Sei sulla pagina 1di 67

RICCARDO VIGAN

Genesi, storia e archeologia di un feudo


neretino in Terra dOtranto
EBOOK
GRATUITI
PICCOLA GUIDA ALLA
STORIA DI TABELLE
Culturasalentina.it
Prefazione di Vincenzo DAurelio
2

3

Prefazione


Tabelle fu un antico feudo ricadente in territorio di Nard (Le).
Come spesso accade e nonostante il ruolo storico avuto nei secoli
passati, molti luoghi spariscono dalla memoria comune diventando
parte dei ricordi obliati. Questo ci che potrebbe accadere anche
per Tabelle ma il lavoro di Riccardo Vigan rappresenta uno dei
primi contributi importanti per riportare alla luce le vicende di un
feudo gi attivo dallXI secolo.
Lo studio si propone per essere una guida ma dagli spunti e dalle
riflessioni dellautore si ha la netta sensazione di leggere la prima
parte di un vero e proprio saggio microstorico. Difatti lo stesso
autore a sollecitare ulteriori indagini, specialmente dal punto di
vista archeologico, le quali potrebbero dare certezza alle tante
ipotesi che il Vigan formula nel corso dellesposizione. Genesi,
storia e archeologia di un feudo, pertanto, sono da considerarsi gli
spazi dindagine nei quali lautore si mosso non superando mai il
limite di ci che pu essere documentato. proprio questo rigore
scientifico utilizzato nella ricerca che permette di dare peso alle
presupposizioni formulate.
Chi comprende limportanza del nostro vivere quale propagazione di
ci che la storia ha promosso per lavvenire di una certa societ,
non solo sensibile alla ricostruzione del passato locale ma,
soprattutto, fortemente intenzionato a far rivivere, attraverso la
narrazione, quei luoghi dove il passato lo sfondo di una umanit
della quale noi conserviamo i retaggi. questa, credo, la filosofia
del fare ricerca microstorica ed la stessa che si sposa con
lirrefrenabile passione del Vigan ovvero quella di scrutare nei
meandri del tempo al fine di rimuovere la polvere dei secoli.
La microstoria non nuova a indagini che abbracciano un lungo
periodo pur evadendone le periodizzazioni fondamentali, com
evidente in tale guida, e limportanza di questo lavoro risiede
proprio nella volont di voler ricostruire minuziosamente la storia di
4

una piccola comunit che sfuggendo alla storia di vasta scala
comunque effetto di essa.
Molti elementi contenuti nel testo si rivelano indizi minimi, a volte
casi individuali, ma se interpolati con le conoscenze storiche che gi
si possiedono dei nostri luoghi, sar facile confermare lesistenza di
un fenomeno dal carattere generale che proviene dalla grande storia
e si realizza, secondo precisi schemi e modelli sociali, nel locale.
Lo studio del Vigan, dunque, apre la strada ad un ampio studio
microstorico che potr portare a conoscere molto meglio il territorio
di Tabelle e ci sar fattibile solo se il territorio sar investigato sia
dal punto di vista archeologico e statistico-quantitativo, sia da
quello storico-sociologico.
Lintersezione delle notizie assunte con quelle forniteci dalla storia
tradizionale potr allora dare leffettiva dimensione della portata
di quei fatti che tanto influirono sulla vita della comunit di Tabelle.






Vincenzo DAurelio
Societ di Storia Patria per la Puglia
sez. del Basso Salento N. G. De Donno



Maglie, 22 settembre 2014


5

RICCARDO VIGAN





PICCOLA GUIDA ALLA STORIA DI TABELLE
Genesi, storia e archeologia di un feudo neretino in Terra dOtranto










Galatone (LE), 2014
6















Referenze
Foto: Fernando Spirito, n. 6-7-8-18-26 Massimo Negro (per gentile concessione),
Riccardo Vigan, Carlo Rizzo n. 1.
Rilievi: Leonardo Beccarisi, Riccardo Vigan.
7




La storia nostra storia della nostra
anima; e storia dell'anima umana la
storia del mondo.
(Benedetto Croce, La storia come
pensiero e come azione, 1938)












8
















ABBREVIAZIONI:

ACVN: ARCHIVIO CURIA VESCOVILE NARD
ADO: ARCHIVIO DIOCESI DI OTRANTO
APG: ARCHIVIO PARROCCHIALE GALATONE
ASDN: ARCHIVIO STORICO DIOCESANO NARD
ASL: ARCHIVIO DI STATO LECCE
c: CARTA
cc: CARTE
f: FOGLIO
ff: FOGLI


9

1. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E FISICO


Il sito dove una volta sorgeva il casale medievale di Tabelle
1

geograficamente posto a tre chilometri a Nord Est dallodierno
abitato di Galatone, nella provincia di Lecce, e diviso per la sua
estensione dai territori comunali della stessa Galatone e il territorio
comunale della citt di Galatina.
Quello che rimane a noi solo una piccolissima parte dellantico
casale e coincide in parte con le masserie li Doganieri e Monacelle.
Loriginale estensione del feudo, allo stato delle nostre conoscenze
attuali, difficilmente calcolabile. I pochi dati ci indicano che
territorialmente confinava con i feudi di San Cosma, Secl e
Fulcignano fino ai limiti del territorio di Collemeto. Facevano parte
del territorio di Tabelle le contrade Padulaci, Tardii, Spina, Rutti,
Macarlama e le masserie Doganieri, Caserosse, Malevindi,
Monacelle, Latronica e Spina.
2

Il casale era diviso, in alcuni punti, da limiti territoriali ricadenti nel
feudo di Fulcignano, nel Limes Noncupato - conosciuto anche
come Limitone delle zuse -, nel feudo di Tabelluccio con il Paretone
e con la motta medievale - ora non pi esistente - e la Specchia di
Mosco
3
.
Larea archeologica topograficamente suddivisa sia nellattuale
territorio dei comuni di Galatina sia in quello di Galatone. Vi erano
presenti, inoltre, numerosi feudi e casali oggi non pi esistenti
4
.

1
Il feudo era conosciuto anche con altri nomi come Tauella, Tavelle,
Tanelle.
2
V. ZACCHINO, Galatone antica, medioevale, moderna. Congedo Ed.,
Galatina 1990, p. 59.
3
Archivio Storico Diocesano Nard, da ora ASDN, Acta 1578, f.129.
4
I casali tutti nellodierno territorio galatonese erano conosciuti con i
seguenti nomi: Fulcignano, Corillo, Morice, Renda, San Cosma con
limportante abazia di san Nicola di Pergoleto.
10

Traccia di essi rimane solo nella denominazione dei toponimi mentre
gli originali impianti strutturali si sono evoluti in edifici o masserie
5
.
Tra questi, escluso Nard, il solo centro di Galatone presente nella
forma evoluta di un centro urbano moderno.
In passato, come ancor oggi, il casale era attraversato dal canale
dellAsso ovvero da uno di quei corsi dacqua pi importanti del
Salento leccese
6
.
Geograficamente il bacino dellAsso occupa una superficie di 280
kmq e comprende i centri abitati di Collepasso, Aradeo, Neviano,
Secl, Galatone e Nard attraversando i territori comunali di
Cutrofiano, Galatina e Santa Barbara. A nord-est passa dal Villaggio
Resta e dalla Masseria dellAlto per correre, poi, lungo le serre
Campilatini, Fiusco e SantEleuterio.
7

Con una direzione in senso nord ovest - sud est, il ramo principale
drenato da una serie di canali, principalmente dal Colaturo e dal
Sirgole - da cui ha origine - i quali raccolgono le acque pluviali di
altri due fossi presenti: il Ruga ed il Fontana. Il canale dellAsso,
dopo aver attraversato il territorio di Nard, convogliato
artificialmente termina a Nord presso la voragine naturale presente il
contrada Parlatano dove le acque vengono disperse nelle falde.
Geograficamente il nostro canale, attraversando il casale di Tabelle,
costeggia la linea di demarcazione tra i comuni di Galatina e
Galatone.
La presenza di questo canale fu uno dei fattori principali che permise
del casale. Le acque trasportate dallAsso, che in alcuni punti si
impaludava, potevano assicurare la nascita di un ambiente capace al
paesaggio macchioso e boschivo, ricco di fauna e tipico del Salento,
alla nascita di un insediamento umano. Anche la toponomastica
indicativa di tale ambiente, sia paludoso con i toponimi come

5
V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., pp. 60 e segg.
6
Il Canale fu conosciuto attraverso le documentazioni darchivio del
XVIII secolo come Raschione o anche Reale.
7
G. LAGNA, Gestione dei bacini Idrici: il torrente Asso, sta in Atti del
convegno: difesa del suolo e gestione delle acque pubbliche nel Salento,
Galatone 25 maggio, 1996, p. 13.
11

Padulaci e Macarlama
8
, che carsici come il toponimo li rutti che
testimonia la presenza nel territorio di inghiottitoi naturali o vore.
La composizione del terreno argillosa e molto fertile, dovuta a
continue esondazioni stagionali, con roccia affiorante che ne
caratterizza il paesaggio. La natura calcarenitica di et pleistocenica
del sito influenzer la vita del feudo in periodo moderno con la
presenza di importanti attivit estrattive subito dopo la scomparsa del
casale.
Un altro fattore topograficamente importante la strategica posizione
dello stesso casale allincrocio di antichi ed importanti assi viari
pubblici
9
, sia medievali e sia moderni, con importanti direttive come
Nard, Galatina, Cutrofiano, Otranto e S. Maria di Leuca.




