Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 12 settembre 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 33 euro 1,20 - contiene I.P.

33
9 Territorio
Le feste nelle comunit parrocchiali
ettembre il mese delle feste patronali. NuS merose le celebrazioni nel territorio, con densi programmi

Diocesi
Seminario 50 anni di storia in un libro
l volume che ne ripercorre le vicende sar I presentato il 14 settembre a Cesena. Il 15 Messa con larcivescovo Lanfranchi

6, 19

Diocesi
Tantissima gente alla veglia per la pace
abbazia del Monte ha accolto oltre un L migliaio di persone alla preghiera guidata dal vescovo Douglas

Chiesa
Il silenzio dei cuori per disarmare chi vuole la guerra
apa Francesco: Le armi segnano sempre una P sconfitta per lumanit. In 100mila a Roma per pregare per la pace

13, 16, 17

Editoriale Sperare per la famiglia


di William Casanova

Esperienza in missione per alcuni giovani di Gambettola

a 47esima Settimana Sociale si svolger a Torino dal 12 al 15 settembre con lobiettivo di affrontare e se possibile anticipare gli interrogativi e le sde talvolta radicali poste dallattuale evoluzione della societ. Il tema scelto:La famiglia, speranza e futuro della societ italiana non pu essere ridotto a una questione interna alla chiesa perch in gioco molto di pi. Tre sono le ragioni che lo ispirano: antropologica, sociale e politica. La prima ragione ha a che fare con lidentit della persona nella sua differenza: luomo e la donna. Nei giorni in cui un assessore del Comune di Venezia, con lapprovazione del ministro Kyenge, propone di sostituire genitore1 e genitore2 con il padre e la madre per non discriminare nessuno. cercheremo di riscoprire il valore della relazione, non un laccio che inibisce la libert, ma qualcosa che potenzia se stessi, generando la famiglia. Sono in gioco la differenza fondamentale maschio-femmina, il ruolo che tale differenza gioca nellesperienza dellamore umano, il diritto dei gli a essere accolti con amore da un uomo-padre e da una donna-madre. La seconda ragione legata alla proiezione sociale della famiglia che non un affare privato e non si limita a gestire la dinamica degli affetti, ma costituisce un punto di forza della societ. La residuale capacit di welfare legata allo scambio interno al tessuto delle relazioni primarie. La stessa Costituzione non fa mistero della centralit del soggettofamiglia che svolge ruolo di traino per i singoli non abbandonati a loro stessi. Occorre passare da unattenzione verso la famiglia di tipo assistenziale a un reale riconoscimento dei suoi diritti nativi mettendola nelle condizioni di gestirsi con maggiore libert di scelte. La terza ragione coincide con richieste non pi rinviabili che la famiglia pone alla societ e segnano lagenda della politica. Si va dalla libert di educazione al lavoro, dalla pressione scale allo stato sociale e allabitare, tutti capitoli di un nuovo scenario di societ in cui alla famiglia va riconosciuta, non concessa, la propria soggettivit. Perch il legislatore di altri Stati europei ha avuto negli ultimi dieci anni nei confronti della famiglia, un atteggiamento diametralmente opposto a quello del nostro Paese? Perch si sono dissolte rapidamente agli occhi dei governanti le mobilitazioni di questi anni come il Family Day e le proposte lanciate dal Forum delle famiglie? Invece, pi la famiglia viene messa al centro delle scelte sociali e politiche e pi si potr parlare di un futuro possibile per tutti.

Fra i bambini del Congo

Cinque giovani e un missionario nella Repubblica Democratica del Congo. Nel mese di agosto la capitale Kinshasa ha accolto lentusiasmo dei romagnoli che ora condividono la propria esperienza tramite le colonne del Corriere Cesenate. Sono state due settimane vissute intensamente, a contatto con gente povera di cose materiali, ma ricchi di sorrisi e accoglienza. Si sono messi a disposizione animando una sorta di centro estivo in un quartiere povero. Accanto a questa esperienza riportiamo quella di un giovane ricercatore cesenate che, terminata lesperienza lavorativa alluniversit di Bologna, ha mandato il curriculum allestero e ora lavora in Spagna, a Barcellona. Percorso simile per un trentenne che ha studiato a Cesena e oggi lavora in Gran Bretagna, a Londra, grazie alla laurea in Ingegneria biomedica. Primo piano alle pagg. 4 e 5

Cesena 13 Intervista alla dirigente del Liceo linguistico Gambettola 16 Luci e ombre dei lavori in centro paese

Cesenatico 15 Risultati inaspettati per i ricercatori di acquacoltura Verghereto 17 Una sorgente dar lacqua di SantAlberico

PARTENZE SPECIALI VERATOUR VIAGGI MANUZZI


SPECIALE COSTA CROCIERE: GRECIA E CROAZIA Costa Magica da Venezia Partenze 16, 23 e 30 settembre da 399 euro GRECIA Creta Bravo Maris Resort all inclusive Partenze dal 13 settembre al 5 ottobre da 628 euro KOS IClub Gaia Palace all inclusive Partenza del 28 settembre da 550 euro CAPO VERDE - Isola di Sal Bravo Vila do Farol All Inclusive Partenze 18 e 25 settembre CANARIE - Tenerife IClub Jacaranda Pensione completa con bevande Partenze fino al 25 settembre da 750 euro

Informazioni e prenotazioni

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

da 601 euro

Opinioni

Gioved 12 settembre 2013

La loro pace la nostra pace


SIRIA, DAMASCO (FOTO AFP/SIR)

Dopo anni di sacrifici


Un po di ossigeno alla scuola italiana
ono commossa e orgogliosa per essere il ministro che ha riportato listruzione al centro dellagenda politica e grata a tutto il Consiglio dei ministri per aver lavorato intensamente per ottenere questo risultato. stata unazione collegiale per permettere il rilancio della pubblica istruzione italiana. Cos il ministro Maria Chiara Carrozza dopo il Consiglio dei ministri che ha varato un pacchetto di misure dal titolo LIstruzione riparte. Un pacchetto da 400 milioni, investimenti per rendere la scuola italiana pi moderna e funzionale. Una parte importante dei fondi va a sostenere gli studenti, con 100 milioni per le borse di studio degli universitari a partire dal 2014 e per gli anni successivi. Ci sono poi 15 milioni per il 2014 per garantire ai capaci e meritevoli ma privi di mezzi il raggiungimento dei pi alti livelli di istruzione. Vogliono coprire, seguendo graduatorie regionali, le spese di trasporto e ristorazione degli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Altri 15 milioni serviranno per la connettivit wireless delle scuole, per permettere di scaricare materiali didattici e contenuti digitali, senza costi. Sei milioni sono invece per le borse di studio agli studenti iscritti alle Istituzioni dellAlta formazione artistica, musicale e coreutica, secondo una graduatoria nazionale. Lotta alle spese per i libri di testo, con anche finanziamento di 8 milioni per coprire lacquisto da parte di scuole secondarie (o reti di scuole) di libri di testo ed ebook da dare in comodato duso agli alunni in situazioni economiche disagiate. Nel pacchetto scuola c un po di tutto, compresi 15 milioni per la lotta alla dispersione scolastica, con la previsione di un programma di didattica integrativa e di prolungamento dellorario per gruppi di alunni dove necessario. Ci sono soldi per lorientamento degli studenti e poi quelli per la formazione dei docenti, oltre alla possibilit di mutui (impegnando tra laltro la Banca europea degli investimenti) per far fronte allemergenza delledilizia scolastica. Tra i provvedimenti, anche

La fotograa

Sabato 7 settembre: preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo (foto Siciliani-Gennari/Sir)
labolizione del bonus maturit, sullonda della stagione dei test di ammissione alle facolt. Cos discussi in questi giorni. C molto nel pacchetto scuola e ci vorr del tempo per guardarci dentro con attenzione, magari riflettendo anche su qualche ambito che pu far discutere, come ad esempio la questione, ampia, dei libri di testo. Certo, siamo di fronte a un passo importante del governo, a una presa di responsabilit attesa sulla scuola che deve tornare a essere una priorit per il Paese e per questo ha bisogno (anche) di investimenti sostanziosi. Il ministro si speso per questo e incassa con la scuola tutta - un risultato importante. Da sottolineare, invece, limprovviso e non preventivato dietro front per quanto riguarda lesenzione dal pagamento dellImu per le paritarie, quelle Onlus. Era inserito nel pacchetto, cos come nel comunicato che lo avrebbe illustrato dopo lapprovazione, ma non ha passato il vaglio del Consiglio dei ministri. Forse se ne riparler in sede di definizione della Service tax. Per adesso sembra uno scivolone grave, che pu avere conseguenze pesantissime per tante scuole paritarie. Scuole che oltre alle difficolt che si possono immaginare per ogni istituto scolastico, devono continuare a combattere per essere riconosciute in concreto - come peraltro definisce la legge da anni - scuole pubbliche. Alberto Campoleoni

Gioved 12 settembre 2013

Primo piano

Le competenze e il curriculum eccellente di Giacomo Andreucci, di Cesena, sono state notate da unazienda multinazionale, dopo che il giovane era rimasto senza lavoro

SelItaliarespinge,laSpagnaaccoglie
naltra storia di un cesenate di talento che, per lavorare, emigrato allestero. Cominciano ad essere numerosi i giovani che cercano, e trovano, un posto lontano da casa. Ne abbiamo parlato spesso anche su queste colonne. Ma se decenni fa si emigrava dalla Romagna per cercare lavoro in Svizzera o Germania come operai, oggi se ne vanno laureati che non trovano sbocchi occupazionali degni di un curriculum deccellenza. A questo proposito abbiamo intervistato Giacomo Andreucci, 33enne attualmente a Barcellona, molto conosciuto a Cesena anche per essere stato il fondatore e lanima di Teleosservanza, una delle prime esperienze italiane di tv di quartiere. E il figlio dellavvocato Giorgio Andreucci e della preside Regina Di Attanasio. La sorella Maria una nota blogger. Che tipo di lavoro svolgeva prima di emigrare a Barcellona e da quanto tempo si trova nella citt catalana? Lavventura a Barcellona iniziata a fine dicembre 2012. Dopo aver terminato un dottorato di ricerca allUniversit di Bologna ho continuato a lavorare presso lo stesso ateneo attraverso docenze a contratto e progetti di ricerca. Tra i vari incarichi tenevo un corso a contratto di Informatica per le scienze geografiche presso il corso di Laurea in Scienze Geografiche, poi soppresso con i tagli alluniversit. Questo corso era focalizzato sullutilizzo di alcuni prodotti Google per la gestione di informazione geografica sui quali ho scritto alcune pubblicazioni. Come arrivato in Spagna? A novembre 2012, a causa dei tagli fatti in Ateneo, specialmente nel settore geograficoumanistico, ho cercato lavoro allestero e ho iniziato a caricare il curriculum su alcuni portali europei, tra i quali InfoJobs, che vengono consultati da

giorni per un colloquio a Barcellona: non ci ho pensato due volte. Ho preso laereo, ho fatto lincontro e sono tornato a Cesena. Dopo pochi giorni mi hanno telefonato dicendo che il colloquio era andato bene: ho fatto salti di gioia. Quando partito? Il giorno di Santo Stefano sono partito in modo da essere pronto per poter iniziare il training di formazione il 4 gennaio. Poi, passato il training e il periodo di prova, lavoro a tempo pieno presso lazienda. La mia posizione quella di Poc Collab specialist. Poc significa Punto di Contatto, cio faccio da ponte tra Google (la sede di Dublino) e lazienda Sellbytel a Barcellona per quanto riguarda il mio ambito di specializzazione, gli strumenti di collaborazione (Collab) di Google Apps quali Google Drive, Google Sites, Google Plus.
Giacomo Andreucci in un momento di relax

Dublino avvengono tramite videoconferenza in inglese. E un lavoro che le piace? S, perch si tratta di un lavoro molto dinamico, in un ambiente multilingue con stimoli nuovi. Si lavora a contatto diretto con una delle pi creative multinazionali a livello mondiale, quale Google. E tutto questo nel cuore tecnologico di Barcellona, il distretto @22, un nuovo polo lungo lAvinguda Diagonal, dove si stanno concentrando aziende di tecnologia internazionale attratte dal livello di qualit di vita che Barcellona offre e dai costi pi bassi rispetto a citt come Londra. In citt si trova bene? Dal palazzo dove lavoro posso vedere il mare da una finestra e da unaltra la Sagrada Familia. Quando esco mi ritrovo in una citt meravigliosa, con servizi che in Italia purtroppo si fan fatica a immaginare: senza necessit di possedere un auto, ci si pu muovere ovunque grazie a una rete metro con 11 linee con treni che quasi spaccano il secondo, una rete di tramvia in superficie, autobus, bici a noleggio. Barcellona si estende sulla costa e le spiagge sono raggiungibili ovunque ci si trovi in pochi minuti, sono pulite, gratuite... cose da sogno! Per non parlare della ricchezza storica e architettonica di Barcellona: ci si perde a guardarsi attorno per le avenide, palazzi edifici, piazze. E i locali per la sera non si contano... Insomma per quanto sto vedendo e vivendo sono molto contento e grato per trovarmi in una citt cos "spaziale". Certo, vivere qui ha comportato e comporta fatica, allontanarsi fisicamente dalla propria terra, dalla famiglia, da tanti amici, anche se poi grazie a voli rapidi ed economici mi sembra pi di essere un pendolare che torna a casa ogni mese che un emigrante. E gli amici italiani non perdono occasione per venire a trovarmi qua a Barcellona.

Da gennaio lavora a Barcellona "Faccio da ponte tra Google, la sede di Dublino e lazienda Sellbytel. Sono specializzato negli strumenti di collaborazione (Collab) di Google Apps quali Google Drive, Google Sites, Google Plus
multinazionali che si occupano di nuove tecnologie e informatica. Una mattina, ai primi di dicembre, ho ricevuto una chiamata dalla sede di Barcellona di una multinazionale, Sellbytel, che si occupa di servizi customer service per clienti come Facebook, Apple. Questa azienda stava per aprire un progetto con Google per la gestione del supporto internazionale a Google Apps For Business, una suite di prodotti Google per aziende e scuole che offre in modalit cloud (online) servizi di gestione di email, archivio dei dati on-line, creazione siti web, integrazione con Google Maps, gestione di canali YouTube. Lazienda era interessato al mio curriculum e mi ha proposto una data di l a pochi

Che tipo di azienda quella in cui lavora? Lazienda Sellbytel-Google Project ha una cinquantina di agenti, persone che svolgono il supporto tecnico ai clienti tramite telefono, chat, email, etc. coprendo varie lingue: inglese, spagnolo, italiano, tedesco, portoghese, olandese. Tra i miei compiti ho quello di aggiornare la mia responsabile Google a Dublino su come lavorano gli agenti e sui problemi di ordine tecnico che incontrano. Un altro compito quello di effettuare un training continuo agli agenti sulle novit che Google ininterrottamente introduce: insieme al mio collega (siamo in due) riceviamo informazioni e aggiornamenti da Google e quindi teniamo per gli agenti sessioni mirate in base alle novit che escono per quanto riguarda il nostro ambito di specializzazione in modo che siano ben preparati per risolvere i problemi dei clienti. Le lingue con le quali comunichiamo con gli agenti sono linglese e lo spagnolo, mentre i contatti con Google a

Michele Avoni ha frequentato il corso ingegneria biomedica e fatto pratica allospedale Bufalini

Ha studiato a Cesena, lavora in Gran Bretagna


E invece esiste. Un trentenne che, nel 2013, ha un lavoro che ha scelto, per cui ha studiato, e che gli piace e gli consente di vivere. Si chiama Michele Avoni, un ingegnere biomedico, un importante passato da analista, e di serio studente universitario a Cesena doveva viveva nello studentato di via Quasimodo, allex Zuccherificio. Capita di incontrarlo nella campagna inglese che circonda laeroporto di London Gatwick, dove tra vacche inglesi, cavalli in strada e aerei che decollano e atterrano come fossero stelle o desideri, la sera puoi vedere attorno al pub principale del paese persino piccole volpi. Michele Avoni, cosa ricorda di Cesena? Il fu professor Antonio Vitale. Le sue lezioni di vita in romagnolo. E la bellezza filosofica dei principi di fisica che tentava di insegnarci. Che idea hanno dellItalia in Inghilterra? Unidea migliorabile. Sono convinto che sia dovuta allignoranza reciproca. Anche noi ancora parliamo di Inghilterra quando intendiamo il Regno Unito, quindi i britannici non sono gli unici che dovrebbero ripassare la geografia. Quali differenze ha notato tra vivere a Cesena e vivere qui? Il lato pi simile laccoglienza. Difficile sentirsi stranieri, a Cesena come a Londra. Siamo molto simili, con la stessa voglia di vivere e di fare. "Work hard, play hard" dicono qui. Tutto il resto differenza, soprattutto lo stile rigorosamente british. Che futuro si aspettava mentre era a Cesena? Il mio sogno era ed lavorare per migliorare la salute di quante pi persone possibile. Non avrei mai pensato per di vivere a Londra lavorando per una societ italiana ed essere premiati da un ministro di Sua Maest. In cosa consiste il suo lavoro? Lavoro come manager allinterno di Vivisol per gestione di terapie mediche a domicilio. Oggi forniamo i nostri servizi a circa 20mila pazienti solamente nel Regno Unito. E posso dire di essere stato un precursore: dopo la mia esperienza, Vivisol ha investito su altri giovani italiani per progetti in Spagna e Turchia. Cosa le rimane degli studi compiuti a Cesena? Lunicit di Ingegneria Biomedica a Cesena lintegrazione con il mondo professionale. La motivazione e lesperienza pratica accumulate nei laboratori dellospedale Bufalini non le avrei potute acquisire in mesi di aula. Daniel Agami

Primo piano

Gioved 12 settembre 2013

In Africa Padre Francesco Giuliani, religioso della Consolata di Gambettola, ha fatto da guida a cinque giovani cesenati. Unesperienza unica vissuta nella Repubblica del Congo

Cinque ragazzi e un missionario


rima di partire per un lungo viaggio, porta con te la voglia di non tornare pi" Non sono solo belle parole, sono soprattutto parole vere. Che abbiamo avuto modo di vivere sulla nostra pelle in un viaggio tutto speciale, dal 5 al 20 agosto: siamo partiti, cinque ragazzi e un missionario, padre Francesco Giuliani, verso una terra ricca di stupore e saggezza come lAfrica, e pi precisamente verso Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo; e davvero non saremmo voluti tornare pi! In queste poche parole racchiuso lo spirito che permette di vivere appieno unesperienza del genere: necessaria la "voglia di non tornare pi", ovvero la voglia di immergersi completamente e senza riserve in una realt e una mentalit completamente nuove lasciandosi alle spalle la propria mentalit e il proprio modo di pensare, senza continui confronti con la propria di realt. Solo cos si riesce a guardare e non solo vedere la ricchezza (non in termini materiali) che ci circonda, senza pregiudizi e preconcetti, accogliendola e lasciandoci cambiare da essa. da questo spirito che ci siamo fatti guidare per le vie e i quartieri poveri di Kinshasa, nelle visite alle varie missioni, parrocchie e strutture, come per esempio la Pediatria di Kimbondo, che offre assistenza medica gratuita, con una sola regola: non dire no a nessuno e accogliere chiunque si presenti. Esperienza missionaria Nel nostro piccolo, abbiamo vissuto unesperienza missionaria, con la prima regola dello spirito missionario, che quella di mettersi completamente a disposizione e accettare di fare quello che si sar chiamati a fare. Perci non

"P

momenti a tavola con la loro simpatia, sia dalla gente del posto, come gli yaya (gli altri animatori della colonie), che lultima sera hanno addirittura organizzato una sorta di festa con cibo e danze per salutarci. Siamo stati accolti e amati anche se mindele (bianchi) Allora non esiste pi mindele (bianco) n muindo (nero), ma solo ndeco (fratello). Imparare Sono insegnamenti di vita che rimangono nel nostro cuore Perch, dopo aver vissuto unesperienza profonda, in cui abbiamo imparato limportanza dellamore e della riflessione, in cui si sono consolidati i legami tra di noi e ognuno facendo la sua strada ha aiutato a fare quelle degli altri, adesso che siamo tornati a casa, adesso che siamo di nuovo in mezzo alla normalit, che arriva la sfida pi grande: vivere in modo straordinario

siamo partiti con programmi super dettagliati, ma ci siamo messi a disposizione. E quello che siamo stati chiamati a fare stato organizzare e animare una sorta di centro estivo di una settimana ("Colonie") per i bambini di San Phil, il quartiere di sabbia e baracche che circonda la casa regionale dei missionari della Consolata dove alloggiavamo. E cos ci siamo trovati catapultati in un vortice di bambini dallallegria contagiosa che aumentava di giorno in giorno (siamo arrivati fino a 450 bambini!). E stato fantastico cantare, ballare, giocare con i bambini e in mezzo ai loro sguardi, sorrisi, silenzi che trasmettono tantissimo, fare un tuffo nellinfanzia buttandoci in giochi in francese o in lingala simili a quelli che facevamo noi da piccoli, o insegnando i nostri bans. Senza barriere Di fronte alla gioia e allamore non esistono barriere: nonostante oltre a noi cinque ci

fossero solo altri 10 animatori per quel numero non trascurabile di bambini, nonostante non conoscessimo la lingua (giusto poche parole di francese e lingala che abbiamo imparato in uno scambio vicendevole insegnando qualche frase in italiano), la colonie stata un successo. Anzi, certi svantaggi apparenti sono stati in realt un bene: Il fatto di non conoscere la lingua ci ricordava in ogni momento i nostri limiti, ci ricordava di essere l innanzitutto per imparare; e soprattutto, ci ha insegnato a parlare col linguaggio del cuore e dellamore, che il pi potente (se non sapevamo rispondere a una domanda, bastava dare un bacino e tutto era risolto!). Lamore e laffetto che questi bambini trasmettono guariscono veramente le ferite del cuore e donano unenergia unica. Abbiamo vissuto la frase che avevamo scelto per accompagnarci in questo viaggio: "non si vede bene che con il cuore". questo linsegnamento pi grande:

essere liberi di amare, non trattenere un abbraccio o una parola affettuosa solo per paura di quello che possono pensare gli altri, perch non c niente di pi benefico dellamore, ci che in tutto il mondo, come negli orfanotrofi del posto, ha fatto tanti miracoli. Dare e ricevere In definitiva, siamo andati in Africa non per dare ma per ricevere, e (nonostante alcuni piccoli inconvenienti da cui non ci siamo lasciati fermare, come il ritardo delle valigie o la mancanza di acqua corrente ed elettricit) abbiamo ricevuto davvero tanto da questo popolo da cui avremmo solo che da imparare Un popolo che insegna quanto sia meraviglioso il dono della vita che si rinnova giorno dopo giorno, che anche se vive con poco non risparmia a nessuno un sorriso o un saluto, che conosce il valore dellospitalit e della cortesia. Ci siamo davvero sentiti accolti, sia grazie ai missionari che non mancavano mai di animare i

