Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 30 giugno 2011


anno XLIV (nuova serie)

numero 25 euro 1,20

25
19 La prossima settimana
In omaggio copia Corriere Cesenate del 1920
iniziativa riennelle propoLtra occasione del ste in centenario

Diocesi
Celebrazione in Cattedrale domenica 3 luglio
sessantesimo orIn occasionedidel dinazione sacerdotale di Benedetto XVI

Medjugorje
A trentanni dalla prima apparizione
a interrogarsi anLa Chiesa continua che alla luce delle tante conversioni

Cesena
Romagna e Marche fulcro dellarte

Una mostra di pittura allestita alla galleria comunale

EDITORIALE Un tempo proficuo


di Francesco Zanotti
state, aria di vacanze. Torna, come al solito, il ritornello. Il bombardamento mediatico il tormentone di questo periodo. Chi non organizza viaggi in Italia o allestero si sente out. Sembra sparire persino la crisi economica. Le famiglie le provano tutte pur di non rinunciare a un po di giorni di meritato riposo. Si fanno i salti mortali, ci si ingegna per organizzarsi un periodo di stacco dalle attivit quotidiane. Non c solo il mare o la tintarella da sfoggiare al ritorno in ufcio. Ci sono valide alternative. Ci sono la montagna e le citt darte. C la sosta dal lavoro da prendersi restandosene a casa propria. E poi c anche chi, in questo periodo estivo, in vacanza non ci va per nulla. Non si possono non ricordare tutte le attivit messe in campo dalle parrocchie, dai movimenti e dalle associazioni cattoliche. Ogni anno ne diamo ampio conto (come facciamo anche in questo numero e nei successivi): non si contano i centri estivi e i campi organizzati per lo pi sulle Dolomiti. Non un attivismo ne a se stesso e non neppure unopera di supplenza in aiuto alle famiglie. C anche questo aspetto che non va n trascurato n sottovalutato. Importante il motivo per cui si organizza tutta questa attivit. La passione per luomo il motore che spinge giovani e adulti a spendersi per giorni e settimane in favore dei pi piccoli, dei disabili, degli anziani, dei pi svantaggiati. Unimmensa attivit che continua a passare inosservata e inascoltata da parte dei grandi mass media che proseguono nella loro corte ai soliti uomini politici. Due realt presenti entrambe, ma tanto diverse. Due realt che non comunicano fra loro e vanno avanti su percorsi paralleli. Una vita politicoamministrativa che uisce ormai nel disinteresse generalizzato. E una vita costituita di fatti concreti, di chi si prende a cuore il destino delle nuove generazioni e per esse si mette in gioco, ogni giorno. C bisogno di un recupero di essenzialit. I resoconti di festini pi o meno a luci rosse e la solita litania di commenti e smentite procurano una quotidiana nausea anche ai pi tenaci. Ci vogliono una buona dose di coraggio e una sana passione civile per riprendere il cammino e ripartire spediti per ridare dignit a questo Paese sempre pi spaesato.

Nelle parrocchie migliaia di ragazzi ed educatori

Foto archivio Pippo

Lestate dei centri estivi


I mesi estivi tempo di dispersione? Se si guarda alle tante proposte delle parrocchie, pare proprio di no. Quasi tutte le comunit organizzano il centro estivo, un modo per trascorrere le giornate in maniera costruttiva giocando, facendo i compiti e approfondendo il cammino di fede. Ma non si pensi che nelloratorio si giochi solo a fazzoletto o calcio: negli ultimi tempi le alternative si sono moltiplicate e oggi c chi insegna a fare lorto o chi propone corsi di equitazione. E la Societ dellAllegria annuncia il nuovo stabilimento balneare. Primo Piano alle pagg. 4-5

Cesena-Sarsina 7 Padre Guglielmo Si chiude il processo diocesano Domenica 20 Roversano ospita una giornata di dialetto e tradizioni

Differenziata 13 Pareri positivi sulla raccolta porta a porta allOltresavio Sport 22 Trofeo Benedetto domenica 3 luglio si giocano le finali

Opinioni

Gioved 30 giugno 2011

Tav-Val di Susa: n miopi n ottusi


VAL DI SUSA, 27 GIUGNO: SCONTRI AL CANTIERE DELLA TORINO-LIONE A CHIOMONTE PRESIDIATO DAI NO TAV (FOTO AFP/SIR)

uello di luned mattina, 27 giugno, su alla Maddalena di Chiomonte, nellAlta Val di Susa, non stato un fatto improvviso, tanto meno inatteso. I valsusini, senza distinzione di parte, se lo aspettavano. Magari non cos last minute. Sintuiva che lo Stato aspettava solo il momento opportuno. Oltre il 30 giugno non poteva andare. Neanche uno Stato come il nostro, lItalia, che solito giocare al rinvio. Sarebbero saltati degli accordi internazionali e si sarebbero persi non pochi soldi, con il rischio di una pesante penale. E cos allalba di luned 27 giugno, le Forze dellOrdine hanno riconquistato allItalia il territorio della Libera Repubblica della Maddalena, consegnandolo alle ditte che dovranno cantierare il primo grande lavoro della Tav valsusina, la discenderia di Chiomonte. Gli scontri sono stati duri. Ci sono state decine di feriti, ma viste le premesse, possiamo dire che ancora andata bene. Si temeva molto peggio. Certo da luned 27, c chi canta vittoria, ma subito c chi gli risponde: avete vinto una battaglia, non certo la guerra. E allora si capisce chi, vivendo oltre le Chiuse di manzoniana memoria, chiede preoccupato: ma adesso cosa succeder? Francamente non lo sappiamo. Possiamo pensare che la lotta per la Tav valsusina sar ancora lunga e dura. Certo, ora comodo scaricare tutte le colpe sui No Tav valsusini. Ma quando si potr rileggere con calma questa lunga storia, questo spreco di carte e di progetti, ancor pi di soldi, allora si capir che lo Stato stato molto confuso, disordinato, diviso. E molte volte, troppe volte stato assente. La fuga dello Stato dai fatti di Venaus, nel dicembre del 2005, ancor oggi una macchia. A memoria, poi, non ci torna in mente un capo del governo, un ministro degli Interni o dei Trasporti che sia venuto qui in Valle in tutti questi anni ad ascoltare le ragioni del popolo No Tav. Che pena poi sentire il ministro degli Interni commentare il buon esito delloperazione mentre usciva da via Bellerio, dove c la sede del suo partito. La qualit di uno Stato si vede anche in queste cose. Vorremmo tanto poter rispondere allamico che ci ha chiesto - e adesso cosa succeder? - che i valsusini No Tav non dichiareranno mai per questo guerra allItalia. Certo alla gente di Val Susa sta a cuore il proprio cortile, ma non solo. E i valsusini non sono n miopi n ottusi. E hanno smesso da tempo di andare sulle diligenze. Dai tempi di Cavour sono una valle ferroviaria. Ma dal popolo dei No Tav valsusini, dalla loro lotta per molti antimoderna, incomprensibile una domanda arriva chiara a tutti: lo sviluppo di un Paese sta solo nei grandi ponti e nei lunghi corridoi ferroviari? La via difficile, paziente del dialogo con il territorio resta, secondo noi, lunica percorribile. Il capo del governo a caldo ha commentato: Abbiamo ascoltato tutti, ora basta. Dubitiamo che ci sia stato sempre questo ascolto. Comunque sia, non si dica: Ora basta. Dopo i fatti di luned 27 servono dei pompieri e non degli incendiari. Ettore De Faveri direttore La Valsusa

La gente non dichiara guerra, ma neppure subisce violenze

Giovani e politica, una riflessione in seguito al messaggio del vescovo Douglas Riprendere in mano le coordinate morali per sapere distinguere il bene e il male
arebbe imperdonabile non raccogliere le riflessioni e gli interrogativi posti dal vescovo con il messaggio dedicato al tema dei giovani in occasione della festa di San Giovanni. Io non rientro pi nella fascia di et dei giovani, ma ricordo ancora abbastanza bene i miei 18 anni, fatti di poco senso di responsabilit e di poca voglia di donarsi agli altri. Tra i tanti incontri che hanno cambiato la mia vita due di questi hanno inciso profondamente sulle mie scelte giovanili: un parroco appassionato di pastorale sociale che mi ha avvicinato alle encicliche sociali di Giovanni Paolo II e un cappellano che ha provato a coinvolgermi in un progetto da educatore responsabile. Mi stato aperto un nuovo modo di vedere le cose, alla scoperta della Parola, della sua attualit nellinsegnamento sociale della Chiesa. Vivere queste cose allinterno di una comunit cristiana ha poi scardinato lentamente il mio fortino, fatto di ricerca del proprio tornaconto e di una scarsa conoscenza di me stesso. C ancora molto da fare, ma una strada davanti a me stata tracciata. Il vescovo ci chiede con sollecitudine di riprendere in mano le coordinate morali per sapere distinguere il bene e il male, avendo a cuore questa societ e formando una nuova generazione di cittadini. Negli ultimi quindici anni ci siamo azzuffati tra laici per decidere quale fosse la scelta partitica pi giusta e rispettosa dei principi della Dottrina sociale della Chiesa. Il risultato di questa diatriba labbiamo raccolto con le statistiche di partecipazione alla vita politica che il vescovo ci ha opportunamente ricordato. Proseguire su questa strada porter a dilapidare completamente il patrimonio messo a disposizione dal Magistero per saper leggere i segni dei tempi e uscire dalle secche di questo dibattito. Gli strumenti ci sono e sono stati presentati anche in Diocesi (penso ad esempio alla settimana sociale di Pisa che ha rilanciato la democrazia deliberativa con il professore Stefano Zamagni). Manchiamo noi adulti perch non raccogliamo seriamente gli stimoli che ci vengono proposti periodicamente nel nostro cammino di fede.

Manca soprattutto nei confronti dei giovani la relazione personale, la compagnia, la generativit, il dialogo e la correzione, la pazienza e la perseveranza di cui parlava il cardinale Bagnasco. Dove mettere in campo questo esercizio? Poco importa che il luogo di incontro si chiami Retinopera, laboratorio o Corriere Cesenate, limportante partire con questi due obiettivi: fare verit a partire da noi stessi e aprire ai giovani con trasparenza, senza nascondere loro la complessit delle regole e degli interessi che ruotano attorno alla societ. Chi ha lautorevolezza per farsi avanti ha una responsabilit da esercitare al pi presto. William Casanova

Gioved 30 giugno 2011

Primo Piano
il Cep. Avr inizio il 5 luglio e andr avanti per quattro settimane. A parteciparvi sono i bambini di scuole elementari e medie di Borello e Bora. Anche qui vi sar una schiera di volontari ad accompagnare i bambini. Sono tre i giorni in cui si svolger il centro estivo: il mercoled per lintera giornata si effettuer unuscita, il marted e il gioved dalle 14,30 alle 18,30. Adc

Questanno il centro estivo della parrocchia di San Vittore ha preso il via il 26 giugno per concludersi alla fine del mese di luglio. Il tema centrale la beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, a ricordare a tutti che il centro estivo non un "parcheggio" per bambini, bens un luogo in cui proseguire un cammino di fede cristiana. Per la prima volta dopo una decina danni, oltre ad accogliere i bambini delle scuole

A San Vittore si impara anche a fare lorto


elementari, il centro estivo sar aperto anche ai ragazzi delle scuole medie e quelli della prima e seconda superiore. La giornata inizia alle 14,30 con un momento di preghiera in chiesa e prosegue ripercorrendo la vita del papa attraverso il supporto di libri, letture e video. Anche questanno non mancano balli, giochi e merenda insieme preparata dagli stessi bambini. Inoltre don Carlo Meleti mette a disposizione dei ragazzi dei piccoli appezzamenti di terreno nei quali potranno imparare a coltivare un piccolo orto. Ad accompagnare i bambini durante questo periodo ci saranno alcuni volontari, soprattutto ragazzi delle scuole superiori, ai quali il Comune di Cesena ha messo a disposizione un buono da 100 euro da spendere presso la LibreriaCartoleria Minerva di Cesena. Il centro estivo si concluder il giorno 26 luglio con una gita a Roma dove si visiteranno i luoghi della vita del Papa. Anche a Borello in programma

Attivit Un esercito di bambini, ragazzi e genitori impegnati nellavventura educativa

Centri estivi, il grande impegno delle parrocchie

drammatizzazione e attivit espressive, danza e lezioni di chitarra e canto. Non mancheranno una gita settimanale nei dintorni della diocesi con pranzo al sacco e la possibilit di svolgere i compiti delle vacanze con sostegno allo studio. La quota settimanale varia a seconda delle opzioni. Si pu scegliere solo il mattino al costo di 25 euro, solo il pomeriggio a 30 euro, tutta la giornata senza il pranzo al costo di 35 euro e 65 euro con il pranzo presso il ristorante Rugantino. Per i fratelli sono previste riduzioni. "Il mondo la nostra casa" il tema del centro estivo della parrocchia di Pievesestina che ha preso il via lo scorso 20 giugno e sar attivo per 4 settimane. Le attivit del centro, rivolte ai bambini e ragazzi che vanno dallultimo anno di scuola materna alla terza media, si tengono ogni giorno dal luned al venerd dalle 14,30 alle 18,30. Attualmente, guidati da circa una quindici di animatori, sono iscritti un centinaio di ragazzi e bimbi provenienti anche dalle parrocchie del circondario di SantAndrea e San Cristoforo. "Abbiamo diviso bambini e ragazzi in tanti gruppi. Ogni gruppo dedicato a un continente e approfondir le peculiarit di quelle terre. Saranno sviluppate ogni giorno delle riflessioni sulla pace, vista in diverse prospettive: con se stessi, con la natura, con Dio. La pace che ci porta a stare bene con tutti gli altri. Ogni settimana prevista, il gioved , unuscita. Ad esempio andremo ad Atlantica a Cesenatico, al mare e abbiamo anche in programma la "tendopoli" una serata in cui i bambini e i ragazzi, dopo aver fatto festa con animatori, dormiranno sotto le stelle, in tenda, nel campo sportivo della chiesa ".

Altro che dispersione. In estate le comunit parrocchiali si animano, come in nessun altro periodo dellanno. Limpegno degli educatori
Barbara Baronio
accoglie 160 bambini dal nido allultimo anno di asilo il centro estivo della scuola materna della parrocchia di Santa Maria Nuova. "Un servizio molto apprezzato dalle famiglie spiega don Aldo Menghi - che noi svolgiamo volentieri durante tutto il mese di luglio". In parallelo con quello della scuola c anche il centro

estivo parrocchiale, ormai attivo da una decina di anni, rivolto ai bambini e ragazzi delle elementari e medie. "Lorario per tutti dalle 7,30 alle 16,30, dal luned al venerd. Con una quota di 50 euro a settimana offriamo, oltre alle innumerevoli attivit, lo spuntino di met mattina, il pranzo caldo e la merenda. Una volta a settimana porteremo tutti in piscina e abbiamo in cantiere qualche uscita al mare e in particolare nelle nostre colline". Ha preso il via il 14 giugno e durer fino al 15 luglio loratorio estivo della parrocchia di San Rocco. Questo centro estivo si sviluppa ogni pomeriggio del luned, marted e mercoled dalle 14,30 alle 18,30. Sono in programma anche delle gite di unintera giornata il gioved e il venerd mattina le attivit sono specifiche per i ragazzi delle medie. "A tuttoggi abbiamo circa 80 iscritti dalle elementari alle medie - spiega don Paolo Pasolini -. Con noi ci sono anche adulti, genitori e un gruppo di

giovani delle superiori. Abbiamo gi fatto una gita a Firenze e alle grotte di Onferno. Andremo a Teodorano e poi a Cesenatico. Il venerd mattina invece tutto dedicato ai ragazzi delle medie con attivit di servizio come quello al campo Emmaus, dove andiamo ad aiutare i volontari, oppure dincontro e scoperta di realt parrocchiali gi impegnate in attivit di caritativa. A met delloratorio estivo abbiamo messo in programma unuscita alle Balze, molto apprezzata dai ragazzi, per stare insieme tre giorni". Si estende per buona parte della giornata dalle 8,30 alle 18 con possibilit di pranzare lofferta estiva della parrocchia di San Mauro in Valle di Cesena. Il centro estivo che partir il 4 luglio e sar attivo fino al 23 luglio rivolto a tutti i bambini e ragazzi della parrocchia e prevede il pranzo e la merenda. Il folto gruppo di animatori ha in programma momenti di preghiera e di riflessione, attivit motorie e sportive, tornei,

Centro estivo a Longiano: non sono mancate le uscite al mare e ai parchi tematici

Buoni riscontri al primo tentativo con 26 bambini partecipanti


Sono 26 i bambini della scuola primaria di primo grado che a Longiano hanno frequentato il centro estivo proposto dallAssociazione Homo Viator per lumanit in crescita. Si tratta di una prima esperienza, in via sperimentale e della durata di due settimane. Lidea nata su richiesta di alcune insegnanti della scuola, dopo i buoni riscontri avuti dai ragazzi che hanno frequentato il dopo scuola DiReAmici durante lanno scolastico. Il centro estivo, presso i locali adiacenti al convento dei frati francescani, ha accolto i ragazzi dal luned al venerd, a partire dalla 8 e fino alle 18, con la possibilit di fermarsi per il pranzo. I tre educatori, Damiano, Roberto e Francesca, sono stati coadiuvati da sei volontari. A inizio giornata, con la lettura di storie di Bruno Ferrero, stato presentato ai bambini il tema del giorno: un valore, una virt da coltivare e far emergere nello stare insieme. La mattina stata impiegata in giochi di squadra e attivit manuali, la merenda e i compiti. Dopo il pranzo e il gioco libero sono state riprese le attivit. "I riscontri dalle famiglie sono stati positivi - spiega Damiano Garattoni, responsabile operativo del centro - e i bambini che inizialmente avrebbero frequentato solo nella mattinata hanno chiesto di rimanere insieme ai compagni anche nel pomeriggio". Non sono mancate le giornate dedicate alle gite. Le mete sono state il mare, a San Mauro Mare e il parco di avventure di Perticara Sky

Homo Viator Gli scopi dellassociazione


Homo Viator unassociazione che rivolge le proprie attivit a tutte le fasce det, perch concepisce luomo come soggetto chiamato ad un cammino di crescita verso lautenticit. Negli ultimi tempi sta ottenendo un ottimo riscontro lattivit rivolta ai giovani, grazie alle iniziative proposte e che ruotano attorno alla "Saletta". I frati Minori Conventuali di Longiano hanno dato in comodato duso una grande sala che i volontari, insieme ai ragazzi, si sono adoperati ad allestire.

parck. Per la giornata conclusiva i ragazzi sono stati accompagnati in localit Cancellino per una camminata nel Parco delle foreste casentinesi. Elisa Romagnoli

Primo piano

Gioved 30 giugno 2011

Centri estivi La Societ dellAllegria sta costruendo un bagno in spiaggia grazie al quale i ragazzi potranno godere al meglio del sole e del mare. Tanti i bambini gi iscritti

