Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 12 luglio 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 27 euro 1,20 - contiene I.P.

27
9
Il Corriere Cesenate si ferma per sette giorni
torner nelle case dei lettori e in edicola gioved 26 luglio

Opinioni
Scoperto il bosone di Higgs, la particella di Dio
cienza telligenza delluomo Saffidataelafede: allin continua scoperta del Creato

Diocesi
Il vescovo Douglas scrive ai turisti in arrivo
munit pronta Trovate unadico-a offrirvi occasioni riflessioni e preghiera

Attualit
Scuola Diaz. Una sentenza che rende giustizia
genti della Polizia Condannati alti diriper i tristi fatti accaduti al G8 di Genova

EDITORIALE Un tempo per riflettere


di Francesco Zanotti

LAppennino romagnolo propone occasioni da vivere intensamente

siste un tempo da dedicare al riposo. Se lo prende anche il Corriere Cesenate. La prossima settimana non saremo presenti in edicola e non arriveremo nelle case degli abbonati. Poi torneremo al lavoro per il numero successivo cui seguiranno venti giorni di stacco. Lestate, comunque, non sinonimo di disimpegno. Lo stiamo dimostrando con ampiezza nei diversi servizi che vanno avanti da tempo. lesperienza di sempre di chi si fa prossimo verso qualsiasi persona. Non c distinzione di colore di pelle o di condizione economica. Non c crisi che tenga, n temporale n afa. lazione che si mette in moto per rispondere a una chiamata. la vocazione tipica di chi sa che lesistenza va vissuta appieno come dono e come rendimento di grazie per quanto ricevuto. Lestate anche il tempo propizio per riettere. Non esiste occasione migliore per ricavarsi uno spazio di silenzio e di meditazione. Sono tanti i luoghi che si possono raggiungere, al mare o in montagna. Il contatto con la natura pu favorire il pensiero meditato. Sballottati come siamo nellimmenso frullatore della realt di questi anni globali, tornare a una quotidianit ritmata al rallenty pu risultare davvero salutare. Nella pace e nellammirazione del Creato pu risultare pi facile rapportarsi con Dio. Non che non sia possibile ogni giorno, ma la quiete dovuta al riposo dal lavoro ordinario pu innescare un meccanismo virtuoso in grado di abbozzare una risposta ai grandi quesiti sul senso del vivere. Da qui nasce il bisogno di pregare, di riconciliarsi con Dio e con i fratelli. La realt acquista una luce diversa, meno sfocata, pi limpida, pi trasparente. Gli affanni lasciano il posto al bisogno di relazionarsi con serenit, come dovrebbe avvenire ogni giorno. La fretta e la costante connessione a un mondo che a volte non avvertiamo nostro ci rendono sfuggevoli e superciali nei rapporti. C un tempo per fermarsi. S, questo il tempo da sfruttare. questa lopportunit da cogliere, da non lasciarci sfuggire. Non possiamo ngere, non possiamo sottrarci ancora una volta. Non possiamo nasconderci. Non possiamo sprecare i minuti, le ore, le giornate intere in un riposo vuoto che ci svuota anche lanima. Lestate il tempo dellimpegno e della consapevolezza: neppure il tempo libero ci appartiene. Come la parabola dei talenti insegna, qualsiasi dote va resa moltiplicata, estate compresa. Le opportunit non mancano. Centri estivi, campi-scuola, vacanze di famiglie: basta solo guardarsi attorno e accogliere linvito che arriva da ogni direzione.

Oasi di pace

Il suggestivo scenario attorno alleremo di SantAlberico


Per chi ama la montagna, le passeggiate nei boschi o la ricerca della spiritualit nel silenzio della natura, lAppennino romagnolo offre valide opportunit. Senza bisogno di andare sulle Dolomiti, a meno di unora di auto da Cesena si arriva ai 1400 metri del monte Fumaiolo, dove vi anche lalbergo che fa capo alla Diocesi, o ai 1100 metri di Balze, tranquilla localit turistica dove opera don Renato Baldazzi. E dopo Alfero, lungo la strada che conduce a Balze, sulla destra unindicazione segna una mulattiera per leremo di SantAlberico. Qui ci si pu fermare qualche giorno e vivere secondo la regola francescana, ospitati dalleremita fra Michele Falzone. Primo piano alle pagg. 4 e 5

Cesena 13 Unica provincia romagnola: se ne discute Sarsina 17 Il 26 agosto racconto musicale su SanVicinio

Cesena 14 Se linformazione nazionale prende abbagli Sport 21 Trofeo Benedetto: Martorano fa il pieno di premi

Opinioni

Gioved 12 luglio 2012

Spending review: anche il linguaggio dice che non sar pi come nel 20esimo secolo D
opo lo spread, la spending review: il linguaggio finanziario e manageriale ormai entrato nella vita e nei comportamenti quotidiani. E ci avverte che nulla sar pi come nel XX secolo, durante e dopo questa crisi e la ristrutturazione che inevitabilmente ne consegue. Tuttavia tutti gli strumenti finanziari e gestionali, per essere utili e riuscire allo scopo di ridare sostenibilit ed efficienza alla compagine pubblica, devono poggiare su basi solide. Le tasse prima e oggi i tagli sono necessari per fronteggiare lemergenza, ma, proprio per non produrre stress sociale e impoverimento collettivo, devono essere accompagnati da una prospettiva. Serve trovare senso di comunit, attraverso la distribuzione equa dei carichi. Sembra per chiaro che finita unera di certezze. Siamo ritornati a centanni fa, ai tempi evocati nella famosa autobiografia di Stefen Zweig Die Welt von Gestern. Erinnerungen eines Europers (Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo), quando ricordava la Vienna della bella poque, die welt der Sicherheit, un mondo di sicurezze, di certezze politiche, culturali, di comportamenti collettivi e di stili di vita, traumaticamente concluso con la Grande Guerra e poi, anche nei Paesi vincitori, con la Grande Crisi. In realt non questo il solo modo, romanticamente decadente, per guardare ai nostri anni di cambiamento. C anche quello, pure consunto da troppa retorica, sullinnovazione, che poggi su un tessuto condiviso e convinto di stili di vita, valori, riferimenti. Che non appunto una retorica giovanilistica, quei giovani coccolati e negati di cui tanto si parla, ma in sostanza un appello al lavoro, serio e creativo insieme. Ridurre gli sprechi, i favoritismi, le passivit, significa, se si vuole procedere e non condannarsi alla decadenza, creare condizioni per lavorare tutti, per lavorare meglio, per darsi da fare e dare prospettive. Giustamente il presidente del Consiglio ha anche di recente sottolineato i limiti temporali del mandato al governo, ma anche la sostanza del mandato stesso. Bisogna fare quadrare i fondamentali e farlo bene. E ci non preclude, ma anzi implica, un ruolo attivo della politica. evidente che, in particolare se si arriver a nuove regole elettorali, lofferta si riarticoli. la politica, mentre ancora lavorano i tecnici, a doversi spendere per far s che la stagione che si va sviluppando sulla linea della famosa lettera della Bce allItalia di un anno fa, sia quella che porta allinnovazione dei processi e al rilancio del senso di comunit e di corresponsabilit. Siamo sul filo sottile che divide lo stress e la nevrosi collettiva, soprattutto di quello che anticamente si chiamava ceto-medio ed ora non ha pi nome ed identit, dal movimento comune di rilancio. Non lo si sprechi guardando solo agli interessi a breve. E come sempre lesempio deve venire dal vertice. Francesco Bonini
FOTO ARCHIVIO SIR

SCIENZA E FEDE. Alla nostra intelligenza affidata la continua scoperta del Creato

Quella particella di Dio


l Cern di Ginevra hanno dato finalmente lannuncio ufficiale della scoperta: il bosone di Higgs - la particella elementare intuita dallo scienziato britannico 48 anni fa, che consentirebbe ad ogni altra particella subatomica della materia di avere massa - esiste davvero ed stato catturato nel famoso superacceleratore Lhc, grazie al lavoro di migliaia di scienziati, molti dei quali giovani talenti italiani. la cosiddetta particella di Dio inseguita da anni - chiamata anzi dal premio

La Vignetta

Nobel Lederman nel titolo che avrebbe voluto dare al suo libro del 1993 particella maledetta perch non si lasciava trovare, ma definita invece dalleditore con quel nome pi azzeccato -, che conferma le teorie fisiche pi recenti e al tempo stesso apre ad una nuova fisica, risultando con caratteristiche in SIMULAZIONE DI UN EVENTO IN UN ACCEparte diverse da quelle LERATORE DI PARTICELLE CHE DOVREBBE supposte. GENERARE UN BOSONE DI HIGGS (FOTO ARIn realt il bosone di Higgs spiega la materia a noi nota, che CHIVIO SIR) solo il 4% delluniverso conosciuto, mentre il restante 96% costituito dallenergia oscura e dalla materia oscura, cos definite perch se ne ignorano le caratteristiche. E proprio le anomalie riscontrate nel bosone acchiappato per la coda, dicono umoristicamente gli scienziati soddisfatti e festanti - potrebbero costituire lanello di congiunzione verso quel mondo fisico pi vasto e sconosciuto. Come a dire che ne resta ancora di strada da fare e il mondo ci sta tutto di fronte nel suo infinito mistero. Abbiamo intuito qualcosa dellarchitettura delluniverso e per questo azzardiamo chiamarla particella di Dio, come a riferirci - pi o meno consapevolmente (molti fisici non gradiscono quella definizione) - al grande Architetto, che ha presieduto alla creazione o ha dato linput ad un big bang che si voglia... Il grande libro della Natura che si squaderna davanti allo sguardo e allintelligenza delluomo - dalla corolla di un fiore alla forma di un insetto, dai misteri della fisica a quelli dellastronomia mostra tutto il suo fascino, lasciandoci intuire il fascino misterioso e avvolgente di Chi - oltre al che cosa - alla sua origine. Alla nostra intelligenza affidata la continua scoperta del bello, dellinfinitamente piccolo e dellinfinitamente grande, in una ricerca incessante, che merita sempre pi impegno - e magari anche un maggiore impiego di risorse -, non solo per sfruttarne eventuali applicazioni tecnologiche, ma gi in s per lo stupore della conoscenza, che ci rende creature speciali e uniche in questo mondo infinito da contemplare, rispettare e amare come Suo dono. Vincenzo Tosello

Gioved 12 luglio 2012

Primo piano

A colloquio con Giovanni Naccarato, comandante provinciale del Corpo forestale dello Stato. Entro fine anno a Cesena sar aperta una sede che si aggiunge a quelle della Valle del Savio

A tutela dellambiente e dei cittadini


al controllo del territorio e dellambiente ad ampio raggio, alle verifiche sulle aree boscate, alle ispezioni nel settore agroalimentare, dalla salvaguardia degli animali in via di estinzione allinformazione nelle scuole, dalla ricerca di persone scomparse al servizio antincendio. Il Corpo Forestale dello Stato di Forl-Cesena svolge unazione ampia e i dati dello scorso anno lo dimostrano: 14mila controlli, 688 illeciti amministrativi per un importo di oltre 200mila euro, 593 persone sanzionate, 95 denunce penali. Dal 2002 il comandante provinciale Giovanni Naccarato, torinese di nascita, ma in Romagna da 50 anni. Lo abbiamo incontrato presso il comando provinciale, a Forl. "In provincia di Forl-Cesena spiega Naccarato - gli uomini della Forestale, compreso il personale dislocato presso il Coordinamento Territoriale del Parco Nazionale Foreste Casentinesi, sono 65. Nel territorio cesenate i Comandi di stazione sono a Sogliano, Verghereto, Bagno di Romagna, Sarsina e Mercato Saraceno, pi San Piero in Bagno dove vi un Comando per il Parco Nazionale. Il nostro impegno si svolge molto nelle zone collinari e montagnose, dove vi la presenza di boschi e vegetazione spontanea, ma altrettanto nelle zone di pianura dove si controlla lambiente, ma anche ci si concentra sulla sicurezza alimentare. Su questo fronte, effettuiamo molte verifiche sul settore biologico in ortofrutta e sulla corretta gestione della filiera di trasformazione dei prodotti vegetali e animali". Tutela Nella zona dellAlta Valle del Savio il Corpo Forestale dello Stato compie pattugliamenti

2011 abbiamo emesso 1228 certificati per lesportazione in paesi fuori Cee. Abbiamo accertato il recupero di 59 esemplari della tartaruga di mare Caretta caretta dei quali 4 reinserite nel loro ambiente marino. Non manca leducazione ambientale verso alunni e studenti delle scuole. Lo scorso anno la Forestale ha incontrato circa 1700 giovani effettuando anche escursioni nel territorio per il riconoscimento della flora e della fauna locale. "Per noi una grossa soddisfazione - precisa il comandante incontrare i giovani e fare con loro azione di prevenzione: leducazione, infatti, la prima forma di tutela del territorio. E i ragazzi rispondono in maniera entusiasta dimostrando unelevata sensibilit ambientale. Il

Uomini della Forestale a cavallo. A fianco, il comandante Naccarato

"Nei mesi estivi si intensificano i controlli per prevenire gli incendi"


sul territorio allo scopo di prevenire incendi e di controllare lo stato dellambiente. E ci va a tutto vantaggio anche del sistema turistico che ha nella natura uno dei principali motivi per cui i turisti scelgono questi luoghi. Naccarato dice che " frequente la chiamata per ritrovare escursionisti che si sono persi. Se non si esperti del luogo, se si lascia il sentiero e ci si cammina senza punti di orientamento, non difficile perdersi. In un anno sono circa

una trentina le chiamate per questo soccorso. Nella maggior parte dei casi lescursionista chiama tramite cellulare il numero di emergenza ambientale 1515 che attiva la pattuglia pi vicina che conoscendo bene i luoghi, in genere recupera gli escursionisti nel giro di poco tempo". Incendi I mesi estivi sono a maggiore rischio per quanto concerne gli incendi e il comandante ci tiene a precisare che lautocombustione, nelle nostre zone, non esiste, mentre gli incendi causati da eventi naturali, come i fulmini, sono rarissimi. Si tratta, quindi, di eventi provocati dalluomo o con dolo, oppure per colpa. "Nel 2011, in provincia, gli incendi boschivi sono aumentati. Abbiamo registrato 19 casi per un totale di 64 ettari

bruciati, fra boschi e sterpaglie. Quattro sono dovuti a cause colpose (tre per attivit agricole e uno per un mozzicone di sigaretta), mentre 11 incendi sono dovuti a cause dolose come bracconaggio, piromani, vendette personali. I restanti quattro incendi hanno avuto cause non individuabili e comunque con indagini ancora in corso". Nei primi 6 mesi del 2012 si sono verificati 5 incendi per quasi 4 ettari di bosco e incolti andati in fumo, al 60 per cento per cause dolose e i restanti per cause colpose. Alla Forestale spetta anche la prevenzione, il controllo e la repressione del traffico illecito di animali protetti dalla Cites, la convenzione di Washington. "Per la tutela di questi animali - aggiunge Naccarato - nel

nostro auspicio che, educando i giovani, il messaggio positivo possa arrivare anche agli adulti". Nuova stazione Entro la fine dellanno dovrebbe diventare operativo il Comando di stazione di Cesena. Una sede attesa da oltre 15 anni per il controllo sul territorio delle zone di pianura fino a Cesenatico. In queste settimane il Corpo Forestale, insieme al Comune di Cesena, sta cercando una sede idonea. Cristiano Riciputi

I giorni, i luoghi e gli orari in cui possibile usufruire dellambulatorio nei vari paesi della valle

Guardia medica a disposizione dei turisti


E partito dal 1 luglio, nelle localit di Bagno di Romagna, San Piero in Bagno, Balze, Acquapartita, Alfero e Verghereto, il servizio medico per turisti attivato dallAusl di Cesena per fornire assistenza sanitaria ai tanti villeggianti che nel periodo estivo soggiornano nelle localit montane del territorio dellazienda. Il servizio, operativo fino al 31 agosto, rivolto anche ai lavoratori stagionali e a tutti i visitatori italiani e stranieri, mentre per i cittadini residenti il punto di riferimento continuer a essere il proprio medico di base. Per accedere alle prestazioni sanitarie richiesta agli utenti una partecipazione alla spesa a seconda del tipo di intervento: per la visita o la prestazione ambulatoriale semplice il contributo richiesto ammonta a 15 euro, mentre per lintervento a domicilio richiesto un contributo di 25 euro. Tutti i pazienti sono tenuti al pagamento di queste quote, indipendentemente dalla titolarit dellesenzione. Sono invece escluse da qualsiasi tipo di pagamento le prestazioni di primo soccorso nel caso di infortunio sul lavoro. Per le visite a domicilio urgenti possibile rivolgersi dalle 8 alle 20 al numero 3371000476. Per le urgenze negli orari notturni (dalle 20 alle 8 del giorno successivo), invece, telefonare al numero verde 848.800.865. A Bagno di Romagna lambulatorio ha sede presso il Liceo scientifico in via Manin 87 ed aperto dal luned al sabato dalle 17 alle 19. A San Piero in Bagno si trova presso lospedale Angioloni ed attivo dalle 15.30 alle 16.30, dal luned al sabato. A Balze vi si pu accedere dalle 10 alle 12, dal luned al sabato, e si trova in via Nuova 65. Ad Acquapartita lambulatorio ha sede presso lhotel Lucciola (via Acquapartita 94) ed fruibile il luned e il gioved dalle 8,30 alle 9,30. Ad Alfero attivo il marted e il venerd in via Leopardi 14 dalle 8,30 alle 9,30. A Verghereto aperto il mercoled e il sabato in piazza san Michele, dalle 8,30 alle 9,30. Per ulteriori informazioni rivolgersi al Servizio Guardia Turistica presso il Dipartimento di Cure Primarie della Ausl di Cesena, Corso Cavour 180, Tel. 0547352427.

Primo piano

Gioved 12 luglio 2012

Balze, tanti turisti in cerca di aria buona


Il parroco don Renato Baldazzi: "La messa, sia feriale che festiva, molto partecipata"
Una comunit di trecento abitanti che in estate decuplica. Balze di Verghereto, con i suoi 1096 metri sul livello del mare, il paese pi alto della Romagna. Fino al 1923 si trovava in Toscana e fu Benito Mussolini a cambiare Regione ad unampia parte di territorio in modo che il Tevere, "fiume sacro ai destini di Roma", nascesse in Romagna. Balze una meta ambita per i turisti, per lo pi delle zone limitrofe. "A che ora celebra domani la messa?"

chiede a don Renato Baldazzi, parroco di Balze e Montecoronaro, una signora di Rimini che da anni trascorre le vacanze in paese. "La domenica celebriamo quattro messe - risponde il sacerdote - e lultima quella delle 18, qui in parrocchia". "Qui la temperatura pi fresca che non in pianura e laria buona" aggiunge la signora, la quale fa parte di tutti quei villeggianti che trovano nellAppennino romagnolo unoasi di pace e relax a meno di unora di auto da casa. "A Balze ci sono cinque alberghi - spiega il parroco - pi tanti appartamenti che sono per lo pi seconde case. In inverno la messa domenicale partecipata da una cinquantina di persone, mentre in estate, sommando le messe festive, si superano le 300. Ci significa che anche fra i turisti vi una buona adesione ai sacramenti. Luglio e agosto sono mesi in cui la presenza turistica davvero numerosa". A Montecoronaro non vi sono alberghi, ma pi di 100 fra appartamenti e case, per lo pi abitate in estate dai villeggianti. Sabato scorso sono terminati alcuni lavori

nella chiesa parrocchiale di Balze: i pannelli in legno scolpiti a bassorilievo da don Gino Pellizzer negli anni 90, sono stati ripuliti e riposizionati. Due volontari, Guido Sartini e Gianfranco Rossi si sono occupati dei lavori. Don Pellizzer stato parroco di Balze per trentanni ed ricordato anche per la sua grande maestria nellintaglio del legno. "In settembre partiranno altri lavori aggiunge don Baldazzi - ben pi imponenti e onerosi. Si tratta del consolidamento della staticit della chiesa, per il quale occorre intervenire su tutto il pavimento della chiesa. Ad esempio, sul presbiterio, negli ultimi 10 anni il pavimento ha ceduto e oggi si notano avvallamenti di oltre 10-15 centimetri. Altri lavori, in via di ultimazione, sono al sasso dellApparizione. Posto a poche centinaia di metri dalla chiesa parrocchiale, la tradizione narra che davanti a questo grosso masso apparve la Madonna. Al fine di rendere pi fruibile larea, sono stati costruiti un altare, un ambone e sono state messe delle panche cos da poter celebrare la messa. Cr

"SantAlberico: alleremo per rinfrancare corpo e spirito"


Sono tante le persone che salgono in Appennino sulle orme di don Quintino Sicuro. Oggi c fra Michele Falzone che prosegue lopera e accoglie viandanti, turisti e pellegrini
ulla strada che da Alfero conduce a Balze, un cartello, sulla destra, indica "Eremo di SantAlberico". Svoltando, si percorre unampia strada circondata da alberi fino a un piazzale, grande e attrezzato. Vi sono tavoli, spazi per parcheggiare e il Comune di Verghereto sta realizzando anche alcuni barbecue in pietra per dare modo ai patiti del picnic di fare grigliate. Le quinte sono costituite da un lussureggiante bosco. Un altro cartello indica il sentiero per leremo di SantAlberico. Il primo tratto ripidissimo e si snoda in un bosco cos fitto che la luce del sole non penetra. Dopo lultimo strappo il sentiero spiana, allaltezza della prima "maest", o "mestadina" come sono chiamate dai locali. Ogni maest, fatta con pietra del luogo, una stazione della Via Crucis e i viandanti, seguendo una tradizione plurisecolare, vi appoggiano un sassolino in segno di devozione. "In estate viene tanta gente - ci spiega fra Michele Falzone, eremita di SantAlberico da ormai sei anni - sia di passaggio, sia per fare unesperienza spirituale". Rimaniamo con fra Michele mezzora e nel frattempo un gruppo di sei persone si congeda, tre famiglie con bambini raggiungono leremo, una comitiva scout si sistema nei pressi della casa, due pellegrini (uno di Ancona e uno di Bologna) preparano le proprie cose nelle stanze messe a disposizione. "Leremo sempre pi un luogo di preghiera e ricerca di Dio - aggiunge Falzone - e questa la sua finalit. Spiego sempre, a chi mi contatta chiedendo ospitalit, che questo non un albergo e neppure un appoggio per bivaccare o fare picnic. Per questo, c

