Sei sulla pagina 1di 33

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Primo Piano

4-5

Cesena-Sarsina

Chiesa

Gioved
10 settembre 2015

Gioved 10 settembre 2015

anno XLVIII (nuova serie)

numero 31

31
9

Cesena

Una Chiesa
e i suoi tanti
ponti missionari

Operatori pastorali
Assemblea diocesana
a SantAgostino

Nullit matrimonio
Unica sentenza
e processo pi breve

Vendita etica
possibile.
Vi diciamo come

e cristianesimo, un
dialogo possibile. La voce
Idislam
sacerdoti che vivono o

llinizio dellAnno pastorale, domenica 20


A
settembre alle 15 appun-

ue Motu Proprio del


Papa. Venga assicuraD
ta la gratuit delle proce-

agli States alla Romagna: i coniugi cesenati


D
Alice Alessandri e Alberto

hanno vissuto in Paesi di


prima evangelizzazione

tamento nella chiesa in


centro a Cesena

dure, salva la giusta retribuzione degli operatori

Aleo descrivono quello che


pu essere uno stile di vita

12

Ero straniero...

MIGRANTI AL CONFINE CON LA GRECIA


(FOTO AFP/SIR)

Emergenza profughi, il messaggio del vescovo: La richiesta del Papa non cada nel vuoto

n prossimit del Giubileo della Misericordia, rivolgo un appello alle parrocchie,


alle comunit religiose, ai monasteri e ai santuari dEuropa ad esprimere la concretezza del Vangelo e accogliere una famiglia di profughi. Un gesto concreto in preparazione allAnno Santo della Misericordia. Ogni parrocchia, ogni comunit
religiosa, ogni monastero, ogni santuario dEuropa ospiti una famiglia, incominciando dalla mia diocesi di Roma.
Con questo accorato appello il Santo Padre Francesco, domenica scorsa, si rivolto
ai cattolici dEuropa chiedendo di accogliere con sincerit e con generosit qualche
profugo in casa propria.
Faccio mio lappello papale e con la medesima forza e intensit mi rivolgo alle parrocchie, agli istituti religiosi maschili e femminili, ai monasteri e alle singole persone
e famiglie della nostra diocesi perch la richiesta del Papa non cada nel vuoto.
Abbiamo tutti negli occhi e nel cuore le immagini di questa fuga dai loro paesi di
tanti fratelli e sorelle che cercano un luogo sicuro per vivere in pace.
Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi fratelli pi piccoli, lavete fatto a
me (Mt 25,40). E la parola del Vangelo che ci richiama al dovere della solidariet in
unemergenza davanti alla quale non possiamo restare indifferenti.

La Diocesi, attraverso lopera incessante della Caritas


diocesana, si sta da tempo muovendo per reperire
luoghi e spazi di sua propriet adatti ad accogliere
questi fratelli. Ma ora lo far con un impegno maggiore.
Mi auguro che anche le nostre parrocchie, gli istituti
religiosi maschili e femminili, singoli fedeli e famiglie
facciano ogni sforzo possibile per rispondere a questo
appello. A tutti chiedo di comunicare eventuali disponibilit alla Caritas diocesana (tel. 0547-22423 segreteriacaritas@libero.it) che, in collaborazione con le
diverse Amministrazioni comunali e associazioni di
volontariato, punto di riferimento e di coordinamento per questa emergenza.
La Vergine Maria, di cui oggi celebriamo la nascita, sostenga e benedica il nostro impegno di carit cristiana verso questi fratelli.
Douglas Regattieri
vescovo di Cesena-Sarsina

Opinioni
ofughi
r
p
i
e
d
o
c
e

L
o
in monaster
(FOTO
ARCHIVIO SIR)

Il grido nostro, di ciascuna di noi.


Grido non solo e solitario
perch grido di tutte.
E un porsi in mezzo,
con una mano sugli oppressi
e con laltra sugli aguzzini

Il nostro grido di intercessione


l monastero in s luogo separato dal comune vivere civile ma, a ben vedere per chi
sappia usare della propria vista intelligente, una cassa di risonanza. Le notizie e le
immagini forano le mura e trapassano le coscienze.
Il piccolo riverso sulla spiaggia, la fiumana di profughi siriani che si accalca ai confini
nella lotta per lesistenza, il marchio sulla persona, continuano a ruotare
nellimmaginario e nella coscienza di ognuna di noi.
Non si tratta dellimmediata reazione femminile volta al soccorso, meglio: non solo di
questa reazione spontanea legata alla maternit insita in ogni donna, la lama affonda pi
profondamente e tocca lessere pi interno, lo ferisce e interroga. Perch avviene tutto
questo scempio della vita di tante persone di ogni et, ceto sociale e cultura? Persone note
dalle immagini trasmesse che per parlano, fin troppo eloquentemente, del numero
senza numeri degli ignoti periti, torturati, provati della loro dignit.
Il perch scuote anche la fede riflessa, quella in gioco in ogni esistenza monastica che,
al di l della capacit del singolo monaco o monaca, vuole dire la Presenza dellAltissimo,
del Padre, del Creatore nella storia dellumanit.
Dove questo Padre? Se onnipotente, come lo dimostra? il grido che impedisce di
stordirsi con devozioni che placano; il grido che mette a nudo il pulsare del cuore, il
centro volitivo e amante della persona. Grido che pu attanagliare e quindi distruggere
oppure dilatare e far crescere.
Il grido nostro, di ciascuna di noi, dalla pi anziana, perfettamente lucida a ben 93 anni
e 60 di professione monastica, alla pi giovane che ne conta 28 e attende di poter
emettere la sua professione e ricevere cos il sigillo della Chiesa che la consacri a Dio.

Figli&genitori
Ritorno a scuola
E lo stress va a palla
llinizio del nuovo anno scolastico, il dibattito sulla
riforma, approvata dal Parlamento prima delle
ferie, rischia di distrarre lattenzione degli adulti dal
problema pi diffuso nelle aule: lo stress dei
ragazzi. Eccesso di compiti, cambi di insegnante, ansia da
prestazione e i troppi impegni extrascolastici pesano sulla
tranquillit e soprattutto sulla capacit di concentrazione
degli studenti.
Negli Stati Uniti, dove le lezioni sono gi riprese, il dibattito
molto acceso e i media stanno dedicando ampio spazio
allargomento. Anche il web in lingua inglese ormai pieno
di siti di consigli e di assistenza psicologica per adolescenti
e genitori. Secondo la Cnn, per esempio, il 53 per cento dei
genitori indica nelleccesso dei compiti a casa, la principale
causa di stress dei figli ma le cose, ovviamente, sono pi
complicate di cos. Ogni volta che lavoro con una famiglia,
guardo sempre l'adulto. Quando c un problema di ansia
pi pronunciato nei bambini, di solito perch sono i
genitori ad avere un proprio problema legato allansia. Gli
adulti ansiosi enfatizzano e acutizzano gli atteggiamenti
ansiosi dei figli, ha spiegato in questi giorni ai media Usa
Linda Esposito, assistente sociale e psicoterapeuta a Los
Angeles, fondatrice di Wiredforhappy, un blog sulla salute
mentale e il benessere. Uno dei problemi dellinizio del
nuovo anno scolastico, spiega la Esposito, comunque
anche laumento dello stress dei genitori. La sveglia allalba
per accompagnare i ragazzi, lacquisto dei libri di testo, gli
incontri con gli insegnanti modificano in peggio la routine
quotidiana aumentando la pressione psicologica degli
adulti e non solo quella dei ragazzi. Il consiglio della
Esposito di inventare e poi difendere dei mini spazi per se
stessi: un caff solitario la mattina prima della baraonda,
dieci minuti di meditazione sul letto, e altre cose del genere.
Laspetto pi inquietante, per, rimane la crescita
esponenziale dei livelli di stress. Per tutti, ma soprattutto
per i ragazzi. Secondo unopinione molto diffusa negli Usa,
gli adolescenti di oggi sono molto pi stressati di quanto
non fossero i loro genitori alla loro et. Si tratta di un
problema molto serio e ci sono molte ricerche in corso su

Gioved 10 settembre 2015

La fotografia
Luned 7 settembre,
Cesenatico: il direttore
del quotidiano Avvenire, Marco Tarquinio, assieme alla moglie Patrizia, per la prima volta lungo il portocanale. I coniugi
hanno ammirato e apprezzato le bellezze
della citt balneare,
hanno gustato la cucina locale e hanno avuto anche il tempo per
una breve passeggiata
con il sindaco Roberto
Buda.
questo tema. Ci si aspetta molto pi dagli adolescenti di oggi, ha detto Nancy
Friedman, co-fondatrice a New York di una piattaforma di video sharing sulla
vita familiare chiamato KidzVuz. Un sondaggio, condotto dal network
radiofonico NPR con la Robert Wood Johnson Foundation e la Harvard School
of Public Health, ha rilevato che quasi il 40% dei genitori si dice preoccupato
per il livello di stress scolastico dei figli.
Uno dei fattori di stress per legato anche (e soprattutto) a una delle abitudini
extrascolastiche pi diffuse fra gli adolescenti della generazione dei nativi
digitali: lassidua frequentazione dei social media. Lansia da prestazione (il voto
nei compiti in classe o nelle interrogazioni, i risultati degli esami, eccetera) si
moltiplica con il confronto su Facebook o simili. Daniel Goleman, psicologo e
autore del bestseller del New York Times Intelligenza emotiva, dice che tutti i
social media e la tecnologia avanzata significano pi distrazioni per i bambini e
meno tempo per staccare veramente. Con le nuove console di videogiochi
collegate in rete, adesso lansia da prestazione si moltiplica con la condivisione
social delle gare nei videogiochi. I ragazzi passano, senza soluzione di
continuit, dal confronto delle proprie prestazioni scolastiche o sportive sui
social al confronto delle proprie competenze da videogame player nelle gare
giocate sul web con compagni di gioco occasionali che vivono in Cina o in
Europa. Una volta i bambini si sdraiavano sui prati a guardare le nuvole e ad
immaginare, ha detto Goleman, il cui libro pi recente Focus: The Hidden
Driver of Excellence!. Ora smanettano sui video giochi e sono in competizione
con qualche ragazzino ad Hong Kong.
Rino Farda

Grido non solo e solitario perch grido di


tutte. Ancora per direbbe ben poco o
nulla in merito alla risposta richiesta
perch sposterebbe solo il problema.
Il grido, che si impasta di tutti gli altri
gridi, regge e ha senso perch sorretto e
innervato da un altro grido: il Grido per
eccellenza. La radice ebraica del
cristianesimo insegna che lAltissimo
gemello della sua creatura, opera delle sue
mani e pervasa dal suo soffio vitale.
Lesistenza, cio il semplice esistere, pu
in un atto libero che vuol dire Amen, cos
, diventare vita e vita per tutti. Quando
un gemello viene aggredito e piange, il suo
gemello ne avverte il dolore e piange.
Come ogni gemello che si rispetti,
lAltissimo il nostro gemello. Il pianto
comune liberatorio, il peso condiviso.
La vita, perci, di tutte noi solcata dalla
vicinanza di questo Gemello che rende
ubiqua, cio universale, dovunque se ne
avverta il bisogno, la risposta: prossimit
condivisa con ogni sofferente, il piccolo
annegato (e tutti i piccoli di cui diventa
simbolo); la marea umana che attraversa il
deserto della storia per giungere alla
libert pagandone di persona il grave
rischio; la nefandezza di una marchiatura
che vuole rendere numero, cosa e merce la
persona e la sua dignit.
Noi che portiamo dalla creazione il Nome
di Dio in noi e dal Battesimo siamo siglati
dalla vita della Trinit, siamo consapevoli
che il male - per la Bibbia si chiama
Amaleq - divide la storia dei popoli e vuole
cancellare il Nome per renderci suoi
schiavi. La lotta dura, guerra sferrata
contro il proprio egoismo che urge e
vorrebbe, in molteplici forme, come lo
sperimentano le giovani monache che
muovono i primi passi ancora alle falde
del Monte Carmelo, imporsi. Forme che in
ciascuna assumono dimensione e gravit
diversa ma che, correttamente collocate,
portano ad una trasparenza allamore del
Gemello che vuole riversarsi su tutti in
gioia e letizia. La risposta non filosofica,
forse neppure teologicamente espressa in
modo rigoroso e stringente, ma risposta
viva, inesauribile preghiera, grido di
intercessione. Porsi in mezzo con una
mano sugli oppressi e con laltra sugli
aguzzini, impetrando salvezza e vera vita
per gli uni quando lottano con le onde del
mare o con il filo spinato dei confini;
impetrando luce che illumini le coscienze
di chi si dimostra accecato dallideologia,
dal guadagno disonesto o dalla propria
bestialit che emerge e chiede di
distruggere.
Insieme il grido certezza di dimorare nel
palmo del Signore che per, donandoci la
libert, ha lasciato il nostro palmo nella
sua propria decisione: stretto e
avvinghiato su se stesso oppure steso e
offerto. Monaci, cristiani, persone con
coscienza limpida, tutti abbiamo le mani,
come vogliamo porle?
Cristiana Dobner

Primo piano

Gioved 10 settembre 2015

Raccolta fondi
contro
le malattie
in Sierra Leone

Tutto pronto per levento "Rage against


Ebola", progetto a sostegno della lotta
contro ebola e le altre malattie virali. Si
terr domenica 13 settembre al teatro
Verdi di Cesena organizzato
dallassociazione Salute e Libert.
Grazie a quanto raccolto si potranno
finanziare progetti di ricerca
delluniversit di Makeni (Sierra
Leone), oltre a corsi di formazione
medica e di tecnici di laboratorio.
Coinvolto nelliniziativa monsignor

Anche in missione
lopera pastorale
non facile

Giorgio Biguzzi (foto), vescovo emerito


di Makeni e per anni guida pastorale di
quella diocesi in Sierra Leone.
Il programma prevede alle 15 musica
dal vivo con Le Charleston, Next time Mr
fox, Black Bishops, Dogfaces, Rainakb,
Black old people. Dalle 19,30 aperitivo
e cena con musica degli allievi del
Conservatorio "Maderna". Dalle 22
musica dei "Rangzen".
Lassociazione Salute e Libert

guidata da Denis Ugolini che dice:


"Monsignor Biguzzi e il preside
dellUniversit di Makeni saranno
presenti il 13 settembre per
testimoniare limportanza del progetto.
La cena, dalle 20 alle 21, coster 50
euro dei quali 30 saranno devoluti allo
scopo. Fare qualcosa di concreto, anche
se solo una goccia, uno sprone a una
maggiore solidariet internazionale".
Per info e prenitazioni 339/7787071;
3357143036.

Don Derno Giorgetti

A colloquio con don Derno Giorgetti, tornato


a casa a Calisese di Cesena per qualche settimana
per stare con il padre di 102 anni
Don Giorgio Bissoni

Missionario Fidei donum


in Venezuela, racconta
le difficolt
anche materiali
che la gente deve
affrontare ogni giorno

e lo lasci parlare del Venezuela,


un fiume in piena. Don Derno
Giorgetti, classe 1947, originario
della parrocchia di Bulgaria
(Cesena), tornato nella missione
diocesana in Venezuela nel 2013. E
andato per sostenere nella sua attivit un
altro prete cesenate, don Giorgio Bissoni,
che part per la prima volta 50 anni fa.
"La nostra prima preoccupazione - dice
don Derno durante unintervista in
redazione, vista la sua presenza in Italia
per un breve periodo di riposo e stare un po con il babbo di 102 anni - cercare
di incarnare ogni giorno una pastorale vicina alla gente, in parrocchie che
hanno dimensioni immense. Abbiamo un obiettivo dichiarato: dare avvio a
piccole comunit. I venezuelani sono in gran parte battezzati, ma non esiste
liniziazione cristiana. Riceve la Prima Comunione il 40 per cento delle
femmine e il 20 per cento dei maschi. Il sacramento della Cresima, attorno ai
15-16 anni, ricevuto dal 5 per cento dei ragazzi. Difficile trovare testimoniata
la parola perseveranza".

Anche la pastorale familiare non per


nulla semplice. "Si celebrano matrimoni
di lunghe convivenze - aggiunge il
sacerdote -. Sono pochi i giovani che si
sposano. Nella nostra parrocchia che ha
20mila abitanti, si faranno un paio di
matrimoni allanno. La famiglia come la
intendiamo noi quasi non esiste. Abbiamo
tante mamme con parecchi figli di diversi
padri. In quelle condizioni, la relazione
umana la dimensione pi importante".
Limpegno dei preti della nostra diocesi
quello di suscitare responsabili di
comunit, formare i giovani e gli adulti.
"L8 settembre si ricorda la Virgen del Valle,
la festa pi importante della parrocchia di
tutto lanno liturgico - prosegue don
Derno -. Si tengono una quarantina di
celebrazioni. Pasqua e la Settimana Santa
sono poco avvertite tanto che don Giorgio
celebra i battesimi per avere un po di
gente in chiesa. In quei giorni la gente va
al mare. Solo il mercoled Santo, festa del
Nazareno, si vede qualcuno".
Alla situazione pastorale a volte integrata,
si aggiunge quella sociale particolarmente
delicata. Linflazione oltre il 200 per
cento, mentre i salari crescono nella
misura del 30 per cento. Lo stipendio di un
maestro si aggira sui 15 dollari Usa al
mese. "Dopo una settimana - ci tiene a
precisare don Derno - i soldi che uno si

trova in tasca non valgono pi nulla. Molte


merci, come ad esempio latte, farina, riso e
diverse medicine, sono sparite dai negozi.
Sugli scaffali si vedono solo frutta, verdura
e carne a prezzi molto alti. Il governo
applica tariffe politiche, ma la gente poi
costretta a file dalla sera precedente per
fare acquisti. Altrimenti occorre rivolgersi
al mercato nero, dove i prodotti si pagano
quattro o cinque volte di pi".
Ad aiutare don Giorgio e don Derno da un
anno sono arrivate quattro suore delle
Clarisse francescane che hanno una loro
sede anche a Cesenatico, vicino al porto
canale. "Don Giorgio ed io - conclude don
Giorgetti - cerchiamo di incoraggiare i
nuovi sacerdoti. Ogni luned ci ritroviamo
insieme per preparare le letture della
domenica successiva e poi pranziamo in
compagnia. Spetta anche ai laici,
comunque, fare proprio il piano pastorale
della diocesi. Non facile lavorare in un
Paese in cui la Tv di Stato fa il lavaggio del
cervello, contagiando anche le menti
migliori: la colpa sempre degli altri, il
ritornello comune. In parrocchia, accanto
a un islam di minoranza con cui si convive
con normalit, operano diversi
adolescenti e alcuni giovani ed molto
presente la Confraternita del Santissimo.
Tutti elementi per continuare a lavorare e
a sperare".

Incontro con monsignor Jaime Jos Villarroel Rodriguez, vescovo di Carupano (Venezuela)

"Grazie a tutta la diocesi di Cesena-Sarsina"


Il vescovo di Carupano, monsignor Jaime Jos
Villarroel Rodriguez (foto), si fermato per qualche giorno in citt, a Cesena. Domenica scorsa
ha celebrato la Messa nel monastero delle benedettine. Al termine lo abbiamo incontrato
brevemente. "E dal 2010 che vengo a Cesena
ogni anno. Prima sono stato ospitato al Monte e
in Seminario. Da un po di tempo ci fermiamo
qui, dalle benedettine.
Il presule guida la diocesi suddivisa in 22 parrocchie in cui operano i due sacerdoti diocesani fidei donum don Giorgio Bissoni e don Derno
Giorgetti. Ci sono 32 sacerdoti e 20 seminaristi.
Sono presenti anche quattro comunit religiose
che lavorano come missionari di evangelizzazione, comprese le Suore Clarisse del Santissimo Sacramento che hanno una loro casa a Cesenatico.
"La pastorale sociale - dice il vescovo - coordinata dal vostro don Giorgio Bissoni che ha pro-

mosso la Casa della Carit di Santa Anna, un rifugio per i bisognosi. Ci sta molto aiutando anche la realizzazione di un Centro Pastorale per le
attivit rivolte a giovani e bambini. Per questa
casa in costruzione abbiamo ricevuto un sostegno finanziario da parte della Diocesi di CesenaSarsina che desideriamo ringraziare".
Tutta la Diocesi particolarmente vicina alla popolazione pi indigente. In luglio stata fatta
una missione presso una popolazione indigena,
chiamata Warao, che vive in condizioni di estrema povert. "Abbiamo portato loro - sottolinea
il vescovo - lamore di Ges Cristo che si fa visibile nella misericordia dei cristiani. Si tratta di
testimoniare una Chiesa vicina alle persone, come indica papa Francesco. E quello che ha sempre vissuto la Chiesa in America Latina: una
Chiesa povera per i poveri. Vivere la missione a
servizio della gente la nostra vocazione".