Ormai pronta la struttura balneare


Antonio Domenico Capristo
er il centro estivo al mare della Societ dellAllegria in arrivo una grossa novit: sta per sorgere il "Bagno La Societ dellAllegria". Il container degli anni passati far spazio a una nuova struttura, in via di ultimazione, con tutti i comfort per accogliere i ragazzi, e quindi spogliatoi, bagni e spazi adeguati alle loro esigenze. Questa struttura arriva a completamento di un percorso lungo 17 anni: tanti ce ne sono voluti perch si potesse concretizzare una costruzione di questo genere. Fondamentali sono stati i contributi della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena e della Banca di Cesena, i primi sostenendo per un terzo il valore dellopera, i secondi concedendo elargizioni tali per cui i centri estivi della Diocesi Cesena-Sarsina, che ne faranno richiesta, potranno essere ospitati. Il fabbricato sar inaugurato il 23 luglio alle 16. La Societ dellAllegria nasce quasi quarantanni fa da una amicizia tra, un allora giovane sacerdote, don Agostino Tisselli e un gruppetto di ragazzi, il tutto allombra del grattacielo di Cesenatico. Oggi promuove unopera educativa che non sorge da una progettazione "a tavolino", ma dalla domanda di alcuni giovani di essere accompagnati nella vita quotidiana, fatta di studio, di tempo per le vacanze e di amicizia che intende testimoniare la bellezza della fede cristiana e la gioia dellappartenenza alla Chiesa. Col tempo si andata a consolidare unesperienza di condivisione della vita dei primi aderenti che ha colpito altri giovani e altri adulti che

"Il centro estivo nasce come opera educativa e tuttoggi vuole continuare ad essere unopportunit di educazione alla fede"
poi si sono aggregati ai pochi del nucleo originario spalancando la vita alla compagnia di un "popolo". Il carattere dellopera educativa non vuole mancare anche nelle tariffe del centro estivo. Proprio perch vuole essere un servizio alle famiglie e ai ragazzi si sempre cercato di far pagare solo le spese. Non sono mancati anni in cui questi non fossero anche pi bassi dei costi, per poi coprire il resto con contributi di enti e istituzioni pubbliche. Oggi il segno pi evidente dellattivit della Societ dellAllegria sicuramente il centro estivo, che accoglie centinaia tra bambini e ragazzi dalla 1 elementare alle 3 media. Come linesauribile don Giovanni Savini - tra i principali

promotori dellassociazione tiene a sottolineare, "il Centro Estivo della Societ dellAllegria non vuole limitarsi ad essere uniniziativa dal carattere sociale, un modo per tenere occupati bambini e ragazzi in un periodo dellanno scomodo per quei genitori che si trovano in difficolt per la chiusura estiva degli istituti scolastici. O per lo meno, il carattere sociale deve esserne solo una conseguenza. Il centro estivo nasce come opera educativa e tuttoggi vuole continuare ad essere unopportunit di educazione alla fede". Il numero - aggiunge don Savini - oggi si valuta tutto o quasi in base ad essa, diventato troppo spesso lunico metro di giudizio con il quale si confronta la realt. Quindi, lofferta lavorativa valida sono se ben compensata economicamente, lesame universitario ha avuto buon esito solo se si raggiunto il voto massimo, il centro estivo valutato positivamente solo se accompagnato da un pacchetto assortito di attivit giornaliere. Ma questa non la proposta del centro estivo della Societ dellAllegria. Le

attivit qui sicuramente non mancano, la giornata ben organizzata, il numero di educatori pi che sufficiente, tempo per annoiarsi difficile trovarlo, ma la quantit di attivit proposte non , e non vuole essere, lappeal del centro estivo. Un percorso educativo costante durante la vita dei ragazzi che in estate fa tappa dagli amici della Societ dellAllegria, ecco, questo vuole essere il messaggio dellassociazione". Come si sviluppa il centro estivo 2011? Il periodo va dall11 luglio al 12 agosto. I turni sono due: il primo, al quale parteciperanno 250 ragazzi, parte l11 luglio e termina il 27 luglio; il secondo con 180 ragazzi inizia il 27 di luglio, per finire definitivamente il 12 agosto con una grande festa. La mattina i ragazzi sono accolti allo Ial (Istituto alberghiero di Cesenatico). Si inizia con un momento di preghiera e di canti. Da qui parte una giornata intensa: due bagni, lora dedicata ai compiti scolastici, la catechesi, il pranzo e la merenda. I ragazzi delle scuole superiori hanno un incontro che come tema questanno avr quello

Sono circa 400 i ragazzi divisi in due turni, coordinati da un gruppo affiatato di volontari che si dedica ai pi piccoli
dellaffettivit. Tutto si conclude con i canti del pomeriggio in riva al mare. I ragazzi partecipanti provengono complessivamente da un terzo delle parrocchie della Diocesi Cesena-Sarsina. A questi si aggiungono una nutrita schiera di ospiti, oltre agli ormai storici centri estivi della zona, ci sono anche quelli provenienti da Como, Milano, Sondrio, Poggi Ridenti. Una folta schiera di volontari sar impegnata ad accompagnare questi ragazzi durante il mese del centro estivo. Tra questi: insegnanti, catechisti, studenti delle scuole superiori, i ragazzi della Var (Volontari aiuto responsabili), universitari che decidono di arricchire il proprio curriculum con attivit inerenti al percorso di studi scelto, qualche caso di servizio civile.

Sala Fra le attivit originali proposte dagli educatori vi anche il corso di equitazione

Il Centro estivo come motore per la comunit


Tutti i grandi sono stati bambini almeno una volta, ma pochi di essi se ne ricordano. Forse Antoine de Saint-Exupery aveva ragione nella sua apertura del Piccolo Principe, ma in Italia, e specialmente in Romagna questa citazione andrebbe riadattata. Tutti i grandi sono stati bambini alloratorio, e quasi tutti se ne ricordano. Ecco, cos va meglio. Quasi tutti gli adulti di oggi non possono non avere impresse nella memoria le interminabili partite di calcio concluse solo al calar del sole o le acrobazie fatte per terminare il percorso del gioco della Settimana. Quelle atmosfere mai pi ritrovate, quello spirito che si creava solo in parrocchia. La naturale evoluzione delle estati passate nei cortili delle parrocchie, senza dubbio il Centro estivo: fra le tante parrocchie della zona del mare dove si organizza questo tipo di attivit, troviamo la parrocchia di Sala di Cesenatico, giunta ormai al suo terzo anno consecutivo di attivit, dopo un periodo di pausa. I numeri, per quel che riguarda la partecipazione, stanno cominciando a essere importanti con quasi 50 bambini pronti a scorrazzare per la parrocchia tutto il mese di luglio. Un risultato di rilievo, reso possibile grazie alla passione di tante persone che hanno creduto in questo progetto, a partire dal parroco don Luca Baiardi e dal fondamentale sostegno economico della Bcc di Sala. Ad accompagnare latmosfera propria delloratorio vi unorganizzazione curata nei minimi particolari. C grande attenzione nel mantenere un adeguato rapporto numerico fra bambini ed educatori e nel proporre attivit o gite divertenti e, allo stesso tempo, costruttive. Coordinatrice di tutte le attivit Francesca Albicini, che meglio di chiunque altro pu presentare le attivit e le linee guida di questo Cep: "Accogliendo bambini dai 6 ai 14 anni dobbiamo venire incontro alle esigenze di tutti e quindi cerchiamo di variare molto le attivit che svolgiamo. Durante la mattinata, oltre allo svolgimento dei compiti, c la possibilit di svolgere attivit manipolative come il decoupage oppure di prendere parte a numerosi giochi di squadra. Presso il centro Due Ponti i partecipanti possono usufruire di una nuovissima piscina e da questanno misurarsi in uno sport bellissimo e spesso poco conosciuto: lequitazione. Vengono organizzate numerose gite e nel mese di luglio proponiamo una grandissima festa con tutti i ragazzi iscritti e i loro familiari. Ovviamente non mancano i momenti di preghiera e riflessione". Francesco Zani

Gioved 30 giugno 2011

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Don Renato Baldazzi parroco a Balze e Montecoronaro


Lingresso domenica 17 luglio alle 17,30
Nei giorni scorsi il vescovo Douglas Regattieri ha nominato parroco di Balze e di Montecoronaro, nellAlta Valle del Savio, don Renato Baldazzi. Lingresso in parrocchia di don Renato fissato per domenica 17 luglio, in occasione della festa dellapparizione alle Balze.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Benedir il tuo nome per sempre, Signore
Domenica 3 luglio, XIV Domenica Tempo Ordinario - Anno A Zc 9,9-10; Sal 144; Rm 8,9.11-13; Mt 11,25-30
nei confronti delle nuove generazioni, non vediamo i risultati, ci siamo affidati a falsi maestri. In Educare alla vita buona del Vangelo i vescovi ci dicono di metterci alla scuola di Ges, lunico vero Maestro buono che ci insegna prima di tutto con la sua vita. Il suo giogo leggero anche se impegnativo. Al centro Ges ha messo lamore, la carit. Il cristiano che per vocazione un educatore, prima di tutto segue e imita Ges facendo propri i suoi atteggiamenti di mitezza e umilt: verso Dio con confidenza, obbedienza, docilit; verso gli altri con accoglienza, pazienza, discrezione, perdono, servizio. Se vuoi educare gli altri, lasciati prima educare da Cristo, facendoti suo imitatore e discepolo. Lapostolo, poi, scrivendo ai Romani ricorda che non sono pi sotto il dominio della carne, ma dello Spirito che abita in voi. Da cui ne consegue limpegno di far morire le opere della carne per vivere. La Chiesa promuove nei suoi figli unautentica vita spirituale, unesistenza secondo lo Spirito. Lo Spirito forma il cristiano secondo i sentimenti di Cristo, per non conformarsi a questo mondo. A questo deve mirare la nostra missione educativa quotidianamente. Sauro Rossi

La parola di ogni giorno


luned 4 luglio Santa Elisabetta Gen 28,10-22a; Sal 90; Mt 9,18-26 marted 5 Sant Antonio M. Zaccaria Gen 32,23-33; Sal 16; Mt 9,32-38 mercoled 6 Santa Maria Goretti Gen 41,55-57; 42,57; Sal 32; Mt 10,1-7 gioved 7 san Claudio Gen 44,18-21.23b29; 45,1-5; Sal 104; Mt 10,7-15 venerd 8 SantAdriano Gen 46,1-7.28-30; Sal 36; Mt 10,16-23 sabato 9 SantAgostino Zhao Rong e compagni Gen 49,29-33; 50,1526a; Sal 104; Mt 10,24-33

Don Theo e don Daniele vicari parrocchiali


A SantEgidio in Gambettola e a SantEgidio di Cesena
Nei giorni scorsi il vescovo Douglas Regattieri ha nominato vicari parrocchiali i due neo sacerdoti ordinati lo scorso 11 giugno. In particolare, don Theodule Koutchoro stato nominato vicario parrocchiale di SantEgidio abate in Gambettola, e don Daniele Bosi vicario parrocchiale a SantEgidio di Cesena.

Settimana biblica
In seminario a Cesena, dall11 al 15 luglio
Il libro di Giona, il profeta recalcitrante sar al centro delle riflessioni della Settimana biblica che si terr in seminario a Cesena, da luned 11 a venerd 15 luglio (ore 912). Relatore sar don Giancarlo Biguzzi, docente di Sacra Scrittura allUniversit Urbaniana di Roma. necessario che i partecipanti portino la Bibbia di Gerusalemme.

Gmg, incontro dei giovani a SantAlberico


Sabato 9 luglio insieme al vescovo Douglas
E ti vengo a cercare... il tema dellincontro a cui sono invitati tutti i giovani che parteciperanno alla Giornata mondiale della Giovent, in Spagna, nel prossimo mese di agosto. Lappuntamento, guidato dal vescovo Douglas, per sabato 9 luglio alleremo di SantAlberico, a Capanne di Verghereto. Ritrovo e accoglienza presso il piazzale delleremo a Capanne di Verghereto alle 17; alle 18 incontro, osservazione e ascolto al monastero delle Celle; alle 19,30 cena e a seguire salita alleremo e celebrazione della messa. Alle 23 consegna del segno e ritorno. Per info e conferma cena pg-x@libero.it, 346 3008218.

itorniamo al tempo liturgico ordinario con la liturgia della 14esima domenica. Al popolo ebreo che aspettava un re guerriero per liberare il popolo, il profeta Zaccaria annuncia la venuta di un re umile che avrebbe proclamato la pace: figura di Ges che nel vangelo di oggi si definisce umile e mite di cuore invitando ad imitarlo. Il vangelo di questa domenica stato definito un inno di giubilo, il suo magnificat. Ges ringrazia il Padre perch dona la sua rivelazione ai semplici. Si dichiara Figlio, unico conoscitore e rivelatore del Padre e invita alla sua sequela coloro che sono stanchi e oppressi. Con il suo venite a me invita a rompere con tutti gli altri maestri per attaccarsi al solo vero Maestro. Prendete il mio giogo non significa prendere su di s una serie di precetti, ma affidarsi alla sua persona. Equivale a seguirlo, attratti dal fascino della sua persona. Anche noi oggi siamo stanchi e oppressi, sfiduciati, incapaci, delusi, abbiamo spesso abdicato al nostro compito educativo

A MESSA DOVE
8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Madonna delle Rose, Osservanza, Boccaquattro, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Formignano, Bagnile, Casale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta, San Pietro, Torre del Moro 10.30 Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, San Mauro in Valle, Casalbono, Borello, Bulgaria 10.45 Ronta 11.00 Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Pietro, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Capannaguzzo, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria della Speranza, San Pio X, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale 18.30 San Domenico, San Rocco, San Pietro 19.00 Osservanza 20.00 San Bartolo 8.30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9.00 Cappuccini di Cesenatico;9.30 Villalta; 9,45 San Pietro Pescatore; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico; 10.45 San Giuseppe; 11.00 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18.00 San Giacomo; 21 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta; 20,30 Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18.00 Santuario Santissimo Crocifisso. Gatteo ore 20.00 (sabato); 9 / 11.15 / 18.00 SantAngelo: 20.00 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17.00 (sabato); 8.00 / 11.15. Villamarina: 16.00 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 20.30 (sabato), 8.30 / 10.30 / 18.00 Consolata: 19.00 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.00; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 18 (sabato), 7.00 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17.00 (sabato), 10.00; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16.00 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10.00 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 S. Piero in Bagno chiesa parr. ore 17.00 (sabato); 8.30 / 11.00 / 17.00. Chiesa San Francesco: 7.00 / 10.00 / 15.30. Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10.00. Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16.00; Montecoronaro: 17 (sabato), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7,30 Basilica del Monte; 7,45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8,30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9,30 Boccaquattro, Osservanza; 10.00 Cattedrale; 15.00 Cappella del cimitero; 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 17.30 Istituto Lugaresi, San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche); 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Osservanza; 18,30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza; 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X (Vigne).

Sabato e vigilie
16.00 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 17.00 Cappella del Cimitero, Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Cappuccini, Santuario dellAddolorata (chiesa dei Servi), Santo Stefano, Diegaro, Torre del Moro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Vittore 18.30 San Pietro, San Rocco, San Domenico, SantEgidio, Case Finali, Santa Maria della Speranza 19.00 Osservanza, San Bartolo, San Giorgio 20.00 Tipano 20.30 San Pio X, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Borello, Ponte Pietra, Ruffio, Calisese, Santa Maria Nuova, Pievesestina, Gattolino, Bulgaria, San Cristoforo, Bulgarn, Pioppa, Martorano 20.45 San Mauro in Valle

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Bulgaria, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina, San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 20,30 Sala; 21 San Giacomo Festivi: 8.00 San Giacomo, Cannucceto, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare;

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registronazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 24 del 23 giugno 2011: 13.100 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 28 giugno 2011

Vita della Diocesi


in occasione io Lettera del vescovo. Monsignor Regattieri scrive alla diocesiPapa Messagg del sessantesimo anniversario dellordinazione sacerdotale del

Gioved 30 giugno 2011

Notizie brevi Martorano


Festa Sacro Cuore di Ges
La parrocchia-santuario del Sacro Cuore di Ges in Martorano venerd 1 luglio celebra la festa del Sacro Cuore di Ges. La festa anticipata dal triduo solenne, con la presenza dei Missionari di Villaregia, iniziata marted 28 no a gioved 30 giugno: alle 20,30 la celebrazione della messa e, gioved 30 giugno, dopo la messa, ladorazione eucaristica. Venerd 1 luglio, festa del Sacro Cuore di Ges: al mattino messe alle 8 e alle 10; adorazione eucaristica fra le due celebrazioni (sar presente un confessore). Al pomeriggio: alle 15 adorazione eucaristica; alle 16 celebrazione dei vespri e alle 17 messa (sar presente un confessore). Alla sera: alle 21 solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo monsignor Douglas Regattieri e Atto di riparazione. Guider il canto il coro parrocchiale. Sabato 2 luglio, festa del Cuore Immacolato di Maria, messa alle 8 e alle 15 adorazione eucaristica, recita del rosario e, a seguire, messa.

I quattro s di Benedetto XVI


l 29 giugno 1951 il giovane Joseph Ratzinger veniva ordinato presbitero della Chiesa di Monaco di Baviera. Oggi, 29 giugno 2011, da Papa celebra il 60esimo di sacerdozio. Domenica 3 luglio la nostra Diocesi si raccoglie nella Chiesa Cattedrale per pregare per lui celebrando la Santa Messa alle ore 18: appuntamento per tutti, momento di comunione ecclesiale con colui che la Provvidenza ha designato come Vicario di Cristo in terra, Successore di Pietro, Sommo pontefice della Chiesa universale. - Il 19 aprile 2005, a Roma, al termine del conclave per lelezione del Sommo Pontefice dopo la morte del beato Giovanni Paolo II, il Signore attendeva il quarto S, chiamandolo alla guida della Chiesa universale. La nostra vuole essere semplicemente ma sinceramente unattestazione di affetto e di comunione che si esprime con la preghiera per lui e con la filiale obbedienza alle sue indicazioni pastorali. Realizziamo cos quanto egli stesso auspicava nellomelia dellinizio del ministero petrino il 24 aprile 2005: Ed ora, in questo momento, io debole servitore di Dio devo assumere questo compito inaudito, che realmente supera ogni capacit umana. Come posso fare questo? Come sar in grado di farlo? Voi tutti, cari amici, avete appena invocato lintera schiera dei santi, rappresentata da alcuni dei grandi nomi della storia di Dio con gli uomini. In tal modo, anche in me si ravviva questa consapevolezza: non sono solo. Non devo portare da solo ci che in realt non potrei mai portare da solo. La schiera dei santi di Dio mi protegge, mi sostiene e mi porta. E la Vostra preghiera, cari amici, la Vostra indulgenza, il Vostro amore, la Vostra fede e la Vostra speranza mi accompagnano. Aspetto tutti domenica 3 luglio in Cattedrale. Cesena, 24 giugno 2011, Solennit della nascita di san Giovanni Battista Douglas Regattieri vescovo

Appuntamento per tutti domenica 3 luglio alle 18 in Cattedrale a Cesena per la Messa in favore del Sommo Pontefice
Questa felice ricorrenza ci invita a rendere grazie a Dio per i diversi s pronunciati da Benedetto XVI e ripetuti per quattro volte: - la prima volta quando al fonte della Grazia venne alla fede. Quello fu il primo s detto dai suoi genitori e dai suoi padrini per lui, nel grembo della Chiesa nel quale egli nasceva. - Il secondo s quando davanti al suo Vescovo, il 29 giugno 1951, con limposizione delle mani sul capo diventava sacerdote di Cristo per sempre a servizio della sua Chiesa. - Il s della fede e della sequela si rinnov una terza volta quando, il 28 maggio 1977, sempre nella sua Chiesa madre di Monaco riceveva leffusione dello Spirito con la pienezza del sacerdozio nel dono dellepiscopato.

