Sei sulla pagina 1di 19

Sulla cacciata dei Rom, Europa e Chiesa contro la

Francia di Sarkozy. Indovinate con chi sta Berlusconi? y(7HC0D7*KSTKKQ( +"!z!}!#!.


www.ilfattoquotidiano.it

Giovedì 16 settembre 2010 – Anno 2 – n° 244 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Orazio n° 10 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

CANCELLIAMOLI CON LE FIRME I simboli leghisti nella scuola pubblica di Adro


Soluzione 5 per cento
di Marco Travaglio

N
avigando senza Tom Tom nelle centinaia di
paginate dei giornali piene di indiscrezioni,
vanno tolti. Davanti all’inerzia colpevole delle autorità, retroscena, interviste, dichiarazioni con
smentita incorporata, il cittadino (e)lettore si
non resta che la mobilitazione chiede che diavolo sta succedendo. Ha sentito i
finiani garantire il loro voto al 95% del programma in
In difesa della Costituzione e contro la secessione 5 punti e 13 pagine di B, che comprende tutto lo
scibile umano, dall’economia planetaria alla

Tra Libia e Padania Le istituzioni non


rispondono L’OLTRAGGIO DI ADRO, Salerno-Reggio Calabria, e ingenuamente domanda:
dov’è allora il problema? Perché il pover’ometto, a

povera Italia Il sindaco di Tradate APPELLO DE “IL FATTO” quell’età e in quelle condizioni psicofisiche, si
arrabatta per comprare traditori pronti a tradirlo
appena svoltato l’angolo, pescandoli preferibilmente
si dice pronto a fare Ad Adro, in provincia di Brescia, una scuola della Repubblica
(e comprensibilmente) tra le coppole siciliane?
Italiana è stata trasformata in un istituto padano e ricoperta dai
di Paolo Flores d’Arcais lo stesso simboli leghisti su ordine di un sindaco che ha potuto contare Perché non s’accontenta di quel 95% di riforme,
dc visto che in 16 anni non ne ha fatta manco una? La
Dura la Cgil che sulla colpevole indulgenza del ministro dell’Istruzione Gelmini.
risposta è banale, addirittura lapalissiana. Ma diventa
Un sopruso e un oltraggio. Davanti all’inerzia delle pubbliche

L’
Italia è una colonia della Libia, tenuta in ostag-
gio dalla Lega. Questo recita ormai la tanto
prepara una autorità che preferiscono girare la testa dall’altra parte chie- un rompicapo, una sciarada, visto che la stampa
denuncia per abuso diamo l’immediata cancellazione di quei simboli tracciati con italiana non serve, come nel resto del mondo, a
vantata – dal regime – “Costituzione materia- intenti secessionisti e in evidente spregio al principio costi- semplificare le cose complicate, ma a complicare le
le”. Agghiacciante non è infatti l’ennesima di autorità pag. 4 - 5 z tuzionale della Repubblica una e indivisibile. cose semplici. È raro trovare un giornale (men che
prepotenza di Gheddafi, che pure poteva avere con- Da questa mattina sarà possibile sottoscrivere l’appello del Fatto meno un tg) che spieghi chiaramente cos’angustia il
seguenze omicide. Il Colonnello ne ha perpetrate sul sito www.ilfattoquotidiano.it
Cainano in queste notti di fine estate: non le grandi o
ben altre. Indecente non è la vio- le piccole riforme, e nemmeno la Salerno-Reggio
lenza dei leghisti di Adro che lar- MASI x Il Dg vuol decidere chi va in onda e chi no: “Per il pluralismo” Calabria; bensì, pensate un po’, i suoi processi. Due
dellano del simbolo bossista una (Mills e Mediaset) furono bloccati col “legittimo
impedimento” alle soglie della sentenza di primo

Censure Rai, tocca a Lucarelli


scuola per definizione “pubblica”.
Sotto il profilo materiale il sindaco grado; il terzo (Mediatrade) alle soglie del tribunale.
di quel paese, affamando alla men- Poi ci sarebbe l’inchiesta di Trani sulle manovre
anti-Annozero, ma quella riposa in pace alla Procura
sa scolastica i bambini poveri, era
di Roma, così solerte invece (addirittura nella pausa
già stato ben più violento. Ag-
Una circolare estiva) sul mega-scandalo di casa Tulliani, di cui
ghiacciante e indecente è il silenzio che acconsente peraltro si ignora il reato. Varato nel febbraio scorso
delle autorità pubbliche che avrebbero, anzi che han- pre-elettorale per la durata di 18 mesi, il “legittimo impedimento”
no, il dovere di intervenire. Agghiacciante e indecen- per mettere scade fra un anno. Ma potrebbe svanire già il 14
te è l’inazione corriva dei Pubblici ufficiali cui la legge dicembre se la Consulta dovesse bocciarlo.
impone di agire e che invece seguendo l’opportu- la museruola ai Insomma, i tre processi potrebbero ripartire a
nismo carrieristico del “troncare, sopire” di manzo- programmi gennaio e i primi due chiudersi in tribunale entro
niana memoria calpestano ormai la Costituzione del- scomodi. l’estate. Dunque B. ha tre mesi per inventarsi
la Repubblica. qualcos’altro di più sicuro e duraturo, e trovare una
Cos’ha fatto in questi due giorni il signor onorevole
A partire da maggioranza che glielo voti. L’ideale era il “processo
Franco Frattini, che voci calunniose vogliono mini- quello su don Vito breve”, ma ammazzava mezzo milione di processi:
ritirato dopo il marameo di Fini. Che fare? Allungare
stro degli Esteri? Quando sparano a una nave del tuo Ciancimino il congelamento con un nuovo “legittimo
paese dovrebbero fioccare le proteste diplomatiche, su Rai 3 Tecce pag. 3 z impedimento” che impedisca alla Consulta di
la convocazione dell’ambasciatore della Jamahiriya pronunciarsi sul primo? Troppo rischioso.
(Grande Repubblica) libica, la pretesa ultimativa di Trattandosi di una nuova legge, la Consulta potrebbe
scuse solenni del Colonnello o almeno delle sue intanto bocciare la vecchia e, implicitamente, anche
amazzoni. Ma Frattini è un ministro di Berlusconi, n palermo
la nuova: a quel punto persino Napolitano avrebbe
non della Repubblica italiana, e Berlusconi ha con In piazza difficoltà a firmarla. Meglio una soluzione finale, che
Gheddafi vincoli di amorosi sensi (anche affaristici?) fulmini i tre processi una volta per tutte.
ben più forti di un giuramento sulla Costituzione.
per Norman Perfidamente Fini insiste per il lodo Alfano
Cos’hanno fatto in questi giorni il prefetto di Brescia, e il suo “martirio” costituzionale. Ma Ghedini giustamente non ne vuol
sapere: per una legge costituzionale occorre almeno
il provveditore agli studi, le autorità locali da cui di- De Gennaro e Perniconi pag. 6z un anno di lavori parlamentari, con doppia lettura
pendono gli edifici scolastici, per rimuovere da una Camera-Senato-Camera-Senato più un altro anno per
scuola pubblica il simbolo di un partito, cioè una vio- il referendum confermativo (evitabile solo con una
lenza contro l’istruzione, che è bene di tutti, e contro
la nazione o la Patria (come sentiamo ripetere con
CATTIVERIE maggioranza del 66%, e B. non è sicuro nemmeno
del 51%) che, con l’aria che tira, diventerebbe
overdose di retorica quando si tratta di inviare truppe Veltroni resta in Italia abrogativo. Intanto c’è tutto il tempo per arrivare alle
in guerra) visto che l’articolo 5 della Costituzione osa e fa una corrente. sentenze di primo grado, più l’appello della causa
ancora mormorare che l’Italia è “Repubblica una e Sollievo in Africa civile Mondadori (in primo grado la Fininvest fu
indivisibile”? Sono tutti pubblici ufficiali, la loro ina- condannata a pagare 750 milioni a De Benedetti).
zione configura il reato di omissio- Qualche buontempone ripropone il lodo Consolo:

Lerici legge il mare


decide il Parlamento se un reato è ministeriale o no.
ne d’atti d’ufficio, come minimo. U di Maurizio Viroli U di Marco Travaglio
Ma i delitti contestati a B. sono corruzione, falso in
Ci sarebbe poi l’articolo 87, secon- bilancio, appropriazione indebita, frode fiscale: che
do cui “il presidente della Repub- rassegna di letteratura e cultura marinaresca B. E GLI ZAGREBELSKY: c’entrano con le funzioni di governo? In attesa che il
blica rappresenta l’unità naziona-
le”. Unità che più dileggiata non si
17 19 settembre
/ ARBITRI DEMOCRAZIA cilindro di Mavalà partorisca un nuovo coniglio
morto, B. passa le notti in bianco. E il Paese è sempre
può. OSPITI D’ONORE COMUNISTI SVUOTATA appeso ai suoi processi: 60 milioni di scudi umani
Qualche bel tomo se ne è uscito
ROBIN KNOX-JOHNSTON e ALEX BELLINI presi in ostaggio in cambio della sua impunità. Ma
uesta volta Berlusconi ha ra- ella video-intervista su “La
dicendo che il “Sole delle Alpi” è
simbolo antico, ben precedente
35 incontri con scrittori di mare, 2 convegni,
1 maratona di lettura, 2 mostre fotografiche e migliaia
di libri di mare, imbarchi gratuiti su barche d’epoca.
Q gione, non se ne abbiano N a questione morale”, presenta-
male i lettori de Il Fatto Quotidia- ta ieri a Torino, il presidente eme-
zitti, mi raccomando, non si deve sapere. Ieri
Ostellino, sul Pompiere, invitava B. a “mostrare di
alla nascita della Lega. Se è per que- essere un uomo di Stato” e “chiarire quali ostacoli
WWW.LERICILEGGEILMARE.IT no, quando, dopo la sconfitta rito della Corte costituzionale par- istituzionali, politici, sociali gli hanno impedito di fare
sto, la croce uncinata precede le Ss L’unica rassegna che fa navigare i lettori. subita dal Milan a Cesena per la di Costituzione e classe politica: le riforme”. Povero Ostellino, la mamma non gli ha
di Hitler di parecchi secoli. 2-0 ha dichiarato che responsa- in Italia la sconfitta della maggio-
Promossa da Comune di Lerici , Soc. Marittima di Mutuo Soccorso Lerici. ancora spiegato nulla. Quando uno lo legge, non
Ma opposizioni e “giornalismo” bile del disastro è stato l’arbi- ranza non si trasforma in vittoria capisce mai se ci è o ci fa. L’ipotesi più accreditata è
In collaborazione con MURSIA
parlano d’altro: usque tandem? tro comunista. pag. 22 z dell’opposizione. pag. 10 z che ci sia e ci faccia contemporaneamente.
pagina 2 Giovedì 16 settembre 2010

SCHERMO PICCOLO SCHERMO PICCOLO

“Ultima Parola”: su Fini Saviano e Fazio


e il complotto contro B. rischiano di slittare
Torna in video Gianluigi Dopo una prima indecisione sul
Paragone. E l’ex direttore della numero di puntate e il debutto a
Padania promette scottanti novembre, Masi ha autorizzato i
documenti su un classico lavori per “Vieni via con me” di
sempreverde: il complotto. Fabio Fazio e Roberto Saviano. Ma
Santoro, ultimi ostacoli a otto giorni dal debutto Ballarò è già tornato Ovviamente ai danni di B. Ci “In mezz’ora”, domenica su RaiTre. Senza Gaucci “Parla con me”, manca un contratto dopo tanti ritardi, le prime prove
L’ultima stagione di “Annozero” s’è chiusa con un comunicato Rai che Insieme con “Porta a Porta”, il programma di Giovanni Floris è stato sarebbero gli Usa, sostiene Ricomincia domenica il programma di Lucia Annunziata. Ma l’attesa Intervistato da Giovanni Minoli a Cortina, il Direttore generale ha in studio saranno fatte quattro
annunciava una trattativa in corso per l’uscita dall’azienda di Santoro, ma il il primo a ritornare in onda, nonostante la rete abbia proposto più Paragone, dietro al tradimento di partenza col botto - l’intervista a Luciano Gaucci - non ci sarà. L’ex rivelato di aver chiesto alla Dandini dei cambiamenti e di prevedere giorni prima dal debutto: se Masi
conduttore - sin da luglio - ha detto di voler continuare. E ha iniziato ad affrontare volte di riaccenderlo per raccontare la crisi del governo di agosto. Ma Gianfranco Fini. Appuntamento patron del Perugia ha dato forfait: niente racconti, almeno per ora, sulla il programma fino al primo periodo di garanzia, cioè a marzo. Però dovesse rinviare altre firme, la
numerosi ostacoli: dalla firma per la matricola ai contratti della redazione. i pessimi rapporti tra Masi e Ruffini non hanno certo aiutato. su RaiDue domani alle 23,40. sua ex, Elisabetta Tulliani, oggi compagna di Gianfranco Fini. manca il contratto con la casa di produzione Fandango. trasmissione rischia di slittare.

I forzati dell’applauso DI MASI IN PEGGIO


a (tele)comando Da Lucarelli all’ossessione “Annozero”:
il direttore generale punta le trasmissioni scomode
PROFESSIONISTI “ A CHIAMATA” NELLE TRASMISSIONI
di Carlo Tecce ziatore per il pubblico in stu- pletezza e contraddittorio carlo. E poi vedremo chi mi Serena Dandini aspetta il
I GRUPPI PER I POLITICI, LE “SELEZIONI” E LE TARIFFE dio e le minacce di sospen- nelle trasmissioni secondo le ferma in Consiglio. Non sarà prossimo Consiglio per il vo-
ll’arrivo di un Consi- sione.

A
norme vigenti. Tre paroline Antonio Verro, amministra- to sull’accordo con la casa di
glio di amministrazio- magiche e vuote, ma che Ma- tore di fede berlusconiana, o produzione Fandango per
di Paola Zanca rebbe cancellare da questa stagio- diventarlo. Comincia nel 2006 blema non sussiste, che è “tutto ne in salita, lungo sette A VIALE MAZZINI cele- si legge a suo favore: per me spesso in visita a Palazzo Gra- Parla con me: tempi strettissi-
ne tv il pubblico “attivo”. Prima quando lavorava per l’ufficio molto autoregolato”, che “ci sono ore e strozzato da ster- brano la resa del Direttore ge- valgono i punti scritti il 24 zioli: “Masi deve valutare ca- mi, a viale Mazzini si riuni-
è chi vuole provare il bri- che la Rai metta il bavaglio perfino stampa di Forza Italia. “Ci chiama- solo applausi di buona educazio- zate comiche, Mauro Masi

C’
nerale che, pronto per l’ul- agosto: se il programma mi so per caso la corretta infor- scono il 22 settembre, il pro-
vido del piccolo scher- al clap clap, Michele Ruschioni ha vano per le puntate fiacche di Por- ne”, che “Vespa cerca di modera- agita un foglio di carta: la cir- timo assalto all’informazio- prende in giro, promette una mazione, noi ascolteremo le gramma riprende il 28. E così
mo. Chi lo prende come fatto in tempo a farsele pratica- ta a Porta, ci chiedevano di vestir- re gli interventi che sottolineano colare del 24 agosto, i paletti ne, riceve un’arma spuntata: cosa e fa altro – riportano sue relazioni e voteremo se Annozero ha poche ore per
un lavoretto come un al- mente tutte. Ballarò, Annozero, Ma- ci bene. Ma lì è una situazione troppo una certa cosa. E se uno fa per sinossi, schede e conte- il mandato per garantire il ri- fonti qualificate di viale Maz- applicare o meno le sanzioni sbrigare un mucchio di con-
tro. E chi porta la croce dell'essere trix, Porta a Porta. Giornalista – dal- molto istituzionale, Vespa non una dichiarazione forte contro il nuti dei programmi, il silen- spetto di pluralismo, com- zini – io ho il dovere di bloc- previste”. Le circolari di Masi tratti, Masi ha giurato: “La si-
fedele alla linea. Sono i forzati le tv locali a Libero, fino a scrivere vuole applausi durante gli inter- governo, l’applauso non scatta”. sono lunghe poche righe, un tuazione è fluida. Il 23 San-
dell’applauso. Quelli che con un un libro con Feltri e Brunetta – lo venti. E comunque la trasmissio- Chi l’avrebbe mai detto. po’ vaghe e un po’ retoriche, toro sarà in onda”. E poi sen-
battito di mani possono mandarti ha fatto perché “fra un intervallo e ne è registrata, se c’è un fuori pro- io portavo con me un amico. A loro qualcuno se ne andasse prima del- nascondono il vero effetto di tite Verro: “Travaglio le sem-
dalle ceneri agli altari. E viceversa. l’altro raccoglievo le migliori no- gramma qualche taglietto lo pos- ALTRE VOLTE l’arena è più cal- non pareva vero”. Il potere si mi- la fine della puntata. Ma succede di una regola imposta dall’alto. bra pluralismo?”. Un vicedi-
Martedì, Floris ha fermato le ova- tizie”. Una quindicina di compar- sono fare”. da. Ed esserci, fa la differenza. “Nel sura anche così. In base a come ri- rado. Raccontano dalla redazione Che significa la raccomanda- rettore fa la sintesi: “Non cre-
zioni durante Ballarò, per non dare sate, sempre dietro al potente di Dalla redazione del talk-show di 2007 andavo spesso a Ballarò. Lì c’è spondi alla domanda canonica per che c’è perfino chi usa la compar- zione (o meglio, la minaccia) do che il dubbio di Travaglio
pretesti al Dg Mauro Masi, che vor- centrodestra. O a quello che deve Raiuno fanno sapere che il pro- un’anarchia, secondo me voluta. chi riceve un invito in tv: “Quante sata ad Annozero per farsi strada nel del punto due sul foglio di sarà cancellato per la prima
Lavoravo alla Tv delle libertà e bi- persone si porta?”. Secondo i rac- mondo delle associazioni studen- una direttiva: “La realizzazio- puntata, certo assisteremo al
sognava pompare la Brambilla. Io, conti di Ruschioni “ad ogni ospite tesche, della politica. ne concreta dei programma tira e molla dell’anno scorso
– ricorda Ruschioni – ero uno dei viene riservata una fetta di invitati. dovrà essere integralmente e l’unico rimedio per Santoro
DI PORTA IN PORTA pochi romani che poteva arrivare Dicono: 'Tu Brambilla ne hai 30', È IL PARADOSSO del forzato corrispondente alle schede sarà arruolarlo come ospite”.
subito quando serviva la claque”. poi c’è lo spazio per il leghista di dell’applauso: in studio per ap- approvate. In caso contrario Tra ipotesi e congetture, in
Vespa morso dalle “Iene” Poi ha continuato con Gianni Ale-
manno, candidato sindaco di Ro-
turno, Ferrero chiamava quelli dei
centri sociali”.
plaudire qualcuno, mentre sogna
che qualcun altro, prima o poi,
il programma verrà sospeso
d’ufficio”.
Rai c’è la certezza – visibile e
palpabile – della rottura tra
Poi si butta sui sondaggi ma: lavorava al comitato elettorale
e là dentro sapevano benissimo
che un applauso in tv vale più di
La claque lavora gratis. Chi ap-
plaude per lavoro, invece, è so-
prattutto studente universitario.
applauda lui. Qui, giurano, più di
due o tre persone per politico
non vengono ammesse. E se ci so-
IL PRIMO a provare la bu-
rocrazia di Masi, per ragioni
Masi e Paolo Garimberti. Da
ambienti vicini al presidente
Rai fanno sapere: Garimberti

“N on mi tocchi, non mi tocchi, as-


solutamente”. Primo pomerig-
gio romano, l’inviata delle Iene Sabri-
regista Saverio Costanzo) ha cono-
sciuto il dolore di una chiusura im-
provvisa. Quella della portiera dell’au-
mille volantinaggi. Ha battuto le
mani per Vittorio Sgarbi. A Matrix è
capitato un paio di volte: “Lì c’è chi
Si porta i libri appresso, studia
nell’attesa della registrazione,
torna a casa con 30, al massimo
no (diversamente da Ballarò) non
siedono mai dietro di lui. C’è chi
prova a “infiltrare” gente, chi fa il
di temi e di tempo, sarà Carlo
Lucarelli: “Ho ricevuto diver-
se richieste per la sinossi del-
è preoccupato per l’autono-
mia di conduttori e direttori
e seguirà le prossime mosse
na Nobile alle prese con l’umorismo di to di servizio, con le dita strette tra la ha le redini in mano, anche se nes- 50 euro. Si sposta da uno studio nome di qualche dirigente Rai. le puntate, una versione ag- di Masi, scottato per la boc-
Vespa. Si avvicina di corsa. Ha in ani- nemesi e il diritto di cronaca. La terza suno è in grado di fermare un ap- all’altro, finisce che si laurea lì. Un giovedì alcuni ragazzi del Pdl giornata di Blu notte da regi- ciatura in Consiglio: “Voleva
mo di regalare al conduttore un paio di camera di via Teulada, nonostante i 14 plauso che parte. Mi chiamavano, Più difficile trovare qualcuno li- hanno protestato fuori dagli stu- strare nei prossimi giorni e in più poteri”, dicono. E la mi-
occhiali a raggi infrarossi, dello stesso anni di poltrone bianche, resta uguale bero di sabato sera. Lo staff di Gad di, gridando alla censura. Ma l’or- onda a novembre o dicembre
modello che sui giornaletti degli anni a sé stesso. E l’unica novità della sta- Lerner, ai tempi in cui l'Infedele an- dine è tassativo: liste chiuse al su Raitre”. Masi contesta a Lu-
‘70 promettevano al compratore di ve-
dere attraverso le vesti. Se Del Noce,
gione, nuovo strumento di propagan-
da e deformazione politica, sono i son-
C’è chi prova dava in onda in quel giorno, at-
taccava manifesti in giro in cerca
mercoledì. Tolleranza zero anche
per chi si crede a un comizio: sto-
carelli uno speciale sulla ma-
fia, le stragi del ‘92-‘93, le
Circolare
aveva picchiato l’inviato di Striscia
Staffelli, alla Nobile non è andata
daggi. Non più le rivelazioni del com-
passato Mannheimer, ma una raffica
a infiltrare di pubblico. Niente retribuzione,
e pure qualche rischio: “Lerner
rica la lavata di testa a un giovane
che provò a far inquadrare un vo-
trattative, i segreti e la figura,
centrale, di don Vito Cianci-
bavaglio
meglio. Vespa la prende a male pa-
role. Frasi sconnesse, nervosismo
di percentuali e numeri a due cifre. Ve-
spa ha reclutato Euromedia e Crespi, i
fedelissimi odia gli applausi – ricorda chi
c’era – e ti sgrida personalmente
lantino dell’Idv, nascondendolo
dietro un’agenda rossa...
mino, oggi raccontata dal fi-
glio Massimo. Da viale Maz-
Dal Cda
plateale e fuga all’inglese non pro- più graditi a Berlusconi. Ma ieri ha in- se ti azzardi a battere le mani”. L’ultima frontiera è la claque su In- zini voci incontrollate lascia-
prio sportiva con ordine perento- contrato la reazione di Storace: “Noi del clap clap, Stesso trattamento si rischia da ternet. Ma qui la possibilità di fini- no intuire che una puntata mandato per
rio: “andiamo via e voi andate al non siamo ‘altri- riferendosi alla for- Santoro, che prima di andare in on- re smascherati è molto più concre- del genere – rafforzata dalle
diavolo”, gridato all’autista. Nella mula con cui vengono pesate le forma- chi corre alla da richiama tutti a un certo ta. Se lo ricorda bene Renata Pol- ultime rivelazioni di Cianci- “garantire
foga, la mano dell’inviata del pro- zioni minori-valiamo il 2,5% che signi- aplomb. Qui i figuranti sono quasi verini: il suo sito era zeppo di elogi mino junior – va cestinata al
gramma di Italia 1 (compagna del fica un milione di voti”. prima spariti. C’è la fila di gente disposta ancora prima di essere on line. La più presto. E l’odore di cen- il pluralismo”
a partecipare gratis. Una ventina di beccò un “hacker” dei Radicali. In sura fa riflettere Lucarelli,
telefonata loro resta nei corridoi, casomai Rete, se il trucco c’è, si vede. abituato a non stravolgere Protesta la Fnsi
idee e progetti. Al Direttore
generale piace lo scontro, al-
IL “DIRETTORISSIMO” Querela da 30 mila euro meno per rinviare i proble- noranza in Commissione di
SERVIZI DA PADRONE B. fa epurare mi, così uno scontro forte Vigilanza chiede l'audizione

Minzolini, la condanna del “venduto” i finiani dai suoi telegiornali


l’ha cercato con Paolo Ruf-
fini, il direttore di Raitre ri-
mosso su proposta di Masi e
poi reintegrato da una sen-
dei vertici Rai.

CONTRO le intimidazioni
di Masi ai giornalisti - defini-
di Ferruccio Sansa strada nel suo paese natale, Scilla. pubblica, "in altri episodi non anco- vuol far sapere al Capo che il suo tano. Fuda prima del 2007 aveva di Manfredi Barca aggiungono anche i flash di tizie politiche. Per fare un confron- tenza di un giudice. Masi ha zione di Rosa Calipari (Pd) –
Se si va a fare i conti di questi soldi ra identificati"”. cuore batte sempre a destra, anche militato in Forza Italia, quindi era TgCom, i finiani hanno potuto par- to basti pensare che al Pdl sono toc- scritto una lettera contestan- protestano i partiti di oppo-
orpresa: anche Augusto Minzo- che sono stati spesi là, c’è un se- Pietro Fuda (Partito democratico se è costretto a stare oggi a sinistra e passato al Partito democratico me- uturo e libertà esiste nella poli- lare per 2 minuti e 25 secondi, circa
SSenato”
lini parla del “mercato che c’è al
per conquistarsi i parla-
maforo ogni venti metri, per cui se
uno va lì ci mette un’ora per fare
del Meridione) sarebbe stato “pun-
tato” da Berlusconi per cercare di
che comunque se gli dovessero toc-
care gli interessi e le cose sue, il Ca-
ridionale. Ma molti scommetteva-
no sul suo ritorno con il Cavaliere.
Fdi Mediaset.
tica italiana. Molto meno per i tg
Il monitoraggio sul plu-
l’1% di tutte le dichiarazioni rilascia-
te dai politici nello stesso arco di
cate più di 2 ore e quasi un’ora è
stata concessa alla Lega Nord. Il Par-
tito democratico e l’Idv si sono do-
do vecchie sinossi proprio di
Lucarelli, in basso una postil-
la sconosciuta a cinquant’an-
sizione, Articolo 21 e i sin-
dacati. L’assemblea del comi-
tato di redazione Rai ha ap-
mentari. O meglio, ne parlava, nel quei sette chilometri se tutti i sema- rosicchiare l’esigua maggioranza di valiere deve starne certo: Fuda gli Poi c’è quell’intercettazione scomo- ralismo politico e istituzionale pro- tempo. Persino La Destra di Fran- vuti accontentare insieme di circa ni di storia della Rai: non ti provato un documento
dicembre 2007 durante una tra- fori fossero operanti”. Prodi. Di qui un incontro con Saccà darà un aiuto in Parlamento”. da per Berlusconi. Minzolini in tv si Augusto Minzolini dotto mensilmente dall’Agcom, cesco Storace, un partito senza de- mezz’ora. pago i costi della trasmissio- all’unanimità e una mozione
smissione televisiva. Ma il lampo di Insomma, a sentire l’attuale diret- che poi al telefono racconta: “Fuda Così il 13 dicembre 2007 negli studi scaglia contro il mercato dei sena- l’autorità Garante delle Comunica- putati e senatori, ha totalizzato più Il record delle reti Mediaset è ca- ne – già andata in onda – per- di critica: “Le scelte di Masi
indignazione – rivolto, peraltro, tore del Tg1 (all’epoca inviato della de La7 si registra la trasmissione tori, ma parla di semafori e di quegli zolini, non sarebbe vera. zioni, non lascia dubbi. Secondo il dichiarazioni dei parlamentari vici- pace di fare impallidire persino il ché non corrisponde al con- per noi sono devastanti. Sia-
contro il centrosinistra di Prodi – gli è Stampa) par di capire che il sena- Omnibus. Tra gli ospiti il senatore otto milioni che sarebbero arrivati Un episodio dimenticato dall’opi- documento nel mese di agosto, il ni a Gianfranco Fini. Tg1 di Augusto Minzolini che ha tenuto annunciato. Nemme- mo a forte rischio di censu-
costato una condanna civile a
30mila euro di risarcimento (più al-
tore Fuda avesse ricevuto un bel re-
galo dall’allora governo di centrosi-
Aveva accusato Furio Colombo insieme con i gior-
nalisti Gianni Barbacetto, Paolo Li-
con la Finanziaria (del governo Pro-
di). Fuda non ci sta, ha già tante gat-
nione pubblica. Tanta acqua è pas-
sata sotto i ponti. Fuda non è più
primo in cui la rilevazione ha te-
nuto conto del gruppo dei finiani, i
Ma chi crede che sia il Tg4 del fe-
delissimo Emilio Fede a schiacciare
concesso il 9% del suo tempo a Fu-
turo e Libertà e il 4% delle dichia-
no nel servizio pubblico val-
gono leggi retroattive: il pri-
re”. Su Masi versione garante
del pluralismo, il presidente
tri 3.500 euro di spese processua-
li).
nistra che forse voleva tenerselo
stretto ed evitare fughe verso il Ca-
il senatore guori e, appunto, Augusto Minzo-
lini. E il discorso cade proprio su Fu-
te da pelare e non gli va di aggiun-
gere anche questa. Assistito allora
senatore, Minzolini è approdato al
Tg1 e non pare abbia lanciato altri
telegiornali Mediaset hanno con-
cesso il 3% del loro tempo alla co-
verso il basso questo numero si sba-
glia di grosso. La testata che più di
razioni politiche complessive. En-
trambi i valori, per quanto più alti
mo giro l’ha vinto Ruffini, a
chi toccherà la prossima vol-
della Fnsi non cerca perifrasi:
“Il direttore generale manca
Ecco la frase incriminata, il Minzo-
lini in versione giustizialista: “Ti pos-
valiere. Del resto il nome di Fuda
proprio in quei giorni era sulla bocca
allora Pd Fuda da, un personaggio sconosciuto ai
più, ma diventato famoso suo mal-
da Luigi Lusi, avvocato e senatore
del Pd, cita in giudizio Minzolini: “La
strali contro il “mercato che c’è al
Senato”. Però ecco che arriva la
pertura giornalistica di Fli: 28 mi-
nuti su oltre 14 ore di servizi po-
altre ha imbavagliato i finiani o non
gli ha concesso spazi è infatti l’am-
rispetto alle reti Mediaset, finisco-
no per essere tuttavia abbondante-
ta?
La destra in Cda ha evitato
di ogni rispetto non solo per
l’informazione, ma anche
so dire io quali sono gli interessi di di tutti dopo uno scoop di Repub- grado già nel 2006. Il motivo? L’in- libertà di critica – sostiene Lusi nella sentenza civile di primo grado a ri- litici. miraglia Tg5. Il telegiornale diretto
Fuda (Pietro Fuda, allora senatore blica: “Silvio Berlusconi è indagato di essersi fatto serimento nel maxi-emendamento sua citazione – ha valore scrimi- cordare l’esternazione: “Dichiarate Ma se il “tempo d’antenna”, che in- da Clemente Mimun, il più visto in
mente inferiori alla media delle reti
Rai che nel loro complesso (e te-
sabotaggi ai regolamenti per
timore di una censura di mas-
per il senso del ridicolo”. Sci-
vola via veloce la discussione
Pd, ndr). Te li dico io. Vediamo a che dalla Procura di Napoli per la cor- alla legge finanziaria di una norma nante soltanto quando rispetti la illecite le affermazioni rese dal Min- clude sia le dichiarazioni che le no- Italia, in oltre 7 ore e mezza di pro- nendo conto anche di RaiNews24) sa, Masi ha preferito ridurre su Augusto Minzolini, e con il
punto è arrivato il tipo di mercato ruzione di Agostino Saccà, presi- comprare: che retrodata i termini di prescri- verità”. Ecco il punto: secondo la di- zolini lo condanna al pagamento in tizie, è così basso, non va meglio grammazione ha dedicato circa 10 hanno garantito l’11% del loro tem- la tensione per agire passo solito copione: attacchi da si-
che c’è al Senato. Fuda ha avuto, dente di RaiFiction e – seconda ipo- zione per reati contabili e ammini- fesa di Fuda, tanto per cominciare, favore di Fuda della somma di euro con il tempo di parola. In un mese minuti a Futuro e libertà, ovvero il po per la politica ai finiani e circa il per passo, sempre in linea nistra, difesa da destra. E da
nell’attuale Finanziaria, otto milioni tesi di reato – per istigazione alla senti chi strativi commessi da pubblici am- il senatore non sarebbe nato a Scil- 30 mila” più interessi e spese pro- di telegiornali su tre reti, a cui si 2,37% del tempo riservato alle no- 10% delle dichiarazioni. con la tattica dell’indugiare. Masi: “Il Tg1 perde ascolti e
di euro per la semaforizzazione e corruzione del senatore Nino Ran- ministratori. Un caso che suscitò la, ma a Siderno. E poi la storia degli cessuali. A volte la giustizia non è Oggi ho un problema? Bene, credibilità? Il punto debole
pedonalizzazione di un tratto di dazzo e di altri senatori della Re- parla... l’ira del presidente Giorgio Napoli- otto milioni, si obietta ancora a Min- poi così lenta. risolvo dopodomani. E così della Rai è il Tg3”.
pagina 4 Giovedì 16 settembre 2010

L “U
GIÙ AL NORD GIÙ AL NORD

a parola ai lettori. Da questa mattina statale di Adro, in provincia di Brescia. È con l’Italia è sul punto di riuscire”. Perché, na scuola nuova a costo edilizia che ha previsto la cessione di due resteranno 1.360 mila euro di un prossimo
Se il marchio sul sito ilfattoquotidiano.it sarà successo veramente, con tanto di quello di Adro è un segnale molto Un polo scolastico zero”. Lo aveva Ripetuto il precedenti edifici scolastici di proprietà privata e mutuo con cui ricomprerà una parte dell’area
possibile sottoscrivere l’appello del apprezzamento da parte del ministro preoccupante: “Il sindaco Lancini – ha scritto sindaco Danilo Lancini trasformate o da trasformare. Dunque il senza esserne obbligata da contratto. Tale
Fatto Quotidiano alle istituzioni per chiedere dell’Istruzione Mariastella Gelmini. “Tutto Colombo – si impossessa dell’edificio di una all’inaugurazione del nuovo polo scolastico comune ha risparmiato 4 milioni di euro per debito resterà a carico dei cittadini”. Infine:
c’è pure l’immediata cancellazione dei simboli del partito questo in un silenzio istituzionale che umilia, scuola pubblica italiana e lo marca, ovunque, con a costo zero? (dove non era stato neppure esposto il costruire una nuova scuola rinunciando alla “Sulle donazioni invitiamo chi di dovere ad
Lega Nord — tracciati con intenti secessionisti imbarazza e fa paura – ha scritto Furio Colombo simboli della Lega, fin nei cessi”. Una roba, ha tricolore). Secondo l’opposizione politica della vendita di due immobili che avrebbe fruttato dai approfondire il perché in un paese mancano i
e in evidente spregio al principio costituzionale sul Fatto di ieri – La scommessa di Bossi (che detto il deputato della destra finiana Enzo Raisi, lista civica Linfa le cose non stanno così: la nuova 5 ai 6 milioni di euro. L’ opposizione inoltre soldi per la mensa ma non per i banchi e le
nei gabinetti della Repubblica una e indivisibile – in una scuola prima di fare il politico non ne aveva vinta una) “vista solo con Hitler e l’Unione sovietica”. Non per l’opposizione struttura rientra in una ampia operazione ricorda che “a carico dell’amministrazione lavagne”. E.Reg.

