Sei sulla pagina 1di 19

SPETTACOLO TEATRALE

" I PROMESSI SPOSI "


di Alessandro Manzoni
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
EDIZIONE STRAORDINARIA!
Entra in scena un ragazzino con in mano diverse copie di quotidiani.
Edizione straordinaria!
I bravi minacciano don Abbondio! La monaca di Monza implicata nel rapimento di Lucia
Mondella!
Accorrete signori! Ultimissime notizie!
L Innominato si convertito! Milano invasa dalla Peste!
Edizione straordinaria!! Edizione straordinaria!
.............................................................................................................................................................
INTRODUZIONE 1
STUDIO DI MANZONI (in scena una damigella e Alessandro Manzoni)
Damigella:
Un tiepido pomeriggio della primavera del 1827 Alessandro Manzoni, seduto alla sua scrivania,
completava il suo romanzo e ancora non poteva immaginare limportanza, il valore, il successo e
limpronta indelebile che la sua opera avrebbe lasciato non solo nella Letteratura, ma persino nei
nostri cuori.
............................................................................................................................................................
MANZONI
(termina di scrivere, poggia la penna sulla scrivania)
Quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno tra due catene non interrotte di monti
(Guarda verso il pubblicomostra stupore)
Quanta gente venuta stasera a onorare questa mia fatica, I promessi Sposi"!
Manserra...La nostra Dirigente(elenco dei presenti...)
Grazie a voi tutti e... grazie a ME che ho scritto questo... capolavoro!
( si alza e avviandosi verso luscita declama)
Per una stradicciola, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del 7 novembre
dellanno 1628, Don Abbondio, curato del paese. Diceva tranquillamente il suo uffizio, quando
vide una cosa che non saspettava e che non avrebbe voluto vedere

1
SCENA 1: DON ABBONDIO E I BRAVI
1 Bravo - Buongiorno, messere!
2 Bravo - Buongiorno, signor curato !
1 bravo - Sai chi siamo noi? Noi siamo i BRAVI !
2 bravo - (rivolgendosi al compare) Oh, no, il nostro padrone don Rodrigo ha detto che noi
siamo cattivi...!
1 bravo - Sss non nominare don Rodrigo , qualcuno potrebbe ascoltarci ... Noi siamo
CATTIVI , ma ci chiamano bravi...capito?
1 bravo ( rivolto a don Abbondio ) Don Abbondio!
Curato - Cosa ...co...manda?
1 bravo - Abbiamo da darvi una bella notiziola !
2 bravo E vero che lei ha intenzione, domani, di sposare Renzo Tramaglino e Lucia
Mondella?
Curato - NO, io NO.. io veramente
Voi siete uomini di mondo e...sapete benissimo come vanno queste faccende...
1 bravo - Orbene, questo matrimonio non sha da fare n domani n mai!
Curato - Ma, ma, non capisco... perch....?
2 bravo - Se non ubbidisci , noi lo diciamo al nostro padrone.... don Rodrigo e lui
1 bravo - Zitto, zitto, il signor curato un uomo che sa come gira il mondo e noi siamo
galantuomini ...non vogliamo certo fargli del male... purch abbia GIUDIZIO!
(facendo un cenno di saluto) Signor curato, lillustrissimo signor Rodrigo, nostro
padrone la riverisce!
2 bravo - E si ricordi , se non ubbidisce ( fa segno di tagliar la gola )

(I due bravi si allontanano sghignazzando e don Abbondio resta in scena da solo)

Curato -(rivolgendosi al pubblico) Non sha da fare non sha da fare.... E chi osa contraddire
questi DIAVOLI!
..........................................................................................................................................................

Canzone "Un diavolo in me" (bravi)


( sull'aria di "Un diavolo in me!" di Zucchero Fornaciari)

Gloria nell'alto dei cieli,


ma non c' pace quaggi!
Non ho bisogno di veli
son gi un bravo, sai tu
che accendi un diavolo in me,
accendi un diavolo in me,
perch c' un diavolo in me, s,
c' proprio un diavolo in me!

Le strade del Signore


sono infinite lo sai...
ma io terrorizzo il tuo cuore
e allora, cosa mi fai?
Accendi un diavolo in me,
accendi un diavolo in me!
Perch c' un diavolo in me, s,
c' proprio un diavolo in me!
..........................................................................................................................................................

2
INTRODUZIONE 2
Entra in scena MANZONI (fingendo di leggere dal suo romanzo)

Il povero curato , che non era nato con un cuor di leone, cominci a correre verso casa.
Ad attenderlo c' era Perpetua. Era ella la serva di Don Abbondio , serva fedele e affezionata , che
sapeva obbedire e comandare secondo loccasione.
La povera Perpetua si andava chiedendo dove mai si fosse cacciato il suo padrone
............................................................................................................................................................
SCENA 2: A CASA DI DON ABBONDIO
INTERNO

Perpetua Ma don Abbondio dove si sar cacciato, quell'uomo benedetto??