"Siamo andati in Africa non per dare ma per ricevere, fra gente che vive con poco e non risparmia a nessuno un sorriso"
lordinario, con il sorriso di quei bambini nel cuore. Un altro compito che adesso ci spetta quello di cercare di trasmettere lesperienza che abbiamo vissuto, perch la gioia vera se condivisa. Non possiamo tenere questesperienza solo per noi. Perci siamo disponibile per testimonianze. Chi fosse interessato pu contattarci. Silvia Ferri Tommaso Degli Angeli Laura Monti Riccardo Neri Annagiulia Zoffoli

VALORE CITT S.R.L. Societ del COMUNE DI CESENA


ASTE PUBBLICHE IMMOBILIARI
Rende noto che nella giornata di GIOVED 3 OTTOBRE 2013 avranno luogo gli esperimenti delle ASTE PUBBLICHE relative ai seguenti BENI IMMOBILI:
1) Podere Cesuola (Cesena, vicinanze ex discarica di Rio Eremo): terreno agricolo in zona collinare a prevalente estensione boschiva della superficie di circa mq. 35.651. Base dasta . 17.000 2) Negozio in via Paiuncolo (Cesena, via Paiuncolo, 16 adiacenze Piazza della Libert): unit monolocale dotata di servizi con possibilit duso ufficio e di trasformazione a residenziale. Sup. commerciale di circa mq. 36,38. Base dasta . 57.000 oltre IVA 3) Ex scuola elementare Ponte Cucco (Cesena Loc. Ponte Cucco via prov.le Cervese, 1818): immobile recuperabile a uso residenziale. Sup. comm.le di circa mq. 217. Sup. territoriale complessiva di circa mq. 810. Base dasta . 160.000 oltre IVA 4) Ex scuola elementare Pioppa (Cesena Loc. Pioppa via Cervese, 7180): immobile recuperabile a uso residenziale. Sup. comm.le di circa mq. 740. Sup. territoriale complessiva di circa mq. 1.579. Base dasta . 410.000 oltre IVA 5) Ex colonia marittima Pinarella di Cervia (Pinarella di Cervia viale Italia, 332): immobile di considerevoli dimensioni che costituisce porzione di un pi ampio comparto della Citt delle Colonie, recuperabile a uso ricettivo (70%) e residenziale (30%). Volume di circa mc. 6.928. Superficie territoriale pari a circa mq. 4.245. Base dasta . 1.520.000 oltre IVA 6) Negozio in corso Comandini (Cesena corso U. Comandini, 10/A): unit immobiliare a uso commerciale e terziario posta nel centro storico di Cesena. Sup. di circa mq. 60. Base dasta . 120.000 oltre IVA

Nella giornata di GIOVED 10 OTTOBRE 2013 avranno luogo gli esperimenti delle ASTE PUBBLICHE relative a i seguenti BENI IMMOBILI:
7) Appartamento zona Vigne (Cesena, via N. Casali, 153): appartamento da ristrutturare posto al piano rialzato con annessa cantina. Sup. commerciale di circa mq. 97,76. Base dasta . 90.000 8) Area edificabile casello autostrada Cesena Nord (Pievesestina di Cesena via Biella/via Almerici): area edificabile (porzione di un pi ampio comparto) a destinazione polifunzionale. Superficie di circa mq. 6.873 Base dasta . 220.000 oltre IVA 9) Area edificabile rotonda Case Finali (Cesena, tra via Fiorenzuola e viale Marconi): trattasi della capacit edificatoria correlata allarea suddetta corrispondente a una SUL di circa mq. 430,35. Base dasta . 150.000 oltre IVA 10) Podere S. Andrea (Cesena Loc. Pievesestina via Fiume di S. Andrea): terreno agricolo della superficie di circa mq. 13.631. Base dasta . 16.000 11) Area edificabile Ronta (Cesena loc. Ronta tra via Ronta e via Dei Ciclamini):porzione di comparto edificabile a destinazione polifunzionale. Sup. catastale dellarea in vendita pari a circa mq. 8.740. Base dasta . 255.000 oltre IVA 12) Ex scuola elementare San Cristoforo (Cesena Loc. S. Cristoforo via S. Cristoforo, 4200): immobile recuperabile a uso residenziale, commerciale e terziario. SUL di circa mq. 740 con possibilit di ampliamento. Base dasta . 550.000 oltre IVA

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino
sas

Per informazioni relative agli IMMOBILI, BANDI DI GARA e MODALIT DI PARTECIPAZIONE: consultare il sito internet www.valorecitta.it; telefonare al numero sotto indicato, dal luned al venerd, ore 9,0013,00 15,00-19,00; rivolgersi allufficio di Valore Citt (c/o Comune di Cesena settore Patrimonio ingresso lato Rocca Malatestiana 1 piano) nelle giornate di luned e mercoled, ore 9,30 12,00. Iscrivendosi alla NEWSLETTER di Valore Citt (vedi apposita sezione presente nel sito www.valorecitta.it) sar possibile ricevere utili aggiornamenti in merito alle pi importanti novit. Tel. 0547 356810 Fax 0547 356821 e-mail: info@valorecitta.it LAmministratore Delegato Dott. Alder Abbondanza

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

Gioved 12 settembre 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

50esimo anniversario inaugurazione Seminario


Celebrazione in Cattedrale presieduta dallarcivescovo Antonio Lanfranchi
Domenica 15 settembre alle 18, in Cattedrale a Cesena, solenne concelebrazione eucaistica in occasione del 50esimo anniversario dellinaugurazione del Seminario vescovile Giovanni XXIII di Cesena. Presieder la liturgia monsignor Antonio Lanfranchi, arcivescovo di Modena-Nonantola, gi vescovo di Cesena-Sarsina e delegato regionale per i seminari e le vocazioni.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Ricordati di me, Signore, nel tuo amore
Domenica 15 settembre - Anno C Ventiquattresima Domenica T. O. Es 32,7-11.13-14 Salmo 50 1Tm 1,12-17 Lc 15,1-32
molto lontano. Il figlio maggiore ha diverse ragioni per considerare malizioso il fratello minore e ingenuo il padre. In realt, la misericordia ha tutte le ragioni solo in se stessa e solo chi ha coscienza del proprio peccato ne avverte il bisogno. Se liniziativa della salvezza di Dio, la gioia e la festa saranno piene quando tutti, anche i giusti, si convertiranno. E secondo Paolo il punto di arrivo della storia sar la conversione dIsraele. Nel Vangelo Ges fin dallinizio mangia con i peccatori. Ora invita anche quelli che si credono giusti, perch vuole convertirli. Ma la loro conversione pi difficile di quella dei peccatori perch non sanno che la misericordia di Dio non proporzionata ai meriti, ma alla miseria. Dio non ci ama perch siamo bravi, ma perch siamo suoi figli. Se il valore di una cosa si scopre nella sua perdita; il nostro si svelato nella morte di Dio per amore. Un valore smisurato perch pari allamore incommensurabile. bello pensare che questa parabola non parli della conversione del peccatore alla giustizia, ma del giusto alla misericordia, perch la radice del peccato la cattiva opinione sul Padre. Angelo Sceppacerca

La Parola di ogni giorno


luned 16 settembre san Cornelio e Cipriano 1Tm 2,1-8; Sal 27; Lc 7,1-10 marted 17 san Roberto Bellarmino 1Tm 3,1-13; Sal 100; Lc 7,11-17 mercoled 18 santa Sofia 1Tm 3,14-16; Sal 110; Lc 7,31-35 gioved 19 san Gennaro 1Tm 4,12-16; Sal 110; Lc 7,36-50 venerd 20 santi Andrea Kim Taegon e Paolo Chong Hasang e c. 1Tm 6,2c-12; Sal 48; Lc 8,1-3 sabato 21 san Matteo ap. Ef 4,1-7.11-13; Sal 18; Mt 9,9-13

Assemblea diocesana degli operatori pastorali


Domenica 22 settembre alle 15, nella chiesa di SantAgostino, a Cesena
Il tema delle Linee pastorali per lanno 2013-2014 Giovane, cosa cerchi? Educare i giovani alla vita buona del Vangelo far da guida allAssemblea diocesana degli operatori pastorali che si terr domenica 22 settembre alle 15 nella chiesa di SantAgostino, a Cesena. LAssemblea sar aperta alle 15 con la preghiera introduttiva. Alle 15,30 il vescovo Douglas Regattieri presenter il testo Il grembo materno della Chiesa. Orientamenti pastorali per lIniziazione cristiana dei bambini, dei fanciulli e dei ragazzi. A seguire, Giovane, cosa cerchi? Educare i giovani alla vita buona del Vangelo: il vescovo Douglas presenter le linee pastorali per lanno 2013-2014 (sul tema, verr proiettato una video-inchiesta sulla realt giovanile). A seguire, monsignor Walter Amaducci, vicario per la pastorale, presenter il programma per lanno pastorale 2013-2014. LAssemblea si concluder alle 18 con la celebrazione dei vespri, guidata dal vescovo, e la consegna delle Linee pastorali alla diocesi.

Tre giorni biblica per gli operatori pastorali


Da luned 23 settembre alle 21 in Seminario a Cesena
Il giovane ricco (commento a Mt 19,16-22) sar il tema della tre giorni biblica, rivolta a tutti gli operatori pastorali, che si terr in seminario a Cesena da luned 23 a mercoled 25 settembre.

ubblicani e peccatori si avvicinavano a Ges per ascoltarlo, ma il Pastore ad andare a cercare e a trovare la pecora. Il peccatore, prima ancora che si converta, cercato. Dio, per primo, a gioire per il ritrovamento. Nella conversione fa quasi tutto Lui; a noi sufficiente la partecipazione. Dopo le parabole della pecora e della moneta, viene quella del rapporto fra un padre e un figlio che si separa e pensa di aver consumato la sua figliolanza, infatti considera i salariati pi fortunati di lui. Il padre continua a chiamarlo figlio. Sconvolge un padre che si fa pi piccolo dei due figli. Questi, invece, si mostrano piuttosto come servi. Anche la festa finale mostra la sproporzione del cuore del padre, non frutto del ritorno dei figli. La misericordia di Dio un mistero incomprensibile. Mentre il minore si lascia festeggiare, il maggiore entra in crisi perch ha un cuore diverso dal padre. Gli manca anche quello sguardo capace di perdonare da

A MESSA DOVE
(corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, Villachiaviche, SantEgidio, Bagnile, Casale, Montereale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, San Pietro, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, Addolorata, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, SantEgidio, San Giovanni Bono, Villachiaviche, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Pio X 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, San Domenico 18.30 Cappuccini, San Pietro 19.00 Osservanza, San Bartolo 20.00 Villachiaviche

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Paolo, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo, SantEgidio 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche, Gattolino, Torre del Moro

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Cappuccini, San Domenico, Santuario dellAddolorata, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Mauro in Valle, San Vittore, Borello 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza, Case Finali, San Rocco 19.00 Osservanza, San Giorgio 19.30 Bulgarn 20.00 Villachiaviche, Gattolino, Bulgaria, Calisese, Tipano, Ruffio, Pioppa, Ponte Pietra 20.30 San Giovanni Bono, San Pio X, Torre del Moro, Pievesestina

10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Gatteo a Mare; Sala; 11,15 Bagnarola, Santa Maria Goretti, San Giacomo, Boschetto; 17,30 San Giuseppe, Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Zadina (Park Hotel), Valverde; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, Boschetto Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19 Crocetta 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30 Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 18. Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30 Montiano ore 20.30 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20,30 (sabato, chiesina del castello), 11 Mercato Saraceno 10.00; San Romano: prefestiva sabato, ore 18,30 (chiesa Mulino di Sotto); Taibo: 10;

Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18 (sabato), 11; Piavola: 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8,30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7 / 9 / 11 / 18; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9,30; Quarto: 10,30; Pieve di Rivoschio: 15,30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato),

9,30; Civorio 9,30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 18 (sabato); 8,30 / 11 / 18. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18,30 (sabato); 8/ 11.15 / 18,30; Selvapiana: 11,15 (18 sabato); Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9,15 (domenica); Balze (chiesa Apparizione): 8,15 / 11,15 / 18; Montecoronaro: 9,45; Villa di Montecoronaro (al sabato) 18; Trappola: 9,30; Capanne: 11

Messe festive
7.00 Cattedrale 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Roversano 8.45 San Giuseppe

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto; 17,30 Conv. Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Valverde; 19 Camping Cesenatico; 20,30 Santa Maria Goretti, Sala, Villalta; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, Boschetto Festivi: 7 San Giacomo, Gatteo a Mare; 7,30 Valverde, San Giuseppe; 8 San Giacomo, Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; 8,30 Sala, Boschetto; 9 Cappuccini, San Giuseppe, Gatteo a Mare, Valverde; 9,15 San Pietro; 9,45 Cannucceto; 10 San Giacomo, Villalta;

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 32 del 5 settembre 2013: 7.550 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 10 settembre 2013

Vita della Diocesi


Gioved 19 settembre Caritas diocesana, alla Schuster lincontro dei volontari
a Caritas diocesana invita tutti i volontari (non solo Caritas...) L allappuntamento di gioved 19 settembre presso la colonia Cardinal Schuster di Cesenatico (viale Cristoforo Colombo, 20). Dopo la Messa delle 10 presieduta dal vescovo Douglas Regattieri, seguir una riessione dello stesso vescovo su Coniugare spirituale e operativit. Dopo pranzo, esperienze di servizio, supporti e riessioni di Paolo Cipolloni (responsabile del Centro di Ascolto Caritas, Cesena). Alle 16 note di chiusura a cura del vescovo Douglas. Per info e indicazione presenza (gradita), segreteria Mater Caritatis, tel. 0547 480036, 0547 26775.

Gioved 12 settembre 2013

A Ronta il 21 settembre Professione religiosa di suor Maria Chiara Fabbri


hiara Fabbri, di Ronta di Cesena, C sabato 21 settembre si consacrer allAmore del Signore attraverso la Professione semplice nella congregazione delle suore francescane della Sacra Famiglia. Sono tre gli appuntamenti proposti per vivere questo dono da condividere e pregare per Chiara: - serata di animazione-testimonianza vocazionalmissionaria, venerd 13 settembre alle 20,45; - veglia in preparazione alla celebrazione della Professione, venerd 20 settembre alle 21; - Eucarestia con Prima Professione, sabato 21 settembre alle 17. Tutti gli appuntamenti si svolgono presso la parrocchia di Ronta in cui Chiara venticinque anni fa ha ricevuto il Battesimo.

Dal 20 settembre in seminario a Cesena

Sabato 19 ottobre

Corso di ebraico e greco biblico


i terr venerd 20 settembre alle 20,30, nella sala Mondardini del seminario di Cesena, la prolusione al corso di Ebraico e Greco Biblico Evanghlion-Tana k organizzato dalla comunit monastica Piccola Famiglia della Resurrezione di Valleripa. La lezione di apertura Ebraismo nellAntico e Nuovo Testamento sar tenuta dallabb Orfeo Povero. Le lezioni si terranno il venerd sera, con inizio venerd 27 settembre. I docenti di ebraico sono: Cecilia Valdesalici, Stefano Amaducci, Lucia Ravaglia (Rosa Maria) e Annarosa Ambrosi. Quelli di greco sono Giobbe Gentili e Stefano Amaducci. Offerta di partecipazione a un corso: 50 euro; a due corsi: 70 euro. Per iscrizioni (la sera di venerd 20 o 27 settembre) e informazioni: Comunit monastica in Valleripa, tel. e fax 0547 693090, 339 6699701, 334 1370447, pfrvalleripa@gmail.com, abba.orfeo@gmail.com. Professor Stefano Amaducci, tel. 0543 493616, stefanoamaducci@virgilio.it

Pellegrinaggio a Roma
Organizzato dalla diocesi nellAnno della Fede
Proseguono le iscrizioni al pellegrinaggio a Roma organizzato dalla Diocesi di CesenaSarsina per sabato 19 ottobre, nellanno della fede. Il pellegrinaggio si terr in pullman, con partenza alle 3,30 dalle parrocchie. Prima tappa: La fede celebrata e professata: dalle 11 alle 12, celebrazione eucaristica nella Basilica di San Pietro in Vaticano; recita del Credo per la professione di fede davanti alla tomba di San Pietro. Pranzo libero. Seconda tappa: La fede pregata, alle 15 trasferimento presso la Basilica di Santa Maria Maggiore; preghiera e visita. Alle 16,30 termine della visita e partenza per Cesena. Quota di partecipazione: 60 euro. La quota comprende: viaggio in pullman, ingresso a Santa Maria Maggiore, Kit del pellegrino (mappa delle 7 vie della fede in Roma, braccialetto colorato del pellegrino, laccio e bustina porta badge, zainetto colorato con logo Annus Fidei 2012-2013, guida ai percorsi di fede, fazzoletto del pellegrino, libretto con i testi liturgici e le preghiere). Per chi viaggia con mezzi propri: 10 euro (solo kit). Per le iscrizioni, necessario prenotare in parrocchia la propria partecipazione, versando un acconto di 10 euro. Conferma e saldo entro il 16 settembre. Per informazioni: Ufficio diocesano Pellegrinaggi, tel. 0547 610280, Centro Pastorale, tel. 0547 611001, e in tutte le parrocchie.

Stralci della riflessione del vescovo Douglas alla veglia di preghiera al Monte
SABATO 7 SETTEMBRE: IN TANTI HANNO PARTECIPATO ALLA PROCESSIONE SILENZIOSA, DA VIA CILEA ALLA BASILICA DEL MONTE, SU INVITO DELLA DIOCESI

Pace nel mondo e nei nostri cuori


ubblichiamo ampi stralci della riflessione del vescovo Douglas sabato 7 settembre nella basilica del Monte, durante la veglia per la pace proposta al mondo intero da papa Francesco.

