Sei sulla pagina 1di 2

Canto Gregoriano ed Ambrosiano per il tempo di Quaresima

VIDE HUMILITATEM MEAM


Vide humilitatem meam
et laborem meum, Domine;
et dimitte omnia peccata mea,
Deus meus; quia Te sustinui tota die.
Ad Te Domine levavi animam meam:
Deus meus in Te confido, non erubescam.
Deus meus, quia Te sustinui tota die.
EX MORE DOCTI MYSTICO
Ex more docti mystico Servemus hoc jejunium,
Deno dierum circulo Ducto quater notissimo.
Lex et prophetae primitus Hoc praetulerunt,
postmodum Christus sacravit, omnium Rex, atque
Factor temporum. Utamur ergo parcius Verbis, cibis et
potibus, Somno, jocis; et arctius Porstemus in custodia.
Vitemus autem pessima, Quae subruunt mentes vagas,
Nullumquae demus callido Hosti locum tyrannidis.
EMENDEMUS IN MELIUS
Emendemus in melius quae ignoranter
peccavimus, ne subito praeoccupati die
mortis quaeramus spatium paenitentiae et
invenire non possimus. Attende Domine et
miserere, quia peccavimus tibi. Adiuva nos
Deus salutaris noster, et propter honorem
nominis Tui Domine libera nos.
LUCERNA PEDIBUS MEIS
Lucerna pedibus meis Verbum Tuum Domine et lumen
semitis meis. Juravi et statui custodire
Judicia justitiae Tuae
EXURGE, QUARE OBDORMIS
Exsurge, quare obdormis Domine? Exsurge, et ne repellas in
finem: quare faciem tuam avertis, oblivisceris tribulationem
nostram? adhaesit in terra venter noster: Exsurge Domine,
adiuva nos, et libera nos.
Ps. 43: Deus auribus nostris audivimus: Patres nostri
annuntiaverunt nobis opus quod operatus es in diebus eorum,
in diebus antiquis.

V. Ad Te Domine levavi - Ambrosiano


Guarda o Signore la mia piccolezza
e il mio affanno;
e perdona tutti i miei peccati, Dio mio,
poich per tutto il giorno mi sono sottomesso a Te.
A Te Signore, ho innalzato la mia anima:
Dio mio confido in Te, che io non arrossisca.
Dio mio , per tutto il giorno Ti sono stato sottomesso.
Inno di S. Ambrogio per la Quaresima
Istruiti dalla mistica consuetudine, osserviamo questo digiuno,
computando il notissimo periodo di quattro volte dieci giorni. La
Legge e i Profeti da principio lo indicarono, successivamente Cristo,
Re e Creatore di tutti i tempi, lo conserv. Facciamo uso quindi pi
parcamente delle parole, dei cibi e delle bevande, del sonno e degli
svaghi, e rimaniamo pi saldamente fermi nellosservanza. Evitiamo
poi le pessime cose che fanno vacillare le menti incostanti e non
lasciamo spazio alcuno di tirannide allastuto nemico.
Mercoled delle ceneri - Liturgia romana
Ripariamo al male commesso nella nostra ignoranza
affinch, colti allimprovviso nel giorno della morte,
non cerchiamo inutilmente il tempo di pentirci e non
ci sia possibile trovarlo. Volgi a noi il Tuo sguardo o
Signore, e abbi piet perch contro di Te abbiamo
peccato. Aiutaci, o Dio della nostra salvezza, e
liberaci per lonore del Tuo nome.
Lucernario Ps. 118 - Ambrosiano
Lampada per i miei passi la Tua Parola, luce sul mio
cammino. Ho giurato, e lo confermo, di custodire i tuoi precetti di
giustizia.
I modo, Ps. 43 - Gregoriano
Svegliati, perch dormi o Signore? Destati e non rigettarci per
sempre. Perch nascondi il Tuo volto, dimentico della nostra
tribolazione? Giace a terra il nostro corpo: sorgi in nostro aiuto, o
Signore e liberaci.
Dio, con i nostri orecchi abbiamo udito,
i nostri padri ci hanno raccontato lopera che hai compiuto ai
loro giorni nei tempi antichi.

LAMENTATIO JEREMIAE PROPHETAE


Incipit lamenttio Jeremiae prophtae.
ALEPH. Qumodo sdet sla civitas plna ppulo:
fcta est quasi vdua dmina gntium:
princeps provincirum fcta est sub tribto.
BETH. Plrans plorvit in ncte, et lcrimae jus in maxllis jus:
non est qui consoltur am ex mnibus cris jus:
mnes amici jus spevrunt am, et fcti sunt i inimci.
GHIMEL. Migrvit Idas propter afflictinem et multitdinem
servittis:
habitvit inter gntes, nec invnit rquiem:
mnes persecutres ius apprehendrunt am inter angstias.
DALETH. Viae Sion lugent o quod non sint qui vniant ad
solemnittem:
mnes prtae ius destrctae sacerdtes ius gemntes:
virgines ius aqulidae, et ipsa opprssa amaritdine.
HE. Fcti sunt hstes ius in cpite, inimci ius locupletti sunt:
quia Dminus loctus est super am propter multitdinem iniquittum
ius: prvuli ius dcti sunt in captivittem ante fciem tribulntis.
Jersalem, Jersalem convrtere ad Dminum Dum tum.

