Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 8 marzo 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 9 euro 1,20

9
11 Bagno di Romagna
Venerd si celebra la festa del Perdono
vescovo IlRegattieriDouglas presiede la concelebrazione 11,15 delle

Diocesi
Per una Chiesa diocesana pi missionaria
l vescovoDouglas IRegattieri ascrive una lettera tutta la comunit diocesana

8 marzo
Le mamme non possono pi aspettare
battaglia Laconsocerediiluna donna tunisina per destino di centinaia di ragazzi

10

Bologna
Lucio Dalla, il canto della fede
cantautore emiIllianosettimana in morto la scorsa Svizzera. Aveva 69 anni

17

EDITORIALE Un gioco che pu far male


di Francesco Zanotti
una vera e propria piaga. Una dipendenza in tutto e per tutto. La tentazione del gioco dilaga ovunque, anche in aereo. Ma attenzione: sta esattamente nelle parole il primo inganno. Non si pu pi parlare di giochi, di passatempi. Ci sono milioni di persone cadute nella trappola del tentar fortuna che in realt fa la fortuna delle casse dello Stato. Uno Stato ingordo che pare non andare per il sottile quando si tratta di fare soldi. stimato in 80 miliardi di euro il giro daffari che ruota attorno a questo ignobile sistema che distrugge le famiglie e getta nella disperazione una schiera innita di uomini e donne inconsapevoli. Ci si fa prendere dal desiderio di provare, di grattare, di collegarsi e cliccare su un sito che in maniera ipocrita invita a giocare, ma con moderazione. Conosco gente che ha deciso di smettere di gestire una ricevitoria pur di non vedere pi clienti che si rovinano la vita, oltre che il conto in banca. Si tratta in maggioranza di anziani che si avvicinano alle lotterie istantanee. Spendono buona parte della loro misera pensione per tentare il colpo della vita che non arriva mai. Arrivano pi spesso la desolazione, la disperazione, quando non si nisce in mano agli strozzini, sempre dietro langolo di un mondo che ricicla nelle slot machine buona parte degli introiti illegali. Lillusione di risolvere i problemi con un colpo di bacchetta magica contagia a tutte le latitudini. Il quotidiano Avvenire, nel numero di domenica scorsa, racconta di pullman carichi di turisti del gioco che si mettono in coda per andare nei casin della Croazia e della Slovenia. In partenza anche dalla civilissima Emilia Romagna, nella quale si gioca come da tutte le altre parti. Lattenzione deve essere massima, perch nessuno pu ritenersi affrancato da un contagio ormai molto diffuso. Ci si batte, speriamo non in maniera vana, per abolire la pubblicit ingannevole, soprattutto quella che riguarda i giochi online disponibili a tutti. Proposte subdole ci entrano in casa e fanno danni dai quali non cos semplice uscire. Uno Stato serio non pu permettersi di abbindolare i propri cittadini. Videopoker e azzardo in rete sono nellocchio del ciclone di tutto un movimento che cerca di contrastare la trappola del gioco. Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha auspicato in merito un intervento legislativo, precisando di non voler scavalcare la collegialit del governo. Speriamo che alle parole seguano i fatti e che gli interessi delle famiglie italiane siano superiori a quelli delle necessit di bilancio. Allinvasione online delle scommesse e alle pubblicit televisive ingannevoli un freno va posto prima che sia troppo tardi. E speriamo che basti.

ELEZIONI IN CASA CONFCOOPERATIVE E ACLI


Da sinistra: Pierlorenzo Rossi, direttore, Stefano Lazzarini, neopresidente e Amedeo Scozzoli, presidente uscente di Confcooperative Forl-Cesena

SI CAMBIA
Confcooperative e Acli di Forl-Cesena in assemblea per il rinnovo delle cariche. Lassociazione delle cooperative si riunita la scorsa settimana e ha eletto Stefano Lazzarini quale nuovo presidente. Succede ad Amedeo Scozzoli che ha contribuito alla crescita dellorganizzazione e delleconomia locale in quattro mandati. Anche le Acli devono rinnovare il Consiglio e lassemblea si terr a Cesena sabato 10 marzo. I circoli Acli nel cesenate sono 37 e lultimo nato quello di Romagnano. Oltre ai SPECIALE la formazione professiocircoli, lattivit delle Acli comprende VERATOUR partenze di GENNAIO e FEBBRAIO nale grazie allEnaip. Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena 12 In 45 istituti studenti impegnati nel Donacibo Longiano 16 Elezioni del 6 e 7 maggio: si preparano le liste

Cesena 13 Sempre pi anziani i residenti del territorio Sport 21 Il Motoclub Gambettola si tinge di rosa

Opinioni

Gioved 8 marzo 2012

Tav, mancano le parole di confronto N

VILLARDORA, 3 MARZO: MANIFESTANTI NO TAV (FOTO AFP/SIR)

egli ultimi 30 km di territorio prima della Francia sembrano essersi riaperte tutte le ferite che lItalia, in 40 anni, non mai stata capace di cicatrizzare e, quindi, di far guarire. Le ferite, prima di tutto, di un tempo che speravamo non dovesse pi tornare: il ragazzo che si gioca la vita sul traliccio sembra la citazione di Giangiacomo Feltrinelli, che la vita butt via, sotto un altro traliccio, giusto il 14 marzo 1972. E con leditore rivoluzionario sembrano tornare tutti i fantasmi di quegli anni: la giustizia popolare; lintimidazione dei privati cittadini; il (falso) dibattito tra libert despressione e mantenimento della legalit; i politici che saltano sul carro della protesta mettendo in imbarazzo, proprio come negli anni 70, soprattutto il Pci (e oggi i suoi eredi del Pd). Sono tornati anche gli infiltrati, i provocatori, i violenti di professione, che hanno trovato (o inventato?) un altro giocattolo per le loro consuete attivit. E per il No Tav non solo questo, anzi. Il treno diventato il feticcio di tutti gli antagonismi presenti in questo Paese. Intorno a quegli scavi si concentrata una mobilitazione senza precedenti, una rabbia diffusa e capillare che sembra investire, molto pi che la Tav, il tema dellappartenenza e della cittadinanza in questa Repubblica. Il vero successo dei No Tav consiste, ci pare, nellaver dato forma mediatica al disagio e al disgusto che molti altri italiani provano nei confronti della politica, del Palazzo, delle innumerevoli caste che incombono sulle nostre teste e nelle nostre tasche. Loro sognano, senza prometterla, una societ diversa. Si vuole fermare il treno perch in realt si vorrebbe fermare il mondo, e scendere. E non certo menando i giornalisti e insultando i Carabinieri che si d prova di realismo n di intuito politico. E per quello del fermare il mondo tema serissimo, soprattutto per i cattolici. A cominciare dal Papa, c oggi una critica quasi unanime a un modello di sviluppo socialmente sempre pi ingiusto, economicamente squilibrato e instabile, divoratore di risorse naturali e stili sobri di vita. Il no al treno incrocia questi temi e intercetta queste sensibilit. Ma il risultato un paradosso: per affermare il principio del mondo nuovo bisogna rinunciare alla legalit, e accettare come compagni di viaggio i violenti e i provocatori? C poi, nei No Tav, la tentazione del successo mediatico. Le manifestazioni dei giorni scorsi hanno ricevuto grandissima attenzione e spazi enormi, nella solita tv che disdegna le notizie e privilegia le chiacchiere e le emozioni. Ma anche questa, della protesta amplificata a dismisura dalle immagini tv, unarma che si sta consumando: lAlta Valle assediata non pu permettersi molti altri weekend senza autostrada e senza sciatori Ci sono troppe parole, nella Tav. E ognuna di esse ha generato sempre nuove ambiguit. C un progetto di treno elaborato e portato avanti in passato senza cercare il vero coinvolgimento della gente locale: e ora si paga prima di tutto larroganza di chi da Roma pi che da Torino non ha voluto investire sul confronto, il dialogo, la costruzione del consenso. Il modo in cui il medesimo progetto si sta realizzando in Francia non lascia, in questo senso, spazio ad alcun equivoco. E dunque ben vengano le iniziative costruttive di confronto, come vuole il governo. I paletti sono quasi ovvii: alla legalit non c alternativa, esattamente come non c alternativa alla lotta contro levasione fiscale. E il Codice Penale lo stesso per tutti. Ma ogni altro passo possibile: la protesta non violenta come lapertura di confronti nel metodo e nel merito (fermo restando che la decisione sulla Tav stata presa non da una cricca privata, dalla mafia o dalla Spectre, ma dai Parlamenti e dai governi di due Repubbliche libere e sovrane). Dalle troppe parole proclamate sui media bisogna passare (tornare) alle parole del confronto e del dialogo, sulle questioni concrete. Sarebbe appunto il compito della politica, a Roma, a Torino, in Valle. Bisogna sperare che ce la faccia. Marco Bonatti

Quaresima, tempo di cammino Lo stupore ha avvolto Maria a Nazareth e lha resa pronta ad accogliere la Parola
ramai la seconda settimana di Quaresima al termine. Il ricordo delle Ceneri passato, la Settimana Santa ancora non si intravede e potrebbero essere questi i giorni in cui rischiano di sfumarsi i tratti belli, originali e particolari della Quaresima. LAvvento e il Natale ci hanno portati a entrare dentro lo stupore di Dio che si fa piccolo, che si fa noi. La Quaresima ci invita a camminare insieme al Signore Ges verso Gerusalemme, verso il calvario, verso la resurrezione, per noi. La prima perplessit che sentiamo potrebbe essere: ... ma io sono troppo piccola!. Troppo piccole le mie mani, troppo insicuri i miei piedi, troppo ferito il mio cuore, troppo incerta la mia vita e poi, di sofferenze, di penitenze, di restrizioni in questo tempo ne viviamo gi molte. Perch andare oltre? Cosa cercare ancora? Per sperimentare una prospettiva nuova, per lasciarci trascinare nel paradosso dellamore per camminare accanto a Ges eppure, per Ges, non c nulla di troppo piccolo, di troppo sbagliato, non c nulla di insensato. A Ges servono le nostre piccolezze, la nostra stanchezza, serve il nostro poco per darci il suo tutto. Questo il paradosso della croce, il controsenso del Cielo. Quando la perplessit lascia il posto allo stupore, e ci si incammina attraverso i piccoli passi dellamore e ci si lascia trascinare nellincontro con laltro, nellamicizia, nel prendersi cura e nel prendersi a cuore e nel perdersi, nel perdere i propri interessi, si costruisce e si realizza lAmore per tutti. Lo stupore ha guidato il cuore di tante donne. Lo stupore ha avvolto Maria a Nazareth e lha resa pronta ad accogliere la Parola per renderla vita nel silenzio e nella solitudine, nel suo piccolo grembo. A Betania una donna unge e profuma i piedi di Ges con le sue piccole mani, con i suoi tanti peccati, ma senza la paura di sprecare i suoi beni.

La Vignetta

Maria, sotto la croce, con il cuore sconvolto dal dolore capace di raccoglie ogni goccia del sangue e della vita di Ges. Maddalena nel giardino incontra Ges, il Risorto che si fa presenza, luce, speranza, Amore. Che si fatto ancora una volta Vita, Vita vera, nuova possibilit, nuovo cammino, nuova misericordia, nuova amicizia. Daniela Scarpellini

Gioved 8 marzo 2012

Primo piano
Elezioni
Stefano Lazzarini nuovo presidente
Stefano Lazzarini, presidente della Cantina Forl Predappio, il nuovo presidente di Confcooperative. stato eletto per acclamazione al termine dellassemblea congressuale che si tenuta la scorsa settimana a Castrocaro. Stefano Lazzarini, forlivese, dal 2003 presidente della Cantina Forl Predappio, componente del cda di Caviro in cui ricopre anche la carica di vicepresidente vicario, e nellultimo mandato di Amedeo Scozzoli stato componente del consiglio di presidenza. Lazzarini, nato il 3 marzo 1966, sposato e padre di due gli. Il neo eletto presidente ha dichiarato: "Abbiamo ancora bisogno di Amedeo Scozzoli, che ha fatto tanto per la Confcooperative. Proseguiremo il lavoro che lui ha tracciato. Ma lassemblea congressuale deve essere il punto di partenza, dobbiamo capire in tempo reale i problemi di tutti i settori. Sono ducioso, il consiglio provinciale eletto con me costituisce una squadra forte, in parte rinnovata, giovane, che sapr

Dallassemblea provinciale di Confcooperative

Al di l della crisi
onfcooperative: lassemblea congressuale provinciale del 2 marzo ha visto la partecipazione di oltre 300 delegati in rappresentanza delle associate, che ad oggi risultano 240 comprese sette Banche di Credito Cooperativo. Tra le aderenti, 115 hanno sede nel comprensorio Cesenate, 125 in quello Forlivese. I comparti pi rappresentativi, per numero di cooperative, sono il sociale con 67 cooperative, i servizi con 51, lagroalimentare con 50. Questultimo comparto, lagroalimentare, ha un peso significativo anche come valore della produzione, poich ne costituisce l82% del totale che tradotto in cifre ammonta a 2.754 milioni di euro. I soci sono 43.800, gli addetti circa 12.700. Di questi 7580 sono donne, il 59,28 per cento del totale. A completamento della fotografia economica dellintero sistema che fa capo a Confcooperative (i cui dati sono riferiti ai bilanci 2010), va aggiunto il valore della produzione attestato sui 3.327 milioni, un capitale sociale di 66 milioni di euro, 314 milioni di euro di erogazioni, 13 milioni di euro di convegni, corsi di formazione, oneri finanziari e 6 milioni di euro di iniziative per la valorizzazione dei imposte pagate. prodotti della cooperazione, Nei quattro anni del mandato che si tessendo e consolidando rapporti concluso la scorsa settimana, con le altre organizzazioni di Confcooperative Forli-Cesena ha rappresentanza e con gli enti locali. registrato un ricambio della propria Un esempio ladesione al sodalizio base associativa del 15 per cento e Una sola voce per lEconomia, ma val un incremento complessivo del la pena citare anche il Forum delle numero dei soci di 2200 unit. un associazioni cattoliche, al quale trend positivo che caratterizza gli Confcooperative ha aderito fin dalla ultimi decenni dellorganizzazione sua costituzione due anni fa. provinciale. Diciassette sono state le nuove "Sono stati anni in cui abbiamo adesioni del 2011, sei di queste sono lavorato con impegno per costruire cooperative costituite da giovani, una serie di servizi agli associati che hanno trovato in questo modo convinti della necessit di dare uno sbocco occupazionale e dato risposte a bisogni che la crisi ha vita a unidea imprenditoriale per la ingigantito - dichiara il direttore di propria realizzazione professionale. Confcooperative Pierlorenzo Rossi Anche questo un risultato che Mi riferisco ad esempio alla mutua, conforta perch pu essere al patronato, al progetto carta soci. considerato in parte frutto di Servizi grazie ai quali le nostre quellazione di promozione del imprese possono essere il modello societario cooperativo che riferimento non solo per il lavoro o da anni vede Confcooperative per il conferimento dei prodotti, ma impegnata in numerose iniziative. anche per ci che attiene la sfera Confcooperative ha promosso personale e familiare. proseguito

Amedeo Scozzoli ha lasciato la guida dellassociazione dopo 16 anni. In questo tempo leconomia arrivata al massimo: ora servono nuove strategie
anche limpegno per consolidare, da un punto di vista organizzativo e logistico, oltre che sindacale e politico, la nostra organizzazione a fianco delle imprese e dei settori che rappresentiamo. Linaugurazione della nuova sede di Cesena a inizio 2010 stato uno di questi momenti importanti, anche per linvestimento sostenuto". "In questi quattro anni il mondo cambiato, la crisi economica finanziaria ha cambiato anche le priorit. Confcooperative ha cercato di stare al fianco delle sue imprese, ha continuato a credere che il modello cooperativo possa essere volano di sviluppo e di ripresa commenta lex presidente Amedeo Scozzoli - Abbiamo cercato anche di dare speranza, soprattutto ai giovani. Siamo convinti che la cooperazione sia tra le poche forme di impresa che funge da ascensore sociale e che pu dare concretezza e risposte alle idee imprenditoriali anche in tempi di crisi".

essere veloce nel decidere, al passo con la rapidit necessaria di questi tempi". Iniseme a Lazzarini stato eletto il consiglio provinciale composto da 37 membri: Guido Sassi, Pierluigi Vincenzi, Fiorenzo Fioranvanti, Paolo Pampanini, Giuseppe Maldini, Lorenzo Paolucci, Paolo Piovacari, Stefano Uguzzoni, Francesco Marianini, Maurizio Gardini, Andrea Ferrini, Enrico Prugnoli, Ginaldo Tontini, Mauro Neri, Andrea Bassi, Anna Grazia Giannini, Alessandro Gigliotti, Riccardo Petrignani, Beatrice Balducci, Fiorenzo Castagnoli, Fiorenzo Valmori, Antonio Rogante, Maria Fellini, Matteo Bondi, Romeo DellAmore, Mauro Fabbretti, Angelica Sansavini, Pamela Dellachiesa, Davide Benini, Marco Conti, Giuliano Galassi, Fabio Magnani, Gilberta Masotti, Rosanna Scalone, Mauro Marconi, Cristina Amadori, Denis Ermeti.

Nella foto, Stefano Lazzarini (a destra) e Pierlorenzo Rossi, direttore di Confcooperative Forl-Cesena

Primo piano

Gioved 8 marzo 2012

Sabato 10 marzo in Seminario a Cesena si tiene lassemblea elettiva. Nel cesenate i circoli sono 37 con oltre 2500 tesserati. Fra gli scopi, quello di formare alla politica e al bene comune

Dalle Acli la formazione sociale


RAGAZZI A UN CORSO DI FORMAZIONE DELLENAIP, BRACCIO OPERATIVO DELLE ACLI

cli di Forl-Cesena in assemblea per eleggere i nuovi responsabili provinciali. Lappuntamento si terr a Cesena, presso i locali del Seminario, il 10 marzo a partire dalle 9. In particolare sar eletto il Consiglio provinciale composto da 21 persone. Questo, a sua volta, entro 15 giorni dovr eleggere il nuovo presidente provinciale e i suoi collaboratori che restranno in carica altri 4 anni, cio fino al 2016. Ne parliamo con il presidente uscente, Luciano Ravaioli, forlivese di Carpena che potrebbe essere rieletto avendo svolto un solo mandato. Presidente, le Acli come giungono al momento elettivo? Secondo le regole della democrazia c stata, nonostante la neve, una lunga preparazione prima del 10 marzo: ogni struttura di base, cio i circoli, oltre 60 quelli attivi in tutta la provincia, si sono riuniti, hanno verificato quanto si fatto ed hanno eletto i cosiddetti "delegati", coloro cio che si riuniranno il 10 marzo a Cesena. Il Congresso quindi il momento di arrivo di un percorso complesso: verifica di quanto fatto e progetti per il futuro. Come sono organizzate le Acli della provincia di ForlCesena? La realt aclista provinciale una realt complessa e, a suo modo, unica sia nel panorama aclista che in quello pi vasto della realt sociale. I pilastri sono essenzialmente due: la parte associativa (circoli e associazioni collaterali quali lUnione Sportiva, Il Centro Turistico, la Lega Consumatori, lAveac)

E la formazione come viene svolta? Quando parlo di formazione non mi riferisco a quella tecnica del nostro ente di formazione, lEnaip, svolta in modo egregio ed unanimente riconosciuta e apprezzata, ma penso alla formazione sociale e politica: per questo sono nate le Acli nel lontano 1945. Una delle maggiori fatiche stimolare le nostre realt di base a essere non solo occasioni per un sano divertimento, aspetto non trascurabile, ma anche e soprattutto occasioni formative, stimoli per la comunit in cui vivono, osservatori della realt in cui sono inseriti. Come sono i rapporti con la realt ecclesiale? Una delle tre fedelt storiche dellassociazione, oltre al lavoro e alla democrazia, la fedelt alla Chiesa. I nostri circoli, per la stragrande maggioranza, sono inseriti nelle parrocchie e vivono a stretto contatto con esse. Spesso propongono momenti formativi sulla dottrina sociale della Chiesa, sulle grandi encicliche, sul lavoro. Lo spirito quello che la Caritas in Veritate, al n. 7, definisce " quel noi-tutti, formato da individui, famiglie e gruppi intermedi che si uniscono in comunit sociale" e come tali riflettono, propongono, stimolano la realt in cui sono inseriti. Nel cesenate laccompagnatore spirituale don Ezio Ostolani. Chi sar il futuro presidente provinciale? Il prossimo presidente verr eletto dal nuovo organo che uscir dal congresso del 10 marzo. Per statuto possibile una riconferma, ma sar il Consiglio a decidere.

Lultimo circolo sorto nel cesenate quello di Romagnano con 80 iscritti Lassistente zonale don Ezio Ostolani
e la parte dei servizi come il Patronato, lEnaip e i due Centri di assistenza fiscale che operano rispettivamente nel campo della tutela previdenziale, della formazione e del fisco. La nostra realt locale si contraddistingue per la presenza di tutte queste componenti, mentre ci sono province in cui esistono le Acli come associazione ma non esistono, o sono deboli, i servizi. Vi sono realt, poi, con una forte presenza di servizi, ma una scarsa

connotazione di realt acliste di base. Infatti il titolo del prossimo congresso, che mutuato da quello nazionale, ma adattato alla realt locale, vuole rispecchiare questa situazione: "Le Acli di ForlCesena: una complessa rete di circoli, associazioni e servizi per rigenerare comunit e servire il Paese". Nel cesenate i circoli sono 37 e lultimo sorto quello di Romagnano. Quali sono state le caratteristiche della sua presidenza? Sono stato eletto presidente nel marzo del 2008. Assieme agli altri amici della presidenza provinciale abbiamo cercato di connotare questi anni su due parole dordine: fare sistema e fare formazione. Il tentativo di questi anni stato quello di far camminare insieme le due componenti acliste di cui

ho parlato prima. In particolare sui servizi occorre spesso concentrare lattenzione perch alla capacit tecnica e organizzativa, che non deve assolutamente mancare, uniscano anche lanima associativa. Siamo attenti affinch gli operatori dei servizi siano coscienti di essere nelle Acli e nella Chiesa. Prestano un servizio rivolto spesso alle fasce deboli della nostra societ, che utilizzano anche risorse pubbliche da utilizzare con parsimonia, criterio e senso di responsabilit, contemperando efficienza ed efficacia, qualit del servizio ed economicit nella gestione. I nostri operatori dei servizi sono unottantina e la parte preponderante dovuta alla consistente realt dellEnaip.