La nostra preghiera per la pace, stasera, accorata e intensa. Ma possiamo pensare e presumere che giunga a toccare il cuore di Dio se la pace prima di chiederla per gli altri non nel nostro cuore? Se non siamo in pace con i fratelli? Solo una preghiera credibile sar efficace e convertir il cuore di Dio! Chiediamo a Dio che doni la pace al mondo, quando noi, magari, non viviamo un buon rapporto coi vicini di casa o con un familiare o con un collega di lavoro! Abbiamo il coraggio e persino la faccia tosta di chiedere a Dio di perdonare ai malvagi, agli empi, ai violenti quando noi siamo incapaci di chiedere scusa, di perdonare al fratello, di prendere liniziativa per riallacciare un rapporto deteriorato! Il Signore potrebbe rinfacciarci: tu chiedi che io faccia quello che tu, nel tuo piccolo, non riesci a fare? ()

secondo il tutto, secondo le dimensioni del 3. Beati gli operatori di pace mondo, universale. () Il profeta dice: Grande pace per chi ama la tua legge (cfr Sal 118, 165). Non 2. Chiedete e vi sar dato possono pretendere di possedere questa Chiedete e vi sar dato (Mt 7,7). La forza pace n i vincoli pi stretti di amicizia, n la della preghiera non sta nel fatto che somiglianza pi perfetta di carattere se non 1. Non angustiatevi per nulla riusciamo a costringere Dio a fare quello sono in armonia con la volont di Dio Non angustiatevi per nulla (Fil 4,6). Non che vogliamo noi. Essa sta piuttosto nel (Disc. 95, 8-9). rimpicciolite il vostro cuore, per nessun fatto che giunge al cuore di Dio, che tocca In sostanza, se non siamo in pace con Dio, motivo. () Questa sera nel nostro cuore il suo cuore. () S, fratelli, ci sono delle inutile che invochiamo la pace tra gli entrano le sofferenze di migliaia di siriani e preghiere che non giungono al cuore di uomini. Questa infatti sgorga da quella. San di altri popoli, costretti a emigrare, a Dio, ai suoi orecchi; preghiere che si Paolo, nella lettera ai Romani, scrive: sfuggire agli orrori della guerra gi perdono lungo il tragitto, che seguono abbiate pace con Dio. Ma appena prima ingaggiata in quel paese. Se abbiamo un altre vie. Ricordate la parabola dei due lapostolo aveva premesso: Giustificati per cuore angusto, come possibile oranti che vanno al tempio (cfr Lc 18, 9la fede, abbiate pace con Dio. Siete infatti in condividere, fare nostro il grido e il dolore 14)? La preghiera del fariseo era, s, giunta pace con Dio quando siete in una buona di tanti? Il nostro cuore vuole essere un agli orecchi di Dio, ma non al suo cuore; e relazione con Lui mediante il dono della cuore cattolico. Aperto a tutti. Cattolico: perci torn a casa sua non giustificato. fede. ()

Una trentina di iscritti allAzione Cattolica diocesana, nello scorso mese di luglio, hanno visitato Arezzo, Anghiari, Monterchi e Sansepolcro

In Toscana per un piacevoleweek end... da Dio


enerd 12 luglio alle 14,30 ci siamo ritrovati in trenta, tutti di Azione Cattolica diocesana, e siamo partiti per una tre giorni nella confinante Toscana. Lalloggio in hotel ad Arezzo, nel centralissimo corso Italia, ci ha permesso di visitare lo splendido capoluogo assaporandone tutto il calore. Nella serata di sabato, addirittura, i colleghi di Ac di Arezzo ci hanno fatto da Ciceroni accompagnandoci nei luoghi pi caratteristici della citt. Naturalmente non abbiamo trascurato il ricco territorio circostante: tappe del nostro viaggio sono state Anghiari, borgo medievale di grande fascino, Monterchi, roccaforte posta in posizione panoramica e Sansepolcro, importante centro medievale che ha dato i natali a Piero Della Francesca, uno dei maestri della pittura nel Rinascimento. Un fine settimana trascorso in letizia guidati e assistiti spiritualmente dal simpaticissimo don Pier Giulio Diaco. Hanno arricchito il gruppo la spiritosa e frizzante presidente diocesana di Ac Carmelina, nonch le professionali guide turistiche Forfo e Vale. Abbiamo vissuto bei momenti in serenit e armonia, uniti dalla fede comune. stato proprio un Weekend... da Dio! Gabriele & Miranda

Vita della Chiesa

Gioved 12 settembre 2013

Il silenzio dei cuori con Francesco per disarmare il mondo


In centomila in piazza San Pietro con il Papa per invocare la pace. Finisca il rumore delle armi! La guerra segna sempre il fallimento della pace, sempre una sconfitta per lumanit
er venti, lunghissimi minuti, in piazza San Pietro il tempo si fermato. Il silenzio assoluto dellimmenso popolo - cristiani, ebrei e musulmani, credenti e non credenti insieme, una folla immensa di almeno 100mila persone - diventato il protagonista della piazza. il momento pi intenso delladorazione eucaristica, seconda parte della grande Veglia di preghiera per la pace promossa dal Papa in occasione della Giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero. Un appuntamento voluto dal Santo Padre che era cominciato con lintronizzazione dellicona di Maria, Salus populi romani ed culminato con lappassionata meditazione di Papa Francesco. Quasi un affresco sospeso tra due mondi: il mondo di Dio e il mondo in cui viviamo. Il mondo in cui in ogni violenza e in ogni guerra noi facciamo rinascere Caino e quello in cui, invece, perdono, dialogo e riconciliazione diventano le parole della pace: in Siria, in Medio Oriente e in tutto il mondo. Dopo il caos del diluvio, ha smesso di piovere. Si vede larcobaleno e la colomba porta un ramo dulivo, ha detto il Papa, in unaggiunta a braccio durante la sua meditazione. Penso anche oggi - ha proseguito papa Francesco sempre fuori testo - a quellulivo che noi rappresentanti delle diverse religioni abbiamo piantato a Buenos Aires, nel 2000, chiedendo che non sia pi caos, che non sia pi guerra, chiedendo pace. Ore 18,45. La Veglia di preghiera per la Siria comincia con la lettura delle parole pronunciate domenica scorsa dal Papa allAngelus. La lunga attesa finita, sono gi 70mila i fedeli affluiti dai vari varchi in piazza San Pietro. Alle 19 il Papa ha fatto il suo ingresso in piazza, scendendo con passo sicuro i gradini che dallentrata della basilica lo conducono al baldacchino al centro della piazza. Dopo la cerimonia dintronizzazione dellicona di Maria Salus Popoli Romani, cominciata la prima parte della Veglia, con la recita del Rosario. Allinizio di ogni mistero, a commento della lettura biblica, stato aggiunto il testo di una poesia di Santa Teresina di Ges Bambino. Dopo il Salve Regina, cinquanta invocazioni per affidare coralmente le sorti contingenti del pianeta alla Regina della Pace. Ore 20,10: inizia la meditazione del Papa, poco pi di un quarto dora, tre vorrei che risuonano tra gli applausi, e poi tre parole per cambiare strada: Perdono, dialogo, riconciliazione. Perch cambiare strada, possibile per tutti: Vorrei che ognuno di noi, dal pi piccolo al pi grande, fino a coloro che sono chiamati a governare le azioni, rispondesse: S, lo vogliamo!. E ancora: Come vorrei che per un momento tutti gli uomini e le donne di buona volont guardassero alla Croce! Nel silenzio della Croce tace il fragore delle armi e parla il linguaggio della

VORREI CHIEDERE AL SIGNORE, QUESTA SERA, CHE NOI CRISTIANI, I FRATELLI DELLE ALTRE RELIGIONI, OGNI UOMO E DONNA DI BUONA VOLONT GRIDASSE CON FORZA: LA VIOLENZA E LA GUERRA NON MAI LA VIA DELLA PACE! (FOTO SICILIANIGENNARI/SIR)

riconciliazione, del perdono, del dialogo, della pace!. Il terzo vorrei: Vorrei chiedere al Signore, questa sera, che noi cristiani, i fratelli delle altre Religioni, ogni uomo e donna di buona volont gridasse con forza: la violenza e la guerra non mai la via della pace!. Poi un crescendo, come in una sinfonia, diretto a ognuno di noi: Guarda al dolore del tuo fratello e non aggiungere altro dolore, ferma la tua mano, ricostruisci larmonia che si spezzata; e questo non con lo scontro, ma con lincontro!. E ancora: Finisca il rumore delle armi! La guerra segna sempre il fallimento della pace, sempre una sconfitta per lumanit. Ore 20,30. Con una preghiera davanti a Ges Eucaristia, Principe della pace, comincia la seconda parte della Veglia, che prosegue con cinque tempi di adorazione guidata, al termine di ognuno dei quali cinque coppie di persone, in rappresentanza di Siria, Egitto, Terra Santa, Usa, Russia, fanno lofferta dellincenso, nel braciere alla destra dellaltare. Ognuno dei cinque tempi dellorazione guidata prevede una lettura biblica sul tema della pace, la preghiera di un Pontefice sul tema della pace, invocazioni in forma responsoriale per chiedere la pace, il canto, lofferta dellincenso, il silenzio per ladorazione personale.

Ore 22,30. Su piazza San Pietro, adesso, il protagonista il silenzio. Un silenzio che agli occhi del mondo, l fuori, pu sembrare surreale, ma che per il popolo variopinto di oggi - senza barriere, n di fede, n di razza, n di cultura - la forma pi alta di preghiera. Un silenzio cos, dice pi di molte parole. Perch fatto di tanti cuori. E il perdono, la pace, la riconciliazione nascono dal cuore, aveva detto il Papa durante ludienza di mercoled scorso. Il silenzio come arma per disarmare il mondo. Il 13 marzo, subito dopo la sua elezione al soglio di Pietro, il Papa aveva chiesto - gesto inedito per un pontificato - una benedizione silenziosa al suo popolo. Questa sera, il Papa ha chiesto alla piazza venti minuti di adorazione eucaristica. Ora, questa piazza che si stringe intorno al vescovo di Roma pronta per ricevere la sua benedizione. A San Pietroburgo, i grandi della terra non hanno saputo trovare un accordo sulla Siria. Questa piazza, questa sera la sua risposta lha gi data. La pace un bene che supera ogni barriera, perch un bene per tutta lumanit. Mai pi la guerra! Scoppi la pace, il grido silenzioso che si leva da piazza San Pietro. Perch c un giudizio di Dio, ma c anche un giudizio sulla storia. M. Michela Nicolais

10

Gioved 12 settembre 2013

Vita della Chiesa


di Lauro Paoletto, direttoreLaVoce dei Berici (Vicenza)
Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha salutato la nomina di Parolin: Sono certo che grazie alla Sua presenza al vertice della Segreteria di Stato, le nostre relazioni continueranno ad arricchirsi di nuovi contenuti e la nostra collaborazione a difesa della pace e della giustizia nei diversi scenari internazionali potr ulteriormente consolidarsi. La dimensione delluniversalit della Chiesa che lelezione di papa Francesco ha, se possibile, accentuato, andr curata e accompagnata in modo semplice, ma al contempo autorevole. La Chiesa ha oggi, forse pi di ieri, una grande responsabilit nel contribuire a sviluppare rapporti positivi tra gli Stati e a dire parole e a porre segni di pace in molte zone del pianeta lacerate da conflitti e guerre a cominciare dallarea del Mediterraneo. In questa prospettiva la grande preparazione diplomatica coniugata con la sensibilit pastorale che ha sempre mantenuto saranno utilissime a monsignor Parolin.

il nunzio apostolico in Venezuela larcivescovo Pietro Parolin, 58 anni, vicentino di origine, il nuovo segretario di Stato scelto da papa Francesco e di cui stato dato lannuncio ufficiale il 31 agosto. Sostituisce nellimpegnativo compito il cardinale Tarcisio Bertone che ha ricoperto lincarico dal 2006. La lunga esperienza di Parolin nella carriera diplomatica ( nel servizio diplomatico della Santa Sede da quasi 30 anni) garantisce al nuovo segretario di Stato una conoscenza diretta di molte delle situazioni pi delicate che stanno a cuore alla Chiesa e a papa Francesco. Nel suo servizio si occupato, tra laltro, di Cina e di altri Paesi orientali, di Nigeria e di Messico, di rapporti con Israele fino al Venezuela di Chvez, dimostrando sempre una grande capacit umana e pastorale, oltre che una grande preparazione. In questi anni ha avuto modo di conoscere bene papa Bergoglio, tanto che questi lo ha chiamato

NUOVO SEGRETARIODI STATO VATICANO |


accanto a s per questo importantissimo compito. Quando stato dato lannuncio della notizia nella diocesi di Vicenza, Chiesa natale di monsignor Parolin, molte campane hanno suonato a festa. La diocesi berica ha salutato con grande gioia la notizia della nomina di un sacerdote vicentino a segretario di Stato, soprattutto per la stima e laffetto di cui monsignor Pietro Parolin ha sempre goduto da parte del clero e dei fedeli. Il vescovo di Vicenza monsignor Beniamino Pizziol ha subito inviato una lettera gratulatoria a monsignor Parolin (che ha sempre mantenuto il legame con la propria comunit parrocchiale di origine di Longa di Schiavon e con la diocesi

Monsignor Pietro Parolin, preparazione diplomatica e sensibilit pastorale


berica) manifestando la gioia della Chiesa vicentina per questa nomina che ritiene un onore per tutta la diocesi. Il vescovo ha assicurato al confratello la vicinanza e la preghiera per il delicatissimo incarico che gli stato affidato. Monsignor Pizziol ha ricordato i molti incontri con monsignor Parolin e come di lui abbia sempre apprezzato laffabilit, la semplicit e la competenza per cui sempre stato conosciuto e stimato e che tanto lo avvicinano allo stile pastorale di papa Francesco. Monsignor Pietro Parolin, il pi giovane segretario di Stato dai tempi di Eugenio Pacelli che lo divenne nel 1930 quando non aveva ancora 54 anni, assume

MONSIGNOR PIETRO PAROLIN HA 58 ANNI ED ORIGINARIO DELLA PROVINCIA DI VINCENZA (FOTO SIR)

questa responsabilit in un momento particolarmente delicato per la Chiesa, per lItalia e per il mondo. E sono significative, a tale proposito, le parole con cui il

LA DOMENICA DI PAPA FRANCESCO.Preghiera e digiuno per la pace in Siria


l giorno dopo la veglia di preghiera per la pace in Siria e in Medio Oriente, ancora limpegno per la riconciliazione e il dialogo a essere in primo piano nelle parole di papa Francesco, allAngelus di domenica 7 settembre. Il Vangelo propone il brano di Luca, per essere veri discepoli di Ges non bisogna seguire la logica terrena: ognuno chiamato a portare la propria croce, non la croce di Ges, n ad andarsene a cercare una. E seguire Ges non significa partecipare a un corteo trionfale, ma seguire il suo amore misericordioso. Anche la veglia di sabato 7 un andare contro la logica terrena, che oggi vuole una risposta armata nei confronti di Damasco. A questa logica Francesco contrappone la disarmata risposta della preghiera e del digiuno. Astenersi dal cibo non una specie di dieta, ma accompagna un impegno, presente in tutte le grandi religioni: distacco dalle cose e dunque anche dalla violenza verso laltro. Il cristiano si distacca da tutto e ritrova tutto nella logica del Vangelo, la logica dellamore e del servizio. Il Papa prende spunto dalla parabola del re che va alla guerra e verifica le sue forze prima di decidere di combattere, altrimenti mentre laltro ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere la pace. Ci che preoccupa il Signore in questa pagina evangelica non tanto il confronto armato, scegliere o meno la guerra, ma dire al discepolo che seguirlo non un qualcosa che riguarda

Una risposta disarmata


FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

solo una parte dellesistenza, non ci sono mezze misure: non si pu essere discepoli a met. C una guerra pi profonda che dobbiamo combattere tutti, dice Francesco: La decisione forte e coraggiosa di rinunciare al male e alle sue seduzioni e di scegliere il bene, pronti a pagare di persona. Nella croce Ges prende su di s il male, la sporcizia, il peccato del mondo ricordava papa Francesco nellomelia della domenica delle Palme, undici giorni dopo la sua elezione. Con la resurrezione Ges trasforma la morte in vita, muta lodio in amore, la vendetta in perdono, la guerra in pace, ricordava Francesco nel messaggio Urbi et orbi, alla citt e al mondo,

il giorno di Pasqua, chiedendo pace per il Medio Oriente, per la Siria per la sua popolazione ferita dal conflitto e per i numerosi profughi che attendono aiuto e consolazione. Quanto sangue stato versato. E quante sofferenze dovranno essere ancora inflitte prima che si riesca a trovare una soluzione politica alla crisi. Sono passati pi di cinque mesi da quellappello. La veglia di preghiera e il digiuno di sabato sono stati loccasione per rinnovare limpegno a costruire percorsi di pace, di dialogo, in una logica diversa da quella terrena, che anima oggi le decisioni delle grandi potenze, perch,

come dice il Papa, a che serve fare guerre, se tu non sei capace di fare questa guerra profonda contro il male?. Un impegno che comporta dire no allodio fratricida e alle menzogne di cui si serve; dire no alla violenza in tutte le sue forme; dire no alla proliferazione delle armi e al loro commercio illegale. Gli unici interessi da seguire per Francesco sono quelli della pace e del bene comune. Qui la diversit del cristiano - forse dovremmo dire del credente, viste le adesioni venute dalle altre religioni, ma anche di chi ha una visione non religiosa - diventa messaggio al mondo: di fronte a chi alimenta scenari di guerra, di bombe intelligenti - come pu essere intelligente un ordigno che uccide! - ecco lofferta della preghiera, del digiuno, della riflessione. un impegno che continua, ricorda sempre Francesco allAngelus. E non solo la Siria - continuiamo a pregare perch cessi subito la violenza e la devastazione e si lavori per una giusta soluzione del conflitto fratricida - in primo piano nelle parole del Papa; ci sono anche gli altri paesi del Medio Oriente, il Libano che ha gi subito le ferite di conflitto che ha diviso il paese, forse proprio perch per tanti anni stato modello di convivenza tra le diverse fedi; il processo di pace tra israeliani e palestinesi; i difficili cambiamenti in Egitto e in Iraq. La ricerca della pace lunga, dice Francesco, e richiede pazienza, perseveranza, preghiera. Fabio Zavattaro

Attualit

Gioved 12 settembre 2013

11

Siria, il giornalista Quirico liberato dopo cinque mesi


inque mesi di paura, tensione, trattative. Poi nalmente la soluzione positiva. Domenico Quirico (nella foto) giornalista de La Stampa rapito in Siria il 9 aprile scorso - stato liberato ed tornato in Italia. Domenico Quirico, in buone condizioni anche se stanco, sceso dallaereo ed ha abbracciato il ministro degli Esteri Emma Bonino. come se fossi vissuto cinque mesi su Marte, ho scoperto solo oggi chi il Presidente della Repubblica del mio Paese. Ho

avuto paura, non mi hanno trattato bene. Queste le sue prime parole dopo essere atterrato a Roma, domenica 8 settembre. Lodissea di Domenico era iniziata appena passato il conne libanese, il 6 aprile. Quattro giorni pi tardi aveva inviato un sms a una collega della Rai. Poi il silenzio. Rotto il 6 giugno nel primo pomeriggio con una breve telefonata alla moglie Giulietta. Da quel momento sono passati altri tre mesi, un tempo lunghissimo fatto di segnali, ma anche di nuovi lunghi silenzi. Domenica, inne, la notizia pi attesa: lincubo nalmente nito. Domenico Quirico torna a casa. Bentornato.

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

LA COMUNICAZIONE NELLA CHIESA: I CONSIGLI DI UN ESPERTO


Comunicazione per la comunione, comunicazione per il dialogo, per la comprensione reciproca. Questo il motto a cui si sempre ispirato tutto il mio servizio. La confidenza di un protagonista di rilievo del circuito informativo ecclesiale: padre Federico Lombardi (nella foto), il gesuita dal tratto discreto e pacato che da sette anni dirige la Sala stampa della Santa sede. Il sacerdote giornalista si racconta in un articolo-testimonianza pubblicato sullultimo numero di Desk, la rivista dellUnione Cattolica Stampa Italiana. Settantuno anni compiuti qualche giorno fa, padre Lombardi subentrato nel luglio 2006 a Joaquin Navarro-Valls, a lungo portavoce di Giovanni Paolo II. Ai microfoni vaticani, per, era arrivato gi nel 1990, come direttore dei programmi di Radio Vaticana, cui si aggiunse nel 2001 la direzione del Centro televisivo del Papa. Comunicare essenziale, spiega ricordando la statura di maestro di popoli di Giovanni Paolo II e la limpidezza umile di Benedetto XVI. Anche per far vivere e crescere la comunit ecclesiale e la comunit umana, la famiglia umana e la famiglia dei popoli, nellunione e nella pace. Attraverso la comunicazione, infatti, si nutrono le relazioni e si edifica la Chiesa, si condividono le risorse culturali e spirituali e si collabora alla costruzione dellunica famiglia dei popoli. E lo stile di papa Francesco? Linsistenza sullamore di Dio e sulla sua misericordia come prima preoccupazione dellannunciatore apre molti cuori. Lefficacia e la credibilit del nuovo pontefice vanno al cuore del compito comunicativo. La questione fondamentale della comunicazione della Chiesa nel mondo di oggi, infatti, per padre Lombardi riuscire ad annunciare il s fondamentale, e far capire che i no conseguono dalla fedelt a questo s e servono solo a proteggerlo e a farlo crescere. Naturalmente il portavoce vaticano non si nasconde i limiti, le incomprensioni, gli insuccessi. Quando la comunicazione arriva a confrontarsi con lattualit si entra in campi problematici e discussi, ma sempre importante cercare di far capire che lintenzione fondamentale il bene di tutte le singole persone e della comunit in cammino. Le smisurate possibilit offerte oggi dalla rete come influiscono sulla comunicazione ecclesiale? Si chiede infine Lombardi. Anche da parte della Chiesa risponde non credo si possa pensare a una comunicazione monolitica o verticistica. Ma bisogna ragionare anzitutto in termini di servizio. Torna cos il trinomio fondamentale con cui aprivamo: si comunica per unire, per arricchirsi, per comprendersi.

