Sei sulla pagina 1di 91

MONUMENTI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

La nascita dei Musei Vaticani: Le antichit cristiane e il museo di Benedetto XIV


DI

C. LEGA

Estratto da

Bollettino - Vol. XXVIII - Anno 2010


(fuori commercio)

Tipografia Vaticana

LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI: LE ANTICHIT CRISTIANE E IL MUSEO DI BENEDETTO XIV *


DI

CLAUDIA LEGA

Il 30 Settembre 1757 Benedetto XIV appone la sua firma alla Bolla Ad optimarum artium (fig. 1), che, pubblicata il 4 Ottobre 1757, corredata dal motu proprio, sancisce definitivamente la nascita del Museo Cristiano, dettandone le norme per lapertura e stabilendone la collocazione nella parte terminale della Galleria di Urbano VIII. Prefetto e curatore a vita del nuovo Museo designato Francesco Vettori.1 Listituzione del nuovo Museo, opera conclusiva del pontificato di Benedetto XIV, che morir il 3 maggio dellanno successivo, si eleva a testimonianza tangibile dellazione e dellatteggiamento nei confronti della Cultura tenuto da Papa Lambertini (fig. 2) durante tutto il periodo del suo mandato.2
* I contenuti di questo articolo sono stati esposti in una relazione dal titolo Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, tenuta il 9 Febbraio 2006, nella giornata di studio Collezionismo e Musei di Antichit Cristiane organizzata nellambito dei Seminari di Archeologia Cristiana (Archeologia e Cultura della Tarda Antichit e dellAlto Medioevo). In attesa della pubblicazione degli Atti del convegno, per aggiornare gli studi sulla struttura voluta da Papa Lambertini, primo nucleo museale in Vaticano, si deciso di anticipare in questa sede il testo del contributo. 1 R. DE MARTINIS, Benedicti XIV Acta sive nondum sive sparsim edita nunc primum collecta, II, Napoli 1894, pp. 309-314; ASV, Fondo Benedetto XIV, 28, ff. 93r-98v; nei ff. successivi, fino al f. 127v, si trovano gli incartamenti relativi alla stesura del documento e alla nomina del Vettori. Sulla nascita del Museo Cristiano vd. G. MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, in Musei Monumenti e Gallerie Pontificie, Bollettino, 2, 1981, pp. 53-89; ID., Il Museo Cristiano di Benedetto XIV nella Biblioteca Vaticana, in M. CECCHELLI (a cura di) Benedetto XIV (Prospero Lambertini), Atti del Convegno Internazionale di studi storici (Cento 1979), II, Bologna 1982, pp. 11171151; ID., La creazione del Museo Cristiano, in D. BIAGI MAINO (a cura di), Benedetto XIV e le arti del disegno, Atti del Convegno Internazionale di Studi di Storia dellArte (Bologna 1994), Roma 1998, pp. 263-275. Lesame della figura di Francesco Vettori sar pi approfonditamente affrontato dalla dottoressa Rosita di Fiore, nel suo studio di Tesi di dottorato, che avr come tematica principale lanalisi della corrispondenza tra il Vettori e Anton Francesco Gori. 2 Per un inquadramento della figura di Benedetto XIV vd. M. ROSA, Benedetto XIV, in Dizionario Biografico degli Italiani, VIII, Roma 1966, pp. 393-408; D. BIAGI MAINO, op. cit. alla

96

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 1. Bolla Ad optimarum artium (frontespizio). Da C. PIETRANGELI, I Musei Vaticani: cinque secoli di storia, Roma 1985, p. 33 fig. 42

Papa colto, con unampia conoscenza nel diritto e nelle scienze ecclesiastiche, aperto al dialogo e al confronto, ebbe stretti contatti con i maggiori esponenti della cultura internazionale dellepoca e favor il sorgere di un clima di moderazione nelle dispute teologiche e di relativa tolleranza. Il periodo del suo pontificato si pu considerare il pi fervido per vita culturale della Roma settecentesca:3 promosse ed incoraggi ampiamente lo sviluppo delnota 1; M. ROSA, Benedetto XIV, in Enciclopedia dei Papi, III, Roma 2000, pp. 446-461; A. ALIMENTO, Le Accademie Ecclesiastiche. Roma, Napoli e Firenze, in J. BOUTIER, B. MARIN, A. ROMANO (a cura di), Naples, Rome Florence. Une histoire compare des milieux intellectuels italiens (XVIIeXVIIIe sicles), Roma 2005, pp. 601-602, con bibliografia a nota 13; M. P. DONATO, Le due accademie dei Concili a Roma, ibid., pp. 251-252, con bibliografia a nota 40; M. A. DE ANGELIS, Prospero Lambertini (Benedetto XIV): un profilo attraverso le lettere (Collectanea archivi vaticani, 66), Citt del Vaticano 2008. 3 Vd. E. GIUNTELLA, Roma nel Settecento (Storia di Roma, 15), Bologna 1971, 97-138. Benedetto XIV non rimase insensibile al fascino dellIlluminismo e fu in stretti rapporti con i maggiori esponenti del mondo erudito e della cultura, e, tra di essi, con lo stesso Voltaire,

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

97

Fig. 2. Ritratto di Benedetto XIV (Giuseppe Maria Crespi, detto lo Spagnolo, olio su tela, 1740). Pinacoteca Vaticana, Sala XV, inv. 40458

98

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

la cultura perseguendo unattenta linea politica, che si esplicit in una serie di interventi, iniziati gi dal 1740, a pochi mesi dalla sua elezione al soglio pontificio, quando, per comodo de virtuosi, e letterati, siccome per dare accrescimento e vantaggi alle scienze, e studi , cre quattro Accademie,4 alle cui adunanze amava assistere, partecipando alle discussioni ed intrattenendosi con i relatori. In particolare ricordiamo lAccademia di Storia Ecclesiastica, di cui era segretario Giuseppe Bianchini 5 personaggio che ebbe un ruolo non secondario nella nascita e nella formazione del Museo Cristiano e lAccademia Romana o Accademia delle historie romane e antichit profane, alla quale fu preposto, in qualit di segretario, Antonio Baldani.6 Increment le collezioni archeologiche del Museo Capitolino e, sempre in Campidoglio, fece costruire un ambiente per ospitare la nascente Pinacoteca. Promosse la cura e il restauro di monumenti, basiliche e opere darte.7 Dett norme pi severe per impedire lesportazione dei reperti dagli scavi, al fine di evitare la continua dispersione del patrimonio artistico.8 Acquis le biblioteche Capponi e, soprattutto, Ottoboniana che destin alla Biblioteca Vaticana. Riform lUniversit di Roma. Agli anni del suo pontificato risale la pubblicazione della pianta di Roma
cfr. G. CENACCHI, Benedetto XIV e lIlluminismo, in CECCHELLI, op. cit. alla nota 1, pp. 1077-1102; E. MORELLI, Le lettere di Benedetto XIV al card. de Tencin. Dai testi originali, I-III (Storia e Letteratura, Raccolta di Studi e testi, 55, 101, 165), Roma 1955-1984; P. PRODI, Carit e galateo: la figura di papa Lambertini nelle lettere al marchese Paolo Magnani (1743-1748), in CECCHELLI, op. cit. alla nota 1, pp. 445-471; una lettera di Voltaire a Benedetto XIV in ASV, Segreteria di Stato, Principi, 239, ff. 341r-342r; ALIMENTO, art. cit. alla nota 2, pp. 602-603, 605-615. 4 Vd. M. P. DONATO, Accademie romane. Una storia sociale (1671-1824) (Studi e strumenti per la storia di Roma, 4), Napoli 2000, pp. 77-115; ALIMENTO art. cit. alla nota 2, pp. 599-636. 5 Su questa figura e sul ruolo che ebbe nel rinnovamento del mondo culturale romano vd. S. ROTTA, Bianchini Giuseppe, in Dizionario Biografico degli Italiani, 10, 1968, pp. 200-205; E. APPOLIS, Entre jansnistes et Zelanti. Le Tiers parti catholique au XVIIIe sicle, Paris 1960. Vd. anche R. OPERTI, Giuseppe Bianchini e Benedetto XIV, in Oratorio Filippino, XIX, 1962, n. 4, p. 13 s.; n. 5, pp. 1-3; ID. Osservazioni sul metodo storico di p. Giuseppe Bianchini, ibid., n. 7, pp. 1-6. 6 Su Antono Baldani vd. L. MORETTI, Baldani Antonio, in Dizionario Biografico degli Italiani, 5, 1963, p. 442 s.; M. BEVILACQUA, Roma nel secolo dei Lumi. Architettura erudizione e scienza nella pianta di G. B. Nolli celebre geometra Napoli 1998, p. 19 con bibliografia precedente a p. 31 nt. 8; ALIMENTO, art. cit. alla nota 2, p. 607. 7 Ricordiamo ad esempio i restauri del Colosseo, di S. Maria Maggiore, del Pantheon e di S. Maria degli Angeli. 8 Tuttavia, pi dei numerosi provvedimenti restrittivi, fu proprio la creazione dei Musei pubblici a Roma, in Campidoglio prima e in Vaticano poi, come ha giustamente sottolineato F. Haskell, a frenare la dispersione allestero e nelle raccolte private delle opere darte, poich si affermava per la prima volta il concetto dellinalienabilit degli oggetti museali, cfr. F. HASKELL, La dispersione e la conservazione del patrimonio artistico, in Storia dellarte italiana (III, 3), 10, Torino 1981, pp. 5-35, part. p. 16 s.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

99

di Giovanni Battista Nolli (1748), delle Magnificenze di Roma (1747-1761) di Giuseppe Vasi, delle Vedute di Roma (1748) e delle Antichit romane (1756) di Giovanni Battista Piranesi. Il momento quindi estremamente favorevole e fervido per la vita intellettuale romana, formatasi con le idee allavanguardia di Francesco Bianchini, uomo di alta erudizione e di fama internazionale, morto nel 1729.9 Altra figura di spicco della cultura romana dellepoca Giovanni Gaetano Bottari.10 Intellettuale impegnato, Bottari fu anche tra i principali sostenitori di una nuova considerazione per larte e la letteratura medievali. Radun attorno a s esponenti della corrente filogiansenista,11 la cui metodologia di ricerca affermava la ricostruzione della verit sul livello documentario, riflettendo linfluenza delle idee innovative avanzate da Celestino Galiani12, professore di Storia ecclesiastica alla Sapienza fino al 1731, che al valore delle ipotesi contrapponeva le esperienze. Il campo dellerudizione e della storia veniva ad unificarsi a quello delle scienze: il documento, infatti, veniva ad assumere, per la ricerca storica, la stessa funzione di prova dei fatti della storia, che aveva lesperimento nella ricerca scientifica. Da questa cerchia culturale ed erudita Benedetto XIV ricevette le sollecitazioni per listituzione del Museo Cristiano, che si configura come diretto erede, sia pure ridimensionato nelle proporzioni e nelle tematiche, del Museo Ecclesiastico 13 ideato da Francesco Bianchini e patrocinato da

9 S. ROTTA, Bianchini Francesco, in Dizionario Biografico degli Italiani, X, Roma 1968, pp. 187-194; BEVILACQUA, op. cit. alla nota 6, p. 24 s., vd. anche p. 33 ntt. 79-85 con bibliografia precedente; D. GALLO, Pour une histoire des antiquaires romains au XVIIIe sicle, in BOUTIER, MARIN, ROMANO, op. cit. alla nota 2, pp. 262-264; V. KOCKEL, B. SLCH (a cura di), Francesco Bianchini (1662-1729) und die europische gelehrte Welt um 1700 (Colloquia Augustana, 21), Berlin 2005. 10 A. PETRUCCI, Bottari, Giovanni Gaetano, in Dizionario Biografico degli Italiani, XIII, Roma 1971, pp. 409-417; BEVILACQUA, op. cit. alla nota 6, p. 22, vd. anche p. 33 nt. 52 e p. 34 nt. 93; GALLO, art. cit. alla nota 9, p. 258 s. 11 E. DAMMIG, Il movimento giansenista a Roma nella seconda met del secolo XVIII (Studi e Testi, 119), Citt del Vaticano 1945; R. BELVEDERI, Il giansenismo negli anni di Benedetto XIV, in CECCHELLI, op. cit. alla nota 1, pp. 379-443; BEVILACQUA, op. cit. alla nota 6, p. 22, con bibliografia precedente a p. 33 nt. 50. 12 V. FERRONE, Scienza, natura e religione. Mondo newtoniano e cultura italiana nel primo Settecento, Napoli 1982, cap. 6; ID., Alle origini della cultura illuministica napoletana: Celestino Galiani e la diffusione del newtonianesimo, in M. DI PINTO (a cura di), I Borboni di Napoli e i Borboni di Spagna (Atti del Convegno, Napoli 4-7 aprile 1981), Napoli 1985, pp. 325-364; E. DE RENZO, Galiani Celestino, in Dizionario Biografico degli Italiani, 51, 1998, pp. 453-456. 13 Sul Museo Ecclesiatico di Francesco Bianchini vd. B. SLCH, Das Museo Ecclesiastico. Beginn einer neuen Sammlungsra in Vatikan, in KOCKEL, SLCH, op. cit. alla nota 9, pp. 179-205; P. LIVERANI, Il Museo Ecclesiastico e dintorni, ibid., pp. 207-234. Il Museo Cristiano di Benedetto XIV realizza lidea di Museo che aveva trovato la sua genesi nei progetti di Francesco Bian-

100

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Clemente XI.14 Le avverse condizioni economiche e politiche in cui si trov il papato allo scadere del primo decennio del 700 15 avevano impedito che il grandioso progetto espositivo del Museo Ecclesiastico potesse essere portato a compimento, ma lo stimolo e le idee esercitati dal grande erudito e dallopera di papa Albani non erano venute meno. Molte infatti furono le voci, romane e internazionali, che si levarono nella prima met del XVIII secolo a favore della creazione del Museo Cristiano. Scipione Maffei vi vedeva un incentivo allo sviluppo degli studi ecclesiastici, un utile strumento di conferma e spiegazione dei dogmi della religione cattolica contro vecchi e nuovi oppositori.16 Giovanni Gaetano Bottari poneva invece laccento sulla necessit di conservazione di questo inestimabile patrimonio e, lamentando la perdita in 150 anni di molti monumenti descritti nellopera del Bosio, affermava che, se quelle opere fossero state raccolte e conservate, si sarebbe avuto uno de pi sontuosi Musei di cristiana erudizione .17 Il sostenitore pi instancabile fu tuttavia il nipote di Francesco Bianchini, lOratoriano Giuseppe Bianchini.18 Strettamente legato allo zio, ne portava avanti leredit spirituale e scien-

chini e che non era pi stata dimenticata. Tuttavia, come stato evidenziato, nel Museo creato da Papa Lambertini, non molto rimaneva della originaria prospettiva storico-cronologica, degli accostamenti argomentativi del materiale e del confronto diretto tra le antichit paleocristiane e quelle pagane, che distinguevano il Museo Ecclesiatico di Francesco Bianchini (SLCH, art. cit., pp. 184-186, 204-205). Sul ruolo della cultura settecentesca nella nascita delle istituzioni museali, ed in particolare sul Museo Ecclesiastico di Francesco Bianchini e sui successivi Museo Cristiano e Museo Profano vd. anche P. LIVERANI, M. G. PICOZZI, Il progresso degli antiquari, in A. LO BIANCO, A. NEGRO (a cura di), Il Settecento a Roma (Catalogo della mostra, Roma 2005-2006), Milano 2005, pp. 101-109. 14 C. M. S. JOHNS, Papa Albani and Francesco Bianchini: Intellectual and Visual Culture in Early Eighteenth-Century Rome, in KOCKEL, SLCH, op. cit. alla nota 9, pp. 41-55. 15 S. ANDRETTA, Clemente XI, in Dizionario Biografico degli Italiani, XXVI, Roma 1982, pp. 302-320; ROTTA, art. cit. alla nota 9, p. 191; SLCH, art. cit. alla nota 13, pp. 180, 192-193. 16 Vd. le pagine di dedica a Benedetto XIV del volume S. MAFFEI, Museum Veronense hoc est antiquarum inscriptionum atque anaglyphorum collectio cui Taurinensis adiungitur et Vindobonensis accedunt munumenta id genus plurima nondum vulgata, et ubicumque collecta, Veronae 1749. 17 G. G. BOTTARI, Sculture e Pitture Sacre, estratte dai Cimiteri di Roma, pubblicate dagli autori della Roma Sotterranea ed ora nuovamente date in luce colle spiegazioni, III, Roma 1754, pp. V-XXII; vd. anche la sua dedica al pontefice della ristampa del volume con le incisioni di Pietro Santi Bartoli (G. P. BELLORI, M. A. CAUSSEO, Picturae antiquae cryptarum Romanarum et Sepulchri Nasonum delineatae, et expressae ad Archetypa a Petro Sancti Bartholi et Francisco ejus filio descriptae vero et delineatae, Romae 1750, pp. V-VII). 18 Tra le sue carte si trovano numerosi ed interessanti documenti relativi alla genesi e alla formazione del Museo Cristiano, la cui sede negli intenti iniziali di Benedetto XIV doveva probabilmente essere il Campidoglio, come si vede dalla dicitura Museo Cristiano in Campidoglio, cancellata e modificata, negli scritti del Bianchini, con Museo Cristiano in Vaticano (v. MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, p. 67 nt. 29).

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

101

tifica, propugnandone le idee e completandone, fino alla pubblicazione, le opere rimaste inedite. In particolare, dobbiamo ricordare la Demonstratio historiae ecclesiasticae, le cui tavole, incise da Antonio Giuseppe Barbazza, furono ideate da Francesco Bianchini, ma perfezionate e portate a termine da Giuseppe.19 Esse costituiscono una raffigurazione ideale delle pareti del Museo Ecclesiastico ed , credo, indicativa la rappresentazione in esse di alcuni reperti che saranno poi esposti nel Museo Cristiano di Benedetto XIV.20 Oltre ad iscrizioni 21 e parti di sarcofagi 22 (inizialmente inseriti nelle pareti del
Le carte sono raccolte in 284 volumi manoscritti di opere e 11 di lettere, conservati alla Biblioteca Vallicelliana (E. PINTO, La Biblioteca Vallicelliana in Roma (Miscellanea della Societ Romana di Storia Patria, 8), Roma 1932, p. 93). Altre si trovano alla Biblioteca Apostolica Vaticana, v. Vat. lat. 8113-8116. 19 F. BIANCHINI, Demonstratio historiae ecclesiasticae quadripartitae comprobatae monumentis pertinentibus ad fidem temporum et gestorum, Romae 1752; v. anche A. G. BARBAZZA, Elenchus monumentorum quae continentur in sex prioribus tabulis ex aere incisis nostri Musei sacri et profani complectentibus demonstrationem historiae ecclesiasticae quadripartitae primi et secundi saeculi comprobatae monumentis pertinentibus ad fidem temporum et gestorum, Romae 1754; A. G. BARBAZZA, Methodus historiae ecclesiasticae quadripartitae et in saecula distributae, quae in XLVIII tabulis seris Sacr. Museum repraesentantibus incidenda proponitur ab A.J. Barbazza Prodit in lucem studio curaque J. Blanchini, Romae 1746; G. BIANCHINI, Methodus historiae ecclesiasticae quadripartitae comprobatae veteribus monimentis pertinentibus ad fidem temporum, et gestorum, Romae 1763. 20 Significativo a riguardo quanto afferma lo stesso Giuseppe Bianchini nella sua lettera a Benedetto XIV del 2 Maggio 1754, riportata in P. L. GALLETTI, Memorie per servire alla storia della vita del Cardinale Domenico Passionei segretario de Brevi e bibliotecario della S. Sede Apostolica, Roma 1762, p. 227 s.: Avrei certamente umiliato alla Santit Vostra in questo foglio, autentico testimonio della mia pronta ubbidienza, tutto lIndice delle Iscrizioni Cristiane, e de monumenti Sacri, che si potrebbero mettere nel nuovo Museo Vaticano, e che per la maggior parte ho nelle Tavole della mia Storia Ecclesiastica Quadripartita illustrati, se non avessi creduto essere un soverchio ardire il mio di venire a rubbare alla Santit Vostra troppi momenti di quel prezioso tempo. Che il museo virtuale edito da Giuseppe Bianchini abbia costituito lanello di congiunzione determinante tra il Museo Ecclesiastico di Francesco Bianchini e il Museo Cristiano di Benedetto XIV, stato messo in evidenza gi in SLCH, art. cit. alla nota 13, p. 181. 21 Riprodotte in BIANCHINI, Demonstratio, op. cit. alla nota 19, nella Tabula I, saeculi I, con tutti i dettagli della decorazione (vd. sotto il nr. 28 la lapide di Severa, ICUR, 23279, Musei Vaticani, inv. 28594) o semplicemente trascritte (vd., sotto il nr. 57 il titulus di Felix, ICUR 12459, Musei Vaticani, inv. 32359; difficile invece stabilire quando sia entrata nella collezione vaticana liscrizione di Pecorius, ICUR 4493, Musei Vaticani, inv. 32149, gi murata nel portico di S. Maria in Trastevere e riprodotta nella medesima tavola sotto il nr. 58; le iscrizioni di Fl. Secundinus ministrator chrestianus, ICUR, 22459, Musei Vaticani, inv. 32313, e del piccolo Apronianus, ICUR 23087, Musei Vaticani, inv. 32283, riprodotte nella medesima tavola sotto i nrr. 9 e 56 sembrano essere entrate direttamente al Laterano nella sistemazione effettuata da G. B. de Rossi). 22 BIANCHINI, Demonstratio, op. cit. alla nota 19, Tabula II, saeculi I, nr. 3 ( Ex sarcophago effosso prope Ecclesia S. Sebastiani sic!) = frammento del coperchio del sarco-

102

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Museo voluto dal Lambertini, trasferiti sotto Pio IX al Laterano e attualmente conservati nel Museo Pio Cristiano), si riconosce in queste tavole la riproduzione di numerosi vetri dorati e altri piccoli oggetti, ancora oggi facenti parte della collezione del Museo Cristiano. Nella Tabula II, saeculi I, in alto a destra sotto il nr. 28 (fig. 3a-b) si vede il fondo oro inv. 60771; 23 nella Tabula III, saeculi I (figg. 4-5), nella fila in alto a sinistra sotto i nrr. 4, 6, e 7, troviamo, rispettivamente, i vetri dorati invv. 60764,24 60779,25 60702; 26 sempre a sinistra, nella seconda fila in alto, sotto i nrr. 26, 27 e 28, rispettivamente, i fonfago Musei Vaticani, inv. 31486 (O. MARUCCHI, I Monumenti del Museo Cristiano Pio Lateranense, Milano 1910, tav. XXXVI,1; F. W. DEICHMANN, G. BOVINI, H. BRANDENBURG, Repertorium der christlich-antiken Sarkophage. I Band: Rom und Ostia, Wiesbaden 1967, n. 28; C. GENNACCARI, Museo Pio Cristiano. Documenti inediti di rilavorazioni e restauri settecenteschi sui sarcofagi paleocristiani, in Monumenti Musei e Gallerie Pontificie. Bollettino, 16, 1996, pp. 161, 222; J. DRESKEN-WEILAND, Sarkophagbestattungen des 4.-6. Jahrhunderts im Westen des rmischen Reiches, Rmische Quartalschrift fr christiliche Altertumskunde und Kirchengeschichte. Supplementband, 55, Freiburg 2003, p. 375 s. Kat. E 17; C. GENNACCARI, Osservazioni sul registro inventariale Lateranense. Un contributo per ricostruire la storia del Museo Pio Cristiano, in Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, 25, 2006, p. 234 s.; il sarcofago fu invece ex Vaticano coemeterio effossus , secondo la notizia fornita da Antonio Bosio, che riproduce il sarcofago integro, con la didascalia nella medesima Chiesa di S. Pietro fu trovato ancora questo Pilo; sta hora in unhorto vicino alla Chiesa di S. Marta; senza il coperchio , cfr. A. BOSIO, Roma sotterranea, Roma 1632, p. 63); nr. 11 = particolare della parte superiore sinistra della fronte del sarcofago Musei Vaticani, inv. 31535 (MARUCCHI, op. cit., tav. XXX, 4; DEICHMANN, BOVINI, BRANDENBURG, op. cit., n. 44; GENNACCARI, Museo Pio Cristiano. Documenti inediti di rilavorazioni, art. cit., pp. 161, 173, 209 s.; C. GENNACCARI, Museo Pio Cristiano: documenti inediti del 700 per la storia di alcuni rilievi, in Monumenti Musei e Gallerie Pontificie. Bollettino, 17, 1997, p. 36; GENNACCARI, Osservazioni, art. cit., p. 244 s.); Tabula I, saeculi II, nr. 28 ( in Coemet. SS. Petri et Marcellini ) = Musei Vaticani, inv. 31548 (MARUCCHI, op. cit., tav. XXXIII, 2; DEICHMANN, BOVINI, BRANDENBURG, op. cit., n. 159; GENNACCARI, Museo Pio Cristiano. Documenti inediti di rilavorazioni, art. cit., p. 230; GENNACCARI, Museo Pio Cristiano: documenti inediti del 700, art. cit., p. 51; GENNACCARI, Osservazioni, art. cit., p. 248 s.); Tabula II, saeculi II, nr. 25 ( Ex coemet. Vatic.) = particolare della met sinistra della fronte del sarcofago Musei Vaticani, inv. 31556 (MARUCCHI, op. cit., tav. XXXV, 1; DEICHMANN, BOVINI, BRANDENBURG, op. cit., n. 25; GENNACCARI, Museo Pio Cristiano. Documenti inediti di rilavorazioni, art. cit., pp. 161, 162, 170, 219, 245; GENNACCARI, Museo Pio Cristiano: documenti inediti del 700, art. cit., p. 42; GENNACCARI, Osservazioni, art. cit., p. 250 s.; il sarcofago, secondo quanto tramandato dal Bosio, proviene invece dal cimitero di Lucina, presso la basilica di S. Paolo f. l. m.; da qui fu trasferito sullAventino a S. Maria del Priorato, dove venne utilizzato come tomba di fra Riccardo Caracciolo, Gran Maestro dellOrdine dei cavalieri di Malta, cfr. BOSIO, op. cit, pp. 159, 161). 23 C. F. MOREY, G. FERRARI, The gold glass Collection of the Vatican Library (Catalogo del Museo Sacro della Biblioteca Apostolica Vaticana, IV), Citt del Vaticano 1959, nr. 78. 24 MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, nr. 76. 25 Ibid., nr. 104. 26 Ibid., nr. 2.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