( si sente bussare alla porta: don Abbondio, tutto trafelato, impaurito.)

Curato - ( Urlando ) Perpetua ! Perpetua! Sto male! Sto male!


Perpetua - Cosa avete don Abbondio?
Curato - Niente! Niente !
Perpetua - Come niente! Come niente! Cosa vi successo? Avete una faccia!!
Curato - Oh, Perpetua, quando dico niente o niente o... qualcosa che non posso
dire!
Perpetua - Non potete dirlo nemmeno a me, alla vostra Perpetua, alla vostra serva
fedele?
Curato - No, no, per carit! Non posso parlare, ne va della vita!
Perpetua - La vita? Dite, dite! Raccontatemi tutto! Nulla uscir dalla mia bocca...!
Curato - S, s...! Vi racconter tutto da principio, ma mi raccomando non una parola!
( inizia a raccontare )
Ritornavo bel bello dalla mia passeggiata, quando, allimprovviso,
incontro due losche figure che si parano davanti a me e con fare minaccioso
mi dicono: questo matrimonio non sha da fare!!
Hanno detto che se non obbedisco ...mi ammazzano!
Perpetua - Chi vi ammazza?
Curato - Non posso dirtevelo!
Perpetua - Chi vi ammazza?
Curato - Don.don ...don Rodrigo!
Perpetua - Che birbone ! Che prepotente ! Che uomo senza timor di Dio! Che se la piglia con
un povero curato come voi.
Io dico che se lo si andasse a dire a qualcuno che conta ...
Curato - No! No! Perpetua no !!
Per carit !Voi mi ro..vi..ne..re..te!!!!
Perpetua - S se ancora s, bisogna raccontare laccaduto a qualcuno che sta in alto!
Curato - Basta ! Basta! Stai zitta ! Stai zitta!
Cosa dir domani a quel povero ragazzo di Renzo ?
( Esce di scena borbottando)
Povero me ! Povero me!
( si gira e rivolto a Perpetua, mette un dito sulla bocca e dice )
Sss!!! Per amor del cielo, sss!!!!
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

3
Canzone "Perpetua mi chiamo"
sull'aria di "I Wanna be love by you" di Marylin Monroe

Perpetua mi chiamano,
la star di Pescarenico
SEGRETI NESSUNO AVRA' PER ME!
Saper ogni piccolo mistero
mi dona un fremito,
diffonderlo subito mi d
un mondo di gioia,
riscatta la noia
di restare qui chiusa
per il mio don Abbo, Abbo, Abbondio.
Un mondo di gioia
riscatta la noia
di restare qui chiusa
per il mio don Abbo, Abbo, Abbondio.
Perpetua mi chiamano,
la star di Pescarenico,
SEGRETI NESSUNO AVRA' PER ME!
...........................................................................................................................................................

INTRODUZIONE 3
MANZONI

Lindomani era il giorno convenuto per le nozze e appena spunt lalba Renzo non si fece troppo
aspettare
Lorenzo o come dicevan tutti Renzo era un giovane dallaspetto schietto, dai modi cortesi, ma al
tempo stesso energici e risoluti. In lui si mescolavano mitezza e caparbiet ed un senso innato
della giustizia.

SCENA 3: RENZO, GLI AMICI E DON ABBONDIO


(PIAZZA CON CHIESA )

(entrano in scena Renzo e alcuni suoi amici )

Amico 1 - Guarda Renzo com tirato da festa!


Amico 2 - Si fatto tutto bello per la sua ... Lucia!
Amico 3 - Caro il mio Renzo, dopo il matrimonio iniziano i veri guai !
Renzo - Per carit, smettetela! Lasciatemi in pace.... ora devo recarmi da Don Abbondio per
definire gli ultimi preparativi per le nozze!

4
CANZONE " O' Tramaglino!"
(sull'aria di "O' Sarracino" di Ranato Carosone)

O' Tramaglino, o' Tramaglino


che bel guaglione!
O' Tramaglino, o' Tramaglino
tutt'e' femmene fa'nnamura'!

Tene 'e capille riccioli,


l'uocchie e brigante e o sole nfaccia,
ogni figliola s'appiccia si' o ved'e passa.
Ma mo ce sta Lucia,
s, dint'a vita toia
soltanto 'o matrimonio tu stai a pens.

O' Tramaglino, o' Tramaglino


che bel guaglione!
O' Tramaglino, o' Tramaglino
tutt'e' femmene fa'nnamura'!

Ma da Lucia, o' Tramaglino


s' fatto acchiappare e
sull'altare come sua sposa
molto presto la porter.

............................................................................................................................................................
(Gli amici escono di scena ed entra don Abbondio)

Renzo - Buongiorno don Abbondio!


