Sei sulla pagina 1di 18

Crisi o non crisi vince sempre il paese dei furbi

Nullatenenti per il fisco, in 10 milioni non pagano l’Irpef y(7HC0D7*KSTKKQ( +"!=!#!=!$


www.ilfattoquotidiano.it

Venerdì 12 novembre 2010 – Anno 2 – n° 293 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Orazio n° 10 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

DA POMPEI A MINZOLINI Max, nun ce prova’


di Marco Travaglio

I
l Banana, da tempo bollito, sembra davvero

SPESE ALLEGRE E NOI PAGHIAMO


cotto a puntino. Ma non è la prima volta. Lo
sembrava già il 22 dicembre 1994, quando Bossi
gli rovesciò il governo e Fini tentò invano di
trattenerlo (oggi le parti in commedia si sono
invertite). Emarginato dal governo Dini, dal quale si
Monumenti lasciati crollare e centinaia di migliaia di euro buttati in consulenze, era sdegnosamente tenuto fuori, ribattezzato dal
Senatur “il mafioso di Arcore”, “Berluskaz”,
superstipendi, strane operazioni di marketing e lavori inutili. I vertici Rai alle prese “Berluskaiser”, “palermitano che parla meneghino” e,
forse profeticamente, “trafficante di droga”, il
con i rimborsi di “rappresentanza” del direttore del TgUno: 64 mila euro in un anno Cainano pareva morto e sepolto. Provvide poi
D’Alema a resuscitarlo con la Bicamerale,
Nei conti del promuovendolo padre ricostituente e lasciando
toccare la Costituzione a uno che non dovrebbe
commissario voluto avvicinarsi nemmeno al Codice della strada. La
da Bondi perfino liquidazione di Prodi, che aveva osato battere B. e
portare l’Italia in Europa, per rimpiazzarlo con un bel
1.700 euro per la governo D’Alema appoggiato dal ribaltone dei
divisa del suo autista voltagabbana eletti a destra e passati a sinistra al
seguito di Cossiga, Mastella e Buttiglione, completò
Il Paese stringe la l’opera. E regalò a B. la sua seconda resurrezione nel
cinghia ma la casta 2001. Dopodiché, come vaticinato da Montanelli, il
vaccino di B. anti-B. funzionò a meraviglia: nel
continua a non dicembre 2005 gli italiani erano talmente disperati da
negarsi nulla esser pronti a tutto, persino a votare centrosinistra. I
Umberto Bossi dopo l'incontro con Gianfranco Fini (FOTO ANSA) sondaggi davano Prodi 10 punti sopra B. Bastava che
l’Unione stesse ferma e zitta e magari, per sicurezza,
CRISI di Carlo Tecce
pagasse a D’Alema un volo di sola andata per le isole
ultima fiamma di Augusto Andamane, ed era fatta. Invece Max restò sul suolo

FINI: NO A BOSSI L’ca decappottabile.


Minzolini è una Porsche bian-
L’hanno vista
patrio e ricominciò a trafficare: nel gennaio 2006, a
quattro mesi dal voto, uscirono le sue telefonate e
quelle di Fassino con Giovanni Consorte, indagato
E LUNEDÌ scorrazzare nei viali di Saxa Ru-
bra, un lusso permesso grazie al
suo lauto stipendio. Il direttoris-
per la scalata illegale di Unipol a Bnl. Risultato: i 10
punti di vantaggio si assottigliarono a zero virgola. La

ESCE DAL GOVERNO simo ama la bella vita e i lunghi


viaggi. E non guarda ai prezzi,
vittoria annunciata si mutò in pareggio e Prodi
dovette governare con 2 seggi in più al Senato,
esposto ai ricatti dei partiti che lo costrinsero a varare
che siano soldi suoi o soldi pub-
Bocchino chiede le dimissioni blici: con la carta di credito azien-
un governo di 103 elementi, a nominare Mastella
(dicesi Mastella) alla Giustizia e a non cancellare
del premier .Ma lui: “Votatemi dale ha speso dieci volte in più di nemmeno una legge vergogna. Intanto però Prodi
contro” Nicoli pag. 5 z Mario Orfeo (Tg2). pag. 7 z restava a galla e B, che aveva puntato tutto sulla
spallata al Senato tentando l’acquisto di alcuni
senatori coi soliti sistemi (soldi e gnocca), fu
ESCORT E DROGA x Nei verbali della Genovesi anche un tentativo di ricatto contro Di Pietro sfiduciato via via da tutti gli alleati: Casini, Bossi, poi
Fini che, quando lo vide delirare sul predellino della
sua auto, lo fulminò: “Siamo alle comiche finali”.

Perla, squilli e minacce: da La Russa a Don Verzé Provvide poi Veltroni, col “dialogo sulle riforme
insieme”, a resuscitarlo un’altra volta, condannando
Prodi a morte sicura. Così, il 12 aprile 2008, il
Cainano risorse per la terza volta. Ma durò un anno:
Caso Ruby, nell’estate 2007 pareva di nuovo bollito, grazie al
Il libro
nuovo scontro (con fuoco amico di Veronica, D’Addario, veline
candidate, Noemi, Spatuzza e Fini. Stavolta, si pensò,
D’Agostino querela) tra la pm nemmeno D’Alema lo può salvare. E invece no, gente
dei minori di poca fede. Mentre B. era dipinto in tutto il mondo
In quelle ville si va e Maroni. Il Pg
come un puttaniere ricattabile dal primo Tarantini
che passa, il braccio destro di Max in Puglia, Sandro

solo per quattrini della Cassazione


avvia un’inchiesta
Frisullo, astutamente infilato nella giunta Vendola, si
fece arrestare in quanto utilizzatore finale delle escort
scartate da Palazzo Grazioli. Pari e (è il caso di dirlo)
Pagani pag. 15 z Lillo e Barbacetto pag. 2 - 3 z patta. Quest’estate, giunto alla rottura definitiva con
Fini, il Cainano pareva di nuovo alla canna del gas:
D’Alema propose subito un bel governo tecnico con
Concita De Gregorio tutti dentro. Ora insiste con la strana idea della
nart. 18 addio Udi Giuseppe Lo Bianco Udi Gian Carlo Caselli convocazione al Copasir, che all’apparenza pare un
Un paese e Sandra Rizza dispetto a B, ma potrebbe rivelarsi un’altra ciambella
senza tempo
Sacconi demolisce GIUDICI, di salvataggio: la questione non è dare più sicurezza al
lo statuto CONSO, DA VIVI premier o indagare sulla permeabilità delle case del
Fatti e figure
in vent’anni dei lavoratori IL 41 BIS E LE E DA MORTI
premier, ma cambiare premier. C’è poco da
investigare, i fatti sono alla luce del sole. Cosa può
di cronache
italiane
Meletti pag. 11z STRAGI DEL 93 e parole di Roberto Saviano
aggiungere l’audizione di B. alle immagini e alle
er fermare le stragi di Cosa L su Giovanni Falcone, nel di-
testimonianze su escort e papponi che entrano ed
PRoma,
Nostra dopo gli attentati di scorso di Vieni via con me contro i
escono dalle sue ville, con le scorte e i carabinieri di
piantone costretti a dirigere il traffico? Forse stavolta
CATTIVERIE Firenze e Milano, il mi-
nistro della Giustizia Conso il
“fabbricatori di fango”, hanno D’Alema è in buona fede, ma l’abitudine potrebbe
Berlusconi a Fini: “È suscitato polemiche ingiustifica- giocargli brutti scherzi. Chi vuol bene a lui e al Paese,
maggiorenne e incensurata. 4 novembre del ’93 decise di te. Falcone e Borsellino, osanna- gli suggerisca di tenersi a debita distanza da B. Visti i
È la mia ultima offerta” non rinnovare il 41 bis per 140 ti da morti, sono stati ostacolati e precedenti, c’è pure il caso che (magari a sua
(www.spinoza.it) mafiosi detenuti. pag. 6 z umiliati da vivi. pag. 18 z insaputa) lo salvi un’altra volta.
pagina 2 Venerdì 12 novembre 2010

L “N
IL BUON SAMARITANO IL BUON SAMARITANO

a Gaxeta Veneta, giornale “dei veneti” procuratore Antonio Fojadelli ha definito avuto degli incontri nel trevigiano, a Cison di ei giorni scorsi, nel pieno gran voce di intervenire per fare chiarezza e pochissimi top manager, spesso in verità più
“Zaia con delle escort rigorosamente scritto in veneto, “totalmente infondate le notizie diffuse dal sito e Valmarino. Lo avrebbe riferito la escort Nadia La protesta dei manager: dell’affaire Ruby, siamo ribadire chi è il manager: un professionista imprenditori che manager, che percepiscono
sosteneva che nei giorni dell'alluvione indicato che il presidente veneto nei giorni indicati Macrì. Soddisfatto Luca Zaia, particolarmente stati sommersi da che, forte di un ben preciso percorso retribuzioni milionarie, ora anche questo,
il governatore Zaia avesse passato alcune serate in per gli incontri era da tutt'altra parte impegnato in infastidito dalla notizia perché “oltre a diffamarmi centinaia di mail e telefonate di dirigenti e formativo e professionale, guida peraltro abbastanza consueto e usuale,
durante l’alluvione” compagnia di alcune escort. Ma ancor prima che la attività pubbliche e private, legate soprattutto sul piano personale, si è anche tentato di far “Basta, con noi Mora quadri associati indignati di essere quotidianamente uomini e aziende per creare, parallelo con Lele Mora o comunque con
notizia diventasse di pubblico dominio, il sito web all’emergenza maltempo”. Secondo il responsabile passare la vergogna che sarei andato a divertirmi quotidianamente affiancati professionalmente a insieme agli imprenditori crescita e ricchezza”. personaggi che di competenza, cultura e
è stato oscurato dal gip di Treviso. Nel corso di del sito, un 42enne vicentino ora indagato per mentre 500.000 veneti erano alle prese con la Lele Mora”: protesta Lorenzo Guerriero, Insomma, fa notare Manageritalia, “dopo esperienza manageriale non fanno certo il loro
Oscurato un sito Internet una conferenza stampa in Questura, il diffamazione, il presidente della Regione avrebbe gravissima alluvione che ci ha colpito”. non ha niente a che fare” presidente Manageritalia. “Ci hanno chiesto a essere stati a lungo visti tutti come quei tratto portante”.

LA RUSSA E DI PIETRO: Ruby, querele e bugie


SEGRETI DI PERLA Si muove la Cassazione
IL GIUDICE: “MARONI CALPESTA LA VERITÀ”
Sms con il ministro, trappola per l’ex pm I QUATTRO REBUS DI QUELLA NOTTE
di Marco Lillo gazioni e il ministro ha rispo- giunge: che aveva le foto ma Perla non di Gianni Barbacetto Karima El Mahroug, detta Ru-
sto con trasparenza e cortesia: “Brunetta era quello che aveva am- ricorda. by, viene portata alla questura
econdo i carabinieri di Pa- “Questi contatti non c’entra- ministrato i fondi del partito, i fondi P.M.: E che le dissero di questa vi- l pasticciaccio della notte

S I
di Milano con un’accusa di fur-
lermo, le 13 telefonate re- no con l’inchiesta perché io … i fondi … come si dice … i fondi cenda delle fotografie più esatta- tra il 27 e il 28 maggio to. Che cosa successe davvero
gistrate durante le indagi- non ho nulla a che fare con le quelli non dichiarati. mente? 2010 diventa conflitto du- in quelle ore, che contengono
ni sul narcotraffico tra Si- storie che hanno coinvolto P.M.: I fondi neri? GENOVESI: Mi chiesero se potevo ro. Tra il pm dei minori An- il nocciolo duro del caso Ru-
cilia, Parma e Barcellona Perla Genovesi”. Su un punto GENOVESI: Sì. Di Forza Italia. Non contattare Berlusconi per … se gli namaria Fiorillo - “Maroni è an- by?
sull’utenza della portabor- La Russa è categorico: “io sono me l’ha detto lui, sono cose che san- interessavano le fotografie. dato in Parlamento a calpesta-
se-trafficante Perla Genovesi e il politico che ha chiesto ai par- no tutti, che lui amministrava i soldi P.M.: E lei che ci ha risposto? re la verità e questo non lo pos- 1. LE TELEFONATE
intercorse con l’attuale mini- lamentari di fare il test del ca- … ha amministrato per un periodo, ....P.M.: Lei chi chiamò esattamen- so permettere” - e lo stesso mi- Subito si muove, da Roma, Sil-
stro della difesa Ignazio La Rus- pello che registra il consumo non che amministrava, ha ammini- te? nistro dell’Interno, che an- vio Berlusconi, che aveva pre-
sa sono “tutte prive di interes- negli ultimi mesi perché non strato per un periodo i fondi del par- GENOVESI: La segreteria di Arcore, nuncia una querela contro il cedentemente incontrato Ru-
se investigativo e attinenti al ho nulla da temere”. E Perla? tito insomma. ma specificai chiaramente che io magistrato. Ma anche tra Fio- by ad Arcore: con un paio di te-
compito ufficiale” dell’assi- “Era un’assistente parlamenta- P.M.: Era amministratore del parti- non c’entravo nulla, non volevo sa- rillo e il procuratore della Re- lefonate al capo di gabinetto
stente parlamentare del sena- re normale. Non ho avuto con to? Cioè ufficialmente stiamo par- perne nulla, che mi avevano chiesto pubblica di Milano Edmondo della questura, chiede che la ra-
tore di Forza Italia, Enrico Pia- lei rapporti particolari, si pre- lando o stiamo facendo? … Bruti Liberati, che danno due gazza (qualificata come “la ni-
netta. A scorrere i tabulati te- sentò durante una partita e la GENOVESI: Non lo so se ufficial- P.M.: Con chi ne parlò? P.M.: Ma questo a Ossola? un giro qualcosa del genere i sizione e poi gli avevo anche con- versioni opposte di ciò che pote del presidente egiziano
lefonici, che Il Fatto Quotidiano rividi a margine di una mani- mente, so che lui vantava con me di GENOVESI: Con la segretaria di GENOVESI: Sì, ho detto che non vo- berlusconiani non l’avrebbero sigliato di chiederlo anche a Berlu- successe quella notte. Intanto Mubarak”) venga rilasciata e
ha visionato, si resta un po’ festazione. Non ricordo nulla avere insegnato l’economia a Ber- BERLUSCONI … levo incontrare questo … questo già usata sui loro giornali per at- sconi direttamente e pare che il il Consiglio superiore della consegnata a Nicole Minetti,
sorpresi. I primi contatti tra di questi sms e di queste tele- lusconi P.M.: Si chiama? Senatore che … e che non volevo taccarmi. La testimonianza di giorno dopo, dopo quella telefona- Fili pericolosi magistratura, a cui il pm del tri- ex soubrette televisiva e igieni-
Perla e Ignazio La Russa sono fonate che comunque non GENOVESI: Marinella o … e mi entrarci in questa cosa, allora lui fa Perla Genovesi riporta di attua- ta, lui si fece trovare in una situa- Perla Genovesi bunale dei minorenni aveva sta dentale del presidente del
due telefonate di un minuto c’entrano con l’inchiesta”. POI LA RAGAZZA raccon- avevano detto il nome di uno che “vabbè, intanto mi hanno offerto lità il problema della macchina zione che Berlusconi stava per e i suoi interlocutori: i ministri Bondi, chiesto di essere tutelata nei Consiglio, che arriva in via Fe-
ciascuna alle otto di sera del 3 ta così il funzionamento della era disposto ad incontrarli, che però dei soldi dei giornali inglesi, perché del fango. Mi chiedo cosa cer- prendere un aereo privato e lui gli Brunetta e La Russa. In basso, confronti del ministro, ha de- tebenefratelli dichiarandosi
aprile e 4 aprile 2006. Nulla di PERLA GENOVESI non macchina del fango contro An- gli interessavano se erano fotogra- in Italia non lo pubblicherebbero cava la segretaria di Berlusconi disse che doveva parlargli. Berlu- la pm del Tribunale dei minori ciso di trasmettere la lettera di non solo consigliere regionale
strano, insomma, fino all’una e parla di La Russa nei verbali ma tonio Di Pietro. Un racconto fie del Presidente, però che c’era … su di me? Non sarebbe la prima sconi lo fece salire con lui sull’aereo Annamaria Fiorillo (FOTO ANSA) Fiorillo al procuratore genera- (lo è: imposta da Berlusconi nel
38 minuti della notte: il 5 apri- fa i nomi di altri politici dise- vago che coinvolge un senato- questo qua disposto … voleva in- P.M.: Sono state mai pubblicate volta che Berlusconi prova a in- privato e lì capii che allora c’era e, a destra, il commissario capo le della Cassazione, che ha “av- listino bloccato del presidente
le Perla Genovesi chiacchiera gnando storie inquietanti, tut- re anonimo del Pdl e addirittu- contrare … che era interessato, pe- queste foto? fangarmi. E’ un soggetto ricat- qualcosa di serio, perché se no Ber- della questura di Milano viato accertamenti conosciti- Roberto Formigoni), ma anche
con La Russa per 45 secondi. te da verificare e spesso fumo- ra la segretaria di Berlusconi. rò io a quel punto mi sono … ho GENOVESI: Non lo so, penso di no. tato e ricattatore e dovrà ri- lusconi non o faceva salire sull’ae- Giorgia Iafrate (FOTO MILESTONE). vi sulla vicenda”. “consigliera con incarico pres-
Prima e dopo quella telefonata se. Dopo aver raccontato i rap- Secondo Perla Genovesi un detto io a … “guarda, lasciamo per- P.M.: Non ho capito, lei dice non vo- spondere anche di questo da- reo privato … e mi disse che du- In alto, elaborazione fotografica di La notte del pasticciaccio è so la presidenza del Consiglio
con La Russa ci sono molti porti tra Renato Brunetta e la suo amico che aveva rapporti dere che io non voglio entrare in levo incontrare questo Senatore, vanti ai magistrati”. rante il viaggio in aereo con Berlu- Fabio Corsi quella in cui la diciassettenne dei ministri”. Le pressioni di
contatti di Perla con l’amica escort Nadia Macrì, Perla ag- con il Pdl, Riccardo Ossola, gli questa cosa”. perché le disse … sconi gli aveva detto di non preoc- Berlusconi sono il vero scanda-
Nadia Macrì. Perla e il politico raccontò che: “avevano delle fo- GENOVESI: Non volevo entrare in POI C’È il racconto in presa cuparsi, che se ne sarebbe occupa- lo della vicenda Ruby, perché
si risentiranno il 16 aprile e poi tografie su Di Pietro che le voleva questa cosa. diretta di come nel 2006 il se- to personalmente. Io potevo solo costituiscono un abuso di po- lefonate di Berlusconi premo- l’affido, ma che nella relazione
si scambieranno alcuni sms Il titolare vendere, che avevano trovato DI Il leader P.M.: La Segreteria di Berlusconi le natore uscente Renato Pianet- vedere i risultati se veramente … e tere ingiustificabile dal punto no su di lei affinché lasci anda- al suo procuratore, poi inviata
nella tarda serata di quello della Difesa Pietro in una casa chiusa con delle dell’Idv disse di contattare un Senatore? ta ottenne la ricandidatura da sapevo quanto costava una candi- di vista politico, anche al di là re Ruby. Dall’altra le regole, anche al Csm, scrive sì di avere
stesso giorno. Per mesi nessun ragazzine straniere minorenni, do- GENOVESI: Mi fecero … mi dissero Berlusconi sull’aereo del cava- datura per una posizione buona, dell’eventuale qualificazione che impongono le procedure espresso “notevoli perplessità
segnale fino al 26 luglio del
2006 quando alle 21 Perla e
Ignazio si scambiano tre sms.
Il 31 luglio alle 21 e 50 La Rus-
sa, riparla con Perla e il mini-
“ Continui
contatti
ve andava con l’avvocato e lui le vo-
leva vendere … alla fine le ha ven-
dute a dei giornalisti stranieri, in-
somma lui si interessava a queste
cose per guadagnarci dei soldi pra-
“ Non esiste
nessuna foto
che c’era una persona disposta ad
incontrare per questa cosa, che era
interessata.
P.M.: Perché lei parla di Senatore?
GENOVESI: Perché lui era un Sena-
liere minacciando rivelazioni
sui soldi pubblici - a dire della
Genovesi - elargiti grazie a lui
all’ospedale San Raffaele di
don Verzé.
Sapevo che non bastava che sup-
plicasse il Berlusconi, ci doveva es-
sere veramente qualcosa per salire
dall’ottava posizione su.
Il giorno dopo che hanno presen-
giuridica come reato. Su quelle
pressioni, le indagini della pro-
cura di Milano proseguono.

2. I FUNZIONARI
d’identificazione della ragazza,
e il pm dei minori, che dispone
il suo trasferimento in comuni-
tà. La polizia quella notte fa il
suo dovere: trattiene per molte
che esternai con chiarezza
all’interlocutrice”, ma alla fine
non offre alcuna certezza:
“Non ricordo di avere autoriz-
zato l’affidamento della mino-
stro si scambierà quella notte notturni con ticamente. imbarazzante, tore che doveva … “Gli dissi: fai questa telefonata, tato le liste, lui era … quinta o la Ruby viene portata in questura ore Ruby, non obbedendo alle re”. Sulla base di quel “non ri-
una sequenza di 4 messaggi tra P.M.: Questo Riccardo Ossola? P.M.: E si chiamava? chiama direttamente Don Verzè’.... sesta posizione. Io rimasi ancora da due agenti del commissaria- pressioni del presidente del cordo”, il procuratore Bruti Li-
l’una e quaranta e le due meno l’ex assistente: GENOVESI: Sì. In questo caso lui si è i berlusconiani P.M.: Glielo dissero? non la fece davanti a me la telefo- più meravigliata, “soddisfatta” del to Monforte. Negli uffici c’è il Consiglio, e procede alla sua berati ha dichiarato che “il caso
un quarto con la ragazza 28en- … l’hanno contattato per … farsi GENOVESI: Sì, ma non era famoso, nata, però me la raccontò … non mio lavoro, perché in realtà ero … funzionario Giorgia Iafrate, corretta identificazione e foto- era chiuso”, per quanto riguar-
ne. Affar suo se l’allora Perla ‘Ma non aiutare, però immagino che l’avran- l’avrebbero quindi non me lo ricordo. dico che lo minacciò, ma gli disse avevo avuto una conferma di quel- che si trova al centro di una segnalazione. La dottoressa Ia- da il comportamento dei fun-
non fosse stata arrestata nel lu- no pagato.... esattamente che quello che aveva lo che era successo, non era stato contesa. Da una parte i supe- frate prende contatti con il pm zionari di polizia. Del resto,
glio scorso dai Carabinieri con c’entrano con già tirata DI PIETRO commenta: “Non fatto non … era il minimo che gli … un film, uno di quei film che mi … riori, il capo di gabinetto Pietro di turno del tribunale dei mino- perché il pm dei minori il gior-
l’accusa di traffico di droga. Il POI I PM chiedono il nome esiste nessuna foto imbaraz- insomma che doveva dire a Berlu- che poi pensavo che era stato solo Ostuni e l’allora questore Vin- renni, che quella sera è Anna- no dopo non ha più chiesto che
Fatto Quotidiano ha chiesto spie- l’inchiesta’ della persona amica di Ossola fuori zante. Ma vi pare che se ci fosse sconi di metterlo in una buona po- un film. cenzo Indolfi, che dopo le te- maria Fiorillo, e con lei discute fine aveva fatto la ragazza?

GIUNGLA NEL PALAZZO Niente regole, abusi a go go ” ” plice: “Si moltiplicano per 12 mesi i
BUNGA BUNGA Corona dixit:
cosa fare della ragazza, mentre
“continua a ricevere continue
telefonate da parte del capo di
gabinetto, il quale chiedeva
4. L’AFFIDO
Il caso resta evidentemente
aperto per quanto riguarda, a

Il portaborse dell’onorevole? Contratto da colf 4.190 euro che 400 deputati percepi-
scono mensilmente pur non avendo un
collaboratore: fa 20.112.000 euro”. In-
vece, l’accordo siglato da Fini e Schifani
“Gli scatti di Arcore ci sono eccome”
perché la ragazza non fosse sta-
ta ancora rilasciata”, come scri-
vono i due agenti nella loro re-
lazione di servizio.
monte, le pressioni di Berlu-
sconi; e, a valle, il comporta-
mento di Nicole Minetti. Non
solo non è “consigliera con in-
di Paola Zanca no affidarsi al “rapporto di fiducia” per contenere le spese delle Camere

ià ci chiamano portaborse...
che li lega al loro datore di lavoro. Può
andar bene, come no. Fino a un anno
so”. Ma non dice quanto. Per assurdo,
se la retribuzione fosse di un euro al
mese, i tornelli di Montecitorio si apri-
ratori mi servono giù”. Dei loro nomi,
dei contributi che ricevono, delle
mansioni che svolgono non c'è trac-
tare di turno. Oggi nel Parlamento ita-
liano ci sono collaboratori inquadrati
come colf, maternità sotto ricatto,
prevede un taglio orizzontale di 500 eu-
ro al rimborso: tradotto, chi non ha as-
Sfotocatti ricordo. O prove buone per ri- ma intanto le versioni sul bunga bunga
catti di ogni tipo. Una cosa è certa: le continuano a crescere. L'ultima, rive-
delle feste ad Arcore, quelle all'in- lata da Dagospia, racconta di una disco-
3. “NON RICORDO”
carico presso la presidenza del
Consiglio dei ministri”, ma ha

“G adesso con questa storia di Per-


la Genovesi diranno che siamo quelli
fa, il lavoro nero era diffuso a macchia
d'olio. Oggi una legge impone che il
rebbero comunque.
La settimana scorsa, ad ‘Annozero’,
cia: per il regolamento della Camera,
la De Girolamo non deve renderne
mancate iscrizioni all'Inail e all'Inps.
“Gli stipendi vanno dagli 800 ai due-
sistenti continuerà a portare a casa
3.690 euro senza motivo e a rimetterci
segna del bunga bunga, ci sono ecco-
me. Ne è sicuro il re dei paparazzi, Fa-
teca costruita nei sotterranei di Arcore
che si chiamerebbe proprio così. “Cer-
Alla fine Ruby viene consegna-
ta a Nicole Minetti. Questo pas-
saggio resta oggetto di polemi-
abbandonato Ruby nelle mani
della prostituta brasiliana Mi-
chele Coincecao Santos Olivei-
che fanno le cose sporche, che por- badge per entrare nei Palazzi della la deputata Pdl Nunzia De Girolamo conto. “Sono ragazzi che lavorano mila euro – spiega Giorgia D'Errico, saranno comunque quei parlamentari brizio Corona. Ormai è fuori dal giro: to, non abbiamo nessuna prova, le foto che. La dottoressa Iafrate so- ra, che pochi giorni dopo la
tano in giro le mazzette, che traffi- politica possa essere assegnato solo a rispondendo alle rivendicazioni di per il partito”. Hanno un contratto? portavoce del coordinamento – ma ci “vir tuosi” che già ora hanno le carte in “Oggi non me ne frega niente né di Lele ci sono ma nessuno, per ora le tira fuori stiene che, dopo molte telefo- picchierà fino a mandarla
cano droga e rimediano le escort”. A chi è titolare di un contratto “onero- una giovane consigliera milanese che “Io verso i soldi al partito, li pagano sono situazioni in cui la retribuzione è regola. “Perché dobbiamo essere dei Mora né di Ruby, perché qua mi gioco – scrive il sito di Roberto D'Agostino – nate con la pm, fu presa con- all’ospedale.
parlare è l’assistente parlamentare fa politica a “zero euro” aveva indi- loro”. Lavorano in nero? “No, no, an- molto più bassa, il contratto a proget- fantasmi? – dice ancora Fabio – Sul sito tre anni della mia vita”. L’attenzione in- ma altre testimonianze ci assicurano cordemente la decisione di af-
di un deputato italiano. Preferisce ri- cato un suo collaboratore dicendo zi... ce ne fossero che danno la pos- to non ha un minimo salariale”. dell'Ue a fianco dei nomi dei deputati c’è fatti è al processo Vallettopoli: ieri con- che quanto scodellato non è per niente fidare provvisoriamente la ra-
manere anonima, anche se la sua
storia l’ha raccontata a uno degli
Ogni che anche lui lavora “gratis”. Eppure,
la De Girolamo, come tutti i parla-
sibilità che do io a questi ragazzi”.
Formalmente ineccepibile: quando
Negli archivi, di storie memorabili, se
ne trovano a bizzeffe. Ad ottobre del
l'elenco degli assistenti. Magari anche
chi non ha collaboratori accreditati a
tro di lui l'accusa ha chiesto una con-
danna a 3 anni e otto mesi di carcere
campato in aria”.
Lo “scodellato” sarebbe il racconto di
gazza alla consigliera regiona-
le. Fiorillo racconta un’altra
Le pressioni
ispettori del lavoro che stanno inda-
gando sui contratti dei 230 assistenti
parlamentare mentari italiani, percepisce ogni me-
se 4.190 euro per il rimborso (esen-
non ci sono regole, è impossibile sta-
bilire le infrazioni. Per questo il coor-
2009, l'onorevole Gabriella Carlucci
venne condannata a risarcire la sua
un canile. Ma la maggior parte delle
violazioni rimangono lì, custodite nel
Montecitorio spende quei soldi per con-
sulenti sul territorio. Bene, perché non si
per estorsione, la sentenza è attesa per
il 2 dicembre. Ma Corona ammette che
una sorta di teatrino scavato sotto villa
San Martino: qui, nelle sue serate “di-
storia: nega di aver dato il suo
assenso.
del premier
accreditati alla Camera dei deputati
(al Senato non possono farlo: Schifani
percepisce tasse) delle spese di segreteria. “No,
no, non dicevo che non pago i miei
dinamento dei collaboratori parla-
mentari Co.co.parl. sta portando
collaboratrice, che aveva fatto lavo-
rare in nero per due anni. Nell'estate
“rapporto di fiducia”: “C'è molta re-
ticenza – spiega un collaboratore,
obbliga alla rendicontazione? Non c’è
nulla di cui vergognarsi ad avere per-
anche se avesse continuato a lavorare
“non c'è nessun giornale che le avreb-
stensive”, Berlusconi ospiterebbe cin-
que o sei ragazze vestite da uomo. Nel
Il commissario capo Giorgia Ia-
frate ribatte: “Se nega, il pm dei
Il “non ricordo”
ha negato la diffusione degli elenchi, collaboratori – spiega ora al telefono avanti una battaglia per equiparare del 2004, l’assistente del senatore anche lui anonimo – Basta poco per sone che lavorano per te”. be pubblicate e nessuna agenzia che le corso dell'esibizione si racconta di tra-
questioni di “privacy”). 4.190 euro – Quel ragazzo lavora per un consi- gli standard italiani alla normativa Domenico Fisichella fu licenziato in perdere il posto. E poi molti stanno La trasparenza, a questi “fantasmi”, avrebbe proposte”, perché “quelle foto vestimenti di ogni tipo. Tra i più get-
minori evidentemente ricorda
male. Io invece ricordo benis- del magistrato
Li chiamano ‘por taborse’, ma spesso gliere regionale e, gratuitamente, fa il europea. Primo, il rimborso deve es- tronco per colpa di una foto che lo zitti perché considerano questo lavo- servirebbe anche a dare dignità pro- sono scattate in un ambiente privato e tonati, i presidenti di mezzo mondo: simo e non cambio una virgola
sono loro a tirare avanti la carretta. al mese per portavoce del partito a Benevento”. sere erogato solo a chi effettivamente ritraeva al Gay Village. Due mesi pri- ro come la gavetta del 'delfino' che fessionale. “Le storie come quelle di quindi per legge non sono pubblica- Obama, Sarkozy, Lula, Cameron, Zapa- di quanto già detto. Ho seguito minorile e
Dalla segreteria all’ufficio stampa, A Roma, lei non ha nessun assistente ha contrattualizzato un collaborato- ma, l'avvocato Taormina aveva can- prima o poi diventerà politico”. Perla sconvolgono prima di tutto noi - bili”. tero. Ogni tanto, assicurano, non man- la prassi, come ogni notte”. La
dai lavori in commissione alla stesura il proprio accreditato. Quindi, nessun contratto re. Secondo, vanno stabiliti dei livelli didamente dichiarato a ‘Repor t’ che i Fabio Santoro, membro di Co.co.parl., conclude Fabio – Quando si lavora Quelle immagini non le vedremo mai, ca la maschera di qualche ministro. parola della funzionaria contro la versione
degli emendamenti. Eppure non han- “oneroso” a sue spese. “Faccio molta minimi di retribuzione, senza affidar- soldi del rimborso li dava a sua mo- ha calcolato che fare chiarezza, ser- senza regole, qualunque opportuni- quella della magistrata. Che ora
no un contratto di riferimento. Devo- assistente più fatica – aggiunge – ma i collabo- si alla discrezionalità del parlamen- glie, che li usava per la beneficenza a virebbe anche a risparmiare. È sem- sta può trovare terreno fertile”. si dice sicura di aver rifiutato della polizia
pagina 4 Venerdì 12 novembre 2010