FRA MICHELE MENTRE RICEVE GENTE ALLEREMO

"SantAlberico non un albergo - dice leremita - e chi chiede ospitalit qui deve seguire le nostre regole francescane" Nel 2013 si celebra lanniversario (800) anni del passaggio di San Francesco da queste parti: fra Michele intende organizzare un pellegrinaggio

tutto il necessario nel piazzale a 500 metri da qui, pi a valle. Chi decide di passare qualche giorno alleremo accetta di seguire le regole. Non ammessa lautogestione". Seguire le regole non un freno alle richieste. "Anzi - aggiunge leremita - chi alla ricerca autentica di Dio apprezza il silenzio, la preghiera e il lavoro, il rispetto delle regole". Intanto gli scout sistemano le biciclette e scaricano le proprie borse. Sono saliti in bici da Rimini che dista pi di 60 chilometri. Fanno tappa una notte alleremo per poi proseguire fino a La Verna. Molti escursionisti lambiscono leremo durante le loro passeggiate. Scattano qualche foto, fanno un saluto alleremita o a Neve, il grosso cane San Bernardo che fa compagnia a fra Michele. In inverno le presenze calano e chi raggiunge queste zone di solito un esperto di trekking o chi appassionato di ciaspole. Il prossimo anno ci sar un grande evento: si ricorda l800esimo anniversario del passaggio di San Francesco da queste zone. Falzone vorrebbe celebrare questo importante anniversario con un evento particolare, ad esempio un pellegrinaggio a piedi, a tappe che, partendo da Cesena, conduca fino quass. "E solo unidea dice - e tutto deve essere ancora deciso. Per lintenzione di fare qualcosa di intensamente spirituale, concreta". I 1240 metri di altezza delleremo

offrono unaria frizzante, soprattutto verso sera. Fra Michele fa notare lo stato di degrado in cui versa il tetto: in un tratto il cemento si corroso e il cornicione presenta un grosso buco. Ma anche il resto della copertura in condizioni precarie, per questo leremita in passato ha chiesto un aiuto per eseguire i lavori per i quali la Diocesi ha gi assicurato, per parte della spesa, il proprio sostegno. Su un lato del giardino, curatissimo, vi la tomba di don Quintino Sicuro, colui che risistem leremo e lo fece rivivere come punto di preghiera e spiritualit. Poco pi in alto, in un altro giardinetto, vi la tomba del diacono Vincenzo Minutello, che per tanti anni ha condiviso lesperienza delleremo con don Quintino. In un lato vi lalto palo che sorregge la webcam, quella che in diretta con tutto il mondo grazie al sito www.eremosantalberico.it. Un sito molto cliccato anche in Romagna grazie ai dati meteorologici rilevati dalla stazione meteo. Sulle pagine online vi sono anche tutte le indicazioni per mettersi in contatto con fra Michele per chiedergli ospitalit. "Accolgo a braccia aperte - conclude fra Michele - tutti coloro che desiderano salire nel nostro Appennino. Leremo a disposizione di chi intende trascorrere qualche giorno di preghiera e spiritualit, in unatmosfera francescana". Cristiano Riciputi

Gioved 12 luglio 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Terremoto, in diocesi raccolti oltre 70mila euro


Continua la raccolta fondi a favore delle popolazioni terremotate. La Caritas e la Curia diocesana ricevono le offerte versate in occasione della raccolta straordinaria promossa domenica 10 giugno in tutte le chiese della diocesi. Fondi - che saranno versati alla Caritas nazionale - stanno arrivando anche da iniziative successive. Laggiornamento comunicato dalla Curia diocesana rende conto che, ad oggi, sono stati raccolti 73.077,26 euro. Le offerte vengono raccolte presso la Caritas diocesana in corso Sozzi, 39, a Cesena (la mattina, dal luned al venerd). Possono inoltre essere versate direttamente sul conto corrente intestato alla Caritas n. 12130 presso la Cassa di Risparmio di Cesena con la causale Terremoto nord Italia 2012.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Mostraci, Signore, la tua misericordia
Domenica 15 luglio - Anno B XV Domenica del Tempo Ordinario Am 7,12-15; Sal 84; Ef 1,3-14; Mc 6,7-13
Il cristiano annuncia e testimonia il Vangelo nel proprio ambiente di lavoro, nellambito sociale, nel campo della scuola. Ogni domenica, Ges Risorto, alla fine della messa ci congeda rinnovandoci linvito ad andare a portare a tutti Lui e il suo Vangelo, seguendo le indicazioni che Lui ci ha lasciato. Andiamo in missione per amore di Cristo e per amore verso i fratelli. Oggi sembra prevalere lindifferenza, la stanchezza. Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia la questione cruciale della Chiesa, in Italia, oggi. Nella nostra comunit ci deve essere un solo desiderio: che tutti conoscano Cristo. necessaria una pastorale missionaria. Cos scrivono i nostri vescovi nel documento Il volto missionario della parrocchia in un mondo che cambia. Non si pu pi dare per scontato che si sappia chi Ges, che si conosca il Vangelo. C bisogno di un rinnovato primo annuncio della fede. essenziale la comunicazione della fede da persona a persona. Ricordare a ogni cristiano questo compito oggi un dovere primario di ogni parrocchia. Riscopriamo tutti la nostra responsabilit missionaria e la bellezza di tale vocazione. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 16 luglio Madonna del Carmine Is 1,10-17; Sal 49; Mt 10,34-11,1 marted 17 santAlessio Is 7,1-9; Sal 47; Mt 11,20-24 mercoled 18 san Federico Is 10,5-7.13-16; Sal 93; Mt 11,25-27 gioved 19 santArsenio Is 26,7-9.12.16-19; Sal 101; Mt 11,28-30 venerd 20 santApollinare Is 38,1-6.21-22.7-8; Cant Is 38,10-12.16; Mt 12,1-8 sabato 21 san Lorenzo da Brindisi Mi 2,1-5; Sal 9; Mt 12,14-21

Pellegrinaggio diocesano a Fatima


La diocesi di Cesena-Sarsina propone, dal 16 al 18 agosto, un pellegrinaggio a Fatima (Portogallo), guidato dal vescovo Douglas Regattieri. Quota individuale complessiva: 650 euro. Per info e iscrizioni: Centro Pastorale di Palazzo Ghini (corso Sozzi, Cesena), tel. 0547 611001.

CHIESA INFORMA

Giornate di fraternit e spiritualit a La Verna


Dall8 al 12 agosto, per giovani dai 18 ai 30 anni
Le suore francescane della Sacra Famiglia propongono ai giovani fino a 30 anni unesperienza di preghiera, servizio e fraternit nella casa di spiritualit La Roccia, a La Verna. Le giornate, con tema Caccia al tesoro, si svolgeranno dall8 al 12. Per info: suor Daniela e suor Nadia, tel. 0575 599252; suor Chiara e suor Alessandra, tel. 0541 621138.

l Vangelo ci racconta la prima esperienza missionaria degli Apostoli. Gi la prima Lettura ci prepara a questa avventura attraverso la chiamata, da parte di Dio, di Amos ad essere suo profeta. Dio che chiama e che manda, come pure Ges che chiama e manda. Ges, poi, d alcune indicazioni agli apostoli per svolgere la missione. Li manda due a due e poi raccomanda lo spirito del distacco: non devono essere attaccati al denaro, alle comodit; non devono essere attaccati a nulla. Non devono prendere nulla per il viaggio: n pane, n bisaccia, n denaro. Ges li avverte che potranno essere respinti e anche perseguitati. Non devono preoccuparsi di avere successo. Tutta la Chiesa missionaria, mandata a predicare il Vangelo. E quindi ogni cristiano per sua natura missionario. Sono missionari i genitori nei confronti dei propri figli attraverso la testimonianza e limpegno educativo. Sono missionari gli adulti nei confronti delle nuove generazioni.

A MESSA DOVE
8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Bagnile, Casale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Bulgaria, Casalbono, Borello 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, 18.30 San Pietro, Cappuccini, San Domenico, 19.00 Osservanza 20.00 San Bartolo

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, SantEgidio, Cappuccini 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche), San Pio X

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, Santo Stefano, San Vittore, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 18.30 San Pietro, San Domenico, SantEgidio, San Rocco, Cappuccini, Case Finali, Santa Maria della Speranza 19.00 San Bartolo, San Giorgio, Osservanza 20.00 Gattolino, Tipano 20.30 San Giovanni Bono, Ponte Pietra, Martorano, Ruffio, Villachiaviche, San Pio X, Santa Maria Nuova, Bulgaria, Pievesestina, Pioppa, Bulgarn, Calisese, San Cristoforo, Borello 20.45 San Mauro in Valle

Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini, San Giuseppe, Gatteo a Mare, Valverde; 9,15 San Pietro; 9.30 Cannucceto; 10 San Giacomo; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 Zadina (Park Hotel), Valverde; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, Boschetto Longiano Sabato: 18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20.30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 20.30 (sabato) 8.30 / 10.30 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11.

Montenovo: ore 20.30 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 18.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo

variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18.30 (sabato); 8 / 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe festive

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

7.00 Cattedrale 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Bulgaria, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto, Villamarina; 18 Gatteo a Mare; 18,30 Valverde; 18,45 San Giuseppe; 19 Camping Cesenatico; 20,30 Santa Maria Goretti; 20,30 Sala, Villalta; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, San Pietro (Ponente), Boschetto Festivi: 7 Gatteo a Mare; 7,30 Valverde; 8 Santa Maria

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 26 del 5 luglio 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 10 luglio 2012

Vita della Diocesi

Gioved 12 luglio 2012

Notizie di arte, storia e cultura


ECCO LA LETTERA DI MICHELANGELO AL VESCOVO DI CESENA

a cura dellUfcio diocesano per lArte sacra e i Beni culturali


Campidoglio, a Roma, descrisse le circostanze che avevano portato a una situazione per lui tanto umiliante e difficile. Lartista scrisse che i suoi operai erano rimasti nella Fabbrica a guardarla e a difender lammunitione e laltre cose da soldati, con pericolo della vita; ma non potendo provvedere egli stesso alla paga, temeva che dalla situazione ne potessero derivare un danno di parechi migliara di scudi e un probabile scandolo. Eletto Giulio III il 7 febbraio 1550, la vicenda trov una soluzione e il 13 marzo successivo il presidente della Fabbrica di San Pietro intim e ottenne che a Michelangelo fossero restituite le chiavi del cantiere. Christophorus de Spiritibus fu vescovo di Cesena dal 1510 al 1556, ma nel 1545 il governo della diocesi venne affidato al giovane nipote Giovanni Battista Spiriti in qualit di coadiutore con diritto di successione. Dal 1550 Christophorus ebbe anche il titolo di patriarca di Gerusalemme. Non sono molte a Cesena le tracce lasciate da questo vescovo, che risiedeva abitualmente a Roma, ma nella cattedrale, al centro del soffitto della vecchia sacrestia, tuttora visibile il suo stemma, e in Malatestiana conservato un codice manoscritto (D.I.2), dei secc. XV-XVI, che a partire dalla c. 143 contiene una serie di epigrammi di Francesco Uberti a lui dedicati (dal catalogo della mostra Lux in arcana. LArchivio Segreto Vaticano si rivela e dal sito della Malatestiana).

uando nel 1547 Michelangelo Buonarroti venne nominato da Paolo III sovraintendente alla Fabbrica della basilica di San Pietro, succedendo ad Antonio da Sangallo, non poteva certo immaginare che, di l a poco, sarebbe rimasto senza il suo potentissimo committente e protettore. Papa Farnese moriva infatti il 10 novembre 1549. Nellattesa del nuovo pontefice, il 22 novembre di quellanno, con decreto dei responsabili della Fabbrica, vennero interrotti i lavori in San Pietro ed il cantiere e i materiali di lavoro confiscati e chiusi a chiave. La nuova situazione determin, come ovvio, la sospensione dei salari per tutti gli artigiani, carpentieri e muratori che a quella impresa stavano lavorando. Il Buonarroti dunque si trov in gravi difficolt economiche e, preoccupato anche della sorte dei suoi collaboratori, fu costretto a ricorrere allaiuto dei suoi mecenati e amici. Tra questi, scelse di rivolgersi anche a Cristoforo Spiriti, allora vescovo di Cesena, al quale, in una breve lettera del gennaio 1550 (nella foto), conservata nellarchivio segreto vaticano ed esposta di recente in

Messaggio del vescovo Douglas ai turisti in visita nel nostro territorio

In breve
Lattualit del monachesimo, incontro al Monte
Gioved 12 luglio alle 18, nella sala Pio VII del monastero di Santa Maria del Monte, incontro con labate primate dei benedettini Notker Wolf, su Lattualit del monachesimo; parteciper il chitarrista Michelangelo Severi. Lincontro rientra nella rassegna Via Sancti Romualdi, manifestazioni culturali per il millenario della fondazione di Camaldoli.

Trovate una comunit disponibile e accogliente C


arissimi fratelli turisti, benvenuti nella nostra terra romagnola. Qui trovate la freschezza del clima dei nostri monti, la dolcezza delle colline, larte di antichi monumenti religiosi e civili, dentro e fuori la Citt, la bellezza e la vastit del mare con
INTERNO DELLA CONCATTEDRALE DI SARSINA

lincanto delle sue albe e dei suoi tramonti. Soprattutto sperimentate il calore dellaccoglienza romagnola con i suoi prodotti INTERNO DELLABBAZIA DEL MONTE, alimentari tipici che lhanno A CESENA resa famosa in tutto il mondo. Trovate anche una comunit ecclesiale attenta, disponibile e pronta a offrirvi occasioni di di Sarsina, leremo di santAlberico, il riflessione e di preghiera. monastero della Piccola Famiglia Sono le nostre chiese sempre aperte, della Risurrezione a Valleripa e altre i nostri sacerdoti disponibili per localit ricche di spiritualit e vere celebrare per voi la santa Messa, oasi di pace. per ascoltare le vostre confessioni e La lettura del Vangelo e di qualche per aiutarvi in ogni necessit libro di spiritualit potranno spirituale. riempire le vostre giornate di riposo Mentre dedicate tempo al necessario e al tempo stesso arricchire il vostro e meritato riposo del corpo, non spirito. risparmiate qualche energia per lo Prego il Signore perch vi spirito, vistando le nostre belle pievi accompagni e vi tenga lontano da romaniche, le nostre chiese ogni pericolo e nel Suo nome vi e i luoghi di ritiro come i Santuari benedico. mariani, la stupenda basilica della + Douglas, Vescovo Madonna del Monte e la cappella della Madonna del Popolo nella Cesena, 24 giugno 2012, nostra Cattedrale, la Concattedrale san Giovanni battista

Radio Maria in diretta da San Carlo di Cesena


Lemittente radiofonica cattolica Radio Maria, in occasione della commemoriazione della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, si collegher luned 16 luglio alle 7,30 con la parrocchia di San Carlo di Cesena. Guider il Rosario, la recita delle Lodi e celebrer la Messa il parroco don Giovanni Savini.

Al mare o in montagna le vostre foto sul Corriere


Una proposta dalla commissione diocesana Gaudium et Spes in preparazione alla Giornata della Salvaguardia del Creato che si celebrer sabato 1 settembre (questanno avr luogo ai Cappuccini). Ai tantissimi gruppi (parrocchie, associazioni, privati...) in partenza per campi scuola e ferie in luoghi a stretto contatto con la natura, viene proposto di inviare i propri clic pi suggestivi allindirizzo creato@corrierecesenate.it. Le fotograe che arriveranno in redazione saranno pubblicate in uno Speciale nelle settimane che precederanno la festa di settembre.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Gioved 12 luglio 2012

Vita della Chiesa

LAngelus di domenica scorsa: riflessioni e preghiera da Castel Gandolfo

Catholica
di Stefano Salvi

detto XVI Bene

(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

IL 7 E L8 LUGLIO ALMENO 90 I CRISTIANI UCCISI IN NIGERIA


Riprendendo lanci di agenzia, la Radio Vaticana ha dato la notizia che complessivamente le stime delle violenze avvenute il 7 e l8 luglio contro villaggi cristiani nello Stato di Plateau parlano di almeno 90 morti, fra i quali 50 cadaveri bruciati in una chiesa del villaggio di Matsai. Avvenire il 4 luglio ha pubblicato, col significativo titolo Insieme agli islamici vinceremo il terrore, unintervista a monsignor Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos e presidente della Conferenza episcopale Nigeriana, che ha ricevuto a Roma il Premio Colomba doro per la pace dallArchivio disarmo, con il contributo della Legacoop. Il testo dellintervento di monsignor Kaigama stato pubblicato sul sito della comunit di SantEgidio. Il vescovo nigeriano ha anche incontrato a Montecitorio una delegazione dei 300 parlamentari italiani di Udc, Pd, Lega e Pdl, che assieme a oltre 30mila persone hanno firmato lappello in difesa dei cristiani in Nigeria. In quelloccasione il vescovo, dopo avere ringraziato ribadendo che questa la prima manifestazione di forte solidariet al mio popolo da parte europea, ha cos commentato la proposta di una visita in Nigeria di una delegazione parlamentare italiana: Che duri anche solo unora, una vostra visita sarebbe importantissima per non fare sentire abbandonati noi cristiani nigeriani.

Perch un cuore chiuso?


miracoli di Ges sono segni dellamore di Dio che richiedono anche la nostra fede. Lo ha ricordato domenica mattina 8 luglio Benedetto XVI, nella recita dellAngelus con i pellegrini giunti nel cortile della residenza di Castel Gandolfo, che lo hanno accolto con un canto, quando si affacciato al balcone. Ringraziamo i ragazzi da Dresda che hanno cantato cos bene, ha detto a braccio. Limportanza della fede. Vorrei soffermarmi brevemente sul brano del Vangelo di questa domenica, un testo da cui tratto il celebre detto Nemo propheta in patria, cio nessun profeta bene accetto tra la sua gente, che lo ha visto crescere, ha affermato il Papa. In effetti, ha proseguito, dopo che Ges, a circa trentanni, aveva lasciato Nazareth e gi da un po di tempo era andato predicando e operando guarigioni altrove, ritorn una volta al suo paese e si mise ad insegnare nella sinagoga. I suoi concittadini rimanevano stupiti per la sua sapienza e, conoscendolo come il figlio di Maria, il falegname vissuto in mezzo a loro, invece di accoglierlo con fede si scandalizzavano di Lui. Questo fatto, secondo il Pontefice, comprensibile, perch la familiarit sul piano umano rende difficile andare al di l e aprirsi alla dimensione divina. Che questo falegname sia Figlio di Dio difficile crederlo per loro. Ges stesso porta come esempio lesperienza dei profeti dIsraele, che proprio nella loro patria erano stati oggetto di disprezzo, e si identifica con essi. Non solo: A causa di questa chiusura spirituale, Ges non pot compiere a Nazareth nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guar. Infatti, ha precisato il Santo Padre,

i miracoli di Cristo non sono una esibizione di potenza, ma segni dellamore di Dio, che si attua l dove incontra la fede delluomo. una reciprocit. E qui ha ricordato quanto scrive Origene: Allo stesso modo che per i corpi esiste unattrazione naturale da parte di alcuni verso altri, come del magnete verso il ferro cos tale fede esercita unattrazione sulla potenza divina. Trasparenza di Dio. Sembra - ha osservato Benedetto XVI - che Ges si faccia, come si dice, una ragione della cattiva accoglienza che incontra a Nazareth. Invece, alla fine del racconto, troviamo unosservazione che dice proprio il contrario. Scrive levangelista che Ges si meravigliava della loro incredulit. Dunque, allo stupore dei concittadini, che si scandalizzano, corrisponde la meraviglia di Ges. Anche Lui, in un certo senso, si scandalizza! Malgrado sappia che nessun profeta bene accetto in patria, tuttavia la chiusura del cuore della sua gente rimane per Lui oscura, impenetrabile: come possibile che non riconoscano la luce della Verit? Perch non si aprono alla bont di Dio, che ha voluto condividere la nostra umanit?. In effetti, ha evidenziato il Papa, luomo Ges di Nazareth la trasparenza di Dio, in Lui Dio abita pienamente. E mentre noi cerchiamo sempre altri segni, altri prodigi, non ci accorgiamo che il vero Segno Lui, Dio fatto carne, Lui il pi grande miracolo delluniverso: tutto lamore di Dio racchiuso in un cuore umano, in un volto duomo. Colei che ha compreso veramente questa realt, ha sottolineato il Pontefice, la Vergine Maria, beata perch ha creduto. Maria non si scandalizzata di suo Figlio: la sua

meraviglia per Lui piena di fede, piena damore e di gioia, nel vederlo cos umano e insieme cos divino. Di qui linvito: Impariamo da lei, nostra Madre nella fede, a riconoscere nellumanit di Cristo la perfetta rivelazione di Dio. Un momento di riposo. Dopo lAngelus, il Santo Padre, rivolgendosi ai presenti, ha detto: Cari fratelli e sorelle, sono lieto di accogliervi qui a Castel Gandolfo, dove sono giunto da alcuni giorni. Saluto cordialmente la comunit locale e auguro a tutte le famiglie di poter avere un momento di riposo e di ricarica fisica e spirituale. Poi ha salutato con affetto, provenienti da vari Paesi, le Suore di Santa Elisabetta che stanno vivendo uno speciale incontro a dieci anni dalla loro professione perpetua, augurando loro che il Signore le rinnovi profondamente nel suo amore!. Saluti in varie lingue. Nei saluti in varie lingue Benedetto XVI in francese ha esortato: In questo periodo estivo, non mandate Dio in vacanza, pensate a pregare e ad andare a messa. In inglese ha salutato, tra gli altri, i partecipanti al corso internazionale per formatori nei seminari organizzato dal Pontificio Ateneo Regina Apostolorum. Nel Vangelo di oggi - ha proseguito - Ges ci ricorda che se viviamo con cuore aperto e semplice, alimentato dalla vera fede, noi possiamo riconoscere la presenza di Dio nelle nostre vite e seguire la sua santa volont. Preghiamo il Signore - stato linvito in tedesco - che tolga da noi ogni pigrizia nella fede. Vogliamo usare perci questo tempo di vacanze per stare pi tempo con Cristo, per accogliere le sue indicazioni per la nostra vita e testimoniare il suo potere divino.

