Sei sulla pagina 1di 40

LITURGIA: il nome

Diamo inizio con questo articolo ad una serie di riflessioni sulla


Lilurgia, alla ricerca della sua natura, dei suoi contenuti delle sue
espressioni. Essa il culmine e la fonte di tutta la vita della Chiesa (SC 10);
merita di essere conosciuta e amata convenientemente.
Tanto per iniziare: quasi quotidianamente facciamo uso del termine
Liturgia; qual l'origine e il significato di questa parola? Proviamo a
ricercarne le radici etimologiche e storiche dal suo comparire nell'uso civile
classico, fino ai giorni nostri.
Perch "liturgia"?
Nelluso civile. Nella lingua greca classica, cui appartiene, il termine
Liturgia composto dalla radice leit (da las = popolo) e ergon (ergazomai
= agire, operare). Il termine cos composto significa direttamente operaazione per il popolo. In genere un'opera pubblica, tanto che il verbo
leitourgein veniva usato per indicare il compimento di pubblici incarichi
nella citt o nello Stato.
Originariamente, dunque, il termine Liturgia ebbe un uso civile e
significava un servizio pubblico, liberamente assunto, in favore del popolo.
Potevano essere le feste o i giochi che determinate famiglie approntavano
per la collettivit; oppure l'armamento di una nave in caso di guerra.
Nell'epoca ellenistica il termine Liturgia perse il suo carattere
originario di gratuit e di pubblicit e venne ad indicare un servizio, sia
oneroso sia volontario, fatto alla comunit o anche ad un padrone.
Nelluso religioso-cultale. Sempre in epoca ellenistica, si inizi ad
indicare con Liturgia il servizio che si deve rendere agli dei, soprattutto
nelle religioni dei misteri, da persone a ci deputate. Con questo senso
tecnico di servizio di culto che si deve a Dio, Liturgia comparir anche
nella traduzione greca dell'AT per affermarsi poi anche nel Cristianesimo.
Luso biblico di "Liturgia"
Verso l'anno 200 avanti Cristo, ad Alessandria d'Egitto fu tradotta la
Bibbia dall'originale ebraico in greco, ad opera dei cosiddetti Settanta (per
questo comunemente indicata con il segno numerico LXX).
Nell 'Antico Testamento. Nel testo greco dell'Antico Testamento il
termine Liturgia compare circa 170 volte. Esso traduce due verbi ebraici.
shert e abhd. I LXX, tuttavia, nella traduzione seguirono questo
accorgimento: ogni volta che i due termini ebraici erano riferiti al culto
prestato a IHWH dai sacerdoti e dai leviti nel tempio, vennero

Liturgia: il nome

costantemente tradotti con Leitourgia. Quando invece i medesimi termini


ebraici indicavano il culto reso a IHWH dal popolo, vennero tradotti con
latria e dulia.
E' evidente che i LXX, con questo accorgimento linguistico, vollero
dare alla parola Liturgia un significato tecnico ufficiale di culto levitico
prestato da una particolare categoria di persone secondo un cerimoniale
stabilito nei libri sacri della Legge. Liturgia era la forma migliore e pi
elevata del culto reso al Signore da parte di persone proprio per questo
scelte e consacrate.
Nel Nuovo Testamento. Il termine Liturgia ricorre soltanto 15 volte
nel Nuovo Testamento: 5 volte con un significato profano, 4 volte in senso
rituale-sacerdotale secondo l'AT, solo 3 volte in senso di culto spirituale
(Rm 15,16; Fil 2,17) e di culto rituale cristiano (At 13,2).
In Rm 15,6, l'Apostolo Paolo si dichiara ministro-liturgo di Cristo; la
predicazione del Vangelo per Paolo un'azione liturgico-sacerdotale
perch ha come scopo l'offerta dei pagani come sacrificio gradito a Dio. In
Fil 2,17 Paolo dichiara di essere pronto a essere versato in libazione sul
sacrificio e sulla Liturgia della fede dei Filippesi.
Solo in At 13,2 (Mentre essi facevano Liturgia al Signore e
digiunavano, lo Spirito Santo disse...") possiamo trovare il significato pi
vicino a quella che poi sar chiamata Liturgia cristiana: la preghiera
comunitaria della comunit cristiana.
Viene da chiedersi: perch un uso cosi limitato, nel Nuovo
Testamento, di un termine cosi prestigioso nella tradizione dell'antica
alleanza? Stessa sorte tocc anche alla parola sacerdozio. Il motivo
semplice: perch la nuova economia salvifica inaugurata da Cristo doveva
completare le antiche istituzioni, senza sopprimerle (Mt 5,17). Il
compimento-completamento portato da Cristo al culto dell'antica alleanza
sta nella linea indicata dai profeti. Essi avevano duramente contestato la
liturgia levitica, ridotta a esteriorit e formalismo, ed avevano tenuto desta
l'idea che tutto il popolo di Dio un regno di sacerdoti e nazione consacrata
per un culto spirituale: Ascolterete la mia voce, osserverete la mia
alleanza (Es 19,6). Da qui la contestazione del culto materiale (Ger 7,2223; Amos 5,25) e la riaffermazione di un culto spirituale (Os 6,6; Dan 3,3941; Sal 39,7-9; 50,17-19; Mich 6,l -8).
Si comprende cos come l'antico significato di Liturgia (templare,
sacerdotale-levitico) fosse piuttosto riduttivo per gli Autori
neotestamentari, tanto da costringerli a farne un uso piuttosto limitato;
preferirono di gran lunga parlare di latria, dulia intesa come culto
sacerdotale-spirituale di tutto il popolo della nuova alleanza.

Liturgia: il nome

"Liturgia " in epoca patristica.


Nell'Occidente latino il termine Liturgia non riusc cosi presto a
liberarsi del significato negativo che si portava dietro a seguito della
tradizione veterotestamentaria. Basti pensare che nella Chiesa
postapostolica, mentre si traslitterano dal greco in latino molte parole (es.
Episcopus, Presbyter, Diaconus, Apostolus, Propheta, Eucharista ecc.),
per Liturgia si fa ricorso ad espressioni come officium, ministerium,
servitium. L'Oriente greco conserv invece il termine Liturgia, ma per
indicare l'azione cultuale per eccellenza del popolo cristiano, cio la liturgia
eucaristica.
Occorre attendere il secolo XVI, a seguito della riscoperta della
classicit greca in Occidente, per veder comparire di nuovo il termine
Liturgia. Si scrivono libri sulla Liturgia greca, sulla Liturgia latina (intesi
come riti e formulari relativi alla Messa).
Nel linguaggio ecclesiastico ufficiale latino il termine Liturgia
comincia ad apparire solo nella prima met del secolo XIX con Gregorio
XVI (1832) e con Pio IX (1864). Diventa usuale con san Pio X (1903). Per
Liturgia si intende la ritualit cerimoniale e rubricale. Nei seminari si
insegna la Liturgia ma tale insegnamento consiste nello spiegare le
cerimonie e le rubriche dei libri liturgici.
"Liturgia" nell'epoca moderna.
Con gli inizi del secolo XX il termine Liturgia man mano che se ne
fa un uso sempre pi frequente, vede evolvere il proprio significato. L'uso
pi comune, come dicevamo, intende la Liturgia come la parte esterna e
sensibile del culto cristiano, mirante a rivestire il culto stesso di forme
esteriori che allo stesso tempo fossero capaci di esaltarne il contenuto di
fede per renderlo pi facilmente percepibile ed esteticamente godibile. A
questo significato rubricale, subentr in seguito un significato pi giuridico
intendendo per Liturgia la somma delle norme con le quali l'autorit della
Chiesa regola la celebrazione del culto
Con la nascita del movimento liturgico e con l'opera di valenti
studiosi delle fonti liturgiche, Liturgia acquista valenze sempre pi
ecclesiali, teologiche, spirituali. Essa esprime il culto della Chiesa,
continuazione del culto di Cristo (Beauduin: 1873-i960). Nel 1914 nasce
Rivista liturgica a cura dei benedettini di Finalpia e si incomincia a parlare
di teologia liturgica.
Un impulso decisivo viene dato da Odo Casel (1886-1948) che vede
la Liturgia come l'azione rituale dell'opera salvifica di Cristo, ossia la
presenza, sotto il velo di simboli, dell'opera divina della redenzione. Con
Casel si ha quasi una rivoluzione copernicana del concetto di Liturgia: essa
non anzitutto un culto con cui l'uomo cerca un contatto con Dio

Liturgia: il nome

attraverso l'offerta del suo omaggio e della sua adorazione; al contrario,


Liturgia un momento dell'azione salvifica di Dio sull'uomo di modo che
questi, una volta assunto nel mistero di Cristo reso presente nel rito, possa
lodare e adorare Dio in Spirito e Verit.
Pio XII, con la Mediator Dei (1947), si inserisce nel dibattito
teologico avviato dal movimento liturgico tra le due grandi guerre. Per
l'enciclica la Liturgia l'esercizio del sacerdozio di Cristo, il culto
pubblico totale del corpo mistico di Cristo, capo e membra. Anche Pio XII
sottolinea che la Liturgia , prima di essere l'azione della Chiesa verso Dio,
l'azione di Cristo nella Chiesa, cos che la Liturgia precede la Chiesa con
priorit di natura e di logica, in quanto la Chiesa prima soggetto passivo
della Liturgia, poi ne diventa soggetto attivo. Si insinua il concetto secondo
cui anzitutto la Liturgia a fare la Chiesa, mentre la Chiesa fa (celebra) la
Liturgia.
La Liturgia nel Vaticano II
Il Vaticano II costituisce un autentico spartiacque circa la nozione di
Liturgia. Sappiamo che, per esplicito volere di Giovanni XXIII, la Liturgia
doveva essere il primo e principale argomento da discutere in Concilio.
Pertanto, il primo documento approvato dal Vaticano II fu proprio la
costituzione Sacrosanctum Concilium su la sacra liturgia (4.12.1963). La
costituzione titurgica, da una parte, segue sostanzialmente l'impronta data
da Mediator Dei alla Liturgia: la prosecuzione del mistero
dell'incarnazione, uno strumento per unire l'uomo a Dio e Dio all'uomo.
D'altro canto, Sacrosanctum Concilium introduce notevoli sviluppi al
concetto di Liturgia:
a.
Anzitutto il concetto e la realt del mistero pasquale: l'opera di
Cristo, compiuta una volta per sempre nel tempo della sua incarnazione e
della sua Pasqua, ora si attua nel mistero della Chiesa. La Liturgia la
continuazione-attuazione del culto perfetto che Cristo ha prestato, nella sua
umanit, al Padre. Nell'azione cultuale Dio stesso che nella mediazione di
Cristo e nella santificazione dello Spirito opera la divinizzazione
dell'uomo in Cristo e nello Spirito.
b.
La Liturgia l'esercizio dell'opera sacerdotale di Cristo
attraverso segni significativi ed efficaci. In forza dei santi segni, il culto
perfetto che Cristo ha reso al Padre con la sua umanit, viene ora offerto in
forma sacramentale da tutta l'umanit redenta. Nella Liturgia si attua cosi
l'azione sacerdotale di Cristo: dare gloria al Padre operando la
santificazione dell'uomo.

Liturgia: il nome

A modo di conclusione, possiamo offrire una espressione riassuntiva


del concetto di Liturgia: essa un'azione sacra attraverso la quale, con un
rito, nella Chiesa e mediante la Chiesa, viene esercitata e continuata l'opera
sacerdotale di Cristo, cio la santificazione degli uomini e la perfetta
glorificazione di Dio.
Anche il Catechismo della Chiesa Cattolica, introducendo la parte
seconda dedicata alla Celebrazione del mistero cristiano, si domanda: che
cosa significa il termine Liturgia? Ed offre questa risposta:
Il termine Liturgia significa originariamente opera pubblica,
servizio da parte del/e in favore del popolo. Nella tradizione cristiana
vuole significare che il Popolo di Dio partecipa all'opera di Dio (cf Gv
17,4). Attraverso la Liturgia Cristo, nostro Redentore e Sommo Sacerdote,
continua nella sua Chiesa, con essa e per mezzo di essa, l'opera della
nostra Redenzione" (CCC 1069).
Il termine Liturgia nel Nuovo Testamento usato per designare
non soltanto la celebrazione del culto divino (cf At 13,2; Lc 1,23), ma
anche l'annunzio del Vangelo (cf Rm 15, 16; Fil 2, 14-17.30) e la carit in
atto (cf Rm 15,27; 2 Cor 9,12; Fil 2,25).In tutti questi casi, si tratta del
servizio di Dio e degli uomini. Nella celebrazione liturgica, la Chiesa
serva, a immagine del suo Signore, l'unico Liturgo (cf Eb 8,2.6), poich
partecipa del suo sacerdozio (culto) profetico (annunzio) e regale (servizio
della carit)" (CCC 1070).
Opera di Cristo, la Liturgia anche azione della sua Chiesa. Essa
realizza e manifesta la Chiesa come segno visibile della Comunione di Dio
e degli uomini per mezzo di Cristo. Impegna i fdeli nella Vita nuova della
Comunit. Esige che i fedeli vi prendano parte consapevolmente,
attivamente e fruttuosamente" (CCC 1071).

NATURA DELLA SACRA LITURGIA


Nellesporre i principi generali per la riforma e lincremento della Liturgia, la
Costituzione liturgica Sacrosanctum concilium si preoccupa anzitutto di specificare la
natura e limportanza che ha la Liturgia nella vita della Chiesa.
Natura e importanza specificate non con una definizione o con una serie di
norme rubricali da osservare, ma inserendo la Liturgia nella visione che pi
propriamente le conviene: la storia della salvezza.
Cos si esprime Sacrosanctum concilium: Dio, il quale vuole che tutti gli
uomini siano salvati e arrivino alla conoscenza della verit (1Tm 2,4), dopo avere
gi parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei
profeti (Eb 1,1), quando venne la pienezza dei tempi, mand il suo Figlio, Verbo fatto
carne, unto di Spirito Santo, ad annunziare la buona novella ai poveri, a risanare i
cuori affranti, medico della carne e dello spirito, mediatore di Dio e degli uomini.
Infatti la sua umanit, nell'unit della persona del Verbo, fu strumento della nostra
salvezza. Perci in Cristo avvenne il perfetto compimento della nostra riconciliazione
e ci fu data la pienezza del culto divino (SC 5)
Anche noi, volendo ricercare la natura della Liturgia, dobbiamo partire dalla sua
collocazione nella storia della salvezza; lo faremo commentando le citazioni bibliche,
patristiche, liturgiche riportate in Sacrosanctum concilium 5. Ci muoveremo attraverso i
seguenti passaggi:

il mistero della salvezza voluto da Dio;

il mistero della salvezza realizzato da Cristo;

il mistero della salvezza continuato nella Liturgia.