Padre Guglielmo Gattiani

Tanti fedeli alla celebrazione eucaristica e alla processione


mia carne per la vita del mondo Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciter nellultimo giorno Chi mangia questo pane vivr in eterno. Ha poi ricordato che anche la dimensione futura della vita del discepolo che si nutre dellEucaristia coinvolta. Infatti lEucaristia tensione verso la meta, pregustazione della gioia piena promessa da Cristo (cfr Gv 15, 11); in certo senso, essa anticipazione del Paradiso, pegno della gloria futura. Tutto, nellEucaristia, esprime lattesa fiduciosa che si compia la beata speranza e venga il nostro Salvatore Ges Cristo. Lomelia integrale che il vescovo Douglas Regattieri ha tenuto durante la celebrazione eucaristica del Corpus Domini, gioved 23 giugno al Carisport, disponibile sul sito www.corrierecesenate.it

Si chiude la fase diocesana del processo


l 17 giugno 2011 il Tribunale si Iincontrato con ilmonsignor Douglas vescovo della Diocesi di Cesena-Sarsina Regattieri, e dopo avere presentato lo stato di avanzamento del Processo stato deciso (salvo complicazioni) di chiudere la fase diocesana del Processo sabato 10 dicembre 2011 alle 17 nella Cattedrale di Cesena. Contestualmente si ricorda che il 15 di ogni mese, presso la chiesa dei Frati Cappuccini di Cesena, si ritrova il Gruppo di Preghiera del Servo di Dio padre Guglielmo Gattiani perch la Chiesa riconosca la santit del Servo di Dio proponendolo come meritevole della gloria degli altari. Il prossimo incontro si svolger venerd 15 luglio alle 21.

Corpus Domini dal Carisport a Santa Maria della Speranza


La celebrazione del Corpus Domini per la prima volta al Carisport. accaduto gioved della scorsa settimana, 23 giugno, in occasione della solennit del Corpo del Signore che per la prima volta coincisa anche con la fiera di San Giovanni in pieno svolgimento in centro citt, a Cesena. Per questo motivo si deciso di traslocare, in maniera del tutto eccezionale, sia per la celebrazione della messa sia per la seguente processione. Ben oltre mille i fedeli presenti (come mostrano le foto scattate da Claudio Furi) che si sono poi mossi in corteo fino davanti alla chiesa di Santa Maria della Speranza. Nellomelia il vescovo Douglas ha richiamato le parole del Vangelo di san Giovanni Se uno mangia di questo pane vivr in eterno e il pane che io dar la

Ufficio liturgico
Incontro ministri straordinari Comunione
Sabato 2 luglio dalle 15 alle 17,30, nei locali della parrocchia di Martorano, si terr lincontro di formazione e spiritualit per i ministri straordinari della Comunione. Don Pier Giulio Diaco illustrer il tema Eucaristia e cammini di fede, oggi.

Gioved 30 giugno 2011

Vita della Chiesa


Nomina Il cardinale Angelo Scola
nuovo arcivescovo di Milano
Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dellarcidiocesi di Milano presentata dal cardinale Dionigi Tettamanzi, in conformit al can. 401 1 del codice di Diritto canonico, e ha nominato arcivescovo metropolita di Milano il cardinale Angelo Scola, nora patriarca di Venezia. Lo ha reso noto marted alle 12 la sala stampa vaticana. Nato a Malgrate, arcidiocesi di Milano, nel 1941, dopo la laurea in losoa allUniversit Cattolica di Milano e quella in teologia allUniversit di Friburgo, il card. Scola stato ordinato sacerdote nel 1970 per la

LA CHIESA continua a interrogarsi anche alla luce delle tante conversioni

Medjugorie trentanni dopo la prima apparizione


l 24 giugno 1981 presero avvio le apparizioni mariane di Medjugorje. Fin dallinizio la valutazione di questo fenomeno divise il mondo dei credenti e cre tensioni anche allinterno della Chiesa e dei suoi pastori. Nel frattempo Medjugorje meta di milioni di pellegrini da tutto il mondo. Da poco pi di un anno papa Benedetto XVI ha nominato una commissione di studio su Medjugorje, guidata dal cardinale Camillo Ruini, della quale fanno parte cardinali, vescovi, teologi ed esperti di varie discipline; la commissione lavora in maniera strettamente riservata e far conoscere solo alla fine la propria valutazione, che verr consegnata alla Congregazione per la Dottrina della Fede. Nessuno in grado attualmente di dire una parola definitiva: si possono solo fare alcune considerazioni generali. Come per ogni presunto evento soprannaturale, la valutazione della Chiesa si muove sia sul piano scientifico sia su quello teologicopastorale. Nel caso di apparizioni, si tratta prima di tutto di stabilire attraverso la psicologia e la psichiatria lattendibilit dei veggenti e delle persone ad essi strettamente legate, verificandone la credibilit, lequilibrio e le condizioni generali, per escludere il dolo o la

suggestione. Se lesame scientifico d esito negativo, ossia non riscontra anomalie, allora la parola passa ai teologi, che verificano sia la conformit dei messaggi alla dottrina cattolica sia la qualit dei frutti di coloro che li ricevono. Medjugorje un caso piuttosto anomalo, perch le apparizioni sarebbero gi alcune decine di migliaia e i messaggi parecchie centinaia: il materiale da esaminare quindi enorme e sar difficile pronunciare una parola definitiva prima della conclusione di questi fenomeni. Non facendo parte della commissione, mi guardo bene dal dare un parere. Mi limito ad unimpressione e una constatazione. I messaggi sono semplici, diretti, ma un po sbilanciati - rispetto al Vangelo - sullaccentuazione del negativo, del peccato e dellazione del diavolo si potrebbe dire che sono messaggi ispirati nel complesso pi al tono di Giovanni Battista che a quello di Ges. La constatazione riguarda i buoni frutti che i pellegrinaggi a Medjugorje producono in tante persone: conversioni, desiderio di approfondire la preghiera e la vita cristiana. Non infine inutile ricordare che la Chiesa non obbliga a credere ai fenomeni soprannaturali, nemmeno a quelli che essa stessa ha riconosciuto autentici; la fede non si deve ancorare alle apparizioni - che sono semmai degli aiuti a credere e convertirsi - ma alla Parola di Dio, ai sacramenti e allamore per il prossimo. Erio Castellucci

Un po di cronaca
Nel pomeriggio del 24 giugno 1981 a Medjugorie, vicino alla citt di Mostar (oggi Bosnia-Erzegovina) quattro ragazze e due ragazzi affermarono di aver visto la Madonna. Il giorno dopo altri due si aggiunsero al numero dei veggenti, mentre due del primo giorno non ebbero pi apparizioni. Ivanka Ivankovic, Mirjana Dragicevic, Jakov Colo, Vicka Ivankovic, Ivan Dragicevic e Marija Pavlovic, di et compresa fra i 10 e16 anni, da quel giorno hanno dichiarato di aver quotidianamente ricevuto le apparizioni della Vergine, presentatasi come Regina della pace. I ragazzi oggi sono tutti sposati. Equipe di scienziati negli anni 84, 85 e 98 hanno svolto accurate indagini con i moderni strumenti scientifici, concludendo che lestasi dei veggenti non un sonno, n un sogno e non ha caratteri patologici. Papa Benedetto XVI ha insediato il 26 marzo 2010 una Commissione internazionale dinchiesta, presieduta dal cardinal Ruini, dopo che due indagini diocesane non sono giunte a conclusioni condivise e definitive.

diocesi di Teramo. Dal 1970 al 1991 stato, tra laltro, membro del Comitato direttivo delledizione italiana di Communio, professore di antropologia teologica allIstituto Giovanni Paolo II per gli studi su matrimonio e famiglia (Ponticia Universit Lateranense), vescovo di Grosseto. Nel 1995 stato nominato rettore della stessa Universit e preside dellIstituto. Il 5 gennaio 2002 stato promosso alla sede patriarcale di Venezia e creato cardinale nel Concistoro del 21 ottobre 2003. Presidente della Conferenza episcopale triveneta, membro del Comitato per il progetto culturale, delle Congregazioni per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti e per il Clero, del Comitato di presidenza del Ponticio Consiglio per la Cultura, del Ponticio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, del Comitato di Presidenza del Ponticio Consiglio per la Famiglia.

Vita della Chiesa

Gioved 30 giugno 2011

Il pane di Dio, tesoro pi prezioso della Chiesa


LEucaristia come antidoto che opera nelle menti e nei cuori dei credenti e continuamente semina in essi la logica della comunione, del servizio e della condivisione
ROMA, 23 GIUGNO: BENEDETTO XVI HA PRESIEDUTO MESSA E PROCESSIONE EUCARISTICA NELLA SOLENNIT DEL CORPUS DOMINI (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

io dona il cibo alle sue creature: nel deserto ha nutrito il suo popolo nel faticoso esodo verso la terra promessa con la manna; Ges il pane donato da Dio per la vita del mondo, per il popolo pellegrinante verso il di Fabio Zavattaro regno. Nel giorno in cui la Chiesa celebra il Corpus Domini, la festa dellEucaristia, il sacramento del Corpo e Sangue del Signore, istituito nellultima cena e che costituisce il tesoro pi prezioso della Chiesa, papa Benedetto ricorda che la comunione con il Corpo di Cristo farmaco dellintelligenza e della volont, per ritrovare il gusto della verit e del bene comune. LEucaristia, ricorda ancora il Papa, come il cuore pulsante che d vita a tutto il corpo mistico della Chiesa: un organismo sociale tutto basato sul legame spirituale, ma concreto con Cristo. Di fronte allindividualismo che prevale nel mondo occidentale, ma che rischia di espandersi in tutto il mondo, ecco la risposta che viene dallEucaristia, che porta tra gli uomini la logica della condivisione evangelica. Le parole di Ges che leggiamo in Giovanni, io sono il pane vivo disceso dal cielo: se uno mangia di questo pane vivr in eterno, ci indicano in Ges colui che rivela il Padre e che pu dare la vita al mondo con la sua stessa vita; e il

AllAngelus di domenica 26 giugno una riflessione del Papa sulla comunione

mangiare la mia carne e bere il mio sangue, che sempre in Giovanni leggiamo, hanno un valore spirituale, cio di assimilare nella propria vita la vita di Cristo: credere, dunque, ascoltare la parola del Vangelo e fare concretamente e quotidianamente la volont del Padre. ancora un Dio amore che ci ricorda che senza lEucaristia la Chiesa semplicemente non esisterebbe. infatti lEucaristia, ricorda allangelus il Papa, che fa di una comunit umana un mistero di comunione, capace di portare Dio al mondo e il mondo a Dio. Lo Spirito Santo, che trasforma il pane e il vino nel Corpo e Sangue di Cristo, trasforma anche quanti lo ricevono con fede in membra del corpo di Cristo, cos che la Chiesa realmente sacramento di unit degli uomini con Dio e tra di loro. Limmagine che Benedetto XVI evoca nella sua riflessione domenicale quella dei primi cristiani a Gerusalemme, segno evidente, afferma, di un nuovo stile di vita. Cos oggi immersi come siamo in una cultura sempre pi individualistica, e che tende a diffondersi in tutto il mondo, lEucaristia costituisce una sorta di antidoto, che opera nelle menti e nei cuori dei credenti e continuamente semina in essi la logica della comunione, del servizio, della condivisione, insomma, la logica del Vangelo. E c una seconda immagine che viene alla mente: Cristo risorto che realmente presente in mezzo ai suoi discepoli. lui il pane che non proviene dalla terra ma discende dal cielo e che deve essere mangiato per dare nuova vita agli uomini. il grande messaggio che cela il mistero della comunione e del dono: per dare la vita occorre perdere la vita, e la vita che perdo in me la vedo fiorire nellaltro. Eucaristia come sacramento di amore, di carit, di comunione. La Chiesa, afferma ancora papa Benedetto, attraverso i secoli, e malgrado i limiti e gli errori umani, ha continuato ad essere nel mondo una forza di comunione. Il Papa conclude la sua riflessione domenicale sottolineando che il vuoto prodotto dalla falsa libert pu essere altrettanto pericoloso, e allora la comunione con il Corpo di Cristo farmaco dellintelligenza e della volont, per ritrovare il gusto della verit e del bene comune. E auspica che anche la nostra vita diventi pienamente eucaristica, aperta a Dio e agli altri, capace di trasformare il male in bene con la forza dellamore, protesa a favorire lunit, la comunione, la fraternit.

Catholica

di Stefano Salvi

DOPO 93 ANNI A SAN PIETROBURGO PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI Domenica 26 giugno per la prima volta dopo 93 anni a San Pietroburgo si svolta la processione del Corpus Domini guidata dallarcivescovo di Mosca monsignor Paolo Pezzi sulla prospettiva Nevsky, la strada principale della citt, dove si affacciano chiese cattoliche, ortodosse, luterane e armene e per questo motivo chiamata via della tolleranza. IN PAKISTAN DONNE RAPITE E CONVERTITE CON LA FORZA ALLISLAM Lagenzia Fides, dal 1927 organo dinformazione delle Pontificie Opere Missionarie, il 25 giugno ha pubblicato la notizia che le organizzazioni non governative espressione dei Domenicani, dei Francescani e Pax Romana, fondata da alcuni cattolici statunitensi, presenteranno nelle prossime settimane al Consiglio Onu per i Diritti Umani di Ginevra un appello sul caso di Farah Hatim, di 24 anni, infermiera cristiana, rapita l8 maggio a Rahim Yar Khan in Pakistan da un impiegato di banca musulmano perch si converta allIslam in modo tale che lui la possa sposare. La ragazza, orfana di padre e con cinque fratelli, stata minacciata, percossa e, sotto tortura, ha firmato una dichiarazione in cui afferma di essersi convertita di sua volont, liberamente. I familiari di Farah si sono recati subito alla polizia per sporgere denuncia, ma alcuni agenti li hanno invitati a lasciare perdere. Dopo le pressioni della comunit cristiana, che a Rahim Yar Khan ha circa 2mila fedeli, finalmente stata registrata una prima informativa sul caso. Si vuole portare a conoscenza del mondo questo caso, proprio perch ogni anno ci sono circa 700 casi in Pakistan di islamizzazione forzata. Come scriveva lagenzia Fides l11 giugno Farah, cattolica islamizzata con la forza, rischia di essere venduta allestero. ATTACCO A CHIESA COPTA IN EGITTO In Egitto il 23 giugno centinaia di salafiti, che manifestavano contro il restauro di una chiesa copta, hanno assediato per 5 ore la chiesa di san Giorgio nel villaggio di Bani Ahmed e tentato di uccidere padre George Thabet, che stava celebrando la messa.

Attualit
Violenza sessuale a Fano
offerenza e vergogna per latto di violenza a Sdanno di unadiadolescente nel corsonome della della Notte bianca nella citt Fano: lha espressa a condividere concretamente con tanti ragazzi/e che amano la vita senza disprezzarla, che vivono il rapporto con il proprio corpo e quello dellaltro in modo sano senza farsi gioco di esso, che non tutti i ragazzi sono malati. Ai giovani che si sono macchiati di una ferita indelebile cos forte - ha affermato don Ruggeri - linvito a vivere un tempo molto prolungato al anco di senza ssa dimora, servendo i pasti alla mensa dei poveri, in una casa per ragazzi e ragazze diversamente abili, imboccando chi non riesce a mangiare e facendo delle notti al anco di ammalati in ospedale.

Gioved 30 giugno 2011

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

diocesi di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola don Giacomo Ruggeri, portavoce del vescovo monsignor Armando Trasarti. Le prime parole sono per la famiglia della ragazza e per lei stessa: una qualsiasi forma di violenza, specie quella sica, segna coscienza e cuore per sempre. Per la ragazza, vittima di quanto accaduto, partecipare a campi scuola, esperienze di condivisione e di servizio proposte dalle parrocchie - ha ricordato don Ruggeri -pu aiutare a vivere e

IL VATICANO RADDOPPIA SUL WEB

Intervista al vescovo di Bengasi monsignor Sylvester Carmel Magro

Libia, la Chiesa a fianco della gente


n appello perch torni presto la pace e la riconciliazione in Libia. A parlare monsignor Sylvester Carmel Magro, vicario apostolico di Bengasi, che descrive la lenta ripresa della sua comunit e della citt di Bengasi, da mesi sotto il controllo degli insorti del Consiglio nazionale di transizione (Cnt). Secondo notizie degli ultimi giorni difficili da verificare - alcuni ex ufficiali libici fuggiti in Tunisia hanno riferito che le forze fedeli a Muammar Gheddafi hanno ucciso pi di 15mila libici e arrestato 30mila persone dallinizio della rivoluzione il 17 febbraio scorso. Luned scorso la Corte penale internazionale ha deciso di incriminare il leader libico per crimini contro lumanit. Com la situazione a Bengasi? La situazione a Bengasi non pi pericolosa come prima, perch ora i combattimenti si sono spostati nella zona di Tripoli, molto lontano da noi. C uno sforzo generale di ripresa, anche se la gente ancora molto scossa da quanto accaduto. Si tenta di tornare alla vita di prima. La vita religiosa e quella civile stanno riprendendo. Siamo riusciti perfino a celebrare la Settimana Santa. Ora c pi speranza. La Chiesa in Libia rimasta accanto alla gente: come maturata questa decisione? Quando ci siamo trovati nel momento pi difficile ci siamo chiesti cosa fare: c stata una risposta unanime. Abbiamo deciso di rimanere, come Chiesa e come cattolici, per stare

LIBIA, 27 GIUGNO: IN FESTA PER IL MANDATO DI CATTURA EMESSO DALLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE NEI CONFRONTI DI GHEDDAFI (FOTO AFP/SIR)