1. Galatone, Canale Asso



8
V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit. p. 59. Cfr. R. VIGAN, Contrada
Monacelle: La cripta De Giorgi, Il Giornale di Galatone n28 luglio-
agosto 2000.
9
CODICE GALATONESE 5, c.43: [] nel feo di Tabelle in loco de Via
Tabelle, iuxta le terre di Cola di Tabelle per tramontana, e dui vie publice
per girocco e tramontana [].
12







2. Tabelle nel Salento

13


3. Veduta aerea del sito del canale Asso e del sito di Tabelle. In rosso la viabilit medievale

2. GENESI E MORTE DI UN CASALE MEDIOEVALE


Nel caso di Tabelle si riscontrano tutte le peculiarit che distinguono
un casale medievale. Questi era un insediamento stabile, dotato di
tutti quegli strumenti assolutamente necessari per la conservazione e
la trasformazione dei prodotti agricoli, con uneconomia
fondamentalmente chiusa in un periodo dove ogni contatto era
limitato solo alle comunit strettamente circonvicine. Fatti salvi i
diritti dei feudatari, il prodotto fondamentalmente serviva alla
sussistenza interna degli abitanti dello stesso casale. In linea di
massima il casale medievale aveva un territorio di sua pertinenza ben
delimitato, con la presenza di uno o pi luoghi di culto, pi luoghi
per la sepoltura della popolazione, granai, recinti, stalle per gli
animali, pozzi e cisterne per immagazzinare stagionalmente le
riserve idriche. Questa sommaria descrizione di una casale medievale
rispecchia in pieno quello che era limpianto del casale di Tabelle.
14

La prima e pi antica testimonianza scritta del casale medievale
risale a un documento del 1092 quando il normanno Goffredo, conte
di Conversano e signore di Nard, donava allabate del monastero di
Santa Maria di Neritono, il benedettino Everardo, i casali di Tabelle,
Arneo e Lucugnano.
10
Altre attestazioni precedenti sono inesistenti
considerata anche la carenza di documenti darchivio relativi al
periodo Altomedievale.
Nel 1092 il nucleo insediativo doveva essersi gi formato. Non
sappiamo quanti e quali tipi di costruzioni vi fossero nel casale non
essendo stati ancora effettuati degli scavi archeologici. Un qualche
indizio su di esse, per, ci pu venire dalle numerose buche,
ipoteticamente da palo, di forma circolare e ricavate nel banco
roccioso. Esse farebbero pensare a delle strutture, probabilmente in
legno e laterizi o materiale deperibile come copertura, destinate ad
uso abitativo
11
.
Del tutto sconosciuta, invece, lorigine del casale. Come gi stato
affermato in passato
12
, i ritrovamenti di superficie e le tante cavit
naturali fanno attribuire linizio della frequentazione umana dellarea
adiacente al canale dellAsso ad un periodo compreso tra let del
bronzo e il periodo protostorico.

In pi casi chiese (e villaggi) medievali sembrano occupare lo stesso
luogo di insediamenti apparentemente databili allEt del
Bronzo. possibile che qualche fattore, come la presenza di
acqua sorgiva, la localizzazione di questi siti, forse anche
come luoghi di culto associati allacqua.
13


Si pu quasi certamente affermare unorigine bizantina che in prima
analisi verrebbe confermata dai nomi dei santi legati strettamente alla

10
ASDN, Doc. n. XXVI.
11
R. VIGAN, Il caso archeologico esemplare di Contrada Monacelle, Il
Giornale di Galatone, n24 novembre-dicembre 1999.
12
V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., pp. 59-60
13
P. ARTHUR, Verso un modellamento del paesaggio rurale dopo il Mille
nella Puglia meridionale, sta in Archeologia Medievale, XXXVII, 2010,
pp. 215-228.
15

stessa liturgia bizantina e ai quali erano titolati i nove luoghi di culto
appartenenti a tale feudo
14
. Ma tale attribuzione, soprattutto, viene
attestata dalla ceramica di quel periodo, precisamente VIII sec.,
ritrovata in loco
15
. La nascita del nostro casale, dunque, sarebbe
legata alla civilt greco-bizantina ascrivibile ad un periodo compreso
tra i secoli VII e IX secolo. Il casale, pertanto, un esempio specifico
della ristrutturazione agraria bizantina che segna il passaggio dalla
agricoltura latifondistica romano-tardoantica ad una cultura
autarchica strettamente legata ai vari nuclei familiari. Difatti:

[] la coincidenza, in alcuni casi, tra insediamenti rurali
esistenti in et bizantina e piccoli insediamenti rurali di et
tardo antica (principalmente fattorie?) potrebbe indicare
anche qualche forma di continuit fondiaria, ancora tutta da
esplorare. Per esempio, il villaggio medievale abbandonato di
Apigliano ( da notare il toponimo cosiddetto prediale), gi in
via di formazione durante il corso del VII secolo secondo le
datazioni ottenute al 14C, insiste su una piccola area di
frammenti fittili di et tardo romana che, per la sua ristretta
distribuzione, stata interpretata come i resti di una possibile
fattoria monofamiliare. Il villaggio di Quattro Macine,
anchesso esistente dallet bizantina (VII o VIII secolo),
giace a pochi metri di distanza da unaltra ristretta area di
frammenti fittili databile allet tardo antica. Ancora, il
villaggio bizantino in loc. SantElia (Corigliano dOtranto) si
sviluppato nelle vicinanze di un insediamento (villaggio?)
caratterizzato da ceramica databile principalmente tra IV e VI
secolo. Il villaggio bizantino stesso sembra essere stato
abbandonato entro il IX o gli inizi del X secolo []
16


14
In particolare S. Nicola di Myra, S. Eleuterio, S. Costantino, S. Demetrio,
S. Onofrio; ZACCHINO V., Galatone antica op. cit., p. 59.
15
v. G. RESTA, Il palazzo marchesale di Galatone: note storiche ed
architettoniche contestualizzate sino allanno 2002, Congedo Ed., Galatina
2003; R. VIGAN, Il caso archeologico art. cit.; R. VIGAN, La cripta De
Giorgi art. cit.; R. VIGAN, I materiali archeologici quotidiani di Contrada
Monacelle, Il Giornale di Galatone n30 novembre dicembre 2000.
16
P. ARTHUR, Verso un modellamento del paesaggio rurale art. cit., pp.
215-228.
16

Sicuramente il casale di Tabelle non era lunico ad essere interessato
da questo fenomeno perch, se si esclude il casale di Fulcignano
17
,
ve ne erano certamente altri. Daltronde vi furono molti altri casi del
genere nel Salento ed essi non dovettero essere solo villaggi ma:

[] altri esempi di siti con apparente continuit insediativa,
vale la pena notare anche alcuni centri monastici noti dalle
fonti documentarie di et basso medioevale, che presentano
abbondante ceramica di et bizantina e che giacciono sopra o
nelle vicinanze di sostanziali insediamenti di et tardo antica.
il caso almeno di San Nicola di Casole (Otranto), la cui
fondazione stata tradizionalmente assegnata allet
normanna, di San Nicola di Pergoleto (Galatone) e di San
Giovanni Malcantone (Otranto). Viene il sospetto che alcuni
di questi erano fondazioni monastiche tardo antiche, come nel
caso del monastero dei SS. Cosma e Damiano, identificato nel
sito di Le Centoporte a Giurdignano, e che forse
rappresentano la punta delliceberg di un paesaggio
monastico esistente ben prima del Mille. Nel contesto della
continuit insediativa, possiamo, infine, osservare come il
Salento detiene unalta presenza di toponimi prediali,
stimabili intorno al 36% degli attuali toponimi comunali.
18


La riorganizzazione territoriale port alla predilezione di siti con le
caratteristiche fisiche precedentemente descritte come, ad esempio,
la presenza di acqua, la fertilit del suolo, visibilit e, soprattutto,
furono prediletti quei siti dove era presente una buona viabilit che,
generalmente, era stata realizzata in periodi storici precedenti e
garantiva una buona possibilit di movimento.