Curato - Buongiorno Renzo!
Renzo - Sono venuto per sapere a che ora ci dobbiamo trovare in chiesa.
Curato - Di che giorno volete parlare?
Renzo - Come di che giorno? Non si ricorda che il matrimonio fissato per oggi?
Curato - Oggi, oggiAbbiate pazienza Renzo, ma oggi non posso.
Renzo - Come non potete?
Curato - Prima di tutto non mi sento bene, poi ci sono degli IMBROGLI... su via
lasciatemi stare!
Renzo -Imbrogli! Ma quali imbrogli ci possono essere... don Abbondio!
Curato - Oggi non si pu, oggi non si pu non si pu ho la tosse, tremo tutto,
non mi sento proprio bene c nellaria qualche cosa.sar febbre.Etc,
etci etc, etci
Renzo - Non questa la ragione, voglio la verit!
Curato - Renzo cosa potete saperne voi delle formalit, dei documenti, delle
procedure , dei protocolli,dei certificati, dei permessi ??
Renzo - Ma Don Abbondio, cosa volete che dica alla mia Lucia. Oggi era il giorno
stabilito per le nozze e voi volete rovinarmi il giorno pi bello della mia vita?
Curato - Etc ! Etci Etc, etci!
State pur certo Renzo che, se faccio questo, per il vostro bene!
Renzo - Come per il mio bene? Ma cosa dite, signor curato? Fate questo per il mio
bene? Voi delirate! E proprio vero che non state bene, state delirando ! la
febbre alta che vi fa dire sciocchezze !

5
( arriva Perpetua )

Perpetua - Allora.. don Abbondio avete detto tutto a Renzo? Glielo avete detto o non
glielo avete detto?... Non glielo avete detto!
Renzo - Che cosa dovevate dirmi?
Perpetua - Che non vi sposate! Ascolta Renzo, mettiti a sedere perch oggi mi sa che
una giornataccia! una brutta cosa nascere poveretti, senza santi in
Paradiso, soprattutto quando incontriun prepotente come quello oddio
che ho detto !
Don Abbondio Perpetua state zitta!
Renzo - Un prepotente ! Ma che cosa vuoi dire?
Don Abbondio - Perpetua state zitta!
Perpetua - Cosa ho detto? Io non mi permetterei mai di parlare possa finire
all'Inferno se vi dir mai che don Rodrigo ha mandato dei bravi a dire a
questo povero curato che dar ucciso se vi sposer!!
Renzo Dunque qui c' di mezzo don Rodrigo! Ah, cane! ( va via )
Curato e Perpetua ( mentre escono ) Aspetta Renzo ! Aspetta ! Calmati! Ascolta!

6
INTRODUZIONE 4
MANZONI
Renzo, in tutta fretta, si rec da Lucia per raccontarle dellimpedimento.
Intanto, a casa di Lucia, fervevano i preparativi ...
Gli invitati aspettavano Renzo e le amiche di Lucia le si facevano intorno e si congratulavano
con lei ...
Cera, insomma, aria di festa paesana!

.............................................................................................................................................................

Canzone "Sembrava un angelo" (amiche di Lucia)


(sull'aria di "Sembrava un angelo" di Gigi D'Alessio)

Ecco arrivato il giorno di festa e tu sei bella


hai gli occhi come diamanti
pensando al tuo Renzo laggi.
Ti aveva visto un giorno ballare alla nostra filanda
a piedi nudi col viso sudato e si innamor.

Cos il tuo Renzo ti venne vicino e ti prese per mano,


eri la donna pi bella di tutta la terra del Nord.
In poco tempo il suo sguardo al tuo cuore
gli dava tormento, all'improvviso
ti ha stretta al suo cuore e t'ha detto cos:
besame y siente
como suena el corazon,
io esta noche
chiero solo un'emozion!

Sembrava un angelo dagli occhi teneri


chiedeva un attimo da mille brividi.
Besame y siente
como suena el corazon
e il suo sorriso sulle labbra tue pos:
era l'amore che in ogni attimo
della tua vita per sempre, per sempre
per sempre entr.
..........................................................................................................................................................
SCENA 4: A CASA DI LUCIA
( CASA DI LUCIA )

Amica 1 - Guardate, sta arrivando Renzo ! Nascondiamo la sposa ! Non deve vederla prima
della cerimonia ! (tutte fanno corona intorno a Lucia)
Renzo - ( Si avvicina a Lucia ) Lucia , per oggi tutto a monte! Il matrimonio non si
fa ! Il buon curato ammalato si deve rimandare...
Amica 1 - Malato il prete? Ma come, cos ? Allultim ora ?
Lucia - Come a monte cosa accaduto? Io gi me lo sentivo...
Amica 2 - C qualcosa di strano . , ma la verit presto la sapremo andiamo ,
andiamo
da Perpetua, lei ci dir tutto ! (le amiche escono )
Renzo - ( rimasto solo con Lucia e Agnese ) Don Rodrigo ha mandato due bravi a
minacciare il curato!
Lucia -Dunque Don Rodrigo arrivato fino a questo punto! Se ci fosse Fra

7
Cristoforo, Lui si che saprebbe consigliarci ed aiutarci !

( entra frate Cristoforo )

Fra Cristoforo - La pace regni sempre in questa casa !


