Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 22 marzo 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 11 euro 1,20

1 1
9
Torna lora legale
Alle 2 di domenica 25 marzo occorre mandare avanti di unora le lancette dellorologio. Lora legale rester in vigore fino a sabato 27 ottobre

Cesena
Gioved 29 marzo tornano i Dialoghi per la citt
l vescovo BreganItinidi psicologia nellaula Magna parler di come abbattere lomert

Montiano
Un nuovo diacono per la comunit diocesana
Fagioli Giorgiomarzo sar ordinato domenica 25 alle 18 in Cattedrale a Cesena

Lutto
morto uno dei padri fondatori della Fisc

onsignor Cacciami aveva 87 anni. Il ricordo del presidente della Federazione

EDITORIALE Il lavoro al primo posto


di Francesco Zanotti
i fa un gran parlare di riforma del lavoro. Da pi parti si dice che da chiudere nel giro di pochi giorni. Al centro del dibattito c il famoso articolo 18 dello statuto dei lavoratori, quello che non assegna agli imprenditori la possibilit di licenziare, se non per gravissimi motivi. A sentire i commentatori, i casi coinvolti dalla famosa normativa sarebbero del tutto marginali. Si tratterebbe di mille allanno, con una cinquantina di reintegri in tutto. Se cos fosse, non si vede perch ci dovrebbe essere tanto accanimento attorno a questo principio. In gioco, forse, c anche dellaltro. Abbiamo un mercato del lavoro troppo rigido, che non favorisce nuova occupazione. Le aziende straniere sarebbero disincentivate a investire in Italia, soprattutto per queste ristrettezze circa loccupazione. Eppure si tratta di diritti per i quali negli anni ci si battuti non poco, per fare compiere un passo in avanti alle condizioni dei lavoratori, troppo spesso in balia di politiche al limite del lecito. Gli scenari, occorre riconoscerlo, sono del tutto mutati rispetto agli anni Sessanta e Settanta. finita la conflittualit sociale, sono terminate le tensioni politiche che hanno caratterizzato la convivenza italiana per decenni. Ora lautentica questione loccupazione, quellobbligo per luomo che anche un diritto al tempo stesso, per citare le parole di papa Giovanni Paolo II nella sua enciclica Laborem exercens. In tema di occupazione, abbiamo lattuale societ spaccata in due: da un lato ci sono gli occupati garantiti in tutto e per tutto. Sono quelli assunti lungo gli anni, tutelati dallarticolo 18, dalla pensione, dagli ammortizzatori sociali, da un contratto stipulato in passato, quando le condizioni erano ben diverse da quelle di oggi. Dallaltro lato ci sono i figli dei garantiti e tutti quelli che nel frattempo sono stati espulsi dal mercato del lavoro. Questi milioni di uomini e donne sono del tutto privi di garanzie. Rischiano contratti a tempo determinato che si trascinano a vita. Rischiano una pensione da fame. Rischiano di trovarsi dalloggi al domani senza pi alcun reddito, soprattutto se la perdita delloccupazione avviene attorno ai 50 anni. Difficilissimo trovare una soluzione davanti a questi scenari. Molto difficile elaborarla in pochi giorni. In ogni caso alcuni punti restano fermi. Il lavoro non pu essere considerato solo per la sopravvivenza, ma grazie ad esso luomo realizza se stesso. Infine, ci vuole un cambio di rotta che, per dirla con uno slogan delleconomista Stefano Zamagni, ci faccia passare dal posto fisso, al lavoro fisso. La flessibilit in entrata il vero tema da porre sul tavolo della trattativa.

UN PRIMO BILANCIO SULLE ISCRIZIONI NEGLI ISTITUTI SUPERIORI

SCELTE DI VITA

Studenti alluscita da una scuola di Cesena (Pippofoto)

Iscrizioni per il nuovo anno scolastico alle superiori: gi tempo di bilanci. Le realt cattoliche del territorio hanno raccolto un buon numero di iscrizioni. Il Liceo scientifico europeo (promosso dalla Fondazione Sacro Cuore), come il Liceo delle scienze umane (che fa capo alla Diocesi) avranno una classe prima. In linea di massima c un ritorno agli istituti tecnici, con una crescita delle matricole. AllAgrario ci saranno sei classi prime, proprio come ai tempi doro di questa scuola, ma in crescita SPECIALE VERATOUR anche lIti. Il nuovo Liceo linguistico ha fatto il pieno e ora si partenze di GENNAIO e FEBBRAIO tratta di capire dove sar collocato. Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena 11 Intervista al nuovo segretario provinciale della Cisl Gambettola 15 Corsi mascherati di primavera: tutte le novit

Cesena 13 Foro Annonario Sono partiti i lavori Sarsina 16 Domenica inizia la Sagra della pagnotta

Opinioni

Gioved 22 marzo 2012

Occhi nuovi per la realt quotidiana V


GES, MARIA, IL VANGELO E I SACRAMENTI, CHE DANNO SENSO ALLA NOSTRA VITA. QUESTO IL TEMPO DI QUARESIMA CHE MI DATO DI VIVERE, CHE MI INVITA A CONSIDERARE IL GRANDE DONO DELLA CONVERSIONE. (FOTO SIR)

enerd della terza settimana di Quaresima: mi alzo e penso che mi aspetter una giornata impegnativa. Vado al lavoro, tra alti e bassi della mattinata trovo il modo di discutere animatamente con un collega. Mi guardo bene dal tentare una mediazione rispetto a due posizioni differenti. Capita frequentemente al sottoscritto che pensa di aver ragione e tiene duro senza ascoltare troppo le motivazioni dellaltro. Dopo il lavoro vado in palestra, per recuperare un po di stabilit fisica dopo la diagnosi di unernia al disco che interrompe bruscamente la mia carriera calcistica (forse un toccasana per la scarsa lucidit mentale con cui affrontavo il calcetto del gioved sera). bello pensare alle persone che mi stanno aiutando per recuperare dal dolore fisico, al mio fisioterapista che fa questo lavoro con passione e mi dedica qualcosa in pi della sua professionalit, un po di quella fraternit che il nostro Papa ci chiede di recuperare per uscire da questa crisi non solo economica. Torno a casa e riesco a passare qualche momento con mia moglie, condividiamo la giornata trascorsa, le richieste delle nostre figlie (che stanno crescendo tanto velocemente). bello vederle mentre giocano in casa dei nonni, altra presenza preziosa che ci accompagna senza far mancare nulla a nipoti e figli. Alla sera mi aspetta lincontro con i giovani della parrocchia: abbiamo deciso di discutere un tema scivoloso: la ricchezza della Chiesa e la sua coerenza rispetto allinsegnamento di Ges. Sono un po preoccupato, ma in realt non c bisogno di agitarsi per fare i conti su quanti soldi hanno il Papa e la Chiesa. Sono i ragazzi per primi a comprendere che una discussione abbastanza sterile. Fanno parte della Chiesa tutti: il Papa, i cardinali, i missionari, San Francesco, i poveri e soprattutto noi! Cambia il punto di vista. sufficiente citare le parole di madre Teresa di Calcutta che alla domanda di un giornalista su che cosa si doveva cambiare innanzitutto nella Chiesa risponde: Io e lei. Si dirada la nebbia, bello vedere questi volti giovani, di chi dispiaciuto per dover andare a casa prima della fine dellincontro e ci manda un sms per partecipare a distanza, e di chi si interroga per capire meglio, per cercare la Verit. Ci salutiamo leggendo un bellarticolo di Avvenire che ci spiega qual il vero tesoro della Chiesa: Ges, Maria, il Vangelo e i Sacramenti, che danno senso alla nostra vita. questo il tempo di Quaresima che mi dato di vivere, che mi invita a considerare il grande dono della conversione. il tempo opportuno per prestare attenzione gli uni agli altri e stimolarci a vicenda nella carit e nelle opere buone, la frase di San Paolo scelta da Benedetto XVI per questa Quaresima. Se confido in Ges Cristo, posso trovare le parole giuste per confrontarmi con il mio collega senza dover per forza imporre la mia idea; posso accorgermi del bene che mi circonda, delle persone che mi stanno accanto. Non impossibile distogliere lo sguardo dai miei problemi personali, perch la Quaresima mi d occhi per vedere meglio dati e fatti, per incontrare nellaltro Ges Cristo. William Casanova

La Quaresima mi offre loccasione per vedere meglio dati e fatti, per incontrare nellaltro Ges Cristo

Tempo di benedizioni nelle case Incontri che riempiono il cuore Lesperienza di un giovane sacerdote
l tempo a disposizione, anche per stendere questa testimonianza che il direttore mi ha chiesto, dalla fine di gennaio si ridotto notevolmente, con linizio delle benedizioni. Vista la mia prima esperienza dello scorso anno, dove le famiglie venivano visitate ogni giorno anche la mattina ed erano per la maggior parte assenti, ho insistito col parroco perch, se fosse possibile, venissero effettuate solo nel pomeriggio. E cos stato, se non alcune eccezioni in vie abitate per lo pi da anziani. Siete gi in giro? Non un po presto? mi sono sentito dire da alcune delle prime famiglie. Si, presto ma voi siete 2500 famiglie e vogliamo arrivare a tutti. Anche se faticoso dal punto di vista fisico, penso sia il periodo dellanno pi bello e atteso, durante il quale viene esercitata pienamente la nostra missione, specialmente ai pi lontani e indifferenti. Non rinuncerei mai a questa fatica perch la possibilit di incontrare tutte le famiglie veramente un dono di Dio. Dopo un saluto di conoscenza e indagine sulla provenienza, ricordo i motivi del segno dellacqua battesimale, invitando gli abitanti della casa a ravvivare il ricordo e la forza del Battesimo, al fine di ridare nuovo vigore alla vita cristiana. Chiarisco subito che non si vanno a benedire i muri, ma a benedire le famiglie, a incontrare le persone. E faccio capire, magari a persone che hanno le chiavi dellappartamento del vicino essendo questo assente, col compito di portarvi il sacerdote, che preferisco tornare quando vi sono gli abitanti. Vi sentite benedetti dal Signore? Vi accorgete di quanti doni ogni giorno mette sul vostro cammino e di come avvolge la vostra vita?. Pregate un po ogni giorno?. Di fronte a questa domanda arrivano le pi svariate e impensabili risposte. Cerco, e in quasi sempre trovo riscontro positivo, di fare un vero momento di catechesi, specialmente su vita cristiana ed Eucaristia. Davvero sono numerose le famiglie che vivono momenti di difficolt di relazione, tanti sposi sono ritornati, soli, alle case paterne. Tantissimi sono provati dalla crisi economica, diversi hanno perso il lavoro e si tocca con mano la loro preoccupazione. C poi tanta solitudine. Lallontanamento da Dio ci ha lasciato soli con le nostre pene e amarezze. Abbiamo bisogno di Qualcuno che ci apra alla speranza, dobbiamo ricordarci di una Presenza. Quando lo chiedono, visito volentieri tutta la casa specialmente per constatare quali sono le immagini degli idoli dei ragazzi, appesi alle pareti delle loro camere. Entrando in casa come entrare maggiormente nella persona, nella sua storia e nelle condizioni sociali ed economiche. Situazioni anche pericolose come quella trovata entrando nella casa di una vecchietta sola, dove ho avvertito odore di gas. In salotto trovo acceso

La Vignetta

un fungo riscaldante e chiedo: Avete il termosifone rotto?. No, reverendo, perch non riesco a pagare il riscaldamento centralizzato. Lodore di gas era dovuto a copiose perdite del fungo e ho provveduto subito a ripararlo, avendo dimestichezza con tali oggetti adoperati nelle chiese di montagna. Capita spesso, specialmente nei condomini di recente costruzione, di non trovare quasi nessuno fin verso le 18,30. Allora cerco di ripassare fino alle 20, ma spesso il ritorno risulta vano. Vi torno volentieri fuori calendario, il sabato mattina o pomeriggio, ritagliando uno scampolo di tempo Acr e Scout. Tocco con mano la gioia provata da chi si sente cercato. soprattutto in quei casi che la fatica vola via in un attimo. E la gioia di quellincontro riempie il cuore e la mia vita. Daniele Bosi

Gioved 22 marzo 2012

Primo piano

AllAgrario sei classi prime. Matricole stabili ai Geometri


Sostanzialmente stabili le iscrizioni allIstituto distruzione superiore Garibaldi, che aggrega lAgrario e Geometri, sotto la guida di Gian Ferruccio Brambilla (nella foto). AllAgrario si contano 145 matricole, proseguendo cos nella crescita delineatasi dal 2009. Per quanto riguarda le articolazioni delle cinque classi terze, se ne prevedono due per il modulo Produzioni e trasformazioni e tre per quello di Gestione dellambiente e del territorio. Si conferma cos il il gradimento dello storico istituto (nato nel 1882 come Regia scuola di agricoltura), caratterizzato da uno stretto contatto con il territorio e dalla ricca dotazione a sostegno della didattica: unazienda agricola di 60 ettari a vocazione frutticolo-viticola, una moderna serra, e numerosi laboratori attrezzati e due aule multimediali. Allistituto per Geometri - che conta quasi 400 studenti - i nuovi iscritti sono 71. Rispetto allanno scolastico in corso, nel prossimo ci sar una terza in meno: 3 classi invece di 4, che saranno tutte dellindirizzo Costruzioni, ambienti e territorio, mentre rimane a bocca asciutta il Geotecnico, in quanto le preferenze espresse sono state inferiori al numero necessario. (Fs)

Gli istituti tecnici sono soddisfatti delle iscrizioni


LIstituto tecnico industriale (Iti) ha registrato un aumento delle matricole pari al 10 per cento e far nove classi prime

economico del Paese rischia di non progredire. Ora si assiste a uninversione di tendenza. Listituto tecnico cesenate risponde alle esigenze del territorio con due percorsi: elettronica ed elettrotecnica e informatica e telecomunicazioni. "Gli studenti mostrano una preferenza per linformatica - continua Sergi -, ma la scuola sta spingendo per un equilibrio, perch nel mondo del lavoro il perito elettronico una figura richiesta". LIti porta avanti da anni un contatto diretto con le aziende del territorio, in particolare tramite lalternanza scuolalavoro in quarta superiore. " un modo con cui lo studente comincia a conoscere le prospettive di lavoro, con risultati altamente positivi". Listituto tecnico commerciale "Renato Serra" si mantiene in linea con lo scorso anno: 177 iscrizioni (erano 171 nel 2011), il che consentir di formare ancora sette prime classi. La novit principale consiste nellattivazione di un nuovo indirizzo tecnico, mai esistito a Cesena: dopo il biennio comune, sar possibile scegliere il triennio Turismo, che va ad affiancare i gi esistenti percorsi Amministrazione, finanza e marketing, Relazioni internazionali per il marketing e Sistemi informativi aziendali. "Abbiamo i numeri per fare due classi di Turismo" - illustra il dirigente scolastico Gianpaolo Ceccarini; mentre per quanto riguarda i diplomi classici rimangono "abbastanza spendibili e ricercati sul mondo del lavoro. Una buona fetta degli studenti, inoltre, sceglie luniversit dopo il diploma". Lintroduzione della riforma scolastica prevede una scansione composta da due bienni, con i percorsi che si differenziano dal terzo anno, e un ulteriore anno. "Nel biennio c stato un calo da 36 a 32 ore,

Professionali
Macrelli e Versari a settembre insieme
A Cesena il prossimo anno nascer il pi grande istituto professionale della provincia che andr da unire il "Versari" e il "Macrelli". A dichiararlo Giancarlo Domenichini, preside dellistituto "Versari" per i servizi sociali. Per lanno prossimo gli iscritti alle classi prime sono 109 contro i 137 dello scorso anno. Saranno quindi formate 6 classi prime contro le 8 precedenti". Due di queste classi saranno di moda, indirizzo che dallanno prossimo sar assorbito dallIstituto "Comandini". "Un dato in lieve essione che riette le condizioni di tutti gli altri professionali, penalizzati dalla complessit della normativa regionale. Nascer in ogni caso un istituto di 24 classi a cui vanno sommate le 23 del "Macrelli", professionale per i Servizi commerciali e turistici. Senza dimenticare le 5 classi del serale e le 2 classi che da anni il "Versari" ha a San Patrignano. LIps Cino Macrelli, rispetto al 2011, vede una lieve essione negli iscritti 10 unit in meno - che probabilmente porter a formare quattro prime classi invece di cinque. La differenza sostanziale del settembre 2012 sar lunione con listituto Iris Versari: il Macrelli accorper gli indirizzi dei Servizi commerciali, il Versari si occuper dei Servizi sociali, mentre lindirizzo Moda passer a far parte dellIpsia Comandini. Ogni scuola rimarr locata dov, con segreteria e presidenza in comune. "Con la riforma a livello statale prevista solo una qualica dopo cinque anni di studio - spiega il dirigente scolastico Antonio Giosa -, ma gi dal 2011 il Versari ha aderito al progetto regionale che garantisce una qualica dei tre anni, per poter rilasciare in surrogatorio il vecchio diploma". La riforma sar veramente a regime dal 2014, mentre per "esprimere un giudizio completo occorrer aspettare no a quando la riforma sar applicata al quinto anno". Le qualiche rilasciate sono Amministrazione e segreteria, Accoglienza turistica e Servizio vendita. Gli istituti professionali hanno subto molti cambiamenti con la riforma, primo fra tutti lincidenza dellalternanza scuola-lavoro (4 e 5 superiore), ridotta drasticamente a 132 ore in due anni; anche lorario scolastico molto variato: oggi sono 32 ore settimanali, mentre no a 10 anni fa le ore erano 39, con rientri pomeridiani. Daltro canto, la programmazione didattica maggiormente tarata verso gli specici percorsi, con un potenziamento di materie come diritto ed economia aziendale, mentre storia dellarte e geograa turistica non ci sono pi. Cc e Bb

Studenti alluscita dellIti a Cesena Sotto, Ragioneria

Claudia Coppari
e iscrizioni agli istituti superiori per lanno 2012-2013 sorridono allIstituto tecnico industriale (Iti) "Blaise Pascal": ad oggi gli iscritti sono 231, con un aumento del 10 per cento rispetto allanno scorso. Ci si potrebbe tradurre nella formazione di 9 prime classi. "Laumento rispecchia - cos commenta il dirigente scolastico Carmelo Sergi - i dati regionali e nazionali. I ragazzi e le famiglie cominciano a prendere in considerazione gli studi tecnici e tecnologici che danno la possibilit di inserirsi meglio nel mondo del lavoro". Negli ultimi anni i ragazzi erano sempre pi orientati alle scuole generaliste, a fronte di una costante carenza di tecnici da inserire sul territorio: il grido dallarme dal Ministero e dalle Camere di commercio parla di 100-150mila tecnici mancanti in Italia. Di pari passo, anche lo sviluppo industriale ed

Ragioneria annuncia la novit del prossimo anno che consiste nellattivazione di un indirizzo Turistico

questo ha scombussolato certe consolidate abitudini di programmazione. In uneconomia generale, il taglio grosso c stato su materie professionalizzanti come economia aziendale, diritto, matematica e informatica. Abbiamo comunque cercato di gestire al meglio la riforma, con tutte le novit e difficolt che ha portato".

Andamento iscrizioni a Cesenatico

In aumento Ragioneria, in calo lo Scientico e confermato il debutto del liceo delle Scienze umane. "Le iscrizioni a Cesenatico hanno rispettato il trend nazionale spiega Simonetta Bini, dirigente dellIstituto Leonardo Da Vinci -. Listituto tecnico commerciale ad indirizzo turistico ha circa 110 iscritti e, se si aggiungono alcuni studenti non ammessi che si iscrivono nuovamente in prima e le richieste di iscrizioni che giungono durante lestate, si pu ipotizzare

la formazione di cinque prime". Il liceo Scientico invece former una prima in meno rispetto alle tradizionali tre. "In un momento di crisi economica - riette la preside - alcune famiglie fanno fatica a mettere in conto il mantenimento del glio per gli anni delle superiori e per quelli dellUniversit, cos hanno optato per studi non liceali". Ma il grande protagonista del prossimo anno scolastico sar il liceo delle Scienze umane, indirizzo scolastico che ha

sostituito le ex magistrali, che va ad ampliare il ventaglio dellofferta formativa di Cesenatico. "La terza prima si former con una classe del liceo delle Scienze umane - precisa la dirigente Bini -, che non creando assolutamente alcun aggravio sullorganico, risulta essere un corso che offre una maggiore possibilit di scelta alle famiglie del territorio, stabilizzando limpianto consolidato del liceo. Nel particolare periodo storico che stiamo attraversano e con la forte

concorrenza degli istituti dei territori vicini, vale a dire Cesena e Rimini, dobbiamo ritenerci soddisfatti". Attualmente lIstituto Da Vinci frequentato da oltre 850 studenti, provenienti anche da Cervia e Cesena e dai Comuni limitro, fra cui Bellaria. Francesca Siroli

Primo piano

Gioved 22 marzo 2012

Il Liceo delle scienze umane conta 15 matricole


Lindirizzo sportivo quello pi originale e scelto dai ragazzi
Sono 15 le iscrizioni registrate al Liceo delle Scienze Umane, gi liceo della Comunicazione, per il prossimo anno. Listituto pubblico e paritario oggi conta 150 studenti suddivisi in 7 classi. Fra gli indirizzi attivati al

liceo, quello sportivo continua ad essere il pi gettonato grazie allapprofondimento di discipline come il nuoto, la mountain bike, il baseball e larrampicata, oltre alle pi comuni quali la pallavolo. "Durante lanno - spiegano dalla segreteria - i ragazzi partecipano anche ai campionati di pallavolo e a gare di scii. Negli anni sono stati diversi gli sbocchi universitari degli

studenti dellImmacolata. "Non detto che i nostri ragazzi scelgano per forza corsi di laurea di scienze motorie o legate alle discipline sportive. Alcuni negli anni si sono orientati per lauree nellambito di Medicina e Chirurgia, altri hanno optato addirittura per Economia e commercio. Bb

Il Liceo europeo delle scienze raggiunge la maturit

Con undici iscrizioni, che potrebbero ancora aumentare, il Liceo europeo delle scienze, che fa capo alla Fondazione Sacro Cuore a Cesena, avr la sua classe prima. "Siamo soddisfatti - dice la preside Ombretta Sternini - per le iscrizioni che ci permettono di attivare la classe prima. Di certo i ragazzi, come gi avviene in tutte le altre classi, sono seguiti con molta attenzione dai docenti. Questanno poi per noi si chiude il primo ciclo, nel senso che i primi iscritti frequentano la quinta classe e a giugno sosterranno lesame di Stato. Il nostro progetto cos raggiunge una prima tappa". Il Liceo europeo delle scienze si inserisce in un panorama cittadino ricco di offerte formative. "La nostra proposta continua Ombretta Sternini - ha proprie peculiarit. Siamo

soddisfatti per quanto il corpo insegnanti ha realizzato in questi anni e per il rapporto diretto che si instaurato con le famiglie". Mettere in piedi e portare avanti una scuola cos impegnativa non stata una cosa facile, come sottolinea la preside, per i risultati non si sono fatti attendere. Dallo scorso settembre il liceo si trova nella struttura del Seminario, in zona case Finali. "Lambientamento avvenuto in fretta e con molta soddisfazione - precisa la preside - e siamo molto contenti degli spazi. La presenza, nello stesso stabile, di un altro Liceo (quello della Ccomunicazione, ndr) un motivo di confronto e crescita sia per gli insegnanti, sia per gli studenti". Al Seminario gli alunni hanno a disposizione ampi spazi per i laboratori e i servizi annessi.