IN VIETNAM RICOMPENSE A CHI ATTACCA I CATTOLICI

AsiaNews il 3 luglio ha dato la seguente notizia dal Vietnam in un pezzo firmato da Nguyen Hun: La sera del primo luglio, come ogni domenica, padre J. B. Nguyen Dinh Thuc ha i fedeli in una cappella di Com Cuong per celebrare la messa. Allimprovviso, un gruppo di teppisti con molta probabilit vicini a un movimento nazionalista ed estremista ha interrotto la funzione prendendo di mira i presenti. Fomentati dalle autorit locali, che pagano questi gruppi per colpire le comunit cattoliche, gli assalitori hanno colpito con forza e brutalit ferendo dozzine di persone. Una di loro, la signora Maria Ngo Thi Thanh, ha riportato una frattura cranica ed stata ricoverata in ospedale per cure intensive. [] Una fonte, dietro anonimato, confida ad AsiaNews che i violenti sono ricompensati con 25 dollari ciascuno per le loro azioni ai danni di fedeli pacifici.

CRISTIANI ARRESTATI IN LAOS

Secondo lagenzia Fides del 6 luglio I fedeli cristiani di almeno 15 villaggi della provincia di Luang Namtha, nel Nord Laos, hanno segnalato casi di intimidazione e minacce da parte di alcuni agenti di polizia che li hanno diffidati dal diffondere la fede cristiana. A volte, dopo gli avvertimenti, scattano gli arresti: nei giorni scorsi 4 persone, tra cui 2 cittadini tailandesi, sono state arrestate dalla polizia, perch accusate di spiegare la Bibbia ad un uomo laotiano, in casa di un cristiano locale.

Attualit

Gioved 12 luglio 2012

lita La divisa ripu

Condannati molti alti dirigenti della Polizia per i fatti della scuola durante il G8 di Genova. Si chiude cos, in chiarezza, un triste capitolo
comminata ai colpevoli, la giustizia processuale non ripara, non restituisce alle vittime ci che stato loro sottratto. Ma riconoscendo i fatti a nome della comunit ristabilisce la dignit delle vittime, quella violata dagli insulti e dalle umiliazioni. Per questo una sentenza importante. Dopo la sentenza sono arrivate le scuse dovute del Capo della Polizia Manganelli. Avremmo preferito, onestamente, che arrivassero prima, quando i fatti e le responsabilit della Polizia erano stati incontrovertibilmente accertati. Questa vicenda, per, non riguarda un fatto isolato e richiede lapertura di una riflessione ampia sulle forze dellordine italiane. Come si potuto in un evento importante e pubblico come il G8 pianificare unazione cos arrogante e cinica, pensando di essere impunibili e al di sopra di ogni sospetto? Come si potuto promuovere i protagonisti di quellazione a nuovi e pi autorevoli incarichi mentre erano gi inquisiti? Non basta dire, come ha fatto Manganelli, che fino a sentenza definitiva c presunzione di innocenza. Presunzione di innocenza non condannare nelle piazze; promuovere gli indagati arroganza istituzionale. Quella arroganza pu generare frutti perversi. Le vicende di Stefano Cucchi e Federico Aldrovandi, entrambi morti per botte date da uomini in divisa, allarmano. Nel caso di Aldrovandi indignano i terribili insulti che ancora nei giorni scorsi gli sono stati rivolti in rete da altri uomini in divisa, offesi dal tribunale che ha riportato verit sulla vicenda. Manganelli ha dovuto chiedere scusa anche alla mamma di Aldrovandi, e ha fatto bene. Ma due lettere di scuse cos gravi in una settimana rendono evidente il problema. Non pi procrastinabile una coraggiosa operazione di riforma, trasparenza e formazione che tolga ogni dubbio sulla professionalit e sullappartenenza democratica delle forze dellordine. Non bastano solo nuove nomine al vertice forzate da una sentenza. Non una responsabilit solo del Capo della Polizia. Riccardo Moro

Le violenze alla scuola Diaz Una sentenza che rende giustizia


fatti sono di undici anni fa. Onestamente troppi per una sentenza definitiva. Ma, se pur tardi, si tratta di un passaggio prezioso per il paese. Troppo numerose sono state in Italia le sentenze mancate, i fatti accertati, prime fra tutti le stragi, che non hanno trovato verit giudiziale. Con la sentenza che condanna molti alti dirigenti della polizia per i fatti della Scuola Diaz durante il G8 di Genova si chiude un capitolo, per quanto possibile, nella chiarezza. I fatti sono noti. Durante la notte del vertice internazionale, poliziotti, graduati e no, entrano nella scuola Diaz dove molte persone sono ospitate per la notte. Si tratta di cittadini italiani e stranieri in prevalenza giovani, fra loro alcuni giornalisti, che erano stati rigorosamente autorizzati dalle autorit competenti sia a manifestare sia a dormire nella scuola durante i giorni del vertice. lavvio di una serie di fatti che mai avremmo voluto vedere nella storia democratica del nostro paese. I poliziotti entrano nella scuola colpendo con violenza indiscriminatamente tutti coloro che trovano sulla loro strada. Il giorno successivo chi entra nella scuola trova tutto distrutto. Sul pavimento laghi di sangue. Le macchie pi incredibili quelle contro i muri, prodotte facendo sbattere la testa alle persone e facendole strisciare con violenza contro le pareti. Sul pavimento in corrispondenza delle strisce di sangue ci sono ancora i denti. Per i fermati non finita. La notte un incubo di ulteriori violenze e umiliazioni. Impronunciabili quelle contro le donne. Per qualcuno il delirio durer qualche giorno. Per descriverlo stata usata con consapevolezza la parola tortura. Tutto questo, come stato ampiamente

dimostrato nei processi, non era giustificato da una reazione violenta di chi dormiva nella scuola. Era stato pianificato a tavolino. Sono state fabbricate prove false, come le bottiglie molotov e le spranghe portate nella scuola dai poliziotti e mostrate il giorno dopo ai giornalisti per giustificare lazione e screditare moralmente e politicamente i manifestanti. Tutta lazione stata costruita sullinganno con un cinismo e

una violenza che speravamo appartenere solo alle degenerazioni pi gravi delle milizie che hanno animato i colpi di stato cileno e argentino degli anni 70. Le forze dellordine in un paese civile proteggono i cittadini e sono uno strumento prezioso per la vita democratica. Godendo dellautorizzazione, a precise condizioni, alluso di armi e forza che gli attribuito dallo Stato, il solo ad averne il monopolio, hanno una responsabilit speciale e preziosa. Spesso sono state oggetto di violenza e alcuni loro rappresentanti hanno offerto la vita per la democrazia del nostro paese, caduti per mano del terrorismo o della criminalit organizzata. La loro divisa cara a tutti i cittadini che amano e servono la democrazia italiana. Per questo i fatti di Genova sono sconvolgenti. Quanto avvenuto spiegabile solo in tre modi. Un disegno politico, che mai deve appartenere alle forze dellordine, o unincredibile manifestazione di piacere animalesco per luso violento del potere, o un clamoroso errore di valutazione della pericolosit della situazione, che comunque mai autorizzerebbe luso di prove false, violenza e umiliazioni. Quale che sia il caso, protagonisti e responsabili di fatti di questo tipo non posso ulteriormente continuare a servire lo stato, per palese disprezzo della Costituzione o per manifesta incapacit professionale. Oggi la sentenza chiude un capitolo importante. Di fronte a lacerazioni di questo tipo importante favorire processi di riconciliazione. Ma questi sono possibili solo nella verit. Difficile avviarli se i colpevoli non ammettono le loro responsabilit. Con la pena

Inaugurato a SantAgata Bolognese un nuovo stabilimento costruito secondo i parametri del risparmio energetico

Lamborghini Automobili in aiuto dei terremotati


el 2013 Lamborghini Automobili compie 50 anni e levento sar festeggiato con una serie di iniziative. Il 10 per cento di ricavi delle quote di partecipazione e sponsorizzazione sar utilizzato per ricostruire chiese e centri di aggregazione sociale in queste zone terremotate emiliane. Cos Stephan Winkelmann, amministratore delegato della fabbrica di macchine sportive di SantAgata Bolognese, ha annunciato lintenzione di sostenere le aree colpite dal terremoto. Gioved 6 luglio la ditta emiliana ha inaugurato il nuovo stabilimento costruito secondo i parametri di risparmio energetico ottenendo, primo in Italia, per una struttura multipiano, la Classe A. Al taglio del nastro era presente anche il ministro per lAmbiente Corrado Clini. A causa del terremoto, che pure non ha danneggiato i nostri capannoni - ha affermato Winkelmann - fra fine maggio e i primi di giugno abbiamo fermato la produzione per 5 giorni. Molti dei nostri dipendenti hanno avuto ingenti problemi alle case e per questo ci

siamo attivati subito a sostegno di quelli pi danneggiati. Anche il ministro Clini ha avuto parole di incoraggiamento. Questa inaugurazione il segnale della volont forte e risoluta di ripartire, di andare avanti da parte dellEmilia e delle sue straordinarie energie imprenditoriali e professionali. E il segnale che, anche nelle drammatiche condizioni di queste settimane, chiaro a chi lavora in questa terra che il futuro si costruisce con la tecnologia, con la prevenzione e con lefficienza energetica e con la sostenibilit ambientale. E seguita una visita nei reparti produttivi. Allinterno ci sono molta calma e ordine. Nonostante si tratti di una fabbrica, non c molto rumore. Ogni auto fatta quasi a mano, unopera darte, come ha detto il ministro. Ne vengono costruite 1800 lanno, circa 4 al giorno. Lultimo modello, lAventador, ha un tempo dattesa di oltre 18 mesi. Costa pi di 300mila euro e il prezzo pu lievitare di molto a seconda delle personalizzazioni. Il reparto motori assembla il V12 (700 cavalli di potenza) che sono

montati poi sulla Aventador, supersportiva in grado di accelerare da 0 a 100 Km/h in soli 2,9 secondi e raggiunge una velocit massima di 350 km/h. Attualmente il mercato che assorbe pi Lamborghini quello cinese (30 per cento). Altre piazze che amano le auto del toro (questo il simbolo Lamborghini) sono Stati Uniti (in ripresa dopo la crisi del triennio 2008-2010), Germania, Gran Bretagna e Medio Oriente (Dubai, Arabia Saudita). Dal 1998 la propriet passata in mano tedesca, allAudi, ma gi dagli anni 70 il fondatore Ferruccio Lamborghini aveva ceduto il marchio. Quando nel 98 la fabbrica passata nuovamente di mano - intervenuta Daniela Occhiali, sindaco di SantAgata Bolognese - in tanti temevano uno sradicamento dal territorio. E invece avvenuto lesatto contrario, con una presenza e una collaborazione sempre pi intense con le realt locali e una serie di iniziative volte a valorizzare lorigine emiliana di questa fabbrica. Cristiano Riciputi

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE e sul sito WWW.CORRIERECESENATE.COM La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO con il CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

Attualit Da domenica 19 a sabato 25 agosto la 33esima edizione Rimini Fiera della grande kermesse organizzata da Comunione e Liberazione

Gioved 12 luglio 2012

11

SuperAbile
di Arianna Maroni

Al Meeting per lamicizia tanti incontri e condivisione


opo avere evidenziato nella presentazione del titolo del Meeting 2012, in modo esemplificativo, i convegni delle 17, tenendo conto del fatto che il programma verr continuamente aggiornato sul sito www.meetingrinini.org, evidenziamo alcuni fra gli incontri che ci sembrano pi significativi: 19 AGOSTO: ore 10 Santa Messa celebrata dal vescovo di Rimini; la giornata, come abbiamo gi scritto, sar caratterizzata dalla presenza

NE VALE LA PENA
partita, a fine giugno, lavventura di Ne vale la pena, il giornale digitale scritto allinterno del carcere Dozza di Bologna. un settimanale per dare voce ai detenuti, per far conoscere alla citt le condizioni carcerarie, per rompere lisolamento. In redazione dieci detenuti, sia italiani che stranieri, quattro volontari del centro di aggregazione e formazione giovanile Poggeschi e un giornalista del portale di informazione sociale Bandiera Gialla. Dalle 1.500 alle 2mila persone, compresi gli agenti, vivono alla Dozza: quasi una cittadina alle porte di Bologna; eppure i bolognesi conoscono poco questa realt, anche perch, si legge nel primo numero i mass media locali ne parlano soprattutto in occasione di fatti di cronaca nera e questo non aiuta a comprendere. Da qui la necessit di un filo diretto tra la comunit carceraria e il mondo esterno. Obiettivo principale far conoscere la vita del carcere e delle persone che vi sono recluse, con la speranza di ricevere una risposta da parte di chi legge e sta fuori. Uno scambio facilitato dalla scelta di una pubblicazione digitale che renda immediato il dialogo con i lettori. La redazione di Ne vale la pena si ritrova ogni marted pomeriggio nellaula pedagogica del carcere. Qui si decidono gli argomenti da affrontare nel nuovo numero. Tanti i temi e i contributi: racconti di vita quotidiana, rubriche (tra cui una di cucina in cella), le novit e i problemi del carcere. E poi riflessioni su questioni quali il diritto alla salute e allistruzione. Non solo carcere, dunque, ma anche temi generali, affrontati per da un punto di vista diverso. Tra gli obiettivi c anche quello di coinvolgere altri detenuti, per raccontare le loro storie e riportare le loro testimonianze. La prima uscita di Ne vale la pena si pu leggere su http://www.bandieragialla.it/carcere

Marted 21 agosto: ore 11,15Raccontare la realt, incontro con i direttori de Il Sole 24 ore Roberto Napoletano e di Avvenire MarcoTarquinio
del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti, che parler alle 17 su I giovani per la crescita. 20 AGOSTO: ore 11,15 Libert religiosa: il principio e le sue conseguenze con il primate della Chiesa Ortodossa di Cipro S. B. Chrysostomos II, il presidente dellUniversit Islamica Al Azhar del Cairo Usama Elabd, con il direttore del Brooking Doha Center Salman Shaikh e con il presidente della Fondazione Alcide De Gasperi Franco Frattini; sulla sfida del cambiamento si confronteranno lamministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti e il ministro dello sviluppo economico Corrado Passera; una lettura di poesie vedr come protagonisti i poeti Angel Guinda, Gianfranco Lauretano, Jean-Pierre Lemaire e Davide Rondoni; ore 15 la mostra su Dostojevskij verr presentata da Tatjana Kasatkina; al convegno sullambiente sar presente il ministro Corrado Clini e a quello su Bellezza e cultura: bene comune il ministro Lorenzo Ornaghi; ore 19 convegno su Islam oggi tra educazione e ragione con esperti egiziani e americani. 21 AGOSTO: ore 11,15 Raccontare la realt incontro con i direttori de Il Sole 24 ore Roberto Napoletano e di Avvenire Marco Tarquinio; Vigilando redimere confronto con esperienze alla presenza del Capo dipartimento dellamministrazione penitenziaria Giovanni Tamburino e del presidente del Forum Riforma dello Stato del Partito Democratico Luciano Violante; ore 15 La sfida del discorso di Ratisbona e la lezione di Eugenio Corecco con vari esperti di Diritto Ecclesiastico, fra i quali larcivescovo di Madrid cardinale Antonio Maria Rouco Varela; ore 19 Davide Rondoni presenter la poesia di Giovanni Pascoli. 22 AGOSTO: ore 11,15 sullEuropa interverranno vari esperti fra i quali il presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz; incontro fra scienziati su Evoluzione biologica e natura dellessere umano; ore 15 Verso il XVII centenario dellEditto di Milano con vari esperti in diritto e storia della Chiesa, fra i quali il Direttore de LOsservatore Romano Giovanni Maria Vian; ore 19 sul non profit e lEuropa si confronteranno varie personalit fra le quali il vicepresidente della Commissione Europea

Antonio Tajani. 23 AGOSTO: ore 11,15 sullesigenza di giustizia si confronteranno la vice presidente della Corte Costituzionale Suprema Egiziana Tafani Al Gebali, il ministro canadese dellImmigrazione Jason Kenney e losservatore permanente della Santa Sede per le Nazioni Unite a Ginevra monsignor Silvano Maria Tomasi; ore 15 Il mito della violenza religiosa confronto fra studiosi italiani e americani; ore 19 Ragionando sulla natura delluomo, seminario di filosofia con studiosi anglicani e cattolici. 24 AGOSTO: ore 11,15 Lavoro e crescita con il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni, il direttore generale dellEnel e vicepresidente di Confindustria Fulvio Conti, e il Ministro del Lavoro Elsa Maria Fornero; Hiv, lepidemia dimenticata con esperti americani, italiani ed africani; ore 15 Sono ancora possibili riforme condivise?, parteciperanno gli onorevoli Enrico Letta, Maurizio Lupi, Gian Luca Galletti, Raffaello Vignali e il senatore Tiziano Treu; ore 19 La fame nel mondo, prospettive e soluzioni con il direttore esecutivo del Wfp Ertharin Cousin, con il direttore generale della Fao Jos Graziano Da Silva, con il sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri Staffan de Mistura e con lamministratore delegato di Expo 2015 Giuseppe Sala. 25 AGOSTO: ore 11,15: Gratuit e dono fattori dello sviluppo economico con testimonianze dallItalia e dal Venezuela; ore 15 Dal Meeting di Rimini al Meeting del Cairo: un cammino di libert, con testimonianze italiane ed egiziane.

FOTO ARCHIVIO SIR

il Periscopio

di Zeta
trovare, allora, risposte convincenti, per ristabilire un sano ragionamento e rispettare la dignit della persona? Per farlo vado in aiuto di uno scritto inviatomi da una persona di mia conoscenza che mi ha girato una sua risposta via email ai soliti quesiti. Una vita dietro le sbarre, fatta di sofferenza e privazioni non abbastanza per lenire i bollenti spiriti di chiunque? Chi potr mai essere ancora pericoloso dopo tanta sofferenza? Forse qualcuno ancora? Ma non riempiranno le dita della mano. Don Oreste Benzi quel giorno del 2007 in carcere a Spoleto, disse anche (e la cosa mi impression molto) che meglio accettare di farsi fregare da uno o da pochi piuttosto che rischiare che qualcuno che merita resti dentro. Non quindi per paura di perderne uno chiudo tutti, ma piuttosto per paura di chiudere uno apro a tutti! Certo il carcere incattivisce, ecco perch la recidiva alta per chi sconta tutta la pena in carcere, ma forse

La vita in carcere trasforma ogni persona reclusa Partita una raccolta di firme per abolire lergastolo

UNA VITA DIETRO LE SBARRE, FATTA DI SOFFERENZA E PRIVAZIONI, NON ABBASTANZA PER LENIRE I BOLLENTI SPIRITI DI CHIUNQUE? (FOTO ARCHIVIO SIR)

Veniamo perdonati ogni giorno. Eppure...

orse non tutti che sanno chi Mario Trudu. E un pastore sardo nato l11 marzo 1950. E in carcere in maniera ininterrotta dal 1979. Ha ucciso un uomo che aveva preso in ostaggio, per ricavarne un riscatto. Certo, non un boy scout, come mi ha detto una mia amica che segue da vicino le vicende di diversi carcerati, alcuni dei quali ergastolani ostativi, cio di quelli che non escono mai. Trudu uno dei 1539 sepolti vivi, come emerge dal dato aggiornato al 22 maggio scorso e pubblicato da Le due citt, la rivista dellamministrazione penitenziaria. Tra questi, oltre cento sono gli ergastolani in carcere da oltre 26 anni, un tempo oltre il quale non dovrebbe andare nessuno. Eppure la legge italiana lo permette, soprattutto dopo la norma del 1992 che inaspr la legislazione nazionale, sulla scia dellemozione prodotta dagli attentati di mafia a Falcone e Borsellino. In questi giorni, lergastolano Carmelo Musumeci, aiutato dallassociazione papa Giovanni XXIII, quella fondata da don Oreste Benzi, sta raccogliendo firme in favore di una proposta di iniziativa popolare per labolizione dellergastolo. www.carmelomusumeci.com. Trudu e Musumeci, perch costoro dovrebbero uscire? Si sono macchiati di delitti gravissimi. Devono pagare. Stiano in galera a espiare la loro pena. Dove

allora dovremmo pensare ad un percorso alternativo, non a murare vive le persone. L'ergastolo peggio della pena di morte, perch altrettanto crudele, ma pi ipocrita. Noi veniamo perdonati e riscelti ogni giorno, perch quando diventiamo giudici dei fratelli, vogliamo che paghino tutto? O per perdonar loro qualcosa devono essere per lo meno sulla via della Beatificazione? (755)

12

Gioved 12 luglio 2012

Cesena

Agricoltura La struttura cesenate ha chiuso il bilancio con 109 milioni di ricavi


n grande Consorzio agrario che si chiamer "Consorzio Adriatico" e che avr la mente pensante a Cesena. E quello che sta prendendo forma grazie allaggregazione fra le realt di ForlCesena e Rimini con quelle di PesaroUrbino, Macerata, Ascoli e Fermo. La decisione definitiva stata presa dallassemblea dei delegati che si tenuta nelle scorse settimane. La nuova struttura avr come scopo quello di ridurre i costi e soprattutto aumentare le efficienze. Alcune strutture marchigiane non rendevano quanto avrebbero dovuto e da ormai un anno i dirigenti e i tecnici di Forl e Cesena si recano a Macerata o ad Ascoli per mettere un po di ordine. Attualmente Adamo Zoffoli (nella foto), direttore del Caip romagnolo, lo anche per quello di Macerata. Il Consorzio ha chiuso in attivo la gestione anche nel 2011. Lutile di esercizio balza a 2.7 milioni di euro e il margine operativo, al netto delle operazioni straordinarie, ammonta a 441.351 euro. "Questo risultato, conseguito nel corso della crisi economica - commenta il presidente Filippo Tramonti - dimostra che lazienda ha consolidato in questi anni il suo equilibrio e riesce a superare anche dinamiche di mercato negative in situazioni economico finanziarie sfavorevoli".