La descrizione della lenta ripresa della comunit e della citt di Bengasi, da mesi sotto il controllo degli insorti del Consiglio nazionale di transizione
vicino alla gente. Al tempo stesso abbiamo dato la libert di seguire la propria coscienza a chi volesse partire. Sono rimaste 30 suore che lavorano come infermiere negli ospedali. Non se la sono sentita di abbandonare la gente nel momento della sofferenza, per dare una testimonianza di Chiesa. Anche perch migliaia di infermiere filippine e indiane sono state evacuate dai rispettivi governi. Allinizio del conflitto, a met marzo, molti non si aspettavano che saremmo rimasti. Quando se ne sono resi conto c stato un momento di grande gioia e consolazione. La vita della comunit ha ripreso normalmente? Quanti cattolici ancora a Bengasi? Allinizio dei combattimenti abbiamo chiuso la chiesa perch la gente aveva paura di spostarsi. Per partecipavano alla messa nelle cappelle delle suore. Da un mese abbiamo ripreso a celebrare la messa ogni venerd e la chiesa piena, anche se siamo rimasti in pochi, solo 250 persone. I cattolici sono in maggioranza filippini, ma anche nigeriani, ghanesi e camerunesi. Prima seguivamo un totale di circa 10mila cattolici, tutti immigrati. stato un esodo tremendo. Ricordo con commozione quando li ho salutati al porto: 1.400 filippini si sono imbarcati con una nave, unaltra nave ha portato via gli indiani... Quali altri momenti pi dolorosi ricorda? Quando sono andato a benedire le salme dei due reporter, un inglese e un americano, uccisi a Misurata ad aprile. Le famiglie, anche se anglicane, mi hanno chiesto di officiare i riti funebri e mi hanno ringraziato. stato un momento molto commovente. Cosa pensa dellintervento militare occidentale? Non mi intendo di politica e un mio giudizio sarebbe al di l delle mie competenze. Aspettiamo e speriamo solo che torni la pace e che siano esaudite le nostre preghiere e i nostri sacrifici. Vuole lanciare un appello? Pregate per noi. Speriamo che tutto si risolva per il bene del Paese e dei cittadini. La nostra preghiera che torni presto la pace e la riconciliazione. Questa ora la nostra grande sfida. Patrizia Caiffa

a maratona intercontinentale di adorazione eucaristica, promossa dal card. Mauro Piacenza, prefetto della Congregazione per il Clero, non lunico regalo che Benedetto XVI ricever per il 60esimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale. C anche un sito internet. Dal 29 giugno, infatti, attivo www.news.va, un portale multimediale di informazione in cui possibile trovare le principali notizie stampate o messe in onda dai diversi media dOltretevere, dallOsservatore Romano a Radio Vaticana, compresi anche i filmati del Centro Televisivo Vaticano. Ampio spazio, naturalmente, ai social network: Twitter in primo luogo, e poi Facebook e YouTube, dove la Santa Sede ha gi un canale dedicato. Il sito tradizionale, che ha appena rinnovato la sua veste grafica, continuer a fornire limponente servizio di documentazione del magistero papale e dei diversi dicasteri pontifici. The Vatican Today, il Vaticano oggi, lo slogan che sovrasta le finestre animate del nuovo giornale on line, lanciato da Benedetto XVI in persona con un tocco dello schermo dopo i primi Vespri di San Pietro e Paolo. Era stato lo stesso pontefice, nella lettera ai vescovi del mondo sulla remissione della scomunica ai quattro vescovi lefebvriani, a riconoscere come doverosa unattenzione maggiore a internet, anche al fine di ovviare a spiacevoli disavventure comunicative. Con il nuovo portale, cresce la presenza dei contenuti religiosi nel cyberspazio, a conferma della connaturalit della fede con la vita degli uomini, in tutti i suoi aspetti. lecito aspettarsi anche una correttezza maggiore in chi informa sulla vita della Chiesa e sui discorsi del papa. Benedetto XVI pi di tutti i predecessori stato vittima, suo malgrado, di riduzioni semplicistiche o addirittura deformazioni operate dalle agenzie di stampa. Di informazione religiosa, ad esempio sulle reti Rai, se ne fa molta (alcuni dicono persino troppa), ma la sensazione che si rimanga alla superficie, ad un livello epidermico. Cos scriveva sul suo blog Giuseppe De Carli, indimenticato vaticanista televisivo, alcuni mesi prima della morte. Il suo desiderio, e leredit che ha lasciato, era capire quali devono essere i binari sui quali pu correre una informazione religiosa corretta, rispettosa, non appesantita da commenti impropri, liberata dalla voglia di apparire. I diretti interessati fanno la loro parte. Obiettivo del nuovo sito spiega il portavoce vaticano padre Federico Lombardi la presentazione ad un vasto pubblico del meglio e del pi dinamico che c allinterno delle nostre diverse iniziative. La sfida proporre e rilanciare contenuti che siano condivisibili.

il Periscopio

di Zeta
capito. Quando lho visto mi sono ricordato di lui, di quando anche allora, sul finire degli anni Settanta, portava gi la barba incolta. Era pi di una promessa. Gareggiava con Lucchinelli e con gli altri che ho citato allinizio. Aveva un suo stile, anche se non era forte come Valentino. Al figlio ha saputo trasmettere la passione per le moto e il gusto per divertirsi dopo il traguardo e solo se si vince, come precisa Graziano ai soci del Panathlon. Molti fanno domande sul figlio, sul futuro con la Ducati, sulla Formula 1. Valentino ha deciso da quando ha firmato con la casa di Bologna: ormai credo che non andr pi con le quattro ruote nella massima categoria. Mio figlio ha compreso RISTORANTE CERINA DI SAN VITTORE DI CESENA: DA SINISTRA, RUDY DAL POZZO, che conta troppo la macchina e troppo poco il GRAZIANO ROSSI, FABIO AMADORI E UGO VANDELLI pilota. Non fa per lui, come non fece pi per Graziano che abbandon le gare a 32 anni, dopo situazioni, ma se il settore corse a Bologna occupa 100 un gravissimo incidente sul circuito di Imola. Una persone, in Giappone ne tiene impegnate mille. Come ci mezza giornata trascorsa in coma, tre mesi di recupero si sente a essere i padri di? una soddisfazione per tornare a vedere bene bastarono al Rossi di allora enorme e penso sia il primo caso nel mondo del per dire basta. In moto non bisognerebbe cadere mai, motociclismo. unaltra impennata (dorgoglio) del dice Graziano senza mezzi termini. corridore di un tempo, come sotto la bandiera a scacchi. La differenza fra i giapponesi dellHonda e la casa (707) emiliana? Qui ci si adatta pi in fretta alle nuove

Graziano Rossi, babbo di Valentino, stato ospite del Panathlon Valle Savio

Di padre in figlio

orse a molti i nomi di Kenny Roberts, Johnny Cecotto e Randy Mamola non dicono nulla o quasi. Invece chi ha qualche anno in pi come il sottoscritto comprende subito che stiamo parlando di motociclisti coi fiocchi. Fra loro, a gareggiare sui circuiti di mezzo mondo, cera anche un italiano dal cognome importante, Graziano Rossi. Lho incontrato qualche sera a una conviviale del Panathlon club Valle del Savio. Un personaggio semplice, alla mano, del tutto disponibile a farsi interrogare sul mondo dei motori di ieri e di oggi. Uno che la sa lunga su come girano i contratti e di come ci si pu fare strada in un settore nel quale emergere davvero difficile. Proprio come sta accadendo al fratello piccolo di Valentino Rossi che a 13 anni vince gi parecchio, ma ha una pesante eredit da portare. Graziano il babbo di Valentino, i lettori lavranno gi

12

Gioved 30 giugno 2011

Cesena
Produce germogli
Batterio killer: azienda cesenate in ginocchio
La bufera mediatica sul batterio killer ha fatto anche una vittima nel cesenate. Si tratta dellazienda Vivo di San Giorgio che produce germogli commestibili e che in un mese ha visto crollare il fatturato del 90 per cento. Se ne parlato la scorsa settimana durante un incontro a cui hanno partecipato il titolare Petro Farnedi, Paolo Bruni, presidente del Cogeca e Pierlorenzo Rossi direttore provinciale di Confcooperative. Tutto nato a ne maggio quando in una regione della Germania ci sono stati

I locali si trovano alle "Palazzine" e possono ospitare fino a otto ricoverati

Una "casa" rinnovata per il Centro di salute mentale


Sanit
Foto Antonio Giangrasso

Attualmente sono 3705 gli utenti in carico al Centro di salute mentale di Cesena, che nel 2010 ha erogato oltre 57mila prestazioni con 1196 prime visite
uova sede per il Centro di salute mentale (Csm) di Cesena, situata nelle Palazzine dellospedale Bufalini (via Brunelli, 450). I locali del Centro di Cesena sono stati completamente ristrutturati, permettendo lavvio di un nuovo Centro diurno e lallestimento di 4 stanze per lospitalit degli utenti. Particolare cura stata rivolta anche alla zona esterna del Centro, che ha un giardino e uno spazio esterno mentre le mura della struttura sono state dipinte da un gruppo di 30 utenti, coordinato dallartista Tinin Mantegazza. La nuova sede consente anche una migliore integrazione tra i precorsi di cura e quelli di carattere riabilitativo, grazie alla contiguit tra Csm e centro diurno e garantisce laccoglienza in tempo reale ad accesso diretto. Il Csm oggi il luogo di cura pi simile possibile alla vita normale, dove la persona

con problemi di salute mentale resta dentro la sua comunit ed esercita il diritto a essere assistita 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Allattivit del centro diurno, aperto dalle 8 alle 20 dal luned al sabato e dalle 8 alle 14 la domenica, infatti, si aggiunger a partire dal mese di settembre anche una ospitalit notturna nelle stanze ad arredo familiare che sono gi pronte. Una ospitalit che tender a ridurre il ricorso al ricovero e risponder alle necessit cliniche e anche sociali, riabilitative e relazionali. Un modo e un approccio innovativi che vogliono

rendere meno rigido il sistema di cura e prevedere unaccoglienza "demedicalizzata", attuabile solo attraverso unalta professionalit e attenzione ai reali bisogni espressi dagli utenti. Se la sofferenza si sviluppa nelle case e nel territorio, un servizio non pu che rispondere nelle case e nel territorio, confinando i luoghi speciali della cura a momenti eccezionali o modificando i luoghi della cura in ambienti "umanizzati" per raggiungere una vita soddisfacente. Attualmente sono 3705 gli utenti in carico al Centro di salute mentale di Cesena, che nel 2010 ha erogato oltre 57mila prestazioni con 1196 prime visite e l8,6 per cento degli utenti in carico sono stati dimessi. Gli utenti che frequentano con programmi individualizzati il Centro Diurno sono 20. I

Comfort, sicurezza e costi


Nei nuovi ambienti sono stati realizzati impianti di condizionamento estivo e di rilevazione incendi. Particolare cura stata dedicata alla scelta e alla realizzazione delle nuove niture (porte, tinteggiatura e pavimenti) per conferire allambiente un aspetto accogliente e familiare. Il costo complessivo dellintervento, sostenuto dallAzienda Usl di Cesena, ammonta a 610mila euro (iva compresa).

Trattamenti sanitari obbligatori nel 2010 sono stati 14, contro i 40 della media dei tre anni precedenti. Le Borse lavoro sono state 126. Gli utenti inseriti in strutture riabilitative sono stati 109. Le giornate di ricovero presso lospedalit privata sono passate da 3570 nel 2008 a 1991 nel 2010. Ledificio, il cui complesso risale agli anni 70, si estende su una superficie di 800 metri quadrati. I lavori di ristrutturazione hanno previsto la creazione di una vasta area per le attivit diurne, composta da una cucina-sala da pranzo, una sala polivalente separata da una parete mobile e da una sala relax collegata allesterno da unampia porta finestra scorrevole. Larea esterna, retrostante al fabbricato, stata pavimentata e attrezzata per consentire lo svolgimento di attivit allaperto. Larea dedicata al Centro di Salute Mentale H24 composta da quattro camere da letto (due singole e due doppie) dotate di servizi igienici, una stanza riservata al personale infermieristico e un locale dedicato al servizio di accettazione. I restanti ambienti non hanno subito modifiche strutturali ma semplicemente un cambio di destinazione duso.

numerosi morti a causa di uninfezione di un batterio. Le autorit tedesche prima hanno puntato lindice sui cetrioli spagnoli, poi sui germogli di soia. "A questo punto - ha detto il titolare - per il nostro comparto sono cominciati i guai. E anche se poi i germogli sono stati scagionati, la frittata era fatta e le vendite sono crollate". "Le autorit tedesche - gli ha fatto eco Bruni - non si sono comportate come avrebbero dovuto. Hanno accusato un prodotto senza aver dati scientici certi per le mani. E questo ha penalizzato non solo i germogli, ma anche le verdure e in parte la frutta".

SPOSI DA 60 ANNI
Giacinto Alessandri Iride Fiumana
Dopo 60 anni stesso amore, stesso rispetto, stessa dedizione alla famiglia Auguri da Cinzia, Marco, Fiorella, Maria Chiara, Simone, Giacomo, Claudia, Anna

Cesena
Appuntamenti Unestate con 120 possibilit per svagarsi
Una quindicina di rassegne per quasi 120 appuntamenti che spaziano dalla musica alla letteratura, dal cinema al teatro, senza dimenticare le mostre darte. Anche nel 2011 Cesena non chiude per ferie, ma propone un cartellone per tutti i gusti, che nelle sere destate animer alcuni degli spazi culturali pi suggestivi della citt. Compie dieci anni "Autori sotto le stelle", una delle rassegne pi amate dal pubblico cesenate. Organizzata in collaborazione con la Libreria Mondadori nei mercoled di luglio al chiostro di San Francesco arriveranno il giornalista Oliviero Beha con "Nel paese del televoto", Eraldo Baldini con "Luomo nero e la bicicletta blu", il comico Alberto Patrucco con "Necrologia- Un libro lapidario" e, inne, Beppe Severgnini con "La pancia degli italiani Berlusconi spiegato ai posteri". A luglio torneranno anche "I venerd sera in centro" con negozi aperti no alle 24 in occasione dei saldi estivi, musica, animazioni per tutta la famiglia, visite culturali alla scoperta del centro storico. Il cinema sar grande protagonista con il programma di "Piazze di cinema", dal 3 al 16 luglio con proiezioni allaperto..

Gioved 30 giugno 2011

13

Notizie brevi Crc


Nuove nomine alla Fondazione
Il Consiglio generale della Fondazione, nella seduta di luned scorso, ha nominato sei nuovi componenti del Consiglio stesso, a completamento della propria composizione, per il mandato in corso 2009-2012. Sono stati nominati: Fausto Aguzzoni, Valdes Onofri e Giampiero Teodorani, gi designati dallassemblea dei soci del 18 giugno scorso; Stefano Bernacci, segretario generale della Confartigianato Federimpresa Cesena, designato dalla Provincia, Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate, designato dalla Diocesi, Luca Panzavolta, dirigente della CiaConad, su designazione delle Associazioni delle categorie economiche del territorio. Risulta cos terminato il processo di rinnovo degli organi della Fondazione, avviato lo scorso mese di aprile con la nomina del presidente Bruno Piraccini e il rinnovo del Consiglio di amministrazione.

Quartiere Oltresavio

Raccolta dei rifiuti Tra la gente giudizi positivi


La differenziata, dopo i primi momenti di smarrimento, sta avendo successo Le lamentele rivolte ad Hera sono state prontamente recepite e risolte
a raccolta differenziata "porta a porta" nel quartiere Oltresavio, compie un mese di vita. Abbiamo raccolto riflessioni, suggerimenti e lamentele da parte di alcuni cittadini con differenti esigenze in diverse zone del quartiere. Per Claudia Fiumana, mamma di due bambini in tenera et , nelle prime settimane dalla partenza del progetto vi sono stati problemi dal punto di vista organizzativo: "Ho dovuto chiamare il servizio clienti di Hera perch dopo 15 giorni dallinizio della raccolta lorganico non era ancora stato ritirato - spiega -. Ma dopo la mia segnalazione Hera ha provveduto allimminente ritiro del compost e inoltre ogni 2 o 3 giorni ricevo la chiamata per sapere se tutto procede come da modulo di attestazione ritiro".

Rotary
i rifiuti domestici da destinare alla indifferenziata sono diminuiti in maniera esponenziale". I contenitori per la raccolta domiciliare sono supportati da altri, definiti stradali, quali ad esempio quelli per la raccolta della plastica, del vetro, della carta, degli scarti vegetali. Per Sergio Amadori, pensionato ottantaduenne, manca la sensibilit da parte di parecchia gente. "I cassonetti per la raccolta degli scarti vegetali posti nella zona stradale vengono occupati da ogni genere di rifiuto e nelle zone adibite a tali contenitori vengono scaricati rifiuti ingombranti che andrebbero consegnati alla isola ecologica. Faccio un appello perch tutti i cittadini collaborino alla buona riuscita del progetto in modo che gli sforzi di ciascuno non siano vani". Giusy Riciputi

I contenitori per la raccolta domiciliare del compost di colore marrone e quelli per la indifferenziata di colore grigio, devono essere posti allesterno dellabitazione e sono in comodato duso. Il ritiro della indifferenziata avviene una volta la settimana mentre lorganico viene ritirato due volte la settimana. Il compost, essendo materiale organico, pu causare, soprattutto in estate, cattivi odori: "Secondo il mio parere il ritiro dellorganico andrebbe fatto almeno tre volte in sette giorni, soprattutto nel periodo estivo - dice Elisa, mamma di Tommaso di tre anni -. Inoltre trovo molto comodo che per i pannolini, che altrimenti andrebbero gettati nella indifferenziata, vi siano nella mia zona dei contenitori accessibili solo ai possessori della chiavetta. Da quando partito il porta a porta ho notato che

Cambio al vertice
Come ogni anno nellultima settimana del mese di giugno "gira la ruota" del Rotary Club. Un presidente termina il proprio mandato passando "martello e campana" al nuovo. La cerimonia del passaggio delle consegne (la cinquantaquattresima per il sodalizio cesenate) fra Umberto Selleri e Antonio Venturi in programma gioved 30 giugno allHotel Gallia di Milano Marittima. Antonio Venturi Casadei (nella foto), 55 anni, laureato in giurisprudenza coniugato con Maria Cristina De Paoli e padre di sei glie, un affermato professionista in consulenze del lavoro. Il Consiglio direttivo del sodalizio cesenate composto, oltre che dal presidente, anche da quello uscente Umberto Selleri e da quello designato per lanno successivo Sara Santoro in Bianchi. Al loro anco i consiglieri Giuliano Arbizzani, Maurizio Tortolone, Maurizio, Zappatore, Magal Prati, Enrico Ghirotti e Ivan Venturi. Completano la "squadra"Antonio De Florian (tesoriere), Franco Fioravanti (prefetto) e Moreno Pirini (segretario).

Quartiere Al Mare

Nicoletta DallAra presidente

Cesena

San Giovanni, poesia che piace


Grande affluenza di pubblico venerd 24 giugno nella corte di Palazzo Romagnoli per la decima edizione di "Poeti a San Giovanni". Fra le antiche mura sono risuonati dapprima i sorprendenti versi di "Rimbambimenti romagnoli", dedicati alla memoria della sua terra da Davide Rondoni e poi, nella ne lettura di Ilario Sirri, le traduzioni in dialetto dei grandi classici. Di toccante intensit fra le altre la traduzione del "Canto di Priamo" di Tonino Guerra.