Il Liceo scientifico "Righi" raccoglie pi di 1300 studenti. Nasce il nuovo Linguistico


Barbara Baronio
licei piacciono e crescono sempre di pi. A dimostrarlo ci sono i dati delle iscrizioni arrivate agli istituti superiori dalle scuole medie del territorio. Allo scientifico "Righi" di Cesena, che oggi conta 1318 studenti a Cesena e 115 a Bagno, sono pervenute 243 domande di iscrizione per i corsi scientifico, bilinguismo e scienze applicate (corso senza il latino). Per lanno prossimo il liceo si conferma come il pi gettonato e popoloso della citt e arriver a formare 9 prime classi nella sede centrale. A Bagno di Romagna invece la succursale del Righi far una prima classe di bilinguismo con 24 alunni. "Abbiamo registrato 15 iscrizioni in pi rispetto allo scorso anno - spiega il vicepreside del "Righi", Marino Mengozzi - e anche quelle pervenute a noi per il linguistico si sono mantenute numerose. Sono infatti 122 i ragazzi di terza media che hanno scelto il nuovo liceo linguistico". Buoni i dati del Classico "Monti" che vede una crescita di iscritti per il corso tradizionale con il greco e il latino. Saranno infatti 72 i ragazzi che frequenteranno lo storico corso di studi del Monti (60 erano quelle

Pippofoto

Non ci sono ancora dati certi sulla collocazione della nuova scuola: si parla degli spazi lasciati liberi dal Versari

dellanno scorso) e saranno quindi organizzate tre prime. Il liceo delle Scienze Umane (ex sociopsicopedagogico), nonostante il concorrente corso a Cesenatico che questanno stato concesso al centro studi cesenaticense, balzato a 131 iscritti contro i 99 del 2011. Minori sono stati invece quelli per il linguistico che ne ha raccolto 57 contro i 77 dellanno precedente. Sommando gli iscritti al linguistico del "Monti" e del "Righi" il nuovo

liceo che aprir i battenti a Cesena, accorpando i corsi gi presenti nei due licei cittadini, partir con 179 alunni in prima e raccoglier 7 seconde fra il Righi e il Monti e 5 terze sempre tra le due scuole. Il nuovo liceo potrebbe partire con ben 18/19 classi. "Le classi terminali del linguistico prosegue Mengozzi - non rientrando nella riforma, termineranno il percorso di studi nei rispettivi licei di partenza". Non ci sono ancora dati certi sulla collocazione della nuova scuola, ma considerando gli spazi che il Versari lascer nella maxi struttura del Righi, questa potrebbe essere una delle sedi papabili, trasformando cos larea della stazione in un grande polo liceale. "Stiamo attendendo disposizioni dallUfficio scolastico provinciale spiegano dalle segreterie del "Monti" e del "Righi" -. Non appena avremo indicazioni pi precise potremo anche partire con la definizione degli organici". Quel che certo che Cesena lanno prossimo avr un unico liceo linguistico - come la riforma recita - fortemente potenziato sul fronte linguistico con ben tre lingue studiate dalla prima alla quinta classe, a discapito del latino che perder ore.

Il Comandini affronta diverse novit


Sono 38 le iscrizioni per lindirizzo moda, mentre quelli meccanico/ termoidraulica ed elettrico/elettronico hanno raccolto 58 e 59 iscritti
Sono 117 le iscrizioni che il nuovo istituto professionale Comandini ha registrato da parte dei ragazzi di terza media per il prossimo anno scolastico 2012/2013. "Soddisfazione - spiega Giorgio Brunet - anche per il nuovo indirizzo Moda che dallanno prossimo sar incluso allinterno del nostro istituto sempre pi specializzato sul fronte industria e artigianato. Attualmente sono 38 le iscrizioni per

Pagliarani

lindirizzo moda, mentre quelli meccanico/termoidraulica ed elettrico/elettronico hanno raccolto rispettivamente 58 e 59 iscritti". Dal prossimo anno quindi il settore Moda, prima al Versari trover interamente posto nella struttura del Comandini in via Boscone a Cesena. "Le classi dellindirizzo moda saranno dislocate in unala del secondo piano dellistituto. Potranno contare su un ampio laboratorio informatico per la progettazione dei modelli e anche di un laboratorio al piano terra dotato di macchine da cucire e di tutti gli spazi necessari alla predisposizione dei modelli. Riguardo alla definizione delle graduatorie docenti siamo ancora in attesa di disposizioni dallUfficio scolastico provinciale". Gli indirizzi storici del Comandini, questanno, dovranno "competere" con la Formazione professionale regionale che grazie alla Riforma potr rilasciare la qualifica professionale, comera riservato un tempo al solo istituto

cesenate, ma con unofferta formativa diversa. Una scelta compiuta dal Governo per portare in tutti gli istituti professionali il percorso quinquennale e lasciare alla Formazione professionale regionale il raggiungimento della qualifica. Attualmente, secondo la riforma Gelmini, lIpsia Comandini avr un percorso di studi diviso in due bienni e in un quinto anno, al termine del quale gli studenti sosterranno lesame di Stato per il conseguimento del diploma distruzione professionale, utile anche ai fini della continuazione degli studi in qualunque facolt universitaria. La nuova istruzione professionale, afferma il regolamento, svolger anche, un "ruolo integrativo e complementare rispetto al sistema di istruzione e formazione professionale". In questo quadro listituto professionale potr rilasciare qualifiche (al terzo anno) in regime di sussidiariet, sulla base di specifici accordi stipulati dal Miur con la Regione. Barbara Baronio

Gioved 22 marzo 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

In memoria dei missionari martiri


Sabato 24 marzo in Cattedrale a Cesena la Veglia di preghiera
Una Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri sar quella di sabato 24 marzo. In particolare, alle 21 in Cattedrale a Cesena, il vescovo Douglas Regattieri presieder la Veglia diocesana di preghiera. Durante la Veglia, dar la sua testimonianza don Francesco Cavazzuti, sacerdote diocesano di Carpi, gi missionario fidei donum in Brasile, rimasto completamente cieco per un attentato subto in Brasile.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Crea in me, o Dio, un cuore puro
Domenica 25 marzo - Anno B 5 domenica di Quaresima Gr 31,31-34; Salmo 50; Eb 5,7-9; Gv 12,20-33
nella famiglia, nelle relazioni con gli altri, dovunque viviamo. Diceva il filosofo francese Maritain: Se un tempo bastavano cinque prove per lesistenza di Dio, oggi luomo le ritiene insufficienti e ne vuole una sesta, la pi autorevole: la vita di coloro che credono in Dio. La vita cristiana o una manifestazione di Dio, oppure ben misera cosa. Come il Signore non ha deluso noi, proviamo noi a non deludere gli altri. Una cosa urgente per questa societ: ridare la voglia di Dio. Luomo che stato creato a immagine di Dio, deve tornare ad avere il desiderio di Dio. tempo che ci svegliamo noi, se vogliamo risvegliare negli altri la voglia di Dio, la nostalgia di Dio. Dio non si dimostra, si vive. Dobbiamo mostrarlo, non dimostrarlo. Se vogliamo essere veri cristiani, dobbiamo diventare trasparenti. Se qualcuno ci chiedesse: Vogliamo vedere Ges, quale sarebbe la nostra risposta? Ormai vicini alla Pasqua, chiediamo al Signore di essere come Lui chicco di grano, per suscitare anche noi la voglia di Dio in tanti che sono indifferenti o che sono alla ricerca. un modo concreto e serio di sentirci responsabili della vita spirituale dei nostri fratelli, come ci ricorda Benedetto XVI nel suo messaggio quaresimale. Prestare attenzione al fratello comprende anche la premura per il suo bene spirituale. Cominciamo a farlo nelle nostre famiglie e fra i nostri amici. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 26 marzo Annunciazione del Signore Is 7,10-14; 8,10c; Sal 39; Eb 10,4-10; Lc 1,26-38 marted 27 san Ruperto Nm 21,4-9; Sal 101; Gv 8,21-30 mercoled 28 san Sisto III papa Dn 3,14-20.46-50.9192.95; Cant Dn 3,52-56; Gv 8,31-42 gioved 29 san Secondo m. Gen 17,3-9; Sal 104; Gv 8,51-59 venerd 30 san Leonardo Murialdo Ger 20,10-13; Sal 17; Gv 10,31-42 sabato 31 san Beniamino Ez 37,21-28; Cant Ger 31,10-12b.13; Gv 11,45-56

Il vescovo Giancarlo Bregantini ai Dialoghi per la citt


Gioved 29 marzo alle 21 nellaula magna di Psicologia
Comunicare per abbattere i muri dellomert sar il tema dellincontro con larcivescovo di Campobasso-Boiano monsignor Giancarlo Bregantini, gioved 29 marzo alle 21 nellaula magna di Psicologia, a Cesena. Lappuntamento, a ingresso libero, il terzo dei quattro incontri dei Dialoghi per la citt, promossi dalla diocesi di Cesena-Sarsina, con tema Bellezza e forza del comunicare.

Sensi chi parla, scuola per educatori e animatori


La vista allultimo incontro della rassegna
Gioved 22 marzo alle 21, presso il seminario di Cesena, ultimo appuntamento della Scuola per educatori e catechistici Sensi chi parla, curata dallUfficio catechistico diocesano. La riflessione riguarder in particolare il senso della vista.

l profeta Geremia annuncia che Dio stipuler col suo popolo una nuova alleanza, non pi impressa sulle tavole di pietra, come al Sinai, ma scritta nei cuori. Unalleanza damore suggellata dal sangue di Cristo. I Giudei tradirono spesso la prima alleanza. Il profeta annuncia che Dio la rinnover. Il Vangelo di Giovanni ci presenta alcuni pagani che erano saliti per il culto durante la festa diPasqua e chiedono agli apostoli di vedere Ges. Ges risponde alla richiesta parlando della sua ora, quella della glorificazione. Aggiunge poi la breve parabola del chicco di grano che se non muore rimane solo, se invece muore produce molto frutto. Alludendo cos alla sua morte e risurrezione. Invitando i suoi discepoli a fare altrettanto, a seguirlo. Servire morire, dare la vita, rinnegare se stessi e portare con amore la propria croce. Il Crocifisso che contempliamo non un fallito, ma colui che ha compiuto per amore il pi grande servizio allumanit di ogni tempo. La domanda vogliamo vedere Ges oggi viene rivolta a noi. Non ci vengono chiesti dei ragionamenti, ma di vedere, incontrare, toccare Ges in noi. Dobbiamo farci chicco di grano come Ges, con la nostra vita nella societ,

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Madonna del Fuoco, Gattolino, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in V., Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria della Speranza, San Pietro, Case Finali, San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Domenico, Osservanza, San Rocco San Pietro, Cappuccini San Bartolo Cesenatico; 18 San Giacomo; 20 Sala; 20,30 Villalta Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini di Cesenatico; 9.30 Villalta; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta, Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 Longiano-Parrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18. Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 18.30 (sabato); 9 / 11.15 / 17 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17 (sabato); 8 / 11.15. Villamarina: 16 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.15; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 17.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Pio X, San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

15.00 17.30 18.00 18.30 19.00

9.15 9.30

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Case Finali, San Rocco, Osservanza, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, SantEgidio, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Bulgarn 19.00 San Giorgio, Tipano 20.00 San Pio X, Calisese, San Giovanni Bono, Gattolino, Villachiaviche, Pioppa, Bulgaria 20.30 Ponte Pietra, Ruffio, Santa Maria Nuova, Pievesestina, San Cristoforo

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 10 del 15 marzo 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 20 marzo 2012

Vita della Diocesi


Dal 2013 Messa crismale il Mercoled santo
Catecumeni Ultimipassaggi verso i sacramenti
In queste settimane, insieme ai tre scrutini, i catecumeni compiono altri tre gesti, carichi di senso ecclesiale dinanzi alle loro comunit. Il primo: ogni catecumeno riceve solennemente dalla comunit il Credo. la consegna del simbolo della fede, che egli professer al momento del battesimo e si lascer rinnovare la vita per sempre. Il secondo momento, a otto giorni dal primo, avviene la riconsegna del Credo. Dopo averlo letto e imparato, il catecumeno lo restituisce, cio, lo recita dinanzi alla comunit riunita in preghiera proprio per la sua fede. Il terzo rito riguarda la consegna del Padre Nostro. In un incontro di preghiera, il parroco consegna il testo di questa preghiera speciale per ogni cristiano; il catecumeno ora comincia a rivolgersi a quel Padre che lo rigenerer nel battesimo come figlio, e, inoltre, si scopre fratello nella comunit dei figli. A questi riti prebattesimali, numerosi, diversificati e incisivi, sono invitati i catecumeni e i fedeli. Sono gesti di loro natura comunitari e vi predomina la preghiera. Essa comune implorazione e accoglienza della fede-dono da professare nella verit della vita. In questarmonia di persone, di fatti e di presenza di Cristo, i catecumeni si affidano a Cristo con il cuore lieto e trepidante. Mario Morigi a santa messa crismale questanno LCattedraleancora il Gioved Santo 5 sar celebrata aprile, in a Cesena. Lanno prossimo sar celebrata il Mercoled Santo alle 20,30 in Cattedrale per permettere ai fedeli laici di partecipare. Questa santa messa infatti deve esprimere la partecipazione di tutto il popolo di Dio che si riunisce facendo corona ai suoi sacerdoti. vero che questa del gioved santo una celebrazione in cui i presbiteri sono protagonisti; ma non c nessuna celebrazione esclusiva e riservata a gruppi particolari. Tanto meno questa che deve invece esprimere la presenza corale di tutto il popolo di Dio, in ragione anche della benedizione degli oli che sono per tutti. Ricordiamo che in questa celebrazione si concluder liniziativa della Quaresima di Carit nalizzata questanno a sostenere la Mensa della Caritas diocesana, come indicato nella Lettera meditazione del vescovo Dalle sue piaghe siete stati guariti. Un fedele rappresentante di ogni comunit

Gioved 22 marzo 2012

parrocchiale porter al vescovo durante la santa messa il frutto della raccolta consegnando una busta con i contanti o lassegno. bene indicare nella busta il mittente per poter inviare un ringraziamento e comunque tenere conto degli offerenti al ne di comunicarlo sul Corriere Cesenate. Se qualche comunit parrocchiale conclude liniziativa durante la santa messa parrocchiale in Coena Domini, potr successivamente consegnare la raccolta in Curia.

GIORNATAPERI MISSIONARI MARTIRI |


mando fino alla fine il titolo della Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri che verr celebrata sabato 24 marzo alle 21 in Cattedrale a Cesena con una veglia di preghiera diocesana presieduta dal vescovo e proposta dal Centro missionario. Benedetto XVI in occasione del Regina Coeli del 24 marzo 2008 ha dato questa spiegazione alla giornata: Il ricordare e pregare per questi nostri fratelli e sorelle un dovere di gratitudine per tutta la Chiesa ed uno stimolo per tutti a testimoniare in modo sempre pi coraggioso la nostra fede e la nostra speranza in Colui che sulla Croce ha vinto per sempre il potere dellodio e della violenza con lonnipotenza del suo amore. La data del 24 marzo, scelta da Giovanni Paolo II nel 1987, ha un significato preciso: lanniversario del martirio di monsignor Romero,

di Marco Castagnoli

Veglia di preghiera in Cattedrale


arcivescovo di San Salvador, ucciso mentre celebrava lEucaristia. In occasione della veglia di preghiera ricorderemo i 26 operatori pastorali (18 sacerdoti, 4 religiosi e 4 laici), uccisi nel 2011 nella loro missione di evangelizzazione e promozione umana. Nellelenco figurano anche 2 italiani: padre Fausto Tentorio (missionario del Pime ucciso nelle Filippine) e Francesco Bazzani (laico ucciso nel Burundi). una lista incompleta perch ad essa vanno aggiunti i tanti, di cui non conosciamo il nome, che sono stati uccisi per la loro fede in Cristo. Ascolteremo la testimonianza di don Francesco Cavazzuti, sacerdote della diocesi di Carpi, che dal 1969 al 2007 ha svolto il suo servizio

sacerdotale in Brasile nella diocesi di Gois. Nel 1987 ha subto un attentato che lo ha reso cieco. Successivamente ha incontrato e perdonato il suo attentatore e oggi testimonia di non essersi pentito della sua scelta missionaria. Don Gianni Cesena, direttore di Missio, la Fondazione costituita dalla Conferenza episcopale italiana per sostenere e promuovere la dimensione missionaria, ha commentato il tema della giornata specificando che non vuole essere un tentativo di scrivere un lieto fine forzato che cancelli la durezza della violenza o la tragedia di una vita spezzata drammaticamente; semplicemente vuol dipingere gli ultimi istanti di coloro che, sullesempio del Maestro, donano la vita, perdonando i loro carnefici. Linvito, quindi, di riflettere sul martire come colui che, imitando il sacrificio di Ges, ha portato a termine, fino alla fine, il progetto damore di Dio Padre.

Coniugato e padre di tre figli, di Montiano, sar ordinato diacono

In breve
Incontro Nain, allombra della sua mano
Lincontro del gruppo Nain allombra della sua mano si terr sabato 24 marzo dalle 16,30 alle 18 presso lIstituto delle suore della Sacra Famiglia (via Mami 411, Cesena). Sar celebrata la Messa e ci sar la possibilit di accostarsi al sacramento della riconciliazione.

ono in festa la diocesi di Cesena-Sarsina e la comunit parrocchiale di Montiano per lordinazione diaconale, domenica 25 marzo alle 18 in Cattedrale, di Giorgio Fagioli, 63enne, sposato e padre di tre figli, commerciante di mobili. Labbiamo intervistato alla vigilia del rito di consacrazione.

Giorgio Fagioli a servizio della Chiesa diocesana S


Lordinazione avverr domenica 25 marzo alle 18 in Cattedrale a Cesena, dalle mani del vescovo Douglas Regattieri
seminario, prima a Cesena e poi a Bologna. Qual stato il percorso di preparazione al diaconato? Mi alzo presto la mattina, anche per motivi di lavoro. Partecipo alla messa ogni giorno, prego con la chiesa (Lodi, Vespri e Compieta). Ho frequentato per tre anni il corso per arrivare al momento di ricevere la consacrazione diaconale e non per quattro anni come previsto, perch ero gi stato ammesso ai ministeri del Lettorato e dellAccolitato. Per tre giorni, da gioved 22 marzo, sono agli Esercizi spirituali allAbbazia del Monte, a Cesena. Cosa far da diacono permanente? Sar a servizio della Chiesa particolare guidata dal vescovo per lannuncio della Parola di Dio e la distribuzione dellEucaristia, per assistere vescovo e sacerdoti nella liturgia. Porter la comunione nelle case agli anziani e agli ammalati. Mi impegner nelle opere di carit verso i bisognosi. Sono gi referente della Caritas per la zona pastorale RubiconeRigossa. Terzo Spada

Familiari del clero, incontro in seminario


Luned 26 marzo alle 9,45 in seminario a Cesena si terr lincontro dei Familiari del clero. Brunella Campedelli, coordinatrice regionale Familiari del clero Emilia Romagna, terr una riessione sulla vita dellassociazione. Alle 11,15 messa presieduta dal vescovo Regattieri. Alle 12,15 pranzo, al quale sono invitati tutti i sacerdoti.

