Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 18 luglio 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 28 euro 1,20

28
12 Verghereto
Per non dimenticare la strage di Tavolicci
l 22 luglio ricorre il 69esimo anniversario delI leccidio. Numerosi eventi in programma, fra cui una processione

Primo piano
Il vescovo Douglas ha visitato il Mozambico
met giugno ha trascorso un periodo in A alcune missioni cesenati, accompagnato da padre Orfeo

Chiesa
Lumen Fidei, prima enciclica di papa Francesco
ochi giorni dopo luscita dellencicliP ca sulla fede, papa Bergoglio si recato a Lampedusa

Cesena
Don Primo un sacerdote amato da tutti
l parroco di Madonna del Fuoco morto la I scorsa settimana. Aveva 65 anni ed era originario di Gattolino

17

Editoriale Ci sarebbe da non dormire


di Francesco Zanotti

olitica italiana ancora una volta in stallo. Si ripetono i veti incrociati. Si ascoltano le reciproche scomuniche. Si vedono scintille fra chi sostiene il governo, chi abita lo stesso partito, chi straparla e chi o non fa il suo dovere o lo fa anche troppo. Lattualit nostrana non manca di notizie. Anzi, per la verit vorremmo leggerne altre, ben pi edicanti. Le offese rivolte dal vice presidente del Senato al ministro Cecile Kyenge appartengono alla categoria di quelle che non avremmo mai voluto ascoltare. Non mi dilungo pi di tanto. Se alcuni politici pensano e dicono certe frasi, il giudizio nei loro confronti gi espresso. Inutile sprecare tempo e spazio: si rischia la stessa deriva, abboccando alla rissa innescata non credo a caso. Anche la vicenda dellestradizione della famiglia kazaka getta ombre sulloperato di uomini dellesecutivo Letta. Chi sapeva? Chi doveva sapere? Chi doveva vigilare? Rester un mistero italiano, anche questo come tanti altri, col nostro Paese che fa lennesima guraccia a livello internazionale. Quali criteri guidano le nostre decisioni? Pare contino solo i contratti, come nellaffaire dei due mar in carcere in India di cui ormai rischiamo di dimenticarci. Eppure non mancano le emergenze da affrontare. Pare, per, ci interessino di pi le battute senza senso e le vicende di piccolo cabotaggio. Siamo ancora in grado di pensare in grande? Questo Paese ha le energie, soprattutto morali, per uscire dalla crisi terribile che frena liniziativa anche dei pi coraggiosi? Questi interrogativi tornano con inquietudine e minacciano il nostro futuro. Un futuro che gi oggi. Che quella quotidianit fatta di un lavoro che non si trova, di imprese che abbassano le saracinesche, di giovani che emigrano. Ci sarebbe di che lavorare notte e giorno per pianicare il rilancio del made in Italy, per pensare a come alleggerire il peso scale, per studiare iniziative che trattengano i cervelli migliori per non farceli sofare dal resto dEuropa, dagli Usa e dalla Cina. Ci sarebbe da non dormire mai, incalzati dagli esodati, dai senza lavoro del Sulcis, dellIndesit di Fabriano, della Whirpool di Trento, ma anche di chi abita linvidiata Romagna ed costretto a guardare altrove per trovare una risposta adeguata alle esigenze pi immediate. C molto da reinventare, visto che quasi tutto da ricostruire, partendo da un clima di ducia ormai a livelli inmi. Basterebbe alzare lo sguardo, oltre se stessi, fuori dalle proprie certezze, al di l del tornaconto personale. Unoperazione n troppo banale. Bisognerebbe provarci. E sarebbe gi un gran bellincoraggiamento.

Le frazioni alzano la voce

Ingresso della frazione di Madonna dellUlivo, nel Rubicone (Cesena)

Nessuna gerarchia tra frazioni nel futuro, ma piuttosto il sogno di garantire a tutte condizioni di vita equivalente e soddisfacente. Lha scritto nero su bianco il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, in risposta a un intervento del nostro direttore, dopo una riunione tenutasi a Ruffio, nella sede del quartiere Al Mare. Solo per citare alcuni esempi,Villa Casone, Capannaguzzo e Bulgarn lamentano le dimenticanze dellAmministrazione comunale che per troppi anni ha puntato su alcuni paesi a scapito di altri. Ora i cittadini alzano la voce e domandano i collegamenti con la citt, la pubblica illuminazione, la sistemazione delle strade, il verde pubblico, gli impianti sportivi, la protezione degli utenti deboli della circolazione. Paesi da sostenere e incentivare, con tanto di storia e identit, volgendo lo sguardo al futuro. Servizio a pagina 13

Cesena 14 Una settimana ricca di feste parrocchiali Gambettola 16 Giovani laureati festeggiati in piazza

Cesenatico 15 Ponte levatoio lavori in arrivo Sorrivoli 20 Al castello una Carovana e un ministro

PARTENZE SPECIALI VIAGGI MANUZZI


SPECIALE COSTA CROCIERE GRECIA E CROAZIA Costa Magica da Venezia partenze di luglio da 619 euro partenze di agosto da 719 euro
Informazioni e prenotazioni

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

SPAGNA, BALEARI E MALTA Costa Favolosa da Savona partenze di luglio partenze di agosto

MALTA, BALEARI, SPAGNA E COSTA AZZURRA Costa Voyager da Livorno partenze di luglio da 719 euro partenze di agosto da 619 euro SPECIALE MARE ITALIA BASILICATA Marina di Pisticci - Ti Blu Village, 4 stelle Trattamento di pensione completa partenze dal 14 luglio da 560 euro

da 610 euro da 719 euro

Opinioni

Gioved 18 luglio 2013

Dio non morto e rischiara la citt terrena


U

Caso kazako
Con i regimi autoritari necessaria una dottrina di Stato
a storia dellespulsione dallItalia di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente politico kazako Muktar Ablyazov, e della loro figlia una storia in cui si mescolano, in misura diversa, scarsa professionalit, superficialit, servilismo, miopia politica, basso machiavellismo. Ancora non ne conosciamo i particolari e quindi ci asterremo dallattribuire responsabilit, sperando che presto i contorni della vicenda vengano chiariti, in omaggio alla nostra democrazia. Che non merita figuracce internazionali di questa portata. Nonostante la scarsit di dettagli, il quadro generale della vicenda e il suo significato sono abbastanza chiari. Qualcuno che occupa posizioni di rilievo nella catena di comando delle nostre forze di pubblica sicurezza ha organizzato un blitz armato con conseguente immediata espulsione tramite un jet privato pagato dal governo kazako di una donna e sua figlia, a seguito di non precisate ma molto probabili pressioni delle autorit kazake. Perch tanta efficienza? Perch chi ha dato il via allazione sapeva perfettamente che il Kazakhstan non uno Stato qualunque per lItalia, ma un partner economico strategico. Il Paese asiatico ricco di gas e petrolio, che esporta per il 20% del totale in Italia. LEni ha investito ingenti capitali per lo sfruttamento e la distribuzione delle risorse kazake da ormai venti anni ed il Kazakhstan rimane una priorit per lazienda italiana. Daltra parte, anche le esportazioni italiane nel Paese sono cresciute costantemente negli ultimi anni, arrivando a 900 milioni di euro lo scorso anno. Da un punto di vista economico, lItalia ha dunque un rapporto privilegiato con il grande Paese centroasiatico, che cresce da anni ad un tasso stabilmente superiore al 5% annuo. Dal punto di vista politico, per, il Kazakhstan non un partner comodo. Non vi dubbio infatti che il Kazakhstan sia governato da un regime autoritario, che si progressivamente irrigidito negli anni. Lera del presidente Nazarbayev, alla guida del Paese da quando era stato posto a capo del soviet kazako durante gli ultimi anni

La fotograa
Papa Giovanni XXIII e papa Giovanni Paolo II saranno proclamati santi entro il 2013. Papa Francesco ha firmato venerd 5 luglio i decreti per la canonizzazione di entrambi (foto Sir)
dellUrss, ha coinciso con lo sviluppo del Paese, ma il modo con cui Nazarbayev si assicura il mantenimento del potere ha poco ha che fare con la democrazia. Piuttosto, la sua leadership ha molto a che fare con il ruolo egemone della burocrazia post-comunista a lui legata, con la manipolazione delle elezioni e con le ripetute modifiche della costituzione, tese a rendere il suo ruolo praticamente inattaccabile. Come muoversi dunque al cospetto di un interlocutore di questo genere? Il rapporto con le dittature un problema ricorrente per le democrazie ed importante avere le idee chiare in proposito. Si pu avere a che fare con i regimi autoritari per difendere e promuovere linteresse nazionale, ma una democrazia non pu neppure rinnegare a cuor leggero i principi su cui fondata. Il modo in cui si svolta la vicenda non stato un esempio di difesa dellinteresse nazionale, ma una preoccupante manifestazione di incertezza politica e di debolezza amministrativa. Ammesso e non concesso che Ablyazov oltre ad essere un oppositore di Nazarbayev sia anche implicato in attivit criminali, non risulta che sua moglie e sua figlia costituiscano una minaccia alla sicurezza kazaka, n tantomeno a quella italiana. Le nostre autorit si sono dunque ritrovate impigliate in una brutta spirale che assomiglia molto a una sorta di ricatto di Stato, finendo cos col violare varie norme di diritto internazionale. Nei suoi rapporti con gli stati autoritari, una democrazia dovrebbe porsi come obiettivo lelaborazione di una politica di influenza, che certo non imponga i propri valori, ma che almeno li difenda e li proponga. In caso contrario, si scade in una misera realpolitik a scopo economico. Altri Stati lo fanno, ma per questo continueremo a criticarli. Stefano Costalli

Primo piano

Gioved 18 luglio 2013

In Africa fra fede, incontri e preghiera


Accompagnato da padre Orfeo della comunit di Valleripa, il vescovo Douglas Regattieri stato in missione in Mozambico
n viaggio fatto di incontri e di preghiera. E quanto emerge dal fitto diario redatto dal vescovo Douglas durante i giorni trascorsi in Mozambico dal 10 al 21 giugno scorsi. Si tratta di appunti scritti di getto, quasi di fretta, per fissare nella mente e nel cuore le emozioni vissute in un Paese dellAfrica molto lontano dal nostro modo di vivere. La sveglia, ogni mattina, squilla molto presto. Ogni giornata si apre con la recita delle Lodi e la messa. Alle 6 viene fissato linizio della preghiera. In altre occasioni anche alle 5 e alle 5,30. E poi i trasferimenti, a cominciare dai lunghi viaggi dallItalia ad Addis Abeba per un primo cambio di volo per Maputo e il trasferimento interno, per Quelimane. In questo caso, allandata, monsignor Regattieri, che per loccasione accompagnato da padre Orfeo, il fondatore della Piccola famiglia della Resurrezione (Valleripa), ha dovuto fare i conti con uno sciopero, proprio come succede alle nostre latitudini. Nove ore di ritardo, prima di arrivare a destinazione. Qui siamo in pieno inverno - scrive il vescovo nei suoi appunti -. Per noi si sta benissimo. Basta un leggero pullover. Gioved 13 giugno, il vescovo Douglas fa visita alle suore della Sacra Famiglia. Il suo un itinerario sulle tracce dei cesenati in Mozambico. Quindi raggiunge Charre, nella regione di Tete, dove lo accolgono suor Lina, la madre generale, suor Claudia Lugaresi originaria di Martorano (Cesena). Il percorso molto accidentato e lungo, sei ore di viaggio. Arrivano a destinazione solo verso sera. Nellultimo tratto la strada veramente disastrosa - annota monsignor Regattieri -. Buche infinite. Attraversiamo anche un fiume, col battello. Poi a cena si svolge lincontro con tutte le altre suore (Damiana, Speranza e Sandra) che gestiscono un collegio con una trentina di ragazze (cfr. pezzo in pagina). A Charre ancora molto vivo il ricordo di padre Bruno Boschetti, morto improvvisamente due anni fa. Il vescovo fa una visita al cimitero e recita una preghiera in suffragio del sacerdote, anchegli con le origini a Martorano. C limpatto, duro e difficile, con la realt locale, con la gente che attinge lacqua al fiume, ma anche la possibilit di fermarsi vicino a un baobab di dimensioni enormi. E poi lo stupore nel vedere proiettare, in italiano, un film con Bud Spencer e Terence Hill, davanti a una folla di ragazzi e di giovani. Non comprendono nulla, ma guardano le immagini e si divertono molto, sottolinea il vescovo. Da sabato 15 giugno monsignor Regattieri torna in compagnia di padre Orfeo e dei fratelli della sua comunit, padre Andrea e il monaco Tommaso. I nomi dei luoghi sono ai pi sconosciuti: Nicoalada, Monte Rurupi, con strade pessimenegli ultimi chilometri, ma lungo le quali ci si pu fermare per acquistare ananas e arance. Il

Davanti al santuario di Mulevala, realizzato grazie allimpegno di don Tarcisio De Giovanni

Ampia fotogallery su www.corrierecesenate.it


di ebano, simbolo del comando. A motivo di questi regali ci sar qualche problema al check in prima della partenza, ma poi tutto si risolve per il meglio, come scrive il vescovo in una delle sue ultime note. Neppure il Papa mai entrato in aereo con il pastorale, gli dice padre Orfeo, a sottolineare leccezionalit dellevento. Gli orari dei voli slittano sia per il trasferimento interno, sia per il rientro verso Roma, con otto ore di sosta in aeroporto. Il viaggio sui luoghi della missione in Mozambico si conclude con latterraggio a Fiumicino, felici per unesperienza intensa. Ho fatto tutto quello che dovevo fare. Gracas a Deus, indica il vescovo Douglas nella sua ultima riga di diario.

giorno seguente, domenica 16 giugno, la messa delle 8 inizia alle 8,45, tanto il tempo lo dona il Signore, il pensiero non scritto ma vissuto in Africa. Il vescovo predica in italiano. Uno dei due parroci traduce in lingua locale, il lomwe. Alla fine i ringraziamenti non finiscono pi al vescovo Douglas al quale viene regalata una gallina. Padre Orfeo ha in costruzione un nuovo monastero, per gli uomini della sua comunit. Ci vorr un altro anno e mezzo di lavori. E molto bello - scrive il vescovo -. Abb Orfeo ha grandi progetti. Con laiuto di Dio spera di attuarli fra qualche anno. Luned 17 giugno, con fratel Tommaso al volante, inizia il viaggio per la diocesi di Gurue. Dopo la concelebrazione, si parte per la strada del ritorno, verso Quelimane. Qui una tappa dobbligo a Mulevala, dove un altro sacerdote cesenate, don Tarcisio De Giovanni, ha costruito un santuario. Il viaggio di quelli impossibili: quattro ore di strade bruttissime. Ci sono ancora nomi improbabili come Alto Molocue, Gurue e incontri con il vescovo, missionario della Consolata, lo spagnolo Francisco Lerma. A Mulevala, scrive monsignor Regattieri il santuario aperto, frequentato e officiato da due sacerdoti della parrocchia omonima. Il vescovo Douglas incontra nellepiscopio di Quelimane le suore cappuccine di Milange. Ormai alla fine della permanenza in terra dAfrica, monsignor Regattieri riceve in dono dal vescovo Lerma un pastorale in legno e dal vescovo di Quelimane, Ilario, un bastone

Il vescovo Douglas con padre Orfeo Povero, suor Lina Orfei e suor Maria Assunta (Agata) Riva

Monastero in costruzione di fronte al Monte Moluce

Col vescovo di Gurue, Francisco Lerma e padre Andrea Fantini

La processione di ingresso allinizio della messa

Le religiose della Sacra Famiglia sono in Mozambico dal 2006, chiamate da padre Boschetti

Le suore in missione, segno di un Dio che non dimentica


Se le suore hanno deciso di stare qui con noi significa che Dio non ci ha dimenticato. Madre Lina Orfei ricorda bene quello che dissero le donne africane quel 13 maggio del 2006, allarrivo delle suore francescane della Sacra Famiglia di Cesena - di cui superiora generale tra la povera gente di Charre, in Mozambico, su invito di padre Bruno Boschetti. Qui il missionario cesenate deceduto due anni fa aveva aperto nel 98, dopo la fine della lunga guerra civile, una missione dei saveriani. Di recente suor Lina tornata da un viaggio nella missione di Charre (dove ha anche incontrato il vescovo Douglas Regattieri), mentre la scorsa settimana partita alla volta della Colombia, dove si trovano le altre cinque missioni gestite, da oltre 40 anni, dalle suore della Sacra Famiglia. Attualmente in Africa si trovano quattro nostre sorelle: suor Claudia, suor Esperanza, suor Damiana e la responsabile della comunit suor Sandra - sottolinea la superiora -. Oltre al servizio, il nostro compito quello di testimoniare lamore di Dio verso ogni uomo. Tra le priorit della nostra missione in Mozambico c la promozione della donna. Nella missione di Charre, nella diocesi di Tete, le suore gestiscono anche una casa che accoglie 25 ragazze provenienti da villaggi lontani e permette loro di frequentare la scuola media e superiore. Vengono offerti alle ragazze vitto e alloggio, spese mediche e libri. Qui le studentesse, oltre a studiare la lingua ufficiale (il portoghese) imparano a svolgere quelle attivit in grado di assicurare una certa autonomia: cucinare, coltivare un orto, allevare un pollaio. E nel rispetto delle diverse religioni vengono accompagnate in un percorso educativo, in particolare sulla grandezza dellidentit della donna - prosegue suor Lina -. Quando arrivano da noi, le ragazze sanno dire solo s: in casa non hanno molto spazio e gi a 13-14 anni sono destinate a sposarsi. Ci sono per alcuni padri, con una mentalit pi aperta, che danno alle figlie la possibilit di studiare. Una volta diplomate, le nostre ragazze vorrebbero proseguire gli studi alluniversit e i mestieri pi ambiti sono quelli di infermiera, docente e poliziotta. E dedicato invece ai piccoli orfani il progetto Salvare una vita: molti neonati che perdono la mamma durante il parto (che insieme ad Aids e malaria costituisce la causa principale di morte nel continente nero) sono destinati a morire. Per due anni ci impegniamo a fornire alle famiglie il latte in polvere e annualmente ne aiutiamo una ventina, dice suor Lina. Francesca Siroli

Suor Lina, madre superiora delle suore francescane della Sacra Famiglia, mentre distribuisce materiale scolastico alle ragazze ospiti del convitto, nella missione di Charre, in Mozambico

Gioved 18 luglio 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Pellegrinaggio diocesano a Roma


Sabato 19 ottobre
La diocesi di Cesena-Sarsina propone per sabato 19 ottobre un pellegrinaggio a Roma, nellanno della fede. Il pellegrinaggio si terr in pullman. Prima tappa: La fede celebrata e professata: dalle 11 alle 12, celebrazione eucaristica nella Basilica di San Pietro in Vaticano; recita del Credo per la professione di fede davanti alla tomba di San Pietro. Pranzo libero. Seconda tappa: La fede pregata, alle 15 trasferimento presso la Basilica di Santa Maria Maggiore; preghiera e visita. Alle 16,30 termine della visita e partenza per Cesena. Quota di partecipazione: 60 euro. La quota comprende: viaggio in pullman, ingresso a Santa Maria Maggiore, Kit del pellegrino (mappa delle 7 vie della fede in Roma, braccialetto colorato del pellegrino, laccio e bustina porta badge, zainetto colorato con logo Annus Fidei 2012-2013, guida ai percorsi di fede, fazzoletto del pellegrino, libretto con i testi liturgici e le preghiere). Per le iscrizioni, necessario prenotare la propria partecipazione versando la quota. Conferma definitiva entro l8 settembre. Per info e preiscrizioni: Ufficio diocesano Pellegrinaggi, tel. 0547 610280, e in parrocchia. A ROMA DUE GIORNI (19 E 20 OTTOBRE): Le parrocchie della Cattedrale e di San Domenico, in collaborazione con lUfficio diocesano pellegrinaggi, organizzano una due giorni in occasione del pellegrinaggio diocesano a Roma. Il 1 giorno (sabato 19 ottobre) il programma lo stesso del pellegrinaggio diocesano: Messa in San Pietro al mattino; visita e recita del vespro a Santa Maria Maggiore nel pomeriggio. Oltre a questo: altre visite che saranno possibili nel tempo disponibile. Il 2 giorno (domenica 20 ottobre) prevede alcune visite alla citt e partecipazione allAngelus di papa Francesco al mattino; visita e Messa a San Paolo nel pomeriggio. La quota di 160 euro che comprende viaggio AR in pullman GT, albergo*** con pernottamento, cena e colazione, il pranzo del 2 giorno, il kit del pellegrino e lassicurazione. Caparra di 50 euro alliscrizione. Per le iscrizioni e per i dettagli organizzativi rivolgersi presso i parroci della Cattedrale (tel. 0547 21173), di San Domenico (tel. 0547 21586), lUfficio Diocesano Pellegrinaggi in Curia (tel. 0547 610280) o lUfficio Pastorale a Palazzo Ghini (tel. 0547 611001).