Primo piano

Gioved 10 settembre 2015

Cristianesimo e islam Il missionario del Preziosissimo Sangue, don Domenico Altieri,


parla dei suoi 30 anni vissuti in Tanzania a stretto contatto con i musulmani di quella nazione
Francesco Zanotti

Don Domenico Altieri


stato missionario
in Tanzania per 30
anni, fino al 2001

villaggio. Avete rubato al


padre? domand il capo. Le
urante il racconto si
coperte mi vennero restituite
commuove pi volte.
dopo qualche giorno".
Don Domenico
Il sacerdote ricorda anche la
Altieri, oggi
volta in cui il presidente
amministratore parrocchiale
Nyerere si rec a Manyani
a Montiano e a Montenovo,
allinaugurazione di un
ha vissuto trentanni della
progetto realizzato dai
sua esistenza in Africa. Lo ha
missionari italiani assieme ai
fatto in quanto missionario
canadesi. Il presidente
del Preziosissimo Sangue,
rimase stupito per i mulini a
ordine religioso che a Cesena
vento grazie ai quali si
ha i sacerdoti al santuario
poteva dare acqua a diversi
dellAddolorata, la cosiddetta
villaggi. "Anche in quella
chiesa dei Servi. Don Altieri
occasione cerano tutti. Si
stato dal 1971 al 2001 in
festeggiava insieme e non si
Tanzania, nazione
guardava certamente alla
indipendente dal Regno
fede professata".
Unito dal 1961.
Don Altieri chiude con una
Nel Paese africano don
storia che gli sta molto a
Domenico ha toccato con
cuore. "Un vecchio
mano la convivenza
musulmano - e gli occhi si
pacifica tra cristiani e
fanno lucidi ancora una
musulmani. Sono
volta - un giorno mi
numerosissimi i suoi
chiam per dirmi che mi
ricordi di quegli anni
avrebbe regalato il terreno
contrassegnati dalla
su cui avrei potuto
ujamaa, una sorta di
costruire la chiesa. So che
socialismo agricolo "dal
tu farai una cosa buona, mi
"Io lo posso testimoniare, come quel giorno a una inaugurazione. Pranzo
volto umano" aggiunge il
disse, e mi chiese di
sacerdote che, come un
aiutarlo per il suo funerale.
e preghiera insieme, imam e cardinale, senza alcuna divisione"
fiume in piena, va a scavare
Su quel terreno, a Mbweni,
nella memoria.
nel 1990-91 costruimmo un
"Nelle nostre scuole - ci tiene a mettere
Domenico - non si mai avvertito di
limam. Anche la visita alle carceri: una
dispensario poliambulatorio, proprio l,
subito in chiaro - venivano bambini e
vivere in uno stato comunista. La
settimana ciascuno".
in mezzo ai musulmani. Oggi c la
ragazzi di tutte le religioni". Stando a
Tanzania non si mai allineata n con gli
Ma da dove veniva il rispetto reciproco?
chiesa, attivo un reparto di maternit
quanto si legge in Rete, in Tanzania
Usa n con la Russia. Ma il presidente
"Passava - chiarissimo don Altieri - dal
con due sale parto. Ci sono le suore, un
musulmani e cristiani sono attorno al 35
aveva un carisma grazie al quale sapeva
rispetto per la persona. Ricordo la volta in asilo, un centro di accoglienza per gli
per cento della popolazione. Il resto
tenere unito lo Stato. Abbiamo
cui allimam serviva un aiuto per
orfani di genitori morti per lAids. A turno
seguirebbe sette e religioni tradizionali
sperimentato il dialogo in una nazione
comperare le lamiere ondulate per il
arrivano medici dallItalia. Ricordo anche
legate al territorio. I rapporti di buon
che per certi anni poteva essere vista
tetto. Non ci ho pensato sopra due volte:
il dottor Vittorio Tison, stimato anatomovicinato, quindi, diventano allordine del
come un esempio".
gliele ho acquistate io. Allo stesso modo si patologo allospedale "Bufalini" di
giorno, quasi inevitabilmente. "Ho
aiutavano gli operai, con una sorta di
Cesena".
sempre partecipato alle feste, ai
Quello vissuto e visto da don Domenico
anticipo sullo stipendio". Tutti si
"Noto molti pregiudizi verso lislam matrimoni e ai funerali degli amici
un islam tutto africano. Un modello di
sentivano solidali e partecipavano delle
chiude don Altieri -. Non abbiamo
musulmani. E loro erano sempre presenti collaborazione, in un terreno fertile
gioie e dei dolori di ciascuno, dai lutti alle
sperimentato la convivenza in Italia.
ai nostri appuntamenti pi importanti".
anche per i missionari in cui oggi le
feste di nozze.
Certo, dobbiamo rimanere noi stessi. Ma
Anche il presidente Nyerere, nel suo
nuove generazioni "non vanno pi in
"Una volta mi rubarono due coperte io lo posso testimoniare: tra cristiani e
partito, ha tenuto insieme esponenti delle moschea". Ma nei suoi anni, ricorda il
aggiunge don Domenico -. Venne
musulmani vivere in pace, come quel
due fedi. Nel suo governo cera posto per
missionario, "facevamo tutto assieme, il
organizzata la riunione di tutta la
giorno a uninaugurazione. Pranzo e
tutti. "Dallinterno del Paese - precisa don prete cattolico, il pastore protestante e
comunit sotto il grande albero del
preghiera insieme, imam e cardinale".

Il dialogo possibile

Nella missione in Etiopia

A Kachachullo una chiesa


grazie a benefattori cesenati
n nuovo progetto portato a termine per
Sar inaugurata in dicembre.
il cesenate Bruno Fusconi, 82 anni, da
Bruno Fusconi continua la sua
23 impegnato nel costruire strutture e
rapporti sociali in Etiopia. A fine anno,
opera, sulle orme di padre
il 28 dicembre, sar inaugurata la chiesa di
Tarcisio Rossi, e ad Halaba
Kachachullo, unopera realizzata anche grazie al
contributo di tanti benefattori privati, aziende e
sono gi programmati corsi
associazioni del territorio cesenate.
professionali per giovani
Fusconi ci tiene a ringraziare tutti coloro che
hanno permesso la costruzione della chiesa.
un buon lavoro, mentre gli altri sono destinati
"Senza i tanti amici del cesenate, non avremmo potuto
allemarginazione. La scuola, una sorta di avviamento
fare nulla. Di quanto ricevo, tutto va per le opere a favore
professionale, mira a eliminare le differenze sociali e a
della gente etiope: il costo del viaggio per arrivare in
valorizzare sia i maschi, sia le femmine, con dei corsi della
Africa a mio carico: non ho mai utilizzato per questi
durata di un paio danni.
motivi un soldo dalle offerte".
Fusconi non si ferma mai. Portato a termine limpegno
Una missione che parla romagnolo
per la chiesa, ne ha gi assunto un altro questa volta a
Il fulcro della missione in Etiopia Gambo dove per tanti
favore dei giovani di Halaba. Come testimoniato da un
anni ha operato padre Tarcisio Rossi, missionario
documento ufficiale, il missionario della Consolata padre
originario della parrocchia di San Carlo di Cesena e morto
Silvio Sordella della chiesa cattolica di Halaba ha ricevuto
nel 2005, in un territorio di forte presenza musulmana.
dal cesenate 10mila euro per la creazione e la gestione di
"Devo dire - spiega Fusconi - che le cose sono cambiate
una scuola. Lo scopo quello di insegnare anche un
da quando andai in Etiopia per la prima volta, nel lontano
mestiere, cercando di dare un futuro a bambini altrimenti
1976. Prima arrivai a Neghelli, la citt, e per raggiungere
destinati alla disoccupazione e alla povert. Halaba
Gambo si dovevano percorrere 20 chilometri di piste fra le
situata nel centro-sud dellEtiopia, a 300 chilometri dalla
montagne, nella foresta. Strade non ce nerano. Il
capitale Addis Abeba. La citt in espansione e con essa
percorso era appena tracciato. Si attraversavano a guado i
anche la diseguaglianza sociale: da un lato chi ha la
possibilit di studiare pu integrarsi socialmente e trovare ruscelli e due fiumi e ricordo che superando il primo

Etiopia, gennaio 2013


Bruno Fusconi illustra al vescovo
Douglas i lavori alla chiesa
di Kachachullo, la chiesa che sar
inaugurata nel prossimo mese
di dicembre

fiume lacqua arriv al motore e lauto si ferm nel


mezzo".
In quasi 40 anni la situazione completamente cambiata.
La missione ha trasformato la zona creando nuove
frazioni o paesi. Tutto dovuto alle grandi opere sociali
create dai missionari. Ma non si tratta solo di strutture. Si
fa anche educazione, si organizzano corsi di formazione
per i giovani e per lemancipazione della donna.
"Mi reco in quella zona dellEtiopia ogni anno - conclude
Fusconi - e abbiamo cercato non solo di costruire muri,
ma anche far crescere socialmente la popolazione locale.
Soprattutto, grazie anche al grande impegno delle suore,
abbiamo organizzato attivit e iniziative a favore delle
donne con corsi di igiene, gestione della famiglia,
istruzione. Molto successo ha riscontrato il microcredito
grazie al quale tante donne hanno dato vita a piccole
attivit che permettono loro di mandare avanti la
famiglia".

Vita della Diocesi

Gioved 10 settembre 2015

NOTIZIARIO DIOCESANO

Due giorni biblica in Seminario


Luned 21 e marted 22 settembre
Nelle serate di luned 21 e marted 22 settembre, in Seminario
alla 21, si svolger la Due giorni biblica per tutti gli operatori
pastorali sul tema evangelico scelto dal vescovo, licona biblica della lavanda dei piedi, per approfondire sotto laspetto
biblico e pastorale il tema dellEucaristia.

Tre giorni di aggiornamento del clero


In seminario, dal 14 al 16 settembre
I sacerdoti, i diaconi e i religiosi della Chiesa di Cesena-Sarsina
sono invitati a partecipare alla tre giorni di aggiornamento, in
Seminario a Cesena, nelle mattine di luned 14, marted 15 e
mercoled 16 settembre. Il 14 settembre don Armando Matteo,
docente di Teologia allUniversit Urbaniana, proporr una riflessione su LEucaristia e il presbitero; marted 15 lavori di
gruppo e in assemblea; mercoled 16 settembre il vescovo Douglas presenter le Linee pastorali del nuovo anno Il pane del
viandante. LEucaristia nella vita delle nostre comunit.

Vivere ogni prova della vita secondo la volont di Dio


Domenica 6 settembre
XXIII Domenica Tempo Ordinario - Anno B
Is 35,4-7a; Salmo 145; Gc 2,1-5;
Mc 7,31-37

CHIESA INFORMA

Al Santuario dellAddolorata

Marted 15 settembre festa della Vergine Addolorata


Marted 15 settembre il Santuario dellAddolorata, a Cesena
(conosciuto anche come chiesa dei Servi, in corso Garibaldi)
celebra la festa della Beata Vergine Addolorata. In preparazione
alla festa, dall8 al 14 settembre, Messe alle 8 e alle 9. Alle 17,30
coroncina dei sette dolori di Maria e alle 18 Messa con omelia
predicata da don Luciano Bugnola. Marted 15 settembre,
giorno della Solennit dellAddolorata, Messe alle 8, 9 e 11. Alle
18,30 coroncina dei sette dolori di Maria e alle 18 Messa.

Gruppo Amici di padre Guglielmo


Proseguono gli appuntamenti mensili del gruppo di preghiera
Amici di padre Guglielmo, frate cappuccino morto a 85 anni il
15 dicembre 1999. Marted 15 settembre alle 21, al convento dei
Cappuccini di a Cesena, preghiera del Rosario meditato.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE

ggi Ges ci vuole far fare un


passaggio fondamentale: non basta
dire con la voce che Lui il figlio di
Dio, ma necessario che questa fede
diventi vita concreta, in un cammino che ci
guida allincontro con la tenerezza
dellUnico che non ci lascia mai soli.
Anche noi di fronte alla domanda di Ges
E voi chi dite che io sia? risponderemmo
come Pietro: Tu sei il Cristo. Ma forse
come Pietro, anche noi, sogniamo un
Messia secondo le nostre idee, colui che
viene a toglierci le sofferenze e le malattie,
che interviene con forza contro le
ingiustizie, che non permette la morte dei
giusti, ma condanna i cattivi, secondo i
nostri parametri.
Come Pietro, anche noi rischiamo di
pensare di aver detto s a Cristo, ma, in
fondo, cerchiamo di adattare il
cristianesimo alle nostre necessit,
pensando di fare la volont di Dio mentre
continuiamo a pensare e a fare secondo la
nostra volont. Quel dannato
autoreferenzialismo cimpedisce di aprire il
cuore a Ges, di allentare la presa su noi
stessi per lasciarci guidare dallo Spirito e
non perdere lo sguardo su di Lui.
Allora, seppur forte e deciso, ci piace il
richiamo di Ges: anche i genitori

richiamano in maniera forte i loro figli


quando vogliono il loro bene.
Va dietro di me satana, perch tu non
pensi secondo Dio, cio rimettiti alla
mia sequela. Qual la realt dove oggi Ges
ci chiede di ritornare a seguirlo? la nostra
quotidianit: lessere sposi, la famiglia, il
lavoro faticoso o che manca, il servizio in
parrocchia, il rapporto coi vicini di casa, la
sofferenza fisica e spirituale, le separazioni,
la difficolt economica, la morte
Anche se non comprendiamo, seguire Ges
ci d la capacit di accogliere e vivere ogni
prova della vita secondo la volont di Dio,
con gioia e amore, anche quando diversa
dalle nostre attese e progetti.
Cos potremo fare nostre le parole di Ges
Se qualcuno vuol venire dietro a me,
rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi
segua.
Ancora una volta la logica di Dio
diversissima dalla nostra. Noi ci
preoccupiamo di possedere, mentre Ges
segue la logica del donare, sino al punto di
dare la vita. Perch la nostra fede non sia
fatta solo di parole, dobbiamo vivere una
vita donata: donare la vita per Ges non
significa essere per forza martiri, ma
significa diventare, giorno dopo giorno,
meno egoisti, meno impazienti, pi
generosi, pi pronti a perdonare, cio
capaci di amore, uomini di speranza,
perch sappiamo che Dio dalla nostra
parte.
Sabrina e Andrea Delvecchio

La Parola
di ogni giorno
luned 14
settembre
esaltazione
della Santa Croce
Nm 21,4b-9;
Sal 77; Fil 2,6-11;
Gv 3,13-17
marted 15
B.V. Maria
Addolorata
Eb 5,7-9; Sal 30;
Gv 19,25-27
mercoled 16
santi Cornelio
e Cipriano
1Tim 3,14-16;
Sal 110; Lc 7,31-35
gioved 17
san Roberto B.
1Tm 4,12-16;
Sal 110; Lc 7,36-50
venerd 18
santa Sofia m.
1Tm 6,2c-12;
Sal 48; Lc 8,1-3
sabato 19
san Gennaro
1Tm 6,13-16;
Sal 99; Lc 8,4-15

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Domenico, San Rocco,
SantEgidio, capp. cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
17.00 Capp. ospedale (no sabato),
Ponte Pietra
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della
Speranza, Cappuccini,
San Bartolo
19.00 Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
Torre del Moro, Gattolino
20.30 Villachiaviche,
San Pio X

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
15.00 Formignano
17.00 Cappella cimitero Cesena,
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santuario Addolorata,
Convento Cappuccini,
Osservanza, Santo Stefano,
San Paolo, Diegaro,
Madonna delle Rose,
Torre del Moro, Borello,
San Giorgio, San Vittore
18.30 San Pietro, San Rocco,
Case Finali, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza, Villachiaviche
19.30 Bulgarn
20.00 San Giovanni Bono,
Bulgaria, Ruffio, Pioppa,
Pievesestina, Tipano,
Calisese,
Gattolino, Ponte Pietra
20.30 San Pio X, Martorano,
San Mauro in V.

Messe festive
7.00 Cattedrale, Basilica del
Monte
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine,
Cappella osp. Bufalini,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro,
San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Capannaguzzo,
Ronta, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Martorano,
Tipano, San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria, San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.15 San Martino in Fiume
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Basilica del
Monte, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza,
Torre del Moro,
Cappuccini, SantEgidio,
San Pio X, Carpineta,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
10.45 Ronta, Capannaguzzo
11.00 Santuario Addolorata,
Osservanza,
San Domenico, San Pietro,
Santo Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,

11.10
11.15
11.30

17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in Valle,
Martorano, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone
Torre del Moro
Diegaro, Madonna
delle Rose
Cattedrale, Basilica del
Monte, San Pio X,
Santa Maria della
Speranza
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Bufalini
Cattedrale,
San Domenico
San Pietro, San Rocco,
Cappuccini
Osservanza, San Bartolo
Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9, 11
(19 sabato)
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina;
17,30 Conv. Cappuccini;
18 Gatteo Mare;
18,30 San Giuseppe;
20 Sala
20,30 Villalta, Santa Maria

Goretti
20,45 Gatteo Mare
21 San Giacomo
Festivi: 7 Gatteo Mare,
8 San Giacono, Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
8,30 Sala, Boschetto;
9 San Giuseppe,
Cappuccini, Gatteo M.;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Gatteo M.,
Santa Maria Goretti, Sala;
11,15 Bagnarola;
16 cimitero urbano;
17,30 Cappuccini;
18 Gatteo Mare;
18,30 San Giuseppe;
20,45 Gatteo M.
21 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10/ 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 17
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso; 19 Crocetta
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;

11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in


Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30; San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 8,15 /
11,15 / 18;
eremo SantAlberico:
15,30 (domenica);
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Alfero: ore 17 (sabato);
11,15; Riofreddo: 10
Corneto: 11; Pereto: 10

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 45;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 30 del 3 settembre 2015: 7.897 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 17,30 di marted 8 settembre 2015

Vita della Diocesi

Gioved 10 settembre 2015

Si celebra in Diocesi la 10 Giornata per la custodia del Creato.


Appuntamento alla colonia Schuster, a Cesenatico, sabato 12 settembre

Luomo al centro dellambiente


L

appuntamento-incontro ecumenico
che la Diocesi di Cesena-Sarsina
propone per celebrare la 10 Giornata
per la custodia del Creato, questanno si
terr sabato 12 settembre a Cesenatico,
presso la colonia Cardinal Schuster (suore
Orsoline, in via Cristoforo Colombo 20),
dalle 18 alle 22.
Di seguito il programma della giornata:
- ore 18: ritrovo - accoglienza
- ore 18,30: incontro sul tema
Il mare luogo di vita, cultura e fede;
interventi di Davide Gnola, Maurizio
Cialotti, Paolo Turroni
- ore 20: visita guidata alla mostra di arte
contemporanea dal titolo Il mare
- ore 20,30: preghiera ecumenica guidata dal
vescovo Douglas, da Silviu Sas, sacerdote
rumeno, da Michele David, sacerdote greco

Il nuovo anno pastorale sar interamente dedicato allEucaristia


CATTEDRALE DI CESENA DALLALTO
(FOTO GIUSEPPE MARIGGI)

cattolico e da Gionatan Breci, pastore


della Chiesa Cristiano Avventista del 7
Giorno
- ore 21: cena con pesce azzurro offerto
dai pescatori di Cesenatico e cucinato
alla griglia da volontari del luogo.
Verr consegnato un segno a ricordo
dellevento: il dado della terra.
Ne verranno illustrati gli efficaci
principi chiave riguardanti
modi di vivere e comportamenti
finalizzati a sostenere
un pianeta sano.
Lobiettivo di incoraggiare una
trasformazione del comportamento
personale e collettivo attraverso luso di
azioni mirate e atteggiamenti personali
specifici per custodire e abbellire
il Creato.

Sede di Forl
Istituto
di Scienze religiose
SantApollinare
Riprendono
i corsi annuali

Assemblea

Il Pane del viandante

puntualmente il mese di
offerte dagli eventi tipici e straordinari sa
da papa Francesco con la bolla
settembre a segnare il passaggio
di poter trarre benefici capaci di
Misericordiae vultus, che si aprir l8
dal periodo delle vacanze, delle
alimentare il patrimonio personale e
dicembre 2015, solennit
ferie e delle svariate attivit estive
comunitario da spendere nella
dellImmacolata Concezione e
a quello della scuola, del lavoro e delle
quotidianit.
cinquantesimo anniversario della
altre occupazioni della vita associata,
La nostra diocesi dedicher il prossimo
conclusione del Concilio Ecumenico
caratterizzate da un ritmo ordinario e
anno allEucaristia. I contenuti, gli
Vaticano II. LAnno giubilare si
sistematico e, almeno per i pi, dalla
stimoli, i programmi e le iniziative sono
concluder nella solennit liturgica di
ripresa in termini di impegno,
esposti dal vescovo Douglas nella sua
Ges Cristo Signore delluniverso, il 20
applicazione e fatica.
Lettera intitolata "Il Pane del viandante"
novembre 2016.
Quando, di solito a giugno, anche
LEucaristia nella vita delle nostre
Nel frattempo altri eventi significativi
nellambito ecclesiale si organizzano e si
comunit. Gi presentata al Presbiterio in costelleranno il calendario ecclesiale. A
vivono momenti di sospensione o di
occasione della giornata sacerdotale
Roma, dal 4 al 25 ottobre 2015 si svolger
chiusura delle attivit, le parrocchie, le
dell11 giugno scorso, la lettera sar
la quattordicesima Assemblea generale
associazioni e i movimenti non mancano
illustrata e consegnata personalmente
ordinaria del Sinodo dei vescovi sul tema:
di precisare che si tratta di alcune
dal vescovo a tutti gli operatori pastorali
Ges Cristo rivela il mistero e la vocazione
iniziative, mentre restano concreti e
durante lassemblea che si terr a Cesena
della famiglia mentre dal 9 al 13
solidi gli appuntamenti fondamentali
domenica pomeriggio, 20 settembre,
novembre 2015 si terr a Firenze il quinto
della vita di fede personale e
nella chiesa di SantAgostino.
convegno ecclesiale nazionale dal titolo:
comunitaria, come la preghiera, i
Il secondo grande richiamo rivolto alla
"In Ges Cristo il nuovo umanesimo".
sacramenti, la carit, la testimonianza e
Chiesa universale proviene dal Giubileo
Ancora in ambito diocesano, il vescovo si
la coerenza in ogni ambiente. Anzi,
straordinario della Misericordia, indetto
appresta a consegnare le Linee di
alcune opportunit
pastorale giovanile per la
consentite proprio dalla
presenza e la missione dei
pausa estiva, risaltano per la
giovani nella nostra Chiesa:
loro ricchezza formativa,
"Viandanti della fede",
come i campi scuola, i centri
documento che porta a
omenica 20 settembre, alle 15 presso la chiesa di
estivi, le esperienze di servizio
compimento tutto il lavoro
SantAgostino a Cesena, si terr lAssemblea diocesana
e volontariato, le vacanze
del sinodo dei giovani.
durante la quale il vescovo Douglas Regattieri presenter le
vissute insieme da tanti
La lettera del vescovo non
linee pastorali del nuovo anno 2015-2016 sul tema
gruppi.
solo richiama questi eventi e i
dellEucaristia, dal titolo: Il pane del viandante. LEucaristia
In realt la composizione tra
relativi contenuti, ma riporta
nella vita delle nostre comunit.
ordinario e straordinario,
anche il calendario diocesano
Sono particolarmente invitati i membri del Consiglio pastorale
lalternarsi di momenti forti e
che prevede appuntamenti
diocesano e dei Consigli pastorali parrocchiali, zonali e di unit
periodi normali, il loro
tradizionali e iniziative
pastorale, i sacerdoti, i diaconi, le famiglie religiose, i
dosaggio e la mutua influenza
specifiche; risalta in
rappresentanti delle aggregazioni laicali, gli operatori
sono caratteristici della vita
particolare tra queste ultime
pastorali parrocchiali.
come tale e caratterizzano in
la Settimana eucaristica, che
Al termine dellAssemblea, nella celebrazione del vespro, il
particolare quella primordiale
sar celebrata dal 22 al 29
vescovo conferir il mandato ai catechisti, animatori liturgici e
e formidabile scuola di fede e
maggio 2016 quale approdo
operatori della carit.
di vita che lAnno liturgico.
qualificato e manifestazione
Monsignor Walter Amaducci illustrer il calendario pastorale
Lanno pastorale si sviluppa
culminante dellintero anno
2015-16 e le iniziative legate al Giubileo della misericordia.
sulle stesse dinamiche e
pastorale.
proprio dalle sottolineature
Walter Amaducci

Appuntamento a domenica 20 settembre

Iniziano gioved 17 settembre i corsi


allIstituto superiore di Scienze religiose
"SantApollinare", con sede a Forl.
LIstituto offre una seria e completa
formazione nelle Scienze Religiose dalla
losoa, alla teologia, alla Sacra
Scrittura, alla storia della Chiesa, alle
scienze umane cos da poter rendere
ragione della speranza che in noi e da
poter aiutare altri a scoprire e ad
approfondire la fede.
Il corso completo, che comprende
3+2 anni (laurea triennale e laurea
specialistica pedagogico-didattica),
prepara insegnanti di Religione cattolica e
operatori qualicati nei vari settori della
pastorale ecclesiale.
LIssr SantApollinare pu avvalersi dei
migliori docenti delle cinque diocesi della
Romagna da cui stato fondato.
I corsi potranno servire anche come
aggiornamento per docenti di Religione.
Le lezioni si svolgono il marted,
mercoled e gioved dalle 18 alle 22,50
in aule completamente rinnovate,
provviste dei pi aggiornati mezzi
tecnologici e affiancate da una ricca
biblioteca.
Le lezioni hanno inizio gioved 17
settembre.
Le iscrizioni sono aperte dallinizio di
settembre fino a met ottobre presso la
segreteria dellIstituto, con sede presso
il Seminario di Forl (via Lunga, 47) nei
giorni marted, mercoled e gioved dalle
10 alle 12 e dalle 15 alle 20. Retta
discrizione annuale: 570 euro.
Per informazioni: tel. 0543 704104;
segretria@issrapollinare.it; referente per
la diocesi di Cesena-Sarsina il professore
don Giordano Amati (cell. 339 4224650).