1. Il mistero della salvezza voluto da Dio: Dio vuole che tutti gli uomini
siano salvati e arrivino alla conoscenza della verit (1 Tm 2,4).
Con questa citazione paolina la Costituzione liturgica inizia a descrivere la
natura della liturgia. E infatti questa volont di Dio, questo disegno misterioso di
salvezza presente in Lui fin dalla creazione del mondo, che ha permesso di essere scelti
in Cristo per essere santi e immacolati al suo cospetto nella carit, predestinandoci ad
essere suoi figli adottivi... E questo a lode e gloria della sua grazia... Egli lha
abbondantemente riversata su di noi con ogni sapienza e intelligenza, perch egli ci ha
fatto conoscere il mistero della sua volont... il disegno cio di ricapitolare in Cristo
tutte le cose (Ef 1,4-14; 3,1-13).
Il mistero della volont di Dio non equivale, per san Paolo, a qualcosa di
misterioso o di inconoscibile, ma appunto questa volont di salvezza presente da
sempre in Dio e che nel tempo stata rivelata e attuata per mezzo del Figlio suo Ges
Cristo. In lui siamo stati fatti anche eredi e dopo aver ascoltato e accolto la Parola che
salva, abbiamo ricevuto il sigillo dello Spirito Santo il quale caparra della nostra
eredit (cf Ef 1,11s).
2. Il mistero della salvezza realizzato da Cristo.
Dio, che aveva gi parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai
padri per mezzo dei profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo

Natura della sacra Liturgia

del Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose e per mezzo del quale ha fatto anche il
mondo (Eb 1,1-2).
Cristo il capitolo ultimo e conclusivo di tutta la storia della salvezza. In lui i
tempi della pazienza di Dio (cf 1 Pt 3,20; Rm 3,25) hanno raggiunto la loro pienezza e si
potuto cos manifestare come linviato del Padre, Verbo fatto carne, unto di Spirito
Santo, ad annunziare la buona novella ai poveri, a risanare i cuori affranti (cf Is 61,1; Lc
4,18), medico di carne e di spirito (Ignazio di Antiochia), Mediatore tra Dio e gli
uomini (1 Tm 2,5).
Infatti la sua umanit, nellunit della persona del Verbo, fu strumento della
nostra salvezza. Per cui in Cristo avvenne la nostra perfetta riconciliazione con Dio
ormai placato e ci fu data la pienezza del culto divino (Sacramentario Veronese 1265).
Questopera della redenzione umana e della perfetta glorificazione di Dio, che ha
il suo preludio nelle mirabili gesta divine operate nel popolo della prima alleanza, stata
compiuta da Cristo Signore specialmente per mezzo del mistero pasquale della sua
beata passione, risurrezione da morte e gloriosa ascensione, mistero col quale morendo
ha distrutto la morte e risorgendo ci ha ridonato la vita (Prefazio pasquale I). Infatti dal
costato di Cristo dormiente sulla croce scaturito il mirabile sacramento di tutta la
Chiesa (S. Agostino).
Per la Chiesa, dunque, non esiste altra Liturgia al di fuori del disegno di salvezza
concepito da Dio fin dalleternit e realizzato nel tempo dal Figlio suo Ges con la
potenza dello Spirito Santo. Tale disegno prevede la salvezza di tutti gli uomini e
culmina con la bella testimonianza damore che il Figlio di Dio d al Padre attraverso il
mistero di morte e di risurrezione. In Cristo pertanto non solo avviene una perfetta
riconciliazione con Dio, ma per mezzo suo anche possibile ormai un pieno accesso al
Padre per offrire, con Lui ed in Lui, un vero culto divino e gradito, perch noi fossimo
a lode della sua gloria (cf Ef 1,6.12.14).
3. In Cristo possibile la pienezza del culto divino.
In Cristo giunge al suo pieno compimento il vero culto richiesto da Dio al suo
popolo e tenuto costantemente presente da tutta la tradizione profetica. La Chiesa, Sposa
del Cristo, nel celebrare ogni volta (1 Cor 11,26) il memoriale del suo Signore, non
potrebbe, a rischio della sua fedelt, distaccarsi da quella pienezza di culto divino che
Cristo Signore Risorto le ha lasciato come dono supremo. Anzi proprio nella Liturgia
che Cristo si rende particolarmente presente, e quindi sicuramente trovabile, per
realizzare ancora e sempre l'opera pasquale con la quale morendo ha distrutto la nostra
morte e risorgendo ci ha ridato la vita.
Dal momento che la divina pedagogia ha impiegato tutta una storia per dare
alluomo, in Cristo e nello Spirito, la pienezza del culto divino, per conoscere la vera
natura di questo culto sar necessario ripercorrere le tappe che hanno condotto da ci
che era copia e ombra delle realt celesti (Eb 8,5; 9,23) a ci che pienezza del
culto divino:
Culto e liturgia nellAntico Testamento.
Presso i pagani era comune l'idea che il culto fosse un mezzo magico per piegare
la divinit verso l'uomo. La Bibbia al contrario presenta il culto come una risposta
dell'uomo a Dio che g1i si gi fatto incontro e che ha gi preso l'iniziativa. Dio si

Natura della sacra Liturgia

sceglie un popolo, gli fa delle promesse, compie per lui meraviglie e diventa il suo
alleato. Indicativo il testo di Esodo 19, 3-7:
Voi stessi avete visto ci che io ho fatto all'Egitto e come ho sollevato voi su ali
di aquile e vi ho fatti venire fino a me. Ora se ascolterete la mia voce e se custodirete la
mia alleanza, voi sarete per me la propriet tra tutti i popoli, perch mia tutta la terra!
Voi sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione santa.
Prima ancora che Israele potesse dirsi un popolo libero, Dio era gi ad
attenderlo; per mezzo di Mos, suo intermediario, Dio convoca il suo popolo, gli parla
come ad un figlio primogenito, gli propone una alleanza a preferenza di tutti gli altri
popoli.
A pi riprese, con una insistenza significativa, il libro dell'Esodo sottolinea che
scopo della liberazione dall'Egitto proprio questo: offrire un culto a Dio (Es 3,18;
5,1; 7, 16.26; 8, 4.16.23; 9,1...). Viene anche specificata la natura di questo culto
richiesto: se ascolterete...se custodirete la mia alleanza sarete per me la propriet (=
Qahal - Ekklesia - Convocazione - Chiesa) tra tutti i popoli (Cfr. anche Es 23, 22: se fai
quanto ti dir, io sar...).
Tra gli insegnamenti che la legge dava al popolo di Israele dominava questo:
Guardati dal dimenticare Jahv, che ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto...Temerai
Jahv, Dio tuo, e lui servirai (Dt 6,12-13). Tale servizio, pur comprendendo vari atti
di culto, riti, feste, non aveva alcun valore se non era espressione della disposizione del
cuore a servire Dio. Il rito esteriore deve essere l'espressione della volont e
dell'amore dell'uomo nell'accettare l'iniziativa del Signore e le sue direttive. Senza
questa condizione, che rester fondamentale sia per l'antico come per il nuovo culto,
ogni liturgia sarebbe pura formalit e non sarebbe luogo di salvezza per l'uomo dal suo
peccato.
Assistiamo allora a tutta una serie di iniziative portate avanti dai profeti per
richiamare il popolo d'Israele a questa primitiva e fondamentale nozione di culto, unica
richiesta dal Signore al momento dell'Alleanza:

Osea 6,6: Voglio l'amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio pi che


gli olocausti;

1 Sam 15, 22-23: L'obbedienza vale pi di un sacrificio, la docilit pi del


grasso dei montoni;

Isaa 1,11-12.15.19: Che m'importa dei vostri sacrifici senza numero? Sono
sazio degli olocausti di montoni e del grasso dei giovenchi. Quando venite a
presentarvi a me, chi richiede da voi che veniate a calpestare i miei atri?..
Anche se moltiplicate preghiere io non ascolto.. Se sarete docili e ascolterete,
mangerete i frutti della terra. Ma se vi ostinate e vi ribellate, sarete divorati
dalla spada, perch la bocca del Signore ha parlato;

Geremia 7,22: In verit io non parlai n diedi comandi sull'olocausto e sul


sacrificio ai vostri padri, quando li feci uscire dal paese d'Egitto. Ma questo
comandai loro: Ascoltate la mia voce! Allora io sar il vostro Dio e voi
sarete il mio popolo; e camminate sempre sulla strada che vi prescriver,
perch siate felici;

Geremia 11,3-4: Maledetto l'uomo che non ascolta le parole di questa


Alleanza che io imposi ai vostri padri dicendo: ascoltate la mia voce ed
eseguite quanto vi ho comandato; allora voi sarete il mio popolo ed io sar il
vostro Dio;

Natura della sacra Liturgia

Amos 5,21-25: Io detesto, respingo le vostre feste. Piuttosto scorra come


acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Mi avete forse offerto
vittime nel deserto, o Israeliti?

Dalla riflessione profetica appare dunque chiaro che le offerte dei sacrifici e le
osservanze delle sacre festivit non avrebbero alcun significato se non si abbandonasse
l'iniquit e se non si operasse secondo giustizia (Cf Is 1,11-17; 58,1-10).
Questo anche il primo credo di Israele: Ascolta Israele: Tu amerai il Signore
tuo Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forzeTemerai il Signore Dio
tuo, lo servirai e giurerai per il suo nome (Dt 6,4-5.13).
La riflessione dei profeti non solo richiama il popolo dIsraele contro ogni
formalismo e gli ricorda l'unico sacrificio richiesto e gradito da Dio, ma si spinge ancora
in avanti preannunciando le caratteristiche che dovr avere il nuovo culto dei tempi
messianici quando sar stipulata la nuova alleanza:
Geremia 31,31-34: Ecco verranno giorni, dice il Signore, nei quali con la casa
d'Israele e con la casa di Giuda io concluder una alleanza nuova. Non come l'alleanza
che ho concluso con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dal paese
d'Egitto una alleanza che essi hanno violato, bench io fossi loro Signore. Parola del
Signore. Questa sar l'alleanza che io concluder con la casa d'Israele dopo quei giorni,
dice il Signore: Porr la mia legge nel loro animo, la scriver sul loro cure. Allora io
sar il loro Dio ed essi saranno il popolo mio. Non dovranno pi istruirsi gli uni gli
altri, dicendo: riconoscete il Signore, perch tutti mi conosceranno, dal pi piccolo al
pi grande, dice il Signore; poich io perdoner la loro iniquit e non mi ricorder pi
del loro peccato (cf Ger 32,38)
L'ideale proposto da Geremia, tenuto desto nella pi sana tradizione spirituale
d'Israele, torna ad essere espresso con la medesima formula: Io sar il vostro Dio - Voi
sarete il mio popolo (Cf Es 19,5-6; Dt 7,6; Ger 7,23; 11,4; 30,22; 31,1; 32,38).
Dopo lesilio di Babilonia, Ezechiele richiama ancora una volta il senso del vero
culto che il Signore desidera: Dar loro un cuore nuovo e uno spirito nuovo metter
dentro di loro; toglier dal loro petto il cuore di pietra e dar loro un cuore di carne,
perch seguano i miei decreti e osservino le mie leggi e li mettano in pratica; saranno il
mio popolo ed io sar il loro Dio (Cf anche 36,28; 34,24-30; 37,27; Zach 8,8).
La novit di tale alleanza sar dunque caratterizzata dalliniziativa divina per il
perdono dei peccati (Ger 31,34; Ez 36,25-29) e dalla interiorizzazione del culto: la legge
cesser di essere solo un codice esterno e diventer invece una ispirazione che tocca il
cuore dell'uomo (Ger 31,34; 24,7; 32,39). Tale interiorizzazione sar operata dallo
Spirito di Dio che d all'uomo un cuore nuovo (Ez 36,26-27; Sal 51,12) capace di
conoscere Dio (Os 2,22).
Questa alleanza nuova ed eterna, proclamata nuovamente da Ezechiele (Ez
36,25-28), dagli ultimi capitoli di Isaia (Is 53,3; 59,21; 61,8; cf Bar 2,35), vissuta nel
Salmo 51, verr inaugurata dal sangue di Cristo (Mt 26,28) e gli Apostoli ne
annunzieranno il compimento (2 Cor 3,6; Rm 11,27; Eb 8,6-13; 9,15ss; 1 Gv 5,20).
Paolo GIGLIONI

CULTO E LITURGIA NEL NUOVO TESTAMENTO


Dal momento che la divina pedagogia ha impiegato tutta una storia per dare
all'uomo, in Cristo, la pienezza del culto divino, per conoscere la vera natura di questo
culto sar necessario ripercorrere le tappe che hanno condotto da ci che era copia e
ombra delle realt celesti (cf Eb 8,5; 9,23) a ci che pienezza del culto divino.
Mentre il culto della prima alleanza si era materializzato attorno allofferta di
vittime esteriori (senza spirito, a-logos), Ges viene per ripristinare il vero culto,
lunico richiesto da Dio al momento dellalleanza e costantemente richiamato dai
Profeti: se ascolterete, se osserverete la mia parola Io sar per voi il Signore Dio
vostro, voi sarete per me il popolo mio (cf Es 19, 5-6).
Dando compimento alle figure antiche, Ges assomma in s tutte le istituzioni
cultuali di Israele: Egli il il vero tempio-abitazione di Dio tra gli uomini (Gv 1,14; cf
Is 7,14), il vero ed eterno sacerdote (Eb 8,6; 7,24), il vero e perfetto sacrificio (Eb 9,1423). Egli vittima, sacerdote ed altare.
Lofferta, libera e totale, che Cristo fa di se stesso, una risposta d'amore, un
atto di fedelt alla investitura (unzione dello Spirito Santo) ricevuta per una missione
specifica, quella di Messia, di inviato del Padre per annunciare ai poveri la buona
novella e portare la libert agli oppressi (Lc 4,18; cf Is 61,1-2).
1. Eccomi, vengo per fare la tua volont.
Il sacrificio di Ges l'offrirsi amorosamente a questa consacrazione per la
missione, abbracciandone tutte le conseguenze che essa comportava. Mio cibo fare
la volont di colui che mi ha mandato (Gv 4,54). Sono disceso dal cielo non per fare
la mia volont, ma la volont di colui che mi ha mandato (Gv 6,58).
Portare la libert agli oppressi, far s che tutti gli uomini siano salvati, perdonare
la loro iniquit: questa la volont del Padre. Era ormai evidente l'insufficienza degli
olocausti e delle vittime espiatorie previste dalla legge antica.
Solo il Figlio unico ed eterno del Padre, prendendo una natura come la nostra,
poteva offrire al Padre non pi sangue di animali, ma il proprio sangue; non pi
qualcosa di esterno, di materiale e di caduco, ma se stesso, la propria vita. E questo
sacrificio egli lo compie non pi con una volont soggetta allumana debolezza, come i
sacerdoti dell'antica legge (cf Eb 7,26-28), ma nella comunione amorosa dello Spirito
Santo (cf Eb 9,14), che gli consente di compiere un atto di amore infinito verso il Padre
con un cuore di carne, cio per mezzo dell'offerta del suo corpo fatta una volta per
sempre (cf Eb 10,4-10; 9,12-15).
Non che il Padre, s'intenda bene, si diletti delle sofferenze del Figlio: il Padre
infatti ama il Figlio al di l di ogni altra realt (Gv 3,35; 5,20; 10,17; 17,23.24) tanto che
Paolo pu esclamare: Siete stati comprati a caro prezzo! (1 Cor 6,20; 7,25; Rm 8,32),
e Pietro aggiunge: Voi sapete che non a prezzo di cose corruttibili, come l'argento o
l'oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta ereditata dai vostri padri, ma con il
sangue prezioso di Cristo, come di agnello senza difetti e senza macchia (1 Pt 1,18).
Ges stesso sa di essere amato dal Padre e sa anche che se avesse pregato il
Padre questi gli avrebbe subito dato pi di dodici legioni di angeli (Mt 26,53) per
liberarlo dai suoi nemici.
Dovevano per compiersi le Scritture, secondo le quali cos doveva (di)
avvenire (Mt 26,54). Ges fa la volont del Padre correndo anche tutti i rischi che tale
volont comporta. Egli sa che la luce che porta agli uomini non viene accolta dalle