[] verosimile che pure una parte della rete stradale
secondaria (le vie di campagna) stata in buona parte
tracciata durante il Medioevo per collegare i villaggi e per

17
Nellarea in cui sorgeva il casale di Fulcignano non sussistono, al
momento, dati archeologici che attestino delle preesistenze di periodo
romano o tardo antico.
18
P. ARTHUR, Verso un modellamento del paesaggio rurale art. cit., pp.
215-228.
17

fornire accesso ai campi e ad altre aree di risorse disponibili
nel territorio (sorgenti, boschi, cave, approdi, ecc), nonch per
articolare la rete commerciale e di mercato. Anche in questo
caso in questo caso, possiamo ipotizzare una certa misura di
continuit dallet romana, visto anche gli stretti rapporti
intercorrenti tra confini e viabilit. Come stato dimostrato,
alcune tracce della centuriazione impiantata nel II secolo a.C.
rimangono a tuttoggi visibili nel paesaggio. Le linee di
demarcazione fra le centurie dovevano essere spesso tracciate
da viottoli campestri di accesso agli appezzamenti agricoli. Le
tracce sopravvissute presumibilmente indicano una continuit
duso dei percorsi, mentre quelle non pi visibili
indicherebbero il loro abbandono.
19


In questo periodo cos scarno di fonti, non ci si pu esonerare
dallipotizzare che il casale di Tabelle non abbia condiviso il destino
del territorio neretino e dellintera regione ovvero il tempo delle
conquiste da parte degli arabi dalle quali pass illeso. Tra la seconda
met del IX secolo, difatti, con la fondazione dellemirato di Taranto
(840) fino alla seconda met dellXI secolo, il territorio soffr le
conseguenze delle guerre endemiche tra gli Arabi intenti a costituire
una stabile colonia continentale e i Bizantini protesi a difendere i
propri territori in modo efficace.
20


[] Secondo le cronache dello storico Ibn al-Athr, il
principe aglabita Abd Allah, fautore della guerra sacra e
figlio del pi feroce Ibrahim Ibn Ahamad, dopo limpresa
della distruzione delle mura di Messina e la conquista di
Taormina, il 20 Luglio del 901 d.C. si rec poi a Naritinu, e
se ne insignor alla fine di ragb. Ei di esempi di giustizia e
di buona condotta verso i sudditi. Non mancarono altre
incursioni: le cronache di Lupus Protospatarius narrano che
Nard fu presa dassalto nellanno 924 d.C. da una

19
P. ARTHUR, Verso un modellamento del paesaggio rurale art. cit., pp.
215-228.
20
G. D. DE PASCALIS, Nard il centro storico, Besa, Nard 1999, pp. 19-20.
18

spedizione tra le maggiori che uno stato musulmano lanciasse
nel nostro Mezzogiorno []
21


Durante tale periodo i Normanni approfittarono della situazione di
confusione politico-militare, scaturita dalle continue rivolte anti
bizantine in Puglia, per conquistare quei territori. La caduta nel 1056
di Otranto, ultima roccaforte, port allinevitabile insediamento al
potere dei conquistatori e con essi, di conseguenza, al mutamento
politico-strutturale ed alla trasformazione agraria del Salento
medievale. I Normanni, come nuovi e incontrastati padroni,
stabilirono istituzioni feudali del tutto inesistenti nellassetto
politico-sociale precedente le quali cambiarono radicalmente il
regime delle terre, i rapporti di produzione e le relazioni sociali. Nel
Salento, partendo dalla nascita delle contee di Lecce e Nard, vi fu
una ridistribuzione della propriet terriera, una diffusa ed estesa
feudalit laica e la nascita di grandi signorie ecclesiastiche.
Linvestitura di Nard a contea trasformava questo centro nella
principale entit territoriale locale divenendone il centro maggiore.
Dunque la contea, tra le altre
22
, esercitava la sua giurisdizione su
Tabelle e sul confinante casale di Fulcignano, e sottoposta al governo
di Goffredo, signore di Nard e conte di Conversano, il quale donava
Tabelle, come anticipato, al monastero di Santa Maria di Neritono.
Le fonti continuano a fare menzione del nostro casale durante il
periodo svevo. In un documento dellagosto 1223, fatto transuntare
nel 1695 dal vescovo neretino Orazio Fortunato, limperatore
Federico II di Svevia concedeva al medesimo monastero il casale di
Tabelle
23
.
Divenuta Tabelle signoria fondiaria della chiesa abbaziale di Nard,
questultima ne esercit sia la cura animarum sia la riscossione delle
prestazioni decimali ad essa dovute. Questa tassazione viene
confermata da alcuni documenti come il Registro delle
Obbedienze, compilato dellabate Federico, e da un successivo atto

21
G. D. DE PASCALIS, Nard op. cit., pp. 19-20.
22
La contea aveva un territorio di pertinenza che andava dallArno a
Lucugnano e da qui sino a Matino e Racale.
23
ASDN, Doc. n XXVII, Pergamena 143.
19

datato 1373 e intitolato le Rationes Decimarum
24
. Questultimo ci
informa che il protopapa della chiesa di Santa Lucia di Tabelle era
soggetto al pagamento di una ratio decimarum pari a due ducati
25
.
Dopo il XIV la signoria di Tabelle, sino allora appartenuta alla sola
della chiesa abbaziale di Nard, viene frammentata in diverse
propriet e ci a causa di diverse donazioni fatte a favore della
piccola nobilt terriera e laica. Ipoteticamente una delle cause di
questa frammentazione fu la seconda scomunica (1239) inviata a
Federico II dal pontefice Gregorio IX. Scomunica che port
sicuramente a pesanti ritorsioni da parte dellimperatore verso la
chiesa e, principalmente, verso i suoi possedimenti presenti nel
Regno dello Svevo. Proprio nellanno 1239, Tabelle infeudata da
Guido Sambiasi
26
e nel 1316 a Vinciguerra e a suo figlio Guido. La
signoria laica del territorio continu fino al XVI secolo con Giovanni
de Sancto Blasio
27
. Sar di questo periodo la costruzione di due
piccole fortificazioni ai due estremi e opposti confini del casale che
assolveranno, come si vedr in seguito, alla funzione di controllo sia
del territorio e sia della viabilit di Tabelle.
Oltre i documenti prima citati vi anche la Cedula Taxationis del
1276 una tassazione voluta in Terra dOtranto da Carlo I DAngi
per la circolazione della nuova moneta di denari che indica come
abitati i casali di Tabelle, di Fulcignano e di Galatone e San Cosma.
Lo scomparso cedolario angioino
28
racconta, inoltre, che nel

24
Registro delle Obbedienze dellabate Federico (1149-170): Summarium,
Roma, 1737, p. 23.
25
Rationes Decimarum, Italiae nei Sec XII e XIV: Apulia, Lucania,
Calabria, Domenico Vendola (a cura di), Citt del vaticano 1939, rist. 1970,
p.123.
26
v. A. FOSCARINI, Armerista e notiziario delle famiglie nobili, notabili e
feudatarie di Terra d'Otranto estinte e viventi, Lecce 1903, (rist. an.) Forni
Ed., Bologna 1987, I.
27
M.A. VISCEGLIA I materiali archeologici quotidiani di Contrada
Monacelle, Il Giornale di Galatone n30 novembre dicembre 2000, p.
263.
28
Documento perduto ma trascritto dal Coco. A. P. COCO, Cedularia
Terrae Idronti (1378) con note di geografia, demografia e paleontologia
20

territorio di Nard solo 20 casali, tra cui Tabelle
29
, risultano ancora
abitati nonostante fosse gi iniziato, secondo alcune ipotesi, uno
spopolamento dei centri agricoli a causa della trasformazione agraria
in atto nel feudo di Nard. Lo spopolamento, per, avvenne con
buona probabilit in epoca successiva a differenza di quanto
precedentemente scritto
30
. Difatti lipotesi cozza pesantemente con i
risultati di ricognizioni sistematiche avvenute negli ultimi anni sul
sito del casale. Tra le cause scatenanti labbandono si deve
considerare s considerare la crisi agraria del Duecento
31
ma anche
loppressione fiscale perpetuata dal regnante sulla popolazione. La
recessione, dovuta alle scelte politico-economiche della feudalit
legata alla monarchia Sveva, aveva orientato leconomia agricolo-
rurale verso la monocultura estensiva di cereali e verso lallevamento
perch richiedevano un pi basso uso di manodopera. La minor
richiesta di forza lavoro, pertanto, port la popolazione a cercare
impiego oltre il feudo e quindi si verific una sorta di migrazione
che, conseguentemente, svuot linsediamento. In aggiunta, la
fiscalit penalizzava sempre pi la popolazione rurale e ci portava i
contadini a cercare rifugio verso altri casali e verso le cosiddette
Terre chiuse limitrofe. Centri di tale genere, difatti, potevano
garantire un rifugio sicuro e, forse, una maggior stabilit economica.
Inoltre, si aggiungano le continue guerre e le scorrerie ad esse legate
che martoriarono nella prima met del XV, il regno di Giovanna II.
Negli atti che riguardano la Visite Pastorali svolte dai vescovi
neretini De Pennis e De Giustinis, rispettivamente negli anni 1452 e
1485, Tabelle assieme a numerosi casali non compare.

linguistica di terra d'Otranto nei secoli XIII e XIV, Lodeserto Ed., Taranto
1915, pp.16 - 28.
29
Otto casali in meno di quelli riportati nel documento del 1273.
30
Si ipotizzava un iniziale spopolamento del casale e la dispersione dei
contadini che inizi dalle repressioni operate nel 1156 da Guglielmo il Malo
contro le rivolte antinormanne. V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., p.
62.
31
v. C. D. POSO, Nard e il suo territorio nel basso medioevo, sta in
Annali del dipartimento delle scienze storiche e sociali (Universit di
Lecce), VI(1988-1989), Lecce 1990.
21


possibile che alcuni villaggi furono abbandonati per via
della nuova ondata di peste che colp il territorio nel 1481, ma
per questo non abbiamo molti dati. Altri, nelle vicinanze di
Otranto, potevano essere scomparsi per via delle scorrerie
turche in seguito alla presa della citt nel 1480 da parte delle
forze ottomane.
32





4. Galatone, Masseria Doganieri, veduta dell'antico sito del casale



32
P. ARTHUR, Verso un modellamento del paesaggio rurale art. cit., p. 226.
22

3. TABELLE: VIABILIT E LUOGHI DI CULTO


Nel Medioevo il centro dellabitato di Tabelle era attraversato da vie
ritenute importanti sia per i commerci verso i centri come Lecce,
Copertino, Nard, San Pietro in Galatina, Cutrofiano e Otranto sia
per il passaggio dei tanti fedeli che si recavano in pellegrinaggio
verso il principali luoghi di culto del Salento come, ad esempio,
Santa Maria di Leuca.