MIGLIO, IDEOLOGO A SCUOLA DI SILENZIO


CHE VOLEVA Le istituzioni locali tacciono sul “sole padano” di Adro
La Cgil di Brescia: “La secessione è già in atto”
LO STATO-MAFIA NIENTE DA FARE: la diri-
gente scolastica provinciale è
troppo impegnata anche solo
gnata in una riunione. Ma le faremo
sicuramente sapere qualcosa”.
Questo è accaduto alle 16 di ie-
complice silenzio del centro-
destra – si legge in una lettera
che precede di pochi giorni la
è già in atto”. E poi l’appello:
“Le forze politiche, i sindacati,
le associazioni, la società civile
L’intestatario dell’edificio di Adro per spiegare come sono andate
le cose su quella procedura di
ri. Alle 21.30, orario di chiusura
di questo giornale, non è arri-
denuncia degli amministratori
per abuso di autorità – sta met-
non possono stare alla fine-
stra”.
richiesta che pare “in corso” vata alcuna telefonata per spie- tendo a repentaglio la coesione
sognava il Sud “regalato” alle cosche anziché certa e assodata nel
giorno dell’inaugurazione del-
gare bene e precisamente co-
me stanno le cose nel polo sco-
sociale e sta attuando una po-
litica strisciante verso la seces-
DAL CANTO SUO la mino-
ranza politica che siede in Re-
la scuola. Già, perché pare pro- lastico di Adro, dove anche sui sione”. Di più: “La secessione, gione, così come Il Fatto Quoti-
di Gianni Barbacetto un bambino”, per finire con un Se c’è stato un momento in cui è prio che non sia mai stato effet- cestini della raccolta differen- anche grazie all’immenso pote- diano, chiede un intervento al
sonoro “scorreggia nello spa- riuscito a unire teoria e pratica, è tivamente emesso alcun decre- ziata c’è il simbolo leghista. re dato a sindaci che assomi- presidente della Repubblica.
l linciaggio è la forma zio”. Ricambiato da Miglio con stato nei primi anni Novanta,

“I
to di intitolazione della struttu- gliano sempre di più a podestà, Attraverso Facebook intanto è
di giustizia nel senso una serie di complimenti non quando ha predicato la divisio- ra. LE UNICHE risposte, per la partita la chiamata per la mani-
più alto della parola. da meno: “Orecchiante”, “infi- ne dell’Italia in tre “cantoni” Anche se le cose sono piuttosto verità, sono arrivate dall’asses- festazione in programma saba-
C’è la giustizia dei legu-
lei, che è il modo di imbrogliare
do”, “teppa”, “arruffapopolo”,
“pigmeo”, “analfabeta”,
(Nord, Centro, Sud). Proprio al-
lora, un complesso meccani-
complicate sul fronte normati-
vo che risale al 1980, quando
sore provinciale all’Istruzione,
Aristide Peli, che precisa subi-
La procedura per to mattina: Pd, Popolo Viola,
Idv e lista civica Linfa. Sarà la
il prossimo, e c’è la giustizia po-
polare che si esprime nei moti
“ubriaco”, “botolo ringhioso”,
“contapalle”, “Robespierre da
smo si è messo in moto per rag-
giungere quell’obiettivo. Lo rac-
ancora non si parlava di “poli,
plessi, centri” ma solo, sempli-
to: “Non ho niente da dire per il
semplice fatto che l’assessorato
l’intitolazione “Manifestazione contro l’occu-
pazione della Lega nella scuola
rivoluzionari. Quando il siste-
ma non garantisce più la giusti-
barzelletta”, “comiziante da
bar”, ma anche “mentitore ara-
conta una vecchia indagine del-
la Procura di Palermo chiamata
cemente, di scuole. Una cosa
però è certa: quella normativa
provinciale non ha nessuna compe-
tenza in materia di materne, ele-
è in corso, pubblica”. Per oggi è prevista la
conferenza stampa del coordi-
zia, è il popolo che si appropria bo” e “levantino con il gusto “Sistemi criminali”. Mentre si di- prevede che per l’intitolazione mentari e medie – spiega al tele-
del diritto di punire”: così par- della menzogna”. sfaceva il sistema dei partiti della di monumenti, edifici e scuole fono – . Mi sembra che, in ogni ca- ma non sarebbe natore provinciale Pdl che, se-
condo le indiscrezioni, intende
lava Gianfranco Miglio, a cui in Prima Repubblica, che le indagi- a personaggi defunti da meno so, si stia parlando di una bella scuo- dissociarsi e prendere le distan-
“Padania” si dedicano scuole. Il progetto ni di Mani Pulite avevano rivela- di 10 anni (Miglio è morto nel la”, prosegue Peli, leghista (co- ancora stato ze politiche dall’iniziativa di
Chissà se agli incolpevoli alun- to essere il sistema di Tangento- 2001) la procedura venga auto- me il sindaco Oscar Lancini), Lancini. Questa sera è anche in
ni dell’istituto pubblico di
dei tre Cantoni
poli, una serie disparata di forze rizzata dal ministero degli In- che aggiunge anche che un po’ emesso programma un consiglio d’isti-
Adro si insegnerà questo senso e di poteri si erano messi all’ope- terni previo passaggio alla Pre- di autonomia non può fare che tuto straordinario così come in-
della giustizia. E chissà se si rac- LA BONTÀ “è un difetto”, per ra per rimpiazzare il vecchio re- fettura. Non ci resta allora che bene. alcun decreto tendono fare i genitori.
conterà chi era e che cosa di- Miglio, che ammetteva: “Sono gime. Massoni, reduci della P2, Gianfranco Miglio, forse l’unico intellettuale leghista, amava definirsi così: “Sono il demonio” (FOTO OLYCOM) Alunni e genitori all’ingresso del polo scolastico “Miglio” di Adro (FOTO LAPRESSE) rivolgerci al Palazzo del Gover- “Scusi assessore ma allora mi
ceva quel professore a cui è de- nato carogna”. E si definiva “la uomini dei servizi segreti, fasci- no. Ci passano un paio di per- sta dicendo che anche un’am-
dicata la loro scuola. più aggiornata manifestazione sti ed eversori di lungo corso, ta che viene qua non lo ammaz- Scrivono i magistrati: “Uno dei per il mantenimento anche del- di Elisabetta Reguitti stico Gianfranco Miglio”. sone che ci chiedono perché ministrazione di centrosinistra
Giurista, politologo, costitu-
zionalista. Senatore del Carroc-
del Demonio”, anche se altri
preferivano considerarlo sem-
boss di Cosa Nostra e della
’ndrangheta avevano cercato di
ziamo?”. Gli altri lo fermano:
“Ma che sei pazzo? Bossi è giu-
protagonisti dell’operazione sa-
rebbe stato Gianfranco Miglio”.
la mafia e della ’ndrangheta. Il
Sud deve darsi uno statuto pog- entralino Usp (Ufficio
“Attenda un attimo”. Qualche
secondo di attesa. “La dirigente
chiediamo di parlare con la pre- potrebbe inserire la propria
NAPOLITANO parla
C
fetta, Livia Narcisa Brassesco simbologia in un ambiente sco-
cio. Riteneva l’Italia “figlia ille- plicemente una reincarnazione far nascere le leghe del Sud. Con- sto”. E poi gli spiegano di aver sa- Farneticazioni? I pm Antonio In- giante sulla personalità del co- scolastico provinciale) è in riunione mi lasci il suo recapito Pace. “Vorrei sapere cosa in- lastico?”
gittima di una congiuntura sto-
rica particolare: ha mescolato
del venusiano dottor Spock, il
personaggio di Star Trek senza
trapposte ma complici della Le-
ga nord. Della composita com-
puto da Totò Riina che non tanto
Bossi, quanto il senatore Miglio,
groia e Roberto Scarpinato tro-
vano qualche riscontro. Interro-
mando. Che cos’è la mafia? Po-
tere personale, spinto fino al de-
di Brescia. Una voce regi-
strata rimanda al numero
”.
Dopo soli due minuti la rispo-
tende fare la Prefettura sui sim-
boli messi nella scuola pubbli-
Risponde con fermezza. “Asso-
lutamente no. Dico che se la scuola
di qualità. Non cita la Lega
insieme popoli che dovevano sentimenti e con le orecchie a pagnia facevano parte il Maestro era collegato a “una parte della gano un ambiguo faccendiere, litto. Io non voglio ridurre il Me- diretto che si trova però sul si- sta. è stata costruita con i soldi della co- ervono più risorse per la scuola ma anche più
restare separati”. Sosteneva
che nell’Europa che sta “rivi-
punta. Venerabile Licio Gelli e tanti altri
massoni delle logge meridiona-
Democrazia cristiana e della
massoneria che faceva capo
arrestato nel 1996 dalla Procura
di Aosta per truffa internaziona-
ridione al modello europeo, sa-
rebbe un’assurdità. C’è anche
to della Provincia. Sul sito, a
sua volta, c’è lo stesso identico
“Guardi la dottoressa oggi non ha
nessuna novità da comunicare.
ca. Inoltre vorrei sapere quan-
do è stata inviata la richiesta
per l’intitolazione a Gianfranco
munità sarà la comunità a decidere
se lasciare o togliere quei simboli”.
“S qualità in termini di attività formative e impegno a
produrre buoni risultati. Certo dipende dalle risorse,
vendo le invasioni barbariche” li, l’ex sindaco mafioso di Paler- all’onorevole Andreotti e a Licio le: Gianmario Ferramonti, per- un clientelismo buono che de- numero telefonico composto Quindi, se vuole, richiami nei pros- Miglio del Polo scolastico”. Ricapitolando: le istituzioni dagli ordinamenti ma anche dagli insegnanti”. E per
è necessario “mantenere la di-
stinzione tra schiavi e liberi”.
“Sono la mo Vito Ciancimino e gli uomini
di Cosa Nostra che riferivano a
Gelli”. E che era in corso un la-
voro, a cui erano impegnati
sonaggio-chiave nella genesi del
movimento leghista, ammini-
termina crescita economica. In-
somma, bisogna partire dal con-
in precedenza. Alla fine si rie-
sce a trovare un riferimento te-
simi giorni”.
Controbattiamo. “Capisco,
Prima ci rispondono che la Pre-
fetta è fuori, poi però ci chie-
chiamate in gioco in questa vi-
cenda tacciono senza dare al-
Adro? Non serve nulla? Ieri il presidente della Repub-
blica ha incontrato i ragazzi del Giffoni Film Festival, la
Quanto alla politica, la conside-
rava la prima tappa di una guer-
manifestazione Leoluca Bagarella, i fascisti Ste-
fano Delle Chiaie, Adriano Til-
“Gelli, Andreotti e non meglio
precisate forze imprenditoriali
stratore della Pontidafin, la fi-
nanziaria del Carroccio, stretta-
cetto che alcune manifestazioni
tipiche del Sud hanno bisogno
lefonico. “Pronto? Buongior-
no sono del Fatto Quotidiano,
ma - per la verità - io, più che
per le novità, chiamo per sape-
dono di attendere. Musicale di
Vivaldi. Dall’altro capo del te-
cuna spiegazione. Per fortuna,
però, c’è qualcuno che reagi-
rassegna cinematografica per bambini e ragazzi, e ha
parlato di scuola. “Bisogna investire di più nella cultura
ra: “A un certo punto, un uomo
politico deve impugnare il fu-
più aggiornata gher, Giancarlo Rognoni.
Il collaboratore di giustizia Leo-
del Nord interessate alla separa-
zione dell’Italia in più Stati”, con
mente legato al professor Mi-
glio; ma anche al centro di una
di essere costituzionalizzate”.
Ecco il progetto di Miglio: “Co-
vorrei parlare con la dirigente
Maria Rosa Raimondi”.
re se e quale è stata la proce-
dura per la richiesta di intito-
lefono risponde una voce. È il
capo di Gabinetto: ci richiede
sce. La Camera del lavoro della
Cgil di Brescia arriva a parlare
– ha detto Napolitano – l’ho detto più volte, non posso
prescrivere al governo come e quanto deve investire.
cile”. nardo Messina nel 1993 raccon- “anche l’appoggio di potenze fitta rete di relazioni con perso- stituzionalizzare” la mafia, affi- “Per cosa?” lazione a Gianfranco Miglio”. di nuovo il nome e il motivo del- apertamente di tentativi di se- La Costituzione fa riferimento ai capaci e meritevoli,
Oggi è onorato come ideologo del Demonio”, ta ai pm di Palermo che con i straniere”. “Dopo la Lega del naggi di spicco della massoneria dandole in gestione il Sud. “Della vicenda del polo scola- la telefonata. “La Prefetta è impe- cessione: “La Lega Nord, con il indica una strada per incoraggiare il merito, bisogna
della Lega. Eppure Umberto suoi colleghi di Cosa Nostra gli Nord sarebbe nata una Lega del italiana e internazionale e con La Lega di Bossi risponde: ab- andare avanti in questa direzione”. Il capo dello Stato
Bossi aveva rotto con lui e lo così si definiva era capitato di parlare di Bossi, Sud, in maniera tale da non ap- insospettabili entrature istitu- bandona il modello organizzati- ha fatto anche un accenno ai tagli: “Occorre fare scelte,
aveva definito, nell’ordine:
Ora gli intitolano che nell’autunno del 1991 era parire espressione di Cosa No- zionali in ambienti dei servizi di vo varato negli anni Ottanta, fe- LE REAZIONI POLITICHE non si può tagliare in modo indifferenziato”. E ha ri-
“Minchione”, “arterioscleroti- stato a Catania. “Io lo considera- stra, ma in effetti al servizio di sicurezza nazionali e stranieri. derazione di leghe locali (Lega badito la necessità della moralità nella politica: “Bi-

“UN PARTITO SI È SOSTITUITO ALLO STATO”


co”, “panchinaro”, “poverac- vo un nemico della Sicilia”, dice- Cosa Nostra; e in questo modo lombarda, Liga Veneta eccete- sogna ricostruire un clima di rilancio culturale e morale
cio”, “vecchio con i capricci di le scuole va Messina. “Perché un’altra vol- noi saremmo divenuti Stato”. La trattativa ra), e dà vita alla Lega Nord, in della politica. La politica è ricerca delle soluzioni, ma ci
con il Divo Giulio cui si fondono le leghe preesi- deve anche essere spessore culturale e moralità”. E
stenti e che nel febbraio 1991 ce- invece neanche una parola su quanto sta accadendo ad
La provocazione di Tradate: IN SEGUITO, è lo stesso Mi-
glio a confermare almeno parte
lebra il suo primo congresso. Il
nuovo programma: dar vita, an-
che attraverso la secessione, a
di Luca De Carolis
na forzatura grave, che non si
capace di ricostruire
un’idea di società alter-
Adro, sulla scuola col Sole padano intitolata a Gian-
franco Miglio.

“Coloriamo il simbolo di rosso” delle “farneticazioni” di Leonar-


do Messina. In una clamorosa in-
uno Stato federale articolato in
tre macro-regioni: Nord, Cen-
Usimopuò derubricare come l’enne-
episodio di folklore leghista.
nativa al modello bar-
baro di Adro”. Felice
Casson, senatore ve-
tervista al Giornale, nel 1999 con- tro, Sud. È la conclusione comune di tanti neziano del Pd, osser-
del bonus bebé riservato, nel suo Comu- prima bocciatura del 26 luglio. Proprio il ferma di essere stato davvero in politici sul caso di Adro. Personag- va: “Quello di Adro è Da sinistra, Felice Rocco Buttiglione, ribalta pro-
ne, solo ai bimbi con padre e madre ita- ricorso presentato dal comune di Trada- contatto con Andreotti, proprio La rottura gi dalle storie e dalle posizioni solo l’ultimo di una Casson, Rocco spettiva: “Ma perché la Lega non
liani (escludendo quindi anche i figli di te, con riferimenti alla morte dei popoli nel 1992: per svolgere una trat- con il Senatur spesso agli antipodi, per cui quella lunga catena di episo- Buttiglione e Benedetto fa una scuola libera, basata sulle
coppie miste italiani-stranieri). Così, da (“il bonus bebè scaturisce da considera- tativa segreta che negoziasse scuola ricoperta del “sole delle Al- di, tutti nel segno di Della Vedova (FOTO ANSA) tradizioni che sente proprie? Ad
chi ha già subito “attacchi dai giornali”, zioni circa il futuro della cultura europea l’appoggio della Lega alla candi- pi” rappresenta un segnale d’allar- una politica contro i Adro hanno trasformato un istitu-
come li definisce lui, non può che arri- come indissolubilmente legata ai popoli datura del Divo Giulio alla pre- POI PERÒ Umberto Bossi fa un me, che proprio non si può igno- cosiddetti diversi. Pen- to pubblico in una scuola di par-
vare solidarietà al sindaco del bresciano dell’Europa”) ha scatenato un polverone sidenza della Repubblica, in passo indietro. Caccia dalla Lega rare. Sul suo sito il leader di Sel, so alle aggressioni contro omoses- blemi”. Quella scuola riempita di Italia a Palazzo Chigi. Siamo ben tito”. Perché? Buttiglione non cre-
che ha intitolato la scuola a Gianfranco contro Candiani. E pochi giorni fa sui mu- cambio di una politica favorevo- il faccendiere Ferramonti con Nichi Vendola, usa toni da emer- suali e immigrati in Veneto, per simboli di partito però è un pre- oltre la consueta occupazione par- de all’episodio isolato: “Si tratta di
Miglio e l'ha riempita di simboli “verdi”: ri di una scuola del paese sono comparse le al progetto federalista del Car- tutti i suoi rapporti e le sue opa- genza: “La scuola pubblica è sotto esempio”. Segnali pesanti, da quel cedente che pesa. Casson è secco: titica di luoghi pubblici: quello di un chiaro tentativo di intimidire
Le scritte comparse sui muri di Tradate (FOTO EMILIO SCARINGI) “E poi – aggiunge Candiani – non c'è bi- scritte contro il sindaco, tacciato di na- roccio (e a un posto di senatore cità. E rompe anche con Miglio, assedio e diventa il teatro di una Nord-est dove la Lega spinge sul “L’ufficio scolastico competente Adro è un caso grave, sul quale la chi non è leghista. Il messaggio è:
sogno di ricordare i simboli politici di zismo: “Candiani vergognati! Tu e quella a vita per Miglio). “Con Andreot- con seguito di pittoresco scam- oscena forma di appropriazione. localismo esasperato per racimo- deve assolutamente intervenire. distanza tra la Lega e Futuro e li- se non sei della Lega, non fai parte
di Simone Ceriotti cui sono piene le classi delle scuole su- giunta nazista che si batte per leggi an- ti ci trovammo a trattare di na- bio di complimenti. Ma il tem- La vicenda di Adro è molto più lare consenso. “Ma alla secessione Se non lo facesse, si potrebbe an- bertà è totale”. Della Vedova non di questa comunità e non sei un
periori, tra poster che raffigurano pugni ticostituzionali. Studiate la storia!”. Di scosto a Villa Madama, sulle pen- po, evidentemente, attutisce i grave di quanto possa sembrare, crede solo qualche matto” affer- che fare ricorso alla magistratura, affonda il colpo contro il Carroc- vero lombardo. È una linea ben
a scuola di Adro? Non avrei proble- chiusi e icone di Che Guevara”. Incor- dici di Monte Mario, davanti a un contrasti. Ad Adro, il professore perché rappresenta un’idea di so-
“L mi a fare la stessa cosa a Tradate. Se
è solo un fatto estetico, possiamo colo-
reggibile. E Candiani non cambia idea
neanche se gli si fa notare che i poster
chi è la colpa secondo il sindaco? Va da
sé, del Fatto Quotidiano, più precisamente
“di Furio Colombo che mi ha associato a
camino spento”, confessa Mi-
glio. Trattativa abortita per l’op-
con la faccia da Star Trek torna ad
essere un eroe del Carroccio a
cietà che Berlusconi e la Lega por-
tano avanti da anni: ridurre l’unità
ma Casson, che non crede al ri-
schio di una futura Padania. “Il
problema è un altro – sostiene –
perché sono stati violati chiari
principi costituzionali. Ma io pre-
ferirei evitarlo, perché la repres-
cio: “Voglio credere che si tratti di
un episodio isolato, che non rap-
presenta la linea della Lega. In ca-
precisa”. E la secessione? L’espo-
nente dell’Udc evoca scenari fo-
schi: “È un rischio che non si può
rare il Sole delle Alpi di rosso al posto del nelle classi non sono ordinati dal sinda- Goebbels. Io credo che quelle scritte posizione dell’allora presidente cui intitolare una scuola. Diceva nazionale a un poltiglia di patrie”. ovvero dare risposte alla gente, sione da sola non basta mai. Que- so contrario, il divario con Fli di- affatto sottovalutare. Se questo fe-
classico verde”. Ne fa una questione cro- co e non fanno parte dell'arredo. non siano opera di tradatesi. Sono aperto della Repubblica Francesco di amare i bambini, Miglio. Ma Vendola ricorda “il taglio di 200 convincendola che il tema vero sto è un problema innanzitutto venterebbe enorme. Per ora, il no- deralismo sgangherato non fun-
matica Stefano Candiani, sindaco del co- al confronto. Chi è critico venga in con- Cossiga, che nonostante le insi- solo “perché scorgo in loro l’an- mila insegnanti” e “l’investimento non sono i soli alpini, ma il lavoro, culturale”. Benedetto Della Ve- stro rimane un rapporto di com- ziona, e siamo certi che non fun-
mune di Tradate e segretario provincia- IL PRIMO cittadino di Tradate, però, è siglio comunale. Anzi, venga a visitare stenze di Andreotti nega al pro- ticipazione di ciò che saranno sulla formazione che è tra i più l’innovazione e la sicurezza. Per dova, deputato finiano, riflette su petizione nel centrodestra”. Ma zionerà, a Bossi non resterà che
le della Lega Nord. Come il collega di concentrato soprattutto sul problema Tradate, dove ci sono esempi di vera in- fessore la nomina a senatore a vi- da grandi: e quelle che vedo non bassi in Europa”, come elementi arginare casi come quello di Adro, un altro aspetto: “In quella scuola, poi riconosce: “Il rischio di un su- ritirare fuori la bandiera secessio-
Adro Oscar Lancini, anche Candiani è fi- che lo riguarda: la sentenza di secondo tegrazione”. E conclude. “I nostri prov- ta. sono doti propriamente positi- di un disegno preciso. Quindi con- il Pd deve fare proprio questo: tor- un partito si è fatto Stato. Per ca- peramento degli argini da parte nista. Lo sta già facendo, con i suoi
nito sulle cronache nazionali per una vi- grado del Tribunale del lavoro di Milano vedimenti non sono sociali, ma squisita- Nella stessa intervista, Miglio ve”. Genitori e insegnanti di clude: “Serve un sussulto, innan- nare sui territori del Nord e pro- pirci, è come se Berlusconi avesse dei leghisti c’è, e Adro ce lo deve dubbi pubblici sul dopo-federali-
cenda legata al “credo-padano”: quella sul bonus bebé. Arriverà a giorni, dopo la mente demografici”. parla anche di mafia: “Io sono Adro sono avvisati. zitutto da parte delle istituzioni, porre ai cittadini soluzioni ai pro- fatto mettere la bandiera di Forza ricordare”. Il presidente dell’Udc, smo”.
pagina 6 Giovedì 16 settembre 2010

N
I SENZA FUTURO

orman Zarcone era un avrebbe concluso il dottorato di ricerca anche per potersi sposare. Aveva lasciato su
Lunedì scorso dottorando di Filosofia del della durata di tre anni, svolto senza alcuna un quaderno una sorta di “testamento
linguaggio di 27 anni. Lunedì borsa di studio. “I docenti ai quali si era spirituale”. Scriveva qualche giorno fa che
scorso si è lanciato da un terrazzo al rivolto gli avevano detto che non avrebbe “la libertà di pensare è anche libertà di
la tragedia: un volo settimo piano della Facoltà di Lettere a avuto un futuro nell’ateneo – denuncia il morire”.
Palermo, morendo sul colpo. Laureato in padre Claudio Zarcone – e io sono certo Il corpo è stato riconosciuto dallo zio e dal
Filosofia della Conoscenza e della che saranno favoriti i soliti raccomandati”. nonno alla presenza del Rettore
di 7 piani Comunicazione, con 110 e lode, a dicembre Norman era fidanzato e cercava un lavoro dell’Università di Palermo, La Galla.

Fabio
IN PIAZZA Granata:
“Rispetto

PER NORMAN
La morte di Zarcone diventa un simbolo
il dolore
ma sono
indignato”
Oggi insieme tutte le sigle studentesche
di Michele de Gennaro tanti amici, interessi e sogni. Fi- tasse ombrelloni e spostasse Sopra, l’Università di Palermo (FOTO ANSA)
Palermo losofo, bibliofilo e giornalista sdraio per otto ore al giorno, A fianco Norman Zarcone
pubblicista (aveva superato per 25 euro, mi rispondeva A destra Fabio Granata (FOTO LAPRESSE),
ochi minuti prima l’esame venerdì scorso), ama- che in questo modo imparava

“P
sotto Michela Murgia (FOTO OLYCOM)
di lanciarsi nel vuo- va la musica. Come ha lasciato l’etica del lavoro”.
to Norman ha scrit- scritto, le note dei Genesis Granata. E quando non riusci-
to l’ultimo sms a hanno accompagnato la veglia Le denunce vo a versare l’intera somma mi
Giovanna, sua fidanzata da del suo feretro, collocato nel del padre contattavano subito per redar-
sette anni: “Ti amo e ti amerò piccolo studio che divideva guirmi e dovevo recuperare
per sempre”. È stato un gesto
simbolico e consapevole
col padre nella casa del quar-
tiere Brancaccio. Una stanza CLAUDIO AVEVA cercato
col bonifico del mese succes-
sivo. Quando decisi di non pre-
Ane,llaneunstoria di disperazio-
di Norman Zarco-
ragazzo che arriva
quello del dottorando di Fi- che trasuda la sua intera vita: la di aiutare suo figlio trovandogli starmi più a questo gioco ven- a suicidarsi perché non
losofia che si è suicidato lu- scrivania, una grande libreria un lavoro part time, qualcosa ni licenziato”. vede speranze nel suo fu-
nedì scorso lanciandosi dal
settimo piano dell’Università
stipata di volumi di filosofia e
narrativa, il pianoforte vertica-
con cui conquistarsi la propria
indipendenza. Perché lui pen-
L’ultimo sms Tra i telegrammi che in serata si
accumulano sul tavolo di cuci-
turo, si lega a doppio filo
quella del padre Claudio.
di Palermo.
Una decisione meditata con
le, due tastiere elettroniche e
un grande origami che ripro-
sava di avercelo ancora qual-
che santo in paradiso: uno dei
alla fidanzata na di casa Zarcone, manca
quello del rettore dell’Univer-
È lui ad accusare Fabio
Granata e altri esponenti
lucidità. Proprio mentre gli
agenti di polizia comunicava-
duce la scena di un concerto
dei Pink Floyd, regalo di suo
tanti parlamentari ex An per i
quali aveva lavorato come uffi-
a quindici minuti sità di Palermo Roberto La Gal-
la. Che da Roma commenta:
politici ex Alleanza na-
zionale di averlo “abban-
no la drammatica notizia alla fratello maggiore David al qua- cio stampa per anni. “Mi hanno “Ero sul posto al momento del- donato” dopo aver rac-
famiglia, il padre ha trovato le era legatissimo. Sopra la bara chiuso tutti la porta in faccia. dalla tragedia: la tragedia, e ho potuto abbrac- contato a Libero di aver
sul bracciolo del divano dello la bandiera dell’Inter, un’altra Primo tra tutti Fabio Granata, ciare lo zio e il nonno giunti per versato a quelli stessi po-
studio il taccuino di Norman passione condivisa col padre con il quale ho collaborato per “Ti amo il riconoscimento del corpo. litici per cui lavorava par-
con pensieri che non lascia- Claudio, giornalista professio- quattro anni e mezzo. Mentre Quando si spezza una giovane te del suo stipendio. Il
no dubbi: “La libertà di pen- nista e quanto mai deciso a all’una di notte di ieri ho rice- e ti amerò vita in modo così drammatico quotidiano di Maurizio
sare è anche la libertà di mo- portare avanti la lotta del fi- vuto un sms di un deputato che il sentimento immediato è di Belpietro contestò a Gra-
rire. Mi attende una nuova glio. si diceva molto dispiaciuto e per sempre” dolore e solidarietà con la fami- nata il fatto che i soldi fi-
scoperta anche se non potrò Norman aveva da poco acqui- che mi avrebbe dimostrato con glia. Norman era uno studente nissero direttamente nel-
commentarla”. stato una videocamera digita- i fatti quanto. Occorreva che brillante, che ha conseguito le casse del circolo “Ar-
Un gesto che voleva essere le. Sognava di fare un reporta- mio figlio si suicidasse?”. dal 2002 al 2006, Fabio Grana- due specializzazioni a pieni vo- chimede” di Siracusa, ge-
un simbolo per i ragazzi del ge sulla mafia nel suo quartie- Claudio Zarcone ha una storia ta, ai tempi vicepresidente alla ti, ma era anche dotato di una stito da Maurizio Reale,
sud ed evidentemente lo è di- re, il Brancaccio. Quando più che si lega alle vicende politi- Regione Sicilia e assessore ai notevole ipersensibilità, che lo cognato di Granata.
ventato. Oggi pomeriggio, volte il padre Carlo gli aveva che locali. Sostiene di essere Beni culturali prima e al Turi- portava a vivere più critica- Raggiunto telefonica-
infatti, è previsto un presidio chiesto se non avesse timore stato emarginato e isolato dai smo poi, tassava i suoi collabo- mente di altri certe difficoltà e mente il deputato di Fu-
alla Facoltà di Lettere e filo- dei rischi che una tale inchie- suoi ex datori di lavoro e col- ratori. “Per mio figlio, per i certi disagi all’interno dell’ate- turo e libertà racconta la
sofia di Palermo organizzato sta comportava, Norman ri- leghi da quando lo scorso feb- miei valori di uomo di destra, neo. Non so dire se questo gio- sua versione dei fatti:
da tutte le sigle studente- spondeva: “Cerco la verità e braio ha pubblicato Sex and the voglio ricordarlo. Percepivo vane sia stato vittima di torti o “Sono molto addolorato
sche, a cui parteciperà anche non ho paura dei pericoli”. E Sicily, un libro sui vizi sessuali di 1.650 euro e ogni mese dove- soprusi nel contesto accade- per questa tragedia –
la famiglia di Norman. per guadagnare un po’ di dena- politici e non siciliani con cui vo inviare un bonifico di 350 mico, e chiederò una relazione spiega Granata – ma sono
Autore di due testi di filoso- ro in estate Norman lavorava in ha vissuto a stretto contatto. euro come contributo politi- al preside di facoltà e al dipar- altrettanto indignato per
fia, era un ragazzo forte e de- un circolo nautico del capo- Poi lo scorso luglio la sua de- co. I soldi erano a favore del timento. Ricordo che a Paler- le accuse che Zarcone
ciso a resistere nell’universi- luogo siciliano. “Quando gli di- nuncia dalle colonne di Libero Circolo Archimede di Siracusa mo abbiamo varato un sistema continua a ripetere nei
tà dei baroni, finché la dispe- cevo che mi rattristava che un ha sancito il suo definitivo e finivano nel conto corrente di valutazione dei docenti an- miei confronti”.
razione non ha avuto il so- ragazzo del suo talento pian- ostracismo: secondo Zarcone, di Maurizio Reale, cognato di che da parte degli studenti”. Quando Granata ha ap-
pravvento. Sabato scorso, preso la notizia del sui-
mentre era a cena fuori, si era cidio era a Pietrasanta,
confidato con gli amici più L’INTERVISTA Michela Murgia per un dibattito alla festa
stretti, dicendo che si sentiva del Fatto Quotidiano.
un fallito.