D
SI DICE A DESTRA

opo un anno da protagonista, per guida del Giornale ebbe un ingaggio di 15 milioni di euro, della Fininvest alla Cir di De Benedetti di 750 milioni.
Dai 15 milioni di euro Vittorio Feltri e il suo Giornale, l’Ordine ha fatto discutere. A partire dal caso Boffo, quando Poi la lunga battaglia contro Gianfranco Fini e la casa di
dei giornalisti ha deciso di sospendere il costrinse il direttore di Avvenire a dimettersi dopo una Montecarlo dove abita Giancarlo Tulliani. Proprio il
direttore del quotidiano di casa Berlusconi per 3 mesi, compagna basata su accuse di omosessualità. E ancora caso-Boffo all’origine della condanna di Feltri: e la
d’ingaggio al caso Boffo e non per i 6 che dovevano essere all’inizio, perché la presunta love story tra Alessandra Mussolini e il Società Pannunzio per la libertà d'informazione, che
nell’ultima votazione il Consiglio si è diviso a metà e leader di Forza Nuova, Roberto Fiore corredata da un denunciò il direttore del Giornale, si dichiara soddisfatta
dunque è prevalsa la soluzione più favorevole fantomatico video hard. Quindi il giudice Mesiano, dell'esito della vicenda. L’editore. Paolo Berlusconi ha
alla casa di Montecarlo all’imputato. Feltri, che per sostituire Belpietro alla responsabile della sentenza di risarcimento da parte confermato la piena fiducia a Feltri.

FELTRI SOSPESO PENSA A MOLLARE


IL CAV. E A FARE UN NUOVO GIORNALE
Nell’impresa ci sarebbero anche Belpietro e Mulè
di Luca Telese sogna difendere Berlusconi…’. est temendo l’incidente fatale Giornale ci chiedono di fare lo-coltello di sempre, Maurizio giornale ci fu un’avvisaglia: mi-
Bisognerà pure difenderlo, ma per la sua immagine. Fatte le de- quadrato nel momento della dif- Belpietro: “Ha dato due mazzate gliaia di lettori che telefonavano
veva detto, solennemente: anche dire che non ha mantenu- bite proporzioni, è come se Totti

A
ficoltà”. a Berlusconi”. Citazione non ca- e scrivevano inferociti quando
“Se l’ordine mi condanne- to le sue promesse e che ci si può andasse a Trigoria ma si rifiutasse suale. In una ipotesi clamorosa, circolò la voce che potesse di-
rà per me sarebbe una rompere le balle delle sue veli- di salutare i tifosi giallorossi. INSOMMA , partendo da que- Belpietro (che ci sta pensando) mettersi per le polemiche con Fi-
grande delusione. E in que- ne”. Non è un caso quindi che Pesa su tutto questo l’asimmetria sta situazione, dentro la testa di potrebbe lasciarsi coinvolgere ni. Anche su questo retroscena
sto caso potrei lasciare Il Giorna- ieri, dalla lontana Seul, letta l’in- del rapporto con il Cavaliere: Feltri prende forma un progetto nel progetto. Il che creerebbe che era rimasto coperto, non a
le”. Ebbene: ieri, dopo una sedu- tervista a Feltri, Berlusconi ab- Berlusconi parla tutti i gironi con che il fedele amministratore de- una battaglia fra due sole testate caso, Feltri ha ricordato in queste
ta incredibilmente lunga e bat- bia tramutato il possibile addio Sallusti, Feltri non lo fa mai. Tutti legato Di Giore traduce in nume- nel campo del centrodestra: il ore la sua verità: “Scrissi una let-
tagliata, l’Ordine dei giornalisti, del direttore in un affare di Stato, pensavano fosse un gioco delle ri: un nuovo giornale per andare nuovo giornale “corsaro”, e quel- tera a Berlusconi. Se ti sono d’im-
riunito all’Hotel D’Azeglio di dettando ai suoi referenti politi- parti o una divisione di ruoli. Ma in pareggio dove avere massimo lo ortodosso, controllato da Sal- piccio basta che me lo dici e mi
Roma ha confermato quella con- ci italiani, allo stesso Sallusti e al strada facendo è diventata una 25 redattori e vendere minimo lusti. Una ipotesi che mette i bri- dimetto senza scrivere una riga.
danna. Ridotta da sei a tre mesi, gruppo di comando della socie- differenza: “Non sono mai anda- 25 mila copie. Con prudenza cir- vidi visto gli scontri fra titani che Lui mi chiamò e – in una delle no-
certo, ma pur sempre conferma- tà Europea edizioni (quella che to a una sua festa – spiega ai suoi cospetta si sono persino registra- si sono celebrati questi anni: Fel- stre rare conversazioni e mi dis-
ta nella sua conseguenza più du- controlla il quotidiano di fami- Feltri – non solo perché non mi ti dei possibili nomi: Libero Gior- tri (a Libero) contro Belpietro (al se: Resta”. Come dire: la campa-
ra: non poter firmare un quoti- glia) una parola d’ordine sor- ha invitato, ma perché non sono nale, Il giornale libero (notare il dop- Giornale), Belpietro Sallusti e Fel- gna contro Fini era gradita al pre-
diano. Quindi da domani Vitto- prendente: “Bisogna tenere Vit- il tipo da feste con Papi. Una volta pio gioco di parole concorren- tri (al Giornale) contro Belpietro mier. L’ultima stoccata: affettuo-
rio Feltri potrebbe davvero la- torio a tutti i costi!”. ho accettato di prendere il suo ziale su due fronti). E infine un’al- (stavolta a Libero). Di certo c’è sa e ferocissima. Ma l’altra notizia
sciare il giornale per fondarne aereo privato. Volevo andare a tra ipotesi: Fuori dal coro. Ma il col- che Feltri è uno dei pochissimi clamorosa è che anche il diretto-
un altro, “Un fatto anarchico e di FACILE A DIRSI , meno da vedere il mio cavallo correre, e po di scena è un altro. Feltri, an- giornalisti in Italia che dispone di re di Panorama, Giorgio Mulè, po-
centrodestra”, per usare le sue realizzare. Il retroscena di questo fare lo sborone con mia mo- che se sospeso, potrebbe firmare un pacchetto di mischia: venti- trebbe essere interessato all’im-
parole. Un’ipotesi a cui, come dissidio, infatti, è il logoramento glie…”. Sallusti al contrario è il sito. Lui nella sua intervista ave- mila lettori che lo seguono anche presa. Praticamente, uno scisma
vedremo, sta lavorando da tem- del rapporto Sallusti-Feltri che molto più risoluto: “I lettori de Il va parole solo per un altro fratel- in capo al mondo. E per di più al dentro la Chiesa berlusconiana.
po, in grande segretezza. Chi non è avvenuto sul piano dei rap-
sentendo questa notizia pensas- porti personali (“Io con Alessan-
se che si tratti solo di una nota
per addetti ai lavori sbaglia. L’ad-
dro ci sono andato a cena anche
la settimana scorsa, come profes-
Dall’Ordine dei
dio di Feltri e la nascita di un
nuovo quotidiano sarebbero,
sionista lo stimo”). Ma proprio
sul nodo decisivo della gestione
giornalisti riduzione
per il berlusconismo, l’equiva- del giornale. Qualcuno aveva
lente di una bomba atomica. pensato che Feltri approfittasse della sospensione da
Perché la rappresentazione del della sentenza di primo grado (la
potere in questi anni è stata tutta sospensione di sei mesi e l’obbli- 6 a 3 mesi per
giocata sull’edificazione dei go di togliere il suo nome dal co-
simboli e, soprattutto, perché le lofon) per trasformarsi in un edi- il caso Boffo
grandi scelte politiche sono sta- torialista di peso, come era acca-
te prese tutte sull’onda di grandi duto tra Mario Cervi e Belpietro,
campagne giornalistiche. Infi- senza conflitti. Invece Feltri non
ne, perché il ritorno di Feltri a Il aveva mollato il campo, siglando
Giornale segnò l’apertura dell’ul- per giunta un editoriale di critica
tima (se non altro in ordine di dopo il caso Ruby. Un altro test
tempo) resurrezione comunica- sulla differenza tra i “due” diret-
tiva del Cavaliere dopo il baratro tori c’era stato nel giorno del giro
sfiorato del Noemi gate. di Berlusconi in Veneto. Con il
Adesso Feltri se ne va, senza Giornale che spende un titolo
sbattere la porta con polemiche tranquillizzante per la corrispon-
fratricide, ma distinguendosi denza dell’inviato Stefano Filip-
nettamente dal suo compagno pi, e Libero che invece si smarca
di battaglie Alessandro Sallusti. con un resoconto del suo croni-
Se ne va e lo fa marcando il ter- sta Francesco Specchia in cui la
ritorio sul nodo incandescente musica è tutt’altra: il Cavaliere ha L’attuale dirigenza de “Il Giornale”.
(per i media di centrodestra) del subito micro-contestazioni, e ha Da sinistra Sallusti, Porro e Feltri.
giudizio sul berlusconismo: “Ar- deciso di non incontrare gli im- In alto l’ex direttore dell’Avvenire,
rivo al giornale e mi dicono: ‘Bi- prenditori alluvionati del nord Dino Boffo (FOTO ANSA)

IL CASO DELL’AVVOCATO ARNONE

IL DEMOCRATICI FINISCONO IN PEZZI NELLA VALLE DEI TEMPLI


di Michele de Gennaro ticolare dalla corrente di Angelo Capodica- Lampedusa, i suoi uomini hanno utilizzato il da inficiarlo. E infatti venne approvato. Sul
sa, che gli preferirono Messana. Arnone si vecchio metodo dell’elenco telefonico, os- tesseramento 2010 è in corso e non è mai
e in Sicilia l’appoggio al governo tecnico
Sputati
di Raffaele Lombardo da parte di 23 de-
del Pd su 27, compreso il segretario
presentò con una lista indipendente, otte-
nendo 19.000 voti. “Arnone – dice Emilio
Messana – è stato espulso dal Pd con due
sia tesserando cittadini a loro insaputa”. In-
fine Arnone denuncia anche la “sconcer-
tante mancata apertura del tesseramento
stato bloccato, né io, in quanto coordina-
tore, ho il potere di farlo. La verità è che
Arnone conduce una campagna di pesante
regionale Giuseppe Lupo, comporta non distinti provvedimenti della Commissione per l’anno in corso: a ottobre, ad Agrigento, intimidazione e di minaccia nei confronti
pochi mal di pancia alla dirigenza nazio- Regionale di Garanzia e di quella nazionale. non erano ancora state distribuite le tessere del Pd e in particolare della mia persona”.
nale, nella valle dei Templi le cose vanno Lui ha promosso due cause civili per riot- ai circoli”.
anche peggio. È in corso, infatti, una guer- tenere la tessera e le ha perse entrambe. La “Dopo un attento esame – risponde Mes- LO SCORSO 26 ottobre Arnone si è pre-
ra interna che vede da una parte Giuseppe sanzione gli è stata inflitta perché in quelle sana – la Commissione Regionale di Garan- sentato a una riunione del Pd locale per
Arnone, avvocato di parte civile e consi- elezioni ha tradito il partito”. zia ritenne che, sì, durante il tesseramento rivendicare le sue ragioni e Giuseppe Giuf-
gliere comunale ad Agrigento, e dall’altra Ma Arnone non ci sta e rilancia: “A parte che 2009 ci furono delle irritualità, ma non tali frida, stretto collaboratore di Capodicasa, lo
Emilio Messana, coordinatore provincia- durante la campagna elettorale ho sempre ha insultato pesantemente davanti alle te-
le. richiamato i cittadini a votare la lista Pd, la lecamere di alcune emittenti locali. Allora

NEGLI ANNI Arnone ha fatto condan-


scelta di candidare Messana è stata dettata
da interessi clientelari che nulla hanno a che
Dal consigliere Arnone ha presentato l’ennesima denuncia.
Infine tre giorni fa il consigliere comunale
nare politici e collaboratori, tanto da essere
stato definito il Saint-Just dei Templi. Il con-
fare con la buona politica. Non posso tol-
lerare che il mio partito sia nelle mani di chi
agrigentino manifesti ha portato le sue rivendicazioni direttamen-
te sotto casa di Bersani, organizzando un’af-
trasto con Messana risale al 2008, quando falsifica documenti, commette brogli e dà fissione di manifesti-denuncia, diffidata pe-
Arnone, forte di un sondaggio Ipsos che lo copertura a soggetti che ruotano al mondo di denuncia sotto casa rò dal rappresentante legale del Pd, Antonio
dava come candidato preferito dagli agri- del capomafia Falsone. Messana è respon- Misiani.
gentini per rappresentare il Pd nella corsa sabile di firme false, di nomine fasulle nella di Bersani Per il prossimo 20 novembre è previsto il
alla presidenza della provincia, venne mes- commissione elettorale e di brogli nel tes- coordinamento provinciale del Pd agrigen-
so da parte dai vertici del partito, in par- seramento 2009. In alcune realtà, come in Emilia Romagna tino e Arnone promette ancora battaglia.
Venerdì 12 novembre 2010 pagina 5

“N
CAOS DI GOVERNO

el 1994 Silvio Berlusconi si All’epoca la parola magica era “verifica”. aspettavano era fissata “dopo la finanziaria”. L’8
Il precedente dimise da presidente del L’esponente leghista Roberto Maroni spiegava: dicembre 1994 Umberto Bossi al Tg2 tuonerà:
Consiglio senza attendere “Tutte le componenti di questa maggioranza “Non ci sarà un Berlusconi bis; una volta che
il voto formale di sfiducia da parte delle Camere, andranno con le loro richieste e si dovrà fare il cade, cade per sempre”. Il 21 dicembre alla
Nel ‘94 con la Lega perchè Bossi ritirò la partecipazione della Lega punto della situazione e vedere se il programma Camera lo stesso Bossi annunciò: “Presidente, la
al governo. Ricordare questo precedente forse di Governo potrà essere realizzato Lega le toglie la fiducia”, e senza nessun voto si
in questo momento può essere di qualche compiutamente, dalla verifica in poi, da questa spalancarono le porte al governo tecnico di
non si contò l’aula utilità”. Ad affermarlo è Carmelo Briguglio. maggioranza”. La “verifica” che i leghisti Lamberto Dini.

CAIMANO
ALL’ULTIMO
GIRO Silvio Berlusconi
Ore 9,29
Umberto Bossi
Ore 15,29
Gianfranco Fini
Ore 16,26

La lega non convince Fini “ Nel


mio paese “ Fini
sarebbe “
sono
Le cose

B. non ha la maggioranza in questo ‘abbastanza molto più


momento d’accordo’ complicate
di Sara Nicoli carico di aspettative che doveva mente da Fini: “Le cose sono mol-
servire da chiarimento sul futu- to più complicate di come le pre- ho sull’ipotesi di di come le
esistere, resistere, resiste- ro della maggioranza, era stato

R
senta Bossi”. Tanto per dirne
re. Pur ammettendo, dichiarato fallito parecchie ore una: Casini aveva posto a Fini qualche una crisi presenta
adesso, di avere “qualche prima. un’unica condizione per un
difficoltà”, da Seul il Cava- eventuale proseguimento della difficoltà pilotata Bossi
liere ha chiamato ieri Fabrizio
Cicchitto, che era chiuso da tre
ore in una riunione nelle stanze
del gruppo Pdl alla Camera con
mezzo governo e ha parlato
D’ALTRA PARTE, il presi-
dente della Camera si era limitato
a ribadire a Bossi la sostanza dello
strappo di Bastia Umbra: nuovo
governo, nuovo programma,
legislatura con un governo allar-
gato, che Berlusconi scendesse
dal trono di Palazzo Chigi: niente
da fare. È stato poi Italo Bocchino
a chiarire il senso: “Prima Berlu-

sconi si dimise senza ottenere il
voto formale di sfiducia da parte

piccolo elenco di nomi nuovi per
un rimpasto volante. Qualunque

partire da metà dicembre, varata
la Finanziaria, che comincerà il
chiaro: “Non ho alcuna intenzio- nuova maggioranza con allarga- sconi si deve dimettere, poi ve- del Parlamento”. Solo che stavol- cosa decida, il passaggio al Qui- conto alla rovescia. Berlusconi
ne di dimettermi, Fini se vuole mento della base all’Udc. E il Se- dremo”. ta il Cavaliere vuole puntare tutta rinale sarà d’obbligo. Qui potreb- potrebbe cadere anche sulla sfi-
mi sfiduci in Parlamento”. Quin- natùr, per nulla intenzionato a la prossima, possibile campagna be però attenderlo la richiesta ducia a Bondi oppure su un altro
di, il proclama del Pdl: “O Silvio a perdere il suo ruolo di sedicente I FINIANI (con Casini) voglio- elettorale sul “tradimento” di Fi- del capo dello Stato di una veri- “incidente di percorso” che, a
Palazzo Chigi o voto”. La crisi si mediatore, all’uscita ha persino no la testa di Berlusconi, anche ni. E per questo ha bisogno di fica parlamentare della maggio- quel punto, verrà cercato da tut-
complica, Berlusconi non cede, mandato un messaggio ambi- Bossi, in fondo, gliela vorrebbe una scena che immortali il mo- ranza. Ovviamente dopo la Fi- ti. Il Quirinale giocherà un ruolo
gli ex alleati neppure, il Quirina- guo, spacciando una débâcle per dare in cambio della “pace” sul mento. nanziaria. Perché sulla legge di fondamentale. E non è detto che,
le si preoccupa. E Bossi bara. una sua mezza vittoria, “c’è uno federalismo, ma il Cavaliere resi- stabilità nessuno ha intenzione alla fine, non esca un governo Pi-
Erano appena passate le tre del spazio per una trattativa per non ste contro tutto e tutti. Al punto, UNA “MANOVRA di palaz- di discutere. Persino i finiani vo- sanu, sostenuto persino dalla Le-
pomeriggio e ieri alla Camera andare ad una crisi al buio e l’Udc a tarda sera di ieri, di convincere zo”, come lui chiama la politica teranno la legge, ma si asterran- ga, a rimescolare le carte e legge
era già successo tutto. Il summit può andare al mare”, salvo poi ri- Bossi a riallinearsi: “No ad alter- vera, non gli sarebbe altrettanto no da una eventuale voto di fidu- elettorale. Il Caimano, però, ven-
tra Fini e Bossi, quel rendez-vous cevere una doccia gelata diretta- native a Berlusconi senza il suo utile. In contemporanea, l’intero cia del governo. Sarà dunque a derà cara la pelle.
consenso”. L’incontro tra Fini e quartier generale del Pdl ha bloc-
Bossi ha fatto da perno alla gior- cato ogni ipotesi di “crisi pilota-
nata politicamente più calda ta” come avrebbe voluto Bossi
IL CODICE ETICO DELL’IDV
E SE DE MAGISTRIS
dall’inizio della legislatura, con-
trappuntata da altri due momen-
(pro domo sua): “Riteniamo inac-
cettabile che la legislatura possa DIZIONARIO politico
ti, il vertice Pdl e quello dei finia- proseguire con un premier diffe-
SI AUTOSOSPENDESSE? ni. Che alla fine, con Della Vedo-
va, hanno scritto una parola de-
rente ed un governo diverso”. Fi-
ne di ogni gioco.
“Crisi pilotata”
L uigi De Magistris è una persona onesta e cri-
stallina. Nessuno, nemmeno i suoi più feroci
detrattori che lo accusano di aver condotto inda-
finitiva sulla loro posizione: “Se
Berlusconi torna dal G20 (vener-
dì notte, ndr) e non ha nulla di
Domenica mattina, dopo un sa-
bato di attesa di una risposta di
Berlusconi (che nel Pdl, si sostie-
on è un termine molto comune nella vita di governo
Nla ventilò
degli ultimi anni quello di “crisi pilotata” (nel 2007
l’Udc). Nel dizionario politico si intende con
gini malfatte o criticano le sue posizioni politiche, nuovo da dire, è chiaro che i no- ne, non arriverà), i componenti questa parola una avvicendamento che non coinvolge
ha mai potuto insinuare qualcosa di men che cor- stri ministri si dimetteranno”. di Fli nel governo si dimetteran- la coalizione che governa, ma il programma con la qua-
retto nella sua condotta di pm e di europarlamen- Dello stesso tenore le parole di no. A quel punto, al Cavaliere le questa si è presentata agli elettori e il governo me-
tare. È stato uno dei pochissimi magistrati, con Di Bocchino: “Berlusconi deve non resteranno che due strade: desimo che, con il nuovo programma, subisce un “rim-
Pietro e altri che si contano sulle dita di una mano, prendere atto che c’è una com- prendere l’interim delle posizio- pasto”. La maggioranza, in una crisi pilotata, resta quin-
a lasciare la toga prima di darsi alla vita politica. Ha ponente determinante della ni lasciate vacanti, in particolare di nei confini di quella eletta. Le stesse forze politiche
pagato un prezzo altissimo alla sua fedeltà alla Co- maggioranza che ha deciso di di quella del ministro Ronchi alle danno però vita ad un accordo di programma per la fine
stituzione, quando a Catanzaro avrebbe potuto vol- non sostenerlo più; nel ’94 – ec- Politiche comunitarie, oppure della legislatura, da realizzarsi con un altro governo.
tarsi dall’altra parte, come tanti presunti colleghi, co un “suggerimento” – Berlu- presentarsi a Napolitano con un
dinanzi al puzzo trasversale della malapolitica e
delle malaeconomia, e invece provò a indagare fin-
chè gli fu consentito. Ora è stato rinviato a giudizio
a Salerno per omissione di atti d’ufficio. Antefatto:
un tizio denuncia magistrati di Lecce. Il gip di Po-
tenza archivia. Il tizio lo denuncia a Catanzaro. De
Pd e Idv depositano la sfiducia a Bondi
Magistris chiede l’archiviazione. Il gip ordina nuo- DI PIETRO: “SAVIANO? UN RAGAZZO STRAORDINARIO, MA DEVE IMPARARE”
ve indagini. De Magistris dimostra di averle già fat-
te. Il tizio lo denuncia a Salerno. Di qui il rinvio a erlusconi deve andare a casa. Le ipo- le dimissioni. Alla base della richiesta non bilità a dire di sì alla mozione di sfiducia a
giudizio. Non c’è nulla di grave o di imbarazzante:
De Magistris avrà la possibilità di difendersi nel
“B tesi che sento girare su un Berlusconi
bis, che in realtà sarebbe poi il Berlusconi
solo il crollo di Pompei, dunque, per il qua-
le Bondi ha negato strenuamente di avere
Bondi, ma dopo quella al ministro Calde-
roli, “reo di aver mentito al Parlamento, di
processo, spiegando le ragioni del suo operato in quater, sono ipotesi ad un passo dal deli- colpa (ma la mozione sottolinea essere aver truffato il Governo e le istituzioni,
una scelta endoprocessuale che forzatamente è rio”. Il Pd con il suo segretario, Pier Luigi “del tutto priva di fondamento giuridico e abrogando indebitamente una norma (la
stata trasferita in un processo penale a carico Bersani tenta l’affondo. Non è più il tempo fattuale” tale “dichiarazione”), ma tutta cosiddetta salva camicie verdi, ndr) che
dell’ex pm. Accusare poi di mancate indagini pro- di compromessi e di mezze mosse: “Il pre- l’attività del dicastero. “Il ministro per i be- prevedeva un grave reato solo per aiutare
prio chi passava per un pm troppo bulimico, fa sor- mier si dimetta e vada al Quirinale”. Quan- ni e le attività culturali - si legge nella mo- 36 suoi colleghi leghisti rinviati a giudi-
ridere. Ma ora, nel suo partito, c’è chi ricorda il co- to al futuro, Bersani ribadisce la posizione zione - non è stato in grado di andare al di là zio”. Alla fine, però, anche l’Idv ha firmato
dice etico dell’Idv che prevede la sospensione dei del suo partito, ormai nota: “Abbiamo dato di atti puramente simbolici e ininfluenti, la mozione di sfiducia a Bondi. Che dovreb-
rinviati a giudizio. Altri propongono una deroga, una nostra disponibilità ad un governo del- quali la mancata partecipazione alle riu- be essere votata entro una decina di giorni.
che inevitabilmente sarebbe ad personam, per evi- la 'ripartenza'”. Intanto i Democratici lavo- nioni del Consiglio dei ministri in cui ve- Sempre se il governo sarà ancora in piedi.
targli l’onta della sospensione. Altri ricordano che rano “attivamente” alla caduta del gover- nivano adottate le misure di taglio alle ri- Nel frattempo, si lavora a una mozione di
anche Di Pietro fu indagato quando era già in po- no: è appena stata depositata alla Camera la sorse del Ministero, nè di promuovere al- sfiducia complessiva. Spiega Bersani: "Stia-
litica (vero, ma mai rinviato a giudizio). Di Pietro è mozione di sfiducia a Bondi. Duecento fir- cuna seria iniziativa per la tutela del nostro mo raccogliendo le firme su due righe, es-
imbarazzato, anche perchè qualcuno tenta di usa- me, anche quelle dell’Idv. Il ministro dei patrimonio artistico e culturale italiano, senzialissime”. . E nel frattempo Di Pietro,
re la vicenda per emarginare un concorrente forte Beni culturali, Sandro Bondi, “ha privile- come dimostra il crollo di Pompei, peraltro ribadendo la sua intenzione di promuove-
e credibile. Forse De Magistris potrebbe sciogliere giato la sua attività di coordinatore nazio- preceduto da quelle delle arcate di Traiano re una maggioranza per sfiduciare Berlu-
il nodo con una mossa preventiva ed elegante: au- nale del Partito del Popolo delle Libertà, alla Domus Aurea e da quelle di elementi sconi, si esprime sul candidato leader del
tosospendersi dall’Idv fino alla sentenza. Che se, piuttosto che i difficili compiti di direzione del Colosseo". Alla fine, dunque, nonostan- centrosinistra. Netto su Saviano: “È un ra-
come pensiamo, gli sarà favorevole, lo rafforzerà strategica e amministrativa del patrimonio te tra i due gruppi principali dell’opposi- gazzo pulito e straordinario, se vuole met-
vieppiù. E farà di lui, ancora una volta, un politico artistico nazionale - si legge nel testo - egli si zione non sia mancato un momento di ten- tere la faccia e aiutarci bene. Ma se vuole
diverso dagli altri. Marco Travaglio è quindi dimostrato inadeguato al ruolo sione, quando il capogruppo a Montecito- fare politica deve imparare, anche lui”.
conferitogli”. Per questo, se ne chiedono rio dell’Idv, Donadi aveva dato la disponi- wa.ma.
pagina 6 Venerdì 12 novembre 2010

V
COSE LORO

ito Ciancimino incontrò davvero Silvio settembre scorso: e cioè che Berlusconi e l’ex vecchie inchieste condotte da Giovanni Falcone che
Chiesta una condanna Berlusconi a Milano per parlare di affari? sindaco si incontrarono alla sua presenza nel portarono all’arresto di don Vito per mafia nel 1984.
È quanto cercheranno di capire oggi i pm capoluogo lombardo. Con questa testimonianza Tra questi, anche una decina di libretti al portatore
di Palermo Antonio Ingroia, Nino Di Matteo e Paolo diretta, potrebbe entrare nel vivo l’inchiesta sequestrati con un decreto firmato proprio da
a sei anni per Dell’Utri: Guido ascoltando Epifania Scardina, 78 anni, la palermitana sugli investimenti mafiosi a Milano, alla Falcone e intestati ad alcuni prestanome. Ieri infine il
vedova di don Vito, convocata in procura dopo che il fine degli anni Settanta: sui tavoli dei magistrati di pg Nino Gatto ha chiesto la condanna a sei anni per
figlio Massimo ha confermato mercoledì sera a La7 Palermo – a caccia di riscontri alle dichiarazioni di Marcello Dell’Utri nel processo d’appello per
calunnia contro i pentiti quanto già rivelato dal Fatto Quotidiano il 15 Massimo e di sua madre – sono tornati gli atti delle calunnia nei confronti di tre pentiti.

