Sei sulla pagina 1di 93

LA PRIMA LETTERA DI GIOVANNI

Commento simbolico e mistico


proposto da D. Guido Abb

Cuneo - 2007

INTRODUZIONE I - PRESENTAZIONE DEL COMMENTO


L'Apostolo ed Evangelista Giovanni scrive verso l'anno 100 questa lettera alla sua comunit di Efeso, cio ad una comunit formata alla scuola del suo Vangelo e, prima ancora, alla sublime scuola di Paolo (cfr. la lettera agli Efesini e Atti 19,1-20; 20,17-38). Giovanni aveva sicuramente arricchito tale Chiesa comunicandole la sua spiritualit particolare, espressa con un linguaggio mistico speciale, abituandola a giudicare gli eventi della vita con la tipica mentalit giovannea, che non conosce le mezze tinte o i toni sfumati, ma solo luce piena o tenebra totale. Riteniamo pertanto che la Prima Lettera di Giovanni sia un'interessantissima testimonianza di come una comunit, plasmata per un certo periodo dall'assiduo ascolto del Discepolo "che Ges amava" e dal suo profondo e inconfondibile lavoro pastorale, al di l dei problemi dovuti ai limiti umani e alle concrete difficolt sociali e culturali, viva la mistica comunione di grazia con il Padre per il Figlio nello Spirito Santo, il quale viene sperimentato attivamente come Unzione consacrante e illuminante. Se qualcuno ci chiedesse: In che cosa consistono questo linguaggio e questa dottrina speciale?, noi lo dovremmo indirizzare verso la lettura del nostro commento al IV Vangelo dove tutto questo viene spiegato a lungo. Essendo per tale lavoro un inedito, rispondiamo brevemente alla domanda posta: 1 Giovanni riesce a capire con prontezza il valore dei simboli e dei segni, attraverso i quali il Signore Ges parla e si manifesta. Ci insegna quindi a vivere simbolicamente, trasfigurando ogni esperienza terrena in una esperienza spirituale. 2 L'Evangelista vede che i segni compiuti da Ges sono opere prodigiose ed efficaci, nelle quali si manifesta la gloria di Dio: tutte queste opere trovano la loro continuazione nella vita della Chiesa, specie nei sacramenti del Battesimo e dell'Eucaristia. 3 L'opera del Cristo si compie anche per Giovanni gradatamente nella storia e sar completa solo nel giorno finale. Per l'Evangelista ha la tendenza a considerare come gi compiuto in anticipo quello che avverr in futuro. Cos per lui il presente si riempie di grande spessore ed importanza. Per questo noi studiammo il Vangelo giovanneo con tre ottiche: quella simbolicaanalogica, quella operativa-sacramentale e quella anticipatrice-escatologica. Se facciamo un confronto tra il Vangelo di Giovanni e questa Lettera troviamo quasi lo stesso stile letterario (fatto di parallelismi, di discorsi ciclici, di sintesi teologiche originali ed incisive...). Cambia solo lo scenario di fondo: nel Vangelo viene presentato il contrasto netto tra il Cristo insieme ai suoi discepoli, da una parte, e gli avversari (i cosiddetti giudei o mondo ostile), dall'altra. Nella lettera il discorso diventa pi complesso: non solo vi il contrasto tra la Chiesa ed il mondo, ma anche allinterno della stessa Chiesa vi una contrapposizione tra i veri credenti ed i falsi credenti, che ingannano non solo gli altri, ma perfino se stessi. Molti falsi credenti, poi, restano in qualche modo ancora uniti alla comunit, pur manifestando gravi lacune nella loro vita, e altri si separano di fatto fondando altri gruppi non pi in comunione con gli apostoli, cosicch Giovanni li pu qualificare come pseudoprofeti o, addirittura, come anticristi. L'Apostolo indica con chiarezza quali siano i criteri per distinguere gli uni dagli altri e in tal modo rivela alcune leggi fondamentali della vita cristiana: non sono sufficienti le parole, ma ci vogliono i fatti, vale a dire: non basta affermare di sapere, bisogna anche operare, bisogna conservare il deposito originale e primitivo della fede senza alterazioni, bisogna scoprire quali conseguenze pratiche ha per il credente il fatto inaudito dell'Incarnazione della Parola divina, bisogna che la vita cristiana abbia, nello stesso tempo, una dimensione trinitaria e una ecclesiale

(sia, cio, una vera comunione vissuta pienamente nella direzione verticale [Dio] e in quella orizzontale [i fratelli]). Per questo motivo viene dato da Giovanni particolare risalto alla virt dell'amore, come sintesi e culmine dell'esperienza di fede: Dio Amore e noi, che da lui siamo amati, lo dobbiamo amare, amandoci tra di noi con amore perfetto. In questo nuovo studio, che completa quello da noi fatto precedentemente sul IV Vangelo, ci proponiamo di leggere la Prima Lettera di Giovanni con un duplice intento: 1 comprendere tutta l'attualit dellesperienza e del messaggio di Giovanni per il nostro tempo, dopo 2000 anni, in una Chiesa che, pur sempre stimolata da profeti della fede e della carit, ha preferito spesso le dispute dottrinali e le pratiche devozionali ed ha perso a volte alcune occasioni importanti per un rinnovamento coraggioso nel campo della vita spirituale e delle relazioni interpersonali e comunitarie. 2 alla luce di questa lettera giovannea cogliere i suggerimenti veramente fondamentali (specie quelli sulla carit e sul discernimento) per impostare una vita spirituale ed ecclesiale, non pi sugli schemi rigidi derivanti da una teologia speculativa nata sovente a tavolino nel corso dei secoli, ma sull'azione diretta dello Spirito Santo, rinnovatore imprevedibile della vita comunitaria e personale.

II - UN BREVE SOMMARIO
Forse opportuno presentare uno schema del nostro lavoro per consentire una veloce visione panoramica di tutto il commento: I - IL PROLOGO L'ESPERIENZA DELLA VITA E DELLA LUCE (Unit 1) 1,1-7 L'annuncio che la Parola Vita e che Dio Luce II - PRIMA PARTE: LE CONDIZIONI PER CAMMINARE NELLA LUCE 1a CONDIZIONE: ROMPERE CON IL PECCATO (Unit 2) 1,8-2,2 Riconosciamoci umilmente peccatori 2a CONDIZIONE: OSSERVARE I COMANDAMENTI (Unit 3) 2,3-11 Praticare soprattutto la carit a 3 CONDIZIONE: VINCERE IL MALIGNO E IL MONDO (Unit 4) 2,12-17 Conoscere e amare il Padre e fare la sua volont a 4 CONDIZIONE: CONFESSARE IL FIGLIO E IL PADRE (Unit 5) 2,18-28 Abbiamo ricevuto il Crisma e conosciamo la verit III - SECONDA PARTE: LE CONDIZIONI PER VIVERE DA FIGLI DI DIO 1a CONDIZIONE: PRATICARE LA GIUSTIZIA (Unit 6) 2,29-3,10 Siamo figli del Padre, perci non facciamo il peccato a 2 CONDIZIONE: AMARE I FRATELLI E CREDERE IN CRISTO (Unit 7) 3,11-24 Osservare il suo comandamento a 3 CONDIZIONE: DISCERNERE LE ISPIRAZIONI (Unit 8) 4,1-10 Vincere lo spirito del mondo e conoscere Dio che Amore 4a CONDIZIONE: RIMANERE NELL'AMORE PERFETTO (Unit 9) 4,11-21 Se confessiamo Ges e ci amiamo, Dio dimora in noi 5a CONDIZIONE: CREDERE IN GES, FIGLIO DI DIO (Unit 10) 5,1-13 Il Cristo, venuto con acqua e sangue, ci d la Vita eterna 3

IV - CONCLUSIONE PREGHIAMO SECONDO IL VOLERE DI DIO (Unit 11) 5,14-21 Preghiamo per il fratello che pecca e crediamo nel vero Dio.

III LA LETTERA DELLA CARIT E DELLA VERIT


Molto a ragione la prima lettera di Giovanni stata definita la lettera dellamore. Contiene molti altri insegnamenti su altri argomenti: su Cristo e sul suo Spirito, sulla fede e sul discernimento, sulla preghiera e sul perdono Ma forse il tema che pi ci colpisce proprio quello della carit, dellamore santo. Infatti con grande convinzione lEvangelista annuncia che Dio Amore (4,8) e che ci ha amati fino al dono del Figlio suo (4,10) ed esclusivamente per amore ci ha resi suoi figli (3,1). Con altrettanta insistenza invita i lettori ad amare con i fatti Dio (2,5) e il prossimo come garanzia dellautenticit del nostro amore verso Dio (3,11.14.18.23; 4,11.21). Anche Ges ci ha amati fino al dono della sua vita (3,16) e noi lo dobbiamo imitare alla perfezione. Per approfondire il tema dellamore santo di Dio da un punto di vista teologico dobbiamo chiederci: che cosa vuol dire che Dio Amore? Ci troviamo di fronte al mistero insondabile di Dio, tuttavia cercheremo di balbettare qualche cosa. La vera natura di Dio essere Amore infinito e perfettissimo. Lamore la ragione per cui Dio esiste necessariamente: Dio c perch lAmore perfetto non pu non esistere. LAmore infinito esiste per energia propria. Lamore di Dio, ovvero lamore che Dio, ha perci delle caratteristiche imprevedibili e stupende: Dio innanzi tutto ama infinitamente se stesso, perch non pu amare nulla che sia inferiore a se stesso, cio nulla che sia inferiore alla Carit divina. Questo fatto, lungi dallessere unazione egoistica, la forma di amore pi santa e pi pura che possa esistere. Dio Amore che ama lAmore. Se io amo solo me stesso, resto chiuso nel cerchio del mio io e mi d fastidio il tu degli altri. Per Dio non cos: amando se stesso, lIo di Dio diventa anche Tu. Nel momento in cui egli dice: Io amo me stesso, con sorpresa si ritrova a dire: Io amo te. Scopre con gioia di avere in s un altro Tu, non inferiore a s. Amando questo Altro, egli ama divinamente se stesso. Infatti si sente rispondere: AnchIo amo te. Questo Altro infatti non ama s, ma ama Colui che lo genera uguale a s. Tutto questo avviene nella fecondit e nellunit dello Spirito Santo (cfr. Mc 1,10-11 che ci apre una finestra su questi segreti della vita trinitaria). Anchio nei confronti di unaltra persona devo dire con sincerit: io amo te, per poter rendere meno egoista lamore che ho per me e se questo amore verso il coniuge diventa generatore della vita di un figlio. In ogni caso comuque lamore promuove la vita: quella di chi ama e quella di chi amato. Tutto questo pu avvenire perch siamo creati a immagine di Dio, il quale amando s si espropria e si comunica generando vita. Vediamo meglio come e perch. Abbiamo detto: Dio ama s. Sono tre parole che ci fanno intuire il mistero indicibile della Trinit: Dio lAmante, ama lAmore, s lAmato, oppure con parole a noi pi familiari: Dio il Padre, ama lo Spirito, s il Figlio. In altri termini: Dio il Padre che vive per amare, ama lo Spirito che rende possibile tale amore, s il Figlio che ha bisogno di essere amato, non per suo interesse, ma affinch Dio sia Padre. Dio ama se stesso amando il Figlio e in tal modo emana il Tu dello Spirito Santo. Il Figlio poi ama se stesso amando il Padre per aver ricevuto lo Spirito del Padre che diventa anche lo Spirito del Figlio. Amare per Dio vuol dire dare e ricevere, ma innanzi tutto dare. Il Padre colui che d tutto quello che gli appartiene allAmato e il Figlio colui che tutto riceve dal Padre e che tutto gli ridona nella gioia dello Spirito. Il Padre Dio nella sua ricchezza, il Figlio Dio nella sua povert, lo Spirito lamore che fa s che il Padre doni con gioia e il Figlio riceva con riconoscenza. Dio ama divinamente se stesso perch egli e solo egli capace e degno di tale amore infinito: lAmore lo fa esistere come Dio eterno e onnipotente e come Dio Unico e 4

Trinitario. Ci possiamo chiedere: perch il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono persone divine uguali e distinte? Perch in Dio tutto infinito: infinita lunit e luguaglianza delle Persone al punto da essere un solo Dio, ma infinita anche la distinzione e la complementariet delle stesse al punto da essere tre Persone. Tra di esse vi uguaglianza senza confusione (il Padre non il Figlio), ma c complementariet senza disunione (il Padre, il Figlio e lo Spirito sono un unico Dio). lo Spirito Santo la forza che rende trinitario il Dio unico e unico il Dio trinitario. Pertanto il vero Dio non un Dio solitario, ma un Padre che ha un Figlio con il quale pu dialogare alla pari nellunit e nella creativit dello Spirito. Ogni monoteismo che non sia anche trinitario ancora imperfetto e arcaico: tende a presentare un Dio pi monologo che dialogo, pi severo che misericordioso, pi padrone che padre, pi statico che dinamico, pi conservatore che innovativo. Solo il monoteismo trinitario, rivelatoci esclusivamente da Ges Cristo, ci parla di un Dio Amore, di un Dio che si fa dono, di un Dio che sa trovare strade inedite per salvarci. Noi, che siamo creature limitate, anche se create a immagine di Dio, partendo dallidea dellamore umano di cui abbiamo esperienza e pur moltiplicando allinfinito la sua perfezione non riusciamo a immaginare che cosa sia lAmore trinitario. Lamore che noi sappiamo avere nel migliore dei casi solo una pallida figura dellAmore di Dio: non siamo capaci di amare senza limiti. Abbiamo fame e sete di amore autentico, ma facciamo fatica a donarlo agli altri. Inoltre purtroppo, per colpa nostra, il nostro amore sovente solo la parodia dellAmore con la A maiuscola. Solamente Dio sa insegnarci cosa Amore vero e pu darci la capacit di viverlo. Pensiamoci bene: il Padre non dona se stesso solo al Figlio, ma dona se stesso, il Figlio e lo Spirito perfino a noi, misere creature. Dio per amore ha progettato e realizzato lIncarnazione di se stesso nel suo aspetto di Figlio, cio nel suo aspetto di umilt e di debolezza per parlarci in modo che potessimo capire. E il Figlio si offerto, per amore del Padre e per amore nostro, fino alla morte ed alla morte di croce. Nessuna intelligenza umana o angelica poteva anche solo ipotizzare un tale altruismo e una tale genialit nellescogitare strade di salvezza. Usando un linguaggio mistico e perci apparentemente paradossale, potremmo dire che Dio ama noi molto pi di quanto ami se stesso. I suoi interventi e le sue opere lo dimostrano: infatti, come se non bastasse, il Figlio oltre a farsi uomo e servo nostro, si anche fatto pane e vino per saziare e dissetare la nostra fame e sete di vita. LEucarestia la pi incredibile invenzione dellamore divino e anche la pi efficace scuola di carit. alla scuola di Ges e del suo Vangelo che noi impariamo larte di amare come Dio ama: infatti il comandamento quello di amare Dio e il prossimo cos come Ges stesso, nella grazia dello Spirito Santo, ha saputo fare. E Ges ci ha amati come il Padre ha amato lui (Gv 15,9). Per questo motivo ci dona il suo stesso Spirito, affinch anche noi diventiamo Carit, come lui Carit ( Gv 15,9; 13,34): La speranza poi non delude, perch l'amore di Dio stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci stato dato (Rom 5,5). Sia questa la nostra unica speranza, la nostra sicura speranza, la nostra audace speranza: quella di giungere ad amare divinamente (cfr. 1 Cor 13). Prima ancora per del tema della carit Giovanni ci propone quello della verit. Nella definizione di Dio come Luce (1,5), definizione che precede quella di Dio come Amore (4,8.16), noi scopriamo che Dio Luce di verit e Luce di santit. 1 Luce di Verit: Dio conosce se stesso. Tre parole che ci fanno capire che la perfetta conoscenza che Dio ha di s lo costituisce come Padre (conoscitore), come Figlio (conosciuto, Immagine nel quale il Padre si rispecchia pienamente, Parola con la quale il Padre dice e rivela totalmente se stesso) e come Spirito (conoscenza, intelligenza, scienza, sapienza infinita). Dio conoscendo se stesso conosce la Verit suprema, vive nella Verit vivente inverandosi come Trinit dinamica e creativa. 2 Luce di Santit: la verit divina non ha solo un valore conoscitivo, ma un valore immediatamente morale: significa veridicit, sincerit, onest, fedelt, giustizia e santit. Dio luce perch conosce e dice la Verit su di s, pronunciando il Verbo eterno nella verit dello

Spirito; Dio luce perch dice la Verit con perfetta Carit: la Verit rende vera e gloriosa la sua Carit, la Carit rende santa e amabile la sua Verit. Per questi motivi Giovanni ci invita a conoscere Dio (Padre, Figlio e Spirito Santo) e a vivere in comunione di vita e di amore con lui ( lui in noi e noi in lui) e con i fratelli allinterno della comunit di Cristo, Figlio di Dio venuto nella carne. In noi ci sia prima lamore per la verit affinch abbiamo in dono la verit dellamore. Per completare la nostra contemplazione della vita trinitaria dobbiamo integrare linsegnamento della lettera di Giovanni con quello del suo Vangelo: oltre alla conoscenza e allamore reciproco in Dio vi la glorificazione. Dio glorifica se stesso (Gv 12,28): altre tre parole che coronano lattivit Dio nel suo interno. Il glorificante il Padre, la gloria lo Spirito (Gv 17,5.22) e il glorificato il Figlio (Gv 8,54; 17,1). A sua volta il Figlio glorifica il Padre con una gloria degna di lui. Dio, dunque, conosce se stesso come Verit perfetta, ama se stesso come Bont infinita, glorifica se stesso come Bellezza e Forza eterna. Bench queste qualit appartengano a tutte le tre persone divine, noi attribuiamo la Verit al Figlio (sapienza di Dio), la Bont allo Spirito Santo (amore effuso nei nostri cuori) e la Bellezza e la Forza al Padre della gloria (Rom 6,4; Ef 1,17). Nei nostri confronti il Dio trinitario opera in modo dinamico: siamo creati e salvati dal Padre per mezzo del Figlio (Gv 1,3; 3,17; Rom 5,9; Col 1,16) nella potenza dello Spirito. Anche noi dobbiamo relazionarci a Dio in modo dinamico: rendere grazie e gloria al Padre per mezzo di Cristo nella comunione e nella gioia dello Spirito ( Col 3,17). Perci anche noi, santificati dallo Spirito del Padre e trasfigurati a immagine del Figlio entriamo come veri figli nella dinamica della vita divina.. Questa la vita eterna! Questa la felicit da non perdere! Per venire molto al pratico diciamo che la comunit credente chiamata a rispecchiare le caratteristiche dellUnit e della Trinit divina: la conoscenza si realizza per mezzo della catechesi ascoltata e annunciata, lamore per mezzo dellimpegno nel servizio ricevuto e offerto, la glorificazione nella preghiera e nella liturgia. Tutto questo deve concorrere alla costruzione dellunit ecclesiale nella comunione e nella pace, pur nel pluralismo e nella collaborazione. Dobbiamo per dire ancora una cosa molto importante: lessere Verit, Amore e Gloria infinita molto impegnativo per Dio. In altre parole (ci esprimiamo in modo umano): egli deve pagare un prezzo altissimo. Dio conosce tutto, ma anche si offre alla conoscenza di tutti: in lui c perfetta trasparenza, non ha qualche angolino nascosto e riservato a lui solo. Dio ama donando tutto se stesso: egli si espropria totalmente, non tenendo nulla per s. Dio merita la massima gloria, eppure non mette se stesso al centro di tutto, ma cerca solo il vantaggio degli altri: capace di una umilt infinita. Per questo Dio in Cristo si rivelato come povero, obbediente, casto, paziente, debole, mite e umile di cuore. Proprio perch tutto in Dio impegnativo nel Gloria noi diciamo: ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa. Non sarebbe necessario ringraziare Dio per la sua gloria, se questa non gli costasse nulla e se non potesse diventare gloria anche nostra, come segno della sua incredibile umilt. Infatti Dio glorioso perch umile, umile e perci glorioso, ricco perch generoso, generoso e perci ricco, forte perch condiscendente, condiscendente e perci forte. Per questi motivi la via di Dio solo quella della croce. Essa stata la via di Cristo e deve diventare anche quella del cristiano. Noi dunque, che ci avventuriamo sulle strade della vera conoscenza di Dio per poterlo amare con tutto il cuore, prepariamoci a soffrire molto per amore del suo santo nome. Ma nello stesso tempo prepariamoci a gustare in fondo al calice amaro una delizia spirituale che il mondo non pu nemmeno immaginare.

IV - COME USARE IL COMMENTO

1. Lintera Epistola si pu opportunamente dividere in quattro Sezioni (1 livello): Prologo, Prima e Seconda parte del corpo della lettera, Conclusione . La prima e la seconda parte della lettera si dividono rispettivamente in 4 e in 5 Sottosezioni, ognuna delle quali costituisce una Unit (2 livello). Anche il Prologo e la Conclusione corrispondono ad una Unit. In tutto le Unit sono 11 e sono predisposte in modo tale da facilitare la realizzazione di una Lectio Divina nei suoi sette momenti (1 Preparazione, 2 Lettura e commento, 3 Meditazione, 4 Orazione, 5 Contemplazione, 6 Condivisione e 7 Azione). Di questi momenti sviluppiamo solo il secondo. Il carattere usato per i titoli delle Sezioni e delle Unit il seguente (1 e 2 livello):

I - SEZIONE - UNIT
2. Il contenuto delle Unit sempre suddiviso in Parti (3 livello), il cui titolo ha questo formato: 1 - PARTE 3. Le Parti possono a loro volta essere divise in Punti (4 livello), i cui titoli sono contraddistinti dal seguente formato: 1. PUNTO 4. La traduzione molto letterale in modo da favorire una pi fedele interpretazione del messaggio. Le parole italiane messe tra parentesi tonde ( ) non sono presenti nel testo greco. Quando proponiamo due tradizioni possibili mettiamo le parole entro parentesi quadre [ ]. Pi parole italiane, che corrispondono ad una sola parola greca, sono unite con una lineetta. 5. Un numero tra parentesi tonde indica un versetto del Capitolo che si sta esaminando. Se si nel Capitolo quarto, (1) significa: 1 Gv 4,1. Due numeri, tra parentesi tonde, separati dalla virgola indicano un capitolo e un versetto della lettera. Ad esempio: (2,1) vuol dire 1 Gv 2,1. Tutte le altre citazioni bibliche sono invece complete. 6. Spesso citiamo le parole greche pi significative, facendone la traslitterazione. Presupponendo che coloro che le leggono non conoscano il greco, le scriviamo in modo che un lettore italiano automaticamente le possa pronunciare in modo corretto: la y si pronuncia come la u francese o la tedesca; le vocali lunghe h e w vengono indicate con e ed o sottolineate. Kh e th corrispondono a x e q. La Gh davanti ad i ed e serve ad indicare il suono sempre duro di g. Poniamo gli accenti sulle vocali secondo la pronuncia e non secondo la scrittura. Laccento circonflesso reso con ^. I verbi greci di solito sono riportati all'indicativo presente (prima persona), i nomi e gli aggettivi al nominativo singolare. 7. Molta attenzione abbiamo usato nel formulare i titoli in modo da facilitare la comprensione del testo e della sua struttura.

V - BIBLIOGRAFIA CONSULTATA
Maggioni Bruno, La prima lettera di Giovanni, Cittadella Editrice, Assisi 1984. Sant'Agostino, Meditazioni sulla lettera dell'amore di S. Giovanni, Traduzione, introduzione e note di Salvatore Aliqu, Citt Nuova Editrice, Roma 19805. Di Sant'Agostino cercheremo di citare quei passi che, a nostro giudizio, sono tra i pi belli ed i pi significativi. 7

I - IL PROLOGO L'ESPERIENZA DELLA VITA E DELLA LUCE (UNIT 1) L'annuncio che la Parola Vita e che Dio Luce
Presentazione e lettura di 1 Gv 1,1-7 Il Prologo di questa lettera richiama per pi di un motivo quello del IV Vangelo ( Gv 1,1-18). Lo possiamo dividere in 3 parti: 1a Giovanni annuncia la sua esperienza concreta della Parola divina; 2a parla poi di Dio usando una prima immagine: la Vita; 3a infine usa una seconda immagine: quella della Luce. 1 ABBIAMO CONTEMPLATO LA PAROLA DELLA VITA 1. IL VERBO DELLA VITA UDITO, VEDUTO E TOCCATO (1,1)
1.1 (\O h)=n a)p' a)rxh=j, o(\ a)khko/amen, o(\ e(wra/kamen toi=j o)fqalmoi=j h(mw=n, o(\ e)qeasa/meqa kai\ ai( xei=rej h(mw=n e)yhla/fhsan peri\ tou= lo/gou th=j zwh=j

1,1 Ciche era da(l) principio, ciche abbiamoudito, ciche abbiamoveduto coni nostri occhi, ciche abbiamocontemplato e (ci che) le nostre mani hannotoccato, circa la Parola della Vita Ci che era dal principio (ap arkhs): di quale principio intende parlarci lApostolo? Di quello del mondo o di quello della vita pubblica del Signore? Se cerchiamo lespressione ap arkhs in Giovanni, troviamo nel IV Vangelo unaffermazione del Maestro che ci toglie ogni dubbio: Voi siete con me fin dallinizio (ap arkhs: Gv 15,27), cio fin dai primi momenti della mia manifestazione pubblica a Israele. Pertanto Giovanni, dicendo dal principio, intende parlarci di tutto quello che successo a cominciare dal momento in cui egli ha incontrato Ges insieme ai primi apostoli: Gv 1,35 Il giorno dopo Giovanni (Battista) stava ancora l con due dei suoi discepoli [uno di loro era proprio il nostro Evangelista] 36 e, fissando lo sguardo su Ges che passava, disse: Ecco l'Agnello di Dio!. 37 E i due discepoli, sentendolo parlare cos, seguirono Ges. 38 Ges allora si volt e, vedendo che lo seguivano, disse: Che cercate?. Gli risposero: Rabb (che significa Maestro), dove abiti?. 39 Disse loro: Venite e vedrete. Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio. Si pensi che chi ha conosciuto il Cristo dallinizio stato spettatore della teofania presso il fiume Giordano in occasione del Battesimo di Ges ed ha ascoltato niente meno che la voce di Dio Padre. Naturalmente questa interpretazione non esclude che dal principio indichi anche, in una certa misura, qualcosa che esiste da tutta leternit. Infatti questo brano iniziale della lettera riecheggia molto da vicino il prologo del IV Vangelo: Gv 1,1 In principio (en arkh) era la Parola, la Parola era presso Dio e la Parola era Dio. In Gv 1,1 il principio rappresenta leternit prima della creazione e linizio di essa. Oltre che nel passo in esame (v. 1), Giovanni usa ap arkhs in sei altre espressioni della sua prima lettera : parlando 8

di Cristo come di Colui che o che era dal principio (2,13.14) e, ancora, ricordando il comandamento e linsegnamento ricevuto dai fedeli fin dal principio (2,7.24; 3,11). LEvangelista in tali passi afferma, in sostanza, che la persona del Salvatore, che esiste delleternit (dal principio), ed il suo messaggio sono stati e devono essere conosciuti integralmente a cominciare dal principio, perch chi conosce tutto fin dai primordi ha una visione pi completa e anche perch allinizio della predicazione del Vangelo (in generale) e allinizio della nuova esperienza di fede di ognuno (in particolare) sono state comunicate le verit pi importanti e pi autentiche della vita cristiana (il Krygma). Solo lacqua che viene direttamente dalla sorgente la pi pura e la pi genuina. Nel v. 1 lAutore della lettera dice: Ci che era (al neutro): cos intende indicare non solo il Cristo, ma tutto quello che lo riguarda. Per il credente dunque fondamentale avere una conoscenza completa di tutto quello che Ges disse e fece fin dai primi giorni (cos come importante che ricordi fedelmente le cose che gli sono state insegnate fin dal primo momento della sua conversione: cfr. anche 2 Gv 5 e 6). indispensabile dunque conoscere bene tutta la vicenda storica del Cristo per non sbagliare circa la sua identit e non alterare, nel corso del tempo, la verit. Ci che era all'inizio va riscoperto ed acquisito in modo completo. Quanto oggi noi crediamo deve fluire dall'inizio, poich (riprendendo il paragone di prima) l'acqua appartiene ad un determinato fiume solo se contiene quella che sgorga dalla sua fonte. Ci che abbiamo udito: tre sono i sensi corporei che hanno permesso all'Evangelista di entrare in contatto con il Signore: l'udito, la vista e il tatto. L'Autore, pur essendo ununica persona ben conosciuta (Giovanni, che tra poco user anche il singolare: scrivo, ho scritto: 2,12-14; 5,13), parla al plurale (abbiamo), perch egli scrive a nome di un gruppo autorevole (quello degli apostoli e dei maestri di fede, capi e responsabili della comunit). Ci che abbiamo veduto (oro) con i nostri occhi, ci che abbiamo contemplato (theomai): noi oggi possiamo ancora udire le parole del Cristo riportate con tanta fedelt nei Vangeli. Come possiamo per vedere o toccare il Signore risorto? Per noi esiste davvero un modo reale di vedere (aspetto materiale) e di contemplare (aspetto mistico) il Signore: esso consiste nell'ascolto assiduo e attento della sua Parola, la quale ci porta a sperimentare la sua presenza, in modo che non abbiamo nulla da invidiare ai testimoni oculari. Anzi, noi siamo ancora pi beati di loro poich, attraverso l'udito, possiamo fare un'esperienza interiore che ha maggiori garanzie di validit rispetto a quella sensoriale, perch richiede una sensibilit pi raffinata di quella necessaria a chi ha visto con i propri occhi o toccato con le proprie mani: Gv 20,29 Ges gli disse (a Tommaso): Perch mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!. S'avveri dunque in noi questa beatitudine (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 48). Ci che le nostre mani hanno toccato (pselafo): il verbo usato proprio lo stesso utilizzato da Ges Risorto per dire agli apostoli, sbalorditi dalla sua presenza fisica: Palpatemi e rendetevi conto che uno spirito non ha n carne n ossa, come vedete che io ho (Lc 24,39). Nel discorso fatto ad Atene nellAreopago, Paolo, usando lo stesso verbo, dice: Cerchino Dio, se mai lo tocchino e lo trovino (Atti 17,27) e cos ci fa capire che c' per noi un modo di toccare l'intoccabile (Ebr 12,18). Notiamo che non inutile che l'Apostolo dica di aver visto con gli occhi e aver toccato con le mani (Cfr. Gv 20,27): egli non dimentica gli organi della percezione sensoriale perch sa bene che il corpo strumento necessario dello spirito in questa esperienza. Circa la Parola (Lgos) della Vita: quello che stato il vero oggetto dei sensi dei vari testimoni il Lgos, cio la Parola della Vita, o anche, come subito dopo afferma pi sinteticamente, la Vita. Non possiamo non citare le notissime parole del Prologo del Vangelo, le quali ci spiegano il motivo per cui stato possibile vedere e toccare la Parola divina: Gv 1,14 La Parola si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di Unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verit. stata l'Incarnazione l'evento straordinario che ha fatto s che gli apostoli potessero vedere la Vita invisibile e noi, attraverso i 9

loro occhi, possiamo arrivare ad avere la stessa certezza che loro avevano per amarlo con la stessa intensit (cfr. 1 Pt 1,6-9)! Dobbiamo sapere che uno dei segreti pi belli della contemplazione mistica dei santi proprio quello di fissare lo sguardo sul mistero dellIncarnazione del Verbo (1 Pt 1,12). 2. LA VITA SI FATTA VISIBILE (1,2a)
1.2 kai\ h( zwh\ e)fanerw/qh, kai\ e(wra/kamen

1,2 infatti la Vita simanifestata e l'abbiamoveduta Infatti la Vita si manifestata (fanero): l'Autore sente il bisogno di ribadire il concetto che in definitiva proprio la Vita divina la prima realt che si rivelata anche fisicamente agli uomini: Gv 1,4 In lui era la Vita e la Vita era la Luce degli uomini . Tale verit cos nuova e cos importante che va proclamata con assoluta chiarezza: non gli uomini lhanno trovata, ma essa stessa ci venuta incontro e si svelata. L'abbiamo veduta (oro): adesso l'Evangelista ci fa capire che tutto il ricco ed articolato incontro con il Cristo (presentato sopra nei suoi tre aspetti: uditivo, visivo e tattile) pu essere concentrato in modo sintetico in un'unica esperienza: quella visiva. Questo molto interessante, perch all'azione del vedere legata l'esperienza della bellezza. Il bello proprio ci che, visto o percepito, piace per la sua armonia e per il suo splendore. Vedere la Vita equivale dunque a gustarla in modo dolcissimo, a conoscerla in modo integrale, a parteciparvi in modo reale. Gli apostoli hanno saputo vedere in profondit, oltre le apparenze, ed hanno scoperto una ricchezza straordinaria che ha coinvolto tutta la loro persona (in altri termini, Giovanni ci sta parlando della pi sublime esperienza di contemplazione che ci dato di fare: 1,1). Essi hanno visto la Parola. Se la sapremo ascoltare in modo adeguato, anche noi la potremo vedere (Sal 47/48,9 Come avevamo udito, cos abbiamo visto; Gv 11,40 Non ti ho detto che, se credi, vedrai la gloria di Dio?). Passeremo cos dalla fede allesperienza e poi dallesperienza alla contemplazione. 2 - IL PRIMO ANNUNCIO: LA VITA ETERNA SI RIVELATA IN CRISTO 1. TESTIMONIAMO E ANNUNCIAMO LA VITA ETERNA (1,2 b-3a)
kai\ marturou=men kai\ a)pagge/llomen u(mi=n th\n zwh\n th\n ai)w/nion h(/tij h)=n pro\j to\n pate/ra kai\ e)fanerw/qh h(mi=n 1.3 o(\ e(wra/kamen kai\ a)khko/amen, a)pagge/llomen kai\ u(mi=n,

e (quindi) testimoniamo e annunziamo avoi la Vita, quella eterna, che era presso [oppure verso] il Padre e simanifestata anoi 1,3 quelloche abbiamoveduto e udito, (lo) annunziamo anche avoi, Quindi testimoniamo (martyro) e annunziamo (ap-anghllo) a voi la Vita, quella eterna: chi ha fatto l'esperienza vera del Signore Ges, Vita del mondo, pu e deve rendere testimonianza (questo termine conserva tutta la forza del suo aspetto giuridico), annunciando (aspetto profetico) il suo incontro e la sua partecipazione alla Vita di Dio, definita eterna. Eterna, infatti, qui vuol dire qualcosa di pi che immortale: vuol dire divina, indicando cos la Vita superiore e perfetta che Dio ha in s. Ges aveva gi predetto che i suoi gli avrebbero reso testimonianza: cfr. Gv 15,27 Anche voi mi renderete testimonianza, perch siete stati con me fin dal principio. Perch tanta insistenza sul dovere di testimoniare la verit circa la sua persona? Fin dall'inizio Giovanni pone le basi di un discorso fatto di prove storiche per controbattere le deviazioni di coloro che non avevano capito l'importanza dell'Incarnazione del Figlio di Dio e non ne tiravano tutte le conseguenze (tra queste vi il fatto che l'umanit di Cristo sacramento di salvezza e quindi noi per salvarci abbiamo l'assoluta necessit di passare attraverso di lui, unico mediatore, e attraverso la Chiesa, prolungamento del suo corpo). 10

Che era presso oppure verso (prs) il Padre e si manifestata a noi: cfr. Gv 1,2: Essa (la Parola) era in principio presso oppure verso (prs) Dio. Confrontando il nostro passo con quello parallelo del Vangelo di Giovanni, deduciamo che la Vita eterna la Parola del Padre, cio il Figlio Unigenito, presentato nella sua relazione trinitaria con Dio Padre, del quale egli lespressione e la rivelazione (cio la Parola). Egli presso il Padre (vicinanza) e verso il Padre (tensione). Quello che abbiamo veduto e udito, (lo) annunziamo (ap-anghllo) anche a voi: nel v. 2 era gi uscito fuori esplicitamente anche il noi che si poneva in relazione con il voi: cio, era gi stato nominato il soggetto che scriveva e che annunciava (anche a nome degli altri testimoni) e venivano indicati i destinatari (voi, come anche ora nel v. 3). Non dimentichiamo che in questo preciso momento il soggetto ancora lui, l'Apostolo Giovanni in persona, ed i destinatari siamo noi! Ancora una volta l'Evangelista, dicendo quello, ribadisce che ha l'intenzione di annunciare ai suoi lettori tutto quello che lui, insieme agli altri testimoni, ha visto e udito (in modo audiovisivo: cfr. Mt 13,17). E cos, circa loggetto dellannuncio, egli allarga nuovamente a 360 gradi la prospettiva che prima si concentrava sul tema della Vita, come nucleo centrale e come senso ultimo di tutto. In questo annuncio globale (delle cose dette e dei fatti compiuti dal Cristo) si compie la trasmissione della testimonianza di fede. Grazie all'annuncio, tramandato nella comunit credente, possiamo conoscere ancora oggi esattamente, in tutta la sua ricchezza e la sua forza, quello che accaduto fin dal principio. In tal modo l'esperienza di Giovanni diventa nostra: anche noi possiamo dire di avere udito, visto e contemplato. 2. AFFINCH SIATE IN COMUNIONE CON IL PADRE E IL FIGLIO (1,3 b)
i(/na kai\ u(mei=j koinwni/an e)x / hte meq' h(mw=n. kai\ h( koinwni/a de\ h( h(mete/ra meta\ tou= patro\j kai\ meta\ tou= ui(ou= au)tou= )Ihsou= Xristou=.

affinch anche voi abbiate comunione con noi. E la comunione poi, (quel)la nostra, () con il Padre e con il Figlio suo, Ges Cristo. Affinch anche voi abbiate comunione (koinona) con noi: Giovanni precisa bene quale la finalit e quale dev'essere l'effetto in noi lettori del suo annuncio: la comunione con lui e con i testimoni del Cristo (specialmente gli altri apostoli). Questa comunione fondamentale: Giovanni ne riparler, usando altre parole, nel corso di questa lettera: cfr. 2,19; 4,6. Nessuno pu pretendere di avere un collegamento diretto a Cristo o a Dio (dimensione verticale), rompendo la comunione con gli evangelizzatori e con la Chiesa (dimensione orizzontale). Pertanto bisogna essere in comunione con la comunit. L'aspetto comunionale della Chiesa unimportante riscoperta realizzata dal Concilio Ecumenico Vaticano II. Prima di allora si sottolineava di pi laspetto giuridico e organizzativo. Molto lavoro per dev'essere ancora fatto, soprattutto nel campo ecumenico, perch abbiamo il dovere di valorizzare lopera che lo Spirito Santo fa anche al di fuori della nostra comunit, per non correre il pericolo di perdere lapporto di persone che sono realmente in comunione con Dio, anche se appartenenti ad altre comunit. Oggi pertanto dobbiamo intensificare con gesti non solo simbolici, ma molto concreti e rivoluzionari, il cammino ecumenico di riconciliazione e di unit tra i cristiani e di tutti i veri credenti in Dio. Mai per a scapito della nostra comunione (visibile) con la Chiesa, che per noi lo strumento e la garanzia di quella (invisibile) con Cristo e con Dio. E la comunione (koinona) poi, quella nostra, con il Padre e con il Figlio suo: gli apostoli sono sicuramente in comunione con la Trinit! Per questo la nostra comunione con gli apostoli fonda e garantisce quella che abbiamo con Dio. Infatti solo la Chiesa efficace sacramento di salvezza. Se poi noi attraverso la Chiesa siamo in comunione con Dio e partecipi della sua stessa vita, pur avendo solo udito, possiamo dire, in una maniera non meno vera degli apostoli, di avere 11

anche visto personalmente e di aver toccato con mano la forza della luce di vita. L'Evangelista intende farci capire due cose: 1 che alla comunione sono invitati tutti (dicendo: la nostra, parla di quella degli evangelizzatori e di quella dei credenti, senza differenze: dimensione ecclesiale) e 2 che essa con il Padre e con il Figlio (nello Spirito: dimensione trinitaria). Cfr. anche Gv 17,3 Questa la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio (il Padre), e colui che hai mandato, Ges Cristo. Giovanni in questa lettera sviluppa molto l'idea di comunione (cfr. 1,6-7) soprattutto con l'uso della particella in (en mistico): cfr. 2,5-6.24.28; 3,6.24; 4,4.12-13.15-16; 5,20. Spesso egli parla di comunione reciproca: Dio in noi e noi in Dio. Si tratta della formula pi alta e pi forte che le parole umane ci mettono a disposizione per indicare la nostra perfetta unione mistica con il Signore. Tale idea a volte espressa anche con il verbo possedere: 2,23 (Chi crede nel Figlio possiede il Padre). Approfondiremo questi concetti al momento opportuno. Ges Cristo: a questo punto Giovanni rivela esplicitamente che il Figlio di Dio Padre Ges, il Messia e, cos, ci fa capire che la Parola della Vita e la Vita eterna, che ci ha solennemente annunciato, ha il nome e il volto familiare di Ges di Nazareth. La comunione cristiana ha dunque sempre una caratteristica trinitaria (perch con il Padre e con il Figlio Ges nell'unit dello Spirito Santo), una dimensione cristologica (perch luomo Ges la via unica per tale comunione) e infine una dimensione ecclesiale (allinterno della quale va distinto il ruolo degli apostoli e dei figli/fratelli). Se anche noi saremo in reale comunione con la Trinit per mezzo di Cristo Signore attraverso lopera santificatrice della Chiesa, anche noi faremo la stessa esperienza degli apostoli e porteremo nel cuore una grande luce e unimmensa gioia. quanto Giovanni ci sta per dire. 3. AFFINCH SIA PERFETTA LA NOSTRA GIOIA (1,4)
1.4 kai\ tau=ta gra/fomen h(mei=j, i(/na h( xara\ h(mw=n v)= peplhrwme/nh.

1,4 E questecose noi scriviamo, affinch la nostra gioia sia perfetta [piena]. Queste cose noi scriviamo: se la finalit dellannuncio cristiano la comunione nella sua duplice dimensione (ecclesiale e trinitaria), il risultato di tale comunione la gioia, segno di una vita piena e realizzata. Le cose di cui Giovanni parla in questa sua dichiarazione di intenti sono i vari insegnamenti contenuti nella lettera e soprattutto quelli molto forti e dirompenti presenti nei primi 7 versetti, che essendo una sintesi di tutto lo scritto, sono da considerare come un meraviglioso Prologo di tutta la lettera. Affinch la nostra gioia (khar) sia perfetta [piena]: in base alla sua personale esperienza, l'Autore pu annunciare che il frutto della comunione la gioia di tutti (la nostra: sia dei testimoni che degli ascoltatori) e non una felicit qualunque, ma la gioia piena, quella perfetta e totalmente appagante. Agostino commenta: Proprio nella vita in comunione, proprio nella carit e nell'unit, Giovanni afferma che c' la pienezza della gioia ( Meditazioni... 48). Riecheggiano qui le parole di Cristo pronunciate durante l'Ultima Cena: Gv 15,11 Questo vi ho detto perch la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena (cfr. anche Gv 15,11; 16,24; 17,13; 2 Gv 12). Vita, comunione e gioia: ecco tre parole stupende che sono sinonimo di amore e di salvezza: vivere, comunicare e gioire sono davvero il paradiso sulla terra e nel cielo. Chi fa veramente l'esperienza di Dio-Amore gusta la pi grande felicit derivante da una sicurezza che non si basa sulle forze umane, ma sull'infinita e dolcissima grazia divina. Siamo anche noi partecipi di questa gioia vera per poi esserne gli apostoli? 3 - IL SECONDO ANNUNCIO: DIO LUCE SENZA TENEBRE 1. DIO LUCE ED NELLA LUCE (1,5)
1.5 Kai\ e)s / tin au(/th h( a)ggeli/a h(\n a)khko/amen a)p' au)tou= kai\ a)nagge/llomen u(mi=n,

12

o(/ti o( qeo\j fw=j e)stin kai\ skoti/a e)n au)t%= ou)k e)/stin ou)demi/a.