Sognava
“Non è un suicidio, è un martirio” “Sono dieci anni che non
vedo Zarcone – continua
il deputato di Fli – e ho
chiesto di trovare il suo
il matrimonio
di Caterina Perniconi za di costruzione di una vita, re le cose. Serve una volontà liberi di suicidarsi. numero per fargli le mie
ci sono persone iper formate politica condivisa, che non Praticamente la selezione condoglianze e dirgli che
VOLEVA SPOSARSI Nor- uando ho letto questa in mezzo a una strada. Penso a consideri le persone come della specie. O è merito- avrei ritirato la querela
man, ma non c’erano soldi suf-
ficienti. Il suo dottorato era
“Q notizia sono rimasta let-
teralmente sconvolta. Le pa-
tutti i precari della scuola che
verranno tagliati quest’anno.
costi ma come risorse.
Qual è la via d’uscita?
crazia?
L’idea che i diritti e le condi-
nei suoi confronti per
non aggiungere sofferen-
senza borsa di studio, “al con- role di Norman Zarcone non Un gesto come quello di Non ho una risposta a questa zioni di vita siano legate solo ze alla sua famiglia. Ma
trario dei ricercatori racco- sono quelle di un depresso Norman Zarcone può aiu- domanda. Probabilmente ne alla meritocrazia è sbagliata. poi Zarcone ha ritirato
mandati, quelli con i santi in suicida ma di una persona tare altri ragazzi? esce chi è più flessibile, più Va bene che i migliori vadano fuori quella storia, sicu-
paradiso”, dice il padre, Clau- che arriva consapevolmente Non mi sembra che la preca- disposto a cedere alle speran- avanti, ma non dev’essere il ramente accecato dal do-
dio Zarcone, con rabbia. al martirio”. ria che si è estratta il sangue ze. Ma non si può salvare solo merito a garantire i diritti. C’è lore per la morte di un
“Mio figlio è una vittima della Michela Murgia, scrittrice, ha fino a morire abbia cambiato uno che parte da condizioni un livello sotto il quale non si figlio così giovane, ma in
mafia bianca. È un omicidio di esordito con un libro sulla di- le cose. Non serve sacrificare psicologiche vantaggiose. E deve scendere neanche per modo del tutto falso e di
Stato. E il suo sacrificio non de- sperazione di una generazio- vite assurdamente, perché gli altri 99 che fine fanno? chi può dare di meno. E que- cattivo gusto”.
ve rimanere vano, bisogna ini- ne precaria e senza futuro Il non sarà un singolo a cambia- Non si possono lasciare tutti sto ragazzo non era uno di Secondo Granata, Zarco-
ziare una lotta comune contro mondo deve sapere, da cui è sta- quelli che poteva dare poco. ne versava una piccola ci-
questo sistema malato”. to tratto il film di Paolo Virzì, Come ha fatto a fotografa- fra volontariamente a
“Sempre più spesso –continua
il padre – mi raccontava di co-
Tutta la vita davanti sull’espe-
rienza dei giovani nei call cen-
Non serve re così bene, già qualche
anno fa, il disagio dei lau-
quel circolo per l’attività
politica del partito. Però
me nell’ateneo fosse emargi-
nato, tollerato a fatica. Non lo
ter.
Come fa un ragazzo ad ar-
sacrificare reati?
È una situazione che parte da
il giornalista denuncia la
cifra esatta, e che se ver-
chiamavano per le riunioni
d’istituto e addirittura alcuni
rivare a un gesto simile?
Penso sia possibile solo se
vite, un singolo lontano e io la conoscevo per-
ché c’ero dentro. Con Il mon-
sava di meno i soldi ve-
nivano chiesti indietro.
docenti gli avevano detto chia- non esiste un rapporto tra la do deve sapere ho voluto ren- “È il contrario – sostiene
ramente che per lui non ci sa- speranza, la formazione, l’in- non cambia dere nota una situazione che Granata – e dopo qual-
rebbe stato alcun futuro in uni- telligenza e il futuro. invece è occulta o considera- che mese quella cifra
versità e di cercarsi un’altra È quello che manca nel no- le cose. ta come la sfiga di una mino- non l’ha più versata”. Per
strada”. stro paese? ranza, un caso limite. Eviden- adesso la questione resta
Laureato con 110 e lode, Nor- Sì, mancano le condizioni la- Ci vuole la temente non è così, e il gesto aperta, in attesa di una
man era un ragazzo brillante, vorative in rapporto alle com- di Norman lo dimostra piena- decisione della Magistra-
bello, entusiasta della vita, con petenze dei ragazzi, la speran- volontà politica mente. tura. (c .pe.)
Giovedì 16 settembre 2010 pagina 7

“G
POLITICA & AFFARI

ravi carenze degli organi obiettivi mutualistici dell’istituto”. In una stato investito anche da un’altra delle grandi
Da Firenze a Bankitalia aziendali, con delibera di 553 pagine, il 20 luglio scorso la inchieste, quella sulla cricca. Nel mirino degli
accentramento dei poteri Banca d’Italia, proposte al Tesoro (che ne dette inquirenti che lavorano sui “Grandi Eventi”, la
nelle mani di Denis Verdini, all’epoca presidente; poi corso) l’amministrazione straordinaria del vicinanza tra il politico-banchiere e il costruttore
tutte le grane potenziale conflitto di interesse dello stesso Credito Cooperativo Fiorentino (Ccf), la banca Riccardo Fusi della Btp e la nomina di Fabio De
Verdini con la banca per affidamenti per oltre 60 finita anche nell’inchiesta sulla cosiddetta P3. Santis a Provveditore delle opere pubbliche per
milioni di euro; impieghi spesso a rischio, È quella la cassaforte del potente coordinatore Toscana, Umbria e Marche. La Procura di
dell’ex macellaio concentrati su grandi clienti, in contrasto con gli del Pdl, un tempo macellaio, che in questi mesi è Firenze lo accusa di “concorso in corruzione”.

COOP ROSSE? NO, VERDINI


Le cooperative vicine al Pd e il Monte dei Paschi fanno affari
col coordinatore Pdl in Toscana
di Daniele Martini e Pdl non si possono vedere, sempre è così e non dappertut- Cna siano contigui al Pd è risa- del lavoro al centro dei pro- dipendenti stufi di non ricevere
stanno fieramente su fronti op- to. Se si parla di affari, appalti, puto. La Cna è la più grande as- grammi di quelle emittenti”. lo stipendio da mesi e assaltata
omande retoriche: fare- posti, si contendono il consen- costruzioni, giornali e informa- sociazione di artigiani del capo- da uno dei proprietari della fa-

D ste affari con un avversa-


rio? Entrereste in società
con lui? Nella politica in
Toscana la risposta non è scon-
tata. Prendete i giornali e l’in-
so centimetro per centimetro.
Il primo amministra quasi ovun-
que dal dopoguerra anche se
con sigle di volta in volta diver-
se, dal Pci al Pd. Il secondo do-
zione, i due schieramenti mo-
strano inaspettati punti di con-
tatto, affinità, intrecci e conti-
guità, tanto da apparire sor-
prendentemente più vicini che
luogo fiorentino, con 11 mila
imprese associate e si appresta a
puntare 1 milione di euro circa
per entrare con quote di mino-
ranza nel capitale delle due ra-
Carissimi
nemici

LA COOP Centro Italia è una


miglia Landi assieme a un mani-
polo di violenti a colpi di basto-
ne e spranghe di ferro. Pizzichi
è presidente del collegio sinda-
cale di Monte dei Paschi Leasing
formazione, per esempio, vrebbe dare fiato e sostanza lontani. dio toscane, due emittenti mol- grande realtà della distribuzio- & Factoring ed era anche presi-
strumenti fondamentali per la all’opposizione e proporsi co- In Toscana, tra gente che ci go- to ascoltate e storiche (Rdf è sta- ne alimentare e anche del non dente di Eutelia ed è tuttora in
formazione del consenso. Sa- me alternativa credibile di go- de a levar la pelle con una bat- ta fondata 34 anni fa, l’altra 6 an- food, nata dalla fusione tra carcere proprio per le vicende
pete chi c’è tra i soci del Gior- verno. tuta, si sente dire spesso che Pd ni dopo), entrambe partecipate Coop Umbria e Unicoop sene- della società di telecomunica-
nale della Toscana di Denis Ver- Ma basta grattare un po’ la su- e Pdl somigliano ai ladri di Pisa, da Verdini e controllate da Pier- se, con quasi mezzo milione di zioni. Pizzichi è anche esponen-
dini, il coordinatore nazionale perficie per scoprire una realtà tutti intenti a litigare a sangue di luigi Picerno, legale rappresen- soci, 2.600 dipendenti, un utile te dei Riformisti e con il suo
Pdl, il dirigente appena un gra- diversa, per accorgersi che non giorno per spartirsi il bottino ar- tante della Ste e amministratore netto nel 2009 di 6,3 milioni di gruppo si appresta a sostenere
dino sotto Silvio Berlusconi, il raffato insieme di notte. del Giornale della Toscana dello euro e una rete di vendita diffu- Franco Ceccuzzi, deputato Pd,
politico ritenuto il tessitore L’illustrazione è di Emanuele Che Monte dei Paschi, Coop e stesso Verdini a sua volta colle- sa tra Toscana, Umbria, Lazio e nella sua corsa alla carica di sin-
delle trame P3, il proprietario Fucecchi. In basso il segretario gato al Giornale diretto da Vitto- Abruzzo, ma concentrata so- daco di Siena alle elezioni della
del Credito cooperativo fio- dell’Udc Lorenzo Cesa (FOTO LAPRESSE) rio Feltri e di proprietà di prattutto nelle province di Sie- prossima primavera.
rentino, la “banchina” sospet- Paolo Berlusconi. Il nome na e Perugia.
tata di aver elargito a fiumi e di Picerno ricorre spesso Per capire quanto il Pd pesi sul La Edib
per anni crediti facili agli amici nelle indagini su Verdini e la Monte dei Paschi, invece, basta e i quotidiani
degli amici? Nella Ste (Società P3, indicato come il profes- passare in rassegna l’organico
toscana di edizioni), l’azienda sionista che accompagnò del vertice dell’istituto. Nella
editrice del Giornale, ci sono il una certa Antonella Pau, le- Deputazione generale sono Pd MONTE PASCHI e Coop so-
Monte dei Paschi di Siena e la gata al faccendiere piduista o scelti dal Pd 10 su 16 e in più no presenti nel capitale della
Coop Centro Italia. Cioè la ter- Flavio Carboni, nella sede hanno un rappresentante cia- editrice del Giornale di Verdini
za banca italiana dopo Intesa e della banca di Verdini per scuno Sinistra e libertà e Rifon- attraverso partecipazioni im-
Unicredit, quella a più alto trattare gli aspetti finanziari dazione comunista. Nella De- portanti nella Edib, società edi-
tasso di influenza e presenza del lancio di un’edizione putazione amministratrice so- toriale controllata dai Barbetti,
Pd, per non dire a quasi to- sarda del Giornale toscano. no del Pd 5 rappresentanti su 7, gruppo umbro di cementieri.
tale influenza pidiessina, e Imbarazzi nella Cna a tratta- più un esponente dei Riformi- La partecipazione del Monte
una delle coop di consumo re con Verdini & company? sti, raggruppamento vicino al dei Paschi avviene attraverso
tra le più grandi di tutto il Non traspaiono. Spiega il Pd. La Deputazione ammini- Mps Investments con quote per
sistema cooperativo ros- direttore dell’associazione, stratrice ha diritto di nomina di un valore di oltre 2 milioni e
so. E sapete anche chi sta Luigi Nenci: “Non trattia- 6 su 12 del vertice operativo mezzo di euro; la Coop parteci-
per comprare Radio Di- mo direttamente con lui, a dell’istituto, 5 di questi sono Pd, pa, invece, con circa 705 mila
mensione Firenze e Lady Ra- noi interessa portare i temi a cominciare dal presidente, euro, più del 10 per cento dei
dio, emittenti che fanno Giuseppe Mussari, che è anche suoi utili. La Edib è diretta da
riferimento a Verdini? presidente dell’Associazione Rocco Girlanda, deputato um-
La Cna di Firenze, sigla
storica dell’associazio-
Sono nel capitale delle banche (Abi); gli altri sono
Fabio Borghi, Alfredo Monaci,
bro del Pdl e sodale di Verdini,
così come risulta da numerose
nismo di sinistra. della editrice Ernesto Rabizzi, Graziano Co-
stantini.
intercettazioni, e a sua volta è
proprietaria di una catena di
Coincidenze del “Giornale” L’unico del gruppo non di area
Pd è Andrea Pisaneschi, profes-
quotidiani assai diffusi ed in-
fluenti tra l’Umbria, la Toscana
del potere
sore di Diritto costituzionale a meridionale e il senese: il Corrie-
attraverso Siena, molto legato a Verdini e re dell’Umbria, il Corriere di Siena, il
CASI? Coincidenze presente con un altro dirigente Corriere di Arezzo, il Corriere di
fortuite? Forse, anche la Edib del del Monte, Leonardo Pizzichi, Grosseto etc… Tra questi, Il Cor-
se è difficile crederlo. anche nel consiglio di ammini- riere di Siena sta lanciando da set-
Nelle dichiarazioni deputato Pdl strazione di Eutelia, la società di timane la candidatura del Pd
ufficiali, nella propa- telecomunicazioni occupata Ceccuzzi alla carica di sindaco
ganda, sulla carta, Pd Rocco Girlanda nell’autunno di un anno fa dai della città.

Barricato nel castello. Berlusconi evita la piazza


IL PREMIER RINUNCIA A CHIUDERE LA FESTA DEL PDL AL DUOMO DI MILANO. MA IL 27 “ANTICIPA” IL DISCORSO AL SENATO
di Sara Nicoli in particolare sul tema della giustizia. no un po’ cambiati, i timori di un flop denza della commissione Giustizia no Raffaele Lombardo ha visto Fini,
D’altra parte, negli ultimi tempi la hanno convinto a più miti consigli. con Giuseppe Consolo al posto della non solo in vista dei delicati passaggi
lindare la maggioranza non solo al- cautela ha preso il posto del naturale Bongiorno. Il Cavaliere, però, conser- di formazione della giunta isolana (do-
BCavaliere
la Camera, ma anche al Senato. Il
vuole avere un voto certo
decisionismo: l’annunciata manife-
stazione di piazza Duomo a Milano,
CI SONO ALTRE priorità, infatti.
Ieri, un nuovo confronto a palazzo
va l’assillo di trovare una maggioranza
autonoma dal gruppo di Fini. Mentre
ve i finiani rivendicano di veder rico-
nosciuto il peso che meritano) ma an-
anche dall’assemblea di Palazzo Ma- prevista il 3 ottobre, infatti, non ci sa- Grazioni con Alfano (che in mattinata sta per cominciare il “processo” ai che in preparazione del 28 settembre
dama. A sopresa, ieri il capogruppo rà. Silvio chiuderà la festa del partito, aveva visto la Bongiorno) e Ghedini transfughi dal Pdl Bocchino, Granata e a Montecitorio. La campagna acquisti
Pdl, Maurizio Gasparri, ha annuncia- ma nessun bagno di folla. I tempi so- sulla formulazione della nuova leggina Briguglio davanti ai probiviri del par- del Cavaliere continua a far infuriare
to che il prossimo 27 set- sul legittimo impedi- tito. La prima riunione è prevista per Fini che, tuttavia, ieri ostentava ottimi-
tembre Berlusconi pre- mento che dovrebbe oggi, poi ci vorranno 50 giorni per ar- smo: pare in arrivo il componente nu-
senterà anche al Senato i
cinque punti di pro-
Lorenzo Cesa bloccare il verdetto della
Consulta previsto per il
rivare a una decisione: in pratica, i
proibiviri Pdl diranno la loro quando
mero 36 del gruppo: Giampiero Cato-
ne, eletto nel Pdl con la Dc di Gian-
gramma, “sui quali ci sa-
rà prima un dibattito e
mette alla porta 12 dicembre; si parla di
incardinare la proposta
ormai non servirà più a nulla. Perché la
“pesca” dei dissidenti e dei malpanci-
franco Rotondi. Di fatto, tutto è anco-
ra per aria, al punto che ieri il “noc-
poi il voto”. E il giorno
dopo, sullo stesso sche-
Pisacane che di legge alla Camera (da
dove era partita anche la
sti dei partiti è in pieno svolgimento. chiero” Francesco Nucara osservava
sgomento: “Nessuno ha ancora firma-
ma, il Cavaliere appro- precedente) con il pla- E UN’IDEA DELL’ARIA che tira to per il nuovo gruppo, i giochi si fa-
derà a Montecitorio. La aveva detto: cet dei finiani che dareb- l’ha data ieri la richiesta del segretario ranno in aula, probabilmente”. Chis-
decisione di “provare” bero anche il loro assen- Udc, Lorenzo Cesa, di espellere dal sà. L’indecoroso mercato di teste e di
prima a tastare il polso di “Sto nell’Udc, so alla prosecuzione partito Michele Pisacane, reo di aver voti ieri ha convinto il Presidente della
un’aula dove non teme dell’iter del Lodo Alfano rilasciato un’intervista in cui ammet- Repubblica a lanciare un grido d’allar-
agguati, dà al Cavaliere tratto con il Pd costituzionale. In cam- teva con candore: “Sto nell’Udc, tratto me: “La politica deve riscoprire la mo-
l’opportunità di calibra- bio, avrebbero ottenuto con il Pd e forse voto Pdl”. Il tutto men- ralità, c’è bisogno di un clima di rilan-
re al meglio il discorso, e forse voto Pdl” nuovamente la presi- tre il leader Mpa e governatore sicilia- cio culturale e morale”.
pagina 8 Giovedì 16 settembre 2010

PAROLE MAGICHE

BERSANI
RIFÀ IL VERSO
A BERLUSCONI
Il segretario si lancia
con la pubblicità dei 6 per 3 In un video, si possono vedere
leader e militanti rimboccarsi
di Luca Telese tamenti elettorali - il lancio mul- mente riassunto così: “Lui dice: le maniche secondo (33.5%) e da Beppe Grillo pare lo scettro a un uomo del
Roma timediale in grande stile, è an- Bisciogna fare quescta coscia qui, un leitmotiv costante (FOTO ANSA) (31.2%). E volendo essere cat- partito. È per questo che nel Pd
che una vera notizia politica, per andare in quel poscto lì, perché tivi persino da Gianfranco Fini, si aspetta con inquietudine il di-
ndate per un attimo su che emerge dal grande mara- fascendo coscgì... Gli manca un dirizzo, in questi giorni, sono che secondo Demos&Pi è soli- scorso di Veltroni a Orvieto.

A Google. Digitate “Bersa-


ni”, “Video” e Maniche”.
Vi ritrovate davanti - fre-
sco fresco - l’ultimo incredibile
prodotto del dipartimento co-
sma della lotta interna nel Pd.
Waiting for Walter. Mentre
Walter Veltroni prepara la sua
svolta di Orvieto, infatti (con
una dirompente intervista a
po’ di chiarezza, ecco”. Ecco.
Gli slogan dei sei per tre, distesi
su tre righe, suonano così: “I sol-
di per l’istruzione sono diminuiti - la
pazienza è finita - per giorni migliori
stati disastrosi. Il Pd è al palo o
in calo, e il suo leader è in fondo
a tutti gli indici di gradimento.
Sondaggi giù. L’ultima goccia
è stata la ricerca illustrata da Il-
damente attestato 40% malgra-
do le campagne di stampa che
lo hanno colpito. Quindi, in ter-
mini comunicativi, “berlusco-
nizzare” e personalizzare le
L’ex segretario ieri ha attaccato
duramente: “Contro di me vi-
gliaccherie e ingiustizie”. E ha
nella manica due carte che po-
trebbero complicare la corsa di
municazione del Pd: “Rimboc- Gioia in cui dice che “lavorerà rimbocchiamoci le maniche”. Tut- vo Diamanti su Repubblica, dove campagne di Bersani, significa Bersani. Potrebbe scendere in
chiamoci le maniche”. Un vi- dentro e fuori” il partito), men- to chiaro e sintetico, no? Per il segretario è scavalcato non in primo luogo provare a risa- campo lui stesso, o convergere
deo così intitolato, con una co- tre Matteo Renzi sostiene la tesi nulla. Ma a prescindere dai giu- solo da Nichi Vendola (45.6%, il lire la china degli indici di gra- su Chiamparino (che a Orvieto
lonna sonora di Ligabue, con della rottamazione dei sessan- dizi di merito, il nodo di questa leader più amato a sinistra, se- dimento. Non è un mistero che potrebbe uscire, per non dover
un tormentone fisso, quello di tenni, mentre Sergio Chiampa- complessa campagna (per reci- condo quei dati) ma anche da un pezzo della maggioranza sottostare alle gerarchie inter-
dirigenti noti, e militanti sem- rino già corre (anche con un li- tare lo slogan bisogna andare in Sergio Chiamparino (44.6%), bersaniana avesse in mente un ne). Tutto chiaro? Ovviamente
plici che si arrotolano sorriden- bro einaudiano di sostegno) apnea) è che Bersani fa il verso da Walter Veltroni (37.1%), e arrocco. Cambiare lo statuto no. Ma la complessità è l’unica
ti le estremità della camicia per per le primarie, il segretario del al Silvio Berlusconi degli storici anche da Antonio Di Pietro (che obbliga il Pd a scendere in chiave per spiegare cosa acca-
andare in battaglia. Vedere per Pd scende in campo con una li- chiodi elettorali (ve lo ricorda- campo per Palazzo Chigi il pro- de nei vertici della principale
credere. Si passa da una batta- nea comunicativa che ha molti te lo storico “Più pensioni per prio segretario) e costruire forza di opposizione.
gliera Rosy Bindi a un flemma-
tico Massimo D’Alema (va det-
messaggi in codice. Il primo è
rappresentato dalla stessa foto-
tutti”?).
Di più: diventa l’unico filo con-
Continua la faida consensi intorno al “volto nuo-
vo” di Nicola Zingaretti: emer-
Anche perché di fronte all’idea
di far fare un passo indietro al
to, un po’ stitico, visto che si ti-
ra su solo la manica della giac-
grafia di Bersani. Per la prima
volta con la pelata non celata
duttore di una serie di cartello-
ni sui temi diversi: dalla scuola
nei Democratici gente, presidente della Provin-
cia di Roma, per fare barriera
segretario per trovare un candi-
dato più fresco, la vecchia guar-
ca), al bimbetto di due anni,
con le manicucce arrotolate da
dal taglio dell’inquadratura,
con lo sguardo in camera pun-
alla disoccupazione, alle tasse.
L’altra notizia è che se Bersani
Veltroni contro l’offensiva di Vendola,
Chiamparino e degli assai insi-
dia - con in testa Piero Fassino -
ha fatto muro: “Mi sono rotto i
un padre premuroso. tato sul lettore, con uno studia- “berlusconizza” la comunica- diosi concorrenti interni. coglioni di Veltroni”, avrebbe
Segretario sei per tre. “Arro- to sorriso popular, un look sca- zione del suo partito - gestita e annuncia: Arrocco difensivo. Insomma, gridato il leader sabaudo nel ca-
toliamoci le maniche è anche miciato in bianco, seduto su coordinata dal fedelissimo Ste- l’arrocco sarebbe un gesto reso minetto di ieri. Su una cosa Ber-
un sei per tre, ed è anche una una specie di sgabello. Gli slo- fano Di Traglia - mettendo in “Potrei necessario dal rischio concreto sani ha ragione. Bisogna rim-
campagna affissioni che è par- gan sono leggermente contor- primo piano se stesso, è perché che, per la prima volta, un out- boccarsi le maniche. L’ho dovu-
tita dalle stazioni. Ma se poi vai ti, in quel bersanese che Sabri- sta entrando ufficiosamente scendere sider (non bisogna dimenticare to fare anche io, per scrivere
all’osso delle cose - visto che na Ferilli - che pure è una fan del nella campagna delle primarie. che potrebbe esserci anche questo articolo. (www.lucatele-
non ci sono in agenda appun- leader piddino! - ha splendida- I sondaggi di ogni istituto e in- in campo” Luigi De Magistris) possa strap- se.it)

Il Cavaliere straparlante: “Ricostruita tutta L’Aquila”


NELL’INTERVISTA A LE FIGARO IL PREMIER SICURO: FINIRÒ LA LEGISLATURA. LA CRISI STA FINENDO. FORZA CON IL NUCLEARE
be uscire il nuovo disco che difficoltà: l'emergenza ri- governi e l’assenza del nu- nire a L'Aquila, dove 48 mi- pagna demagogica di Ber-
contiene testi in italiano e fiuti a Napoli, il terremoto a cleare: "Ecologisti e comu- la persone non tornano a lusconi che - prosegue - uti-
canzoni napoletane, come L'Aquila e la crisi Alitalia. nisti hanno impedito al Pae- casa propria, dove centri lizza con cinismo e spregiu-
ha annunciato Apicella): “In tempi record, abbiamo se di dotarsi del nucleare. storici sono cumuli di ma- dicatezza una tragedia e i
“Non ho nessun dubbio di soccorso 65 mila sinistrati Ciò comporta un costo del cerie e dove la cassa inte- suoi morti. Mi chiedo come
riuscire a portare a termine e ricostruito una città inte- 30% in più per la nostra grazione e' aumentata 800 si faccia, contemporanea-
il mandato del governo nel ra per coloro che avevano produzione". volte rispetto a prima del 6 mente, a dire alle potenze
2013. Sono ottimista sulla perso la casa - ha detto il Le magniloquenti dichiara- aprile". Così Stefania Pezzo- estere di venire a ricostrui-
ripresa”, ha affermato il presidente del Consiglio, zioni su L’Aquila, però, pro- pane, responsabile rico- re i nostri monumenti di-
presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi - abbiamo vocano lo sdegno di chi sa struzione del Pd, commen- strutti e affermare che la
Silvio Berlusconi, alla vigi- anche ricostruito tutte le come vanno le cose nel ca- ta le affermazioni di Silvio citta' e' ricostruita. Siamo
lia del Consiglio europeo di scuole distrutte - ha aggiun- poluogo abruzzese. “Invito Berlusconi nell'intervista a di fronte a una palese men-
oggi a Bruxelles. “Sono ot- to il premier - e fatto in mo- il direttore de Le Figaro a ve- Le Figaro. "Continua la cam- zogna”
timista, lo sono per natura,
e lo sono ancora di piu' og-
gi”, dice il Cavaliere. E ri-
cordando, con la consueta
E poi: Politica infernale
faccia tosta che “i fattori
psicologici sono molto im-
“Sono un L’Italia di Mr B.
portanti in maniera econo- ottimista
L’ intervista a Le Figaro mica” dichiara che “i gover-
ni europei devono inviare
è “Stato bordello”
onvinto di arrivare a fine dei segnali positivi ai con- In economia
Cchiarare
legislatura. E pronto a di-
senza tema di
sumatori e alle imprese".
Per quanto riguarda l'Italia, importanti CE LO SIAMO PROPRIO MERITATI , il titolo che
ci dedica Foreign Policy, autorevole rivista
giustizia). E la politica estera non è un paradiso,
anzi, con quegli angeli custodi demoniaci che
smentite di aver ricostruito Berlusconi ha affermato statunitense: l’Italia di Mr B. è “The Bordello sono Putin e Gheddafi. Walston richiama la
tutta L’Aquila. Stavolta per che "ha due particolari dif- i fattori State” (superfluo tradurre). James Walston, tesi di Maurizio Viroli, secondo cui l’Italia ha
le sue esternazioni Silvio ficoltà: il peso di un debito professore di Relazioni internazionali alla trasformato “senza violenza una Repubblica
Berlusconi ha scelto un’in- pubblico superiore al Pil psicologici” American University di Roma, non scrive per democratica in una corte con al centro un
tervista a Le Figaro. D’altra che abbiamo ereditato dai sentito dire e usa Dante come guida: cita il signore feudale circondato da cortigiani
parte, il panorama interna- governi precedenti. A cui si Purgatorio, Canto VI, “Ahi serva Italia, di ammirati e invidiati da una moltitudine di gente
zionale per lui è sempre aggiunge l'assenza di ener- do che alla ripresa dell’an- dolore ostello, nave sanza nocchiero in gran con spirito servile”. E chiosa crudamente le
un’occasione di vendere la gia nucleare". E ribadisce: no scolastico 2009, tutti gli tempesta, non donna di provincie, ma polemiche di giornata sulle parlamentari
sua verità. E sarà stato dop- “Comunque sono ottimi- alunni e gli studenti potes- bordello!“, ma colloca l’Italia di Berlusconi ‘prostituitesi’: “Il problema non è che alcune
piamente soddisfatto di sta. Ho incontrato 150 am- sero riprendere le lezio- all’inferno. La critica al premier spazia dalla vita donne approdino in Parlamento attraverso la
aver fatto un’intervista in ministratori delegati nessu- ni”. privata – “le sue residenze sono diventate camera da letto; è che uomini e donne,
francese, lingua che parla no era pessimista, tutti con- Per il presidente del Con- bordelli, non solo metaforicamente”– alle giornalisti e professionisti, abbiano ceduto, più
con più piacere dell’ingle- siderano che la crisi è die- siglio, i due principali pro- scelte politiche ed economiche fino all’attuale che il loro corpo, la loro mente e i loro
se. Tanto è vero che da gio- tro le spalle”. blemi che l’Italia si trova ad leadership volubile (elezioni sì, elezioni no; principi”. E qui siamo a Goethe: un Paese di
vane cantava i successi de- Poi, passa ad annoverare i affrontare sono il debito campagna acquisti sì, nuovo gruppo no; grandi Faust.
gli chansonnier d’Oltralpe suoi successi: “Ho affronta- pubblico superiore al Pil riforme, o anche no purchè si tocchi la Giampiero Gramaglia
(peraltro, tra poco dovreb- to con successo tre grandi ereditato dai precedenti
Giovedì 16 settembre 2010 pagina 9

CRONACHE

N
MOGAVERO, L’ULTIMO BALUARDO ANTI-MAFIA
Saviano, Veltroni
e Fini a Pollica

DEI MIGRANTI IN SICILIA G ianfranco Fini e


Walter Veltroni [in
foto] saranno il 25
settembre a Pollica, per

Il ministro Frattini contro il monsignore: “Non parla per la Cei” un’iniziativa sulla
legalità organizzata
dalle loro due
fondazioni,
Generazione Italia e
po mafioso”. civiltà”. Parole poco tenere an- persone. Compresi molti immi- Democratica. Previsto
Ecco, monsignor Mogavero è che in occasione della visita di grati”. anche l’intervento
un siciliano, di quelli veri. Nato Gheddafi a Roma. Il Colonnello Insomma diritti ed economia, dello scrittore Roberto
nel 1943 a Castelbuono, paesi- lo aveva invitato all’Accademia soldi e dignità, con un ritorno Saviano.
no di montagna in pieno parco libica per uno scambio di opinio- d’immagine che molti giudica-
delle Madonie, ha alle spalle ni, ma alla fine l’incontro è sal- no pericoloso. Il vicepresidente
una brillante carriera. Ordinato tato: “Volevo chiedere a Ghed- dei deputati del Pdl, Osvaldo Na-
sacerdote nel 1970, è arrivato a dafi che fine hanno fatto molte poli, ha evocato un precedente
ricoprire nel 2001 l’incarico di persone respinte, c’è stato solo esplicito: “Attribuire alle parole
vice-segretario Cei, un posto il tempo per un breve saluto. In del prelato il significato di una
che conta. Studioso di diritto, ogni caso, non si deve dimenti- protesta dei vescovi italiani con-
ha scalato l’Ufficio Nazionale care che la politica dei respingi- tro il governo è una forzatura. So-
per i problemi giuridici della menti é una decisione italiana”. no sicuro che la Cei, come già al-
Cei, diventandone il presiden- L’ultimo attacco agli accordi tra tre volte accadde con monsi-
te. E occupandosi anche della Roma e Tripoli si è consumato gnor Marchetto, ha tutt’altra
beatificazione di don Pino Pu- sulla sparatoria in alto mare. “La sensibilità”.
glisi, il parroco palermitano uc- Libia ha allargato unilateralmen-
ciso dalla mafia nel 1993, dive- te i confini marittimi e considera MARCHETTO, combattivo PROIBIZIONISMO
nuto simbolo della chiesa so- aggressioni le nostre battute di segretario del Pontificio Consi-
cialmente più audace in Sicilia. pesca. Sono episodi che si ripe- glio dei Migranti, si è appena fat- Sul burqa
Ora, però, la missione di Moga- tono, e la preoccupazione è to da parte dopo aver espresso la destra è unita
vero, baluardo anti-Lega, è l’im- grande perché si vede soprattut- posizioni assai precise sulle po-
Monsignor Mogavero (FOTO ANSA) migrazione. Anche perché la
sua nomina a vescovo nel 2007
è stata a Mazara del Vallo. Una
to l’assenza di un’azione politica
a livello nazionale ed internazio-
nale. La pesca a Mazara del Vallo
litiche orchestrate dalla Lega
Nord sull’immigrazione. Il suo
giudizio sul decreto di Maroni
L a questione del
burqa riesce
nell’impresa di
di Chiara Paolin tare. “Senior Roman Catholic missione presa di petto e senza occupa parecchie migliaia di (“la criminalizzazione dei mi- riavvicinare il
Mazara del Vallo (Trapani) bishop calls for Silvio Berlusco- guardare in faccia a nessuno: granti è per me il peccato origi- presidente della
ni to resign”, titolava il 26 giu- con l’allora presidente della nale dietro al quale va tutto il re- Camera, Gianfranco
on é la posizione del- gno 2009 il britannico Times ri- Provincia di Trapani (ora sena- Nel fine sto”) fu ufficialmente bollato dal Fini, esponenti del

“N la Cei. Si tratta della


posizione di un ve-
scovo, e io non com-
mento la posizione di quel ve-
scovo”. Il ministro degli Esteri
portando le critiche al premier
pizzicato con le donnine a Pa-
lazzo Grazioli: “Berlusconi do-
vrebbe valutare se sia opportu-
no dimettersi nell’interesse del
tore Pdl) Antonio D’Alì, fondò il
Centro mediterraneo di studi
interculturali. Scelta ardita con-
siderato che il nome del senato-
re è spuntato spesso in indagini
settimana
al convegno
Vaticano come posizione perso-
nale.
E Mogavero? Lui continua a par-
lare, anzi rilancia con stile. Nel
weekend celebrerà un super
Pdl e la Lega Nord
che annuncia la
presentazione per
venerdì prossimo di
un provvedimento
Franco Frattini continua a glis- Paese”, disse allora Mogavero. sulla mafia e sugli affari della convegno dell’Osservatorio me- identico a quello
sare sulle parole di Domenico Un’uscita clamorosa, cui fece Protezione civile. del vescovo diterraneo con ospiti di gran no- francese.
Mogavero, vescovo di Mazara seguito un altrettanto rumoro- me, inclusa l’ambasciatrice Un’indicazione che il
del Vallo e responsabile per le so giudizio sulla vicenda Boffo: MA IL VESCOVO ha tirato anche dell’Onu Claudia Cardinale. Il se- Carroccio raccoglie
questioni giuridiche della Con- “Anch’io ho ricevuto l’informa- dritto menando fendenti antigo- natore D’Alì non compare tra gli al volo, annunciando
ferenza episcopale italiana. tiva, e ne sono rimasto indigna- vernativi sulle questioni a lui più l’ambasciatrice invitati ufficiali pur essendo il per “venerdì 17
Un sacerdote che negli ultimi to. È una forma di avvertimento care. Definì il pacchetto sicurez- presidente dell’ente. È la Sicilia, settembre un ddl
tempi si è fatto decisamente no- che, da siciliano, definirei di ti- za di Maroni “un obbrobrio di in- dell’Onu bellezza. esattamente identico
alla legge francese”.
Il Pd, invece, non ha