“NEL ’93 NON HO RINNOVATO IL 41 BIS


E HO EVITATO ALTRE STRAGI”
Lo rivela l’ex Guardasigilli Conso in commissione Antimafia
di Giuseppe Lo Bianco ti? Qui l’ex Guardasigilli si è patto tra Stato e mafia. “Oggi Giovanna Maggiani Chelli - sia-
Sandra Rizza avventurato in un’analisi degli Conso in Antimafia ha indiret- mo allo scandalo più puro: chi
equilibri interni a Cosa No- tamente confermato la trattati- deve, si vergogni di averci così
er fermare le stragi di stra, in quell’epoca, che solle- va” - dice Li Gotti, che fu il di- drammaticamente inganna-

P Cosa Nostra dopo gli at-


tentati di Roma, Firenze
e Milano, il ministro del-
la Giustizia Giovanni Conso il
4 novembre del ’93 decise di
va più di un interrogativo. Ha
spiegato Conso: “Quella deci-
sione fu presa non in un'ottica
di pacificazione, ma per vede-
re di fermare la minaccia di al-
fensore del boss Giovanni Bru-
sca - “i 41 bis nel novembre del
'93 non furono confermati per-
ché da Provenzano era stato
manifestato l'abbandono della
to”.

Il ritorno alla
linea dura
non rinnovare il 41 bis per 140 tre stragi. C’era già stato l’ar- strategia stragista”. E sull’anali-
mafiosi detenuti. Lo ha detto resto di Riina, e si parlava di un si mafiologica di Conso, Li Got- NEL GENNAIO del ’94, infi-
ieri, con una dichiarazione cambio di passo della mafia ti appare perplesso sottoli- ne, Conso tornò ad essere un
clamorosa in commissione con il nuovo capo, Provenza- neando che la divergenza di li- ministro intransigente e rinno-
Antimafia, lo stesso ex Guar- no”. Ha aggiunto ancora Con- nea tra Riina e Provenzano, alla vo’ il 41 bis per un altro gruppo
dasigilli in carica dal febbraio so: “Il vice di Riina aveva un'al- fine del ’93 non era ancora no- di detenuti mafiosi. “Può appa-
del ’93 all’aprile del’94 nei go- tra visione: puntare sull'aspet- rire contraddittorio” ma, come
verni Amato e Ciampi. È la pri- to economico ed abbandona- fa notare lo stesso ex Guardasi-
ma ammissione proveniente
da un uomo delle istituzioni di
re le stragi. Ecco perché decisi
di lasciar stare un atto che non
Sul carcere duro gilli, stavolta “si trattava di capi:
Fidanzati, Calò e tanti altri.
un collegamento diretto – du-
rante il biennio stragista – tra
era obbligatorio. I pm non dis-
sero nulla. Fu solo una mia de-
per i mafiosi C’era lo stesso rapporto che c’è
tra i ricchi e poveri”.
la gestione dinamica del 41 bis
e gli attentati di Cosa Nostra.
cisione non concordata con
alcuno”. E la decisione, come
“non c’è stata Proprio sulla presunta interlo-
cuzione, a suon di bombe, tra
Dalla memoria a orologeria sottolinea lo stesso Conso, mafia e Stato in relazione all’iter
dei protagonisti politici di funzionò a meraviglia. Difatti alcuna del 41 bis, si erano accesi i ri-
quella stagione arriva, a sor- dopo quel mancato rinnovo flettori investigativi della Pro-
presa, la prova dell’esistenza del 41 bis, ha rimarcato l’ex trattativa cura di Firenze quando titolare
della trattativa tra Stato e ma- uomo di governo, ‘’di stragi dell’indagine era il pm Gabriele
fia? “Non ci fu nessuna tratta- non ce ne sono più state’’. con Cosa Nostra, Chelazzi. L’11 aprile del 2003,
tiva – ha tagliato corto Conso pochi giorni prima di morire
– né quella decisione fu l’ef- I dubbi sulle ma è autonoma” d’infarto, Chelazzi interrogò il
fetto di un ricatto più o meno dichiarazioni La strage di via D’Amelio; in alto a destra, Giovanni Conso (FOTO ANSA) generale Mario Mori (oggi inda-
diretto”. Ai commissari, poi, gato a Palermo per concorso
l’ex ministro ha spiegato: l’ho mai pensato. Per parlare di zione sull’evoluzione normati- ta. “Dice Conso che all'epoca esterno in associazione mafio-
“Non ebbi alcuna pressione o MA È NORMALE che un go- trattativa bisogna avere una let- va del 41 bis, ha concluso la sua ne parlavano tutti i giornali - evi- sa nell’ambito dell’inchiesta
invito da alcuno, si tratta di verno conceda, anche solo di tera, un colloquio con un’altra audizione dicendo di non aver denzia Li Gotti - ma non è esat- sulla trattativa) e il testo di quel
una scelta che feci in solitudi- propria iniziativa, benefici car- persona”. E quando la Napoli informato della cosa neppure il to, perché addirittura Di Mag- verbale è oggi agli atti del pro-
ne pensando che una soluzio- cerari in cambio di un’aspetta- l’ha incalzato, domandando se consiglio dei ministri: “Ciampi gio aveva detto che Provenza- cesso per la mancata cattura di
ne diversa avrebbe dato il de- tiva di non belligeranza da par- di questa sua decisione avesse aveva fiducia in me”. E comun- no era morto”. Chiede adesso il Provenzano in corso a Paler-
stro ad una possibile minaccia te dell’organizzazione crimina- parlato con qualcuno, l’ex mi- que non era il caso di “dare adi- senatore, membro dell’Anti- mo. Secondo Chelazzi, esisteva
di altre stragi. Quella proroga, le più potente del mondo? Non nistro ha risposto: “Non ne ho to alla stampa - ha precisato - di mafia: “Allora chi si fece latore un rapporto diretto tra la revo-
del resto, non era necessaria”. pensò il ministro che questo parlato con nessuno”, anche se compiere valutazioni che pote- delle scelte di Provenzano? ca di alcuni 41 bis e il fallito at-
Ma come è giustificabile una suo atteggiamento ‘morbido’ non ha escluso di aver informa- vano essere arbitrarie”. Questa è la trattativa, pur igno- tentato dello stadio Olimpico
simile ‘benevolenza’, come lo potesse essere scambiato per to l’ex direttore degli Affari pe- Se Giovanni Conso nega l’esi- rata da Conso”. che il pm fiorentino aveva da-
stesso Conso l’ha definita da- un inizio di trattativa? Glielo ha nali del ministero Liliana Ferra- stenza della trattativa, per Luigi Anche ai familiari delle vittime tato al 31 ottobre del 1993.
vanti all’Antimafia, da parte di chiesto, in Commissione, il de- ro, definita “una collaboratrice Li Gotti, senatore dell’Idv, le pa- delle stragi del ’93 le parole di Tre giorni prima della revoca
un ministro della Repubblica putato di Fli Angela Napoli. E importante”. E, dopo aver role dell’ex ministro suonano Conso provocano grande stu- per i 140 detenuti di cui oggi
nei confronti dei boss detenu- Conso ha così chiosato: “Non compiuto una dotta disserta- invece come la conferma del pore. “Siamo costernati - dice parla Conso.

Primarie milanesi Stefano Boeri

“Mandiamo a casa vent’anni di mediocrità”


di Davide Vecchi orgoglio, porterò sempre nel Expo. Il nostro progetto preve- quella di avvocato, porta a lavo- competenze ha lavorato, e oggi non ha risolto alcun proble-
cuore questa esperienza, co- deva la creazione di un grande rare con committenti diversi. più che mai lavora, per trovare ma.
on ho attaccato nessuno fi- munque vada. orto botanico. Quando ho capi- Un medico non cura solo chi vo- la strada per uscire da questo cu- Appello al voto?
“N nora e non comincio ades-
so”. Stefano Boeri si attiene alla
Politica, appunto. Mi scusi,
ma lei che c'azzecca?
to che al verde si sarebbe pre-
ferito il cemento e al bene co-
ta come lui. In questi giorni leg-
go che Michele Sacerdoti si è
po ciclo politico.
Diciamocelo, lei punta anche
Il mio appello è ai milanesi per-
ché votino alle primarie. Più sa-
regola principe, seppur non Ho vissuto per anni vicino alla mune gli interessi privati, ho de- candidato per sottrarmi voti e all'elettorato di centrodestra remo, più forte sarà il nostro
scritta, delle primarie: nessun politica e non ho visto dei geni ciso di dimettermi dal comitato Valerio Onida ha dichiarato che Mi rivolgo ai tanti delusi. Rima- progetto politico. Più forza
attacco agli avversari. Ma dopo all'opera. C'è la necessità di tor- di Expo e candidarmi. Fare po- in caso dovessi affermarmi alle nendo sul tema della sicurez- avranno le nostre candidature,
due mesi passati a incassare, nare alla buona politica, con litica attraverso la professione è primarie, non mi aiuterà. Sono za, l'idea della Moratti di spe- più la nostra squadra sarà auto-
qualche frecciatina, parte. Con progetti concreti per tutta la cit- affascinante ma non basta: biso- solo schermaglie elettorali. I gnere le luci in città, di blindar- revole. Più resteremo uniti dal
naturalezza, in buonafede. Per- tà. Con la proposta sulla sicurez- gna fare un passo in avanti, ri- miei sfidanti sanno bene che il la con coprifuoco e telecame- 15 novembre in poi, più possi-
ché la volontà è di “continuare a za ho messo in difficoltà l'intera schiare. popolo delle primarie ci chiede re, di lasciar intendere che gli bilità avremo di battere la Mo-
lavorare per cacciare il centro- giunta Moratti, Lega compresa. Rischiare significa esporsi di lavorare insieme, ci chiede stranieri sono diversi da noi e ratti e mettere la parola fine a 20
destra da Milano”. Domenica Gli incontri settimanali nel- anche alle critiche cooperazione e non una sfida potenzialmente pericolosi anni di mediocrità.
uscirà il nome del candidato sin- le scuole? Ho letto che Giuliano, proprio all’ultimo sangue. Siamo la stes-
daco del centrosinistra a sfidare Detto così è riduttivo. Sono oc- sul Fatto, mi accusa di aver ere- sa squadra, io ho bisogno
Letizia Moratti, al momento
confermata dal Pdl. Mancano
casioni di confronto tra cittadi-
ni e forze dell'ordine, negozian-
ditato gli indirizzi e i comunica-
tori del Pd. Sono stato il primo a
dell’esperienza di Giuliano, Va-
lerio e Michele.
L’architetto
due giorni e tra i quattro candi-
dati la corsa è tra Boeri e Giu-
ti e amministrazione, per indivi-
duare quale è il rischio e come
mettere a disposizione i propri
indirizzi. I miei comunicatori
Non siete su posizioni trop-
po distanti l'uno dagli altri?
candidato
liano Pisapia.
Se lo immagina un architet-
prevenirlo. A Londra il progetto
ha ridotto del 30% la criminali-
sono più famosi per essere quel-
li di Nichi Vendola. Mentre lui
Affatto, abbiamo un progetto
comune. Sono contento che
del Pd: “Punto lì
to sindaco? tà. Con questa proposta abbia- sta con quelli di Roberto Formi- nessuno abbia chiesto a Pisapia
Mi sono impegnato per miglio- mo sbaragliato, mostrando tutti goni. qual è la sua posizione sulla ri- dove la Moratti
rare questa città. Per molti mila- i limiti del centrodestra: la giun- Che fa, attacca? forma della Giustizia. Evocare,
nesi queste primarie sono uno ta Moratti è stata un disastro. Da quando mi sono candidato come fanno molti, le sue posi- e il centrodestra
dei momenti più entusiasmanti Lo dice con cognizione di rispondo, con pazienza, alle do- zioni che alcuni avvicinano a
della storia della sinistra milane- causa, lei ha lavorato per il mande sulla mia attività profes- quelle del centro destra sarebbe hanno fallito:
se; l'aver riavvicinato tanti citta- sindaco sionale. Da Ligresti ai lavori alla stato non solo sbagliato ma in-
dini alla politica mi riempie di Con lei e con i suoi dirigenti per Maddalena. La mia professione, giusto. Ognuno con le proprie la sicurezza”
Venerdì 12 novembre 2010 pagina 7

S
DI TASCA NOSTRA

i è concluso ieri sera alle 23 il chiamati ad esprimere il proprio voto trarre tutti gli elementi di valutazione – ha
Mercoledì i risultati referendum interno alla Rai sulla seguendo le modalità che si applicano per i dichiarato Carlo Verna, segretario
sfiducia al direttore generale, piani editoriali dei direttori di testata. Sotto dell’Usigrai, ma la partecipazione dei colleghi
Mauro Masi. La consultazione, indetta accusa, tra l’altro, le decisioni prese sui al voto segna uno strepitoso successo
del referendum dall’assemblea dei Comitati di redazione programmi di approfondimento politico, dell’iniziativa al di là di ogni più rosea
dell’azienda e organizzata dall’esecutivo l’impostazione del piano industriale e il aspettativa”. Fino alle 16.30 di ieri avevano
Usigrai, è iniziata martedì 9 novembre. blocco del turnover fino a tutto il 2011. votato 1381 elettori. Per i risultati bisogna
sulla sfiducia a Masi Giornalisti e dipendenti Rai sono stati “Aspettiamo di poter scrutinare le schede per aspettare mercoledì 17.

MINZOLINI
da letto matrimoniale, due ca- turnia, in onda il 20 aprile scor- numerosi mordi e fuggi
bine armadio e due bagni in so all’interno del Tg1: “Un pa- all’estero sul conto di viale
marmo e travertino”. Chissà se radiso in cui ritrovare serenità Mazzini, o meglio sul foglio
la Rai ha approvato la fattura di e la giusta armonia, decisivo viaggio nella segreteria di dire-
Minzolini, di certo il direttoris- per avere un viso perfetto”. zione di Saxa Rubra. Il diretto-
simo ha ricevuto un prezzo di Una bella cartolina arricchita rissimo mai ha risparmiato né

HA SPESO TROPPI
favore: 550 euro a notte, un con un’intervista a Beatrice con la carta di credito né con le
terzo di una tariffa a listino con Zanchi, responsabile marke- spese di trasferta e neppure
bagni turchi e sauna. ting proprio del resort. Minzo- con le gratifiche in busta paga
lini mai rinuncia a un albergo o nomine e promozioni : il Tg1
L’intervista caro e comodo. Per il Festival ha cinque caporedattori cen-
sulle terme del Cinema di Venezia, famoso trali, il Tg2 e il Tg3 uno soltan-

SOLDI PUBBLICI
per le adunate oceaniche di di- to. Per la nuova sigla e la sce-
pendenti Rai, il direttorissimo nografia del telegiornale, a dif-
“IL SIGNOR Minzolini ha aveva adocchiato una came- ferenza di Orfeo e Bianca Ber-
usufruito di una tariffa specia- retta in Laguna da mille euro a linguer, Minzolini ha preteso
le, pattuita con l’amministra- notte. Quella sì che era rappre- un appalto esterno costato cir-
zione. Sono strappi alle regole sentanza, al netto di una gita ca 300 mila euro. Nonostante
che difficilmente possono ri- Rai ben organizzata, ma mille Masi abbia annunciato un pia-
64 mila euro sulla carta di credito Rai petersi”, dicono dall’albergo.
L’ex squalo de La Stampa, famo-
euro erano troppi: Masi in per-
sona ha ordinato di cercare più
no di lacrime e sangue per
scongiurare guai con banche e
so per le sue spiate a Monteci- umile e compita sistemazione. creditori, da qui ai prossimi tre
La Corte dei Conti valuterà l’eccesso torio, stavolta ha chiuso un af-
fare. Forse avrà influito un ser-
E per la sua vacanza-lavoro di
cinque giorni, Minzolini ha ub-
anni, il direttorissimo non ba-
da a spese. Con i soldi degli al-
vizio mieloso sulle Terme di Sa- bidito. Poi leggende narrano di tri.
di Carlo Tecce svettava oltre i seimila. trasferta che, senza lasciare
Da tempo funzionari e diri- traccia a viale Mazzini, transi-
ultima fiamma di Augu- genti hanno osservato la bat- tano per le segreterie di Saxa Il direttorissimo
L’
Il direttore
sto Minzolini è una Por- taglia clandestina sulla carta Rubra, sede dei telegiornali del Tg1,
sche bianca decappot-
tabile. L’hanno vista
di credito tra il direttore ge-
nerale e l’ex cronista politi-
Rai. Il Fatto Quotidiano ha con-
sultato un foglio di trasferta a
Augusto
Minzolini
ha soggiornato
scorrazzare nei viali di Saxa
Rubra, un lusso permesso
co: in più di un’occasione
Masi ha rispedito al mittente i
nome di Minzolini: un fine set-
timana in provincia di Grosse-
in un resort
grazie al suo lauto stipendio. rimborsi firmati da Minzoli- to, tra agosto e settembre, nel-
Il direttorissimo ama la bella ni: troppo. E forse un articolo lo sfarzo delle Terme di Satur- 5 stelle
vita e i lunghi viaggi. E non di una sua recente circolare, nia Resort. Minzolini ha sog-
guarda ai prezzi, che siano taglio del 30 per cento per le giornato in stanze “Grande sui- a Saturnia
soldi suoi o soldi pubblici: spese di rappresentanza, era te”, il massimo offerto da un al-
con la carta di credito azien- scritto su misura per conte- bergo esclusivo: “Dedicato a Prima il servizio
dale ha speso dieci volte in nere l’eccesso di Minzolini. chi cerca sempre l’eccellenza,
più di Mario Orfeo (Tg2): 64 Terme di Saturnia Spa & Golf sul Tg1
mila euro in dodici mesi con- Il controllo Resort riserva due “Grand Sui-
tro i 6 mila di Orfeo. del magistrato te” di recente realizzazione.
Un consigliere di minoranza Eleganza, design e ricer-
ha chiesto un consuntivo a catezza nei dettagli ca-
Mauro Masi che – come an- UN ECCESSO che sarà valu- ratterizzano queste
ticipato dal Secolo XIX – mer- tato da Luciano Calamaro, il suite di 75 metri
coledì pomeriggio ha snoc- magistrato della Corte dei quadrati ciascu-
ciolato le cifre nel Cda di via- Conti che partecipa ai Consigli na, composte
le Mazzini. E stupito i colle- di viale Mazzini. Calamaro da un ampio
ghi di maggioranza: il diret- vuole conoscere le singole vo- salotto con
tore generale e il presidente ci e le singole strisciate di carta sala da
hanno a disposizione 35 mila che fanno sfiorare i 70 mila eu- pranzo,
euro l’anno (al massimo), ro annuali. Anche il Collegio camera
Minzolini da solo, per rappre- dei sindaci, in tempi di crisi e
sentare l’azienda, ne ha spesi sacrifici (ordinati da Masi stes-
quasi il doppio. Il confronto so), vuole capire perché il di-
con Antonio Preziosi, diret- rettore del Tg1 sia un dipen-
tore di Radio Uno e del Gior- dente speciale. E il consigliere
nale Radio Uno è impietoso: di opposizione ha scritto a Ma- POMPEI IN ROVINA
l’estate scorsa Preziosi oscil- si per approfondire l’argo-
lava tra i duecento e i trecen- mento con un’indagine inter-
to euro al mese, Minzolini na per far luce sulle spese di
LA PRIORITÀ ERA LA DIVISA DELL’AUTISTA
di Antonio Massari la euro. Perché smantellare Visita che non è mai avvenu- sto, 3,1 milioni di euro”.
CONVINZIONI di Pino Corrias un ristorante abusivo, al co- ta – scrive L’espresso, in un ar- Parecchi soldi, poi, sono stati
orrei tanto che poteste ticolo a firma di Emiliano Fit- investiti per progetti di ricer-
L’irresponsabile “V guardare questo docu-
mento: testimonia ciò che è
sto di quasi 200 mila euro,
debba pesare sulle spalle dei
contribuenti e non di chi lo
tipaldi e Claudio Pappaianni
– e costata, in totale, circa 80
ca: 72 mila, per un’indagine
conoscitiva sul pubblico, so-
ministro Bondi stato fatto”, dice il ministro
per i Beni culturali Sandro
Bondi, dinanzi a Camera e
gestiva abusivamente, è un
ulteriore mistero che Bondi
dovrebbe chiarire. Soprat-
mila euro. “Non c’è stata nes-
suna spesa folle nella gestio-
ne commissariale di Pompei
no stati versati all’associazio-
ne “Mecenate 90”: il presi-
dente onorario è Gianni Let-

A scoltata con ammirazione l’ultima


poesia in prosa di Sandro Bondi, an-
drebbe suggerito ai futuri rapinatori di banca
Senato, dopo il crollo della
casa dei gladiatori di Pom-
pei. Bondi elenca i mali che
tutto perché – sempre dinan-
zi a Camera e Senato – ha so-
stenuto che “il problema dei
– ha dichiarato l’ex commis-
sario straordinario del sito,
Marcello Fiori, oggi dirigente
ta, il presidente Alain Elkann,
mentre per uno studio sulla
“sviluppo delle tecnologie
catturati un paio di ore dopo il crollo dei muri affliggevano il sito archeolo- fondi a disposizione appare generale del ministero diret- sostenibili” sono stati pagati,
del caveau la seguente formula: “Se davvero fos- gico prima del suo interven- legato, più che al loro am- to da Sandro Bondi – da all’università di Tor Vergata,
simo persuasi di avere delle responsabilità, ci to: “Sporcizia, mancanza di montare complessivo, a un l’Espresso sono state fatte ri- 724 mila euro. Qualche spe-
faremmo volentieri arrestare”. La probabilità servizi igienici, cani randa- corretto utilizzo”. E proprio costruzioni fantasiose e di- sa per l’ufficio e il personale
di essere creduti, pare che siano alte. Crescono gi, guide non autorizzate, ri- riguardo il “corretto utilizzo” storte della realtà”. del commissario delegato,
in ragione dello sbalordimento degli interlocu- storanti abusivi”. possiamo aggiungere una Marcello Fiori, che spende
tori, specialmente se nati in Emilia e abituati a spesa di 11 mila euro, per i TRA LE SPESE incrimina- 1.668 euro per l’arredo del
una prosa più spiccia, tipo: “Rimbocchiamoci ECCO: ristoranti abusivi, lavori di pulizia delle aree te scovate dal settimanale suo ufficio, 1.700 per la divi-
le maniche, dite la verità, perché se piove, piove per esempio. Uno dei primi che avrebbe dovuto visitare compaiono i 12 mila euro pa- sa del suo autista e 4 mila per
per tutti”. Che significhi qualcosa, oppure nul- interventi del commissario il presidente del Consiglio. gati per la seguente operazio- la sua “parete attrezzata”. E
la, niente paura. La formula Bondi prevede an- delegato, infatti, fu lo sman- ne: rimuovere 19 pali della per i “rimborsi delle spese di-
che una seconda replica. Dice così: “Non me- tellamento di un ristorante luce. Altri 185 mila, invece, missione”, sempre Fiori,
ritiamo l’arresto. Sono decenni che le banche
vengono rapinate e sarebbe ingeneroso attri-
gestito dalla società “fratelli
italiano”. Dopo averlo sman-
200 mila euro sono stati pagati per il pro-
getto PompeiViva: a chi sono
nell’ottobre 2009 ha autoriz-
zato la ricarica delle carte di
buircene la responsabilità. Siamo vittime di una
strumentalizzazione. Di un incattivimento
tellato, però, andavano ri-
mossi gli arredi e le suppel-
stanziati finiti? Alla onlus romana
“CO2 Crisis Opportunity”,
credito per ben 185 mila eu-
ro. Indispensabili, infine,
che vuole nuocerci”. A quel punto, vinca il
migliore, com’è giusto. Ma fin da adesso an-
lettili: quanto è costata ai cit-
tadini italiani questa opera-
per sgomberare scrive il settimanale, “fonda-
ta da Giulia Minoli, figlia di
quei 42 mila euro investiti in
alcuni volumi di storia, o le
drebbe riconosciuto al poeta la sua sor- zione? Al Fatto Quotidiano ri- Gianni e Matilde Bernabei, televisioni Lcd, costate 17
prendente innovazione narrativa. Lo svec- sulta che siano stati spesi ben un ristorante, che ha avuto Gianni Letta co- mila euro. A fronte di tutte
chiamento di certe formule un po’ usurate, 195 mila euro: a tanto am- me testimone di nozze. Lo queste spese, però, l’emer-
tipo: “Non ne so nulla, lo giuro sulla testa dei monta la commessa, affidata 17 mila sposo? Salvo Nastasi, diretto- genza non è riuscita a preve-
miei cinque figli”, che non funziona più dai alla società Minopoli che, re generale del ministero dei nire il crollo della casa dei
tempi del crollo dei muri del signor Mills. per lavori di pulizie e facchi- per le tv Beni culturali. Al piano di va- gladiatori, patrimonio
naggio, in totale, s’è aggiudi- lorizzazione è stata chiamata dell’umanità, dal valore ine-
cata appalti per circa 800 mi- al plasma anche Wind: importo previ- stimabile.
pagina 8 Venerdì 12 novembre 2010

CRONACHE

RIFIUTI TOSSICI
PALAZZO MARINO
SAPEVA TUTTO
Milano, doveva essere un quartiere
Dramma per chi ha comprato casa
di Lorenzo Galeazzi che modo hanno traghettato il L’ex cava di sabbia di Gerenzano,
e Davide Milosa progetto verso l’ok definitivo, utilizzata poi come discarica
Milano nonostante l’assenza di una bo- Sotto, Francesco B. Caltagirone
nifica vera. Parola assente dalla In basso, l’asilo di Pinerolo, Torino
ue milioni di metri cubi di delibera del Comune.