103

Fig. 3a. F. BIANCHINI, Demonstratio historiae ecclesiasticae quadripartitae comprobatae monumentis pertinentibus ad fidem temporum et gestorum, Romae 1752, Tabula II, saeculi I (particolare): sotto il nr. 28 rappresentato il fondo oro inv. 60771

Fig. 3b. Il vetro dorato inv. 60771

di vitrei con decorazione aurea invv. 60631,27 60789,28 60796; 29 a destra, invece, nella fila in alto, sotto i nrr. 18 e 23, sono riprodotti, rispettivamente, i vetri dorati invv. 60794,30 60795; 31 sempre a destra, ma nella seconda fila in alto, sotto il nr. 59, il fondo decorato con foglia doro inv. 60783; 32 nella Tabula II, saeculi II, a sinistra, in posizione centrale, sotto il nr. 49 (fig. 6a-b), si riconosce infine il fondo oro inv. 60733.33 La lucerna a canale aperto di tipo africano in bronzo, inv. 60933,34 raffigurata nella Tabula III, saeculi I, sotto il nr. 30 (fig. 7a-b), e alla sua destra, sotto il nr. 33, si trova anche la piccola imIbid., nr. 187. Lidentificazione di questo vetro dipende dalla descrizione del Vettori nellinventario del 1762 (vedi infra nota 68) e dalla concordanza, che il de Rossi pot effettuare grazie al posizionamento del vetro ancora nella sua teca originaria nel suo nuovo inventario della collezione (vedi infra nota 74), redatto prima del 1894, anno della sua morte. Attualmente, infatti, come gi al tempo di de Rossi, la raffigurazione risulta totalmente illegibile. 28 Ibid., nr. 102. 29 Ibid., nr. 109. 30 Ibid., nr. 92. 31 Ibid., nr. 93. 32 Ibid., nr. 107. 33 Ibid., nr. 114. 34 M. CONTICELLO DE SPAGNOLIS , E. DE CAROLIS, Le lucerne di bronzo (Musei della Biblioteca Apostolica Vaticana, Inventari e Studi, 1), Citt del Vaticano 1986, p. 41 s. nr. 14; U. UTRO, Lucerna bronzea con croce e colomba, in L. PANI ERMINI, Christiana Loca. Lo spazio cristiano nella Roma del primo millennio (Catalogo della mostra, Roma, 5 settembre 15 novembre 2000), II, Roma 2001, p. 230.
27

104

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 4a. BIANCHINI, Demonstratio, Tabula III, saeculi I (parte sinistra, particolare): nella fila superiore sotto i nrr. 4, 6, e 7 sono raffigurati i vetri dorati invv. 60764, 60779, 60702; nella fila inferiore, sotto i nrr. 26, 27 e 28, i vetri dorati invv. 60631, 60789, 60796

Fig. 4b. Nella fila superiore i vetri dorati invv. 60764, 60779, 60702; in quella inferiore i vetri dorati invv. 60631, 60789, 60796

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

105

Fig. 5a. BIANCHINI, Demonstratio, Tabula III, saeculi I (parte destra, particolare): nella prima fila, sotto i nrr. 18 e 23, sono riprodotti, rispettivamente, i vetri dorati invv. 60794, 60795; nella seconda, sotto il nr. 59, il vetro dorato inv. 60783

Fig. 5b. Nella fila superiore i vetri dorati invv. 60794, 60795; in quella inferiore il vetro dorato inv. 60783

106

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 6a. BIANCHINI, Demonstratio, Tabula II, saeculi II (particolare): sotto il nr. 49 (fig. 6a-b), raffigurato il vetro dorato inv. 60733

Fig. 6b. Il vetro dorato inv. 60733

barcazione in avorio della collezione Carpegna,35 inv. 62588 (fig. 7a, c), mentre la medaglia devozionale bronzea, inv. 60542,36 compare nella Tabula II, saeculi II, contrassegnata dal nr. 139 (fig. 8a-b). Giuseppe Bianchini auspicava la creazione di un museo cristiano, lamentando lo stato di dispersione e di degrado in cui versavano le iscrizioni cristiane, barbaramente adoperate per riempir fondamenti, per ristorar case, e per lastricare i pavimenti delle chiese , e i superbi Sarcofagi Cristiani per la maggior parte rovinati, o convertiti ad usi profani, con vivo dolore di chi ha qualche amore alla sacra venerabile antichit ovvero a grande ignominia della Chiesa Santa, ridotti ad uso indegno di vasche, per abbeverare le bestie .37 A queste voci si un certamente quella del Card. Bibliotecario Domenico Passionei, che nel 1741 aveva spinto Benedetto XIV ad acquistare per la Biblioteca Vaticana il Museo del Cardinale Gaspare Carpegna, composto da vetri cemeteriali, medaglie, idoli e simili antiche rarit , e con importanti memorie a carattere sacro.38
Cfr. F. BUONARROTI, Osservazioni istoriche sopra alcuni medaglioni antichi, Roma 1698, p. XXVII, fig. a p. 395; R. GARRUCCI, Storia dellarte cristiana, VI, Prato 1880, pp. 101-102 nrr. 2-2, tav. 467 nrr. 2-2; C. R. MOREY, Gli oggetti di avorio e di osso del Museo Sacro Vaticano (Catalogo del Museo Sacro della Biblioteca Vaticana, I), Citt del Vaticano 1936, p. 53 nr. A18, tav. III. 36 V. da ultimo U. UTRO, Devotional Medal with the Good Shepherd and Biblical Scenes, in Journey of Faith. Art & History from the Vatican Collections (Catalogo della mostra, Singapore, giugno-ottobre 2005), Singapore 2005, p. 95. 37 GALLETTI, op. cit. alla nota 20, pp. 227-232, part. p. 228. 38 Un ricordo di questo intervento nella Bolla Inter gravissimas, cfr. DE MARTINIS, op. cit. alla nota 1, pp. 282-284, part. pp. 282-283, che data la Bolla al 27 gennaio 1757 (copia ma35

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

107

Fig. 7a. BIANCHINI, Demonstratio, Tabula III, saeculi I (particolare): sotto il nr. 30 rappresentata la lucerna bronzea, inv. 60933, sotto il nr. 33, la piccola imbarcazione in avorio della collezione Carpegna, inv. 62588

Fig. 7b. La lucerna a canale aperto di tipo africano in bronzo, inv. 60933

Fig. 7c. La piccola imbarcazione in avorio della collezione Carpegna, inv. 62588

108

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 8a. BIANCHINI, Demonstratio, Tabula II, saeculi II (particolare): sotto il nr. 139 riprodotta la medaglia devozionale bronzea, inv. 60542

Fig. 8b. La medaglia devozionale bronzea, inv. 60542

Lidea di un Museo Cristiano tuttavia non doveva essere estranea ai pensieri del pontefice e le sollecitazioni degli studiosi trovarono in lui un terreno fertile su cui attecchire, come si desume dalle sue parole nella bolla di istituzione del Museo: Essendo noi mossi dalle continue premure degli uomini letterati in Roma, e fuori di Roma, ed indotti non meno dal nostro genio particolare, che dalla ferma speranza di vedere illustrata la nostra santa religione anche con gli antichi monumenti de nostri primitivi cristiani, ci risolvemmo anni sono dapplicare alleffettuazione del Sacro Museo .39 Nel 1754, quando Benedetto XIV affida a Giuseppe Bianchini lincarico di raccogliere tutte le iscrizioni cristiane e i monumenti sacri pi importanti esistenti a Roma 40 per il Museo Cristiano da istituire in Vaticano,41 comincia per la prima volta ad assumere una forma pi concreta la pianificazione delnoscritta del documento, ma senza data, in ASV, Fondo Benedetto XIV, 28, ff. 99r-101v, cfr. part., a riguardo, ff. 99v-100r). Linventario della collezione redatto in occasione dellacquisizione dal notaio Gregorio Castellani si conserva in BAV, Vat. lat. 9153, unaltra copia in ASR, Notai Segr. R.C.A. 408, ff. 25-190 e unulteriore compilata su istanza del Card. Passionei conservata a Roma nella Biblioteca Angelica (cod. 1115, gi S. 3.10). Questo inventario stato parzialmente edito in Documenti inediti per servire alla storia dei Musei dItalia pubblicati a cura del Ministero della Pubblica Istruzione, II, Firenze-Roma 1879, pp. 182-224. In Vat. lat. 9154, si trova invece un precedente inventario della collezione Carpegna (a. 1714). 39 DE MARTINIS, op. cit. alla nota 1, p. 310; ASV, Fondo Benedetto XIV, 28, f. 94 v. 40 GALLETTI, op. cit. alla nota 20, pp. 227-228. 41 Nella progettazione iniziale la sede prescelta per la sistemazione del Museo sembra essere stata invece il Campidoglio, vd. sopra, a riguardo, nota 17.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

109

la nuova entit museale,42 che, esattamente come il Museo Ecclesiastico di Francesco Bianchini del quale, come si detto, ripropone e sviluppa le tematiche, ma in un progetto essenzialmente ridotto e limitato alle sole antichit cristiane si va ad inquadrare perfettamente nella corrente di pensiero e di studi antiquarii settecenteschi, secondo i quali il monumento non ha valore di per s e per la sua estetica, ma semplicemente quale prova dei fatti in una ricostruzione essenzialmente storica. Oltre che per la preservazione dei documenti, il Museo Cristiano 43 nasce infatti con un chiaro intento apologetico e didascalico, che traspare dalle parole delloptimarum artium di Benedetto XIV e dalliscrizione posta sopra il suo ingresso: Benedictus XIV P(ontifex) M(aximus) / ad augendum Urbis splendorem / et asserendam religionis veritatem / sacris christianorum monimentis / Musei Carpinei, Bonarrotii, Victorii / aliisque plurimis undique conquisitis / et ab interitu vindicatis / novum Museum / adornavit, instruxit, perfecit / anno MDCCLVI 44 (fig. 9).
Lidea doveva per essere pi antica e risalire agli anni in cui il Lambertini non era ancora stato innalzato al soglio pontificio, come egli stesso scrive nella Bolla Inter gravissimas: in votis enim nobis erat etiam tunc cum in minoribus constituti ac in scripta aliaque volumina tertium typis in lucem edita concinnare studebamus, ut Musaeum rerum omnium sacrarum extrueretur, in quo sacra antiquitatis monumenta undique conquisita servarentur (cfr. DE MARTINIS, op. cit. alla nota 1, pp. 282-284, part. p. 282, che data la Bolla al 27 gennaio 1757); la copia manoscritta, senza data, del documento in ASV, Fondo Benedetto XIV, 28, ff. 99r-101v, vd. part. ff. 99r-v). Il 13 Settembre 1749, nella lettera a Scipione Maffei, che gli aveva dedicato la sua opera, Benedetto XIV ringrazia lautore del Museum Veronense, anche per averci proposta lidea di un Museo Cristiano, alla quale certo non lasceremo dandar pensando, riconoscendola per unopera propria dun Papa e di Roma (ASV, Segreteria di Stato, Principi, 240, f. 218 r). Vd. anche le pagine di dedica a Benedetto XIV in MAFFEI, op. cit. alla nota 16: Sed alia insuper causa impulit, quamobrem me Pontificio throno volumen hocce praeferens sisterem. Consilium meum statim aperire, atque exponere, nequaquam vereor. Huius, ut ita dicam, oblationis qualicumque merito precem, ac obsecrationem admovere, et magum quid a Sanctitate Tua petere, diutius quidem a me perpensum, atque exoptatum constitui. Id autem est, ut post decantatas Gentilium cimeliorum, non sine ingenti pecuniae profusione, tot in locis a multis coactas congeries, Museum Christianum, novo quidem exemplo sed magno pietatis incremento, auctoritate, ac sapientia tua Romae demum adornare, atque exstruere velis . 43 Questa la denominazione ufficiale che compare nella Bolla Ad optimarum artium, ma nel motu proprio di Benedetto XIV (in lingua italiana) il nuovo Museo viene sempre e costantemente accompagnato dalla definizione Sacro e Museo Sacro Cristiano il nome che sembra essere codificato nella guida dello Chattard del 1767 (G. P. CHATTARD, Nuova descrizione del Vaticano o sia del Palazzo Apostolico di San Pietro, Roma 1767, p. 54). Museo Cristiano Lambertino si trova inoltre spesso negli scritti di Giuseppe Bianchini (cfr. GALLETTI, op. cit. alla nota 20, pp. 22-232). 44 Si vedano anche le parole con cui Giuseppe Bianchini si rivolge a Benedetto XIV, lodando la nascita del nuovo Museo: Haec sunt, beatissime pater, quae abunde suggeret Christianum Cimeliarchium Vaticanum, auctoritate Tua fundatum; in quo licebit, collegia
42

110

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 9. Iscrizione celebrativa della nascita del Museo Cristiano, inserita nella facciata dingresso

Fig. 10. Il prospetto architettonico di accesso al Museo Cristiano

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

111

La sede del nuovo Museo fu individuata negli ambienti della Biblioteca Vaticana e lo spazio per la sua installazione fu ricavato chiudendo la parte terminale della Galleria di Urbano VIII. I lavori di sistemazione iniziarono nel 1756, come attestano la data sulliscrizione dedicatoria, il contratto stipulato con lo scultore Pietro Pacilli e alcuni rendiconti di pagamento.45 Laccesso al museo fu impreziosito da un suntuoso prospetto architettonico in marmi colorati 46 (fig. 10), movimentato da quattro colonne di giallo
Consulum enumerare, plurimorum Martyrum tumulis frequenter consignata, et Caesarum persecutiones metiri, unde ad Chronotaxim Ecclesiae in actis martyrum, et in libro pontificali per quinque priora saecula aere Christianae procedimus, non incertis, ut antea, vestigiis codicum discrepantium, sed plana consularique via, lapidibus veterum Christifidelium complanata. Primaevam quoque Ecclesiae disciplinam ibidem addiscemus, tum ex marmoribus, illuc, Te iubente, translatis, tum ex aliis cimeliis in Arenariis effossis, tum ex calendarii Romani originibus, ad perennitatem Christiani nominis relatis in Cimeliarchii eiusdem antiquas inscriptiones, quae fastos triumphales Romae Christianae in Vaticano colle dedicatos, exhibebunt. Sancta autem et alma Roma, erectis beatissimorum apostolorum principum trophaeis adhuc illustrior, in Vaticano museo palam omnibus demonstrabit prima Chistianorum studia, fidem, pietatem, religionem, coemeteriaribus monimentis comprobatam in picturis, in cubiculis, in sepulcris illorum temporum, quae sunt demonstrationis evangelicae certissima testimonia (trad.: Nel Museo, da voi, Beatissimo Padre, fondato, potremo numerare i collegi dei consoli spesso registrati sulle tombe di molti martiri, contare le persecuzioni dei Cesari: onde per cinque secoli dellera cristiana procediamo non pi incerti, come prima, ma con una via facile e appianata dalle lapidi degli antichi cristiani. Ivi impariamo a conoscere anche la primitiva disciplina della Chiesa, la fede e la piet dei primi cristiani mediante i monumenti cimiteriali, le pitture, i sepolcri di quei tempi, che sono testimoni certi dellevangelica predicazione . Il testo riportato in GALLETTI, op. cit. alla nota 20, pp. 230-231). 45 ASV, Palazzo Ap., Computisteria 280, nr. 81: contratto stipulato in data 14 Settembre 1756 dallo scultore Pietro Pacilli per la realizzazione dei due putti e dellarma di Benedetto XIV da collocare nel prospetto del nuovo Museo Sagro e relativo mandato di pagamento in data 22 Giugno 1757. Vd. anche ASV, Palazzo Ap., Computisteria 280, nr. 78: conto e mandato di pagamento allintagliatore di pietre Domenico Gioannini per la fattura di quattro capitelli corinzi da porre sulle colonne di giallo antico del prospetto del nuovo Museo Sagro dell11 Giugno 1757; ASV, Palazzo Ap., Computisteria 280, nr. 25 (conti dei lavori effettuati dal 1 Luglio al 31 Dicembre 1756): lavori di spostamento delle quattro colonne di giallo antico dalla Loggia sopra il Nicchione del Giardino Segreto (Belvedere); ASV, Palazzo Ap., Computisteria 281, nr. 168, ff. 868r-897v.: conto dei lavori effettuati da Andrea Blasi scalpellino del Sagro Palazzo Apostolico per il nuovo Museo Sagro (che comprende non solo tutti i lavori fatti nelle Chiese, e Palazzi di Roma da quali sono stati levati i sarcofaghi, ed in luogo di essi vi sono state poste altre urne ed alcune iscrizioni, ma anche tutti i lavori fatti nella stanza dellistesso Museo e nel prospetto esteriore del med.mo, compresi anche li altri lavori di giunte e riporti di marmo fatti att.no i medesimi Bassirilievi Sagri per poterli collocare nelle pareti del med.o museo ) e mandato di pagamento del 17 Novembre 1757. 46 Il disegno del prospetto fu elaborato da Paolo Posi, Architetto dei Sacri Palazzi, mentre lesecuzione fu affidata allo scultore Pietro Pacilli (v. MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, p. 72 s.; C. PIETRANGELI, I Musei Vaticani: cinque secoli di storia, Roma 1985, pp. 33-36).

112

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

antico, prelevate dallemiciclo di Pirro Ligorio nel Nicchione del Belvedere e poste su un alto basamento a sorreggere larchitrave a linea spezzata e il timpano centrale. Sotto a questultimo si apre la porta daccesso, sormontata dalla gi menzionata iscrizione a ricordo della fondazione del Museo e da due putti marmorei che sorreggono le armi di Benedetto XIV. Negli intercolumni minori ai lati dellingresso furono collocate le statue sedute di Ippolito, nella parte sinistra del prospetto, e di Elio Aristide, in quella di destra.47 Il monumento di Ippolito fu poi trasferito al Laterano nel 1854 e sostituito con uno analogo raffigurante loratore di Lisia.48 Due statue del Buon Pastore (fig. 11a-b), oggi conservate nel Museo Pio Cristiano, furono poste, a distanza di qualche anno luna dallaltra, a ornare altrettante nicchie aperte sulle pareti laterali della galleria a fianco del prospetto architettonico (fig. 12). Al tempo di Pio IX le statue furono portate al Laterano e le nicchie furono chiuse e decorate a pittura.49 La volta della sala fu decorata da due affreschi di Stefano Pozzi, rappresentanti la Chiesa Trionfante e il Trionfo della Fede ,50 mentre nella parte alta delle pareti furono incassati, entro cornici in stucco dorate, bassorilievi ricavati da sarcofaghi tardoantichi, segati e risistemati per loccasione: la guida dello Chattard del 1767, ci fornisce lelenco dei soggetti dei 36 bassorilievi.51 In
Queste due statue erano state donate alla Biblioteca Vaticana nel 1551 dal Card. Marcello Cervini, futuro papa Marcello II (1555), allora prefetto della Biblioteca Apostolica, cfr. PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, pp. 23, 36; v. anche F. BURANELLI, Il collezionismo pontificio e larte paleocristiana, in Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, 25, 2006, pp. 329-331. La statua di Ippolito compare raffigurata nei due profili anche in una delle tavole della Demonstratio historiae ecclesiasticae, dove trascritto anche il testo epigrafico inciso sulle due fiancate della cathedra (BIANCHINI, Demonstratio, op. cit. alla nota 19, Tabula III saeculi II, nrr. 19-20, 56-57). 48 MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV art. cit. alla nota 1, p. 72 con nt. 57; R. CARLONI, I fratelli Franzoni e le vendite antiquarie del primo Ottocento al Museo Vaticano, in Musei Monumenti e Gallerie Pontificie. Bollettino, 13, 1993, p. 185. 49 V. da ultimo C. GENNACCARI, Le statue del Buon Pastore nei Musei Vaticani. Rilettura e additamenta alla luce di alcuni documenti del Settecento, in Rivista di Archeologia Cristiana, 75, 1999, pp. 461-473. 50 PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 36. 51 CHATTARD, op. cit alla nota 43, pp. 55-56: il buon Pastore; lOrazione nellOrto di Getsemani; Nostro Signore preso e legato nellOrto; la disputa fra i Dottori; lilluminazione del Cieco nato; le Nozze di Cana Galilea; ladorazione de R Magi; Giona gettato in mare, ed ingoiato dalla balena; Giona vomitato dalla balena; Daniele nella fossa de Leoni; la Risurrezione di Lazzaro; Adamo, ed Eva tentati dal Serpente; la moltiplicazione de pani nel Deserto alle Turbe; il Paralitico risanato; S. Pietro piangente al canto del Gallo; Mos che fa scaturire lacqua dalla Rupe; lingresso di Nostro Signore in Gerosolima, con Zaccho su lalbero; le Quattro Stagioni; Giona sotto la pergola; il Sacrificio dIsacco; Donna guarita dal flusso di sangue; il trasporto dElia al Cielo sul carro di fuoco; i tre Fanciulli nella Fornace di Babilo47