Il programma della giornata di sabato 10 marzo a Cesena

Il programma dellassemblea elettiva Acli di sabato 10 marzo, in seminario a Cesena, prevede linizio dei lavori alle 9. Dopo lintervento del presidente Luciano Ravaioli (foto), ci saranno gli interventi degli ospiti e delle autorit. Il pranzo previsto per le 13 e il lavori riprenderanno alle 14 con la fase del voto. Alle 16,45 sar celebrata la messa. I risultati saranno

comunicati alle 18. Il presidente Ravaioli, in questo mandato, stato affiancato dal vice Lazzaro DallAcqua, cesenate, presidente del circolo Acli di Ronta. "Nel cesenate - spiega DallAcqua - i circoli attivi sono 37. La realt buona e lo sforzo rilanciare il nostro modello per veicolare i valori cristiani nellambito sociale e della pastorale del lavoro. Nei circoli abbiamo sempre rapporti con i parroci". A Cesena i circoli sono 19, 4 a Cesenatico, 3 a Sarsina, 3 a Savignano, 2 a Sogliano, 2 a Roncofreddo e 1 a Bagno di

Romagna, Borghi, Gatteo, Novafeltria (Romagnano, vedi articolo a pagina 17). Gli ultimi presidenti provinciali sono stati Daniele Quadrelli (1987-1993), Leonardo Cesaretti (1993-2000), Raoul Mosconi (2000-2008) e Luciano Ravaioli. Il presidente nazionale Andrea Olivero sar presente a Forl (al centro culturale san Francesco di via Marcolini 4), luned 19 marzo per parlare di "Dopo Todi: rotto il silenzio, voci dellarea cattolica". Cristiano Riciputi

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie nella sezione BREVI QUOTIDIANE

Gioved 8 marzo 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Meeting missionario diocesano


Domenica 11 marzo alle 14,30 in seminario
Missionari senza partire il tema del Meeting missionario diocesano che si terr domenica 11 marzo alle 14,30, in seminario a Cesena. Il Meeting, aperto a tutti e presieduto dal vescovo Douglas Regattieri, promosso dal Centro missionario diocesano.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Signore, tu hai parole di vita eterna
Domenica 11 marzo - Anno B 3 domenica di Quaresima Es 2,1-17; Salmo 18; 1Cor 1,22-25; Gv 2,13-25
Ges. Levangelista annota: Quando Ges fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo e cedettero. Durante questa Quaresima ci prepariamo a vivere intensamente il mistero pasquale di Ges, a ricordare che Ges, che il vero santuario di Dio, stato respinto dagli uomini e distrutto. Ma lamore di Dio ha prevalso, trasformando questo avvenimento in occasione di vittoria sul male e sulla morte con la forza dellamore. Il mistero pasquale manifesta la potenza e la sapienza di Dio e il suo amore. Anche noi siamo chiamati a purificare il nostro culto e a diventare pietre viventi di questo nuovo e definitivo santuario di Dio che Cristo. Diventare membra del Corpo di Cristo: la nostra vocazione. Partecipiamo al mistero pasquale con la nostra vita: una vita di amore generoso e di rifiuto degli idoli. Chiediamoci: quali banchi oggi rovescerebbe il Signore nella mia vita? Riscopriamo i dieci comandamenti e accogliamoli perch diventino regola per la nostra vita, ricordando che Ges li ha riassunti nei due grandi comandamenti dellamore verso Dio e verso il prossimo. Facciamo nostra la preghiera del Salmista: Signore tu hai parole di vita eterna. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 12 marzo san Massimiliano 2Re 5,1-15a; Sal 41 e 42; Lc 4,24-30 marted 13 san Ruggero Dn 3,25.34-43; Sal 24; Mt 18,21-35 mercoled 14 san Matilde Dt 4,1.5-9; Sal 147; Mt 5,17-19 gioved 15 santa Luisa de M. Ger 7,23-28; Sal 94; Lc 11,14-23 venerd 16 san Ciriaco Os 14,2-10; Sal 80; Mc 12,28b-34 sabato 17 san Patrizio Os 6,1-6; Sal 50; Lc 18,9-14

Incontro dei politici al Monte


Domenica 11 marzo alle 9
La Commissione diocesana Gaudium et Spes nel suo compito di animazione del sociale secondo lo spirito e gli orientamenti della Dottrina Sociale della Chiesa, invita i responsabili della res pubblica a diverso titolo per lannuale incontro di riflessione. Lappuntamento per domenica 11 marzo alle 9 presso labbazia del Monte, a Cesena. Monsignor Ernesto Vecchi, vescovo ausiliare emerito di Bologna, terr una riflessione su Politica: la forma pi esigente della carit sociale. Il vescovo Vecchi celebrer la messa alle 11,30 nella cripta.

Consiglio Pastorale diocesano


Dalle 14,45 di domenica 18 marzo, in seminario a Cesena
Il Consiglio Pastorale diocesano convocato in seminario a Cesena per domenica 18 marzo, a partire dalle 14,45. Dopo la preghiera del Vespro e la riflessione del vescovo Douglas, monsignor Walter Amaducci, vicario episcopale per la pastorale, introdurr i temi della giornata: iniziazione cristiana: verifica del lavoro svolto nelle parrocchie alla luce della Lettera pastorale del vescovo Douglas; Unit pastorali: verifica delle attivit nelle varie zone. Dopo i laboratori e un relativo riepilogo, il Consiglio terminer alle 18,30.

a liturgia di oggi ci presenta nella prima lettura il Decalogo, nella seconda lettura Paolo ci fa meditare su Cristo Crocifisso, potenza e sapienza di Dio; il Vangelo ci presenta Ges che caccia i venditori dal tempio. Nel decalogo, Dio comincia ricordando di aver fatto uscire il suo popolo dallEgitto e dalla sua condizione di schiavit. Alla base dei dieci comandamenti c il grande amore di Dio. I dieci comandamenti non sono unimposizione, ma la manifestazione della nostra vera libert. Ges nel Vangelo compie un gesto sorprendente, rovesciando i banchi dei mercanti: Non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato. Ges vuole purificare il culto e il tempio; non solo, ma Lui il nuovo e vero Tempio, il luogo della presenza di Dio. I Giudei chiedono a Ges di rendere conto di questo suo gesto. Quale segno ci mostri per fare questo? Distruggete questo tempio e in tre giorni lo risusciter, risponde Ges. Annuncia la sua passione, morte e risurrezione. Ges parlava del santuario del suo corpo. Dunque siamo di fronte al mistero pasquale di

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Gattolino, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in V., Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria della Speranza, San 15.00 17.30 18.00 18.30 19.00 Pietro, Case Finali, San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Domenico, Osservanza, San Rocco San Pietro, Cappuccini San Bartolo Festivi: 8.00 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9.00 Cappuccini di Cesenatico; 9.30 Villalta; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11.00 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta, Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 Longiano-Parrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18. Santuario Santissimo Crocifisso. Gatteo ore 18.30 (sabato); 9 / 11.15 / 17.00 SantAngelo: 20.00 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17.00 (sabato); 8.00 / 11.15. Villamarina: 16.00 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.15; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17.00. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 17.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10.00 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena

7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Pio X, San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Case Finali, San Rocco, Osservanza, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, SantEgidio, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Bulgarn 19.00 San Giorgio, Tipano 20.00 San Pio X, Calisese, San Giovanni Bono, Gattolino, Villachiaviche, Bulgaria 20.30 Ponte Pietra, Ruffio, Santa Maria Nuova, Pievesestina, San Cristoforo, Pioppa

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo; 20 Sala; 20,30 Villalta

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 8 dell1 marzo 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 6 marzo 2012

Vita della Diocesi


Catecumeni Altri tre passaggi verso i sacramenti a Pasqua
Vivono una Quaresima molto caratterizzata i catecumeni e le loro parrocchie di appartenenza. Nella terza, quarta e quinta domenica di Quaresima, alla messa festiva della comunit parrocchiale, si fanno i tre scrutini. Il termine non lo dice con chiarezza: in realt, si tratta di tre momenti molto significativi. Sono i primi momenti di incontro con la comunit riunita. In essi la comunit prega su di loro, perch il Signore li converta nel profondo del cuore e li custodisca da influssi del maligno; si chiede un loro incontro trasformante con Cristo. Poi, la comunit domanda al Signore per loro la conversione piena, il senso del peccato e la vera libert dei figli di Dio. Le parrocchie direttamente coinvolte a questi passaggi sono: San Pietro, Case Finali, Osservanza e SantEgidio. Larrivo di nuovi cristiani adulti sempre stato, nella vita delle comunit, un momento vibrante e di felice risveglio nella fede. La chiamata di nuovi fratelli e sorelle alla vita in Cristo e la loro festosa risposta, nelle comunit opportunamente rese consapevoli, fa riflettere, fa ritornare allorigine della propria fede. Ci genera nostalgia e fa sentire il bisogno di rinnovare e attualizzare la una propria vita cristiana. Mario Morigi

Gioved 8 marzo 2012

RIFLESSIONE |
er vivere intensamente il tempo della Quaresima, la Chiesa nostra Madre e Maestra ci convoca ogni giorno, ogni domenica, per la celebrazione della Liturgia eucaristica. Ed tanto! Tuttavia, perch litinerario verso la grande festa della Pasqua sia percorso con passo spedito e vigile, ecco il moltiplicarsi nel calendario di ogni comunit, nel calendario della Diocesi, iniziative di preghiera (per esempio i pellegrinaggi al Santuario del Crocifisso di Longiano) di riflessione e meditazione (domenica prossima il ritiro spirituale al Monte per quanti hanno responsabilit politiche e amministrative), gesti di penitenza che desiderano condividere il dono ai fratelli che tendono la mano (la colletta per sostenere la mensa che la Caritas

di Piero Altieri
Parola, la densit del silenzio, la saggezza e la comunione dellamicizia fraterna, come gli amici del Servizio diocesano di animazione spirituale avevano scritto nella lettera di invito. Una esercitazione scandita da cinque parole: Quaresima, itinerario, scoperta, gioia, Tesoro. Impossibile fare un bilancio, e ancor meno un resoconto. Ognuno dei partecipanti lo custodisce nel cuore, testimoniandolo a quanti la Provvidenza fa incontrare. Non dimenticando mai, come ripetutamente ha richiamato il vescovo Douglas, che la totalit dellesperienza di fede investe tutta lesperienza dellesistenza. Una ricerca tuttavia e quindi una testimonianza che non pu conoscere soste, che pu ricominciare a ogni ora del giorno.

Lesperienza di fede investe tutta lesistenza


imbandisce ogni giorno, per quanti non hanno casa, non hanno la possibilit di sedersi alla tavola di famiglia). Uniniziativa particolare da segnalare: gli Esercizi spirituali che si sono svolti (ormai una tradizione) nelle serate da marted 28 febbraio a venerd 2 marzo, in seminario a Cesena, guidati dal vescovo Douglas sul tema Quaresima: un itinerario di fede nella gioia della riscoperta del Tesoro. Numerosa la partecipazione, con unanagrafe molto varia, soprattutto con un desiderio di aprirsi alla novit e a lasciarsi coinvolgere in una dinamica che fa sperimentare la forza della

Messaggio

Per una Chiesa diocesana pi missionaria. Il vescovo Regattieri scrive a tutta la comunit di Cesena-Sarsina

In breve
Fraternit Cl, ritiro di Quaresima
Il ritiro diocesano di Quaresima della Fraternit di Comunione e Liberazione ssato per domenica 11 marzo alle 10 presso il salone di Palazzo Ghini, in corso Sozzi a Cesena. possibile iscrivere i bambini al servizio di babysitting entro venerd 9 marzo. possibile inviare i contributi per lassemblea sulla lezione del sabato pomeriggio degli Esercizi della Fraternit, allindirizzo di Bassi mbassi@ausl-cesena.emr.it entro venerd 9 marzo. bene portare il libretto delle Ore e il libro dei Canti.

Dopo la visita a Carupano deve aumentare limpegno


uesta lettera alla Diocesi segue la visita da me compiuta nella parrocchia di Playa Grande (diocesi di Carupano Venezuela) dal 9 al 17 gennaio scorso, insieme a don Piero Teodorani, a don Crescenzio Moretti, a don Derno Giorgetti, alla signora Angela e a Marco Castagnoli. Sullo svolgimento della visita il Corriere Cesenate ha ampiamente scritto. Desidero qui dare continuit e concretezza alla Nota pastorale Per una Chiesa diocesana pi missionaria pubblicata nel mese di ottobre 2011, indicando alcune iniziative concrete che, suggeritemi dalla ricca esperienza fatta a Carupano, si possono realizzare in vista di una crescita della coscienza missionaria diocesana. Credo che sia necessario avere chiari anzitutto alcuni obiettivi generali, da realizzare a lungo termine. E questi sono: 1. Riorganizzazione dellUfficio e del Centro Missionario diocesano, da considerare come Centro di animazione missionaria e punto di riferimento e di raccolta di ogni iniziativa missionaria parrocchiale o associativa; 2. continuare e intensificare il rapporto tra le due Chiese sorelle di Cesena-Sarsina e Carupano (Venezuela). Pur nel rispetto e nella libert di altre scelte, vorrei che tutta la Diocesi esprimesse un privilegiato rapporto con la Chiesa di Carupano. Tutte le componenti diocesane (sacerdoti, diaconi, religiosi e laici) devono sentirsi coinvolte perch limpegno missionario dovere di tutti; 3. ipotizzare unaltra presenza sacerdotale diocesana a Carupano. Mi richiamo a quanto il nostro Sinodo ha indicato al n. 459. Lo scambio di sacerdoti,

Convegno Maria Cristina di Savoia


Marted 13 marzo alle 16, la professoressa Fabia Farneti presenter la mostra Lanima e le forme di Adolfo Wildt. Lincontro proposto in previsione della prossima visita alla mostra ai Musei di San Domenico, a Forl. Lincontro, a ingresso libero, promosso dal Convegno Maria Cristina di Savoia, presso la sala Biagio Dradi Maraldi presso la Cassa di Risparmio di Cesena, in via Tiberti (Cesena).
GENNAIO 2012, PLAYA GRANDE (CARUPANO): IL VESCOVO DOUGLAS REGATTIERI SI RECATO IN VISITA ALLA DIOCESI VENEZUELANA. INSIEME AL VESCOVO, NELLA FOTO DURANTE UNA CELEBRAZIONE EUCARISTICA, DON DERNO GIORGETTI, PER TANTI ANNI SACERDOTE FIDEI DONUM IN VENEZUELA E ORA PARROCO A GATTEO MARE

Animatori gruppi famiglie e corsi fidanzati


Il secondo incontro per animatori e sacerdoti di gruppi famiglia e corsi per danzati proposto dallUfficio per la Pastorale familiare, si terr mercoled 14 marzo alle 21, in seminario a Cesena. Lincontro, sul tema Animare per arrivare allanimo sar guidato da Claudia Monti di Faenza.

religiosi e laici tra le Chiese una delle forme pi belle e complete di missionariet e non deve venire meno neanche in una condizione di forte calo di sacerdoti; 4. in considerazione dellimpegno profuso in passato da diversi nostri sacerdoti in Colombia (Diocesi di Cartago) e attualmente in essere con il sostegno ad alcuni sacerdoti studenti a Roma, prevedere una presenza pastorale nella nostra Diocesi di sacerdoti della Diocesi di Caldas Fidei donum; 5. aprire al continente asiatico con un rapporto di collaborazione e scambi con una o pi Diocesi del Kerala (India). Ci sono poi obiettivi a breve termine e iniziative missionarie che vorrei indicare a tutti, giovani e adulti, parrocchie, associazioni e movimenti ecclesiali: Per il rapporto con la Diocesi di Carupano: 1. rafforzare il sostegno a don

Giorgio Bissoni, attualmente collaboratore con don Wuilians nella parrocchia di Playa Grande; 2. invio di laici volontari per periodi medio lunghi nella parrocchia di Playa Grande allo scopo di prestare qualche servizio e di presa di contatto con quella realt. Per questo, invito giovani e adulti che desiderano fare esperienza missionaria, di prendere contatto con il proprio parroco e con il Centro Missionario; 3. aiuto e sostegno (mediante la colletta dellAvvento che dora innanzi sar destinata alle opere missionarie diocesane; questanno sono stati raccolti 46.477 euro) per il consolidamento e leventuale ampliamento delle attivit pastorali presso la Casa della Carit e la costruzione del Centro pastorale (chiesa, casa delle suore, locale parrocchiale) di Hato Romar; 4. sostegno diocesano a due sacerdoti di Carupano studenti a Roma.

Per il rapporto con la Diocesi di Caldas (Colombia): Iniziare i contatti con il vescovo per laccoglienza di sacerdoti colombiani Fidei donum in ordine a un servizio pastorale temporaneo presso la nostra Diocesi. Per una qualche forma di rapporto con altre realt missionarie: Con Colombia, Mozambico e Etiopia in ragione della presenza in questi territori di famiglie religiose cesenati: le Suore della Sacra Famiglia, la Piccola Famiglia della Risurrezione, o singoli laici che hanno operato con lapprovazione e a volte anche il sostegno del vescovo di Cesena-Sarsina. Per queste ultime iniziative e proposte concrete desidero che si faccia sempre riferimento al Centro Missionario diocesano che si rende disponibile ad attuarle. Con laugurio di un forte impegno missionario per tutti. Douglas Regattieri vescovo

Esercizi spirituali per giovani e adulti


La pastorale giovanile diocesana propone, per il ne settimana 17-18 marzo, una due giorni di esercizi spirituali per giovani e adulti guidati da don Vito Piccinonna, assistente nazionale del Settore giovani di Azione Cattolica. Lincontro, dal titolo Partecipi del banchetto della vita, si svolger presso il convento dei Cappuccini di SantAgata Feltria. La quota di partecipazione di 35 euro. Iscrizione entro il 10 marzo. Per info: Patrizia DIntino 340 7777201 pdintino@tiscali.it; Gennaro Bucci 339 1515005 gennarobucci@libero.it; Valentina Mondardini 388 0652412 vale_monda@libero.it; Alessandro Merloni 340 0522162 alessandro.merloni87@gmail.com. (M. Mosc.)

In ricordo di Chiara Lubich


Il Movimento dei Focolari propone per domenica 18 marzo alle 16, a Palazzo Ghini di Cesena, un incontro di riessione su Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, nel quarto anniversario della morte. In particolare, si approfondir la spiritualit dellunit con un video di Chiara; seguiranno testimonianze. Alle 18 seguir la messa in Duomo, celebrata dal vescovo Douglas Regattieri.

Gioved 8 marzo 2012

Vita della Diocesi


Sensi chi parla Scuola per catechisti ed educatori
ioved marzo Galle 21,8ain seminario Cesena, nuovo appuntamento del percorso formativo per catechisti ed educatori Sensi chi parla. Il senso preso in considerazione sar il gusto; guider la riessione don Ivo Seghedoni, direttore dellUfficio catechistico della diocesi di Modena. Per info, il sito dellUcd : www.catechistidisperanza.blogspot. com

Fotonotizia | Azione Cattolica, due giorni della Carit


Sabato 3 e domenica 4 marzo lAzione Cattolica diocesana ha vissuto la Due giorni della Carit, proposta ai giovani di Ac e ai ragazzi di terza media dellAcr. Numerosi i giovani che hanno partecipato (nella foto) e che hanno visitato ventidue realt di servizio durante il sabato pomeriggio. Nella due giorni si sono vissuti in seminario a Cesena momenti di condivisione e formazione, con unattenzione e sensibilit particolare al servizio. Tema guida: C un amore che fa risorgere. Sabato pomeriggio i ragazzi erano 270 e sono rimasti a dormire (in terra!) in 90.