Il Consorzio Agrario conquista le Marche


Nasce il Consorzio Adriatico, un colosso che comprende Forl-Cesena Rimini, Pesaro, Urbino, Macerata, Ascoli e Fermo
I ricavi sono ammontati a 109 milioni con un aumento del 50 per cento rispetto al 2010. Laumento dei ricavi della capogruppo sono determinati soprattutto dai risultati nelle vendite dei mezzi tecnici con particolare riferimento al settore dei concimi, agrofarmaci, sementi, mangimi e impiantistica; particolare incidenza ha avuto anche laumento nella commercializzazione dei cereali e landamento delle vendite del settore carbolubrificanti e macchine.

Tali risultati pongono il Consorzio Agrario come il leader nel settore del commercio delle agro-forniture nelle province di competenza. In tale contesto importante sottolineare limpegno che la struttura ha profuso nella creazione della prima filiera agroindustriale gestita dagli agricoltori mediante lacquisizione del Pastificio Ghigi che, completata lopera di ristrutturazione dellimpianto, entrato in produzione effettiva a fine 2011. La pasta Ghigi sta quindi tornando in vendita e, grazie al grano prodotto dai soci del Consorzio, si tratta di un prodotto di alta qualit realizzato nello stabilimento di Morciano di Rimini. "In questi anni- afferma Adamo Zoffoli, direttore generale - abbiamo esplorato con successo anche settori nuovi come il garden attraverso la catena Tuttogiardino che conta oggi 13 punti vendita, il settore dei combustibili rinnovabili come legna e pellet, lenologia per le cantine aziendali, ma senza mai abbandonare il nostro core business, la fornitura di mezzi e servizi alle aziende agricole; anzi rispetto a questo, in controtendenza rispetto a tutte le realt locali ma anche italiane, abbiamo investito nel servizio di assistenza tecnica agronomica alle aziende, che forniamo gratuitamente, mediante linserimento di nuove figure tecniche agronomiche sempre pi specializzate certi che lagricoltura del futuro richieder sempre pi questo livello di servizio altamente qualificato".

PARTECIPAZIONE

Esame di Stato Veronica Batani ha ottenuto 100 e lode

La redazione del Corriere Cesenate partecipa al dolore della famiglia del collaboratore e amico Ettore Roverelli per la morte della cara mamma ANNA

I primi maturi del liceo del Sacro Cuore


Una lode e due 100 tra i primi 11 diplomati al Liceo Scientifico Europeo del Sacro Cuore di Cesena. Si svolta gioved scorso una sobria, ma a tratti anche commovente, cerimonia di consegna dei diplomi ai primi studenti usciti dal nuovo liceo che ha avviato il corso di studi cinque anni fa. Si trattato di unesperienza intensa e unica al tempo stesso, hanno ribadito la preside Ombretta Sternini, la presidente della Fondazione, Cinzia Amaduzzi e la professoressa di matematica, Antonia Alecci. Stessi sentimenti anche sul fronte dei genitori, come ha confermato una mamma, prendendo la parola prima delle foto che hanno immortalato un momento per certi versi storico. Ai diplomati sono state consegnate anche delle tessere da ex-alunno contraddistinte dal nome Albatros, lo stesso che i ragazzi hanno dato alla testata giornalistica da loro fondata e portata avanti in questi anni. Di seguito i nomi e i voti degli studenti, tutti promossi. Veronica Batani 100 e lode; Lorenzo Belluzzi 84; Maria Teresa Casali 77, Teresa Consalici 83; Francesca Fioretti 95; Andrea Garaffoni 100; Marco Manuzzi 77; Margherita Marcatelli 88; Beatrice Serra 100; Anna Tonti 87; Filippo Vicini 94.

Cesena

Gioved 12 luglio 2012

13

Provincia unica romagnola: avanti con cautela


Alle nuove province resterebbero solo poteri sullambiente, le infrastrutture e i trasporti, mentre le altre competenze andrebbero ai Comuni

i ununica provincia per la Romagna, al posto delle tre attuali, se ne parla da diversi anni ormai. Ma la mannaia del governo Monti, intenzionato a dimezzare il numero delle province italiane, ha imposto un colpo dacceleratore a tutti i ragionamenti in corso. Il primo a ipotizzare la provincia di Romagna fu, a met del decennio scorso, Roberto Balzani nella sua veste di docente universitario, ben prima dunque di diventare sindaco di Forl. La sua proposta, al tempo, venne liquidata con sufficienza dai pi. Anche i romagnolisti pi ferventi guardarono con sospetto allipotesi di Balzani, considerata solo come un tentativo di affossare la creazione di una Regione Romagna autonoma dallEmilia. Divenuto sindaco, il professore tornato alla carica pi volte con la sua proposta. Che, nel tempo, ha cominciato a raccogliere consensi e simpatie. Nel cesenate, per fare un esempio, ne sono alfieri i repubblicani, con Luigi di Placido e Denis Ugolini (gi impegnati nella battaglia per ununica Ausl di Romagna). Nel frattempo, in Parlamento, lonorevole forlivese Giancarlo Mazzuca (Pdl, ex direttore del Resto del Carlino) ha depositato una proposta di legge per accorpare le province di Forl-Cesena, Ravenna e Rimini. Nel ravennate i vecchi pregiudizi sulla provincia unica stanno venendo meno, mentre i riminesi al momento sono i pi scettici: il presidente Stefano Vitali ha gi messo le mani avanti, rivendicando una peculiarit del territorio riminese, legato a doppio filo alla Repubblica di San Marino. Ma tutti i movimenti e le prese di posizione dei politici locali si scontrano

con le nebbie dellincertezza normativa. Per il mantenimento dello status di Provincia, si vociferato di parametri come un numero minimo di 350mila abitanti e un territorio di almeno 3mila chilometri quadrati. Se ne sapr di pi, per, solo la prossima settimana quando il Consiglio dei ministri stabilir i parametri esatti. Sulla base di questi sar stilata una prima graduatoria, da sottoporre al Consiglio delle autonomie locali. A quel punto il piano di sfoltimento (dal quale sono comunque esclusi i capoluoghi di Regione) andr approvato entro 40 giorni. Resta poi lincognita delle funzioni. Alle nuove province resterebbero solo poteri sullambiente, le infrastrutture e i trasporti, mentre le rimanenti competenze (e il relativo personale) sarebbero devolute ai Comuni. Un trasferimento di poteri e funzioni che imporr, inevitabilmente, la creazione di nuove unioni di Comuni o fusioni tra i municipi pi piccoli. Accorpate le province, poi, cosa accadrebbe alle Prefetture, organizzate oggi su base provinciale? Esclusi dal decreto, questi Uffici territoriali del Governo sono visti da gran parte dei cittadini come un retaggio dello Stato centrale di stampo napoleonico. Ma nessuno sembra chiedere pi la loro soppressione. Resterebbero in campo, inoltre, tutti i problemi legati agli organi dello Stato decentrati su base provinciale, dalle Questure ai Comandi provinciali di Carabinieri, Finanza, Forestale e Vigili del Fuoco. Mettere mano alle province attuali significa, quindi, avviare un processodomino che costringer tutti a dover ripensare lassetto dello Stato e degli Enti locali. Una ripartizione di competenze e funzioni da attuarsi in nome degli indispensabili risparmi sulla spesa pubblica, ma che non potr tenere conto delle esigenze dei cittadini e del rispetto dei territori. Riuscire a trovare un punto dincontro tra costi e benefici, riuscendo a garantire servizi senza sprechi, rappresenter nei mesi a venire una sfida decisiva per le tutte le comunit. Non sar semplice per trovare la soluzione migliore sotto lincombente spada di Damocle dei risultati di bilancio. Come recita la saggezza popolare: presto e bene non stanno insieme. Michelangelo Bucci

Imu Prima rata da 10,5 milioni


Ammonta a 10 milioni e 586mila euro la somma nora incassata dal Comune di Cesena con la prima rata dellImu (Imposta Municipale Unica), scaduta il 18 giugno. Di questi, 3 milioni e 352.000 euro sono arrivati dalle abitazioni principali; ammonta invece a 6 milioni e 54.000 euro limporto per seconde case ed altri fabbricati. Completano il quadro i 701.000 euro incassati per aree edicabili e i 469.000 per terreni agricoli. I dati non sono ancora denitivi ( possibile larrivo di versamenti in ritardo, anche perch per quelli effettuati entro il 18 luglio prevista una sanzione limitata al 3%), ma segnano il passaggio dalla fase delle stime a quello della concretezza. E gi ora, il quadro che emerge sembra avvicinarsi maggiormente alle proiezioni espresse dal Comune che non alle stime del Governo, decisamente pi ottimistiche. Le fonti ministeriali, infatti prevedevano per Cesena un gettito Imu di oltre 25 milioni di euro, mentre in sede di bilancio preventivo lAmministrazione ha indicato prudenzialmente unipotesi di introito di 22 milioni e 363mila euro, cifra che dopo lincasso della prima rata appare pi rispondente alla realt. "I numeri ci hanno dato ragione commentano il sindaco Paolo Lucchi e il vicesindaco e assessore al Bilancio Carlo Battistini - ma qui non si tratta di stilare la lista di chi pi bravo. Nei mesi passati, come molti altri Comuni, avevamo segnalato come gli importi calcolati dal Governo centrale apparissero sovrastimati, esprimendo forte preoccupazione per le conseguenze che ci avrebbe provocato. Per Cesena, infatti, il gettito Imu fondamentale per la tenuta dei servizi che rappresentano lidentit della nostra citt e che pongono al centro le persone. Ma occorre ricordare che rappresenta anche lo strumento per rispondere con immediatezza allemergenza neve, che pesa in modo straordinario sui conti del Comune: 3.655.823 euro, di cui circa 920mila gi pagati, mentre la parte restante in corso di liquidazione".

La vedova Coletta a San Carlo


Parrocchia di San Carlo in festa in occasione della Beata Vergine del Carmelo. Il clou si avr domenica 22 luglio con la celebrazione della messa alle 11, presieduta da monsignor Giorgio Biguzzi, vescovo emerito di Makeni (Sierra Leone). Alle 18 si terr la tradizionale processione mariana. Dalle 21 musica dal vivo con lorchestra La Storia di Romagna. In precedenza, gioved 19 luglio alle 21.30, Margherita Caruso, vedova del brigadiere Giuseppe Coletta morto nellattentato di Nassyria, porter la propria testimonianza. Lincontro si terr nel teatro parrocchiale. Venerd 20 si terr la spaghettata con animazione delle rock band del paese. Sabato 21 la serata sar animata dallo spettacolo di ballo con il gruppo "Cara baby rocknroll".

NOZZE

Nascita

CENTRI ESTIVI: MANDATECI LE VOSTRE FOTO

Il martoranese Mirko Forlivesi e la veneta Silvia Magalini sabato 14 luglio convoleranno a nozze Tante felicitazioni da Cristiano e Ramona

Benvenuta ADELE!
Tutti gli amici della redazione del Corriere Cesenate si congratulano con Barbara Baronio e Alessandro Nanni per la nascita della primogenita
Si stanno svolgendo in questi giorni i centri estivi che coinvolgono migliaia di ragazzi. Nelle prossime settimane pubblicheremo le foto provenienti da tutto il territorio. Mandate i vostri scatti a centriestivi@corrierecesenat e.it accompagnando la foto da qualche informazione (luogo, periodo, ragazzi presenti, attivit svolte, aspetti originali) e un nominativo con recapito telefonico.

14

Gioved 12 luglio 2012

Cesena
Foto Giuseppe Mariggi

Per gli autobus gi tempo di Regione Romagna


Le tre agenzie romagnole della mobilit stringono un patto di collaborazione allo scopo di migliorare i servizi
Michelangelo Bucci
omposto, scomposto e ricomposto: il puzzle del trasporto pubblico locale pu davvero far girare la testa ai cittadini. Questa volta il turno delle agenzie per la mobilit della Romagna (Atr, Ambra e Am) pronte ad un percorso comune per coordinare il trasporto pubblico (Tpl) nelle tre province romagnole. Tpl che, in Romagna, ha numeri da capogiro: 800 autobus, 25 milioni di chilometri svolti ogni anno, 1300 persone impegnate e 64 milioni di euro lanno come corrispettivo di servizio. Negli ultimi anni le sigle e le competenze sono cambiate pi volte in questo settore, tanto che le intricate vicende hanno ormai il Nelle tre province sapore della telenovela. Per questo un breve vi sono 800 pullman riassunto delle puntate precedenti dobbligo. del servizio pubblico Negli anni 70 gli autobus cesenati venivano per 25 milioni gestiti direttamente dal Comune. Pochi anni dopo le linee vennero passate ad di chilometri percorsi unapposita Societ per i trasporti urbani (Stu). Nel 1989 la Stu conflu nellAtr, nata nel 75 per i trasporti extraurbani, e lo stesso fecero gli autobus di Forl. Ed la sigla Atr quella che pi di ogni altra si impressa nelle menti dei viaggiatori cesenati, scalzando nel firmamento dei ricordi le vecchie "Sita" extraurbane. LAtr esiste ancora Oggi lAtr esiste ancora, ma non gestisce pi direttamente gli autobus. Dal 2001 il suo ruolo cambiato, trasformandosi in unAgenzia per la mobilit, una cabina di regia che pianifica i trasporti pubblici e li mette a bando, gestisce la sosta, funge da referente per Comuni e le Province. Gli autobus e gli autisti, invece, dal 2001 sono passati alla societ e-Bus, che in seguito ha incorporato altri autisti e societ locali. Lo stesso percorso di

separazione tra agenzia della mobilit e azienda di trasporto avvenuto a Rimini e, di recente, a Ravenna. Le diverse aziende "scorporate" si sono riunite poi sotto "lombrello" del consorzio Atg (comprendente anche pesaresi e bolognesi) vincitore nel 2004 del bando per il trasporto pubblico locale. Un classico esempio, sulla base di quanto gi avvenuto con Hera, di come tutto cambi affinch nulla cambi: si mettono a gara dei servizi pubblici, ma prima del bando si creano maxi-societ per impedire ad altri soggetti di entrare sul mercato locale. Cosa fa Start Dal gennaio scorso, le aziende di trasporto pubblico della Romagna si sono poi fuse in Start Romagna. Ora un percorso simile potrebbe essere intrapreso al livello superiore tra le tre Agenzie della mobilit, creando ununica agenzia romagnola. Per ora le tre agenzie hanno stretto un accordo (firmato marted scorso in municipio a Cesena) per coordinare meglio le proprie reti

di trasporto pubblico e le prossime gare. "La Regione pensa di andare verso un bacino unico romagnolo per quanto riguarda la gestione della mobilit - ha spiegato Giulio Guerrini, direttore di Atr - noi con questo accordo labbiamo anticipata". Sulle sfide che attendono il trasporto pubblico locale intervenuto lassessore provinciale Marino Montesi: "Bisogner mantenere prima di tutto quello che gi c, nonostante le risorse in calo. Poi bisogner potenziare il trasporto nelle aree dove ora lofferta debole, come il Rubicone, e integrarsi con gli altri mezzi, come il trasporto su ferro". La diffusione capillare del telecontrollo, con gli autobus seguiti passo-passo dai satelliti, permette gi da tempo di conoscere i ritardi in tempo reale. Ma porta con s un altro vantaggio: la verifica dei costi. "Siamo tra le poche agenzie in grado di verificare in modo puntuale i chilometri percorsi ogni anno e il rispetto degli standard di servizio - ha aggiunto Guerrini - tanto da venir presi a esempio da altre realt nazionali".

Cesena su la Repubblica Un servizio quantomeno impreciso

Quando si dice dellinformazione che taglia un tanto al metro. In pagina, su Repubblica di venerd 6 luglio, i lettori hanno trovato un ampio servizio su Cesena. "La generazione senza. Da stagionali a lavoratori precari la parabola dei gli di Romagna", questo il titolo della pagina rmata da Jenner Meletti, pubblicata nellinserto R2, sotto la dicitura "Linchiesta". Veniamo alle diverse imprecisioni. Partiamo dalla concorrenza che i lavoratori stranieri farebbero verso i ragazzi cesenati in cerca di un lavoro nelle campagne. Un

dato difficilmente quanticabile perch da anni gli studenti, durante le vacanze, cercano raramente, ieri come oggi, occupazione nella raccolta della frutta. Diverso il ragionamento se si parla dei gli dei coltivatori diretti. Quelli hanno sempre avuto il lavoro in casa e lo hanno anche oggi. Difficile comprendere anche il presunto dato negativo sui controlli e sul cosiddetto lavoro nero. Nel pezzo sono considerati poche le solo 1.113 aziende controllate dalla Direzione provinciale del lavoro e il dato pare riferito al 2009. E non occorre

aggiungere altro. Lapice si raggiunge con un virgolettato attribuito al sindaco di Cesena, Paolo Lucchi che, siamo convinti, non pu aver detto ci che appare scritto sul quotidiano romano. Riportiamo le parole testuali: "A Cesenatico c un quartiere, Bulgarn, che da anni abitato quasi soltanto da bulgari. Se digiti Bulgarn su Google appaiono siti di quel Paese che raccontano come qui ci siano gli agganci giusti per trovare lavoro. Uomini e donne dormono nelle case e anche allaperto, davanti alla chiesa". Innanzitutto Bulgarn una frazione del

comune di Cesena e non un quartiere di Cesenatico. Se si digita il nome "Bulgarn" su Google non viene fuori nulla di ci che Repubblica ha scritto, ma si leggono informazioni di ogni genere. Non vero che uomini e donne dormono allaperto e neppure davanti alla chiesa. Basterebbe chiedere al comandante dei Carabinieri di Cesena, capitano Diego Polio, come la reale situazione oppure chiamare il parroco o, meglio ancora, recarsi direttamente in paese. Una domanda resta senza risposta. Chi ha fatto le opportune veriche prima di mettere nero su bianco?

