Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Primo piano

4e5

Diocesi

Gioved
3 novembre 2016
anno XLIX (nuova serie)

numero 40
euro 1,30

40

Diocesi

Visita pastorale

Cesenati allestero
Molti i progetti
e tante le speranze

Non dobbiamo
avere paura
della tenerezza

85mila euro
dalla raccolta
pro terremotati

Il vescovo Douglas
riprende
da Gatteo

imone Bianconi e Gloria


Lisi. Una laurea in IngeSgneria
energetica e una in

omenica 6 novembre in
Seminario a Cesena il
D
29 Convegno della fami-

tanto ammonta la cifra


messa insieme da parA
rocchie, gruppi e singoli in

al 6 al 13 novembre
monsignor Regattieri
D
sar in visita nella parroc-

Architettura. Spese tra


Chicago e Berlino

glia. Relatore monsignor


Carlo Rocchetta

occasione della giornata


del 18 settembre

chia guidata da don Marco Muratori.

Editoriale
Strumenti privilegiati

Terribile terremoto domenica 30 ottobre, di magnitudo 6.5. Il pi forte dal 1980

di Francesco Zanotti

l quotidiano Avvenire e il settimanale


diocesano Corriere Cesenate, sia
cartacei che digitali, si pongono come
validi strumenti di comunicazione per la
crescita di una comunit civile ed ecclesiale.
Lo scrive il vescovo Douglas nel suo
intervento che apparir domenica prossima
su Avvenire nella pagina dedicata alla nostra
diocesi. S, perch domenica 6 novembre,
come indicato nel calendario per lanno in
corso, si celebra in tutta Cesena-Sarsina la
giornata per la stampa cattolica.
Se vero che c un trend inarrestabile di
calo della carta stampata, come ha ricordato
la scorsa settimana il noto sondaggista Nando
Pagnoncelli ai direttori della Federazione
italiana settimanali cattolici, anche vero che
allo stesso tempo aumenta la quantit di
cittadini informati, ma si riduce
drammaticamente la quota di cittadini
consapevoli. In questo contesto, sempre pi
frammentato, per paradosso emerge una
grande domanda di senso, ha proseguito
Pagnoncelli. Il futuro dei giornali cattolici sta
nella loro capacit di comprendere e saper
rispondere a questa domanda di senso,
perch questi giornali hanno una posizione
unica, distintiva e devono imporsi per
autorevolezza e qualit editoriale.
Avvenire e Corriere Cesenate, scrive ancora
monsignor Regattieri, possono diventare
sempre pi strumenti privilegiati per
limpegno della chiesa diocesana secondo le
linee pastorali Educare alla fede nella
fragilit. In maniera particolare si pongono
come mezzi specifici per instaurare un
dialogo e un proficuo confronto sui grandi
temi della vita sociale ed ecclesiale.
Ecco dunque il ruolo richiamato ancora
dallesperto Pagnoncelli: questi giornali
devono aiutare il discernimento, a
interpretare i fenomeni, a favorire lo scambio,
a evitare che prevalgano sempre le percezioni
sulla realt. Grazie ai fogli cattolici, ogni
cittadino pu essere accompagnato nel
contestualizzare e nel gerarchizzare i fatti e le
notizie. Un ruolo non da poco, ma che
assegna una grande responsabilit a chi
svolge questo mestiere ed chiamato a
esercitare la verit nella carit, come
sottolinea ancora il vescovo Douglas.
I giornali come piazze, come ponti fra le
singole persone e tra le comunit. Il giornale
come luogo in cui si pongono domande, ci si
interroga e grazie al quale si arriva nelle
periferie geografiche ed esistenziali. Avvenire
e Corriere Cesenate come avamposti nella
missione della Chiesa, per giungere a ogni
uomo e a ogni donna di oggi. Per riaccendere
quel lumicino del desiderio di infinito
presente nel cuore di ogni creatura. Quella
nostalgia spesso tenuta sopita dal chiasso con
cui siamo costretti a convivere.

Italia ferita
FOTO AFP/SIR

Unennesima fortissima scossa ha svegliato tutti domenica 30 ottobre. Alle


7,41 un sisma di magnitudo 6,5 con epicentro a Norcia (Perugia) ha
devastato nuovamente il centro Italia, un territorio di oltre cento comuni
fra Umbria, Marche e Lazio creando quasi centomila sfollati. Non si contano
i danni agli edifici e al patrimonio storico e artistico. Non ci sono state
vittime, i feriti sono stati meno di una trentina. Il sisma si avvertito
distintamente da Bolzano alla Puglia. Molto forte si sentito anche in
Romagna. Alle 11,49 sempre di domenica mattina, a Cesena fra le frazioni
di Martorano e Pievesestina, stato rilevato lepicentro di una scossa di
magnitudo 3,7. Un forte boato, molta paura, ma nessun danno.

Servizio a pagina 11

Azzardo
Nuova legge
regionale
sulle distanze

Gualdo
Alfabetizzazione
Una scuola
per stranieri

14 Gambettola

16

Su il sipario
sul teatro
comunale

17 Sport Csi
Fair play
Un valore
diventa torneo

22

Opinioni

Gioved 3 novembre 2016

Il mondo cambia... la politica quando?


atto
n
i
i
n
o
i
z
a
Trasform

uccede a Calais. Ma accade anche a Goro (Ferrara) o ad Aquilinia


(Trieste). Cos come era avvenuto lungo i confini dei Paesi
balcanici, quindi in Ungheria e Croazia, poi al Brennero: arrivano
i migranti richiedenti asilo, fuggono da fame e guerra, ma trovano porte
chiuse, confini serrati o, al pi, una giungla. I rifugiati devono stare
semmai in una bidonville lontano dal centro delle nostre citt: occhio
non vede, cuore non duole E laddove una parrocchia o un ente locale
mette a disposizione una struttura per laccoglienza, si ergono barricate
o partono gesti intimidatori.
Certo, larrivo in massa di bambini, donne, uomini, anziani dallAfrica e
dal Medio Oriente sulle coste europee costituisce un problema difficile
da gestire, che presenta un conto economico non indifferente e,
soprattutto, solleva leciti timori tra i residenti dei Paesi ospitanti.
Ma nel retrobottega il problema un altro: chi e secondo quali regole
decide come rispondere a questa emergenza strutturale? Con quali

In un mondo globale, con sfide che passano sopra i confini nazionali e vanno oltre i poteri degli
Stati, non sarebbe utile attrezzarsi con una governance su pi livelli, rispettosa del criterio di
sussidiariet e al contempo capace di guidare i cambiamenti epocali in atto?
Il mondo si trasforma, nuove frontiere geopolitiche, economiche e sociali avanzano: cambier
anche la politica? E cambier il rapporto tra cittadini e democrazia politica?

Dalleditoriale di domenica scorsa


Il direttore di Avvenire scrive:
Lazzardo Nazionale deve finire
enticinque giorni di azzurro vergogna non sono
bastati al signore della Federcalcio e alla sua corte, ai
grandi capi dello Sport italiano e ai nostri governanti
per dire una parola sensata e risolutiva che ponesse
fine alla indecente sponsorizzazione delle nazionali di calcio
da parte di uno dei big di Azzardopoli.
I soldi sono soldi, ha risposto in sostanza Carlo Tavecchio,
dominus della Federazione pallonara, chiudendosi subito
dopo nel "catenaccio" di un silenzio tattico, rotto solo un
paio di giorni fa per vantare la legalit dellintesa voluta e
realizzata con una multinazionale delle scommesse e delle
slot machine, che lega pubblicitariamente e sul piano
socio-educativo il calcio, il gioco pi amato dagli italiani
nella sua massima espressione, al non-gioco per eccellenza,
lazzardo. Un accordo insensato che collega una delle pi
importanti fabbriche dei sogni e di passioni sportive
pulite, a una fabbrica del niente che produce e diffonde
povert, usura, disagio, illusioni distruttive e dipendenza
patologica. Un patto scellerato che piccona lidea che la
conquista di un successo avvenga attraverso impegno
personale, collaborazione di squadra, pazienza, merito,
lealt e generosit. Basta un colpo di fortuna. E ormai si
intima: prendetevi il rischio, "vincete" costi quel che costi.
Ma la vita non cos, il gioco umano non cos, e neanche il
vero sport. E se si riducono a questo un disastro per tutti.
Queste cose Tavecchio le sa, e le sanno i suoi consiglieri. Le
conoscono bene anche al Coni. E non possono ignorarlo a
Palazzo Chigi e nelle altre stanze di governo. Il nostro lavoro
giornalistico di queste settimane ha fatto da pro-memoria.
Utile grazie alle tante voci serie e forti che si sono levate da
uomini e donne dello sport nazionale, dalla societ civile, da
sindaci, amministratori regionali e parlamentari di ogni
orientamento. E rafforzato dallattenzione di altre testate e
di colleghi consapevoli, quanto noi, della ferita aperta dallo
sponsor sbagliato e vietato ai minori imposto alle
nazionali azzurre e, come noi, per nulla rassegnati
allopacit e alla dannosit di certe derive e di operazioni
condotte sulla pelle della gente.
Altri addetti ai lavori invece si barcamenano, allineati al

La fotografia
Questo viaggio
importante perch
un
viaggio
ecclesiale, molto
ecclesiale nel campo
dellecumenismo. Il
vostro lavoro aiuter
tanto a capire,
affinch la gente lo
capisca bene. Cos
papa Francesco
salutando
i
giornalisti durante il
volo che da Roma
Fiumicino lo ha condotto a Malmo, in Svezia, per il suo 17esimo viaggio
apostolico, in occasione della commemorazione comune luteranocattolica della Riforma (foto LOsservatore Romano/Sir)
primo pensiero articolato imprudentemente, ma questa non una novit,
dal presidente della Figc: i soldi che arrivano, comunque arrivino e purch
siano conditi da qualche parola moraleggiante doccasione, sono sempre
benvenuti. Anche quando sono il coperchio di una diversa distruzione di
ricchezza materiale e morale. Purtroppo non pochi politici di peso, con
ruolo proprio e leve giuste nella mani, che abbiamo interpellato e incalzato
hanno fatto lo stesso. Si sono nascosti, centellinando o negando parole
limpide e chiare. Una scommessa, a perdere, sulla distrazione dei cittadini e
sullincostanza del circo mediatico. Ma se la politica non capace di
indicare la buona direzione e di correggere quanto meno le storture pi
palesi come ci si pu meravigliare del disamore e della sfiducia dei cittadini?
Il messaggio che passato nei venticinque lunghi giorni dellancora non
riparato azzurro vergogna invece assolutamente negativo. Pesante,
deludente, ingiustificabile. Ma perch? In nome di che cosa? E fino a
quando?
Una data limite c. Il 15 novembre. Alla sera di quel giorno, allo stadio
Meazza di Milano, si giocher Italia-Germania. Gli sponsor della nostra
amatissima nazionale maggiore vorranno esserci tutti, e pesare. E
occhieggiare: a bordo campo, negli spogliatoi, davanti alle telecamere, in
ogni modo possibile. I signori delle scommesse e delle macchine
succhiasoldi come gli altri, e anche di pi. Il tempo per riparare al patto
scellerato stringe. Lazzardo nazionale deve finire. Non coprite di altra
vergogna lazzurro, non fateci vergognare (e indignare) di pi.
Marco Tarquinio

criteri gli Stati membri dellUe


intendono regolare i flussi in arrivo?
Oppure si pensa di respingere i
migranti con la forza, come qualche
leader nazionalista lascia intendere? E
ancora: possibile che in sede Ue la
stracitata solidariet che ciascuno
invoca solo pro domo sua e quando c
da attingere ai golosi fondi strutturali
acquisti forma anche sul fronte
migratorio?
Tante domande che, in fin dei conti,
possono confluire in un unico
interrogativo: in un mondo globale, con
sfide che passano sopra i confini
nazionali e vanno oltre i poteri degli
Stati, non sarebbe utile attrezzarsi con
una governance su pi livelli, rispettosa
del criterio di sussidiariet e al
contempo capace di guidare i
cambiamenti epocali in atto?
Ci vale per il nodo-migrazioni, ma
ugualmente potrebbe riguardare la
risposta alla situazione di guerra in Siria
o allinstabilit politica della Libia (due
Paesi che, non a caso, sono allorigine di
vasti flussi migratori verso lEuropa).
Vale pure per la politica economica (il
miniparlamento regionale della
Vallonia sta bloccando laccordo
commerciale Ue-Canada negoziato in
sette anni),
per la politica energetica, la difesa
dellambiente, la tutela della salute dei
cittadini, la ricerca scientifica, la
cooperazione internazionale
talmente evidente che ogni azione, o
inazione, a livello statale ha ricadute sui
vicini, che abbiamo imparato a
preoccuparci per il Brexit, a seguire le
trattative per il governo spagnolo e gli
esiti delle votazioni in Svizzera, a
chiederci se Marine Le Pen potr essere
il prossimo Presidente della Repubblica
francese, a domandarci se Turchia e
Russia siano vicini di casa da temere o
meno.
Tremiamo al pensiero che la Grecia
possa andare in default causando
pesanti ricadute sullintera Eurozona (e
quindi sulle nostre tasche). Inquietano
le sensibili opinioni pubbliche lIsis, il
terrorismo internazionale o gli eserciti
del male, come Boko Haram. Gridiamo
allo scandalo se qualcuno adombra
(magari solo per motivi elettorali) una
possibile invasione di idraulici
polacchi concorrenti rispetto al posto
di lavoro dei nostri figli.
Siamo talmente interdipendenti, anche
oltre gli spazi continentali, che il
presidente statunitense Obama si
interessa del referendum costituzionale
in Italia o delle dotazioni militari delle
repubbliche baltiche.
Il mondo si trasforma, nuove frontiere
geopolitiche, economiche e sociali
avanzano: cambier anche la politica? E
cambier il rapporto tra cittadini e
democrazia politica?
Gianni Borsa

Gioved 3 novembre 2016/

orniamo in argomento
giovani fuori dallItalia.
Purtroppo, vogliamo
aggiungere. S, perch
da tempo ormai siamo
costretti ad assistere
impotenti alla migrazione di
migliaia di ragazzi italiani che
per trovare lavoro sono
costretti ad andare in altri
Paesi. Nel Belpaese pare di
vivere uno strano paradosso:
formiamo le nuove
generazioni.

Primo piano

| Giovani laureati allestero. La storia di due cesenati


Le facciamo studiare fino alla
laurea e poi, di solito i migliori
o quasi, se ne fuggono oltre
confine perch in patria non
trovano occasioni per mettere
a frutto quanto studiato e
sudato sui libri di scuola.
Un assurdo di fronte al quale
pare vi sia anche troppa
indifferenza.

Che senso ha investire sui


nostri ragazzi per poi
lasciarseli sfuggire?
In questo Primo piano
raccontiamo le storie di due
cesenati usciti dalla stessa
classe del liceo scientifico
"Righi" di Cesena, la V Cf,
diplomatisi nel 2010.
Da un lato lingegnere Simone

Bianconi, dopo diverse


esperienze allestero e il
Collegio superiore di Bologna,
ora si trova a Chicago per un
dottorato di ricerca della
durata di cinque anni.
Dallaltro larchitetto Gloria
Lisi che dopo alcuni mesi
trascorsi a Berlino subito
dopo la laurea conseguita a

Cesena, si fermata nella


capitale tedesca per lavorare
nello studio con professionisti
di cui aveva letto sui testi
universitari.
Due storie diverse, due
esperienze lavorative intense,
con un denominatore
comune: il desiderio di
rientrare in Italia appena
possibile, anche se il futuro
pi immediato sembra
proprio dedicato, con
convinzione, allestero.

La storia del cesenate Simone Bianconi. Una laurea in Ingegneria energetica a Bologna e la passione
per la Meccanica quantistica lo hanno portato, dopo diverse esperienze allestero, a un dottorato a Chicago
Nello stesso corridoio studia e fa ricerca il premio Nobel 2016 per la chimica, il britannico Fraser Stoddart

Quandolavorarebello...inAmerica
I

l cesenate Simone Bianconi (nella


foto), classe 1991, ha una laurea
magistrale, con lode, in ingegneria
energetica conseguita a Bologna. Dopo
un paio di esperienze allestero (Svezia
e Stati Uniti) durante il corso di studi,
ora si trova negli Usa dove ha da poco
iniziato un dottorato della durata di
cinque anni. A Chicago, dove c una
delle migliori universit al mondo e
dove nello stesso corridoio in cui lavora
Simone studia e fa ricerca il professor
Fraser Stoddart, recentissimo premio
Nobel per la Chimica, Bianconi si
occupa di "Solid state physics and
photonics". In pratica, dice Simone, mi
interesso di "assemblare strutture di
dimensioni nanometriche (qualche
migliaio di atomi per volta) per
applicazioni che vanno dallelettronica
allottica e alle telecomunicazioni.
Quello che mi fa ridere che mi occupo
della stessa cosa su cui ho fatto la mia
tesina di maturit, la Meccanica
quantistica: allora ne avevo
approfondito le conseguenze
epistomiologiche e mi ricordo di avere
pensato che fosse una disciplina
assurda. Oggi risolvo quelle stesse
equazioni per progettare oggetti reali
che permettono di fare cose incredibili.
Un esempio di applicazione di quello su
cui sto lavorando ora (anche se sono
solo allinizio) sono telecamere 3D per
automobili a guida automatica e per
lattracco di navi alla stazione
astronomica in orbita, oppure uno
scanner tomografico 3D che permette
di vedere "attraverso la pelle" senza
intervento chirurgico e senza radiazioni
dannose".
Come iniziato il tuo percorso di studi?
Dopo il diploma al Liceo Scientifico
"Righi" di Cesena nel 2010 (voto
100/100, ndr), sono stato ammesso al
Collegio Superiore dellUniversit di
Bologna. Il Collegio la scuola di
eccellenza dellUniversit di Bologna,
come ce ne sono tante altre in tutta
Italia (la Normale e il SantAnna di Pisa
sono due di queste), che hanno come
fine quello di promuovere e sostenere la
crescita accademica e culturale degli
studenti pi meritevoli. Il miglior modo
per tentare lammissione in queste
scuole (e che consiglio caldamente a
tutti i giovani interessati) quello di fare
domanda a diverse di queste, per
aumentare le possibilit di essere

orientato alla sintesi di nanomateriali con


tecnologia al plasma, su cui ho continuato a
lavorare anche nei 7 mesi dopo la laurea, con
un assegno di ricerca presso lUniversit di
Bologna.
Come sei finito negli States?
una questione lunga, oltre che spinosa. Mi
era stata proposta una validissima alternativa
in Italia, per svolgere il dottorato a Bologna nel
gruppo in cui avevo gi lavorato. Alla fine a
guidare la mia scelta di partire non sono state
tanto la motivazione economica o la carriera,
ma piuttosto la possibilit di fare ricerca in una
maniera diversa. In primo luogo perch il mio
campo di ricerca cos specializzato e costoso
che solo poche istituzioni al mondo
possiedono i macchinari, le tecnologie e il
know-how per lavorarci in maniera consistente
ed efficace: lAmerica in questo senso offre
risorse e tecnologie che noi non abbiamo. Ma
ancora di pi per la metodologia e la seriet
con cui si fa ricerca. Il ricercatore qui
valorizzato molto di pi che in Italia: gli viene
garantito spazio per imparare (io ad esempio
continuer a seguire corsi per tutti e 5 gli anni)
e per crescere, con la libert di sviluppare il
proprio pensiero e la propria carriera.
ammesso in almeno una scuola. Io ho
scoperto il Collegio un po per caso. Non
sapevo di che cosa si trattasse. Sono
finito a fare il test di ingresso pi che
altro per accompagnare un amico. La
fortuna ha voluto che arrivassi fra i
primi nella selezione. Il Collegio mi ha
dato ben pi del sostegno economico
che garantisce (esonero dalle tasse,
alloggio e mini-stipendio da studente).
Mi ha introdotto in un ambiente di
persone geniali e ambiziose che
concepiscono la cultura, la scienza e la
tecnica in una maniera differente da
quella cui ero abituato. Persone
consapevoli delle loro potenzialit e del
ruolo che possono giocare.
Un modello simile a quello americano?
E questo aspetto che rende le
universit americane le migliori al
mondo: la loro peculiarit di essere
riusciti a creare un ambiente
"privilegiato", una comunit di persone
che valorizzano il proprio lavoro e la
propria ambizione, che considerano lo
studiare pi gratificante dellandare al
cinema, il leggere di una nuova scoperta
pi interessante di una bevuta al bar. In
un ambiente simile una "giovane
mente" pu crescere coltivando la
propria passione e motivazione, con la

consapevolezza di essere parte di una


comunit che valorizza tutto ci.
Come hanno inciso su di te le due
esperienze allestero durante gli anni
universitari?
Lesperienza in due eccellenti universit
mi ha permesso di aprirmi al mondo,
non solo in senso culturale, ma anche in
senso accademico, in quanto sono
entrato in contatto con una nuova
branca della Scienza (che qui potrei
definire come Nanotecnologie),
scoprendo che questa mi affascinava
ancora di pi di tutto ci che avevo
studiato in precedenza.
Fortunatamente la natura
interdisciplinare del Collegio e del mio
corso di laurea (Ingegneria Energetica
spazia dalle tecnologie industriali per la
produzione di energia, alle rinnovabili e
alla fisica nucleare) mi hanno permesso
facilmente di avvicinarmi gradualmente
a questo ambito di ricerca. Tutto ci mi
ha portato durante il mio anno in Usa a
collaborare con un professore su alcuni
progetti di ricerca relativi allo sviluppo
di nanomateriali innovativi per
applicazioni nel campo del fotovoltaico
e della fusione nucleare. Tornato in
Italia ho svolto la tesi magistrale a
Bologna su un progetto simile,

Raccontaci del contatto con la realt


americana, appena arrivato oltre oceano.
Il primo impatto stato difficile, molto difficile.
Non solo perch appena arrivato ho dovuto
dormire sul pavimento e ammobiliare da capo
una casa vuota senza alcun mezzo di trasporto.
In realt trasferendosi in America per la
seconda volta non c pi il sapore di novit
che rende tutto speciale. Subentra la
consapevolezza di trovare una societ diversa,
con molti problemi, in cui difficile sentirsi
inclusi. Allinizio mi sono trovato spesso a
pensare "che cosa ci faccio qua", "voglio
davvero passare qua i prossimi 5 anni della mia
vita lontano da casa, dalla mia famiglia e dagli
amici?". Poi per, non appena ho cominciato a
lavorare e a inserirmi in universit, tutto
diventato pi chiaro e semplice. Cos ho
riacquistato la consapevolezza di essere qua
per inseguire i miei sogni, in uno dei posti
migliori al mondo per farlo. Avverto anche
chiaramente il senso di gratitudine per questa
opportunit straordinaria.
Come vedi il tuo avvenire?
Sono qui per imparare e per crescere tanto, in
ambito accademico ma anche dal punto di
vista umano. E anche per capire che voglio fare
della mia vita. Una cosa sicura: vorrei tornare
in Italia. Comunque adesso non posso sapere
quali altre sorprese mi riserver il futuro.