1,5 E questo il messaggio che abbiamoudito da Lui e (che) annunziamo avoi: Dio Luce e in lui non c' nessuna tenebra. Questo il messaggio (anghela) che abbiamo udito da Lui: l'Autore ci fa ora un secondo annuncio che parallelo al primo con lintento di completarlo. Egli, che aveva presentato il suo incontro con Cristo come unesperienza di Vita piena, adesso propone come sintesi del Vangelo di Ges ascoltato dalla sua viva voce ( da Lui) in queste tre parole: Dio Luce. Giovanni non poteva, nel Prologo della sua lettera, scrivere una frase pi conveniente di questa: luce vuol dire verit. Ed lamore alla verit e alla sincerit la prima condizione necessaria per conoscere e servire Dio. Luce vuol dire splendore e bellezza. Ed la bellezza divina il primo oggetto della nostra contemplazione. Notiamolo bene: Giovanni ci ricorda che questo meraviglioso messaggio lo hanno udito dire da Ges in persona: lui la sorgente autentica e autorevole di questa verit. Che annunziamo (an-anghllo) a voi: gli evangelizzatori, destinatari di questo annuncio (fatto da Ges), ce lo hanno trasmesso a noi, che siamo oggi i destinatari per diventarne a nostra volta i trasmettitori verso altri. Dio Luce e in lui non c' nessuna tenebra: bello notare con quanta forza e consapevolezza l'Evangelista dice di proclamare il messaggio nel suo nucleo centrale: Dio Luce. Il Cristo che la Parola di Vita, anzi la Vita stessa rivelata e rivelatrice, ci ha detto e ci ha dimostrato innanzi tutto che Dio Luce. In tal modo ci ha comunicato la Luce di Dio. La Vita divina dunque diventata per noi luce (conoscenza illuminante) e la luce diventata per noi Vita (vivificante e vitale). Vivere conoscere Dio e viceversa. Prima infatti lEvangelista ci aveva annunciato che il Verbo di Dio era Vita (prima immagine: aspetto esistenziale; cfr. 1,1-2); ora completa il suo insegnamento dicendo che Dio Luce (seconda immagine: aspetto conoscitivo e morale). Una tale luce infatti non solo verit, ma anche bont. Essa non ha in s alcun lato tenebroso o negativo, ma per principio esclude del tutto ogni ambiguit e ogni malizia. Non ci pu essere infatti nessun compromesso tra la luce e le tenebre (cfr. Giac 1,17; 2 Cor 6,14). Giovanni ama esprimere una verit prima in forma positiva (... ...) e poi in forma negativa (... non c' ...) in modo da non lasciare dubbi nella nostra mente. Tale luce divina, secondo il IV Vangelo, si manifesta concretamente a noi in Cristo Signore: Gv 8,12 Di nuovo Ges parl loro: Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminer nelle tenebre, ma avr la luce della vita (cfr. anche Gv 9,5). Notiamo una cosa interessante: che Dio sia Luce un fatto che Giovanni ci presenta innanzi tutto come sentito e non come qualcosa di visto, anche se in realt i suoi occhi hanno contemplato la gloria del Tabor. Cristo Luce soprattutto perch Parola di Vita e perch ha detto di essere Luce. La sua parola ci deve bastare. Non c bisogno che vediamo con i nostri occhi questa luce. Ascoltando il Vangelo di Ges vediamo la luce. E con un gioco di parole potremmo dire che vedendo Ges vediamo la Parola e ascoltando lui ascoltiamo la Luce, ne siamo illuminati e noi stessi... possiamo divenire luce (Agostino, Meditazioni... p. 50). 2. CAMMINIAMO NELLA LUCE E NON NELLE TENEBRE (1,6)
1.6 E ) a\n ei)/pwmen o(/ti koinwni/an e)x / omen met' au)tou= kai\ e)n t%= sko/tei peripatw=men, yeudo/meqa kai\ ou) poiou=men th\n a)lh/qeian:

1,6 Se diciamo che abbiamo comunione con lui e camminiamo nella tenebra, mentiamo e non facciamo la verit. Se diciamo che abbiamo comunione (koinona) con lui: se Dio Luce nessun imbroglio ci pi possibile. La prima cosa che conta la sincerit, la trasparenza. LAutore infatti va subito a 13

toccare un aspetto pratico: non possiamo dire una cosa per laltra; non possiamo mentire. Non ci lecito camminare nella tenebra dellerrore e del peccato e affermare di essere in comunione con Dio. Dobbiamo piuttosto riempirci di Vita e di Luce (cio di Dio) per entrare in vera comunione spirituale con il Padre e con il Figlio. Giovanni dice o sottintende tutto questo perch all'interno della comunit c'erano alcuni che affermavano con orgoglio e con arroganza di essere in comunione con Dio. Si tratta di persone che erano entrate nella Chiesa, ma che non si erano mai veramente convertite. Erano cristiani la cui fede era fatta di chiacchiere attraenti. Cerchiamo di capire un po' chi erano, perch anche per controbattere questi che l'Evangelista scrive la sua prima lettera: si trattava di cristiani che erano molto vicini alle dottrine gnostiche (da gnsis, conoscenza), secondo le quali l'illuminazione, sperimentata all'inizio del cammino cristiano come una geniale e innovativa intuizione e conoscenza intellettuale del mondo divino, era sufficiente per la salvezza, senza obblighi morali aggiuntivi. E camminiamo (peri-pato) nella tenebra: l'Apostolo vuole ricordare che le nostre parole (se diciamo...) se vogliamo che siano veritiere, devono essere comprovate dai fatti (indicati con l'immagine molto suggestiva del camminare). Il cammino rappresenta la vita con le sue scelte morali e le sue azioni, nel suo sviluppo e nel suo progresso continuo. Un cammino pu essere fatto di giorno sotto il sole o di notte nell'oscurit piena, senza nemmeno lausilio di una lampada. La tenebra qui rappresenta esattamente il contrario di quello che Dio (e cio il peccato, l'errore, la malvagit...). Vedremo in seguito che per tenebra l'Autore intender in modo speciale l'odio, ovvero la mancanza di amore verso il prossimo (2,9.11). Le metafore del cammino nella luce e di quello nel buio sono gi presenti nel IV Vangelo: Gv 11,9 Se uno cammina di giorno, non inciampa, perch vede la luce di questo mondo; 10 ma se invece uno cammina di notte, inciampa, perch gli manca la luce . Gv 12,35 Ges allora disse loro: Ancora per poco tempo la luce con voi. Camminate mentre avete la luce, perch non vi sorprendano le tenebre; chi cammina nelle tenebre non sa dove va. 36 Mentre avete la luce credete nella luce, per diventare figli della luce . Alcuni di fatto, a motivo delle loro azioni non buone, stavano progredendo o avanzando nelle tenebre in modo incessante, sino alla loro rovina totale. Mentiamo (psudomai) e non facciamo la verit: Giovanni cerca di avvisare tali persone facendo un discorso che coinvolge sia lui che loro (usa il noi) per non far intendere che solo gli altri possono correre tale pericolo. Egli molto umile e prudente. Per esprimere appieno il concetto di falsit ne parla prima in forma positiva (mentiamo...) e poi in forma negativa (non facciamo). Come sappiamo, questo modo di parlare serve per dare alle affermazioni la massima incisivit (cfr. 1,8; 2,4). Noi per avremmo detto: mentiamo e non diciamo la verit. Lui invece scrive: non facciamo la verit. La verit di cui egli parla infatti qualcosa di molto concreto perch coinvolge tutto il nostro modo di vivere e trova la sua pi piena espressione nell'amore cristiano. E l'amore esiste solo se lo si mette in pratica (3,18: Figlioli, non amiamo a parole n con la lingua, ma coi fatti e nella verit . Cfr. anche Gv 3,21). Per questo motivo il mentire in questo caso per Giovanni qualcosa che ha delle conseguenze molto concrete, perch equivale a non fare la verit, cio a non camminare nella luce, a non essere in comunione di amore con Dio e con il prossimo. 3. GLI EFFETTI DELLA LUCE: LA COMUNIONE E LA PURIFICAZIONE (1,7)
1.7 e)a\n de\ e)n t%= fwti\ peripatw=men w(j au)to/j e)stin e)n t%= fwti/, koinwni/an e)x / omen met' a)llh/lwn kai\ to\ ai(=ma )Ihsou= tou= ui(ou= au)tou= kaqari/zei h(ma=j a)po\ pa/shj a(marti/aj.

1,7 Se invece camminiamo nella luce, come egli nella luce, abbiamo comunione (gli uni) con (gli) altri, e il sangue diGes, il Figlio suo, ci purifica da ogni peccato.

14

Se invece camminiamo nella luce, come egli nella luce: Giovanni, che aveva usato limpressionante paragone del cammino nelloscurit, ci propone la bellissima immagine contraria del cammino nella luce, cio nella verit, nellonest e nella virt. bello progredire ed avanzare sempre pi nella chiarezza e nello splendore della luce. Dio stesso, essendo Luce infinita e perfetta, vive nella luce, nella santit e nell'amore. Noi dobbiamo camminare nella luce, vivendo e crescendo in Dio, cio nella verit dell'amore e nell'amore alla verit. Facendo emergere il metamessaggio nascosto nei versetti 5-7, possiamo rilevare che, mentre l'Evangelista si preoccupa unicamente di annunciare il messaggio sentito dal Cristo che ci fa puntare tutta l'attenzione su Dio, Luce perfetta, i cristiani immaturi puntano l'attenzione su se stessi e, presuntuosi come sono, affermano con spavalderia di essere nientemeno che in comunione con Dio, senza nemmeno capire che cosa vuol dire comunione e tanto meno cosa vuol dire Dio. Si riempiono la bocca di belle parole, mentre il vero credente, senza far tante chiacchiere, cammina effettivamente nella luce divina. Oggi, dopo il Vaticano II, si parla troppo di comunione: brutto segno! Quanto pi se ne parla, tanto pi si rischia di non capirla e di non viverla, perch facile illudersi che basti ripetere una parola cos suggestiva per vederla realizzata. Giovanni ci pone davanti un ideale non di poco valore: camminare nella luce come Dio nella luce: mentre lui nella luce, noi, per bene che vada, siamo ancora in cammino. E beati noi se abbiamo gi iniziato questo cammino! Abbiamo comunione (koinona) gli uni con gli altri: tale nuovo modo di vivere e di comportarsi (con sincerit, trasparenza, onest) porta i cristiani ad essere, non solo in comunione con Lui e come Lui, ma anche in comunione tra di loro (con i capi della Chiesa e con tutti i credenti in Dio: cfr. 1,3). Chi per contro cammina nella tenebra rompe tale comunione fraterna ed ecclesiale e, quel che peggio, s'inganna paurosamente quando dice di essere in comunione con Dio (1,6). In effetti, come vedremo in seguito, egli finisce con il rinnegare il Cristo (2,22) e con il misconoscere il valore dell'Incarnazione (cfr. 4,2-3). L'errore pratico diventa in tal modo anche errore dottrinale. I tre criteri fondamentali per verificare se viviamo in comunione con il Dio Luce e Vita sono: primo, l'ascolto di chi fin dal principio ha conosciuto il Cristo ed ha trasmesso l'annuncio originario (segno e strumento di autentica comunione ecclesiale: 1,1-3); secondo, la pratica effettiva dei comandamenti (1,5-6) e terzo, laccettazione della verit riconoscendo Dio come Luce purissima e noi come bisognosi di purificazione (1,7-8). E il sangue di Ges, il Figlio suo, ci purifica (katharzo) da ogni peccato: se il nostro cammino nella luce (nella verit e nella comunione fraterna) gi iniziato questo deriva dal fatto che il sangue di Cristo, Figlio di Dio, ha iniziato e continua a purificarci dai nostri peccati. Il sangue segno di amore e di vita. I peccati sono quelle tenebre che ci impediscono di essere luce (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 51). Non che la volont di camminare nella luce ci meriti questa purificazione (essa gratuita), sicuramente per un tale cammino gi un segno della purificazione in corso, oltre che una condizione per ottenerla ancora in futuro. Queste affermazioni ci fanno capire che l'Autore presuppone che il credente sia stato peccatore (prima della conversione) e possa ancora talvolta peccare per debolezza. Vedremo nella prossima Unit che egli polemizza con gli gnostici, i quali si proclamavano immuni da peccato ed impeccabili. Per Giovanni invece importante ricordare con riconoscenza che il sangue di Ges ci purifica da tutte le colpe (Apc 1,5; 7,14; Ebr 9,14). Il sangue il segno ed il sacramento dell'amore di Cristo per noi, amore incarnato e crocifisso. Quindi l'amore di Cristo innalzato sulla croce la forza che elimina i peccati (1 Pt 4,8) e crea la comunione.

15

II - PRIMA PARTE: LE CONDIZIONI PER CAMMINARE NELLA LUCE


A Giovanni interessa che i suoi fedeli camminino nella verit: cfr. 2 Gv 4 Mi sono molto rallegrato di aver trovato alcuni tuoi figli che camminano nella verit, secondo il comandamento che abbiamo ricevuto dal Padre. Per questo motivo indica la strada giusta: 1 - farsi purificare da tutti i peccati (Unit 2); 2 - osservare i comandamenti, che si riassumono in quello dell'amore fraterno (Unit 3); 3 - conoscere il Cristo e il Padre, rifiutando l'ingannevole amore del mondo passeggero (Unit 4); 4 - reagire agli anticristi, restando fedeli, per opera dello Spirito Santo, al messaggio originario che ci fa proclamare il Figlio e il Padre e dimorare in loro (Unit 5).

1a CONDIZIONE: ROMPERE CON IL PECCATO (UNIT 2) Riconosciamoci umilmente peccatori


Lettura e commento di 1 Gv 1,8-2,2 L'Unit si divide in due parti: 1a - siamo invitati a confessare i nostri peccati; 2a - veniamo esortati a confidare in Cristo, nostro Avvocato ed Espiatore. 1 - CONFESSIAMO I NOSTRI PECCATI PER ESSERE PERDONATI 1. NON INGANNIAMOCI (1,8)
1.8 e)a\n ei)/pwmen o(/ti a(marti/an ou)k e)/xomen, e(autou\j planw=men kai\ h( a)lh/qeia ou)k e)s / tin e)n h(mi=n.

1,8 Se diciamo che non abbiamo (il) peccato, inganniamo noistessi e la verit non in noi. Se diciamo che non abbiamo il peccato (amarta): il primo passo da fare verso la luce e la santit quello di riconoscere i propri peccati. Nei versetti 1,7-2,2 i termini peccato/peccare ricorrono ben 8 volte. Il termine amartno, peccare, contiene in s l'idea di fallimento: originariamente infatti significava non cogliere nel segno, come fa un tiratore d'arco che sbaglia il bersaglio (cfr. il Sal 77/78,57 Sviati, lo tradirono come i loro padri, fallirono come un arco allentato). Non fa comodo a nessuno ammettere di sbagliare o di aver fallito (lautore non precisa se il peccato solo passato o ancora attuale). Istintivamente il nostro orgoglio ci porta a nascondere agli altri (e a volte anche a noi stessi) il nostro errore, la nostra colpa. Se diciamo...: possiamo dirlo con parole che ci scusano o che ci giustificano, oppure, negando apertamente di avere commesso errori o ribellandoci a chi ci rimprovera. Possiamo anche solo semplicemente pensarlo e, poi, comportarci di conseguenza, come se fossimo proprio senza colpa o mai nel pericolo di sbagliare. Peccare e avere il peccato sono invece per il credente un dato di fatto (passato e attuale), misterioso, ma reale. Gli gnostici (o coloro che si ispiravano alla loro dottrina) erano convinti che la loro scienza speciale li rendesse immuni dal peccato e non pi soggetti alla possibilit di peccare. Essi lo dicevano e lo affermavano con molta decisione e sicurezza. Per si sbagliavano: cfr. infatti quanto dice Paolo in 2 Cor 10,18: Non colui che si raccomanda da s viene approvato, ma colui che il Signore raccomanda. L'orgoglio accecava i

16

loro occhi e cos, infatuati della propria intelligenza, non comprendevano di favorire il mistero dell'iniquit, del quale erano vittime proprio nel momento in cui si credevano salvi. Inganniamo noi stessi e la verit non in noi: astuzia davvero sciocca ed autolesionista quella di ingannare nientemeno che se stessi. Per l'Apostolo la pretesa degli gnostici o dei loro simpatizzanti costituiva il peccato pi grave: un terribile autoinganno e la perdita della verit (come avviene per chi cammina nelle tenebre: 1,6). L'uomo messo di fronte a Dio come un vetro attraversato dalla luce: ogni imperfezione ed ogni impurit viene messa in risalto. L'uomo saggio deve ritenere di avere molte mancanze, anche se la sua coscienza non avesse nulla da rimproverargli. Ricordiamo quello che diceva san Paolo: 1 Cor 4,4 Anche se non sono consapevole di colpa alcuna, non per questo sono giustificato. Il mio giudice il Signore! L'amore alla verit ci fa stare sempre all'erta, non con ansia o in modo nevrotico, ma con intelligenza e perspicacia. Non basta, come credevano gli gnostici, aver avuto all'inizio l'illuminazione e avere conosciuto certe verit, per essere trasformati una volta per tutte. Questo pregiudizio li portava ad approfittare della grazia per darsi a passioni abominevoli: San Giuda parla di questi falsi profeti nella sua lettera: Giud 1,4 Si sono infiltrati infatti tra voi alcuni individui i quali sono gi stati segnati da tempo per questa condanna empi che trovano pretesto alla loro dissolutezza nella grazia del nostro Dio, rinnegando il nostro unico padrone e Signore Ges Cristo. Ingannati e ingannatori nello stesso tempo (2 Tim 3,13). Quanto facile l'illusione nella vita spirituale! Dobbiamo allora impostare una vita sulla sincerit assoluta, sull'umilt autentica, sulla sapienza vera. Il Sal 35/36 descrive bene l'atteggiamento di chi si giustifica sempre: 2 Nel cuore dell'empio parla il peccato, davanti ai suoi occhi non c' timor di Dio. 3 Poich egli si illude con se stesso nel ricercare la sua colpa e detestarla. 4 Inique e fallaci sono le sue parole, rifiuta di capire, di compiere il bene . Ecco ora un'affermazione di Prov 12,15 che conferma quanto appena detto: Lo stolto giudica diritta la sua condotta, il saggio, invece, ascolta il consiglio (cfr. anche Sir 7,5). 2. DIO CI PERDONA E CI PURIFICA (1,9)
1.9 e)a\n o(mologw=men ta\j a(marti/aj h(mw=n, pisto/j e)stin kai\ di/kaioj, i(/na a)fv= h(mi=n ta\j a(marti/aj kai\ kaqari/sv h(ma=j a)po\ pa/shj a)diki/aj.

1,9 Se riconosciamo [confessiamo] i nostri peccati, (egli) fedele e giusto cosicch ci perdoni i peccati e ci purifichi da ogni ingiustizia. Se riconosciamo [confessiamo: omo-logho] i nostri peccati: l'Apostolo Giovanni, che umilmente si riconoscere peccatore, non precisa qui quali siano i peccati dell'uomo che ha una coscienza delicata e amante della verit (se passati o presenti, se accertati o solo presunti). Il cristiano deve comunque dare per scontato che pu avere dei peccati: pu forse dire di agire e di amare come Cristo ha agito e amato? Il vero cristiano, che si sente peccatore, diventa un uomo vivo, sempre in ricerca e in progresso. Lo gnostico, che si sente perfetto perch pensa di aver fatto tutto il possibile, non cerca pi e non lotta pi, sclerotizzandosi. Paolo ci d l'esempio di una tensione continua verso la perfezione: Fil 3,12 Non che io abbia gi conquistato il premio o sia ormai arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo, perch anch'io sono stato conquistato da Ges Cristo. 13 Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, 14 corro verso la mta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lass, in Cristo Ges. Mentre Giovanni parla di cammino, Paolo parla addirittura di corsa, ma il concetto lo stesso: chi cammina o corre, facilmente cade, ma poi, per grazia di Dio, si rialza e continua; chi si sente arrivato, non muove nemmeno pi un passo. Il cristiano deve riconoscere interiormente e ammettere esternamente (omologho) davanti a Dio e al prossimo le sue mancanze. 17

Egli fedele e giusto (dkaios): Dio fedele alle sue promesse di perdono ed giusto nel valutare i cuori. La sua fedelt e la sua giustizia poi non sono solo la garanzia che saremo trattati con equit, ma sono anche due qualit creative e diffusive: la sua fedelt ci promuove continuamente e la sua giustizia ci santifica sempre di pi. Dio non si presentato misericordioso per scherzo. La confessione del nostro peccato, tra laltro, mette in risalto la fedelt e la giustizia di Dio, perch dimostra che lui solo santo. Noi infatti, se vogliamo essere sinceri, dobbiamo attribuire solo a lui il bene che facciamo e a noi il male che commettiamo. Questo atteggiamento di umilt crea in noi le condizioni affinch il Signore ci possa perdonare e purificare, comunicandoci le sue doti di fedelt e giustizia. Cosicch ci perdoni (af-emi) i peccati e ci purifichi da ogni ingiustizia (a-dika): Dio perdona e purifica colui che riconosce umilmente i propri peccati e li detesta con animo risoluto. Egli mi fa diventare quello che lui: giusto (dkaios), eliminando la mia ingiustizia (a-dika). Qui l'Evangelista vede il peccato come sinonimo di ingiustizia e il perdono come sinonimo di purificazione. Il peccato infatti il contrario della giustizia divina e produce in noi un tale inquinamento, una tale immondezza da cui solo Dio ci pu lavare e purificare. Ora purificare non vuol solo dire non imputare, ma veramente eliminare, trasformando realmente il peccatore in un santo. A questo punto dobbiamo fare una riflessione sia personale che ecclesiale. Per quanto riguarda la nostra persona chiediamoci come ci confessiamo: se per caso il nostro modo di confidarci o di confessarci (nelle maniere pi diverse, sia quando parliamo con una persona e sia quando partecipiamo ad una liturgia) non sia solamente un'ipocrisia in pi, un modo solo formale di agire, che, liberandoci da un immaturo sentimento di colpa, ci permette psicologicamente di continuare sulla strada sbagliata. Anche la pi ipocrita delle persone ammette, con un certo orgoglio per tale finto coraggio, di non essere perfetta (questa falsit la notiamo negli altri, meno facilmente in noi). Invece sincero solo chi cerca la propria colpa per combatterla e superarla con la grazia del Signore. Anche come Chiesa romana (sia a livello di singoli incaricati di un ministero, sia a livello di popolo) abbiamo avuto difficolt a capire certi gravissimi sbagli commessi nel corso della storia. Questo fatto pu essere dovuto ad una non perfetta comprensione di quel che vuol dire che la Chiesa santa, cattolica e apostolica. Se non intesa bene, questa verit pu favorire una terribile presunzione. La Chiesa santa, cattolica e apostolica nella misura in cui unita a Cristo e segue le orme degli apostoli. Possiamo proprio ringraziare il Signore se oggi un grande Papa come Giovanni Paolo II ha chiesto perdono dei peccati commessi dai figli della Chiesa. Bisogna continuare ad avere il coraggio di individuare sempre meglio tali peccati e di ripararli, eliminandoli con la forza dello Spirito Santo. Non ci resta proprio che implorare il perdono di Dio e quello degli uomini. Ricordiamo l'invito di Prov 28,13: Chi nasconde le proprie colpe non avr successo, chi le confessa e cessa di farle trover indulgenza. E ancora: Confessate perci i vostri peccati gli uni agli altri per essere guariti (Giac 5,16). 3. FACCIAMO DIMORARE LA SUA PAROLA IN NOI (1,10)
1.10 e)a\n ei)/pwmen o(/ti ou)x h(marth/kamen, yeu/sthn poiou=men au)to\n kai\ o( lo/goj au)tou= ou)k e)s / tin e)n h(mi=n.

1,10 Se diciamo che non abbiamopeccato, facciamo dilui (un) bugiardo e la sua parola non in noi. Se diciamo che non abbiamo peccato: dovevano essere molto forti ed insistenti le proteste di innocenza da parte degli gnostici ed affini, se l'Evangelista ritorna con vigore a parlare delle loro affermazioni. Non solo ingannavano loro stessi (8), ma sbugiardavano Dio. L'uomo menzognero e mentitore (1,6) cammina nella tenebra, cio non opera la verit (vale a dire: fa il peccato), e poi afferma di essere nientemeno che in comunione con Dio. Tale pretesa non solo una falsit che danneggia noi stessi (essendoci una netta incoerenza tra le parole e la vita), ma 18

anche un'offesa a Dio, perch in pratica consideriamo falso il suo insegnamento sul nostro bisogno di redenzione. Facciamo di lui un bugiardo (cfr. anche 5,10): noi ci dobbiamo considerare sempre dei peccatori. Dio stesso che ce lo insegna per mezzo della Bibbia, che ci trasmette la sua parola. Sono infatti veramente tanti i passi biblici che affermano che la nostra condizione quella di peccatori: 1 Re 8,46 Non c' nessuno che non pecchi . Giob 4,17 Pu il mortale essere giusto davanti a Dio o innocente un uomo davanti al suo creatore? (cfr. anche Prov 20,9). Ges stesso, dicendo: Gv 8,7 Chi di voi senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei, ci fa capire che tutti siamo peccatori. Anche l'affermazione: Lc 11,13 Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli... d per scontato che nessuno di noi, nemmeno un padre, buono (Dio solo buono: Mc 10,18). Paolo afferma: Rom 3,23 Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio. Tutta l'azione e la predicazione di Ges e degli apostoli si basa su questo presupposto: Mt 26,28 Questo il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati. Lc 24,47 Nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Atti 3,19 Pentitevi dunque e cambiate vita, perch siano cancellati i vostri peccati. Non a caso il Signore ci invita tutti a pregare: Rimetti a noi i nostri debiti (Mt 6,12). Il peccato esiste sicuramente e in modo stabile proprio in chi crede di non averlo: Gv 9,41 Ges rispose loro: Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: Noi vediamo, il vostro peccato rimane. E la sua Parola (Lgos) non in noi: la Parola biblica, la Parola di Dio prende dimora dentro di noi, se sinceramente ci confessiamo peccatori. In 1,8 Giovanni aveva detto: la verit non in noi, ora dice: la sua Parola non in noi e tale Parola in definitiva Cristo. Verit, Parola (Lgos) e Cristo sono dunque sinonimi. Solo la parola ci fa conoscere la verit e ce la rivela: cfr. Gv 17,17 Consacrali nella verit. La tua parola verit. E Ges la Verit. Noi dobbiamo, come singoli e come Chiesa, riempirci di Parola di Dio: fare di tutto per conoscere, capire, vivere questa Parola, cio per conoscere e amare Ges (studiando la Bibbia, pregando, meditando, sperimentando forme sempre nuove di vita evangelica...). Solo questa parola ci far comprendere il senso della vita e del mondo, ci render veramente umani e divini. Solo se saremo disposti ad ascoltare la voce di Dio che parla in noi, anche attraverso tutta la sapienza ecclesiale dei santi e dei profeti di tutti i tempi, scopriremo (pur sempre con difficolt) qualcosa della Verit. Citiamo ancora una volta Giac 5,16: Confessate perci i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri per essere guariti. Molto vale la preghiera del giusto fatta con insistenza. Se dunque ti confesserai peccatore, la verit in te, poich la verit luce... Cominci ormai ad illuminarti... Prima di tutto ci sia dunque la confessione, poi l'amore...: La carit copre una moltitudine di peccati (Agostino, Meditazioni... p. 53). 2 CRISTO, IL GIUSTO, HA ESPIATO I NOSTRI PECCATI 1. GES NOSTRO AVVOCATO PRESSO IL PADRE (2,1)
2.1 Tekni/a mou, tau=ta gra/fw u(mi=n i(/na mh\ a(ma/rthte. kai\ e)a/n tij a(ma/rtv, para/klhton e)/xomen pro\j to\n pate/ra )Ihsou=n Xristo\n di/kaion:

2,1 Figlioli miei, vi scrivo questecose affinch non pecchiate; ma se qualcuno hapeccato, abbiamo (un) avvocato presso il Padre: Ges Cristo, il giusto. Figlioli miei, vi scrivo queste cose affinch non pecchiate: con amorevolezza di padre l'Evangelista chiama i lettori figli suoi e afferma di scrivere la lettera per indurli all'umilt, in modo tale che si guardino bene dal peccare. Infatti a chi umile il Signore fa grazia ( 1 Pt 5,5). Paolo direbbe: Chi crede di stare in piedi, guardi di non cadere (1 Cor 10,12). Questo

19

convincimento circa la nostra grande fragilit non deve per diventare un motivo di esagerata ansia: dobbiamo con serenit sapere che senza Cristo non possiamo fare nulla (Gv 15,5) e, con altrettanta serenit, credere che con lui possiamo tutto ( Fil 4,13 Tutto posso in colui che mi d la forza). La vera umilt coincide sempre con una grande audacia, la quale per non abolisce la necessit della vigilanza e dell'impegno. La fiducia in Dio, tuttavia, non ci deve far concludere: dunque pecchiamo pure (Agostino, Meditazioni... p. 55). Ma se qualcuno ha peccato: Giovanni ha appena fatto capire che tutti hanno peccato. Perch ora parla solo di qualcuno? Egli si riferisce a chi ha peccato dopo la conversione ed il battesimo. Potrebbe riferirsi a qualche forma di peccato leggero. Agostino per ammonisce: Non devi dar poco peso a questi peccati che si definiscono lievi. Tu li tieni in poco conto quando li soppesi, ma che spavento quando li numeri! Molte cose leggere, messe insieme, ne formano una pesante (Agostino, Meditazioni... p. 53). Abbiamo un avvocato (parkletos) presso il Padre: Ges Cristo, il giusto: colui che ha peccato abbia fiducia in Cristo, che pu salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si accostano a Dio, essendo egli sempre vivo per intercedere a loro favore (Ebr 7,25). Ges stesso aveva indirettamente presentato se stesso come Parkletos (lett.: chiamato presso, ad-vocatus) quando aveva detto: Gv 14,16 Io pregher il Padre ed egli vi dar un altro Consolatore (Parkletos) perch rimanga con voi per sempre, 17 lo Spirito di verit che il mondo non pu ricevere, perch non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perch egli dimora presso di voi e sar in voi. Quest'opera di Cristo in qualit di avvocato produce la remissione e la purificazione da ogni iniquit per chi confessa la propria colpa (1,9), perch il Padre lo riconcilia con se stesso. All'azione di Cristo si affianca anche quella dei fratelli, che pregano per il peccatore (5,16). Cfr. anche Rom 8,33 Chi accuser gli eletti di Dio? Dio giustifica. 34 Chi condanner? Cristo Ges, che morto, anzi, che risuscitato, sta alla destra di Dio e intercede per noi?. Agostino commenta, scrivendo: Considera come Giovanni stesso si mantenga nell'umilt... Disse...: Abbiamo un avvocato. Non disse: Avete e neppure: Avete me... Prefer mettersi nel numero dei peccatori, piuttosto che presentare se stesso come avvocato invece di Cristo e trovarsi poi tra i superbi degni di condanna ( Meditazioni... 56). Ges, oltre che avvocato anche chiamato giusto (cio santo): proprio perch santo egli diffonde la santit. La giustizia di cui Cristo ricco ha una caratteristica speciale: tende a diffondersi e a comunicarsi. una giustizia salvifica. 2. VITTIMA DI ESPIAZIONE PER IL MONDO INTERO (2,2)
2.2 kai\ au)to\j i(lasmo/j e)stin peri\ tw=n a(martiw=n h(mw=n, ou) peri\ tw=n h(mete/rwn de\ mo/non a)lla\ kai\ peri\ o(/lou tou= ko/smou.

2,2 Egli infatti (vittima di) espiazione per i nostri peccati; non soltanto poi per i nostri, ma anche per (quelli) ditutto il mondo. Egli infatti vittima di espiazione (ilasms: sacrificio propiziatorio) per i nostri peccati: davvero Ges sarebbe morto inutilmente se noi non avessimo avuto bisogno di salvezza. Giovanni Battista, che era venuto a predicare un battesimo di penitenza per la remissione dei peccati (Mc 1,4), riguardo a Ges proclamava: Gv 1,29 Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo!. Vedremo in questa stessa lettera che da una parte il cristiano corre ancora il pericolo di peccare e, da un'altra (a motivo della sua nascita da Dio Padre e della sua unione con Cristo Signore), immune dal peccato: cfr. 3,6; 3,9 e 5,18. Siamo davanti ad un paradosso stupendo: preghiamo di capirlo almeno in parte per poter vivere pieni di una grande sicurezza e, nello stesso tempo, protetti e stimolati da un salutare timore. Ricordiamo poi che la capacit che Cristo ha di purificarci dal peccato gli costata cara: si offerto per noi come vittima sulla croce. Paolo infatti afferma: Rom 3,25 Dio lo ha prestabilito a servire come strumento di espiazione per mezzo della fede, nel suo sangue. 20

Non soltanto poi per i nostri: Ges Cristo morto innanzi tutto per i nostri peccati. Non pensiamo che abbia sofferto prima di tutto per quelli degli altri o per i gravissimi misfatti del mondo: morto per me! Cfr. Gal 2,20 il Figlio di Dio, mi ha amato e ha dato se stesso per me. Vedi anche Lc 22,19-20. Giovanni lEvangelista cosciente di questo fatto e non si tira fuori dal numero dei peccatori redenti. Quali erano stati i comportamenti non sempre corretti del grande maestro? Nei Vangeli troviamo alcuni accenni: la voglia di primeggiare ( Mc 10,35), linvidia (Mc 9,38), la vendetta (Lc 9,54) al punto che Ges lo chiamava figlio del tuono (Mc 3,17), la paura (Lc 9,34). Quanto basta per capire che anche lui ha faticato nel migliorarsi, ma soprattutto ha avuto bisogno di Ges come salvatore. Ma anche per quelli di tutto il mondo (cfr. Gv 11,52): Ges talmente potente che pu togliere tutti i peccati del mondo intero per quanto numerosi e gravi essi siano: Mt 1,21 Essa (Maria) partorir un figlio e tu (Giuseppe) lo chiamerai Ges: egli infatti salver il suo popolo dai suoi peccati. Ricordiamo che con la remissione dei peccati ci viene fatto contemporaneamente il dono della grazia dello Spirito Santo e della vita eterna. Abbiamo viva speranza nel Signore Ges, salvatore del mondo (4,14)!

21

2a CONDIZIONE: OSSERVARE I COMANDAMENTI (UNIT 3) Praticare soprattutto la Carit


Presentazione e lettura di 1 Gv 2,3-11 In questa breve Unit Giovanni ci fornisce il criterio per discernere se conosciamo Dio (1a parte), e ci ricorda il comandamento nuovo: amare il proprio fratello (2a parte). 1 - CRITERIO PER SAPERE SE CONOSCIAMO E AMIAMO DIO 1. CONOSCE DIO CHI OSSERVA I SUOI COMANDAMENTI (2,3-4)
2.3 Kai\ e)n tou/t% ginw/skomen o(/ti e)gnw/kamen au)to/n, e)a\n ta\j e)ntola\j au)tou= thrw=men. 2.4 o( le/gwn o(/ti E )/ gnwka au)to/n kai\ ta\j e)ntola\j au)tou= mh\ thrw=n, yeu/sthj e)sti/n kai\ e)n tou/t% h( a)lh/qeia ou)k e)/stin:

2,3 E da questo sappiamo che lo abbiamoconosciuto: se osserviamo i suoi comandamenti. 2,4 Chi dice: L'hoconosciuto e non osserva i suoi comandamenti, bugiardo e la verit non in lui; Da questo sappiamo (ghinsko) ... : per superare il pericolo insidiosissimo dell'autoillusione, Giovanni ci fornisce un criterio di discernimento, chiaro e semplice, alla portata di tutti. Tale criterio in fin dei conti uno solo, anche se nel testo viene espresso a pi riprese con parole diverse. Anche un bambino in grado di capire che le parole sono sincere solo se corrispondono ai fatti. La vita spirituale caratterizzata da una grandissima semplicit: si inganna solo chi vuole ingannarsi. Perch allora troppo sovente noi cerchiamo la complicazione? Per quale motivo facciamo di tutto per ingannarci e per non accorgerci di essere riusciti in tale inconfessabile intento? La risposta la troviamo nel Vangelo: i segreti del cielo sono svelati dal Padre ai semplici e agli infanti, mentre sono nascosti agli intelligenti e ai sapienti ( Mt 11,25). Il sapere di cui parla l'Apostolo non la conoscenza tipica dei dotti e dei saccenti, ma un sapere esperienziale, profondo, vivo (ghinsko), pieno di amore: semplice e indicibile nello stesso tempo. E che cosa sappiamo? bello in greco in gioco di parole: sappiamo di sapere, conosciamo di conoscere. Conosciamo Dio. All'inizio Giovanni parlava di comunione con il Padre e con il Figlio, oltre che con tutti i fratelli (1,3), ora parla di conoscenza di Dio: le due realt alla fin fine coincidono, anche se la seconda (la conoscenza) pu essere vista come base per la prima (la comunione), la quale indica di per s una relazione pi globale e completa con il Signore perch ispirata dallamore fattivo verso di lui (cfr. 5). Che lo abbiamo conosciuto (ghinsko): conoscere Dio (e il Cristo, del quale l'Autore ha appena parlato) significa dunque non solo sapere molte verit su di lui, ma soprattutto amarlo, appartenergli, possederlo ed essere in comunione con lui. Qui l'atto di conoscere presentato come qualcosa di avvenuto nel passato e di perdurante: lo abbiamo conosciuto (al perfetto). Questa affermazione ci fa capire che nella nostra vita di fede c' un momento nel quale si fa un'esperienza tale di Dio e del Cristo che costituisce una svolta decisiva, che segna tutta la vita. Come avvenne, ad esempio, per Giovanni Battista: Gv 1,31 Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare con acqua perch egli fosse fatto conoscere a Israele. 32 Giovanni rese testimonianza dicendo: Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui. 33 Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L'uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito colui che battezza in Spirito Santo. 34 E io ho 22

visto e ho reso testimonianza che questi il Figlio di Dio. L'esperienza mistica degli eventi del Battesimo hanno prodotto nel Battista una nuova conoscenza, nettamente superiore a quella di prima, e quindi lo hanno dotato di una capacit di testimoniare il Cristo ben diversa rispetto alla precedente. Se osserviamo i suoi comandamenti: la condizione (se) per sapere se la nostra conoscenza di Dio vera sta nellobbedienza alla sua volont. I comandamenti di cui Giovanni parla sono quelli di Dio e di Cristo. Possiamo elencarne qualcuno: il comandamento di amare Dio con tutto il cuore e il prossimo come Cristo ha amato noi; quello del perdono e della misericordia verso tutti, specialmente verso i poveri e i nemici; quello della preghiera continua, umile e fiduciosa; quello del distacco da tutti i beni e da tutte le ansie della terra; quello della sincerit e della trasparenza... Ecco dunque il criterio semplice: conosco Dio se lo ascolto, amo Dio se lo servo fedelmente. Chi dice: L'ho conosciuto: ognuno valuta la propria conoscenza di Dio in base alla propria esperienza e alle proprie capacit conoscitive. Se queste sono carenti o deformate si avvera l'autoinganno in apparente buona fede. Come faremo noi a non cadere nella trappola dell'autoillusione? La prima cosa da fare quella di non dare mai per scontato che siamo nel giusto: dobbiamo avere l'umilt di verificare continuamente, con grande seriet, i nostri giudizi, le nostre idee, le nostre convinzioni e le nostre opere, anche con l'aiuto di altre persone. Non prendiamo questo passo alla leggera: Giovanni ci fa capire che sono molti quelli che si illudono di poter dire: L'ho conosciuto. E non osserva i suoi comandamenti: sufficiente che trasgrediamo un solo comandamento perch possiamo dedurre con assoluta certezza che di Dio non abbiamo ancora capito nulla e, quel che peggio, siamo lontani dal suo amore. Non vi criterio pi facile da mettere in atto e non c' verifica pi spietata di questa. Chi di noi pu dire di osservare sempre tutti i comandamenti? Non osservava certo i comandamenti alla perfezione il giovane ricco che, pur affermando di averli sempre messi in pratica, non ebbe il coraggio di seguire il Cristo (Cfr. Mt 19,16-22). bugiardo (psustes) e la verit non in lui (cfr. 1,8): per dare la massima efficacia alla sua affermazione Giovanni ripete con due affermazione parallele (una positiva [ ...] e una negativa [non ...]) lo stesso giudizio di valutazione su tale persona: si tratta di un impostore e, quindi, di un uomo senza verit. Chi il falso, il menzognero? Chi ha un atteggiamento difensivo di fondo in modo tale che tende sempre a deformare la verit a suo favore. Non solo incoerente di fatto, ma non ammette e non vuole ammettere la sua ipocrisia, anzi la nega apertamente. Da parte nostra, non dobbiamo avere paura ad ipotizzare che forse Dio non lo abbiamo ancora conosciuto sufficientemente: possiamo forse pensare di averne conosciuto la bont e la forza quando viviamo nell'ansia, nella tensione, nell'agitazione continua; quando basta un nonnulla a toglierci la pace? La vera risposta di fede non la si d con le parole, ma con la vita. 2. AMA DIO CHI OSSERVA LA SUA PAROLA (2,5 a)
2.5 o(j \ d' a)\n thrv= au)tou= to\n lo/gon, a)lhqw=j e)n tou/t% h( a)ga/ph tou= qeou= tetelei/wtai,

2,5 se uno poi osserva [serba] la sua parola, veramente in lui l'amore di Dio perfetto. Se uno poi osserva [serba] la sua parola (lgos): ogni parola di Dio per noi innanzi tutto un invito all'impegno, uno stimolo ad agire, un traguardo da raggiungere: va conservata nel cuore e attuata nella vita pratica. Ges, nel Vangelo di Giovanni, spiega bene che l'osservanza della parola divina porta alla fede e alla conoscenza perfetta (quella che certi cristiani pretendono di avere e non hanno): Gv 17,6 ... Essi (gli apostoli) hanno osservato la tua parola. 7 Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te, 8 perch le parole che hai dato a me io le 23

ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato. Il termine parola (lgos) di cui parlano Ges e Giovanni indica un qualcosa di pi che il semplice comandamento (cfr. 2,7b): indica tutta la rivelazione, tutta la luce divina, anzi, il Cristo stesso, Parola della vita, ovvero Dio nella sua infinita capacit comunicativa e relazionale. Non dimentichiamo che tale Parola si fatta carne, fino a rendersi percepibile ai nostri sensi (1,1). Veramente in lui l'amore (agpe) di Dio perfetto (teleio): qui abbiamo la dimostrazione che conoscenza, obbedienza e amore coincidono. Conoscere vuol dire amare. la prima volta che lApostolo nomina l'agpe in questa lettera e riguardo ad essa si affretta subito a farci capire che la sua qualit devessere una sola: la perfezione. Emerge dunque qui la parola-chiave di tutta l'epistola, parola che la qualifica come la lettera dellamore. Siccome l'Apostolo ha detto: Se uno poi osserva la sua parola ci saremmo aspettati che concludesse dicendo: la sua conoscenza di Dio perfetta oppure (basandoci sul v 4): la verit in lui. Giovanni invece va avanti nel suo discorso e con maggiore completezza nella sua dottrina spirituale ci dice: In lui l'amore di Dio perfetto. In altre parole: Conosce Dio chi lo ama veramente. Cos' precisamente questo amore di Dio? il nostro amore per Dio o lamore di Dio per noi? Soprattutto il primo, ma senza escludere laltro, poich in fondo il suo amore per noi che produce in noi la capacit di amarlo a nostra volta cos come egli ama se stesso. La nostra carit poi, come abbiamo gi fatto notare, deve giungere alla perfezione e vi giunge di fatto quando noi custodiamo e realizziamo pienamente (tero) la parola del Signore. L'amore di Dio dunque in definitiva l'equivalente di quella piena conoscenza di Dio di cui Giovanni ci parlava prima, anche se di tale conoscenza ne il lato pratico, comunionale, emotivo. C un momento nel quale vita, carit e verit coincidono ed il momento nel quale esse diventano perfette. Infatti chi ne possiede una in modo pieno, possiede anche tutte le altre. Tale amore dunque la verit piena, diventata vita e relazione interpersonale con Dio. Cfr. Gv 15,9 Come il Padre ha amato me, cos anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. 10 Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore (cfr. anche Gv 14,21.23; 1 Gv 5,3). Accogliamo questo invito, questa parola cos bella e cos esaltante e confortante! Nell'amore dunque individuiamo il criterio supremo per ogni discernimento! Se c' amore autentico (sinonimo di Spirito Santo: cfr. 4,8), tutto il resto (conoscenza, parola, azione...) diventa perfetto (teleio). Agostino si domanda: Ma qual la perfezione dell'amore? e risponde: amare anche i nemici, ed amarli perch diventino fratelli... Il Signore ci ammonisce ad essere perfetti quando ci parla del dovere di amare i nemici: Siate dunque perfetti come perfetto il Padre vostro celeste (Agostino, Meditazioni... p. 59). 3. DIMORA IN CRISTO CHI AGISCE COME LUI (2,5 b-6)
e)n tou/t% ginw/skomen o(/ti e)n au)t%= e)smen. 2.6 o( le/gwn e)n au)t%= me/nein o)fei/lei kaqw\j e)kei=noj periepa/thsen kai\ au)to\j [ou(/twj] peripatei=n.