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

113

Fig. 11a-b. Le due statue del Buon Pastore, oggi al Museo Pio Cristiano, gi poste a ornare le nicchie sulle pareti laterali della galleria di Urbano VIII, a fianco del prospetto architettonico di accesso al Museo Cristiano di Benedetto XIV

realt sappiamo che furono utilizzati 57 rilievi indipendenti, montati e collegati tra di loro in modo da ottenere 38 pezzi,52 con una differenza di due pezzi rispetto alla numerazione tramandata dallo Chattard. Nei parapetti delle finestre erano collocate, sempre secondo lo Chattard, 20 iscrizioni, intere o frammentarie.53 Circa un secolo dopo, sotto Pio IX, questi reperti marmorei furono staccati e trasferiti al Laterano per essere esposti nel nuovo Museo Pio Cristiano, creato nel 1854.54 Del loro antico posizionamento sulle pareti del
nia; il Santo Presepe; Ges condotto avanti Pilato; No, che riceve nellarca lOlivo dalla Colomba; Due Teste de SS. Apostoli Pietro, e Paolo; il buon Pastore in una Nicchia; altra Adorazione de R Magi al Presepe; Palma con Ampolla; altra Risurrezione di Lazzaro. Un Monogramma con le lettere Alpha, ed Omega; una Croce Armena fatta secondo la sua Epoca del DCXCV, cio dellEra Cristiana MCCXLV; per la croce armena, gi nellappartamento di Benedetto XIII cfr. anche ASV, Palazzo Ap., Computisteria 281, nr. 168, f. 375 r-v. 52 GENNACCARI, Museo Pio Cristiano. Documenti inediti di rilavorazioni, cit. alla nota 22, p. 156. 53 CHATTARD, op. cit alla nota 43, pp. 56-57. 54 Su tali reperti e sulle lavorazioni subite prima della messa in opera sulle pareti del Museo Cristiano v. GENNACCARI, Museo Pio Cristiano. Documenti inediti di rilavorazioni, cit. alla

114

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 12. La parete lunga della Galleria di Urbano VIII nel punto in cui si apriva la nicchia, destinata ad ospitare una delle due statue del Buon Pastore, poi chiusa e decorata a pittura al tempo di Pio IX

Museo Cristiano in Vaticano rimangono numerose tracce visibili in condizioni di luce radente.55 Lungo i quattro lati della sala furono collocati venti armadi in radica di noce, con applicazioni in bronzo dorato,56 successivamente decorati dal Vanota 22, pp. 153-285; C. GENNACCARI, Museo Pio Cristiano in Vaticano. Inediti e additamenta, in MEFRA 109, 1997, pp. 833-854; GENNACCARI, Museo Pio Cristiano: documenti inediti del 700, art. cit. alla nota 22, pp. 29-60. Relativamente allo spostamento in Laterano, cfr. PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 181-184; sul Museo Pio Cristiano al Laterano v. ora U. UTRO, Dalle catacombe al museo: storia e prospettive del Museo Pio Cristiano, in Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, 25, 2006, pp. 397-415; sul materiale e sulla storia della collezione attraverso i vecchi registri inventariali v. GENNACCARI, Osservazioni, art. cit. alla nota 22, pp. 163-289. 55 Diversamente PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 37, ritiene che sarcofagi ed iscrizioni fossero murati nellattigua stanza, attualmente denominata dei Papiri. 56 Gli armadi furono realizzati dai falegnami Giovanni Battista Pericoli e Antonio Ravasi (ASV, Palazzo Ap., Computisteria 283, nr. 99), le decorazioni bronzee dallargentiere Bar-

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

115

Fig. 13. Veduta del Museo Cristiano: gli armadi in radica di noce, opera di Giovanni Battista Pericoli e Antonio Ravasi, sormontati dai busti dei primi ventiquattro Cardinali Bibliotecari, realizzati da Luigi Valadier

ladier con i busti dei primi ventiquattro Cardinali Bibliotecari (fig. 13),57 e, al centro di essa, sembra fossero disposti due tavoli di granito, ricavati da una lastra del Pantheon.58 Oltre ai sarcofaghi e alle iscrizioni raccolti su indicazione del Bianchini e sistemati a decoro delle pareti, il Museo comprendeva tre collezioni principali: quella, gi ricordata, del Card. Gaspare Carpegna, conservata fin dal 1741 nella Biblioteca Vaticana e formata per buona parte anche da materiale a carattere profano, come specificato dallo stesso Benedetto XIV nel motu proprio; 59 la cospicua collezione di oggetti cristiani donata personalmente al
tolomeo Buroni (ASV, Palazzo Ap., Computisteria 281, nr. 129; ASV, Palazzo Ap., Computisteria 282, nr. 14), v. MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, p. 74; PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 36. 57 MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, p. 74; PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 36. 58 Cos MORELLO, Il Museo Cristiano , di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, p. 74. 59 DE MARTINIS, op. cit. alla nota 1, p. 310; ASV, Fondo Benedetto XIV, 28, f. 95r.

116

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Pontefice nel 1756 da Francesco Vettori, che contava 6500 impronte gemmarie e 400 reperti, costituiti da vetri dorati, gemme, cammei, intagli su cristallo e vari altri manufatti; 60 infine la collezione di vetri dorati del senatore Filippo Buonarroti, che comprendeva anche un prezioso avorio medievale, il famoso Dittico di Rambona.61 A queste raccolte si aggiunsero i sei vetri dorati del Card. Flavio I Chigi; 62 le antichit cristiane di epoca medievale e moderna di Anton Francesco Gori; 63 le bolle plumbee e i sigilli dellantiquario Francesco de Ficoroni; 64 gli zolfi di Pier Leone Ghezzi, con impronte di cammei e intagli antichi; 65 le moCfr. R. RIGHETTI, Le opere di glittica dei Musei annessi alla Biblioteca Vaticana, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, 28, 1955-56, pp. 287-288; PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 33. Un inventario parziale (gi ritenuto perduto) delle opere del Museo Vettori, passate nel Museo Cristiano, si conserva in duplice copia in Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 11, ff. 469r-481r; Arch. Bibl. 51, ff. 42r-60v: firmato in entrambe le copie dal Vettori e comprende lelenco delle Lucernae Fictiles (nr. 67), Gemmae antiquae Sacris Imaginibus et Symbolis insignitae (nr. 52), Numismata (nr. 46), Anuli Veter. Christianor. (nr. 14, pi 2 aggiunti nella copia Arch. Bibl. 51), Pondera Veterum Christianorum (nr. 14), Iesu Christi Imagines (nr. 25 oggetti, pi 2 aggiunti nella copia Arch. Bibl. 51), Sigilla ex plumbo (nr. 12), Fragmenta Vitrea (nr. 49, pi 18 aggiunti nella copia Arch. Bibl. 51), Varia Sacra Monimenta (nr. 24, pi 1 aggiunto nella copia Arch. Bibl. 51), per un totale di 326 oggetti (303 + 23 aggiunti), ma in calce al documento si annota: Sunt quoque plura ex ebore vetusta monimenta, quae cum Sacra non sint, licet variis temporibus e sacris Coemeteriis prodierint, heic non describuntur . Nellinventario del Museo Cristiano del 1762 (vd. infra con nota 68) risultano inoltre catalogati come provenienti dalla collezione Vettori diversi altri manufatti di materiale vario, che tuttavia non sono compresi in questo inventario del Museo Vettori. 61 D. GALLO (a cura di), Filippo Buonarroti e la cultura antiquaria sotto gli ultimi Medici, Catalogo della mostra, Firenze 1986; GALLO, art. cit. alla nota 9, p. 258. 62 Gi inviati da Benedetto XIV alla Biblioteca Vaticana dal 1746 (cfr. Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 32, c. 23), furono consegnati dallAssemani a Francesco Vettori assieme ai 62 vetri del Museo Carpegna l8 Marzo 1756 (cfr. Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 11, f. 370r). 63 MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, p. 75; lelenco degli oggetti della collezione Gori acquisiti per il Museo Cristiano si trova in ASV, Palazzo Ap., Computisteria 283, nr. 91, ed riportato da MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, art. cit. alla nota 1, pp. 86-88 nr. 5; su Anton Francesco Gori vd. da ultimo S. NAPOLITANO, Lantiquaria settecentesca tra Napoli e Firenze: Felice Maria Mastrilli e Gianstefano Remondini, Firenze 2005, passim e part. pp. 40-44, con bibliografia; vd. anche M. P. DONATO, M. VERGA, Mecenatismo aristocratico e vita intellettuale. I Corsini a Roma, Firenze e Palermo nella prima met del Settecento, in BOUTIER, MARIN, ROMANO, op. cit. alla nota 2, pp. 564-574. 64 F. DE FICORONI, I piombi antichi, Roma 1740; S. LE GRELLE, Saggio storico sulle collezioni numismatiche vaticane, in C. SERAFINI, Le monete e le bolle plumbee pontificie del Medagliere vaticano descritte ed illustrate, I, Milano 1910, p. XXI. L. ASOR ROSA, Ficoroni, Francesco de, in Dizionario Biografico degli Italiani, 47, 1997, pp. 395-396. 65 Lacquisto risale al 1746. Il catalogo degli zolfi del Ghezzi in BAV, Vat. lat. 14928. Su questa raccolta, composta in realt da soli 3710 pezzi e non di 6669, come affermato
60

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

117

nete pontificie di Saverio Scilla 66 e altri oggetti comprati dal Pontefice o a lui donati. Di tutto questo materiale, che assommava a pi di mille pezzi e che era costituito da oggetti, di varia natura e provenienza, e da non pochi falsi, ritenuti spesso autentici,67 ci tramandata nota nellinventario fatto redigere nel 1762 da Francesco Vettori e compilato in tre copie da Elia Baldi.68 La collezione copriva un arco temporale compreso tra il I sec. d.C. e il XV/XVI sec.69 ed era sistemata negli armadi per lo pi in una serie di teche (sorta di quadri) con vetri e cornici dorate, fatte realizzare appositamente dal Vettori70 (una di queste teche miracolosamente giunta fino a noi,71 vd. fig. 14): in esse i reperti erano generalmente disposti senza tener conto della pro-

dallo stesso Ghezzi, cfr. G. C. ALTERI, Le collezioni di calchi del medagliere della Biblioteca Apostolica Vaticana, in Miscellanea Bibliothecae Apostolicae Vaticanae, I (Studi e Testi 329), Citt del Vaticano 1987, pp. 7-32, part. pp. 8-12. Su Pier Leone Ghezzi vd. GALLO, art. cit. alla nota 9, p. 264, con ampia bibliografia a nota 25. 66 LE GRELLE, op. cit. alla nota 64, pp. XXII-XXX. 67 Si possono ricordare a questo proposito il finto mosaico con profilo di Cristo della collezione Vettori (Musei Vaticani, inv. 64316), ritenuto proveniente dagli antichi cimiteri, ma in realt uno stucco dipinto e inciso del sec. XVIII, e il calice campaniforme con decorazione a linee ondulate in rilievo (Musei Vaticani, inv. 60238), opera del XVIII sec. 68 Le tre copie del catalogo manoscritto degli oggetti di pertinenza del Museo Cristiano sono conservate presso la Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 70; Arch. Bibl. 72; Arch. Bibl. 73. La numerazione progressiva degli oggetti presente su due copie dellinventario, Arch. Bibl. 70 e Arch. Bibl. 72, moderna e si deve a Monsignor Le Grelle: il numero totale di 1107 non corrisponde alla consistenza reale della raccolta, poich ci sono numerosi numeri doppi (cfr. MORELLO, Il Museo Cristiano di Benedetto XIV, cit. alla nota 1, p. 75 nt. 78). 69 Comprendeva infatti diverse opere medievali e rinascimentali, in avorio, smalto, pietre dure, ambra, metallo, legno ecc. principalmente a carattere o a soggetto sacro oltre ad impronte di gemme di varie epoche e di tematica analoga. 70 Cfr. i vari conti per la realizzazione di tali teche, presso ASV, Palazzo Ap., Computisteria 278, nr. 156 e ASV, Palazzo Ap., Computisteria 283, nr. 2 (conti dellindoratore Filippo Clementi); ASV, Palazzo Ap., Computisteria 279, nr. 193 e ASV, Palazzo Ap., Computisteria 283, nr. 1 (conti del falegname Francesco Bozzi); ASV, Palazzo Ap., Computisteria 279, nr. 207 (conto del cristallaro Giovanni Giorgini). 71 Si tratta della I teca dellArmadio VII del Museo di Cristiano di Benedetto XIV. Essa era stata parzialmente smembrata, ma vi erano rimasti annotati sopra i vecchi riferimenti inventariali, che hanno permesso al mio collega Umberto Utro di ricomporla, riposizionando i diversi reperti: due tessere eburnee invv. 62633-62634 (gi inv. del 1762, cit. alla nota 68, nrr. 379a-379 = inv. de Rossi, cit. alla nota 74, nrr. 196 e 195), due Medaglioni ovali con testa femminile invv. 64225-64226 (gi inv. del 1762, cit. alla nota 68, nrr. 380-380a) della collezione Vettori, e un crocifisso inv. 61957 (gi inv. del 1762, cit. alla nota 68, nr. 381 = inv. de Rossi, cit. alla nota 74, nr. 613).

118

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Fig. 14. La I teca dellArmadio VII del Museo Cristiano di Benedetto XIV, fatta realizzare da Francesco Vettori e miracolosamente conservatasi fino ai nostri giorni. Contiene: due tessere eburnee invv. 62633-62634, due medaglioni ovali con teste femminili invv. 64225-64226, della collezione Vettori, e un crocifisso inv. 61957

Fig. 15. Il tesoretto di argenterie proveniente dal Celio, donato dal Marchese Gabrielli a Benedetto XIV

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

119

Fig. 16a. Esempio della disposizione dei vetri dorati nella teca (III) dellarmadio III del Museo Cristiano, secondo linventario del 1762. Nella fila in alto (ordo 1) i vetri invv. 60705, 60760, 60750; nella fila centrale (ordo 2) i vetri invv. 60679, 60673, 60644, 60670; nella fila in basso (ordo 3) i vetri invv. 60797, 60751, 60632

Fig. 16b. Esempio della disposizione dei vetri dorati nella teca (I) dellarmadio IV del Museo Cristiano, secondo linventario del 1762. Nella fila in alto (ordo 1) i vetri invv. 60761, 60780, 60790; nella fila centrale (ordo 2) i vetri invv. 60649, 60660, 60659, 60682; nella fila in basso (ordo 3) i vetri invv. 60773, 60785, 60728

120

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

venienza archeologica o collezionistica. Una eccezione era costituita dal tesoretto di argenterie donato dal Marchese Gabrielli a Benedetto XIV e proveniente dal Celio 72 (fig. 15), inizialmente esposto in ununica teca, nella parte inferiore del secondo ordine del X armadio, con una targa menzionante la donazione. Il gruppo di argenti rimase tuttavia assieme solo per poco tempo: il piatto dargento con la raffigurazione della caccia al cinghiale venne spostato nel Museo Profano a decorare una delle ante degli armadi di Pio VI e, forse nello stesso periodo, le due ampolline furono trasferite nellarmadio III del Museo Cristiano. Unattenzione particolare fu riservata agli oggetti delle collezioni Vettori, Buonarroti e Chigi, che sebbene mescolati con il resto delle opere esposte, senza dare peso alla valenza collezionistica furono contrassegnati dalle iniziali in bronzo dorato V, B e C.73 tuttavia difficile definire i criteri espositivi, che determinarono la distribuzione dei materiali nei singoli armadi e nelle diverse teche (che raggruppavano assieme composizioni di oggetti di tipologia analoga o completamente differente). Lambiguit delle descrizioni inventariali e le notevoli variazioni espositive subite dai reperti nel Museo Cristiano hanno fatto s che molti dei materiali menzionati nellinventario del 1762 siano rimasti ancora senza riscontro nella raccolta attuale, sebbene in vari casi pi fortunati gli oggetti siano stati identificati, come accaduto per i vetri dorati, alcuni avori, alcuni smalti, alcuni lavori di glittica ecc.74
72 Il tesoro fu ceduto per 150 scudi a Benedetto XIV dal Marchese Angelo Gabrielli nel 1757 per essere esposto nel Museo Cristiano (C. LEGA, Il cd. tesoro di argenterie della domus dei Valerii al Museo Sacro Vaticano. Alcune osservazioni critiche, in Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, XXXIII, 2003, pp. 77-105). Proviene dal Celio, ma purtroppo restano ignoti sia la data del ritrovamento, sia la sua pi precisa localizzazione (diversamente G. B DE ROSSI, Utensili cristiani scoperti a Porto, in Bullettino di Archeologia Cristiana, 6, 1868, pp. 33-44, seguito ancora da B. BRENK, Architettura e immagini del sacro nella tarda antichit (Studi e Ricerche di Archeologia e Storia dellArte, 6), Spoleto 2005, pp. 102- 104, ma a riguardo v. LEGA, art. cit.). 73 In ASV, Palazzo Ap., Computisteria 279, nr. 171, si conserva il conto di Filippo Profili, ottonaro, medagliaro a S. Celso per lesecuzione di alcune di queste lettere. 74 Lidentificazione precisa di alcuni gruppi di manufatti stata possibile anche grazie ad una fortunata circostanza conservativa: infatti come si desume dallinventario del Museo Cristiano, redatto da G. B. de Rossi, prima del 1894 (anno della sua morte) e conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 66A al tempo in cui linsigne archeologo fu chiamato a curare i Musei della Biblioteca Apostolica e, pi sporadicamente, allepoca del Le Grelle e agli anni 30-40 dello scorso secolo, molti di questi reperti erano ancora collocati nelle teche e nelle posizioni originarie volute dal Vettori. La facile corrispondenza degli inventari attuali collinventario de Rossi ha permesso di riconoscere con certezza gli oggetti anche dopo lo smembramento delle teche. Tuttavia sem-

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

121

Nel corso di due secoli e mezzo, inoltre, molti oggetti della vecchia collezione furono trasferiti altrove o furono dispersi per furti 75 o alienazioni, mentre, nel contempo, nuove acquisizioni hanno apportato ulteriori reperti, modificando di conseguenza laspetto della raccolta. Per quanto concerne i vetri dorati eccettuati pochi esemplari che la descrizione troppo succinta non ha ancora permesso di individuare si invece riusciti a determinarne lesatta posizione negli armadi III, IV, V, VIII e quindi a ricostruire la composizione delle singole teche che li ospitavano. Nei primi due armadi (III e IV) questi reperti appaiono raggruppati principalmente in numero di dieci per ogni teca e suddivisi su tre file (un esempio stato ricostruito nella fig. 16): la superiore e linferiore di tre vetri ciascuna e la centrale di quattro, i primi scelti tra i fondi decorati con foglia doro e gli ultimi tra i pi piccoli medaglioni, che decoravano le pareti di recipienti del tipo Nuppenbecher , o tra i frammenti di dimensioni ridotte di fondi dorati. Nellarmadio V le teche erano invece composte soprattutto da due o tre file di tre vetri dorati appartenenti a fondi di coppe. In alcuni casi il gruppo dei vetri era completato da vetri incisi o altri vetri. I vetri di pi grandi dimensioni, come quello di Dedalius (inv. 60788 = inv. del 1762, nr. 110) o il gruppo familiare (inv. 60787 = inv. del 1762, nr. 108), occupavano ununica teca ciascuno. Altri vetri appaiono infine sistemati entro cofanetti (capsulae). Nelle seguenti tabelle, suddivise per armadi e corredate dei relativi conguagli inventariali, bibliografici 76 e collezionistici, si fornisce la ricostruzione del loro ordinamento allinterno del Museo Cristiano al tempo del Vettori.

pre dallinventario ottocentesco apprendiamo che, in altri casi, molte delle teche antiche erano state invece manipolate nel corso degli anni e i manufatti spostati o sostituiti rendendo cos impossibile il raffronto con le descrizioni inventariali del 1762. Per le opere di glittica v. RIGHETTI, art. cit. alla nota 60, part. pp. 286-293, 307-308. 75 Uno degli eventi che caus maggior danno alle collezioni fu lo spoglio eseguito a pi riprese dai francesi a seguito degli accordi sottoscritti il 10 febbraio 1798, dopo luccisione del generale Duphot (LE GRELLE, op. cit. alla nota 64, pp. XLII-LI; RIGHETTI, art. cit. alla nota 60, pp. 299-306; PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, pp. 112-113; un elenco degli oggetti rubati nel Museo Sacro si trova in Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 69, ff. 35r-40r). 76 Limitati, tranne dove necessario, ai maggiori repertori di riferimento: MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23; F. FREMERSDORF, Antikes, islamisches und mittelalterlisches Glas sowie kleinere Arbeiten aus Stein, Gagat und verwandten Stoffen in den Vatikanischen Sammlungen Roms (Catalogo del Museo Sacro della Biblioteca Apostolica Vaticana, V), Citt del Vaticano 1975.

122

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

ARMADIO III
Collocaz. specifica Theca I, ordo 1 Theca I, ordo 1 Theca I, ordo 1 Theca I, ordo 2 Inv. 1762 49 Bibliografia MOREY, FERRARI,77 tav. VIII, nr. 47 MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 71 MOREY, FERRARI, tav. XIX, nr. 114 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 137 Descrizione Frammento di fondo78 con raffigurazione del peccato di Adamo ed Eva, fra i quali il serpente sullalbero Fondo con sacrificio dIsacco

50

51

Fondo con simboli ebraici

52

Medaglione con serpente attorcigliato allalbero

Theca I, ordo 2 Theca I, ordo 2 Theca I, ordo 2

53

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 136 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 168 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 173

Medaglione con serpente attorcigliato allalbero

54

Medaglione con animale alato di profilo ( Caper e spectare videtur ad Abrahami sacrificium , inv. 1762) Medaglione con corno ebraico (shofr), affiancato da due lulb

55

Theca I, ordo 3

56

MOREY, FERRARI, tav. VII, nr. 46

Fondo con Giona disteso sotto la pergola

Theca I, ordo 3 Theca I, ordo 3

57

MOREY, FERRARI, tav. XX, nr. 115 MOREY, FERRARI, tav. XIX, nr. 110

Frammento di coppa emisferica, a bordo scanalato, con simboli ebraici Fondo frammentario con figura femminile che agita un ventaglio verso una bimba in braccio ad un personaggio seduto ( Virgo Maria cum puero Iesu et Diaconus cum flabello , inv. 1762) Fondo con scena di Traditio Legis nel registro superiore e con ariete mistico, verso il quale convergono sei pecore uscite dalle citt di Gerusalemme e Bethlemme, in quello inferiore

58

Theca II, ordo 1

59a?

MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 77

77 N.B.: Nella tabella e nelle note relative i repertori di riferimento MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, e FREMERSDORF, op. cit. alla nota 76 saranno ulteriormente abbreviati, rispettivamente, in MOREY, FERRARI, e FREMERSDORF. 78 N.B.: la dizione fondo senza ulteriori specificazioni sar usata di qui in avanti ad indicare i fondi di recipenti vitrei con decorazione a foglia doro; la dicitura medaglione sar invece utilizzata per i vetri dorati di pi piccole dimensioni che ornavano le pareti di recipienti vitrei del tipo Nuppenbecher . 79 Queste notazioni inventariali, poste accanto allindicazione di provenienza dalla collezione Vettori, identificano loggetto nellinventario del Museo Vettori (per il quale vd. sopra al-

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

123

Inv. Attuale 60712

Inv. de Rossi 379

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684

Collezione Carpegna

Provenienza

60755

380

Carpegna

60733

381

Carpegna

60676

385

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 479 Buonarroti

60685

386

Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684

60666

387

Carpegna

60684

388

Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; Vettori, 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Fragmenta vitrea nr. 29 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; Vettori, 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Fragmenta vitrea nr. 13 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; Buonarroti 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Quadro unico con invv. 60712; 60755; 60733; 60714; Buonarroti80 60596; 60784; 60676; 60685; 60666; 60684 Cimitero di Callisto81

60714

382

60596

383

60784

384

60771

278

Carpegna

segue Armadio III

la nota 60), pervenutoci in duplice copia e suddiviso in vari elenchi (1. Lucernae Fictiles, 2. Gemmae antiquae Sacris Imaginibus et Symbolis insignitae, 3. Numismata, 4. Anuli Veter. Christianor., 5. Pondera Veterum Christianorum, 6. Iesu Christi Imagines, 7. Sigilla ex plumbo, 8. Fragmenta Vitrea, 9. Varia Sacra Monimenta), con numerazione progressiva dei reperti indipendente per ogni elenco. 80 G. B. DE ROSSI, Arch. Bibl. 66A (cit. alla nota 74), ff. 100r-101r nr. 384, rileva che questo vetro distinto dalla lettera B in metallo dorato e la lettera visibile anche nelle vecchie fotografie da lastre di vetro, risalenti probabilmente agli anni 30/40. 81 M. A. BOLDETTI, Osservazioni sopra i cimiteri de santi martiri ed antichi cristiani di Roma, Roma 1720, pp. 202-203, tav. VII nr. 21.