Banca di Cesena

3800 euro per la pediatria


Lassociazione Giovani Banca di Cesena e listituto bancario hanno raccolto 3800 euro durante il pic nic di solidariet dei giorni scorsi ai giardini pubblici. Il ricavato della manifestazione stato devoluto al reparto di pediatria dellospedale Bufalini.

Il Consiglio del quartiere Al Mare ha eletto il nuovo presidente, che sostituisce il dimissionario Nazario Sintini (diventato presidente di Banca Romagna Cooperativa). Si tratta di Nicoletta DallAra, consigliere residente a Bulgarn. Come consigliere subentrato Massimo Bocchini di Macerone.

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA CENTRALE (Adiacenze Stazione) Appartamento di recente costruzione al secondo piano con ascensore composto da soggiorno angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, balcone, garage. Impianti autonomi e aria condizionata. 275.000 euro / Rif. 1050

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CASE FINALI immerso nel verde appartamento nuovo a piano terra con ingresso indipendente e spaziosa corte privata. Riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata. Informazioni in ufficio.

MADONNA DELLE ROSE Trilocale al quinto piano con loggia panoramica composto da soggiorno, cucina, letto matrimoniale, bagno, cantina e garage. In parte da rivedere 180.000 euro / rif. 1017 ZONA CENTRALE - VIALE CARDUCCI In condominio ben conservato al piano terzo con ascensore appartamento internamente da rivedere composto da ingresso, soggiorno di mq. 30, cucina, 2 letto matrimoniali, disimpegno, bagno, balcone, cantina. Impianti Autonomi. 260.000 euro / Rif. 0963 ZONA VIGNE in contesto tranquillo e ben servito appartamento al 1 piano con ascensore composto da cucina abitabile, ampio salotto, 2 letto matrimoniali, 2 bagni, 2 balconi, garage. Aria condizionata, impianti autonomi e a norma. 200.000 euro / Rif. 1069 TIPANO 2 villette in bifamiliare con spaziosa zona giorno, 3 letto, 3 bagni, sottotetto, portico, ampio giardino con attrezzaia. Info in ufficio. / Rif. 0564

ZONA MONTE villetta indipendente dangolo su lotto di mq. 590 con possibilit di ampliamento. Rif. 0956 Trattativa riservata

LOCAZIONI
ZONA CENTRALE appartamento anno 2004 con soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, 2 balconi, garage. Impianti autonomi. ARREDATO. 650 euro ZONA OLTRESAVIO in palazzina elegante di recente costruzione appartamento composto da soggiorno - angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, ampio balcone, garage, cantina. NON ARREDATO. 600 euro / rif. 1074 RIO MARANO villetta abbinata ben rifinita e di circa 150 mq. con a piano terra sala con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino, portico e posto auto; al piano interrato ampia taverna, cantina, ripostiglio, lavanderia. NON ARREDATA. 1100 euro / Rif. 1037

Cesenatico

Gioved 30 giugno 2011

15

Lo chiedono le associazioni, ma il Governo non ha i soldi neppure per il blocco di 30 giorni

Pescatori: pesca da fermare per almeno 45 giorni


ermo pesca 2011, ancora tutto in alto mare. Da un lato il Ministero rilancia il problema della mancanza risorse, dallaltra la cooperazione indica la strada su come trovare le disponibilit finanziare per prolungare il fermo della pesca da 30 a 45 giorni. Quindici giorni in pi, e a partire da fine agosto sino a met settembre, confidando poi in un mare pi popolato di pesce. Anche perch ormai da un quinquennio il settore delle pesca, anche e soprattutto in Adriatico si dibatte in una profonda crisi. Dallincontro convocato presso la Direzione generale della pesca proprio per discutere del fermo, non sono emerse novit sostanziali. A renderlo noto lAgci Agrital, la Federcoopesca-Confcooperative e la Lega Pesca. Le attuali risorse fi-

nanziarie, 13 milioni di euro previsti dal Fondo europeo per il settore, da sole non bastano per attuare la sospensione temporanea e obbligatoria dellattivit di pesca. "Il tredici milioni di euro disponibili non bastano per indennizzare almeno 45 giorni di fermo pesca - fanno sapere dalla Cooperativa Casa del Pescatore - in quanto ne servono altri 9 milioni". Frattanto lalto lAdriatico continua ad essere sempre pi povero di pesce e, nonostante il nostro mare abbia proverbiali capacit di auto-rigenerare risorse ittiche, in questa fase la crisi e la penuria di pesce viene toccata con mano dai pescatori. Il rischio la sopravvivenza di molte imprese di pesca e il lavoro di tante persone, minacciate dalla perdita delloccupazione.

Il fermo pesca, negli ultimi anni, ha finito quanto meno per essere una salutare iniezione di fiducia, seppure insufficiente. Per cui le tre associazioni di pesca si augurano ancora che possa essere inserito, nel "DL sviluppo", lemendamento che consentirebbe di recuperare le risorse inutilizzate per gli indennizzi al Fermo pesca 2011. Per Lega pesca, il fermo una misura gestionale irrinunciabile e lipotesi di attuarla facendo ricadere i costi a carico degli operatori insostenibile per una categoria che si dibatte in una crisi ambientale, economica e sociale senza precedenti. I dati parlano di una riduzione del fatturato del 25 per cento in 5 anni, un aumento del 240 per cento dei costi di gestione, e un calo (a livello nazionale) pari a 17mila unit dei lavoratori. Antonio Lombardi

Alcuni bagni si sono attrezzati con apparecchiature speciali

Promozione turistica Cesenatico365


Un portale internet, una rivista, la card vantaggi e lapplicazione per iPhone e iPad. Questo ci che ruota al progetto di comunicazione integrata Cesenatico 365 presentato ufficialmente la scorsa settimana al Palazzo del Turimo della citt balneare. "Non voglio prendermi meriti che non ho ha detto il sindaco Roberto Buda su questo progetto. I dirigenti e i curatori mi hanno spiegato di quel che si tratta e sono certo che contribuir a diffondere la nostra offerta turistica". Nel portale www.cesenatico365.it si possono trovare appuntamenti, notizie e servizi, come lelenco degli stabilimenti balneari divisi per zone, ristoranti, aziende. "Il tutto ancora in via di ampliamento - ha specicato il curatore Andrea Balestri-. Ad esempio le aziende convenzionate per la card sono una cinquantina, ma puntiamo a raggiungere il centinaio entro breve". Il magazine curato dallagenzia Prima Pagina ed stato stampato in 20mila copie.

Una spiaggia sensibile ai ciechi


Pi attenzione a chi ha seri problemi di vista. Al Bagno Brasil per la spiaggia di Cesenatico centro levante e Valverde, e al Bagno Vega per la zona di Zadina e Ponente, sono state installate due postazioni informatiche che consentono ai ciechi di poter utilizzare un computer speciale e connettersi ad internet. Liniziativa stata presentata al Bagno Arlecchino dal presidente della Cooperativa dei bagnini Simone Battistoni, Cristina Sassi della societ "Leonardo" di Reggio Emilia, lassessore provinciale al turismo Iglis Bellavista e il sindaco di Cesenatico Roberto Buda. Quella cesenaticense la prima localit marittima dItalia a offrire gli ultimi ritrovati della tecnologia, pensati e progettati per coloro che hanno gravi problemi alla vista. Battistoni ha illustrato il progetto, sottolineando limpegno degli operatori di spiaggia di Cesenatico, i quali, oltre ai servizi per i non vedenti, questa estate mettono a disposizione 30 lettini da mare rialzati per i disabili, 12 carrozzelle attrezzate per il trasporto sulla sabbia, 16 defibrillatori e passerelle presenti anche nelle spiagge libere. Il sindaco Roberto Buda appoggia il progetto ed ha parlato di come svilupparlo in futuro: "Il Comune sostiene questa iniziativa che vede i nostri operatori di spiaggia impegnati a fondo per migliorare i servizi. Con Battistoni ho gi parlato e vi posso anticipare che, grazie ai bagnini, durante la stagione invernale porteremo le due stazioni per gli ipovedenti e i 16 defibrillatori, nei principali edifici pubblici, come ad esempio le scuole e la biblioteca, in centro e in periferia, per migliorare la qualit dellintera citt e non soltanto della spiaggia". La psicologa Sassi ha invece illustrato il funzionamento delle due postazioni per non vedenti: "Chi ha problemi seri alla vista, utilizza il pc e si collega ad internet, attraverso il programma "Jaws". I non vedenti conoscono benissimo la tastiera, i cui tasti sono pi grandi, e sono guidati nelle funzioni da una voce, tramite cuffie o attraverso piccoli altoparlanti. Gli ipovedenti utilizzano un ingrandimento delle immagini e un contrasto differente. A tal riguardo, nelle due postazioni, oltre ai pc abbiamo fornito anche dei videoingranditori portatili, per consentire agli ipovedenti di leggere riviste, quotidiani, gli ingredienti nelle etichette dei cibi e altro ancora". Lassessore provinciale Bellavista entusiasta: "I bagnini di Cesenatico sono allavanguardia nazionale in questo campo e hanno saputo cogliere lopportunit del progetto europeo Ernest, che ha portato 40mila euro da Bruxelles nella nostra provincia". Giacomo Mascellani

I mercatini animano le serate nel borgo antico


Mercatino delle Pulci, delle erbe e degli oggetti vintage: sono le proposte che due sere alla settimana, ogni luned e gioved destate animano, colorano e impreziosiscono il centro storico cittadino. Il tutto per soddisfare lo svago di turisti e villeggianti, come pure degli abitanti dei paraggi. La novit di questanno laggiunta di bancarelle che espongono prodotti gastronomici ed alimentari tipici del territorio. Qui il visitatore, anche quello pi svagato potr "scovare" idee regalo, pezzi dantiquariato creazioni artistiche, e poi oggetti da collezione e modernariato. Di mercatini tipici questo, anche per via della collocazione, di centro quello pi originale e carico di storia, ogni volta in grado di allietare le serate e le passeggiate per i tanti ospiti estivi di Cesenatico. Nel centro storico il "Mercatino delle Pulci e dellArtigianato artistico" (tutti i luned dalle 20 alle 24, sino al 13 di settembre) diventato una sorta di appuntamento sso del dopocena estivo. Il "Mercatino delle Erbe salutari, oggettistica e curiosit" invece in programma e negli stessi orari, il gioved no al primo settembre. Questanno si arricchisce, si amplia, si specializza dalla presenza di prodotti anche alimentari.

16

Gioved 30 giugno 2011

Valle del Rubicone

Budrio: centinaia di ragazzi al Vacanziere

Il centro estivo compie trentanni


a trentanni anima In programma tre serate di festa lestate. Il centro estivo, con i genitori: la prima in proposto dalla parrocchia Santa Maria programma per venerd 1 luglio di Cleofa di Budrio di Longiano, Le altre si terranno il 22 luglio "Il Vacanziere" attivo ormai da trentanni e ogni estate (prevista anche la presenza frequentato da centinaia di del vescovo) e 12 agosto bambini, dai sei ai quattordici anni, provenienti anche da tutti partecipino alle attivit, senza distinzioni. Non localit e parrocchie limitrofe. Gli elementi che si fanno giochi individuali, ma solo di gruppo". caratterizzano questa proposta estiva sono Al Vacanziere la giornata inizia alle 7,30 con essenzialmente tre: un consolidato programma laccoglienza dei ragazzi. Il primo momento della giornata e della settimana, il coinvolgimento insieme dedicato alla preghiera in chiesa delle famiglie nei tre momenti serali di festa e presieduto dal parroco. La mattinata prosegue con spettacolo preparato dai ragazzi, il momento di il tempo dedicato ai compiti: i ragazzi, suddivisi per preghiera allinizio della giornata. classi, sono seguiti dagli educatori. Al termine, "Alla base del nostro impegno - spiega don Tonino giochi proposti dagli animatori. Nel pomeriggio si Domeniconi - c una viva preoccupazione riprende con un momento comune di animazione educativa. I bambini non sono tenuti in unarea di per poi dedicarsi a una delle cinque attivit volte parcheggio, ma, con regole precise, vengono aiutati a stare insieme in modo positivo e a dare significato alla preparazione dello spettacolo di fine turno. I ragazzi possono scegliere tra teatro, danza, musica, alla loro giornata". disegno e sport. Dopo la merenda, inizia il Lequipe di educatori, coordinata dal professor "giocone", il torneo a punti che coinvolge Filiberto Maraldi, composta di tre adulti esperti e indistintamente tutti i ragazzi, suddivisi in quattro da una ventina di animatori giovani e adulti. "Gli squadre omogenee. La giornata termina con il educatori - prosegue don Tonino - sono tanti, in grande cerchio attorno al parroco per un canto, i modo che nessun bambino si senta isolato e che

saluti e lannuncio del vincitore dellindovinello. Il mercoled di ogni settimana il giorno dedicato alla gita. Le mete si alternano tra montagna, Lago di Soanne o Monte Fumaiolo, e mare, in spiaggia a Pinarella ed il parco acquatico di Atlantica. Le date fissate per le tre serate di festa con i genitori, al termine di ciascun turno sono: primo luglio, 22 luglio, serata alla quale stato invitato il vescovo Douglas, ed infine il 12 agosto la serata conclusiva. "La festa un momento molto importante - spiega don Tonino-. "Incontrare i genitori loccasione per condividere limportanza educativa dellesperienza vissuta dai ragazzi al centro estivo". Sono gi iniziati i preparativi per il primo spettacolo: con recite, canti e balli verr messo in scena la prima tappa del "Giro del Mondo in 80 giorni". Elisa Romagnoli

Panoramica di Roncofreddo (foto Giuseppe Mariggi)

Roncofreddo

La scuola materna cattolica "Giovanni XXIII" ha una sezione dedicata ai bimbi da zero a tre anni

Uno spazio a misura di bambino


Una scuola per tutto il territorio. La sezione "spazio-bambini" di Roncofreddo, in via Aldo Moro 23, aperta alla fascia di et fra zero e tre anni. E gestita dalla Fondazione scuola materna Giovanni XXIII, che dal lontano 1888 si occupa, per statuto, esclusivamente di iniziative educative per linfanzia e pi precisamente dellunica scuola dellinfanzia presente nel capoluogo che nel 2000 ha ottenuto dal Ministero della Pubblica Istruzione la parit con le scuole pubbliche. I criteri pedagogico-didattici traggono ispirazione dalla religione cattolica ed un servizio educativo aderente alla Fism (Federazione italiana scuole materne). La capienza massima della sezione attualmente di 16 bambini compresi fra i 12 e i 36 mesi det con la presenza di due insegnanti che si avvalgono, quando necessita, della collaborazione di unassistente- ausiliaria. Il servizio aperto dalle 7.30/8 alle 12.30/13 (la flessibilit oraria concordata sulla base delle esigenze delle famiglie dei bambini) per un massimo di 5 ore giornaliere. "Il nido dinfanzia - spiegano le maestre della scuola - un servizio educativo e sociale di interesse pubblico aperto a tutti i bambini e le bambine, che concorre con le famiglie alla loro crescita e formazione, nel quadro di una politica per la prima infanzia e della garanzia del diritto alleducazione, nel rispetto dellidentit individuale, culturale e religiosa. Le nostre finalit sono quelle di formazione e socializzazione dei bambini, nella prospettiva del loro benessere psicofisico e dello sviluppo delle loro potenzialit cognitive, affettive, relazionali e sociali; c attenzione verso la cura dei bambini, che comporta un affidamento continuativo a figure diverse da quelle parentali in un contesto esterno a quello famigliare. Inoltre diamo sostegno alle famiglie nella cura dei figli e nelle scelte educative". Lo spazio a disposizione dei bimbi della sezione "spazio-bambini" formato da un ampio salone diviso in zone ed angoli, da una stanza e un bagno adiacenti, pi la zona ingresso. Per tutto il mese di giugno sono aperte le iscrizioni alla sezione Spazio bambini. Chi fosse interessato pu recarsi direttamente a scuola il luned e il venerd dalle 9 alle 12 oppure contattare il numero 0541/949135 o scrivere allindirizzo email infanziaronco@libero.it. Valentina Aliberti

via Marinelli, 6 - 47023 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:

PETROLCHIMICI

AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI

in ITALIA... nel MONDO

Valle del Savio

Gioved 30 giugno 2011

17

A Bagno di Romagna un convegno dove si parlato anche di terme


turistiche e non sono "partecipi" dellofferta turistica. Dopo la relazione iniziale del sindaco Lorenzo Spignoli, e dopo gli interventi dei rappresentanti delle tre strutture termali, sono stati soprattutto gli interventi dellassessore provinciale al turismo e presidente dellUnione Regionale Terme Iglis Bellavista, e dellassessore regionale Maurizio Melucci, a sottolineare limmagine positiva di Bagno di Romagna nel contesto delle strutture termali dellEmilia-Romagna, conquistata grazie allimpegno unitario delle strutture termali. Sono intervenuti anche il consigliere comunale Silvio Vannini ed il presidente del Consorzio Terme dellEmilia-Romagna Lino Gilioli. Visto che tanto si parla e si parlato di offerta integrata, di coinvolgimento di tutti gli operatori, di coinvolgimento di tutto il territorio, allassessore regionale sembrato logico e razionale proporre che venga costituito un unico Club di Prodotto, ad esempio di vallata. Logico, appunto, ma solo apparentemente semplice. Prima di tutto perch va ancora recuperata lunit tra gli stessi stabilimenti termali. I rappresentanti delle strutture termali, intervenendo, hanno risposto in maniera positiva al rinnovato appello al lavoro comune formulato anche dal sindaco nella sua relazione.

Mercato Saraceno
E morto don Castellani
Nel tardo pomeriggio di venerd 24 giugno, morto don Francesco Castellani. Don Francesco era nato a Montecastello di Mercato Saraceno il 20.2.1922. Fece il suo ingresso nel seminario diocesano di Sarsina nellottobre 1935. Per gli anni di Liceo venne trasferito a Bologna, ma nel 1943 pass a quello di Rimini, in quanto il regionale di Bologna era stata bombardato. Nel 1944 torn a Sarsina dove comp gli studi di teologia e il 27 giugno 1948 venne ordinato sacerdote assieme a don Enrico Fantuz, don Clemente Matassoni e don Mario Matassoni. Fu lultima ordinazione cos numerosa a Sarsina. Viene subito nominato parroco a Ruscello, frazione di Bagno di Romagna ai piedi del Monte Facciano, dove rimarr per otto anni. Visto lo spopolamento della montagna, non si rese pi necessaria la presenza del parroco a Ruscello. Il vescovo Bandini nel 1956 lo trasfer a Bacciolino (Mercato Saraceno) dove rimasto parroco no al 2008. Dal 1974 all80 stato parroco anche di Falcino (Mercato Saraceno). Dal 1990 al 95 di Montesasso (Mercato Saraceno). Ha prestato anche servizio a Tezzo, piccolo paese sarsinate, dal 1975 al 1979. La morte di don Francesco Castellani giunge a pochi mesi da quella del fratello (2 febbraio scorso), don Renato. La liturgia funebre presieduta dal vescovo Douglas si celebrata luned scorso in cattedrale, a Sarsina. La salma stata tumulata nel cimitero di Bacciolino. Don Francesco il 25 marzo 1999 diede vita al "Movimento eucaristico mariano" e al gruppo "Minimi di Ges e Maria", esperienze non riconosciute dalle autorit diocesane.