IL GIORNO DEL SIGNORE


Chi teme il Signore, abiter nella sua tenda
Domenica 21 luglio - Anno C Sedicesima Domenica del Tempo Ordinario Gen 18,1-10a; Salmo 14; Col 1,24-28; Lc 10,38-42
preoccupazione per le cose e portare ognuno a tendere verso la sua persona, a puntare sul mistero e sul dono dellamore nuziale di Dio. Pi che fare o non fare, si tratta di preferire, contemplare, dedicarsi, amare. LAmore sponsale, la comunione damore, la cima dellesperienza cristiana, la sola cosa di cui c bisogno. La tradizione della Chiesa occidentale ha accentuato la figura di Marta, al punto che il 29 luglio stata sempre la memoria di santa Marta, e solo recentemente diventata anche la memoria di Lazzaro e di Maria. SantAgostino, commentando questo brano, fa dire a Ges: Tu (Marta) navighi, essa (Maria) in porto. Il cuore di Maria gi dov il suo tesoro. Il suo bene stare vicino a Dio. Continua Agostino: Capite il simbolismo di queste due donne, ambedue grate al Signore, ambedue amabili, ambedue discepole; ambedue innocenti, ambedue lodevoli... In Marta era la prefigurazione delle realt presenti, in Maria quella delle future. Angelo Sceppacerca

La Parola di ogni giorno


luned 22 luglio santa Maria Maddalena Ct 3,1-4a; Sal 62; Gv 20,1-2.11-18 marted 23 santa Brigida patrona dEuropa Gal 2,19-20; Sal 33; Gv 15,1-8 mercoled 24 san Charbel Makluf Es 16,1-5.9-15; Sal 77; Mt 13,1-9 gioved 25 san Giacomo 2Cor 4,7-15; Sal 125; Mt 20,20-28 venerd 26 santi Gioacchino e Anna Es 20,1-17; Sal 18; Mt 13,18-23 sabato 27 santa Natalia Es 24,3-8; Sal 49; Mt 13,24-30

arta accoglie Ges nella sua casa e fa una cosa buona e necessaria, solo che distratta dalle preoccupazioni. Sono queste che la soffocano. Maria, invece, sceglie la parte buona. Non c cosa migliore che ascoltare Ges. Marta e Maria sono sorelle, vivono insieme, ma i loro pensieri sono diversi. Marta era tutta presa: dice la fatica, loccupazione, la tribolazione. la normalit della vita degli uomini. Ges dice che ora, con la sua presenza, c una nuova buona occupazione da poter scegliere: stare ai suoi piedi ad ascoltarlo. Ges non rimprovera Marta, la invita a imitare la sorella. Alla grande parabola del Samaritano, Luca aggiunge questa visita del Signore alla casa di Marta e Maria. Perch vuole sollevare dalla

A MESSA DOVE
8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, Villachiaviche, Bagnile, Casale, Montereale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, San Pietro, Case Finali, San Rocco, SantEgidio, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Pio X 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, San Domenico 18.30 Cappuccini, San Pietro 19.00 Osservanza 20.00 San Bartolo, Villachiaviche

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo, SantEgidio 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche, Gattolino, Torre del Moro

Sabatoe vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Cappuccini, San Domenico, Santuario dellAddolorata, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Vittore, Borello 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza, Case Finali, San Rocco 19.00 Osservanza, San Bartolo, San Giorgio 19.30 Bulgarn 20.00 Villachiaviche, Gattolino, Bulgaria, Tipano, Ruffio, Pioppa, Ponte Pietra 20.30 San Giovanni Bono, San Pio X, Calisese, Torre del Moro, Martorano, Pievesestina 20.45 San Mauro in Valle

Boschetto; 9 Cappuccini, San Giuseppe, Gatteo a Mare, Valverde; 9,15 San Pietro; 9,45 Cannucceto; 10 Villalta; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Gatteo a Mare; Sala; 11,15 Bagnarola, Santa Maria Goretti, San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17,30 San Giuseppe, Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Zadina (Park Hotel), Valverde; 20,30 Santa Maria Goretti; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, San Pietro, Boschetto Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19 Crocetta 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 18,30 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30 Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10,30 / 18; 20,30 (sabato). Consolata: 17 (sabato); 7,30 / 9,30 Montiano ore 20.30 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20,30 (sabato, chiesina del castello), 11.

Mercato Saraceno 10.00; San Romano: prefestiva sabato, ore 18,30 (chiesa Mulino di Sotto); Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18 (sabato), 11; Piavola: 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7,30 / 9 / 11 / 17; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9,30; Quarto: 10,30; Pieve di Rivoschio: 15,30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10

Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9,30; Civorio 9,30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 18 (sabato); 8,30 / 11 / 18. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17 (sabato); 11.15 / 17; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9,15 (domenica); Balze (chiesa Apparizione): 8,15 / 11,15 / 18; Montecoronaro: 9,45; Villa di Montecoronaro (al sabato) 18; Trappola: 9,30; Capanne: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Roversano

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto, Villamarina; 17,30 Convento Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Valverde; 19 Camping Cesenatico; 20,30 Santa Maria Goretti, Sala, Villalta; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, San Pietro (Ponente), Boschetto Festivi: 7 San Giacomo, Gatteo a Mare; 7,30 Valverde, San Giuseppe; 8 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; 8,30 Sala,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 27 del 4 luglio 2013: 7.650 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 16 luglio 2013

Vita della Diocesi

Gioved 18 luglio 2013

|Gmg a Rio de Janeiro In nove da Cesena allincontro con papa Francesco


A mezzogiorno di luned 15 luglio partito dal seminario di Cesena il gruppo di otto giovani che, insieme a don Marcello Palazzi (delegato diocesano per la Pastorale giovanile) il 27 e 28 luglio vivranno lesperienza della Gmg e dellincontro dei giovani di tutto il mondo con papa Francesco. Nella settimana precedente il gruppo vivr unesperienza missionaria nella diocesi di Goias, nel centro del Paese sudamericano. Da sinistra, nella foto: Francesco Gualtieri, Giulia Nucci, Luigi Pirini Casadei, Tiberio Meneghelli, don Marcello, Giacomo Battistini, Dylan Donati, Fabrizio Ricci, Gloria Valzania. Nella notte tra luned e marted sono inoltre partiti i tre seminaristi Simone Farina, Michele Galassi e Dennis Faedi che per un mese vivranno unesperienza missionaria in Colombia e Venezuela. I ragazzi, guidati da don Crescenzio Moretti andranno a Carupano, dove da diversi anni vive il sacerdote dei donum don Giorgio Bissoni.

In breve
Gli scatti delle vacanze sul Corriere Cesenate
Una proposta dalla commissione diocesana Gaudium et Spes in preparazione alla Giornata della Salvaguardia del Creato che si celebrer domenica 1 settembre (questanno avr luogo ai Cappuccini). Ai tantissimi gruppi (parrocchie, associazioni, privati...) in partenza per i campi scuola e le ferie estive in luoghi a stretto contatto con la natura, viene proposto di segnalare i propri clic pi belli e suggestivi allindirizzo creato@corrierecesenate.it. Le fotograe che arriveranno in redazione saranno pubblicate nelle settimane che precederanno la festa di settembre.

Dal 7 al 14 luglio a Corvara una settimana di vacanza promossa da Cl


ere? v i v a a f i s e Com

27 e 28 luglio Giornata mondiale della Giovent a Milano Marittima


er chi resta a casa e desidera P comunque vivere unesperienza di comunione con chi alla Gmg a Rio de Janeiro, in Brasile, la Pastorale Giovanile delle diocesi di Cesena, Faenza, Forl, Imola, Ravenna e Rimini propone la Gmg a Mi.Ma, il 27 e 28 luglio a Milano Marittima (Ravenna). Questo il programma della due giorni: alle 16 di sabato 27 luglio ritrovo presso la parrocchia Stella Maris (III Traversa Pineta 1, Milano Marittima), spostamento a piedi verso il Parco Naturale ( disponibile anche un servizio navetta); alle 17 catechesi presso il parco naturale suddivisi fra giovanissimi e giovani. Alle 20 cena al sacco e festa. Alle 22,30 veglia di preghiera e a seguire possibilit di confessioni, colloqui, adorazione personale presso le fontane di luce. Dopo la notte allaperto, alle 6 celebrazione della Messa, in spiaggia. Alle 7 colazione per tutti e saluti. Quota di partecipazione: 5 euro. Per info e iscrizioni: segreteria per il servizio diocesano di Pastorale giovanile (Cesena), cell. 346 3008218, serviziopgx@gmail.com

Giornate di fraternit e condivisione


irca 300 persone di tutte le et (di cui un terzo bambini) hanno partecipato alla vacanza proposta da Cl alle famiglie, che si tenuta a Corvara dal 7 al 14 luglio. Il tema unitario della proposta educativa, alla quale ognuno poteva aderire liberamente, stato caratterizzato dalla domanda rivolta a ciascuno dei partecipanti: Come si fa a vivere?. Tutto il contesto ha aiutato ad approfondire un rapporto personale con Ges Cristo, come aiuto a vivere la quotidianit risurrezione di Ges Cristo. I poeti dellintera esistenza. Ogni giornata si Gianfranco Laureano e Franco Casadei aperta con la recita delle lodi, al termine hanno raccontato il loro rapporto con la delle quali veniva introdotto un brano poesia, che aiuta gli uomini a crescere in della lezione di Julin Carrn della umanit e hanno letto alcuni dei loro mattina del 20 aprile 2013 agli esercizi componimenti, esemplificando cos la spirituali della Fraternit di Comunione propria testimonianza. Martino Chieffo e Liberazione, il cui contenuto veniva ha cantato e introdotto quindici canzoni sviluppato attraverso la visione di alcuni scritte dal padre Claudio. Due brani di interventi fatti dai papi imprenditori hanno raccontato come il Benedetto XVI e Francesco. rapporto fra di loro e con i loro amici La messa, spesso vissuta anche in riuscito ad aiutarli di fronte alle difficolt passeggiata, stato un altro punto fermo lavorative, incontrate in questo periodo della giornata. In ogni giornata c stata, di drammatica crisi economica. stato per gli adulti, una proposta di riflessione proiettato il film del 2011 Cristiada del diversa. I bambini hanno svolto attivit regista Dean Wright che ricostruisce educative adatte a loro. Andrea Franchi, fedelmente, dal punto di vista storico, la responsabile nazionale della federazione persecuzione della Chiesa messicana per dei banchi di solidariet, ha testimoniato iniziativa del presidente Plutarco Elas come lui sta vivendo la propria vita, Calles, che, a partire dal 1926, grazie ad partendo dalla certezza della

IL MASSICCIO DELLA MARMOLADA (LUGLIO 2013)

In trecento tra giovani, adulti e famiglie. Testimonianze, incontri, piccole rappresentazioni ed escursioni per tutti
alcune leggi fatte per questo scopo, voleva distruggere la presenza sul territorio che amministrava della Chiesa cattolica. Durante lassemblea conclusiva, diversi presenti hanno testimoniato come hanno concretamente vissuto la vacanza. La serata stata spesso caratterizzata da momenti di festa; lultima, dedicata ai ringraziamenti, ha visto coinvolgersi persone di tutte le et, che hanno presentato balletti, canzoni, sketch, battute, poesie. Le gite in montagna hanno tenuto conto delle varie esigenze, anche di chi aveva bisogno del passeggino: un aiuto concreto a lasciarsi colpire dalla bellezza del paesaggio incontrato, per essere aiutati a rendere gloria a Dio. Stefano Salvi

Spazio Ascolto Famiglia, un aiuto alla persona e alla coppia


Un servizio gratuito promosso dallUfficio per la Pastorale della Famiglia
diocesano per la Pastorale della L Ufficio Famiglia desidera far conoscere lattivit di Saf, Spazio Ascolto Famiglia, laiuto di consulenti familiari alla persona, alla coppia e alla famiglia. Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in difficolt un luogo di accoglienza, ascolto, confronto e orientamento, anche in una

dimensione spirituale. Si rende disponibile per una relazione di aiuto nelle situazioni di crisi e di difficolt, di disorientamento e di incomprensione. a disposizione di persone, coppie e famiglie che vivono situazioni di disagio relazionale, anche legato allesperienza della separazione e del divorzio. Gli operatori di Spazio Ascolto Famiglia sono consulenti familiari volontari, diplomati alla scuola Sicof (Scuola italiana consulenti familiari) di Roma, sensibili al bene della famiglia, formati sulle

problematiche del disagio familiare e relazionale e allascolto empatico. Il servizio offerto gratuitamente (su appuntamento) nei giorni di luned, gioved, venerd, dalle 15 alle 18; per appuntamenti telefonare dal luned al venerd, dalle 10 alle 17, al numero 346 3694421. La sede presso lIstituto Ancelle Sacro Cuore di San Carlo (accanto alla scuola materna), via San Carlo 316, San Carlo di Cesena. Info: www.noifamiglia.it; email: spazioascoltofam@tiscali.it

Vita della Chiesa

Gioved 18 luglio 2013

LUMEN FIDEI. La prima Enciclica firmata da papa Francesco. Ne pubblichiamo una sintesi
FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

umen fidei (La luce della fede) la prima Enciclica firmata da papa Francesco. Suddivisa in quattro capitoli, pi unintroduzione e una conclusione, la lettera - spiega lo stesso Pontefice - si aggiunge alle encicliche di Benedetto XVI sulla carit e sulla speranza e assume il prezioso lavoro compiuto dal Papa emerito, che aveva gi quasi completato lEnciclica sulla fede. A questa prima stesura Francesco ha aggiunto ulteriori contributi.

rende umili e porta alla convivenza e al rispetto dellaltro. Ne deriva che la fede porta al dialogo in tutti i campi. Il terzo. Il terzo capitolo, Vi trasmetto quello che ho ricevuto, incentrato sullimportanza dellevangelizzazione: chi si aperto allamore di Dio, non pu tenere questo dono per s, scrive il Papa, ricordando la catena ininterrotta dei testimoni della fede. Ci comporta il legame tra fede e memoria perch lamore di Dio mantiene uniti tutti i tempi e ci rende contemporanei a Ges. Inoltre, diventa impossibile credere da soli, perch la fede apre lio al noi ed avviene sempre allinterno della comunione della Chiesa. Per questo, chi crede non mai solo. C un mezzo speciale con cui la fede pu trasmettersi: i sacramenti.

Lintroduzione. Lintroduzione illustra le motivazioni poste alla base del documento: innanzitutto, recuperare il carattere di luce proprio della fede, capace dilluminare tutta lesistenza delluomo, di aiutarlo a distinguere il Si aggiunge alle Encicliche di Benedetto XVI sulla carit e sulla speranza e assume bene dal male, in il prezioso lavoro compiuto dal Papa emerito, che aveva gi quasi completato particolare in unepoca, come quella moderna, in lEnciclica sulla fede. A questa prima stesura Francesco ha aggiunto ulteriori contributi Il quarto. Il quarto capitolo, cui il credere si oppone al cercare e la fede vista Dio prepara per loro una come unillusione, un salto nel vuoto che affidiamo a persone che conoscono le ci che luomo riesce a costruire e citt, spiega il legame tra la fede e il bene impedisce la libert delluomo. In secondo cose meglio di noi - larchitetto, il misurare con la scienza e che vero comune. La fede, infatti, rende saldi i luogo, lEnciclica vuole rinvigorire la farmacista, lavvocato - cos per la fede perch funziona, oppure le verit del vincoli fra gli uomini e si pone al servizio percezione dellampiezza degli orizzonti necessitiamo di qualcuno che sia singolo valide solo per lindividuo e non a concreto della giustizia, del diritto e della che la fede apre per confessarla in unit e affidabile ed esperto nelle cose di Dio e servizio del bene comune. Ci comporta pace. Ecco perch essa non allontana dal integrit. Chi crede, vede, scrive il Papa. Ges colui che ci spiega Dio. La fede, per il grande oblio del mondo mondo e non estranea allimpegno poi, non un fatto privato, ma contemporaneo che - a vantaggio del concreto delluomo contemporaneo. Il primo capitolo. Nel primo capitolo, il destinata a diventare annuncio. relativismo e temendo il fanatismo LEnciclica si sofferma, poi, sugli ambiti Pontefice si sofferma sulla figura di Ges, dimentica la domanda sulla verit, illuminati dalla fede: la famiglia fondata mediatore che ci apre a una verit pi Il secondo. Nel secondo capitolo, Se non sullorigine di tutto, la domanda su Dio. La sul matrimonio, i giovani, i rapporti grande di noi, manifestazione di crederete, non comprenderete, il Papa Lumen fidei sottolinea, poi, il legame tra sociali, la natura, la sofferenza e la morte. quellamore di Dio che il fondamento scrive: La fede senza verit non salva. fede e amore, inteso come il grande amore Alluomo che soffre Dio offre la sua della fede. In quanto risorto, inoltre, Cristo Resta una bella fiaba, la proiezione dei di Dio che ci trasforma interiormente e ci presenza che accompagna, che apre un testimone affidabile, degno di fede. nostri desideri di felicit. Ed oggi, data la dona occhi nuovi per vedere la realt. A varco di luce nelle tenebre. In questo Ma c un aspetto decisivo della fede in crisi di verit in cui viviamo, pi che mai questo punto, il Papa apre unampia senso, la fede congiunta alla speranza. Ges: La partecipazione al suo modo di necessario richiamare questo legame, riflessione sul dialogo tra fede e ragione. Alla fine della Lumen fidei, il Papa invita vedere. Usando unanalogia, il Papa perch la cultura contemporanea tende ad La fede non intransigente, il credente a guardare a Maria, icona perfetta della spiega che come nella vita quotidiana ci accettare solo la verit della tecnologia, non arrogante. Al contrario, la verit fede.