Diocesi, Chiesa Avventista e comunit rumena ortodossa insieme

Staffetta della Parola per diffondere e amare la Bibbia


ella Casa dei libri per presentare una DA SINISTRA, DON SAURO BAGNOLI, DELEGATO EPISCOPALE PER LECUMENISMO, IL PASTORE AVVENTISTA PER FORL E proposta che vede protagonista il CESENA ROBERTO IANN, E PADRE SILVIO SAS, DELLA CHIESA ORTODOSSA RUMENA DI CESENA. Libro per eccellenza: la Bibbia. Nella LA COMUNIT AVVENTISTA DI CESENA CONTA CIRCA CENTO MEMBRI BATTEZZATI (IL BATTESIMO VIENE IMPARTITO IN ET suggestiva sala Lignea della ADULTA). DUECENTO GLI AVVENTISTI A FORL. LA COMUNIT RUMENA ORTODOSSA CONTA CIRCA 2MILA FEDELI PRESENTI A Biblioteca Malatestiana, a Cesena, stata CESENA. DI QUESTI, CIRCA 150 (MA IL NUMERO IN COSTANTE AUMENTO) SI RITROVANO PER CELEBRARE IL PROPRIO RITO presentata nei giorni scorsi liniziativa RELIGIOSO OGNI DOMENICA NEGLI AMBIENTI MESSI A LORO DISPOSIZIONE DALLA PARROCCHIA DI SANTEGIDIO Staffetta della Parola. Diocesi di CesenaSarsina, Chiesa cristiana avventista del 7 gruppo scout Masci e nella mattina di domenica 11 sar giorno e comunit ortodossa rumena insieme per questa pi vicini e spinti a camminare insieme. Nei confronti proposta ecumenica che vede il passaggio, in una sorta di accolta dalla Chiesa Ortodossa rumena, a SantEgidio di della citt, la lettura conclusiva in piazza Giovanni Paolo Cesena. La domenica successiva 18 marzo far tappa staffetta, di una Bibbia interconfessionale tra le diverse II dice che la Bibbia non patrimonio unico delle presso la Societ San Vincenzo de Paoli. Il 25 la Bibbia comunit cristiane. Rispetto alla lettura 24ore non stop comunit cattoliche, ma valore per tutta la comunit interconfessionale sar accolta nella chiesa parrocchiale del Vecchio Testamento davanti alla Cattedrale di Cesena civile. La Bibbia racconta il momento sorgivo da cui di Santo Stefano di Cesena (ore 11); sabato 31 marzo alle nella giornata del Venerd Santo - iniziativa proposta gi partita e si formata la comunit e ha segnato 11,30 arriver al gruppo scout Aisa e il giorno successivo, da diversi anni - si vuole fare qualcosa in pi. In lavanzamento della societ nei suoi valori che hanno particolare, lidea della Staffetta vuole sottolineare che il domenica 1 aprile alle 17,30, nella chiesa parrocchiale di sorgente nella Parola di Dio: ricordiamo lattenzione ai San Giacomo di Cesenatico. contenuto del Libro stato trasmesso e si vuole fare poveri, il senso della giustizia e del bene comune. La In rappresentanza del vescovo ha partecipato don Sauro simbolicamente viaggiare, cos come questo libro stato Parola da custodire, amare, tradurre nella vita e Bagnoli, delegato per lecumenismo e il dialogo tramandato e ha viaggiato nei millenni con un messaggio diffondere - ha concluso don Sauro -. Da leggere nella interreligioso, e parroco a Santa Maria Goretti di di fede e di carit. carit e verit, senza dimenticare che in molti Paesi non Cesenatico: La Staffetta della Parola una preziosa Partita sabato 3 marzo dalla chiesa avventista del 7 possibile neppure possedere la Bibbia. occasione di dialogo con la comunit civile. Dalle tre giorno (a Cesena in via Gadda), la staffetta si concluder In un tempo in cui la comunicazione tra persone Chiese che la promuovono vogliamo dare un segnale che, affidata sempre pi ai social network - ha sottolineato in venerd 6 aprile, Venerd Santo, quando settanta lettori si alterneranno nello stand davanti alla Cattedrale di Cesena pur nelle particolarit dei nostri carismi, abbiamo chiusura il pastore avventista Roberto Iann - comunque tutti in comune la preziosit della Bibbia. Da per la lettura non stop del Nuovo Testamento. Nelle due significativo proporre un gesto concreto di apertura e di Israele in avanti, sempre. Vorrei sottolineare il valore settimane di viaggio, la Bibbia sar accolta e dialogo, di incontro di visi e parole che fanno riferimento fondante della Parola - ha proseguito don Sauro -: particolarmente celebrata secondo il rito e il carisma di allunica Parola. avvicinandoci alle radici della Parola di Dio, ci sentiamo ogni comunit: domenica 4 marzo stata ricevuta dal Sabrina Lucchi

PER LA TUA PUBBLICIT SUL CORRIERE CESENATE e sul sito WWW.CORRIERECESENATE.COM contatta: 0547 300258 (redazione) commerciale@corrierecesenate.com

Vita della Chiesa

Gioved 8 marzo 2012

Riflessione Papa Benedetto XVI alla preghiera dellAngelus di domenica 4 marzo


uon per noi che gli comprensione che la strada apostoli non hanno per giungere alla gloria, la capito quanto Ges strada dellamore luminoso annunciava! Gliene che vince le tenebre del sono grata. male, passa attraverso il Balza, infatti, sempre in dono totale di s, passa primo piano e con vigore il attraverso lo scandalo della dissidio fra la nostra logica Croce. umana e la logica evangelica Lesodo del popolo dIsraele che Ges incarna: ... perch stato un percorso di non ragionano secondo Dio, liberazione dalla schiavit ma secondo gli uomini. dEgitto, ma anche dal Non solo possiamo sentirci proprio cuore indurito che simili nel nostro cammino, doveva aprirsi allascolto ma trovare anche conforto e dellAltissimo, proprio come ragione, perch il Maestro ha il nostro esodo nella storia, donato quella chiave che dalla nascita alla morte, che consente di passare per ogni pu, perch vive in un ROMA, 4 MARZO: BENEDETTO XVI SI RECATO evento, per ogni difficolt, regime di libert, IN VISITA PASTORALE ALLA PARROCCHIA DI SAN GIOVANNI BATTISTA DE trasfigurandola. raggomitolarsi come un LA SALLE AL TORRINO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR) Che cosa significa porcospino per difendersi trasfigurare? dalle inquietudini, dalle Non far quadrare il cerchio obiettive e reali difficolt, e risolvere dubbi, ma pu anche fondarsi agitazioni, problemi con il sulla fede e dilatarsi in una colore rosa, una sicurezza che non nega il superficialit emotiva e male, non nega le ferite parole persuasive, ma inferte e tanto meno le Sul monte alto, Ges fu trasfigurato, narrano i Vangeli. Anche noi conosciamo indicare in Se stesso un rimuove. Ricevuto il dono mistero in due battute che una qualche esperienza di trasfigurazione quando la gioia rende diversi i tratti del volto necessario lasciarlo pelle il si compenetrano: il incidere sulla nostra presente, gravido della sua mistero di sofferenza, che Passione Morte, che attende per solo di comunicativa. Larte stata, nel corso fonte perenne della Luce, dal Padre. poi la beata passione, per la sola essere trapassato dalla Luce del futuro, dellumanit peregrinante, sempre una Non una luce esteriore che conosce il ragione che mistero di amore su cui ci dato di gettare uno sguardo grande mediatrice di spiritualit e di tramonto, lesaurimento della batteria o straordinario di Dio. per restarne colpiti una volta per sempre. speranza. anche lestinzione, una luce interiore, Tutti cerchiamo sempre di passare da un Uno squarcio inatteso, come un dono La luce sfolgorante per che si irradia Ges stesso che chiede di abitare la registro di provvisoriet a uno di inaudito che sorprende, strappa perci la dal Volto e dalle vesti di Ges possiede tenebra per illuminarla dal di dentro, stabilit, di definitivit (non solo nostra storia, in cui il buio fitto della sua una valenza diversa: Luce da Luce, Egli la lampada che non si spegne economica che, per, non proprio da passione e morte provocher sgomento, Luce eterna e immutabile, dono di mai. sottovalutare), ne consegue che se Luce timore e scandalo, con unanticipazione grazia. In questa luce noi possiamo gi Lampada per che va alimentata, per il presente ed offerta pu diventare esodo luminosa che pu modellare vederci come il Padre ci vede, nella fatto di essere dono gratuito, non esime definitivo. diversamente lesistenza. Sul monte alto, pienezza, perch Mos ed Elia (tutta la dalla cura, dallattenzione, papa Non solo avvolti dalla Luce ma diventati dinanzi ai discepoli Pietro, Giacomo e rivelazione al popolo dIsraele) accanto Benedetto, domenica scorsa nellomelia noi stessi Luce, possiamo transitare Giovanni, Ges fu trasfigurato, narrano al Figlio rappresentano quella alla messa in una parrocchia di Roma e protetti e sicuri, affrontare la nostra i Vangeli. dimensione che ci attende e cui allAngelus, ne precisa la modalit nel Passione e Morte, perch Egli, prima di Anche noi conosciamo una qualche aneliamo. ritagliare ogni giorno qualche momento noi e per noi, vi passato. esperienza di trasfigurazione quando la Non lo diciamo da noi, dal basso, da per la preghiera silenziosa e lascolto Ci attende la porta verso la libert e la gioia rende diversi i tratti del volto di una quella che pu essere una ricerca di della Parola di Dio. novit della Risurrezione, non balorda persona, quando una forte ispirazione senso nella vita e per la vita, quindi Fissare gli occhi sulla Croce non sensazione ma reale vittoria di Dio, del artistica colpisce e si trasmette con e autoreferenziale e rassicurante, ma ne produrr pi orrore e rifiuto ma susciter Bene, dellAmore. attraverso una persona particolarmente riceviamo il dono dallalto, dalla stessa una consapevolezza nuova, nutrita dalla Cristiana Dobner

Uno squarcio inatteso

10

Gioved 8 marzo 2012

Attualit
Chiesa e Ici/Imu Dov la novit?
Polveroni mediatici su tasse che gi si pagano
Evviva: lItalia ha superato la grande crisi! Com avvenuto questo miracolo? Semplice: la Chiesa pagher lIci/Imu! FOTO ARCHIVIO SIR In verit la Chiesa come soggetto economico-nanziario non esiste, mentre esistono le varie realt ecclesiali che, in realt, sono i cristiani, i cittadini cattolici singoli e associati. E questi hanno sempre pagato lIci secondo le leggi vigenti. E pagheranno anche lImu, appena il governo avr denito le nuove norme. In attesa che tutto sia chiaro oriscono leggende, messe in giro ad arte: nalmente la Chiesa pagher; anzi: nalmente il Vaticano pagher. Telegiornali e giornali nazionali, a prova, mettono ben in mostra il cupolone di San Pietro, il quale per non centra. I rapporti dello Stato italiano con il Vaticano sono regolati da norme di diritto internazionale. Ma tant. Da che ci siamo facciamoci un bel polverone, che crei confusione e renda certi che la Chiesa quella cattivona che impoverisce lItalia non pagando miliardi di tasse. In questo bailamme, il gran tema di discussione riguarda la scuola privata che in realt scuola pubblica non statale. Ecco allora la sda: sar esentata se accoglier tutti, compresi non cattolici e disabili; non pagher se adeguer programmi e trattamento degli alunni e dei docenti a quelli delle scuole statali; non pagher se non otterr guadagni... se, se, se... Ma guarda un po: tutti sanno - tranne chi non vuole sapere - che la scuola cattolica non ha mai fatto esclusioni di sorta: non chiede il certicato di battesimo o lattestato di frequenza alla messa domenicale, come non chiede dichiarazione medica di non handicap. Quanto ai programmi e a tutto il resto, se queste scuole sono dichiarate paritarie proprio perch lo Stato ha gi riconosciuto che tutto questo c gi. Non parliamo poi dei guadagni, che sono solo una barzelletta, visto che per chiudere i bilanci sono molti fedeli cattolici, parrocchie comprese, a dover intervenire. Sorge un dubbio: non si vorrebbe che il polverone sulle scuole voglia nascondere altre questioni; quella degli oratori, ad esempio, dove ci sta un piccolo bar che guadagna s e no il necessario per pagare il riscaldamento e la luce delle aule in cui si deve fare catechismo. Non vorremmo che si trovasse modo di far pagare una specie di tassa sul bene, sulleducazione a cui, sempre, si dedicano le parrocchie. Cosa questa che, ai misticatori ideologizzati di tutta questa storia, d molto fastidio. Vincenzo Rini

La lotta di Rebecca Kraiem per conoscere la sorte di centinaia di ragazzi

a coraggio Donn

Le mamme non possono pi aspettare


i definisce una combattente per la giustizia e i diritti ed una sorta di pasionaria tunisina in cerca di centinaia di ragazzi arrivati in Italia e scomparsi nel nulla. Rebecca Kraiem, 53 anni, tunisina, vive a Parma da 23 anni, in esilio dopo una storia di violenze durante il regime di Ben Ali. Velo nero e occhiali con lenti molto spesse, parla perfettamente litaliano. Si fatta portavoce di 850 famiglie tunisine, che non sanno pi che fine hanno fatto i loro figli dopo aver attraversato il Mediterraneo sulle Pensate che molti ragazzi tunisini siano carrette del mare ed essere arrivati in arrivati in Italia. Che prove avete? Italia. Alcuni di loro sono stati Abbiamo le prove - foto e video - che riconosciuti nei servizi televisivi su Lampedusa e Linosa un anno fa, dopo la molti ragazzi tunisini sono arrivati a Lampedusa e Linosa. rivoluzione dei gelsomini. Una ventina Ma non si sa che fine abbiano fatto. hanno telefonato a casa appena arrivati. Siamo andati al ministero dellInterno Poi, il nulla. Altri potrebbero essere italiano e abbiamo fatto visita ad altre morti in mare. Da due mesi Rebecca sta istituzioni. Stiamo lottando con tutte le girando lItalia, insieme a una piccola nostre forze. Stiamo facendo presidi delegazione tunisina, bussando a tutte ovunque: a Genova, Milano, Palermo. le porte istituzionali e - inutilmente - nei Ci hanno detto che il solo modo per Cie (Centri di identificazione ed risolvere questo problema sono le espulsione), per sapere la verit. impronte digitali, per fare un riscontro Organizza manifestazioni per avere con i tunisini che sono passati notizie degli scomparsi. La incontriamo nei Cie e che potrebbero aver dato nomi a Roma, insieme allo zio di due ragazzi e falsi. Da aprile dello scorso anno a una donna tunisina con il velo rosa, lo stiamo chiedendo al governo tunisino di sguardo mesto e in mano la foto del metterci a disposizione le impronte figlio scomparso. in Italia da un mese digitali, ma ci ha chiuso e rappresenta 250 mamme di Tunisi che le porte in faccia. Non abbiamo lhanno incaricata di cercare i loro figli. ottenuto niente, anzi, ci hanno accusato Ogni tanto dice qualcosa in arabo di diffondere unimmagine negativa chiedendo di tradurlo in italiano. Ma Rebecca a portare avanti, da sola, questa della Tunisia. ardua battaglia. Mi considerano una Quali sono le vostre richieste? ribelle, do fastidio perch danneggio Vogliamo che la Tunisia la smetta con limmagine della Tunisia - dice con un questo atteggiamento e fornisca le sorriso fiero -. Ma io non ho paura di impronte digitali allItalia. Se i nostri niente. Nel 2004 ho avuto un cancro al ragazzi hanno commesso un reato, cervello e ce lho fatta. Non torno in accettiamo la legge, ma non vogliamo Tunisia da 23 anni. Mi arrivata la pi stare alloscuro di tutto. Al governo richiesta delle madri dei ragazzi e mi italiano chiediamo che ci dia una mano sono ripromessa di non tornare nel mio facendo pressione sulla Tunisia. Italiani, Paese finch non avr risolto questa aiutateci! vicenda.

SONO CENTINAIA I RAGAZZI TUNISINI ARRIVATI IN ITALIA E SCOMPARSI NEL NULLA (FOTO ARCHIVIO SIR)

Nel giorno della festa della donna pubblichiamo lintervista a una tunisina in Italia che dice: Io non ho paura di niente
Non potrebbero essere in altri Paesi europei? No, sono in Italia. probabile che siano nei Cie. Ci sono genitori di questi ragazzi che sono morti per la disperazione, perch hanno visto che il nostro governo si lavato le mani. Ora deve muoversi. Lei in contatto con le mamme tunisine dei ragazzi scomparsi. Quanto dolore? Il momento della giornata che mi angoscia di pi quando la sera iniziano le telefonate e mi chiedono: Dove sono?. veramente doloroso perch io non ho nessuna risposta. Le mamme non possono aspettare ancora. Sono molto arrabbiata con Ennahda (il partito tunisino che ha vinto le elezioni, ndr) perch hanno usato questi ragazzi nella campagna elettorale. Hanno detto che erano dalla parte di queste famiglie, hanno promesso di aiutarci. Invece non hanno fatto nulla. Crede che la primavera araba porter dei frutti per i diritti delle donne? Non ci credo, una falsa democrazia. Mi prendo la responsabilit di questa dichiarazione. Le donne non sono presenti nei ruoli-chiave. Abbiamo la forza, ma non vogliono che accediamo ai ruoli pi importanti. Patrizia Caiffa

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino sas via Alberti, 3/a - tel. e fax 0541 21424

Attualit

Gioved 8 marzo 2012

11

Lartista bolognese deceduto gioved 1 marzo in Svizzera. Aveva 69 anni


vrei bisogno di pregare Dio. Il grido del barbone di Piazza Grande, una delle canzoni di Lucio Dalla pi famose, descrive in maniera poetica e fulminante il rapporto dellartista con la fede. Discreto ma non nascosto. Con mille contaminazioni ma sempre animato da una certezza incrollabile. Quella di essere un cristiano imperfetto e pieno di dubbi. ma profondamente, devotamente cristiano. Una consapevolezza, come lo stesso musicista ha raccontato in unintervista rilasciata qualche anno fa ad Edgarda Ferri (in La tentazione di credere), segnata dallincontro di Dalla, bambino e gi attore, con Padre Pio (lascia tutto gli disse il frate vai a scuola, un giorno tornerai sul palcoscenico. E questa volta sarai contento perch sar un lavoro che ti piacer). Lucio ha 18 anni e gi canta. In sogno gli appare Padre Pio. Presi la macchina, e il giorno stesso partii per San Giovanni Rotondo. Andai a mettermi in coda per confessarmi dal Cappuccino. Non accadde nulla, mi assolse con distrazione. Cos distratto che rimasi malissimo. Improvvisamente, mentre ero gi lontano,

SuperAbile
di Arianna Maroni

IL SILENZIO DELLA DISCESA

DOMENICA 4 MARZO, PIAZZA MAGGIORE A BOLOGNA: IN MIGLIAIA HANNO PARTECIPATO AI FUNERALI DELLARTISTA (FOTO AFP/SIR)

La fede in Dalla stata un punto fermo. Io sono uomo che scrive canzonette, molto interessato al linguaggio. Credo di aver avuto poche volte la possibilit di leggere qualcosa di altrettanto alto e di spirito cos profondamente cristiano di quel messaggio di PaoloVI che chiamava uomini i brigatisti
sentii la sua voce chiamarmi. Sorpreso mi girai di scatto. Il Padre alz la mano come se volesse salutarmi e sorridendomi con un sorriso tenero, struggente e anche un po birichino. Partii contento. Andai a dormire a Bologna, in casa di mia madre. Verso mezzogiorno mi svegli e mi disse: Padre Pio morto stanotte. Mi alzai e tornai subito in Puglia per il suo funerale. Piansi, pregai, lo seppellii e riprovai per lui un amore profondo. Non tornavo per il frate dei miracoli ma per luomo che poco prima di morire mi aveva fatto tornare per regalarmi un sorriso allegro. Da allora la religiosit di Dalla diventata sempre pi profonda. Da Padre Pio confida ho ricevuto dei segnali che non potevo non seguire. Del frate ho ammirato il coraggio di dimostrare la fede. Dopo questo evento straordinario leducazione religiosa di Dalla giunge alla scoperta di un grande Papa: Paolo VI (ero affascinato dalla sua solitudine e dalla sua cultura). Lho trovato ingombrante e meraviglioso in almeno due momenti della sua vita raccontava. Quando and a mortificarsi da Franco chiedendogli la grazia per i guerriglieri baschi condannati a morte. E

Lucio Dalla, il canto della fede


quando ha deciso di parlare pubblicamente alle brigate rosse per chiedere la restituzione di Moro. E aggiungeva: Io sono uomo che scrive canzonette, molto interessato al linguaggio. Credo di aver avuto poche volte la possibilit di leggere qualcosa di altrettanto alto e di spirito cos profondamente cristiano di quel messaggio di Paolo VI che chiamava uomini i brigatisti. La fede in Dalla stata dunque un punto fermo. Prego prima di dormire spiegava. Ma molto di pi mi piace partecipare ai riti collettivi e cantare in mezzo alla gente. Nella vita cristiana, la pratica non soltanto nella preghiera, ma anche nei discorsi, nelle parole, nei fatti. Io ho sempre trovato un rapporto tra il lavoro che faccio e la mia fede. Per me sono ancora parole di Lucio scrivere e cantare un fatto morale. Lavorando, mi sento vicino agli altri, cos come dovrebbe sentirsi ciascun buon cristiano. La grande forza della religione cristiana sta nella sua umanit. Questo perch, aggiungeva la religione che pi di tutte le altre tiene conto, non tanto di sacrificarsi per gli altri, quanto dellimpossibilit di fare a meno degli altri. Questa cresciuta in me, sempre di pi, facendo di me non solo un uomo religioso, ma anche una persona che prende una grande forza e un grande coraggio dal fatto di sentirsi cristiano. Un cristiano, confessava Dalla, con un desiderio particolare: Vorrei rendermi invisibile per andare in una chiesa a pregare. Mi piace pregare in chiesa perch, solo l, mi viene il linguaggio giusto per parlare con Dio. Perch di questo ho bisogno: parlargli. E in questo percorso di ricerca chiss se qualche volta Dalla si sentito affascinato dai Re Magi. In mezzo a questo mare ha scritto ne La sera dei miracoli cercher di scoprire quale stella sei perch mi perderei se dovessi capire che stanotte non ci sei. Lontano una luce diventa sempre pi grande nella notte che sta per finire e la nave che fa ritorno, per portarci a dormire. Buon viaggio Lucio. E riposa in pace. Stefano Andrini