Come ha avuto inizio la sua candidatura? Una sera di maggio avevo partecipato alla messa nella chiesa della Madonna di Fatima, a Montiano. Il parroco don Giorgio Brandolini mi propose di diventare diacono permanente. Risposi che avrei riflettuto per un po di tempo. Dopo colloqui con mia moglie Loredana che fu daccordo, dissi il mio s. Venivo da un periodo di maggiore riflessione e approfondimento personale, di preghiera e di studio della teologia. Fino a 23 anni ero stato in

Sabato 31 marzo alle 21 Ai giardini pubblici la Gmg in diocesi


iate sempre lieti Signore il S indicato da papaneldella gioventtema Benedetto XVI per la Giornata mondiale che questanno sar celebrata in ogni singola diocesi. Sabato 31 marzo, a partire dalle 21, ai giardini pubblici di Cesena in programma una serata rivolta a tutti i giovanissimi e giovani, e in particolare a quelli che la scorsa estate hanno vissuto lesperiena della Gmg a Madrid. Dopo il saluto iniziale del vescovo Douglas Regattieri, laltro di testimonianze di alcuni giovani della diocesi che racconteranno la loro gioia di vivere come cristiani i vari ambiti della vita. Seguir la testimonianzaconcerto di un gruppo di giovani di Roma, Il laboratorio della fede (www.laboratoriodella fede.it), guidato dal sacerdote cesenate don Marco Ceccarelli. necessario portare con s il telo cerato della Gmg. In caso di maltempo, la serata si svolger nella chiesa di SantAgostino.

omenica 25 dalle 15 alle Caritas Dparrocchialimarzopresiedutoindal17,30, leper il si ritroveranno seminario convegno diocesano, vescovo Douglas. Il tema su cui pregare e riettere insieme sar la rivalorizzazione della domenica come giorno del Signore e delluomo, per viverla in tutta la sua ricchezza attraverso lintegrazione tra liturgia, catechesi e carit. Il pane della Parola di Dio, il pane dellEucaristia e il pane della Carit non sono pani diversi: sono la persona stessa di Ges che si dona agli uomini e coinvolge i discepoli nel suo atto damore al Padre e ai fratelli. Come scriveva papa Giovanni Paolo II, dalla

Caritas a convegno

messa domenicale parte unonda di carit destinata a espandersi in tutta la vita dei fedeli, iniziando ad animare il modo stesso di vivere il resto della domenica. Se essa giorno di gioia, occorre che i cristiani dicano con i loro concreti atteggiamenti che non si pu essere felici da soli. Ecco allora che la domenica diventa il giorno privilegiato della carit fraterna, attraverso gesti personali o comunitari di solidariet e condivisione con quelle persone che proprio di domenica avvertono in modo ancora pi cocente la loro solitudine emarginazione, sofferenze.

Gioved 22 marzo 2012

Vita della Chiesa

Le parole del Papa alla preghiera dellAngelus di domenica 18 marzo

Catholica
di Stefano Salvi

detto XVI Bene

UNA POETESSA RUSSA E LA METAMORFOSI DEL SECOLARISMO


La poetessa russa Olga Sedakova, in un articolo pubblicato su www.ilsussidiario.net del 16 marzo ha scritto: La recente battaglia in Inghilterra contro chi porta la croce al collo solo un episodio nel vasto panorama contro i simboli religiosi in corso nel mondo postcristiano. Mi capitato di assistere a un altro episodio di questa lotta in Italia: quando due anni fa il Consiglio dEuropa aveva preteso di fare togliere il crocifisso dalle aule scolastiche. Ho avuto modo di leggere sul Corriere della Sera di un nuovo scontro in questa guerra; una commissione di esperti europei presieduta da Valentina Sereni, dopo avere esaminato Dante sotto il profilo giuridico ha concluso che la Divina Commedia va tolta dai programmi scolastici perch contiene elementi di razzismo che costituiscono dei crimini. O, perlomeno, bisogna espungere il testo. [] A dire il vero, questo tipo di ermeneutica ricorda lepoca sovietica, in cui tutte le opere dellumanit venivano giudicate dal punto di vista della lotta di classe e si discuteva se fossero progressisti o no, mettiamo, Pindaro o Shakespeare. Ma non si pu non osservare una differenza [] La dottrina comunista si basava sulla maggioranza, ritenendo che tutte le minoranze fossero un fenomeno da sradicare. Il secolarismo difende le minoranze, invitando la maggioranza a cedere, in qualche modo, a favore di quanti erano tradizionalmente discriminati. Ma in questo caso sia luna che laltra mettono Dante allindice. Davanti a fatti come il caso Dante, il veto ai crocifissi o a portare la croce al collo, possiamo constatare che il secolarismo sta trasformandosi in una nuova ideologia, cio in una nuova parareligione che rifiuta decisamente di usare la ragione. La semplice ragione dovrebbe bastare a suggerire agli esperti che Dante, un cristiano del XIII secolo, come lui si definiva, non avrebbe dovuto avere una diversa visione delle altre religioni. Che concetti molto posteriori, come antisemitismo e islamofobia, qui non possono essere impiegati. Che Dante non poteva mettere in dubbio la dottrina ecclesiale e biblica di peccato. Lideologia, a differenza del secolarismo, comera stato progettato, offre dei postulati eterni, che valgono per tutti e per ogni tempo. Deve necessariamente travisare i fatti, per potere incasellare nella propria interpretazione. Deve sottacere o falsificare la realt, sia quella contemporanea che quella storica. Noi assistiamo alla trasformazione del secolarismo in ideologia, e dopo di essa non rester che terra bruciata [] C unaltra conclusione che si pu trarre dal caso Dante: vediamo fino a che punto fosse cristiana nei suoi fondamenti la letteratura classica europea. Non ne esiste unaltra. Quindi, per non offendere nessuno, dovremo restare senza pi niente.

La voce di Dio e le tentazioni del male

VATICANO, 14 MARZO: AL PAPA VIENE PRESENTATA, DOPO L'UDIENZA GENERALE, LA CAMPANA DEL 50 CONGRESSO INTERNAZIONALE EUCARISTICO, CHE SI SVOLGER A DUBLINO DAL 10 AL 17 GIUGNO 2012 (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR, 15 MARZO 2012)

io vuole salvarci, ma anche noi dobbiamo pentirci se vogliamo essere guariti dal peccato. Questo il senso delle parole di Benedetto XVI, domenica mattina 18 marzo allAngelus, guidato da piazza San Pietro.

Vincere le tentazioni. Nel nostro itinerario verso la Pasqua - ha detto il Papa -, siamo giunti alla quarta domenica di Quaresima. un cammino con Ges attraverso il deserto, cio un tempo in cui ascoltare della nostra vita, grande anche la maggiormente la voce di Dio e anche nostra responsabilit: ciascuno, infatti, smascherare le tentazioni che parlano deve riconoscere di essere malato, per dentro di noi. Allorizzonte di questo poter essere guarito; ciascuno deve deserto si profila la Croce. Ges sa che confessare il proprio peccato, perch il essa il culmine della sua missione: in perdono di Dio, gi donato sulla Croce, effetti, la Croce di Cristo il vertice possa avere effetto nel suo cuore e nella dellamore, che ci dona la salvezza. sua vita. Benedetto XVI ha citato ancora Richiamando il Vangelo di oggi, il santAgostino: Dio condanna i tuoi Pontefice ha ricordato che come Mos peccati; e se anche tu li condanni, ti innalz il serpente nel deserto, cos unisci a Dio Quando comincia a bisogna che sia innalzato il Figlio dispiacerti ci che hai fatto, allora delluomo, perch chiunque crede in lui cominciano le tue opere buone, perch abbia la vita eterna. Il riferimento condanni le tue opere cattive. A volte allepisodio in cui, durante lesodo ha precisato il Papa - luomo ama pi le dallEgitto, gli ebrei furono attaccati da tenebre che la luce, perch attaccato ai serpenti velenosi, e molti morirono; allora suoi peccati. Ma solo aprendosi alla Dio comand a Mos di fare un serpente luce, solo confessando sinceramente le di bronzo e metterlo sopra unasta: se uno proprie colpe a Dio, che si trova la vera veniva morso dai serpenti, guardando il pace e la vera gioia. importante allora serpente di bronzo, veniva guarito. Anche accostarsi con regolarit al sacramento Ges sar innalzato sulla Croce, perch della penitenza, in particolare in chiunque in pericolo di morte a causa Quaresima, per ricevere il perdono del del peccato, rivolgendosi con fede a Lui, Signore e intensificare il nostro che morto per noi, sia salvato. cammino di conversione. Invito alla confessione. Il Santo Padre ha San Giuseppe e viaggio in Messico e ripreso un commento di santAgostino: Il Cuba. Il Pontefice ha poi ricordato la medico, per quanto dipende da lui, viene festa solenne di san Giuseppe e ha per guarire il malato. Se uno non sta alle prescrizioni del medico, si rovina da solo. Il ringraziato di cuore tutti coloro che avranno un ricordo nella preghiera, nel Salvatore venuto nel mondo Se tu non giorno del mio onomastico. In vuoi essere salvato da lui, ti giudicherai da particolare, ha chiesto di pregare per il te stesso. Dunque, se infinito lamore viaggio apostolico in Messico e Cuba, misericordioso di Dio, che arrivato al che compir a partire da venerd 23 punto di dare il suo unico Figlio in riscatto

A volte luomo ama pi le tenebre che la luce, perch attaccato ai suoi peccati. Ma solo confessando sinceramente le proprie colpe a Dio che si trova la vera pace e la vera gioia
marzo. Affidiamolo allintercessione della Beata Vergine Maria, tanto amata e venerata in questi due Paesi che mi accingo a visitare, ha affermato. Il bene prezioso dellacqua. Dopo lAngelus, il Santo Padre ha rammentato che ieri si concluso, a Marsiglia, il VI Forum mondiale dellacqua, e gioved 22 marzo si celebrer la Giornata mondiale dellacqua, che questanno sottolinea il fondamentale legame di tale preziosa e limitata risorsa con la sicurezza alimentare. Di qui lauspicio che queste iniziative contribuiscano a garantire per tutti un accesso equo, sicuro e adeguato allacqua, promuovendo cos i diritti alla vita e alla nutrizione di ogni essere umano e un uso responsabile e solidale dei beni della terra, a beneficio delle generazioni presenti e future. La tragedia in Svizzera. Nei saluti in varie lingue, in francese Benedetto XVI ha ricordato la tragedia in Svizzera in cui sono morte 28 persone, di cui 22 ragazzi. Cristo, ha sostenuto, prenda su di s anche il dolore dei parenti delle famiglie belghe che a causa del tragico incidente in Svizzera hanno perduto i loro figli e anche il dolore di coloro che si sono visti privati di una persona vicina. Assicuro la mia vicinanza e la mia preghiera.

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:


PETROLCHIMICI AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE e sul sito WWW.CORRIERECESENATE.COM

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino sas via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

in ITALIA... nel MONDO

contatta: 0547 300258 (redazione) commerciale@corrierecesenate.com

Vita della Chiesa

Gioved 22 marzo 2012

Monsignor Giuseppe Cacciami padre e maestro dei media cattolici


morto a 87 anni nel Novarese. stato tra i padri fondatori della Federazione italiana settimanali cattolici. Il ricordo del direttore dellagenzia Sir e del presidente della Fisc
i spento la sera di sabato 17 marzo, allet di 87 anni, monsignor Giuseppe Cacciami, tra i fondatori della Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) e del Sir (Servizio informazione religiosa). I funerali si sono svolti marted 20 marzo nella chiesa parrocchiale di Grignasco, dove era nato il 5 settembre 1924. Monsignor Cacciami era stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1947 nella cattedrale di Novara. In questi quasi sessantanni di sacerdozio monsignor Cacciami stato protagonista attivo soprattutto nel campo del giornalismo e degli interventi di carattere sociale con particolare attenzione ai giovani. Giovane sacerdote ha iniziato il suo ministero pastorale nella sua Valsesia, prima a Grignasco. Consegue la licenza in Teologia alla Facolt Teologica di Milano nel 1955 e supera il biennio di laurea in Teologia. Negli anni 1958-1963 frequenta i corsi di giornalismo e cinema allUniversit internazionale Pro Deo e quelli di filosofia allUniversit Cattolica del Sacro Cuore. Nel 1953 arriva a Verbania come vicerettore della Famiglia Studenti di Intra - una struttura di ospitalit per giovani e assistente di G.S. Sono gli anni in cui diventa attivo protagonista della vita sociale verbanese anche iniziando una fruttuosa collaborazione con il settimanale diocesano fino a propiziare la nascita di una testata tutta dedicata a quel territorio. Il Verbano che inizia a interpretare la zona che dai monti si affaccia sullalto Lago Maggiore. Sono anche gli anni in cui Cacciami (diplomato in giornalismo e critica cinematografica) promuove la stampa cattolica a livello nazionale e internazionale, facendole acquisire maggiore visibilit, peso, capacit di iniziativa e prestigio. A met degli anni 70 collabora alla nascita della Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc) di cui subito vicepresidente, per diventarne presidente dal 1980 fino al 1986. Nel 1989 fondatore e primo presidente dellagenzia giornalistica Sir. Successivamente diventa presidente nazionale del Consis. In quegli stessi anni vicepresidente della Federation internationale de la presse dglise, quindi diventa membro della Commissione Cei per le Comunicazioni sociali, membro del Gruppo di lavoro per la promozione del sostegno economico della Chiesa italiana e consigliere nel Cda di Avvenire. Nel 1997 nominato membro del Forum permanente della Cei per il Progetto culturale. Nel nuovo secolo let e la salute lo portano progressivamente a diminuire gli impegni e lattivit. Monsignor Cacciami, di cordialit e intelligenza davvero fuori dal comune, ha saputo raccogliere apprezzamenti e riconoscimenti anche in campo civile ed anche provenienti da ambienti culturalmente lontani, con i quali ha sempre saputo mantenere un rapporto franco e dialettico, ma anche amichevole e rispettoso. Ne sono testimonianza, fra i tanti, lonorificenza di Grande ufficiale al merito della Repubblica
I FUNERALI DI MONSIGNOR CACCIAMI (NELLA FOTO SIR) SI SONO SVOLTI MARTED 20 MARZO A GRIGNASCO, AI PIEDI DEL MONTE ROSA

italiana, concessagli nel 1997 (dopo essere stato commendatore dal 1986) e, tra i segni pi graditi, la cittadinanza onoraria di Verbania nel 1998.

Le consegne
Don Giuseppe Cacciami, un gigante. Cos mi sento di ricordarlo alla notizia della sua morte arrivata pochissimi minuti fa. Ci appariva un gigante, a noi che da pivelli ci affacciavamo alla Fisc e al mondo del giornalismo. A lui, che per tanti anni stato il presidente della Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), dopo essere stato tra i fondatori, guardavamo con tanta sana invidia per quella sua straordinaria capacit di utilizzare la parola che rendeva ogni suo discorso e ogni suo scritto un momento di altissima scuola per tutti noi novizi di Fisc e di giornali diocesani. Una passione immensa per la Chiesa, il mondo dei mass media e dei nostri giornali, che ha saputo trasmettere a generazioni di direttori. Ha saputo maneggiare con maestria gli strumenti della comunicazione sociale con le tecniche proprie che richiedono, senza mai indietreggiare sui principi che sempre ha difeso con quel suo particolare piglio che lo distingueva. Ricordo lultimo nostro incontro, qualche giorno dopo il Natale 2010. Con il direttore del Sir, Paolo Bustaffa, ero andato a trovarlo, nella sua casa di famiglia, vicino al Monte Rosa. Mi diede le consegne del lavoro da proseguire nella Fisc, le stesse che avevano in mente loro, i fondatori della nostra Federazione. Tre obiettivi su tutto: mettere insieme le professionalit, le competenze, le esperienze di gente tanto diversa, lungo tutta lItalia. Secondo, fare opinione pubblica nella Chiesa e, infine, cercare di farla anche nel Paese. Tre impegni che restano stampati nelle nostre menti e nei nostri cuori e che, nel suo ricordo affettuoso, cercheremo di non smentire. Francesco Zanotti

LE SUE MANI
Alle 19 di sabato 17 marzo morto, allet di 87 anni, monsignor Giuseppe Cacciami. Venerd sera avevo tenuto le sue mani nelle mie. Ma forse era lui a tenere le mie mani nelle sue. Le mani di un prete ordinato nel 1947. Le mani sante di un prete. Le mani di un prete giornalista che ha dedicato tutta la sua vita alla comunicazione. Negli ultimi otto anni, quando un improvviso e imprevisto male aveva minato la sua fortissima fibra, reagiva alle domande sulla sua salute con una battuta diventata proverbiale: Si lotta. Ha sempre lottato per la Verit, don Giuseppe Cacciami. Con la sua intelligenza, la sua passione, il suo amore per i settimanali cattolici locali, per lagenzia Sir nata dallesperienza Fisc grazie alla sua intuizione condivisa e sostenuta dallallora mons. Camillo Ruini, per il quotidiano Avvenire e per ogni iniziativa che riguardasse la comunicazione. Una lotta che lo ha visto, come lapostolo Paolo, sempre e ovunque pronto a prendere la parola con la forza e la chiarezza che venivano da una fede vissuta e pensata ogni giorno, con grinta. I suoi spilli, sul settimanale diocesano di Novara, rimangono, a questo riguardo, una testimonianza e uneredit da raccogliere e continuare. Il suo sconfinato amore per la Chiesa lo ha portato a vivere il giornalismo come forma alta di carit intellettuale nei grandi dibattiti culturali e, nello stesso tempo, come servizio umile alla gente per accompagnarla nella ricerca di significati, di speranza, di Verit. Un maestro che non mai salito in cattedra, consapevole come sempre stato che un giornale un luogo altro e spesso pi difficile della cattedra. Ma lui, uomo della montagna, uomo della Resistenza e uomo della Ricostruzione, non temeva le imprese pi ardue. Un padre che in tutta la sua vita non si mai stancato di far crescere, con lautorevolezza di chi non risparmia alcuna fatica a se stesso, generazioni di giornalisti. Un padre e un maestro la cui ultima tenerissima stretta di mano il segno indelebile di un amore infinito. Paolo Bustaffa

10

Gioved 22 marzo 2012

Attualit

Jos Manuel Barroso, presidente della Commissione Ue, allUniversit Cattolica

SuperAbile
di Arianna Maroni

ne Europea Unio

Il futuro nel crescere insieme


MILANO, 16 MARZO: IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE BARROSO DURANTE IL SUO INTERVENTO ALLUNIVERSIT CATTOLICA DI MILANO (FOTO SIR/CE)

UN CALCIO ALLA MALATTIA


Arriva per la prima volta in Europa, allospedale pediatrico Bambino Ges punto di riferimento di livello internazionale per la ricerca e la cura di bambini e adolescenti - il progetto Kids Kicking Cancer che ha come obiettivo dare un calcio alla malattia. Quando ad ammalarsi un bambino piuttosto che un adulto, riuscire a garantirgli una vita il pi possibile normale, aiutandolo ad accettare la malattia incoraggiandolo e motivandolo - diventa importante come individuare il trattamento migliore cui sottoporlo. Per questa ragione lospedale ha accolto con favore liniziativa di Kids Kicking Cancer Italia onlus, la neonata costola italiana dellassociazione statunitense. All'interno di un ambiente sicuro e controllato come quello dellospedale, supportati dai professionisti del Bambino Ges, gli istruttori di Kids Kicking Cancer affiancano i piccoli pazienti sia nella degenza che nella riabilitazione extra-ospedaliera, promuovendo lezioni e corsi pratici per allenare il corpo, ma soprattutto la mente, attraverso linsegnamento di semplici tecniche di arti marziali. Attraverso esercizi di respirazione, rilassamento e meditazione, i bambini che partecipano al progetto imparano a gestire meglio il dolore e ad affrontare con maggiore determinazione, coraggio, ma anche serenit interiore la malattia e le terapie a cui devono sottoporsi. Ogni bambino diventa cos testimone e ambasciatore di questa filosofia, insegnando agli altri (fratelli, sorelle, genitori, nonni) le tecniche che ha appreso, perch possano a loro volta imparare a gestire meglio dolore, rabbia, ansia, paura, stress o altri problemi psico-fisici. Al Bambino Ges fino ad oggi hanno preso parte al progetto quindici bambini e ragazzi del reparto di onco-ematologia. Liniziativa si sta via via allargando anche ai piccoli affetti da fibrosi cistica e da altre patologie croniche. Leliminazione del dolore da tutte le procedure assistenziali che coinvolgono i bambini rappresenta uno standard proprio dellospedale pediatrico Bambino Ges, sottolinea Massimiliano Raponi, direttore sanitario del Bambino Ges, e sul fronte dell'accoglienza e del miglioramento della qualit della vita dei nostri piccoli pazienti siamo quotidianamente impegnati a trovare nuove opportunit di miglioramento. Loncologia pediatrica ha raggiunto risultati straordinari in termini di percentuale di guarigione, riuscendo a eradicare la patologia tumorale ormai in pi del 75 per cento dei bambini che si ammalano di un tumore, sostiene Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di Onco-ematologia pediatrica del Bambino Ges. Curare, tuttavia, vuol dire prendersi cura a 360 del benessere psico-fisico dei pazienti e della loro famiglia e iniziative come queste contribuiscono a migliorare la qualit di vita dei piccoli, il loro contatto con le attivit ludico-sportive e a canalizzare positivamente le tensioni legate al percorso di diagnosi e cura.