La fede illumina lesistenza

Un lungo interminabile abbraccio con gli immigrati e la popolazione dellisola, nel ricordo doloroso delle migliaia di vittime del mare

A Lampedusa O scipapa Francesco


toccante stato lincontro con una cinquantina di immigrati - scelti tra il LUNED 8 LUGLIO, centinaio ospitati al centro di Contrada PRIMA VISITA DI PAPA FRANCESCO Imbriacola - appena sbarcato al Molo A LAMPEDUSA (FOTO AFP/SIR) Favarolo, dove abitualmente vengono dati i primi soccorsi ai migranti. Qui ha abbracciato bambini, ascoltato con commozione i racconti tragici delle violenze subite in Libia e durante i viaggi della speranza. che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi. Letture e Un vero e proprio mare di folla che sventolava cappellini e preghiere forti, lepisodio di Caino e Abele nella Genesi, il foulard bianchi e gialli, 10mila persone accertate, di cui Vangelo di Matteo sulla fuga in Egitto e la strage degli molte arrivate con il traghetto, ha accolto in un abbraccio innocenti per mano di Erode, tutti riferimenti al dramma emozionato papa Francesco. Tanti i giovani delle dei migranti che fuggono da miseria, povert e organizzazioni umanitarie che operano con i migranti, le disperazione per cercare in Europa speranze di vita. Da mamme con i bambini. Nel campo sportivo Arena quel leggio papa Francesco nellomelia ha chiesto pi La corona di fiori e lincontro con gli immigrati. Una visita scandivano lo slogan Si vede, si sente, Francesco qui volte a braccio, tra gli applausi commossi della folla: Ci di una sola mattinata che sembra essere durata tantissimo, presente. Striscioni che dicevano al Papa Il tuo sorriso d che accaduto non si ripeta, per favore, riferendosi tanto limpatto emotivo ed eccezionale dellincontro. senso alla nostra vita o che denunciavano la tratta di allultimo naufragio di cui ha letto notizie sui giornali. E Prima che il Papa arrivasse, nella notte stato soccorso esseri umani. In prima fila persone disabili e malati, poi, rivolgendosi agli immigrati musulmani ha detto: La lennesimo barcone, con 166 immigrati subsahariani, tra mentre sul palco un altare colorato fatto con una lancia di Chiesa vi vicina nella ricerca di una vita pi dignitosa per cui quattro donne. Infreddoliti e ignari di cosa li aspettasse pescatori. Il leggio a forma di timone, il pastorale e il calice voi e le vostre famiglie. A voi, O sci, il saluto tipico dei sullisola. In questi anni la Capitaneria di porto ne ha erano realizzati da artigiani locali con i materiali dei lampedusani che significa tu sei il mio fiato, il mio salvati circa 30 mila. Papa Francesco arrivato barconi affondati. Le carcasse sono l vicino, a pochi metri respiro, come dice una madre al proprio figlio, un allaeroporto di Lampedusa alle 9.15 per poi imbarcarsi a dal molo. A destra, la statua della Madonna di Porto Salvo, intercalare affettuoso che si usa anche tra amici e parenti. Cala Pisana su una motovedetta della guardia costiera. In molto venerata dagli isolani. E pi avanti, sempre un fuori programma. Ho sentito mare stato scortato da centinaia di barche di pescatori. recentemente uno di questi fratelli. Prima di arrivare qui Un momento fortemente simbolico stato il lancio della O sci ai musulmani. stata una liturgia penitenziale per sono passati tra le mani dei trafficanti che sfruttano la corona di fiori in mare, in omaggio alle vittime, nel punto chiedere perdono per lindifferenza verso tanti fratelli e povert degli altri per farne fonte di guadagno. Quanto pi a sud di Lampedusa, di fronte al monumento la Porta sorelle, per chi si accomodato, si chiuso nel proprio hanno sofferto, ed alcuni non sono riusciti ad arrivare!. dEuropa che ricorda i morti nel Mediterraneo. E altamente benessere che porta allanestesia del cuore e per coloro Patrizia Caiffa n grido forte contro lindifferenza nei confronti dei migranti. Un richiamo alle responsabilit di tutti per fare fronte al dramma ignorato delle vittime del mare, 19 mila morti alle frontiere dEuropa dal 1988 ad oggi. stata una visita storica quella compiuta luned 8 luglio da papa Francesco nellisola di Lampedusa. Il primo viaggio di papa Bergoglio, la prima visita di un pontefice a Lampedusa. Tutto organizzato in soli cinque giorni, dopo aver risposto, di cuore, allinvito che il parroco di Lampedusa don Stefano Nastasi gli aveva fatto in una lettera il 19 marzo scorso. Tutta la popolazione si mobilitata per accogliere sotto un sole africano e con un calore umano che solo i siciliani sanno dimostrare, il Papa venuto dalla fine del mondo.

Attualit Per gli appuntamenti a pagamento, possibile prenotare sul sito meetingrimini.org

Gioved 18 luglio 2013

11

SuperAbile
di Arianna Maroni

AUTONOMAMENTE GRANDI PER IMPARARE A VIVERE

Eventi
resentiamo in questo numero gli spettacoli proposti al Meeting, che non vogliono mai essere intrattenimenti, ma un aiuto ad approfondire in modo significativo il tema generale, che questanno Emergenza uomo. La lettera (p), scritta dopo il titolo dellevento, indica che lo spettacolo a pagamento e che le prenotazioni si possono fare anche sul sito www.meetingrimini.org . 18 AGOSTO ore 21,15 nellauditorium D5 della Fiera di Rimini: Le Confessioni di Agostino. (p). Come spettacolo inaugurale troviamo un Rimini Perch il mondo creda concerto recital dellattore Sandro Lombardi su del coro San Nicola, nato per iniziativa del brani tratti dallopera fondamentale del coro Millennium e di quello Ecclesiastico grande dottore della Chiesa per della Cattedrale Ortodossa di Rimini; ore mostrare un percorso personale in cui 22 nellarea Piscine Ovest canzoni propoemerge la verit dellesistenza di ogni ste da The swing stars. uomo. 21 AGOSTO: ore 19 nella sala cinema D3 19 AGOSTO: ore 19 nella sala Neri Pier il regista Tim Reckart premier il Paolo Bellini far una guida allascolto de I preludi di Rachmaninov; ore 19,45 cortometraggio che ha vinto il Meeting Rimini Film Festival; ore 19 nella sala nella sala teatro D7 concerto pianistico Neri Luca Belloni far una guida di Lukas Vondracek (p), vincitore della allascolto dal vivo della Sinfonia sezione solisti della quinta edizione del incompiuta di Schubert; ore 19,45 nella Concorso Pianistico Internazionale sala teatro D7 Sunset Limited (p) da un Repubblica di San Marino; ore 21,30 sala testo-romanzo di Cormarc McCarthy, che Cinema D3 proiezione del film Il figlio descrive il drammatico scontro verbale fra dellaltra di Lorraine Lvy (p); ore 21,30 due persone sul significato dellesistenza al teatro Novelli di Rimini e con replica con Fausto Hieme Caroli e Fabio il giorno successivo: Manalive - Un Sonzogni, che ne cura anche la regia; ore uomo vivo (p) che porta in scena, in 21,30 nella sala cinema D3 proiezione del prima nazionale, la riduzione teatrale di film To the wonder di Terence Mallik Giampiero Pizzol del romanzo scritto (p); ore 21,45 nellauditorium D5 Chiedo nel 1912 da G. K. Chesterton, per la regia scusa al Signor Gaber (p) in cui Enzo di Otello Cenci; ore 22 nellarea piscine Iacchetti con la sua band far un omaggio Ovest musica tradizionale e canti allamico e maestro; ore 22 nellarea popolari con Ensemble Amarcanto. piscine Ovest Swing Tonic viaggio 20 AGOSTO: ore 19,45 nella sala teatro musicale alla scoperta dei grandi del D7 La piccola speranza (p) tratto da passato. un testo di Charles Peguy tradotto da 22 AGOSTO: ore 19,45 nella sala teatro D7 Mimmi Cassola con Andrea Maria CaraIl mio nome Pietro (p) Pietro Sarubbi pelli e cori musicale e teatrale, con muproporr un testo di Giampiero Pizzol per siche di Pippo Molino; ore 21,30 sala Cila regia di Otello Cenci sulla figura nema D3 proiezione del film Cosa piodellapostolo e primo Papa; ore 21,30 nella ve dal cielo di Sebastin Borensztein sala cinema D3 proiezione del film di (p); ore 21,45 nella chiesa del Suffragio a

Meeting 2013 Tutti gli spettacoli


Tra gli incontri, recital su SantAgostino, concerti, proiezione di film, omaggio a Giorgio Gaber. Pietro Sarubbi proporr il testo Il mio nome Pietro
animazione Kiki - Consegne a domicilio di Hayao Miyazaki (p); ore 21,45 al teatro Novelli di Rimini A te come te (p), testo di Giovanni Testori con Ermanna Montanari e regia di Marco Martinelli; ore 22 nellarea Piscine Ovest Highway 61 concerto tributo a Johnny Cash. 23 AGOSTO: ore 19 nella sala Neri Chris Vath far una guida allascolto de I concerti per pianoforte e orchestra di Mozart; ore 22 nellarea Piscine Ovest La mia festa condotta da Walter Muto e Carlo Pastori con la partecipazione di Paolo Jannacci. Per quanto riguarda lo sport, si segnala la presenza di un padiglione di 13.500 mq., curato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano e CdO Sport, dove si potranno praticare beach volley, beach tennis, calcio a 5, pallavolo, basket, judo, tennistavolo, calcio balilla, giochi di strada, dama e scacchi. Ci saranno anche manifestazioni sportive in esterno. Al Meeting c anche un Villaggio ragazzi con il padiglione C3 dedicato a loro, dove potranno ogni giorno cantare, ballare, giocare, vedere spettacoli, ascoltare presentazione di libri e di campioni sportivi e visitare la mostra dedicata al beato Rolando Rivi, il seminarista martire emiliano. Stefano Salvi

Muoversi da soli in citt, prendere un autobus, fare degli acquisti, pagare una bolletta, andare a mangiare una pizza con gli amici: in una parola, autonomia. quello che hanno sperimentato i trentuno ragazzi con sindrome di Down che, accompagnati da dodici operatori, hanno trascorso due settimane intensive di vacanza e di studio. Si appena concluso infatti il progetto Autonomamente grandi, promosso dallAipd (Associazione italiana persone Down), che si svolto in tre localit diverse: Alba Adriatica, Sabaudia e Livorno (Parco del Mulino). Durante lanno, nellambito dello stesso progetto, si sono svolti diversi incontri e attivit, mirati alla costruzione dellautonomia: una settimana di residenzialit nelle sedi locali, sette incontri per ogni gruppo locale nella propria sezione, attivit educative pratiche in sede e fuori, formazione a distanza degli operatori attraverso luso di una piattaforma di dialogo multimediale (Aipd Formazione). Tra gli obiettivi delliniziativa, c anche la sensibilizzazione delle famiglie sul tema delle autonomie, attraverso incontri di sostegno e confronto e la realizzazione di uno sportello nazionale autonomia e vita indipendente. Il progetto stato realizzato grazie a un finanziamento del ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Grazie a questo progetto - spiega Monica Berarducci, responsabile di Autonomamente grandi sono stati avviati nuovi corsi, formati nuovi operatori e permesso ai giovani con sindrome di Down di conoscersi, effettuare delle attivit educative e utili allapprendimento/consolidamento di competenze di autonomia personale e sociale, ma anche divertenti e stimolanti. Questa esperienza inoltre risultata centrale per la sensibilizzazione di alcuni territori, dove stereotipi e pregiudizi sono ancora difficili da scardinare. Il progetto ha inoltre permesso di avviare, in realt territoriali con poche risorse economiche, attivit concrete per giovani ragazzi Down che sono cresciuti sperimentando realmente numerose abilit di autonomia, aggiunge Francesco Cadelano, uno dei responsabili Aipd di Autonomamente Grandi.

il Periscopio

di Zeta
di 69,1 miliardi. Una inezia. Una beffa per i contribuenti onesti, per quelli che proprio in questi giorni versano lIrpef in base alla propria capacit contributiva. Che dire davanti a queste cifre? Vale la pena indignarsi ancora? Ormai non ne possiamo pi dellindignazione. Forse varrebbe la pena cercare di fare funzionare questo baraccone che lo Stato italiano, troppo burocratico, pieno di leggi e leggine capaci solo di aiutare chi si vuole sottrarre ai propri doveri. Siamo la patria del diritto. A volte ho limpressione di vivere in un Paese dove si tutela chi vuole svicolare. Lo ripetiamo da tempo: manca il senso delle cose di tutti, del bene comune, usando una parola che rischia di perdere di valore per troppo abuso. Eppure, ci che di tutti dovrebbe avere una maggiore tutela rispetto a ci che mio. Si tratta forse di un sogno. Nonostante certe notizie, questo quanto siamo chiamati a realizzare. (802)

Cifre iperboliche di evasione fiscale accertata Allo Stato arrivano le briciole. Il resto rimane nei registri

Forse si tratta di un sogno

FOTO ARCHIVIO SIR

otta allevasione fiscale. Bene, anzi benissimo. Lo diciamo tutti e siamo molto contenti quando ascoltiamo notizie in tal senso, con la scoperta di chi ha voluto fare il furbo con il fisco, ma poi stato preso con le mani nel sacco. Finalmente, il pensiero pi diffuso. Poi, per, non sappiamo mai come vanno a finire tutte queste faccende. Da ingenui, pensiamo che chi sbaglia paga, come ci dicevamo quando eravamo bambini e speravamo, ma lo speriamo ancora, che prima o poi la giustiza trionfasse. Una notizia tratta dallagenzia Ansa, pubblicata venerd scorso, ha attratto subito la mia attenzione: Allarme evasione fiscale, mancano 500 miliardi. Il sottotitolo po pi chiaro, per la verit: Dal 2000 emessi provvedimenti per riscuotere 807 miliardi, ma solo 69 sono stati recuperati. Stiamo parlando di cifre astronomiche. Non so se il lettore se ne sta rendendo conto. Ottocento miliardi di euro sono, tradotti in lire, oltre un milione e 500 mila miliardi. Una cifra che neanche si riesce a esprimere, tanto iperbolica. Eppure quanto lo Stato italiano, con le sue forze dedicate, riuscito a scovare in tanti anni di lavoro scrupoloso. Ma che succede nella realt? Accade quel che uno non si aspetterebbe.

Di tutta questa montagna di soldi non versati allo Stato, nella casse comuni arrivano poche briciole. Stando a quanto riferito dal vice ministro allEconomia, Luigi Casero, in risposta a uninterrogazione parlamentare alla Commissione Finanze della Camera, negli ultimi 13 anni la somma effettivamente riscossa, degli 807 miliardi di euro accertati,

12

Gioved 18 luglio 2013

Cesena
Aveva prestato servizio pastorale anche a Gualdo In settembre avrebbe festeggiato 40 anni di sacerdozio

Nato a Gattolino, aveva compiuto 65 anni in aprile

E morto don PrimoVenturi parroco a Madonna del Fuoco


elle prime ore di gioved scorso langelo della morte ha chiamato alleternit don Primo Venturi, parroco di Madonna del Fuoco. E stata una dipartita improvvisa anche se le diverse malattie che lo avevano colpito, da tempo avevano reso fragile la sua salute, mai impedendogli, tuttavia, di esprimere con serenit ed energia il suo ministero pastorale che ha lasciato come eredit preziosa nelle comunit che hanno vissuto con lui la bella impresa dellevangelizzazione. Don Primo era nato il primo aprile 1948. La sua famiglia sostenuta dal duro lavoro e dallamore dei suoi genitori, godeva della buona compagnia della parrocchia di Gattolino dove lallora parroco don Secondo Ridolfi, nel contesto zelante dellAzione Cattolica, aveva suscitato e guidato numerose vocazioni al ministero sacerdotale. Don Primo ricordava con gioia quando durante le vacanze estive lui

con i suoi amici seminaristi quasi componevano un piccolo seminario nella canonica di Gattolino. La sua formazione spirituale e culturale lha vissuta nel seminario diocesano e nel Pontificio seminario regionale Benedetto XV di Bologna. Fu ordinato sacerdote il 9 settembre 1973. Gi pregustava la festa che nel prossimo autunno, in coincidenza con la festa parrocchiale, avrebbe ricordato quellinizio di un ministero che aveva sempre vissuto con gioiosa dedizione. Cappellano a Bagnarola, poi per quattro anni a Martorano, dal 1978 al 1982 fu vicario cooperatore nellOltresavio, nella parrocchia di San Rocco. Dal 1983 gli fu affidata la parrocchia di Gualdo, con la responsabilit pastorale di Montecodruzzo, due parrocchie che, per vie interne sul crinale dellAppennino, fanno parte del Comune di Roncofreddo. Per il Tempio Malatestiano di Montecodruzzo e per la parrocchiale di Gualdo fu attento ad

attuare quanto richiesto dalla riforma liturgica ma ancor pi a farla vivere dalla sua gente per la quale si preoccupava di organizzare anche momenti, incontri, ed iniziative che dovevano esprimere la gioia della fede. Nei primi giorni del 1999 fu trasferito nella pi grande parrocchia di Madonna del Fuoco. Raccogliendo una feconda eredit realizzata pastoralmente dai suoi predecessori diede vivace sviluppo alla vita di questa comunit, riunita luned per dirgli, commossa, col vescovo Douglas e tanti confratelli e amici giunti dalle diverse zone pastorali che hanno conosciuto i frutti del suo impegno presbiterale, la propria riconoscenza, e con loro gli amici del Movimento di Comunione e Liberazione. Era bello leggere sulle pagine del bollettino parrocchiale questa vitalit condivisa con gli adulti e i ragazzi. Tornando a celebrare la messa, la domenica e negli altri appuntamenti del calendario cristiano, la comunit

DON PRIMO VENTURI ACCOMPAGNATO, COME ACCADEVA ORMAI DA QUALCHE ANNO, DALLA INSEPARABILE "ZANETTA"

di Madonna del Fuoco potr porre lo sguardo alla ristrutturazione del presbiterio che don Primo ha voluto avvalendosi di sapienti artisti perch la divina liturgia sia vissuta come la Chiesa desidera. Animazione della vita spirituale in chiesa, animazione culturale e ricreativa dando appuntamento cordiale e festoso negli spazi e nei locali organizzati attorno alla chiesa; ed gi in cantiere una sala polifunzionale, ultimo desiderio e progetto di don Primo. I confratelli gli devono gratitudine per la sua testimonianza di prete contento ed arguto. Anche il Seminario gli deve riconoscenza per il prezioso servizio di aiuto alleconomo prestato per molti anni. Dopo la liturgia funebre presieduta dal vescovo Douglas, la sepoltura nel cimitero di Gattolino accanto alla tomba dei genitori che per tanto tempo lo hanno accompagnato nel suo servizio pastorale in parrocchia. Piero Altieri

Villachiaviche, un centro estivo dalle mille iniziative


La parrocchia di Villachiaviche questanno ha realizzato unesperienza per bambini e ragazzi delle elementari e medie. Tutto si potuto concretizzare grazie alla collaborazione di vari educatori e degli adulti volontari. Si raggiunto il numero di 121 iscritti durante le quattro settimane di centro estivo. La figura del profeta Giona ha fatto da filo conduttore e su di essa gli educatori hanno messo in scena ogni giorno una parte della storia con una parola chiave che don Daniele Bosi, insieme ai bambini, ha approfondito nella preghiera alla fine di ogni giornata. Ogni marted stata effettuata unuscita tra cui allIndiana Park di Fratta Terme, allo Zoo Safari di Ravenna, ad Atlantica e a Valbonella, dove si celebrata la messa finale con la quale stato concluso il centro estivo. Il luned e il venerd erano giorni dedicati ai compiti mentre il mercoled e il gioved i ragazzi si sono cimentati nei vari laboratori tra cui quelli di danza, musica, fantasia, fai da te e creativit. Bans

Festa del ritorno


La parrocchia di Villachiaviche annuncia la festa della Madonna del Carmine, particolarmente venerata nella chiesa dove ha anche un altare a lei dedicato. Si inizier sabato 21 luglio con il rosario e la benedizione degli scapolari alle ore 18.15, mentre la Messa delle 20 sar anticipata alle 19. Seguir la cena insieme con men di primi romagnoli e piadina e gustosa pizza. Accompagner la serata lorchestra Daniela Vallicelli. Domenica 21 le messe saranno alle 7.30, alle 9.30 e 11. Nel pomeriggio sar recitato il rosario alle 18.15 con la benedizione e distribuzione degli scapolari. Per le 19 prevista la Messa celebrata dal vescovo Douglas. A questa celebrazione sono invitati gli ex parrocchiani e le persone che, nate a Villachiaviche, sono emigrate per motivi familiari e/o di lavoro. Sar la prima edizione della "Festa del Ritorno". Si continuer poi con la cena, accompagnata dalla musica del parrocchiano musicista Davide Marani.

e balli hanno arricchito ogni giornata insieme ai tornei sportivi e da tavolo. Una grande festa finale stata organizzata

mercoled 10 luglio, durante la quale i partecipanti hanno presentato le varie attivit svolte nel corso del centro estivo.