Da questo conosciamo che siamo in lui. 2,6 Chi dice (di) dimorare in lui, deve anche lui camminare [cos] come lui hacamminato. Da questo conosciamo che siamo in (en) lui: pare che l'Evangelista ci fornisca qui un nuovo criterio di discernimento finalizzato a verificare una cosa diversa (cio essere in lui) da quella di prima (che era conoscere Dio). In effetti si tratta sempre dello stesso criterio atto a scovare la stessa realt, espressa in modo diverso. Essere in Dio o essere in Cristo significa infatti, in ultima analisi, conoscere e amare il Padre e il Figlio (cfr. Gv 15,5 Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perch senza di me non potete far nulla ). Con

24

altre parole (cio usando l'en mistico) Giovanni parla della comunione di vita e quindi di conoscenza e di amore di Dio (cfr. 1,6). Chi dice di dimorare (mno) in lui (auts): le persone, che dicono (a parole) di conoscere (4) e di dimorare in Dio (6), usano un perfetto linguaggio mistico senza capire nulla, anzi comprendendo in effetti tutto il contrario. terribile: potrebbe capitare anche a noi. Il verbo rimanere (mno) meglio ancora che il verbo essere, indica una stabilit e una continuit oltre che una familiarit profonda con Dio. Deve anche lui camminare (peri-pato) cos come (kaths) lui (ekinos) ha camminato: ebbene, chi si vanta di avere con Dio una piena intimit di vita, lo dimostri interiormente ed esternamente comportandosi come Cristo (ekinos = quello) si comportato. Ritorna qui l'immagine fondamentale del cammino (1,6-7) con il quale in modo molto plastico l'Evangelista indica l'imitazione di Cristo, modello supremo del credente. Nessuno pu arrivare a Dio se non imitando concretamente Ges fino ad incarnarne i pensieri, le opere, le parole: Gv 14,6 Gli disse Ges: Io sono la via, la verit e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. 7 Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto . Infatti solo Ges l'unico rivelatore del Padre, l'unico vero modello di amore perfetto (il come del v. 6 indica la precisa modalit dei nostri comportamenti, il deve segnala che questo un passaggio obbligato, un vero comandamento). Nel Vangelo di Giovanni sovente Ges propone se stesso come esempio (cfr. soprattutto Gv 13,15.34; 15,10; 17,11.14.21) e invita alla sequela ( Gv 1,37.43; 8,12, 10,27; 12,26; 13,36; 21,19). Concludiamo con un'osservazione interessante: se vogliamo rimanere dobbiamo camminare! Sembra un controsenso: in realt ci vuole una stabilit nel progresso e un progresso nella stabilit. Quanto pi avanziamo, tanto pi ci immergiamo profondamente in Dio e nel suo amore luminoso. Per Giovanni, in definitiva, Ges Cristo il criterio concreto pi sicuro per valutare il grado di perfezione e di autenticit della nostra comunione con il Padre: cfr. Rom 15,5 Il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti ad esempio di Cristo Ges, 6 perch con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Ges Cristo. 7 Accoglietevi perci gli uni gli altri come Cristo accolse voi, per la gloria di Dio (Cfr. anche Fil 2,5). Agostino ci ricorda che Ges cammin sulla via della carit quando perdon i suoi crocifissori: Se dunque imparerai a pregare per il tuo nemico, camminerai sulla via del Signore (Agostino, Meditazioni... p. 60). 2 - AMARE IL FRATELLO DIMORARE NELLA LUCE 1. IL COMANDAMENTO NUOVO E ANTICO (2,7-8)
2.7 )Agaphtoi/, ou)k e)ntolh\n kainh\n gra/fw u(mi=n a)ll' e)ntolh\n palaia\n h(\n ei)x / ete a)p' a)rxh=j: h( e)ntolh\ h( palaia/ e)stin o( lo/goj o(\n h)kou/sate. 2.8 pa/lin e)ntolh\n kainh\n gra/fw u(mi=n, o(/ e)stin a)lhqe\j e)n au)t%= kai\ e)n u(mi=n, o(/ti h( skoti/a para/getai kai\ to\ fw=j to\ a)lhqino\n h)/dh fai/nei.

2,7 Carissimi, non vi scrivo (un) comandamento nuovo, ma (un) comandamento antico, che avete (ricevuto) da(l) principio. Il comandamento, quello antico, la parola che aveteudito. 2,8 Tuttavia ( un) comandamento nuovo (quello che) vi scrivo, ilche vero in lui e in voi, perch la tenebra seneva e la luce, quella vera, gi risplende. Carissimi (agapets): a questo punto l'Evangelista, avendo parlato di comandamenti (3) e di amore perfetto (5), crede opportuno insistere sull'importanza del comandamento dell'amore e spontaneamente sente nel cuore un sentimento di amore verso i suoi lettori: perci li chiama: 25

amati, diletti, carissimi... In tal modo Giovanni (con le parole e con i fatti) precisa in che cosa consistono i comandamenti divini da osservare: essi si riassumono tutti in quello della carit (Rom 13,9). Non vi scrivo un comandamento (entol) nuovo: tutto quello che egli va scrivendo costituisce il nucleo centrale dell'annuncio fatto dagli evangelizzatori fin dall'inizio e ben conosciuto dagli ascoltatori. Esso presentato come un comandamento (al singolare), cio come qualcosa di molto semplice ( uno solo) e nello stesso tempo di fondamentale, di obbligatorio, di assolutamente necessario (implicitamente l'idea era gi presente nel v. 6: deve). Dobbiamo sapere che nel linguaggio giovanneo comandamento significa qualcosa di pi che precetto: significa qualcosa che a volte somiglia di pi ad un potere che a un dovere (cfr. Gv 10,18); infatti un dovere liberante, perch la volont del Padre vita e gioia ( Gv 12,50). Fra poco (in 7b) dir che tale comandamento la parola (il lgos: cfr. anche 5), cio il succo di tutta la Rivelazione, il punto centrale della volont divina che si manifesta a noi (cfr. Rom 13,8-10). Cfr. anche 2 Gv 5 E ora prego te, Signora, non per darti un comandamento nuovo, ma quello che abbiamo avuto fin dal principio, che ci amiamo gli uni gli altri. Ma un comandamento antico, che avete ricevuto dal principio: la prima e la principale cosa che i credenti hanno sentito predicare stato il comandamento dell'amore. La prima cosa che hanno notato e di cui si sono meravigliati stato il fatto che si sono sentiti amati da Dio e dagli apostoli e invitati ad amare in quel modo il Signore e i fratelli. Questo comandamento talmente antico che affonda le sue radici nell'Antico Testamento: Mt 22,36 Maestro, qual il pi grande comandamento della legge?. 37 Gli rispose: Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. 38 Questo il pi grande e il primo dei comandamenti. 39 E il secondo simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. 40 Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti . L'antichit del comandamento ne garantisce l'importanza, l'affidabilit e l'efficacia. Certi cristiani che amavano la novit per il gusto di cambiare, di diversificarsi, di innovare a tutti i costi, stanno stravolgendo il Vangelo: essi pongono la salvezza nella gnsis cio nella conoscenza intellettuale (notiamo che questa ancora oggi una tentazione pericolosa per tutti noi). L'Evangelista ribadisce, con pazienza, quello che egli va insegnando da sempre, e cio, che la salvezza sta nell'amore. Il comandamento, quello antico, la parola che avete udito: prima di vederlo scritto con inchiostro su carta in questa lettera, i fedeli lo hanno udito dalla viva voce dei testimoni del Vangelo. La parola appunto il Vangelo che coincide in fondo con il comandamento dell'amore. I cristiani hanno fatto, per mezzo dell'ascolto, un'esperienza simile a quella degli apostoli che incontrarono il Signore Ges (cfr. 1,1: Ci che abbiamo udito...). Dovrebbero gi essere in grado di testimoniarlo a loro volta con i fatti, mentre hanno ancora bisogno di essere illuminati ed esortati su di un punto cos essenziale. Tuttavia un comandamento nuovo (kains) quello che vi scrivo: Giovanni cerca di esprimere linesprimibile e pertanto usa un linguaggio paradossale: il comandamento non nuovo, ma antico, per nuovo! Perch e in che senso anche nuovo? Non nel senso di recente nel tempo (in tal caso l'Autore avrebbe usato nos), ma nel senso di innovativo nella qualit (perci usa kains). Infatti Cristo lo ha portato veramente alla perfezione, amando il Padre e noi nello Spirito Santo, fino alla morte in croce e ordinandoci di amarci di quello stesso amore (questo il significato dell'espressione: il che vero in lui). Ges stesso infatti ha amato in modo innovativo e ha definito tale dovere come comandamento nuovo (Gv 13,34) e il mio comandamento (Gv 15,12). Si tratta dellamore trinitario incarnato e manifestato nella sua vita e nelle sue azioni. nuovo anche perch risulta essere un comandamento da noi mai abbastanza compreso e praticato, e quindi, sempre da riscoprire. Quando per riusciamo a vivere di quello stesso amore che pulsava nel cuore di Cristo, allora siamo ripieni di tutta la vera novit del Vangelo ( questo il senso dell'affermazione: il che vero ... in voi). Cfr. Mt 13,52: Per questo ogni scriba divenuto discepolo del regno dei cieli simile a un padrone di casa che estrae dal 26

suo tesoro cose nuove e cose antiche. Facciamo ora unimportante considerazione: una cosa vera quando la mettiamo in pratica: la verit non solo la corrispondenza di un discorso ad un fatto, ma soprattutto la fedelt ad un impegno, ad un dovere o a una promessa. Se importante dire il vero, infinitamente pi necessario fare la verit (1,6). Il che vero in lui e in voi: nel mondo non esiste dunque alcuna altra vera novit al di fuori dell'amore cristiano. Tutto il resto inganno, perch anche se sembra un'innovazione attraente e mai vista (l'automobile, la tv, la rete internet...) in realt ripete sempre la stessa solfa e fa morire di noia. Se vero che lamore cristiano una vera novit vissuta da Ges, deve anche essere vissuto da noi, deve inverarsi in noi. Perch la tenebra se ne va e la luce, quella vera (alethins), gi risplende: pensando al comandamento dell'amore, sempre antico e sempre nuovo, l'Evangelista lo paragona ad un'aurora che spunta allorizzonte e che comincia a lanciare verso di noi i primi raggi di luce ( quella vera) facendo nascere la speranza. In un mondo immerso nelle tenebre egli vede ormai che il buio fugge e si dilegua definitivamente, mentre inizia a risplendere il Sole dell'amore e della verit (cio Cristo). Fermiamoci un attimo a contemplare questalba che avanza, questa novit assoluta che trionfa (cfr. Apc 21,1.5; Rom 13,12). Noi siamo gli uomini dellaurora: non siamo ancora nel pieno giorno, ma ogni istante che trascorre un passo irreversibile verso la luce perfetta (cfr. Fil 3,13). 2. CHI AMA IL FRATELLO NON INCIAMPA (2,9-11)
2.9 o( le/gwn e)n t%= fwti\ ei)=nai kai\ to\n a)delfo\n au)tou= misw=n e)n tv= skoti/# e)sti\n e(/wj a)/rti. 2.10 o( a)gapw=n to\n a)delfo\n au)tou= e)n t%= fwti\ me/nei kai\ ska/ndalon e)n au)t%= ou)k e)s / tin: 2.11 o( de\ misw=n to\n a)delfo\n au)tou= e)n tv= skoti/# e)sti\n kai\ e)n tv= skoti/# peripatei= kai\ ou)k oi)=den pou= u(pa/gei, o(/ti h( skoti/a e)tu/flwsen tou\j o)fqalmou\j au)tou=.

2,9 Chi dice (di) essere nella luce e odia il proprio fratello, ancora nella tenebra. 2,10 Chi ama il proprio fratello, dimora nella luce e non c' in lui (occasione di) inciampo. 2,11 Chi per odia il proprio fratello nella tenebra, e cammina nella tenebra e non sa dove va, perch la tenebra haaccecato i suoi occhi. Chi dice di essere nella luce: per la terza volta (in questa Unit) l'Apostolo parla di chi dice (cio di chi afferma spavaldamente: l'ho conosciuto, dimoro in lui, sono nella luce...). Davvero vuole controbattere tutte le illusioni di coloro che si accontentano delle parole e credono che la novit consista nel variare le parole da dire. incredibile la facilit con cui ci inganniamo! E odia (miso) il proprio fratello: il millantatore non si per nulla accorto di odiare il proprio fratello, ma ha la netta sensazione di essere nella verit, nella trasparenza, nell'amore. Non sa che l'essere indifferenti alla sofferenze degli altri, il chiudersi nel proprio nido sicuro e ben protetto equivale a odiare il fratello che in difficolt. Non c' bisogno di arrivare ad insultarlo per capire che lo stiamo odiando: basta ignorare che esiste o che ha certi problemi. ancora nella tenebra: chi scambia la tenebra per luce compie il pi terribile dei peccati, il peccato mistico, cio la tremenda bestemmia contro lo Spirito Santo, perch vede il male dove c' il bene e il bene dove c' il male, l'amore dove c' l'odio e viceversa, Dio dove c' il demonio e il demonio dove invece c' la santit di Dio (cfr. anche 4,20). Chi ama (agapo) il proprio fratello: Giovanni parla di chi ama il proprio fratello (la propria sorella) con quell'amore (agpe) che prescritto dal comandamento sempre antico e

27

sempre nuovo (7-8), dato da Ges e da mettere in pratica esattamente come lui l'ha praticato. Paolo ci fa capire che tale amore il primo frutto dello Spirito Santo ( Gal 5,22 Il frutto dello Spirito invece amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bont, fedelt, mitezza, dominio di s). L'amore di Dio si concretizza e si svela in quello che abbiamo verso il fratello (verso il cristiano, innanzi tutto, e poi verso tutti gli uomini e tutte le donne). Dimora (mno) nella luce: chi ha tale capacit di amore permane stabile nella luce divina e quindi non si inganna. molto interessante questa corrispondenza: amore / luce. Noi avremmo detto: l'amore calore..., un fuoco interiore ... Giovanni invece ci fa capire che per lui l'amore luce. La luce, infatti, per lui non rappresenta mai solamente la semplice verit raggiunta con il solo intelletto, ma indica la carit e, in fondo a tutto, Dio stesso (1,5), che amore luminoso (4,8). Per quanto ci riguarda, quando notiamo in noi, senza presunzione, che siamo capaci, per grazia di Dio, ad instaurare rapporti amorevoli e profondi con tutti (superando le naturali antipatie o dominando le eccessive simpatie) possiamo prudentemente concludere che siamo sulla strada buona. Ma se siamo indifferenti, nervosi, litigiosi, impazienti, permalosi, difensivi, poco socievoli o poco accoglienti, dobbiamo allarmarci e pensare che opportuno cambiare subito stile di vita. Non c' in lui occasione di inciampo (skndalon): come fa spesso, l'Evangelista ribadisce il concetto, appena espresso in forma positiva (dimora...), con una proposizione negativa (non c'...): egli vuol dire che in pratica chi ama, non cade nella fossa (cfr. Mt 15,14) e non fa cadere gli altri (Rom 14,13). L'idea che chi ama non trova inciampo fa capire che egli cammina con sicurezza. Chi ama, dunque, stabile e nello stesso tempo cammina: amare dunque equivale ad essere stabili nella luce e a camminare senza pericoli. Quando Giovanni ci invitava a camminare come Ges (2,6), ci voleva dire (in ultima analisi) di amare come Ges ha amato (cfr. anche Gv 11,9). Chi per odia il proprio fratello nella tenebra: per dare maggiore forza alla sua affermazione l'Evangelista ripete in forma negativa il concetto appena espresso in forma positiva (nel v. 10). L'odio tenebra accecante. Cammina nella tenebra e non sa dove va: questa tenebra (se vogliamo ora precisare bene quello che in definitiva) soprattutto l'odio, che pu portare a conseguenze imprevedibili perch anche nel male di solito non si sta fermi, ma si avanza verso abissi sempre pi spaventosi (cfr. Gv 11,10; 12,35). L'Apostolo riprende le suggestive immagini del cammino nella luce e nella tenebra (cfr. 1,6-7). Mentre in 1,6-7 l'accento era posto piuttosto sul camminare (cio sul piano dell'azione morale), qui Giovanni parla innanzi tutto dell' essere nel (nella luce o nella notte) cio di una situazione di fondo, dalla quale poi deriva l'azione concreta (cio il camminare). Chi infatti costituzionalmente allergico alla verit (2,4), tende ad agire (camminare) fuori di essa o contro di essa. La conseguenza immediata l'ignoranza (non sa): proprio quella lacuna che gli gnostici in tutti i modi dicono di non avere. E il peggio consiste nel fatto che tale cammino ha inevitabilmente uno sbocco finale disastroso (egli va l dove non sa, anche se non sa e proprio perch non sa). Perch la tenebra ha accecato i suoi occhi: gli occhi del cuore, che dovrebbero essere illuminati dalla fede e dalla carit, sono invece accecati dall'orgoglio, dalla falsit, dalla mancanza di amore (l'Autore accenna qui a tutta la tematica della cecit spirituale la quale va sempre considerata come colpevole e insuperabile senza un prodigio divino: cfr. Gv cap. 9). Solo chi ama ha occhi illuminati per vedere in profondit, per valutare ogni cosa nel modo giusto. Invochiamo il Signore, pregandolo: O Sole di giustizia, aprici gli occhi e fa che vediamo la tua bellissima luce affinch diventiamo luminosi del tuo amore!

28

3a CONDIZIONE: VINCERE IL MALIGNO E IL MONDO (UNIT 4) Conoscere e amare il Padre e fare la sua volont
Lettura e spiegazione di 1 Gv 2,12-17 La presente Unit si divide in due parti: nella 1a sono descritte le varie categorie di fedeli a cui la lettera si rivolge; nella 2a parte vi un pressante invito ad avere l'amore generoso di Dio, il quale l'esatto contrario dell'amore egoistico del mondo. 1 - LA LETTERA PER TUTTI I FIGLI: ANZIANI E GIOVANI 1. AI FIGLI PERDONATI (2,12)
2.12 Gra/fw u(mi=n, tekni/a, o(/ti a)fe/wntai u(mi=n ai( a(marti/ai dia\ to\ o)/noma au)tou=.

2,12 Scrivo avoi, figlioli, [che] perch vi sonostatirimessi i peccati invirt del suo nome. Scrivo a voi, figlioli: dopo aver insistito con grande forza sul fatto, molto pericoloso e molto diffuso, di vivere in una falsa mistica, scambiando con estrema facilit la luce con le tenebre, il proprio io con Dio, Giovanni esce allo scoperto e parla in prima persona ( scrivo). Riflette sul fatto che sta scrivendo (grfo) ad una pluralit di persone, ad una comunit (a voi). Egli si prende, in prima persona, la responsabilit di quanto asserisce. Chiama i membri di tale comunit con il nome affettuoso di figlioli (teknon), termine che, derivando dal verbo tkto, partorisco, fa memoria di quel legame forte che un padre ha con coloro che da lui sono stati generati. Per ben 7 volte, nel corso di questa lettera l'Apostolo si rivolge ai lettori con questo appellativo (2,1.12.28; 3,7.18; 4,4; 5,21). Con tale delicatissimo termine lo stesso Ges si era rivolto agli apostoli durante il discorso dell'Ultima Cena: Gv 13,33: Figlioli, io non ho pi molto tempo per restare con voi... In alternativa al termine figlioli, Giovanni usa nella lettera 2 volte il delicato appellativo paidon (2,14.18), nel quale presente l'idea di educazione (paiduo: allevo, educo), 6 volte la bellissima espressione: diletti, carissimi (agapets), che non ha bisogno di commento: 2,7; 3,2.21; 4,1.7.11, e una volta: fratelli (3,13). In base all'uso che l'Autore ne fa qui, possiamo pensare che con il termine figlioli egli voglia indirizzarsi a tutti i credenti, che egli vede come figli di Dio e nei confronti dei quali egli pure si sente padre ed educatore. Perch: la particella greca ti pu essere tradotta in due maniere in modo che l'autore pu voler dire sia: vi scrivo che... e sia: vi scrivo perch... Nel primo caso egli afferma una cosa (la remissione delle colpe) che egli crede sia avvenuta a loro favore, con lo scopo di incoraggiare e confermare chi rimasto fedele; nel secondo fornisce una motivazione per cui scrive (o ha scritto) ai suoi lettori (perch sono stati perdonati). In ogni caso comunque asserisce che per le varie categorie di lettori vero proprio quello che i sedicenti cristiani perfetti e illuminati affermano erroneamente di se stessi e cio di essere senza peccato. Vi sono stati rimessi i peccati in virt del suo nome: se i veri credenti sono senza peccati solo perch questi sono stati loro perdonati. Essi continuano ad essere dei peccatori, dei peccatori salvati. Notiamo che l'Evangelista asserisce per prima cosa, non che essi sono santi o sapienti, ma che sono stati purificati dal peccato. I loro peccati davvero sono stati rimessi (da Dio: passivo divino) e continuano ad esserlo (il verbo al perfetto) in forza del nome di Cristo. Abbiamo qui una chiara allusione al battesimo con il quale Cristo (con la sua autorit divina: nome) opera la purificazione mediante il suo sangue (1,7), avendo egli espiato i peccati di tutti 29

(2,1). Il primo aspetto, dunque, che Giovanni mette in evidenza non dunque quello della conoscenza di Dio (essa verr ricordata dopo: cfr. 14), ma quello della remissione dei peccati, che la base di ogni progresso spirituale: cfr. Atti 2,38 Pietro disse: Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Ges Cristo, per la remissione dei vostri peccati; dopo riceverete il dono dello Spirito Santo (cfr. anche 1 Cor 6,11). I cristiani "progressisti" saltavano questo aspetto sacramentale e purificatorio ritenendosi non bisognosi di tale lavacro (1,8.10) e si gloriavano di essere immuni dal peccato e pieni della intima conoscenza di Dio. 2. AI PADRI CHE CONOBBERO IL CRISTO (2,13 a)
2.13 gra/fw u(mi=n, pate/rej, o(/ti e)gnw/kate to\n a)p' a)rxh=j.

2,13 Scrivo avoi, padri, [che] perch aveteconosciuto colui (che oppure che era) da(l) principio. Scrivo a voi, padri: a questo punto l'Evangelista divide i figlioli, cio i fedeli in due categorie: i padri e i giovani. All'interno della comunit giovannea molti avevano aderito alla fede da molto tempo, cio fin dall'inizio della predicazione ( i padri), altri avevano accolto il Vangelo da poco tempo (i giovani). Perch avete conosciuto colui che (oppure che era) dal principio: siamo molto perplessi nellinterpretare il senso della espressione dal principio. Ci sembra che prevalga il senso forte di da tutta leternit. Giovanni affermerebbe dunque che i padri hanno conosciuto (e continuano a conoscere: il verbo al perfetto) il Cristo, visto come colui che o che era dal principio, cio come colui che ha dato inizio alla creazione e, fin dai primordi della sua opera salvifica, alla nuova realt della Chiesa. Qui Ges non pi indicato con il neutro ( Ci che era... cio Cristo e il suo messaggio: cfr. 1,1), ma con il maschile ( Colui che o che era...). In tal modo lattenzione viene convogliata solo sul Signore come persona divina. Secondo l'Autore tali padri possiedono sul serio la conoscenza di Ges, lEterno, cio quella piena conoscenza che altri cristiani filognostici affermano di avere, ma non hanno, avendo abbandonato sostanzialmente la tradizione originale (2,4) e la comunione ecclesiale (1,3). 3. AI GIOVANI VINCITORI DEL MALIGNO (2,13 b)
gra/fw u(mi=n, neani/skoi, o(/ti nenikh/kate to\n ponhro/n.

Scrivo avoi, giovani, [che] perch avetevinto il maligno. Scrivo a voi, giovani: notiamo che per la terza volta l'Evangelista afferma scrivo: il suo stile ripetitivo, perch egli usa la ripetizione come strumento per segnalare l'importanza di un'affermazione o di una azione. Perch avete vinto (niko) il maligno (poners): quelli che da un tempo pi breve hanno aderito alla fede ed alla vita comunitaria, non sono ancora giunti alla famosa conoscenza, ma hanno gi fatto il primo grande passo: hanno sconfitto il demonio, del quale l'Evangelista in questa lettera dice: Il diavolo peccatore fin dal principio. Ora il Figlio di Dio apparso per distruggere le opere del diavolo (3,8). Ges nel Vangelo giovanneo cos lo descriveva: Gv 8,44 Egli (il diavolo) stato omicida fin dal principio e non ha perseverato nella verit, perch non vi verit in lui. Quando dice il falso, parla del suo, perch menzognero e padre della menzogna. Il primo passo dunque quello di vincere la menzogna, la tenebra, l'odio favoriti dal maligno, l'ispiratore di Caino (3,12) e il dominatore del mondo perverso (5,19). Nel cap. 17 di Giovanni Ges cos pregava il Padre per i suoi discepoli: Io non ti prego di ritirarli dal mondo,

30

ma di preservarli dal maligno (Gv 17,15). Ebbene, in questa lettera, Giovanni constata che la nuova generazione di credenti ha saputo lottare e vincere, in modo da non essere contaminata dallo spirito del male (5,4-5.18). 4. AI FIGLI CHE CONOSCONO IL PADRE (2,14 a)
2.14 e)/graya u(mi=n, paidi/a, o(/ti e)gnw/kate to\n pate/ra.

2,14 Hoscritto avoi, figlioli, [che] perch aveteconosciuto il Padre. Ho scritto a voi, figlioli (paidon): a questo punto l'Autore ripete lo schema letterario dei vv. 12-13 con una leggera variazione nel tempo del verbo scrivere: non pi il presente (scrivo...), ma il passato (ho scritto...). Forse egli si riferisce alla prima parte della lettera o al suo Vangelo, scritto in precedenza. In questa prima affermazione sostituisce il teknon di prima con paidon (prima li vedeva come generati dal perdono e ora come educati nella fede: paiduo = istruisco). Tutti i membri della comunit, a cui sono stati perdonati i peccati (2,12) ora si meritano il nome di figlioli (paidon), a motivo del cammino educativo da loro percorso. Perch avete conosciuto il Padre: dopo aver ricevuto il perdono nel nome di Ges, hanno fatto progressi nella conoscenza di Dio Padre, cio di Dio nella sua qualit di Genitore, poich egli ha generato il Figlio suo Ges e ha generato e cresciuto i credenti come suoi figli (cfr. 3,1-2). Chi invece dice: L'ho conosciuto e non osserva i suoi comandamenti, un bugiardo (cfr. 2,4) e resta invischiato nei suoi peccati non volendo fare l'esperienza della misericordia teopaterna (2,12). 5. AI PADRI CHE CONOBBERO IL CRISTO STORICO (2,14 b)
e)/graya u(mi=n, pate/rej, o(/ti e)gnw/kate to\n a)p' a)rxh=j.

Hoscritto avoi, padri, [che] perch aveteconosciuto colui (che oppure che era) da(l) principio. Ho scritto a voi, padri: l'Autore (a parte il verbo ho scritto) ripete esattamente le stesse parole gi rivolte sopra agli stessi padri (questo un modo per ribadire l'importanza del suo convincimento). Perch avete conosciuto colui che (oppure che era) dal principio : forse alcuni di questi padri hanno davvero conosciuto direttamente il Cristo terreno, che il Lgos preesistente e creatore, e sono da considerarsi padri non tanto perch anziani, ma soprattutto perch sono maestri ed educatori nella fede per le giovani generazioni. La conoscenza del Cristo storico, almeno di quella acquisita attraverso la predicazione degli Apostoli (ricordiamo che Giovanni ha scritto a questo fine un meraviglioso Vangelo), ritenuta essenziale per tutti, anche per quelli che non hanno visto e toccato fisicamente il Signore. 6. AI GIOVANI FORTI E VINCITORI (2,14 c)
e)/graya u(mi=n, neani/skoi, o(/ti i)sxuroi/ e)ste kai\ o( lo/goj tou= qeou= e)n u(mi=n me/nei kai\ nenikh/kate to\n ponhro/n.

Hoscritto avoi, giovani, [che] perch siete forti, e la parola di Dio dimora in voi e avetevinto il maligno.

31

Ho scritto a voi, giovani: Giovanni conclude il suo schema simmetrico di tre frasi parallele (ripetute due volte). Perch siete forti: l'Autore si compiace di vedere che la nuova generazione di credenti salda e sicura. La loro lotta vittoriosa contro il maligno (di cui ha gi parlato 2,12) stata un buon allenamento che li ha fortificati (Ef 6,10-11). E la parola (lgos) di Dio dimora in voi: tali giovani non sono coloro che dicono: Non abbiamo peccato. In questi non dimora la parola di Dio (cfr. 1,10). Sono coloro che avendo ascoltato e amato la parola di Dio (che in definitiva il Cristo Signore) sono diventati abitazione stabile della Parola (cfr. Gv 14,23 Rispose Ges: Se uno mi ama, osserver la mia parola e il Padre mio lo amer e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui). E avete vinto il maligno: questa volta comprendiamo meglio perch i giovani hanno vinto (e continuano a vincere) il diavolo in modo tale da non diventarne figli (cfr. 3,10): stata la presenza della Parola di Dio nel loro cuore che li ha resi forti e vincitori. Tale parola infatti ci rivela la paternit di Dio, la divinit del Cristo e ci apre alla domanda e all'ottenimento del perdono e della grazia. Cfr. Apc 12,11. 2 - L'AMORE DEL PADRE NON SI CONCILIA CON L'AMORE DEL MONDO 1. NON AMATE IL MONDO (2,15)
2.15 Mh\ a)gapa=te to\n ko/smon mhde\ ta\ e)n t%= ko/sm%. e)a/n tij a)gap#= to\n ko/smon, ou)k e)/stin h( a)ga/ph tou= patro\j e)n au)t%=:

2,15 Non amate il mondo, n le (cose) nel mondo! Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non in lui; Non amate il mondo (ksmos): a tutti i suoi figlioli (sia padri e sia giovani) l'Evangelista rivolge un accorato appello (con un verbo in forma imperativa). Che cosa questo mondo? Per capirlo bene bisogna leggere soprattutto il Vangelo giovanneo che parla di mondo ben 75 volte. Nella nostra lettera il termine ricorre 23 volte. A parte le poche volte che indica la terra oppure l'universo (come avviene in Gv 11,9; 1 Gv 3,17; 4,17), esso sinonimo di umanit. Quando si parla di essa in quanto creata da Dio e chiamata alla salvezza, allora mondo ha un senso positivo (1 Gv 2,2; 4,9.14); se invece vengono indicati coloro che si oppongono al bene, ha un senso negativo (1 Gv 3,1.13; 4,4; 5,4.5.19). Al primo caso appartiene ad esempio questa affermazione: Gv 3,16 Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perch chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. 17 Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perch il mondo si salvi per mezzo di lui (cfr. anche Gv 12,47). Al secondo quest'altra espressione: Gv 16,8 E quando sar venuto, egli convincer il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio. 9 Quanto al peccato, perch non credono in me; 10 quanto alla giustizia, perch vado dal Padre e non mi vedrete pi; 11 quanto al giudizio, perch il principe di questo mondo stato giudicato (Cfr. anche Gv 1,10; 12,31; 17,14-16). Il mondo non conosce il Padre (Gv 17,25) e non riceve lo Spirito di verit perch non lo vede e non lo conosce (Gv 14,17). Amare il mondo, dunque, in questo caso, significa amare chi si oppone a Dio proprio in quanto gli si oppone. Per indicare tale amore perverso l'Evangelista usa lo stesso termine agapo con il quale indica solitamente l'amore santo di Dio: avrebbe dovuto usare ad esempio non concupite (ero da ros: bramo, desidero appassionatamente). Eppure molto istruttivo che dica non amate usando agapo: in realt l'amore mondano ha come l'amore divino la caratteristica della totalit, trasformando cos la creatura in idolo (5,21). Non amate dunque il mondo, come amereste Dio! Chi ama cos, non ama veramente il mondo o l'umanit, perch se da una parte li desidera in modo addirittura esagerato e sembra perci che li apprezzi in sommo grado, dall'altra li sfrutta al massimo, rovinandoli e distruggendone le migliori qualit. Mentre sembra servirli, se ne serve; mentre sembra onorarli, li disprezza togliendo loro il vero valore che 32

hanno, cio quello di essere un dono di Dio. E non ama nemmeno se stesso, perch mentre sembra possederli, ne posseduto; mentre pare che li domina, ne dominato e si priva del vero godimento. N le cose nel mondo: per cose nel mondo possiamo intendere tutte quelle realt (lo strapotere, la ricchezza esagerata) che il mondo, inteso in senso peggiorativo come umanit peccatrice e schiava del maligno, ama, stima, loda e cerca con una grande avidit. Anche le stesse cose buone (come il corpo, la famiglia) non percepite secondo i loro veri significati, ma considerate senza un giusto riferimento a Dio, pur non diventando cattive in s stesse, non giovano per lacquisto della carit. Nel prossimo versetto Giovanni spiegher meglio che cosa sono per lui queste cose: vedremo che egli non prende tanto di mira le varie realt in se stesse, ma la finalit egoistica per la quale sono ricercate. Il difetto non sta tanto nelle cose, ma in un certo tipo di amore ad esse, cio in un amore che esclude quello di Dio. Agostino commenta: Nessuno dica: Non opera di Dio tutto ci che nel mondo? ... Perch allora non dovrei amare ci che Dio ha fatto? Lo Spirito del Signore ti aiuti a vedere realmente perch queste cose sono buone, ma guai a te se amerai le creature e abbandonerai il Creatore. Queste cose ti appaiono belle, ma quanto pi bello sar l'autore della loro bellezza! ... Dio non ti proibisce di amare le sue creature; ti proibisce di amarle come ultima felicit. Stimale, lodale, ma per amare il Creatore... Dio ti ha dunque dato le cose create perch tu amassi chi le ha fatte. Egli ti vuole dare assai di pi che queste cose che ha create, vuol dare se stesso (Agostino, Meditazioni... p. 84-85). Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non in lui: l'Apostolo categorico: non c' compatibilit tra l'amore peccaminoso del mondo e l'amore santo del Padre. Ges aveva gi parlato con termini simili a questi: Gv 15,18 Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. 19 Se foste del mondo, il mondo amerebbe ci che suo; poich invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia (cfr. Gv 7,7; 16,33; 1 Gv 3,13). In effetti vi una totale incompatibilit tra i due amori: Mt 6,24 Nessuno pu servire a due padroni: o odier l'uno e amer l'altro, o preferir l'uno e disprezzer l'altro: non potete servire a Dio e a mammona. Agostino si rivolge al suo ascoltatore esortandolo: Scaccia l'amore malvagio del mondo per riempirti dell'amore di Dio... Ti travolge l'amore del mondo? Stringiti a Cristo. Per te egli sceso nel tempo, perch tu diventassi eterno (Agostino, Meditazioni... p. 81.83). 2. EVITATE LE CONCUPISCENZE E LA SUPERBIA (2,16)
2.16 o(/ti pa=n to\ e)n t%= ko/sm%, h( e)piqumi/a th=j sarko\j kai\ h( e)piqumi/a tw=n o)fqalmw=n kai\ h( a)lazonei/a tou= bi/ou, ou)k e)/stin e)k tou= patro\j a)ll' e)k tou= ko/smou e)sti/n.

2,16 poich tutto quello (che ) nel mondo, la concupiscenza della carne e la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita [della ricchezza], non viene dal Padre, ma viene dal mondo. Poich tutto quello che nel mondo: nulla che appartenga al mondo, in quanto malvagio e ostile a Dio, buono. Nemmeno la minima cosa. Tutto cattivo. Giovanni per non si limita a fare un'affermazione generale, vuole precisare i tre grandi mbiti nei quali il mondo malvagio si manifesta in modo particolare: la carne (la nostra corporeit), gli occhi (la nostra interiorit), la vita o gli averi (le nostre propriet). La concupiscenza (epithyma) della carne (srx): parliamo un attimo della concupiscenza in senso generale: Ges aveva gi parlato dei desideri smodati, tipici del mondo, che fanno 33

morire la parola seminata nel cuore: Mc 4,19 Sopraggiungono le preoccupazioni del mondo e l'inganno della ricchezza e tutte le altre bramosie (epithyma), soffocano la parola e questa rimane senza frutto. Questo avviene appunto quando la persona, nella sua realt pi profonda, ha desideri contrari a quelli di Dio e da questi si lascia vincere (cfr. 2 Pt 4,2-3). Giovanni per precisa ulteriormente il concetto parlando di concupiscenza della carne. Per capire di che cosa esattamente si tratta ci facciamo aiutare da Rom 13,13 Comportiamoci onestamente, come in pieno giorno: non in mezzo a gozzoviglie e ubriachezze, non fra impurit e licenze, non in contese e gelosie. 14 Rivestitevi invece del Signore Ges Cristo e non seguite la carne nei suoi desideri. Si tratta delle cattive passioni, della schiavit ai vizi capitali, specialmente a quelli della gola, dell'impudicizia, dell'ira e della violenza fisica. Anche Gal 5 elenca i peccati della carne in modo molto chiaro: 19 Del resto le opere della carne sono ben note: fornicazione, impurit, libertinaggio, 20 idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, 21 invidie, ubriachezze, orge e cose del genere; circa queste cose vi preavviso, come gi ho detto, che chi le compie non erediter il Regno di Dio (cfr. anche Ef 2,3). Per vincere tale passioni peccaminose bisogna aprirsi all'azione dello Spirito Santo: Gal 5,16 Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare i desideri (epithyma) della carne; 17 la carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; queste cose si oppongono a vicenda, sicch voi non fate quello che vorreste. 18 Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete pi sotto la legge (cio sotto quel tipo di legge che favorisce le bramosie perverse). Anche Pietro nella prima lettera ci indica la strada giusta per vincere: 1 Pt 4,1 Poich dunque Cristo soffr nella carne, anche voi armatevi degli stessi sentimenti: chi ha sofferto nel suo corpo ha rotto definitivamente col peccato, 2 per non servire pi alle passioni (epithyma) umane ma alla volont di Dio, nel tempo che gli rimane in questa vita mortale. 3 Basta col tempo trascorso nel soddisfare le passioni del paganesimo, vivendo nelle dissolutezze, nelle passioni (epithyma), nelle crapule, nei bagordi, nelle ubriachezze e nel culto illecito degli idoli (cfr. anche 1 Pt 1,14). dunque necessaria una certa resistenza (Rom 8,13; Col 3,5) da mettere in atto attraverso un corretto cammino ascetico e mistico, senza per perdere nulla delle ricchezze che Dio ha posto nella nostra umanit e nella nostra corporeit, anzi potenziandole in pienezza. In caso contrario, sia chi si abbandona al vizio, sia chi per rigorismo impoverisce inopportunamente la sua umanit, finisce con il disprezzare Dio e i suoi doni (cfr. 2 Pt 2,10). Per amore di chiarezza notiamo che la parola carne, ha nel N.T. un significato ricco e fluttuante: 1 indica a volte la sola componente corporea dell'essere umano (talvolta nominata insieme a sangue, ossa..., altre volte vista in contrapposizione ad anima: 1 Pt 2,11, o a spirito: Mc 14,38). Spesso se ne mette in risalto la debolezza (Rom 6,19), la soggezione alla morte (2 Cor 4,11), le tendenze cattive (Rom 7,18; Gal 5,24; Ef 2,3), l'aspetto di esteriorit (Rom 2,28; Gal 6,12); non raramente anche i vantaggi e gli aspetti positivi ( 2 Cor 3,3; 4,11; Ef 5,29; Fil 1,22; Col 1,24; Atti 2,26). 2 Altre volte indica l'uomo intero, visto nella sua concretezza (Gv 1,14) o nei suoi limiti (Gv 6,63: contrapposto allo Spirito Santo) oppure nella sua fragilit fisica ( 1 Pt 1,24) o morale (Rom 7,18). 3 Infine, in certi casi, indica qualcosa che pu corrispondere ad alcuni di questi diversi significati combinati insieme in modo molto vario (Mc 10,8; Rom 9,3; 1 Cor 1,26). La concupiscenza degli occhi: parlando di questa concupiscenza Giovanni vuole andare alla radice delle varie cupidigie e delle avidit di piaceri: il cuore (Rom 1,24). Gli occhi infatti sono le finestre del cuore. Quando noi guardiamo con la volont di possedere, di sfruttare, di divertirci illecitamente con tutte le cose belle e piacevoli senza fare alcun riferimento al Signore, senza capire i loro significati simbolici e la loro funzione relazionale, dimostriamo di avere un cuore egoista disposto al peccato. Ges aveva gi chiaramente parlato di tale tipo di peccato interiore: Mt 5,27 Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; 28 ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha gi commesso adulterio con lei nel suo cuore. 29 Se il tuo occhio 34

destro ti occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna (cfr. anche 2 Pt 2,13-14). Per concupiscenza degli occhi si pu intendere anche l'amore esclusivo per le apparenze, per le esteriorit, senza una seria ricerca dei valori profondi e duraturi. Ges in Luca afferma: Voi vi ritenete giusti davanti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori: ci che esaltato fra gli uomini cosa detestabile davanti a Dio (Lc 16,15). Oggi pi che mai il mondo corre dietro alla bellezza fisica, all'esperienze erotiche fine a se stesse, agli effetti spettacolari. Paolo parlerebbe di coloro il cui vanto esteriore e non nel cuore (2 Cor 5,12). Noi puntiamo all'interiorit vera, alla ricchezza spirituale di ogni persona (soprattutto di quelle pi disagiate), al valore intimo di ogni cosa creata e amata da Dio. Ascoltiamo perci in conclusione i consigli di Paolo: 1 Tess 4,1 Fratelli, vi preghiamo e supplichiamo nel Signore Ges: avete appreso da noi come comportarvi in modo da piacere a Dio, e cos gi vi comportate; cercate di agire sempre cos per distinguervi ancora di pi. 2 Voi conoscete infatti quali norme vi abbiamo dato da parte del Signore Ges. 3 Perch questa la volont di Dio, la vostra santificazione: che vi asteniate dalla impudicizia, 4 che ciascuno sappia mantenere il proprio corpo con santit e rispetto, 5 non come oggetto di passioni e libidine, come i pagani che non conoscono Dio... 7 Dio non ci ha chiamati all'impurit, ma alla santificazione. 8 Perci chi disprezza queste norme non disprezza un uomo, ma Dio stesso, che vi dona il suo Santo Spirito. Cfr. anche Prov 27,20. La superbia (alazonia) della vita [della ricchezza] (bos): di questa ultima espressione possiamo fare due traduzioni. Con la prima mettiamo in risalto il primo vizio capitale (l'orgoglio) di tutta una vita, nei suoi vari aspetti, vissuta solo per i propri interessi, la propria gloria, il proprio piacere, nella superficialit pi sfacciata. Con la seconda (dal momento che vita vuol anche dire beni per vivere) riduciamo la visuale ad un solo aspetto: l'ostentazione delle ricchezze materiali, ricercate come bene supremo, nel quale si mette tutta la propria fiducia e al quale si sacrifica tutto il resto, Dio e uomini compresi. Da tutte e due le traduzioni, comunque, emerge chiaro che Giovanni condanna l'atteggiamento autosufficiente e arrogante di chi, per la sua superbia, radice di tutti mali, mette tutta la sua gloria nelle sue forze e nei suoi averi, vivendo come se Dio non esistesse. Il proprio io, con tutto quello che fa e possiede, diventa l'idolo supremo (cfr. Gc 4,16). Noi cerchiamo invece l'umilt vera (davanti a Dio e agli uomini), la povert evangelica, la mitezza del cuore. Agostino commenta: Ecco dunque le tre bramosie: ogni concupiscenza umana messa in moto dai desideri della carne, dalla concupiscenza degli occhi e dall'ambizione terrena. Il Signore stesso fu tentato dal diavolo su queste tre concupiscenze. Fu tentato nei desideri della carne quando gli fu detto: Se sei figlio di Dio, di' a queste pietre che diventino pane (Mt 4,3)... Fu tentato anche nella concupiscenza degli occhi e sollecitato a fare un miracolo, quando il tentatore gli disse: Gettati gi... In che modo il Signore fu assalito con la tentazione dell'ambizione terrena? Essa avvenne quando il diavolo lo sollev sopra un monte altissimo e gli disse: Tutto questo ti dar, se prostrato mi adorerai ... (Meditazioni..., 88-89). Non viene dal Padre, ma viene dal mondo: se qualcuno avesse ancora qualche dubbio o fosse tentato di scambiare linteresse per le realt mondane con la virt della carit, Giovanni dice chiaro che tutto quello che nel mondo e tutte le tre concupiscenze provengono non dal Padre del Signore Ges Cristo, ma dal mondo e dallo spirito del mondo, cio da quel mondo che giace tutto sotto il potere dello spirito maligno (5,19). Derivando da una fonte cos perversa, non vi in esse nulla di buono. Il cristiano invece tutto riceve dal Padre e quindi appartiene a Cristo e deve vivere secondo lo Spirito Santo: Gal 5,24 Ora quelli che sono di Cristo Ges hanno crocifisso la loro carne con le sue passioni e i suoi desideri. 25 Se pertanto viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito. 26 Non cerchiamo la vanagloria, provocandoci e invidiandoci gli uni gli altri. Se volessimo fare unanalisi psicologia noteremo che le prime due concupiscenze appartengono alla sfera degli appetiti del desiderio e del piacere psicofisico, mentre la superbia della vita appartiene alla sfera dellaggressivit, cio indica quegli 35

atteggiamenti che assumiamo quando intendiamo procurarci un piacere ad ogni costo o difendiamo i nostri interessi materiali. 3. IL MONDO PASSA, MENTRE CHI AMA RIMANE IN ETERNO (2,17)
2.17 kai\ o( ko/smoj para/getai kai\ h( e)piqumi/a au)tou=, o( de\ poiw=n to\ qe/lhma tou= qeou= me/nei ei)j to\n ai)w=na.