Primo Piano

Gioved 3 novembre 2016

Gloria Lisi, laureata


in Architettura,
si trasferita a Berlino
dove lavora al progetto
di restauro
della Beethovenhalle
di Bonn

LItalia mi manca
tantissimo. Spesso provo
a cercarla qua. La cosa
che mi manca di pi
la bellezza in cui siamo
abituati a vivere
e che uno
si porta dentro

A Berlino
per progettare
il proprio
futuro
loria Lisi (nella foto) una
ragazza di Montiano nata nel
1991. Dopo la maturit
scientifica al "Righi" di Cesena, si
iscritta alla facolt di Architettura
delluniversit di Bologna,
frequentata nella sede cesenate. Ora
si trova in Germania, a Berlino,
grazie a un contratto di lavoro che le
ha permesso di prolungare
lesperienza vissuta con il
programma Erasmus plus che
sostiene studenti e neo laureati che
vogliono provare a confrontarsi con
una realt diversa da quella della
loro nazione dorigine.

Gloria, come nata lidea di fare


larchitetto?
Grazie alla passione trasmessa dalla
professoressa di storia dellarte
Mirna Montanari, mi sono
avvicinata allarchitettura in maniera
un po inconsapevole, senza sapere
quale sarebbe stato il mestiere che

mi aspettava. La
fortuna mi ha aiutato
e sono riuscita a
entrare alla scuola di
architettura di
Cesena. Da quel
momento sono
trascorsi in un baleno
cinque anni di studio e lavoro molto
intensi. A marzo scorso mi sono
laureata (con lode, ndr) con una tesi
in Composizione architettonica e
urbana e dopo 15 giorni, ancora in
balia dei festeggiamenti, sono partita
per Berlino.
Come maturata la scelta di andare
allestero?
Berlino una capitale viva, ancora
pervasa dallo spirito di
cambiamento che forse difficile
trovare nelle altre capitali europee.
In me le attese erano tante e la citt
ha saputo darmi ancora di pi: avevo
voglia di provare a immergermi in un
ambiente diverso da quello familiare
e sicuro di Cesena, cercando di
aprire i miei orizzonti non solo dal
punto di vista lavorativo, ma anche
da quello personale.
Cosa si trova in Germania che non
c anche in Italia?

tecnologia ci tiene tutti in contatto. Anche


i nonni si sono armati di tablet con i nipoti
sparsi per il mondo. Lopportunit era
troppo grande e non potevo lasciarmela
scappare, visto che durante luniversit ho
studiato i progetti degli architetti per cui
sto lavorando in questo momento.
Qui ho trovato una citt vestita solo
del suo ottimismo. Berlino ancora
spoglia dai pregiudizi. un
belvedere che si affaccia sul
panorama "mondo". Niente che non
ci sia gi in Italia, ma lo spirito ad
essere diverso. Qui si
continuamente stimolati a fare
qualcosa di nuovo, a cercare, a
scoprire.
Come si prende la decisione di
partire, di lasciare tutto, famiglia,
amici, territorio?
La prima decisione di partire lho
presa molto a cuor leggero, poich
sapevo che sarei tornata dopo
quattro mesi. Poi invece, un po
seriamente e un po per gioco, ho
provato a cercare un altro tirocinio e
la fortuna mi ha aiutato
nuovamente: a luglio sono stata
contattata da Nieto Sobejano
Arquitectos, uno Studio di
architettura spagnolo con una sede
anche a Berlino. Mi hanno offerto un
contratto di sei mesi. In quel
momento la decisione stata un po
pi complessa, perch non sapevo, e
tuttora non so, per quanto tempo
rimarr qui. Stare lontano da casa e
soprattutto dalle persone che amo
la cosa pi difficile. Per fortuna la

Di cosa ti occupi esattamente?


Lo studio in cui lavoro abbastanza
grande ed suddiviso in team di progetto.
Io sono stata molto fortunata e mi hanno
assegnato a una squadra che esegue il
progetto di restauro della Beethovenhalle
di Bonn, in Germania, e lavoro nella
progettazione a una scala di dettaglio che
mai avevo affrontato durante le precedenti
esperienze lavorative. Ogni giorno scopro
quanto ancora devo imparare e mi
innamoro sempre di pi del mestiere che
ho scelto.
Ti manca laria di casa?
LItalia mi manca tantissimo. Spesso provo
a cercarla qua dicendomi: questa
situazione cos italiana, oppure
questatteggiamento cos italiano. Ma la
cosa che manca di pi la bellezza in cui
siamo abituati a vivere (standard troppo
alti per noi italiani!). Sembra banale, ma i
nostri campi, le nostre colline, i mattoni
che uno sopra allaltro fanno i nostri centri
storici, il mare in autunno, costituiscono la
bellezza che ti porti dietro. E quando pensi
allItalia e chiudi gli occhi riesci a vedere
tutto perfettamente.
Come immagini il prossimo futuro?
Cerco di non pormi troppe domande.
Spero di poter continuare ad avere
lopportunit di imparare e di fare il mio
mestiere.

Sono i giovani dai 18 ai 34 anni a emigrare delusi da unItalia che offre poche speranze lavorative

Giovani italiani nel mondo, un trend sempre in crescita


S

ono 107.529 gli italiani emigrati allestero nel 2015: continua il trend in
aumento, con 6.232 partenze in pi. Il
69,2% (quasi 75mila italiani) si trasferito in
altri Paesi europei. In totale al 1 gennaio
2016 sono 4.811.163 gli italiani iscritti allAire (Anagrafe italiani residenti allestero), il
7,9% della popolazione complessiva
(60.665.551), con una crescita del 3,7% rispetto allo scorso anno. Nellarco di dieci anni (2006-2016), la mobilit degli italiani aumentata del 54,9% (erano 3 milioni nel 2006).
Negli ultimi 11 anni le variazioni pi significative hanno riguardato la Spagna (+155,2%)
il Brasile (+151,2%). Sono soprattutto i giovani "millennials" dai 18 ai 34 anni a emigrare,
freschi di studi e molto specializzati, delusi
da una Italia che offre loro poche speranze
lavorative. Pur concependo la mobilit come
un percorso non determinato a priori, che

cambia a seconda delle opportunit incontrate allestero, per loro la scelta non tanto
"se partire" quanto piuttosto "se restare".
Dove sono e chi sono oggi gli emigrati italiani? Oltre la met (2.588.764, 53,8%) vive in
Europa, seguita dallAmerica Latina
(1.564.895), dallAmerica del Nord (386.399),
dallOceania (146.316), dallAfrica (63.870) e
dallAsia (60.919). Gli aumenti pi consistenti sono in Argentina (+28.982), Brasile
(+20.427), Regno Unito (+18.706), Germania
(+18.674), Svizzera (+14.496). La met sono
di origine meridionale, anche se le percentuali pi alte a livello regionale vedono la
Lombardia (+6,5%), la Valle dAosta (+6,3%),
lEmilia Romagna (+6%) e il Veneto (+5,7%) ai
primi posti.
Roma la provincia con pi italiani allestero, ma le altre citt in pole position sono tutte del Sud (Cosenza, Agrigento, Salerno, Na-

poli). Tre piccoli comuni siciliani (Licata, Palma di Montechiaro e Favara) hanno incidenze elevatissime di residenti allestero, tra 10 e
15 mila ciascuno.
Gli italiani, giovani e meno giovani, guardano
sempre pi allestero per soddisfare i propri
desideri lavorativi, in particolare in Europa. Il
60,2% dei 107.529 andati allestero nel 2015
sono single. Gli uomini sono la maggioranza
(60.372). Il 36,7% sono nella fascia det tra i
18 e i 34 anni. I nuovi emigranti partono soprattutto da Lombardia (20.088), Veneto
(10.374), Sicilia (9.823), Lazio (8.436). Nel
2013 c stata una diminuzione delle partenze degli studenti Erasmus a causa della crisi:
molte famiglie non avevano risorse da investire per gli studi dei figli. I "millennials" sono "la generazione pi penalizzata dal punto di vista delle possibilit lavorative" e vedono lemigrazione "non tanto come una fu-

ga quanto piuttosto come un mezzo per


soddisfare ambizioni e nutrire curiosit:
la loro mobilit oggi in itinere e pu modificarsi continuamente, perch non si
basa su un progetto migratorio gi determinato, ma su continue e sempre nuove
opportunit incontrate".
Patrizia Caiffa

Vita della Diocesi

Gioved 3 novembre 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Visita pastorale, il vescovo nella Zona del mare


Sabato 5 novembre alle 17
Messa a Boschetto di Cesenatico con monsignor Regattieri
Il vescovo Douglas presieder la Messa di sabato 5 novembre
alle 17 a Boschetto di Cesenatico, in apertura della Visita che
vedr interessate le parrocchie della Zona pastorale del Mare.
Prima tappa a Gatteo (dal 6 al 13 novembre), per poi
proseguire nella parrocchia SantAngelo in Salute, dal 13 al 20
novembre. Entrambe le parrocchie sono rette da don Marco
Muratori, leconomo diocesano.

Giornata della stampa cattolica

Un giorno staremo faccia a faccia con Lui, come gli angeli


Domenica 6 novembre (Anno C)
32 domenica Tempo Ordinario
2Mac 7,1-2.9-14; Sal 16; 2Ts 2,16-3,5;
Lc 20,27.34-38

Domenica 6 novembre nelle parrocchie


diffusione straordinaria di Avvenire e del Corriere Cesenate
Domenica 6 novembre la Diocesi di Cesena-Sarsina celebra la
Giornata della stampa cattolica. In quella giornata il quotidiano
Avvenire pubblicher una pagina dedicata alla vita della nostra
Diocesi e varie copie saranno a disposizione nelle chiese
parrocchiali. Anche il Corriere Cesenate avr una tiratura
straordinaria e sar disponibile nelle parrocchie.

Giubileo della Misericordia


Celebrazione di chiusura
Domenica 13 novembre alle 18
in Cattedrale a Cesena
Domenica 13 novembre alle 18, in
Cattedrale a Cesena, il vescovo Douglas
presieder la celebrazione eucaristica
per la chiusura del Giubileo
straordinario della Misericordia.
Si concluderanno le celebrazioni
dellanno santo della misericordia
anche nelle altre chiese giubilari della
Diocesi. I delegati del vescovo
presideranno i riti di chiusura del
Giubileo nelle Messe celebrate
domenica 13 novembre.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE

e letture della XXXII domenica del tempo


ordinario ci richiamano alla speranza che la
fede ci d nella vita ultraterrena: la risurrezione
dei morti. molto significativo che questo avvenga
proprio al termine dellanno liturgico, nel periodo
destinato al suffragio dei defunti. , infatti, diverso
pensare alla morte come la fine di tutto dal pensarla
come una trasformazione, un passaggio, poich
negare la vita nellaldil toglie anche valore e dignit
alla stessa vita umana.
Papa Benedetto nellEnciclica Spe salvi aveva
affermato che solo quando il futuro realt
positiva, diventa vivibile anche il presente Chi ha
speranza vive diversamente, gli donata una vita
nuova (n. 2). Proprio su questo tema il testo del
Vangelo ci presenta un dialogo fra Ges e alcuni
sadducei che negavano la risurrezione e non
avevano nessuna speranza ultraterrena. La
questione che viene posta al Signore per metterlo in
imbarazzo e rendere ridicola la fede nella
risurrezione paradossale. Riguarda il caso di una
donna che, per una legge ebraica, aveva dovuto
sposare successivamente sette fratelli, tutti morti
senza avere avuto figli. Ges risponde con due
considerazioni. Innanzitutto chiarisce che la vita
eterna non ha le stesse caratteristiche di quella
terrena, non un prolungamento dellesistenza
presente. La natura del matrimonio e la sessualit
sono legate allesistenza terrena, ma nella vita
eterna non ci sar pi il matrimonio. Saremo in uno

stato diverso, dice Ges, simile agli angeli


che in senso biblico hanno la potenza di
Dio e stanno faccia a faccia con Lui. La
seconda considerazione ci invita a saldare
la nostra speranza di una vita futura a Dio
che il Dio dei viventi non dei morti, come
indicato a Mos nellepisodio del roveto
ardente. Chi si lega a Dio sempre in una
condizione di vita. I figli di Dio sono anche
figli della risurrezione, cio destinati a
risorgere. Essere cristiani vuol dire essere
di Cristo, essere inseriti in modo vitale in
lui e diventare partecipi dello stesso
destino, come Lui ci ha promesso. Il Dio di
Abramo, di Isacco e di Giacobbe quindi
anche il Dio con il mio nome. Ges
capovolge allora la logica dei sadducei.
Papa Francesco ha ripreso questo
nellAngelus del 10 novembre 2013
affermando che il nostro pellegrinaggio va
dalla morte alla vita: la vita piena! [].
Quindi la morte sta dietro, alle spalle, non
davanti a noi. Davanti a noi sta il Dio dei
viventi, il Dio dellalleanza, il Dio che porta
il mio nome, il nostro nome. E sempre il
Santo Padre ci ha ricordato che non
questa vita a fare da riferimento alleternit
che ci aspetta, ma leternit a illuminare
e dare speranza alla vita terrena di
ciascuno di noi. Tuttavia su questa terra,
attraverso la preghiera, i Sacramenti, la
Chiesa, noi incontriamo Ges e il suo
amore, e cos possiamo gi anticipare
qualcosa della vita eterna.
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 7
novembre
santErnesto
Tt 1,1-9; Sal 23;
Lc 17,1-6
marted 8
san Goffredo
Tt 2,1-8.11-14;
Sal 36; Lc 17,7-10
mercoled 9
dedicazione Basilica
Lateranense
Ez 47,1-2.8-9.12;
Sal 45; 1Cor 3,9c11.16-17
gioved 10
san Leone Magno
Fm 7-20; Sal 145;
Lc 17,20-25
venerd 11
san Martino
di Tours
2Gv 1a.3-9; Sal 118;
Lc 17,26-37
sabato 12
san Giosafat
3Gv 5-8; sal 111;
Lc 18,1-8

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, Osservanza,
San Rocco, SantEgidio
18.30 San Pietro, San Bartolo,
Santa Maria della
Speranza, Cappuccini
20.00 Ponte Pietra,
Gattolino, Tipano
20.30 San Giovanni Bono,
San Pio X

Sabato
e vigilie
15.00 Formignano,
Cappella cimitero Cesena
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Case Finali, Cappuccini,
Capp. ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano, San Paolo,
San Rocco, Osservanza,
Villachiaviche,
Madonna delle Rose,
San Mauro in Valle,
Diegaro, Borello,
Torre del Moro,
San Giorgio, San Vittore
18.30 San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
Bulgarn
19.30 Tipano
20.00 Ruffio, Calisese,
Pioppa, Pievesestina,
Ponte Pietra, San Pio X,
San Giovanni Bono,
Ronta, Bulgaria
20.30 Gattolino

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
Calisese, Torre del Moro,
Gattolino,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo, Roversano
8.45 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
San Martino in Fiume
9.00 Chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, SantEgidio,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
San Vittore, San Carlo,
Ruffio, Bulgaria
9.30 Cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, San Pietro,
Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,
Osservanza,
San Domenico
Santo Stefano,
San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,

11.10
11.15
11.30

15.00
17.00
18.00
18.30
19.00

Gattolino, San Giorgio,


Madonna del Fuoco,
San Mauro in Valle,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Pietro,
Istituto Lugaresi,
San Rocco, Case Finali,
Santa Maria della
Speranza, San Pio X
Cappella del cimitero
Cappella ospedale Bufalini
Cattedrale,
San Domenico, Osservanza
Convento Cappuccini,
San Pietro, SantEgidio
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)
Cesenatico
Sabato: 16,30 Boschetto,
San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti;
18 San Giacomo;
18,30 Valverde,
20 Sala;
20,30 Santa Maria Goretti

Festivi:7,30 Bagnarola;
8 Santa Maria Goretti, San
Giacomo;
8,30 Sala, Boschetto;
9 Cappuccini,
San Giuseppe;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 17.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo Mare: Sabato 16;
Festivi 8 / 10 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno;
11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30

Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe),
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30
Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /

11 / 18; Casa di Riposo:


ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15;
Balze (chiesa parr): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Alfero: 17 (sab.); 11,15;
Pereto: 10;
Riofreddo: 10;
Corneto: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 39 del 27 ottobre 2016: 7.948 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 15 di luned 31 ottobre 2016

Vita della Diocesi

TERREMOTO,raccolti 85mila euro nelle chiese,


da gruppi e privati

Quando la solidariet
diventa gesto concreto

uando la carit si fa concreta. Cos si potrebbe


dire della raccolta avvenuta in tutte le chiese
della diocesi domenica 18 settembre. Purtroppo
non si fatto in tempo a concludere la raccolta
per gli abitanti delle zone terremotate colpite dal sisma
del 24 agosto nel centro dellItalia, che mercoled 26 e
domenica 30 ottobre due nuove fortissime scosse hanno
distrutto numerosi altri paesi compresi tra Marche e
Umbria, soprattutto nella zona attorno a Norcia (Perugia).
Ci comunque nulla toglie alla generosit dimostrata da
quanti hanno voluto fare sentire la propria vicinanza
attraverso unofferta portata in chiesa. La cifra raggiunta
di oltre 85mila euro, rispetto a quanto di consueto si
raccoglie in domeniche simili (si sta di solito tra i 20 e i 30
mila euro) dice di una sensibilit molto forte e di una
vicinanza che non si esprime solo a parole.
Di seguito pubblichiamo lelenco degli offerenti, tra
parrocchie, chiese e privati cittadini.
Parrocchia di Alfero-Riofreddo 450 euro; Ardiano 300
euro; Bacciolino 100,00 euro; Badia 465 euro; Bagnarola
445 euro; Bagno di Romagna 520 euro; di Balze 58 euro;
Borello 1.683 euro; Budrio 1.100 euro; Bulgaria 1.750 euro;
Bulgarn 369,60 euro; Calabrina 665 euro; Calisese-Casale
1.000 euro; Capannaguzzo 372,96 euro; Crocetta 50 euro;
Gatteo 300 euro; Gattolino 1.580 euro; Giaggiolo 170 euro;
Gualdo-M.Codruzzo 150 euro; Longiano e Balignano 450
euro; Macerone 600 euro; Madonna del Fuoco 950,00

euro; Madonna delle Rose


1.150,62 euro; Montecastello
547,25 euro; Montecoronaro
60 euro; Montiano 205,00
euro; Montilgallo 50 euro;
Osservanza 880 euro; Piavola
210 euro; Pieve di Rivoschio
146,27 euro; Pievesestina 615
euro; Pioppa 571 euro; Ponte
Pietra 755 euro; Quarto 378 euro; Rontagnano-SerraTornano 122,60 euro; SantAndrea in Bagnolo 100 euro;
SantAngelo 300 euro; SanBartolo 850 euro; San Carlo
1.285 euro; San Cristoforo 90 euro; San Domenico 2.000
euro; SantEgidio 2.500 euro; San Giacomo 4.370 euro;
San Giorgio-Bagnile 500 euro; San Giovanni Battista 5.000
euro; San Lorenzo in Scanno 75 euro; Santa Maria Goretti
1.150 euro; Santa Maria Madre della Chiesa (Boschetto)
400 euro; San Mauro in Valle 1.000 euro; San Paolo
1.820,18 euro; San Piero in Bagno 960,00 euro; San Pietro
4.739,49 euro; San Pio X 750 euro; San Rocco 2.000 euro;
San Romano 130,04 euro; Santo Stefano 1.600 euro; San
Vittore 700 euro; Sala 1.527,44 euro; SelvapianaAcquapartita 726,99 euro; Tipano 300,00 euro; Verghereto
205 euro; Villachiaviche 1.814,22 euro; Villalta 211 euro;
Basilica Santa Maria del Monte 1.000 euro; Santuario
dellAddolorata 360 euro; Santuario del Suffragio 1.000
euro; Santuario del Santissimo Crocifisso 1.165,00;
Santuario della Consolata 1.300 euro; chiesa

Gioved 3 novembre 2016

FOTO AFP/SIR

dellOspedale 2.300
euro; chiesa del
Cimitero Cesena
250 euro; chiesa
Monache
Benedettine 400
euro; chiesa
Monastero
Cappuccine 200
euro; chiesa
Concattedrale di
Sarsina 2.721,08
euro; Unit
parrocchiale
Mercatese 1.960,20
euro;
Commissione
Dialogo
Ecumenico 120
euro; Convento
Cappuccini 1.000
euro; Boschi
Marino 100 euro;
Diacono don Pier Giulio 150; Beltrami Don Giovanni
1.000 euro; Torres Vincenzo 500 euro; Regattieri
monsignor Douglas 500 euro; Bianchi Clara 50 euro;
Ronchi Anna 291 euro.
TOTALE 72.600,84 euro.
Panzavolta Canzio 200 euro; Amici della musica A.B 500
euro; Saragoni Paola (Funerale Mamma) 550; Campo
Emmaus 2500 euro; Casa per Anziani Maria Fantini 47
euro; parrocchia di Gatteo 4.420 euro; Fondazione Opera
don Baronio 515 euro; parrocchia Santa Maria della
Speranza 580,03; parrocchia Osservanza 300 euro; Pasini
Valter 50 euro; Mingolla Maria 40 euro; Raccolta giornata
convegno Caritas Cesenatico 179 euro; Vasini in Giannotti
Giovanna 100 euro; Del Bene Mercede 100 euro; Salomini
Carlo 50 euro; parrocchia San Luigi Gonzaga 700 euro;
Severi Ivana 50 euro; Parrocchia di Gambettola 1400 euro;
Fondazione Opera don Baronio 40 euro.
TOTALE 12.321,13.