124

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca II, ordo 1 Theca II, ordo 1

Inv. 1762 59

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. VII, nr. 45 MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 14

Descrizione Fondo con pastore, in tunica esigua listata di rosso; reca un ariete sulle spalle ed fiancheggiato da altri due arieti Fondo con pastore crioforo tra due pecore e due alberi simmetrici; lungo il bordo, circolare, iscrizione greca

60

Theca II, ordo 2

61

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 153

Medaglione con Tobia che trae le interiora dal pesce

Theca II, ordo 2 Theca II, ordo 2 Theca II, ordo 2

62

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 154 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 146 FREMERSDORF, nr. 841

Medaglione con Tobia che trae le interiora dal pesce

63

Medaglione con Daniele orante fra due cespugli ( Ionas manibus expansis , inv. 1762) Vetro inciso: Adamo ed Eva in piedi, nel mezzo lalbero con il serpente

64

Theca II, ordo 3

65

MOREY, FERRARI, tav. XVIII, nr. 108 MOREY, FERRARI, tav. XVII, nr. 101 MOREY, FERRARI, tav. VII, nr. 44

Fondo con scene della risurrezione di Lazzaro e del miracolo di Cana, separate da una sottile striscia orizzontale

Theca II, ordo 3 Theca II, ordo 3

66

Fondo frammentario, con porzione inferiore di pastore crioforo, affiancato da due arieti Fondo con risurrezione di Lazzaro

67

Theca III, ordo 1 Theca III, ordo 1

68

MOREY, FERRARI, tav. V, nr. 31 MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 73

Fondo con Cristo, in tunica listata dargento e pallio, che tende la virga sul corpo di Lazzaro, posto sulle scale del sepolcro Fondo con il miracolo di Cana ( Christus Panes multiplicans, sive aquae in vinum conversio , inv. 1762)

69

BOLDETTI, op. cit. alla nota 81, pp. 211-212, tav. X nr. 2. Questo numero dellinventario de Rossi (ora inv. 60760 = MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 73) stato messo in relazione dal Le Grelle col nr. 70 dellinv. del 1762 in base alla notazione Tab. 8 n. 1, apposta dal Vettori in una delle versioni di questultimo inventario (Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 70, f. 10r) accanto al nr. 69, che porterebbe a far corrispondere il vetro dorato contrassegnato da tale numero con quello edito da F. BUONARROTI, Osservazioni sopra alcuni frammenti di vasi antichi, di vetro ornati di figure trovati ne cimiteri di Roma, Firenze 1716, pp. 54-58, tav. 8 nr. 1 e cio con il vetro dellinv. de Rossi nr. 274, attuale inv. 60750 = MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 72. Tuttavia la descrizione del nr. 69 dellinv. del 1762 si conf maggiormente al fondo dorato nr. 273 dellinventario de Rossi (ora inv. 60760 = MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 73), piuttosto che a quello contrasse83

82

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

125

Inv. Attuale 60718

Inv. de Rossi 275

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza

60746

276

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 1 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 8 Buonarroti

Cimitero di S. Agnese, anno 171682

60652

334

60654

335

60662

330

Carpegna

60311

265

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 34 Chigi

60777

271

60782

277

Carpegna

60726

272

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 40 Carpegna

60705

268

60760

27383

Buonarroti

segue Armadio III

gnato nellinv. de Rossi con il nr. 274 (ora inv. 60750 = MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 72) al quale era stato finora conferito. Il segno in forma di semicerchio che racchiude la notazione bibliografica accanto al nr. 69 dellinv. del 1762, potrebbe giustificare uno slittamento dellattribuzione di tale notazione al successivo nr. 70: un segno simile racchiude infatti un appunto presente accanto al nr. 59 dello stesso inventario del 1762, certamente da riferire invece al nr. 60. Lo slittamento della notazione bibliografica permetterebbe di risolvere anche il problema della doppia pertinenza collezionistica che verrebbe ad avere il vetro inv. de Rossi nr. 274 = inv. 60750 = MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 72, qualora andasse riconosciuto nel nr. 69 dellinv. del 1762. Questo fondo dorato era infatti attribuito nella suddetta pubblicazione del Buonarroti al Museo Carpegna, mentre il vetro nr. 69 dellinv. del 1762 dovrebbe appartenere secondo quanto riportato in questo inventario alla colle-

126

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca III, ordo 1 Theca III, ordo 2

Inv. 1762 70

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 72 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 157

Descrizione Fondo con benedizione e moltiplicazione dei pani ( multiplicatio Panis, figura quadratae formae , inv. 1762) Medaglione con Cristo che risuscita Lazzaro

71

Theca III, ordo 2 Theca III, ordo 2 Theca III, ordo 2

72

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 158 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 172 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 160

Medaglione con Lazzaro che esce fuori da un sepolcro architettonico timpanato Medaglione con raffigurazione di cantharus; bordo ottagonale ( Cista Panis , inv. 1762) Medaglione con Cristo che compie il miracolo di Cana, attorniato da sette giare ( Panis multiplicatio , inv. 1762)

73

74

Theca III, ordo 3

75

MOREY, FERRARI, tav. XIX, nr. 112

Fondo con Pietro e Paolo, seduti e affrontati; fra di essi, al centro cristogramma clipeato

Theca III, ordo 3

76

MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, tav. XIII, nr. 81 MOREY, FERRARI, tav. XIII, nr. 80

Fondo con Pietro che fa scaturire lacqua dalla roccia

Theca III, ordo 3

77

Fondo con Pietro che percuote la rupe

Theca IV, ordo 1 Theca IV, ordo 1 Theca IV, ordo 1

78

MOREY, FERRARI, tav. X, nr. 61 MOREY, FERRARI, tav. X, nr. 60 MOREY, FERRARI, tav. IX, nr. 56

Fondo con busti di Pietro e Paolo affrontati in concordia ; fra i loro capi, corona Fondo con i busti di Pietro e Paolo affiancati; fra di essi, una corona stilizzata ed un rotolo Fondo con Pietro e Paolo in piedi, circondati da festoni appesi al bordo

79

80

Theca IV, ordo 2

81 = 126,4

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 152

Medaglione con Daniele che lancia la focaccia avvelenata ( Unus ex SS. Magis munus deferens , inv. 1762)

RARI,

zione Buonarroti. In tal modo, poi, il fondo dorato de Rossi 273 = inv. 60760 = MOREY, FERtav. XII, nr. 73, del quale finora si ignorava la provenienza, verrebbe invece a inserir-

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

127

Inv. Attuale 60750 84

Inv. de Rossi 274

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione Carpegna

Provenienza

60679

341

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 12 Carpegna

60673

342

60644

340

Carpegna

60670

339

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 17 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 20 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 21

60797

286

60751

291

60632

292

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 22 Carpegna

60753

359

60798

360

Carpegna

60634

361

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 39 (gi appartenente al papa Alessandro VIII) Vettori, Fragmenta vitrea nr. 18
segue Armadio III

60675

362

si tra i vetri di propriet del Buonarroti, acquisiti per il Museo Cristiano. 84 Su questo vetro vd. quanto riportato alla nota precedente.

128

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca IV, ordo 2 Theca IV, ordo 2

Inv. 1762 82

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 151 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 159

Descrizione Medaglione con Daniele che lancia la focaccia avvelenata ( Unus ex SS. Magis munus deferens , inv. 1762) Medaglione con il paralitico che porta il lettuccio

83

Theca IV, ordo 2

84

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 149

Medaglione con uno dei fanciulli ebrei nella fornace

Theca IV, ordo 3 Theca IV, ordo 3 Theca IV, ordo 3 Theca V, ordo 1 Theca V, ordo 1 Theca V, ordo 1

85

MOREY, FERRARI, tav. X, nr. 65 MOREY, FERRARI, tav. X, nr. 63 MOREY, FERRARI, tav. IX, nr. 53 MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 95 MOREY, FERRARI, tav. X, nr. 62 MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 37; (inv. 1762, erroneamente: BUONARROTI, op. cit. alla nota 83, tav. 15 nr. 1) MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 162

Fondo con busti di Pietro e Paolo affrontati in concordia ; fra i loro capi, corona e rotolo Fondo con i busti di Pietro e Paolo affiancati, con rotoli in mano; fra di essi, una corona stilizzata ed un rotolo Fondo con i busti di Pietro e Paolo, affrontati nella concordia apostolorum; fra di essi, corona con lemnisci Fondo con busti di Pietro e Paolo affiancati

86

87?

88

89

Fondo con busti di Pietro e Paolo affrontati in concordia ; fra i loro capi, corona e rotolo Fondo con i busti di Pietro e Paolo, affrontati in concordia ; fra essi, Cristo porge due corone

90

Theca V, ordo 2

91

Medaglione con raffigurazione di Cristo/Mos con la virga

Diversamente Le Grelle riferisce questo numero dellinv. de Rossi (ora inv. 60642 = MOREY, FERRARI, op. cit., tav. XXI, nr. 162) al reperto dellinv. del 1762 contrassegnato con il nr. 94. Se tuttavia si seguono le corrispondenze effettuate dal Le Grelle per i quattro medaglioni (tutti con soggetto decorativo analogo) della fila centrale della teca V dellarmadio III dellinv. del 1762, con quelli dellinv. de Rossi nrr. 375, 376, 377, 378 (rispettivamente 375 = 91, 376 = 92, 377 = 93, 378 = 94), si ha una discordanza tra le notazioni della loro provenienza collezionistica riportate nellinv. del 1762 (collezione Vettori: nrr. 91, 92, 94), quelle evidenziate dal de Rossi, in base alla presenza delle lettere in bronzo dorato volute dal Vettori (collezione Vettori: de Rossi nrr. 375, 377), e quelle attestate dalle vecchie riprese fotografiche dei vetri, risalenti, sembra, agli anni attorno al 1930-1940, quando la teca era ancora integra ed erano ancora riscontrabili accanto a tre

85

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

129

Inv. Attuale 60653

Inv. de Rossi 363

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione Carpegna

Provenienza

60686

364

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 19 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 9 Carpegna

60648

365

60762

366

60791

367

Carpegna

60716

368

60770

371

Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642

Carpegna

60758

370

Carpegna

60717

369

Chigi

60642

37885

Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 2


segue Armadio III

vetri le lettere V in bronzo dorato (collezione Vettori: de Rossi nrr. 375, 377, 378). Assumendo la progressione nelle corrispondenze inventariali suggerita da Le Grelle, infatti, sorge un problema per i due vetri centrali, cio de Rossi 376 (= inv. 60669 = MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 164) = inv. 1762, nr. 92 e de Rossi 377 (= inv. 60671 = MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 161) = inv. 1762, nr. 93. Il primo infatti risulterebbe della collezione Vettori dallinv. 1762 e non dallinv. de Rossi e dalle vecchie foto, e il secondo risulterebbe della collezione Vettori dallinv. de Rossi e dalle vecchie fotografie, ma non dallinv. del 1762. Ritengo quindi pi probabile pensare che linventario del 1762 elencasse i medaglioni della fila centrale della teca V dellarmadio III, andando stranamente in progressione da destra a sinistra e non da sinistra a destra, come ipotizzato da Le Grelle e come si riscontra tuttavia in tutte le altre teche. La corrispondenza tra questi quattro reperti e i nume-

130

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca V, ordo 2

Inv. 1762 92

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 161

Descrizione Medaglione con raffigurazione di Cristo/Mos con la virga

Theca V, ordo 2 Theca V, ordo 2 Theca V, ordo 3 Theca V, ordo 3

93

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 164 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 163 MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 76 MOREY, FERRARI, tav. XVIII, nr. 107 MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 88 MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 36 MOREY, FERRARI, tav. XVIII, nr. 105 MOREY, FERRARI, tav. XII, nr. 74

Medaglione con raffigurazione di Cristo/Mos con la virga

94

Medaglione con raffigurazione di Cristo/Mos con la virga

95

Fondo con con due figure stanti, forse Pietro e Paolo, ai lati di una colonna reggente il cristogramma Fondo con due coppie di busti virili (Simone e Damaso; Pietro e Floro), divise da una sottile striscia orizzontale

96

Theca V, ordo 3 Theca VI, ordo 1 Theca VI, ordo 1

97

Fondo frammentario con Pietro (perduto) e Paolo, volti verso una colonna, ornata da quincrux, su cui la tabella con didascalie Fondo con Lorenzo e Cipriano, stanti; tra loro: corona, cristogramma e rotolo Fondo con busto clipeato di Cristo, intorno al quale, a mo di raggi, sei personaggi stanti, di prospetto, alternati a tabelle con didascalie Fondo con Sisto e Timoteo, seduti su sellae plicabiles e affrontati; fra di essi Cristo, in scala minore, porge sul loro capo corone

98

99

Theca VI, ordo 1

100

Theca VI, ordo 2

101

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 139

Medaglione con No nellarca in gesto di accogliere la colomba

Theca VI, ordo 2

102

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 145

Medaglione con leone incedente verso destra ma volto a sinistra

Theca VI, ordo 2

103

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 143

Medaglione con Mos che percuote la rupe; bordo circolare ( Iesus aquam virga educens de rupe , inv. 1762)

Theca VI, ordo 2

104

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 148

Medaglione con uno dei fanciulli ebrei nella fornace

ri dellinv. de Rossi e dellinv. attuale dovrebbe essere la seguente (come proposto anche nella soprastante tabella): inv. 1762, nr. 91 = de Rossi 378 = inv. 60642 (= MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 162); inv. 1762, nr. 92 = de Rossi 377 = inv. 60671 (= MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 161); inv. 1762, nr. 93 = de Rossi 376 = inv. 60669 (= MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 164);

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

131

Inv. Attuale 60671

Inv. de Rossi 37786

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642

Collezione Vettori, Fragmenta vitrea nr. 3

Provenienza

60669

37687

Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Arm. III, Theca V, ordo 3: Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Quadro unico con invv. 60717; 60758; 60770; 60754; 60783; 60764; 60668; 60669; 60671; 60642 Vettori

60668

37588

60764

374

Carpegna

60783

373

Carpegna

60754

372

Buonarroti

60766

297

Chigi

60636

301

Chigi

60772

295

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 10 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 5 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 28 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 30

60643

329

60656

338

60645

328

60647

332
segue Armadio III

inv. 1762, nr. 94 = de Rossi 375 = inv. 60668 (= MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 163). 86 Su questo vetro vd. le osservazioni riportate alla nota precedente. 87 Su questo vetro vd. quanto riportato alla nota 85. 88 Cfr. Ibidem.

132

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca VI, ordo 3

Inv. 1762 105?

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. IX, nr. 55

Descrizione Fondo con due personaggi stanti, affiancati, vestiti di tunica e pallio, con in mano un rotolo e separati, in alto, da una corona dalloro Fondo con busto virile clipeato, attorniato da sei clipei con identica raffigurazione e da un personaggio a figura intera, in scala minore, che poggia i piedi sul reciprocal border Frammento di coppa con bordo scanalato e decorazione incisa: due personaggi in tunica e pallio, con in mano un rotolo, incedenti verso sinistra ( fragmentum magni scyphi cum imaginibus SS. Apostolorum quorum duae tantum supersunt , inv. 176289) Fondo frammentario con gruppo familiare: i due coniugi con quattro figli, due femmine e due maschi, riccamente abbigliati Falso mosaico con profilo di Cristo. Stucco inciso del XVIII sec. ( Icon vetustissima D. N. I. C. in parietinis Sacrorum Coemeteriorum Romanae Urbis olim depicta, specimen exhibens musivi operis antiqui , inv. 1762)

Theca VI, ordo 3

106

MOREY, FERRARI, tav. XVIII, nr. 104 FREMERSDORF, nr. 848

Theca VI, ordo 3

107

Theca VII

108

MOREY, FERRARI, tav. XVI, nr. 97

Theca VIII

109

Theca IX

110

MOREY, FERRARI, tav. XVI, nr. 96

Fondo con raffigurazione di Dedalius, stante, in tunica, bracae e sagum, con in mano bastone e rotolo, attorniato da 6 scenette con operai impegnati nella costruzione di una nave Coppa in vetro inciso con scene di pesca e raffigurazione di vari edifici

Pluteo 3

111

FREMERSDORF, nr. 826

Pluteo 3, capsula 1

112

MOREY, FERRARI, tav. IX, nr. 57

Frammento di fondo con parte di pastore che regge zampe di ovino; a sinistra, parte di figura femminile orante, una pecora e una syrinx Fondo con ritratto femminile ed iscrizione

Pluteo 3, capsula 1

113

MOREY, FERRARI, tav. I, nr. 1

Cfr. linv. del Museo Vettori (cit. alla nota 60), Arch. Bibl. 11, f. 478v nr. 16; Arch. Bibl. 51, f. 55v nr. 16, dove si specifica che si tratta di un vetro inciso edito dallo stesso Vettori (F. VETTORI, De Vetustate et forma sanctissimi nominis Jesu dissertatio Antiquis emblematibus, non antea vulgatis, ex Museo Victorio referta, Romae 1747, Epistolam ad lectorem, pp. XII-XIII e fig. a p. XIV). 90 G. B. de Rossi trova questo vetro in unaltra teca, e precisamente la teca V dellarmadio V, assieme ai vetri incisi de Rossi nrr. 420-422, 424-427 (invv. attuale 60293; 60294; 60295; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378), corrispondenti ai nrr. 249-251, 253-257 dellinv. del 1762; Le Grelle fa pertanto corrispondere il vetro de Rossi 423 = inv. 60305 al vetro inciso menzionato nellinv. del 1762, sotto il nr. 252, tuttavia la descrizione di questultimo ( vitrum multis fragmentis coagmentatum, in quo imagines, et litera ) non corrisponde al pezzo de Rossi 423 = inv. 60305, che invece uguale al reperto nr. 107 dellinv.

89

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

133

Inv. Attuale 60695

Inv. de Rossi 296

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza

60779

304

Chigi

60305

42390

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 16

60787

447

Carpegna

Cimitero di Castulo91

64316

Vettori, Iesu Christi Imagines nr. 1 448 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 44 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 47 Carpegna Cimitero dei Giordani, anno 173192

60788

60155

258

60641

311

60702

312

Carpegna
segue Armadio III

del 1762 (vd. nota 89). probabile che in un momento non precisabile il vetro inciso inv. 1762, nr. 107 sia stato tolto dalla teca originaria (VI dellarmadio III) e sia stato spostato nellaltra teca con gli altri vetri incisi al posto del nr. 252 dellinv. 1762, messo altrove o andato perduto. 91 Cfr. O. IOZZI, Vetri cimiteriali con figure in oro conservati nel Museo sacro Vaticano, Roma 1902, pp. 5-7 nr. 1, tav. I, 1; ID., Roma Sotterranea. Il cimitero di S. Castolo M. sulla via Labicana a un miglio da Porta Maggiore, Roma 1904, pp. 37-39, tav. I, 1. 92 Le fonti settecentesche attribuirono larea cimiteriale al cimitero di S. Saturnino sulla Via Salaria, ma in essa gli studi moderni hanno invece riconosciuto il cimitero dei Giordani (cfr. U. M. FASOLA, Le recenti scoperte nelle catacombe sotto villa Savoia. Il Coemeterium Iordanorum ad S. Alexandrum, Atti dellVIII Congresso Internazionale di Archeologia Cristiana (Studi di Antichit Cristiana, 30), I, Citt del Vaticano Barcellona 1972, pp. 273-297, part. p. 275).

134

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica

Inv. 1762

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XI, nr. 67 MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 86

Descrizione Fondo con busti di Pietro e Paolo affrontati in concordia; fra loro, in alto, ricca corona dalloro con lemnisci Fondo con Simone e Giovanni, seduti ed affrontati, con rotoli in mano; fra di essi, in alto, corona contenente didascalie

Pluteo 3, 115? capsula 2 Pluteo 3, capsula 2 116

Pluteo superiori, cordula pensili

126,3

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 150.

Medaglione, con cornice bronzea dotata di appiccagnolo, raffigurante Daniele che lancia la focaccia avvelenata ( unus ex tribus Sanctis Magis , inv. 1762)

ARMADIO IV
Collocaz. specifica Theca I, ordo 1 Theca I, ordo 1
93 94

Inv. 1762 127

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XI, nr. 66 MOREY, FERRARI, tav. XVIII, nr. 106

Descrizione Fondo con busti di Pietro e Paolo affrontati in concordia ; fra di essi, Cristo, in scala minore, porge sul loro capo due corone Fondo con due coppie di busti virili, divise da sottile striscia orizzontale: Pastore e Damaso; Pietro e Paolo

128

Cfr. A. SILVAGNI, in ICUR, II, p. 56. IOZZI, Vetri cimiteriali, op. cit. alla nota 91, p. 9 nr. 1, tav. II, 1; p. 48 nr. 1, tav. XII, 1; ID., Roma Sotterranea, op. cit. alla nota 91, p. 40, tav. II, 1. Il cimitero di Castulo venne indagato dal Fabretti nel 1672: anche la data, quindi, non troverebbe nessuna corrispondenza nel dato inventariale settecentesco. 95 Cfr. A. FERRUA, in ICUR, VI, p. 78. 96 Nellinventario del 1762 viene riportata liscrizione presente sulla custodia settecen-

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

135

Inv. Attuale 60768

Inv. de Rossi 281

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza

60792

269

Dal Cimitero di Calepodio, anno 1739 (inv. 1762), da identificare con il Cimitero di Octavilla a San Pancrazio; 93 dal Cimitero di Castulo, diversamente, Iozzi,94 forse da schede del Fabretti, attualmente non verificabili, perch disperse95 Cimitero di Priscilla, anno 1761 o 1766 96

60672

337

Inv. Attuale 60761

Inv. de Rossi 285

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza

60780

290
segue Armadio IV

tesca del vetro: Repert(um) in coemet(erio) Priscillae Via Salaria, adfixum sepulchro / extract(um) Anno Domini MDCCLXVI. Cos anche IOZZI, Vetri cimiteriali, op. cit. alla nota 91, p. 21 nr. 20, tav. III,20. Diversamente, de Rossi, Arch. Bibl. 66A (cit. alla nota 74), ff. 83v-84r nr. 337 e MOREY, FERRARI, pp. 31-32 nr. 150, leggono nelliscrizione sulla custodia lanno 1761 (MDCCLXI). Per quanto riguarda il problema dellindicazione di provenienza dal cimitero di Priscilla fornito dagli eruditi settecenteschi, vd. A. FERRUA, in ICUR VIII, p. 359.

136

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca I, ordo 1 Theca I, ordo 2 Theca I, ordo 2 Theca I, ordo 2 Theca I, ordo 2 Theca I, ordo 3 Theca I, ordo 3

Inv. 1762 129

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XI, nr. 69 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 128 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 142 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 147 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 135 MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 83 MOREY, FERRARI, tav. XVII, nr. 100

Descrizione Fondo con Pietro e Paolo, seduti su sellae plicabiles e affrontati

130?