Sai leccare un francobollo? Sei assunto una linea unica. L’ex


ministro per le Pari
opportunità Barbara
Pollastrini sottolinea
REGOLARIZZAZIONE MASCHERATA PER 4500 PRECARI DELLA REGIONE SICILIANA, MA È UNA PROVA PUBBLICA che “in Italia il burqa
non è gradito”,
di Ferruccio Sansa ni lavorano per la Regione”, spiega ta o in uscita”. Poi archiviazione di so. Il motivo è semplice: “La legge è mentre Giovanna
Palermo Michele Palazzotto, segretario gene- documenti, prova di videoscrittura chiara: gli enti pubblici devono assu- Melandri (“c’è già
rale della Cgil Funzione Pubblica per o “predisposizione di lettera racco- mere con un concorso aperto a tutti. una legge sulla
ono tempi duri, non basta una la Sicilia. E racconta: “C’è gente che mandata”. Maria, una dei 4.500 pre- Così invece si assumono in un sol pubblica sicurezza”)
Sottenere
laurea a Oxford nemmeno per
l’impiego meno qualifica-
dal 1986 va avanti con contratti a
tempo determinato, che non ha di-
cari, esulta: “Sono entrata in Regione
ventiquattro anni fa. Da allora è stato
colpo migliaia di persone senza se-
lezione”, osserva un sindacalista che
e la senatrice Vittoria
Franco sono
to. Così leggendo l’elenco delle ritti. C’è in ballo il mantenimento di un susseguirsi interminabile di con- vuole restare anonimo. contrarie al divieto:
prove pratiche dell’ultimo concor- migliaia di famiglie”. Una vertenza tratti e proroghe, l’ultima, di cinque “Si rischia di
so della Regione Siciliana si apre il senza fine, che era stata sottoposta anni, nel 2005. Provate voi a vivere Il solito sistema segregare le donne
cuore. Prima prova: “Fare fotoco- anche al ministro Giulio Tremonti, il così”. Tutti d’accordo? Non proprio. farsa all’italiana in casa, rendendole
pie, ove possibile fronte retro”. Se- quale, però, aveva storto il naso. Così Perché il concorso è aperto soltanto ancora più
conda: “Apporre data su un docu- la Regione, che gode di statuto spe- ai precari. Insomma, chi, soprattutto sottomesse
mento utilizzando un datario”. Ter- ciale e non ha dovuto chiudere i ru- i giovani, sperava di trovare un posto NO, non si punta il dito contro i pre- all’uomo”.
za: “Predisporre una busta, mette- binetti delle assunzioni come altri in Regione dovrà ribussare tra qual- cari, ma contro il solito sistema di as-
re indirizzo e timbro dell’ufficio enti locali, ha deciso di fare da sé e di che anno. Forse decenni. Una – su- sunzioni all’italiana: “La Regione Si- ANTI-CACCIA
mittente”. A questo punto l’esau- assumere in blocco i precari. Partiti data – conquista per i precari, una ciliana adesso avrà 20 mila dipen-
sto candidato può affrontare il d’accordo. Sindacati entusiasti. “Gli condanna per chi resta escluso, visto denti e 12 mila pensionati, un record Si spara
quarto cimento: “Mandare un fax”. stipendi resteranno gli stessi, non ci che in Sicilia la disoccupazione vola mondiale”. Ma il problema è anche Proteste pronte
Quindi il finale: “Movimentazione sarà alcun aggravio per le nostre cas- al 13,9 per cento (38,5 per i giovani). un altro: “Purtroppo in una terra co-
documenti (per esempio aprire un
faldone, estrarre un singolo fasci-
colo e richiudere il faldone con gli
se. Semplicemente i contratti a tem-
po determinato diventeranno a tem-
po indeterminato”, assicurano in Re-
A livello ufficiale, ovviamente, nes-
suno osa criticare l’intesa. Ma più di
uno, tra associazioni di disoccupati e
me la nostra anche un posto da pre-
cario vale un tesoro. Soprattutto per-
ché si ottiene senza concorso. E sap-
A ncora due giorni
e si parte:
domenica 19
appositi nastri)”. Possibile? Sì, leg- gione. Ma quelle prove di esame? sindacali- piamo tutti come finisce: spesso en- settembre si alza il
gendo il documento (provvisorio) “Sono facilissime, ma si parla di qua- sti, tra chi può contare su una spintarel- sipario sulla
concordato da Regione e sindaca- lifiche basse”. Così ecco le “prove storce la. Poi, quando sono stati assunti tut- stagione venatoria
ti. Insomma, l’esatto contrario dei pratiche per la stabilizzazione”. Le il na- ti, scattano le promozioni a tappeto 2010. Tra proteste,
test che sembrano fatti apposta più impegnative sono per i dipen- per i raccomandati”. Ancora: “Tra modifiche alla legge
per bocciare migliaia di candidati. denti della categoria “B”, anche se quei 4.500 precari ci sono molte per- che regola la caccia,
nemmeno queste paiono proibiti- Viceré sone in gamba, ma continuando con e blocchi alle
Parola d’ordine: ve: “Fare un fax, protocollare Dal Mpa le assunzioni di massa, senza selezio- pre-aperture
promuovere tutti mediante protocollo cartaceo o al trono ne, ci troveremo con migliaia di di- regionali da parte
informatico una lettera in entra- di Sicilia, pendenti che non servono e magari dei Tar, il popolo
Lombardo non sono nemmeno qualificati o me- degli animalisti
LE PROVE infatti – come ammetto- ritevoli. Un guaio anche per l’effi- anti-doppiette
no nei corridoi della Regione – sono
state studiate con l’intento opposto:
Quesiti cienza dell’amministrazione”.
Attilio, disoccupato con laurea e fa-
prepara una
maxi-mobilitazione
“Promuovere tutti”. Qui, però, non
si tratta di una manciata di candidati,
ridicoli miglia, non ci sta: “In un Paese nor-
male la salvezza sono i concorsi do-
per sabato a Venezia.
Obiettivo: fermare la
ma di 4.500 persone (tanti sono i
precari della Regione Siciliana), un
e porte chiuse ve vince il più bravo. Invece, fini-
sce sempre così: sanatorie, con-
caccia. Mentre entra
nel vivo la petizione
quarto degli attuali 16 mila dipen- corsi farsa. Io ho 42 anni e due figli. che ne chiede
denti, come ricorda il giornalista ai disoccupati, Non voglio prendermela con i pre- l’abolizione e i
Giacomo Di Girolamo sul sito cari, sarebbe una guerra tra pove- cacciatori
www.marsala.it. Ma attenzione a gri- che nell’isola ri, ma ditemi voi perché non pos- sbandierano un
dare subito allo scandalo, la questio- so partecipare al concorso. Il ri- sondaggio che dà
ne è più complessa, non tutto è bian- sfiorano sultato è sempre lo stesso: chi all’attività venatoria
co o nero: “Finalmente riusciremo a non ha santi in paradiso resta a “il 53% di italiani
far assumere i precari che da decen- il 14% spasso”. favorevoli”.
pagina 10 Giovedì 16 settembre 2010

x
DIRITTI&VALORI x

ECCO COME
primordiale. Poi ci sono questioni che dovrebbero Illustrazione di Doriano. nostra vita politica mi pare molto provinciale), non dall’alto sulle culture autoritarie che dominano da
essere affrontate con gli strumenti dell’etica politica, Nella foto a sinistra, riesco a condividere chi auspica il federalismo verso il sempre nelle classi dirigenti italiane, infatti, non ap-
della diffusione di una cultura politica. La vita co- Gustavo Zagrebelsky basso. Non come dice il motto costituzionale ame- pena tornò il Principe, cominciò a picconarne i valori
stituzionale ha bisogno di questo humus. Infatti que- ricano ex pluribus unum, per un processo verso l’alto fondanti. Non a caso, da 15 anni, il centrodestra e il
sto nostro incontro s’intitola “La guardia è stanca”... finalizzato a creare unità politica, ma al contrario ex centrosinistra, al di là di quello che dicono di volta in
La “guardia stanca”, se non erro, è il popolo rus- uno plures. Ecco: dove ci porterà questo plures non lo volta secondo le convenienze del momento, sono en-
so che protesta con Lenin perché la rivoluzione sappiamo. Temo che possa essere un primo passo ver- trambi allergici alla Costituzione. A cominciare
tarda a partire. Oggi forse possiamo leggere so una divisione del nostro Paese. dall’articolo 3 sull’eguaglianza, dall’articolo 11 sulla
questo motto come la stanchezza di una parte La balcanizzazione dell’Italia. guerra, dall’articolo 21 sulla libertà di espressione,
della società civile nei confronti delle vergogne La balcanizzazione. L’idea che muove il federalismo per non parlare dell’indipendenza della Magistratu-
che ci vengono ogni giorno rovesciate addosso. all’italiana è che le regioni del Sud sono sottosvilup- ra. Sono 15 anni che partiti di destra e sinistra ten-

STANNO SVUOTANDO
Ma la guardia stanca potrebbe anche essere la pate e inquinate dalla criminalità (come se quelle del tano di cambiare la Costituzione per attribuire mag-
metafora di tutti quegli organi di controllo che Nord non lo fossero...) e dunque devono essere sot- giori poteri alla politica e smontare gli organi di con-
dovrebbero montare la guardia per controllare toposte a una scossa, per responsabilizzarne le classi trollo. Forse quella di Scarpinato è una tesi un po’
il potere, ma in questi anni sono stati fiaccati, dirigenti liberandole dalla tutela dello Stato centrale estrema, ma dal craxismo alla Bicamerale al berlu-
perforati, neutralizzati, o magari semplice- e costringendole a guarire da sole le proprie maga- sconismo, abbiamo visto avvicendarsi al governo un
mente si sono stancati e non esercitano più il gne e a risolvere da sole i loro problemi. E se non li po’ tutti i partiti, e nessuno ha preso in mano la ban-
loro dovere di vigilanza... risolvono? Quali motivi abbiamo per sperare che le diera della difesa della Costituzione. Poi però, nel
Sì, potrebbe anche essere. In che senso si è stanchi? regioni del Sud, lasciate da sole, siano in grado per 2006, quando siamo andati a votare nel referendum
Si è stanchi di aspettare e quindi è una stanchezza esempio di combattere il malaffare, la criminalità or- confermativo sulla “devolution”, abbiamo scoperto

LA COSTITUZIONE
che prelude a un’azione, a un rinnovamento? Op- ganizzata, meglio di quanto non riesca a fare lo Stato che i cittadini apprezzano la Costituzione molto più
pure la guardia è stanca perché è esausta? Credo che centrale? delle loro classi dirigenti, a riprova del fatto che que-
il nostro Paese si trovi un po’ su questo crinale: in Infatti personalmente non solo sono anti-fede- ste sono un po’ peggio della società che le esprime.
certi momenti o in certi ambienti si può cogliere una ralista, ma comincio a provare una certa nostal- Peggio o meglio, a me sembra abbastanza fisiologico che
stanchezza che vorrebbe anche trovare le forme di gia dei prefetti, possibilmente tedeschi. le classi dirigenti abbiano un atteggiamento, un rapporto
aggregazione per reagire, ma dall’altra parte c’è la Adesso non esageriamo. Tra le ragioni che oggi muo- di insofferenza con la Costituzione, perché le costituzioni
stanchezza intesa come esaurimento, come rinun- vono il pensiero federalista in Italia, ce ne sono di sono state scritte e pensate per limitare l’onnipotenza del
cia, come pessimismo. C’è un punto su cui credo apprezzabili: chi di noi non vorrebbe una maggiore politico e della politica. Le costituzioni della tradizione
che le forze politiche dovrebbero fare una riflessio- vicinanza delle classi dirigenti ai bisogni delle popo- liberale sono costituzioni dei cittadini, non delle classi
ne: quelle che, almeno a parole, dichiarano che la lazioni? Chi non vorrebbe una burocrazia pubblica politiche. Quella di Scarpinato è un’interpretazione un
situazione attuale non corrisponde alle loro aspira- più limitata? Chi non vorrebbe – anzi, mi viene freu- po’ élitista, ma c’è una buona dose di verità dove si dice
Federalismo, “eticamente” a proposito della politica, non si fa del
moralismo, si indica semplicemente la necessità che
coloro che occupano posizioni pubbliche siano con-
costosa e questo ha favorito in linea di principio i
gruppi di potere che disponevano di risorse econo-
miche. Dunque l’abolizione delle preferenze e il pre-
zioni, cioè l’opposizione. L’Italia è l’unico Paese in
cui le forze di governo perdono consensi e le forze di
opposizione non li guadagnano: questo dicono i son-
dianamente da dire: chi vorrebbe – classi politiche
più oneste? Tutto questo fa certo parte delle nostre
speranze. Ma che la risposta sia il federalismo, questo
che la politica l’hanno sempre fatta le élite. Però la de-
mocrazia non è oligarchia, e neanche oligarchia illumi-
nata: la democrazia vive in quanto le regole costituzionali
legge elettorale, sapevoli e coerenti con l’ethos che quella funzione
comporta. In generale, la Costituzione stabilisce, pre-
mio di maggioranza non appaiono incostituzionali,
anche perché l’abolizione delle preferenze non
daggi. Non ti pare che questo sia un sintomo di stan-
chezza, purtroppo nel secondo senso? La gente che
non mi è chiaro: vedo un salto tra le speranze, i bi-
sogni e la risposta. Invece vedo chiaro il pericolo: il
sono interiorizzate dai cittadini. L’esempio che facevi del
referendum del 2006 è sotto certi aspetti consolante. Ma
vede, auspica che coloro che occupano posizioni pub- esclude che i partiti democraticamente si aprano alla non si riconosce più nelle forze di maggioranza non giorno in cui si dovesse constatare che il federalismo, di lì bisognerebbe partire per dire che la difesa della de-
norme bliche adempiano alle relative funzioni “con disciplina
e onore”: che parole desuete, sembrano quasi delle
società civile con qualche meccanismo che dia voce
ai cittadini-elettori facendoli sentire padroni del
trova un approdo in altre formazioni, in altri schie-
ramenti, questo forse è il segno dello scoramento,
invece di promuovere quel movimento virtuoso di
rinnovamento delle regioni più povere, più arretrate
mocrazia e della Costituzione è un compito che devono
assumersi i cittadini. Possiamo concludere con una verità

ad personam prese in giro...


È l’articolo 54, ma nessuno lo conosce.
Infatti, in tanti anni di esami all’università, credo di
meccanismo e non semplicemente clienti che van-
no a votare su opzioni già prese da altri. Invece non è
stato così, e questo rovesciamento dei rapporti fra
che sfocia nell’astensione. Io credo che sia vero che
molti elettori votano per le forze di opposizione per-
ché la maggioranza è questa. Il giorno in cui non ci
anche dal punto di vista della cultura politica, pro-
vocasse l’effetto contrario, a quel punto le pulsioni
secessionistiche aumenterebbero.
lapalissiana: la democrazia è il regime dei cittadini, dun-
que la difesa della democrazia è in mano ai cittadini. Non
possiamo fare distinzioni tra cittadini e forze politiche. Un
questione morale, non averlo mai indicato come oggetto di una possibile
domanda. Onore e disciplina: purtroppo sono quelle
cittadino ed eletto ha fatto scadere la qualità della
nostra rappresentanza: quando sono i vertici che
fosse più questa maggioranza con questi capi, anzi
con questo capo riconosciuto, non sarebbe un gran-
Un magistrato siciliano, Roberto Scarpinato,
nel libro-intervista a Saverio Lodato Il ritorno del
sistema ben funzionante è quello in cui le forze politiche
interpretano effettivamente le istanze dei cittadini in rap-
norme che non hanno sanzione, che indicano addi- scelgono i propri rappresentanti, privilegeranno de risultato per l’opposizione. principe, sostiene che la nostra Costituzione è nata in porto continuo di rappresentanza vera e vitale. Ma, nei
sistema fiscale: rittura il presupposto di una decente vita pubblica pri-
ma di tutto, prima ancora che democratica. Quindi,
gente di fiducia, uomini e donne di fatica. E questo
con la democrazia non ha molto a che vedere.
Forse è per questo che da anni il grosso dell’op-
posizione sostiene così amorevolmente il pre-
un periodo eccezionale, perché in Italia le cose buone
si fanno soltanto nei periodi eccezionali, quando la
momenti di crisi come quello che viviamo, questo rap-
porto vive una frattura. E allora questo è il momento in cui
tornando a noi, allo stato di salute della Costituzione: I candidati vengono cooptati in base al servili- sidente del Consiglio: se non ci fosse più lui, nes- figura del Principe è molto indebolita e quindi è in la “guardia stanca”, cioè i cittadini, deve darsi una mossa e
parla Gustavo dal punto di vista formale, la nostra Costituzione di-
mostra di essere fortissima, sono più di 30 anni che ci
smo e alla fedeltà...
Quindi poi, nell’equilibrio tra i poteri costituzionali,
suno li voterebbe più.
Conosciamo tanta gente che dice: questa è l’ultima
questi intervalli della storia – il Risorgimento, la Re-
sistenza, la Costituente, Mani pulite –che piccole éli-
ritrovare le ragioni del proprio impegno politico.
E dare vita al partito della Costituzione.

Zagrebelsky, si arrabatta per modificarla nelle parti essenziali, sen-


za che nessuno sia mai riuscito a stravolgerla dal punto
di vista formale. Ma dal punto di vista sostanziale na-
il Parlamento oggi fa la figura non dico neanche
dell’incomodo, ma del superfluo. Tant’è vero qual-
cuno ha detto: non aboliamolo tout court, ma...
volta che vado a votare. Poi ci va ancora, per cercare
di evitare o limitare il peggio. Ma il giorno in cui non
ci fosse più quel peggio lì, sarebbe un tracollo anche
te illuminate riescono a prendere il sopravvento e a
imporre a un Paese che non le vuole soluzioni più
avanzate della cultura media nazionale. Quindi la no-
Sì, anche se “partito della Costituzione” è quasi una con-
traddizione, perché la Costituzione dovrebbe essere di
tutti i cittadini, non di un partito. Diciamo che deve na-
presidente turalmente le cose stanno diversamente. Per cui sono
dell’idea che oggi non si tratti tanto di difendere la
...facciamo votare soltanto i capigruppo.
I capigruppo in proporzione al peso elettorale... Poi
per l’opposizione. Quindi ci troviamo in questa si-
tuazione paradossale: la sconfitta della maggioranza
stra Costituzione fu una camicia di forza calata scere un'opinione pubblica costituzionale.

Costituzione, ma di ripristinarla: è un compito molto di fatto il Parlamento viene emarginato con i voti di non si trasforma in vittoria dell’opposizione. Invece
emerito più impegnativo perché oggi il 90 per cento delle no- fiducia... ogni democrazia ben funzionante si regge su questa della collettività. La Costituzione prevede sistemi fi- politiche (per esempio, certi colonnelli) si presen-

della Consulta
stre forze politiche in Parlamento vogliono cambiarla.
Però non basta volerla cambiare: bisognerebbe essere
d’accordo sul come cambiarla, e lì si crea il blocco.
Questo le dà una grande forza: la Costituzione come
Nessuno se lo ricorda più, ma il Parlamento do-
vrebbe essere il primo organo di controllo del
governo: abbiamo perso proprio l’essenza del
Parlamento, considerato ormai come un luogo
legge: se perde la maggioranza, vince l’opposizione.
Quando questa legge viene smentita dai fatti è a ri-
schio la democrazia, perché subentra il distacco dei
cittadini. Quindi non sarei tanto soddisfatto, se fossi
scali progressivi: nessuno se ne ricorda più, ma “im-
poste progressive” vuole dire che chi più ha più deve
contribuire rispetto a chi meno ha. Applichiamo que-
sto semplice schema mentale alla manovra finanziaria
tano alle elezioni con la loro Costituzione al punto
numero 1 del programma. Il nostro concetto di Co-
stituzione, radicato nei secoli, è invece quello di un
testo, un documento di princìpi stabili, più stabili
CORRUZIONE
di Marco Travaglio
documento formale è importante che resti, perché è
pur sempre un punto di riferimento ideale, in base al
quale si possono condurre determinate battaglie ci-
dove si mette il timbro su decisioni prese altro-
ve. Che poi sono perlopiù leggi per sistemare
problemi personali o di poche combriccole...
un politico dell’opposizione, dinanzi al declino di
consensi della maggioranza, perché mi domanderei:
dove vanno questi voti? E se non vanno all’opposi-
in corso, e ci accorgiamo che dovrebbe portare a por-
re dei problemi che nessuno osa porre: l’imposta pa-
trimoniale sulle grandi fortune, la tassazione delle spe-
della politica. Perché è la politica che deve sottostare
alla Costituzione e la Costituzione non può mai di-
ventare uno strumento della politica. Da questo pun-
La legge del Fatto
Pubblichiamo il testo della
vili. Ma l’oggetto delle battaglie non è il testo costi-
tuzionale, ma la realtà costituzionale, l’ethos, i princìpi
Abbiamo tutti, o molti, certamente noi due, la sen-
sazione che questa legge elettorale sia uno stravol-
zione, c'è da fare una riflessione molto profonda. culazioni finanziarie...
Anziché ai ladri, questa manovra mette le mani
to di vista, vedrei nella formula “riforme costituzio-
nali condivise” un aspetto positivo, questo; e non andrà in aula
L
video-intervista su “La questione che la Costituzione indica. Il punto principale è la gimento dei principi della democrazia. Ma non è fa- A TELEVISIONE UNICA del Pa- in tasca alle guardie: poliziotti, magistrati e cit- l’altro, quello secondo cui dobbiamo per forza es-
concezione della democrazia. Si è realizzata, nei fatti, cile individuare la norma specifica che viene violata. drone Unico ha imposto al Paese tadini onesti... sere tutti d’accordo. Anche perché poi questo di-
morale”, promossa dall’associazione una trasformazione che definirei proprio un rovescia- È tutta una concezione che viene messa in crisi. Lo una serie di parole e di slogan ma- Purtroppo dobbiamo pensare a ricostruire la nostra scorso sulle riforme condivise si inserisce in un con-

A
“Il Libro Ritrovato” e presentata ieri mento della concezione lati: per esempio, quello secondo testo in cui si dice: le ri- L SENATO Pd, Idv e Udc hanno chiesto, ieri mattina, la calendarizzazione del
sera al teatro Carignano di Torino, che della democrazia. Pren- cui “le riforme sono buone purché forme si devono fare, provvedimento anti-corruzione. Non il testo proposto dal Fatto Quotidiano, però, ma
Marco Travaglio ha realizzato con diamo la legge elettorale
come sintomo: essa è
In Italia la sconfitta della condivise”. Non ho mai capito per
quale motivo una riforma dovrebbe essere
È nei momenti di crisi, come “res publica reformanda
est”, e chi è contro certe
quello molto più sfumato di origine governativa. Dall’Udc che – rispetto agli annunci
di Luigi Zanda per il Pd, Di Pietro e per i finiani Fabio Granata – diventa l’ago della
Gustavo Zagrebelsky, presidente
emerito della Corte costituzionale,
l’espressione più eviden-
te del rovesciamento del
maggioranza non si trasforma buona solo se la condividono in tanti: se è una
porcheria ed è condivisa da tanti, peggio mi
questo, che i cittadini devono darsi riforme è un pazzo, un ir-
responsabile, un passati-
bilancia per permettere alla proposta presentata dal nostro giornale di essere discussa, arriva
questa spiegazione: “Abbiamo chiesto nella commissione capigruppo – afferma il senatore
dal titolo “La Guardia è stanca” principio di sovranità. La in vittoria dell’opposizione: sento; una porcheria rimane una porcheria an- una mossa e ritrovare le ragioni sta. Secondo me, biso- Gianpiero D’Alia – che già nei primi dieci giorni di ottobre si possa discutere sul testo del
sovranità in una demo- che se la votano tutti; eppure ci viene ogni gior- gnerebbe riuscire a dire governo e sulla ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa, presente anche nella vostra
crazia comporta prima di così la democrazia è a rischio no spiegato che, se le riforme sono condivise da del proprio impegno politico laicamente che le rifor- proposta”. Il resto della proposta del Fatto, dalla reintroduzione del reato di falso in bilancio alla

L
A PRIMA DOMANDA che viene tutto che i rappresentati tanti o da tutti, allora vanno bene a prescinde- me, di per sé, non sono revisione del sistema di prescrizione, finisce già in un binario morto? “No”, assicura D’Alia:
da fare a un ex presidente della eleggano i propri rappre- re. Tra le riforme che siamo quasi obbligati a né bene né male. Biso- “Parallelamente continueremo a discutere in commissione tutte le nuove proposte in materia
Corte costituzionale che si ostina sentanti. Ma, con la legge elettorale attuale, per i mo- stesso vale per le leggi ad personam: sono tutte for- condividere, per esempio, c’è quella del fede- convivenza sulla base di parole non malate, perché la gna vedere cosa ci si mette dentro. anti-corruzione, compresa quella del vostro giornale, perché fino al 27 settembre c’è la pos-
a difendere la Costituzione è: qual tivi che tutti conosciamo, i capi-partito nominano i mulate in termini generali. Se si fa uno scudo penale ralismo fiscale che nessuno sa esattamente co- corruzione di ogni regime politico è accompagnata Vista l’esperienza degli ultimi anni... sibilità di emendare il testo del governo. È l’unico modo per non aspettare altri mesi prima di
è lo stato di salute della Carta oggi? loro rappresentanti. E il corpo elettorale è lì a fare che? per l’attuale presidente del Consiglio, si fa una legge sa sia: qualcuno lo intende come un’anticame- dalla corruzione delle parole. C’è un libro interes- Vista l’esperienza... se uno volesse fare un po’ di qua- affrontare il tema. Possiamo, quindi, in pieno accordo con le altre forze politiche, portare come
L’impressione è che molti temano A distribuire le quote dell’azionariato politico dei ver- che riguarda il presidente del Consiglio, cioè la ca- ra del separatismo, altri come la panacea che santissimo pubblicato da Mondadori qualche anno lunquismo potrebbe anche dire: una classe politica emendamenti a quel testo anche i contenuti della vostra proposta. Così da portare in aula un
che la Costituzione venga cambiata, sconvol- tici dei partiti. rica e non la persona. Se si fa il “processo breve”, si dovrebbe liberarci dalla burocrazia. Ma è anco- fa e da poco ripubblicato in versione più ampia: l’au- così degradata che cosa può produrre di buono? Sarà disegno complessivo da discutere, ripeto, nei primi dieci giorni di ottobre. E, in caso, sarà la
ta, modificata, ma che il peggio sia già avve- Forse un punto debole della Costituzione, o al- dice che è nell’interesse della generalità dei cittadini ra possibile dire “io sono contro il federalismo” tore è Victor Klemperer, un filologo ebreo tedesco, un discorso qualunquistico, ma evangelicamente maggioranza a doversi assumere la responsabilità di bocciare il testo emendato che sarà uscito
nuto, che la Costituzione sia già stata cambia- meno di chi dovrebbe garantirne i principi fon- avere processi brevi (anche se poi “processo breve” o si rischia di bestemmiare in chiesa? marito di una donna ariana (uso queste categorie che l’albero si riconosce dai frutti, quindi... Veniamo al dalla commissione”.
ta senza nemmeno toccarla, svuotata dall’in- damentali, è che assistiamo continuamente alla è un eufemismo: questo è il processo morto...). Tutte Tu vorresti una risposta secca, ma hai posto due do- non ci sono proprie), che ha seguito la trasforma- tema del federalismo: anche qui direi che viviamo in Per quanto riguarda l’altro ramo del Parlamento, la Camera, Antonio Di Pietro ieri mattina alla
terno lasciando soltanto la corteccia. Infatti si coesistenza di una Costituzione che dice una co- queste leggi – e non potrebbe essere diversamente – mande e due problemi: la corruzione delle parole e la zione della lingua sotto il Terzo Reich. Uno studio un clima di pensiero unico. Chi oggi osa proclamarsi trasmissione di La7 Omnibus ha preso un altro impegno: “Abbiamo aderito a una proposta del
dà per scontato che, su quella scritta, prevalga sa e di leggi che dicono esattamente il contrario, si presentano formalmente in termini generali, per- questione del federalismo. Primo: come cittadini po- interessantissimo su come si avvelenano gli animi non-federalista? Dico “proclamarsi” perché sappia- Fatto Quotidiano per presentare in Parlamento un disegno di legge anti-corruzione. La prossima
una non meglio precisata “Costituzione ma- consentendo una serie di prassi che sono total- ché è chiaro che, se si facesse una legge che espli- liticamente responsabili che non godiamo nel vedere modificando il senso delle parole o inventandone di mo benissimo che le perplessità o i dubbi in materia settimana, assieme alle altre forze politiche che hanno deciso di appoggiarla (Pd e Futuro e
teriale”… mente antitetiche rispetto a quello che prevede citamente si riferisce a Tizio o Caio, con il nome e il la situazione stupefacente che si è creata, ma avver- parole. Ora è uscito da Giuntina un seguito: LTI. La sono molto diffusi, ma c’è questa cappa ideologica libertà, ndr), depositeremo questa proposta per chiedere al presidente della Camera, Gian-
Questo discorso che fai sulla Costituzione si potrebbe la Costituzione. Allora una persona semplice si cognome, non avrebbe alcuna possibilità di passa- tiamo l’obbligo di fare qualcosa per migliorarla, per lingua del Terzo Reich. Bisognerebbe leggerlo, per ca- per cui essere contro il federalismo non è à la page... franco Fini di metterla all’ordine del giorno alla riunione dei capigruppo e, quindi, di ca-
fare sulla democrazia più in generale. Costituzione e domanda: ma com’è possibile che non sia inter- re... Sarebbe uno sconcio tale che gli organi di con- bonificarla, sappiamo che uno dei punti principali del pire il veleno che le parole possono contenere. Tu Questi discorsi sul federalismo, secondo me, hanno lendarizzarla per la discussione in aula”. In questo modo, ha continuato Di Pietro, “si scoprirà
democrazia sono degli involucri, bisogna vedere cosa venuto nessuno a bloccare o a cancellare o a ful- trollo interverrebbero. Tutti sanno che certe leggi si degrado italiano è la corruzione delle parole. Per ora dicevi “riforme condivise”. È uno slogan che pre- qualcosa di fondato rispetto ai problemi che abbia- se Udc e Fli hanno accordato una fiducia posticcia a Berlusconi, rivendicando quello che è stato
c’è dentro: è più importante quello che c’è fuori o quel- minare una legge elettorale così palesemente in- fanno per Tizio o Caio, il nome c’è eccome: la so- esempio, c’è un’espressione che è largamente utiliz- senta un aspetto malato: se siamo tutti d’accordo, mo: ormai la dimensione delle questioni politiche detto da Fini a Mirabello, oppure rinnegheranno tutto, non portando avanti questo prov-
lo che c’è dentro? Questa è una domanda che ti farei costituzionale? Manca qualche valvola di salva- stanza è individuale, particolare, ma la forma è ge- zata dagli uomini di governo, ma anche dell’opposi- questa sarebbe la riprova che la cosa che stiamo fa- non coincide più con la dimensione degli Stati na- vedimento. L’Idv vuole far uscire allo scoperto sia il terzismo dell’Udc, che si astiene sempre e
socraticamente. Volendo usare un’altra immagine: so- guardia, nel sistema costituzionale? nerale. E come fa la Corte costituzionale a bocciarle? zione: “Non abbiamo messo le mani nelle tasche degli cendo è buona. Ma in una democrazia liberale il non zionali, quindi il federalismo dovrebbe servire a crea- pensa in questo modo di rimanere vergine, sia l’opportunismo di Futuro e libertà, che ha
no più importanti le regole formali o gli uomini che Qui si entra in una discussione molto tecnica. Che Il fatto che ci siano delle leggi che noi tutti consi- italiani”. Pare sempre una trovata brillante. A parte la essere d’accordo è il fatto positivo, perché il dissenso re dimensioni sopranazionali. Invece, detto per in- sollevato una questione morale nel centrodestra mentre si appresta a votare la fiducia, di-
fanno funzionare le regole? È una domanda antica: so- questa legge sia palesemente incostituzionale non deriamo prodotte da una mentalità malata ma che veridicità o meno del contenuto, questa espressione crea il distacco e dà lo spessore del problema. Nella ciso, il federalismo di cui si parla in Italia è rovesciato: ventando così complice di Berlusconi”.
no più importanti le istituzioni o la qualità degli uo- saprei dirlo: qual è la norma che viene violata? Bi- non violano specificamente una norma costituzio- ha avuto un grande successo, purtroppo, a destra co- democrazia liberale l’unanimismo, l’essere tutti in- non si tratta di creare unità politiche più ampie, ma di Intanto in Senato la prossima settimana le commissioni Affari costituzionali e Giustizia ascol-
mini? Normalmente si dice: le istituzioni sono molto sognerebbe tenere distinto il giudizio di costituzio- nale precisa, non vuol dire affatto che queste leggi me a sinistra. Ora, io la trovo di una volgarità senza sieme e tutti d’accordo, non è un valore, anzi. Però in spezzare o ridurre o limitare l’unità politica nazio- teranno sul tema il giudice alla Corte Suprema Piercamillo Davigo considerato un grande
importanti, ma non c’è nessuna buona istituzione o nalità freddo, scientifico, giuridico. Dunque qual è la vadano bene: vuol dire che violano addirittura i pre- pari, perché sottintende – questo è il messaggio su- questa formula c’è anche un dato positivo che non va nale verso il basso. Dall’altra parte, si dice, ci sono esperto sui reati finanziari, societari e contro la Pubblica amministrazione “anche per le
Costituzione che può dare dei buoni risultati, se è in norma che viene violata dall’attuale legge elettorale? supposti, quei principi che sono così fondamentali bliminale – l’idea che uno Stato che chiede ai cittadini sottovalutato: le riforme costituzionali devono esse- esigenze di avvicinamento e di sburocratizzazione. conoscenze acquisite come magistrato di punta del pool Mani Pulite ai tempi di Tangentopoli”.
mano a un personale politico di infimo livello. Vice- Sono decenni che si dice, per esempio, che le pre- che non c’è neanche bisogno di esplicitarli. di partecipare alle spese pubbliche sia un ladro sem- re condivise perché non possono essere imposte Quali sono le tue perplessità sul federalismo? Lo ha riferito il presidente della commissione Carlo Vizzini (Pdl): “Non intendiamo – dice
versa una mediocre Costituzione può dare luogo a ri- ferenze sono una cosa negativa, perché quando Se avessero previsto questa classe politica, forse pre e comunque. Quindi, se lo Stato è ladro, ben si nell’interesse di una sola parte, altrimenti l’esito ter- Mentre l’esigenza di un federalismo che si rivolge a Vizzini – perdere tempo e non c’è alcuna volontà di insabbiare il ddl, né allo stato attuale
sultati accettabili se è manipolata, usata da un perso- c’erano le preferenze plurime si facevano “cordate” i Costituenti avrebbero aggiunto qualche pre- giustifica l’evasione fiscale. E il cerchio si chiude. Met- minale sarebbe una Costituzione ad personam. una dimensione sopranazionale la vedo chiara (anche abbiamo avuto uno scontro tra maggioranza e opposizione. Sulla base delle audizioni fin qui
nale politico a sua volta eticamente accettabile. Dico molto permeabili agli interessi mafiosi. Poi si è pas- messa alla Costituzione... tere le mani in tasca? Ma in un paese civile tutti i cit- E ognuno se la cambia a suo uso e consumo a se mi sembra che purtroppo l’Italia in generale non sia fatte e degli emendamenti che verranno presentati chiediamo al governo una replica che tenga
eticamente perché bisogna avere il coraggio di ripri- sati alla preferenza unica, che però ha scatenato la Le difficoltà della nostra democrazia e della nostra tadini dovrebbero essere chiamati responsabilmente ogni mutare di maggioranza. particolarmente attiva nel creare forme di solidarietà conto di quanto abbiamo fatto in uno spirito finora di grande collaborazione”.
stinare alcune categorie, alcune parole: quando si dice lotta di tutti contro tutti: l’elezione è diventata molto Costituzione, secondo me, si radicano su un terreno a far fronte, secondo criteri di giustizia, alle esigenze Come in certi regimi sudamericani, in cui le forze sopranazionali, europee, ma non solo europee, anzi la (g. cal.)
pagina 12 Giovedì 16 settembre 2010