La crisi che ha evidenziato la necessit on ci pu essere crescita senza stabilit e non c stabilit di rilanciare il cammino dintegrazione senza solidariet. questa la via per uscire dalla crisi tracciata dal presidente della Commissione europea, Jos verso il passaggio da ununione monetaria Manuel Duro Barroso, davanti ai giovani che, questo a ununione economica pomeriggio, hanno affollato laula magna dellUniversit Cattolica di Milano per Tre sfide per il futuro. Quello tracciato da assistere al primo incontro del ciclo vicario della Cattolica, Franco Anelli, con Barroso un quadro complesso in cui "Colloqui sullEuropa", organizzato un saluto in italiano: "Sono felice di essere lUnione chiamata dallIstituto di economia e finanza qui, in questa Universit dove trovo gli contemporaneamente ad affrontare "sfide stessi valori a cui sispira lUnione dellateneo. interne ed esterne". "Ritorno da un Il rilancio degli Eurobond. "La crisi - ha europea: una realt aperta alle idee delle viaggio in Cina e India - ha proseguito spiegato Barroso - stata causata da due persone, dove lo spirito dinnovazione dove mi sono reso conto di come se elementi che si sono amplificati a convive con senso di comunione e vogliamo difendere gli interessi e i valori vicenda: da un lato una crisi finanziaria, appartenenza". Nel suo discorso Barroso europei, oggi abbiamo bisogno segnata da comportamenti irresponsabili ha anche voluto rimarcare lunicit del dellUnione europea pi che mai". e, dallaltro, lelevato debito pubblico dei progetto europeo: "LUe non uno Stato Correggere i debiti pubblici dei Paesi in nostri Stati". Una crisi che ha evidenziato federale ma unUnione di Stati, non c difficolt stato il primo passo, ma ora la necessit di "sviluppare meccanismi niente di simile al mondo". necessario lavorare su crescita e rapidi dintervento", rilanciando il ispondendo alle domande degli studenti, occupazione, ha proseguito Barroso che cammino dintegrazione verso il a chi gli chiedeva del prosieguo del ha sottolineato come "lItalia, cos come passaggio da "ununione monetaria a cammino dintegrazione europea, altri Paesi, ha preso decisioni coraggiose ununione economica". Da qui la Barroso ha detto con una battuta: per ristrutturare la propria economia". Le soddisfazione di Barroso per "LUnione europea non deve essere poi parole "crescita" e "occupazione" sono lapprovazione, nei giorni scorsi, da parte cos male se tanti chiedono di entrare e risuonate pi volte nel discorso del di 25 Stati dellUnione del "Fiscal nessuno di uscire". Con il sorriso sulle presidente che ha per invitato a non Compact" che prevede forme di controllo labbra non ha nascosto, per, la necessit commettere gli errori del passato. "Quella pi rigide da parte dellUe sui bilanci di "costruire una comunit politica pi di cui abbiamo bisogno - ha spiegato - degli Stati che vi hanno aderito (tutti a forte", un percorso in cui diventa centrale una crescita sostenibile che non pu eccezione di Regno Unito e Repubblica il coinvolgimento delle istituzioni a tutti i essere basata su un aumento Ceca). Una misura considerata livelli. "La gente - ha precisato - parla irresponsabile del debito pubblico". "essenziale per il nostro futuro" perch spesso di Europa riferendosi a Bruxelles e Unaltra parola centrale stata "ha rafforzato la nostra governance a Strasburgo, ma anche "innovazione". Non a caso, prima di economica". Il passo successivo, secondo Milano Europa. Solo insieme possiamo arrivare allUniversit Cattolica, Barroso il presidente della Commissione, andare avanti in questo progetto". Per fare ha fatto tappa ad Ispra, in provincia di dovrebbe essere il rilancio degli questo necessario il coinvolgimento Varese, dove allinterno del Centro di Eurobond. "Lunione monetaria ed dellopinione pubblica, dei media e dei ricerca della Commissione Europea (Joint cittadini stessi. "In alcuni casi - ha economica ha bisogno di una Research Center) ha inaugurato il nuovo mutualizzazione del debito", ha continuato Barroso - assistiamo a un "European Crisis Management ammesso Barroso che, nonostante utilizzo della sussidiariet (uno dei Laboratory". lopposizione di alcuni Paesi, considera la principi cardine dellUe) contro lUnione". possibilit di emettere titoli europei come Barroso ha fatto lesempio dellistruzione Il ruolo dei cittadini. Lintervento del "una parte indispensabile della politica e di una gestione nazionale che spesso presidente della Commissione europea si economica", soprattutto nei confronti dei finisce per far crescere le barriere tra Stati era aperto, dopo il saluto del prorettore "mercati globali". invece che abbatterle.

il Periscopio

di Zeta
c stato e non va gettato alle ortiche e neppure dimenticato subito. Certo, non si pu vivere di passato, ma occorre anche ricordare la salvezza dello scorso anno raggiunta solo alla penultima giornata, dopo una rincorsa straordinaria guidata sotto la regia di mister Ficcadenti. ALMENO QUALCHE PUNTO DELLA BANDIERA Ma torniamo alla partita di domenica PER UN CESENA SEMPRE PI ULTIMO IN CLASSIFICA scorsa. Tre gol dal Cagliari sono troppi per chi vuole dimostrare ancora qualcosa. vero che due rigori sono stati molto generosi per i rossobl, ma solo quattro tiri in i denti. Ogni gradino da faticare, da strappare ad avversari quasi sempre pi forti. Poi si pu anche porta in tutta la partita sono troppo poco per chi perdere, perch nello sport, come nella vita, desidera mostrare ancora qualit. presente anche la sconfitta. Ma un conto mettere Cesena tutta, e gli sportivi in particolare, non in campo tutto, un altro arrendersi davanti a chi ti meritano un campionato di cos basso profilo. viene contro. Occorre restare con i piedi per terra ed essere Adesso ci vuole qualche vittoria. Lo merita il consapevoli che la piazza richiede doti da meraviglioso pubblico del Manuzzi che riempie provinciale e nulla pi. Grinta, determinazione, quasi sempre gli spalti come si vede raramente in umilt, corsa, sacrificio, tutte caratteristiche che Italia. Lo merita la stessa societ, lo merita lo sport forse hanno fatto difetto fin da subito agli uomini in generale che non si pu mai snobbare. Andremo guidati da Giampaolo, arrivato in citt con un in B, ormai matematico, ma ci si vada con un briciolo di presunzione di troppo. Qua ogni punto da guadagnare e da strappare con briciolo di dignit. (739)

Il campionato deludente del Cesena ha bisogno di un sussulto di dignit

Lo sport impegno. Sempre

omenica scorsa ho seguito in tv la partita del Cesena. Allora di pranzo, la squadra ora guidata da Mario Beretta si presentata a Cagliari, in un SantElia semideserto che faceva davvero impressione. Un grande striscione, posizionato in gradinata, chiedeva a gran voce stadio nuovo subito, segno inequivocabile che qualcosa di certo non va. E si vedeva con chiarezza, anche attraverso lo schermo. Ma veniamo alla partita e alla stagione dei bianconeri. Gi al primo minuto, Antonioli si dovuto impegnare in una prodigiosa parata. La domenica si quindi presentata subito difficile, per i romagnoli. A casa, per la verit, qualcosa ci aspettavamo un po tutti. Un sussulto di orgoglio da parte di giocatori che non hanno nulla da invidiare a nessuno. I nomi ci sono e i talenti anche: Mutu, Iaquinta, Santana, Comotto, Parolo, accanto a dei giovani molto promettenti. Qualcosa, per, questanno non ha funzionato. Ricordiamoci del recente passato: il salto dalla C alla A in sole due stagioni, con il tecnico Bisoli che ha compiuto il doppio salto e sotto la presidenza di Igor Campedelli, nuovissimo nellesperienza. Il miracolo, quindi,

Cesena

Gioved 22 marzo 2012

11

Sindacato Filippo Pieri, cesenate, il nuovo segretario della Cils di Forl-Cesena


Da sinistra, Raffaele Bonanni, Filippo Pieri, Antonio Amoroso, Giorgio Graziani, al termine del Consiglio del 15 marzo a Forl

Barbara Baronio
marito e padre. Viene dal mondo scout, ha compiuto studi agrari ed, essendo un appassionato podista, pu capitare di vederlo correre per le vie della periferia cesenate. E Filippo Pieri, 45enne cesenate doc, nominato nuovo segretario generale della Cisl di ForlCesena. La sua elezione si tenuta lo scorso 15 marzo nellambito del Consiglio generale della Cisl presso il Grand Hotel di Forl. Allincontro sono intervenuti Raffaele Bonanni, segretario nazionale Cisl e Giorgio Graziani, segretario regionale. Pieri, da oltre ventanni impegnato nel sindacato Cisl, succede a ad Antonio Amoroso, passato alla segreteria regionale. La sua squadra conta Maria Antonietta Aloisi, segretario generale aggiunto e Vanis Treossi. "Ci che mi ha sempre appassionato della Cisl - spiega Pieri - il clima di unit che si respira al suo interno. Una famiglia in cui da sempre ci simpegna con pragmatismo senza difendere a tutti i costi una classe sociale, ma avendo come obiettivo la persona nella sua totalit". Il nuovo segretario prende le redini di uno dei sindacati pi rappresentativi in provincia. La Cisl conta infatti 37.715 iscritti (+ 2,3 per cento del 2010) su 330mila cittadini, ossia un iscritto ogni 10 abitanti. Pieri, ad oggi, quali sono i temi pi attuali su cui punter lattenzione? Continuer a monitorare i bilanci di previsione per lanno 2012. Si tratta del tema pi scottante del momento. Siamo in netto ritardo rispetto agli anni scorsi. Il decreto Salva Italia ha fatto slittare da dicembre a marzo lapprovazione dei bilanci. Laspetto su cui poniamo molta attenzione e sul quale stiamo chiedendo garanzie ai comuni lImu (imposta sulla casa) che andr a sostituire la vecchia Ici eliminata dal 2007. Limposta prevede unaliquota media dello 0,4 per mille senza distinzioni di reddito e con ununica detrazione di 200 euro e di 50 euro a figlio. Quello che noi stiamo domandando ai Comuni di mantenere laliquota e di non innalzarla. Molti come Longiano, Sogliano e Sarsina hanno sottoscritto accordi. Siamo invece in aperte trattative con Cesena, Cesenatico e Gambettola dove dovrebbe essere mantenuta questa linea dindirizzo. Dai Comuni stiamo riscontrando anche tanta attenzione ai temi che noi proponiamo: non dovrebbero esser toccati i capitoli di spesa relativi ai servizi sociali e alla scuola. Quasi

Il profilo
Filippo Pieri, classe 1967, sposato e padre di due figli. Terminati gli studi dellistituto Agrario assunto in unazienda di autotrasporti e si iscrive alla Cisl. Dal giugno 1987 svolge il Servizio Civile poi dal 1989 diventa operatore sindacale della Filca la categoria della Cisl che si occupa del settore Edile, Legno e costruzioni presso la zona del Rubicone. Nel 1991 diventa segretario generale della Filca di Cesena, che dal 1997 diventa provinciale. Nel 2001 viene nominato reggente della Cisl di Rimini e dal 2003, con Antonio Amoroso alla segreteria generale della Cisl di Forl-Cesena, rientra a Cesena. Grande il suo impegno nel movimento scoutistico cesenate e nel mondo dellobiezione di coscienza al servizio militare, sui temi della Pace e della cooperazione internazionale.

Al centro la persona
E stato eletto a met marzo, alla presenza del segretario nazionale Raffaele Bonanni
nessun Comune interverr sulladdizionale Irpef, che per potrebbe subire pi avanti un innalzamento a causa delle spese derivate dal nevone dello scorso febbraio. Quello che ci preme tutelare in particolare le persone in difficolt, fra cui molti anziani, che essendo spesso proprietari di case, talvolta anche molto ampie, si ritroveranno a pagare cifre spropositate di Imu. Una politica propositiva o, per alcuni, "difensiva": cos definita lattivit del sindacato cislino. Lei cosa ne pensa?. Se non si fanno accordi non c ragione dessere. Nelle situazioni di crisi delle aziende inutile imporre, ma meglio ridurre il pi possibile la perdita dei posti di lavoro, oppure come nel pubblico impiego dove il terreno praticabile nella maggior parte delle occasioni la contrattazione. Unazione condivisa da tanti come dimostrano i risultati delle scorse elezioni Rsu (rappresentanze sindacali), dove, soprattutto per lAsl di Cesena per la prima volta nel nostro territorio, la Cisl ha vinto. In particolare si sono recati alle urne 1536 lavoratori su 2274 e il nostro sindacato ha ottenuto 452 voti pari al 30 per cento dei voti validi. Sul fronte dei servizi sociali la citt di Cesena come si presenta? A Cesena, nonostante la riduzione dei fondi nazionali e regionali sulla non autosufficienza, i servizi sociali sono ancora soddisfacenti. Pi preoccupanti invece sono i dati relativi al mondo del lavoro. Per affrontare questo periodo di crisi in pi occasioni ci siamo mossi con i Comuni per istituire fondi anticrisi per dare un sostegno economico alle famiglie dei lavoratori colpiti dalla perdita del posto di lavoro, da una riduzione del reddito dovuta allutilizzo della cassa integrazione o dal mancato rinnovo del contratto, . Senza dimenticare chi vive un forte disagio abitativo per la difficolt a trovare appartamenti in affitto a prezzi calmierati, e malgrado la crisi i prezzi per l'acquisto, a causa dei mutui non sempre accessibili, ostacoli anche per chi vuole acquistare.. La realt occupazionale della provincia com? In base ai dati forniti dal Sistema informativo lavoro della provincia di Forl-Cesena emerge un quadro occupazionale in forte difficolt. Le persone in cerca di lavoro alla fine del 2011 erano 31.105 contro i 28.671 del 2010 con un incremento dell8,5 per cento, con una percentuale di

incremento pi alta per gli uomini (+10,9 per cento) e gli stranieri ( + 11,5 per cento) (donne + 6,8 per cento). Questo non vuol dire che loccupazione femminile stia andando meglio di quella maschile, ma esiste una fascia consistente di donne inattive, che non studiano, non lavorano, e non si attivano per cercarlo. Nel 2011 sono stati persi per chiusure aziendali e riduzione di personale circa 6mila posti di lavoro contro i 4.700 del 2010 con unincidenza per i lavoratori stranieri di circa il 45 per cento, e dalle notizie in nostro possesso molti di questi sono rientrati nel proprio paese di origine. Sembra per andare meglio per i giovani. Il tasso di disoccupazione giovanile, da 15 a 24 anni, nella nostra provincia pari al 22 per cento contro il 22,4 per cento della regione Emilia Romagna e al 27,6 nazionale. Tale dato, migliore che nelle altre realt, confermato dal tasso di occupazione dei giovani che nella nostra provincia del 28,6% contro il 26,1% dellEmilia Romagna e del 20,5% nazionale".

12

Gioved 22 marzo 2012

Cesena

In provincia stimati oltre 70 milioni di danni diretti e indiretti, agricoltura esclusa


ono state completate le elaborazioni delle quasi 1.300 schede di rilevazione dei danni alle imprese causati dalle nevicate abbondantissime dei primi di febbraio ( escluso il settore agricolo, in quanto interessato da una rilevazione specifica a cura della Provincia). Dopo una prima stima che evidenziava perdite per circa 51 milioni di euro, ora gli importi calcolati in base alle dichiarazioni delle 1.296 imprese ammontano a 70.208.118 euro Come pi volte ribadito, i dati richiesti si riferiscono ad importi dichiarati dalle imprese che hanno risposto al questionario, riferiti ad un periodo, quello immediatamente successivo alle nevicate, in cui le stesse aziende non erano in grado di effettuare una valutazione precisa e completa della situazione; la rilevazione pertanto non pu considerarsi esaustiva rispetto allentit complessiva dei danni subiti dal territorio. Lintento quello di ottenere nel pi breve tempo possibile una prima, seppure parziale, valutazione degli effetti della nevicata affinch le autorit competenti possano attivare misure immediate e urgenti per ripristinare le attivit economiche preesistenti e agevolare il ritorno alla normalit. In sintesi alcuni dati riepilogativi: al 4 marzo, data di chiusura della rilevazione, le imprese della provincia di Forl-Cesena che hanno compilato le

Nevesemprepi salata
Il capannone crollato allazienda Mingozzi, fra Cesena e Mercato Saraceno

Le imprese danneggiate dalla neve potranno beneficiare di uno sconto del costo del denaro quando chiederanno prestiti

apposite schede sono state 1.296. Tre le tipologie di informazioni raccolte in una unica scheda e riferite a tutti i settori economici: danni a strutture, alla produzione e al fatturato. Complessivamente, i danni segnalati ammontano a 70 milioni di euro di cui 14,7 milioni per perdite alla produzione e al fatturato e 50,5 milioni per oneri aggiuntivi legati allagibilit e accessibilit delle strutture. Degli oltre 70 milioni totali, il 48 per cento sono stati lamentati dal settore

manifatturiero (297 imprese), il 30 per cento dal settore commercio e turismo (563 imprese), il 12 per cento dai servizi (242 imprese) ed il 7 per cento dalle costruzioni (132 imprese). In termini di importo, il 34 per cento dei danni stato segnalato da imprese con sede o unit locale nel comune di Forl, il 24 per cento da imprese del comune di Cesena. Nellambito delle azioni direttamente attivate dalla Giunta camerale, nella riunione del 6 marzo scorso, stata approvato linserimento, tra le categorie di spesa ammissibili a contribuzione, di tutte le tipologie di spese legate alle operazione di riparazione e ripristino delle sedi produttive, commerciali, artigianali. Ci significa che i finanziamenti garantiti dalle cooperative di garanzia che le imprese accenderanno per coprire le riparazioni potranno beneficiare - oltre che della garanzia dei confidi, fino al 50 per cento - anche di un abbattimento del costo del denaro per i primi 60 mesi fino a 2 punti, elevabile a 3 punti per imprese femminili, giovanili o neocostituite. "I risultati emersi - dichiara Alberto Zambianchi, presidente della Camera di Commercio di Forl-Cesena - ci spingono a rafforzare il livello di attenzione riguardo alle provvidenze che possono giungere da Roma e da Bologna; come pure a livello territoriale auspichiamo che siano accolte le nostre richieste di posticipare pagamenti e scadenze".

Osservanza
Il vescovo Douglas Regattieri incontrer venerd 23 marzo alle 21, in una pubblica assemblea in chiesa, la comunit dellOsservanza per discutere del futuro della parrocchia su cui incombe il ritiro dei frati francescani, divenuto esecutivo lo scorso gennaio. La notizia della riconsegna della parrocchia alla Diocesi entro giugno 2013, decisa dallOrdine dei frati minori di Cristo Re, era giunta improvvisamente, destando grande preoccupazione nei fedeli. Nelle scorse settimane padre Virgilio Andrucci e padre Pietro Rossi sono stati trasferiti in altri conventi e anche il parroco padre Giovanni Bianchi entro lanno potrebbe essere destinato altrove.

Al centro congressi

PARTECIPAZIONE

Bernard Scholz stato a Cesena


Quasi 150 imprenditori hanno partecipato, mercoled 14 marzo alla "conversazione imprenditoriale" organizzata da Compagnia delle Opere a Cesena nel centro congressi della fiera. Si sono confrontati sul tema "Nuova cultura dImpresa: condizione per lo sviluppo" limprenditore riminese Mirco Morotti, amministratore unico di Moca, e Bernhard Scholz, presidente nazionale di Cdo e dellAssociazione Scuola dImpresa. Morotti ha raccontato la storia e la crescita della sua azienda, che si occupa di attrezzature e linee per gelaterie e pasticcerie, sottolineando limportanza cruciale della curiosit e del desiderio che lo caratterizzano come persona, e che in tanti anni di attivit gli hanno consentito di innovare continuamente. Scholz (nel riquadro), riprendendo alcuni spunti significativi della storia di Moca, ha sottolineato limportanza di riflettere sulla propria esperienza imprenditoriale. Nelloccasione stato presentato il programma della Scuola dImpresa 2012, la formazione che Compagnia delle Opere propone agli imprenditori, non con lo scopo di insegnare che cosa devono fare, ma di aiutarli a rendersi consapevoli delle domande da porsi per governare meglio lazienda e valorizzare il proprio potenziale.