Domenica 6 novembre in seminario a Cesena il 29esimo Convegno della famiglia

Non dobbiamo
avere paura
della tenerezza
I

n famiglia, la tenerezza il
legame che unisce gli sposi e i
genitori tra loro e con i figli.
Tenerezza vuol dire dare con gioia e
suscitare nellaltro la gioia di sentirsi
amato. La tenerezza si esprime in
particolare nel volgersi con
attenzione squisita ai limiti
dellaltro La tenerezza nei rapporti
familiari la virt quotidiana che
aiuta a superare i conflitti interiori e
relazionali. (R.S. 88)
La prima forma di fecondit nuziale
Far abitare Dio nel cuore della
tenerezza di coppia, amandosi in Lui
e rinnovandosi ogni giorno nel suo
amore. Fin dal momento in cui ci
siamo sposati non siamo soli, siamo
gi in tre: Dio che ci ha condotti a
incontrarci e ci consegna luno
allaltra. Il Sacramento delle nozze si
fonda su questa consapevolezza:
Amandosi nel Signore gli sposi si
donano Dio stesso; ed egli scende fra
loro (A.L.14).
Vivere la tenerezza fa risplendere Dio
nel volto del mio coniuge e, insieme,
noi sposi viviamo alla sua presenza,

Luned 7 novembre
La santit
di una bambina
Terzo e ultimo incontro
del seminario Noi abbiamo
un tesoro in vasi di creta

La tenerezza nuziale
nellAmoris Laetitia il
tema dellappuntamento.
Relatore, il teologo
monsignor Carlo
Rocchetta
lo riconosciamo e lo lodiamo con
tutta la nostra vita, come persone
che si sentono reciprocamente
amate e apprezzate.
La tenerezza una manifestazione
di un amore che libera dal desiderio
egoistico di possesso Lamore per
laltro implica il gusto di
contemplare e apprezzare ci che
bello e sacro del suo essere
personale (A.L. 127) e molte
ferite e crisi hanno la loro origine nel
momento in cui smettiamo di
contemplarci (A.L. 128).
Di questo e di tanto altro ci
parleranno monsignor Carlo
Rocchetta e una coppia di sposi della
Casa della tenerezza, nel 29esimo

Spazio
Ascolto Famiglia
Un aiuto
alla persona
e alla coppia

Convegno della Famiglia dal titolo


La tenerezza nuziale nellAmoris
Laetitia, domenica 6 novembre, in
seminario a Cesena, a partire dalle 9
per terminare alle 16,30 con la
celebrazione della Messa.
Monsignor Carlo Rocchetta, teologo,
il fondatore della comunit Centro
Familiare Casa della tenerezza di
Perugia, che si occupa, assieme ad
alcune famiglie, della formazione
alla vita coniugale, dello studio sulla
teologia del matrimonio e della
famiglia e dellaccoglienza di coppie
in difficolt . Ci aiuter a capire
come la famiglia pu essere
comunit di tenerezza a immagine di
Dio Trinit.

Ufficio diocesano per la Pastorale della Famiglia


L

desidera far conoscere lattivit di Saf, Spazio


Ascolto Famiglia, laiuto di consulenti familiari alla
persona, alla coppia e alla famiglia.
Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in difficolt
un luogo di accoglienza, ascolto, confronto e
orientamento, anche in una dimensione spirituale. Si
rende disponibile per una relazione di aiuto nelle
situazioni di crisi e di difficolt, di disorientamento e di
incomprensione.
a disposizione di persone, coppie e famiglie che
vivono situazioni di disagio relazionale, anche legate
allesperienza della separazione e del divorzio. Gli

Abitare il dolore e custodire la speranza.


La santit di una bambina: questo il titolo del
terzo e ultimo appuntamento dei seminari di studio
organizzati dalla Pastorale familiare e sociale.
Nellincontro si toccher un aspetto molto comune
nella vita delle famiglie, quello della malattia:
unesperienza della fragilit, che viviamo per lo
pi in famiglia, n da bambini. Nellambito dei
legami familiari, la malattia delle persone a cui
vogliamo bene patita con un di pi di sofferenza
e di angoscia. lamore che ci fa sentire questo di
pi (papa Francesco).
Ma, di fronte al male e alla malattia, si pu sempre
costruire qualcosa di buono e custodire la speranza.
Di questo parler Anna Teresa Borrelli luned 7
novembre alle 21, in seminario a Cesena, partendo
dallesperienza della venerabile Antonietta Meo,
detta Nennolina, una bambina che ha amato no
alla ne il suo Ges e che ha affrontato, a soli 6 anni
e mezzo, lesperienza dolorosa della malattia e ha
saputo affidare e condare nel progetto che il
Signore aveva per lei, desiderando di vivere
pienamente lincontro con Ges nel Sacramento
dellEucarestia. Nennolina oggi ci richiama tutti a
vivere la piccolezza, a scegliere lessenzialit, ad
accogliere la tenerezza di Dio.
Anna Teresa Borrelli responsabile nazionale
dellAzione cattolica dei ragazzi (Acr), avvocato e
specializzanda in Diritto canonico presso la
Ponticia Universit Lateranense. Collabora con la
Congregazione per le cause dei santi.

operatori di Spazio Ascolto Famiglia sono consulenti


familiari volontari, diplomati alla scuola Sicof (Scuola
italiana consulenti familiari) di Roma, sensibili al bene
della famiglia, formati sulle problematiche del disagio
familiare e relazionale e allascolto empatico.
Il servizio offerto gratuitamente nei giorni di luned,
gioved, venerd, dalle 15 alle 18; per appuntamenti
telefonare dal luned al venerd, dalle 10 alle 17, al
numero 346 3694421. La sede presso lIstituto
Ancelle Sacro Cuore di San Carlo (accanto alla scuola
materna), via San Carlo 316, San Carlo di Cesena.
Info: www.noifamiglia.it;
spazioascoltofam@tiscali.it

Gioved 3 novembre 2016

Speciale Visita pastorale

ZONA PASTORALE DELLE VIE DEL MARE - 14 Unit pastorale (Gatteo, SantAngelo, Sala)

Parrocchia di GATTEO

Il vescovo Douglas riprende la Visita pastorale


Q

uinto anno di visita pastorale


per il vescovo Douglas che nei
prossimi mesi sar impegnato
nella Zona pastorale del Mare. Da domenica 6 novembre (e fino al 13) si incontrer con la comunit di Gatteo,
nella Valle del Rubicone. La cittadina
situata in una posizione strategica in
quanto a vicinanza con le citt del Cesenate, dal capoluogo alla costa, fino a
Savignano sul Rubicone, Gambettola e
Santarcangelo. Del comune fa parte
anche Gatteo Mare che per di una
parrocchia a s insieme a Villamarina
e guidata da don Mirco Bianchi.
Circa 3500 abitanti per la cittadina
nella quale presta servizio dal 2012
don Marco Muratori che anche parroco nella vicina SantAngelo e si divide tra gli impegni in Curia in qualit di
Economo della diocesi e presidente
provinciale della Fism (Federazione
italiana scuole
materne). in
aiuto don
Giuseppe Brigliadori presente sul territorio dal 1964.
La parrocchia
intitolata a
San Lorenzo
Martire, e la
festa paesana
viene celebrata il 10 agosto.
Quella parrocchiale, invece,
si festeggia la
seconda domenica di settembre, in occasione della
Madonna del
Popolo con
tanto di processione per
le vie del paese, sempre
molto partecipata, come sottolinea
don Marco e dove si uniscono momenti religiosi e di aggregazione civile.
Le Messe vengono celebrate la domenica alle 9 e alle 11, e il sabato alle 20.
Una comunit semplice con le persone occupate principalmente nelle varie ditte e imprese di cui il distretto del
Rubicone ricco. Molti sono impiegati
nel settore calzaturiero nella vicina
San Mauro Pascoli, mentre a Gatteo
quel comparto rappresentato dalla
ditta Pollini Spa.
In citt non manca nulla, sono presenti tutti i servizi principali. Si trovano in
paese la scuola materna, elementare e
le medie. Esiste anche lasilo cattolico
Ghiselli, di cui don Marco vicepresidente.

Da domenica 6 a domenica 13 novembre


monsignor Douglas Regattieri in Visita pastorale
nella comunit parrocchiale di Gatteo
Don Marco Muratori il parroco dal 2012

Sabato 5 novembre alle 17, a


Boschetto di Cesenatico, Messa di
inizio visita per la Zona pastorale

SOPRA, ESTERNO DELLA CHIESA PARROCCHIALE


DI GATTEO (SAN LORENZO MARTIRE IN GATTEO), IN VIA GARIBALDI 12
A FIANCO, DON MARCO MURATORI, CLASSE 1968,
PARROCO DI GATTEO DAL 2012 E DI SANTANGELO DAL 2002.
DON MARCO ANCHE LECONOMO DIOCESANO
SOTTO LA CHIESA DELLISTITUTO DON GHINELLI

A Gatteo vive e opera una comunit di


suore, le maestre pie con Casa madre a
Rimini. Svolgono un prezioso aiuto nelle
attivit dellasilo e ogni volta che ce ne sia
bisogno.
La chiesa di san Lorenzo sorge attorno al
1290 allinterno del complesso del castello malatestiano e diventa chiesa parrocchiale nel 1541. Viene traslata nel 1819
nella Chiesa della Madonna del Popolo,
costruita nel 1576 per volere del marchese Fabrizio Guidi di Bagno. Nel 1821 viene demolita la vecchia Chiesa di San Lorenzo all'interno del Castello. Nel 18681880 inizia l'ampliamento della chiesa
parrocchiale con la costruzione delle
cappelle laterali e nel 1917-1919 viene restaurata completamente la Chiesa con la
riedificazione dell'abside e l'ingrandimento della
navata. Attorno
alla struttura
sorgono anche
le opere parrocchiali come
la canonica, un
cinema-teatro,
un bar parrocchiale e aule
per il catechismo con pi
di 180 bambini
dalla 1 elementare alle
superiori.
Altro prezioso
servizio alla
comunit di
Gatteo quello
costituito dallistituto don
Ghinelli.
lespressione
della carit di
Gatteo, sottolinea don Marco. Si tratta di

unopera caritativa e assistenziale che


si occupa di disabili ospitati nel centro
diurno. Lo fond don Luigi Ghinelli
con lintento di dare sostegno materiale e spirituale ai bambini poveri e
orfani. Alla sua morte, nel 1909, il
complesso che ancora oggi porta il
suo nome pass nelle mani del comasco don Luigi Guanella. Vi prestano
servizio tre sacerdoti.
In quanto a gruppi e movimenti cattolici, a Gatteo presente la fraternit di
Comunione e Liberazione, partecipata
da ragazzi, universitari e adulti che ha
anche una propria associazione culturale, Il tralcio, che organizza incontri,
mostre e altri momenti comunitari.
In parrocchia presente uno sportello
Caritas. Funziona al sabato con la distribuzione di viveri e indumenti ed
gestito da un gruppo di volontari. Vengono aiutati principalmente stranieri,
ma anche famiglie del posto.
Un momento parrocchiale molto partecipato il pellegrinaggio al santuario di Fiumicino lultima settimana di
aprile. in preparazione al mese di
maggio. Attraversiamo la campagna
mentre recitiamo il rosario. Allarrivo,
la sera, celebriamo la Messa, spiega
don Marco.
Molto sentita anche la festa di San
Rocco, celebrata la domenica prima (o
dopo) il 16 agosto. Secondo la tradizione debell la peste e per questo gli
fu dedicato un piccolo oratorio costruito nel 1484 al cui interno sono
presenti alcuni affreschi votivi risalenti al Quattrocento e al Cinquecento.
A settembre, insieme ai ragazzi di SantAngelo, viene organizzato un capo
scuola parrocchiale per medie e superiori, mentre il centro estivo, sempre
insieme ai pari et di SantAngelo,
organizzato con la Societ dellAllegria.
Michela Mosconi

CALENDARIO VISITA PASTORALE

GATTEO
da domenica 6
a domenica 13 novembre
Domenica 6 novembre
ore 11
Messa di inizio Visita pastorale
Luned 7 novembre
ore 20,30 Incontro con i catechisti,
Ministri straordinari della
Comunione, Caritas e Consiglio
per gli affari economici
Mercoled 9 novembre
ore 9
Visita alle fabbriche
ore 12,30 Pranzo allistituto Don Ghinelli
ore 15 Visita ai malati e anziani
Venerd 11 novembre
ore 9
Visita alle scuole
e alla comunit delle suore
Sabato 12 novembre
ore 9
Incontri individuali
ore 14,30 Incontro con i ragazzi del catechismo
Domenica 13 novembre
ore 11
Messa di chiusura e pranzo

Prossima tappa della Visita pastorale


del vescovo Douglas
- A SantAngelo di Gatteo, dal 13 al 20 novembre

Vita della Chiesa

Gioved 3 novembre 2016

La domenica di papa Francesco. Commento allAngelus di domenica 30 ottobre

l suo cammino verso Gerusalemme


non un andare distratto e
frettoloso, lungo le strade di questa
cittadina, la prima citt che il popolo
di Israele conquista quando attraversa
il fiume Giordano per entrare nella
terra promessa. Ges entra in questa
terra di confine della provincia
romana della Giudea; cammina per
incontrare le persone, per aiutare chi
ha bisogno. Cos, entrando, incontra
un uomo, ci dice Luca nel suo
Vangelo; un uomo di nome Zaccheo,
che significa puro, innocente. Ma chi
Zaccheo? Un pubblicano, anzi il
capo dei pubblicani di Gerico; il capo,
dunque, degli esattori dei tributi che i
Giudei dovevano pagare
allImperatore romano. I
pubblicani
approfittavano spesso
della loro posizione per
estorcere denaro alla
gente, e per questo
motivo erano considerati
pubblici peccatori.
Zaccheo non godeva di
buona fama; nella sua
citt lo conoscevano tutti
e tutti ne avevano timore.
La sua fortuna, la sua
ricchezza si era formata
in modo illegale.
Raramente si faceva
vedere in giro, ma quel
giorno non poteva non uscire.
Zaccheo, probabilmente, ha sempre
ottenuto tutto con i soldi, ma quel
giorno non in grado di conquistare
la prima fila. Allora eccolo cercare un
luogo capace di permettergli di vedere
il rabbi di Galilea; sale su un albero,
un sicomoro. La vita a volte strana,
lui vuole vedere, cercare quel volto,
ma Cristo che lo cerca, lo vede e gli
dice: Zaccheo scendi subito perch
oggi devo fermarmi a casa tua.
Devo. Ma di quale dovere si tratta,
chiede il Papa allAngelus. Sappiamo

si ferma al male passato, ma intravede


il bene futuro, dice papa Francesco
allAngelus. Ges non si rassegna alle
chiusure, ma apre sempre, sempre
apre nuovi spazi di vita; non si ferma
alle apparenze, ma guarda il cuore. E
qui ha guardato il cuore ferito di
questuomo: ferito dal peccato della
cupidigia, da tante cose brutte che
aveva fatto questo Zaccheo. Guarda
quel cuore ferito e va l.
Luca, nel brano evangelico, non ci
dice cosa si siano detti Ges e Zaccheo
tra le mura della casa; non racconta il
dialogo che sicuramente si svolto
nellabitazione del ricco pubblicano.
Ma la frase di Ges che conclude il
racconto molto eloquente: oggi per
questa casa venuta la
salvezza, perch anchegli
figlio di Abramo. Il figlio
delluomo venuto a
cercare e salvare ci che
era perduto.
Ancora una volta Ges
non attende che laltro si
penta e faccia il primo
passo; lui che si muove,
che va incontro al
peccatore, e lo chiama. A
volte noi cerchiamo di
correggere o convertire
un peccatore
rimproverandolo,
rinfacciandogli i suoi
sbagli e il suo comportamento
ingiusto, dice papa Francesco.
Latteggiamento di Ges con Zaccheo
ci indica unaltra strada: non
bloccato dal nostro peccato, ma lo
supera con lamore e ci fa sentire la
nostalgia del bene. Tutti abbiamo
sentito questa nostalgia del bene dopo
uno sbaglio. E cos fa il nostro Padre
Dio, cos fa Ges. Non esiste una
persona che non ha qualcosa di
buono. E questo guarda Dio per tirarla
fuori dal male.
Fabio Zavattaro

Con lo sguardo
oltre i peccati e i pregiudizi
quello di Ges per il pubblicano Zaccheo:
"Vede la persona con gli occhi di Dio"
che il suo dovere supremo attuare il
disegno del Padre su tutta lumanit,
che si compie a Gerusalemme con la
sua condanna a morte, la crocifissione
e, al terzo giorno, la risurrezione. il
disegno di salvezza della misericordia
del Padre. E in questo disegno c
anche la salvezza di Zaccheo, un
uomo disonesto e disprezzato da tutti,
e perci bisognoso di convertirsi.
La folla, quel clima convulso fatto di
curiosit e di attesa, non aiuta a
vedere Ges; Zaccheo in mezzo alla
folla. Una immagine che possiamo

leggere anche in un altro modo, e cio


tutti siamo, come dire, a terra, non
abbiamo la possibilit di vedere oltre
il muro formato da quei corpi, troppo
preoccupati di noi stessi, delle nostre
cose, per poter scorgere Ges che
passa. E non basta mettersi in punta
di piedi. Ma la cosa sorprendente
unaltra: non siamo capaci, o non
riusciamo a vedere Ges, ma lui che
rivolge il suo sguardo su di noi. Come
per Zaccheo. Lo sguardo di Ges va
oltre i peccati e i pregiudizi; vede la
persona con gli occhi di Dio, che non

Attualit

Gioved 3 novembre 2016

11

NORCIA SFREGIATA DAL TERREMOTO

Ma prima
di tutto
le persone
Continuano fortissime le scosse in Centro Italia.
Lultima, di magnitudo 6.5, la pi forte in Italia dal 1980,
risale a domenica 30 ottobre. Tante le citt in ginocchio,
tra queste Norcia, dove si contano almeno 3mila
sfollati. Tutta la citt stata dichiarata Zona Rossa

na ferita sanguinante. Cos


larcivescovo di SpoletoNorcia e segretario della
Conferenza episcopale
umbra (Ceu), monsignor Renato
Boccardo, racconta la violenta scossa
sismica - magnitudo 6.5, la pi forte in
Italia dal 1980 (Irpinia) - di domenica 30
ottobre, alle 7.41, con epicentro nella
dorsale appenninica tra le province di
Macerata e Perugia, che ha nuovamente
gettato nel panico migliaia di persone, gi
duramente provate dai terremoti del 24
agosto e del 26 ottobre. La scossa ha
distrutto irreparabilmente significativi
edifici storici di culto e numerose
abitazioni private, in particolar modo della
Valnerina-Spoletino ma anche di altre
zone dellUmbria come il Folignate, il
Perugino e il Ternano. Norcia una citt in
ginocchio, crollata la cattedrale di San
Benedetto, la gente ha pregato in piazza
davanti le macerie, come hanno mostrato i
media nazionali. Le monache Benedettine
e Clarisse hanno dovuto lasciare i loro
monasteri inagibili per essere accolte nel
monastero di Santa Lucia a Trevi, sempre
nellArcidiocesi di Spoleto-Norcia.
Cresce la paura. La gente stremata,
fragile psicologicamente, stressata da oltre
due mesi di scosse, spiega monsignor
Boccardo che ha raggiunto subito Norcia e
gli altri centri abitati dellArcidiocesi per
essere vicino alla popolazione, effettuando
anche un sopralluogo aereo della zona
interessata insieme al sottosegretario
allInterno Gianpiero Bocci con un
elicottero dei Vigili del Fuoco. Amaro il suo
commento una volta a terra: solo cumuli
di macerie. La paura e linsicurezza ora
sono cresciute ulteriormente. La
popolazione ferita nel fisico e nel morale.
Qualcuno mi diceva che non vale la pena

il Periscopio

Oltre
25mila gli sfollati
nelle Marche.
La testimonianza
dellarcivescovo,
monsignor
Boccardo:Una
ferita sanguinante.
La gente
stremata, fragile
psicologicamente,
stressata da oltre
due mesi di
scosse... Il compito
della Chiesa
quello di sostenere
la speranza,
ascoltare gli sfoghi
e asciugare le
lacrime. Le parole
servono a poco,
le persone vanno
abbracciate
e incoraggiate
a ripartire
nuovamente