ECONOMIA

LO STALLO:
I problemi del ministro
(ad interim) dello Sviluppo Silvio
Berlusconi con la banda larga visti
da Marilena Nardi

Il Pd prepara

LARGA LA BANDA, una mozione


di sfiducia

STRETTA LA VIA
per Berlusconi
come ministro
dello Sviluppo
Dopo il fallimento del tavolo Agcom
si complica la parte industriale Risultato: un po’ per volta Te-
lecom si troverà con la rete in
fibra, senza sostenere il costo
di Stefano Feltri garante per le Comunicazioni aveva preparato un docu- colossale di un investimento
dove si discuteva come dovrà mento con le raccoman- ex novo e mantenendo il con-
ra le molte ragioni per essere gestita la nuova rete in dazioni non vincolanti trollo su quello che è il suo

T
– che com-
cui servirebbe un mini- fibra ottica (quella per avere per l’Agcom fatto su mi- prendono asset di maggior pregio e che
stro dello Sviluppo eco- Internet superveloce). L’ac- sura di Telecom. Cioè comunque al- determina gran parte del va-
nomico, c’è che la que- cusa di Fastweb, Vodafone, dell’operatore domi- meno 7,5 mi- lore della compagnia.
stione banda larga rischia di Wind, Tiscali e British Tele- nante, quello che oggi lioni di perso- I soldi sono, ovviamente, il ta-
arrivare a uno stallo difficile com (che si è aggiunta ieri alla è proprietario di quasi ne – la banda sto più sensibile della vicenda.
da superare. lista) è questa: il comitato pre- tutta l’infrastruttura e larga può arriva- Il superconsulente Francesco
Due giorni fa gli operatori te- sieduto dal professor France- che un domani po- re solo come spe- Caio ha spiegato a Panorama
lefonici concorrenti di Tele- sco Vatalaro (ingegnere trebbe trovarsi a con- sa sociale, non co- Economy che “con 10 miliardi
com hanno abbandonato un esperto di telecomunicazioni trollare anche la fibra me business. Il rap- di euro si potrebbe avere il 50
comitato creato dall’Autorità dell’Università di Tor Vergata) ottica per il solo fatto porto suggerisce che per cento del Paese collegato
di aver avuto, in quanto nelle aree ricche, quelle in fibra, dando lavoro per anni
ex impresa pubblica, il dove tutti vogliono investire, a decine di migliaia di perso-
controllo di quella di rame. ci sia una concorrenza perfet- ne”, capitali da trovare aumen-
EMMA MARCEGAGLIA di S.F. In una sintesi un po’ brutale il ta. Ma a queste condizioni, di- tando i prezzi dei servizi “spal-
vicolo cieco è questo: gli ope- fallimento del primo tavolo, cono Fastweb, Vodafone e gli mando a favore di tutti gli ope-
INQUIETUDINI INDUSTRIALI ratori telefonici non-Telecom
vogliono sapere quali saranno
le regole di concorrenza sulla
assicurano dal ministero, non
pregiudica i negoziati sulla co-
struzione della rete, tanto che
altri, l’unico risultato sarà di
lasciare campo libero a Tele-
com, che diventerà l’operato-
ratori questi aumenti”. Tutti
vogliono la banda larga, ma
nessuno ha molta voglia di pa-
a posizione di Emma Marcegaglia, della sua
L Confindustria, e dei grandi banchieri era
chiarissima: niente elezioni, niente governo
nuova rete in fibra, prima di
spendere un euro per contri-
buire a costruirla. Se alla fine
oggi ci sarà una riunione tec-
nica ed entro breve dovrebbe
essere presentato un docu-
re dominante anche nell’Inter-
net superveloce. Se è così, la
rete se la faccia Telecom da so-
garla, quindi scaricare il costo
sui consumatori inizia a sem-
brare l’ipotesi più semplice da
tecnico, l’attuale esecutivo deve resistere. comanderà solo Telecom, mento da sottoporre poi agli la, dicono i concorrenti. praticare. Gli 800 milioni di
Eppure la Marcegaglia ieri sottolineava, proprio l’investimento non si giustifi- amministratori delegati sulle euro annunciati più volte dal
in un momento così delicato per Berlusconi ca. Ma le regole per la nuova diverse modalità di finanzia- IL 28 SETTEMBRE l’ammi- governo negli ultimi due anni
intento a pescare deputati dal Gruppo misto e a rete si possono decidere solo mento. Ma i furibondi opera- nistratore delegato di Telecom non sono mai arrivati. Il costo
una volta che è chiaro chi la tori telefonici concorrenti di Italia Franco Bernabè, spie- dell’infrastruttura si aggira sui
tentare di sedurre i finiani meno convinti, che “i costruirà, perché il quadro è Telecom la pensano diversa- gherà alla commissione Tra- 30 miliardi di euro, che nes-
conflitti personali, a un governo che forse non ha completamente diverso se la mente. “È chiaro che senza il sporti e Telecomunicazioni suno dei soggetti coinvolti,
più la maggioranza, non aiutano”. Incidente di fibra ottica viene realizzata da tavolo dell’Agcom tutto si della Camera quali sono i suoi men che meno Telecom, può
percorso o sottile tattica di comunicazione? La Telecom, dallo Stato, da una complica per quanto riguarda piani per il futuro. Ma per permettersi di sborsare da so-
frettolosa rettifica lascia pensare che si sia società mista tra operatori di la parte industriale”, dice al quanto riguarda la banda larga lo. E quindi? Forse per uscire
trattato proprio di un errore, almeno nei toni, settore o soltanto dai concor- Fatto una di queste aziende. la sua strategia è chiara: a Te- dallo stallo servirebbe il peso
ma il messaggio è comunque arrivato: “Basta renti dell’ex monopolista In dettaglio, la questione con- lecom non serve molto (non politico di un vero ministro al
pubblico. troversa è questa: in Italia la produce contenuti in alta de- dicastero dello Sviluppo, ma la
litigare e occuparsi di beghe interne. Occupatevi banda larga sarà un affare solo finizione che possano appro- nomina non sembra imminen-
della crescita, del problema fiscale, di quello I NEGOZIATI, finora, pro- in alcune zone, in particolare fittare dell’alta velocità di tra- te. Intanto il Partito democra-
dell’occupazione e di ridurre la burocrazia”. cedevano in parallelo: nel co- Roma e Milano e qualche gran- smissione), l’evoluzione tec- tico sta preparando una mo-
Niente di nuovo, la Confindustria lo dice sempre, mitato promosso dall’Agcom de città, poi ci sono quelle che nologica può seguire il model- zione di sfiducia per l’attuale
ma questo, alla vigilia della ripresa dei lavori si cercava il compromesso sul- il rapporto uscito dal comitato lo già sperimentato a Trento. ministro dello Sviluppo che,
parlamentari, suona un po’ come un ultimatum. la gestione, al ministero dello Agcom definisce “zone gri- Telecom passa alla rete in fibra con un interim ormai di oltre
Sviluppo economico si discu- gie”, redditizie ma non trop- ottica in modo graduale, d’in- quattro mesi, è ancora Silvio
teva della parte industriale. Il po. Nelle zone più periferiche tesa con partner sul territorio. Berlusconi.

Sanità, i conti sbagliati di Renata Polverini


NEL LAZIO STA PER SCATTARE L’AUMENTO DELLE TASSE PER RIEMPIRE IL BUCO DELLA SANITÀ. MA PRIMA C’È LA TRATTATIVA CON I PRIVATI
di Mario Reggio za a chi ha bisogno delle terapie per la prorogato da marzo a settembre del do, magari non succede, però noi ci stia- blocco del turnover per tre anni nel
riabilitazione, una sforbiciata del 4 per 2010 il redde rationem. In ballo i 421 mi- mo provando in tutti i modi” ha dichia- pubblico è ormai un dato di fatto. E la

Q“Nonnouellimetteremo
che: “Non taglieremo nemme-
un posto letto”. Quelli che:
le mani nelle tasche
cento per le case di cura convenziona-
te e autorizzate al ricovero e alla cura
dei pazienti affetti da sindromi psichia-
lioni di euro di deficit del 2008, slittati
poi al 2009. Il meccanismo è bizantino.
Fatti i conti anche con l’aumento dell’Ir-
rato la Polverini nell’audizione del 21 lu-
glio alla Commissione parlamentare
d’inchiesta sugli errori medici e sulle
riorganizzazione della rete ospedaliera?
Mistero. Dal nono piano della sede della
Regione Lazio, dove alberga la giunta,
dei cittadini”. Quelli che: “Garantire- triche. In aiuto della Polverini è inter- pef dello 0,30 per cento e dello 0,15 cause dei disavanzi sanitari regionali. prima della riforma della Sanità quartier
mo tutti i posti di lavoro nella sanità del venuto il governo con il blocco del turn dell’Irap il buco non viene coperto. Ma se il suo sogno si dimostrerà fallace generale dell’Inam e scenario delle vi-
Lazio”. Quelli che: “Lavoriamo giorno over dei dipendenti pubblici. Ovvia- Mancano 90 milioni di euro. Quindi nes- saranno guai per tutti. Niente 421 milio- cissitudini di Fantozzi, è silenzio assolu-
e notte per trovare una soluzione al de- mente la misura non riguarda il priva- suna possibilità di utilizzare i Fondi per ni di euro dai Fondi per le aree sottou- to. Nei mesi scorsi, quando trapelarono
ficit lasciatoci in eredità dalla giunta to, mentre la Regione Lazio è obbligata le aree sottoutilizzate a disposizione del- tilizzate, divieto assoluto di dirottare alcune indiscrezioni, ad esempio che a
Marrazzo”. Con buona pace di Enzo ad assicurare i Livelli essenziali di as- la Regione Lazio. In realtà i Fas sono sol- fondi di bilancio e aumento automatico Montefiascone si sarebbe chiuso l’ospe-
Jannacci, la governatrice del Lazio, Re- sistenza. Si aprirà così uno spazio ap- di dell’Unione Europea da destinare alle di Irpef e Irap. E qui salta fuori una novità dale, partì una sollevazione popolare.
nata Polverini, sono sue le affermazio- petitoso, visto che il bilancio della Re- infrastrutture e non per coprire i buchi di cui nessuno ha parlato. C’è poi un altro scoglio. Il piano deve
ni virgolettate, si trova alle prese con gione per la sanità ha raggiunto gli 11 della sanità. Nessuno si meravigli se la essere sottoscritto dalle aziende pubbli-
un nodo gordiano. E le promesse pos- miliardi l’anno, per nuovi imprendito- Ue, quando avrà capito il meccanismo Chi paga che e private . Hanno detto sì il Policli-
sono diventare un boomerang. Ma an- ri. Stanno affilando le armi la Compa- perverso, ne chiederà conto al governo il conto nico Gemelli ed il Campus Biomedico,
diamo per ordine. gnia delle Opere, alias Comunione e italiano. “Spero che l’automatismo struttura dell’Opus Dei. Il Rettore della
La Regione Lazio, da anni, viaggia con Liberazione, la Lega delle Cooperative dell’aumento delle tasse regionali si Sapienza, Luigi Frati, annuncia il suo pa-
un deficit della sanità che viaggia tra ed uno stuolo di privati. blocchi, visti gli sforzi che stiamo facen- L’IRPEF SALIRÀ dall’ 1.4 all’1.7 per rere favorevole: “E’ passato il principio
1,3 e 1,6 miliardi all’anno. Il debito de- cento. La stangata per i lavoratori dipen- della corresponsabilità della Regione,
riva dalla differenza tra la quota asse- La scadenza Renata Polverini (FOTO ANSA) denti scatterà con il conguaglio a dicem- fatta salva dell’autonomia dell’universi-
gnata dal Fondo sanitario nazionale e del 30 settembre bre del 2010 quando dovranno pagare tà su didattica e ricerca, riusciremo a ri-
le uscite reali. Dal 2006 il buco della gli arretrati dal 1 gennaio 2010. Per l’Irap sparmiare dal 15 al 20 per cento dei co-
sanità non viene più coperto in gran a carico delle imprese, più 0.15 per cen- sti”.
parte con contributi statali, ma sono le INTANTO I TEMPIstringono. Entro il to, bisognerà aspettare i primi mesi del Il vero ostacolo sono le case di cura con-
Regioni che devono provvedere. Allo- 30 settembre la Regione Lazio dovrà 2011. A conferma dello slogan “non venzionate nel settore della riabilitazio-
ra aumento dell’Irpef e dell’Irap, ridu- presentare al ministero dell’Economia il metteremo le mani nelle tasche degli ita- ne. Non ha firmato il gruppo Tosinvest,
zione dei posti letto, taglio dei fondi piano di ristrutturazione della rete ospe- liani”. Il Lazio, tra l’altro, detiene il re- alias famiglia Angelucci, che gestisce la
per la riabilitazione, l’assistenza psi- daliera, i conti dettagliati dei risparmi cord delle percentuali di tassazione: per catena delle case di cura “San Raffaele”,
chiatrica, sui ricoveri per i malati acuti, che derivano dalla riduzione dei rimbor- l’Irpef dall’1,4 all’1,7 per cento contro alle prese con le indagini della magistra-
ticket sugli esami diagnostici. si alle case di cura private accreditate, una media nazionale dello 0,9 , rispetto tura e della Corte di Conti. Se è vero, co-
Che cosa ha escogitato Renata Polve- quelli relativi al ticket di compartecipa- all’Irap dal 4,82 al 4,97 per cento contro me afferma la Regione, che il 90 per cen-
rini? Intanto il taglio di 3 mila posti let- zione delle famiglie che hanno pazienti il 4,2 nazionale. to delle strutture ha firmato, è altrettan-
to nelle strutture ospedaliere pubbli- ricoverati nelle residenze sanitarie assi- Comunque vada il taglio dei posti letto, to vero il restante 10 per cento rappre-
che e convenzionate, la riduzione del stite. In realtà il ministero dell’Econo- della riabilitazione, dell’assistenza psi- senta più del 30 per cento dei rimborsi
10 per cento del budget per l’assisten- mia è stato benevolo con la Polverini. Ha chiatrica, quella per i malati acuti, il sanitari della Regione.
Giovedì 16 settembre 2010 pagina 13

ECONOMIA

Auto-scontri
LA CGIL TENTA LA CARTA CAMUSSO dc
Chi vuole le
MILANESE, FEMMINISTA E MODERATA deroghe per Fiat
di Salvatore Cannavò

Parte la barocca procedura per la scelta del leader edermeccanica e i


Fesclusa
sindacati del settore,
la Fiom-Cgil, hanno
avviato la trattativa che
dovrebbe portare a quelle
di Giorgio Meletti scollegate dalla scelta del vertice. tutta l’aria di essersela conquista- giovani del Ms-Mls nel sindacato seguita dai suoi successori, Gian- deroghe al contratto
Lì si discute la linea, apparente- ta, non di essere messa lì dal po- dei metalmeccanici. Come molti ni Rinaldini e oggi Maurizio Lan- nazionale in grado di
ice un suo vecchio com- mente. In realtà ci si conta, in tere maschile. dell’area politica di provenienza dini. Nella seconda metà degli an- estendere in tutta Italia la

D pagno di lotte studente-


sche, uno dei tanti che
con antico stupore ma-
schilista la ricorda come “ragaz-
za bellissima eppure intelligen-
un’estenuante rituale di congres-
si locali e di categoria, tra maggio-
ranza e minoranza. Della succes-
sione a Guglielmo Epifani, che
giunge alla scadenza dei suoi otto
Ma chi è Susanna Camusso? Il suo
potenziale innovativo va molto al
di là dell’essere donna. Ha la tes-
sera del Pd ma non è mai stata co-
munista, e porta con sé una storia
si mostra impermeabile alla fasci-
nazione di un Pci ai massimi sto-
rici, e diventa socialista.

Quando
ni ’90 Camusso e altri dirigenti
moderati della Fiom (Giampiero
Castano, Gaetano Sateriale, Cesa-
re Damiano) vengono messi so-
stanzialmente nel tritacarne. Lei
logica dell’accordo di
Pomigliano. L’incontro si è
svolto ieri presso la sede
confindustriale dopo la
disdetta da parte di
te”, che l’arrivo di Susanna Ca- anni di mandato sei mesi dopo il estranea alla tradizione dei Lama, era craxiana cambia aria, ed è il numero uno Federmeccanica del
musso al vertice della Cgil è il congresso, si è discusso in conci- dei Di Vittorio, dei Cofferati. Na- Sergio Cofferati, che è ancora nel- contratto del 2008 firmato
frutto di un doloroso compro- liaboli riservati. Il leader uscente sce nel 1955 a Milano, figlia della la fase riformista e stima la Camus- anche dalla Fiom e le
messo: “Hanno dovuto scegliere ha benedetto la Camusso, nessu- buona borghesia meneghina, NEL 1984, QUANDO il gover- so dai tempi del Movimento Stu- richieste della Fiat di
se rinnovarsi con una donna o no ha fiatato, la decisione è pre- con un padre direttore editoriale no Craxi spacca il sindacato con il dentesco, a pilotarla, dopo un arrivare a un contratto
con un giovane, hanno trovato sa. della Mondadori e un’abitazione decreto di San Valentino sul con- breve passaggio al sindacato separato dell’auto. La Fiat si
solo una donna”. Il dato storico è confortevole nel quartiere cen- gelamento degli scatti della scala dell’agro alimentare, verso la se- è alzata dal tavolo quando
quello che è, e sarebbe davvero La finta trale di Porta Romana. Studia ar- mobile, Camusso è schieratissi- gretaria della Cgil Lombarda. Nel ha visto che mancava la
maschilista tacerlo per galante- consultazione cheologia all’Università Statale, ma contro la maggioranza an- 2008 il salto alla segreteria confe- Fismic, il sindacato
ria. Nella storia della Cgil del Do- dove entra rapidamente nelle file ti-craxiana della Cgil. Mentre derale, dove è Epifani a portarla dell'auto più filo-aziendale,
poguerra, la cinquantacinquen- del Movimento Studentesco di l’unità sindacale si sfarina, e con già con le stigmate del futuro messa fuori dalle gelosie di
ne Camusso sarà il più anziano EPPURE OGGI il direttivo sce- Mario Capanna, che sta evolven- scompare la Flm, il sindacato uni- leader. Fim e Uilm.
segretario generale dopo Bruno glierà cinque saggi che investiran- do verso la sua incarnazione più tario dei metalmeccanici, lei con- Come questa biografia si tradurrà Ma nonostante questo
Trentin. Anche Giuseppe Di Vit- no alcune settimane in una este- politica nel Mls (Movimento La- tinua la sua carriera nella nei contenuti dei prossimi otto avvio, è di auto che si è
torio e Agostino Novella, anche nuante consultazione riservata voratori per il Socialismo), e guar- Fiom-Cgil, dove il peggio le deve anni di battaglia sindacale non si parlato con
Luciano Lama e Antonio Pizzina- con tutti i 156 membri del diret- da all’attività sindacale come ancora capitare: è l’avvento alla sa. L’indizio più interessante è che Federmeccanica che ha
to erano più giovani al momento tivo stesso. Ancora non si sa se sbocco naturale. A soli vent’anni guida della categoria di Claudio Susanna Camusso, oltre che don- proposto di cominciare
dell’elezione. Epifani affiderà ai saggi la sua pro- Camusso è già attiva nell’organiz- Sabattini, detto “Sandino”, profe- na, è anche una femminista tra le dalle deroghe per il settore
posta per la successione, o se si zazione delle 150 ore, in base alla ta e guida di quella che i detrattori più combattive. Nel 2005 è stata auto. Fim e Uilm invece
Un’ascesa andrà alla cieca. Comunque i sag- legge che voleva dare agli operai chiamano la svolta massimalista, tra le fondatrici, a Milano, dell’as- hanno proposto di parlare
durata 35 anni gi chiederanno per 156 volte: una formazione culturale. Non si una linea dura ed eccentrica ri- sociazione “Usciamo dal silen- di deroghe per tutto il
“Chi secondo te è la persona più laurea ed entra, insieme ad altri spetto alla stessa Cgil che sarà pro- zio”. Nel mettere in discussione comparto
metalmeccanico. “Una
ROVESCIANDO il ragiona- Susanna Camusso nel 2002, appena cooptata nel vertice della Cgil targata Cofferati (FOTO ANSA) situazione paradossale –
mento, bisogna riconoscere che
il prossimo leader della Cgil non si
Dal movimento Settimane di commenta Giorgio
Cremaschi della Fiom –
può considerare un’operazione
di pura immagine, il cedimento a
studentesco consultazioni perché gli industriali
propongono di fare danni
una moda, il voler rispondere con
una donna alla Confindustria che
di Capanna dei 156 membri solo nel settore
automobilistico mentre
si è affidata a Emma Marcegaglia. Cisl e Uil chiedono di
L’esperta sindacalista milanese – alla lotta del direttivo estendere le deroghe a tutti
pronta a essere incoronata con i lavoratori”. Favorevole a
una barocca procedura che sarà di genere, per discutere un contratto separato per
avviata oggi dal consiglio diretti- l’auto è invece la Fismic,
vo del maggior sindacato italiano passando una scelta convocata da
- rispecchia in pieno la natura di Federmeccanica, da sola,
un’organizzazione che invecchia per Craxi già fatta nel pomeriggio. Le parti si
con i suoi iscritti (per metà pen- sono comunque date un
sionati). Con i suoi 35 anni di mi- calendario di incontri in
litanza rappresenta pienamente adatta a succedere a Epifani?”. gli stereotipi maschili della vita in- cui discuteranno delle
la storia e la cultura della Cgil. Dif- All’inizio di novembre i saggi rife- terna alla Cgil, nella polemica deroghe, decidendo in
ficilmente qualcuno potrà per- riranno al direttivo che dalla con- contro gli uomini “che si dedica- ottobre, se e come
mettersi di rivolgerle una battuta sultazione è emerso un orienta- vano scientificamente alla con- applicarle al settore auto.
“galante” come quella, indimen- mento in favore di Susanna Ca- quista come forma di completa- Quali saranno le deroghe?
ticabile, con cui l’industriale Vit- musso. A quel punto si voterà a mento della militanza” ha mostra- Certamente si parlerà di
torio Merloni accolse proprio la scrutinio segreto, e il numero di to quella determinazione che orari e di flessibilità ma il
Marcegaglia nel consiglio d’am- voti in favore della candidata uni- adesso deve sfoderarei nell’elabo- punto cruciale saranno le
ministrazione della sua Indesit: ca dirà se la sua leadership parte razione delle strategie sindacali. sanzioni per quei lavoratori
“L'abbiamo cercata tanto una forte o dimezzata. Nessuna di- Recentemente ha detto che per che si metteranno di
donna, ci voleva in una azienda di scussione sui contenuti. combattere la discriminazione traverso rispetto alle
elettrodomestici”. Il meccani- L’impressione è che si stia giocan- delle donne nell’accesso al mer- decisioni assunte e firmate.
smo di elezione della Camusso è do una pura partita di potere den- cato del lavoro “bisognerebbe Confindustria ha
per certi versi inspiegabile. I gio- tro un’organizzazione fortissima, avere il coraggio di proporre la pa- minacciato azioni legali
chi veri si sono fatti nel congresso con sei milioni di iscritti, migliaia ternità obbligatoria”. Adesso do- contro la Fiom alla Sevel,
della Cgil della scorsa primavera, di funzionari, sedi in ogni dove vrà abituarsi a sentirla tutti i giorni dove si è scioperato contro
naturalmente dietro le quinte. Le lungo lo Stivale. Questo va a me- la stessa frase, rivolta a lei: “Biso- lo straordinario al sabato.
assise della Confederazione sono rito della futura segretaria, che ha gnerebbe avere il coraggio”. Sullo sfondo resta però il
problema delle relazioni
sindacali complessive.
PER IL NUOVO SEGRETARIO Confindustria continua a
augurarsi un tavolo di
trattativa che includa la
LA PRIMA EMERGENZA: STA FINENDO LA CASSA INTEGRAZIONE IN VENETO Cgil e confida nel ruolo
che potrà avere Susanna
Camusso, prossima
di Erminia della Frattina do nel terzo anno di crisi, cominciamo imprese che hanno aperto una proce- nanziaria ai dipendenti, ai quali lo sti- segretaria generale del
ad assistere al graduale esaurimento de- dura di crisi sono 896, 140 solo nel mese pendio è sempre stato regolarmente sindacato. Il
ono un migliaio le aziende venete che gli ammortizzatori in molte unità pro- di luglio, per un coinvolgimento poten- versato. “Quella che stiamo vivendo – vicepresidente Alberto
Sranno
da ottobre alla fine dell’anno esauri-
tutti gli ammortizzatori sociali, in-
duttive, situazione che fa temere una
forte sofferenza sociale da ora a fine an-
ziale di oltre 18 mila lavoratori. Nello
stesso periodo 2009 le procedure di cri-
spiega Franco Lorenzon, segretario del-
la Cisl di Treviso – è una crisi senza vie di
Bombassei confida di
averla ospite al convegno
cluse imprese piccole e piccolissime, no”. Le ore di cassa integrazione auto- si erano state 678, 87 a luglio. fuga. L’industria di Treviso, soprattutto confindustriale di Genova
artigiane e del commercio. “Mille azien- rizzate da gennaio a luglio di quest’anno Le difficoltà colpiscono due assi portan- quella fatta da piccole e medie aziende, il prossimo 25 settembre e
de che rischiano di trovarsi col sedere raggiungono in Veneto i 78,5 milioni ti dell’economia veneta: il metalmecca- è stata colpita al cuore”. in ambienti sindacali si
per terra – dicono alla Cgil – e di mettere (erano quasi 82 milioni a tutto il 2009). nico (a cui appartengono 374 procedu- Il Veneto ha perso oltre 75 mila posti di parla già dello “spirito di
sulla strada 81 mila lavoratori”. L’allar- “Proseguendo al ritmo registrato nei re di crisi su 896) e l’intero comparto lavoro, ha ammesso il governatore Zaia Genova”.
me arriva dalla Cgil, ma trova subito una primi sette mesi dell’anno – dice Bruno manifatturiero (tessile-abbigliamento lanciando la solita proposta leghista de- Ieri il segretario uscente
sponda nelle altre confederazioni sinda- Anastasia, studioso di Veneto Lavoro – in testa), l’edilizia e il commercio. Sono gli appalti da dare prima alle imprese ve- Guglielmo Epifani ha detto
cali, nelle associazioni di categoria e in nel 2010 le ore autorizzate risulteranno soprattutto aziende di piccole dimen- nete. “Non è questo il modo di uscire che la Fiom “non va isolata
Confartigianato. largamente superiori ai 100 milioni”. sioni (524 hanno meno di 50 dipenden- dalla crisi” hanno replicato in sostanza ma non deve nemmeno
La Cgil chiede ora un tavolo di lavoro L’incremento è determinato sostanzial- ti), e tra le motivazioni più ricorrenti c’è Andrea Tomat presidente degli Indu- isolarsi”. Il sindacato
permanente in Regione con sindacati, mente dalla Cig straordinaria (quella ri- la riduzione per crisi di mercato (540), striali Confindustria e gli altri impren- metalmeccanico guidato
Confindustria e le altre associazioni e gli servata alle imprese in condizioni più riorganizzazione aziendale, fallimento ditori veneti. Sono aumentati i licenzia- da Maurizio Landini, però,
imprenditori per arginare il fiume di di- critiche) che occupa oltre i due terzi o chiusura per cessata attività. Come menti collettivi, dai 4 mila dell’anno ha già convocato quattro
soccupati che rischia di invadere il Ve- delle domande legate quindi a dichiara- l’azienda di Pordenone che lavorava nel scorso ai 5 mila di quest’anno, “che si ore di sciopero per il 24
neto. “La cassa integrazione qui – dico- zioni di crisi aziendali. legno-arredo, che al ritorno dalle ferie sommano agli oltre 13 mila licenzia- settembre, vigilia
no al sindacato – è arrivata al massimo E qui arriva l’altra doccia fredda per non ha più aperto i cancelli, esponendo menti individuali delle piccole imprese, dell'incontro genovese
storico dal dopoguerra a oggi e, mentre l’economia veneta, contenuta nel rap- un semplice biglietto: “Chiuso per ces- e alle migliaia di contratti a termine non che, molto probabilmente,
molte imprese sono passate dal regime porto di Veneto Lavoro sulla congiun- sata attività”. Mai un giorno di cassa in- rinnovati” dice Emilio Viafora, segreta- sarà contestato da un
ordinario a quello straordinario entran- tura. Nei primi sette mesi dell’anno le tegrazione, mai segnali di difficoltà fi- rio generale della Cgil veneto. presidio operaio.
Poi non dite
che non
lo sapevate.
TIM VODAFONE
Valori mensili Power 800 Tutto Compreso 500 Più Facile Medium

Canone 50€
mensile 29€ 29€ 25€ in promo per 12 mesi

Minuti inclusi 800 500


verso tutti (max 200 a sett)
500 + minuti illimitati vs 1
numero Vodafone

SMS inclusi 200


verso tutti (max 50 a sett)
NO NO
Internet 2 GB
incluso sotto rete 3
NO NO
Durata
minima 12 mesi NO NO

Power 800.
Il nostro abbonamento più conveniente
per il tuo smartphone.
3: Attivabile portando il numero. Pagamento con Carta di Credito o RID, durata minima 12 mesi, corrispettivo di 120€ per
recesso anticipato. Tariffazione al secondo. Extrasoglia: voce 15 cent.€/min + 15 cent.€ scatto alla risposta; SMS 15 cent.€/cad;
Internet sotto rete 3 5€/GB; Internet in roaming nazionale GPRS 60 cent.€/MB. Per ulteriori info su copertura, condizioni, limitazioni
sul traffico dell’abbonamento e costi www.tre.it o i 3 Store. TIM: Offerta senza vincolo e senza corrispettivo per recesso anticipato.
Portando il numero, in promozione fino al 30/09/2010, rimborso per 12 mesi sul traffico effettuato per chiamate ed SMS
nazionali dell’importo (IVA inclusa) pari alla Tassa di Concessione Governativa ad uso personale di 5,16€. Tariffazione con
scatti anticipati di 30 secondi. Voce extrasoglia 16 cent.€/min. Pagamento con Carta di Credito o RID. Per info, opzioni attivabili
e altri costi www.tim.it. VODAFONE: Offerta senza vincolo e senza corrispettivo per recesso anticipato. Portando il numero,
cambiando piano o attivando un nuovo numero, in promozione sconto del 50% sul canone mensile per 12 mesi. Tariffazione al
secondo. Voce extrasoglia 29 cent.€/min senza scatto alla risposta. Per info, opzioni attivabili e altri costi www.vodafone.it. Per
tutti gli abbonamenti è prevista la Tassa di Concessione Governativa; i minuti e gli SMS inclusi sono su territorio nazionale. Confronto
effettuato in base ai costi rilevati sui siti Internet ufficiali degli Operatori il 23/08/2010 con riferimento alle offerte in Abbonamento.
Giovedì 16 settembre 2010 pagina 15

DAL MONDO

VITTIME, POLEMICHE E PROTESTE


RATZINGER NEI GIORNI DEL “NO -PAPA”
La visita britannica rischia di essere un calvario
di Marco Politi di non osservare. Perché non è tori e intellettuali hanno firmato veramente al margine. Stephen
stata fatta piena trasparenza sul una lettera aperta la “maschera- Hawkins, lo scienziato che ha
rosso come una bibbia, passato, perchè molti ecclesia- ta” di una visita di stato concessa sottolineato nel suo ultimo libro

