Sei sulla pagina 1di 2

La vita Della breve esistenza di Aulo Persio ci informa una biografia di Valerio Probo, filologo della seconda met

del I secolo d.C. Nato da ricca famiglia equestre nel 34 d.C. a Volterra, Persio studi a Roma sotto la guida di autorevoli maestri di retorica e filosofia, tra cui lo stoico Anneo Cornuto e lo zio Trasea Peto (senatore eminente e capo morale degli aristocratici che rifiutavano il principato in nome degli ideali repubblicani, il cui suicidio stoico ci attestato da Tacito in Annales, XVI, 21-35), e dopo pochi anni di vita ritirata e dedita agli studi, mor in una sua villa nei pressi di Roma nel 62 d.C.

Le opere Di Persio ci sono giunte sei satire, per un totale di 650 esametri. Oltre alle sei satire, la raccolta contiene un breve brano in coliambi (o giambi zoppi), che la maggior parte dei critici considera come una sorta di prologo alla raccolta. Choliambi: in essi lautore afferma di non aver conosciuto le consuete investiture poetiche, e di lasciare i luoghi sacri e gli onori della poesia greca agli scrittori venerandi del passato, o a quelli che si illudono di saperli imitare. La prima satira affronta il tema della produzione letteraria contemporanea. Persio mette in mostra il cattivo gusto dei poeti del suo tempo, indicando, dal canto suo, i propri modelli: Lucilio, Orazio e i poeti della commedia antica greca. La seconda satira raccomanda di chiedere agli dei la salute del corpo e le migliori doti dellanimo, con semplicit, senza fare come coloro che pregano in silenzio per non far sentire agli altri le proprie richieste, o come coloro che coprono doro le immagini divine, attribuendo agli dei le stesse debolezze degli uomini. La terza satira una elaborata esortazione a non sprecare la propria vita. Bisogna far buon uso del tempo e forgiare il proprio carattere, al fine di prevenire il radicarsi dei vizi. La quarta satira affronta il tema del conoscere se stessi. Presenta un dialogo fra Socrate ed Alcibiade, che viene esortato ad aspirare a valori come la saggezza e la giustizia, piuttosto che contare sulla propria bellezza e nobilt. Il resto della satira invita ad abbandonare labitudine di criticare i difetti altrui, senza riconoscere i propri. La quinta satira, la pi ampia, rinnova la critica di Persio verso i toni altisonanti della poesia epica e tragica, proseguendo poi con espressioni di sincera amicizia verso il maestro Anneo Cornuto. La seconda parte svolge il tema della libertas, che deve essere innanzitutto interiore. La sesta satira propone la decisione di Persio di fare un uso moderato dei propri beni, biasimando gli avari e lavidit degli eredi. Lo straordinario successo che conseguirono le sei Satire di Persio negli ambienti stoici contemporanei suggerisce che allisolamento dellautore dalla vita sociale dellepoca non dovesse corrispondere un totale disimpegno politico; parte della critica sostiene, anzi, che gli stoici sentirono in lui un portavoce della propria dottrina. Nelle Satire, infatti, Persio si richiama al modello di satira con intento morale tracciato da Lucilio e Orazio e ne accentua il carattere di impegno e rigore per polemizzare contro lintera cultura contemporanea in nome di una profonda istanza morale, concretamente vissuta. un autore che schiera la propria opera in opposizione alla culpa pi che ai colpevoli, e si considera un medico tenuto a radere pallentes mores incidere costumi malsani e ingenuo ludo culpam defigere inchiodare la colpa con uno scherzo fine.

Lesigenza di collocare il verum al centro della propria indagine, di descrivere i plebeia prandia pranzi plebei in opposizione alle mensae cum capite et pedibus mense con sopra teste e piedi, ovvero ladesione al reale, configurata, secondo la tradizione satirica, come scelta di una tematica quotidiana e, sulle orme di Lucilio, come rifiuto degli inverosimili eccessi della tragedia (da cui il motivo della coena polemicamente riferito al banchetto di Tieste), si scontra con la realt del presente, intrisa di corruzione e ipocrisia: tale visione impietosa della vita si riflette in uno stile impervio e difficile, in cui convivono ladesione al sermo e la volont di operare nella lingua per ridurre lo scarto tra uso proprio e traslato del linguaggio (iunctura acris). Ne risulta un quadro ricco e complesso in cui emergono temi diatribici (realismo, carica aggressiva, atteggiamento moralistico), in un linguaggio vario e composito (da parodie dellepica magniloquente a neologismi, volgarismi e onomatopee) e una manipolazione del materiale linguistico che ricerca effetti nuovi e inconsueti, presentando diversi dialoghi in successione. I mutamenti di tema e argomento sono bruschi, con trapassi e scarti improvvisi, e i passaggi logici vengono talora sottintesi, secondo modalit che segnalano una volont di sperimentazione pi che un ritorno allandamento analogico arcaico (che fu proprio ad esempio di Esiodo): un habitus stilistico arduo e sdegnoso, che sottende un atteggiamento critico di disgusto e ripugnanza, mirato a disvelare la gravit della corruzione presente, Ilia subter caecum vulnus habes, sed lato balteus auro prtegit nel basso ventre hai una ferita nascosta, ma loro di una larga cintura la ricopre (Sat., IV, 42-5). La libertas La quinta satira di Persio si apre con una sezione letteraria, intesa a deridere la fumosa sublimit dei generi alti, e della tragedia in particolare, prosegue, poi, con espressioni di profonda amicizia e di sincera gratitudine verso Anneo Cornuto che ha iniziato lAutore alla filosofia stoica regolata sul principio etico fondamentale della libertas: libert vera , secondo la ratio stoica, non essere schiavi dei vizi, assolvere nella societ il compito per cui si adatti, distinguere il vero dalla falsa apparenza, vivere moderatamente, senza avarizia, aiutando gli amici. Purezza e coerenza morale, per, raggiunte attraverso una lotta tenace contro le passioni, sono qualit rare, possesso di unaristocrazia etica ristrettissima: la scelta della libertas implica dunque lisolamento, che Persio sembra accettare senza amarezza, adottando uno sprezzante distacco dal volgo. Anche Orazio disprezzava il popolino e concepiva la propria come unarte aristocratica (nec recito cuiquam nisi amicis - e non leggo a nessuno se non agli amici, Satirae, I, 4,73): se, tuttavia, il poeta di Venosa alludeva a una questione di gusto letterario, Persio trasferisce lattenzione sulla sfera etica, proferendo una dichiarazione di assoluta fedelt alla devota ricerca della sapientia stoica, senza cedere, nel suo ferreo rigore, nemmeno alla tentazione cinica di quellautarkeia libera da ogni compromesso che aveva attratto Orazio come Seneca. Da Orazio, il satirico di et neroniana preferisce piuttosto riprendere un sentito gusto per il raccoglimento interiore e lamore della metriotes: la libertas che Persio pu ritagliarsi in quellepoca di sangue rappresentata dalla quiete sulla spiaggia di Luni nel dominio delle proprie passioni, serenit interiore che ispira al poeta una pagina felice, libera, per la prima volta, da uno stile aspro e oscuro: mihi nunc Ligus ora / intepet hibernatque meum mare, qua latus ingens / dant scopuli et multa litus se valle receptat( Qui ora intiepidisce per me la spiaggia di Liguria e sverna il mio mare, dove gli scogli formano unampia fiancata e la costa si ritrae in un vasto seno) (Saturae, VI, 6-8).