D rifiuti tossici, 300 mila


metri quadri messi sotto
sequestro, indagati fun-
L’inchiesta è partita lo scorso
giugno dopo un esposto di un
comitato di cittadini assieme al
li Cabassi che una volta esaurite
le estrazioni di sabbia, decidono
delibera del Comune. I comitati,
però protestano. Inviano lettere
Bellavista Caltagirone
zionari pubblici e alcuni re-
sponsabili di cantiere. La più
grande riqualificazione urbana
degli ultimi anni blindata dalla
magistratura. Eppure il Comu-
circolo di Legambiente Milano
Ovest. A ottobre poi l’Asl ha sti-
lato un rapporto in cui, dopo
una serie di accertamenti, indi-
ca che la falda acquifera è pesan-
di riempire gli scavi con i rifiuti.
Con il tempo la spazzatura, pro-
fumatamente pagata alla fami-
glia Cabassi, riempie gli otto
metri di dislivello.
senza risposte. Né dal responsa-
bile bonifiche del Comune. Né
dall’assessore alla Salute. Tutti
tacciono o assicurano che va tut-
to bene. La questione arriva an-
Tra Liguria
ne di Milano la considerava
un’operazione brillante.
L’esempio sbandierato di una
nuovo modo di costruire. L’as-
temente inquinata da sostanze
cancerogene. Nulla da stupirsi.
L’ex cava di sabbia di Gerenzano
è stata utilizzata per trent’anni
Dalla cava
alla spazzatura
che alla commissione territorio
presieduta da Milko Pennisi (ar-
restato nel febbraio 2010 per
aver intascato una mazzetta).
e Lombardia
sessore allo Sviluppo del territo-
rio, Carlo Masseroli, lo aveva
detto: “Grazie a questo inter-
vento trasformeremo una gran-
de area degradata in un parco”.
come discarica. Su quest’area
avvelenata quattro anni fa si è
deciso di costruire un quartiere
intero. Non solo: il progetto av-
vallato dal Comune non preve-
NEL 2005 l’area viene acquista-
ta da due società: Acqua Pia An-
tica Marcia di Francesco Bellavi-
sta Caltagirone e Torri parchi Bi-
Dagli atti comunali risulta, però,
che tutti sanno. “Nella porzione
più piccola le contaminazioni ar-
rivano fino a otto metri, mentre
in quella più vasta fino a 3-4 metri
trema l’impero
Così non sarà, perché l’ex cava deva l’asportazione dei due mi- sceglie, tra i cui soci compare di profondità”, spiega Gussoni. E di Vittorio Malagutti
di Gerenzano oggi è una disca- lioni di metri cubi di rifiuti tos- Claudio De Albertis, presidente aggiunge che “si è
rica a cielo aperto. Una discari- sici, ma la loro copertura con un dell’Assimpredil Ance (l’associa- scelta una soluzione Per Francesco Bellavista Caltagirone questo non è
ca sulla quale prima la Regione e telo dello spessore di un milli- zione che riunisce le imprese d’intervento a metà proprio un periodo fortunato. A Imperia i magistrati si
poi Palazzo Marino hanno dato metro e mezzo. Per questo la edili delle provincie di Milano, strada fra l’escava- sono messi a indagare su nomine, permessi e giri di
il via libera per costruire. Stiamo magistratura, oltre ai dirigenti Lodi e Monza-Brianza). Cabassi zione delle situazio- soldi nel grande affare del porto turistico. E così sono
parlando della Zona Calchi delle operazioni di recupero e vende a 130 euro al metro qua- ni più critiche e l’at- finiti sotto inchiesta, oltre a Bellavista Caltagirone,
Taeggi, periferia ovest della cit- costruzione ha indagato anche drato, con un ricavo lordo di cir- tività di messa in si- anche il suo amico, nonché ex ministro, Claudio Sca-
tà. Qui dovevano sorgere 1300 alcuni dirigenti pubblici. Achil- ca 37 milioni di euro. A fronte di curezza”. Il giorno jola. La notizia dell’indagine è emersa a fine ottobre.
appartamenti, centri commer- le Rossi, responsabile del setto- una stima catastale di appena 9 dopo il sequestro, Tempo un paio di settimane ed è arrivata un’altra
ciali, una residenza sanitaria per re Piani edilizi del Comune, An- milioni. L’affare è buono per tut- c’è un via vai di gen- tegola. Perché buona parte dei terreni nella periferia
disabili della Fondazione don nalisa Gussoni, responsabile ti. Tanto più che le due nuove so- te preoccupata da- milanese infestati da veleni di ogni tipo e per questo
Gnocchi e uno dei parchi che delle bonifiche e il dirigente cietà fanno sapere che una vera vanti alle reti aran- sequestrati mercoledì dalla procura sono proprietà di
rientrano nel progetto “Vie dell’Arpa (l’agenzia regionale bonifica è impossibile. Troppo cioni che delimita- Acqua Marcia, la holding capogruppo di Bellavista
d’acqua Expo”. Solo uno dei per la protezione dell’ambien- costosa (circa 165 milioni). Si de- no l’area sequestra- Caltagirone. Il quale, da quelle parti, aveva messo
mille interessi che hanno incro- te), Paolo Perfumi. Secondo gli cide allora per una “messa in si- ta. Sono quelli che nero su bianco grandi progetti di sviluppo. Più di 80
ciato questo affare e che in qual- inquirenti le autorizzazioni rila- curezza”. Quella, per intenderci, hanno comprato sulla carta un mila metri quadrati di nuove costruzioni, per la metà case d’abi-
sciate dal Comune che ha causato il disastro del appartamento nel nuovo quar- tazione, in parte con la formula dell’edilizia convenzionata, e per
alle società costrut- quartiere Santa Giulia. Questo tiere. “Sapevamo che il terreno il resto uffici e negozi.
Il cantiere adesso trici erano “tutte il-
legittime” e tutte a
avviene. O almeno doveva avve-
nire. Il progetto, infatti, non pre-
era su una cava, nient’altro. Mi
sono fidato”, dice un signore che “NON ABBIAMO costruito ancora nulla”, spiegano adesso
è sotto sequestro vantaggio delle so-
cietà cui era stata af-
vedeva la costruzione di box in-
terrati né tantomeno di cantine.
ha comprato per 2500 euro al
metro quadro due appartamenti,
i portavoce di Acqua Marcia. E aggiungono che si sono limitati,
dopo l’autorizzazione del Comune, a dare il via alla bonifica. Che
fidata l’operazione Meglio non scavare troppo in per sé e per sua figlia. E ha fatto però, secondo i pm, sarebbe del tutto insufficiente a garantire la
La contaminazione di bonifica. profondità. Uno scempio. Avalla- male. A Milano la politica sapeva sicurezza degli abitanti. Fine della storia. O quasi. Perché da quelle
Fino agli anni ‘Cin- to, nel 2006, dalla Regione, che dei veleni della ex Cava Cabassi, parti sarà difficile costruire ancora per un bel pezzo. O forse per
raggiunge gli otto metri quanta’50 la zona è decide di non chiedere la Valuta- ma hanno taciuto. Sulla pelle di sempre. Tradotto in cifre significa che svanisce un affare valutato
adibita a cava. È di zione d’impatto ambientale. E chi per acquistare gli apparta- almeno 200 milioni. Brutto colpo davvero per Bellavista Calta-
di profondità proprietà dei fratel- contro-firmata, nel 2007, dalla menti ha contratto i debiti. girone, 71 anni, cugino della più nota famiglia di costruttori-editori
(“Il Messaggero” e molto altro), un finanziere che a Roma si è
costruito la fama di campione dei salotti. Un uomo dalle mille
Un anno dopo Pistoia relazioni che spaziano dal mondo della politica a quello degli
affari. Frequenta, frequenta molto, il padrone del gruppo Acqua
Marcia. E qualche volta gli capita di scivolare su un’amicizia
altro asilo degli orrori a Torino pericolosa. Ai tempi dei furbetti del quartierino, per dire, si era
legato a Gianpiero Fiorani, il capo della Popolare di Lodi, che
beneficiò le aziende del sodale romano con prestiti per decine di
nuncia effettuata da un dipendente di Pinerolo, circolava da tempo tra le fa- milioni di euro. Storie vecchie, ormai. Bellavista Caltagirone se l’è
della struttura che, in collaborazione miglie. Dodici bambini, infatti, sono sta- cavata praticamente senza danni ed è ripartito di slancio, so-
con alcuni colleghi, è riuscito a regi- ti ritirati dai genitori negli ultimi mesi: stenuto da una rete fittissima di relazioni. Si va da Scajola a
strare i video che incastrerebbero le tre “Non dormiva più – racconta un papà – Marcello Dell’Utri, dall’ex ministro Antonio Martino a Marcello
maestre. A luglio, poi, il caso di una era nervoso e tutte le volte che lo por- Pera, da Sergio D’Antoni all’ex comandante della Guardia di Fi-
bambina ripetutamente morsicata da tavo davanti all’asilo piangeva e voleva nanza (ora deputato) Roberto Speciale, per non parlare dei solidi
una coetanea, a causa dello stato di venir via. Così ho deciso di mandarlo al- agganci in Vaticano.
di Stefano Caselli completo abbandono in cui sembra ve- trove; subito dopo il bambino si è tran-
Pinerolo (Torino) nissero lasciati i piccoli: “Il quadro pro- quillizzato”. La stessa Procura, dopo le SPOSATO in seconde nozze con una figlia del petroliere Nino
batorio – dichiara il procuratore capo denunce ricevute, aveva piazzato delle Rovelli, quello dello scandalo Imi-Sir, possiede e gestisce alberghi di
altrattamenti da far rabbrividire. È di Pinerolo, Giovanni Amato – è molto lusso (tra gli altri il Villa Igea e il Des Palmes a Palermo), gestisce gli
M la triste realtà dell’asilo nido “Nel
Paese delle Meraviglie” di Pinerolo, in
solido. Abbiamo la testimonianza di
cinque persone e immagini molto chia-
telecamere all’interno dell’asilo, inutil-
mente, poiché una notizia pubblicata
dal locale periodico L’Eco del Chisone, in
scali privati degli aeroporti di Linate e Ciampino, progetta sviluppi
immobiliari milionari sull’isola della Giudecca a Venezia, alla Pan-
provincia di Torino. Ieri pomeriggio i re”. Le tre donne, non avendo nessuna cui si parlava genericamente di “un asilo tanella di Roma, nell’area del Mulino Santa Lucia a Catania, giusto
carabinieri, su ordine del gip Alberto possibilità di inquinare le prove, non attenzionato dai carabinieri”, aveva evi- per citare i progetti più importanti. Bilancio alla mano, il valore
Giannone, hanno sequestrato la strut- sono state arrestate e saranno a breve dentemente insospettito le tre donne. dichiarato delle proprietà immobiliari del gruppo supera un mi-
tura denunciando a piede libero i ge- ascoltate dal pubblico ministero: “Il liardo e 200 milioni d euro. Nel 2008, quando è partito il sal-
stori del “giardino d’infanzia”: tre don- nostro obiettivo – dichiara ancora IL CASO del “Paese delle Meraviglie” vataggio dell’Alitalia, il padrone di Acqua Marcia è stato tra i primi
ne tra i 28 e 36 anni. Secondo l’accusa, Amato – è richiedere al gip il giudizio (nome sinistro, dopo quanto accaduto) a rispondere all’appello di Silvio Berlusconi. Si è subito iscritto alla
le donne erano solite maltrattare i bam- immediato, il rito previsto in caso di di Pinerolo ricorda l’analoga vicenda cordata degli imprenditori “patrioti” investendo una ventina di
bini (di età compresa fra gli otto mesi e prova evidente che permette di saltare dell’asilo “Cip e Ciop” di Pistoia dello milioni di euro e ora siede nel consiglio di amministrazione della
i tre anni) picchiandoli con schiaffi e la fase dell’udienza preliminare”. Tut- scorso dicembre: anche allora riprese compagnia aerea. La sua nuova grande passione, però, sono i porti
pugni sulla nuca, insultandoli pesante- tavia, non è escluso che l’indagine – video, effettuate di nascosto all’interno turistici. Non solo Imperia, ma anche Catania, Siracusa, Fiumicino.
mente, punendoli con lunghi periodi coordinata dal pm di Pinerolo Ciro San- della struttura, avevano scoperchiato Bellavista Caltagirone si dice pronto a costruire e gestire centinaia
di isolamento al buio (accovacciati sot- toriello – venga trasferita a Torino. una realtà fatta di bambini picchiati, di nuovi posti barca. In Liguria però è arrivato un primo stop
to un lavandino o dietro la grata di un chiusi in bagno al buio per ore, tenuti pesante. Che si aggiunge al rallentamento generale, causa re-
caminetto) infine costringendoli, addi- RABBIA e stupore, ovviamente, tra i fuori dalle aule al freddo, costretti a sta- cessione, dei progetti di sviluppo immobiliare. L’anno scorso il
rittura, a mangiare cibo precedente- genitori dei bambini, anche se la voce re immobili e in silenzio e a mangiare il bilancio dell’Acqua Marcia ha chiuso con uno stentato pareggio. I
mente vomitato. L’indagine è partita che qualcosa di strano accadesse tra le cibo vomitato. Allora finirono in manet- debiti pesano per quasi un miliardo. E adesso arrivano anche i
nel febbraio 2010, a seguito della de- mura di via Alliaudi, zona semicentrale te due maestre di 59 e 60 anni. veleni milanesi.
Venerdì 12 novembre 2010 pagina 9

CRONACHE

N
AVVELENATA LA TERRA DEL VESUVIO BRESCIA
Sceso dalla gru
già espulso

SOSTANZE CANCEROGENE NELLA FALDA È stato processato per


direttissima Singh, il
migrante di origine
indiana sceso dalla gru, su
cui restano altri 5 uomini.
Cadmio e zinco nelle acque: causa delle discariche Arrestato per violazione
della Bossi-Fini e oggi ha
patteggiato una pena a sei
mesi. Il giudice ha dato il
daci di Boscoreale e Terzigno, en- cerca di tali elementi”. Per capire nulla osta alla sua
trambi del Popolo delle libertà, come la discarica ha cambiato espulsione. Della protesta
sono stati contestati per l’accor- terra, acqua e aria, come e se ha in corso ieri ha parlato
do firmato, in pompa magna, con avvelenato la vita di questa gente, anche Otto Bitjoka
Silvio Berlusconi e Guido Berto- “sarebbe stato opportuno effet- presidente di fondazione
laso poche settimane fa. Accordo tuare una campagna di misure Ethnoland: “Spero che
che “congelava” l’apertura del piuttosto che un solo monitorag- scendano e negozino
secondo sversatoio, quello di Ca- gio, e ciò per tener conto delle perchè hanno diritto al
va Vitiello, ma consentiva l’utiliz- possibili fluttuazioni che posso- permesso di soggiorno.
zo del vecchio sito. Le analisi de- no aversi nell’acquifero sotto- Anche io ho fatto in
gli esperti ora sono nelle mani dei stante”. Il linguaggio è tecnico, passato quel tipo di
magistrati della procura di Napo- difficile, pesante, ma si compren- iniziative, ma oggi non
li, saranno loro a valutare se la Sari de: qualcuno, enti regionali, so- bisogna concentrarsi solo
può ancora funzionare o deve es- prattutto, doveva avere gli occhi sulla
sere chiusa per sempre. aperti giorno e notte sulla realtà spettacolarizzazione.
intorno alla discarica. E invece gli Questo genere di proteste
Le voragini occhi li hanno tenuti sbarrati. E giustificano il linguaggio
della vergogna così per anni nel terreno sono pe- della Lega Nord”.
netrate “sostanze altamente can-
cerogene”, i dati raccolti oggi
NEI POZZI a valle della discari- “evidenziano una contaminazio-
ca, si legge nella relazione, “si re- ne della falda acquifera profon-
gistra una anomala presenza di da”. C’è stata una colpevole as-
Mentre Terzigno scoppia, anche di rabbia, ancora rifiuti per le strade di Napoli (FOTO CIRO FUSCO - ANSA) zinco, nichel, alluminio e boro. senza di controlli, “necessari e
Nel pozzo numero tre la concen- dovuti”, si legge nella relazione,
di Enrico Fierro
Terzigno (Napoli)
comprensibile che non siano
state adottate dall’Asia (l’azien-
“Colpevole trazione di zinco è elevatissima,
mentre in quello ubicato a monte
“circa lo stato di qualità preesi-
stente della falda acquifera prima

“vesuviani” li hanno prima


da che gestisce i rifiuti napole-
tani, ndr) e dagli organi preposti
assenza è ampiamente ridotta”. Quali ve-
leni sono entrati nelle falde ac-
dell’apertura della discarica”,
che oggi non consente “di formu-

I ingannati con le parole, poi


avvelenati col cadmio, lo
zinco, il boro. La loro è terra
è malata, l’aria che respirano è
infetta, l’acqua che li disseta è
al controllo tutte le procedu-
re”.

La relazione
di controlli
Situazione
quifere di queste terre, cosa c’è
nei pozzi che i contadini usano
per irrigare i campi e le coltiva-
zioni pregiate di queste aree? Nei
giorni passati qualcuno di loro ha
lare ipotesi sulla fonte della sua
contaminazione”.
Il professor Giovambattista De
Medici, geologo dell’Università
di Napoli e consulente dei Comu-
TARANTO
Minaccia politico
pm arrestato
veleno. Del futuro delle donne,
è impietosa di disastro mostrato limoni deformi, nelle ni di Boscoreale e Terzigno, però,
degli uomini, dei vecchi e dei
bambini che vivono alle falde
del vulcano, i politici, gli esper-
TONNELLATE di spazzatura
incombevano come un pericolo
ambientale settimane di battaglia dura con-
tro l’apertura della discarica, le
“mamme vulcaniche” regalava-
è perplesso: “Forse l’inquina-
mento delle falde era preceden-
te, sono necessarie altre analisi
M inacce neanche
troppo velate ad
un consigliere
ti, i responsabili della salute più forte e terribile del Vesuvio, irreversibile” no mele e pere mangiate da qual- dei terreni a più diretto contatto comunale, atti contrari
pubblica, i protettori civili, tutti c’era bisogno di controlli, indiriz- che strano morbo. “Nel pozzo 3 con la discarica”. Dubbi a parte, il ai suoi doveri di ufficio
se ne sono fottuti. Quella gente zi politici. E invece nessuno si è si rilevano incrementi della con- professore lancia un altro allar- per garantire
doveva vivere in un parco nazio- mosso. Nessuno ha preso quelle tecnica del professor Michele centrazione di zinco pari a 20-30 me: “Il terreno argilloso usato l’impunità a un bar
nale, una sorta di paradiso in ter- decisioni minime a tutela della vi- Moscariello, che su incarico dei volte la concentrazione nel poz- per impermeabilizzare la discari- “completamente
ra, li hanno riempiti di monnez- ta delle persone che erano neces- Comuni di Terzigno e Boscorea- zo 1”. Nessuno ha controllato a ca non è perfettamente tale, e an- abusivo”,
za. E su quella discarica, la Sari, sarie fin dal 2009, “in un’area in le, ha analizzato i pozzi e l’area at- dovere, le analisi degli anni pas- che la ghiaia usata, molto spigo- intimidazioni, parole
tra Boscoreale e Terzigno, cui lo stato ambientale risultava torno alla discarica Sari. Appena sati sono state fatte in modo fret- losa, potrebbe causare dei fori buone a “convincere”
l’enorme buco da centinaia di già fortemente compromesso la gente che da mesi si batte sulla toloso e superficiale. “Per l’allu- nella guaine che proteggono il una persona a non
migliaia di tonnellate di rifiuti, erano auspicabili solo interventi rotonda Panoramica contro la di- minio e il boro – si legge nella pe- fondo”. Li hanno trattati così i denunciare un suo
in tanti hanno fatto affari d’oro, volti al suo risanamento. Sono scarica, ha saputo dei risultati rizia Muscatiello – non è stato “vesuviani”, senza tanti riguardi parente, tutto in
tantissimi ci hanno messo le ma- state adottate, invece, scelte in dell’indagine, è esplosa: “Da sta- possibile fare un confronto con per la loro vita e quella dei loro cambio di “utilità”: è il
ni, pochi hanno fatto il loro do- deroga alle norme, volte a com- notte (dicevano ieri, ndr) ripren- le analisi precedenti, in quanto figli. E in queste ore scendono in ritratto del pm di
vere. Controllare, in nome e per promettere in maniera irreversi- dono i blocchi. Non passerà nep- né l’Arpa (l’agenzia regionale per piazza di nuovo per difendersi Taranto, Matteo Di
conto del diritto alla salute dei bile tutta un’area protetta”. Sono pure un camion auto compatta- il controllo ambientale, ndr), né dalla monnezza e dalle scelte cri- Giorgio, che emerge
cittadini. “Appare grave ed in- le frasi conclusive della relazione tore. Mai più rifiuti alla Sari”. I sin- l’Asia hanno mai effettuato la ri- minali della politica. dall’ordinanza con cui
è stato posto agli
arresti domiciliari.
“Io, due operai e un cameriere MILANO
volontari nel fango” Morto il tassista
pestato per il cane
Campania e Veneto. La Conta
dei danni è devastante. Frane e
alluvioni minacciano il 99% del
noscono la zona.
Col badile fuori dal finestrino par-
tiamo e dopo aver girato un po’
deve asciugare...”.
Non ho mai sudato tanto. Ho mes-
so i guanti spaventato dal capo ca-
L uca Massari, il
tassista aggredito il
10 ottobre scorso per
Salernitano, dove gli abitanti, siamo capitati in via Trecase. meriere che parlava di fogne e ri- avere investito e ucciso
rimasti senza acqua per C’è una fila di macchine parcheg- fiuti tossici mescolati al fango. Un un cane, è morto ieri
l’esondazione del Sele (ha giate e la strada finisce in un lago. chiodo mi ha perforato lo stivale all’ospedale
provocato la rottura di una Ci incamminiamo verso un ragaz- (sul tacco per fortuna, altrimenti Fatebenefratelli di
condotta dell’acquedotto) zo della Protezione civile che ci avrei concluso la mia esperienza Milano. Solo ieri era
prendono d’assalto i suggerisce di chiedere ai proprie- da volontario al Pronto soccorso) e stato trasferito dal
supermercati. Mentre in gran tari se hanno bisogno di aiuto. Le un pezzo di legno mi è caduto sul reparto di di
parte del Nord-Est, in centro a pompe svuotano le cantine, i mo- piede, fortunatamente senza Rianimazione a quello
Vicenza, si lavora ancora con bili, le scarpe e tutto quel che è ap- troppo danno. di Neurochirurgia,
pale e stivali per togliere il poggiato sulla ringhiera delle ca- Eravamo un microcosmo di uma- poco dopo aver ripreso
fango. Pubblichiamo la lettera se. nità “samaritana”. Per me è stata Un’abitazione tra Livenza e Montello, in Veneto (FOTO ANSA) a respirare
di un volontario. Al terzo tentativo una signora an- un po’ di ginnastica ma per loro autonomamente, ma i
ziana ci chiede di entrare e un al- tre, che si spaccano la schiena già no che non è stato raggiunto rendo conto che le mie braccia so- medici erano stati
tro ci indica diverse cataste di le- tutto il giorno sul lavoro, è stato ve- dall’acqua. Sul muro si vedeva in- no state più efficaci di molte pa- chiari: serve un
miracolo.
Cgio aro Direttore, sono andato a
Casalserugo sabato pomerig-
verso le tre. All’inizio davanti
gna sparpagliate per terra. “Vole-
te aiutarci, abbiamo bisogno di
tutto, la legna serve per la stufa e si
ramente un sacrificio.
Quando è arrivata, la moglie del
padrone di casa ci ha portato
vece il segno del livello raggiunto
dall’acqua/fango a circa 170 cen-
timetri dal suolo.
role. Forse è stato più importante
esserci di quel poco che ho potuto
fare. TARIFFE
alla canonica il rappresentante dell’aranciata e ci ha spiegato che Il marito è tornato quasi a nuoto
della Protezione civile mi ha detto la notte della piena erano riusciti a dalla sua famiglia col carica batte- NON dimenticherò mai quelle Sos aumenti
di tornare il giorno successivo. I
gruppi (tra cui quello di mio cogna-
La storia salvare gli animali (tre cavalli e i
cani) ma non la capretta che gia-
rie per il cellulare sopra la testa,
quasi assiderato.
facce e quelle mani. Dopo tanta
rabbia il marito della signora dice:
sui treni regionali
to Roberto) erano partiti al mat-
tino. Non sapendo che fare (con gli
dell’impiegato ceva morta nella stalla, a fianco
della quale stavamo lavorando.
Hanno passato la notte della piena
in casa con una provvidenziale stu-
“Viva Gesù”. Non è più tempo di
imprecare, ma di darsi da fare. Che P ossibile aumento
dei biglietti per i
stivali e la pala condominiale in
mano) a un certo punto vedo tre
Andrea, QUANDO l’acqua ha iniziato a
fa a legna, senza luce né viveri.
“E noi siamo stati fortunati”, ci di-
bella gente, che bella esperienza!
Penso che per i ragazzi (ho visto un
viaggiatori che
utilizzano i treni
ragazzi che partono con un sec- salire la donna ha abbandonato la ce: “C’è chi ha perso tutto” e ci rac- gruppo di scout) questa esperien- regionali. Lo prevede il
chio in mano (la dotazione della solidarietà capra con un asse su una balla di conta la storia del vicino che posa za valga molto più di tante parole maxiemendamento al
Protezione civile, guanti e prodotti fieno sperando che si salvasse da piastrelle. Almeno loro hanno sal- “educative”. ddl stabilità, tra le
per la pulizia). Li inseguo e chiedo nel Padovano sola ed è andata a portare in salvo vato quasi tutti gli animali. Mi accorgo, ritornando alla mia ipotesi per finanziare
se posso andare con loro. i due suoceri che avevano già 10 Non so come abbiamo sistemato macchina, che sono infangato fino l’acquisto dei treni
Salgo sulla loro auto e mi presento. Anche a Salerno centimetri d’acqua in casa. La sua tutta la legna, ma ci siamo riusciti. ai capelli. Nonostante la stanchez- regionali. “Una follia”,
Siamo un impiegato (io) due ope- abitazione, diversamente da quel- È quasi buio. Ci salutiamo, vorrei za alla fine mi sentivo leggero. così il Codacons
rai e un capo cameriere. Loro co- milioni di danni la dei suoceri, aveva un primo pia- confortarli in qualche modo, ma mi Andrea commenta il rincaro.
pagina 10 Venerdì 12 novembre 2010

ECONOMIA

NAPOLITANO: MANCA Manovra

T ra maggio e luglio
il governo antici-
pa la legge di bilancio

UNA POLITICA
per il 2011-2013, con
una manovra finanzia-
ria che vale 25 miliar-
di euro. Un risana-
mento dei conti, per
contenere il rapporto
deficit/Pil, che preve-

ECONOMICA de soprattutto riduzio-


ni dei trasferimenti
agli enti locali e taglio
ai costi del pubblico
impiego bloccando
pensionamenti e tur-
Il Quirinale boccia la Finanziaria nover.