Il vento in faccia. GIOELE Ladrenalina che sale INSIEME come una forte tensione che trattengo AL BABBO per tutta la discesa. Allarrivo ero felice, ma anche stanco. Avevo il fiatone. Questo il racconto di Gioele Imolesi, 22enne di San Mauro Pascoli dopo la sua prima discesa con gli sci. Un sogno diventato realt grazie allassociazione SportAbili che ha permesso a Gioele, affetto dalla nascita da tetraparesi spastica, di sperimentare come protagonista lemozione degli sci da discesa. Gioele un amante dello sport e ogni anno fa la settimana bianca con la famiglia. Giorni in cui per sta fermo a godersi soltanto il panorama. Questanno dal 21 al 25 febbraio nelle piste di Bellamonte (a 5 km da Predazzo) salito sulla carrozzina bi-sci importata direttamente dagli Stati Uniti. Il bi-sci rappresenta un valido strumento che permette di sciare a tutti, grandi e bambini, con le pi varie disabilit agli arti inferiori e superiori. Questa speciale sedia con sotto due sci, il bi-sci per lappunto, ha anche un manubrio e delle redini che vengono usate dallistruttore oltre che per controllare la velocit e fermare il bi-sci, per impostare o correggere langolo, per i movimenti di rotazione e quelli di stabilizzazione dello sciatore. Utilizzare questo ausilio compreso di accompagnatore volontario e skipass costa 26 euro allora. Erano anni che volevo provare continua Gioele . Il primo giorno, accompagnato dal un volontario dellassociazione SportAbili e da mio babbo, mi hanno fatto provate a salire con questo speciale ausilio sulla seggiovia. Se superavo questa emozione, potevo provare a scendere a valle con il bi-sci. Da bambino andavo in moto con il mio babbo: il vento, la velocit non mi fanno paura. Ma sciare unaltra cosa. unemozione fortissima. Vedere tutto il paesaggio dallalto, sentire la spinta della seggiovia quando ti prende e ti solleva da terra, salire come tutti gli altri su una pista da sci e provare a scendere a valle, a fare le curve. Laria di montagna pungente, ma la cosa che pi mi ha sorpreso il silenzio inaudito che si sente sia in funivia che sulle piste. Il suo racconto lascia senza fiato. bellissimo scivolare sulla neve - ha proseguito Gioele - seguire con il corpo i movimenti che il conduttore ti fa fare. La gara sciistica organizzata dallassociaizone SportAbili consiste nellunire nella pratica sportiva uno sciatore disabile con uno sciatore abile, creando cos una coppia che si mette in gioco, scendendo in un percorso di slalom gigante. Davvero una grande sfida quella che SportAbili propone alle persone con disabilit che non si limita solo allo sci, ma anche al tiro con larco, rafting, tennis, equitazione, ippoterapia, bicicletta, arrampicata, vela sul lago di Garda (www.sportabili.org)

il Periscopio

di Zeta
Non si pu dare per carit ci che dovuto per giustizia, recita una famosa frase di don Benzi. I poveri sono molto esigenti precisa Ramonda -. Ti lavorano dal di dentro. Per stare del tutto con loro bisogna stare del tutto con Dio. Per stare in piedi, occorre stare in ginocchio un altro di quegli slogan che il prete dalla tonaca lisa usava nei suoi mille incontri e inchiodava alla sedia chi pensava di incrociare un sacerdote bonaccione e sempliciotto. Don Benzi era un mistico-operativo che davanti a tutto metteva il suo legame fortissimo con il Signore col quale dialogava pi volte al giorno nella preghiera. Durante la serata sono infiniti i richiami agli insegnamenti di don Oreste che continua a vivere non solo nei ricordi, ma nellesperienza di tutta la comunit da lui fondata che mette a tavola 41mila persone al giorno. In sala sono tanti i membri della papa Giovanni che testimoniano con la loro presenza un legame decisivo grazie al quale hanno saputo trovare senso pieno alla loro esistenza. La base sicura su cui appoggiarci la nostra fede tiene a sottolineare Ramonda che in casa vive con la moglie, tre figli naturali e nove in affido -. la forza della nostra fede che vince il mondo, vissuta come popolo, non come devozione. Le fede senza le opere
GIOVANNI PAOLO RAMONDA, RESPONSABILE DELLASSOCIAZIONE PAPA GIOVANNI XXIII, INTERVENUTO ALLA SERATA PROMOSSA DALLA ZONA PASTORALE RUBICONE-RIGOSSA E DALLA PARROCCHIA DI GAMBETTOLA CHE SI TENUTA AL CENTRO FELLINI LUNED 5 MARZO

Paolo Ramonda ospite a Gambettola traccia linee di programma per uscire dalla crisi

Lincontro che cambia la vita


a Chiesa esperta di umanit. Giovanni Paolo Ramonda (un nome, un destino) ha iniziato con queste parole la serata svoltasi luned scorso a Gambettola, nei locali del centro F. Fellini. La crisi della famiglia stata al centro delle riflessioni proposte dal successore di don Oreste Benzi alla guida della comunit Papa Giovanni XXIII, invitato nella cittadina romagnola dalla parrocchia e dalla Zona pastorale Rubicone-Rigossa. Questa crisi chiarisce subito Ramonda non per la morte, ma per la vita. Non possiamo andare a braccetto con chi fabbrica croci. In Europa, in trentanni, ci sono stati venti milioni di aborti. Il nostro continente troppo vecchio. Apritevi alla vita. Davanti alle difficolt quotidiane ognuno si interroga, si pone questioni che fino a poco tempo fa non appartenevano al bagaglio culturale dei nostri tempi. Dobbiamo tornare, grazie alla crisi, a una maggiore sobriet, alla frugalit della nostra esistenza, a unessenzialit aggiunge Ramonda - che diventa positiva per tutti. I poveri non possono essere oggetto di assistenza, ma sono loro che segnano i passi di una nuova economia. Certo, davanti alla necessit impellente dobbiamo offrire un bicchiere dacqua di cui non si perderanno le tracce, ma occorre ripartire dagli ultimi perch tutti abbiano il necessario. Dobbiamo tornare a una vita pi semplice e pi giusta.

morta. Ecco perch dobbiamo porci a servizio del bene comune. Tallonate gli amministratori, perch tra niente e tutto c la via del possibile. Non si pu tacere davanti a tante ingiustizie. A tutti dobbiamo proporre un incontro simpatico con Ges, lintuizione proposta da don Oreste fin dagli anni Cinquanta con il suo movimento dei prej (terza media). Un metodo valido ancora oggi per tutti. (737)

12

Gioved 8 marzo 2012

Cesena
Domenica 11 marzo
Assemblea dellAvis di Cesena
Avis in assemblea. Domenica 11 marzo lassociaizone cesenate si ritrova per fare il punto della situazione. In precedenza, venerd 9 marzo alle 20,30, si terr un momento altrettanto importante: a Calisese, paese dove attiva una sezione molto impegnata, il vescovo Douglas Regattieri celebra la messa in memoria dei donatori defunti. Lassemblea dell11 marzo si tiene presso il centro congressi di Montaletto, sulla via Cervese. Saranno premiati i donatori pi attivi. Per aver raggiunto le 120 donazioni saranno premiati Soliero Alessandrini, Valdes Bosi, Sanzio Rocchi, Gabriele Medri. Con 100 donazioni: Ivan Battaglia, Giovanni Medri, Cristiano Pirastu, Giancarlo Ricci, Fernanda Ferri, Guido Pieri, Felice Casto, Pietro Picone, Enzo Evangelisti, Andrea Maraldi, Giancarlo Pasolini, Gianfranco Troiano. Nel 2011 le donazioni hanno subito un leggero calo (7426 contro le 7519 del 2010). "Occorre invertire il trend - spiega il presidente Giorgio Vicini - e cercare di sensibilizzare sempre di pi la popolazione nei confronti della donazione di sangue". Troppa gente non sa che il sangue serve non solo in caso di incidenti, ma anche durante certe cure come le chemioterapie contro i tumori: in caso di distruzione di cellule del sangue servono continue trasfusioni. "Ecco perch - conclude il presidente donare sangue rappresenta una delle azioni di solidariet pi alte". Cris. Ric.

Iniziativa dal 12 al 17 marzo

Studenti impegnati nel Donacibo


aranno oltre 10 mila gli studenti che parteciperanno alla Settimana del Donacibo, la campagna, giunta alla VI edizione, promossa dal Banco di Solidariet per coinvolgere le scuole nella raccolta di generi alimentari, da distribuire alle famiglie bisognose del territorio. Dal 12 al 17 marzo i ragazzi di 45 istituti scolastici di Cesena e comprensorio - da Cesenatico a Savignano, dalle scuole dellinfanzia alle superiori - doneranno, raccogliendoli proprio nelle loro classi, alimenti non deperibili. "Si tratta di uniniziativa a livello nazionale - spiega Alessio Bonaldo, del Banco di Solidariet di Cesena - ed gestita da ogni singolo banco. Nel nostro paese ve ne sono gi 170. Lidea nata con lo scopo di educare alla gratuit bambini, ragazzi, genitori e insegnanti nella condivisione di un gesto semplice come quello di donare alimenti per i poveri. Solo lo scorso anno Donacibo ha raccolto, a Cesena e comprensorio, sei tonnellate di alimenti". Sono i volontari del Banco di

Poi i volontari distribuiranno i pacchi di alimenti alle famiglie in difficolt


Solidariet a portare, ogni 15 giorni, a domicilio alle famiglie o agli anziani soli un pacco con i prodotti di cui c necessit. Ogni pacco personalizzato e fatto con cura a seconda delle esigenze delle famiglie. "Nellaiutare occorre chiedere di cosa laltro ha bisogno. Novanta volontari assistono circa 500 persone fra Cesena, Valle del Savio e Cesenatico. La modalit molto semplice: ogni volontario o coppia di volontari decide di "occuparsi" di una o pi famiglie e si occupa della consegna del pacco. Alcuni di noi, per esempio, seguono la stessa famiglia da oltre dieci anni. Addirittura in molti casi nascono dei veri propri rapporti di amicizia". Le richieste di aiuto arrivano al Banco di Solidariet da vari fronti. Quello che pi funziona il passaparola: medici di base, amici parrocchiani o vicini di casa ci avvisano di situazioni di bisogno. "Non c in noi la pretesa di eliminare la povert, ma il desiderio di condividere i bisogni. Accanto al Banco di Solidariet, anche questanno aderisce alla settimana del Donacibo la San Vincenzo de Paoli di Cesena. Il progetto sostenuto da Assiprov e ha il patrocinio dellUfficio scolastico provinciale. Per maggiori informazioni sul Banco di Solidariet e per offrire il proprio tempo come volontari contattare Alessio Bonaldo al numero 3358395218; oppure scrivere a banco_solidarietafc@libero.it. Barbara Baronio

La Fotonotizia | Napoli e solidariet

La Fotonotizia | Ricordando il nevone

Al teatro Verdi, la scorsa settimana, si tenuto lo spettacolo "Napule: spade, ammore, resate e devuzione" col trio Napolincanto (foto Mauro Armuzzi). Lo spettacolo stato promosso da Agesc, Gipre e Avsi, con lappoggio del Corriere Cesenate. Sono stati raccolti circa 5000 euro che verranno destinati a progetti di solidariet di Avsi nel mondo.

Sono arrivate pi di 500 persone, la scorsa settimana allaula magna di psicologia, alla serata dedicata alla Neve 2012. Hanno partecipato anche molti volontari provenienti da diverse parti dItalia. Da Roma arrivato Maurizio Di Schino, giornalista diTv 2000 (canale 28). A ogni partecipante il sindaco Paolo Lucchi (nella foto) e la Giunta hanno dato una spilla e una pergamena ricordo.

Cesena

Gioved 8 marzo 2012

13

I dati tracciano un quadro preoccupante

Commento
Aiuti alla famiglia
Numeri che fanno riettere. Nella tarda mattinata di marted scorso il Comune di Cesena ha reso note cifre che destano non poche preoccupazioni. Innanzitutto la essione dei nati, anche rispetto al 2010: 822 contro 869. Fra questi, ben 168 sono di nazionalit straniera. Mi vorrei soffermare, per, su altri due dati, anche se tutti meriterebbero un commento. Il rapporto fra giovani e anziani e il tasso di nuzialit. In poco pi di dieci anni, il numero dei matrimoni ogni mille residenti passa da 4,57 a 2,66. Un calo vertiginoso che deve metterci in discussione. Il rapporto fra giovani e over 65enni nel nostro territorio arriva a 180, contro i 144 della media nazionale. Si tratta di uno dei livelli pi bassi a livello continentale che fa di Cesena una delle citt pi vecchie dEuropa, un primato di cui non si pu di certo andare eri. Non sufficiente, a nostro avviso, rilevare che di fronte a questi numeri occorre una "denizione dei servizi", tenuto conto delle forti modiche in atto nella nostra societ. Non ci si pu limitare di intervenire a valle dei problemi. Occorre risolverli a monte, con politiche familiari poderose e coraggiose, capaci di mettere in moto un processo in grado di invertire la rotta di un andamento demograco di fronte al quale non si pu solo losofeggiare. Bisogna intervenire sulle tariffe, sulla casa, sugli aiuti alle mamme, su ogni forma di sostegno capace di aiutare la famiglia. E bisogna farlo subito.

Meno bimbi, pi nonni Come cambia Cesena


i anziana, con famiglie sempre pi piccole e meno visite della cicogna: Cesena si presenta cos secondo i dati dellandamento demografico 2011, appena elaborati dallUfficio Statistica del Comune. Al 31 dicembre 2011 la popolazione cesenate risultava di 97.484 abitanti (+ 428 rispetto al 2010), con una prevalenza femminile (51,6% del totale). Nellarco dei 12 mesi si sono contati 822 nuovi nati, con una flessione rispetto al 2010, quando erano stati 869. Fra questi si contano 168 bimbi di nazionalit straniera, confermando cos il fatto che le donne di origine estera hanno un tasso di fecondit maggiore (pi del doppio) rispetto alle italiane. Ma se nascono meno bambini, continua a crescere il numero degli anziani: oggi i cesenati over 65 costituiscono il 23% della popolazione, mentre quelli con pi di 75 anni hanno raggiunto ormai l11,7%. E se a livello nazionale il rapporto fra giovani ed

Il record negativo dato dal fatto che vi sono solo 100 giovani ogni 180 anziani
anziani del 144% (vale a dire che ci sono 144 anziani ogni 100 giovani), nel nostro Comune arriva addirittura a quota 180%, facendo conquistare al nostro territorio la palma di una delle regioni pi vecchie dEuropa. Continua a crescere il numero delle famiglie (arrivato a quota 41.636), ma le loro dimensioni sono sempre pi piccole: oggi la composizione media di 2,34 unit (nel 1980 era di 3,24), mentre i nuclei composti da una sola persona sono ormai pi di 13.500 e rappresentano il 32,5% di tutte le famiglie (nel 2000 erano il 25%). Se i single aumentano, diminuiscono i matrimoni: quelli celebrati nel 2011 sono stati 259, con un calo di 31 unit rispetto al 2010. Il tasso di nuzialit (cio il numero di matrimoni ogni mille residenti) si assesta a quota 2,66, contro il 4,57 del 2000. Una curiosit: a Cesena le vedove sono 5 volte pi numerose dei vedovi (6490 contro 1178). Del resto, anche fra gli ultracentenari, 30 sono le esponenti del gentil sesso, mentre gli uomini sono solo 4. In calo il numero di quelli che decidono di trasferirsi a Cesena (non solo stranieri, ma anche italiani provenienti da altri territori): nel 2011 sono stati 2562, quasi 300 in meno dellanno precedente. La popolazione straniera ha raggiunto quota 9.507.

PARTECIPAZIONE
Tutta la grande famiglia del Corriere Cesenate si stringe attorno allamico e collaboratore Domenica 4 marzo mancato all'affetto dei suoi cari ANTONIO ARMUZZI Ne danno il triste annuncio la moglie Maria Vittoria, i figli Mauro e Antonella, i nipoti Federico, Michela, Giorgia, Dario e Danila, i bisnipoti Alberto e Riccardo unitamente ai parenti tutti Mauro Armuzzi e alla sua famiglia nel momento del dolore per la perdita del caro

PARTECIPAZIONE
Il Consiglio di Amministrazione, la Direzione della Banca di Cesena e i dipendenti si stringono attorno alla famiglia di

Convention

Banca di Cesena
Nella suggestiva cornice offerta dal lago di Garda, si tenuta in localit Bardolino la quinta Convention della Banca di Cesena, riservata a tutti i dipendenti ed amministratori dellIstituto; lappuntamento, divenuto consueto e con cadenza annuale, si espresso questanno nella modalit pi lunga, dal 24 al 26 febbraio, con limpegno dei partecipanti profuso nellarco di un intero week-end e la condivisione di importanti momenti di aggregazione e scambio. Il presidente della Banca, Valter Baraghini ha aperto i lavori salutando i partecipanti e soffermandosi sulla centralit del cliente, al quale riservare unaccorta attenzione e unassoluta dedizione nella costruzione di una proficua relazione per entrambe le parti. Il convegno dal titolo "Direzione Cliente" si sviluppato sul tema centrale dellimportanza della relazione col cliente e sulla metodologia da seguire per lacquisizione di una cultura aziendale rivolta in tale senso, che deve coinvolgere tutta la banca. La Federazione Regionale delle Bcc dellEmilia Romagna ha fortemente appoggiato liniziativa con lintervento del presidente Giulio Magagni e la partecipazione del direttore Daniele Quadrelli. Il direttore Giancarlo Petrini ha sottolineato limportanza del miglioramento e del contributo quotidiano di ciascun dipendente dellIstituto, suggerendo una forte sinergia fra tutte le unit e filiali.

MARIO CACCIAGUERRA
Ne ricordano le doti umane e limpegno svolto come dipendente della Cassa Rurale ed Artigiana di Cesena

ANTONIO

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Vi offriamo sconti fino a 200 euro a coppia, oltre a quelli del tour operator e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi invitiamo in agenzia per ritirare il nostro catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

VIAGGI DI GRUPPO ESCLUSIVI CON ACCOMPAGNATORE FIRMATI VIAGGI VENERI-ROBINTUR 12 PARTENZE PER IL 2012
TOUR DEL PORTOGALLO, un mondo di sapori: 11 giorni dal 12 al 22 aprile TOUR DELLA MALESIA, un viaggio da sogno: 15 giorni dal 7 al 21 maggio CAPONORD, in cima al mondo: 9 giorni, dal 16 al 24 giugno TOUR STATI UNITI, un viaggio nella leggenda: San Francisco, i parchi, Gran Canyon, Los Angeles, 15 giorni, dal 6 al 20 luglio TOUR DELLA SCOZIA, magiche atmosfere: castelli e natura, 8 giorni, dal 5 agosto TUTTI QUESTI PROGRAMMI SONO GI PRONTI, RITIRATELI IN AGENZIA! Da settembre a novembre 2012, programmi in preparazione: i parchi del Kenia e della Tanzania; tour dellIndia del nord; tour della Thailandia e Cambogia

VIAGGI VENERI

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it

CHIEDETECI I PROGRAMMI DEI NOSTRI PELLEGRINAGGI 2012: TERRASANTA, LOURDES E PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A FATIMA DAL 16 AL 18 AGOSTO (in bus da Cesena e volo)

14

Gioved 8 marzo 2012

Cesena
Societ delle miniere
Dalla carta a internet
sulla web accessibilit, il sito prima di tutto una grande e variegata vetrina dei servizi che la Malatestiana offre, con tutte le informazioni necessarie ai lettori per usufruirne, mentre alla voce "cataloghi" sono messi a disposizione degli utenti i pi avanzati strumenti di ricerca di documenti e immagini, con link diretti e brevi introduzioni. La biblioteca si presenta nella ricchezza delle sue collezioni antiche e moderne e delle sue risorse, materiali e immateriali. La biblioteca on line, ad esempio, offre accesso a interi archivi, come linteressantissima collezione di medaglie del fondo Comandini, oltre 700 pezzi minutamente descritti, o il fondo dei patrioti cesenati, che recupera in rete i dati anagrafici dei cesenati impegnati nelle campagne del Risorgimento, e poi filmati, gallerie fotografiche dedicate ai temi del giorno, la possibilit di iscriversi alla mailing list della Malatestiana e molto altro ancora. La novit vera per, nella home, dove scorre lattualit culturale della biblioteca, e dove la biblioteca richiama lattenzione dei suoi lettori. Per scoprire tutto sulla Malatestiana, lindirizzo quello solito: www.malatestiana.it Un antico libro digitalizzato. La settimana scorsa, nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana, stata presentata liniziativa prodotta dalla Societ di Ricerca e Studio della Romagna Mineraria (Borello e Formignano, per intenderci) che ha consentito di tradurre in copia digitale il primo tomo dellopera manoscritta di Mattia Mariani, singolare erudito personaggio cesenate dellOttocento, che ha lasciato una mole dinformazioni sulle caratteristiche e sulle vicende cesenati, nora assai scarsamente esplorate. Il merito dunque di questa associazione, che nasce negli anni ottanta dallentusiasmo e dallattivit di Pier Paolo Magalotti specicatamente per lo studio delle miniere di zolfo localizzate nella media valle del Savio, e nellultimo decennio si espansa alla ricerca dei collegamenti storici nonch ad una metodica, attenta e specializzata riproduzione critica, in forma fotograca ed articolazione digitale, di gran parte della stampa periodica cesenate. E appunto basandosi su questa sperimentata esperienza che la Biblioteca Malatestiana ha consentito e favorito la realizzazione della riproduzione e della trascrizione, nonch della ricognizione informatica, dellopera del Mariani. Il pomeriggio ha visto lintervento della vice direttrice Paola Errani, che ha introdotto leccezionalit ed il valore conservativo delloperazione. E seguita lesposizione divulgativa del curatore Michele Andrea Pistocchi, il quale ha messo in evidenza la condizione socioculturale dellautore che, sebbene originario di vita contadina e omologato al servizio dei Masini in qualit di cuoco, risulta essere stato piuttosto un maggiordomo tuttofare, introdotto allambiente cittadino ben prima che la faticosa vita di colono possa averlo precluso ad unemancipazione scolastica di buon livello, consentitagli dalla contiguit allambiente ecclesiastico. Troppe sono le notizie, e troppo interessanti, per essere state affidate alla penna di un uomo mediocre, che intraprender matrimonio non plebeo e sar chiamato a padrino battesimale dei gli del conte. Non prender mai troppo netta posizione, tra considerazioni talvolta di ovvio buon senso, talaltre fatalistiche, talaltre ancora di quasi naturale moderatismo loecclesiale. Ha proseguito ed approfondito in tal senso lesposizione Pier Giovanni Fabbri, che ha brillantemente offerto la visione storica dinsieme. Pier Paolo Magalotti ha presentato liniziativa, cos come abbiamo or ora evidenziato. Inne Davide Fagioli ha mostrato le riproduzioni, ricavabili da ognuno attraverso la rete informatica, illustrando le procedure per muoversi facilmente nella ricerca, consentita dalla predisposizione tecnica di Paolo Mulazzani. Questo il sito per chi vorr cimentarsi nella ricerca: www.miniereromagna.it Mario Mercuriali

Rinnovato lo spazio virtuale per una navigazione migliore

Biblioteca Malatestiana, un sito nuovo di zecca


a Biblioteca Malatestiana di Cesena ha rinnovato radicalmente il proprio sito istituzionale, per presentarsi in veste e funzioni adeguate allappuntamento ormai prossimo a conclusione del secondo lotto di lavori - dellinaugurazione della nuova biblioteca ampliata agli spazi che furono del Liceo Classico. Fermo allormai lontano 2002 - anno di avvio delle celebrazioni del 550 di

fondazione - il sito aveva bisogno di un restyling totale, a partire dalla possibilit dei gestori di intervenire facilmente nellaggiornamento delle pagine, per finire con la grafica, che deve essere consona a un istituto che assomma in s varie attitudini e funzioni, ma che resta espressione della biblioteca che prima in Italia si fregia del titolo di Mmoire du Monde dellUnesco. Realizzato in linea con gli standard

Con gli studenti anche il vescovo Douglas

Dal Liceo a Videoregione


Una classe in tv. Luned 20 febbraio la classe 3A del Liceo della Comunicazione e delle Scienze Umane di Cesena ha partecipato alla trasmissione televisiva "Amico Sport" in onda sui canali di Videoregione il marted e il venerd alle 18,50, che stata resa particolarmente significativa dalla presenza del vescovo di Cesena-Sarsina, monsignor Douglas Regattieri. Sin dallinizio dellanno scolastico 20112012 stato proposto alla classe di partecipare, come progetto educativo, a tale trasmissione, nella quale gli studenti del Liceo, a gruppi di tre per volta, affiancano e sostengono i bambini appartenenti a diverse societ sportive nelle attivit che vengono loro proposte durante il programma. La partecipazione del vescovo non ha arricchito solamente gli studenti del Liceo, ma ha anche riempito di curiosit e interesse i bambini presenti, stimolando in loro numerose domande emerse nel corso del programma. Di particolare interesse e simpatia si sono rivelate quelle inerenti la sua relazione con lo sport, alle quali egli ha risposto con cordiale e familiare spontaneit. Tra gli altri, un bambino ha chiesto se monsignor Regattieri avesse mai praticato dello sport. Il vescovo ha risposto che durante la sua permanenza in Seminario ha sempre cercato di avvicinarsi allattivit fisica il pi possibile ed ora, visti gli impegni pastorali, cerca di supplire camminando ogni volta che ne ha loccasione o salendo e scendendo le scale senza usare lascensore. Alcuni bambini hanno espresso curiosit riguardo la lettera pastorale per la Diocesi intitolata "Alla ricerca del tesoro" chiedendogli cosa fosse quel misterioso "tesoro". Il vescovo ha subito soddisfatto le loro curiosit rispondendo che il "tesoro" linsieme di tutti quei talenti che Dio ci ha regalato, aggiungendo che lo sport, se praticato in maniera corretta, senzaltro uno dei modi migliori per far emergere da ognuno questi doni. Serena Bertozzi Sofia Bertozzi Nella foto, alcune ragazze del Liceo Immacolata insieme al vescovo Regattieri durante la trasmissione "Amico Sport"

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA CENTRALE (adiacenze Stazione): appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, cantina interrata e ripostiglio a piano terra. 160.000 / Rif. 1114

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CASE FINALI: appartamento di nuova costruzione al piano terra composto da ampio soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, balconi, garage e spaziosa corte esterna di propriet. Pronta consegna.