2,17 E il mondo seneva eanche la sua concupiscenza; chi per fa la volont di Dio rimane in eterno! E il mondo se ne va e anche la sua concupiscenza: il mondo degli uomini gaudenti e violenti passa e con esso tutti i loro desideri egoistici e i loro progetti orgogliosi. Dove sono oggi i piaceri, le glorie e le ricchezze di tanti uomini che pur di godere e di dominare non hanno esitato a commettere i delitti pi efferati? Giacomo cos rimproverava i malvagi: Giac 4,2 Bramate e non riuscite a possedere e uccidete; invidiate e non riuscite ad ottenere, combattete e fate guerra! Non avete perch non chiedete; 3 chiedete e non ottenete perch chiedete male, per spendere per i vostri piaceri. 4 Gente infedele! Non sapete che amare il mondo odiare Dio? E Paolo ricorda: Il desiderio della carne nemico di Dio... Quelli che vivono secondo la carne non possono piacere a Dio (Rom 8,7-8). Il mondo in realt possiede solo questo: la sua concupiscenza ingannevole, vissuta come una gloria eterna. Se sfuggiamo a tale menzogna, diventiamo partecipi della stessa natura divina: 2 Pt 1,4 (Dio) ... ci ha donato i beni grandissimi e preziosi che erano stati promessi, perch diventaste per loro mezzo partecipi della natura divina, essendo sfuggiti alla corruzione che nel mondo a causa della concupiscenza (Cfr. anche 1 Pt 4,2). Dobbiamo avere il coraggio di non fissarci sulle bellezze passeggere del mondo, ma sulla perenne bellezza divina! Chi per fa la volont di Dio rimane in eterno: accogliamo con fede e con gioia questa bellissima affermazione. La volont di Dio amore; chi la compie realizza gesti di amore autentico, il cui valore resta per sempre. In tal modo acquisteremo una grande tenerezza, un cuore misericordioso, una vera umanit! Fil 4,8 In conclusione, fratelli, tutto quello che vero, nobile, giusto, puro, amabile, onorato, quello che virt e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri. 9 Ci che avete imparato, ricevuto, ascoltato e veduto in me, quello che dovete fare. E il Dio della pace sar con voi! La possibilit di tutto questo sta nel nostro sguardo di fede: 2 Cor 4,18 Perch noi non fissiamo lo sguardo sulle cose visibili, ma su quelle invisibili. Le cose visibili sono d'un momento, quelle invisibili sono eterne . veramente saggio chi tiene conto del fatto che le cose del mondo finiscono: 1 Cor 7,29 Questo vi dico, fratelli: il tempo ormai si fatto breve; d'ora innanzi, quelli che hanno moglie, vivano come se non l'avessero; 30 coloro che piangono, come se non piangessero e quelli che godono come se non godessero; quelli che comprano, come se non possedessero; 31 quelli che usano del mondo, come se non ne usassero appieno: perch passa la scena di questo mondo! Ma chi ama il Signore rimane in eterno! Agostino commentando afferma: Se ci sar in voi l'amore del mondo, non potr esservi l'amore di Dio. Conservate l'amore di Dio affinch restiate in eterno, cos come Dio eterno. Ciascuno ci che ama. Ami la terra? Sarai terra. Ami Dio? Dovrei concludere: Sarai Dio, ma non oso dirlo io e perci ascoltiamo la Scrittura: Io ho detto: Voi siete di e figli tutti dell'Altissimo... (Meditazioni... 90). Pertanto chi fa la volont del Padre lo ama (2,5) e chi ama Dio rimane in eterno perch la carit non avr mai fine (1 Cor 13,8).

36

4a CONDIZIONE: CONFESSARE IL FIGLIO E IL PADRE (UNIT 5) Abbiamo ricevuto il Crisma e conosciamo la verit
Presentazione e lettura di 1 Gv 2,18-28 La presente Unit si divide in 3 parti nelle quali sono presenti questi temi: 1 - l'annuncio dell'ultima ora contrassegnata dalla presenza degli anticristi, 2 - l'affermazione che il Crisma spirituale dona la conoscenza della verit, 3 - l'invito a rimanere nel Figlio e nel Padre. 1 - QUESTA L'ULTIMA ORA 1. LA DENUNCIA: SONO APPARSI MOLTI ANTICRISTI (2,18)
2.18 Paidi/a, e)sxa/th w(/ra e)sti/n, kai\ kaqw\j h)kou/sate o(/ti a)nti/xristoj e)/rxetai, kai\ nu=n a)nti/xristoi polloi\ gego/nasin, o(/qen ginw/skomen o(/ti e)sxa/th w(/ra e)sti/n.

2,18 Figlioli, (questa) (l')ultima ora. E come aveteudito che viene (l')anticristo, (cos sappiate che) gi adesso molti anticristi cisono. Daquesto conosciamo che (l')ultima ora. Figlioli, questa l'ultima (skhatos) ora: come il Ges del Vangelo di Giovanni sapeva che la sua ora (quella della Pasqua) era il traguardo tragico e glorioso verso cui convergeva tutta la sua missione (Gv 12,27), cos i cristiani della comunit giovannea (qui chiamati per la seconda ed ultima volta paidon) devono sapere che stanno vivendo un'ora misteriosa ed importante, da considerare come l'ultima (skhatos), nella quale stanno emergendo uomini menzogneri e contrari alla fede nel Signore Ges (cfr. 4,2). Non si tratta per della fine del mondo, ma del tempo che la precede e la cui durata non viene precisata. La sua importanza grandissima deriva dal fatto di avere con la fine del mondo una certa relazione di somiglianza e di causalit (cfr. anche 1 Pt 4,7; 1 Cor 10,11b). Agostino vede nell'espressione: questa l'ultima ora, un invito ai figlioli, affinch si affrettino crescere succhiando il latte della Scrittura dalle mammelle della madre Chiesa (Agostino, Meditazioni... p. 91). E come avete udito che viene l'anticristo: ant-khristos al singolare (ant pu significare contro Cristo e anche al posto di Cristo). Si tratta di una persona che contro lo Spirito Santo, che il Crisma e che non ha lo Spirito Santo. Ges nei discorsi escatologici dei Vangeli sinottici lo aveva chiaramente preannunciato: Mt 24,4 Ges rispose: Guardate che nessuno vi inganni; 5 molti verranno nel mio nome, dicendo: Io sono il Cristo, e trarranno molti in inganno 23 Allora se qualcuno vi dir: Ecco, il Cristo qui, o: l, non ci credete. 24 Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, cos da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. 25 Ecco, io ve l'ho predetto (cfr. anche Mc 13,21-22; Lc 21,8). In base alle predizioni di Ges, tali apparizioni sarebbero state accompagnate da violente persecuzioni contro i veri credenti. (Cos sappiate che) gi adesso molti anticristi ci sono (4,3): l'Apostolo afferma con certezza che, nel momento in cui scrive, esistono ormai molti anticristi (al plurale), che anticipano e preparano lavvento dell'anticristo principale. Giovanni ha certo lo spirito profetico e la corretta capacit di discernimento per fare tale affermazione. Chi sono essi lo spiegher tra poco. Paolo, da parte sua, parla di un solo oppositore, chiamandolo: l'uomo del peccato, il figlio 37

della perdizione: 2 Tess 2,1 Ora vi preghiamo, fratelli, riguardo alla venuta del Signore nostro Ges Cristo e alla nostra riunione con lui, 2 di non lasciarvi cos facilmente confondere e turbare, n da pretese ispirazioni, n da parole, n da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia imminente. 3 Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima (della parusia) infatti dovr avvenire l'apostasia e dovr esser rivelato l'uomo del peccato, il figlio della perdizione, 4 colui che si contrappone e s'innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio. 5 Non ricordate che, quando ancora ero tra voi, venivo dicendo queste cose? Secondo Atti 20,29-31, Paolo preannuncia l'arrivo di una pluralit di maestri violenti: 29 Io so che dopo la mia partenza entreranno fra voi lupi rapaci (cfr. Mt 7,15), che non risparmieranno il gregge; 30 perfino di mezzo a voi sorgeranno alcuni a insegnare dottrine perverse per attirare discepoli dietro di s. 31 Per questo vigilate... Dice sostanzialmente la stessa cosa anche nella 1 Tim 4,1 Lo Spirito dichiara apertamente che negli ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti menzogneri e a dottrine diaboliche, 2 sedotti dall'ipocrisia di impostori, gi bollati a fuoco nella loro coscienza (cfr. anche 2 Pt 2,1-3; Giud 17-18). La comunit si doveva preparare ad una grande e penosa lotta contro nemici esterni ed interni: allesterno nei confronti dei pagani e dei giudei, diventati persecutori spietati, oppure contro falsi fratelli, che minavano l'unit dall'interno. Da questo conosciamo che l'ultima (skhatos) ora: l'Apostolo ribadisce che dal sorgere di tanti oppositori si comprende che quella presente gi l'ultima ora. Dall'aggettivo skhatos deriva la parola escatologia, che la dottrina riguardante il compimento finale. Giovanni, come d'altra parte tutti gli autori del N.T., tiene molto presente, sia nella vita concreta che nella preghiera, l'evento escatologico. Ecco quali possono essere le tappe degli eventi finali: 1 il tempo che precede la venuta finale del Signore Ges (la cosiddetta ultima ora), 2 la parusia o la venuta gloriosa di Cristo con i suoi angeli (Mt 24,27; 1 Tess 4,15), 3 la risurrezione della carne nell'ultimo giorno (Gv 6,39; 11,23; 1 Cor 15,23), 4 il giudizio universale dellumanit (Mt 25,31 ss.), 5 il compimento definitivo della storia con la fine del mondo e linizio di quello nuovo ( 1 Cor 15,28). L'ultima ora, che i primi cristiani reputavano abbastanza breve, si sta prolungando nella storia e dura ormai da due millenni. Se l'ora attuale gi quella escatologica ( l'ultima), davvero urgente per noi prendere le opportune decisioni e sfuggire agli errori che si diffondono nel mondo. 2. LA VALUTAZIONE: NON ERANO DEI NOSTRI (2,19)
2.19 e)c h(mw=n e)ch=lqan a)ll' ou)k h)=san e)c h(mw=n: ei) ga\r e)c h(mw=n h)=san, memenh/keisan a)\n meq' h(mw=n: a)ll' i(/na fanerwqw=sin o(/ti ou)k ei)si\n pa/ntej e)c h(mw=n.

2,19 Sonousciti da noi, ma non erano de(i) nostri; se infatti fosserostati de(i) nostri, sarebberorimasti con noi; ma (questo avvenne) affinch fossemanifestato che non tutti sono de(i) nostri. Sono usciti da noi, ma non erano dei nostri: tornando ora alla vita della primitiva comunit cristiana (a noi interessa in special modo quella giovannea) notiamo che l'Apostolo considera anticristi non tanto, ad esempio, gli imperatori romani persecutori, ma quelle persone che per un certo tempo hanno fatto parte della comunit, senza mai assimilarne veramente la fede. Essere dei nostri significa essere parte autentica della comunit cristiana condividendo lo stesso Spirito. Dalle telegrafiche notizie che abbiamo dagli scritti del N.T. possiamo precisare meglio per quali motivi non erano dei nostri, cio non avevano le idee evangeliche e lo stile cristiano di vita: questi oppositori volevano attirare a tutti i costi discepoli dietro di s ( Atti 20,30), desideravano primeggiare (3 Gv 9), rinnegavano il Signore Ges e vivevano nella dissolutezza ( 2 Pt 2,1-2), 38

vietavano il matrimonio e imponevano di astenersi da alcuni cibi ( 1 Tim 4,3)... In altre parole le loro idee e i loro comportamenti stravolgevano la fede in Cristo e la vita ecclesiale (il Cristo e la Chiesa, che sono i due pilastri fondamentali dai quali non ci si deve allontanare). Se infatti fossero stati dei nostri, sarebbero rimasti con noi: nella 2a lettera, Giovanni ritorna su questo problema: 2 Gv 7 Poich molti sono i seduttori (plnos) che sono apparsi nel mondo, i quali non riconoscono Ges venuto nella carne. Ecco il seduttore e l'anticristo! 8 Fate attenzione a voi stessi, perch non abbiate a perdere quello che avete conseguito, ma possiate ricevere una ricompensa piena. 9 Chi va oltre e non si attiene alla dottrina del Cristo, non possiede Dio. Chi si attiene alla dottrina, possiede il Padre e il Figlio. 10 Se qualcuno viene a voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa e non salutatelo; 11 poich chi lo saluta partecipa alle sue opere perverse. molto doloroso constatare che il pericolo pi grave viene proprio dall'interno sia perch gli errori possono essere attribuiti al dono rinnovatore dello Spirito, sia perch il contatto con tali sovvertitori pi frequente e diretto. Per questi motivi nella comunit si creano delle spaccature (si comincia a dire: noi e voi..., i nostri e i vostri...). A volte la spaccatura non si esteriorizza molto (si continua a convivere, anche se con fatica), altre volte si manifesta in una separazione ben visibile. In tal caso, da una parte, ci sono i fedeli che rimangono uniti alla comunit di origine e, dall'altra, coloro che se ne vanno o che vengono allontanati. Questa una situazione dolorosissima per chi cerca di amare veramente tutti: i veri apostoli vorrebbero che tutti rimanessero con loro (tale permanenza in seno alla Chiesa sarebbe un segno di comunione e di autenticit). Ma questo avvenne affinch fosse manifestato che non tutti sono dei nostri: Giovanni cerca di darsi una ragione: meglio che sia chiaro che non tutti si sono integrati nella comunit; provvidenziale che chi costituisce un pericolo vero esca allo scoperto e non continui a rovinare la comunit dal di dentro (cfr. 1 Cor 11,19). Sembra quasi che l'Apostolo veda in questa manifestazione l'intervento di Dio che anticipa il suo giudizio finale, affinch si aprano gli occhi degli erranti (Giovanni infatti usa il passivo divino: fosse manifestato). Questi tutti sono i membri visibili della Chiesa: alcuni di essi sono veri cristiani, altri lo sono meno o per nulla. Prima o poi la verit viene a galla. Nella terza lettera l'Apostolo fa anche un nome preciso: 3 Gv 9 Ho scritto qualche parola alla Chiesa, ma Ditrefe, che ambisce il primo posto tra loro, non ci vuole accogliere. 10 Per questo, se verr, gli rinfaccer le cose che va facendo, sparlando contro di noi con voci maligne. Non contento di questo, non riceve personalmente i fratelli e impedisce di farlo a quelli che lo vorrebbero e li scaccia dalla Chiesa . Paolo fa invece ben tre nomi: 1 Tim 1,19 Alcuni che hanno ripudiata (la buona coscienza) hanno fatto naufragio nella fede; 20 tra essi Imeno e Alessandro, che ho consegnato a satana perch imparino a non pi bestemmiare. 2 Tim 2,17 La parola di costoro infatti si propagher come una cancrena. Fra questi ci sono Imeno e Filto, 18 i quali hanno deviato dalla verit, sostenendo che la risurrezione gi avvenuta e cos sconvolgono la fede di alcuni. Chiss quante vicende come queste sono successe nella prima comunit? 2 - IL SANTO CRISMA DONA LA CONOSCENZA DELLA VERIT 1. VOI CONOSCETE LA VERIT (2,20-21)
2.20 kai\ u(mei=j xri=sma e)x / ete a)po\ tou= a(gi/ou kai\ oi)/date pa/ntej. 2.21 ou)k e)/graya u(mi=n o(/ti ou)k oi)/date th\n a)lh/qeian a)ll' o(/ti oi)/date au)th/n kai\ o(/ti pa=n yeu=doj e)k th=j a)lhqei/aj ou)k e)s / tin.

2,20 Voi invece avete il Crisma (proveniente) dal Santo e tutti (lo) sapete. 2,21 Non vi hoscritto [che] perch non conoscete la verit, ma [che] perch la conoscete e [che] perch nessuna menzogna viene dalla verit.

39

Voi invece avete il Crisma proveniente dal Santo e tutti lo sapete (ida): ai suoi figlioli (anziani e giovani che non hanno seguito gli anticristi e che formano una comunit: voi tutti) l'Evangelista ricorda che hanno ricevuto da Dio l'Unzione spirituale, cio lo Spirito Santo (donato dai sacramenti del Battesimo e della Cresima). Il Crisma lolio profumato. Gi in Israele con esso venivano consacrati i Sacerdoti, i Profeti ed i Re. Nel nostro caso il vocabolo usato come sinonimo di Spirito Santo. Il Santo pu essere Dio Padre, che invia lo Spirito nel nome di Ges (Gv 14,26) oppure pu essere lo stesso Cristo ( Gv 15,26). Tale Crisma santo e dona la santit proprio perch proviene dal Santo. Tale Crisma dona anche la vera conoscenza di Dio (2,27) e di se stesso (Gv 14,17). Tra poco vedremo quel che Giovanni dir circa il tema della conoscenza della verit. La parola Khrsma (usata appunto per indicare lo Spirito Santo) richiama alla mente il titolo dato a Ges: Khrists (in ebraico: Messia). I termini khrsma e Khrists hanno in comune la stessa radice (khro: ungo con olio, consacro). I credenti dunque sono a pieno titolo dei cristiani (dei santi) avendo ricevuto il santo khrsma spirituale. Essi lo sanno e non lo devono dimenticare: anzi, ne devono tirare le conseguenze. Anche noi dobbiamo ricuperare la consapevolezza dellimportanza del sacramento della Cresima che, insieme al Battesimo, ci ha consacrati e trasformati in uomini spirituali, in nuove creature, in membra vive del corpo ecclesiale di Cristo. Non vi ho scritto [che] perch (ti) non conoscete la verit: anche qui ti pu essere esplicativo (che...) o causale (perch...). Il senso profondo non varia: chi ha veramente ricevuto lo Spirito Santo e non solo il suo segno sensibile (lolio profumato) conosce la verit (cfr. 2,27). Tutti i veri credenti hanno sperimentato che cosa produce il fatto di avere ricevuto l'unzione messianica, per mezzo dei sacramenti che la Chiesa dona: sanno che sono stati configurati a Cristo (Is 61,1; Lc 4,18; Atti 4,27). Essi conoscono in maniera spirituale e davvero profonda la verit, che, in definitiva, il Cristo stesso ( Gv 14,6) o il suo Spirito (5,6). Per arrivare a questo traguardo per devono vivere in modo ecclesiale, sacramentale e carismatico. Ecclesiale: rispettare la comunit con le sue guide (gli Apostoli, gli anziani, ecc.). Sacramentale: vivere interiormente quello che i sacramenti esprimono esternamente. Carismatico: valorizzare i carismi (soprattutto quelli profetici) propri e altrui. Ma [che] perch (ti) la conoscete: l'Apostolo vuole parlare solo a chi accetta e vive la verit (2 Pt 1,12). Resta inutile tentare di convincere i ribelli e i falsi profeti. Invece in chi ha il Crisma c' come una simpatia per la verit, quasi una naturale sintonia con tutto quello che divino: queste persone con facilit capiscono in modo profondo ed aderiscono con sincerit alla parola del Vangelo (Gv 18,37). Sentono interiormente come vere, con certezza e senza paura di sbagliarsi, le misteriose verit e realt della fede: conoscete la verit (riguardo a Dio). Non esiste per un gruppo esoterico che conosce certi segreti speciali, mentre gli altri ne sono all'oscuro, ma tutta la comunit e ogni suo membro che conosce le verit della fede cristiana. E [che] perch (ti) nessuna menzogna (psudos) viene dalla verit: la verit autentica non genera mai la menzogna, nemmeno la pi piccola. I credenti perci devono amare la verit integrale con coraggio e fiducia. Infatti tale verit , come affermer pi avanti il nostro Evangelista, lo stesso Spirito Santo (5,6b). Ma chi falso ed allergico alla verit (a motivo del suo egoismo e del suo orgoglio), per quanti sforzi faccia, non arriver mai a conoscerla, perch un dono divino. 2. PROFESSATE LA FEDE NEL CRISTO PER POSSEDERE IL PADRE (2,22-23)
2.22 Ti/j e)stin o( yeu/sthj ei) mh\ o( a)rnou/menoj o(/ti )Ihsou=j ou)k e)s / tin o( Xristo/j; ou(=to/j e)stin o( a)nti/xristoj, o( a)rnou/menoj to\n pate/ra kai\ to\n ui(o/n. 2.23 pa=j o( a)rnou/menoj to\n ui(o\n ou)de\ to\n pate/ra e)x / ei, o( o(mologw=n to\n ui(o\n kai\ to\n pate/ra e)/xei.

2,22 Chi il menzognero se non colui chenega che Ges il Cristo? 40

Questi l'anticristo: colui chenega il Padre e il Figlio. 2,23 Chiunque nega il Figlio, nemmeno possiede il Padre; chi confessa il Figlio possiede anche il Padre. Chi il menzognero (psustes) se non colui che nega che Ges il Cristo? (5,1): adesso l'Evangelista precisa chiaramente quanto prima aveva detto in modo velato (1,6: camminare nelle tenebre...) rivelando in che cosa consiste la menzogna principale dell'anticristo ( il menzognero, per eccellenza). Essa sta nel negare con le parole e con i fatti che Ges il Messia, cio che ha in pienezza il Khrsma, cio lo stesso Spirito del Padre al punto di essere un solo Dio con il Padre. Ricordiamo la famosa professione di fede di Pietro: Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente. 17 E Ges: Beato te, Simone figlio di Giona, perch n la carne n il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli (Mt 16,16). Solo chi mosso dallo Spirito Santo (dal Crisma) pu professare convintamente tale fede nel Cristo Signore ( 1 Cor 12,3). Ireneo di Lione nella sua opera Contro le eresie (III, 3,4) parla, ad esempio, di un certo Cerinto (vissuto proprio ad Efeso ai tempi di Giovanni Evangelista) il quale insegnava che dopo il Battesimo sull'uomo Ges scese il Cristo in forma di colomba. Cristo poi annunci il Padre e fece miracoli. Alla fine per il Cristo vol via da Ges, il quale solamente pat, essendo il Cristo spirituale ed impassibile (cfr. I, 26, 1). Questi l'anticristo: colui che nega il Padre e il Figlio: chi professa dottrine come quella di Cerinto finisce col negare la divinit di Ges Cristo, Figlio di Dio (cfr. 4,15; 5,5), e quindi, anche l'esistenza stessa di Dio come Padre del Signore Ges, Lgos incarnato. Dunque, negare che Ges sia il Cristo equivale a negare che egli sia il vero Figlio Unigenito di Dio Padre e che Dio sia Padre nellunit dello Spirito (del Crisma). In ultima analisi, chi non accetta il Cristo dimostra di non credere nel Dio trinitario (Padre, Figlio e Spirito Santo). In conseguenza di questo anche l'umanit di Ges perde efficacia, perch non pi vista come appartenente alla persona del Figlio, Parola di Vita. Giovanni ritorner ancora su questi concetti per sottolineare l'importanza della retta comprensione di quel che significa l'Incarnazione di Cristo (vero Dio e vero Uomo), la quale stata reale, totale e indissolubile e dalla quale bisogna tirare tutte le conseguenze pratiche (4,2-3). Chiunque nega il Figlio, nemmeno possiede il Padre: negare che Dio sia Figlio significa negare che Dio sia anche Padre. Negare che Ges sia il Figlio del Padre (cio negare la sua vera divinit e la sua vera incarnazione umana, con tutte le sue mirabili conseguenze) porta non solo a non conoscere il Padre, ma a perderlo (Gv 15,23) o comunque a non possederlo. Si illudono questi "illuminati", quando dicono: Lo conosco..., sono in comunione con lui... e poi negano che Ges il Cristo, il Figlio di Dio Padre, consacrato dallo Spirito Santo. Chi confessa (omo-logho) il Figlio possiede anche il Padre: entusiasmante lidea di possedere il Padre: Dio si vuol donare completamente a noi per diventare una nostra propriet inalienabile! Per possedere il Padre necessario professare la propria fede nel Figlio suo Ges Cristo, nella sua vera umanit e divinit, perch solo chi ascolta e vede Ges Uomo, ascolta e vede il Padre (cfr. Gv 1,18; 7,16; 12,44-45; 14,9). In questa stessa lettera Giovanni dir che solo il Figlio ci d l'intelligenza per conoscere il Padre (cfr. 5,20). Chi nega l'umanit o la divinit di Ges si separa da Dio Padre e dalla comunit ecclesiale. A noi affidato il compito stupendo di professare questa fede e di praticarla vivendo in comunione con Dio e con i fratelli in Cristo (1,3). In sintesi Giovanni ci insegna a credere con convinzione nei due misteri principali della nostra fede: 1 nel Dio Unico e Trinitario e 2 in Cristo, Figlio di Dio, vero Dio e vero uomo, nato morto e risorto per la nostra salvezza. Queste verit hanno unincidenza pratica sulla nostra vita concreta: un Dio Trinitario esige da noi un totale altruismo, un Dio Figlio fatto uomo esige da noi che ci comportiamo da Figli di Dio e da fratelli di tutti. per evitare queste conseguenze che subdolamente gli anticristi negano queste verit.

41

3. RIMANETE NELLA PAROLA UDITA PER RIMANERE IN DIO (2,24-26)


2.24 u(mei=j o(\ h)kou/sate a)p' a)rxh=j, e)n u(mi=n mene/tw. e)a\n e)n u(mi=n mei/nv o(\ a)p' a)rxh=j h)kou/sate, kai\ u(mei=j e)n t%= ui(%= kai\ e)n t%= patri\ menei=te. 2.25 kai\ au(/th e)sti\n h( e)paggeli/a h(\n au)to\j e)phggei/lato h(mi=n, th\n zwh\n th\n ai)w/nion. 2.26 Tau=ta e)/graya u(mi=n peri\ tw=n planw/ntwn u(ma=j.

2,24 (Quanto a) voi, quelloche aveteudito da(l) principio rimanga in voi. Se rimane in voi quelche aveteudito da(l) principio, anche voi rimarrete nel Figlio e nel Padre. 2,25 E questa la promessa che egli ci hapromesso: la vita, quella eterna. 2,26 Questecose vi hoscritto circa coloro checercanoditraviarvi. Quanto a voi, quello che avete udito dal principio rimanga (mno) in voi: i cristiani (come singoli e come comunit) sono invitati (anzi, comandati: rimanga imperativo) a conservare intatto il messaggio primordiale della fede (1,1; 2,7; 3,11; 2 Gv 5): vale a dire il fatto che Dio genera il Logos e che il Logos si sia incarnato. Giovanni esprime il concetto che il messaggio primitivo deve essere presente nel credente e restare inalterabile con il verbo rimanere (verbo usato ben 5 volte nei vv. 24.27). Se rimane (mno) in voi quel che avete udito dal principio, anche voi rimarrete (mno) nel Figlio e nel Padre: la perseveranza nella fede autentica ha come effetto la mistica dimora del credente in (en) Dio, Padre e Figlio. Si tratta di una condizione ( se...) indispensabile, insieme a quella equivalente affermata poco sopra: confessare il Figlio, Ges Cristo (23), affinch il presente (rimane...) abbia un futuro (rimarrete...). Ges diceva: Gv 15,5 Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perch senza di me non potete far nulla . E ancora cos pregava il Padre: Gv 17,23 Io in loro e tu in me, perch siano perfetti nell'unit e il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me . Dobbiamo lavorare per godere di tale comunione divina recuperando nella sua integrit il messaggio udito dal principio. E questa la promessa che egli ci ha promesso: la vita, quella eterna: l'Apostolo ci fa capire che tale unione mistica, detta con parole ancora pi chiare e pi forti, nientemeno che la vita eterna, che Dio ci ha promesso (una citazione per tutte: Gv 6,40), perch il Padre e il Figlio hanno la vita in s e la donano a noi, se siamo a loro uniti (cfr. Gv 5,21.26). La tematica della vita eterna centrale nella nostra lettera: la troviamo all'inizio (1,2) e alla fine (5,20) ed emerge nei punti pi impensati (3,14.15; 4,9; 5,11-13). bello che l'Evangelista la descriva come la promessa per eccellenza, come il solenne impegno che Dio prende verso di noi e al quale rimane fedele nel suo amore. Agostino commenta: Il ricordo della mercede promessa rende perseveranti nel lavoro, persino quando chi t'ha fatto la promessa un uomo che potrebbe ingannarti. Con quanto maggiore entusiasmo devi lavorare nel campo di Dio, dato che la promessa della ricompensa proviene dalla Verit stessa, che non pu ritirarsi... E che cosa stato promesso? Si tratta forse di oro... di ridenti campagne, di case confortanti...? No... In che cosa consiste...? Nella vita eterna! (A queste fervorose parole l'assemblea reagisce con un applauso. Cfr. Agostino, Meditazioni... p. 105). Queste cose vi ho scritto circa coloro che cercano di traviarvi: gli anticristi non si accontentano di sbagliare per loro conto o di ingannare i disonesti, cercano di portare fuori strada anche i buoni e di questo fatto Giovanni si preoccupa molto. In tal modo per, dnno occasione all'Apostolo di scrivere insegnamenti meravigliosi sulla comunione con Dio e sulla vita cristiana. Non c' mai nessun male che venga solo per nuocere!

42

3 - IL CRISMA VI INSEGNA OGNI COSA IN ATTESA DELLA PARUSIA 1. IL CRISMA VERITIERO VI AMMAESTRA (2,27)
2.27 kai\ u(mei=j to\ xri=sma o(\ e)la/bete a)p' au)tou=, me/nei e)n u(mi=n kai\ ou) xrei/an e)x / ete i(/na tij dida/skv u(ma=j, a)ll' w(j to\ au)tou= xri=sma dida/skei u(ma=j peri\ pa/ntwn kai\ a)lhqe/j e)stin kai\ ou)k e)/stin yeu=doj, kai\ kaqw\j e)di/dacen u(ma=j, me/nete e)n au)t%=.

2,27 E (quanto a) voi, il Crisma che avetericevuto da lui rimane in voi e non avete bisogno che alcuno vi ammaestri; ma il suo Crisma vi ammaestra circa ognicosa, ed (esso) veritiero e non menzogna. E come vi ammaestr, (cos) rimanete in esso [in lui]. E quanto a voi, il Crisma che avete ricevuto da lui rimane in voi (2,20): i credenti hanno in mano la lettera dell'Apostolo che parla chiaro; hanno anche il suo Vangelo. Per tutto questo non basta, se lo Spirito Santo (Crisma divino) non dimora in loro e non agisce nelle loro menti e nei loro cuori. Ricevuto nel passato (al momento dell'accoglienza dell'annuncio e del BattesimoCresima), perdura al presente (rimane). In questo versetto Giovanni ribadisce ed approfondisce quanto detto in 2,20. Perch per parla dello Spirito Santo usando la metafora del Crisma e non dicendo pi direttamente: lo Spirito? Penso che lo faccia per almeno tre motivi: 1 per rendere intuitivo il fatto che lo Spirito Santo lo Spirito che ha consacrato il Cristo e che proviene dal Cristo (Crisma e Cristo derivano dallo stesso verbo, cio da khro = consacro ungendo). 2 per ricordare, senza luso di tante parole, che lo Spirito Santo donato nei sacramenti del Battesimo e della Cresima, che ci consacrano facendo diventare ognuno di noi re, sacerdote e profeta come lo era Cristo. 3 perch tale modo di esprimersi fa parte del suo linguaggio che ama usare molti simboli. Il termine pi classico (Spirito) lo troviamo a partire solo dal v. 3,23 (cfr. anche 4,2.6.13; 5,6.8) e indica la terza Persona trinitaria per mezzo di un simbolo molto importante: il pnuma = vento, soffio, respiro, alito. Il Crisma (profumo oleoso, unguento, unzione) integra bene limmagine del soffio vitale aggiungendo lidea di bont e soavit. E non avete bisogno che alcuno vi ammaestri (didsko: 3x nel v. 27): il fedele autentico ad un certo punto non ha pi bisogno di maestri visibili, perch nel suo intimo alberga quello invisibile, che gli insegna una scienza vera e vitale che nessun uomo in grado di insegnare. Gv 6,44 Nessuno pu venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciter nell'ultimo giorno. 45 Sta scritto nei profeti: E tutti saranno ammaestrati da Dio. Chiunque ha udito il Padre e ha imparato da lui, viene a me. 46 Non che alcuno abbia visto il Padre, ma solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. 47 In verit, in verit vi dico: chi crede ha la vita eterna . Vi una misteriosa scuola, che nessun maestro umano pu sostituire: la rivelazione che il Padre fa nel cuore del credente per mezzo del suo Spirito. Non si tratta di conoscenze esoteriche. Lesoterismo una complicata dottrina ed esperienza che va oltre la normalit. Qui invece siamo nella piena normalit e tuttavia nella mistica pi alta. Lesoterismo ha a che fare con la magia, la vita mistica con la fede. Il primo si basa sui poteri umani o paranormali, la seconda solo sullo Spirito di Dio. Ma il suo Crisma vi ammaestra circa ogni cosa: si realizza la promessa di Cristo: Gv 16,12 Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. 13 Quando per verr lo Spirito di verit, egli vi guider alla verit tutta intera, perch non parler da s, ma dir tutto ci che avr udito e vi annunzier le cose future. 14 Egli mi glorificher, perch prender del mio e ve l'annunzier. 15 Tutto quello che il Padre possiede mio; per questo ho detto che prender del mio e ve l'annunzier . (cfr. anche Gv 14,26; Ger 43

31,34). L'insegnamento, che fa interiorizzare la dottrina evangelica, visto da Giovanni come azione presente nel cuore del fedele e della Chiesa (ammaestra: tempo presente). Per Ges sarebbe stata un'opera futura dello Spirito (vi guider...) che avrebbe illuminato i discepoli rendendo viva la sua Parola, che poi, in ultima analisi, quella stessa del Padre. assolutamente necessario lintervento dello Spirito Santo come maestro interiore: Ges stesso, parlando agli apostoli che non erano ancora capaci di sintonizzarsi con lo Spirito di Dio, non in grado di far capire certe verit. Anche noi non abbiamo ancora capito certe cose: le sentiamo annunciare, ma non le comprendiamo e non le comprenderemo fintanto che lo Spirito ce le rivela. Lunica cosa che possiamo fare quella che lApostolo ci consiglia alla fine del v. 27: E come vi ammaestr, (cos) rimanete in esso [in lui], fino a quando non briller in noi la luce interiore . Crediamo vere quelle cose che ci sono dette e che ancora non capiamo e sperimentiamo: arriver il giorno della luce piena. Un sussidio per conoscere e favorire lazione didattica dello Spirito in noi quella di scrivere un diario spirituale: ognuno di noi viene ammaestrato in modo unico e diverso. Un diario nel quale annotiamo le sue ispirazioni pu essere uno strumento valido da sottoporre soprattutto al consiglio del nostro direttore spirituale. Ed esso veritiero e non menzogna (5,6): secondo il suo stile, Giovanni ripete lo stesso pensiero in forma positiva ( veritiero) e negativa (non menzogna) per evitare ogni equivoco. Qui egli vuole ricordare che il Crisma amante della verit e produce in chi lo possiede una profonda sintonia con essa e un rifiuto istintivo della falsit. Dobbiamo stare attenti a non vedere l'azione dello Spirito laddove c' solo la nostra iniziativa: dobbiamo discernere quello che viene da Dio e quello che proviene da noi, per non cadere in un angusto soggettivismo. Se vero che i credenti non hanno pi bisogno di maestri (e a questo punto l'Apostolo, pur dimostrando di avere un'apostolica autorevolezza nello scrivere questa lettera, si mette per un momento umilmente da parte di fronte al voi dei fedeli nei quali agisce direttamente lo Spirito), pur vero che Giovanni si rivolge, non ad un tu singolo, ma ad una comunit, la quale ormai sufficientemente matura per conservare ed elaborare in modo corretto quello che ha ascoltato dal principio (la Parola: 24) e che ha ricevuto (il Crisma: 27) e a cui non deve mai rinunciare. Tale elaborazione sar insieme antica e nuova, memoria del passato e profezia del futuro, tradizionale e innovativa, visibile ed interiore, dei vertici e della base, comunitaria e personale. Il luogo dove guardare per capire se tale difficilissima elaborazione riuscita sta dunque sempre in quel voi comunitario, al quale l'Apostolo si rivolge, e mai solo in un tu isolato (cfr. 2 Pt 1,20). E come vi ammaestr, cos rimanete in esso [ oppure in lui]: quale delle due possibili traduzioni quella giusta? Rimanete nel Crisma oppure nel Cristo? La prima interpretazione la pi immediata da un punto di vista grammaticale, ma la pi sorprendente da un punto di vista teologico. In genere lApostolo dice: rimanete in Dio, in Cristo (cfr. 2,5.6.8.24.28; 3,6.24; 4,13.15.16; 5,20). Tuttavia non sbagliato invitare i fedeli a rimanere nello Spirito (cfr. Rom 8,9), anche se pi sovente scritto che lo Spirito ad abitare in noi (cfr. 1 Cor 3,16; 6,19; Gal 4,6; Rom 5,5). Se cos in questo caso, possiamo dire che la dottrina di Giovanni davvero completa: lo Spirito Santo pu dimorare nel (en) cristiano e questi deve dimorare in modo permanente nello (en) Spirito. Prendiamo quindi come buona questa interpretazione: i credenti, illuminati dal Padre per mezzo delle parole di Cristo rese intelligibili dallo Spirito Santo, sono invitati a rimanete in esso (cio nello Spirito Santo), seguendo il suo insegnamento ricevuto nel passato (vi ammaestr). Questo lunico modo per ottenere, prima o poi, la grazia della illuminazione e della conoscenza dei segreti del Regno. Ricordiamoci per che lo Spirito un ospite delicato: ci abbandona o si libera di noi per un nonnulla. Agostino cos infervora i suoi fedeli: Sia lui dunque a parlare dentro di voi, perch l nessun uomo pu penetrare. Se qualcuno pu mettersi al tuo fianco, nessuno pu stare nel tuo cuore... dunque il maestro interiore colui che veramente istruisce, Cristo, la sua ispirazione ad istruire. Quando manca la sua ispirazione e la sua unzione, le parole esterne fanno soltanto un inutile strepito (Agostino, Meditazioni... p. 109). 44

2. RIMANETE IN CRISTO PER AVERE FIDUCIA QUANDO RITORNER (2,28)


2.28 Kai\ nu=n, tekni/a, me/nete e)n au)t%=, i(/na e)a\n fanerwqv= sxw=men parrhsi/an kai\ mh\ ai)sxunqw=men a)p' au)tou= e)n tv= parousi/# au)tou=.

2,28 Anche adesso, figlioli, rimanete in lui, affinch, quando simanifester, possiamoavere fiducia e non veniamosvergognati da lui nella sua venuta. Anche adesso, figlioli, rimanete in lui: Giovanni riprende l'esortazione rivolta ai suoi figlioli invitandoli a rimanere in lui, cio in Cristo. Che qui si tratti di Cristo e non dello Spirito dimostrabile dal fatto che Giovanni accenna alla sua manifestazione e alla sua venuta futura ( Mt 25,31). Notiamo dunque che lApostolo nel v. 28 ripete lultima frase del v. 27: rimanete in esso (aut), variando per il significato del pronome aut (che non indica pi il Crisma o lo Spirito, ma Ges). Ne deriva un importante insegnamento: rimanere nello Spirito Santo equivale a rimanere in Cristo e viceversa. Affinch, quando si manifester (fino), possiamo avere fiducia (parresa): solo la perseveranza nella vera comunione con il Cristo dona una garanzia di salvezza nel giorno della venuta e della manifestazione del Cristo (3,2), la cui ora sembra essere abbastanza prossima. Teniamo presente che tutti gli scrittori neotestamentari coltivavano una forte attesa escatologica. Ad es.: Lc 21,36 Vegliate e pregate in ogni momento, perch abbiate la forza di sfuggire a tutto ci che deve accadere, e di comparire davanti al Figlio dell'uomo. Vedi anche Paolo: 1 Tess 3,12 Il Signore poi vi faccia crescere e abbondare nell'amore vicendevole e verso tutti, come anche noi lo siamo verso di voi, 13 per rendere saldi e irreprensibili i vostri cuori nella santit, davanti a Dio Padre nostro, al momento della venuta del Signore nostro Ges con tutti i suoi santi . Si tratta del momento supremo e decisivo del giudizio, nel quale chi in grazia non ha nulla da temere (la parresa il coraggio, l'ardire, la franchezza, la sicurezza di chi si sente a casa propria: cfr. 3,21; 4,17, 5,14). Agostino ci confida: Noi crediamo in colui che non abbiamo visto con i nostri occhi e ne aspettiamo il ritorno. Chiunque lo aspetta con fede, sar ripieno di gioia, quando torner (Agostino, Meditazioni... p. 113). Notiamo che lEvangelista parla di tre tappe: una passata (vi ammaestr), una presente (adesso rimanete in lui) e una futura (si manifester). Ci invita pertanto a vivere un presente radicato nel passato per essere preparati allincontro futuro. Le tre tappe sono inseparabili. E non veniamo svergognati (aiskhno) da lui nella sua venuta (parusa): la venuta del Signore, indicata qui con il termine classico di parusa (in origine era la visita ufficiale di un'autorit presso le citt greche), indicata sopra anche come manifestazione o apparizione futura (si manifester). Tre sono dunque le manifestazioni del Cristo: una passata (1,2: come Vita eterna offerta agli uomini; 3,5.8: per distruggere i peccati), una presente (nel cuore del credente) e una futura (come giudice). Allora si manifester anche quello che siamo noi (3,2). Perci, quelli che sono rimasti saldi nel Signore saranno premiati, a differenza degli altri: Chi si vergogner di me e delle mie parole, di lui si vergogner il Figlio dell'uomo, quando verr nella gloria sua e del Padre e degli angeli santi (Lc 9,26). Immaginiamo lo sconcerto e la confusione di coloro che, illusi di possedere la verit, scopriranno di colpo e troppo tardi il loro errore fatale. Invece, il premio di chi avr confessato il Signore e sar trovato a lui unito sar la gloria insieme ad una perfetta parresa (che nelle citt greche indicava la piena libert di chi possedeva tutti i diritti civili e si sentiva a suo agio perfetto). Anche noi siamo invitati a vivere questa nostra ora, che per ognuno di noi l'ultima, coltivando, docili allo Spirito Santo, la piena comunione di vita con il Signore Ges, Figlio del Padre. In conclusione, notiamo la prospettiva escatologica che lApostolo ci propone e viviamo nellattesa di questo evento (parusia) che d forza e pienezza alla nostra speranza. 45

III - SECONDA PARTE: LE CONDIZIONI PER VIVERE DA FIGLI DI DIO


Inizia la seconda parte del corpo della lettera con l'introduzione di una nuova tematica, quella della filiazione divina che trova il suo segno basilare nella realt della giustizia (tema appena accennato in 2,1 ed ora invece molto sviluppato). L'Evangelista elenca 5 condizioni: 1 - praticare la giustizia ed evitare il peccato, comportandoci da figli di Dio Padre (Unit 6). 2 - osservare i comandamenti di Dio, specialmente quello dell'amore fraterno (Unit 7) 3 - discernere le sante ispirazioni e amare come Dio ama (Unit 8) 4 - coltivare la fede e l'amore fino alla perfezione (Unit 9) 5 - credere in Ges, Figlio di Dio e Vita eterna, venuto con acqua e sangue (Unit 10).

1a CONDIZIONE: PRATICARE LA GIUSTIZIA (UNIT 6) Siamo figli del Padre, perci non facciamo il peccato
Testo ed interpretazione di 1 Gv 2,29-3,10 Questa Unit iniza con la sorprendente affermazione che in virt di un amore senza limiti il Padre ci ha donato la dignit di figli (1 a parte); continua poi con il ricordo che tale dignit la dobbiamo a Cristo che ha distrutto il nostro peccato e ha reso a noi possibile la pratica delle opere di giustizia. 1 - SIAMO FIGLI PER L'AMORE CHE IL PADRE HA PER NOI 1. CHI OPERA LA GIUSTIZIA GENERATO DA DIO (2,29)
2.29 e)a\n ei)dh=te o(/ti di/kaio/j e)stin, ginw/skete o(/ti kai\ pa=j o( poiw=n th\n dikaiosu/nhn e)c au)tou= gege/nnhtai.