La nostra terra salentina era soggetta a questa rete di percorsi
obbligati, dal vicino oriente e dalla terra santa, dal Gargano e
a Roma e viceversa. Si spiega cos lesistenza di Ospedali,
Ospizi, Xenodochia. A Galatone, a dimostrazione dellantica
posizione nodale sui percorsi pellegrini e commerciali, ne
rimangono tracce di varie epoche, pi o meno conservate, a
Fulcignano, presso la chiesa di Odegitria, in via Ospedale, nei
dintorni del santuario del SS. Crocefisso, e nei vari conventi
maschile e femminili.
33


Il viaggiatore, in qualunque direzione si muovesse era, difatti,
obbligato ad attraversare linterno del casale di Tabelle. Lungo
questa interna via del casale, difesa dalla piccola fortificazione del
Doganieri, si costruirono cinque delle dieci chiese di Tabelle le quali
erano, con la chiesa archipresbiteriale di Santa Lucia, sub titolo di
Santa Maria, San Nicola di Myra, San Marco, Sant Eleuterio, San
Costantino, San Demetrio, Sant Onofrio, San Vito della latronica
34
,
San Pietro di Tabelle. La presenza di questi edifici religiosi fa
ipotizzare allesistenza di una vera e propria rete ospedaliera e infatti:

La creazione e lo sviluppo della rete ospedaliera medievale
derivavano da un concetto di assistenza assai diverso da
quello moderno: non un luogo di cura, ma un edificio dove

33
G. RESTA, Il palazzo marchesale di Galatone op. cit., p. 32.
34
T. VANNA, Il regno delle due Sicilie descritto e illustrato, Napoli 1854,
p. 44, alla voce Galatina; V. ZACCHINO Galatone antica op. cit., p. 61
nota 142.
23

veniva offerta ospitalit temporanea a poveri e pellegrini e
dove erano esercitate, alloccorrenza, rudimentali pratiche
mediche svolte nellambito della carit cristiana.
35


La presenza della chiesetta di San Nicola di Myra testimoniata da
quanto scritto nel Codice Galatonese 5, compilato tra il 1501e il
1526, in cui si legge: [...] lecclesia de santo Nicola di tabelle extra
moenia dictae terrae, diruta []
36
. Nella visita pastorale effettuata
dellarcivescovo di Otranto nel 1538, il quale su di essa vantava una
collatio che fu causa di uno scontro con il primate di Nard, ancora
descritta come diruta
37
.
Anche nello Inventario d Benefici eclesiastici del 1678, ovvero
centoquaranta anni dopo la visita pastorale, indicato che la
Ecclesia S. Nicola di Tabelle [] ad presens diruta
38
. Un
importante documento notarile rogato nel 1775 dal notaio neretino
Bona Nicola, non solo ci puntualizza che ledificio ancora esistente
ma, soprattutto, ci fa conoscere il sito dove la chiesa insisteva. Latto
ci indica che il famoso faenzaro neretino Domenico Perrone
possedeva orte due di terra [in] feudo Tavelle in loco detto Santo
Nicolicchio prope ecclesia iuxta massaria col nome di Santo
Nicolicchio
39
. La visita pastorale del 1538, aggiunge oltre
allesistenza della chiesa di San Nicola, anche la chiesetta di San
Pietro di Tabelle totaliter diruta e quella di Santa Maria che, al
contrario della precedente, in quegli anni era ancora in piedi e,

35
M. AURORA M. LAVORINI, Allostello del Pellegrino, in Medioevo,
1(2002).
36
Archivio Parrocchiale Galatone, da ora APG, Codice Galatonese 5, c. 53.
37
Archivio Diocesano Otranto, da ora ADO, Visitatio Hidruntynae Diocesis
facta anno 1538, f. 55v. Larcidiocesi idruntina vantava la collatio sulle
chiese di San Nicola e di Santa Maria. Larcidiocesi si spinse ad accusare di
usurpazione la chiesa di Nard; V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., p.
63.
38
APG, Inventario d Benefici eclesiastici 1678, c. 29.
39
ASL, sezione notarile Nard, Protocollo 66/27, notaio Bona Michele,
anno 1775, c, 160 r/v. Il toponimo sembra coincidere con la masseria
Monacelle. Lipotesi suffragata anche da testimonianze orali.
24

secondo lo storico locale Vittorio Zacchino, ancora tale sino met
dellOttocento
40
.
Attualmente la cripta denominata De Giorgi
41
, ricadente nel territorio
di Galatina, di diversa conformazione rispetto alle altre cripte
presenti nellarea salentina. Originariamente era un inghiottitoio
carsico molto simile alla cripta della Madonna della Grottella
presente in Nard. Laspetto della cripta galatinese fu sicuramente
modificato intorno ai secoli XI-XII per essere destinata ad un uso
cultuale. Di forma tronco-piramidale, lantica copertura a blocchi
piatti e bandati
42
stata negli anni Ottanta del secolo scorso
sostituita con copertura in cemento.
Vi si accede attraverso una rampa di gradini e si sviluppa per una
lunghezza massima di ventidue metri terminante con un cunicolo
naturale di circa novanta cm che prosegue fino al distacco della
volta. Le ridotte dimensioni dellambiente e delliconostasi fanno
pensare ad una cripta ad uso privato. Le maestranze che hanno
scavato loriginale cavit carsica per ricavarne un luogo di culto,
hanno sfruttato il pi possibile le caratteristiche naturali del banco
roccioso per la suddivisione dello spazio sacro.
Liconostasi presenta palinsesti o affreschi sovrapposti, di cui il pi
recente parrebbe ascrivibile al tardo XV secolo, mentre il pi antico
mostra caratteri bizantineggianti e in particolarmente nelle corone dei
santi e nei tratti dei panneggi. Linterrompersi delliconostasi con
taglio e stacco netto allingresso su parte delle strutture murarie della
cripta fa ipotizzare un edificio di culto costruito sub Divo perch al di
sopra della cripta e, contestualmente, dirimpetto a unimportante
strada del casale stesso. Successivamente allabbandono dellabitato
medioevale e alla trasformazione in cave di una buona parte di esso,
la rimanente cripta divenne riparo per pastori e cava monti sino alla
definitiva occlusione effettuata con gli scarti delle stesse cave.

40
V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., p 61.
41
R. VIGAN, La cripta De Giorgi art. cit.
42
AA.VV., Unindagine conoscitiva sulla campagna di Galatone, sta in
Antiqua, VIII, 28(1983), pp. 29-32.
25

La disostruzione avvenne attorno agli anni 1940-43 quando gli
attuali proprietari la utilizzarono come rifugio antiaereo
43
.
Le funzioni religiose di questi edifici dovettero sicuramente essere
raccolte nella rimanente chiesa archipresbiteriale di Santa Lucia di
Tabelle. Attualmente sconsacrato, questo edificio religioso lunico
ad essere sopravvissuto in alzato. Esso il risultato di continue
modifiche e di ristrutturazioni operate tra il XVI e XVII secolo. Si
presenta come una costruzione di piccole dimensioni con volumi
semplici e volta a botte e pertanto molto diversa dalla struttura
quadrata originaria con una tettoia lignea a doppio spiovente.
Dellantica chiesa, tuttavia, rimangono conservate solo due facciate
ossia quella laterale sinistra e quella posteriore. La prima mostra una
piccola porta architravata, ora tamponata, sormontata da un archetto
cieco a tutto sesto e nella cui lunetta sono presenti tracce di affresco:
un aura perlata e un piatto con gli occhi della santa titolare. Il tutto
dipinto secondo il gusto bizantineggiante. Straordinariamente di
questa porta si trovano confronti con la cappella della masseria del
Crocefisso a Lecce
44
ed con la pi vicina chiesa galatonese della
Madonna dellOdegitria.
Il secondo lato in corrispondenza di unabside interna non
sporgente con una monofora interna non strombata ma, attualmente,
decentrata anche se doveva un tempo costituire, insieme allaltare ed
alla porta frontale, lasse simmetrico del precedente edificio sacro.
In seguito la struttura ha subito, grazie alle numerose e pesanti
ristrutturazioni, un accorciamento del corpo di fabbrica che ha cos
trasformato loriginale pianta quadrata in quella rettangolare
attualmente visibile. Lungo il lato dellantica parete, ora mancante, si
notano, affioranti dal terreno, alcuni conci di fondazione. La facciata
destra stata, quindi, ricostruita ex novo, ravvicinata al lato parallelo
ed inspessita per ottenete una nuova volta la cui forma a botte ha reso
ceca la monofora laterale.