SAN MAURO IN VALLE: a pochi passi dal centro, immersi nel verde, appartamenti di nuova costruzione ad alto risparmio energetico. Possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta, giardino e ingresso indipendente o allultimo piano con ampio sottotetto. NESSUNA SPESA DI INTERMEDIAZIONE. PONTE ABBADESSE: appartamento allultimo piano di notevoli dimensioni internamente da ristrutturare composto da salone, cucina abitabile, 2 balconi, 2 letto, 2 bagni, spazioso sottotetto con servizi. Garage e cantina. Ampio spazio verde condominiale. 340.000 / rif. 1135

ZONA SEMINARIO/OSPEDALE: in palazzina appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con cucinotto, 3 letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 260.000 / Rif. 1129 LOCAZIONI VIALE MARCONI (adiacenze McDonald): affittasi al primo piano con ascensore ufficio in ottimo stato di mq. 110 con cantine e 2 posti auto riservati. 1.250 PONTE PIETRA: ampio bilocale composto da soggiorno, cucina in nicchia, 1 letto matrimoniale, 1 bagno, terrazzo, garage. ARREDATO. 550 SAN MAURO IN VALLE: in zona tranquilla appartamento al 1 piano in buono stato composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 letto, 2 bagni, 2 balconi di cui uno verandato, cantina e garage. Utenze autonome e poche spese condominiali. ARREDATO 650 / Rif. 1125

ZONA PORTA TROVA: appartamento luminoso al quarto piano composto da ampio soggiorno, cucina abitabile, 2 letto, bagno, balcone verandato, cantina. Possibilit di acquistare garage nelle vicinanze. 185.000 / Rif. 0843

Cesenatico

Gioved 8 marzo 2012

15

Trecento imprenditori al palazzo del Turismo

Bagnini a convegno: "difendiamo le spiagge"


recento imprenditori Lassessore regionale al turismo provenienti da varie localit Maurizio Melucci hanno gremito la sala convegni del Palazzo del Turismo a ha garantito Cesenatico nellincontro con gli che lattivit delle imprese esponenti nazionali dei sindacati di categoria di Confcommercio, balneari romagnole Confesercenti, Cna e Confindustria, sar salvaguardata assieme agli amministratori ed agli operatori di Emilia-Romagna, Regione". Marche e Abruzzo. Lassessore regionale al turismo dellEmilia-Romagna, Al centro della discussione la direttiva Bolkestein della Maurizio Melucci, nel suo intervento stato in parte Comunit Europea, che prevede lasta delle concessioni contestato da una piccola frangia di operatori riminesi, demaniali a partire dal primo gennaio 2016. Le categorie in rappresentanza dei bagnini vogliono far valere il diritto ma alla fine ha ottenuto consensi da parte della platea: "Vogliamo salvaguardare le imprese balneari e per questo di sussistenza degli operatori di spiaggia, attraverso chiederemo al governo una risposta chiara. Iniziamo col labolizione dellobbligo del rinnovo delle concessioni condividere alcuni obiettivi, perch ci sono le condizioni con il metodo delle aste. per aprire un dialogo con la Comunit Europea. Non sar Dopo il saluto dellassessore al turismo di Cesenatico semplice, ma uniti porteremo a casa un risultato". Vittorio Savini, il presidente regionale Sib EmiliaRiccardo Borgo, presidente nazionale di Sib Romagna, Giancarlo Cappelli, entrato nel vivo, Confcommercio: "Condivido la proposta di Melucci, dichiarando apertamente di essere preoccupato lEmilia Romagna strategica, per questo possiamo delloperato del governo: "Mi sembra che oltre alla porta partire da qui per un coordinamento vero e avere il ci stiano chiudendo anche la finestra, ma noi governo al nostro fianco. Abbiamo perso degli anni, ora difenderemo il nostro lavoro con tutti i mezzi. La politica facciamo un passo avanti". ci ha messo in difficolt e la politica ci deve aiutare ad Vincenzo Lardinelli, presidente nazionale della Fiba, la uscirne. Personalmente ho dei dubbi sulla reale volont Federazione italiana delle imprese balneari della di trattare con Bruxelles. Noi contiamo molto sulla nostra

Confesercenti, ha centrato il suo intervento sulla necessit di far riconoscere la peculiarit delle imprese balneari italiane nellambito delle direttive della Comunit europea ed appoggia Melucci. Enzo Monachesi, presidente regionale Sib Marche, ha fatto una richiesta precisa: "dobbiamo uscire dalla direttiva Bolkestein e ottenere una deroga dalla Comunit Europea, siamo tutte aziende a conduzione familiare e non vogliamo passare come i grandi ricchi evasori descritti da taluni". Riccardo Padovano del Sib Abruzzo, ha posto laccento sugli stabilimenti costruiti in Adriatico da famiglie che offrono molti servizi gratuiti e con unimpostazione popolare radicata e vincente. Su questi aspetti puntano anche Riccardo Vincenzi di Fiba Emilia Romagna, Ilenia Illuminati di Fiba Marche e Antonio La Torre di Fiba Abruzzo. Giacomo Mascellani

La Fotonotizia | Assemblea Avis

Come era fino a un secolo fa

La statua di Garibaldi sar protetta dalla ringhiera


La statua di Garibaldi in piazza Pisacane, uno dei luoghi simbolo del borgo marinaro di Cesenatico, torner al suo antico splendore. La Confartigianato ha presentato un progetto per costruire nuovamente la balaustra in ferro battuto, che circondava e proteggeva il monumento. Tale manufatto venne rimosso negli anni Venti, quando ai piedi della statua fu costruita la prima fontana pubblica della citt. Da allora ci sono soltanto dei gradoni attorno al basamento e la Confartigianato si offerta di realizzare lopera che di fatto un restauro. Liniziativa stata presentata nei giorni scorsi nellufficio del sindaco Roberto Buda, dove si recato il consiglio direttivo dellassociazione con in testa il presidente Lucio Sacchetti e il segretario Mauro Moschini. Lorena Fantozzi della Confartigianato Cesenate, spiega come nata lidea: "In una mostra allestita a Villalta, tra vecchie cartoline e foto depoca, abbiamo posto lattenzione sulla balaustra. Da qui nata lidea di fare un dono alla citt, per consolidare il legame della nostra associazione con i cittadini e i turisti. Contestualmente diamo valore al lavoro dellartigianato, un settore vitale per la nostra economia". Il sindaco Buda ha posto laccento sul rapporto pubblico-privato: "E

Avis Cesenatico, numeri positivi. Domenica scorsa durante lassemblea il presidente Giancarlo Paganelli ha fornito alcuni numeri: nel 2011 sono state effettuate 1593 donazioni. I donatori "nuovi" sono stati 108, invece quelli sospesi definitivamente per et o problemi di salute sono 43. Nella foto, il taglio della torta.

importante che anche i cittadini si impegnino assieme al Comune, per farsi carico dei bisogni e sostenere le idee. Nel presente e nel futuro occorre coinvolgere le associazioni e gli imprenditori del territorio".

Iniziativa promossa dalla Bcc di Sala

Lezioni deconomia per studenti


Alla scoperta della finanza e della Bce grazie a Banca dItalia e Bcc di Sala. Un importante progetto didattico stato realizzato dalla scuola secondaria di 1 grado "Dante Arfelli" di Cesenatico (coinvolte le classi 3 E , 3 F e 3 H). Sotto la supervisione della professoressa Ida Visani, 80 studenti sono andati alla scoperta di vari aspetti delleconomia, come ad esempio come nata nel corso dei secoli lattivit bancaria e creditizia, o come meglio porsi davanti alla crisi economica e al differenziale tra bond tedeschi e titoli di stato. Dopo aver reperito informazioni utili dal sito della Banca Centrale europea la scuola ha approfondito il tema con gli esperti. Le tre classi si sono avvalse della collaborazione della Banca di Credito Cooperativo di Sala di Cesenatico, istituto di credito che sostiene da tempo varie iniziative didattiche nelle scuole. Linsegnante di riferimento del progetto, con lavvallo del dirigente scolastico, nei giorni scorsi, ha portato gli alunni presso laula magna del Centro ricerche marine di Cesenatico per una lezione finale. La responsabile delle pubbliche relazioni della banca, Michela Foschi, ha tenuto la lezione alle tre classi, consegnando anche apposite dispense informative. E, a sorpresa, arrivata a Cesenatico per loccasione anche Stefania Laguardia, funzionario della Banca dItalia, direzione di Bologna: "La Bce con sede a Francoforte in Germania e le 17 banche centrali nazionali dellarea Euro - ha rimarcato forniscono le risorse e lassistenza alle banche che sono a loro volta imprese che gestiscono il risparmio dei cittadini. formano lecosistema, responsabile della politica monetaria unica. Lobiettivo princiapale il mantenimento della stabilit dei prezzi nellarea Euro. Questo influisce in senso positivo sul tenore di vita favorendo la crescita economica e loccupoazione". Un applauso ha chiuso lintervento. Gli studenti sono apparsi molto incuriositi dalla storia delle banche, in particolare di quella nata a Sala di

Cesenatico nel 1903, e del varigerato mondo della finanza. Varie le domande poste sulle moderne operazioni bancarie nellera di Internet a cui sono state date qualificate risposte. Giorgio Magnani

16

Gioved 8 marzo 2012

Valle del Rubicone

Liste: servono almeno 60 firme. Il nuovo Consiglio comunale avr solo 10 consiglieri
ufficiale. Anche a per una futura lista civica. Longiano si voter il Si tratta di un gruppo di 6 e 7 maggio. "Il persone che non si Ministro dellInterno riconoscono nei partiti ha firmato il decreto che attuali e vogliono girare stavamo aspettando. Ora pagina a Longiano. Da qui sussistono tutte le il nome del comitato: Aria condizioni per cui il fresca". Comune vada al rinnovo Lo ha reso noto lavvocato della propria Giacomo Pasini, in vista amministrazione nel delle elezioni del 6 e 7 prossimo turno elettorale". maggio. Lo ha detto Darco Pellos, "Il nostro obbiettivo commissario straordinario riportare metodo ed etica del Comune di Longiano, nel gestire la cosa pubblica, dopo la nomina avvenuta svincolandoci dai poteri con decreto del Presidente forti locali e dalle della Repubblica. segreterie di partito", ha Il primo passo verso le aggiunto Manuel Zani, fra i elezioni comunali sar la promotori del comitato. raccolta delle firme. "A priori non abbiamo Per evitare lapertura degli porte chiuse ai partiti - ha uffici anche a Pasqua, il specificato Pasini -. Il Governo ha anticipato i rapporto con i partiti non termini per la conflittuale. Accettiamo presentazione delle liste. lappoggio di tutte le Decorreranno dalle 8 di persone di buona luned 2 aprile alle 12 di volont". marted 3 aprile. Ogni Gi delineati i punti lista dovr essere Cittadini alle urne il 6 e 7 maggio. In questi giorni si stanno formando gli elenchi: programmatici: "1) 2) sottoscritta da non meno rispetto del territorio, di 60 a non pi di 120 la sinistra andr alle primarie, mentre sono gi in movimento alcune liste civiche partecipazione attiva dei firme, in quanto Longiano cittadini, 3) trasparenza rientra nella fascia dei dellattivit Comuni con popolazione compresa tra superando vecchi attriti, Pd, Sel, disposti a sottoscrivere il programma amministrativa, 4) rilancio i 5mila e i 10mila abitanti. Rifondazione comunista e il quadro della coalizione e che si dellimmagine di Longiano, 5) Dato che il Consiglio comunale stato movimento "La Longiano che impegnino a sostenere lesito della attenzione alle fasce sociali pi deboli". sciolto, non sar possibile vogliamo". Fuori Idv, Verdi e Comunisti consultazione". Ogni candidato dovr Fra i promotori si annoverano lautentificazione delle firme da parte Italiani. raccogliere almeno 60 firme valide. Francesca Righi dellassociazione dei consiglieri comunali uscenti. Le primarie della coalizione sono state Alle primarie del 25 marzo avranno culturale "Spazio 33" e lartista Valerio Altra novit: i componenti del nuovo fissate per domenica 25 marzo con diritto di voto tutti i residenti del Balzano che ha realizzato il logo del Consiglio comunale saranno solo 10, di seggi aperti dalle 8 alle 21. Tre i seggi Comune che abbiano compiuto 16 comitato (il volto di un fanciullo che cui 7 di maggioranza e 3 di previsti: uno nel capoluogo, uno nelle anni, ma ad alcune condizioni: soffia via le nubi da Longiano). opposizione. frazioni di Budrio-Badia e uno nelle dovranno dichiarare apertamente di Presente alla conferenza anche frazioni di Ponte Ospedaletto-Crocetta. riconoscersi nella proposta politica del larchitetto Fabrizio Casalboni, Sinistra alle primarie La raccolta firme gi partita e si centrosinistra, accettare di essere presidente dellOsservatorio ufficiale. Alle prossime concluder l8 marzo. Due giorni dopo registrati nellalbo pubblico degli urbanistico del Rubicone, che ha amministrative la sinistra longianese si saranno resi noti i nomi dei candidati. elettori del centrosinistra, e versare una criticato la "cementificazione presenter con una coalizione estesa e Possono candidarsi, si legge nel quota di almeno 1 euro. spropositata" compiuta, a suo avviso, sceglier il suo candidato sindaco regolamento, i cittadini maggiorenni dalle ultime amministrazioni attraverso il sistema delle primarie. "che dichiarino di essere elettori della Lista civica comunali. Faranno parte della coalizione, coalizione di centrosinistra, che siano "Sta nascendo un comitato promotore Matteo Venturi

Longiano va a votare

Gianluca Vincenzi: "Noi di Gatteo ci tiriamo fuori"

Vanno avanti Savignano e San Mauro Pascoli

S allunione dei servizi per ridurre le spese

San Mauro Pascoli


Per il sesto anno consecutivo il Comune di San Mauro Pascoli festeggia i primi due nuovi arrivati dellanno con una "Miniscarpa doro". Un simbolico riconoscimento, che soprattutto un omaggio alla peculiarit di San Mauro, quale paese dei calzolai. La miniscarpa stata infatti realizzata da uno dei primi ciabattini del paese, Mimmo Boetti. A consegnarla sono stati il sindaco di San Mauro, Gianfranco Miro Gori e il Vice Sindaco Stefania Presti che hanno donato la Miniscarpa ai primi due arrivati del 2012: Sophie Guerrier (prima femmina) e Andrea Pushi (primo maschio). Sophie nata il 3 gennaio scorso, glia di Arnaud Cyrille Sebastien Guerrier e Carlotta Colacicco. Andrea, nato il 5 gennaio scorso glio di Nesti Pushi e Federica Albertini. "San Mauro si conferma un comune con un buon andamento demograco"ha dichiarato nelloccasione il sindaco Miro Gori - "i nuovi nati, infatti, sono stabilmente superiori ai morti. Siamo un Comune giovane dal punto di vista della popolazione e che, pur venendo da lontano, ha un futuro". Nel 2011 i nuovi arrivati sono stati 128: un aumento rispetto allanno precedente - nel 2010 i nuovi nati sono stati 103 - che conferma il paese pascoliano quale comune con uno dei pi alti tassi di natalit nella provincia di Forl-Cesena. Una crescita costante che interessa anche il totale della popolazione residente a San Mauro che, con un aumento di 357 unit rispetto al 2010, raggiunge quota 11463.

Il Comune Unico si far ma solo con due centri


Il Comune Unico del Rubicone si far a due: Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli. Questa ormai la soluzione che si profila allorizzonte espressa anche dal presidente dellUnione Miro Gori. Daltra parte non c da meravigliarsi visto che negli ultimi mesi lamministrazione di Gatteo non ha mai nascosto di essere nettamente contraria allunificazione. "Siamo favorevoli allunione dei servizi - ha sempre sottolineato il sindaco Gianluca Vincenzi - ma siamo contrari alla fusione dei territori. Le municipalit si allontanerebbero dai residenti con tutte le problematiche che questo comporterebbe. Si perderebbero lidentit, la storia, la cultura, gli usi di un comune che tanto ha lottato per essere tale". Dunque gi dalle elezioni amministrative di maggio 2011, con il famoso ribaltone del centrodestra, lipotetica citt aveva perso la volont di fusione di un territorio importante come Gatteo. Ma comunque la tenacia politica dei rimanenti, Miro Gori per San Mauro Pascoli, e Elena Battistini per Savignano era sempre stata basata sul portare avanti il progetto. C un passaggio: il referendum. In questo caso saranno i cittadini che con il voto segreto dellurna esprimeranno la volontariet e la contrariet a tale ipotesi di unificazione. "Se tutto andr come mi auguro, alla fine del 2013 si andr al referendum - spiega oggi il presidente dellUnione Miro Gori -. Prima non vi stata tale possibilit perch per legge c un percorso istituzionale da seguire, a partire dalle delibere dei consigli comunali che chiederanno alla Regione Emilia Romagna la possibilit di fondersi". Il sindaco sammaurese passa poi alla considerazione sulla contrariet dellipotesi espressa da maggio scorso, dalla giunta gatteese. "Quello che mi auguro in primis che il Comune Unico non sia a due bens a tre. E vero: Gatteo ha mostrato perplessit rispetto alla fusione. Spero che rientrino, ma se ci non avverr -

sottolinea Gori - dovremo fare la fusione a due". Dunque una presa di posizione netta nel continuare sulla strada intrapresa nonostante si perda un territorio importante. "E logico che senza Gatteo saremo pi piccoli conferma Miro Gori -. ovvio, ma potremo costituire comunque un Comune importante che conster di trentamila abitanti. E si tratterebbe del terzo comune della Provincia con una struttura economica, sociale e culturale assai omogenea". Cristina Fiuzzi

Valle del Savio

Gioved 8 marzo 2012

17

Venerd sar presente il vescovo

Celletta da rifare
Ledicola o celletta votiva (foto, prima della demolizione) presente lungo la strada provinciale che collega Mercato Saraceno con Ciola, allaltezza dellincrocio "Raggio due buoi" in localit Mastro di Mercato Saraceno, stata abbattuta, involontariamente, durante le operazioni degli sgombraneve nelle settimane scorse. Fino a non molto tempo fa, unanziana signora (ora deceduta) che abitava nelle vicinanze, provvedeva personalmente al ricambio dei ori ed alle periodiche manutenzioni di questa celletta. Ora unaltra famiglia residente in loco assieme alla glia dellanziana signora vorrebbero rimettere in piedi questa celletta, demolita giorni fa sotto la coltre di neve in una fase di manovra di uno spazzaneve che, evidentemente, non sera accorto di quella presenza. "Vorremmo "adottare" e prenderci cura del manufatto religioso costruito per ricordare sicuramente un avvenimento importante, una ricorrenza o un voto - dicono gli interessati -. La cosa ci ha emotivamente toccato e vorremmo trovare una soluzione per riportare la celletta al suo posto. Speriamo in qualche benefattore oppure in un artigiano edile per poterla ricostruire e mantenerne la memoria". Edoardo Turci

Bagno di Romagna celebra il Perdono


a Festa del Perdono, la pi sentita e tradizionale festa dei bagnesi, si celebra venerd 9 marzo, secondo venerd del mese. Le celebrazioni religiose prevedono la messa delle 11,15, presieduta dal vescovo Douglas Regattieri, e la processione alle 16, con la partecipazione della banda di Santa Cecilia, seguita dalla celebrazione della Messa. Il vescovo prender parte anche alla processione. In questi giorni nei ristoranti bagnesi torner anche il tradizionale piatto della Festa del Perdono, il "baccal en zemmine". La Festa affonda molto probabilmente le sue radici nelle Feste del Perdono e nei movimenti dei "Penitenti" che tra Trecento e Quattrocento presero piede anche in Toscana, predicando pace e fratellanza in un periodo di lotte, violenze e sopraffazioni. Spesso in queste occasioni venivano concesse indulgenze e lindulto, cio la possibilit di considerare esaudito il precetto pasquale, e cio laccostarsi a Confessione ed Eucarestia. "Il vescovo - comunica a questo

