Sei sulla pagina 1di 17

Capezzone colpito con un pugno: un gesto violento e idiota

che, per giunta, alimenta il martirologio dei berluscones y(7HC0D7*KSTKKQ( +"!=!"!$!_


www.ilfattoquotidiano.it
A DÁ N ADÁN
B U E N O S AYR E S B U E N OS AY R E S
LE O P O L D O M A R E C H AL LEOPOLDO MARECHAL

Mercoledì 27 ottobre 2010 – Anno 2 – n° 279 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Orazio n° 10 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

BERLUSCONI, LA MINORENNE Balla che ti passa


di Marco Travaglio

E QUELLA STRANA ADOZIONE A


l posto di B. cominceremmo seriamente a
preoccuparci. Da qualche settimana stanno
crollando l'una dopo l’altra tutte le fondamenta
del suo strepitoso successo: le balle. Nel dorato
Dopo le rivelazioni de “il Fatto”, confermata l’indagine della Procura mondo berlusconiano, le bugie hanno sempre avuto
gambe lunghissime. Ultimamente invece durano lo
di Milano. Ruby, la giovane marocchina che tira in ballo il premier, spazio di un mattino. Anche perché lui stesso, complice
l’arteriosclerosi, contribuisce a strozzarle sul nascere,
è in una comunità. Di lei si interessa la famiglia di Lele Mora: perché? nella culla. Non riesce più a coordinarsi con se stesso.
Aveva appena convinto i suoi fans che non è lui a volere
lo scudo Alfano, ma i suoi alleati che glielo impongono a
Il racconto della
ragazza sugli La Rai di Masi: un programma alla fidanzata sua insaputa. Intanto che ti fa? Rilascia un’intervista per il
nuovo (si fa per dire) libro (si fa per dire) di Vespa e dice
l’esatto contrario: lo scudo “è indispensabile contro certi
incontri con B. è
Il direttore pm”, quindi è lui che lo vuole. Come dice Vergassola,
al vaglio del pm generale annuncia “mente sapendo di smentire”. Il bello delle sue
Sangermano tagli e sacrifici autosmentite è che è falsa sia la prima affermazione, sia la
seconda che la contraddice. Infatti lo scudo non riguarda
Barbacetto pag. 3 z ma regala una i pm: non blocca le indagini, ma i processi dopo il rinvio
trasmissione alla a giudizio, quindi gli serve contro “certi giudici”, non
Muccitelli. Domani contro “certi pm”, che con o senza scudo continueranno
a fare quel che fanno oggi. A proposito di pm: quelli di
le nomine: via Roma, che avevano generosamente aperto un’inchiesta
Liofredi e Mineo, per truffa a gentile richiesta di Storace (loro affezionato
arriva la Petruni cliente) sulla casetta di Montecarlo, hanno chiesto
l’archiviazione per Fini e Pontone in quanto non è
di Carlo Tecce emersa alcuna truffa. Chiunque abbia letto anche
icono che Mauro Masi sia distrattamente il codice penale, lo sapeva fin dall’inizio:

FINI x Nella vendita


Dil passivo
preoccupato per i conti Rai:
in bilancio (-130 mi-
la vicenda investe al massimo il costume, o il
malcostume, di favorire un parente acquisito vendendo a
non c’è stata truffa lioni di euro), la voragine entro prezzi modici un alloggio a una società estera da lui
segnalata e chiudendo poi un occhio sul fatto che lui l’ha
Montecarlo un paio di anni (- 650 milioni), la
diffidenza di banche e credito-
ri. E poi dicono che per Ingrid
presa in affitto. L’idea di trasformarla in un reato poteva
venire solo al Giornale e a Libero, che comprensibilmente

Il pm chiede Muccitelli, l’ultima fidanzata


del direttore generale, sia di-
non possono sottilizzare sulla questione morale in casa
Fini, avendo sempre sorvolato su quelle criminali in casa
B. Così ora l’affaire Montecarlo è un caso chiuso. Se ne
l’archiviazione Le prime foto del dg Mauro Masi con Ingrid Muccitelli pubblicate a luglio da Novella 2000
sposto a uno strappo. pag. 6 z
dovranno inventare un altro, ma non faticheranno a
trovarlo. E, se non lo trovano, lo inventeranno. Perché le
balle di B. e famiglia hanno questo di bello: morta una, se
di Rita Di Giovacchino
nrifiuti eterni CATTIVERIE ne fa subito un’altra. Muore tra le puzze la balla del
miracolo della monnezza, che non riemerge solo a
on ci fu truffa per la vendita Ancora promesse
N da parte di An della casa di
Montecarlo. Ma nel registro di Bertolaso Bersani ha parlato di
Napoli, ma pure a Palermo. Defunge la balla dei brogli
della sinistra, fra liste fasulle nel Piemonte di Cota e firme
barricate, degustando
degli indagati erano stati iscrit- Ma la tensione sale alcune grappe
false nella Lombardia di Firmigoni. Viene a mancare
all’affetto dei suoi cari la superballa del “meno tasse per
ti Fini e Pontone. pag. 4 z Iurillo, Massari pag. 8 - 9z (www.spinoza.it)
tutti”, visto che le tasse non fanno che aumentare e, col
federalismo fiscale, vedrete che festa. Crollano
miseramente le balle sulla “missione di pace”, quella
CARCERE x Stroncato dall’anoressia a Regina Coeli degli italiani-brava-gente che sbarcano in Iraq e in
Afghanistan per costruire ponti, scuole, ospedali,

SIMONE FATTO MORIRE piantare fiori, innaffiare le aiuole, baciare bambini:


sparavano anche i nostri, persino contro le ambulanze e,
ogni tanto, qualcuno rispondeva al fuoco (ci vuole un
certo impegno per riuscire a sparare sulla Croce rossa).

COME STEFANO CUCCHI Simone La Penna, morto a Regina Coeli (FOTO ANSA)
Chiamasi guerra, non pace. Evaporano le balle sulla
privacy difesa dai “garantisti” del Pdl contro la sinistra e
la stampa “giustizialiste”: finanzieri arrestati perché
spiano i redditi dei nemici di B. e li passano a Panorama,
Aveva 32 anni e dossier accumulati o minacciati dal Giornale contro chi
una figlia piccola, Udi Antonio Tabucchi Udi Armando Spataro dà noia a B., foss’anche la presidente di Confindustria.
Svanisce la balla delle intercettazioni e delle fughe di
doveva scontare LA VITA IN WIKILEAKS notizie pilotate dal “partito delle procure” per screditare
un residuo di pena UN TACCUINO E I SEGRETI l’inerme centrodestra: il dvd con le telefonate segrete
Per Cucchi chiesti DI VIAGGIO DI STATO Fassino-Consorte veniva graziosamente portato in dono a
B. perché lui o chi per lui ne facesse buon uso. Ora
12 rinvii a giudizio potrebbe sfarinarsi anche la balla del ministro Maroni
di Silvia D’Onghia
HE looesento
viaggiato molto, ho visitato a qualche settimana mez-
ho vissuto in molti altrove. D zo mondo sembra incol-
come un grande pri- lato agli schermi dei compu-
impavido difensore della polizia contro i violenti che le
oppongono resistenza, se solo qualcuno osasse
a quale vendetta? Simo-
“M ne non ce lo ridà più
nessuno. Vogliamo solo giu-
vilegio, perché posare i piedi sul
medesimo suolo per tutta la vita
ter: il sito Wikileaks di Julian
Assange e i whistleblowers so-
raccontare che Maroni ha una condanna definitiva per
resistenza a pubblico ufficiale avendo fatto violenza alla
può provocare un dannoso equi- no “responsabili” di una dif- polizia. Ma sarebbe troppo. Vorrebbe dire che
stizia. Vogliamo che non acca- voco, farci credere che quella fusione planetaria di notizie l’informazione informa. Un lusso che non possiamo
da più a nessuno”. pag. 7 z terra ci appartenga. pag. 14 z “classificate”. pag. 18 z permetterci.
pagina 2 Mercoledì 27 ottobre 2010

V
COMPAGNIE PERICOLOSE COMPAGNIE PERICOLOSE

eronica Lario conosce bene Silvio dalle colonne di Repubblica: “Quelle di mio marito e all’uomo pubblico chiedo quindi coniugale” ha detto la Lario dopo quasi presentò alla festa dei diciotto anni di Noemi spettacolo”. euro al mese per lei e l’usufrutto di villa
Una moglie in fuga Berlusconi. Gli aveva perdonato la marito – scrisse la Lario – sono affermazioni pubbliche scuse, non avendone ricevute trent’anni di matrimonio, avviando le pratiche Letizia. La ragazza chiamava Berlusconi “papi”, Poi è cominciata la battaglia processuale: l’ex Belvedere a Macherio. Oltre a una serie di
frase “se non fossi già sposato la che interpreto come lesive della mia dignità, privatamente”. per la separazione e il divorzio da Silvio dichiarava di conoscerlo da tempo e che spesso first lady italiana ha chiesto al marito un assegno dettagli economici per le spese della villa,
sposerei subito” rivolto a Mara Carfagna il 31 affermazioni che per l’età, il ruolo politico e In quell’occasione Berlusconi volò a Macherio, Berlusconi. lo andava a trovare a Milano e Roma. All’inizio di 3,5 milioni al mese, per mantenere lo stesso quantificati dal premier in un milione e 800 mila
Ora chiede 3,5 milioni gennaio del 2007 al Galà dei Telegatti, quando sociale, il contesto familiare (due figli da un chiese scusa privatamente a Veronica e la “La strada del mio matrimonio è segnata – ha fu sospettata di essere una figlia segreta del tenore di vita e la villa di Macherio dove risiede euro al mese. La Lario ha giudicato l’offerta
l’ex showgirl era ancora una deputata primo matrimonio e tre figli dal secondo) della querelle familiare fu superata. affermato la first lady – non posso stare con un premier, ma sarà proprio Veronica a smentire: con la figlia Barbara e i suoi bambini. Berlusconi incongrua e ha lasciato la villa di Macherio per
semplice. Ma la signora Berlusconi in persona da cui provengono, non possono Ma allo scandalo di Casoria, Veronica non ha uomo che frequenta le minorenni”, riferendosi purtroppo no. Stupefatta, la Lario si è sfogata: ha definito la cifra “esorbitante” e a maggio la trasferirsi all’Hotel de la Ville nel Parco di
di euro al mese quell’occasione lanciò un ultimatum al marito essere ridotte a scherzose esternazioni. A mio retto. “Chiudo il sipario sulla mia vita chiaramente alla notte in cui il premier si “Non posso più andare a braccetto con questo controparte ha proposto un accordo a 300 mila Monza, lontano dalle “passioni” del marito.

La storia di Ruby
Una minorenne ad Arcore
BERLUSCONI NON È INDAGATO
Da sinistra verso destra: Silvio Berlusconi
davanti a Palazzo Grazioli (FOTO LAPRESSE),
DA VERIFICARE LE PAROLE DELLA RAGAZZA
Patrizia D’Addario ed Ernesto Sica (FOTO ANSA)
di Gianni Barbacetto
Milano
preliminare, che in gergo
tecnico si chiama “modello
Compirà Lele Mora, che al termine di
un lungo contenzioso con

UN UOMO RICATTABILE
a ragazza si chiama Ru-
45”, dove confluiscono “atti
relativi a...”, cioè documenti
18 anni l’Agenzia delle entrate ha poi

L
visto la sua agenzia, la Lm ma-
by, è tuttora minorenne
ed è ospite di una co-
d’indagine non ancora con-
tenenti notizie di reato.
a novembre nagement, approdare nel giu-
gno 2010 al fallimento, decre-
munità protetta. Com- Nessun coinvolgimento di- tato dal tribunale di Milano.
pirà diciott’anni a novembre retto, dunque, di Silvio Ber- Diana Mora, Cercato dal Fatto Quotidiano,
e solo allora, raggiunta la lusconi nell’inchiesta. Ma l’avvocato Giuliante non ha ri-
maggiore età, potrà decide- questo non ha impedito che figlia di Lele, tenuto di dover rispondere.
re di lasciare la comunità. il presidente del Consiglio, Lele Mora invece ci ha rispo-
Ruby è stata ascoltata nel da giorni a conoscenza delle ha provato sto: “Non ho niente da dire e
Sica e D’Addario: al grande mercato corso dell’indagine sui locali
e le discoteche della movida
dichiarazioni di Ruby, accre-
scesse le sue preoccupazio- ad adottarla non ho nessuna voglia di par-
lare”.

di Palazzo Grazioli tutti i silenzi hanno un prezzo milanese, curata dal sostitu-
to procuratore Antonio San-
germano. Ha raccontato una
ni e il suo nervosismo. Di tut-
to ha bisogno in queste set-
timane, tranne che di un lanese ha presentato infatti al
Le procedure per l’adozione
non sono mai state completa-
te. In compenso Ruby è finita
storia in alcuni punti confu- nuovo caso Noemi Letizia, tribunale dei minori una ri- in una comunità protetta. In-
di Antonio Massari ca sarebbe intervenuto per far do, infatti, Sica era infuriato: in- gretezza dei suoi rapporti con il ché Berlusconi gli doveva mol- sa, non priva di smagliature e per di più in versione hard, chiesta per adottare Ruby. tanto, i magistrati della Procu-
cadere il governo Prodi: “Più tendeva essere candidato dal premier. E infatti, stando agli atti to”. Sica diverrà assessore regio- contraddizioni. Ha dichiara- con fatti, incontri, particola- L’aspirante mamma è Diana ra della Repubblica di Milano
o racconto tutto volte – continua Martino – Sica Pdl nelle elezioni regionali cam- d’indagine, ecco cosa pensava di nale – quando si scopre che ha to di avere avuto alcuni in- ri. Mora, la figlia di Lele.