Cesena

Gioved 18 luglio 2013

13

Se ne parlato in un recente incontro a Ruffio, alla presenza del sindaco, dei tecnici, di numerosi cittadini del quartiere Al Mare. Nasce anche la proposta di un assessorato ad hoc

Frazioni, un sistema da ripensare


n assessorato per le frazioni. Mi sembra la proposta pi sensata. Durante lincontro (il nono nelle varie zone di Cesena) svoltosi la scorsa settimana nella sede del quartiere Al Mare, a Ruffio, sono emersi, per lennesima volta, il profondo disagio e senso di abbandono vissuti da anni da parte di chi abita le zone meno servite e pi lontane dalla citt. I cittadini di Capannaguzzo, Villa Casone e Bulgarn hanno espresso, in maniera a tratti vivace, un certo avvilimento davanti alle "dimenticanze" dellAmministrazione. Dimenticanze che si trascinano da anni in merito ai collegamenti con la citt, la pubblica illuminazione, lo stato delle strade, il verde pubblico, i nuovi insediamenti, le scuole, i negozi, gli impianti sportivi, la protezione degli utenti deboli della circolazione in balia di auto e camion. Lelenco sarebbe lunghissimo, ma dice di richieste che da troppo tempo sono rimaste senza risposta, se non lunica, ascoltata ormai fino alla nausea: "la gerarchizzazione delle frazioni". Nel quartiere Al Mare si puntato su Ponte Pietra e Macerone e i riflessi positivi sono evidenti a tutti. In altre zone (Cervese nord) si potrebbero citare Martorano e San Giorgio in positivo, e Bagnile in negativo, solo per fare qualche altro esempio. Una lotta tra poveri, con i cittadini che rischiano di dividersi sulle questioni pi urgenti: migliorare un parco da un lato o non abbandonare centinaia di cittadini dallaltro? E evidente che non questa la strada da percorrere. Ecco perch pare opportuno un assessorato dedicato alle frazioni. Opportuno per conoscere bene il territorio, palmo a palmo, andando a fondo sulle singole questioni, sui problemi concreti di chi vive ogni giorno la difficolt di collegamenti scarsi o

tenzione esclusivamente ai temi connessi con i parcheggi al servizio del centro storico e con lorganizzazione dello stesso. Oggi noto invece una forte volont di superare questo schematismo, della quale anche il tuo giornale protagonista. Continuiamo in questa direzione: forse non servir allora dotarsi di un "assessorato alle frazioni", come tu scrivi, ma, pi semplicemente, di decidere assieme che oltre il centro storico ci siano sempre (e non solo in campagna elettorale), frazioni abitate da cesenati orgogliosi di esserlo. Paolo Lucchi sindaco di Cesena Carissimo sindaco, innanzitutto grazie per lattenzione e la celerit della risposta. Grazie anche per la condivisione delle opinioni espresse nella mia nota scritta di getto questa mattina, dopo lincontro di ieri sera al quartiere Al Mare. Registro con piacere le affermazioni "in futuro non accadr pi cos", "nessuna gerarchia fra le frazioni" e "garantire condizioni di vita equilibrate e soddisfacenti". Credo siano impegni importanti che prendi dalle colonne del giornale che dirigo, ma che valgono per tutti i cittadini, soprattutto per quanti vivono sulla propria pelle un disagio rimasto per troppo tempo inascoltato. Ora mi pare che il vento stia un po girando. Lo spero davvero. E con me lo sperano quanti, "cesenati orgogliosi di esserlo", si sentono abbandonati a un destino da serie inferiore. Per loro, forse, non ci vorr un "assessorato alle frazioni", ma sarebbe un gran bel segnale dattenzione a cui fare seguire decisioni conseguenti, in linea con quanto da te pi sopra affermato con decisione. C materia su cui ragionare e proseguire nel confronto schietto e costruttivo che tutti desideriamo per il bene della nostra citt e dei suoi abitanti, nessuno escluso. Fz

inesistenti. Di chi combatte con i Tir sulle strade di campagna o di chi ogni mattina porta i propri figli a scuola e poi li va a riprendere perch non servito come chi abita nelle frazioni pi importanti "gerarchicamente" o in centro citt. Lassessore Moretti ha detto che "la questione delle frazioni va rielaborata". Staremo a vedere che succeder. Intanto, in vista della tornata elettorale del prossimo anno, il tema potrebbe essere tra quelli pi caldi della campagna elettorale. Sono sembrati inopportuni i riferimenti alla paternit della "gerarchizzazione", sorta nel 1969 secondo larchitetto Brighi, quindi da attribuire ai Dc e soci dellepoca (paternit tutta da verificare, mentre non fu riconosciuta quella della Secante, in occasione della sua inaugurazione), e al costo per le casse comunali (sarebbe il triplo, secondo larchitetto Delpiano) di un cittadino che abita fuori citt rispetto a uno che abita in centro. Forse il caso di riflettere sul serio. Francesco Zanotti Caro Francesco, ho letto con piacere, condividen-

dola, la tua riflessione intitolata "Cesena, questione frazioni". Ne abbiamo infatti discusso molte volte e come te ritengo che per Cesena sia indispensabile continuare ad avere 63 frazioni come quelle attuali, ancora in grado di produrre una socializzazione equilibrata, per chi le abita e le vive, grazie alla presenza di luoghi di aggregazione (spesso le parrocchie, i bar ed i circoli in molti casi "derivati" dalla Prima Repubblica dei partiti tradizionali, negozi, societ sportive e del volontariato) e di servizio (le scuole, soprattutto), che consentono ad ognuno di noi di vivere a qualche chilometro da Piazza del Popolo senza sentirsi escluso in un "mondo a parte". Lo posso affermare poich come te abito con la mia famiglia in una frazione estrema. Ci premesso, mi permetto di interagire rispetto al concetto di "gerarchizzazione" delle frazioni che tu citi. Da non architetto non so giudicare se il concetto abbia una piena validit urbanistica; sono per certo che non ne abbia dal punto di vista della politica di sviluppo futuro di Cesena. Mi spiego. Se in passato avvenuto che in conseguenza di una qualche valutazione di priorit, si siano favorite alcune

frazioni rispetto ad altre, in futuro non accadr pi. Come hai ben visto durante la presentazione del Piano strutturale comunale (la Cesena da qui al 2030), lobiettivo che ci poniamo quello di ridurre la capacit edificatoria prevista (oltre 4.000.000 milioni di metri quadri di aree agricole che, stante il P .R.G. attuale, diverrebbero residenze ed attivit produttive) per puntare sulla qualit urbana, sulla mobilit sostenibile, su di una citt che non si ponga lobiettivo di aumentare per dimensioni ma si attesti su quelle attuali e sulla sua struttura "a rete", organizzata nellambito delle frazioni. Nessuna gerarchia fra frazioni, quindi, nel futuro, ma piuttosto il sogno di garantire a tutte - con considerazioni puntuali ed obiettivi condivisi con i residenti - condizioni di vita equilibrate e soddisfacenti. Mi permetto una chiosa. La nostra citt, con i suoi 97.000 abitanti, vive da troppi anni un dibattito tutto giocato con la testa "girata" verso il centro storico. Nonostante i 9/10 di noi abitino in periferia e nelle frazioni, le pagine dei giornali, il confronto politico, lelaborazione dei Partiti, hanno infatti spesso (troppo spesso) dedicato la propria at-

Ponte Giorgi

DIPLOMI - RECUPERO ANNI SCOLASTICI


DA ANNI NELLA TUA CITT

CENTRO STUDI CARTESIO


Sono aperte le iscrizioni allanno scolastico 2013-2014
- VUOI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI PERDUTI? - TI SERVE UN DIPLOMA PER INSERIRTI NEL MONDO DEL LAVORO?
IL CENTRO STUDI CARTESIO TI OFFRE LA POSSIBILIT DI CONSEGUIRE UN DIPLOMA E DI RECUPERARE GLI ANNI SCOLASTICI, CON LAIUTO DI DOCENTI QUALIFICATI E CON GRANDE ESPERIENZA NEI SEGUENTI INDIRIZZI:

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

GEOMETRA - RAGIONERIA - LICEO SCIENTIFICO - DIRIGENTE DI COMUNIT LICEO CLASSICO - ITI - LICENZA MEDIA - LICEO SOCIO PSICO-PEDAGOGICO CONTATTACI PER INFORMAZIONI tel. 0547 24700 - viale Mazzoni 31/A 47521 Cesena (Fc) Cell. 347 9761004 e-mail: centro.cartesio@libero.it www.paginegialle.it

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

14

Gioved 18 luglio 2013

Cesena
La chiesa di Calabrina

Settimana ricca di appuntamenti

Maturit
Vacanze meritate per i circa 1.500 neomaturi che hanno ottenuto il fatidico pezzo di carta. Archiviata la maturit, tempo di bilanci. Iniziato il 19 luglio con il tema di italiano, lesame di Stato delle scuole superiori si concluso la scorsa settimana con gli ultimi colloqui. In pochissimi i respinti che, insieme a coloro che non sono stati ammessi alle prove, dovranno ritentare il prossimo anno. Liceo scientico Righi. Molto lusinghieri i risultati nella scuola pi grande della Provincia. Diplomati tutti i 239 candidati (in precedenza 3 i non ammessi), ben 31 hanno conseguito il voto massimo, 11 dei quali hanno ottenuto la lode: Matteo Babbi, Lorenzo Bartolini, Roberta Boattini, Angela Caminati, Silvia Ferri, Klesia Hatibi, Giulia Libero, Gionata Manduchi, Francesca Mazzotti, Maria Pollini, Lorenzo Valzania. Gli altri centisti sono: Matteo Belletti, Isotta Bosi, Chiara Campana, Margherita Caporali, Claudia Chimenti, Margherita Drudi, Giulia Facco, Giulia Fantozzi, Alessandro Franceschini, Giada Fusini, Valentina Iozzi, Samantha Magalotti, Samantha Magnani, Enrica Molducci, Marco Montalti, Francesco Moretti, Giacomo Nanni, Sara Pepe, Martina Stivala Giada, Alessandro Visani. Liceo Monti. La scuola, che dal prossimo anno scolastico attiver lindirizzo Economico sociale, ha visto impegnati 191 studenti, tutti promossi (3 i non ammessi alle prove), ma non particolarmente brillanti i risultati in qualche classe dellindirizzo sociopsicopedagogico. I migliori sono Noemi Castorri, Luca Cenni, Matteo Bolognesi, Marta Giovannetti e Martina Guardigni (100 e lode), in totale sono 21 i cento, gli altri sono: Alessia Angelini, Lucia Bucella, Viola Pollini, Celeste Pirazzini, Matteo Pagliarani, Caterina Farfaneti, Marta Ricci Maccarini, Alice Rinaldi, Marco Fusai, Giorgia Maccherozzi, Elisa Raggini, Ada Roca Ramon, Filippo Targhini, Alessio Ferraro, Agnese Sintini, Chiara Lucchi. Liceo Immacolata. Nessuna bocciatura per i 40 candidati, ma neanche nessuno che ha raggiunto il massimo dei voti. La pi brava Giorgia Tisselli con 91. Liceo scientico Sacro Cuore. Tutti promossi, 2 i centisti (Marcello Barbarossa e Soa Mazzotti) e una media di 9,4: ottimi risultati per i sei studenti di quinta del liceo che ha avviato il corso di studi sei anni fa. Istituto tecnico commerciale Serra. 218 i neo-ragionieri, tutto da rifare invece per i 3 bocciati e e i 12 studenti non ammessi alle prove desame. A centrare il massimo dei voti sono in 14, di questi lode per Vanessa Maraldi, Marco Tani e Francesca Capacci. Gli altri sono: Davide Parisi, Francesco Petrini, Samantha Censi, Giulia Corvetti, Beatrice Rossi, Manuela Zoffoli, Jessica Greco, Cecilia Fiuzzi, Beatrice Lucchi, Denise Raggi, Martina Giannini. Istituto tecnico industriale Pascal. Positivi i risultati per tutti i 103 candidati. Si distinta in particolare la classe 5E, da cui provengono i 5 dei 6 cento totali della scuola. Complimenti a Lorenzo Carloni, Alessandro Berlati, Gabriele Graffieti, Simone Lunedei, Luca Pedrelli e Dario Pavllo (per lui anche la lode).

Voglia di stare insieme in feste di parrocchia


a parrocchia di San Marco a Calabrina in festa dal 19 al 28 luglio. Uno dei momenti pi interessanti lincontro di mercoled 24 luglio con lintervento della dottoressa Cinzia Bagnoli, specialista in ginecologia-ostetricia: alle 21,15 la testimonianza dal titolo "Qualcosa o qualcuno, riconoscere il valore delluomo fin dal suo concepimento". La Festa popolare si apre col pellegrinaggio alla Pieve di Pisignano previsto per la serata di venerd 19 luglio alle 20,30 (ritrovo ore 20 in parrocchia). Domenica 21, in serata, lapertura degli stand gastronomici e la festa finale dei ragazzi che hanno partecipato al centro estivo. Un momento conviviale quello fissato per gioved 25 luglio (ore 20). Si tratta de "La spurtaza", una cena al sacco dove ognuno chiamato a portare qualcosa da condividere. I bambini sono i protagonisti della serata di venerd 26 luglio con uno spettacolo a loro dedicato offerto dallassociazione "La Gramegna" in

collaborazione col quartiere Cervese Nord: "Un baule di ricordi" e lanimazione di Roberto Fabbri. Il fine settimana sar caratterizzato dallapertura degli stand gastronomici e altri momenti ludici: giochi sullacqua nel IV Palio di Calabrina (sabato sera, 27 luglio, dalle 21) e lo spettacolo "The voice" (domenica 28 luglio, ore 21,30). SAN CARLO Proseguono a San Carlo, i festeggiamenti in onore della Beata Vergine del Carmelo. Venerd 19 due gli appuntamenti in serata: alle 20,30 la fiorita dei ragazzi con fiaccolata per le vie del paese. A seguire (ore 21,15) la spaghettata conviviale presso il parco "don Pietro Canducci" e "Il grande show". Nella mattinata di sabato 20 luglio verr portata la comunione agli ammalati, nel pomeriggio (dalle 15 alle 19) possibilit di confessioni. In serata (ore 21) serata di musica con lorchestra spettacolo "Luca Olivieri". Domenica, prossima 21 luglio, alle

11 prevista la messa solenne presieduta dal vescovo mons. Douglas Regattieri, alle 18 si terr la tradizionale processione mariana. La serata si chiuder in musica cin lorchestra spettacolo Nuova Romagna Folk. SAN DEMETRIO Domenica di festa, il 21 luglio, per la piccola comunit di San Demetrio, situata nella frazione collinare di Acquarola di Cesena. Parrocchia autonoma fino a diversi anni fa, la piccola chiesa rientra ora nei confini pastorali dellOsservanza. Dopo la celebrazione eucaristica delle 18, seguir la cena alle 19.30 nel piazzale antistante la chiesa (per prenotarsi, tel. 338.2417367; 348.8738009). In caso di maltempo, la festa sar rimandata alla domenica successiva. TIPANO Anche la parrocchia di Tipano in festa. Venerd 19 luglio, alla sera, ci sar lo spettacolo dei Margo 80. Sabato orchestra Franco Dolce vita. Domenica sera ci esibiranno i ballerini di Cesena Danze.

LAUREA

Volontariato | Vince Acea

RINGRAZIAMENTO Caterina e Guido Paolucci con le loro famiglie sentitamente ringraziano quanti, in varie forme, hanno condiviso il dolore per la morte della carissima mamma ANNA MARIA TOSI Ringraziano di vero cuore anche quanti, per unultima preghiera, sono stati presenti al cimitero di Bulgaria (Cesena) dove la salma stata tumulata nella tomba di famiglia
Roma, 16 luglio 2013

Il 10 Luglio CRISTINA BARONIO ha conseguito la laurea con il massimo dei voti e la lode in Medicina e Chirurgia presso Alma Mater Studiorum Universit degli studi di Bologna con tesi dal titolo: Ipertensione In Gravidanza: Outcomes Emodinamici in un ampio campione di pazienti ambulatoriali" Tante congratulazioni da mamma Anna, babbo Orazio, Barbara, Alessandro e Adele

Sono lassociazione celebrolesioni acquisite (Acea), Il Disegno e Caima le tre realt cesenati di volontariato che riceveranno il ricavato della terza edizione della Scarpinata Solidale, svoltasi il 15 giugno in occasione della Podistica di San Giovanni. A deciderlo sono stati gli stessi cittadini votando sul sito di Cesena Dialoga e su quello del Corriere Cesenate. In tutto hanno votato circa mille persone. Le associazioni si divideranno 10mila euro.

ZONA STADIO (Cesena): in condominio servito di ascensore al quinto piano appartamento completamente ristrutturato composto da salotto, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con doccia e lavanderia, ripostiglio, balcone e cantina. Ottima luminosit e spazi generosi. 178.000 / Rif. 1277 ZONA OSSERVANZA (Cesena): in condominio servito di ascensore al secondo piano appartamento da ristrutturare composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, ripostiglio, disimpegno, balcone, cantina e garage. 215.000 / Rif. 0905 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 PONTE PIETRA: su un lotto di circa 2.000 mq porzione di villa bifamiliare in costruzione composta al piano terra da ampia zona giorno, bagno, servizi, garage doppio e porticato; al piano primo 3 camere da letto, 2 bagni e balconi. Possibilit di acquistare limmobile grezzo o finito. Info in ufficio / Rif. 1250 SAN MAURO IN VALLE (Cesena): bilocale di recente costruzione al primo e ultimo piano composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, 3 balconi, cantina e posto auto riservato. 165.000 / Rif. 1216 CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso AFFITTO, ZONA CENTRALE (Cesena): a pochi passi dal centro e dai principali servizi appartamento al piano terra di recente costruzione composto da ingresso indipendente, soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino privato e ampia veranda. Posto auto scoperto di propriet. 800 mensili / Rif. 1290 AFFITTO, ZONA VIGNE (Cesena): in condominio servito di ascensore appartamento in ottimo stato all'ultimo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. ARREDI MORDERNI. 700 / Rif. 1289

Cesenatico

Gioved 18 luglio 2013

15

La struttura mobile di via Anita Garibaldi, sulla Vena, sar restaurata


l ponte "levatoio" di via Anita Garibaldi, sulla vena Mazzarini, sar ampiamente ristrutturato e a costi bassi. I tempi non sono ancora decisi, ma lauspicio di iniziare i lavori entro pochi mesi. Lo afferma lassessore Antonio Tavani che ha delega al Demanio, Patrimonio e Lavori pubblici. "Attualmente abbiamo un ponte levatoio che non si apre mai - spiega lassessore - in quanto il sistema di sollevamento stato sottodimensionato. In pi vi il problema del legname che costituisce il piano su cui scorrono le auto: essendo appoggiato sulle travi in ferro si muove in maniera disomogenea e ogni due anni necessita di manutenzione con spese che superano i 160mila euro ogni volta. Ecco perch abbiamo deciso di intervenire drasticamente". Le assi in legno saranno sostituite da una lamiera grecata ricoperta da un isolamento che costituir il pavimento del ponte. Solo i due passaggi pedonali resteranno in legno. I tiranti saranno sostituiti da catene e i martinetti idraulici per il sollevamento saranno potenziati. Cos il ponte potr essere aperto permettendo il passaggio di piccole imbarcazioni che accederanno alla nuova darsena. "Questo intervento al ponte - precisa lassessore - coster 200mila euro. Penso che nel giro di pochi mesi

Unponte dasistemare
Anche il passaggio pedonale deve essere sistemato

troveremo il denaro necessario a coprire il progetto dando il via ai lavori". Il ponte levatoio si alzerebbe in concomitanza dellalta marea, per un massimo di 5 volte al giorno e in orari pressoch stabiliti. Le imbarcazioni cos sapranno in anticipo i momenti in cui potranno uscire e rientrare e il traffico di auto non verr ostacolato troppo. E volont dellAmministrazione riqualificare tutta la Vena Mazzarini,

proseguendo a stralci. Il progetto, che lassessore ci ha mostrato, prevede di alzare la banchina di 90 centimetri creando una passeggiata lungo il canale, sistemare la scarpata, posizionare luci e ringhiera. "Prevediamo di sistemare 100 metri di una sponda - continua Tavani - e poi fare un appalto per la realizzazione dei posti barca. Con chi gestir questa darsena concorderemo modi e tempi per continuare i lavori. Di certo diventerebbe uno degli angoli pi suggestivi di Cesenatico". La sistemazione dei primi 100 metri della vena verrebbe a costare 70mila euro e Tavani intenzionato a far mettere a bilancio al pi presto questa cifra cos da iniziare anche questi lavori. Cristiano Riciputi

A Sala fino ad agosto il sabato cinema allaperto


Proposta del Comitato locale col sostegno della Bcc di Sala e il Crazy Bar
Unestate di cinema grazie al Comitato di zona e alla Bcc di Sala di Cesenatico. Fino al 31 agosto ogni sabato sera, presso lo spazio esterno della Bcc in via Campone 409, sar proiettato un lm

su uno schermo gigante. "Un modo alternativo ed economico - spiega il coordinatore del Comitato William Spinelli - per trascorrere fuori casa il sabato sera. Vorrei ringraziare in primo luogo la Bcc, e il presidente Patrizio Vincenzi, per la disponibilit e il sostegno, e poi il Crazy Bar che ha messo a disposizione tutte le sedie e Gianluca Buda che ha messo in sicurezza lo schermo gigante. Nelle

prime due serate c stata ampia partecipazione, segno che liniziativa piace". Questo il programma delle prossime proiezioni. Vita di Pi (20 luglio), Lera glaciale 4 (27 luglio), Argo (3 agosto), Il comandante e la cicogna (10 agosto), La cuoca del presidente (17 agosto), Promised Land (24 agosto), La collina dei papaveri (31 agosto). Tutte le proiezioni iniziano alle 21.30. Per info: 320/8381863.