Culto e Liturgia nel NT

tenebre (Gv 1,5). Non pu neppure rinunciare a proclamarsi Figlio di Dio (Mt 26,6364), ad aderire pienamente al mandato del Padre mettendosi con infinita carit al
servizio degli uomini, dei malati, dei peccatori. Egli sa che proprio questa volont del
Padre lo scopo per cui entrato nel mondo (Eb 10,5-7) Non pu dunque rinunciarvi,
anche se tale fedelt al disegno di salvezza comporta la morte. Non il Padre che vuole
essere saziato dalla morte del Figlio. Sono piuttosto gli uomini che, nella loro cecit e
ribellione ad ogni logica di amore, mettono a morte l'autore della vita. Il Padre non d la
morte al Figlio, ma gli dona invece una vita da Signore (At 2,36), un nome che al di
sopra di ogni altro nome (Fil 2,9), vendicando tale abbassamento con lesaltazione
della Risurrezione: Voi l'avete inchiodato sulla croce per mano di empi e l'avete
ucciso. Ma Dio lo ha risuscitato, sciogliendolo dalle angosce della morte, perch non
era possibile che questa lo tenesse in suo potere... Innalzato pertanto alla destra di Dio
e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo che egli aveva promesso, lo ha effuso,
come voi stessi potete vedere (At 2,23-24.33).
Con l'offerta di tutto se stesso al Padre, con questo atto di purissimo amore,
mediante il quale ha realizzato il suo ritorno al Padre passando attraverso la morte,
Cristo ha operato il ritorno al Padre anche per tutti i suoi fratelli (Eb 10,19-22).
Facendosi solidale con noi fino all'esperienza della morte, Cristo compie la sua
donazione al Padre e ci ottiene la salvezza. Un sacrificio, il suo, costituito dall'amore
con cui egli si dona a noi per compiere la volont del Padre.
D'ora in poi non avr ragione di esistere altro sacrificio al di fuori di quello che
Ges Cristo ha offerto una volta per sempre al Padre; infatti per quella volont che noi
siamo stati santificati, per mezzo dell'offerta del suo corpo (Eb 10,10). Egli al
contrario, avendo offerto un solo sacrificio per i peccati una volta per sempre si assiso
alla destra di Dio, aspettando ormai solo che i suoi nemici vengano posti sotto i suoi
piedi. Poich con un'unica oblazione egli ha reso perfetti per sempre quelli che vengono
santificati. Questo ce lo attesta anche lo Spirito Santo. Infatti dopo aver detto: Questa
l'alleanza che io stipuler con loro dopo quei giorni, dice il Signore: io porr le mie
leggi nei loro cuori e le imprimer nella loro mente, dice: E non mi ricorder pi dei
loro peccati e delle loro iniquit (Eb 10,12-17).
La passione e la croce, dunque, da strumento di condanna diventano momento
solenne in cui egli esprime tutto il suo amore verso il Padre (Gv 14,31; 15,7) e verso i
fratelli (Gv 13,1; 15,13; 1 Gv 3,16). Per questo motivo la croce viene sempre presentata
come il sacrificio della Nuova Alleanza, il vero ed unico sacrificio cultuale della
storia, verso il quale erano orientati i sacrifici prefigurativi dell'Antico Testamento.
2. Cristo con uno Spirito eterno offri se stesso senza macchia a Dio (Eb
9,14).
Il sacrificio di Cristo stato un sacrificio accetto al Padre perch stato l'epilogo
ultimo di tutta una vita di donazione nel fare la volont del Padre. Anche la morte
doveva essere per lui una prova d'amore; non un momento di sconfitta, ma l'offerta
libera della propria vita: Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poich ho il
potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal
Padre mio (Gv 10,18).
Come non sarebbe esistita l'Incarnazione e la sua missione profetica se non nello
Spirito Santo, cos non vi sarebbe stata offerta sacrificale e gradita al Padre se non nello
Spirito.
Era necessario quindi che la prova suprema d'amore che spinse Ges a dare la
propria vita per coloro che amava, fosse compiuta nello Spirito. Ecco perch Ges, con

Culto e Liturgia nel NT

uno Spirito eterno (Eb 9,14), offr se stesso senza macchia a Dio: perch con l'opera
dello Spirito Santo fosse d'ora in poi fonte di salvezza per tutti gli uomini.
Per questo, dopo l'incarnazione e la morte, anche la Risurrezione avviene in virt
dello Spirito Santo (Rm 1,4; 8,11). E' il Padre stesso che rende glorioso quel corpo che
ha subito lumiliazione della morte, costituendolo corpo spirituale (1 Cor 15,44-49).
Questa la vera glorificazione del Figlio: ricevere la testimonianza del Padre nel
dono dello Spirito della Risurrezione ed avere altres la possibilit di donare, d'ora in
poi, questo medesimo Spirito ai suoi fratelli che ha riscattato a prezzo del suo sangue (1
Pt 1,19; Ap 5,9). Ges stesso aveva previsto questo momento quando, presente alla festa
dei Tabernacoli, aveva esclamato: Chi ha sete venga a me e beva chi crede in me;
come dice la Scrittura: fiumi d'acqua viva sgorgheranno dal suo seno. Questo egli disse
riferendosi allo Spirito che avrebbero ricevuto i credenti in lui: infatti non c'era ancora
lo Spirito, perch Ges non era stato ancora glorificato. (Gv 7,37-39)
Si adempirono cos le promesse preannunciate dai profeti secondo cui dal lato
destro del Tempio sarebbero scaturite sorgenti d'acqua viva che avrebbero purificato il
popolo dai propri peccati (Is 12,5; Gioel 4,18; Ez 47,1; Zac 13,1; 14,8; Sal 46,5).
3. Ges Cristo sta alla destra di Dio e intercede per noi. (Rm 8,34; Eb 7, 25).
Innalzato alla destra del Padre Cristo veramente Mediatore della nuova
alleanza (Eb 9,15), sempre vivente per intercedere in nostro favore (Eb 7,25; Rm
8,34).
La sua preghiera, che gli d la possibilit di inviare da presso il Padre lo Spirito
Santo nel mondo, per il Figlio il compimento del suo ministero di redenzione. Egli
cos pieno di Spirito Santo che pu inviarlo sui figli di adozione.
Sostituendosi al principio malvagio della carne, lo Spirito diviene nell'uomo un
principio di fede, di conoscenza soprannaturale, di amore (Rm 5,5), di santificazione
(Rm 15,16), di preghiera (Rm 8,26-28). Il medesimo Spirito che aveva spinto Ges
nella vita pubblica per predicare e per pregare (Lc 4,14-15), continuer ad assistere
anche i discepoli di Ges (Gv 16,4-15).
E' giunto ormai il tempo del nuovo culto preannunciato dai Profeti, che non deve
pi avvenire in luoghi privilegiati, sacri, in templi fatti da mano umana (cf, At 17,2425; Gv 4,21-24).
Il nuovo culto ormai caratterizzato da questa presenza orante e benefica dello
Spirito nel cuore dell'uomo. Non potrebbe essere altrimenti. Come sarebbe infatti
possibile professare ed invocare il Risorto se non nello Spirito Santo? Nessuno pu
dire Ges Signore se non sotto l'azione dello Spirito Santo (1 Cor 12,3). Nella
nuova economia dunque, l'unica possibile Liturgia sar quella che la Chiesa compie
guidata e animata dallo Spirito del Signore Risorto. E' lo Spirito buono e vivificante
inviato dal Risorto che, alla destra di Dio, sempre vivente intercede per noi.
4. Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del Figlio che grida: Abb,
Padre! (Gal 4,6; Rm 8,15).
Il massimo Dono che il Padre possa offrire agli uomini mediante il Cristo
risorto, lo Spirito Santo. Per questo Ges insiste presso i suoi per far ritorno al Padre:
solo cos infatti pu essere fonte dello Spirito (Gv 16,7-8).
E lo Spirito viene per amore a rendere possibile agli uomini ci che
impossibile agli uomini (cf Mt 19,26). Dio vuole ovviare l'incapacit radicale dell'uomo

Culto e Liturgia nel NT

anche nel pregare. Nella nostra situazione di debolezza, la potenza di Dio viene a
soccorrere l'illusoria velleit dell'uomo e la sua totale impotenza: Allo stesso modo
anche lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza (astenia), perch neppure
sappiamo che cosa sia conveniente chiedere, ma lo Spirito stesso intercede con
insistenza per noi, con gemiti inesprimibili; e colui che scruta i cuori sa quali sono i
desideri dello Spirito, poich egli intercede per i credenti secondo i disegni di Dio (Rm
8,26-27).
In questo testo, capitale per ogni preghiera e per ogni liturgia, Paolo vuol dire
che l' uomo da solo non sa che cosa chiedere a Dio, n come chiederlo. Dio infatti va
invocato secondo Dio; l'uomo al contrario preferisce agire secondo l'uomo. Questa
debolezza estrema superata dall'azione benefica dello Spirito che superintercede in
una maniera irresistibile a favore degli uomini. La sua insistenza deve lottare contro la
nostra refrattariet a lasciarci condurre secondo i disegni di Dio. La nostra incapacit
e le nostre resistenze (la preghiera infatti non e connaturale con lo stato di peccato in
cui si trova l'uomo) procurano allo Spirito gemiti inesprimibili. Il Padre per che
conosce questi gemiti, sa quali sono le aspirazioni dello Spirito. Una tale intercessione
operata dallo Spirito del Padre che parla in noi (Mt 10, 20), ottiene ci che
necessario per camminare secondo i disegni di Dio.
Sono questi i veri adoratori, nello Spirito e nella Verit, che il Padre cerca (Gv
4,23). Questi sono anche il tempio non manufatto (1 Cor 3,16-17) in cui possibile dare
gloria a Dio, essere familiari con lui (Ef 2,18-22), entrare alla sua presenza per
iniziare quell'atto di adorazione e di lode che dovr poi continuare dinanzi al trono di
Dio per tutta l'eternit (cf, Ap 14,3). Questi sono anche lofferta sacrificale gradita
perch, al posto delle vittime esteriori e senza spirito, offrono i propri corpi come
sacrificio vivente, santo e gradito a Dio: questo il vostro culto spirituale (Rm 12, 12)
Qui sta dunque la pienezza del culto che Cristo ci dona con la sua morte e la sua
Risurrezione, inserendoci nella dinamica cultuale del suo mistero pasquale.
La Costituzione liturgica conclude il n. 5 dicendo: Infatti dal costato di Cristo
morto (dormiente) sulla croce scaturito il mirabile sacramento di tutta la Chiesa (SC
5)
Questo testo di S. Agostino si pu completare con l'altro testo che la Liturgia
delle Ore ci fa leggere nellUfficio delle Letture del Venerd Santo, tratto dalle
catechesi di S. Giovanni Crisostomo. Rifacendosi alle parole di Giovanni che vede
scaturire dal costato trafitto del Cristo morente sangue ed acqua (Gv 19,34), cos
spiega: Quel sangue e quell'acqua sono simbolo dell'Eucarestia e del Battesimo. Ora
la Chiesa nata da questi due sacramenti, da questo bagno di rigenerazione e di
rinnovamento nello Spirito Santo per mezzo del Battesimo e dell'Eucarestia. E i simboli
del Battesimo e dell'Eucarestia sono usciti dal costato. Quindi dal suo costato che
Cristo ha formato la Chiesa, come dal costato di Adamo fu formata Eva.
Concludendo possiamo dire che l'opera della salvezza, compiuta da Cristo una
volta per sempre, si realizza oggi nella Liturgia della Chiesa mediante l'azione
santificante dello Spirito Santo. E lo stesso Spirito che, come ha guidato ogni azione
della vita storica di Cristo, cos continua a guidare necessariamente anche la vita della
Chiesa e di ogni singolo fedele in essa.
Nella Liturgia la Chiesa-Sposa assistita dalla presenza benefica dello Spirito.
Con la Sposa ancora e sempre lo Spirito che prega e si rivolge allo Sposo dicendo
Vieni, Signore Ges (Ap 22,17).
La Liturgia dunque questo dialogo d'amore che lo Spirito suggerisce alla Sposa
nell'attesa del ritorno definitivo del suo Sposo e Signore. Termine ultimo di tale

Culto e Liturgia nel NT

preghiera per sempre il Padre. Come infatti dal Padre proviene il Figlio nella
cooperazione necessaria dello Spirito, cos ogni ritorno dovr seguire tale via
economica: animati dall'azione dello Spirito, nella mediazione del Figlio, possibile
l'accesso al Padre. Avviene allora uno scambio meraviglioso di doni: dal Padre
discende abbondante ogni santificazione mediante la salvezza donata dal Figlio agli
uomini nello Spirito Santo. Da parte dell'uomo, superata ogni resistenza ad opera dello
Spirito orante, nella mediazione del Figlio, torna al Padre il culto di lode, di adorazione,
di ringraziamento. In questo duplice movimento, discendente e ascendente, si realizza
ogni giorno la Liturgia della Chiesa e, mediante essa, l'opera della nostra redenzione.
Paolo Giglioni

LA LITURGIA
STORIA DELLE ORIGINI
Dopo aver presentato il culto e la liturgia nella tradizione biblica dellAntico
e del Nuovo Testamento, riteniamo utile offrire anche uno sguardo generale sullo
sviluppo della liturgia cristiana nel corso dei secoli. Questa visione panoramica, nelle
sue linee essenziali, ci permetter di comprendere meglio loggi della riforma
liturgica.
Possiamo paragonare lo sviluppo della liturgia cristiana ad un albero che,
crescendo, estende i suoi numerosi rami e porta frutti abbondanti. Le sue radici,
nutrite dallunico terreno vitale, Ges Cristo, attingono elementi utili per la crescita
anche dal terreno circostante che potremmo individuare anzitutto nella tradizione
ebraica, ma in seguito anche in quella greco-ellenistica, latina, franca, germanica,
ispanica, ecc.
1. Lepoca apostolica.
Nel Nuovo Testamento non troviamo alcuna descrizione sistematica della
primitiva liturgia cristiana. Dalla Pentecoste in poi il riferimento al tempio di
Gerusalemme si fa sempre pi raro (At 2,46; 3,1; 5,12.42;22,17) e si accentua il
distacco e la differenza con il culto sacrificale legato al sacerdozio levitico.
Nonostante lindubbia continuit con il culto giudaico, la liturgia cristiana fin
dallepoca apostolica si organizza e si caratterizza con forme, luoghi, tempi,
contenuti del tutto propri.
Forme. Nella comunit cristiana si sviluppa una forma liturgica di tipo
sinagogale, in occasione del convenire o riunirsi (questi sono i verbi usati) dei
discepoli del Signore nelle case: spezzavano il pane a casa prendendo i pasti con
letizia e semplicit di cuore, lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo
(At 2,46-47).
Si parla di frazione del pane e di pasti: il convenire della comunit deve aver
previsto, in un primo momento, la forma congiunta di ungape fraterna e di una
cena eucaristica (At 11,17-34; cf At20,7; 1 Cor 10,16s). Ben presto per, a seguito
degli abusi di cui parla s. Paolo in 1 Cor 11,17-34, i due momenti furono separati e ci
si riuniva esclusivamente per la cena eucaristica chiamata frazione del pane (Cf Lc
24,30.35; At 2,46; 20,7.11).
Si parla anche di lode di Dio e di preghiera di intercessione. Si vede qui la
continuit con la tradizione sinagogale che, nel culto sabatico, fa uso di berakot (=
preghiere di benedizione) nel contesto della lettura della Parola di Dio e della sua
spiegazione; Ges era solito frequentare questa liturgia nella sinagoga in giorno di
sabato (Lc 4,16-21).
Luoghi. Mentre il culto di Israele prevedere lincontro col Signore nella sua
dimora, il santo dei santi allinterno del tempio di Gerusalemme (1 Re 6,2-3; 8,10; cf
Es 25, 8.10.17; 29,42; 33,7), per la comunit cristiana non c alcun legame ad un
tempio o ad un luogo definito: i veri adoratori che Dio si sceglie, devono adorarlo n
sul monte di Gerusalemme (come i Giudei) n sul monte Garizim (come i
Samaritani), ma in Spirito e Verit (Gv 4, 21-24). Ges aveva promesso che
lincontro con i suoi non sarebbe avvenuto in luoghi particolari, dal momento che

