Sei sulla pagina 1di 2

05/02/2011 TRIBUNALE DELLA ROTA ROMANA

Home Anno giudiziario 2010 In Charitate Iustitia Regione ecclesiastica Calabra Dove siamo Contattaci

Menu Principale TRIBUNALE DELLA ROTA ROMANA Archivio notizie

Organigramma Il Tribunale apostolico della Rota Romana, Dicembre, 2010


che più comunemente (ma impropriamente, Aprile, 2010
Patroni stabili poiché da più di 30 anni i dicasteri e i tribunali
Febbraio, 2010
non sono più “Sacri”) viene conosciuto come
Albo degli avvocati TRIBUNALE DELLA SACRA ROTA, è un
dicastero della Curia romana ed è il tribunale
Albo dei periti ordinario di appello della Santa Sede.
Ebbe origine dalla Cancelleria Apostolica,
nella quale dopo il Cancelliere (poi Vice-
Cancelliere) venivano l'auditor
Altri organismi contradictorum ed i cappellani. A questi,
prima caso per caso e poi stabilmente, era
affidata l'istruzione delle cause (auditores
La Santa Sede
causarum curiae domini papae); ma
Innocenzo III diede loro anche il potere di
Segnatura Apostolica
pronunziare la sentenza. Con Innocenzo IV e
il primo Concilio di Lione i cappellani
Rota Romana
formarono un tribunale stabile; Giovanni
XXIII assegnò ad esso una sede particolare
Tribunali ecclesiastici regionali e nel 1331 con la CostituzioneRatio iuris lo
disciplinò con uno speciale regolamento.
Il nome Rota deriva probabilmente dal recinto circolare in cui si adunavano o sedevano gli Uditori
per giudicare le cause. Sisto IV (1472) fissò a 12 il numero dei Cappellani Uditori. Benedetto XIV
Risorse determinò definitivamente la competenza del tribunale con la Costituzione Iustitiae et pacis nel
1747.
Per saperne di più
L'elezione degli uditori fu sempre riservata al Papa; ma fu concesso anche ad alcune Nazioni il diritto
di nominare qualche uditore; così due ne nominò la Spagna, uno la Germania e uno la Francia;
Domande più frequenti
Bologna, Milano, Venezia, Ferrara, Perugia ebbero pure il privilegio di nominare ciascuna un uditore.
Dovevano essere doctores iuris famosi oltre che distinti per prudenza e integrità di vita.
Modulistica
Da Gregorio XVI (1834) la Rota fu anche tribunale di appello per lo Stato Pontificio, mentre le cause
pertinenti il foro ecclesiastico, di preferenza venivano decise dalle Congregazioni.
Nel 1870 l'attività della Rota Romana quasi cessò; ma San Pio X con la Costituzione Sapienti Consilio
EDITORIALE (29 giugno 1908) la ricostituì. Furono pubblicate la Lex propria S. R. Rotae et Signaturae
Apostolicae (1908) e le Regulae servandae apud S. R. Rotae Tribunal (1910), rinnovate poi dalle
E’ tardi? Ma il Normae S. R. Rotae Tribunalis (1 settembre 1934). Le Norme vigenti sono state approvate e
tempo è per promulgate da Giovanni Paolo II il 7 febbraio 1994, ed in vigore dal 1 ottobre 1994.
l’uomo e quindi
non è mai La Rota giudica per turni di tre uditori o videntibus omnibus. Essenzialmente è Tribunale di appello
troppo tardi! (can. 1444, § 1, 2) e giudica: a) in seconda istanza, le cause definite dai Tribunali ordinari di primo
Oggi 10 febbraio 2010 il Ter Calabro grado e deferite alla Santa Sede per legittimo appello; b) in terza ed ulteriore istanza, le cause
entra in rete per avviare la trattate già in appello dalla stessa Rota o da altro Tribunale ecclesiastico d'appello.
comunicazione adeguata alla È anche Tribunale d'appello per il Tribunale Ecclesiastico della Città del Vaticano (Motu Proprio Quo
tecnologia più avanzata. civium del 21 novembre 1987, art. 7). Giudica però anche in prima istanza le cause espressamente