43
R. VIGAN, I materiali archeologici art. cit.
44
C. MARTINO, Nuovi confronti per la cappella extra urbana di masseria
del Crocefisso, sta in Quaderni del Museo della Ceramica di Cutrofiano,
Congedo Ed., Galatina, 12(2009), pp.96-106.
26

La chiesa curata sia nei dettagli e sia nella scelta del materiale
costruttivo nello specifico stata utilizzata calcarenite carparina
estratta da cave dellimmediate vicinanze ma presenta nelle
strutture posteriori una grande grossolanit nellesecuzione muraria.
Ci, probabilmente, fu dovuto alla necessit di fare una veloce
ricostruzione per restituire il luogo di culto alla numerosa
popolazione di pastori, contadini e cavamonti presenti nelle masserie
vicine.
Lessenzialit del prospetto frontale, risalente alla seconda fase
ricostruttiva, evidenzia fortemente un unico elemento decorativo
corrispondente allarchitrave dellingresso ricavata da un blocco
calcareo scolpito sulla superficie esterna.
Il rilievo, ormai corroso dal tempo, si sviluppa in senso orizzontale,
con un motivo a denti di sega e sotto al quale vi sono otto figure
scolpite. Cinque di questo sono di chiara simbologia vegetale mentre
le restanti altre suggeriscono stemmi e volti regali oltre ad una croce
greca
45
; il tutto sembrerebbe essere legato al potere temporale.
Guardando linsieme si pu notare il senso di estraneit
dellarchitrave e dellingresso, erroneamente ritenuto come accesso
originario, con la semplicit della restante facciata. Ci conferma
lipotesi del riutilizzo di questo pezzo proveniente da un altro
edificio pubblico oppure dal portale originale. Allinterno la chiesetta
mostra una struttura a vano unico, semplice ed essenziale, con
pavimentazione in coccio pesto. in gran parte distrutta da atti
vandalici che ne hanno sconvolto le eventuali stratigrafie interne.
Laltare di fattura barocca, anche questo in gran parte distrutto,
conserva sottostrati di scialbature di calce e tracce di affresco. Dietro
si trova una nicchia che appartiene alla fase pi antica delledificio,
anchesso coperto da una spesso strato di calce, e mostra tracce di
affresco nelle tonalit giallo e rosse raffiguranti tralci .
Una volta sconsacrata, la chiesa diviene abitazione stagionale e
deposito di tabacco, in tempi recenti un fienile e ci fino agli ultimi
anni ottanta quando, per interessamento dellArcheoclub locale, la

45
V. ZACCHINO Galatone antica op. cit., p. 61
27

struttura venne sottoposta ad alcuni interventi di restauro volti a
garantirne la staticit
46
.




5. Viabilit medievale Nard-Tabelle-Otranto ricavata sulla base del lavoro di A. Costantini


46
AA.VV., Unindagine conoscitiva art. cit., pp. 29-32.
28


6. Tabelle, tracciato dell'antica viabilit
29


7. Tabelle, cripta De Giorgi, particolare dell'apparato decorativo

8. Tabelle, cripta De Giorgi, particolare dellaffresco con cavallo
30


9. Tabelle, cripta De Giorgi, particolare dei resti raffgurante una iconostasi

10. Vista della chiesa di Santa Lucia di Tabelle

31


11. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, particolare facciata est



12. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, particolare dell'ingresso originario
32


13. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, particolare della lunetta

14. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, vista facciata nord
33


15. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, particolare della monofora


16. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, fregio
34




35



36


17. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, particolare del fregio con decori vegetali

18. Chiesa di Santa Lucia di Tabelle, particolare del fregio con decori antropomorfi
37


19. Interno chiesa di Santa Lucia di Tabelle


20. Ingresso principale chiesa di Santa Lucia di Tabelle
38


21. Pianta della cripta De Giorgi a Tabelle


4. TABELLE IN PERIODO POST MEDIEVALE E MODERNO


Come prima anticipato, nei documenti della visita pastorale del 1485
effettuata dal vescovo neretino De Justinis, Tabelle non
menzionato. Tuttavia, nonostante i limiti delle fonti documentarie, la
mancata attestazione pu agevolmente indicare che, come avvenuto
in molti casali del territorio neretino, Tabelle sub un concreto
processo di spopolamento.
Il casale pur disabitato, per, continua ad essere sottoposto
allesercizio della cura animarum da parte dellarchipresbiteriato
rurale. Certamente non si pu assolutamente parlare di un totale
abbandono perch se vengono lasciate le abitazioni non detto che
39

sono necessariamente abbandonate anche le terre che, quindi,
continuavano ad essere coltivate. Nel XVI secolo si determin la
riattivazione dellarea sotto la fisionomia di impianto masseriale,
nuova espressione di una forma di utilizzazione del suolo e di ri-
organizzazione dellabitato a carattere permanente. Il feudo di
Tabelle, certamente, non dovette rimanere a lungo abbandonato se
nella met del XVI, essendo questi uno dei feudi pi cospicui di
Nard, attir lattenzione del vescovo Ambrogio Salvio il quale
promosse la riorganizzazione dellassetto agrario ed economico.

il Vescovo Ambrogio Salvio (1569-1577) estese la sua
accorta politica alla situazione agraria e patrimoniale di
tabelle, concedendo quelle terre in enfiteusi e concordando
con i contadini la rotazione delle colture e le decime dovute
alla mensa vescovile.
47


I successori del presule, seguendone lesempio, continuarono a
interessarsi di Tabelle in funzione prevalentemente patrimoniale
lasciandone memoria negli atti delle loro visite pastorali come, ad
esempio, quelli compilati dai monsignori Bovio nel 1578
48
, Chigi nel
1636
49
e Sanfelice nel 1719.
50

Nella documentazione riguardante la visita pastorale del 1637 svolta
dal vicario Granafei per conto di monsignor Fabio Chigi - il futuro
pontefice Alessandro VII - sono inseriti i Capitoli della Bagliva
che forniscono un quadro dettagliato della ruralit del periodo
51
.

47
V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., p.63: Contro le decisioni dei
baglivi incaricati della sorveglianza del feudo si poteva ricorrere in appello
alla corte Marchesale di Galatone. Alla fine del cinquecento, un contenzioso
tra luniversit di Galatone e il vescovo Fabio Fornari, in materia di decime
sulle olive, benne composto una transazione in virt della quale luniversit
si impegnava a versare la somma di venti ducati annui alla mensa
vescovile.
48
ASDN, Acta 1578, f. 129
49
ASDN, Acta 1637, ff. 40-54
50
ASDN, Acta 1719, f. 35
51
ASDN, Acta 1637, ff. 40-54. I capitoli della Bagliva di Tabelle sono
contenuti allinterno del documento scritto su carta bambagina; V.
40

Altre carte del XVII sec., invece, ci informano sulla presenza, nel
territorio di Tabelle, di duecento quaranta coloni e i relativi censi da
loro dovuti. Tra questi documenti, compilati sempre dal Granafei, ve
n uno, transuntato nel 1778, nel quale viene riportata una preziosa
testimonianza relativa al pagamento delle decime sul vino e sul
mosto:

Tenentur etium Coloni Habente Vinea in dicto Feudo ad
dictam decimam Vini Musti, asportandam per eos in Civitate
Neritonem intus cellarium [] vel in terra Galatone intus
cellarium Arrenditioni eiusdem feudi
52
.

Nella trascrizione dello stesso documento vi sono le testimonianze,
riportate anche in un atto notarile del 1778, di cinque cittadini della
terra di Galatone sulla inveterata e adusa modalit di pagamento
delle decime dovute per il vino e il mosto:

[] debbano j possessori del medesimo pagare la decima di
tutto il frutto del vino, che nasce dentro lo stesso feudo, qual
decima di vino gli stessi possessori debbano trasportarla a
loro spese nel cellaro del vescovo esistente in questa suddetta
terra di Galatone, e questo lo sanno perch qualunque anno
del tempo delle vendemmie il de cimatore, o sia laffittatore,
del detto feudo lanno essi confitati attestati per pi, e pi
anni veduto coi loro propri occhi assiso nella porta della
terra suddetta per ricevere dette decime, e farli dalli stessi
possessori, e conduttori trasportare nel suo cellaro, siccome si
praticato sino allanno passato nella guisa appunto, che suol
fare laltro possessore di detta terra di Galatone, fando la
persona da lui destinata unitamente col detto affittatore del
detto feudo della Reverenda Mensa nella suddetta porta a

ZACCHINO, I Capitoli della bagliva di Tabelle, sta in Studi linguistici
Salentini, 1(1965), Lecce 1970.
52
ASL, Scritture Atti Diversi, busta, Fascicolo 62/20, anno 1778.