Storia della Liturgia

dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro (Mt 18,20;
28,20).
Tempi. Il giorno dellassemblea cristiana non pi il sabato, come nella
tradizione giudaica (Es 20,8-9), ma il primo giorno della settimana, che prende ben
presto il nome di giorno del Signore Risorto, cio la domenica (cf At 20,7; 1 Cor
16,2; Ap 1,10). Giovanni usa lespressione otto giorni dopo (Gv 20,26) per
indicare che ormai lassemblea cristiana si riunisce con scadenze regolari in quello
che il giorno del Signore, ma anche il signore dei giorni. La domenica, in quanto
pasqua settimanale, pertanto la primordiale festa cristiana (SC 106). Solo verso
lanno 150 i cristiani iniziarono a celebrare anche la pasqua annuale nella domenica
dopo il plenilunio di primavera.
Liturgia sacramentale. Gi abbiamo parlato di una celebrazione eucaristica
nel segno della frazione del pane. Abbiamo per riferimenti ben precisi anche ad una
iniziale liturgia battesimale (limmersione-emersione nellacqua come segno
dellimmersione nella morte-risurrezione di Cristo: Rm 6,1-11) e luso di battezzare
sia Ebrei (At 2,38), sia Samaritani (At 8,12-13), sia pagani (At 16,15.33).
Dalla Lettera di Giacomo appare gi costituita la prassi dellunzione dei
malati mediante un rito di unzione accompagnato dalla preghiera nella fede (Gc 5,
13-15). San Paolo ci parla anche dellistituzione di Vescovi e presbiteri mediante
limposizione delle mani (Tt 1,5; 1 Tm 5,22; 2 Tm 1,6).
2. Lepoca dei Padri.
Verso la fine del I secolo, terminata la redazione del Nuovo Testamento,
sorgono numerosi scritti cristiani che ci danno una descrizione sempre pi dettagliata
di una Liturgia che si va gradualmente organizzando.
Uno di questi antichi scritti cristiani dellera subapostolica la Didach o
Dottrina dei dodici apostoli.1 Vi si legge, tra laltro, che il battesimo preferibile
che avvenga mediante limmersione in acqua corrente. Se ci non fosse possibile, si
pu battezzare anche versando tre volte lacqua sul capo, invocando la Santissima
Trinit. Nella Didach si parla anche di unassemblea eucaristica presieduta da
vescovi, presenti anche i diaconi; gi si abbozza la struttura di una prece eucaristica.
Questa anche unepoca di persecuzione per i cristiani. Sono considerati
nemici del genere umano e la legge proibisce dessere cristiano. Essi si rifiutano di
offrire culto allimperatore e sono considerati atei perch non hanno altari per
sacrificare agli dei.
La vita delle comunit vigorosa e fervente e non si lascia intimorire dalla
persecuzione tanto che Tertulliano pu affermare: il sangue dei martiri seme di
cristiani.
Purtroppo compaiono anche le prime eresie: lo gnosticismo che nega la realt
dellincarnazione a motivo del disprezzo della carne a favore dello spirito; il
marcionismo che oppone il Dio dellAT, giusto e severo, con il Cristo del NT, un
Dio buono e misericordioso.2

Questo documento fu scoperto nel 1873.

Da qui una forte disaffezione alla lettura dellAT nellassemblea cristiana.

Storia della Liturgia

Emergono i primi pensatori cristiani: Clemente e Origene ad Alessandria,


Giustino e Ippolito a Roma; in Siria un autore anonimo scrive la Didascalia.
Giustino gi molto preciso nel descrivere la liturgia eucaristica nel giorno di
domenica. Ippolito descrive la liturgia di ordinazione del Vescovo e del Diacono e
riporta la Prece eucaristica che il nuovo vescovo pronuncia.3 Il catecumenato gi
strutturato come programma di iniziazione che dura circa tre anni. Si battezza per
immersione e, subito dopo il battesimo, il Vescovo conferma il neofita con lunzione
del santo crisma. Si conosce anche la celebrazione della Pasqua annuale e si parla di
alcune ore destinate alla santificazione del giorno e della notte.
In Siria, un autore anonimo, compone la Didascalia dei dodici apostoli dove
fornisce una descrizione accurata della Veglia pasquale e ci offre la prima
testimonianza del culto dei defunti. Parla anche della riconciliazione dei penitenti che
avviene mediante limposizione delle mani da parte del Vescovo.
3. Lepoca costantiniana.
Con leditto di Milano del 313 cessa la persecuzione dei cristiani. Costantino
autorizza e favorisce la religione cristiana. Le conversioni avvengono in massa e il
catecumenato battesimale tende sempre pi a contrarsi. Scadendo il livello di
formazione, si abbassa il livello del fervore delle comunit e aumentano le eresie.
Larianesimo nega la divinit di Cristo (sarebbe solo una creatura di Dio); il
nestorianesimo distrugge lunit della persona di Cristo il quale non pi n vero
Dio n vero uomo.
E lepoca dei grandi Padri della Chiesa: in occidente Ambrogio, Agostino,
Girolamo; in oriente: Atanasio, Basilio e lamico Gregorio di Nazianzo, Giovanni
Crisostomo.
Nei Concili ecumenici si definisce il credo: a Nicea (325) e a Costantinopoli
(381).4 A Efeso nel 431 Maria detta Theotokos (Genitrice di Dio). A Calcedonia nel
451 si definisce il dogma cristologico: Ges vero Dio e vero uomo.
Per accogliere le comunit sempre pi numerose non bastano pi le domus
ecclesiae, cio le case private dove si riuniva lassemblea durante la persecuzione.
Dove presente il vescovo, si costruiscono le grandi basiliche episcopali. A Roma la
sede del vescovo stabilita al Laterano: Costantino edifica una grande basilica con
attiguo il battistero e il palazzo del Vescovo. Ma sorgono anche altre basiliche sui
luoghi della sepoltura dei martiri: cos S. Pietro in Vaticano, S. Lorenzo e S. Paolo
fuori le mura. In oriente vengono edificate le basiliche del S. Sepolcro e della
Nativit.
In questo periodo si va organizzando anche lanno liturgico. La domenica
come pasqua settimanale e la Pasqua annuale, segnano il ritmo dellanni circulus. Si
organizza il triduo pasquale, la quaresima per i catecumeni, la cinquantina pasquale
che si chiude con la Pentecoste.

La preghiera di ordinazione del Vescovo stata assunta nella recente riforma del Pontificale
romano e la Prece eucaristica servita da schema per lattuale II Prece eucaristica.
4

Da qui il termine di Credo nicenocostantinopolitano dato al simbolo apostolico che


professiamo ogni domenica.

Storia della Liturgia

A Roma verso lanno 350 si inizia a celebrare anche il Natale di Cristo e


qualche secolo pi tardi si aggiungono anche quattro settimane di preparazione,
lAvvento.
Nelle basiliche episcopali, presente il vescovo e il suo presbiterio, si celebra
durante la settimana una essenziale liturgia delle ore. Lunica celebrazione
eucaristica presieduta dal Vescovo ancora riservata per tutti alla domenica.
I Vescovi sono anzitutto pastori e maestri. Lomelia e le catechesi battesimali
sono le opere pi pregevoli di questo periodo (Ambrogio, Agostino, Cirillo, ecc),
fortemente ancorate al testo della Sacra Scrittura.
Ancora non ci sono i libri liturgici con i testi gi fissati della preghiera
liturgica. E un tempo di fervente creativit liturgica attenendosi ovviamente a
schemi e canoni di preghiera che gi sono conosciuti nelle comunit cristiane.
Purtroppo questa fase di creativit dur poco tempo. Lincapacit a comporre sempre
nuovi formulari, lesigenza di avere dei modelli stabili, la necessit di difendersi
dallinsorgere di pericolose eresie, spian la strada verso la fissazione di riti e
orazioni e quindi la nascita dei vari Sacramentari con la raccolta dei testi liturgici.
Basta citare il caso della Prece eucaristica: dalla fine del IV secolo, in occidente, si
impose il testo del Canone romano come unica prece eucaristica. Le liturgie
delloriente, invece, pur fissando anchesse i testi liturgici, hanno mantenuto un pi
ampio spazio di scelta.
Alla fine del IV secolo la liturgia romana pressoch strutturata nelle sue
linee essenziali. E a questa epoca doro che in modo preferenziale si ispirato il
Vaticano II quando ha voluto porre mano alla riforma liturgica. Lungo il corso dei
secoli, infatti, attorno a questo nucleo originario ed essenziale della liturgia, si sono
insinuati elementi meno rispondenti, o anche meno opportuni, allintima natura della
stessa liturgia per cui si resa necessaria una loro revisione e se necessario anche una
loro rimozione (cf SC 21).

Paolo GIGLIONI

LE TRADIZIONI LITURGICHE
DELLORIENTE E DELLOCCIDENTE
Non solo gli avvenimenti ecclesiali, ma anche quelli politici, geografici,
linguistici, hanno influito sullo sviluppo della liturgia. Lunit della Chiesa, garantita
anche dallunit politica dellImpero sotto Costantino, sub una prima frattura con la
divisione dellImpero alla morte di Teodosio (395):
8LImpero Romano dOriente, con sede a Costantinopoli, espresse la fede
apostolica sancita dai grandi concili ecumenici (Nicea, Costantinopoli, Efeso,
Calcedonia);1 dal VII al XII secolo, sotto la pressione dellIslam, sub un lento
declino fino alla sua definitiva scomparsa nel 1453.
8LImpero Romano dOccidente, con sede a Ravenna, sopravvisse ben poco
perch, sotto la spinta delle invasioni barbariche, fu estinto dal re germanico Odoacre
nel 476. Nel crollo dellImpero Romano dOccidente, la Chiesa di Roma resta la sola
struttura sociale e politica capace di sopravvivere. I Vescovi prendono in mano i
poteri pubblici inesistenti. I Pontefici, come Gregorio Magno, intraprendono una
forte azione evangelizzatrice delle popolazioni barbariche del nord, soprattutto della
Gran Bretagna. Clodoveo, re dei Franchi, si converte al cattolicesimo e organizza le
missioni verso lEst dellEuropa, in particolare verso i Germani che, convertiti al
cristianesimo dal goto Ulfila, erano per seguaci delleresia ariana.2 Solo con
lImpero di Carlo Magno lOccidente trova una sua unit politica e religiosa con
notevoli ripercussioni anche sulla formazione di una liturgia comune.
Ebbene, proprio a motivo di queste differenze politiche, geografiche, e
soprattutto linguistiche, si svilupparono ben presto, in Oriente e in Occidente, una
serie di famiglie liturgiche che ora cercheremo di descrivere per sommi capi, ben
sapendo della complessit della loro origine, sviluppi, interrelazioni.
Ci muoveremo ricordando il canone 6 del Concilio di Nicea (325) che
affermava lequiparazione spirituale dei quattro patriarcati apostolico-petrini:
Gerusalemme, Antiochia, Alessandria e Roma. Ben presto queste sedi diventarono
centro di famiglie liturgiche ben caratterizzate, con una organizzazione liturgica che
si stabilizza mediante la formulazione di preghiere e riti.
I.

Le liturgie Orientali.

Si raggruppano attorno ai due principali patriarcati: quello di Antiochia e


quello di Alessandria.3

Teodosio I, con leditto di Tessalonica del 380 proibisce larianesimo in Oriente; nel 391 lo
stesso Teodosio I proibisce tutti i culti pagani e impone il cristianesimo (secondo la dottrina di
Atanasio) quale religione di Stato.
2
3

Tradusse la Bibbia in gotico (il Codex argenteus di Uppsala).

Fa eccezione Gerusalemme; dopo la sua distruzione ad opera di Adriano nel 135 e con la
dispersione di ebrei e cristiani (diaspora), non riusc pi ad esprimere una consistente tradizione
liturgica. Nel IV secolo, con i pellegrinaggi e la costruzione delle basiliche Costantiniane del S.
Sepolcro e di Betlemme, conobbe una forte rinascita cristiana. Nel 637 fu definitivamente occupata e
islamizzata dal Califfo Omar I.

Famiglie liturgiche

1.1.

La famiglia antiochena.

Il patriarcato di Antiochia il centro pi antico e culturalmente predominante


tra i patriarcati orientali.4 In campo liturgico influ notevolmente su Costantinopoli,
capitale dellImpero, la Nuova Roma, soprattutto durante lepiscopato di S.
Giovanni Crisostomo (397-404). Antiochia estese la sua influenza anche verso Est,
verso la Siria, dove la cultura e le lingue semite avevano conservato una loro identit
resistendo allinfluenza ellenistica. Allinterno della tradizione antiochena si
svilupparono, pertanto, due gruppi liturgici: verso oriente il siro-orientale e sulla
costa mediterranea il siro-occidentale (sotto linfluenza greca di Costantinopoli).
1.1.1.

Il gruppo siro-orientale.

Si svilupp nei territori dellaltopiano mesopotamico, dove ancora si


conservavano le antiche culture semitiche non influenzate dallellenismo proveniente
da Costantinopoli. A motivo di una certa ostilit politica verso Bisanzio (da cui
bizantini), e per la difficolt di comunicazione con la cultura ellenistica, non
accettarono le risoluzioni del concilio di Efeso (431) e di Calcedonia (451) e
rimasero prevalentemente sotto linfluenza di Nestorio e di Teodoro di Mopsuestia;
esprimono quindi una teologia nestoriana.5
I riti pi significativi di questo gruppo sono:
a. Il rito siro-caldeo. E la pi arcaica delle tradizioni liturgiche cristiane ed
ancora oggi ha una liturgia in lingua aramaica. Si svilupp allinterno
dellImpero persiano e poi nel califfato di Bagdad (attuale Iraq).
Lanafora eucaristica degli apostoli Addai e Mari molto vicina alle
berakot giudaiche per la benedizione della mensa.6 Per lufficiatura si
avvale delle composizioni di S. Efrem il Siro. In Iraq esiste una forte
comunit cattolica di rito caldeo.
b. Il rito siro-malabarico. Attraverso la via della seta, la liturgia siro-caldea
si diffuse verso oriente fino alla Cina e allIndia del sud (Kerala), dove si
venera la tomba di S. Tommaso Apostolo. Con la conquista portoghese
del sec. XVI questa liturgia sub una forte latinizzazione. Una parte di
questi cristiani si stacc da Roma e col nome di Malankaresi, con un
prioprio rito, ader al patriarcato siro-antiocheno. Pio XI nel 1934 permise
ai cattolici Malabaresi il ripristino dellantico rito caldeo.

Distinta dallAntiochia di Pisidia in Asia Minore (cf At 13,14. 50-51), Antiochia di Siria,
sul fiume Oronte, era capitale della provincia romana di Siria e residenza del governatore. Fu
considerata la terza citt dellImpero, dopo Roma e Alessandria. E qui che per la prima volta i fedeli
di Ges sono detti cristiani (At 11,26). Fu anche la prima sede di Pietro.
5

Secondo Nestorio, in Cristo, le due nature umana e divina, sarebbero cos separate da
riconoscere in lui anche due persone separate: il Verbo, Figlio di Dio, e luomo, Ges di Nazaret,
figlio di Maria. Da qui la negazione del titolo di Theotkos (madre di Dio) alla Madonna, per
sostituirlo con Christotkos (madre di Cristo).
6

LAnafora, (dal greco an-fero = portare in alto, far salire) lequivalente della nostra
Prece eucaristica (o Canone) presso le liturgie Orientali.

Famiglie liturgiche

1.1.2.

Il gruppo siro-occidentale.