Gioved 10 settembre 2015

Galantino
e Bagnasco:
Le nostre
chiese
in prima fila

Vita della Chiesa


n appello che accogliamo con la
successore
Ugratitudine
di chi riconosce nel
di Pietro colui che, anche
nelle situazioni pi complesse, sa
additare le vie per un Vangelo vissuto e
che trova le nostre Chiese in prima la
nel servizio, nellaccompagnamento e
nella difesa dei pi deboli. quanto si
legge in un comunicato a rma del
cardinale Angelo Bagnasco, presidente
della Cei, e di monsignor Nunzio
Galantino, segretario generale della

Cei, in risposta allappello rivolto domenica


6 settembre da papa Francesco ai vescovi
dEuropa per laccoglienza dei profughi
nelle parrocchie e nelle case religiose.
un appello che in queste settimane
custodiremo nel respiro della preghiera e
del confronto operativo, arrivando a ne
mese a consegnarlo al Consiglio episcopale
permanente (30 settembre-2 ottobre), al
ne di individuare modalit e indicazioni da
offrire a ogni diocesi. Per lAnno della
Misericordia, aggiungono, il Santo Padre

ci chiede di aprire il nostro cuore a quanti


vivono nelle pi disparate periferie
esistenziali, che spesso il mondo moderno
crea in maniera drammatica e poi chiude in
unindifferenza che umilia. Oggi
rinnoviamo la nostra disponibilit a curare
queste ferite con la solidariet e
lattenzione dovuta - concludono riscoprendo la forza liberante delle opere
di misericordia corporale e spirituale, via
che conduce sempre pi al cuore del
Vangelo.

IL PAPA E I RIFUGIATI. Le parole e linvito di papa Francesco allAngelus di domenica scorsa


FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

una foto che in


questi giorni ha
commosso il mondo:
il bambino siriano di due
anni tra le braccia di un
soccorritore sulla spiaggia
turca di Bodrum morto
annegato assieme alla
mamma e al fratellino di
cinque anni, e sepolto a
Kobane. E c unEuropa che
assomiglia molto a quel
sordomuto del Vangelo di
Marco, guarito da Ges:
nazioni incapaci di ascoltare
il grido che viene da questi
popoli che fuggono da
Parole che, per, rimasero
guerre, violenze, miseria,
scritte sulla carta. Oggi
persecuzioni; Paesi che
siamo ancora di fronte a
chiudono le loro frontiere per
nuove tragedie, forse ancora
impedire questo esodo. Stati
pi eclatanti di quelle
incapaci di trovare le parole
vissute due o tre anni fa.
giuste per dire e dare
Francesco cos si fa voce di
solidariet a questi popoli
questa umanit e lancia il
erranti.
suo appello alle parrocchie,
Non c un cenno al dibattito
a istituti, monasteri, santuari
in corso nel Vecchio
e comunit religiose, di
Continente su come
accogliere una famiglia di
Dinanzi a un mondo incapace di ascoltare la voce di donne e uomini che vivono
destinare per quote le
immigrati, esprimendo cos
difficolt e privazioni, Francesco si fa voce di questa umanit e lancia il suo appello la concretezza del Vangelo;
migliaia di profughi - 40,
forse 60mila - che sono
di essere, cio, prossimi
alle parrocchie, a istituti, monasteri, santuari e comunit religiose,
arrivati sulle spiagge
dei pi piccoli e
di accogliere una famiglia di immigrati
dellItalia e della Grecia; non
abbandonati, dare loro una
parla delle migliaia di
speranza concreta. un
uomini, donne e bambini fermati alle
Lepisodio narrato nel Vangelo di Marco
sordomuto, cio di un mondo incapace
gesto che rientra nel cammino che
frontiere, trattati come merce, marchiati
ci parla di un Dio che non chiuso in se
di ascoltare la voce di donne e uomini
Francesco ha voluto proporre con il
con un numero tracciato con il
stesso, afferma il Papa allAngelus, ma si
che vivono difficolt e privazioni. Torna
Giubileo della misericordia, che si aprir
pennarello sul braccio. Non si sofferma
apre e si mette in comunicazione con
quella globalizzazione dellindifferenza
l8 dicembre.
sulla tragedia di coloro che rischiano la
lumanit. Ci viene incontro, supera
che nel suo primo viaggio, luglio 2013,
proprio attraverso il battesimo, e quella
vita sui camion o lungo la ferrovia che
labisso dellinfinita differenza tra lui e
nellisola di Lampedusa aveva
parola effat, cio apriti in aramaico, che
unisce la Francia allInghilterra. Come
noi. un Vangelo che parla anche di noi,
evidenziato, di fronte alla tragedia di
per il Papa si compie il miracolo e siamo
Ges con il sordomuto, Francesco
ricorda ancora: Spesso noi siamo
quanti affrontano i rischi di una
stati guariti dalla sordit dellegoismo e
sembra quasi prenderci per mano e
ripiegati e chiusi in noi stessi, e creiamo
traversata su imbarcazioni inadeguate e
dal mutismo della chiusura e del peccato,
portarci lontano dal chiacchiericcio di
tante isole inaccessibili e inospitali.
troppo affollate. Gi in quelloccasione il
e siamo stati inseriti nella grande
questi giorni e ascoltare, nel silenzio, la
Persino i rapporti umani pi elementari a Papa aveva invitato a riflettere su un
famiglia della Chiesa; possiamo ascoltare
voce di coloro che sfidano pericoli di ogni volte creano delle realt incapaci di
mare diventato un cimitero liquido, su
Dio che ci parla e comunicare la sua
sorta, spinti dalla speranza di un futuro
apertura reciproca: la coppia chiusa, la
volti di donne, uomini e bambini segnati
Parola a quanti non lhanno mai
migliore, per loro e per i loro figli. Cos
famiglia chiusa, il gruppo chiuso, la
dalla paura, dalla fame e anche dalla
ascoltata, o a chi lha dimenticata e
come la Parola di Dio, che ha bisogno di
parrocchia chiusa, la patria chiusa E
disperazione. Allora risuon forte linvito
sepolta sotto le spine delle
silenzio per essere accolta come parola
questo non di Dio! Questo nostro, il
a sostituire la globalizzazione
preoccupazioni e degli inganni del
che risana, che riconcilia e ristabilisce la
nostro peccato.
dellindifferenza, lincapacit di piangere, mondo.
comunicazione, ricorda Francesco.
Ecco che, allora, torna limmagine del
con la globalizzazione della solidariet.
Fabio Zavattaro

La concretezza del Vangelo

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi, Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

TERRA dal
SANTA
sui primi passi della Chiesa e della sua Missione
26 dicembre al 2 gennaio 2016 - 8 giorni, volo direo da Rimini
Pellegrinaggio presieduto da monsignor Francesco Lambiasi, vescovo di Rimini
LA GIUDEA: Betlemme, Gerusalemme, Mar Saba, Deserto di Giuda, Gerico, Mar Morto
LA SAMARIA: Sebaste (la sepoltura di Giovanni Basta), Nablus (il pozzo di Giacobbe),
Hebron (le tombe dei patriarchi)
LA GALILEA: Cesare Marima, Nazareth, i santuari del Lago di Tiberiade, Cana, Monte Tabor
TEL AVIV, GIAFFA, CESAREA MARITTIMA

Hotel 4 stelle, pensione completa, accompagnatore, radioguide


Quota di partecipazione 1.200 euro

AD LIMINA PETRI (CEI): Credenziali del pellegrino per chi percorrer a piedi la via Francigena o le
anche vie di pellegrinaggio.

Vita della Chiesa

Monsignor Pompili vescovo a Rieti


consguardo particolare verso i deboli
iceverai una paternit nuova che ispirer il tuo modo di pensare e di amare, di
Bagnasco,
Rguardare
il tuo popolo, il tuo clero, la vita. Lo ha detto il cardinale Angelo
arcivescovo di Genova e presidente della Cei, nellomelia pronunciata sabato 5
settembre per lingresso in diocesi di monsignor Domenico Pompili. La Chiesa di Rieti vive
con gioia lordinazione episcopale del suo nuovo Pastore, ha aggiunto il cardinale, che
stato per non pochi anni intelligente e generoso collaboratore della Cei in qualit di
direttore dellUfficio Comunicazioni Sociali e di sottosegretario.
Per il cardinale Bagnasco, bisogna guardare il cielo per vedere la terra; bisogna ssare il

RIFORMA CANONICA.Papa Francesco ha varato, con dueMotu Proprio,


la riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione di nozze invalide

mistero della croce per scoprire gli uomini. Di


questo modo di stare nel tempo, la gente ha
uto e intuito, ha la capacit e il gusto di
accorgersi: allora, anche i sordi cominceranno a
udire e i muti a parlare, perch sentiranno la
presenza invisibile di Colui che ti ha scelto per
essere, con il tuo Presbiterio, segno e sorriso,
parola e amore. Dove porterai il tuo popolo?,
ha domandato il cardinale: Sui pascoli della
vita: il popolo guarder dove tu poni il tuo piede,
certo che lo porrai sulle orme del Maestro, orme
visibili e certe perch le scorgerai nel grande
alveo della successione apostolica nel quale da

oggi sei misteriosamente posto per sempre. Ma,


tu sai, i pascoli sono quelli alti, dove laria pi
pura e i ori pi abbondanti. Sono in alto! Se la
tua gente ti vedr salire davanti a loro, a volte
forse con fatica, ti seguir. Tutto ti aiuter a
segnare meglio il passo, ad essere - con i tuoi
sacerdoti e grazie a loro - vicino a tutti. S a
tutti, ma con uno sguardo particolare verso i
deboli e i poveri. Non questione di preferenze,
ma di giustizia, anzi damore, perch lamore si
commisura anche in rapporto agli altri, e i
piccoli ne hanno pi bisogno perch invisibili ai
potenti.

grado di giudizio per rendere definitiva la


sentenza e la scelta di rendere evidente che
il vescovo stesso nella sua Chiesa giudice
tra i fedeli a lui affidati. Sono queste le altre
novit del Motu Proprio, in cui papa
Francesco stabilisce che non sia pi
richiesta una doppia decisione conforme in
favore della nullit del matrimonio,
affinch le parti siano ammesse a nuove
nozze canoniche, ma che sia sufficiente la
certezza morale raggiunta dal primo
giudice. La costituzione del giudice unico,
che deve essere comunque un chierico,
in prima istanza viene inoltre rimessa
alla responsabilit del vescovo. Per volont
matrimonio.
del Papa, dunque, lo stesso vescovo
Altrimenti, pu rimettere la causa al processo ordinario.
giudice: di qui lauspicio che nelle grandi come nelle
Papa Francesco il terzo papa, dopo Benedetto XIV e Pio X, piccole diocesi lo stesso vescovo offra un segno della
a riformare il processo matrimoniale.
conversione delle strutture ecclesiastiche, e non lasci
completamente delegata agli uffici della curia la funzione
Laccesso al processo pi breve. Nel Motu Proprio si
giudiziaria in materia matrimoniale. Disposizioni,
descrivono in dettaglio le principali circostanze che
queste, che devono valere specialmente nel processo pi
possono consentire la trattazione della causa di nullit del breve, che viene stabilito per risolvere i casi di nullit pi
matrimonio tramite questa nuova modalit: Quella
evidente. In tali processi il vescovo diventa il maggiore
mancanza di fede che pu generare la simulazione del
garante dellunit cattolica nelle feda e nella disciplina,
consenso o lerrore che determina la volont, la brevit
evitando cos che un giudizio abbreviato possa mettere a
della convivenza coniugale, laborto procurato per
rischio il principio dellindissolubilit del matrimonio.
impedire la procreazione, lostinata permanenza in una
relazione extraconiugale al tempo delle nozze o in un
La gratuit e il ruolo delle Conferenze episcopali. Le
tempo immediatamente successivo, loccultamento doloso Conferenze episcopali, che devono essere soprattutto
della sterilit o di una grave malattia contagiosa o di figli
spinte allansia apostolica di raggiungere i fedeli dispersi,
nati da una precedente relazione o di una carcerazione, la
avvertano fortemente il dovere di condividere la
causa del matrimonio del tutto estranea alla vita coniugale conversione, e rispettino assolutamente il diritto dei
o consistente nella gravidanza imprevista della donna, la
vescovi di organizzare la potest giudiziale nella propria
violenza fisica inferta per estorcere il consenso, la
Chiesa particolare, dispone il Papa. Il ripristino della
mancanza di uso di ragione comprovata da documenti
vicinanza tra il giudice e i fedeli - ammonisce - non avr
medici. Il Motu Proprio, precisa il Papa, favorisce non la
successo se dalle Conferenze non verranno dati ai singoli
nullit dei matrimoni, ma la celerit dei processi, non
vescovi lo stimolo e insieme laiuto a mettere in pratica la
meno che una giusta semplicit, affinch, a motivo della
riforma del processo matrimoniale. Insieme con la
ritardata definizione del giudizio il cuore dei fedeli che
prossimit del giudice - linvito di Francesco - curino per
attendono il chiarimento del proprio stato non sia
quanto possibile le Conferenze episcopali, salva la giusta
lungamente oppresso dalle tenebre del dubbio.
e dignitosa retribuzione degli operatori dei tribunali, che
venga assicurata la gratuit delle procedure.
Lo stesso vescovo giudice. Labolizione del secondo
M. Michela Nicolais

Nullit del matrimonio


Unica sentenza
e processo pi breve
L

istituzione di un processo pi breve davanti al


vescovo diocesano, in aggiunta a quello
documentale attualmente vigente, da applicarsi
nei casi in cui laccusata nullit del matrimonio sostenuta
da argomenti particolarmente evidenti. la principale
novit del Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus sulla
riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione
di nullit del matrimonio nel Codice di diritto canonico,
diffuso marted 8 settembre dalla sala stampa vaticana
insieme a un Motu Proprio analogo, dal titolo Mitis et
misericors Iesus, che fissa le regole per il Codice dei
Canoni delle Chiese orientali. La carit e la misericordia
esigono che la stessa Chiesa come madre si renda vicina ai
figli che si considerano separati, scrive il Papa in latino,
spiegando come siano essenzialmente due le motivazioni
principali per questa spinta riformatrice: Lenorme
numero di fedeli che, pur desiderando provvedere alla
propria coscienza, troppo spesso sono distolti dalle
strutture giuridiche della Chiesa a causa della distanza
fisica o morale, e il fatto che la maggioranza dei padri
sinodali, nellottobre scorso, ha sollecitato processi pi
rapidi e accessibili. Il Motu Proprio, presentato oggi in sala
stampa vaticana, andr in vigore l8 dicembre ma non sar
retroattivo. In base alle nuove norme varate da Papa
Francesco, il processo pi breve deve essere celebrato
entro 30 giorni, a partire dal momento della convocazione
di tutti i partecipanti, cui si aggiungono altri 15 per
ulteriori osservazioni. Il vescovo ha la facolt di emanare la
sentenza, se raggiunge la certezza morale sulla nullit del

Gioved 10 settembre 2015

Attualit
Accordo Expo
contro
gli sprechi

niniziativa contro lo spreco di cibo. stata


U
presentata in occasione della giornata del
coniglio italiano, tenutasi a Expo a Milano, presso lo

un anno, conta gi sulladesione di 130 aziende. La


difesa del prodotto "Made in Italy" avverr
innanzitutto grazie al marchio "Coniglio italiano sigillo di qualit", con cui lassociazione intende
presentarsi sul mercato. "Nella distribuzione di
questa importante, prima donazione, verranno
privilegiate - concordano Andrea Giussani,
presidente della Fondazione Banco Alimentare, e
Zeno Roma, presidente dellAssociazione coniglio
italiano - le famiglie con bambini e con persone
anziane, che costituiscono il target primario della
carne di coniglio, per il suo basso contenuto di
colesterolo e per la sua leggerezza".

spazio Coldiretti. LAssociazione coniglio italiano e il


Banco alimentare, infatti, hanno stretto un accordo
di collaborazione in virt del quale la prima
assicurer al secondo rilevanti quantitativi di carne
di coniglio. Proprio in occasione dellevento "Expo",
lAssociazione coniglio italiano ha donato al Banco
alimentare oltre 4mila chilogrammi della carne di
coniglio italiano, povera di grassi e ricca di contenuti
proteici. In tutto, pi di 16mila porzioni.
LAssociazione coniglio italiano, nata da poco pi di

AUTENTICO TOUR DE FORCE

Giubileo, Roma
si rimbocca le maniche
per laccoglienza
Cantieri aperti H24 soprattutto per garantire la migliore
mobilit per i pellegrini. Alcune delle opere previste: un
Villaggio per laccoglienza
dei pellegrini, lungo i viali di
Castel SantAngelo; il ripristino del tratto della Via Francigena che va da Formello
verso Roma, il cammino del
pellegrino per eccellenza.
Previsti anche il potenziamento dei pronto soccorso e
delle dotazioni di 12 ospedali

(FOTO SIR)

n Villaggio per laccoglienza dei pellegrini, lungo i viali di Castel


SantAngelo, con tanto di tensostrutture, infopoint e punti di ristoro. Il
ripristino del tratto della Via Francigena che va da Formello verso Roma, per
riportare in auge quello che nel Medioevo era il cammino del pellegrino per
eccellenza e garantire cos unaltra porta daccesso alla Capitale. Il potenziamento
dei pronto soccorso e delle dotazioni sanitarie di 12 ospedali romani, con laccluso
acquisto di nuove ambulanze. Ma soprattutto, cantieri aperti H24 per un tour de
force di tre mesi che turber i sonni tranquilli dei romani e metter a dura prova la
mobilit cittadina quotidiana. La posta in gioco, per, la buona riuscita del
Giubileo straordinario della Misericordia, ai nastri di partenza l8 dicembre. Un
obiettivo sicuramente a portata della Capitale, hanno affermato i partecipanti alla
prima cabina di regia dopo la pausa estiva, alla quale hanno partecipato tra gli
altri - con un doppio incontro, in mattinata al Palazzo Senatorio e nel pomeriggio
in via della Conciliazione - il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio
De Vincenti, il prefetto Franco Gabrielli, il sindaco Ignazio Marino, lassessore ai
Lavori Pubblici di Roma Maurizio Pucci, il presidente della Regione Lazio, Nicola
Zingaretti e il presidente del Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione,
monsignor Rino Fisichella. Massima collaborazione, la parola dordine, tre le
priorit: accoglienza, mobilit e sicurezza. Dal 1 settembre, inoltre, si insediata
in Prefettura la segreteria tecnica di coordinamento fra le istituzioni pubbliche
coinvolte nella preparazione e attuazione dellevento per ci che compete le
autorit civili, ha spiegato il prefetto Franco Gabrielli, che dal 27 agosto scorso
affianca il sindaco di Roma, Ignazio Marino, nel cammino di preparazione al
Giubileo indetto da papa Francesco. Molta attenzione, ha assicurato Raffaele
Cantone, presidente dellAutorit Anticorruzione, verr riservata alla vigilanza
sugli appalti, sul modello di quanto gi avvenuto per lExpo di Milano.