Il turismo vincente solo facendo unione


Alberto Merendi
ecuperare piena unit di intenti tra le strutture termali di Bagno di Romagna ed allargare lofferta turistica coinvolgendo tutti gli operatori turistici e tutte le localit: questa la strada emersa nel corso del convegno della scorsa settimana, per continuare a promuovere con successo il turismo dAlto Savio.

Ben sapendo, come ha sottolineato lassessore al turismo e presidente dellApt regionale Liviana Zanetti, e come ripreso dallassessore regionale Maurizio Melucci nelle conclusioni, che non ci pu essere professionista della comunicazione, agenzia di marketing, o progetto di promocommercializzazione vincente se gli operatori ed i cittadini di quel territorio non hanno la consapevolezza delle loro potenzialit

La Fotonotizia | Soci della Bcc in gita

Nel pomeriggio di domenica 3 luglio

A Careste di Sarsina messa e festa comunitaria


Una rimpatriata per gli ex parrocchiani di Careste vicino a Sarsina. in programma per domenica 3 luglio un pomeriggio di festa in localit "Guscella", raggiungibile oltrepassando Montalto in direzione Careste, svoltando a destra al segnale. In questa casa ora ristrutturata vi abitava la famiglia Cangini, trasferitasi nel 1963 nella pianura cesenate. Le sorelle Cangini non hanno dimenticato le loro origini e hanno ristrutturato a puntino la loro vecchia casa, passandovi il periodo estivo e vari ne settimana durante lanno. La localit, immersa nel verde in un contesto interessante, da quattro anni ospita questa ricorrenza, che la famiglia Cangini non manca di preparare in gran stile. Alle 16 sar celebrata la messa, presso la costruzione in legno appositamente predisposta, da don Daniele Bosi e don Renzo Marini. Al termine rinfresco per tutti sullaia. Sar un pomeriggio durante il quale un luogo incredibilmente solitario si popola di centinaia di persone. La ne della parrocchia di Careste iniziata nellimmediato dopoguerra, viste le condizioni di disagio di questo luogo di montagna e in breve, da qualche centinaia di persone, la frazione rimasta totalmente deserta. Lultimo parroco residente fu rimosso nel 1955. Poi vi prest servizio don Giancarlo Bertozzi

La Banca di credito cooperativo di Sarsina in visita alla costiera amalfitana. Listituto di credito plautino ha organizzato, dal 9 al 12 giugno scorso, una gita di 4 giorni per i soci della banca e i loro familiari. Litinerario ha toccato Salerno, Capri, Ravello (nella foto il gruppo davanti al Duomo) e la Reggia di Caserta. Una cinquantina i partecipanti, tra i quali anche il presidente Alberto Giannini e il direttore Mauro Freschi.

no al 1964, quando la chiesa venne denitivamente chiusa e cominci il suo naturale declino.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it

18

Gioved 30 giugno 2011

Solidariet

A SERVIZIO DEL TERRITORIO Inaugurata a Gualdo di Roncofreddo la sede ristrutturata dellassociazione che conta quaranta volontari ispirati dai valori cristiani

Misericordia Valle Savio In campo la carit


na solidariet che si fa concreta e visibile mattone dopo mattone. Domenica scorsa stata inaugurata la nuova sede, dopo i lavori di ristrutturazione, della Misericordia Valle Savio a Gualdo di Roncofreddo, in via Nazionale 246. I locali sono stati concessi in uso gratuito dal Comune di Roncofreddo e ristrutturati grazie allaiuto economico di diverse ditte del territorio. Il rinnovo dei locali della nostra sede per noi un traguardo importante e ci permetter di essere pi organizzati ed efficienti - spiega Israel De Vito, governatore della Misericordia Valle Savio -. Per questo ringraziamo quanti ci hanno sostenuto economicamente in questo progetto. Lattivit della nostra associazione si molto intensificata negli ultimi mesi, in particolare per quanto riguarda i servizi agli anziani. Il territorio dove operiamo in continua espansione e il

GUALDO, DOMENICA 26 GIUGNO: ALLINAUGURAZIONE DELLA SEDE RISTRUTTURATA HANNO PARTECIPATO DELEGAZIONI DI ALTRE MISERICORDIE. SOTTO, IL TAGLIO DEL NASTRO

nostro obiettivo di dare una risposta veloce alle esigenze di tutti. Nata oltre due anni fa, la Misericordia Valle Savio composta da una quarantina di volontari ispirati dai valori cristiani di solidariet e carit e opera in molteplici servizi: dal trasporto disabili e anziani a quello con autoambulanza e alle mansioni di protezione civile. La confederazione delle Misericordie riunisce oltre 700 confraternite, alle quali aderiscono circa 670mila iscritti, di cui oltre 100mila impegnati permanentemente in opere di carit. Sono diffuse in tuttItalia (con la sola eccezione della Valle dAosta) e hanno avuto un forte sviluppo soprattutto nel centro-sud dove, a causa di eventi calamitosi del passato, sono sorte numerose associazioni. Lazione delle Misericordie diretta da sempre a soccorrere chi si trova nel bisogno e nella sofferenza, con ogni forma di aiuto possibile, sia materiale che morale - prosegue De Vito, 34 anni, che vanta una lunga esperienza di volontariato nella Misericordia di Avellino -. Le richieste di aiuto sono

tante e lassociazione apre le porte a nuovi confratelli e consorelle, cos chiamiamo i nostri volontari. Anche se ha una storia recente, la Misericordia Valle Savio si gi distinta in diverse situazioni per limpegno profuso, tra cui lassistenza data alla popolazione terremotata dellAbruzzo. Grazie allaiuto di tanti sostenitori, si dotata di unautovettura e unautoambulanza utilizzate in particolare per il trasporto degli anziani. Accanto alla sede ristrutturata stato realizzato un piccolo parco giochi dedicato ai bambini promosso dalla Misericordia e dal Comune di Roncofreddo e finanziato dallazienda Nemo Marine Hardware. Al taglio del nastro erano presenti numerose autorit, tra cui il presidente della Provincia Massimo Bulbi, il vice presidente Guglielmo Russo, il sindaco di Roncofreddo Franco Cedioli, il vice sindaco di Sogliano Odo Rocchi e il consigliere regionale Luca Bartolini. Per informazioni: tel. 0541 1734211, 348 1796776. Francesca Siroli

Un po di storia
Le confederazioni delle Misericordie sono diffuse in tutta Europa e nel resto del mondo, ma in Italia che se ne rintracciano le fonti documentali pi antiche con la fondazione, nel 1244, della confraternita di Firenze. In passato gli aderenti indossavano la buffa, una veste nera imposta per ragioni di carit: il bene fatto doveva infatti restare anonimo e per questo il cappuccio celava il volto del benefattore, la cui misericordia era ripagata unicamente dalla frase, rivolta allassistito, Dio ve ne renda merito. Unespressione con cui i volontari della Misericordia si congedano ancora oggi da coloro che hanno appena aiutato.

Regioni con il miglior livello di assistenza sanitaria


Sono otto le regioni (Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Marche, Piemonte, Umbria, Veneto e Liguria) che sono riuscite a erogare in modo efficace ed efficiente i livelli essenziali di assistenza. A rivelarlo il monitoraggio sullattuazione e garanzia dei Lea relativi al biennio 2008-2009 del ministero della salute. Alcune regioni tra cui Basilicata, Sardegna e Puglia mostrano una situazione migliorabile, mentre altre regioni del centro-sud - in primis il Lazio sono in una situazione alquanto critica. Il monitoraggio sui Lea riguarda 17 regioni (mancano i dati di Valle DAosta, Friuli Venezia Giulia, Trento e Bolzano), con un set di 21 indicatori selezionati appositamente dal Comitato Lea sulle macroaree di assistenza (sei indicatori per la prevenzione, noe per lassistenza distrettuale, sei per lospedaliera). Analizzando nello specico i dati relativi allassistenza agli anziani risulta che per quanto attiene le vaccinazioni raccomandate per linuenza, la Sardegna la regione dove vi il minor tasso di vaccinazione, pari al 48,5 per cento della popolazione anziana contro l89,4 per cent della Campania dove si avuto un vero e proprio exploit tra il 2008 e il 2009, infatti il tasso di vaccinazione nel 2008 riguardava solo il 68 per cento della popolazione anziana. Per lAdi, la percentuale di anziani over 75 che ricevono questa tipologia di trattamento mediamente pi alta

NOTIZIARIO PENSIONATI
nelle regioni del nord. In Veneto lAdi garantita al 16,7 per cento della popolazione anziana, seguita dal 14,03 dellEmilia Romagna. La maglia nera invece va alla Calabria con una copertura pari appena all1,3 per cento di over 75enni, e alla Puglia e Campania con 1,79 per cento.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Sostegno alle famiglie con disabili: Italia agli ultimi posti


I dati a disposizione ci dicono che, nel 2008, nei Paesi Ue, la spesa per la protezione sociale ha costituito circa il 26,4 per cento del Pil (Prodotto interno lordo). LItalia, con il 27,8 per cento del Pil destinato a questa voce di spesa, si colloca al settimo posto tra i Paesi dellUnione europea. I Paesi con la spesa sociale maggiore sono Francia (30,8 per cento), Danimarca (29,7 per cento) e Svezia (29,4 per cento), che vantano sistemi di protezione sociale molto avanzati. Gli ultimi in Europa sono la Lettonia e la Romania, rispettivamente con il 13 per cento e il 14 per cento del Pil.Tra il 2004 e il 2008 nella media dei Paesi Ue la percentuale di spesa sociale sul Pil lievemente diminuita, passando dal 27,1 per cento al 26,4 per cento, mentre in Italia aumentata dell1,8 per cento. LIstat rileva che nel nostro

all8,3 per cento del totale, mentre in Italia viene destinato il 4,7 Il controllo del dolore, la riduzione della sofferenza e la disponibilit delle cure per cento. Solo la palliative sono alcune delle sei grandi priorit in campo sanitario secondo Polonia, fra i 27 Paesi lOrganizzazione Mondiale della Sanit. In occasione della Giornata del sollievo, europei, destina una celebrata un paio di settimane fa, torna il tema della cultura del sollievo e il quota pi bassa (circa diritto della persona a essere informata su quanto si pu fare per controllare il il 4 per cento). dolore e a essere rispettata in tutti i suoi bisogni: fisici, psichici, sociali e E il Paese - dichiara spirituali. Le cure palliative rappresentano uno dei principali ambiti nel quale ha una nota Fnp - non luogo questa ridefinizione del processo assistenziale e vede, come snodi certo tra i primi posti fondamentali della rete dei servizi socio-sanitari, il domicilio e le strutture per quanto riguarda le residenziali Hospice. risorse destinate alla In Europa il dolore rappresenta uno dei principali problemi sanitari in quanto disabilit: poco meno interessa tutte le et; nella forma cronica (che investe in modo considerevole del 6 per cento a fronte anche gli anziani) si stima che abbia unincidenza nella popolazione di circa il dell8,1 per cento 25-30 per cento ed tra tutti i sintomi quello che mette a dura prova lintegrit rappresentato dalla fisica e psichica del paziente e dei familiari. media Ue. LItalia, La Fnp segue da anni e con grande attenzione questi temi, in cui sono coinvolti per, ha il sistema di numerosi anziani, in particolare quelli istituzionalizzati, molti dei quali protezione sociale con finiscono la loro vita nellindifferenza pressoch generale. La Fnp risoluta nel la pi alta quota in voler incrementare la vertenzialit territoriale su questo ambito affinch la Europa assorbita dalla nuova normativa diventi pratica ed esperienza concreta e appropriata in tutta la funzione vecchiaia. nazione, soprattutto nelle regioni pi drammaticamente sguarnite di questi Unaltra percentuale servizi. elevata di spesa, fortemente collegata alla previdenza, rappresentata dalle Paese la maggior parte delle tra i Paesi Ue per le risorse pensioni erogate ai familiari risorse sono assorbite dai destinate a queste voci, destinando superstiti, che nel 2008 assorbiva trasferimenti monetari di tipo lo 0,2 per cento a fronte di una in Italia il 9,4 per cento del totale, pensionistico, mentre quote molto media europea dell1,4 per cento. mentre in Europa era in media il 6 residuali e inferiori alla media Ue Anche per quanto riguarda gli altri per cento della spesa per la vengono destinate al sostegno nanziamenti per il sostegno alle protezione sociale. La quota pi delle famiglie, alla disoccupazione famiglie e alle persone con alta tra questi ultimi si registra in e al contrasto delle condizioni di disabilit, lItalia si posiziona al di Polonia (10,9 per cento), la pi povert ed esclusione sociale. sotto della media europea. I Paesi bassa in Danimarca, Estonia e In base a questi dati lItalia si dellarea Ue, infatti, riservano in Regno Unito, dove non arriva all1 colloca nel 2008 allultimo posto media a questa voce una quota pari per cento della spesa sociale.

Cure palliative

Giornata del sollievo 2011

Cultura&Spettacoli
stato presentato martededizioni Farnedi in via Dalle edizioni sede delle 28 giugno, nella nuova libro dedicato ai bambini. Quelli veri e quelli che ognuno di noi custodisce con cura dentro di s. Dopo tanti libri scritti e pubblicati, dove porgevo lo sguardo e il cuore alle storie vere, un po difficili e sofferenti del mondo adulto, questa volta mi sono colorata il guardaroba personale con un piccolo libro felice, come io amo denirlo. Il titolo ne la prova certa: Che Meraviglia!.

Gioved 30 giugno 2011

19

Cinema di Filippo Cappelli


Arena San Biagio, Cesena
tutte le programmazioni si tengono alle 21, 45 a Palazzo Guidi (ingresso via Serraglio) Venerd 1 luglio HEREAFTER - di Clint Eastwood La giornalista francese Marie (Ccile De France) durante uno tsunami vive lesperienza della morte per poi tornare in vita. Marcus in un incidente perde il suo fratello gemello. George (Matt Damon) vorrebbe dimenticare il suo dono: entrare in contatto con quella dimensione oltre la vita in cui si trovano le persone scomparse. Un viaggio contemplativo e dalla vena malinconica per il vecchio Clint. Da non perdere. Valutazione Acec: Consigliabile / Problematico / Dibattiti. Sabato 2 luglio VALLANZASCA Gli angeli del male di Michele Placido C chi nasce santo, chi nasce per essere una guardia Io sono nato per fare il ladro. Eccolo il Vallanzasca di Michele Placido. Nato nella Milano degli anni 50 in una famiglia medio borghese, sin da giovanissimo il bel Renato compie piccoli furti. Non lo spinge la necessit, ma fino allet adulta Renato mantiene intatto il suo modo di essere e conserva un equilibrio anche se il suo lato oscuro avanza. Placido rimane clemente con Vallanzasca, e nel suo film calca la mano sulletica morale del protagonista (non colpire gli inermi, rubare solo ai pi abbienti...) senza insistere troppo sui lati bui. Un film tutto sommato evitabile. Valutazione Acec: Complesso / Violento. Domenica 3 luglio 18 ANNI DOPO - di Edoardo Leo Edoardo Leo debutta dietro la macchina da presa con un road movie ben equilibrato, sostenuto da un impianto narrativo classico e da una colonna sonora funzionale. Diciotto anni dopo mette in scena senza enfasi retorica una famiglia frammentata in mononuclei che non dialogano tra loro, che non si conoscono davvero, che non hanno altro in comune se non il cognome. Valutazione Acec: Consigliabile / Problematico / Dibattiti. Luned 4 luglio IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA di Jean-Pierre e Luc Dardenne Cyril ha quasi dodici anni e una sola idea fissa: ritrovare il padre che lo ha lasciato temporaneamente in un centro di accoglienza per linfanzia. Incontra per caso Samantha, che ha un negozio da parrucchiera e che accetta di tenerlo con s durante i fine settimana. Racconto pi stilizzato e meno intenso rispetto ai precedenti film dei Dardenne. Valutazione Acec: Consigliabile / Problematico / Dibattiti. Marted 5 luglio INTO PARADISO - di Paola Randi In una Napoli multietnica sintrecciano i destini dello scienziato Alfonso e dellex campione di cricket Gayan, che si ritrovano a condividere una catapecchia eretta abusivamente sul tetto di un palazzo nel cuore del quartiere srilankese della citt... Da apprezzare limpegno di Paola Randi, alla sua opera prima. Un lavoro onesto. Valutazione Acec: Consigliabile / Brillante. Mercoled 6 luglio FIGLI DELLE STELLE - di Lucio Pellegrini Difficile trovare un momento migliore per lanciare un film sulla politica e la difficolt della gente comune. Ma il film si dimostra irrisolto e fallisce proprio nei suoi punti di forza. Come gli stessi personaggi, abbozzati male, come per un talk show televisivo. Nel cast, bene Favino e Battiston, mentre risulta inguardabile Fabio Volo. Valutazione Acec: Consigliabile / Brillante. Gioved 7 luglio THE NEXT THREE DAYS - di Paul Haggis Il giorno dopo una lite con una collega dufficio, Laura Brennan (Elizabeth Banks) si ritrova in manette con laccusa di omicidio. La sua collega morta in un parcheggio, uccisa con un estintore, ma Laura si dichiara innocente. Lunica persona a credere in lei il marito John (Russell Crowe). Valut. Acec: Consigliabile / Problematico.