“I
stanno procedendo alla verifi-
dall’agosto 2007 in poi. mi annunciò la presentazione di pane. Berlusconi: che “lo teneva per le confezionato falsi dossier sul pre- contri nella villa di Arcore L’avvocato non è un esperto di ca delle sue dichiarazioni con
E non faccio la fine della una denuncia sulla vicenda del- palle”. E ci teneva a farlo sapere in sidente della Regione Caldoro, con il presidente del Consi- Una versione diritto di famiglia, ma non è grande cautela e nella massi-
puttana di Bari”. In que- la corruzione dei senatori per Un amico giro. Soprattutto a persone come però, lascia il posto. È lui stesso a glio: feste, con altre ragazze da riscontrare uno qualsiasi: è Luca Giulian- ma riservatezza, fino a negare
sta battuta, intercettata al tele- votare contro Prodi. Ma non l’ha influente Marcello dell’Utri, o al coordina- dirlo ai magistrati: “La mia nomi- e ospiti vip. te, ex consigliere provinciale l’esistenza stessa dell’indagi-
fono tra Ernesto Sica e Arcange- mai presentata”. Quella denun- tore nazionale del Pdl, Denis Ver- na fu fatta da Caldoro ma su indi- Dopo le anticipazioni su di Forza Italia, membro della ne.
lo Martino nel 2009, c’è tutta la cia poteva rappresentare l’asso dini. Ma perché Sica era convinto cazione personale di Berlusco- questa vicenda pubblicate I RACCONTI di Ruby sono segreteria regionale del Pdl,
storia recente di Silvio Berlusco- nella manica. Il “ricatto” venti- QUELLA candidatura non arri- di “tenere per le palle” Berlusco- ni”. ieri dal Fatto Quotidiano, il pro- tutti da verificare. Le sue di- tesoriere milanese del partito Protagonisti
ni: c’è la sua ricattabilità, c’è la lato da Martino nell’interrogato- vò, ma Sica divenne comunque ni? Il 19 agosto Martino racconta: curatore di Milano Edmondo chiarazioni possono essere di Berlusconi, nonché legale e comparse
sua reputazione. E tutto ciò che rio. E può spiegare il senso di assessore regionale. Il riferimen- “Sica disse che Berlusconi dove- Un posto Bruti Liberati ha smentito dettate da spirito di rivalsa, de- di Roberto Formigoni nella vi-
comporta per la politica del Pae- quell’intercettazione: “Io rac- to alla “puttana di Bari” è chiaro: va a lui la caduta del governo Pro- al sole l’esistenza a Milano di un’in- siderio di vendetta, tentativo cenda del ricorso contro
se, costretta a districarsi tra le conto tutto dall’agosto 2007 in allude a Patrizia D’Addario, che di, in quanto si era adoperato con dagine sui rapporti tra una di ricatto. Possono essere una l’esclusione del suo “listino” I PERSONAGGI di questa
profumate lenzuola del “lettone poi. E non faccio la fine della registrò la notte trascorsa con il l’aiuto di un imprenditore amico ragazza e Silvio Berlusconi. trappola, una polpetta avvele- alle ultime elezioni regionali, storia sono degni di una soap
di Putin”, nelle calde notti a Pa- puttana di Bari”. In quel perio- premier a Palazzo Grazioli e fu in- di Sica e ben conosciuto da Ber- PER QUANTO riguarda Patri- In realtà, sulla base delle di- nata. Oppure un confuso ten- con conseguente intervento opera. C’è Domenico Rizza,
lazzo Grazioli e i miasmi occulti terrogata dalla Procura di Bari lusconi a convincere, previo zia D’Addario – che fu candidata chiarazioni di Ruby, la pro- tativo di farsi ascoltare. Incon- della P3. L’avvocato Giuliante detto Nico, finito dentro
della P3. Sica e Martino sono sta- quando venne scoperto il colle- esborso d’ingenti somme di de- alle elezioni amministrative di Ba- cura ha aperto, secondo tri, amicizie, soldi, rapporti. E in precedenza aveva firmato un’indagine per sfruttamento
ti indagati e arrestati dalla Pro-
cura di Roma nell’inchiesta
L’ex assessore: gamento tra Giampaolo Taranti-
ni e Berlusconi: Giampi era solito
naro, alcuni senatori del centro-
sinistra a votare contro Prodi.
ri nel partito del ministro Raffaele
Fitto – non risultano tentativi di
quanto riferiscono le agen-
zie di stampa, un fascicolo
perfino uno strano tentativo
di adozione. Un avvocato mi-
anche il ricorso contro le ri-
chieste milionarie del fisco a
della prostituzione. E c’è Lele
Mora, più volte visto varcare
sull’associazione occulta di
stampo massonico: la P3 inter-
“Racconto tutto – per sua stessa ammissione –
presentare donne compiacenti
(…). Mi fece vedere anche dei fo-
gli sui quali, a suo dire, erano se-
ricatto. Ma la ricattabilità del pre-
mier, anche in questo caso, resta ciato strani furti in casa e che que-
in auto il cancello della villa di
Arcore, accompagnato da ra-
feriva sull’attività della Corte
costituzionale, agganciava ma-
gistrati nell’interesse del pre-
mier, confezionava dossier infa-
dall’agosto
2007 in poi
al premier. Il punto non è il ricat-
to: è la ricattabilità. Queste due
storie esemplari – i casi Sica e
D’Addario – sono emerse dagli
gnati gli estremi dei bonifici al se-
natore Scalera e di altri parlamen-
tari di cui non mi disse il nome”.
È per questo, quindi, che Sica ri-
intatta: la D’Addario registrò la
notte trascorsa con Berlusconi e,
in cambio del suo silenzio, avreb-
be potuto chiedergli una contro-
sta storia ha fatto il giro del mon-
do. Dimostrando un fatto inequi-
vocabile: il presidente del Consi-
glio, l’uomo che governa il Paese,
Da Noemi a Patrizia: tutte le donne del premier gazze della sua scuderia. Con
alcune delle ragazze di Lele,
Ruby aveva stretto amicizia:
con Barbara Faggioli, con Ma-
manti sui candidati sgraditi. E di atti d’indagine. Sono ormai fatti teneva congrua, come contro- partita. Qualcosa, in effetti, Patri- finisce periodicamente sull’orlo UN DEBOLE A CUI NON HA MAI SAPUTO RINUNCIARE. LE FESTE DI VILLA CERTOSA ERANO LE PIÙ AMBITE rysthell Garcia Polanco. Ruby
tanto in tanto pensava di ricat- E non faccio noti e –proprio per questo: per la partita, la sua candidatura alle zia D’Addario l’aveva chiesta: vo- d’un ricatto. E con lui, rischia tut- era molto vicina anche a Nico-
tarlo. È proprio il politico socia- loro pubblicità – il loro potenzia- elezioni regionali: “Mi disse che leva che Berlusconi l’aiutasse a to il Paese. Sica era convinto di te- di Carlo Tecce comitato “Silvio ci manchi!”. La Pascale nalista pubblicista, poetessa, speri- la 30 ragazze per 18 serate. La memoria le Minetti, l’igenista dentale di
lista a rivelarlo: “Berlusconi – di- la fine della le ricatto viene meno. Nel 2009, aveva il diritto a ottenere la can- sbloccare una pratica edilizia. Re- nere Berlusconi “per le palle”. Il ha forti motivazioni politiche: “Avevo mentatrice nel campo delle nuove tec- conserva i nomi di Patrizia D'Adda- Silvio Berlusconi che è stata da
ce Martino al pm – riteneva Sica però, mentre era intercettato, Si- didatura a presidente della Cam- sta il fatto che il premier non la problema è che non è stato l'uni-
un ricattatore”. Il punto è che Si- puttana di Bari” ca poteva ancora contare sulla se- pania – continua Martino – per- aiutò, che la D’Addario ha denun- co a pensarlo. Cmatoasoria, periferia di palazzoni, iper-
mercati e rotonde. Il tempo s’è fer-
ai rifiuti. Notte napoletana per Sil-
17 anni, finale di Miss Grand Prix: do-
vevo vincere io quel concorso. I pro-
duttori si misero d'accordo per far vin-
nologie, con un passato e un presente
televisivo, sono una donna dalle idee
chiare che accetta le sfide di buon gra-
rio, Barbara Montereale e Terry De
Nicolò. E un particolare: il lettone di
Putin. Per chi avesse dimenticato le al-
lui candidata (con successo)
al consiglio regionale della
Lombardia nella lista Formigo-
vio Berlusconi, in missione per un ver- cere un'altra. Mi arrabbiai, denunciai do”. Spente le luci di Casoria e Portici, tre 27, Cesare Lanza ha inscenato una ni. Raggiunta al telefono dal

Parte lesa anche nel Watergate italiano tice sull’emergenza monnezza. Ieri co-
me oggi. Quel 26 aprile 2009, all’im-
provviso, auto blu e blindate intasaro-
no l’ingresso di Villa Santa Chiara, un
l’organizzatore. Da qui, la passione per
la politica, per un mondo più giusto”.
Accontentata.
Il periodo napoletano di B. finisce con
l'imprenditore Giampi Tarantini, un
Caronte per anime femminili, accom-
pagna l'Italia nei saloni di Palazzo Gra-
zioli, la residenza romana di Berlusco-
pièce: “La Berlusconeide” con Fran-
cesca Lana e Barbara Guerra, una
bionda e una mora già ospiti di B. Non
mancano personaggi fiabeschi nelle
Fatto Quotidiano durante le regi-
strazioni di una puntata dello
show di Italia 1 “Colorado”,
Marysthell Garcia Polanco ha
PUBBLICÒ SUL ‘GIORNALE’ LE INTERCETTAZIONI TRA FASSINO E CONSORTE, EPPURE LUI RISULTA LA VITTIMA (DI ESTORSIONE) ristorante che ricorda il lusso vistoso di un libro scritto a Reggio Emilia Noi, le ni. L'interrogatorio di Tarantini spiega avventure del presidente del Consi- accettato di buon grado di ri-
Scarface. Noemi Letizia, una ragazza ragazze di Silvio di Elisa Alloro, profes- dove siamo: “Voglio precisare che il ri- glio. Sabina Began, l'ape regina, grand spondere a qualche doman-
di Antonella Mascali esegue le intercettazioni per conto ne. Ma secondo il manager, il com- sta storia. Non ci riesce. L’imprendi- resto per Favata, accusato anche di bionda di Portici, tanto appariscente sione velina: “La sottoscritta, a essere corso a prostitute e cocaina s'inserisce commis di Palazzo Grazioli. Federica da, ma quando le è stato chie-
della procura) e l’imprenditore Fa- puter per fargliela ascoltare si è “im- tore aveva già provato a riscuotere il estorsione a danno di Raffaelli, si leg- quanto sconosciuta, festeggia il suo infilata nel mucchio in quanto candida- in un mio progetto teso a realizzare una Gagliardi, la dama bianca, comparsa sto se conosceva Ruby e che
beneficiario della pubblicazione brizio Favata, ex socio di Berlusconi compleanno. I 18 anni: “Mamma, che
ÈGiornale
di un’intercettazione segreta sul
di famiglia, ma è anche parte
junior e amico di Raffaelli. Tutto ac-
cade, come ormai è noto, tra il 24 e il
pallato” e Berlusconi, molto affatica-
to, addirittura si è addormentato sul-
la poltrona. Insomma Raffaelli salva
conto con i fratelli Berlusconi “an-
che, scrive Romanelli, mediante
contatti con l’avvocato Ghedini”. Ma
ge che l’avvocato del premier ha “so-
stenuto la sua incompatibilità a ren-
dere sommarie informazioni per due
emozione. Chi se la scorda la sorpresa
di Papi”. E quel regalo di Papi alias Ber-
ta ‘trombata’, giornalisticamente par-
lando, non ci sta. Perché io, classe
1976, origini fieramente emiliane, gior-
rete di connivenze nel settore della
Pubblica amministrazione”. E così
Giampi, poi disconosciuto da B., arruo-
nel G20 canedese. Mariarosaria Ros-
si, la zarina, deputata dislocata a Tor
Crescenza per le cene estive.
rapporti aveva con lei, si è di
colpo irrigidita: “No, di que-
ste cose non posso dirti nien-
lesa per una tentata estorsione, mai 31 dicembre 2005. Alla vigilia di Na- da rilievi penali il premier. L’intercet- nessuno di loro lo denuncia. Ghedini atti di nomina di persone offese. lusconi: un ciondolo d’oro rosa e te”.
denunciata all’autorità giudiziaria. tale, Raffaelli e Favata, accompagna- tazione, secondo la sua versione, si è pure rifiutato di farsi interrogare diamanti da 6.000 euro. In una notte Il caso ha voluto far precipita-
Dunque, Silvio Berlusconi è finito ti da Paolo Berlusconi, si recano ad gliela chiede una seconda volta Pao- dai magistrati. Nell’ordinanza di ar- IL PRIMO a lui rilasciato da Paolo sola, ancor prima del ciarpame di Un affare La ragazza re negli stessi giorni sulle pa-
sotto ricatto anche per il Watergate Arcore. Su cosa accada nella villa del lo Berlusconi e Berlusconi il 10 luglio 2006 “per ve- Veronica, l'Italia scopre il diverti- di famiglia di Casoria gine dei giornali storie molto
all’italiana (la registrazione è quella premier, ci sono versioni discordan- lui l’acconten- rificare e approfondire anche con in- mento di Silvio, forse nascosto dai diverse, come la vicenda di
di Fassino-Consorte “Allora abbia-
mo una banca”?), ma se la cava.
Le rogne sono tutte del fratello Pao-
lo che rischia un processo anche
ti. Favata sostiene che il Cavaliere
promette loro riconoscenza eter-
na.
ta. Gliela spe-
disce in forma
anonima al
Giornale, che la
Quella
registrazione
dagini le dichiarazioni di Favata an-
che in merito a situazioni afferenti il
Giornale. Il secondo da Silvio Berlu-
sconi, il 26 ottobre 2006 “in merito a
sacchetti di plastica e il maleodoran-
te percolato. Scopre la Napoli di
Noemi, di papà Elio e mamma Anna,
di Gino l'operaio, di Domenico il fal-
“ La strada
è segnata, “
che
Mamma, Ruby e quella di Fabrizio Fava-
ta, l’uomo che sostiene di aver
portato ad Arcore la registra-
zione della telefonata di Piero
per “concorso nella rivelazione e
utilizzazione di segreto d’ufficio, in
QUELLA registrazione, infatti, do-
po essere stata pubblicata, lo fa risa-
pubblica il 31
dicembre
lo fece risalire tale Favata e per verificare indagini”.
Attenzione alle date. Le nomine di
so fidanzato. E poi di Francesca Pa-
scale, già valletta di Telecafone, ora non posso emozione Fassino (“Allora, siamo padro-
ni di una banca?”). In entram-
favore di Silvio Berlusconi, presi- lire nei sondaggi e gli fa ottenere un 2005. Anni do- Ghedini risalgono a quattro anni fa e consigliere provinciale (7 mila vo- bi i casi, il presidente del Con-
dente del Consiglio”, si legge quasi pareggio alle politiche, vinte po, nel 2009, nei sondaggi sono di pochi mesi successive alla ti). E di Emanuela Romano e Vir- stare Chi se siglio, con i suoi comporta-
nell’avviso di conclusione delle in- per un soffio dal centrosinistra. Raf- Favata, pieno pubblicazione del nastro sul Giornale. na Bello, fotografate all’aeroporto menti, si è messo nella condi-
dagini depositato dal pm di Milano, faelli, invece, dopo aver sostenuto di debiti, si ri- e ottenere Sono gli stessi giorni in cui Favata, di Olbia in viaggio per Villa Certosa, con un uomo la scorda zione di diventare ricattabile.
Maurizio Romanelli. Della stessa ac- per mesi con i magistrati, che a villa volge stando al suo racconto, si è fatto vivo luogo esclusivo per feste private di Può un uomo politico alla gui-
cusa devono rispondere Roberto San Martino si è parlato solo di affari, all’Espresso e un pareggio con i fratelli Berlusconi e il loro en- un uomo pubblico. Facce e forme di che frequenta la sorpresa da del Paese esporsi al rischio
Raffaelli, ex titolare della Research nell’ultimo interrogatorio ha am- all’Unità per tourage per battere cassa dopo il “re- un gruppo di volontari, dicono, di mettersi in balia di pressioni
Control System (una società che messo di aver portato la registrazio- vendere que- alle politiche galo” di Natale ad Arcore. spuntato tra i cumuli di monnezza: il le minorenni di Papi! e ricatti?