Terza scossa devastante


ricominciare.
Ma non dobbiamo cedere allo sconforto. Accanto a
questo c il dolore per le tante chiese distrutte e
lesionate. Esse sono un patrimonio artistico ma
soprattutto di fede. La gente del posto ha in esse la
propria identit. Sono rimasto sorpreso nel vedere
tante persone addolorate pi per le proprie chiese
crollate che per le loro case.
Prima le persone. Provato, commosso, impietrito
davanti alle macerie, mons. Boccardo si intrattenuto
a lungo con le persone che sono corse in strada dopo
la scossa. Dalle zone circostanti, le notizie sono
drammatiche, Preci e Castelluccio devastate e isolate,
gli sfollati sarebbero solo a Norcia almeno 3000,
praticamente quasi tutta la citt, dichiarata, come
conferma lo stesso arcivescovo, Zona Rossa, quindi
non abitabile. Le autorit civili si stanno adoperando
per trovare sistemazioni convenienti alla popolazione.
Molti vengono trasferiti presso il lago Trasimeno e sulla
costa adriatica. Ma c anche chi non ha nessuna
intenzione di lasciare le proprie attivit agricole e di
allevamento soprattutto nei centri limitrofi.
Ringraziamo Dio che ancora una volta ha protetto
tante vite umane. andato perduto per sempre il
nostro inestimabile patrimonio di fede, di arte e di
storia, ma adesso vengono prima di tutto le persone, le
comunit civili e religiose alle quali la Chiesa vicina
con la preghiera e con gesti concreti di solidariet. Il
compito della Chiesa quello di sostenere la speranza,
ascoltare gli sfoghi e asciugare le lacrime. Con laiuto di
tutti bisogna guardare avanti. Le parole servono a
poco, le persone vanno abbracciate e incoraggiate a
ripartire nuovamente.
La vicinanza della Chiesa. Monsignor Boccardo parla
di un bel segnale di comunione ecclesiale in un
momento cos di dura prova come testimoniano le
numerose telefonate di affetto, vicinanza e solidariet
ricevute da cardinali e vescovi un po di tuttItalia e
anche dallestero. Significative le parole del cardinale
arcivescovo di Perugia-Citt della Pieve, Gualtiero
Bassetti, presidente della Ceu, rivolte allarcivescovo di
Norcia: Sei nel mio cuore tu e tutta la tua gente. Un

di Zeta

Appassionato intervento di suor Carolina Iavazzo


la religiosa che ha lavorato con il beato don Pino Puglisi

Se ognuno fa qualcosa, insieme si pu fare tanto

gesto di fratellanza che segue la vicinanza


concreta alle comunit colpite. Infatti,
nella serata di ieri si tenuta a Todi una
riunione straordinaria della Delegazione
regionale della Caritas alla presenza dei
direttori delle otto Caritas diocesane
dellUmbria per predisporre gli aiuti
necessari per affrontare questa nuova
emergenza. Marted 8 novembre, invece,
fissata una riunione di Caritas di altre
regioni che si sono rese disponibili a
incrementare gli aiuti.
C un fiorire di vicinanza e di solidariet
che ci conforta sottolinea monsignor
Boccardo che attende con ansia la visita
del cardinale Angelo Bagnasco, il 9
novembre, visita che, dopo gli eventi di
ieri mattina, appare ancora pi
significativa e importante.
Analoga vicinanza, racconta larcivescovo
di Spoleto-Norcia, mi arrivata dal
presidente del Consiglio dei Ministri,
Matteo Renzi, che mi ha contattato pi
volte nel corso della giornata
impegnandosi a ricostruire case e chiese.
Ho chiesto al premier di starci vicino,
perch linverno alle porte, e di snellire la
burocrazia. In vista delle festivit di
Ognissanti (1 novembre) e della
Commemorazione dei defunti (2
novembre) lArcidiocesi di Spoleto-Norcia
comunicher le modalit delle
celebrazioni. Quelle di ieri si preferito
non celebrarle in chiesa ma allaperto.
Ricordare i nostri defunti - ricorda
monsignor Boccardo - uniniezione di
speranza, in quanto per ripartire
necessario e doveroso ricordare chi ci ha
preceduto e chi si impegnato a costruire
queste belle comunit. Anche per rendere
onore alla loro memoria non dobbiamo
mollare in questo momento cos difficile,
ma ripartire.
Daniele Rocchi

i racconto la storia di don Pino Puglisi. Inizia cos suor Carolina Iavazzo
il suo incontro con le comunit della zona pastorale Valle del SavioDismano svoltosi domenica scorsa nel teatro della parrocchia di San
Carlo. una storia scritta col sangue pi che con le parole.
Suor Carolina gira lItalia per portare lesperienza di don Puglisi, il parroco di
Brancaccio (Palermo) ucciso dalla mafia nel giorno del suo 56esimo compleanno,
il 15 settembre 1993. Lei oggi prosegue lopera in Calabria, in un centro in cui
vengono accolti 60 ragazzi di strada dai 12 ai 20 anni.
Suor Carolina arriv a Palermo il 2 ottobre 1991. Don Pino voleva lavorare con i
giovani, per farli andare a scuola, perch la mafia favorisce lignoranza, vuole
lignoranza e a quel tempo a Brancaccio erano tantissimi quelli senza istruzione.
E l che si butta il prete, un uomo non antimafia perch lui non mai stato anti
nessuno. E neppure un eroe, perch se lo definiamo tale chiamiamo fuori noi
stessi. Ci giustifichiamo. Invece, se ciascuno fa qualcosa, come diceva padre
Puglisi, allora si pu fare tanto.
La mafia ci controllava prosegue la suora che il giorno prima ha incontrato 400
studenti del liceo scientifico Righi di Cesena e ha saputo calamitare la loro
attenzione -. Don Pino era un uomo di preghiera. Amava la Parola di Dio. Era
straordinario nellamare e nel pregare e ha sempre saputo dire di no alla mafia, ai
suoi disvalori, ai suoi soldi. E pi la mafia alzava il tiro, pi lui andava avanti. Lo
picchiavano, gli tagliarono le gomme dellauto. Gli incendiarono un furgoncino.

Niente. Lui andava avanti.


Nel giugno del 93 appiccarono il fuoco alla
porta di casa dei suoi collaboratori. La
domenica dopo don Pino dallaltare tuon:
Siete bestie, non ragionate. Siete vili. Vi
nascondete. Pi che uccidermi, non potete
farmi altro. Il suo messaggio ormai era
passato e sarebbe andato avanti anche dopo
la sua morte. La morte del suo corpo, non
del suo messaggio, come dimostra con forza
ed entusiasmo suor Carolina capace di
incollare per due ore giovanotti, adulti e
anziani alle poltrone del teatro.
Noi da che parte stiamo? la domanda
che risuona forte a San Carlo. Attenzione
allindifferenza, alla mediocrit, a vivere in
una zona grigia. Salvatore Grigoli, il mafioso
pentito dal sorriso di don Pino, non poteva pi dormire al pensiero del volto del sacerdote
siciliano che non scapp davanti ai suoi esecutori ma si limit a dire: Me lo aspettavo.
Rimane il lavoro sulleducazione, sui giovani da incontrare, da seguire, da amare, dai quali
farsi educare. Bisogna dire dei no aggiunge la suora di origini napoletane che vive sotto
protezione -. Accanto alla Nutella dobbiamo saper dare ai nostri ragazzi anche il pane duro
della realt. Poi capiscono le nostre ragioni. Magari pi avanti, per le comprendono. Le
nuove generazioni ci sfidano, vivono in branco pi che in gruppo. Ci chiedono di non
indietreggiare. A noi tocca seminare. La speranza lultima a morire. Linferno e il paradiso
iniziano qua. Li viviamo e li scegliamo su questa terra. (949)

12

Gioved 3 novembre 2016

LA PRESENTAZIONE NEI GIORNI SCORSI


NELLA SEDE DEL CAMPUS, IN VIALE GASPARE FINALI A CESENA. IL PROGETTO A
CURA DELLASSOCIAZIONE LEO SCIENZA
DI FERRARA

Cesena

Unijunior
Conoscere
per crescere

Universit in dialogo
con i bambini e i ragazzi
P

arte a Cesena il progetto


Unijunior - Conoscere per
crescere. Gi collaudato a
Bologna da otto anni, giunge a
Cesena dal prossimo 5 novembre,
con il patrocinio di Comune, Regione
Emilia Romagna, Universit di
Bologna e Ufficio scolastico
regionale.
Il progetto, rivolto a bambini e
ragazzi di et compresa fra gli 8 e i 14
anni, nasce con lobiettivo di
avvicinare i pi piccoli al mondo

delluniversit. Lappuntamento per


tre sabati pomeriggio, per un totale di
sei lezioni. Organizza lassociazione
Leo scienza di Ferrara.
Il programma, grazie alladesione del
Campus di Cesena, comprende vari
ambiti disciplinari, quali psicologia,
informatica, ingegneria,
microbiologia e architettura.Saranno
gli stessi professori universitari dei
dipartimenti cesenati a tenere
lezione davanti ai ragazzini seduti sui
banchi dellaula magna di Psicologia,

Il progetto, rivolto a ragazzi


di et compresa
fra gli 8 e i 14 anni,
nasce con lobiettivo
di avvicinare i pi piccoli
al mondo delluniversit.
Lappuntamento per tre sabati
pomeriggio
in piazzale Carlo Marx di fronte alla
stazione di Cesena.
Vari gli argomenti in calendario: Il
mio amico robot: tecnologia e
creativit e Il cervello che cambia
(il 5 novembre), Come ti programmo
un videogioco in 1 ora e Cosa ci fa
un Pokmon in mezzo alla strada? (il
19 novembre), Microrganismi negli
alimenti: dottor Jekyll o mister
Hyde? e Il mondo come e il
mondo come appare (il 21 gennaio).
Il progetto terminer con una festa
finale, il prossimo 29 gennaio alle
15,30, in cui saranno consegnati i
diplomi ai piccoli studenti e sar
messo in scena uno spettacolo
teatrale-scientifico.
I ragazzi - spiega Riccardo Guidetti
di Leo scienza - decidono se
partecipare e quali lezioni
frequentare, scegliendo i propri
argomenti preferiti.
Hanno loccasione di portare in un
ambiente da grandi le loro
domande.
Con questo progetto luniversit si
apre alla citt e alle famiglie.
Iscrizioni sul sito www. Unijunior.it.
Matteo Venturi

Al Cantiere411
Pranzo
senza confini
La 6 edizione
domenica 13 novembre
Il Cantiere411 - con sede a Cesena in via
Mami 411, presso la casa della comunit
delle Suore francescane della Sacra Famiglia
- invita alla 6 edizione del Pranzo senza
confini.
Lappuntamento per domenica 13
novembre alle 12,30 per un momento di
convidisione per assaporare le tradizioni
gastronomiche di altri Paesi.
Il ricavato verr devoluto alle attivit
educative dei giovani del Cantiere 411.
Per info: 380 2120262.
FOTO DARCHIVIO
DI UNA EDIZIONE PRECEDENTE
DEL PRANZO SENZA CONFINI

La Fondazione Almerici-Montevecchi interviene sulla questione delledificio di via Angeloni

Il nostro impegno per il cambio duso della struttura


D

a mesi si parla in citt di edilizia scolastica e di carenza di aule per le scuole


superiori. Il liceo Monti reclama spazi al vicino istituto per geometri e il liceo linguistico Alpi costretto su pi sedi, con non
pochi disagi per studenti, personale e famiglie. Per questultimo caso, una soluzione sarebbe stata individuata nelledificio che si trova in viale Angeloni di propriet della Fondazione Almerici-Montevecchio e dellIstituto
diocesano sostentamento clero nel quale si
trova da anni la sede cesenate dellInps.
In merito al dibattito cittadino e anche alle relative polemiche circa presunti ritardi nella
consegna dellimmobile e nelle pretese economiche ritenute da alcuni elevate, la Fondazione Almerici-Montevecchio e lIstituto diocesano sostentamento clero hanno fatto pervenire alla stampa una nota con la quale dicono che limmobile di viale Angeloni ancora
occupato dallInps e che ad oggi la stessa Inps
paga unindennit per occupare limmobile e

non pi un canone daffitto, avendo disdettato il contratto dal febbraio 2014.


La propriet interviene anche sui contatti avuti con la Provincia per trovare una sede adeguata per il liceo Alpi. Sin dal gennaio di
questanno vi sono stati dei contatti grazie ai
quali la propriet - si legge nel comunicato ha fatto pervenire subito una relazione sulla
fattibilit di un intervento di ristrutturazione
con cambio duso da uffici a scuola, corredato di valutazioni, tempistiche, costi e spazi disponibili per linsegnamento. In un incontro,
fatto presso la sede della Provincia a Forl, tenutosi il 10 giugno scorso, la propriet ha fatto pervenire una bozza di contratto per avviare una discussione. La propriet ha sempre
dato la disponibilit pi ampia impegnandosi anche economicamente per anticipare i
tempi e predisporre interventi per ladeguamento della struttura alle norme in tema di sicurezza richieste dalle leggi vigenti in materia
di edilizia scolastica, in particolare per le nor-

me sismiche, quelle relative alla prevenzione


incendi, alle vie di fuga. E tutto ci stato svolto pur in assenza di qualsiasi impegno scritto
da parte della Provincia. Sono state fatte analisi tecniche da parte di uno studio specializzato per ladeguamento sismico, dimostrando grande senso di responsabilit.
La propriet interviene anche sulle tempistiche necessarie. Sulla tempistica della realizzazione non possibile stabilire date certe per
i seguenti motivi. LInps a oggi non ha comunicato, su nostra richiesta, quando lascer libero limmobile da persone e cose. Non c
nessun impegno scritto da parte della Provincia che permetta alla propriet di presentare
richieste di concessioni e autorizzazioni agli
Enti preposti (Comune, Vigili del Fuoco, Autorit antisismiche).
Il comunicato si chiude con alcune precisazioni circa le pretese economiche. Le nostre
richieste in tal senso sono state molto inferiori a quanto pagato dallInps. La stessa Provin-

cia ha una trattativa in corso, ma non sappiamo se conclusa o meno. Da parte nostra c ampia disponibilit a concludere al
pi presto un accordo che consenta di dare inizio alle richieste di concessioni ed autorizzazioni per programmare i lavori necessari.

Cesena

Gioved 3 novembre 2016

13

Miglioramento sismico ed energetico per la scuola elementareMunaridi SantEgidio


rocede spedito liter per il miglioramento sismico ed energetico della scuola
primaria Munari di SantEgidio. A poco pi di un mese dallapprovazione del
Pprogetto
di fattibilit, nei giorni scorsi la Giunta comunale ha dato il via libera al
progetto denitivo dellintervento che garantir allistituto una migliore tenuta in caso
di terremoto e lo render pi efficiente per quanto riguarda il fabbisogno di energia.
Limporto stimato per lopera di circa 2 milioni e mezzo di euro, di cui 1 milione e
250mila euro proveniente da un contributo ministeriale. Realizzato con una struttura
prefabbricata in cemento armato nellambito di un programma di edilizia scolastica
emanato dallo Stato, ledicio risale allinizio degli anni Settanta, quando non esisteva

una normativa specica in materia e Cesena non era neppure considerata come zona
sismica. Oggi il quadro normativo si notevolmente modicato e le tecniche edilizie si
sono evolute, consentendo di ricorrere a soluzioni costruttive pi efficaci. Il progetto
approvato comprende una serie di interventi su travi e pilastri, solai e fondazioni. Al
termine dei lavori si prevede di raggiungere un livello di miglioramento sismico di
sicurezza pari all88-90 per cento dellazione sismica di progetto. Per quanto riguarda
il miglioramento dei consumi, si proceder con la realizzazione di un cappotto termico
sui muri esterni e con linstallazione di nuovi inssi e serramenti. Lobiettivo di
ridurre il fabbisogno di energia termica delledicio del 30 per cento.

La somma di 1,2 milioni assegnata dalla Regione


consentir di coprire oltre il 40 per cento delle spese

Biblioteca Malatestiana
e terzo lotto, presto realt
Con i 1.400 metri quadrati recuperati sar
n arrivo nuovi fondi per la
Biblioteca Malatestiana. Con una
ampliata lala alla Biblioteca Ragazzi e alla
nota stampa di pochi giorni fa,
mediateca. Sar poi allestita una sala
lAmministrazione comunale di
Cesena esprime grande soddisfazione
cinema altamente tecnologica da 50 posti,
per il finanziamento di un milione e
con palco e sedute mobili
200mila euro che la Regione ha
destinato per il terzo lotto della
ruolo della Malatestiana come cuore pulsante del sistema
Biblioteca Malatestiana, e si prepara a mettere in moto al
culturale cittadino, in grado di coniugare armonicamente
pi presto le procedure necessarie per realizzare i lavori
il suo illustre passato con le sfide del futuro, in linea con il
entro il 31 dicembre 2019, termine fissato per beneficiare
percorso tracciato per ladiacente Palazzo Bufalini, che
del contributo.
diventer un laboratorio aperto per linnovazione
In realt ricordano il sindaco Paolo Lucchi e lassessore
culturale proprio grazie al contributo di 1,6 milioni
alla Cultura Christian Castorri la macchina
sempre messo a disposizione dai finanziamenti del Poramministrativa era gi partita nella primavera scorsa,
Fesr.
quando abbiamo approvato il progetto preliminare,
La somma di 1,2 milioni assegnata dalla Regione
indispensabile per concorrere ai contributi messi a
consentir di coprire oltre il 40 per cento delle spese per il
disposizione nel programma strutturale del Por-Fesr,
recupero del terzo lotto della Malatestiana, stimate
linea di finanziamenti europei veicolati attraverso le
intorno a 2 milioni e 800mila euro.
regioni. Ma ora che abbiamo la certezza del contributo
Secondo il progetto approvato nei mesi scorsi,
accelereremo il passo, anche grazie alla collaborazione
lintervento riguarder il recupero e la riqualificazione dei
dellassessore ai Progetti europei Francesca Lucchi e
due piani dellala est (alla destra dellingresso principale)
dellassessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi, che si
per il momento in gran parte inaccessibili e chiusi al
erano gi impegnate nei mesi scorsi.
pubblico.
quasi superfluo sottolineare proseguono il sindaco e
Gli ambienti cos recuperati per una superficie
lassessore che consideriamo il terzo lotto della
complessiva di circa 1.400 metri quadrati - saranno
Malatestiana un progetto strategico per Cesena, non solo
destinati particolarmente a irrobustire due funzioni del
perch permetter di completare il recupero delledificio
complesso bibliotecario. Da un lato, con la nuova
storico pi importante della citt, ma perch sancir il

disponibilit di spazi verranno ampliate le dimensioni


della Biblioteca Ragazzi, rafforzandone la proposta e le
attivit. Dallaltro, offrir maggior respiro alla mediateca e
alle attivit legate alla cultura del cinema e dellimmagine,
mettendo a disposizione nuovi ambienti e dotazioni
tecnologiche adeguate (postazioni multimediali, schermi
interattivi, ecc) non solo per la fruizione dei materiali
audiovisivi, ma anche per le sperimentazioni legate alla
produzione e allutilizzo di tecniche visuali e di
montaggio. Inoltre, prevista una sala cinema altamente
tecnologica, da 50 posti, con palco e sedute mobili, da
utilizzare soprattutto per attivit di laboratorio,
proiezioni, spettacoli, seminari.
Nellambito del progetto compreso anche la costruzione
di un ascensore nellala ovest, che si affiancher a quello
gi realizzato nellala centrale.
Sia i materiali che le tecniche di intervento saranno
rigorosamente rispettosi della storia e della tipologia
delledificio, cercando di preservare integralmente le parti
pi rappresentative di valorizzarne gli elementi
architettonici principali.

Case Finali| Solidariet a tavola con poesie e fiori

DOMENICA 23 OTTOBRE, NEI LOCALI DELLA PARROCCHIA DI CASE FINALI DI CESENA, STATA
ORGANIZZATA UNA SERATA DI BENEFICENZA A FAVORE DELLE POPOLAZIONI COLPITE DAL
TERREMOTO DEL 24 AGOSTO. La serata, strutturata dal gruppo di preghiera Maria Immacolata della
parrocchia, comprendeva cena, lettura di poesie ed estrazione con premi, e ha permesso di realizzare
la somma di mille euro che verranno consegnati alla Caritas diocesana.
Il ricavato stato possibile grazie ai numerosi sponsor, in particolare la piadineria Micamat e la
Centrale del latte e dellautotassazione personale del gruppo organizzatore.
Nella foto, i volontari che hanno reso possibile la serata.

ANNIVERSARIO
9 novembre 2010 - 9 novembre 2016

BRUNA BURATTI
Carissima Bruna, il tuo ricordo ci accompagna negli anni
e rimane viva dentro di noi la tua presenza semplice e discreta
Ti vogliamo pensare insieme a Consilio
che dal cielo continuate a sostenere la vostra comunit
che desidera imitarvi nel servizio di carit verso i pi soli.
I tuoi familiari
Domenica 6 novembre alle 11,15 nella chiesa di Martorano
Messa celebrata dal parroco don Andrea Budelacci

14

Gioved 3 novembre 2016

Cesena

La benedizione del vescovo Douglas, la mattina di sabato 29 ottobre. La comunione di intenti e di energie della comunit parrocchiale e dellAmministrazione comunale

Ristrutturata la cappella del cimitero di Ronta


U

na piccola chiesa in
un piccolo cimitero.
Un grande desiderio
per la comunit. La
mattina di sabato 29
ottobre in tanti hanno
partecipato alla
celebrazione di
benedizione della
ristrutturata cappella
allinterno del camposanto
di Ronta. La preghiera e la
benedizione sono stati
presieduti dal vescovo
Douglas insieme al parroco dellunit pastorale di Martorano-Ronta-San Martino
in Fiume don Andrea Budelacci e a don Ettore Ceccarelli, fino al 2015 e per
cinquantanni parroco di Ronta.
In una comunione di intenti e di sinergie che ha visto impegnata
lAmministrazione comunale - che ha utilizzato le sue maestranze di operai edili e
falegnami - accanto alla comunit parrocchiale di Ronta - che ha manifestato il
desiderio di riappropriarsi del luogo santo - la cappella stata restituita

ristrutturata nelle opere murarie interne e


rinnovata negli arredi. La sistemazione
interna, in particolare, stata curata dalla
comunit parrocchiale di Ronta insieme alla
famiglia Zanotti che dal luglio 2015 qui
custodisce le spoglie della figlia Debora.
Ripulita e ben leggibile ora la lapide
esterna che ricorda i sacrifici di vite umane
della comunit durante la prima guerra
mondiale.
"Questa celebrazione occasione per
rinnovare la nostra fede e, con il conforto
della preghiera, riallacciare i rapporti con i
cari defunti. Un fiore, un ricordo, una
preghiera: il cimitero un luogo fisico che
favorisce la preghiera di tutti - il vescovo
Douglas ha ricordato il recente documento
della Chiesa italiana -. un modo per vivere
la comunione dei santi. E la Messa per i
defunti una buona pratica che rinnova il
legame e la speranza della fede".