il Periscopio

Gioved 10 settembre 2015

Cantieri aperti H24. Strade da rifare, a partire


dai lungotevere e dai ponti nei pressi del
Vaticano; percorsi pedonali da sistemare, con
relativo nuovo arredo urbano; manutenzione
straordinaria per linee tranviarie e
metropolitane. Quarantotto interventi da
realizzare subito, sui 131 totali del dossier sul
Giubileo presentato a Palazzo Chigi, con i 50
milioni di euro gi disponibili grazie alla
deroga ai limiti del patto di stabilit concessa
dal Ministero dellEconomia. Viabilit, decoro,
verde e trasporto pubblico, i quattro obiettivi
chiave di questa fase della Giunta, ha spiegato
il sindaco Ignazio Marino. I tempi ristrettissimi
a disposizione imporranno
allAmministrazione comunale un vero tour
de force, a partire dai primi cantieri che si
apriranno in zona stazione Termini gi da
questa settimana. Prati, Trastevere, Flaminio,
Esquilino le zone pi a rischio per un
inevitabile surplus di traffico. Chi arriva a
Roma su rotaia, potr contare anche sulla
riqualificazione delle aree delle stazioni di San
Pietro e Ostiense: cantieri inoltre per i
collegamenti con San Pietro, da Via delle
Fornaci a piazza di Porta Cavalleggeri.
Manutenzione straordinaria, invece, sullasse
viario che va da lungotevere Diaz fino a
lungotevere Testaccio. La manutenzione
straordinaria interesser anche il verde
pubblico, nellarea di Castel SantAngelo, della
basilica di San Giovanni in Laterano, di Santa
Croce in Gerusalemme e di San Paolo fuori le
mura. Un intervento specifico stato deciso
per il parco di Colle Oppio.
Restyling degli ospedali e nuovo numero
verde. Cantieri aperti anche nei pronto
soccorso di 12 ospedali romani: non solo per
imbiancare le pareti, ma per garantire strutture
pi accoglienti e moderne, con nuovi
macchinari e pi personale, ha spiegato il
presidente della Regione Lazio, Nicola
Zingaretti. Il piano della Regione Lazio per il
Giubileo prevede in tutto 88 milioni di
investimenti. Dal 1 novembre, inoltre, i
cittadini di Roma e provincia avranno un solo
numero per le emergenze: il 112, che
assommer in s il 113 della polizia, il 115 dei
vigili del fuoco, il 118 dellemergenza sanitaria
e naturalmente il 112 dei carabinieri. Sede
operativa sar la nuova Centrale unica delle
emergenze, in buono stato di avanzamento
grazie a un progetto della Regione Lazio.
Segno, questultimo, della particolare
attenzione assegnata al tema della sicurezza,
come lannunciata assunzione straordinaria, in
vista del Giubileo, di 2.500 fra carabinieri,
polizia e guardia di finanza.
M. Michela Nicolais

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

NUOVI RECORD
E ANTICHI VIZI
Gli ultimi
giorni di questa torrida
estate hanno
consegnato ai
collezionatori
di numeri e
statistiche un
record significativo. stato calcolato, infatti,
che lungo le ventiquattrore di luned 24
agosto un miliardo di persone, ossia un abitante su sette dellintero pianeta, si sia collegato a Facebook per connettersi con i suoi
amici e familiari.
Lannuncio giunto direttamente da Mark
Zuckerberg, fondatore e amministratore delegato del social network, condito da una
buona dose di orgoglio per il risultato. la
prima volta che abbiamo raggiunto questo
traguardo, ha scritto sul suo profilo il giovane miliardario californiano. Ed solo
linizio per collegare il mondo intero. Un
mondo che, se pi aperto e connesso, un
mondo migliore.
Come una doccia fredda sulle ottimistiche
parole di Zuckerberg piovuto il doppio
omicidio della Virginia ad opera di Vester
Lee Flanagan, il 41enne giornalista che,
dopo aver assassinato una ex collega e un
cameraman, ha pubblicato il video del folle
gesto sui propri profili di Facebook e Twitter.
Con i media digitali Bryce Williams questo
il suo pseudonimo online era costantemente connesso, sia per lavoro che per
svago, tanto da essere ormai conosciuto
solo col nome fittizio che compariva sui social network. Oltre alla ripresa dellomicidio,
Williams aveva preparato un breve montaggio dei suoi lavori, con la foto di un arma ad
aprire la carrellata di immagini. Cosa stava
per fare era ben chiaro nella sua mente e
non voleva lasciare le pagine senza unultima testimonianza di s. Come fosse uno
dei tanti selfie che quotidianamente affollano la rete.
Fra le numerose riflessioni che suscita,
lestremo delirio di condivisione del killer
della Virginia unulteriore conferma di
quanto sia breve il passaggio dal noi del
web comunitario allio egocentrico e vanitoso. Se vero che le nuove tecnologie
hanno portato allo scoperto e in buona
parte permesso di soddisfare un vastissimo bisogno di socialit, non si pu negare
che dietro a questa esigenza si nasconda
anche il desiderio di apparire, mostrarsi, essere guardati. E tutto ci, allinterno di uno
spazio indeterminato che non prevede la
verifica della realt.
Potremmo dire addirittura chiosava Francesco Delzio su Avvenire qualche giorno fa
che si avverata la lucida profezia di Baumann e della sua societ liquida, nella quale
il pensiero strutturato rischia di sciogliersi
in un caleidoscopio di immagini fatue e di
dichiarate vanit. Giudizio severo, non c
dubbio, ma utile per dribblare qualche eccessivo stazionamento nelle vetrine digitali.

di Zeta

Una casa in dono alla Comunit fondata da don Oreste Benzi


Dopo un anno il passaggio definitivo di propriet

La promessa mantenuta

i fa un gran parlare di accoglienza. Il tam tam, vista lemergenza profughi,


ormai quotidiano. Giustamente, mi viene da dire, anche perch il Vangelo
non si pu prendere a brandelli e anche lEuropa, alla fine, si ricordata
delle sue radici cristiane. Non si pu chiudere la porta in faccia a chi tende la
mano e domanda di essere accolto.
C anche chi, bene non dimenticarlo, fa dellaccoglienza la propria regola di
vita. Mi riferisco, in questo caso, a don Oreste Benzi e a quanti lo hanno seguito e
oggi danno vita alla sua comunit. E vengo subito al fatto che vorrei raccontare.
Un esempio in cui la Parola di Dio viene applicata senza tanti giri di parole.
Marted della scorsa settimana mi sono trovato anchio a festeggiare un
anniversario di matrimonio molto particolare. In agenda lavevo annotato dallo
scorso anno, dopo aver partecipato al 63esimo di nozze. Segna subito la data per
il 2015 mi disse Pippo Torroni, noto imprenditore di Savignano sul Rubicone
perch dovrai esserci anche tu insieme a Paolo Ramonda (il successore di don
Benzi alla guida della comunit) alla nostra famiglia e ai nostri amici.
Non potevo mancare. Il primo settembre 2014, al termine della celebrazione della
Messa, Torroni annunci il desiderio della moglie Gigliola di donare in maniera
definitiva la casa di accoglienza di Savignano in cui opera da oltre trentanni la
Papa Giovanni XXIII. La notizia era nellaria, ma fece ugualmente scalpore. Una
splendida notizia, di quelle che vorremmo sempre raccontare.

La scorsa settimana ho assistito al seguito. Dopo un


anno, sempre nello stesso giorno dellanniversario
di matrimonio, la promessa viene mantenuta. Si
appone la firma davanti al notaio e ora la bella casa
con diversi ettari di terreno di propriet della
comunit di don Benzi.
Voi siete segno di Dio, dice nellomelia don Elio
Piccari, il sacerdote riminese che ha vissuto per
lunghi anni con don Oreste nella parrocchia della
Resurrezione. Con lui, a concelebrare, c don Nevio
Faitanini. Curatevi sempre lun laltro aggiunge -.

Cos realizzate la vostra vocazione. In voi due,


noi vediamo come ama Dio.
In quella casa dedicata al recupero di
tossicodipendenti, dal 1984 sono transitati
migliaia di giovani. Oggi ci sono una decina di
ospiti. Quanti fratelli in questo luogo hanno
ritrovato la vita mette in evidenza don Elio -.
Ecco perch il dono di Gigliola grandioso.
un segno concreto dellaccoglienza. Ed anche
un gesto col quale si esprime la riconoscenza e
lappartenenza a un Altro. Una vita segnata
anche dal dolore, quella di Gigliola, che ha
perso i primi quattro figli morti a poche ore
dalla nascita.
Poi la confessione pubblica, bella, sincera,
genuina, spontanea, che disarma e commuove
anche i pi restii. Per 40 anni dice Gigliola
che ha accanto il figlio maggiore sono andata
a Messa tutte le sere e Pippo non mai venuto
con me, neanche alla domenica. Poi un giorno
incontr don Oreste che gli disse, lapidario, che
per stare in piedi bisogna stare in ginocchio. Una
frase che lo ha folgorato. Ora, alla sera, io non
riesco pi ad andare alla Messa. Mio marito ci
va tutti i giorni. (895)

12

Cesena

Gioved 10 settembre 2015

I coniugi Alice Alessandri e Alberto Aleo stanno avendo grandi riscontri negli Stati Uniti

"Vendita etica": si pu e la propongono due cesenati


In un mondo dove i termini vendita e marketing
fanno ormai scattare nei consumatori un campanello dallarme, se non di vero e proprio fastidio, c chi parla addirittura di "vendita etica". Si
tratta di due cesenati, i coniugi Alice Alessandri e
Alberto Aleo (nella foto), reduci da un tour di quasi due mesi negli Stati Uniti, dove appena uscita la versione inglese del loro libro "La vendita
etica" (edito in Italia da Franco Angeli).
La coppia tra il 2013 e il 2014 aveva gi passato diversi mesi negli Usa, nellarea di Boston in particolare, per raccogliere materiale utile alla pubblicazione: "Negli Stati Uniti - spiega Alice Alessandri - si parla di etica degli affari da pi di 40 anni in molti ambienti universitari. E non certo
una materia di serie B, basti pensare che professori di Business ethics sono diventati presidi di
facolt ad Harvard".
Ma cosa significa vendere in modo etico? E come
possibile coniugare valori morali e affari?

"Si tratta di mettere in campo dei nuovi rapporti tra venditori e clienti, di ipotizzare un
capitalismo che integri cooperazione e fiducia. La nostra idea stata quella di fondere
lapproccio italiano alle relazioni allapproccio
americano nei confronti dei clienti".
Tradizioni locali, come la cooperazione cos
diffusa in Romagna, e pratiche globali insieme
per battere nuove strade. Evitando di vendere
a tutti i costi: "La vendita parte di un processo che si dipana nel tempo - aggiunge Alessandri -. Occorre dare al cliente pi di quello
che si guadagna e, in questo, la relazione essenziale come spiega il Nobel John Nash".
Nel loro tour americano, Alessandri e Aleo
hanno toccato i campus di Harvard e Bentley
(nella zona di Boston) per poi spostarsi sulla
costa del Pacifico: "Siamo arrivati alla Santa
Clara University, fondata dai gesuiti, proprio
31 luglio, giorno in cui si festeggia SantIgna-

Dal rispetto per luomo


il rispetto per lambiente
Tanta gente ha partecipato, la scorsa settimana, allincontro
organizzato dallassociazione "Benigno Zaccagnini"
sullenciclica di papa Francesco Laudato si
La tutela del Creato e
dellambiente passa per
limpegno ed il rispetto di tutti
gli uomini, di qualsiasi razza,
fede o nazione. Tutti sono
invitati ad assumersi le
responsabilit alle quali il
Signore li chiama. E uno degli
appelli contenuti nella
"Laudato si", lenciclica di
papa Francesco sulla cura

della casa comune.


Per capire meglio un testo cos importante,
lo scorso primo settembre lassociazione
Benigno Zaccagnini ha invitato a Palazzo
Ghini di Cesena monsignor Erio
Castellucci (stimato teologo e neo
arcivescovo di Modena-Nonantola) e
lonorevole Ermete Realacci, ambientalista
di lungo corso e presidente della
Commissione Ambiente alla Camera dei
deputati.
Dopo aver passato in rassegna i diversi
modelli di approccio alla Natura nei secoli,
Castellucci ha sottolineato lo spaesamento
dellumanit: "Nel giro di quattro secoli
siamo passati dallidea di una Terra al
centro dellUniverso, allessere solo un
granellino di polvere in un angolino della
galassia in un angolino delluniverso".
Un angolino da non sfruttare in maniera
sconsiderata: "Le soluzioni ai problemi
ambientali non sono solo tecniche, ma
etiche. Bisogna passare prima di tutto a
nuovi comportamenti che considerino la
natura un organismo vivo, che interagisce
con luomo".

ANNIVERSARIO
19 settembre 2012 - 19 settembre 2015

A tre anni dalla morte dellanima buona di

CONSILIO PISTOCCHI
diacono
autentico testimone della fede in Dio e della
carit cristiana verso i pi deboli e i bisognosi,
sentiamo fortemente la sua presenza in mezzo
a noi. I suoi gesti e le sue parole ricche di
serenit e di speranza riempiono e illuminano

zio di Loyola. Ci siamo fermati a pranzo al


campus, facendo conoscenza di una suora italiana, da molto tempo in California, che negli
anni 70 abitava in Romagna e faceva spesso il
tragitto Cesena-Cesenatico in bicicletta. Dopo
aver visitato diverse aziende della Silicon Valley, abbiamo avuto un incontro con il Consolato italiano, con il quale organizzeremo delle conferenze in futuro".
Ultima tappa nel nuovo mondo stata in Canada a Vancouver: "Abbiamo preso parte a un
convegno internazionale sulletica del business, riscontrando come litalianit sia considerata da tutti un grande valore".
Tornata in Romagna, la coppia sta organizzando ora larrivo a Cesena di docenti universitari americani specializzati in vendita etica
per una serie di incontri da tenersi nel prossimo autunno.
Michelangelo Bucci

Rispondendo poi a chi accusa lenciclica di


essere troppo progressista, Castellucci ha
ribadito lassoluta congruit della stessa
alla Dottrina sociale della Chiesa: "Ci sono
encicliche bollate come di destra e altre
considerate di sinistra. La Dottrina sociale
in realt parte sempre dalla dignit della
persona umana, come individuo e come
relazione. E da combattere lidea che mira
a spremere lessere umano nel nome del
profitto. Lo sfruttamento del pianeta si lega
allo sfruttamento dei poveri".
Sul fronte laico, Realacci ha avuto parole di
stima per lenciclica: "E un testo
straordinario, che critica leccessivo
antropocentrismo senza scivolare nel
biocentrismo. Lega assieme i temi
economici e sociali. Rispetto ai temi
trattati dal Papa, la politica italiana si trova
molto indietro. Cos questa enciclica, in
molti ambienti, viene spesso ignorata o
citata in modo marginale. Eppure uno
sprone forte allazione, come la parabola
dei talenti: pone la persona umana di
fronte alla necessit di industriarsi e
cambiare in meglio".

Gruppi in preghiera
la nostra vita. Il fratello Sergio con Filippo e
Ellida e le famiglie Buratti e Bertozzi invitano
quanti hanno voluto bene a Consilio ad unirsi a
loro nella preghiera di suffragio:
sabato 19 settembre alle 19 nella chiesa
parrocchiale di Villachiaviche Santa Messa
celebrata dal vescovo Douglas;
Domenica 20 settembre alle 11 nella chiesa
parrocchiale di Martorano Santa Messa
celebrata dal parroco don Andrea Budelacci

Per lItalia e per la vita

Ogni primo e terzo venerd del mese, alle 6,45 di fronte allingresso
dellospedale Bufalini, i volontari della Papa Giovanni XXIII pregano in
favore della vita e delle mamme in difficolt. Prossimi appuntamenti
venerd 18 settembre e 2 ottobre.
Ogni secondo luned del mese, alle 19 nella chiesa del Suffragio in via
Zefferino Re a Cesena, si tiene la Preghiera per lItalia con la recita del
rosario. Il prossimo appuntamento quindi per il 14 settembre. Fra le
intenzioni ci sar anche quella per i cristiani perseguitati per la loro
fede.

Cesena

Gioved 10 settembre 2015

13

Continuano nelle comunit parrocchiali eventi di festa. Questa settimana abbiamo avuto
segnalazioni da Borello, Ronta, Luzzena, San Mamante e Santa Maria della Speranza

Parrocchie: momenti di coesione


BORELLO
Entra nel vivo la settimana
di festa per la parrocchia di
San Pietro apostolo in
Solferino - Borello guidata
dal parroco don Emilio
Solis. Marted 15 settembre
alle 20.30 sar celebrata la
Messa con catechesi
allArena degli orti di Bora
presieduta da monsignor
Pier Giulio Diaco. Seguir
mercoled 16 presso la
famiglia Zignani Renzo il
secondo appuntamento con
la Messa con catechesi
questa volta celebrata da
don Gian Piero Casadei.
Gioved 17 settembre alle 8
sar celebrata la Messa e
alle 8.30 sar esposto in
chiesa il santissimo
sacramento per tutta
lintera giornata. Alle 20.30
in programma la
processione eucaristica
lungo la via Fiume a cui
parteciper il vescovo della
diocesi di Cesena-Sarsina
Douglas Regattieri. Al
termine ciambella e albana
per tutti. Venerd 18
settembre alle 19.30 si terr
lapertura dello stand
gastronomico. La serata di
festa proseguir con
"Stasera...mi butto",
spettacolo organizzato dai
membri della comunit di
Borello. Sabato 19 la
mattinata nel pomeriggio
alle 16 Messa per anziani e
ammalati con merenda
insieme. Alle 21 si baller
con la musica della
Giancarlo Ronchi band.
Domenica 20, giorno della
festa, dopo le Messe delle 8
e 11, il parroco alle 12
impartir la benedizione
degli automezzi. Alle 15.30
si terr uno spettacolo di
animazione per tutti i
bambini e dalle 16.30 tutti a
ballare con lorchestra
spettacolo Stefania Ciani
che si protrarr fino alle 23,
quando avverr lestrazione
della sottoscrizione a premi.
Dalla serata di gioved sar

sacramento della
riconciliazione (fino alle 18).
Alle 20 la serata sar
dedicata ai bimbi con lo
spettacolo del Mago
Cotechino. Domenica 20
settembre, festa di Santa
Maria della Speranza, le
Messe saranno celebrate
alle 8 e alle 11.30. Alle 10 ci
sar un momento
particolare con la Messa per
il 50esimo dellordinazione
di don Piero Teodorani, e
insieme a lui celebreranno
don Tarcisio De Giovanni
(60esimo di ordinazione) e
don Giovanni Barduzzi
(30esimo di ordinazione).
Alle 15 in programma la
recita del Rosario e
ladorazione eucaristica e
poi si aprir il pomeriggio di
giochi. Alle 19.30 inizier la
cena della festa con
specialit romagnole e si
rider con il cabaret di

Labitato di Borello
(foto G. Mariggi)

attiva la pesca di
beneficenza. (Bb)
LUZZENA
La piccola comunit di
Luzzena si ritrover
domenica 13 settembre per
la festa parrocchiale.
Alle 11 sar celebrata la
Messa solenne , poi si
proseguir nel pomeriggio
con musica, giochi e stand
gastronomico.
RONTA
Ancora appuntamenti per il
fine settimana alla festa
parrocchiale di Ronta. Da
venerd 11 settembre nel
campo sportivo della chiesa
saranno attivi lo stand
gastronomico a partire dalle
19, la pesca di beneficenza e
unarea con gonfiabili per i
bambini. L11 settembre alle
20.30 ci sar lapertura della
mostra fotografica
dellassociazione Penelope.
La serata, anticipata da un
aperitivo Rockin alle 19,
sar incentrata sul Ronta

Rock (www.rontarock.it) la
gara di gruppi musicali, a
cadenza annuale,
organizzato nel contesto di
"Ronta in Festa". Sabato 12
settembre alle 16.30 si terr
la camminata nella
centuriazione e alle 21 ci
saranno i Cheope in
concerto.
Domenica 13 settembre alle
10.45 la Messa sar
allaperto con benedizione
degli automezzi e
conducenti, alle 15.30 in
programma la Messa un
unzione degli ammalati e
degli anziani.
Alle 16.30 il pomeriggio
proseguir con la festa della
famiglia con trucca bimbi e
gonfiabili, alle 17.30 i
esibiranno i "Crisa dance" e
alle 21 si rider con la
commedia "Finch
matrimonio non ci separi"
della Compagnia teatrale
Quinte strappate. Alle 23 si
chiuder con lo spettacolo
pirotecnico. (Bb)

SANTA MARIA
DELLA SPERANZA
La parrocchia di Santa
Maria della Speranza si
appresta a vivere una
settimana densa di
appuntamenti. Il 14
settembre alle 20.30 la
comunit si ritrover per la
Messa per tutti i defunti
della parrocchia e ci sar
lomaggio delle famiglie a
"Maria della speranza".
Gioved 17 alle 20 saranno i
giovani a portare il loro
omaggio alla Madonna e
seguir la cena della festa
dei giovani con la musica
degli E45. Il 18 settembre
alle 15.30 in programma la
Messa per la Terza et. Il
pomeriggio proseguir con
un momento di festa e alle
20 si terr la serata della
paella. Al termine si canter
con il "Karaoke dilettanti
allo sbaraglio"
Sabato 19 alle 15 si terr la
fiorita dei bambini e ragazzi
alla Madonna cui seguir il

A Santa Maria
della Speranza
la Messa per alcuni
anniversari
di ordinazione
Mirko Alvisi. La festa si
chiuder con lestrazione
dei biglietti vincenti della
sottoscrizione a premi. (Bb)
SAN MAMANTE
La piccola comunit di San
Mamante si ritrover per la
festa parrocchiale domenica
20 settembre. Alle 10 sar
celebrata la Messa solenne,
alle 15 ci sar la benedizione
eucaristica seguita da un
momento conviviale con
ciambella e vino per tutti. In
serata si danzer con
lorchestra spettacolo "Trio
made in Italy". Sar aperta
la pesca di beneficenza.