” ”
pagina 4 Mercoledì 27 ottobre 2010

C
VERITÀ E LIBERTÀ

omincia oggi alla Camera l’esame risarcimento “simbolico” al Cavaliere. Il 24 contro Nencini, “reo” di aver condannato i
La Giunta da parte della Giunta per le marzo del 2009, infatti, al termine del responsabili di Impregilo, gli stessi che
Autorizzazioni a procedere sulla viaggio inaugurale della linea ad Alta invece sarebbero stati assolti dalla
richiesta del Tribunale di Milano nei velocità Roma-Milano, Berlusconi lo aveva magistratura di Bologna.
per le autorizzazioni confronti del presidente del Consiglio, accusato di essere “una metastasi, un I finiani saranno di nuovo chiamati a
Silvio Berlusconi. La causa, in sede civile, è soggetto che applica la legge come un pronunciarsi sul tema della legalità e, per ora,
quella promossa dal giudice di Firenze moloch che deve colpire”. In non vogliono sbilanciarsi sull’esito della
esamina il caso B. Alessandro Nencini che ha chiesto un quell’occasione Berlusconi puntò il dito discussione che durerà almeno una settimana.

MONTECARLO, NON CI FU TRUFFA


LA PROCURA CHIEDE L’ARCHIVIAZIONE
Fini e Pontone erano stati iscritti nel registro degli indagati
lo Tulliani). Un tormentone Ma Alleanza nazionale era inve- immaginari, che spaziavano del giudice di merito, anche se
che ci ha accompagnato per ce un'associazione (politica) il dalle isole Hawaii al più raffina- l'esito appare scontato. Poi fi-
tutta l'estate. cui presidente è “rappresen- to contesto delle residenze di nalmente potremo leggere (si
Ora è ufficiale. La casa vale il tante della stessa e titolato a di- lusso monegasche, sembra av- spera per l'ultima volta) la rico-
triplo rispetto al prezzo a cui sporre del suo patrimonio”. In- viato a naufragare in un masto- struzione - basata su dati ufficia-
è stata venduta, anche se - co- somma Fini danneggiando il dontico flop. li - dell'intero affaire di Monte-
dici alla mano - i magistrati ro- partito avrebbe danneggiato, a carlo. A Roberto Buonasorte e
mani sostengono che ciò non termine di legge, soltanto se Così il cognato Marco Di Andrea, della Destra
costituisce reato trattandosi stesso. E ciò vale anche per Tulliani esce di scena di Storace, che sottoscrissero
di fatti interni a un partito po- l'amministratore Pontone, cui l'esposto, viene indicata una
litico. non può essere applicata “l'i- strada più soft per rivendicare i
potesi delittuosa prevista dal- TUTTO SI RISOLVE , come propri diritti. “Qualsiasi do-
Il valore attuale: 849 l'art. 2634 del codice civile, tante altre storie italiane, in ba- glianza è eventualmente azio-
mila euro prevista esclusivamente per gli se a un articolo di codice. E cia- nabile nella competente sede
amministratori di società”. Lui scuno può pensarla come vuo- civile”. Definitivamente uscito
è soltanto un funzionario di le. Forse è un bene che il giu- di scena (almeno quella giudi-
IN BASE AI DATI in possesso partito che ha puramente ese- dice non metta il naso negli af- ziaria) sembra per ora il cogna-
dell'Ufficio del registro mone- guito le direttive del presiden- fari di un partito che deve ri- to Tulliani, chiamato a rispon-
gasco, in effetti il costo dell'ap- te. spondere solo al proprio statu- dere semmai alla propria co-
partamento risulta triplicato La telenovela di Montecarlo, to e ai probiviri. Naturalmente scienza. A noi il conforto di non
dal 1999 ad oggi, passando dai che ha arroventato l'estate po- bisogna aspettare qualche gior- doverci più occupare di quan-
Fini ed Elisabetta. In alto, la casa 273 mila euro denunciati dallo litica a colpi di scoop veri, falsi, no per conoscere la decisione to costa la cucina Scavolini.
di Montecarlo (FOTO ANSA) stesso Pontone al fisco france-
se nell'atto di successione
di Rita Di Giovacchino La casa vale (quando fu acquisita da An l'e-

on c'è truffa, non c'è in- il triplo rispetto


redità della contessa Colleoni)
agli attuali 849 mila. Anche se, COTA PENSIERO La Regione Piemonte
N ganno. Per la casa di
Montecarlo, venduta da
An a una società
off-shore con sede nell'isola
caraibica di St. Lucia, la Pro-
al prezzo a cui
è stata venduta:
scrive Ferrara, “tale valutazio-
ne è stata determinata in astrat-
to, senza tener conto delle con-
dizioni concrete del bene, de-
scritto dai testi come fatiscen- Ndeionforse
premierà solo gli studenti nati lì
faceva rumore da un po’ di tempo, residenza a finanziare il suo percorso sco-
perché costretto sulla graticola lastico? Una valutazione in base alla quale
cura di Roma ha chiesto ieri te”. In concreto si possono an- ricorsi elettorali. Ora che si è convinto prima di tutto vengono i ragazzi e le ra-
l'archiviazione a conclusione ma trattandosi cora decurtare 50-60 mila euro di averli vinti definitivamente, Roberto Co- gazze piemontesi – conclude – penso vada
di un'indagine che, contraria- - il costo dei lavori di ristruttu- ta è tornato con un’idea semplice sempli- fatta”. Due minuti scarsi (in cui il presi-
mente a quanto si sapeva, non di un partito il razione - ma la sostanza non ce, da vero padano doc: borse di studio dente nomina per dieci volte la parola “Re-
era a carico di ignoti. Questo cambia molto. L'appartamento della Regione Piemonte solo a ragazzi pie- gione” e per nove volte quella “piemon-
il piccolo colpo di scena, che fatto non è reato è stato comunque venduto, an- montesi. Il discorso (trasmesso su Youtu- tesi”) per demolire il principio di ugua-
emerge dal comunicato fir- zi svenduto, a circa mezzo mi- be) non è casuale. Da settimane a Torino glianza dei cittadini di fronte alla legge, il
mato dal procuratore di Ro- liardo di euro in meno rispetto gli studenti sono mobilitati contro il taglio valore del merito e dire una parola buona
ma. Ebbene sì, Gianfranco Fi- do il Principato di Monaco, in al prezzo di mercato. di dieci milioni di euro rispetto al 2010 ai alle decine di migliaia di studenti fuori se-
ni e Francesco Pontone - ri- risposta alla seconda rogato- Eppure tutto questo non inte- trasferimenti all’Edisu (l’ente per il diritto de (tantissimi da Sud Italia) che hanno scel-
spettivamente presidente di ria avanzata dai magistrati ro- ressa la Procura di Roma. Se An allo studio), tagli che peraltro Cota nel suo to Torino per studiare (soltanto al Politec-
An e amministratore dei beni mani, ha finalmente sciolto il fosse stata una società per affa- video nega. “Per gli anni prossimi – sen- nico sono il 35 per cento). Ma guai a farlo
del partito - risultano iscritti quesito centrale che riguarda ri, o un'azienda societaria, allo- tenzia il fedelissimo luogotenente di Bossi pacatamente notare: commenti al procla-
nel registro degli indagati per il valore dell'immobile in Bou- ra sì che la svendita dell'immo- – s’impone però un’attenta valutazione ma gravemente offensivi tipo “Il diritto al-
il reato di “truffa aggravata”, levard Princess Charlotte 14 bile avrebbe costituito reato. dei criteri di valutazione per l’elargizione lo studio è universale e chi viene a studiare
almeno da venti giorni, quan- (dove tuttora risiede Giancar- delle borse di studio: la Regione Piemonte in Piemonte è una ricchezza e una risorsa
finanzia le borse di studio dei piemontesi e per tutti” vengono immediatamente elimi-
se uno studente (meno male che non dice nati dai solerti amministratori del canale
“Il Manifesto di ottobre”: un po’ “straniero”, ndr) vuole venire a studiare
qui, perché non deve essere la Regione di
“RobertoCotaPiemonte” su Youtube.
Stefano Caselli

futurista, un po’ neo-marxista


di Wanda Marra concreta costruzione di rigore e ni, si trovano nomi noti del mon- come Roberta Torre o dello scrit- la politica italiana, uscire fuori questi intellettuali”. Certo, è un
di impegno civile” è stato dun- do post marxista, o meglio defi- tore Sergio Claudio Perrone. Ci dalle passioni tristi, reagire alla elemento di novità che a coagu-
he c’entra Marx con i neonati que steso da un gruppo di intel-
Cbertà,
componenti di Futuro e Li-
che si preparano a dar vi-
lettuali legati a Futuro e Libertà,
come la grecista Monica Cen-
niti come intellettuali di sinistra,
da Giulio Giorello a Nadia Fusini,
da Maurizio Calvesi a Giuseppe
doveva essere anche Massimo
Cacciari, dato come sicuro ade-
rente, che sarebbe comunque at-
demotivazione culturale ed eti-
co-politica del nostro tempo”. E
infatti, gli autori citati sono un in-
lare nuove energie anche di pen-
siero siano degli intellettuali di de-
stra, categoria minoritaria nel no-
ta a un partito, con tutti i crismi tanni, l’intellettuale milanese Leonelli a Franco La Cecla. C’è an- tento alla questione e disposto al tellettuale-simbolo dell’antifasci- stro paese. Mentre la sinistra tra-
di organismi dirigenti, organiz- Peppe Nanni, Carmelo Palma, che il direttore della Mostra inter- dialogo. smo, come Piero Calamandrei e dizionale tace: “I segnali di fuoco
zazione, atti fondativi e pure direttore della Fondazione Li- nazionale d’arte cinematografica la filosofa dell’anti-totalitarismo, si avvertono soprattutto da parte
Pantheon di riferimento? “Nien- bertiamo, legata a Benedetto Marco Müller. E spiccano i nomi SPIEGA MARRAMAO: “Non Hannah Arendt. del gruppo legato a Fini”, ammet-
te”, risponde d’istinto Giacomo Della Vedova. Spiega Marra- di Beppe Giulietti, deputato Idv, si tratta di un manifesto di uno “La mia adesione al manifesto non te Marramao. E in qualche passag-
Marramao. Eppure proprio lui, mao: “Si tratta di un percorso ve- da sempre in prima linea per la schieramento politico, ma piut- è un’adesione politica - afferma gio, il Manifesto riecheggia pure
filosofo e intellettuale di sini- ro, fatto da persone della destra libertà di informazione e del de- tosto di un progetto in cui con- ancora Marramao - ho sempre vo- Vendola. Come quello in cui si di-
stra, è tra i cento firmatari del finiana, e molto nella tradizione putato Pd Ermete Realacci o vergono personaggi trasversali tato a sinistra, ma ritengo impor- chiara l’esigenza di ritrovare il filo
“Manifesto di ottobre” per “una repubblicana. L’idea è quella di quello d’una regista ‘impegnata’ uniti dall’esigenza di rivitalizzare tante il lavoro che stanno facendo “d’una narrazione più vera e no-
rinascita della res publica e per tornare a una politica fondata bile della cultura e della storia re-
un nuovo impegno politico-cul- sulle regole, che rimetta al cen- Convergenze A sinistra, Marx e a destra il filosofo Giacomo Marramao pubblicana contro il degradante
turale”, presentato ieri a Mila-
no. Certo, di manifesti nella sto-
tro l’impegno civile, l’etica pub-
blica, e che sia in grado di rivi-
Marramao, tra cliché di un’italietta furba e incon-
cludente”.
ria ce ne sono stati tanti. E ‘Il Ma-
nifesto del Partito comunista’
talizzare l’intera sfera politi-
co-democratica”.
i firmatari: E intanto, mentre Fli aggrega
energie ed esperienze in un mix
non è certo l’unico. Però, lo
stesso Marramao ammette che TRA I ‘REDATTORI’ anche
“L’idea è tornare inaspettato, il Pdl continua a
perdere pezzi: ieri si è si è di-
“tanti di coloro che l’hanno re- personaggi come Fiorello Cortia- messo dalla direzione del parti-
datto Marx lo conoscono be- na, tra i fondatori dei verdi italiani a una politica to Alfredo Biondi, forzista della
ne”. Il testo, che inizia sottoli- ed europei. Ma tra i firmatari, ol- prima ora e ministro della Giu-
neando la necessità di “un patto tre a personalità che gravitano in- con al centro stizia nel primo governo Berlu-
per la rinascita della res publi- torno alla destra finiana, come sconi. E anche il senatore Enri-
ca”, che sia non “una litania di Alessandro Campi, Sofia Ventura, l’impegno civile e co Musso si è detto pronto a la-
valori”, ma “un progetto per Filippo Rossi e Angelo Mellone, o sciare, esprimendo il suo disa-
l’Italia contemporanea, una personaggi come Franco Cardi- l’etica pubblica” gio.
Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 5

H
INGIUSTIZIA

anno disertato l'invito a procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e al acquisizioni di film e fiction fatte nel periodo
Diritti Mediaset: il Cav comparire gli indagati, a pm Barbara Sargenti che i due Berlusconi 2003-2004. L'ipotesi dei magistrati è che sia
cominciare dal premier Silvio non si sarebbero presentati a piazzale stata commessa una frode per circa dieci
Berlusconi e dal figlio Piersilvio, che la Clodio. milioni di euro. Evasione fiscale e violazione di
e Piersilvio Procura di Roma aveva citato nell'ambito La procura romana, cui quella milanese aveva norme tributarie sono i reati contestati negli
dell'inchiesta sulla compravendita dei diritti trasmesso nei mesi scorsi l'incartamento avvisi a comparire inviati, oltre ai due
televisivi Mediaset. In particolare, sono stati perché la sede di Rti era nella capitale, sta Berlusconi, a dirigenti Mediaset e a
non vanno in Procura gli stessi difensori a far sapere al indagando sugli aspetti fiscali legati alle intermediari.