Medaglione con busto di Serapide ( imago feminae , inv. 1762)

131

Medaglione con Mos che percuote la rupe; bordo circolare ( Imago Sancti Petri e rupe aquam educens , inv. 1762) Medaglione con uno dei fanciulli ebrei nella fornace

132

133

Medaglione con busto di Cipriano, identificato da didascalia ( Imago cum tribus litteris CP/Y, inv. 1762) Fondo con Agnese orante, a figura intera, fra i busti di Pietro e Paolo Fondo frammentario con Pietro e Paolo, seduti su sellae plicabiles e affrontati ( Fragmentum cum duabus Imaginibus sedentibus cum lit. Paul. et Fel., inv. 1762) Fondo frammentario, con raffigurazione del martire Lorenzo che regge un rotolo, identificato da didascalia Fondo con Agnese orante fra due arbusti

134

135

Theca I, ordo 3 Theca II, ordo 1 Theca II, ordo 1 Theca II, ordo 1 Theca II, ordo 2

136

MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 40 MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 82 MOREY, FERRARI, tav. VIII, nr. 52 MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 84 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 130

137

138

Fondo frammentario: busto clipeato di Paolo con intorno due clipei (di quattro originari) con busti e palme Fondo con Agnese orante, nimbata, fra due alberi carichi di frutti Medaglione con busto di Pietro imberbe, identificato da didascalia; bordo ottagonale

139

140

Theca II, ordo 2

141

MOREY, FERRARI tav. XXI, nr. 167

Medaglione con figura virile di tre quarti, seduta su una cattedra, alla cui sinistra una corona dalloro ( femina sedens, elata, apertaque manu, ante illam corona , inv. 1762) Fragmentum in quo monogramma Cri in orbiculo , inv. 1762 Medaglione con lemorroissa (o Maria di Lazzaro) che tende le braccia; bordo circolare ( Femina orans flexis genibus elata, et elatis manibus , inv. 1762)

Theca II, ordo 2 Theca II, ordo 2

142

MOREY, FERRARI tav. XX, nr. 126 MOREY, FERRARI tav. XXI, nr. 165

143

97 Nellinv. del 1762 accanto alla descrizione di questo vetro inserito il rimando alla tav. XVIII, 2 dellopera Filippo Buonarroti (BUONARROTI, op. cit. alla nota 83, vd. anche pp. 118-127), dove rappresentato un vetro della collezione Fabretti in cui compare la

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

137

Inv. Attuale 60790

Inv. de Rossi 280

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza

60649

347

60660

327

60659

333

60682

345

60773

306

60785

282

60728

298

Carpegna

60774

307

Carpegna

60720

302

Buonarroti

60765

308

Fabretti?97

60651

344

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 26 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 32 Buonarroti

60657

346

60607

303

60681

343

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 31


segue Armadio IV

santa senza aureola ma con la scritta AN/NE. Il vetro vaticano tuttavia somiglia pi a quello edito da BOLDETTI, op. cit. alla nota 81, p. 201, tav. VI nr. 19, che mostra la santa con laureola.

138

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca II, ordo 3

Inv. 1762 144

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 38

Descrizione Frammento di fondo con al centro busto di Pietro entro clipeo, dal quale si dipartono tre raggi (di 6 originari), che separano altrettanti busti virili Fondo con busto di Paolo, identificato da didascalia

Theca II, ordo 3 Theca II, ordo 3 Theca III, ordo 1 Theca III, ordo 1 Theca III, ordo 1

145

MOREY, FERRARI, tav. IX, nr. 54 MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 85

146

Fondo con Agnese orante fra due colombe che le porgono corone

147

Fondo deteriorato con al centro, entro clipeo, busto di Cristo, MOREY, FERRARI, tav. XXIII, nr. 190 attorniato da quattro medaglioni intervallati da palmette MOREY, FERRARI, tav. XVII, nr. 102 MOREY, FERRARI, tav. VIII, nr. 48 Fondo in tre frammenti, con Cristo che corona Giulio e Sisto

148

149

Fondo con figura femminile orante, vestita di tunica e mantello, fra due arbusti

Theca III, ordo 2

150

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 132 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 134 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 131 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 140

Medaglione con busto virile di prospetto

Theca III, 150,1 ordo 2 Theca III, ordo 2 Theca III, ordo 2 151

Medaglione con busto virile di profilo

Medaglione con profilo di Paolo e didascalia, incastonato in cornice bronzea ( Imago pariter ignota, circum litera inv. 1762) Medaglione con colomba che regge un ramoscello dulivo ( Cycnus , inv. 1762)

152

Theca III, ordo 3 Theca III, ordo 3

153

MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 39 MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 17

Fondo con busti di due coniugi affiancati; lungo il bordo ottagonale, iscrizione Fondo con personificazione della Moneta: tre figure femminili affiancate, reggenti, ciascuna, cornucopia e bilancia ( Imagines tres stantes. Legitur Paulus , inv. 1762 con riferimento a BUONARROTI, op. cit. ala nota 83, tav. XXIX, 1) Fondo con busti di coniugi affiancati

154

Theca III, ordo 3 Theca IV, ordo 1 Theca IV, ordo 1 Theca IV, ordo 1

155

MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 91 MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 89 MOREY, FERRARI, tav. XVIII, nr. 109 MOREY, FERRARI, tav. XVII, nr. 98

156

Fondo con ritratto familiare: coppia di coniugi affiancati e figlio, in primo piano Fondo con coppia di coniugi affiancati e coronati da Cristo

157

158

Fondo con coppia di coniugi affiancati, fra i quali una corona sorretta da colonnina

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

139

Inv. Attuale 60724

Inv. de Rossi 300

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione Vettori, Fragmenta vitrea nr. 7 Carpegna

Provenienza

60691

293

60759

309

Carpegna

60630

349

Buonarroti

60789

350

Carpegna

60719

351

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 23

60680

352

60678

353

Carpegna

60667

354

60674

355

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 33 Chigi

60725

356

60706

357

Carpegna

60781

358

Carpegna

60767

437

Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794

Carpegna

60796

438

Carpegna

60756

439

Carpegna
segue Armadio IV

140

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca IV, ordo 2 Theca IV, ordo 2 Theca IV, ordo 2

Inv. 1762 159

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 169 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 133 MOREY, FERRARI, tav. XX, nr. 125

Descrizione Medaglione con testa di pantera (?) di profilo

160

Medaglione con busto di personaggio virile, vestito di tunica e pallio con contabulatio Frammento di fondo che conserva la parte inferiore di due personaggi affrontati, seduti su sellae plicabiles

161

Theca IV, ordo 2

162

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 171

Medaglione con testa di leopardo di profilo

Theca IV, ordo 3 Theca IV, ordo 3 Theca IV, ordo 3 Theca V, ordo 1

163

MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 93

Fondo con coppia di coniugi affiancati

164

MOREY, FERRARI, Fondo decorato con figura virile di prospetto che regge in una tav. XXIII, nr. 193 mano un dittico aperto ed ha ai fianchi due stelle MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 92 MOREY, FERRARI, tav. XXII, nr. 187 Fondo con coppia di coniugi affiancati

165

166

Fondo frammentario e deteriorato, con decorazione illeggibile; dovrebbe raffigurare Cristo, fra Cristo! e Stefano ( Imagines SS. Petri et Pauli quas Chrystus coronat circum litera , inv. 1762) Frammento di piatto con decorazione incisa: parte della figura di Cristo, con le braccia alzate e affiancato da una croce

Theca V, ordo 1

167

FREMERSDORF, nr. 850

Theca V, ordo 1 Theca V, ordo 2

168

MOREY, FERRARI, tav. I, nr. 9 MOREY, FERRARI, tav. XXII, nr. 179

Fondo con busti affiancati di due coniugi riccamente abbigliati

169

Frammento di fondo con parte di testa femminile affiancata da porzione discrizione ( Fragmentum in quo viri caput et litteris IN , inv. 1762) Piccolo medaglione con rosetta ad otto petali ( Fragmentum cum stella , inv. 1762)

Theca V, ordo 2

170

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 174

Theca V ordo 2

171

MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 175

Medaglione con circonferenza molto erosa, contenente iscrizione

98 Vd. G. G. CIAMPINI, Sacro-historica disquisitio de duobus emblematibus, quae in Cimelio Gasparis Cardinalis Carpinei asservantur, in quorum altero praecipu disceptatur, an duo Philippi

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

141

Inv. Attuale 60677

Inv. de Rossi 440

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794

Collezione Buonarroti

Provenienza

60646

441

Carpegna

60597

442

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,1 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 27 Carpegna

60665

443

Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794

60795

444

Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60767; 60796; 60756; 60677; 60646; 60597; 60665; 60795; 60638; 60794 Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658

60638

445

Carpegna98

60794

446

Carpegna

60631

389

Carpegna

60317

390

Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658

Vettori, , Fragmenta vitrea nr. 42 Buonarroti

60698

391

Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658 Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658

60689

395

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,2 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,3 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 6
segue Armadio IV

60688

396

Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658

60687

397

Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658

Impp. fuerint Christiani, Romae 1691, p. 16 (= G. G. CIAMPINI, Opera in tres tomos distributa, III, Romae 1747, pp. 233-249).

142

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca V, ordo 2

Inv. 1762 172

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. XX, nr. 123

Descrizione Frammento di fondo con porzione di decorazione: parte posteriore di una pecora marcata con quincrux; accanto ad essa, una sorta di stendardo con lettera iscritta ( Fragmentum in quo extat pars equi , inv. 1762) Fondo con busto di personaggio femminile riccamente abbigliato Fondo frammentario con figura inginocchiata dinanzi alle personificazioni di Roma e Costantinopoli sedute frontalmente, con in mano aste gemmate e globi verdi Fondo con coniugi coronati da Cristo

Theca V, ordo 3 Theca V, ordo 3

173

MOREY, FERRARI, tav. V, nr. 30 MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 90

174

Theca V, ordo 3 Theca VI, ordo 1 Theca VI, ordo 1

175

MOREY, FERRARI, tav. V, nr. 29 MOREY, FERRARI, tav. IX, nr. 59 MOREY, FERRARI, tav. VII, nr. 41

176

Fondo con ritratto di gruppo familiare, composto dai due coniugi e da due figli, in ricchi abiti Fondo con busto di personaggio virile, in tunica e pallio

177

Theca VI, ordo 1 Theca VI, ordo 2 Theca VI, ordo 2

178

MOREY, FERRARI, tav. VII, nr. 43 MOREY, FERRARI, tav. I, nr. 5 MOREY, FERRARI, tav. I, nr. 6

Fondo con raffigurazione di coppia di coniugi affiancati, riccamente abbigliati Medaglione con ritratti di coniugi e bambino; sottile bordo circolare Medaglione con ritratto di infante ed iscrizione

179

180

Theca VI, ordo 3

181

MOREY, FERRARI, Fondo frammentario, con erote che incorona una figura femtav. XXII, nr. 183 minile seduta (?)

Theca VI, ordo 3 Theca VI, ordo 3 Theca VIII

182

MOREY, FERRARI, tav. XV, nr. 94 MOREY, FERRARI, tav. I, nr. 4

Fondo con ritratto familiare: coppia di coniugi affiancati e figlia, in primo piano, davanti al padre Frammento di fondo con figura virile, vestita di tunica e pallio e reggente un cesto Vetro moderno che riproduce un vetro dorato perduto, gi presso Virgilio Spada, con ritratto virile e con iscrizione: pie zeses.99

183

194

99 Vd. BOTTARI, op. cit. alla nota 17, II, Roma 1746, frontespizio (p. III) e pp. XXIIIXXIV; R. GARRUCCI, Vetri ornati di figure in oro trovati nei cimiteri cristiani di Roma, Roma 1858, p. 84, tav. XLI nr. 1; ID., Vetri ornati di figure in oro trovati nei cimiteri cristiani di Roma, Roma

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

143

Inv. Attuale 60658

Inv. de Rossi 398

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658

Collezione Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,4

Provenienza

60723

392

Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658 Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 24

60786

393

60708

394

Quadro unico con invv. 60631; 60317; 60698; 60723; 60786; 60708; 60689; 60688; 60687; 60658 Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 41

60715

429

60722

430

60732

431

Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Carpegna

60701

432

60699

433

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 48 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,5

60611

434

Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709

60769

435

Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Quadro unico con invv. 60715; 60722; 60732; 60701; 60699; 60611; 60769; 60709 Buonarroti

60709

436

s. inv.
segue Armadio IV

1864, p. 227, tav. XLI nr. 1. collocato ancora nella teca lignea settecentesca con due medaglioni in vetro dorato moderni (invv. 60692: ritratto virile; 60531: animale fantastico) e unaltra riproduzione di vetro dorato perduto (con le tre Grazie).

144

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca VIII Theca VIII

Inv. 1762 196

Bibliografia

Descrizione Riproduzione moderna di un vetro dorato perduto con le tre Grazie edito dal Fabretti 100

197

MOREY, FERRARI, tav. XXIII, nr. 195 MOREY, FERRARI, tav. XXIII, nr. 196 FREMERSDORF, nr. 1010

Vetro dorato moderno con ritratto virile 101

Theca VIII

198

Vetro dorato moderno con animale fantastico 102

Theca IX

199

Pesce in agata ( piscis ex Achate , inv. 1762)

Theca IX

200

FREMERSDORF, nr. 1008

Piccolo pesce pietra biancastra ( piscis alius ex Achate , inv. 1762)

Theca IX

201

FREMERSDORF, nr. 1009

Piccolo pesce mancante della coda, con parti anatomiche incise, pietra con venature rossastre ( piscis ex Sardonicha , inv. 1762)

Theca IX

202

FREMERSDORF, nr. 1007

Piccolo pesce in cristallo di rocca inciso, mancante della coda

Theca IX

203

FREMERSDORF, nr. 1006

Pesce in cristallo di rocca inciso, mancante della coda e di parte della bocca ( piscis ex cristallo fossili , inv. 1762)

100 R. FABRETTI, Inscriptionum antiquarum quae in aedibus paternis asservantur explicatio et additamentum una cum aliquot emendationibus gruterianis, Romae 1702, p. 539; cfr. GARRUCCI, Vetri Roma 1858, op. cit. alla nota 99, p. 83, tav. XL nr. 5; ID., Vetri Roma 1864 op. cit. alla nota 99, pp. 229-230, tav. XLII nr. 5; vd. anche nota precedente. 101 Vd. nota 99. 102 Vd. nota 99. 103 Per la posizione nella teca settecentesca ancora integra allepoca del de Rossi e del Le Grelle il nr. 774 dellinv. de Rossi, un pesce in cristallo di rocca (attualmente inv. 60431 = FREMERSDORF, nr. 1006), stato riconosciuto dal Le Grelle nel nr. 200 dellinv. del 1762. Tuttavia la descrizione di tale reperto ( piscis alius ex Achate ) nellinventario re-

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

145

Inv. Attuale s. inv.

Inv. de Rossi

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza

60692

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,6 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,7 775 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 10 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 11 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 12 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 8 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 9
segue Armadio IV

60531

60510

60475?

780? 103

60509

779

60432

778

60431?

774?104

datto dal Vettori non sembra avvalorare lidentificazione, mentre, come ho proposto sopra nella tabella, mi sembrerebbe pi adeguata al pezzo inv. de Rossi nr. 780 (= inv. attuale 60475 = FREMERSDORF, nr. 1008), un piccolo pesce in pietra biancastra. Il nr. 774 del de Rossi (= inv. 60431 = FREMERSDORF, nr. 1006), potrebbe invece meglio individuarsi nel nr. 203 dellinv. del 1762: piscis ex cristallo fossili . La proposta resa plausibile anche dallesame dellelenco degli oggetti di questa teca nellinv. del 1762, che non sembra seguire la loro posizione nella teca ma sembra metterli in successione per tipo di raffigurazione e per materiale. In alternativa si dovrebbe supporre uno scambio di posto tra i due reperti avvenuto nel corso della vita del Museo Cristiano. 104 Vd. nota precedente.

146

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca IX

Inv. 1762 204

Bibliografia FREMERSDORF, nr. 1060

Descrizione Lastrina frammentaria incisa con raffigurazione di un pesce

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 724

Caraffa di piccole dimensioni con ansa arcuata

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 723

Caraffa di piccole dimensioni con ansa arcuata

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 728

Caraffa di piccole dimensioni con ansa dal foro circolare, decorata con macchie di colore bianco e giallo

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 729

Caraffa di piccole dimensioni decorata sul corpo da striature verde-azzurro

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 725

Caraffa di piccole dimensioni priva di ansa

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 726

Caraffa di piccole dimensioni con ansa e collo decorato a spirale

Theca IX

205

FREMERSDORF, nr. 727

Caraffa di piccole dimensioni con ansa arcuata; sul corpo decorazione a zig-zag in bianco

Theca IX

206a

FREMERSDORF, nr. 1004

Piccola anatra in cristallo di rocca inciso, con becco e coda rovinati, ed occhi incavati forse per contenere altro materiale applicato

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

147

Inv. Attuale 60427

Inv. de Rossi 773

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290

Collezione Vettori, Gemmae antiquae sacris Imaginibus et Symbolis insignitae nr. 50 Vettori

Provenienza

60116

781

Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290

60115

782

Vettori

60120

783

Vettori

60121

784

Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290

Vettori

60117

785

Vettori

60118

786

Vettori

60119

787

Vettori

60433

777

Vettori

segue Armadio IV

148

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca IX

Inv. 1762 206b

Bibliografia FREMERSDORF, nr. 1005

Descrizione Piccola anatra in cristallo di rocca inciso, mancante della coda, con occhi incavati forse per contenere altro materiale applicato

Theca IX

207a

FREMERSDORF, nr. 704

Sigillo con monogramma in rilievo

Theca IX

207b

FREMERSDORF, nr. 703

Sigillo con monogramma in rilievo

Theca IX

207c

FREMERSDORF, nr. 705

Sigillo con monogramma in rilievo

Theca IX

208

FREMERSDORF, nr. 804

Piccola lucerna bilicne (con beccucci a volute contrapposti), con disco concavo e due minuscoli infundibula

Theca IX

209

FREMERSDORF, nr. 1059

Lastrina frammentaria incisa con raffigurazione di tre spighe

Theca IX

210

FREMERSDORF, nr. 1042

Lastra frammentaria incisa con raffigurazione di capra distesa ai piedi di un arbusto

inferiore; capsula

220,5

MOREY, FERRARI, tav. XIV, nr. 87

Fondo con busto di Marcellino di profilo, identificato da didascalia

Vd. laggiunta alla copia dellinv. del 1762, Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 70, f. 16r, nr. 220, 5: Capsula altera in qua vitru(m) antiquum cum imagine Marcellini Papa et aliud cum duabus imaginibus, sed non integrum. Ex cymeterio SS. Processi et Martiniani eruta anno 1767 . Sullidentificazione del cimitero dei ss. Processo e Martiniano con il cimitero di Calepodio, vd. E. STEVENSON, Bullettino di Archeologia Cristiana,

105

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

149

Inv. Attuale 60434

Inv. de Rossi 776

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290 Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290

Collezione Vettori

Provenienza

60289

789

Vettori

60288

790

Vettori

60290

791

Vettori

60134

788

Vettori

60426

771

Vettori, Gemmae antiquae sacris Imaginibus et Symbolis insignitae nr. 51 Vettori, Gemmae antiquae sacris Imaginibus et Symbolis insignitae nr. 52 Cimitero di Calepodio, anno 1767105
segue Armadio IV

60429

772

Quadro unico con invv. 60426; 60429; 60427; 60431; 60510; 60434; 60433; 60432; 60509; 60475; 60116; 60115; 60120; 60121; 60117; 60118; 60119; 60134; 60289; 60288; 60290

60693

294

1881, pp. 104-106; A. SILVAGNI, La topografia cimiteriale della via Aurelia ed uninedita epigrafe storica frammentaria del cimitero dei SS. Processo e Martiniano, in Rivista di Archeologia Cristiana, 9, 1932, pp. 103-118, part. pp. 107-109; ID., in ICUR II, p. 87; sul cimitero vd. ora G. N. VERRANDO, Cal(l)isti coemeterium (via Aurelia), in A. LA REGINA (a cura di), Lexicon topographicum urbis Romae. Suburbium, II, Roma 2004, pp. 44-50.

150

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

ARMADIO V
Collocaz. specifica Theca I ordo 1 Theca I ordo 1 Theca I ordo 1 Inv. 1762 221 Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 18 MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 21 MOREY, FERRARI, tav. I, nr. 10 Descrizione Fondo con erote che regge una face rovesciata, accanto a un pilastrino con capitello composito su cui una colomba Fondo con iscrizione entro corona dalloro decorata da bacche rosse Fondo con Venere sorreggente un pomo, affiancata da due putti: quello a sinistra le porge un fiore rosso, quello a destra regge uno specchio che le riflette il viso Placchetta rettangolare con erote in piedi su una grande anfora, sorreggente sul capo un vaso

222

223

Theca I ordo 2 Theca I ordo 2

224

MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 16

225

Fondo con decorazione illeggibile MOREY, FERRARI, tav. XXIII, nr. 191

Theca I ordo 2

226

MOREY, FERRARI, tav. II, nr. 13

Frammento con figura femminile di spalle, vestita di tunica leggera e panneggio che copre le gambe, e, a destra, sgabello a quattro piedi Fondo frammentario con scena di pugili in lotta, fra i quali larbitro Fondo con personaggio riccamente vestito, con in mano una palma e due tibie, affiancato da un cippo con cinque corone sovrapposte e da un pilastrino sormontato da una maschera comica Fondo con putto alato vestito di pelle di leopardo, che corre verso una mta (?) su cui appoggiato uno scudo Fondo frammentario con parte inferiore di figura virile nuda tra due figure femminili, una nuda laltra vestita Fondo frammentario con Ercole, rivestito di pelle di leone, con le mani alzate a sorreggere il cinghiale di Erimanto Fondo con Eros e Psiche abbracciati; a sinistra, specchio, a destra faretra ed arco

Theca II ordo 1 Theca II ordo 1

227

MOREY, FERRARI, tav. IV, nr. 28 MOREY, FERRARI, tav. IV, nr. 25

228

Theca II ordo 1 Theca II ordo 2 Theca II ordo 2 Theca II ordo 2

229

MOREY, FERRARI, tav. IV, nr. 26 MOREY, FERRARI, tav. V, nr. 32 MOREY, FERRARI, tav. II, nr. 12 MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 15

230

231

232

Theca III ordo 1

233

MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 35

Fondo con scena di caccia: un giovane in tunica esomide incita due cani con collare verso un daino ed un cervo, su sfondo di arbusti

106 107

BOLDETTI, op. cit. alla nota 81, pp. 193-194, tav. III nr. 1. BOLDETTI, op. cit. alla nota 81, pp. 333-334, tav. II nr. 2.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

151

Inv. Attuale 60707

Inv. de Rossi 405

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60707; 60744; 60697; 60748; 60635; 60711 Quadro unico con invv. 60707; 60744; 60697; 60748; 60635; 60711 Quadro unico con invv. 60707; 60744; 60697; 60748; 60635; 60711

Collezione Carpegna

Provenienza

60744

406

Cimitero di Callisto106 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 25

60697

407

60748

408

Quadro unico con invv. 60707; 60744; 60697; 60748; 60635; 60711 Quadro unico con invv. 60707; 60744; 60697; 60748; 60635; 60711 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 45 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 43

60635

409

60711

410

Quadro unico con invv. 60707; 60744; 60697; 60748; 60635; 60711

60713

399

Quadro unico con invv. 60713; 60747; 60696; 60703; 60749; 60745 Quadro unico con invv. 60713; 60747; 60696; 60703; 60749; 60745

60747

400

60696

401

Quadro unico con invv. 60713; 60747; 60696; 60703; 60749; 60745 Quadro unico con invv. 60713; 60747; 60696; 60703; 60749; 60745 Quadro unico con invv. 60713; 60747; 60696; 60703; 60749; 60745 Quadro unico con invv. 60713; 60747; 60696; 60703; 60749; 60745 Buonarroti

Cimitero di Pretestato107

60703

402

60749

403

Carpegna

60745

404

Carpegna

Cimitero di Priscilla, Febbraio 1693 108

60734

411

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

Carpegna

segue Armadio V

108 BUONARROTI, op. cit. alla nota 83, pp. 193-206, tav. 28 nr. 3. Per quanto riguarda lindicazione di provenienza dal cimitero di Priscilla , v. supra nota 96.