2,29 Se sapete che (egli) giusto, sappiate anche che chiunque opera la giustizia, generato da lui. Se sapete che egli giusto (dkaios): Giovanni aveva gi affermato che Dio e Cristo sono giusti (1,9; 2,1). Che cosa vuol dire che Dio/Cristo giusto ? (cfr. anche 3,7; Atti 3,14). Non significa semplicemente che egli onesto e non fa discriminazione tra le persone. Significa che egli santo, incontaminato, divino e che la sua volont amore perfetto e misericordioso. Sappiate anche che chiunque opera (poio) la giustizia (dikaiosne), generato (ghenno) da lui: la nostra giustizia (che dobbiamo fare, cio mettere in atto, e non solo desiderare: 3,10) deve ispirarsi a quella divina e imitarla, al punto da essere segno che abbiamo acquisito un'altra natura, quella stessa di Dio, essendo stati rigenerati da lui come veri figli suoi. Questa la prima volta che in questa lettera Giovanni introduce il tema fondamentale della nostra generazione da Dio, cio del fatto che siamo figli di Dio a motivo della giustizia ovvero della santit. 2. IL "GI" DELLA NOSTRA FILIAZIONE (3,1)
3.1 i)/dete potaph\n a)ga/phn de/dwken h(mi=n o( path\r, i(/na te/kna qeou= klhqw=men, kai\ e)sme/n. dia\ tou=to o( ko/smoj ou) ginw/skei h(ma=j, o(/ti ou)k e)/gnw au)to/n.

3,1 Guardate qualegrande amore ci hadato il Padre cosicch siamochiamati figli diDio, e (lo) siamo! Per questo il mondo non ci conosce, perch non haconosciuto lui.

46

Guardate quale grande (potaps) amore ci ha dato (ddomi) il Padre: l'Apostolo invita i lettori alla meraviglia, alla contemplazione estatica: considerate bene la grandezza infinita dell'amore del Padre, un amore gratuito, donato a tutti i fedeli! Abbiamo tradotto quale grande, ma il greco letteralmente dice: da quale terra (potaps), per far capire che davvero si tratta di una cosa dell'altro mondo! Il dono avvenuto nel passato e continua al presente ( ci ha dato: in greco vi il perfetto). L'Apostolo lo ammira in tutta la sua estensione temporale: dagli inizi fino al suo compimento, nel passato ( ha dato), nel presente (lo siamo) e nel futuro (saremo: 3,2). E lo apprezza in tutta la sua grandezza qualitativa: essere figli del Padre, partecipi della sua natura che amore. Cosicch siamo chiamati figli di Dio, e lo siamo!: siamo di nome e di fatto veri figli di Dio Padre, viventi della sua stessa vita! (Gv 1,12). Naturalmente questo vale per chi, amato da Dio, corrisponde con impegno al suo amore infinito. L'Amore richiede amore. Per questo il mondo non ci conosce, perch non ha conosciuto lui: la meravigliosa realt della filiazione divina dei redenti conosciuta e stimata solo da coloro che hanno lo Spirito Santo (il Crisma); invece completamente ignorata dal mondo il quale, accecato dalle tenebre dell'orgoglio, non sa vedere ed apprezzare n Dio, n la sua opera santificatrice, n i suoi figli (Cfr. Gv 1,10; 14,17; 16,3; 17,25: Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto! ). Giovanni introduce il ricordo dell'indifferenza e dell'ostilit del mondo per esaltare ancor pi il valore della filiazione divina, donata ai credenti ( nel suo stile metter in risalto il bene opponendolo al male), ma anche per ammonire indirettamente il cristiano a non sottovalutare, proprio lui, la ricchezza straordinaria che possiede. In 4,5-6 l'Autore ricorder che coloro che sono dal mondo parlano un linguaggio diverso (avendo, diciamo noi, una logica diversa), che il mondo apprezza e condivide. Non capiscono la sapienza della croce: 1 Cor 2,14 L'uomo naturale per non comprende le cose dello Spirito di Dio; esse sono follia per lui, e non capace di intenderle, perch se ne pu giudicare solo per mezzo dello Spirito. Non capiscono e non cercano minimamente di capire: alzano subito un polverone per non vedere. Sono cose che non rientrano assolutamente nei loro interessi. Il discepolo non deve temere questa incomprensione diffusa e generale: se gli altri sono ciechi, a lui dispiace, ma non si cava certo gli occhi per essere come loro; in altre parole, continua ad andare controcorrente, a pensare ed agire diversamente, senza scendere a compromessi. 3. IL "NON ANCORA" CHE SI MANIFESTER (3,2a)
3.2 )Agaphtoi/, nu=n te/kna qeou= e)smen, kai\ ou)/pw e)fanerw/qh ti/ e)so/meqa.

3,2 Carissimi, adesso siamo figli di Dio, ma nonancora simanifestato ciche saremo. Carissimi, adesso siamo figli di Dio: anche l'Apostolo sente nel cuore un grande amore per i suoi fedeli, perci li chiama amatissimi, diletti miei... Ribadisce con entusiasmo la verit principale e centrale, che tutti accomuna (siamo figli di Dio!). Non fa distinzione tra apostolo, profeta, credente progredito, fedele principiante. L'importante per tutti essere figli di Dio fin dal presente (adesso). Ma non ancora si manifestato ci che saremo: ci che in realt sono i figli di Dio sconosciuto per il mondo ma, per ora, non si manifesta in modo completo neppure per il credente. La stessa cosa valse per gli apostoli nei confronti di Ges, fintantoch egli non si trasfigur sul monte Tabor o non risuscit dai morti e sal al cielo. Attualmente non possiamo nemmeno immaginare quale sia la bellezza di un'anima in grazia di Dio e tanto meno quale sar lo splendore della gloria futura dei corpi risorti.

47

4. LA SPERANZA CHE CI IMPEGNA A PURIFICARCI (3,2 b-3)


oi)/damen o(/ti e)a\n fanerwqv=, o(m / oioi au)t%= e)so/meqa, o(/ti o)yo/meqa au)to\n kaqw/j e)stin. 3.3 kai\ pa=j o( e)/xwn th\n e)lpi/da tau/thn e)p' au)t%= a(gni/zei e(auto\n, kaqw\j e)kei=noj a(gno/j e)stin.

Sappiamo che, quando simanifester, saremo simili alui, perch lo vedremo (cos) come (egli) . 3,3 E chiunque ha questa speranza in lui, purifica sestesso, come egli puro. Sappiamo che, quando si manifester, saremo simili a lui: il cristiano sa per la fede (nella predicazione apostolica) che nel Regno eterno egli possieder la stessa gloria del Cristo ( Lui): Gv 17,22 La gloria che tu hai dato a me, io l'ho data a loro, perch siano come noi una cosa sola. 23 Io in loro e tu in me, perch siano perfetti nell'unit e il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me. 24 Padre, voglio che anche quelli che mi hai dato siano con me dove sono io, perch contemplino la mia gloria, quella che mi hai dato; poich tu mi hai amato prima della creazione del mondo. Questa la fede che la comunit professa (quindi tutti: sanno... e possono annunciare profeticamente il futuro). Cfr. anche Es 34,29; Fil 3,21; Col 3,4: Quando si manifester Cristo, la vostra vita, allora anche voi sarete manifestati con lui nella gloria. I figli di Dio saranno simili a Dio, se fin dora si configurano a lui assimilandone le virt. Perch lo vedremo cos come (kaths) egli : il vedere Dio (o meglio, il Cristo glorioso) in tutta la sua bellezza, ci trasformer totalmente in persone simili a lui. Il vedere ci far essere. Naturalmente (e questo Giovanni non lo dice perch troppo evidente) potr vedere Dio solo chi partecipe della sua santit. Cfr. 1 Cor 13,12 Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa; ma allora vedremo a faccia a faccia. Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscer perfettamente, come anch'io sono conosciuto. Si tratta della visione beatifica (gi anticipata imperfettamente su questa terra dalla contemplazione: cfr. 2 Cor 3,18). Il desiderio di vedere Dio, che pulsa nel cuore di ogni santo (cfr. Gv 14,8), viene dunque pienamente soddisfatto. Agostino cos esclama: Godremo dunque di una visione, fratelli, mai contemplata dagli occhi..., mai immaginata dalla fantasia: una visione che supera tutte le bellezze terrene... La ragione questa: essa la fonte di ogni altra bellezza (Agostino, Meditazioni... p. 119). Le parole di Giovanni incitano tutti ad una fervorosa e operosa tensione escatologica. Chiunque ha questa speranza in lui, purifica (aghnzo) se stesso: nell'attesa gioiosa che inizi la visione trasfigurante promessa (per il futuro), il credente, che coltiva (al presente) la virt della speranza certa (sappiamo...), lavora (Giovanni lo d per scontato) alla propria purificazione dal peccato e da ogni difetto. La purificazione del cuore ci predispone alla visione di Dio e ce la fa gi pregustare (cfr. Mt 5,8). La bellezza di tale infinito traguardo ci aiuta a superare tutte le difficolt: Rom 8,18 Io ritengo, infatti, che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovr essere rivelata in noi... 24 Poich nella speranza noi siamo stati salvati. Ora, ci che si spera, se visto, non pi speranza; infatti, ci che uno gi vede, come potrebbe ancora sperarlo? 25 Ma se speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con perseveranza. Quando la fede animata dall'amore autentico, diventa speranza e la speranza anticipa gi il futuro di gloria. La speranza (nominata solo qui negli scritti giovannei) posta in Cristo (in lui). Anzi Lui (Cristo, nostra speranza: 1 Tim 1,1). Essere come Dio, da sogno blasfemo dell'uomo peccatore (cfr. Gn 3,5), diventa realt offerta da Dio come dono d'amore. Agostino ci sprona: Non potendo voi ora vedere questa visione, vostro impegno sia desiderarla. La vita di un buon cristiano tutta un santo desiderio... Saremo tanto pi vivificati da questo desiderio santo, quanto pi recideremo i nostri desideri dall'amore del mondo (Agostino, Meditazioni... p. 120).

48

Come egli puro (aghns): la purezza di cui parla l'Apostolo non solo una limpidit di coscienza; la stessa purezza di Cristo (che il modello: kaths = come), perch siamo partecipi della sua stessa vita, siamo penetrati dalla sua stessa luce, siamo arricchiti della sua stessa giustizia. Dio ci dona la sua stessa santit, perdonando i nostri peccati, quando umilmente li confessiamo (1,9). Il concetto di purezza qui molto pi ampio di quello di castit, per non lo esclude, anzi lo esige perch tale virt riguarda una parte essenziale della vita umana (in modo particolare la relazione con se stessi e con gli altri a livello affettivo e fisico). La mancanza di castit il segno di una grave mancanza di speranza. Il mondo non comprende, non apprezza e non sa praticare la castit perch non ha la speranza cristiana. La castit comunque una qualit molto misteriosa: beato chi la comprende e la possiede. Si tratta di un vero dono dallAlto. Aggiungiamo ora unaltra considerazione. Lapostolo non ha detto: Dio lo purifica, ma purifica se stesso. Questo significa che anche se tutto dono gratuito, dobbiamo fare la nostra parte. Dio non ti purifica, se tu non lo vuoi. Per il fatto che congiungi la tua volont alla volont di Dio, tu rendi puro te stesso. Questo non si verifica in forza della tua capacit, ma per merito di colui che viene ad abitare dentro di te. Siccome per in questi atti c' una parte che va ascritta alla tua volont, anche a te ne attribuito il merito (Agostino, Meditazioni... p. 122). Potenziamo in noi il desiderio di vedere Dio e tutte le bellezze spirituali, purifichiamo il nostro occhio e il nostro cuore dal desiderio di fissarci in modo egoistico sulle belt passeggere della terra, ma dilatiamoci e rendiamoci capaci dell'infinito. 2 IL CRISTO INNOCENTE TOGLIE I NOSTRI PECCATI 1. IN CRISTO NON VI PECCATO (3,4-5)
3.4 Pa=j o( poiw=n th\n a(marti/an kai\ th\n a)nomi/an poiei=, kai\ h( a(marti/a e)sti\n h( a)nomi/a. 3.5 kai\ oi)/date o(/ti e)kei=noj e)fanerw/qh, i(/na ta\j a(marti/aj a)r / v, kai\ a(marti/a e)n au)t%= ou)k e)/stin.

3,4 Chiunque commette il peccato, commette anche l'illegalit, poich il peccato l'illegalit. 3,5 E sapete che egli apparso per togliere i peccati e in lui non c' peccato. Chiunque commette il peccato, commette anche l'illegalit (a-noma): l'accenno al tema della purificazione, induce Giovanni ad approfondire il discorso sul tema del peccato (al singolare: quasi per dire che si tratta del peccato base, quello del rifiuto del Dio trinitario e di Cristo Dio, cio quello che si concreta nell'incredulit ostinata verso i Vangelo e la predicazione apostolica ed ecclesiale). L'Apostolo aveva gi accennato al peccato e alla sua redenzione in 1,82,2. Poich il peccato l'illegalit (a-noma): in questo contesto egli vede il peccato come avente una particolare gravit, cio come violazione della legge, vale a dire come trasgressione dei comandamenti divini, il primo dei quali quello dell'amore. Il termine a-noma per nel N.T. si carica di altri significati speciali. Si tratta di un peccato che si diffonde soprattutto negli ultimi tempi. Ges in Mt 24 dice: 11 Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; 12 per il dilagare dell'iniquit (a-noma), l'amore di molti si raffredder (cfr. anche Mt 7,23). Per Paolo l'anomia un mistero che si oppone a quello della salvezza: 2 Tess 2,7 Il mistero dell'iniquit (a-noma) gi in atto, ma necessario che sia tolto di mezzo chi finora lo trattiene. 8 Solo allora sar rivelato l'empio (-nomos) e il Signore Ges lo distrugger con il soffio della sua bocca e lo annienter all'apparire della sua venuta, l'iniquo, 9 la cui venuta avverr nella potenza di satana, con ogni specie di portenti, di segni e prodigi menzogneri, 10 e con ogni sorta di empio (a-dika) inganno per quelli che vanno in rovina perch non hanno accolto l'amore

49

della verit per essere salvi. 11 E per questo Dio invia loro una potenza d'inganno (plne) perch essi credano alla menzogna (psudos) 12 e cos siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verit, ma hanno acconsentito all'iniquit (a-dika). Il termine a-noma indica dunque la ribellione satanica finale contro il Regno di Dio. Chi pecca, quindi, favorisce il mistero dell'iniquit, cio l'azione pi perversa del diavolo. Sapete che egli apparso per togliere i peccati (amarta): i cristiani devono per essere fiduciosi. Il Cristo venuto nel mondo per togliere i peccati (al plurale), manifestazioni concrete del peccato di fondo (l'iniquit). Cfr. anche Is 53,4; 1 Pt 2,24. E in lui non c' peccato: il Cristo non ha mai commesso alcun peccato. Se l'avesse fatto, non avrebbe potuto salvare tutti noi, i quali invece siamo chiamati a diventare proprio come lui (senza peccato). Ges infatti (oltre a Dio: 1,9) il solo giusto, colui che non ha conosciuto peccato e che poteva sfidare i suoi oppositori con sicurezza, dicendo: Gv 8,46 Chi di voi pu convincermi di peccato? Da parte sua l'autore della lettera agli Ebrei dice: Ebr 4,15 Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermit, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato (cfr. anche 1 Pt 2,22). Ges ha sempre saputo fare un discernimento perfetto: ha sempre capito da che spirito veniva una determinata suggestione, anche minima (pensiamo alle tentazioni nel deserto) ed ha sempre compiuto con amore la volont del Padre: Gv 8,29 Colui che mi ha mandato con me e non mi ha lasciato solo, perch io faccio sempre le cose che gli sono gradite (arests) . E ancora: Gv 17,4 Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l'opera che mi hai dato da fare (Cfr. anche Gv 19,30). Gv 14,31 Bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre e faccio quello che il Padre mi ha comandato. Ges non ha amato e servito solo a parole, ma fino alla morte e alla morte di croce (Fil 2,8). 2. CHI IN CRISTO NON PECCA (3,6-7)
3.6 pa=j o( e)n au)t%= me/nwn ou)x a(marta/nei: pa=j o( a(marta/nwn ou)x e(w/raken au)to\n ou)de\ e)/gnwken au)to/n. 3.7 Tekni/a, mhdei\j plana/tw u(ma=j: o( poiw=n th\n dikaiosu/nhn di/kaio/j e)stin, kaqw\j e)kei=noj di/kaio/j e)stin:

3,6 Chiunque rimane in lui, non pecca; chiunque pecca non lo havisto n l'haconosciuto. 3,7 Figlioli, nessuno vi inganni. Chi pratica la giustizia giusto come egli giusto. Chiunque rimane in lui, non pecca: l'Apostolo non vuole solo affermare che fin quando uno rimane unito a Ges non pecca (almeno con quel peccato irreparabile che l'iniquit satanica), ma anche dire che egli possiede una misteriosa difesa contro tale peccato (il cristiano deve comunque continuare a considerarsi umilmente un peccatore: 1,8.10). Cfr. Gv 15,4-7; Rom 6,14. Chiunque pecca non lo ha visto n l'ha conosciuto: una cosa chiara e Giovanni la dice con forza: chi commette i peccati, trasgredendo i comandamenti, sicuramente non ha fatto una vera esperienza di Ges (non ne ha visto la bellezza e non lo conosce in modo vitale). Per sperare di poterlo vedere e conoscere in modo efficace, bisogna cominciare ad evitare il peccato ( Gv 5,37; 6,40). Questo un segreto importante! Noi siamo tentati di sottovalutare il peccato e di scusarlo. Ricordiamoci bene che nessun peccato mai troppo piccolo, cos come nessun bene mai troppo scarso (per dire: non vale la pena di compierlo) o troppo grande (per dire: non riuscir mai a realizzarlo). Agostino ci ricorda che la visione o conoscenza di Cristo di cui Giovanni parla qui quella della fede (non quella diretta) e afferma: Per ora non dobbiamo abbandonare la giustizia che proviene dalla fede... Chi pecca uno che non crede, perch se credesse, per quanto dipende dalla sua fede, non peccherebbe (Agostino, Meditazioni... p. 124).

50

Figlioli, nessuno vi inganni (plano): per altre due volte in questa lettera Giovanni invita i suoi lettori a non ingannasi (1,8) o a non lasciarsi ingannare (2,26). L'illusione nella vita spirituale il pericolo peggiore. Chi pratica (poio) la giustizia giusto come egli giusto: ecco un valido criterio di discernimento per sapere se non ci siamo ingannati: solo chi fa cose giuste, sante e gradite al Padre giusto della stessa giustizia di Cristo (come egli giusto). Paolo dice infatti: 1 Cor 1,30 ... Cristo Ges, ... per opera di Dio diventato per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione. Le chiacchiere non servono ad altro che ad illuderci (cfr. 2,29; Mt 7,21). 3 NON FARE ASSOLUTAMENTE PECCATI 1. CRISTO DISTRUGGE LE OPERE DEL DIAVOLO (3,8)
3.8 o( poiw=n th\n a(marti/an e)k tou= diabo/lou e)sti/n, o(/ti a)p' a)rxh=j o( dia/boloj a(marta/nei. ei)j tou=to e)fanerw/qh o( ui(oj \ tou= qeou=, i(/na lu/sv ta\ e)/rga tou= diabo/lou.

3,8 Chi commette il peccato viene dal diavolo, perch il diavolo pecca dal principio. Per questo il Figlio di Dio apparso: per distruggere le opere del diavolo. Chi commette il peccato viene dal diavolo: facendo il peccato, l'uomo si corrompe totalmente a cambia natura: non proviene pi da Dio, ma dal suo nemico acerrimo, il diavolo, lo spirito del mondo da cui ha origine tutto ci che corruzione e concupiscenza (2,16). Lo spirito del male nominato 4 volte in questa lettera come di-bolos = separatore, accusatore. Chi pecca, ne diventa come figlio (10) perch lo imita (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 126). Siccome nessuno ammette facilmente di venire dal diavolo cerca in tutti i modi di nascondere tale origine, ammantando la sua condotta con le apparenze dellonest e dellimpegno sociale. Pensiamo ai gruppi libertari, che fanno mostra di difendere i diritti dei cittadini per poter instillare meglio i germi del peccato e del vizio. Proclamano come bene supremo la libert dellindividuo adulto sovente a scapito del suo bene morale. Diversamente da Ges che diceva la verit vi far liberi (Gv 8,32), essi fanno credere agli sprovveduti: la libert vi far veri. Perch il diavolo pecca dal principio: l'essenza del diavolo quella di essere peccatore. Egli non fa nulla che non sia peccato, e questo, da quando esiste, dal principio (Gv 8,44). Per questo il Figlio di Dio apparso: per distruggere le opere del diavolo: la prima cosa che dunque Cristo venuto a fare (nella sua prima manifestazione) quella di eliminare le opere (le azioni, le strutture, le conseguenze) del demonio. Naturalmente, viene poi anche tutta la parte positiva dell'opera redentrice di Ges: il dono dello Spirito Santo... Giovanni qui ci presenta i due protagonisti schierati uno contro l'altro: Cristo e il diavolo e per ora ci parla della lotta tra i due. Chi vince Ges (Gv 16,33). La sua vittoria per apparir in pienezza solo nel giorno della parusia (Ebr 2,8; 2 Tess 1,9; 2,8). 2. CHI NATO DA DIO NON PECCA (3,9)
3.9 Pa=j o( gegennhme/noj e)k tou= qeou= a(marti/an ou) poiei=, o(/ti spe/rma au)tou= e)n au)t%= me/nei, kai\ ou) du/natai a(marta/nein, o(/ti e)k tou= qeou= gege/nnhtai.

3,9 Chiunque generato da Dio non commette peccato, perch (un) suo germe dimora in lui, e non pu peccare perch generato da Dio. Chiunque generato da Dio non commette peccato: con parole diverse Giovanni ribadisce ed approfondisce quanto gi detto in 3,6: Chiunque rimane in lui non pecca. Chi opera la 51

giustizia generato da Dio (cfr. 2,29): costui quindi, in quanto proviene dal Padre come figlio suo e ne possiede la stessa vita, non fa il peccato (di anoma, di adika), cio non compie il peccato (al singolare) di opporsi al Padre, di non credergli, di resistergli e di combatterlo (cfr. 5,18). Perch un suo germe (sprma) dimora in lui: Giovanni ci indica anche il motivo di questa condizione felice in cui si trova il figlio di Dio: la presenza in lui della Parola (seme divino). Si tratta di quello stesso seme che lo genera come figlio: 1 Pt 1,23 Essendo stati rigenerati non da un seme corruttibile, ma immortale, cio dalla Parola di Dio viva ed eterna. Se non fossimo convinti della necessit della parola di Dio nella nostra vita, questo passo giovanneo dovrebbe farci cambiare idea. Dobbiamo capire che tale parola (che trova nella Bibbia uno strumento speciale) ha davvero la forza di trasformare tutta la nostra vita (cfr.anche 1 Tess 1,13). Forse ne stiamo gi facendo la prova. Non pu peccare perch generato da Dio: l'Apostolo precisa che non solo non pecca di fatto, ma che non pu peccare, perch tutte le opere che fa, le compie in Dio e secondo la Parola di Dio. La sua volont fondamentalmente protesa verso l'obbedienza amorevole al Padre, essendo egli suo vero figlio. Per Agostino il peccato che il vero cristiano non pu fare quello gravissimo contro l'amore: Chi costante nell'amore fraterno, certi peccati non li pu commettere e particolarmente quello di odiare il proprio fratello. Che ne sar allora degli altri peccati? ... Ebbene... la carit copre una moltitudine di peccati (Agostino, Meditazioni... p. 133). 3. IL CRITERIO DI DISCERNIMENTO: LA GIUSTIZIA CHE AMORE (3,10)
3.10 e)n tou/t% fanera/ e)stin ta\ te/kna tou= qeou= kai\ ta\ te/kna tou= diabo/lou: pa=j o( mh\ poiw=n dikaiosu/nhn ou)k e)/stin e)k tou= qeou=, kai\ o( mh\ a)gapw=n to\n a)delfo\n au)tou=.

3,10 Da questo sono manifesti i figli di Dio e i figli del diavolo: chiunque non pratica (la) giustizia non da Dio, e chi non ama il suo fratello. Da questo sono manifesti i figli di Dio e i figli del diavolo: Giovanni conclude questa parte (3,4-10: nella quale ha trattato la tematica del diavolo e del peccato oltre a quella, ben pi importante, di Cristo giusto e giustificatore) fornendo il criterio di discernimento per distinguere quelli che provengono dal Dio e quelli che derivano da satana. Dietro ai due protagonisti si formano due gruppi di uomini che, in base alle loro scelte, diventano figli del primo o del secondo, acquisendone la natura. Nel IV Vangelo Ges smaschera i figli del diavolo, dicendo: Gv 8,43 Perch non comprendete il mio linguaggio? Perch non potete dare ascolto alle mie parole, 44 voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro... 47 Chi da Dio ascolta le parole di Dio: per questo voi non le ascoltate, perch non siete da Dio . E ancora: Gv 5 42 Ma io vi conosco e so che non avete in voi l'amore di Dio. 43 Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi ricevete; se un altro venisse nel proprio nome, lo ricevereste. 44 E come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene da Dio solo? In definitiva, chi ama il mondo e la sua gloria vana come bene supremo, rifiuta la paternit divina e diventa figlio del diavolo. Chiunque non pratica la giustizia non da Dio: per contro, chi fa la volont santissima del Padre, cos come Ges l'ha fatta, proviene da Dio ed suo figlio, a differenza di chi non compie opere di giustizia. E chi non ama il suo fratello: se poi qualcuno non avesse capito bene in che cosa consiste, in concreto, non praticare la giustizia, Giovanni gli fa capire che consiste soprattutto nel non amare il proprio fratello. Traducendo in linguaggio positivo, possiamo dire che amare i fratelli significa praticare la giustizia. Diventa inutile cercare altre vie (le vie della religiosit pi assidua, le vie della preghiera pi mistica, le vie dello studio teologico pi intenso, le vie 52

dell'attivismo pi frenetico), se non si ha la carit (1 Cor 13,1-3). Pratica la giustizia solo chi ama il fratello come Ges lo ama. Il vero peccato dunque, l'anoma per eccellenza, la mancanza di amore fraterno, la quale porta a danneggiare e ad uccidere materialmente, psicologicamente, intelletualmente e, quel che peggio, spiritualmente il prossimo. Chi ama figlio del Padre: Mt 5,9 Beati gli operatori di pace, perch saranno chiamati figli di Dio . Solo la carit contraddistingue i due tipi di uomini (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 139).

53

2a CONDIZIONE: AMARE I FRATELLI E CREDERE IN CRISTO (UNIT 7) Osservare il suo comandamento


Lettura meditata di 1 Gv 3,11-24 Questa unit si divide in due parti: nella 1a troviamo l'invito a mettere in pratica il messaggio di amarci reciprocamente; nella 2a Giovanni ci dice che la fede in Cristo e l'amore scambievole nello Spirito Santo sono il criterio per sapere se veniamo dalla verit. 1 - ACCOGLIAMO IL MESSAGGIO DELL'AMORE FRATERNO 1. AMIAMOCI GLI UNI GLI ALTRI (3,11-12)
3.11 (/Oti au(/th e)sti\n h( a)ggeli/a h(\n h)kou/sate a)p' a)rxh=j, i(/na a)gapw=men a)llh/louj, 3.12 ou) kaqw\j Ka/in e)k tou= ponhrou= h)=n kai\ e)/sfacen to\n a)delfo\n au)tou=: kai\ xa/rin ti/noj e)/sfacen au)to/n; o(/ti ta\ e)/rga au)tou= ponhra\ h)=n ,ta\ de\ tou= a)delfou= au)tou= di/kaia.

3,11 Poich questo il messaggio che aveteudito da(l) principio: che (ci) amiamo (gli uni gli) altri. 3,12 Non come Caino, (che) era dal maligno e massacr il suo fratello. E (in) grazia diche lo massacr? Poich le opere sue erano malvagie, mentre quelle del suo fratello (erano) giuste. Poich questo il messaggio che avete udito dal principio: l'insegnamento di questa Unit si collega, attraverso il termine ti = poich, al chiaro criterio di discernimento dato alla fine della precedente Unit per distinguere senza ombra di dubbio i figli di Dio da quelli del diavolo (praticare la giustizia, amando il fratello) e sviluppa il bellissimo tema della carit. La prima parte del v. 11 molto simile alla prima parte del v. 1,5: Questo il messaggio che abbiamo udito da lui (Gv 13,34; 15,12). In 1,5 gli ascoltatori (e gli annunciatori) erano gli apostoli, in 3,11 sono i fedeli, che ( implicito) devono diventare anch'essi annunciatori (cfr. 2 Gv 5). Che ci amiamo gli uni gli altri: l'amore vicendevole tra fratelli viene qui presentato come il messaggio centrale (anghela), annunciato e udito fin dagli inizi (antico: 2,7) e non pi solo come un comandamento. Parlare di comandamento significa parlare soprattutto di dovere, di impegno e di fatica; parlare di messaggio vuol dire mettere in luce che si tratta di un insegnamento bello e importante, anzi di una parola profetica comunicata con autorevolezza. Non come Caino, che era dal maligno (poners) e massacr il suo fratello: a questo punto Giovanni porta due esempi contrastanti tra di loro: prima Caino e poi, nel v. 16, Ges (il nuovo Abele). Caino appartiene dunque ai figli del diavolo ( era dal maligno) e dimostra tale appartenenza uccidendo con violenza il proprio fratello Abele (Gn 4,8). Questa una storia che si ripete: Caino / Abele, i Giudei / Ges, il mondo / i discepoli. E in grazia di che lo massacr?: l'Apostolo ci interroga per sapere se abbiamo capito il motivo di tale efferata uccisione. Si esprime con una certa ironia quando dice: in grazia di che... come se Caino avesse fatto un "favore" ad Abele uccidendolo. Nel Vangelo Ges dice che si pu arrivare ad uccidere un cristiano credendo di dar gloria a Dio (Gv 16,2). Poich le opere sue erano malvagie (poners), mentre quelle del suo fratello (erano) giuste: ecco rivelato il segreto dell'odio e dell'omicidio perpetrato da Caino: questi compiva 54

azioni malvagie e peccaminose, non gradite a Dio; amava, cio, il male e lo dimostrava col fare molte azioni inique, in un crescendo che lo ha portato ad uccidere il fratello. Ges afferma: Gv 3,19 Il giudizio questo: la luce venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perch le loro opere erano malvagie. 20 Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perch non siano svelate le sue opere. 21 Ma chi opera la verit viene alla luce, perch appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio . Chi attaccato ai propri disonesti interessi ha paura della verit (della fede) che svelerebbe la sua vergognosa ipocrisia e cattiveria e perci tende a sopprimere chi un rimprovero per lui, magari per il solo fatto di essere un modello vivo di giustizia e di santit. Se poi il giusto proclama la verit anche con le parole, allora diventa per lui insopportabile. Ges protestava, dicendo: Gv 8,40 Ora invece cercate di uccidere me, che vi ho detto la verit udita da Dio (cfr. anche Gv 7,7). Per Agostino le opere buone di Abele non sono altro, secondo Giovanni, che la sua carit... Dalla carit, fratelli, si distinguono gli uomini. Nessuno si fermi alle parole, ma badi ai fatti e ai sentimenti del cuore (Agostino, Meditazioni... p. 141). 2. CHI AMA PASSA DALLA MORTE ALLA VITA (3,13-15)
3.13 [kai\] mh\ qauma/zete, a)delfoi/, ei) misei= u(ma=j o( ko/smoj. 3.14 h(mei=j oi)/damen o(/ti metabebh/kamen e)k tou= qana/tou ei)j th\n zwh/n, o(/ti a)gapw=men tou\j a)delfou/j: o( mh\ a)gapw=n me/nei e)n t%= qana/t%. 3.15 pa=j o( misw=n to\n a)delfo\n au)tou= a)nqrwpokto/noj e)sti/n, kai\ oi)/date o(/ti pa=j a)nqrwpokto/noj ou)k e)/xei zwh\n ai)w/nion e)n au)t%= me/nousan.

3,13 [E] non vimeravigliate, fratelli, se il mondo vi odia. 3,14 Noi sappiamo che siamopassati dalla morte alla vita, perch amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte. 3,15 Chiunque odia il proprio fratello omicida, e sapete che nessun omicida ha in sestesso la vita eterna permanente. E non vi meravigliate, fratelli, se il mondo vi odia: l'idea di Caino che odia ed ammazza il fratello induce l'Apostolo ad incoraggiare i cristiani (chiamati e amati da lui come fratelli) che vengono attualmente odiati e uccisi dai persecutori. I fedeli ora sanno per quale ragione il mondo a loro tanto ostile: non devono meravigliarsi e perdersi d'animo come se succedesse una cosa assurda, di cui non riescono a capacitarsi: 1 Pt 4,12 Carissimi, non siate sorpresi per l'incendio di persecuzione che si acceso in mezzo a voi per provarvi, come se vi accadesse qualcosa di strano (cfr. anche Mt 5,11). Ringraziamo Giovanni per la sua sensibilit che lo induce a tener conto della situazione concreta dei suoi fedeli odiati dal mondo e li invita a leggere nella loro dolorosa esperienza di perseguitati il protrarsi dell'odio di Caino per Abele e il ripetersi dell'antico delitto. Circa la tematica dell'odio del mondo, le sue forme e le sue motivazioni cfr. Gv 15,18-21; 17,14. Agostino commenta acutamente: Coloro che amano il mondo, non possono amare i fratelli (Agostino, Meditazioni... p. 142). Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita (Gv 5,24): l'odio del mondo non fa che mettere maggiormente in luce quello che i fedeli sanno con certezza (per una specie di esperienza interiore) e cio che possiedono in se stessi la vita eterna, dopo aver fatto un vero salto di qualit, passando (risorgendo) appunto dalla morte alla vita (dall'odio all'amore): Tit 3,3 Anche noi un tempo eravamo insensati, disobbedienti, traviati, schiavi di ogni sorta di passioni e di piaceri, vivendo nella malvagit e nell'invidia, degni di odio e odiandoci a vicenda . Ora invece i fedeli hanno imparato ad amare e quindi si devono ricordare : 1 di essere pronti per ogni opera buona; 2 di non parlar male di nessuno, di evitare le contese, di esser mansueti, mostrando ogni dolcezza verso tutti gli uomini (Tit 3,1-2).

55

Perch amiamo i fratelli: il motivo di questa certezza di stare nella vita sta nel fatto concreto che i veri credenti hanno accolto il messaggio e messo in pratica il comandamento sempre antico e sempre nuovo dell'amore verso i fratelli, in tutte le sue forme. Chi non ama rimane nella morte: prima aveva detto: Chi odia suo fratello nella tenebra... (2,9.11), poi: Chi non ama... non da Dio (cfr. 10), ora dice: Rimane (fisso) nella morte; in 4,8 aggiunger: Chi non ama non ha conosciuto Dio e in 4,20 far capire che chi non ama il fratello, non ama Dio. Non solo l'odio aperto, dunque, ma anche la semplice mancanza di amore uccide la vita in noi. Chi non ama uccide se stesso in modo permanente. Ha la morte dentro di s e produce morte al di fuori di s. Lamore invece il contrario della morte. Chiunque odia il proprio fratello omicida: l'idea della morte induce Giovanni a ricordasi di Caino, che uccise il fratello. Adesso egli precisa che chi odia sempre omicida. A prima vista ci sembra che questa affermazione sia esagerata. Eppure in fondo egli ha ragione perch l'odio ci porta sempre ad annientare il nostro fratello, vivendo come non esistesse e, nei casi pi gravi, ci induce a sopprimerlo anche fisicamente. Infatti Ges stesso ce lo fa capire in Mt 5,21 Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avr ucciso sar sottoposto a giudizio. 22 Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sar sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sar sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sar sottoposto al fuoco della Geenna. Se dunque, chi semplicemente s'inquieta con un fratello o lo insulta commette un peccato degno della pena che viene inflitta ad un assassino, allora dobbiamo concludere che si tratta di un peccato grave come un omicidio. Il disamore non cosa da poco: Se uno non dava peso finora all'odio fraterno, potr ora dar poco peso all'omicidio che commette nel suo cuore? Ancora non ha alzato le mani per uccidere, ma gi dal Signore viene considerato un omicida (Agostino, Meditazioni... p. 143). Pensiamo a quanti sono quelli che anche oggi sono morti solo perch non li abbiamo amati e aiutati! Sapete che nessun omicida ha in se stesso la vita eterna permanente ( 2,11): i lettori lo sanno bene: l'affermazione che nessun omicida degno della salvezza appartiene infatti alla dottrina tradizionale: cfr. Rom 1,29-32. Per questo Giovanni dice sapete... Dobbiamo concludere quindi che chi odia il fratello non ha in s la vita eterna, vista come un dono che fin da ora permane in noi. Tale vita influisce su tutto il nostro essere: corpo, anima e spirito (su tutta la nostra persona). 3. EGLI HA DATO LA VITA PER NOI (3,16)
3.16 e)n tou/t% e)gnw/kamen th\n a)ga/phn, o(/ti e)kei=noj u(pe\r h(mw=n th\n yuxh\n au)tou= e)q / hken: kai\ h(mei=j o)fei/lomen u(pe\r tw=n a)delfw=n ta\j yuxa\j qei=nai.

3,16 Da questo abbiamoconosciuto l'amore: Egli per noi hadato la sua anima; (quindi) anche noi dobbiamo per i fratelli dare le (nostre) anime. Da questo abbiamo conosciuto l'amore: l'amore di cui Giovanni parla non semplicemente quell'amore di cui facciamo esperienza nella nostra vita famigliare e sociale. In effetti fin da bambini abbiamo conosciuto l'amore (l'affetto, la cura dei genitori, la solidariet dei parenti e degli amici). Per quell'amore umano era solo un anticipo e una figura di quell'amore infinito, divino e inarrivabile, di cui l'Evangelista ci parla. Chi non conosce l'amore divino (rivelatosi in Cristo) non sa che cosa sia il vero amore (Gv 13,1: ... li am sino alla fine). Egli per noi ha dato la sua anima (psykh): il dono della propria anima, che Ges ha fatto (e continua a fare: ha dato al perfetto), ha svelato agli uomini che cosa sia l'amore: Gv 15,13 Nessuno ha un amore pi grande di questo: dare la vita (psykh) per i propri amici. Solo un amore totale e perfetto rende capaci di tale offerta (Ges morto in croce e attualizza ogni giorno tale dono nell'offerta del pane eucaristico, che la sua vera carne: Gv 6,51). E in Cristo anche il 56

Padre ha dimostrato il suo amore per noi: Gv 3,16 Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perch chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna (Gal 2,20). Nel IV Vangelo Ges concentra tutta la sua missione nel gesto di dare la sua vita (anima) opponendo la sua azione generosa di buon pastore (10,11.15.17) a quella del ladrone che ruba e uccide (10,10). Anima un termine molto ricco, di sapore semitico, che significa la persona e la sua vita, viste in tutta la loro ricchezza emotiva ed interiore. Quindi anche noi dobbiamo per i fratelli dare le (nostre) anime: meravigliosa conclusione pratica! L'amore contagioso! Esso sprona e scuote: 2 Cor 5,14 L'amore del Cristo ci spinge, al pensiero che uno morto per tutti e quindi tutti sono morti. 15 Ed egli morto per tutti, perch quelli che vivono non vivano pi per se stessi, ma per colui che morto e risuscitato per loro. Se vogliamo amare dobbiamo (ecco il comandamento) donare le nostre vite (psykh) per gli altri sull'esempio e con la forza di Cristo (anche noi). Se vero che gi amiamo i fratelli (14), pur vero che ci dobbiamo continuamente esortare a perfezionare in tale amore. L'amore vero solo quello che Cristo ha dimostrato di avere, donando la sua vita psicofisica per noi, e noi abbiamo vero amore se prolunghiamo nei nostri gesti quello stesso amore. Sta qui la perfezione della carit, nell'essere pronti a morire per il fratello. Il Signore ci ha dato l'esempio... (Agostino, Meditazioni... p. 135). In che modo, per, possiamo iniziare a dare concretamente le nostre vite? L'Apostolo fa subito un esempio pratico e alla portata di tutti. 4. AMIAMO CON I FATTI (3,17-18)
3.17 o(\j d' a)\n e)x / v to\n bi/on tou= ko/smou kai\ qewrv= to\n a)delfo\n au)tou= xrei/an e)/xonta kai\ klei/sv ta\ spla/gxna au)tou= a)p' au)tou=, pw=j h( a)ga/ph tou= qeou= me/nei e)n au)t%=; 3.18 Tekni/a, mh\ a)gapw=men lo/g% mhde\ tv= glw/ssv a)lla\ e)n e)r / g% kai\ a)lhqei/#.

3,17 Chi, poi, se ha ricchezze [la vita] del mondo e vede il suo fratello cheha bisogno e chiude le proprie viscere a lui, come dimora in lui l'amore di Dio? 3,18 Figlioli, non amiamo aparole n con (la) lingua, ma con (i) fatti e (la) verit. Chi, poi, se ha ricchezze [la vita] del mondo: ecco dunque uno dei modi pi semplici e pi immediati per dare la vita! Condividere le proprie ricchezze (cio i beni per vivere, detti nell'originale: la vita, i viveri, il bos) con chi ne manca. Questo il senso primario dell'invito di Cristo a vivere la povert evangelica: Mt 19,21 (Al giovane ricco) Ges disse: Se vuoi essere perfetto, v, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi. Non si donano le ricchezze per il gusto della povert, ma per amore verso il fratello bisognoso. Agostino si chiede: Da dove ha inizio la carit, fratelli? e poi continua: Voi avete sentito in che cosa consiste la sua perfezione... Sentiamo da dove trae inizio... Se ancora non sei pronto a morire per il fratello, sii disposto a dare al fratello un poco dei tuoi beni... Se non riesci a dare il superfluo al fratello, come potrai dare per lui la tua vita? (Agostino, Meditazioni... p. 144). E vede il suo fratello che ha bisogno: si pu vedere e nello stesso tempo far finta di non vedere (qui, i fratelli [v. 16] in generale, diventano il mio fratello concreto, in particolare). Pensiamo alla reazione del sacerdote e del levita nella parabola del buon Samaritano: Lc 10,31 Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide, pass oltre dall'altra parte. Non solo bisogna avere il coraggio di guardare in faccia chi in difficolt, ma andare in cerca di colui che ha bisogno e che, per pudore, tenta di nasconderlo. Dobbiamo inoltre sapere che i bisogni sono tanti: c' il bisogno di pane (gli affamati), di medicine (i malati), di denaro (i poveri indebitati), di lavoro (i giovani disoccupati), di rispetto (i diffamati e i 57

discriminati), di amicizia (i soli), di libert (gli oppressi), di una famiglia (soprattutto i bambini e gli anziani), di un consiglio (i dubbiosi), di gioia (i depressi)... E chiude le proprie viscere (splnkhna) a lui (Deut 15,7): la reazione pi diffusa difendersi, indurendo il proprio intimo. Ben diversamente si comport il Samaritano: Lc 10,33 Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione (lett.: si commosse nelle viscere). 34 Gli si fece vicino, gli fasci le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo port a una locanda e si prese cura di lui. 35 Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ci che spenderai in pi, te lo rifonder al mio ritorno . Chi ha cuore di madre (questo il senso profondo di splnkhna) sa com-patire, piangere con chi piange, gioire con chi gioisce e pagare di persona. Come dimora in lui l'amore di Dio?: l'amore di Dio (quello che Dio ha in s e dona a noi, quello che noi dobbiamo avere per lui) si rende presente (e permanente), si visibilizza nella capacit di com-passione e di con-divisione (cfr. anche 4,20) nei confronti del prossimo. Devo avere il coraggio di condividere con lui i miei agi e i suoi disagi. Altrimenti faccio come Pietro, che diceva di essere disposto a dare la vita per Ges, ma che per paura lo rinneg tre volte ( Gv 13,37). Solo con un amore perfetto (fino alla morte) egli ripar tale tradimento (Gv 21,15.19). Figlioli, non amiamo a parole n con la lingua, ma con i fatti e la verit: chi vuole meritarsi il titolo di figliolo, deve amare, compiendo le opere necessarie, e non accontentarsi delle parole o dei buoni propositi (Giac 1,22; 2,15-16). Attenti per a non fermarsi ai fatti esteriori: questi potrebbero anche ingannarci, in modo tanto pi subdolo quanto pi essi sono grandi. C' bisogno di verit in questo amore, ossia ci vuole un amore vero, una carit non finta (Rom 12,9), non ipocrita. Altrimenti mi posso anche buttare nelle fiamme e dare tutti i miei averi ai poveri e non avere la carit, dono divino (1 Cor 13,3). Questa verit dell'amore esiste se Cristo colui che amo nel bisognoso e se Cristo che, attraverso di me, ama il fratello. Ognuno di noi dunque esamini le sue opere, se provengono dalla sorgete della carit (Agostino, Meditazioni... p. 151). 2 LA CAPACIT DI AMARE CRITERIO DI VERIT 1. LA PRATICA DELL'AMORE RASSICURA IL NOSTRO CUORE (3,19-20)
3.19 [Kai\] e)n tou/t% gnwso/meqa o(/ti e)k th=j a)lhqei/aj e)sme/n, kai\ e)m / prosqen au)tou= pei/somen th\n kardi/an h(mw=n, 3.20 o(/ti e)a\n kataginw/skv h(mw=n h( kardi/a, o(/ti mei/zwn e)sti\n o( qeo\j th=j kardi/aj h(mw=n kai\ ginw/skei pa/nta.