Farnedi un libro per bambini

Cervese 1011 a SantEgidio di Cesena, il libro Che meraviglia, a cura di Claudia Farnedi. Come si legge nellintroduzione del libro, lautrice (nonch titolare della casa editrice cesenate) cos presenta la sua ultima opera: Complice let o forse il forte spirito di osservazione emotiva, ho scritto e illustrato un

Mostra a Cesena Al Palazzo del Ridotto esposta fino al 28 agosto la collezione darte antica Chicca Altomani-Giancarlo Ciaroni

Le terre della pittura tra Marche e Romagna


stata inaugurata sabato 25 giugno a Cesena, presso il Palazzo del Ridotto, la mostra Le terre della pittura tra Marche e Romagna, una rassegna darte antica fra Quattrocento e Settecento promossa dal Comune di Cesena e curata da Massimo Pulini, pittore, docente presso lAccademia di Belle Arti di Bologna, storico dellarte e recentemente nominato a Rimini assessore comunale alla cultura. Continua cos la realizzazione del progetto iniziato nel 2010 con la mostra Lo studiolo di Baratti e limpegno di organizzare a cadenza annuale rassegne specifiche delle raccolte darte antica delle pi importanti gallerie antiquarie. Le opere in mostra appartengono alla collezione della Galleria Altomani e Sons di Pesaro, diretta dai coniugi Chicca Altomani e Giancarlo Ciaroni, entrambi romagnoli, antiquari appassionati darte che hanno il grande merito di trovare opere antiche allestero, acquistarle, riportarle in Italia, restaurarle e farle studiare da ricercatori storici competenti che sappiano ricostruire le tracce e magari trovarne loriginale collocazione. La maggioranza delle opere in mostra stata identificata dal grande storico Federico Zeri e non certo per fini speculativi,

Gli orari della mostra


a mostra, inauguratasi alla presenza del curatore Massimo Pulini, dei due antiquari Chicca Altomani e Giancarlo Ciaroni e delle autorit, rimarr aperta no al 28 agosto con il seguente orario: 9,30-13; 1619,30; chiuso il luned. Ticket ingresso: intero 3 euro; ridotto 1,50 euro.

in quanto esse non sono assolutamente in vendita: gli antiquari Altomani-Ciaroni le vogliono conservare nella loro collezione personale. Questa mostra cesenate raccoglie in tutto trentaquattro opere di indubbia qualit, dalla Madonna col bambino del Maestro di Castrocaro a quella di Giovan Francesco da Rimini, da una Vergine appena ritrovata del Cagnacci ad una del Sassoferrato, e poi ancora un Ludovico Carracci, un Albani e un Pomarancio. E questo solo per ricordare alcuni capolavori della raccolta. La rassegna corredata da un catalogo, edito da Artexplora, che contiene un saggio di Massimo Pulini dedicato al tema della dispersione e del recupero delle opere darte e allimportante ruolo svolto da alcuni antiquari illuminati. Tutte le opere riprodotte in catalogo, anche quelle solamente transitate dalla galleria pesarese, hanno un preciso riferimento alla storia dellarte delle terre di Marche e Romagna e ognuno dei dipinti esposti accompagnato da una scheda che ne ricostruisce la storia, offrendone contemporaneamente uninterpretazione critica con testi e contributi di vari studiosi. Enrico Guidi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


IL QUARTO SEGRETO
di Joseph Thornborn (ed. Piemme, 11,50 euro)

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)

LULTIMA RIVELAZIONE
di Joseph Thornborn (ed. Piemme, 11 euro) La recensione di oggi comprende due romanzi gialli scritti da Joseph Thornborn, docente di scrittura creativa alla Columbia University di New York e pubblicati da Piemme. Il primo romanzo Il quarto segreto, che prende spunto dalle rivelazioni della Madonna durante le apparizioni a Fatima. Giustamente bisogna prendere in considerazione lavvertenza che si legge a pag. 4: Questo romanzo opera di fantasia: per esigenze narrative alcuni dati storici, come la morte di suor Lucia, avvenuta il 13 febbraio 2005, sono stati modificati. Protagonista del romanzo John Costa, giornalista dellagenzia Reuters inviato in Vaticano, che cerca di capire lultimo segreto di Fatima, anche questo frutto di fantasia, ma che nel romanzo viene messo in bocca a suor Lucia a pag. 8 con le seguenti parole: Ce lo disse la Signora, il 13 ottobre 1914. la quarta parte Quando il vicario di mio Figlio verr dalla terra dellaquila e dei fiori allora sar giunto il tempo della

grande persecuzione . Nella sua ricerca, che avviene, nel romanzo, durante il pontificato di Gregorio XVII, verr aiutato dalla ricercatrice inglese Kate Duncan. Il secondo romanzo giallo che presentiamo LUltima rivelazione. Qui John Costa inviato dal Vaticano a Mosca per ritrovare unantica icona, dipinta da san Luca, nel cui retro si troverebbe il testamento della Vergine Maria. Il romanzo ha moltissimi colpi di scena, che catturano il lettore e lo rendono protagonista di questa ricerca assieme a John e a Kate, che nel frattempo diventata sua moglie e che ha studiato dei papiri trovati in Giordania, che conterrebbero la chiave di lettura dellultime volont della Madonna. Di questo materiale vorrebbe entrare in possesso una setta segreta, nata allo scopo di distruggere la Chiesa cattolica. Ci fermiamo qui nel racconto di questi due thriller appassionanti, per non togliere al lettore il gusto di scoprire da solo gli artifici inventati dallo scrittore.

20

Gioved 30 giugno 2011

Cesena & Comprensorio


Gambettola
Premio a Pascucci

Notizie flash Bagno


Primo concerto
Avr inizio domenica 3 luglio alle 21 la XVII edizione di "Natura in concerto", con ingresso gratuito nella basilica di Santa Maria Assunta. Si esibir il quintetto Amadeus che eseguir, fra le altre, composizioni di Mozart.

Cesena

Festa nazionale del Pd


Per diciassette giorni, dal 1 al 17 luglio, Cesena sar sede della Festa nazionale del Partito democratico sul tema dellimmigrazione. Si parler di immigrazione e cittadinanza al di l degli aspetti legati alla sicurezza, riettendo sui cambiamenti nella societ. Al parco Frutipapalina di SantEgidio si alterneranno, tra gli altri, il ministro Roberto Maroni (foto) e Livia Turco (4 luglio), gli europarlamentari Vittorio Prodi e Debora Serracchiani (15 luglio), e padre Alex Zanotelli.

Cesena

Riapre lIppodromo
Partono venerd 1 luglio (serata Apofruit) le corse allIppodromo di Cesena, unico in Italia a non essere toccato dai tagli che hanno coinvolto il settore. Anche per il 2011 sono in programma le 34 serate di corse e rimangono immutati tutti i Grandi Premi attesi dagli appassionati e le tante iniziative collaterali.

Tra le 150 ditte storiche premiate a Roma da Unioncamere nel 150esimo dellUnit dItalia cera la stamperia Pascucci la cui attivit dura da pi di 180 anni nella produzione di tele stampate a mano. Un ulterione riconoscimento per unattivit che, oltre ad essere di tipo artigianale, anche una forma darte.

Lotteria di San Giovanni, i biglietti vincenti


Ecco i biglietti vincitori della Lotteria di San Giovanni: primo premio (auto Lancia Ipsilon) A2543; secondo premio (Pc portatile) K3459; terzo premio (Croce in oro) K1476. Seguono Nintendo Wii K1398; tappeto K0284; week end in agriturismo K0694; week end X4521; orologio X1596 e Y3610; oggetto artistico X2787; bicicletta X4438 e X1357; copripiumino X2186; trattamento benessere K1456 e Y4629; prosciutto X2977 e A2214; bicicletta Y0622; buono da 200 euro Conad X3055; kit prodotti solari X1888; buono 100 euro Y0166; ombrellone e lettino in spiaggia A2078; trattamento benessere Y0815; kit prodotti per il corpo X0447; orologio Y4006 e X1352; confezione 12 bottiglie di olio A4233 e A3854; buono 50 euro libreria San Giovanni K0731 e K1583; tre sedute al solarium K2176; T shirt: A0263, X0376, X4254, K1085, Y1498, K1048, Y0545, A4031, A4838, X2119; phon A0239, Y3815 e A0061; buono 25 euro gelato X4231, A0375, Y0368; buono da McDonald K0589, Y3433, Y2933, A0545; borsone Asics Y4790, X2099, X5000, K1617.

Cesenatico
La Rai in citt
Andr in onda su Rai2 domenica 3 luglio alle 16,40 la trasmissione televisiva "Due passi in Italia - il sorriso dellaccoglienza" condotta da Luana Ravegnini e registrata sabato 25 giugno. Si tratta di un nuovo format itinerante che celebra le ricchezze del patrimonio artistico, paesaggistico, culturale, umano ed enogastronomico.

In programma domenica 3 luglio a Roversano di Cesena


chiesa e uno in fondo alla frazione. In questultimo, alle 16,30, prender il via la manifestazione: "Nel luogo pi fresco del paese - continua Balestra - al riparo dal calore pomeridiano, si alterneranno gli scrittori selezionati al premio Sauro Spada di Montenovo di Montiano. Alle 19,30, poi, partiranno gli altri due palchi, oltre alla zona ristoro, facendo entrare nel vivo la festa". Altra novit la presenza di Marcello Mazzola detto "Macola", importante interprete di musica popolare, tanto da ottenere riconoscimenti in quel di San Remo. Tra gli ospiti confermati spiccano il gruppo di rock romagnolo "Il Cantiere", il chitarrista cantante Emilio Del Vecchio e i poeti Tonina Facciani, Lorenzo Scarponi, Antonio Gasperini. Ad altri artisti sar data la possibilit di esibirsi il giorno stesso, sempre che si prenotino entro le ore 17. "I romagnoli continuano a mostrare un grande interesse per la loro lingua madre - ha commentato il consigliere regionale Damiano Zoffoli, ispiratore della festa -. Una riscoperta delle nostre radici che, a differenza di quanto crede qualcuno, non affatto segno di chiusura ma ci aiuta allopposto a metterci in relazione con gli altri". Data la scarsit di parcheggio a Roversano stato organizzato un servizio di navette con partenza dal Trebbo, area che si trova un chilometro prima del borgo, al bivio con la strada per San Carlo. Michelangelo Bucci

Cesena

Venerd 1 luglio serata di sport alla Cils


Al campo sportivo della comunit Cils in via Boscone, venerd 1 luglio dalle 19,30, si svolger l8 quadrangolare di calcio a 7 "William Matassoni". Parteciperanno le vecchie glorie del Cesena calcio, il circolo tennis Cesena, giornalisti e cooperativa Cils. Seguir la premiazione. La serata sar animata da Christian Corzani con il suo piano bar, con buffet di piadina e affettati e fritto di pesce preparato dallassociazione "Amici della Cils" di Cesenatico.

Sul palco delledizione 2010

Con "Te ad chi sit e fiol" romagnolo protagonista


er il terzo anno consecutivo il dialetto romagnolo abbraccia il borgo di Roversano, sulle prime colline di Cesena. Domenica 3 luglio nella storica frazione, a un tiro di schioppo da San Carlo e Molino Cento, torneranno ad esibirsi decine di poeti, narratori e animali da palcoscenico. Tutti, rigorosamente, si esprimeranno in dialetto. O meglio, nelle tante declinazioni che il romagnolo prende da Imola fino al riminese, passando per le

Cesena
Musica popolare
Prender il via sabato 2 luglio alle 21,30 ai Giardini Savelli la rassegna dei concerti destate 2011. Il Caff Concerto Strauss eseguir musiche viennesi e mitteleuropee. Lorganizzazione a cura dellassociazione amici della musica "Alessandro Bonci" di Cesena. Lingresso gratuito.

sfumature delle borgate delle citt sorelle di Romagna. "La novit di questanno - spiega Maurizio Balestra, vicepresidente dellassociazione At chi sit e fiol, nata per promuovere e valorizzare il dialetto - la presenza dellattore e regista Franco Mescolini che metter in scena, a partire dalle 20, il suo spettacolo Shakespeare in dialt". Un palco sar nel giardino pubblico del paese, subito dopo larco, uno dietro la

Gatteo
Corso per la memoria
Nei locali della biblioteca comunale in via Roma, nelle serate di luned e gioved dalle 20 alle 21,30, dal 4 luglio all11 agosto, si terr un primo corso per la memoria. Per informazioni 0541 942485.

Gatteo Concorso

E in programma questanno lottava edizione del concorso di pittura e scultura "Il Gatto" organizzato dal Comune di Gatteo legato alla "Settimana della Micizia". Dal 2004 il programma parte integrante degli eventi a Gatteo Mare e la kermesse, che questanno si svolger dal 17 al 24 luglio, contempla anche liniziativa rivolta a tutti coloro che amano larte e, soprattutto, i gatti, con un concorso di fotograa a loro dedicato. La partecipazione ai due concorsi - scultura/ pittura e fotograa - aperta a tutti. Le iscrizioni sono gratuite e dovranno pervenire alla segreteria del

premio "c/o Ufficio Iat - Palazzo del Turismo, Piazza della Libert 10 47043 Gatteo a Mare", con una foto a colori riproducente lopera con cui si intende partecipare. Una apposita giuria, composta da esperti del settore dellarte, personalit del mondo culturale e artistico, selezioner, entro una settimana, i vincitori dei concorsi e le opere saranno esposte nel corso della Settimana della Micizia che si svolger dal 17 al 23 luglio a Gatteo a Mare. Andranno poi ad arricchire la collezione Museo del Gatto. Agli autori vincitori andr un premio del valore di 500 euro. (Cf)

Cesenatico

Spettacolo di balletto
Con lo spettacolo "Omaggio al classico" della compagnia balletto "Liliana Cosi - Marinel Stefanescu, partir venerd 8 luglio alle 21,15 "Ribalta marea estate 2011", la rassegna al teatro di Largo Cappuccini. Prezzi: platea numerata 18 euro, gradinata numerata 14, ridotti, 10.

Cesena

Sila doro al Bonci


Il soprano Pretty Yende (Sudafrica) ricever il premio "La sila doro", giunto alla XIV edizione, sabato 16 luglio alle 21 e poi proporr un recital. Al pianoforte Michele DElia. Si tratta del premio internazionale per la lirica - biennale per soprani con dedica a Lina Pagliughi. Lingresso libero. Per informazioni 0547 86083.

Montiano

Rassegna bandistica
Il Corpo bandistico dei Tre Monti ha organizzato la 7^ rassegna bandistica. Sabato 2 luglio alle 21,15 in piazza Maggiore si esibiranno la fanfara della 1^ Regione aerea di Milano e la fanfara del 3 battaglione carabinieri "Lombardia". Domenica 3 luglio alle 21,15 sul palco la larmonica San Carlo di Ferrara. Lingresso gratuito.

Bagno di Romagna
I grandi fotografi

Cesena

Il Rotary per la vita


Il "Gruppo Consorti" del Rotary club Cesena che svolge la sua attivit in appuntamenti beneci e culturali guidato da Valeria Cesari, Mariangela Giunchi Rasi (segretaria) e Lidia Valentini (tesoriera). Nei giorni scorsi ha consegnato un assegno di 4.500 euro al Centro di aiuto alla Vita che ha sede in corso Cavour.

Il Palazzo del Capitano, sabato 2 luglio alle 21, 30, ospiter Andrea Alborno, ideatore di un nuovo approccio alla fotograa. Dal Marocco al Gran San Bernardo no a Odessa sul Mar Nero, guider il pubblico alla scoperta di diversi luoghi e stili di vita. Dedicher una parte dellincontro al "Creative fhoto mind". Lingresso libero.

Sport

Gioved 30 giugno 2011

21

Ciclismo: piccoli campioni vincono e crescono


A Gambettola Fiumicinese in grande spolvero con due atleti sul podio
Nella categoria regina dei giovanissimi (G6) al 3 trofeo Pasticceria Casadei a Gambettola, sabato pomeriggio, ha trionfato la Fiumicinese Fait con due ciclisti ai primi due posti. Ha vinto con netta supremazia Simone Buda di Badia di Montiano e secondo si classicato

Lorenzo Casadei di Budrio di Longiano. Per lundicenne Simone Buda si tratta dellundicesima vittoria su dodici gare "locali" disputate. In una giunto secondo, avendo controllato la corsa per favorire un amico in fuga. Ha colto anche due successi "regionali" in mountain bike a Carpi e a Ferrara. A questo terzo appuntamento sportivo, organizzato dal Corpus club Cesena in collaborazione con il Pedale gambettolese, hanno partecipato 172 giovanissimi di 18 societ romagnole.

La squadra ha disputato la Coppa Europa

LOlimpia si conferma campione di Teamgym


stato un fine settimana A Cesenatico oltre 200 atleti da incorniciare, quello provenienti dallItalia e dallestero trascorso a Cesenatico dalla squadra junior si sono affrontati al Festival della Ginnastica Olimpia di internazionale di sport acrobatici Gambettola, che ha riconfermato la supremazia a livello nazionale, Le ragazze di Gambettola sono aggiudicandosi il titolo di state coordinate da Franca Casadei Campione dItalia di Teamgym Junior. Il suggello per la categorie sia a livello riconferma del titolo avvenuto tra le mura maschile che femminile. Un amiche, allAccademia acrobatica di Cesenatico, in risultato che ha portato le cui si svolto, nelle giornate del 17, 18 e 19 giugno, atlete romagnole il Festival Internazionale degli sport acrobatici e allattenzione a livello coreografici. Un Festival che ha portato oltre 200 internazionale, perch nelle atleti provenienti da tutte le regioni italiane e due gare disputate hanno ottenuto un secondo dallestero e che conteneva oltre alle esibizioni, le posto (a Dornbirn sul lago di Costanza in Austria) fasi finali del Campionato Italiano Teamgym ed un primo posto a Cesenatico. nonch la fase italiana di Coppa Europa Teamgym La Coppa Europa per societ si disputa in cinque riservata a tutte le categorie: giovani, junior e "fasi" e la classifica, che sar effettuata a novembre senior. al termine dellultima tappa spagnola delle Le atlete della Ginnastica Olimpia, sotto Canarie, terr conto dei due migliori piazzamenti limpeccabile regia di Franca Casadei, hanno con relativi punteggi, del numero delle squadre centrato il duplice risultato: della riconferma del partecipanti e degli atleti. Nelledizione dello Titolo Italiano Teamgym Junior (sbaragliando la concorrenza vincendo tutte le varie "fasi") e si sono scorso anno, la Ginnastica Olimpia, che era allesordio a livello internazionale, si classificata aggiudicate la prova di Coppa Europa con il 9^ . Lobiettivo di questanno, oltre ad acquisire massimo del punteggio ottenuto in tutte le

maggior esperienza, quello di migliorare la posizione ottenuta in passato. I nomi delle protagoniste sono: Clarissa Biguzzi, Sara Consani, Elisa Gardellin, Giada Lombardi, Eva Luna Maestri, Zoe Paganelli, Beatrice Salaroli e Nicole Zoffoli. A questi va aggiunto il nome di un atleta della Ginnastica Olimpia di Gambettola, Alessandro Zamagni (nella foto), che si aggiudicato per il sesto anno consecutivo il Titolo Italiano di Mini Trampolino (5 nella Junior e 1 Senior) gareggiando nella categoria Senior, anche se in et da Junior. Piero Spinosi

Ha attraversato lAtlantico

Quaranta giorni in mare, in barca a vela, e 4500 miglia percorse, dalle Azzorre alla Bretagna. Questa lavventura di Federico Bissi (nella foto), cervese, dipendente di Banca Romagna Cooperativa, che da ne marzo a met maggio ha compiuto unimpresa di non poco conto. Organizzata da una delle pi quotate scuole di vela mondiali, Les Glenans, (Bissi italo-francese e insegna per questa scuola) la traversata stata compiuta con uno sloop in alluminio di 39 piedi (12,68 metri) del cantiere

francese Alubat. "Siamo partiti in quattro dalle Antille Francesi - racconta listruttore e la traversata no alle Azzorre stata tuttaltro che agevole. Abbiamo superato diverse burrasche che hanno danneggiato limbarcazione, come la rottura dei cavi che sostengono lalbero. E per porvi rimedio, alle Azzorre ci siamo dovuti fermare una settimana. A quel punto siamo ripartiti per la Bretagna dove siamo giunti in una decina di giorni". La seconda parte della traversata dalle

Azzorre no alla Manica non ha visto imprevisti particolari. "Siamo stati investiti da una profonda ed estesa depressione che ci dato per 5 giorni venti da forza 7 a 10, ossia da 35 a 50 nodi che equivalgono a 70/100 chilometri orari, e onde di 6/7 metri, cio mare forza 7. Grazie a questi forti venti a favore abbiamo impiegato solo 11 giorni per raggiungere la destinazione arrivando un giorno in anticipo rispetto alla tabella di marcia". Lequipaggio ha imbarcato una scorta dacqua non potabile pari a 500 litri, pi

quella potabile pari a 2 litri al giorno a testa. A causa della lunga permanenza in mare nella prima parte della traversata, le provviste sono state razionate. Ma come si vive in quattro in una barca di 12 metri? "Ci si preoccupa solo dello stretto indispensabile - conclude Bissi come mangiare, bere, lavarsi e coprirsi. E poi si pu stare con se stessi in mezzo alloceano. Tante preoccupazioni che a casa sembrano insormontabili, in mezzo allAtlantico diventano sciocchezze". Cristiano Riciputi

22

Gioved 30 giugno 2011

Sport Csi
Il 17 giugno la quinta edizione del memorial Nazario Bettini

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Scacchi Csi

Trentaquattro gli atleti della societ di pattinaggio del Csi

I giovani atleti sono allenati da Claudia Celli

Musica e pattini a rotelle in una serata di sano sport


Torneo di San Giovanni a favore della ricerca
ella sera venerd 24 giugno Npresso chediagisceScacchistico della sede il Circolo Paul Murphy di Cesena, allinterno del comitato cesenate del Csi, si svolto un torneo con nalit beneca e di solidariet sociale, a favore della prevenzione oncologica. Nella foto, il primo classicato Luigi Livio, premiato dal presidente Remo Mariani (a destra). ella serata di venerd sera 17 giugno presso larea cortilizia dellIstituto Lugaresi, a Cesena, si svolta la quinta edizione del Memorial Nazario Bettini-Pattini sotto le stelle, il saggio finale della societ Csi di pattinaggio artistico a rotelle, i cui atleti sono allenati da Claudia Celli. La societ, di cui presidente Giuseppe Degli Angeli, infaticabile promotore e che vanta attualmente ladesione di 34 atleti/e (10 sia per la categoria agonistica che preagonistica e 14 per lavviamento), pu contare sullappoggio di diversi sponsor che sostengono lattivit annuale: la Cassa di Risparmio di Cesena, la Fondazione della Cassa di Risparmio di Cesena, il Consorzio Romagna Iniziative, la Solo Affitti spa, Il Nicolini Team Sport, il Medagliere di Dallamora, il ristorante pizzeria La Stalla e il Panathlon Club Cesena. La manifestazione, organizzata in collaborazione con lAssociazione Amici del Lugaresi, dedicata alla memoria di Nazario Bettini, ex direttore generale della Cassa di Risparmio di Cesena, promotore e sostenitore dellassociazione Ex allievi del Lugaresi, che ha profuso grande impegno negli anni passati per mantenere viva lattivit sportiva, ricreativa e laccoglienza dei giovani nel cortile dellistituto stesso.