Rispondiamo con gioia all’invito del ad essa riservate a tenore del can. 1405 § 3 e quelle che vengono ad essa affidate da parte del
Papa che desidera avvicinare all’uomo Sommo Pontefice a norma del can. 1444 § 3 o avocate dal Decano della Rota Romana a norma
la verità di Dio e della Chiesa anche dell'art. 52 delle norme del medesimo Tribunale.
tramite il mondo digitale. Rispondiamo La costituzione apostolica Pastor Bonus di Giovanni Paolo II disciplina il Tribunale della Rota Romana
anche alla proposta dell’Ufficio giuridico con i seguenti articoli:
della Cei, che ci ha incoraggiato a far
veicolare in rete l’identità del Foro Articolo 126. Questo tribunale funge ordinariamente da istanza superiore del grado di appello
ecclesiastico.Sarà una presenza presso la Sede apostolica per tutelare i diritti nella Chiesa, provvede all'unità della giurisprudenza e,
mediatica che si sforza a dare certezza attraverso le proprie sentenze, è di aiuto ai tribunali di grado inferiore.
sui passi che l’uomo o la donna in Articolo 127. I giudici di questo tribunale, dotati di provata dottrina e di esperienza e scelti dal
difficoltà vuole intraprendere per fare Sommo Pontefice dalle varie parti del mondo, costituiscono un collegio; al medesimo tribunale
chiarezza nella propria realtà presiede il decano nominato per un determinato periodo dal Sommo Pontefice, che lo sceglie tra gli
coniugale.Il Ter Calabro intende così stessi giudici.
farsi compagno di viaggio tra la gente
Articolo 128. Questo tribunale giudica:
segnata negli affetti ed aiutarla per la
ricostruzione di una nuova realtà 1— in seconda istanza, le cause giudicate dai tribunali ordinari di prima istanza e deferite alla Santa
esistenziale qualora ci fossero i Sede per legittimo appello;
presupposti per accertare la verità 2— in terza o ulteriore istanza, le cause già trattate dal medesimo tribunale apostolico e da
fondamentale delle problematiche. qualunque altro tribunale a meno che esse non siano passate in giudicato.
Per chi vorrà servirsi del nostro sito Articolo 129 § 1. Il medesimo, inoltre, giudica in prima istanza:
resta aperta una finestra per dialogare
1— i Vescovi nelle cause contenziose, purché non si tratti dei diritti o dei beni temporali di una
e offrire segni di vicinanza alle tristi
persona giuridica rappresentata dal Vescovo;
situazioni di relazione coniugale ed
2— gli abati primati, o gli abati superiori di congregazioni monastiche e i superiori generali di istituti
anche per orientare cammini di
religiosi di diritto pontificio;
riconciliazione o di nuove condizioni di
3— le diocesi o altre persone ecclesiastiche, sia fisiche sia giuridiche, che non hanno un superiore al
vita.Chi visita il nostro sito troverà
di sotto del romano Pontefice;
adeguate risposte sulla retta
4— le cause che il romano Pontefice abbia affidato al medesimo tribunale.
interpretazione del lavoro giudiziario
§ 2. Giudica le medesime cause, se non sia previsto altrimenti, anche in seconda ed ulteriore
della Chiesa, unitamente alle regole
istanza.
amministrative: trasparenza sia del
percorso giudiziario che della Articolo 130. Il tribunale della Rota Romana è retto da una sua propria legge.
trasparenza economica.
Buona navigazione, per una vera

www.tercalabro.it/index.php?option=… 1/2
05/02/2011 TRIBUNALE DELLA ROTA ROMANA
giustizia che porti pace alle coscienze
dei cristiani.
Mons. Raffaele Facciolo
Presidente del Ter Calabro

Chi è online

1 visitatore online

Copyright © 2005 - 2011 www.tercalabro.it. Powered by Domenico Malara

www.tercalabro.it/index.php?option=… 2/2