152

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca III ordo 1

Inv. 1762 234

Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 20; CIL XV, 7034

Descrizione Frammento di fondo con iscrizione

Theca III ordo 1

235

MOREY, FERRARI, tav. VI, nr. 34

Fondo decorato da un asino (didascalia), con campana al collo, incedente verso destra, tra arbusti

Theca III ordo 2 Theca III ordo 2

236

MOREY, FERRARI, tav. XX, nr. 119 FREMERSDORF, nr. 286

Frammento di fondo con busto di atleta, accompagnato da didascalia Frammento di piastra con raffigurazione di un pesce, realizzata nella tecnica del millefiori

237

Theca III ordo 2

238

FREMERSDORF, nr. 692

Frammento di disco con parte di figura radiata e bordo ornato da motivo a cane che corre

Theca III ordo 3

239

FREMERSDORF, nr. 847

Frammento di ciotola con decorazione incisa: parte di figura virile rivolta verso il centro della decorazione; orlo scanalato ed ornato da un tralcio fitomorfo Fondo con iscrizione entro cornice circolare a losanghe e punti

Theca III ordo 3

240

MOREY, FERRARI, tav. III, nr. 22

Theca III ordo 3

241

FREMERSDORF, nr. 828

Frammento di piatto con decorazione incisa: parte di figura femminile abbigliata che tende le braccia verso sinistra; in alto a destra, zampe posteriori di animale (pecora?) Frammento di bicchiere con orlo scanalato e corpo decorato con incisioni: motivi geometrici e lepre in fuga

Theca V ordo 1

249

FREMERSDORF, nr. 822

Theca V ordo 1

250

FREMERSDORF, nr. 823

Frammento di ciotola decorata con incisioni: entro un tondo, un animale (leone?) ed un arbusto; accanto, rosetta entro losanga e, entro rettangolo, lepre in fuga

La notizia riportata da A. M. LUPI, Dissertatio et animadversiones ad nuper inventum Severae martyris epitaphium, Panormi 1734, p. 165 nt. 3, da cui F. FICORONI, Gemmae antiquae litteratae aliaequae rariores. Accesserunt vetera monumenta eiusdem aetate reperta, quorum ipse in suis commentariis mentionem facit. Omnia collecta, adnotationibus, et declarationibus illustrata a P. Nicolao Galeotti, Romae 1757, p. 22 (cfr. H. DRESSEL, ad CIL XV, 7034). Erroneamente MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, pp. 6-7 nr. 20, tav. III, 20, riporta come data del rinvenimento lanno 1872.

109

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

153

Inv. Attuale 60737

Inv. de Rossi 412

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

Collezione Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49

Provenienza Trovato nel 1732 nella vigna del Collegio Inglese109 Cimitero di Ponziano, Novembre del 1688110

60731

413

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

Carpegna

60604

414

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300 Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

Buonarroti o Vettori111 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,9 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,10 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,11 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 11 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,12 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,13 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,14
segue Armadio V

60352

415

60319

416

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

60316

417

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

60736

418

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

60300

419

Quadro unico con invv. 60734; 60737; 60731; 60604; 60352; 60319; 60316; 60736; 60300

60293

420

Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

60294

421

Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

BUONARROTI, op. cit., pp. 71-74, tav. 9 nr. 4. Linventario del 1762 attribuisce questo fondo dorato alla collezione Buonarroti, diversamente de Rossi e Morey riscontrano accanto al vetro la lettera V in metallo dorato, che starebbe ad indicare una provenienza del vetro dal Museo Vettori (cfr. Arch. Bibl. 66A cit. alla nota 74, ff. 111v-112r nr. 414 e MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, p. 28 nr. 119).
111

110

154

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocaz. specifica Theca V ordo 1

Inv. 1762 251

Bibliografia FREMERSDORF, nr. 824

Descrizione Frammento di bicchiere emisferico con decorazione incisa: motivi geometrici; tondo con erote tra fiori; rettangolo con parte posteriore di animale (lepre?) vitrum multis fragmentis coagmentatum, in quo imagines, et litera 112

Theca V ordo 2

252

Theca V ordo 2

253

FREMERSDORF, n. 832

Frammento di bicchiere con bordo scanalato e decorazione incisa: cavaliere con lancia a cavallo

Theca V ordo 2 Theca V ordo 3

254

MOREY, FERRARI, tav. XXII, nr. 185 FREMERSDORF, nr. 681

Porzione di fondo con tracce del bordo quadrato, decorato allinterno ed in esergo con motivi vegetali Frammento di fondo di bottiglia con marchio di fabbrica impresso

255

Theca V ordo 3

256

FREMERSDORF, nr. 840

Frammento di piatto con decorazione incisa: parte di due personaggi virili, con in mano un rotolo, incedenti verso sinistra; fra di essi, una palma stilizzata Frammento di fondo di bottiglia con parte di iscrizione impressa

Theca V ordo 3

257

FREMERSDORF, nr. 499

ARMADIO VIII
Collocaz. specifica Ordo 3 Capsula 1 Inv. 1762 544 Bibliografia MOREY, FERRARI, tav. VIII, nr. 49 Descrizione Fondo frammentario con busti di Pietro e Paolo in concordia, fra i quali Cristo, in scala minore, a braccia aperte; lungo il bordo liscrizione: [Di]gnitas amicorum, pie zes[es cum tuis omni]bus, bibas (!) Frammento di fondo con busto di Pietro identificato da didascalia; a sinistra, un rotolo Frammento di fondo con due busti (di quattro originari), identificati da didascalie e posti intorno a un clipeo centrale (con Cristo?) Medaglione con Adamo dopo il peccato originale, fra due arbusti Medaglione con Tobia che regge il pesce con la lenza, fra arbusto e fogliame in funzione di riempitivi

Ordo 3 Capsula 1

545

MOREY, FERRARI, tav. XX, nr. 127 MOREY, FERRARI, tav. XX, nr. 117 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 138 MOREY, FERRARI, tav. XXI, nr. 156

in medio 547,1 Capsula 2 in medio 547,2 Capsula 2 capsula ductilis 960

112

Vd. sopra nota 90.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

155

Inv. Attuale 60295

Inv. de Rossi 422

Riquadri comuni al tempo del de Rossi Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

Collezione Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,15 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,16

Provenienza

60304

424

Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,17 Buonarroti

60637

425

Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378 Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

60377

426

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,18 Vettori

60308

427

Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

60378

428

Quadro unico con invv. 60293; 60294; 60295; 60305; 60304; 60637; 60377; 60308; 60378

Vettori

Inv. Attuale 60730

Inv. de Rossi 283

Riquadri comuni al tempo del de Rossi

Collezione

Provenienza Cimitero di Priscilla, anno 1758113

60603

289

60599

299

60663

326

60683

336

113 Cos linv. del 1762. Riguardo allindicazione di provenienza dal cimitero di Priscilla , vd. supra nota 96.

156

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Il criterio espositivo, che si evince nella disposizione dei vetri dorati riportata dallinventario del 1762, appare impostarsi sui soggetti della decorazione aurea, suddivisi pur con le eccezioni dovute alla disponibilit della collezione secondo tre tematiche principali: la religione ebraica, la fede cristiana e la tradizione pagana. Ai motivi simbolici della religione ebraica si affiancavano le scene del Vecchio Testamento, seguite dalle raffigurazioni del Nuovo Testamento, cui succedevano quelle dei testimoni del nuovo credo, apostoli, santi e martiri. La sezione finale era invece destinata a temi di genere (quali ritratti, scene di caccia, di lotta, ecc.) o di stampo pi chiaramente pagano, rappresentati da figure di divinit, personaggi mitologici, figure allegoriche che rimandano a momenti fondamentali della vita pagana, ecc. La prima teca dellarmadio III raccoglieva infatti i vetri connessi ai temi dellAntico Testamento e della religione ebraica e il quadro era chiuso dallaccenno allinizio della nuova era, contrassegnata dalla venuta del Messia, simboleggiata dal vetro dorato, che si riteneva rappresentasse Maria con il piccolo Ges. Seguivano nelle teche successive i vetri relativi allimmagine del Cristo, quale Buon Pastore, e dei suoi miracoli, inframmezzati a piccoli medaglioni con raffigurati personaggi veterotestamentari, allundenti allazione redentrice e salvifica del Cristo, o miracoli di Ges. I fondi dorati con le immagini di Pietro o dei due Principi degli apostoli, Pietro e Paolo, cominciavano ad affiancare i vetri con il Cristo nellultimo ordine della teca III e proseguivano nelle teche IV e V, suddivisi al centro da medaglioni con immagini di Daniele (erroneamente riferite ai Magi), del paralitico, dei fanciulli ebrei nella fornace (teca IV) ed infine con le quattro rappresentazioni del Cristo nellatto di far scaturire lacqua dalla rupe (teca V). Ai Principi degli apostoli seguivano le immagini di altri santi e martiri, che chiudevano la teca V e occupavano ancora la teca VI, inframmezzate da piccoli medaglioni con No, il leone, Cristo (Mos) che fa sgorgare lacqua dalla rupe, uno dei fanciulli ebrei nella fornace. Seguivano alcune teche contenenti oggetti singoli di particolare rilievo (o ritenuti tali), che non sembrano inserirsi in uno schema o sequenza particolare: il vetro dorato con gruppo familiare, il falso mosaico col volto del Cristo, il vetro dorato di Dedalius. Su ripiani erano poi sistemati cofanetti con vetri interi o frammentari di soggetto vario. Lesposizione dellarmadio era completata da altri oggetti in metallo, smalto, legno, tra i quali, nel pluteo 3, sono riconoscibili due lipsanoteche, una con il martirio di S. Stefano,114 laltra con la fuga in Egitto, le pie donne al sepolcro
114 Inv. 1762 nr. 117 = inv. de Rossi 821 = inv. attuale 62449 = F. STOHLMAN, Gli smalti del Museo Sacro Vaticano, (Catalogo del Museo Sacro della Biblioteca Vaticana, II), Citt del Vaticano 1939, p. 36 nr. 28, tavv. XIII-XIV. Vd. anche The Holy See. Vatican Collections (Catalogo della mostra), Brisbane 1988, pp. 101-102, nr. 30.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

157

e due santi,115 e ancora, nel pluteo 2, una croce reliquiario in legno intagliato, decorata su un lato dalla crocefissione, gli Evangelisti, la trasfigurazione e la discesa al Limbo, sullaltro dal Battesimo di Cristo, gli Evangelisti, lAnnunciazione, la presentazione al Tempio,116 e la famosa anforetta argentea, gi della collezione Albani, ornata a sbalzo su tre registri con croce tra uccelli araldici, cinque tondi con Cristo fra gli apostoli e agnello mistico fra quattro pecore.117 Nellarmadio IV riprendevano le teche composte da gruppi di dieci vetri: la prima comprendeva ancora fondi oro con gli apostoli Pietro e Paolo ai quali se ne affiancavano altri con santi e martiri, inframmezzati da piccoli medaglioni con busti (femminile e maschile) e temi del vecchio Testamento (Mos e uno dei fanciulli ebrei nella fornace). Pietro, Paolo e altri santi e martiri erano ancora i soggetti che contraddistinguevano i vetri dorati della teca II, al cui centro erano inoltre un frammento con cristogramma e un medaglione con figura femminile, ritenuta di orante. Nella teca III le decorazioni mostravano santi, Cristo e santi, lorante, assieme a coppie di coniugi e a medaglioni con busti virili e raffigurazioni di animali (una colomba, ritenuta essere un cigno). Raffigurazioni di coppie di coniugi, contraddistinguevano i fondi oro contenuti nella teca IV; il centro era occupato da due medaglioni con teste di animali, uno con ritratto e un frammento di fondo con resti di due figure; chiudeva la sequenza dei fondi la riproduzione di una figura virile stante, con in mano un volumen e con due stelle ai lati. La teca V comprendeva un vetro ritenuto rappresentare Pietro e Paolo coronati dal Cristo, uno con limmagine del Cristo, e fondi con coppie di sposi e raffigurazioni varie, inframmezzati da medaglioni o frammenti di fondi con soggetto vario o con iscrizioni. Nella teca VI si trovavano otto fondi con coppie di coniugi o ritratti singoli disposti su tre file, di cui, la centrale, composta di due vetri. Seguiva poi una teca (VII) con reperti di vario genere e materiale di epoca per lo pi medievale. I vetri dorati ricorrevano nuovamente nella teca VIII, composta tuttavia da due copie moderne di antichi fondi con decorazione aurea, perduti, e da due vetri di realizzazione settecentesca. Nella te-

115 Inv. 1762 nr. 118 = inv. de Rossi 822 = inv. attuale 64533 = STOHLMAN, op. cit. alla nota 114, p. 34 nr. 26, tavv. X-XI. Vd. anche U. UTRO, Pequeo cofre relicario con escenas cristolgicas, in La fe y el arte. Coleccion de obras maestras del Vaticano (Catalogo della mostra), Montevideo 1998, pp. 102-103; U. UTRO, Pequeo cofre relicario con escenas cristolgicas, in Fe y arte. Coleccion de obras maestras del Vaticano (Catalogo della mostra), Santiago 1998, pp. 102-103; ID., Reliquary Box with Scenes from Christs Life, in Journey of Faith. Art and History from the Vatican Collections (Catalogo della mostra), Singapore 2005, p. 60. 116 Inv. 1762 nr. 123 = inv. de Rossi 586 = inv. attuale 62366. 117 Inv. 1762 nr. 124 = inv. de Rossi 708 = inv. attuale 60861 = LEGA art. cit. alla nota 72.

158

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

ca IX erano disposti piccoli pesci in pietra dura, cristalli di rocca lavorati in forma di piccoli pesci o colombe o di lastre incise, oltre a sigilli in vetro e a una piccola lucerna miniaturistica sempre in vetro. Sui ripiani dellarmadio erano poi sistemati altri oggetti, quali pissidi in metallo o eburnee di epoca tardo-antica e medievale (ad es. la pisside con i miracoli di Cristo 118 da S. Ambrogio a Milano,119 gi illustrata dal Gori 120), vetri cimiteriali (come il famoso kantharos rinvenuto nel cimitero di S. Agnese 121 nel 1645-46, entrato nella collezione di Virgilio Spada e donato ad Alessandro VII il 7 settembre del 1655),122 un piede di statua marmorea femminile, calzante un sandalo, della collezione Vettori,123 proveniente dallagro Sabino, gi appartenuto al Cardinale Francesco Maria Brancaccio ed erroneamente ritenuto pertinente alla statua di un antico pontefice romano, la copia settecentesca 124 della base iscritta 125 dellobelisco di Costantino al Circo Massimo, sempre della collezione Vettori. Il vetro dorato di Marcellinus e un altro non ancora identificaInv. 1762 nr. 213 = inv. attuale 64633 = MOREY, op. cit. alla nota 35, pp. 59-60, nr. A61, tav. VIII. Era collocata nel pluteo secundo . 119 Cos G. B. PASSERI, Monumenta sacra eburnea a clarissimo Antonio Francisco Gorio ad quartam huius operis partem reservata expositiones, Florentiae 1759, pp. 74-75, tav. XXIV, additamenta in appendice allopera di A. F. GORI, Thesaurus veterum diptychorum, III, Florentiae 1759; cfr. anche H. LECLERCQ, Milan, in F. CABROL, H. LECLERCQ, Dictionnaire dArcheologie Chrtienne et de Liturgie, XI.1, Paris 1933, col. 1072, fig. 8071; erroneamente MOREY op. cit alla nota 35, p. 59, parla di una provenienza dal tesoro del Duomo di Milano. 120 Vd. PASSERI, op. cit. alla nota 119, pp. 74-75, tav. XXIV. 121 Inv. 1762 nr. 219 = inv. de Rossi nr. 757 = inv. attuale 60065 = G. B. DE ROSSI, Bollettino di Archeologia Cristiana 1879, p. 76, tav. IV; FREMERSDORF, op. cit. alla nota 76, nr. 261. Era collocato nella parte tertia dellarmadio. 122 C una discordanza tra lanno della donazione riportato nellinv. del 1762 e quello riportato dal de Rossi nel suo inventario (Arch. Bibl. 66A, cit. alla nota 74, ff. 228r-229r nr. 757). Nel primo infatti si fa riferimento al 1665, nel secondo vengono trascritti i documenti originari menzionanti la donazione che appaiono datati in calce al 5 e al 7 settembre del 1655. 123 Inv. 1762 nr. 217 = inv. attuale 65333. Era collocato nella parte tertia dellarmadio e fa ora parte della collezione del Museo Profano, cfr. anche Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 64, f. 362 v. nr. 785. Corrisponde allinv. Vettori (cit. alla nota 60, cfr. anche nota 79), Varia Sacra Monimenta, nr. 13. Liscrizione, incisa sulla lastra marmorea moderna a cui fissato il frammento di piede, riporta: Semipes / statuae pontificalis antiquae / in agro Sabiniensi repertus, / olim apud Cardinalem Franciscum Mariam Brancacium, / insigne testimonium / adversus novatores / qui negant / vetustiores romanos pontifices / crucem in calceamentis gestasse (vide Hierolexicon Macri, verbo Sandalia). / Extat Romae / in Museo Victorio / hac ornatus / epigraphe / et basi / marmorea / anno Domini / MDCCXLIII . 124 Inv. 1762 nr. 218 = inv. attuale 66535. Era collocata nella parte tertia dellarmadio e fa ora parte della collezione del Museo Profano. Corrisponde allinv. Vettori (cit. alla nota 60, cfr. anche nota 79), Varia Sacra Monimenta, nr. 14. 125 CIL VI, 1163, cfr. 31249.
118

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

159

bile erano riposti nella parte inferiore dello stesso armadio entro un cofanetto. Nelle teche dellArmadio V si distribuivano invece principalmente i fondi dorati con decorazioni a carattere pi propriamente profano. Nelle teche I-II essi erano suddivisi in gruppi di sei per ogni teca, disposti su due ordini. Nelle teche III e, soprattutto, V, composte da nove reperti suddivisi su tre ordini, venivano affiancati da frammenti di altri vetri (in particolare vetri incisi). Le teche IV e VI contenevano cristalli di rocca incisi, ora disposti nelle ante degli armadi del Museo Profano, mentre nelle teche sucessive erano sistemati oggetti di vario genere e di materiale ed epoca diversi (croci, sigilli, anelli, cucchiai, Agnus Dei in cera, ecc.). Qualche altro cofanetto contenente vetri dorati (due fondi con Pietro e Paolo, di cui uno frammentario, un altro con Cristo tra i santi e due medaglioni con personaggi biblici) era poi sistemato nellarmadio VIII. Per quanto concerne lallestimento del Museo Cristiano si pu ancora aggiungere una piccola notazione relativa allarmadio II.126 Assieme ad oggetti di epoca medievale (avori e raffigurazioni di S. Giovanni Battista e di altri santi e martiri su lamine metalliche) e ad iscrizioni non meglio identificabili, erano qui sistemate cinque lucerne bronzee bilicni, sulla cui ansa a riflettore trionfava il monogramma cristologico, e tre unilicni, due delle quali con ansa a riflettore, configurata a croce, sormontata in un caso dalla colomba.127 Ad esse si affiancavano tutti quegli oggetti considerati strumento di tortura e di martirio: tre flagella,128 due graffioni,129 ciascuno definito uncus ex aere
126 Ulteriori notizie e precisazioni su questo allestimento potranno venire dallo studio ancora in corso da parte della sottoscritta dellinventario del 1762 e dellinventario del Museo Vettori (per i quali vd. sopra rispettivamente alle note 68 e 60). 127 Inv. 1762 nrr. 2, 4, 8, 42, 43, 44,1, 45, 46. Ne rimane difficile lidentificazione precisa. Andranno tuttavia ricercate tra le lucerne invv. 60906, 60913, 60924, 60930, 60932, 60933, 60936, 60937, 60938, 60940, 60941. Meno probabili mi sembrano le lucerne invv. 60915 (con volto femminile sul coperchio del foro dimmissione non ricodato nellinv. del 1762), 60918 e 60928 (con cristogramma inserito tra le lettere apocalittiche, di cui non si fa mensione nellinv. del 1762). 128 Inv. 1762 nrr. 6, 6a, 44. I primi due si possono riconoscere nei flagella ora contrassegnati dagli invv. 60567 (= 6) e 60564 (= 6a), la descrizione dellultimo riportata dallinv. del 1762 non corrisponde appieno agli altri due flagella che oggi si conservano (invv. 60565, 60566): flagellum quattuor catenulis et totidem globulis diversae figurae et moduli compactum, quod ex unica catena pendet. Ut videtur monumentum sincerum non est . 129 Inv. 1762 nrr. 3, 7. Andranno riconosciuti in due dei tre reperti attualmente presenti nella collezione, invv. 60822, 60823, 60824. Su questa categoria di manufatti vd. da ultimo M. SANNIBALE, La raccolta Giacinto Guglielmi. II. Bronzi e materiali vari (Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie, Museo Gregoriano Etrusco, Cataloghi, 4.2), Roma 2008, pp. 150155 nr. 92.

160

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

sive ungula ad excarnificanda corpora SS. Martyrum adhibita e il famoso pecten in ferro e piombo,130 rinvenuto allepoca di Clemente X nel Cimitero allora ritenuto di Calepodio 131 e pubblicato dal Boldetti.132 Con la creazione del Museo voluto da Benedetto XIV tutto il materiale cristiano della collezione aveva trovato una sede espositiva adeguata, tuttavia una fetta cospicua della raccolta, costituita dai reperti a carattere profano 133 e dal prezioso medagliere vaticano,134 rimaneva ancora priva di collocazione idonea. La sistemazione di questultimo nucleo di materiali si deve al successore di Benedetto XIV, Clemente XIII, che nel 1761 su consiglio del Card. Albani destin loro un ambiente apposito, segnando la nascita del Museo Profano 135 (fig. 17), di cui, dal 1763, Giuseppe Gioacchino Winckelmann 136 assunse la custodia. Il sorgere di questo nuovo Museo, ubicato allestremit settentrionale della Galleria Clementina, determin alcune variazioni nellesposizione del Museo Cristiano: annotazioni, riportate a margine dellinventario del Museo Cristiano del 1762, documentano infatti spostamenti di manufatti nella sezione profana. Non sappiamo tuttavia se tale trasferimento avvenne nel momento di formazione del Museo Profano o, piuttosto, qualche decennio pi tardi, sotto Pio VI, in occasione della realizzazione degli armadi del Valadier (v. infra), e pi precisamente delle ante, nella cui decorazione gli oggetti risultano ancora inseriti. I lavori di sistemazione della sala del nuovo Museo Profano, un gioiello
Inv. 1762 nr. 5 = inv. attuale 60817. Da identificare con il Cimitero di Octavilla a S. Pancrazio, v. sopra alla nota 93. 132 BOLDETTI, op. cit. alla nota 81, pp. 318-319, tav. I nr. 1. 133 La maggior parte delle opere della Collezione Carpegna e, soprattutto, quelle a carattere profano non erano state infatti comprese nelliniziale sistemazione del Museo Cristiano (che, come si visto, era costituito da manufatti appartenenti al mondo paleocristiano, da oggetti legati ai primi secoli dellera cristiana o anche pi recenti ma a connotazione cristiana) e continuavano ad essere custodite allaltro capo del corridoio della Biblioteca, nellestremit settentrionale della Galleria Clementina. 134 Sulla storia del medagliere vaticano v. LE GRELLE, op. cit. alla nota 64, pp. XV-LXXIX, e particolarmente per la sistemazione della raccolta numismatica, v. pp. XXXV-XXXVII. 135 Cedola di moto proprio della Santit di Nostro Signore Clemente Papa XIII colla quale si danno varj ordini e regolamenti per la Biblioteca Vaticana, e i Musei della medesima, Roma 1761 (esemplari in Biblioteca Apostolica Vaticana, Mai XI.G.VIII 7 (10); Fondo Arch. Bibl. 51, ff. 83r89v); diversamente CHATTARD, op. cit. alla nota 43, pp. 69, 76, sembra attribuire a Benedetto XIV anche la paternit del Museo Profano. Sul Museo Profano di Clemente XIII, vedi ora anche C. LEGA, Il Museo Profano di Clemente XIII, in A. NANTE, C. CAVALLI, S. PASQUALI (a cura di), Clemente XIII Rezzonico. Un papa veneto nella Roma di met Settecento (Catalogo della mostra, Padova, Museo Diocesano, 12 dicembre 2008 - 15 marzo 2009), Cinisello Balsamo 2008, pp. 60-67. 136 N. VIAN, Winckelmann alla Biblioteca Vaticana, in Strenna dei Romanisti, XXXVII, 1976, pp. 432-442; GALLO, art. cit. alla nota 9, pp. 269-274, con bibliografia precedente.
131 130

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

161

Fig. 17a. Il Museo Profano, nella sistemazione antecedente alla realizzazione degli armadi del Valadier commissionati da Pio VI: Tempera su muro (c. 1780) di Bernardino Nocchi (attr.) nellAppartamento del Cardinal Francesco Saverio de Zelada (oggi Museo Etrusco Gregoriano)