G rosso come l’annuario


pontificio. È il “Testamen-
to dei sopravvissuti”. Le
vittime di pedofilia vogliono
presentarlo a Benedetto XVI,
stici colpevoli di insabbiamenti
non rispondono ancora delle lo-
ro azioni, perché alle vittime
non è stata resa finora piena giu-
stizia. “Saremo presenti agli ap-
alla Santa Sede, accusata di vio-
lare diritti umani. Ultima brutta
notizia: la defezione dal seguito
papale per motivi di salute del
cardinale Kasper, campione
“The Grand Design” l’inutilità di in-
vocare la presenza di Dio nei pro-
cessi di formazione dell’univer-
so, è la rappresentazione plastica
della sfida intellettuale e religio-
che stamane atterra in Gran Bre- puntamenti religiosi del Papa a dell’ecumenismo e molto critico sa a cui è chiamato il Papa. E cer-
tagna dove resterà fino a dome- Londra per cercare di incontrar- del nuovo ateismo. to al teologo Ratzinger l’essere
nica. lo”, spiega la Kennedy, aggiun- Intanto gli allibratori accettano provocato in senso alto piace. E
Trenta storie di violenze, che gendo: “Niente di aggressivo, scommesse su tutto, mentre l’in- lo stimola. (D’altronde l’ateo Ha-
Margaret Kennedy dell’organiz- ma riteniamo giusto che degli felice idea dell’episcopato catto- wkins è un assiduo invitato ai
zazione Macsas (Sopravvissuti abusi si parli con il Papa in lico di chiedere 25 sterline ai fe- simposi dell’Accademia pontifi-
di abusi sessuali del clero) ha un’arena aperta e non in incon- deli che vanno alle messe (per le cia delle Scienze). Perciò l’atten-
chiesto alle autorità cattoliche tri segreti”. Quanto ha fatto fino- spese di trasporto, organizzazio- zione di tutti è focalizzata sul di-
di Londra di poter consegnare al ra la Chiesa è insufficiente. “Di- ne, sanità e sicurezza) ha fatto ca- scorso che terrà agli esponenti
Papa, ricevendo un cortese ri- cono Sorr y, ci dispiace, ma non lare vistosamente le adesioni. culturali, sociali e religiosi a We-
fiuto. “Mi hanno detto che lo da- hanno messo in piedi program- Probabilmente si arriverà ticket stminster Hall venerdì pomerig-
rebbero loro, ma noi vogliamo mi concreti e non hanno risar- con prezzi last minute per riem- gio. Contrastare la de-cristianiz-
metterglielo in mano personal- cito le vittime. Non bastano le pire le platee. zazione dell’Occidente è in ogni
mente”. Non è un dettaglio. Pa- parole. Chiediamo un aiuto ve- Se il viaggio è difficile, per Rat- caso per Benedetto XVI la mis-
pa Ratzinger incontrerà in In- ro, chiediamo che si riconosca- zinger è anche una sfida affasci- sione prioritaria del suo pontifi-
ghilterra alcune vittime come no tutti gli insabbiamenti e i tra- nante. Il vero significato per il Pa- cato. A questo scopo ha creato
ha già fatto in Usa, Australia e Il “Testamento dei sopravvissuti” preparato dalle vittime di pedofilia persino un nuovo dicastero per
Malta. Ma Margaret Kennedey la “Nuova evangelizzazione”.
contesta questa abitudine di
“scegliersi” le vittime e di non
Le misure di sferimenti di chierici che hanno
abusato. Chiediamo che si pren-
sto di papa Ratzinger per “crimi-
ni contro l’umanità”. Preannun-
Contrastare IN QUESTA LUCE si spiega la
parlare mai con le organizzazio-
ni che le rappresentano collet-
sicurezza da atto che ci sono stati centi-
naia, migliaia di abusi, attraver-
ciano proteste i militanti gay, gui-
dati da Peter Tatchell. E covano
la de- decisione di celebrare domenica
a Birmingham personalmente la
tivamente. Troppo comodo. La
Kennedy, che a primavera ha
terranno so gli anni quasi in ogni istituto
religioso”. Non si tratta solo di
rancori quanti non hanno dige-
rito che il Vaticano si sia annesso
cristianizzazione beatificazione di John Henry Ne-
wman, teologo e intellettuale an-
partecipato ad un convegno del minori, ma anche di tante donne gli ultra-conservatori anglicani glicano che passò al cattolicesi-
gruppo Liberale all’Europarla- lontano i abusate sessualmente e psicolo- passati al cattolicesimo, perché dell’Occidente mo e divenne cardinale. Di Ne-
mento per sollecitare un’inizia- gicamente. in dissenso su clero gay, don- wman a Benedetto XVI non in-
tiva europea sul contrasto agli manifestanti ne-prete e la possibilità di avere è la missione teressa banalmente la conversio-
abusi, porta sempre un nastro PER BENEDETTO XVI il anche vescovi sia donne che ne come “acquisto”, ma la storia
viola. Con la scritta: Verità, Re- dai percorsi di viaggio in Scozia e Inghilterra si apertamente omosessuali. prioritaria di un pensatore-credente che ha
sponsabilità, Giustizia. Tre prin- profila come il più turbolento dei Il fiume del malumore si riverse- attraversato tutto l’Ottocento
cipi che rimprovera al Vaticano Benedetto XVI suoi 5 anni di pontificato. Ratzin- rà sabato sera nella marcia da del pontificato confrontandosi con il razionali-
ger ha in orrore le dimostrazioni. Hyde Park sino al n° 10 di Do- smo, il positivismo, lo scienti-
Forse non le vedrà direttamente, wning street, residenza del pre- smo e approfondendo la sua fede
tali e tante sono le misure di si- mier Cameron, che ha definito pa è il faccia a faccia con una real- anglicana sino a fondersi nel cat-
TEA PARTYI repubblicani curezza che impongono anche ai
fedeli di recarsi alle messe e agli
un “grande onore ed evento sto-
rico” l’arrivo di Benedetto XVI .
tà fortemente secolarizzata, do-
ve i cattolici sono meno del 9% e
tolicesimo. Di Newman è cele-
bre la convinta adesione al pri-
appuntamenti religiosi in pul- C’è da giurare che le autorità as- la frequenza alla messa degli altri mato della coscienza, la capacità
Usa vanno ko lman strettamente sorvegliati.
Ma il dissenso nei suoi confronti
sicureranno massima libertà. Co-
me già avvenne per analoghe, in-
cristiani ha percentuali contati
sulle dita di una mano sola.
di scavare nei dogmi senza ubbi-
dienza ottusa, il senso della Chie-
di Angela Vitaliano monta da più parti. Lo contesta- candescenti manifestazioni di A parte la tappa scozzese di oggi, sa e la valorizzazione del ruolo
New York no le vittime degli abusi. Lo con- massa contro papa Wojtyla a Benedetto XVI arriva in una delle dei laici. E un’idea di pontefice
testano gli atei militanti: prima Utrecht nel 1985 e a Berlino nel capitali-cuore dell’Occidente. non “infallibile per natura”. In-
olti candidati repubblicani oggi fanno apparire mo- 1996. Lo slogan è “Nope Pope”, Dove politica, economia, vita so- somma, un uomo di frontiera co-

M
dell’estate gli scrittori Richard
derato persino George Bush”. A dirlo è Bill Clinton Dawkins e Christopher Hitchens Papa-No. Ken Follet e altri cin- ciale, trend culturali sono total- me si sente probabilmente an-
nel corso di un incontro per raccogliere fondi per il minacciarono di chiedere l’arre- quanta tra scienziati, scrittori, at- mente sganciati dalla fede e Dio è che Ratzinger.
candidato democratico del Minnesota, Mark Dayton.
In uno stato che da 24 anni non elegge un democratico, Clin-
ton, facendo riferimento all’affermazione dei candidati del
Tea Party in quasi tutte le primarie del GOP, chiarisce che “il
Tea Party di Boston protestava contro l’abuso del potere, oggi
si sta scambiando il potere pubblico con l’abuso di potere
“I Rom prendeteveli voi”
privato”. I risultati delle primarie di marteì, nel confermare SARKOZY RISPONDE IN STILE LEGA ALLE ACCUSE DELLA UE. E BERLUSCONI LO APPOGGIA
l’appeal dei candidati più conservatori ed estremisti del par-
tito repubblicano, ravvivano, in qualche modo, le speranze di Gianni Marsilli portazioni e i campi di stermi-
proprio per i democratici che, tutti i sondaggi, danno in forte Parigi nio” e le espulsioni a bordo di
calo alle prossime elezioni di novembre. Inevitabile chieder- aerei. Altri membri del governo
si, dopo la vittoria in Delaware di una candidata come Chri-
stine O’Donnel (dalla quale ha preso le distanze lo stesso
partito), se il GOP riuscirà davvero a prevalere al Senato in
Vlasolano gli stracci tra Parigi e
Bruxelles, o meglio tra Nico-
Sarkozy e la Commissione
si sono espressi in termini ana-
loghi. Fino al pranzo di ieri, do-
ve Sarkozy era l’ospite d’onore
uno Stato blu, così lontano dall’estremismo, in perfetto stile europea, sulla questione delle dei senatori della maggioranza.
Palin, dell’inaspettata vincitrice. La O’Donnel, oltre a non espulsioni di rom. Martedì Vi-
avere alcuna esperienza significativa, nemmeno in ambito viane Reding, commissaria alla IN QUELLA SEDE piuttosto
professionale, è più famosa per le sue clamorose “gaffe” che Giustizia, aveva dedicato alla formale il capo dello Stato se n’è
per interventi di una qualche sostanza politica. Francia una ramanzina in piena uscito così: “È scandaloso e inac-
regola: “Pensavo che l’Europa cettabile che l’Europa si espri-
DI LEI SI RICORDANO le esasperate battaglie per la ca- non sarebbe stata più testimone ma in tal modo. Non c’è nulla da
stità, (famosa l’intervista di qualche anno fa, in cui dichiarava di questo tipo di situazioni dopo rimproverare alla Francia, ma se
che anche la masturbazione è un atto di offesa a Dio in quanto la seconda guerra mondiale”. i lussemburghesi volessero
gesto egoista) e per la verità (alla domanda se avrebbe mentito L’accusa era d’aver “discrimina- prendersi i Rom, ebbene, non Nicolas Sarkozy e Viviane Reding (FOTO ANSA)
a un nazista per proteggere un ebreo, lei rispose che avrebbe to” i Rom, esplicitamente addi- c’è alcun problema”. Frasaccia
ascoltato ciò che Dio le avrebbe suggerito di fare). Critica per- tati in una circolare del governo da osteria, che ha suscitato un che suonano come una censura: La situazione si sta attorcigliando
sino di Bush, la O’Donnel ha condotto una campagna eletto- francese come bersaglio “etni- putiferio e ulteriormente isola- è toccato al portavoce governa- in una pericolosa spirale. La po-
rale degna della sua supporter numero uno, Sarah Palin, at- co” privilegiato della politica di to Parigi. E a gettare benzina sul tivo affermare che “nessuna di- lemica rischia di resuscitare le
taccando il suo rivale, Mike Castle, un moderato eletto per ben espulsioni. La circolare è stata fuoco è arrivata la dichiarazione scriminazione è autorizzata ver- pulsioni “sovraniste” e anticomu-
nove volte, senza riserva di colpi e arrivando a far girare (pur corretta nei giorni scorsi to- a le Figaro nel quale Berlusconi af- so minoranze etniche”. Critiche nitarie in Francia, le stesse che
negandone la “maternità”) un video in cui si avanzavano dubbi gliendo ogni riferimento espli- ferma di “sostenere Sarkozy”. da Bulgaria e Romania, paesi de- portarono al “no” referendario
circa una possibile relazione gay del senatore, al di fuori del suo cito ai Rom, ma nulla di tutto ciò Persino il presidente della Com- stinatari degli aerei carichi di sulla Costituzione europea. I toni
matrimonio. Non stupisce, dunque, che Castle, a meno di 24 era stato comunicato alla Re- missione Barroso, che con Sar- Rom (i quali oltretutto stanno e le parole sprezzanti di Sarkozy e
ore dalla sconfitta, faccia sapere che non sosterrà la O’Donnel ding, il cui compito è di vegliare kozy ha quasi sempre esibito sin- tornando alla chetichella in Fran- del suo governo rendono tutto
e si riserverà di far sapere a chi andranno “i suoi voti”. Il se- al rispetto delle regole comuni- tonia d’idee e scelte, ha dovuto cia, visto che nella Ue vige il di- più difficile. A cominciare dal
natore è in buona compagnia, tanto che un esperto come Karl tarie. Le autorità francesi sono prendere le distanze dichiaran- ritto alla libera circolazione). Consiglio europeo che si tiene
Rove ha espresso subito la preoccupazione che la possibile scattate come molle, offesissi- do il suo “personale sostegno” La Reding ieri non sembrava af- oggi a Bruxelles. La questione dei
vittoria in Delaware potrebbe essere cancellata dalla candida- me dal riferimento al secondo alla Reding. Il ministro degli fatto intimorita dai toni musco- Rom “non è all’ordine del gior-
tura “insostenibile” della O’Donnel. Stessa situazione nel de- conflitto e alle sue barbarie. Il Esteri lussemburghese, da parte lari di Sarkò. Ha spedito una let- no”, come faceva notare l’Eliseo,
mocratico Stato di New York, dove la vittoria di Carl Paladino, ministro per gli Affari europei sua, ha denunciato la scorrettez- tera a Parigi chiedendo “spiega- ma ne sarà certamente il convi-
la cui campagna elettorale è stata caratterizzata da battute raz- Lellouche ha parlato di “scanda- za “dell’amalgama tra le origine zioni” su quella circolare dicri- tato di pietra. E Sarkozy avrà il suo
ziste, potrebbe rafforzare il candidato democratico. lo” e di “falso processo a un Pae- lussemburghesi della Reding e le minatoria e sulla “compatibili- bel daffare per riportare un po’ di
se fondatore dell’Unione”, e ha sue funzioni di commissario eu- tà” con la normativa Ue e con la calma, dopo aver attizzato l’in-
tenuto a distinguere tra le “de- ropeo”. Anche da Berlino parole sua Carta dei diritti. cendio.
pagina 16 Giovedì 16 settembre 2010

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

TELEDURRUTI

LIBERA Cellino
Se sullo stop
alla A non
Muccino
Sconfortante
tirarsi pietre
Affleck
Chiuso
il caso che
Cucinotta
Rifiuta di
partecipare

FOLLIA
c’è l’accordo: tra registi lo vedeva al ricordo di
siamo degli italiani dopo accusato Troisi: voglio
imbecilli Venezia di molestie 30 mila euro

IN LIBERA TV
Storia dell’emittente
ti del duro articolo del giorna-
lista su D’Alema e Bersani, irri-
de il velato endorsement teso a
perorare il ritorno di Veltroni
(bersaglio tra i preferiti) e chiu-
de soave: “Auguri a tutti, torno
al cesso”. Sempre così, sette
volte alla settimana. Se solo Ab-
bate avesse saputo far di calco-
tisti, ubriaconi, sante e puttane
maledette (il fratello acquisito
Schifano, Dario Bellezza, Tano
Festa, Klein e altri nomi disper-
si in una memoria di frontiera).
Fulvio e la passione per i fran-
cesi e poi, senza più distingue-
re profili, confini e ambiti di
competenza, incarichi alla
co, assicura sul filo dell’assurdo
che d’ora in poi si occuperà so-
lo di se stesso. “Costruirò una
cattedrale, ci saranno molte gu-
glie con il volto di Fulvio Abba-
te (...) Ho commesso fino ad ora
l’errore che gli altri potessero
essere oggetto d’attenzione.
D’ora in poi solo automitolo-
lo, oggi sarebbe editorialista Biennale, cattedre e una teoria gia”. Mostra Ecce homo di Niet-

monolocale di Fulvio Abbate prìncipe in uno di quei fogli ri-


spettati e temuti, in cui la noia
rincorre il conformismo. Inve-
di collaborazioni (dalla Stampa
aNuovi Argomenti) regolarmente
saltate all’improvviso, per una
zsche, vaneggia, esonda. Op-
pure si imbuca al Premio Strega
costringendo alla precipitosa
ce Fulvio (che, indossata una bizza, una riga di troppo, un sal- fuga i letterati di regime o in-
parrucca verde, può diventare to nel vuoto. Così stupisce re- contra casualmente l’oggetto
di Malcom Pagani costo zero, con il massimo tas- di una breve stagione del quo- Fulvia in un amen) annega nella lativamente che a questo mae- di tanti strali, la deputata Pd Ma-
e Silvia Truzzi so di provocazione possibile. tidiano fondato da Gramsci, bolla casalinga di Teledurruti, stro del situazionismo, proprio rianna Madia appoggiata a una
La web cam da 40 euro, le gri- con cui Abbate, sfiorò il corpo a ospitata in una stagione, glorio- ieri abbia dedicato un elogio sdraio, in una situazione molto

A
da della figlia, le massime della corpo davanti alla statua di un sa e lontana, negli studi della ro- l’ex tana dei camerati del Secolo hemingwaiana a Dro. Con la
madre, il telefono che squilla e altro eretico, Giordano Bruno, manissima Teleambiente. E as- d’Italia, trasmutata forse in scusa di farsi perdonare, la
il primo pensiero che attraver- tra i tavolini vacui di Campo de’ sieme a lui, nell’Arca del deli- omaggio alla Patafisica (la blandisce bastonandola: “Ma-
sa l’amministratore unico e so- Fiori. “Mi hai rotto i coglioni, rio, gatti, nonne, figlie urlanti, scienza delle soluzioni immagi- rianna, sembri un ritratto del
lo dell’impresa che diventa Fulvio”, “Vediamoci fuori” e eredi di nobili casate, netturbi- narie) tanto amata da Abbate, Parmigianino, dolce e sempli-
realtà poi veicolata da Face- nell’imbarazzo generale, tra i ni, poeti del nulla, colleghi, de- da voce della fogna ad araldo di ce, non appari come pensavo
book e Youtube. Quarant’an- turisti che sciamavano ignari, li linquenti, imputati importuna- ipotesi estreme e moderne, fossi: una stronza ambiziosa”.
ni dopo il maoismo all’amatri- dovettero effettivamente divi- ti con compiacimento per stra- trattate con garbo. È il mondo
ciana e qualche lustro dopo dere. L’altro giorno, arrotando da. che si è rovesciato, non le di- Complimenti
aver strappato a suon di “vaf- la erre (falsa, moscissima solo stanze che si sono ridotte. E e non
fanculo” la tessera del Pci, fe- per vezzo) ha aggredito Fassi- L’articolo non è un caso che gli stessi ex
steggiando il superato decen- no: “Ho visto in televisione un del Secolo fascisti che lo avrebbero inse-
nio di un esperimento orgo- signore di nome Piero. Mi sono guito con la roncola ai tempi in E POI, subito, senza offrire
gliosamente solipisista, Abba- chiesto a che titolo parlasse, cui il trotskismo era una religio- tempo di reazione: “I miei tele-
i tempi belli e insensati in cui il te continua ad agitare le pro- chi fosse, se ci potesse final- LA CONTAMINAZIONE è ne distante dal laicismo e Guy spettatori diranno: questo idio-
sole della rivoluzione era fil- prie visioni. Colte, eccessive, mente liberare dalla sua pre- la sua droga, fin da quando con Debord un faro esistenzialista, ta, davanti alla figa non capisce
trato dall’ovale di Mao (e tutti egotiche con la cifra della pro- senza”. Poche ore dopo, in ac- una tesi sovversiva su Céline lo omaggino oggi gridando al più nulla”. In effetti, il sesso in
in fila, marziali, in una commi- vocazione tatuata sul cuore e cappatoio blu (solo uno dei mil- nel 1981, questo palermitano genio dell’artista incompreso, tutte le sue declinazioni è una
stione di idealismo, cialtrone- il verbo libero di colpire in le travestimenti in bilico tra il logorroico spiazzò professori e cacciato senza colpa, censura- delle ossessioni di Abbate. In
ria e ingenuità) e si ascoltava il ogni direzione: offendere è burlesque e il nudismo totale) relatori. All’epoca, sostenere to a ripetizione. Abbate, l’uni- mezzo ai libri di pregio, alle gui-
verbo dell’omologo italiano l’unica maniera di preservare sbeffeggia l’incolpevole Cur- che Louis Ferdinand l’antisemi- co sul suolo patrio insieme a de irrituali di Roma e ai romanzi
del dittatore cinese (Aldo la propria solitudine. Abbate zio Maltese: “In quest’ora del ta, fosse il più grande scrittore Berlusconi, a parlare di sé in ter- di valore, il poeta siciliano che
Brandirali) il militante di “Ser- se la prende con tutti. mattino, mi dedico a raggiun- del pianeta non era ancora di za persona, promette dal minu- ha in orrore le conventicole, gi-
vire il Popolo” Fulvio Abbate gere il bagno per cagare, attivi- gran moda, ma nuotare contro- scolo schermo di Teledurruti ra con la telecamera per Roma
era lontano dall’immaginare L’antagonismo tà normale e porto con me que- corrente, già all’epoca, era l’at- cambiamenti epocali. per una rubrica sobriamente
una televisione domestica. E iconoclasta sto giornale”. Agita il Venerdì di tività preferita da Abbate. Ful- In lascivo Kimono blu-elettri- intitolata: “Cazzi per l’estate”.E
nemmeno che i nemici di al- Repubblica, legge estrat- vio e il suo carro di pittori, ar- riprende, iperrealista, falli di
lora, i “fasci”, un giorno gli ogni dimensione dipinti sui
avrebbero dedicato un elogio
sul giornale di partito. Palin-
DIRETTORI di giornali, poli-
tici di destra e sinistra, sedicen-
Gli ex camerati muri per rabbia, noia, esibizio-
nismo. La locuzione, insieme a
sensto da monolocale: un non
luogo dedicato a un eroe anar-
ti scrittori, conduttori televisi-
vi, partiti. Non si contiene e
del Secolo ‘scopata’, gli piace immensa-
mente. La si ritrova in tutta la
chico della guerra civile spa- non di rado cerca la pugna an- sua poetica. Da Facebook: “Di-
gnola, Buenaventura Durruti, che en plein air, come accadde d’Italia ciamo la verità, Fb serve esclu-
da irradiare tra mura amiche, a con Mino Fuccillo, ex capitano sivamente a farsi i cazzi degli al-
scoprono tri”, ad Avatar, bollato di ignomi-
nia con un’epigrafe tombale:
la tv di un “Il film ha già rotto il cazzo” e
Costo zero per la libertà di parola poi giù, perché a un termine
(Come inventarsi uno spazio dal nulla) inguaribile adorato, se ne può come è noto
Millenovecentonovantotto, Teleambiente, scenario pauperistico. sempre legare un altro. È la con-
Una telecamera, due sedie e su una di quelle, Fulvio Abbate. comunista traddizione di Abbate: potreb-
Teledurruti nasce allora e prosegue, cambiando sede dopo un be legittimamente occuparsi di
passeggero stop nel 2003, direttamente a casa di Fulvio Abbate, 70 Pessoa, ma si butta regolarmen-
metri quadri a Monteverde Vecchio, a due passi da Trastevere. Un te su ciò che scandalizza di più.
ritratto di Buenaventura Durruti, anarchico e sindacalista spagnolo, In Sesso e scoregge, fulgido esem-
“Futurismo rivisitato a colori” di Mario Schifano che con Abbate Fulvio Abbate visto da pio di televisione monolocale
sognò a lungo il progetto di un tv monolocale e che in “Dillinger è Emanuele Fucecchi senza censure, dispensa consi-
morto” di Marco Ferreri era il dipinto salutato da Michel Piccoli al gli su come “evitare che i coni
grido, simbolico, di d’aria”, turbino l’alcova e
“Ciao addio”. Una l’amante. Si va dallo sciacquo-
piccola web-cam ne da tirare contestualmente al
posta su un computer, peto, per giungere ad altri altri
meno di 50 euro di abissi, veleggiando nello scato-
costo, voglia di logico, perché si può essere ari-
picchiare duro tra stocratici, ma alla fine si parla
madri, gatti, figli che anche a chi non ti avrebbe mai
irrompono ascoltato. La giustificazione
nell’immagine e equilibristica: “A Teledurruti si
rendono la finzione, può anche discutere di questi
reale. temi”. Domani, ancora in on-
da.
Giovedì 16 settembre 2010 pagina 17

SECONDO TEMPO

WEEKEND di Biondi, Colasanti, Collo, Pontiggia

Manuale di sopravvivenza

UN LEONE SENZA è STREET FIGHTING


YEARS
1989 - Virgin
Simple Minds

CRINIERA
Come insegna l’istrionico
Prince, per sopravvivere
bisogna spesso
reinventarsi. Il gruppo
scozzese di Jim Kerr l’ha
fatto per ben tre volte, con
successo: virando al rock

¸Cinema un’autrice, ne ribadisce la mecca-


nica degli affetti e la prosaicità della
trascendenza, ne conferma il suc-
– ma il problema di questo mes-
saggio positivo è il messaggero:
quelle del rocker di Correggio so-
grezzo (Sparkle In The
Rain) e strizzando l’occhio
al sound radiofonico
Da vedere cesso superiore al talento. Solo no in realtà note a margine, di un americano (Once Upon A
èè così, forse, si può abbandonare ospite inatteso se non, addirittura, Time). La terza svolta è
Commedia / USA una Ferrari con le chiavi inserite… inviso alla drammaturgia del film. stata la più credibile,
Somewhere (Fed. Pont.) Se non manca genuina e civile ingaggiando il “mago”
Di Sofia Coppola. Con Stephen emozione – da Falcone e Borsel- Trevor Horn per una
Dorff, Elle Fanning èè lino agli albanesi della Vlora, pas- produzione superba. Street
Sofia Coppola è onesta, ci dice su- Documentario/ Ita sando per i “campi di concentra- Fighting Years è stato
bito come vadano le cose al suo Niente Paura mento culturale” di Paolo Rossi – l’iperbole del gruppo grazie
protagonista, l’attore di successo Di Piergiorgio Gay, con Luciano il Liga è l’anello che non tiene, la al pathos di “This Is Your
Johnny Marco (Stephen Dorff): la Ligabue guest star che non brilla. Land” (con Lou Reed),
sua vita è la sua Ferrari nera che E’ Luciano Ligabue il frontman di (Fed. Pont.) “Belfast Child” e,
gira a vuoto nel deserto. Un po’ Niente paura di Piergiorgio Gay, soprattutto, della
papà Francis Ford, un po’ uno dei regista convinto che “la musica èè title-track: canzoni frutto
suoi ex spasimanti – da Spike Jonze popolare può raccontare l’Italia”. Drammatico / Ita dell’impegno politico a
a Quentin Tarantino – e un po’ lei D’altronde, il Liga è quello che La solitudine dei numeri fianco di Amnesty
stessa, Johnny ha fissa dimora chiude i concerti con “la buona primi International, con una
all’hotel Chateau Marmont di notte a tutti quelli che vivono in Di Saverio Costanza. Con Luca Sofia Coppola (FOTO LAPRESSE). In basso, Paul McCarthy, “Shit”, 2010 particolare attenzione alla
Hollywood, un non luogo come questo Paese ma che non si sen- Marinelli e Alba Rorhrwacher situazione dell’epoca in
tanti altri ma non a buon mercato: tono in affitto, perché questo pae- Rabbia e silenzi, corpi da tagliare e Costanzo (regia) e Paolo Giorda- è guerra: si parte dal 1948 a Ge- Sudafrica (“Mandela Day” e
tra lap dance, bevute e narcolessia, se è di chi lo abita e non di chi lo suture nelle memoria, salti tem- no (libro). Manco, appunto, ci si rusalemme, quando Hind Hussei- “Biko”, originariamente
gli arriva la figlioletta undicenne governa”. Dal Fuori concorso ve- porali e incroci raffinati, horror lu- trovasse all’opera: le ambizioni so- ni (Hiam Abbass) trova 55 orfani e scritta da Peter Gabriel).
Cleo (Elle Fanning) e l’esistenza neziano alla sala, un doc poco rock cido e mélo allucinato: sono in tan- no alte, il tessuto fitto di trame psi- li accudisce finché diventano quasi Purtroppo sarà anche
torna a sorridergli. Cioè, non su- che interroga la meglio Italia – da ti dentro questa Solitudine e ma- chiche e orditi cinefili, il mood 2000. Sul filo rosa, passano tre de- l’inizio del declino della
bito: prima sarà crisi, complice Va- don Ciotti a Stefano Rodotà, da linconia, partorita dal duo Saverio espressionista e tedesco, perché cenni: è il '78 quando una bambina band, dopo la successiva
leria Marini che sculetta sul palco Giovanni Soldini a Carlo Verdone oggi come allora di 7 anni arriva all'istituto, si chia- uscita del tastierista e
dei Telegatti, prima qualcosa do- – e la lega alle “canzoni e memoria, siamo in crisi, tut- ma Miral (Freida Pinto). Dieci anni compositore Mick McNeil,
vrà necessariamente perdersi memoria personale e memoria ti. Ma allora com’è dopo, mentre infuria l'Intifada, an- senza dubbio l’ingrediente
(Lost in translation). Leone d’Oro collettiva”. Fin qui tutto bene, o possibile che il li- drà a insegnare in un campo rifu- maggiore per la magia di
a Venezia, Somewhere consacra quasi – non sono solo canzonette? bro non sia, in giati. Per amore, solo per amore: questo album e del
realtà, adattato, e non di cinema, però. Miral di (?) Ju- precedente capolavoro
il film, in realtà, lian Schnabel nasce dal cuore, il New Gold Dream.
non sia di Costan- suo, che batte per Rula Jebreal, au-
ARTE di Claudia Colasanti zo: nessuno dei trice del romanzo di riferimento. Il
due è riconoscibi- risultato, appunto, ha altre ragioni
CARRARA, TRA MARMI le con certezza, la
paternità delegata
che l'arte: quella che Schnabel ci ha
fatto apprezzare rimane nelle in-

E PROVOCAZIONE e rimpallata, in un
gioco di gentilezze
che lascia tutti
quadrature sghembe, nelle satura-
zioni, negli effetti flou e nella mac-
china a mano che tutto può ma, al-

Rmentiimuovere in un sol colpo il vetusto e re-


torico immaginario dei colossali monu-
commemorativi ispirati a capi di stato
collocata in una delle vie del centro e il mo-
numento con angioletti dedicato alla memo-
ria craxiana (decisamente e volutamente
scontenti e qualcuno cornuto.
Verrebbe da ficcarci il naso in que-
sto thriller nel thriller, ma quale
meno qui, nulla stringe. Insomma,
poca roba, e incongrua: perché
tutto il resto è fiction, che oscilla
e a tramontate marmoree bellezze. E farlo kitsch) di Maurizio Cattelan collocato, in se- naso? Piccola, mezzana e grande tra Women without Men della
nel luogo assoluto e storico della loro crea- conda battuta, nel cimitero di Marcognano. (Alba Rohrwacher), Alice ha più Neshat e le produzioni con Ma-
zione: Carrara. Al timone per la prima volta L’intera rassegna, che accoglie le opere rea- profili che nel Paese delle meravi- nuela Arcuri, sotto la bandiera del-
della Biennale di Scultura, giunta alla 14° lizzate sul luogo da artisti internazionali qua- glie: strano che i giurati stranieri di la causa palestinese senza se, sen-
edizione, Fabio Cavallucci ha fatto centro in li Santiago Sierra, Antony Gormley, Cai Venezia non siano riusciti a seguir- za ma e con caviale. Se Schnabel
questa impresa, demolendo l’utilità del mo- Guo-Quiang, Urs Fischer e Gillian Wearing si la. O forse è la legge dei grandi nu- pare accorgersi solo oggi che da
numento intriso nelle sue centenarie valen- snoda in molte sedi, edifici dismessi dove i meri? (Fed. Pont.) quelle parti esista un conflitto, la
ze politiche e nella segnalazione assoluta del segni dell’abbandono sono evidenti, contri- conseguente spudoratezza è par-
potere. Certamente non in maniera indolo- buendo a evidenziare lo scollamento tra il Da non vedere tigiana quanto controproducente,
re: al centro di polemiche e sguardi nauseati vecchio e il nuovo (e forse) possibile con- e la prima persona singolare della
(e divertiti) la gigantesca cacca in prezioso cetto di monumentalità. è Jebreal, in cammeo automobilisti-
travertino noce -- pesante 15 tonnellate, lun- Postmonument. XIV Biennale Internazio- Drammatico / Isr-Usa co nel finale, diventa il miraggio di
ga tre metri e sessanta centimetri per due
metri e ottanta di larghezza e alta un metro e
venti -- del solito malandrino Paul McCarthy
nale di Scultura di Carrara. Sedi varie. Car-
rara. Ingresso euro 8, ridotto 4. Orari info:
0585641477. Fino al 31 ottobre 2010
Miral
Di Julian Schnabel. Con Frida Pinto
Tre generazioni di donne, tre ger-
un film che non c'è. (Fed. Pont.)
CD in uscita ³
mogli di vita, mentre là fuori tutto è SUPA
Dico il vero
Fabrizio Nano è una voce
importante dell’hip hop
& LIBRI
MARE, VENTO E STORIA CHE SOFFIA VIOLENTA italiano, ha un grande talento
e un nuovo disco in uscita
prodotto da Dj Nais. È,
insieme a Noyz Narcos, la
èèè la feroce repressione scate- L’espediente letterario di terno un diario fatto di Aa.Vv./ Einaudi proposta più originale che
Storico nata dai franchisti durante e trovare un manoscritto in e-mail, allegati e via digitan- E cosa mai potrebbe dire il arriva dall’underground.
Uomo senza nome dopo la Guerra Civile, e in- una bottiglia, o un diario do. Sono parole, pensieri, povero recensore di fronte “Zeitgeist” è il manifesto
Suso De Toro/ Gran Vìa fine nel corso dell’assedio di dentro un cassettone, o un impressioni, confessioni, a un libro come questo? ideale per la generazione che
Un libro bellissimo e terribile Stalingrado. Una serie di ter- pacco di lettere impolvera- sensazioni. Un contenitore Come si fa a non scrivere si informa solo sul web,
da parte di uno dei più noti ribili flash-back senza ripen- te legate con un nastrino è pressoché infinito in cui banalità davanti a una squa- “Ognuno vale uno” è
giornalisti e scrittori galiziani. samenti e senza pentimenti. vecchio come il mondo l’autrice fonde politica, de- dra di all-stars come Co- dedicata al Movimento
Suso de Toro (Santiago de Lo sconvolgente diario di un (della letteratura). In questo sideri, poesia, storia, crona- nrad, Stevenson, Pessoa, cinque stelle di Grillo. Cita
Compostela, 1956), raccon- boia. O, come ha annotato caso Giulia Fresca - giovane ca, memoria personale e al- García Márquez, London, Orwell: “dire la verità è un
ta infatti, attraverso ricordi – l’autore: “un teatro d’ombre calabro-lucana ingegnere trui. Forse la carne messa Melville, Kafka, Pavese, atto rivoluzionario”.
e tanti incubi – il passato di un in cui si rappresenta una sor- per professione, giornalista sul fuoco è un po’ troppa, Montale o Conan Doyle (Gu. Bi.)
vecchio malato terminale in- ta di dramma religioso, una per piacere e scrittrice per ma l’impegno sicuramente (solo per citarne alcu-
chiodato in un letto di ospe- specie di atto sacramentale”. passione – adatta questo ammirevole. ni…)? è BEAUTIFUL
dale. La sua è stata una vita Imperdibile. (Pa. Co.) gioco letterario alla nostra (Pa. Co.) Un’impresa meritevole, Al-Kemi
dedicata al Male: quello vero, epoca elettronica e s’inven- quella del “commodoro” Immaginate un pugno di
fatto di torture e assassinii, di èèè ta il ritrovamento – in un èèè Giorgio Bertone, che ci re- grandi artisti riuniti in un
violenze e di comportamenti Romanzo futuro prossimo, il 2035, Racconti gala in circa 600 pagine un as- luogo fuori dal tempo (il
atroci. A Berlino, con l’avven- Sognatore di algoritmi per l’esattezza – di un “vec- Racconti di vento e di saggio – naufragi, misteri, teatro Petrella di Longiano)
to del nazismo, in Spagna con Giulia Fresca/ Pellegrini chio” cd-rom con al suo in- mare scoperte, rotte, silenzi - di con l’unico obiettivo di
quella sterminata letteratura esprimere a briglie sciolte
che ha il mare per protago- sonorità improvvisate. È
LE VERITÀ TERRIBILI DI DE TORO E LE AMBIZIONI ECCESSIVE nista. Aspettiamo il secondo quello che hanno fatto
volume. Gianni Maroccolo, Howie B
E CONFUSE DI GIULIA FRESCA (Paolo Collo) e i Marlene Kuntz: si respira
assoluta libertà.
(Guido Biondi)
pagina 18 Giovedì 16 settembre 2010