“Non dobbiamo tagliare tutto” Il capo dello Stato Giorgio Napolitano (FOTO ANSA)
Legge di stabilità

di Stefano Feltri C’è una domanda legittima: per-


ché Napolitano interviene così
ti. A fine maggio si indigna per il
modo “rozzo” e “pedestre” (se-
“non deve modificare funzioni e
strutture portanti” dello Stato.
lità (quel che resta delle vecchie
finanziarie d’autunno) non muo-
L a vecchia Finanzia-
ria d’autunno or-
mai è una scatola vuota
iù chiaro di così il presi- duramente adesso se il momen- La replica del governo e soprat- che non ha effetti so-

P
condo quanto riferiscono i qui- ve praticamente un euro e sol-
dente Giorgio Napolitano to dei tagli è stato quello della rinalisti) con cui il governo ha in- tutto di Tremonti, mai troppo tanto con l’emendamento si in- stanziali sui saldi di fi-
non poteva essere: “C’è manovra estiva, approvata a lu- dividuato gli enti inutili da taglia- esplicita per evitare lo scontro troducono voci di spesa. Il Qui- nanza pubblica rilevan-
una grande confusione, glio? re, soprattutto quelli culturali. Il istituzionale, era in sostanza que- rinale ha visto subito che poco ti, cioè non incide sui
un grande buio, il vuoto sulle 27 luglio Napolitano approva la sta: con la manovra si fanno tagli cambiava nella sostanza: addio parametri di deficit e
scelte e sulle priorità nella de- LA TEMPISTICA risulta più protesta dei diplomatici della di spesa lineari (cioè riduzioni alle detrazioni per l’efficienza debito definiti con
stinazione delle risorse pubbli- comprensibile mettendo in fila i Farnesina che protestano contro secche, tipo -10 per cento) per- energetica, niente soldi per la l’Unione europea. Sul
che”. Al Quirinale, insomma, la provvedimenti di politica eco- i tagli al ministero degli Esteri ri- ché è l’unico modo per far pas- cooperazione internazionale, 2011 ha un effetto pari
Finanziaria (ora nota come leg- nomica del governo. Già a mag- badisce che il rigore nei conti sare i tagli senza perdersi in ne- soltanto un miliardo per l’uni- a soltanto un miliardo
ge di stabilità), proprio non pia- gio, quando diventa evidente goziati senza fine. Poi, in un se- versità (mentre le risorse si tro- nel 2011, tre miliardi
ce. Napolitano parla davanti che la crescita dell’Italia non sarà condo momento, si corregge il vano per le scuole cattoliche, i nel 2012. Non è più lo
all’Assemblea del Cuamm, l’as-
sociazione dei medici per l’Afri-
quella prevista dal governo e che
la crisi della Grecia impone di ac-
Le correzioni tiro restituendo con provvedi-
menti di spesa un po’ di risorse a
comuni che non rispettano il
patto di stabilità e per l’editoria).
strumento principale
di politica economica.
ca, quindi lo spunto è la riduzio-
ne delle risorse per la coopera-
celerare il risanamento, Napoli-
tano avverte: “Tutta l’Europa sta
alla manovra chi le merita. E Napolitano lo ha
fatto capire anche di recente, il
Quindi Napolitano è stato anco-
ra più esplicito, denunciando
zione internazionale: “Non so- vivendo gravi difficoltà ed è que- di luglio che 18 ottobre, alle celebrazioni per l’assenza di una linea politica Maxi-emendamento
no concepibili sordità e assurdi- sto il tempo dei sacrifici, che de- i 200 anni della Normale di Pisa, dietro queste scelte.
tà cosicché con un tratto di pen-
na si cancellano gli aiuti allo svi-
luppo”. Ma la critica del capo
vono essere distribuiti equa-
mente tra i cittadini”. Poi Tre-
monti e il governo confezionano
il capo dello quali siano le priorità: la neces-
sità di risanare il bilancio non de-
ve causare una “miopia tempo-
IL GOVERNO non replica, ma
il messaggio è arrivato, si vedrà
L’ unico strumento
che ha il governo
per distribuire risorse è
dello Stato non si limita a que- la manovra di risanamento lacri- Stato sperava ranea” che porta a trattare uni- nei prossimi giorni se verrà rece- un emendamento gover-
sto, l’accusa al governo (e al mi- me e sangue da 25 miliardi, che versità e ricerca come voci di pito (con qualche correzione al nativo alla legge di stabili-
nistro del Tesoro, Giulio Tre- verrà approvata a lungo. E di Na- di vedere non spesa qualsiasi. Proprio in quei maxi-emendamento). Di certo tà. È stato presentato due
monti) è di muoversi senza una politano si ricordano almeno giorni, infatti, la riforma dell’uni- le parole di Napolitano sono sta- giorni fa in commissione
vera politica economica. due interventi piuttosto esplici- sono arrivate versità saltava per assenza di co- te ascoltate anche dai mercati fi- Bilancio e vale 5,5 miliar-
pertura finanziaria. nanziari, sempre più pessimisti di di euro. Può ancora es-
sulle sorti dell’Italia. Ieri la diffe- sere modificato, ma la sua

SANGALLI CONQUISTA MERCOLEDÌ arriva in com-


missione Bilancio alla Camera il
maxi-emendamento alla Finan-
renza di rendimento tra i Btp de-
cennali e i titoli di Stato tedeschi,
parametro che misura quanto
entità resterà più o meno
la stessa, anche perché la
copertura delle spese è un

ANCHE LA MONDADORI ziaria. L’ultima occasione per il


governo di affinare gli interventi
di risanamento di luglio, visto
l’Italia è considerata a rischio
bancarotta più della Germania, è
arrivato al massimo da quando
po’ dubbia, i soldi si tro-
vano vendendo frequen-
ze tv e concessioni per i
di Vittorio Malagutti gran capo dei commercianti è finito a libro che la cosiddetta legge di stabi- esiste l’euro. giochi d’azzardo online.
Milano paga del premier, seppure per un compenso
poco più che simbolico, all’incirca 10 mila
ppena eletto alla presidenza di Confco- euro l’anno. A voler sottilizzare, ci si potreb-
A mercio, ormai più di quattro anni fa, Carlo be chiedere con quale spirito Sangalli possa
Sangalli mise subito in chiaro come la pen- rappresentare l’esercito dei commercianti
sava. “Il problema dell’incompatibilità non italiani alle trattative sulle molte questioni
mi pare sia molto seguito in Italia”, aveva aperte con il governo di Berlusconi. E chissà
scandito l’ex politico, manager e lobbista ri- che cosa pensano i librai. La loro associazione
volto alla folla di giornalisti che lo assediava di categoria è affiliata a Confcommercio, ma il
per sapere se intendeva rinunciare almeno a presidente di quest’ultima siede nel consiglio
qualcuna delle sue numerose poltrone. “Non di amministrazione di un colosso del settore.
mi dimetto da niente”, tagliò corto. Inutile Un colosso che ha interessi spesso diametral-
chiedersi, allora, se ieri Sangalli si sia almeno mente opposti a quelli dei piccoli operatori.
posto il problema della possibile incompati- Incompatibilità? Macchè. Nel Paese dei con-
bilità tra la sua posizione di leader dei com- flitti d’interesse la questione Sangalli può an-
mercianti italiani e la nuova carica che gli è che finire per sembrare del tutto marginale. E
stata affidata: consigliere di amministrazione comunque il presidente di Confcommercio è
della Mondadori, il gruppo editoriale più uomo di mondo. Classe 1937, cresciuto de-
grande d’Italia che fa capo a Silvio Berlusco- mocristiano, per più di vent’anni, fino al
ni. 1992, parlamentare Dc e poi inamovibile lea-
Proprio ieri l’assemblea dei soci della casa der dei commercianti milanesi e dal 2006 sul-
editrice presieduta da Marina Berlusconi ha la poltrona più importante della confedera-
nominato tre nuovi amministratori. Oltre a zione nazionale, Sangalli di certo non si è mai
Sangalli, anche il giornalista e poi manager distinto per le sue posizioni critiche nei con-
mondadoriano di lungo corso Roberto Bri- fronti dei governi di centro destra. Al massi-
glia e il professore di Finanza aziendale An- mo qualche uscita un po’ nervosa, giusto uno
gelo Renoldi, ben conosciuto nel mondo ber- sfogo come quello dell’inverno scorso per le
lusconiano e da un decennio consigliere del misure fiscali appena varate dall’esecutivo.
gruppo Mediolanum, a sua Ma poi tutto si è sempre ricomposto
volta partecipato da Finin- Carlo Sangalli (F A )
OTO NSA
in fretta. E d’altra parte non si con-
vest. Certo l’incrocio appa- tano le occasioni ha affiancato orgo-
re a prima vista singolare. glioso e sorridente il presidente del
Non si ricorda un altro pre- Consiglio.
sidente di Confcommercio Poltrona dopo poltrona, l’inossida-
nominato nel board di una bile Sangalli non solo è riuscito a ri-
grande società quotata in manere in sella dopo il crollo della
Borsa. E per di più, questa prima repubblica, ma anche raffor-
volta, l’azienda in questione zato la sua posizione diventando una
è controllata dal presidente delle figure chiave del potere berlu-
del Consiglio. In estrema sconiano a Milano. E così, giusto per
sintesi, si può dire che il citare le cariche più importanti, tro-
viamo il capo di Confcommercio nel
ruolo di vicepresidente della ricchissima Fon-
Il presidente dazione Cariplo, una sorta di santuario del po-
tere economico milanese a cui fa capo la quo-
di Confcommercio ta più importante di Banca Intesa. Ma Sangalli
è anche vicepresidente della a Fondazione
Fiera di Milano, che ha un ruolo centrale
entra nel cda della casa nell’organizzazione dell’Expo. Alla collezio-
ne di poltrone mancava giusto un'azienda
editrice, nonostante quotata in Borsa. La Mondadori di Berlusconi
gli ha fatto anche questo regalo. E tanti saluti
i conflitti di interessi all'incompatibilità
Venerdì 12 novembre 2010 pagina 11

ECONOMIA

RITORNO ALLE CORPORAZIONI


SACCONI LANCIA LA SUA RIFORMA
La contrattazione al posto dello Statuto dei lavoratori
Deroghe a tutto fuorché ai diritti fondamentali della Carta Ue
di Giorgio Meletti segno di legge delega, in due accanto all’obiettivo della ri, con la conseguente oppor-
articoli, che affida al gover- semplificazione c’è quello tunità di una gestione coordi-
a legge n. 300 del 1970, no il compito di riscrivere il di un mercato del lavoro nata e armonica degli interes-

L più nota come Statuto


dei lavoratori, è da but-
tare. Il ministro del La-
voro, Maurizio Sacconi non
ha dubbi: “L’attuale centra-
diritto del lavoro. Al posto
dello Statuto dei Lavoratori
dei socialisti Giacomo Bro-
dolini e Gino Giugni arriva il
nuovo Statuto dei Lavori
sempre più libero. Per il qua-
le Sacconi non cerca però
ispirazione nel liberismo
classico, dove i soggetti del
mercato, anche del lavoro,
si in potenziale conflitto che
sfocia storicamente in prati-
che consociative, è conside-
rata la causa principale del de-
ficit di liberismo che affligge il
lismo regolatorio di matrice dell’ex socialista Sacconi. Il sono gli individui, e le loro sistema italiano.
pubblicista e statualista ri- principio fondamentale, azioni sono regolate dalla In pratica, si legge nel testo di
flette assetti di produzione scritto nell’articolo 1 del te- legge. legge presentato ieri da Sac-
propri della vecchia econo- sto proposto, indica che la coni nel corso di una confe-
mia”. nuova legge è fatta “al fine di Il modello renza stampa, gli unici diritti
Dunque si cambia. “Al lavo- incoraggiare una maggiore corporativo universali e indisponibili del
ro stabile e per una intera propensione ad assumere e lavoratore, garantiti dalla leg-
carriera - spiega il ministro - un migliore adattamento tra ge, rimarranno quelli scritti
si contrappongono oggi le esigenze del lavoro e quel- IL RIFERIMENTO, piutto- nella Carta dei diritti fonda-
sempre più frequenti transi- le dell’impresa”. sto, sembra essere quello del- mentali dell’Unione europea.
zioni occupazionali e pro- Sacconi punta a sfoltire al- la Camera dei Fasci e delle Si tratta per esempio del divie-
fessionali che richiedono tu- meno del 50 per cento le ol- Corporazioni, che nel 1939 to di schiavitù e di tratta degli
tele più adeguate”. tre mille leggi che pesano prese il posto della Camera esseri umani, del diritto di
Ed ecco la soluzione. Un di- sul mercato del lavoro. Ma dei Deputati. Non perché ci sciopero e del diritto al giorno
sia un’ispirazione autoritaria di riposo settimanale, oltre Maurizio Sacconi (FOTO DLM) . In alto, Gino Giugni, padre dello statuto dei lavoratori (FOTO ANSA)
o antidemocratica nella pro- che alla parità tra uomini e
posta di Sacconi. Il punto è donne e del divieto del lavoro to”; “caratteristica e tipologia causa nelle aziende con più di
CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ proprio che in essa torna con minorile. A tutti gli altri prin- del datore di lavoro”; “caratte- 15 dipendenti. Sarà cancella-
prepotenza quell’ideologia cipi stabiliti dall’attuale legi- ristiche del lavoratore con to? "Non dipende da me, de-
TELECOM, IL MINISTRO TACE corporativa che non è esclusi-
va del fascismo, ma è anzi con-
siderata dagli storici una co-
slazione italiana si potrà, con
lo Statuto dei Lavori, deroga-
re. Per la precisione il testo
specifico riferimento alla an-
zianità continuativa di servi-
zio, alla professionalità o alla
cidono le parti - ha risposto il
ministro - Sapete bene che
non rientra tra i diritti fonda-
i avvalgo della facoltà di non
“M rispondere”. E’ questa la prima –
inusuale – reazione del ministro del Welfare
stante della società italiana,
con radici nella stessa dottri-
na sociale della Chiesa e am-
predisposto da Sacconi pre-
vede la “possibilità per la con-
trattazione collettiva di una lo-
appartenenza a gruppi svan-
taggiati”; modalità di esecu-
zione della attività lavorativa
mentali, tanto che non viene
applicato a tutti i lavoratori”.
La mossa di Sacconi, proprio
Maurizio Sacconi quando gli si chiede un’opinione pie penetrazioni in quasi tutti ro modulazione e promozio- autonoma e coordinata con nelle ore in cui il governo sem-
sul disinvolto utilizzo del contratto di solidarietà gli schieramenti politici da al- ne nei settori, nelle aziende e un solo committente”; “finali- bra sul punto di cadere, ha
fatto da Telecom Italia: 29mila persone a stipendio meno un secolo. nei territori, anche in deroga tà del contratto con riferimen- provocato una dura reazione
ridotto e pagato in parte dai soldi pubblici L’idea di una consonanza di in- alle norme di legge, valoriz- to alla valenza formativa o di della Cgil. "Un governo di fat-
teressi tra imprese e lavorato- zando il ruolo e le funzioni de- inserimento al lavoro”. to senza più maggioranza – ha
dell’Inps così da consentire al capo azienda Franco gli organismi bilaterali”. detto il segretario confederale
Bernabé di ridurre i costi e rispettare la promessa Gli organismi bilaterali, che, Fulvio Fammoni – presenta
La Cgil è già
di pagare più dividendi agli azionisti. Eppure quei
contratti vengono siglati proprio al ministero del
“Non so che con il potere loro conferito
dalla legge di derogare la leg-
sul piede di guerra una proposta di cancellazio-
ne dello Statuto dei diritti dei
Lavoro, è Sacconi a firmarli e a certificare la fine farà ge, sono concettualmente
una riedizione della Camera LA DIMOSTRAZIONEpiù
lavoratori. Si propone una
concezione di impresa svin-
partita di giro che fa uscire soldi dalle casse dello
Stato per darli ai grandi azionisti di Telecom l’articolo 18, delle Corporazioni: le parti so-
ciali, datori di lavoro e sinda-
netta che Sacconi punta a so-
stituire la legislazione con la
colata da obblighi sociali e di
lavoro sempre meno conside-
Intesa, Generali e Mediobanca. “Se c’è formazione cati, di fatto legiferano sul contrattazione (obiettivo am- rato come valore e sempre più
per il personale e se le parti sono d’accordo, io dipende da mercato del lavoro. Il proget- bizioso in mancanza di una inteso come mero fattore del-
firmo”, dice il ministro. Così, con un gesto to di Sacconi indica anche gli legge sulla rappresentanza la produzione. C’è un unico
praticamente automatico, il foglio arriva e lui quello che indici che questa contratta- sindacale) è quanto ha detto evidente motivo: tentare di
firma. Quasi a sua insaputa, come un illustre ex zione/normazione dovrà se- ieri a proposito dell’articolo far saltare il tavolo di confron-
collega che stava al ministero dello Sviluppo.
decidono le guire: “andamento economi- 18 dello Statuto dei Lavorato- to tra le parti sociali, introdu-
co della impresa, del territo- ri, quello che di fatto vieta il li- cendo elementi di divisio-
parti sociali” rio o del settore di riferimen- cenziamento senza giusta ne”.

Lavoratori della Cgil in lotta contro la Cgil che licenzia


A ROMA MANIFESTAZIONE ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL SINDACATO DOVE NON VALE IL NORMALE DIRITTO DEL LAVORO
di Gianmaria Pica Rovinato dalla Cgil di Catania. 13 anni in ne- ti: spese legali e 13 anni di contributi non
ro, 5 anni dopo licenziato”. A scrivere lo stri- versati. “Lo sapete cosa mi ha offerto invece
roteste di precari e lavoratori licenziati se scione, appoggiato al bagagliaio di un’auto la Cgil? - racconta Sapienza - Mille euro a
Pdiventa
vedono tutti i giorni. La notizia, però,
clamorosa se le proteste si svolgono
sotto la pioggia romana, è stato Giovanni Sa-
pienza, 67 anni. Racconta che per 13 anni ha
titolo bonario”.

di fronte alla sede centrale della Cgil e se lavorato in nero per la Cgil di Catania: nel DI STORIE SIMILI a quella di Sapienza ce
hanno come protagonisti proprio i precari e 1998 è stato assunto dalla società di pulizie ne sono a decine, quelle che ieri si ascol-
i licenziati del sindacato guidato da Susanna Alizzi (poi divenuta Novalux) a cui si rivol- tavano sotto la sede della Cgil erano soltanto
Camusso. È quanto accaduto ieri a Roma. geva l'organizzazione sindacale. Nonostante un piccolo campione. C’è, per esempio,
il cambio di società le mansioni di Sapienza quella di Barbara Tundis entrata nella Cgil di
UNA DELEGAZIONE del comitato dei rimasero le stesse: apertura-chiusura della se- Cetraro nel 2003 con il servizio civile: le è
precari e licenziati dalla Cgil - a distanza di de Cgil, centralinista, portaborse dei dirigen- stato proposto di rimanere a lavorare nel sin-
cinque mesi dalle loro proteste nel corso del ti sindacali. Dopo altri 5 anni decise di ri- dacato con un contratto part-time, ma che di
congresso nazionale Cgil di Rimini, durante fiutare lo stipendio in segno di protesta. Il fatto era un tempo pieno. Alla richiesta di
il quale si erano incatenati per attirare l’at- suo vero datore di lavoro era la Cgil, così, maggiori diritti, è stata costretta a firmare
tenzione - ieri mattina, ha manifestato da- Sapienza chiese al sindacato di rispettare i una lettera di dimissioni già preparata. In-
vanti al quartier generale del sindacato in suoi diritti con l’assunzione e con il versa- vece Simona Micieli, ex precaria della Cgil
Corso d'Italia, chiedendo di incontrare la Ca- mento di tutti i contributi previdenziali per calabrese (250 euro al mese, ne erano stati
musso. Il neo-segretario generale era assen- gli anni passati. Cosa fece il sindacato? Cam- promessi almeno 700) ha fatto causa al sin-
te, così i manifestanti sono stati ricevuti dal biarono le serrature d'ingresso della sede del- dacato per maltrattamenti.
segretario confederale Enrico l'organizzazione impeden- Come è possibile che dentro un sindacato La protesta di ieri sotto la sede nazionale della Cgil a Roma
Panini: “Siamo in presenza di dogli di entrare. Dopo alcu- accadano questo genere di cose? Semplice:
casi molto diversi gli uni dagli
altri - ha spiegato Panini - ma
“Ho chiesto ni mesi ricevette la lettera
di licenziamento della No-
ai sindacati - in quanto associazioni non ri-
conosciute, come i partiti politici - non si
questo caso i sindacati sono parte del pro-
blema e non della soluzione. Anzi, sono pro-
la Cgil si attiverà per avviare
dei rapporti fra le parti affin-
al sindacato valux. È servito a poco il
tentativo di conciliazione
applica lo Statuto dei lavoratori. Il famoso
articolo 18 dello Statuto considera nullo il
prio la controparte.
Non è un problema da poco per Susanna
ché vadano a buon fine”. Le
stesse parole che aveva usato
un risarcimento presso l'Ufficio provinciale
del lavoro: la Cgil non si è
licenziamento quando avviene senza giusta
causa o giustificato motivo. La mancata at-
Camusso, che il 3 novembre scorso, al mo-
mento dell’elezione a segretario generale
a maggio dopo la protesta al mai presentata. L'ultimo tuazione dell'articolo 39 della Costituzione, della Cgil, ha innalzato il vessillo della legge
congresso nazionale di Rimi- di 263 mila tentativo è stato il tribuna- che prescrive una legge per la disciplina del- sulla rappresentanza sindacale, chiesta da an-
ni. le. Ma la sentenza, che sa- l'attività sindacale, ha sempre permesso alle ni e sempre stralciata da un Parlamento alle
Soltanto sette persone (con- euro, loro me rebbe dovuta arrivare lo organizzazioni dei lavoratori – inclusa la Cgil prese con altre urgenze. La Camusso , se-
trollate a vista da quattro po- scorso primo ottobre, è sta- – di operare in deroga, anche all'articolo 18. condo cui “il futuro deve essere dei giovani e
liziotti e da due militari), nes- ne offrono ta posticipata ad aprile E quando i dipendenti dei sindacati vogliono del lavoro”, dovrà ora occuparsi anche di chi
sun megafono, solo due car- 2011. Sapienza chiede protestare per avere tutela dei propri diritti, deve rappresentare, e tutelare, i suoi dipen-
telli con scritto: “Vergogna. soltanto mille” 263mila euro di risarcimen- non sanno bene a chi rivolgersi, visto che in denti.
pagina 12 Venerdì 12 novembre 2010

DAL MONDO

LA LUNA DI MIELE
È GIÀ FINITA
La rabbia degli studenti inglesi e il precoce tramonto
della pace sociale sperata da Cameron
di Andy McSmith la dimostrazione è sfuggita di Londra brucia
mano quando la folla ha sfon- Due immagini
e dimostrazioni studen- dato il cordone di polizia e

L
dell’irruzione
tesche dell’altroieri nel- ha raggiunto la sede del Par- di alcuni manifestanti
le strade di Londra han- tito Conservatore. I dipen- nella sede
no fatto registrare livelli denti del partito, terrorizza- dei Conservatori; sotto il
di violenza sconosciuti in ti, si sono barricati all’inter- premier inglese David
Gran Bretagna dal 1990 in no degli uffici mentre i ma- Cameron (Foto Ansa)
occasione delle manifesta- nifestanti hanno invaso l’edi-
zioni contro la poll tax (una ficio. Tra gli “assediati” an-
tassa sulle persone fisiche, non che la baronessa Warsi, pre-
progressiva e indipendentemen- sidente del partito, che è ri-
te dal reddito, che Margaret masta in contatto telefonico sito di aumentare le tasse uni-
Thatcher introdusse nel 1989 e con la polizia mentre gli stu- versitarie, ma almeno ora la
che contribuì all suo declino po- denti gettavano la mobilia gente sa che non siamo dispo-
litico, ndr). La rabbia dei ma- dalle finestre e scagliavano sti ad accettare tutto senza
nifestanti ha fatto tramonta- un estintore contro gli agenti muovere un dito”. Simran
re la speranza di una nuova di polizia che affollavano il Hans primo anno di Lettere a
era di consenso promessa da cortile interno. Manchester, ha detto: “L’istru-
David Cameron quando ha Con pennarelli e vernice i di- zione dovrebbe essere gratui-
assunto la carica di primo mi- mostranti hanno scritto sui sa avrebbero dovuto proteg- dinariamente composta se la mo che non abbiamo potuto ta. Non credo che la mia fami-
nistro sei mesi fa. muri slogan come “conser- gere la sede del Partito Con- si paragona alle dimostrazio- fare la politica che avremmo glia potrebbe mantenermi agli
Quella di mercoledì dovreb- vatori gentaglia” e altri molto servatore e i rinforzi sono ar- ni di massa in Francia, Ger- fatto dai banchi dell’opposi- studi in caso di aumento delle
be essere solamente la prima più osceni. Poi hanno rotto rivati al calar delle tenebre, mania e in altri Paesi,. zione”. I disordini sono stati tasse. Tutti quelli che fanno
di una serie di dimostrazioni le lampade e dato alle fiam- ma sono stati respinti dai di- Alcuni dimostranti hanno ad- condannati dagli organizza- politica oggi ai tempi loro han-
tenendo presente che i pe- me alcuni cartelloni. Dalle fi- mostranti. Calata la notte cir- dossato alle forze dell’ordine tori della dimostrazione. Aa- no potuto studiare gratis”. Gli
santi tagli del governo non nestre è piovuto di tutto: ta- ca quattrocento studenti la responsabilità degli scon- ron Porter, presidente studenti, che stando alle voci
mancheranno di farsi senti- voli, sedie, estintori, uova. presidiavano l’ingresso tri. Oscar, diciottenne stu- dell’Unione nazionale stu- sarebbero stati indotti alla vio-
re. Oltre 50.000 persone Otto persone, tra cui tre dell’edificio. Sui poliziotti dente di scienze politiche, denti, ha accusato una “pic- lenza da un gruppo rivoluzio-
hanno sfilato pacificamente agenti di polizia, sono state una fitta pioggia di pezzi di ha detto: “È stata una cosa cola minoranza” di aver stru- nario di Leeds, hanno rilascia-
dinanzi al Parlamento per ricoverate in ospedale. La legno – alcuni in fiamme – e disgustosa. Hanno tirato fuo- mentalizzato la manifestazio- to un comunicato che dice:
protestare contro la propo- polizia era chiaramente im- urla scomposte: “vergogna” ri gli sfollagente e hanno co- ne e ha condannato la vio- “Occupiamo il tetto dell’edifi-
sta di aumentare, arrivando preparata a fronteggiare una e “gentaglia”. Altri continua- minciato a pestarci fino a lenza. Gli studenti coinvolti cio in segno di protesta per la
anche a 9.000 sterline l’an- manifestazione violenta. So- vano a protestare dentro buttarci per terra. Una ragaz- nell’assedio si sono difesi di- mercificazione dell’istruzio-
no, le tasse universitarie. Ma lo trenta agenti anti-sommos- l’edificio dietro il cordone di za è stata colpita in testa. È cendo che una manifestazio- ne voluta dall’attuale governo
stato questo comportamen- ne pacifica sarebbe stata di coalizione che intende favo-
to a farci saltare i nervi”. La ignorata. rire i ricchi a scapito dei pove-
Gli universitari dimostrazione iniziata pacifi- ri. Invitiamo tutti ad opporsi ai
PROTESTATE pure, condannano
camente era comunque riu-
scita in precedenza a bloc-
“Le tasse aumentano?
Non potrò studiare”
preannunciati tagli. Questo è
solo l’inizio della resistenza”.
care la seduta del Parlamen- La dimostrazione studentesca
i tagli vanno avanti le violenze to. Circa 52.000 studenti si
erano accalcati a Whitehall. IL SEDICENNE ALEX che
di ieri è stata la più importante
dalla metà degli anni ’80,
olo 225 poliziotti per tener testa a circa 50 mila mani- Le canzoni intonate dai di- si era arrampicato sul tetto co- quando gli studenti scesero in
S festanti. Nel day after degli universitari inglesi, finiscono
sotto accusa anche le forze dell’ordine. A tirare le orecchie
(di pochi) mostranti si potevano senti-
re fin dentro il palazzo di We-
prendosi il volto con la sciar-
pa, ha dichiarato che la violen-
piazza per protestare contro la
prevista introduzione, da par-
alla polizia è David Cameron che da Seul – dove sta parte- e dicono: “È solo stminster dove Nick Clegg za “è giustificata se nessuno si te del governo di Margaret
cipando al G20 – ha lodato chi è riuscito a contenere i di- stava difendendo i tagli del fa male. Anche voi giornalisti Thatcher, delle tasse universi-
sordini e ammonito i vertici della polizia che il personale era l’inizio governo. dovreste andare sul tetto per tarie. Ma quella manifestazio-
insufficiente e non organizzato. Il bilancio definitivo della Ben lungi dal prevedere vedere come stanno le cose”. ne si concluse pacificamente.
giornata di proteste è di 14 feriti (tra cui 7 agenti) e 50 ar- della resistenza” quanto di lì a poco sarebbe E poi ha aggiunto che, se se lo Negli anni della Thatcher ci fu-
restati, poi rilasciati su cauzione (anche se uno dei ragazzi successo, i parlamentari la- potrà permettere, intende stu- rono scontri nel 1981, ma gli
rischia di essere accusato di tentato omicidio, perchè ha mi- buristi stavano ricordando a diare giornalismo. “La gente è scontri non erano riconduci-
nacciato di tirare un estintore addosso a un poliziotto). Si polizia. I dimostranti erano Clegg che i liberaldemocra- veramente arrabbiata”, ha bili ad alcuna protesta politica
cercano ancora, invece, 12 persone responsabili delle de- molto giovani, piuttosto ben tici prima delle elezioni si concluso. Andrew Speake, organizzata. Ci furono anche
vastazioni alla Millbank Tower. E mentre il vice premier Nick vestiti e chiaramente figli erano impegnati a non ap- 23enne studente cinese di casi di violenza durante lo
Clegg esce più di tutti con le ossa rotte, facendo “mea culpa” della buona borghesia. Alcu- provare aumenti delle tasse Manchester, ha detto che si è sciopero dei minatori e nel
in televisione (prima delle elezioni aveva detto che le rette ni di quelli che insultavano la universitarie. Harriet Har- trattato di un “male necessa- 1990 una manifestazione con-
universitarie non sarebbero state toccate, ora sostiene che polizia e lanciavano insegne man, parlando a nome di Mi- rio” anche se poi ha aggiunto: tro la poll tax diede origini a no-
avrebbe dovuto essere più cauto), Cameron annuncia che il di legno avevano 15 o 16 an- liband, aveva suscitato una “certo sarebbe meglio non ri- tevoli disordini. Ma negli ulti-
suo governo non cambierà posizione sulle tasse degli atenei. ni, avevano marinato la scuo- certa ilarità chiedendo: “Ad correre alla violenza, ma dialo- mi anni tutte le manifestazio-
Un provvedimento compreso nel “pacchetto”: tagli alla spe- la e si stavano comportando aprile scorso il vice primo gare”. Ma Emily Shallcross, ni, compresa, quella contro la
sa pubblica. E proprio ieri il ministro del Lavoro, Duncan in modo da sporcare la loro ministro si era impegnato ad studentessa londinese, ha det- guerra in Iraq nel 2003, hanno
Smith, ha presentato alla Camera dei Comuni i dettagli della fedina penale ancora prima abolire le tasse universitarie. to: “La violenza faceva paura. avuto un andamento pacifi-
riforma dello stato sociale: tagli all’assegno di disoccupa- di arrivare all’università. Fi- Può cortesemente dirci che La situazione sembrava sfuggi- co.
zione, alle agevolazioni per gli alloggi e ad altri sgravi. no all’altro ieri la reazione ne è stato di questo suo in- ta di mano a tutti, ma almeno si Copyright The Independent;
britannica ai tagli annunciati tendimento?”. Nick Clegg è parlato di noi. Non credo che traduzione
dal governo era stata straor- aveva risposto: “So benissi- il governo rinuncerà al propo- di Carlo Antonio Biscotto

20 anni di
manifestolibri
oltre 700 titoli
più di 2000 autori

dal 10 al 30 novembre con il 50% di sconto su www.manifestolibri.it


Venerdì 12 novembre 2010 pagina 13

DAL MONDO

NICOLA RIZZUTO BIRMANIA


N
Respinto il ricorso
di San Suu Kyi

L’ULTIMO PADRINO L’ Alta Corte birmana


ha respinto il
ricorso di Aung San Suu
Kyi contro la sentenza che
la vede condannata agli

DEL CANADA arresti domiciliari. La cosa


non dovrebbe inficiare la
sua liberazione,
annunciata dal governo –
prima delle elezioni – per
sabato prossimo. La Suu
Ucciso a Montréal, il boss lascia Kyi aveva presentato
ricorso per dimostrare la
propria innocenza. Ma è
un vuoto di potere che fa gola a molti Nicola Rizzuto, il giorno del suo arresto nel 2006
stato rigettato.

di Gianni Zecca te del calabrese Paul Violi, fino sempre verificata nel corso de- pur sempre un ruolo di primo boss ucciso mercoledì. Ma a
ad allora ritenuto il “capo as- gli anni. Ma è altrettanto vero piano anche perché storica- ben vedere i morti sono tutti
o hanno freddato a casa che in Canada da almeno due mente legata al business della