DIPLOMI - RECUPERO ANNI SCOLASTICI


DA ANNI NELLA TUA CITT

CENTRO STUDI CARTESIO


Sono aperte le iscrizioni allanno scolastico 2012-2013
- VUOI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI PERDUTI? - TI SERVE UN DIPLOMA PER INSERIRTI NEL MONDO DEL LAVORO?
IL CENTRO STUDI CARTESIO TI OFFRE LA POSSIBILIT DI CONSEGUIRE UN DIPLOMA E DI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI, CON LAIUTO DI DOCENTI QUALIFICATI E CON GRANDE ESPERIENZA NEI SEGUENTI INDIRIZZI:

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:


PETROLCHIMICI AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI in ITALIA... nel MONDO

GEOMETRA - RAGIONERIA - LICEO SCIENTIFICO - DIRIGENTE DI COMUNIT LICEO CLASSICO - ITI - LICENZA MEDIA - LICEO SOCIO PSICO-PEDAGOGICO CONTATTACI PER INFORMAZIONI tel. 0547 24700 - viale Mazzoni 31/A 47521 Cesena (Fc) Cell. 347 9761004 e-mail: centro.cartesio@libero.it www.paginegialle.it

Cesenatico

Gioved 12 luglio 2012

15

www.cesenaticoedintorni.it Presentato il nuovo sito internet per lo sviluppo turistico


n portale turistico che vuole contribuire ad aumentare lafflusso di gente in Romagna. La scorsa settimana stato presentato il rinnovato sito www.cesenaticoedintorni.it alla presenza del sindaco di Cesenatico Roberto Buda, dellassessore al Turismo Vittorio Savini, lassessore al Turismo della Provincia di Forl-Cesena Iglis Bellavista e alcuni funzionari del Servizio Turismo della Regione EmiliaRomagna e dei Comuni di Cesena, Gatteo e San Mauro Pascoli. Cesenatico il Comune capofila della redazione "Cesenatico e Dintorni", appartenente al Sistema Informativo Regionale per il Turista, alla quale aderiscono anche i Comuni di Gatteo, San Mauro Pascoli e Cesena. Il restyling ha interessato i siti delle tre localit, offrendo unimmagine profondamente rinnovata rispetto a quella precedente, pi moderna e funzionale ai bisogni dellutente, con tante nuove foto e contenuti sempre pi aggiornati sugli eventi, sui musei e monumenti da visitare in citt, ricco di curiosit e di informazioni utili per turisti e cittadini. Le novit che saltano immediatamente allocchio del navigatore sono rappresentate dallimmediatezza nella consultazione delle ultime notizie, posizionate al centro della home page e caratterizzate da unimmagine identificativa, e dalla presenza, sul lato sinistro della pagina, di una sezione

Unnuovoportale perlarete
Fra le novit da segnalare la sezione ultimi eventi, le "visite immancabili" e i link alle strutture alberghiere

Il Museo della marineria sul Porto canale uno dei luoghi di Cesenatico pi cliccati

dedicata agli eventi imminenti organizzati in citt, collegati un calendario che consente di visualizzare, giorno per giorno, tutte le manifestazioni in programma. Sempre in posizione centrale, sono evidenziate "le 5 visite immancabili" da effettuare durante il soggiorno a Cesenatico (Museo della Marineria, Casa Moretti, Porto canale, Piazza delle Conserve e Spazio Pantani), affiancate dal box contenente una notizia "Speciale" su una particolarit

turistica. A fondo pagina, nel banner "Da non perdere", sono stati inseriti i link ai siti correlati, cio Museo della Marineria, Spazio Pantani, Emilia Romagna Turismo, Portale Turismo Provincia di Forl-Cesena e Comune di Cesenatico. Ogni localit caratterizzata da una "slider" (sezione in testa alla pagina) dove scorrono in sequenza alcune immagini di grande formato che ne identificano le peculiarit. "Il restyling del sito - dichiara il sindaco di Cesenatico Roberto Buda - si inserisce in un progetto di promozione turistica al passo coi tempi, in unottica di rinnovamento e di modernizzazione che non pu prescindere dal web come canale principale per la comunicazione e come strumento per attirare nuovi turisti". Il nuovo sito informer a tutto campo su iniziative ed eventi, con lobiettivo di diventare un punto di partenza non solo per lapprofondimento delle manifestazioni organizzate sul territorio, ma anche per una navigazione libera alla scoperta di tutte le risorse che Cesenatico offre 365 giorni allanno. Lintervento di restyling stato realizzato da Choco Studio in collaborazione con il consulente tecnico Enrico Zoffoli e con il coordinamento del Servizio Turismo dei Comuni di Cesenatico, Gatteo e San Mauro Pascoli. Cr

Stanziati dalla regione Emilia Romagna oltre un milione di euro


vanno dalla valorizzazione del prodotto ittico, allecoturismo, alla promozione del patrimonio artistico e culturale, alla formazione degli operatori. In particolare a fronte di un costo complessivo di un milione e 235 mila euro il Gac Distretto Mare Adriatico ha ricevuto un contributo regionale di 834mila euro, mentre il Gac Marinerie della Romagna potr contare su 553mila euro su un costo di 900mila euro. "E unopportunit importante per i nostri territori, i pescatori e le comunit locali, tanto pi in un momento come questo di grave difficolt del settore ittico, anche alla luce delle regole pi restrittive che arrivano dallUnione europea - ha spiegato lassessore regionale allagricoltura Tiberio Rabboni -. La pesca artigianale, se adeguatamente valorizzata e comunicata al turista e al consumatore, pu diventare unimportante occasione di riscoperta e valorizzazione del territorio e del nostro pescato". Il bando Sviluppo sostenibile delle zone di pesca sostenuto dallAsse 4 del Fondo Europeo Pesca 2007 2013.

25 luglio
Festa di San Giacomo
La parrocchia di San Giacomo in Cesenatico festeggia il proprio patrono. Si parte domenica 22 luglio alle 21,15 in piazza Spose dei Marinai, dove si terr un concerto a favore dei terremotati dellEmilia Romagna. Si esibir la Banda giovanile John Lennon, Fondazione scuole di musica Andreoli, con musicisti provenienti dallarea nord della provincia di

Contributi per sostenere la pesca in Romagna


Un milione 400 mila euro per valorizzare e qualificare le attivit di pesca, rafforzando il legame con il territorio, lambiente, il turismo, il patrimonio culturale locale. Sono due i Gruppi di azione costiera (Gac) finanziati dalla Regione EmiliaRomagna grazie al bando europeo per lo "Sviluppo sostenibile delle zone di pesca": quello del "Distretto Mare Adriatico" che comprende i Comuni costieri delle province di Ferrara e Ravenna e quello delle "Marinerie della Romagna" che coinvolge invece i Comuni costieri delle province di Rimini e ForlCesena. Vere e proprie associazioni temporanee di scopo che riuniscono partner pubblici e privati - a partire dalle associazioni di pescatori - i Gac hanno elaborato un Piano di sviluppo locale per il rilancio del settore, che comprende un pacchetto articolato di iniziative che

Modena. Marted 24 luglio, alle 21,15 in piazza Ciceruacchio, si terr la serata di animazione con il coro dei bimbi della parrocchia e i laboratori creativi sulla vita del Santo. Mercoled 25, giorno della festa, alle 21 in chiesa, la messa solenne sar presieduta da monsignor Francesco Cavini, vescovo di Carpi. Seguir la processione con la statua del santo per le vie del centro storico. (Cr)

Escursioni in motonave Lemozione della navigazione


Da Cesenatico partono imbarcazioni per gite ai porti adriatici
A Cesenatico la motonave New Ghibli organizza gite a medio raggio, per visitare la costa romagnola e uno dei tratti pi suggestivi della verde riviera settentrionale delle Marche. In cabina di regia c la famiglia dellarmatore Daniele Sintini e il prossimo appuntamento domenica 15

luglio, alle 9.40, al porto di Cesenatico, dove limbarcazione salper per navigare sotto costa, prospiciente le spiagge di Cesenatico, Gatteo, San Mauro, Bellaria, Rimini, Riccione, Misano, Portoverde, Cattolica e Gabicce, dove viene proposto un pranzo a base di pesce. Poi si sbarca per una passeggiata o un bagno nelle acque sotto il picco della montagna rocciosa. Al ritorno c lanimazione, con due ore di musica romagnola, brani dellorchestra Casadei, giochi e balli. Durante la navigazione, ogni tratto di costa verr descritto

dettagliatamente e lescursione offre lopportunit di visitare alcune baie. Il prezzo di 27 euro (bambini 15 euro) ed include tutto, anche il pranzo e le bevande. Questo genere di escursioni molto richiesto e rappresenta una via di mezzo fra le gite nei porti lontani di Venezia e della Croazia (che sono molto pi costose), e le uscite pi brevi. Gli interessati possono avere informazioni telefonando al 333-3454558, oppure contattando direttamente il comandante della barca al 360-977706.

16

Gioved 12 luglio 2012

Valle del Rubicone


Badia
Festa della parrocchia
Festa del SS. Sacramento a Badia di Longiano domenica 15 luglio. Alle 17,30 il parroco don Stefano Pasolini celebrer la messa cui seguir la processione. La sera ci sar la commedia dialettale della lodrammatica Hermanos. In preparazione, gioved 12 luglio alle 20,30 nel parco pubblico sar celebrata la messa. Seguiranno giochi e cocomerata. Venerd 13 dalle 20,30 sar possibile confessarsi con la presenza di vari sacerdoti.

Savignano, centro storico pedonalizzato


Riappropriarsi del centro storico, rivitalizzarlo, viverlo in relax. E arrivata lisola pedonale nel centro storico di Savignano sul Rubicone. Si tratta di una sperimentazione, tutte le sere di venerd, sabato e domenica del mese di luglio. Le limitazioni al traffico sono in vigore dalle 20 alle 24 e riguardano la chiusura totale e il divieto di sosta in Piazza Borghesi e del tratto di Corso Perticari compreso tra lincrocio di via Pascoli e la piazza. Rimane invariata la circolazione per chi proviene dal Ponte Romano e svolta in Piazza Amati. Liniziativa prevede la possibilit per gli esercizi commerciali di utilizzare il suolo pubblico prospiciente al proprio esercizio. "Abbiamo condiviso questa decisione al tavolo di lavoro con le Associazioni di categoria e gli Esercenti del Centro Storico" dichiara con soddisfazione lAssessore al Centro Storico Piero Garattoni".

Longiano, il clou si avr il 15 luglio

Longiano
Festa del Crocifisso
La festa risale agli inizi del Settecento, quando l"Arciconfraternita del Santissimo Crocisso", sorta per promuovere il culto e la conservazione della sacra immagine, si propose di solennizzare una festa, ssandola per il 26 luglio. Sulla scelta della data non si hanno certezze. Pu essere stata scelta per abbinare la solennit del Crocisso a quella di san Cristoforo, patrono di Longiano (il 25 luglio), o per ricordare, stando a un documento del Settecento, il giorno della traslazione della sacra immagine dal chiostro (dove si trovava quando il 6 maggio 1493 vi si inginocchi una vitella donata dai gambettolesi ai fratini di Longiano) allinterno della chiesa. Gioved 26 luglio, come ogni anno, il Santuario aprir alle 6 di mattina con messe alle 6,30, 7,30 e 8,30. Alle 9,30 la messa sar presieduta dal padre provinciale Mauro Gambetti. La messa solenne delle 11 sar celebrata dal cardinale Jos Saraiva Martins, prefetto emerito della Congregazione delle cause dei santi. Alle 18, la tradizionale processione per le vie del paese. Al termine, alle 19, si terr la messa in suffragio dei benefattori e dei defunti dellArciconfraternita. In preparazione alla festa, avr inizio marted 17 luglio una novena con messe in Santuario alle 20,30. In concomitanza con la festa, dal 21 al 29 luglio, sar aperto, nel chiostro del convento, il mercatino dellusato "A mani aperte". I fondi raccolti andranno in parte ai terremotati dellEmilia, in parte allassociazione di volontariato "Homo viator" e in parte ai giovani del Rubicone per il pellegrinaggio diocesano in Terra Santa. (Mv)

La chiesa ricorda i suoi 300 anni di vita


recento anni dalla dedicazione della chiesa parrocchiale di Longiano il prossimo 23 luglio. Intitolata a "San Cristoforo martire", la chiesa stata consacrata dal cardinale Giovanni Antonio Devia, vescovo di Rimini, il 23 luglio 1712 ed stata elevata a "collegiata insigne" da papa Benedetto XIV nel 1744. La festa anticipata a domenica 15 luglio con messa solenne alle 11 presieduta dal vescovo di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri. Messe anche alle 8,45 e alle 20,30. In preparazione alla festa iniziato mercoled 11 luglio un triduo di messe, celebrate alle 20,30 dagli ultimi parroci di Longiano: monsignor Mario Lucchi, parroco dal 1950 al 1995 (mercoled 11), don Franco Guardigni, parroco dal 1995 al 2010 (gioved 12), e don Giovanni Damoc, parroco dal 2011 (venerd 13 luglio). Messa anche sabato mattina (ore 8,45) presieduta dal longianese padre Antonio Carigi dei frati minori conventuali. Tante le iniziative culturali e ricreative in programma. I parrocchiani stanno

Alle 11 del 15 luglio messa solenne celebrata dal vescovo Douglas Regattieri

ricevendo un libro, realizzato con il contributo di Pier Giorgio Bertani dellagenzia viaggi "Rio Salto" di San Mauro Pascoli, contenente le note storiche di monsignor Mario Lucchi, lelenco di tutti i parroci dal 1400 a oggi e le foto delle opere custodite in parrocchia. Il volume vanta unintroduzione del vescovo di CesenaSarsina Douglas Regattieri, in cui sottolinea che "gioisce tutta la chiesa diocesana per questo anniversario". Previsto per le 21 di sabato 14 luglio, allinterno della collegiata, il concerto della "Grande orchestra giovanile Citt di Cervia", diretta dal maestro Fulvio Penso. Lorchestra, nata nel 2004, raccoglie oltre 30 giovani musicisti di et compresa fra i

18 e i 24 anni. Il programma della serata, sponsorizzata dalla "Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena", prevede musiche di Shubert, Sibelius, Mascagni, Puccini, Verdi, Vivaldi, Mozart, Brahms, Morricone, Arlen e Rodgers. I festeggiamenti legati allanniversario continueranno domenica 22 luglio con la festa del patrono san Cristoforo. Saranno celebrate due messe al mattino (8,45 e 11) e una alla sera (20,30). Al termine della messa delle 8,45 avr luogo la tradizionale sfilata con benedizione degli automezzi. Luned 23 luglio, giorno dellanniversario, sar celebrata alle 20,30 una messa con i testi propri del rito della dedicazione. Matteo Venturi

Gambettola, estate di eventi in citt

Unestate allinsegna della solidariet, quella che sta proseguendo a Gambettola, grazie alle iniziative di "Estate a Gambettola 2012", patrocinate dallAmministrazione comunale e organizzate in collaborazione con le associazioni del territorio. Per unanime volont stato deciso di devolvere parte degli incassi alla popolazione di San Felice sul Panaro, comune del modenese colpito dal recente terremoto. Per gli appassionati sportivi,

continuano, negli impianti sportivi di via Curiel, gli incontri di calcio a 11, dei bar di Gambettola, del "1 Trofeo De Bosch", a scopo beneco, che si concluder il 21 luglio. Alliniziativa hanno aderito alcuni bar di Gambettola suddivisi in due gironi: Girone A Circolo Tennis, bar Giambellino, bar Raro Loco e bar Malatesta. Girone B bar Bosco Verde, bar Casablanca, bar del Corso e bar Felix. Tra gli altri appuntamenti segnaliamo: gioved 12 luglio alle 21, nel Giardinetto

dello Straccivendolo, in corso Mazzini, il Gruppo Culturale Prospettive presenta "Elogio dellerrore", poesie per clarinetto e voce con Roberto Mercadini (testi e voce) e Martino Colicchio (clarinetto). Lassociazione "Nonsoloruggine- i negozi del centro di Gambettola" invita, luned 16 luglio dalle 20, lungo corso Mazzini e via Silvio Pascucci, alla "Festa del Burraco in strada", gara di benecenza con

ricchi premi; marted 24 luglio alle 21, in piazza II Risorgimento, allo spettacolo con i comici di Zelig "Gambettola Comic" e, gioved 26 luglio dalle 20, lungo corso Mazzini e via Silvio Pascucci, al "Mercatino dei bimbi in strada" e, in contemporanea, in piazza Pertini dalle ore 21, il duo "Made in Italy" presenter "I migliori anni", musica dal vivo con canzoni degli anni 60-70-80 e 90 presentate da Loris. Piero Spinosi

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA STADIO: appartamento di ampie dimensioni ristrutturato al quarto piano con ascensore composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 letto matrimoniali, bagno con vasca e doccia, ripostiglio, balcone, cantina. ARREDATO. Libero da settembre. 640 mensili / Rif. 1195 ZONA PORTA SANTI: in palazzo storico ristrutturato appartamento con ingresso indipendente composto da soggiorno, cucina, 1 camera da letto e bagno. Utenze autonome. Nessuna spesa condominiale. NON ARREDATO. 520 mensili / Rif. 1172 ZONA CENTRALISSIMA: in palazzo storico di notevole effetto architettonico completamente ristrutturato appartamento di mq. 100 composto da ingresso, salotto, cucina, 2 camere da letto e 2 bagni. Nessuna spesa condominiale. NON ARREDATO. 650 mensili / Rif. 1171 ZONA SEMINARIO: in palazzina molto riservata appartamento al primo piano composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi di cui 1 verandato, garage, cantinetta e ampio giardino condominiale. ARREDATO. 670 mensili / Rif. 0329 VIGNE: in palazzo degli anni 90 allultimo piano con ascensore appartamento molto luminoso composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi, garage ed uso esclusivo di parte del tetto a terrazzo. OTTIMO STATO. PARZIALMENTE ARREDATO. 600 mensili / Rif. 1192 VIGNE: in bifamiliare appartamento completamente ristrutturato al primo piano con ingresso indipendente composto da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, vano ripostiglio/cabina armadio, bagno e lavanderia. ARREDATO 600 mensili / Rif. 1147

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com
SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. AFFITTI SANTEGIDIO/VIGNE: in palazzina di recente costruzione appartamento al terzo piano servito di ascensore composto da soggiorno con angolo cottura, letto matrimoniale, bagno, ripostiglio, cantina, garage e giardino condominiale. ARREDATO. Libero da agosto. 395 mensili / Rif. 1196

Valle del Savio

Gioved 12 luglio 2012

17

Tavolicci non dimentica


Domenica 22 luglio ricorre il 68 anniversario dellEccidio di Tavolicci, in Comune di Verghereto nella parrocchia di Monteriolo, avvenuto allalba del 22 luglio 1944. Furono barbaramente trucidate dai nazisti 64 persone tra cui 20 uomini, 25 donne e 19 bambini di et inferiore a 10 anni, 5 dei quali non avevano compiuto ancora un anno det, su un totale di 83 abitanti della frazione, che si ripopolata con la costruzione di nuove case negli anni 60. Ci si ritrover insieme attorno allaltare del Signore, per una Concelebrazione in suffragio domenica 22 alle 15.30 nel Sacrario dei Caduti, una chiesa costruita sul luogo in cui riposano i resti delle vittime. Dopo lEucarestia ci sar il saluto delle autorit e la deposizione della corona dalloro presso la casa dove si consum leccidio, ora diventato un museo. Daniele Bosi

Festa a Balze
Ha un nuovo volto il programma della festa dellApparizione nella parrocchia di Balze, grazie alliniziativa del parroco don Renato Baldazzi. Si avvicina il giorno pi atteso, il 17 luglio, in cui si ricorda lApparizione di Maria a due pastorelle le quali vennero prontamente guarite, essendo una muta e laltra cieca. Ci avvenne il 17 luglio 1494. I festeggiamenti inizieranno sabato 14 luglio, alle 20, con il Rosario presso il Sasso dellApparizione e lintervento di don Virgilio Guidi, vicario diocesano. Al termine ci sar la processione verso la parrocchiale con leffige dellApparizione, fatta scolpire in legno durante il quinto centenario dellapparizione, nel 1994. Al termine, nella chiesa parrocchiale, si terr un concerto mariano. Domenica 15 alle 17 si terr il Rosario al Sasso dellApparizione con la celebrazione della messa alle 18. Luned 16 luglio, vigilia della festa, alle 10 si terr nella chiesa parrocchiale la messa celebrata dal parroco, seguir alle 17 la messa al Sasso e si terr unaltra Eucarestia alle 20 presso la chiesa parrocchiale. Marted 17 luglio le messe alla mattina si terranno alle 7, 8, 9, 10 e alle 11 ci sar il solenne ponticale del vescovo Douglas Regattieri, animato dalla corale di Balze che eseguir la messa dellapparizione scritta dal defunto parroco don Gino Pellizzer. Alle 17 il vescovo benedir la nuova immagine in pietra applicata al Sasso, alla presenza delle autorit. Alle 18, sempre al sasso, celebrer la messa don Daniele Bosi. La serata prevede alle 20,30 il ritrovo sul piazzale della chiesa dal quale partir la processione accompagnata dalla musica della Banda e, arrivati in piazza, ci si fermer per un momento di preghiera. In seguito la processione ripartir e giunger presso il luogo dellApparizione dove il vescovo far un intervento. Non si fermer qui la processione, ma riprender e raggiunger nuovamente la chiesa parrocchiale riportando leffige della Madonna dellApparizione, la quale vi rimarr no al 14 agosto. Al termine la Banda terr un concerto davanti alla chiesa cui seguiranno i fuochi articiali. Il parroco don Renato Baldazzi ha voluto sistemare il luogo dellApparizione rendendolo una "chiesuola allaperto", avendo nel cuore la speranza che il luogo diventi il santuario mariano del Fumaiolo.