Il Consiglio di Amministrazione, la Direzione e i Dipendenti della Banca di Cesena Credito Cooperativo di Cesena e Ronta si stringono attorno alla famiglia del

Dott. Oliviero Paolo Osti


Gi funzionario dellIstituto Ne ricordano le doti umane e professionali che ha sempre messo a disposizione della clientela e dei colleghi

OCCASIONE IRRIPETIBILE
BAR - RISTORANTE - ALBERGO PARADISO
con 16.500 metri quadrati di spazio verde circostante al valico del Monte Fumaiolo

VENDESI
con offerte base a partire da estimi catastali al miglior offerente
Informazioni: Giorgio Ricci 0541/944781 - cellulare: 349/0064237

Cesena

Gioved 22 marzo 2012

13

La nuova struttura sar pronta entro 18 mesi con 5500 metri quadrati di superficie
narea centralissima di Cesena, a due passi da piazza del Popolo e dalla Rocca malatestiana, sta cambiando volto. Si tratta del Mercato coperto, lasciato libero dagli operatori commerciali nel dicembre scorso e soggetto ora a un pesante intervento di riqualificazione. "Sar pronto entro le vacanze di Natale del 2013 - ha assicurato il sindaco Lucchi in conferenza stampa diventando un magnete commerciale per il cuore della citt. Tutti i centri commerciali tradizionali hanno al centro un grande negozio alimentare circondato da gallerie di negozi pi piccoli. Il nuovo Foro annonario avr la stessa funzione rispetto agli esercizi del centro storico". I lavori del cantiere sono partiti ufficialmente lo scorso luned 19 marzo, sette settimane dopo il previsto. Il ritardo stato causato dallultima eccezionale nevicata. Ma solo lultimo di una lunga serie. A gennaio 2011 la Giunta aveva assicurato la partenza dei lavori entro lestate. Mentre di "nuovo Foro annonario", in citt, si parla da almeno due decenni. Nel corso del primo mandato di Giordano Conti (1999-2004), lAmministrazione decise di affidarne il project financing alla societ Parcheggi (Gruppo Trevi) che nella primavera 2003 present un progetto comprensivo di posti auto a servizio del centro. Alcune incertezze

Foroannonario Partitiilavori
A breve il tetto della struttura, costruito allinizio degli anni Sessanta demolendo il chiostro neoclassico del vecchio mercato, sar scoperchiato
politiche, e la forte opposizione di un comitato di operatori commerciali e cittadini, fecero dimenticare quel progetto in un cassetto. Questa per la volta buona: il cantiere partito davvero. Non sar pi realizzato un parcheggio pubblico allinterno del Foro (solo qualche posto auto coperto sul tetto, a servizio degli operatori) ma lobiettivo lo stesso: fare del mercato coperto un luogo in grado di competere con i centri commerciali giocando tutto

sulla qualit dellofferta alimentare. La struttura sar realizzata mediante finanza di progetto in un tempo di 17 mesi, per una spesa prevista di oltre sette milioni di euro (Iva esclusa). Il progetto prevede il recupero, nella sagoma esistente, degli spazi e dei volumi con laumento, per, delle superfici commerciali da 3.700 a 5.500 metri quadrati mediante linserimento di solai e ballatoi. A breve il tetto della vecchia struttura, costruito allinizio degli anni sessanta demolendo il chiostro neoclassico del vecchio mercato, sar scoperchiato e dal centro del cantiere svetter una gru alta 50 metri. I lavori hanno reso necessaria listituzione del senso unico nellultimo tratto di via Fattiboni, cos per uscire dalla piazzetta dellAnagrafe i mezzi potranno proseguire su via Malatesta Novello, dove stata sospesa temporaneamente la Zona a traffico limitato. I lavori sono realizzati dalla Edile Carpentieri di Rimini, subentrata alla rinunciataria Clafc di San Piero in Bagno, precedente capogruppo del cartello dimprese impegnate nella riqualificazione. Il raggruppamento promotore e ideatore del progetto (Cons.coop, Banca di Cesena, Coop. Sviluppo commercio e turismo, Confartigianato Cesena) gestir la struttura fino al 28 aprile 2049. Michelangelo Bucci

Un corso per alunni delle scuole medie, articolato su 24 ore

CENTO ANNI

A scuola si impara anche la legalit


Educare alla legalit. Sabato 24 marzo, a Cesena, sei delle undici classi terze della Scuola Media Viale della Resistenza e della succursale di Villarco inizieranno il progetto "Educazione alla legalit e alla cittadinanza attiva". Durante le ventiquattro ore del percorso gli studenti avranno modo di conoscere ed approfondire i temi della legalit, della lotta alla criminalit organizzata, della cittadinanza attiva e del rispetto delle regole. Questi temi iniziano ad assumere primaria importanza nelleducazione degli studenti, di tutti gli istituti scolastici. Da qui nasce lidea della coordinatrice didattica e della dirigenza della Scuola Media Viale della Resistenza di intraprendere un percorso che miri alleducazione alla "legalit" dei propri studenti. Sabato 17 marzo, Don Luigi Ciotti, Presidente di "Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie", rivolgendosi alla folla di Genova, sottolineava limportanza del sostegno dellintera societ nella lotta alle mafie, "il cambiamento parte dalla societ civile", e la scuola, come istituzione educativa, ha un dovere ben preciso in tal senso. A tenere il corso sar Antonio Domenico Capristo (collaboratore del Corriere Cesenate), esperto di legalit e di infiltrazioni mafiose, da anni attivo nella promozione nella lotta alla criminalit organizzata sul nostro territorio. "Vorrei che i ragazzi durante le mie ore capissero che la criminalit organizzata e lillegalit non sono solo problemi di alcune regioni del nostro Paese, ma una piaga che riguarda tutti, senza distinzioni tra nord e sud, e alcuni fatti successi nel territorio cesenate negli ultimi anni ne sono un chiarissimo esempio. A volte solo la forma cambia. Sembrano cose banali queste nel 2012, ma in tanti ancora credono che la mafia sia solo al sud." spiega Capristo. "Quello delle mafie per vuole essere solo un inizio, unintroduzione al tema della legalit e della cittadinanza attiva nella realt in cui vivono gli studenti. Mi piacerebbe che durante questo percorso prendessero consapevolezza dei tanti piccoli comportamenti illegali che si possono incontrare nella quotidianit. Per esempio il non fare il biglietto dellautobus, il non ricevere lo scontrino nei negozi o gli episodi di bullismo. Questi sono piccoli comportamenti che si tende a sottovalutare, ma a volte sono il preludio a cose assai pi gravi".

La nostra amatissima mamma Lina stata festeggiata il 18 marzo nella sala parrocchiale di Ponte Pietra alla cordiale e affettuosa presenza del sindaco Paolo Lucchi al quale va il nostro grazie. Le figlie Mirva e Laura

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Vi offriamo sconti fino a 200 euro a coppia, oltre a quelli del tour operator e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi invitiamo in agenzia per ritirare il nostro catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

FATIMA: pellegrinaggio diocesano guidato dal vescovo Douglas Regattieri (in aereo).

PELLEGRINAGGI 2012

Iscrizioni e programma presso il Centro Pastorale di Palazzo Ghini (aperto le mattine dal luned al venerd, dalle 9 alle 12). Informazioni e programmi: Viaggi Veneri, dal luned al sabato. Tre giorni, dal 16 al 18 agosto 2012 650 euro giorni dal 30 agosto al 6 settembre 2012 con il Monte Carmelo, Nazareth, il Monte Tabor, la traversata del Lago di Tiberiade, Cafarnao, la Valle del Giordano, Gerico, Qumran e il Mar Morto, Ein Karem, Betlemme, Hebron e Gerusalemme. Accompagnatore e guida spirituale, alberghi a pochi passi dai santuari. da 1.090 euro

TERRA SANTA: pullman da Cesena, volo da Verona. Pellegrinaggio completo: otto

LOURDES: partenze in aereo da Rimini (tre giorni) da 560 euro ALTRE DESTINAZIONI: in Europa e nel mondo, programmi in agenzia
Un viaggio unico e indimenticabile in una terra di contrasti, cos antica e cos moderna, nel desiderio della Pace. Pullman da Cesena e volo da Verona: otto giorni con accompagnatore, dal 25 ottobre all1 novembre 2012, con Tel Aviv, Akko, Haifa, Zippori, Nazareth, le alture del Golan, Tiberiade, Bet Shean, Jenin, Nablus, Gerico, Massada, Qumran, Mar Morto, Betlemme, Hebron, Gerusalemme da 1.265 euro

TOUR ISRAELE-PALESTINA

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI E CROCIERE PRIMAVERA-ESTATE 2012

VIAGGI VENERI

14

Gioved 22 marzo 2012

Cesenatico

Con potenti trattori vengono recuperati 20mila metri cubi di sabbia


cento in pi, a causa dellaumento dei costi del carburante. Il Comune di Cesenatico partecipa per effettuare il ripascimento allaltezza della grande spiaggia libera antistante piazza Costa, che sar anchessa incrementata. Per effettuare il ripascimento, sono impiegati tre grossi trattori dotati di scraper, uno speciale attrezzo che consente di prelevare sabbia nei cumuli formatisi in prossimit della riva, fra la battigia e le scogliere. Si utilizza quindi la tecnica solitamente impiegata per livellare i terreni agricoli. Il progetto stato approvato dalla regione Emilia-Romagna e dal Servizio tecnico di bacino, in accordo con la Cooperativa dei pescatori, concessionaria dello specchio dacqua dove si stanno eseguendo i lavori, che interessato allallevamento di vongole. A tal riguardo fra i bagnini e i marinai stato raggiunto un nuovo accordo in base al quale non sar prelevata sabbia negli specchi dacqua antistanti tre tratti, per un fronte di circa 120 metri complessivi: antistante piazza Costa, tra i bagni Genova e Titanus e di fronte al centro Diamanti. Lobiettivo verificare se, nei tratti dove non si interviene con gli scraper, il seme di vongole cresce meglio o non vi sono differenze. Le opere sono state appaltate dalla Cooperativa esercenti stabilimenti balneari di Cesenatico alla ditta Valmori di Conselice. Giacomo Mascellani

Tonino Guerra, unopera per la biodiversit


Nel giorno del novantaduesimo compleanno di Tonino Guerra, Cesenatico si appresta ad allestirne unidea artistica con la "Cattedrale delle Foglie". La si realizzer tra gli alberi e le foglie dei Giardini al Mare. In una porzione di terreno retrostante la spiaggia saranno piantati ventisette alberi da frutto (peri, meli, olivi, melograni, susini, chi, cotogni), contenenti geni di una biodiversit vecchia di secoli. E sette foglie dalbero messe a terra, forgiate nell acciaio, svetteranno in altezza per quattrocinque metri scolpite, intagliate, cesellate una dopo laltra dal fabbro-scultore, Aurelio Brunelli, a cui Tonino Guerra ha impartito, oltrech lidea, la tecnica. Le sue sette foglie assumeranno le forme di quelle di quercia, alloro, olmo, co e ulivo mentre due saranno lasciate alla fantasia. Saranno messe nei Giardini al Mare fra via Ferrara e via Montegrappa. Alliniziativa, hanno contributo Sergio Guidi, responsabile di Arpa Forl-Cesena per le biodiversit, Adamo Guidi vicepresidente degli albergatori dellAdac, limprenditore Andrea Battistini, il sindaco di Cesenatico Roberto Buda, il vicesindaco Bruna Righi, il presidente della Bcc di Sala Patrizio Vincenzi, larchitetto Roberta Grassi, lingegnere Stefano Giorgetti, larchitetto Rita Ronconi e Antonio Lami che si occuper della sistemazione e di dare sostegno alle grandi foglie. La Cattedrale delle Foglie sar inaugurata il 16 giugno. La spesa prevista di 24mila euro: 15mila donate della Bcc di Sala, 5mila dal Comune e 4mila dai privati. Antonio Lombardi

Spiaggia ripristinata contro lerosione del mare


a spiaggia di Cesenatico centro si sta allungando. I proprietari degli stabilimenti balneari di Levante, anche questanno si sono autofinanziati per eseguire i lavori di ripascimento e recuperare parte della preziosa sabbia erosa dalle ultime mareggiate. Il tratto di arenile interessato si estende per circa due chilometri, dal molo levante a piazza Marconi, dove una sessantina di bagnini sostengono le

spese per recuperare oltre 20mila metri cubi di sabbia, con lobiettivo di allungare la spiaggia almeno di 7-8 metri. La superficie ricavata attraverso il ripascimento non verr utilizzata per piantare nuove fila di ombrelloni, ma per ampliare gli spazi dedicati alle aree gioco per bambini e gli impianti sportivi. Il costo complessivo dei lavori di oltre 130mila euro, interamente stanziati dalle imprese frontiste. Rispetto allo scorso anno i bagnini spenderanno il 30 per

La Fotonotizia | Festa Famiglia a Sala

In lizza pi di 90 candidati

Comitati di zona: si vota la sera di venerd 23 marzo


A Cesenatico sono 94 le persone che si candidano per i Comitati di Zona, quelli che un tempo erano i consigli di quartiere ed hanno la funzione di prendere in carico i bisogni ed i problemi dei cittadini, per confrontarsi con lAmministrazione Comunale. E un lavoro di volontariato puro, in quanto non si percepisce un centesimo, anzi ci si rimettono anche dei soldi in benzina e telefono. Sul territorio sono otto quelli previsti. Le elezioni si terranno venerd 23 marzo alle 20, in ciascuna zona. In nomi dei candidati sono pubblicati nellAlbo pretorio del Municipio e sul sito del Comune. Il numero dei componenti di ciascun Comitato da eleggere, varia da un minimo di 5 a un massimo di 11. Questi i Consigli di Zona da formare e il numero di quanti si sono detti disponibili a parteciparvi in ciascun consiglio: Cesenatico Centro-Boschetto 12 candidati, Ponente-Zadina 8, Madonnina S.Teresa 10, ValverdeVillamarina 15, Sala 12, Bagnarola 14, Villalta-Borella 12, Cannucceto 12. Possono votare esclusivamente i residenti che abitano in zona e abbiano compiuto la maggiore et. Si potr esprimere un solo voto a anco del nome del candidato indicato nellapposita scheda prestampata. Nei luoghi dove si terranno le assemblee "costituenti" saranno anche pubblicati i nomi dei candidati. La sera del 23 marzo si vota (portare la carta didentit) nei seguenti luoghi: per Cesenatico Centro-Boschetto al Museo della Marineria, per PonenteZadina nella sala consiliare di via Moretti, per Madonnina Santa Teresa al Pala Madonnina, per Valverde-Villamarina presso lHotel Orchidea in via Archimede, per Sala al teatro parrocchiale "Letizia", per Bagnarola alla casa colonica "Al Gelso" di via Almerici, per Villalta-Borella e per Cannucceto, nelle rispettive parrocchie. Gia.Mas.

La comunit di Sala ha celebrato, domenica 18 marzo, la festa della famiglia. Durante la messa, celebrata dal parroco don Luca Baiardi, le coppie hanno rinnovato le promesse matrimoniali. da alcuni anni che tra i festeggiati sono presenti anche le coppie che raggiungono il traguardo dei dieci anni di vita insieme. La comunit parrocchiale ha avuto piacere di festeggiare anche don Luca che questanno ricorda il 25 anniversario di sacerdozio.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Valle del Rubicone

Gioved 22 marzo 2012

15

Longiano ha ricordato ilsuonevone


Gioved scorso si tenuto a Longiano un incontro organizzato dal Commissario Darco Pellos con coloro che hanno dato una mano durante lemergenza neve (31 gennaio-12 febbraio). Presenti, fra le tante autorit, il prefetto di Forl-Cesena

Angelo Trovato e il presidente della Provincia Massimo Bulbi. (foto Emiliano Ceredi). "Il nevone ha fatto emergere le migliori doti di questo territorio: la solidariet e il senso di comunit - ha detto Pellos -. Nessuno si tirato indietro. Tutto migliorabile, ma abbiamo fatto del nostro meglio".

Tanti coloro a cui stato tributato un ringraziamento. Fra questi il sindaco e il comandante dei Vigili del fuoco volontari di Avio (Trento). "La collaborazione fra Longiano e Avio, mi spinge a pensare a un gemellaggio fra le due citt", ha proposto il Commissario. Matteo Venturi

Gambettola Eventi propone diverse novit

Le sfilate si tengono il 9 aprile e il 14 (in serata)

Per entrare si pagano 7 euro contro i 10 dellanno scorso

Cala il prezzo del biglietto per avvicinare pi gente


arnevale di Gambettola: sar unedizione carica di novit. Questanno le sfilate sono in programma il 9 aprile (Luned di Pasqua) alle 15 e il sabato successivo, 14 aprile, in notturna dalle 20,30 in poi. Terminata la sfilata serale i carri rimarranno posizionati lungo il centro del paese, dove il giorno seguente, domenica 15 aprile con inizio alle 15 e ingresso gratuito, inizier la festa conclusiva con musica e animazione fino a tarda sera in cui sar proclamato il carro vincitore. Mentre proseguono alacremente i lavori dei carristi per la realizzazione dei carri mascherati, il presidente di "Gambettola Eventi", comitato organizzatore della manifestazione, Davide Ricci, illustra il Carnevale 2012. "Questanno - dice il presidente Davide Ricci- per cercare di avvicinare il Carnevale a pi famiglie, abbiamo ridotto il costo

del biglietto dingresso a 7 euro per gli adulti (contro i 10 euro del 2011), 4 euro per i ragazzi dai 12 ai 15 anni e ingresso libero fino a 11 anni. Col biglietto dingresso per assistere al Carnevale si avr la possibilit di sane risate grazie ai comici di Zelig e Colorado, che offriranno uno spettacolo di unora ciascuno: Beppe Braida e Alessandro Politi, il Luned di Pasqua, e Andrea Vasumi e Francesco Damiano, il sabato sera 14 aprile". Ricco e con novit il programma della "Settimana culturale gambettolese", organizzata in collaborazione con le associazioni "Baracca dei Talenti", Nonsoloruggine il cui valore aggregativo stato sottolineato dalla numerosa partecipazione di pubblico agli eventi. "E stata rinnovata anche questanno - continua Ricci - la collaborazione con lartista catalano Anton Roca e il suo "Laboratorio di cartapesta" che ha

coinvolto due classi scolastiche gambettolesi e gli elaborati finali saranno esposti in una mostra al centro culturale "Fellini". Vi sar lesordio nella manifestazione di due nuovi gruppi in gara (I Giovani Tonici) del bar Raro Loco e "I Santangiolesi". Il primo sorto dalle ceneri dei "Ribelli" dellassociazione "Dal tramonto allalba", il secondo erede dellassociazione Baracca di SantAngelo". Questi i nomi dei gruppi in gara e il soggetto scelto: "Spongebob" bar Malatesta, detentori in carica con lunico capocarro in rosa, Valentina Valdinoci; "I puffi 3D" (Gli imprevedibili, ovvero parte dei Ribelli con capocarro Oscar Chierici); "Il Circo" degli "Amici della scuola" con Idelco Gobbi capocarro; "Latinoamericando" dei Giovani Tonici guidati da Andrea Neri; "Alvin superstar3" de "I Santangiolesi" con Mario Babbi in regia e "South park" de "I ragazzi del Central Night di

IL CARRO VINCITORE NEL 2011 (FOTO MARIO GAMBETTOLA)

Savignano sul Rubicone. A questi si aggiunge il carro di apertura del comitato Gambettola Eventi preceduto dalla parata del Corpo bandistico "Citt di Gambettola". Faranno un ritorno gradito le coreografie degli "Amici dellallegria" e de "I Goderecci" di Faenza, attorniati da gruppi musicali folcloristici, artisti di strada, mangiafuoco, clown e trucca bimbi. Piero Spinosi

Borghi attende la farmacia

Una farmacia mai aperta. Da dieci anni lamministrazione comunale sta aspettando che qualcuno si decida a snellire i tempi della burocrazia cos come i cittadini si augurano che al pi presto le porte dellesercizio vengano aperte una volta per sempre. La domanda stata presentata in Regione per aprire il secondo esercizio allinterno del territorio comunale, poi la competenza e liter di legge per scorrere la graduatoria sono stati passati alla Provincia. Ma

ancora nulla si muove e ormai, sia lamministrazione comunale, sia la cittadinanza, a fronte di ripetuti solleciti, deniscono la questione come "la favola innita". "Abbiamo un locale di propriet comunale in via Roma dove dovrebbe essere aperta la seconda farmacia commenta il sindaco Mirella Mazza -. Ormai dieci anni, aspettiamo lassegnazione del nuovo titolare. Ci sono state inoltrate pi volte rassicurazioni dalla Provincia, ma sta di fatto che gli anni passano e

ancora non si vede la luce. Stiamo effettivamente vivendo, come cittadini, una situazione di disagio continua -. La farmacia pi vicina nella frazione Stradone, piuttosto lontana dal nostro centro storico". innegabile che i problemi per i residenti ci sono, e riguardano soprattutto le persone anziane, quelle sole o semplicemente chi non ha un mezzo che d la possibilit di potersi spostare verso Savignano o Sogliano al Rubicone dove vi sono le farmacie.