Cartelli | La Croazia che non c pi

Spiaggia libera | Le Tende al mare

Gi da un paio danni non pi attivo il servizio di collegamento diretto CesenaticoCroazia. Ancora per ben visibile il cartello che indica limbarco, in direzione del Portocanale. Il cartello si trova fra viale Carducci e vialeTorino. Il cartello rischia di ingannare qualche turista e non solo.

Continua lesposizione delle Tende al Mare nella spiaggia libera allaltezza del grattacielo. Liniziativa, giunta alla sedicesima edizione, questanno dedicata a Tonina Cianca, una pittrice stimata e amata per la sua creativit, il suo estro, la sua classe. Da sottolineare che liniziativa conta sul lavoro del Servizio Beni Culturali del Comune di Cesenatico, la Cooperativa Esercenti Stabilimenti Balneari, la Regione e la Consulta del volontariato di Cesenatico.

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie nella sezione BREVI QUOTIDIANE

16

Gioved 18 luglio 2013

Valle del Rubicone


Sogliano
Mostra allufficio turistico
ci saranno la "Frank David band" (sabato 20 luglio), il "teatro dasporto" del comico Sergio Casabianca (domenica 21), il gruppo "Artenovecento" con un omaggio a Fabrizio De Andr (luned 22), lorchestra "Mirco Gramellini" (mercoled 24), la musica del "Mulino del Po" (gioved 25), Moreno il Biondo e lorchestra "Grande evento" (venerd 26). In piazza Malatestiana ci saranno il cantautore Giacomo Toni (domenica 21 luglio), il rock degli "Still Alive" con un tributo ai "Kiss" (luned 22), lo spettacolo per bambini "Dal muro, specchietto, favella" (marted 23) e il rock di Luna Grillo (figlia di Beppe) in concerto con i "Why Not?" (mercoled 24). Sabato 27 luglio ci sar in piazza Tre Martiri la sfilata di carri agricoli con offerta di vino e frutta e domenica 28 luglio la chiusura con la tradizionale spaghettata. Numerose sono le iniziative collaterali. Tutte le sere sar attivo, in piazza San Girolamo, lo stand gastronomico ed ecosostenibile della Pro loco, senza pi piatti, bicchieri e posate di plastica. Saranno aperti tutti i musei della citt, allestito uno spazio bimbi nei giardini di via Borgo Fausto e una piccola fiera serale animer le vie del borgo. Saranno installati due punti wirless nel centro storico e non mancher uno spazio per i giovani con le serate a tema del "Beach parking", la discoteca allaperto allestita nellarea dellex arena di via Circonvallazione. Matteo Venturi Lufficio turistico soglianese ha una ubicazione e precisamente in piazza della Repubblica, zona centrale del borgo storico della cittadina Malatestiana. Attualmente allinterno dellufficio turistico possibile ammirare una piccola esposizione di teglie dipinte fatta dall associazione Pittori di Sogliano "Tavolozza di Iride", una vetrina di opere pittoriche, liberamente ispirate alla poesia di padre Venanzio Reali che si rifanno alla poetica della natura. Proprio in onore di questo grande personaggio, frate cappuccino, verr donata a tutti i visitatori una cartolina per ricordare il ventennale della morte (2014). In tale occasione lamministrazione comunale in collaborazione con i frati Cappuccini dellEmilia Romagna e dellassociazione culturale "Agostino Venanzio Reali" organizzer una serie di appuntamenti culturali che si svilupperanno nelle terre dove Padre Venanzio ha lasciato le sue tracce. Cristina Fiuzzi

Settimana longianese in programma dal 19 al 28 luglio

A Longiano la festa legata a San Cristoforo


ongiano in festa da venerd 19 luglio a domenica 28 luglio. Organizzata dalla nuova Pro loco con il patrocinio del Comune, torna la "Settimana longianese", la popolare kermesse legata al patrono san Cristoforo (il 21 luglio, con sfilata e benedizione degli automezzi al termine della messa delle 8,45) e alla tradizionale festa del Santissimo Crocifisso (il 26 luglio). Ricco il programma di questa 52esima

edizione: dieci serate di festa (dalle 21,30) e oltre venti spettacoli, tutti a ingresso gratuito. "Avremo due palchi - spiega Sauro Antolini, presidente della Pro loco uno in piazza Tre Martiri con spettacoli legati alla tradizione, e uno in piazza Malatestiana con sonorit pi moderne. Il palco di piazza Tre Martiri - aggiunge Antolini - sar rivolto verso le scalinate del Santuario e avr alle spalle il Castello malatestiano". Fra gli appuntamenti di piazza Tre Martiri

Gambettola

Autobus Linea 148

Ecco gli orari estivi dellautobus sulla tratta Cesena-Gambettola via Bulgarn. Cesena stazione 8, 10, 12.50, 15.30. Bulgarn 8.20, 10.20, 13.09, 15.50. Gambettola: 8.27, 10.27, 13.16, 15.57. Gambettola: 7.25, 8.30, 10.30, 16. Bulgarn: 7.30, 8,35, 10.35, 16.05. Cesena stazione: 7.45, 8.50, 10.50, 16.20.

Montiano

Rassegna di burattini
Si chiama "Bambini e burattini" la rassegna dedicata alla famiglia a Montiano. Si inizia gioved 18 alle 21 in via Chiesa Vecchia, sotto lantica quercia di Montenovo con lo spettacolo "Tarantella dargento". Si continua il 26, alle 21 nel parco Terrazza sul mare a Badia con "Il folletto Mazapegul" per concludere il 2 agosto, nello stesso parco e alla stessa ora, con i burattini della compagnia di Christian Valdo.

Longiano, uno sportello per la Tares


I longianesi stanno ricevendo in questi giorni la prima cartella Tares, la nuova tassa sui riuti e sui servizi. "Il Comune di Longiano - ha spiegato Massimo Ciappini, vicesindaco e assessore al bilancio, - ha deciso di gestire la tariffazione in maniera autonoma, con risparmi di circa il 15 per cento. Abbiamo previsto - ha aggiunto Ciappini - il pagamento della Tares in quattro rate: luglio, agosto, ottobre e novembre. A luglio i cittadini riceveranno le prime tre bollette. A novembre arriver il conguaglio". Da luned 15 luglio, al piano terra del palazzo municipale, stato aperto uno sportello specico. Lufficio (telefono 0547 666499), aperto al pubblico dal luned al venerd, dalle 9 alle 12, seguir le pratiche di iscrizione e variazione delle utenze, fornir chiarimenti e potr ricevere i reclami. Mv

Laureati di Gambettola

Foto Mario Gambettola

Serata in centro
GATTEO
Una messa in memoria di Giulia
Una messa in suffragio di Giulia. Il 18 luglio 2009 perdevano la vita Giulia Pompili (21 anni di Gatteo, foto) e Simone Fattori (30 anni di SantAngelo) a causa di un incidente dauto. Lo schianto avvenne in via Rigossa Destra a Gatteo. La famiglia di Giulia ha fissato una messa di suffragio per lanniversario di morte della figlia sabato 20 luglio alle 20 nella chiesa di San Lorenzo a Gatteo.

Nel Giardinetto dello Straccivendolo si svolta, domenica scorsa, lottava edizione di "Dottorinstrada", organizzata dal Gruppo Culturale "Prospettive" di Gambettola con la collaborazione della Banca di Credito Cooperativo Sala di Cesenatico ed il patrocinio del Comune. La serata, dedicata ai neo laureati dottori "magistrali" o di "ricerca" degli anni accademici 2011-2012 e 2012-2013, ha coinvolto 26 giovani (14 maschi e 12 femmine) suddivisi in 17 corsi accademici, ha visto la partecipazione di un folto pubblico. Questi i nomi dei neo dottori e rispettivi corsi: Serena Rocchi, Michele Cucci e Simone Natali (medicina e chirurgia); Eleonora Sacchetti, Federica Paganelli e Alberto Bernabini (architettura/ingegneria edile); Gianluca Bacchini e Alessandro Montanari (economia e commercio); Enrico Gramellini e Manuele Cucchi (ingegneria informatica); Eleonora Pandolfini e Silvia Pascucci (scienza della formazione); Silvia Cesareo e Sara Tosi (psicologia); Michele Rossi e Luca Bartolini (ingegneria meccanica); Eva Angeli (ingegneria biomedica); Luca Giorgetti (farmacia); Valentina Francisconi (sociologia); Luca Delvecchio (ingegneria elettronica); Margherita Maioli (biologia); Carmela Moriconi

(giurisprudenza); Tommaso Pascucci (ingegneria civile); Andrea Gasperini (scienze motorie); Matteo Pascucci (discipline artistiche e industria) e Vanessa Screpis (filologia moderna). Nella foto i neolaureati con il sindaco di Gambettola, Iader Garavina, il presidente della Bcc Sala di Cesenatico, Patrizio Vincenzi, Ramona Baiardi del Gruppo Prospettive, coordinatrice della serata e il "tutor" Bruno Alberti. Piero Spinosi

Valle del Savio

Gioved 18 luglio 2013

17

In Comune di Verghereto, il 22 luglio ricorre lanniversario


La casa delleccidio

Mercato Saraceno
Giovani si esercitano in Protezione civile
Sono stati 19 i ragazzi tra gli 11 ed i 14 anni di et che hanno partecipato al campo estivo di Protezione Civile organizzato dal Gruppo Protezione civile degli Alpini. Il progetto di educazione e sensibilizzazione denominato "La Protezione Civile sei anche tu", ha coinvolto ragazzi dei comuni di Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Roncofreddo, Sarsina, Sogliano e SantAgata Feltria con attivit didattiche ed esercitazioni pratiche. I ragazzi hanno partecipato al montaggio delle tende da campo nelle quali hanno poi alloggiato, hanno partecipato a lezioni di sicurezza e primo soccorso, ad esercitazioni coi cani addestrati per la ricerca persone. Alla ne i ragazzi si sono anche divertiti ad indossare i vari dispositivi di protezione individuale che vengono utilizzati a seconda del tipo di intervento. Il sindaco di Mercato Saraceno Oscar Graziani e i tecnici del Comune hanno anche illustrato il Piano Comunale di Protezione Civile e non a caso il corso si svolto presso il campo sportivo, area individuata come punto di raccolta delle persone in caso di emergenza. Il Gruppo Alpini Protezione civile ringrazia tutti coloro che hanno collaborato: lAssociazione Vigili del Fuoco, la Misericordia Valle Savio, il Gruppo Scout di Ronta, il Gruppo cinolo della CRI di Forl, il gruppo di Logistica e Coordinamento di Protezione Civile e la societ sportiva DueEmme. Alberto Merendi

Tavolicci, pagina nera da non dimenticare


ra pochi giorni ricorre il 69 anniversario dellEccidio di Tavolicci, in Comune di Verghereto nella parrocchia di Monteriolo, avvenuto allalba del 22 luglio 1944. Furono barbaramente trucidate, dai nazi-fascisti, 64 persone tra cui 20 uomini, 25 donne e 19 bambini di et inferiore a 10 anni, 5 dei quali non avevano compiuto ancora un anno det, su un totale di 83 abitanti della frazione. Il paese si poi

ripopolato con la costruzione di nuove case negli anni 60. Sulle dinamiche della tragedia si sono fatte varie ricostruzioni, soprattutto in pubblicazioni anche recenti, che spesso si discostano un poco dai racconti degli abitanti del luogo. Recentemente sono venuti alla luce documenti importanti che hanno fatto chiarezza sulla responsabilit dellaccaduto e sulle dinamiche dellorrenda strage. Ci si ritrover insieme attorno allaltare,

per una Concelebrazione in suffragio, sabato 20 luglio alle 17 nel Sacrario dei Caduti, una chiesa costruita sul luogo in cui riposano i resti delle vittime. Alle 15.30 ci sar il saluto del sindaco e quello del presidente del coordinamento dei luoghi della memoria. Alle 16 la compagnia teatrale "teatro delle luci" di Cesena proporr unanticipazione del "Sogno di Doro". Inoltre, venerd 19 alle 18 a Tavolicci apertura della mostra sui "Libri fascisti per la scuola. Testo di stato 1929-1943". Il parroco di Sarsina, monsignor Renzo Marini, che guida anche la parrocchia di San Martino - Monteriolo dove collocata anche la frazione di Tavolicci, ha pensato di fare, per la prima volta, una Via Crucis che si terr domenica 21 luglio partendo, alle 20.45, dalla chiesa nuova per giungere alla chiesa dei Caduti. Daniele Bosi

Bagno di Romagna
Libro giapponese
Le caratteristiche "internazionali" di Bagno di Romagna si rafforzano: adesso c addirittura un libro di trecento pagine in giapponese in cui una signora che ha soggiornato alcuni mesi in Alto Savio racconta la sua esperienza. Esattamente cosa racconti un po difficile comprenderlo, visto che i caratteri sono quelli orientali e la lettura, come in Giappone, avviene sfogliando il libro da sinistra verso destra. Ma lesperienza di Mariko Kayanuma, due anni fa a Bagno di Romagna, studentessa di italiano per tre mesi presso la scuola Palazzo Malvisi, deve essere stata veramente positiva. Con la studentessa giapponese hanno vissuto a Bagno di Romagna anche i tre piccoli gli, che hanno frequentato la scuola materna. Disegni e foto riportati nel volume ritraggono scene del sentiero degli gnomi, del paese, dei bimbi a scuola. Am

Calcio a otto a Romagnano, vincono i ragazzi del Pub Oca Nera


le piccola localit a pochi chilometri da Sarsina. La squadra vincitrice del torneo risultata quella del Pub Oca Nera, compagine sarsinate che nella finale ha battuto i locali dellAsd Romagnano per 4 a 2 dopo i calci di rigore (i tempi regolamentari erano finiti 2 a 2). Il Gs Montecastello si aggiudicato il terzo posto, battendo 3 a 0 la squadra de La Radice. Il capocannoniere del torneo risultato Emanuele Gregori dellAsd Romagnano che lha spuntata, ma solo per minore et, sullaltro bomber Elia Giacobbi del Gs Montecastello. "Levento - hanno sottolineato gli organzzatori - ha coinvolto tutto il paese. Per questo vogliamo ringraziare le numerose famiglie che hanno collaborato offrendo un rinfresco alla fine di ogni partita e i numerosi sponsor locali: la Banca di Credito Cooperativo di Sarsina e le ditte Tiemme, Autodemolizioni Ravaioli, Carlo Carloni , Ldf di Laghi Domenico, Omad, Circolo "Il Boccalino", Giannini Luca, Bruno Mazzini, Giancarlo Righi, Massimo Gregori".

Si tenuto nel mese di giugno (dal 4 al 29) il primo torneo di Romagnano, calcio a otto. Un evento organizzato dalla locale squadra Asd Romagnano in collaborazione con il Csi di Cesena. Le gare si sono disputate nel nuovo campo sportivo del-

18

Gioved 18 luglio 2013

Solidariet
Avsi Fondazione Emergenza Siria
Campagna raccolta fondi
La tenda sembra enorme, ma in verit lui che piccolo, piccolissimo. Avr un anno o poco pi e vederlo gattonare dal buio dellinterno verso la luce allesterno fa un certo effetto e viene da chiedersi: si accorger che lui, oggi 19 giugno 2013, l in un villaggio disperso della West Bekaa in Libano perch una guerra lo ha cacciato da casa sua? La sua gola sar arsa perch di acqua ce n poca e neanche tanto buona? Lultimo biberon di latte lo ha bevuto quando? Il pap oggi al lavoro in un campo e quindi questa sera tutti mangeranno? Il pap non c perch rimasto in Siria a combattere o gi morto? Lui fortunatamente ancora troppo piccolo per chiedersi e rispondersi e quindi, uscito dalla tenda, ha sentito che faceva un gran caldo ed rientrato tranquillo tranquillo allinterno; noi invece non abbiamo avuto il coraggio di entrare a cercare le risposte alle domande che ci siamo fatti. Queste sono le parole di Marco Perini, responsabile di Avsi in Libano, al ritorno dal campo profughi di Marj el Kok. La guerra civile in Siria sta avendo ripercussioni notevoli sui paesi connanti, in particolare Libano e Giordania dove migliaia di famiglie in fuga dal conitto si sono rifugiate e continuano ad arrivare ogni giorno lasciandosi alle spalle case distrutte, violenza e spesso parte della famiglia. Avsi, per rispondere allemergenza lancia dal 17 giugno al 31 agosto la campagna di raccolta fondi #10forSyria che invita a donare 10 euro per continuare a sostenere le popolazioni rifugiate: Dona 10 euro e riempi una cisterna di 2.000 litri di acqua. Dona 10 euro e compra 2 kg di fagioli, 2 di riso, 2 di zucchero e 2 lt di olio. Dona 10 euro e paga 1 ora di corso di ripetizione per un bambino siriano. Credito Valtellinese - Sede Milano Stelline, Corso Magenta 59. Iban: IT04D0521601614000000005000 c/c intestato Avsi Fondazione. Causale: Siria. Donazioni dal sito: www.avsi.org

Il Totem

Primo open day per la cooperativa sociale di Calisese di Cesena.Trenta i soci e collaboratori impegnati in lavori di falegnameria e cura del verde

Giochi di legno e di cuore


il gufo con i suoi occhi grandi, il cavallino a ruote, le altalene, tanti castelli per piccoli re e regine, colorati fiori e simpatici gatti e anatre stilizzate, la margherita a dondolo. La sede della cooperativa sociale onlus Il Totem nei giorni scorsi si aperta alla citt per il suo primo open day, con spirito di collaborazione verso le istituzioni e gli enti del territorio. Giochi fatti con il legno e con il cuore lo slogan che caratterizza lattivit della cooperativa che si avvale dellaiuto di ragazzi in borsa lavoro, disabili e in percorso riabilitativo. La cooperativa sociale onlus Il Totem nata nel 2003 su iniziativa di alcuni giovani che, senza inventare niente di nuovo, e puntando a un ritorno agli antichi mestieri, hanno desiderato dare anima e corpo ai propri sogni, nel rispetto della natura e delluomo, con un occhio di riguardo verso i pi fragili, ha sottolineato Milco, socio fondatore della cooperativa che ad oggi, oltre ai dieci soci, pu contare sullaiuto di una ventina di collaboratori. La nostra forza, pur in momenti non facili, resta la sinergia che si creata in questi anni tra noi, i ragazzi che lavorano in cooperativa e le loro famiglie. Un valore, questo, che ci fa sentire sempre pi famiglia e ci fa