Questanno la festa si lega agli eventi per i 600 anni del miracolo del Sacro corporale
proposito il parroco monsignor Alfio Rossi - ha concesso la possibilit di ottenere sia lindulgenza plenaria sia lindulto non solo per il secondo venerd di marzo, giorno dei festeggiamenti per la Festa del Perdono, ma anche per il sabato e la domenica successivi. E il decreto, da questanno, continuer per sempre". Il Crocifisso del Perdono, inoltre, il simbolo della ricorrenza che viene portato in processione, diventato limmagine di riferimento della letterameditazione che il vescovo ha pubblicato per la Quaresima e che contiene anche notizie e storia dellavvenimento noto come Miracolo del Sacro Corporale. Nei giorni scorsi ai bambini e ai ragazzi della scuola elementare, delle scuole medie e del Liceo Scientifico sono stati presentati importanti aspetti di questa Festa. In questi giorni viene anche distribuito un opuscolo col programma delle celebrazioni, contenente una pagina "bianca" sulla quale i parrocchiani sono invitati ad indicare suggerimenti e proposte. Gioved 8 marzo dalle 9,30 sar possibile confessarsi, cos come sabato 10, sempre dalle 9,30. La messa, venerd 9, verr celebrata anche alle 7, alle 8, alle 9 ed alle 10. Domenica 11 marzo alle 19, col tradizionale "bacio al SS. Crocifisso" si concluder la Festa del Perdono di questo 2012. Alberto Merendi

Romagnano inaugura il nuovo circolo Acli


Dopo cinque lunghi anni di lavoro e la costituzione (il 5 dicembre scorso) dellAssociazione, ci sar lapertura domenica 18 marzo, a partire dalle 16 fino a tarda serata, accompagnata da un gruppo musicale giovanile e da un piccolo rinfresco. La volont del parroco don Ezio Ostolani, assistente spirituale dellAcli in Diocesi, che non si mostrata debole di fronte ai problemi non solo di carattere pratico, ha portato al completamento della struttura in legno sul terreno della parrocchia, formata da due piani di 90 metri quadrati luno pi il sotterraneo, eseguita secondo gli ultimi requisiti di unabitazione bio-casa, realizzando al pian terreno il bar e al primo piano una sala per incontri che riguarderanno i problemi sociali. Sono gi 100 i soci del circolo e tra questi molti giovani che si daranno il turno nel gestire il locale che sar aperto ogni giorno dalle 18, pi il sabato e la domenica pomeriggio. "Gi a Turrito, la mia prima parrocchia - afferma don Ostolani - sono decenni che abbiamo creato il Circolo Acli in canonica e sono tanti anni che il bar viene aperto unora dopo pranzo, e ogni sera, dai volontari che si sono offerti per un giorno fisso alla settimana, e tutto procede bene. Certo, necessaria una grande responsabilit da parte di tutti". Don Ostolani, oltre ad aver realizzato personalmente tutti i decori e le cornici in legno dopo che la ditta aveva terminato il grezzo, ha sostenuto personalmente tutte le spese e ha donato lintero fabbricato alla parrocchia. Il parroco aspetta tutti allapertura del "Convivio", nome col quale ha battezzato il circolo. Daniele Bosi

Sarsina Gli alberi donati dal Lions club


Si svolta mercoled scorso a Sarsina presso la scuola Elementare "B.Foschi" la cerimonia di consegna di alberi alla comunit da parte del Lions Club "Valle del Savio". Liniziativa fa parte del grande service del Lions International denominato "Piantiamo un milione di alberi", cifra abbondantemente superata: finora ne sono stati piantati oltre sette milioni. Erano presenti autorit civili, militari e scolastiche e tutti gli alunni della scuola. Il presidente del Club, Flavio Cermaria, ha illustrato la finalit delliniziativa e limportanza della tutela degli alberi. In particolare la donazione consistita di quattro alberi di grande fusto messi a dimora nel mese scorso prima della grande nevicata come pure un primo quantitativo di piante collocate in una zona piuttosto franosa in vicinanza del parco delle "Marmitte dei Giganti". Altre piante pi piccole sono state invece consegnate durante la cerimonia. In totale sono oltre un centinaio di varie tipologie. Pgp

OCCASIONE IRRIPETIBILE
BAR - RISTORANTE - ALBERGO PARADISO
con 16.500 metri quadrati di spazio verde circostante al valico del Monte Fumaiolo

VENDESI
con offerte base a partire da estimi catastali al miglior offerente
Informazioni: Giorgio Ricci 0541/944781 - cellulare: 349/0064237

18

Gioved 8 marzo 2012

Solidariet
Gioco dazzardo Belletti del Forum Famiglie: Vietare la pubblicit
Lo Stato si riempie le tasche con i proventi del gioco dazzardo e, se negli anni passati ci si accontentava di lotto e tototalcio, ora caduto ogni freno e lo Stato biscazziere non ha pudore a liberalizzare tutto e il contrario di tutto, consentendone pubblicit e accesso senza alcuna limitazione. Lo dichiara Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari, a margine di unaudizione sugli aspetti sociali e sanitari della dipendenza dal gioco dazzardo tenuta nei giorni scorsi dalla Commissione affari sociali della Camera dei deputati. Quasi 80 miliardi di euro di lasciatemi sognare sono stati giocati lanno scorso sarebbe meglio dire bruciati! - di cui solo una piccola parte ritornata nelle tasche degli italiani, rileva Belletti parlando di unimposta sui sogni. Ma i costi sociali - denuncia - di questo dramma e dellindotto illegale che la legalizzazione copre e rende normale rischiano di slare dal bilancio statale i proventi che il gioco ha portato. Il Forum appoggia la proposta del ministro Riccardi, con delega alle lotte alle dipendenze, per modicare la legislazione in materia, magari auspica - arrivando a vietare la pubblicit per ogni forma di gioco dazzardo.

Iniziativa promossa dallAism, Associazione italiana sclerosi multipla

Anche a Gatteo una gardenia per aiutare la ricerca


U
na delle 3mila piazze italiane dove il 3 e 4 marzo si rinnovato lappuntamento con la solidariet per la lotta alla sclerosi multipla stata la piccola piazza di Gatteo, dove anche questanno il sindaco e diversi impiegati del Comune hanno dato il loro personale contributo acquistando una gardenia. Un grazie sincero va a loro e a tutti i cittadini di Gatteo che nonostante la crisi hanno aderito alliniziativa. Secondo i dati diffusi dallAssociazione italiana sclerosi multipla, nel 2012 il Fondo delle Politiche per la non autosufficienza subir un taglio dell89 per cento e tantissimi servizi sociali erogati nei territori rischiano la chiusura. Nella foto, il sindaco di Gatteo Gianluca Vincenzi, lassessore Daniele Candoli e alcune impiegate del Comune di Gatteo che hanno acquistato la Gardenia.

Mobilitazione europea Si svolta una giornata per promuovere iniziative di sensibilizzazione

Proposte per una domenica libera dal lavoro


n questi tempi di crisi economica e finanziaria, durante la quale sempre pi diritti economici e sociali sono messi sotto pressione, la domenica libera dal lavoro una dimostrazione chiara e visibile che le persone e le nostre societ non dipendono solamente dal lavoro e dalleconomia". Il movimento denominato European Sunday Alliance (www.europeansundayalliance.eu), che si prefigge di mantenere liberi i giorni festivi dalle attivit produttive e professionali (salvo quelle legate a servizi necessari o pubblici), ha organizzato domenica 4 marzo una giornata di mobilitazione. Lintento stato quello di promuovere in ogni Paese europeo, anche a livello cittadino o territoriale, ini-

LA LOCANDINA DELLALLEANZA PER LA DOMENICA LIBERA DAL LAVORO DELLALTO ADIGE (FOTO SIR)

ziative volte a segnalare limportanza della domenica come giorno di riposo, da dedicare a se stessi, alla famiglia, alla comunit. Del movimento fanno parte associazioni, sindacati, chiese (fra cui rappresentanze della Chiesa cattolica come la Comece e movimenti di ispirazione cristiana), che sottolineano ancora: "Noi crediamo che tutti i cittadini dellUe abbiano diritto di beneficiare di orari di lavoro dignitosi che, per una questione di principio, escludano il lavoro tardo serale, notturno, durante le festivit pubbliche e le domeniche. Solo i servizi essenziali dovrebbero essere operativi la domenica". Nel documento intitolato "Invito allazione", steso per la giornata del 4 marzo, European Sunday Alliance afferma ancora: "Oggi le leggi e le pratiche esistenti a livello Ue e di Stati membri devono proteggere maggiormente la salute,

la sicurezza e la dignit di tutti e dovrebbero promuovere con pi decisione la riconciliazione della vita professionale con quella familiare". "Noi crediamo che la coesione sociale presso la cittadinanza europea debba essere rinforzata". Limpegno che lAlleanza (attiva da alcuni anni, la cui dichiarazione fondativa porta la data del febbraio 2011, a Bruxelles) chiede alle decine di sigle che ne fanno parte, e ai nuclei locali dellAlleanza stessa, di rendere visibile questi concetti con le pi svariate forme di sensibilizzazione dellopinione pubblica. "La visibilit di questa domenica speciale non dipende solo da un grande evento, ma anche da idee e progetti innovativi che riflettano la cultura regionale e locale e le tradizioni europee". In questo modo "lidea di una giornata europea per le domeniche libere dal lavoro potr procedere di anno in anno".

Pensionate, esempio di solidariet intergenerazionale


"Invecchiamento attivo e solidariet tra le generazioni": ecco il tema scelto dallUnione europea per lanno 2012 e che stato preso dal coordinamento donne della Fnp in occasione dell8 marzo. In questa settimana dedicata alla donna inevitabile la riessione del coordinamento femminile che evidenzia come, tante pensionate se in buona salute invecchiano attivamente dedicando tempo alla cura dei loro familiari: dai nipotini privi di strutture per linfanzia ai gli adulti che ancora non sono usciti da casa o vi sono ritornati. Pensionate quindi che pur avendo coltivato altri progetti per la loro terza stagione della loro vita non si sottraggono dal praticare questa forma di sostegno alla famiglia che tra le forme pi concrete di solidariet intergenerazionale anche impegnativa e faticosa. Ma queste donne devono essere aiutate dalle istituzioni necessario e urgente ridenire una legge per la non autosufficienza e lottare per il lavoro delle giovani generazioni. Come recita il manifesto proposto dalla Cisl : "le donne al lavoro per la centralit della Famiglia" la giornata delle donne non va vista solo come una festa, ma come unoccasione per contribuire a migliorare le condizioni di vita delle donne e delle famiglie nel mondo.

NOTIZIARIO PENSIONATI
effetti recessivi della manovra e della crisi in atto". quanto chiede il segretario generale della Cisl pensionati, Gigi Bonfanti, auspicando inoltre che una simile decisione possa diventare una delle priorit del governo Monti, impegnato a dimostrare di voler eliminare ogni tipo di privilegio e di garantire un sco pi equo. "Se vero che uno degli obiettivi del governo quello di ridistribuire il carico scale in modo pi equo fra lavoro, capitale, e rendita nanziaria, allora necessario che si impegni n da subito a riconsegnare ai pi bisognosi le risorse che sono state loro "rubate" dallevasione scale, evitando che ne beneciano ancora una volta coloro i quali hanno sempre evitato di pagare le tasse." "Accogliamo positivamente prosegue Bonfanti la volont del Governo di utilizzare i proventi della lotta allevasione per il sostegno delle famiglie con reddito pi basso, ma per farlo innanzitutto necessario non solo il criterio del reddito come parametro di riferimento, ma anche indispensabile tener conto di ogni altra "ricchezza" da attribuire ai singoli soggetti, evitando cos di gravare sui contribuenti onesti tutto il carico scale. "Una riforma imparziale che smetta di caricare di tasse gli italiani senza fare alcuna distinzione tra i pi abbienti e pi poveri conclude il segretario della Fnp Cisl urgente e da non rimandare al 2014, come invece il governo intenderebbe

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Cisl Forl-Cesena, nuovo segretario generale


La Cisl di Forl-Cesena avr un nuovo segretario generale in sostituzione di Antonio Amoroso, che entrato a far parte della segreteria regionale. Lelezione avverr in occasione della riunione del consiglio generale della Cisl in programma per gioved 15 marzo alle 9,30 al Grand Hotel di Forl. Allincontro parteciperanno Raffaele Bonanni, segretario nazionale, e Giorgio Graziani, segretario regionale della Cils. Raffaele Bonanni interverr con una relazione su La situazione politico sindacale del Paese e sugli obiettivi e le priorit della Cisl.

Fornero una lettera con la quale si pone laccento sulla problematica riguardante liniquit della ricongiunzione onerosa stabilita.

Anteas: equiparare trasporto volontariato a 118 e Cri


Anziani, ammalati, invalidi e traumatizzati non possono pi essere trasportati gratuitamente presso ospedali, luoghi di cura e ambulatori pubblici e privati per accertamenti e/o terapie. questo lallarme lanciato dallAnteas dellEmilia Romagna e dalla Fnp. Riconosciuta la validit e limportanza del ruolo e della attivit di servizio a favore di persone con bisogni, occorre equiparare gli automezzi delle associazioni di volontariato (onlus) adibiti, con riconoscimento da parte della Motorizzazione Civile, al trasporto di anziani, persone ammalate, con difficolt motorie, traumatizzati a quelli gi ufficialmente riconosciuti (118 e Cri). Su questo argomento la Fnp e lAnteas dellEmilia Romagna sono impegnate a fare opera di sensibilizzazione e di pressione sulle autonomie locali affinch la rigidit delle burocrazie non affossi la necessit di utilizzare al meglio ogni opportunit di integrare un sistema di welfare che specie in questi momenti di difficolt nanziarie ha bisogno anche dei piccoli apporti della gente di buona volont.

fare. Per ridurre la pressione scale necessario che si cominci da subito a dare a lavoratori e pensionati la possibilit di consumare di pi".

A proposito di totalizzazioni e ricongiunzioni onerose


Mediante due diversi istituti: la ricongiunzione o la totalizzazione possibile determinare lammontare della pensione, utilizzando quindi tutti i contributi versati presso pi Fondi o Casse di Previdenza. La ricongiunzione permette il trasferimento dei contributi per ottenere ununica pensione, calcolata sullinsieme dei contributi versati nel corso dellattivit lavorativa. La totalizzazione, invece, consente di sommare le diverse contribuzioni, che non devono essere coincidenti, necessarie ai ni del diritto a pensione calcolato con il sistema pro-

Bonfanti: necessaria la riforma fiscale


"Una riforma scale complessiva che vada a redistribuire a lavoratori, pensionati e famiglie pi bisognose le risorse necessarie per far fronte agli

rata. La ricongiunzione, in particolare, disciplinata da due diverse normative: la legge n. 29/1979 e la legge n. 45/1990. La prima consente la ricongiunzione nel fondo lavoratori dipendenti Inps delleventuale contribuzione versata dagli autonomi che abbiano almeno 5 anni di contributi nel periodo precedente la domanda. La legge n. 45/90 consente la ricongiunzione presso lInps della contribuzione versata in una Cassa o in un Fondo libero-professionale e viceversa. Dal 1 luglio 2010 sono state soppresse tutte le norme che consentivano le ricongiunzioni gratuite. La totalizzazione, viceversa, dal 1 gennaio 2006, consente di cumulare, senza alcun onere a carico del beneciario, tutta la contribuzione versata nelle diverse gestioni. Di recente la Cisl ha inviato al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Cultura&Spettacoli
A San Rocco di Cesena esposte 231 opere di 160 artisti nazionali

Gioved 8 marzo 2012

19

Cinema di Filippo Cappelli


Uci Savignano, Eliseo

Margherita dArgento, i vincitori


Si svolta domenica 4 marzo alle 17, presso i locali del teatro parrocchiale di San Rocco di Cesena, con la partecipazione dellassessore alla Cultura del Comune di Cesena Elena Baredi e dellassessore allAmbiente del Comune di Cesena Lia Montalti, la cerimonia della premiazione dei vincitori del 37esimo Concorso nazionale di pittura La Margherita dArgento, abbinato al 34esimo Trofeo Achille Medri, noto artista cesenate, prematuramente scomparso. La manifestazione ha fatto registrare la presenza di 160 artisti, provenienti da varie regioni italiane e lesposizione di 231 opere, suddivise in tre sezioni: grafica-acquerello, piccolo formato e pittura. Nella sezione grafica-acquerello il primo premio stato vinto da Fabio Castellani (Cesena), il secondo da Matteo Babbi (Cesena) e il terzo da Mil Gnoli (Cesenatico). Nella sezione piccolo formato il primo premio ex aequo stato conquistato da Ruggero Mazza (Ferrara), Gianluca Bosello (Cesena), Loretta Samor(Forl), Egidio Ghirlandi (Castrocaro), Panzavolta Carlo (Cesena), Elio Carnevali (Mantova). Per quanto riguarda la sezione pittura, la commissione giudicatrice - composta da Marco Fiumana, Ario Franciosi, Pier Guido Raggini - ha assegnato il superpremio nel genere figurativo allartista Beppe Verani (Cremona), nel genere astratto-informale al pittore Antonio Civitarese (Chieti) e nel genere paesaggio allartista Gianluca Bosello (Cesena) e il primo premio ex aequo ai seguenti pittori: Giuliano Censini (Siena), Gianfranco Pogni (Livorno), Luciano Filippi (Rimini), Roberto Casadio (Forl), Romano Bertelli (Ostiglia), Fabio Castellani (Cesena), Ugo Rassati (Latisana), Paolo Fedeli (Firenze), Giampietro Cavedon (Vicenza). Sono stati inoltre assegnati per particolari meriti artistici prestigiosi premi di rappresentanza, quali la Targa artistica Fiumana Nello, in memoria di uno dei fondatori del concorso, al pittore Massimo Onnis (Nuoro), il Trofeo Achille Medri al pittore Alessandro Tum (Cesena), la Margherita dArgento allartista Mario Gaspa (Sassari), la Targa artistica del Comune di Cesena al pittore Sigfrido Nannucci (Firenze), la Medaglia del Presidente della Camera dei Deputati allartista Ido Erani (Forl), la Medaglia del Presidente del Senato al pittore Nevio Bedeschi (Faenza) e la Medaglia del Presidente della Repubblica allartista Vito Montanari (Terra del Sole).

THE WOMAN IN BLACK


di James Watkins Il giorno in cui si riuscir a girare un horror da casa stregata senza carillon inquietanti, pupazzi orribili e bambini cantilenanti, si potr dire di essere alla fine di unepoca. Ma visto luso e labuso che ancora si fa di questi clich, difficile che questo accada in tempi brevi. Tantomeno quando, come in questo caso, lambientazione vittoriana continua a imporre la sua suggestiva predominanza sulla rappresentazione filmica. La trama: Arthur Kipps (Daniel Radcliffe) un giovane notaio inglese chiamato a chiudere leredit della deceduta proprietaria di Eal Marsh House. Partito per il remoto villaggio di Crythin Gifford, scopre che i suoi abitanti non sono tra i pi affabili in circolazione, e fanno di tutto per rimandarlo a casa. Raggiunta Eal Marsh House, Arthur viene subito colpito dalla sua posizione remota e dal mistero che aleggia attorno alla propriet: oscuri segreti segnano il passato degli abitanti del villaggio e il suo senso di disagio aumenta quando gli appare una misteriosa donna vestita completamente di nero Tratto dal romanzo omonimo del 1983 scritto da Susan Hill, The Woman in black una classica storia gotica costruita attorno ai pi tipici clich di genere. Si presenta come un piccolo prodotto di nicchia che strizza locchio al settore pi commerciale attingendo a un attore protagonista di forte richiamo: si tratta di Daniel Radcliffe, terribilmente desideroso di dare una nuova direzione alla sua carriera dattore, fino ad ora inevitabilmente legata allimmagine di Harry Potter. Seguendo i tipici meccanismi del romanzo gotico, tutto si muove secondo una propria logica sovrannaturale, prendendo motivazioni ed energie da concetti astratti che spesso funzionano pi sulla carta che in pellicola. Eppure latmosfera generale del film funziona: non inventa nulla di originale, ma le panoramiche sui banchi di nebbia sono splendide e la fotografia, grazie a una saturazione ben calibrata e mai cromaticamente cupa, risulta assai gradevole. Onore a Watkins che insegue lhorror vecchio stile: mentre il cinema di genere sempre pi diretto verso scene splatter e incentrate sulla repulsione del guardare, un film fatto di ombre e sospiri, immagini opache e punteggiatura musicale una vera boccata dossigeno. Peccato che, pi duna volta, il tergiversare del regista sorvoli i momenti forti per smarrirsi negli abissi del proverbiale bicchier dacqua. Restano comunque memorabili un paio di inquadrature panoramiche che piombando dallalto dei cieli sullo scenario duna desolata palude che si perde nelloscuro abbraccio di una nebbia brontiana. Non molto, ma meglio non far troppo i difficili.