Pievesestina | Tre giorni in Umbria

Osservanza-Duomo | In montagna

Dal 27 al 29 agosto una ventina di parrocchiani di Pievesestina, insieme al parroco


don Marco Prada, ha vissuto una vacanza insieme in visita nella citt di Perugia, a
Passignano (sul lagoTrasimeno), a Citt della Pieve e a Cortona. Qui hanno visitato e
pregato nella basilica dedicata a Santa Margherita. Non mancata una visita
alleremo delle Celle dove ha vissuto San Francesco ed tuttora abitato da alcuni frati.

Il Gruppo famiglie interparrocchiale dellOsservanza e del Duomo ha partecipato al campo


estivo (dal 23 al 30 agosto) a Padola (BL) nellAlto Comelico. Ha guidato il campoVirgilio
Guidi, con momenti di preghiera, riflessione e passeggiate. Due giornate restano memorabili:
la scarpinata attorno alleTre cime di Lavaredo e luscita in bici sulla pista ciclabile che da San
Candido porta a Lienz in Austria (43 km), affrontata solo da alcuni intrepidi ciclisti.

Cesenatico

Gioved 10 settembre 2015

15

Da Mercato Saraceno a Cesenatico

Maratona Alzheimer
Tre obiettivi solidali
a Maratona Alzheimer (18Una tre giorni (18-20 settembre)
20 settembre) si fa in tre per
che, tramite la corsa agonistica
la ricerca scientifica. Tre
come i giorni di iniziative,
e amatoriale, punta
di camminate e di trail fra natura
a sensibilizzare sul tema
e citt, pensati per dare slancio
alla vocazione turistica
delle malattie degenerative
dellevento, senza perdere di vista
lorizzonte degli studi sulla
malattia.
dellAppennino Tosco-Romagnolo MugelloTre come i frazionisti che affronteranno insieme il
Alzheimer. Saranno tre le classifiche totali che
lungo percorso di 42,195 km e ne condivideranno le
verranno stilate per dare corpo alliniziativa: oltre a
gioie e le fatiche nella nuova staffetta "1xTutti,
quelle relative alle singole maratone, in calendario
3xlAlzheimer": i tre runners si divideranno il
percorso, da Mercato Saraceno a Borello (12 km), da rispettivamente per le giornate di sabato 19 e
domenica 20 settembre, verr redatta una terza
Borello a Cesena (14 km) e da Cesena a Cesenatico
classifica con la somma dei tempi delle due gare. Vi
(16 km), in una corsa non competitiva aperta a
saranno inseriti tutti gli atleti che avranno concluso
tutti, tesserati e non tesserati, senzobbligo di visita
entrambe le corse, divisi nelle categorie
medica agonistica. Ogni prestazione sar
uomini/donne. I partecipanti verranno premiati,
comunque cronometrata con chip attivo e ogni
allarrivo a Cesenatico, con un gadget ricordo, un
atleta avr il proprio pettorale. Si potr comporre la
prodotto di artigianato realizzato e donato dai
propria squadra con un familiare, con un amico,
ragazzi della cooperativa Ccils di Cesenatico.
con un compagno dallenamento o di scuola:
Sono tre, inoltre, gli obiettivi solidali: prevenzione,
liniziativa ideale per condividere il percorso con gli
assistenza e ricerca, ovvero i punti cardinali verso i
altri, aderendo ai valori propri della
quali si orienta lintera attivit di Amici di Casa
manifestazione.
Insieme. Ad approfondire questi aspetti essenziali,
Accanto alla staffetta, come novit assoluta 2015,
tra le iniziative della tre giorni Maratona Alzheimer,
nasce per i podisti pi stoici la Combinata

Larrivo a Cesenatico nelledizione 2014

sinserisce anche una Conferenza pubblica dal


titolo Pratiche di ricerca, potenzialit ed
esperienze. Il Paradigma Alzheimer, prevista per la
mattina di sabato 19 settembre a Cesenatico
E la ricerca lapprodo ideale del percorso avviato
dallassociazione "Amici di Casa Insieme" grazie
alla Maratona Alzheimer, un ambito nel quale si
colloca anche la novit 2015 destinata a chiudere il
cerchio: "360 Alzheimer" il progetto avviato in
collaborazione con UniCredit che, attraverso i fondi
della sua Carta Etica, contribuir allacquisto di
unattrezzatura scientifica utile nella ricerca
sullAlzheimer, da utilizzare presso i laboratori della
Fondazione Iret di Ozzano Emilia. Lattrezzatura,
che ha un costo di 30mila euro, sar finanziata al 50
per cento da UniCredit, partner principale della
Maratona Alzheimer 2015. Il restante 50 per cento
sar raccolto da Amici di Casa Insieme.

Cannucceto Domenica 6 settembre era presente anche il vescovo di Carupano monsignor Villaroel

Saluto a don Robert


Domenica scorsa la comunit parrocchiale di Cannucceto ha salutato don Robert
Jesus Acosta Rivera (a destra nella foto), sacerdote venezuelano che per tre anni di fila ha prestato servizio, durante i tre mesi
estivi, presso le chiese dellunit pastorale.
Era presente anche il vescovo di Carupano
monsignor Jaime Villaroel (a sinistra nella
foto).
"Mi stato affidato lincarico - ha detto Valerio Navarra, responsabile del Centro
dascolto - di portarti il saluto a nome di
tutti. Sei partito alcuni anni fa dalla citt
di Cuman, in Venezuela, diocesi di Carupano, per studiare a Roma. In questi tre periodi estivi hai aiutato il nostro parroco
don Sauro Bagnoli nella conduzione delle
comunit di Cannucceto e Santa Maria
Goretti. Ti sei adattato alle difficolt e la
nostra comunit ti ha accolto come uno di

noi". Don Robert si dedicato assiduamente allo studio e il 25 giugno si brillantemente laureato in diritto canonico
presso una universit romana".
"Sei stato bravo don Robert - ha proseguito Navarra - perch quando sei arrivato
qua non conoscevi una parola di italiano,
e hai saputo far fronte alle difficolt".
"Ti affidiamo alle mani del Signore - ha

concluso Navarra - perch ora sei stato


chiamato a guidare una parrocchia di
25mila abitanti del tuo Paese. Sii sempre
testimone della parola di Dio. Opererai in
una realt difficile a noi da comprendere,
dove la democrazia a rischio ogni giorno. Tuttavia siamo fermamente convinti
che la fede e la parola del Signore trionferanno in ogni circostanza".

VIGNE (Cesena): in condominio al terzo e ultimo piano servito di ascensore appartamento completamente ristrutturato con materiali e finiture di ottima qualit e scelta.
Limmobile in zona tranquilla e residenziale, dotato di impianti a norma e di riscaldamento autonomo ed composto da soggiorno angolo cottura, 2 camere da
letto, bagno con doccia, 2 balconi, garage. 195.000 / Rif. 1512
PONTE ABBADESSE (Cesena): in posizione tranquilla su di un lotto di circa 320 mq
casa indipendente disposta su 2 livelli con proservizi esterni. DA RISTRUTTURARE.
230.000 / Rif. 1524
PIAZZA DELLA LIBERT (Cesena): al terzo piano servito di ascensore ampio bilocale composto da soggiorno con angolo cottura, camera da letto matrimoniale,
bagno, ripostiglio/lavanderia, balcone e cantina. Ottime finiture. NESSUNA
SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO.
225.000 / Rif. 1448-1
CESENA ZONA CENTRALE (adiacenze viale Mazzoni): in elegante palazzina di recente costruzione appartamento al primo piano composto da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi e garage. Ottime finiture.
NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO. 325.000 / Rif. 1449-2
PONTE PIETRA (Cesena): immersa nel verde e nella tranquillit casa indipendente di 140 mq. commerciali pi servizi e terreno agricolo di propriet di circa
10.000 mq. La soluzione immobiliare necessita di lavori di ristrutturazione e si
pu valutare di ampliare e/o mantenere gli spazi attuali personalizzando gli interni oppure demolendo il tutto per ricostruire un'abitazione con S.U.L. di 270
mq. e unampia attrezzaia esterna. 260.000 / Rif. 1556

PONTE PIETRA (Cesena): in posizione residenziale e tranquilla porzione di villetta bifamiliare di nuova costruzione con possibilit di personalizzare gli interni. Limmobile disposto su pi livelli ed composto da ingresso indipendente, cucina, sala, 3 camere da
letto, doppi servizi, sottotetto, lavanderia, 5 balconi, porticato/loggia, garage doppio,
cantina/taverna e giardino privato. 380.000 / Rif. 1493
SAN VITTORE (Cesena): in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale di recente
costruzione disposta su 3 livelli con ampio giardino. 420.000 / Rif. 1565
DIEGARO (Cesena): in piccola palazzina circondata dal verde appartamento ristrutturato al secondo piano composto da ingresso su ampio soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, veranda con camino e zona lavanderia,
balcone e garage doppio. Impianti autonomi. 230.000 / Rif. 1567
SANTA MARIA NUOVA: in posizione tranquilla e residenziale villetta angolare di nuova
costruzione con finiture extra capitolato e in ottime condizioni duso. Limmobile
disposto su tre livelli ed composto da ingresso indipendente, ampio soggiorno con
angolo cottura, 2 camere da letto mansardate e finestrate, 3 bagni, 3 balconi, taverna
accessoriata di impianti, garage e posto auto di pertinenza. Completa la propriet un
giardino privato di oltre 65 mq. gi piantumato e recintato. 239.000 / Rif. 1507

16

Valle del Rubicone

Gioved 10 settembre 2015

A Longiano nel fine settimana

Gambettola

Foto Marcello Parini

Ultimi eventi
dellestate

Torna il fascino
della musica meccanica

i nuovo a Longiano, dopo


quattro anni di pausa, il
Festival internazionale
dellantico organetto.
Ledizione numero 11 si svolger
sabato 12 e domenica 13 settembre.
Cento suonatori in costumi depoca,
provenienti da dieci nazioni diverse,
allieteranno le vie del borgo
longianese con i loro strumenti
musicali meccanici.
La manifestazione, organizzata dal
Comune e da Ammi (Associazione
italiana musica meccanica),
prender il via sabato 12 alle 16,30
con la grande parata di apertura.
Spettacoli di musica e danza sono
previsti in piazza san Girolamo.
Domenica 13 la festa inizier alla 9 di
mattina con la mostra scambio di
grammofoni e dischi. Alle 9,30 il
suono degli organetti accompagner
la Messa al santuario del Santissimo
Crocifisso.
Nelle due giornate, alle 18,30, i
coniugi Biermann e Seiltz terranno
un concerto di organi di Barberia
presso la collegiata "San Cristoforo".

Un grande carillon con


ballerina animer le vie del
centro storico. La
"3MontiBand" eseguir la
canzone "Longiano damare", scritta
per loccasione da Stefano Nanni.
Per i pi piccoli sar presente un
"teatrorgano" con burattini e
marionette.
Il gran finale previsto dalle 21,30
alle 22,30 di domenica in piazza San
Girolamo.
Per tutta la durata del festival
funzioner lo stand gastronomico
della Pro loco in piazza Racca.
"Ci aspettiamo un numero alto di
turisti - dice Franco Severi di Ammi . stata fatta molta promozione. Per

alcuni giorni siamo stati con una


nostra postazione anche allExpo di
Milano".
"Il festival - fa sapere il sindaco
Ermes Battisitni - gode di prestigiosi
e importanti patrocini, come quello
del Senato della Repubblica, della
Regione Emilia-Romagna e di Expo
padiglione Italia. Il costo della
manifestazione di circa 30mila
euro. Grazie al contributo dello
sponsor "Suba sementi", il Comune
ha impegnato solo 5mila euro".
Matteo Venturi

A Montiano la Sagra del cicciolo

Gatteo
Festa in parrocchia
Da gioved 10 a domenica 13 settembre a
Gatteo si festegger la Madonna del Popolo
negli spazi della parrocchia di San Lorenzo
con musica, spettacoli per bambini e
degustazione di prodotti gastronomici. Il
programma prevede per gioved alle 21 il
recital Sulla strada con Maria a cura
dellAssociazione Impronte di teatro.
Venerd alle 21 commedia dialettale del
gruppo Compagnia de Bosch. Sabato
sempre alle 21 Moka Club in concerto.
Domenica alle 17.30, lesibizione della
banda di San Mauro Pascoli e alle 20.30
Orchestra Roberta Cappelletti.
Durante le serate di sabato e domenica sar
aperto lo stand gastronomico. Tutte le sere
grande pesca e al termine, estrazione
"Superpesca".
Il programma religioso prevede per
gioved, venerd, sabato il Triduo in chiesa
alle 20. Domenica la Messa sar celebrata
alle ore 7.30, 11 e 16 e, al termine di
questultima, ci sar la Processione per le
vie del paese. (Cf)

Un buon avanzo di bilancio, ma


di questo si pu spendere solo
una piccola parte. A renderlo
noto il sindaco di Sogliano al
Rubicone, Quintino Sabattini.
La mannaia del patto di
stabilit si abbattuta anche sul
nostro Comune sottolinea il
sindaco -. E difficile da spiegare,
ma il risultato al momento
attuale esattamente questo. Il
comune di Sogliano al Rubicone
essendo virtuoso, senza debiti e
senza mutui da pagare, risulta

Sono attesi cento


suonatori provenienti
da dieci nazioni diverse
Prevista
la mostrascambio

Si stanno avviando alla conclusione gli


appuntamenti inseriti nel calendario della
"lunga" Estate a Gambettola, le
manifestazioni patrocinate e organizzate dal
Comune di Gambettola con la collaborazione
delle associazioni culturali e sportive del
territorio.
Saranno due "nuove proposte" ad allietare
il prossimo ne settimana dei gambettolesi e
non.
Sabato 12 settembre, dalle 21 nel parco
Fellini, in via Sopra Rigossa Fellini Country
Festival con musiche e balli folcloristici
direttamente dagli Stati Uniti per una serata
allinsegna del divertimento
proposta da Idea Cooperativa.
Lungo un tratto di corso Mazzini, domenica
13 settembre dalle 19, lassociazione
Nonsoloruggine- i negozi del centro di
Gambettola, con la collaborazione della
Banca di Credito Cooperativo di Gatteo,
invita a trascorrere una serata allinsegna
della socializzazione e condivisione con la
Ligaza in Bianco e Ruggine. Con la Ligaza si
condivide, si scambia, si pizzica di qua e di l
e ci si abbuffa a saziet.
I partecipanti potranno consumare e
condividere la propria cena (portata da
casa) tutti uniti in lunghe tavole addobbate
con i colori Bianco e Ruggine. Una festa
condita da sorprese, animazioni per bambini
e tanta buona musica italiana anni 60 e 70
proposta da GiancarloRonchiBand.
Per loccasione, se possibile, sarebbe gradito
labbigliamento nei colori Bianco e/o
Ruggine-Marrone. Per info: 349 1965489
e/o 349 5893222. Lingresso gratuito.
Piero Spinosi

A Montilgallo
la parrocchia
celebra la festa
MONTILGALLO
Festa parrocchiale, domenica 13 settembre,
a Montilgallo di Longiano. Alle 11 ci sar la
Messa solenne. Alle 16,30 la processione
con limmagine della Madonna, la recita del
rosario e la benedizione.
Il programma ricreativo avr inizio alle
17,30. Saranno offerti vino, ciambella e lupini. Suoner lorchestra "Roby e Lisa
band".

loco con il patrocinio del Comune.


In programma, dal 17 al 20 settembre, musica dal vivo e gastronomia in via Clementina Maldolesi.
Gioved 17, dalle 21, si esibiranno due band:
"Camilla & i Bomboloni alla crema" e gli
"Honkytonk". Venerd 18 alle 21,30 lappuntamento con la musica dei "Moka
Club". Sabato 19, alla stessa ora, suoner il
gruppo "Marg 80".
Domenica 20 settembre la festa inizier alle 15,30 con la dimostrazione della pigiatura delluva e lintrattenimento dei "Musicanti di San Crispino". Alla sera sono in pro-

gramma la rassegna scuole di danza "Uisp


Cesena" e la sfilata di abiti con materiale di
riciclo "Ecostyle by Lisa".
Nellambito della rassegna, domenica 20
settembre, si svolger la 20esima edizione
della "Sagra del cicciolo". Saranno presenti espositori di prodotti tipici e artigianato.
Sar possibile acquistare ciccioli fatti a mano con metodo rurale.
Tutte le sere (e domenica 20 anche a pranzo) funzioner lo stand gastronomico della
Pro loco con specialit tipiche, quali trippa,
rane e cappelletti con ripieno di ciccioli.
Mv

| Sogliano, soldi "bloccati" in cassaforte

livello, ma saremo costretti a


tagliare o limitare alcuni progetti.

MONTIANO
Torna la rassegna "Montiano in vita" con la
sua "Sagra del cicciolo". Organizza la Pro

avere un avanzo di bilancio di


euro 4.448.412,5. Fino a pochi
giorni fa era stato richiesto uno
svincolo di almeno 1.600.000
euro per far fronte alle spese di
investimento quali strade e
opere pubbliche. La risposta
stata che possiamo spendere al
momento soltanto 250.000 euro,
di tutti questi soldi che sono

comunque nostri e rimangono


in tal modo inutilizzati.
Non commento su questa
situazione continua il primo
cittadino - ma intendo solo
informare i cittadini dei motivi
per cui non possiamo fare
investimenti. Questo nostro
strano Paese, al di l di ogni
credo politico, ha ormai bloccato

le piccole amministrazioni locali


per molti anni a venire. Se ne era
parlato, ma la gravit di queste
misure non era stata percepita
appieno sul nostro territorio.
Adesso la situazione sta
degenerando e il timore fondato
che la qualit dei servizi ne
venga coinvolta. Faremo il
possibile per mantenere alto il

Rimanendo sempre a Sogliano,


da annotare che sono stati
nominati i nuovi membri del
Consiglio di amministrazione
della Sogliano Ambiente.
Si tratta di Manuele Broccoli
presidente, Vittorio Cicognani
vice presidente, Aida Morelli
consigliere, Pietro Pazzaglini
consigliere.
Cristina Fiuzzi

Valle del Savio

TOMBA

Per non dimenticare


i soldati indiani

17

Feste in valle

Uccisi a centinaia nel 1944

uestanno parteciper anche


una delegazione di una
decina di Sikh, oltre al Lama
buddista Alack Tulku
Rinpoche, che gi lo scorso anno
aveva celebrato un rito dei luoghi
teatro di combattimenti e di una vera
e propria strage di indiani.
Torna domenica 13 settembre al
Monte Finocchio e al Monte Piombo
liniziativa Facciamo la pace?, il
percorso di memoria, pace e
tolleranza fra popoli, culture e
religioni.
Sar una giornata dedicata alla pace
realizzata col patrocinio dei Comuni
di Sarsina e Mercato Saraceno.
Lappuntamento alle 10 allazienda
"Il Pagliaio", lungo la provinciale tra
Sarsina e Ranchio, in Comune di
Mercato Saraceno.
Sul crinale di Monte Finocchio e di
Musella, durante le vicende della
Liberazione, 71 anni fa, centinaia di
indiani morirono falciati dalle
mitragliatrici tedesche.
E al Monte Piombo, che fa parte del
terreno dellazienda agricola e si trova

Gioved 10 settembre 2015

Oratorio della Tomba, tre giorni di festa.


Venerd 11 settembre ci sar lapertura dello
stand gastronomico con specialit locali. Alle
21,30 animazione con "Elio e gli amici". La
maccheronata gratuita prevista per le 23.
Sabato alle 19 apertura dello stand con
specialit di birra, piadina e salsiccia, allietati
dalla musica dellorchestra "Nove Zero". Alle
23,30 serata animata da un DJ di Radio Studio
Delta. Questa serata offerta dalla Bcc di
Sarsina. Domenica 13 settembre alle 15,30
Messa solenne e processione, apertura della
pesca di benecenza e "pentolaccia" gratuita
per tutti i bambini. Alle 17 apertura dello
stand con piadina, fornarina e crescioni.
Allieter il pomeriggio e la serata lorchestra
"Fabrizio e gli accademia". Alle 18 un
animatore far divertire piccoli e grandi con
"Tutti i giochi di una volta". Sar allestita
anche una mostra fotograca.

Domenica una
giornata fra Sarsina
e Mercato Saraceno,
alla presenza
di un Lama indiano
in territorio di Mercato Saraceno,
sono state ritrovate buche e
minitrincee dove i tedeschi avevano
allestito una sorta di seconda Linea
Gotica. Gi lo scorso anno, nel 70
della Liberazione, stato ricordato il
sacrificio degli indiani, col lama Alack
Rinpoche che aveva celebrato un rito
di purificazione della montagna.
Questanno il Comune di Mercato
Saraceno collocher targhe
commemorative di quei fatti a Monte
Finocchio e a Monte Piombo, e
parteciper alla giornata anche una
rappresentanza Sikh.
Alle 10 al Pagliaio, al Monte Finocchio,
si ricorderanno le vicende storiche del
passaggio del fronte e verranno poste

le targhe commemorative.
Alle 11 a La Vicuva (la vecchia Via
Cupa), adiacente allazienda Il
Pagliaio, sul luogo della cremazione
dei militari defunti, verr recitata la
preghiera per tutti i caduti (tutti, non
solo gli indiani).
Dopo il pranzo, nellaia gli asinelli del
Pagliaio accompagneranno i
partecipanti nella camminata della
pace fino al Monte di San Vicinio, con
sosta a Poggio 16 dove sono visibili
altre buche e postazioni dei tedeschi.
Il contributo per il pranzo di 10 euro
e gli organizzatori chiedono la
prenotazione (335/5315580 e-mail:
info@ilpagliaio.it).
Alberto Merendi

MONTALTO
Un ritorno alle origini, alle radici di un
popolo. Domenica 13 settembre questo
avverr nella ex parrocchia di Montalto,
presso i ruderi dellAbbazia millenaria di San
Salvatore in Summano presso Sarsina. Alle ore
10, presso la chiesa, ci sar il saluto agli
intervenuti poi chi desidera potr offrire il
proprio contributo con ricordi, racconti,
poesie, canti e testimonianze ispirate al luogo
cos caratteristico. Ci saranno alcune poesie di
Tonina Facciani e sar letto un brano storico
sulla chiesa redatto da don Daniele Bosi. Da
Sarsina partiranno due gruppi a piedi: alle 8
quelli che vorranno camminare per 10 km, alle
9 quelli che cammineranno per 4 km. Alle
11.30 sar celebrata la Messa e a seguire la
maccheronata per tutti.