Il gruppo liturgico siro-occidentale, anchesso legato alla matrice liturgica


antiochena, caratterizzato da uno sviluppo molto grande della poesia liturgica in cui
si esprime tutta la teologia. Le espressioni pi diffuse di questo gruppo sono:
a. il rito bizantino, cos chiamato perch sviluppatosi soprattutto nella citt
imperiale di Bisanzio (Costantinopoli). E il rito pi diffuso e
rappresentativo dellOriente cristiano, comune a milioni di fedeli,
soprattutto Ortodossi, ma anche Cattolici.7 Questa liturgia si esprime
attraverso lanafora di s. Giovanni Crisostomo (nelle domeniche di
quaresima e in alcune grandi vigilie si recita lanafora di s. Basilio). La
lingua originale il greco (antico); i libri liturgici sono per tradotti anche
nelle lingue moderne: in slavo al tempo della conversione della Russia,8
poi in Romeno, in Serbo, in arabo, ecc. e oggi anche nelle lingue
moderne. Lespansione di questa liturgia nel mondo slavo si deve
soprattutto alla missione dei santi Cirillo e Metodio. La divina liturgia,
che si svolge dietro una iconostasi, concepita come la venuta del
cielo sulla terra ed una anticipazione della parusa.
b. Il rito giacobita. Dal nucleo liturgico bizantino-greco si stacc nel VI
secolo la liturgia giacobita;9 essa tradusse la liturgia bizantina in siriaco
(oggi si usa ampiamente anche larabo). Questo rito si caratterizza per
lampiezza degli elementi gestuali e poetici (composizioni attribuite a S.
Efrem il Siro). Tuttoggi fa uso di una ventina di anafore.
c. Il rito maronita. Sorge tra le comunit monastiche della Siria centrale,
nella valle dellOronte, e si ispira alla figura di un asceta del V secolo,
Mar Maron. Non accettarono la bizantinizzazione e si dovettero rifugiare
sui monti del Libano. Nel 1215 sancirono lunione con la Chiesa di Roma
professando la fede cattolica. Nel XVIII secolo questo rito sub infelici
latinizzazioni. Oggi la lingua pi usata larabo e fa uso di circa quindici
anafore.
d. Il rito armeno. Ha origini molto antiche, allinizio del IV secolo, con una
lingua propria. Nel medioevo ci furono tentativi di unione con Bisanzio e
con Roma (da qui una certa contaminazione bizantina e latina dei riti, che
si caratterizzano tuttavia per magnificenza di apparato e finezza di
esecuzione). La musica tra le pi affascinanti dellOriente, dove
traspare la nobile melanconia di un popolo che ha incredibilmente
sofferto.

I Cattolici che vivono in Oriente seguono prevalentemente le antiche liturgie proprie di quei
territori, gi consolidate prima dello scisma dOriente del 1054 che vide la separazione tra la Chiesa
Ordossa e quella Romana. Pertanto, la maggior parte dei Riti Orientali sono comuni sia agli Ortodossi
sia ai Cattolici. In questi Paesi solo una minoranza di Cattolici segue il Rito latino.
8

Nel 957 il battesimo di Olga, vedova del principe Igor; nel 988 battesimo di Vladimiro I il
santo, che aveva sposato la principessa bizantina Anna; Kiev divent il maggiore centro religioso con
sede metropolitana.
9

Cos chiamata dal suo fondatore, Giacomo Baradai (+ 577).

Famiglie liturgiche

1.2.

La famiglia alessandrina.

I cristiani del patriarcato di Alessandria rifiutarono la maggior parte delle


definizioni del concilio di Calcedonia (451) e costituirono, come ad Antiochia, una
Chiesa monofisita che conserver il rito primitivo di Alessandria, per molti aspetti
pi vicino a Roma che a Bisanzio.
Attualmente si esprime in due riti principali:
a. Il rito copto.10 Originariamente si esprimeva in greco (Anafora di s.
Marco), ma dal secolo IX utilizza lantica lingua egiziana, dando molto
spazio allarabo. Lanafora pi diffusa quella copta di s. Basilio
(unaltra di s. Gregorio di Nazianzo si usa solo nelle feste grandi del
Signore).
b. Il rito etiopico. Nato da un ceppo misto alessandrino-siriacogerosolimitano, squisitamente popolare e africano (uso del tamburo e
della danza; si circoncidono i bambini prima del battesimo). Si deve
probabilmente a questa sua forte inculturazione la sua sopravvivenza in
mezzo a pressioni islamiche. Fa uso di circa 14 anafore (due di esse sono
mariane, una delle quali inizia con le parole dolce profumo).11
II.

Le liturgie occidentali.

Presso le tombe degli apostoli Pietro e Paolo e dei martiri, la sede patriarcale
di Roma fu il principale centro di irradiazione del cristianesimo in occidente. La
liturgia romana, nonostante il suo forte influsso in tutto loccidente, non fu tuttavia
lunica espressione del culto cristiano. Come gi si visto per loriente, anche in
occidente sorsero ben presto differenti manifestazioni liturgiche dovute alla diversit
di situazioni storico-geografiche in cui vennero a trovarsi le varie comunit cristiane.
A Milano si stabilizz una liturgia ambrosiana, nelle Gallie una liturgia gallicana, in
Spagna una liturgia ispanica. Non mancarono altre forme minori di espressione
liturgica.
2.1.

Il rito romano.

La prima comunit cristiana di Roma si organizz liturgicamente attorno al


suo vescovo, il successore di Pietro. Lespressione linguistica di questa prima
comunit fu il greco, almeno fino alla met del IV secolo; come pure fu scritto in
greco il pi completo e valido documento liturgico della Chiesa cristiana del III
secolo, la Apostolich pardosis (Traditio apostolica) attribuita al presbitero romano
Ippolito.
Per motivi pastorali e spirituali (per essere vero dialogo con Dio, necessario
che lorante comprenda quello che prega: cf 1 Cor 14,9-19), nel giro di 50 anni la
liturgia romana pass dal greco al latino, non senza difficolt e resistenze.

10

Il termine copto deriva dalla parola araba qubt (che traduce il greco aigyptios) e sta ad
indicare, appunto, l'egiziano.
11

Questa forte impronta mariana delle liturgia etiopica si riversa poi nelluso quotidiano per
cui le persone, incontrandosi, si salutano con Maria ti ama!

Famiglie liturgiche

Durante il IV-VI secolo si form un nucleo di preghiere liturgiche romane


caratterizzate dalla lingua cultuale dei romani: brevit, incisivit, chiarezza, austerit;
il linguaggio conciso, obiettivo e quasi giuridico, che rifiuta ogni caratterizzazione
poetica e sentimentale del rito. Queste preghiere furono codificate nei libri liturgici
come i Sacramentari e gli Ordines Romani (ne parleremo nel prossimo articolo).
Ben presto la liturgia di Roma si estese con grande accoglienza in tutte le
altre Chiese dItalia, salvo che a Milano dove, con s. Ambrogio, prende corpo una
liturgia ambrosiana. Al di l delle Alpi erano sorte nelle varie Chiese locali
espressioni liturgiche proprie, con forte presenza della matrice romana. Solo al tempo
di Carlo Magno (IX secolo) ci fu una imposizione della liturgia romana in tutto
limpero fino a soppiantare le liturgie locali. Questa esportazione oltralpe non fu per
indolore: a contatto con le liturgie locali (franco-gallicana, germanica) la liturgia
romana si mescol con elementi che le erano estranei.
Lunica prece eucaristica della liturgia romana, il Canone romano, rester in
vigore fino al 1968, quando furono introdotte altre tre Preci eucaristiche.
La liturgia romana si estese anche alle Chiese del nord Africa, le quali
tuttavia conservarono un certo margine di autonomia e creativit. S. Agostino ci dice
che ogni vescovo poteva comporre testi propri; prima per doveva farli esaminare da
confratelli competenti.
Con la scoperta delle terre del nuovo Mondo e con le Missioni in Asia e
Africa, la liturgia romana stata lespressione comune dellunit di fede dei
Cattolici.
2.2.

Il rito ambrosiano.

Dal secolo VIII fu fatto risalire a s. Ambrogio (374-397) e perci fu detto rito
ambrosiano. Dallo stesso s. Ambrogio sappiamo che egli, pur desideroso di seguire
sostanzialmente la liturgia del vescovo di Roma, amava tuttavia una certa libert di
scelta tra altre fonti liturgiche legittime. Pertanto, attorno al nucleo della liturgia
romana, vi sono nel rito ambrosiano molti elementi propri, sia per la Messa che per
lUfficio e il Rituale. Risente di influssi provenienti dalloriente, come pure dalla
Gallia e dalla Spagna. Ponendosi come baluardo contro larianesimo, una liturgia
fortemente cristocentrica che accentua lUmanit-Divinit di Cristo. E lunica
liturgia occidentale che sopravvisse lungo i secoli ai vari tentativi di soppressione o
assimilazione. Dopo il Vaticano II sono stati riformati, anche nella liturgia
ambrosiana, tutti i libri liturgici.
2.3.

Il rito gallicano.

Sorge verso il VI secolo nel sud della Gallia, quale espressione di quella
autonomia e creativit ecclesiale che caratterizza le comunit ecclesiali di
quellepoca. Le composizioni liturgiche gallicane sono pi sciolte e meno dense di
quelle romane, a discapito tuttavia della essenzialit espressiva e di quella stretta
componente trinitaria che caratterizza invece la liturgia romana (come pure le liturgia
della tradizione orientale).
Non sopravvisse alladozione del rito romano da parte di Carlomagno;
probabilmente non tanto a motivo di una imposizione, quanto piuttosto per la sua
stessa debolezza. Le principali espressioni della liturgia gallicana sono il Messale

Famiglie liturgiche

Gothicum e il Messale Bobbiense che si possono datare, nella loro fase conclusiva,
allVIII secolo.
2.4.

Il rito ispanico.

Si svilupp in Spagna a partire dal VI secolo. Ebbe la sua massima estensione


durante il regno dei Visigoti (sec. VII): da qui anche il nome di liturgia visigotica o
mozarabica.12 Era celebrato in tutta la penisola iberica e nella zona dei Pirenei
orientali. Rimase in vigore fino alla sua soppressione ad opera di Gregorio VII
(1073-1085); solo a Toledo continu ad essere celebrato, tanto che alla fine del sec.
XV larcivescovo di Toledo, il Card. Ximenes de Cisneros, ordin ledizione dei due
principali libri liturgici: il Messale e il Breviario. Ancora oggi, nella cattedrale di
Toledo, ogni giorno si celebra lUfficio e la Messa secondo il rito mozarabico.
Conclusione.
Nel presentare i vari riti cristiani dellOriente e dellOccidente, abbiamo
avuto come guida alcuni passaggi del Vaticano II, da tener presenti:
8Sacrosanctum Concilium: Il sacrosanto concilio, in fedele obbedienza
alla tradizione, dichiara che la santa madre Chiesa considera di uguale diritto e con
pari onore tutti i riti legittimamente riconosciuti, e vuole che in avvenire essi siano
conservati e in ogni modo incrementati, e desidera che, ove sia necessario, vengano
prudentemente riveduti in modo integrale nello spirito della sana tradizione e venga
dato loro nuovo vigore secondo le circostanze e le necessit del nostro tempo (SC
4);
8Unitatis redintegratio: Tutti sappiano che il conoscere, venerare,
conservare e sostenere il ricchissimo patrimonio liturgico e spirituale degli Orientali
di somma importanza per custodire fedelmente la pienezza della tradizione
cristiana e per attuare la riconciliazione dei Cristiani dOriente e dOccidente (UR
15).
8Orientalim Ecclesiarum: La Chiesa santa e cattolica, che il corpo
mistico di Cristo, si compone di fedeli, che sono organicamente uniti nello Spirito
Santo dalla stessa fede, dagli stessi sacramenti e dallo stesso governo e che unendosi
in vari gruppi, congiunti dalla gerarchia, costituiscono le chiese particolari o riti.
Tra loro vige una mirabile comunione, di modo che la variet nella Chiesa non solo
non nuoce alla sua unit, ma, anzi, la manifesta; infatti volont della Chiesa
cattolica che in futuro rimangano salve e integre le tradizioni di ogni Chiesa
particolare o rito, e ugualmente essa vuole adattare il suo stile di governo alle varie
necessit dei tempi e dei luoghi (OE 2); Queste Chiese particolari, sia dOriente
che dOccidente, sebbene siano in parte tra loro differenti nei riguardi dei cosiddetti
riti, cio per liturgia, per disciplina ecclesiastica e patrimonio spirituale [] godono
di pari dignit, cos che nessuna di loro prevale sulle altre a motivo del rito, e inoltre
godono degli stessi diritti e sono tenute agli stessi doveri (OE 3).
Paolo Giglioni (Febbraio 1999).
12

Laggettivo mozarabes fu applicato ai cristiani che vivevano sotto il giogo dei musulmani;
deriva dalla parola araba mohaides e significa soggiogati (tributari degli arabi).

I LIBRI LITURGICI
La variet delle famiglie liturgiche in Oriente e in Occidente ha espresso
naturalmente anche una variet di libri liturgici. Lattenzione che diamo a queste
espressioni scritte della tradizione liturgica (lex orandi) dovuta al fatto che esse
costituiscono una vivente testimonianza della variet e della ricchezza dellunica
fede (lex credendi) presente nelle varie Chiese in tempi e in luoghi tra loro diversi e
distanti.
La formazione dei libri liturgici ha avuto una lenta maturazione che possiamo
riassumere attorno ad alcuni passaggi principali.
1. Lorigine dei libri liturgici.
Almeno nei primi quattro secoli della liturgia cristiana n il celebrante, n gli
altri ministri avevano un libro loro proprio. Lunico testo per tutti la Bibbia che
deve essere considerato il primo e principale libro liturgico a cui i cristiani hanno
attinto per le letture, i canti, i salmi, ecc.
1.1.

Periodo della improvvisazione carismatica.

Da una profonda conoscenza della Scrittura e dopo una lunga ruminazione


della Parola di Dio scaturivano le espressioni pi adatte per la grande Preghiera
eucaristica e per le altre forme di preghiera. La Didach (10,7) riporta un esempio di
questa vitalit, opera dello Spirito, quando dice: I profeti sono invitati a rendere
grazie come vogliono". Anche Giustino, nella sua Apologia I scrive che colui che
presiede rende grazie come pu (Apol 1,67).
Il concetto di improvvisazione va ovviamente precisato dicendo che la
traccia e i contenuti essenziali della grande Preghiera eucaristica erano conosciuti
da coloro che presiedevano le assemblee liturgiche; questo era del resto anche lo stile
della berakah ebraica, cui attinge la prima tradizione cristiana.
1.2.

Periodo delle formule primitive (II-III sec.).

Tra le Orazioni liturgiche, la Prece eucaristica o Anafora, per l'importanza


capitale che ha, tende ben presto a precisarsi in una formula invariabile o in un
riassunto descrittivo del suo contenuto. Resta l'esempio della Traditio apostolica di
Ippolito che risale allanno 218: pur proponendo una Anafora per il Vescovo, lascia
per ogni libert di servirsene ("sed secundum facultatem unusquisque oret").
Importa solo che la sua preghiera sia corretta ed ortodossa.
1.3.

Periodo di libera composizione (IV-V sec.)

Verso lanno 380 la lingua latina ha soppiantato il greco ed diventata lingua


liturgica. L'avvento della pace (editto di Milano, 313) ha portato grandi masse di
popolo alla Chiesa. Fiorisce la spiritualit liturgica e fioriscono anche abbondanti
composizioni eucologiche1 sia per l'Anafora, sia per i riti sacramentali. Nascono i
primi libelli missarum, cio fascicoli contenenti qualche formulano di Messa.
1

Il termine eucologia deriva dal graco euch = preghiera, e lgos = discorso; la scienza che
studia le preghiere e le leggi che regolano la loro formulazione. Si intende anche linsieme delle
preghiere contenute in un libro liturgico. Si parla di eucologia maggiore (Preci eucaristiche, Orazioni
di consacrazione, Prefazi, ecc) e di eucologia minore (Colletta, sulle offerte, dopo la comunione).

I libri liturgici

Questa imponente efflorescenza liturgica, come facile supporre, non sempre


si rivel ortodossa e corretta tanto che alcuni Concili dovettero prendere posizione
contro forme devianti. Il IV Concilio di Cartagine (prima met del V sec.) e lo stesso
s. Agostino stabilirono che le composizioni liturgiche prima di essere usate dovevano
essere rivedute da persone competenti.
Il Concilio di Milevi fu ancor pi deciso (anno 416): si possono usare soltanto
le composizioni approvate da un Concilio. Anche il papa Innocenzo I, scrivendo al
vescovo di Gubbio (416), si lamenta che ci sono troppe diversit in campo liturgico
con grave scandalo di popolo....
1.4.