41

recevere le suddette rispettive decime di jusso, e farlo portare
al di lui cellaro []
53


La presenza di molte vasche o palmenti, di indubbia fattura moderna,
nellarea dellex casale indicano una grande produzione di vino e
mosti. Scavate nella roccia su vari livelli, esse venivano
impermeabilizzate con un rivestimento in opus signinum o coccio
pesto. Di questo rivestimento sono stati rinvenuti pi di quattro strati
che ancora oggi garantiscono una buona impermeabilizzazione.
Alcune vasche presentano anche gradini allinterno ed allesterno atti
a facilitare laccesso ad una piccolissima fossa, di forma variabile,
posta in fondo e destinata a raccogliere lultima parte del mosto.
I Capitoli della Bagliva ci danno anche lindicazione circa la
variet e la quantit dei prodotti agricoli, come grano, orzo, fave,
avena, lino, cotone, avena e cipolle, coltivati dai coloni del feudo.
Inoltre nello Inventario dei Beni del defunto marchese Cosimo
Pinelli sono elencati i prodotti che nel territorio di Tabelle erano
soggetti a decima:

Grano, orgio, fave, avena,lini, vini musti, lenticchia
zafarana, e ogli, ma anche cepolle, miloni, cocomeri, cucuzze,
ciciri, fasoli, dolica, bombace, pastinache.
54


Per la costruzione delle masserie, certamente, il casale medievale
dovette essere smantellato mutandone, di conseguenze, laspetto. Il
materiale derivante dalla demolizione dellantico casale fu spesso
riutilizzato per linnalzamento dei nuovi edifici. Ci potrebbe essere
testimoniato da una lastra di pietra originariamente lavorata per
essere usata come tavola per il gioco del filetto e successivamente
reimpiegata per la costruzione di una struttura ad uso agricolo. Il
tavoliere costituito da tre quadrati concentrici i cui lati sono tagliati
da un segmento che li lega tra loro. Caratteristica fondamentale di
questo manufatto che non graffito, come nella maggior parte

53
ASL, Scritture Atti Diversi, busta, Fascicolo 62/20, anno 1778.
54
Cfr. ZACCHINO V., I Capitoli della bagliva di Tabelle, sta in Studi
linguistici Salentini, 1(1965), Lecce 1970.
42

degli esemplari ritrovati nel Salento, ma scolpito nella lastra di
carparo e ci fa di esso un unicum nel suo genere.
55

Forse dalla fine del XVI secolo gran parte del territorio di Tabelle
divenne oggetto di importanti attivit estrattive. Da un documento
notarile redatto il 16 luglio del 1606, si viene a conoscere che
loggetto di tale attivit estrattiva era la cosiddetta pietra negra la
quale, probabilmente, corrisponde al nostro carparo
56
. Per lo
svolgimento di tale attivit, la viabilit del casale dovette essere
modificata totalmente comportando lallargamento in alcuni punti e,
in tal modo, assunse le fattezze dellattuale sistema stradale. Anche
le cisterne, ottimo indicatore cronologico discriminante, sono
coinvolte avendo anchesse subito un notevole cambiamento. Se
quelle di pi antiche risalenti al medievale erano di forma circolare,
piriforme in sezione, coperte con una vera lapidea quadrangolare,
scavate completamente nel banco roccioso e poi impermeabilizzate
con intonaco di calce idraulica, quelle costruite o riadattate nel
periodo successivo allabbandono del casale (XV e XVII secolo),
sono di forma oblunga, con sezione tronco piramidale, profonde e
con la copertura fatta di grossi lastroni. Queste ultime, pertanto,
offrivano la possibilit di conservare pi acqua rispetto a quelle pi
antiche. Il riutilizzo di piccole cavit dinterstrato, caratteristica
presente in tutta larea, generatesi in corrispondenza di un piano di

55
Lesemplare fu ritrovato nel 1983 dallassociazione culturale galatonese
Archeoclub, si tratta di un gioco molto diffuso nellantichit conosciuto
anche come tris, smerelli o mulino. AA.VV., Un indagine conoscitiva art.
cit., pp. 29-32. Per un elenco del resto dei ritrovamenti nella zona Cfr. G.
GRAVILI, Il Gioco, sta in P. Arthur (a cura di) Da Apigliano a Martano
(LE). Tre anni di archeologia medioevale (1997-1999), Congedo Ed.,
Galatina, 1999.
56
ASL, Atti del notaio G. B. De Martinis. Il documento oltre le cave di
Tabelle menziona un'altra in contrada Vasce, nel feudo di Galatone.
Daltronde limportanza di tale materiale nelledilizia sacra oltre che civile,
estratto a Tabelle riportato nellatto di convenzione per il completamento
della chiesa dei frati conventuali di Nard, redatto nel 1598, nella parte
riguardante il materiale di costruzione riportata ()che lo carparo sia di
Tavelle() (cfr. notaio Santoro Tollemeto di Nard anno 1598, cc.64r-
69r. Latto gi stato pubblicato).
43

strato e, soprattutto, lungo i piani di separazione tra un bancone e
laltro come nei casi della grotta detta del Noce e di molte altre
presenti lungo le rive del canale dellAsso, in gran parte vennero
precedentemente utilizzate come abitazioni e depositi per essere, poi,
riadattate a stalle per gli animali o a rifugi temporanei.
La scomparsa di Tabelle quale terra legata al sistema feudale
tradizionale diede luogo alla frammentazione del suo territorio e alla
costituzione di due aree ben distinte. Una di queste conserv lantico
nome di Tabelle e laltra fu detta Tabelluccio. Questultima, dal XVI
secolo, fu infeudata da famiglie appartenenti alla nobilt galatinese: i
De Magistris e, dal 1678, i Leuzzi che col titolo di barone la
detennero sino al 1806
57
. Una ulteriore parcellizzazione del feudo di
Tabelle si comp nei primi dellOttocento. Durante il decennio
francese nel Regno di Napoli, difatti, lo Stato dispose
lincameramento dei beni ecclesiastici che, in parte, furono poi
acquisiti dalla ricca borghesia agraria.


57
V. ZACCHINO, Galatone antica op. cit., p. 64.
44


22.Tabelluccio, Galatina, Chiesa dell'Esaltazione della Croce o Cristo di Tabelle

23. Tabelluccio, Galatina, Chiesa dell'esaltazione della croce o Cristo di Tabelle, particolare del campanile
45


24. Tabelle Localit "le Bonesere", viabilit moderna

25. Tabelle, Antico palmento
46


26. Tabelle,interno grotta del noce

47

287. Tabelluccio, Galatina, Chiesa dell'esaltazione della croce o Cristo di Tabelle, interno, Affresco
Crocifissione










5. LE MASSERIE

5.1 - Masseria Monacelle o Munacddhe


In alcuni documenti e nella memoria di pochi anziani, conosciuta
anche col nome di Santu Nicolicchiu. Lattuale struttura, ormai
fatiscente, non che una piccola parte delloriginario complesso
della masseria scampato da quella furia edificatoria che distrusse
anche il cimitero e le ultime evidenze della chiesa di San Nicola di
Myra. In particolare, resta di questo monumento solo il piccolo
nucleo centrale ed un arco ad ogiva. Con unestensione pari a un
ettaro, Monacelle fu edificata su un pendio del canale Asso e
29. Particolare, Ecce Homo 27. Particolare Vergine Maria
48

recintata da un muro a secco aggettante, di cui si pu ancora vedere
qualche rudere, la cui tecnica costruttiva quella detta volgarmente
paralupi.
Vi una cavit artificiale profonda la cui assenza di strutture in
superficie fa pensare che possa essere stata adibita a stalla per gli
armenti. Poco distante vi un altro ipogeo che, probabilmente
adibito allo stesso uso della precedente, mostra un ambiente
campaniforme con una rampa daccesso. La copertura della cavit
doveva essere costituita da grossi blocchi simili per tipologia a quelli
utilizzati, come prima descritto, per le coperture delle cisterne di quel
periodo. Attualmente la stanza completamente distrutta.


5.2 - Masseria Doganieri

Posta ad occidente dellantico casale di Tabelle, al di l del canale
dellAsso, strategicamente il punto pi alto del territorio e allesatto
incrocio di due importanti vie di comunicazione, essa
economicamente e strutturalmente pi importante della precedente.
Lattuale nome de li Doganieri si potrebbe far risalire allesistenza di
un luogo destinato a dogana o ad una abitazione di baglivi ovvero di
quegli addetti al controllo doganale ed alla riscossione dei dazi fiscali
sui pedaggi e sulle merci in passaggio su tali feudi.
Nonostante siano rare le fonti documentarie che ci possano
raccontare la nascita e la vita di questo impianto, quelle poche che
esistono forniscono preziose indicazioni.
Nel 1722 la masseria era nei possedimenti del conservatorio, eretto
dal vescovo Sanfelice, di Santa Maria della Purit di Nard. Nel
catasto Onciario di Galatone, redatto nel 1745, limpianto viene
registrato col prediale Donfederico e risulta di propriet della
famiglia Castriota di Parabita. Viene cos descritta:

Massaria in Tabelle detta Donfederico, e parte in
Tabelluccio, consistente in curti ad uso de bestiami, casa
49

numero quattro, una per uso dei massari, altra per uso de
merci e due superiori, con stalle per uso de bovi, cisterne
numero tre, aia e giardino murato.
58