CAMPAGNA UNO DI NOI Vicinissimo il traguardo del milione di firme. Ad oggi, sono 969.453 le sottoscrizioni raccolte nei 28 Paesi dellUnione europea. Associazioni e movimenti gi in moto per ilClic day, cos da superare di slancio il tetto fissato e mettere al sicuro liniziativa dei cittadini europei per fermare la distruzione degli embrioni umani nei laboratori di ricerca

Clicchiamo a favore della vita


una decina di giorni dal Clic day del 22 settembre e a due mesi dalla dead line del primo novembre, ultimo giorno utile per la raccolta delle firme, la petizione europea One of Use (Uno di noi) arrivata al rush finale. Sono ormai un milione, infatti, le firme finora raccolte dai 28 Paesi membri dellUnione europea. Il traguardo del milione di firme non sembra pi unutopia o un obiettivo impossibile: anzi, il Comitato organizzativo per lItalia - Paese capofila nel chiedere allEuropa di fermare gli esperimenti che eliminano gli embrioni umani - rilancia, ponendosi lobiettivo di arrivare a 1.200.000 firme, in modo da mettersi al riparo dal rischio delleventuale eliminazione di alcune firme, nella verifica finale che sar effettuata dalla Commissione europea. Traguardi e idee alte. Il milione di firme solo un traguardo giuridico - ha spiegato Carlo Casini, presidente del Comitato europeo e italiano - noi dobbiamo avere idee alte e porre dinanzi a noi un traguardo emozionale, che deve concretizzarsi nel tenere alta lattenzione sulle questioni della vita, anche dopo la campagna per Uno di noi. Essenziale, a questo riguardo, limpegno delle associazioni e dei movimenti che in Italia si muovono sulle frontiere della vita. Infatti in questi due mesi hanno intenzione di intensificare ancor di pi la

loro gi vigorosa presenza, cercando di andare anche oltre i recinti ecclesiali, attraverso un itinerario che va dalle parrocchie alle piazze cittadine. Un incoraggiamento a proseguire su questa strada venuto da monsignor Mariano Crociata, segretario generale della Cei, che ha esortato a far leva sul sentimento profondo della nostra gente, in forme che devono coinvolgere il pi possibile le persone, non solo le istituzioni. La questione della vita non cos innocua, anzi un po scomoda, ha fatto notare Maria Grazia Colombo, portavoce del Comitato italiano: per questo i risultati raggiunti dalla Campagna di sensibilizzazione sono importanti e vanno valorizzati. LItalia, in particolare, pu svolgere il ruolo decisivo per incrementare la collaborazione tra associazioni e movimenti fuori dal nostro Paese, dove la solitudine pu essere un ostacolo difficile da aggirare. Scuole, piazze e treni. Portare One of Us nelle scuole: lidea di Fism e Agesc, che allinizio di questo anno scolastico indirizzeranno una lettera a tutti i loro istituti associati per sensibilizzare i ragazzi sui diritti dellembrione e sullimportanza di una firma per difenderne la dignit. Far leva sui giovani per arrivare a coinvolgere, insieme a loro, i colleghi pi adulti che frequentano luniversit: a proporlo per

raggiungere la quota di 1.200.000 firme lAzione Cattolica, che metter a frutto anche il Convegno nazionale degli assistenti diocesani, in programma a Roma dal 27 al 29 settembre. Associazioni come Comunione e Liberazione e Comunit Papa Giovanni XXIII, in questi due mesi, continueranno nellazione di coinvolgimento gi in piena effervescenza nellestate appena trascorsa: molti gli stand nelle piazze cittadine, come quelle di Palermo per liniziativa Dieci piazze per dieci comandamenti, promossa da Rinnovamento nello Spirito Santo. Nel capoluogo siciliano il comandamento in questione sar Non uccidere, e la sintonia con le questioni legate alla difesa della vita, a cominciare da quella appena concepita, tanto evidente da non lasciarsi scappare questa preziosa opportunit. Obiettivo: andare a sfidare lopinione pubblica al di fuori degli abituali circuiti associativi ecclesiali. Intento, questo, comune a tutti i membri del Comitato: i neocatecumenali si sono presi limpegno di aumentare la pressione anche sulle parrocchie, mentre Scienza & Vita ha destinato lintera prima settimana di ottobre ad una serie di eventi, incontri, banchetti allestiti sul territorio. Ma prima, per tutti, c il Clic day: appuntamento al 22 settembre, per cliccare a favore della vita. M. Michela Nicolais

il Periscopio

di Zeta
incoronati, migliaia di persone, moltissime in divisa. Ci sono le volontarie dellAvo in abito blu, i giovani scout con i loro fazzolettoni, le autorit civili e militari e poi centinaia di appartenenti alle quindici confraternite presenti in diocesi. Infine la banda e i Trombonieri Senatore che accompagnano a modo loro lo sfilarsi del lunghissimo corteo. In mezzo il vescovo con i tanti sacerdoti e diaconi, a intonare il rosario, tra due ali di folla lungo tutto il caratteristico centro cittadino. In chiesa segue la messa solenne per la festa della patrona. Tantissima gente riunita in preghiera e in perfetta comunione di intenti con papa Francesco che nello stesso momento a Roma con centomila fedeli. In comunione anche con chi, a Cesena, nel medesimo istante si avvia lungo la salita del Monte, per invocare la pace mediante lintercessione della Vergine che domina la citt. Tutti in preghiera, per una pace possibile. Giovanni Paolo II insegna: senza guerra ha abbattuto il comunismo. Per vincere la sfiducia, come ha titolato Avvenire marted scorso, di chi pensa a un vacuo pacifismo. Invece, come ha scritto lagenzia Sir, realismo spirituale. (807)

Sabato 7 settembre tutti in comunione di intenti con quanto proposto da Francesco: Mai pi la guerra

Il Papa e il realismo spirituale

n preghiera, con papa Francesco, per la pace in Siria e nel mondo intero. Levento di quelli clamorosi. Il Pontefice ha lanciato lidea solo sei giorni prima, ma la risposta stata incredibile. Nei cinque continenti ci si fermati in silenzio per implorare la pace, perch non ci sia pi la guerra. Perch la guerra porta solo altra guerra, violenza chiama violenza, come ha esclamato con forza papa Bergoglio allAngelus di due domeniche fa. Digiuno e preghiera, in ogni angolo del pianeta. Questo stato il tema centrale di ogni dibattito e di ogni trasmissione alla radio e in televisione. Anche fra amici non si diceva altro. Cera anche chi aveva la festa parrocchiale e chi in programma viaggi o altre occasioni che potevano distrarre dallobiettivo-pace. Invece cos non stato. In questo numero raccontiamo in pi pagine ci che successo a Cesena e in piazza san Pietro, a Roma. Io, invece, vi racconto ci che mi capitato, visto che per motivi di lavoro mi trovavo a Cava de Tirreni, in provincia di Salerno. E stato cos che, sabato scorso, per puro caso, ho avuto lopportunit di poter partecipare a un evento che si verifica ogni 25 anni. A Cava de Tirreni, la patrona e protettrice della citt, la Madonna dellOlmo, esce in lunga processione dalla chiesa dellomonima parrocchia in cui custodita per andare fino alla concattedrale (la diocesi quella di Amalfi-Cava). Ad accompagnare la splendida immagine di Maria e del Bimbo, entrambi

CAVA DE TIRRENI (SALERNO), PROCESSIONE CON LA MADONNA DELLOLMO

12

Gioved 12 settembre 2013

Cesena

Durante un incontro ha spiegato nel dettaglio quanto guadagna come membro del Parlamento

Il deputato Enzo Lattuca incontra i cittadini


Il deputato 25enne Enzo Lattuca, dopo i primi sei mesi di rodaggio in Parlamento, dedicher pi tempo al territorio. Lo ha comunicato la scorsa settimana illustrando il calendario della propria disponibilit: "Ora che ho acquisito una certa dimestichezza con le procedure del Parlamento posso concentrarmi di pi sullincontro con la gente. Ogni luned mattina ricever i cittadini, su appuntamento, presso la sede del Pd dalle 10 alle 12. Al mattino del sabato incontrer i cittadini recandomi nelle citt: si parte il 14 settembre da Cesenatico, mentre il 21 sar a Cesena. Poi alterner incontri presso gli altri comuni del comprensorio. Ogni domenica mattina sar a disposizione dei cittadini presso il bar Aurora di San Giorgio, il mio paese". Lattuca in questi primi sei mesi stato uno dei Parlamentari pi presenti, con 985 votazioni effettuate su 1043 totali. "E una quarantina di votazioni - ci tiene a precisare - le ho perse a causa del ritardo del treno". In pratica stato presente al 94 per cento delle votazioni. In pi, durante lincontro con i giornalisti, ha spiegato per filo e per segno quanto guadagna un Parlamentare ogni mese e, nel suo caso, anche come li spende. "Lindennit da parlamentare pari a 5246 euro. Di questi 1500 li verso al Pd nazionale e 900 al Pd locale. Poi vi la diaria di 3500 euro: di questi ne spendo 1350 per lalloggio e 1000 per le altre spese. Questa diaria non mi convince: non dovrebbe essere forfettaria, ma un rimborso sulle vere spese sostenute. Ad esempio, la diaria di 3500 euro anche per quei parlamentari che risiedono a Roma e che non hanno alcuna spesa". Poi vi il rimborso spese per lesercizio del mandato: sono 3690 euro che Lattuca spende totalmente investendo in risorse umane, vale a dire nei collaboratori che lo aiutano a Cesena e a Roma. I deputati inoltre hanno 3000 euro annui per le spese telefoniche. Per gli spostamenti, hanno la tessera per viaggiare gratis in autostrada, treno, nave e aereo (solo per i voli interni). "Ma dovremmo usarle solo per i viaggi di lavoro e non per scopi personali", chiarisce Lattuca il quale assicura che fedele a questo principio. I deputati di questa legislatura non hanno tessere per cinema o stadi. Chi ne usufruisce lo fa in virt di propri rapporti personali. Cristiano Riciputi

Nei mesi scorsi problemi con il percolato

La discarica della Busca (foto Giuseppe Mariggi)

In fiera
Macfrut, tutto pronto
Scalda i motori il Macfrut, in programma dal 25 al 27 settembre. Nutrito il calendario degli eventi messi a punto dal presidente Domenico Scarpellini insieme a tutto lo staff di Cesena Fiera e agli esperti coinvolti nellorganizzazione della maggior rassegna ortofrutticola del sud dEuropa. In anteprima, marted 24 settembre, si svolger un simposio fondamentale per tutti i produttori di kiwi. Sar fatto il punto sui mercati, le previsioni produttive e lo stato della batteriosi. Mercoled 25 alle 10 ci sar il taglio del nastro alla presenza del ministro Nunzia De Girolamo. In contemporanea si terr un convegno sulla nutrizione di pesco, melo e kiwi. Il convegno principale della giornata sar quello delle 10,30 relativo ai nuovi rapporti commerciali fra Europa e Stati Uniti, approfondendo le opportunit per il settore ortofrutticolo. Nel pomeriggio ci sar spazio a un argomento del tutto nuovo, almeno per il Macfrut: le prospettive per il melograno, un frutto che viene riscoperto dai consumatori. Macfrut negli anni si consolidata come punto di riferimento di tutta la liera dellortofrutticoltura (dalle sementi agli imballaggi, dalla IV gamma alla catena del freddo). Lalta specializzazione della rassegna assicura un forte impatto per quanto riguarda il momento espositivo e la rilevante partecipazione di addetti ai lavori (soprattutto dei grandi buyers) da tanti Paesi esteri, ne completa la principale funzione di occasione di business anche attraverso incontri mirati e preparati precedentemente fra domanda estera e offerta italiana.

Discarica alla Busca Tutto congelato


a discarica della Busca , da anni, una spina nel fianco del Quartiere Valle Savio. Come la vecchia discarica di Rio Eremo fu, per decenni, il primo problema del Cesuola. Non stupisce dunque che il tema abbia occupato buona parte dellincontro di "Carta bianca", tra Giunta e cittadini, svoltosi a fine luglio. In quelloccasione il sindaco promise un nuovo incontro sul tema, che si tenuto la settimana scorsa a San Carlo, allargato a rappresentanti del quartiere Borello, Commissione Busca, Hera, Romagna Compost, Arpa, Ausl, Comune e Provincia. Messe da parte le proteste sui cattivi odori (riconducibili non alla Busca, ma alla manutenzione del vicino biodigestore di Romagna Compost) a tenere banco stata la possibilit di un inquinamento delle acque del Rio Busca, causato da fuoriuscite di percolato. Su questo punto, da mesi, il Movimento 5 stelle martella lAmministrazione con proprie interpellanze. Dal dicembre scorso, infatti, lattivit di smaltimento rifiuti alla Busca sospesa per un incidente al canale di fondo della

Tutti i controlli effettuati non hanno evidenziato problemi di inquinamento al rio


discarica (lacerazione di un telone). Allo stesso modo sono sospese tutte le ipotesi di ampliamento della discarica. Lattivit potr riprendere solo dopo lapprovazione di un progetto risolutivo, presentato da Hera, da parte della Conferenza dei servizi provinciale. Nel frattempo lAmministrazione comunale nega che vi sia stato inquinamento delle acque: "Il percolato stato intercettato in un apposito pozzetto di raccolta e, per mezzo di una pompa, stato rilanciato nella vasca di raccolta principale. Sono stati effettuati controlli lungo tutto il Rio, a valle del punto di uscita, con monitoraggi delle acque superficiali e sotterranee che non hanno evidenziato contaminazioni". Affermazioni che non convincono Natascia Guiduzzi, consigliera comunale del Movimento 5 stelle, determinata a proseguire la propria indagine. Lassemblea si conclusa con limpegno di ritrovarsi per la presentazione del progetto definitivo di messa in sicurezza della perdita di percolato, dopo lapprovazione della Conferenza dei servizi provinciale. "Ma il futuro di Cesena non legato alle discariche - afferma il sindaco Paolo Lucchi - la Busca sar lultima. Supereremo il problema con lestensione della raccolta di rifiuti porta a porta, in tre nuovi quartieri entro questo mese, in tutta la citt entro il 2015".

Cesena

Gioved 12 settembre 2013

13

Parrocchie, continuano le feste nelle comunit


A Madonna del Fuoco tutti gli eventi sono organizzati pensando a don Primo Venturi, il parroco morto nel mese di luglio e ricordato da tutti

"Maestro Mirco - Il Ritorno". Domenica 15 Settembre le messe si terranno alle 8, alle 10 e alle 11,10. Dalle 18 vari giochi dintrattenimento e a seguire la Cena in Allegria. I ragazzi e i giovani della comunit si esibiranno in un balletto (alle 20,30) e alle 21,30 si chiuder la domenica di festa con lestrazione dei biglietti della lotteria. Barbara Baronio MADONNA DEL FUOCO Il 13, 14 e 15 settembre nella parrocchia della Madonna del Fuoco di Cesena si svolger la festa parrocchiale. Questanno sar unedizione particolare, perch si svolger senza il parroco don Primo Venturi, deceduto l11 luglio scorso. I suoi parrocchiani hanno voluto questo appuntamento non solo perch una ricorrenza ormai consolidata da molti anni, ma soprattutto perch don Primo la considerava loccasione principale per rivedersi e incontrarsi dopo la pausa estiva: un momento di grande lavoro per tutti, ma anche di grande collaborazione e aiuto reciprico. Questanno don Primo avrebbe festeggiato i suoi quarantanni di sacerdozio e avrebbe condiviso questo anniversario col vescovo Douglas, anchegli ordinato sacerdote quarantanni fa. Era gi stato tutto pensato e pianificato prima dellimprovvisa morte del don e i suoi parrocchiani non hanno voluto mancare lappuntamento a cui il loro parroco teneva di pi, con lintenzione di completare il suo ultimo grande progetto. Il momento centrale della festa si avr domenica 15 alle 11 con la messa celebrata dal vescovo. In precedenza, venerd 13 alle 19 saranno aperti gli stand, fra cui quello della Caritas e quello gastronomico. Ci saranno anche spazi dedicati ai bambini con i gonfiabili e il gioco della ruota. In serata, musica con le band giovanili. Sabato alle 21 grande festa con "La Corrida, dilettanti allo sbaraglio". Lo stand gastonomico sar attivo dalle 19. Domenica 15 settembre la festa ricreativa riprende alle 18 con la musica del gruppo "Zorro dov". Dopo cena, a partire dalle 21,30, si terr una sfilata di abiti da sposa. La festa termina alle 22,30 con lestrazione dei biglietti della lotteria.

Anniversario
In ricordo di Consilio
Era il 19 settembre di un anno fa quando Consilio Pistocchi, diacono della parrocchia di Martorano, moriva in seguito a una polmonite. Il suo sico era debilitato a causa della chemioterapia che da un paio danni aveva affrontato per superare un tumore. Per ricordarlo, gioved 19 settembre alle 20,30 sar celebrata una messa a Villachiaviche, mentre domenica 22 settembre alle 11 la messa di suffragio sar celebrata a Martorano. Pistocchi stato ribattezzato ormai "il diacono della carit", come conferma il fratello Giuliano che continuamente riceve attestati di stima e di gratitudine per laltruismo generoso e disinteressato che sempre hanno contraddistinto Consilio e sua moglie Bruna, morta nel 2010. La porta della famiglia Pistocchi era sempre aperta: bambini in affido, gente del paese in difficolt, poveri, immigrati, donne straniere. Tutto vissuto alla luce del Vangelo: Consilio e Bruna non facevano nulla senza ricordare che era Cristo a essere la loro guida e ad indicarne i passi. Le comunit di Martorano e di Villachiaviche, dove risiede il fratello Giuliano che tante volte, specie negli ultimi tempi, lo ha accolto in casa, devono molto al diacono Consilio. Ma tutta la Diocesi lo ricorda come esempio di bont, disponibilit, e Vangelo messo in pratica.

A Torre del Moro gioved 12 settembre spazio alle band giovanili con la quarta edizione del "Tidimorock"

TORRE DEL MORO Ha preso il via luned 9 settembre la festa della parrocchia "Santa Maria Immacolata" a Torre del Moro. Tanti gli appuntamenti in programma. Gioved 12 settembre alle 16 sar celebrata la messa animata dai giovani e dai ragazzi delle superiori. Alle 19 gli stand gastronomici apriranno per la Cena Giovane e dalle 20,30 si potr assistere a Tidimorock, IV rassegna di band giovanili. Il 13 settembre alle 16 ci sar la messa con lunzione degli infermi. Seguiranno la festa e cena insieme. Dalle 20,30 si svolger lo spettacolo musicale di El Paso & C.. Sabato 14 settembre alle 15,40 previsto il ritrovo dei bambini del catechismo. Dopo la messa di inizio alle 16, si terranno giochi e festa per tutti i bambini. Alle 19 presso gli stand gastronomici si svolger la Cena delle Famiglie. Alle 20 si potr assistere alla dimostrazione sportiva degli arcieri cesenati. Alle 21 la serata sar animata dallo spettacolo serale col

Abbazia del Monte


E morto dom Pietro

Dom Mariano Kwasniak, monaco polacco conosciuto come dom Pietro prestava servizio da 25 anni presso labbazia del Monte, morto sabato scorso in Polonia a causa di un infarto. Si trovava nella sua terra nata per ragioni familiari ed deceduto poco dopo aver celebrato la messa per il battesimo di un parente.