Il progetto musicale sar proposto a Sarsina il 26 agosto


vita di Vicinio, tanto da alternare la visita ai luoghi dove il vescovo taumaturgo era vissuto e si era ritirato in preghiera, ad altri di studio e documentazione prevalentemente sui testi dello storico Marino Mengozzi. Tutto ci lo porta a comporre quello che lui stesso ha definito "uno sguardo rispettoso sulla vita del Santo in compagnia della mia musica". "Vicinius segue i canoni classici delloratorio sacro. Il coro sar il protagonista principale mentre i lettori guidano lascoltatore nel percorso del racconto. Il quartetto darchi incornicia il tutto con la dolcezza delle sue sonorit". Unidea sposata allistante dal maestro della corale Bartolini, dalla presidentessa Antonella Benedetti, dagli organinisti Giovanni Marini e Francesco Balzani, e dallintero organico canoro che da gennaio si sta impegnando con prove serali per la buona riuscita dello spettacolo. Il racconto musicale per coro, organo, archi e voci recitanti, ha ottenuto lapprovazioni di enti e istituzioni civili e religiose (diocesi di Cesena-Sarsina, il Capitolo della Cattedrale, il Comune di Sarsina, la Banca di Credito Cooperativo di Sarsina, la Pro Loco di Sarsina, San Vicinio Servizi) nonch lapprovazione del vescovo Douglas Regattieri presente nel racconto musicale con una preghiera dedicata a San Vicinio. Il progetto appare nuovo ed ambizioso e rappresenta, idealmente, anche un felice prosieguo delle celebrazioni del Millenario della Cattedrale. Michela Mosconi

SanVicinio protagonista di uno spettacolo


Sarsina per la prima volta in assoluto va in scena, in uno spettacolo cantato, la vita del santo patrono della citt, San Vicinio. Un progetto musicale ad opera del maestro Fausto Rinaldi e che coinvolge in prima persona la corale del paese plautino guidata da Eris Bartolini. C molta attesa per uno spettacolo che si preannuncia suggestivo che rappresenta un omaggio dei sarsinati al protettore della citt e della diocesi. Dopo la

presentazione ufficiale l8 agosto a Sarsina, il concerto si terr nella serata del 26 agosto (ore 20,30) in Cattedrale, nel pieno delle celebrazioni viciniane. Rinaldi, affermato compositore di origine santagatese, in passato aveva gi collaborato con il coro plautino alla realizzazione della "Passione secondo Giovanni". Risultati artistici interessanti, buon seguito di pubblico e un feeling con la cittadina di Plauto ormai consolidato lo portano ad interessarsi sempre pi alla

Foto Stefano Giannini)

Sarsina: Festa romana e Plautus

Fine settimana intenso e ricco di appuntamenti per il paese plautino. Sabato 14 luglio nella centralissima piazza Plauto, prender il via la XI edizione della Festa Romana, rievocazione storica in costume depoca che riporter la cittadina, per una sera, ai fasti di un tempo. Si parte nel tardo pomeriggio di sabato, con linaugurazione (ore 18) della mostra di pittura di Roberto Casadio "Su il sipario", presso il Centro espositivo di via IV Novembre. Poi al calar del sole, spente le luci e

accesi i bracieri, le taverne del centro storico e della Pro Loco organizzatrice dellevento, apriranno le porte ai commensali. Nei banchetti allestiti in piazza e nelle vie si potranno gustare antichi piatti, preparati con cura secondo le ricette del cuoco Apicio. Per loccasione Sarsina indosser gli abiti degli antichi romani che per secoli ne hanno calcato il foro e le vie. Si addobber a festa per ricordare il suo glorioso passato e per riproporre larte, la cultura e la

gastronomia. Per tutta la serata animazione e spettacoli di danza, gladiatori, giocolieri, mangiafuoco, parata militare storica, acrobati. Poi anche una rievocazione storica delle legioni romane da parte della Legio XXIII Gemina Rubico. Per loccasione il museo archeologico nazionale proporr lorario di apertura no a tarda sera. Per maggiori informazioni, prenotazione cena: www.sarsina.info/festaromana, proloco@sarsina.info, tel/ fax

054794883, 347-0410711. La Festa romana far poi da apripista alla 52esima edizione del Plautus Festival (direttore artistico Cristiano Roccamo) che apre domenica 15 luglio (21,30) con lo spettacolo Pseudolus di Tito Maccio Plauto. Un cartellone con 9 appuntamenti no al 23 agosto, nella suggestiva cornice dellarena plautina nel borgo medievale di Calbano. Per maggiori informazioni e per la prenotazione dei biglietti: www.plautusfestival.it

Donicilio di Verghereto Il 28 luglio commemorazione di don Babini

Passaggio del fronte, il diario di un pilota


"Cosa ho da fa?", rispondeva il giovane parroco di Donicilio, don Francesco Babini, a chi gli faceva notare pericoli e rischi del suo essere disponibile ad accogliere chi chiedeva rifugio, soprattutto in quel cos "maledetto" luglio del 1944. Tra questi, oltre a due sottufficiali inglesi, il 7 luglio 1944 venne accompagnato da don Francesco un pilota sudafricano abbattuto qualche giorno prima dalla contraerea tedesca ed atterrato col paracadute nella valle del Para. Il 14 luglio un drappello di nazifascisti giunge di primissimo mattino a Donicilio, proprio per arrestare il pilota sudafricano, del quale avevano avuto notizia. I militari alleati riescono a sfuggire al rastrellamento, ma don Francesco Babini ed altri vengono prelevati e poi portati in carcere a Forl. Qui, il 26 luglio 1944. a seguito delluccisione di un tedesco a Pievequinta, dieci prigionieri, tra i quali don Francesco Babini, il giovane colono Alfiero Bartolini e Mario Romeo (tutti e tre arrestati a Donicilio), vengono uccisi. Sabato 28 luglio a Donicilio verr commemorato don Francesco Babini, con una celebrazione presieduta dal vescovo Douglas Regattieri e con la presenza di monsignor Giacomo Babini, vescovo emerito della diocesi di Grosseto, cugino di don Francesco. Il pilota sudafricano Hinton Brown descrive quei giorni del 1944 in un diario ricostruito trenta giorni dopo essere stato colpito, al momento del suo rientro nelle linee degli alleati. Il figlio di Hinton Brown, Chris, due anni fa venuto nei luoghi della "fuga" del padre, ha conosciuto il sindaco di Verghereto Guido Guidi e i parenti di don Francesco Babini, tra i quali la sorella Agata, e ha posto una targa di ringraziamento a don Francesco Babini e Mario Romeo. Riportiamo la traduzione di qualche breve stralcio Venerd 7. "Arrivato a Donicilio incontrai il Padre, don Francesco, nella cui abitazione dovevo rimanere. Condivisi con George il letto matrimoniale nella camera del Padre. Devo dire che fu proprio un gran bene per noi. Era un bel cambiamento stare di nuovo in unabitazione decente e pulita. La sorella del Padre accudiva labitazione". Venerd 14. "Mi svegliai allarrivo dellalba e poi, uditi passi precipitosi, saltai su dal letto e cominciai a raccogliere i vestiti. Poi il Padre irruppe nella camera e mi disse che i tedeschi erano praticamente davanti al gradino della porta. Erano circa le 4.30/5,00 allora, e stava sorgendo lalba. Attraversai il villaggio in camicia; avevo in mano i pantaloni, il soprabito. Alla fine mi gettai per i cespugli. Per tutta la mattina ascoltai le galline schiamazzare, il muggito delle mucche, poi il silenzio del posto. Alle due decisi di scoprire cosa stava succedendo, cos con prudenza mi diressi verso la casa di Mario, dove trovai sua cugina. Mi disse che i tedeschi mi avevano cercato, descrivendomi come un biondo che zoppicava. Udii pi tardi che una spia mi aveva tradito e due tedeschi con una decina di fascisti erano partiti da un paese vicino alle 9 della sera prima, volendo arrivare al nostro villaggio verso luna di notte, nel qual caso io e Bob saremmo stati presi. Fortunatamente i tedeschi al buio presero una svolta sbagliata e dovettero tornare sui loro passi. Alberto Merendi

18

Gioved 12 luglio 2012

Solidariet
na serata e solidariet Villa Silvia Udi Lizzanodididivertimentosostenere dalaterremoto Cesena, per Cavezzo. La cittadina modenese duramente colpita dello scorso maggio, con pi dell80 per cento degli edici produttivi e abitativi inagibili, sar presente con i suoi produttori locali e dar vita a un mercato agroalimentare sotto le stelle di Villa Silvia a Lizzano, gioved 12 luglio dalle 18 in poi. La musica sar affidata aiNoi 6 e AMMI Group. Si prosegue con le letture di Ilario Sirri accompagnato al liuto da Elio Donatelli. La serata prevede anche una cena solidale a buffet, e una sottoscrizione beneca per la raccolta fondi; verr rilasciato un attestato e una sorpresa per ogni ospite che aderir. In palio per i partecipanti, un raro organetto del 1890 offerto dallAmmi, e attrezzi sportivi Technogym. Durante lo svolgimento auspicata la visita di un amico dellAmmi, il cantautore e musicista Vinicio Capossela. La serata organizzata dal Comune di Cesena e dallAssociazione Musica Meccanica italiana, che spiega perch il 21 giugno sono voluti andare di persona nel modenese per vericare i danni delle scosse. Lo splendido rapporto damicizia che abbiamo con Cavezzo- dice Franco Severi, presidente Ammi - nasce perch questa citt ha dato i natali a Giacomo e Lodovico Gavioli, universalmente riconosciuti come i pi importanti costruttori di organi da era, e negli anni sindaco, assessori e cittadini sono venuti a Villa Silvia ad ascoltare lunico organo Gavioli esistente in Italia. Da qui lidea di proporre una serata per raccogliere fondi utili ad alleviare le situazioni di disagio riscontrate dopo le violente scosse dei mesi scorsi. Per info, possibile contattare lAmmi al numero 0547 323425, via Lizzano, 1241, Lizzano di Cesena (Fc). Antonella Salvemini

AVilla Silvia musica e solidariet pro Cavezzo

Bruno Fusconi volontario da ventidue anni nella diocesi di Meky

In Etiopia con il sostegno di tanti cesenati


ontinua lopera di sostegno che lassociazione cesenate onlus Amici dellAfrica e Nelle missioni sono state realizzate America Latina sta chiese, un asilo, sale polivalenti portando avanti da diversi anni in Etiopia, in collaborazione con i a servizio della popolazione. Missionari della Consolata, e Costruiti pozzi e linee elettriche. precisamente nelle missioni di Gambo, Neghelli, Alaba, Caciaciullo In una lettera il grazie e Meky. Presidente ai tanti sostenitori dellassociazione il cesenate NELLA FOTO, BRUNO FUSCONI (SECONDO DA SINISTRA) INSIEME A PADRE RENZO MENEGHINI, CON ALBruno Fusconi che alterna lunghi CUNE FAMIGLIE DI LEBBROSI, IN ATTESA DI RICEVERE IL SUSSIDIO MENSILE periodi di permanenza in Etiopia a rientri nella sua citt natale, dove pu contare sullaiuto concreto di diversi benefattori missione. Il nuovo centro sociale religioso - si legge un anno e mezzo, al termine del quale le donne che che, con il loro appoggio, hanno reso possibile la nella lettera - la prima grande opera di carattere vogliono intraprendere una piccola attivit possono realizzazione di diverse opere di promozione sociale. sociale costruita a Neghelli. Lopera costruita da un accedere al microcredito. Si svolgono poi corsi di Nelle missioni dove per tanti anni ha vissuto il vasto complesso: un asilo per 200 bambini, una casa cucito e ricamo, con macchine da noi fornite. cesenate padre Tarcisio Rossi, ora presente una per il personale dellasilo e per le suore, un salone e Abbiamo inoltre aiutato il parroco per la piccola chiesa, la prima costruita a Neghelli, punto di uffici per giovani studenti e infine una casa per i padri assistenza e per le scuole elementari. () incontro e di collegamento con le varie attivit, un che assistono gli studenti, provenienti da zone diverse Un grazie sincero ai tanti benefattori. Segnalo in asilo, un salone polivalente, la casa per le suore e una e di varie etnie. () Nella missione di Caciaciullo, particolare la generosit e la collaborazione di per i padri, al servizio dei giovani. Altre chiese sperduta nella savana, vive una comunit di circa Romagna Solidale, del Rotary club, Orogel e costruite a Medeani Alem, ad Alaba e a Caciaciullo, 3mila cattolici. Qui stata costruita la scuola, mentre i Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena. In segno di oltre a diversi pozzi e relative linee elettriche. In soldi per terminare la chiesa, iniziata sei anni fa, non riconoscenza - scrive in chiusura Fusconi - la campo anche varie iniziative di sostegno economico sono bastati. () Unaltra grande attivit che merita comunit di Gambo celebra Messe per tutti i per giovani e donne. di essere evidenziata svolta dalle suore della benefattori, per i loro defunti e per il buon esito del Pubblichiamo alcuni stralci della lettera che Bruno Consolata. Sono i corsi di formazione e lavoro. Fusconi, in queste settimane a Cesena, ha inviato ai alfabetizzazione della donna. La durata del corso di Per informazioni: Bruno Fusconi, 348 7260666. vari benefattori che sostengono il lavoro in terra di

Emilia Romagna: la popolazione cresce


La popolazione dellEmilia Romagna cresciuta nellultimo anno di 26.807 unit. Si tratta di un +0,6 per cento, in ulteriore essione rispetto al +0,84 per cento del 2011 dovuta al minor afflusso di cittadini stranieri. Questi sono alcuni dei dati che emergono dal servizio controllo strategico e statistico della Regione. Gli iscritti allanagrafe in Emilia Romagna sono 4.459.246 (2.295.039 femmine e 2.164.207 maschi). Dal 2009 il numero delle donne straniere ha superato quello degli uomini; ci ritroviamo pertanto di fronte a unimmigrazione non pi legata solo ai ricongiungimenti, ma determinata in parte dalla domanda di lavori di cura. Si segnala infatti un aumento costante della fascia degli over 65. Nellultimo anno, gli anziani sono aumentati di 17.605 unit (+1,8 per cento), arrivando al 22,5 per cento della popolazione , mentre i giovani sono cresciuti di 8.269 individui (+1,4 per cento). I grandi anziani (di 80 anni e pi) sono aumentati del 2 per cento, arrivando al 7,2 per cento dellintera popolazione. Di questi 2 su 3 sono femmine.

NOTIZIARIO PENSIONATI
rappresentano il 51,47 per cento del totale. Le comunit pi rappresentative a livello regionale sono quella marocchina (73.318 residenti), rumena (72.720), albanese (62.642), moldava (30.686) e ucraina. Alcune province si caratterizzano per la presenza di alcune cittadinanze. A Forl-Cesena c una maggiore concentrazione di cinesi.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Non autosufficienza: famiglie sempre pi sole


Il quadro strategico nazionale 2007-2013 ha previsto come obiettivo di incrementare la percentuale di anziani beneficiari dellassistenza domiciliare integrata dall1,6 per cento al 3,5 per cento. Dati Istat alla mano, per, si rileva che la met delle regioni italiane ad oggi lungi dallobiettivo minimo. Circa il rapporto tra il ricovero in strutture residenziali e lassistenza a domicilio, in Danimarca di 1 a 6, in Inghilterra da 1 a 4, in Italia da 1 a 1.50. Quanto al totale delle ore: 300 il numero di ore di assistenza domiciliare in Danimarca, 600 in Inghilterra e 110 in Italia. Nel nostro Paese il compito di assistere i soggetti non autosufficienti, anziani o meno, stato quasi completamente demandato alla famiglia, che si trova cos ad affrontare due ordini di problemi, quello dellassistenza fisica e psicologica, e quello di tipo finanziario. La famiglia, da sola, o con lappoggio del volontariato, riesce ormai a fatica e con sforzi sempre pi onerosi ad affrontare un'esigenza assistenziale che, in una societ civile, rappresenta un problema non solo individuale o familiare, ma dellintera collettivit. La famiglia non pu fare tutto, oggi meno che mai. Certo non nemmeno pensabile che la famiglia rinunci al suo ruolo chiave di presenza accanto allanziano dipendente. Lobiettivo da perseguire dunque unintegrazione delle sue insostituibili funzioni con il supporto fornito da servizi pubblici e privato-sociale, che completi e si sostituisca, quando necessario, al ruolo del familiare assistente.

Rapporto sullo stato del volontariato nel mondo


Se i volontari fossero una nazione, costituirebbero il nono Paese pi popoloso del mondo, con oltre 140 milioni di persone. La Fnp invita a leggere il rapporto pubblicato nel dicembre scorso. Questo dato, evidenziato nel Rapporto sullo stato del volontariato nel mondo, pubblicato dai Volontari delle Nazioni Unite. Il rapporto delle Nazioni Unite richiama la necessit di analizzare in maniera pi approfondita la realt del volontariato, con lobiettivo di includerla tra le risorse pi importanti di una nazione. Il volontariato, infatti, pu essere uno strumento efficace per realizzare strategie a livello delle comunit sociali. Negli ambienti accademici e non, si diffonde sempre pi la necessit di denire e misurare lo sviluppo di un Paese non solo attraverso parametri quali il Pil, improntati a una visione puramente economicista. Il volontariato caratterizza ogni

Stranieri in Regione
Sono 530.015 gli stranieri residenti in regione all1 gennaio 2012, pari all11,89 per cento del totale e in aumento di 29.430 unit (5,9 per cento). Let media quasi di 32 anni, contro i 45,1 della popolazione complessiva. Il 90 per cento degli stranieri ha meno di 52 anni, circa il 2,3 per cento ha pi di 65 anni e il 24 per cento minorenne. Le donne

aspetto della vita ed presente in ogni cultura; molti servizi pubblici forniti in tutto il mondo, infatti, si basano sulla presenza dei volontari. Mentre si rileva una diminuzione della partecipazione dei giovani nelle organizzazioni formali, aumenta il volontariato online. Gli anziani e i disabili, invece, sono solitamente meno coinvolti nelle attivit di volontariato, anche se si registra un numero sempre maggiore di volontari esperti e anziani. I governi hanno un ruolo importantissimo in questo settore. Il volontariato, per, non deve e non pu sostituirsi alle responsabilit dello stato. In questo senso, il rapporto

suggerisce di affidare la coordinazione del volontariato ad un unico organismo pubblico. Si stanno rapidamente modicando anche le forme di volontariato, in particolare inuenzato da tre principali tendenze: i fenomeni migratori e il turismo volontario stanno trasformando le modalit attraverso cui le persone prestano servizi di volontariato; il settore privato si impegna sempre di pi nel volontariato attraverso listituto della responsabilit sociale dimpresa; e le tecnologie dellinformazione e della comunicazione offrono nuovi mezzi di partecipazione volontaria. Il volontariato uno strumento

importante per uscire dalla povert, per fronteggiare la marginalizzazione sociale, per formare e sostenere capitale umano, sociale, naturale, sico, nanziario e politico. Rappresenta in media l1,1 per cento del Pil di un Paese. I governi dovrebbero concepire il volontariato quale strumento complementare per le politiche sociali. Dallanalisi di casi di studio i quali dimostrano che le comunit dotate di maggiore ducia reciproca, impegno civico e reti pi solide basate sul volontariato, hanno maggiori probabilit di saper reagire alle calamit naturali rispetto a quelle isolate e frammentate.

Cultura&Spettacoli

Gioved 12 luglio 2012

19

Gregoriano e letture per la 30esima edizione della rassegna I Suoni del Tempo

Cinema
Aladdin, Astra, Eliseo, Cineflash Forlimpopoli Uci Cinemas Savignano

di Filippo Cappelli

del Monte Abbazia

THE AMAZING SPIDER-MAN


di Marc Webb Diamo atto a Marc Webb di aver avuto coraggio. Dopo la convincente prova di 500 giorni insieme, era un grosso rischio riportare sul grande schermo uno degli eroi pi amati della storia del cinema, Spider-Man. Certo dimenticare dun colpo Sam Raimi, Tobey Maguire, Kirsten Dunst non era facile. Buttare tre capitoli capaci, luno dopo laltro, di sbancare il box office raccogliendo consensi tanto dalla critica quanto dal pubblico sembrava un gioco al massacro. Tanto che quando la Sony annunci lintenzione di voler ripartire da zero con il franchise legato allUomo Ragno, i fan pi duri di Spider-Man gridarono alla follia produttiva e pure insulti da bar. Cancellare una trilogia che scaten la mania da cinecomic e si diffuse poi a macchia dolio fino a diventare blockbuster dautore con il Batman di Christopher Nolan? Sembrava impossibile. Poi successo. E Marc Webb, contrariamente a tutto e tutti, pare aver indovinato la formula giusta riuscendo a rilanciare una saga milionaria, che si appresta a risorgere dalle ceneri in cui era finita dopo la rottura della Sony con la coppia Raimi/Maguire. La trama: il film racconta una parte sconosciuta della storia di Peter Parker, che allet di sette anni viene affidato alla zia May e allo zio Ben dai genitori che, misteriosamente, non rivedr mai pi. Una decina danni dopo Peter un liceale solitario, sveglio ma malinconico e con una cotta per la compagna di classe Gwen Stacy, figlia del capitano della polizia. Insomma, un ragazzo normale. Mentre vaga nella casa degli zii, scopre in soffitta una valigetta del padre contenente documenti segreti che portano al dottor Curt Connors, vecchio amico e collaboratore del padre. Proprio nel laboratorio del dottore, la Oscorp, il giovane viene morso da un ragno e si ritrova dotato di nuovi e straordinari poteri La trilogia di Raimi aveva soddisfatto i critici e ammaliato il pubblico. Willem Dafoe era perfetto nelle vesti di Osborn/Goblin, Tobey Maguire calzava a pennello il curioso asociale Peter Parker e Kristin Dunst rendeva piacevole anche la figura quasi inutile di Mary Jane Watson. Prendendo a piene mani dallUniverso fumettaro, con rimandi nolaniani, Marc Webb ha in qualche modo riscritto lUomo Ragno cinematografico. Facendo centro, eppure allontanandosi in modo molto deciso dallo Spider-Man di Raimi: il nuovo Ragno pi giovane e istintivo, pi timido e riservato, pi secchione e probabilmente ancora pi nerd. Di sicuro il nuovo capitolo il pi cupo dei quattro Spider-Man. La morte una presenza continua che coinvolge un numero maggiore delle canoniche, fino a introdurre una vera e propria evacuazione disperata da Manhattan, sulla falsariga di quanto si vide dopo il crollo delle Torri Gemelle. Piange il cuore a dirlo, ma lUomo Ragno tornato tra noi. Ed pi in forma che mai.

Dal silenzio al canto sacro


n ritorno alle origini, con la semplicit del canto gregoriano che si fa preghiera e si apre alla citt per un intenso momento di spiritualit e occasione di formazione culturale. La rassegna I Suoni del Tempo - Dal silenzio al canto, dopo alcuni anni di esibizioni alla Rocca Malatestiana ritorna cos per la sua trentesima edizione in quella che stata la culla primaria, labbazia del Monte, luce del monachesimo benedettino, da mille anni presente sul colle della citt di Cesena. E per il suo ritorno allantico, protagonista sar la musica gregoriana. Sono tre gli appuntamenti che compongono la rassegna, eccellenza nel panorama delle proposte estive per il comprensorio cesenate e non solo, rivolta a tutti e a quanti in particolare sono incuriositi dai canti sacri, capaci di coinvolgere lo spettatore nel mistero di diverse religioni attraverso il linguaggio universale della musica. Con laiuto di artisti e interpreti capaci di coinvolgere gli spettatori in un viaggio che tocca il profondo, il senso e il sentimento in un periodo, il nostro, in cui si fatto pi urgente una richiesta di spiritualit. In un progetto che rende ancora pi vicina la comunit monastica di Cesena con la citt, come ha sottolineato lassessore alla cultura del Comune di Cesena Elena Baredi alla conferenza stampa di presentazione delliniziativa. Il primo appuntamento per la sera di domenica 15 luglio, quando allAbbazia del Monte sar presente il coro gregoriano Mediae Aetatis Sodalicium, diretto da Nino Albarosa. Il coro femminile, con sede a Bologna e noto anche per alcune esecuzioni europee, composto da una decina di elementi che

si esibiranno in esecuzioni corali e solistiche. Un omaggio allanniversario millenario delleremo di Camaldoli il secondo appuntamento della rassegna, domenica 22 luglio. Allaperto, nel chiostro piccolo del monastero del Monte, lattore e regista Gabriele Marchesini si esprimer in una serie di Letture camaldolesi in via di definizione con la stessa comunit monastica di Camaldoli. Canto e arrangiamenti vocali antichi/moderni saranno a cura di Luisa Cottifogli, gi vocalist del gruppo musicale Quintorigo, artista con interessi e studi dispirazione al mondo orientale. La schola gregoriana Benedetto XVI sar protagonista dellappuntamento di domenica 29 luglio. Con sede a Santa Cristina di Bologna, la scuola, composta da una decina di voci maschili, nata nel 2007 da unidea di Fabio Roversi Monaco ed diretta dal monaco benedettino olivetano dom Nicola Bellinazzo. Il programma della serata ispirato a Iustorum animae, elevazione spirituale in canto gregoriano.