"Per la nostra comunit di Ronta oggi un


giorno di emozione e gratitudine - ha
riportato Maria Grazia Berlini -. Vediamo
esaudito il desiderio di cura di un luogo che
racchiude la nostra storia e i nostri ricordi.
Un desiderio che ha trovato
nellAmministrazione comunale
accoglienza, ascolto, rispetto e attezione".
Sabrina Lucchi

La Regione Emilia Romagna ha approvato un testo unico sulla legalit: non meno di 500 metri tra sala da gioco e luoghi
sensibili come scuole, chiese e oratori

Azzardo patologico
Un passo avanti e due indietro

n passo avanti e due indietro,


una vigorosa controffensiva e
Anche a Cesena sorgono come
tante bandiere bianche. Il
funghi locali dedicati al gioco
bollettino di guerra dal fronte
del contrasto allazzardo segnala una
e alle scommesse. I prossimi due
situazione preoccupante. Da un lato
in zona Campus degli alimenti
aumenta limpegno delle istituzioni
locali, come nel caso del ritiro della
candidatura di Cesena ad ospitare gli
dellimpatto dellinstallazione degli apparecchi sul
europei under 21 a causa dellaccordo tra Federcalcio e
contesto e sulla sicurezza urbana, nonch dei problemi
Intralot, e di quelle regionali, con il varo di nuove norme
connessi con la viabilit, linquinamento acustico e il
sulle distanze tra sale scommesse e aree sensibili. Per
disturbo della quiete pubblica.
contro, lapertura di nuovi locali o punti con videolottery
Regole che si applicano immediatamente alle sale di
sembra non conoscere tregua, complice anche una
prossima apertura e alle slot machine di nuova
legislazione nazionale non troppo rigorosa.
installazione. Per quelle esistenti varranno dal rinnovo
La Regione Emilia Romagna ha recentemente approvato
del contratto o dallinstallazione dellapparecchio altrove.
un Testo unico sulla legalit (pubblicato nel bollettino
Per le sale gi aperte sar la Giunta regionale, invece, a
regionale lo scorso venerd 28 ottobre), che prevede
stabilire con delibera (entro il prossimo febbraio) le
distanze minime tra le sale da gioco e scommessa
modalit e le tempistiche dellentrata in vigore del
(inclusa linstallazione di nuovi apparecchi per lazzardo)
vincolo.
in luoghi che si trovino a meno di cinquecento metri da:
Mentre i legislatori provano faticosamente a mettere un
istituti scolastici di ogni ordine e grado, luoghi di culto,
argine al fenomeno, sul territorio continuano a spuntare
impianti sportivi, strutture residenziali o semiresidenziali
come funghi nuovi locali dedicati al gioco e alle
dambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per
scommesse.
categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e
Due di questi si trovano nella zona artigianale compresa
oratori.
tra le Vigne e Martorano. Il primo, in via Corf (a ridosso
La norma consente inoltre ai Comuni di individuare
della rotonda Secante), pressoch ultimato. Il secondo,
ulteriori luoghi da aggiungere alla lista, tenuto conto

allangolo di via Ascari (dove sorgeva la concessionaria


Renault), vede ancora lavori in corso. Secondo gli
esercenti della zona, questultimo locale metter al
centro la ristorazione, con proposte di qualit,
abbinandola per al gioco e alle scommesse. In entrambi
i casi le sale si trovano a meno di cinquecento metri dal
campus universitario di Scienze degli Alimenti (Villa
Almerici) e, dunque, potenzialmente in contrasto con
nuova normativa regionale (nel caso in cui luniversit
venga considerata tra gli istituti distruzione o, in caso
contrario, se il Comune decidesse di aggiungerla alla lista
dei luoghi sensibili).
Limpressione che nel prossimo futuro leggeremo molti
altri bollettini da questo fronte. Alle volte con conquiste e
alle volte con arretramenti della prima linea, ma con una
sola certezza: sul campo resteranno fior di caduti, gli
uomini e le donne ridotti sul lastrico dallazzardo
patologico.
MiB

Rapporto banca-impresa, indagine di Pmi Romagna e Confartigianato

l Gruppo di lavoro Credito e Finanza, costituito


congiuntamente fra Rete PMI Romagna e Confartigianato Federimpresa Cesena, ha concluso la elaborazione dei dati relativi ad una "Indagine BancaImpresa", svolta nel periodo maggio/giugno 2016.
L indagine conoscitiva stata realizzata tramite questionario, cui hanno risposto un centinaio di imprese
dei settori industriale, artigianale e dei servizi, eterogenee anche per dimensione di fatturato e numero di
dipendenti. Nello specifico appartenenti per il 51% al
settore manifatturiero e il 49% al terziario/servizi.
Entrando nel merito, emerge un quadro in generale
miglioramento nei rapporti delle imprese con il mondo del credito, determinato da fattori sia endogeni al
sistema, quali laumento delle disponibilit liquide sul
mercato a tassi bassissimi, che esogeni, quali una migliorata capacit da parte delle aziende di comunicare con gli Istituti di credito, utilizzando uno stesso "linguaggio finanziario".
Segnali confortanti emergono anche dal livello di indebitamento delle aziende del panel, dove si evidenziata la propensione a spostare lesposizione dal
breve al medio/lungo termine consolidando, di fatto,
il debito presente in azienda.
Altro segnale positivo riguarda leffettuazione, durante lanno in corso, di investimenti in beni strumentali, che apre qualche spiraglio di cauto ottimismo, sia

perch favoriti dagli strumenti finanziari fruibili dalle


aziende, in particolare loperativit della Nuova Legge
Sabatini e la possibilit di utilizzare il "super ammortamento".
A fronte delle nuove linee di credito operative risultato prevalente il ricorso a garanzie di tipo personale/reale affiancate alla possibilit, per chi poteva usufruirne, di accedere alla controgaranzia del Medio Credito Centrale, mentre sembra avere subito una flessione lutilizzo degli strumenti di garanzia facenti capo al sistema dei Confidi.
Ancora insufficiente risulta essere per la "patrimonializzazione" delle aziende, problema storicamente
segnalato dalle banche e punto di debolezza delle imprese del nostro territorio, presso le quali anche iniziative di supporto finanziario messe in campo in passato e finalizzate a agevolarne il consolidamento, hanno avuto poco riscontro.
Per ultimo, anche se come si evidenziava in precedenza, di miglioramenti ce ne sono stati, risulta ancora presente la difficolt di comunicare con gli Istituti di
credito in modo trasparente ed esaustivo. Infatti, diverse aziende ancora non hanno introitato la necessit oggi esistente di una modalit diversa di comunicazione con le banche, finalizzata a trasmettere compiutamente il "progetto aziendale" di medio-lungo periodo.

Cesenatico

Un parco in memoria
dei coniugi Brumer
Bernhard, di origine ebraica viennese, assunse la guida di una fabbrica
di Cesenatico. Insieme alla moglie Helene, venne arrestato dai fascisti di
Cesena e consegnato ai tedeschi.Vennero uccisi nel settembre del 1944

er Cesenatico il 20 ottobre di ogni


anno rappresenta lanniversario della
liberazione dalle truppe di
occupazione tedesche e dai drappelli di
repubblichini, nel 1944. Nel 72 anniversario,
portando a compimento il progetto della
precedente amministrazione Buda, il
sindaco Matteo Gozzoli ha celebrato
lavvenimento intitolando alla memoria dei
coniugi Brumer il parco pubblico a ridosso
dellantico Squero sulla riva sinistra del

Gioved 3 novembre 2016

porto canale.
Il giovane Bernhard con la moglie Helene e
la mamma di lei Henriette, di origine ebraica
viennese, vivevano da molti anni a Milano,
essendo lui dirigente in una fabbrica di
mobili in legno curvato. In seguito alla
grande crisi mondiale seguita al famoso
crollo della borsa di New York nel 1929,
Brumer si trov senza lavoro ma, grazie ai
numerosi contatti della sua azienda, aveva
conosciuto un imprenditore romagnolo,
Augusto Degli Angeli di Cesena, il quale gli
offr di assumere la guida della sua azienda
Adac di Cesenatico (da cui lacronimo) sita
accanto al parco, dove si costruivano
giocattoli e sedie in legno curvato. I Brumer
si trasferirono in paese, divenendo parte
attiva della comunit locale. Con
lemanazione delle leggi razziali nel 1938,
Bernhard venne arrestato e rinchiuso in un
campo di concentramento in Abruzzo. Degli
Angeli, sfruttando le conoscenze e il suo
prestigio, riusc a far rilasciare Brumer,
indispensabile alla conduzione della sua
fabbrica. Dopo l8 settembre 1943 la
situazione precipit. Pur avendo aderito alla

Calo dei furti (-31 per cento) e delle rapine (-70 per cento)

15

religione cattolica (i coniugi erano stati


battezzati in San Giacomo dal parroco don
Lazzaro Urbini nel 1942), e in possesso di
documenti con falso nome, Bernhard, che
con moglie e suocera si era trasferito in una
casa colonica della famiglia del parroco,
(originario di San Vittore) nelle campagne
intorno a Tipano, continuava a gestire la
fabbrica percorrendo il tragitto in bicicletta a
rischio di essere catturato dalle SS tedesche.
Nellagosto 1944, in seguito a delazione, i
coniugi vennero arrestati dai fascisti di
Cesena e consegnati ai tedeschi. Dopo breve
permanenza nelle carceri di Forl, Bernhard,
con altri prigionieri, venne ucciso il 5
settembre, mentre la moglie, con altre
donne, sub la stessa sorte il 17 dello stesso
mese. Il nome dei Brumer torn alla ribalta
alcuni decenni dopo, quando le operaie
dellAdac giungendo allet della pensione,
ebbero la gradita sorpresa di ricevere una
maggiorazione del trattamento economico
perch lo scrupoloso e onesto Brumer aveva
continuato anche nel periodo bellico a
effettuare i versamenti previdenziali.
Ferruccio Dominici

Cerimonia a Villalta
Omaggio ai Caduti

Pi vigilanza estiva
Meno reati predatori
I

l potenziamento dellorganico dei


servizi di vigilanza nei mesi estivi, a
Cesenatico e nei Comuni della riviera,
ha dato buoni frutti, facendo registrare
una diminuzione dei reati predatori.
quanto stato riferito la scorsa settimana
durante una conferenza stampa che si
svolta presso la sala consiliare del
Comune di Cesenatico, a seguito di una
seduta itinerante del Comitato
provinciale per lordine e la sicurezza
pubblica.
Erano presenti, fra gli altri, il prefetto di
Forl-Cesena Fulvio Rocco De Marinis, il

questore Salvatore Sanna, il comandante


provinciale dellarma dei carabinieri Luca
Politi, il comandante provinciale della
guardia di finanza Alessandro Mazziotti.
Per garantire adeguati livelli di sicurezza
in concomitanza con i consistenti flussi
turistici, il ministero dellInterno ha
inviato nel periodo estivo personale di
rinforzo. Nello specifico, a Cesenatico
stato operativo dal 7 luglio al 26 agosto il
Posto di polizia estivo e si potuto
disporre di 15 unit aggiuntive. Ulteriori 5
unit sono state assegnate alla Questura,
permettendo alla polizia di impiegare 233

pattuglie.
LArma dei carabinieri ha inviato 19 unit,
consentendo alla Compagnia di
Cesenatico di mettere in campo 1.200
pattuglie sul territorio.
Grazie a questo dispiegamento di forze,
rispetto allo stesso periodo dellanno
precedente, stata registrata una
diminuzione del 22 per cento dei reati
predatori nei Comuni della riviera. In
particolare si registrato un calo dei furti
in abitazione (-31 per cento) e delle
rapine (-70 per cento).
I dati sono positivi ma la battaglia non
vinta - ha detto il prefetto -. Limportante
non abbassare la guardia e avere la
collaborazione dei cittadini, attraverso la
denuncia dei reati e ladozione di sistemi
di difesa passiva.
Per quanto riguarda la prevenzione degli
incidenti stradali, sono stati effettuati
controlli mirati per guida in stato di
ebbrezza e sotto leffetto di sostanze
stupefacenti. La Polizia stradale di Forl e
la sezione del Caps di Cesena hanno
effettuato 1.132 pattuglie lungo le
principali arterie e hanno rilevato 1.784
violazioni al codice della strada, mentre le
polizie locali ne hanno contestate 5.862.
Le polizie locali sono state impiegate
anche in attivit antiabusivismo con 307
sequestri amministrativi, mentre la merce
sequestrata dalla Guardia di finanza
ammonta a 2.932 pezzi.
Gli interventi di soccorso in mare
dellUfficio circondariale marittimo sono
stati 3, per un totale di 7 persone assistite.
Matteo Venturi

Villalta rende omaggio ai propri Militari e


Civili, caduti nelle due guerre mondiali,
stringendosi ancora una volta attorno al
monumento a loro dedicato. Costruito su
un terreno donato da Sauro Briganti,
lopera fu inaugurata il 6 ottobre 1966
con una cerimonia religiosa, presieduta
da don Pino Zoffoli e don Luigi Forlesi,
alla presenza dellallora sindaco di
Cesenatico
Marcello
Bartoli.
Il 50
anniversario
(1966-2016)
sar celebrato
domenica 6
novembre
presso il monumento ai Caduti di Villalta
in via Cesenatico, con la solenne
cerimonia dellalza bandiera (alle 9,45)
alla presenza delle autorit civili e
militari e delle Associazioni
combattentistiche e darma del territorio.
Seguir, alle 10, la celebrazione della
Messa presieduta da don Giovanni
Barduzzi. Al termine il saluto del sindaco
di Cesenatico Matteo Gozzoli.
Nelloccasione il comitato culturale il
Mulino, promotore delliniziativa,
unitamente alla parrocchia di Villalta, al
comune di Cesenatico e a Siropack Italia
srl, invita i cittadini della frazione, in
segno di riconoscenza verso i propri
caduti, a esporre nelle case la bandiera
tricolore.
In caso di pioggia la Messa sar celebrata
alle 10 nella chiesa di Villalta. A seguire
la cerimonia al Monumento.

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

16

Valle del Rubicone

Gioved 3 novembre 2016

Confermata la gestione al Teatro del Drago di Ravenna. Calendario ricco con uno sguardo al femminile

Su il sipario per il Teatro comunale di Gambettola


P

resentato il cartellone della nuova stagione teatrale 2016/2017 de La Baracca


dei Talenti/Teatro comunale di Gambettola. Per il secondo anno consecutivo la gestione affidata al Teatro del Drago di Ravenna che con Roberta Colombo ne cura anche la
direzione artistica.
Una stagione che si preannuncia coinvolgente per tutti gli appassionati di musica e spettacoli dal vivo con un carnet ricco di variegate proposte culturali e musicali con un particolare sguardo al femminile. La novit pi importante della nuova stagione teatrale il
coinvolgimento di associazioni, compagnie e
artisti locali.
Dopo il riconfermato connubio con la direzione scolastica per laboratori e matine, con
il Miles Davis Jazz Club presieduto da Glauco
Oleandri e con Crossroads, le nuove collaborazioni riguardano il Corpo bandistico Citt di

Longiano
Si riunito il Consiglio
tornato a riunirsi, dopo tre mesi di pausa, il
Consiglio comunale di Longiano. Nella seduta
del 27 ottobre, lassessore al bilancio
Massimo Ciappini ha presentato il Documento
unico di programmazione 2017-2019.
Contenimento della pressione tributaria e
invarianza delle tariffe sono le linee guida.
Raticata anche una variazione al bilancio
2016. Le minori entrate, per tasse e multe
non incassate, ammontano a 744mila euro.
Saranno coperte dal fondo di svalutazione dei
crediti. Pi spese per 121mila euro, tra cui il
nanziamento di attivit sportive e culturali,
coperte dallavanzo di bilancio e dai maggiori
oneri di urbanizzazione.
Giacomo Pasini (Aria fresca) ha plaudito
allo sforzo del Comune di non ricorrere a
strumenti di nanza creativa per fare tornare i
conti, ma ha criticato la percentuale molto
bassa di recupero dellevasione scale.
Il Consiglio ha poi approvato il nuovo
regolamento di Polizia urbana. Quello
vecchio risale al 1951. Si tratta di un
compendio di norme e disposizioni sul decoro
urbano e il buon vivere. Critico Pasini:
Purtroppo trover scarsissima applicazione,
dal momento che Longiano non ha le forze
tecniche per controllarne il rispetto.
Al vaglio del Consiglio anche lapprovazione
del Pua in deroga al Prg vigente (comparto
Cocif ex Pogginssi) che d la possibilit di
aprire un pubblico esercizio in zona
produttiva.
Bocciata la mozione di Aria fresca per
listituzione del Consiglio comunale dei
ragazzi. Va affrontata nel modo migliore,
non a pochi mesi dalla scadenza del
mandato, ha motivato il sindaco Ermes
Battistini.
Mv

Gambettola, le associazioni TreEsessanta e


Idea Coop, il gruppo comico dialettale De
Bosch, artisti come Eleonora Pandolfini e studiosi come Silvio Grilli.
Il cartellone ufficiale inizier il 5 novembre
con il teatro Potlach e lattrice-cantante Nathalie Mentha nello spettacolo I primi 100 anni di Edith Piaf. Per la parte musicale dello
sguardo al femminile sul palco si alterneranno Francesca Zaccarato in Divina- dedicato a
Maria Callas il 9 dicembre, Ginevra Di Marco
che canta Mercedes Souza (10 febbraio 2017),
la cantautrice Francesca Romana Perrotta che
canta le Donne senza voce (8 marzo 2017). Il
Nicoletta Fabbri jazz quartet render omaggio alle dive del cinema, da Marilyn Monroe a
Sophia Loren (24 Marzo 2017). A intercalare
gli appuntamenti musicali vari spettacoli teatrali al femminile con Monia Visani in Tapperuer con laccento sulla a, dialoghi e pensieri

sulla femminilit (13 gennaio 2017), Angela De


Matt Premio scenario 2015 in Made in Europe (25 febbraio 2017), Cristina Bartolini in
LAgnese va a morire (25 aprile 2017).
Testimonial deccezione del nuovo cartellone
sar Ivano Marescotti (17 marzo 2017) con
Stecchetti nel centenario della morte del
poeta romagnolo Olindo Guerrini. Sar con la
voce di Mina Agossi quartett (13 aprile 2017)
lappuntamento gambettolese di Crossroads.
Molta musica dal country al klezmer, dal jazz
alla classica con i gruppi Rigol (Concerto di
Capodanno), The Country Owls Band, Siman
Tov, Quartetto Roberto Rossi e Carlo Atti Trio.
Non mancheranno gli spettacoli pomeridiani
il sabato alle 17 per famiglie e il teatro dialettale con il gruppo comico dialettale De Bosch.
Oltre a proporre le consuete farse offrir approfondimenti culturali sul dialetto con libri e
letture.

Sar possibile acquistare i biglietti per singoli


spettacoli, direttamente in teatro, a partire da
unora prima dellinizio di ogni evento o in alternativa sui siti con abbonamenti carnet. Info, Teatro del Drago (RA) 0544-509550 e392
6664211 o sui siti info@teatrodeldrago.it,
www.teatrodeldrago.it, www.teatrocomunaledigambettola.it.
Piero Spinosi

Gatteo. In Consiglio comunale


si discusso di variazione di bilancio

Edilizia scolastica
sotto la lente
S

i riunito nei giorni scorsi il


Consiglio comunale di Gatteo.
Allordine del giorno la surroga del
consigliere dimissionario del gruppo di
minoranza Bella Gatteo Werther Zani
con Franco Neri.
Il Consiglio ha dato il benvenuto a
Pamela Costantini, nuovo segretario
comunale in convenzione con i Comuni
di Sogliano, Modigliana e Tredozio.
Fra i punti in esame, una variazione al
bilancio di previsione che fa registrare, fra
le entrate, 50mila euro in pi di oneri di
urbanizzazione, e, fra le spese, 20mila
euro in pi per lampliamento della
scuola di SantAngelo, 13mila euro da
destinare alla riqualificazione degli edifici
di culto e 22mila euro in pi per il verde
pubblico.
Approvati anche i nuovi regolamenti
comunali di contabilit e di economato,
adeguandoli alle norme in vigore e
uniformandoli a quelli degli altri Comuni
dellUnione.
Declassificato a comunale un tratto della
strada provinciale 33 Gatteo, 1.700
metri che vanno dalla rotonda Italia alla
rotonda Verzaglia. Dato il futuro delle

Budrio | Anniversario santa Maria Cleofa

Province - ha commentato il sindaco


Gianluca Vincenzi - ai Comuni
passeranno diverse strade provinciali.
Ampio spazio a interpellanze e
interrogazioni. La maggioranza ha
accolto con favore la sollecitazione del
consigliere di minoranza Tonino Venturi
(Movimento 5 Stelle) di non utilizzare
prodotti per il diserbo pubblico
contenenti glifosato, una sostanza
pericolosa per la salute umana,
promettendo attivit informative fra i
privati cittadini.
Da Venturi anche le richieste, accolte, di
nuove segnaletiche orizzontali sulla
strada provinciale che va da Gatteo a
Gatteo Mare e allincrocio fra le vie
Mazzini, Pasolini e Saffi.
Bocciata invece la proposta di
organizzare un incontro pubblico con un
giurista super partes in vista del

Confcommercio Gambettola

referendum costituzionale del 4


dicembre.
Il gruppo Bella Gatteo ha chiesto lumi
sulledilizia scolastica. Ci siamo trovati ha detto il sindaco - una gestione storica
dei plessi scolastici di totale indifferenza.
Abbiamo iniziato un percorso che ha
visto linvestimento di vari milioni. Entro
il termine del mandato i nostri edifici
scolastici risponderanno meglio alle
qualit antisismiche e alle necessit
didattiche.
Scintille fra il nuovo consigliere Franco
Neri e il sindaco sui ritardi nei lavori di
ampliamento della scuola di SantAngelo,
per variazioni del progetto originale.
Non voglio pi dare date precise - ha
risposto Vincenzi - Diciamo che i lavori
inizieranno il 1 gennaio 2019, cos se
arriviamo prima facciamo bella figura.
Matteo Venturi

Gatteo

In aumento le nuove
attivit commerciali

Rifiuti

rescono le nuove attivit commerciali a


Gambettola con un aumento del 7 per cento. Lo
rende noto unindagine di Confcommercio territoriale.
Negli ultimi due anni - osserva il responsabile di
delegazione Paolo Vangelista - molti giovani sono
entrati nel mestiere con progetti interessanti in vari
settori fra cui quello dei pubblici esercizi e dei negozi
al dettaglio di abbigliamento, alimentari in centro
storico e anche nelle zone periferiche.
In questo contesto - rimarca il presidente
Confcommercio di Gambettola Francesco Tomasini reputiamo unottima iniziativa quella del Comune di
destinare 30mila euro ai neoimprenditori che hanno
presentato domanda di accesso al nanziamento
entro il 31 ottobre. Lobiettivo di incentivare
limprenditoria giovanile e femminile durante i primi
anni di vita fondamentale.
In seno a Confcommercio sorta la societ Ri-Genera
per affiancare gli imprenditori nella gestione
amministrativa e nanziaria, uno degli aspetti pi
impegnativi per il successo dimpresa.