FOTO DI GRUPPO PER RESPONSABILI E COLLABORATORI DELLA COOPERATIVA SOCIALE IL TOTEM, CON SEDE A CALISESE DI CESENA. SOPRA, IL GUFO-DONDOLO, SIMBOLO DELLA COOPERATIVA NATA DIECI ANNI FA

dire che la strada quella giusta per dare buone opportunit di lavoro, con professionalit e collaborazione. Nella sede di via Orte, a Calisese di Cesena, trova cos ampio e funzionale spazio la falegnameria che si occupa in prevalenza della costruzione e assemblaggio dei giochi in legno per larredamento di parchi e giardini, realizzati con materiale naturale e vivo come il legno (larice, abete e pino), e rifiniti con vernici atossiche. Gli altri settori dove trovano occupazione i dipendenti e volontari sono: la cura del verde e giardinaggio, un laboratorio

di ceramica dove realizzare oggetti artigianali; in una piccola fattoria sulle colline del Rubicone trova spazio un maneggio per cavalli e asini, galline, oche e un grande orto biologico. Convinti che il contatto con la natura sia determinante per il benessere psico-fisico di ognuno, organizziamo le nostre attivit lavorative in questa prospettiva - hanno specificato alcuni dei soci responsabili della cooperativa -. E una cura particolare degli alberi viene effettuata con la tecnica del tree climbing, che permette di arrampicarsi sin dentro la chioma con lutilizzo di sole corde, al fine di potare le

piante nel loro massimo rispetto. Cos come si faceva quando non esistevano le piattaforme aeree. Lopen day dei giorni scorsi vuole diventare un incontro annuale di confronto con altre cooperative che nate proprio nei momenti storici pi difficili - ha sottolineato Lucio Cangini, ex sindaco di Sarsina e collaboratore della cooperativa - sono chiamate ora pi che mai a rendersi partecipi della vita della comunit, per una maggiore condivisione umana e professionale, capace di un cantiere aperto del sapere manuale e innovazione. Siamo convinti che da ogni fragilit si possa trarre tanto bene e bello. Sabrina Lucchi

Assemblea generale Ferpa


Si tenuta ad Atene nei giorni 27 e 28 giugno scorsi, lAssemblea generale della Ferpa, la Federazione europea dei pensionati e delle persone anziane. Lassemblea ha coinciso con il 20esimo anniversario della creazione della Ferpa. Ventanni di costruzione di un sindacalismo autentico, oggi riconosciuto, che non si limita alla difesa degli interessi categoriali e che, per questo, si differenzia da molte associazioni tradizionali di pensionati(te) e si colloca nel movimento sindacale europeo. Facendosi totalmente carico della difesa degli interessi dei pensionati e delle persone anziane, la Ferpa, conformemente ai suoi ideali di solidariet interni, ma anche e soprattutto intergenerazionali, rivendica pienamente il suo spazio in seno alla Confederazione Europea dei Sindacati (Ces) e intende continuare a far sentire il suo peso per la costruzione di unEuropa che sia veramente sociale e non solo economica e monetaria. Ventanni di esistenza, grazie agli sforzi congiunti e allostinazione dei suoi fondatori, tra i quali, in prima linea, il rimpianto Georges Debunne, ma anche grazie allintelligenza politica del segretario generale della Ces dellepoca, Emilio Gabaglio, che ha concepito e facilitato tale rappresentanza specica in seno alle istanze sindacali europee. Ventanni di mobilitazione, grazie alla convinzione dei suoi 9 milioni di membri, alimentata e sostenuta dai

NOTIZIARIO PENSIONATI
responsabili che si sono succeduti, ai suoi organismi di direzione, ai suoi presidenti e ai suoi segretari generali. Un obiettivo: perseguire lancoraggio della Ferpa in seno alla Ces e svilupparsi nazionalmente per essere ancora pi efficaci insieme e per contare di pi a livello europeo. Per realizzare tale obiettivo lAssemblea incoraggia le organizzazioni affiliate alla Ferpa a sviluppare campagne di sindacalizzazione adattate e mirate alle realt vissute e conosciute dalle persone anziane e pensionate, ma senza dimenticare la dimensione intergenerazionale.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Fnp-Inps: 14esime mensilit per lanno 2013


Anche per lanno 2013, con la mensilit di luglio, lInps corrisponde dufficio la somma aggiuntiva (c.d. quattordicesima mensilit). Per quanto riguarda i requisiti anagrafici, i soggetti interessati devono essere in possesso, entro il 31 luglio 2013, di unet maggiore o uguale a 64 anni (per questanno, i nati prima del 1 gennaio 1950). A coloro che invece perfezioneranno il requisito anagrafico nel secondo semestre dellanno, la somma aggiuntiva sar posta in pagamento con la rata di pensione di dicembre 2013. Per i requisiti di contribuzione, si ricorda che detta prestazione corrisposta in misura dellanzianit contributiva maturata. La quattordicesima mensilit viene erogata sulla base del solo reddito personale. Per il 2013 il limite di reddito fissato a 9.660,89 euro. In particolare i requisiti per il diritto sono illustrati nella tabella.

Fnp Emilia Romagna: Giusto porre un tetto a retribuzioni dei top manager
Anche i pensionati della Cisl (Fnp) dellEmilia Romagna si mobilitano a favore della raccolta rme promossa dal sindacato bancari Fiba-Cisl a sostegno della proposta di legge popolare per mettere un tetto massimo alle retribuzioni e bonus dei top manager di banche e assicurazioni. La proposta, depositata nei giorni scorsi in Cassazione dal segretario nazionale Cisl Raffaele Bonanni e da quello della Fiba-Cisl Giulio Romani, prevede un tetto per la retribuzione ssa di 294 mila euro (pari a quello dei manager pubblici) e un rapporto di 1 a1 per il salario variabile (come da indicazioni europee).

Gli stipendi spropositati dei cosiddetti top manager di banche e assicurazioni -afferma Luigi Brancato, responsabile romagnolo della Fnp sono un insulto, oltre che uningiustizia, nei confronti dei milioni di pensionati con un reddito minimo che non consente loro di arrivare a ne mese e per soddisfare i bisogni primari. Liniziativa di legge, secondo Brancato, un segnale forte nella direzione che vuole il sindacato, che i

sacrici siano equamente distribuiti e non richiesti ai soliti noti: pensionati e lavoratori dipendenti, i pi colpiti dalla crisi in atto. Inoltre, sarebbe il primo passo verso un sistema di gestione partecipativa e vigilanza dei lavoratori nelle aziende, come da anni la stessa Cisl propugna. In Emilia Romagna le aziende interessate al provvedimento, qualora fosse approvato, sono trenta aziende quotate in borsa, tra cui due banche ed unassicurazione. Gi nel Decreto

Salva Italia del 2011 per i manager delle societ pubbliche il tetto di retribuzioni previsto era di 294 mila euro, mentre in regione la met delle banche appartenendo al credito cooperativo erogano stipendi in linea con la proposta Cisl. Per la raccolta delle rme, la Fnp allestir in tutta la regione gazebo e banchetti presso i luoghi maggiormente frequentati da anziani: centri sociali, super mercati, parrocchie.

Cultura&Spettacoli

Gioved 18 luglio 2013

19

A San Miniato (Pisa) la 67esima Festa del Teatro dello Spirito

Cinema
Uci Romagna Savignano

di Filippo Cappelli

Antigone e la ragione poetante


Monsignor Piero Ciardella, direttore artistico del Dramma Popolare: Abbiamo scelto questo testo anche perch ci permette di rilanciare la figura di questa grande filosofa contemporanea. La tomba di Antigone la sua unica opera teatrale, il vertice del cammino intellettuale della Zambrano, che sta nellesprimere i contenuti con la forza delle parole
leroina tragica Antigone a rappresentare questanno la Festa del Teatro dello Spirito di San Miniato (Pi). Andr in scena gioved 18 luglio, nella piazza del Duomo, "La tomba di Antigone", opera filosofico-poetica della filosofa spagnola Maria Zambrano (1904-1991). Lo spettacolo stato scelto dalla Fondazione Istituto Dramma popolare come manifesto della 67 Festa del Teatro dello spirito (www.drammapopolare.it), manifestazione nata nel 1947 per volere di alcuni intellettuali cattolici decisi con il teatro a risollevare le sorti della citt distrutta dalla guerra. Antigone, che si batte fino alla morte in nome di un comandamento morale che le impone di far fede alla pietas nei confronti dei morti, opponendosi ai principi giuridici e alle leggi scritte degli uomini, riacquista voce dal sepolcro nel quale stata rinchiusa. Una "figura profetica", "mediatrice fra amore e conoscenza", e per questo espressione della "aurora della coscienza", come lha definita il regista della pice Roberto Guicciardini. Alla vigilia della rappresentazione, in prima assoluta, abbiamo intervistato monsignor Piero Ciardella, da pochi mesi alla direzione artistica del Dramma Popolare. La festa del Teatro dello spirito nata nel 1947 per "ricostruire la coscienza degli uomini" distrutta, insieme alla citt, dalle mine della guerra. Oggi, quali sono gli elementi di continuit col passato? Innanzi tutto lispirazione cristiana. Vorremmo che il nostro teatro pi che soluzioni confezionate, riuscisse a porre le domande fondamentali dellesistenza, anche con testi difficili o laici. Si tratta molto spesso di scelte coraggiose, perch il nostro non un teatro facile, di svago, ma che credo intercetti un bisogno: quello di tornare a porre quelle domande che troppo spesso la cultura contemporanea lascia sotto la cenere. Qual secondo lei la specificit del teatro nel rispondere a questo bisogno culturale? Il teatro una forma darte particolarmente efficace perch mette insieme gesto e parola. In questo credo si trovi il suo specifico rispetto ad altre forme di arte e di comunicazione, quello di saper coinvolgere. Un gesto che d forza alla parola e una parola che d contenuto al gesto, in una forma rituale che appartiene alla

NOW YOU SEE ME I maghi del crimine


di Louis Leterrier Se si trattasse di una squadra di calcetto, sarebbe perfetta. Il nuovo film Now You See Me - i maghi del crimine, diretto dal coach Louis Leterrier, perfetto ed equilibrato. Almeno sotto il profilo della collaborazione fra gli attori e della loro direzione. Il problema che il film, spendendosi oltre le sue possibilit, promette molto pi di quello che offre. Arranca e trasuda di presunzione anche se il ritmo non in ritardo. La magia per un po funziona, poi scompare. La trama: sono quattro e hanno molto talento. Daniel, Henley, Jack e Merritt sono quattro illusionisti che inseguono il sogno del successo, ma sbarcano il lunario tra show di bassa categoria dalla platea limitata e piccole truffe ai danni di sprovveduti. La loro vita, tuttavia, cambia nel momento in cui ricevono una convocazione misteriosa che finir per riunirli sotto la denominazione de I Quattro Cavalieri e li porter, di l a un anno, a esibirsi sui pi grandi palcoscenici mondiali. Niente donne divise a met, statue scomparse o trucchetti con le carte, per: qui si ragiona in grande, portando a termine numeri mai visti. Come rapinare una banca dallaltro lato del mondo con lincredula collaborazione di uno spettatore. I colpi sono veri, ma inspiegabili e, per questo, la polizia ha difficolt a incriminarli, mentre i soldi finiscono in beneficenza. Ma lFBI e lInterpol non sono disposti a farsi ingannare cos e cominceranno dunque un folle inseguimento ai quattro, con la speranza di scoprire il loro asso nella manica... Come si detto, la vera carta del film il cast: gli ottimi professionisti Morgan Freeman e Michael Caine. Bene Mark Ruffalo, un superbo Woody Harrelson e Melanie Laurent (la Shoshanna di Inglorius Basterds) e belle e giovani promesse come Jesse Eisenberg, Isla Fisher e Dave Franco. Il problema un altro: Now You See Me, nonostante alcuni momenti interessanti, uno di quei film che si guarda mentre si pensa ad altri film che non si stanno guardando. vero: la pellicola offre una rinfrescante alternativa estiva al blockbuster catastrofico/fantascientifico. Nonostante un eccessivo amore per i movimenti di camera, il francese Louis Leterrier si dimostra regista di smalto, anche se lalambicco appare tremendamente evanescente. Comunque il tutto destinato a bruciare vivacemente per un istante prima di svanire dalla memoria senza lasciare traccia.

La tomba di Antigone sar rappresentata, in anteprima assoluta, nella cittadina toscana, gioved 18 luglio
natura delluomo, che quella di ricorrere alla forza dei gesti e dei simboli quando si tratta di esprimere contenuti che vanno al di l del dicibile e che attingono a una dimensione interiore. Un coinvolgimento integrale che avviene nellincontro unico tra attore e spettatore. Quali sono stati i motivi che vi hanno portati a un testo della filosofa Maria Zambrano? Abbiamo scelto questo testo anche perch ci permette di rilanciare la figura di questa grande filosofa contemporanea. La tomba di Antigone la sua unica opera teatrale, il vertice del cammino intellettuale della Zambrano, che sta nellesprimere i contenuti con la forza delle parole. la ragione poetante, la capacit cio di esprimere il mistero della vita attraverso la forza che il linguaggio, e in particolare la poesia, possiede. un vero e proprio trattato filosofico che si serve della capacit evocativa e penetrativa del linguaggio senza concettualismi. Zambrano una filosofa intimamente radicata nella tradizione filosofica occidentale, ma che cambia molto il modo di pensare, inteso quasi come una fenomenologia dellesistenza. Il suo pensiero strettamente legato allevento della vita, un pensiero dunque che fa sentire la filosofia come parte della vita stessa, non astratta e concettuale. un pensiero che attinge a piene mani alla vita, dalla nascita alla morte senza tralasciare le zone dombra. una filosofia che parla dei sentimenti come parte del pensiero e quindi della realt. Antigone leroina tragica che oppone allintelligenza della mente la forza dellintelligenza del cuore, arrivando a sacrificare la propria vita in nome di una coscienza, legge non scritta delluomo, ormai ottenebrata dal pensiero razionale. Un messaggio valido per loggi? Zambrano fa cominciare la tragedia l dove Sofocle la fa finire, nella tomba in cui Antigone sepolta. La morte una sorta di resurrezione, non solo per Antigone ma anche per tutti i personaggi della sua vita, i quali dal sepolcro delleroina tragica vedono sciolti, proprio attraverso la morte, tutti i nodi della loro esistenza terrena, fatta di odio, inimicizie, incesti, omicidi. Quella di Antigone allora metaforicamente una morte sacrificale, attraverso cui rinascere a nuova vita, una tematica cristologica che emerge in maniera formidabile. Antigone la prima paladina dei diritti umani, che rivendica la superiorit del diritto degli dei su quello degli uomini, contrappone a una legge violenta una legge positiva interiore basata sulla coscienza, pi potente delle leggi degli uomini. Un tema di profonda attualit che ci invita a riflettere sulle leggi non scritte dettate dal cuore. Marta Fallani

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
PAPA RONCALLI E PAPA WOYTJLA PRESTO SANTI
Lannuncio dato da papa Francesco che nel prossimo autunno iscriver nel canone dei Santi i suoi predecessori i beati Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II stato motivo di grande gioia per tutta la Chiesa, per tanti che pur non riconoscendosi nella sua fede e nella sua tradizione, ricordano con animo grato il servizio petrino dei due santi pontefici. Ci si mobilita per partecipare a questo evento. Gi in programma pellegrinaggi da tutti i continenti, ancor pi dallItalia e dalla Polonia. Cresce limpegno a riscoprire e a vivere leredit preziosa del Concilio Ecumenico Vaticano II, profeticamente annunciato e voluto da papa Giovanni, concluso con la fede e la forza del Vangelo dal Servo di Dio papa Paolo VI e riconsegnato nei lunghi tempi del suo pontificato a tutta la Chiesa perch lo attuasse, realizzando cos la vera e necessaria riforma da papa Giovanni Paolo II. Si moltiplicano le ricerche storiche, le testimonianze di quanti hanno vissuto accanto ai due pontefici. Su queste colonne gi diverse segnalazioni che sempre rimandano ai ben forniti scaffali della libreria San Giovanni in piazza Isei. Ancora una segnalazione: Loris F. Capovilla, conversazione con Ezio Bolis I miei anni con papa Giovanni XXIII (ed. Rizzoli, Milano 2013). Monsignor Capovilla, fedele segretario del Patriarca Roncalli a Venezia dal 1952 fino al Conclave che lo elesse sommo pontefice prendendo il nome di Giovanni XXIII e durante i cinque anni del suo servizio petrino. Don Bolis, direttore della Fondazione Papa Giovanni XXIII che si costituita a Bergamo - la Chiesa che ha dato i natali a papa Roncalli ha raccolto dalla sua viva voce, raggiungendolo nel suo romitorio di Ca Maitino a Sotto il Monte, dove il suo papa trascorreva le ferie estive, ricordi e testimonianze che aiutano a comprendere, oltre la cronaca, episodi ed eventi che gi a Venezia preannunciavano quanto papa Giovanni avrebbe operato, fedele al suo motto episcopale Oboedientia et pax, per la vita della Chiesa (Concilio Ecumenico Vaticano II) e per la pace tra i popoli (Enciclica Pacem in terris). Questo a ulteriore supporto per una lettura sapiente degli scritti dei diari di papa Giovanni che monsignor Capovilla ha affidato alle cure editoriali dellIstituto per le Scienze Religiose Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII di Bologna, e prima ancora per alcuni volumi, alle Edizioni di Storia e Letteratura fondate a Roma dallamico don Giuseppe De Luca e alle Edizioni Paoline. Quasi un testamento e pi ancora un forte richiamo (un riscontro significativo gli pervenuto telefonicamente da papa Francesco!) a rilanciare leredit feconda del Concilio, non dimenticando la raccomandazione di papa Roncalli Tantum aurora est. appena iniziata una nuova stagione per la bella impresa della Evangelizzazione del III millennio! *** La biografia e lo spessore culturale e profetico di papa Wojtyla hanno gi registrato una bibliografia amplissima; qualche segnalazione anche su queste colonne. In questa pagina richiamiamo quasi suo testamento (+2 aprile 2005) Memoria e identit, che fu pubblicato dalleditore Rizzoli (Milano, 2005) e ripubblicato nellaprile scorso con unampia introduzione di papa Benedetto XVI, che ha ripreso il suo discorso pronunciato, allora cardinale, Joseph Ratzinger, il 22 febbraio 2005 durante la presentazione del volume a Roma. Dallintroduzione citiamo alcune frasi che sicuramente solleciteranno una lettura responsabile per discernere i segni dei tempi che hanno scandito le tragedie del secolo scorso e che ancora sono allorizzonte per vivere la vita buona del Vangelo agli inizi del III millennio. Memoria e identit la grande meditazione a cui papa Giovanni Paolo II ha affidato il suo estremo messaggio allumanit. una riflessione sulla storia e sul mistero del male, incarnato nei grandi sistemi totalitari del Novecento come il nazismo e il comunismo che hanno prodotto lOlocausto, i gulag, gli stermini di massa. la testimonianza autobiografica di un uomo che ha lottato e sconfitto il male con la forza della fede. unindagine sui fondamenti etici della democrazia e dei diritti umani, sullidentit dellEuropa, potentemente plasmata dal Cristianesimo fino alla frattura provocata dallIlluminismo, sulla missione della Chiesa, che custodisce in s la memoria della sua storia umana. Pa

20

Gioved 18 luglio 2013

Cesena & Comprensorio


Sarsina
Plautus festival
Allarena plautina, sabato 20 luglio alle 21,30, per la 53esima edizione del Plautus festival, in prima nazionale Vanessa Gravina e Edoardo Siravo saranno i protagonisti dello spettacolo "Farse plautine" da Plauto a Becket. Regia di Luca Cairati.

Cesena flash
Mostra alla Malatestiana
Nella Sala Piana, gioved 18 luglio alle 18, sar inaugurata la mostra "Georgicon, trattati di agricoltura nella Biblioteca Malatestiana". Rimarr aperta no al 15 settembre.

Verghereto

Sagra del cinghiale

Cesena

Serata di grande musica


Gioved 18 luglio, nel chiostro di San Francesco a Cesena, alle 21.30, serata allinsegna della musica con lopera "Lucia di Lammermoor - di Gaetano Donizetti su libretto di Salvatore Cammarano. Lo spettacolo organizzato dallAssociazione Amici della musica di Cesena, in collaborazione col Comune di Cesena e della Bcc Sala di Cesenatico, avr come protagonisti i solisti provenienti dalle maggiori universit statunitensi, lorchestra Citt di Ravenna, il coro "La musica lirica (USA)", con la regia del maestro Joseph Rescigno. Ingresso libero.

Note destate
A cura della Cassa di Risparmio e Fondazione, in collaborazione con "Amici della Musica" e il coro "Araba Fenice", luned 22 luglio alle 21 in piazza Leonardo Sciascia, terr un concerto la banda "Citt di Cesena", diretta da Jader Abbondanza.

La 30esima sagra del cinghiale, organizzata dalla Pro loco, si terr a Montecoronaro sabato 20 e domenica 21 luglio. In programma mostre, stand gastronomici, gare sportive per boscaioli e cacciatori, giochi per bambini, pittura estemporanea, musica con orchestre nelle due serate.