Fig. 17b. Veduta attuale del Museo Profano con gli armadi del Valadier

architettonico settecentesco, con pareti rivestite di marmi colorati e volta decorata da stucchi e finti marmi, con al centro una tempera allegorica di Stefano Pozzi, furono terminati solo nel 1767, come ricorda liscrizione dipinta in una delle lunette.137 Anche la sistemazione di questo Museo rientra nella tradizione antiquaria settecentesca. Dalla guida dello Chattard,138 risalente appunto al 1767, apprendiamo che in tale data la maggior parte degli oggetti doveva essere ancora sistemata e doveva esserne redatto il catalogo. Pio VI increment la collezione profana con il materiale proveniente da diversi scavi urbani ed extra urbani 139 e provvide a dotare la stanza di splenPIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, p. 38, con errore nella registrazione dellanno: MDCCLVIII in luogo di MDCCLVII, come compare sullepigrafe. 138 CHATTARD, op. cit. alla nota 43, pp. 69-76. 139 Vd. a riguardo Biblioteca Apostolica Vaticana, Fondo Arch. Bibl. 69, ff. 129r-147r, 158r-167v; G. PINZA, B. NOGARA, Documenti relativi alla formazione ed alle raccolte principali del Museo. Appendice B (opera inedita in copia presso la Biblioteca dei Musei Vaticani), documenti LXXII-LXXIII; A. RADNTI, Vasi di bronzo romani nel Museo Profano del Vaticano, Roma 1937; C. PIETRANGELI, Scavi e scoperte di antichit sotto il pontificato di Pio VI, Roma 1958; F. BURANELLI, Si sarebbe dovuta chiamare Vulcente la cultura villanoviana, Monumenti Musei e Gallerie Pontificie. Bollettino, XI, 1991, pp. 5-50; A. STALINSKI, Il ritrovamento di Valle Fuino presso Cascia. Analisi storico-culturale intorno ad un deposito votivo in Alta Sabina, Memorie della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, ser. III, V, 2001.
137

162

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

didi armadi in legno del Brasile, le cui ante erano preziosamente decorate da una composizione di oggetti archeologici, principalmente avori, cristalli di rocca e vetri, racchiusi entro cornici finemente ornate da motivi in stucco. Gli armadi, ultimati nel 1785, furono eseguiti dallebanista Andrea Mimmi, su disegni di Luigi Valadier,140 che nello stesso periodo cur la montatura in magnifiche composizioni ornamentali dei cammei della collezione profana, tra i quali il famoso Cammeo Carpegna con il Trionfo di Bacco.141 Essi furono purtroppo asportati, assieme a gran parte della collezione profana e sacra, nelle ruberie operate dai francesi a seguito degli accordi sottoscritti il 10 febbraio 1798.142 Una serie di rami, eseguiti tra il 1784 e il 1794,143 ce ne ha conservato il ricordo raffigurandoli assieme agli altri avori e vetri della collezione del Museo Profano. In questi rami compaiono anche i vetri dorati a soggetto profano, che dal 1762 fanno parte della collezione del Museo Cristiano.144 Essi non
140 C. PIETRANGELI, I Musei Vaticani al tempo di Pio VI, in Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, 49, 1976-77, p. 211 nt. 37; 219; A. GONZLEZ-PALACIOS, Vita di Luigi Valadier, in IDEM (a cura di), Loro di Valadier (Catalogo della mostra), Roma 1997, pp. 35, 37; IDEM, Il tempio del gusto. Le arti decorative in Italia fra classicismi e barocco, Vicenza 2000, p. 45; LEGA, art. cit. alla nota 72, p. 87, nt. 40; A. GONZLEZ-PALACIOS; Arredi e ornamenti alla corte di Roma, 1560-1795, Milano 2004, pp. 323, 327, 329 note 51, 55, 64; E. COLLE, Il mobile neoclassico in Italia. Arredi e decorazioni dinterni dal 1775 al 1800, Milano 2005, pp. 120121 nr. 19; per il rendiconto finale dei lavori vd. ASV, Palazzo Ap., Computisteria 391, nr. 2. Su Andrea Mimmi vd. COLLE, op. cit., p. 473; Su Luigi Valadier e sui suoi lavori vd. GONZLEZPALACIOS, Arredi, cit., pp. 315- 426; IDEM, Valadier Father and Son. Some Further Notes and Discoveries, in Furniture History, XLIII, 2007, pp. 69-84 (non consultato); IDEM, Souvenirs de Rome, in A. DAGLIANO, L. MELEGATI (a cura di), Ricordi dellAntico. Sculture, porcellane e arredi allepoca del Grand Tour (Catalogo della mostra Roma 2008), Milano 2008, pp. 26-31. Per il resoconto della visita papale alla bottega del Valadier il 20 Ottobre 1781, durante la quale Pio VI pot ammirare gli armadi in preparazione e quelli gi approntati vedi V. HYDE MINOR, References to Artists and Works of Art in Chracas Diario ordinario 1760-1785, Storia dellarte, 46, 1982, p. 260. 141 RIGHETTI, art. cit. alla nota 60, pp. 281-283; A. GONZLEZ-PALACIOS, La montatura e il restauro dei cammei vaticani, in Loro di Valadier, cit. alla nota 140, pp. 39-46, per le schede delle singole montature v. ibid., pp. 47-97; ID., Arredi, op. cit. alla nota 140, pp. 367-401; C. NAPOLEONE, Trionfo di Bacco, in LO BIANCO, NEGRO, op. cit. alla nota 13, p. 281 nr. 179. 142 Vd. sopra nota 75. 143 Roma, Ist. Naz. Per la Grafica, Calcografia Naz., Raccolta di avori e vetri, cfr. Catalogo generale delle stampe impresse coi rami incisi al bulino ed allacqua forte posseduti dalla regia Calcografia le quali si vendono in questo istituto, Roma 1897, p. 86 nr. 1377; C. A. PETRUCCI, Catalogo generale delle stampe tratte dai rami incisi posseduti dalla regia Calcografia di Roma, Roma 1934, p. 143 nr. 1377; per la datazione di questi rami v. RIGHETTI, art. cit. alla nota 60, p. 296; L. PIRZIO BIROLI STEFANELLI, Stampe di opere di Luigi Valadier in Vaticano, in Loro di Valadier, cit., pp. 258-262, part. p. 258. 144 Si tratta dei vetri MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, nrr. 10 (inv. 60697), 12 (inv. 60749), 13 (inv. 60711), 15 (inv. 60745), 18 (inv. 60707), 21 (inv. 60744), 25 (inv. 60747),

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

163

vengono menzionati nel primo inventario in nostro possesso del Museo Profano databile, sembra, solo ai primi anni dellOttocento, e in quelli successivi.145 Se non si tratt di un ripensamento, potrebbe essere possibile ma unipotesi tutta da dimostrare che fosse prevista una loro sistemazione nelle ante del III armadio del Museo Profano. Queste ultime, infatti, a differenza di tutte le altre, furono consegnate senza oggetti archeologici fissati in funzione decorativa, ma con la predisposizione ad ospitarli. Forse la situazione critica determinata dalloccupazione francese imped di portare a termine il programma decorativo e i vetri rimasero nella loro vecchia collocazione al Museo Cristiano, mentre successivamente le ante del terzo armadio furono ornate con gli avori medievali della bottega degli Embriachi.146 Con il passaggio di competenza delle collezioni dei Musei della Biblioteca ai Musei Vaticani, avvenuto nel 1999, si avviato, su disposizione della Direzione dei Musei Vaticani, un progetto di riallestimento del Museo Cristiano, che ha visto il suo compimento il 16 Marzo 2006.147 I lavori hanno compreso anche il restauro degli antichi armadi in radica di noce del tempo di Benedetto XIV. Nel nuovo allestimento il materiale archeologico stato principalmente ripartito per siti di provenienza. Iniziando dalle catacombe romane, distri26 (inv. 60696), 28 (inv. 60713), 32 (inv. 60703), 34 (inv. 60731), 35 (inv. 60734), 87 (inv. 60693), 90 (inv. 60786), 96 (inv. 60788). Oltre a questi vetri dorati antichi, sono raffigurati anche la riproduzione moderna (s. inv.) del vetro dorato perduto con le tre Grazie edito dal Fabretti, e la copia moderna in vetro (s. inv.) del vetro dorato perduto, con ritratto virile e con iscrizione pie zeses, gi presso Virgilio Spada (su di essi vd. anche quanto riportato a riguardo della teca VIII nella tabella relativa allArmadio IV; vd. inoltre infra, con nota 148). 145 Vd. LEGA, art. cit. alla nota 72, p. 87. 146 Per le spoliazioni operate dai francesi vd. sopra nota 75. Per gli incrementi alle collezioni del Museo Cristiano e Profano dal XIX al XX sec. (in particolare lacquisizione del Museo Mariotti nel 1820, dei cammei Girometti e gli ingressi di materiale archeologico dalle catacombe sotto Gregorio XVI e Pio IX, da Pompei sotto Pio IX e dei reliquiari del Sancta Sanctorum sotto Pio X, ecc.) e le modifiche avvenute in questo periodo, causate soprattutto dalla cessione di parte delle collezioni (ad es. al Museo Gregoriano Etrusco, al Laterano, alla Pinacoteca Vaticana ecc.), v. LE GRELLE, op. cit. alla nota 64, pp. LI-LXXIX; RIGHETTI, art. cit. alla nota 60, pp. 308-324; PIETRANGELI, op. cit. alla nota 46, pp. 105-245; G. CORNINI, Roma. Musei e collezioni vaticane, in Enciclopedia dellArte Medievale, X, Roma 1999, pp. 151-155. 147 Il progetto espositivo, concepito nelle sue linee essenziali dal Dott. Umberto Utro, stato poi rielaborato, ampliato e adattato alla specifica situazione museale da un gruppo di lavoro composto dal Dott. Umberto Utro stesso, ora Curatore del Reparto di Arte Paleocristiana, dal Dott. Guido Cornini, gi Ispettore e, ora, Curatore del Reparto Arti Decorative, competente, appunto, delle collezioni gi di pertinenza della Biblioteca Apostolica Vaticana, e dalla sottoscritta, ora Assistente del Reparto Arti Decorative. Su tutti i cam-

164

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

buite topograficamente, si arriva poi a comprendere i rinvenimenti a chiara valenza cristiana effettuati in area urbana, extraurbana, nei vari siti del Lazio, dellItalia e dellOrbis Romanus tardoantico. A questa sistemazione topografica si affiancano alcune vetrine tematiche nelle quali sono esposte le produzioni tardo-antiche maggiormente esemplificate nelle collezioni del Museo Cristiano: i vetri, tra i quali principalmente i vetri dorati, le lucerne, di terracotta e bronzee, le medaglie devozionali, ecc. Apre lallestimento una vetrina dedicata alla rievocazione dellesposizione settecentesca del Museo Cristiano voluto da Benedetto XIV. In essa sono raccolti pochi esemplari delle principali collezioni che formarono il Museo: Carpegna, Vettori, Buonarroti e Chigi. Sono accompagnati da alcuni significativi cimeli del Museo settecentesco: due delle teche antiche commissionate da Francesco Vettori per il Museo Cristiano e, precisamente, la teca VIII dellArmadio IV e la teca I dellArmadio VII,148 ancora fortunosamente conservate, una delle teche 149 con le impronte in ceralacca di gemme e cristalli di rocca, gi della collezione Vettori, una delle cornici in metallo dorato della seconda met del 700, destinata ad ospitare i reperti, e alcuni manufatti, chiaramente falsi, ma ritenuti nel settecento originali e caricati di importanza e significato, quali il finto mosaico con profilo di Cristo (inv. 64316), il calice vitreo campaniforme opera del XVIII sec. (inv. 60238), raffigurato addirittura come reperto emblematico del Museo in uno dei riquadri degli armadi della Galleria di Urbano VIII, dipinti da Filippo Cretoni al tempo di Pio IX, la medaglia con la concordia apostolorum, opera in bronzo del XVIII sec. (inv. 60801) e la collana realizzata sempre nel XVIII sec. con gemme antiche in vetro e pietre dure (inv. 60420).

biamenti attuati nellesposizione dalla fondazione del Museo ad oggi, e in particolare su questo nuovo allestimento v. ora C. LEGA, 1929-2009: dalla Biblioteca ai Musei. 2. Il nuovo allestimento del Museo Cristiano di Benedetto XIV e il progetto di riqualificazione del Museo Profano di Clemente XIII, in A. PAOLUCCI, C. PANTANELLA (a cura di), I Musei Vaticani 1929-2009, Citt del Vaticano, Firenze, Livorno 2009, pp. 225-247, part. pp. 225-234. 148 La prima contiene un vetro moderno che riproduce un vetro dorato perduto, gi presso Virgilio Spada, con ritratto virile e con iscrizione, pie zeses (inv. del 1762 nr. 194, attualmente s. inv.), una riproduzione di un vetro dorato perduto con le tre Grazie (inv. del 1762 nr. 196, attualmente s. inv.), un vetro dorato moderno con ritratto virile (inv. del 1762 nr. 197, attualmente inv. 60692) un vetro dorato moderno con animale fantastico (inv. del 1762 nr. 198, attualmente inv. 60531). Per questa teca e per gli oggetti in essa esposti v. anche la tabella relativa allArmadio IV; per la seconda teca v., invece, sopra nota 71. 149 Inv. 62283.

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

165

APPENDICE
INDICE DI CONGUAGLIO INVENTARIALE DELLE OPERE CONTENUTE NEGLI ARMADI DEL MUSEO CRISTIANO SECONDO LINVENTARIO DEL 1762 E MENZIONATE NELLE TABELLE ALLE PP. 122-155, ORDINATO SECONDO LINVENTARIO ATTUALE
Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale s. inv. s. inv. 60115 60116 60117 60118 60119 60120 60121 60134 60155 60288 60289 60290 60293 60294 60295 60300 60304 60305 60308 60311 60316 60317 60319 60352 60377 60378 60426 60427 60429 vedi ARMADIO IV, Theca VIII, 194 vedi ARMADIO IV, Theca VIII, 196 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 208 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, 111 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207b vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207a vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207c vedi ARMADIO V, Theca V ordo 1, 249 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 1, 250 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 1, 251 vedi ARMADIO V, Theca III ordo 3, 241 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 2, 253 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 107 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 3, 256 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 64 vedi ARMADIO V, Theca III ordo 3, 239 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 167 vedi ARMADIO V, Theca III ordo 2, 238 vedi ARMADIO V, Theca III ordo 2, 237 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 3, 255 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 3, 257 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 209 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 204 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 210 Attuale 60431? 60432 60433 60434 60475? 60509 60510 60531 60596 60597 60599 60603 60604 60607 60611 60630 60631 60632 60634 60635 60636 60637 60638 60641 60642 60643 60644 60645 60646 60647 60648 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 203 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 202 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 206a vedi ARMADIO IV, Theca IX, 206b vedi ARMADIO IV, Theca IX, 200 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 201 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 199 vedi ARMADIO IV, Theca VIII, 198 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 57 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 161 vedi ARMADIO VIII, in medio Capsula 2, 547,1 vedi ARMADIO VIII, Ordo 3 Capsula 1, 545 vedi ARMADIO V, Theca III ordo 2, 236 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 142 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 181 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 147 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 166 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 77 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 80 vedi ARMADIO V, Theca I ordo 2, 225 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 99 vedi ARMADIO V, Theca V ordo 2, 254 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 164 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1, 112 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 91 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 101 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 73 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 103 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 160 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 104 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2,84 Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762)

166

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale 60649 60651 60652 60653 60654 60656 60657 60658 60659 60660 60662 60663 60665 60666 60667 60668 60669 60670 60671 60672 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 130? vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 140 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 61 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 82 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 62 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 102 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 141 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 172 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 132 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 131 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 63 vedi ARMADIO VIII, in medio Capsula 2, 547,2 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 162 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 54 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 151 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 94 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 93 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 74 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 92 vedi ARMADIO III, Pluteo superiori, cordula pensili, 126,3 60673 60674 60675 60676 60677 60678 60679 60680 60681 60682 60683 60684 60685 60686 60687 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 72 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 152 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 81 = 126,4 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 52 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 159 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2,150,1 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 71 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 150 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 143 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 133 vedi ARMADIO VIII, capsula ductilis, 960 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 55 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 53 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 83 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 171

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale 60688 60689 60691 60692 60693 60695 60696 60697 60698 60699 60701 60702 60703 60705 60706 60707 60708 60709 60711 60712 60713 60714 60715 60716 60717 60718 60719 60720 60722 60723 60724 60725 60726 60728 60730 60731 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 170 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 169 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 145 vedi ARMADIO IV, Theca VIII, 197 vedi ARMADIO IV, inferiore; capsula, 220,5 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 105? vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 229 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 223 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 168 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 180 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 179 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1,113 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 230 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 68 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 154 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 221 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 175 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 183 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 226 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 49 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 227 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 56 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 176 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 87? vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1,90 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 59 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 149 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 138 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 177 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 173 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 144 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 153 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 67 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 136 vedi ARMADIO VIII, Ordo 3, Capsula 1, 544 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 235

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

167

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale 60732 60733 60734 60736 60737 60744 60745 60746 60747 60748 60749 60750 60751 60753 60754 60755 60756 60758 60759 60760 60761 60762 60764 60765 60766 60767 60768 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 178 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1 51 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 233 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 240 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 222 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 232 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 60 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 228 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 224 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 231 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 70 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 76 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 78 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 97 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 50 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 158 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 8 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 146 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1,69 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 127 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 85 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 95 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 139 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 98 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 156 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 115?

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale 60769 60770 60771 60772 60773 60774 60777 60779 60780 60781 60782 60783 60784 60785 60786 60787 60788 60789 60790 60791 60792 60794 60795 60796 60797 60798 64316 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 182 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 88 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 59a? vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 100 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 134 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 137 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 65 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 106 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 128 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 155 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 66 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 96 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 58 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 135 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 174 vedi ARMADIO III, Theca VII, 108 vedi ARMADIO III, Theca IX, 110 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 148 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 129 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 86 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 165 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 163 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 157 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 75 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 79 vedi ARMADIO III, Theca VIII, 109

168

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

INDICE DI CONGUAGLIO INVENTARIALE DELLE OPERE CONTENUTE NEGLI ARMADI DEL MUSEO CRISTIANO SECONDO LINVENTARIO DEL 1762 E MENZIONATE NELLE TABELLE ALLE PP. 122-155, ORDINATO SECONDO LINVENTARIO DE ROSSI, CONCORDATO CON LINVENTARIO ATTUALE

Inv. de Rossi 258 265

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

Inv. de Rossi

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

60155 60311

vedi ARMADIO III, Pluteo 3, 111 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 64

289

60603

vedi ARMADIO VIII, Ordo 3, Capsula 1, 545

290

60780

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 128

268

60705

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 68 291 60751

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 76

269

60792

vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116 292 60632

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 77

271

60777

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 65 293 60691 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 145

272

60726

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 67 294 60693 vedi ARMADIO IV, inferiore; capsula, 220,5

273

60760

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1,69 295 60772 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 100

274

60750

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 70 296 60695 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 105?

275

60718

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 297 59 1, 98 60766 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo

276

60746

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 298 60 136 60728 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3,

277

60782

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 66

299

60599

vedi ARMADIO VIII, in medio Capsula 2, 547,1

278

60771

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 59a?

300

60724

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 144

280

60790

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 129

301

60636

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 99

281

60768

vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 115?

302

60720

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 138

282

60785

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 135

303

60607

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 142

283

60730

vedi A RMADIO VIII, Ordo 3, Capsula 1, 544

304

60779

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 106

285

60761

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 127

306

60773

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 134

286

60797

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 75

307

60774

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 137

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

169

Inv. de Rossi 308

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

Inv. de Rossi

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

60765

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 139

342

60673

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 72

309

60759

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 146

343

60681

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 143

311

60641

vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1, 112

344

60651

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 140

312

60702

vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1,113

345

60682

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 133

326

60663

vedi ARMADIO VIII, in medio Capsula 2, 547,2

346

60657

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 141

327

60660

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 131

347

60649

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 130?

328

60645

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 103

349

60630

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 147

329

60643

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 101

350

60789

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 148

330

60662

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 63

351

60719

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 149

332

60647

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 104

352

60680

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 150

333

60659

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 132

353

60678

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2,150,1

334

60652

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 61

354

60667

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 151

335

60654

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 62

355

60674

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 152

336

60683

vedi ARMADIO VIII, capsula ductilis, 960

356

60725

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 153

337

60672

vedi ARMADIO III, Pluteo superiori, cordula pensili, 126,3

357

60706

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 154

338

60656

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 102

358

60781

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 155

339

60670

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 74

359

60753

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 78

340

60644

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 73

360

60798

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 79

341

60679

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 71

361

60634

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 80

170

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Inv. de Rossi 362

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

Inv. de Rossi

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

60675

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 81 = 126,4

381

60733

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1 51

363

60653

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 82

382

60714

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 56

364

60686

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 83

383

60596

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 57

365

60648

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 84

384

60784

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 58

366

60762

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 85

385

60676

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 52

367

60791

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 86

386

60685

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 53

368

60716

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 87?

387

60666

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 54

369

60717

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 90

388

60684

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 55

370

60758

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 8

389

60631

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 166

371

60770

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 88

390

60317

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 167

372

60754

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 97

391

60698

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 168

373

60783

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 96

392

60723

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 173

374

60764

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 95

393

60786

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 174

375

60668

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 94

394

60708

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 175

376

60669

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 93

395

60689

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 169

377

60671

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 92

396

60688

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 170

378

60642

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 91

397

60687

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 171

379

60712

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 49

398

60658

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 172

380

60755

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 50

399

60713

vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 227

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

171

Inv. de Rossi 400

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

Inv. de Rossi

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

60747

vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 228

419

60300

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 241

401

60696

vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 229

420

60293

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 249

402

60703

vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 230

421

60294

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 250

403

60749

vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 231

422

60295

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 251

404

60745

vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 232

423

60305

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 107

405

60707

vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 221

424

60304

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 253

406

60744

vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 222

425

60637

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 254

407

60697

vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 223

426

60377

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 255

408

60748

vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 224

427

60308

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 256

409

60635

vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 225

428

60378

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 257

410

60711

vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 226

429

60715

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 176

411

60734

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 233

430

60722

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 177

412

60737

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234

431

60732

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 178

413

60731

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 235

432

60701

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 179

414

60604

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 236

433

60699

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 180

415

60352

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 237

434

60611

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 181

416

60319

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 238

435

60769

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 182

417

60316

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 239

436

60709

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 183

418

60736

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 240

437

60767

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 156

172

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Inv. de Rossi 438

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

Inv. de Rossi

Inv. Collocazione specifica (Inv. 1762) Attuale

60796

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 157

773 774? 775 776

60427 60431? 60510 60434 60433 60432 60509 60475? 60116 60115 60120 60121 60117 60118 60119 60134 60289 60288 60290

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 204 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 203 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 199 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 206b vedi ARMADIO IV, Theca IX, 206a vedi ARMADIO IV, Theca IX, 202 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 201 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 200 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 208 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207a vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207b vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207c

439

60756

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 158

440

60677

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 159 777 778 779 780? 781

441

60646

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 160

442

60597

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 161

443

60665

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 162 782 783 784 785 786

444

60795

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 163

445

60638

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 164

446

60794

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 165 787 788 789 790 791

447 448 771 772

60787 60788 60426 60429

vedi ARMADIO III, Theca VII, 108 vedi ARMADIO III, Theca IX, 110 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 209 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 210

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

173

INDICE DI CONGUAGLIO BIBLIOGRAFICO DELLE OPERE CONTENUTE NEGLI ARMADI DEL MUSEO CRISTIANO SECONDO LINVENTARIO DEL 1762 E MENZIONATE NELLE TABELLE ALLE PP. 122-155, ORDINATE SECONDO LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA, CONCORDATA CON LINVENTARIO ATTUALE1
BOLDETTI M. A., Osservazioni sopra i cimiteri de santi martiri ed antichi cristiani di Roma, Roma 1720
Inv. Attuale pp. 193-194, tav. III nr. 1 p. 201, tav. VI nr. 19 (?) pp. 202-203, tav. VII nr. 21 60784 60765 60744 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 222 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 139 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 58 pp. 211-212, tav. X nr. 2 pp. 333-334, tav. II nr. 2 60696 Inv. Attuale 60746 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 60 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 229

Bibliografia

Bibliografia

BUONARROTI F., Osservazioni sopra alcuni frammenti di vasi antichi, di vetro ornati di figure trovati ne cimiteri di Roma, Firenze 1716
Inv. Attuale pp. 71-74, tav. 9 nr. 4 pp. 118-127, tav. 18 nr. 2 (?) 60765 60731 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 235 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 139 pp. 193-206, tav. 28 nr. 3 Inv. Attuale 60745 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 232

Bibliografia

Bibliografia

CIAMPINI G. G., Opera in tres tomos distributa, III, Romae 1747


Inv. Attuale pp. 233-249 60638 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 164

Bibliografia

CIAMPINI G. G., Sacro-historica disquisitio de duobus emblematibus, quae in Cimelio Gasparis Cardinalis Carpinei asservantur, in quorum altero praecipu disceptatur, an duo Philippi Impp. fuerint Christiani, Romae 1691
Inv. Attuale p. 16 60638 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 164

Bibliografia

1 NB. Ad esclusione dei cataloghi/repertori Fremersdorf, op. cit. alla nota 76, e MOREY, FERRARI, op. cit. alla nota 23, la restante bibliografia non completa ma prende in considerazione solo le citazioni che forniscono notizie specifiche circa gli oggetti in questione (dati collezionistici, di provenienza ecc.).