A Gatteo capoluogo partito il nuovo


sistema di raccolta porta a porta dei
riuti. Il servizio prevede un sistema
integrato tra raccolta domiciliare, per
riuto organico e indifferenziato, e
stradale, per tutte le tipologie di raccolta
differenziata (carta e cartone, vetro,
plastica e lattine). Dal prossimo 10
novembre saranno eliminati i cassonetti
stradali per la raccolta di indifferenziato
e organico. Dal 31 ottobre Hera ha
avviato la raccolta a domicilio:
lorganico umido (contenitore marrone)
due volte la settimana (marted e
venerd) e lindifferenziato non
riciclabile (contenitore grigio) una volta
alla settimana (il gioved). I contenitori
dovranno essere esposti dalle 20,30 del
giorno precedente alle 6 del giorno di
raccolta. Per tutte le altre tipologie di
riuti permane la raccolta stradale.
Mv

Festa a Budrio di Longiano, lo scorso 26 ottobre, nel giorno del 25esimo


anniversario della dedicazione della nuova chiesa. Intitolata a santa Maria Cleofa,
sorge accanto alla vecchia costruzione, eretta nel 1961 in sostituzione dellantica
masona con annesso oratorio. La Messa solenne stata presieduta da monsignor
Luigi Bettazzi, 93 anni, vescovo emerito di Ivrea. Hanno concelebrato monsignor
Mario Lucchi e donTonino Domeniconi, parroco uscente di Budrio, che dal
prossimo 12 novembre guider la parrocchia di Gambettola. (Mv)

Scintille fra il nuovo


consigliere Franco Neri
(Bella Gatteo) e il sindaco
sulla scuola di SantAngelo

Al via il Porta a porta

Valle del Savio

Giro dItalia a Bagno


volano di nuovi progetti
Il sindaco Marco Baccini incassa gli apprezzamenti di Confcommercio
e Confesecenti e annuncia la costituzione di un comitato organizzatore.
Si annunciano le prime iniziative promozionali di tappa e territorio

l sindaco di Bagno di Romagna incassa


gli apprezzamenti di Confcommercio e
Confesercenti sulla conquista dellarrivo
di tappa del prossimo Giro dItalia e
annuncia la prossima costituzione di un
comitato organizzatore aperto a tutti
coloro che vorranno impegnarsi.
E gi si annunciano le prime iniziative
promozionali di tappa e territorio, col
Consorzio Natura e Natura che aveva
inserito la previsione di azioni di

Gioved 3 novembre 2016

promozione turistica legate allarrivo della


tappa ed al cicloturismo nel progetto
presentato alla Regione gi lo scorso 30
agosto, e con la proposta lanciata da
Confesercenti di unanteprima della
tappa, percorsa dagli appassionati locali
con in testa lo stesso Sindaco Baccini.
Confcommercio, con lintervento del
presidente cesenate Corrado Augusto
Patrignani e del presidente Valle del Savio
Emiliano Rossi, ha sottolineato
loccasione straordinaria per tutta la
vallata rappresentata dallarrivo di tappa,
Occorre prepararsi bene a questo evento
di risonanza nazionale - scrive
Confcommercio - per sviluppare e
potenziare ulteriormente il turismo
dellAlta Valle del Savio in unottica
partecipata e condivisa da parte di tutti i
Comuni della vallata.
E il sodalizio ricorda limpegno per il
rilancio turistico della valle dei laghi, del
Monte Fumaiolo, delle Terme di Bagno di
Romagna, del Parco Nazionale delle
Foreste Casentinesi, dei paesi e dei borghi
del buon vivere.

Per il Presidente della Confesercenti di


Bagno di Romagna Pasquale Ambrogetti ed
il responsabile Confesercenti dellAlto
Savio Pierpaolo Rossi il passaggio del Giro
dItalia a Bagno di Romagna un
importante traino per il turismo dellintera
zona.
Larrivo di tappa un grande risultato sottolinea Rossi - ma anche una grande
sfida per tutta la nostra comunit.
Proponiamo e siamo disponibili a
compiere assieme al sindaco, noto
appassionato di bici, una anteprima con
escursione/tour in bicicletta lungo le
strade delle nostre localit che saranno
protagoniste del giro.
Avremo modo di far conoscere cos
anticipatamente lo splendido itinerario del
Giro nella nostra zona.
Detto, fatto. Dovremo lavorare molto e
sfruttare il traino mediatico del Giro dItalia
con varie iniziative - commenta il sindaco
Baccini -. Prima fra tutte la cicloturistica
alla scoperta della tappa che,
sinceramente, avevo gi immaginato!.
Alberto Merendi

Promossa dalla parrocchia di Gualdo e da padre Giuliani

FOTO DARCHIVIO

Una scuola di alfabetizzazione


per profughi e stranieri

na scuola di alfabetizzazione per


stranieri. quella messa in piedi da
padre Francesco Giuliani presso la
parrocchia di Gualdo di Roncofreddo,
dove presta servizio. Lesigenza nata per
due motivi, la presenza di profughi
seguiti dalla Misericordia - spiega il
sacerdote - e i numerosi lavoratori
stranieri presenti in zona, specialmente
marocchini e tunisini. Proprio per
permettere a chi lavora di frequentare il
corso, le lezioni si tengono la sera, ogni
luned, marted e mercoled dalle 20 alle
22.

Il corso tenuto da una giovane


volontaria della Misericordia di Gualdo
che insegna ai profughi di Taibo e da
padre Giuliani che gi lo scorso anno
aveva iniziato unesperienza simile
potendo contare, grazie agli anni
trascorsi in missione a Gibuti, su una
buona conoscenza del francese e di
qualche parola di arabo. Il sacerdote sta
seguendo i lavoratori maghrebini che ne
avevano fatto esplicita richiesta.
Abbiamo iniziato con lalfabeto, come in
prima elementare. Mi sono accorto che
quando pronunciavo una parola in

italiano loro la trascrivevano in arabo, e


anche chi conosceva lalfabeto latino
scriveva da destra a sinistra. Linizio non
stato facile, osserva padre Francesco
che sottolinea come il corso sia anche
unoccasione per socializzare. La scuola
di alfabetizzazione preziosa perch
permette loro di sentirsi coinvolti. D
loro modo di uscire, altrimenti non
avrebbero nessun rapporto con la
comunit. I profughi che ancora non
posso lavorare hanno iniziato a
frequentare la parrocchia. Lo scorso anno
hanno iniziato a fare un piccolo orto e a
vendere quello che coltivavano. Metto a
loro disposizione la connessione wifi,
possono giocare a ping pong o a pallone
e integrarsi col resto della comunit.
La lingua un lasciapassare importante
per chi vuole integrarsi. I profughi
vengono principalmente dallAfrica
subsahariana e conoscono poco larabo prosegue padre Francesco -. I lavoratori
sono di lingua araba. Sono stati loro a
chiedermi di poter frequentare il corso.
Non tutti sono andati a scuola.
Manifestano difficolt di apprendimento
e il livello culturale basso, ma sono
giovani e hanno desiderio di imparare.
Non solo scuola di italiano per. Lo
scorso anno abbiamo portato avanti conclude padre Giuliani - anche un
percorso di educazione civica che
vorremmo ripetere. Non appena
sapranno padroneggiare la lingua gli
faremo leggere e conoscere la nostra
Costituzione, vedere film per dare vita a
una vera socializzazione partendo dalla
conoscenza del Paese in cui ora vivono.
M.mosc.

Funghi e castagne
Autunno prolifico
ese prolico quello di ottobre per i prodotti autunnali
M
dellAppennino cesenate. Le molte sagre dislocate in alto Savio e
tra Ranchio e Pieve di Rivoschio hanno lasciato soddisfatti gli operatori.
I fungaioli non si possono lamentare. Le piogge abbondanti hanno
creato lambiente adatto per i porcini, i pi ricercati e apprezzati rispetto
alle altre variet di funghi. I tti boschi e foreste dellAlto Savio si sono

rivelati luoghi ideali per la raccolta. I pi


esperti ne hanno trovati svariati chili,
sempre nel rispetto delle norme che
prevedono la raccolta previa acquisizione
del tesserino autorizzativo.
Per i tradizionali marroni dellAlto Savio,
dopo i danni causati dalla vespa cinese che
negli anni passati ne aveva pi che
decimato la raccolta, dallo scorso anno si
assistito a un ritorno alla normalit.
Debellato il fastidioso insetto, questanno i
castagneti hanno fatto registrare un buon
raccolto. A Selvapiana e dintorni le

La Banca di casa tua!

17

Corneto in festa
Una Comunit antica
citata da Dante
nella Divina Commedia
La piccola comunit di Corneto di Verghereto
si prepara a celebrare la festa del patrono San
Martino di Tours. Corneto situato sullerto
monte sopra il ume Para, nellultimo lembo
del comune di Verghereto connante con
quello di Sarsina. Venerd 11 novembre alle
11 sar celebrata la Messa solenne cantata,
con la presenza di vari sacerdoti che si
trovano ancora, durante la settimana, per
celebrare insieme gli uffici per i defunti. Alle
15 le funzioni, come qui ancora vengono
chiamate, col canto delle litanie.
Corneto, come le altre parrocchie della zona,
ha origini remote. I primi documenti che
possediamo non sono anteriori al XII secolo.
Menzione sicura la troviamo nella Divina
Commedia, precisamente al verso 136 del
canto XII dellInferno, dove si parla di Rinier
da Corneto, cio di Riniero Della Faggiuola,
padre del noto condottiero Uguccione.
Corneto stata una parrocchia che ha
registrato, in ogni epoca, un numero esiguo
di abitanti, la pi piccola parrocchia della
vecchia Diocesi sarsinate. Nel 1353 erano 71,
83 nel 1550, 65 nel 1956 no agli attuali 22
dopo unultima nascita di qualche anno fa.
Ben nove di questi 22 abitanti sono sotto i 25
anni, con relative famiglie giovani. Una
speranza per il futuro, in quanto gran parte
degli abitanti sono proprietari e impiegati
nella orente attivit dellestrazione della
pietra serena nelle cave. A monsignor Vittorio
Quercioli stata affidata la cura della piccola
comunit subito dopo lordinazione
sacerdotale nel 1957, e continua tuttora.
Daniele Bosi

castagne hanno iniziato a cadere con un po


di ritardo. Maximiliano Falerni presidente
della Pro loco di Selvapiana dice che si
assistito a un aumento della raccolta ma
siamo sui livelli dello scorso anno.
Soddisfatti anche Pierangelo Giovannetti
presidente della Pro loco di Alfero e Stefano
Caselli, consigliere della Pro loco di
Ranchio che ha constatato un incremento
di castagne rispetto allo scorso anno, ma
ancora non si sono raggiunti i livelli prevespa cinese.
Mm

18

Solidariet

Gioved 3 novembre 2016

La consegna nei giorni scorsi, nella sala del Consiglio comunale, a 39 volontari che nel 2015 hanno completato lattivit di donatori

Avis Cesena, un attestato per dire grazie


A

Cesena la sala del Consiglio comunale ha ospitato, nei giorni scorsi,


la consegna da parte dellAvis Cesena degli attestati di gratitudine ai
39 volontari che nel corso del 2015 hanno concluso il loro impegno
come donatori di sangue per raggiunti limiti di et o per motivi sanitari.
Nel corso della cerimonia - a cui hanno partecipato il sindaco Paolo Lucchi,
lassessore ai servizi per le persone Simona Benedetti e la dirigente facente
funzione dellofficina trasfusionale Valeria Agostini - il presidente dellAvis
cesenate Fausto Aguzzoni ha fornito alcuni dati dellattivit
dellassociazione.
Nel corso del 2016 le sezioni del comprensorio cesenate hanno registrato in
tutto quasi 10mila donazioni, con un incremento di 246 donazioni rispetto
allo stesso periodo 2015. La fetta pi consistente rappresentata della
donazioni di sangue intero (7.769), mentre la quota restante si riferisce al
plasma. A beneficiare delle sacche raccolte grazie generosit dei volontari
Avis in prima battuta lo stesso territorio cesenate e poi quello emilianoromagnolo, prevedendo comunque la possibilit di aiuto alle regioni che si
trovino in carenza di sangue.
In aumento anche i volontari: nel corso del 2016 nellintero comprensorio si
sono contati 450 nuovi donatori, di cui 313 solo nelle sezioni cesenati,
portando il loro numero totale a 3.680.

A Bertinoro convegno di medici di medicina generale e cardiologi

A Cesena il 13 novembre
La bellezza
fa beneficenza

Cardiologia e territorio, si pu fare di pi

Lassociazione "Orizzonti" e
Confartigianato Federimpresa Cesena
organizzano per domenica 13 novembre
"La bellezza fa benecenza":
unequipe di professonisti dellestetica,
acconciatori ed estetiste tutti aderenti
a Confartigianato doneranno una
giornata di lavoro a sostegno delle
parrucchiere ed estetiste venezuelane
che partecipano al progetto
"Emprendedoras de la belleza":
corsi di formazione nel mestiere
e avvio di attivit imprenditoriali per
donne disoccupate e in svantaggio sociale
in Venezuela.
Lappuntamento - per taglio, piega o
manicure a offerta libera - per la
giornata di domenica 13 novembre presso
il salone "Gabriella" in via Serraglio, a
Cesena.
Per info: tel. 0547 25117,
info@orizzonti.org, www.orizzonti.org

Telefonia. Nessun costo


per chiudere un contratto
Il recesso da un contratto stipulato con
operatori di telefonia non pu comportare
costi, comunque denominati e neanche
indiretti. Lo dice una sentenza del
Tribunale di Taranto riferendosi alla legge n.
40/2007 che convertiva il dl Bersani: I
contratti per adesione stipulati con
operatori di telefoniadevono prevedere la
facolt del contraente di recedere dal
contratto e di trasferire le utenze presso
altro operatore senza vincoli temporali o
ritardi non giusticati e senza spese non
giusticate dai costi delloperatore.
Il costo di disattivazione o di migrazione,
dato che in questultimo caso si ha un
passaggio dellutente ad altro operatore, di
per s non pu quindi giusticarsi, perch si
nirebbe per rendere oneroso il recesso, che
invece la legge ha voluto gratuito.

nstaurare un rapporto sempre pi


stretto tra ospedale e territorio, in particolare nella gestione del paziente
cardiopatico. Questo lobiettivo del convegno organizzato qualche giorno fa a
Bertinoro dallUnit Operativa Cardiologia dellospedale "Bufalini" di Cesena,
in stretta collaborazione con i medici di
medicina generale del cesenate. Un importante appuntamento scientifico che,
tra medici ospedalieri, medici di medicina generale, infermieri e operatori sanitari, ha visto la presenza di oltre 200
partecipanti.
Nel corso dellincontro medici di medicina generale e cardiologi si sono confrontati con lobiettivo di condividere i
percorsi diagnostico-terapeutici, focalizzando lattenzione sulle problematiche cliniche che maggiormente impattano sui malati affetti da cardiopatie
acute e croniche.

Levento ha
spiegato Roberto Mantovan,
direttore del reparto di Cardiologia di cesena ha unito lesperienza di ospiti
di livello internazionale con
quella dei medici del territorio e
ha rappresentato un momento
di importante
crescita culturale e di collaborazione tra
ospedale e territorio.
Tutti i professionisti - ha dichiarato il
dottor Antonino Pratic, direttore del
Dipartimento Cure Primarie e Medicina
di Comunit di Cesena e Forl - hanno
sottolineato limportanza e la necessit

NOTIZIARIO PENSIONATI

come indicato nella relazione di


accompagnamento al decreto, potr essere
effettuata inviando un sms al n. 339 9942256,
o con email a
intermittenti@pec.lavoro.gov.it.
Lobbligo di comunicazione vale per gli
imprenditori diversi da quelli agricoli
(persone siche o societ) e per i
professionisti.
Per gli imprenditori agricoli, lobbligo di
comunicazione prevede che la comunicazione
possa essere effettuata entro tre giorni,
fornendo i dati anagraci o codice scale del
lavoratore nonch il luogo e la durata della
prestazione.
Lacquisto dei voucher da parte di imprenditori
e professionisti deve avvenire esclusivamente
per via telematica. Gli altri soggetti possono
Voucher, modifiche allutilizzo
acquistarli anche presso le rivendite
Da luned 10 ottobre sono state introdotte autorizzate.
modiche allutilizzo dei voucher, cio i
Sono invece esclusi dallobbligo di
buoni lavoro erogati dallInps per
comunicazione preventiva gli enti pubblici, i
effettuare il pagamento di lavori
soggetti che svolgono attivit non
occasionali, discontinui o per prestazioni commerciali, le famiglie e il lavoro domestico.
di lavoro accessorio, non regolati quindi
La omessa comunicazione punita con una
dai normali contratti nazionali. stato cos sanzione da 400 a 2.400 euro per ciascun
introdotto lobbligo di comunicazione
lavoratore.
preventiva che deve ora essere fatta
almeno 60 minuti prima dellinizio di
3 Festival delle Generazioni
ciascuna prestazione.
Nella comunicazione occorre indicare i dati LApe sociale di cui stiamo discutendo in
anagraci o il codice scale del lavoratore, questi giorni un accordo positivo: abbiamo
il luogo della prestazione, il giorno e lora aperto unautostrada che dobbiamo
percorrere no in fondo. quanto affermato
di inizio e ne della prestazione. La
nei giorni scorsi da Gigi Bonfanti, segretario
comunicazione deve essere effettuata
tramite sms o email, alla sede territoriale generale della Fnp Cisl, durante il suo
competente dellIspettorato Nazionale del intervento a Firenze nel corso della tre giorni
del Festival delle Generazioni: Io vedo oggi
Lavoro.
un sindacato proiettato nel futuro, ma che
In attesa di istruzioni operative da parte
del Ministero del Lavoro la comunicazione, deve riettere sui suoi valori, sulla sua storia.

di creare una maggiore aggregazione e


di vigilare i momenti di passaggio in cura dal territorio allospedale e viceversa.
Ancora molto c da fare in questo ambito, ma c disponibilit a mettersi in
gioco e a collaborare per migliorare i
percorsi dei pazienti.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Influenza 2016, le raccomandazioni del Ministero della Salute


Si avvicina larrivo dellinfluenza 2016 che metter a letto questanno, secondo gli esperti, circa 7 milioni di italiani. Infezioni alle vie respiratorie,
con tosse e mal di gola, febbre anche alta, mal di testa e dolori alle articolazioni: questi i sintomi. Tutte cose che nella passata stagione hanno fatto
passare in media sei giorni a letto a chi stato colpito dallinfluenza. I medici di famiglia e lIstituto superiore di sanit sono intervenuti per raccomandare il vaccino, questanno pi che mai necessario soprattutto se si
appartiene a una categoria a rischio: ultrasessantacinquenni, diabetici, immunodepressi, cardiopatici, malati oncologici, donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza. Sullinfluenza di questo inverno e sui vaccini
intervenuta la ministra Lorenzin dichiarando che si riscontra un sensibile
calo della copertura vaccinale anche contro linfluenza, che mette a rischio
la salute delle nostre popolazioni. Secondo stime dell'Istituto superiore di sanit, ogni anno l'influenza
provoca il decesso di ottomila persone, soprattutto anziani, per le complicazioni, come polmonite e
broncopolmonite, insorte dopo aver contratto il virus.
C bisogno di sindacalisti che con
umilt si mettano a disposizione delle
persone - ha continuato Bonfanti -.
Quello dei pensionati oggi un tema
sottovalutato, non considerato.
Bisogna spiegare a quei politici che
ancora oggi arricciano il naso quando
sentono parlare di pensionati, che
sono pi di 15 anni che di anziani non
si parla pi in Italia, e che senza
lapporto economico degli anziani il
Paese sarebbe sparito. Il grande
ammortizzatore sociale dItalia in
questi anni sono stati i pensionati e
gli anziani. Per questo - ha concluso il
segretario della Fnp Cisl - serve una
nuova unione tra diverse
generazioni.
Il Festival delle Generazioni, ormai
alla sua terza edizione, ha visto oltre

30mila presenze e grande successo ha


avuto lincontro con Bauman
soprattutto tra i giovani, che hanno
atteso in la per ore per ascoltare
lormai novantunenne sociologo e
losofo di origini ebraiche.
La manifestazione, promossa dai
pensionati della Cisl, stata quindi
un successo perch riuscita nel suo
principale intento, cio far dialogare
le generazioni. Gigi Bonfanti,
segretario nazionale della Fnp:
questo il messaggio del nostro
Festival, rivolto a giovani e anziani:
continuare a sognare, e farlo
soprattutto con lo scopo di migliorare
questo nostro Paese. E il nostro sogno
diventato realt. I pensionati non
sono un vuoto a perdere, al contrario,
siamo una vera miniera. E anche il

dialogo tra generazioni funziona: sono stati


una dozzina i licei di Firenze coinvolti, per
oltre 600 studenti che hanno partecipato alle
giornate.

Generazioni Tv
Generazioni la trasmissione tv informativa
curata dai Pensionati Cisl (Fnp) dellEmilia
Romagna, che tratta temi di attualit nel
campo sociale, previdenziale e della salute.
Generazioni va in onda ogni settimana sulla
tv regionale Trc (canale tv 15 e altri) in questi
orari: marted ore 20,05, mercoled ore 10,45
e ore 16,45, venerd ore 22,45.
La 6 puntata della trasmissione tv dedicata
al Festival delle Generazioni di Firenze, con la
messa in onda di due servizi sul festival (uno
della Cisl nazionale, laltro dello staff del
festival stesso).