3,19 [E] da questo conosceremo che siamo dalla verit e davantia lui rassicureremo il nostro cuore; 3,20 poich se il cuore ci rimprovera, (sappiamo) che Dio pigrande del nostro cuore e conosce ognicosa. [E] da questo conosceremo che siamo dalla verit: l'aver accennato alla verit con la quale dobbiamo amare i fratelli bisognosi, induce Giovanni a ricordare che quanto ha appena detto (amare con i fatti) il criterio (peraltro espresso pi volte con parole diverse) per sapere se siamo o no dalla verit e quindi da Dio ( proprio del linguaggio giovanneo ritornare su un tema appena toccato per chiarirlo o approfondirlo). L'Autore prende ora in considerazione due casi: 1 quello di chi, applicando a se stesso il criterio, si sente in difetto (20), 2 quello di chi invece si sente a posto (21). E davanti a lui rassicureremo (pitho) il nostro cuore (karda): in tutti e due i casi dobbiamo avere il cuore fiducioso davanti al Signore, il solo che vede il nostro intimo, e persuaderci (pitho) che egli ci aiuta: nel 1 caso per il fatto di aver gi eseguito un lavoro di

58

verifica, come segno di buona volont, nel 2 per il fatto che la verifica ha dato addirittura esito positivo. Prima (17) Giovanni aveva parlato di viscere; ora parla di cuore: per gli antichi le viscere (e non, come per la nostra cultura, il cuore) erano la sede delle emozioni, dei sentimenti e degli affetti, mentre il cuore (e non, come per noi oggi, la testa o il cervello, parti pi periferiche del corpo) era la sede dei ragionamenti e delle decisioni. Quindi cuore (in senso biblico) equivale in questo caso a coscienza. Poich se il cuore (karda) ci rimprovera: (1 caso) se noi ascoltiamo bene il comandamento dell'amore che dice di amarci come Cristo ci ha amati, il nostro cuore (la nostra coscienza) non pu fare a meno di inquietarsi almeno un po', perch chi di noi pu dire di realizzare tale comandamento alla perfezione? Sappiamo che Dio pi grande del nostro cuore e conosce ogni cosa: se ci sentiamo in colpa, facciamo un convinto atto di fede nell'infinita grandezza, sapienza e misericordia del Padre. Egli conosce bene le nostre difficolt. Il suo amore pi grande del nostro cuore e di tutto quello che esso pu fare di bene o di male. Dio in grado di purificare il nostro animo e di allargare gli spazi del nostro cuore, affinch anche noi sappiamo amare come egli ama. Cristo poi il nostro avvocato e ci aiuta con la sua intercessione presso il Padre (2,1). L'aver fatto un onesto esame di coscienza gi un gesto che Dio apprezza. Egli conosce ogni cosa e ci aiuta nel nostro esame di coscienza e nel nostro cammino di conversione. Gv 18,37 Chiunque dalla verit ascolta la mia voce. 2. ABBIAMO FIDUCIA DAVANTI A DIO NELLA PREGHIERA (3,21-22)
3.21 A ) gaphtoi/, e)a\n h( kardi/a [h(mw=n] mh\ kataginw/skv, parrhsi/an e)/xomen pro\j to\n qeo/n 3.22 kai\ o(\ e)a\n ai)tw=men lamba/nomen a)p' au)tou=, o(/ti ta\j e)ntola\j au)tou= throu=men kai\ ta\ a)resta\ e)nw/pion au)tou= poiou=men.

3,21 Carissimi, se il [nostro] cuore non ci rimprovera, abbiamo fiducia davanti a Dio; 3,22 e se chiediamo qualcosa, (la) riceviamo da lui poich osserviamo i suoi comandamenti e facciamo le (cose) gradite davantia lui. Carissimi, se il [nostro] cuore non ci rimprovera: (2 caso) se stiamo realmente aiutando i fratelli nel bisogno con concreti interventi a loro favore senza paura di spendere noi stessi per loro (il nostro tempo, la salute, i soldi, le nostre cose...) possiamo incominciare ad avere il cuore tranquillo (Rom 5,1; Ebr 4,16). L'Apostolo chiama carissimi quelli il cui cuore non muove accuse, perch essi non si sentono in colpa, avendo fatto tutto il possibile per essere perfetti nell'amore. Abbiamo fiducia (parresa) davanti a Dio: se dopo un esame serio e veritiero, il fedele sente che la sua coscienza a posto, perch ama i fratelli con amore sincero (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 153), sperimenta un senso di serena confidenza (parresa), di sicurezza filiale davanti agli occhi e al cuore di Dio, che non possiamo ingannare. Di parresa Giovanni aveva gi parlato in 2,28 (per quanto riguarda il momento della parusa), ora ne parla come di un sentimento attuale, che anticipa quello futuro. Se chiediamo qualcosa, la riceviamo da lui (Mc 11,24): bello notare come il concetto di fiducia filiale induce con naturalezza Giovanni a parlare di preghiera rivolta al Padre. La parresa diventa dialogo con Dio. Tale preghiera, dunque, sempre efficace quando c' la carit fattiva: Gv 14,13 Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la far, perch il Padre sia glorificato nel Figlio. Cfr. anche Gv 15,16. Gv 16,23 In verit, in verit vi dico: Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la dar. 24 Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perch la vostra gioia sia piena . Pregando il Padre nel suo nome 59

(cio, con la forza divina di Ges, perch a lui uniti e conformi nell'amore), siamo sicuri di avere i doni pi importanti: la gioia vera e la vita eterna (cfr. 5,14). Agostino si domanda: Chi non ascoltato, non posssiede la carit? E risponde: I buoni talvolta non vengono esauditi secondo la loro volont, ma sono ascoltati in tutto in vista della salvezza: Non avviene ci che tu voi, ma avviene ci che per te bene (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 157.161). Chiediamo al Padre soprattutto il dono di un perfetto amore spirituale. Poich osserviamo i suoi comandamenti e facciamo le cose gradite (arests da arsko) davanti a lui: il motivo dell'esaudimento sta dunque nel fatto che Dio vede che noi mettiamo in pratica il comandamento dell'amore, che quello che maggiormente egli gradisce. Perfino il cieco nato sapeva queste cose: Gv 9,31 Ora, noi sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma se uno timorato di Dio e fa la sua volont, egli lo ascolta (cfr. anche Gv 8,29). L'osservanza dei comandamenti da parte nostra non crea dei diritti, ma sicuramente pone una delle condizioni necessarie per l'esaudimento. D'altra parte, se noi siamo abituati a fare le cose che piacciono al Padre, pregheremo con naturalezza anche nel modo a lui gradito. Risulterebbe interessante esaminare il tema neotestamentario del piacere che Dio ha (cfr. Rom 12,1-2; 1 Cor 7,32; Ef 5,10; Fil 4,18; Col 1,10; 1 Tess 4,1; Ebr 12,28; 13,16.21). Il Padre si compiaciuto in modo speciale di Cristo, suo Figlio (Mt 3,17). Il nostro Dio il Dio della gioia vera, il Dio che prova piacere per tutto ci che bello e buono. 3. IL SUO COMANDAMENTO IN SINTESI: FEDE E AMORE (3,23)
3.23 kai\ au(/th e)sti\n h( e)ntolh\ au)tou=, i(/na pisteu/swmen t%= o)no/mati tou= ui(ou= au)tou= )Ihsou= Xristou= kai\ a)gapw=men a)llh/louj, kaqw\j e)/dwken e)ntolh\n h(mi=n.

3,23 E questo il suo comandamento: che crediamo nel nome del Figlio suo, Ges Cristo e ci amiamo (gli uni gli) altri, secondo (il) comandamento (che) ci hadato. E questo il suo comandamento: quali sono i comandamenti e le cose gradite a Dio? l'Evangelista risponde offrendoci una sintesi stupenda, che contiene in s tutta la ricchezza dell'annuncio evangelico: sono la fede e l'amore (i molti comandamenti di 22 e 24 diventano qui uno solo). Ges aveva presentato il comandamento dell'amore come il suo; ora Giovanni presenta tale comandamento, arricchito dal dovere di credere, come comandamento del Padre (suo: di Dio). La vera fede diventa amore e l'amore vivifica la fede. Che crediamo (pistuo) nel nome del Figlio suo, Ges Cristo: innanzi tutto necessaria la fede. Su di essa si basano poi la carit e la speranza. Sugli effetti del credere cfr., ad esempio, Gv 3,18: Chi crede in lui non condannato; ma chi non crede gi stato condannato, perch non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio . Gv 3,36 Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedr la vita, ma l'ira di Dio incombe su di lui (Cfr. anche Gv 5,24; 6,29.40; 11,25). Il nome di Ges qui presentato con grande solennit e completezza: Figlio suo, Ges Cristo (Figlio e Messia). Domandiamoci sul serio: noi crediamo davvero? In questa lettera spesso siamo invitati a confessare la nostra fede in Ges (2,23; 4,2.15). Inoltre, la nostra fede si sa trasformare in carit? Fede e carit sono inseparabili: chi privo di una, privo anche dellaltra. E ci amiamo (agapo) gli uni gli altri, secondo il comandamento che ci ha dato: tale precetto ci stato dato da Cristo o, meglio, dal Padre per mezzo di Cristo. Non possiamo fare a meno di citare nuovamente tale testo fondamentale: Gv 13,34 Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, cos amatevi anche voi gli uni gli altri. 35 Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri . Gv 15,12 Questo il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. 13 Nessuno ha un amore pi grande di questo: dare la vita per i propri amici. Gv 13,14 Se dunque io, il Signore 60

e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. 15 Vi ho dato infatti l'esempio, perch come ho fatto io, facciate anche voi . Fede vera in Ges e amore sincero al fratello, la carit come opera di fede (Gal 5,6): ecco la sintesi del Vangelo e della vita cristiana. Notiamo che tale amore deve superare tutte le barriere ed essere praticato anche verso il nemico: Mt 5,44. Agostino afferma: Non pensate che Giovanni non abbia detto nulla sull'amore dei nemici: lo ha fatto parlando della carit fraterna... Se... desideri, mentre ami il nemico, che ti diventi fratello, quando lo ami, ami un tuo fratello... Non ami in lui ci che , ma quel che desideri che divenga... Di conseguenza il perfetto amore l'amore del nemico: e questo perfetto amore incluso nell'amore fraterno (Agostino, Meditazioni... p. 204). 4. DIO DIMORA IN NOI E NOI IN LUI PER IL SUO SPIRITO (3,24)
3.24 kai\ o( thrw=n ta\j e)ntola\j au)tou= e)n au)t%= me/nei kai\ au)to\j e)n au)t%=: kai\ e)n tou/t% ginw/skomen o(/ti me/nei e)n h(mi=n, e)k tou= pneu/matoj ou(= h(mi=n e)d / wken.

3,24 E chi osserva i suoi comandamenti dimora in lui ed egli in lui. E da questo conosciamo che dimora in noi: dallo Spirito che ci hadato. Chi osserva i suoi comandamenti dimora in lui ed egli in lui: Giovanni conclude questo meraviglioso brano sulla fede e sull'amore dicendo due cose stupende. Ecco la 1 a: l'osservanza di questi comandamenti (visti di nuovo come molti: fede, amore, condivisione...) porta ad una mistica e perfetta comunione con Dio (lui in noi, noi in lui ) cos come sono uniti e compenetrati Ges e il Padre: Gv 17,21 ... Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola. Il concetto della nostra comunione con Dio presente fin dall'inizio della lettera (1,3.6) e qui si esprime con il linguaggio del mistico en reciproco, gi usato nel IV Vangelo: Gv 15,4: Rimanete in me e io in voi! Da questo conosciamo che dimora (mno) in noi: dallo Spirito (Pnuma) che ci ha dato: la 2a cosa: il Padre ci ha donato lo Spirito Santo (adombrato in precedenza dall'immagine del Crisma: 2,20.27 e qui nominato esplicitamente per la prima volta). Come facciamo a riconoscere la presenza in noi del vero Spirito? Non ha bisogno di un discernimento difficile questo stesso dono divino, che qui viene considerato come elemento utile per aiutarci a capire se Dio dimora in noi? Chi di noi pu sapere con certezza di essere in possesso dello Spirito del Padre? Non siamo forse come quella persona che vuole sollevare se stessa afferrandosi per i capelli? Ecco la risposta: lo Spirito ci rende consapevoli che Dio dimora in noi (Cfr. anche 4,13; Rom 8,9) attraverso i segni della fede nel nome di Ges e della carit verso i fratelli. Fede entusiasta e amore fattivo sono infatti opere dello Spirito (1 Tess 1,3). Se infatti troverai di possedere la carit, tu hai lo Spirito di Dio (Agostino, Meditazioni... p. 162).

61

3a CONDIZIONE: DISCERNERE LE ISPIRAZIONI (UNIT 8) Vincere lo spirito del mondo e conoscere Dio che Amore
Presentazione e lettura di 1 Gv 4,1-10 (Prima parte: vv. 1-6) Giovanni ci propone un brano fondamentale per il discernimento spirituale. Inoltre (ed la seconda parte), inizia con il v. 7 un approfondimento sul tema dell'amore che si protrarr per tutta l'Unit n. 9. Solo per non fare questa Lectio troppo breve e la seguente troppo lunga, abbiamo separato i vv. 7-10 dai vv. 11-21. 1 - SAPER DISCERNERE LE ISPIRAZIONI 1. METTERE ALLA PROVA GLI SPIRITI (4,1)
4.1 )Agaphtoi/, mh\ panti\ pneu/mati pisteu/ete a)lla\ dokima/zete ta\ pneu/mata ei) e)k tou= qeou= e)stin, o(/ti polloi\ yeudoprofh=tai e)celhlu/qasin ei)j to\n ko/smon.

4,1 Carissimi, non prestatefede aogni ispirazione, ma esaminate le ispirazioni, (per discernere) se sono da Dio, poich molti falsiprofeti sonocomparsi nel mondo. Carissimi, non prestate fede a ogni ispirazione (pnuma): l'aver nominato la fede e lo Spirito Santo, donato al credente, induce Giovanni a parlare ai suoi carissimi lettori degli spiriti, intesi nel senso di ispirazioni, suggestioni, profezie, illuminazioni, tendenze... Invita a non fidarsi, a non credere (pistuo) a qualsiasi spirito: vi infatti uno spirito buono, ma vi anche quello cattivo e spesso non facile distinguerli subito. Bisogna dunque sempre fare un corretto discernimento. Questo il tema dei vv. 1-6, tema che viene esplicitamente segnalato nel primo e nell'ultimo versetto con le parole dokimzo (esamino) e ghinsko (conosco). Siccome le situazioni mutano, la comunit viva e cresce in tutti i sensi e gli spiriti agiscono potentemente, c' bisogno di un continuo aggiornamento. Per non sclerotizzarsi o per non innovare in modo sbagliato bisogna continuamente verificare la rotta e capire quale la volont di Dio attraverso i segni che lui invia nel tempo. Ma esaminate (dokimzo) le ispirazioni (pnuma): il suggerimento che l'Apostolo propone quello di verificare, prendendo in serio esame, le diverse ispirazioni. Esaminare non fa comodo a chi tende a rigettare ogni ispirazione per non avere il fastidio di fare un lungo e difficile discernimento che pu portare anche ad un profondo cambiamento nelle abitudini, n gradito agli amanti delle novit a tutti i costi che accettano volentieri sempre tutto per buono. Gi Paolo aveva dato queste norme: 1 Tess 5,19 Non spegnete lo Spirito, 20 non disprezzate le profezie; 21 esaminate (dokimzo) ogni cosa, tenete ci che buono. 22 Astenetevi da ogni specie di male. Esaminare vuol dire mettere alla prova, saggiare, sperimentare. Nella Chiesa di Corinto Paolo intervenne per insegnare ai carismatici il giusto comportamento, soprattutto per quanto riguardava l'esercizio della glossolalia e della profezia (1 Cor 12-14). L'edificazione della comunit per lui uno dei criteri base per capire quali siano le scelte da fare: buono solo ci che edifica i fratelli. Ognuno deve avere il coraggio e la sincerit di esaminare se stesso in modo da verificare le motivazioni che lo animano: Gal 6,4 Ciascuno esamini la propria condotta...; 2 Cor 13,5 Mettete alla prova voi stessi, se siete nella fede; esaminatevi (dokimzo). Non riconoscete forse che Ges Cristo abita in voi? (cfr. anche 1 Pt 1,7; Giac 1,3). Sono i fatti 62

concreti (non separati dalle intenzioni profonde che li motivano) gli elementi che fanno capire il valore della condotta: 2 Cor 8,7 ... Distinguetevi anche in quest'opera generosa. 8 Non dico questo per farvene un comando, ma solo per mettere alla prova (dokimzo) la sincerit del vostro amore con la premura verso gli altri . Se poi vogliamo sapere che cosa sia quello che edifica la comunit e che giova a noi stessi, dobbiamo individuare quello che piace a Dio: Ef 5,10 Discernete (dokimzo) ci che gradito al Signore, 11 e non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre... 13 Tutte queste cose, che vengono apertamente condannate, sono rivelate dalla luce... In altre parole, si tratta di riconoscere la volont di Dio: Rom 12,2 Non conformatevi alla mentalit di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere (dokimzo) la volont di Dio, ci che buono, a lui gradito e perfetto . Cogliere l'azione dello Spirito Santo, verificare la nostra fede e il valore delle nostre azioni, conoscere la volont del Padre, non sono cose a nostra portata. Per questo motivo dobbiamo implorare il dono spirituale del discernimento con una preghiera costante. Impariamo dunque a pregare da Paolo: Fil 1,9 Prego che la vostra carit si arricchisca sempre pi in conoscenza e in ogni genere di discernimento, 10 perch possiate distinguere (dokimzo) sempre il meglio ed essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo, 11 ricolmi di quei frutti di giustizia che si ottengono per mezzo di Ges Cristo, a gloria e lode di Dio. Tale preghiera non dev'essere fatta solo per una necessit psicologica (sotto la pressione di un bisogno umano di sicurezza), ma con l'intenzione sincera di conoscere, amare e servire perfettamente il Signore. Riassumendo, possiamo dire che operiamo un corretto discernimento se la nostra intelligenza naturale viene potenziata dallo studio della Bibbia, dalla preghiera e dall'ascolto dei veri profeti del nostro tempo. Ci vuole dunque un dono speciale di luce spirituale che potenzi le nostre facolt naturali. Ges cos apostrofava i suoi uditori: Lc 12,56 Ipocriti! Sapete giudicare l'aspetto della terra e del cielo, come mai questo tempo non sapete giudicarlo? 57 E perch non giudicate da voi stessi ci che giusto? Mancava loro la luce divina. Se non c' questa, ci si illude, come avviene per il giudeo a cui Paolo si rivolge: Rom 2,17 Ora, se tu ti vanti di portare il nome di Giudeo e ti riposi sicuro sulla legge, e ti glori di Dio, 18 del quale conosci la volont e, istruito come sei dalla legge, sai discernere (dokimzo) ci che meglio, 19 e sei convinto di essere guida dei ciechi, luce di coloro che sono nelle tenebre, 20 educatore degli ignoranti, maestro dei semplici, perch possiedi nella legge l'espressione della sapienza e della verit... 21 ebbene, come mai tu, che insegni agli altri, non insegni a te stesso? Tu che predichi di non rubare, rubi? 22 Tu che proibisci l'adulterio, sei adultero? Per poter fare un discernimento valido ci vuole dunque coerenza, sincerit, umilt e perseveranza, unitamente alla grazia divina. Per discernere se sono da Dio: le ispirazioni possono provenire da tre fonti: da Dio, dallo spirito del male o dall'uomo. Quelle provenienti da Dio o dallo Spirito Santo sono sempre buone, quelle provenienti dallo spirito del male sono sempre cattive, anche se alle volte agli inizi hanno parvenza di bont, quelle provenienti dall'uomo sono buone o cattive a seconda dello spirito che in ultima analisi vi sta sempre dietro. Quali sono i segni, gli elementi e le condizioni utili per sapere se un'idea, una proposta, una decisione, una determinata attivit sono ispirate da Dio oppure no? Fino ad ora Giovanni non ha fatto altro che suggerire i criteri per discernere il bene dal male, Dio dal diavolo e quindi, ci ha gi detto quali siano le doti di colui che vero figlio di Dio: l'umilt di chi si riconosce peccatore e salvato (1,9); l'osservanza dei comandamenti, riassunti in quello dell'amore vero (2,5); l'imitazione di Cristo (2,6); la resistenza alle logiche del mondo e alle sue tipiche brame (2,15); la comunione con gli apostoli e i credenti (1,7; 2, 19); la vera novit (2,8); la fede in Ges Cristo, Figlio di Dio (2,22); la fedelt alla predicazione originaria (2,24); la docilit all'azione illuminante dello Spirito Santo (2,27); la pratica della giustizia e il rifiuto del peccato (3,7); l'amore vero e operoso verso il fratello fino a dare la vita per lui (3,10.16.18). A tutti questi dati, che servono come criteri di giudizio (oltre ad essere qualit richieste in chi discerne), Giovanni ne sta per aggiungere uno straordinario, che li riassume tutti (vedi 4,2). 63

Poich molti falsi profeti (pseudo-proftes) sono comparsi nel mondo: per l'Apostolo quanto mai urgente saper discernere il vero dal falso perch, come ha gi detto innanzi (2,18.26), sono sorti molti profeti di menzogna, che cercano di traviare i fedeli (cfr. 2 Cor 11,13-15; 1 Tim 1,19-20; 4,1-3; 6,3-5; 2 Tim 2,14-18; 3,1-9; 4,3-4; Tit 1,10-11). Il profeta ingannatore quello che pretende di parlare a nome del vero Dio. Per conoscere lo stile del vero profeta dovremmo leggere gli scritti di profeti del calibro di Isaia, Geremia, Ezechiele, Amos e Osea, ecc. Il vero profeta promuove sul serio la conversione, la purificazione del cuore. Il falso segue la moda e dice quello che la gente desidera che le venga detto (cfr. Ger 8,11; 27,16, 28,1 ss). Il mondo d retta volentieri a chi lo sa accarezzare (5). 2. CHI CONFESSA GES INCARNATO DA DIO (4,2-3)
4.2 e)n tou/t% ginw/skete to\ pneu=ma tou= qeou=: pa=n pneu=ma o(\ o(mologei= )Ihsou=n Xristo\n e)n sarki\ e)lhluqo/ta e)k tou= qeou= e)stin, 4.3 kai\ pa=n pneu=ma o(\ mh\ o(mologei= to\n )Ihsou=n e)k tou= qeou= ou)k e)s / tin: kai\ tou=to/ e)stin to\ tou= a)ntixri/stou, o(\ a)khko/ate o(/ti e)r / xetai, kai\ nu=n e)n t%= ko/sm% e)sti\n h)d / h.

4,2 Da questo potetericonoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che riconosce Ges Cristo venuto nella carne, da Dio; 4,3 e ogni spirito che non riconosce Ges, non da Dio. Questo anzi quello dell'anticristo che aveteudito che viene e (che) adesso gi nel mondo. Da questo potete riconoscere lo spirito (pnuma) di Dio: per l'ennesima volta esprimendosi con la tipica espressione, che ormai siamo abituati a leggere, Da questo potete riconoscere... (2,3.5.18; 3,10.16.19.24; 4.13; 5,2), Giovanni ci offre il criterio supremo per capire, per valutare se un'ispirazione viene da Dio. Ogni spirito (pnuma) che riconosce (omo-logho) Ges Cristo venuto nella carne, da Dio (1 Cor 12,3): che questo segno indicatore sia fondamentale ce lo conferma il fatto che Giovanni lo ripete nella sua seconda lettera: 2 Gv 7 Poich molti sono i seduttori che sono apparsi nel mondo, i quali non riconoscono Ges venuto nella carne. Ecco il seduttore e l'anticristo! 8 Fate attenzione a voi stessi, perch non abbiate a perdere quello che avete conseguito, ma possiate ricevere una ricompensa piena. 9 Chi va oltre e non si attiene alla dottrina del Cristo, non possiede Dio. Chi si attiene alla dottrina, possiede il Padre e il Figlio . In precedenza l'Evangelista aveva affermato che non si deve negare che Ges il Cristo e non si deve negare il Padre e il Figlio, ma professare (omo-logho) il Figlio per possedere il Padre (2,22-23; 5,1); che si deve credere (pistuo) nel nome del Figlio suo, Ges Cristo (3,23; 5,13). Fra poco dir che bisogna riconoscere (omo-logho) Ges come Figlio di Dio (4,15; 5,5.10) e credere (pistuo) a Dio e alla sua testimonianza (5,10). Siamo abbastanza abituati a queste tradizionali espressioni di fede in Ges Cristo, Figlio di Dio, uguale al Padre. Ci risulta nuova la sottolineatura, ben marcata, che da Dio chi riconosce Ges Cristo venuto nella carne (Giovanni usa il perfetto: venuto e ci rimane). Eppure si tratta di un'affermazione fondamentale, che mette in risalto tutta l'importanza dell'Incarnazione e delle sue conseguenze. Ges vero uomo, con tutta la verit della sua corporeit: La Parola si fece carne e mise la tenda in mezzo a noi e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria di Unigenito presso il Padre, pieno di grazia e di verit (Gv 1,14). Per questo motivo la Parola della vita stata contemplata con gli occhi, udita con le orecchie e toccata con le mani; per questo la Vita si fatta visibile (1,1-3). Per contro, la carne della Parola di Dio (la sua umanit indicata nella concretezza anche materiale), viene divinizzata, viene trasfigurata dallo Spirito Santo, in un modo misterioso, ma reale. Col 2,9 in Cristo che abita corporalmente (somatiks) tutta la pienezza della divinit, 10 e voi avete in lui parte alla sua pienezza, di lui cio che il capo di ogni Principato e di ogni Potest . La carne di 64

Cristo rende materiale lo spirituale e umano il divino, mentre diventa spirituale e divina per la sua unione inscindibile con la persona del Figlio di Dio. Solo per questo motivo la carne del Cristo riesce a dare la vita al mondo ( Gv 6,51-57) e la comunione con essa comunione con Dio e fa di noi (e dei nostri corpi) un solo corpo in Cristo (1 Cor 10,16-17; Rom 12,5). Ne consegue che il corpo del fedele (a motivo della fede e dei sacramenti) diventa tempio dello Spirito Santo (1 Cor 6,19), membro del corpo di Cristo (1 Cor 6,15). Siamo perci il corpo di Cristo ( 1 Cor 12,27), di lui, che la testa di questo corpo ( Ef 1,22-23; Col 1,18): chi tocca il nostro corpo, tocca Cristo, tocca Dio (cfr. Mt 25,40 Rispondendo, il re dir loro: In verit vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli pi piccoli, l'avete fatto a me ). Se capissimo tutta la novit e la bellezza di questa verit ne saremo sbalorditi e tutta la nostra vita cambierebbe il suo senso e il suo valore: il nostro corpo materiale lo strumento adatto per glorificare Dio (1 Cor 6,20; Rom 12,1; Fil 1,20), il nostro corpo mortale destinato ad essere glorificato come lo quello di Ges (Fil 3,21; 1 Cor 13,44; Rom 8,11). Gi fin d'ora la vita divina di Ges si manifesta nel nostro corpo ( 2 Cor 4,10). Il favorire tutto quello che concorre alla crescita e allo sviluppo integrale dell'uomo e della donna e della loro dignit un modo concreto per riconoscere il Cristo venuto nella carne. Ogni spirito (pnuma) che non riconosce Ges, non da Dio: abbiamo gi constatato che Giovanni solito dipingere i suoi quadri con due soli colori: il bianco e il nero. Per questo motivo, quanto egli ha detto in positivo nel v. 2, lo ripete in negativo nel v. 3. Il non riconoscere Ges (il Ges storico, con tutto quello che questo fatto comporta: la sua vera umanit, la comunit da lui derivante, la sua Cena, la sua qualit di Dio salvatore...) il segno chiaro che l'ispirazione non viene da Dio, ma dal suo avversario, che cerca in tutti i modi di disincarnare quella Parola che si fatta uomo. Noi dobbiamo capire che la vera conoscenza di Dio passa attraverso quella dell'uomo Ges e che la purificazione dei peccati effetto del suo sangue. Agostino ci fa fare un passo in avanti: chi non ha la carit nega con i fatti che Cristo venuto nella carne, perch egli si incarn per amore (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 169). Questo anzi quello dell'anticristo che avete udito che viene: l'Apostolo precisa che il misconoscimento e la deformazione della realt vera di Ges denota l'azione pi pericolosa dello spirito dell'anticristo (2,18). E che adesso gi nel mondo: per Giovanni tale anticristo gi presente nel mondo e si concretizza in tutti coloro che hanno rotto i rapporti fraterni con la comunit cristiana, con la sua fede e la sua predicazione originaria della Parola, sentita, vista e toccata. Esso nel mondo, inteso non solo come scenario nel quale agiscono buoni e cattivi, ma anche come ambiente umano ostile alla vera fede, inquinato proprio dalla presenza dello spirito anticristiano. 2 VINCERE I FALSI PROFETI 1. VOI SIETE DA DIO E LI AVETE VINTI (4,4-5)
4.4 u(mei=j e)k tou= qeou= e)ste, tekni/a, kai\ nenikh/kate au)tou/j, o(/ti mei/zwn e)sti\n o( e)n u(mi=n h)\ o( e)n t%= ko/sm%. 4.5 au)toi\ e)k tou= ko/smou ei)si/n, dia\ tou=to e)k tou= ko/smou lalou=sin kai\ o( ko/smoj au)tw=n a)kou/ei.

4,4 Voi siete da Dio, figlioli, e li avetevinti, poich coluiche () in voi pigrande di coluiche () nel mondo. 4,5 Essi sono dal mondo, perci parlano (delle cose) dal mondo e il mondo li ascolta. Voi siete da Dio, figlioli, e li avete vinti (niko): Giovanni dopo aver fornito ai suoi lettori (paternamente chiamati figlioli) elementi fondamentali per fare un preciso e sicuro discernimento, interviene con la sua autorevolezza di apostolo per dire loro che essi sono da Dio

65

e che quindi hanno vinto gli anticristi (2,13 b; 5,4.5), cio, non si sono accodati al loro gruppo e non li hanno approvati, ma li hanno combattuti vittoriosamente. Quando l'Apostolo afferma queste cose, i lettori possono avere una ragione valida per ritenersi umilmente sulla giusta strada. Poich colui, che in voi, pi grande di colui, che nel mondo: l'Evangelista attribuisce la vittoria dei fedeli alla forza ed alla grandezza di Dio, ben superiore allo spirito che agisce nel mondo (inteso in senso negativo: 5,19). Cfr. Gv 10,29 Il Padre mio... pi grande di tutti. Essi sono dal mondo: i falsi profeti ed i loro seguaci appartengono al mondo del male. Ci sembra di sentire Ges che parla durante l'Ultima Cena: Gv 15,19 Se foste dal mondo, il mondo amerebbe ci che suo; poich invece non siete dal mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia. Sui menzogneri e sui traviati cade la sentenza dell'apostolo, che imita il linguaggio di Ges e ne ripete il giudizio. Perci parlano delle cose dal mondo e il mondo li ascolta: letteralmente detto parlano dal mondo: cio dal mondo prendono gli argomenti, le logiche, il linguaggio, gli interessi... Agostino dice che il mondo parla contro la carit, invita a vendetta (Agostino, Meditazioni... p. 176). Chi appartiene, per la sua mentalit e i suoi comportamenti al mondo, attirato da tali predicatori. Qui troviamo un criterio: luditorio che un profeta ha, fa capire che tipo di profeta egli sia. Ges diceva: Gv 3,12 Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parler di cose del cielo? Chi pu capire il linguaggio spirituale? Paolo, da parte sua, ci dice che le cose di Dio le capisce solo chi ha lo Spirito Santo: 1 Cor 2,12 Ora, noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere tutto ci che Dio ci ha donato. 13 Di queste cose noi parliamo, non con un linguaggio suggerito dalla sapienza umana, ma insegnato dallo Spirito, esprimendo cose spirituali in termini spirituali. 14 L'uomo naturale (psykhiks) per non comprende le cose dello Spirito di Dio; esse sono follia per lui, e non capace di intenderle, perch se ne pu giudicare solo per mezzo dello Spirito. 15 L'uomo spirituale (pneumatiks) invece giudica ogni cosa, senza poter essere giudicato da nessuno. 16 Chi infatti ha conosciuto il pensiero del Signore in modo da poterlo dirigere? Ora, noi abbiamo il pensiero di Cristo. Il titolo di uomo naturale vale per i miscredenti, ma spesso anche per noi, che ci diciamo credenti e poi chiudiamo il cuore alla parola di Dio. 2. NOI SIAMO DA DIO E CHI CONOSCE DIO CI ASCOLTA (4,6)
4.6 h(mei=j e)k tou= qeou= e)smen: o( ginw/skwn to\n qeo\n a)kou/ei h(mw=n, o(\j ou)k e)/stin e)k tou= qeou= ou)k a)kou/ei h(mw=n. e)k tou/tou ginw/skomen to\ pneu=ma th=j a)lhqei/aj kai\ to\ pneu=ma th=j pla/nhj.

4,6 Noi siamo da Dio. Chi conosce Dio ascolta noi; chi non da Dio non ci ascolta. Da ci conosciamo lo spirito della verit e lo spirito dell'errore. Noi siamo da Dio: dicendo noi, l'Apostolo mette innanzi tutto in risalto il gruppo autorevole dei testimoni al quale egli appartiene (il noi che ha scritto o condiviso la stesura di questa lettera). Egli per unisce a s anche i suoi ascoltatori e dice: Noi (tutti) siamo da Dio, maestri nella fede e discepoli del Signore (tutta la comunit credente). Chi conosce Dio ascolta noi: la presenza e la voce dell'apostolo garanzia di verit. Questo un valido criterio di giudizio. I veri profeti, pur mantenendo tutta la loro libert innovativa, obbediscono all'autorit ecclesiale e sono fedeli al deposito tradizionale ( 2 Tim 1,14). L'affermazione che chi conosce Dio ascolta la Chiesa vuol dire almeno due cose: 1 che il singolo fedele ha, a motivo di questo ascolto, una garanzia di essere in relazione con il vero Dio; 2 che chi ascolta la comunit lo fa perch conosce Dio, perch in sintonia con lui e di lui ha esperienza. 66

Chi non da Dio non ci ascolta (Gv 8,47): ecco ora la pennellata di nero, che fa risaltare meglio quanto appena affermato. Il mondo non ascolta certo gli apostoli veri e questo fatto depone a loro favore. Noi, in base al commento della frase che precede, ci domandiamo: Cosa vuol dire il fatto che leggiamo poco la Bibbia e gli insegnamenti della Chiesa? Vuol dire che la Chiesa non quella vera o che noi non conosciamo bene Dio? Da ci conosciamo lo spirito della verit (altheia) e lo spirito dell'errore (plne): Giovanni riassume la sua lezione sul discernimento, dicendo: Da ci conosciamo... e ci fa capire che lo spirito di Dio quello della verit, mentre quello del mondo e dell'anticristo quello del traviamento. Concludiamo: Giovanni ci invita a fare la fatica del discernimento: lo Spirito Santo agisce sicuramente nella Chiesa, ma la sua azione misteriosa e delicatissima e perci non sempre ben percepibile sino dai suoi inizi (il Regno dei cieli come un granello di senape: Mt 13,31). Abbiamo bisogno di un dono speciale della grazia. 3 - LA PI BELLA DEFINIZIONE: DIO AMORE 1. CHI AMA GENERATO DA DIO E CONOSCE DIO (4,7-8)
4.7 )Agaphtoi/, a)gapw=men a)llh/louj, o(/ti h( a)ga/ph e)k tou= qeou= e)stin, kai\ pa=j o( a)gapw=n e)k tou= qeou= gege/nnhtai kai\ ginw/skei to\n qeo/n. 4.8 o( mh\ a)gapw=n ou)k e)/gnw to\n qeo/n, o(/ti o( qeo\j a)ga/ph e)sti/n.

4,7 Carissimi, amiamoci (gli uni gli) altri, poich l'amore da Dio: e chiunque ama generato da Dio e conosce Dio. 4,8 Chi non ama non haconosciuto Dio, poich Dio Amore. Carissimi (agapets), amiamoci gli uni gli altri, poich l'amore da Dio: dopo aver insegnato i criteri del discernimento spirituale circa la vera fede e la retta dottrina, Giovanni riprende il suo tema preferito: il dovere di amarci gli uni gli altri, presentato qui, come gi in precedenza (2,10), come criterio di valutazione, perch l'amore da Dio. Ricordiamo qui brevemente i diversi inviti all'amore reciproco: 2,7-10 ( un comandamento antico e nuovo che fa dimorare nella luce); 3,11-6 (ha Ges come modello); 3,18 (va realizzato con i fatti); 3,23 (va praticato secondo il precetto datoci da Ges); 4,7.11 ( promosso dall'amore di Dio). bellissimo il modo di esprimersi di Giovanni se traduciamo alla lettera: Amatissimi, amiamoci... L'Apostolo sente di amare i suoi fedeli e invita ad amare tutti perch l'amore vero ( agpe) un dono proveniente da Dio. Chiunque ama generato (ghnomai) da Dio e conosce Dio: riassumiamo qui la dottrina di questa lettera sulla generazione da Dio: ecco le condizioni per essere generati da Dio: praticare la giustizia (2,29), credere che Ges il Cristo; ecco gli effetti: chi nato da Dio non pecca e non pu peccare (3,9; 5,18), vince il mondo (5,4). Cristo poi il Generato per eccellenza (5,1). Qui Giovanni vede l'essere generati e il conoscere Dio come due segni che sono, insieme, condizione ed effetto dell'amore. Chi non ama non ha conosciuto Dio, poich Dio Amore (agpe): Dio, presentato all'inizio arditamente come Luce (1,5), viene ora definito stupendamente come Amore (definizione ripetuta in 4,16: le uniche due volte in tutta la Bibbia). Dio in quanto Padre Amore amante, in quanto Figlio Amore amato e in quanto Spirito Amore vivente. Dio si svela solo a chi diventa amore. Che cosa Giovanni poteva dire di pi, o fratelli? Se non ci fosse in tutta questa Epistola e in tutte le pagine della Scrittura nessuna lode della carit all'infuori di questa sola parola che abbiamo intesa dalla bocca dello Spirito, che cio: Dio carit, non dovremmo chiedere niente di pi. Vedete dunque che agire contro l'amore, significa agire contro Dio. Non poteva Giovanni raccomandarti la carit in modo pi incisivo che chiamandola Dio. Forse eri tentato di disprezzare un dono di Dio, ma disprezzerai anche Dio? (Agostino, Meditazioni... p.

67

178.209). Qui non servono altre parole di commento, ma solo una profonda contemplazione estatica. 2. DIO HA DIMOSTRATO IL SUO AMORE INVIANDO IL FIGLIO (4,9-10)
4.9 e)n tou/t% e)fanerw/qh h( a)ga/ph tou= qeou= e)n h(mi=n, o(/ti to\n ui(o\n au)tou= to\n monogenh= a)pe/stalken o( qeo\j ei)j to\n ko/smon i(/na zh/swmen di' au)tou=. 4.10 e)n tou/t% e)sti\n h( a)ga/ph, ou)x o(/ti h(mei=j h)gaph/kamen to\n qeo/n a)ll' o(/ti au)to\j h)ga/phsen h(ma=j kai\ a)pe/steilen to\n ui(o\n au)tou= i(lasmo\n peri\ tw=n a(martiw=n h(mw=n.

4,9 In questo simanifestato l'amore di Dio per [in] noi: poich Dio hamandato il suo Figlio, l'Unigenito, nel mondo, affinch vivessimo permezzodi lui. 4,10 In questo sta l'amore: non che noi abbiamoamato Dio, ma che lui haamato noi e hamandato il suo Figlio (come vittima di) espiazione per i nostri peccati. In questo si manifestato (fanero) l'amore di Dio per noi: l'amore che Dio ha per noi non fatto di soli pensieri o sentimenti, ma di opere concrete di salvezza che lo manifestano. Questa manifestazione consiste nell'Incarnazione (cfr. 1,2; 3,5.8; 4,9). Poich Dio ha mandato il suo Figlio, l'Unigenito, nel mondo: Ges lo aveva gi detto chiaramente a Nicodemo: Gv 3,16 Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perch chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. 17 Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perch il mondo si salvi per mezzo di lui. Agostino cos commenta il fatto che il Padre e Giuda consegnarono Ges e che anche Ges liberamente consegn se stesso: il Padre e il Figlio fecero ci nella carit; comp la stessa azione anche Giuda, ma nel tradimento... Benediciamo il Padre e detestiamo Giuda. Perch...? Benedciamo la carit e detestiamo l'iniquit... Tanto vale la carit! Vedete che essa sola valorizza e distingue le azioni... Una volta per tutte ti viene dato un breve precetto: ama e fa ci che vuoi... Sia in te la radice dell'amore, poich da questa radice non pu nascere che il bene (Agostino, Meditazioni... p. 182). Affinch vivessimo per mezzo di lui: il mondo, in questo caso, siamo noi, e la vita eterna donataci consiste nel vivere per mezzo di Cristo fino al punto da dire con Paolo: Gal 2,20 ... Non sono pi io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me . L'amore vita; il Cristo vivente in noi! In questo sta l'amore: non che noi abbiamo amato Dio: l'amore non pu partire da noi esseri umani. Parte unicamente da Dio. Noi non siamo capaci di amare n Dio, n il prossimo e nemmeno noi stessi in maniera corretta. Solo Dio pu farci capire che cosa l'amore vero e pu donarci la capacit di viverlo. Ma che lui ha amato noi: solo Dio sa amare veramente. Io sono convinto di una cosa: ben difficile capire perch Dio esiste; un mistero che supera la nostra intelligenza. Eppure c' un'intuizione del cuore che mi convince e mi entusiasma: Dio esiste necessariamente, perch non pu non esistere l'amore infinito e perfetto. L'amore divino troppo bello perch non esista, perch non abbia la forza in s stesso di esistere! E ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati (cfr. 2,2): l'amore di Dio talmente grande (infinito) che non solo ha mandato il Figlio suo, l'Unigenito, uguale al Padre, ma lo ha dato a noi come vittima di espiazione, perch con la sofferenza della sua croce fossimo liberati dai peccati. Paolo non esita ad esprimere la sua meraviglia: Rom 5,6 Infatti, mentre noi eravamo ancora peccatori, Cristo mor per gli empi nel tempo stabilito. 7 Ora, a

68

stento si trova chi sia disposto a morire per un giusto; forse ci pu essere chi ha il coraggio di morire per una persona dabbene. 8 Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi perch, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo morto per noi. 9 A maggior ragione ora, giustificati per il suo sangue, saremo salvati dall'ira per mezzo di lui. 10 Se infatti, quand'eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte del Figlio suo, molto pi ora che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita. 11 Non solo, ma ci gloriamo pure in Dio, per mezzo del Signore nostro Ges Cristo, dal quale ora abbiamo ottenuto la riconciliazione . Quale grande Amore quello del Padre e di Ges per noi!

69

4a CONDIZIONE: RIMANERE NELL'AMORE PERFETTO (UNIT 9) Se confessiamo Ges e ci amiamo, Dio dimora in noi
Lettura e approfondimento di 1 Gv 4,11-21 L'Unit si divide in quattro parti. Ecco in sintesi i contenuti: 1 - l'amore fraterno necessario, 2 - il Padre ha inviato il Figlio suo per amore, 3 - l'amore perfetto scaccia la paura e dona fiducia, 4 - amiamoci dunque a vicenda perch Dio ci ha amati per primo e pu essere amato solo nel fratello. 1 - AMIAMOCI GLI UNI GLI ALTRI SULLESEMPIO DI DIO 1. L'AMORE PERFETTO ESPERIENZA DI DIO (4,11-12)
4.11 A ) gaphtoi/, ei) ou(/twj o( qeo\j h)ga/phsen h(ma=j, kai\ h(mei=j o)fei/lomen a)llh/louj a)gapa=n. 4.12 qeo\n ou)dei\j pw/pote teqe/atai. e)a\n a)gapw=men a)llh/louj, o( qeo\j e)n h(mi=n me/nei kai\ h( a)ga/ph au)tou= e)n h(mi=n teteleiwme/nh e)stin.