CERAMICHE DIPINTE A MANO


Leo Bartolini, Gambettola

LABORATORI CON I SAPONI:

TELE STAMPATE A MANO Antica


Stamperia Pascucci (Gambettola)

REGALO PER LA FESTA DEI NONNI


per info sulle date e iscrizioni, consultare il sito www.ricordidiromagna.com alla voce Eventi, news, laboratori o contattateci ai nostri recapiti

Dalle tradizioni romagnole prodotti naturali per il corpo e oggetti di artigianato


PRODOTTI NATURALI PER IL CORPO
realizzati grazie alla collaborazione con lerboristeria La Mandragola (Cesena)

TEGLIE DI MONTETIFFI SAPONI NATURALI PER IL CORPO


rielaborati anche in decorazioni profuma-ambienti

REGALI DI NOZZE COLLABORAZIONI CON ASSOCIAZIONI NOPROFIT


sostenendo la realizzazione in autonomia di oggetti da regalo di sapone, nalizzati allautonanziamento BOMBONIERE

IDEE REGALO PER LA FESTA DEI NONNI


anche fai-da-te, molto stimolanti se realizzate dai bambini in occasione della loro Comunione

RICORDI DI ROMAGNA

Corso Ubaldo Comandini, 4 - Cesena


cell. 348 1796689 info@ricordidiromagna.com presenti su FACEBOOK www.ricordidiromagna.com

14

Gioved 12 settembre 2013

Cesena

Scuola A colloquio con Simonetta Bini, dirigente della nuova scuola superiore che questanno registra 225 matricole. "La scelta di inserire nel percorso curricolare linsegnamento della lingua russa ha contribuito ad aumentare linteresse dei ragazzi. Il merito di questo risultato da attribuire ai docenti"

Tutti vogliono il liceo linguistico


Barbara Baronio
oom di iscrizioni per il nuovo liceo linguistico di Cesena. Listituto, che si accinge a iniziare il suo secondo anno di attivit didattica, ha raccolto 225 iscrizioni passando da 430 a oltre 650 studenti. Le classi sono cresciute da 18 a 26, pertanto il liceo gi da questanno, oltre alla sede centrale attigua a quella del Liceo scientifico Righi (con ingresso su piazza Aldo Moro 20), avr una succursale presso listituto Serra. Saranno attivi i corsi fino alla quarta poich quelli terminali di quinta, non rientrando nella riforma Gelmini, sono ubicati nei rispettivi licei Monti e Righi. Il linguistico, avendo raggiunto un numero di allievi superiore a 600 unit, ha visto la nomina di un nuovo preside (prima era presente un dirigente reggente). Al timone del nuovo liceo Simonetta Bini, che per sei anni ha guidato listituto superiore Leonardo da Vinci di Cesenatico e prima era docente di lettere. Grande appassionata di Dante, la Bini membro dellOsservatorio regionale contro il disagio scolastico e per il benessere formativo. Preside Bini come spiega questo boom nel numero di iscritti? Certamente la scelta di inserire nel percorso curricolare linsegnamento della lingua russa ha contribuito ad aumentare linteresse dei ragazzi per il nostro liceo. Il merito di questo risultato da attribuire ai docenti che sin dallinizio si sono spesi per la crescita e per lo sviluppo dellofferta formativa della scuola. Occorre tenere presente che si sta assistendo ad un mutamento antropologico che non pu essere affrontato rimanendo ancorati solo al proprio territorio. necessario creare legami con il mondo e rendersi conto dei cambiamenti in atto. Il linguistico sinserisce in tale esigenza sociale, non

lingue moderne sono studiate non solo nella loro dimensione culturale peculiare, ma soprattutto come mezzo di espressione e comunicazione per allargare lesperienza degli studenti in unottica multiculturale. Ancora il liceo non ha unintitolazione. Avete qualche idea in cantiere? Esistono delle proposte, ma ancora nulla di definitivo. Vorremmo coinvolgere gli studenti, o i loro rappresentanti, in modo da renderli protagonisti della scelta. Nel secondo anno di vita del liceo gi una succursale: come organizzerete la distribuzione delle classi? Riteniamo fondamentale che la classe senta propria laula ed eviteremo continui spostamenti. Dislocheremo 8 classi (non le prime) in aule ben sistemate al terzo piano del Serra. Saranno programmati due turni in corrispondenza dei quadrimestri. Le classi coinvolte nel trasferimento saranno 16 (8 a quadrimestre). Non credo proprio ci saranno problemi: il gruppo docenti che fa fiorire i talenti, non ledificio. E per i laboratori e le palestre come saranno programmate le attivit? Il nuovo liceo linguistico ha una palestra, mentre le altre sono utilizzate alternativamente dal Righi e dal Linguistico a seconda degli orari scolastici. Convivenza anche per i laboratori (2 linguistici, 2 informatici, uno di fisica e uno di scienze e di biologia) che sono a disposizione dei due licei. Allo stesso modo nella succursale potremo utilizzare alcuni laboratori del Serra organizzandoci con gli orari. Come sar predisposto lorario? Ogni ora di lezione sar di 60 minuti. Ritengo che le ore cos pianificate consentano una didattica pi distesa e una maggiore valorizzazione dei momenti di verifica, soprattutto per classi molto numerose. Gli studenti possono essere valutati con maggior tranquillit e i compiti scritti ne traggono grande beneficio. Lentrata sar alle 8,05 e luscita alle 12,05 e 13,05.

solo sotto il profilo culturale, ma anche per quanto concerne tutto il comparto economico che vede nella conoscenza delle lingue un requisito fondamentale. Quindi lidea del Provveditorato di creare un nuovo istituto si rivelata vincente? La provincia di Forl-Cesena offre una gamma di indirizzi di straordinaria variet. Da Savignano a Forl abbiamo un percorso di studio per tutti i settori dinteresse. questo un ottimo modo per sconfiggere labbandono scolastico: infatti nessun ragazzo ha lalibi di non frequentare le superiori. Il nostro territorio offre ai giovani la possibilit di trovare scuole in cui esprimere il proprio talento. Si tratta di un progetto notevolissimo e di largo respiro. Nel tempo i presidi vanno e vengono, ma gli istituti rimangono. In questo contesto di pregio sinserisce il nuovo linguistico di Cesena, nato dalla fusione dei due licei linguistici preesistenti al liceo

classico Monti e al liceo scientifico Righi. Si tratta dellunico specificamente linguistico nel territorio compreso tra Rimini, ForlCesena e Ravenna e in Regione risulta una rarit, il pi vicino quello di Parma. Quali sono le caratteristiche dellofferta formativa del liceo? Gli studenti sin dal primo anno hanno lopportunit di studiare e approfondire tre lingue scelte tra un ventaglio di cinque proposte (inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo). Il latino viene affrontato nel biennio. fornita una formazione globale sia umanistica sia scientifica, attraverso lo studio di italiano, storia e geografia, filosofia, storia dellarte, matematica, fisica e scienze. Si tratta di un curriculum che fornisce competenze culturali finalizzate alla formazione universitaria in ambito linguistico-letterario e della comunicazione, senza trascurare la possibilit di accedere a studi di ambito scientifico. Nello specifico, le

ZONA STADIO (Cesena): in condominio servito di ascensore al quinto piano appartamento completamente ristrutturato composto da salotto, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con doccia e lavanderia, ripostiglio, balcone e cantina. Ottima luminosit e spazi generosi. 178.000 / Rif. 1277 ZONA OSSERVANZA (Cesena): in condominio servito di ascensore al secondo piano appartamento da ristrutturare composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, ripostiglio, disimpegno, balcone, cantina e garage. 215.000 / Rif. 0905 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 PONTE PIETRA: su un lotto di circa 2.000 mq porzione di villa bifamiliare in costruzione composta al piano terra da ampia zona giorno, bagno, servizi, garage doppio e porticato; al piano primo 3 camere da letto, 2 bagni e balconi. Possibilit di acquistare limmobile grezzo o finito. Info in ufficio / Rif. 1250 SAN MAURO IN VALLE (Cesena): bilocale di recente costruzione al primo e ultimo piano composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, 3 balconi, cantina e posto auto riservato. 165.000 / Rif. 1216 CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso AFFITTO, ZONA CENTRALE (Cesena): a pochi passi dal centro e dai principali servizi appartamento al piano terra di recente costruzione composto da ingresso indipendente, soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino privato e ampia veranda. Posto auto scoperto di propriet. 800 mensili / Rif. 1290 AFFITTO, ZONA VIGNE (Cesena): in condominio servito di ascensore appartamento in ottimo stato all'ultimo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. ARREDI MORDERNI. 700 / Rif. 1289

Cesenatico

Gioved 12 settembre 2013

15

Risultati dei ricercatori universitari

Celebrazione
Festa per suor Corrada
Suor Corrada Magnani ricorda i 50 anni di professione religiosa e si stringono attorno a lei i parrocchiani di Villalta e Santa Maria Goretti, essendo originaria della zona. La celebrazione si terr domenica 15 settembre alle 16,30 a Lugo, nella cappella dellistituto San Giuseppe. Presiede il vescovo di Carpi Francesco Cavina. Attualmente suor Corrada la madre superiore dellistituto Figlie di San Francesco di Sales, con sede a Lugo. E stata missionaria in India e nelle Filippine per tanti anni. Nelle parrocchie della zona mare, in particolare a Villalta, negli anni sono state portate avanti diverse iniziative a favore delle missioni dove operava suor Corrada. Insieme a lei domenica ricorda i 50 anni di professione anche suor Magdala Carlevaro.

Anguille allevate Grossi passi in avanti


nguille allevate in cattivit: a Cesenatico sono stati ottenuti risultati di livello europeo. Se ne parlato anche venerd pomeriggio della scorsa settimana quando i giornalisti dellagroalimentare (Arga) interregionale hanno visitato il corso di laurea in Acquacoltura e igiene delle produzioni ittiche che ha sede proprio a Cesenatico. "Negli ultimi 40 anni - ha spiegato la ricercatrice ... - la popolazione dellanguilla europea delle Valli di Comacchio diminuita del 90 per cento. Per questo sono aumentati gli studi per la riproduzione in cattivit di questa specie". A Cesenatico lequipe guidata dal docente Oliviero Mordenti ha raggiunto ultimamente dei risultati significativi: utilizzando degli ormoni di carpa si sono ottenuti dalle anguille un numero maggiore di uova e la sincronizzazione delle deposizioni. "Ma soprattutto - ha illustrato una ricercatrice - nelle nostre vasche le larve si sono nutrite in maniera autonoma attraverso un preparato, la

Studi compiuti presso il corso di laurea in Acquacoltura e igiene delle produzioni ittiche
cui formula segreta, che ha dato risultati sorprendenti. Si trattato del miglior risultato mai ottenuto in Europa in questo campo". Il numero di anguille in natura dimiuito in maniera drastica per una serie di concause. Non va dimenticato che per riprodursi languilla compie oltre 11mila chilometri: nasce nel mar dei Sargassi, torna nel luogo esatto da cui provenivano i genitori e poi va a riprodursi nei Sargassi, dove muore dopo la deposizione delle uova. Ospitati nel Centro di ricerche marine, i giornalisti hanno incontrato anche il presidente Attilio Rinaldi il quale ha spiegato che "il centro nato nel 1965 grazie a una collaborazione tra enti pubblici , fondazioni bancarie e privati. Quando ci sono dei problemi legati al mare, la nostra opinione autorevole e lUnione europea ci ha identificati come uno dei centri di riferimento a livello italiano". Carla Rita Ferrari, responsabile del battello Daphne, imbarcazione che quasi ogni giorno esce in mare per effettuare analisi e rilievi, ha spiegato che "questanno tanti turisti ci hanno chiamato chiedendo i motivi dellacqua colorata e dei cattivo odore". Non erano mucillaggini ma fioriture algali favorite dagli apporti di acqua dolce da parte dei fiumi e dalle particolari condizioni climatiche. Cristiano Riciputi

Cesenatico

Passeggiata Veloce

La Passeggiata Diversamente Veloce di 2 chilometri, iniziativa in programma per domenica 22 settembre nel contesto della Maratona Alzheimer 2013, dedicata in particolare a persone anziane, malati di demenza e familiari e si terr al Parco di Levante. Per informazioni 320.6967089 entro luned 16 settembre.

Le creazioni di Ambra Fabbri si spostano da Cesenatico a Montiano

Una sfilata di abiti davvero speciali


Gran successo per le sfilate della moda riciclata con il sostegno della Bcc di Sala. Del gruppo "Chi burdel" fa parte Ambra Fabbri, residente a Sala di Cesenatico, che dal 1994 ha iniziato a ideare abiti e accessori moda con materiali di riciclo. Ogni anno sta sorprendendo con le sue sfilate. La neo "stilista" utilizza i materiali pi disparati per le sue creazioni. La "Moda dello scarto" o "Scart c fascino nello scarto" si arricchita questanno anche di una collezione inedita. Le sue insolite creazioni sono state notate anche dalla tv e non a caso stata ospite della trasmissione Rai "Alle falde del Kilimangiaro" condotta da Livia Col. "Fin da piccola - ricorda Ambra Fabbri ho sempre avuto molta fantasia e creativit. Mi riescono bene le cose in cui ci vuole molta pazienza. Non ho frequentato scuole di cucito o accademie. Ho cominciato a realizzare il primo abito con i vasetti vuoti dello yogurt visto che avendo due bambini ne avevo tanti in casa. Poi da l ho iniziato a utilizzare tutto quello che si poteva usare, dal nylon alle lattine, dalle cannucce ai piatti di plastica, dai giornali ad altro ancora". Sono state varie le sfilate di questanno, tra queste una a Cesenatico gi nelle scorse settimane. Ora le sue modelle sono pronte a stupire Montiano. Il nuovo appuntamento in piazza Maggiore per domenica 15 settembre alle ore 21 con lo spettacolo "Flowers" nellambito della rassegna "MontianoInVita 2013". Giorgio Magnani

16

Gioved 12 settembre 2013

Valle del Rubicone


Domenica 15 settembre, giorno della festa, saranno celebrate tre messe: alle 8, alle 9,30 e alle 16. Durante la messa delle 9,30 il vescovo Douglas Regattieri amministrer il sacramento della Cresima a 42 ragazzi. La messa delle 16 sar seguita dalla processione eucaristica lungo via Massa, via Fratta, via Aldo Moro e ritorno. Il programma ricreativo prevede tre serate di svago. Venerd 13 si esibir il gruppo spettacolo scuola di ballo "Settecrociari". Sabato 14 risate assicurate con la compagnia dialettale "De bosch" di Gambettola. Domenica 15 la conclusione con il gruppo musicale "Discovery". Durante le tre serate saranno allestiti giochi vari, pesca di benecenza e banco libri in collaborazione con la libreria "San Giovanni" di Cesena. Ogni sera funzioner, a partire dalle 19, uno stand gastronomico con pesce e specialit romagnole. Tutti gli spettacoli si svolgeranno nel nuovo tendone al coperto allestito nel campo sportivo della parrocchia. Mv

A Budrio di Longiano la festa della parrocchia


Domenica 15 settembre alle 9,30 celebra la messa il vescovo Douglas Regattieri
Festa parrocchiale a Budrio di Longiano. Gioved 12 settembre, alle 20,30, avr luogo la processione con limmagine della Madonna a partire dalla chiesa parrocchiale no alla piazza delle scuole elementari (zona Badia), dove sar celebrata una messa.

In corso Mazzini sosta su ambo i lati

Longiano
Torna la "2xBene"
Si svolger a Longiano sabato 14 e domenica 15 settembre la tredicesima edizione della "Longiano in bicicletta". La manifestazione avr il suo culmine nella "2xBene", la crono-coppia ciclistica beneca "Lui & Lei", in programma domenica pomeriggio con partenza da piazza Tre Martiri dalle 14,45. Regista della due giorni di sport e benecenza, organizzata dal Panathlon club di Cesena in collaborazione con la societ ciclistica "Fausto Coppi" di Cesenatico, lavvocato Roberto Landi. La manifestazione prender il via sabato 14 con una serata di musica e spettacolo al teatro Petrella, durante la quale sar conferito lundicesimo premio alla carriera sportiva "Citt di Longiano". Il riconoscimento andr a una decina di ex professionisti romagnoli e a Dalia Muccioli di Cesenatico, vincitrice del Campionato italiano donne 2013. La "2xBene" di domenica pomeriggio sar preceduta, alla mattina, dalla "Tutti X bene", mediofondo beneca, e dalla podistica "Cammina X bene". Il ricavato dellintera manifestazione sar devoluto alla casa famiglia "Papa Giovanni XIII" di Santa Paola (Roncofreddo), alla Caritas di Longiano, alla comunit terapeutica "San Luigi" di Balignano. Numerosi, come ogni anno, i campioni del ciclismo che hanno garantito la loro presenza. Fra questi ci sono Michele Dancelli, Sergei Gonchar, Eddy Mazzoleni, Francesco Moser, Gianni Motta, Andrea No e Arnaldo Pambianco. Matteo Venturi

I lavori in centro lasciano dei dubbi


i preannuncia un finale di fuoco per il secondo mandato del sindaco di Gambettola Iader Garavina, a pochi mesi dalla conclusione. Nella cittadina si alza la temperatura per le polemiche che crescono di giorno in giorno circa i lavori di riqualificazione del centro urbano. I lavori, secondo laccordo preso con la ditta Clafc di Bagno di Romagna, dovevano essere gi stati ultimati, ma hanno subito uninterruzione a causa dei reperti archeologici rinvenuti durante gli scavi in piazza Pertini. Sono stati proprio i ritrovamenti a innescare la miccia delle polemiche sia della cittadinanza sia dei commercianti lungo corso Mazzini. Di fronte allassetto ormai definitivo, molti cittadini hanno segnalato alcune lacune progettuali. In primo luogo la scelta di realizzare i parcheggi per la sosta delle auto su ambo i lati risulta difficoltosa per lo spazio ristretto. In secondo luogo il materiale scelto per la pavimentazione dei marciapiedi si

Gambettola, da un lato migliora il decoro urbano, dallaltro certe scelte non sembrano le migliori
rivelato inadeguato e in alcuni casi si gi dovuto intervenire per ripristinare le mattonelle. Sebbene ancora non siano stati registrati incidenti, il transito per biciclette e motori risulta essere pericoloso a causa del manto stradale sconnesso ancora da ultimare. Considerato che si potevano cercare soluzioni alternative per i parcheggi (come il vicinissimo viale Carducci) non si tenuto in nessuna considerazione la messa in sicurezza dei ciclisti in corso Mazzini con la realizzazione di una pista ciclabile a loro riservata. Le polemiche non riguardano solo il nuovo assetto del centro urbano, ma anche altri aspetti riguardanti lavori pubblici eseguiti, come i problemi strutturali del tetto del nuovo plesso scolastico su via Viole o il mancato sfruttamento degli spazi destinati alla specialistica di primo livello convenzionata nella palazzina in cui sono stati trasferiti gli uffici dellAusl, operazione che avrebbe potuto ridurre i tempi di attesa delle visite ospedaliere. La realizzazione delle nuove rotonde e delle piste ciclabili, doveva coincidere con la realizzazione del nuovo piano del traffico. Che fine ha fatto? Di elementi di riflessione ve n pi duno che merita risposta. Piero Spinosi

Montiano in festa e "In vita" per 4 serate fino al 15 settembre


Torna la rassegna "Montiano in vita". Organizzata dalla Pro loco con il patrocinio del Comune, si svolger in piazza Maggiore a Montiano da gioved 12 a domenica 15 settembre. Quattro le serate di festa dalle 21. Gioved 12 settembre si esibir il gruppo di ballo "Mariposa". Venerd 13 ci sar la musica di "Genio & Pierrotts". La serata di sabato 14 sar dedicata ai ritmi degli anni Settanta con "Moka club". Domenica 15 settembre la festa inizier alle 15,30 con il mercatino di prodotti tipici, la dimostrazione della pigiatura delluva e i suoni dei "Musicanti di San Crispino". Alla sera sono in programma il gruppo danzante "Danza Montiano" e la slata di moda di Ambra Fabbri sul tema "ScArt. C moda nello scarto". Nellambito della rassegna, avr luogo la 18esima edizione della "Sagra del cicciolo". Tutte le sere (e domenica anche a pranzo) sar attivo lo stand gastronomico della Proloco. Si potranno degustare, fra le altre cose, cappelletti con ripieno di ciccioli, trippa e rane in umido. Tutte le sere si potr partecipare alla "ruota della fortuna" e visitare la mostra fotograca "Scatti montianesi" presso il centro culturale "San Francesco". presente anche i volontari dellassociaizone contro il dolore. Mv

Montiano | Incontro con il vescovo

Si FestA Savignano dal 13 al 15 settembre


Obiettivo su Savignano: dal 13 al 15 settembre lIstituto Cultura Savignano, in collaborazione con Istituto Beni Culturali, Provincia, Regione e Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, presenter la ventiduesima edizione del Si Fest, il festival della fotografia pi longevo dItalia, che ogni anno si distingue per informalit della presentazione, internazionalit delle presenze e altissimo livello delle mostre. I lavori esposti sono stati in gran parte realizzati da autori esteri gi affermati nei propri paesi, ma ancora sconosciuti nel nostro. Il titolo di questanno, "Specie di spazi", vuole proporre unindagine sul termine spazio in uno spirito di condivisione e riflessione. "Le 22 mostre in catalogo - ha spiegato il sindaco di Savignano Elena Battistini - saranno dislocate per tutto il centro storico, in particolare in luoghi dismessi che il Comune metter a disposizione gratuitamente". Tra gli interventi pi importanti, si segnalano la prima internazionale di "Supertourist" del fotografo australiano Max Pam, che raccoglie con occhio ironico immagini dei suoi ultimi dieci anni di viaggio, oppure le fantascientifiche architetture del periodo comunista di "Socialist Modernism - Archeology of an Era", immortalate dal fotografo sloveno Roman Bezjak. La mostra "Senso", dedicata a uno dei padri della fotografia italiana, Elio Luxardo, ne raccoglie 42 immagini inedite. Global Photography, giunta alla quarta edizione, offre invece questanno un focus sulla giovane fotografia contemporanea. Grande spazio sar dedicato alla delicata questione degli archivi fotografici, di cui il Si Fest detiene il secondo regionale per importanza e dimensioni. Allinterno del festival saranno esposti libri fotografici di almeno 70 artisti italiani contemporanei, in gran parte ricavate da portali come Flickr. Non solo mostre al Si Fest: la citt sar palcoscenico di numerosi eventi collaterali che comprenderanno spettacoli, concerti, incontri e concorsi. Per visitare le 22 mostre sar richiesto un biglietto unico al costo di 8 euro, 13 con catalogo incluso. Tutti gli eventi saranno invece completamente gratuiti. Per maggiori informazioni visitare il sito sifest.net. Francesco Zamagni

Incontro amichevole e del tutto informale marted scorso presso lOsteria dei Pavoni a Montenovo. Il sindaco Fabio Molari ha invitato il vescovo Douglas Regattieri insieme ai due parroci don Domenico Altieri e don Elvezio Motta. Presenti anche alcuni consiglieri comunali, assessori e i rappresentanti della Proloco. Allincontro si parlato, fra le altre cose, dellimportanza che le piccole comunit rivestono nel territorio.