LO SCUDO TURBA
I SOGNI DI B.
IL PREMIER INCHIODATO
SULLA LEGGE ALFANO
di Sara Nicoli cembre). In caso di bocciatura cativo passo avanti – ha com-
e con lo scudo costituzionale mentato ieri Giulia Bongiorno
n stato confusionale. Non ancora di là da venire, sarebbe – escludendo la possibilità del-

I lo sa neppure lui cosa vuo-


le davvero: sulla legge Al-
fano ha già cambiato pare-
re tre volte. Prima “avanti”,
poi “lo ritiro” e, quindi, “è in-
il Cavaliere a volere andare al
più presto alle urne per evita-
re governi tecnici che, invece,
a detta di Italo Bocchino,
avrebbero già “numeri e so-
la reiterabilità dello scudo, ma
ci sono anche altri aspetti da ap-
profondire”. “Bisogna acco-
gliere le istanze del capo dello
Stato – ha proseguito Casini –
dispensabile”. E non è detto stanza politica”. Intanto, pe- perché la legge Alfano deve sve-
che quest’ultima di ieri sia rò, si lavora affinché questo lenire, non può avvelenare”. La questione dello scudo secondo Emanuele Fucecchi
quella definitiva. “È furibon- non succeda. A Palazzo Mada- Poi, però, si sco-
do, non ha le idee chiare”, so- ma, il presidente della com- pre che anche il
stengono gli uomini che han-
no avuto modo di sentirlo ad
missione Affari costituzionali,
come annunciato, è riuscito
tragitto che con-
duce la legge Alfa-
Continua la trattativa mo a che fare, una legge che so-
spenda i processi per le più alte
dal non aver commesso alcun
reato – ecco un’altra intemera-
Arcore, dov’è nuovamente
blindato a causa di un nuovo
ad ottenere la riapertura dei
termini per la presentazione
no dalla commis-
sione all’aula del
con i finiani: cariche è assolutamente indi-
spensabile”. E che è sempre più
ta di Silvio – mi ha consentito di
disinteressarmi dei tanti proce-
(o forse antico) malessere. La di nuovi emendamenti sulla Senato è pieno di necessaria una commissione dimenti che mi hanno addossa-
questione della sua immunità legge Alfano, facendo inten- insidie. L’Udc, la Bongiorno esclude d’inchiesta per tutelare “i giudi- to”. E, invece, gli interessano
pare lo stia preoccupando più dere che la trattativa con i fi- per esempio, ha ci perbene”, perché sarebbe eccome. Perché senza la legge
dei continui bollettini di guer- niani continua, certo, ma con intenzione di pre- la reiterabilità l’ora, secondo il Cavaliere, di fa- Alfano, la condanna sul proces-
ra che Tremonti gli passa quasi esiti per niente scontati. sentare un emen- re piena luce su processi “co- so Mills potrebbe arrivare entro
quotidianamente sullo stato damento per Martedì le risposte me quelli contro Calogero tre mesi; il rischio di rimanere
dell’economia. E dal vertice Sullo sfondo sempre escludere il capo Mannino, contro il generale scoperto, per il Cavaliere, è
dell’Ecofin di giovedì a Bru- il ricorso alle urne dello Stato dal Ganzer e l’ex capo della Polizia, dunque molto alto, quasi certo.
xelles dovrà, in qualche mo- provvedimento, con l’inten- pungente: “Sono 15 anni che ci De Gennaro”. E questo lo fa andare su tutte le
do, dare delle risposte. Berlu- zione – non dichiarata ma evi- occupiamo solo dei problemi Certo, sarebbe l’ora. “Solo con furie. Fino a prendersela persi-
sconi non si può muovere su SOLO martedì prossimo si sa- dente – di rendere lo scudo Al- di Berlusconi, adesso basta”. la forza d’animo che derivano no con Gianni Letta.
nulla. E questo forzato immo- prà, attraverso gli emendamen- fano la legge più palesemente Clima avvelenato. Proprio co-
bilismo rende “quantomeno ti che verranno presentati, se ad personam (e dunque inco- me il sangue del Cavaliere. Che
complicata” una decisione un minimo accordo è stato rag- stituzionale) di tutte le oltre 30 ieri se n’è uscito di nuovo con
sulla strategia da tenere da qui
a metà dicembre, quando si
giunto tra le parti per consen-
tire al provvedimento di andare
fino ad oggi varate per favorire
Silvio e i suoi affari. Una trappo-
un attacco diretto ai giudici,
seppur veicolato attraverso CORRUZIONE Italia
chiarirà il quadro: nessuno avanti e arrivare alla seconda la che, di certo, non rasserena il Bruno Vespa e le immancabili
nell’entourage del Cavaliere
lo ammette, ma le sorti della
lettura alla Camera già i primi
giorni di dicembre. Ma è una
clima. “Stanno intrecciando la
corda con la quale si impicche-
anticipazioni del suo ennesimo
libro natalizio.
peggio del Rwanda
Al conduttore di Porta a Porta,
legislatura sono tutte legate al
verdetto della Consulta sul le-
gittimo impedimento (14 di-
scommessa contro il tempo. E
anche contro il buon senso.
Certo, “è stato fatto un signifi-
ranno”, ha commentato Anna
Finocchiaro mentre Massimo
D’Alema è stato ancora più
Berlusconi ha detto che “vista
la magistratura con cui abbia-
Psificaeggio del Rwanda e delle isole Samoa, ap-
pena un gradino sopra la Georgia. Nella clas-
annuale dell’associazione Transparency
International sulla corruzione percepita nella
Pubblica amministrazione, l’Italia sprofonda al
DOSSIER CARITAS 67° posto su 178 nazioni. Un dato da allarme
rosso, che conferma quanto sia torbido il rap-
porto tra affari e cosa pubblica nel Paese del
GLI IMMIGRATI IN ITALIA, 5 MILIONI E FONDAMENTALI governo Berlusconi. Quello che da mesi pro-
mette un ddl anti-corruzione, testo che cambia
forma di continuo e non viene mai approvato.
di Corrado Giustiniani trend che non ha eguali in Europa. “Ma nante. Basti soltanto un dato regionale La trasparenza e le nuove misure per difenderla
nello stesso tempo sono cresciute la sull'invecchiamento rapido della no- sono lontane. Almeno quanto il vertice della
a sindrome da invasione è così acuta paura, la diffidenza, la chiusura da par- stra popolazione: in Lombardia le per- graduatoria, stilata in base alla percezione della
Lpercezione.
da alterare completamente la nostra
Secondo la ricerca Tran-
te della politica e della gente” ha con-
statato con molta amarezza Franco Pit-
sone con più di 65 anni d'età sono oggi
2 milioni, ma nel 2015 saranno già un
corruzione che manager, imprenditori e analisti
politici si fanno riguardo a ogni nazione, so-
satlantic Trends, gli italiani sono con- tau, lo storico curatore dei dati Caritas. milione in più. Gli stranieri sono il 7 prattutto in base alle notizie dei media. A gui-
vinti che gli immigrati del nostro paese E proprio ieri il Papa è intervenuto a per cento della popolazione e il 10 per dare la classifica sono Danimarca, Nuova Ze-
siano ben 15 milioni. Tre volte di più favore dei rifugiati, criticando indiret- cento dei lavoratori dipendenti, men- landa e Singapore, tutte a 9,3 punti. Subito die-
rispetto ai 4 milioni 919 mila stimati tamente la politica indiscriminata dei tre i titolari di impresa, con ammini- tro Finlandia e Svezia, poi il Canada. L’Italia è
dalla Caritas, che ieri ha presentato il respingimenti attuata dal governo, dal stratori e soci, hanno raggiunto quota 67°, quattro posti più in basso del 2009. In Eu-
suo ventesimo Dossier statistico sul- momento che oltre la metà degli oc- 400 mila: gente che non soltanto la- ropa, precede solo Romania, Bulgaria e Grecia.
l'immigrazione. Una sindrome da inva- cupanti dei barconi è richiedente asilo vora, ma fa lavorare. Gli immigrati gua- Sulla cartina di Ti, la Penisola ha un colore rosso
sione che ha colpito anche il presiden- politico. “Nei confronti di queste per- dagnano in media 972 euro netti al me- vivo, segno cromatico dell’alto grado di corru-
te della Camera Gianfranco Fini il qua- sone che fuggono da violenze e per- se, il 23 per cento in meno degli ita- zione.
le, parlando a Rovigo, ha rassicurato gli secuzioni – ha detto Benedetto XVI – la liani, e per primi restano disoccupati: L’associazione infierisce: “Il punteggio dell’Ita-
studenti del Nord Est: “Io non cambie- comunità internazionale ha assunto de- assurdo che la Bossi-Fini conceda loro lia non sorprende più di tanto, in considera-
rei una virgola alla legge che va sotto il gli impegni precisi“ e i loro diritti van- appena sei mesi di tempo, con una crisi zione di 12 mesi caratterizzati dal riemergere di
mio nome e quello di Bossi”. Il 15 apri- no rispettati. come questa, per trovare un altro im- fatti corruttivi a vari livelli di governo”. Sta di
le del 2009 invece, a Mazara del Vallo, Certo che la crisi economica, con la piego. fatto che il Rwanda, passato attraverso un ge-
aveva sostenuto che “dei correttivi si perdita di 500 mila posti di lavoro cer- Gli stranieri contribuiscono all'11 per nocidio, guarda da sopra, a 4 punti. All’ultimo
rendono necessari”, ri- tificata dall'Istat, ha fa- cento del prodotto lordo italiano e pa- posto c’è la Somalia con 1,1 punti, preceduta da
levando l'assurdità che vorito l'atteggiamento gano 11 miliardi di euro fra tasse e con- Afghanistan e Myanmar (l’ex Birmania). Un fon-
l'immigrato prima si di chiusura. Ma gli im- tributi previdenziali (sono loro che do classifica che per l’Italia è più vicino della
trovi un posto in Italia, migrati – ribadisce il hanno risanato l'Inps) mentre perce- vetta. “Sono amareggiata” dice la presidente di
poi alla chetichella Dossier Caritas – sono piscono 10 miliardi di servizi sociali, Ti Italia, Maria Teresa Brassiolo. “La classifica
debba tornare nel suo venuti a fare mestieri calcolati dalla Caritas per eccesso. E certifica il disastro italiano, serve subito una leg-
paese per ripresentarsi che gli italiani oggi ri- poi i 25 mila matrimoni misti all'anno, i ge anti-corruzione” tuona Massimo Donadi
infine da noi in veste fiutano: nell'edilizia, in 77 mila bimbi che nascono da entrambi dell’Idv. Amaro Orazio Licandro del Pdci-Fds:
ufficiale e con tanto di agricoltura, nella risto- i genitori stranieri, gli oltre 900 mila “L’Italia di Berlusconi è peggio del Rwanda, pur-
visto. razione (a Milano i piz- minori. Tanti numeri per farci capire troppo non è più una battuta”. Mentre Andrea
Nel 1990, l'anno di zaioli egiziani sono più che l'immigrazione è irreversibile e Orlando del Pd propone: “Dobbiamo ratificare
esordio del Dossier Ca- dei napoletani) nell'as- che dobbiamo riacquistare “la cultura al più presto la Convenzione di Strasburgo, che
ritas, gli immigrati era- sistenza alle famiglie. dell'altro” per favorire la convivenza e affronta le cause della corruzione”.
no soltanto 500 mila. In quest'ultimo settore l'integrazione, capitolo per il quale un Luca De Carolis
In venti anni sono cre- la loro presenza sarà tempo c'era un fondo da 100 milioni di
sciuti di dieci volte, un sempre più determi- euro, oggi sparito.
pagina 6 Mercoledì 27 ottobre 2010

S
OCCUPATA

i parla tanto di Annozero e di – continua Bertolino – quella della Rai è una perché, al pari di quanto fatto dal giornalista
Enrico Bertolino: “Glob Vieni via con me, ma alla fine decisione priva di ogni logica aziendale. Michele Santoro e dallo scrittore Roberto
l’unica trasmissione fatta fuori è Prima di azzardare una possibile Saviano, non abbia fatto appello
stata Glob” . Così si sfoga il comico Enrico spiegazione, a Glob fotografiamo, sia pure all’opinione pubblica e ai giornali per salvare
l’unica trasmissione Bertolino, per cinque anni conduttore del con ironia, la situazione della comunicazione la sua trasmissione, Bertolino risponde:
programma satirico di Rai 3. “Abbiamo nella tv italiana. È evidente che sono foto “Non sono tipo da barricate o polemiche.
chiuso a luglio nonostante ottimi ascolti che in questo periodo non piacciono, Preferisco cambiare mestiere e aspettare
che hanno fatto fuori ” ottenuti con costi di produzione bassissimi toccano nervi scoperti”. E alla domanda sul che passi”. Francesco Carbone

Masi taglia tutto


tranne la fidanzata
SU RAI 2 IL NUOVO PROGRAMMA
CONDOTTO DA INGRID MUCCITELLI
di Carlo Tecce contratti, proprio nei giorni un’agenzia di lunedì: Liofredi
dei tagli annunciati, di trat- snocciolava i successi di Rai-
icono che Mauro Masi due. Più che un manifesto di