4,11 Carissimi, se costanto Dio ci haamato, anche noi dobbiamo amar(ci gli uni gli) altri. 4,12 Nessuno mai hacontemplato Dio; se (ci) amiamo (gli uni gli) altri, Dio rimane in noi e l'amore dilui perfetto in noi. Carissimi, se cos tanto Dio ci ha amato (agapo): Giovanni sente che i fedeli a cui si rivolge sono carissimi a Dio e a lui. Insiste nel dire che l'amore di Dio per noi davvero sorprendentemente grande (cfr. 3,1 e soprattutto 4,9-10: il Padre ha inviato Cristo, apostolo del suo amore). Anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri: l'amore di Dio totalmente gratuito e capace di fare i doni pi impensabili (cos tanto, cio fino al dono del Figlio), ma anche molto esigente: per corrispondergli dobbiamo amare il prossimo imitando la tenerezza e la creativit che Dio ha dimostrato verso di noi (Cfr. Mt 18,33). In questa lettera, Giovanni per ben 5 volte ci ripete l'invito ad amarci gli uni gli altri: 3,11.23; 4,7.11.12. Per tre volte poi ci parla dei vantaggi che ci sono nell'amare i fratelli: 2,10; 3,14; 4,21; un volta dell'amore verso i figli di Dio: 5,2. L'invito pi pressante quello di amarci a vicenda: l'amore scambievole potenzia l'affetto e la comunione, ci fa amare gli altri e ci rende amabili a loro in un crescendo continuo. Nessuno mai ha contemplato Dio: se contemplare Dio il vero desiderio di ogni vero credente e l'appagamento completo di ogni cuore, ebbene, nessuno pu soddisfare questa infinita esigenza. Dio rimane al di fuori delle nostre capacit percettive, supera ogni intelligenza e ogni fantasia. Solo Ges poteva dire di aver visto il Padre (3,32; 6,46) e di averne un'esperienza diretta. Lui per ce lo manifesta: Gv 1,18 Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che nel seno del Padre, lui lo ha rivelato . In quale modo per ce lo svela? Egli rende visibile il volto bellissimo del Padre nel suo amore per noi, ma solo se siamo partecipi del suo stesso amore. Se vuoi vedere Dio hai a disposizione l'idea giusta: Dio amore. Quale volto ha l'amore? Quale forma, quale statura, quali piedi, quali mani? Nessuno lo pu dire. Tuttavia ha i piedi che conducono alla Chiesa, ha le mani che donano ai poveri, hai gli occhi con i quali si

70

viene a conoscere colui che nel bisogno... Tu dunque abita nella carit ed essa abiter in te (Agostino, Meditazioni... p. 185). Se ci amiamo gli uni gli altri Dio rimane (mno) in noi: se ci amiamo reciprocamente, sembra suggerire chiaramente l'Apostolo, noi facciamo un'esperienza di comunione stabile con Dio e in qualche misura noi possiamo contemplare quel Dio che Amore dentro il nostro stesso amore fraterno. Solo cos possiamo sperimentarne la dolcezza, la soavit, la bellezza di Dio e della carit. Se mettiamo la frase di Gv 1,18 in parallelo con il v. 4,12 scopriremo che la prima fa leva su Cristo, rivelatore del Padre, nel cui seno egli dimora; la seconda fa leva sull'amore fraterno, rivelatore della presenza di Dio. Possiamo dedurre che l'opera rivelatrice di Ges (raccontata nel Vangelo di Giovanni) continua ad essere efficace nell'amore comunitario (proposto in questa lettera). E l'amore di lui perfetto (teleio) in noi: l'amore reciproco non solo ci porta a contemplare Dio, dal momento che lo vediamo nel fratello, ma fa s che l'amore di Dio (quello che lui ha per noi e quello che noi, come dono suo, abbiamo per lui e per il prossimo) raggiunga in noi la perfezione. L'amore vicendevole, infatti, tende a crescere e a perfezionarsi anche per il buon esempio e per l'incoraggiamento che ognuno d all'altro. L'importante cominciare e lasciare che Dio lavori in noi (cfr. Agostino, Meditazioni... p. 208). Nell'amore fraterno perfetto all'interno della comunit si rende, in qualche modo, visibile il volto luminoso e sorridente del Padre. Dimostrano questo le parole incoraggianti di Agostino: A voi vien fatto l'elogio della carit: se essa vi piace sia vostra... La si ottiene gratis. Tenetela, abbracciatela: niente pi dolce di essa. Se tale quando se ne parla, quale sar il suo pregio, se posseduta?... Quanto pi godo di parlare della carit, tanto meno vorrei che questa Epistola finisse. Nessuna pi ardente nel raccomandare la carit. Nulla di pi dolce pu essere detto... purch per confermiate il dono di Dio con una santa vita (Agostino, Meditazioni... p. 186.210). 2. IL DONO DELLO SPIRITO FONTE DI AMORE (4,13)
4.13 E ) n tou/t% ginw/skomen o(/ti e)n au)t%= me/nomen kai\ au)to\j e)n h(mi=n, o(/ti e)k tou= pneu/matoj au)tou= de/dwken h(mi=n.

4,13 Da questo conosciamo che rimaniamo in lui ed egli in noi: poich del suo Spirito ci hafattodono. Da questo conosciamo che rimaniamo (mno) in lui ed egli in noi: la permanenza di Dio in noi talmente importante che bisogna continuamente verificarla. Tra poco Giovanni ci dir come. Per ora analizziamo soprattutto la prima parte del v. 13. Questo versetto ripete quasi alla lettera il v. 3,24b: Da questo conosciamo che rimane in noi, dallo Spirito che ci ha dato . Nel v. 13 Giovanni non dice solo: rimane in noi, ma mette in risalto la permanenza reciproca: noi in lui e lui in noi. Per ben quattro volte in questa lettera l'Apostolo parla di questa compenetrazione vicendevole, con la quale egli tenta di esprimere la nostra perfetta comunione con Dio: 3,24 a (se osserviamo i comandamenti); 4,13 (a motivo del dono dello Spirito); 4,15 (a motivo della fede in Ges come Figlio); 4,16b (se stiamo nell'amore). Poich del suo Spirito ci ha fatto dono: ecco la risposta per chi si interroga sul come pu verificare la propria permanenza in Dio: se possiede il dono dello Spirito Santo. Qui Giovanni, rispetto a 3,24a, adduce un nuovo elemento: non parla solo dello Spirito donatoci da Dio, ma dice che questo il suo Spirito. Cio lo stesso Spirito del Padre e del Figlio, lo stesso amore reciproco, che ci viene elargito, ci rende interiormente consapevoli e coscienti dell'intima comunione che abbiamo con lui. Per capire in che modo lo Spirito divino produce in noi questa coscienza, leggiamo alcuni brani di Paolo: Rom 5,5 La speranza poi non delude, perch l'amore di Dio stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci stato dato (lo Spirito ci fa dono dell'amore di Dio). Rom 8,14 Tutti quelli infatti che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio. 15 E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere 71

nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del quale gridiamo: Abb, Padre!. 16 Lo Spirito stesso attesta al nostro spirito che siamo figli di Dio (Lo Spirito ci fa sentire Dio per Padre e ci fa essere e percepire come figli suoi, in dialogo orante con lui: cfr. anche Gal 4,6). Se i fedeli dicono di essere in comunione con Lui, lo dicono con verit, non come fanno i presuntuosi (2,6), perch si sentono figli nel Figlio, figli conformi al Figlio e fratelli tra di loro. Cfr. anche 5,6b: Ed lo Spirito che rende testimonianza, perch lo Spirito la verit . Detta per dimostrare che Cristo venuto con lacqua e con il sangue (cio con un corpo i cui elementi diventano sacramenti di salvezza), questa affermazione pur sempre valida anche per il nostro argomento: lo Spirito rende testimonianza al credente, che ama i fratelli, e gli dona la certezza profonda di possedere Dio e di essere da lui posseduto: gli fa sentire che questa la verit. Esso fa s che taluni indizi interiori ed esteriori possano essere letti con sicurezza come segni della presenza divina. Nell'insegnare questo criterio di discernimento, Giovanni fa leva positivamente sull'azione dello Spirito, che riempie il cuore di carit e di luce. Questo anche il metodo del discernimento spirituale proposto da Sant'Ignazio di Loyola che, nel manuale degli Esercizi, insegna a valutare l'azione dello Spirito Santo per mezzo dei fenomeni interiori della consolazione e della desolazione per poter discernere la volont di Dio su di noi. Citiamo anche alcune frasi di S. Leonardo da Porto Maurizio, un grande santo del '700, che nei suoi Proponimenti si ispira al testo classico dell' Imitazione di Cristo: Propongo infine di fare ogni cosa per impulso della grazia e non per tendenza della natura e per discernere se la spinta provenga dalla natura o dalla grazia, terr presenti i seguenti criteri: ... la natura cerca le novit, i divertimenti; teme esageratamente di perdere la salute... La grazia cerca il solo gusto di Dio, tratta il corpo come una bestiola e desidera solo la santit della vita... La natura cerca sempre il godimento e si ribella con scuse frivole a chi propone la mortificazione. La grazia cerca l'umiliazione, la povert, il patire, la tensione verso Dio.... Quanto si percepisce che la nostra consolazione solo spirituale e che il nostro vero interesse solo Dio e la sua gloria allora possiamo ritenere che lo Spirito Santo sta rendendo testimonianza al nostro cuore che siamo figli di Dio e che noi rimaniamo in lui ed egli in noi. 2 - IL PADRE HA MANDATO IL FIGLIO COME SALVATORE DEL MONDO 1. ABBIAMO VEDUTO IL SALVATORE (4,14)
4.14 kai\ h(mei=j teqea/meqa kai\ marturou=men o(/ti o( path\r a)pe/stalken to\n ui(o\n swth=ra tou= ko/smou.

4,14 E noi abbiamocontemplato e testimoniamo che il Padre hamandato il Figlio (come) salvatore del mondo. Noi abbiamo contemplato (theomai) e testimoniamo (martyro) che il Padre ha mandato il Figlio: ora Giovanni riprende il pensiero centrale del passo 4,9-10 e cio l'idea che il Padre ha inviato il suo Figlio come manifestazione del suo amore per noi. Nei vv. 11.13 egli aveva tratto le conseguenze pratiche (anche noi dobbiamo amarci..., Dio dimora in noi e noi in lui..., lo Spirito ci fornisce la prova di questa comunione... ). Ora l'Evangelista ritorna all'evento salvifico basilare: la venuta del Figlio di Dio Padre, inviato nel mondo, venuta della quale egli stato testimone oculare (nel passato) ed diventato testimone autorizzato (nel presente). Giovanni riprende il linguaggio kerigmatico e profetico di 1,2.3: abbiamo visto e testimoniamo... Come salvatore (sotr) del mondo: si tratta della stessa meravigliosa scoperta che fecero i Samaritani dopo aver invitato Ges nel loro villaggio: Gv 4,41 Molti di pi credettero per la sua parola 42 e dicevano alla donna: Non pi per la tua parola che noi crediamo; ma perch noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi veramente il salvatore del mondo . Su questa scoperta, testimoniata con entusiasmo e convinzione, si basa la fede del credente.

72

2. RICONOSCIAMO GES COME FIGLIO DI DIO (4,15)


4.15 o(\j e)a\n o(mologh/sv o(/ti )Ihsou=j e)stin o( ui(o\j tou= qeou=, o( qeo\j e)n au)t%= me/nei kai\ au)to\j e)n t%= qe%=.

4,15 Se uno confessa che Ges il Figlio di Dio, Dio dimora in lui ed egli in Dio. Se uno confessa (omologho) che Ges il Figlio di Dio (5,5): implicitamente Giovanni ci invita ad un atto di fede, anche esteriore, nella testimonianza che il gruppo dei primi discepoli ci trasmette. E tale testimonianza consiste nell'affermare con autorevolezza e competenza che il Figlio di Dio venuto nel mondo e che questo Figlio precisamente il Ges storico, visto e toccato con mano. Dio dimora in lui ed egli in Dio: se vogliamo essere in comunione perfetta con Dio, dobbiamo credere alla natura divina dell'Uomo Ges, Figlio del Padre, e avere il coraggio di professarla. Alla fede per bisogna aggiungere la carit e arrivare ad una sintesi, in modo che tale fede sia fede nella carit. quanto Giovanni sta per dire. 3 - L'AMORE PERFETTO SCACCIA IL TIMORE 1. ABBIAMO CREDUTO ALL'AMORE DI DIO (4,16)
4.16 kai\ h(mei=j e)gnw/kamen kai\ pepisteu/kamen th\n a)ga/phn h(\n e)/xei o( qeo\j e)n h(mi=n. (O qeo\j a)ga/ph e)sti/n, kai\ o( me/nwn e)n tv= a)ga/pv e)n t%= qe%= me/nei kai\ o( qeo\j e)n au)t%= me/nei.

4,16 E noi abbiamoriconosciuto e creduto all'amore che Dio ha per [in] noi. Dio Amore; e chi rimane nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui. Noi abbiamo riconosciuto e creduto (pistuo) all'amore che Dio ha per noi: gli evangelizzatori non solo hanno riconosciuto in Ges il Figlio di Dio (hanno visto un evento di salvezza), ma hanno anche compreso che l'invio del Figlio stato il segno supremo dell'amore del Padre per noi (questo era gi stato detto molto bene nei vv. 9.10), segno d'amore che si esplica nel fatto di averci fatti suoi figli (3,1). Gli annunciatori hanno quindi capito bene il senso dell'evento. Hanno perci creduto al Figlio Ges (il fatto) e, insieme, hanno creduto all'Amore (l'intelligenza del fatto). Dio Amore: per questo motivo la fede in Dio (Padre, Figlio e Spirito Santo) fede nell'Amore (4,8). Non diamo per scontato di aver capito che cos' l'amore e di averci creduto. Chi rimane (mno) nell'amore dimora (mno) in Dio e Dio dimora in lui: chi crede nell'Amore dimora nell'amore e in Dio, che Amore. A sua volta, il Dio-Amore dimora in lui (in perfetta comunione reciproca). L'espressione rimanere nell'amore molto significativa: indica una permanenza dovuta ad una piena immersione: Gv 15,9 Rimanete nel mio amore. 10 Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho esservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore . Notiamo che gli stessi effetti di comunione operati dalla Fede (v. 15), sono operati anche dalla Carit. Non c' pi fede e carit un po' separate, ma fede vivificata dalla carit e carit illuminata dalla fede. 2. L'AMORE CI DA' FIDUCIA NEL GIORNO DEL GIUDIZIO (4,17-18)
4.17 e)n tou/t% tetelei/wtai h( a)ga/ph meq' h(mw=n, i(/na parrhsi/an e)x / wmen e)n tv= h(me/r# th=j kri/sewj, o(/ti kaqw\j e)kei=no/j e)stin kai\ h(mei=j e)smen e)n t%= ko/sm% tou/t%. 4.18 fo/boj ou)k e)/stin e)n tv= a)ga/pv a)ll' h( telei/a a)ga/ph e)/cw ba/llei to\n fo/bon, o(/ti o( fo/boj ko/lasin e)/xei, o( de\ fobou/menoj ou) tetelei/wtai e)n tv= a)ga/pv.

73

4,17 Per questo l'amore divenutoperfetto in noi, affinch abbiamo fiducia nel giorno del giudizio; perch come lui , (cos) siamo anche noi, in questo mondo. 4,18 Nell'amore non c' timore, alcontrario l'amore perfetto scaccia il timore, perch il timore ha (origine dal) castigo e chi teme non perfetto nell'amore. Per questo l'amore divenuto perfetto (teleio) in noi: per questo si riferisce a quanto precede, cio al fatto che Dio Amore e che noi abbiamo creduto a tale incredibile Amore, nel quale rimaniamo. Tale fede e tale permanenza porta il nostro amore alla perfezione. Il concetto di perfezione molto sviluppato nella lettera agli Ebrei. In essa Cristo presentato come perfetto e come colui che ci rende perfetti santificandoci. Ges nel Vangelo di Giovanni parla della perfezione nell'unit (Gv 17,23), mentre in quello di Matteo (dopo aver parlato dell'amore ai nemici) propone a tutti di essere perfetti come il Padre (Mt 5,48). Nella nostra lettera l'Autore parla di perfezione solo nei riguardi dell'amore: essa si concreta nella pienezza dell'amore. L'amore divino perfetto in noi quando osserviamo fedelmente la Parola di Dio (2,5), quando ci amiamo a vicenda (4,12), se crediamo all'Amore e rimaniamo in esso (4,17) e se non abbiamo paura di fronte a Dio (4,18). Dobbiamo essere perfetti nell'amore; se il nostro amore non perfetto non Amore. Affinch abbiamo fiducia (parresa) nel giorno del giudizio: chi perfetto nell'amore e chi sa di essere infinitamente amato non ha nulla da temere nel giorno del giudizio, che il giorno della verit, nel quale verranno svelati i segreti dei cuori senza possibilit di errore (cfr. anche 2,28: ha fiducia davanti al Cristo alla sua venuta). Fin da ora, per, il vero cristiano sente in s una grande pace e sicurezza (cfr. 3,21) che si manifesta, tra l'altro, nella certezza con cui sa di essere esaudito quando prega (5,14). L'amore, dunque, produce la parresa, cio la confidenza, la franchezza, la libert di parola e di azione nel mondo di Dio. Perch come lui , cos siamo anche noi, in questo mondo: tutta questa confidenza, per Giovanni, deriva dal fatto che noi, che siamo ancora in questo mondo, siamo gi come ( kaths) Ges. Vi una perfetta conformazione a lui, un'imitazione, una sintonia a tutti i livelli (intelligenza, volont, vita...). Inoltre siamo amati dal Padre, come lo lui. Nell'amore non c' timore, al contrario l'amore perfetto (tleios) scaccia il timore: ogni forma di disagio, di paura, di dubbio davanti a Dio segno che il nostro amore non ha raggiunto il massimo. Nell'amore perfetto (dato e ricevuto) c' solo pace continua, gioia piena ( Rom 8,15). Dobbiamo passare dal timore all'amore. Chi prima temeva il ritorno di Cristo, perch pauroso che Cristo avrebbe trovato in lui un empio da condannare, ora desidera che egli venga, poich potr trovare in lui un giusto da premiare. Dal momento che un'anima casta desidera il ritorno di Cristo, desiderando l'abbraccio dello sposo, lascia gli amore adulteri; si fa interiormente vergine ad opera della fede, della speranza e della carit... Quando prega e dice: Venga il tuo Regno, non entra in conflitto con se stessa... Certi uomini sopportano la morte; altri, che hanno raggiunto la perfezione, sopportano la vita. Mi spiego: chi ama ancora questa vita mortale, quando giunge la morte l'accetta con pazienza... Ma chi attratto dal desiderio della morte... non muore con rassegnazione; anzi, dopo aver sopportato la vita, muore con gioia (Agostino, Meditazioni... p. 215). Perch il timore ha origine dal castigo e chi teme non perfetto (teleio) nell'amore: per Giovanni la paura, che indebolisce l'amore, ha sempre a che fare con la punizione. Invece di temere santamente di offendere Dio, temiamo servilmente solo i castighi che i nostri peccati ci meritano. Se non ci fosse la punizione, a volte non avremmo timore di resistere a Dio. Ci vuole invece un amore fine a se stesso; dobbiamo saper amare solo per amore. Ogni tipo di paura mancanza di quella parresa, che deriva da una sconfinata fiducia nella misericordia di Dio Padre, che ci perdona. Quando ci decideremo a chiedere a Dio il dono dell'amore perfetto, della pura intenzione di amarlo solo perch lui amabile, senza la presenza di qualche interesse 74

personale? Agostino, da parte sua, cos esortava i fratelli: Fate che sorga dentro di voi il desiderio del giudizio. Non si d prova di perfetta carit, se non quando si incomincia a desiderare il giorno del giudizio (Agostino, Meditazioni... p. 217). 4 - AMIAMO DIO ATTRAVERSO L'AMORE AL FRATELLO 1. DIO CI HA AMATI PER PRIMO (4,19)
4.19 h(mei=j a)gapw=men, o(/ti au)to\j prw=toj h)ga/phsen h(ma=j.

4,19 Noi amiamo, perch egli (per) primo ci haamati. Noi amiamo: a conclusione di questo stupendo brano sull'amore (4,11-21), l'Evangelista afferma di sapere amare: noi amiamo (Dio, il fratello, tutti). Giovanni lo attesta con sicurezza. Perch egli per primo ci ha amati: dove sta il motivo per il quale i discepoli del Signore sanno veramente amare? Sta nel fatto che Dio ci amati per primo, in modo unilaterale e disinteressato. questo quello che ha sconvolto l'Evangelista e lo ha trasformato ed per questo che egli sicuro di poter dire: Noi amiamo. Tale certezza nasce dall'aver capito che il suo amore ormai perfettamente modellato su quello purissimo di Dio Padre e da esso trae origine. L'amore vero infatti non ha la sua sorgente in noi (4,10), ma in lui. Chi infatti ci d la concreta possibilit di amare perfettamente Dio stesso, che da sempre ci ha amati e lo ha fatto quando ancora noi non lo amavamo, quando addirittura lo odiavamo. Col suo amore ci ha aperto gli occhi: ci ha insegnato che cosa sia l'amore vero, ci ha dato l'esempio e la forza per realizzarlo (verso di lui e verso i fratelli). 2. CHI AMA DIO, AMI ANCHE IL FRATELLO (4,20-21)
4.20 e)a/n tij ei)/pv o(/ti )Agapw= to\n qeo/n kai\ to\n a)delfo\n au)tou= misv=, yeu/sthj e)sti/n: o( ga\r mh\ a)gapw=n to\n a)delfo\n au)tou= o(\n e(w/raken, to\n qeo\n o(\n ou)x e(w/raken ou) du/natai a)gapa=n. 4.21 kai\ tau/thn th\n e)ntolh\n e)/xomen a)p' au)tou=, i(/na o( a)gapw=n to\n qeo\n a)gap#= kai\ to\n a)delfo\n au)tou=.

4,20 Se uno dicesse: Io amo Dio, e odiasse il suo fratello, (un) mentitore. Chi infatti non ama il proprio fratello, che havisto, non pu amare Dio, che non havisto,. 4,21 E questo () il comandamento (che) abbiamo da lui: che chi ama Dio, ami anche il suo fratello. Se uno dicesse: Io amo Dio, e odiasse il suo fratello, un mentitore (psustes): i falsari della verit e dell'amore non solo dicono: Io lo conosco (2,4), ma arrivano perfino a dire: Io amo Dio. Tutte le cose belle possono venire contraffatte: l'oro, i quadri di valore... Tra tutte, la pi bella l'amore: ebbene, la pi falsificata. Si parla troppo di amore e pi se ne parla, meno lo si comprende e lo si vive. tipico del falso credente accontentarsi delle parole e trincerarsi dietro ad esse, autogiustificandosi (Giovanni contesta esplicitamente ben sette di queste false affermazioni: 1,6.8.10; 2,4.6.9; 4,20). Ges aveva fatto questo ammonimento: Mt 7,21 Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrer nel regno dei cieli, ma colui che fa la volont del Padre mio che nei cieli. Abbiamo ormai imparato un sicuro criterio di valutazione: chi, in qualche modo, odia o non ama il proprio fratello mente, ingannando se stesso e gli altri, quando dice di amare Dio che Padre di tutti i nostri fratelli. Tre volte l'Evangelista chiama mentitori quelli che fanno affermazioni non veritiere: (due volte nel campo morale) dicono di amare Dio (4,20), di conoscerlo (2,4); (una volta nel campo dottrinale) dicono che Ges non il Cristo (2,22). Chi odia il fratello, odia un figlio di Dio, odia dunque Dio stesso, che lo ha generato (5,1b). Agostino con la sua solita genialit commenta questo passo: Dunque, chi ama il fratello, 75

ama anche Dio? S, necessariamente ama Dio, necessariamente ama l'amore stesso. Si pu forse amare il proprio fratello e non amare l'amore? ... Se Dio amore, chiunque ama l'amore, ama Dio. Ama dunque tuo fratello e sta sicuro (Agostino, Meditazioni... p. 230). Chi infatti non ama il proprio fratello, che ha visto: noi vorremmo vedere Dio, ma non ci possibile direttamente. Il vedere Dio diventa possibile, se sappiamo guardare i fratelli in modo da veder in loro il volto del Padre. Quando guardiamo un fratello che cosa vediamo? Vediamo innanzi tutto un corpo umano. Dobbiamo allora pensare che tutti siamo il corpo di Cristo e le sue membra. Poi ci rendiamo conto della sue necessit (cfr. 3,17). Egli Cristo in difficolt ( Mt 25,42 ss.). Ricordiamoci bene che il corpo non una parte della persona: la persona totale, nella sua dimensione materiale, non separabile dalla persona stessa. Non amare quel corpo (con tutti i suoi problemi) significa odiare la persona del fratello o della sorella e far soffrire il Cristo. Non pu amare Dio, che non ha visto: quel Dio, che non vediamo e non possiamo vedere (12), lo possiamo per amare. Ma lo amiamo solo se vogiamo bene alla sua immagine vivente, che l'uomo (a partire dal suo corpo), nel quale egli si rende presente e con il quale egli solidarizza al punto che, senza eccezioni, non amiamo Lui, se non amiamo il fratello. Per Agostino nell'amore fraterno presente la possibilit di vedere Dio: Se amerai il fratello che vedi potrai, contemporaneamente vedere Dio, poich vedrai la carit stessa, e Dio abita nella carit. Se uno ha l'amore, vede Dio, perch Dio amore (Agostino, Meditazioni... p. 140.231). E questo il comandamento che abbiamo da lui: se qualcuno dubitasse di tale dottrina, sappia che tale insegnamento (che per noi anche un comando) viene da Dio stesso. In tre posti Giovanni nella lettera parla di comandamento, usando il termine al singolare per indicare che si tratta del precetto essenziale e riassuntivo: 2,8-10 amare il fratello, 3,23: credere nel Figlio e amarci gli uni gli altri e qui (4,21) amare Dio, amando il fratello. Pi chiaro di cos... Che chi ama Dio, ami anche il suo fratello: la prima volta che Giovanni parla esplicitamente del nostro amore per Dio (lo far ancora in 5,1-2). Anche nel IV Vangelo rarissima l'affermazione esplicita che Ges ama il Padre: si trova solo in Gv 14,31. Chi intende amare Dio, come egli vuole essere amato, dimostri amore concreto e perfetto verso tutti i fratelli (nelle forme che l'Autore andato elencando: la condivisione dei beni, la comunione ecclesiale, il dono supremo della vita...), ami il comandamento dell'amore!

76

5a CONDIZIONE: CREDERE IN GES, FIGLIO DI DIO (UNIT 10) Il Cristo, venuto con acqua e sangue, ci d la vita eterna
Presentazione e Lectio di 1 Gv 5,1-13 Dopo le stupende esortazioni sull'amore, Giovanni ritorna sul tema della fede, per proporre con maggiore chiarezza e completezza la virt che costituisce il fondamento di tutta la vita cristiana e quindi anche della carit: nella prima parte ci invita a credere in Ges come Cristo e come Figlio di Dio e ci assicura che questa fede vince il mondo; nella seconda ci introduce alla comprensione degli aspetti mistici, spirituali e sacramentali del Cristo, nel quale abbiamo la vita eterna. 1 - LA VITTORIOSA FEDE IN CRISTO E L'AMORE AL PADRE 1. CREDERE CHE GES IL CRISTO (5,1a)
5.1 Pa=j o( pisteu/wn o(/ti )Ihsou=j e)stin o( Xristo\j, e)k tou= qeou= gege/nnhtai,

5,1 Chiunque crede che Ges il Cristo, statogenerato da Dio; Chiunque crede che Ges il Cristo, stato generato (ghenno) da Dio: in ben cinque punti di questa lettera, l'Autore parla di coloro che sono nati da Dio, che perci sono figli di Dio e sono partecipi della sua natura: 2,29 (Chiunque opera la giustizia nato da lui), 3,9 (Chiunque nato da Dio non commette peccato, perch un seme divino dimora in lui), 4,7 (Chiunque ama generato da Dio e conosce Dio), 5,1-4 (Chiunque crede che Ges il Cristo, generato da Dio e vince il mondo), 5,18 (Chiunque nato da Dio non pecca...). impressionante notare come una lettera cos breve insista tanto sul tema della nostra filiazione divina (per indicare noi come figli di Dio, Giovanni usa solo la parola tknon): Vedete quale grande amore ci ha donato il Padre, che possiamo essere chiamati figli di Dio, perch lo siamo... Diletti, fin d'ora noi siamo figli di Dio... (3,1-2). Giovanni ci invita a distinguere i figli di Dio da quelli del diavolo (3,10) e ad amare i figli di Dio (5,2). Proprio perch sono figli di Dio, l'Apostolo si rivolge per ben 9 volte ai suoi lettori chiamandoli figlioli (usa in questo caso i termini teknon o paidon). Gi nel suo Vangelo Giovanni aveva insistito sulla nostra rinascita da Dio soprattutto in 3,3-8: nascere dall'Alto, da acqua e da Spirito (cfr. anche 1,13: Coloro che ... da Dio sono stati generati...). Paolo parla della nostra qualit di figli usando il termini yis (soprattutto in Rom 8-9, Gal 3-4). Venendo a commentare il nostro versetto, notiamo che esso completa bene la teologia giovannea di questa lettera sulla filiazione divina: era proprio fondamentale che dicesse che chi crede in Ges diventa e si dimostra figlio di Dio: non basta evitare il peccato, non bastano le opere di giustizia, bisogna anche credere in modo consapevole e illuminante che Ges il Cristo. La fede in Ges, quanto pi vera, ricca e completa, tanto pi fonda il nostro rapporto filiale con il Padre, conformandoci al Figlio, che sempre in dialogo con Colui che lo genera nell'amore. L'essere figlio non frutto di uno sforzo umano, ma un dono gratuito di amore paterno. Tale dono richiede apertura, consapevolezza ed accoglienza, cio fede (il tema della fede apre e chiude questa prima parte del capitolo 5: vv. 1-5). Il credere per qui non tanto visto come condizione per diventare figli (il verbo crede al presente), ma piuttosto come conseguenza del fatto che si stati generati da Dio (il verbo stato generato al perfetto). molto misterioso questo fatto: non sapremo mai se prima viene la nostra rinascita come figli oppure la nostra fede; se crediamo perch siamo figli o siamo figli perch crediamo. Il modo di esprimersi di Giovanni mette comunque bene in risalto la preminenza dell'opera preveniente di Dio. Ges nel Vangelo di Giovanni diceva, usando altre immagini: Gv 10,26 Voi non credete, perch non siete mie pecore 77

(cio, miei discepoli) oppure Gv 6,44 Nessuno pu venire (cio, credere) a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato. L'essere discepoli o l'essere attirati dal Padre condizione previa, necessaria alla fede. Siccome per la fede senza l'amore vana Giovanni, in questo stesso versetto, collega subito la fede all'amore (Agostino, Meditazioni... 237). 2. AMARE IL GENITORE E IL GENERATO (5,1b-3)
kai\ pa=j o( a)gapw=n to\n gennh/santa a)gap#= [kai\] to\n gegennhme/non e)c au)tou=. 5.2 e)n tou/t% ginw/skomen o(/ti a)gapw=men ta\ te/kna tou= qeou=, o(/tan to\n qeo\n a)gapw=men kai\ ta\j e)ntola\j au)tou= poiw=men. 5.3 au(/th ga/r e)stin h( a)ga/ph tou= qeou=, i(/na ta\j e)ntola\j au)tou= thrw=men, kai\ ai( e)ntolai\ au)tou= barei=ai ou)k ei)si/n.

e chiunque ama colui chehagenerato, ama [anche] chi statogenerato da lui. 5,2 Da questo conosciamo che amiamo i figli di Dio: quando amiamo Dio e ne osserviamo i comandamenti, 5,3 questo infatti l'amore di Dio: nell'osservare i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono pesanti. Chiunque ama colui che ha generato, ama [anche] chi stato generato da lui: l'amico di un pap tende ad essere anche l'amico dei figli. Chi diventa ed figlio di Dio tende ad amarlo come Padre e ad amare perci tutti coloro che sono suoi figli a cominciare da Ges (che, come vedremo tra poco, Giovanni chiama Figlio di Dio, usando per lui il termine Yis). Il vero figlio condivide la natura del padre e quindi ne possiede anche le qualit: chi dunque ama il genitore propenso ad amarne anche il figlio, dato che il figlio generato dallamore del padre. Da questo conosciamo che amiamo i figli di Dio: adesso l'Apostolo ci offre un criterio di discernimento ribaltato rispetto a quelli datici precedentemente (3,10.16.18-19). Quando amiamo Dio e ne osserviamo i comandamenti (entol: 14 volte, 7 volte al plurale): qui non dice pi che l'amore dei fratelli (o vicendevole) quello che garantisce e concretizza il nostro amore verso Dio (4,20-21; Gv 14,15; 15,10), la nostra nascita od origine da Dio ( 3,10; 4,8), la conoscenza di lui (4,8) e la sua permanenza in noi (4,12), facendoci passare dalla morte alla vita (3,14) e rimanere nella luce (2,10), ma che l'amore verso Dio e l'osservanza dei suoi comandamenti quello che rivela se amiamo veramente i fratelli, visti come figli del Padre. Questa un grande ed importantissimo passo in avanti: l'amore verso i fratelli diventa vero (soprannaturale, divinizzato) quando essi vengono amati per amore di Dio, quando sono da noi amati con la volont di amare Dio in loro e attraverso di loro, quando li amiamo con l'intenzione di obbedire a Dio che ci ha donato i suoi comandamenti. Anzi vi ancora un altro aspetto: se amo veramente Dio e di conseguenza mi comporto bene, d una buona testimonianza pratica ed edifico il mio prossimo. Non vi infatti carit pi grande che quella di collaborare al bene spirituale degli altri. In caso contrario il nostro amore resta pura filantropia, lodevole finch si vuole, ma sempre e solo benevolenza umana, cosa che all'Evangelista non basta, perch, ricordiamolo bene, solo Dio Amore (4,8.16) e solo lui ha il primato nell'amare (4,19). L'amore di Dio infatti, diversamente da ogni altro amore terreno, sempre disinteressato, liberante, salvifico, eterno ed infinito. Agostino sottolinea, in base al v. 2 l'unit e la circolarit dell'amore: Se ami le membra di Cristo, ami Cristo; e quando ami Cristo, ami il Figlio di Dio; ami perci anche il Padre. L'amore non pu essere diviso. Scegli pure ci che vuoi amare: il resto seguir da s (Agostino, Meditazioni... p. 239). Questo infatti l'amore di Dio: nell'osservare i suoi comandamenti: questa verit Giovanni l'aveva gi espressa bene in 2,5: Chi osserva la sua parola, in lui l'amore di Dio veramente perfetto. Il nostro amore verso Dio deve essere molto pratico. Sappiamo ormai, che i suoi comandamenti si riassumono nella fede e nell'amore (cfr. specialmente 2,7-8; 3,23; 4,21).

78

E i suoi comandamenti non sono pesanti (bars): se osservare i comandamenti vuol dire amare, allora bello e gioioso osservarli. I comandi del Signore non sono un peso, ma sono liberanti: Mt 11,28 Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorer. 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 30 Il mio giogo infatti dolce e il mio carico leggero. La legge evangelica davvero confortante. Mentre i falsi profeti legano pesi insopportabili (Mt 23,4), la verit di Ges ci rende liberi (Gv 8,31 Ges allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; 32 conoscerete la verit e la verit vi far liberi). Chi trova i comandamenti pesanti ha ancora l'animo dello schiavo e non il cuore del Figlio. Soprattutto ci sia dolce il comando della carit: Amando Dio non si prova fatica... Dove c' la carit non ci sono angustie... Chi ti pu togliere ci che ami?... Sempre siate accesi di amore fraterno, tanto verso il fratello gi tale, quanto verso il nemico, affinch con l'amore diventi fratello... Se la carit ci riempie di diletto mentre siamo ancora pellegrini, quale sar la nostra gioia in patria? (Agostino, Meditazioni... p. 241.245.248). 3. LA NOSTRA FEDE VINCE IL MONDO (5,4-5)
5.4 o(/ti pa=n to\ gegennhme/non e)k tou= qeou= nik#= to\n ko/smon: kai\ au(/th e)sti\n h( ni/kh h( nikh/sasa to\n ko/smon, h( pi/stij h(mw=n. 5.5 ti/j [de/] e)stin o( nikw=n to\n ko/smon ei) mh\ o( pisteu/wn o(/ti )Ihsou=j e)stin o( ui(o\j tou= qeou=;

5,4 Poich tutto ci chenato da Dio vince il mondo; e questa la vittoria che vinse il mondo: la nostra fede. 5,5 Chi [poi] colui chevince il mondo se non chi crede che Ges il Figlio di Dio? Poich tutto ci che nato da Dio vince (niko) il mondo: dopo averci parlato dell'amore, Giovanni non abbandona il concetto di generazione da Dio, ma lo riprende e lo approfondisce. Secondo il suo stile usa il neutro (pn t) per indicare gli uomini, ma insieme con loro tutto quello che li riguarda (cfr. Gv 6,37 Tutto ci che il Padre mi d, verr a me; colui che viene a me, non lo respinger). L'Evangelista, che tende sempre a vedere il lato positivo di ogni realt, mette in risalto che i figli di Dio trionfano sul mondo del peccato (2,13 b): Gv 16,33 Vi ho detto queste cose perch abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo! Quel mondo (ksmos: 23 volte) pieno di concupiscenza, da non amare perch passa (2,15-17), che non conosce Dio e i suoi figli (3,1), anzi li odia (3,13), che ascolta gli pseudoprofeti (4,5) e che giace nel potere del maligno (5,19) gi stato vinto. L'annuncio entusiasta della vittoria tipico di questa lettera (2,13-14: sul maligno; 4,4: sui falsi profeti) e dell'Apocalisse (cfr. ad es.: 2,7; 3,5.21; 5,5; 17,14...). Questo messaggio ci infonde molta sicurezza e ci riempie di speranza. Questa la vittoria (nke) che vinse il mondo: la nostra fede (pstis): la forza, che secondo Giovanni, sconfigge (anzi le ha gi sconfitte: all'aoristo = fatto compiuto) tutte le realt avverse al credente , nel suo nucleo centrale, la fede (e non altro; ad es., l'amore). Il mondo teme soprattutto la fede e non l'amore. Perch l'amore del cristiano (concretizzato nelle sue opere di carit) di solito piace al mondo, anche se esso non in grado di imitarlo o di capirne le motivazioni. Quello che al mondo dispiace proprio la mentalit di fede cristiana, che condanna motivatamente le logiche e i comportamenti sbagliati del mondo e dei falsi profeti (4,4). Chi [poi] colui che vince il mondo?: ora l'Autore fa una domanda ai suoi lettori, anche per coinvolgerli nella sua catechesi. Questa la terza volta che egli usa l'espressione vincere il mondo. Se non chi crede che Ges il Figlio di Dio?: ecco subito la risposta: chi crede nell'origine divina di Ges dal Padre per via di generazione (e ne tira tutte le conseguenze, fino ad essere 79

anche lui generato da Dio: 4). Il tema della fede punteggia costantemente questa lettera: [sotto il concetto di professione]: confessare il Figlio (2,23), proclamare Ges venuto nella carne (4,2-3); professare che Ges il Figlio di Dio (4,15); [sotto il concetto di fede]: credere nel nome del Figlio suo Ges Cristo un preciso comandamento di Dio (3,23), chi crede nel nome del Figlio di Dio ha la vita eterna (5,13) e vince il mondo (5,5: il nome del Figlio appunto Ges = Dio salva). Esultiamo anche noi con Paolo: 1 Cor 15,57 Siano rese grazie a Dio che ci d la vittoria per mezzo del Signore nostro Ges Cristo! (cfr. anche Rom 8,37). 2 LIDENTIT MISTICA E SACRAMENTALE DEL CRISTO 1. GES VENUTO CON ACQUA E CON SANGUE (5,6-8)
5.6 Ou(=to/j e)stin o( e)lqw\n di' u(/datoj kai\ ai(/matoj, )Ihsou=j Xristo/j, ou)k e)n t%= u(/dati mo/non a)ll' e)n t%= u(/dati kai\ e)n t%= ai(/mati: kai\ to\ pneu=ma/ e)stin to\ marturou=n, o(/ti to\ pneu=ma/ e)stin h( a)lh/qeia. 5.7 o(/ti trei=j ei)sin oi( marturou=ntej, 5.8 to\ pneu=ma kai\ to\ u(/dwr kai\ to\ ai(m = a, kai\ oi( trei=j ei)j to\ e(/n ei)sin.