L
soluto”: dal 1975 in poi i Riz- dalla parte dei Rizzuto.
sua, nella lussuosa villa zuto hanno veleggiato tra le al- anni infuria una battaglia per il cocaina e al riciclaggio. Da “Chi sta sfidando i Rizzuto?”, si
in cui abitava in una zo- tre famiglie grazie a una po- controllo del territorio a cui questo punto di vista il Canada chiede Antonio Nicaso, esper-
na residenziale di Mon- litica di alleanze con i maggio- partecipano haitiani, russi e è tutt'ora una sorta di paradi- to di criminalità internaziona-
tréal: Nicola Rizzuto, 86enne renti della mafia internaziona- street gang. Fenomeni tipica- so: le leggi federali non sono in le e autore de La mafia spiegata
padrino della criminalità ita- le, riuscendo a mantenere il mente americani, queste ulti- grado di arginare un fenome- ai ragazzi, il suo ultimo libro.
lo-canadese è morto mercole- predominio per più di trenta me non sono classificabili solo no che ha assunto dimensioni Nuovi e vecchi nemici, gente
dì pomeriggio in un agguato anni. Nel 2006 il boss era stato come “bande di strada”: si trat- gigantesche. Ma non è una no- che sta approfittando della de-
in stile mafioso. Colpito alla arrestato insieme ad alcuni fe- ta di sodalizi sofisticati, che vità: nel paese delle giubbe bolezza di questa famiglia per PAKISTAN
testa e al volto, Rizzuto è ar- delissimi nell'ambito dell'Ope- utilizzano la tecnologia e stra- rosse hanno investito (soprat- prenderne il posto. “C'è da ge-
rivato senza vita in ospedale; razione Colosseo e condanna- tagemmi finanziari per pro- tutto in immobili) in passato stire la vecchia rotta della co- La Sakineh
due donne, che avrebbero as- to a quattro anni di carcere, durre immensi profitti. Nel Vito Ciancimino e Roberto caina, quella che per decenni di Islamabad
sistito all'omicidio, sono inve- ma in seguito era stato rimesso bailamme generalizzato, che è Calvi e l'attivismo criminale in ha rifornito il mercato di New
ce ricoverate in stato di choc:
partendo dalla loro testimo-
nianza la polizia cercherà di
in libertà vigilata. In ogni caso,
il sistema criminale dei Rizzu-
to – in grado di coprire qual-
costato decine di morti am-
mazzati, la 'Ndrangheta svolge
Canada era ben conosciuto an-
che a Giovanni Falcone, che
per istituire il maxi-processo
York – continua Nicaso – e c'è
da gestire un piano di investi-
menti da 42 miliardi di dollari
C ondannata a morte
per aver insultato
Maometto. È la pena che un
risalire all'identità dei sicari, siasi attività illecita e lecita, se di Palermo utilizzò intercetta- con cui il governo del Québec tribunale pakistano ha
probabilmente emissari dei
clan calabresi rivali della fa-
si considerano gli investimenti
commerciali – ha ceduto solo
Riciclaggio, zioni riguardanti proprio Paul
Violi.
ha in mente di ristrutturare
strade e ponti. Nelle specifico
inflitto lunedì ad Asia Bibi,
cristiana e madre di tre
miglia Rizzuto. allo scorrere del tempo: è in-
fatti l'insorgere di una crimi-
traffico di droga: ECCO DUNQUE che l'eli-
potrebbero essere famiglie di
Toronto, New York, bande di
figli, già battezzata la
“Sakineh pakistana”. La sua
ORIGINARIO di Cattolica
Eraclea (Agrigento), si era sta-
nalità globalizzata e “liquida”,
non gerarchica ma organizzata
la guerra dei minazione di Nicola Rizzuto
assume contorni meno chiari
Montréal, ex alleati”.
Una coalizione variopinta
vicenda, sulla scia anche
delle persecuzioni ai
bilito in Canada nel 1954: in secondo lo schema delle “sal- se valutata in un'ottica di suc- dunque, in grado di lanciare cristiani in Iraq, è stata
vent'anni è riuscito ad impor- dature di interesse” (come le clan nel paese cessione. Lo schema “classi- l'ultima sfida al figlio di Nicola, impugnata in difesa delle
re la propria strategia crimina- ha definite Antonio Nicaso) a co” suggerirebbe il movente Vito Rizzuto (arrestato nel minoranze religiose. Il
le spregiudicata, arricchendo- decretare la fine dei Rizzuto, degli aceri, dove della vendetta trasversale, al- 2004, estradato negli Usa e at- ministro pachistano per le
si con il traffico internazionale prima ancora delle pallottole. l'interno di un ping pong che tualmente detenuto in Colora- Minoranze, Shahbaz Bhatti,
di stupefacenti e con il rici- È vero infatti che il dualismo investono mafia prende il via a dicembre 2009, do) e alla sua famiglia, arrivan- ha ordinato un'inchiesta
claggio. L'inizio della sua “età tra criminalità siciliana e quel- quando muore assassinato do a colpire il vecchio padrino per approfondire i fatti.
dell'oro” coincide con la mor- la calabrese è una costante e ‘ndrangheta Nick Rizzuto jr, nipote del fin dentro la sua abitazione. Dopo l’annuncio
dell’uccisione imminente
di Sakineh, la scorsa
L’arringa del regista in tribunale settimana, ieri invece la
procura di Teheran ha

“Amo l’Iran e voglio raccontarlo” affermato serve ancora


molto tempo per
esaminare il caso.

Pubblichiamo alcuni passaggi che al momento dell’arresto ave- me ad altri 37 cineasti ho firmato conseguenza: uccidere le radici RUSSIA
della lettera scritta dal regista vo girato solo per il 30%. Non ca- una lettera aperta per manifesta- dell’arte e della creatività. Arre-
iraniano Jafar Panahi e da lui pisco l’accusa di oscenità rivolta re la nostra preoccupazione in starci è come dirci: “se non la Il giornalista
letta, domenica scorsa, durante ai classici della cinematografia e ordine a quanto accade nel Pae- pensate come noi ve ne pentire- è uscito dal coma
l’ultima udienza del processo non capisco di quale reato sono se. Per questo siamo stati accu- te”.
che lo vede imputato. L’autore.
Leone d’Oro nel 2000 per Il
cerchio (che racconta la
accusato. Con me state proces-
sando l’intero cinema iraniano,
un cinema che non si arrende al
sati di tradimento. Come potete
pensare che i cineasti siano in-
differenti al destino del loro Pae-
CIÒ DETTO IO Jafar Panahi,
dichiaro ancora una volta che so-
È uscito dal coma Oleg
Kushin, il giornalista
russo vittima di una brutale
condizione femminile in Iran), è potere del denaro, ma che cerca se? Sono stato accusato di aver no iraniano, che desidero vivere Jafar Panahi (FOTO ANSA) aggressione sabato scorso.
stato arrestato il 3 marzo nella di riflettere onestamente la real- organizzato dimostrazioni e lavorare nel mio Paese. Amo il Il cronista è “cosciente, ma
sua casa, mentre stava girando tà sociale. all’apertura del festival di Mon- mio Paese. Per questo amore ho pazienza. Il nostro Paese è molto non ancora in grado di
un film sulle proteste del treal. Ero il presidente della Giu- già pagato e sono disposto a pa- vulnerabile e solo uno Stato di di- parlare”. Gli inquirenti
movimento verde contro il TRA L’ALTRO mi si accusa di ria e sono arrivato poche ore pri- gare ancora. Come è chiaro dai ritto capace di garantire tutti al di sperano che Kushin possa
regime di Ahmadinejad. voler incoraggiare la protesta ma dell’inaugurazione del festi- miei film, dichiaro anche che là di qualsivoglia considerazione fornire indicazioni per
Rilasciato su cauzione il 24 con il mio film. Ho sempre sot- val. Come avrei potuto organiz- credo nel diritto dell’altro ad es- di carattere etnico, religioso o arrestare chi lo hanno
maggio, dopo uno sciopero della tolineato che sono un regista so- zare una dimostrazione? Sono sere diverso, credo nella com- politico, può consentirci di evi- massacrato davanti a casa.
fame che lo aveva cialmente impegnato non politi- stato anche accusato di aver ri- prensione, nel rispetto reciproci tare il pericolo di un futuro dram- Il caso ha spinto il
profondamente prostrato, il camente impegnato. I miei film lasciato interviste a media irania- e nella tolleranza, quella stessa matico e caotico. Credo che la presidente Medvedev a
regista è agli arresti domiciliari. sono drammi sociali non dichia- ni all’estero. Ci sono forse delle tolleranza che mi impedisce di tolleranza sia la sola soluzione ri- ordinare un giro di vite
La sentenza per il processo che razioni politiche. Il mio cinema leggi che ci vietano di rilasciare giudicare e di odiare. La storia è spetto a questo pericolo. sulla sicurezza a Mosca.
lo vede accusato di attività non si propone di decidere al po-
contro il proprio paese, è attesa sto degli altri, ma solo di invitare
a giorni. alla riflessione. Molti film, miei e
di miei colleghi, sono stati messi
“Mi processate La guerra delle lingue
di Jafar Panahi al bando. Ma l’arresto di un cinea-
sta non ha precedenti nella storia
per aver iniziato Il brevetto europeo
V ostro Onore, vorrei dividere del cinema iraniano. Mi avete ac- a girare un film
la mia difesa in due parti. Pri-
ma parte: Quello che dicono. Il 1°
cusato di aver preso parte alle
manifestazioni di piazza. A nessu-
non vuole parlare italiano
marzo 2010 c’è stata un’irruzio- no è stato consentito di filmare le Solo il rispetto
ne in casa mia mentre ero in com- dimostrazioni, ma non mi si può C’È UNA BATTAGLIA che l’Italia sta conducendo riunione finita a notte fonda con l’ennesima
pagnia del mio collega Rasoulof, impedire di osservare! Come ar- e la tolleranza in Europa e che non ha ancora perso, fumata bianca. Il ministro finiano Andrea
della troupe e stavamo girando. tista ho il dovere di osservare e di nonostante la combatta tra l’ostilità di tutta Ronchi s’era presentato facendo la voce
Gli uomini si sono qualificati co- trarre ispirazione. Sono stato ac- salveranno stampa internazionale (con l’eccezione della grossa, perché la Gran Bretagna cercava di
me agenti del ministero per la si- cusato di girare un film senza au- spagnola: Roma e Madrid sono alleate, su aggirare con un artificio l’opposizione
curezza. Ci hanno arrestato sen- torizzazione. Vi debbo forse ri- il nostro paese” questo fronte). È l’annosa battaglia sul regime italo-spagnola (“Non negoziamo con la pistola
za presentare alcun mandato. Mi cordare che il parlamento non ha linguistico del brevetto europeo: un progetto sul tavolo, non cediamo ai ricatti”) e, durante la
hanno confiscato la collezione mai approvato una legge che pre- sul tavolo da un decennio e che le imprese discussione, non ha neppure escluso il veto
di film che non mi è mai stata re- vede la concessione di una auto- interviste? Seconda parte: Quello considerano importante per la loro dell’Italia sulla misura. Alla fine, nulla si muove:
stituita. Il magistrato inquirente rizzazione per girare un film? So- che dico. La storia ci dice che la competitività. Il problema è che il brevetto tutto fermo, partita aperta. Se l’italiano fatica
mi ha chiesto “cosa sono quei no stato accusato di non aver da- mente di un artista è la mente europeo dovrebbe essere redatto in tre lingue, in Europa, recupera, invece, posizioni in
film osceni che colleziona?”. Si to il copione agli attori. Nel mio analitica della società in cui vive. francese, inglese e tedesco. Mentre Italia e America: New York Times, Washington Post e
tratta dei grandi capolavori del genere di cinema lavoro per lo Imparando la storia e la cultura Spagna non accettano l’esclusione di italiano e Wall Street Journal annunciano che, grazie ai
cinema mondiale e non capisco più con attori non professionisti del suo Paese, osservando quan- spagnolo. Semplificare per semplificare, allora Cuomo, la nostra lingua ritrova il suo posto fra
come li si possa definire osceni. e quindi non è necessario un co- to accade intorno a lui, l’artista facciamo solo inglese, suggerisce Roma. Ma quelle che danno punti agli studenti che vanno
Vengo processato per un reato pione. presenta la realtà con gli stru- Madrid non dice sì a questo compromesso. all’Università.
che non ho ancora commesso. Sono stato accusato di aver fir- menti dell’arte. Soffocare le idee Mercoledì, c’è stata a Bruxelles l’ennesima Giampiero Gramaglia
Mi state processando per un film mato una dichiarazione. Insie- e censurare gli artisti ha solo una
pagina 14 Venerdì 12 novembre 2010

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

L’ADDIO

IL MIO AMICO Inzaghi


Pippo si
Simpson
Serie da
Intramontabili
Cochi e
Zamparini
Il presidente

DINO,
ferma per record: Renato a del Palermo
qualche si farà teatro con minaccia
mese, stop la 23esima “Finché di vendere
definitivo? stagione c’è la salute” tutto

MEGALOMANE Scompare a 91 anni De Laurentiis, uno


dei più grandi produttori della storia
del cinema. Carlo Lizzani che con lui lavorò per 30 anni, lo ricorda senza filtri
di Malcom Pagani que. provò a trascinarmi con sé nia del progetto. Più l’ipo- va ma come tutte le persone vedeva lungo. La collabora-
E la prese. in ogni modo. Provò a sedur- tesi era monumentale, più ricche e potenti, amava farsi zione con Pasolini, me la

D
Silvana il film non lo voleva mi e Dino sapeva scegliere pareva che gli ostacoli esi- servire il piatto. Aveva uno suggerì lui.
fare, c’erano altre candidate gli argomenti giusti. stessero solo per essere ab- stuolo di lettori che gli por- Nel Gobbo?
tra cui Lucia Bosè e a dire il Il motivo scatenante fu il battuti. Se per spiritoso in- tavano relazioni dettagliatis- Esattamente, come anni do-
vero, il provino fu un disa- declino di Dinocittà, gli tende battutaro, devo delu- sime. Però, sul talento altrui, po, per Crazy Joe, un film
stro. Lei si presentò trucca- studios costruiti sulla via derla. Non era cu- che avremmo dovuto girare
tissima, eccessiva. Era com- Pontina che la burocrazia po, ma non gli Dino De Laurentiis visto nel 1971 e che per l’aleato-
battuta tra cinema e ambien- osteggiarono. ho mai senti- da Emanuele Fucecchi rietà tipica del nostro mon-
te intellettuale, la storia con SI arrabbiò moltissimo e fe- to declama- do slittò di anni, mi propose
Dino fece tramontare quella ce il biglietto ideando una re storiel- un aiuto-regista di nome
con l’organizzatore cultura- volta atterrato, film come le e barzel- Martin Scorsese.
le del Pci, Antonello Trom- Serpico e I tre giorni del Condor. lette alla Il nipote Aurelio somiglia
badori. Il trapasso gli pesò e così Di- Berlusco- al patriarca?
Sul Neorealismo, Dino no si concentrò su altro che ni. Difficile fare paragoni. Aure-
coniò una sua definizione: non fosse la nostalgia. Era un Colto? lio aveva la strada spianata,
a qualche mese, Carlo Liz- il cinema della fame. uomo di un’inventiva straor- Si informa- Dino e Luigi dovettero co-
zani risponde al telefono Era l’interpretazione di una dinaria. struire il palazzo da soli.
con un presentimento. “Un persona che dopo la ritirata Esempi? Nei confronti di De Lau-
tempo ci dicevamo guai se dell’8 settembre, aveva visto Mi raccontò come decise di rentiis lei ha spesso parla-
non squilla, ora accade solo la povertà con i suoi occhi, portare la Bibbia in sala. Si to di gratitudine.
per portare cattive notizie. È però era anche una rilettura svegliò in un albergo assalito Ero considerato un regista
una legge di natura, faccio parziale del fenomeno che dalla noia, aprì il cassetto e rosso, da evitare e margina-
rispettosamente gli scongiu- come ammise lui stesso, ci trovò il testo sacro. ‘Non lizzare. Dino, che fu socialde-
ri”. Gli amici di un tempo fece conoscere ovunque. male ‘sta Bibbia’ disse. mocratico e poi democristia-
salutano, uno dopo l’altro. Sul carattere di De Lau- Era uno così Dino, se ve- no, mi fece lavorare. L’aman-
Suso Cecchi D’amico, Alfre- rentiis, gli aneddoti sono deva una prospettiva, te di Gramigna, Torino Nera,
do Bini e ieri, Dino De Lau- sterminati. non aspettava il parere il Processo di Verona.
rentiis, il ragazzo che sogna- Alla cerebralità, preferiva di nessuno. Azzarda- Le mancherà?
va di fare l’attore, vendeva la l’animalità. L’istinto, l’intui- va. Come tutte le persone a cui
pasta e scelse infine il cine- to, la compagnia. Un uomo Era spiritoso? ho voluto bene e con le quali
ma firmando da finanziatore sicuro che non si bastava. Non in maniera parti- non potrò più parlare. Il
alcune delle opere più im- Tendeva a convincere gli al- colare. Possedeva tempo dell’addio si avvici-
portanti dell’ultimo mezzo tri. Sempre. Quando a metà una curiosa sobrietà na, ma se permette, prefe-
secolo da La grande guerra a dei ‘70 si trasferì in America, unita alla megaloma- risco pensare ad altro.
Le notti di Cabiria. De Lauren-
tiis, scomparso a 91 anni
di Giorgio Dell’Arti
aveva con Lizzani un rappor-
to fraterno. Si incontrarono
LIBROINGOCCE
IBROIN
IBROIN
NGOC
Tra i villaggi e i
a Roma, alla fine degli anni
‘40, per lavorare fianco a
fianco per decenni e non
perdersi più di vista.
paesi messi a
ferro a fuoco
dai nordisti alla
conquista del
FANCIULLE D’ALTRI TEMPI
“Nell’ultima telefonata, po- Sud.«Gli
che settimane fa, l’avevo oltraggi subiti pare alla messa di mezzanotte. Di mondo Per essere una donna Corpus Domini Il Corpus Do- è un legame, non una liberazione;
sentito pieno di amarezza. «veramente di mondo» bisogna fa- mini, festività molto sentita dalla alla donna porta nuovi doveri, non
Aveva il desiderio, direi l’esi- Matrimonio Il matrimonio, di re errori di pronuncia, modulare la piccola borghesia. È il momento diritti.
genza, di raccontare la bio- Nascita La nascita di una bam- solito celebrato quando la fanciulla voce, pronunciare cava invece che per innamorati e pretendenti. Se
grafia di Antonio De Curtis bina nel XVIII secolo, accolta dalle usciva dal convento. Il marito era cara. non si è fidanzate con un parente o Onestà La donna borghese che
per immagini. Un dirigente famiglie nobili con delusione. Il pa- scelto dalla famiglia. La ragazza ca- col figlio di conoscenti a Carnevale tradisce non perde l’onore, perde
Rai gli aveva quasi riso in fac- dre rimaneva freddo, la balia por- piva che a breve si sarebbe sposata Toilette La toilette, un tavolo si può incontrare e scegliere un l’onestà.
cia, era furibondo: ‘Gli ho tava via la piccola e la madre non dall’agitazione dei parenti, dall’an- con sopra uno specchio adorno di marito.
parlato di Totò, Carlè, ti ren- andava mai a trovarla. Quando tor- dirivieni delle modiste, dalle cuci- pizzi come un altare, avvolto di Nei L’ultimo tocco nella toilette
di conto? Aver lasciato l’Ita- nava a casa l’affidavano a una go- trici che lavoravano al suo corredo mussola come una culla, pieno di Guanti La corte si fa sotto gli oc- di una donna: sistemare i nei po-
lia è stata la migliore idea vernante che l’allevava in soffitta. ecc. filtri, belletti, creme, nei posticci, chi dei genitori. Il corteggiatore ga- sticci rispettando alcune regole.
della mia vita”. profumi ecc. È il mobile più impor- lante regala alla giovane un libro L’assassine deve andare all’angolo
Lei e Dino camminaste Mento Dalla soffitta la bambina Bianco La ragazza di rango tante negli appartamenti di una da- d’ore e dei guanti. dell’occhio, la majestueuse sulla
insieme. scendeva una volta al giorno, alle non sempre si sposava in bian- ma. Deve stare a nord affinché sulla fronte, l’enjouée nella fossetta che
Fin dall’inizio, il suo primo undici di mattina, quando la madre co. Su Modes et Costumes fran- donna che si veste cada una luce Simpatia Nella borghesia i ma- si forma quando si ride, la coquette
successo, Riso Amaro di De riceveva familiari e cani. L’incontro çais dessinés d’après nature senza riflessi. trimoni non si concludono in mo- vicino alle labbra ecc.
Santis coincise con il mio. con la mamma cominciava e finiva c’erano spose vestite d’azzurro do tanto veloce, spedito e brusco
Firmavo la sceneggiatura e col bacio che la piccola le dava sot- cielo ornato di chiffon e fiori. Bigliettini Cose che si fanno al- come avviene con l’alta società. I Rosse Sotto Luigi XVI la bellezza
venni candidato all’Oscar. to il mento per non guastarle il la toilette: sbrigare gli affari, scri- vantaggi di un patrimonio non so- bruna ricade in discredito. Piaccio-
L’epopea delle Mondine trucco. Parlare Gli aggettivi più comu- vere bigliettini, ricevere l’innamo- no i soli fattori che decidono no solo occhi blu e chiome bionde.
riporta a Silvana Manga- ni nei discorsi di una donna: stu- rato, rimproverarlo, piantarlo un’unione: perché si proceda c’è La moda riabilita anche i capelli
no. Convento Quando la bambina pefacente, miracoloso, divino. Si ecc. bisogno che la ragazza abbia una rossi, fino ad allora considerati in-
Il grande amore dell’esisten- sapeva leggere, conosceva il cate- applaude da «rompere i timpani», certa simpatia per l’uomo. famanti.
za di Dino. Mentre cercava chismo e aveva imparato a cantare si loda «da sperticarsi», si ama Borghesia Nella borghesia la Notizie tratte da: La donna nel
la protagonista del film, la vi- e ballare e andava in convento. Lì di «da morire». Al minimo sforzo si fanciulla vive sempre accanto alla ma- Contrario Il matrimonio per i XVIII secolo, Edomond e Jules
de su un manifesto affisso in tanto in tanto riceveva dei premi. è «distrutte», al minimo contrat- dre. Per punirla, la mamma borghese borghesi, il contrario di quello che de Goncourt, Sellerio. 468 pa-
via Veneto, si fermò, diven- Tra questi: il permesso di parteci- tempo «disperate». chiama la figlia «madamigella». rappresenta per le classi superiori: gine, 20 euro.
ne pazzo. La inseguì ovun-
Venerdì 12 novembre 2010 pagina 15

SECONDO TEMPO

DECADENZE

CAFONI NON
SI NASCE
Il libro di D’Agostino:
l’Italia di B. verso il baratro
uando i nostri nipotini

“Q ci chiederanno ‘ma voi


dove eravate e cosa ci
avete lasciato’, rispon-
deremo con un'immagine. Rive-
la più di mille parole e quelle di
Pizzi sono un romanzo fotogra-
fico che in corso d'opera, vista
l'epoca, si è trasformato in un
"fotto-romanzo". Siamo tutti fot-
tuti, e il nostro libro è solo un
trattato, "dal vero", di antropolo-
gia culturale. Quando mostro
un'immagine cafonalizzata, os-
servo gente che rimane senza pa-
role. Sgomenta, sconvolta. Co-
me davanti a una cosa ignota”. E
così, Roberto D'Agostino, 62 an-
ni, padre fabbro, madre bustaia,
esistenza agiata ma non annoia-
ta, vive il suo tempo senza rima-
nere indietro. Non ci riescono in
molti, ma D'Agostino, tra un qua-
dro di regime arrivato via posta
da Pyongyang “Non è meravi-
gliosa 'sta ragazzina vestita da
soldato che butta bombe da un
aereo?”, un fallo finto e un'opera
di Hirst, sopravviverà anche a se
stesso. Tra i mostri ipercontem-
poranei rappresentati in “Ultra-
cafonal” e l'ex lookologo che dal lecito chiedersi a chi si stia par-
Lungotevere di Roma scandaglia lando davvero. Mio figlio a quin-
l'universo italiano, non c'è iden- dici anni, non sa che esiste Re-
tificazione. Una statua di Mao a tequattro e la nostra autorefe-
grandezza naturale sul terrazzo, renzialità è un rischio altissimo.
una stanza piena di appunti, ri- Torniamo indietro.
tagli di giornale, fotografie. D'A- Gli anni '80 hanno soppresso il
gostino registra come un archi- "popolo ideologico" e portato al-
vista della Digos il peggio del la ribalta la "gente catrodica". Dall’alto in basso, l’antesignano del Bunga bunga (1), il trenino orchestrato
presente e insieme a un conside- Crollati i partiti, liberi tutti. Pri- dall’animatore delle notti romane Massimo Marino, un’anonima signora (2), il
revole numero di notizie, lo met- ma c'era chi dettava la linea in se- compleanno di Cristiano Malgioglio (3), un fondo schiena (4), lo sgomento di Giulio
te in rete, a disposizione di chi zione e indicava la strada, andato Andreotti e di sua moglie a una festa, mentre una ragazza dietro di loro balla la danza
vuole: “Sa quanta gente mi chia- giù il Muro, ognuno ha iniziato a del ventre (5), Roberto D’Agostino nel bagno del Macrò di Roma (6), una ragazza con
ma per dire, 'togli questa foto'”. rappresentare se stesso, seppel- un vestito e una ragazza disinibita sul divano mentre si copre il volto (7). Le immagini
Dagospia vive da dieci anni e lendo categorie come cultura e fotografate da Umberto Pizzi, fanno parte di Ultra Cafonal di Roberto D’Agostino
un'impresa iniziata per gioco: Storia, mettendo in soffitta i vec- (copertina a fianco) e dello stesso Pizzi, (Mondadori, 527 pagg, 40 euro) in libreria dal
“Non me lo sarei mai aspettato, chi soloni. Facebook non è che 18 novembre e ideale seguito del primo libro, Cafonal
siamo all'eterogenesi dei fini” si l'evoluzione di un movimento
è trasformato oggi in un serissi- che parte da lontano, dala "Me
mo affare. generation" di Tom Wolfe, l'exit in tv la gente famosa ma le per- si al circostante con grande rapi-
D'Agostino, dopo Cafonal, strategy più comoda che si po- sone che incontravo sulla strada: dità è una forma di difesa.
ecco il seguito. tesse immaginare. La tua faccia e 'questo è un discotecaro, questo E il Bunga bunga?
Io non volevo neanche farlo, pe- come palcoscenico, il resto del un intellettuale, questo è un fro- M'ha fregato. E' uno spettacoli-
rò gli ultimi due anni hanno im- mondo. cio'. no da dopo cena in cui l'organiz-
presso al presente un'impressio- Il quarto d'ora di celebrità. Cosa accadeva? zatore per allietare gli astanti
nante accelerazione. Ogni male Andy Warhol fu avaro. Qui vo- Li presentavo come tali, anche non chiama più il cantante, ma
nasconde una causa di cui vedia- gliamo un'esistenza sotto i riflet- allora c'era la fila dei politici per una ragazza che fa uno show del
mo solo l'effetto: Berlusconi, le tori, l'urlo attuale, il desiderio conoscere le ballerine, ma i tem- sesso. E’ qui la rivoluzione. Si
mignotte, i minorati e le mino- nascosto è : “Datemi quindici mi- pi del delirio non erano maturi. spieghi. E' molto più importante
renni. nuti di anonimato”. Non c'è più E' però vero che il mutamento lo show del sesso, del sesso stes-
Già visto? il divismo, non esistono più i mo- embrionale che nasce con gli an- so. Ancora a faticà con pantalo-
Modestamente, l'avevo già rac- delli, i fan sono scomparsi. Esi- ni '80, ci porta al cafonalesimo di ni, cerniere lampo, bottoni. Ar-
contato quasi trent'anni fa in Mu- stiamo solo noi, di fronte al nulla. oggi. L'attuale è un momento chetipi inutili. Conta solo la rap-
tande pazze, il capolavoro paupe- I punti di riferimento rimasti so- storico senza ancoraggi, ognuno presentazione, mostrarsi è di-
ristico del mondo delle zoccole. no dei signori di sessanta, settan- va per i cazzi suoi. Ecco: bisogna ventato un lavoro e nel paese
Una volta tramontato Berlusco- t' anni, fantastiche reliquie a cui osservare il lato positivo del can- della sceneggiata, non poteva
ni, comunque, il berlusconismo aggrapparsi rimembrando i tem- cro. che andare così.
gaberiamente resterà cicatrizza- pi andati. Ci hanno tolto la fede, Come? Pizzi l'ha aiutata.
to dentro di noi. Non è che d'in- Dio, il diavolo, rimaneva soltan- E' un ragionamento po' cinico. E' incredibile che in Italia, Re-
canto scomparirà il Grande Fra- to la cafonalizzazione. Quando io rappresento questi pubblica o Corriere non siano
tello, anzi ne trasmetteranno E i nuovi cafoni come si mani- disgraziati, solidifico l'Italia di corsi ad assumerlo. Preferisco-
qualcuno in più. Il postmoderno festano? oggi. Il bello di Cafonal non sono no i giornalisti lecca-lecca e in-
è stato soppiantato dal Postribo- Se miri a diventare la fiction di te i nomi famosi, ma i personaggi vece certe foto di Umberto, so-
lo. stesso hai un’unica possibilità. comuni che sono ben oltre la tra- no una colonoscopia. Gli va den-
Cafonal ha una genesi? Uscire fuori dall’anonimato. Co- sgressività di Lady Gaga. Una vol- tro, nel culo, nell'orrore delle lo-
Nasce da una presa in giro. Negli me? Per farlo, mostrare il culo è ta la star diceva 'te la faccio vedè ro vite, li smaschera. Politici, fe-
anni '80, davanti alle edicole, la una meravigliosa scorciatoia. perché sono una cantante', oggi staioli, non ha riguardi.
gente si gettava a corpo morto L'età della monnezza nasce dal la persona qualunque la mostra Ma a certe feste, chi va?
per acquistare Capital. Il sogno bisogno di sentirsi vivi e ingoz- lo stesso, ma la mattina dopo, Il problema è la sottovalutazione
era diventare quel che non si era zarsi, sdraiarsi su un buffet e mo- con gli occhi cerchiati, va in ban- della sessualità, per certe ragaz-
e non si sarebbe mai stati. Agnel- strare le scarpe con le perle, il- ca. ze darti una mano o farti un pom-
li, Tronchetti, Montezemolo. Ca- lude sul non essere dimenticati. Triste. pino è la stessa cosa, o quasi.
pital era la loro Bibbia. Ci dice- Di questioni come queste lei Si balla e ci si riempe di Botox per Per chi esattamente?
vamo preoccupati: 'adesso arri- si occupa da anni. il timore di non esistere. In una Per chi fa le marchette, in certe
va il cafonal' e il cafonal è arri- Nella look parade dell'85 a vita socilae che vive soltanto di ville non si va gratis.
vato davvero. Anche se a volte è ’Quelli della notte' non portavo performance individuali, adattar- (Mal. Pag.)
pagina 16 Venerdì 12 novembre 2010 Venerdì 12 novembre 2010 pagina 17