D
tative (saltate) con i sindacati
sia preoccupato per i per un piano industriale di share era un biglietto d’ad-
conti Rai: il passivo in lacrime e sangue. Non c’è bi- dio. La poltrona dell’ex can-
bilancio (-130 milioni sogno di frugare nella memo- tante dei Kristal è al centro di
di euro), la voragine entro ria, appena quindici giorni un baratto politico tra Pdl e
un paio di anni (-650 milio- fa, Masi ha chiesto a Roberto Carroccio: la leghista Gio-
ni), la diffidenza di banche e Benigni di ridursi l’ingaggio vanna Bianchi Clerici voterà
creditori. E poi dicono che per Vieni via con me di Roberto Susanna Petruni (Tg1) sol-
per Ingrid Muccitelli, l’ulti- Saviano e Fabio Fazio. Risul- tanto se Franco Ferraro sarà Le prime foto di Mauro Masi con Ingrid
ma fidanzata del direttore tato: il premio Oscar sarà l’erede di Corradino Mineo a Muccitelli pubblicate a luglio da Novella 2000. Il
denerale, sia disposto a uno ospite a titolo gratuito, la ru- Rainews. direttore generale della Rai e la Muccitelli sono
strappo. Un regalino per brica di Carfagna-Muccitelli in vacanza in Sardegna. Ora la ragazza condurrà
l’ex giornalista di Omnibus e avrà un prezzo. Che per una E PER TROVARE una so- un programma Rai 2
protagonista di Insieme sul bozza di palinsesto esordirà a luzione, senza rischiare ton-
due: un settimanale di eco- gennaio, ma potrebbe slitta- fi, ieri Masi ha riunito i cin-
nomia in tarda serata su Rai- re: non per una retromarcia que consiglieri di maggioran-
due, dieci puntate che an-
dranno in onda dal prossimo
di Masi, piuttosto per la con-
fusione di Raidue.
za nel suo ufficio: i berlusco-
niani Alessio Gorla e Antonio
verno – Gianni Scipione Ros-
si (Rai Parlamento) e Rober-
tegri. Ma per Mineo e Liofre-
di sarà inevitabile fare causa
Domani
3 gennaio assieme a Barbara
Carfagna, conduttrice del
Congelato per il ponte esti-
vo, torna d’attualità il “pac-
Verro, l’ex finiano (?) Gu-
glielmo Rositani, il tecnico
to Rosseti (coordinamento
sedi regionali).
all'azienda. Entrambi l'aveva-
no pensato già la scorsa esta-
le nomine
Tg1 di Augusto Minzolini.
Masi ha evitato il periodo di
chetto di nomine”, definizio-
ne di viale Mazzini, all’ordine
Angelo Maria Petroni e ap-
punto la Bianchi Clerici. È fi- E POI un mucchio di cari-
te. I sindacati hanno mollato
Masi perché poco credibile:
La prediletta
garanzia che, per ascolti e del Consiglio di amministra- nita l’esperienza al secondo che per il digitale terrestre, prima ordina sacrifici poi di-
share, divide la torta pubbli- zione di domani: una serie di canale di Liofredi, già dirot- in bilico Carlo Freccero a spensa poltrone e regala pro- Susanna
citaria tra il servizio pubbli- cambi al vertici di reti gene- tato – secondo un foglio che Rai4, commissariato da una grammi. E per Repor t la co-
co e i concorrenti privati co- raliste e digitali. Traballa (e circola in Rai – ai servizi per i lettera di Masi poi invalidata pertura legale è sempre più Petruni
me Mediaset, La7 e Sky. da tempo) la direzione di diritti sportivi. Pronto un dal Collegio dei sindaci. A incerta: “Ce la tolgono? Vuol
Massimo Liofredi. contentino per Mineo, pro- viale Mazzini temono i ricor- dire che non ci vogliono”, di- direttore della
IL PROGRAMMA è scivo- Attenti osservatori di viale mozioni per i finiani – come si al Tribunale del Lavoro: po- ce Milena Gabanelli a FareFu-
lato nei palinsesti di luglio, Mazzini fanno notare per sancire un patto di go- lemiche, risarcimenti e rein- turo. seconda rete
bloccato a settembre, rie-
merso un paio di giorni fa:
adesso viale Mazzini – con-
fermano fonti qualificate –
dovrà valutare la proposta di
Raidue. Per il momento c’è
Minzo, Feltri e Belpietro gridano al regime
una scheda informativa, BONDI ORGANIZZA IL CONVEGNO SULLA LIBERTÀ DI STAMPA. TESTIMONIAL I TRE DIRETTORI BERLUSCONIANI
aspettando titolo e matrico-
la: il nome dei produttori, la di Alessandro Ferrucci l’iniziativa organizzata da progetto di rendere l’Italia un torissimo”. Sì, Minzo arriva ce ne andiamo”. Più a disagio
fascia oraria e la tipologia di Sandro Bondi e Daniela San- paese moderato e liberale”. per ultimo, prende l’applau- Denis Verdini, impegnato a
trasmissione. i torna a parlare d’amore, tanchè e dedicata proprio al- Tutto chiaro, per loro. “In- so e già da come entra sembra schivare le domande dei cro-
Sarà la multinazionale Ende-
mol, controllata al 33 per
Sbertànel Pdl. Di amore per la li-
di stampa, per l’autono-
la “libertà di stampa”, con
ospiti tutti “in orbita centro-
somma – continua – ora dob-
biamo fare quadrato tra di noi
in difficoltà.
Quando tocca a lui parlare,
nisti con continui “non so”,
“vedremo”, “non è il momen-
cento da Mediaset (e dunque mia, l’indipendenza e la di- destra”, come spiega lo stes- e difendere quei protagonisti balbetta, quasi si scusa per la to”. Eppure, lui, è il coordina-
da Silvio Berlusconi), a pre- scussione lineare, non fazio- so ministro della Cultura. della carta stampata e della tv presenza, parla a grandi linee tore del Pdl.
parare i contenuti per il set- sa. La linea la dà Vittorio Feltri Quindi, oltre al direttore edi- che non ci hanno mai lasciati di cultura egemone della sini- Ancora? Alla fine dell’hap-
timanale di Carfagna e Muc- attraverso una verve partico- toriale de il Giornale, anche il soli nei momenti difficili”. stra e non guarda mai la pla- pening il Fatto ha chiesto alla
citelli. Una società esterna si- larmente spiccata e toni ogni direttore di Libero, Maurizio Applausi. Non da Feltri. Il tea: preferisce i cenni d’as- Santanchè se avrebbero fatto
gnifica nuovi costi e nuovi tanto rabbiosi. L’occasione è Belpietro, e quello del Tg1, quale prende la parola e con senso di Vittorio Feltri. Molto tesoro dei rilievi di Feltri:
Augusto Minzolini. Davanti a toni da conferenziere offre rari. Anche lui attacca Santo- “Certo – ha risposto –: ora
loro una platea di fedelissimi, delle ricche “sberle” ai due ro e Travaglio “colpevoli di con Bondi e con me le cose
quasi di fan, ancora più avve- interlocutori politici: “Sono criminalizzare gli avversari”, cambiano” Vuol dire che La
CAPEZZONE aggredito lenati dei relatori: se Feltri ci-
ta Repubblica, i presenti ulula-
mesi che ci diamo da fare, che
portiamo avanti la battaglia
mentre si è sentito accusato
ingiustamente “quando in un
Russa e Verdini hanno lavora-
to male? Breve silenzio. “No,
no; quando esce il nome di sulla casa di Montecarlo. E editoriale banale ho solo uti- non mi farà mai dire una cosa
da uno sconosciuto Michele Santoro, il “pezzo di
merda” è automatico. Quan-
voi niente! Neanche un’inter-
rogazione parlamentare: sia-
lizzato l’espressione ribalto-
ne”. Basta, niente più.
del genere”. Sarà. Eppure
quando il sottosegretario la-
aniele Capezzone, portavoce nazionale del Pdl, è do tocca a Marco Travaglio il mo abbandonati a noi stessi. In tutto cinquanta minuti scia la sala, la prima cosa che
Ddell’Umiltà
stato aggredito a pochi metri dalla sede di via
ieri pomeriggio. L’aggressore non è stato
boato è fragoroso.
Sui magistrati e Di Pietro è
Non solo, quando dovete ri-
lasciare un’intervista interes-
per cinque interventi: una
sorta di conferenza-lampo.
fa è cercare lo stesso Verdini.
Scorto all’orizzonte lo rag-
identificato, si tratta di uno sconosciuto, che ha sferrato meglio non riportare. E quan- sante la date sempre ai gior- Soddisfatto il ministro Igna- giunge svelta per parlarci. E
a Capezzone un pugno al viso e poi si è dileguato. A do scoprono la presenza di nali della concorrenza. Forse zio La Russa, che all’arrivo ai magari chiarire. Per il resto,
riferire l’episodio è Gregorio Fontana, deputato del Po- un cronista de il Fatto, la rea- fa più chic...”. D’accordo Bel- suoi aveva confidato: “Non vi l’amore può ancora attende-
polo della libertà tra i primi a soccorrere il collega in- zione non è proprio di ben- pietro. In imbarazzo il “diret- preoccupate, una mezz’ora e re.
sieme al coordinatore nazionale, Denis Verdini. Sul po- venuto. Una sorta di Auditel.
sto sono intervenuti gli agenti di polizia, Capezzone è Eppure Sandro Bondi preci- Augusto Minzolini, Vittorio Feltri e Maurizio Belpietro al convegno di ieri (FOTO ANSA)
stato subito soccorso e portato via in ambulanza. “Si
tratta di un fatto gravissimo, sinto-
sa: “Il nostro è un Paese ma-
lato a causa della faziosità e
Santanchè:
mo di un clima avvelenato e di ten-
sione che condanniamo”, dice Fon-
dei pregiudizi. Manca la buo-
na fede, da parte degli altri,
“Con me
tana. Raggiunto telefonicamente, il
portavoce del partito spiega: “Ora
mentre noi siamo portatori di
un’idea alta dell’informazio-
nel Pdl
non posso parlare, sto facendo de- ne: raccontiamo la realtà sen-
gli accertamenti medici”. za drammatizzarla”. Ecco, combieranno
Solidarietà arriva dal capogruppo questo è il punto: la realtà. Sì,
dei deputati del Pdl, Fabrizio Cic- ma quale? “Quella non distor- le cose”
chitto e dal ministro della Pubblica ta dai pm e dai giornalisti po-
amministrazione, Renato Brunetta. liticizzati – spiega la Santan- Prenderà il
chè –, due categorie che si so-
no saldate per ostacolare il posto di Verdini?
Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 7

S
DIRITTI NEGATI

i svolgerà stamattina, a Varese, la controversa, con accusa (pm Arduini e Abate, Uva, secondo cui l’uomo sarebbe stato
Giuseppe Uva: seconda udienza preliminare nei quest’ultimo denunciato dalla Camera penale picchiato, e le ecchimosi e le lesioni
confronti di due medici accusati di al Csm su segnalazione dell’avvocato della riscontrate durante l’autopsia. I medici sono
omicidio colposo: il caso è quello di Giuseppe famiglia, Fabio Anselmo, e del segretario di “A invece accusati di aver somministrato un
oggi nuova udienza Uva, morto il 14 giugno 2008 dopo essere buon diritto”, Luigi Manconi) e parte civile medicinale non compatibile con il tasso
stato fermato dai carabinieri durante la notte completamente agli antipodi. Nessun alcolemico trovato nel sangue di Uva. I legali di
ed essere rimasto per qualche ora in caserma. carabiniere è stato coinvolto nell’inchiesta, parte civile chiederanno stamane una nuova
a Varese Una vicenda processuale anche questa nonostante la testimonianza di un amico di perizia.

N
SIMONE, LASCIATO MORIRE MARICICA
In Romania

D’ANORESSIA (IN CELLA)


i funerali
U n centinaio di
persone ha preso
parte ieri in Romania ai
funerali di Maricica
Per mesi rigettate le istanze di scarcerazione Hahaianu, l’infermiera
romena morta in seguito
Scontava un residuo di pena. Indagati medici e infermieri all’aggressione subìta
alla stazione metro
Anagnina di Roma. La
di Silvia D’Onghia quel punto che è partita la prima tesi di reato di omicidio colposo madre della donna,
istanza di scarcerazione: “Nel – sette tra medici e infermieri: molto provata, ha
a quale vendetta? Si- maggio 2009, una consulenza Andrea Franceschini, Antonio pregato affinché

“M mone non ce lo ridà


più nessuno. Vo-
gliamo solo giusti-
zia. Vogliamo che non accada
più a nessuno”. Massimo La
del professor Ferraguti – raccon-
ta il legale – ha evidenziato l’in-
compatibilità col sistema carce-
rario e messo in luce la possibi-
lità che Simone fosse in pericolo
Console, Francesco Paci, Dome-
nico Salerno, Giuseppe Tiziano,
Paolo Pirollo e Andrea Silvano.
“Il sostituto ha fatto fare una
consulenza complessa, con psi-
“l’assassino non rimanga
impunito” e ha chiesto
alla giustizia italiana “una
punizione esemplare. Il
figlio di Maricica, tre
Penna non è abituato al clamore di vita”. Non è bastato, così co- cologi e internisti – conclude anni, starebbe ancora
mediatico. Per un anno ha com- me non sono bastate le altre cin- Randazzo – che escluderebbe al- aspettando il rientro
battuto, assieme alla moglie e al- que richieste (e le altre due con- cune responsabilità. Quindi il della madre
la figlia Martina, una battaglia si- sulenze) presentate dopo. “Vi numero degli indagati potrebbe dall’ospedale.
lenziosa. Si è affidato a un avvo- era un’opinione diversa cambiare. Abbiamo fornito alla
cato, Roberto Randazzo, per- dell’equipe medica che lo gesti- Procura tutte le istanze e le re-
ché i responsabili della morte di va in carcere e così il Tribunale lazioni dei consulenti, confidia-
suo figlio Simone venissero in- di sorveglianza ha dato parere mo nel lavoro del magistrato”.
dividuati e pagassero per ciò negativo”, afferma ancora Ran- Intanto, già nel dicembre scor-
che hanno, o meglio non han- dazzo. so, i Radicali hanno presentato
no, fatto. Ma ancora oggi, undi- un’interrogazione parlamenta-
ci mesi dopo, attende che l’in- “IL GIUDICE ha risposto che re al ministro della Giustizia.
chiesta della Procura di Roma si faceva i capricci”, ci mette il ca- L’associazione radicale “Il dete-
chiuda. Simone La Penna rico il padre. All’inizio di novem- nuto ignoto” è stata vicina alla fa-
bre 2009, dopo l’ennesima istan- miglia La Penna, indicandole
SIMONE La Penna era un ra- arresti domiciliari, in casa della suo calvario. Perché, oltre alla za, è stata disposta una perizia da all’inizio il nome di un legale. La
gazzo di 32 anni. Già in passato sua compagna a Nepi, nel viter- droga, il ragazzo aveva un’altra affidare a terzi e l’udienza è stata sorella di Simone, Martina, è in NAPOLI
aveva avuto qualche problema bese. Spesso io gli facevo la spe- bestia nera, l’anoressia nervosa. aggiornata a dicembre. Troppo contatto con Ilaria Cucchi.
con la giustizia, qualche prece- sa o lo aiutavo economicamente Ne aveva sofferto in passato, ha tempo per Simone, arrivato a pe- Rapina in banca
dente. “Come tanti ragazzi face- per sostenere l’affitto”. Simone ricominciato a soffrirne una vol- sare 49 chili. La mattina del 26 “SI È TRATTATO di un mo- ucciso un vigilante
va uso di droga, hashish e cocai- aveva anche una bimba, che og- ta in cella. “Ce ne siamo accorti novembre due infermieri di Re- struoso accanimento giudizia-
na – racconta il padre –. Era stato
già in cura al Sert, speravamo ne
fosse uscito”. E invece un’inda-
gi ha un anno e mezzo. “Gli han-
no notificato un residuo di pena
da scontare in carcere – spiega
subito – prosegue Massimo – du-
rante i colloqui gli dicevamo:
‘Mangia, non ti preoccupare, ri-
gina Coeli hanno tentato invano
di rianimarlo. Arresto cardiocir-
colatorio, la sentenza di morte.
rio – conclude il padre – lo han-
no trattato come se fosse un traf-
ficante colombiano. Lo Stato
D ue guardie giurate
stavano portando
via i soldi da una
gine della Procura di Viterbo, l’avvocato Randazzo – per un’al- solviamo tutto’. Lui ci risponde- L’inchiesta sul decesso di Simo- pretende giustizia, e anche noi. banca di Casoria
durata due anni, lo aveva visto tra vicenda”. Per Simone si sono va: ‘Non vi preoccupate voi’, ma ne è affidata al pm Eugenio Al- Chi ha sbagliato deve pagare. quando, all’interno
nuovamente coinvolto. “A gen- aperte le porte del penitenziario continuava a dimagrire. Ha per- bamonte, che ha iscritto nel re- Mio figlio ha già pagato con la vi- della sede
naio dello scorso anno era agli di Viterbo. E lì è cominciato il so venti chili in due mesi”. È a gistro degli indagati – con l’ipo- ta”. dell’Unicredit, sono
stati sorpresi da 5
persone armate e con
Cucchi, chiesti 12 rinvii a giudizio STEFANO, UN ANNO FA
volto coperto. Il
conflitto a fuoco ha
portato alla morte di
La famiglia: accusa schizofrenica SILENZIO DI STATO un vigilante: Gerardo
Citarelli, 43 anni. Nella
sparatoria è rimasto
di Giancarlo Castelli “Stefano è stato vittima di un pestaggio rapidis-
simo e gravissimo – ha invece risposto l’avvo-
(SENZA TUTELE) ferito anche un
cittadino che, secondo
quanto riferito dai
“Q uello della procura è un capo d’imputa-
zione schizofrenico. Se non diamo peso
cato dei Cucchi, Alessandro Gamberini – è sta-
to scaraventato a terra, preso a calci e poi but- di Ilaria Cucchi carabinieri, stava
causale alle ferite, allora, di cosa è morto Ste- tato in cella dagli agenti di custodia”. Causando prelevando al
fano?”. Sono entrate in conflitto ancora una lesioni alle vertebre “che hanno avuto conse- UN ANNO FA moriva mio fratello Stefano, mentre si bancomat. Si è invece
volta, ieri, durante l’udienza preliminare del guenze neurologiche e non erano vecchie visto trovava sotto la custodia dello Stato e dei suoi rappresentanti. rifugiato nella
processo Cucchi, le conclusioni di parte ci- che Stefano andava in palestra e faceva anche Moriva dopo essere stato fermato per possesso di sostanze caserma dei
vile e quelle dei pubblici ministeri, Vincenzo sollevamento pesi”. “Quindi”, ha concluso il le- stupefacenti, dopo la convalida dell’arresto da parte di un giudice carabinieri l’autista del
Barba e Francesca Loy. Questi ultimi hanno gale “la consulenza dei pm (che esclude la cau- e un pm che, come ho appreso leggendo gli atti d’indagine, non portavalore.
ripercorso tutte le fasi, iniziate con l’arresto salità tra i traumi ricevuti e la morte, ndr) è inac- lo avevano nemmeno guardato in faccia, non si erano nemmeno
di Stefano Cucchi il 15 ottobre 2009 fino alla cettabile, misera e contraddittoria”. La colpa accorti che Stefano aveva il volto gonfio per le botte prese nei CAGLIARI
sua morte, nel reparto penitenziario della morte di Stefano, secondo l’accusa, è sotterranei di quello stesso tribunale. Subito dopo mio fratello
dell’ospedale Pertini di Roma, il 22 ottobre quindi dei nove indagati del Pertini, medici e veniva inghiottito dal carcere e alla sua famiglia veniva negata Stop dei pastori
successivo. “Tutto si muove per l’esigenza di infermieri (un altro indagato, dirigente dell’am- ogni informazione sulle sue condizioni, a copertura del pestaggio all’occupazione
mettere le carte a posto per non far trapelare ministrazione penitenziaria, ha chiesto il rito che - oltre alle varie ecchimosi evidenti - gli aveva provocato
nulla di ciò che è accaduto – ha detto Barba
nella sua requisitoria durata due ore – la ma-
lattia di Stefano viene trattata come una mera
abbreviato e rischia due anni di reclusione).