174
CIL XV
Bibliografia Inv. Attuale 7034 60737

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234

FICORONI F., Gemmae antiquae litteratae aliaequae rariores. Accesserunt vetera monumenta eiusdem aetate reperta, quorum ipse in suis commentariis mentionem facit. Omnia collecta, adnotationibus, et declarationibus illustrata a P. Nicolao Galeotti, Romae 1757
Inv. Attuale p. 22 60737 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234

Bibliografia

FREMERSDORF F., Antikes, islamisches und mittelalterlisches Glas sowie kleinere Arbeiten aus Stein, Gagat und verwandten Stoffen in den Vatikanischen Sammlungen Roms (Catalogo del Museo Sacro della Biblioteca Apostolica Vaticana, V), Citt del Vaticano 1975
Inv. Attuale nr. 286 60352 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 237 nr. 499 60378 vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 257 nr. 681 60377 vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 255 nr. 692 60319 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 238 nr. 703 60288 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207b nr. 704 60289 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207a nr. 705 60290 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 207c nr. 723 60115 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 nr. 724 60116 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 nr. 725 60117 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 nr. 828 60300 nr. 826 60155 nr. 824 60295 nr. 823 60294 nr. 822 60293 nr. 804 60134 nr. 729 60121 nr. 728 60120 nr. 727 60119 nr. 726 Inv. Attuale 60118 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 205 vedi ARMADIO IV, Theca IX, 208 vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 249 vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 250 vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 251 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, 111 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 241

Bibliografia

Bibliografia

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

175

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 253

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca IX, 203

nr. 832

60304

nr. 1006

60431?

nr. 840

60308

vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 256

nr. 1007

60432

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 202

nr. 841

60311

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 64

nr. 1008

60475?

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 200

nr. 847

60316

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 239

nr. 1009

60509

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 201

nr. 848

60305

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 107

nr. 1010

60510

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 199

nr. 850

60317

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 167

nr. 1042

60429

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 210

nr. 1004

60433

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 206a

nr. 1059

60426

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 209

nr. 1005

60434

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 206b

nr. 1060

60427

vedi ARMADIO IV, Theca IX, 204

IOZZI O., Roma Sotterranea. Il cimitero di S. Castolo M. sulla via Labicana a un miglio da Porta Maggiore, Roma 1904
Inv. Attuale pp. 37-39, tav. I, 1 60787 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Theca VII, 108 p. 40, tav. II, 1 Inv. Attuale 60792 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116

Bibliografia

Bibliografia

IOZZI O., Vetri cimiteriali con figure in oro conservati nel Museo sacro Vaticano, Roma 1902
Inv. Attuale pp. 5-7 nr. 1, tav. I,1 60787 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Theca VII, 108 p. 9 nr. 1, tav. II, 1; p. 48 nr. 1, tav. XII, 1 Inv. Attuale 60792 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116

Bibliografia

Bibliografia

LUPI A. M., Dissertatio et animadversiones ad nuper inventum Severae martyris epitaphium, Panormi 1734
Inv. Attuale p. 165 nt. 3 60737 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234

Bibliografia

176

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

MOREY C. F., FERRARI G., The gold glass Collection of the Vatican Library (Catalogo del Museo Sacro della Biblioteca Apostolica Vaticana, IV), Citt del Vaticano 1959
Inv. Attuale tav. I, nr. 1 60702 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1,113 tav. I, nr. 4 60709 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 183 tav. I, nr. 5 60701 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 179 tav. I, nr. 6 60699 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 180 tav. I, nr. 9 60698 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 168 tav. I, nr. 10 60697 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 223 tav. II, nr. 12 60749 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 231 tav. II, nr. 13 60711 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 226 tav. III, nr. 14 60746 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 60 tav. III, nr. 15 60745 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 232 tav. III, nr. 16 60748 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 224 tav. III, nr. 17 60706 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 154 tav. III, nr. 18 60707 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 221 tav. III, nr. 20 60737 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234 tav. III, nr. 21 60744 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 222 tav. III, nr. 22 60736 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 240 tav. IV, nr. 25 60747 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 228 tav. IV, nr. 26 60696 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 229 tav. IV, nr. 28 60713 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 1, 227 tav. VIII, nr. 49 60730 tav. VIII, nr. 48 60719 tav. VIII, nr. 47 60712 tav. VII, nr. 46 60714 tav. VII, nr. 45 60718 tav. VII, nr. 44 60726 tav. VII, nr. 43 60732 tav. VII, nr. 41 60722 tav. VI, nr. 40 60728 tav. VI, nr. 39 60725 tav. VI, nr. 38 60724 tav. VI, nr. 37 60717 tav. VI, nr. 36 60766 tav. VI, nr. 35 60734 tav. VI, nr. 34 60731 tav. V, nr. 32 60703 tav. V, nr. 31 60705 tav. V, nr. 30 60723 tav. V, nr. 29 Bibliografia Inv. Attuale 60708 Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 175 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 173 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 68 vedi ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 230 vedi ARMADIO, Theca III, ordo 1, 235 vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 233 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 98 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1,90 vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 144 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 153 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 136 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 177 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 178 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 67 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 59 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 56 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 49 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 149 vedi ARMADIO VIII, Ordo 3, Capsula 1, 544

Bibliografia

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

177

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 138

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 95

tav. VIII, nr. 52

60720

tav. XII, nr. 76

60764

tav. IX, nr. 53

60716

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 87?

tav. XII, nr. 77

60771

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 59a?

tav. IX, nr. 54

60691

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 145

tav. XIII, nr. 80

60632

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 77

tav. IX, nr. 55

60695

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 105?

tav. XIII, nr. 81

60751

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 76

tav. XIV, nr. 82 tav. IX, nr. 56 60634 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 80 tav. XIV, nr. 83 tav. IX, nr. 57 60641 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1, 112 tav. XIV, nr. 84 tav. IX, nr. 59 60715 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 176 tav. XIV, nr. 85 tav. X, nr. 60 60798 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 79 tav. XIV, nr. 86 tav. X, nr. 61 60753 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 78 tav. XIV, nr. 87 tav. X, nr. 62 60758 vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 8 tav. XIV, nr. 88 tav. X, nr. 63 60791 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 86 tav. XV, nr. 89 tav. X, nr. 65 60762 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 85 tav. XI, nr. 66 60761 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 127 tav. XI, nr. 67 60768 vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 115? tav. XI, nr. 69 60790 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 129 tav. XII, nr. 71 60755 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 50 tav. XII, nr. 72 60750 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 70 tav. XII, nr. 73 60760 vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 1,69 tav. XII, nr. 74 60772 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 100 tav. XVI, nr. 97 tav. XVI, nr. 96 tav. XV, nr. 95 tav. XV, nr. 94 tav. XV, nr. 93 tav. XV, nr. 92 tav. XV, nr. 91 tav. XV, nr. 90

60774

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 137

60773

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 134

60765

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 139

60759

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 146

60792

vedi ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116

60693

vedi ARMADIO IV, inferiore; capsula, 220,5

60754

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 97

60767

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 156

60786

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 174

60781

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 155

60794

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 165

60795

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 163

60769

vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 182

60770

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 88

60788

vedi ARMADIO III, Theca IX, 110

60787

vedi ARMADIO III, Theca VII, 108

178

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 158

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 130?

tav. XVII, nr. 98 tav. XVII, nr. 100 tav. XVII, nr. 101 tav. XVII, nr. 102 tav. XVIII, nr. 104 tav. XVIII, nr. 105 tav. XVIII, nr. 106 tav. XVIII, nr. 107 tav. XVIII, nr. 108 tav. XVIII, nr. 109 tav. XIX, nr. 110 tav. XIX, nr. 112 tav. XIX, nr. 114 tav. XX, nr. 115 tav. XX, nr. 117 tav. XX, nr. 119 tav. XX, nr. 123 tav. XX, nr. 125 tav. XX, nr. 126 tav. XX, nr. 127

60756

tav. XXI, nr. 128 tav. XXI, nr. 130 tav. XXI, nr. 131 tav. XXI, nr. 132 tav. XXI, nr. 133 tav. XXI, nr. 134 tav. XXI, nr. 135 tav. XXI, nr. 136 tav. XXI, nr. 137 tav. XXI, nr. 138 tav. XXI, nr. 139 tav. XXI,

60649

60785

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 135

60651

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 140

60782

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 66

60667

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 151

60789

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 48

60680

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 150

60779

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 106

60646

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 160

60636

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 99

60678

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2,150,1

60780

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 1, 128

60682

vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 133

60783

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 96

60685

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 53

60777

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 65

60676

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 52

60796

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 157

60663

vedi ARMADIO VIII, in medio Capsula 2, 547,2

60784

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 58

60643

vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 101

60674

vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 152

60797

vedi ARMADIO III, nr. 140 Theca III, ordo 3, 75 tav. XXI, 60660 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 131 60645 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 103 60656 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 102 60662 vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 63 60659 vedi ARMADIO IV, Theca I, ordo 2, 132 60647 vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 104 60648 vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2,84 60672 vedi ARMADIO III, Pluteo superiori, cordula pensili, 126,3

60733

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 1 51

nr. 142 tav. XXI,

60596

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 57

nr. 143 tav. XXI,

60599

vedi ARMADIO VIII, in medio Capsula 2, 547,1

nr. 145 tav. XXI, nr. 146 tav. XXI, nr. 147 tav. XXI, nr. 148 tav. XXI, nr. 149 tav. XXI, nr. 150

60604

vedi ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 236

60658

vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 172

60597

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 161

60607

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 142

60603

vedi ARMADIO VIII, Ordo 3, Capsula 1, 545

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

179

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 82

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 159

tav. XXI, nr. 151 tav. XXI, nr. 152 tav. XXI, nr. 153 tav. XXI, nr. 154 tav. XXI, nr. 156 tav. XXI, nr. 157 tav. XXI, nr. 158 tav. XXI, nr. 159 tav. XXI, nr. 160 tav. XXI, nr. 161 tav. XXI, nr. 162 tav. XXI, nr. 163 tav. XXI, nr. 164 tav. XXI, nr. 165 tav. XXI, nr. 167 tav. XXI, nr. 168

60653

tav. XXI, nr. 169 tav. XXI, nr. 171 tav. XXI, nr. 172 tav. XXI,

60677

60675

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 81 = 126,4

60665

vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 162

60652

vedi ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 61

60644

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 73

60654

vedi ARMADIO III, 60684 vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 55 60688 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 170 60687 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 171 60689 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 169 60611 vedi ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 181 60637 vedi ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 254 60631 vedi ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 166 60630 vedi ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 147 60635 vedi ARMADIO V, Theca I, ordo 2, 225 60638 vedi ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 164 60692 vedi ARMADIO IV, Theca VIII, 197 60531 vedi ARMADIO IV, Theca VIII, 198 Theca II, ordo 2, 62 nr. 173

60683

vedi ARMADIO VIII, capsula ductilis, 960 tav. XXI, nr. 174

60679

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 71 tav. XXI, nr. 175

60673

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 72 tav. XXII, nr. 179 tav. XXII, nr. 183 tav. XXII, nr. 185 tav. XXII,

60686

vedi ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 83

60670

vedi ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 74

60671

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 92

60642

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 91

nr. 187 tav. XXIII,

60668

vedi ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 94

nr. 190 tav. XXIII,

60669

vedi ARMADIO III, nr. 191 Theca V, ordo 2, 93 tav. XXIII, nr. 193 tav. XXIII, nr. 195 tav. XXIII, nr. 196

60681

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 143

60657

vedi ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 141

60666

vedi ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 54

180

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

VETTORI F., De Vetustate et forma sanctissimi nominis Jesu dissertatio Antiquis emblematibus, non antea vulgatis, ex Museo Victorio referta, Romae 1747, Epistolam ad lectorem,

Bibliografia

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) vedi ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 107

pp. XII-XIII e fig. a p. XIV

60305

INDICE DELLE PROVENIENZE DELLE OPERE CONTENUTE NEGLI ARMADI DEL MUSEO CRISTIANO SECONDO LINVENTARIO DEL 1762 E MENZIONATE NELLE TABELLE ALLE PP. 122-155, CONCORDATE CON LINVENTARIO ATTUALE

Provenienza

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 60

Provenienza

Inv. Attuale

Collocazione specifica (Inv. 1762) ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 235

Cimitero di S. Agnese a. 1716 Cimitero di Calepodio (?), a. 1739 (cio Cimitero di Octavilla a S. Pancrazio), o Cimitero di Castulo (?) Cimitero di Calepodio, a. 1767 Cimitero di Callisto

60746

Cimitero di Ponziano, Novembre del 1688 Cimitero di Pretestato Cimitero di Priscilla, a. 1758 (per quanto

60731

60792

ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116

60696

ARMADIO V, Theca II ordo 1, 229

60730

ARMADIO VIII, Ordo 3, Capsula 1, 544

60693

ARMADIO IV, inferiore; capsula, 220,5

riguarda lindicazione di provenienza vd. supra nota 96) Cimitero di Priscilla, a. 1761 o 1766 (per quanto riguarda lindicazione di 60672 ARMADIO III, Pluteo superiori, cordula pensili, 126,3

60744

ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 222

Cimitero di Callisto

60784

ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 58

Cimitero di Castulo

60787

ARMADIO III, Theca provenienza vd. VII, 108 supra nota 96)

Cimitero di Castulo (?) o Cimitero di Calepodio (?), a. 1739 (cio

60792

ARMADIO III, Pluteo Cimitero di Priscilla, 3, capsula 2, 116 Febbraio 1693 (per quanto riguarda linII, ordo 2, 232 60745 ARMADIO V, Theca

Cimitero di Octavilla dicazione di provea S. Pancrazio) nienza, vd. supra Cimitero dei Giordani, a. 1731 Cimitero di Octavilla a S. Pancrazio (?), a. 1739, o Cimitero di Castulo (?) 60792 60788 ARMADIO III, Theca IX, 110 Vigna del Collegio ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 2, 116 Inglese, a. 1732 60737 ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234 nota 96)

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

181

INDICE DELLE PROVENIENZE COLLEZIONISTICHE DELLE OPERE CONTENUTE NEGLI ARMADI DEL MUSEO CRISTIANO SECONDO LINVENTARIO DEL 1762 E MENZIONATE NELLE TABELLE ALLE PP. 122-155, CONCORDATE CON LINVENTARIO ATTUALE

Inv. Collezione Attuale Buonarroti 60596

Collocazione specifica Collezione (Inv. 1762) ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 57 Carpegna

Inv. Attuale 60644

Collocazione specifica (Inv. 1762) ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 73

Buonarroti o Vettori Buonarroti

60604

ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 236

Carpegna

60646

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 160

60607

ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 142

Carpegna

60653

ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 82

Buonarroti

60630

ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 147

Carpegna

60662

ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 63

Buonarroti

60637

ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 254

Carpegna

60666

ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 54

Buonarroti

60654

ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 62

Carpegna

60673

ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 72

Buonarroti

60677

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 159

Carpegna

60678

ARMADIO IV, Theca III, ordo 2,150,1

Buonarroti

60685

ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 53

Carpegna

60691

ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 145

Buonarroti

60698

ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 168

Carpegna

60701

ARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 179

Buonarroti

60703

ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 230

Carpegna

60702

ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1,113

Buonarroti

60709

ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 183

Carpegna

60705

ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 68

Buonarroti

60720

ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 138

Carpegna

60706

ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 154

Buonarroti

60754

ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 97

Carpegna

60707

ARMADIO V, Theca I, ordo 1, 221

Buonarroti

60760

ARMADIO III, Theca III, ordo 1,69

Carpegna

60712

ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 49

Buonarroti

60784

ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 58

Carpegna

60728

ARMADIO IV, Theca I, ordo 3, 136

Carpegna

60631

ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 166

Carpegna

60731

ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 235

Carpegna

60638

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 164

Carpegna

60733

ARMADIO III, Theca I, ordo 1 51

Carpegna

60641

ARMADIO III, Pluteo 3, capsula 1, 112

Carpegna

60734

ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 233

182

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Inv. Collezione Attuale Carpegna 60745

Collocazione specifica Collezione (Inv. 1762) ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 232 Carpegna

Inv. Attuale 60794

Collocazione specifica (Inv. 1762) ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 165

Carpegna

60749

ARMADIO V, Theca II, ordo 2, 231

Carpegna

60795

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 3, 163

Carpegna

60750

ARMADIO III, Theca III, ordo 1, 70

Carpegna

60796

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 157

Carpegna

60753

ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 78

Carpegna

60798

ARMADIO III, Theca IV, ordo 1, 79

Carpegna

60755

ARMADIO III, Theca I, ordo 1, 50

Chigi

60636

ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 99

Carpegna

60756

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 158

Chigi

60717

ARMADIO III, Theca V, ordo 1,90

Carpegna

60758

ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 8

Chigi

60725

ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 153

Carpegna

60759

ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 146

Chigi

60766

ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 98

Carpegna

60762

ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 85

Chigi

60777

ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 65

Carpegna

60764

ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 95

Chigi

60779

ARMADIO III, Theca VI, ordo 3, 106

Carpegna

60767

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 1, 156

Fabretti?

60765

ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 139

Carpegna

60770

ARMADIO III, Theca V, ordo 1, 88

Vettori

60115

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60771

ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 59a?

Vettori

60116

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60774

ARMADIO IV, Theca II, ordo 1, 137

Vettori

60117

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60781

ARMADIO IV, Theca III, ordo 3, 155

Vettori

60118

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60782

ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 66

Vettori

60119

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60783

ARMADIO III, Theca V, ordo 3, 96

Vettori

60120

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60787

ARMADIO III, Theca VII, 108

Vettori

60121

ARMADIO IV, Theca IX, 205

Carpegna

60789

ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 148

Vettori

60134

ARMADIO IV, Theca IX, 208

Carpegna

60791

ARMADIO III, Theca IV, ordo 3, 86

Vettori

60288

ARMADIO IV, Theca IX, 207b

C. LEGA - LA NASCITA DEI MUSEI VATICANI

183

Inv. Collezione Attuale Vettori 60289

Collocazione specifica Collezione (Inv. 1762) ARMADIO IV, Theca IX, 207a Vettori, Fragmenta vitrea nr. 13 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 16 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 17 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 18 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 19 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 20 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 21 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 22 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 23 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 24 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 25 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 26 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 27 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 28 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 29 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 30 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 31 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 32 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 33 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 34

Inv. Attuale 60714

Collocazione specifica (Inv. 1762) ARMADIO III, Theca I, ordo 3, 56

Vettori

60290

ARMADIO IV, Theca IX, 207c

60305

ARMADIO III, ThecaVI, ordo 3, 107

Vettori

60308

ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 256

60670

ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 74

Vettori

60378

ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 257

60675

ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 81 = 126,4

Vettori

60433

ARMADIO IV, Theca IX, 206a

60686

ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 83

Vettori

60434

ARMADIO IV, Theca IX, 206b

60797

ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 75

Vettori o Buonarroti Vettori

60604

ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 236

60751

ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 76

60668

ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 94

60632

ARMADIO III, Theca III, ordo 3, 77

Vettori, Fragmenta vitrea nr. 1 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 2 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 3 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 4 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 5 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 6 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 7 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 8 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 9 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 10 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 11 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 12

60746

ARMADIO III, Theca II, ordo 1, 60

60719

ARMADIO IV, Theca III, ordo 1, 149

60642

ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 91

60786

ARMADIO IV, Theca V, ordo 3, 174

60671

ARMADIO III, Theca V, ordo 2, 92

60697

ARMADIO V, Theca I ordo 1, 223

60676

ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 52

60651

ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 140

60643

ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 101

60665

ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 162

60687

ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 171

60656

ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 102

60724

ARMADIO IV, Theca II, ordo 3, 144

60684

ARMADIO III, Theca I, ordo 2, 55

60652

ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 61

60645

ARMADIO III, Theca VI, ordo 2, 103

60648

ARMADIO III, Theca IV, ordo 2, 84

60681

ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 143

60772

ARMADIO III, Theca VI, ordo 1, 100

60657

ARMADIO IV, Theca II, ordo 2, 141

60736

ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 240

60674

ARMADIO IV, Theca III, ordo 2, 152

60679

ARMADIO III, Theca III, ordo 2, 71

60311

ARMADIO III, Theca II, ordo 2, 64

184

BOLLETTINO DEI MUSEI E GALLERIE PONTIFICIE

Inv. Collezione Attuale Vettori, Fragmenta vitrea nr. 39 (gi appartenente al papa Alessandro VIII) Vettori, Fragmenta vitrea nr. 40 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 41 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 42 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 43 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 44 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 45 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 47 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 48 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,1 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,2 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,3 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,4 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,5 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,6 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,7 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,9 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,10 60319 60352 60531 60692 60611 60658 60688 60689 60597 60737 60699 60155 60635 60788 60711 60317 60722 60726 60634

Collocazione specifica Collezione (Inv. 1762) ARMADIO III, THECA IV, ordo 1, 80 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,11 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,12 ARMADIO III, Theca II, ordo 3, 67 ARMADIO IV, Theca VI, ordo 1, 177 ARMADIO IV, Theca V, ordo 1, 167 ARMADIO V, Theca I ordo 2, 226 ARMADIO III, Theca IX, Vettori, Fragmenta 110 vitrea nr. 49,17 ARMADIO V, Theca I, Vettori, Fragmenta ordo 2, 225 vitrea nr. 49,18 ARMADIO III, Pluteo 3, Vettori, Gemmae 111 antiquae sacris ImaARMADIO IV, Theca VI, ordo 2, 180 ARMADIO V, Theca III, ordo 1, 234 ARMADIO IV, Theca IV, ordo 2, 161 ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 169 ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 170 ARMADIO IV, Theca V, ordo 2, 172 ARMADIO IV, Theca VI, ordo 3, 181 ARMADIO IV, Theca VIII, 197 A R M A D I O IV, Theca VIII, 198 ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 237 ARMADIO V, Theca III, ordo 2, 238 ginibus et Symbolis insignitae nr. 50 Vettori, Gemmae antiquae sacris Imaginibus et Symbolis insignitae nr. 51 Vettori, Gemmae antiquae sacris Imaginibus et Symbolis insignitae nr. 52 Vettori, Iesu Christi Imagines nr. 1 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 8 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 9 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 10 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 11 Vettori, Varia sacra Monimenta nr. 12 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,13 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,14 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,15 Vettori, Fragmenta vitrea nr. 49,16

Inv. Attuale 60316

Collocazione specifica (Inv. 1762) ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 239

60300

ARMADIO V, Theca III, ordo 3, 241

60293

ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 249

60294

ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 250

60295

ARMADIO V, Theca V, ordo 1, 251 ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 252

60304

ARMADIO V, Theca V, ordo 2, 253

60377

ARMADIO V, Theca V, ordo 3, 255

60427

ARMADIO IV, Theca IX, 204

60426

ARMADIO IV, Theca IX, 209

60429

ARMADIO IV, Theca IX, 210

64316

ARMADIO III, Theca VIII, 109

60432

ARMADIO IV, Theca IX, 202

60431?

ARMADIO IV, Theca IX, 203

60510

ARMADIO IV, Theca IX, 199

60475?

ARMADIO IV, Theca IX, 200

60509

ARMADIO IV, Theca IX, 201