Agnese - Padre Cristoforo! Arrivate al momento giusto! Solo voi potete aiutarci ! Don
Rodrigo ha impedito al nostro curato di celebrare il matrimonio di Renzo e di
Lucia!
Fra Cristoforo - Confidate in me figlioli! Che dico ... confidate in Dio, egli vi assister, egli
vede tutto e pu anche servirsi di un poveruomo come me per aiutarvi ,
abbiate fiducia !
Agnese e Lucia - Allora non ci abbandonerete padre?
Fra Cristoforo - Abbandonarvi ! Mi recher io stesso da don Rodrigo, sperando di
ammansire con le buone il suo duro cuore...

( Fra Cristoforo va via )

Agnese - Ascoltate un momento: Ho unaltra idea. Fate a modo mio Renzo So che
a Lecco c un certo avvocato Azzeccagarbugli, uno che imbroglia tutto e
tutti lui fa proprio al caso nostro: vende fumo e mangia arrosto! Ascolta!

.............................................................................................................................................................

Canzone "Vengo anchio , no tu no !" (Agnese, Lucia, Tutti)


(sull'aria di "Vengo anch'io no tu no" di Enzo Iannacci)

AGNESE
Si potrebbe andare tutti da Azzeccagarbugli
per cercare di trovare una soluzione
per poterla far pagare a quel gran fetentone
e vedere di nascosti l'effetto che fa!

LUCIA: Vengo anch'io?


TUTTI: No, tu no!
LUCIA: Vengo anch'io?
TUTTI: No, tu no!
LUCIA: Ma perch?
TUTTI: Perch no!

RENZO
Ho deciso vo' da solo da Azzeccagarbugli,
con caciotte, capponi e del pecorino,
per cercare di capire se a questo mondo
c' giustizia o soltanto iniquit.

TUTTI: Vengo anch'io?


RENZO: No, voi no!
TUTTI: Vengo anch'io?
RENZO: No, voi no!
TUTTI: Ma perch?
RENZO: Perch no!
...........................................................................................................................................................

8
INTRODUZIONE 5
MANZONI

Renzo si rec, carico di doni, dal dottor Azzeccagarbugli, nella speranza che egli potesse trovare
una soluzione e risolvere il suo caso. Non poteva certo immaginare che un uomo di leggi fosse in
realt a servizio dei birboni!
............................................................................................................................................................
SCENA 5: RENZO E AZZECCAGARBUGLI
Renzo - Buonasera avvocato Azzecca, mi scusi io vorrei sapere se.
Azzeccagar. - Ditemi solo il caso, senza domande stupide, esigo solo il fatto!
Renzo - Io vorrei sapere... se un briccone minaccia un curato, perch non sposi due
persone, pu subire una qualche pena secondo la legge??
Azzeccagarb - Legge? Leggi !
Leggi le leggi leggile !
Il vostro caso contemplato ...( cerca tra le carte)
Ecco qui!
(inforca gli occhiali legge ) Sebbene etcetera etcetera etcetera
per matrimonicurati e parroci.
Firmato Ferreretcetera, etcetera, bla bla bla ( ripone il foglio )!!
C di che vincere! Non si pu perdere! State sicuro!
Se si sa quel che si fa , se si fa quel che si sa, nessun reo c per la legge n
innocente in verit!
Renzo - Io in verit sono la vittima... sono gli altri che hanno tramato contro di me ,
un tale don Rodrigo!
Azzeccagarb - Don Rodrigo ? Don Rodrigo, dite? Fuori! Fuori! Via di qui!
Renzo - Ma signore!
Azzeccagarb - Non voglio pi sentir parlare di Don Rodrigo e di questo inganno!
Renzo - Ma signore !
Azzeccagarb - Signore di che? Fuori! Fuori! Via di qui!

( Renzo va via sconsolato )


.............................................................................................................................................................

Balletto "Il gatto e la volpe" (E. Bennato)


...............................................................................................................................................................

9
INTRODUZIONE 6
MANZONI
Renzo , triste e sconsolato, ritorn a casa e raccont alla povera Lucia e a sua madre di quanto
accaduto dal dottore Azzeccagarbugli. Renzo era furibondo, Non riusciva a darsi pace!
............................................................................................................................................................

SCENA 6: LA FUGA
( CASA DI LUCIA )

Agnese - Non preoccupatevi , vedrete che la provvidenza ci aiuter , Fra Cristoforo


un santuomo e sapr convincere Don Rodrigo e il nostro caro Renzo trover
con l'avvocato una soluzione.