Valle del Savio

Gioved 12 settembre 2013

17

La sorgente si trova presso lex monastero della Cella, zona Verghereto


alla redazione di un piano tecnico e commerciale per la creazione del prodotto "acqua minerale in bottiglia La Cella di SantAlberico". Alcune recenti precisazioni dei tecnici della ditta richiedente sottolineano che si intende sfruttare la sola acqua che fuoriesce naturalmente alla sorgente, senza quindi alcun tipo di attingimento forzato dellacqua. I dati storici sulla portata della sorgente indicano, secondo gli stessi tecnici, una portata media di 3 litri al secondo. Ma, per meglio monitorare portata e utilizzo dellacqua, la stessa ditta richiedente il rinnovo propone di utilizzare, per il primo anno di concessione, una portata media di un litro al secondo (il 30 per cento della portata storica) e comunque non superiore al 30 per cento della portata istantanea, continuamente misurata alla sorgente. Anche per gli anni successivi vengono previsti dei limiti allutilizzo della portata dacqua. Lintervento di recupero con destinazione agrituristica dellex monastero camaldolese iniziato nel 1999 e sta ormai volgendo al termine. Durante i lavori di recupero sono tra laltro venuti alla luce importanti resti della chiesa originaria. Sono state ritrovate le fondazioni dei muri perimetrali della cappella e parti dei muri e la ricostruzione della chiesetta (che fu chiesa parrocchiale fino al 1830) si basata sullunica antica immagine, disegnata da frati Camaldolesi, depositata allarchivio di Stato di Firenze. Alberto Merendi

Sarsina
Festa dellAddolorata
La citt di Sarsina vive un altro momento di festa, dopo quello riservato al patrono San Vicinio, in onore della Madonna Addolorata venerata nella chiesa del Suffragio. La festivit sar preparata da un triduo, gioved 12 settembre e venerd 13 alle 20,30, con rosario, omelia e canto delle litanie con la melodia scritta dal sacerdote sarsinate don Ettore Barucci morto nel 1943. Sabato sera alle 20,30 la Messa Solenne, alla quale seguir la processione con la statua della Vergine Addolorata per via Cesio Sabino, via Vallauri, via Linea Gotica, via XVIII settembre, via Roma, terminando nella chiesa Cattedrale con il canto delle litanie. Domenica, dopo la messa delle 18, la statua verr riportata in processione attraverso via Cesio Sabino nella chiesa del

Acqua di SantAlberico Il traguardo si avvicina


vanza la procedura per la richiesta di rinnovo della concessione per lacqua minerale "La Cella di SantAlberico" in territorio di Verghereto. La richiesta di rinnovo, presentata dai proprietari dellex monastero camaldolese della Cella, presentata agli inizi del 2013, ha visto recentemente ulteriori integrazioni alla documentazione. Al tempo stesso nel corso dei lavori di ristrutturazione-

trasformazione dellex monastero sono venuti alla luce elementi pi precisi che hanno consentito di comprendere meglio lantica disposizione dei locali e soprattutto lantica collocazione della chiesetta interna al monastero. Il rinnovo della concessione stato richiesto sia per un utilizzo per uso potabile sia per altri utilizzi nellambito del centro benessere dellex monastero. Come poi era previsto nella originaria concessione viene confermato limpegno

Nellalto Appennino

Cinque attacchi in pochi giorni I lupi banchettano


l quinto "raid" di lupi nel giro di un mese i proprietari dellallevamento hanno deciso di farsi sentire; un altro vitellino perso comunque un danno economico che non verr ripagato e poi pu cominciare a preoccupare anche questa presenza di lupi sempre pi vicini a borghi e abitati. Il luogo, lazienda agricola ed agrituristica Incisa, abbastanza noto e frequentato, non troppo distante da Acquapartita, la Casellina, Alfero. Giovanni Leonessi, figlio del titolare Pietro, sollecita associazioni ed Enti a fare qualcosa.

La Coldiretti di Forl-Cesena, ricevuta questa ennesima denuncia, ricorda le iniziative e le proposte presentate non pi tardi dei primi giorni di agosto in tema di rapporto tra fauna selvatica ed agricoltura e zootecnia. E dai primi di agosto che lazienda subisce attacchi e perdite, almeno 4/5 vitellini appena nati da mucche liberamente al pascolo, non potendo tra laltro quasi mai richiedere rimborsi. In questi casi, spiega Leonessi, praticamente i lupi fanno completamente scomparire le tenere carni del vitellino appena nato e non c possibilit di dimostrare la perdita.

UN ATTACCO DI LUPI IN UN ALLEVAMENTO NELLE COLLINE (FOTO ARCHIVIO CORRIERE CESENATE)

"La situazione insostenibile - scrive la Coldiretti - peggiorata da questo sistema di indennizzi previsti a condizione che sia presentata una certificazione veterinaria, ma non sempre la carcassa del capo aggredito viene trovata. Inoltre non sono previsti indennizzi per danni quali diminuzioni nella produzione del latte, aborti, cure veterinarie e per spese relative ad assicurazioni o recinzioni". Am

Suffragio, dove si concluder col canto delle Litanie. La chiesa del Suffragio, in stile neogotico, stata eretta nel 1927 demolendo una chiesa cinquecentesca di dimensioni inferiori dedicata a San Gregorio, dalla quale proviene limportante quadro seicentesco del Cignani, ora conservato in Cattedrale. E tempio votivo della Redenzione e ricorda anche tutti i Caduti di Romagna durante la prima guerra mondiale. La statua della Madonna, che risale al 1927, montata su un sostegno del 1765. Le tre campane del 1927 di ottima fattura, della pregiata ditta Brighenti di Bologna, sono fabbricate interamente con bronzo di cannoni della prima guerra. Lambone e lacquasantiera hanno come supporto due colonne romane, originarie del sarsinate. Nel 1988 tutta la struttura, ridotta in ormai pessimo stato, ha subito radicali lavori di restauro che lhanno riportata alloriginale splendore grazie alla volont del parroco don Renzo Marini. Nel 1992 la famiglia Moretti ha donato lelegante pavimento a scacchi, bianco e nero. Daniele Bosi

Ponte Giorgi

DIPLOMI - RECUPERO ANNI SCOLASTICI


DA ANNI NELLA TUA CITT

CENTRO STUDI CARTESIO


Sono aperte le iscrizioni allanno scolastico 2013-2014
- VUOI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI PERDUTI? - TI SERVE UN DIPLOMA PER INSERIRTI NEL MONDO DEL LAVORO?
IL CENTRO STUDI CARTESIO TI OFFRE LA POSSIBILIT DI CONSEGUIRE UN DIPLOMA E DI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI, CON LAIUTO DI DOCENTI QUALIFICATI E CON GRANDE ESPERIENZA NEI SEGUENTI INDIRIZZI:

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

GEOMETRA - RAGIONERIA - LICEO SCIENTIFICO - DIRIGENTE DI COMUNIT LICEO CLASSICO - ITI - LICENZA MEDIA - LICEO SOCIO PSICO-PEDAGOGICO CONTATTACI PER INFORMAZIONI tel. 0547 24700 - viale Mazzoni 31/A 47521 Cesena (Fc) Cell. 347 9761004 e-mail: centro.cartesio@libero.it www.paginegialle.it

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

18

Gioved 12 settembre 2013

Solidariet
FOTO AFP/SIR

CRISI SIRIANA Il patriarca Gregorios: Chiedo al Santo Padre di rivolgersi direttamente al Congresso per evitare altre devastazioni e morti. La Siria invoca pace, non bombe
del mondo e delle potenze occidentali di permettere ai siriani di riconciliarsi tra loro, senza interferenze esterne. Chiaro il riferimento alle milizie islamiche, alcune delle quali affiliate ad Al Qaeda, formate da stranieri, che si stanno macchiando di abusi e violenze sulla popolazione siriana ed in modo particolare sulla minoranza cristiana. Il discorso del Papa stato ascoltato in Siria - dice - e in tutto il Medio Oriente, in Egitto, Giordania, Iraq, a Gerusalemme. Una iniziativa straordinaria che - sottolinea Gregorios III - non ha solo una valenza spirituale e religiosa, ma detiene in s anche una sostanza politica e rano in tanti, sabato sera 7 settembre diplomatica dal momento che si rivolge a pregare uniti nella cattedrale greco- alla comunit internazionale perch si cattolica dellAssunzione a Damasco. impegni concretamente per arrivare ad Lappello di pace di papa Francesco ha una soluzione negoziale del conflitto. toccato nel profondo i cuori della Non un irenismo di facciata ma una popolazione siriana. I media siriani hanno mobilitazione per la pace. dato ampio risalto al discorso di Francesco da piazza san Pietro, sabato La domanda del patriarca melkita. sera. Un evento eccezionale - lo ha Perch invece di armare i contendenti, definito monsignor Mario Zenari, nunzio fornendo loro armi, non si pensa alla apostolico a Damasco - che ha dato un conferenza di Ginevra, dove poter far soffio di incoraggiamento e speranza a dialogare le parti in conflitto?. La tutta la popolazione siriana. Al telefono domanda del patriarca melkita pretende da Damasco a parlare il patriarca una risposta da parte della diplomazia. melkita Gregorios III Laham: In La Giornata di preghiera e di digiuno di cattedrale erano accorsi tutti i vescovi sabato scorso, nelle parole del Patriarca, cattolici della citt, di tutti i riti e delle altre non si ferma solo alle buone intenzioni denominazioni cristiane, ortodossi e ma si spinge oltre fino a ribadire la via protestanti. Con loro una enorme folla di della Santa Sede alla soluzione del fedeli. Lo stesso accaduto in altre chiese conflitto. Tre principi generali, enunciati del Paese. Il popolo siriano vuole la pace e solo pochi giorni fa da monsignor prega per averla. Una convinzione questa Dominique Mamberti, Segretario per i espressa continuamente dal patriarca che, Rapporti con gli Stati, agli ambasciatori in in pi di unoccasione ha chiesto ai leader Vaticano: Adoperarsi per il ripristino del

Avsi e Oasis
Appello emergenza in Siria
il grido che dice con forza: vogliamo un mondo di pace, vogliamo essere uomini e donne di pace, vogliamo che in questa nostra societ, dilaniata da divisioni e da conitti, scoppi la pace; mai pi la guerra! Mai pi la guerra! La pace un dono troppo prezioso, che deve essere promosso e tutelato (papa Francesco, Angelus 1 settembre) Rispondendo allappello di papa Francesco, Avsi(www.avsi.org) e Oasis (www.fondazioneoasis.org) hanno aderito alla giornata di digiuno e preghiera di sabato 7 settembre. Un momento di preghiera avvenuto anche in Libano, presso il campo di Marj el Kok sabato pomeriggio, a cura della comunit cattolica locale e dei rifugiati musulmani con i quali Avsi a stretto contatto. Liniziativa nata dalla presenza costante di Avsi a anco dei rifugiati e dallimpegno di Oasis per lincontro tra cristiani e musulmani. In prima linea Marco Perini e il suo staff con una serie di interventi stanno sostenendo i rifugiati in fuga dalla Siria, che ormai in Libano sono oltre 700mila. Dal campo sempre Perini il 2 settembre twitta: Vogliamo un mondo di pace ha detto ieri papa Francesco. Oggi Chiara Nava, staff Avsi Libano, tiene in braccio Rawan nata 3 mesi fa in un campo profughi in Libano. La mamma non aveva i soldi per partorire, #10forSyria lha aiutata. Grazie alla campagna #10forSyria in 3 mesi estivi sono stati raccolti 130mila euro e aiutate 13mila persone rifugiate in Libano. Nei prossimi mesi aumenteranno le necessit per lavvicinarsi dellinverno e per linizio della scuola. Avsi rilancia lappello a tutte le persone di buona volont e invita tutti ad aderire alliniziativa di papa Francesco e in ogni caso a mobilitarsi per dare un segno di speranza in un mondo spesso indifferente. Sostieni #10forSyria e dona 10 euro per continuare ad aiutare le popolazioni rifugiate: Dona 10 euro e riempi una cisterna di 2mila litri di acqua; compri 2 kg di fagioli, 2 di riso, 2 di zucchero e 2 lt di olio; paghi unora di corso di ripetizione per un bambino siriano. Segui #10forSyria: @FondazioneAVSI, facebook.com/fondazioneavsi e www.avsi.org Donazioni: Credito Valtellinese Sede Milano Stelline, corso Magenta 59 Iban: IT04D0521601614000000005000 c/c intestato Avsi Fondazione Causale: Emergenza Siria Dal sito: www.avsi.org/cosa-fare-per-avsi/donazioni.

Chiedo al Papa di scrivere a Obama

dialogo fra le parti e per la riconciliazione del popolo siriano; preservare lunit del Paese e garantire la sua integrit territoriale insieme al rispetto dei diritti umani e, in particolare, di quello della libert religiosa; esortare la popolazione e anche i gruppi di opposizione a prendere le distanze da gruppi estremisti, spesso provenienti da altri Paesi, di isolarli e di opporsi apertamente e chiaramente al terrorismo. La spinta al Congresso americano. Per convincere il Congresso americano a seguire la voce del Papa e la strada da lui indicata per riportare la pace in Siria afferma risoluto Gregorios III - sono pronto ad andare negli Usa a parlare con il Congresso a dire a ciascuno dei componenti che il popolo siriano vuole la pace e non le bombe. Dopo la veglia di sabato ieri a Damasco e in altre citt del Paese le chiese erano stracolme di fedeli che continuavano a pregare. Pregavano perch le parole del Papa siano accolte dai potenti della terra. La gente siriana straordinaria, ha una grande fede. La preghiera del Papa per la pace da una parte e le interviste di Obama ai pi grandi network americani per convincere gli americani ad attaccare la Siria, dallaltra. Il monito di papa Francesco - aggiunge il patriarca - risuona alto ma sembra non toccare il presidente Usa. Forse una lettera personale del Papa a Obama potrebbe fermare lulteriore escalation di morte che provocherebbe un attacco Usa. Chiedo al Santo Padre di rivolgersi direttamente al Congresso per evitare altre devastazioni e morti. La Siria invoca pace, non bombe. Daniele Rocchi

Nuovi pensionati: iscrizione


A coloro che sono andati in pensione o andranno prossimamente in pensione, si ricorda che liscrizione al sindacato dei Pensionati Cisl deve essere rinnovata presso le sedi Fnp (via Renato Serra, 15, Cesena o presso le varie sedi Cisl del territorio). Liscrizione alla Cisl come lavoratore attivo infatti decade al momento del pensionamento.

NOTIZIARIO PENSIONATI
che la Magistratura ha ritenuto validi. Un modo di fare moralmente scorretto e non rispettoso dei cittadini che pagano le tasse oltre ad essere poco lungimirante, dato che il governo potrebbe incassare i 2,5 miliardi di euro di multe. Da qui la richiesta dei pensionati Cisl ER agli enti locali di un confronto subito per capire quali criteri adotteranno i Comuni per questa nuova tassa, onde scongiurare il rischio che la cancellazione dellImu determini maggiori oneri locali per i contribuenti. a tutela dei pi deboli, tra cui numerosi sono i pensionati, che la Fnp insiste perch non aumenti la pressione scale complessiva, proprio ora che necessit accrescere il reddito netto disponibile delle famiglie per sostenere i redditi e rilanciare leconomia.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

La Fnp Cisl ha aderito alla giornata mondiale di digiuno per la pace


La Federazione Nazionale Pensionati Cisl, in rappresentanza di tutte le pensionate e pensionati associati e simpatizzanti, ha aderito alla giornata di digiuno e di preghiera di sabato 7 settembre promossa da papa Francesco quale evento globale e interreligioso per affermare il valore della pace e per scongiurare gli effetti perversi della guerra e della violenza, nella regione mediterranea e nel mondo intero. La maturit esistenziale espressa dalla platea sociale degli anziani contribuisce, in modo costruttivo, allaffermarsi del vincolo di fratellanza e uguaglianza che promuove lorientamento dei cuori e produce frutti di carit. Lindicazione del digiuno poi costituisce la testimonianza di una scelta che assume il profilo di un evento collettivo, secondo le forme di organizzazione pi idonee, per vivere la storia in maniera pi autentica, per incidere sulle coscienze e nellazione decisionale di quanti debbono garantire le vie della giustizia nel mondo. La Federazione Nazionale Pensionati Cisl, in comunione con papa Francesco, concorre a realizzare una partecipazione vasta e attiva alla giornata di preghiera e di digiuno di donne e di uomini di buona volont per costruire una pace radicata e diffusa, oltre i confini e le frontiere. In particolare sono stati 200 i pensionati della Fnp Cisl dellEmilia Romagna che hanno partecipato sabato 7 settembre in piazza San Pietro al momento di preghiera e digiuno organizzato dal Papa, come segno di adesione e sostegno. La Fnp Emilia Romagna unisce la sua voce a quella di papa Francesco - osserva Luigi Brancato, responsabile dei pensionati Cisl (Fnp) della Romagna - perch gli anziani, proprio perch anche direttamente sanno quale tragedia significa, si mobilitano per fermare la guerra e dire no alluso delle armi. Da sempre - aggiunge Brancato - i pensionati sono impegnati a gridare mai pi guerra, consapevoli che se si vuole la pace, questa va costruita a partire dal proprio cuore.

Cancellare lImu a tutti uno schiaffo alla lotta alla diseguaglianza


Il compromesso politico di cancellare lImu sulla prima casa a tutti va contro una politica di lotta alle diseguaglianze. Non si conoscono le modalit di copertura per la seconda rata dell Imu e soprattutto quale sar limpatto della nuova service tax. Per i pensionati Cisl Emilia Romagna: da rigettare lidea di fare cassa, come risulta sia al vaglio del Consiglio dei Ministri, ma non ancora approvata, di una sanatoria per le maxi multe comminate nel febbraio 2012 dalla Corte dei Conti a 10 concessionari di New Slot per recuperare una parte del mancato incasso dellImu appena abolita. Si tratta di multe per 2,5 miliardi di euro che, per effetto della sanatoria, si ridurrebbero a poco pi di 600 milioni di euro, da pagare entro il 15 novembre. Per la Fnp vergognoso, per fare cassa, ridurre una sanzione comminata per motivi

Deroga per i disabili a blocco assunzioni nella Pubblica amministrazione


La pubblica amministrazione avr lobbligo di assumere la quota di riserva di persone svantaggiate, tra cui le persone con disabilit, anche in soprannumero rispetto alle dotazioni organiche. Il decreto legge in materia di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni, in vigore dal 1 settembre, contiene infatti una

deroga al divieto di nuove assunzioni per le amministrazioni con personale in eccedenza o in soprannumero. Lo sottolinea il ministero del Lavoro. Il

Governo, su proposta del ministro Enrico Giovannini, ha introdotto una norma per bilanciare linteresse generale

alla riduzione dei costi della P.A. con la tutela del diritto fondamentale al lavoro per le categorie pi deboli.

Cultura&Spettacoli
Elvio Castagnoli Seconda raccolta di poesie
immi che mi ami per ogni stella del cielo (ed. D Il Ponte Vecchio), la seconda raccolta del cesenate Elvio Castagnoli dopo Le tue labbra sono le mie caramelle, ci conferma la potenza del sentimento nelluomo che, quando tale a quella dellautore, necessita di essere espressa, di uscire fuori in qualche modo, magari, come in questo caso, in forma di poesia: Lamore unenergia/meravigliosa/di luce e colori ci avverte lautore. Gi a partire dal titolo, lenergia che lamore stesso viene proiettato nelluniverso intero, in ogni stella, in ogni raggio del sole, come a dire:
linnito. C qualcosa nelluomo che gli fa accorgersi di essere fatto per il tutto, per i grandi sentimenti, le grandi passioni e i grandi ideali: pensarsi per meno di questo sarebbe una riduzione inaccettabile. Le poesie di Castagnoli esprimono proprio questo: esse sono trasparenti, libere, espressive, intraprendenti, immediatamente comunicative. Vogliono parlare alla persona a cui sono rivolte (e, nello stesso tempo, parlano con la stessa immediatezza ad ogni lettore) ed esprimere proprio quella forza che trascende lautore e

Gioved 12 settembre 2013

19

luomo stesso per annunciare di nuovo la nostra innit. Avviene in tanti testi di questa raccolta, tra i quali mi piace ricordare la poesia dedicata a Marco Pantani, al quale lautore dice: Ora sei con Bartali/e con Coppi a duellare/sulle montagne del paradiso, dove la sda, dice il titolo di questa poesia, continua. Testi dunque che scaturiscono dallesperienza quotidiana, semplice, umanissima di Castagnoli e di tutti noi e che da essa ricavano la forza espressiva e la loro profonda semplicit. Gianfranco Lauretano

Ledificio intitolato a papa Giovanni XXIII, a Case Finali di Cesena, venne io r a s Anniver inaugurato nel 1963. Un libro di Walter Amaducci ne ripercorre la storia

Cinema
RIDDICK
di David Twohy

di Filippo Cappelli

Multisala Aladdin Cesena, Uci Romagna Savignano

I primi cinquantanni del seminario diocesano


ra la tarda mattinata del 15 maggio 1963. Con don Corrado Mongiusti, allora padre spirituale del nostro seminario, accompagnai il vescovo Augusto Gianfranceschi in udienza da papa Giovanni XXIII. Il papa aveva ripetutamente espresso il desiderio dincontrarlo venendo a Roma da Cesena: e senza passare dalla Prefettura della Casa pontificia che organizza il calendario delle udienze. Erano lunghe conversazioni che rievocavano i tempi della buona collaborazione nel governo pastorale di Venezia, e ancor pi confidenze del pontefice circa le vicende della Chiesa nel mondo e le attese dei buoni frutti che sarebbero fioriti dal Concilio Ecumenico da lui profeticamente convocato. Fu in quella circostanza che propose a monsignor Gianfranceschi il governo pastorale della prestigiosa diocesi di Brescia, tanta era la stima che ormai si era consolidata per lantico ausiliare, ma il vescovo declin questa preziosa proposta. Finalmente - ed era ora tarda (i fotografi se ne erano gi andati) - la porta dello studio si apr e fu in quel momento che, dopo averci affettuosamente salutati, ci disse della sua gratitudine per il delicato pensiero che il vescovo Augusto gli aveva comunicato: la nuova sede del seminario di Cesena, costruito nella periferia della citt, sarebbe stata intitolata a Papa Giovanni XXIII. Conferm il suo gradimento promettendo il dono di un suo busto in bronzo, opera dello scultore romagnolo (nativo di Lugo) Enrico Manfrini. Il volto sorridente del papa buono ancora oggi accoglie, nellatrio, quanti convengono nel seminario della diocesi di Cesena-Sarsina: quasi la sua paterna benedizione per la piccola comunit dei seminaristi e per quanti vi convengono per le diverse iniziative promosse dalla diocesi (da segnalare, la Scuola diocesana di Teologia). Ricorrendo il cinquantesimo anniversario dellinaugurazione della nuova sede, in zona Case Finali di Cesena, stato messo in cantiere un volume intitolato Il seminario di Cesena, curato con rigore scientifico e amore per la nostra Chiesa diocesana da monsignor Walter Amaducci, alunno del seminario gi nelle antiche case di via Roverella per il suo primo anno del Ginnasio, e poi a Case Finali. La Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena ha inserito lopera nella prestigiosa collana Complementi alla Storia di Cesena. Ancora una volta da sottolineare la diligente collaborazione per questa impresa editoriale del professor Marino Mengozzi, coordinatore della