Trofeo Benedetto La resa dei conti


Domenica 3 luglio la finalissima del torneo calcio a 7 tra parrocchie
fase entrata e tra Lagiorni nale della suanel vivoDopopochi il Trofeo Benedetto conoscer il quinto vincitore storia. il doppio trionfo dellUnit Pastorale Mercatese e la vittoria del SantEgidio e di Pioppa nelle precedenti edizioni, delle venti pretendenti di questa quinta edizione ne sono rimaste solo quattro: Pioppa, Sala, San Paolo e Santa Maria Goretti, in rigoroso ordine alfabetico. Sono pi le sorprese delle conferme tra le otto squadre che domenica 26 giugno hanno disputato i quarti di nale. Infatti si riconfermano sui livelli dellanno passato Pioppa e Santa Maria Goretti che andranno a caccia della seconda nale consecutiva assieme a Sala. Sorprendono Santa Maria Nuova e San Pietro che alla loro prima partecipazione entrano nelle migliori otto. Ottimo torneo per Case Finali, Gambettola e San Paolo che per la prima volta superano la fase a gironi. La prima seminale, che si gioca gioved 30 giugno alle 20,30 al centro sportivo Romagna Centro di Martorano, vede affrontarsi Pioppa e San Paolo. I campioni in carica hanno vinto 43 contro Case Finali, ma quanta sofferenza. Per Pioppa stata decisiva la doppietta di Giordani, mentre al Case Finali al bel gioco mancata in pizzico di esperienza. San Paolo, invece, si sbarazzata agevolmente del Gambettola con un netto 8-1. A seguire sar la volta di Sala e Santa Maria Goretti. I primi vengono da una vittoria per 61 sul San Pietro che saluta tra gli applausi il Trofeo Benedetto, i secondi domano la rivelazione Santa Maria Nuova col punteggio di 5-3. Di queste quattro formazioni parrocchiali solo le due vincenti avranno la possibilit di battersi per la conquista del Trofeo nella nale del 3 luglio alle ore 21,30 al centro sportivo di Martorano. Ad anticipare la nale del torneo di calcio a 7 ci sar la nalissima del torneo di pallavolo. Infatti, mercoled 29 giugno alle 21,30 al Lugaresi si disputata la nale fra la parrocchia di Case Finali e quella di Pievesestina. Giacomo Righi

Alla pari delle edizioni precedenti il Memorial Bettini stata loccasione per vedere allopera anche societ viciniori, che si occupano anchesse di tale disciplina, come lUsd San Marco di Cesena, allenata da Silvia Perroni e il Roller Cesenatico, allenata da Silvia Batocchio. La manifestazione ha visto lesibizione delle diverse categorie in esercizi collettivi da parte della societ Csi Cesena, dellUsd San Marco Cesena e del Roller Cesenatico, nonch di alcuni atleti che si sono cimentati singolarmente, come Arianna Suzzi (del Csi Cesena), che ha vinto recentemente il Trofeo Topolino nella categoria preagonistica, di Lucia Aguzzini (sempre della medesima societ), che si qualificata per i campionati italiani che si terranno in Abruzzo nel prossimo mese di luglio e di due coppie: la prima formata da Giulia Cucchetti e Alessandro Melucci, che

sono giunti secondi nei campionati regionali della categoria esordienti (10 anni) e la seconda costituita da Pamela Coppeller e Marco Gurelli (questultimo campione del mondo junior nel 2009), che si sono qualificati ai prossimi campionati italiani (entrambe le coppie appartengono alla societ Sport Life di Rimini). Durante lo svolgimento della serata, che ha visto la presenza di un pubblico folto e appassionato, si sono svolte le varie premiazioni: erano presenti tra le autorit Luciano Morosi, il presidente del comitato cesenate del Csi, che ha avuto parole di elogio per la societ che con tanti sacrifici porta vanti da alcuni anni a questa parte lattivit e che si impegnato nello stimolare lamministrazione comunale cittadina alla costruzione di un impianto specifico per il pattinaggio artistico a rotelle; Dino Collinucci, vicedirettore generale della Cassa di Risparmio di Cesena e i familiari (moglie e figli) di Nazario Bettini, che anche questanno hanno voluto testimoniare con la loro presenza il sostegno pieno alla promozione di tale disciplina. La manifestazione si conclusa con un esercizio collettivo, dove sono scesi in pista tutti gli atleti delle diverse categorie, per la classica passerella finale. Marco Fiumana

NEL FOTOSERVIZIO (DI MAURO ARMUZZI) SCATTI DELLA SERATA PATTINI SOTTO LE STELLE CHE SI TENUTA NEL CORTILE DELLA SEDE DEL CSI DI CESENA VENERD 17 GIUGNO

ROMAGNA INIZIATIVE
per lo sport e il sociale

Pagina Aperta

Gioved 30 giugno 2011

23

Il direttore risponde
Valorizzare le diversit

LOcchio indiscreto

arissimo direttore, ho letto, con molta perplessit, quanto stato scritto sul Corriere Cesenate di gioved 16 giugno, dando anche molto risalto, dedicando due pagine, sulla Romagna autonoma. Sono laziale di nascita e romagnolo di adozione (da 52 anni). Cosa dire della Romagna indipendente? Sono per unire, non per dividere: mi dispiace per coloro che si battono per la divisione. Addirittura io sarei per lItalia unita e, al massimo, per comodit di gestione, si potrebbe fare Italia settentrionale, centrale, meridionale-insulare. Si vogliono abolire le province e poi dividere le regioni? Io accorporerei Marche e Umbria, simili per storia, usi e costumi. Si creerebbe unEmilia industriale e una Romagna agricola-marinara. Gli imolesi si sentono pi emilani e taluni li vorrebbero forzatamente romagnoli. Dove mettere i confini? Addirittura i pesaresi vorrebbero essere romagnoli e non marchigiani per inflessione e dialetto (vedi lesultanza di coloro che dalla provincia di Pesaro sono passati a quella di Rimini). Si critica la Lega che vorrebbe costituire la Padania? Noi che esempio diamo? Il nostro vescovo emiliano, lo dobbiamo rispedire al mittente per questo? Siamo, invece, lietissimi di averlo fra noi e ringraziamo Dio che ce lha dato. Predichiamo da una parte lintegrazione (anche se io di altra regione sono pi romagnolo dei romagnoli) e in contraddizione vogliamo dividere? Faccio notare che ho 77 anni e i fautori della divisione, miei amici, hanno pi o meno la stessa et. I giovani desiderano linterscambiabilit culturale, economica, politica e sociale, lEuropa unita e noi vogliamo dividere una regione? Non , per caso, puro campanilismo a difesa di una presa di posizione di ventanni fa, quando non si parlava di eliminare le province ma di istituirne delle nuove, e non venivano considerati, come oggi, i costi delle pubbliche amministrazioni? Itempi sono cambiati e se si facesse un referendum, potrebbe scapparci la sorpresa, com

successo ultimamente, quando si credeva di non raggiungere il quorum, e invece c stata grande partecipazione e, forse, la stramaggioranza vorrebbe che le cose rimanessero come stanno (a parte il campanilismo calcistico fra Cesena e Bologna). Personalmente sono per un mondo unito, specialmente dopo lo sforzo che il Papa sta facendo per abbattere le divisioni e le frontiere fra le molte religioni. utopia? Mario Di Manno

gregio Di Manno, anche noi siamo per un mondo unito. Ci non significa che si debba essere per un mondo piatto. La ricchezza del nostro vivere deriva dalle nostre diversit che debbono essere valorizzate. Chi pi della Chiesa conosce il territorio e il suo valore? Non siamo forse identificati da mille campanili? Eppure siamo ununica Chiesa cattolica guidata dal Papa. Tu sei Pietro e su questa pietra edificher la mia Chiesa (Mt 16,18). Daltronde lEmilia e la Romagna in comune non hanno quasi nulla, neppure di valore storico. Siamo diversi per tradizioni, per cultura, per sensibilit. Rendere autonoma la Romagna vorrebbe dire conferire maggior valore a una terra ricchissima di particolarit che oggi con fatica vengono riconosciute dal resto della regione, in primis da Bologna. Infine le ricordo il principio di sussidiariet, carissimo alla Dottrina sociale cristiana: se un ente che sta pi in basso capace di fare qualcosa, lente che sta pi in alto deve lasciargli tale compito e sostenerne lazione. E facciamolo questo referendum: vediamo leffetto che produce. Oppure qualcuno ha paura dellesito delle urne? Forse i sette comuni del Montefeltro hanno insegnato qualcosa. Cordialit. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

A Cesena, la strada di recente costruzione che nella zona di Tipano porta dalla via Romea al nuovo cimitero stata intitolata a pacem in terris (tutto minuscolo). Considerando il luogo dove questa strada conduce, lindicazione non richiama tanto la celebre enciclica di papa Giovanni XXIII pubblicata nel 1963, ma evoca un saluto in latino ai defunti: pacem in terris, al quale potremmo aggiungere anche pacem in loculis e ancor pi in coelis.

Dopo la visita del Papa nella Repubblica di San Marino


Caro direttore, domenica 19 giugno ho avuto la fortuna di partecipare alla messa di Benedetto XVI nello stadio di San Marino, esperienza che vorrei condividere con te e con i lettori. La partenza allalba per essere alla stadio di buon mattino con gli altri volontari. E bella la strada per chi cammina recita una canzone, confermata dallaspetto di case e cose dentro al giorno che comincia. Le solite strade percorse ogni giorno sono illuminate stamattina da una luce diversa che non solo quella del sole che sorge, bens quella di una vita in movimento, sia pure solo per i pochi chilometri che mi separano da San Marino. La medesima luce si riflette nei dettagli dei preparativi allo stadio - gli scherzi con gli amici del servizio dordine, il caff, i volti della gente (tante le famiglie con bambini), gli annunci dellorganizzazione che d le indicazioni per la Messa: non applaudire, non agitare striscioni, fare la comunione solo se in grazia di Dio e solo in bocca (non in mano) secondo le di-

sposizioni universali della Chiesa. Riflessa nei tanti particolari la luce converge verso un unico punto, che la venuta del Papa e la Messa, la stessa Messa di ogni domenica che oggi sembra avere un vestito nuovo, il vestito (appunto) della festa. Arriva il Papa. Ha il volto stanco e sereno di chi sta rispondendo al compito faticoso che gli stato affidato. Mi ricordo che si definito umile servo della vigna del Signore. Il Magistero durante lomelia ha il gusto di un ottimo vino. Parla della Trinit con la semplicit profonda con cui San Tomaso dAquino mostrava lesistenza di Dio. La Trinit dice un mistero di cui una parte resta a noi pienamente visibile e comprensibile: Dio amore. Nellaffrontare il Mistero dellidentit di Dio dunque utile partire dal suo volto, che lamore. Penso a mia moglie e ai miei figli. Introdotta cos, la Trinit rivela anche la natura profonda del mio rapporto con loro. Sono belle le parole del Papa: hanno la concretezza della roccia su cui si pu costruire una casa ed una famiglia e muovono la mente perch raggiungono e commuovono le profondit del cuore.

Sono pietre che non sostituiscono ma mobilitano le pietre vive che siamo chiamati ad essere per la Chiesa. A queste parole fa eco la musica che concorre alla bellezza della liturgia, quella liturgia che cos spesso il Papa ha difeso PAPA BENEDETTO XVI perch non ne DOMENICA 19 GIUGNO venga deturSI RECATO IN VISITA pato il volto. A SAN MARINO-PENNABILLI FOTO SICILIANI-GENNARI (SIR) La bellezza salver il mondo dice una famosa frase di Dostoevskij. Questa Messa completa la frase mostrando che la bellezza del Signore presente che salver il mondo. Anzi, lo salva. Ora. Cos la bellezza della liturgia mostra il mistero dellEucarestia. Laudate Deo Omnes Gentes canta il coro sulle note di Mozart. E una musica che costringe ad alzare gli occhi al cielo limpido e azzurro di questa mattina. Cos, con gli occhi al cielo e le orecchie a questa musica, mi scopro a casa. E penso che ogni Messa dovrebbe, anzi pu tendere a questa stessa perfezione che non frutto di uno spettacolo ben organizzato ma di una attenzione umile al Signore che si dona a noi ogni volta. C una rondine che vola, fedele anche lei al compito che le stato dato, come luomo vestito di bianco che sembra muoversi pi lento di lei, ma che se seguito conferma nel nostro cuore lala della fede e lala della ragione per il volo di tutta una vita. Grazie Santit! Francesco Orioli

Filo diretto con lo psicologo


VACANZE... FINALMENTE! Mi piacerebbe avere davanti una bella platea con voi lettori per chiedere: Alzi la mano chi in questo tempo dinizio estate sta pensando alle vacanze!. Credo ci sarebbe se non un 100, un 99 per cento di mani alzate. Quello delle vacanze un desiderio di tutti; chi non sente il bisogno di un momento per riposarsi, per ricaricare il corpo, il cuore, la mente e lo spirito? Il lavoro, lo studio pur necessari, stancano sia fisicamente che mentalmente, e ancor di pi oggi in questa nostra frenetica societ. C il bisogno di staccare la spina, proprio a tutela della salute psico-fisica. Staccare la spina, uscire dalla routine, aiuta a porsi in una prospettiva diversa da cui guardare le cose, pu far rivalutare degli aspetti della propria vita e riscoprirne altri, forse trascurati. Sono gli scienziati, che a fronte degli studi fatti, affermano che la distanza psicologica da una situazione in condizioni di relax in vacanza, fa bene nel breve e lungo termine. Pu non essere strettamente necessario allontanarsi molto da casa; certo che lallontanamento fisico aiuta quello psicologico, ma pu bastare anche solo spezzare la solita routine: con tempi pi dilatati per fare le cose, inserendo qualcosa di non usuale, per esempio una passeggiata mattutina o serale o comunque qualcosa che piace. Si tratta, specie in vacanza, di non forzare troppo i ritmi abituali ognuno si conosce, sa quali sono i ritmi e le cadenze della sua giornata, quelli pi consoni al suo fisico, alla sua mente e alla propria anima ritmi da tutelare. In questo modo, senza fare sforzi straordinari, possibile ricaricarsi delle energie perdute. Il rischio altrimenti quello di terminare le vacanze ritrovandosi pi stanchi di prima! Spesso poi si arriva allagognata vacanza tuttaltro che calmi e rilassati e pu non essere facile, con un mondo interiore sovraccaricato entrare da subito in questa nuova dimensione. Un aiuto per alleggerirsi pu venire proprio dal movimento fisico che permette alle tensioni accumulate di scaricarsi, di uscire fuori. E allora ci si potr ristrutturare, riorganizzarsi dentro; magari avvalendosi anche di momenti tutti per s, momenti di silenzio per una riflessione su se stessi, magari per aiutarsi ad accettarsi cos come si e quindi a volersi bene. Questo poi permette di entrare in relazione con gli altri, con una capacit maggiore di accoglienza da una parte, e di dono dallaltra. Oggi c poi una modalit di vacanza che va per la maggiore: il viaggio che oltre alla dimensione extra-ordinaria pu avere in pi un valore di crescita personale. Occorre per, se si vuole rendere il viaggio anche unoccasione di ricarica, attenersi ad alcune regole. Prima di tutto deve rispondere ai bisogni e alle esigenze del momento; non forzarsi quindi a fare qualcosa che non risponde alle necessit e alle possibilit del periodo. Unaltra valutazione da fare riguarda la scelta dei ritmi turistici pi o meno predeterminati, a fronte di una flessibilit alternativa ai ritmi quotidiani. E infine, molto importante la scelta della compagnia. Si tratta di chiarire da subito le aspettative e le abitudini di vacanza, di suddividere le incombenze e i vari compiti da affrontare. Incontrandosi prima, per fare un piano approssimativo e stabilire il budget generale. Poi naturalmente si tratter di essere flessibili e tolleranti e tenere alto anche il senso dellhumour per sdrammatizzare nelle situazioni in cui la tensione monta. Per finire, anche questa nostra rubrica va in vacanza. Torner a settembre, per mettere mano ai quesiti che vorrete continuare a porci. A nome di tutti gli operatori del Centro Don L. Milani invio a tutti gli auguri pi sinceri di buone vacanze. Susi Lugaresi psicologa-psicoterapeuta

Per domande e/o interventi: tel. 0547 661808 centrodonmilani@libero.it