A Cesena allaCantina Carbonarifino al 14 marzo

In mostra opere di Elvira Riviezzo e Yuri Ragazzini


stata inaugurata sabato 25 febbraio, presso la galleria Cantina Carbonari a Cesena, la mostra dei due artisti Elvira Riviezzo e Yuri Ragazzini. Elvira Riviezzo, nata a Ravenna e cesenate dadozione, fin da giovane si sentiva particolarmente attratta dal mondo delle arti figurative, ma le circostanze non le permisero di seguire professionalmente questa strada. Comunque da sempre ha perseguito questo sogno visitando con assiduit musei e mostre e frequentando anche corsi di pittura e mosaico. Libera poi da incombenze e impegni familiari, si dedicata con assiduit alla sua forte passione, realizzando opere che le hanno permesso di partecipare a numerose mostre collettive, e di tenere personali con consensi di critica e di pubblico. Nellattuale esposizione lartista si presenta con opere pittoriche e mosaici di singolare fascino e originalit. La Riviezzo affascinata dal mondo che la circonda e la sua produzione diventa un inno alla natura. Lartista sa dare vita con sensibilit e un

ELVIRA RIVIEZZO, VELIERO, MOSAICO 30X35 CM, 2011

sorprendente universo di forme sia quando dipinge che quando realizza mosaici, riportando nelle sue opere il reale intriso di poesia. La sua tavolozza sempre ricca di colori e nello stesso tempo molto misurata. Nei mosaici la Riviezzo utilizza i materiali pi svariati: frammenti di vetro e di ceramiche, pietre varie, conchiglie, specchi e altro Il tutto sapientemente assemblato d origine a opere musiche molto personali e incisive. Yuri Ragazzini nasce a Faenza nel 1978 e dal 1998 al 2001 frequenta lIstituto statale darte per la Ceramica G. Ballardini. Inizia quindi unintensa attivit artistica partecipando con successo a varie mostre collettive e collaborando con gli artisti Bertozzi e Casoni di Imola, con la Bottega Gatti di Faenza e attualmente con lartista Ivo

Sassi. Il Palazzo delle Esposizioni di Faenza ospiter una sua mostra personale dal 7 al 26 novembre 2012. Le opere di questo artista sono altamente suggestive. Le masse ceramiche sinuose si librano nello spazio con sorprendente agilit, quasi fossero pervase da una carica vitale che ne annulla il peso vincendo la forza di gravit. Sono opere dotate di un sicuro senso del ritmo, a volte enigmatiche, intrise di insospettata forza suggestiva. Un senso di grande energia emana dalle forme che si dilatano libere nello spazio, dove la luce e le ombre giocano un ruolo fondamentale nella determinazione della linea e dei volumi. La mostra rimarr aperta fino al 14 marzo 2012 tutti i giorni con il seguente orario: 17-19; chiuso luned e gioved. Enrico Guidi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


DOVE ERA DIO? Il discorso di Auschwitz

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)

scimento della forza della riconciliazione e della pace prevalga sulle minacce circostanti dellirradi Benedetto XVI zionalit o di una ragione falsa, staccata da Dio Ed. Mondardori, collana Piccola biblioteca Oscar, 2012 (pp. 13-14). (10 euro) significativo il fatto che questo libro metta a confronto anche le tesi di due filosofi e teologi: La Mondadori con il titolo Dove era Dio? ha pubblicato il discorso lebreo Arthur A. Cohen e il cattolico Johan Baptist che papa Benedetto XVI ha fatto ad Auschwitz il 28 maggio 2006. Metz. Infatti di Cohen, morto nel 1986, troviamo, Questo testo molto utile per rispondere alla domanda che ogni con il titolo Nella nostra terribile epoca: il treuomo si pone di fronte alla violenza cieca nei confronti degli innomendum degli ebrei, larticolo comparso nel fascicolo 5 del 1984 centi. Il Papa risponde: Noi non possiamo scrutare il segreto di Dio della rivista internazione di teologia Conciliumcon il titolo vediamo soltanto frammenti e ci sbagliamo se vogliamo farci giuLOlocausto, come interruzione: un problema per la teologia dici di Dio e della storia. Non difenderemmo, in tal caso, luomo, ma cristiana (pp. 21-43); di Metz pubblica alcune riflessioni su Aucontribuiremmo solo alla sua distruzione. No in definitiva, dobschwitz: termine locale irrinunciabile di un discorso cristiano su biamo rimanere con lumile ma insistente grido verso Dio: Svgliati! Dio, tratte dal testo del 2006 Memoria passionis. Una memoria Non dimenticare la tua creatura, luomo!. E il nostro grido verso Dio provocatrice nella societ pluralistica (pp. 55-71). Inoltre il deve al contempo essere un grido che penetra il nostro stesso cuore, libro presenta le riflessioni di un ex prigioniero ad Auschwitz affinch si svegli in noi la nascosta presenza di Dio affinch quel (pp. 45-54) scritte da Wladislaw Bartoszewski, che nel 1995 e dal suo potere che Egli ha depositato nei nostri cuori non venga coperto 2000 al 2001 stato ministro degli esteri della Repubblica di Poe soffocato in noi dal fango dellegoismo, dalla paura degli uomini, lonia, che scrive a p. 47: nel settembre 1940, quando avevo solo dellindifferenza e dellopportunismo (pp. 12-13). Il testo del Papa ci 18 anni, [sono stato il] prigioniero numero 4427, detenuto per aiuta anche a scoprire il volto stesso di Dio: Il Dio, nel quale noi cre- motivi di sicurezza, insieme con 5500 altri polacchi: studenti, diamo, un Dio della ragione di una ragione, per, che certamente boy scout, insegnanti, avvocati, medici, sacerdoti, ufficiali delnon una neutrale matematica delluniverso, ma che una cosa lesercito polacco, membri di diversi partiti politici e dei sindasola con lamore, con il bene. Noi preghiamo Dio e gridiamo verso gli cati. Il libro si conclude con una cronologia essenziale della uomini, affinch questa ragione, la ragione dellamore e del riconovita di papa Benedetto XVI (pp. 73-76).

Al teatro Bonci di Cesena Concerto dei Virtuosi italiani e teatro sperimentale


abato 10 marzo alle Sconcerto dei Virtuosi21, al teatro Bonci di Cesena, Italiani con Uri Caine in Jazz Lightning. Il progetto nasce dallaccostamento del repertorio di musica barocca con jazz e improvvisazione. Jazz Lightning fonde il sound del geniale Uri Caine con la qualit musicale di uno degli ensemble pi versatili e apprezzati del panorama colto contemporaneo. Un mix di brani classici e pezzi scritti per la collaborazione con I Virtuosi, in equilibrio fra passato e presente. Il brano di Uri Caine Tre Movimenti per pianoforte e archi presentato per la prima volta in Italia. Luned 12 marzo alle 21, per la ricerca, la Socetas Raffaello Sanzio presenta Madrigale appena narrabile. la presentazione sperimentale di un nuovo componimento lirico che unisce al canto corale la recitazione e lo sviluppo musicale di innumerevoli nessi vocali, per voce e violoncello. Di Chiara Guidi e Scott Gibbons, testi di Claudia Castellucci. Collaborazione musicale di Eugenio Resta e Sara Masotti.

20

Gioved 8 marzo 2012

Cesena & Comprensorio


Cesena
Concerto della Finanza
La Banda della Guardia di Finanza, uno dei complessi militari pi importanti dItalia, grazie allimpegno di Formula Servizi e del Comune di Cesena, terr il 14 marzo presso il Teatro Bonci di Cesena un concerto di benecenza in favore dellIrst Istituto Tumori della Romagna.

Notizie Flash Cesena


Cinema e lirica
Al Victor di San Vittore, sabato 10 e domenica 11 marzo alle 21 sar proiettato il lm "The help" di Tate Taylor (2012). Domenica 11 alle 15 e alle 17 "Il gatto con gli stivali". Ingresso 3,50 euro. Marted 13 marzo alle 20 in diretta da Barcellona in visione "La Bohme" di Giacomo Puccini. Ingresso 10 euro.

Sogliano

Prosa e musica

Cesena

Concerto a SantAgostino
Si terr gioved 8 marzo alle 21 la serata dedicata alla vita, slittata ai primi di febbraio a casua della neve. Il tema della giornata era Giovani aperti alla vita. Nella chiesa di SantAgostino a Cesena, i ragazzi della fondazione Sacro Cuore presentano Gracias a la vida con parole, canti e musiche.

E in programma al teatro comunale, gioved 8 marzo alle 21, nella festa della donna, lo spettacolo "La custode" di Francesco Gabellini, con Francesca Airaudo. Musiche di Marco Mantovani. Ingresso gratuito. Venerd 9 marzo alle 21 Rocco Papaleo nel concerto recital "Una piccola impresa meridionale" con Arturo Valiante al piano, Gerry Accardo alle percussioni, Francesco Accardo alla chitarra e Guerino Rondolone al contrabbasso. Ingresso 12 euro, ridotto 10.

Gatteo
Racconti al femminile
Alloratorio di San Rocco, venerd 9 marzo alle 21, sar presentato il libro a cura di Narda Fattori "Donne. Racconti al femminile" (Pazzini editore, 2012). La pubblicazione stata realizzata col contributo del Comune e della Bcc di Gatteo.Saranno letti alcuni brani con accompagnamento musicale. Una copia verr donata alle signore presenti.

Cesena

Lezioni allUte

Cesena

Ancora dialetto
La compagnia "De bonumor" di Granarolo Faentino, sabato 10 marzo alle 21, al teatro Bogart di SantEgidio metter in scena la commedia brillante in tre atti "I fasul cun la codga" di G. Gattei. Ingresso 7 euro, ridotto (Ragazzi no ai 18 anni, over 65 e donatori Avis) 6 euro.

Cesena

Canti di montagna
Il quartiere Al Mare e la sezione di Cesena del Club alpino italiano organizzano, in collaborazione con la Polisportiva 5 Cerchi, la serata "Alla scoperta della Montagna" che si terr presso il Teatro Banca Romagna Cooperativa, a Macerone in via Cesenatico 411 il 10 marzo alle 21. Il coro Cai, diretto dal Maestro Gianni Della Vittoria, si esibir con canti tradizionali e di montagna. Al termine ciambella e sangiovese.

Cledes Moscatelli, venerd 9 marzo alle 15,30 nella sala Fantini in via Renato Serra interverr sul tema "I Quadri di unesposizione di Modest Mussorgski". Marted 13 marzo alle 15,30 nella sala Vaienti della Cisl, Maria Grazia Maioli parler di "Fornaci per vasi e per mattoni a Cesena". Mercoled 14 alle 15,30 nella sala Fantini, don Dante Piraccini terr una lezione su "La giovane suora e il vecchio pittore".

Cesena
Famiglie al cinema
Si conclude al cinema Astra la rassegna di lm per famiglie organizzata da A e centro famiglie "Benedetta Giorgi". Sabato 10 alle 16,30 e domenica 11 marzo alle 15 e alle 17 in visione il lm "Alvin superstar 3". Ingresso 3,50 euro.

Cesena, i seminari di Accademia 49

Film Family
Penultimo appuntamento per la rassegna FilmFamily al cine-teatro Victor di Cesena. Il lm di venerd prossimo (ore 20.45) sar Io sono con te, lm di Guido Chiesa su Maria di Nazareth. Lontano da volerne lmare la grazia ultraterrena, il lm si concentra sulla quotidianit piena di amore e ducia. Interpretata dalla brava e tenera Nadia Khli, questa Maria combina la lettera dei Vangeli canonici, in particolare quello di Luca, alla tradizione apocrifa (Giuseppe vedovo con gli). Nel lm di Chiesa, Maria rivoluzionaria rispetto alle regole e i precetti ebraici, ma solo apparentemente impugna la legge umana contro quella divina. In realt lesatto contrario: la sua legge umana sa incontrare il divino mentre la legge dimostra articoli e codici crudelmente immanenti, fondamentalisti, retrogradi, pervertiti dal potere. Come sempre, il lm sar preceduto da una breve introduzione e alla ne della proiezione seguir un dibattito.

Cesena
Commedia dialettale
Nel teatro parrocchiale di San Marco in Calabrina, sabato 10 marzo alle 20,45, la compagnia del Leone presenter la commedia in tre atti "La moi ad scorta".

Montiano
Dialetto a teatro
La Pro loco ha organizzato una rassegna di commedie dialettali nel teatro parrocchiale. Sabato 10 marzo alle 21 sul palco il gruppo comico dialettale "De Bosch" che presenter due sue farse: "In attesa di giudizio" e "Chi vigliac di baioch".

rtisti e performer di fama mondiale si avvicenderanno nei quattro seminari di canto e di chitarra organizzati, da marzo a giugno, da Accademia 49 di Cesena, la scuola di musica ispirata al modello accademico americano (in via Roncofreddo zona stadio). Ad aprire la rassegna sar, il 10 marzo, Geg Telesforo, considerato il miglior jazz-vocalist italiano, nonch producer, polistrumentista, autore e presentatore televisivo e radiofonico per la Rai, noto ai pi per il suo "Scat". Spiegher ai partecipanti il giusto approccio di un vocalist con lo Swing, il Groove, la struttura, il senso armonicomelodico, linterpretazione e limprovvisazione vocale "Scat". Seguir, il 1 aprile, Tommy Emmanuel, punto di riferimento per tutti i chitarristi acustici del mondo, che affronter argomenti come Finger Picking, Flat Picking,

Musicisti mondiali A

Chicken Picking, Guitar Percussion, il suo famoso approccio con gli armonici, improvvisazione, tecniche avanzate di arrangiamento e composizione sulla chitarra, amplificazione della chitarra acustica, analisi dei brani di sua composizione. Il 30 maggio sar la volta di Bob Brozman, "The king of national guitar", il pi grande suonatore al mondo di chitarre resofoniche. Ultimo appuntamento, il 9 giugno, con Cheryl Porter, la "regina" incontrastata del Gospel e la vocal coach pi importante dItalia. Nella lezione affronter elementi di storia della musica afroamericana, tecnica vocale generale per cantanti coristi e solisti, interpretazione, articolazione, proiezione vocale, pronuncia, personalizzazione, ritmo e improvvisazione. Per info e iscrizioni: www.accademia49.it. Fs

Gatteo
Festival canoro
Sono in programma per domenica 11 marzo dalle 16,30 al teatro parrocchiale "Lina Pagliughi" la gara degli "Emergenti" (10-13 anni) e lesibizione non competitiva dei bambini delle scuole materne e dei ragazzi delle elementari. Ingresso 6 euro.

Cesenatico
Musica a teatro

Cesena

Incontro con Bernard Scholz


"Nuova cultura dimpresa: condizione per lo sviluppo" il titolo della conversazione imprenditoriale che si terr mercoled 14 marzo a Cesena Fiera alle 18,15. Saranno presenti Bernard Scholz (nella foto Savadori), presidente nazionale Compagnia delle Opere e Mirco Morotti, amministratore di Mo.Ca.

Gambettola
Sposi da 25 anni

Cesenatico
Festa della donna
Al teatro comunale, gioved 8 marzo alle 21, la serata sar dedicata allevento "Il Risorgimento delle donneuna veglia a teatro con quattro chiacchiere e un po di musica", un viaggio sulle note musicali a ritroso nel tempo. Ingresso libero.

Per la rassegna "Crossroads, jazz e altro in Emilia Romagna", sabato 10 marzo alle 21 al Comunale dar un concerto il "Cheryl Porter Jazz Quartet" con Cheryl Porter, voce, Paolo Vianello al pianoforte e alle tastiere, Guido Torelli al contrabbasso e Gianni Bertoncini alla batteria. Ingresso platea e palchi 15 euro, ridotto 12, loggione 10, ridotto 8.

Tra le coppie che hanno ricordato lanniversario di matrimonio, cerano i coniugi Francesco Severi e Maria Angela Metalli che festeggiavano il loro 25 anno. Ai gli Matteo e Chiara i uniscono negli auguri di tutta la redazione del Corriere Cesenate.

Longiano
Agricoltura e turismo
Si terr gioved 8 marzo dalle 14,30 al castello malatestiano il convegno sul tema "La vallata del Rubicone: itinerari rurali e turismo sostenibile. Proposte di collegamento fra turismo di Riviera e itinerari interni". Relatori Andrea Succi e Pierluigi Bazzocchi. Interverranno assessori e rappresentanti delle amministrazioni locali.

A Cesena ha aperto il negozio di Campagna Amica


Cesenatico
I naufragi

Un nuovo tassello tutto romagnolo per la prima catena di vendita diretta organizzata dagli agricoltori. Ha debuttato nei giorni scorsi a Cesena la prima "Bottega di Campagna Amica" della Romagna, punto vendita che fa parte della rete di botteghe voluta da Coldiretti per ridurre i passaggi dal produttore al consumatore attraverso la creazione di una liera agricola tutta italiana. La Bottega - situata in via Santa Rita da Cascia 119, al piano terra della sede del

Consorzio Agrario accanto al negozio "TuttoGiardino" - si sviluppa su una supercie di 250 metri quadrati ed dotata di ampio parcheggio privato. Aperto dal luned al sabato (dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 19.30), linnovativo punto vendita targato Campagna Amica offre la possibilit ai consumatori di trovare su banchi e scaffali sempre e soltanto prodotti di origine italiana di alta qualit, la cui tracciabilit garantita dal Consorzio Produttori Campagna Amica.

Cesena
Letture in libreria
Continua la rassegna "20 minuti in libreria" con Paolo Turroni e Ilario Sirri presso la libreria Bettini. Venerd 9 marzo alle 18,30 leggeranno brani da "Le gobbe nel giardino" di Dino Buzzati. Ingresso libero.

Gatteo

Corso sul trading online


Una full immersion nel mondo del trading online. Si terr gioved 8 marzo lincontro organizzato dalla Bcc di Gatteo in collaborazione con Directa.Il corso ha una durata di 7 ore, dalle 9 alle 17.30 con pausa pranzo dalle 13 alle 14.30 e si svolge presso la sala multimediale della Bcc Gatteo in via Della Cooperazione 10. Lattenzione verte sugli aspetti tecnico-comportamentali del mercato azionario e dellinvestimento in borsa. Info e iscrizioni: marketing@gatteo.bcc.it oppure 0541.810362.

Mercato Saraceno
Laboratorio per ragazzi

Si tengono al museo della Marineria gli incontri su un secolo di naufragi nel centenario dellaffondamento del Titanic (15 aprile 1912). Marted 13 marzo alle 17,30 larcheologo Stefano Medas terr una conferenza su "Navi e tesori sommersi". E allestita no all1 aprile la mostra "Dal Titanic allAndrea Doria".

A cura del Comune e di Progetto RadArt, prosegue il laboratorio di cartapesta, in collaborazione con la scuola della cartapesta di Gambettola e Pro loco di Mercato Saraceno. Domenica 11 e domenica 18 marzo dalle 15 alle 17 nella sede della Pro loco condurranno i lavori Anton Roca e Giorgia Valmorri.

Sport

Gioved 8 marzo 2012

21

Parla il presidente Marcello Francisconi

Il Moto Club Gambettola si tinge di rosa


urante il consueto Due novit: lingresso nella ritrovo conviviale scuderia di Arianna Marocchi dinizio anno del Moto Club "Citt di (categoria Supermotad) e il Gambettola" stata presentata la giovanissimo Mattia Buda nel nuova stagione agonistica e dato il via alla campagna di adesione minicross al sodalizio gambettolese per lanno in corso. E stato il presidente del Moto Club, Rookes: Roberto Riciputi, Alex Paolucci, Giovanni Marcello Francisconi, ad ufficializzare la nuova Silvi, Stefano Liotta, Andrea Balducci e Thomas squadra agonistica di piloti, che presenta due Donati. Inoltre Marcello Mastini disputer alcune novit. gare del Campionato Italiano Endurance nonch "La stagione agonistica trascorsa ha messo in tutte quelle del Campionato Regionale Emiliaevidenza le qualit dei nostri piloti - ha affermato Romagna. Francisconi - che hanno conquistato due brillanti "Nella stagione agonistica 2012 del Supermotad affermazioni, vincendo il campionato emiliano aggiunge il presidente - che inizier il 25 marzo a romagnolo Supermotard categoria "Elite" con Pomposa, debutter nella categoria Ladys, con i Fabio Buda e il Trofeo italiano velocit campionato colori del Moto Club gambettolese, Arianna over 35 classe 1000cc con Graziano Falco Marocchi, ventunenne di Castiglione delle Stiviere (affiancato in questa stagione da Andrew (MN). Sebbene giovanissima, Arianna Marocchi, Piraccini). Altri prestigiosi piazzamenti sono stati pu gi vantare un palmares di tutto rispetto ottenuti nella categoria "Challenger" con Marzio avendo vinto nel 2005 e 2006 il campionato Ravaioli (2), Ivan Marchesini (questanno gareggeranno nella categoria Elite con Fabio Buda), Regionale Lombardo di Enduro e lo scorso anno alla sua prima esperienza in Supermotard, giunta Emile Fellini, Jhonny Brunelli e Christian Collini seconda a pochi punti dalla vincitrice. In questa (confermati nella medesima categoria)". stagione debutter nel Campionato Regionale Completano la squadra agonistica, nella categoria

Emilia-Romagna Minicross classe 85cc, Mattia Buda, (13 anni figlio di Fabio), carico dentusiasmo e tanta voglia dimparare". Dopo i commenti positivi riscossi nella passata edizione, gi in preparazione lappuntamento di questanno del moto raduno citt di Gambettola. La campagna di adesione al sodalizio gambettolese proseguir nei mesi di marzo e aprile e sar possibile tesserarsi al marted, dalle 21 alle 22 presso il bar Centrale di Gambettola (di fronte la chiesa parrocchiale). Per info 348-5946325 Marcello Francisconi o presso lofficina JBF in via Leopardi a Gambettola info 0547-59249. Piero Spinosi Nella foto, il primo da sinistra il presidente Marcello Francisconi

Domenica al "Manuzzi" arriva il Siena, squadra solida e concreta

Cesena: limpresa "Serie A" quasi impossibile


Pippofoto

Il Cesena chiamato allimpossibile, e ormai davvero tardi. La situazione gravissima di classifica non lascia pi tanti spiragli per la salvezza, ma bisogna onorare innanzitutto la maglia e il campionato. Lultimo treno per cercare di invertire un cammino sinora disastroso passa domenica prossima dal Manuzzi dove arriva il Siena di mister Sannino. Dopo aver recuperato in settimana la partita col Catania, i bianconeri di Romagna sono di scena nuovamente tra le mura amiche contro i bianconeri toscani che rappresentano una delle formazioni invischiate nella lotta per la retrocessione. Tra le fila senesi milita anche lex attaccante albanese Erjon Bog-

dani, autore gi di due reti preziose da quando ha lasciato Cesena. Il Siena lemblema di una realt calcistica di provincia a cui il Cesena dovrebbe ancora aspirare ad assomigliare. Un allenatore emergente e grintoso come Sannino e una squadra umile e compatta senza alcuna "prima donna". Ad aggravare la situazione della squadra di Mario Beretta, arrivata la duplice sconfitta consecutiva nelle due trasferte di Verona e Firenze. Il Cesena visto domenica scorsa al Franchi contro i viola di Delio Rossi sembrato timidamente abbozzare segni di ripresa, ma bastato poco per abbattere la resistenza bianconera: unautorete di Moras e un gol

di Nastasic hanno affossato le velleit di Iaquinta e compagni, privi di un Mutu lasciato a casa da mister Beretta. Il quartultimo posto per la salvezza diretta quasi un miraggio, ma bisognerebbe quanto meno trovare le forze per lottare almeno per il terzultimo posto che, seppur lontano, potrebbe "regalare" speranze in caso di un terremoto in seguito alle vicende del calcio scommesse. La verit per amara, e sul campo il Cesena non sta meritando di mantenersi nella massima serie. I tifosi si auspicano almeno che le restanti 12 partite non si tramutino in una indecorosa passerella verso il baratro della serie B. Eric Malatesta

22

Gioved 8 marzo 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Il presidente Luciano Morosi: Allo scadere del mio mandato, cosa dire di questo periodo cos intenso, affascinante e particolarmente impegnativo?