La nascita dellimpianto destinato ad uso di masseria si deve
collocare in uno spazio temporale compreso tra la seconda met del
XVI e il XVII secolo e, sicuramente, non prima dello spopolamento
di Tabelle quanto, invece, nellambito di quella trasformazione
dellhabitat rurale che sub il casale.
Il complesso edilizio riferibile alla tipologia delle masserie con una
piccola e modesta costruzione unicellulare intorno alla quale si
sviluppa lintero complesso
59
. Simile a tale struttura la masseria di
Nard detta li Pagani.
Il nucleo centrale della costruzione consiste in una massiccia torre a
base quadrangolare. Questo edificio, come si osserva dallinterno del
cortile, munito di una caditoia posta in asse con la porta di ingresso
del pian terreno. Probabilmente era un edificio destinato ad
accogliere merci.
La struttura arricchita dalla presenza di unelegante torre colombaia
a base quadrata, coronata da merli graziosamente disposti e databili
probabilmente ai primi anni del XVIII secolo.
Il piano terra del corpo centrale composto da tre vani coperti da
volte a spigolo. Da essi si accede alla corte mediante un vano carraio
posto nella parte centrale delledificio. Anche il primo piano
coperto da volte a spigolo, consta di un vano addossato alla torre
oltre ad altri quattro allineati e accoppiati.
Quasi sicuramente il primo impianto della masseria fu di tipo
monocellulare, costruito ex novo sulle rovine di una precedente
costruzione basso medioevale che doveva consistere, probabilmente,
in una fortificazione. Se cos fosse, questa doveva essere a capo dei
limiti geografici del casale, nello specifico sarebbe ricaduta nei pressi
del cosiddetto Paritone mentre, verso lesterno, il confine del feudo
di Tabelle era rappresentato dalla specchia di Mosco.

58
ASL, Catasto Onciario Galatone, 1745, vol. II., f. 805.
59
A. COSTANTINI 1995, Le Masserie fortificate, Congedo Ed., Galatina,
1995 pp. 53.
50

Il nucleo originario della masseria era costituito probabilmente da
una recinzione fabbricata a secco con legno e pietre e conteneva una
piccola torre diversa da quella attuale perch eretta ex novo. I segni
dellimpianto medievale sono riconoscibili dalla cospicua presenza
di numerosi granai a grappolo e da una cisterna circolare. In tutta
larea del casale sono riscontrabili strutture, nello specifico muri e
muraglie, spesso costituite da blocchi di riutilizzo. Il costone
roccioso, sul quale si erge massiccia la costruzione, presenta pesanti
interventi antropici i quali modificarono laspetto naturale del luogo
e ci anche attraverso lintercettazione di diverse cavit naturali che
furono in parte distrutte. In breve, quindi, la conformazione rocciosa
del costone sub una vera e propria squadratura che permise di
ricavare un corpo avanzato con pareti a spiombo. Ci permise di
impiantare una grossa torre aggettante sul canale dellAsso. A sud-
est vi , invece, un possente muraglione lungo metri novanta e spesso
otto, rialzato dal piano su cui giace la campagna sottostante. Questi
fa corpo unico con il costone roccioso dal quale avanza per altri
settanta metri. Il canale dellAsso, da parte sua, fungeva da struttura
difensiva rappresentando una sorta di fossato naturale. Inoltre, le
importanti arterie della viabilit di allora venivano fatte convogliare
negli immediati dintorni della torre e questo testimonia il costante
controllo sia del territorio in generale e sia dei flussi di uomini e di
merci.
In sintesi, dunque, dirigendosi verso Galatone o partirsi da esso
significava necessariamente passare da questo luogo recintato,
probabilmente, da un muro o da unopera il legno oppure realizzato
con ambedue le tecniche costruttive come a formare quello che si
definisce un bailey cio un cortile chiuso circondato da una
recinzione di legno e sormontato dalla torre ricavata sul promontorio
di roccia. probabile che la fortificazione avesse pi di un bailey; in
genere erano uno interno e uno esterno.
Delle antiche abitazioni non resta traccia anche per via dei successivi
lavori per la realizzazione della masseria i quali hanno arrecato molti
danni alla stratigrafia dellarea. Da qualche lacerto di muro ancora
esistente e dai molti buchi da palo realizzati nel banco roccioso, si
pu comunque desumere che, per tipologia costruttiva, le case si
51

avvicinassero molto alle tecniche di realizzazione delle comuni
abitazioni del casale con le loro tettoie usate come copertura dei
granai.
La fortificazione, pertanto, venne realizzata sul punto considerato
strategicamente pi funzionale al controllo dei tre punti fondamentali
della comunit ovvero un corso dacqua, una strada e un agglomerato
urbano. Inoltre, insistendo di per s sul luogo geograficamente pi
alto dellintero territorio del feudo, era inutile la creazione di un
terrapieno artificiale che, invece, fu necessario per innalzare la motta
tuttora visibile a Specchia di Mosco. Nella vicinissima Nard, per
esempio, gi durante il periodo normanno esistevano alcune motte,
come Specchia Normanna - ora in agro di Copertino e, in
particolare, venne anche realizzato un enorme terrapieno nella stessa
citt:

La citt di Nard, per esempio, conserva ancora i resti di un enorme
terrapieno costruito sulle antiche mura nellarea dellattuale
chiesa dellImmacolata. Solo nel 1271 la motta sembra essere
stata definitivamente dismessa quando il terreno viene donato
dallallora potente signore di Nard, Filippo de Toucy (It.
Tuzziaco), ai monaci dellordine dei Francescani.
60


In ambito rurale la realizzazione di questi terrapieni non era cosa rara
poich dalla loro altezza era garantita unampia visione del territorio
circostante e difatti:

In ambito rurale, motte di dimensioni minori sono attestate
nellarea del Bosco di Belvedere e verso la sommit di una serra
che dominala pianura di Presicce, in localit Pozzo Mauro.
ipotizzabile che queste fortificazioni siano state uti-lizzate per
controllare le risorse del territorio come il Bosco di Belvedere
e la piana che collegava Gallipoli e Lecce con S. Maria di Leuca,
finibus terrae, ultimo punto delle penisola salentina ed importante
centro di pellegrinaggio. Altre motte probabilmente rimangono da
identificare o sono state distrutte, come Specchia dellAlto ad Alliste,
che apparentemente sovrastava un sito di et romana, o le varie

60
P. ARTHUR, Verso un modellamento del paesaggio rurale art. cit., p. 226.
52

localit che sono note con il toponimo motta a Vaste
(Poggiardo), Aurio (Surbo), Nociglia[]
61


Non noto sia stato lartefice principale della prima fase costruttiva.
Tuttavia, pur non dovendo a priori il concorso degli abati di Nard,
essa fu con buona probabilit eretta dai signorotti feudatari che la
ressero fino agli inizi del XVI secolo. A tal proposito da ricordare
che proprio Tabelle fu infeudata per oltre due secoli da famiglie
neretine della piccola nobilt terriera come, ad esempio, i Sambiasi, i
Vinciguerra e i Sancto Blasio.

Questo tipo di fortificazioni, da un punto di vista meramente
politico possono distinguersi in diverse categorie: di quelli
che avendo il pubblico potere governa direttamente; quelli
che a grandi linee ha infeudato i suoi i suoi
sodales,ufficiali,vassalli,parenti,e fedeli; infine sono le
fortezze private, illegali,erette illecitamente o allinsaputa del
potere centrale o territoriale, da avventurieri, o come nel
nostro caso da potenti.
62


Le fortificazione, a causa dello spopolamento del casale, perder poi
di importanza e proprio in questa fase inizia la trasformazione della
stessa in masseria. Questa dovette restare in uso fino agli inizi del
Cinquecento come testimonia la presenza di vasche, palmenti e
materiale ceramico databile proprio agli inizi del XVI secolo (dei
torchi non rimane altro che i contrappesi). In questi stessi anni,
quando labbandono del casale da parte dei suoi abitanti ebbe fu nel
culmine, determin anche labbandono della fortificazione con
conseguente e immediato spoglio dei materiali edili da riutilizzare
per nuove strutture. Durante la seconda fase, ovvero quando
limpianto abitativo della masseria si era sviluppato sul modello
monocellulare, avviene lobliterazione e il totale smantellamento
della torre che, anche in questo caso, port al riuso del materiale per

61
Ibidem
62
P. CONTAMINE P., La guerra nel Medioevo, Ed. Il Mulino, Bologna 2005,
pp. 73-74.
53

la realizzazione del nuovo impianto. Questo materiale lapideo di
reimpiego tuttora visibile, oltre che nel muraglione, anche nelle
murature esistenti. Anche la fotografia aerea evidenzia tracce, non
ben visibili dal piano stradale, di tali strutture.
Un sapiente restauro ha permesso allimpianto di ritornare a
splendere e qui ancora oggi, come in passato, trova spazio la
cerealicoltura, lolivicoltura e lapicoltura. In questultima sono stati
reimpiegati numerosi apiari antichi.