(entra Renzo)

Renzo - Vigliacco infame pagher col sangue ed io lammazzer !


Lucia - Renzo, ma che dici?
(Renzo a bassa voce racconta che cosa gli capitato e le due donne si mostrano preoccupate)

(entra Fra Cristoforo)

Fra Cristoforo - Figlioli ci siete?


Lucia - Padre siete stato da don Rodrigo? Cosa vi ha detto ?
Fra Cristoforo - Figlioli, voi correte un grave pericolo! Dovete abbandonare il paese.
Lucia - Ma allora...padre padre dove andremo?
Fra Cristoforo - Dio provveder per il vostro meglio!
Ho bisogno di riflettere lasciatemi pensare s, al convento! Fuori di
Monza c' un convento, sar per voi un luogo sicuro. Non c' tempo da
perdere! Figliuoli, occorre partire subito!
...........................................................................................................................................................
INTRODUZIONE 7
MANZONI
Renzo e Lucia, dopo aver dato un ultimo saluto alla loro terra, si misero in viaggio, finch giunse
pure il momento di separarsi: Lucia avrebbe trovato ospitalit presso la monaca di Monza, Renzo
avrebbe invece cercato fortuna a Milano.

Allorch al levar del sole , la nostra Lucia scorse il portone del convento si sent risollevare poich
pens in cuor suo che avrebbe potuto trovare tra le monache un ricovero pi che sicuro e che la
porta della provvidenza si sarebbe dischiusa a lei.
...........................................................................................................................................................

Balletto Sister act


............................................................................................................................................................

10
SCENA 7: LUCIA DALLA MONACA DI MONZA
(CONVENTO )

( Entra Lucia e si rivolge ad una suora )

Lucia - Mi scusi, lei la monaca di Monza ?


Suora 1 - No, lei la gran Signora (indicando Gertrude )
Suor Geltrude, queste due donne la cercano
Agnese - Noi siamo qui per chiedere aiuto. Ci manda fra Cristoforo! C un
nobiluomo che insidia la mia Lucia, un uomo sleale e prepotente!
Geltrude Tacete voi! ( rivolta a Lucia ) Le madri parlano troppo. Parlate voi Lucia,
raccontatemi ogni cosa.
Lucia - Reverendissima madreSignora illustrissima, fra Cristoforo mi ha in inviata
da voi per ottenere asilo e protezione.
Geltrude - Raccontatemi nei particolari il vostro caso , in modo ch' io possa fare
qualcosa per voi!
Lucia - Sono stata costretta a fuggire dal mio paese, perch perseguitata dalle
angherie di un signore sleale e potente: Don Rodrigo!
Geltrude - Avete fatto bene a rifugiarvi qui, sarete affidata alle cure di suor .... , lei si
occuper di voi.
Suora 2 - Vieni cara figliola, ti porter nella tua stanza, cos potrai riposare.
Certamente sarai stanca e affamata.( Lucia e Agnese vanno via con la
suora).
Suora 1 - Ma chi quella giovine? Una novizia oppure una amica della Signora?

Gertrude - Sorelle carissime, ascoltatemi, giunta in convento una pecorella smarrita:


Lucia Mondella. Accogliamola come una sorella.
............................................................................................................................................................
INTRODUZIONE 8
MANZONI
Don Rodrigo , falliti i tentativi di trovare Lucia , decise di chiedere aiuto ad un terribile uomo, un
tale Innominato , appaltatore di delitti, conosciuto come il tiranno pi temuto del luogo. Si arrischi
dunque di recarsi al suo castello, dove nessuno ardiva metter piede...
............................................................................................................................................................

SCENA 8: DON RODRIGO, L'INNOMINATO e LUCIA


INTERNO ( STUDIO DELL INNOMINATO )

( sulla scena in un angolo un bravo dell'Innominato e l'Innominato seduto alla sua scrivania
Giunge Don Rodrigo con un bravo)

( Sottofondo : Il Padrino )

Bravo 1 - Il mio padrone Don Rodrigo desidera parlare con il tuo padrone .
Bravo 2 - Accomodatevi, vi accompagno.
( accompagna Don Rodrigo dall Innominato )
Don Rodrigo - Son don Rodrigo, duca de Mendoza e di Castiglia. Vengo a Voi per
chiedere un aiuto.
Innominato - Che c ? Vi siete cacciato in qualche guaio? Parlate?
Don Rodrigo - C una donna che mi piace una tale Lucia Mondella, ma c un frate che
vorrebbe sottrarla a me. Io la voglio e lei mi spetta : roba mia. Nessun frate
potr impedirlo.
Innominato - E dove si trova adesso?
11
Don Rodrigo - Si trova in un luogo sicuro a Monza , nel convento della Signora. Per me il
luogo distante e ben sapete che non il caso di forzare un convento ma
voi s che potete voi potete. Io so che voi siete in potere di fare qualunque
cosa .
Innominato - Io posso tutto quello che voglio. E voglio tutto quello che posso. So come e
quando. So cosa fare, ma questimpegno ... sha da pagare.
...........................................................................................................................................................