Per dare una risposta esaustiva, occorre ripercorrere i momenti pi significativi. Un excursus dellintensa attivit sportiva del Comitato

IL PRESIDENTE DEL COMITATO PROVINCIALE CSI CESENA LUCIANO MOROSI

Csi Cesena, tempo di elezioni V


enerd 23 marzo prossimo, presso la sede del Centro Sportivo Italiano di Cesena, sar convocata lAssemblea ordinaria dellassociazione per eleggere il nuovo presidente, il Consiglio direttivo e i sindaci revisori del Comitato territoriale cesenate. Alla vigilia di questo importante appuntamento istituzionale che si rinnova ogni quattro anni, pubblichiamo i passi salienti della relazione che terr il presidente uscente, Luciano Morosi.

Comunico la mia disponibilit a restare al mio posto ancora per un nuovo mandato. Se sar ancora io presidente, mi impegner a mantenere e migliorare la qualit e la quantit del lavoro svolto

Allo scadere del mio mandato, cosa dire di questo periodo cos intenso, affascinante e particolarmente impegnativo per me? Per dare una risposta esaustiva, occorre ripercorrere i momenti pi significativi. Incomincerei senzaltro con le celebrazioni solenni del 60esimo anniversario della nascita del nostro Comitato e quelle del 40esimo compleanno del suo Gruppo Arbitri Calcio. Questi due eventi hanno attirato certamente lattenzione della nostra citt e del nostro territorio attraverso varie manifestazioni e convention,che hanno portato allinterno della nostra famiglia la consapevolezza di essere davvero una bella realt: forte, organizzata, efficiente. Poi, grazie al mio predecessore Alessandro Santini, abbiamo concretizzato il sogno di informatizzare tutti gli uffici della nostra sede: operazione non da poco. Due anni dopo il mio insediamento, abbiamo vissuto insieme un momento forse irripetibile che quello del Tour Casa Comitato, con la visita eccezionale del presidente nazionale del Csi e di alcuni suoi pi stretti collaboratori alla nostra sede. stata quella veramente una giornata straordinaria, piena di avvenimenti importanti e ricca di testimonianze di altissimo livello. Da quel giorno il nostro Comitato si fatto conoscere meglio, anche oltre i confini della provincia e oggi siamo molto stimati sia a livello regionale che nazionale e questo ci deve riempire di sano orgoglio. Come non ricordare la visita del vescovo Douglas e la consegna del discobolo dOro alla Societ sportiva Osservanza. Anche in quella occasione, vuoi per la straordinaria partecipazione della Societ sportiva sopra citata, vuoi per le numerose personalit intervenute alla cerimonia, abbiamo vissuto una giornata veramente speciale. Liniziativa poi di andare a trovare le Societ sportive a casa loro, rimane un obiettivo ancora perseguito dalla nostra presidenza, in quanto vi la ferma convinzione che una delle poche strade che portano certamente allunit e alla condivisione. Ma oltre a questi momenti speciali ve ne sono altri molto pi numerosi, che danno limmagine vera della notevole mole di lavoro che la nostra associazione territoriale affronta durante tutto lanno agonistico. Mi riferisco allattivit sportiva e a tutto quello che

ruota attorno ad essa. Permettetemi, se pur brevemente, di ricordarle e ringraziarle tutte queste persone, affinch il loro impegno e il loro lavoro sia giustamente gratificato anche dalla nostra riconoscenza. Inizierei questo excursus dalla Presidenza del Comitato. Le persone che la compongono, dieci in tutto, hanno la grande responsabilit di concretizzare le scelte politiche e gli indirizzi sportivi che provengono dal Consiglio direttivo. Vorrei poi ricordare il Consiglio direttivo: dodici persone, anchesse sollecitate ad approvare i bilanci economici, a ratificare o meno le proposte avanzate dalla base, a garantire la democraticit del Comitato stesso. Noi qui a Cesena abbiamo una tradizione ormai consolidata volta a promuovere e realizzare campionati e tornei di calcio a 11, calcio a 7 e a 5, maschile e femminile ad alto livello, che sono molto apprezzati. A darne conferma il fatto che anche a livello regionale siamo protagonisti nellorganizzare il campionato regionale di calcio a 7 femminile. Parlando ancora di calcio, voglio sottolineare con molto orgoglio che siamo uno dei pochi Comitati che svolgiamo attivit per quasi tutte le categorie giovanili: dalla scuola calcio ai pulcini, dagli esordienti ai giovanissimi e questanno anche gli allievi. Vorrei inoltre ringraziare le varie Commissioni disciplinari: giudice unico, commissione arbitri e giudici di gara, commissione giudicante. Anche in questo ambito molto difficile e delicato, operano persone splendide le quali, con la loro competenza, obiettivit e imparzialit, assicurano il corretto svolgimento dei campionati, la ponderatezza nellomologazione delle gare, nonch lequit nella distribuzione delle sanzioni disciplinari. Un riconoscimento e un grazie particolare voglio rivolgere al Gruppo Arbitri di Calcio: posso affermare con orgoglio che lorganizzazione, la preparazione e la disponibilit di questi ragazzi e dei loro dirigenti, ha raggiunto livelli molto alti e che, non a caso, sono stati riconosciuti a livello regionale e nazionale. Non posso dimenticare il ruolo determinante che ha la segreteria del Comitato. Attraverso i suoi impiegati

vengono assicurati lamministrazione, il coordinamento tra le varie realt che compongono il Comitato, il tesseramento, lassistenza assicurativa, linformazione, la divulgazione dei comunicati, la stampa, il collegamento con i Comitati regionali e con quello nazionale per la partecipazione a convegni, meeting, stage, campionati regionali, interregionali o nazionali. Ma il Comitato Csi di Cesena non fatto solo di calcio, per fortuna! Vi sono altre attivit che arricchiscono la nostra proposta sportiva: per esempio, la pallavolo. In collaborazione con alcuni Comitati vicini, essa ha raggiunto buoni livelli di partecipazione sia nel maschile che nel femminile, nel misto e ora pure a livello giovanile. Poi abbiamo il pattinaggio artistico a rotelle, dove il ringraziamento verso tutti coloro che portano avanti lattivit infinito, perch le difficolt che incontrano sono davvero tante: mancanza di strutture sportive adeguate, pochi istruttori, costi non indifferenti. Anche il nuoto fa parte delle nostre attivit sportive. Nelle piscine di Ronta e di Cesena si svolgono corsi sia a livello amatoriale che agonistico e durante il Centro estivo a Pinarella ogni anno centinaia di bambini sono impegnati sia in piscina che in mare. Lo sport da considerarsi pure quello rivolto allallenamento della mente ed ecco allora la particolare attivit degli scacchi, che innalza ulteriormente la nostra qualit di proposta sportiva. Da qualche anno a questa parte, stato riconosciuta al Centro Sportivo Italiano anche la possibilit di affiliare i Circoli parrocchiali e i Circoli ricreativiculturali. Anche in questo settore, grazie alla lungimiranza e alle straordinarie capacit del nostro Alesandro Santini, abbiamo circa una quindicina di circoli affiliati. Vanno inoltre segnalate anche altre iniziative cosiddette minori (ma minori non sono), che il nostro Comitato porta avanti. Una su tutte: lattivit di biliardino e ping pong presso il carcere di Forl. Ora, rinnovando la mia pi sincera gratitudine a tutti coloro che in vari modi hanno collaborato e affiancato il mio lavoro, in particolare i tre Direttori dArea, voglio comunicare la mia disponibilit a restare al mio posto ancora per un mandato, dopo di che lascer ad altri lonere e lonore di guidare questo meraviglioso Comitato provinciale di Cesena. Per il prossimo quadriennio, se sar ancora io presidente, mi impegner a mantenere e migliorare la qualit e la quantit del lavoro svolto nel precedente mandato eliminando, se possibile, tutti quei difetti che ne hanno indebolito un po la valenza. Per ottenere questo, conto assolutamente sulla collaborazione di tutti coloro che mi hanno affiancato in questi quattro anni, la cui rinnovata disponibilit rappresenta la condizione principale della mia accettazione allincarico.

Pagina Aperta

Gioved 8 marzo 2012

23

Il direttore risponde
Ogni agire serio e retto speranza in atto

LOcchio indiscreto

gregio direttore, sono un lettore occasionale del suo giornale, e quindi non me ne voglia, se provo a confutare le dichiarazioni del suo editoriale della scorsa settimana, diciamo da Abbiamo cambiato la classe dirigente, fino a adesso il tempo della crescita. Bisogna puntare sul lavoro, sui giovani, sul futuro . Lei, come tanti altri, forse non ha saputo che si tenuto a Rimini, dal 24 26 febbraio scorso un forum sulla Modern Monetary Theory un forum da cui sono scaturite altre verit, meno asservite ai media, e meno ascoltate dalla gente, ma oso dire, pi vere! Come dicevo, non me ne voglia, se le scrivo, La conosco come fervente cristiano, e io, (anche se non come Lei) ancora mi sento tale, e come tale, vorrei che la Verit fosse nota. Ecco dunque, alcune visioni che noi non sappiamo dellEuropa e della crisi, che, come hanno detto in una conferenza organizzata da Cl poco settimane fa, sarebbe una sfida per un cambiamento anche l, ho ascoltato purtroppo belle parole, ma verit zero! Provo dunque a interssarLa perch credo che questa Verit vada diffusa. Cosa che io non ho il potere di fare, e dunque In breve, perch lEuropa in crisi? Come e perch la speculazione finanziaria attacca Grecia, Irlanda, Spagna, Portogallo, Italia? La risposta dellMmt, sebbene molto articolata, semplificabile cos: la crisi stata prodotta dalle scelte di politica economica dellUnione europea, mentre gli attacchi speculativi sono resi possibili dalla rinuncia dei 17 alla sovranit monetaria e fiscale attraverso ladozione delleuro, cio a tutti gli effetti di una valuta estera. Ad esempio il prof Michael Hudson, docente allUniversit del Missouri, ha cos risposto alle domande:-Secondo lei, la finanza ha dichiarato guerra alleconomia, cosa intende? Si sono resi conto che il gioco finito, che non c pi crescita economica: vogliono prendere il

malloppo e scappare. Sanno di aver contratto dei cattivi prestiti, che non potranno essere ripagati e vogliono che vengano ripagati dallo Stato, che il debito delle banche diventi statale. In Irlanda, ad esempio, i contribuenti dovranno pagare le banche per almeno 10 anni, cos leconomia di quel Paese morta, compressa. -In Europa scoppiata la sindrome dello spread, tutti parlano di austerit, rigore di bilancio per tornare alla crescita e anche voi parlate di crescita: quale la differenza? Quando i neoliberisti parlano di crescita, in realt la loro intenzione quella di farvi un salasso sufficiente a farvi crescere. Quando lMMT parla di crescita, lidea quella di nutrirvi per farvi crescere. Ora, si cresce di pi se qualcuno ti toglie il sangue o se qualcuno ti d da mangiare? () La ringrazio per il suo tempo. Buona settimana. Luciano Benvenuti (dal sito) Egregio Benvenuti, il suo lunghissimo intervento sul nostro sito (quasi 14mila battute. La versione integrale su www.corrierecesenate.it) non mi risulta molto chiaro. Non ho ben compreso cosa vuole confutare dei miei ragionamenti della scorsa settimana. Ci sarebbero poteri che sovrastano gli Stati, i governi e tutti noi messi insieme? Io non lo so e non so neppure se lo sanno i tantissimi professori che lei cita. Resto di questo avviso, per: se continuiamo a pensare che il futuro non dipenda da noi non so se usciremo mai da questa crisi. Noto una certa voglia di giustificazione del proprio quieto vivere quando si vanno a cercare ragioni altre e molto lontane. La realt sar anche come lei la descrive, ma io preferisco pensare che sia vero ci che dice papa Benedetto XVI nella Spe salvi, al n. 35: Ogni agire serio e retto dell'uomo speranza in atto. () importante sapere: io posso sempre ancora sperare, anche se per la mia vita o per il momento storico che sto vivendo apparentemente non ho pi niente da sperare. Mi pare chiaro a sufficienza. Cordiali saluti. Francesco Zanotti
vano, lo scovavano, lo rincorrevano perch volevano conoscerne opere e autore, direttamente e profondamente. Proprio come accadde con Ilario Fioravanti. Claudio Spadoni sottolinea, nel testo in catalogo: [...] pur nel rammarico per alcune, sofferte esclusioni, quello che dovrebbe contare, alfine, che la mostra possa comunque restituire, di Testori, la fisionomia il pi possibile fedele. E la mostra sicuramente ben riuscita e ci restituisce uno spaccato coinvolgente di questo Uomo! Il catalogo importante e corposo (Ed. Silvana editoriale, pagg. 312, Euro 38,00); belli e ricchi i testi in esso contenuti: da Claudio Spadoni, ad Alain Toubas, da Davide DallOmbra a Marco Vallora, da Marco Rosci a Stefano Crespi, da Elena Volpato a Marco A. Bazzocchi. Nel comitato scientifico spicca il nome di Alain Toubas, amico di Giovanni Testori (che conobbe nel lontano 1959 e frequent dal 1963 fino alla sua morte). Figura, dunque, che pi di chiunque altra poteva portare, come ha fatto, testimonianza viva e autentica di questo straordinario personaggio. () La mostra ravennate abbraccia cinque secoli di storia. Studi, ricerche, rivalutazioni: da Gaudenzio Ferrari a Tanzio da Varallo, dal Seicento lombardo ai Nuovi selvaggi, da Gricault a Giacomo Manz, da Scipione a Schlichter, da Otto Dix a Grosz, da Radziwill a Woll. Ravenna offre davvero uno sguardo ampio ed emotivo sullarte. C poi una splendida carrellata di opere di Ennio Morlotti, lamico di una vita, lesploratore dei nuclei materici del reale. E poi Sironi
La giornata grigia e residui di neve non lo direbbero... ma tra circa due settimane primavera! Anche il seminario di Cesena si prepara ad accogliere la stagione della rinascita con un deciso oltrech necessario taglio e riordino del parco che circonda la struttura sulla collina di Case Finali di Cesena.

e Soutine e Varlin, con una straordinaria Apocalisse (Ritratto di Giovanni Testori) (1972 - 265 x 501 cm) collocata a inizio percorso che toglie letteralmente il fiato per la sua straordinaria bellezza e potenza! () (Ravenna Via di Roma, 13 - MAR, per info: 0544 482477 www.museocitta.ra.it) Grazie per lospitalit. Marisa Zattini (Cesena)

Le prime pagine del Diario 2000-2007 La politica cesenate in unantologia


Il volume, che raccoglie gli articoli di prima pagina del periodico Diario, uscito dal 2000 al 2007 per dare voce alla linea dei democratici della sinistra (DS) di Cesena, ha una bellissima copertina di Fortunato Teodorani, Via Chiaramonti sotto la neve, doppiamente evocativa, della grande nevicata recente e della gelata che ha posto fine, cinque anni fa, a un giornale che esprimeva, con una sua efficacia, la linea di quel partito. Il libro, curato con nitidezza tipografica dal Ponte Vecchio, con il titolo di Prime Pagine, riporta gli articoli del dott. Giancarlo Biasini e di Orio Teodorani, accostati in un felice contrappunto: la politica cesenate filtrata dalle note severe, sotto la specie della politica, locale e nazionale, nei fondi dellamico Orio, e dai corsivi satirici, sferzanti di ironia, di Giancarlo. Nella sala della Banca di Cesena, in viale Bovio, il 28 febbraio, cera un buon numero di persone, e con i due autori hanno parlato il sindaco Paolo Lucchi, Gabrio Casadei Lucchi, e leditore Roberto Casalini. Significativi gli interventi di alcuni amici, di Riccardo Caporali, di Mario Guidazzi. La fine di un giornale il venir meno di una voce, che esprime idee, volont di agire politico, sensibilit per il bene comune del territorio. Una ragione la spesa postale dei giornali, certamente. Ma aleggiava nel dibattito uno stato danimo depressivo, la constatazione che c una crisi di partecipazione alla vita politica, un isolamento di coloro che gestiscono direttamente le scelte amministrative. La convinzione che il bene di ciascuno dipende dalla costruzione del bene comune, che non nasce solo dalla seriet dei responsabili del governo locale, ma dallimpegno consapevole e convinto, nel proprio ambito di possibilit, di ogni cittadino, scarsamente diffusa. Perch occorre uneducazione civica, che passa attraverso i molteplici attori della formazione, dalla famiglia, alla scuola, alla Chiesa, alla stampa. Leggendo gli articoli di Orio Teodorani ci sento la buona volont, lintelligenza sensibile dellautore di Oman e Teri, un timbro non solo politico, ma umano. Nei corsivi di Giancarlo Biasini c il guizzo del collaboratore antico dello Stracittadino, ma anche, al di l della battuta, la denuncia di tanta stupidit del linguaggio politico delle polemiche. Ogni giornale ha unanima. stato un bene conservarla in questa antologia. Giovanni Maroni

Giovanni Tesori, miseria e splendore della carne


Carissimo direttore, al Mar di Ravenna in corso una significativa, importante mostra dedicata ad una figura complessa e di spicco della critica italiana del secolo scorso qual Giovanni Testori (1923-1993): Caravaggio, Courbet, Giacometti, Bacon. Testori e la grande pittura europea. Miseria e splendore della Carne. Cos, dopo quella di Roberto Longhi, Francesco Arcangeli e Corrado Ricci ancora una volta Claudio Spadoni - direttore e curatore - realizza un evento che pone lattenzione sugli artisti amati dai grandi critici. Un percorso di conoscenza, di passioni e di amori. Giovanni Testori, un intellettuale complesso: pittore, scrittore, poeta (da leggere Ossa mea, 1983, ed. Mondadori), drammaturgo, storico, opinionista, critico dai drammatici contrasti, attraversato da laceranti e tumultuosi afflati. Trasgressione e ribellione, sono state una costante del suo carattere e del suo modo di cogliere lessenza del suo tempo, profeticamente, talvolta, sino alla fine della sua vita. Militante e in prima linea, Testori era uno di quei rari personaggi della vecchia guardia, di quelli autentici che senza paure, quando scoprivano in un catalogo un artista interessante, magari sconosciuto ai pi, lo cerca-

VALORE CITT srl

Societ del COMUNE DI CESENA ASTE PUBBLICHE IMMOBILIARI

Nelle giornate di GIOVED 29 MARZO 2012 e GIOVED 12 APRILE 2012 avranno luogo gli esperimenti delle ASTE PUBBLICHE relativi ai seguenti BENI IMMOBILI:
- 29 MARZO 2012 1) Negozio in C.so Comandini (Cesena C.so U. Comandini, 10/A): unit immobiliare ad uso commerciale e terziario posta nel centro storico di Cesena. Sup. di circa mq. 60. Base dasta . 180.000,00 oltre IVA 2) Area edificabile Pievesestina (Cesena loc. Pievesestina prospiciente Via Colombara): porzione di comparto edificabile a destinazione polifunzionale. Sup. catastale dellarea in vendita pari a mq. 3.689. Base dasta . 125.000,00 oltre IVA 3) Podere S. Tomaso (Cesena Loc. Madonna dellOlivo Via Madonna dellOlivo): superficie di circa mq. 99.719. Base dasta . 215.000,00 4) Podere Bagnile 14 (Cesena Loc. Bagnile Via Masiera 1): superficie di circa mq. 59.517 Base dasta . 210.000,00 5) Podere S. Andrea 2A (Cesena Loc. Pievesestina Via Fiume di S. Andrea): superficie di circa mq. 37.925. Base dasta . 92.000,00 - 12 APRILE 2012 6) Podere Ruffio II con fabbricato rurale (Cesena Strada Provinciale Sala n. 2463): terreno agricolo della superficie di circa mq. 64.798 con annesso fabbricato rurale. Base dasta . 360.451,00 7) Ex scuola elementare Pioppa (Cesena Loc. Pioppa Via Cervese n.7180): immobile recuperabile ad uso residenziale. Base dasta . 510.000,00 oltre IVA 8) Supermercato Villa Chiaviche (Cesena loc. Villa Chiaviche Via Osoppo, 86): immobile ad uso commerciale attualmente concesso in locazione (canone annuo . 60.172,00). Sup. di circa mq. 725. Base dasta . 950.000,00 oltre IVA 9) Farmacia Villarco (Cesena S. Mauro Via Viareggio, 93): unit immobiliare ad uso commerciale attualmente concessa in locaBase dasta . 220.000,00 oltre IVA zione (canone annuo . 23.547,00). Sup. di circa mq. 106 (P.T.) + 67 (P.I). 10) Farmacia Giardino (Cesena C.so Comandini, 8/B): unit immobiliare ad uso commerciale attualmente concessa in locazione (canone annuo . 23.547,00). Sup. di circa mq. 131. Base dasta . 280.000,00 oltre IVA Per informazioni relative agli IMMOBILI, BANDI DI GARA e MODALIT DI PARTECIPAZIONE: consultare il sito internet www.valorecitta.it; telefonare al numero sotto indicato, dal luned al venerd, ore 9-13, 15-19; rivolgersi allufficio di Valore Citt (c/o Comune di Cesena - settore Patrimonio, ingresso lato Rocca Malatestiana, 1 piano) nelle giornate di mer-

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

coled e venerd, ore 9,30-12. Iscrivendosi alla NEWSLETTER di Valore Citt (vedi apposita sezione presente nel sito www.valorecitta.it) sar possibile ricevere utili aggiornamenti in merito alle pi importanti novit.

Tel. 0547 356810 - Fax 0547 356821- e-mail: info@valorecitta.it

Lamministratore delegato dott. Alder Abbondanza

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

ACLI ASSEMBLEA PROVINCIALE E NUOVO CIRCOLO


Migliaia di studenti per il Donacibo
C.I.P - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2011 .