PERCORSI PERCORSI

SMART
a cura di Eugenia

KARIN KERKENBUSCH
Romanelli
¡ TIME smartime@ilfattoquotidiano.it
C ari lettori, leggendo le
vostre pubblicazioni
sulla bacheca del gruppo
Smartime su Facebook, ci
siamo imbattuti nel link di
Amanda Freiburg ai corsi di
risoterapia dell’Accademia
del Comico per “sfruttare
l'umorismo come risorsa per
il proprio benessere personale, avere un
pensieri di cuore
Y
Smartime/Comicità

RIDERE
PER VIVERE
pare, faccia anche bene a
addominali (ridere per 1
minuto equivale a 10 minuti
di vogatore), colesterolo
(abbassa il tasso di grasso nel
sangue) e stress (il cuore e la
respirazione accelerano i
ritmi, la tensione arteriosa
cala, i muscoli si rilassano),
come del resto ha sempre sostenuto anche
Da non perdere
è ROMA
Marisa Di Pasquale
C
Appena inaugurata la mostra
al ristorante “La cicala e la
Formica” (v. Leonina, 17) di
un’artista che ritrae la
solitudine in chiave ironica e
Pop

è JESOLO
Food 4U Video Festival
atteggiamento positivo e più aperto, essere in Patch Adams. Per non parlare, soprattutto nel Da sabato a martedì, studenti

VOLARE APPESI
armonia con gli altri e accrescere la propria caso della satira (genere attento criticamente a e insegnanti provenienti da 16
autostima, conoscere i propri limiti e saperli politica e società, di cui mette in mostra le paesi europei saranno i
trasformare in punti di forza, comunicare più contraddizioni per generare cambiamenti), protagonisti delle 3 serate di
efficacemente e sdrammatizzare tensioni e delle sue potenzialità sovversive di qualsiasi proiezione dei 33 spot finalisti
conf litti”. In effetti, che il conoscere la propria ordine prestabilito (Benigni, Grillo, Fo, del concorso (food-4u.it)
Vis Comica permetta un’evoluzione di sè e dei Luttazzi, Bergonzoni, Albanese sono solo
rapporti con gli altri e la vita, lo sanno in tanti alcuni dei maestri nostrani). Prima di lasciare è ROMA
e da tanto: per i latini e i greci “umorismo” la parola alle vostre pubblicazioni on line, un I bambini nelle carceri

A UN AQUILONE
(umorert-rem e yg-ròs, ossia “liquido”, inchino alla comicità rosa, più recente ma, italiane
“umido”) deriva il suo significato “dalle teorie nelle sue differenze, altrettanto trasformativa “Che ci faccio io qui?” è la
della medicina ippocratica che attribuiva a dei di quella maschile (come dimenticare alcuni collettiva fotografica esposta
fluidi (umori, appunto) l'influenza sulla salute passi di Marchesini, Massironi, Finocchiaro, alla Sala Santa Rita fino al 29
e l'indole degli uomini” (Wikipedia). L'essenza Cortellesi, Littizzetto, Guzzanti, etc). # Giorgia (contrasto.it)
dell'umorismo insomma risiede nel legame Vezzoli ricorda, sabato, la campagna milanese
con l'emotività più istintuale e inconscia. "Liberi di Volare" contro la strage di uccellini è BOLOGNA
Senza scomodare i mostri sacri che se ne sono in Italia; # Max Casaccius ci invita, stasera al Arte + medicina
occupati (Ralph Waldo Emerson, Henri
Sui cieli sopra Cagliari con la regina
Circolo degli Artisti, a KICK IT!; # Maria Domani alle 18 alla galleria
Bergson, Luigi Pirandello, Sigmund Freud, Messina segnala Officina Temporanea, domani Oltre Dimore inaugura la
etc), ci accontentiamo di riconoscere a Buster a Milano; # Riccarda Patelli pubblica l’evento mostra “Soul scanner” in cui
Keaton, Stanlio&Ollio, Fratelli Marx, Chaplin, di domenica a Firenze, Take the Peace Train,
dell’ultimo sport estremo: il Landkite Totò il merito di aver per primi riunito tutto il
mondo in una stessa grande risata. Cosa che,
per raccogliere fondi a favore della
Sanganigwa Children’s Home in Tanzania.
Alessandro Brighetti mette a
nudo l’essere umano con la
tecnica dei raggi X -
normalmente utilizzata in
ambito medico
hi, tra voi, più del pinda- dove il pilota deve avere la targa ra il buggy, un carretto a tre ruo- quantina. Ma poi ci sono le loro Amiamo la natura, l'aria aperta, po' di soldi bisogna averne: Blog. Siti. Gliel'ho detto, siamo da terra. Intorno al sito si è crea-

C
(oltredimore.it)
rico, ama il volo reale, fac- al mountainboard e un patenti- te, il mountainboard e i pattini”. famiglie, i fan, il pubblico, i prin- stare in compagnia, migliorarsi, “Senza'altro ci vuole una certa ancora nell'underground”. Le ta una rete: foillia.it, mountai-
cia il biglietto per Cagliari no, si potrebbe fare una forma- Qual è l'equipaggiamento da cipianti. La distesa dove si vola confrontarsi”. Ricorda un po' la autonomia. L'attrezzatura co- donne sono pochissime: lei co- boarditalia.it, kite-buggy.fo- Suoni è CUNEO
e raggiunga la salina di zione adeguata”. Che differenza landkite? “Le protezioni, tipo gi- di notte si trasforma in un ac- cultura surf anni '80: “Anche sticchia, i viaggi per i raduni pu- me ha iniziato? “Nel 2004: quan- rumfree.it, etc, e con Facebook PETRALANA: SIAMO TUTTI UN PO' IL COSIMO DI CALVINO Video Vj artistico
Macchiareddu dove, sabato e c'è tra il landkite e il kitesurf? “Il nocchiere, gomitiere e para- campamento con tende e cam- per noi la passione viene prima re. E poi bisogna sempre man- do ho scoperto il landkite mi so- siamo entrati in contatto con Martedì “Ten-Zoom”, a cura
domenica, si incontreranno ri- kitesurf può essere fatto su ac- schiena, un aquilone da trazio- per e si sta tutti insieme”. Gareg- di tutto, non vogliamo condizio- tenersi allenati fisicamente”. no innamorata e ho mollato lon- tutti i rider del mondo. Nell'ul- Bella l'idea di mettere in musica un romanzo, soprattutto di Set-in, nel Parco Fluviale,
der di landkite da tutta Italia. L'e- qua, su neve e su terra. Per ne, cioè il kite, un buggy o dei gerete? “Ci saranno due gare di namenti da soldi e mode di mas- Come si fa a conoscere i calen- gskate, snowboard e mountain- timo anno e mezzo abbiamo fat- se è appartenuto a tutti noi: “Il Barone Rampante” di dalla notte all’alba
vento è clandestino? “Diciamo ognuna di queste pratiche si pattini o il mountainboard. Ma velocità, sia per mountainboard sa”. Eppure per fare landkite un dari del landkite? “Passaparola. board discesa. Poi ho fondato to 10 eventi di landkite”. Il suo Calvino. Il libro prende corpo sulle note di chitarra, basso, (ph2oarte@libero.it)
spontaneo – spiega Karin Ker- usano mezzi diversi: su neve molti usano mezzi autocostrui- che per buggy, cioè di freestyle. l'associazione e aperto dirtcor- sogno? “Vogliamo creare scuo- piano, violino, contrabbasso e batteria che con la voce di
kenbusch, referente nazionale snowboard e sci, su acqua tavo- ti. All'evento sardo partecipe- È il primo evento che ha gare or- ner.com, un negozio web spe- le, stage, spazi, ma ci vuole una Tommaso Massimo riscrivono quelle è ROMA
della nuova disciplina e campio- le simili a quelle da surf e su ter- ranno anche carri a vela, picco- ganizzate”. Chi arbitra? “I rider è PRATICHE BESTIALI cializzato in tavole per kitesurf federazione che ci accolga”. pagine con una dolce tristezza di fondo. A fianco, il cd dei Incontra Ken Loach
ne del mondo 2010 di discesa le barche a vela da stessi. Il bello di questo sport è Destini di animali Chi di noi non si sente un po' Cosimo di Petralana. Sotto, un lavoro “Il mio amico Ken” sarà al
libera femminile in mountain- strada”. Quanta che è pacifico, la competizione questi tempi? E forse, come quel di “Suspicious Activity” Centro di Cultura Ecologica,
board (tavola ibrida tra sno- gente partecipe- mantiene il suo significato lati- Torino. È la mostra personale di due artisti bambino, vorremmo salire su un albero Parco di Aguzzano, martedi
wboard e skateboard da sterra- rà? “I piloti sono no, cioè andare avanti insieme”. milanesi, i pittori Maria Jannelli e Renato Galbusera, e guardare questo strano mondo dall'alto per non alle 18
to). È che in Italia ancora non di solito una cin- Che tipi siete? “Spiriti liberi. che sarà inaugurata il 23 settembre alle ore 18, Fumetti scendere più. I Petralana ci sono saliti sull'albero: e da lì (centrodiculturaecologica.it)
esiste una regolamentazione uf- presso la Galleria d'Arte Moderna e LA MUSICA NERA CHE SUONA SU CARTA hanno raccontato in musica una storia che va ascoltata
ficiale per questo sport”. Lei pe- Contemporanea Arteincornice. Ispirata dalla prima all'ultima nota. Suadente e confortante la è MILANO
rò è presidente dell'Associazio- all'omonima opera di Franz Marc (1913), grande Dici Musica Classica e pensi a un teatro, dici Rock e pensi a uno stadio, dici Jazz e pensi a un voce, caldi e indolenti i ritmi, dolce il violino e morbida la Kustom & Art Show
ne Mountainboard Italia, che fa composizione che congiunge i destini degli uomini e locale fumoso. Luoghi comuni, ma non c'è modo migliore di compendiare la storia della batteria per un lavoro composito e piuttosto organico Da domani a domenica il
parte della Federazione Italiana Possibilità degli animali nella visione apocalittica della guerra musica nera per antonomasia, che partendo da qui: magari dal Three Deuces Club dove, che si lascia ascoltare senza soluzione di continuità. Si quartiere Isola si trasformerà
Hockey e Pattinaggio: “La Fede- TRANS-MISSION donando emozioni profonde, la mostra è stata alla fine degli anni '40, si esibiva Charlie Parker in coppia con Miles Davis. Philip Paquet, aggiungono poi alcuni interventi artistici molto riusciti in set di arte urbana:
razione comprende tutte le di- concepita come la prima tappa di un lavoro di autore belga talentuoso e poliedrico (anche musicista), crea i suoi 5 pezzi facili come se si come la fisarmonica di Mirko Guerrini, la viola di Giulia miniramp da skate, roboanti
scipline di discesa in mountain- Torino. La Central del Cirque sensibilizzazione del mondo dell'arte e dell'opinione trattasse di reinterpretare degli standard. Così gli episodi sono infarciti di genio e Nuti o il contrabbasso ad arco di Ferdinando Romano: Harley Davidson, automobili
board ma non il landkite, cioè il di Barcellona, la Grainerie di pubblica alla tutela dei diritti degli animali. Tra i sregolatezza, di alcool ed eroina, di miseria e improvvise fortune, di discriminazione razziale ospiti che conferiscono classe a tutto il lavoro. customizzate, artisti e skater
kitesuf praticato a terra”. Per- Scene Balma, l'Espace Catastrophe di differenti “Destini di Animali” rientrano le e successive rivalse: a fare da trait d'union il tappeto di note che pare di sentire risuonare in internazionali si alterneranno
ché? “È uno sport nuovo e co- I SEMI DI LUCIFERO DALLA TUNISIA Bruxelles e Zelig di Torino coccinelle, rappresentate tra una molletta da bucato sottofondo. Il disegno è in un Petralana, “Oggi cadono le foglie”. Suburban Sky Records con le loro esibizioni, tra
stoso, sono ancora pochi quelli sono i 4 partner che collaboreranno al progetto e l'altra all'interno delle opere della giovane artista bellissimo bianco e nero; i testi è OCCHIO! (myspace.com/petralana) Block Party & Lowbrow Art
che lo praticano, non ci sono gli Roma. Vengono dalla Tunisia gli Art Trans-Mission in sostegno alla creazione circense per la Valentina Galletta, che proseguono, nella sala alternano corsivo a stampatello. Porte chiuse dalla Camorra Vera Risi risi@bazarweb.info (392.9809737)
spazi adatti e soprattutto è dif- des deux rives e propongono, questa produzione e la diffusione di nuovi progetti di spettacoli di attigua, il filo conduttore della mostra pittorica. Elementi che rendono al meglio lo
ficile da assicurare”. È pericolo- sera alle 21.15, “Zirriât ibliis” (I semi circo contemporaneo. Fra tutti i candidati selezioneranno Adatta a tutti, anche a coloro che credono di avere scorrere dell'espressione più tipica Napoli. Da domani (h. 21) a domenica, Porta Capuana sarà è CERNOBBIO
so? “Come tutti gli sport estremi di Lucifero). La location è la Festa e sosterranno in modo intensivo e continuativo 4 un cuore chiuso :) di questa musica, l'assolo chiusa da una installazione di 112mq dal titolo “Le porte Music On Air 2010
necessita di una preparazione. d'Africa, un festival dedicato alla compagnie circensi professionali che proporranno un improvvisato: una base chiuse dalla camorra”, di Rosaria Iazzetta, perchè “non esiste È il nuovo salone
Se ci fosse una re- cultura del continente progetto per 4-6 artisti in pista. I partner accoglieranno i ar teincornice.it romantico-malinconica interrotta modo migliore di dire la verità, se non manifestarla”. L’artista, internazionale della musica
golamentazio- Sopra, Karin Kerkenbusch. nero, giunto alla sua vincitori in “Residenza di Creazione” sui 4 territori Federica Pirrone pirrone@bazarweb.info da improvvisi lampi d'intelligenza. già schierata a Scampia, Ercolano e Pompei, attraverso l’arte si (in onda, nell’aria, dal vivo),
ne, come in mol- Sotto, un’opera di Ben Vautier nona edizione grazie alla offrendo contributi finanziari, accompagnamento impegna con chi vuole una volta per tutte passare dalla è QUEER tra laboratori di idee, talenti,
ti paesi europei esposta allo Spazio MAKS tenacia di Daniela personalizzato durante la creazione e la presentazione “Snapshots”, Philip Paquet. consapevolezza all’azione. Lo scatto fotografico inedito Sogni e incubi camp nuovi stili, improvvisazioni,
Giordano. La lingua è degli spettacoli durante la programmazione dei propri Scritturapura Editore, 12 euro occluderà tutta l'ampiezza di quella che è un’importante della nuova arte pop sperimentazioni e innovazioni
quella originale, l'arabo festival nel 2012. La scadenza 27 settembre. Ciro Bertini memoria storica “al fine di ricordarci il buono che dentro (moaonline.it)
è VISIONI (sottotitolato), ma non spaventatevi: Piccoli bertini@bazarweb.info abbiamo e che per troppo tempo, per colpa di abitudini Roma. A causa del contrasto tra i
Il Festival di San Sebastian + l'emozionante tappeto sonoro di zeligspettacoli.it, lacentraldelcirc.cat, la-grainerie.net, MAMME SEMPRE IN FORMA sbagliate come la mala-tolleranza, lo abbiamo indirizzato alla colori vivi e la malinconia delle è ROMA
“Il profeta” in dvd Evelina Meghnagi e la musicalità della catastrophe.be, resa e al malessere senza lasciarci mai la possibilità di riscatto, immagini o forse per l'atteggiamento Co2 Contemorary Art
lingua sapranno restituirvi in fossanomirabilia.com Roma. Artefici del loro destino (e di quello altrui), nel nome dell'amore” (Stefania Russo): infatti, nel 1484 Porta camp che si traduce in una minuzia L’inaugurazione della nuova
San Sebastian. Vale la pena pienezza l'emozione di un testo che Riccarda Patelli Linari benefattrici più che magnanime, idealiste pratiche, Capuana era l’accesso alla descrittiva di dettagli, sfumature e sede è oggi alle 19 con la
cliccare al volo un low cost per Ibrahim Ben Amor ha tratto da varie patellilinari@bazarweb.info moltiplicatrici di occasioni. Cosa riescono ad “essere” - e a città e le sue torri segnalavano orpelli, la nuova arte pop parla un mostra di Santiago Morilla a
raggiungere la località basca e opere di Jean Genet (è tutto diventare - le mamme multitasking di oggi? Elaine e Monica, la Virtù e l’Onore. linguaggio che piace molto al conclusione del percorso in
godere di un festival dedicato alle donne, private neo-mamme con tanta voglia di “accudire” le loro sorelle, Stili Chiudendola si spinge a Partecipare pubblico gay. Per un'immersione nel tre tappe dal titolo NIDI
cinematografico (da domani al crudamente della loro libertà e rese hanno “partorito” un sistema, una sorta di filosofia per L’Hitler di Cattelan ai 30 anni della Collezione Peruzzi riflettere, soprattutto ogni L’equo solidale mondo sognante e inquietante di un (co2gallery.com)
25) dove respirare un'aria libera incapaci di decidere sul proprio destino). Per riflettere corpo e mente: offrire la possibilità alle mamme da “sole 6 volta che la si attraverserà dai di Tuttaunaltracosa surrealismo tutto al femminile, la
e indipendente e dove di solito il fra le righe sulla questione Israele-Palestina in un’ottica settimane” di fare ginnastica nel verde, a contatto con altre Milano. Il manichino del papa schiacciato da un meteorite, piccoli interstizi che il banner Mondo Bizzarro Gallery propone è BOLOGNA
programma è una garanzia. nuova. mamme e con il proprio piccolo, trasformando passeggino quello di Hitler raffigurato in ginocchio nell’atto di chiedere lascerà liberi. Ferrara. Shangri-Là è fino al 17 ottobre le mostre Cocoino press: 10 anni
Quest'anno a contendersi la e/o carrozzina in utile strumento di fitness. E così tra perdono, animali impagliati, bambini impiccati e ogni sorta di l'orizzonte perduto. E' un “Suspicious Activity” di Jennybird di disegni
Concha d'Oro ci saranno Teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano 8, Torino, Genova, Milano, Bergamo e provocazione tradotta in installazioni e oggetti di culto per info@rosariaiazzetta.com villaggio nel cuore dell'Himalaya Alcantara, alla prima personale Da oggi al 23 incontri ed
autorevoli rappresentanti del ingresso intero 10 , tel 06 9039048 è AVANGUARDIE Roma spuntano frotte di mamme e grandi collezionisti: sono creazioni di Maurizio Cattelan. Ed è Eve Stallen in cui il tempo si è fermato in europea, e "Rebirth” di Ciou, eventi nelle librerie con Igort,
cinema d'autore, da John Sayles a Lorenza Somogyi somogyi@bazarweb.info Deus sexe-maniac al nuovo Spazio MAKS bimbi nei parchi cittadini, tutte con proprio l’artista veneto che la Collezione Peruzzi vuole stallen@bazarweb.info un momento di pace assoluta. entrambe curate da Luisa Montalto. Gipi, Moni Ovadia etc
Raul Ruiz, da AgustÍ Villaronga a la voglia di “ritrovare” il tempo e lo celebrare in occasione del proprio trentennale, aprendosi al Secondo la leggenda romanzata Guardare un'opera di Jennybird (concluderanno Domenico
Naomi Kawase, fino Peter Genova. Oggi alle 18.30 inaugura “Spazio MAKS”, nuova galleria dedicata spazio senza toglierlo al proprio pubblico (sabato e domenica). La visita permetterà di vedere da James Hilton, lì non si produce niente più del necessario e Alcantara è come osservare una Procacci e Fandango) per una
Mullan che presenterà il suo sperimentazione artistica nel cuore storico della città. La mostra ospitata, “Deux cucciolo e perché no, magari l'intera raccolta, attualmente composta da duecento opere ognuno, vivendo nella relazione, coopera a conservare i magica umanità antropomorfa da un festa nel segno del graphic
terzo film da regista. Da non perdere le due sexe-maniacs”, a cura di Caterina Gualco, con testi di Lara Facco e Claudio perdere un po' di peso. Inizio grafiche e seriali, tra le più importanti espressioni del design differenti valori dell'intera civiltà umana. Dall'1 al 3 ottobre, la acquario e non avere le branchie. novel (cocoinopress.com)
retrospettive, una sullo status della produzione Mussodi, porta in scena Ben Vautier, esponente storico del gruppo Fluxus, e prossimi corsi a Roma (Villa creativo e delle tendenze artistiche italiane dagli anni bellissima Piazza Ariostea incornicierà Shangri-Là come Toglie il fiato. Sospesi tra il sogno e
internazionale di “non fiction”, l'altra sul Andrea Contin, classe 71, che ha fondato la poetica del suo lavoro sul Maestro Borghese), domenica alle 10. Cinquanta ai Settanta. E lo stesso contenitore, l’appartamento immagine guida di Tuttaunaltracosa, XVI edizione della fiera l'incubo, i quadri di Ciou sono un è GENOVA
grandissimo Don Siegel, maestro del cinema Ben. Le opere, inedite e create per l’occasione, dialogheranno tra loro: le del collezionista in via Lodi 78, è di per sé un piccolo museo di nazionale del commercio equo e solidale. Organizzata da collage di vecchie carte su cui Palco d’autore
“virile” anni settanta e mentore di Clint Eastwood. celeberrime scritte di Ben e i lavori dissacranti di Contin, fra disegni, assemblaggi Corsi passeggino “Work Out” 19 oggetti di design d’arredamento che si integrano perfettamente Assobotteghe con il sostegno del Comune, della Camera di l'artista interviene con una tecnica Domani alle 21 a Piazza delle
Francese, invece, il dvd della settimana, “Il e video. Il tono burlesco del titolo ritrae bene i due artisti, entrambi dotati di una settembre - 21 novembre. con la collezione, senza entrare in competizione. commercio e della Regione Emilia Romagna, tra stand, che ricorda quella del tatuaggio Feste, le icone, i suoni e le
profeta”, capolavoro pluripremiato di Jacques creatività viscerale e ironica, sempre legata alla dualità ancestrale della sessualità, Pre-registrazione on line su laboratori, dibattiti e spettacoli, si aprono le porte di botteghe tradizionale. voci dei più celebri premi
Audiard, un prison movie potente e ultrarealista. e appare come una dichiarazione di intenti della nuova galleria: distanze e affinità, valentina.pica@mammaf.it Per prenotazioni: prenotazione@collezioneperuzzi.it Info: e realtà equosolidali di tutta Italia, ma non solo. Anche con musicali (328 4112014)
Servito dalla strepitosa interpretazione di Tahar si dichiara, saranno il range della ricerca artistica di Spazio MAKS. Domani e (mammaf.it) collezioneperuzzi.it prodotti e personaggi del Nord e del Sud del mondo, si potrà Via Reggio Emilia 32 c/d Info:
Rahim, il giovanissimo attore che interpreta l'eroe sabato, sempre dalle 18.30, anche l’apertura serale, in occasione Chiara Organtini Lorenza Fumelli fumelli@bazarweb.info condividere la loro storia e le loro speranze, sia che arrivino da 06.44247451 è ROMA
eponimo, è un film che fa bang nella mente dello dell’inaugurazione, a Palazzo Ducale, della mostra “Persona in meno”, a cura di organtini@bazarweb.info molto lontano sia a “chilometro zero”. (mondobizzarrogaller y.com) Angelo mai
spettatore e vi risuona a lungo. Angelique Campens, Erica Cooke e Chris Fitzpatrick, che vede la partecipazione Francesco Paolo Del Re Domani alle 22.30 “Say it
di Contin con una sua opera video. tuttaunaltracosa.it delre@bazarweb.info loud” warm/up party + dj set:
sansebastianfestival.com; “Il profeta” di J. Audiard, Bim. Monica Di Sisto disisto@bazarweb.info Cobram Party Boys - afro
Roberto Pisoni pisoni@bazarweb.infofo spaziomaks.com minimal + Dj Solko - eclectic
Amanda Freiburg freiburg@bazarweb.info house (angelomai.org)
pagina 20 Giovedì 16 settembre 2010 Giovedì 16 settembre 2010 pagina 21

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI

Spari
TELE COMANDO + il lutto per almeno cinque an-
ni, “bottana” era. Come la
mettiamo?

T g3
Cicchitto aveva detto:
di Nanni Delbecchi
X-Factor 4
funziona
opo le prime due puntate di X-Factor 4 l’im-
Driuscita
pressione è che questa sia l’edizione più
del fortunato talent-show di Raidue.
Nel rapporto ossessivo, se non maniaco-pa-
tangelo si è calata di brutto nel ruolo
dell’emozionabile, quella che è stata così be-
ne perché ha pianto così tanto, e lascia nel
dubbio se sia lo davvero o se sia brava a re-
MONDO
A BERLINO 10 MILA IN PIAZZA

Privacy sfida
WEB
di Federico Mello

è I GORILLAZ CON EXPLORER 9


IERI LA PRESENTAZIONE VIA WEB
Microsoft ha scelto i Gorillaz per il lancio
è NUOVO LOOK PER TWITTER
SI POTRANNO INSERIRE ANCHE VIDEO E FOTO
Twitter, il social network da 140 caratteri, ha annunciato
ieri il più importante aggiornamento dalla sua
fondazione nel 2006. Ai classici post e link, ora si
aggiungono anche foto e video da inserire direttamente
nei propri “tweet”. Già accessibili per una parte degli
utenti negli Usa, le novità saranno gradualmente
disponibili nelle prossime settimane in tutto il mondo.
“Oggi lanciamo un nuovo Twitter – scrive, via
micro-blog, l’amministratore delegato Evan
Williams – un modo più veloce, semplice e
ricco per scoprire cosa c’è di nuovo nel
proprio mondo”. Gli account saranno divisi
feedback$
Commenti al post: “Si
può dare del
fallocefalo al sindaco
padano?” di Gisella
Ruccia e Luca Telese

è QUANTO mi piace
l’Italia, si può fare quel *****
che si vuole, tanto nessuno
dice mai nulla. Gli italiani
sono assuefatti al peggio per
natura, sopportano tutto,

a un pedalò?
“Hanno sparato perché pen-
savano ci fossero immigrati a
bordo”. Ed è bastata una do-
manda di Alessandra Carli,
una sola (“Ma allora si può
ranoico, che esiste tra i contenitori musicali e
le reti Rai e Mediaset, realizzarne uno davvero
incentrato sulla musica (e non sul kitsch) par-
rebbe proibitivo. Invece in X-Factor 4 si può
ancora ascoltare la differenza tra un giovane
citare. Poi c’era da vedersela con il fattore
Morgan, ossia il vuoto che il mattatore delle
edizioni precedenti avrebbe inevitabilmente
lasciato; ma con la scelta di Elio anche questo
rischio sembra superato. Se Morgan era un
del futuro della versione beta del browser Internet di
Internet Explorer 9. La band che esiste solo
nel mondo virtuale, ha
partecipato alla presentazione
del nuovo software ieri sera
“in due”: da un lato ci saranno i soliti
“tweet”, dall’altra, i contenuti multimediali.
assorbono tutto e non
reagiscono più di fronte a
niente.
Gigi

sparare agli immigrati?”) per musicista, magari un artista, e l’ennesimo vero musicista “traviato” dalla Ventura, allora politici italiani non cono- scente” spiega il vicepresidente durante un evento in diretta è LODEVOLE iniziativa e
di Paolo