Periodo delle prime collezioni: i Sacramentari (V-VII sec.)

Per ovviare ai gravi inconvenienti di una creativit incontrollata, si pens di


fare una selezione dei libelli2 migliori per contenuto dottrinale e per correttezza
letteraria, radunandone parecchi, anche per una stessa festa, in modo che il celebrante
potesse scegliere secondo lopportunit. E da queste prime composizioni che
sorgono i Sacramentari: raccolte complete di formule eucologiche per la
celebrazione della Messa e dei Sacramenti.
A questepoca appartengono anche i pi grandi compositori di formulari
eucologici, di inni, ecc. Ricordiamo: papa Leone I (440-461), papa Gelasio (492496), s. Paolino di Nola (+431), s. Gregorio di Tours (+594), Massimiano di Ravenna
(546-567), papa Gregorio Magno (+604).
Non solo vengono composti libretti per la Messa, ma anche formulari per la
celebrazione dei Sacramenti. Si segue questo criterio: ogni ministro ha il suo libro.
Troviamo cos il Sacramentario per il celebrante, l'Evangeliario per il diacono, il
Lezionario per il lettore, l'Antifonario per i cantori, e cos via. Pi tardi anche il
Vescovo avr un proprio libro liturgico chiamato Pontificale.
Ogni chiesa aveva i suoi libri; si faceva a gara ad ornarli con gemme preziose
e a moltiplicarne esemplari in modo che ogni ministro avesse il libro che gli spettava.
2. I Sacramentari.
Sacramentarium o Liber Sacramentorum era chiamato il libro che conteneva
le preghiera riservate al sacerdos (Vescovo o presbitero) nella celebrazione della
Messa o dei Sacramenti. Il sorgere rapido di questi libri fu dovuto anche al fatto che,
terminato il periodo d'oro della creativit liturgica, non furono pi composti libelli di
valore, tali da reggere alla concorrenza con quelli gi esistenti; facile dunque il
passaggio alla raccolta e alla trascrizione-diffusione dei libelli lasciati dai grandi
Pontefici o dai loro collaboratori.
Dei numerosi Sacramentari sorti nell'ambito liturgico della Chiesa di Roma,
rimangono a noi tre tipi principali:
a. Il Sacramentario di Verona o Leoniano.
Ritrovato intorno all'anno 1730 nella Biblioteca capitolare di Verona, fu
attribuito a Papa Leone I (+461). Non un Sacramentario vero e proprio, ma una
semplice raccolta, fatta a titolo privato, di alcuni dei libelli missarum esistenti presso
le varie basiliche cemeteriali (natalis martyrum) e presso le chiese titolari dell'Urbe

Piccoli formulari di Messe ad uso di una o pi Chiese particolari.

I libri liturgici

dove il Pontefice era solito fare la statio, cio la sosta domenicale per lEucaristia. E'
un libro puramente romano senza interpolazioni straniere. E diviso secondo i dodici
mesi dell'anno.
b. Il Sacramentario Gelasiano.
Fu pubblicato nel 1680 dal Card. Tomasi, secondo un manoscritto (Vat. Reg.
316) del sec. VII-VIII. Gi dal titolo (Liber Sacramentorum Romanae Ecclesiae
Ordinis Anni Circuli), si deduce che questo un libro ufficiale, anzi il pi antico
libro liturgico della Chiesa romana giunto fino a noi. Vi si nota qualche
interpolazione gallicana. L'autore ignoto anche se non si pu escludere per
principio che papa Gelasio possa essere stato il compilatore dei principali formulari
ivi raccolti.
La parte del temporale (il mistero di Cristo nel tempo) divisa dal santorale (il
mistero dei Santi nel tempo). Contrariamente al Sacramentario Veronese (che segue i
mesi dell'anno), il Gelasiano strutturato secondo l'anno liturgico. Elemento
indicante la sua antichit (la prima redazione pu risalire al sec. VI) pu essere
questo: ancora non compaiono le Orazioni per l'Avvento; all'epoca della
composizione del Gelasiano questo periodo dell'anno liturgico ancora non era stato
strutturato nella forma e nei contenuti come lo conosciamo oggi.
Il Gelasiano, come altri Sacramentari, fu ben presto portato oltralpe e trascritto
abbondantemente con aggiunte varie a seconda delle Chiese che lo adottavano. Ne
sono derivati i cosiddetti sacramentari Gelasiani del sec. VIII: - Sacramentario di
Gellone (anno 770-780); - Sacramentario di Angoulme (anno 790 ca.); Sacramentario di s. Gallo (anno 800-820).
c. Il Sacramentario Gregoriano.
Porta questo titolo: Liber Sacramentorum de circulo anni expositus,
Gregorio papa Romano editus.

a s.

Anche in questo Sacramentario difficile stabilire la quantit di presenza di


papa Gregorio. Certamente c' la sua penna; per pi propriamente si dovrebbe
parlare di Sacramentario Gregoriano Adrianeo. Infatti le copie a noi giunte sono
quelle che riproducono il libro inviato in Gallia, alla corte di Carlo Magno, da papa
Adriano (785-790) riproducente lantico libro Gregoriano (del quale non abbiamo
traccia).
Un altro Sacramentario derivante dal Gregoriano il Sacramentario Paduense
(scritto intorno al 680-685, quindi 80 anni dopo papa Gregorio); un Sacramentario
completo, pratico, ben ordinato, assai pi semplice del Gelasiano (del quale vuol
essere una revisione). Ogni domenica ha il suo formulano; vi una sola Colletta;
sono diminuite le parti varianti del Canone; sono ripristinati i titoli stazionali.
Quando, verso la fine del secolo VIII, Carlo Magno volle unificare il suo
Impero, pens di adottare il Rito romano quale unica liturgia comune a tutti i territori
conquistati. Chiese al papa Adriano (771-795) un Sacramentario che rispecchiasse la
liturgia della sede di Pietro. Si vide recapitare un Sacramentario Gregoriano cos
come esisteva al tempo di Papa Adriano. Questo Sacramentario, gi ritoccato rispetto
agli antichi Gregoriani, fu ulteriormente adattato alle esigenze del costume dei
Franchi. Tale adattamento fu operato dal liturgista palatino Alcuino il quale aggiunse
una serie di adattamenti come appendice al Sacramentario inviato da Roma.
Fu tanta la fortuna incontrata dal Supplemento di Alcuino che, a partire dal
sec. IX, molte formule dell'Appendice passarono nel testo vero e proprio fino a dar

I libri liturgici

vitata ad un nuovo Sacramentario, fusione completa del testo primitivo e


dell'Appendice (secolo X).
L'uso dei Sacramentari comincia a decadere col secolo X, quando sorgono i
primi Messali plenari, quantunque si continuassero a scrivere Sacramentari anche nei
secoli XIII e XIV.
3. Il Lezionario
Nella Chiesa antica la proclamazione della Parola di Dio si faceva usando lo
stesso libro delle Scritture. Pi le celebrazioni si moltiplicarono, pi divenne
necessario un modo pi pratico di determinare i passaggi del testo da proclamare. Si
adottarono, successivamente, modi diversi per indicare le pericopi3:
a. I Capitularia: sono delle raccolte che indicano le pericopi da leggere con
l'inizio e la conclusione.
b. Il Lezionario: il libro che contiene, per esteso, le pericopi non
evangeliche.
c. L'Evangeliario: il libro che contiene, per esteso, le pericopi evangeliche.
Sempre verso i secoli VIII-IX compaiono altri libri liturgici.
L'Antifonario: il libro che contiene i testi da cantare durante la Messa.
Gli Ordines: sono libri che contengono le rubriche permettendo cos al clero
dOltralpe di celebrare la Messa, e gli altri riti secondo l'uso della Chiesa di Roma (i
Sacramentari, infatti, non contengono rubriche).
4. Il Messale e il Pontificale.
Il Messale il libro che, a partire dal secolo X, venne formandosi
assommando insieme elementi tratti dal Lezionario e dagli Ordines. Prese perci il
titolo di Missalis plenarius . La comodit di tale libro, il moltiplicarsi delle Messe
private che riservano al solo prete le parti spettanti un tempo ai vari ministri, fecero
la fortuna di questo libro. L'edizione del 1570, a seguito del Concilio di Trento, sanc
la privatizzazione di tale libro al solo prete tanto che non vengono pi nominati n
gli altri ministri, n lassemblea. Di positivo pu avere il fatto che pose fine alla
eccessiva e non sempre qualificata proliferazione di formulari eucologici, facendo
prevalere su tutti gli altri Messali quello in uso nella Chiesa di Roma. Fu reso
obbligatorio nel 1572 da Pio V, che soppresse tutti gli altri.
Il Pontificale: il libro che contiene le formule (prese dai Sacramentari) e le
cerimonie (prese dagli Ordines) riservate al Vescovo. Lesemplare pi significativo
il Pontificale romano-germanico del secolo X. E' un libro essenziale per la teologia
liturgica. Risale all'anno 950. Contiene l'adattamento di usi romani allambiente
germanico. Serv ad unificare il cerimoniale di tutto lOccidente latino.

Dal greco per-kopt = taglio attorno, per indicare il brano scelto per la lettura.

I libri liturgici

5. Il Rituale e il Breviario.
Il Rituale un libro liturgico ad uso dei sacerdoti per la celebrazione dei
Sacramenti e per le varie Benedizioni. Questi libri nascono tra i secoli XII-XIV. Il
Concilio di Trento riform il Rituale pubblicando in un unico libro tutti i Riti
sacramentali, le Benedizioni, il Rito delle Esequie. Il Vaticano II ha pubblicato il
Rituale in libri separati: ciascun Rito ha il proprio libro liturgico.
Il Breviario cos chiamato perch rappresenta una abbreviazione o sintesi
di elementi presenti in libri diversi: la Bibbia, per le letture bibliche; il Salterio, per i
Salmi; lOmiliario, per le letture patristiche; lInnario per gli inni. Deve la sua
fortuna ai Frati mendicanti che dal sec. XIII lo diffusero in tutta Europa; proprio essi,
infatti, impossibilitati di pregare la Liturgia delle Ore con gli altri confratelli nel
Monastero o nel Convento, componevano una sintesi dei vari libri liturgici per un
certo periodo di tempo e cos potevano pregare anche durante la loro missione
itinerante. Il Vaticano II ha riformato ampiamente anche questo libro liturgico
dandogli per il nome di Liturgia delle Ore: lo si voluto indicare non tanto in
riferimento alla quantit dei suoi contenuti, quanto piuttosto alla specificit della
sua natura che quella di santificare le ore del giorno e della notte.
6. La riforma del Vaticano II.
La Costituzione sulla Liturgia ha dato delle direttive essenziali sulla revisione
dei libri liturgici:

SC 25: I libri liturgici siano riveduti quanto prima servendosi di competenti e


consultando i Vescovi di diverse parti del mondo".

SC 31: Si abbia cura che le rubriche tengano conto della parte che spetta ai
fedeli".

Dal Medioevo, si dovuto attendere l'Ordo della Veglia pasquale del 1951
per ritrovare accenni alla partecipazione del popolo alla celebrazione. Con
Sacrosanctum Concilium 14 e 28 la partecipazione attiva dei fedeli alla liturgia
indicata come un diritto-dovere in forza del Battesimo, oltre ad esserlo anche per la
natura stessa della Liturgia.
7. Importanza dei libri liturgici.
Questi libri, come si visto, sono stati composti da generazioni che hanno
tramandato il meglio della produzione eucologica. Riportano il modo concreto di
vivere la fede da parte di una determinata Chiesa locale. Esprimono, nella variet
delle forme, la variet dei modi di esplicitare lunico mistero di salvezza offerto agli
uomini dal Padre, in Cristo e nello Spirito. Col susseguirsi delle varie epoche
culturali, anche l'espressione orante delle Chiese locali ha subto evoluzioni passando
attraverso approfondimenti teologici del mistero (in qualche caso anche attraverso
forme di involuzione che hanno preferenziato aspetti singoli a scapito della globalit
del mistero).
Il contenuto dei libri liturgici diventa per noi oggi di particolare importanza.
Basti solo pensare alla necessit irrinunciabile di trasmettere fedelmente il deposito
della fede attraverso la preghiera ufficiale della Chiesa. Sono un luogo di confronto
con chi, prima di noi, guidato-istruito-illuminato-assistito dallo Spirito Santo, ha

I libri liturgici

espresso nella lex orandi, la lex credendi e la stessa lex vivendi (ne parleremo in un
prossimo articolo).
Visti con questa ottica, i libri liturgici diventano una miniera di teologia
pregata o teologia in ginocchio, la vera teologia che, secondo i Padri greci,
glorificazione di Dio per mezzo del Logos-Verbo di Dio.
Paolo Giglioni
Febbraio 1999

LA LITURGIA NEL MEDIOEVO


Verso il VI-VII secolo, la Liturgia romana ha raggiunto il suo massimo splendore. I libri
liturgici trovano una redazione pressoch definitiva; l'Anno liturgico quasi completato; la
celebrazione eucaristica e le celebrazioni sacramentali, ormai stabilizzate nei loro elementi
costitutivi, vedono un'intensa partecipazione di ministri e di fedeli ciascuno secondo il proprio
ordine e grado.
L'Ordo romanus I (circa l'anno 700) ci offre una descrizione di come si svolgeva la
celebrazione eucaristica in questo periodo. I riti di ingresso prevedono: un atto penitenziale, il
Kyrie, il Gloria, la Colletta; la liturgia della Parola prevede la lettura dell'Epistola, la processione
l'incensazione e la proclamazione dell'Evangelo, l'Omelia, la preghiera dei fedeli; la liturgia
eucaristica ha inizio con la processione dei doni fatta dai fedeli, il pane eucaristico quello normale
lievitato, il Celebrante rivolto verso l'assemblea, l'altare unico collocato al centro tra assemblea e
presbiterio; la prece eucaristica unica: il Canone romano; non ci sono genuflessioni n elevazione
dell'ostia (la fede nella presenza reale indiscussa); si canta il Pater, ci si scambia il segno della
pace, si canta l'Agnus Dei alla frazione del pane. Generalmente tutti i partecipanti partecipano anche
alla comunione: il pane consacrato deposto nella mano dei fedeli, si beve al calice. La
celebrazione termina con la Orazione e la benedizione.
Purtroppo questa epoca d'oro non dur a lungo. Sopraggiunsero numerose involuzioni.
Viene da chiedersi (e questa sia una lezione anche per l'oggi): perch questa crisi liturgica? Per
sommi capi si pu cos riassumere il fenomeno di quell'epoca:

scompare il catecumenato degli adulti; ormai ad essere battezzati sono prevalentemente i


bambini; scompare quindi l'epoca gloriosa della iniziazione cristiana degli adulti che
vede un mirabile equilibrio tra evangelizzazione e sacramenti;

la conversione in massa delle popolazioni barbare del Nord (Franchi, Longobardi, ecc.)
impedisce una loro seria formazione catechistica;

i monaci, fino a quest'epoca semplici fratres, tendono a farsi ordinare sacerdoti; fu


inevitabile una clericalizzazione dei ministeri a scapito della partecipazione dei laici alla
liturgia;

l'incomprensione della lingua liturgica (il latino) porta i fedeli ad essere ascoltatori, ad
assistere pi che a partecipare; nascono le lingue nazionali.