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ rea: il premier racconta “con
la franchezza abituale che ha di Luigi Galella
Rosy tu
gli garbi
Non sarebbe in fondo così Rosy Bindi è bellissima, an-
MONDO
BENIGNI E “SONO BERLUSCONI”

I più visti
WEB
di Federico Mello
è CENSURA FACEBOOK PER ZAPPADU
PUBBLICAVA SUL SUO PROFILO FOTO DI VILLA CERTOSA
Succede sempre più spesso che Facebook decida, in
maniera arbitraria, di chiudere un account. Questa volta
è rimasto vittima della “censura” Fb il fotografo sardo
Antonello Zappadu, noto per le sue foto di ragazze in
abiti succinti – e capi di Stato stranieri in situazioni
imbarazzanti – carpite dalla residenza sarda di Berlusconi.
Zappadu sulla sua pagina aveva pubblicato scatti la cui
pubblicazione è vietata in Italia dopo un
intervento del garante delle privacy. Fa sapere
feedbac$
k
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Caro Roberto datti
una spettinata”
di Marco Travaglio

è D’ACCORDISSIMO
con questo articolo!
Utilizziamo queste forze e

“Il premier some difficulties”. Meno male


che “con la franchezza abitua-
le” non ha raccontato qualche
barzelletta sui coreani. Oggi
rientra, siamo salvi.
P roviamo a prenderlo sul
serio, Benigni. Anche
perché la contaminazione
fra i generi si è fatta così
difficile, così improbabile.
Non più che in altri casi. Per-
lomeno la faremmo finita
con le battute facili facili, del
tipo: “La Bindi è più bella
che perché, nonostante tut-
to, continua a considerare
bella la politica. Il suo elo-
quio è piano e riflessivo, mai
prolisso, mai compiaciuto.
su YouTube
è PRIGIONE PER L’ATTIVISTA CINESE
PROTESTÒ PER IL LATTE ALLA MELANINA
Il web-attivista cinese Zhao Lianhai, che si è
battuto per i diritti dei genitori dei bambini
vittime dello scandalo del latte avvelenato,
inoltre che ultimamente aveva scritto sulla
sua bacheca di una presunta relazione tra
Umberto Bossi e la showgirl Luisa Corna e
che i due sarebbero stati insieme quando il
leader leghista venne colpito da un ictus.
queste personalità per
parlare dei vivi! Ormai lo
sappiamo tutti e qui non ci
piove che i grandi Falcone,
Borsellino e tutti i martiri

parla inglese” T g3
Qui si sobbalza, perché il
Tg3 ricorda al telespettatore
qual è la vera, forse l’unica e
compromettente da rende-
re comica la serietà e seria la
comicità, al punto che po-
tremmo ripetere, con le
streghe del “Macbeth” di
che intelligente – Qui lau-
reate belle, non come la Bin-
di”, che appagano le platee
compiacenti. Quelle che
hanno bisogno, la “bruttez-
Non ha le labbra tumide e la
fronte stirata dal botulino,
né lo zigomo prominente,
né i capelli fulvi o neri o
biondo cenere. La gestualità
1) Table Connect for iPhone
È un iPhone gigante, grande quan-
6) Gattuso dà un pugno a Del
Piero
è stato condannato a due
anni e mezzo di prigione per
“isitigazione al disordine
sociale”. Il figlio di Zhao è
uno degli oltre 300 mila
Segno dei tempi Di seguito un comunicato comparso sul sito web del
Ministero dell’Economia per smentire alcune affermazioni uscite sulla
delle loro scorte e i
grandiosi Don Diana ed
altri martiri ancora sono
state vittime di macchine
del fango e di ingiustizie!
di Paolo Ojetti tro, aggrava la sua posizione. seria ragione per la quale Ber- Shakespeare: “Bello è il brut- za”, di vederla rappresentata è misurata e il sorriso è iro- to un tavolo da cucina: si collega il Uno spezzone da Milan-Juve (ma bambini che si sono stampa. L’immagine, pubblicata da Non Leggerlo e numerosi blog, Ora parliamo dei vivi, dei
Oh yes. lusconi si barrica nelle stanze to e brutto è il bello”. Pro- fuori di sé. Sempre. E che nico e quasi comprensivo, proprio melafonino ed ecco che si per molti utenti si tratta di un con- ammalati per aver ingerito sta facendo il giro della rete tanti magistrati, dei tanti
g1 di Palazzo Chigi: se lascia la ca- viamo a rappresentarcela, la neanche per un istante pos- quando risponde all'interlo- possono visualizzare su scala “te- trasto e non di un pugno) del latte contaminato con la giornalisti, dei tanti uomini
T Che strano. Più la crisi di g2
governo si avvicina e meno il T E, finalmente (perché fa
rica, non c’è Lodo Alfano
che tenga (non si può esten-
Bindi, “discinta e con un po’
di trucco”, che si infila in un
sono tollerare di pensarsela
addosso. Imbarazzante, di-
cutore. Come è accaduto
nella sua ultima apparizione
levisiva” le proprie applicazioni. È
questo il video più visto su YouTu-
7) Gareth Bale Vs Inter
Le azioni del giocatore del Totte-
melanina che ha ucciso
almeno sei neonati.
dello stato e non lasciati
soli difronte a macchine del
Tg1 se ne occupa. Il protago- bene alle istituzioni), applau- dere né agli ex e nemmeno a book di donnine e adesca il sonorevole bruttezza. Per dalla Gruber (“8 ½”, La 7, be la scorsa settimana in Italia. nham Gareth Bale durante la par- fango orchestrate sia da
nista della serata è, udite udi- si a Napolitano in visita nei ter- cittadini il cui nome comincia Cavaliere per smascherarlo, fuggire la quale ci si sotto- martedì, 20.30), quando la 2) Call of Duty: Black Ops TV tita contro l’Inter. destra che da sinistra per
te, Silvano Moffa, un finiano ritori alluvionati del Veneto. con S e il cognome con B), il come le suggeriva con affet- pone a qualsiasi sacrificio, a conduttrice le ha fatto rive- Si tratta dello spot commerciale 8) Lanvin for H&M fargli perder di credibilità!
colomba di seconda fila. Che senso hanno questi ap- processo Mills riprende il suo tuosa provocazione il comi- qualsiasi comico travesti- dere il numero di Benigni, del videogioco più atteso dell’an- È uno spot viral-commerciale della O aspettiamo che diventino
Niente altro, a parte un po’ di plausi? Alla prima proiezione corso e il “premier” rischia co toscano (“Vieni via con mento. Come se potesse sul che la esortava a “sacrificar- no. Ha già stabilito il record di ven- catena di abbigliamento. cadaveri anche loro per poi
Bersani. Il quale, non ce ne del film “Una vita tranquilla” una condanna pesante con me”, Rai 3, lunedì, 21.10). serio, in tal modo, dissolver- si per il partito”, perché “tu dite nel primo giorno di uscita: 9) Cocaina parlarne quando sarà
voglia, dovrebbe rinforzare con Toni Servillo, Napolita- annessa interdizione dai pub- Proviamo a “rifarla” con si, e non fosse presente so- gli garbi”. La sua risposta ha 360 milioni di dollari nei soli Stati Singolo del gruppo rap Club Dogo troppo tardi?
un tantino i toni, superare in- no arrivò in forma privata. La blici uffici: insomma, fine in- l’aiuto di “Striscia la notizia” prattutto perché preesisten- accettato di prestarsi al gio- Uniti e Gran Bretagna. 10) Ligabue, “La linea sottile” Emilianodapolla
somma i livelli di un parroco platea si alzò in piedi e partì gloriosa. Ci si è messo pure (Canale 5, 20.30), che denu- te. co “comico”, ma conside- 3) A Beautiful Story” Il terzo singolo estratto dall’album
di Forlimpopoli. Non è il se- un applauso durato nove mi- Fabrizio Corona (servizio da i corpi e i volti dei vip La bruttezza come macchia, randone il lato serio. Non so- Al terzo posto un video celebrati- “Arrivederci, Mostro” del rocker di è STAVOLTA, Marco,
gretario del maggior partito di nuti, un’eternità. In ogni bat- ad hoc) che sostiene esistano della plastica che li ha “ri- che si cancella fuori, per lo non è disposta a sacrifi- vo della make-up artist Michelle- Correggio. non ti ho capito molto.
opposizione? Il fenomeno del tito di mani c’era un messag- foto (forse le ha in tasca) delle fatti”, sbeffeggiandoli, mo- non volerla guardare dentro carsi, ha chiarito, ma in fon- Phan per festeggiare il traguardo Menzione Speciale Personalmente credo che il
distacco del Tg1 dal momen- gio: presidente ci pensi lei, feste di Arcore: il fango sale e strando quanto labile e de- di sé. La bruttezza come do non ce n’è bisogno, con- di 1 milione di subscriber raggiun- Al tredicesimo posto svetta l’ironi- bilancio della trasmissione
to non felice del sempre loda- faccia qualcosa per carità. In seppellisce un’epoca. Il go- composta sia la bellezza che un’ombra che scompare da siderate le attuali difficoltà to grazie ai suoi tutorial. co video “Mamma siediti, ti devo sia positivo e credo inoltre
to “premier”, si riverbera an- Veneto è accaduta esattamen- verno che ne è l’espressione è appare. Chiedendo a Ricci terra, adagiandosi come una del governo. E in ogni caso: 4) Videolettera di Vendola a B. dire una cosa...”. Un ragazzo cam- che si debba aspettare
che su Sonia Sarno. Ricorda- te la stessa cosa, ma Daniela morto e il Tg3 ripercorre le ul- però di operare col bisturi in patina impercettibile sul “l’unica cosa che non si può La celeberrima video-lettera di Ni- pano telefona alla madre: “Ti devo almeno le altre puntate per
te Sonia Sarno, sempre così Vergara, non l’ha notato ed è time schermaglie attorno al senso contrario, togliendo e corpo, che avrebbe dovuto fare è di pensare di battere chi Vendola a Berlusconi dopo la dire una cosa”, dice “sono Berlu- vedere quali e quanti
lanciata, sempre così vigoro- un peccato perdere queste sarcofago. Esemplare dei tem- aggiungendo dove sia op- proiettarla, rendendolo da Berlusconi coi suoi stru- battuta del premier sull’omoses- sconi”. Silenzio. Il ragazzo ripren- saranno gli argomenti
sa? Ieri, dalla Corea, ha parlato sfumature non secondarie. La pi che corrono l’intervista al portuno intervenire, dimo- quel momento innaturale e menti”. sualità. de: “Mamma stai piangendo? Ci trattati. Alla fine Saviano è
di economia, di monete, di in- pagina politica del Tg2 rac- senatore Massidda che soffre strando che anche la Bindi clownesco. Con le battute sulla bellezza, 5) Benigni: “Silvio non ti...” hai creduto? Stavo scherzando, noto ed è ora nei guai per
terscambi e di Obama. A Ber- conta freddamente i passaggi e s’offre: “Sì, sono in sofferen- avrebbe il suo giorno di glo- quindi. Con la bellezza va- Al quinto posto con oltre 750 mila non sono Berlusconi. Sono gay”. E aver parlato e toccato i vivi
lusconi ha solo dedicato uno di giornata e il flop previsto za perché il mio cuore è con ria se si sottoponesse, come La presidente Pd Rosy Bindi gheggiata, esaltata e vana- visualizzazioni, arriva il ciclone chiude: “Stai ridendo mamma? E lo potenti, non per aver
sfuggente: “Il premier ha par- del verticino Bossi-Fini. Molto Berlusconi e la mia testa con tutte le altre e gli altri, alla è stata spesso vittima mente inseguita, sul proprio Benigni (a Vieni via con me) con il so, meglio gay che Berlusconi”. Il video “Mamma siediti”; celebrato i morti. Non
lato in inglese”. Il che, fra l’al- più alata Ida Colucci dalla Co- Fini”. trasfigurazione chirurgica. degli insulti di Berlusconi e altrui corpo. suo monologo di mezz’ora. f.mello@ilfattoquotidiano.it un frame dello spot dell’ultimo credo che abbia paura di
Call of Duty; il super-tablet per parlare di certi argomenti.
iPhone; Apple-tv Forse gli interessava di più
cominciare da altri. Non
LA TV DI OGGI I FILM
SC1= Cinema 1
LO SPORT
SP1=Sport 1 GRILLO DOCET
potrebbe essere?
Valentina
SCF=Cinema Family
SCH=Cinema Hits SP2=Sport 2
SCMa=Cinema Mania
SCM=Cinema Max
SP3=Sport 3
IL CALENDARIO è MI SONO molto
DEI SANTI LAICI 2011 stupito di vedere Galasso
17.00 La rapina perfetta SCM 16.30 Football, NCAA
Era senza scorta Peppino alla stregua di un
17.00 Shaolin Basket SCMa 2010/2011 Connecticut - Pitt-
Impastato, come Angelo Vassallo. infangatore, è stato un
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.03 ATTUALITÀ Meridia- 13.00 NOTIZIARIO TG5 - 13.50 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 TALK SHOW Dr. Oz 17.35 Una sola via d’uscita SCH sburgh (Replica) SP3
Non aveva scorta la collaboratrice di errore grave. Viene da
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 na - Visto da Nord Meteo 5 I Simpson Meteo - Vie d’Italia noti- Show 18.00 La figlia del mio capo SCF 18.00 Basket, Serie A maschile
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo- 19.13 RUBRICA Meridia- 13.40 SOAP Beautiful 14.20 TELEFILM My name zie sul traffico 12.30 ATTUALITÀ Speciale
giustizia Lea Garofalo, uccisa a chiedersi: quali sono le fonti
18.20 2012 SC1 2010/2011 4a giornata Bennet Milano dalla 'ndrangheta e neppure di Saviano? I suoi autori
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo na/Decoder 14.05 REALITY SHOW is Earl 12.00 TELEFILM Wolff - Un Omnibus 18.55 Uno Sbirro Tuttofare SCM Cantù - Banca Tercas Teramo
del cuoco 17.00 TELEFILM Numb3rs 15.00 NOTIZIARIO TG3 19.27 NOTIZIARIO Agrime- Grande Fratello - Pillole 14.50 SIT COM Camera Cafè poliziotto a Berlino 13.30 NOTIZIARIO TG La7 Giorgio Ambrosoli. Lo Stato li ha lasciati sono del tutto lucidi?
19.00 Mosquito Coast SCMa (Sintesi) SP2 al loro destino. Oggi Clementina Forleo non ha la Saviano, pur raccontando
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 Flash L.I.S. teo 14.10 SOAP CentoVetrine 15.30 SIT COM Camera 12.55 TELEFILM Un detec- 13.55 FILM A prova di
19.20 Martian Child SCH 18.30 Golf, Challenge Tour scorta, Belpietro e Fede invece si. Il Calendario dei cose risapute da trent’anni
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. - Meteo 2 15.05 TELEFILM La strada 19.30 NOTIZIARIO TG3 14.45 TALK SHOW Uomini Cafè Ristretto tive in corsia errore
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- per Avonlea (REPLICA) e Donne 15.40 CARTONI ANIMATI 13.50 REAL TV Sessione 15.55 DOCUMENTARIO 19.30 Un principe in giacca e Grand Final 2010 SP3 Santi Laici 2011 cade nel 150° anniversario dell’Unità come il controllo delle
14.10 ATTUALITÀ Bontà VO Rai TG Sport 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT 20.00 RUBRICA Il caffé - 16.15 REALITY Amici 16.40 TELEFILM Il mondo pomeridiana: il tribunale Atlantide - Storie di uomi- cravatta SCF 19.30 Tennis, ATP World Tour d'Italia. Se siamo ancora una Nazione lo dobbiamo a mafie sul traffico di rifiuti,
loro 18.15 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi Altre voci (REPLICA) 16.55 ATTUALITÀ Pome- di Patty di Forum ni e di mondi 21.00 Il segreto di David SCM Masters 1000 2010 Parigi: loro. “Così come ogni notte la marea lava senza sosta ha il merito di aver
14.40 ATTUALITÀ Se... a 18.45 REALITY SHOW 16.00 DOCUMENTARIO 20.30 ATTUALITÀ Inchiesta riggio Cinque 17.35 TELEFILM Ugly Betty 15.40 FILM La storia di 18.00 TELEFILM Adventure 21.00 Kill Bill - Volume 2 SCMa quarti di finale (Diretta) SP3 le spiagge ed elimina le tracce del giorno precedente, sensibilizzato il grande
casa di Paola Extra Factor Cose dell’altro Geo 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 18.50 GIOCO Chi vuol 18.30 NOTIZIARIO Studio una monaca Inc. 21.00 Corsa a Witch 20.30 Calcio, Bundesliga gli italiani cancellano anno dopo anno dalla memoria i pubblico, con spezzo del
16.10 ATTUALITÀ La vita 19.35 TELEFILM Squadra 17.40 DOCUMENTARIO teo essere milionario Aperto - Meteo 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 19.00 TELEFILM The Mountain SCF 2010/2011 12a giornata morti ammazzati per amore di giustizia, gli incorrotti pericolo, su temi che
in diretta Speciale Cobra 11 Geo & Geo 21.00 NOTIZIARIO News 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- Meteo District 21.00 La prima linea SC1 Borussia Dortmund - Amburgo schiacciati alla stregua di insetti importuni. sembravano dimenticati. I
18.50 GIOCO L’eredità 20.30 NOTIZIARIO TG2 - 19.00 NOTIZIARIO TG3 - lunghe da 24 Meteo 5 VO Studio Sport 19.35 SOAP OPERA Tempe- 20.00 NOTIZIARIO TG La7 21.15 La fidanzata di papà SCH (Diretta) SP1 Prima della morte testimoni dell'ignavia delle crediti accumulati si stanno
20.00 NOTIZIARIO TG1 20.30 TG Regione - Meteo 21.27 PREVISIONI DEL TEM- 20.30 VARIETÀ Striscia la 19.30 TELEFILM Big Bang sta d’amore 20.30 ATTUALITÀ Otto e
20.30 GIOCO Soliti ignoti 21.05 TELEFILM N.C.I.S.: 20.00 VARIETÀ Blob
22.45 Mimzy SCF 22.45 Basket, NBA 2010/2011 Istituzioni e in seguito presenze scomode per però rapidamente
PO Meteo Notizia - La voce dell’im- Theory 20.30 TELEFILM Walker mezzo
21.10 VARIETÀ I migliori Los Angeles "Celebrità" 20.10 TELEFILM Seconde 21.30 ATTUALITÀ Tempi provvidenza 20.05 CARTONI ANIMATI Texas Ranger 21.10 ATTUALITÀ Le inva-
22.45 Le mie grosse grasse Miami Heat - Boston Celtics la coscienza nazionale, da dimenticare. Il esaurendo, se continua con
anni 21.50 TELEFILM Criminal chance dispari supplementari 21.10 REALITY SHOW Io I Simpson 21.10 ATTUALITÀ Quarto sioni barbariche (DIRETTA) vacanze greche SC1 (Replica) SP2 cinismo di Andreotti che liquida il coraggio di questa faciloneria non sarà
0.05 ATTUALITÀ TV7 Minds "Giochi pericolosi" 20.35 SOAP OPERA Un 22.30 NOTIZIARIO News Canto 20.30 GIOCO Trasformat Grado 0.15 NOTIZIARIO TG La7 22.55 Underworld: La ribellio- 23.30 Golf, PGA European Tour Ambrosoli, consapevole del suo destino, con ‘Se più credibile. Dopo questo
1.05 RUBRICA L’Appun- 22.40 TELEFILM Persone posto al sole lunghe da 24 0.00 VARIETÀ Chiambret- 21.10 SIT COM Ale & 23.25 RUBRICA I bellissimi 0.25 ATTUALITÀ Prossima ne dei Lycans SCM 2010 Barclays Singapore Open: l’era cercata’ non è isolato. Non è la frase di un programma chiuda con la tv
tamento sconosciute "Identità sve- 21.05 FILM The Manchu- 22.57 PREVISIONI DEL TEM- ti Night - Solo per numeri Franz Sketch Show (ULTI- di R4 Fermata 23.25 Davanti agli occhi SCMa 2a giornata (Replica) SP3 mostro o di un vecchio senza più freni inibitori. È e continui a fare incontri
1.35 NOTIZIARIO TG1 late" rian Candidate PO Meteo uno MA PUNTATA) 23.30 FILM La giusta causa 0.45 ATTUALITÀ La 25a 0.30 Operazione Valchiria SCM 0.45 Poker, La notte del Poker il pensiero di molti. Di una massa grigia che vive pubblici e conferenze con i
Notte - TG1 Focus 23.25 NOTIZIARIO TG2 23.20 VARIETÀ Parla con me 23.00 RUBRICA Il punto 1.30 NOTIZIARIO TG5 22.15 SIT COM All Stars 1.25 NOTIZIARIO TG4 ora - Il cinema espanso 0.30 Dance Flick SC1 Club Final Episodio 9 SP2 grazie alla rimozione del passato per proteggere dati nuovi sull’economia
2.05 PREVISIONI DEL TEM- 23.40 ATTUALITÀ L’ultima 24.00 ATTUALITÀ TG3 23.27 PREVISIONI DEL TEM- Notte - Meteo 5 Notte 23.30 ATTUALITÀ Studio Night News 2.40 ATTUALITÀ Otto e 0.40 Il coraggio di cambiareSCF 1.30 Basket, Serie A maschile suoi interessi grandi o piccoli. (...) Un giudice ha mafiosa.
PO Che tempo fa parola Linea notte PO Meteo 2.00 VARIETÀ Striscia la Aperto Live 1.50 FILM Ridicule mezzo (REPLICA) affermato che la Seconda Repubblica è nata su Antonio
0.55 Per amore o per interesse SCMa 2010/2011 4a giornata Mps -
2.10 RUBRICA Appunta- 1.10 ATTUALITÀ TG Par- 1.00 RUBRICA Appunta- 23.30 NOTIZIARIO News Notizia - La voce dell’im- 1.15 RUBRICA SPORTIVA 3.30 TELEVENDITA 3.20 TELEFILM Star Trek pilastri di sangue, ma quel sangue si è subito asciugato
2.00 Un amore alle corde SC1 Pepsi Caserta (Sintesi) SP2
mento al cinema lamento mento al cinema brevi provvidenza (REPLICA) Poker1mania Mediashopping Classic nella memoria è NON CREDO che tutti
collettiva. Ed è è ARRIVA IN ITALIA APPLE TV i giovani come me sappiano
questo che SI POTRANNO NOLEGGIARE FILM ONLINE che Falcone fu denigrato in
TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE RADIO nutre il Potere, non il Mentre la casa d’aste Christies fa sapere che
suo esercizio
criminale, il timore
metterà all'asta il primo modello di
computer mai prodotto su scala
vita... io per esempio non lo
sapevo (ho 19 anni) e l’ho
appreso grazie a Saviano.
è A BRERA CON NINTENDO DS
/ The Manchurian Candidate  Live  TV7 A “Radio2 Live” e PERCORSI CON ANALISI DEI DIPINTI
che incute, i mezzi di
cui dispone, ma
commerciale dalla Apple (Apple 1,
realizzato da Steve Wozniack), arriva in
Fabioit
Il Maggiore Bennett Marco, reduce dal- “Le vie del sesso ”è un lungo viaggio Le telecamere di TV7 saranno a Firenze
la guerra del Kuwait, è tormentato da che racconta il diffondersi in modo im- tra i “rottamatori”del PD. Sogni, spe- “Caterpillar” il Premio Tenco Nintendo e la Pinacoteca di Brera si
uniscono in una partnership che dà
l’indifferenza degli Italia Apple TV, una sorta di super-decoder è SONO in disaccordo
terrificanti incubi. Di giorno passa il pressionante del cosiddetto “turismo ranze e inquietudini di una generazione Oggi e domani,“Radio2 Live” e “Caterpillar” andranno italiani”. Beppe Grillo HD che trasforma il proprio televisore in un con Marco Travaglio (e già
origine a un innovativo connubio tra
suo tempo tra una conferenza e l’altra, sessuale”.“Live”è in Brasile per mo- che chiede il rinnovamento delle classi in onda in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo in centro di comando per l'intrattenimento questa è una dolente
arte e tecnologia. Da domani, il
narrando le eroiche gesta del sergente strare con interviste e immagini esclusi- dirigenti del partito e della politica. occasione del Premio Tenco 2010. Entrambe le serate domestico. Con Apple TV – già sbarcata con notizia). Non capisco
ve, chi offre e chi cerca sesso a paga- Sclerosi multipla: cosa è questa malat- museo milanese inserirà alcuni
Raymond Shaw, decorato con la meda- saranno presentate da Gerardo Panno e Filippo Solibel- buoni risultati negli Usa a settembre – si perché, ogni volta che c’è
mento. E dal Brasile era arrivata in cer- tia, come vivono i sessantamila malati percorsi specifici dedicati ai giovani, realizzati con l’utilizzo
glia d’onore per aver salvato da morte lo.Ancora una volta, al Premio Tenco, in programma a potrà, tra l’altro, guardare film e trasmissioni un nuovo arrivato nella
certa Marco e il suo plotone. Ma la not- ca di fortuna Lazara de Moraes, in arte in Italia, quali sono le loro prospettive delle console portatili Nintendo DS e del software “Art
/ La prima linea / La giusta causa  Chiambretti Night Sanremo dall’11 al 13 novembre, verranno proposte le sul proprio televisore ad alta definizione, Resistenza Berlusconiana,
te, è un altro mondo. Un mondo fatto di “Lara”, ragazza brasiliana condannata di guarigione.E poi, con un libro foto- Academy”. L’obiettivo è quello di stabilire un contatto tra i
3 gennaio 1982. Sergio è a Venezia, dove Bobby Earl Ferguson, un giovane Pamela Anderson, attrice di origini performance dei protagonisti della più importante ras- connettersi ad internet per navigare in rete tutti inizino ad additarlo
sinistre memorie, immagini confuse, nel 2000 per un giro di squillo vip che grafico a scopo benefico, Monica Belluc- visitatori – giovani e non solo – e le opere d’arte del museo
ha messo insieme un gruppo per attac- ragazzo di colore condannato a morte canadesi è ospite d’eccezione al “Chiam- segna dedicata alla canzone d’autore. Nel pomeriggio, o per scaricare film o serie tv, acquistandoli come quello che “non si
dubbi agghiaccianti. aveva visto coinvolti molti calciatori. ci dà l’addio alla sua prima giovinezza. attraverso un supporto tecnologico accattivante, in grado
care il carcere di Rovigo e far evadere in Florida per l’assassinio di una ragaz- bretti Night”, che per l’occasione diven- dalle 18.00 alle 19.30, Caterpillar proporrà le atmosfere, o noleggiandosli su iTunes Store. I prezzi per impegna abbastanza”,
Rai 3 21,05 Italia 1 23,30 Rai 1 0,05 di promuovere un coinvolgimento diretto. Trenta le Ds
quattro detenute tra le quali Susanna, za bianca, chiede aiuto al professore di ta “Baywatch Night”in omaggio al tele- le curiosità e i dietro le quinte del Premio, sempre in il noleggio variano a seconda che si tratti di “narra di fatti risaputi”,
disponibili. Il primo percorso nel quale verrà introdotto
la donna che ama e con cui ha condivi- diritto Paul Armstrong, per poter ria- film che l’ha proiettata nell’immagina- diretta, dalla postazione-studio di Radio2 presso il Tea- una nuova uscita (dai 3,99 euro per l’SD a “sbaglia a narrare”.
so idee e scelte politiche. Mentre il rio pop di tutti e cinque i continenti. tro Ariston. La 35ma edizione della Rassegna della can-
l’utilizzo di “Art Academy” verterà sull’analisi di due
prire il suo caso. Il professore indaga 4,99 per l’HD) o di un film a catalogo (dai Tom
gruppo si avvicina al carcere, Sergio nella cittadina della Florida dove il Una Pamela Anderson che si guarda zone d’autore - Tenco 2010 ha messo in evidenza il dipinti: una tavola di Carlo Crivelli ed una tela di Silvestro
2,99 euro per l’SD a 3,99 per l’HD). Una
ricorda gli inizi della clandestinità, il ragazzo viveva, ma la polizia e gli abi- attorno quasi sbigottita per “il clima nome di Carmen Consoli, prima donna vincitrice della Lega, e sarà dedicato all’importanza delle ombre nella
volta noleggiato un film, si hanno a è FINALMENTE... ho
passaggio alle armi e l’incontro con tanti sembrano non voler collaborare. Il surreale”di un programma che non ha Targa Tenco per l’Album dell’anno con “Elettra”. Pre- costruzione pittorica. (Valerio Venturi)
disposizione 30 giorni per iniziare a vederlo, guardato la Tv dal letto e
Susanna. Intanto la giornata del 3 gen- film è liberamente tratto da un roman- visto, probabilmente, in nessun’altra miati anche Peppe Voltarelli, Piero Sidoti e Avion Tra- la visione dovrà però terminare entro 48 non mi sono addormentato.
naio volge al culmine. zo di John Katzenbach. televisione. vel. ore dal momento in cui è stata avviata la Chissà perché?
Sky Cinema 1 21,00 Rete 4 23,30 Canale 5 0,00 Radiodue dalle 18,00 riproduzione. Apple TV costa 119 euro. Claudio
pagina 18 Venerdì 12 novembre 2010