5,6 Questi colui chevenuto con acqua e sangue, Ges Cristo; non con l'acqua soltanto, ma con l'acqua e con il sangue. Ed lo Spirito che rendetestimonianza, poich lo Spirito la verit. 5,7 Poich tre sono quelli cherendonotestimonianza: 5,8 lo Spirito e l'acqua e il sangue, e questi tre sono in uno. Questi colui che venuto con acqua e sangue, Ges Cristo: adesso l'Evangelista precisa che cosa vuol dire il fatto che Ges (il Cristo storico) il Figlio di Dio. Chi Ges? colui che venuto con acqua e sangue (dor / ima). Nel IV Vangelo c' l'accenno al Battesimo di Ges nelle acque del Giordano all'inizio della vita pubblica (Gv 1,33) e c', alla fine, la scena del Cristo trafitto, scena che Giovanni sottolinea come molto significativa in ordine alla fede autentica: Gv 19,33 Venuti per da Ges e vedendo che era gi morto, non gli spezzarono le gambe, 34 ma uno dei soldati gli colp il fianco con la lancia e subito ne usc sangue e acqua. 35 Chi ha visto ne d testimonianza e la sua testimonianza vera e egli sa che dice il vero, perch anche voi crediate. Nella fuoriuscita dell'acqua e del sangue i mistici hanno sempre visto i segni simbolici dello Spirito Santo e dall'amore ed i segni sacramentali del Battesimo e dell'Eucaristia, che generano i membri della Chiesa e li nutrono. Non con l'acqua soltanto, ma con (en) l'acqua e con il sangue: il fatto che Giovanni senta la necessit di precisare che non venne solo con acqua, ci fa capire che c'erano cristiani che accettavano solo il momento del Battesimo al Giordano come tempo nel quale Ges ebbe in s la pienezza della divinit. Parlando invece di acqua e di sangue, Giovanni evidenzia i due momenti (quello iniziale: il Battesimo, e quello finale: la croce) che includono tutta la vicenda storica del Cristo, Uomo e Figlio di Dio, il quale non tale solo nel giorno del suo Battesimo, ma resta tale per sempre anche sulla croce (Uomo e Dio in modo inseparabile: contro l'eresia di Cerinto). Per dimostrare che venuto con (en) l'acqua un'espressione che indica il Battesimo ricevuto da Cristo, ricordiamo che il Battista afferma di s che egli era venuto a battezzare con (en) l'acqua (Gv 1,31). Il Battesimo di Ges al Giordano (l'acqua) preludeva alla sua cruenta morte in croce (il sangue), chiamata questultima calice e battesimo (Mc 10,39; Lc 12,50). Con il suo battesimo Ges si immergeva gi simbolicamente nelle sofferenze della sua passione e morte per emergere con la sua gloriosa risurrezione. Ges a sua volta invita anche noi a ricevere il battesimo. lui che ci battezza. Egli per non ripete semplicemente il gesto compiuto dal Battista (battezzare con sola acqua), ma realizza una novit assoluta donando nel segno dellacqua lo Spirito Santo, lo Spirito Pentecostale, che anima efficacemente la Chiesa e che la riempie dei suoi carismi. Teniamo presente per che lo Spirito Santo non pu venire se non dopo la morte in croce e il

80

versamento del suo sangue da parte del Signore Ges: Gv 16,7 Ora io vi dico la verit: bene per voi che io me ne vada, perch, se non me ne vado, non verr a voi il Consolatore; ma quando me ne sar andato, ve lo mander. il sangue, segno dell'amore crocifisso, che dona efficacia all'acqua, cosicch essa diventa sacramento dello Spirito: Gv 3,5 Gli rispose Ges: In verit, in verit ti dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non pu entrare nel regno di Dio. 6 Quel che nato dalla carne carne e quel che nato dallo Spirito Spirito . Ges non solo stato l'Uomo consacrato dallo Spirito del Padre nel giorno del suo battesimo al Giordano, ma anche colui che, donando la sua vita e il suo sangue per amore sulla croce (e nell'Ultima Cena: Mt 26,28), continua a generare la Chiesa per mezzo del Battesimo nello Spirito e a nutrirla con la sua carne e con il suo sangue nell'Eucaristia (Gv 6,54). Ricordiamo che proprio a Efeso, sede dell'Apostolo Giovanni, Paolo incontr 12 uomini che conoscevano solo il battesimo di Giovanni Battista e che non avevamo mai sentito parlare dello Spirito Santo: appena Paolo li battezz ed impose le mani, fecero l'esperienza viva di questo Spirito parlando in lingue e profetizzando (Atti 19,1-7). Ed lo Spirito che rende testimonianza (martyro), poich lo Spirito la verit (altheia): Giovanni afferma che del valore mistico e sacramentale di Cristo lo Spirito che rende testimonianza (nel presente) e che questa testimonianza vera, essendo lo Spirito la stessa verit (Gv 15,26; 16,13). Nella teologia giovannea il termine verit ha un senso straordinariamente ricco: indica tutto quello che autentico, in modo particolare la Parola di Dio ( Gv 17,17) e, infine, Dio stesso (Gv 14,6; 15,26). Solo lo Spirito Santo ci pu far capire, gustare tutta la concretezza di Ges e vivere efficacemente il dono dell'Acqua e del Sangue che Ges ci ha portato, come segni efficaci della sua opera e della sua presenza. Poich tre sono quelli che rendono testimonianza: il concetto di testimonianza ritorna qui insistentemente (10 volte nei soli versetti 6-11: 4 volte usato il verbo); questa volta per non si tratta di quella che gli apostoli rendono, annunciando la loro esperienza di fede, ma si tratta di quella resa da tre misteriose entit, che per in fondo sono una sola realt. Lo Spirito e l'acqua e il sangue, e questi tre sono in uno: cio sono uniti, sono concordi. Lo Spirito, lacqua e il sangue ricordano i tre doni effusi dal Cristo crocifisso (dalla sua bocca lo Spirito e dal suo cuore sangue e acqua: Gv 19,30.34). In realt si tratta dello stesso ed unico Spirito di carit che nel segno dellAlito di Ges che spira, nel segno dell'Acqua (sgorgata dal costato del Signore) e in quello del Sangue (versato dal Cristo crocifisso e donato come bevanda nella Cena eucaristica) rende consapevoli e convinti i fedeli che Ges venuto a salvarci e che lo si incontra ancora oggi nei segni sacramentali dell'Acqua battesimale e del Sangue Eucaristico. Non vi contraddizione e opposizione tra lAlito, l'Acqua e il Sangue (queste realt sono presentate come se fossero una persona viva, perch sono i vari segni in cui opera l'unico Spirito, segni indicanti vita nuova e morte al peccato). Battesimo ed Eucaristia sono davvero il prolungamento, per opera dello Spirito, dell'azione salvifica dell'umanit e della corporeit divinizzata del Cristo Salvatore. 2. ACCETTIAMO LA TESTIMONIANZA DI DIO (5,9-11)
5.9 ei) th\n marturi/an tw=n a)nqrw/pwn lamba/nomen, h( marturi/a tou= qeou= mei/zwn e)sti/n: o(/ti au(/th e)sti\n h( marturi/a tou= qeou= o(/ti memartu/rhken peri\ tou= ui(ou= au)tou=. 5.10 o( pisteu/wn ei)j to\n ui(o\n tou= qeou= e)x / ei th\n marturi/an e)n e(aut%=, o( mh\ pisteu/wn t%= qe%= yeu/sthn pepoi/hken au)to/n, o(/ti ou) pepi/steuken ei)j th\n marturi/an h(\n memartu/rhken o( qeo\j peri\ tou= ui(ou= au)tou=. 5.11 kai\ au(/th e)sti\n h( marturi/a, o(/ti zwh\n ai)w/nion e)/dwken h(mi=n o( qeo/j, kai\ au(/th h( zwh\ e)n t%= ui(%= au)tou= e)stin.

5,9 Se accettiamo la testimonianza degli uomini, 81

la testimonianza di Dio maggiore; poich questa la testimonianza di Dio, perch haresotestimonianza riguardoal Figlio suo. 5,10 Chi crede nel Figlio di Dio, ha questa testimonianza in s. Chi non crede a Dio, hafatto dilui (un) bugiardo, poich non hacreduto alla testimonianza, che Dio hatestimoniato circa il Figlio suo. 5,11 E questa la testimonianza: Dio ci diede (la) vita eterna e questa vita nel suo Figlio. Se accettiamo la testimonianza degli uomini, la testimonianza di Dio maggiore: gi solo a livello umano una testimonianza resa in tribunale ha un valore vincolante. Se questi uomini, poi sono gli apostoli, incaricati e autorizzati a predicare autorevolmente il Vangelo, la loro testimonianza (anche solo a livello umano) ancora pi credibile. La testimonianza divina diretta per ben superiore e ben pi profonda. La testimonianza dello Spirito coincide poi con quella che il Padre ha reso al Figlio suo. Poich questa la testimonianza di Dio, perch ha reso testimonianza riguardo al Figlio suo: dal Vangelo di Giovanni sappiamo che il Padre ha reso (nel passato) pi volte testimonianza al Figlio. Abbiamo gi citato Gv 1,33; citiamo ora: Gv 5,32 C' un altro (il Padre) che mi rende testimonianza, e so che la testimonianza che egli mi rende verace... 37 E anche il Padre, che mi ha mandato, ha reso testimonianza di me. Ma voi non avete mai udito la sua voce, n avete visto il suo volto, 38 e non avete la sua parola che dimora in voi, perch non credete a colui che egli ha mandato.(cfr. anche Gv 8,18; 12,28). Chi ha sentito la voce del Padre (nel giorno del suo Battesimo e della sua Trasfigurazione) stato interiormente istruito in un modo straordinario (cfr. 2 Pt 1,17-18). Chi crede nel Figlio di Dio, ha questa testimonianza in s: questa affermazione non fa che ribadire quanto Ges aveva gi detto ai Giudei (affermazione che abbiamo appena citato), facendo dipendere l'accoglienza e il possesso di questa intima testimonianza dalla fede in lui, Figlio di Dio. Tale fede suscitata dallo Spirito Santo, che rende attuale e operante nella Chiesa e nel cuore del credente quella testimonianza che il Padre che reso in passato al Figlio. Gli uomini (gli apostoli ) predicano il Vangelo e testimoniano quello che hanno visto e udito (soprattutto quello che il Padre ha proclamato) e lo Spirito fa s che tale messaggio sia interiormente assimilato e conservato (in s) da parte del fedele (Apc 12,17). Chi non crede a Dio, ha fatto di lui un bugiardo (1,10), poich non ha creduto alla testimonianza, che Dio ha testimoniato circa il Figlio suo: per Giovanni chi manca di fede nel Padre che ha parlato compie un peccato gravissimo, perch tratta Dio come va trattato il diavolo, il menzognero per eccellenza (sulla testimonianza resa al Figlio cfr. anche Mt 3,17 e 17,5: Questi il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo ). Dicendo che ha fatto di lui un bugiardo, Giovanni parla di qualcosa che avvento in passato e quindi egli si vuole riferire a un episodio storico: l'abbandono della comunit da parte dei cristiani ribelli (2,19. Cfr. Gv 3,33: Chi accetta la sua [di Ges] testimonianza, attesta che Dio verace). E questa la testimonianza: Dio ci diede la vita eterna e questa vita nel suo Figlio: quale il contenuto fondamentale della testimonianza del Padre resa nei confronti del Figlio e donata a noi? Eccola: il Figlio ha in s, anzi, egli stesso la Vita eterna e il Padre, donandoci il Figlio, ci ha donato (nel passato: aoristo) la Vita eterna. Che cosa bella! Tale vita un dono di Dio in Cristo (non dimentichiamolo mai: un dono passato e presente [5,13], reale e non solo promesso [2,25]). Dobbiamo essere davvero riconoscenti!

82

3. CHI HA IL FIGLIO HA LA VITA (5,12-13)


5.12 o( e)x / wn to\n ui(o\n e)x / ei th\n zwh/n: o( mh\ e)/xwn to\n ui(o\n tou= qeou= th\n zwh\n ou)k e)/xei. 5.13 Tau=ta e)/graya u(mi=n i(/na ei)dh=te o(/ti zwh\n e)x / ete ai)w/nion, toi=j pisteu/ousin ei)j to\ o)/noma tou= ui(ou= tou= qeou=.

5,12 Chi ha il Figlio ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita. 5,13 Questo vi hoscritto affinch sappiate che possedete la vita eterna, voi checredete nel nome del Figlio di Dio. Chi ha il Figlio ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita: con il suo solito stile ripetitivo, Giovanni afferma prima in forma positiva e poi antitetica che chi possiede il Figlio, possiede la vita in se stesso dal momento che Ges la nostra Vita (cfr. Gv 3,36 Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedr la vita . Vedi anche Gv 1,4; 5,26; 11,25). Questo vi ho scritto affinch sappiate che possedete la vita eterna, voi che credete nel nome del Figlio di Dio: ancora una volta l'Apostolo assicura i suoi lettori che essi hanno la vita, dal momento che credono nella divinit (nome) di Ges, Figlio del Padre. Una certezza cos bella, riempie il cuore di entusiasmo e dona il coraggio di combattere la buona battaglia della fede, sapendo di aver gi vinto e di possedere la Vita vera. Lo scritto dell'Apostolo diventa veramente Sacra Scrittura, maestra di fede e sacramento di salvezza: Gv 20,31 Questi (fatti) sono stati scritti, perch crediate che Ges il Cristo, il Figlio di Dio e perch, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

83

IV - CONCLUSIONE PREGHIAMO SECONDO IL VOLERE DI DIO (UNIT 11) Preghiamo per il fratello che pecca e crediamo nel vero Dio
Lettura e interpretazione di 1 Gv 5,14-21 Quest'ultima Unit si divide con naturalezza in due parti: la 1a contiene un invito alla preghiera fiduciosa e all'intercessione in favore del fratello che pecca; la 2a parte la proclamazione riassuntiva di quattro verit certe e fondamentali, seguite da un deciso invito a fuggire l'idolatria. 1 - LA PREGHIERA FIDUCIOSA E L'INTERCESSIONE PER I PECCATORI 1. DIO CI ASCOLTA, SE PREGHIAMO SECONDO IL SUO VOLERE (5,14-15)
5.14 kai\ au(/th e)sti\n h( parrhsi/a h(\n e)/xomen pro\j au)to/n o(/ti e)a/n ti ai)tw/meqa kata\ to\ qe/lhma au)tou= a)kou/ei h(mw=n. 5.15 kai\ e)a\n oi)/damen o(/ti a)kou/ei h(mw=n o(\ e)a\n ai)tw/meqa, oi)/damen o(/ti e)/xomen ta\ ai)th/mata a(\ v)th/kamen a)p' au)tou=.

5,14 E questa la fiducia che abbiamo davantia lui: che se qualcosa (gli) chiediamo secondo la sua volont, (egli) ci ascolta. 5,15 E se sappiamo che ci ascolta, se qualcosa (gli) chiediamo, sappiamo di avere le cosechieste che abbiamochiesto a lui. Questa la fiducia (parresa) che abbiamo davanti a lui: questa lettera di Giovanni molto incoraggiante. L'Apostolo ci parla, in modo abbastanza insistente, della fiducia che dobbiamo avere fin da ora davanti a Dio, che scruta il nostro cuore (3,21) e che ascolta le nostre preghiere. Tale fiducia manifester la sua utilit soprattutto nel giorno della venuta finale del Signore Ges (2,28), nel giorno in cui saremo giudicati sull'amore (4,17). Per Luca negli Atti la parresa soprattutto la franchezza e il coraggio con cui gli apostoli predicano il Vangelo di fronte a tutti senza timore di nessuno (Atti 4,13.31; 9,28; 13,46...). In Giovanni la serenit con la quale il credente vive il suo rapporto con Dio, pur sapendo che verr il momento della verit nel quale non si potr scherzare. Ma chi interiormente convinto dallo Spirito Santo, senza alcuna incertezza, che un figlio, amato dal Padre e purificato dal sangue di Cristo, vive in un clima di sicurezza e possiede quella santa audacia, quella piena confidenza, che solo i figli possono permettersi nei confronti dei loro genitori. Che se qualcosa gli chiediamo secondo la sua volont, egli ci ascolta (3,22): il figlio ha la certezza che qualunque cosa chiede al Padre, in sintonia con la sua divina volont, la ottiene sempre. Abbiamo nel Vangelo di Giovanni un episodio che dimostra bene questa verit: Gv 11,41 ... Ges allora alz gli occhi e disse: Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato. 42 Io sapevo che sempre mi dai ascolto, ma l'ho detto per la gente che mi sta attorno, perch credano che tu mi hai mandato. Nel Vangelo di Luca troviamo un passo che invita alla piena confidenza, fino ad essere importuni: Lc 11,5 Poi aggiunse: Se uno di voi ha un amico e va da lui a mezzanotte a dirgli: Amico, prestami tre pani, 6 perch giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da mettergli davanti; 7 e se quegli dall'interno gli risponde: Non m'importunare, la porta gi chiusa e i miei bambini sono a letto con me, non posso alzarmi per darteli; 8 vi dico che, se anche non si alzer a darglieli per amicizia, si alzer a dargliene quanti gliene

84

occorrono almeno per la sua impudenza. 9 Ebbene io vi dico: Chiedete e vi sar dato, cercate e troverete, bussate e vi sar aperto. 10 Perch chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sar aperto. 11 Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pane, gli dar una pietra? O se gli chiede un pesce, gli dar al posto del pesce una serpe? 12 O se gli chiede un uovo, gli dar uno scorpione? 13 Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto pi il Padre vostro celeste dar lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono! . Siamo dunque certi che, se chiediamo una cosa che secondo la volont divina, la otteniamo. Tale cosa poi dev'essere, in ultima analisi, il dono dello Spirito Santo. Anche il Padre nostro ci insegna a pregare secondo la volont divina (Mt 6,10). L'espressione chiedere secondo la sua volont (usata nel v. 14) corrisponde nel IV Vangelo a chiedere nel nome di Ges: Se chiederete qualcosa al Padre nel mio nome, egli ve la dar (Gv 16,23; cfr. anche Gv 14,13). A questo punto nascono tre problemi: 1 Pregare secondo la volont divina non vuol dire rinunciare del tutto alla nostra autonomia perdendo cos la nostra libert? Rispondiamo dicendo che la volont di Dio non annulla mai la nostra libert, ma la libera ulteriormente. 2 Non forse inutile chiedere una cosa che sappiamo che Dio vuole, dal momento che la volont divina realizza sempre quello che desidera? Dio colui che tutto opera efficacemente conforme alla sua volont (Ef 1,11). Tuttavia per noi necessario pregare perch la preghiera fatta secondo il divino volere dilata il nostro cuore, educa il nostro spirito, ci conforma a Dio che dialogo ed preghiera. 3 Il terzo problema sta nel sapere quale sia in concreto la volont di Dio, anche nelle piccole occasioni. Nelle sue linee generali la conosciamo, ma in particolare non sempre le cose sono chiare. Siamo sicuri che se chiediamo lo Spirito Santo egli ce lo dona, per non facile sapere se una certa ispirazione particolare viene dallo Spirito buono (ad es.: una guarigione fisica corrisponde s o no alla volont di Dio?). Che cosa fare? Noi chiediamo con vera insistenza lo Spirito Santo, ben sapendo che senza di lui non possiamo fare nulla, assolutamente nulla. Poi, sar lo Spirito Santo a farci capire se una determinata intenzione sia buona o meno, corrisponda e no alla volont del Padre. Ci sono esegeti che pensano che il testo di 5,13-21 sia un'aggiunta posteriore di un redattore sconosciuto. A noi pare tipicamente giovanneo il collegamento tra il tema della comunione con Dio (ovvero la fede in lui) e quello della preghiera: cfr. Gv 15,7 Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sar dato (cfr. anche 14,12-13; 15,16). Nella teologia giovannea la fede vista come premessa al dialogo orante con Dio, anzi, come qualcosa che diventa necessariamente dialogo e quindi preghiera. Se sappiamo che ci ascolta, se qualcosa gli chiediamo: l'esaudimento assicurato, perch tutto concorre al bene di coloro che amano Dio (Rom 8,28). Il modo materiale dellesaudimento a volte non esattamente quello che noi uomini, limitati nelle nostre vedute, desideravamo. In ogni caso esso va al di l di quello che ci aspettavamo. Ges stesso ha pregato che passasse il calice della croce e l'autore della lettera agli Ebrei dice che fu esaudito (non nel modo richiesto, ma in uno molto superiore): Ebr 5,7 Proprio per questo nei giorni della sua vita terrena egli offr preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo da morte e fu esaudito per la sua piet; 8 pur essendo Figlio, impar tuttavia l'obbedienza dalle cose che pat 9 e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono . Anche Paolo preg il Signore e venne esaudito in un modo del tutto imprevedibile: 2 Cor 12,7 Perch non montassi in superbia per la grandezza delle rivelazioni, mi stata messa una spina nella carne, un inviato di satana incaricato di schiaffeggiarmi, perch io non vada in superbia. 8 A causa di questo per ben tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me. 9 Ed egli mi ha detto: Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza. Mi vanter quindi ben volentieri delle mie debolezze, perch dimori in me la potenza di Cristo. 10 Perci mi compiaccio nelle mie infermit, negli oltraggi, nelle necessit, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, allora che sono forte . Non forse un esaudimento vedere il Cristo e sapere da lui di essere nella sua grazia in modo da diventare forti 85

della sua forza senza pi temere le avversit, ma sentendole come un motivo di vanto e di compiacenza? Lo stesso Paolo perci ci informa che in genere non sappiamo quale sia il nostro vero bene. Bisogna allora lasciar agire lo Spirito Santo: Rom 8,26 Lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perch nemmeno sappiamo che cosa sia conveniente domandare, ma lo Spirito stesso intercede con insistenza per noi, con gemiti inesprimibili; 27 e colui che scruta i cuori sa quali sono i desideri dello Spirito, poich egli intercede per i credenti secondo i disegni di Dio. 28 Del resto, noi sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno. Lasciamo fare all'azione misteriosa dello Spirito che in noi: questo Spirito rende testimonianza ai nostri cuori facendoci conoscere la nostra grandezza di figli, rendendoci consapevoli dei doni di luce e di verit che abbiamo ricevuto, dandoci coscienza della comunione di fede e di amore che abbiamo con il Padre e con il Figlio (3,24). Questo stesso Spirito, se saremo docili ai suoi impulsi, ci metter in sintonia con il pensiero del Padre e di Cristo e noi, sempre pi, saremo in grado di chiedere quello che corrisponde alla volont di Dio, che Amore. Sappiamo di avere le cose chieste che abbiamo chiesto a lui: la nostra certezza devessere talmente grande che, appena iniziamo la preghiera, dobbiamo essere persuasi che il Padre ci ascolta e ci dona quello che gli stiamo chiedendo: Mc 11,23 In verit vi dico: chi dicesse a questo monte: Lvati e gettati nel mare, senza dubitare in cuor suo ma credendo che quanto dice avverr, ci gli sar accordato. 24 Per questo vi dico: tutto quello che domandate nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi sar accordato . Ogni altro atteggiamento, che non sia quello di una totale parresa, rende la nostra preghiera pi una manifestazione di paura e di dubbio, che una testimonianza di amore e di fede. In conclusione, tre sono le cose che dobbiamo sapere sulla preghiera: 1 essa dev'essere fatta con totale fiducia, 2 possiamo chiedere tutto, purch conforme alla volont divina, 3 siamo sempre esauditi subito. 2. PREGHIAMO PER IL FRATELLO CHE PECCA (5,16-17)
5.16 E ) a/n tij i)/dv to\n a)delfo\n au)tou= a(marta/nonta a(marti/an mh\ pro\j qa/naton, ai)th/sei kai\ dw/sei au)t%= zwh/n, toi=j a(marta/nousin mh\ pro\j qa/naton. e)s / tin a(marti/a pro\j qa/naton: ou) peri\ e)kei/nhj le/gw i(/na e)rwth/sv. 5.17 pa=sa a)diki/a a(marti/a e)sti/n, kai\ e)/stin a(marti/a ou) pro\j qa/naton.

5,16 Se uno vede il proprio fratello peccare con un peccato (che) non (porta) a morte, preghi, e (Dio) gli dar (la) vita: acoloro chepeccano non a morte; c' (un) peccato (che porta) a morte: per questo dico di non pregare. 5,17 Ogni ingiustizia peccato, ma c' (un) peccato (che) non (porta) a morte. Se uno vede il proprio fratello peccare con un peccato che non porta a morte, preghi: dopo l'utile istruzione sulla preghiera, che noi abbiamo semplicemente sviluppato svelandone, con l'aiuto di altri testi del N.T., il contenuto nascosto, Giovanni invita il fedele a pregare per il fratello peccatore. Ogni cristiano, che non vuole ingannarsi, si deve riconoscere peccatore davanti al Dio fedele e giusto (1,8). Deve per pregare non solo per i propri peccati, ma anche per quelli dei suoi fratelli. Quello che Ges fa presso il Padre, intercedendo come avvocato a nostro favore (2,2), lo deve fare anche il cristiano, che in questo imita il suo Maestro e Signore. La stessa cosa insegna l'apostolo Giacomo: Giac 5,16 Confessate perci i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri per essere guariti. Molto vale la preghiera del giusto fatta con insistenza. 17 Elia era un uomo della nostra stessa natura: preg intensamente che non piovesse e non piovve sulla terra per tre anni e sei mesi. 18 Poi preg di nuovo e il cielo diede la pioggia e la terra produsse il suo frutto. 19 Fratelli miei, se uno di voi si allontana dalla verit e un altro ve lo riconduce, 20 costui sappia che chi riconduce un peccatore dalla sua via di errore, 86

salver la sua anima dalla morte e coprir una moltitudine di peccati . La carit sulla quale Giovanni in questa lettera ha insistito tanto si traduce in pratica anche nella preghiera per la conversione dei peccatori. E Dio gli dar la vita: questa affermazione suppone che il peccato fatto dal fratello sia stato cos grave da indebolirlo fortemente nella vita spirituale, al punto che quasi egli l'ha persa e quindi ha bisogno che gli venga ridata. Tale colpa per ma non tale da farlo perire del tutto e in modo pressoch irreparabile (possiamo introdurre una distinzione tra peccato grave e peccato mortale in senso assoluto). A coloro che peccano non a morte: per morte in questo caso bisogna intendere quella situazione di peccato cos grave che non vi speranza di recupero. Appartiene a questo tipo di peccato la bestemmia contro lo Spirito Santo, che consiste sostanzialmente in una finta sincerit che cerca in tutti i modi di spacciarsi come vera, mentre in realt una ipocrisia segreta diventata sistema di vita. Quando tale atteggiamento continuamente coltivato e potenziato assorbe tutte le energie mentali e fisiche e rende incapaci di sintonizzarsi sulle onde di Dio. Il nostro Io prende il posto di Dio e allora non ci sono limiti alle storture morali: ci si ritiene giusti e in diritto di criticare Dio, si cerca solo e sempre il proprio successo (illudendosi di ottenerlo anche nel campo spirituale), si pretende la salvezza usando le scorciatoie di una religiosit magica, si resta sempre di pi accecati circa la propria disastrosa situazione morale. Si teme come il fuoco ogni umiliazione. Si evita accuratamente la vera conoscenza della propria miseria: si preferisce linferno, piuttosto che riconoscersi salvati dalla misericordia di Dio e degli uomini. Non si ha nel cuore lamore di Dio ( Gv 5,42), ma la ricerca idolatrica della propria gloriuzza (Gv 5,44). C' un peccato (che porta) a morte: ecco ancora quale pu essere uno dei peccati a morte: quello ad esempio di vedere in Ges l'opera del demonio invece di quella dello Spirito Santo: Mc 3,28 In verit vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno; 29 ma chi avr bestemmiato contro lo Spirito santo, non avr perdono in eterno: sar reo di colpa eterna. 30 Poich dicevano: posseduto da uno spirito immondo . Quando l'uomo arriva ad una cecit cos grave, non solo ha l'occhio della coscienza annebbiato, ma il suo occhio perduto in modo irreversibile. Solo un vero miracolo lo pu salvare. Questo peccato a morte pu anche essere il peccato dell'uomo del mondo, che corre freneticamente dietro alle sue concupiscenze, fino a conformarsi in pieno allo spirito del male (e diventare figlio del diavolo). Si tratta di quel peccato che Giovanni chiama anoma (3,4) e adika (5,17), in senso pieno (cfr. Ebr 6,4-6); peccato che il cristiano, che sta sotto l'influsso della grazia filiale, non commette e non pu commettere (l'incredulit arrogante, l'apostasia ostinata, l'odio satanico verso Dio e verso i fratelli...; cfr. Gv 8,24). Per questo dico di non pregare: Ges stesso si era rifiutato di pregare per il mondo del peccato: Gv 17,9 Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perch sono tuoi. Dobbiamo temere con santo timore di cadere inavvertitamente in questo peccato: tale caduta avviene quando induriamo il cuore alla grazia, quando resistiamo sempre pi fortemente allo Spirito Santo, fino al punto da renderci refrattari, in modo inconsapevole e non per questo meno colpevole, alla volont divina. Eppure Dio ci pu purificare da ogni ingiustizia se chiediamo perdono (adika:1,9): ma questi ingiusti dicono con orgoglio smisurato: Siamo senza peccato (1,8). Ogni ingiustizia (adika) peccato, ma c' un peccato (che) non (porta) a morte: Giovanni ci ricorda che non ogni peccato mortale. Se ogni peccato anoma (trasgressione della legge: 3,4), non ogni peccato adika in modo totale, cio peccato che conduce irreversibilmente alla perdizione. Sino alla fine della lettera noi abbiamo accolto, senza fiatare, lo stile dell'Evangelista che tende ad esasperare i contrasti: per lui o si radicalmente buoni oppure totalmente cattivi, con l'introduzione, come unico correttivo, della possibilit di un peccato non mortale. Lo stile di Giovanni, se male assimilato, potrebbe portarci ad un estremismo: quello di giudicare con troppa 87

durezza chi non la pensa come noi e di demonizzarlo (trattandolo come figlio del diavolo). In questa lettera vi , ad esempio, la dura condanna degli pseudoprofeti, che, in qualche passo, sono chiamati perfino anticristi: una tale presa di posizione va adottata solo da chi ha l'autorit apostolica di farlo e l'autorevolezza derivante da un vero carisma profetico. Pu pronunciare una tale sentenza solo chi ha ragioni molto valide e se, da parte sua, vi davvero la massima carit, perch, non dimentichiamolo, Ges stato condannato a morte proprio come falso profeta da una comunit religiosa praticante, che credeva con questa uccisione di difendere l'onore di Dio. Quante volte responsabili della nostra Chiesa hanno commesso lo stesso orrendo sbaglio in nome di Dio! Ritornando alla dottrina giovannea sul peccato espressa in questi versetti, concludiamo augurandoci che essa faccia capire meglio, per contrasto, tutta la bellezza della giustizia, della santit che vita e armonia interiore. 2 - QUATTRO CERTEZZE STUPENDE E UN FORTE AVVERTIMENTO 1. PRIMA CERTEZZA: CHI NATO DA DIO PRESERVA SE STESSO (5,18)
5.18 Oi)/damen o(/ti pa=j o( gegennhme/noj e)k tou= qeou= ou)x a(marta/nei, a)ll' o( gennhqei\j e)k tou= qeou= threi= au)to/n kai\ o( ponhro\j ou)x a(/ptetai au)tou=.

5,18 Sappiamo che chiunque statogenerato da Dio non pecca: ma [il Generato da Dio lo preserva] chi generato da Dio preserva sestesso e il maligno non lo tocca. Sappiamo che chiunque stato generato da Dio non pecca: adesso Giovanni riassume tutta la sua lettera cercando di imprimere nella mente e nel cuore del suo lettori quattro grandi verit, che riempiono il cristiano di ottimismo e di fiducia. La prima verit riguarda il cristiano in genere: chi nato da Dio non corre il rischio di fare quel peccato mortale che di cui si appena parlato (3,6). L'Evangelista non perde l'occasione di sottolineare le conseguenze pratiche derivanti dalla nostra filiazione divina, cio dal fatto che stato Dio a generarci come suoi veri figli. Ma il Generato da Dio lo preserva oppure Ma chi generato da Dio preserva se stesso: qui infatti la traduzione pu essere duplice. O il Cristo, il Generato per eccellenza, lo difende (Gv 17,15), oppure il cristiano stesso, in quanto nato da Dio, in quanto cio possiede un misterioso germe di vita eterna (3,9), resta immunizzato. E il maligno (poners) non lo tocca: chi conserva la sua unione filiale con il Padre non pu essere preda del maligno fino a diventargli figlio. Dunque lo Spirito, che guider il figlio di Dio, sar sicuramente solo quello buono, quello santo. La stessa cosa la afferma Ges, usando l'immagine delle pecore: Gv 10,27 Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. 28 Io do loro la vita eterna e non andranno mai perdute e nessuno le rapir dalla mia mano. 29 Il Padre mio che me le ha date pi grande di tutti e nessuno pu rapirle dalla mano del Padre mio (cfr. 2,13b). Questa certezza non deve generare presunzione (che porta a disprezzare e a condannare gli altri), ma solo quella parresa di cui bello essere ripieni. 2. SECONDA CERTEZZA: SIAMO DA DIO (5,19)
5.19 oi)/damen o(/ti e)k tou= qeou= e)smen kai\ o( ko/smoj o(/loj e)n t%= ponhr%= kei=tai.

5,19 Sappiamo che siamo da Dio, mentre tutto il mondo giace nel maligno.

88

Sappiamo che siamo da Dio: la seconda verit riguarda in particolare i lettori a cui la lettera si rivolge. Giovanni l'aveva gi affermato (4,6), mettendo gli amici di Dio in contrapposizione con quelli del mondo. Mentre tutto il mondo giace nel maligno: ai figli di Dio Giovanni contrappone nettamente il mondo del peccato. Questo mondo come morto (giace) sotto il potere del diavolo. Il lettore deve capire che non ci possono essere vie di mezzo o compromessi. Anche in questo caso solo l'umilt vera e la carit autentica, eviteranno che una certezza cos consolante si trasformi in un motivo di conflitto che, con la scusa di fermare il maligno, uccide l'uomo che maligno non . 3. TERZA CERTEZZA: IL FIGLIO CI HA DATO L'INTELLIGENZA (5,20 a)
5.20 oi)/damen de\ o(/ti o( ui(o\j tou= qeou= h(/kei kai\ de/dwken h(mi=n dia/noian i(/na ginw/skwmen to\n a)lhqino/n,

5,20 Sappiamo anche che il Figlio di Dio venuto e ci ha dato (l')intelligenza per conoscere il Vero (Dio). Sappiamo anche che il Figlio di Dio venuto: la terza verit consiste innanzi tutto nel ribadire l'annuncio che il Figlio del Padre venuto nel mondo (4,2; 5,6). Qui non pi precisato in che modo venuto (nella carne... con acqua e sangue...), ma viene messo in risalto quello che di speciale egli ci dona con la sua venuta. Ci ha dato l'intelligenza (di-noia) per conoscere il Vero (alethins) Dio: Giovanni indica Dio con un semplice aggettivo sostantivato: il Vero, il Veritiero (noi abbiamo aggiunto il termine sottinteso: Dio). In tal modo lautenticit e la sincerit appaiono come qualit costituive di Dio stesso. Ora, il Cristo ha dato a noi suoi fedeli l'intelligenza spirituale, non solo per capire qualcosa delle misteriose opere del Dio vero, ma per conoscere direttamente in modo vivo proprio Lui, nella sua verit piena (Mt 11,27 Tutto mi stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare). Non come gli illusi che credono di conoscere Dio e si ingannano, perch la loro vita in contraddizione con quello che dicono (2,4), dal momento che non osservano i suoi comandamenti. Il principale comandamento dice appunto: Amerai il Signore... con tutta la tua mente (dinoia. Mc 12,30). Solo se metteremo tutto l'impegno mentale che ci possibile per conoscere il vero Dio e per scoprirne la sua santa volont, ci sar data quell'intelligenza superiore necessaria per capire i segreti di Dio ( Ebr 8,10). Purtroppo alle volte impieghiamo la nostra intelligenza solo per cercare quello che ci fa comodo: utilizziamola invece appieno nel sintonizzarla con quella divina! Cfr. Gv 17,3 Questa la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Ges Cristo. 4. QUARTA CERTEZZA: SIAMO IN GES CHE IL VERO DIO (5,20b)
kai\ e)sme\n e)n t%= a)lhqin%=, e)n t%= ui(%= au)tou= )Ihsou= Xrist%=. ou(=to/j e)stin o( a)lhqino\j qeo\j kai\ zwh\ ai)w/nioj.

E (noi) siamo nel vero (Dio), nel Figlio suo Ges Cristo: egli il vero Dio e (la) vita eterna. Noi siamo nel vero (alethins) Dio, nel Figlio suo Ges Cristo: per l'ultima volta Giovanni invita i suoi lettori a ritenere, senza presunzione, di essere nel vero Dio. I veri cristiani possono stare tranquilli; hanno la conferma dell'Apostolo che li rassicura nuovamente (lo ha appena fatto nel v. 19; cfr. anche 1,3; 3,1; 4,6). Tutti insieme (apostoli e fedeli), sono sicuri, non solo di conoscere veramente Dio, ma di essere in Dio e in Ges, in Dio perch in Ges Cristo. Il vero Dio si rivela infatti in Ges, Figlio suo. Questi, vero Uomo e vero Dio, la via che conduce al Padre, la verit che ci libera e la vita che dona speranza (Gv 14,6). Il tema giovanneo della verit,

89

molto sviluppato nel IV Vangelo, ben presente anche nelle tre lettere di Giovanni: questi si preoccupa molto affinch i lettori pratichino la verit (1,6), la possiedano (1,8; 2,4), non la ignorino (2,21), ma, provenendo dalla verit (3,19), si facciano illuminare dalla vera Luce (2,8) ed istruire dal Crisma verace (2,27), perch lo Spirito la verit (5,6). Come culmine di tutto il cammino egli pone il dovere di amare nella verit (3,18; 2 Gv 1; 3 Gv 1). Egli il vero (alethins) Dio e la vita eterna: ecco una della pi belle e pi chiare affermazioni della divinit del Cristo, presentato con entusiasmo come il vero Dio (alethins: 3 volte), e, in sintonia con il Prologo (1,1-2), come Vita eterna. Abbiamo una testimonianza equivalente a questa solo nell'entusiastico atto di fede di Tommaso: Gv 20,28 Rispose Tommaso: Mio Signore e mio Dio! Anche noi facciamo la nostra professione di fede convinta e gioiosa! 5. L'AVVERTIMENTO FINALE: ATTENTI ALL'IDOLATRIA (5,21)
5.21 Tekni/a, fula/cate e(auta\ a)po\ tw=n ei)dw/lwn.

5,21 Figlioli, custodite voistessi dagli idoli! Figlioli, custodite voi stessi dagli idoli!: infine, ecco l'avvertimento pi che mai opportuno rivolto ai figlioli: chi crede nel vero Dio, stia attento a non scivolare nell'adorazione degli idoli (idolon: simulacro, immagine, fantasma, da idomai: apparisco, fingo). Dopo un cos alto discorso mistico, ci pu sembrare non opportuno questo avvertimento. Invece pi che mai necessario: il credente pu facilmente diventare un idolatra. Ogni volta che mettiamo qualcosa al posto di Dio, noi adoriamo un idolo. L'Evangelista ha il coraggio di dirlo chiaramente, cos come fa Paolo affermando che l'avidit (di piaceri illeciti, di denaro...) una forma di idolatria ( Col 3,5; Ef 5,5). Giovanni finisce la sua lettera delineando a tratti magnifici, da una parte, Ges Cristo, il vero Dio, e dall'altra, gli idoli, i simulacri falsi e ingannevoli, esaltati dai pagani e dai falsi profeti. Idolo, per noi oggi, continua ad essere tutto quello che contrario a Colui che d senso e valore alla nostra vita, cio a Ges Cristo, nostro Dio e nostro Signore (1 Cor 10,14).

90

RIFLESSIONI CONCLUSIVE
La lettera che abbiamo appena terminato di leggere in clima di preghiera costituita da passi che appartengono a tre generi di insegnamento: 1 l'annuncio delle grandi verit della fede (Giovanni in quanto apostolo ed evangelista), 2 la valutazione di fatti e di eventi comunitari (Giovanni in quanto pastore e guida), 3 l'esortazione dei fedeli (Giovanni in quanto maestro ed educatore). L'annuncio costituito dalla testimonianza degli avvenimenti salvifici direttamente vissuti riguardanti il Ges terreno (interpretati alla luce della fede, la quale fa capire che Cristo il Figlio di Dio, il vero Dio e la Vita eterna ) e riguardanti la dottrina che Cristo ha insegnato (Dio Luce e Amore; bisogna amarsi a vicenda...). Le valutazioni riguardano i comportamenti dei cristiani: alcuni sono fedeli (Siamo o siete da Dio...), altri sono ribelli (Dicono... ma sono bugiardi... Sono figli del diavolo, anticristi...). Le esortazioni sono molte e sono indirizzate ai buoni (Rimanga in voi quel che avete udito dal principio... Nessuno vi seduca... Amiamoci gli uni gli altri...). Siamo chiamati a credere all'annuncio (fede), a fare nostro il suo modo di valutare le situazioni e i tempi (discernimento) e a seguire concretamente le esortazioni (pratica). Approfondiamo ora solo tre temi importanti presenti nella lettera (la comunione, la carit e lo Spirito Santo): 1 La comunione (koinona) un concetto fondamentale. La comunione si realizza in tre momenti: si passa innanzi tutto dall'isolamento alla relazione (con i fratelli: apertura all'altro; con Dio: accoglienza del suo progetto e della sua parola); contemporaneamente si acquisisce un linguaggio comune (a livello umano: per comunicare esperienze, convinzioni...; a livello religioso: obbedienza della fede, preghiera...); ed infine si crea tra le persone una solidariet ed una condivisione (fino al punto di partecipare alla stessa gioia e alla stessa vita divina in qualit di figli). 2 Amore (agpe) realt importantissima nella nostra lettera: l'amore qualcosa di divino, una virt perfetta, il dono che il Padre ci fa, chiamandoci ad essere suoi figli (3,1), Dio stesso (4,8). L'amore del Padre si manifesta nel dono fattoci del Figlio suo, affinch questi, per amore desse la sua vita per noi (3,16) e noi vivessimo per lui (4,9). Se noi riconosciamo e crediamo all'amore di Dio (4,16), sentiamo il dovere di amare Dio e il prossimo (4,11). L'amore del prossimo diventa il segno indicatore che rivela se amiamo Dio (4,20-21) e l'amore di Dio segnala la qualit del nostro amore per i fratelli (5,2). Chi ama il fratello rimane nella luce (2,10), da Dio (3,10), passato dalla morte alla vita (3,14), nato da Dio e conosce Dio (4,7), Dio rimane in lui (4,12). L'amore verso Dio si concretizza nell'osservanza dei comandamenti (5,3) e quello del prossimo nei fatti (3,18). L'amore il comandamento antico e nuovo (4,7-8), il suo comandamento (3,23), il comandamento per antonomasia (4,21). Contrapposto a chi ama, vi chi dice di amare, ma lo fa solo a parole (3,18) oppure addirittura odia; di lui Giovanni descrive la tremenda situazione (2,9.11: nelle tenebre; 3,10: non da Dio; 3,14: rimane nella morte; 3,15: omicida; 4,8: non conosce Dio; 4,20: bugiardo). Quanto insistente in questa lettera l'invito ad osservare il comando non gravoso e liberante dell'amore! (3,11.18.23; 4,7.11.21). 3 Lo Spirito (pnuma) Santo: all'inizio presentato come khrsma che proviene dal Santo e che ci dona la scienza (2,20) e ci istruisce su tutto (2,27); in seguito viene chiamato Spirito, dato da Dio (3,24; 4,13). Lo Spirito rende testimonianza a Cristo (5,6) facendoci capire il mistero dell'Incarnazione e dei Sacramenti e facendoci professare Ges venuto nella carne (4,2). Inoltre, ci rende consapevoli che Dio dimora in noi (3,24). L'opera interiore dello Spirito raffinatissima e delicatissima: per riconoscerla bisogna saper discernere il vero spirito da quello falso (4,6) mettendo alla prova le varie ispirazioni (4,1): lo Spirito di Dio quello della verit (4,6), perch 91

lo Spirito la Verit (5,6). Segni della presenza dello Spirito sono la vera fede nell'Incarnazione (4,2) e l'ascolto dell'annuncio apostolico genuino (4,6). Non ripetiamo qui le molte cose gi dette su altre tematiche come Dio, Cristo, la filiazione divina, la giustizia, la testimonianza, la fede, l'ascolto, la preghiera, il discernimento, la conoscenza, la verit, la luce, la vita eterna, la vittoria, la parusia... (e poi, in netto contrasto: il mondo, la concupiscenza, il diavolo, la menzogna, gli anticristi...). Diciamo solo che la nostra lettera tratta tutte queste tematiche ad un livello non solo teologico, ma mistico, cio vitale, esperienziale, estremamente profondo e alto nello stesso tempo. Ora, come conclusione, preghiamo il Padre con le parole di Paolo, sicuri di essere esauditi: Ef 3,14 Io piego le ginocchia davanti al Padre, 15 dal quale ogni paternit nei cieli e sulla terra prende nome, 16 perch ci conceda, secondo la ricchezza della sua gloria, di essere potentemente rafforzati dal suo Spirito nell'uomo interiore. 17 Che il Cristo abiti per la fede nei nostri cuori e cos, radicati e fondati nella carit, 18 siamo in grado di comprendere con tutti i santi quale sia l'ampiezza, la lunghezza, l'altezza e la profondit, 19 e conoscere l'amore di Cristo che sorpassa ogni conoscenza, perch siamo ricolmi di tutta la pienezza di Dio. 20 A colui che in tutto ha potere di fare molto pi di quanto possiamo domandare o pensare, secondo la potenza che gi opera in noi, 21 a lui la gloria nella Chiesa e in Cristo Ges per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli! Amen. Proprio al termine di tutto devo dare una mia testimonianza: non mi fa onore, ma sento il dovere di comunicarla. Questo commento, a parte qualche ritocco secondario fatto in seguito, lho scritto nel 1999. Rileggendolo ora dopo 7 anni per una revisione, con mia grande meraviglia ho notato che gi a quellepoca avevo scritto delle cose verissime circa il pericolo dellautoillusione. Ebbene devo confessare che su molte cose essenziali in quel periodo mi stavo proprio illudendo. Attualmente, grazie ad una prova che mi ha costretto ad aggrapparmi alla fede e ad interiorizzarla come non avevo mai fatto prima, lo Spirito del Signore mi ha un poco illuminato gli occhi del cuore: ho cominciato a capire che quanto pi scrivevo cose vere riempiendo la mente di verit sublimi, tanto pi mi ingannavo nella vita pratica. Il Signore ha iniziato a correggermi con una pena bruciante: lho accolta come una purificazione, come un dono della sua misericordia. Pertanto devo avvisare tutti: non siate presuntuosi! La presunzione acceca in modo incredibile. Ci sono cose (e sono le pi importanti) che Dio nasconde ai sapienti. Non che in seguito non mi siano servite le cose scritte e anche gustate in passato. Anzi, Dio si pu servire perfino dei nostri sbagli e delle nostre brutture. Per, non basta assolutamente solo sapere o credere di sapere: bisogna proprio avere da Dio il dono di vivere la carit e di fare il bene. Non basta leggere o scrivere un libro o cento libri di spiritualit per essere davvero spirituali o anche solo per poter pensare di aver capito qualcosa circa lo spirito. sufficiente anche un sottilissimo filo che ci tiene prigionieri e il nostro volo verso Dio, che Spirito, diventa impossibile o (il che peggio perch illude) solo virtuale. Chi ha occhi per guardare, veda! Chi ha orecchi per ascoltare, intenda! E chi crede di vedere e di intendere e in qualche modo (anche segreto) se ne inorgoglisce, non ha ancora imparato a vedere e ad intendere. Chi troppo intelligente viene preso nel laccio della sua stessa intelligenza, chi invece non confida in se stesso, ma pone la sua speranza unicamente nella misericordia divina ottiene misericordia. pericoloso far leva sulla propria giustizia, perch la nostra vera giustizia sta nel perdono che Dio desidera concederci. Questa sia la nostra unica grande certezza!

92

INDICE

93