MA, ANCHE in questo caso, secondo alcu-


delle fratture gravi alla colonna vertebrale e tutta una serie di
conseguenze connesse ad esse. Dopo sei giorni dal suo arresto,
siamo stati informati della sua morte tramite il decreto per
É finita
l’occupazione del
Consiglio regionale da
pratica burocratica. Ciò che viene segnato ne delle parti processuali, il castello delle ac- l’autopsia, quando l’incarico era stato già conferito, per “morte parte del Movimento
nella sua cartella clinica è in aperto contrasto cuse rischia di cadere. “Affermare che, con at- naturale”. In poche parole si è ritenuto opportuno avvisare della Pastori Sardi dopo
con quanto riscontrato dai medici dell’ospe- teggiamento doloso, il paziente sia stato ab- morte di Stefano prima il medico legale che la sua famiglia. Ma l’incontro con il
dale Fatebenefratelli (la rottura di due verte- bandonato fino alla morte, non regge – secon- d’altra parte questo rispecchia in pieno un atteggiamento che ho presidente della
bre, ndr). Stefano viene isolato dal resto del do l’avvocato Gaetano Scalise, legale di Aldo capito essere molto spesso insito all’interno del mondo Regione Sardegna Ugo
mondo, non gli viene neppure concesso di Fierro, responsabile del reparto del Pertini –. carcerario. Quello di Stefano è stato il 79esimo decesso in Cappellacci e i
parlare con il suo avvocato, benché lo avesse Se l’accusa non formulerà una esatta qualifica- carcere avvenuto nel 2009. Dopo circa un mese ce ne fu un altro, capigruppo. Il leader
chiesto, nè vengono informati i genitori del zione giuridica dei fatti, la conclusione dell’in- quello di Simone La Penna, in circostanze che appaiono di Mps, Felice Floris,
suo stato di salute”. dagine sarà ridimensionata se non addirittura inquietanti, foss’anche solo per la sconvolgente negligenza che ha dato l’annuncio
smentita”. Il pm Loy si è sofferma- c’è stata nei suoi riguardi, che fa pensare a comportamenti che dalle finestre del
MA, PER CHI, come i tre to anche su un presunto depistag- troppo spesso in quelle realtà fanno parte della consuetudine. secondo piano del
agenti penitenziari, accusati di gio delle indagini per coinvolgere Una famiglia consegna un proprio congiunto, sano, nelle ma- palazzo di via Roma, a
lesioni gravi in conseguenza i carabinieri, esclusi dall’inchie- ni delle Istituzioni. Quelle stesse Istituzioni lo restituiscono Cagliari, ai pastori in
delle quali furono necessari sta. E mentre il processo va avanti, morto e non si sentono nemmeno in dovere di dare delle attesa di notizie. Oggi
tre ricoveri in meno di 48 ore, e la famiglia Cucchi ribadisce che spiegazioni. E così, nei rari casi in cui quella famiglia ne trova la giunta incontrerà i
il pm Loy ha specificato: “Ab- chiederà ancora una nuova peri- la forza, inizia una lunga e dolorosa battaglia, spesso al di so- manifestanti.
biamo contestato il reato di le- zia, un’altra tegola cade sull’ammi- pra delle proprie capacità. Una battaglia che porterà quella L’occupazione del
sioni e non di omicidio prete- nistrazione penitenziaria: ieri set- famiglia, già duramente provata, a scontrarsi con i pregiudizi Consiglio regionale
rintenzionale (come chiesto te medici di Regina Coeli sono sta- e con i muri fatti di ostilità e coperture. Con uno spirito di era iniziata martedì
dalla famiglia, ndr) perché rite- ti indagati per la morte, nel no- corpo che a pensarci bene danneggia solo che lo mette in scorso, 19 ottobre,
niamo non vi sia alcun nesso vembre 2009, di Simone La Penna. atto. giornata nella quale si
causale tra la morte e le lesioni Alcuni di loro erano stati già inter- registrarono scontri
subite”. rogati per la morte di Stefano. con la polizia.
pagina 8 Mercoledì 27 ottobre 2010

x
SPROFONDO SUD x

VOCE DI NAPOLI di Nino D’Angelo

IL GOVERNO DEI MAGHI HA FALLITO

IN CAMPANIA A Napoli e dintorni è tornata la mon-


nezza. Eppure ci avevano promesso che non
sarebbe più tornata… E invece è di nuovo qui,
in ogni vicolo, sotto ogni palazzo, sopra i mar-
ciapiedi, nei suoi cumuli, nella sua irrefrenabile
invadenza, nel suo cattivo odore che non fa
respirare .
La gente, che ci aveva creduto quando il go-
verno dei maghi in pochi giorni la fece sparire,
seconda disarica non l’avrebbero mai aperta e,
invece, si sono accorti che si stanno per man-
giare un’altra bugia.
In questi giorni si sono permessi di non ub-
bidire, di ribellarsi alla monnezza perché stan-
chi di figli malati. Pochi lo dicono ma, dove
stanno le discariche, la percentuale dei tumori
e più alta e vorrei che lo sapessero soprattutto
quelli che si permettono di giudicare la protesta

LA CASTA CRESCE
oggi si chiede come è potuto succedere… Co- di chi vive con la paura di
me è potuta ricomparire e come mai proprio morire di tutti i giorni.
quel governo del fare, che qualche anno fa, in
pochi giorni, riuscì a farla sparire, adesso sta
perdendo tutto questo tempo. I maghi della
monnezza sono in difficoltà? Hanno perduto la
magia? O la gente ha scoperto il trucco? La
legge non è uguale per tutti, questa è la verità
e condannerà sempre i più deboli: quelli che
non hanno case e barche ma pagano le tasse e

SUI RIFIUTI
Sulla spazzatura le multe; quelli abituati al sopravvivere, quelli
che non sanno che cosa gli appartiene. Quelli
che pochi difendono, quelli di cui nessuno parla
scomparsa mai, quelli che devono stare zitti, come schiavi
e cavie, costretti a vivere tra le discariche, la
camorra e la disoccupazione. Come quelli di
Berlusconi Terzigno ai quali avevano promesso che una

e Bertolaso
costruirono Sacchetti ricolmi di immondizia, abbandonati da giorni
per strada. Roghi di spazzatura che sprigionano
diossina. Rivolte popolari a Terzigno contro l’aper tura
cercando di appurare eventuali responsabilità
penali. Ma la prescrizione galoppa velocissi-
ma. A Terzigno
la vittoria della seconda discarica nel Parco Nazionale del

alle elezioni
Vesuvio, mentre da mesi la prima appesta di puzza il
circondario. Scontri tra manifestanti a volto coperto
che lanciano molotov e polizia in tenuta antisommossa
che manganella senza pietà. Barricate. Feriti. Arresti. Il
ROSA RUSSO IERVOLINO. Incensurata e
mai indagata, è giusto sottolinearlo. È il sin-
daco di Napoli da 10 anni. Con un milione di
abitanti le percentuali di raccolta differenziata
tra tregua e tensione
del 2008 ritorno di Bertolaso, che significa: nel napoletano c’è di
nuovo l’emergenza rifiuti. Ma dall’emergenza non si
era mai usciti. Per la felicità di chi ha speculato
sono imbarazzanti, intorno al 19%. Ottenute
tra una girandola di assessori che hanno la-
sciato poche tracce e meno rimpianti. Lei di- Nel riquadro, Nicola Cosentino
Rischio emergenza
Ma nasconderla sull’affare monnezza: politici collusi, amministratori
senza scrupoli, consulenti senza competenze, piccole
ce: “Napoli non ha nulla da rimproverarsi per
l’emergenza, se Provincia e Regione (a guida
In alto, il sindaco Rosa Russo Iervolino
e l’ex governatore Antonio Bassolino
anche nel Salernitano
ditte contigue alla criminalità organizzata, grandi Pdl, ndr) mi finanziassero i progetti che ab- Sotto, Guido Bertolaso
sotto al tappeto imprese in cerca del business facile. Le responsabilità
sono tante. E diffuse. Ecco un elenco di nomi e
biamo pronti, saremmo saliti al 25%”. La legge
fissa il minimo al 35. Senza dimenticare che
cognomi. Largamente incompleto. questo territorio vanta il record del più alto di Antonio Massari ghetto, dove l’economia illegale è fondamen-
non è risolvere di Vincenzo Iurillo
numero pro-capite di addetti all’igiene urbana,
tra municipalizzate, consorzi, imprese pubbli- fratelli Orsi lasciarono il gruppo Bidognetti, il lavoro e il wel- l’ambizione di diventare il primo premier eco-
inviato a Terzigno (Napoli) tale nei redditi delle famiglie. La pressione
dello Stato, a causa della rivolta, intaccando

il problema
“E
Napoli che e semipubbliche. Sulla questione disca- passando con Schiavone”. Tenendo fuori Vas- fare a Rifondazio- logista d’Italia, da due anni e mezzo è un de- NTRO LA FINE di questa gli interessi economici della “malavita”, può
riche, il sindaco ha avuto diverse posizioni. A sallo dal consorzio. L’inchiesta dei pm Milita e ne, Clemente Mastel- saparecido della politica. Si è ritirato a vita pri- settimana, la situazione sarà realizzare un effetto a catena: i manifestanti