Inaugurazione alla presenza del vescovo, del parroco e dei sindaci di Sarsina e Verghereto

Castel dAlfero, restaurato il piccolo oratorio


Una chiesa rinnovata per la comunit. E stato inaugurato ai primi di agosto il piccolo oratorio dedicato alla Madonna della Neve in localit Castel dAlfero, borgo medievale ormai
disabitato in comune di Sarsina, ma appena
a un chilometro e mezzo dal centro abitato
di Alfero. Alla presenza (foto) del vescovo di
Cesena-Sarsina Douglas Regattieri, del parroco di Alfero don Edero Onofri, dei sindaci di
Sarsina e Verghereto, Luigi Mengaccini (insieme al suo vice Gianluca Suzzi e allassessore Enrico Cangini) ed Enrico Salvi tornata a risplendere la chiesina risalente al 1700.
La tradizione narra che nei primi giorni di
agosto di un anno imprecisato, nel corso di
un violento temporale, avesse iniziato a nevicare abbondantemente. Da qui il nome delloratorio. Una chiesa a cui i parrocchiani di
Alfero sono molto legati e dimostrano una
devozione alla Madonna forte tanto da aver-

Ponte Giorgi
Men di pesce a Ponte Giorgi
Venerd 11 settembre - ore 20,30
Insalatina di ali di razza, salome marinato, sarda fritta in carpione,
guazzetto di cozze veraci, raviolo ai crostacei, grigliatina di coda
di rospo,spiedini di gamberetti, fischiona alla griglia, frittura
dellAdriatico, insalata mista, dessert

35 euro (con vino in abbinamento)

Una giornata da trascorrere insieme alle carpe Koi


Domenica 13 settembre dalle 15
aperto a tutti. Per partecipare allasta, posti limitati. Iscriviti adesso!
Vuoi vedere carpe Koi meravigliose gustando un succoso cocktail sul lago? Asta Koi,
domenica 13 settembre! Un appuntamento da non perdere
per conoscere un nuovo modo di vivere il giardino...

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

li indotti a contribuire al restauro insieme alla Curia e al comune di Sarsina che intervenuto sulle opere esterne di accesso alla chiesa e alla viabilit (strada, camminamento,
staccionata, illuminazione, scalinata).
Un gesto, quello degli alferesi, di cui va molto fiero il parroco don Edero: "Sono intervenuti o con offerte in denaro o mettendo a disposizione materiale o giornate di lavoro. Allinterno stato rifatto il pavimento e nel
mentre stata riscoperta unantica pavimentazione in pietra serena. E stato ridipinto il
soffitto come era in origine e sono state rinnovate le porte. E una chiesa piccola, ma
molto carina, affrescata. Rimane sotto il livello della strada per cui si reso necessario
uno scavo intorno alledificio e un muro di
contenimento con scalinate e un passaggio
per le carrozzine".
Michela Mosconi

18

Solidariet

Gioved 10 settembre 2015

VIAGGIO NELLE CARITAS DI CESENA-SARSINA. Nelle parrocchie di Sarsina e di Quarto una ventina di nuclei aiutati con generi alimentari e per il pagamento delle bollette

Valle del Savio in aiuto di famiglie (soprattutto) italiane


N
on cambia il disagio, ma il target
s: sono soprattutto italiane le
persone assistite dalla Caritas di
Sarsina. Nel periodo estivo assistiamo
13 famiglie, che salgono a oltre una
ventina in inverno. Lemergenza scema
nei mesi primaverili: quello che incide
pesantemente, infatti, la spesa del
riscaldamento, considerando che si
tratta in prevalenza di nuclei a
monoreddito - spiega il coordinatore
Michele Buldrini - . Delle famiglie che
stiamo seguendo ora, 8 sono italiane:
tra queste ci sono anche ragazze madri
che sono rimaste sole con il proprio
bambino e casi di single senza lavoro.
Una prevalenza, quella degli italiani
sugli stranieri, che emersa negli
ultimi anni. In passato erano in
maggioranza gli immigrati, e gli italiani

solo un 20 per cento. Ma da quando si


riacutizzata la crisi, le famiglie straniere
residenti nel nostro territorio hanno
deciso di smembrarsi: le moglie con i
figli sono tornati nel proprio Paese di
origine e qui sono rimasti solo i
capifamiglia, che poi mandano il
denaro a casa, prosegue.
Oltre alla distribuzione dei generi
alimentari (un pacco mirato per ogni
famiglia ogni 15-30 giorni), la Caritas
interviene sporadicamente anche per il
pagamento delle bollette.
I volontari impegnati sono una decina e
si sono organizzati in unefficiente rete
per segnalare tempestivamente i casi di
bisogno. Abbiamo suddiviso il paese in
diversi settori e i nostri referenti fanno
da sentinelle. Laltro canale quello con
i servizi sociali del Comune di Sarsina,

con cui c un confronto continuo,


conclude Boldrini.
La Caritas attiva anche a Quarto di
Sarsina, dove prevalentemente
impegnata nella distribuzione di generi
alimentari. I nuclei familiari che
abbiamo in carico sono attualmente 4,
quasi tutti italiani - informa la referente
Luciana Moretti -. Nel nostro territorio
si registrato il picco degli immigrati
negli anni 90 e 2000 e ora assistiamo al
fenomeno del rimpatrio. Sono rimaste
quelle famiglie straniere che si sono
totalmente integrate: lavorano
stabilmente e mandano i figli a scuola.
C anche chi ha preferito spostarsi
nella media valle, da Mercato Saraceno
in gi, dove ci sono occasioni di lavoro
pi appetibili.
Francesca Siroli

I 10mila euro raccolti in occasione della corsa del 31 maggio

Corsetta per bene saranno utilizzati per un progetto allinterno della Fattoria dellospitalit di Diegaro

Dalla StraCesena un sostegno allAnffas

di 10mila euro la somma raccolta in occasione della


StraCesena - La Corsetta per bene, la corsa di beneficenza che si svolta a Cesena domenica 31 maggio. Liniziativa, alla sua prima edizione, stata promossa da Matilde
Studio, Uisp Forl-Cesena e Saraghina Group, con il patrocinio
del Comune di Cesena. con orgoglio che portiamo a conoscenza del frutto della corsa, un piccolo seme pensato con
passione e nel bel clima che ha unito lattivit sportiva al desiderio di stare insieme, con un occhio alla solidariet, ha sottolineato Luca Toni di Matilde studio. Il maxi assegno stato consegnato gioved mattina durante una partecipata conferenza stampa nella sala degli specchi del Comune di Cesena,
a Francesca Montalti e Giorgio Manuzzi, rispettivamente presidente e gi presidente dellAnffas di Cesena; quanto raccolto andr a sostegno della Fattoria dellOspitalit, la casa gestita dallAnffas a Diegaro di Cesena.
Utilizzeremo questo denaro per realizzare un progetto pensato da Anffas allinterno della fattoria, ma chiunque ne potr
usufruire. Perch nella fattoria non ci sono differenze tra normodotati e disabili, e se ci sono fragilit, vengono superate in-

28esimo Anno Accademico


dellUniversit
della Terza Et
Il 28esimo anno accademico
dellUte Universit della Terza Et
alle porte. Il 22 settembre
presso la Sala Vaienti a Cesena
(via Renato Serra, 15) vi sar la
presentazione ufficiale del
programma 2015-2016 dellUte. La
presentazione sar a cura di
Daniele Vaienti dalle 15 alle 17 e in
quella occasione sar possibile
iscriversi.
Mentre venerd 25 settembre presso
la sala Fantini avverr
linaugurazione ufficiale dellanno
accademico con il vescovo della
diocesi di Cesena-Sarsina Douglas
Regattieri. Titolo della lezione: La
Chiesa di papa Francesco:
continuit e novit.
Per informazioni:
utecesena@tiscali.it ,
tel. 0547 22803.

Pensioni: grave il silenzio


dellInps su dati relativi
alle quattordicesime
Subito un incontro con la
dirigenza Inps regionale per
vericare quanti siano i pensionati
emiliano-romagnoli
che secondo lIstituto di previdenza
non hanno pi diritto
alla 14ma e pertanto, senza alcuna
informativa preventiva,
non hanno ricevuto la somma
aggiuntiva prevista per il primo
settembre. E anche conoscere le
motivazioni per cui a settembre non
stata pagata luna tantum
relativa allindicizzazione delle
pensioni, corrisposta invece a

sieme, ha sottolineato Francesca Montalti dellAnffas.


La struttura, inaugurata la primavera scorsa, composta da una
casa colonica e un appezzamento di terreno per un totale di 9 ettari, che il Comune ha concesso allAnffas nel 2000 in comodato
gratuito per trentanni. La Fattoria dellospitalit un centro di
accoglienza residenziale e di pronto intervento per ragazzi disabili e le loro famiglie, ma anche un punto di ristoro aperto a tutti
coloro che vogliono trascorrere una giornata allaria aperta. Allinterno gi stata realizzata unaula polivalente, una struttura costruita interamente in legno per attivit socio-occupazionali e ludico-ricreativo, oltre a unaula didattica informatizzata. I prossimi passi prevedono la realizzazione di un parco giochi esterno
fruibile dai pi piccoli, anche da coloro che hanno bisogni speciali,
e il Giardino dei Sensi, con aiuole a misura di carrozzina, ideato
in collaborazione con lIstituto tecnico agrario e per geometri di
Cesena, unarea con lorticoltura biologica nella quale i disabili
potranno trovare occupazione lavorativa, una palestra riabilitativa, un anfiteatro per spettacoli allaperto e il maneggio per lippoterapia, lallevamento di animali per pet therapy.
Sabrina Lucchi

NOTIZIARIO PENSIONATI
iscritti provenienti dai fondi
speciali. Cos Loris Cavalletti,
responsabile dei pensionati Cisl
(Fnp) dopo aver appreso la notizia
tramite stampa.
Non solo lInps per disguidi

organizzativi non ha pagato a


luglio la 14ma, rimandandola a
settembre - lamenta Cavalletti - ora
procede senza alcuna anticipazione
ai sindacati dei Pensionati dei dati
relativi agli aventi diritto al
benecio, come da tempo la Fnp
chiede.
Sono informazioni che riguardano
i nostri iscritti - osserva
lesponente emiliano romagnolo
della Fnp - che dobbiamo tutelare e
informare con notizie utili,
attendibili e motivate. Inoltre,
Cavalletti ricorda che esiste un
protocollo (in via di rinnovo) tra
sindacato e Inps che ne regola i
rapporti.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Oltre 500mila firme per una riforma del fisco


Furlan: Grazie a tutti gli italiani che hanno condiviso le nostre proposte. Ora chiediamo al governo
e al parlamento una riforma del fisco giusta ed equa. Proponiamo 1.000 euro di tasse in meno per
i redditi fino a 40mila euro e no alla tassa sulla prima casa, un nuovo assegno familiare e il
contrasto dinteressi per combattere levasione fiscale, ha sottolineato nei
giorni scorsi la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, presentando
le 500mila firme raccolte in questi mesi in tutte le citt italiane a sostegno
della proposta di iniziativa popolare della Cisl.
Mercoled 2 settembre la segretaria generale Cisl Annamaria Furlan ha
depositato al Parlamento le 500mila firme raccolte nelle sedi Cisl, Fnp, Caaf
e Inas in tutte le citt italiane a sostegno di una proposta di legge di iniziativa
popolare.
Abbiamo raccolto 500mila firme in sei mesi di Campagna e le abbiamo
presentate alla Camera dei deputati. Ora chiediamo a Governo e Parlamento
una riforma del fisco giusta ed equa. Si pu fare! Lo chiedono gli italiani. Lo
chiedono i lavoratori e le migliaia di volontari che si sono impegnati nei
luoghi di lavoro, nelle piazze e nei mercati per far conoscere le nostre
proposte. A tutti coloro che hanno aderito va il nostro ringraziamento di
cuore.
Noi stiamo consegnando al parlamento e alla Camera - spiega Furlan - una
legge su cui sono state raccolte oltre mezzo milione di firme. Si tratta di un testo molto semplice,
come devono essere le leggi, immediatamente comprensibili a tutti.
I punti principali della proposta sono: un bonus fiscale di 1.000 euro per tutti i cittadini con un
reddito fino a 40mila euro, quindi pensionati, lavoratori dipendenti e autonomi e giovani
collaboratori; un nuovo assegno familiare per il sostegno alle famiglie; abolizione delle tasse sulla
prima casa; una fiscalit locale al servizio del cittadino; contrasto dinteresse per combattere
levasione e unimposta progressiva sulla grande ricchezza.
Proponiamo - aggiunge Furlan - mille euro di tasse in meno per gli italiani e le italiane, i
lavoratori, i pensionati e le partite Iva che hanno un reddito inferiore ai 40 mila euro lordo. E no
tasse sulla prima casa, quella normale quella che compra un lavoratore, un pensionato, non una
villa e un castello. Infine una grande lotta allevasione fiscale attraverso un unico strumento per
il contrasto agli interessi.
La leader sindacale chiede che la Camera dia una corsia durgenza alla proposta di legge. Gli
italiani se lo aspettano - sottolinea Furlan - c' stata una grande grande partecipazione di popolo,
uomini e donne che hanno firmato la legge. Insomma, conclude, vogliamo un fisco amico del
lavoro, amico dei lavoratori, dei pensionati che faccia ripartire i consumi e faccia lavorare le
nostre imprese.

Cultura&Spettacoli

Diegaro di Cesena
Poesia e musica
nella chiesa vecchia

Nella chiesa vecchia di Diegaro di Cesena e sulla scia


della conclusione della festa della parrocchia guidata
dal 2005 da don Wherter Domeniconi, si terr sabato
12 settembre alle 21 la serata La poesia... memoria
del tempo trascorso. I borghi, i ruscelli, i volti.
Interpreti della serata il medico e poeta Franco
Casadei, Terzo Campana (organista), Primo Pirotti e
Deborah Salvi (voci).

Carpineta di Cesena

Festa degli Amici del Monte


a Villa Dionora

Si terr nel pomeriggio di domenica 13 settembre,


con inizio alle 16, la festa degli Amici del Monte,
lassociazione che coinvolge un folto gruppo di
persone vicine allabbazia di Santa Maria del
Monte, a Cesena
Lappuntamento sar occasione di incontro,
riflessioni, musica e letture su Il Monte, il Ponte,
il Fonte, con interventi di Otello Amaducci, Africo

Giuditta di Betulia
Ieri come oggi
a che vale luso
della violenza?
un dramma teatrale di Nevio Spadoni
pubblicato dalla casa editrice cesenate
Il Vicolo. Unopera che un canto di speranza
LA COPERTINA
DEL LIBRO

stato recentemente
pubblicato il dramma
teatrale Giuditta di
Betulia, composto dal
poeta ravennate Nevio Spadoni.
Lautore, conosciuto per essere
uno dei principali poeti in lingua
romagnola, non nuovo alla
drammaturgia: essa rappresenta
anzi il secondo polo della sua
attivit artistica e diverse sue
opere sono state portate sulla
scena con successo non solo in
Romagna o in Italia, ma anche in
Europa, in Russia, negli Stati
Uniti.
Spadoni scrive per il teatro in
dialetto e in italiano. La Giuditta,
pubblicata dalla casa editrice
cesenate Il Vicolo, diretta da
Marisa Zattini, in italiano. Il
riferimento naturalmente al
libro biblico, che racconta delleroica e ricca vedova di Israele che,
invocando laiuto di Dio, ammalia con le sue parole e con la sua
straordinaria bellezza il generale babilonese Oloferne e, durante la notte,
gli taglia la testa, salvando cos il suo popolo dallinvasore straniero. un
tema classico della storia dellarte e della letteratura, che ritorna in decine

Morellini,
Giulio
Zamagni,
Franco Fabbri
e Santino
Neri;
coordina
Paolo Turroni. A conclusione, un
momento conviviale.
Per info e adesioni: Nives e
Umberto Gaggi, tel. 0547 610399.

di opere di artisti di tutti i tempi.


Spadoni ne fa occasione per una
riflessione tutta contemporanea sul
rapporto tra uomo e donna, sulluso
della bellezza, sul terribile potere e sulle
possibili conseguenze della seduzione.
Che la Giuditta spadoniana sia
assolutamente moderna lo si capisce
dunque dal continuo riferimento alla
nostra visione dellamore e della
bellezza, visibilmente decaduta, e anche
da segnali importanti che riguardano i
personaggi stessi: appena Giuditta ha
ucciso Oloferne, ad esempio, ha un
impulso di coscienza che la fa arrestare
di fronte alla violenza e al sangue versato
pur se a scopi giusti, al contrario della
figura biblica dove leroina si rivela
trionfante per il suo gesto cruento.
Anche per questa necessit di
modernizzare la figura di Giuditta, il
poeta divide lopera in due parti: se nella
prima avviene, attraverso la voce dei
personaggi, di un coro, e di un narratore,
il racconto del fatto cos com accaduto,
nella seconda parte si ha una sorta di
approfondimento e riflessione,
soprattutto attraverso lintroduzione
efficacissima dei cori dei fanciulli e delle
fanciulle, che a un certo punto si
chiedono a che valso luso della
violenza, se le guerre, le catene alla
libert della donna, la violenza del
potere opprimono a tuttoggi molti
popoli del mondo, se non tutti. nel
finale che Spadoni spicca il volo e,
attraverso la voce dei fanciulli, fa
echeggiare di nuovo la profezia di Isaia e
gli esempi luminosi di donne come
Caterina e Brigida, Veronica e Teresa,
Maddalena e Angela, esempi di una
bellezza cantata dalla poesia, che di
Dio anchessa. E Giuditta stessa riappare,
per annunciare che una bellezza
unica/sopruso non conosce/n spade n
catene/n oro argento o efod/ma sol di
amor vestita/verr, un uomo santo/tra i
figli il pi perfetto/di donna
israelita/innalzer la vita/conforter il
pianto.
Di fronte ai soprusi della storia e alla
violenza del potere, dunque, uno dei
nostri maggiori poeti innalza un canto di
speranza in unopera teatrale che, siamo
certi, vedremo presto rappresentata sulla
scena a incarnare la sua luce quanto mai
oggi necessaria.
Gianfranco Lauretano

Gioved 10 settembre 2015

19

Cinema
di Filippo Cappelli

Eliseo (Cesena),
Uci Cinemas Romagna (Savignano)