Un disagio, come detto, che tutta la popolazione sta vivendo ormai da lungo tempo e che ancora non ha trovato soluzione. "Mi sembra davvero una favola innita continua il sindaco - e non possibile aspettare per ben dieci anni unapertura di un esercizio che viene ormai considerato di prima necessit. Si parla sempre di snellire la burocrazia, ma davvero si sta andando nella direzione opposta". Cristina Fiuzzi

Marted, 27 marzo 2012 ore 16.00 Sala Zambelli - Piazza Saffi 36 - Forl Presentazione del

Guido Caselli Direttore Area Studi e Ricerche - Unioncamere Emilia-Romagna Riflessioni sul capitalismo costruttivo Enzo Rullani Professore di Economia della Conoscenza TeDIS-Venice International University I percorsi di sviluppo delle imprese nella competizione globale Gian Carlo Muzzarelli Assessore Attivit Produttive, Piano energetico e sviluppo sostenibile, Economia verde Regione Emilia-Romagna Il patto regionale per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva
CAMERA DI COMMERCIO DI FORL-CESENA www.fc.camcom.gov.it - ufficio.studi@fc.camcom.it Corso della Repubblica, 5 - 47121 FORL Tel. 0543-713425 (fax 0543-713502)

RAPPORTO SULL'ECONOMIA DELLA PROVINCIA DI FORL-CESENA 2011


Interverranno: Alberto Zambianchi Presidente Camera di Commercio di Forl-Cesena Presentazione dei dati sulleconomia provinciale e riflessioni sulle dinamiche e le prospettive per il Sistema Territoriale

16

Gioved 22 marzo 2012

Valle del Savio


Festa a Valbiano
Anche questanno la piccola frazione di Valbiano di Sarsina, si ritrova in occasione della festa dellAnnunciazione, alla quale era dedicata la parrocchia ed ancora dedicata la chiesa che, solo per questa occasione allanno, riapre i battenti. Luned 26 marzo sar celebrata, alle 20,30, la messa dellAnnunciazione presieduta da monsignor Vittorio Quercioli, che questanno ricorda il 55 anniversario della ordinazione sacerdotale, avvenuta quando la sua famiglia abitava nel territorio della parrocchia. Sono invitati i fedeli di Quarto, che ha inglobato la ex parrocchia di Valbiano, e chiunque si volesse unire in preghiera. Dopo la messa ci sar un momento di fraternit. La chiesa e il castello di Valbiano sono gi menzionate nel 950, e la chiesa gi dedicata alla Madonna. A partire dal 1266 il castello di Valbiano non viene pi nominato perch probabilmente decade a causa della conquista cesenate, in seguito delluccisione del vescovo Guido. Da ricordare lopera di don Giuseppe Piani, parroco per tutta la prima met del Novecento, originario di Marradi, che ricostru la chiesa nel 1924 dopo il terremoto del 1919 e la dot di numerose suppellettili e paramenti molto decorosi. Nel 1999 la chiesa viene restaurata completamente, interno ed esterno, e nel 2006 viene rifatto limpianto elettrico. Gli abitanti sono sempre stati molto ridotti, nel 1833 sono solo 61, nel 1977 94, attualmente sono alcune decine. Nel 1967 viene inglobato a Valbiano anche il territorio di Ruscello dopo lesodo totale della popolazione. Nel 2008 il territorio parrocchiale di Valbiano viene diviso in due parti, cio la zona industriale e le "Vigne" sono state aggregate alla parrocchia di Turrito, mentre la chiesa di Valbiano e le case nelle vicinanze fanno parte della parrocchia di Quarto. Daniele Bosi

Domenica 25 festa in piazza e artigianato locale


Vittorio Tonelli nel suo libro A tavola con il contadino romagnolo prevede: 2 kg di farina di grano, 1 kg di pasta lievitata, 7 hg di zucchero, 1,5 hg di strutto o margarina, 10 uova, buccia grattugiata di due o tre limoni, 2 bustine di vanigliaun pizzico di sale, uva secca. Limpasto, a forma di cupola, si deve lasciare lievitare ore e ore, in attesa della cottura, che dovr avvenire a fuoco lento, nel forno, sopra fogli di carta straccia. Prima per va pennellato con uova sbattute e superficialmente tagliato. Domenica 25 marzo si inizia col primo degli appuntamenti. La centrale piazza Plauto sar il cuore della festa. La Pro Loco cittadina, organizzatrice dellevento, provveder ad allestire stand gastronomici con assaggi gratuiti della Pagnotta che potr poi essere comprata presso i forni locali Rossi e Bacciocchi, aperti per tutta la giornata. Banchi di gastronomia e di artigianato tipico locale, musica itinerante con la Banda Comunale Citt di Sarsina (domenica primo aprile spazio invece alla Power Marching Band), e animazione per bambini faranno da contorno alla giornata di festa. Saranno presenti per tutta la giornata i cuochi dellAcir (Associazione Cuochi Indipendenti di Romagna) per gli abbinamenti con la pagnotta. Al centro esposizioni di via IV novembre il pittore Piero Bartolini espone le sue opere nella mostra "Il tesoro di Sarsina tra realt e fantasia". Michela Mosconi

La pagnotta torna protagonista a Sarsina


a tradizione si rinnova con la sagra della Pagnotta di Sarsina che prende il via domenica 25 marzo. La pagnotta del resto un dolce rituale della Valle Savio, che si celebra col rito della Pasqua. Sottoposta a tre fasi di lievitazione, quasi vuole scandire i giorni della Passione. Tutto aveva inizio nella Settimana Santa si legge nel testo della sarsinate Catia Guerrini La Pagnotta Pasquale e il Migliaccio- Letica del bello e lestetica dellabbietto - anzi, il clima dei

preparativi, cominciava a diffondersi nellanimo delle azdore fin dalle Sacre Ceneri. Da quel momento e per tutti i quaranta giorni di quaresima, lazdora era pervasa da uno strano senso di euforia, ma anche di angoscia, perch viveva la responsabilit di chi deve realizzare unopera che oltre a segnare i rituali della Pasqua e rappresentare per il clan familiare il dolce pi importante dellanno. La ricetta tradizionale pubblicata da

Alfero, problemi alle poste


Lufficio postale di Alfero da questo mese ha ridotto lapertura dello sportello a quattro giorni la settimana. Si tratta di un ulteriore esempio, secondo Pierluigi Battistini, responsabile Confartigianato della Valle del Savio, di come abitare e fare impresa in montagna sia diventato sempre pi oneroso e complicato. Scontiamo un gap di infrastrutture che si traducono in maggiori costi, lamenta Battistini. Confartigianato ribadisce che i servizi pubblici non possono essere solo ridotti ed esprime la propria preoccupazione rispetto al rischio di deserticazione del territorio; in questi giorni sono state chiuse due strutture ricettive e di ritrovo, la lavanderia e la gelateria, Battistini ricorda la mancanza di servizi fondamentali come le linee veloci di telecomunicazione. Alberto Merendi

La Fotonotizia | Post neve a Sarsina

La Fotonotizia | Post neve a San Piero

Una serata per ringraziare tutti i volontari e gli operatori che, durante lemergenza neve, hanno svolto un servizio per la popolazione. Si svolta venerd 16 marzo al ristorante Fagiolo dOro. Era presente, tra gli altri, il presidente della Provincia Massimo Bulbi. Per lui il vicesindaco Luigi Mengaccini ha avuto parole di elogio, cos come un accorato ringraziamento andato al centinaio di invitati presenti. A loro stata consegnata una spilla in ricordo del "nevone del 12". Sono state consegnate anche pergamene e targhe ricordo.

Si svolto venerd 16 marzo dalle 17,30 in piazza Martiri a San Piero lincontro suLa protezione civile nellemergenza neve, per un omaggio a quanti hanno contribuito col loro impegno, durante la nevicata eccezionale, ad alleviare i disagi dei cittadini. Erano presenti lassessore comunale alla protezione civile Stefano Gradassi, che ha condotto il pomeriggio, il sindaco Lorenzo Spignoli, lassessore ai lavori pubblici Giona Simoni, il prefetto, le forze dellordine e i trattoristi. (Am)

a Banca di casa tua! L

Cultura&Spettacoli
Al teatro Bonci di Cesena O Mistrio, concerto di Teresa Salgueiro
omenica teatro Bonci di Cesena si presta Dalle salir25 marzo, iluna raffinata interprete della melodie malinconiche del Fado. Alle 21 sul palco tradizione musicale portoghese: Tereza Salgueiro presenta O Mistrio, il suo primo album originale. Con la sua voce cristallina ha trascinato il mondo nellaffascinante mistero della Saudade, svelando un universo poetico che nasce dal sentimento e confonde le parole con musica calda e suadente. Storica voce dei Madredeus, splendida interprete del lm di Wenders Lisbon Story, per la prima volta Tereza lautrice di tutti i testi dellalbum che riettono sulla dimensione umana nei confronti del mistero della vita. Nel mese di agosto 2011, Tereza e i suoi musicisti si sono ritirati nel convento di Arrabida e hanno costruito un complesso studio di registrazione dal nulla, circondati da montagne e guardando loceano. Tereza Salgueiro voce e pianoforte; Carisa Marcelino sarmonica; Oscar Torres contrabbasso; Andr Filipe Santos chitarra; Rui Lobato, batteria, percussioni e chitarra. Per info e prenotazioni: biglietteria: tel. 0547 355959; portineria: tel. 0547 355911. www.teatrobonci.it; info@teatrobonci.it

Gioved 22 marzo 2012

17

Venerd 23 marzo nella cripta dellAbbazia del Monte

Cinema di Filippo Cappelli


Uci Savignano, Eliseo

Mirim-Maria. Allimprovviso... donna Musica e poesia in omaggio allAnnunziata


irim-Maria. Allimprovviso... donna la Mrappresentazionea che si terr nelladicripta 23 dellabbazia del Monte, Cesena, alle 21 venerd maggio. Alla vigilia della festa dellAnnunciazione, la lettura in musica tratta dal libro di Erri De Luca In nome della madre. La regista Liana Mussoni propone una lettura in musica ricca di contaminazioni poetiche e musicali, in cui lintesa scrittura dellautore si intreccia ai testi di Fabrizio De Andr e a sonorit yiddish, slave e argentine. Viene cos raccontata una delicata storia damore, di coraggio e di fede, un fatto umano prima che religioso, raccontato in prima persona dalla protagonista: una ragazza che diventa donna allimprovviso. In un colpo di vento, lannuncio misterioso di un Angelo: parole come semi che trasformano un corpo di donna in zolla di terra, mutando inaspettatamente Miriam in Maria, madre senza conoscere uomo. Voce, ideazione e regia a cura di Liana Mussoni; Fabrizio Flisi al pianoforte e Tiziano Paganelli al auto e alla sarmonica. La rappresentazione promossa dallAbbazia di Santa Maria del Monte, dalla Societ Amici del Monte e dalla sezione cesenate dellUnitalsi, con il patrocinio dellassessorato alla cultura del Comune di Cesena. Ingresso libero.

MAGNIFICA PRESENZA
di Ferzan Ozpetek Nonostante tutto si deve dare atto a Ferzan Ozpetek di averci provato. Dopo il mezzo passo falso di Un giorno perfetto il regista italo-turco cerca il film definitivo della sua poetica ed estetica, la pietra angolare del suo stesso cinema. Lo cerca, ma probabilmente non lo trova. La trama: Pietro (Elio Germano) un ventottenne siciliano che arriva nella capitale col grande sogno di sfondare come attore: trova una casa tutta per s, ma ben presto cominciano ad apparirgli presenze inquietanti. Lappartamento si rivela essere occupato da ospiti non previsti, misteriosi, eccentrici, elegantissimi, che pian piano iniziano a creare un legame profondo col giovane Il film Magnifica presenza mischia una certa variet di genere - thriller, commedia, mlo e kammerspiel - e prova a fare della realt lo specchio dove la finzione si riflette per divenire vera. Specchi che lattore Elio Germano attraversa con una certa naturalezza, allo stesso modo del regista Ozpetek, per cui realt e immaginazione sono due facce della stessa medaglia (dice il suo protagonista: Non c niente di pi naturale di una finzione reale). Il tema non certo nuovo e avvalendosi di un cast ottimamente diretto (da Germano alla Buy, da Giuseppe Fiorello a Cem Yilmaz, da Vittoria Puccini ad Andrea Bosca) il film pu indagare il resto dei temi cari al regista: la custodia dellaltro, lapologia della tavola che diventa la via alla convivialit e allamicizia fino a qualche nuova direzione (il riferimento alla patria di ieri e al Paese involgarito di oggi, che soffoca larte come accaduto agli attori morti asfissiati nel loro nascondiglio). Pirandello, ospite non invitato, incombe lui stesso come fantasma tra i fantasmi in quella grande casa. E la storia si avvale dello sguardo del regista: elegante come sempre, decadente, estetizzante con misura. Eppure la mistura, in pi punti, rischia di franare. Magnifica Presenza indubbiamente una tappa importante nella filmografia del regista, ma limpressione quella di un cinema sinottico e autocelabrativo che per il momento ha perso sincerit e, in parte, espressione, assai ingombro invece di una ridondanza di forme e concetti che svilisce narrazione e personaggi quando non deformati fino alla caricatura onirica (si pensi alla grottesca Platinette, oracolo accerchiato da manifatturieri trans) o impostati sulla suggestione surrealistica (gli otto personaggi, reclusi ed esiliati negli spazi dellabitazione). Elio Germano non alla sua migliore performance, mentre una nota di merito va tributata al gruppo di magnifici ectoplasmi e ad Anna Proclemer, grande attrice di teatro, che interpreta e tutela lArte in una prova intensa e disturbante. Il film si rivela poco equilibrato, con troppa carne sulla griglia e poca brace: Ozpetek pi volte fatica a contenere le sue molteplici spinte dentro un percorso coerente. Il film resta in carreggiata, ma sbanda continuamente. E i sei personaggi in cerca dautore finiscono per arrampicarsi sugli specchi scivolosi di una realt rovesciata continuamente nella finzione.

Marted 27 marzo In scena Lella Costa per il primo appuntamento in cartellone

Petrella di Longiano, un teatro aperto allincontro e alla relazione


upporto alle novit di genere, senza seguire la chimera dellartista di grande chiamata. Sar questa la filosofia dei nuovi gestori del teatro Petrella di Longiano che hanno presentato alla stampa il loro primo cartellone. Si tratta del consorzio Despina che va a fondere le esperienze della bolognese Cronopios di Roberto Alessi e Giuseppe Mariani con la Via Verdi di Stefano Bellavista per un progetto specifico su Longiano. Le nostre linee guida saranno la vocazione allospitalit, la tradizione del nuovo e una cultura dei legami che sappia fare del teatro un luogo di incontro - ha detto Roberto Alessi -. Obiettivo sar quello di potenziare il Petrella come casa per gli artisti, luogo privilegiato di brevi repertorio e lettura di un estratto dallultimo residenze creative, dove le compagnie testo teatrale di Giorgio Gaber. Le teatrali troveranno ospitalit per celebrazioni dei 25 anni del Petrella lallestimento, le prove e il debutto in continueranno sabato 31 marzo con Bestia anteprima di spettacoli. di gioia e altre poesie inedite a cura del Con il cartellone marzo-maggio 2012 - Teatro Valdoca. Venerd 27 aprile sar la ha aggiunto Stefano Bellavista volta del Regno profondo, sermone di intendiamo dare inizio al nostro Claudia Castellucci, mentre luned 30 aprile progetto triennale, rendendo omaggio ci sar il monologo di Cesar Brie 120 chili di ai venticinque anni del Petrella, jazz. Questi appuntamenti - ha rivelato riaperto con la stagione 1986-87. Per Bellavista - sono pensati come serate di celebrare questo importante evento festa. Lo spettacolo non si chiuder con il abbiamo coinvolto alcuni artisti che sipario, ma includer un momento in cui hanno legato il loro percorso di crescita attori e spettatori potranno condividere professionale al Teatro di Longiano. impressioni ed emozioni in un teatro che A inaugurare la stagione, marted 27 rimane aperto allincontro e alla relazione. marzo, sar Lella Costa, con Io quella In programma anche due anteprime: il volta l avevo 25 anni, brani di cantautore Pacifico presenter il suo nuovo

disco Un amore non basta (sabato 5 maggio) e Paolo Civati sar alla regia dello spettacolo Parole (sabato 12 maggio). Spazio anche per i ragazzi, con una domenica di festa a teatro (il 15 aprile) e con il Festival europeo della musica (il 18 e il 19 maggio). Per questa parte di cartellone - comunica Giuseppe Mariani - saranno spesi 29mila e 500 euro. 50mila euro andranno per ognuna delle prossime due stagioni e 10mila euro saranno investiti per mettere a posto le foresterie del teatro. Occhio di riguardo ai longianesi per quel che riguarda la politica dei prezzi: i residenti nel territorio del Comune spenderanno 10 euro a biglietto, anzich 15. Matteo Venturi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


NON POSSIAMO TACERE. Le parole e la bellezza per vincere la mafia
di Giancarlo Bregantini con Chiara Santomiero Ed. Piemme, 2011 (14,50 euro) Larcivescovo di Campobasso-Boiano e presidente della Commissione per i problemi sociali e del lavoro della Conferenza Episcopale Italiana, monsignor Giancarlo Bregantini, ha pubblicato, assieme a Chiara Santomiero, presso Piemme: Non possiamo tacere. Le parole e la bellezza per vincere la mafia. Dopo la prima parte, Vivere in paese di mafia, nella quale racconta la scelta di vivere al sud dItalia, essendo lui trentino di nascita, e la sua esperienza come vescovo di Locri-Gerace, dove ha scomunicato la Ndrangheta, nella seconda parte, Se il bene avanza la mafia arretra, descrive la sua proposta di vita. Infatti a pag. 81 scrive: La legalit si afferma non solo in uno spirito di denuncia e di contrapposizione, ma anche in una dimensione fondativa, che poggia sulle motivazioni. Non gridando che si scuotono le coscienze anche se lindignazione talvolta necessaria ma oggi, nel contesto delle mafie, bisogna porre fondamenta civili entro cui erigere costruzioni solide, capaci di resistere alle aggressioni mafiose. Alle pp. 92-94 si trova scritto: stato don Tonino Bello a suggerire le tre parole chiave di

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)


Saliamo al secondo livello / gradino che letica; Spiritualit ed etica ben innestate nelle coscienze producono cultura, e siamo al terzo gradino; Al quarto livello c la politica perch la fede pensata, coltivata, testimoniata, deve diventare anche intelligenza organizzativa, capacit di fare rete e coesione sociale; Al quinto gradino c leconomia, che ha come obiettivo lequit se rispetta questi passaggi; I cinque elementi che costituiscono la piramide sono staccati, ma interconnessi. Nella terza parte, Il sud: scelta o destino?, descrive la passione per il quotidiano con la quale ha vissuto in Calabria e vive ancora oggi nella diocesi di Campobasso-Boiano. Questa passione per Ges Cristo si pu vedere anche nella Lettera quaresimale per la sua diocesi molisana, pubblicata nel 2010 a cura di Giuseppe Giacobbo per le edizioni Messaggero Padova e ISG, col titolo Le 7 parole di Ges sulla croce al costo di 9 euro.

una strategia contro la mafia che come vescovi della Calabria abbiamo adottato nel severo documento del 2002 Cristo nostra speranza in Calabria. Le tre parole sono annunciare, denunciare, rinunciare. La Chiesa deve sempre annunciare, cio essere capace di raccontare con schiettezza, verit e profezia lessenza del Vangelo [] Poi viene il denunciare. Come cristiani non possiamo esimerci dallindicare i territori dellingiustizia e dellillegalit, non possiamo tacere e scivolare nellomert per il timore di perdere sicurezze e privilegi [] La terza parola rinunciare. Pensiamo alla vita limpida, cristallina, di molti testimoni e martiri della giustizia, come padre Pino Pugliesi o don Peppino Diana, che non hanno avuto paura di sacrificare la loro esistenza fino alla morte in nome dei valori che proclamavano e del Vangelo. Nel capitolo Una piramide di cinque gradini (pp. 136138) propone uno speciale contributo per edificare la societ: Al primo livello c la spiritualit;

18

Gioved 22 marzo 2012

Solidariet
LA CERIMONIA DI CONSEGNA DEL PREMIO BIAGI SI TENUTA LA SCORSA SETTIMANA A BOLOGNA

Contributo in denaro a progetti della cooperativa Cils, dellOpera don Dino e di Piccolo Mondo onlus. A Bologna la cerimonia di consegna

Costa Concordia Funerali a Rimini


Lora del pianto per Dayana e William
Non possiamo mettere in conto a Dio il tragico disastro che costato la vita a Dayana, al suo pap e a tante altre vittime. Una catastrofe devastante che si poteva e si doveva del tutto evitare, e di cui altri hanno il dovere, davanti al tribunale divino e alla giustizia umana, di assumersi la gravissima responsabilit. Nella sua omelia, tenuta per i funerali della piccola Dayana Arlotti e del padre Williams, celebrati oggi in Basilica Cattedrale, il vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi, ha invitato a riettere sul signicato di una tragedia, come tante altre, apparentemente incomprensibile. lora del buio, ha esordito mons. Lambiasi. Ma, ha aggiunto, anche lora del pianto, quella in cui mentre accarezziamo con gli occhi del cuore le bare di Dayana e del suo babbo, proviamo brividi di tenerezza nei confronti dei loro cari. lora in cui le possibili parole di umano conforto risultano puramente palliative e si spengono in gola mentre le labbra ci rimangono sigillate in un silenzio sgomento e impotente. Mons. Lambiasi ha sottolineato il forte smarrimento che pu innescarsi in tante persone, di fronte a storie tragiche come quella delle vittime della Costa Concordia. Cos come forte il rischio di restare intrappolati nei labirinti dei perch pi tragici e sempre troppo grandi per noi umani. Dov Dio quando avvengono queste tragedie? La risposta, ha detto il vescovo di Rimini, da rintracciare nellora del grido. Nelleco del Crocisso che dando un forte grido, spir. E nel grido del povero che chiede ascolto. C un povero pi povero di un inerme agonizzante nello strazio indicibile di un naufragio? E c un povero pi povero di una bambina innocente e indifesa, che in quella immane sciagura pu contare solo sulla stretta protettiva ma fatalmente impotente del suo pap? Nella sua morte Ges e ogni vittima rimangono saldati in un solo mistero, abbracciati in un solo destino. La risposta alla domanda iniziale che Dio sempre l dove c un suo glio che soffre e muore. Questa la verit, ha affermato il vescovo: Appesi alla croce della violenza e della debolezza; crocissi con i chiodi della malattia, del fallimento, dellerrore e dellinganno; nellagonia della speranza e nel tradimento dellamore, nella paura di dover imboccare il tunnel buio della morte, non siamo soli. Le ultime parole sono di preghiera per pap William, per lestremo atto di amore nel rimanere a anco alla sua bambina in quellora tremenda.