A
NTONIO BASSOLINO. È il Pianura si schierò dalla parte dei contrari (co- Narducci giunge alla conclusione che se pub- la ottiene per l’Udeur la vata e fa il docente di Scienze del Turismo alla sotto controllo”. Il capo della “non violenti” potranno essere costretti ad
commissario dell’emergenza munque l’invaso venne sequestrato dalla ma- blicamente l’ex sottosegretario all’Economia delega all’Ambiente. E non la mollerà più fino Bicocca di Milano dopo essere rimasto fuori dal Protezione civile, Guido Ber- abbandonare la protesta proprio dai boss del-
dal 10 maggio 2000 al febbraio gistratura). A Chiaiano, invece, disse: “Scelta dichiarava la sua contrarietà all’inceneritore, a quando non farà cadere il governo Prodi. Parlamento. A causa del flop della sinistra, e di tolaso, mostra sicurezza sulla rivolta di Ter- la zona, che non tollerano troppa attenzione
2004. Gli anni in cui gli impe- inevitabile, la meno dolorosa di tutte”. E si è privatamente avrebbe brigato per portarlo a Con il partito di Mastella al timone dell’asses- una violenta campagna mediatica che ha ad- zigno e sulla nuova emergenza rifiuti napo- delle forze dell’ordine sui propri traffici.
gni assunti nel contratto di ge- aperta. Di fronte al ricorrere delle emergenze, compimento. Attraverso un consorzio “con- sorato, sostiene un’inchiesta coordinata ditato in lui e in Bassolino gli emblemi del fal- letana. Eppure, vista da qui, la tensione resta
stione del ciclo dei rifiuti con la il sindaco interpreta sempre lo stesso copione: trollato” da Cosentino, nel quale, secondo l’ac- dall’aggiunto Francesco Curcio, l’Arpac viene limento del ciclo dei rifiuti a Napoli. Con l’ac- alta. Siamo in presenza di una tregua, che L’ANTIMAFIA di Napoli, intanto, ha aperto
Fibe-Fisia-Impregilo vanno a rotoli: il contratto intervenga il governo, noi non possiamo fare cusa, politica e camorra si erano fuse in un lottizzata minuziosamente. Incarichi di dire- cusa di essere il campione dell’ambientalismo potrebbe terminare nelle prossime 48 ore, un fascicolo per verificare se, tra i manife-
verrà rescisso l’anno successivo per inadem- di più. business per realizzare profitti, compiere assun- zione, superconsulenze, ma anche contrattini del no: agli inceneritori, alle discariche, a tutto. quando i camion riprenderanno a trasportare stanti, vi siano state infiltrazioni della camor-
pienze. In quel periodo si scava un ritardo che zioni, alimentare clientele, accumulare con- a tempo determinato, vengono assegnati per Accusa non del tutto fondata. Va però detto che i rifiuti nella discarica Sari. E le proteste po- ra. Un fatto però sembra certo: non è la ca-
non è stato recuperato. L’ex governatore è sot- NICOLA COSENTINO. Sotto indagine per senso. appartenenza politica e per sviluppare clien- Pecoraro non è esente da responsabilità. Per trebbero estendersi ad altre zone della Cam- morra locale che può guadagnare dallo sver-
to processo con l’accusa di non essersi ac- collusioni coi clan che hanno lucrato tele. I pm mettono sotto inchiesta Mastella e la aver cavalcato le proteste contro il termova- pania, come Serre, nella provincia di Salerno, samento dei rifiuti nella cava Sari. Da un lato,
corto che tra il bando di gara e il contratto sull’emergenza spazzatura. Tra le carte dell’in- CLEMENTE MASTELLA. Arpac. È l’acro- moglie Sandra Lonardo. E si scopre un file di lorizzatore di Acerra e contro l’apertura dell’in- dove il sindaco Palmiro Cornetta già annuncia infatti, non avrebbe interesse a bloccare il
firmato “saltano” le righe relative all’obbligo chiesta culminata nell’ordinanza di arresto per nimo di Agenzia regionale per l’ambiente della 655 raccomandazioni: a ogni nome corrispon- vaso di Valle della Masseria a Serre, senza però “le barricate” se qualcuno – come accaduto traffico dei camion, dall’altro, le aziende che
immediato per Impregilo di smaltire il cdr camorra (respinta dalla Camera), ce ne sono Campania. Braccio operativo dell’assessorato de un padrino politico. Quali garanzie ha of- riuscire, da ministro, a imporre soluzioni al- ieri durante un incontro in prefettura – do- si occupano di movimento terra e trasporto
(combustibile derivato da rifiuti) in impianti molte dedicate agli interessi del coordinatore regionale, per la tutela delle acque, dell’aria e ferto un ente dove compiti così delicati sono ternative. E accontentandosi di ottenere la testa vesse decidere di riaprire la discarica di Mac- in discarica giungono dalla provincia di Ca-
già esistenti, in attesa dell’inceneritore di del Pdl campano nella localizzazione delle di- dei suoli, attraverso analisi, sopralluoghi, azio- stati dati a persone scelte secondo criteri che di Bertolaso, dimessosi nel 2007 da commis- chia. serta, da sempre in mano al clan dei Casalesi.
Acerra che verrà. Così la Campania si intasa di scariche e degli impianti. Ad esempio, secon- ni di salvaguardia del territorio. Un Arpac ben non sono quelli della competenza? Forse il sario per l’emergenza in seguito ai numerosi Il “sistema” dei rifiuti, in Campania, sta mo- Di pressione parla anche il sindaco di Bo-
6 milioni di ecoballe che nessuno vuole bru- do le rivelazioni del pentito Gaetano Vassallo, funzionante potrebbe svolgere un ruolo im- processo in corso, ora in udienza preliminare scontri con Pecoraro. Rivela un suo ex fede- strando in queste ore tutta la sua fragilità: è scoreale, Gennaro Langella, che riferisce:
ciare. Quasi tutte abbandonate nel giugliane- l’imprenditore “ministro dei rifiuti” del clan portantissimo nell’affiancare le istituzioni ad (senza Mastella, stralciato), potrebbe darci una lissimo, un esperto del settore, oggi passato ai come un castello di carte, legato all’uso delle “Dopo l’incontro in Prefettura avevamo pro-
se. Le discariche si saturano, quelle chiuse per- Bidognetti, “Cosentino aveva un interesse di- affrontare le emergenze rifiuti e mettere in risposta. vendoliani: “Durante la crisi del 2007 lo tem- discariche e al funzionamento dell’inceneri- grammato un convegno, in un albergo del
ché in odore di camorra non vengono rim- retto nella società Eco/4, che avrebbe dovuto sicurezza i siti. Ma al tavolo della grande lot- pestavo di e-mailper indicargli proposte e idee, tore di Acerra: basta che soltanto una, tra le territorio, con gli imprenditori danneggiati
piazzate, gli impianti di cdr funzionano male, realizzare un termovalorizzatore a santa Maria tizzazione della giunta Bassolino, che a metà ALFONSO PECORARO SCANIO. Il mi- rimedi di breve e lungo periodo. Ignorava gli “buche”, venga bloccata, e tutto il sistema ri- da questa situazione. Sono arrivati una decina
la procura ogni tanto ne sequestra uno. Un La Fossa. Poiché i rapporti interni tra Schia- degli anni 2000 distribuisce come fette di torta nistro dell’Ambiente del governo Prodi, che in appelli. Non ha capito che se avesse risolto schia di crollare. E con esso rischia d’implo- di poliziotti che hanno chiesto di identificare
processo nell’aula bunker di Poggioreale sta vone e Bidognettierano mutati, Cosentino e i la sanità alla Margherita, i fondi europei ai Ds, un’intervista all’Espresso del 2005 rivelava l’emergenza, camperebbe ancora di rendita”. dere anche un’altra “polveriera”, quella del di- i presenti. Qualcuno mi ha riferito di essere
sagio e della marginalità, quella dei ragazzi che stato addirittura perquisito”. E se a Terzigno,
nelle notti scorse hanno affrontato, a colpi di comunque, la tregua continua, è in provincia
mazze e sassi, poliziotti e carabinieri in assetto di Salerno che s’annunciano nuove battaglie:

Piccoli dirigenti per un grande disastro Da An alla piazza


l’esistenza “di una regia
politico-affaristica che ha
fomentato la rivolta
antisommossa, nella rotonda panoramica di
Terzigno. La situazione è più complessa di
quanto possa apparire contando feriti, arresti,
perquisizioni e mezzi danneggiati. E con que-
sta complessità lo Stato sta facendo i conti.
“Il prefetto ci ha comunicato di voler riaprire
la discarica di Macchia – dice il sindaco Pal-
miro Cornetta – per scaricare 150 mila ton-
nellate di rifiuti. Ma noi siamo pronti alle bar-
ricate: abbiamo firmato un protocollo, che
contro l’apertura della prevedeva, per la nostra discarica, non più di
superato per intensità quella quali usciva spazzatura “tal LE VIOLENZE DI PIANURA discarica di Pianura fino I MANIFESTANTI hanno raccolto per stra- 700 mila tonnellate. Il livello è stato raggiun-
Provincia di Napoli civile e composta che
accompagnò l’apertura della
Provincia di Benevento quale”. Secondo la
procura di Napoli la
a farla trascendere in
veri atti di guerriglia
da mezza dozzina di bossoli: sostengono che
siano stati sparati dai poliziotti, durante gli
to e la discarica non è stata ancora bonificata.
Nessuna apertura o blocchiamo tutto: ora
prima. Non ha fatto i conti con vicenda è infarcita di arco Nonno, consigliere comunale urbana”. Il processo è in
SOLUZIONI ALTERNATIVE: ZERO l’esasperazione di una
popolazione nauseata da mesi
IMPIANTI DI CDR COL TRUCCO progetti esecutivi difformi
dagli atti di gara, e impianti
M di Napoli, eletto in An, è un duro
oppositore dell’amministrazione
corso. Le violenze sono sempre
ingiustificabili. Ma la paura dei residenti
arresti notturni del 24 ottobre scorso. “In to-
tale, i colpi sparati per
aria, sono stati sedici” rac-
dev’essere chiusa e messa in sicurezza. Punto
e basta”. E quando gli
chiediamo perché do-
di miasmi e spaventata dalle realizzati a loro volta in Iervolino. Ma quando ci fu da lottare di Pianura era fondata. contano, mostrando i bos- vrebbe essere riaperta la
a sorridere che il presidente della Provincia di notizie sulle infiltrazioni delle niello Cimitile è un politico, ma ha maniera diversa dai contro la riapertura della discarica di Lo sversatoio infatti venne sequestrato
F Napoli si lamenti della provincializzazione del
ciclo dei rifiuti e della scarsa solidarietà delle altre
falde acquifere. E quando Cesaro è tornato in aula,
ha solo farfugliato qualcosa sull’allargamento di
A avuto un ruolo esclusivamente tecnico
nell’emergenza rifiuti. E come tale è finito
progetti esecutivi.
L’inchiesta si è conclusa stabilendo che gli
Pianura, pezzi di destra e di
centrosinistra si saldarono in un’alleanza
e non è stato più riaperto.
Un’altra inchiesta (che non coinvolge
soli e chiedendo l’anoni-
mato. La strategia dello
Stato, intanto, è chiara: se-
discarica, ecco la rispo-
sta: “Perché prima, la pro-
vincia di Salerno, scarica-
Province, che forti di quella legge non vogliono invasi già esistenti e chiusi da tempo. Del suo indagato (l’udienza preliminare non è impianti di cdr avrebbero lavorato male per stoppare l’annunciato sversamento Marco Nonno e gli altri arrestati per le parare i “violenti” dai va i rifiuti ad Avellino e
accogliere la monnezza napoletana. Luigi impegno anti-spazzatura, al momento di concreto ancora cominciata) – e per un breve anche a causa di commissioni di collaudo di rifiuti nell’invaso. violenze di Pianura) ha accertato che “non violenti”, sapendo Caserta, ma oggi non è
Cesaro, infatti, è anche un deputato del Pdl. c’è solo la creazione della Sepna. È la società periodo agli arresti domiciliari – formate in base a criteri politici e Questo almeno sostiene la Dda di per decenni Pianura ha accolto le scorie che i primi, in gran parte, più possibile: ogni pro-
Quindi quella legge l’ha voluta anche lui. Poi gli si è provinciale che dovrà gestire in futuro l’intero nell’ambito di una delle diverse indagini sul clientelari. Commissioni che ne avrebbero Napoli che nell’ottobre del 2008 chiese tossiche dell’Acna di Cengio (in hanno però ottenuto un vincia deve raccogliere i
ritorta contro. Complici anche le indecisioni della ciclo. Ha chiamato a guidarla l’ex commissario per disastro spazzatura. attestato falsamente il buon e ottenne l’arresto di Marco Nonno provincia di Savona) e di altre aziende riconoscimento popola- propri rifiuti”. E quindi: è
sua amministrazione provinciale. Che si è l’emergenza Corrado Catenacci, retribuito per il Il presidente della Provincia di Benevento, funzionamento. (libero dal novembre 2009 dopo tredici del Nord, e che la bonifica promessa e re: sono riusciti ad alzare sufficiente bloccare una
baloccata per mesi su un documento approvato a primo anno con 60 mila euro. Lo statuto della del Partito democratico, in qualità di La procura ha chiesto quindici rinvii a mesi tra carcere e domiciliari), finanziata non è mai stata realizzata. l’attenzione, fino a porta- “buca” per far saltare l’in-
maggio, col quale si stabiliva un “no” alla seconda società prevede un consiglio di amministrazione di docente di ingegneria informatica giudizio. Ma l’udienza preliminare non è dell’assessore del Partito democratico Ma in assenza di una correlazione certa re, qui a Terzigno, giorna- tero sistema, come un ca-
discarica del Parco del Vesuvio in Cava Vitiello. cinque componenti, un direttore generale, un dell’Università del Sannio, di cui è stato ancora cominciata, perché per ben tre Giorgio Nugnes (poi morto suicida) e di tra quei veleni e i casi di morte per listi e telecamere. Isolare i stello di carte, segno della
Subordinato, però, alla ricerca di soluzioni comitato tecnico scientifico, un collegio sindacale. rettore, ha fatto parte delle commissioni volte l’ufficiale giudiziario non è riuscito a altre trentacinque persone coinvolte tumore accertati nel comprensorio, il violenti può comportare miopia delle amministra-
alternative. Proprio qui Cesaro ha fallito. Le Sono stati affittati gli uffici. Per ora non ha di collaudo dei sette impianti di cdr notificare il provvedimento a Cimitile: negli scontri, che durante i primi giorni pm Stefania Buda ha chiesto ulteriori conseguenze sul- zioni che, per anni, han-
soluzioni non le ha trovate. Forse non le ha spostato nemmeno un sacchetto, ma la Sepna sta (combustibile derivato dai rifiuti) realizzati risulta sconosciuto al suo indirizzo di di quell’anno devastarono il quartiere di l’archiviazione per i reati di omicidio la gestione dell’ordine no gestito la questione ri-
nemmeno cercate, auspicando in cuor suo che la già per diventare un luogo di spartizione di da Fibe spa e Fibe Campania. Impianti che residenza, in quel di Pomigliano d’Arco Pianura. colposo ed epidemia colposa. pubblico. Molti di questi fiuti come un’eterna
protesta per la seconda discarica non avrebbe nomine e consulenze. vin. iur. avrebbero dovuto produrre cdr ma dai (Napoli). vin. iur. La magistratura mise nero su bianco vin. iur. ragazzi vivono in quartieri emergenza.
pagina 10 Mercoledì 27 ottobre 2010

CRONACHE

A GENOVA LASCIANO
MARCIRE
UN ELICOTTERO
Un mezzo di soccorso da 6 milioni
di euro donato due anni fa da Carige
di Ferruccio Sansa
Genova
regione così lunga e stretta,
con strade spesso bloccate dal
La burocrazia
elicottero per il soccorso
traffico, l’elicottero è un mez-
zo di soccorso indispensabile.
e i regolamenti Un esemplare di Agusta da soccorso (FOTO ANSA)