Canto : Il presidente ( Innominato-don Rodrigo)


DON RODRIGO
Io che son quel che sono, guardo tutti
dall'alto, sono sempre sorridente se tutto va come voglio.
Da tutti quanti vorrei le tangenti, anche da amici cari e parenti
e pur di avere la bella Lucia ucciderei anche mia zia!
INNOMINATO
Io sono quel che sono, guardo tutti dall'alto,
nelle mie mani il mondo intero, sono io che comando.
Voglio decidere di tutte le vite anche con pratiche poco pulite
e se qualcuno non vuole ubbidire lo schiaccer come una cimice!
INSIEME
Certo non sarebbe fatica far pi bella la vita,
girare il mondo senza far niente, comandare e mangiare, regalare
e comprare, tutto quello che voglio io,
senza temere nemmeno Dio!
Certo non sarebbe fatica, far pi bella la vita,
di tutti quanti avere segreti, gente di tutti i ceti.
Chi parla maledetto da Dio, se bene o male lo decido io!
.............................................................................................................................................................
(S'iIllumina la scena, Lucia entra accompagnata da due bravi )

Lucia - ( rivolta ai bravi ) Lasciatemi andare! Dove mi conducete?


Perch mi avete presa? Lasciatemi andare... lasciatemi andare per carit !
Bravo 1 - Vi dico che non abbiate paura, non siete una bambina, e dovete capire che
noi non vogliamo farvi del male . Dunque state quieta!
Lucia - Lasciatemi andare per la mia strada : io non vi conosco.
Bravo 2 - Vi conosciamo noi !
Lucia - Oh, santissima Vergine, come mi conoscete? Lasciatemi andare per carit!
Chi siete voi ? Perch mi avete presa ?
(I bravi portano Lucia alla vecchia serva del padrone)
Bravo 1 ( rivolto alla donna che l ) Eccola ! Trattala bene . e falle coraggio
vecchia - ( rivolta a Lucia ) Venite , venite poverina.non preoccupatevi, ho
lordine di trattarvi bene e di farvi coraggio !
Lucia - Povera me ! Dove sono , dove sono stata condotta ?
vecchia - Sei nel castello di una persona che deve rimanere in incognito, da uno che
non si pu nominare. Non abbiate paura , state allegra, che mha comandato
di farvi coraggio. Glielo direte, eh, che vho fatto coraggio ?
Lucia Chi ? Perch ? Cosa vuol da me ? Ditemi dove sono , lasciatemi andare,
12
aiutatemi voi che siete donna in nome di Maria Vergine !

( inginocchiandosi ) Vergine santissima, voi che fate tanti miracoli, io vi


scongiuro, fatemi uscire salva da questo pericolo, io vi faccio promessa di
rinunciare per sempre a Renzo. Vergine santissima, vi prego, aiutatemi!
vecchia - Venite ora , riposatevi un po sarete stanca ! (le due donne vanno via)

(Musica di sottofondo: Il Padrino)

(Entra lInnominato con un bravo)

Linnominato - ( Rivolto al Nibbio ) Ebbene? Tutto a posto ?


Bravo 1 - Tutto a puntino! Nessuno sul posto, un solo urlo, il cocchiere pronto i
cavalli bravi nessun incontro, ma
Innominato - Ma che ?
Bravo 1 - Avrei avuto pi piacere che lordine fosse stato di darle una schioppettata
nella schiena , senza sentirla parlare, senza vederla in viso.
Innominato - Cosa ? Cosa vuoi dire ?
Bravo 1 - Voglio dire che mha fatto compassione!
Innominato - Compassione ? Che cosa sai tu della compassione?
Bravo 1 - Non lho mai capito cos bene come questa volta: la compassione.. un
poco come la paura: se uno le lascia prender possesso, non pi un uomo!
Innominato - Un qualche demonio ha costei dalla sua o un qualche angelo che la
protegge Domattina di buon ora, consegner la ragazza a quell'animale di
don Rodrigo e che non se ne parli pi! Ma... intantovoglio vederla
( Rivolto al Bravo ) Portami la ragazza !

(il bravo esce e rientra con Lucia e la vecchia)

Lucia ( inginocchiandosi e con le mani giunte ) Son qui : mammazzi !