Cesena

Cambio di presidi
Cambio di tre presidi nel Cesenate. Simonetta Bini il nuovo dirigente scolastico del Liceo linguistico di Cesena. Al suo posto, allIsis Leonardo da Vinci di Cesenatico arriva Gian Maria Ghidetti che lascia la scuola media Dante Arfelli di Cesenatico. Nuova dirigente anche alla direzione didattica n. 2 di Cesena (Villarco): arriva Stefania Rossi che lascia la media Palmezzano di Forl.

Cesena

Omaggio ad Alberto Borghesi


Domenica 21 luglio alle 21,30, nel chiostro piccolo dellAbbazia del Monte, a Cesena, terzo appuntamento della rassegna "I Suoni del Tempo", incontri promossi dallAssessorato alla Cultura del Comune di Cesena in collaborazione con la Comunit Monastica di Santa Maria del Monte di Cesena e la Societ "Amici del Monte". Il chitarrista Michelangelo Severi proporr un omaggio al

Commedia dialettale
Per la rassegna "Tetar in lngua rumagnola" organizzata dalla compagnia "La Broza", domenica 21 luglio alle 21 al chiostro di San Francesco, la compagnia "La Mulnela" di Poggio Berni porter in scena "E salot degli occasion". Presenter Diego Angeloni. Ingresso unico 5 euro.

musicista cesenate Alberto Borghesi (19561983) nel trentesimo della tragica morte. La rassegna a cura di Mauro Casadei Turroni Monti e Franco Pollini. Ingresso gratuito.

Cesenatico

Un mare di musica

Visita di Ccile Kyenge

In piazza delle Conserve, gioved 18 luglio alle 22, lensemble ars et sonus Camille Saint-Saens eseguir la aba musicale "Il carnevale degli animali" di Brahms. Per i concerti allalba, domenica 21 luglio sulla spiaggia di Ponente, si esibir il gruppo "Minor swingers". Domenica 21 luglio alle 21,15 al teatro comunale la compagnia "Magia doperetta" proporr "Operetta che passione".

Bagno di Romagna
Concerto pianistico
Nella basilica di Santa Maria Assunta, per la XIX edizione di "Natura in concerto", promossa dal Comune con la direzione artistica di Ezio Monti, domenica 21 luglio alle 21, il pianista Luigi Fracasso eseguir brani di BachBusoni, Schumann e Chopin. Lingresso gratuito.

na carovana itinerante, dal nord al sud del Paese, per richiamare lattenzione sul tema dei migranti e della cittadinanza. Domenica scorsa la carovana dello "Ius migrandi", promossa dal ministro dellIntegrazione Ccile Kyenge, ha fatto tappa al castello di Sorrivoli. Era presente lo stesso ministro Kyenge, che in serata ha ricevuto dai ragazzi del Centro per la Pace di Cesena un dossier di proposte sullintegrazione degli stranieri. Proposte nate dalle difficolt quotidiane che sconta chi non ha la cittadinanza italiana, dai costi e tempi lunghissimi per il rinno-

Carovana Itinerante Il ministro presente a Sorrivoli U

Il ministro accompagnato dal parroco di Sorrivoli don Pasquale Gentili (foto Gmz)

vo del permesso di soggiorno (180 euro a persona) alle problematiche di un bambino che non pu definirsi italiano. Ci sono casi di bambini arrivati in Italia ad appena 2 mesi di vita, che sono cresciuti qui e qui hanno studiato, a rischio espulsione al compimento della maggiore et. Per non parlare del reato di immigrazione clandestina, una scelta del legislatore che ha ottenuto solo leffetto di intasare i tribunali con risultati risibili. Dai dati di Famiglia cristiana, che ha lanciato un appello per labolizione del reato, si tratta di appena 12 condanne negli ultimi 18 mesi. Per

il settimanale paolino lintroduzione del reato avrebbe, paradossalmente, fatto crollare le espulsioni di immigrati irregolari. Sorrivoli ha ospitato anche diversi spettacoli e una cena. A questo proposito, alcuni tavoli sono stati separati dagli altri riservandoli, al tramonto, ai musulmani che avevano rispettato il Ramadan. Scelta in antitesi allintegrazione che ha fatto storcere il naso a qualcuno. Gli organizzatori, per, hanno spiegato di aver optato per questa soluzione per rispettare la "sacralit" del Ramadan. Mib

Dal ferro allarte


Il Palazzo del Capitano e il centro storico, no al 15 settembre, daranno spazio alla mostra delle opere di due fabbri scultori: Roberto Giordani di Mercato Saraceno e Giovanni Martini di Fusignano. Il catalogo curato da Orlando Piraccini, con testi di Anton Roca e Gerardo Filiberti. Orari di apertura: dal marted al venerd dalle 20,30 alle 22, il sabato dalle 16 alle 18 e dalle 20,30 alle 22, la domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Lingresso libero.

Mercato Saraceno
Palcoscenici destate

Gambettola

Appuntamento col libro


In piazza II Risorgimento, luned 22 luglio alle 21, a cura del Comune, sar presentato il libro "Un clown vi seppellir"(Editore Guanda) di Dario Fo e Giuseppina Manin che saranno presenti. Lappuntamento promosso dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Gambettola.

Gatteo
Poesie e foto
Chiuder sabato 20 luglio in piazza della Libert a Gatteo a Mare la settimana della Micizia con un concerto di Eugenio Finardi. Gioved 18 alle 21,30 tributo a Secondo Casadei. Luned 19 premiazioni dei vincitori del concorso di poesia e fotograa dedicato ai gatti. La giuria, composta da Narda Fattori, Bruno Bartoletti, Franco Casadei, Annalisa Teodorani e Loretta Buda, ha scelto il pugliese Paolo Polvani per la poesia e la torinese Liana Puschel per la fotograa.

In piazza della Libert a Monte Castello, venerd 19 luglio alle 21,15, la compagnia dialettale cesenate "La Broza" metter in scena la commedia "Quaterna", tre atti brillanti di Antonella Zucchini. Domenica 21 luglio serata sotto le stelle con lastronomo Oriano Spazzoli. Allarena di Bora, luned 22 luglio alle 21,15, festa di mezza estate.

Mostra fotografica
La Loggetta Lippi ospiter no al 28 luglio la mostra fotograca di Luca Rossi che fa ripercorrere i suoi viaggi alla scoperta dellAustralia con una Ford Falcon dell89, dellIndia e della vita lungo il corso del Mekong, tra culture, religioni e tradizioni diverse. Si pu visitare tutti i giorni dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 23.

San Piero in Bagno


Donne nella Resistenza

Gambettola
Sere destate

In piazza Martiri, mercoled 24 luglio alle 20,30, Giampietro Lippi presenter il suo volume "Staffette Partigiane". E un omaggio nellanniversario delle stragi di Tavolicci e del Carnaio al contributo delle donne nella Resistenza. La serata organizzata dalla sezione Alto Savio dellassociazione nazionale Partigiani italiani in collaborazione con la sezione di Cervia di cui presidente lautore del libro.

Nellarea parrocchiale per gioved 18 luglio alle 20,45 il circolatorio "Casa del ragazzo" ha organizzato la caccia al tesoro per tutti i bambini della scuola primaria. Sabato 20 alle 21,30 nellex macello, a cura dellassociazione Treesessanta, si terr un concerto jazz. Marted 23 luglio alle 21, il gruppo culturale "Prospettive" presenter "Roberto Mercadini racconta Gambettola".

Arte e solidariet
Anche sabato 20 luglio, dalle 18,30 alle 24 ai Giardini Guanella a Gatteo a Mare, avr luogo lappuntamento con gli hobbisti e gli artigiani creativi. Lo scopo quello di dare visibilit alle associazioni di volontariato e di promozione sociale del territorio.

Al Lions Cesena ingresso nuovi soci


Passaggio di consegne al Lions Club Cesena, riunito all Hotel "Le Palme" di Milano Marittima per festeggiare il suo 54 anno di attivit con la chiusura dellanno lionistico che ha visto al timone del Club Luca Porri. Nuovo presidente per lanno 2013-2014

sar Jacopo Casanova. Porri ha ringraziato tutti i soci del Lions per lintenso anno lionistico trascorso insieme che ha visto il Lions Club Cesena realizzare numerosi service internazionali, nazionali e locali a favore della collettivit. La serata stata loccasione per accogliere 3 nuovi soci: Gian Luigi Giacomini, Caterina Lucchi e Stefano Spinelli. Il nuovo presidente Casanova guider il club accompagnato dal consiglio direttivo cos composto: past president Luca Porri,

primo vice presidente Stefano Valzania, Secondo Vice Presidente Claudio Cavani, segretario Massimiliano Montalti, tesoriere Stefano Bondi, cerimoniere Wilfrido Franceschini, censore Elia Drudi Palazzi, consiglieri Mirna Foschi, Antonella Fuccio, Giancarlo Petrini, Giuseppe Montaguti, Chiara Scardovi. Officer telematico Mario Manuzzi, addetto stampa Andrea Bettini. Nella foto il passaggio di consegne fra Luca Porri e Jacopo Casanova con i nuovi soci del club.

Sport
Latleta della Fiumicinese ha sfiorato la vittoria a cronometro

Gioved 18 luglio 2013

21

Sidermec
Ancora una vittoria per un portacolori della Sidermec F.lli Vitali, compagine ciclistica di SantAngelo di Gatteo. Ventisei juniores ( mancato allultimo momento il solo Francesco Lorenzini) hanno dato vita alla seconda edizione della cronoscalata notturna "FirenzeFiesole-Sulle Strade del Mondiale", manifestazione inserita tra le iniziative collaterali in vista dellevento iridato di settembre. La partenza era ssata dalla sede dellIstituto "Trisomia 21" nel Viale Alessandro Volta, con i primi 400 metri pianeggianti. Quindi da Piazza Edison linizio della salita e arrivo in piazza Mino a Fiesole dopo 5 chilometri. Alla gara, valevole per il Memorial Gastone Nencini e per il Trofeo Franco Ballerini, era presente anche il campione italiano in linea, il toscano Matteo

Federico Orlandi vice campione dItalia


Bella affermazione dellallievo della Fiumicinese Fait Adriatica Federico Orlandi di Badia di Longiano (nella foto, il primo a sinistra) al campionato italiano a cronometro disputato sabato 13 luglio a Castelnuovo di Asola (Mantova). Sugli 11 chilometri della gara, alla media dei 45,657 orari, stato battuto per 19 dal veronese Mattia Cristofaletti (Contri Autozai Chesini) che ha conquistato met delle sue 12 vittorie a cronometro ed primo nella classifica nazionale, mentre Orlandi sale al quinto ed primo in quella regionale. Medaglia di bronzo al bolognese Enrico Cinti (Sport Reno Bologna). Con lVIII posto di Luigi Falanga solo la Fiumicinese ha classificato due atleti nei primi dieci. E stata protagonista al campionato italiano su strada a Darfo Boario Terme domenica 7 luglio con diversi attacchi, ottenendo solo l11esimo posto con Federico Orlandi. Ai campionati provinciali su pista a Forl mercoled 10 luglio la Fiumicinese ha vinto linseguimento a squadre con il quartetto formato da Daniele Di Gilio, Luigi Falanga, Federico Orlandi e Roberto Pioli. Al quarto posto laltro quartetto con Simone Battistini, Davide Casadei, Luca Casalboni e Yuri Molisso. E si aggiudicata lAmericana con Falanga-Orlandi e il secondo posto con Di GilioPioli. La squadra ha rafforzato il primato nella classifica nazionale allievi davanti alla formazione toscana Milleluci. Le prossime gare si svolgeranno su pista nelle diverse specialit (Americana, velocit, inseguimento, corsa a punti, keirin). Il 16 e il 18 luglio a Cento di Ferrara

saranno disputati i campionati regionali; dal 30 luglio al 3 agosto a Dalmine (Bergamo) quelli nazionali. Terzo Spada

Si conclusa con grande successo ledizione 2013


I ragazzi del Martorano, vincitori del torneo di calcio a 7 A destra, la squadra di Santa Maria Goretti, seconda classificata

Foto Mauro Armuzzi

VII Trofeo Benedetto: lo sport abita in parrocchia


i concluso domenica 7 luglio il Trofeo benedetto, con la finale del torneo di calcio a 7. Dopo i tempi supplementari, il Martorano ha avuto la meglio sul Santa Maria Goretti per 4 a 3 al termine di una partita bellissima e tesissima. Il Santa Maria Goretti parso disposto meglio in campo, ma non ha chiuso la partita nel primo tempo. Pi concreto il Martorano che, sotto due volte, passa sul 4 a 2

prima del definitivo e ormai inutile gol del 4 a 3 finale. Risulta decisiva la rete in contropiede di Nicolas Brunetti. Nel calcetto femminile ha vinto il SantEgidio che ha battuto, in finale, il Martorano. Nel calcetto maschile giovanissimi ancora una vittoria del Martorano che ha superato il Gambettola. Nella pallavolo mista si imposto il Case Finali che ha superato il San

Pietro. Per la prima volta questanno una giornata stata dedicata al tiro con larco. In generale sono stati centinaia i ragazzi impegnati nel trofeo, sia come giocatori, sia come tifosi al seguito dei propri amici. Alcune parrocchie, in particolare, hanno avuto un seguito di pubblico notevole., a dimostrazione del valore aggregativo dello sport. Levento stato organizzato dalla Pastorale giovani diocesana e da un gruppo di ragazzi impegnati da lungo tempo. La Pastorale giovanile ha avuto il supporto indispensabile del Centro sportivo. Nella foto a sinistra, insieme ai ragazzi di Martorano (accompagnati dal parroco don Andrea Budelacci), vi sono don Marcello Palazzi (responsabile della Pastrale giovanile) e Luciano Morosi, presidente Csi di Cesena.

Trippi, autore di una bella prestazione. E stato un duello avvincente lungo la collina esolana con i primi cinque racchiusi nel breve spazio di 17 secondi. Addirittura il vincitore, Antonio Gabriele Vigilante, diciottenne nato a Foggia ma che da anni risiede a Cesena e corre nella Sidermec F.lli Vitali, ha prevalso sul toscano Cianetti per un decimo di secondo. Vigilante, ottimo scalatore, aveva vinto anche qualche domenica fa a Labro nel Lazio e in questa stagione ha ottenuto tre successi e quattro secondi posti. A un decimo di secondo il toscano Cianetti, altro specialista delle gare contro il tempo, quindi Bartolini compagno di squadra del vincitore a completare il trionfo della societ romagnola che ha piazzato anche Sampaoli al sesto posto. Il tricolore Trippi, seguito per loccasione in ammiraglia durante la prova da Luca Scinto, ha perso undici secondi, mentre ha fornito una bella prova anche il pisano Turchetti, il migliore tra gli juniores del primo anno in questa Firenze-Fiesole. VITTORIA NELLE MARCHE Domenica 14 luglio Simone Sanpaoli, sempre della Sidermec F.lli Vitali, ha vinto a Pianello di Ostra (Ancona) il Memorial "Schiaroli", gara di 106 chilometri, alla media di 37,8 chilometri orari.

Incontro del Panathlon club Cesena con i dirigenti della societ di calcio

Lugaresi: "Con orgoglio e sudore il Cesena risorger"


Domenica mattina il Cesena partito per il ritiro. Da sinistra De Feudis, Bisoli e Succi (foto Pippo)

Un presidente fiero, motivato e speranzoso per il futuro della societ si trovato davanti la folta platea dei soci e ospiti del Panathlon club di Cesena la scorsa settimana in occasione della conviviale svoltasi al Palace di Milano Marittima. Con Giorgio Lugaresi presidente del Cesena, ospite donore del club guidato da Dionigio Dionigi, hanno presenziato alla serata il nuovo responsabile dellarea tecnica del Cesena calcio Rino Foschi, lex ct della nazionale Azeglio Vicini, il giornalista Giorgio Martino e alcuni soci della nuova compagine societaria del "dopo Campedelli", oltre al presidente del settore giovanile Lorenzo Lelli. In merito al tema della serata "Il Cesena riparte: sar un campionato meno sofferto?", Lugaresi ha espresso le proprie sensazioni con quella chiarezza e semplicit che lo hanno sempre contraddistinto fin dai tempi in cui, era il 2002, succeduto al padre Edmeo alla presidenza del Cesena: "Ci siamo trovati ad affrontare una situazione tragica e il progetto ambizioso del rilancio. Molti dirigenti di serie A e B hanno dimostrato solidariet quando hanno saputo che la vecchia societ avrebbe di nuovo condotto i giochi. Il nostro

slogan orgoglio e sudore rappresenta in pieno ci che stato e sar fatto per il bene della squadra. Ad oggi sono stati sottoscritti 4592 abbonamenti, ma speriamo di raggiungere e superare i 7250 fatti lanno scorso - e ha aggiunto con il sorriso sulle labbra - nessuno deve uscire questa sera dalla porta se prima non lascia lobolo per la squadra". Il neo direttore dellarea tecnica, il 67enne Rino Foschi, ha esordito con emozione e imbarazzo. "Se 30 anni fa avessi solo pensato di diventare il responsabile tecnico del Cesena sarei svenuto. Poi ho lavorato per parecchie squadre sia in Italia che allestero, ma il mio cavallo di battaglia sempre stato Romagna mia. Sono nato calcisticamente per volere di Edmeo che 25 anni fa mi propose un corso da manager a Coverciano. Il merito del lavoro sulla squadra non di uno solo ma di tutti i membri della societ e spero che la squadra riesca a fare il prima possibile i 40 punti per la salvezza". Poi ha concluso: "Il mio rapporto con la societ iniziato con una stretta di mano che vale pi di ogni documento scritto". Giusy Riciputi

22

Gioved 18 luglio 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

l presidente nazionale del Csi, Massimo Achini, ha fatto in questi giorni una proposta chiara e coraggiosa. Perch non fare nel 2014 in ogni citt italiana un torneo dedicato alle comunit di stranieri residenti su quel territorio? Una sorta di mundialito nel quale ogni comunit schieri in campo una sua nazionale per realizzare qualcosa che vada oltre il torneo e al di l delle partite, della musica, dellarte, della cucina etnica, della cultura, dei dibattiti, per riuscire ad accorciare le distanze tra nazioni e abbattere ogni diffidenza. Di esperienze cos in giro per lItalia ce ne sono tante. La punta di eccellenza, come Csi, la troviamo a Bergamo, dove da sette anni va in scena Bergamondo, un grande torneo che coinvolge una ventina di comunit di stranieri e che

CSI IN CAMPO PER LINTEGRAZIONE


La proposta del presidente Achini: In ogni citt un allegro e colorato Mundialito
diventato un evento in quella citt. Dove sta allora la novit? La novit quella di puntare a 100 tornei cos in 100 citt italiane. In altre parole, si tratta di valorizzare al massimo lo sport come veicolo ad alta velocit per vincere la partita dellintegrazione, e questa sfida gi la si gioca quotidianamente negli spogliatoi di ciascuna delle societ sportive dellassociazione. Dentro quei 25 metri quadri scarsi persone diverse per colore della pelle, religione, cultura stanno insieme senza problemi e con una naturalezza che li fa sentire fratelli per davvero. Stanno insieme le loro famiglie che si conoscono, vanno a mangiare la pizza, stringono amicizie, superano diffidenze... a partire dal fatto che i loro figli giocano insieme. Tutto questo avviene quotidianamente in migliaia di societ sportive in tutta Italia. importante, per, anche accendere i riflettori sul tema dellintegrazione degli stranieri e del sentirci tutti cittadini del mondo. Ecco allora che un torneo stile Bergamondo pu essere unoccasione simpatica e incisiva per coinvolgere tutta la cittadinanza di un territorio e intere comunit di stranieri. Il Csi su questo terreno sostiene Massimo Achini non vuole giocare in difesa. Il problema non togliere i buu dagli stadi o fermare le partite di fronte a cori razzisti: sono misure giuste e opportune che, per, da sole non bastano. Il problema dare forza a tutte le potenzialit che lo sport ha come strumento di integrazione. Ecco allora la proposta conclude il presidente nazionale del Csi -: che si costituisca in ogni citt un comitato organizzatore con il coinvolgimento del sindaco, della curia locale, delle associazioni che si occupano di mondialit, di un rappresentante per ogni comunit straniera presente nel territorio e si lavori alacremente per mettere in campo il pi bel mundialito possibile. Si potrebbe pensate anche a un torneo di bambini di seconda generazione che anticipa le partite degli adulti.