Premio Biagi, sostegno anche nel Cesenate


mponenti sistemi di sicurezza, accrediti, pass da appuntare al petto, posti nominativi riservati, con contorno di macchine da presa Rai e di altre testate, giornalisti e figure istituzionali di presidenti di Regione, Province, sindaci, autorit varie, sono stati la scenografia della sesta edizione del Premio per la solidariet sociale, sotto lalto patronato del Presidente della Repubblica, intitolato alla memoria del giuslavorista Marco Biagi. Nella sala, a lui intitolata, allinterno della bella e vasta sede bolognese del Resto del Carlino, promotore e organizzatore del riconoscimento a valenza regionale, erano anche e soprattutto presenti la moglie di Biagi, Marina Orlandi, col figlio e la sorella Francesca; come dicevamo, numerosi ospiti e 169 volontari, in rappresentanza di altrettante associazioni partecipanti al premio, 39 delle quali, a giudizio di una commissione di una

ventina di membri, hanno ricevuto un diploma e unerogazione in danaro, pari a 5mila o mille euro, per un totale di 75mila euro stanziati da associazioni imprenditoriali, fondazioni bancarie, sindacati e privati cittadini. Gi. I volontari: protagonisti, o piuttosto, sacrificati dalle circostanze, al ruolo di comparse? Con tutto il rispetto per la corposa organizzazione, dalla quale scaturito un riconoscimento anche allassociazione presieduta da chi scrive questo resoconto, la domanda sorge spontanea, dato che la giornata era, negli intenti dichiarati, dedicata alle Onlus e cooperative sociali che si adoperano per linserimento lavorativo di giovani svantaggiati. Insomma, ai poveri comprimari premiati sono rimasti scampoli di tempo e foto di rito, mentre ministri e autorit o guadagnavano luscita o si intrattenevano in vicendevoli saluti e convenevoli. E, non attendevano-attendevamo, da premiati, un momento di visibilit personale, ma di esternare, anche sommariamente ai presenti i contenuti del loro-nostro impegno e di conoscere altre realt e relativi progetti solidali. Ma, tutto sommato, anche se un riconoscimento fa

comunque piacere, i volontari sono abituati a lavorare senza clamore. Tre, comunque, le associazioni cesenati insignite del premio Marco Biagi: la Cils, lOpera don Dino e Piccolo Mondo Onlus. Alla Cils sono andati 5mila euro per un progetto di ampliamento del Centro di Terapia Occupazionale (C.T.O.) ubicato a Cesena in via Boscone nei pressi della comunit F. Abbondanza e del centro residenziale R. Navacchia, che ha finalit educative e assistenziali a personale con gravi disabilit fisiche e/o psichiche. La struttura attualmente ospita 12 utenti adulti. Il progetto dellOpera don Dino, rappresentata dalla responsabile amministrativa Patrizia Bucci, e a cui sono andati mille euro, ha lobiettivo di erogare borse-lavoro allo scopo di formare e fare acquisire alle persone con disagio psico-fisico maggiori competenze e abilit manuali nellattivit di assemblaggio di vari tipi di oggetti. Il premio, pure di mille euro, assegnato a Piccolo Mondo Onlus, lunico che va allestero in segno di solidariet internazionale. Dopo lemergenza ambientale di Chernobyl, che tuttora perdura, Piccolo Mondo passato a occuparsi anche dellemergenza sociale in Bielorussia: ragazze-madri, minori abbandonati e giovani orfani senza casa. Raffaella Candoli

Chiarezza sui conti correnti gratis per i pensionati


Chiediamo al governo di fare chiarezza riguardo agli annunci contrastanti che sono stati fatti quasi contestualmente dai sottosegretari Polillo e De Vincenti in merito alla gratuit o meno dei conti correnti sui quali i pensionati sono stati obbligati dal governo a versare la propria pensione. quanto chiede il segretario della Cisl Pensionati, Gigi Bonfanti, in merito alla confusione creata dal governo ai danni dei pensionati che, oltre al danno di essere stati obbligati allapertura di un conto corrente per laccredito della propria pensione, ora devono subre anche la beffa di non sapere se quel conto sar gratuito - cos come anticipato dal governo - oppure, al contrario, sar un conto a pagamento. Una decisione, questultima - prosegue Bonfanti - che, se corrispondesse al vero, comporterebbe unulteriore grave vessazione nei confronti dei pensionati che questa volta reagirebbero duramente nei confronti di un governo che non ha fatto nulla per salvaguardare i loro diritti. Dopo questa protesta c stato lintervento del Presidente del Consiglio Monti che ha sottolineato: La norma sui conti correnti gratis per coloro che percepiscono una pensione no a 1.500 euro non in discussione. Monti ha cos risposto allintervento del sottosegretario allEconomia, Gianfranco Polillo, che aveva messo in discussione la norma.

NOTIZIARIO PENSIONATI
Ici. Nella nuova Imu, Imposta municipale unica, sono assoggettate a unimposizione pi lieve (e non pi escluse da tassazione) le prime case dei contribuenti, che devono per essere qualicate dallobbligatoria compresenza di due requisiti: quello soggettivo (dimora abituale del contribuente nel fabbricato) oppure oggettivo (iscrizione anagraca della residenza del contribuente nel fabbricato). Nel contesto Imu, la prima casa del contribuente, oltre a scontare unaliquota dimposizione ridotta, gode di detrazioni dal tributo lordo calcolato. Una prima detrazione, che spetta a tutti i titolari dellabitazione principale, proquota, quella pari a complessivi euro 200 annui. I Comuni hanno facolt di modulare la detrazione, elevandola no anche a garantire la neutralizzazione del prelievo sulla prima casa: in tal caso, tuttavia, essi subiranno un vincolo alla possibilit di agire sullaliquota di imposizione delle seconde case tenute a disposizione, che non potr essere ssata in misura superiore rispetto a quella ordinaria. La seconda tipologia di detrazione (euro 50) , invece, solo eventuale, nel senso che essa pu essere goduta unicamente da chi ha gli conviventi. Permangono, invece, indifferenti sia la situazione reddituale e/o patrimoniale del contribuente che fruisce dello sconto, sia quella del glio in questione e, in particolare, non viene esteso al comparto Imu il concetto di familiari a carico proprio della normativa Irpef. Viene Numerosi i cittadini che hanno partecipato allopen day dellambulatorio sociale infermieristico Anteas di San Mauro Pascoli. Nella foto, il parroco don Sanzio Monaldini nel momento della misurazione della pressione. comunque stabilito un tetto massimo, in base al quale la detrazione di cui sopra (applicabile solo per il biennio 20122013) pu arrivare a euro 400. Per la prima casa laliquota base gi ridotta allo 0,4 per cento dalla legge statale e i Comuni potranno modicarne la misura, in aumento o in diminuzione, entro un massimo dello 0,2. riservata allo Stato la quota dellImu pari alla met dellimporto calcolato applicando laliquota di base ordinaria (il 7,6 per mille) alla base imponibile di tutti gli immobili, ad eccezione dellabitazione principale e delle relative pertinenze e degli immobili rurali strumentali. Non essendo previste fasce di esenzione per reddito - dice Rimoldi, responsabile delle politiche sociali per la Fnp - ci si chiede come faranno a pagare lImu i due milioni 300mila pensionati poveri, cui vanno aggiunti quelli vicini alla soglia di povert relativa, se si considera che il 30 per cento delle pensioni di anzianit non supera i 900 euro mensili e che 4 milioni 750mila pensionati percepiscono assegni mensili compresi tra i 500 e i 750 euro.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Open Day ambulatorio Anteas San Mauro Pascoli

sopravvivenza e proprietari della sola casa di abitazione.

I sindacati pensionati incontrano il direttore dellInps


Le segreterie nazionali della Fnp Cisl, Spi Cgil e Uilp Uil hanno incontrato il direttore generale dellInps per discutere delle nuove modalit di pagamento delle pensioni. In particolare, lattenzione si concentrata per quelle che normalmente hanno un importo inferiore ai 1.000 euro, ma il cui ammontare supera per il tetto in occasione della corresponsione del rateo di tredicesima e quattordicesima. I sindacati dei pensionati hanno anche sollevato il problema di quegli anziani che, essendo in condizione di non autosufficienza, non possono aprire un conto corrente. Per questultima categoria il direttore dellInps si impegnato a inviare funzionari dellIstituto direttamente al domicilio del pensionato, anche se ricoverato presso Rsa, per lautenticazione della rma. Il problema appare assai delicato anche per la possibilit che si inneschino meccanismi e comportamenti truffaldini. Per questo le segreterie di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil hanno chiesto espressamente di mettere in campo idonee procedure. Per quanto riguarda i pensionati provenienti dal Fondo Elettrici che in questi giorni hanno ritenuto il Cud/2012, lIstituto sta provvedendo allemissione e allinvio della certicazione comprendente il fringebenet sul consumo energetico.

Da parte della Fnp Cisl si esprime forte perplessit su questo provvedimento che andr a penalizzare ulteriormente le famiglie degli anziani che saranno costrette a pagare di pi di quando versavano per lIci. Come noto, il 78 per cento circa di essi risulta proprietario dellabitazione in cui vive e non solo non potranno fruire delle detrazioni previste per i gli a carico, ma si ritroveranno con un carico scale, Tarsu compresa, imputato a prescindere dal reddito e relativizzato alla supercie abitativa e non alla composizione familiare.

Imu e il commento del segretario Fnp Cisl Brancato


In considerazione della nuova tassazione sulla prima casa (Imu) Luigi Brancato, segretario generale della Fnp Cisl di ForlCesena lancia lappello a tutti i Comuni della provincia affinch trovino presto una soluzione, anche attraverso un contributo di carattere sociale, che possa andare incontro a tutti quegli anziani con reddito inferiore al limite di

Nuova Imu: penalizzati ancora una volta gli anziani


Il decreto salva Italia ridenisce il concetto di abitazione principale ai ni Imu rispetto a quanto conosciuto ai ni

20

Gioved 22 marzo 2012

Cesena & Comprensorio


Cesena
Bulgarn ricorda don Severino Budelacci
La comunit parrocchiale di Bulgarn ricorda il suo primo parroco, don Severino Budelacci, nel cinquantesimo anniversario della morte. Una messa sar celebrata venerd 23 marzo alle 20 nella chiesa parrocchiale.

Cesena
Il Cesuola

Cesena

Spettacolo musicale
Al teatro parrocchiale di Case Finali, sabato 24 marzo alle 21, si terr il concerto "Attikkando, scorci di musica" con Massimo DAliesio, voce e chitarra, Leonardo Rossi alla chitarra, Daniele Donini al basso, Andrea Placuzzi alla batteria. Special guest Monia Guiducci.

Cesena flash
Giovani in agricoltura
Avr luogo marted 27 marzo dalle 9,30 nella sala del servizio tosanitario (Zona Monteore) un seminario tecnico per giovani imprenditori agricoli sul tema "Quali metodi per incrementare le proprie performance?". Interverranno Camillo Gardini, presidente di Agri 2000 e Roberto Fantoni dellimpresa agricola Agriter di Ravenna. A seguire testimonianze, domande e dibattito.

Sar presentato, marted 27 marzo alle 21, nella sede del quartiere allex Conad in via Giovannini il libro di Claudio Riva "Il Cesuola. Idrologia, sorgenti ed acquedotto". Lincontro programmato dal quartiere, da Cesena citt malatestiana e dal gruppo archeologico cesenate.

Cesenatico
Concerto

Cesenatico
Conferenza

Gatteo a Mare
Festa della famiglia

Pino Daniele
Partir dal Bonci il giro di concerti di Pino Daniele, sabato 24 marzo alle 21. Nel nuovissimo album di inediti "La grande madre" il cantante napoletano torna allantico con 12 canzoni tra cui il brano "Searching for the water life" scritto per sostenere la campagna di "Save the children every one".

Al teatro comunale, domenica 25 marzo alle 17, terr un concerto il "Kaleido Trio" composto da Yuri Ciccarese al auto, Francesco Ferrarini al violoncello e Gianni Fassetta alla sarmonica. Ingresso 7 euro. Al termine del concerto offrir laperitivo lazienda agricola "La Pandolfa" di Fiumana (Predappio).

Al museo della Marineria, gioved 29 marzo alle 16, Ferruccio Dominici terr una conferenza sul tema "1922: fatto di sangue a Cesenatico. Attentato ad Arpinati". Lincontro organizzato dallUniversit per gli adulti col sostegno della Bcc di Sala.

Nellambito della settimana dedicata alla famiglia nella parrocchia di Villamarina, si svolgeranno due eventi: un incontro con Ettore Valzania, gioved 22 marzo alle 21 nella canonica di Gatteo a Mare su tema "Famiglia, diventa ci che sei". Nella chiesa di Villamarina, luned 26 marzo alle 20,30 sar celebrata la messa per la festa dellAnnunciazione e alle 21 verr presentata "Via Matris, ovvero la passione secondo Maria" con brani musicali, testi, preghiere e immagini artistiche.

Scrittori e musica
Al Bonci, marted 27 marzo alle 21, saranno lette poesie di Fabrizio Parrini con accompagnamento di chitarra classica. In collaborazione con Il Vicolo editore di Cesena. Ingresso libero.

Sabato e domenica prossimi a Cesena e San Mauro

Grazie al Fai si aprono le porte


l piccolo Pantheon di Valadier a Cesena e i luoghi legati a Giovanni Pascoli sono i protagonisti assoluti della 20 edizione delle "Giornate di primavera", in programma sabato e domenica 24 e 25 marzo, del Fai, il Fondo per lambiente italiano che lavora da oltre 35 anni per rendere accessibili e salvare cruciali tasselli del patrimonio storico e artistico dellItalia. Cesena I recenti interventi di restauro hanno riconsegnato alla citt di Cesena uno dei suoi gioielli pi belli, ma sconosciuto ai pi: la chiesa di Santa Cristina, situata lungo via Chiaramonti. Le visite sono a cura degli apprendisti ciceroni del Liceo classico "Monti" (orari: sabato 14.30/18.30 e domenica 9.30/18). Da segnalare poi sabato alle 11.30 il

Balletto al Victor
Al cineteatro di San Vittore, gioved 22 marzo alle 20,30, sar in visione "Romeo e Giulietta" di William Shakespeare, musiche di Sergej Prokoev. Ingresso 10 euro. Venerd 23 marzo alle 20,45, per la rassegna "FilmFamily" sar proiettato "Carnage". Sabato 24 e domenica 25 marzo alle 21 sullo schermo il lm "Paradiso amaro". Domenica 25 alle 15 e alle 17 "Alvin superstar 3. Si salvi chi pu". Marted 27 e gioved 29 alle 21 "Emotivi anonimi". Ingresso 3,50 euro.

concerto inaugurale nella navata della chiesa e domenica elle 18.30 un momento letterario e musicale. Infine sabato alle 14.30 parte da via Chiaramonti la "pedalata fra natura e cultura" fino al museo della centuriazione a San Giorgio (per info, cell. 348 5123662). San Mauro Pascoli Al via nel week end le celebrazioni per il centenario della morte di Giovanni Pascoli, che ricorre il 6 aprile. Gli apprendisti ciceroni dellIstituto "Curie" di Savignano condurranno i visitatori alla scoperta della casa natale di Giovanni Pascoli (dove visse fino ai 7 anni di et ed oggi museo e monumento nazionale) e di Villa Torlonia, la grande fattoria di pascoliana memoria, conosciuta come la Torre. Ascoltando gli aneddoti e le storie legate alla

Serata in musica
fanciullezza del poeta sar possibile immaginare la vita che, allinterno delle mura della tenuta, scorreva scandita dal lavoro e dalle stagioni. Per i pi sportivi, domenica alle 14 al via da Villa Torlonia la pedalata fino a Cesenatico, con tappa al Museo della Marineria e Casa Moretti (per info, cell. 348 5123662). Francesca Siroli Al teatro Aurora di San Giorgio, sabato 24 marzo alle 20,30, ritornano le canzoni del "Campanon" con il coro "Alio Modo canticum", diretto da Adamo Scala. A seguire "I Migliori Anni" con il "Duo made in Italy". Presenter Rina Marini. Al pianoforte Terzo Campana, alla tastiera Adamo Scala, al violino Nicol Grassi, alla batteria Gabrio Gardini, alla tastiera e voce Mauro Cacchi. Ingresso 5 euro.

Montiano

Dialetto in scena

Bagno e Mercato
Promozione turistica

Savignano

Incontri culturali

Cesena flash
Conoscere lAlzheimer
Caima organizza sette serate sul tema "Il difficile compito di prendersi cura di una persona affetta da demenza". Le prime due si terranno venerd 23 e luned 26 marzo alle 20,30 nella sala Assiprov in via Serraglio con le dottoresse Monia Farnedi e Elisa Turci il venerd e la dottoressa Maria Cristina Capriotti il luned.

Si concluder sabato 24 marzo la rassegna di commedie dialettali organizzata dalla Pro loco. Alle 21 nel teatro parrocchiale la compagnia "Nuovo teatro esse" presenter "Palle atomiche" con Samantha Pasini e Maurizio Agatensi.

Continuano i seminari proposti da Prisma. Nella sala consiliare a San Piero in Bagno lincontro di gioved 22 marzo dalle 14,30 avr come tema "La Vallata del Savio. Luoghi da visitare e tipicit da gustare". Gioved 29 marzo dalle 14,30 nella sala del Consiglio di Mercato Saraceno si parler delle "Fonti energetiche rinnovabili come opportunit di marketing del territorio".

Si terr luned 26 marzo alle 15,30 presso il liceo scientico "Marie Curie" lincontro con il meteorologo Paolo Corazzon sul tema "La realt dei mutamenti climatici".

Gambettola

Incontri formativi

Sogliano

La bella Joieuse

Gambettola
Spettacoli teatrali

Oltre la crisi
Il gruppo Apofruit ha organizzato per venerd 23 marzo dalle 16 un incontro sul tema "I nostri progetti oltre la crisi". Avr luogo nella sala Europa di Cesena Fiera a Pievesestina. Relatori: Renzo Piraccini, Mirco Zanotti, Mario Tamanti, Ernesto Fornari, Paolo Pari e Ilenio Bastoni.

La parrocchia ha attivato il "Progetto Circolatorio" che prevede incontri di formazione per genitori, nonni, educatori e docenti. Gioved 22 marzo alle 20,45 nei locali parrocchiali sul tema "La famiglia in cammino" parler Roberta Simone, laureata in scienze pedagogiche allUniversit di Bologna.

La rassegna Prova dattore propone, per sabato 24 marzo alle 21 al teatro di Sogliano, lo spettacolo La bella Joieuse di Gianfranco Fiore con Anna Bonaiuto.

Per la rassegna di burattini, sabato 24 marzo alle 16 al Comunale, il Teatro dei Fauni (Svizzera) presenter "Il bosco in valigia". Venerd 23 alle 21 Santuzza Oberholzer (Svizzera) in "Una strada che porta lontano" con Luca Ronga e Sergio Diotti Domenica 25 marzo alle 18, "Formazione minima" in concerto col suo nuovo cd "Spettacolo primo".

Commedia dialettale
Al Bogart di SantEgidio, per il XX festival della commedia comica dialettale romagnola andr in scena "La sinla malan zira" con il gruppo teatrale San Severo-Ponte Nuovo di Ravenna. Ingresso 7 euro, ridotto 6.

Gambettola E morto Saverio Forlivesi

E morto schiacciato sotto le ruote di un camion, in sella alla sua bicicletta. Lincidente mortale avvenuto a Gambettola, venerd 16 marzo, nellincrocio fra la via Kennedy e via Roma a due passi dal centro. La vittima, Saverio Forlivesi, pensionato di 67 anni, abitava a poche centinaia di metri dal luogo dellaccaduto. Forlivesi aveva lavorato per lungo tempo allAnic di Ravenna e, prima del pensionamento, era passato alle dipendenze della Snam Eni, con lincarico di seguire gli

impianti del Rubicone. Persona cordiale e disponibile, Forlivesi, era un volto conosciuto nella cittadina soprattutto per i suoi hobby: foto e video amatoriali, come ad esempio quelli del Carnevale di Gambettola, di cui possedeva un archivio storico di tutte le edizioni dal 1973 a quella dellanno scorso. Un hobby che laveva portato a ricoprire la carica di vice-presidente dellassociazione "Folclore Gambettolese". Piero Spinosi

Letture in libreria
Paolo Turroni e Ilario Sirri, venerd 23 marzo alle 18 nella libreria Bettini in via Vescovado, leggeranno brani dal libro di Erri De Luca "La citt non rispose". Ingresso libero.

Sport
Volley club sconfitto
Il Volley Club (pallavolo femminile serie B2) esce scontto (3-0) dal bigmatch di Bastia contro le padrone di casa che si impongono in tre set. La squadra di Raggi conferma il sestetto delle ultime gare con Azzi che si conquistata nalmente un posto da titolare in regia, Filanti opposto, Zebi e Bersani in banda, Cancellieri e Socci al centro e Ciavarella il libero. Le padrone di casa guidate da coach Ricci sono costrette a rinunciare a Pasquadibisceglie rispondono viceversa con la palleggiatrice Gatto, lopposto Mezzasoma, le schiacciatrici Rossit e Ubertini, le centrali Lorio e Morelli e il forte libero Gagliardi. Volley Club che esce scontto ancora una volta da uno scontro diretto (dopo le due scontte contro Porto Recanati) e scivola cos al terzo posto ad una lunghezza dalla coppia Porto Recanati e Bastia. A sei giornate dalla ne della stagione regolare, i play-off sembrano ormai ipotecati e sar una bella lotta a tre per la promozione diretta e per evitare la lotteria degli spareggi. Cesena ha il calendario migliore delle tre (nel girone di andata, le ragazze di Raggi ottennero il bottino pieno), ma deve tornare a mettere in campo la determinazione e il gioco dei primi mesi del campionato. Tutto questo a partire dal prossimo turno che vedr Bersani e compagne ospitare le abruzzesi del Manoppello, ormai privo di ogni stimolo, nella gara di domenica 25 al Minipalazzetto. Intanto la classica esprime gi i primi verdetti stagionali con le retrocessioni matematiche di Ascoli e Sambuceto in serie C.