L'epoca medioevale.
Riassumiamo qui, per sommi capi, un'epoca molto vasta che va dal VII secolo fino al
Concilio di Trento. Un'epoca delicata dal punto di vista liturgico, soprattutto se confrontata con i
secoli precedenti. La debolezza liturgica, se cos ci si pu esprimere, non necessariamente comporta
una fame spirituale. Assistiamo, in questi secoli, alla trasformazione di stili artistici e architettonici
(dal romanico al gotico); assistiamo alla espansione del monachesimo e alla nascita di grandi ordini
mendicanti (Domenicani e Francescani). La Chiesa riesce ad esprimere figure eccelse di Pontefici
(Gregorio VII e la lotta per le investiture, Innocenzo III e la resistenza contro l'invasione islamica);
sorgono frutti grandiosi di santit come un S. Bernardo, S. Francesco, S. Domenico, S. Tommaso,
S. Caterina da Siena, ecc.
Si deve pertanto evitare di parlare di Medioevo come di un periodo buio per la vita della
Chiesa. Ci non toglie che si debbano registrare forme involutive nella prassi liturgica. Noi ne
prenderemo atto non tanto per emettere un giudizio su quel periodo di vita della Chiesa (che sarebbe
antistorico), quanto piuttosto per comprendere le riforme successive, compresa quella recente del
Vaticano II.

Con il regno di Carlomagno (768-814), l'unit politica dell'Impero ricercata, oltre che con
le conquiste militari, anche con l'unit della fede e della liturgia. L'Imperatore chiede al Papa i libri
liturgici della liturgia romana: la liturgia di Pietro diviene la liturgia comune che unifica tutti i
sudditi dell'Impero (e li rende quindi fedeli della Chiesa di Roma: cuius regio, eius religio = la
religione del Re la religione anche del popolo). Inizia quel fenomeno che in seguito sar chiamato
con il termine di cesaropapismo (ingerenza del potere politico in ambito religioso).
La Chiesa di Roma attraversa una periodo di crisi: l'imperatore Enrico II si sente autorizzato
ad imporre alla curia romana la recita del Credo durante la Messa.
I fenomeni pi rilevanti per la liturgia in questo periodo sono:

La disgregazione della comunit liturgica. L'incomprensione della lingua liturgica,


l'ingerenza del clero negli spazi riservati ai laici, la fine della mistagoga (i segni
liturgici, non spiegati, non compresi nel loro significato, vengono fraintesi), portano
lentamente alla scomparsa di elementi preziosi fino ad allora presenti nella celebrazione:
scompare l'Omelia, la preghiera dei fedeli, la processione con le offerte; la comunione
diventa sempre pi rara (S. Beda il Venerabile afferma che i pi devoti fanno la
comunione non pi di tre volte l'anno); si introduce la comunione con il pane azimo e
scompare la comunione al calice; la concelebrazione dei presbiteri con il Vescovo nella
Messa domenicale cede il passo alle numerose Messe private celebrate dai monacisacerdoti anche durante la settimana. Il canto gregoriano comune a tutta l'assemblea pian
piano scompare sopraffatto dalla musica polifonica che viene eseguita dalla schola
cantorum, a parte dell'assemblea liturgica.

Il passaggio dal romanico al gotico. La basilica romanica luminosa, l'unico altare sta
al centro del transetto e tutti sono circumstantes (stanno attorno), in una movimento
dialogico-circolare, ad indicare la comunicazione dentro la comunit. Il cambiamento di
mentalit verso la fine del primo millennio comport anche un cambiamento di stile
architettonico e artistico: dal romanico si passa al gotico. Le chiese si innalzano sempre
pi e diventano pi buie: devono esprimere il rapporto verticale della devozione
personale-privata; l'altare spostato verso la parete dell'abside ed il celebrante volta le
spalle all'assemblea; il popolo da partecipante diventa assistente: interviene raramente
con qualche risposta, impegnato nelle proprie preghiere devozionali; forte il senso del
peccato e della propria indegnit: la comunione eucaristica cede il passo alla comunione
spirituale (il Concilio Lateranense IV, 1215, dovette imporre la confessione e la
comunione almeno una volta l'anno); le controversie pelagiane accentuano il timore della
salvezza eterna: c' una forte richiesta di celebrazioni di SS. Messe tanto che si devono
moltiplicare gli altari nelle navate laterali per la celebrazione di queste Messe private
(anche senza la partecipazione del popolo).

L'allegorismo. L'individuale e il soggettivo, la mancanza di una mistagoga che spieghi


il vero significato dei segni-riti-parole, lascia spazio alle interpretazioni pi capricciose
di ci che si vede da lontano (una balaustra, a volte una inferriata, separano il presbiterio
dalla navata); l'altare la raffigurazione del calvario, i gesti e i movimenti del celebrante
sono letti in rapporto alla passione (il sacerdote che si inchina visto come il reclinare il
capo di Ges sulla croce); la liturgia diventa appannaggio del clero, mentre i fedeli
alimentano la loro spiritualit con le devozioni private (il rosario, con le 150 Ave,
considerato il salterio dei poveri che non conoscono il latino e non sono ammessi alla
liturgia corale dei monaci).

La debolezza della liturgia port necessariamente ad un incremento delle devozioni private;


e queste non sempre furono espressione della pi corretta ortodossia. Basterebbe ricordare un certo

abuso delle indulgenze al tempo della costruzione della basilica di S. Pietro. Le varie chiese locali
produssero anche una serie di Messali con formulari liturgici di basso livello.
La riforma protestante.
In mezzo a tale debolezza l'organismo ecclesiale fu scosso dalla Riforma protestante (Martin
Lutero: 1483-1546; Zwingli, Calvino).
Dal punto di vista liturgico la riforma protestante fu caratterizzata da questi elementi:

positivi: la Bibbia venne tradotta nella lingua del popolo; si riprese la tradizione del
catechismo; si introdusse il canto popolare (l'uso del corale); si declericalizz la liturgia
a favore della partecipazione di tutti i fedeli; si ripristin la comunione al calice (Huss).

negativi: il caso di dire che insieme all'acqua sporca si gett via anche il bambino! La
prassi sacramentale fu ridotta al solo Battesimo e alla Santa Cena. Alla Messa fu tolto il
valore sacrificale, riducendola ad una cena commemorativa; la liturgia si riduce alla sola
liturgia della Parola; nella santa Cena, celebrata solo poche volte nell'anno, scompare la
Prece eucaristica e la consacrazione ( messa in dubbio la presenza reale eucaristica). Il
sacerdozio ministeriale abolito a favore del solo sacerdozio battesimale dei fedeli. E'
abolita la devozione mariana e dei Santi; sono abolite le indulgenze, il culto eucaristico.
Dalle chiese scompaiono le statue dei Santi, il tebernacolo, le reliquie.

La reazione cattolica prese il nome di controriforma e si concretizz anzitutto nel fiorire di


una schiera impressionante di Santi: S. Teresa d'Avila (1515-1582) e S. Giovanni della Croce
(1542-1519), riformatori dell'Ordine Carmelitano; S. Ignazio di Loyola (1491-1556) fonda i Gesuiti
(1534); S. Filippo Neri (1515-1595) fonda l'Oratorio e d impulso alla musica sacra; S. Francesco di
Sales; S. Carlo Borromeo (1538-1584) e la liturgia ambrosiana. Sempre in questo periodo sorgono
numerosi Istituti religiosi, maschili e femminili, dediti soprattutto alla carit: Teatini (1524),
Cappuccini (1525), Barnabiti (1530), Orsoline (1535), Somaschi (1530), Fatebenefratelli (1540),
Camilliani (1584), Scolopi (1597), Suore visitandine (1610), Lazaristi (1625), Figlie della carit
(1633).
Dottrinalmente la controriforma cattolica si espresso soprattutto nella Riforma tridentina.
La riforma tridentina.
Il Concilio incoraggi la formazione e l'azione di ordini nuovi che, con il loro impulso al
rinnovamento dell'educazione, della catechesi e dell'opera missionaria, conferirono nuovo vigore
alla trasmissione della dottrina cristiana e all'apostolato. Nel 1542 Paolo III, per difendere
l'ortodossia e la coesione dottrinale, oltre che per arginare le tendenze eretiche che potevano sorgere
all'interno della struttura ecclesiastica, convoc il Concilio di Trento (1545-1563). Fu ribadita la
posizione della Chiesa in materia di dogma e di dottrina e furono chiarite le questioni relative alla
gerarchia e alla disciplina ecclesiastica sollevate dai protestanti.
Qui interessa in particolare la riforma liturgica operata dal Tidentino. Se ne occuparono i
Pontefici successivi come Pio IV e Pio V. Sotto l'autorit di quest'ultimo fu pubblicato, dopo il
Catechismo romano (1566), il Breviario romano (1568), il Messale romano (1570), il Pontificale
romano (1596), il Cerimoniale dei Vescovi (1600), il Rituale romano (1614). Questi libri liturgici
furono resi obbligatori per tutta la Chiesa. Fu stroncata ogni forma di abuso e di cupidigia nel clero.
Furono soppresse molte forme di superstizione infiltratesi nella devozione popolare (spesso anche
liturgica). Il Calendario fu sfrondato dall'eccessiva presenza di feste di Santi, che soffocavano quasi
tutte le domeniche (ad esempio: fu tolta la festa di S. Gennaro e di S. Anna).
Fu istituita la Congregazione dei Riti (1588) per vigilare sulla fedele osservanza delle
norme. L'eccessiva preoccupazione di spazzare via ogni forma di abuso e di anarchia liturgica,
spinse il Tridentino ad un forzato fissismo liturgico per cui invalse la regola ne varietur: non si

cambi nulla! Si pass cos dall'eccessiva variet ad un rigido rubricismo tanto che l'esatta
applicazione di tutte le norme, anche le pi minuziose, divenne sinonimo di validit e di devozione.
Per reazione antiprotestantica, Alessandro VII (1661) proib, sotto pena di scomunica, la
traduzione del Messale in lingua volgare. Non fu ripristinata n l'omelia, n la preghiera dei fedeli.
Il sacerdote celebra da solo, assistito dai ministri, ma senza una effettiva partecipazione dei fedeli
(si ratifica la Messa privata). La musica e il canto, prevalentemente polifonico, accompagnano e
quasi coprono tutta la celebrazione. L'arte barocca del XVI secolo far della chiesa un salotto pieno
di stucchi dove si va pi per ascoltare la musica che per ascoltare la Messa.
L'opera paziente di studiosi come Tommasi (1713), Mabillon (1707), Muratori (1750), e il
loro immergersi con rispetto e amore nelle fonti liturgiche antiche per riportarle alla luce, rese
possibile gi nel XVIII secolo la conoscenza e l'acquisizione dei pi grandi tesori della Tradizione
liturgica cristiana.
Non mancarono alcuni tentativi di riforma liturgica, come nel sinodo di Pistoia (1786): si
parl di traduzione della Bibbia e del Messale, della riforma del canto liturgico, dell'ammissione dei
fedeli al calice, della partecipazione attiva Tutto fu messo a tacere a motivo delle contaminazioni
politiche (giansenismo e libert gallicane) di cui fu accusato.
Verso la fine del 1800 alcuni monasteri benedettini diventano luoghi di incubazione del
movimento liturgico: Solesmes in Francia, Maredsous e Mont Csar in Belgio; Maria Laach in
Germania, Finalpia in Italia. Qui si coltiva la ricerca scientifica e la pubblicazione delle fonti
liturgiche. Alcuni nomi di rilievo: l'abate Prospero Gueranger (Solesmes: 1805-1875), Lambert
Beauduin (Mont Csar: 1873-1960), Odo Casel (Maria Laach: 1886-1948), il Card. Shuster
(Milano), K. Mohlberg (Maria Laach), Romano Guardini, Pio Parsch.
Occorre attendere il movimento biblico, patristico, catechistico, liturgico, che si svilupp tra
le due grandi guerre, per porre le basi di una vera e propria riforma liturgica che sfocer pi tardi
nel Vaticano II.
Il recente movimento liturgico.
Questo movimento trov ampio appoggio nel papa Pio X (1903-1914) che cos ebbe a
scrivere: La partecipazione attiva ai Sacrosanti Misteri della Chiesa la prima e indispensabile
fonte del vero spirito cristiano. Parole profetiche, seguite da decisioni storiche: la Comunione
frequente, l'anticipata ammissione dei bambini alla Comunione, l'uso della lingua slava nella
Liturgia, la riforma del Breviario e del Calendario (1911). Gi Leone XIII nel 1898 aveva tolto la
proibizione delle traduzioni del Messale in lingua volgare.
Pio XI nel 1928 incoraggi il canto gregoriano del popolo durante la Messa in modo che i
fedeli assistessero non come estranei o muti spettatori. Pio XII nel 1947 pubblic l'enciclica
Mediator Dei e approv i Rituali in lingua volgare per la Francia, India, Germania. Nel 1951
promulg la riforma della Veglia pasquale e nel 1956 la riforma della Settimana Santa. Nel 1953
furono mitigate le norme sul digiuno eucaristico e fu istituita la Messa vespertina. Nel 1956 permise
alle diocesi di Francia di proclamare le letture della Messa in lingua volgare (dopo essere state lette
in latino). Da non dimenticare il Congresso di Liturgia pastorale di Assisi del 1956 in occasione del
quale Pio XII defin il movimento liturgico come un passaggio dello Spirito Santo nella sua
Chiesa.
Nel 1959 Giovanni XXIII dava l'annuncio del Vaticano II. Nel 1962, il primo documento
preso in esame dal Concilio, fu proprio la riforma della divina Liturgia. Il 4 dicembre del 1963
veniva pubblicata la Costituzione Sacrosanctum Concilium sulla liturgia. Giungeva cos in porto
una riforma tanto sofferta quanto desiderata. Le tappe e i contenuti di questa riforma meritano un
discorso a parte (continua).
Paolo Giglioni

LA LITURGIA NEL VATICANO II


Quando Giovanni XXIII, il 25 gennaio 1959, diede lannuncio della
convocazione di un Concilio ecumenico, il movimento liturgico poteva avvalersi di
una esperienza di ampiezza mondiale con almeno 50 anni di storia alle spalle. Esso
sapeva quel che voleva. Alla sua base stava una ben equilibrata teologia biblica,
patristica ed anche sistematica.
Questo movimento liturgico si riallacciava alle migliori tradizioni del passato
e nel fare questo si tenne lontano da almeno due grossi rischi:

un malsano archeologismo, per il quale la cosa pi antica sempre la


migliore;

un falso tradizionalismo, per il quale il patrimonio trasmesso non pu


essere toccato.