SOUTHPAW - Lultima sfida


di Antoine Fuqua
Ispirato alla vita e alla carriera del rapper
americano Eminem, Southpaw una classica storia di redenzione dopo essere stati
distrutti dal dolore e dalla perdita della persona amata. Cerano tutte le possibilit di
fare qualcosa di davvero buono. Invece il regista Fuqua preferisce concentrarsi sui particolari anzich portare avanti una visione
generale. E la pellicola si sfilaccia a poco a
poco.
La trama: Billy Hope (Jake Gyllenhaal), detto
Billy The Great, un inarrestabile pugile,
campione mondiale dei pesi medi. La sua
forza sul ring nasce dallingestibile rabbia
che tormenta il suo spirito, dopo uninfanzia
trascorsa tra orfanotrofi. Il suo stile quasi
suicida, senza un minimo di difesa. La sua
parte ragionevole delegata alla bellissima e
amata moglie, Maureen. Cos, quando lei
(stanca di vederlo col viso tumefatto) gli
chiede di lasciare tutto per una vita pi serena, il pugile accetta nonostante le allettanti proposte del manager. A una serata di
beneficenza per gli orfani newyorkesi, per,
la tragedia: Maureen rimane uccisa durante
una rissa che Billy aveva iniziato cedendo
alle provocazioni di un agguerrito pugile rivale, Miguel Escobar
Il nuovo film di Antoine non si muove
troppo lontano dalle familiari acque di
Rocky. Caduta e ritorno in sella di un pugile
che prende tanti colpi dalla vita quanti sul
ring, ma che ai primi sa rispondere meno
bene che ai secondi. Quel che non va che il
film, dopo un avvio tutto sommato buono,
diventa un pastrocchio scritto malissimo. Le
informazioni si fanno brusche, senza troppi
supporti dalla regia (Hai finito i tuoi soldi
Billy, devi vendere tutto, quando pochi minuti prima era miliardario) e soprattutto
Southpaw smette di essere un film sportivo:
si perde in un bicchier dacqua al momento
di far interagire il pugile suonato con la figlia, arranca negli inutili training montage e
sembra appellarsi agli attori come pu (Forest Whitaker su tutti). A un certo punto
anche lidea di una fotografia sporca e satura sembra non avere pi molto senso.
Antoine Fuqua si concentra sui dettagli fin
dal primo fotogramma. Accarezza i tatuaggi,
le cicatrici, un po come la figlia di Billy
Hope quando li conta sulla testa del padre
dopo un incontro. Gli attori fanno quel che
possono, ma ci che incrina pesantemente
il giudizio rimane la sceneggiatura, senza
nulla di nuovo. Le esplorazioni pi interessanti riguardanti il passato di Billy Hope, il
suo rapporto con la moglie, il dramma immediatamente successivo alla tragedia familiare, vengono lasciate indietro per fare
spazio ai clich e alle frasi fatte e scontate,
portando lo spettatore nelle condizioni di
prevedere tutta la seconda met del film. Il
coinvolgimento viene meno e, alla fine, si rimane con in mano un pugno di mosche e
con la sensazione di un regista che non riesce ancora a ritrovarsi.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
Lannuncio a Maria
di Paul Claudel
Editrice Bur (9 euro - 2001, ristampa 2015)
Pietro di Craon, il costruttore di cattedrali, ha tentato di fare
violenza a Violaine, ma lei gli ha resistito. Ora, al mattino presto,
nella fattoria, sincontrano. Lui pentito, ed innamorato di lei,
ma lebbroso. Ha per le idee chiare sulla vocazione: Non alla
pietra tocca fissare il suo posto, ma al Maestro dellOpera che lha
scelta. Lei invece felice: Sono Violaine, ho diciottanni, mio
padre si chiama AnnaVercors, e mia madre Elisabetta. Mia sorella
si chiama Mara, il mio fidanzato Giacomo. Questo tutto, ecco;
non c altro da conoscere. Tutto chiaro allevidenza, tutto
prestabilito e io sono contentissima. Ma le cose andranno
diversamente. Violaine, presa da compassione per la tristezza di
Pietro, gli d un bacio sul viso. Soffrite con Nostro Signore. Ma
sappiate che la vostra mala azione cancellata, per quel che da me
dipende, e io ho fatto pace con voi. Poi sapendo che lui sta
costruendo a Rheims la chiesa di Giustizia, la piccola martire di
otto anni gli regala lanello che Giacomo gli ha dato in segreto.
Anna Vercors, dopo trentanni di matrimonio, decide di partire per
Gerusalemme, lasciando sola la moglie Elisabetta. Ha deciso di
affidare Violaine come sposa a Giacomo Hury che prender il suo
posto nella conduzione del podere con le decime dovute al
monastero di clausura di Montevergine. Il suo pellegrinaggio

dovuto alla situazione della Chiesa con tre papi di cui non si
sa il legittimo, e a quella della Francia contesa da due re. La sua
partenza improvvisa e inaspettata vissuta nella
consapevolezza della comunione dei santi: Non sono solo,
io. Tutto il grande popolo esulta e parte con me. Mara, la
sorella non bella e dura che ha spiato il bacio di Violaine al
costruttore, minaccia di impiccarsi se Giacomo non sposer
lei. Ma la decisione di Anna Vercors non muter. Quindici
giorni dopo, Violaine, con una veste di lino e una specie di
dalmatica di drappo doro ricamata a grossi fiori rossi e azzurri,
rivela a Giacomo di essere lebbrosa e partir subito per il
lebbrosario del Gyn. Giacomo si sente tradito, la insulta
durissimamente e sposer Mara. Passano otto anni, e vicino al
lebbrosario gli operai preparano la strada per il viaggio di Carlo
VII per lincoronazione a Rheims, accompagnato da Giovanna
dArco. Si presenta Mara in cerca di Violaine diventata cieca.
Trovatala, esige da Violaine, con la sua abituale durezza di
ridare vita alla sua bambina morta. Morta anche la madre
Elisabetta, un mese dopo la partenza di Anna. Violaine si
schermisce dicendo non essere una santa. Natale, si odono
le campane della Messa di mezzanotte. Violaine chiede a Mara
di leggere la prima lettura dei tre notturni. La bimba risuscita,
ma non ha pi gli occhi neri, ma azzurri come quelli di
Violaine. Viene alla fattoria Pietro di Craon che porta su un
carretto Violaine morente. Torna Anna Vercors dal

pellegrinaggio. Mara
confessa di aver
seppellito per vendetta
Violaine sotto un
cumulo di sabbia. Tutto
si compie in totale
riconciliazione. Se le
reliquie della piccola
Giustizia saranno alla
base del grande edificio,
al vertice - afferma Pietro di Craon innalzer
laltra Giustizia, Violaine la lebbrosa in tutta la
sua gloria, Violaine la cieca alla vista di tutti.
La felicit, il dolore, il male, la vocazione, il
matrimonio, la verginit, il lavoro, la
solitudine, la fecondit spirituale, sono solo
alcuni dei temi di questo capolavoro assoluto,
pieno di simboli affascinanti, di echi biblici,
evangelici e liturgici che danno profondit alla
trama drammatica. Ricordo che lultima
battuta del film del disgelo sovietico,
Pentimento di Abuladze era tratta da
LAnnuncio a Maria: Che giova una strada se
in fondo non v una chiesa?.
Rino Casali

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 10 settembre 2015

Cesena flash
Filosofia della Fisica
LUniversit di Urbino e il Comune di
Cesena hanno organizzato la XVIII
Scuola estiva di Filosoa della Fisica su
"Einstein losofo-scienziato" nel
centenario della teoria generale della
Relativit". Avr luogo al centro
culturale San Biagio a Cesena no all11
settembre e a Urbino il 12.
Interverranno docenti delle Universit
di Oxford, Bologna, Roma, San Paolo,
Amsterdam, Milano, Parigi.

Roncofreddo
Visita allExpo

Cesenatico

Il Comune ha organizzato una visita in


pullman allExpo 2015. Partenza alle 6
dalla piazza, sabato 19 settembre. Rientro
da Milano verso le 22,30 per poter
ammirare lilluminazione notturna
dellalbero della vita e dei padiglioni.
Quota di partecipazione 35 euro (viaggio,
biglietto di ingresso, pranzo escluso).

Mercato Saraceno

Settimana dello sport

Cariolando

Si tiene presso la Wellness Valley in via


Calcinaro la 1^ Settimana europea dello
sport dal 7 al 13 settembre dedicata al
movimento e allesercizio sico per
migliorare la salute e la qualit di vita.
Per la prima volta Bruxelles ha deciso di
intervenire in maniera concreta
sulleducazione della popolazione a
sani stili di vita per la prevenzione delle
principali malattie croniche. La
Wellness Valley un punto di
riferimento da quando nel 2013 il
presidente Nerio Alessandri ha
presentato liniziativa alla Eu Platform
on health, diet and physical activity.

A cura della Pro loco, sabato 12 e


domenica 13 settembre, il centro
storico si trasformer in una pista
per lo spettacolo "Cariolando". Si
tratta di una cronodiscesa di
caratelle (carrioli artigianali).

Mostra al Ridotto
Il Palazzo del Ridotto ospita no al 20
settembre le opere della scultrice
Marina Fabbri e delle pittrici Antonella
Spada e Svitlana Itsenko. Lesposizione
dal titolo "E al di l il mondo"
presenta le tre artiste che hanno vinto il
premio della II edizione del concorso
"Una porta sul cielo". Orari di visita:
marted e venerd dalle 16 alle 19;
mercoled, sabato e domenica dalle 10
alle 13 e dalle 16 alle 19.

Film al Victor
Riapre il cineteatro di San Vittore. In
visione da gioved 10 a domenica 13
settembre alle 21 il lm "Jurassic
world"(consigliabile) del regista Coln
Trevorrow. Da marted 15 settembre alle
21 e per tutta la prossima settimana
sullo schermo "Non sposate le mie
glie" (consigliabile- brillante) del
regista Philippe De Chauteron. Ingresso
3,50 euro.

Serra e la guerra
Riprendono le iniziative che il Comune
ha dedicato ai due anniversari della
morte di Renato Serra e della 1^ Guerra
mondiale. Venerd 11 settembre con
partenza dal giardino pubblico, per la
serie delle "Camminate letterarie",
Maurizio Cirioni legger pagine di
Matilde Serao, Ada Negri ed Edith
Wharton.

Pagina a cura di Terzo Spada

Cesena

Agricoltura: visita tecnica in campo

Torneo internazionale di scacchi

A cura del Crpv, centro ricerche produzioni


vegetali, e di Astra, marted 15 settembre
dalle 15,30 avr luogo una visita presso
lazienda agricola di Pietro Bastoni in via
Pisciatello a Sala. Sergio Gengotti guider i
partecipanti alla conoscenza della
"Peronospora del basilico in pieno campo:
prova di confronto fungicidi".

E in corso no a domenica 13 settembre nella


scuola media "Dante Arfelli" il XIX torneo
internazionale di scacchi "Bcc di Sala". Vi
partecipano 173 grandi Maestri italiani e stranieri.
Alle 15 cerimonia di premiazione. Fra le iniziative
collaterali, gioved 10 settembre alle 21 in piazza
Ciceruacchio sul Porto canale, sar organizzata
una simultanea in cui 25 giocatori sderanno
contemporaneamente uno dei grandi Maestri.

Gambettola

Cesena

Innovazione tecnica

Festival dei burattini

Riprendono le conviviali del Rotary


club Cesena nella sede di via Dario
Ambrosini. Venerd 11 settembre alle
20,30 gli ingegneri Enrico Pezzi e
Daniele Bucci tratteranno il tema
"Come fare innovazione tecnica e
tecnologica".

Il centro teatro di gura "Arrivano dal mare!" ha programmato


la XL edizione del festival internazionale dei burattini e delle
gure con mostre, spettacoli, laboratori e incontri a
Gambettola, Cervia, Cesena, Gatteo, Longiano e Montiano.
Primi spettacoli a Gambettola mercoled 17 settembre alle 16
in piazza Sandro Pertini e alle 21 al teatro comunale. Poi
gioved 18 alle 10 e alle 21 al teatro comunale, alle 16 in piazza
Sandro Pertini e alle 23 presso lex macello. Al teatro Petrella di
Longiano alle 11,30.

Lavori in corso a Pievesestina per dare un nuovo volto ai padiglioni

Cesena: nuovo aspetto per la fiera


M

acfrut si prepara a una edizione rinnovata a Rimini (23-25 settembre)


e, in base alla crescita della fiera dellortofrutta, dipende lo sviluppo di tutta la
fiera cesenate.
Il presidente Renzo Piraccini e il sindaco di
Cesena Paolo Lucchi hanno presentato il
primo lotto di lavori per la ristrutturazione
dei padiglioni di Pievesestina.
Il padiglione centrale stato completato,
cos come il restyling della sala Convegni
(che ospiter il Forum internazionale sulla
filiera dellortofrutta il 22 settembre) e della hall di ingresso.
Il completamento di tutti i lavori del quartiere previsto per la met di settembre
2016. Linvestimento previsto di oltre 2 milioni di euro. Tali investimenti sono possibili per lo sviluppo di Macfrut che generer le
risorse necessarie.
Al momento sono stati effettuati interventi

Cesena

estetici di abbellimento e ammodernamento, un nuovo impianto di illuminazione a


led e la resinatura dei pavimenti. Lo stesso
sar fatto anche nel padiglione C, sempre
utilizzato per manifestazioni fieristiche.
I lavori hanno visto anche la sistemazione
della sala convegni, con il restyling della ex
sala Europa, ribattezzata Sala dei Tre Papi.
Anche la sala Verde sar oggetto di intervento, riqualificata e dotata delle pi moderne tecnologie multimediali, ribattezzata
con il nome Sala Novello Malatesta.
Un altro intervento gi effettuato riguarda la
Hall degli artisti, nellarea antistante le sale convegni. Trasformata in uno spazio
espositivo per ospitare mostre di artisti cesenati e non solo.
Nel padiglione D previsto lallestimento di
unarea destinata a scuola di cucina, per
corsi, degustazioni, iniziative didattiche. A
questo proposito un partner di caratura in-

ternazionale come il Gambero Rosso ha


manifestato interesse per il progetto, trampolino di lancio di una Citt del gusto della
Romagna.

Cesena

Roncofreddo

Ronta in festa

Sagra dei fichi

La parrocchia di Ronta in collaborazione con la


Banca di Cesena e lassociazione Terre
centuriate cesenati ha organizzato per sabato
12 settembre dalle 16,30 la II Camminata
culturale della Centuriazione. Partenza dal
piazzale dellantica Pieve dove si arriver per la
visita. Durante il percorso sosta con ristoro
allagriturismo "I Bosconi". Il percorso di
circa 6 chilometri.

Si terr a Monteleone la sagra dei chi. Avr inizio dalle


10,30 di domenica 13 settembre con il mercatino del
baratto e lo stand a base di delizie di chi. Dalle 12 in
piazza Byron si mangia tutti insieme quel che ognuno
porter con s (La Ligaza) con accompagnamento musicale
della Briacabanda. Nel pomeriggio giochi e i rompiscatole.
Alle 16 Messa e processione; a seguire il concerto degli
Scaricatori di Portico. Luned 14 dalle 20,30 musica coi
Pasquaroli di Forlimpopoli. Ingresso a offerta libera.

Cesena | Ai giardini di Serravalle

Sar vero che "mio figlio


un fenomeno"?
"Mio glio un fenomeno" sar
in scena gioved 10 settembre
alle 21. E uno spettacolo del
"Teatro delle lune" presso il
chiostro di San Francesco con il
sostegno della Bcc di Sala e i
patrocini del Comune di
Cesenatico e Panathlon club. Si
tratta di una narrazione,
liberamente tratta dal libro di
Fabio Benaglia, che Maurizio
Mastrandrea e Monica Briganti,
assieme ad altri sette lettori
metteranno in scena. Alla
serata interverranno lassessore
allo sport del Comune di Cesena,
Christian Castorri e il presidente
del Cesena Calcio, Giorgio
Lugaresi.
Il libro di Benaglia, giornalista
sportivo cesenate, edito da il
Ponte Vecchio e ha venduto
nora duemila copie.

Cesenatico

Il nostro lettore Antonio Guiducci ci segnala che nei pressi dei giardini di Serravalle
spesso si ripete la stessa scena: rifiuti fuori dai cassonetti e unedera non tagliata
che ostacola il passaggio dei pedoni. La foto stata scattata il 7 settembre.

Prevendita trasferta
E partita la prevendita per
Virtus Entella Cesena gara
valida per la 2 giornata del
campionato di Serie B (12
settembre ore 15). I biglietti
possono essere acquistati no
alle 19 di venerd 11 al
Coordinamento Clubs Cesena di
via Veneto 19 a Cesena.

Cesena
Luned 14 settembre dalle 19,30, il Club
"Forza Cesena" di SantEgidio si presenta
e organizza una serata presso la
tensostruttura adiacente alla chiesa
parrocchiale (via chiesa SantEgidio 111)
con una cena aperta a tutti, ma
soprattutto ai tifosi del Cesena.
Lo stand gastronomico metter a
disposizione degli intervenuti tortellini,
castrato, piadine farcite con salsiccia e
affettati vari, patatine fritte e anche
pizze per tutti i gusti, oltre ad ogni tipo
di bevanda.
Alla cena ci saranno alcuni calciatori e
dirigenti del Cesena Calcio. Durante la
serata sar possibile effettuare il
tesseramento al Club SantEgidio,
affiliato al Coordinamento Cesena Clubs,
per la stagione 2015/2016 e verr
presentata lattesissima T-Shirt ufficiale
del sodalizio di tifosi. Il club sorge dalle
"ceneri" del Monteore di cui , in
realt, la prosecuzione col nome
rinnovato. Per informazioni: Daniele,
333.9900590

Sport

Calcio serie B Ora due trasferte

Gioved 10 settembre 2015

Ciclismo

Pippofoto

Giovani sugli scudi

Per i bianconeri
debutto incoraggiante

l Cesena apre il suo nuovo


campionato di serie B con una
vittoria per 2-0 sul Brescia, e ora
pronto ad affrontare la trasferta di
Chiavari contro lEntella. Dopo aver
riacceso il Manuzzi per il debutto
stagionale in cadetteria, i bianconeri
di Romagna sono ora attesi da due
trasferte consecutive: prima in Liguria
e poi nelle Marche ad Ascoli. Ironia
della sorte, contro altre due ripescate
dalla Lega Pro. Dopo aver affrontato il
Brescia, ripescato al posto del Parma,
ecco ora Entella e Ascoli, che hanno
sostituito Catania e Teramo. Da
segnalare che sia lEntella che lAscoli
non sono scese in campo alla prima di
campionato. Alle due ripescate, che
dovevano affrontarsi domenica
scorsa, stato concesso un turno in
pi di sosta. Il calendario in avvio,
sulla carta abbastanza morbido, il che
potrebbe favorire lo scatto dei ragazzi
allenati da Massimo Drago, gi
apparsi in buono stato di forma. Bel
gioco, veloce, frizzante e geometrico
quello messo in scena dal nuovo
Cavalluccio Marino. Molti elementi

JUNIORES

Sul podio due Juniores longianesi della


Sidermec-F.lli Vitali domenica 6
settembre. A Castelfiorentino (Firenze)
nella gara di 115 chilometri ha vinto
Davide Casadei con un vantaggio di 12"
sul suo compagno di squadra Federico
Orlandi. Per Casadei il secondo
successo nellarco di 8 giorni.

ALLIEVI

Il Cesena ha battuto
il Brescia 2-0
dimostrando di avere
buone potenzialit
di crescita
nuovi si sono gi integrati alla
perfezione: Ragusa, Molina, Rosseti e
Caldara sono gi ottime garanzie. Ma
anche il promettente regista Sensi, il
centrocampista di Martorano
Valzania, nonch i ritorni di Mazzotta,
e Magnusson corredano una rosa
molto interessante, che molto potr
dire nei piani alti di classifica.
Ovviamente siamo solo allalba di un
torneo lunghissimo di ben 42 gare, ma
se il buongiorno si vede dal mattino,
questo un Cesena che pu vincere
anche divertendo. Qualcosa va ancora
assestato nel reparto difensivo, ma
limpressione che la truppa
romagnola sia sulla buona strada.
Sabato scorso al Manuzzi di fronte a

21

circa 12mila spettatori di cui 9mila


abbonati, i bianconeri hanno subito
preso le redini dellincontro sferrando
un duplice colpo da kappa al Brescia.
Unautorete di Castellini al secondo
minuto di gioco e un tocco ravvicinato
di Ragusa al sesto sono bastati al
Cesena per chiudere la pratica
lombarda.
Ora il doppio viaggio lontano dalla
Romagna dir se questo Cesena pu
essere gi considerato come una delle
mine vaganti della serie B. Con i playoff allargati allottavo posto, i
bianconeri non vorranno farsi
scappare almeno lopportunit di farvi
parte.
Eric Malatesta

Terzo trionfo per Emanuele Paolini,


Allievo della Fiumicinese-Fait
Adriatica, domenica 6 settembre a
Corinaldo (Ancona).Ha percorso i 74
chilometri alla media dei 38,276. 6
posto per Simone Buda,romagnolo
nella selezione dellEmilia Romagna,
ad Agliana (Pistoia) nella 68^ coppa
Dino Diddi di 95 chilometri con 173
atleti di 17 rappresentative regionali.

RAGAZZE ESORDIENTI
E ALLIEVE

LEsordiente di 2 anno Giorgia Mosconi


del Corpus club Cesena ha vinto 6 gare
nella stagione 2015 (4 su strada e 2 in
pista). Lultimo successo domenica 30
agosto a Formigine (Modena) in una
gara di 33 chilometri percorsi alla
media dei 33.
La montianese Sofia Fattori, Allieva del
Re Art factory team, ha vinto 3 titoli ai
recenti campionati regionali a
Fiorenzuola dArda (Piacenza): nella
velocit, nel keirin e nella velocit a
squadre.
Terzo Spada

Calcio a 5 serie B La scorsa settimana si tenuta la presentazione della Asd Torresavio Futsal Cesena

Lobiettivo mantenere la categoria e divertirsi


"Questo sar lanno zero per la nostra societ": cos
ha esordito il direttore sportivo Paolo Ionetti in occasione della presentazione dellAsd Torresavio Futsal
calcio a 5 (campionato di serie B 2015/2016) sabato
scorso. "Ci sono stati diversi problemi dopo laddio di
Stefano Ceccarelli, dopo 13 anni, che ha portato allingresso di Francesco Tornatore come nuovo direttore generale", Tornatore che ha sottolineato come
lintento societario non sia fare proclami, ma divertirsi come si sempre fatto. Ma le novit in squadra non
finiscono qui: "In rosa ci sono quattro novit, Davide
Cassano, Ruben Casadei, Alex Gaiani e Mirko Mordenti, che purtroppo ha gi subito un infortunio in allenamento, e voglio ricordare anche i rientri di Vitozzi, Buda e Piallini". Alla presentazione era presente
anche lassessore allo Sport Christian Castorri, che ha
ringraziato per il suo lavoro una societ che attualmente coinvolge nei suoi meccanismi 100 persone e
50 atleti, garantendo 350 spettatori in media nelle gare interne e 45000 visualizzazioni sul proprio sito web
Parte nel migliore dei modi la
nuova stagione in serie D per il
Romagna Centro. I biancazzurri
di Martorano hanno iniziato il
loro terzo campionato di fila
nella quarta serie nazionale, con
una vittoria in trasferta. Sul
neutro di Forl, il Romagna
Centro ha liquidato la
neopromossa Sammaurese per
3-1 grazie alle reti di Rizzitelli, di
Tonelli e di Morena. Vano il
momentaneo pareggio dei
giallorossi con Scarponi. I

ogni stagione: "Potete immaginare limportanza che


questa societ riveste nel panorama sportivo cesenate: oggi pi che mai lo sport ha bisogno di testimoni
credibili di quanto possa ancora veicolare valori senza ridursi a una questione di business".
A seguire, lintervento di mister Davide Placuzzi: "Lo
scorso anno ci hanno chiesto la salvezza e ho promesso saremmo stati una mina vagante. Questanno
vogliamo stupire: ho chiesto e ottenuto rinforzi in
squadra e nello staff medico, dal momento che molti
infortuni trascurati hanno compromesso il buon andamento della scorsa stagione. Questanno vogliamo
convincere gli scettici senza guardare a chi se ne andato, ma al futuro. Possiamo toglierci molte soddisfazioni".
A fargli eco, in conclusione, il capitano Sandro Sintuzzi: "Elogio lo spirito di sacrificio dei miei compagni.
Dopo 13 anni ho tanta voglia di insegnare, oltre che di
crescere ancora".
Francesco Zamagni

