Sei sulla pagina 1di 2

Tra il secolo XI e il XII alcune lingue romanze producono una letteratura assai ricca, spezzando il predominio letterario del

latino e creando un nuovo pubblico. In questa letteratura possiamo facilmente riconoscere limpronta del mondo feudale. Essa propone a signori e cavalieri una definizione dei valori e della dignit della loro classe. Il mondo laico, per secoli estraneo alla elaborazione culturale (appannaggio di monaci e chierici) presenta ora una veste culturale propria. La nuova letteratura trova terreno fertile soprattutto in Francia: a) Grande importanza per la storia della letteratura europea ha lepica in lingua doil, che si sviluppa nelle chansons de geste (= canzoni di gesta) a partire dal secolo XI. Le chansons nacquero come esaltazione del valore militare della classe feudale. La Chanson de Roland fu scritta da un autore anonimo alla fine del XI secolo. Il tema storico e viene scelto anche per il clima che avrebbe portato alle Crociate per la riconquista del Santo Sepolcro. A distanza di tre secoli dai tragici fatti di Roncisvalle il tema storico viene rielaborato fantasticamente. La trama vede Rolando (o Orlando) suggerire linvio di Gano a capo della pericolosa missione che deve discutere la pace con Marsilio, re dei Mori di Spagna. Gano per vendicarsi si accorda con Marsilio per la morte di Rolando, che sar fatto designare a capo della retroguardia franca. Leroe, pur sapendo dellinganno, accetta per fierezza e muore nellagguato. Il poema chiuso dalla ovvia condanna a morte del traditore. b) Il genere che maggiormente caratterizza la letteratura in lingua doil il romanzo (IN PROSA), narrazione di ampio respiro riferita ad avventure di singoli personaggi, con elementi sia storici che meravigliosi. I romanzi possono rielaborare storie e leggende romane (Roman dEneas) e trattare tematiche mitologiche (Roman de Troie), eventi storici (Roman dAlexandre). Cenno a parte merita il romanzo di Tristano e Isotta, elaborato in maniera definitiva nel secolo XII dal poeta anglo-normanno Thomas, le cui fonti sono precedenti: Tristano viene preparato da Marco, re di Cornovaglia alluccisione di un feroce gigante. Egli riesce ad ucciderlo, ma rimane ferito da una lancia avvelenata e pu essere guarito solo dalla regina dIrlanda, sorella del gigante e madre della bionda Isotta. Tristano si reca sotto falso nome dalla regina e viene guarito. Colpito dalla bellezza di Isotta ne parla al re di Cornovaglia, che decide di sposarla. Tristano si reca da lei per chiedere a nome del re la sua mano, ma Isotta lo scopre assassino dello zio. La madre la induce al perdono e le d un filtro magico che dovrebbe far innamorare di lei il re Marco. Per sbaglio i due giovani bevono il filtro durante il viaggio di ritorno e si innamorano di una passione ardente, che non ha fine con il matrimonio di Isotta con Marco. Scoperta la relazione, il re manda in esilio Tristano, che per confortarsi sposa Isotta dalle bianche mani, una fanciulla che le ricorda la vera Isotta. Morente, chiede di rivedere la sua amante: se questa verr, la nave che la condurr avr le vele bianche, altrimenti le avr nere. Quando la nave si avvicina, Isotta dalle bianche mani inganna Tristano annunciandogli le vele nere. Questi muore dal dolore. Isotta la bionda, giunta, si abbatte sul corpo dellamante e muore. Marco, conosciuta alfine la causa della passione e linnocenza dei giovani, li fa seppellire in una stessa tomba. I romanzi pi importanti per la letteratura occidentale si basano sulla materia di Bretagna, cio sul patrimonio delle leggende celtiche, di cui sono protagonisti il re Art e i cavalieri della Tavola Rotonda (ciclo bretone). A sistemare definitivamente la materia del ciclo bretone fu lo scrittore francese Chrtien de Troyes (XII secolo) che elaborer miti fondamentali della letteratura occidentale: lamore peccaminoso di Lancillotto e Ginevra, la ricerca del Graal da parte del puro

La nascita delle prime letterature nazionali

Parsifal. La vicenda ruota intorno alle avventure dei cavalieri di Art che combattono per conquistare gloria e difendere le proprie donne. Gli eroi, tra cui Ivano e Parsifal partono per il mondo in cerca di avventure La grande novit del romanzo la scoperta della dimensione interiore: mentre i paladini dellepica erano personaggi monolitici, gli eroi romanzeschi sono chiamati a scelte tormentose. Lamore cortese diventa il fulcro della narrazione, elaborazione di una morale alternativa a quella cristiana che si pone in contrasto con le regole sociali. Nel romanzo vediamo una nuova immagine della donna, valore assoluto. c) Altro fenomeno fondamentale per la letteratura occidentale lelaborazione in lingua doc nelle corti di Provenza e della Francia meridionale di una nuova lirica amorosa (poesia provenzale o trovatorica). Ad elaborare questa nuova poesia furono i trovatori (da trobar = fare poesia o da tropatores = inventori di tropi)), di estrazione sociale molto varia (principi e borghesi, giullari di grande cultura). I componimenti lirici provenzali richiedevano laccompagnamento musicale e venivano cantati a corte dai giullari. Il modello dellamore cortese domina questa poesia: la soggettivit del trovatore si esprime nel cantare la gioia determinata da un amore perfetto e dalla volont di esaltare la donna-signora. Nei suoi confronti lamante nella posizione del vassallo, pronto a servire in modo assoluto e disinteressato. Dunque il rituale del vassallaggio si trasforma in una galateo di comportamento, che stabilisce le regole con cui il cavaliere deve comportarsi con la donna. Lamore dei provenzali terreno e passionale, senza alcuna restrizione moralistica. Viene ignorato il vincolo matrimoniale, ma bisogna ricordare che nel Medioevo il matrimonio veniva spesso combinato per ragioni economiche. Lamore diventa libera espressione dellanima, lecito in quanto negazione della violenza, della bassezza e della volgarit. Anche quando la donna fisicamente vicina la sua bellezza la pone ad una distanza assoluta. Il poeta canta il fascino di questa distanza, animato nello stesso tempo da una tensione a colmare questa distanza. Ogni gesto del poeta minacciato dalle parole dei maldicenti. Essenza costitutiva dellesperienza amorosa dunque il rischio, il suo unire godimento e sofferenza. A questa tematica essenziale se ne aggiungono altre (descrizione di donne estremamente sensuali, motivi comici, ecc.). La tecnica dei trovatori era estremamente raffinata. Essi elaborarono forme metriche molto importanti per la poesia occidentale: il sirventese, il rondello, la tresca. Le tecniche si differenziavano: si parla, dunque, di un trobar leu, clus e ric. Il destinatario della poesia provenzale non era la borghesia n il popolo, ma una ristretta cerchia dlite. I trovatori pi celebri sono Guglielmo IX dAquitania, Jaufre, Arnaut Daniel, Bertrand De Born. Alla fine del secolo XIII la poesia provenzale ebbe una crisi improvvisa, causata soprattutto dalla Crociata contro gli Albigesi che provoc gravi rivolgimenti in Provenza. In Italia la lirica provenzale arriv tramite alcuni trovatori venutivi e la conseguente formazione di una schiera di trovatori italiani tra cui ricordiamo Sordello da Goito (XIII secolo).