SECONDO TEMPO

giustamente
PIAZZA GRANDE É di Bruno Tinti

IL MINISTRO
IMPUGNATORE
Giudici, da vivi e da morti I l 15 settembre Alfano ha scritto alla Corte d’Appello di
Milano spiegando come doveva essere deciso il processo
Abu Omar. Si trattava dell’imam di Milano, rapito da agenti
Cia con la complicità dei servizi segreti italiani, portato in
di Gian Carlo Caselli Borsellino come di un “pro- e a farne le spese fu Giovanni Egitto, incarcerato e torturato. I vertici del Sismi furono
fessionista dell’antimafia” Falcone. Nel 1987 Antonino salvati dal governo italiano con il segreto di Stato; gli agenti
e parole di Roberto Sa- nel senso di un arrivista che Caponnetto decise di rien-

L
Cia furono condannati. Il difensore di uno di questi disse che il
viano su Giovanni Fal- sgomita per buttare fuori dal- trare a Firenze. Aveva dato suo assistito doveva essere giudicato in Usa secondo la
cone, inserite nel di- la carreggiata colleghi più molto. Quattro anni di vita Convenzione Nato del 1951. Alfano inviò una lettera al
scorso di Vieni via con meritevoli è cosa assurda, “blindata” a Palermo gli era-
Tribunale: “Questo avvocato ha proprio ragione”. Il giudice gli
me contro i “fabbricatori di destituita da ogni plausibili- no bastati per mettere a pun-
fango”, hanno suscitato po- tà. Tanto più se i meriti del to il pool (completando il la- dette torto e lo spione fu condannato. Naturalmente fu
lemiche ingiustificate. Fal- concorrente erano (oltre voro avviato da Rocco Chin- proposto appello. E adesso Alfano ci riprova. La cosa è
cone e Borsellino - è bene all’anagrafe) il non aver mai nici) e ottenere lo straordi- scandalosa sotto tanti punti di vista. Cominciamo dal merito.
ripeterlo - osannati da morti, fatto neppure un processo di nario risultato del Maxi-pro- Ho fatto parte La convenzione Nato in effetti prevede che, in caso di
sono stati ostacolati e alla fi- mafia e ammetterlo “con cesso, la fine del mito giurisdizione concorrente, le autorità militari Usa hanno il
ne umiliati, umanamente e schiettezza e lealtà” da “ma- dell’impunità di “Cosa No- del Csm che diritto di processare uno dei loro per “i reati compiuti
professionalmente, da vivi. gistrato gentiluomo” (così stra”. Lasciò la Sicilia nell’as- nell’esecuzione del servizio”. Dunque, se un militare Usa
Ho fatto parte del Csm nell’articolo di Sciascia). An- soluta convinzione che il suo dovette occuparsi commette in Italia un reato; se questo è considerato reato
(1986-90) che ripetutamen- ni dopo, proprio parlando successore naturale alla gui- di Falcone e anche negli Usa; se è stato commesso durante un servizio per
te dovette occuparsi di loro. con Borsellino, Sciascia rico- da dell’Ufficio Istruzione di conto degli Usa; allora sarà giudicato dai giudici Usa. È ciò che
Il primo caso, poco dopo la noscerà di essere stato male Palermo sarebbe stato Gio- Borsellino: osannati avvenne con la tragedia del Cermis: un aereo Usa per un
conclusione del Maxi-pro- informato (e che ci sia stato vanni Falcone, uomo di pun- errore di manovra troncò il cavo di una teleferica; la cabina
cesso a Cosa Nostra, riguar- un “informatore” interessato ta del pool. Non fu così. dopo, sono stati cadde e morirono 20 persone; processo ai piloti in Usa. Ma il
dò Paolo Borsellino, lo si intuisce dall’incipit
quand’egli fece domanda di dell’articolo, che cita il “No- ALLA CANDIDATURA ostacolati e umiliati, rapimento di Abu Omar è tutta un’altra cosa. Prima di tutto è
reato solo per la legge italiana (art. 605 codice penale). Negli
trasferimento dal Tribunale tiziario straordinario n. 17 di Falcone si contrappose umanamente e
di Palermo (pool dell’ufficio del 10 settembre 1986 del (come nel caso Borsellino) Usa si chiama extraordinay rendition ed è considerato
legittimo. Sicché niente giurisdizione concorrente. Se l’Italia
istruzione specializzato in Csm”, che certo non era in quella di un magistrato di professionalmente non li processasse, gli spioni non sarebbero processati in Usa
indagini su “Cosa Nostra” ) vendita nelle edicole di Re- ben maggiore anzianità ma
per essere nominato procu- galbuto...). Ma tant’è , l’au- digiuno di processi di mafia. prima di essere perché lì non è reato. Ma allora, se non c’è giurisdizione
ratore capo a Marsala. torevolezza dell’autore e del- L’articolo di Sciascia ebbe un concorrente, se si tratta di un reato solo per la legge italiana (e
la testata avevano centrato peso fortissimo e venne am- uccisi per quella di – quasi – tutti gli Stati civili della terra), la
LA SPACCATURA all’in- l’obiettivo e fatto male. Di- piamente strumentalizzato. convenzione Nato non c’entra niente. E poi, quale persona
terno del Csm riguardò i cri- fatti, la polemica sui “profes- Nel Csm, spesso richiaman- sana di mente può pensare che un pubblico servizio consista
teri di nomina dei dirigenti sionisti dell’antimafia” non dosi proprio a tale articolo, so dalla vittoria, si rinunziò a nel rapire e torturare una persona? In questo caso, il pubblico
degli uffici giudiziari in terre tardò a produrre altri effetti, molti di quelli che avevano combattere e si ricominciò a servizio Usa era un reato in sé, non un’attività lecita nel corso
di mafia. Concorrente di Bor- votato per Borsellino cam- sparare a salve, mentre sul della quale (come espressamente dice la Convenzione Nato)
sellino era un magistrato biarono idea, pur in una si- Palazzo di Giustizia di Paler- sono stati commessi reati. E si può sostenere che l’Italia debba
molto più anziano ma ine-
sperto di criminalità organiz-
zata. All’interno del Consi- IL FATTO di ENZO l tuazione tutt’affatto identi-
ca. Risultato: questa volta la
maggioranza si espresse non
mo presero a volare corvi e
corvacci che spandevano ve-
leni di ogni sorta su Giovanni
accettare che delitti gravissimi siano commessi impunemente
nel suo territorio solo perché chi li commette è cittadino di un
altro Stato le cui leggi (che non ci riguardano, siamo – ancora
glio si crearono due fronti, Quando facevo la per il più bravo nell’antima- Falcone, calunniato per ne-
uno a favore dell’anzianità di fia, ma per il più anziano, an- fandezze varie (ovviamente – uno Stato sovrano) dicono che non si tratta di attività
televisione, tanto tempo fa, illecita? E se gli Usa decidessero che è lecito per la Cia
servizio, allora principale cercavamo di avere ospiti in che se non esperto di mafia. inesistenti) fino a costringer-
criterio di assegnazione de- E dire che il concorrente di lo ad emigrare da Palermo. appostare, dietro la madonnina del Duomo di Milano, un
esclusiva e di non farci tiratore scelto e fare secco qualcuno
gli incarichi “ordinari”, un al- fregare dalla concorrenza. Falcone aveva ben chiarito al
tro a favore delle specifiche Csm come la pensasse: lui Angelino Alfano (FOTO DLM) perché, secondo loro, è un
Era normale non intervistare
attitudini antimafia di Paolo del pool, del “metodo Falco- terrorista, a noi ci dovrebbe star
un personaggio che il giorno
Borsellino. Questo secondo ne”, non sapeva che farsene; bene? Ma dai! E ora passiamo ad
prima era andato in un'altra
orientamento poggiava su se fosse stato nominato Alfano. Non è poi così sorprendente
trasmissione, allora si
una delibera adottata dal avrebbe subito cancellato la che Alfano abbia sposato con tanto
faceva passare qualche
Csm il 15 maggio 1986, con- collaudata squadra di specia- entusiasmo l’improbabile tesi di un
settimana per avere da lui listi che ormai da tempo si
tenente l’impegno di nomi- difensore che, lui sì, era
nare i dirigenti degli uffici in- qualcosa di nuovo da occupava soltanto di “Cosa
raccontare. assolutamente giustificato a fare il
teressati nella lotta alla mafia Nostra” accumulando espe- possibile per tirare fuori dai guai il
in modo “mirato”, tenendo L' appuntamento era frutto rienze sempre più preziose; i
di una lunga trattativa con suo cliente. Solo che il ministro della
conto del criterio della pro- magistrati del suo ufficio
un ufficio stampa. Da parte Giustizia non ha titolo per dare
fessionalità specifica. Alla fi- avrebbero dovuto occuparsi
ne, la maggioranza del Csm del politico venire a “Il fatto” di tutto un po’. consigli, istruzioni, raccomandazioni
si espresse in favore di Bor- o andare a “Porta a Porta”, a un Tribunale della Repubblica
sellino. Sembrava tutto fini- da Santoro o da Costanzo, DETTO FATTO: il magi- italiana. Se proprio vuole, partecipi
to. Invece scese in campo il non era mai casuale. Oggi strato preferito dal Csm a Fal- la sua solidarietà alla Cia e le dica
Corriere della Sera. Il maggiore quello che Berlusconi sta cone una volta nominato che, purtroppo, i giudici italiani
quotidiano italiano pubblicò facendo è il contrario: frantumò le inchieste su “Co- sono tutti comunisti; ma abbandoni
un editoriale di Leonardo si ha la sensazione sa Nostra” e le parcellizzò in l’idea di influire sulle sentenze.
Sciascia, intitolato “I profes- che se un mille rivoli, senza alcuna co- A meno che… Sarà che è in
sionisti dell’Antimafia”. Scia- programma non municazione o circolazione gestazione un decreto legge che
scia è un gigante, in assoluto ha la sua di dati. La specializzazione e attribuisce al ministro della
uno dei miei scrittori prefe- “ospitata” non la centralizzazione (parame- Giustizia la facoltà di impugnare le
riti, ma questo articolo fu un conta. tri vincenti nel contrasto del sentenze che non gli piacciono? E
errore clamoroso, causa di Strettamente crimine organizzato) furono se stesse facendo le prove generali?
danni permanenti. Parlare di personale 2006 relegate in soffitta. A un pas-

Le opposizioni
D-istruzione hanno accettato
la discussione
in commissione Bilancio una
serie di emendamenti (in un
caso il governo è andato sot-
to) e altri erano pronti per la
favore? L’aspetto più sor-
prendente non è tuttavia
quello economico. Questo
governo, dalla presidente
quanti dichiarando che que-
sto ddl sia da bloccare asso-
lutamente.
Alcuni ritengono che le mos-

dell’Università anticipata
alla Camera,
voce “università”. Se respin-
ti, sarebbe stato automatico
il voto contro la riforma. An-
che Pd e Idv hanno presen-
tato emendamenti analoghi.
della Confindustria in là, è
accusato di non fare nulla,
anche se si propaganda co-
me il governo del fare. In
questo momento di difficol-
se dell’opposizione siano
dettate da un’astuta tattica
parlamentare: si finge di col-
laborare per poi bocciare. Il
rischio invece è che i depu-
di Paolo Bertinetti (*) blica. Soprattutto i ricerca- consentendo così tà del Cavaliere, le opposi- tati dell’opposizione, magari
tori e l’Andu, ma anche mol- zioni hanno pensato bene di senza volerlo, si apprestino a
ti professori e persino qual- al premier di dire accettare che il ddl fosse di- dare indirettamente una ma-

Qtà laual è il prezzo giusto per


svendita dell’Universi-
che preside si pronunciaro-
no sulla necessità di non ab-
che il governo scusso alla Camera anticipa-
tamente e consentire così al
no al governo del non fare
per fare la riforma che di-
pubblica? Prima ancora bassare la guardia e di con- del “non fare” nostro gioioso premier di di- struggerà l’Università pub-
che ne iniziasse la discussio- tinuare nella protesta, per re che il governo del non fare blica.
ne alla Camera, il ddl Gel- evitare qualche colpo di ma- ha fatto ha fatto la riforma dell’Uni- P.S. Le Università statali
mini fu rinviato a metà di- no governativo. versità. aspettano tuttora l’attribu-
cembre, a dopo la Finanzia- una riforma zione dei fondi di finanzia-
ria, perché tutti (parte della I PORTAVOCE della Con- A QUESTO PUNTO l’uni- mento ordinario. Così resta-
maggioranza compresa) do- findustria e i soliti economi- ca cosa di cui potrebbe van- no sotto ricatto. Alle univer-
vettero riconoscere che sti delle università private capigruppo della Camera Allora Tremonti ha promes- tarsi. Gli studenti mettono sità private, che sono beni-
non c’era la copertura di (che non sono né private né concordarono che il ddl sa- so di destinare un miliardo e provocatoriamente all’asta gnamente escluse dalla rifor-
spesa. D’altronde, “senza università, ma sono soltanto rebbe stato discusso dal 18 al 200 milioni all’Università. Se le loro borse di studio (il ta- ma, i finanziamenti sono già
oneri finanziari” è il refrain facoltà, generosamente fi- 25 novembre. Prima della Fi- sarà così (e in ogni caso un glio in due anni è del 90 per stati assegnati.
di questo inaccettabile pro- nanziate dallo Stato) chiese- nanziaria. E i soldi? terzo del totale già è rinviato cento), i ricercatori si mobi- (*) Preside della Facoltà di
getto di riforma (di distru- ro a gran voce di provvedere. La settimana scorsa Fli, Udc, al 2012), allora si diranno tut- litano, i presidenti di corsi di Lingue dell’Università degli
zione) dell’Università pub- E quindi, silenziosamente, i Api e Mpa hanno presentato ti soddisfatti e voteranno a laurea si dimettono, tutti Studi di Torino)
Venerdì 12 novembre 2010 pagina 19

SECONDO TEMPO

le speranze. E gli evasori, i ricchi,

MAIL BOX
i potenti, se ne fregano e nessu- L’abbonato
no, in realtà, li tocca. Natural-
mente la colpevole di ogni cosa, del giorno
quasi sempre, è la Natura. Que-
sto è il risultato di questo me-
raviglioso ventennio del Belpae- ANDREA
se all'insegna del berlusconismo
fascista soprattutto e della stu- “Ho rinnovato
Veneto: i leghisti che ora pidità del centrosinistra in su- l’abbonamento sottoscritto
chiedono aiuto all’Italia
Io sono veneto e in quanto ve-
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO bordine. Cosa ci costa raddop-


piarlo con pazienza, se veramen-
te ci vogliamo bene?
sulla fiducia l’anno scorso
perché lo meritate.
Complimenti, anche se
neto sono un italiano. Mi spiace
però constatare drammatica- COMPAGNI DI CAMERA Augusto Giuliani spesso la dose di veleni
quotidiani che pubblicate
Meno male
mente che sempre più le istitu-
zioni e i giornali, compreso il vo-
stro, non considerino più il Ve-
E SENATO che Silvio c’è
per il mio fegato è
eccessiva, ma dipende dalla
realtà che viviamo non da
neto parte dell'Italia ma della pa- aro Colombo, leggo nelle notizie brulicare di nuovi protagonisti con cui fare patti Voglio aggiungere la mia voce al
dania (in minuscolo, dato che
non esiste). Sul Veneto si è ab-
C che scorrono su Rainews24 che
Consolo (Fli) avrebbe dichiarato:
o con cui fare i conti nel resto del mondo.
Berlusconi, che non sa nulla dell’Africa, delle
coro di coloro che inneggiano al
nostro presidente del Consiglio
voi, comunque leggervi nel
bosco oltre a rendere la
quotidianità più accettabile,
battuta la peggior catastrofe de- “Mai con i compagni!”. Ora, anche sue tragedie (purtroppo diffuse) e dei suoi e ringraziarlo di cuore: solo le a volte
gli ultimi decenni, ma per una non tenendo conto che si dovrebbe buoni risultati (purtroppo rari). Sa tutto sui nefandezze di cui si rende pro- porta
settimana se ne è occupato solo spiegare cosa vuol dire per lui essere giudici, le procure, le accuse che gli cadono tagonista potevano farmi ritro- pure
Mentana. Silenzio dalle istituzio- “compagni” nel 2010, con tutti i addosso. Dunque: tutto su come i comunisti e vare l’impegno, l’idealismo, la se- fortuna: il
ni, dai partiti, dai giornali. Al mas- problemi italiani, europei e mondiali toghe rosse infiltrano e inquinano non solo la te di giustizia e di verità che ave- fungo non
simo un po' di sarcasmo: “Guar- che a farne l’elenco si farebbe notte, giustizia ma la vita italiana. Mettetevi nei vo al liceo. Meno male che Silvio solo non
da un po’, i leghisti adesso chie- con la Cina e l’India che assumono un panni di Consolo. Sarà anche un grande c’è! era
dono aiuto all’Italia”. Perché ruolo decisivo anche nel Fmi, con avvocato ma ha vissuto diciassette anni “sotto Annalisa Neri velenoso,
Berlusconi è venuto dieci giorni Obama che vola in Cina e porta a Berlusconi”, dunque dando la caccia ai era pure
dopo l’alluvione? E cosa c’entra- casa lavoro per 50 mila americani “compagni”. Adesso, anche se ha ritenuto Università italiane? squisito”!
va Bossi? È il vassallo che accom- (anche se mi sembra di aver capito conveniente, forse anche anagraficamente,
pagna il re nel suo feudo? Perché che purtroppo si tratterà di costruire andare con Fini, non potete chiedergli di Meglio emigrare Raccontati e manda una foto a:
Napolitano è arrivato undici aerei da bombardamento!), tale andare, anche, con i “compagni”, che so, Pur tenendo conto che nessuna abbonatodelgiorno@
giorni dopo l’alluvione? Perché dichiarazione mi appare, a voler Realacci o Fioroni. C’è un limite a tutto. valutazione internazionale è ilfattoquotidiano.it
ha detto “qui dove si può pen- essere buoni, alquanto fuori tempo e Consolo, lealmente, lo dice in tempo: “Fatemi perfetta, bisogna pur dire che la
sare che l’attaccamento all’unità denota una cultura politica molto andare con tutti ma non con i compagni”. situazione della ricerca nelle uni-
nazionale sia sbiadito”? Solo chi mediocre e miope. Ma come si può Bisogna capirlo. Tra i nuovi seguaci di Fini e i versità italiane era stata rilevata
non ci viene mai può non cono- anche solo pensare di affidare il “compagni” rischia di trovarsi senza indagati, diversi anni fa con un lungo e, per do i colleghi inglesi, americani,
scere quanto i veneti sentano il “futuro e la libertà” del nostro o almeno con una drastica riduzione, rispetto quanto mi riguarda serio, lavoro australiani o giapponesi mi chie-
valore dell'unità nazionale. E povero paese a politici così? ai bei tempi di Lele Mora e del di controllo su pubblicazioni ed dono “quali sono le migliori uni-
dov’era quel fenomeno di Ber- Alfredo “favoreggiamento della prostituzione” in una altri parametri. I resoconti delle versità italiane?” D’altra parte,
sani in quei giorni, quando lo Sta- casa di Arcore. Dunque giù il cappello. varie commissioni del cosiddet- quando, anziché premiare il me-
to latitava? Perché non era qui a RISPONDO ben sapendo che torno Qui c’è uno che non si piega persino se to Civr, sono rimasti lettera rito individuale, si premiano i ne-
denunciare l’assenza della Lega, su argomenti già molto discussi dal “Fatto” e in adottato da un nuovo leader e militante di un morta, anche e soprattutto potismi e gli appoggi individuali ,
a farsi carico del compito di spin- questa pagina. Proverò a tirare almeno uno dei nuovo partito. Chi ha detto che si è persa la quando mettevano in rilevo pro- ci vorrà ancora parecchio tempo
gere Parlamento e governo ad tanti fili che l’autore della lettera offre. tempra degli italiani che, col Risorgimento, prio l’assenza delle università prima che l’Italia raggiunga il re-
interessarsi al Veneto? Già, era Comincio da quel suo desolato osservare “con hanno fatto l’Italia? italiane nelle classifiche interna- sto della “comunità studiosa”.
troppo impegnato con le diatri- tutti i problemi italiani, europei e mondiali che zionali, a parte le quattro o cin- Nel frattempo in molte città sedi
be dei rottamatori, a dire pom- a farne l’elenco si farebbe notte”. Ma è qui il Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano que che la comunità internazio- di prestigiose università stranie-
posamente: “La Lega ci fa un baf- vero, dominante problema, lo strano vortice 00193 Roma, via Orazio n. 10 nale considera di livello eccellen- re, si sente sempre più parlare
fo!”. Bravo, Bersani, complimen- che fa scomparire sia l’interesse nazionale che lettere@ilfattoquotidiano.it te, e che in genere nomino quan- italiano: i giovani ricercatori, se
ti. Perché il Veneto non ti inte- la dignità del nostro Paese. L’aspetto tragico possono, emigrano.
ressa, non è Italia anche quella? ma anche ridicolo della vita italiana sotto Diego Zancani, Oxford (UK)
L’abbiamo già abbandonato alla Berlusconi, diciassette anni sprecati in
Lega? È vero che la Lega spopola, un’epoca di grandi, importanti, pericolosi LA VIGNETTA Vieni via con me
ma molti elettori della Lega non cambiamenti della Storia, è stata di lanciare
sono affatto secessionisti: vota- tutto il suo tardo vitalismo contro “i e le nuove prospettive
no Lega perché gli altri partiti compagni”, immaginando un paese pieno di Quante volte col pensiero ho
hanno abbandonato il Veneto, comunisti aggressivi e infiltrati dovunque desiderato di andarmene da
considerandolo già perso. La Le- piuttosto che occuparsi della sfida cinese, dei questa amata patria. È diventato
ga qui vince per abbandono e pa- giganti emergenti come India e Brasile, del il paese delle vergogne, delle ca-
lese incapacità dell’avversario. E ste e degli immensi conflitti d’in-
smettetela anche voi del Fatto teressi. Dove l’università, la
scuola e la ricerca, vengono visti
come un peso anziché una im-
IL FATTO di ieri12 novembre 1979 pevamo che i morti di Giampi-
lieri erano solo i nostri morti.
mensa risorsa. Ma, nel vedere
“Vieni via con me”, un lume di
C’era una volta, tra Siracusa e Augusta, una lunga striscia Vivo in prima persona tutti i di- speranza si è acceso: uno spet-
sabbiosa, incontaminata. La magnifica terra Iblea, trenta sagi di chi ha perso la propria at- tacolo di intelligenza, di cultura e
chilometri di costa vergine, centinaia di ettari di vigneti e tività in un movimento franoso di sensibilità. Si dice che ogni
agrumeti affacciati sul mare più pescoso del sud. Zona ad che l’1 marzo 2010 ha interes- paese ha il governo che si merita:
economia locale e depressa, si disse alla fine degli anni ’50, sato il mio paese, Caronia (ME). in questo paese c’è gente che
non meritevole di sostegni ecocompatibili. E così, al diavolo L’ordinanza della presidenza del non merita questo governo.
l’impatto ambientale, quel punto strategico sulla via del consiglio dei ministri si è rivelata Salvatore Lolicato
petrolio, la rotta Suez-Gibilterra segnata dai grandi traffici di carta straccia perchè è chiaro
greggio dal Medio Oriente, divenne terra di raffinerie, che non tutela chi ha perso il la-
cementifici, fabbriche di etilene. In una parola il Polo voro. A oggi mio marito non ha
petrolchimico siracusano, il più grande d’Europa nel percepito neanche un euro del IL FATTO QUOTIDIANO
triangolo Augusta-Priolo- Melilli, monopolio prima dei cosiddetto “mancato reddito” via Orazio n. 10 - 00193 Roma
Moratti, poi di Montedison, Enel e Enichem. Accolto come e non solo. Visto che vogliamo al lettere@ilfattoquotidiano.it
miraggio di benessere e diventato nel tempo luogo di più presto riprendere l’attività
disastri ambientali e di tragici incidenti sul lavoro. Come dobbiamo scontrarci ogni gior-
quello del 12 novembre ’79 in cui a Priolo, tre operai finirono no con i tempi degli iter buro- È sempre colpa Direttore responsabile
maciullati nello scoppio dell’impianto di fertilizzanti AM/6 cratici che sono completamen-
della Montedison. Solo uno dei 14 incidenti dal 1959 al 2008, te diversi da quelli dei cittadini. della natura Antonio Padellaro
con un bilancio di 300 vittime e 80 mila infortunati. Terribile Vogliamo anche parlare dei ri- Salve. Informazioni dai tg italiani Vicedirettore Marco Travaglio
costo umano in quello che in molti continuano a chiamare “il sarcimenti? Al Sud mancano sull’Italia: emergenza, pericolo,
triangolo della morte”. sempre i fondi. Per il Nord li tro- insicurezza. Emergenza, voragi- Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
Giovanna Gabrielli veranno! Nel frattempo per i ne, crollo, allagamento. Emer- Progetto grafico Paolo Residori
danneggiati del Sud utilizziamo i genza, collasso, malasanità, fra- Redazione
fondi personali, fino a quando ci na. Emergenza, scoppio, paura, 00193 Roma , Via Orazio n°10
con l’equazione semplicistica Il Paese che non sa saranno! Perché ancora non si è fuga di capitali ed industrie. Omi- tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
Veneto = Lega, il Veneto è molto capito che anche al Sud, come cidio, scontro, infiltrazione,
altro. È questo modo di descri- gestire le emergenze nel mio caso, vogliamo ricomin- ignoranza. Emergenza, licenzia- sito: www.ilfattoquotidiano.it
vere le cose che, giorno dopo Con l’alluvione del Veneto ab- ciare a lavorare? Vogliamo resti- menti, distruzione, povertà. Gli Editoriale il Fatto S.p.A.
giorno dà consistenza alla cosid- biamo avuto la conferma che il tuita la nostra dignità di lavora- allarmi si susseguono, alcuni in- Sede legale: 00193 Roma , Via Orazio n°10
detta padania. Che, ricordo a federalismo è iniziato a tutto tori, cittadini e genitori. gigantiti, altri quasi nascosti dai Presidente e Amministratore delegato
tutti, non esiste e non è mai esi- gas. Sapevamo che le tragedie Buon lavoro a tutti e in bocca al media, però si accumulano sem- Giorgio Poidomani
stita. avvenute nel Sud interessavano lupo alla redazione. pre più le emergenze, mentre Consiglio di Amministrazione
Carlo Thiella poco ai nostri governanti e sa- Maria Giovanna Merlino mancano sempre più le risorse e Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Orazio n° 10, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
IN LIBRERIA
Massimo Cassani
un po’ più lontano

Puoi nascondere la tua


vera vita agli altri.
Non a te stesso.
Non per sempre.

Veronica Tomassini
sangue di cane

Lei è una ragazza


qualsiasi.
Lui è un abisso.

rna
L’Italia di domani la gove
chi prende più televoti. DA OGGI IN LIBRERIA
Antonio Pagliaro
i cani di via lincoln

Quando nessuno
è innocente,
fare giustizia
non è possibile.

Cosa c’è di peggio che eleggere il Presidente del Consiglio a colpi di sms?
Indignarsi quando si scopre che è omosessuale.
E rimpiazzarlo col comico che lo imitava in prima serata.

Nel grande show della democrazia. Un romanzo strepitoso per ironia e


colpi di scena, una storia dell’Italia che vorremmo non venisse mai, ma
che intanto bussa alla porta.

HAI UNA STORIA IN MENTE E CENTINAIA DI APPUNTI , MA


NON RIESCI A ORGANIZZARTI?HAI UN PROGETTO NARRATIVO E
CERCHI QUALCUNO CHE CREDA IN TE?

Da un’idea di Giulio Mozzi per Laurana Editore, nasce a


Milano la Bottega di narrazione : un sabato e una domenica
al mese, per un anno, lavorerai al tuo progetto con il suppor-
to di grandi scrittori come Antonio Franchini, Silvia
un anno di lavoro Ballestra, Mauro Covacich, Antonio Scurati, Michele Mari,
per venti apprendisti Giuseppe Genna, Giorgio Vasta, Gianni Biondillo e altri
scrittori ancora.
Per informazioni telefona allo 02.23002405 oppure invia una mail a bottega@laurana.it

Seguici su www.laurana.it