Innominato - Io non voglio farvi del male!
Lucia - E perch allora mi fa patire le pene dellinferno? Cosa vi ho fatto io?
Innominato - V hanno forse maltrattata ? Parlate!
Lucia - Oh maltrattata ! Mhanno presa a tradimentoper forza! Perch?
Perch mhanno presa ? Perch son qui?Dove sono? Sono una
povera creatura! cosa le ho fatto ? In nome di Dio!
Innominato - DioDio Sempre Dio! coloro che non possono difendersi da s, che
non hanno la forzasempre han questo Dio da mettere in campo, come se
gli avessero parlato.
Lucia - Oh, signore! Mi lasci andare ! Dio perdona tante cose per unopera di
misericordia! .
Innominato - Domattinadomattina si vedrvia intanto fatevi coraggio! (rivolto alla
vecchia ) Falle coraggiodalle da mangiare tienila allegra!

(l'Innominato esce con il bravo)

Lucia - ( singhiozzando ) Oh povera me chi pregher ora? Dove sono? Ditemi


voi ditemi per carit chi quel signore, quello che mha parlato?
vecchia - Chi ! chi ! Su , via, calmatevi ora, non fatemi domande. Avete notato
come era turbato dalle vostre parole? Mi sembrato addirittura di vedere
una lacrima uscire dai suoi occhi...
............................................................................................................................................................

13
CANZONE "Una lacrima sul viso" (Innominato-Lucia)
INNOMINATO
Da una lacrima sul viso, ho capito molte cose
che anche un cuore duro pu imparar
ad aprirsi al Signor.
Il suo sguardo e il suo sorriso
m'han svelato il suo segreto, che il perdono
un grande gesto d'amor e ci
unisce al Signor!
LUCIA
Non ho mai capito, non sapevo che
che lui, che lui crudel non , ma che
il suo cuore pu perdonare
ed aprirsi ad un mondo miglior!
INNOMINATO- LUCIA
Quella lacrima sul viso un miracolo
d'amore, che s'avvera in quest'istante per me
e mi fa ancor sperar!
.............................................................................................................................................................

14
INTRODUZIONE 9

MANZONI
Intanto linnominato quella notte non pot dormire. Le parole di Lucia lavevano scosso
profondamente nellanimo.
Dio perdona tante cose per unopera di misericordia.
Decise allora che lindomani si sarebbe recato da sua santit il Cardinale Borromeo per chiedere
perdono dei suoi misfatti.
.............................................................................................................................................................
SCENA 9: L'INNOMINATO DAL CARDINALE
( STUDIO DEL CARDINALE )

Religioso - Monsignore illustrissimo ,una strana visita, strana davvero,!


Cardinale - Chi ?
Luca - E quel bandito, quel famoso quell appaltatore di delitti....
Cardinale - Lui ? venga, venga subito !
Religioso - Ma vossignoria illustrissima...
Cardinale - Fatelo entrare subito: ha gi aspettato troppo!
Religioso - ( mentre esce) Non c rimedio. Tutti questi santi sono ostinati!
Innominato - ( davanti al cardinale Federico Borromeo, si inchina e fa atto di baciargli le
mani )
Cardinale - Oh, che preziosa visita questa! Caro fratello, dovevo essere io a cercarti!
Ma Dio stato misericordioso e ti ha condotto in questo posto. Quanta gioia
mi dai !
Innominato - Dio! Dio! Dov questo Dio?
Cardinale - Voi me lo domandate? Voi ? E chi pi di voi lha vicino? Non ve lo sentite
in cuore, che vi opprime, che vagita? Che non vi lascia stare e nello stesso
tempo vi attira ? Ma non capite che Lui gi dentro di voi?
Innominato - Chiedo perdono a voi, chiedo perdono a chi feci del male, a chi soffr per
me . Solo ora so chi sono ed ho paura di me stesso. Solo ora mi conosco.
Povero me! povero me! Quanto male ho fatto !
Cardinale Ringrazio il Signore per aver fatto ritornare allovile la mia pecorella
smarrita.
( Abbraccia Linnominato ) Io pregher per te !

.............................................................................................................................................................

Balletto "Pregher per te"


.............................................................................................................................................................

15
INTRODUZIONE 10
MANZONI
Cos, la preghiera di Lucia fu esaudita. L'Innominato la liber, ma un altro flagello, un male terribile
sopraggiunge: la peste...
Renzo, dopo varie didavventure, riusc ad avere notizie della sua amata e and subito a cercarla
al Lazzaretto, sperando in cuor suo di trovarla ancora viva.
Quandecco con sua grande consolazione vide davanti a se Padre Cristoforo .
.............................................................................................................................................................
SCENA 10: RENZO, PADRE CRISTOFORO E LUCIA
Renzo - Padre Cristoforo!
Padre Cris. - Renzo come stai? So che eri ricercato per dei pasticci che combinasti coi
rivoltosi di Milano.
Renzo - S , capisco che sa quello che mi successo !
Padre, desidero confessarmi e ottenere la vostra benedizione !
Fra Crist. - Oh Renzo, prima ascoltatemi

(Fra Cristoforo racconta in un orecchio a Renzo del voto di Lucia)

Renzo (improvvisamente diventa serio) Povero me! Come far, io non posso vivere
senza Lucia

(entra in scena Lucia)

Renzo - Lucia ! Lucia ! Siete voi, vi ho ritrovata finalmente !