Cultura&Spettacoli
Il cesenate campione di rally Roberto Dalpozzo ha presentato il suo libro

le sue condizioni fisiche


e le situazioni ambientali che trover. Fra ricognizioni e gara, le nostre
trasferte duravano settimane. Per stemperare la
tensione che incombeva
su di noi, ne combinavamo di tutti i colori,
anche a danno di malcapitati del tutto estranei allambiente. Goliardate che rendevano
i nostri giorni spensierati. Mi sono sempre
chiesto: perch non raccontarlo?.
Navigatore, pilota e team manager, Rudy
Dalpozzo ha fatto equipaggio con i grandi
campioni degli anni Settanta e Ottanta, fra
cui i piloti Tony Fassina, Battistolli, Fede-

rico Ormezzano,
Amilcare
Ballestrieri. Ha corso
con le pi blasonate case automobilistiche, a partire
dalla Opel per poi
passare a Peugeot
e Lancia.
Co-pilota ufficiale
di Opel Italia e coordinatore della
squadra rally Opel
sui campi di gara,
ha iniziato a correre nel 1972 con la
Opel Kadett preparata da Virgilio Conrero, marchio e preparatore che non abbandoner pi fino
alla fine della propria carriera agonistica.
Dal 1993 Dalpozzo si occupa della presentazione dei nuovi modelli di vetture
alla rete vendita e al pubblico, mediante test drive. amministratore unico e
presidente della T.C.S. Motorsport.

Incontro e film alla Malatestiana e alla sala cinema San Biagio, a Cesena

Progettare giardini
Se ne parla
in biblioteca e al cinema
U

ninteressante occasione per


conosce larte topiaria: questo,
infatti, il nome dellarte di
progettare i giardini. Presso la Biblioteca
Malatestiana di Cesena, venerd 4
novembre alle 17 inizier un percorso di
approfondimento sul mondo dei
giardini (Giardini al cinema) con una
importante conferenza di Chiara Santini
(cole Nationale Suprieure de Paysage)
sul tema I giardini del Sole: natura e
artificio in Francia allepoca di Luigi
XIV. Chiara Santini la pi titolata a
farlo: cesenate, laureatasi in Storia
moderna, si trasferita a Parigi nel 2001
per un dottorato sulle professioni del
paesaggio. La sua tesi diventata un
libro e lei intanto ha messo su casa in
Francia: lavora nel laboratorio di ricerca
dellcole nationale suprieure du
paysage di Versailles, in un ufficio con
grandi vetrate che guardano proprio
sullorto di Luigi XIV. Ascoltarla sar il
modo per intraprendere un viaggio con
la mente verso la reggia francese,
simbolo per eccellenza del potere
assoluto del re e del lusso sfrenato che
lo circondava: con i suoi 8mila ettari di

Venerd 4 novembre alle 17 inizia


un percorso di approfondimento
sul mondo dei giardini (Giardini al
cinema) con una conferenza di
Chiara Santini dellcole Nationale
Suprieure du Paysage deVersailles
giardini, boschi e palazzi, la reggia di
Versailles rappresent il pi grande
cantiere dellEuropa del Seicento. Luigi
XIV si circond dei pi importanti artisti
e scienziati dellepoca e fece del suo
castello, e soprattutto dei suoi giardini,
un luogo apparentemente fuori dal
tempo e dallo spazio in cui tutti gli
elementi sembravano sottrarsi alle leggi
di natura per sottomettersi alla volont
reale. Incisioni, dipinti, guide di viaggio,
diffusero limmagine di un luogo
leggendario. Allinterno delle mura di
cinta che delimitano la propriet reale,
il giardino sembrava cristallizzato in un
eterno giorno di primavera. Le foglie
secche non invadevano i viali ricoperti
di sabbia bianca e i fiori erano sempre

Cinema

freschi, anche durante linverno. Alberi


e siepi non crescevano, ma
mantenevano la loro forma composta,
cesellata in fantasiose forme
geometriche.
Ma non finisce qui, perch a seguire, nei
giorni 14, 21 e 28 novembre ci sar la
proiezione di tre film, presso il Cinema
San Biagio (ore 21): Marie Antoinette
di Sofia Coppola, Vatel di Roland
Joffe?, Le relazioni pericolose di
Stephen Frears. Le proiezioni saranno
precedute da una breve introduzione a
cura dellarchitetto paesaggista
Giovanna Mattioli.
Per tutte le manifestazioni lingresso
sar gratuito.
Paolo Turroni

Aladdin (Cesena)
Uci Cinema (Savignano sul Rubicone)

DOCTOR STRANGE
di Scott Derrickson
Luniverso della Marvel si arricchisce di un
nuovo personaggio. E questa gi una bella
novit, perch il film funziona. Inoltre, il neosupereroe uno dei meno conosciuti per chi
non ha trascorso ladolescenza a base di pane
e fumetti. Si tratta di Stephen Strange, meglio
noto come Doctor Strange (interpretato da
Benedict Cumberbatch, gi apprezzato nei
panni di Sherlock Holmes).
La trama: Stephen Strange un geniale neurochirurgo, dallego spropositato, ambizioso
fino allautodistruzione. Ed quello che gli
succede, dato che in seguito a un terribile incidente dauto perde luso delle mani e di
conseguenza anche la sua preziosa carriera.
Le vie della guarigione lo porteranno a Katmandu, dove ha scoperto che c qualcuno
che lo pu salvare dallinferno che sta vivendo. Intraprende cos un percorso di iniziazione sotto la guida dellAntico, che lo porter
a scoprire universi paralleli dove vivono entit
che minacciano lesistenza stessa dellumanit. E Strange dovr decidere quale sentiero
dovr prendere la sua vita. Perch ovviamente
da grandi poteri, derivano grandi responsabilit.
Nato nel Nebraska, Strange sin da bambino
dotato di doti straordinarie, tra cui quella di
entrare in contatto con figure maligne come il
Barone Mordo. Stephen cresce con un obiettivo molto preciso: studiare medicina ma,
prima ancora che per sete di conoscenza, soprattutto per avidit di guadagno. Dopo la
laurea apre il suo studio privato a New York,
accrescendo a dismisura non soltanto la sua
fama ma, per lui ben pi importante, il denaro. Per in un incidente automobilistico D.
Strange, ubriaco, si vede compromettere luso
delle mani. Viene a conoscenza di un potente
stregone immortale, Antico, che vive tra le
vette dellHimalaya. Trascorre ben sette anni
presso luniverso di Antico e una volta tornato
a New York, diventa lui stesso cultore di
quanto imparato. Ed ecco ripresentarsi leco
minacciosa del Barone Mordo...
Scott Derrickson, che al suo attivo ha solo due
horror, anche se di assoluto valore come
Lesorcismo di Emily Rose e Sinister, fa
davvero un buon lavoro. Finalmente, dopo alcuni lavori piuttosto ripetitivi, si respira aria
nuova allinterno della Marvel cinematografica. Il regista scrive e dirige bene, arricchisce
il film di questioni filosofiche ed esistenzialiste gestite per con la naturale leggerezza
della narrazione fumettistica, tratteggia benissimo ogni personaggio dandogli spessore e
senso. La resa visiva molto buona grazie
anche a quel mood psichedelico (il personaggio degli anni 60) che rende unico il prodotto. E parlo volutamente di prodotti, non
di film, perch dopotutto di film veri e propri
la Marvel ne ha probabilmente realizzato uno
solo. Ed stato sconfessato e odiato da tutti i
fan, per questo tengo per me il titolo. Ma questa unaltra storia...

alla Libreria cattolica SAN GIOVANNI nuova sede: corso Sozzi 39, Cesena (tel. 0547 29654)
LARTE DI ESSERE FRAGILI
Come Leopardi pu salvarti la vita
di Alessandro DAvenia
Mondadori Editore (19 euro)
Alessandro D'Avenia dialoga con gli adolescenti chiedendo in prestito le parole a
Giacomo Leopardi.
Esiste un metodo per la felicit duratura? Si pu imparare il faticoso mestiere di vivere giorno per giorno in modo da farne addirittura unarte della gioia quotidiana?.
Sono domande comuni, ognuno se le sar poste decine di volte, senza trovare risposte. Eppure la soluzione pu raggiungerci, improvvisa, grazie a qualcosa che ci accade, grazie a qualcuno. In queste pagine Alessandro DAvenia racconta il suo
metodo per la felicit e lincontro decisivo che glielo ha rivelato: quello con Giacomo Leopardi. Leopardi spesso frettolosamente liquidato come pessimista e sfortunato. Fu invece un giovane uomo affamato di vita e di infinito, capace di restare
fedele alla propria vocazione poetica e di lottare per affermarla, nonostante lindifferenza e perfino la derisione dei contemporanei. Nella sua vita e nei suoi versi,
DAvenia trova folgorazioni e provocazioni, nostalgia ed energia vitale. E ne trae lo
spunto per rispondere ai tanti e cruciali interrogativi che da molti anni si sente rivolgere da ragazzi di ogni parte dItalia, tutti alla ricerca di se stessi e di un senso
profondo del vivere. Domande che sono poi le stesse dei personaggi leopardiani:
Saffo e il pastore errante, Nerina e Silvia, Cristoforo Colombo e lIslandese... Domande che non hanno risposte semplici, ma che, come una bussola, se non le taci-

19

di Filippo Cappelli

Il lato B dei miei rally


Storie mai scritte
di un periodo meraviglioso
ella sera di venerd scorso, in unaula
magna della Malatestiana piena di
gente, a Cesena, il campione italiano
ed europeo di rally Roberto Rudy Dalpozzo ha presentato il suo libro Il lato B dei miei
rally. Storie mai scritte di un Periodo Meraviglioso.
Il volume racconta non solo i grandi risultati sportivi raggiunti da Dalpozzo, ma anche
aneddoti, episodi divertenti vissuti in prima
persona durante la sua lunga attivit agonistica in campo rallystico iniziata nel 1972.
Il pilota professionista ha una grande responsabilit afferma Dalpozzo . pagato
per vincere e quando parte per un rally sa
che dovr dare il massimo, qualunque siano

Gioved 3 novembre 2016

tiamo possono orientare la nostra esistenza.


La sfida lanciata, e ci riguarda tutti: Leopardi
ha trovato nella poesia la sua ragione di vita, e
noi? Qual la passione in grado di farci sentire vivi in ogni fase della nostra esistenza?
Quale bellezza vogliamo manifestare nel
mondo, per poter dire alla fine: nulla andato
sprecato? In un dialogo intimo e travolgente
con il nostro pi grande poeta moderno, Alessandro DAvenia porta a magnifico compimento lesperienza di professore, la passione
di lettore e la sensibilit di scrittore per accompagnarci in un viaggio esistenziale sorprendente. Dalle inquietudini
delladolescenza let della speranza e dellintensit, nei picchi di entusiasmo come
negli abissi di tristezza passiamo attraverso
le prove della maturit il momento in cui le
aspirazioni si scontrano con la realt per approdare alla conquista della fedelt a noi
stessi, accettando debolezze e fragilit e imparando larte della riparazione della vita.
Forse, qui che si nasconde il segreto della felicit.

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 3 novembre 2016

CESENA

La festa in slera
al teatroBogartdi Cesena

Nabucco di Giuseppe Verdi


Al teatro Bonci andr in scena domenica 6 novembre
alle 20,30 lopera lirica di Giuseppe Verdi Nabucco,
a cura del coro lirico cesenate Maria Callas in
collaborazione con il Comune e Ert. Interpreti
Giuseppe Altomare, Raffaella Battistini, Mattia Denti,
Domenico Menni, Chiara Manese, Chiara Mazzei,
Giampaolo Vessella e Paolo Gabellini. Suoner
lorchestra Citt di Ferrara. Canteranno il coro San
Rocco di Bologna e i cori cesenati Maria Callas,
Araba Fenice, Alessandro Bonci.

Macbeth al Bonci
Il primo spettacolo del programma di prosa del
teatro Bonci sar il Macbeth di Shakespeare gioved
10, venerd 11, sabato 12 alle 21 e domenica 13
novembre alle 15,30. Con Franco Branciaroli,
Valentina Violo, Tommaso Cardarelli, Enzo Curcur,
Stefano Moretti, Fulvio Pepe, Livio Remuzzi e
Giovanni Battista Storti. Regia di Franco Branciaroli.

Recupero di Palazzo Bufalini


Ancora un incontro nel 230esimo anniversario della
nascita di Maurizio Bufalini a cura dellUniversit
della terza et-Cisl. Marted 8 novembre alle 15,30
nella sala Cacciaguerra del Ccr in viale Bovio,
Sanzio Castagnoli, architetto esperto di recuperi in
edici storici, parler sul tema Palazzo Bufalini: un
recupero possibile.

in slera il titolo del poemetto scenico


sabatoL5peraefesta
coro e orchestra che sar messo in scena
domenica 6 novembre alle 21 al teatro
Bogart di SantEgidio di Cesena.
Lo spettacolo promosso dallassociazione Valori e
Libert e dallassociazione Corale Bellaria Igea-Marina,
in collaborazione con Conservatorio Bruno Maderna di
Cesena. Il ricavato sar devoluto alla realizzazione del

Animali, piante e mostre, sabato 5 e domenica 6 novembre

Naturalmente
in Fiera a Cesena

appuntamento con "Naturalmente in fiera", a Cesena sabato 5


e domenica 6 novembre, una
grande festa dedicata a tutto il mondo
della natura, allinsegna della biodiversit.

Balletto dal Bolshoi


Al cineteatro Victor di San Vittore, luned 7 novembre
alle 20,30, in diretta dal Bolshoi Theatre di Mosca
sar sullo schermo il balletto Let delloro col
corpo di ballo moscovita. Si tratta di una scintillante
satira dellEuropa nei ruggenti anni 20. Musica di
Dmitri Shostakovich. Ingresso 10 euro. Gioved 3,
sabato 5 e domenica 6 novembre alle 21 in visione il
lm Caf society che marted 8 alle 21 sar
proiettato in lingua originale. Domenica 6 alle 15 e
alle 17 sullo schermo il lm danimazione Il libro
della giungla. Ingresso 3,50 euro. Venerd 4
novembre alle 21 la lodrammatica Hermanos di
Longiano presenter la commedia di Giusi Canducci
Al doni muderni. Ingresso 7 euro.

Famiglie al cinema
LAssociazione per le Famiglie in collaborazione col centro famiglie Benedetta Giorgi ha organizzato una rassegna cinematograca a prezzi agevolati che avr luogo
allAstra in viale Osservanza. Sabato 5 novembre alle
16,30 e domenica 6 alle 15 e alle 17 sar proiettato il lm
danimazione Lera glaciale. In rotta di collisione. Sono
in programma incontri per genitori ed educatori. Il primo
si terr marted 8 novembre dalle 20,45 nella sala del
quartiere Oltresavio. Le psicologhe Samantha Corzani e
Arianna Bennato parleranno dellamore e di come spiegarlo ai gli.

Per non dimenticare


In piazza San Pietro in Solferino a Borello domenica
6 novembre si celebrer la festa dellUnit dItalia.
Alle 9 raduno, mostra di mezzi storico-militari e
saluto delle autorit; alle 10 testimonianza a cura di
Pier Paolo Magalotti; a seguire deposizione di una
corona al monumento ai Caduti e inno di Mameli
cantato dal tenore Maurizio Tassani. Alle 11 Messa.

progetto Cristoforo della Casa dellAccoglienza


onlus Luciano Gentili della parrocchia di
SantEgidio. Ingresso 10 euro.
Lo spettacolo, interamente in dialetto romagnolo,
ripropone le tradizioni popolari con
accompagnanti di cori, musiche e danze popolari
messa in scena dalla Corale di Bellaria Igea
Marina.
Testo del pometto: Antonio Beltranelli; musica di
Guido Bianchi; adattamento e direzione musicale:
Gilberto Casali; regia di Gianluca Reggiani.
Per info e prenotazioni: 348 7020917 (dalle ore
17), associazione@valorieliberta.it

Gambettola

La fiera si sviluppa su unarea di


circa 20mila metri
quadrati,
dove
profumi e meraviglie della natura la fanno da padrone.
Non a caso si svolge a Cesena, la capitale del gusto, di prodotti del territorio
di alta qualit e del buon vivere.
In esposizione: volatili, rettili, anfibi,
aracnidi (ragni), cani e gatti, animali
dellaia, razze romagnole. Frutti antichi, piante, bulbi, fiori rari, piante esotiche, bonsai e oggetti darredamento,
sport, food, bio-vegan, cosmesi naturali, creativit, agriturismi, masserie
didattiche, prodotti dellorto, del mare, dei fiumi e del lago, laboratori, NaturalmenteEco (dedicato alleditoria e
ai blogger), mostra darte, abbiglia-

Gatteo

mento, riciclo, edilizia, alimentazione,


viaggi.
Sar presente una Mostra felina, con tantissimi gatti in esposizione. Nella mostra
ornitologica internazionale saranno
esposti pi di 4mila esemplari; lancio dimostrativo di colombi viaggiatori con la
presenza dei campioni nazionali. Animali dellaia: laboratori creativi per i pi
piccoli.
Saranno presenti lo Spazio Bimbi, Spazio 4 zampe e Spazio Anziani.
Orari di apertura: 9-19; ingresso: intero 7
euro; ridotto 5 euro
Per info: tel. 349 3207788.

Gatteo

Spettacolo musicale

Incontro con lautore

Libro di Franco Arminio

Al Comunale sabato 5 novembre alle 21


il teatro Potlach metter in scena lo
spettacolo I primi 100 anni di Edith
Piaf, un viaggio musicale nella Francia
degli anni 30-50 attraverso le canzoni
di Edith Piaf, la cui anima sembra
essere non smettere mai di credere
nellamore qualsiasi cosa succeda.
Con Nathalie Mentha. Regia di Pino Di
Buduo.

Alla biblioteca comunale Giuseppe


Ceccarelli gioved 10 novembre
alle 21 avr luogo lincontro con
Annalisa Teodorani per la
presentazione del suo libro
Nientaltro che parole. Introdurr
Narda Fattori.
Lincontro organizzato
dallassessorato
alla Cultura.

La sezione Valle dellUso e del Rubicone


dellassociazione Italia Nostra propone un
incontro con Franco Arminio, poeta, scrittore e
regista, che si autodenisce paesologo. Domenica
6 novembre alle 10 prevista una passeggiata
paesologica da borgo San Liborio al Castello. Alle
17 nelloratorio di San Rocco sar presentato il suo
libro Geograa commossa dellItalia interna.
Introduzione a cura di Fabio Molari. Legger Luisa
Maroni.

Longiano

Sarsina

Sarsina

Concerto di Glauber Rocha

Festa dellUnit nazionale

Film al Silvio Pellico

AllArengo del Castello Malatestiano


sabato 5 novembre alle 21 dar un
concerto il chitarrista brasiliano Glauber
Rocha. Eseguir musiche di Johan
Sebastian Bach, Niccol Paganini e
Napolon Coste. Lo spettacolo
presentato dalla Fondazione Tito Balestra
onlus e dallassociazione culturale Porto
di Leonardo. Ingresso gratuito.

Il Comune invita i cittadini alla celebrazione


della festa dellUnit nazionale e delle
Forze armate. Si svolger domenica 6
novembre. Alle 9 sar celebrata la Messa in
Cattedrale. A seguire il concerto della
banda Citt di Sarsina in piazza Plauto,
deposizione di una corona dalloro al
monumento ai Caduti in piazza Gramsci e a
quello di Sorbano.

Il lm commedia di Cristina Comencini


Qualcosa di nuovo sar proiettato al
cinema parrocchiale venerd 4 e sabato 5
novembre alle 21, domenica 6 alle 15,30 e
20,30. Con Paola Cortellesi, Micaela
Ramazzotti, Eduardo Valdarnini ed Eleonora
Danco.
Ingresso 3 euro per i bambini no ai 10
anni, 5 dagli 11 anni in su.

Cesena Danze| In visita alleremo di SantAlberico

USCITA DIDATTICA ALL'EREMO DI SAN ALBERICO E ALLE SORGENTI DEL TEVERE. NEI GIORNI SCORSI UN GRUPPO FORMATO DA UN
CENTINAIO DI PERSONE - PER MET GIOVANI BALLERINI DEL GRUPPO ARTE E SPETTACOLO CESENA DANZE E PER MET
GENITORI - ha fatto visita alleremita Gianbattista Ferro, custode delleremo di SantAlberico, a Balze di Verghereto. Leremita 65enne,
che prosegue leredit spirituale nel posto che fu fino a due anni fa di fra Michele Falzone, ha accolto la comitiva e ha illustrato ai giovani
cesenati le peculiarit delleremo: Tanta preghiera, nella vita in mezzo alle montagne, a oltre 1.100 metri di quota sul livello del mare,
con la bellezza della natura, il silenzio, la pace e un rapporto pi diretto con il Signore.
Nellarea delleremo, il gruppo ha visitato anche la tomba del Servo di Dio don Quintino Sicuro. Quindi ha effettuato una lunga
camminata nei boschi fino al rifugio Biancaneve. Nel pomeriggio la comitiva poi si recata in visita alle sorgenti del Tevere.

Sport

Gioved 3 novembre 2016

Massimo Drago stato esonerato dopo la sconfitta contro il Frosinone

Il nuovo corso del Cesena


targato Camplone
N

essuno si sarebbe immaginato una


situazione del genere solo qualche
mese fa, quando il Cesena, uscito
sconfitto dalla gara di playoff contro lo
Spezia, guardava con soddisfazione alla
buona prima stagione di Drago e sperava
in un futuro ancora migliore. Il percorso
dellallenatore di Crotone si concluso
nel pi inaspettato dei modi, domenica
30 ottobre, dopo 12 partite di
campionato, una sola vittoria e la
sensazione che tecnico e squadra non

andassero pi nella stessa direzione.