Mozarabico
Inizia il lamento del profeta Geremia.
ALEPH. Come giace sola la citt piena di gente:
divenne come una padrona senza popolo:
prima tra le province fu sottomessa.
BETH. Piangendo pianse nella notte, e lacrime scorrono sulle sue
guance:
non c chi la consoli tra tutti i suoi cari:
tutti i suoi amici lhanno disprezzata e sono divenuti suoi nemici.

COENAE TUAE MIRABILI


Coenae Tuae mirabili hodie, Filius Dei, socium me accipis. Non enim
inimicis tuis hoc mysterium dicam:
non tibi dabo osculum, sicuti et Judas;
sed sicut latro confitendo Te:
memento mei Domine, in regno Tuo.

Gioved Santo - Ambrosiano


Alla Tua mirabile cena, oggi o Figlio di Dio, mi accogli come Tuo
compagno. Non riveler ai Tuoi nemici questo mistero: non Ti dar il
bacio di Giuda; ma come il ladrone, creder in Te, dir: ricordati di
me Signore, quando sarai nel Tuo regno.

Gerusalemme, Gerusalemme rivolgiti al Signore Dio tuo.

JAM SURGIT HORA TERTIA


Jam surgit hora tertia , qua Christus ascendit Crucem, nil
insolens mens cogitet, intendat affectum precis.
TENEBRAE FACTAE SUNT
Tenebrae factae sunt super universam
terram, dum crucifixerunt Jesum Judaei.
Et circa horam nonam exclamavit
Jesus voce magna:
Deus, Deus, quid me dereliquisti?
Tunc unus ex militibus lancea latus
ejus perforavit. Et inclinato capite,
emisit spiritum. Ecce terraemotus factus
est magnus.Nam velum templi scissum
est, et omnis terra tremuit.
ADORAMUS TE CHRISTE
Adoramus Te Christe et benedicimus tibi, quia per
Sanctam Crucem tuam redemisti mundum.
Qui passus es pro nobis, Domine, Domine,
miserere nobis.
MEDIA VITA
Media vita in morte sumus,
quem quaerimus adjutorem nisi Te,
Domine, qui pro peccatis nostris irasceris.
Sancte Deus, Sancte fortis,
Sancte misericors Salvator
amarae morti ne tradas nos.
STABAT MATER
Stabat Mater dolorosa, iuxta Crucem lacrimosa, dum
pendebat Filius Cuius animam gementem, contristatam et
dolentem, pertransivit gladius.
Christe, cum sit hinc exire, da per Matrem me venire, ad
palmam victoriae. Quando corpus morietur, fac ut animae donetur,
paradisi gloria. Amen
AUDI BENIGNE CONDITOR
Audi benigne conditor, nostras preces cum fletibus,
sacrata in abstinentia fusas quadragenaria.
Scrutator alme cordium, infirma tu scis virium, ad Te
reversis exshibe remissionis gratiam

S. Ambrogio
E lora terza, Ges viene messo in Croce, noi, pensosi, gli offriamo
laffetto di un animo orante.
Responsorio - Venerdi Santo
Calarono le tenebre su tutta la terra,
quando i Giudei crocifissero Ges.
E verso lora nona Ges
grid a gran voce:
Dio mio, Dio mio, perch mi hai abbandonato?
Allora uno dei soldati perfor con la lancia il suo fianco. E, chinato il
capo, spir.
Ci fu un forte terremoto
Il velo del tempio si squarci
e trem tutta la terra.
Via Crucis, Venerd Santo
Ti adoriamo Cristo e Ti benediciamo perch con la
Santa Croce hai redento il mondo;
per la Tua passione,
o Signore abbi piet di noi
IV Sabato di Quaresima, - Ambrosiano
Nel mezzo della vita, siamo nella morte,
a chi chiederemo aiuto se non a Te
Signore, che Ti adiri per i nostri peccati.
Santo Dio, Santo forte,
Santo misericordioso, Salvatore,
non consegnarci allamara morte.
Jacopone da Todi 1236 / 1306
Addolorata, in lacrime stava la Madre, vicina alla Croce da cui
pendeva il Figlio. Una spada trafisse la sua anima piangente,
rattristata e dolente.
O Cristo, quando sar il momento della mia morte, fammi giungere
alla meta gloriosa per mano di Tua Madre. Quando il mio corpo sar
morto, fa che allanima sia donata la gloria del paradiso. Amen.
S. Gregorio + 604 Liturgia romana
Accogli o Dio di misericordia, le preghiere che il Tuo popolo
effonde in questo tempo santo.
Tu che scruti e conosci i segreti dei cuori, concedi ai penitenti
La grazia del perdono

SCHOLA GREGORIANA MEDIOLANENSIS


Giovanni Vianini
www.cantoambrosiano.com

giovannivianini@alice.it

02 70.104.245 - 339 76.04.237

Studio del canto gregoriano ed ambrosiano:


Ogni mercoledi ore 21 / 23
Aula Magna Universit, BASILICA DI SAN MARCO, Milano - Piazza San Marco 2, primo piano
02 29.00.25.98

Potrebbero piacerti anche