Architrave della rassegna il corso di canto gregoriano Don Gabriele Tirro che negli anni ha continuato a tenersi nel monastero del Monte. Rivolto non solo ai cultori del gregoriano, ma anche a chi ha interessi al mondo antico e al Medioevo in particolare, il corso inizia sabato 14 alle 9 e proseguir fino a domenica 15 luglio. Tutti gli spettacoli si svolgeranno nellabbazia di Santa Maria del Monte, con inizio alle 21,30 (ingresso gratuito). In apertura di ogni serata, il priore del Monte dom Gabriele DallAra porter il saluto della comunit benedettina. Per lappuntamento con le Letture camaldolesi (domenica 22 luglio) sar allestito uno scenario naturale nel suggestivo chiostro piccolo del monastero. Curatori della rassegna sono Mauro Casadei Turroni Monti, storico di musica sacra e docente universitario, e da Franco Pollini, direttore del Bonci di Cesena. Promotori delliniziativa il Comune di Cesena assessorato alla cultura, la comunit monastica di Santa Maria del Monte e la Societ Amici del Monte. La rassegna gode del sostegno economico della Banca Popolare dellEmilia Romagna e - felice novit nel panorama culturale e collaborativo pubblico-privato - delle aziende F.lli Fusconi autoaccessori e IL CORO GREGORIANO MEDIAE AETATIS SODALIPieri&Graziani. CIUM, CON SEDE A BOLOGNA, STATO FONDATO NEL Per info: Ufficio turistico 1991. SAR PROTAGONISTA DEL PRIMO APPUNTAComune di Cesena (Iat), MENTO DELLA RASSEGNA I SUONI DEL TEMPO, AL piazza del Popolo, Cesena, MONTE DI CESENA, DOMENICA 15 LUGLIO ALLE 21,30 tel. 0547 356327, iat@comune.cesena.fc.it Sabrina Lucchi

Sulle colline toscane di San Miniato, in provincia di Pisa, in scena la 66esima edizione della Festa del teatro dello spirito

ar lo spettacolo Anima errante, dellautore contemporaneo Roberto Cavosi, a rappresentare questanno la 66 edizione della Festa del teatro dello spirito di San Miniato (Pi), la manifestazione, nata per volont della Fondazione istituto dramma popolare, che dal 1947 offre, nelle piazze e nelle chiese della cittadina toscana, spettacoli dispirazione cristiana nella consapevolezza di un teatro eminentemente educativo e autenticamente popolare. Immerso nei giorni del disastro di Seveso del 1976, il testo racconta del dramma di una donna, Sara, che chiede alla Vergine Maria un miracolo per il figlio che le sta per nascere: una madre emblema di tutte le madri, di coloro che non possono rifiutare la croce. Alla vigilia della prima dello spettacolo, il 19 luglio, il Sir ha rivolto alcune domande a Salvatore Ciulla, direttore artistico del Festival. La Fondazione istituto dramma popolare di San Miniato nasce nel 1947 dalla volont di riappropriarsi di un teatro, inteso come edificio e luogo di una coscienza collettiva, distrutto dal passaggio della guerra. Cosa rimane oggi di quella spinta?

Anima errante, il disastro di Seveso nel dramma di una donna S


Il Dramma popolare sempre stato fedele in tutti questi anni alla sua vocazione originaria: e cio quella di produrre un teatro di valori, spirituale. Non un dramma religioso, ma un teatro che sinterroga sulle problematiche sociali, filosofiche, politiche, aperto allalterit e alla dimensione del sacro. Io credo che questa caratteristica unica nel panorama culturale italiano, sia rimasta. viene scelto sulla base dellecclesialit, ma sulla possibilit di apertura verso una dimensione diversa. Lo spettacolo scelto a rappresentare questa edizione Anima errante di Roberto Cavosi. Un testo contemporaneo che parla di morte, di aborto, di scelte, ma anche di speranza. Un teatro che forse trova la sua dimensione religiosa proprio nel suo essere profano... Il testo parla di un mondo in cui la luce e lalterit di Dio pu trovare spazio e lo pu illuminare. Lo spettacolo riflette la cifra del Dramma popolare: la capacit dinserirsi nel dibattito culturale non come una proposta che chiede un consenso o unaccettazione, ma che chiede semplicemente unattenzione per essere dibattuta. Lo spettacolo non

Esiste secondo lei una funzione sacrale del teatro? Il teatro un rito laico, pu aiutarci a riflettere, nel suo essere rito pu aiutare le coscienze degli uomini. Ma il teatro non un mantra, non basta recitare il rosario o rappresentarlo per crederci. Il teatro pu parlare del sacro senza parlare mai di Dio o della religione. vero che anche per mezzo del teatro che la rivelazione cristiana stata raccontata alla gente, ed dunque veicolo di divulgazione di temi sacri e spirituali. C un messaggio che il Dramma popolare, con la sua lunga storia, pu portare al teatro e agli uomini di oggi? S, ed quello che destate non necessariamente bisogna evadere. Anche nella riflessione luomo pu trovare soddisfazione, perch possibile riflettere, sempre, sul senso della vita. Ed anzi necessario riflettere su questo, se non vogliamo perderla, la vita. Marta Fallani

20

Gioved 12 luglio 2012

Cesena & Comprensorio


Sarsina
Plautus festival
AllArena Plautina domenica 15 luglio alle 21,30, prender il via il Plautus festival organizzato dal Comune in collaborazione con la Fondazione e Cassa di Risparmio di Cesena. In scena la commedia "Pseudolo"di Plauto. Regia di Cristiano Roccamo. Domenica 22 luglio alle 21,30 "Capitan Fracassa" da Thophile Gautier e da canovacci di Francesco Andreini.

Cesena
Venerd sera in centro
Animazioni,visite guidate e spettacoli gratuiti nei venerd di luglio in occasione dei saldi estivi coi negozi aperti no alle 24, promossi dal consorzio "Cesena in centro". Alle 21 del 13 luglio gare di canto in piazza Giovanni Paolo II. Visite guidate alle 21 alle chiese di SantAgostino e San Domenico. Dalle 21,45 la notte del cinema nelle piazze trasformate in sale cinematograche allaperto.

Bagno di Romagna
Ciclo di conferenze

Bagno di Romagna
Concerti

La II edizione della rassegna "Tra cielo e terra" prevede per gioved 19 luglio alle 21 allHotel Roseo Euroterme la conferenza di Anna Stevens. Parler sul tema "LEgitto di Akhenaton: recenti scavi alle tombe sud nella necropoli di Tell el Amarna".

Sar il pianista salentino Luigi Fracasso a tenere il concerto di domenica 15 luglio alle 21 nella basilica di Santa Maria Assunta. Eseguir brani di Mozart, Beethoven, Schumann e Liszt. Domenica 22 toccher allorganista Alessandra Mazzanti. Lingresso libero.

Memorial Matassoni
Avr luogo al campo sportivo della Cils a SantEgidio, venerd 13 luglio alle 18,30, il IX Memorial "William Matassoni", un quadrangolare di calcio a 7. In campo le squadre "Vecchie glorie del Cesena calcio", "Circolo tennis Cesena", "Orogel" e "Cooperativa Cils". Piano bar di Settimio e Cristian Corzani. Spettacolo del mago Cotechino, esibizione del gruppo Rap di Salah e buffet.

Longiano, si fa largo la notte arancione


Notte "arancione" a Longiano sabato 14 luglio. Dalle 19 alle 24, nella piazza del Castello malatestiano, ritorna la serataevento "Vini e sapori in strada" con degustazioni di prodotti del territorio e musica dal vivo. Dalle 19 a mezzanotte, 25 produttori aderenti alla "Strada dei vini e dei sapori dei colli di Forl-Cesena" offriranno in degustazione i loro prodotti. Lo chef Francesco Fichera del ristorante "Shakti" di momenti di degustazione Longiano proporr guidata alla conoscenza dei degustazioni di carni cotte pregiati vini rossi di alla brace. La Pro loco Romagna (gestiti preparer piatti della dallAssociazione italiana tradizione romagnola. Non sommeliers) e la possibilit mancher lo spazio della di partecipare al referendum "Corte arancione" con "I migliori vini e sapori per sapori e assaggi da comuni te", con premi finali a di altre Regioni, che, al pari estrazione che includono di Longiano, sono "bandiere confezioni di vini di arancioni" del Touring club Romagna e percorsi termali italiano. al "Grand hotel Terme della La serata prevede anche Fratta" di Bertinoro.

Ippodromo
Si correr sabato 14 luglio il gran premio "Riccardo Grassi", una delle pi importanti gare italiane per cavalli anziani di ogni paese. Le corse al Savio hanno inizio alle 20,50. In programma marted 17 il premio ConfcommercioAscom servizi e venerd 20 la corsa tris. Marted 24 la seconda prova del "Superfrustino".

Cocktail party
A Villa Bianchi, sede dellOpera don Dino onlus, si svolger venerd 20 luglio dalle 18 il "Cocktail party in blues". Il ricavato della serata andr alla realizzazione dei progetti assistenziali in Villa. E gradita la conferma di partecipazione allo 0547 21592.

Sar inoltre possibile visitare la fondazione "Tito Balestra", con visite guidate alla Galleria darte moderna del secondo Novecento e alla mostra "Di segni incisi. Omaggio a Ilario Fioravanti", presso lex chiesa "Madonna di

Loreto". Lingresso alla serata libero, ma per accedere agli assaggi di vini, prodotti del territorio e di fattoria, obbligatorio lacquisto di un buono da 10 Euro per degustazione. Matteo Venturi

Un cortometraggio fatto da studenti


"Cinque minuti e torno" il titolo del cortometraggio che fa rivivere i personaggi che danno il nome alla toponomastica delle strade di un quartiere di Cesena. A realizzare questo spaccato di periferia stato un giovane regista, Marcello Marano, per la rassegna "Sguardi periferici", promossa dal Comune di Cesena. Marano, iscritto alla facolt di lettere moderne, si diplomato al Liceo della Comunicazione lo scorso anno. Il mini-lm sar proiettato venerd 13 luglio in piazza San Domenico dopo le 22. Hanno lavorato, insieme a Marano, alla realizzazione del cortometraggio Alvaro Evangelisti, Carla Navacchia, Giulio Barbieri, Edoardo Gobbi, Lucrezia Magnani, Teresa Garaffoni, Caterina Monteleone, Giuseppe Ciaravolo, Filippo Reina, Assunta Ingenito ed Edoardo Gobbi. Per le musiche, Davide Caprelli.

Commedie dialettali
Al chiostro San Francesco, domenica 15 luglio alle 21, la "Cumpagn dla Zercia" di Forl metter in scena "Lambizion de bdocc" e domenica 22 alle 21 la compagnia "La Speranza" di Savignano sul Rubicone presenter "Lzal par lanteran". Ingresso 5 euro.

Gambettola
Mostra di pittura

Gatteo

Spettacoli musicali
Si svolger domenica 15 luglio dalle 18,30 al Castello la festa dellestate con musica, spettacolo di Bimbobell e stand gastronomici. A Gatteo a Mare venerd 13 luglio alle 21 lungo il viale Giulio Cesare si esibiranno ballerini, cantanti e gli "Sciucarein". Domenica 15 luglio alle 21,30 in piazza della Libert si svolger il festival degli anni 80.

Gambettola
Concerti

Cesenatico
Spettacolo di danza
La scuola Dance dream e la Caritas diocesana di Cesena-Sarsina, col patrocinio del Comune, gioved 12 luglio alle 21,30 al teatro allaperto di Largo Cappuccini presentano lo spettacolo "La speranza in punta di piedi". Ingresso 10 euro. Il ricavato andr a favore dei terremotati della parrocchia di Vallalta in diocesi di Carpi.

Negli spazi di "Fabbrica" dal 14 luglio al 5 agosto sono esposti, per la prima volta in Italia,13 grandi dipinti e 15 opere grache del colombiano Jaime Arango Correa, dal titolo "Sedie-Sillas". Lartista sar presente allinaugurazione di sabato 14 alle 21,30. La mostra, curata da Bianca Laura Petretto e Angelo Grassi, si pu visitare dal gioved alla domenica dalle 21,30 alle 24.

Il parco Federico Fellini, domenica 15 luglio alle 21, ospiter la3Monti band di Montiano, diretta da Alessandro Fattori. Venerd 13 luglio alle 21 sar allArena Gregorini di Savignano sul Rubicone in occasione della festa di Avis-Aido.

Il tesoro della sirena, spettacolo per bambini


Grande successo luned sera ai giadini Savelli a Cesena per "Il tesoro della sirena, spettacolo per bambini nato da unidea di Raffaella Candoli (coordinatrice dellassociazione Piccolo Mondo che si occupa dellospitalit dei bambini bielorussi) e interpretato dallartista Mirko Alvisi. Pi di trecento gli spettatori che sono stati incantati dai pupazzi animati e dal messaggio dello spettacolo: avere fede, speranza e non perdere mai la ducia nel prossimo e negli amici veri. Prossimi appuntamenti a Cesena: sabato 14 luglio alle 21,30 al parco della Rocca, luned 23 luglio (21,30), ai giardini Savelli.

Concerto allalba
Si esibir lAngel Ensemble domenica 15 luglio alle 6 sulla spiaggia libera di Zadina. I sette musicisti sono Yuri Ciccarese al auto, Igor Buscherini al violino, Michele Rivi alla viola, Damiano Puliti al violoncello, Gianni Landroni alle chitarre, Elena Indelicati al pianoforte e Stefano Paolini alla batteria.

Notturni alle Conserve


Rocco Parisi al clarinetto e Maurizio Barboro al pianoforte, marted 17 luglio alle 22 in piazza delle Conserve, eseguiranno musiche di Schumann, Schubert, Debussy, Khalife, Verdi e Borne. Lingresso libero.

Cesena

Concerto lirico
In piazza Leonardo Sciascia, sabato 21 luglio alle 21,15, il coro lirico Citta di Cesena "Marietta Alboni", diretto da Matteo Unich, terr un concerto in collaborazione con "Gli Amici della Musica Alessandro Bonci". Solisti il tenore Antonio Corian, il soprano Gaia Matteini, il baritono Andrea Zampa. Al pianoforte Fabrizio Di Muro. Presenter Maja Ricci.

Cesena

Contro la violenza
Per rompere il silenzio sulle violenze sulle donne, il Comune e il Forum Donne Cesena col contributo di Cesena Armonica e Fidapa propongono una serata di letture e musica al centro San Biagio, gioved 19 luglio alle 21. Parteciperanno "I Solisti della Filarmonica Malatestiana".

Sarsina

Commedia dialettale
Allarena del "Parco della Resistenza e della Pace" a Pieve di Rivoschio, sabato 14 luglio alle 21, la compagnia "Il Cinecircolo del Gallo" di Forl presenter la commedia di Alfredo Pitteri "Bona nota Avuchet!". Lingresso libero. La Pro loco di Pieve di Rivoschio, che organizza la rassegna in collaborazione col Comune, offrir al pubblico un gustoso buffet.

Operetta
La compagnia "Magia doperetta" composta da Jean Bennet, Letizia Sciuto, Stefania Stefanin, Paolo Gabellini, Mirco Rocchi e Ornello Giorgetti, gioved 19 luglio alle 21,15 al Largo Cappuccini proporr lo spettacolo "Radio days". Al pianoforte Antonio Babini. Posto unico 7 euro.

Sport

Gioved 12 luglio 2012

21

A calcio e a calcetto si impone il Martorano, il Boschetto nella pallavolo


visto la partecipazione di venti squadre. Al terzo posto si classificato il SantEgidio che ha battuto il San Vittore, dopo i calci di rigore. Tre a tre il risultato al termine dei tempi regolamentari. Cinque a tre i rigori in favore dei calciatori della comunit guidata da don Gabriele Foschi. Sempre al Martorano andata ledizione del calcetto femminile. Per il torneo di calcio, la coppa disciplina andata a Santa Maria Nuova di Alfeo; miglior portiere Marco Moretti di San Vittore; miglior tifoseria Santo Stefano; Coppa Giocatore Benedetto a Claudio e Matteo Candoli di Santa Maria Goretti. Per la pallavolo mista la classifica finale ha visto prevalere Boschetto su Case Finali; al terzo posto si piazzata la squadra del Duomo. In questo torneo, il premio per la miglior tifoseria andato alla parrocchia di Boschetto, mentre la coppa squadra Benedetta andata a SantEgidio. Alle premiazioni ha partecipato il vescovo Douglas Regattieri, assieme a don Marcello Palazzi e don Giovanni Savini, rispettivamente delegato diocesano per la pastorale giovanile e assistente diocesano del Centro sportivo italiano. "Una manifestazione che cresciuta tanto - commenta don Palazzi -. Siamo soddisfatti del clima positivo e dellaggregazione fra giovani che si sono creati".

Motori
I romagnoli si fanno valere
Prosegue la stagione agonistica dei piloti della scuderia Rubicone Corse di San Mauro Pascoli e del moto club "Citt di Gambettola", impegnati a disputare i vari campionati. Con la disputa del Rally di San Crispino di Gubbio, disputatosi la scorsa settimana, Simone Campedelli, pilota ufficiale Citroen Racing (Francia) navigato da Danilo Fappani, a met stagione si gi aggiudicato il Campionato italiano rally 2 ruote motrici, a bordo della Citroen DS3, ora in lotta per il titolo di Campione italiano junior. Antonio Forato il grande protagonista del Civm (Campionato italiano velocit in montagna). Il pilota di Castelfranco Veneto, che questanno corre con una Lamborghini Gallardo e una Porsche 911GT3, attuale leader del raggruppamento Gt quando mancano 5 gare al termine. Il pilota gambettolese Davide Bertozzi in coppia con Marco Coldani, dopo il doppio appuntamento di Misano dello scorso ne settimana, dove hanno ottenuto una vittoria ed un secondo posto, sale in vetta alla classica del Peugeot RCZ Racing Cup e si conferma al terzo posto della classica assoluta del Campionato italiano turismo endurance Superproduzione, superando diversi equipaggi che dispongono di vetture con una potenza superiore di 75cv alla Peugeot. Piero Spinosi

Al Trofeo Benedetto tanti gol e clima di festa


l Martorano (nella foto di Mauro Armuzzi ) la VI edizione del Trofeo Benedetto, il torneo di calcio a sette fra parrocchie. Domenica sera, nel centro sportivo Romagna Centro, a Cesena, al termine di una partita mai in discussione, i ragazzi della parrocchia di Martorano si sono imposti per 5 a 3 sul San Pietro, in una finale che li ha sempre visti in vantaggio e durante la quale hanno

ribadito una netta supremazia, al di l del punteggio. Notevole la prova di Alessandro Brunetti, onnipresente su ogni pallone e capocannoniere del torneo. Una colorata e folta cornice di pubblico ha assistito a una partita giocata allinsegna del fair play e della massima sportivit. Ottimo il bilancio al termine di un appassionante campionato che ha preso lavvio il 3 giugno scorso e ha

Calcio serie B Il duo Campedelli ha preso per mano la squadra. Ritiro autarchico ad Acquapartita

Un Cesena fiducioso e umile riparte con slancio


La nuova avventura del Cesena Calcio nel campionato cadetto iniziata ufficialmente sabato 7 luglio con il ritiro della squadra ad Acquapartita. Nella mattinata il presidente Igor Campedelli, il direttore Generale Luca Mancini e lallenatore Nicola Campedelli hanno presentato alla stampa i due neo acquisti Davide Succi dal Palermo e Louise Parfait dallAscoli oltre ad aver investito pubblicamente della carica di portiere titolare il giovane Nicola Ravaglia. La fallimentare stagione di serie A oramai alle spalle, lo staff bianconero sembra aver imparato la lezione: pochi proclami e tanto lavoro. "Non vogliamo porci obiettivi. Lo scossone della passata stagione labbiamo assorbito e questo ci sar di aiuto per il campionato di serie B. Quello di questanno sar un Cesena battagliero, con lo spirito di una provinciale pura. Abbiamo voglia di fare bene e di fare emergere i nostri giovani". Cos il presidente ha presentato la stagione 2012-13 del cavalluccio. Il suo vice Mancini attento ai costi della stagione "La serie B porta spese ed entrate diverse, a partire dagli stipendi dei giocatori che dovranno essere equilibrati in base alla categoria". A destare curiosit tra gli addetti ai lavori il metodo di lavoro del tecnico Campedelli. Dopo la prima settimana di ritiro ad Acquapartita, la squadra romagnola inizier un lavoro di potenziamento sulla sabbia a Ronta "Questo metodo lho provato da giocatore, poi lho sperimentato quando allenavo il Cesenatico e poi col Bellaria. I risultati sia da tecnico che da calciatore ci sono stati e quindi confido molto su questo lavoro". Dopo laddio di Francesco Antonioli, sar Nicola Ravaglia a difendere la porta bianconera. Il numero 1 gode della stima di tutto lambiente "In questi anni il confronto con Antonioli stato importantissimo per la mia crescita umana e professionale, e ora la mia gratitudine va alla societ per lopportunit che mi sta dando". Con lo stesso entusiasmo parte lex palermitano Davide Succi. "Il Cesena ha dimostrato molto interesse nei miei confronti. Io dovevo cambiare aria, dovevo andar via da Palermo e col Cesena c stato subito una comunanza di interessi". Lattaccante conosce bene la categoria. La sua duttilit permette di provare diverse soluzioni in fase offensiva, ma ci che desta non poche perplessit la sua condizione fisica: ha alle spalle un infortunio che lo ha tenuto fermo undici mesi facendogli saltare la preparazione estiva dello scorso anno. Antonio Domenico Capristo

(Pippofoto)

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino
sas

FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

22

Gioved 12 luglio 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

A Case Finali la Gran Fondo non agonistica Sport per crescere insieme
ancano quindici giorni M dellacrescere Insieme, alla sesta edizione Granfondo non agonistica Sport per quarta prova del Romagna Sprint, che sar organizzata domenica 29 luglio dallUsd San Marco a Case Finali di Cesena. Unoccasione per trascorrere un ne settimana in un territorio che ha molto da offrire a chi ama coniugare sport e turismo. Sono tre i percorsi disegnati dalla societ organizzatrice: il lungo, di 120 chilometri (dislivello di 1800 metri), il medio di 92 chilometri (1200 metri di dislivello) e il corto di 60 chilometri (dislivello di 700 metri).