SOPRA, INAUGURAZIONE DEL NUOVO SEMINARIO (15 SETTEMBRE 1963), CON IL CARDINALE GIOVANNI URBANI, PATRIARCA DI VENEZIA, IL SINDACO DI CESENA ANTONIO MANUZZI E IL RETTORE MONSIGNOR ALDO CASADEI

Commissione cultura della Fondazione CRC. Non meraviglia pi larte tipografica della Stilgraf! Lopera scandita in tre parti. la storia del nostro seminario, uno dei primi in Italia dopo la provvidenziale decisione presa dal Concilio di Trento (1545-1563) in una delle sue ultime sessioni cui aveva partecipato il vescovo di Cesena Edoardo Gualandi; fin dagli inizi, per giungere ai nostri giorni. I saggi di Claudio Riva, Giuliano Mami, Giovanni Maroni, Filippo Cappelli, Walter Amaducci, Pier Giulio Diaco e del sottoscritto, ancorati a ricerche di archivio, avvalendosi di pubblicazioni che gi nel passato aveva prestato attenzione al vivaio del seminario, ripropongono capitoli fondativi della storia della Chiesa di Cesena, opportunamente contestualizzati nel quadro pi ampio della storia della Chiesa impegnata nellopera urgente (e sempre attuale) della Ecclesia semper reformanda. Viene cos riproposta la presenza feconda e necessaria del seminario per la formazione spirituale, culturale e pastorale dei futuri sacerdoti, pur nel rinnovato orizzonte ecclesiale, cos come stato promosso dal Concilio Ecumenico Vaticano II. Lo sottolinea il vescovo Douglas Regattieri nella presentazione citando il fondamentale documento del beato Giovanni Paolo II Pastores dabo vobis. La seconda parte formata da approfondimenti monografici: vita, ambiente e personaggi. Mario Morigi si sofferma sui metodi formativi del seminario, dal Concilio di Trento al Vaticano II. Giovanni Maroni rapporta la vita culturale proposta ai seminaristi con la vita

AllaMalatestianala presentazione
Sabato 14 settembre alle 17,30, a Cesena nella Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana, sar presentato il volume IL SEMINARIO DI CESENA (Stilgraf editrice), a cura di Walter Amaducci. Il libro si aggiunge alla collana Complementi alla storia di Cesena, della Cassa di Risparmio di Cesena, Fondazione e Banca. Alla presentazione interverranno Bruno Piraccini, presidente della Fondazione Crc; il vescovo di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri; il sindaco di Cesena Paolo Lucchi; il rettore del seminario Marcello Palazzi; Marino Mengozzi della Commissione cultura della Fondazione Crc e Walter Amaducci, curatore dellopera. Agli intervenuti sar data in omaggio una copia del volume.

culturale a Cesena, via via lungo i secoli, fino ai nostri giorni. Walter Amaducci, Giampiero Savini e Maria Letizia Antoniacci avvalendosi anche di opportuna documentazione fotografica a colori documentano la chiesa del vecchio seminario in via Roverella con i suoi dipinti e la nuova, dedicata a Ges sommo ed eterno sacerdote, illustrata dai graffiti di Mirco Casaril. Per i sacerdoti (e non solo) che hanno trascorso per lunghi tempi le vacanze estive nella villa di Carpineta, don Piero Teodorani ha raccontato con simpatia e nostalgia vicende e personaggi che coinvolgevano anche la popolazione locale: come le recite nel piccolo teatro la domenica sera Ben dodici profili biografici richiamano alla riconoscenza tutta la comunit diocesana: superiori, insegnanti, padri spirituali, le suore cos amorevolmente dedite al buon funzionamento non solo delle cucine. Come non ricordare il rettore Giuseppe Brunazzi, il vice rettore monsignor Pietro Severi (poi vescovo di Palestrina), monsignor Aldo Casadei

primo collaboratore del vescovo Gianfranceschi per la costruzione del nuovo seminario? La terza parte fa attenzione allarchivio storico e al fondo antico della biblioteca del seminario vescovile (come lo si denominato fino al Concilio!) e riporta opportunamente trascritte le Regole che fin dagli inizi hanno guidato le giornate, la formazione spirituale, gli studi dei futuri sacerdoti. Sono documenti datati ai primi secoli; gli sviluppi sapienti si potranno felicemente riscontrare nel saggio di don Mario Morigi, gi citato. La presentazione dellopera nelle sale della Biblioteca Malatestiana, a Cesena, evento di vita diocesana, un appuntamento per chi partecipe della vita culturale della citt. Pu essere una felice circostanza, per sentire la loro presenza in mezzo a noi dei beati pontefici Giovanni XXIII, cui il seminario dedicato, e Giovanni Paolo II, che ospit nel maggio del 1986, quando venne pellegrino apostolico a incontrare la gente di Romagna. Piero Altieri

In principio fu Pitch Black, una dark story fantascientifica ambientata su di un pianeta difficile con un personaggio assai cupo. Poi venne The Chronicles of Riddick e tutto cambi in peggio, con la commercializzazione del prodotto. Ora, con Riddick, lobiettivo era tornare ad antichi splendori. Missione compiuta solo a met. La trama: Riddick parte con lomonimo antieroe abbandonato su di un pianeta ostile. La sua lotta per la sopravvivenza lo porta a ricercare quellistinto animale perduto col tempo, un modo da parte di regista e produttori per trasmettere un ritorno alle origini. Dopo una prima parte abbastanza lenta, una sorta di ponte temporale, col secondo capitolo si iniziano a vedere i primi segni del ritorno al passato, con laspetto dark in primo piano. Riddick torna a calzare gli abiti dellantieroe, un personaggio temibile e senza scrupoli che suo malgrado si ritrova immerso in una situazione in cui c da prendere accordi per sopravvivere, un aspetto che effettivamente era vitale per il prosieguo della saga sui giusti binari... Riddick ha un grosso pregio: tenta in tutti i modi di farci dimenticare il secondo film diventando in realt unavventura a s, mantenendo le premesse originarie dello sviluppo della serie. Sul piano della struttura, invece, il film appare discontinuo: scoperta una base di segnalazione, il protagonista decide che lunico modo per fuggire dal pianeta chiamare i cacciatori di taglie che sono sulle sue tracce. Le due squadre di mercenari che atterrano hanno uno stile decisamente diverso, ma finiranno per unire gli sforzi quando si renderanno conto che da predatori sono diventati prede. qui che il film cambia completamente registro: Riddick sparisce quasi completamente, diventando una figura mitica che i cacciatori di taglie imparano subito a temere, e il regista David Twohy (costruendo atmosfere pi volte confrontabili con quelle di Predator) lavora molto bene sul piano della tensione. Tutto cambia nuovamente verso la fine, quando un trionfo di creature in Cgi porta tutto su un piano decisamente inverosimile. Emblematica, poi, la scena finale, da un lato trionfo del nonsense, e dallaltro degna conclusione di un film non perfetto ma godibile. Insomma, per gli amanti del genere Riddick non sar certamente una delusione, anche se non si tratta n di un film memorabile, n di un passo avanti nella mitologia della saga. Anzi, visto che il finale rimane ancora una volta aperto, e il franchise non intende morire, si dovr per alimentarne la sopravvivenza con qualcosa di pi di quel che stato pensato per questo terzo capitolo: quel che certo (crediamo) che si ripartir da Furya, il pianeta natale delleroe. Chi vivr, vedr.

20

Gioved 12 settembre 2013

Cesena & Comprensorio


Bagno di Romagna
Concerto di 9 flautisti

Cesena flash
Spettacolo benefico
Si terr venerd 13 settembre alle 20,30 nella sala Primavera 3, in via Mura Valzania, lo spettacolo "Piccoli universi". Sar presentato dalla compagnia teatrale "I liberamente" della parrocchia dellOsservanza. Regia di Gabriella Nicosanti. Al termine si esibiranno al violino Laura Sgoifo e alla chitarra elettrica Nicol Prati.

Bagno di Romagna
Mostre darte

Montiano

Un nuovo parco

Nella basilica di Santa Maria Assunta, domenica 15 settembre alle 21, terr un concerto il "Forlivio ute choir" composto da Yuri Ciccarese (auto concertatore), Elisa Venturini, Alessandro Spazzoli, Miriam Albertini, Lorenzo Corneo, Fabio Mina, Soa Amadori, Nicoletta Santi e Federica Ferreri. Lingresso libero.

Chiuder domenica 15 settembre alloratorio del Carmine in via Manin la mostra sulliconograa camaldolese. Le visite venerd e domenica dalle 20,30 alle 22. Alla Loggetta Lippi in esposizione no al 22 settembre le opere dellartista sampierano Mauro Manenti, dalle 9 alle 12, dalle 16 alle 18,30 e dalle 20 alle 22.

La Comunit familiare "Il Sorriso", in memoria di Filippo Matassoni, inaugura "Il Parco di Claudio", con la partecipazione di una rappresentanza dellAc Cesena e la collaborazione del Comune di Montiano. La cerimonia si terr presso la sede della comunit in via Fontanazza I 55 a Montiano gioved 19 settembre dalle ore 17. A seguire buffet per tutti gli ospiti. Per maggiori informazioni, contattare Emanuela Gianfanti, responsabile della comunit al 334 2882699.

Mostre a Santa Cristina


Avr luogo sabato 14 settembre alle 18 nella chiesa di Santa Cristina in via Chiaramonti linaugurazione delle mostre "TavoloItalia" di Anton Roca (Catalogo di Marietti editore) e "Dopo i Diluvi" di Silvano Tontini (Catalogo di Danilo Mondadori editore). Resteranno allestite no al 3 novembre. Orari di apertura: venerd dalle 17 alle 19,30, sabato e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 19,30. Su appuntamento telefonando al 339 2430130. Lorganizzazione curata da Radart e Comune in collaborazione con la Diocesi di Cesena-Sarsina.

Cesena

Film a San Vittore


Riapre il cineteatro Victor con la programmazione cinematograca. Sabato 14 e domenica 15 settembre alle 21 sar proiettato il lm "Notte da Leoni 3" (2013) del regista Todd Phillips. Marted 17 in visione il lm "Treno di notte per Lisbona" (2013) del regista Bille August. Ingresso 3,50 euro.

Corso per la memoria


A cura dellassociazione Caima, dellassociazione san Giuseppe e del quartiere cervese Sud, dal 17 settembre al 25 ottobre, tutti i marted e i venerd dalle 14,30 alle 16, si svolger un corso per la memoria rivolto agli ultrasessantenni, nell ex asilo parrocchiale di Villa Chiaviche. Sar tenuto dalla psicologa Donatella Venturi. Le iscrizioni entro il 13 settembre al 347 8814408. Quota di partecipazione 18 euro.

osata la prima pietra nellarea dellex zuccherificio per la nuova sede della Scuola di Ingegneria e Architettura. E quanto successo marted scorso a Cesena, ad opera del rettore dellUniversit di Bologna, Ivano Dionigi, davanti a un folto pubblico di autorit civili e militari e con la benedizione, ai lavori e ai lavoratori, del vescovo di Cesena-Sarsina, monsignor Douglas Regattieri. Tra gl invitati, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, Bruno Piraccini, lex presidente della Provincia ed ex sindaco di Cesena, Piero Gallina e il provveditore agli studi di Forl-Cesena, Agostina Me-

Ingegneria e architettura Lavori al via P

Il sindaco Lucchi e il rettore Dionigi alla posa della prima pietra (foto Armuzzi)

lucci. Presente anche, in incognito, lex consigliere regionale Giobbe Gentili, uno dei padri delluniversit a Cesena. Nel giorno in cui stata resa nota una classifica mondiale degli atenei, (sono i risultati della decima edizione del "Qs World University Rankings" che classifica ogni anno le prime universit al mondo) che vede luniversit di Bologna, prima tra le italiane, migliorare la posizione dal 194esimo posto al 188esimo, a Cesena viene dato lavvio a un nuovo cantiere. Nel giro di 900 giorni, come stato da pi in-

terventi, in citt sorger un altro pezzo del progetto dellarchitetto Vittorio Gregotti, presente alla cerimonia. Unopera da 27 milioni di euro, per 20mila metri quadrati, 37 nuove aule, 72 studi per docenti, oltre a laboratori, uffici, sale riunioni, aula magna, biblioteca e parcheggi. Con questo intervento verranno accorpati in ununica sede le due facolt cesenati, oggi dislocate in diversi fabbricati in affitto da privati. Fotogallery della cerimonia di posa della prima pietra su www.corrierecesenate.it

Longiano

Musica e poesia

Longiano

Corso per la memoria


Al nuovo centro Auser di Budrio, tutti i marted e i venerd dalle 9,30 alle 11, no al 25 ottobre, si terr un corso per stimolare la memoria di anziani, organizzato dallAzienda servizi alla persona (Asp) del Rubicone. Coordinatrice Elisa Zamagni dellassociazione Movimento per lAlleluja di Rimini.

Roncofreddo

Incontro su Fioravanti
A Casa del dottore nella piazzetta Allende, sabato 14 settembre alle 17, avr luogo il secondo incontro sul tema "Paesaggi di arte e storia dai Malatesta a Fioravanti". Annalisa Trentin e Pasqualino Solomita terranno una relazione su "Ilario Fioravanti e la costruzione del paesaggio". Introduzione musicale di Enrico Orlando al violino.

Pagina a cura di Terzo Spada

"Il pianoforte e il tramonto" il titolo dellappuntamento di sabato 14 settembre a Villa Neri di Longiano. Con inizio alle 16 i pianisti Jeon Sang Young e Massimiliano Turchi si alterneranno nellesecuzione di musiche di Chopin e Rachmaninov; voci recitanti: Loris Canducci e Paolo Turroni. Coordinatore: Africo Morellini. Lincontro, promosso dalla Societ Amici del Monte, si concluder con un momento conviviale. Per info: Nives e Umberto Gaggi, tel. 0547 610399; erboristeria del Monte (Cesena).

Gatteo

Festa a SantAngelo
Un paese in festa domenica 15 settembre dalle 16 con mostra di pittura estemporanea a cura dei "Pittori della Pescheria vecchia", spettacolo di "Bimbobell", stand gastronomici, pianobar con dj Bersani. Alle 21 concerto del gruppo "Moka Club". Lingresso libero.

Cesena

Iscrizioni al Corelli
Sono aperte le iscrizioni ai corsi di musica e canto allistituto di cultura musicale "Arcangelo Corelli" nella nuova sede di Palazzo Nadiani in via Dandini 5. Le lezioni sono rivolte a bambini, ragazzi e adulti. Per informazioni contattare lAsp, azienda pubblica di servizi alla persona, telefonando allo 0547 27604 dal luned al sabato dalle 9 alle 13.

Sogliano

Premio nazionale di poesia


Si svolger al teatro comunale, domenica 15 settembre alle 11, la cerimonia di premiazione della 12esima edizione del premio nazionale di poesia "Agostino Venanzio Reali". Voce recitante Gabriele Marchesini e commenti musicali dei maestri del liceo "Arturo Toscanini". Alle 9,30 terranno relazioni Margherita Pieracci Harvell e Michele Brancale. Al pomeriggio ci sar lincontro con gli artigiani del fuoco a Montetiffi e saranno aperte le mostre "Agostino Venanzio Reali - Arte e poesia" e "Vidi Aquam" del fotografo Pier Paolo Zani.

Cesena flash
Mostra allex Pescheria
Rimarr aperta no al 22 settembre alla galleria comunale ex Pescheria la mostra "Esplorando (luoghi altri)" di Maria Quagliotti e potr essere visitata tutti i giorni, tranne il gioved, dalle 10 alle 12 e dalle 16,30 alle 19.

Ha rivinto Mack Grace Sm


Per il secondo anno consecutivo il cavallo Mack Grace Sm, condotto da Roberto Andreghetti, ha trionfato al Campionato europeo di trotto allIppodromo del Savio, sabato 7 settembre, davanti a oltre 12mila presenti. E saltata la "bella" perch ha vinto entrambe le prove.

Roncofreddo: la collina abbraccia il mare


La cucina della collina incontra il mare; questo il titolo dato allincontro in programma gioved 12 settembre alle 20 in piazza a Roncofreddo. Ripercorrendo la strada del pescivendolo Paolino che un tempo arrivava a Roncofreddo in bicicletta con la sua spesa di sgombri, alici, triglie, "purazi" e "uomini nudi", lintento di riscoprire i piatti nati nel tempo dallincontro tra la cucina della collina e il mare, matrimonio di gusti, sapori, e profumi tra luoghi e prodotti che un tempo erano molto distanti e che sono oggi per noi cos vicini e consueti. Allo stesso modo la piazza "apparecchiata" accoglier sotto le stelle quanti vogliono gustare i piatti degli agriturismi locali. Giuseppe Tedaldi e Gianfranco Zozzi allieteranno la serata con musica. La serata, in caso di maltempo, sar rinviata a venerd 13 settembre. (Cristina Fiuzzi)

Il sogno di Doro
Sar presentato, venerd 13 settembre alle 21,15 nella nuova sede del Cai cesenate a Macerone (ex scuole elementari) il libro del sarsinate Efrem Satanassi "Il sogno di Doro". Il libro descrive, attraverso il racconto del ragazzo quattordicenne Doro, la vita della comunit di Tavolicci nei giorni antecedenti leccidio.

A Cesena due giorni di sport e salute


Una due giorni di sport pensata per lanciare messaggi positivi: muoversi fa bene a tutti ed divertente. Si tratta di "Cesena in tness", in programma il 14 e 15 settembre nellarea tra la piscina comunale, lippodromo e il Carisport. Levento vede tra gli organizzatori lassociazione"Time to move", tutte le palestre e centri tness di Cesena e parte del

comprensorio, con il supporto di Comune, Hyppogroup, Technogym e Wellness foundation. "Il nostro obiettivo - ha spiegato Michele Occhipinti di Time To Move - far s che la gente si muova, ci inseriamo dunque nel percorso gi avviato da "Cesena cammina" e "Muoviti che ti fa bene". Otto mesi fa, quando nacque lidea, si era pensato ad una piccola festa dello sport. Poi la cosa mutata e ingrandita no a diventare un vero evento". Nelle zone verdi del parco verranno proposte discipline olistiche, arti da combattimento,

sioterapia, discipline sportive, corsi aerobici e pure esami clinici. Ai medici, inoltre, sar dedicato un corso dapprofondimento nel pomeriggio di sabato 14. Altri spazi saranno dedicati alle attivit per bambini, mentre numerosi saranno i gazebo espositivi di palestre, centri benessere, danza e aziende del settore. Nella giornata di domenica sono previsti incontri aperti a tutti per smettere di fumare (ore 10), smettere di bere (11:30), per una sana alimentazione (ore 15) e sul recupero sico degli sportivi (ore 16). (Mb)

Eugenio Montale
Il Comitato societ "Dante Alighieri", in collaborazione con lassessorato alla Cultura, promuove un ciclo di incontri sulla letteratura del Novecento. Il primo dedicato a Eugenio Montale avr luogo mercoled 18 settembre alle 17 nella sala "Luigi Einaudi" della Banca popolare Emilia Romagna in corso Sozzi. relatore Renzo Golinucci.