Gioved 22 marzo 2012

21

Domenica arriva il Parma. I tifosi chiedono almeno un gol


messe a segno dal cileno Pinilla. A dire il vero due dei tre gol sardi sono arrivati con due rigori molto generosi concessi dal direttore di gara Russo. Al di l di questo risultata ancora una volta imbarazzante la dimestichezza in zona gol del Cesena: zero gol in 5 partite della gestione Beretta la dicono tutta sulla pochezza di questa squadra. Una squadra nata nellestate scorsa con ben altre ambizioni, ma naufragata presto allinterno di un progetto che non mai decollato e che ora destinato a finire anche peggio. Per la cronaca, arriva al Manuzzi questa domenica un Parma anchesso desideroso di punti per togliersi dalle acque limacciose del fondo classifica. La formazione emiliana siede pericolosamente sul quartultimo scranno della classifica con 31 punti allattivo (5 lunghezze sopra il Lecce terzultimo). Espugnare il Manuzzi non stata cosa ardua per quasi nessuno in questa stagione. Il Parma ovviamente ci far un pensierino. Al Cesena, e soprattutto ai suoi civili e pazienti tifosi, non resta che attendere la fine di questo sciagurato cammino che riporter i bianconeri di Romagna di nuovo in serie B. Eric Malatesta

Ultime partite in A, per il Cesena (Pippofoto)

Povero Cesena: con te tutti fanno vendemmia


l campionato del Cesena sempre pi unagonia. Sconfitto anche a Cagliari per 3-0, la squadra del presidente Campedelli sempre pi fanalino di coda, staccata ora addirittura di 6 punti dalla penultima che il Novara. Con la miseria di 17 punti racimolati sinora, ai bianconeri manca solo la matematica per sancire definitivamente la parola retrocessione. Ci vorranno davvero

tanto spirito e stimoli per affrontare la restante parte di campionato, quando onestamente non c proprio pi nulla da fare. Un "dead man walking" questo Cesena, da cui almeno ci si aspettava una prova dorgoglio per onorare la maglia e rispettare le aspettative e i tifosi. Invece anche a Cagliari arrivata una prova incolore, dove in campo cera ancora una squadra senzanima capitolata sotto le tre reti

La Fotonotizia | Tutto il calcio

I romagnoli sono primi in classifica

Romagna RFC, a Cesena rugby di alto livello


Importante impegno casalingo alle porte per il Romagna RFC. I galletti romagnoli, dopo la sosta in campionato di domenica scorsa, affronteranno domenica 25 marzo allo stadio del rugby di Cesena la Gladiatori Sanniti Benevento. Gli ospiti, ultimi in classica con soli 11 punti allattivo, cercheranno il colpaccio per tentare il disperato aggancio alla zona play-out. La squadra del tecnico Urbani dovr scendere in campo con la stessa determinazione mostrata nellultima vittoria in campionato dell11 marzo scorso contro lAvezzano Rugby con il punteggio di 41-12, per continuare cos il proprio cammino in vetta alla classica. Grazie ai cinque punti conquistati contro lAvezzano, il Romagna RFC ha effettuato il controsorpasso al Rubano Rugby portandosi avanti di tre lunghezze. In ottica salvezza i romagnoli si trovano ora con un vantaggio di 16 punti sulla nona in classica, che risulta essere proprio lAvezzano, e con sei partite ancora da disputare la permanenza in serie A sembra essere pi vicina. Mister Urbani dopo la bella prestazione contro lAvezzano si soffermato sullo stato sico e psicologico della sua squadra: "La scontta del 4 marzo scorso contro il Rubano ci aveva un po provati sul piano mentale, visto come era maturata: avevamo bisogno di trovare la giusta reazione e penso che da questo punto di vista possiamo ritenerci molto soddisfatti. Cera tanta voglia di far bene e i ragazzi sono scesi in campo carichi e determinati. Chiaramente il risultato importante, ma conta ancora di pi aver trovato il giusto atteggiamento mentale, che dovremmo cercare di mantenere anche nelle prossime partite". CLASSIFICA: Romagna RFC 52, Rubano Rugby 49, Unione Rugby Capitolina 48, Amatori Rugby Capoterra 46, Amatori Rugby Alghero 43, Rugby Badia 41, Rugby Paese 38, Rugby Club Valpolicella 38, Avezzano Rugby 36, Club Amatori Sport Catania 34, Rugby Milano 13, Gladiatori Sanniti 11. Mirko Giordani

Riccardo Cucchi, caporedattore di Radio Rai, eTonino Raffa, radiocronista, sono stati ospiti la scorsa settimana al ristorante Cerina in occasione della consueta conviviale mensile del Panathlon club di Cesena (foto Mauro Armuzzi) guidata dal presidente Dionigio Dionigi. Cucchi, di "Tutto il calcio minuto per minuto" trasmissione radiofonica che lo scorso gennaio ha festeggiato i 50 anni, assieme al collega Raffa, ha presentato il libro "Clamoroso a Cibali". (Giusy Riciputi)

22

Gioved 22 marzo 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Il Vangelo va annunziato ovunque: la parrocchia e loratorio sono spazi privilegiati

In breve
Torneo Calcio Giovanile a 5 in palestra
Prosegue a ritmo serrato lattivit relativa al torneo di calcio a 5 in palestra, riservato alle categorie giovanili, che si disputa presso la palestra Comandini di Cesena. Per quanto concerne la categoria "Pulcini", il successo nale arriso al Ponte Pietra, che nella nale per il 1 posto ha battuto con un solo goal di scarto, 2 a 1, il Forza Vigne "D". Nella categoria "Esordienti" la Pol. 5 Cerchi, prevalendo nettamente con il punteggio di 3 a 0 ai danni della Virtus Cesena "A", ha conquistato la prima posizione, mentre nella categoria "Primi calci" la Coop. Granata, vincendo con il parziale di 2 a 0 a spese del Ponte Pietra, ha ottenuto il successo nella competizione rivolta ai pi giovani. Per quel che riguarda inne la categoria "Scuola calcio" il primo posto stato conquistato dal Ponte Pietra, che ha scontto nella nalissima la Virtus Cesena "A" con un ampio scarto, 3 a 0.

iflessione R

I nuovi luoghi educativi


a Chiesa, soprattutto dagli anni Settanta, nel dopo concilio, passata da unorganizzazione istituzionale (con soli uffici di Cancelleria, Promotoria e Amministrazione) a un modello significativamente pastorale (aprendo nelle curie gli uffici Scuola, Salute, Famiglia, Lavoro, Catechesi, Giovani). In questo nuovo modello pastorale, si parla di Pastorale dambiente per evidenziare la presenza della Chiesa e lannuncio del Vangelo nei luoghi del vissuto umano. Similmente, Questa modalit di annuncio tiene termini quali la nuova conto dellimportanza di entrare evangelizzazione e rinelle case altrui (ospedali, scuole, evangelizzazione sono stati discoteche, fabbriche, stadio...) con accostati alla ricerca di nuove rispetto e convinzione. modalit per comunicare il Vangelo Col terzo millennio i luoghi in cui la in un mondo che cambia. Chiesa da sempre educava sono Dal convegno ecclesiale di Verona andati in crisi: frequentazione dei (2006) si sono proposti cinque giovani in parrocchia al minimo nuovi ambiti: vita affettiva, lavoro storico; seminari vuoti e fatiscenti; e festa, fragilit umana, tradizione, scuole cattoliche senza soldi; cittadinanza. Questi cinque ambiti viceparroci in via di estinzione. Pur di vita sono proposti come percorsi col valore insostituibile del educativi anche negli Orientamenti volontariato, molte diocesi hanno pastorali per il decennio Educare dovuto chiudere luoghi significativi alla vita buona del Vangelo (2010per la pastorale. 2020). Anche la progettualit di strada e di In sintesi, nei luoghi del vivere soglia della pastorale giovanile, che umano, soggetti a continue viveva di laboratori ed esperienze di trasformazioni, il cristiano ricerca frontiera, ha subto un brusco nuove modalit ed esperienze per arresto. Oggi, par di capire dalle rendere significativa la Parola di Dio scelte fatte nelle diocesi, alluomo doggi. Il Vangelo va il tempo per consolidare annunziato ovunque e la parrocchia lordinariet. Partendo dal principio e loratorio sono spazi privilegiati fondamentale di ricercare sinergie e per questo annuncio perch, in casa alleanze educative, la famiglia, la propria, molto pi facile definire e comunit ecclesiale e la societ orientare i percorsi da vivere, ma le vengono promosse a luoghi modalit cambiano se il riferimento emblematici delleducazione e chi non ha mai conosciuto Ges o nellambito parrocchiale. il Vangelo, non ha ricevuto i Inoltre, necessario attivare la sacramenti, oppure da troppi anni conoscenza e la collaborazione tra che si discostato e domanda di catechisti, insegnanti - in particolare ripartire da zero per riprendere la di religione cattolica - e animatori di vita di fede nella comunit. oratori, associazioni e gruppi. La

ATTIVIT SPORTIVA IN ORATORIO (FOTO ARCHIVIO SIR)

Negli spazi del vivere umano, soggetti a continue trasformazioni, il cristiano ricerca nuove modalit ed esperienze per rendere significativa la Parola di Dio alluomo doggi
scuola e il territorio, con le sue molteplici esperienze e forme aggregative (palestre, scuole di calcio e di danza, laboratori musicali, associazioni di volontariato...), rappresentano luoghi decisivi per realizzare queste concrete modalit di alleanza educativa. Bisogna perci che le parrocchie e gli altri soggetti ecclesiali sviluppino una pastorale integrata e missionaria, in particolare negli ambiti di frontiera delleducazione. Appare perci chiaro come il luogo educativo sia il luogo dellalleanza e della collaborazione tra tutti i diversi soggetti che operano nella comunit. Sembra dunque emergere, quale prospettiva di lavoro, lindicazione di un nuovo modo di abitare i luoghi, piuttosto che la creazione di nuovi luoghi privi di storia e comunit. Ricorda Ges alla samaritana al pozzo: N su questo monte n a Gerusalemme adorerete il Padrema in spirito e verit. Che siano, dunque, lo spirito e la verit, la mente e il cuore, i nuovi luoghi educativi da rieducare alla collaborazione e alla comunione? Claudio Paganini consulente ecclesiastico nazionale del Csi

Coppa di calcio Valentini


La coppa di calcio 2011/12, intitolata alla memoria di Gianfranco Valentini e riservata alla categoria "Dilettanti", giunta ormai alle battute nali. In questi giorni infatti si disputeranno le partite di seminale con gare di andata e ritorno: la Pol. Boschetto opposta alla Pol. 5 Cerchi e lAsd Valle 86 allAs San Cristoforo. In caso di parit si proceder direttamente con i calci di rigore, in quanto non sono previsti tempi supplementari.

Un po di storia

La foto ritrae larbitro di calcio Francesco Balzani durante una gara del campionato Csi dilettanti di calcio 2008/2009 (19 dicembre 2008).

Primo Campionato Csi Beach tennis indoor

inalmente anche il Comitato provinciale Csi Fdi Cesena grazie pressoalla sensibilitsportiva del partita la nuova attivit Beach Tennis, anche dello sponsor, la Mbt-Tk. unattivit che in altre parti dItalia riscuote gi un notevole successo, ma che stranamente qui da noi, seppure vicinissimi al mare, stenta a decollare, soprattutto nella versione Indoor. Attualmente sono gi 13 le squadre partecipanti al 1 Campionato organizzato dal Csi, che coinvolge una settantina di atleti/e. In particolare, nella competizione maschile registriamo la presenza di cinque formazioni: il Team Spiaggia 23,

lUsd San Marco, lAdriatica, i Moderni e il Team Caccia; ladesione di quattro societ nel campionato femminile: le Aristogatte, le Farfalle, le Libellule e il Team Delno; nella competizione mista sono iscritte quattro compagini: il G.P. Vigne Nolorico, le Palle Cadenti, lo Studio Esse Savignano, Gli Incredibili. I campi dove si svolgono le gare sono quelli del Circolo Tennis Gambettola, del Circolo Tennis Ronconi e del Centro Sipaggia 23, entrambi di Cesena, e del Centro Sportivo Buscherini di

Forl. Tale sda stata vinta grazie alla caparbiet del nostro responsabile tecnico Giuseppe Corzani, il quale, coadiuvato dallonnipresente Giuseppe Degli Angeli, ha saputo divulgare prima e organizzare poi questa bellissima manifestazione. La presidenza cesenate dellassociazione si augura che ci sia linizio di un bellissimo percorso,che possa ulteriormente ampliarsi e svilupparsi su tutto il nostro territorio, aumentando e differenziando cos la proposta sportiva del Csi di Cesena.

Pagina Aperta

Gioved 22 marzo 2012

23

Il direttore risponde
In politica, a partire dai fondamenti

LOcchio indiscreto

aro Francesco, come sai, anchio ho partecipato domenica 11 marzo presso lAbbazia del Monte alla riflessione quaresimale organizzata dalla Commissione diocesana Gaudium et spes per gli operatori nella Res publica con il vescovo ausiliare emerito di Bologna, monsignor Ernesto Vecchi. stata loccasione per verificare alcune riflessioni che da qualche tempo mi girano per la mente. Credo sia il momento non solo di ricomporre i cocci un po consumati della politica e dei partiti, ma anche di rifondare le basi della politica stessa che deve essere vicina ai cittadini e deve concorrere con metodo democratico al governo del Paese e dei territori. Glitaliani hanno pressoch completamente ritirato la fiducia che in passato avevano riposto nei partiti, perch i partiti stanno dimostrando perdita di moralit, debolezza di proposta, incapacit di fronteggiare i problemi economico sociali, ignavia di fronte alla ridotta competitivit del Paese. Oggi una delle sfide che i cattolici impegnati in politica, insieme agli uomini di buona volont, si trovano di fronte, quella di contribuire, nelle formazioni politiche dappartenenza, a restituire ai cittadini la sovranit sottratta e mal impiegata e motivarli, dopo tante delusioni, ad essere attivi e partecipi, a votare per buoni programmi e non limitarsi a votare contro qualcuno. Solo una vita di partito fondata saldamente su un metodo democratico, sulla competenza e la responsabilit potr far riavvicinare le persone, che non sono puramente interessate ad un tornaconto individuale, alla politica. Lottica delle aggregazioni, anche in vista delle elezioni amministrative, dovr per forza ricomprendere e riguardare le rappresentanze esterne alla politica. I veri processi di cambiamento infatti camminano sulle gambe di tutte le rappresentanze della societ e non solo di quelle politiche. Come possono peraltro i partiti pensare di poter fare tutto da soli? Essi devono trovare alleati tra le associazioni ed i movimenti di cui il nostro territorio ricco, nella societ civile, soprattutto in quella educata alla

vita buona del vangelo e non chiudersi in unautolesionistica opposizione ad ogni contributo esterno. Solo a queste condizioni la gente non sar avara nel manifestare il proprio consenso e si potr prestare adeguata attenzione a quel soggetto culturale e sociale dinterlocuzione con la politica, che coniughi strettamente letica sociale con letica della vita, promettente grembo di futuro di cui ha parlato a pi riprese il Presidente della Cei. Un saluto amichevole Maria Grazia Bartolomei Carissima Maria Grazia, la tua riflessione mi pare quanto mai opportuna. Giustamente richiami a un impegno nel sociale e nel politico che abbia a cuore il bene comune e non il tornaconto individuale. E il momento non solo di ricomporre i cocci, ma anche di rifondare le basi della politica stessa perch sia vicina ai cittadini. Non sar semplice percorrere questa strada. Anni di declino e di frattura tra Paese reale e Paese legale non si rimettono insieme con un colpo di bacchetta magica. E pi facile distruggere che ricostruire. Eppure bisogna provarci. Ne va del bene dellItalia nel suo complesso e ne va del bene anche dei singoli territori. Abbiamo unoriginalit da portare cui non possiamo e non vogliamo sfuggire. Limpegno politico deve tornare a essere prioritario per tanti che vivono nelle nostre comunit locali, nelle associazioni e nei movimenti cattolici. Abbiamo una parola chiara da dire alluomo di oggi. Non possiamo essere timorosi. C tanta sete di senso della vita: in ogni angolo si coglie questo bisogno impellente. Ripartiamo da un lavoro di base, fatto di interrogativi in grado di spaziare in ogni direzione. Dobbiamo essere curiosi, appassionati, applicare il motto di don Lorenzo Milani I care, mi sta a cuore. Un punto di partenza potrebbero essere i cosiddetti principi non negoziabili che non sono una verit di fede come ha ricordato laltra domenica anche monsignor Vecchi anche se ricevono ulteriore luce e conferma dalla fede. Essi sono iscritti nella natura umana stessa e quindi sono comuni a tutta lumanit che per spesso chiude gli occhi e non li vuole riconoscere. Ma su questi principi possiamo trovare tanti compagni di viaggio, credenti e non credenti. Cordialmente. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it
una segnaletica ad hoc per i ciclisti. Quella presente illeggibile per chi viaggia sulle due ruote. Occorre pensare a chi sta in bicicletta e amerebbe gustare le meraviglie di un territorio ancora tutto da scoprire. Pensiamo ai colori che la fioritura ci sta facendo apprezzare gi da qualche giorno. Perch non fare una mappa dei colori e degli alberi? Perch non organizzare una sorta di percorso che indica i luoghi e le singole fioriture. Forse dovremmo avere pi occhi per vedere. E anche pi cuore. Perch non pensare ai pit stop del ciclista? Si potrebbe pensare anche a una catena di ristoranti o luoghi dedicati per una buon piatto di

Il Comune di Cesena installa i nuovi cartelli delle localit. Nelle frazione il lavoro iniziato da qualche settimana. Ci vorr un po di tempo perch si possa concludere su tutto il territorio. Forse, presi da troppo zelo, si rischia di esagerare. La foto ritrae la via delle Scalette, a due passi dal centro storico, verso labbazia del Monte. Oltre la met della salita, si trova lindicazione immortalata qui sopra. Non sappiamo cosa di Cesena termini in quel punto: il Comune, la citt, cosaltro? Il messaggio non molto chiaro.

pasta per chi si arrischia fin sulle nostre bellissime colline. Certo, ci vorrebbero prezzi adeguati a portafogli normali, ma credo che si possa fare. Basterebbe volerlo. Amico del ciclista, cos si potrebbero chiamare queste soste lungo le nostre strade. Magari anche solo un baracchino, per in grado di accogliere chi arriva sudato e affamato. Credo che su questi temi si potrebbe ragionare in modo da poter arrivare a qualche conclusione pratica per mettere a frutto ci che abbiamo da offrire a chi viene da fuori Cesena. Inutile piangersi addosso, se mettiamo a frutto tutte le nostre potenzialit. Che ne dice, direttore? Marino Savoia Cesena Carissimo Savoia, lei ha ragioni da vendere. Negli anni anche il sottoscritto ha avanzato proposte in tal senso. Gliene ricordo due, su tutte: alla domenica mattina chiudere alle auto (residenti esclusi) la vecchia statale Umbro-Casentinese, almeno da Borgo Paglia fino a Mercato/Sarsina, per lasciarla come paradiso dei ciclisti. Non credo ci vorrebbe molto, visto il traffico scarso della domenica mattina e le migliaia di ciclisti in sella ai loro mezzi. Stesso discorso si potrebbe ripetere per il fondovalle che porta a Ponte Uso, nel riminese. Per chi va a piedi, sono convinto che lungo il percorso dei Gessi si potrebbe istituire un senso unico per auto e moto. Troppa gente lo frequenta e troppe auto sono in circolazione. Certo, sul resto sono daccordo con lei. Sfruttiamo i ciclisti in positivo. Facciamo loro conoscere le nostre bellezze, i nostri colori, la nostra natura davvero unica. In questi giorni la campagna stupenda. Come ogni anno torna la fioritura. Adesso sono partiti gli albicocchi. Fra qualche giorno toccher ai peschi, stupendi, nel loro rosa incantevole. Chi va di corsa non li nota. Ma non li nota neppure chi non sintonizzato sulle corde giuste, con il cuore aperto per dire grazie a chi ci ha donato tutto questo. Cordialit. Fz

ora di riservare percorsi ai ciclisti


Carissimo direttore, sono convinto che il nostro territorio debba puntare di pi sul turismo legato al ciclismo. Con linizio della primavera, si moltiplicano gli appassionati della bicicletta. Sono tantissimi quelli che si aggirano lungo le nostre strade, italiani e stranieri. Il nostro territorio si presta in maniera fantastica per chi ama salire e scendere pendii quasi sempre accessibili a tutti. A mio avviso bisognerebbe sfruttare meglio questa nostra opportunit. Faccio alcuni esempi. Manca

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA CENTRALE (adiacenze Stazione): appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, cantina interrata e ripostiglio a piano terra. 160.000 / Rif. 1114

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CASE FINALI: appartamento di nuova costruzione al piano terra composto da ampio soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, balconi, garage e spaziosa corte esterna di propriet. Pronta consegna.

SAN MAURO IN VALLE: a pochi passi dal centro, immersi nel verde, appartamenti di nuova costruzione ad alto risparmio energetico. Possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta, giardino e ingresso indipendente o allultimo piano con ampio sottotetto. NESSUNA SPESA DI INTERMEDIAZIONE. PONTE ABBADESSE: appartamento allultimo piano di notevoli dimensioni internamente da ristrutturare composto da salone, cucina abitabile, 2 balconi, 2 letto, 2 bagni, spazioso sottotetto con servizi. Garage e cantina. Ampio spazio verde condominiale. 340.000 / rif. 1135

ZONA SEMINARIO/OSPEDALE: in palazzina appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con cucinotto, 3 letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 260.000 / Rif. 1129 LOCAZIONI VIALE MARCONI (adiacenze McDonald): affittasi al primo piano con ascensore ufficio in ottimo stato di mq. 110 con cantine e 2 posti auto riservati. 1.250 PONTE PIETRA: ampio bilocale composto da soggiorno, cucina in nicchia, 1 letto matrimoniale, 1 bagno, terrazzo, garage. ARREDATO. 550 SAN MAURO IN VALLE: in zona tranquilla appartamento al 1 piano in buono stato composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 letto, 2 bagni, 2 balconi di cui uno verandato, cantina e garage. Utenze autonome e poche spese condominiali. ARREDATO 650 / Rif. 1125

ZONA PORTA TROVA: appartamento luminoso al quarto piano composto da ampio soggiorno, cucina abitabile, 2 letto, bagno, balcone verandato, cantina. Possibilit di acquistare garage nelle vicinanze. 185.000 / Rif. 0843