Memoria calcio a 5 Mattia Calisesi,Trofeo Citt di San Pieroe calcio a 8

Cat. Giovanili
Campionati di Calcio 2013-14
Il comitato cesenate del Csi, archiviata la stagione sportiva dei campionati 201213, si gi messo allopera per programmare quella delle competizioni relative al prossimo anno sportivo. In previsione di questo sono state emanate le direttive per ladesione ai futuri campionati di calcio rivolti alle varie categorie maschili giovanili e si stabilita per il giorno 9 settembre la data di riunione delle societ sportive interessate. Partiamo dal campionato riservato alla categoria Scuola calcio-Under 10, in cui si possono schierare in campo 8 giocatori (nati negli anni 2004, 2005 e 2006, con facolt di un fuoriquota nato nellanno 2003), con due tempi di gioco da 20 minuti cadauno, senza lapplicazione della regola del fuorigioco e cambi volanti/tipo calcio a 5). Per la categoria Pulcini-Under 12, prevista una squadra di 8 giocatori (nati negli anni 2002-2003 e 2004, con possibilit di schierare un fuoriquota nato nellanno 2001) e due tempi da 25 minuti ognuno (per le altre regole vale quanto specicato per la categoria precedente). Nella categoria Esordienti-Under 14 scendono in campo 8 giocatori (nati negli anni 2000, 2001 e 2002, con facolt di inserire un fuoriquota nato nellanno 1999), che disputano due tempi da 30 minuti cadauno; per il resto sono in vigore le regole gi menzionate. Per quanto concerne la categoria Giovanissimi-Under 16, il campionato a 11 o 7 giocatori (nati negli anni 1998 e 1999), con possibilit di schierare due fuoriquota nati nellanno 1997 e due tempi da 30 minuti ognuno, campo di calcio a 7 e cambi illimitati a gioco fermo. Per quel che riguarda inne la categoria Allievi, le societ gareggiano con 11 giocatori (nati negli anni 1996 e 1997, con facolt di due fuoriquota nati nellanno 1995) per disputare due tempi da 30 minuti ciascuno: il campo e le porte sono regolamentari e i cambi illimitati a gioco fermo.

Tornei estivi, i primi risultati


intensa stagione estiva dei tornei calcistici, promossa da varie societ in collaborazione con il comitato cesenate del Csi, registra gi alcuni verdetti definitivi. Iniziamo con il 5 Memorial di calcio a 5 Mattia Calisesi, indetto dal Centro Giovani di Savignano sul Rubicone, in cui nelle semifinali lUs Paladini ha sconfitto con il parziale di 9 a 4 il Kaiser Souze e lUs Heart ha superato, dopo i calci di rigore, per 9 a 7, il Bar Bot. La finale per il 3 posto ha visto la vittoria del Kaiser Souze, 8 a 5, ai danni del Bar Bot, mentre

lUs Heart ha dominato la finale per il 1 posto, piegando nettamente, col punteggio di 6 a 2, la resistenza dellUs Paladini. Proseguiamo con il 1 Trofeo Citt di San Piero, torneo di calcio a 7 organizzato dalla societ Sampierana, che ha fatto registrare nelle semifinali il successo di misura, 7 a 6, dopo i calci di rigore, del Fuori Orario Caff sul Ristorante Forcelli e dellEuromach, 4 a 1, a spese della Pieda. Nella finale per il 3 posto il Ristorante Forcelli ha prevalso con un solo goal di scarto, 3 a 2, sulla Pieda e in quel-

la valevole per il 1 posto il Fuori Orario Caff ha avuto la meglio, solo dopo i calci di rigore, per 7 a 6, sullEuromach. Terminiamo con il 1 Trofeo di calcio a 8, promosso dallAsd Romagnano, in cui nelle semifinali il Pub Oca Nero ha superato per 3 a 1 il Gs Montecastello e lAsd Romagnano ha sconfitto per 2 a 1 lUs la Radice. Nella finale per il 3 posto il Gs Montecastello ha vinto col parziale di 4 a 0 la sfida con lUs La Radice e lAsd Romagnano si aggiudicata la finale per il 1 posto, battendo, solo dopo i calci di rigore, 6 a 4, il Pub Oca Nero.

| Csi cesenate: un po di storia

La foto di questa settimana ritrae lU.S. Carpam che partecip alle finali del campionato di pallavolo femminile nella stagione 2003/04.

Pagina Aperta

Gioved 18 luglio 2013

23

Il direttore risponde
La ventata di novit di papa Francesco accorcia le distanze. uno di famiglia

LOcchio indiscreto

aro direttore, ci voleva papa Francesco per scuotere le coscienze del clero e dei cattolici in genere. Da quando ha annunciato che la Chiesa deve ritornare alle sue origini e cio povera fra i poveri, assistiamo a prese di posizione del clero a fianco dei pi deboli, come nel caso del vescovo di Nola che, apertamente e senza ipocrisie, si schierato secondo il comunicato della Fiat, dalla parte dei violenti. In pochi mesi, sempre con il sorriso e serenamente, questo umile Papa ha tracciato le linee guida per chi afferma di essere cristiano. Anche l'auto e l'alimentazione devono essere consoni alla fede dichiarata, se si vuole essere di esempio e credibili agli occhi di chi ti osserva. Diciamolo chiaramente: questo straordinario Pontefice ha sorpreso e spiazzato, se cos ci si pu esprimere, tutti, a cominciare dai conservatori e tradizionalisti pi radicali. Per chi ha scelto di stare fuori dal coro, vedo la Chiesa cattolica proiettata verso un ritorno alle origini e cio al Cristianesimo predicato da Ges. Grazie papa Francesco per il tuo coraggio e il messaggio di speranza che sai trasmettere in tempi cos difficili come questi. Grazie per l'ascolto. Marino Savoia Egregio direttore, buongiorno. Qualche giorno fa ho letto su televideo il testo del messaggio di papa Francesco su Twitter: Siamo pronti a impegnarci come cristiani coerenti, 24 ore su 24, per dare testimonianza con la nostra parola e il nostro esempio?. Io non sono molto praticante, nel senso che non vado in chiesa la domenica, ma solo occasionalmente (matrimoni, battesimi, cresime, comunioni, funerali...) e conosco solo il Padre Nostro e l'Ave Maria. Mi ritengo comunque un credente e condivido gli insegnamenti di Ges. Le avevo gi espresso i miei apprezzamenti su papa Francesco, anche e soprattutto sul lato umano. Se posso, direi che il post in questione apre una sorta di finestra su

un nuovo ciclo, in quanto esorta a passare dalla teoria alla pratica; dal predicare al praticare. Spinge ad agire, ad attraversare quel mare tra il dire e il fare, e saper nuotare significa affidarsi alla fede. Sempre osando, direi che il messaggio una specie di chiamata per un nuovo esercito, quello degli integralisti cristiani, col compito di diffondere (non offendere n difendere) con la parola e conquistare con l'esempio. Cordialmente. Paolo Zacchi Carissimi, le vostre lettere dicono dello sbalordimento che papa Francesco suscita in tutti noi, nessuno escluso. Il suo inizio di pontificato riserva una sorpresa ogni giorno. Il cerimoniale infranto e la spontaneit nei rapporti con chiunque, con le distanze fra la gente e il Papa del tutto annullate, fanno comprendere il bisogno di affetto, di ascolto, di vicinanza presenti nel cuore di ogni persona. Anche la visita a Lampedusa (cfr pagina 9), nelle periferie di unumanit oltraggiata, ha toccato per la semplicit, la sobriet, il calore e le parole. Citare la globalizzazione dellindifferenza ha scosso le nostre certezze. Parlare di bolle di sapone e della perdita della capacit di piangere ha fatto capire quanto questo Papa condivida il dolore di chi si trova nella prova. E siccome, nonostante le apparenze, molti si trovano nella difficolt (anche quella del vivere quotidiano) ecco che tantissimi lo sentono vicino, molto vicino, come uno di famiglia. Chiudo con il tweet di papa Francesco di venerd scorso. Signore, donaci la grazia di piangere sulla nostra indifferenza, sulla crudelt che c nel mondo e in noi. Siamo chiamati alla conversione personale, ogni giorno. Prima di guardare e giudicare gli altri, il Papa ci invita a scrutare in noi stessi. Grazie per i vostri scritti. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it stato segnato sin dal 1982 quando al teatro Alighieri di Ravenna venne presentato il Progetto per la realizzazione del Centro Intermodale di sviluppo dellingegner Orlandi che doveva unire, coordinare e sviluppare le potenzialit operative del Porto di Ravenna, dellAeroporto di Forl e dellarea Autotrasportuale di Cesena a Pievesestina e San Zaccaria. La tanto decantata capacit di fare sistema da quei poteri forti economici e politici veniva fatta fallire in Regione che non potevano permettere la crescita e lo sviluppo di un forte polo di sviluppo economico e produttivo in Romagna. Nelloccasione voglio ringraziare lallora presidente della Camera di Commercio (1977), professor Lorenzo Cappelli e il presidente dellamministrazione provinciale di Forl, Luciano Galeotti, che accolsero la mia proposta di esaminare e realizzare, come stava avvenendo fra Porto di Livorno e Aeroporto di Pisa, un Centro Intermodale in quel territorio, e si misero in contatto e in collaborazione con quelli di Ravenna. Limpegno di quei nostri amministratori forlivesi, cesenati e ravennati port al progetto del Centro Intermodale Romagnolo che per la responsabilit di altri, a livello locale e regionale, venne fatto fallire. Spero vivamente che altre responsabilit non facciano fallire quanto cresciuto nel frattempo attorno al Ridolfi (Polo Tecnologico) e le possibilit di ripresa dellaeroporto stesso. Cordialmente Ottorino Bartolini

Lattento lettore Marino Savoia ha inviato alcuni scatti in redazione. Fra questi, la celletta mariana che si trova allinizio della frazione di Bulgarn (Cesena). Risulta evidente la dedizione della famiglia Baiardi, sul cui terreno collocata la maest, e di quanti si prodigano per tenerla in perfetto ordine. A maggiore onore di Maria e a beneficio di quanti si fermano per una preghiera o per un attimo di ammirazione mista a stupore.

Aeroporto di Forl Sistema Romagna cercasi


Caro direttore, sui problemi a dimensione romagnola che neanche in questa legislatura hanno trovato il giusto impegno degli amministratori locali, provinciali e regionali (aeroporto Forl, Fiere di Forl e Cesena, tutela della balneabilit delle acque in riviera da Casalborsetti a Cattolica e altri) richiamo lattenzione a un anno dalle prossime elezioni amministrative del 2014. Alle inutili, ricorrenti e deludenti polemiche fra amministratori e con la convinzione che pezzi sempre pi ampi della nostra economia non li controlliamo pi, per quanto riguarda il Ridolfi, mi permetto di portare allattenzione dei romagnoli, per capire, quanto scriveva sulla cronaca di Forl nella rubrica Calendario il Resto del Carlino del 20 aprile 1973 con titolo AEROPORTO: LAeroporto Ridolfi di Forl stato abilitato per laerotrasporto dallestero di vitelli da latte, bestiame suino, ovino e caprino. Lo ha comunicato il Ministero della Sanit. Il traffico aereo per il trasporto merci, in un primo tempo limitato per il bestiame ai soli prodotti avicoli e alla selvaggina viva da ripopolamento, avr cos un notevole incremento. 1973, dopo quarantanni per responsabilit e incapacit ben precise di politici e amministratori locali, provinciali, regionali e nazionali, siamo al totale fallimento di una iniziativa per la quale si prevedeva un notevole incremento. Per capire le ragioni voglio ricordare che il fallimento l professor Giovanni Pedretti, detto Nino, ha insegnato inglese a partire dallanno scolastico 1960-1961 nella succursale cesenate dellIti Marconi di Forl, sostituendo la professoressa Rina Lorenzi. Lanno seguente, con Decreto del Presidente della Repubblica (Dpr n. 1979 del 30 settembre 1961) lIti di Cesena divenne autonomo. Come risulta nella nota 17 di p. 67 del libro celebrativo di quellevento (curato da Lavinia Zoffoli, con il titolo Istituto Tecnico Industriale Statale. Il Blaise Pascal tra passato e futuro. Cinquantanni di tecnologie a Cesena, pubblicato dalla Societ Editrice Il Ponte Vecchio di Cesena nel 2009) il 15 novembre 1961 nelladunanza plenaria del Collegio dei docenti il professor Pedretti stato eletto bibliotecario. A quel tempo Pedretti aveva gi scritto diverse e significative

Sulle frazioni cesenati: potenziare i servizi delle zone pi lontane


Caro direttore, in alcune occasioni mi sono espressa in linea generale a favore delle preannunciate scelte dellAmministrazione comunale di Cesena che daranno vita al nuovo PSC, la programmazione urbanistica sino al 2030. A seguito del confronto con i cittadini che apprezzabilmente il Sindaco e lAssessore al ramo hanno voluto e che ha riguardato sin qui 9 dei 12 quartieri, credo che il disegno di sviluppo futuro della citt, positivamente tratteggiato pi allinsegna della qualit che della quantit, debba essere integrato da alcune istanze emerse. Si tratta di potenziare anche i servizi per le zone pi lontane o meno dotate dei luoghi della vita comunitaria o in alternativa facilitare i collegamenti con le zone dove sono presenti i servizi, senza eccessive penalizzazioni in termini di costi, riconfermando ed estendendo scelte gi operate in questa legislatura come le piste ciclabili e lutilizzo del trasporto pubblico locale. Essendo peraltro sempre pi necessario fare i conti con il calo di risorse pubbliche, si potrebbe considerare nelle future autorizzazioni urbanistiche, anche delle frazioni pi servite, opere di pubblica utilit a favore delle zone pi isolate in prossimit, in reciproco vantaggio. Anche il tratto della pianificazione generale dovr essere garbato al punto di prevedere area per area la tipologia insediativa pi adeguata alle specifiche vocazioni ed opportunit. La sfida da raccogliere quella di unAmministrazione sempre pi a misura di cittadino. Cordialit. Maria Grazia Bartolomei capogruppo UdC in Consiglio provinciale questo motivo alle medie aveva organizzato una gita pomeridiana a Santarcangelo di Romagna, sua citt di nascita, dove gli studenti, guidati da suo padre, hanno potuto ammirare le grotte tufacee e soffermarsi davanti alle mura del monastero delle clarisse, dove era stata monaca la figlia di Gianciotto e Francesca da Rimini, dopo il terribile fatto di sangue narrato da Dante Alighieri nel quinto canto dellinferno. Mettere in evidenza queste caratteristiche del professore Pedretti, insegnante di inglese a Cesena, cos come sono state tramandate dal ricordo personale di chi stato suo studente alla media di via Giovanni Pascoli, che ha frequentato dal 1963 al 1966, fa capire meglio la sua grande umanit e sensibilit che emerge in modo molto significativo soprattutto nelle sue poesie.

UN RICORDO E UNA RIFLESSIONE |


poesie come dimostra la raccolta Le pepite doro. Poesie 1946-1947, pubblicata da Raffaelli Editore nel 2003. Suo collega di lettere stato anche Dante Arfelli che aveva gi scritto i romanzi I superflui del 1949, con il quale ha vinto il premio letterario Venezia, antenato del Campiello, e La quinta generazione del 1951. Pedretti ha poi insegnato inglese alla scuola media di via Giovanni Pascoli a Cesena, avendo come collega di lettere don Dante Piraccini e di disegno Ilario Fioravanti. Pedretti aveva una grande passione per la sua materia, che insegnava in modo assolutamente rivoluzionario in quegli anni: aveva intuito che una lingua si impara, soprattutto, facendone conoscere la musicalit, parlando con tale linguaggio. Per questo motivo ha sempre inseguito il sogno di realizzare unaula attrezzata per le lingue straniere, contestando la validit dellinsegnamento con molti alunni. Il suo metodo di insegnamento allIti non ha conseguito un grande successo, tanto vero che alcuni studenti di quegli anni, che avevano come lingua madre il dialetto e litaliano

di Stefano Salvi

Giovanni Pedretti, detto Nino, insegnante dinglese a Cesena


come seconda lingua, hanno creduto pittoresca la sua modalit didattica che consisteva nel parlare spesso in inglese, in quanto non riuscivano a capire ci che lui diceva. Vi sono altre due caratteristiche del suo metodo dinsegnamento molto significative. La prima il coinvolgersi totalmente con gli studenti a tal punto da invitarli di pomeriggio a casa sua per recuperare le difficolt incontrate nelle lezioni mattutine. La seconda stata quella di fare appassionare gli studenti alla memoria della propria storia. Proprio per

FESTA

SS. CROCIFISSO DI LONGIANO


Venerd 26 luglio 2013
Viterbo Fotocine

PROGRAMMA RELIGIOSO
Novena di preparazione (dal 17 al 25 luglio): le Messe (alle 20,30) sono presiedute da padre Tito Paolo Zecca dei Padri Passionisti, di Moricone (Roma). Sono invitati i parroci e le Comunit parrocchiali. Mercoled 17 luglio: parrocchie di Savignano (Santa Lucia, Cesare, San Giovanni in Compito e Castelvecchio). Gioved 18 luglio: parrocchie di Bagnolo, Cento, Monteleone, Musano, Santa Paola e Roncofreddo. Venerd 19 luglio: parrocchie di Calisese e Badia. Sabato 20 luglio: parrocchie di Gatteo, SantAngelo, Macerone e Ruffio. Domenica 21 luglio, ore 16: Messa con Sacramento dellUnzione degli Infermi; alle 18 Messa della Novena. Luned 22 luglio: parrocchie di Madonna del Fuoco, Montenovo e Montiano. Marted 23 luglio: parrocchie di Gambettola, Bulgaria e Bulgarn. Mercoled 24 luglio: parrocchie di Borghi, Budrio, Longiano e Balignano. Gioved 25 luglio: parrocchie di Crocetta, Montilgallo, San Lorenzo e Arciconfraterna del Crocifisso.

PREGHIERA DAVANTI AL CROCIFISSO DI LONGIANO


Profondamente prostrati davanti a Te, Crocifisso e Risorto per noi, ti rendiamo grazie, Signore Ges, perch nel segno salvifico delle tue piaghe hai redento e liberato lumanit dalla morte e dal peccato. Le ferite del tuo corpo santo sono per noi segno di vita e di luce, i chiodi sono diventati una chiave che apre a una nuova comprensione della nostra vita. Esse sono: - esempio di carit, perch esprimono la pienezza dellamore; - esempio di pazienza, perch hai accettato labbandono persino degli amici; - esempio di umilt, perch sulla croce hai portato a pienezza il tuo essere servo; - esempio di obbedienza, perch in tutto hai fatto la volont del Padre; - esempio di disprezzo delle cose, per rivelare la signoria di Dio sul mondo. Fa che anche noi, come il centurione, vedendoti Crocifisso comprendiamo quanto grande lamore del Padre per lumanit, e possiamo esclamare: Davvero questuomo era Figlio di Dio!. Tu vivi e regni per sempre nei secoli. Amen. Douglas Regattieri
vescovo di Cesena-Sarsina

Venerd 26 luglio, Festa del Crocifisso


Apertura del Santuario. Messe alle ore 6,30 - 7,30 - 8,30 - 9,30 Messa solenne presieduta dal vescovo DOUGLAS REGATTIERI ore 17,30 Rosario ore 18 Processione con lImmagine del Crocifisso accompagnata dal Corpo bandistico Citt di San Mauro Pascoli ore 19 Messa in suffragio dei benefattori e defunti dellArciconfraternita ore 6 ore 11

PROGRAMMA CULTURALE-RICREATIVO
Gioved 25 luglio, ore 21,30: Orchestra Il mulino del Po Venerd 26 luglio, ore 16,30: in piazza, concerto del Corpo bandistico Citt di San Mauro Pascoli ore 21,30: orchestra spettacolo Il Grande Evento ore 23: spettacolo pirotecnico

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

IL VESCOVO IN AFRICA DIARIO DI VIAGGIO


Cesena: le frazioni chiedono pi attenzione e servizi