Sport

Gioved 12 settembre 2013

21

Rally Prima ha superato i problemi di salute legati a un ictus, poi ha vinto la gara Tuscan Rewind

La doppia rinascita di Roberto "Rudy" Dalpozzo


Nei mesi scorsi il campione sportivo Rudy Dalpozzo ha vinto, su Ferrari 308 Gt/b come navigatore di Luigi "Lucky" Battistolli, la quarta edizione di Tuscan Rewind, rally disputatosi sugli sterrati "mondiali" intorno a Montalcino. Per il non pi giovanissimo Dalpozzo si trattato di una grande soddisfazione, quasi paragonabili alle grandi vittorie degli anni 80 a bordo delle Opel, casa con la quale ha segnato i maggiori successi sportivi. Di seguito alcune riflessioni di Dalpozzo. "Nello scorso mese di novembre ho avuto un ictus ischemico, fortunatamente senza conseguenze, che mi ha costretto a diversi giorni di degenza presso il reparto neurologico del Bufalini. La causa stata individuata in un picco di pressione arteriosa dovuta allo stress, visto che i miei valori (colesterolo, trigliceridi, glicemia) sono sempre stati addirittura sotto la media. Inutile aggiungere che questo pitstop mi ha cambiato la vita. Ora faccio tanto moto giornaliero e mi alimento in modo sano e soprattutto pi moderato. Confesso che nei lunghi giorni trascorsi in ospedale ho pensato che fosse lora di piantare tutto facendo esclusivamente il "pensionato". Una volta rientrato a casa, ho cambiato subito idea. Il mio carattere esuberante, volitivo e, soprattutto, indomito mi ha spinto ad andare ancora avanti con quello che avevo sempre fatto. Oltretutto stavo bene fisicamente e mi sentivo un leone in gabbia. Per cui ho deciso di tornare a correre con un mio ex pilota, che considero un fratello, sulla sua potente e stupenda Ferrari 308 GT/b. E stata una sfida con me stesso, e lho vinta. Al Tuscan Rewind abbiamo conquistato la vittoria contro vetture pi rallysticamente performanti come la Porsche e la Fiat 131 Abarth. Un particolare curioso: le prove speciali del Rally, il cui quartier generale era a Montalcino, erano tutte su sterrato bellissimo e panoramico ed erano le stesse che Lucky ed io percorremmo nel Rally di Sanremo 1983 con una Opel Manta Gr. 4. Quindi, dopo trentanni, le abbiamo calcate con tanta nostalgia, ma anche con grande soddisfazione, avendole vinte tutte. In conclusione posso affermare di avere avuto una doppia rinascita: quella fisica, nel momento in cui sono stato dimesso dallospedale, e quella sportiva, quando ho rivinto una gara dopo il "fattaccio". Grazie a Lucky per questultima e grazie a Dio per la prima".

Romagna Tornei
Proposte concrete per un inverno di calcio 7 e calcetto
Una nuova proposta di campionati invernali di calcio a 5 e calcio a 7. E quella di "Romagna Tornei" che organizza, dal 12 ottobre, sde di calcio a 7 e calcio a 5 presso il complesso sportivo Romagna Centro di Martorano di Cesena. "Liscrizione aperta sino a ne settembre - spiega uno degli organizzatori, Luca Giunchi - ed gratuita. Le prime classicate parteciperanno alle nali nazionali della Lega calcio amatoriale. Ogni informazione si pu trovare sul sito www.romagnatornei.it". Sabato scorso il centro sportivo ha ospitato le nali nazionali del circuito "24h" che hanno richiamato quasi mille persone, fra giocatori e accompagnatori, provenienti da tutta Italia. "Di centri come quello di Martorano - dice Mario Trezzi, coordinatore delle tappe nazionali dellevento - non ne ho ancora visti. Vogliamo davvero ringraziare il Romagna Centro e il punto di ospitalit Martoranello per laccoglienza che, ogni anno, riservano alla nostra iniziativa". Le nali hanno portato a Cesena 40 squadre di calcio a 5, 12 di calcio a 7 e 6 di calcio a 5 femminile. Hanno vinto squadre di Milano, Pisa e Como. In pi si sono svolte le nali di calcio balilla, street soccer e beach volley (a Villamarina). Cristiano Riciputi

Battuti dal Lanciano, per i bianconeri trasferta a Palermo


domenica scorsa contro gli abruzzesi. La rosa allenata da Bisoli pare ben attrezzata per fare un campionato di tutto rispetto e far sognare i propri tifosi che, in settimana, hanno nuovamente dato segno di attaccamento alla maglia e alla societ. Il 7 settembre si infatti conclusa la campagna abbonamenti "Orgoglio e sudore": 7.815 le tessere sottoscritte. Lobiettivo ora dimenticare la sconfitta con il Lanciano, arrivata dopo una gara che non ha offerto molto dal punto di vista del gioco. Il Cesena ha provato ad andare in gol senza riuscire ad affondare il colpo contro una squadra ordinata che riuscita a capitalizzare al meglio le occasioni da gol create. La rete ospite arrivata allottavo della ripresa, con un tiro dellattaccante rossonero Falcinelli che ha agganciato lassist del compagno Paghera insaccando di sinistro. Vani i tentativi dei bianconeri di rimettere in pari il risultato. I cambi di Bisoli (Succi per Cascione, Granoche per Rodriguez, Garritano per DAlessandro) non hanno inciso sulla partita. Lazione pi ghiotta della partita stata per il bianconero Drefel: solo di fronte al portiere ha portato palla sul piede sbagliato e, da posizione defilata, ha concluso sullestremo difensore ospite. Venerd sera, contro il Palermo, si tratter di un piccolo derby per il direttore dellarea tecnica del Cesena, Rino Foschi. Torner al Barbera da avversario, dopo una militanza (20022008) nella societ rosanero come direttore sportivo.

Pippofoto

Per il Cesena una sconfitta da rimediare in fretta


Michela Mosconi
un Cesena in cerca di riscatto quello che scender in campo venerd prossimo (in anticipo alle 20,30) contro il Palermo. La sconfitta in casa contro il Lanciano brucia ancora. Ma loccasione per dimenticarla ghiotta perch lundici romagnolo incontra una delle prime della classe: il Palermo di Rino Gattuso, retrocessa di lusso che punta

direttamente alla serie A. Campo ostico quello del Barbera: i rosanero, partiti un po in sordina, vengono dal netto successo in trasferta contro il Padova con lattaccante Hernandez in gran spolvero dopo aver messo a segno, contro i veneti, una doppietta. Due punti dividono le avversarie, col Cesena che vede invariata la propria classifica, ferma a quota 6. Venerd sera il Cesena dovr dare il meglio di s e dimostrare di essere squadra dopo lopaca prestazione di

Il Romagna Centro ha espugnato Lucca

Martorano, prima vittoria in D


Il calcio a Martorano (Cesena) ha avuto la sua giornata di gloria. Vincendo a Lucca domenica scorsa contro una delle favorite del campionato di serie D come la Lucchese, il Romagna Centro ha toccato il punto pi alto della sua giovane storia battendo la nobile decaduta toscana per 2-1 in trasferta. Per la squadra nata in parrocchia negli anni 80 questa vittoria costituisce gi da ora una pietra miliare. Allo stadio Porta Elisa, seguiti da una trentina di appassionati tra cui un presidente Martini commosso a fine gara, la "martora" ha sbranato la "pantera rossonera". Curioso il fatto che la mascotte toscana sia il temuto felino, mentre sulle maglie dei cesenati campeggia il mite roditore che un tempo, si dice, popolava il basso corso del fiume Savio. Un Martorano tosto e quadrato, si imposto grazie alle reti di Luca Giunchi, prodotto del vivaio, e Lombardini, entrambi a segno nel primo tempo. Tardiva la reazione rossonera che solo al 93 produce il gol della bandiera. Da segnalare anche la grandissima prova del portiere Semprini capace di dire no a gente come Tarantino che lanno scorso giocava in Prima Divisione. Lentusiasmo e il morale rialzato dopo la sconfitta della prima giornata dovranno portare conferme gi da domenica 15 settembre al Manuzzi. Allo stadio cittadino arriva la Massese gi capolista con 6 punti in 2 partite. I bianconeri toscani dellex tecnico del Cesena Tazzioli lotteranno fino allultimo per contendere la vittoria del girone D di serie D a squadre come Lucchese e Correggese. Il compito di quelli severi, ma la truppa biancazzurra allenata da Filippo Medri vuole continuare a stupire. Nel frattempo prosegue fino a domenica la campagna abbonamenti, che fino ad oggi conta gi su 300 tessere staccate. Eric Malatesta

22

Gioved 12 settembre 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

IL SALUTO DEL PRESIDENTE Siamo ancora qui


A inizio della stagione sportiva 2013-2014, il messaggio di Luciano Morosi alla grande famiglia del Comitato di Cesena del Centro sportivo
arissimi presidenti di societ sportive affiliate al Csi di Cesena, dirigenti, allenatori, atleti, arbitri, impiegati della segreteria, membri delle varie Commissioni tecniche e disciplinari, consulente ecclesiastico, direttori dArea, giudice unico, membri del Consiglio direttivo e della presidenza, collaboratori tutti: a voi il mio pi sentito Ben tornati e ben ritrovati!. LUCIANO MOROSI Come ogni anno, in questo PRESIDENTE CSI CESENA periodo fremono i desideri, i progetti e le aspettative per la nuova stagione sportiva ormai Che cosa augurarci all inizio ai nastri di partenza e sono di una nuova stagione sportiva? certo che essi non potevano essere depositati in cuori Innanzitutto, unimmensa serenit migliori e disponibili quali sono e gioia scaturite dalla consapevolezza i vostri. che il nostro particolare lavoro e servizio Che cosa augurarvi, o meglio: che cosa augurarci per quella sportivo veramente di supporto 2013/2014? Beh, innanzitutto direi alle molteplici esigenze dei ragazzi unimmensa serenit e gioia scaturite dalla consapevolezza che il nostro particolare lavoro e servizio sportivo veramente di supporto alle molteplici esigenze dei nostri ragazzi. Essi infatti attendono con ansia e trepidazione il mese di settembre di ogni anno sperando che lanno sportivo nuovo che sta per iniziare sia migliore di quello appena concluso, non soltanto in fatto di vittorie o classifiche varie (che pure sono importanti), ma direi soprattutto per un ritrovato entusiasmo e una sana euforia psicofisica, capaci di dare loro la carica e la forza di amare sempre di pi la vita. Poi vi un altro motivo molto valido per augurarci una buona stagione sportiva. Lanno prossimo, il 2014, rappresenter per il Centro Sportivo

Italiano (e quindi anche per il nostro Comitato di Cesena) un anno speciale in quanto si festegger il 70esimo compleanno della nascita. Sarebbe bello se, in considerazione di questa ricorrenza molto sentita dal nostro presidente nazionale (il quale ci prega di dare la massima visibilit e attenzione al riguardo), ognuno di noi proponesse alla presidenza del Comitato qualche iniziativa indirizzata proprio a ricordare al meglio i settantanni di vita della nostra bella associazione. Ad esempio, un convegno, oppure una particolare manifestazione sportiva, o altro ancora che per coinvolga davvero tutto il Comitato di Cesena. Sono certo che arriveranno suggerimenti molto interessanti. Un altro motivo per augurarci una buona stagione senza dubbio quello di trovare nella nostra attivit sportiva un vero antidoto al marciume che ci viene propinato ogni giorno dai fatti riportati nelle cronache dei media. La nostra societ civile vive uno dei momenti pi bui della sua storia, non soltanto per la crisi economica generale che la sta

affliggendo, ma direi soprattutto per una crisi morale dovuta alla mancanza di valori autentici. Valori veri assenti non solo nelle scelte poco lungimiranti dei governanti, ma anche nei cuori di tutti noi quando demandiamo agli altri limpegno e la fatica di cercare una possibile soluzione. Ebbene, proprio per questa emergenza educativa che coinvolge tutte le nostre famiglie, cerchiamo noi per primi di essere protagonisti e di impegnarci veramente a fondo, ognuno nella propria specificit. La responsabilit che abbiamo nei confronti dei nostri ragazzi ci deve spingere a dare sempre il meglio per cercare di arginare quanto pi possibile la piaga dellindifferenza e della non partecipazione. Con questo auspicio, auguro a tutti voi, a tutti noi, un buon lavoro ed elevo al Signore la mia umile preghiera affinch ci possa sostenere continuamente nella nostra buona battaglia delleducare attraverso lo sport. Luciano Morosi

Csi story | Il Centro sportivo di ieri e di oggi

Iscrizioni entro luned 23 settembre

Over 35, nuovo campionato di Calcio a 7 organizzato dal Centro Sportivo


l comitato cesenate del Csi organizza per la prossima stagione sportiva I 2013/14, la prima edizione del campionato di calcio a 7, riservato alla categoria Over 35. Possono partecipare societ sportive, gruppi spontanei, bar, circoli aziendali e ricreativi regolarmente affiliati al Csi Cesena. Le gare si svolgeranno nelle giornate del luned, marted, mercoled, gioved e venerd con inizio compreso tra le 20,30 e le 22,15. I campi da gioco dove si effettueranno le partite sono quelli del Centro Sportivo Martorano, Centro Sportivo Kick Off, Centro Sportivo Parco 5 Pini di Cervia, Centro Sportivo Gatteo, Centro Sportivo Ponte Abbadesse, Centro Sportivo San Piero in Bagno. Aaltri centri potranno essere utilizzati previa omologazione della Commissione di calcio a 7 del Csi cesenate. Possono partecipare al campionato atleti nati nel 1979 e anni precedenti. Per i tesserati della Federazione Gioco Calcio il tesseramento si chiude il 31 dicembre 2013 e potranno prendere parte alle gare atleti tesserati Figc di 3 categoria in numero illimitato. La scadenza delle iscrizioni e la riunione dei dirigenti coincidono e sono previste per il giorno 23 settembre alle 21 presso la sede del comitato cesenate del Csi. Eventuali iscrizioni pervenute oltre tale data saranno accettate con riserva. Le societ partecipanti al campionato avranno diritto alliscrizione gratuita al Torneo di calcio a 11 Over 35, che si disputer nel periodo aprile-giugno 2014.

Denis Pieraccini, arbitro Csi, durante una partita del campionato di calcio Dilettanti 2003/04.

Pagina Aperta

Gioved 12 settembre 2013

23

Il direttore risponde
Si cercano benefattori per la chiesina di Torre del Moro Intanto si celebra la festa parrocchiale

LOcchio indiscreto
Quando gli amici, ogni tanto, ritornano. Domenica scorsa allo stadio Manuzzi di Cesena cera un doppio ex deccezione: Fabrizio Castori, gi allenatore dei bianconeri ma ancor prima del Lanciano, ha assistito alla partita persa dai romagnoli. Nella foto di Pippo, Castori mentre saluta un tifoso in tribuna.

aro direttore, sono ancora Domenico di Torre del Moro che ti disturba, ma volevo farti partecipe dei progressi fatti dopo la mia missiva che hai pubblicato sul numero 27 del nostro Corriere Cesenate con il titolo Torre del Moro salviamo la chiesina. Ora tutte le carte occorrenti per la ristrutturazione sono in curia e aspettiamo il via libera. Per noi questo costituisce gi un bel passo avanti. Ma per lobolo, unofferta per la nostra chiesa, non ci siamo spostati di un millesimo di millimetro. Nessuno si fatto avanti o si fatto sentire, o meglio si fatto sentire solo il quotidiano locale La Voce che ha fatto un bellarticolo e per questo ringraziamo, ma poi tutto finito l. Noi, ovviamente, non demordiamo e invitiamo tutti i futuri benefattori alla nostra festa parrocchiale che si svolger dal 12 al 15 settembre prossimo. In questo modo potranno visitare la nostra chiesina, pregare lImmacolata Concezione e lasciare la propria offerta ai piedi della Madonna che li ripagher con tante grazie. Alla nostra festa non ci sono nomi altisonanti dello spettacolo, ma artigiani molto bravi. In compenso abbiamo unottima cucina casareccia che per una volta nella vita sarebbe bene gustarsela. Aspettiamo tutti. Aspettiamo anche te, caro direttore. Saluti cordiali. Domenico Torre del Moro (Cesena) P .S. Nelloccasione volevo fare gli auguri a mia figlia Valentina assieme al suo marito Nicola che sabato 7 settembre nella chiesa di Gatteo si sono uniti in matrimonio. Il Signore vi

benedica e vi aiuti a formare una famiglia Santa aperta e accogliente. Le difficolt si incontreranno cammin facendo, ma con Cristo tutto possibile. Le radici di una pianta non si vedono, ma sono indispensabili. Non dimenticate le vostre radici. Carissimo Domenico, grazie per linvito alla vostra bella festa parrocchiale di cui illustriamo lampio programma a pagina 13. Grazie anche per laggiornamento sullo stato delle pratiche che riguardano i lavori necessari per la vostra chiesina. Riguardo ai benefattori non dispererei. Bussate e vi sar aperto, dice il Vangelo che invita anche allinsistenza in un altro brano del vangelo di Luca (11,1-13) intitolato Ges insegna a pregare. Quindi, mai abbandonare la speranza, mi raccomando, perch la Provvidenza esiste davvero, come uninfinit di esempi a noi pi o meno vicini dimostra con evidenza. Infine un augurio a tua figlia e a suo marito. E bello condividere, sulle colonne del nostro Corriere Cesenate, anche le gioie e i dolori della vita. Anzi, uno degli obiettivi che ci prefiggiamo con il nostro lavoro. Il giornale vuole essere luogo di incontro e di confronto su tutti gli aspetti dellesistenza umana, nessuno escluso. A presto e buona festa a te e a tutta la comunit di Torre del Moro, a cominciare dal parroco, il carissimo don Paolo. E speriamo che ne escano frutti buoni anche per il sostegno economico per i lavori alla vostra chiesina. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it Suor Raffaella stata per tanti anni maestra nellasilo che le suore gestiscono nei locali vicini alla parrocchia. Ora non insegna pi. Si limita a coordinare le maestre. Pubblichiamo di seguito la testimonianza che suor Raffaella ci ha inviato. La mia famiglia numerosa e attualmente formata da sei sorelle e quattro fratelli, perch i miei genitori sono andati in cielo. Sono proprio i miei genitori che, tramite un consiglio di un sacerdote, hanno conosciuto lIstituto Sacra Famiglia di Faenza, diretto dalle Ancelle del Sacro Cuore di Ges, che in quei tempi si occupava delle ragazze e della fanciulle per uneducazione allo studio e al lavoro e aiutavano, in questo modo, le famiglie che si trovavano in necessit a livello economico. Entrai in quellistituto a nove anni e vi rimasi fino a 17 anni. Con me entr anche mia sorella maggiore, la quale, a un certo punto, decise di farsi suora, entrando a Bologna dalle Ancelle del Sacro Cuore. Io, come adolescente, facevo riferimento, a livello spirituale, allo stesso sacerdote che aveva orientato i miei genitori. Attraverso la preghiera, lesempio di mia sorella, la vicinanza e la testimonianza

Giornata del Creato, grazie per la bella partecipazione


Desidero esprimere la mia gratitudine per il momento di preghiera e ritrovo comunitario in occasione della Giornata per la Salvaguardia del Creato. Lattenzione che stata riservata alla preparazione e partecipazione allevento testimonia lunit di intenti che anima il nostro cammino cristiano. La convivialit vissuta prima della preghiera, gli interventi del vescovo, del diacono ortodosso e del pastore avventista con il gesto finale compiuto in un luogo significativo per il nostro territorio sono la base di partenza per proseguire la nostra opera da custodi del Creato. William Casanova delegato vescovile Ufficio di pastorale sociale

Tu vieni e seguimi... al resto ci penso io


Nella chiesa parrocchiale di San Carlo di Cesena, alle 15,30 di sabato 14 settembre si celebrer una messa di ringraziamento in occasione dei cinquantanni di professione religiosa di suor Raffaella Santandrea.

di vita delle suore, cominciai a interrogarmi interiormente su come spendere la mia vita in qualcosa di bello. Poco a poco maturato in me il desiderio di consacrarmi al Signore. Mi attraeva una vita spesa tutta per il Signore e per il bene degli altri. A 17 anni decisi di entrare a Bologna con le Ancelle del Sacro Cuore di Ges, dopo aver vissuto un periodo a casa. La mia famiglia era stata contenta della scelta di mia sorella, ma ora si dimostrava dispiaciuta perch ero la seconda figlia che, come dicevano i miei, perdevano. Eppure mi diedero il consenso. Poi, vedendomi risoluta e contenta, anche loro accettarono di buon grado la mia decisione. Ci che maggiormente attraeva il mio cuore di giovane ragazza, e continua ancora oggi a entusiasmarmi, stato il carisma delle Ancelle il cui centro il Cuore di Cristo che manifesta il Padre come un Dio di amore, un amore soprattutto rivolto ai piccoli, ai giovani e ai pi bisognosi. Era il Cuore di Ges, colui che animava tutta la vita delle suore che mi avevano accolto e aiutata a crescere. Una vita molto attenta e interamente spesa per le bambine e le ragazze dellIstituto: ci amavano, infatti, come fossimo ununica famiglia; ci educavano alla generosit, al servizio, al sacrificio, ma anche alla gioia e illuminavano le nostre giovani coscienze con la Parola di Dio, il Rosario e lEucaristia quotidiana. Ho vissuto con convinzione e con gioia vera, giorno dopo giorno, quei valori cristiani che mi avevano insegnato e che avevo scoperto essere la fonte della vita e della gioia della nostra fondatrice. Fonte di grande donazione, sulle orme del Cuore di Ges. Mi sono dedicata soprattutto ai piccoli. Dal 1968 fino ad oggi ho insegnato ai bambini della scuola dellinfanzia e ho fatto catechesi in varie parrocchie dove ho vissuto la mia consacrazione. Ci sono stati anche momenti di malattia e di difficolt, ma ho sempre trovato, sia nelle gioie che nei sacrifici, la presenza del Signore che mi ripeteva con amore: Tu vieni e seguimi al resto ci penso io. Senza quasi accorgermene, sono passati gi cinquantanni dalla mia prima professione religiosa. Sono contenta, ringrazio il Signore e ringrazio tutti per le preghiere per me, per la fiducia e simpatia. Grazie anche alle mie consorelle e a don Giovanni. suor Raffaella Santandrea

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

GIOVANI CESENATI IN MISSIONE E AL LAVORO ALLESTERO


Intervista alla nuova preside del liceo linguistico