Fu invece aperto alle istanze del nostro tempo, convinto che anche il tempo
moderno capace di apportare un proprio contributo apprezzabile alla vita cristiana
contemporanea.
Papa Giovanni XXIII si fece interprete di questi sentimenti quando, nella sua
Enciclica Ad Petri cathedram, delineava gli scopi del Concilio: Lo scopo principale
del Concilio quello di promuovere lo sviluppo della fede cattolica, di rinnovare la
vita cristiana dei fedeli e di adattare al nostro tempo la disciplina ecclesiastica.
Il periodo preparatorio.
La Costituzione conciliare sulla Sacra Liturgia, Sacrosanctum Concilium,
come del resto tutti gli altri documenti conciliari, ha la sua origine remota nelle
numerose proposte di quanti (Vescovi, superiori generali, Facolt teologiche) erano
stati consultati nella fase preparatoria conciliare. Furono raccolti 16 volumi di
proposte per un totale di 10045 pagine.
Le proposte in materia liturgica furono molto numerose e per lo pi di
carattere assai radicale.
Tali proposte, ridotte a propositiones schematiche, furono la base di lavoro
per formare i singoli schemi. Per lo schema liturgico alcune proposte si trovavano nel
settore riservato ai sacramenti; ma i sacramenti in prevalenza, se non in modo
esclusivo, erano ancora considerati sotto l'aspetto dogmatico e giuridico. Si ebbero
per esempio 15 propositiones sulla concelebrazione, 5 sulla comunione sotto le due
specie; alcune, riguardavano il titolo pi esatto da dare al sacramento detto ancora
impropriamente estrema unzione (cambiato poi in unzione dei malati); 22
propositiones riguardavano il rito del matrimonio, del quale finalmente si auspicava
una liturgia rinnovata, arricchita, veramente teologica, spirituale e sacramentale, ed
un vincolo pi intimo con la celebrazione della Messa. Inoltre, per ciascun
sacramento si proponeva l'uso della lingua viva.
In senso tecnico, alla Sacra Liturgia era riservato pi specificamente l'intero
settore De cultu divino (con 214 pagine e 1461 proposte, sia da parte di singoli, sia
da parte di gruppi, per decine, centinaia di richiedenti). Il materiale complessivo
era distribuito in 13 settori: 1) De Codice liturgico (13 proposizioni); 2) De
sacrosancto Missae sacrificio (229 proposizioni); 3) De officio divino (318); 4) De

La liturgia nel Vaticano II

cultu eucharistico (29); 5) De cultu sanctorum (55); 6) De sacris ritibus (162); 7) De


libris liturgicis (84); 8) De lingua liturgica (276); 9) De kalendario liturgico (103);
10) De arte sacra (23); 11) De cantu sacro (15); 12) De vestibus liturgicis (37); 13)
De pietate fidelium (48).
La Commissione preparatoria (sotto la presidenza del Card. G. Cicognani,
segretario A. Bugnini) dapprima elabor uno schema di Costituzione, con un
Proemio ed 8 Capitoli, con 106 paragrafi, corredati da note esaurienti e da
Declarationes (queste ultime provvisorie, in quanto servivano solo alla retta
comprensione dei canoni e non avrebbero fatto parte del testo conciliare vero e
proprio). Il materiale era contenuto in 5 fascicoli, per 134 pp.; la Commissione vi
aveva lavorato articolandosi in sottocommissioni (alcune delle quali avevano operato
anche all'estero). Nell'adunanza plenaria dell'11-13 gennaio 1962 a Roma, i diversi
capitoli furono approvati all'unanimit.
Nella 5a sessione della Commissione Centrale Preparatoria (26 marzo-30
aprile 1962) essi furono presentati dal card. A. Larraona (subentrato nella presidenza
al Card. Cicognani, morto nel febbraio 1962). Introdotti gli emendamenti suggeriti ed
eliminate le Declarationes, il testo in sostanza risultava sostanzialmente identico
nella materia e nella distribuzione. Il 13 luglio Giovanni XXIII ne approv l'invio ai
Padri conciliari.
Il dibattito conciliare.
Lo schema sulla Sacra Liturgia apr il dibattito conciliare; la trattazione dur
dal 22 ottobre al 13 novembre 1962 (per 15 Congregazioni generali; con 325
interventi in aula da parte di 250 Padri; con 360 interventi per iscritto). Con 2162
voti favorevoli, 46 contrari e 7 voti nulli, il 14 novembre 1962, il Concilio ne
approv i criteri direttivi intesi, con prudenza e con comprensione, a rendere le
varie parti della Liturgia stessa pi vitali e formative per i fedeli, in conformit con le
odierne esigenze pastorali .
La Commissione liturgica, articolata in 13 sottocommissioni, elaborati un
proprio metodo ed un proprio piano di lavoro - ed in questo non poteva usufruire di
nessuna esperienza precedente - esamin subito gli emendamenti dei Padri. Il 7
dicembre present in aula il Proemio ed il Cap. I, in fascicoli, per complessive 64
pp., col testo discusso a fronte di quello emendato, e con le relazioni per ogni
sezione. Il testo consisteva allora di 46 paragrafi (contro i precedenti 36), poich
venivano numerati anche il Proemio e le singole sezioni del Cap. I. La votazione
globale fu: votanti 2.188; favorevoli 1922; contrari 11; 180 placet iuxta modum; nulli
5.
Tra il I ed il II periodo conciliare furono emendati gli altri capitoli, ed il VI e
VII furono fusi in quanto la loro materia era affine. Il 29 settembre 1963, alla
riapertura del Concilio, i Padri ebbero altri 6 fascicoli, per 156 pagine, con le
emendationes relative ai Capp. II-VII.
Le votazioni sugli emendamenti si ebbero tra l'8 ed il 31 ottobre 1963,
durante 18 congregazioni generali. Le votazioni furono 58; inoltre si ebbero 5
votazioni complessive sui diversi capitoli considerati singolarmente nel loro insieme.
Una votazione approv poi globalmente gli emendamenti al Cap. VII e quindi il
medesimo Capitolo nel suo complesso. In tutto, le votazioni furono 64.

La liturgia nel Vaticano II

Per i Capp. II e III non avevano raggiunto il quorum dei due terzi, poich su
due o tre punti i Padri avevano opposto forte resistenza. La Commissione conciliare
li emend e li ripresent pi tardi insieme all'expensio modorum (cio: il giudizio dei
Padri sul modo con cui la Commissione aveva vagliato ed eventualmente accettato o
respinto gli emendamenti). Tra il 18 ed il 22 nov. 1963 (congregazione generale 69a73a) furono distribuiti i fascicoli, per complessive 158 pagine, con le proposte dei
Padri e le risposte motivate della Commissione, e quindi con la stesura definitiva dei
singoli Capitoli. Allora vennero votati singolarmente i 6 punti emendati dei Capp. II
e III, quindi la expensio modorum dei singoli Capitoli; si ebbero poi le due votazioni
globali sui Capp. II e III.
Il 22 novembre 1963 (nel 60o aniversario del famoso motu proprio di Pio X
sulla musica sacra), i Padri votarono il testo definitivo del primo schema del
Vaticano II, quello liturgico: votanti 2178; favorevoli 2159; contrari 19; 1 nullo
(quest'unico voto nullo si ripet molteplici volte). In totale i Padri conciliari votarono
sullo schema della Costituzione liturgica ben 114 volte.
Il 4 dicembre il testo definitivo distribuito ai Padri fu votato alla presenza di
Paolo VI: votanti 2151; favorevoli 2147; contrari 4. Il Papa promulg la
Costituzione sulla Sacra Liturgia che, come tutti i documenti, conosciuta e citata
dalle parole iniziali: Sacrosanctum Concilium: essa uno dei documenti pi
importanti e decisivi del Vaticano II; 1
Nel discorso di chiusura di questa seconda sessione, Paolo VI ebbe a dire:
Non stata senza frutto lardua e intricata discussione, su uno dei temi, il primo
esaminato ed il primo, in un certo senso, nelleccellenza intrinseca e
nellimportanza per la vita della Chiesa, quello sulla sacra Liturgia, stato
felicemente concluso ed oggi da Noi solennemente promulgato. Esulta lanimo
Nostro per questo risultato. Noi vi ravvisiamo lossequio alla scala dei valori e dei
doveri: Dio al primo posto; la preghiera prima nostra obbligazione; la liturgia
prima fonte della vita divina a noi comunicata, prima scuola della nostra vita
spirituale, primo dono che noi possiamo fare al popolo cristiano, con noi credente
e orante, e primo invito al mondo, perch sciolga in preghiera beata e verace la
muta sua lingua e senta lineffabile potenza rigeneratrice del cantare con noi le
lodi divine e le speranze umane, per Cristo Signore e nello Spirito Santo. [].
Se qualche semplificazione noi ora portiamo alle espressioni del nostro
culto e se cerchiamo di renderlo pi comprensibile dal popolo fedele e pi consono
al suo presente linguaggio, non vogliamo certamente diminuire limportanza della
preghiera, n posporla ad altre cure del ministero sacro o dellattivit pastorale,
n impoverirla della sua forza espressiva e del suo fascino artistico; bens
vogliamo renderla pi pura, pi genuina, pi vicina alle sue fonti di verit e di
grazia, pi idonea a farsi spirituale patrimonio del popolo (in EV 1/212*; 214*).
Fu un avvenimento di importanza storica, non solo per la storia della liturgia,
ma anche per la vita dell'intera Chiesa, esattamente 400 anni dopo la seduta
conclusiva del concilio di Trento. In essa vengono fatte importanti affermazioni
sull'essenza e l'importanza della liturgia e vengono dati gli orientamenti per una
riforma fondamentale. E ci avviene non per qualche intendimento marginale, ma
1

E una della 4 Costituzioni promulgate dal Vaticano II. Due di queste Costituzioni sono
dogmatiche (Lumen Gentium sulla Chiesa; Dei Verbum su la divina rivelazione); una pastorale
(Gaudiujm et spes); una liturgica (Sacrosanctum Concilium). Vengono poi 9 Decreti e 3
Dichiarazioni.

La liturgia nel Vaticano II

nell'ambito dell'obiettivo complessivo che il concilio si era prefisso: di far crescere


ogni giorno pi la vita cristiana tra i fedeli; di meglio adattare alle esigenze del
nostro tempo quelle istituzioni che sono soggette a mutamenti; di favorire ci che
pu contribuire all'unione di tutti i credenti in Cristo; di rinvigorire ci che giova a
chiamare tutti nel seno della Chiesa (SC 1). Con questo documento il concilio volle
non solo rinnovare la liturgia ma, attraverso di essa, gli uomini.
Contenuti della Costituzione liturgica.
Le ampie e varie dichiarazioni del concilio possono qui essere riassunte solo
nei loro aspetti pi importanti. Degli obiettivi generali fanno parte:

Nuovo apprezzamento della liturgia, poich nessun 'altra azione della


Chiesa, allo stesso titolo e allo stesso grado, ne uguaglia l'efficacia (SC
7).

La promozione della partecipazione attiva da parte dei fedeli (SC


14.19.21.27.30.41).

Rivalutazione della scienza liturgica e della formazione liturgica (SC 1519).

Rinnovamento generale della liturgia nelle sue parti suscettibili di


cambiamento (SC 21-24) in quanto lo richieda una vera e accertata
utilit della Chiesa (SC 23).

Particolare importanza viene data alla stima e all'aumento di numero delle


letture bibliche nelle celebrazioni liturgiche lettura biblica... pi
abbondante, pi varia, meglio scelta (SC 35), al carattere comunitario
delle celebrazioni liturgiche (SC 27), alla semplificazione e maggiore
trasparenza (SC 34), all'adattamento alle tradizioni e all'indole dei popoli,
inclusa una certa decentralizzazione (SC 37-40) e alla maggior
considerazione della lingua parlata (SC 36.63).

Questi aspetti generali trovano applicazione nei 7 capitoli in cui divisa la


Costituzione liturgica: Proemio (SC 1-4); Principi generali per la riforma e
lincremento della sacra liturgia (SC 5-46); Il mistero eucaristico (SC 47-58); Gli
altri sacramenti e i sacramentali (SC 59-81); Lufficio divino (SC 83-101); Lanno
liturgico (SC 102-111); La musica sacra (SC 112-121); Larte sacra e la sacra
suppellettile (SC 122-130).
In Appendice riportata una Dichiarazione del Concilio Vaticano II circa la
riforma del calendario: il Concilio non ha nulla in contrario alla fissazione della festa
di pasqua in una determinata domenica e alla introduzione di un calendario perpetuo.
Lapplicazione delle norme liturgiche.
Di importanza decisiva per l'attuazione delle decisioni conciliari fu
l'istituzione del Consilium ad exequendam constitutionem de sacra liturgia
(Consiglio per l'attuazione della Costituzione sulla sacra Liturgia) con un Motu
proprio di Paolo VI del 25 gennaio 1964.
Ai pi importanti atti di questo gruppo e di quelli che gli succedono
appartengono le seguenti sei istruzioni: tre istruzioni sulla ordinata applicazione della
Sacrosanctum concilium (Inter oecumenici, 1964; Tres abhinc annos 1967;

La liturgia nel Vaticano II

Liturgicae instaurationes 1970); l'istruzione Musicam sacram (1967); listruzione


Eucharisticum mysterium (1967); listruzione Comme le prvoit sulla traduzione dei
testi liturgici per le celebrazioni col popolo (1969).
Il Consilium si occup (fino al suo scioglimento avvenuto nel 1970) ad
avviare anche della riforma dei riti e dei libri liturgici, pubblicati con rapida
successione, secondo la editio typica latina (edizione in lingua italiana tra parentesi):
Celebrazione eucaristica: Missale Romanum, 1970, 1975 (Messale Romano,
1973, 1983). Lectionarium Missae, 1969, 1981 (Lezionario, 1972-1973 in 6 volumi;
Fascicolo supplementare, 1982).
Kyriale simplex, 1965; Graduale simplex, 1967, 1975; Ordo cantus missae,
1972.
Liturgia delle ore: Liturgia horarum, 4 voll.: 1971s., 1985 s.; (Liturgia delle
ore, 4 voll., 1974-75).
Pontificale (fascicoli singoli): Liber de ordinatione diaconi, presbyteri et
episcopi, 1968; (edizione italiana con lo stesso titolo, 1979).
Ordo benedictionis abbatis et abbatissae, 1970 (Istituzione dei ministeri.
Consacrazione delle vergini. Benedizione abbaziale, 1980). Ordo consecrationis
virginum, 1970.
Ordo confirmationis, 1971 (Rito della Confermazione, 1972). Ordo
benedicendi oleum catechumenorum et infirmorum et conficiendi chrisma, 1971
(edizione italiana 1980, v. Dedicazione della Chiesa). Liber de institutione lectorum
et acolythorum; de admissione inter candidatos ad Diaconatum et presbyteratum; de
sacro caelibatu amplectendo, 1972 (ed. italiana 1980 con laggiunta della:
Consacrazione delle vergini: Benedizione abbaziale: Istituzione dei ministeri
straordinari della comunione).
Ordo dedicationis ecclesiae et altaris, 1977 (Benedizione degli oli e
Dedicazione della Chiesa e dell'altare, 1980).
Caeremoniale episcoporum, 1984.
Rituale (fascicoli singoli): Ordo baptismi parvulorum, 1969, 1973 (Rito del
Battesimo dei bambini, 1970).
Ordo celebrandi matrimonium, 1969 (Sacramento del Matrimonio, 1975).
Ordo exsequiarum, 1969 (Rito delle esequie, 1974).
Ordo professionis religiosae, 1970 (Rito della Professione religiosa, 1975).
Ordo initiationis christianae adultorum, 1972, 1974 (Rito dell'iniziazione
cristiana degli adulti, 1978).
Ordo unctionis infirmorum eorumque pastoralis curae, 1972 (Sacramento dell
'Unzione e cura pastorale degli infermi, 1974).
De s. communione et de cultu mysterii eucharistici extra missam, 1973 (Rito
della Comunione fuori della Messa e culto eucaristico, 1979).
Ordo Paenitentiae, 1974 (Rito della Penitenza, 1974).
De benedictionibus, 1984 (Benedizionale 1992).

La liturgia nel Vaticano II

Senza corrispondenza con una edizione tipica latina: la Messa dei fanciulli,
1976; Lezionario per la Messa dei fanciulli, 1976; Riti di benedizione e Litanie dei
santi, 1981.
Calendarium Romanum, 1969.
Alla ricerca della migliore organizzazione possibile per l'ampia mole di
lavoro dei compiti liturgici ancora da assolvere, Paolo VI l'8 maggio 1969 divise la
Congregazione dei riti in una Congregazione per il culto divino e una Congregazione
per le cause dei santi. Con ci cessa il lavoro del Consilium come organizzazione di
diritto proprio. Esso fu incorporato come commissione speciale alla Congregazione
per il culto divino; nel 1970 per esso fu sciolto e i suoi compiti trasferiti a
determinati gruppi di lavoro. L'11 luglio 1975 Paolo VI con la Costituzione
apostolica Constans nobis gaudium fuse la Congregazione per il culto con la
Congregazione per la disciplina dei sacramenti fondata nel 1908, in un unica
Congregazione con il titolo non del tutto felice di Congregazione per i sacramenti e
il culto divino. Il 5 aprile 1984 Giovanni Paolo Il ha nuovamente sciolto questa
unione e ha ridato alle due Congregazioni la loro autonomia.
Anche se la revisione della maggior parte dei libri liturgici conclusa, rimane
tuttavia come compito permanente la realizzazione-applicazione delle linee e dei
valori di fondo della Liturgia nella vita dei fedeli e delle comunit.
A ogni generazione assegnato sempre di nuovo il compito di educare i
fedeli a una partecipazione intelligente, attiva, piena, fruttuosa, alla liturgia.
Paolo Giglioni
[giugno 1999]