54


30. Masseria Doganieri, ricostruzione ipotetica della fortificazione medievale. In rosso il perimetro dell'area
fortificata
55


31. Masseria Monacelle vista dall'alto

32. Galatone, Masseria Monacelle o di San Nicolicchio, muro antilupo
56


33. Galatone Masseria Monacelle


34. Galatone Masseria Doganieri, ingresso principale
57


35. Galatone Masseria Doganieri, Casa dei massari

36. Galatone Masseria Doganieri, ovili
58


37. Galatone Masseria Doganieri, torre del XVII secolo, particolare caditoia

38. Galatone Masseria Doganieri, Particolare









59



















60



61

BIBLIOGRAFIA

AA.VV., Habitat strutture e territorio: Atti del terzo convegno
internazionale di studio sulla civilt rupestre medioevale nel Mezzogiorno
d'Italia, Taranto - Grottaglie 24-27 settembre 1975 / a cura di Cosimo
Damiano Fonseca. Congedo Ed., Galatina 1978.
AA.VV., Unindagine conoscitiva sulla campagna di Galatone, sta in
Antiqua, VIII, 28(1983).
AA.VV., Il Comune di Galatone e il suo territorio, Ed. Salentina, Lecce
1906.
AA.VV., Ambienti e itinerari naturalistici della provincia di Lecce, Conte
Ed., Lecce 1993.
ARTHUR P., Da Apigliano a Martano (LE). Tre anni di archeologia
medioevale (1997-1999), Congedo Ed., Galatina, 1999.
ARTHUR P. - ALBARELLA U. - BRUNO B. - KING S., Masseria
Quattro Macine, a desert medieval village and its territory in Southern
Puglia: a interim report on field survey: excavation and documents
analysis, sta in Papers of British School at Rome, LXIV, 1996.
ARTHUR P., Verso un modellamento del paesaggio rurale dopo il Mille
nella Puglia meridionale, sta in Archeologia Medievale, XXXVII, 2010.
CARDUCCI L., Storia del Salento, Congedo Ed., Galatina 1993, I.
CAZZATO M., -COSTANTINI A. - ZACCHINO V., Dinamiche storiche
di una parte del Salento, Congedo Ed., Galatina, 1989.
CENTONZE C. - DE LORENZIS A. - CAPUTO N., Visite pastorali in
diocesi di Nard (1452-1501), Benedetto Vetere (a cura di), Congedo Ed.,
Galatina, 1988.
62

COCO A.P., Cedularia Terrae Idronti (1378) con note di geografia,
demografia e paleontologia linguistica di terra d'Otranto nei secoli XIII e
XIV, Lodeserto Ed., Taranto 1915.
CONTAMINE P., La guerra nel Medioevo, Ed. Il Mulino, Bologna 2005.
COSTANTINI A., Le Masserie fortificate, Congedo Ed., Galatina,1995.
COSTANTINI A., Sistemi insediativi e strutture dellhabitat rurale in
territorio di Galatone tra XVI e il XVII secolo. Resistenze e permanenze, sta
in Atti del convegno di studi Galatone nella seconda met del
cinquecento, Panico Ed., Galatina, 1993.
DE FERRARIS A., La Iapigia. Itinerari e luoghi dellantico Salento, a cura
Zacchino V., Messapica editrice, Lecce 1975.
DE GIORGI C., Geografia fisica e descrittiva della provincia di Lecce,
Regia Tipografia Editrice Salentina, F.lli Spacciante, Lecce 1897, II.
DE GIORGI C., Descrizione geologica ed idrografica della provincia di
Lecce, Centro studi salentini, Lecce 1960.
DE PASCALIS D.G, Nard. Il centro storico, Besa, Nard 1999.
DORIA PASTORE M., Le pergamene della Curia e del Capitolo di Nard,
sta in Studi Salentini, V, 9(1960).
FONSECA C.D. - BRUNO R. - INGROSSO V., Gli insediamenti nel basso
Salento, Congedo Ed., Galatina 1979.
FOSCARINI A., Armerista e notiziario delle famiglie nobili, notabili e
feudatarie di Terra d'Otranto estinte e viventi, Lecce 1903, (rist. an.) Forni
Ed., Bologna 1987, I.
GUILLOU A., Citt e campagna nellItalia meridionale Bizantina (VI-IX
sec.), Cosimo Damiano Fonseca (a cura di) sta in Habitat, strutture,
territorio, Congedo Ed., Galatina 1978.
63

LAGNA G., Gestione dei bacini Idrici: il torrente Asso, sta in Atti del
convegno: difesa del suolo e gestione delle acque pubbliche nel Salento,
Galatone 25 maggio, 1996.
MARTINO C., Nuovi confronti per la cappella extra urbana di masseria
del Crocefisso, sta in Quaderni del Museo della Ceramica di Cutrofiano,
Congedo Ed., Galatina, 12(2009).
MASSARO C., Territorio, societ e potere, Benedetto Vetere (a cura di) in
Storia di Lecce. Dai Bizantini agli Aragonesi, Laterza, Bari 1993.
MASSARO C., Societ e istituzioni nel Mezzogiorno tardo medievale.
Aspetti e problemi, Congedo Ed., Galatina 2000.
MAZZARELLA E., Nard Sacra, sta in Quaderni degli Archivi Diocesani
di Nard e Gallipoli (a cura di Gaballo M.), Nuova serie, Congedo Ed.
Galatina 1999.
NOVEMBRE D., Geografia del Salento. Scritti minori, Congedo Ed.,
Galatina 1995.
NOVEMBRE D., Vicende del popolamento e trasformazione del paesaggio,
Giosu Musca (a cura di) sta in Storia della Puglia, Adda Ed., Bari 1979,
I .
PESEZ J.M., Archologie du village et de la maison rurale au moyen age,
Collection dhistoire et darchologie mdivals, PULL, Paris 1999, V.
POSO C.D., Il Salento Normanno, Congedo Ed., Galatina 1988.
POSO C.D., Nard e il suo territorio nel basso medioevo, sta in Annali del
dipartimento delle scienze storiche e sociali (Universit di Lecce), VI(1988-
1989), Lecce 1990.
RESTA G., Il palazzo marchesale di Galatone: note storiche ed
architettoniche contestualizzate sino allanno 2002, Congedo Ed., Galatina
2003.
64

SALVATORE M., Saggi di scavo a Banzi: Contrada Cervarezza, sta in
Lucania Archeologica, II(1980).
TAGLIENTE P., 2001, Scavi Archeologici al Palazzo del principe di Muro
Leccese (Lecce), Stella. Patitucci Uggeri (a cura di) sta in Scavi medievali
in Italia 1996-1999. Atti della II Conferenza di Archeologia Medievale,
Cassino 16-18 Dicembre 1999, Roma 2000.
TANZI G. F., Il feudo di S. Giovanni Monicantonio e Villa Baldassarri, sta
in Rivista Storica Salentina, Lecce 1914, IX.
TSIRPANLIS Z. N., Memorie storiche sulle comunit e chiese greche in
Terra dOtranto (XVI sec.), sta in La Chiesa greca in Italia dallVIII al
XVI secolo, Atti del Convegno Storico Interecclesiale, Padova 1972.
UGGERI G., La viabilit tra tardo antico e alto medioevo nel Salento, sta
in Salento porta dItalia. Atti del Convegno Ibnt, Lecce 27-30 novembre
1986, Congedo Ed., Galatina 1989.
Rationes Decimarum, Italiae nei Sec XII e XIV: Apulia, Lucania, Calabria,
Domenico Vendola (a cura di), Citt del vaticano 1939, rist. 1970.
VETERE B., Citt e monastero. I segni urbani di Nard (secc. XI-XV),
Congedo Ed., Galatina 1986.
VETERE B. Ancora qualche nota sulla relatio (1412) attribuita a Giovanni
de Epiphaniis ultimo allabate di Nard, sta in Bullettino dellIstituto
Storico Italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano, 93(1986).
VIGAN R., Il caso archeologico esemplare di Contrada Monacelle, Il
Giornale di Galatone, n24 novembre-dicembre 1999.
VIGAN R., Contrada Monacelle: La cripta De Giorgi, Il Giornale di
Galatone n28 luglio-agosto 2000.
VIGAN R., I materiali archeologici quotidiani di Contrada Monacelle, Il
Giornale di Galatone n30 novembre dicembre 2000.
65

VISCEGLIA M. A., Territorio, feudo e potere locale in Terra dOtranto tra
Medioevo ed et moderna, Guida Ed., Napoli 1988.
ZACCHINO V., Fulcignano: il casale antico e il castello, sta in Archivio
Storico Pugliese XXI, 1968.
ZACCHINO V., I Capitoli della bagliva di Tabelle, sta in Studi linguistici
Salentini, 1(1965), Lecce 1970.
ZACCHINO V., Galatone antica, medievale, moderna.Origine e sviluppo
di una comunit Meridionale, Congedo Ed., Galatina, 1990.













66





Si ringraziano i proprietari
dellAzienda Agrituristica MASSERIA DOGANIERI di Galatone
per la pazienza dimostrata nei nostri confronti
durante le ricerche oggetto di questo lavoro












67







2014
RICCARDO VIGAN
viganoriccardo@libero.it
Tutti i diritti riservati. vietata per legge la riproduzione anche
parziale e con qualsiasi mezzo senza lautorizzazione scritta
dellautore.
Il presente saggio pubblicato sul sito www.culturasalentina.it
per autorizzazione espressa dallautore.