T g1
Ojetti

Sventagliate a mitraglia,
passano sul Tg1 le difese per
a 30 miglia dalla costa, quindi
in acque internazionali. Frat-
tini continua a parlare di “pe-
sca illegale”. Qualcuno può
spiegare al ministro, di fronte
costringerlo a farfugliare: “Ma
no, ma vede, si tratta di un
problema…”, una pena. E la
ricostruzione dell’episodio
fatta dal Tg3 non lascia mar-
cantante. Non è cosa da poco, visto che i mu-
sicisti sono ovunque una specie rara in natu-
ra; mentre il cantante è in assoluto una delle
specie più comuni nel nostro paese. In Italia
quasi tutti infliggono al prossimo il do di pet-
Elio rappresenta l’evoluzione della specie;
anche lui per metà musicista autentico, ma
per l’altra metà attore assai più scafato. Uomo
di spettacolo, ma anche uomo di mondo.
Il conduttore Francesco Facchinetti ha di-
I scono e non amano la Rete:
qualche mese fa abbiamo
spiegato come in Italia sia-
no stati dieci, e in soli cinque an-
ni, i tentavi dei governi (di ogni
del settore ingegneristico Goo-
gle, Bill Coughran. L’ingegnere
poi ha recuperato il numero del
ragazzo per insultarlo, minac-
ciando di telefonare anche alla
Web. Microsoft promette che
la nuova versione del browser
(sempre più in affanno con i
concorrenti) sarà più veloce,
già pronta per l’Html 5 e con
meritevole risultato questa
scuola fatta con l’iniziativa
cittadina adrense... ma tutto
quanto vanificato con questa
“tappezzata” di simboli
quelli che sparano a tutto e di profilo, cosa è un Global gine alle interpretazioni: han- to, o ne covano il sogno. chiarato di volersi “destrutturare”; non siamo colore), di limitare la libertà su ragazza. Ma non solo Usa. una migliore gestione di Java. leghiste… me chiedo se il
quello che si muove. Il gover- Positioning System? no sparato ad altezza d’uomo, Complimenti allora al casting, primo punto di così certi di saper decodificare il suo italiano, Internet. È un peccato, perché A Praga, l’autorità per la privacy sindaco di Adro conosca la
no, allineato e coperto, non la fiancata è piena di buchi, forza di questa edizione; in ognuna delle quat- però ci sembra che funzioni esattamente al ormai almeno la metà degli ita- della Repubblica ceca, ha re- storia e sappia che il nazismo
ha avuto il coraggio di pre- g2 hanno sparato per uccidere, tro squadre ci sono promesse autentiche, con contrario, che la forza del programma stia liani passano parte della loro vi- spinto la richiesta di Google di e il fascismo sono nate con
sentarsi in Parlamento ad alto
livello, con Frattini o Maro-
T Gli sforzi del Tg2 per non
dimenticare Gianfranco Fini
mentre i nostri “finanzieri os-
servatori” si ficcavano sotto
punte di eccellenza non convenzionali. Un
personaggio come Nevruz ti fa capire che
proprio in una struttura che consente di so-
stituire con successo qualsiasi pezzo di ri-
ta online: condividono opinio-
ni, passioni ma anche dati sen-
raccogliere immagini per il ser-
vizio Street View. L’ente ritiene
iniziative simboliche simile!!!
Giuse
ni, ma ha mandato Elio Vito: sono ammirevoli. Ieri, per coperta per non vedere. Sono nell’aria di X-Factor 4 c’è veramente qualcosa cambio. È la studiata alternanza non solo tra sibili; il terreno della privacy sa- che il servizio “non risponda al-
vai avanti tu. E solo perché la esempio, lo hanno ripescato stati inseguiti per due ore e di nuovo, anzi di antico, un nipotino di Re- musica e teatro, tra arie e recitativi, che rende rà nevralgico negli anni a veni- le condizioni richieste per im- è LUCA TELESE sei un
sporca faccenda è arrivata al- per fargli dire che i francesi, avevano dieci cassette di pe- nato Zero con tutta l’energia ferita, tutta la X-Factor un perfetto melodramma postmo- re. Su questo fronte l’attualità pedire abusi sui dati personali”. grande e condivido in pieno
la Camera, che il Tg1 è co- vietando il burqa, hanno de- sce, pescato legalmente. Il disperazione meravi- derno. Ed è forse per questo che, visto in fi- porta notizie indicative. Google E non è un caso, infine, che lo il contenuto del tuo
stretto a occuparsene. L’altra ciso cosa buona e giusta. Una procuratore Di Natale sem- gliata di chi si ritrova ligrana, assume le sembianze di un autoritrat- fa sapere infatti di aver licenzia- scorso sabato quasi 10 mila per- intervento. Geniale il
sera si è limitato a un servi- volta stabilito che il burqa è bra un tipo tosto, parte Elio di Elio e le storie Tese. ad avere vent’anni to nazionale. Ci conferma che lo shining tra to uno dei suoi ingegneri, David sone hanno manifestato a Berli- fallocefalo. Hai ragione, è un
zietto stitico, invisibile, quasi un’imposizione maschilista e dall’ipotesi di tentato omici- neo-giudice nel 2010. Quanto alla gli italiani e la musica pop non si è interrotto Barksdale, 27 anni, perché ha no in difesa dei dati personali e dovere mazzolare ‘sti
che i libici avessero sparato a non una tradizione, nulla da dio e non riesce a trattenere ad X-Factor giuria, ha fatto un al- (a differenza di quello con il cinema, la let- approfittato della sua posizione dell’utilizzo che ne viene fatto. I politicanti che spesso oltre
salve, per divertimento, con- eccepire. Pensiamo comun- un sorriso quando gli riferi- tro passo avanti nella teratura e perfino il calcio). “per accedere a dati sensibili, manifestanti hanno scandito ad essere incapaci e
tro un pedalò di Rimini fuori que alla Calabria o alla Sicilia scono che la tesi del governo sceneggiata, che è Nel paese del melodramma tutto è perduto, violando la vita privata di alme- slogan contro l’introduzione arroganti, ci prendono pure
rotta. Ma la parata di difensori dei nostri nonni e bisnonni, italiano è quella di “un inci- un’altra anima di fuorché il melodramma? Dipende dai punti di no quattro minori”. All’ingegne- del passaporto elettronico e per il fondo schiena.
(Lupi, Bernini, Cicchitto), quando le donne andavano dente”. I servizi hanno ripro- X-Factor, e al tempo vista. Provate a immaginare un X-Factor dei re viene rimproverata in parti- contro quello che è stato so- Complimenti e viva Il Fatto.
non riesce a cancellare il la- vestite di nero e con il fazzo- posto le immagini di Ghedda- stesso un altro punto giornalisti con Augusto Minzolini al posto colare una beffa – infantile prannominato lo “schedario Claudio
to letto, altrettanto nero, in te- fi e Berlusconi in jeep fra i di tenuta. Sia la vec- di Mara Maionchi. Oppure un X-Factor degli quanto pesante –: diventato Elena”, che dal 2012 raccoglierà
comico della vicenda: Fratti- sta: era un’imposizione fami- cavalli berberi. Berlusconi chia volpe Enrico scrittori posto sotto la lente di Bruno Vespa. amico online di un quindicenne informazioni sui lavoratori tede- è SONO d’accordo con te.
ni. Il Gps (e la scatola azzurra, lista, religiosa, umiliava la sembrava un piccolo Musso- Ruggeri, sia la zia di O addirittura, se ce la fate a turarvi il naso, un “ha consultato i registri di Goo- schi. Privacy, già ora, vuol dire È davvero troppo tempo che
una scatola nera non modifi- donna o era solo una mesta lini, impettito, virile, mento tutti i talent show Ma- X-Factor della politica. Presidente della giuria? gle Voice, il servizio Voip di democrazia. Anche su questo ri- questi comportamenti sono
cabile) non si tarocca e dice tradizione oggi dimenticata? in fuori. La spadina ra Maionchi sono due L’onorevole Stracquadanio ci sembra perfet- Google, per trovare informazio- schiamo di arrivare in ritardo. Explorer 9; definiti folkloristici.
che il peschereccio navigava Se una vedova non rispettava dell’Islam. sicurezze. Anna Ta- to. ni sulla fidanzatina dell’adole- f.mello@ilfattoquotidiano.it l’home page di Twitter; Purtroppo questi
una manifestazione del 2009 a Berlino atteggiamenti sono coperti
per la privacy; una sede Google dalla maggioranza. Mi pare
che la Gelmini abbia difeso il
sindaco. Modellare una
scuola su un partito politico
GRILLO DOCET fa venire i brividi e accade
CACCIA solo nei regimi a partito
AL TRICOLORE unico.
Esibire il Tricolore è una Francesco
provocazione, si rischia il
linciaggio. Un italiano può è IL PARROCO si sarebbe
sventolare in Italia la bandiera dovuto rifiutare di dare la
dell’Austria o della Cina, del sua benedizione alla scuola.
Burundi o della Svizzera senza Continuiamo pure così.
correre alcun pericolo, ma non quella italiana. Lasciamoli fare. Votiamoli.
Il cittadino ignaro e sbandieratore è, nell’ordine: Anche in Germania
identificato dalla Polizia (pagata dagli italiani), allontanato cominciò così.
da funzionari che rispondono a un ministro degli Interni Giorgio
“padano” (pagato dagli italiani) e scortato attraverso due
ali di folla in camicia verde che gli grida di tutto, da è QUANDO interverrà il
omosessuale a comunista. Se questo è l'effetto: italiani ministri della pubblica
che si credono padani che combattono italiani che si Istruzione per far rispettare
credono italiani, sarà il caso di capire le cause di le leggi che impongono
questa follia prima che sia troppo tardi. L’Italia è l’esposizione del simbolo
l’unico Paese della Terra in cui può essere della Repubblica e del
sconsigliabile girare con la bandiera italiana. tricolore ?
Già negli anni '70 la nostra bandiera veniva Giuseppe Ambesi
strumentalizzata dalla destra e bruciata in piazza
dalla sinistra. Un simbolo senza pace, ma che ci è ANCHE nelle sette si
rappresenta ancora come popolo e come Istituzioni. comincia a fare il lavaggio del
Per coerenza, i ministri della Lega, che hanno giurato cervello già dall’asilo. Il
sulla Costituzione italiana (incompatibile con la metodo è lo stesso ed è
secessione), dovrebbero dimettersi. Gente che ha inaccettabile.
contemporaneamente il portafoglio a Roma, Alfredo
finanziamenti elettorali e stipendi pagati da TUTTI gli
italiani. I è NON È possibile
piemontesi è GOOGLE PUNTA SU PARIGI assistere al silenzio dei
sono APRIRÀ UN CENTRO DI RICERCA E CULTURA politici e soprattutto di
piemontesi, i Google, il più famoso motore di ricerca, Napolitano che ultimamente
lombardi sono attraverso l’amministratore delegato Eric parla e interviene su tutto
lombardi e i veneti Schmidt, ha annunciato che aprirà a Parigi tranne che per cose
è INTERNET: A 91 ANNI SI PUÒ
sono veneti e, ognuno un centro di ricerca e sviluppo oltre a un importanti e devastanti
SCUOLA DI COMPUTER PER OVER 50
di loro, è anche Istituto culturale europeo nell’ambito di un come questa!!! Ha ragione
Chi ha sempre creduto che Internet
italiano. Ma il padano nuovo piano di investimenti in Francia. Lo Gigi quando dice che in Italia
fosse il mondo dei giovani deve
cos'è? scopo è quello di “accrescere gli sforzi di si può fare quel ***** che si
ricredersi. Flora Perris, 91 anni, è
ricerca e sviluppo e di occupare ogni anno vuole tanto nessuno dice
orgogliosa di essere una delle
ingegneri di talento delle università nulla!!!!
internaute più anziane d’Italia. Ha
francesi”. Il centro – da quanto dichiarato Alessandra
appena conseguito il diploma di navigatrice ed è pronta per
durante l’incontro col presidente Nicolas
cominciare il corso avanzato con il quale imparerà a usare
Sarkozy – dovrebbe essere inaugurato nel è È GRAVISSIMO, tra
facebook. La simpatica e vispa bisnonna è riuscita a
2011. Quel che è certo è che verranno l’altro il sole delle Alpi è uno
imparare ad usare il computer grazie all’Internet Saloon
stanziati “milioni di dollari per accelerare la stemma che appare
che ha lanciato a Napoli il secondo anno di corsi dopo il
digitalizzazione di libri, magazine e raramente nel nord Italia, ed
successo dello scorso anno: “E infatti - racconta la signora
documenti”. La scelta della Francia è è rappresentato con un
Flora - ho convinto molte mie amiche ad iscriversi”. Basta
dovuta al rapido sviluppo della Rete in terra cerchio centrale e otto
avere più di 50 anni e ci si può iscrivere gratuitamente.
transalpina, e al mercato della pubblicità, petali e non è assolutamente
La scuola di Internet per over 50 sarà lanciata quest’anno
giudicato come “uno dei più sofisticati”. di color verde. Non c’è in
anche a Bari, dopo le esperienze già in corso a Milano,
Sarkozy avrà sicuramente cambiato nessuna bandiera comunale
Sondrio, Pavia, Napoli e Catania. (Francesco Carbone)
opinione: solo nel gennaio scorso infatti si del veneto, nemmeno della
diceva preoccupato per un eventuale abuso bandiera veneta. Ma ci
di posizione dominante da parte della prendono pure per il ****?
società di Palo Alto. (Pasquale Rinaldis). Alessandro
pagina 22 Giovedì 16 settembre 2010

SECONDO TEMPO

nordisti
PIAZZA GRANDE É di Gianni Barbacetto

LIGRE STI
DA BERE
Il presidente ultrà S alvatore Ligresti è un nordista del tutto particolare. Sulla
sua carta d’identità c’è scritto che è nato a Paternò,
provincia di Catania. Ma il suo successo imprenditoriale è stato
costruito a Milano e i suoi business sono al Nord. Di Milano,
di Maurizio Viroli ca, la persona che ci rappre- onnipotente; sa che nessuno comprensibile che Berlusco- Ligresti è stato e resta un personaggio centrale. Qui ha la sua
senta nel mondo dovrebbe lo contraddirà o commenterà ni si comporti così. Egli è cir- sede, qui è diventato “il re del mattone”, qui è incappato nei
uesta volta Berlusconi avere uno stile un po’ più ci- le sue parole con un sorriso di condato da cortigiani e corti-

Q
suoi primi scandali, qui è entrato nei salotti che contano (da
ha ragione, non se ne vile di quello del peggior tifo- commiserazione. Parla in li- giane pronti, per adularlo, ad Mediobanca al “Corriere della Sera”). Qui ha i progetti che
abbiano a male i lettori so ultras del Milan? Il fatto che bertà, in libertà dalla ragione e approvare ogni sua parola. Pa- segneranno il futuro della città: City Life, l’operazione
de Il Fatto Quotidiano, si tratti solo di una partita non dal buon gusto. Non dobbia- re quasi di vedere la scena:
immobiliare sull’area lasciata libera dalla Fiera; Porta Nuova,
quando, dopo la sconfitta giustifica nulla, anzi, aggrava mo poi dimenticare che l’uo- “Hai ragione, Silvio – gli avrà
subita dal Milan a Cesena la cosa, perché è molto proba- mo è il classico esempio del di sicuro detto Sandro Bondi – altro affare che porterà altro cemento sui terreni delle ex
per 2-0 ha dichiarato che re- bile che gli italiani che lo demagogo, e che la bella tro- scommetto che sono comuni- Varesine, gestiti da don Salvatore assieme alla Hines di Manfredi
sponsabile del disastro è sta- ascoltano quando parla di cal- vata dell’arbitro comunista sti anche i guardalinee, e forse Catella; il Cerba, ovvero il centro europeo per la ricerca
to l’arbitro comunista: "Mi cio siano più numerosi di che ha fatto vincere il Cesena pure Ibrahimovic, per questo biomedica avanzata, ideato dal professor Umberto Veronesi, che
hanno dato un dolore – ha quelli che pendono dalle sue l’ha rifilata ai militanti del suo ha sbagliato il rigore”. Pensate sorgerà sui terreni di Ligresti nel parco Sud. Poi ci sono tanti altri
detto il premier – ho visto labbra quando insulta Fini o il partito, certo in cuor suo del davvero che qualcuno dei business meno appariscenti, aree più piccole in attesa di
tre gol e nessun fuorigioco Pd. La domanda da porci, pur- loro plauso. Questo vuol dire suoi si sia azzardato a fargli no- destinazione, terreni agricoli e cascine rastrellate negli anni che
rossonero. Diciamo che il troppo, è sempre la stessa: che sa di avere a che fare con tare che il Milan forse ha perso aspettano la bacchetta magica della Pubblica amministrazione
Milan si imbatte spesso in ar- “Com’è possibile che il presi- persone che credono a tutto perché Ambrosini e Gattuso (magari attraverso il nuovo Pgt, il Piano di governo del territorio)
bitri di sinistra”. Ero al Ma- dente del Consiglio parli co- quello che dice, non importa avevano una velocità più da per diventare diritti a edificare in qualche parte della città.
nuzzi e posso confermare sì?”. Forse, come mi hanno quanto sia lontano dalla real- aspiranti arbitri che da calcia- Ligresti è stato e resta l’icona di una città che – dopo aver
che il sindaco di Cesena Pao- scritto alcuni amici commen- tà. E qui c’è davvero da preoc- tori, e che mentre i giocatori perso la sua centralità nel settore industriale, con le sue
lo Lucchi ha detto: “Tran- tando la notizia (in un primo cuparsi. del piccolo Cesena correvano grandi fabbriche trasformate prima in “aree dismesse”, poi in
quilli... conosco l’arbitro... è momento non ci avevo credu- e soffrivano e lottavano, i cantieri – sceglie lo sviluppo immobiliare come prima, grande
dei nostri dai tempi della to; avevo pensato fosse uno Bugie campioni del Milan si limita-
molla di sviluppo. Milano, città che la primavera prossima
Terza Internazionale...”. An- scherzo dei soliti burloni ro- a ripetizione vano a numeri da parroc-
che Azeglio Vicini, seduto magnoli) l’uomo ha perso il chia? sceglierà il suo nuovo sindaco, era una città del fare e del
alla mia sinistra ha annuito lume della ragione e parla a Per noi sostenitori del Cesena sapere. Si è trasformata in una città del cemento, capitale
con la faccia di chi la sa lun- vanvera. Personalmente cre- HO SEMPRE sostenuto che la vittoria sul Milan rimarrà degli immobiliaristi. Nessun “central park”, benché promesso
ga. L’ex sindaco Giordano do invece che si tratti dell’en- è sbagliato pensare che il po- nella storia. La racconteremo da sindaci che contano sulla smemoratezza dei loro
Conti e l’assessore alla cul- nesima prova che Berlusconi tere di Berlusconi sia simile a a figli e nipoti. Abbiamo, anco- concittadini, sarà regalato alla metropoli che resta in coda
tura Daniele Gualdi si scam- è affetto da quella che Platone quello di Mussolini. Ma è pur- ra una volta, provato un gran- alle classifiche europee del verde e avanza in quelle
biavano furbesche occhiate (segretario generale del Parti- troppo vero che Berlusconi è de affetto per la nostra squa- dell’inquinamento da polveri sottili. Nessun grande progetto
d’intesa. to comunista greco dal 400 al riuscito a istupidire milioni di dra. Ma forse, senza volerlo, il che punti sullo sviluppo della ricerca e della conoscenza è
360 a.C.) chiamava la sindro- italiani facendo credere loro Cesena ha fatto un bel regalo stato varato. Costruire, lottizzare, cementificare: queste le
Impeccabile me dell’uomo tirannico e le più assurde deformazioni anche agli italiani, in partico- uniche idee per lo sviluppo di una metropoli in cui, negli
sportività dunque ritiene di poter fare e della realtà. Come? Ripeten- lare a quelli che si occupano ultimi anni, più che gli alberi sono cresciute le gru. Uno
dire quello che vuole. Si sente do ossessivamente per più solo di calcio: ha fatto capire sviluppo non pianificato, ma lasciato al caso, o meglio: deciso
quindici anni le stesse enormi di che pasta è fatto chi ci go- dagli immobiliaristi, senza un’idea di città che parta dal
SCHERZI a parte, il proble- bugie: né più né meno della verna. Ha scritto Fabio Bena- sindaco o dall’amministrazione, in nome del bene comune e
ma serio è che Berlusconi ha nota dottrina di Goebbels: glia, nel libro Tutto il Cesena sot-
non soltanto dei legittimi interessi privati. A che cosa
effettivamente pronunciato “Ripeti sempre la stessa bugia to la curva, che i grandi uomini
le parole che ho citato alla fe- e ti crederanno, e più la men- si vedono nelle sconfitte. Ap- serviranno tanti metri cubi di nuove edificazioni non si sa,
sta del Pdl, e sono sicuro (ma zogna è grande, più ti crede- punto. vista la crisi che ha morso anche il settore immobiliare e che
non ho avuto il coraggio di ranno”. Del resto è del tutto viroli@princeton.edu minaccia anche nei prossimi anni di dare i suoi colpi di coda.
guardare il video dell’evento, Anche in questo, Ligresti è un
cerco di evitare le emozioni (FOTO LAPRESSE) simbolo metropolitano:
troppo forti), che il commen- pesantemente indebitato, in
to del presidente del Consi- profonda crisi, fatica a portare
glio è stato accolto da un boa- avanti City Life, è costretto a
to di approvazione o almeno chiedere aiuto alle banche che,
da un fragoroso applauso. Si B. ha detto che per evitare di trasformare i suoi
potrebbe rispondere che problemi nei loro problemi, gli
l’episodio è del tutto trascura- l’arbitro di Cesena- ristrutturano i debiti e gli
bile, da non drammatizzare:
per carità, si tratta soltanto Milan è di sinistra: concedono nuovi crediti.
Adesso, i suoi alberghi in crisi
dello sfogo di un tifoso. Già, come spiega (AtaHotels) si uniranno, sotto
ma Berlusconi non è un ultras
la benevola regia delle banche,
del Milan bensì il presidente, Platone (segretario a quelli di un’altra catena in
e da un presidente è lecito
aspettarsi un comportamen- del Partito crisi (UnaHotels): quella
to di impeccabile sportività. controllata da Riccardo Fusi, il
Si dà poi il caso che sia anche comunista greco) costruttore della “cricca”,
presidente del Consiglio, e indagato non solo a Firenze
che quelle parole le abbia pro-
ha la sindrome (come pure Ligresti), ma anche
nunciate a un raduno politi- dell’uomo tirannico, a Roma e Perugia. Un ulteriore
co, non a casa sua fra pochi tocco, anche simbolico, che
amici. Proprio non viene in pensa di poter dire indica come va Milano, come
mente a nessuno che il capo va l’Italia.
dell’esecutivo della Repubbli- e fare ciò che vuole

P2, P3, cricche


Soffocare varie: prima
ancora
magistratura e settori delle forze
dell’ordine. Il controllore che au-
tentica la correttezza dell’opera-
to del controllato: il più grande
ganizzata garanzia del potere ter-
ritoriale e militare.
I poteri occulti si servono, poi,
della polizia segreta, di frange

i poteri occulti che con


gli strumenti
conflitto di interesse, quello tra
crimine e Stato.

Inquinamento
eversive delle forze dell’ordine e
dei servizi segreti che danno linfa
a questo sistema (informative
strumentali, "metodo Boffo", ve-
line, dossier).
della interno
La sovrastruttura del ricatto o
di Luigi De Magistris* la magistratura. Per ottenere cesso breve per garantire l’impu- della pressione indebita. La pos-
questo risultato è necessario magistratura nità ai colletti bianchi. Si privatiz- IL SISTEMA d’inquinamento sibilità che si attivi un valido con-
he vuol dire nuova P2? controllare dall’interno le istitu-

C
si abbattono zano interi settori – come per la interno dello Stato si consolida trasto al sistema fa riemergere –
Che significa P3? Che cosa zioni, infiltrarsi in maniera tale protezione civile – per eludere le operando in maniera occulta. accanto alla violenza morale dei
sono i poteri occulti e le da far assumere ai poteri crimi- con la Politica, normative che garantiscono tra- Nei luoghi privati, come può es- poteri occulti – l’utilizzo delle ar-
massonerie deviate? Do- nali le vesti di un "potere lega- sparenza nell’assegnazione dei sere il salotto Dell’Utri-Verdi- mi della strategia della tensione:
po Tangentopoli e le bombe di le". quella con fondi pubblici. Si tratta della "le- ni-Carboni, dove partecipano la bomba al Procuratore generale
mafia del 1992-1993 è mutata la galità criminale", del crimine che politici, amministratori pubbli- di Reggio Calabria per intimidire
strategia criminale per il con- Il sistema la P maiuscola produce norme per certificare la ci, burocrati, magistrati, funzio- i magistrati onesti e l’uccisione di
trollo delle istituzioni. È cessato e le leggi "bontà" del suo operato. nari, faccendieri, imprenditori, un sindaco onesto e coraggioso
il rapporto di interlocuzione Il sistema per operare efficace- si prendono decisioni istituzio- per evitare che la politica sia im-
con la politica ed è iniziato il pe- diventa parlamentare o ministro, mente e accrescere il suo potere nali (emendamenti legislativi, or- permeabile al crimine.
riodo di gestione diretta della SE CHI APPARTIENE al siste- le leggi e i provvedimenti sono istituzionale, politico ed econo- dinanze, punizioni di servitori I poteri occulti prima ancora che
"cosa pubblica" da parte della ma diviene consigliere o assesso- fatti "per il sistema": la legge ba- mico deve garantirsi la sottomis- dello Stato scomodi) che poi si con la magistratura si abbattono
criminalità organizzata. Uno de- re, comunale o regionale, opere- vaglio serve per favorire le cric- sione degli organi di controllo ratificano nei luoghi istituziona- con la Politica, quella con la P
gli obiettivi primari dei poteri rà in modo tale che i piani urba- che; lo scudo fiscale per tutelare anche attraverso nuove forme di li: siamo all’esternalizzazione maiuscola. Se distruggiamo il le-
criminali è quello di operare in nistici o gli appalti per lo smalti- i riciclatori e gli evasori; le norme corruzione. Necessaria è, quin- delle istituzioni. Il collante delle game tra le mafie e la politica si
maniera tale da essere al riparo mento dei rifiuti siano predispo- sui collaboratori di giustizia per di, l’infiltrazione negli organi di massonerie deviate diviene, tal- toglie l’ossigeno ai poteri occul-
dal controllo di legalità eserci- sti per soddisfare le esigenze cri- ostacolare le inchieste sui rap- garanzia: dalle autorità di con- volta, un ingrediente rafforzativo ti.
tato dalle forze dell’ordine e dal- minali delle cricche. Qualora si porti tra mafia e politica; il pro- trollo (Agcom docet) a pezzi di e la presenza della criminalità or- *Eurodeputato Italia dei Valori
Giovedì 16 settembre 2010 pagina 23

SECONDO TEMPO

IL FATTO di ieri 16 settembre 1959

Parlamentari non eletti


MAIL BOX Cemento poco armato, muri di carta velina, un palazzo
tirato su in fretta e furia su un terreno franoso e con
materiali scadenti, tutto senza uno straccio di piano
regolatore, nel nome della speculazione-business. Erano
gli anni delle “mani sulla città”, dei costruttori avventurieri,
del sud povero, più di tutti, affamato di case. Era il 16
settembre 1959 e a Barletta furono 58 i morti sepolti dal
crollo di un edificio costruito solo un anno prima, troppo
grazie alla legge elettorale
Silvio Berlusconi due giorni or
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO alto, troppo malfatto per reggersi sul tufo. Una delle tante
stragi da “mala edilizia” che imperterrite continuano nel
sono ha affermato di essere
certo che quasi tutti i finiani AI TEMPI Belpaese e che a Barletta, a distanza di mezzo secolo,
ricordano ancora. Un boato, uno schianto e, nel giro di
non voteranno contro di Lui ,
perchè coerenti con il rappor-
to morale che li lega ai loro
DI SILVIO IL VECCHIO poche ore, più nulla, solo morti, uomini, donne, bambini
trasformati in poltiglia sanguinosa. Li chiamarono i “mar tiri
di via Canosa”, i media attaccarono a testa bassa, arrivò
elettori. Non voglio essere fu- aro Colombo, mercato: Luciano Sardelli, Italo Tannoni,
moso, ma vorrei chiedere al
Sig. Silvio Berlusconi di quale
C a quanto pare alla Camera si
comprano e si vendono deputati,
Daniela Melchiorre, Calogero Mannino,
Francesco Pionati. E tanti altri (più dei 20
anche il presidente Gronchi, divenne un caso nazionale.
Dal processo, in cui qualcuno pagò, emersero particolari
patto lui parla, i nostri parla- perché Berlusconi è rimasto a corto disperatamente cercati da Berlusconi sul agghiaccianti. Immondizia ficcata nelle intercapedini
mentari non hanno stretto al- di voti. Come mai nessuno dice mercato di Montecitorio). Tutti con foto, tutti come riempitivo, argilla nei muri portanti, mattoni forati al
cun patto con i loro elettore, a niente? con motivazioni spassionate, più che altro posto dei laterizi, collaudi fantasma fatti da tecnici
cui assolutamente non devo- Fabrizio e Anna amor di patria. Registriamo dunque questa compiacenti. A 50 anni da Barletta, qualcosa è cambiato?
no rispondere, ma se di patto prima svolta. Dopo ci diranno che i Giovanna Gabrielli
morale si deve parlare, questo NON È ESATTO dire che il "comprati" sono molti di meno. Ma in tarda
intercorre tra ciascun parla- mercato di parlamentari si sta svolgendo epoca berlusconiana, nei mesi di Silvio il
mentare ed il proprio capo nell’ipocrisia istituzionale e nel silenzio che vecchio, non si finge più. Il mercato è il Diritto di Replica
partito che lo ha scelto. Que- protegge la vergogna. Sono passati quei mercato e ha i suoi valori da "massimizzare", L’abbonato
sti sono i risultati della loro tempi. Adesso si scrive tranquillamente su un in Parlamento come in Borsa. Non si In riferimento all'articolo dal
legge elettorale: grazie. grande quotidiano "Berlusconi ieri pomeriggio scambiano azioni United Tecnologies del giorno titolo “Psichiatria Democra-
Giuseppe Rodelli era alle prese con un foglietto contenente i sottobanco. Perché offrire sottobanco un tica” a firma di Luca Telese.
nomi dei deputati che potrebbero formare un pacchetto di deputati, quando essi possono È assolutamente falso che
Cacciati e aggrediti gruppo di responsabilità nazionale con essere non solo un valore ma anche un MASSIMILIANO MAIORANO abbia rifiutato Vendola per la
l’obiettivo di sostenere il governo del esempio? Tutto è così in chiaro così, sua omosessualità. La ses-
per la bandiera italiana Cavaliere. Il capo del governo non esclude finalmente, alla luce del sole, che il molto Faccio mie le parole del sualità è un fatto privato e
Fermati ed identificati dalla l’ipotesi di "travasi". Lasciando Palazzo onorevole Stracquadanio può dire, nel suo vostro direttore: ora ognuno fa quello che gli pare.
Polizia per avere con noi il tri- Grazioli il segretario del Partito repubblicano blog del 13 settembre: "Ma che cosa c’è di siamo Quello che ognuno fa a casa
colore. Insultati e derisi da de- Francesco Nucara ha dichiarato: "Berlusconi male nella prostituzione"? Stracquadanio è un una propria a me non interessa
cine di leghisti esaltati e ur- non mi deve nulla. Sono io che devo qualcosa deputato Pdl e stava parlando di politica. comunità, affatto. L’ho ripetuto all’infi-
lanti, rischiando il linciaggio da a lui. Per me, a differenza di altri, la è vero, nito. Quello che rifiuto è che
parte di questi ultimi e la de- gratitudine è un valore". (Il Corriere della Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano come sa un leader della sinistra sia
nuncia (per manifestazione Sera, 14 settembre). Seguono nomi e foto, 00193 Roma, via Orazio n. 10 bene contemporaneamente cat-
non autorizzata e per aver come se si trattasse del più legittimo calcio lettere@ilfattoquotidiano.it solo chi tolico e comunista, sono due
provocato disordini) da parte può ideologie inconciliabili, e
delle Forze dell’Ordine. Sia- dire... io c'ero! questo è assolutamente
inaccettabile. Il fatto ideolo-
Raccontati e manda una foto a: gico conta, per tutte le liber-
tramando di nascosto per fa- tantina di euro a partecipante, abbonatodelgiorno@ tà che hanno gli elettori di
LA VIGNETTA vorire gli speculatori e la ma- forse con il solo impegno di ilfattoquotidiano.it accettare o meno un leader
lavita e ottenere tutto ciò che tenere in mano una copia del politico”.
la sola presenza del sindaco Corano. La pomposità del dit- Massimo Fagioli
Vassallo aveva finora impedi- tatore libico non ci appartie-
to. Quindi come cittadina ita- ne, come la sua audacia di vo- ai minori è vietata, a meno che La lettera del professore è
liana vi chiedo di informarci su ler venire a fare propaganda non abbiano genitori che abbia- garbata e civile. Peccato che
quello che da ora in poi ac- islamica a due passi dal Centro no svolto servizi di autista per la Fagioli, dopo le polemiche sui
cadrà a Pollica, almeno per della Cristianità con tutte le famiglia Craxi. Non sono am- suoi giudizi, parlasse del
cercare di impedirlo usando "libertà" concesse a Roma. Ma messe bandiere tricolori, le no- leader di Sinistra e libertà
l’indignazione di cittadini bene il punto non è questo dopo stre abituali verdi-bianco-rosse, così: "Se Vendola vuol fare
informati. aver anche sentito di islamiz- perchè provocatorie. Il Ministe- sesso sul lampadario di casa,
Lo dobbiamo a Vassallo. zazione dell'Europa e che l'I- ro dell'Ambiente suggerisce, con il termosifone, come gli
Barbara Mensi slam è l'unica religione un at- per evitare sprechi, di strappare pare, ed è felice, liberissimo.
tacco minaccioso lasciato fare la parte bianco-rossa e riporla Magari stia attento a non
Ricordi settembrini con grande tranquillità di tutti per la prossima elezione di un scottarsi troppo e a restare al
e che mi ha fatto sussultare papa polacco. chiuso, se no diventano atti
e la crisi che non c’era (come se i vari Carlo Martello Resterebbe solo la parte ver- osceni in luogo pubblico. Ma
Quanti anni sono trascorsi? avessero sprecato il loro tem- de, utile da sventolare sulle se uno ha problemi con la
Dieci, venti? No, appena due. po). Da ultimo, si sente di una note del coro. Per tutti i malati propria sessualità, io devo
Settembre del 2008. Che no- motovedetta libica (italiana, soprattutto per i cardiopatici intervenire. Faccio lo
stalgia! Era il periodo del benes- ma libica per destinazione) che temono di non riuscire ad psichiatra. È un dovere
sere per tutti. Lo affermò il pre- che ha mitragliato un nostro affrontare una giornata così d’ufficio”. Proprio vero: un
sidente del Consiglio, mentre si peschereccio (altro che difen- densa di emozioni è stato al- tripudio di tolleranza laica.
trovava a Londra. Come dimen- dere le nostre coste da sbar- lestito uno stand di protezio- Luca Telese
ticare? Dichiarò che il nostro chi indesiderati?). Qualche ne civile dove saranno erogate
Paese era "molto solido, con un giorno fa, memore di un film le cure del caso.
alto livello di vita e di benes- visto sulla vita di Enrico Mattei p.s. la mia era una battuta!
mo stati identificati noi, non le. Sono concorde con la vo- sere". E a riprova, citò, tra l'al- con il cui piglio l'Italia ha fatto Il concerto del ministro La
quelli che ci insultavano; e ci stra decisione di sbattere tro, il fatto che da noi ci sono affari con l'Africa petrolifera si Russa in realtà si terrà a Mon- IL FATTO QUOTIDIANO
avrebbero senz'altro aggredi- Adro in prima pagina e di in- "un 83% di case di proprietà, più evidenziava un "carattere" che tecitorio! via Orazio n. 10 - 00193 Roma
ti, se non ci fosse stato il cor- formarci dei fatti che accado- auto pro-capite di ogni Paese non è proprio quello dei gior- Gianluca lettere@ilfattoquotidiano.it
done di polizia a proteggerci. no in quel comune, perché europeo, più telefonini e tv che ni nostri, ricordandomi, poi,
Ci hanno cacciato, accompa- Adro è diventato l’espressio- in qualsiasi Paese dell'Ue". Ora, che ci troviamo, privilegiata-
gnati distanti dal luogo della ne del pericolo secessionista dopo la crisi, il benessere è sva- mente, in un G8 di prestigio.
manifestazione leghista e fatti della lega. Però Il Fatto non è nito, sebbene abbiamo ancora, Allora qui c'è qualcosa che
non quadra! Direttore responsabile
disperdere. Esporre il tricolo- un giornale di "cronaca" loca- come allora (che nostalgia!) ca-
re durante la festa della Lega, le, quindi la maggior parte de- se di proprietà, auto e telefonini Angelo Mandara Antonio Padellaro
festa che vedeva presenti nu- gli accadimenti locali non vi e tv, e forse qualche frigorifero
Caporedattore Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
merosi esponenti politici del appaiono. Vorrei quindi esor- e qualche lavatrice in più. Concerto di La Russa Progetto grafico Paolo Residori
partito e lo stesso Ministro tavi a prestare la stessa atten- Francesca Ribeiro
degli Interni, è diventata una zione che prestate ad Adro accorrete numerosi Redazione
provocazione politica. anche a un altro comune ita- La Libia ci spara addosso Il ministro La Russa canterà dal 00193 Roma , Via Orazio n°10
tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
Silvia Nulli liano, Pollica del Cilento di cui Nabucco di Verdi il celebre "Va
hanno pochi giorni fa ammaz- ma Gheddafi è un amico pensiero" dall'altare della patria e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
sito: www.ilfattoquotidiano.it
Adro della Lega zato il sindaco Vassallo. Men- Ho seguito marginalmente le il prossimo 2 giugno. L'intero ri-
Editoriale il Fatto S.p.A.
tre gli italiani sono rimasti sgo- vicende di Gheddafi ancora in cavato della manifestazione sa-
Pollica nel sangue menti per questo nuovo de- Italia di recente, arrivato ospi- rà devoluto alle popolazioni li-
Sede legale: 00193 Roma , Via Orazio n°10
Adro è un piccolo comune litto di mafia, mentre i cono- te a Roma con il suo seguito di biche saccheggiate dai fascisti. Il Presidente e Amministratore delegato
Giorgio Poidomani
lombardo di cui nessuno par- scenti del sindaco sono rima- amazzoni e hostess e altre ne popolo è invitato a partecipare,
lerebbe se non avesse un sin- sti storditi dal dolore, ci sa- ha trovate qui, in un simile però in silenzio, come negli ul- Consiglio di Amministrazione
Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
daco leghista molto discutibi- ranno già persone che stanno spettacolo costatogli una set- timi 15 anni. La partecipazione
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
• Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
Queste sono le forme di abbonamento Prezzo170,00 € telefono e tipo di abbonamento scelto. Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
previste per il Fatto Quotidiano. • Modalità Coupon * • Bonifico bancario intestato a: • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 320,00 € - annuale Editoriale Il Fatto S.p.A.,
Per qualsiasi altra informazione in merito Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
alla settimana (da martedì alla domenica). Prezzo 180,00 € - semestrale BCC Banca di Credito Cooperativo
può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Ag. 105 Via Sardegna Roma
• Abbonamento PDF annuale +39 02 66506795 - +39 02 66505026 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
• Abbonamento postale base (Italia) Iban IT 94J0832703239000000001739
Prezzo 290,00 € - annuale Prezzo130,00 € o all'indirizzo mail
• Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 20.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Orazio n° 10, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, 2ª rata compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano