale. Non siamo persone
straordinarie, ma una famiglia
che ha deciso di farsi carico del

problema. Non accettare la


situazione sarebbe stato un
dramma per noi. Certamente il
dolore resta nel cuore ed
grande, ma affrontiamo la vita
con la tranquillit e la speranza
che Dio ci aiuta. Gli chiedo
quale sia la loro arma vincente
e mi dice che sia lui che sua
moglie hanno sempre creduto
tantissimo nella famiglia. Ed
effettivamente lamore con cui
si prendono cura di Gianni e la
premura verso il resto della
famiglia li esprimono in modo
concreto. Poi interviene
nuovamente Corrado: Se oggi
Gianni ancora qui grazie al
cielo e ai medici che lo hanno
seguito. Tutti possono
affrontare quello che stiamo
vivendo noi. Ma ci vuole una
grande fede prima di tutto.
Quando ci siamo resi conto
delle conseguenze di quanto
successo a Gianni ci crollato
il mondo addosso. Poi pian
piano ci siamo resi conto che
non eravamo soli, che
Qualcuno di sicuro ci stava
aiutando. Il dono di una
famiglia unita e in armonia
lingrediente pi prezioso, oltre
alla fede e alla preghiera.
Corrado e Iliana insieme a
Gianni sono stati diverse volte

in pellegrinaggio, sia a Lourdes


che a San Giovanni Rotondo. Il
raccoglimento e la preghiera,
lincontro con tante altre
persone chiamate ad affrontare
fatiche simili alle nostre ci
hanno donato momenti di
grande pace, racconta Iliana.
Anche le amicizie hanno una
ruolo fondamentale nella vita
dei Tassinari. Iliana confida di
come per loro siano una risorsa
preziosa. Inizialmente non
stato facile abituarsi ai nuovi
ritmi dettati dalle necessit di
Gianni. Ma anche le abitudini
degli amici si sono adattate a
questa situazione e cos
quando possibile riescono ad
andare a pranzo insieme, in
vacanza, un pomeriggio al
mare. Per stare con noi, i
nostri amici hanno rinunciato
alle loro consuetudini e noi
siamo molto grati di poter
contare sulla loro
condivisione.
Una decisione importante
degli ultimi anni stata quella
di far togliere lalimentazione
tramite peg, il sondino gastrico.
stata una sfida, ma ora
Gianni pu alimentarsi quasi
normalmente. Questo passo
avanti gli consente anche di
poter fare la Comunione nei

giorni in cui viene


accompagnato alla
Messa. In
parrocchia a
Bagnarola tutti
conoscono la
famiglia Tassinari e
le condizioni di
Gianni. La consueta
processione un
momento
immancabile per
loro. Corrado
racconta come
lanno scorso, abbia
partecipato come
sponsor a realizzare
una raccolta fondi
per la Caritas
parrocchiale. Nei
mesi di giugno e di
settembre, con il
coinvolgimento di
parrocchiani e
residenti di Bagnarola, viene
proposto un pranzo di
beneficenza per raccogliere fondi
per le famiglie pi bisognose e
anche questanno liniziativa verr
riproposta.
Prima di lasciare casa Tassinari,
Iliana mi confida che la sera
davvero molto stanca. E cos la
preghiera che pi spesso le
succede di fare prima di andare a
dormire quella di poter avere
una notte tranquilla e il giorno
dopo ripartire. Quando verso le 21
lei e suo marito sono in camera,
Gianni di solito dorme tranquillo.
Corrado tira le fila di quanto ha a
cuore di trasmettere: La famiglia
se compatta riesce ad affrontare
i problemi pi gravi. Vorrei che
tutti potessero avere questa
speranza e convinzione. Quando
eravamo allospedale con Gianni
cera una decina di famiglie di altri
ragazzi che avevano avuto
problemi simili a quelli di nostro
figlio. Purtroppo sono state tante
quelle che sono andate in crisi,
soprattutto perch i mariti hanno
avuto difficolt ad accettare il peso
della situazione dei figli. Questo
stato un grande dispiacere per me.
Dove non arrivano i medici, arriva
lamore della famiglia, che sa e
pu tenere in vita pi dei
medicinali.

Primo piano

Immigrati con noi


Il territorio ospitale
Ad oggi, sono 175 gli immigrati ospitati: a Cesena sono distribuiti
in una decina tra strutture e appartamenti. A Verghereto allHotel
Appennino Nord e in un agriturismo a Bagno di Romagna.
A Sarsina e a Mercato Saraceno in abitazioni private

ccoglienza dei profughi e richiedenti asilo: Cesena e i Comuni dellUnione


Valle del Savio stanno facendo la loro parte. Attualmente sono 175 le
persone accolte sul territorio, provenienti soprattutto dai Paesi
centroafricani (Nigeria, ma anche Senegal, Gambia e Costa dAvorio) e qualcuno
anche dal Bangladesh. A Cesena sono distribuiti in una decina tra strutture e
appartamenti. Nel dettaglio: Centro Arci Oriola (22), Asp via Aldini (5), Asp Casa
gialla (19), Villa don Dino (12), Asp via Dandini (7), Asp via Ancona (18), Asp via
Isei (6),via Ravennate (11), via Orvieto (16), via Cervese (4); a Verghereto allhotel
Appennino Nord (28); a Bagno di Romagna allAgriturismo Le Corbaie (10); a
Sarsina in unabitazione privata (6), come pure a Mercato Saraceno (11).
La gestione e il coordinamento generale affidato allAsp, lAzienda dei servizi

La canonica
si fa casa
per immigrati
A Bagnile realt
Dopo i necessari lavori di ristrutturazione,
ledificio nella campagna cesenate potr
ospitare dieci persone.Voluta dalla Chiesa
di Cesena-Sarsina, sar gestita dallassociazione
comunit Papa Giovanni XXIII

ar la canonica di Bagnile a ospitare la


nuova casa per laccoglienza profughi
voluta dalla Chiesa di Cesena-Sarsina e
gestita dallAssociazione Comunit Papa
Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi.
Dopo la sottoscrizione del comodato duso, tra
la Diocesi e lApg23, avvenuta nel mese di
maggio, sono ora in corso i lavori di
adeguamento e ristrutturazione, al termine dei
quali sar possibile ospitare 10 persone.
Il responsabile del progetto Giorgio Pollastri,
membro dellassociazione Papa Giovanni dagli
anni Ottanta, quando apr una comunit
terapeutica nel ravennate. Oggi, insieme alla
moglie Rosa, gestisce una casa famiglia a
Savignano sul Rubicone. Negli anni Novanta
Giorgio stato in Sud America e poi in Croazia e
Bosnia dove la sua associazione stata
chiamata dai vescovi locali per lapertura di
alcuni centri.
Ad affiancare i coniugi Pollastri nel progetto a
Bagnile ci sar anche Osas, 35enne nigeriano,
fabbro, accolto dalla famiglia di Giorgio dopo un
percorso migratorio ed ora, a tutti gli effetti, loro
collaboratore.
Lesperienza con i primi profughi per Giorgio
Pollastri inizia in una struttura ricettiva di
Cattolica voluta da don Oreste Benzi,
inizialmente pensata per creare nuove
opportunit di reinserimento lavorativo, poi
aperta allaccoglienza di rifugiati politici nei
periodi invernali. Durante un ritiro della
Comunit a Rimini, don Oreste mi propose di
prendere in mano un albergo da far ripartire. Sul
momento rimasi perplesso, ma poi mi sono
fidato di lui e per anni, mantenendo la casa
famiglia con mia moglie, ho fatto il pendolare
tra Savignano e Cattolica per gestire lhotel.
Inizialmente stato necessario ristrutturare gli
ambienti, poi si dovuto pensare alla ripresa
delle attivit ricettive e, una volta riavviate,
stato possibile dare lavoro a molte persone che,
dopo un percorso rieducativo, hanno avuto la
possibilit di un reinserimento nel mondo del

Gioved 23 giugno 2016

alla persona, unitamente agli enti noprofit attraverso unistruttoria pubblica afferma Matteo Gaggi, dirigente dei servizi
sociali dellUnione dei Comuni Valle del
Savio -. Si deciso di ospitare i profughi in
strutture dalla capienza limitata, per dar
loro una sistemazione dignitosa e per non
urtare lequilibrio territoriale.
Tra le associazioni ed enti onlus che hanno
messo a disposizione un immobile, si
segnalano la fondazione Opera don Dino,
la San Vincenzo de Paoli, la Cils e
Fondaffitto, la Fondazione per lo sviluppo
e la promozione dei contratti di locazioni
abitativi in cui coinvolta anche la Diocesi
di Cesena-Sarsina.
Ma laccoglienza di chi scappa dalla guerra
e da una vita di stenti non si esaurisce nel
fornire un tetto o dei pasti, nellassisterli
negli atti amministrativi o nellerogazione
del pocket money di 2,50 euro al giorno.
La mission quella dellintegrazione nel
tessuto sociale cittadino, in attesa di
ottenere lo status di rifugiato. In media
liter di istruttoria dura 7-8 mesi, ma non
di rado ha tempistiche pi lunghe.

Sono molteplici le attivit che i profughi


svolgono durante la loro permanenza:
corsi di italiano, vari laboratori come
quello di informatica, sistemazione
biciclette, sartoria, cucina e musica, e poi
le attivit sportive (calcio e palestra) e la
coltivazione di orti sociali. Non di meno
sono le attivit di volontariato che le
persone accolte si rendono disponibili a
svolgere: un modo per restituire alla citt
quanto ricevuto. In particolare
a Cesena si occupano della pulizia di tre
parchi comunali e spazi verdi e giardini
dellAsp, di sgombero locali e facchinaggio
per alloggi sociali, di supporto alle famiglie
in carico ai Servizi sociali.
A Mercato Saraceno, a Bagno di Romagna
e a Sarsina puliscono strade, aree verdi e
sentieri.
Per lanno in corso la Prefettura, che per il
Ministero dellInterno distribuisce i
profughi nella nostra Provincia, prevede
un consistente aumento delle accoglienze
- evidenzia Gaggi -. Per questo servono
nuove strutture.
Francesca Siroli

Accoglienza profughi

FOTO ARCHIVIO SIR

ESTERNO
DELLA CANONICA
DI BAGNILE DI CESENA

Sarebbe auspicabile
proporre una serie di
incontri di
sensibilizzazione - dice
Pollastri della papa
Giovanni XXIII - momenti
di condivisione, in modo
che dalla casa di
accoglienza possa
prendere forma un
percorso di educazione e
conoscenza di queste
realt. facile che
davanti al nuovo e allo
straniero, si alzino
barriere di paura e
pregiudizio. Far
conoscere i problemi
concreti che queste
persone devono
affrontare pu aiutare a
far cadere tanti muri
anche dentro di noi

lavoro. Camerieri,
cuochi, operatori di
sala e tutto ci che
occorre per far
funzionare un
albergo a tutti gli
effetti, cos sono
state rimesse in
movimento tante
vite, attraverso la
possibilit di
unoccupazione.
Nel 2012 abbiamo
attivato i primi
tirocini con alcune persone straniere in Italia come
richiedenti asilo politico. Dal 2013 lhotel rimasto
aperto anche per tutto linverno come struttura di
accoglienza per profughi. Prima 24, poi in
aumento, fino a 80 persone di 7 etnie diverse.
Anche la moglie Rosa coinvolta nei progetti di
accoglienza. I ragazzi africani hanno una cultura di
estremo rispetto per la figura femminile e,
nellhotel Royal di Cattolica, Rosa era diventata la
persona dalla quale i ragazzi si sono sentiti
accuditi, nei semplici lavori di stireria e lavanderia,
ma anche spronati a prendersi cura del loro aspetto
esteriore e della gestione del vivere quotidiano.
Un compito non facile per Giorgio, che lo ha
segnato profondamente. Questa esperienza con i
profughi ha lasciato un segno in me: stato molto
di pi il senso positivo assaporato che la fatica
affrontata. Queste persone hanno molto da
insegnarci. Conoscere i motivi per cui lasciano i
loro Paesi e i loro cari, basta a rimettere ordine
nelle nostre priorit. A Bagnile - prosegue Giorgio
- vogliamo dar vita a una casa aperta. Le persone
che arriveranno hanno bisogno del nostro aiuto e
noi non possiamo rimanere indifferenti. Una volta
che la struttura sar funzionante e la Prefettura
assegner i primi ospiti, limpegno principale sar
quello di seguire queste persone nelle loro
necessit. Prima le visite mediche e le eventuali
vaccinazioni, poi la ricostruzione dei percorsi di
vita di ciascuno: gli avvocati dovranno ascoltare le

loro storie, spesso segnate da dolore e


soprusi subti, per accertare ed
eventualmente riconoscere lo stato di
rifugiato politico, anche in base alla
situazione oggettiva dei Paesi di loro
provenienza. Molti di loro desiderano
raggiungere persone care in Italia o in altri
Paesi europei e perci sono solo di
passaggio. Altri invece non hanno una meta
precisa, ma il desiderio di una vita pi
dignitosa. Solo lo sbarco in terre europee
consente di poter esercitare il loro, eventuale
diritto, dopo i dovuti e rigorosi accertamenti,
a essere riconosciuti quali rifugiati politici e
ottenere cos un permesso di soggiorno. I
tempi per il rilascio del permesso possono
variare da caso a caso, da un minino di sei
mesi a un intero anno. Nellattesa, Giorgio
penser a come far trascorrere ai suoi ospiti
giornate costruttive e orientate alla loro vita
futura. Il corso di lingua italiana sar tra le
prime attivit da organizzare, insieme
allapprendimento di lavori manuali, la
gestione costruttiva del tempo libero.
La casa di Bagnile dispone di un campo da
calcio e questo certamente si prester per
organizzare tornei per gli ospiti e, ci si
augura, insieme ai nuovi amici italiani che
vorranno conoscerli. Giorgio desidera anche
che la casa possa diventare un vero e proprio
punto di presa di coscienza. In questo senso
le idee non gli mancano. Sarebbe
auspicabile proporre una serie di incontri di
sensibilizzazione, momenti di condivisione,
in modo che dalla casa di accoglienza possa
prendere forma un percorso di educazione e
conoscenza di queste realt. facile che
davanti al nuovo e allo straniero si alzino
barriere di paura e pregiudizio. Far
conoscere i problemi concreti che queste
persone devono affrontare sono certo che
possa aiutare a far cadere tanti muri anche
dentro di noi.
Elisa Romagnoli

Vita della Diocesi

Gioved 23 giugno 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Nuova Curia vescovile, nuovi recapiti


Trasloco nei locali di via don Minzoni, a Cesena
Nei giorni scorsi sono stati completati i traslochi degli uffici della
Curia vescovile, da via Giovanni XXIII a via don Giovanni Minzoni, 57, a Cesena (edificio ex Suore della Sacra Famiglia).
Il numero di telefono della segreteria generale (centralino)
0547 1938511.
Gli uffici della Cancelleria, dellEconomato e lArte sacra e beni
culturali osserveranno gli orari di apertura di sempre: luned,
marted, mercoled e venerd, dalle 9 alle 12.

Festa di San Giovanni Battista, patrono di Cesena


Venerd 24 giugno. Le celebrazioni in Cattedrale
In Duomo a Cesena, venerd
24 giugno, si celebra la festa
di San Giovanni Battista, titolare della Cattedrale e patrono della citt di Cesena.
Alle 7, 8,30 e 11,30 in Catterale, Messe con omelia. Alle
10 ci sar la Messa pontificale
presieduta dal vescovo monsignor Douglas Regattieri. La
Schola Santa Cecilia eseguir la Messa Salve Regina
di V aleriano Tassani.
Alle 17 rosario e vespro della
solennit di San Giovanni
Battista.
Alle 18 Messa celebrata dal
vescovo emerito monsignor
Lino Garavaglia.
La sera di venerd 24 giugno, alle 21 in Cattedrale, si terr il terzo
appuntamento della Rassegna organistica Malatestiana, a cura
del maestro organista della Cattedrale Gianni Della Vittoria.
Il 24 giugno tutti i fedeli sono invitati a visitare e a sostare in preghiera nella Cattedrale di Cesena, cuore e madre di tutta la comunit diocesana, passando per la Porta Santa. Osservando le
tre condizioni richieste e recitando un Padre nostro e un
Credo si pu acquistare lindulgenza plenaria.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Ges offre sempre la possibilit di ricominciare
Domenica 26 giugno (Anno C)
13 domenica Tempo Ordinario
1Re 19,16b.19-21, Salmo 15; Gal 5,1.13-18;
Lc 9,51-62

l Vangelo della XIII domenica del Tempo


Ordinario ci presenta le condizioni richieste da
Ges ai discepoli. Alcune risposte del Signore ci
impressionano perch appaiono lontane dalla
nostra mentalit. Egli ha le idee chiare sulla sua
missione, sulla sorte che lattende e sulle
caratteristiche del discepolo. Prese la ferma
decisione di andare verso Gerusalemme, citt che
non solo un luogo geografico, ma il luogo
dellamore totale per noi. La stessa
determinazione e lo stesso amore Ges chiede
senza illusione a chi lo segue, come abbiamo
ascoltato domenica scorsa nel Vangelo. Egli parla
di una croce per tutti da portare ogni giorno. Il
cardinal Biffi utilizzava unespressione molto
significativa: Ges non prende in considerazione
assunzioni a tempo parziale o contratti a termine.
Sa che siamo deboli, ma nello stesso tempo capaci,
con il suo aiuto, di compiere liberamente scelte
decisive e costruire il nostro destino eterno.
Giacomo e Giovanni auspicano una forte
punizione per i Samaritani che si erano rifiutati di
accoglierli, ma ricevono dal Signore un rimprovero.
Non vuole che la fede sia una costrizione, ma una
libera adesione. La fede non una verit che
simpone con la violenza, non verit che
schiaccia il singolo. Il credente non arrogante
(papa Francesco, Lumen fidei, 34). Seguire Ges
pu significare sperimentare il rifiuto e
lincomprensione. Di fronte a questi atteggiamenti

il Signore propone lamore e non la


vendetta. Il discepolo colui che segue la
logica del Signore non quella umana.
Levangelista Luca ci presenta tre
personaggi anonimi che mostrano a tutti
le condizioni della sequela. Il primo un
tale generoso con una scarsa
consapevolezza di cosa significhi seguire il
Signore. La risposta che riceve da Ges ci
fa capire che il discepolo deve essere
disposto a condividere la sorte di Cristo e a
non avere casa in questo mondo. Il Signore
chiede a chi lo segue di tagliare i legami
con le cose del mondo e non esserne
schiavo. Questa forma di povert apre
anche a un modo nuovo di vedere gli
affetti. Lo impariamo dallesperienza del
secondo personaggio. La risposta che
riceve dal Signore sembra paradossale, ma
fa capire che lannuncio del Regno viene
prima di tutto, senza eccezioni. Dio lo
scopo della vita e anche la famiglia un
mezzo orientato a rispondere a Dio. Ges
invita a vivere la famiglia con un
orientamento nuovo. Il Signore non ama i
rimpianti o le incertezze. lesperienza del
terzo personaggio, ma anche la nostra. Chi
non si mai voltato indietro? Tuttavia
sappiamo che Ges non ha cercato degli
eroi. Non lo erano neanche i dodici, Pietro
compreso, poich anche lui si voltato
indietro rinnegandolo per tre volte. La sua
esperienza, come quella dei Santi
testimonia che se seguiamo Cristo, Egli ci
d sempre la grazia di ricominciare.
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 27 giugno
san Cirillo di Aless.
Am 2,6-10.13-16;
Sal 49; Mt 8,18-22
marted 28
santIreneo
Am 3,1-8; 4,11-12;
Sal 5;
Mt 8,23-27
mercoled 29
santi Pietro e Paolo
At 12,1-11;
Sal 33; 2Tm 4,68.17-18;
Mt 16,13-19
gioved 30
santi Primi Martiri
Chiesa di Roma
Am 7,10-17;
Sal 18; Mt 9,1-8
venerd 1 luglio
beato Antonio
Rosmini
Am 8,4-6.9-12;
Sal 118; Mt 9,9-13
sabato 2
santOttone
Am 9,11-15;
Sal 84; Mt 9,14-17

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale,
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio, San Bartolo
20.00 San Giovanni Bono,
Ponte Pietra,
Gattolino, Tipano
20.30 Villachiaviche, San Pio X,
Torre del Moro

Sabato
e vigilie
15.00 Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella cimitero Cesena,
Cappella
ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano,
San Paolo,
Madonna delle Rose,
San Rocco,
Diegaro, Borello,
San Mauro in Valle,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
Case Finali,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza, Villachiaviche
19.30 Bulgarn
20.00 Bulgaria, Tipano
Ruffio, Pioppa,
Pievesestina,
Ponte Pietra, Gattolino
20.30 San Pio X, Calisese,

San Giovanni Bono,


Torre del Moro, Ronta

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, SantEgidio,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,
Osservanza,
San Domenico, Santo
Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,

11.10
11.15
11.30

17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

San Giovanni Bono,


Calabrina, Calisese,
Gattolino,
Madonna del Fuoco,
San Mauro in Valle,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria
della Speranza
Cappella del cimitero
Cappella
dellospedale Bufalini
Cattedrale,
San Domenico
San Pietro, Cappuccini
Osservanza
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina,
Boschetto;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
18 Gatteo Mare;

18,30 San Giuseppe;


20 Sala;
20,45 Gatteo Mare;
21 San Giacomo,
Boschetto
Festivi:7 Boschetto, Gatteo Mare,
7,30 Valverde,
Bagnarola, Santa Maria
Goretti,
8 San Giacomo,
Gatteo Mare;
8,30 Sala, Boschetto;
9 Cappuccini, San
Giuseppe, Gatteo Mare,
Valverde;
9,15 San Pietro;
Cannucceto;
10 Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo, Sala,
Gatteo Mare;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti;
18 Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18,30 San Giacomo, San
Giuseppe, Valverde;
20,45 Gatteo Mare
21 Boschetto,
San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;

11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in


Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30; San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15;
Balze (chiesa parr): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Eremo di SantAlberico:
domenica, ore 16;
Alfero: 17 (sab.); 11,15;
Pereto: 10; Riofreddo: 10;
Corneto: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 24 del 16 giugno 2016: 8.400 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di luned 20 giugno 2016

Vita della Diocesi

Gioved 23 giugno 2016

La Madonna Addolorata del Sassoferrato dalla Pinacoteca cittadina esposta dal 23 giugno al 9 ottobre Museo Nazionale della citt polacca

Gmg e bellezze darte: Cracovia chiama, Cesena risponde


D
alla Pinacoteca di Cesena al Museo
Nazionale di Cracovia. partita nei scorsi,
alla volta della citt polacca, la Madonna
Addolorata, uno dei cinque dipinti conservati a
Cesena realizzati dal Sassoferrato (al secolo Giovan
Battista Salvi), pittore marchigiano del Seicento
celebre per le sue Madonne, diventate veri e propri
modelli delliconografia mariana diffusi in tutto il
mondo, attraverso i santini e le immagini sacre.
Il quadro cesenate sar esposto dal 23 giugno al 9
ottobre, a fianco di opere di Michelangelo,
Raffaello, Beato Angelico e altri grandi artisti,
nellambito della mostra Maria Mater
Misericordiae. Capolavori dellarte europea,
organizzata in occasione della Giornata Mondiale

LA MADONNA ADDOLORATA,
OPERA DI GIOVAN BATTISTA SALVI (SASSOFERRATO)
DI PROPRIET DELLA PINACOTECA DEL COMUNE DI CESENA

della Giovent 2016, in programma a Cracovia dal


26 al 31 luglio.
tradizione - spiegano il sindaco Paolo Lucchi e
lassessore alla Cultura Christian Castorri - che in
occasione di ogni Giornata Mondiale della Giovent
sia allestita una importante mostra darte che
precede e accompagna il grande incontro di
giovani. Siamo orgogliosi che Cesena abbia potuto
dare il suo contributo allesposizione di questanno,
che verr visitata da migliaia di persone provenienti
da tutto il mondo.
La Madonna Addolorata una tela a olio di 70 per
60 centimetri. Raffigura un primo piano della
Vergine con le mani raccolte allaltezza del cuore e il
volto incorniciato da un mantello blu. Limmagine
esprime grazia e dolcezza, ed largamente
conosciuta al pubblico per le migliaia di
riproduzioni oleografiche che ne sono state tratte.
Il trasferimento del dipinto in Polonia stato
seguito direttamente dalla Soprintendenza ai Beni
culturali dellEmilia Romagna.

Festa della famiglia diocesana edizione 2016

Testimonianze e incontri
da vivere insieme

in pieno svolgimento la Festa della famiglia diocesana


edizione 2016. Dopo lapertura di luned scorso con
suor Maria Gloria Riva che nel salone di Palazzo Ghini
ha presentato la mostra I volti della Misericordia e I poeti a
San Giovanni di marted sera, con gioved 23 si entra nel
vivo degli eventi per lanno in corso.
Due solenni celebrazioni eucaristiche si terranno in
Cattedrale a Cesena. La prima, quella della festa del patrono,
la mattina di venerd 24 giugno, alle 10, con il consueto
messaggio alla citt da parte del vescovo Douglas. Poi
domenica 26 alle 16, la celebrazione degli anniversari di
matrimonio. Dopo la gioiosa e numerosa partecipazione
dello scorso anno, anche per il 2016 si festeggeranno le
coppie di sposi che ricordano i 25, i 50, i 60 e oltre anni di
nozze. Tutte le foto saranno scaricabili da unapposita
sezione del sito del nostro giornale, www.corrierecesenate.it.
Serata intensa (sostenuta dallazienda cesenate Orogel) si
presenta quella di gioved 23 giugno. Con inizio alle 21, nel
chiostro di San Francesco, a Cesena, lattrice Beatrice Fazi (la
Melina della serie televisiva di Raiuno Un medico in
famiglia) interverr nel corso di un colloquio-intervista
durante il quale anche il pubblico potr porre domande. La
Fazi autrice del volume Un cuore nuovo nel quale
racconta la storia della sua conversione e della sua
esperienza di giovane che da Salerno, sua citt natale, arriva
a Roma in cerca di fortuna nel mondo dello spettacolo.
Sabato 25 giugno, alle 21 in Cattedrale a Cesena,
larcivescovo di Ancona, il cardinale Edoardo Menichelli,

Proseguono gli eventi in calendario


fino a domenica 26 giugno.
Gioved 23 a Cesena lincontro
con lattrice Beatrice Fazi
al chiostro di San Francesco
Sabato 25 giugno alle 21
in Cattedrale il cardinale Menichelli
presenter lAmoris Laetitia
presenter lesortazione
apostolica di papa Francesco
Amoris Laetitia. Anche in
questo caso si tratta di un
appuntamento di grande rilievo
sia per la portata del documento
di Bergoglio sia per il relatore,
esperto di questioni familiari e
uno dei relatori ai due recenti
sinodi sulla famiglia. Per tutta la
durata della festa si terr
ladorazione eucaristica nella

chiesa del Suffragio, in pieno


centro a Cesena, a partire dalle 8
del 23 fino alle 15 di domenica 26
giugno. Negli stessi giorni, curata
dallAssociazione italiana scout
filatelia, ci sar una mostra
filatelica a tematica scout in
occasione dei 100 anni della
nascita di don Lino Mancini e i 90
anni dello scoutismo a Cesena.
Linaugurazione ufficiale avverr
venerd 24 giugno alle 15, con la

presenza del vescovo monsignor


Douglas Regattieri e del sindaco
Paolo Lucchi. Per loccasione, il
25 giugno Poste Italiane emetter
uno speciale annullo postale.
Da ricordare gli appuntamenti
quotidiani a Cesena, aperitivo
con testimonianze, alle 18,15 nei
giorni 24, 25 e 26 giugno al piano
terreno di palazzo Ghini
nellambito della mostra I volti
della Misericordia.

Scuola diocesana di Teologia | Incontro di fine anno con il vescovo Douglas


CONCLUSIONE DELLANNO ACCADEMICO 2015-2016 PER LA
SCUOLA di Teologia sabato 11 giugno presso il Seminario diocesano:
9 i diplomati al termine del triennio
(Altenio Benedetti, Eleonora Biondi,
Gianni Fabbri, Luisa Miserocchi,
Francesca Pinto, Annamaria Riceputi, Loredana Vicini, fra Francesco Zani e Marcello Zanotti). Ventisette i libretti consegnati al termine degli
esami del primo anno e 7 attestati
per gli elaborati dei partecipanti al
Master (Corso annuale di approfondimenti per i Diplomati in Teologia) .
Al bilancio tracciato dal direttore della scuola monsignor Walter Amaducci,
hanno fatto seguito le congratulazioni, la soddisfazione e il ringraziamento del
vescovo Douglas per il contributo che questa esperienza procura ai singoli,
alle comunit parrocchiali e alla Diocesi tutta.
La consegna dei Diplomi, dei Libretti e degli Attestati stata accompagnata
dagli applausi degli amici e familiari, con gli scatti di Pier Giorgio Marini.
Un bel momento conviviale preparato da Romana, Bruna, Silvana e Francesca ha concluso in modo fraterno e simpatico limportante momento.
Con laugurio di buone vacanze, larrivederci per marted 4 ottobre, anticipando che il prossimo Master sar dedicato allapostolo Paolo.
Valeriano Biguzzi

Gioved 23 giugno 2016

Speciale Prime Comunioni

LEucaristia
nelle parrocchie

DIGITAL FOTO ORIETTA


(GAMBETTOLA)

Dopo le venti foto pubblicate la scorsa settimana, proseguiamo con la


raccolta di immagini delle Prime Comunioni celebrate nelle scorse
settimane nelle varie parrocchie della Diocesi.
In pagina, i volti sorridenti dei bambini, dei parroci e dei catechisti
delle parrocchie di Gatteo, Longiano e delle frazioni cesenati di
San Carlo, Calabrina, Macerone.

San Carlo

Gatteo
Parrocchia di San Lorenzo M. in Gatteo, domenica 1 maggio: Matteo Bouard, Pier Luca Campana, Mattia Campedelli, Giorgia Caputo, Ilary Carluccio, Sofia Cassanelli, Maya Crescentini, Federico De Falco,
Veronica Delvecchio, Natascia Fiore, Lorenzo Galassi, Vittoria Giorgetti, Sara Lazzarini, Linda Lugaresi,
Davide Magnani, Leonardo Malatesta, Marica Martini, Giada Anna Missiroli, Martina Muccini, Lorenzo
Nanni, Thomas Neglia, Michele Ottaviani, Simone Ottaviani, Elsi Pepa, Greta Pollini, Armando Prela,
Michael Rinnovi, Pietro Spada, Asia Trevisani, Diego Vagnini, Diego Zaganelli, Sara Zammarchi, Diego
Zocchi. Parroco: don Marco Muratori; catechisti: Monica Zecchini, Donatella Zamagni, Mirna Pace.

Parrocchia di San Carlo


di Cesena: Leonardo
Abbondanza, Sebastiano Baldini, Brunelli
Davide, Mia Buratti,
Gian Marco Carli, Federico Crociani, Giada Giglia, Federica
Giovannini, Daniele
Lelli, Emma Mordenti,
Iolanda Morsucci, Aurora Pasquali, Lorenzo
Riceputi, Martina Rossi,
Alessandra Suzzi, Martina Turroni Casadei,
Nicolas Teodorani,
Tommaso Venzi.
Parroco: don Giovanni
Savini. Catechisti: Iolanda Salvati, Massimo
Sangiuliano.

Calabrina

PIPPOFOTO

Parrocchia di Calabrina di Cesena, domenica 15 maggio: Ilaria Amadori, Maria Vittoria


Altini, Giulia Boschetti, Aurora Cannuscio, Gaia Di Girolamo, Giulio Mariani, Elisabetta
Pompili, Emma Ragazzini, Martina Ravaglia, Giorgia Rossi, Martina Sansavini, Giulia Sana,
Giuseppe Santoro, Ilaria Santoro.
Catechisti: Licia Foschi, Caroline Petito.
Parroco: don Renato Pagliarani.

VITERBO FOTOCINE
(LONGIANO)

Macerone

PIPPOFOTO

Parrocchia del Sacro Cuore di Ges in Macerone: Chiara Bartoli; Samuele Benzi; Linda Benzi;
Martina Bissoni; Francesco Borghetti; Veronica Boschi; Michael Bruccola; Martina Brunelli; Marco
Caselli; Giulia Esposito; Filippo Fabbri; Melissa Fabbri; Luca Foschi; Andrea Giunghi; Giorgia
Giunchi; Anton Gjergji; Andrea Lughi; Gioele Manfredonia; Tommaso Mastini; Mina Mazzotti;
Giulia Merendi; Ilyan Mircheva; Matteo Morigi; Giacomo Novembre; Angelican Raimondi; Fabio
Ricci; Riccardo Riva; Davide Sgargi; Davide Turroni.
Catechista: Lucia Foschi.
Aiuto catechista: Anna Borghetti; Anna De Lucia.
Parroco: don Agostino Tisselli.

Longiano
Parrocchia di San Cristoforo martire in Longiano, domenica 8 maggio: Leonardo Balducci, Sara Bencivenga, Francesco Cappelli, Sofia Casadei, Matteo Ceccaroli, Alessandro Cortesi, Filippo Di Fant, Diego Giovannini, Alessia Lleshi, Edoardo Motta, Sonia
Pamuku, Federica Pedrelli, Giorgia Pedrelli, Ilaria Procucci.
Parroco: don Giovanni Damoc. Catechista: Cristina Ghetti.

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

Vita della Chiesa

Gioved 23 giugno 2016

La domenica di papa Francesco


FOTO SIR

a voi, chi dite che


e dei conflitti. Cerchiamo,
io sia? Non una
dunque, risposte ai nostri
sorta di sondaggio
interrogativi concreti, e solo
elettorale da parte
in Cristo, afferma il Papa,
di Ges quando chiede ai
possibile trovare la pace
suoi discepoli di dirgli cosa
vera e il compimento di
pensa la gente di lui. Siamo a
ogni umana aspirazione.
Cesarea di Filippo, un luogo
Ges conosce il cuore
solitario per pregare, e Ges
delluomo come nessun
con il suo interrogare non si
altro. Per questo lo pu
preoccupa tanto
sanare, donandogli vita e
dellopinione della gente consolazione.
chi sono io secondo la
Ma c un altro passo del
gente? - quanto piuttosto
Vangelo di Luca che ci deve
desideroso di vedere nella
far riflettere: se qualcuno
risposta dei discepoli il
vuole seguire Ges deve
coinvolgimento personale. E
prendere la sua croce, ogni
le parole di Pietro vanno ben
giorno. Non si tratta di
oltre le opinioni raccolte:
una croce ornamentale, o di
Ges il Cristo di Dio. Una
una croce ideologica,
risposta che da un lato
afferma il Papa, ma la
intuisce il mistero che
croce della vita, la croce
avvolge Ges, e dallaltro
del proprio dovere, la croce
un modo per riconoscere
del sacrificarsi per gli altri
colui che porter a
con amore - per i genitori,
compimento lopera di
per i figli, per la famiglia,
salvezza, lungo una strada
per gli amici, anche per i
Chi vuole soprattutto realizzare una propria ambizione, raggiungere un proprio successo
che passer attraverso
nemici - la croce della
lumiliazione e la morte in
sar sempre schiavo di se stesso e dellopinione pubblica. Per essere considerato, dovr adulare; disponibilit a essere
croce. Che grande contrasto
solidali con i poveri, a
dovr dire quello che piace alla gente; dovr adattarsi al mutare delle mode e delle opinioni
per chi nella vita cerca la
impegnarsi per la giustizia e
e, cos, si priver del rapporto vitale con la verit.
strada della gloria e del
la pace.
Linvito del Pontefice a incontrare, accogliere e ascoltare i rifugiati
potere. E quanto deve aver
C sintonia con le parole di
disorientato, e ancora
Benedetto XVI: Chi vuole
disorienta, la risposta di Cristo: Se
Giovanni Paolo II nel 1998: Pi si fa
guerra ha tolto casa, lavoro, parenti,
soprattutto realizzare una propria
qualcuno vuole venire dietro di me,
buio intorno a noi e pi dobbiamo
amici. Le loro storie e i loro volti ci
ambizione, raggiungere un proprio
rinneghi se stesso, prenda la sua croce
aprire il cuore alla luce che viene
chiamano a rinnovare limpegno per
successo sar sempre schiavo di se
ogni giorno e mi segua. I cristiani,
dallalto. Parole pronunciate in un
costruire la pace nella giustizia. Per
stesso e dellopinione pubblica. Per
ricordava don Tonino Bello - il
tempo di persecuzione; ma anche oggi
questo vogliamo stare con loro:
essere considerato, dovr adulare; dovr
sognatore di Dio - non hanno bisogno
non mancano le sofferenze e le violenze
incontrarli, accoglierli, ascoltarli, per
dire quello che piace alla gente; dovr
dei segni del potere, perch hanno il
nei confronti di donne e uomini,
diventare insieme artigiani di pace
adattarsi al mutare delle mode e delle
potere dei segni.
cristiani e non solo. Un pensiero, nel
secondo la volont di Dio.
opinioni e, cos, si priver del rapporto
Seguire il Signore significa allora
dopo Angelus, Francesco lo riserva
Ma torniamo a quellinterrogare i suoi
vitale con la verit, riducendosi a
appropriarci del potere della sua croce,
proprio a quanti sono costretti a fuggire,
discepoli e alla risposta di Pietro, che
condannare domani quel che avr
vertice dei nostri beni e corona della
a lasciare le loro case, la loro terra. Con i
deve essere anche la nostra, afferma
lodato oggi. Nel prendere la croce
nostra speranza, affermava papa
rifugiati. Noi stiamo dalla parte di chi
papa Francesco allAngelus. Molte
sempre si perde qualcosa, ricorda
Benedetto XVI. Significa ancora non
costretto a fuggire, il tema della
persone avvertono un vuoto attorno a s allAngelus Francesco: Chi perder la
aver paura di fronte a problemi,
giornata del rifugiato promossa
e dentro di s - forse, alcune volte, anche propria vita per Cristo, la salver. un
difficolt e sofferenze, come affermava
dallOnu. I rifugiati - afferma il Papa noi -. Altre vivono nellinquietudine e
perdere per guadagnare.
Edith Stein, proclamata santa da
sono persone come tutti, ma alle quali la nellinsicurezza a causa della precariet
Fabio Zavattaro

Perdere per guadagnare

Attualit

Per la prima volta in Italia


una legge a favore
di disabili gravi
privi di sostegno
familiare
Disabilit

Gioved 23 giugno 2016

FOTO SIR

Ancora qualche perplessit. "Pur


apprezzando il traguardo raggiunto, come
Fish avremmo voluto che si intervenisse
in maniera sistematica sul non finanziare
quelle strutture che ancora oggi
purtroppo hanno unattitudine a
segregare le persone con disabilit". il
commento di Vincenzo Falabella,
presidente della Fish (Federazione italiana
per il superamento dellhandicap). "Il
lungo e serrato dibattito intorno a questo
tema sia nelle aule parlamentari sia nel

il Periscopio

Paese stesso - fa notare Falabella - senza


dubbio il segno dellinteresse verso il
dopo di noi". Nel testo approvato ci sono,
comunque, delle positivit, come la
previsione di fondi speciali composti di
beni sottoposti a vincolo di destinazione:
"Oggi, purtroppo, il peso della disabilit
incombe sulle sole famiglie, che ne
risultano impoverite. Il trust, istituto di
origine anglosassone, si rivolge a grossi
patrimoni, che le famiglie di disabili non
hanno. Il fatto che si sia intervenuti in
seconda lettura su questi aspetti indica
una maggiore attenzione". Adesso,
sostiene il presidente della Fish,
"bisogner vedere come viene applicata la
norma sui territori e vigilare su eventuali
distorsioni applicative perch lItalia
diversificata a livello regionale.
A noi come Fish toccher monitorare e
costituire uno stimolo per lattuazione
della norma, che attesa da tante famiglie
con disabili.
Ricordiamo anche che la prima legge
approvata in Italia, dopo la ratifica della
Convenzione Onu sulla disabilit. Certo,
sarebbe potuta essere una legge migliore
se fossero state accolte le nostre
osservazioni. Ritenevamo che lobiettivo
principale della legge sul dopo di noi
dovesse essere la deistituzionalizzazione,
che pur prevista nella legge approvata non
va a ripercorrere un processo vero di
deistituzionalizzazione".
Un primo passo, ma non basta.
"Finalmente arrivato il provvedimento
ed un fatto buono per iniziare ad aiutare
alle famiglie dei disabili, ma il fondo
previsto dalla legge appena approvata, a
mio avviso, non sufficiente. Ai disabili
non bastano elemosine, anche perch per
rispondere alle esigenze dei disabili sono
necessari molti soldi". Ad affermarlo
Franco Previte, presidente di "Cristiani
per servire", che ricorda di essere stato il
primo a chiedere, con lOpera don Orione
e don Guanella, attraverso una petizione
al Governo, datata 7 ottobre 1998, un
intervento sul dopo di noi. Previte avanza
anche qualche perplessit sul fatto che la

I COLTIVATORI DEL WEB

legge sia stata approvata "a ridosso" della


nuova tornata elettorale. Per il presidente
di "Cristiani per servire" occorre sempre
"sostenere prima di tutto le famiglie".
Di qui una domanda: "Se il
provvedimento per disabili grave privi di
sostegno familiare, cosa sintende per
disabilit grave? Mi pare essere una
discriminazione, anche perch ci sono
provvidenze economiche per ogni tipo di
disabilit, pur restando sempre miseri
rispetto alle necessit". Quindi "anche se
la legge buona, non credo sia gradito
dalle famiglie".
Bene i progetti individuali. Saluta "molto
positivamente" lapprovazione della legge
don Vinicio Albanesi, presidente della
Comunit di Capodarco:
"Risponde a unesigenza vera delle
famiglie, che saranno adesso pi
tranquille".
Anche secondo don Albanesi, inizia ora
un ruolo di sorveglianza: "Sar nostro
compito lavorare nelle Regioni affinch
creino risposte concrete con associazioni
affidabili, chiedendo alle famiglie, quando
possibile, un contributo per una
gestione corretta dei bisogni dei
disabili".Per don Vinicio, "bisogna
costruire un progetto per ciascun
disabile, capendo qual il migliore per il
singolo". Inoltre, "occorre considerare
anche let: un conto prendere in carico
un ragazzo, un altro una persona
invecchiata nella sua disabilit. La
personalizzazione garantisce migliori
risultati". Soddisfazione per "la
conclusione delliter legislativo lungo e
atteso da tempo" pure per Marzia Tanini,
consigliere nazionale uscente
dellUnitalsi. "Ora che la legge stata
approvata, le associazioni, i care giver, le
associazioni dovranno vigilare
sullapplicazione di tutte le misure
previste, anche per quello che riguarda le
novit, e su come i fondi saranno destinati
concretamente. Per noi dellUnitalsi
significa essere attenti alloperato delle
Regioni", conclude.
Gigliola Alfaro

Cacciatori, guerrieri o contadini


digitali? In quale
categoria
ognuno di noi si
riconosce? A
lanciare la provocazione Bruno Mastroianni, docente di media relations e coordinatore della comunicazione dellOpus Dei
italiana, con uninteressante riflessione
sul suo blog.
Agli inizi, spiega, il Web era un territorio
ostile, dove potevano sopravvivere solo i
pi esperti, capaci di destreggiarsi tra
forum, chat specializzate e newsgroup e
guadagnare cos le informazioni desiderate. Tanto pi preziose quanto difficili da
scovare. Era lepoca dei cacciatori, ormai
in buona parte estinti.
Con il web 2.0, ossia la sterzata a favore
della personalizzazione dellesperienza
digitale, a ognuno offerta la possibilit di
raccontarsi, diffondere le proprie idee,
condividere contenuti in uninfinita e affollata bacheca elettronica. La moltiplicazione degli spazi dove interagire, a
cominciare dai social network, ha portato
le varie comunit virtuali - gruppi di persone tendenzialmente simili per interessi
e convinzioni - a incrociare le proprie
strade. Cos iniziata lepoca dei guerrieri attesta Mastroianni . I pi aggressivi, i pi portati allalterco, hanno
cominciato a mettere in mostra le loro capacit di difesa (della comunit di consenso) e di attacco (degli altri con
opinioni diverse). Tanto che oggi il Web a
un occhio superficiale potrebbe sembrare
unimmensa distesa di trib compatte e
polemiche, impegnate in violenti scontri
verbali, pardon digitali.
Il popolo della Rete, per, non finisce qui.
Fin dagli inizi, infatti, si sviluppata una
presenza discreta e laboriosa, che non ha
mai preso il mondo di Internet per un
campo di caccia o di battaglia, ma lo ha
visto per quello che : un terreno da coltivare. I contadini digitali, mentre gli altri
nemmeno se ne accorgevano, avevano capito che la partita online alla lunga non si
sarebbe giocata tra scorribande e aggressioni, ma sulla qualit del cibo dei contenuti offerti alle persone in connessione. E
sulla bont delle relazioni, condotte anche
online con civilt, apertura, credibilit.
Sono quei campi tematici ben arati, quegli allevamenti di contenuti ben preparati
e quegli spunti ben offerti alla discussione
conclude Mastroianni a far venir voglia
di costruire, edificare e mettere radici
nello sterminato territorio digitale in cui
tutti siamo immersi. grazie ai contadini
digitali che ci sar il progresso dallepoca
online primitiva dei cacciatori e dei guerrieri, verso un modo sempre pi evoluto
di vivere questo gigantesco potenziamento delle connessioni tra persone che
la Rete.

di Zeta

La testimonianza del vescovo siriano di Hassak-Nisibi dei Siri


Il presule chiede preghiere per la sua gente. Fateci sentire il vostro amore

Dio, dove sei? Poi lo sguardo al Crocifisso

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

Dopo di noi, legge approvata


inalmente legge. Marted 14
giugno, con 312 voti favorevoli, 64
contrari e 26 astenuti, stata
approvata dalla Camera la legge
"Disposizioni in materia di assistenza in
favore delle persone con disabilit grave
prive del sostegno familiare". " un fatto
di civilt per migliaia di famiglie", ha
twittato il premier Matteo Renzi, dopo
lapprovazione della legge. In dieci articoli
sono disciplinate le misure di assistenza,
cura e protezione nel superiore interesse
delle persone con disabilit grave, "prive
di sostegno familiare". "Tali misure -
previsto nella legge -, volte anche a evitare
listituzionalizzazione, sono integrate con
il coinvolgimento dei soggetti interessati,
nel progetto individuale" della persona.
Rispetto alla versione licenziata alla
Camera a febbraio scorso, la legge prevede
di agevolare non solo le erogazioni da
parte di privati, la stipula di polizze di
assicurazione e la costituzione di trust,
ma anche "di fondi speciali, composti di
beni sottoposti a vincolo di destinazione e
disciplinati con contratto di affidamento
fiduciario anche a favore di
organizzazioni non lucrative di utilit
sociale", riconosciute "come persone
giuridiche, che operano prevalentemente
nel settore della beneficenza". La legge
istituisce "il Fondo per lassistenza alle
persone con disabilit grave prive del
sostegno familiare. La dotazione del
Fondo determinata in 90 milioni di euro
per lanno 2016, in 38,3 milioni di euro per
lanno 2017 e in 56,1 milioni di euro annui
a decorrere dal 2018".

rifugiati sono come noi. Lo ha ricordato papa Francesco domenica scorsa (cfr. pag.
9) alla vigilia della Giornata mondiale promossa dallAlto Commissariato della
Nazioni Unite. Che ogni persona sia come noi non dovrebbe essere necessario
ricordarlo. Ma se il Pontefice ci tiene a ribadirlo in ogni occasione pubblica, o quasi,
allora significa che non c unanimit di vedute su questo delicatissimo tema.
Gli stranieri, i profughi, gli immigrati: sono tanti i modi con cui guardiamo chi appare
diverso da noi. E spesso lo scrutiamo con tono inquisitorio, con sospetto, con
insofferenza, con fastidio. Non sempre vero che pensiamo di essere tutti uguali,
persone a immagine e somiglianza di Dio, come si studiava un tempo al catechismo.
Un conto, per, sentirne parlare da lontano o tramite i mezzi della comunicazione
sociale. Tutta unaltra musica ascoltare in presa diretta un testimone che vive sul
campo. E capitato a me sabato scorso. A Grottammare (AP) era in programma il terzo
Meeting dei giornalisti cattolici, con particolare riguardo alla comunicazione online.
Un appuntamento di rilievo che si sta imponendo tra gli addetti ai lavori. Tante le
firme illustri a confrontarsi su un tema caro al mondo cattolico: La foresta che cresce
e non fa rumore.
Tra i numerosi interventi, anche quello dellarcivescovo siriano della diocesi di rito
siro-cattolica Hassak-Nisibi dei Siri, monsignor Jacques Behanan Hindo. Il presule,
con le sue parole, ha tenuto incollati alle sedie per quasi unora i numerosi presenti.
Ho detto alla mia gente che sarei venuto da voi in Italia per partecipare a questo
evento e mi hanno detto di chiedervi di pregare per noi. Un appello, il suo, che fa

11

immediatamente comprendere cosa si


attendono da noi i cristiani perseguitati
del Medio oriente.
Amateci. Fateci sentire il vostro amore
ha proseguito il vescovo -. Abbiamo
bisogno di tutto e domani avremo
ancora pi bisogno del vostro aiuto. Ma
soprattutto abbiamo bisogno del vostro
amore. Aiutateci a sopravvivere a questa
crisi e a ricostruire tutto, il tessuto
spirituale, sociale e culturale del nostro
Paese. Tutto urgente per noi, ma se
dimentico le mie origini, i miei
fondamenti, come riuscir ancora a fare
alzare lo sguardo a questa gente?.
E poi unammissione che ha toccato
tutti quanti. Davanti agli scempi
compiuti dagli appartenenti al Daesh, il
vescovo Hindo ha ammesso di avere
gridato: Dio, dove sei?. Poi per ha
volto lattenzione al Crocifisso e ha di
nuovo compreso che ha da l che viene
la speranza. Cristiani e musulmani non
possono aspettare, ha ricordato in
chiusura, perch nel Vangelo scritto: Avevo fame e mi avete dato da mangiare. Solo su
questo saremo giudicati. Sullamore verso il nostro prossimo. (934)

12

Cesena

Gioved 23 giugno 2016

Comitati, assemblee e dichiarazioni sulla situazione dello storico istituto bancario cittadino

Carisp Cesena
Quanti allenatori
fuori dal campo
G
ioca la nazionale e gli italiani si
scoprono un popolo di allenatori
di calcio. Va in crisi la Cassa di
Risparmio e i cesenati si rivelano tutti
esperti di economia e finanza. Non
passa giorno senza che fiocchino nuove
prese di posizione sullo storico istituto
di credito cittadino, con la nascita di
nuovi comitati, continue dichiarazioni
da parte delle forze politiche,
assemblee sindacali.
Al Consiglio comunale della settimana
scorsa, il gruppo del Movimento 5
Stelle ha presentato uninterpellanza e
una roboante mozione sulla confisca
ai cesenati della Cassa di Risparmio di
Cesena. I grillini cesenati hanno
parlato di trucchi contabili utilizzati
dalla Banca dItalia e dal Governo Renzi
per derubare Cesena dei 400 milioni di
euro del patrimonio e della propriet
della Carisp, e per impadronirsi dei
cinque miliardi di euro di depositi
cesenati, accelerando cos il declino e la
rovina delleconomia. Rientrerebbero
nei trucchi contabili, secondo questo
ragionamento, laumento disposto dal
nuovo Cda delle perdite sui crediti

Riapertura
Borgo etico
Prodotti bio, sfusi
e a filiera corta

Con crediti meno


esigibili il valore delle
azioni era destinato
a crollare, rendendo
facilmente scalabile
la Cassa da parte
di soggetti esterni
garantiti con ipoteca (500 milioni di
euro), valutati al 34 per cento del loro
valore (contro una percentuale di
recupero, negli anni passati, prossima
al 70 per cento). Con crediti meno
esigibili il valore delle azioni era
inevitabilmente destinato a crollare,
rendendo facilmente scalabile la Cassa
da parte di soggetti esterni: Un attacco
dei banchieri per impadronirsi delle
nostre pi importanti ricchezze.
Ai 5 Stelle ha replicato il vice sindaco
Carlo Battistini, che ha negato un
coinvolgimento dellAmministrazione
sulla gestione della banca. Il Comune di
Cesena infatti, cos come altri soggetti,
si limita a nominare i consiglieri nella
Fondazione. Fondazione che s

azionista di maggioranza della banca,


ma che non interviene in alcun modo
nella sua gestione: Oggi il Movimento
5 Stelle Cesena continua a mal porre i
propri quesiti, rivolgendoli ancora
allAmministrazione comunale.
Coinvolgerci su scelte di gestione, che
competono solo al Cda della banca, per
cercare di ottenere un vantaggio
politico operazione di politica
squallida.
A muoversi anche Forza Italia, che ha
annunciato lintervento dellavvocato
Enrico Sirotti Gaudenzi (responsabile
regionale giustizia in seno al partito)
per valutare unipotetica costituzione di
un comitato per la tutela dei
risparmiatori.

Dopo tre anni di esercizio - malgrado


furti, costi ssi difficili da ammortizzare,
crisi dei consumi, condizioni economiche
sfavorevoli - la cooperativa Borgo Etico
rilancia e riapre la propria attivit dopo
aver chiuso i battenti temporaneamente
per qualche mese.
Luned 20 giugno, in via Cavalcavia 82 a
Cesena, ha dunque riaperto la
cooperativa Nuovo Borgo Etico, gestito
dalla societ Madre Terra di Giampaolo
Blanda e Mimosa Blanda, due giovani
ravennati amanti dei prodotti naturali e
biologici. Il negozio aperto tutti i giorni
dalle 8,30 alle 20,30 con orario
continuato.
La struttura, completamente rinnovata,
non ha snaturato la sua vocazione
originale, che quella di privilegiare la
liera corta, i prodotti bio e biodinamici, i
prodotti sfusi (pesati sul momento) e la
piccola gastronomia locale e di qualit.

Dovrebbe entrare in funzione tra poco pi di un anno. Ruspe in azione da qualche giorno. La soddisfazione di Sanzio Bissoni, presidente del Quartiere Cervese Nord

San Giorgio, una palestra a servizio della comunit


FOTO CRISTIANO RICIPUTI

sprime
profonda

soddisfazione il
presidente del
quartiere Cervese
nord Sanzio
Bissoni sullavvio
dei lavori per la
costruzione della
nuova palestra a
San Giorgio di
Cesena. Le ruspe
sono entrate in
azione la settimana scorsa. un momento che aspettavamo da pi di 10
anni - commenta a caldo Bissoni -. La nuova struttura rappresentava un
bisogno prioritario per questa zona e i suoi residenti che negli ultimi anni
stata caratterizzata da un forte sviluppo di aree artigianali e residenziali. Mi
sento in dovere di ringraziare per questo obiettivo raggiunto chi mi ha
preceduto che ha portato avanti questa istanza nelle sedi opportune.
Bissoni ha gradito il progetto: Non si tratta solo di una semplice palestra,

ma di una struttura accessoriata con una


tribuna capace di ospitare una
cinquantina di persone, una parete per
arrampicate, spogliatoi e tanto altro.
un impianto completo che servir non
solo San Giorgio, ma tutto il quartiere e
sar a disposizione della citt. Dovrebbe
entrare in funzione tra poco pi di un
anno, completando cos il polo
scolastico della frazione.
La nuova palestra (677,30 metri quadrati
e un corpo attiguo di 260) sorger
nellarea adiacente al complesso dove
hanno sede le scuole elementari e
medie. Compresa nellappalto, vinto
dalla ditta Ceir di Ravenna, anche la
realizzazione di un parcheggio
comprendente una ventina di posti auto.
Il progetto (un milione e 975mila euro il
costo) stato inserito nel Piano triennale
di edilizia scolastica, e ha potuto ricevere

un finanziamento da parte della regione


Emilia Romagna di un milione di euro.
Permangono nel quartiere alcune
criticit. I residenti - continua Bissoni ci stimolano a tenere monitorata la
situazione delle strade. Una delle
esigenze nel quartiere la
manutenzione delle strade di campagna,
molte delle quali versano in pessime
condizioni.
di questi giorni la notizia che il
Comune di Cesena finanzier, per un
importo di 180mila euro, un nuovo
ponte sul Rio Granarolo. Quello attuale
si mostrato inadatto a impedire
allagamenti. Bene il nuovo ponte, ma la
criticit rappresentata dal fondo del
bacino. Se il fondo rimane come
adesso, il rifacimento del ponte
potrebbe non bastare.
Michela Mosconi

Cesena

Gioved 23 giugno 2016

OspedaleBufalini

FOTO DEPOCA DELLA NAVE PRINCIPE UMBERTO


(FONTE: WWW.55FANTERIA.IT)

I caduti cesenati
nella pi grande
tragedia navale
della prima
Guerra
mondiale

Principe Umberto
Una tragedia dimenticata
A

madori, Bartolini, Farabegoli,


Margheritini, Pasini: cerano
tanti cognomi romagnoli a
bordo del piroscafo Principe Umberto,
affondato cento anni fa da un
sommergibile austriaco. Si tratt di una
vera sciagura: oltre 1.900 morti, la pi
grave perdita di vite umane in mare
nella Grande guerra. Tra loro, perirono
22 militari originari del territorio
cesenate e 230 altri emiliani e
romagnoli, in forza alla Brigata Marche.
La lista dei caduti nella tragedia stata
redatta dal giornalista romano Pierluigi
Roesler Franz, appassionato di ricerca
storica e grande topo darchivio,
partendo dal Corriere della Sera del 10

giugno 1916 e il Giornale di Reggio


Emilia (edizione locale del Carlino) del
giorno seguente.
Il piroscafo Principe Umberto venne
varato nel 1909 come nave passeggeri
di lusso sulle linee per le Americhe.
Allo scoppio del primo conflitto
mondiale, requisito dalla Regia Marina,
prese posizione nellAdriatico. La sera
dell8 giugno 1916, mentre riportava in
Italia dallAlbania il 55esimo
reggimento di fanteria, fu intercettato
dal sommergibile austroungarico U5
una quindicina di miglia a sudovest di
Capo Linguetta (promontorio albanese
vicino alla citt di Valona). Dei due
siluri lanciati del sommergibile uno

Europa dellest in mostra


Una finestra aperta sulla citt

raggiunse il piroscafo italiano,


spezzandolo in due e affondandolo in
appena sette minuti. A nulla valse la
scorta di quattro cacciatorpediniere e
un esploratore navale.
Dei 2.821 uomini a bordo, 2.578 erano
militari dellesercito mentre 243 erano
marinai militari o mercantili (secondo
dati dellUfficio storico della Marina).
Di questi, riuscirono a salvarsi meno di
900 persone. Gli altri riposano in fondo
al mare o in qualche piccolo cimitero
albanese.
Pochissimo venne divulgato allepoca
per via della censura di guerra. Molte
delle famiglie dei caduti, dunque, non
hanno mai conosciuto la verit.
Questi i caduti del cesenate: Felice
Margheritini, Generoso Mazzoli e
Cesare Tommasi (Bagno di Romagna);
Leopoldo Silvio Magnani (Borghi);
Giuseppe Amadori, Giuseppe Bartolini,
Giuseppe Pasini, Lorenzo Valmorri
(Cesena); Eugenio Cesarini, Secondo
Farabegoli, Augusto Vincenzi
(Cesenatico); Giovanni Carabini
(Gambettola); Cesare Ceccarelli, Pietro
Renzi, Tommaso Spada (Gatteo);
Pompeo Castellani (Mercato Saraceno);
Oreste Crivelloni e Pietro Guerra
(Roncofreddo); Marco Gobbi (San
Mauro Pascoli, al tempo San Mauro di
Romagna); Claudio Barberini
(Savignano sul Rubicone, al tempo
Savignano di Romagna); Giuseppe
Macchini (Sogliano al Rubicone);
Giuseppe Servidei o Servedei
(Verghereto).
MiB

LA PRESENTAZIONE
NELLO STUDIO
DELLARTISTA CESENATE
LEONARDO LUCCHI

LesposizioneMemorie necessarie. Sguardi su grafica, disegni e oli anni 60


e 70 in corso presso lo studio di Leonardo Lucchi in piazza del Popolo

in corso presso lo studio Leonardo Lucchi in piazza del Popolo a Cesena la


mostra Memorie necessarie. Sguardi su grafica, disegni e oli anni 60 e 70,
realizzata da Quiopenso e col progetto RadArt - Artco in collaborazione con
le associazioni culturali Nino Lucchi e Amici dellArte e con il conservatorio
Bruno Maderna. Ha ottenuto il patrocinio del Comune di Cesena e della Regione
Emilia Romagna. La mostra, visitabile dal luned al venerd dalle 9,30 alle 12 e dal
venerd alla domenica dalle 18 alle 22, rimarr aperta fino al 16 luglio, con chiusura
nei giorni 24, 25 e 26 giugno.
Nel corso della mostra si svolgeranno quattro importanti incontri che avranno
inizio tutti alle 21. Franco DellAmore presenter Quando i violinisti gitani
sostarono a Cesena. Viaggio musicale nellEuropa dellEst senza muoversi da Piazza
del Popolo venerd 1 luglio. Sabato 2 luglio porter la sua testimonianza Paola
Cercolani, collezionista e proprietaria delle opere soggetto della mostra. Far
seguito venerd 8 luglio lincontro Voltaire a Budapest. Arte e cultura nellEuropa
orientale del 900 a cura di Renzo Golinucci. Infine venerd 15 luglio si svolger
Artpool. The experimental art archive of east-central Europe. Gyrgy Galntai and

13

Jlia Klaniczay a cura di Anton Roca, artista e


presidente dellassociazione Arteco.
In questa occasione saranno esposte per la
prima volta a Cesena le opere di alcuni
importanti artisti dellEuropa dellest: Dra
Maurer, Arnold Gross, Endre Szsz, Endre
Blint, Lajos Kondor, Mikls Borsos (Ungheria);
Jaroslav vb, Milo Urbsek (Repubblica Ceca);
Gnther Kraus, Jorrit Tornquist (Austria);
Tadeusz Lapinski (Polonia); Miroslav utej
(Croazia); Vladimir Makuc (Slovenia).
La mostra - come spiegato dal presidente di

Nuova sede?
Un Comitato cittadino
per confrontarsi
Quale percorso per arrivare a un nuovo
Bufalini? Per rispondere alla domanda
lAmministrazione comunale di Cesena ha
insediato un Comitato cittadino per
lospedale, composto da rappresentanti di
forze politiche, sindacali, professionali,
mondo del volontariato, imprese, studenti
e quartieri. Ci sono anche semplici
cittadini interessati, ma senza diritto di
parola.
La prima riunione del Comitato si tenuta
la settimana scorsa, nel salone del
Consiglio comunale, alla presenza di una
trentina di rappresentanti e di una
dozzina di uditori. Centrali gli interventi
del direttore sanitario dellAsl Romagna
Giorgio Guerra e del direttore generale
Marcello Tonini, che hanno sottolineato la
vocazione traumatologica del Bufalini e
linsufficienza dellattuale Pronto soccorso
(pur realizzato ex novo una ventina danni
fa). Il sindaco Lucchi ha ribadito la
necessit di un nuovo ospedale (il Bufalini
stato costruito tra il 1952 e il 62),
garantendo al tempo stesso lavori di
adeguamento alla struttura attuale, per
far s che possa rispondere alle esigenze
dei prossimi 10-15 anni.
Le prossime riunioni del comitato
verteranno sulla dotazione tecnologica
dellospedale (marted 28), sulle Case
della salute, sullanalisi dei temi emersi.
Incontro nale il 12 agosto, prima delle
assemblee pubbliche previste da
settembre in poi nei quartieri.

Quiopenso Franco Togni nasce da numerosi


incontri, soprattutto
quello con Paola
Cercolani che ha messo a
disposizione alcune opere
della sua collezione e in
particolare oli, qualche
disegno e grafica. Si tratta
di una mostra necessaria
che vuole rivedere le
opere e i rispettivi artisti,
per lo pi ungheresi,
vissuti negli anni 60 e 70
durante un periodo di
difficile attivit sociale. In questo modo
si rivaluta larte di quegli anni che, per
motivi geopolitici e culturali, ha
generato un linguaggio espressivo e una
particolare iconografia meno nota al
grande pubblico. Inoltre si apre una
vetrina piccola, ma significativa sullarte
europea. Infatti gli artisti in mostra
hanno esposto nei luoghi pi prestigiosi
dellarte, dalla Biennale di Venezia al
Moma di New York.
Lisa Beatrice Gagliano

14

Gioved 23 giugno 2016

Cesena

Liceo scientifico europeoSacro Cuore, liceo delle scienze umaneImmacolata,


liceoAlmerici, liceo scientificoRighi, linguisticoIlaria Alpi, classicoMonti

FOTO SIR

I voti alle scuole superiori


Tanto studio, tante soddisfazioni

iugno porta la fine della scuola, ma


prima di godersi le vacanze gli
studenti hanno atteso il verdetto di
un anno passato sui libri. La scorsa
settimana le scuole superiori cesenati
hanno esposto i famigerati cartelloni con
i voti.
Bene il liceo scientifico Righi, che conta
1.300 studenti compresi quelli nella sede
coordinata di Bagno di Romagna: coloro
che dovranno ripetere lanno sono
appena l1,30 per cento, di cui cinque

Toponomastica
omaggio
alle donne elette
nellAssemblea
costituente

nelle prime classi. Promossi l85,18 per


cento e i sospesi nel giudizio, che
dovranno fare i conti con gli esami di
riparazione a settembre, il 13,51 per
cento. Ben 57 gli alunni che hanno chiuso
lanno con una media dal 9 in su, i
migliori sono Michele Baldari e Teo Bucci
(9,64), Shivani Singh (9,60), Paolo
Cantarelli, Francesco Casadei e Giacomo
Cavalieri (9,55) e Francesca Gentilini
(9,50).
Lusinghieri risultati anche al liceo

el 70esimo anniversario del voto femminile,


Cesena rende omaggio alle 21 donne elette
N
allAssemblea Costituente intitolando a loro i
nomi di nuove vie nella zona di Pievesestina.
Nella seduta del 7 giugno, la Giunta ha
approvato la proposta messa a punto dalla
Commissione Toponomastica.
Sono cos state individuate le prime cinque
intitolazioni alle donne elette allAssemblea
Costituente, oltre a una rotonda intitolata a
Donne della Costituente. Nel dettaglio:
- rotonda Donne della Costituente:
allintersezione fra via Larga di SantAndrea, via

linguistico Ilaria Alpi che conta 920


studenti. Promossi l83 per cento, respinti
il 3 per cento e i sospesi nel giudizio il 12
per cento. In 29 vantano una media
uguale o superiore al 9 con una netta
prevalenza al femminile: si segnalano in
particolare Anita Calandrini (9,60), Serena
Gasperoni (9,58) e Matteo Id (9,50).
Al liceo Monti tra i 1.095 allievi i
promossi sono il 76 per cento, i respinti il
6 per cento (con una media del 13 per
cento tra le matricole) e i rimandati a
settembre il 18 per cento. Sono 24 le
medie degne di nota, tra cui svetta su tutti
Paola Zonzini con il 9,92, seguono a pari
merito Chiara Ventrucci e Margherita
Ronchi con 9,5.
Al liceo scientifico europeo Sacro Cuore
a parte uno studente che ha ricevuto il
debito, gli altri 36 hanno superato
positivamente lanno. I migliori sono stati
Giovanni Zanotti con la media del 9,42 e
Teresa Angeli con 9,38.
Al liceo delle scienze umane Immacolata
i promossi sono 42, uno sospeso e 5 i
respinti, su un totale di 49 studenti. Medie
pi alte per Paolo Mazzavillani e
Benedetta Collini (8,58) e Federico
Verlicchi (8,50).
Al suo secondo anno di attivit il liceo
Almerici con gli indirizzi scientifico
sportivo e tradizionale: su 50 studenti che
hanno frequentato lanno, 32 sono
ammessi alla classe successiva, 15 coloro
che dovranno passare lestate sui libri e 3 i
bocciati. Cinque le pagelle doro: si
segnalano Brando Sami (9,56) e Lorenzo
Benedettini (9,33).

Viazza, via Fossalta e via Adele Bei;


- via Adele Bei: a Pievesestina, da rotonda Donne
della Costituente a fondo cieco verso nord
- via Elettra Pollastrini: a Pievesestina, dal
conne col Comune di Bertinoro, a mezzeria con
esso, a via Adele Bei
- piazzale Maria Federici: a Pievesestina,
compreso tra via Viazza e via Adele Bei;
- piazzale Angela Gotelli: a Pievesestin,
compreso tra via Adele Bei e via Larga di
SantAndrea:
- piazzale Teresa Noce: a Pievesestin, compreso
tra via Adele Bei e via Larga di SantAndrea.

U.S. Enaip | I primi 25 anni di calci a un pallone


Domenica 12 giugno, nell'agriturismo
Il Rifugio dello zio
Toni sulle colline di
Calisese, si sono ritrovati i vecchi compagni della squadra
di calcio della US
EnAIP che proprio in
questi giorni festeggia il venticinquesimo
anno dalla sua fondazione. La squadra
dell'EnAIP ha militato
negli anni Novanta
nei campionati del
Centro Sportivo di
Cesena e ha rappresentato una novit
assoluta nel campo
delle associazioni sportive perch sponsorizzata da una scuola di formazione professionale per ragazzi e disabili. Questo grazie alla lungimiranza dellallora direttore generale Roberto Ragazzini che vide nella composizione di un gruppo comprendente dipendenti, amici e allievi una risorsa importante per favorire lintegrazione sociale dei diversamente abili. Ed proprio a
lui che stata dedicata questa reunion.
Nel corso della serata sono stati consegnati a ogni partecipante dei veri e propri cimeli storici: la propria divisa sportiva, il
tesserino discrizione e un dvd commemorativo con filmati e foto dellepoca.

Raccolta rifiuti
Porta a porta nei quartieri
Oltresavio e Dismano
Si allarga la raccolta porta a porta dei riuti, che
entro la ne del mese di giugno verr estesa nelle
aree rurali dei quartieri Oltresavio e Dismano, ai
conni con il Comune di Bertinoro. La nuova
modalit di servizio riguarda solo la raccolta dei
riuti indifferenziati, mentre la parte organica deve
essere gestita tramite compostaggio domestico,
sistema pi adatto dal punto di vista ambientale ed
economico per le zone di campagna con bassa
densit abitativa.
Il nuovo sistema stato avviato luned 6 giugno.
Nelle aree interessate operatori di Hera hanno
distribuito a tutti i residenti i kit per il porta a porta:
il bidone per lindifferenziata e materiali informativi
per una corretta raccolta differenziata e il
compostaggio domestico. Chi non lavesse ricevuto
perch fuori casa potr ritirarlo presso il centro di
raccolta di Hera di via Romea (vicino allIstituto
agrario) o la sede operativa di Hera, in via Kossuth a
Pievesestina.
In queste nuove zone, lavvio della raccolta
domiciliare dellindifferenziato iniziato il 20
giugno, e il 27 giugno comincer la rimozione dei
cassonetti dellindifferenziato lungo le strade.
Continueranno, invece, a essere fatte con i classici
cassonetti stradali le restanti raccolte differenziate
(carta, vetro, plastica e lattine) e rimarranno
invariati e gratuiti anche gli altri servizi, come il
ritiro a domicilio su chiamata per i riuti
ingombranti, gli sfalci, leternit no a 300 chili e il
conferimento di varie tipologie di materiali nei centri
di raccolta di via Romea e di via Spinelli.
Per scoraggiare errati conferimenti e abbandoni,
saranno intensicati i controlli con il rischio di
sanzioni per i trasgressori.
AMMONITI GLI UTENTI PASTICCIONI
Negli altri quartieri dove da tempo gi attiva la
raccolta riuti del porta a porta, scatta
lammonizione per chi non rispetta le modalit
corrette di conferimento dei riuti. E cio chi non
utilizza lapposito secchiello, chi espone riuti in
eccesso, chi mette fuori dalla porta il secchio
dellindifferenziata quando il turno dellorganico,
chi introduce lindifferenziato nel bidone
dellorganico.
Dopo un lungo periodo di tolleranza, adesso gli
operatori incaricati della raccolta stanno
cominciando a lasciare avvisi agli utenti pasticcioni:
un modo per richiamarli allordine (se non si
adeguano rischiano che i loro riuti conferiti in modo
errato non vengano ritirati), ma anche per
rinfrescare la memoria sui comportamenti pi giusti
da seguire per smaltire efficacemente i riuti.

Cesenatico

Gioved 23 giugno 2016

15

Alle urne solo il 54,82 per cento degli elettori

Nuovo sindaco per la citt


Si impone Matteo Gozzoli
I

l centrosinistra torna ad amministrare Cesenatico.


Matteo Gozzoli, 30 anni, il nuovo sindaco della citt
della Riviera, eletto con il sostegno di Pd, Pri e lista
civica Cesenatico sport e turismo.
Al ballottaggio di domenica 19 giugno Gozzoli ha
ottenuto 6.377 voti (769 in pi rispetto al primo turno),
pari al 58,03 per cento delle preferenze.
Si fermato a 4.613 voti, pari al 41,97 per cento, lex
sindaco Roberto Buda (Lista civica per Buda), ma la
rimonta stata consistente, recuperando 1.530 voti in
due settimane.
Rilevante il dato dellastensionismo e della disaffezione
alla politica. Si recato alle urne il 54,82 per cento degli
aventi diritto (11.385 elettori su 20.766), circa dieci punti
in meno rispetto al primo turno dello scorso 5 giugno
(64,01 per cento con 13.294 elettori). Le schede bianche
sono state 118 (1,04 per cento) e 277 (2,43 per cento)
quelle nulle.
Circa la met dei cesenaticensi ha preferito non andare a
votare o recarsi al seggio per votare scheda bianca o farsi
annullare il voto.
Per quanto riguarda il nuovo Consiglio comunale, la
maggioranza sar rappresentata da 10 consiglieri, con 9
scranni su 16 che vanno al Pd e uno al Pri. La Lista civica
per Buda ottiene 3 consiglieri. Il Movimento 5 Stelle sar
rappresentato da due consiglieri. Un solo seggio in
rappresentanza di tutto il centrodestra ufficiale (Lega
Nord, Forza Italia e Fratelli dItalia).

Buda ha recuperato
1.530 voti
in due settimane,
ma non riuscito
nellimpresa
Tantissima la soddisfazione del sindaco neoeletto. Il
risultato - dice Gozzoli - non era scontato. Sapevo che
partivo svantaggiato rispetto agli altri avversari perch ero
meno conosciuto. Sono partito dalla primarie del Pd dello
scorso novembre e ho lavorato a testa bassa. Il risultato
premia il lavoro di un gruppo di quasi cento persone che mi
ha sostenuto in questi mesi e che mi ha dato la possibilit di
incontrare tanta gente. Abbiamo fatto una campagna
elettorale vecchio stampo, alternando alla parte mediatica
lincontro con i cittadini. Credo che il risultato, in
controtendenza rispetto a quello che successo a livello
nazionale, sia legato molto al fatto di essere riusciti a
mettere in contatto la politica con i cittadini.
Il sindaco neoeletto si messo subito a lavorare su tre
emergenze: bilancio, per mettere in sicurezza gli eventi
estivi, settore urbanistico, per capire se e come mandare
avanti il Rue, scuole, per completare la verifica di
vulnerabilit sismica degli edifici.

Parco Pettirosso

Commenta Buda: stato straordinario essere andati al


ballottaggio con una lista civica slegata dai partiti.
Sapevamo che sarebbe stata durissima contro la
macchina da guerra del Pd. Siamo riusciti a recuperare
quasi 1.600 voti, ma purtroppo non stato sufficiente. Un
po di delusione c, ma rimane la soddisfazione di avere
presentato un progetto innovativo per Cesenatico. la
prima volta che una lista civica va al ballottaggio e prende
cos tanti voti.
Molti cittadini mi chiedono di continuare. Sicuramente
faremo unattenta opposizione. Ci sono tante questioni
che a noi stanno molto a cuore, come Imu sulle
piattaforme, ex Nuit, colonie, Atlantica, Rue, e faremo s
che vadano in porto. Continuiamo con lo stesso
entusiasmo, sperando che dal progetto della lista civica
nasca un laboratorio su Cesenatico che coinvolga tanti
cittadini e imprenditori per il bene della citt.
Matteo Venturi

Nel 70 della Repubblica e del voto alle donne


una struttura simbolo con versi di Alda Merini

Un fiore dedicato alle donne


N

uova struttura nel parco del Pettirosso al quartiere Madonnina-Santa Teresa di Cesenatico. E nato un
fiore dedicato a tutte le donne. Nel corso
della manifestazione Piccoli parchi in festa (1 e 2 giugno), e in occasione del 70
anniversario della Repubblica e del voto
alle donne italiane, stata installata una
struttura simbolo a forma di fiore. Nei suoi
cinque petali i nomi di donne importanti
che hanno contribuito a migliorare la storia dellumanit. Nella corolla sono stati incisi versi della poetessa Alda Merini.
Continua cos il progetto portato avanti in
questi anni dal Gruppo promotore iniziative del quartiere: arricchire le piccole oasi di verde di simboli culturali, fruibili da
tutte le persone, strutture artistiche che
possono diventare punti di incontro, di
curiosit e conoscenza.

Nel corso della prima giornata sono state


portate testimonianze di vita con la lettura di brani in prosa e poesia. Un incontro di
generazioni sul filo della memoria, nel ricordo della nostra storia, nella bellezza
delle parole e delle emozioni. Lattore-poeta Roberto Mercadini ha aperto e chiuso
levento con un monologo dedicato a tutte le donne con un finale in poesia. Da anni - hanno detto gli organizzatori - Mercadini partecipa alle iniziative del quartiere e
ogni volta le sue narrazioni sono fonte di
stupore e di riflessione.
Il secondo giorno di festa ha visto protagonisti i bambini e le bambine con le loro
famiglie. Con il trenino, in bici e a piedi ci
siamo spostati nelle zone verdi del quartiere in un clima festoso ed allegro, nonostante il tempo nuvoloso. Sono seguiti
momenti ludici e dui animazione. Sono

stati lanciati in volo palloncini bianchi,


rossi e verdi con la bandiera italiana che
recava la scritta Buon 70 compleanno,
Repubblica.
Dopo una fresca sosta a base di gelato,
iniziata una partecipata caccia al tesoro nel
parco del Pettirosso. Bambini e bambine
di tutte le et, insieme con i loro genitori,
divisi in tre grandi gruppi, hanno esplorato e cercato nel parco i messaggi nascosti,
arrivando, con grande divertimento, a
sciogliere gli indovinelli e a portare a compimento la gara. stata una giornata da
ricordare. Vogliamo sottolineare il contributo essenziale di imprese, attivit del
quartiere, per il finanziamento della struttura. Vogliamo inoltre ringraziare i volontari e le volontarie del quartiere, e la gentilezza e lospitalit della parrocchia, nella
persona di don Sauro Bagnoli.

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

TERRASANTA - Giubileo della Misericordia (8 giorni, dal 6 al 13 oobre):


IN AEREO DA BOLOGNA: Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, i Santuari del Lago di Tiberiade,
Gerico, Betlemme, Gerusalemme con il passaggio della Porta Santa nella Basilica del Getzemani sul Monte degli
Ulivi. Trasferimen per Bologna, pensione completa, ingressi, accompagnatore e guida
da 1.130 euro

SAN GIOVANNI ROTONDO: 2 giorni, il 7 e l8 oobre 2016 - Pellegrinaggio delle 7 Diocesi


della Romagna: il Volto Santo di Manoppello, San Giovanni Rotondo, Monte SantAngelo e Lanciano. In pullman G.T. - Hotel 3 stelle a San Giovanni Rotondo - pensione completa - assicurazione
130 euro

LOURDES

: 4 giorni, dal 9 al 12 seembre, dal 12 al 15 seembre e dal 15 al 18


seembre
Volo ITC da Bologna - Hotel 3 stelle - pensione completa - assicurazioni

da 595 euro

PROGRAMMI IN PREPARAZIONE

FATIMA e SANTIAGO DE COMPOSTELA


- 5 giorni, dal 18 al 22 giugno 2016 - Voli da Bologna e pullman da Rimini: Oporto, Sanago, Coimbra, Fama. Pensione completa

AD LIMINA PETRI (CEI) - Sono disponibili presso lUcio Pellegrinaggi Diocesano le Credenziali del pellegrino
per chi percorrer il Cammino di Sanago, la Via Francigena o altre anche vie di pellegrinaggio.

16

Valle del Rubicone

Gioved 23 giugno 2016

Gambettola

Longiano.Presentata ipotesi di progetto

Parchi
in movimento

Centro storico, idee


per la riqualificazione
P

resentata nei giorni scorsi a


Longiano unipotesi di progetto
preliminare per la riqualificazione
del centro storico. Allincontro pubblico
erano presenti lAmministrazione
comunale, larchitetto progettista Pino
Montalti di Cesena e lo scultoreimprenditore 92enne Domenico Neri.
Longiano un bel paese - ha esordito il
sindaco Ermes Battistini - ma, come tutte
le cose belle, necessita di interventi di
manutenzione e di riqualificazione per
venire incontro alle mutate esigenze di
chi vi abita. Il sindaco ha spiegato che
intende approvare il progetto
preliminare entro lautunno, in attesa di
finanziamenti pubblici o del permesso a
impiegare lavanzo di bilancio del
Comune.
Tutto il centro storico, da via Borgo
Fausto a via IV Novembre, interessato
dallintervento.
Si va dal ripristino della rete dei
sottoservizi, allallargamento dei
marciapiedi. Fra le alberature saranno
predisposti sedute in pietra e parcheggi
(cinque in meno rispetto alla situazione
attuale). Il sistema di illuminazione

Allincontro pubblico
piovono critiche
dalla minoranza
pubblica sar integrato con lampade a
led. In programma anche il rifacimento
del manto stradale con materiali pi
pregiati e la ripavimentazione di piazza
Tre Martiri, dove sar riqualificato il
chioschetto del bar.
A cambiare fisionomia saranno
soprattutto i giardini pubblici. Sar
predisposto uno spazio dellacqua con
il ripristino della vecchia fontana.
Davanti al teatro Petrella sorger
linedito spazio della Commedia
dellarte. Le sculture in bronzo di
Domenico Neri, ora in mostra in uno dei
locali della San Girolamo, saranno
disposte a emiciclo, allaperto, nello
spazio dei giardini pubblici antistante il
teatro.
Sar poi pedonalizzata la piazza San
Girolamo, creando uno spazio per la
lettura e per eventuali spettacoli
allaperto. I giochi per i bambini saranno

Gatteo
Servizio Civile
alDon Ghinelli

olontari cercasi.
LIstituto don Ghinelli Opera don Guanella di
Gatteo offre la possibilit di
ospitare volontari del
servizio civile nazionale.
Due i giovani da impiegare, di et compresa tra i 18 e i 28
anni. Il progetto prevede un impegno di 30 ore settimanali
per supportare e condividere il quotidiano con i ragazzi
disabili del centro. Le attivit sono principalmente orientate
alla condivisione della quotidianit con i ragazzi, offrendo
loro un supporto e un accompagnamento.
unesperienza diversa, unoccasione di crescita umana e
professionale. La figura del volontario del servizio civile ha
un ruolo che negli anni si definito sempre pi, collocandosi
a tutti gli effetti nellquipe della comunit. previsto un
riconoscimento economico stabilito a livello nazionale. I
volontari sono supportati attraverso momenti di formazione
dedicati, sia interni alla casa che esterni. Le iscrizioni devono
pervenire entro le 12 del 30 giugno ai seguenti recapiti: fax
0541 933424, mail: gatteo.direzione@guanelliani.it.
Cf

spostati vicino alla fontana.


Accantonata lidea di pedonalizzare
piazzetta Manzi (quella della
parrocchia). Le macchine continueranno
a transitare aggirando due aiuole con
sedute messe ai margini della strada.
Il progetto - ha rivelato larchitetto
Montalti - ammonta a un milione e
750mila euro e sar realizzato in tre
stralci funzionali. Il primo e pi corposo
sar di 950mila euro.
Molto critica la minoranza. Valerio
Antolini (Aria fresca), parla senza mezzi
termini di una minestra scaldata alla
temperatura voluta dallimprenditore di
turno che probabilmente ha scambiato
la parte centrale del nostro stupendo
paese nello show-room della sua ditta. Ci
vuole una rivoluzione dettata dallamore
per il proprio Comune, non la cravattina
nuova sul vestito vecchio.
Matteo Venturi

Con lapprossimarsi della buona stagione,


pioggia permettendo, anche a
Gambettola hanno preso il via gli
appuntamenti di Parchi in Wellness.
Liniziativa, organizzata dai centri
wellness gambettolesi Centro Studi Danza
e Arti Coreografiche - In Sintonia, e
Wellness Center con la collaborazione del
Comune di Gambettola e il sostegno di
alcuni sponsor, rivolta a tutta la
popolazione, adulti, giovani e bambini.
Lo scopo del progetto quello di
promuovere il movimento e il benessere
fisico, attraverso prove gratuite di corsi e
attivit varie, sotto la guida esperta di
insegnanti qualificati.
Diversi gli appuntamenti in calendario e
le discipline interessate tra yoga, pilates,
lighting body, cross training. Iniziati a
giugno continueranno fino al 14
settembre, al parco Fellini in via Sopra
Rigossa, dalle 19 alle 20 tutti i luned e
mercoled. La partecipazione libera e
gratuita. E richiesto un abbigliamento
comodo, tappetino o telo. Ogni sera un
insegnante diverso a disposizione dei
tre centri sportivi. Inoltre, ed la novit
di questanno, stata installata nel parco
unapposita attrezzatura ginnica fissa per
lo svolgimento dellattivit antigravity.
Per ulteriori informazioni sulle date dei
vari corsi e attivit e relativi insegnanti si
pu contattare Wellness Center al 345
4226537, visitare la pagina Facebook, o il
sito www.palestrawellnesscenter.it.
Piero Spinosi

La GiuntaVincenzi
si presenta
N

uova giunta nel segno della continuit a Gatteo.


Gianluca Vincenzi, riconfermato sindaco nelle
elezioni del 5 giugno scorso, ha pronta la
squadra che governer il Comune durante il mandato
2016-2021. Il primo cittadino ha confermato, senza
sostanziali modifiche alle deleghe, limpostazione
della precedente esperienza amministrativa,
proponendo una legislatura allinsegna della
continuit, per proseguire quanto avviato nei primi
cinque anni.
Unico avvicendamento in squadra, come titolare della
delega ai Lavori pubblici, quello tra lassessore
uscente Daniele Candoli, che manterr comunque
alcuni competenze come consigliere delegato a
Qualit urbana e viabilit, e il consigliere comunale di
Gatteo che vorrei Deniel Casadei. Imprenditore
25enne, residente a SantAngelo, Casadei diventa
quindi neoassessore a Lavori pubblici, Ambiente e
Protezione civile.
Riconfermati invece nomi e competenze per gli altri
tre assessori proposti per la giunta. Ad occuparsi di
turismo ed attivit produttive sar ancora

Un muro di protezione
per contenere la frana
Via Merlara, a Montiano, chiusa al traffico dal febbraio 2015
La Regione ha stanziato 150 mila euro per lintervento

avori in corso in via Merlara, la corta che collega Montiano a


Montenovo. La strada chiusa al traffico dal febbraio 2015 per una frana
lunga 150metri, come segnalato anche dal Corriere Cesenate nella rubrica
Occhio indiscreto del 24 marzo scorso.
Completato liter burocratico, la Regione, attraverso il Servizio tecnico di
bacino, ha stanziato 150mila euro. Si sta costruendo un muro di protezione
lungo la scarpata. In seguito si realizzeranno asfalto, banchina e marciapiedi.
Abbiamo instaurato un rapporto positivo con il Servizio tecnico di bacino dice il sindaco Fabio Molari - . Grazie al Servizio, siamo gi intervenuti in via
Circonvallazione. Ora stiamo sistemando via Merlara. Da qualche giorno sono
iniziati anche i lavori di consolidamento e di messa in sicurezza degli argini
del torrente Rubicone-Urgon.

Il lavoro dellAmministrazione prosegue Molari - continua senza grandi


slanci. Le risorse sono poche e vogliamo
impiegarle nella cura del decoro urbano.
Abbiamo la sfortuna di essere poveri, ma
la fortuna di essere un Comune piccolo.

limprenditore 45enne Roberto Pari di


Gatteo Mare, mentre Urbanistica ed
edilizia privata rimangono in carica
allarchitetto 33enne Serena Bravaccini.
Allarchivista gattese classe 1973
Stefania Bolognesi vengono poi
riconfermate le deleghe a Scuola,
cultura e politiche sociali e giovanili. La
carica di vicesindaco, infine, viene
confermata, come nella precedente
legislatura, a Roberto Pari.

Presto
andremo a
sistemare
alcune
strade di
campagna,
a partire da
via Crete,
dove
necessario
inghiaiare la
strada,
sfalciare
lerba e
rifare i fossi.
Entro lanno
IL SINDACO
DI MONTIANO MOLARI
partiranno i
IN VIA MERLARA
lavori al
palazzo
comunale
con la messa a norma antisismica e il
rafforzamento dei muri e delle strutture
portanti. Saranno finanziati dalla Regione
per 408mila euro e 10mila euro saranno a
carico del Comune.
Matteo Venturi

Valle del Savio


Tonina
Facciani
nuovo
Tribuno
di Romagna

Gioved 23 giugno 2016

onina Facciani nuovo Tribuno di Romagna.


La cerimonia di conferimento si tenuta
domenica 12 giugno al Gran Hotel di
Cesenatico dove le stato consegnato lattestato
di merito. La scrittrice entrata a far parte della
1 corte, quella relativa alla poesia, allarte, alla
letteratura. Il voto stato unanime. Un
riconoscimento attribuitole per laffinit di valori
che la lega allattivit del Tribunato di Romagna,
associazione che ha per scopo laffermazione e la
salvaguardia del patrimonio culturale e delle
tradizioni romagnole e la valorizzazione dei

prodotti tipici del territorio.


Tonina Facciani nata a Careste, frazione di
Sarsina oggi spopolata, dove ha trascorso
linfanzia imparando il dialetto del luogo.
Oggi vive a Mercato Saraceno.
Oltre a romanzi in lingua italiana, ha
pubblicato diversi libri di poesie in dialetto,
un vero tesoro di testimonianza della lingua
parlata nel suo luogo natale.
Tra le motivazioni del riconoscimento alla
Facciani si legge: Si tratta di una operazione
colta e raffinata che media una sensibilit

deceduto
padre Moretti
morto nel primo
pomeriggio di
luned 13 giugno,
allet di 79 anni,
padre Vittorio
Moretti, rettore
del santuario del
Piratello. Nato a
Bagno di Romagna
il 12 febbraio
1937, aveva emesso la professione
solenne nei francescani del Terzo Ordine
Regolare il 15 agosto 1961 a Imola. Era
stato ordinato sacerdote il 30 marzo 1963
a Roma. Originario di Terre, in Comune di
Bagno di Romagna, ma vicinissimo a
Quarto di Sarsina, tornava spesso in
estate nel suo paese e celebrava Messa in
parrocchia a Quarto. La comunit
quartese lo ha ricordato nella Messa delle
17 di mercoled della scorsa settimana,
presieduta dal padre provinciale del Terzo
Ordine Regolare. A Imola le esequie si
sono tenute nello stesso giorno, alle
14,30, nella basilica del Piratello alla
presenza del vescovo di Imola monsignor
Tommaso Ghirelli.
Dopo unesperienza a Roma e Milano,
aveva fatto ritorno a Imola nellestate del
2015. Uomo di profonda fede e cultura,
padre Moretti ha svolto diversi incarichi a
servizio dellordine francescano: vicario,
segretario provinciale, maestro dei novizi
e ministro locale, ricercatore della storia
dellordine, delegato per la liturgia in
varie commissioni interprovinciali.

on il progetto Vivi la piazza


il Comune di Mercato
Saraceno intende favorire la
realizzazione di momenti di
intrattenimento in piazza Mazzini
nelle sere destate. Fino alla ne di
luglio, al venerd e al sabato sera
dalle 20 alle 24, viene istituito il
divieto di sosta e di circolazione in
piazza. I bar e la Pro Loco potranno
utilizzare spazi per le loro iniziative
e per allestire aree e giochi per i
bambini, incentivati anche da
sconti sul pagamento della Cosap,
il canone da pagare al Comune per
loccupazione di suolo pubblico. Gli
organizzatori delle manifestazioni
al termine dovranno provvedere
allo spostamento della segnaletica
e alla rimozione delle transenne.
Am

Cittadinanza
onoraria

profonda ed una cultura letteraria non


banale, attraverso un dialetto romagnolo
raro e ricercato. La poesia che ne scaturisce
ricca di suggestioni immediate ed evocative,
che inducono alla nostalgia e al rimpianto di
una dimensione, quella di Careste, ormai
quasi cancellata dalla nostra societ di
massa.
Gli altri nuovi tribuni eletti sono: Andrea
Battistini di Cesenatico, Letizia Magnani di
Cervia, Filiberto Mazzanti di Imola, Stefano
Salomoni di Imola.

In Cattedrale a Sarsina, tanti canali per ricevere una benedizione

Quarto

Mercato Saraceno
Isola pedonale
in piazza Mazzini
per favorire eventi

17

La pastorale? Anche
via telefono o per e-mail
S

e sono migliaia le persone che ogni


anno giungono da tutta Italia a
Sarsina per ricevere una
benedizione con il collare di San Vicinio.
Ce ne sono altrettante che scelgono altri
canali pur di affidarsi alla intercessione
del santo patrono dei sarsinati e della
diocesi. E quella che don Fiorenzo
Castorri, delegato per il culto di San
Vicino ed esorcista diocesano, chiama
pastorale del telefono e delle-mail.
Una pratica sempre pi utilizzata anche

tra i sacerdoti della Cattedrale plautina.


Un altro modo per dare aiuto, ascolto e
consolazione. Perch, sostiene il
sacerdote, una benedizione si pu dare
anche a distanza. In Cattedrale racconta don Castorri - ci arrivano
quotidianamente telefonate di gente
che si sente disperata. Ci chiede aiuto,
cerca una parola di conforto e di
speranza. Penso alla solitudine di
queste persone e non posso sottrarmi al
compito di rispondere anche via

Festa di san Giovanni alla Massa

Messa, processione al cimitero


e momento conviviale

San Piero in Bagno


Somalborgo in festa
Ricavato devoluto
a favore della chiesa

a comunit di Quarto festeggia san Giovanni Battista. Lo fa


nella piccola localit della Massa, oggi popolata da 26
abitanti. Una decina le famiglie residenti. Si tratta di un
piccolo borgo nelle colline attorno la frazione sarsinate. Un
tempo orido paese e parrocchia a s stante, oggi in via di
spopolamento. Rimane forte il culto alla nativit di san
Giovanni cui la chiesa dedicata. Tutti gli anni, nella domenica
pi vicina al 24 giugno, vi si celebra lunica Messa dellanno.
Domenica prossima, 26 giugno, sar il parroco di Quarto, don
Fiorenzo Castorri, a presiederla alle 17. Per questo la consueta
Messa del mattino, a Quarto, non verr celebrata. C la
possibilit di usufruire di un servizio navetta che alle 16,30
parte da Quarto verso Massa.
La festa di san Giovanni Battista richiama sempre molte persone
rimaste legate a quel luogo, specialmente gli ex abitanti che
oggi abitano altrove. Il pomeriggio si terr anche la processione
al piccolo cimitero per la benedizione delle poche tombe
rimaste proprio perch si tratta dellunica occasione dellanno
in cui si tiene la celebrazione. La giornata si concluder con un
momento conviviale e comunitario con un piccolo rinfresco.
Mm

i festeggia san Giovanni


Battista a Somalborgo e alla
Chiesa di san Giovanni.
Per Somalborg en festa sono
previste celebrazioni alle 8 ed alle 18
di venerd 24 e di sabato 25 giugno.
Dalle 20 di sabato saranno distribuiti
piatti tipici della cucina sampierana,
con le tradizionali tavolate nel largo
di Via Verdi, davanti alla chiesa di
San Giovanni. Lintrattenimento sar
assicurato dalle magie di mago
Cotechino. Il ricavato, come tutti gli
anni, sar devoluto per opere e
lavori riguardanti la Chiesa di san
Giovani e la Chiesa parrocchiale.
Questanno serviranno per
contribuire alla spesa gi sostenuta
per lavori alle campane della chiesa
parrocchiale.
Am

Conferita
al danese
Ib Larsen
per meriti
turistici

Amministrazione comunale
di Bagno di Romagna ha
ricevuto, il 14 giugno
scorso, nella sala consiliare del
Comune, il signor Ib Larsen al quale
stata conferita la cittadinanza
onoraria. Il ricevimento fa seguito
alla delibera unanime di aprile con la quale il Consiglio
comunale ha riconosciuto al signor Larsen la
cittadinanza onoraria.
Larsen, che in aprile si trovava in Danimarca, poi
giunto a Bagno di Romagna alla guida di un gruppo di

25 turisti danesi, che accompagna in un viaggio


turistico da lui stesso organizzato nei territori
dellItalia centrale con centro gravitazionale proprio
nel piccolo borgo termale.
LAmministrazione ha cos voluto salutare
ufficialmente il proprio cittadino onorario per
consegnargli una targa di riconoscimento della
cittadinanza conferita.
Il sindaco Marco Baccini, la vice Alessia Rossi e
lassessore Enrica Lazzari hanno accolto Ib Larsen per
un breve momento ufficiale di riconoscimento ed
hanno dato il benvenuto ai 25 turisti danesi che

telefono impartendo loro una


benedizione. Lo stesso capita con le email. Me ne arrivano di lunghissime.
Cerco di rispondere a tutti. E giusto
cos. Se il Signore mi affida queste
persone devo andare loro incontro,
compiendo al meglio il mio servizio
sacerdotale. Altrimenti dovrei smettere
di fare il prete. Papa Francesco lo ripete
spesso: fatevi fratelli senza giudicare
nessuno. Chiamano e scrivono da ogni
parte dItalia. Sono persone adulte, ma
anche giovani, persone sole, famiglie
con figli, coppie in difficolt. La gente
vorrebbe risolvere i loro problemi con
una preghiera o una benedizione. Ma
non sta qui la risoluzione dei guai. Si
tratta di ripensare la propria vita. La
risposta di don Fiorenzo, dei sacerdoti e
diaconi della Cattedrale quella di
mettere Dio al centro della propria vita,
facendo un vero cammino di fede.
Spesso succede che le persone non
siano contente di questa medicina
perch non sono disposte a cambiare. I
veri miracoli che Ges ci chiede sono
nellordine dellamore. Anche ai tanti
che chiamano via telefono o scrivono
una e-mail raccontando la loro storia di
disperazione viene fatta questa
proposta. Un modo moderno di fare
pastorale? Pu darsi. Un compito cui un
sacerdote non pu sottrarsi. Dobbiamo
farci fratelli di questa gente. Nessuno
deve andare via da qui o chiudere la
telefonata dicendo: Non ho incontrato
lamore di Dio. Non deve accadere.
Michela Mosconi

Unione dei Comuni


Stanziati fondi
per telecamere in E45

l progetto riguardante
linstallazione di telecamere per
la videosorveglianza agli svincoli
della E45 sta avanzando. Il Consiglio
dellUnione dei Comuni ha
approvato lutilizzo a tale scopo di
70.000 euro dellavanzo di bilancio
2015. LAnas finanzier
linstallazione per un importo di
40.000 euro. Il progetto - sottolinea
il vicepresidente dellUnione Marco
Baccini - rientra allinterno di un
accordo con la Prefettura, la Polizia,
lArma dei Carabinieri, lAnas, la
Provincia e lUnione dei Comuni
Valle Savio e va a rispondere a una
esigenza di messa in sicurezza del
territorio.
Altri 68.000 euro dellavanzo di
bilancio sono stati destinati ad
investimenti nel settore informatico.
Alme

soggiornano a Bagno.
Anche se il riconoscimento della cittadinanza
onoraria era gi sta decisa e deliberata - ha detto
Baccini - il saluto a Ib Larsen stato emozionante e
particolarmente sentito da entrambi. E la prima volta
che conferiamo una cittadinanza onoraria e riteniamo
che sia un gesto importante e signicativo. Ib Larsen
era gi di fatto un nostro concittadino per la sua reale
conoscenza del nostro territorio, della nostra cultura e
delle peculiarit della nostra storia e riteniamo che
con questo conferimento il rapporto gi consolidato
possa maturare sempre di pi.

18

Solidariet

Gioved 23 giugno 2016

Sempre pi non profit. Riforma del Terzo Settore, approvato il Disegno di legge
stata approvata la Riforma del Terzo
dipendenti dei Csv.
Settore: un passo avanti per tutto il
La Riforma prevede inoltre organismi
Terzo Settore, ma riteniamo che
regionali per la programmazione e il
manchi di un po di determinazione.
controllo dei Csv. Speriamo che questi
Siamo perplessi sui nuovi impegni e
organismi siano composti in modo
compiti previsti per i Centri di Servizio
paritetico da Istituzioni, Volontari,
per il Volontariato e il poco sostegno
Fondazioni.
economico per garantirne la gestione.
Molto buona la decisione di formare il
La Riforma fu promossa a Lucca dal
Consiglio Unico Nazionale del Terzo
Presidente del Consiglio Matteo Renzi,
Settore, organismo preposto al dialogo
che afferm che non eravamo il terzo,
fra i vari enti che lo compongono e con il
ma il primo settore del nostro Paese.
compito di confrontarsi e di relazionarsi
Questa dichiarazione dipesa dal modo
direttamente con il Governo.
in cui agiscono i volontari con le loro
Positive sono le norme sullImpresa
attivit e i loro valori che si ritrovano nel
sociale attraverso le quali si spera venga
principio di sussidiariet dellart. 118
posto rimedio ai tanti problemi dei
della nostra Costituzione.
cittadini e in particolare di diminuire le
Tutto iniziato dal volontariato, poi nel
differenze sociali.
tempo, nato il Terzo Settore e in questo
Qualche dubbio sulla nascita della
momento storico necessario tenerne
Fondazione Italia Sociale.
conto.
Laspetto della fiscalit un altro
Questa una Riforma di portata storica,
passaggio positivo.
che possiamo definire positiva, che
Infine condividiamo anche la
contiene molte luci e
razionalizzazione del
qualche ombra, che ci ha
5x1000 dove il parlamento
visto impegnati a
intervenuto per garantire la
organizzare convegni e
destinazione dei fondi
incontri pubblici con i
nellinteresse generale del
politici e gli operatori di
Terzo Settore.
settore, a cui non abbiamo
Proponiamo che il Governo
mancato come Centro
Il Centro servizi per il volontariato di Forl-Cesena: Al nostro interno il cambiamento possa sostenere
Servizi Provinciale del
indirettamente le
Volontariato, stimolati dai
associazioni tramite le
lo abbiamo messo in atto da tempo e siamo pronti a cambiare ancora, ma capiamo
soci delle tante associazioni
attivit erogate dai Csv,
aderenti nel dare contributi
quanto sia difficile ascoltare la voce di chi debole e si trova nel bisogno, perch molto utilizzando una parte dei
di idee e di indirizzo.
fondi del 5x1000 che
Noi siamo i primi a pensare
residuano e che non
pi facile ascoltare la voce di organismi pi influenti e questo ci preoccupa
positivo su questa Riforma.
vengono riscossi dalle
Al nostro interno, il
associazioni, restando cos
cambiamento lo abbiamo messo in atto
Parliamo di un movimento, quello del solo servizio e il sostegno a tutti i volontari del
nelle casse dello Stato; in questo modo
da tempo e siamo pronti a cambiare
volontariato, di quasi sette milioni di
Terzo Settore: questo significa passare da
non si andrebbero ad erodere i fondi che
ancora, ma capiamo quanto sia difficile
persone fra volontari organizzati e singoli:
50mila utenti delle organizzazioni di
sono destinati agli enti beneficiari del
ascoltare la voce di chi debole e si trova
una vera forza che, in particolare nella
volontariato, a 300mila utenti volontari
5x1000.
nel bisogno, perch molto pi facile
nostra Romagna, mantiene ancora
degli enti di Ts, senza per destinare
Noi volontari saremo sempre dei grandi
ascoltare la voce di organismi pi influenti possibile un certo benessere.
risorse economiche aggiuntive per queste
alleati delle Istituzioni Pubbliche e
e questo ci preoccupa.
Questa Riforma include il Servizio Civile
attivit. In concomitanza a ci, si prende
confidiamo nei Decreti attuativi che
Adesso collegati a reti nazionali
Universale aperto ai giovani, tra 18 e 28
atto di una diminuzione del 30 per cento
avranno lo scopo di specificare meglio il
solleciteremo il Governo affinch,
anni, per un periodo compreso fra 8 mesi
dei fondi destinati ai Csv per il 2017 e tale
testo della legge e le sue norme. Molti
attraverso i decreti delegati, sciolga i nodi
e un anno, al fine di promuovere i valori
diminuzione raggiunger il 75 per cento
elementi potranno essere sviluppati
ancora presenti nella Riforma. Saranno
sociali previsti dalla nostra Costituzione.
rispetto al 2008.
ulteriormente e questa sar una grande
necessari altri confronti e un dialogo
Si tratta di un aspetto molto positivo di
Siamo aperti a chiunque possa farci capire responsabilit della politica.
costante per sostenere un settore dove,
questa Riforma, perch consente ai
come sar possibile fare una corretta
Leonardo Belli
con poco, si pu ottenere molto e dare un
giovani di fare esperienze di impegno
gestione e aiutare le nostre associazioni.
presidente Centro servizi volontariato
aiuto alle istituzioni per far uscire il nostro
civile e diventare cittadini consapevoli.
Con gli attuali fondi, non solo non saremo
di Forl-Cesena
paese da quella crisi che sembra non
La nuova legge assegna un nuovo compito in grado di erogare nuovi servizi ma
Gilberto Bagnoli
voglia abbandonarci.
ai Centri di Servizio per il Volontariato, il
dovremo licenziare almeno un quarto dei
vice presidente

Il punto di vista del volontariato

Inaccettabile che in Italia


giovani e anziani
non si possano curare
Secondo lultima ricerca Censis, aumenta il
numero di italiani che rinunciano a curarsi
a causa di tempi di attesa troppo lunghi o
per difficolt economiche. Due milioni in
pi rispetto al 2012, soprattutto anziani.
Aumenta anche la spesa sanitaria
sostenuta dai cittadini, arrivata a 35
miliardi di euro, spesso a causa di tempi di
attesa troppo lunghi o poich il ticket
aumentato no a superare il costo della
stessa prestazione in una struttura
privata. Il 45,4 per cento dei cittadini ha
pagato tariffe nel privato uguali o di poco
superiori al ticket che avrebbe pagato nel
pubblico. Questo dato cresce di 5,6 punti
percentuali rispetto al 2013.
Il 72,6 per cento delle persone che hanno
dovuto scegliere la sanit privata lo ha
fatto a causa di liste di attesa nel pubblico
troppo lunghe. Sono 7,1 milioni gli italiani
che nellultimo anno hanno fatto ricorso a
servizi a pagamento, il 66,4 per cento
proprio per evitare le lunghe liste dattesa.
Il 30,2 per cento si rivolto alla sanit a
pagamento anche perch i laboratori, gli
ambulatori e gli studi medici sono aperti
nel pomeriggio, la sera e nei weekend.
Sono diventati invece 11 milioni nel 2016
gli italiani che hanno dovuto rinviare o
rinunciare a prestazioni sanitarie
nellultimo anno a causa di difficolt
economiche. Secondo il Censis, sono a
rischio soprattutto le fasce pi deboli
della popolazione: 2,4 milioni di anziani e
2,2 milioni di giovani, la generazione nata
tra la met degli anni Ottanta e i primi
anni del Duemila, spesso senza lavoro o
con lavori precari.
inaccettabile che in un Paese evoluto
come il nostro ci siano 11 milioni di
italiani che non si possono pi curare e che
le fasce pi colpite siano proprio giovani e

NOTIZIARIO PENSIONATI
anziani. questo il commento del segretario
generale Fnp Cisl, Gigi Bonfanti, ai dati diffusi
dal Censis nel suo rapporto. Ancora una volta
dobbiamo constatare che gli effetti disastrosi
dei tagli al nostro Sistema sanitario abbiano
colpito giovani e anziani, che rappresentano
gli anelli deboli della nostra societ.
impensabile in un contesto simile - conclude
Bonfanti - sentir parlare di superamento della
crisi: al Governo chiediamo interventi mirati
per eliminare gli sprechi e consentire a chi ha
gi una vita precaria a causa della mancanza
di lavoro, o perch titolare di una pensione
bassa, di poter accedere alla cure di cui ha
bisogno, senza essere costretto a dover
scegliere se mangiare o curarsi.

Quattordicesima
per pensionati a basso reddito
Come ogni anno il 1 di luglio verr erogata la
quattordicesima, ovvero una somma
aggiuntiva prevista per i pensionati a basso
reddito. Quindi tutti i pensionati ex lavoratori
dipendenti o ex lavoratori autonomi che
hanno pi di 64 anni e un reddito inferiore a
una volta e mezzo il trattamento minimo, cio
9796,61 euro, (743,14 euro mensili)
riceveranno tale somma.
Limporto della quattordicesima varia a
seconda dei contributi versati per ottenere la
pensione.
Per i pensionati ex lavoratori dipendenti: 336
euro con unanzianit contributiva no a 15
anni; 420 euro per chi ha unanzianit
contributiva da 15 a 25 anni; 504 euro nel
caso di pi di 25 anni di anzianit
contributiva.
Per i pensionati ex lavoratori autonomi: 336
euro con una anzianit contributiva no a 18

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Pensioni: dialogo tra sindacato e Governo


Presso il Ministero del Lavoro si svolto lincontro
tra sindacati confederali, Cgil, Cisl e UIl, e il Ministro
Poletti. stato un incontro importante che ha visto
come temi principali il lavoro, gli ammortizzatori
sociali e anche le pensioni, punti fondamentali che
riguardano tutta la societ, giovani e anziani. A
questo incontro ne seguiranno altri pi specifici, ad
esempio il 28 giugno sulle pensioni.
La segretaria della Cisl Furlan spera finalmente
nellinizio di un percorso importante di dialogo tra
Governo e parti sociali, con la fine delle decisioni
solo unilaterali, spesso deleterie.
Lapertura del Governo alle proposte del sindacato
si evidenziata anche nei correttivi posti a
numerosi temi, come lApe, anticipo
pensionistico. Non ci sar pi una penalizzazione
per chi decide di andare in pensione anticipata, ma
la restituzione di un prestito. Questo
principalmente dovuto alla necessit di limitare la
spesa pubblica ed evitare cos un ammonimento da
anni; 420 euro per chi ha unanzianit contributiva da 18 a 28
anni; 504 euro nel caso di pi di 28 anni di contributi versati.
Nel caso di sola pensione di reversibilit gli anni contributivi
saranno calcolati al 60 per cento.
Nel calcolo del reddito necessario tener conto di tutti i
redditi personali, non familiari, valutati al lordo, con la sola
esclusione dei redditi derivanti dalla casa di abitazione, dalla
percezione di assegni familiari, indennit di
accompagnamento e dei redditi derivanti dal pagamento del
trattamento di ne rapporto di lavoro.
I redditi principali da considerare sono: redditi da pensione,
anche quelle erogate da Stati esteri; redditi da lavoro
dipendente o autonomo; interessi bancari, postali, Bot, Cct e
dei titoli di Stato, vincite al lotto e lotterie; redditi da terreni
e fabbricati; rendite vitalizie e da capitali prodotti allestero.

parte dellUnione Europea. Il Governo ha per


garantito forme di detrazione fiscale che andranno
a ridurre le rate, a seconda delle condizioni del
lavoratore. In caso di riorganizzazioni aziendali, ad
esempio, anche le aziende saranno chiamate a
partecipare. Il Governo ha aperto al dialogo anche
sulla ridefinizione dei cosiddetti lavori usuranti.
Anna Maria Furlan assicura che la proposta dei
sindacati sar una scelta che duri nel tempo, che
non riguardi solo certi anni di nascita ma che
comprenda tutti, anche i giovani.
Anche Bonfanti, segretario generale dei pensionati
Cisl commenta positivamente lincontro con il
Governo: Importante sar ora capire come Poletti
vorr porsi nei confronti delle nostre richieste,
come la tutela del potere di acquisto delle pensioni,
la concessione degli 80 euro a quelle pi basse, il
recupero del danno provocato dal blocco della
rivalutazione, la separazione tra previdenza e
assistenza e la modifica della Fornero.
possibile il caso di una quattordicesima ridotta. Se infatti il
reddito supera il limite dei 9.796 euro, ma inferiore al reddito
incrementato con limporto spettante, sar erogata una somma
tale da non superare questultima soglia. Ad esempio, un
pensionato con trentanni di contributi con reddito di 9.900 euro
supera il limite, ma ha un reddito comunque inferiore a
10.300,61 euro, cio 9796,61+504 euro che limporto della
quattordicesima per chi ha trentanni di contributi. In questo
caso il pensionato ricever una quattordicesima pari a 400 euro,
che gli permette di non superare la soglia dei 10.300 euro.
Di norma la quattordicesima viene erogata automaticamente in
base alle dichiarazioni reddituali (modello Red) gi acquisiti o
da acquisire. Nel caso in cui non siano mai state presentati tali
dichiarazioni necessario fare richiesta allEnte compilando il
modello Red.

Cultura&Spettacoli

La Fiera di San Giovanni


Storie e curiosit in un libro
Pubblicato dalla Societ editriceIl PonteVecchiodi Cesena, a
cura del nostro collaboratore PaoloTurroni. La presentazione alla
Biblioteca Malatestiana gioved 23 giugno alle 17

al 14 giugno in libreria La Fiera di San Giovanni a Cesena. Storia Tradizioni


Enogastronomia di Paolo Turroni, foto di copertina e del portfolio a colori di
Gianmaria Zanotti, presentazione di Christian Castorri; 136 pagine (12 euro).
Il libro presentato a Cesena gioved 23 giugno da Elide Giordani, nellaula magna
della Malatestiana, alle 17.
Amato appuntamento dinizio estate, la Fiera di San Giovanni richiama da secoli
tantissimi visitatori a Cesena. Il profumo della lavanda, il colore rosso del fischietto
di zucchero sono elementi dellidentit romagnola e cittadina. Ma chi era davvero
il Battista? Cosa sappiamo di lui? Perch solo lui, insieme a Ges e alla Madonna,
viene festeggiato due volte durante lanno? E come il solstizio destate collegato
alla sua figura? Molte sono le domande, e per poter trovare le risposte occorre
leggere questo volume agile e chiaro, in cui vengono presentate tutte le
informazioni necessarie per comprendere a fondo la festa in s e in collegamento

PARSONS DANCE (FOTO LOIS GREENFIELD)

con la storia di
Cesena. I
capitoli
dellopera,
infatti,
analizzano la
figura storica
del Battista, i
miti legati al
calendario, le
tradizioni
europee e
romagnole per
la notte pi
magica
dellanno, senza
dimenticare
cibi, bevande,
frutti, piante e unantologia di testi per
documentare un personaggio fra i pi
suggestivi del mondo religioso. Attraverso
una narrazione sintetica ed efficace, il
lettore pu cos avere unidea complessiva
della Fiera, delle sue origini e del mondo
ricco di tradizioni che la circonda. assai
suggestivo, ad esempio, notare come un
liquore da sempre collegato alla notte di San

Gioved 23 giugno 2016

19

Giovanni, il nocino, sia ben pi che una


semplice bevanda euforizzante.
Antichissimi miti, riti che affondano le loro
origini nei periodi pi remoti della storia
umana, hanno dato forma a una bevanda
che un vero e proprio elisir, quasi una
pozione magica.
Riguardo la Fiera a Cesena, raccontare
questa storia anche raccontare un aspetto
della storia di tutta la citt: da quando nel
Medioevo quella che oggi chiamiamo piazza
del popolo accolse i venditori ambulanti,
unimmagine che parla ancora delloggi, il
mercato di giugno fu un punto di contatto
fra popolazioni diverse, fra genti che
viaggiavano, a volte davvero tanto, per
portare le loro merci ovunque; luogo
essenziale dei festeggiamenti urbani,
insieme allamatissima Fiera dellAssunta ad
agosto, vide corsi di cavalli, danze e celebri
personalit, come il duca Valentino, che
allinizio del XVI secolo voleva trasformare
Cesena nella capitale del suo Stato
romagnolo. Non solo fischietti di zucchero e
lavanda, quindi, ma tanto di pi: il ritratto di
una citt attraverso il tempo, fino ad oggi, e,
speriamo, anche nel futuro.

Cinema

NICOLA
PIOVANI

di Filippo Cappelli
Uci Romagna (Savignano sul Rub)

ALICE
ATTRAVERSO LO SPECCHIO
di James Bobin

a
n
e
s
e
C
,
i
c
n
Teatro Bo

NOAH

Tradizione e modernit
Nuovo e ricco cartellone
Fra classico e moderno
35 spettacoli, per un totale di 70
serate, dal 21 ottobre 2016 al 27 aprile
2017: questa, in estrema sintesi, la
programmazione di Emilia Romagna
Teatro per il Bonci di Cesena, che
festeggia i 170 anni dalla sua
inaugurazione (avvenuta il 15 agosto
1846, con Maria di Rohan di
Gaetano Donizetti), e
contemporaneamente i 40 anni di vita
della Fondazione Ert, teatro stabile
dellEmilia-Romagna, che da 11 anni
gestisce lo storico palcoscenico
cittadino.
La prosa
Come di consueto, la parte del leone
la fa la stagione di Prosa, da sempre
fiore allocchiello del Bonci, in
unalternanza di testi classici e
moderni. Per i classici, due
Shakespeare: Macbeth a novembre e
Giulio Cesare a marzo; Cechov, a
gennaio; Goethe con un Faust
rielaborato dallOpera di Pechino a
fine novembre. Per i moderni, Stefano
Massini, gi visto nella stagione
passata con 7 minuti e questanno
presente con Lora di ricevimento, a
febbraio; la rielaborazione del giovane
drammaturgo Emanuele Aldrovandi
del Libro di Giobbe a fine febbraio;
Arthur Miller, ormai un classico, con
Morte di un commesso viaggiatore
nellinterpretazione del Teatro
dellElfo di Milano, assente da molti
anni da Cesena; Qualcuno vol sul
nido del cuculo dallomonimo
romanzo di Ken Kesey, di Daniele
Russo e Elisabetta Valgoi, che si sono
rifatti al romanzo del 1962 e non al
famosissimo film del 1975,
ambientandolo in Italia.

Lessai
Parallelamente al programma di
Prosa, un appuntamento fisso con
lEssai, quei testi particolari, di
maggiore ricerca, per un pubblico di
solito numericamente pi ristretto (e
infatti si tratta di due sole repliche,
contro le quattro della Prosa). Tre
spettacoli in cartellone: Luomo dal
fiore in bocca di Pirandello, regia e
interpretazione di Gabriele Lavia (18,
19 novembre), The Pride con Luca
Zingaretti (il Montalbano televisivo),
24 e 25 gennaio, Porcile di Pasolini,
1 e 2 marzo.
Teatro contemporaneo
Tre spettacoli made in Ert: tutti e tre
si svolgeranno sul palcoscenico del
Teatro insieme al pubblico (in attesa
che il Ridotto del Bonci sia
finalmente libero): La tartaruga di
Pirandello (2, 3 dicembre), Assassina
di Franco Scaldati (5, 6 marzo),
Cospiratori di Thomas Bernhard (31
marzo e 1 aprile).
Progetti speciali
Spazio alle due compagnie di ricerca
cesenati, da anni alla ribalta
internazionale: Esercizi per voce e
violoncello sulla Divina Commedia di
Dante della Socetas Raffaello Sanzio
vedr duettare Chiara Guidi col
violoncello di Francesco Guerri (4, 5
dicembre), mentre dal 12 al 14 aprile
andr in scena Giuramenti, titolo
provvisorio del nuovo spettacolo di
Cesare Ronconi con i testi di
Mariangela Gualtieri.
Musica
Da anni questa sezione pi debole

delle altre, dato che a causa della crisi


non pi possibile ingaggiare le
grandi orchestre sinfoniche che in
passato si sono esibite sul
palcoscenico cesenate. Unalternanza
di classica, jazz e musica moderna
vede Mario Brunello con un assolo
dedicato a Bach (28 gennaio),
lautobiografia in musica di Nicola
Piovani, autore delle musiche di film
celeberrimi (2 aprile) per chiudere
con Noa (27 aprile) ormai una habitu
del Bonci.
Danza
Principalmente classici per questa
sezione: da Romeo e Giulietta allo
Schiaccianoci, fino alla modernit
di coreografi contemporanei come
Monica Casadei e David Parsons.
Teatro musicale
La stagione del Bonci inizier
venerd 21 ottobre con Le nozze di
Figaro di Mozart, nellallestimento
del Conservatorio Maderna di
Cesena, fondamentale anche per la
realizzazione delle serate musicali del
cartellone. Proseguir con musica del
900 e dell800, da Ciaikovski a
Mascagni, da Schoenberg a Verdi.
Gli abbonamenti per i vecchi
abbonati saranno in vendita dal 28
giugno; prezzi di biglietti e
abbonamenti non sono cambiati.
cambiata, invece, lentit del
contributo del Comune alla spesa per
il cartellone del Bonci: da 810mila a
900mila euro, a seconda dei progetti
presentati, e tale cifra rimarr
invariata per tre anni.
Info: www.teatrobonci.it
Paolo Turroni

Potrebbe sembrare un indovinello dello Stregatto: che cos un film di Tim Burton, senza
pi Tim Burton? Questo per dire che manca,
eccome, la mano del regista californiano su
queste nuove avventure di Alice. E il peggio
che potrebbe essere anche un buon film, se
non avesse in Alice in wonderland del 2010
un parente tanto scomodo.
La trama: sono trascorsi sei anni da quando
le sale cinematografiche erano monopolizzate dalle avventure di Alice Kingsley (Mia
Wasikowska), che guidata dalla mano di Burton, partiva per un viaggio in nave intorno al
mondo, dopo aver sconfitto la Regina Rossa
(Helena Bonham Carter).
A oggi, gli anni trascorsi a Sottomondo sono
solo tre, e Alice viene richiamata nel Paese
delle Meraviglie per salvare il Cappellaio
Matto (Johnny Depp), che si sta lasciando
morire a causa dei rimorsi nei confronti della
sua famiglia che scopre essere ancora viva.
Da qui, linizio della nuova avventura di
Alice, che mossa dalla volont daiutare il suo
amico viaggia indietro nel tempo, alla ricerca
di risposte sul destino degli Altocilindro,
viaggio che la porter a scontrarsi con la personificazione del Tempo (Sacha Baron
Cohen) e con la Regina Rossa, decisa a impossessarsi della Cronosfera in modo da
poter tornare a quando era bambina, per
correggere un torto subito da sua sorella Mirana, la Regina Bianca (Anne Hathaway), riprendendosi cos il trono che le spetta di
diritto...
La trama spiega gi molte cose. Da una parte
siamo lontani, come gi detto, dalla precedente opera di Tim Burton (qui comunque
produttore). Dallaltra, si respira altrettanta
lontananza anche dallopera di Lewis Carroll,
tanto da far venire voglia di riprendere in
mano il libro e tornare alla vera Alice. Il film
di Bobin una classica storia Disney, piena
di moralit e scene ammonitrici. Per questo
risulta adatto a famiglie e bambini, ma perde
quel carattere eversivo che Burton (che comunque non era al meglio di s) aveva impresso alle vicende al di l dello specchio.
Detto questo, il film diretto da James Bobin
(che finora aveva diretto solo due film sui
Mupptes) come film morale funziona. Gli
spunti di riflessione sono abbastanza interessanti, Sacha Baron Coen come Tempo rasenta davvero la perfezione e Johnny Depp,
pur in una parte pi marginale, fa sempre il
suo dovere. La costruzione delle ambientazioni perfetta e tutto sommato la pellicola
non annoia, ben dosata fra tempi comici e
pi seri. Il problema sar per tutti quei burtoniani che si recheranno al cinema con
molte aspettative e non avranno nulla dellatmosfera gotica e dellutilizzo dei colori
che solo Burton sa dosare con tanta maestra
e meraviglia. Il fim sar anche buono. Ma
leffetto finale decisamente poco meraviglioso.

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 23 giugno 2016

ono ventanni di Festa artusiana: dal 1997 la piccola citt romagnola di


S
Forlimpopoli ha saputo organizzare e mantenere un festival dedicato
allalimentazione che ha pochi paragoni a livello nazionale.

A Forlimpopoli
giorni di Festa
Artusiana

La ventesima edizione della Festa artusiana, che inizier il 25 giugno per


concludersi il 3 luglio, vede confermati gli appuntamenti tradizionali: nove
giorni di degustazioni, spettacoli, concerti, incontri, mostre.
La festa si apre nel nome del poeta Olindo Guerrini nel centenario della sua
morte con un convegno che ricorda lamicizia tra lintellettuale romagnolo e il
gastronomo di Forlimpopoli: Artusi, Guerrini e la rifondazione della cucina
italiana.
Al centro della festa sar naturalmente Casa Artusi: verr ospitata una mostra
delle lettere fra Guerrini e Artusi, documenti preziosi e inediti, ritornati di

recente grazie alla donazione della famiglia Santini di Cesena. Tra le tante
iniziative, dalle 19 alle 20, Casa Artusi proporr lApp-eritivo: buone letture e
buon cibo. Oltre al cibo, la Festa artusiana si caratterizza come un grande teatro
a cielo aperto che unisce i generi e le proposte artistiche pi diverse: dalle
performance di strada ai concerti, dagli spettacoli per i bambini alla musica
popolare passando per il blues e il jazz. Il cartellone, diretto da Enrico
Zambianchi, propone oltre 70 appuntamenti. Ci saranno cibi per tutti, sia della
tradizione italiana, sia da altri Paesi: sia per chi vuol mangiare a tavola, sia per chi
vuole assaggiare qualcosa passeggiando per la citt.
Informazioni: Ufficio Cultura, tel. 0543-749234-5 (orario 8-13; durante la festa
16-21), info@festartusiana.it; www.festartusiana.it
Paolo Turroni

Il passaggio di consegne avvenuto domenica scorsa

Bagno di Romagna
Giro podistico

La Pro loco di Selvapiana ha


organizzato, in collaborazione con
Ravenna runners club maratona, l8
edizione del Giro podistico di
Selvapiana che si correr domenica 26
giugno. Il percorso panoramico si
sviluppa per 10 chilometri ai piedi del
monte Comero, attraverso castagneti e
prati.

Cesenatico

e, non
ultimi,
interventi allestero, nei Paesi pi disagiati. Il
motto del Lions We serve (noi serviamo) e
il Lions Club Valle del Savio cerca di mettere in
pratica gli scopi del lionismo.
Il presidente di questanno, il pittore cesenate
Adriano Maraldi, ha realizzato un service rivolto alle scuole primarie e secondarie della
Vallata del Savio, da San Vittore a Verghereto.
Ha coinvolto circa 700 ragazzi nella realizzazione di opere darte create con materiali di
riciclo e li ha iniziati alla tecnica pittorica della calcografia, facendo loro incidere lastre di

Bagno di Romagna
Cambiamento climatico

La seconda conferenza della serie Tra


cielo e terra, organizzata dalla
compagnia di Gnomo Mentino, in
collaborazione tra Comune e centro
turistico Valbonella, in programma al
Palazzo del Capitano mercoled 29 giugno
alle 21. Silvia Kuna Ballero parler di
Cambiamento climatico: cause, effetti,
incertezze e strategie future.

Gambettola

Incontri a Casa Moretti

Teatro e musica

Per la rassegna La serenata delle zanzare,


venerd 24 giugno alle 18,30 sar
inaugurata la mostra fotograca I canti di
un naufrago. Omaggio a Dino Campana e
si terranno letture dai Canti Orci del
poeta di Marradi, a cura di Paolo Briganti e
Mirella Cenni. Domenica 26 giugno alle 18
avr luogo lincontro con Francesco Guccini
dal titolo In cerca di parole presentato
da Renzo Cremante.

Nellarena Federico Fellini, venerd 24


giugno alle 21, la compagnia La Cumpa
presenter lo spettacolo teatrale Vietato ai
maggiori di 18 anni (se non accompagnati dai
genitori) di Marco Brambini. Domenica 26
giugno alle 21 Note destate a cura degli
allievi della scuola di musica Augusto
Oleandri. Gioved 30 giugno alle 20,45 sar
presentato il libro di Alessandro Casalini
Fattore Z.

Mercato Saraceno

rame stampate poi su carta con lutilizzo di un torchio. stato poi pubblicato e distribuito nelle scuole un libro per scolari affetti da discalculia. Il Lions
Valle Savio ha inoltre finanziato una serie di formelle in piazza Plauto a
Sarsina che riportano le
trame di tutte le commedie
di Plauto.
A conclusione dellincontro c stato il passaggio
delle consegne fra il vecchio e il nuovo presidente e Consiglio direttivo. Questa la nuova compagine sociale: presidente: Piergiuseppe Marchi; vice presidente:
Mirca Amadori; past presidend: Adriano Maraldi; segretario/tesoriere: Nino Rossi; cerimoniere: Ugo Berti; referente informatico: Michele Crociani; addetto al Gemellaggio: Vittorio Menghi; consiglieri: Andrea Bono, Giovanni Maria Collina, Adriano Neri. Comitato soci:
Piergiorgio Pellicioni, Adriano Maraldi, Romano Prati; sindaci revisori: Pietro Tognacci,
Rotilio Biserna, Raffaele Ricci.

IL PASSAGGIO DELLA STACCA


DA ADRIANO MARALDI
(A DESTRA
NELLA FOTO)
A PIERGIUSEPPE
MARCHI

LionsValle Savio
Marchi il nuovo
presidente
A

lla presenza del governatore Franco Sami, il Lions Club Valle del Savio ha celebrato il 43 anniversario dalla fondazione e il passaggio delle consegne in vista del
nuovo anno sociale. Lappuntamento si svolto domenica scorsa al ristorante Il Castello di
Diegaro di Cesena.
Il governatore Sami ha fatto il punto sulla situazione attuale del Lions: Non un momento facile per lItalia e non lo nemmeno
per la nostra associazione, ma nonostante la
congiuntura negativa molte sono le iniziative
atte a ridurre i disagi dei meno fortunati, al recupero e alla valorizzazione di valori culturali

Cesena

Cesenatico

Barche romagnole

Il Museo della Marineria ospiter no al 4


settembre la mostra di Giuseppe Zannini Il
cantiere della tradizione. I modelli di barche
romagnole, accompagnata da immagini
fotograche e lmati. Si tratta di modelli di
barche adriatiche riprodotti in miniatura.
Linaugurazione avverr venerd 24 giugno alle
17. Si potr visitare tutti i giorni dalle 10 alle 12
e dalle 17 alle 23.

Montiano

Bande in Montiano in musica


Prosegue in piazza Maggiore la rassegna Montiano in
musica 2016. Sabato 25 giugno alle 21,15 concerto
delle bande Medaglia doro Paolo Peli di Brescia e
Arcobaleno di Trieste. Domenica 26 alle 19
degustazione di carni, salumi e formaggi. Il ricavato
andr in benecenza. In serata esibizione della banda
di San Mauro Pascoli e del corpo bandistico di
Carpinello (Forl). La rassegna si concluder luned 27
giugno col concerto della 3Monti band.

Rotary Cesena | Avenanti socio

Mostra

San Damiano a... mare


Sabato 25 giugno si svolger a Mercato
Saraceno San Damiano a...mare,
organizzato dallassociazione Pro Loco di
Mercato Saraceno. Levento rientra
allinterno della rassegna Palcoscenici
dEstate, in collaborazione con il Comune
di Mercato Saraceno - Assessorato Turismo
e Cultura. A partire dalle 20 a San Damiano
di Mercato Sarano, in piazza del Mercato,
si terr una cena di pesce a numero
limitato e su prenotazione.
Durante la serata si esibiranno Luca
Calbucci e Lara, che proporranno un vasto
repertorio di musica romagnola. Il men
della cena comprende: cocktail di gamberi
in salsa rosa, piadina del pescatore,
crostone con crema di cannellini e cozze,
maccheroncini tricolore al tonno fresco
lasagna di mare, fritto misto di paranza,
verdure pastellate, sorbetto la limone.
Il prezzo della cena di 20 euro, bevande
escluse. Sar possibile prenotare presso il
Bar Roma o al numero 338 8919373.

La storia
del teatro Bonci
Sar inaugurata marted 28 giugno alle 17
presso il teatro e la Biblioteca
Malatestiana la mostra 170 anni. Una
nostra storia per immagini, a cura di
Gessica Boni, Paola Errani, Carla Rosetti,
Alessandra Biondi e Franco Pollini.
Esecuzione musicale dellAmmi, con la
voce di Alessandro Bonci dalle incisioni
originali. La mostra rester aperta no al
30 settembre.

Lirica al cinema Eliseo


Lopera in quattro atti di Jules Massenet
Werther sar trasmessa in diretta dalla
Royal Opera House di Londra luned 27
giugno alle 20,15. Ispirata al romanzo di
Goethe I dolori del giovane Werther
racconta la storia damore senza
speranza. Direttore Antonio Pappano.

Film allarena
San Biagio
La stagione cinematograca estiva si
terr no all11 settembre allarena San
Biagio in via Serraglio. Ospiter anche i
lm della VI edizione di Piazze di
cinema. Linizio delle proiezioni alle
21,45 nei mesi di giugno e luglio; alle
21,30 in agosto e settembre.

Per i 70 anni
della Repubblica
Proseguono le iniziative per celebrare il
70esimo della Repubblica italiana. Sabato
25 giugno alle 21,15 alla Biblioteca
Malatestiana in programma due
monologhi di Ettore Nicoletti La prima
seduta dellAssemblea Costituente. Ida
Sangiorgi, la prima donna eletta nel
Consiglio comunale di Cesena. A seguire
il concerto degli allievi del Conservatorio
con musiche di Debussy, Cajkovskij, De
Falla e Kreisler. Greta Insardi al pianoforte
e Matteo Penazzi al violino.

Sfida musicale
alla Rocca
Avr luogo alla Rocca Malatestiana
gioved 30 giugno alle 21,30 la sda tra il
quartetto The Menlove e i Rangzen. Il
primo gruppo eseguir le canzoni pi
famose dei Beatles con gli strumenti
dellepoca, mentre la band dei Rangzen
proporr brani dei Rolling Stones. Un
piacevole cocktail storico-musicale.

Concerto dorgano

San Zenone di Cesena

O SALUTARIS
HOSTIA
Arredi per il culto eucaristico
IL NEUROSCIENZIATO ALESSIO AVENANTI NUOVO SOCIO
DEL ROTARY CLUB CESENA.
Avenanti, nato a Roma e residente a Cesena dal 2006, il
nuovo socio del Rotary Club Cesena. La presentazione e lingresso del nuovo socio al Rotary Club Cesena, presieduto
da Oliviero Zondini, si tenuta venerd 10 giugno presso il
ristorante Le scuderie, a Cesena.

Nella chiesa di San Zenone in


via Uberti a Cesena (vicino a
Palazzo Ghini) rimarr
aperta fino al 26 giugno la
mostra di arredi per il culto
eucaristico.
Orario 9-12; 16-19.

Musiche di Barbarino, Vivaldi, Frescobaldi,


Porpora e Gabrieli saranno eseguite
mercoled 29 giugno alle 21 nella chiesa
di San Domenico. Allorgano Roberta Pari,
al auto dolce Franco Ugolini e Massimo
Navarra. Contraltista Angelo Bonazzoli. Si
tratta dellultimo concerto della stagione
organistica del conservatorio Bruno
Maderna. Lingresso libero.

Il Caso Pantani
Al Palazzo del Ridotto, marted 28 giugno
alle 21, sar presentato il progetto del
lm Il Caso Pantani. Allincontro
interverranno il regista Domenico Ciol, i
giornalisti Francesco Ceniti, Davide De
Zan, lavvocato della famiglia del
campione Antonio De Renzis, il sindaco
Paolo Lucchi e lassessore Christian
Castorri.

Sport

Gioved 23 giugno 2016

Nicoletta Tozzi, ex campionessa di atletica, si racconta

A SINISTRA LA TOZZI
CON PIERPAOLO BISOLI.
NELLA FOTO SOTTO
LA VITTORIA
AI CAMPIONATI ITALIANI
A CESENATICO (1989)

Quando sport e studio


vanno a braccetto
L

a Maratona Alzheimer la sua ultima


collaborazione, intrapresa sempre con
lentusiasmo che la caratterizza. Allinterno dello
staff si occupa del piano marketing. Una delle
esperienze pi gratificanti per Nicoletta Tozzi, regina
cesenate degli 800 metri di atletica leggera con nove
titoli italiani vinti tra gli anni 80 e 90. Conoscendo
volontari e runner ho avuto la certezza che il cuore un
muscolo e che pi lo alleni, pi diventa grande,
racconta Nicoletta che oggi lavora come libera
professionista nel campo della formazione e del mental
coaching. Ci arrivata dopo svariate esperienze come
consulente marketing presso Amadori e poi nel Cesena
Calcio del quale sempre stata grande tifosa. Non
sapevo nulla sullargomento - confessa -. Mi sono messa
a testa bassa a imparare, facendo allenamento come in
vista di una gara. Latletica, oltre a essere una grande
passione sportiva, per Nicoletta stata anche maestra di
vita.
Mi ha insegnato metodo e sacrificio. Non sarei mai
riuscita a concludere gli studi se non avessi intrapreso
quello sport. Oggi posso dire che la mia laurea in Scienze
politiche la devo allatletica.
Tre allenamenti la settimana allinizio, poi cinque. Senza
mai perdere di vista lo studio. Iscritta allItc Renato
Serra di Cesena, Nicoletta vince il suo primo titolo
italiano assoluto a 18 anni. Non ho mai trascurato la
scuola. Sapevo che alle cinque del pomeriggio avevo gli

allenamenti. Alle due mi mettevo a


studiare, cercando di sfruttare al
meglio il tempo che mi separava da
quel momento. Lo sport come stimolo
per continuare a impegnarsi sui libri.
Per un giovane che pratica attivit fisica ad alti livelli, lo
sport diventa qualcosa di totalizzante. Il rischio di
perdersi e non coltivare altro.
E pensare che la Tozzi si avvicina allatletica quasi per
caso e in circostanze curiose. Prima praticandola a
livello scolastico. Ricordo ancora i professori della
Scuola media n.7, Franco Benaglia e Lidia Conti. E poi
leggendo Topolino a cui ero abbonata. Nel famoso
settimanale a fumetti campeggiava lannuncio
delliniziativa Gran Cross delle Giovani marmotte che
si sarebbe tenuta allippodromo di Cesena. Iscrissi alla
corsa me e le mie due sorelle minori. Ho corso una gara
che in vita mia non ho mai pi rifatto fino ai campionati
italiani del 94. Quando lo starter ha sparato sono partita
e sono rimasta in testa dallinizio alla fine. Da quel
momento, partendo dallEndas Cesena, ha inizio
lascesa nel mondo dellatletica con tante soddisfazioni e
medaglie. Le pi belle - confessa - non sono stati i miei
nove titoli italiani individuali, ma quella con la mia
societ, la Snam di Milano, nel campionato italiano a
squadre. L c stata davvero la condivisione di un
obiettivo.
Tra i rimpianti della campionessa italiana quello di non

21

essere mai riuscita a raggiungere una dimensione


internazionale. Poi passato. Latleta si alza tutte le
mattine per migliorarsi, per deve avere la capacit di
imparare ad apprezzare tutto quello che ha ricevuto. Tra
gli idoli di allora Pietro Mennea. Al mio primo raduno
con la Nazionale Juniores a Formia avevo un problema
al ginocchio ed ero tutti i giorni in fisioterapia. Ci
trovammo insieme in quel contesto. Inizi a
chiacchierare con me, chiedendomi che gara facessi.
Lho ritrovato anni dopo a Roma. Lo intervistai per un
progetto sul doping. Una persona di spessore. Non mi
stup che avesse quattro lauree.
Nel 1995, allet di 29 anni, Nicoletta smette di correre.
Per lei mille altre esperienze nel mondo del lavoro tra le
quali una collaborazione con lAc Cesena dove si spesa
in progetti per avvicinare il calcio al volontariato e al
sociale. Lo sport a questi livelli deve mettersi a servizio
della comunit. Ricordo che nel corso di un evento
specifico, Emanuele Giaccherini, lattuale titolare della
Nazionale di calcio, scelse di fare da testimonial allAvis.
Fu molto contento dellesperienza e ringrazi per la
possibilit che gli era stata data.
Michela Mosconi

Tennis | Storica promozione in A2

Tiro con larco | Trofeo Doni a Cesena

Grande e storica impresa del Circolo Tennis Cesena che, luned 13 giugno, con la
squadra di serie B maschile, ha vinto il campionato nazionale ed salito in A2. Una
vittoria conquistata sul campo di Crema dopo 18 ore di gioco. Non sono bastati i sei
incontri canonici (quattro singolari e due doppi) per decretare il vincitore. Si
dovuto ricorrere al doppio di spareggio, andato avanti fino alle quattro di luned
mattina. Nella foto (Pippo), un momento della premiazione in Comune a Cesena.

Ottanta giovani arcieri provenienti da Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia eToscana


si sono sfidati, domenica 12 giugno, presso il campo di Pievesestina, per la seconda tappa
delTrofeoDoni. Nella classifica Juniores hanno vinto l'oro Lorenzo Racca (Piemonte) e
Natalia Coluccini (Toscana).Tra gli Allievi sono saliti sul gradino pi alto del podio Nicol
Lapenna (Piemonte) e Sara Guidetti (Piemonte). Nella classifica Ragazzi hanno invece
primeggiato Alessio Mangerini (Lombardia) e Silvia Nicoletta Palazzi (Emilia Romagna).

Ippodromo
Cavalli in pista
Al via la stagione

artir sabato 25 giugno alle


21 la nuova stagione di trotto
allIppodromo del Savio ricca
di eventi e divertimento. Sono 31
le notturne fino a sabato 3
settembre, quando si svolger la
LXXXII edizione del Campionato
europeo. Non si garegger nelle
serate del mercoled e venerd. In
calendario i Gran Premi intitolati a
Riccardo Grassi, Augusto Calzolari
e alla Citt di Cesena e le sfide tra i
driver nel concorso
Superfrustino con finalissima
sabato 20 agosto.

22

Sport Csi

Gioved 23 giugno 2016

ittorio Bosio (nella foto) il


nuovo presidente nazionale
del Centro sportivo italiano.
Sar alla guida dellassociazione
per il quadriennio 2016-2020.
stato eletto lo scorso 12 giugno a
San Donnino di Campi Bisenzio
dallassemblea nazionale elettiva
del Csi. Bosio, 64 anni, fino ad ora
presidente del Comitato Csi di
Bergamo, ha raccolto 7.682 voti
dalle 9.861 societ sportive, delle
12.250 aventi diritto al voto,
presentatesi o rappresentate per
delega nel capoluogo toscano per
rinnovare il governo
dellassociazione.
Laltro concorrente al ruolo di
presidente nazionale, Donato
Renato Mosella, ritiratosi dalla
competizione elettorale dopo aver
relazionato allassemblea prima
dellapertura dei seggi, stato
eletto nel Consiglio nazionale del
Csi, composto da 36 componenti,
votati secondo criteri di
appartenenza geografica.
Bosio subentra dopo otto anni a
Massimo Achini. Queste le prime
dichiarazioni del neo presidente.

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

VITTORIO BOSIO ERA A CAPO DEL CSI DI BERGAMO

Ginnastica ritmica

Nuovo presidente nazionale


per il Centro sportivo italiano
Assumo un
ruolo pi
grande di me ha detto un
emozionato
Bosio dopo la
proclamazione
-. Il Csi oggi ha
bisogno di
ritrovare
compattezza
per il bene dei
ragazzi e degli
adulti, cui si
rivolge da sempre la nostra azione
educativa. Abbiamo questo dovere, perch
prima di cominciare le nostre riunioni
recitiamo sempre una preghiera, e questo
non un gesto di routine. Dobbiamo
dimostrare ogni giorno che siamo cristiani.
Dobbiamo operare in modo che il Csi sia

rispondente alle esigenze delle nostre societ


sportive. I nostri gioielli sono infatti i
volontari.
Sono stati eletti, quali vicepresidenti nazionali,
Marco Calogiuri e Rita Zoccatelli. Faranno
parte della presidenza nazionale Enrico Dago,
Salvatore Maturo, Alfonso Nardella, Andrea De
David, Amelia Morgano, Salvo Maria Russo.
Nella direzione nazionale Paolo Bellei sar il
responsabile dellarea amministrativa, Sergio
Contrini curer larea sport e cittadinanza,
Stefano Gobbi larea relazioni esterne e
comunicazione, Marco Guizzardi larea servizi
al territorio, Michele Marchetti larea direzione
generale e welfare, Salvatore Maturo larea
sviluppo del sud e gemellaggi, Vittorio Bosio
(ad interim) larea dellattivit sportiva, mentre
il gruppo di lavoro della direzione stessa vedr
come componenti Renato Picciolo, Giuseppe
Basso, Alessandro Rossi, Enrico Carmagnani,
Maurizio Caterina.

GINNASTICA RITMICA THYTHMICADELINE. DA


SINISTRA, INSEGNANTE CLARISSA GASPARINI,
GINNASTE: KARINA BATTAZZA, LUNA JENNIFER
RAMOS, MYA VANDERHAEGHEN, DOBROVOLSKA ELISA, INSEGNANTE URSACHE ADELINE

Podio nazionale
Ori, argenti e bronzi
per la Rhythmicadeline
di Cesenatico

Festa di famiglia
per gli arbitri del Csi
sempre una grande festa quando il
gruppo arbitri di calcio Gianfranco
Valentini del Centro sportivo italiano
di Cesena si ritrova. Lultima occasione
stata la festa di fine attivit, anno sportivo
2015/2016. Domenica 12 giugno gli arbitri
e i loro familiari si sono ritrovati alla Messa
celebrata, a San Carlo di Cesena, dal
consulente ecclesiastico don Giovanni
Savini e dallaiuto consulente, il diacono
Marco Casali.
Il pranzo sociale si tenuto presso il

ristorante La Stalla di Cesena. Duecento i


convenuti che hanno colto loccasione per
ritrovarsi e festeggiare insieme la chiusura
dellattivit. Durante il pranzo sono stati
premiati dal comitato Csi cesenate,
tramite il presidente Luciano Morosi,
Giovanni Della Strada per il contributo
dato al gruppo come segretario.
Contributo che non mancato
nonostante il grave lutto che ha colpito la
famiglia. Premiati i docenti del corso
nuovi arbitri: Domenico Montalti e

Calcio a 5 maschile
Finali delle attivit

giunta a termine la stagione sportiva anche per lattivit di calcio a 5 maschile.


Nella nale playoff valevole per il primo posto del 24esimo campionato, la squadra dei Santa
Soa Bulls ha prevalso di misura (5 a 4), sul Futsal San Zeno e ha iscritto per la prima volta il
proprio nome nellalbo doro della competizione succedendo alla Polisportiva Il Circolo Sarsina.
Questultima, a sua volta, ha scontto nettamente (6 a 0), il Go Green, aggiudicandosi la terza
piazza.
Per l8 coppa di calcio a 5 maschile, la Polisportiva Il Circolo Sarsina, battendo nella nalissima
con il punteggio di 2 a 0 il Galeata C/5, ha vinto per la terza volta la competizione, mentre nella
nale per il terzo posto il Go Green ha superato agevolmente, 6 a 0, il Ctc I Gitani.

Riccardo Ulivi per il lavoro svolto e


limpegno profuso. Grandi speranze
vengono riposte dal comitato nei corsi
arbitri per ottenere lauspicato
ringiovanimento del gruppo. Premiato
anche lo staff delle mogli degli arbitri. Si
riunisce costantemente durante lanno,
sotto la guida dellinstancabile Novella
Razzani, per lorganizzazione dei
tradizionali eventi che consentono a tutti
di ritrovarsi con le famiglie. Durante la
giornata anche i figli hanno avuto il loro
momento di gloria con la rappresentazione
della favola I tre porcellini. Considerata
lattivit arbitrale, che tiene impegnati i
mariti nei fine settimana e in molte serate,
importante avere momenti da
condividere insieme a mogli, figli, fidanzate
e amici. Il Csi di Cesena molto attento
a queste esigenze e incentiva tutte
queste attivit di aggregazione.

Ciclismo

3 Pedalata dai sapori artusiani


Domenica 26 giugno, con partenza da Forlimpopoli
alle 8 e con arrivo nella stessa cittadina alle 12,40,
si svolger la terza edizione della Pedalata dai
sapori artusiani, inserita nel circuito Csi di
ciclismo, Pedalando con gusto. Litinerario
toccher le localit di Meldola, Rocca delle
Caminate, Predappio. Durante il percorso sono
previste soste culinarie in agroturismi e cantine
della zona.

Veni, vidi, vici, potrebbe essere questo il


motto della Rhythmicadeline, societ di
ginnastica ritmica di Cesenatico, iscritta per il
primo anno al Centro sportivo italiano di
Cesena.
Dopo la netta affermazione alle gare regionali
con sette ori, un argento e due bronzi, sono
arrivate le affermazioni in campo nazionale. Le
allieve della Rhythmicadeline erano fra le
1.364 ginnaste che dal 17 al 22 maggio, al
PalaGetur di Lignano Sabbiadoro (Udine),
sono salite in pedana nelle nali dell11
Campionato nazionale di ginnastica ritmica. Le
ginnaste del Centro sportivo italiano (di 79
societ, 37 comitati territoriali e 12 regioni) si
sono esibite nel programma individuale, di
coppia e di squadra nelle diverse specialit:
corpo libero, palla, fune, cerchio, nastro e
clavette. Tra le regioni italiane con pi
ginnaste in nale cera la Lombardia che ha
portato in pedana 407 atlete, seguita
dallEmilia Romagna (309), il Piemonte (138),
la Liguria (118), lAbruzzo (114), il Lazio
(102). A Lignano hanno gareggiato anche le
atlete dalla Sardegna (81), dalla Toscana (37),
dalla Campania (30), dalla Calabria (13), dalla
Puglia (10), Trentino Alto Adige (5). Alta e
qualicata la concorrenza che non ha impedito
alle allieve del Csi cesenate di conquistare
sette podi, fra cui ben sei titoli nazionali.
Tra le Lupette categoria super, Elisa
Dobrovolska si affermata come campionessa
nazionale in assoluto, campionessa nazionale
nella specialit palla e campionessa nazionale
nella specialit corpo libero. Tra le Tigrotte
categoria large, Eugenia Guerra quale
campionessa nazionale specialit palla. Luna
Jenifer Ramos si classicata 3 nella
specialit corpo libero. Nella coppia 1
categoria large, Karina Battazza e Eugenia
Guerra si sono affermate quali campionesse
nazionali. Per la squadra 1 categoria super:
Elisa Dobrovolska, Eugenia Guerra, Mya
Vanderaighen, Luna Jennyfer Ramos e Karina
Battazza sono diventate campionesse
nazionali in assoluto.Torniamo dai nazionali
molto contente e soddisfatte dei risultati
ottenuti in soli cinque mesi di lavoro, il
commento di Adeline Ursache, allenatrice di
questa squadra di altissimo livello.

Pagina aperta

Il direttore risponde

Gioved 23 giugno 2016

23

LOcchio indiscreto

Perch vi lamentate della chiusura del centro storico?


Nulla escluso allinteresse del cristiano e di questo giornale

gregio direttore, vorrei fare qualche osservazione, rispondendo a monsignor


Ernesto Giorgi sull'articolo "Libreria
San Giovanni, l'inaugurazione" pubblicato a
pagina 5 sul numero della scorsa settimana.
Primo: nessuno vi ha costretto di cambiare
sede (lo sapevate che corso Sozzi pedonale).
Avrete avuto le vostre buone ragione che io
condivido. Secondo: di qui a dire che siete
come tutti i negozi del centro penalizzati
perch l'area pedonale mi sembra strumentale. A mio avviso significa dare la sponda a
chi fa politica solo per interessi di parte. Allora penso che una persona seria e un giornale indipendente si dovrebbero dissociare e
lasciar fare politica a chi compete.
In attesa di una sua risposta
porgo i miei pi cordiali saluti.
Arnaldo Barocci
P.S.: Vorrei precisare che io non ho mai avuto
tessere di partito. Penso di avere un po' di
senso civico.
Egregio Barocci,
che non si possano esprimere opinioni, da
parte nostra e di esponenti della Chiesa locale, su una zona pedonale mi pare abbastanza curioso. La chiusura al traffico di
parte del centro, col parcheggio di piazza
della libert compreso, a Cesena un fatto
che ci interessa per definizione. Come fa a
sostenere che persone serie, come certamente don Ernesto Giorgi, e un giornale
come il nostro non debbano esprimersi su
questi versanti? Che centrano posizioni po-

litiche, che lei intende di partito, con questo


nostro giudizio su un fatto cittadino? Un sacerdote forse meno cittadino di altri? E il
nostro giornale dovrebbe avere argomenti di
cui non interessarsi a prescindere? La sua,
mi scusi, mi pare una posizione che definirei
quantomeno originale.
Guardi, lo ripeto in ogni circostanza. Qua in
redazione conoscono a memoria queste mie
convinzioni, che non sono solo mie, ma appartengono allimpegno dei cattolici nella
societ. Se Ges Cristo si incarnato, significa che ha preso su di s tutta la condizione
umana. Quindi nulla di ci che umano
escluso allesperienza cristiana. Anzi, dir di
pi: lesperienza cristiana d senso pieno a
tutto lagire delluomo. Quindi, ci mancherebbe altro che non potessimo intervenire su
questioni legate alle nostre citt e ai nostri
paesi. Vada a vedere che scrivevano i nostri
predecessori negli ultimi anni dellOttocento
quando in Italia nacquero decine di quotidiani e centinaia di settimanali. Non andavano tanto per il sottile e non le mandavano
a dire. Avevano a cuore luomo, tutto luomo,
nulla escluso. Noi, per parte nostra, cerchiamo di mantenere viva questa gloriosa e
preziosa storia che ci stata consegnata, cercando di avere sempre a cuore il bene di
tutti a partire dagli ultimi. Le segnalo, a
questo proposito, il Primo piano di questa
settimana che trova alle pagine 4 e 5.
Buona lettura e a presto.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

E bel vizi ad ciam m


Un Burdel apena cus na da
E cminza sobit a ciam m.
E ciema m par mess in sdei atorna un tavulen
E ciama m par un pez ad pen
M un quadret ad pida
M um scapa una gran pisida
E sar un quel naturel
Ma un Burdel e cema m par tot gnaquel
E sar un quel che fa la natura
Parch un Burdel e cema m par ogni paura.
Nenc sui fos a l e su ba
Un e ceme sempra m
E cema m tot i momint
Dal volti m nenca par senza gnint
M un fa un gran mel i dint
M un fa un gran mel la gola
E an no voia ad and ala scola
Ala scola ai vag mal volentir
Sa dit te m se a vag aimpar un imistir
Un ragaz par la su m l sempre un burdel
Per sobit dop carnevel
Lha incuntr una ragaza e ui vo to lanel
Sa dit te m tulemi che pi bel
Stam cumpegn te m a sar un de favulos
M ad menga am faz e spos
Uno us sposa e va fora ad ca
Mo e zerca sempre la su m
Metat in sdei in tu na poltrona
Che a t da d un cosa bona
M, le rivet la cicogna
E ci guanteda nona
So e zo da cla poltrona
M e temp e va che vola
M, se ades ci in ti nuventa m nontf paura
Perch po nenca num a sem in l con la scrittura
E se un dmen at vu and via, m, va pianin
Ralenta e pas m, aspeta un ent bisinin
Perch ad ciam m, ormai ho ciap e vizi, am so bitu
E a smet ad bota un p ad sciup.

Sergio Lucchi
(Calabrina di Cesena)

Bellezza
della natura (foto
Marino Savoia).

In ricordo di Carmen Calisesi

Un mese fa il Signore ha chiamato a s, nel giorno di Pentecoste, lanima luminosa di Carmen. Cosa dire di lei? Il Signore solo conosce tutto il bene che
ha fatto e ha dato ad ogni fratello. Noi ne abbiamo intravisto solo le briciole.
stata la donna della Carit nel senso pieno e totale e ha vissuto il Vangelo
alla lettera, sempre accogliente e generosa ad ogni richiesta di aiuto.
La sua presenza stata una benedizione in ogni settore del volontariato, che
ha servito fino allultimo, anche al di l delle proprie forze.
La preghiera stata la sua arma vincente. Preghiera personale e comunitaria
e soprattutto ladorazione prolungata al Santissimo Sacramento. Cara Carmen, possa tu ora godere in pienezza il tuo incontro con il Signore Ges. Grazie Carmen!
Anna Maria Cecchi (Cesena)

In ricordo di don Eugenio Foschi


a un anno dalla morte
gi passato un anno dalla tua salita al cielo.
Ripetevi sempre la tua gioia di essere sacerdote
Ministro di Dio ed eri orgoglioso di servire Cristo nel suo Corpo Mistico che la Chiesa.
E questo lhai fatto per 32 anni in parrocchia a
Capannaguzzo, 22 a Balignano e col tuo servizio agli ammalati dellospedale Bufalini: in loro
vedevi Ges sofferente.
Ti ricordiamo con la Messa domenica 26 Giugno alle 11 nella chiesa parrocchiale di Capannaguzzo di Cesena.