Il territorio toccato dai tre percorsi offre tante bellezze che i partecipanti potranno osservare durante le loro pedalate o visitare il giorno prima come turisti, insieme alle proprie famiglie. Partendo da Cesena, si toccano varie localit: Borello, Linaro, Ranchio, Pieve di Rivoschio,Teodorano, Sorrivoli, Monteleone, Santa Paola, Roncofreddo e Longiano.

Le Societ interessate possono aderire sin da ora allattivit, anche se i giochi inizieranno a ottobre e dicembre prossimi

Calcio a 7: i campi da gioco saranno quelli del C.S. Martorano, del C.S. Kick Off, del Parco 5 Pini e di Gatteo

Campionati Calcio a 7 e Over 35 Aperte le iscrizioni


l comitato cesenate del Csi sta programmando la prossima stagione sportiva 2012/13 e rende noto a tutte le Societ interessate che possono sin da ora aderire allattivit di calcio a 7 e over 35. Per la prima si tratta sia del campionato che della Coppa, le cui iscrizioni vengono effettuate contemporaneamente, anche se questultima avr inizio solo nel mese di dicembre, mentre il campionato si aprir l8 ottobre, preceduto dalla riunione dei dirigenti delle Societ, prevista per il 24 settembre, data di scadenza delle adesioni. I campi da gioco prescelti saranno quelli del Cs Martorano, del Cs Kick Off, del Parco 5 Pini e di Gatteo, oltre ad altri segnalati dalle Societ stesse. I giorni di svolgimento delle partite andranno dal luned al gioved compreso. Le squadre che hanno diritto a

iscriversi al campionato sono: per la serie di "Eccellenza" Il Ritorno - Autotr. Bragagni, lUsKi Burdel, il San Mauro Mare, il Ristorante da Mario Cervia, il Gp Vigne - I Trasgressivi, lAsd Romagna Sport, il Galaxy Forl, il Salumificio del Fumaiolo, il Collinello calcio 1964 I, lAsd San Giorgio, lAsd Bagnarola; per la serie "A", il Gp Vigne New, lAsd Virtus Cesena, lAsd Montenovo I, lAsd Montenovo 2, la Torpedo Montecastello, la Pol. San Lorenzo, lAssociazione Homo Viator, lAtletico Il Passatore, lAsd Roncofreddese, Le Vecchie Glorie, il Duomo Cervia Centro, il Mister X Atlentis, lU.S.Pagigi, la Pol. Osservanza 1980, il Mister X - Il Benessere, il New Team San Piero, lUs San Cristoforo - Frig. Caporali, lUs Tecnoperforazioni, il Collinello Calcio 1964 II, il Lucy Bar Villa Inferno, lAc

Sgumb, lAsd Gattolino e il Team San Rocco. Le nuove Societ iscritte avranno diritto a partecipare al Campionato di serie A. LAlbo doro della competizione ha visto i successi del Calcio Ponente nella stagione 2004/05, del Fc Gap Cesena (2005/06), del Cs Villa Chiaviche (2006/07), del Kick Off Villa Chiaviche (2007/08), del Ronta Il Ritorno (2008/09), dellUs la Pieda (2009/10), del Gp Vigne I Trasgressivi (2010/11) e dellAsd Romagna Sport (2001/12). tempo di iscrizioni anche per le squadre interessate al campionato di calcio e alla Coppa "Over 35" 2012/13. La scadenza delle adesioni coincide con la riunione dei dirigenti, prevista per il 25 settembre. LAlbo doro della competizione, che avr inizio

PUBBLICATI GLI ALBI DORO DEI DUE CAMPIONATI

questanno l8 ottobre, ha fatto registrare la vittoria del Teleromagna Calcio (2005/06), della Pol. Sala (2006/07), del Club Forza Forl ( 2007/08) e del Cesena Over 35, che ha dominato le ultime quattro stagioni (2008/09, 2009/10, 2010/11 e 2011/12).

Csi Cesena | Un po di storia

Calcio a 5 maschile

Quarto, 22esimo Torneo notturno


a parrocchia della Madonna Pellegrina di Quarto, in collaborazione con il comitato cesenate del Centro Sportivo e lassociazione Pro Loco di Quarto, organizza il torneo notturno di calcio a 5 maschile di quarto, giunto alla sua 22esima edizione. Il periodo di svolgimento della competizione va dal 21 luglio al 5 agosto e si giocheranno due partite per sera con inizio della prima alle 21 e della seconda alle 22,15. Ogni squadra potr iscrivere un numero massimo di 12 giocatori; lelenco con i nominativi dovr essere consegnato la sera della prima partita disputata. Il regolamento di riferimento quello del comitato del Csi Cesena. Le partite si svolgeranno presso il campo parrocchiale di Quarto in erba sintetica. Oltre ai premi che andranno alla prime tre squadre classicate, ne sono previsti altri riservati al capocannoniere del torneo,al miglior giocatore e al miglior portiere.

Nella foto, la squadra del Teleromagna Cesena, che ha partecipato al campionato di calcio over 35 nellanno 2004/05.

Pagina Aperta

Gioved 12 luglio 2012

23

Il direttore risponde
Farsi compagni di viaggio degli ultimi Il prossimo il nostro vicino che tende la mano

LOcchio indiscreto

arissimo direttore, quest'anno la festa del patrono della citt stata caratterizzata dal messaggio sulla disabilit del vescovo Douglas, a conferma del suo desiderio di voler essere chiamato procurator pauperum, come dichiar al suo ingresso in diocesi. E il difensore dei poveri domenica 24 giugno ha riservato i primi posti della cattedrale alle persone con disabilit ed ha affermato con forza che l'uomo vale per quello che e non per quello che fa , che la disabiit una condizione umana e non una negazione umana e che necessario rimuovere le barriere culturali che portano a vedere in una persona i limiti piuttosto che le autonomie. Dove noi anche loro ripeteva spesso don Oreste Benzi, definito dal Papa infaticabile apostolo della carit. Non ci possono essere Messe, feste, vacanze, campi scuola senza le pietre scartate da questa societ priva di valori, perch i cechi vedono colori che noi non vediamo, i muti parlano un linguaggio a noi sconosciuto, i sordi odono armonie che noi non udiamo, i disabili in carrozzina ci conducono lungo vie inesplorate. Nell'omelia il vescovo ha sottolineato che necessario sostituire la parola Integrazione con la parola Interazione, perch la parola InteGrazione fa pensare ad un'azione passiva, nella quale una persona aiutata ad inserirsi nella societ. InteRazione invece fa pensare a unazione attiva, che prevede la reciproca influenza fra le persone tramite processi di comunicazione verbale e gestuale. Le persone con disabilit sono protagoniste di interazioni nelle comunit che le accolgono! Quanta umanit hanno trasmesso i tanti chierichetti disabili che il 24 giugno svolgevano servizio attorno all'altare! Quanta umanit trasmettono i lavoratori disabili della Cils negli ambienti di lavoro in cui operano! A conferma dell'interazione delle persone disabili desidero ricordare un fatto avvenuto pochi giorni fa nella Comunit Renzo Navacchia della Cils. Dal 31 maggio la cooperativa ha dato ospitalit a undici persone di Novi (MO) sfollate dalle loro case a causa del terremoto. Il 3 giugno cinque sono tornate a casa. E' stato un momento di intensa commozione. Diversi ragazzi disabili hanno intessuto relazioni significative con gli ospiti di Novi ed hanno pianto per la loro partenza. Le loro lacrime si sono mescolate con quelle degli ospiti particolarmente grati per la calorosa accoglienza e

commossi per il ritorno a casa. Mi sembra che questa sia una riprova che le persone disabili interagiscono con il contesto che li circonda. Nel suo messaggio il vescovo cita la L. 68/99 che impone alle imprese profit quote di assunzione di persone disabili. Il messaggio del vescovo pu favorire un confronto costruttivo fra il profit e il non profit per superare il concetto di responsabilit sociale d'impresa e per attuare iniziative di responsabilit sociale territoriale in grado di costruire la coesione sociale e mantenere il sistema di welfare necessari per garantire lo sviluppo economico. Infine significativo l'appello del vescovo di mettersi al passo degli ultimi, che io estenderei anche al passo delle loro famiglie. L'emarginazione delle persone disabili anche emarginazione delle loro famiglie che si sentono sole, stanche, sfiduciate nell'affrontare nella quotidianit i problemi dei loro figli. Una comunit accogliente deve saper accogliere queste famiglie e farsi prossima di quelle situazioni in cui ci sono gravi disabilit attraverso l'esperienza della condivisione diretta, che consiste nel mettere la propria spalla sotto la croce di quanti vivono fuori le mura e nel decidere di scegliere liberamente quello che gli ultimi sono costretti a vivere per forza. Giuliano Galassi presidente Cils Carissimo Giuliano e carissimo presidente, sono molto grato per questo intervento che fa il paio con quello del sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, che abbiamo ospitato la scorsa settimana. Grazie per la vostra esperienza della Cils. Grazie per il vostro lavoro e il vostro impegno al passo con gli ultimi. Dopo ci che ho scritto sette giorni fa, mi limito a sottolineare la frase di don Oreste Benzi dove loro anche noi. Non possiamo ignorare il vicino che tende la mano e non possiamo procedere lasciando indietro chi non tiene il passo. Ci non costituisce solo un obbligo o un dovere da parte nostra. Si tratta di condividere la vita col nostro fratello, perch tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli pi piccoli, lavete fatto a me, ha detto Ges. Il nostro prossimo non uno qualunque, ma la persona da amare: in lui stampata limmagine di Dio. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Via tutti gli armamenti del cantiere e... voil! Una serie di curve a gomito per la pista ciclabile che fiancheggia la via Savio, a Cesena. Per ciclisti attenti...

Gli insegnanti di religione nella scuola di oggi. Convegno a Bologna


Caro direttore, vorrei condividere con i lettori del Corriere Cesenate unesperienza vissuta nel recente passato. L8 maggio scorso si svolto a Bologna un convegno promosso dalla Cisl Scuola dal titolo: Gli insegnanti di religione nella scuola di oggi. Dopo i saluti e ringraziamenti ai presenti del Segretario Regionale Cisl Scuola Anna Cicognani il primo commento stato quello del segretario Cisl di Parma e referente della Consulta regionale per gli Idr Federico Ghillani il quale tracciando un profilo dellIDR come colui che rielabora la cultura cattolica nel dialogo con le generazioni attore di processi educativi di arissimo direttore, allora proprio vero. La giustizia a Cesena se ne va. Per averla (giustizia), bisogner andare a Forl. Pare che il ministero abbia gi chiesto al presidente del tribunale di attivarsi per accorpare la sezione staccata di Cesena a Forl, e pare che abbia ricevuto assicurazioni: siamo pronti. Non rientrerebbe - secondo il ministro Severino - nei provvedimenti di spending review, ma sarebbe comunque una riorganizzazione in funzione del risparmio della spesa pubblica. E qui sta il punto. La soppressione della nostra sede non porter alcun vantaggio, n economico n funzionale. Il fatto che Cesena ha lo stesso numero di cause di Forl, che dunque si dovr ripensare con un tribunale raddoppiato, con lunica differenza che sar accentrato a Forl. Evito poi di enumerare le deficienze organizzative che si verificheranno nel trasloco. Allora, perch si arrivati a tanto? Credo per due motivi. Da una parte, Cesena il

integrazione fra ragazzi e varie realt con cui essi interagiscono di carattere familiare e sociale. La Cisl scuola - ha aggiunto Ghillani - dal 1985 persegue la valorizzazione dei docenti nella scuola pubblica assieme alla ricerca di equilibrio e collaborazione fra le due autorit che gestiscono gli Idr e cio lufficio diocesano e lamministrazione dello stato. Persistono tuttavia alcune situazioni dove il rapporto fra la disciplina, linsegnante e la realt scolastica contornato da alcuni pregiudizi ideologici. Stefano Versari, vice Direttore Generale Ufficio Scolastico dellEmilia Romagna ha poi richiamato limportanza della funzione docente degli Idr che va messa sullo stesso piano e si identifica con quella di tutti gli altri insegnanti senza alcuna distinzioni

di ruoli. Il compito degli IDR rispondere a ci che la Chiesa e la cultura laica moderna ripetono da anni e cio alla emergenza educativa che, aggiunge Versari, deriva dallo svuotamento di senso del mondo adulto. Citando Winnicot, Versari lo confronta alladulto frantumato non pi referente. Se il senso c si comunica; il nulla invece la comunicazione del vuoto. Se il sistema scolastico nazionale il sistema educativo di istruzione e formazione tutti i docenti devono essere in grado di trasmettere il senso attraverso i contenuti culturali e la sapienza disciplinare di cui sono in possesso. E citando Platone vestigio ombra non fecit, Dante e la novella di Hansel e Gretel Versari aggiunge che lessere umano ha bisogno di tracce. Il nostro senso dellesistenza ci porta a lasciare tracce sulla vita dei ragazzi attraverso le competenze disciplinari e la nostra esperienza di vita. E questo un traguardo di tutti i docenti senza distinzione alcuna. Ma nello specifico, si chiede Versari, qual il ruolo degli insegnanti di religione cattolica nella scuola di oggi? La risposta nella applicazione della legge 121/ 1985 secondo cui i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano e la repubblica italiana continuer ad assicurarne linsegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado. Quindi conclude Versari gli Idr hanno il compito di insegnare questi principi a partire, come dicono le indicazioni del 2010, dai dati della rivelazione cristiana e dagli approfondimenti di carattere morale, filosofico e religioso utili alla vita dei ragazzi nellorizzonte storico di questa cultura di appartenenza. E il compito dellamministrazione che in questa sede io rappresento quello di tradurre le leggi in maniera adeguata e sensata. Il terzo intervento stato quello di d. Raffaele Buono responsabile Irc Emilia Romagna che dopo aver sottolineato limportanza della presenza scolastica degli Idr che parlano il linguaggio della scuola per essere credibili e sono rigorosi per recuperare la dignit del loro lavoro si sofferma su due punti importanti: la professionalit dellinsegnante di religione e i vari problemi che esso incontra nellesercizio del proprio lavoro. Al primo punto vanno sottolineati: la validit del titolo di studio e gli aggiornamenti frequenti in preparazione delle attivit didattiche, limportanza dellobbedienza ecclesiale, dinamica legata alla idoneit ricevuta. Questo, aggiunge don Raffaele un modo di fare Chiesa per costruire la comunit cristiana attraverso le finalit dellinsegnamento culturale e non catechetico dellIrc. (...) Daniele Pacchioni continua sul sito www.corrierecesenate.it

vanno messi in campo. Siamo al fondo del barile, ma serve ripeterlo. Certo anche che bisognerebbe essere un minimo lungimiranti e comprendere se i risparmi di oggi non si trasformeranno in maggiori spese di domani. O meglio ancora, domandarsi se risorse che non vengono tagliate oggi possono gatipico caso di taglio lineare, ossia di La nostra citt paga il fio alla pi ma avendo il coraggio di mettere in rantire un volano positivo per il taglio che non tiene conto della forte ragion di stato. Muoia Sansone luce lingiustizia e linutilit della prossimo futuro. Bisogna essere rireale situazione concreta oggetto di con tutti i filistei. chiusura proprio del tribunale di gorosi e fare i ragionieri, ma i nuIn secondo luogo, non sembra intervento. Sono state soppresse Cesena, rispetto alle altre sedi. meri vanno anche interpretati. La indiscriminatamente tutte le sezioni esserci una reazione significativa da Il ministro Severino pare lasciare logica deve essere quella del bene parte del territorio. Pi che gesti qualche spiraglio al recupero di staccate, senza considerare che comune, cio di quellinsieme di simbolici da parte della classe certe sedi. Cesena avrebbe ben potuto essere condizioni della vita sociale che forense, che sarebbero presi come Stefano Spinelli permettono sia alle collettivit sia sede di tribunale al pari di Forl. avvocato ai singoli membri, di raggiungere la unulteriore difesa dufficio di (non si Ricordo che di tagli lineari sono sa quali) presunti privilegi, sono le Carissimo Stefano, con questa morti altri governi. Ma ora la cosa propria perfezione pi pienamente istituzioni territoriali che spending review non si sa pi da sembra normale. Non v dubbio e pi celermente. Molto di pi deldovrebbero reagire energicamente che parte girarsi. Non esiste settore la somma dei singoli beni di ciache fosse necessario uno che non venga colpito. Ne sappiasfoltimento di uffici, nellambito del alla pretesa di lasciare una citt scuno. Il bene comune di tutti e di come Cesena sguarnita sul fronte mo qualcosa noi della stampa che processo in corso di risparmio e ciascuno, proprio perch indivisigiustizia, senza reali vantaggi. ormai da anni subiamo tagli conti- bile. Ecco perch, davanti ai sacrifirazionalizzazione delle strutture nui ai contributi alleditoria. Abbia- ci non si pu sempre pensare che amministrative, ma cio presuppone Mi auguro che la citt, ma soprattutto la Provincia e la Regione, mo chiesto a pi riprese una sorta - appunto - che vi sia un risultato debbano riguardare gli altri, al di l di piano di rientro per uscire dai effettivo in tal senso. Diversamente si facciano sentire, non tanto per di noi stessi. Ciascuno di noi ha contributi, consapevoli che ormai i materiale per riflettere. lintervento inutile e non serve ad contestare genericamente la chiusura degli uffici di prossimit, o sacrifici sono richiesti in ogni dire- Cordialmente. altro che ad aggravare una per una difesa dufficio del territorio, zione e tutti i risparmi realizzabili situazione gi grave. () Fz

Tribunale, la spending review impone il trasloco da Cesena a Forl

LINTERVENTO |

FESTA

SS. CROCIFISSO DI LONGIANO


Gioved 26 luglio 2012

Gioved 26 luglio, Festa del Crocifisso


Apertura del Santuario. Messe alle ore 6,30 - 7,30 - 8,30 Messa presieduta dal padre provinciale MAURO GAMBETTI Messa solenne presieduta da S. E. il cardinale MARTINS SARAIVA JOS ore 17,30 Rosario ore 18 Processione con lImmagine del Crocifisso accompagnata dal complesso strumentale bandistico Citt di Gambettola ore 19 Messa in suffragio dei benefattori e defunti dellArciconfraternita ore 6 ore 9,30 ore 11

PREGHIERA DAVANTI AL CROCIFISSO DI LONGIANO Profondamente prostrati davanti a Te, Crocifisso e Risorto per noi, ti rendiamo grazie, Signore Ges, perch nel segno salvifico delle tue piaghe hai redento e liberato lumanit dalla morte e dal peccato. Le ferite del tuo corpo santo sono per noi segno di vita e di luce, i chiodi sono diventati una chiave che apre a una nuova comprensione della nostra vita. Esse sono: - esempio di carit, perch esprimono la pienezza dellamore; - esempio di pazienza, perch hai accettato labbandono persino degli amici; - esempio di umilt, perch sulla croce hai portato a pienezza il tuo essere servo; - esempio di obbedienza, perch in tutto hai fatto la volont del Padre; - esempio di disprezzo delle cose, per rivelare la signoria di Dio sul mondo. Fa che anche noi, come il centurione, vedendoti Crocifisso comprendiamo quanto grande lamore del Padre per lumanit, e possiamo esclamare: Davvero questuomo era Figlio di Dio!. Tu vivi e regni per sempre nei secoli. Amen. Douglas Regattieri
vescovo di Cesena-Sarsina

MERCATINO DELLUSATO
Dal 21 al 29 luglio, nel chiostro del convento francescano, a Longiano, riprender il mercatino dellusato A mani aperte, in occasione della Festa del Crocifisso e della Settimana Longianese. Sar aperto tutti i giorni dopo le 20. La domenica e il 26 luglio, giorno della festa del Crocifisso, sar aperto al mattino, dopo le 8,30, e al pomeriggio dopo le 16. I fondi raccolti saranno devoluti ai terremotati dellEmilia, allassociazione di volontariato Homo Viator e ai giovani del Rubicone a sostegno del pellegrinaggio diocesano in Terra Santa.

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

VACANZE APPENNINO ROMAGNOLO UNA META MOLTO GETTONATA


C.I.P - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2012 .