Almeno, fino alla partita col Frosinone,
nella quale, dopo la brutta sconfitta con
lEntella e una serie di risultati negativi, si
era intravista una reazione, come
confermato dalle parole di Foschi nel
post partita: "La squadra ha risposto bene
oggi in campo, oggi ho visto un gruppo
sano". Lo stesso direttore sportivo, dopo
aver confermato che Drago sarebbe
rimasto sulla panchina bianconera, aveva
per aggiunto che "nel calcio tutto pu

cambiare" e infatti la situazione si


ribaltata. Dopo la sconfitta coi ciociari
Drago stato sollevato dallincarico. Il
nuovo allenatore bianconero Andrea
Camplone, ex tecnico di Bari e Perugia.
Lufficialit arrivata nella tarda
mattinata di luned dalla societ.
Camplone ha siglato un contratto con il
club bianconero fino al 30 giugno 2017.
Far il suo esordio in panchina allo stadio
Rigamonti contro il Brescia (venerd 4
novembre, alle 20,30). La squadra
allenata da Cristian Brocchi non in un
ottimo momento. Ha vinto solo una delle
ultime cinque partite, e nellultima
giornata ha perso nettamente 4-0 contro
lEntella, ma in casa difficile da battere
(nelle ultime cinque sfide al Rigamonti
neanche una sconfitta). una squadra
giovane, con unet media di 23 anni, che
ama giocare la palla e farla girare, grazie a
giocatori tecnici come Morosini, ma un
po fragile in fase difensiva. Impossibile
ipotizzare come scender in campo il
Cesena. Sicuramente mancher Vitale,
espulso ingenuamente contro il
Frosinone. La squadra dovr ripartire da
quella prestazione, dove si vista grinta e
finalmente unidea di gioco, cosa che
mancata nelle partite precedenti, per
dimostrare che la squadra non centra
nulla con la zona di bassa classifica in cui
si trova al momento, 18 con solo 10
punti. Drago rester nel cuore dei tifosi
bianconeri, anche grazie alla lettera
daddio scritta dopo lesonero, dove ha
ringraziato societ e pubblico, in modo
semplice, con poche righe, lasciando la
panchina bianconera in punta di piedi.
Andrea Pracucci

B1 femminile

21

Calcio serie D
Colpo sfiorato
Domenica al Manuzzi
contro la Vastese
Pari prezioso per i biancazzurri di Muccioli
che a Civitanova strappano un 1 a 1 alla
squadra locale, ma avrebbero meritato
qualcosa di pi.
Il Romagna Centro torna a fare punti in
trasferta dopo tre scontte consecutive
lontano da Cesena. Il primo tempo di
marca
romagnola
coi ragazzi
di Muccioli
che hanno
messo in
diffcolt la
retroguarda
avversaria
in pi di una
occasione
con Ferri e
Pasquini.
Il Romagna
Centro
passa al 60
con la difesa rossobl in evidente
difficolt. A siglare il vantaggio
Bussaglia (nella foto), servito da Amati
che calcia in area una punizione, a
insaccare.
Il pareggio beffa arriva 10 minuti dopo
con Progna che viene atterrato in area da
Brunetti. Negro ad andare sul dischetto
e a portare il risultato in parit.
Domenica prossima il Romagna Centro
giocher allOrogel Stadium Dino
Manuzzi la gara interna contro la Vastese
Calcio. Calcio dinzio alle 14,30.

Ma le ragazze di coach Simoncelli mettono paura


allOlimpia Ravenna, candidata alla promozione

Derby amaro per il Volley Club Cesena


C
i sono voluti tutta la classe e tutto il potenziale offensivo da categoria superiore dellOlimpia
Ravenna per superare 1-3 (25-23, 1925, 25-27, 16-25) sul filo di lana il Volley Club Cesena nel primo derby stagionale valido per la 3 giornata del
campionato di B1 femminile.
Al cospetto di una delle candidate per
la promozione in A2, il sestetto di Andrea Simoncelli si presentato con
qualche cerotto, ma anche con la
sfrontatezza di chi non aveva nulla da
perdere.
E, per poco, le cesenati non hanno
giocato un brutto scherzetto alle pi
titolate avversarie, scese al Carisport
con una batteria dattacco davvero
imponente. Il vero merito del Volley
Club stato quello di aver tenuto in

scacco per due ore lOlimpia Ravenna.


Limpatto del Volley Club sul
match, con quel primo set vinto
(25-23) grazie a una grande concretezza in tutti i fondamentali,
stato incoraggiante. Ma la chiave di
volta stato il terzo parziale, nel
quale il turno di battuta di Calisesi
(da 18-23 a 23-23) ha costretto le
ospiti a dar fondo a tutte le proprie
risorse per evitare il ricorso al tiebreak.
Sul fronte delle cifre, Ravenna ha
attaccato meglio (36% contro il
28% delle padrone di casa), ma il
Volley Club ha ricevuto con maggiore precisione (45%-43%). Anche
senza andare in doppia cifra, la capitana Piolanti, reduce da infortu-

nio e non in perfette condizioni come anche il libero Fabbri, risultata la pi concreta (40% in attacco
pi 3 muri).
Da una big allaltra: il Volley Club
ora atteso domenica prossima dalla trasferta di San Lazzaro di Savena sul campo della capolista.
La classifica (la prima in A2; la seconda, terza e quarta ai playoff, le
ultime tre retrocedono in B2): Teodora Ravenna, San Lazzaro di Savena, Orvieto 9; Montale 8; Perugia, Olimpia Ravenna 6; Castelfranco Sotto 4; Firenze, Bastia 3;
Cesena, San Giustino 2; Montespertoli, Reggio Emilia 1; Moie di
Maiolati 0.
Nella foto, il muro Piolanti-Calisesi, con Fabbri in difesa

22

Sport Csi

Gioved 3 novembre 2016

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Dal 30 novembre tutte le societ dilettantistiche se ne dovranno dotare di uno di tipo semiautomatico esterno (Dae)

Defibrillatore e Csi
Un nuovo corso
abilitante
M

ercoled 30 novembre entra in vigore lobbligo di


dotarsi di defibrillatori semiautomatici esterni
(Dae) per le associazioni e le societ sportive
dilettantistiche da tenere nei luoghi dove si svolgono
sport organizzati.
Il Decreto Balduzzi prevede che, insieme con lo
strumento defibrillatore, ci sia almeno una persona
formata per poterlo usare, nel caso si presentasse la
necessit.
Il Csi di Cesena impegnato a far s che la data del 30
novembre non trovi le societ impreparate a far fronte ai
nuovi obblighi di legge. Se le stesse risulteranno non in
regola, le gare non potranno essere disputate.
Sabato 22 ottobre si concluso il 3 corso della stagione
sportiva 2016/17, che si tenuto presso la sede del Csi in
via Lugaresi 202 a Cesena, mentre il prossimo si svolger
sabato 12 novembre (ci sono ancora sei posti disponibili).
Sono invitati a partecipare tutte quelle persone che, in
vari modi e ruoli, gravitano attorno alle societ sportive e
che, ricevuto il relativo attestato, le aiuteranno cos
concretamente nellespletamento della loro attivit,
assicurando lassistenza di primo intervento e la
regolarit medico/sportiva obbligatoria, come richiesto
dalla normativa vigente.
Per informazioni e iscrizioni, occorre chiamare il numero
di telefono della segreteria del Csi cesenate (tel. 0547
600383) o inviare una e-mail allindirizzo
info@csicesena.it

Ci sono
ancora
posti
disponibili
al corso che
si terr
nella sede
del Csi, in
via
Canonico
Lugaresi a
Cesena,
sabato 12
novembre

La prima edizione riservata al campionato giovanile di calcio categorie Esordienti (nati nel 2003-2004)

Fair Play, un principio


che diventa torneo
I

l Fair Play non una regola scritta,


bens un comportamento
eticamente corretto da adottare
nella pratica delle diverse discipline
sportive, che non si esaurisce nel
semplice rispetto delle regole, ma
promuove valori importanti anche
nella vita, come lamicizia, il rispetto
del prossimo e lo spirito di gruppo.
Il Fair Play anche lotta allinganno,
alla violenza fisica e verbale,
alleccessiva commercializzazione e

alla corruzione. Il lato educativo,


formativo e sociale dello sport si
mostra in tutta la sua forza soltanto
quando il Fair Play viene posto al
centro dellattenzione di tutti,
praticanti e non, e solamente se non
viene considerato un aspetto
marginale.
Per realizzare ci, larea formazione
del Csi Cesena ha indetto il 1 Trofeo
Fair Play riservato al campionato
giovanile di calcio categoria Esordienti

(nati nel 2003-2004). Al termine di


ogni partita larbitro rediger un
referto specifico al quale dar un
punteggio relativo a diversi aspetti
comportamentali riscontrati prima,
durante e dopo la gara. Alla fine del
campionato le prime due squadre che
avranno ottenuto pi punti si
sfideranno in una finale per vincere il
Trofeo Fair Play allOrogel Stadium
Dino Manuzzi di Cesena.
Questa per il Csi la carta del Fair
Play:
- fare di ogni gara un momento
privilegiato dincontro e di festa con i
coetanei;
- conformarsi alle regole e allo spirito
dello sport praticato;
- rispettare gli avversari, cos come
vogliamo sentirci rispettati;
- accettare le decisioni dellarbitro,
sapendo che, come i giocatori, ha
diritto allerrore, anche se fa di tutto
per non commetterne;
- evitare la cattiveria e le aggressioni
nelle azioni di gioco, nelle parole e
negli scritti;
- non adoperare espedienti o inganni
per ottenere il successo;
- tenere un atteggiamento dignitoso
ed equilibrato nella vittoria come nella
sconfitta;
- aiutare chiunque con la propria
presenza, esperienza e comprensione;
- soccorrere ogni sportivo ferito o in
difficolt tale da mettere in pericolo la
propria vita;
- essere un vero ambasciatore dello
sport, aiutando a far rispettare intorno
a s i principi sopra esposti.
Area Formazione del Csi Cesena

Calcio Dilettanti
29esima Coppa
Gianfranco Valentini
scaduto a fine ottobre il termine per liscrizione alla
Coppa di calcio dilettanti, intitolata alla memoria di
Gianfranco Valentini, indimenticabile dirigente,
arbitro e presidente del comitato cesenate del Csi.
La competizione, giunta alla sua 29esima edizione, si
configura come un vero e proprio trofeo romagnolo
del calcio amatoriale, sia per la quantit delle
societ iscritte (ben 40), che per la rappresentanza
dei territori di provenienza.
A difendere i colori di Cesena scenderanno in campo
lApd San Carlo, lUs. Capannaguzzo, il Climagas Ponte
Pietra, la Pol. Cesuola, lUsd San Marco, il Villa
Chiaviche Calcio, il Real Cesena, La Pieve Lattoneria
CU 29 e la Pol. Forza Vigne. In riferimento alla Vallata
del Savio gareggeranno lUs Mercatese A e B, la Ss
Bagno di Romagna, la Pol. Ranchio, lEdilcasanova
Montecastello e il Gsd Cella Ponte Giorgi.
In rappresentanza di Savignano e del suo
comprensorio, troviamo la Pol. Il Compito, la Pol.
Capanni, lAsd Valle 86 e lAsca Around Cesare, tutte
di Savignano, la Pol. Sidermec F.lli Vitali di
SantAngelo di Gatteo e lAc Fiumicinese, di
Cesenatico la Pol. Boschetto, lAsics Cannucceto, la
Pol. Sala e il Levante Boschetto e di Cervia lAsd
Montaletto, lAd Pol. Castiglionese, il Pinarella Bar
Times e la Pol. 2000.
Per il territorio forlivese risultano iscritte la Lsd
Predappio, lo Sporting Galeata, il Mazapegul Brew
Pub di Civitella di Romagna, la Forlivese e lAudax
Forlivese. Completano il quadro delle societ
partecipanti lAsd Collinello Calcio 1964, il Club
Juventinit di Forlimpopoli, lIdeal Sport Bulgaria,
lAs Badia e lUs Budrio 1982, entrambe di Longiano
e il Refugium Corpol di Rimini.
La prima fase a gironi verr disputata tra il mese di
dicembre di questanno e gennaio 2017, al termine
del girone di andata del campionato di calcio
dilettanti, promosso sempre dal Csi cesenate.

Pagina aperta

Gioved 3 novembre 2016

Il direttore risponde

23

LOcchio indiscreto

Era un giorno come tanti altri...


La parrocchia di San Pio X saluta don Egidio Zoffoli

aro direttore, venerd sera c stato lultimo incontro del gruppo giovani della
parrocchia di San Pio X di Cesena con il
parroco don Egidio Zoffoli. Puoi comprendere il
groviglio di emozioni che sta passando in questi
mesi nel cuore di chi ha vissuto assieme a lui 34
anni di vita cristiana, crescendo in parrocchia,
celebrando i sacramenti e maturando una molteplicit di esperienze che rimarranno per sempre nel bagaglio che ognuno di noi porter con
s su questa terra.
Un incontro di due ore intense, a partire dal momento di preghiera in chiesa con il canto Vocazione (Era un giorno come tanti altri e quel
giorno Lui chiam...), quasi a scandire il tono
della serata. Don Egidio si sottoposto alle domande dei giovani senza filtri, raccontando
della propria infanzia, della perdita prematura
dei genitori, degli anni del seminario e del sacerdozio, delle soddisfazioni e fatiche incontrate.
Ogni episodio raccontato aveva sullo sfondo il
programma che il don port in parrocchia in
quel lontano 1982: Comunione e missione. Due
striscioni esposti nella vecchia chiesa che in
modo sintetico racchiudono la storia della comunit cristiana: spiegano il nome Ges Cristo,
chiedono preghiera e servizio, eucarestia e testimonianza della carit. Una storia fatta di opere
concrete come la nostra bellissima chiesa, dove
tutto porta verso il Salvatore. Una storia fatta di
persone e di volti che ci hanno preceduto nel
cammino verso il Signore e di altri che rimangono per proseguire con rinnovato entusiasmo il
cammino di vita cristiana. Ges sapeva ritirarsi
da solo a pregare. In questi anni lo abbiamo

visto fare spesso da don Egidio, che ci ha raccomandato di proseguire l'adorazione eucaristica
del gioved.
stata davvero una serata piena di gratitudine
per quanto ricevuto dal Signore, consapevoli che
saremo ancora uniti a don Egidio nella preghiera, potendo contare su di lui nel nuovo servizio al Suffragio, particolarmente dedicato alla
cura della vita interiore.
Grazie don e... auguri per il servizio che continuerai a rendere a altri nostri fratelli.
William Casanova
Carissimo William, grazie infinite per aver pensato di condividere con i lettori del Corriere Cesenate alcune delle tante emozioni vissute in
questi giorni nella parrocchia di San Pio X.
Dopo numerosi anni vissuti assieme e nei quali
avete condiviso l'esperienza cristiana, cio tutta
la vita vissuta alla luce del Vangelo, si comprende benissimo che non per nulla facile attraversare questi momenti di separazione. Ma
la vita prosegue. Anzi, proprio grazie allintensit di quanto sperimentato, ora siete in grado
di proseguire lungo un itinerario gi indicato,
consapevoli che l'importante, come ricorda
spesso papa Francesco, non restare fermi, ma
camminare.
Quindi, infiniti auguri anche alla vostra parrocchia e per la festa che farete domenica prossima in occasione dell'ingresso del nuovo
parroco, don Claudio Turci.
A presto.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Quarantadue anni dopo, i ragionieri del Serra...


Nei giorni scorsi, alla Trattoria dellAutista di Savignano, si sono ritrovati gli ex compagni di scuola
della 5 C (diplomati nel 1974) dellIstituto Tecnico Commerciale Renato Serra di Cesena.
stata una bella serata, anche se sono passati 42 anni e i visi non sono pi gli stessi, due chiacchiere,
un bicchiere di vino, e ti ritrovi a tuo agio come se il tempo non fosse mai passato
Dopo 42 anni ecco i partecipanti in una bella foto di gruppo, da sinistra a destra:
Bruno Gobbi, Mario Barbieri, Paolo Ravaglia, Antonella Buda, Paola Magnani, Ursula Nucci, Beatrice
Faedi, Luciano Simonetti, Maurizio Arienti, Stefano Bellagamba, Marina Magnani, Fausto Bertozzi,
Claudio Casadei, Giulio Zamagni, Lidia Macari, Rita Buda, Costanza Zaccaria, Raffaele Berretti, Lina
Comandini, Marina Franchini, Paolo Pagliacci.

stata riaperta da pochi giorni la strada che collega Montiano a Santa Paola
(Roncofreddo). Per un tratto di una cinquantina di metri stata sistemata una
frana allinizio della via, ma il resto della provinciale per Sogliano rimane ad alto
rischio, soprattutto per i numerosi ciclisti che la percorrono.

Alfero saluta il medico Dino Laurentini


Caro direttore, le chiediamo di pubblicare il saluto che abbiamo riservato al medico di Alfero per oltre 40 anni, il dottor Dino Laurentini.
Grazie per lospitalit.
Un gruppo di alferesi
Dottore, domani lultimo giorno di ambulatorio in Alfero, per tale motivo un
gruppo di Alferesi in rappresentanza dellintera popolazione si trovano questa sera
qui per un saluto.
Certamente non un addio ma un arrivederci, poich siamo certi che tutte le volte
che ritorner ad Alfero, far certamente una visita alle nostre famiglie, che laccoglieranno con amicizia e gioia.
Nei 40 anni trascorsi in mezzo a noi, ha sopportato ciascuno di noi
con lelenco, certamente ripetuto mille volte, dei nostri acciacchi di salute. Ci scusiamo e ringraziamo per la sua pazienza.
Dottore, noi la ringraziamo di cuore per lottimo servizio medico svolto ad Alfero.
Tutti ne abbiamo apprezzato la sua massima disponibilit, la sua indiscussa ed immensa professionalit, la sua assistenza continua in ogni momento del giorno e a
volte anche della notte.
Grazie e poi grazie ancora per il suo ottimo servizio medico svolto, con competenza, pazienza e prontezza nelle chiamate a domicilio.
La popolazione di Alfero offre questi due piccoli modesti oggetti a ricordo di tutti
Noi.
Un orologio da polso e un quadro raffigurante il paesaggio di Alfero e la Cascata sul
fiume Alferello, con inciso una dedica: Dottor Lino Laurentini, le siamo infinitamente grati per le sue cure prestate per oltre 40 anni alla gente di Alfero,
la sua grande abnegazione e professionalit, saranno tenute sempre nella nostra
mente e nel nostro cuore. Grazie di far parte di questa comunit.

Piuma, grazie per lopportunit


Carissimo direttore, volevamo esprimerle il nostro pi vivo ringraziamento per aver
promosso la visione del film Piuma cui abbiamo assistito marted della scorsa
settimana al cinema Eliseo di Cesena. Grazie per lopportunit e per gli infiniti spunti
di riflessione e discussione che la pellicola pone.
Alla prossima, speriamo.
Rita, Giovanna, Susy, Laura

Movimento per la Vita


Grazie alla Cei per il tema della Giornata
I volontari dei Centri di Aiuto alla Vita e delle Case di accoglienza del Movimento
per la Vita Italiano, riuniti una decina di giorni fa a Bibione (Venezia) per
la seconda giornata del 36esimo Convegno nazionale dei Centri di Aiuto
alla Vita, ringraziano la Cei per aver voluto dedicare la 39 Giornata per la
Vita al tema Donne e uomini per la vita. Nel solco di santa Teresa di Calcutta.
Madre Teresa, che del Movimento per la vita fu presidente onorario, rester nella storia della Chiesa come colei che pi di tutti si preoccupata
di riscattare la dignit e i diritti delle vite scartate dalla societ.
Il suo impegno a favore dei bambini non nati, degli affamati e di coloro
che morivano per le strade ancora impresso nella nostra memoria.
Madre Teresa fu colei che di fronte ai potenti della terra non esit a denunciare laborto come il pi grande meccanismo di assuefazione delle
coscienze alla violenza e, proprio per questo motivo, come il pi grande
ostacolo alla concordia interna dei popoli e alla pace tra le Nazioni.
Resteranno memorabili i suoi interventi a favore del pi povero tra i poveri, come lei chiamava il bambino nel grembo materno, in occasione
dellassegnazione del Premio Nobel, davanti allAssemblea delle Nazioni
Unite e di fronte al Congresso degli Stati Uniti.
Il Movimento per la vita che la ebbe per compagna di viaggio in tante iniziative, prima, durante e dopo il referendum per labrogazione della
Legge 194, si far interprete della sensibilit della grande Santa davanti a
tutte le comunit ecclesiali del Paese, affinch limpegno dei cattolici italiani sul diritto alla vita si rafforzi e possa essere vinto il tentativo di anestetizzare anche le coscienze dei cristiani di fronte alla cultura dello
scarto.
Vorremmo incoraggiare tutti a sognare con Dio, a unire le forze nella
missione accoglienza che d il nome al nostro convegno di questanno,
per avanzare insieme verso una societ pi umana e accogliente, favorendo la difesa di ogni persona umana, dallo sbocciare della vita fino al
suo termine naturale, costruendo relazioni e strutture tali da invertire il
trend della denatalit e del crollo demografico che sta distruggendo lItalia.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi


di novit e voglia di scoprire sapori particolari.
Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente
secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

foto Pier Giorgio Marini

DIOCESI DI CESENA-SARSINA

Settimanale dinformazione fondato nel 1911

Cronaca
attualit
vita della Chiesa
focus
Per vivere
la comunit
per sentirsi
partecipi
e compagni
di viaggio
Ogni gioved
in edicola
Ogni settimana
a casa tua
Sito internet
www.corrierecesenate.it
Siamo presenti
anche su Facebook
e su Twitter
con laccount @ccesenate
Per info: redazione
Corriere Cesenate,
via del Seminario 85
Cesena, tel. 0547 300258,
redazione@corrierecesenate.it

Un anno
di buone abitudini
COME ABBONARSI

Utilizzando il bollettino di C.C.P. n. 14191472,


intestato a Corriere Cesenate, via del Seminario 85, Cesena
Presso la redazione del Corriere Cesenate, in via del Seminario 85, Cesena
Alla libreria cattolica San Giovanni, piazzetta Isei 13, Cesena (nuova sede)
Con bonifico bancario. Beneficiario: Corriere Cesenate.
Banca: Cassa di Risparmio di Cesena, sede.
Iban: IT32Y 06120 23901 CC0010021712

QUOTE ABBONAMENTO (invariate)

Ordinario: 48 euro
Sostenitore: 70 euro
Amico: 100 euro
Estero: 100 euro