CALCIO SERIE D | Debutto vincente per il Romagna Centro


cesenati hanno giocato
addirittura in 10 per oltre un
tempo e mezzo, ma nonostante
luomo in meno sono riusciti a
portare a casa lintera posta in
palio.
Il prossimo impegno dice che la
squadra del presidente Martini
di scena al Manuzzi domenica 13
settembre alle 15: lavversario

per la prima uscita casalinga il


Delta Rovigo. I veneti sono
reduci dalla sconfitta interna per
2-1 ad opera dei reggiani del
Lentigione, capaci di sbancare lo
stadio rodigino al 95 su rigore.
Sar il primo di tanti impegni
probanti per il ringiovanito
Romagna Centro allenato dallex
mister del Forl Roberto Rossi. Il

girone D di serie D infatti ricco


di formazioni agguerrite e
costituisce uno dei gironi di ferro
di tutta la quarta serie. Vi sono
ben 7 formazioni romagnole
(Forl, Bellaria, Ravenna,
Romagna Centro, Imolese,
Ribelle di Castiglione di
Ravenna, Sammaurese) nonch
il San Marino. Ma soprattutto fa

parte di questo girone il


blasonato Parma, costretto a
ripartire dalla D dopo il
fallimento dello scorso anno. In
Emilia a cercare di rinverdire i
fasti del passato ora c come
presidente Nevio Scala,
coadiuvato per larea tecnica dal
cesenate Lorenzo Minotti. Il
Parma sar ovviamente la
squadra da battere, mentre
lobiettivo per il Romagna Centro
ancora una volta la salvezza.
Em

22

Gioved 10 settembre 2015

econdo lIstat lItalia


cresce oltre le previsioni.
Il Pil si assesta sul + 0,4
per cento e pare sia merito
delle riforme degli ultimi anni.
Vero o no, non sta a noi
giudicare. Certo le riforme
meglio sempre farle che non
farle. Ed ecco allora la
domanda che si pone Massimo
Achini, presidente nazionale
del Csi: A che punto siamo
con le riforme inerenti la vita
reale e concreta delle societ
sportive?. In tutto il Paese, in
queste settimane, si riaccende
la vita in oltre 90mila societ
sportive di base. Sono
tantissime, presenti
dappertutto, dal nord al sud,
dalle metropoli ai piccoli
comuni, dai quartieri ai
paesini di montagna. Dopo la
pausa estiva gli spogliatoi sono
tornati a riempirsi. Centinaia
di migliaia di volontari ci
mettono dentro un bel pezzo
della loro vita e, soprattutto,
queste societ sono vere
agenzie educative nelle quali si

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

IL SALUTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DEL CENTRO SPORTIVO ITALIANO


Massimo Achini: Il mondo dello sport cresce
grazie a chi crea relazioni e rafforza la comunit
allenano alla vita i nostri
ragazzi. Anche dal lavoro di
questi gruppi sportivi dipende
il futuro del Paese e tutti sanno
che occorrerebbero riforme
capaci di aiutarli
concretamente. Vediamo
se si muove qualcosa prosegue Massimo Achini anche se non vi traccia di
quella legge quadro sullo sport
attesa da decenni. Che bello
sarebbe se qualcuno da
Palazzo Chigi dichiarasse
apertamente: Vogliamo
ringraziare le societ
di base perch svolgono sul
territorio un ruolo
straordinariamente
importante per leducazione

dei giovani. Non possiamo fare


pi di tanto per aiutarle, ma
almeno dire che le sosteniamo
moralmente con tutto
lentusiasmo questo s. Sul
tavolo, poi, c il problema di
una burocrazia che non regge
pi. Tra statuti, norme fiscali,
leggi, adempimenti... il
presidente di questi piccoli
gruppi sportivi (basati sul
volontariato) passa pi tempo
dal commercialista che con i
ragazzi. Va detto chiaro che
non pu funzionare cos. In
queste settimane in tanti
comuni riparte la guerra
selvaggia per accaparrarsi le
ore pomeridiane delle palestre.
Pochi comuni hanno, infatti,

normative chiare e precise. In


molte realt invece una sorta
di far west dove si accaparra
le ore chi pi forte, e non chi
lavora meglio al servizio dei
ragazzi. Arriveranno, prima o
poi, normative chiare anche su
questo?.
Sulla sussidiariet del sistema
abbiamo gi detto tante volte prosegue Achini -. Come pu il
sistema sportivo, che muove
cifre da capogiro, destinare
briciole a una base cos viva,
attiva, preziosa e importante?
Tutto ci per ribadire che,
mentre il Paese cresce
(speriamo) grazie alle riforme
(sembra), il mondo dello sport
di base cresce nonostante

nessuno se lo fili, perch ha


dentro una forza positiva e
devastante, cio la passione di
migliaia di volontari
innamorati delleducazione dei
ragazzi e dello sport. Quello
delle societ sportive un
mondo che ogni anno riparte.
Lo fa senza polemiche, grazie
al sudore, allimpegno e alla
passione di un popolo di
educatori straordinario.
Coinvolgendo milioni di
cittadini che non corrono solo
dietro a un pallone, ma vivono
i valori della vita, creano
relazioni, rafforzano la
comunit, accolgono
i deboli, generano speranza e
tanto altro. Quando
arriveranno le riforme
questo universo potr mettere
tre marce in pi. Nellattesa,
come sempre, ci sarrangia da
soli. Un enorme grazie,
conclude il presidente
nazionale del Csi, al popolo
delle societ sportive di base,
composto da gente che rende
pi bella lItalia.

La scadenza delle iscrizioni e la riunione dei dirigenti si terranno nella sede del Csi Cesena, in via Canonico Lugaresi, luned 21 e marted 22 settembre

Settembre, tempo di iscrizioni ai campionati di calcio a 5 e a 7


S

ettembre il mese che segna la


ripresa delle attivit per il
comitato cesenate del Csi, con
le prime scadenze di iscrizioni alle
varie competizioni.
Partiamo innanzitutto dal
campionato di calcio a 5 femminile,
giunto alla sua 26esima edizione, che
sar strutturato in un girone unico
(fino a un massimo di 14 squadre) o
suddiviso in gironi, tenendo presente
la posizione geografica dei campi di
gioco. Possono partecipare societ
sportive, gruppi spontanei, bar,
circolo aziendali e ricreativi, regolarmente affiliati al Csi Cesena; le gare si
svolgeranno nelle giornate del luned, marted, mercoled e venerd (con inizio
compreso dalle 21 alle 22,15) e domenica (con inizio compreso tra le 18 e le
21,30). possibile tesserare (solo per la fase locale) solo fino al 31 dicembre 2015
un numero illimitato di atlete Figc, ma consentito schierare in ogni elenco gara
una sola giocatrice che ha preso parte nella stagione 2015-16 a gare di calcio a 5 e
a 11 della federazione. La scadenza delle iscrizioni e la riunione dei dirigenti

avvengono in contemporanea e sono


previste per marted 22 settembre alle 21
presso la sede del comitato cesenate del
Csi.
Nella stessa serata e orario si svolger
anche la riunione dei dirigenti delle societ
partecipanti al 24esimo campionato di
calcio a 5 maschile (con la coincidenza del
termine di iscrizione). Le partite si
effettueranno nelle giornate del luned,
marted, mercoled e venerd (con inizio
compreso dalle 21 alle 22). Per quanto
concerne le altre norme, si fa riferimento a
quanto gi indicato per il campionato di
calcio a 5 femminile.
Luned 21 settembre scade il tempo di
iscrizione al 14esimo campionato di calcio
a 7 maschile e nella stessa serata alle 21 si
terr la riunione dei dirigenti delle societ
aderenti. La competizione verr suddivisa
in gironi e serie in base al numero delle

formazioni partecipanti e le gare si


svolgeranno nelle giornate del luned,
marted, mercoled e gioved (con inizio
compreso dalle 20,30 alle 22,15) nei
seguenti campi di gioco: Martorano, Kick
Off (Villachiaviche di Cesena), Parco 5 Pini
(Cervia), Gatteo, Ponte Abbadesse, San
Piero in Bagno (altri centri potranno essere
previsti, previa omologazione della
Commissione calcio a 7 del Csi Cesena). Per
i tesserati Figc il tesseramento si chiude il
31 dicembre 2015 e potranno giocate atleti
della federazione di 3 categoria in numero
illimitato, di 1 e 2 categoria e partecipanti
al campionato Sammarinsese in numero
massimo di due e atleti di serie C e D
senza alcuna limitazione. Per iscrizioni e
informazioni ci si pu rivolgere alla
segreteria del comitato cesenate del Csi (tel.
0547 600383 - 600396, fax 0547 600377,
info@csicesena.it; segreteria@csicesena.it).

per liscrizione al registro delle societ


dilettantistiche del Coni, adempimento
obbligatorio a partire da questanno per
ottenere i benefici fiscali riservati alle
societ sportive dilettanti.
Si poi entrati nel vivo della riunione con
la presentazione del XLVII Campionato di
Calcio Dilettanti e della Coppa Csi da
parte del direttore dellarea sportiva
Mauro Armuzzi e del responsabile della
commissione calcio Adriano Flamminj.

Nel corso della riunione si sono


approfonditi alcuni aspetti relativi al
tesseramento e al regolamento dando
risposta alle diverse domande e richieste
di chiarimenti. Il momento conviviale si
espletato nella sala della presidenza
con un brindisi beneaugurante di un
bellissimo campionato di calcio,
laugurio principale stato che sia un
divertimento per tutti!.
Ma

Calcio Dilettanti
Si scaldano i motori
Si svolta lassemblea delle societ partecipanti al 47esimo
Campionato. Gli interventi del direttore dellarea sportiva Mauro
Armuzzi e del responsabile della commissione calcio Adriano Flamminj

ampionato di calcio dilettanti, si parte. Allassemblea delle societ del


31 agosto erano rappresentate le seguenti squadre: Pol. Forza Vigne,
Mercatese, Pol. 2000 Cervia, San Marco, Fiumicinese, Badia, Club
Juventinit Forlimpopoli, G.S. Pioppa, San Cristoforo, Real Cesena, Pol. Il
Compito, Diegaro, Boschetto, Collinello, Mazape-gul asd, Corpol, Ideal
Sport, Real Budrio, Valle 86 Ferrovia.
Una breve proiezione di foto relative alla fase finale dello scorso anno
allOrogel Stadium Dino Manuzzi ha preceduto i saluti di rito del presidente
del comitato Luciano Morosi e del responsabile gruppo arbitri Valerio Fabbri.
Al vice presidente Alessandro Santini stato demandato il compito di
illustrare le possibilit assicurative date dalle tessera Csi e tutte le modalit

Pagina Aperta

Il direttore risponde

Gioved 10 settembre 2015

23

LOcchio indiscreto

Testimoni appassionati cercasi: questa la vera ribellione


a qualsiasi ideologia. Quella del gender compresa

aro direttore, fluidit la nuova parola che


sta prendendo piede ultimamente a vari
livelli della societ.
Essere fluidi va di moda. Cosa vuol dire non dato
sapere. Si capisce soltanto che limportante non
essere legati a qualcuno o qualcosa, seguire la
corrente o il vento (come dice anche Lorenzo Fragola
nel suo tormentone estivo).
Secondo questa idea fluida non bisogna educare,
guidare, accompagnare ma lasciare liberi i ragazzi
perfino di decidere il proprio sesso.
Non importa se come insegnante hai qualcosa di
bello o vero da raccontare come l'incontro con un
autore o un poeta, un cantautore o un personaggio
storico; con le tue esperienze secondo questa nuova
ideologia strisciante potresti influenzare e
condizionare chi hai davanti.
Che stupidaggine enorme. Significa lasciare i nostri
ragazzi in balia del peggio di quello che offre la
nostra societ.
Esattamente il desiderio contrario di quello che vedo
come insegnante e genitore nei bambini e nei
ragazzi che incontro ogni giorno che con occhi
sgranati ti chiedono anche inconsapevolmente il
motivo per cui vale la pena vivere.
Educare significa innanzitutto trasmettere la
propria storia, trasmettere se stessi, ci in cui si crede
e si conosce. Un profugo iracheno in un incontro
pubblico sulle persecuzioni ai cristiani da parte
dellIsis ha detto: Veniamo torturati e uccisi, ma
non smettiamo di educare. Se educare comunicare
se, come si fa a smettere?
Dico questo avendo in mente i progetti di
educazione sessuale che girano nel mondo della
scuola che vedono la famiglia sempre pi un
soggetto secondario nelleducazione dei figli a favore
di questa nuova idea di fluidit.
Nel progetto di educazione all'affettivit e alla
sessualit della regione Emilia Romagna la famiglia
viene presentata nei principi guida come la prima e
fondamentale realt in cui vengono trasmessi, sia
con le parole che attraverso lesempio, valori e
modelli di comportamento, poi per interessante
scoprire dal materiale preparato per i ragazzi
sulleducazione di genere che I modelli di uomo e
donna li puoi trovare in tutti i luoghi che frequenti e
in tutte le persone che incontri, compresa la
famiglia oppure La tua famiglia ti propone un
certo modo di essere donna o uomo?, Tu lo
condividi?. (...)
Anche se abbiamo questi valori educativi e
legislativi condivisi qualcuno in Regione ha pensato
bene di sperimentare sui ragazzi un progetto con
un un approccio molto pragmatico e liberale, sia da
un punto di vista metodologico che concettuale.

Certamente si legge dal sito che alle basi del progetto


c un importante dialogo con i genitori per mi
capitato di notare alcune diversit di approccio nel
materiale di lavoro proposto.
Innanzitutto guardando nel sito non c materiale
pensato per le famiglie (il soggetto pi importante
secondo il progetto) ma solo per le classi, gli
operatori e gli insegnanti.
Quando si parla di incontri con i genitori vengono
sempre indicate tematiche generali del tipo
Incontri di approfondimento sulle tematiche
delladolescenza o presentazione di temi
delleducazione sessuale o confronto sui temi della
crescita e dei cambiamenti dei figli e del ruolo
educativo della famiglia in questa fase di vita.
Argomenti generali che vengono redatti anche nei
questionari dove al massimo si arriva a parlare di
differenze di genere definizione che allinterno pu
essere detto tutto e niente.
Nel materiale preparato per i ragazzi vengono
proposti diverse idee (la parola teoria non va molto
di moda) a riguardo dellorientamento sessuale
(omosessualit, bisessualit) precisando in modo
chiaro che Non c un modo giusto di essere maschi
o femmine e che In Italia non possibile n il
matrimonio, n ladozione per le coppie
omosessuali.
Diciamo la verit, sembra che ci sia qualcosa che
non torna. (...)
Il problema se c' ancora qualcuno che ha a cuore
l'educazione dei ragazzi, che ha il desiderio di stare
con loro e dire loro cosa c' di buono, bello e vero da
scoprire nel mondo malato che ci circonda. Chi
ha questo desiderio inizi a farsi sentire per non
lasciare spazio a chi sta facendo una battaglia
ideologica sul cuore dei ragazzi.
Testimoni appassionati cercasi: questa la vera
ribellione a qualsiasi ideologia, anche quella
gender.
Domenico Fabio Tallarico
Carissimo Tallarico,
mille grazie per questa tua lunga lettera (la
pubblichiamo integralmente sul sito
www.corrierecesenate.it) che ha il merito di fare
un po di chiarezza su un tema molto dibattuto.
Sono pienamente daccordo: nel materiale
predisposto dalla Regione c qualcosa che non
torna. La famiglia prima pare venga coinvolta, poi
viene messa in dubbio la sua funzione educativa.
Resta verissima la tua conclusione: testimoni
appassionati cercasi. Sta qui la vera svolta.
Carissimi saluti.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Un fumo bianco e denso, accentuato dal forte vento e dalla zona


esposta, si alzato dal piazzale in via del Monte, a poche centinaia di metri dalla Basilica, a Cesena, nel pomeriggio di sabato 5
settembre. I Vigili del Fuoco, prontamente intervenuti hanno evitato che lincendio si propagasse. Autocombustione? Oppure...?
bruciata una discreta quantit di libri scolastici. Un gesto - liberatorio? di certo sconsiderato - di uno studente.

Alcune considerazioni sul funerale,


a Roma, di Vittorio Casamonica
Egregio direttore,
con il funerale di Vittorio Casamonica si rinverdita la massima della Chiesa
di dare sempre la colpa agli altri.
Prover a fare un resoconto di quanto mi ricordi. La legge sul divorzio (1971).
La legge sull'aborto (1978). Poi di seguito: gli embrioni, leutanasia, fino al
prossimo matrimonio gay (in America gi legge). La Chiesa cattolica le ha
perse tutte.
Arriviamo al funerale di Casamonica. I quotidiani cattolici - Osservatore Romano e Avvenire - si sono estraniati, dando le colpe allo Stato italiano. Riporto
qui un estratto dall'Osservatore Romano che dice: Si trattato della strumentalizzazione chiassosa e volgare di un gesto di elementare piet umana e,
cristiana, riserbo, dignit e, soprattutto silenzio.... Il parroco ha dichiarato che
non sapeva chi era Casamonica (siamo seri).
Ma papa Francesco non ha detto che la chiesa interdetta ai mafiosi?
Debbo ammettere che nel penultimo numero del Corriere Cesenate c un timido mea culpa nell'articolo di Bruno Cescon.
Distinti saluti.
Arnaldo Barocci
Egregio Barocci, davvero: siamo seri. Troppo semplicistico scaricare le
responsabilit sul parroco. Chi doveva sapere, sapeva, ma ha fatto finta di
non sapere. O vogliamo imputare al sacerdote che ha celebrato la Messa di
esequie (e a quotidiani cattolici che lei cita non so se per presa diretta) anche
il volo non autorizzato dellelicottero?
Ripeto: siamo seri. Alla prossima.
Fz

Pellegrini in Francia dalla parrocchia di San Carlo di Cesena

Tante le fonti di grazia


N

ei giorni dal 9 agosto al 15 agosto un gruppo di


pellegrini provenienti dalla parrocchia di San Carlo
di Cesena, cui si sono aggiunti altri appartenenti
alle varie comunit della Diocesi, guidato dal parroco don
Giovanni Savini si recato in visita a Parigi e Mont Saint
Michel.
La Francia cattolica senzaltro maestra insuperata nel
valorizzare le sue fonti di spiritualit, da quelle pi antiche
a quelle pi recenti e, nonostante le ondate di
secolarizzazione che si sono abbattute in questi ultimi
due secoli, forse si pu guardare con speranza al futuro
della fede in quella nazione: resta tuttavia assolutamente
vero che, ovunque capiti di varcare larco alpino per
entrare nel territorio francese, si prospettano straordinarie
possibilit di attingere a fonti di grazia, come ad esempio
a Paray-le-Monial, prima tappa del pellegrinaggio
sancarlese, unaccogliente localit della Borgogna che
centro straordinariamente vitale di spiritualit, dal quale
la devozione del Sacro Cuore di Ges non cessa di
diffondersi nel mondo. Il cuore di Paray una modesta
cappella, un tempo sconosciuta agli uomini, la Chapelle
de la Visitation: essa stata testimone delle confidenze
del Cuore di Ges a unumile religiosa del monastero, suor
Margherita Maria Alacoque. Ci siamo soffermati a
guardare la semplice architettura delledificio, sulla cui
facciata appare uniscrizione che penetra lanima: In
questa cappella Nostro Signore ha rivelato il suo cuore a
Santa Margherita Maria. La sensazione era di trovarci in
un luogo misterioso dove il soprannaturale si manifesta e
si rende visibile. Stavamo calpestando una terra santa.
Colpisce come il cielo privilegi le cose piccole come quella
cappella: in un libretto di devozioni che vi abbiamo
trovato, ecco contenuta la promessa che Ges, apparendo
fra il 1673 il 1690 fece a Santa Margherita Maria Alacoque
per coloro che avessero onorato il suo Cuore: Io ti

prometto, nelleccesso della misericordia del


mio Cuore, che il mio amore onnipotente
conceder a tutti quelli che si comunicheranno
al primo venerd del mese per nove mesi
consecutivi, la grazia della penitenza finale. Essi
non moriranno in mia disgrazia, senza ricevere
i sacramenti, e il mio Cuore sar loro di asilo in
quellora estrema. Che potrebbe fare di pi
lOnnipotente, ci chiediamo, per spalancarci le
porte della salvezza? Non sarebbe stato
completo il pellegrinaggio a Paray senza fare
una visita alla cappella La Colombiere, dove
sepolto San Claudio, direttore spirituale di
Margherita Maria e apostolo della devozione al
Sacro Cuore e che si trova a qualche centinaio
di metri dalla cappella della Visitazione.
Dopo una breve quanto imprevista sosta presso
uno dei pi bei castelli della Loira, quello di
Chenonceau (detto Castello delle Dame
perch realizzato, progettato e ampliato da una
serie di donne straordinarie e fuori del comune
che lo hanno amato e preservato dai conflitti e
dalle guerre), che testimonia la raffinatezza e
leleganza del Rinascimento, grazie alla
ricchezza delle decorazioni, degli arredi, ma
soprattutto dei suoi giardini il nostro viaggio
proseguito verso la Normandia, alla volta di
Mont Saint Michel che sinnalza superbo sulla cima di
una collina, nel cuore di unimmensa e suggestiva baia
invasa dalle pi grandi maree dEuropa, circondata da
sabbie mobili e accessibile solo attraversando una stretta
strada rialzata. Tale localit stata sommo luogo di
pellegrinaggio dallVIII al XVIII secolo e rappresenta uno
degli esempi pi notevoli dellarchitettura al contempo
religiosa e militare dellepoca medioevale: stato un

godimento contemplare questo prodigio architettonico


con la chiesa abbaziale, il chiostro, il refettorio,
lambulacro dei monaci e la forza della natura che si
ritrova nei giardini della Merveille. (...)
Gianluca Marco Montalti

Il racconto del pellegrinaggio in Francia


prosegue sul sito www.corrierecesenate.it

MISSIONI
DIALOGO
CON LISLAM
UNA STRADA
POSSIBILE
Vendita etica
Due cesenati
mietono consensi
C.I.P. - Via del Seminario 85 - Corriere Cesenate 2015