Lucia - Benedetto il Signore, siete voi Renzo!

(Renzo e Lucia si abbracciano)

Fra Cristofoto - Il vostro amore cos grande che annulla ogni voto. Dio vuole la vostra
felicit, perci, ora che vi siete ritrovati siate per sempre felici insieme!

.............................................................................................................................................................

16
CANTO "Gente come noi" (Lucia, Renzo)
(aria "Gente come noi" di Ivana Spagna)

Quante volte anche i pi grandi amori


subiscono l'invidia di certi signori
che pensano che il mondo
sia fatto cos: solo odio, rabbia,
paura e nulla pi!
Quante volte subiamo violenze
che ci lasciano col cuore tremante
e nascono barriere che non cadono pi,
ma non vita questa, stiamo uniti di pi!
GENTE COME NOI CHE NON CONTA NIENTE,
MA CHE COME NOI CERTO NON SI ARRENDE,
AMORI UNICI, MA TANTO FRAGILI,
STORIE VERE CHE FANNO MALE!
cos difficile perdonare
chi ti ha fatto piangere e stare male.
Vorresti ribellarti
e non dire sempre di s,
vorremmo solo pace e nulla pi.
GENTE COME NOI CHE NON CONTA NIENTE,
MA CHE COME NOI CERTO NON SI ARRENDE,
AMORI UNICI, MA TANTO FRAGILI,
STORIE VERE CHE FANNO MALE!
.............................................................................................................................................................

CONCLUSIONE (Manzoni e damigella)


MANZONI
Venne finalmente il d delle nozze. Quante disgrazie! Quanti imbrogli ! Concludendo possiamo
dire che i guai vengono bens spesso, ma la fiducia in Dio li raddolcisce e li rende utili ...per una
vita migliore!

Damigella
Ci siamo serviti di questo bellissimo romanzo per trasferire anche a voi i valori di fratellanza,
solidariet, amicizia e amore che abbiamo interiorizzato lavorando a questo spettacolo.
Questa storia labbiamo dedicata a tutti voi.
Vogliamo augurarvi che questo breve viaggio tra le pagine della Lettaratura vi possa
accompagnare per tutta la vita. Grazie a tutti!

MUSICA FINALE ED ENTRATA DEGLI ATTORI


17
Personaggi

ragazzino con quotidiani


Manzoni
damigella
bravo 1 e 2
don Abbondio
Perpetua
amico 1,2,3
Renzo
Lucia
Amica 1,2
Suora 1,2
Fra' Cristoforo
Agnese
Azzeccagarbugli
Vecchia
Monaca di Monza
don Rodrigo
Innominato
Cardinale

18
Indice generale
SPETTACOLO TEATRALE 1
" I PROMESSI SPOSI " 1
di Alessandro Manzoni 1
EDIZIONE STRAORDINARIA! 1
INTRODUZIONE 1 1
SCENA 1: DON ABBONDIO E I BRAVI 2
Canzone "Un diavolo in me" (bravi) 2
INTRODUZIONE 2 3
SCENA 2: A CASA DI DON ABBONDIO 3
Canzone "Perpetua mi chiamo" 4
INTRODUZIONE 3 4
SCENA 3: RENZO, GLI AMICI E DON ABBONDIO 4
CANZONE " O' Tramaglino!" 5
INTRODUZIONE 4 7
Canzone "Sembrava un angelo" (amiche di Lucia) 7
SCENA 4: A CASA DI LUCIA 7
Canzone Vengo anchio , no tu no ! (Agnese, Lucia, Tutti) 8
INTRODUZIONE 5 9
SCENA 5: RENZO E AZZECCAGARBUGLI 9
Balletto "Il gatto e la volpe" 9
INTRODUZIONE 6 10
SCENA 6: LA FUGA 10
INTRODUZIONE 7 10
Balletto Sister act 10
SCENA 7: LUCIA DALLA MONACA DI MONZA 11
INTRODUZIONE 8 11
SCENA 8: DON RODRIGO, L'INNOMINATO e LUCIA 11
Canto : Il presidente ( Innominato-don Rodrigo) 12
CANZONE "Una lacrima sul viso" (Innominato-Lucia) 14
INTRODUZIONE 9 15
SCENA 9: L'INNOMINATO DAL CARDINALE 15
Balletto "Pregher per te" 15
INTRODUZIONE 10 16
SCENA 10: RENZO, PADRE CRISTOFORO E LUCIA 16
CANTO "Gente come noi" (Lucia, Renzo) 17
CONCLUSIONE (Manzoni e damigella) 17

19