L’ nuovo di zecca. Fermo


da due anni a coprirsi di
polvere nell’hangar di un
aeroporto. No, non è colpa di
un guasto. A fermare i motori è
I responsabili del 118 allarga-
no le braccia: “L’elicottero è
prezioso. Un soccorso tempe-
stivo fa la differenza tra la vita e
la morte. Prendete un uomo
hanno fermato
l’Agusta
così: “Abbiamo stipulato una
convezione per collocare l’eli-
cottero nella base dei Vigili del
Fuoco di Albenga. Sono partiti i
corsi per il personale, ma abbia-
ligure dell’Agusta “dimentica-
to” non è il solo paradosso del
servizio di elisoccorso in Italia.
Prima di avventurarsi in mare o
sulle montagne bisognerebbe
no ha solo un elicottero (in tut-
to il Veneto, 4,9 milioni di abi-
tanti, i velivoli di soccorso sono
4). Insomma, si passa da un eli-
cottero ogni centomila abitanti
un nemico invisibile e però con l’infarto sui monti: con parcheggiato mo avuto inspiegabili difficoltà munirsi di una cartina con le ba- nel Trentino-Alto Adige a uno
non meno insidioso: la buro- l’ambulanza ci vuole almeno dall’interno. È intervenuto an- si degli elicotteri. Basta spostar- ogni milione e mezzo in Ligu-
crazia. Qualche volta regola- un’ora, in elicottero bastano all’aeroporto che il prefetto, ora con gli av- si di dieci metri, passare da una ria. Senza contare regioni come
menti, convenzioni, timbri e pochi minuti”. Ma allora? vicendamenti nel comando dei regione all’altra, e il vostro de- l’Umbria: “Qui non abbiamo
inerzia creano più turbolenze “L’Agusta dovrebbe essere in Colombo vigili del fuoco, sembra che la stino potrebbe cambiare. In- nemmeno un mezzo, dobbia-
di un temporale. Passando da- fase di collaudo. Di sicuro noi questione si stia sbloccando. somma, se avete intenzione di mo farli arrivare da altre regio-
vanti all’aeroporto Cristoforo non possiamo ancora utilizzar- Stiamo effettuando delle prove. chiedere aiuto, bè... scegliete ni”. Ma il caso limite forse è la
Colombo di Genova qualcuno lo”. Eccole le tappe di questa no della cerimonia ad Albenga. Da luglio sarà operativo”. accuratamente il luogo dove Sardegna. Gli operatori del 118
ci avrà fatto caso: in una rimes- storia che è anche un caso po- L’elicottero viene donato alla farlo: la sola provincia di Trento si sfogano: “Abbiamo un solo
sa ai lati della pista ecco fermo litico, perché questo elicotte- Regione Liguria. Entro pochi MA LUGLIO è passato e per il (524 mila abitanti, un terzo del- elicottero in condominio con i
da anni uno splendido Agusta ro in fondo è targato Scajola: mesi, è la promessa, entrerà in 118 l’elicottero è ancora un mi- la Liguria) dispone di 2 elicot- vigili del fuoco. È un guaio so-
Westland 109 Grand, un elicot- nel 2008 la Fondazione Carige servizio: affidato in convenzio- raggio. Quali sono i “problemi teri, più altri 2 privati nelle sta- prattutto d’estate, tra milioni di
tero modernissimo. E costoso: decide l’acquisto. ne ai Vigili del Fuoco, coprirà il interni” cui fa riferimento Mon- gioni turistiche. A Bolzano (498 turisti e incendi”. Già, un solo
oltre 6 milioni e mezzo di euro. Ponente ligure. E invece? Passa- taldo? Una sentenza del Tar che mila abitanti), secondo la cen- elicottero per un’isola di
A leggere le cronache dei gior- STIAMO PARLANDO del- no gli anni, finché l’Agusta vie- dichiara illegittima la conven- tralina del 118, “ci sono 2 elicot- 24.090 chilometri quadrati,
nali di due anni fa, l’Agusta la banca “di famiglia” dell’ex ne trasferito all’aeroporto di Se- zione tra Regione e Vigili del teri pubblici, più altri 3 privati con 1,6 milioni di abitanti. In
avrebbe dovuto volare addirit- ministro: il vice-presidente è stri Ponente. E siamo allo scor- Fuoco. L’elicottero invecchia, nei periodi di picco turistico”. Italia nemmeno l’elisoccorso è
tura nel 2008. Non solo: avreb- Alessandro Scajola, fratello di so luglio . Il caso approda in mese dopo mese. Ma la storia Basta passare il crinale e Bellu- uguale per tutti.
be dovuto rinforzare il servizio Claudio. Il cda della Fondazio- consiglio regionale. È Marco
di elisoccorso che in Liguria ar- ne è presieduto da Flavio Repet- Scajola, nipote dell’ex ministro
ranca per mancanza di mezzi.
Eccolo, il paradosso: il nuovo
elicottero è arrivato, ma non
to, imprenditore gradito al Va-
ticano e all’ex ministro. Tra i
consiglieri Pietro Isnardi (suo-
e consigliere regionale (Pdl), a
presentare un’interrogazione:
“L’elicottero 109S è di proprie-
A CACCIA DI PETROLIO
viene usato. E pensare che la Li-
guria ha un milione e mezzo di
abitanti che con i turisti diven-
cero di Alessandro Scajola). La
Fondazione destina l’elicottero
all’aeroporto di Albenga, il feu-
tà della Regione e non viene
usato. È uno spreco di risorse
pubbliche”. Claudio Montaldo,
NELLA VAL DI NOTO
tano quasi due. Di più: in una do di Scajola. Così arriva il gior- assessore alla Sanità, la spiega di Giuseppe Giustolisi
Catania

texani sbarcheranno in Sicilia col rombo


Igiorno
delle loro trivelle. Così ha deciso qualche
fa il Consiglio di giustizia amministra-
tiva siciliano. Così vuole la New frontier
dell’isola che vede nel petrolio, cinquant’anni
dopo l’epico comizio di Enrico Mattei a Ga-
gliano Castelferrato, l’ennesima speranza di
riscatto economico. Per la verità gli americani
erano già sbarcati in Sicilia e avevano iniziato a
perforare un bel po’ di terra di quel bellissimo Proteste dei cittadini siciliani (FOTO ANSA)
angolo di Sicilia dichiarato patrimonio Une-
sco che è la Val di Noto, un pezzo di barocco sione del Cga, Granata rivendica il senso di
da lasciare senza fiato incastonato in un pae- quella battaglia in un comunicato in cui lancia
saggio che Andrea Camilleri (lo stesso scrit- l’allarme sul rischio scempio: “ La paventata
tore qualche anno fa lanciò un appello anti ripresa delle trivellazioni in provincia di Ra-
trivelle sulle colonne di Repubblica) ha ben de- gusa riporta d’estrema attualità l’applicazio-
scritto nei suoi libri sul commissario Montal- ne immediata del nuovo piano paesistico
bano. Il Tar di Catania però, nel 2008, aveva nell’area iblea. Solo una rigida coerenza con le
accolto un ricorso contro la società texana previsioni di quel piano potrà impedire che si
Panther Eureka da parte del comune di Vit- perpetri l’ennesimo scempio ai danni del ter-
toria (che lamenta la vicinanza con il pozzo ritorio ragusano”, scrive Granata che conclu-
petrolifero dei pozzi idrici che portano l’ac- de con un auspicio: “È necessario che la Re-
qua in paese) e i lavori furono sospesi. Con- gione intervenga al più presto e trasformi fi-
troricorso della Panther al Cga che dichiara il nalmente in legge, come avevo tentato di fare
comune di Vittoria “territorialmente estra- da assessore regionale, il divieto assoluto di
neo all’area di intevento”. Il sindaco di Vitto- perforazione sul territorio siciliano”. E l’au-
ria, Giuseppe Nicosia, però non si arrende, e spicio di Granata potrebbe diventare un fatto,
adesso chiede ancora giustizia al Tar etneo, almeno per la Val di Noto, se Lombardo rispet-
dove pende un’azione di decadenza delle terà quanto disse tre anni fa, da presidente del-
concessioni rilasciate alla società americana. la Provincia di Catania, a proposito dello stop
E intanto chiede a gran voce al presidente Raf- del governo Cuffaro alle ricerche petrolifere
faele Lombardo che vengano revocate le au- nel ragusano: “È un provvedimento di grande
torizzazioni ai texani. La battaglia contro il pe- significato storico: la riconquista di un terri-
trolio in Val di Noto iniziò alcuni fa e vide for- torio di altissima valenza storico-culturale e la
marsi un’inedita alleanza fra le associazione fine di un costante degrado ambientale che
ambientaliste e l’allora assessore regionale ai produce ricchezza solo per le multinaziona-
Beni culturali Fabio Granata che portò il go- li”. In attesa che l’avvicendarsi delle carte bol-
verno Cuffaro a emanare un provvedimento late ponga fine alla querelle, tra le pietre della
di stoppò le trivellazioni. Appreso della deci- Val di Noto c’è chi ricorda il tristissimo risve-
glio che sessant’anni fa ebbe Joppolo Gianca-
xio, un piccolo comune in provincia di Agri-
Il Consiglio di Giustizia gento di colpo illuso dalla grandeur america-
na di poter diventare l’eldorado del petrolio.
ribalta una sentenza La speranza fu alimentata da una compagnia
giunta nell’isola dal Delaware, certa che den-
tro a un monte di quel poverissimo territorio
del Tar: tornano ci fosse l’oro nero. L’illusione durò qualche
anno, poi gli americani dovettero smobilitare.
le trivelle, la rabbia Sotto il monte c’era solo acqua e un po’ di me-
tano, e con gli americani smobilitò anche l’im-
degli ambientalisti maginario dei cittadini di quel paese.
Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 11

ECONOMIA

SEMPRE MENO CONCORRENZA


GLI SCALI MERCI VANNO A TRENITALIA
Sull’operazione da 2,5 miliardi decide il Consiglio di Stato Mauro Moretti, ad di Fs (FOTO LAPRESSE)

di Daniele Martini a fine percorso il costo dell’ar- cui per mesi nessuno, comprese che la direttiva firmata da Berlu-
gilla sarà più alto e le aziende ce- le aziende ferroviarie interessate, sconi a Palazzo Chigi, sia stata pre-
ord Cargo è un’azienda ramiche dovranno pagare di aveva saputo nulla. Un atto semi- parata chissà dove e chissà da chi.

N ferroviaria mezza italiana


e mezza tedesca, 60 per
cento Deutsche Bahn e 40
Ferrovie Nord. Con 90 treni di
18 vagoni l’uno trasporta ogni
più. Un bel regalo alla piccola e
media impresa in un momento
di crisi nera come questo.

L’effetto
carbonaro, ma dirompente.
Il capo del governo, in quelle pa-
gine, mentre assicurava solenne-
mente che l’obiettivo del provve-
dimento sarebbe stato “favorire
“Sarebbe grave se questa docu-
mentazione non fosse esibita”,
commenta Ernesto Stajano, uno
dei legali firmatari del ricorso e in
passato presidente della commis-
anno 90 mila tonnellate di argilla nei conti una crescente concorrenzialità sione Trasporti della Camera. “Se-
allo scalo di Faenza servendo de- del settore”, di fatto tirava la vo- condo il nostro punto di vista –
cine di fabbriche della cerami- lata a Fs e Trenitalia, assestando prosegue Stajano – il trasferimen-
ca. D’ora in avanti dovrà cambia- IL CASOdi Faenza non è isolato, un colpo durissimo proprio alla to della proprietà di scali e im-
re i suoi programmi e rinunciare anzi, in giro per l’Italia ci sono al- concorrenza, sia quella del setto- pianti da Rfi a Trenitalia altera la
a malincuore al solito scalo adat- tri 160 scali destinati alla chiusu- re merci sia quella futura dei pas- concorrenza e si configura di fat-
tandosi a dirottare i treni altrove, ra. E con essi decine di impianti di seggeri. In che modo? Semplice: to come un aiuto di Stato. Per ora
forse Bologna, forse Ravenna. manutenzione e aree ferroviarie. trasferendo la proprietà di scali, non abbiamo fatto ricorso all’An-
Dopodiché dovrà effettuare Perché vengono chiusi e come è impianti di manutenzione e aree, titrust europeo, ma non escludo
quella che in gergo chiamano possibile che succeda? È una sto- da una società ferroviaria a un’al- un’iniziativa del genere in futu-
una “rottura di carico”, trasfe- ria che comincia il 7 luglio di un tra. Da Rfi (Rete ferroviaria italia- ro”.
rendo l’argilla dai vagoni ai ca- anno fa, ma solo ora sta arrivando na), società del gruppo Fs e gesto- Per le imprese delle merci che
mion, almeno 10 al giorno, che a maturazione. Quel giorno re dell’infrastruttura ferroviaria danno lavoro a 1.100 dipendenti
poi dovranno percorrere una d’estate il presidente del Consi- pubblica, quindi al servizio di tut- e muovono circa 1.150 treni a set-
quarantina di chilometri per ar- glio, Silvio Berlusconi, firmò una ti, concorrenti compresi, quei be- timana, la direttiva Berlusconi è
rivare a destinazione. Ovvio che direttiva di 4 pagine e 4 articoli di ni transitavano verso Trenitalia, un colpo durissimo che aggrava
ugualmente Fs, ugualmente pub- Gli scali commerciali erano fino la crisi del settore, passato in 5 an-
blica per quanto riguarda la pro- alla fine del 2009 parte di Rfi, la ni da 68 milioni di treni al chilo-
prietà (100 per cento ministero controllata di Fs che gestisce Nord Cargo a Veolia, da Db metro ad appena 42. Attacca Gia-
GREEN POWER dell’Economia), ma inserita in un la rete ferroviaria (FOTO OLYCOM) Schenker alla Compagnia ferro- como Di Patrizi, presidente di
sistema in cui deve misurarsi con viaria italiana, inviarono subito FerCargo, l’associazione delle im-
PERCHÉ OGGI NON ABBIAMO i concorrenti. In pratica scali e im- un ricorso straordinario al presi- prese private: “Se le Fs non vo-
LA PUBBLICITÀ DELL’ENEL pianti erano sottratti all’uso di tut- tuato per via traversa e a danno dente della Repubblica contro il gliono puntare sulle merci, libere
te le imprese ferroviarie e affidati della concorrenza e che sarebbe presidente del Consiglio, i mini- di farlo, ma non possono far spa-
O ggi 27 ottobre su questo giornale non appare
la pagina di pubblicità di Enel Green Power,
già pianificata dall’Enel insieme all’altra uscita lo
a Trenitalia che ne avrebbe poi di-
sposto seguendo i suoi criteri.
dovuto avvenire, invece, o in au-
tofinanziamento, cioè con i soldi
delle Fs, o con quelli dell’azioni-
stri dell’Economia e dei Trasporti
e poi le Fs, Rfi e Trenitalia. Se-
guendo la procedura prevista, il
rire i tre quarti degli scali che so-
no pubblici. Così strangolano tut-
to il settore, privati compresi”.
scorso 16 ottobre. E’ una decisione della direzione Il mistero sta ministero dell’Economia. provvedimento è passato al Con- Anche Nuovo Trasporto Viaggia-
del “Fatto” che ha scelto di rinunciare alla pagina I primi ad accorgersi della sor- siglio di Stato che dovrà pronun- tori, la società dei treni dell’Alta
(che ci è stata confermata dall’Enel) per ragioni di dei documenti
prendente novità furono alcuni ciarsi dopo aver acquisito la do- velocità di Luca Cordero di Mon-
coerenza. Venerdì 22 ottobre, infatti, abbiamo amministratori di aziende ferro- cumentazione usata a suo tempo tezemolo e Diego Della Valle, si ri-
pubblicato l’articolo dal titolo: “Una critica e l’Enel DAL PUNTO di vista del valore viarie merci a fine 2009. Quando per la stesura della direttiva. Fino tiene danneggiata dalla direttiva
toglie la pubblicità” nel quale davamo conto di un è un’operazione gigantesca, 2 mi- riuscirono a prendere visione di a questo momento le carte non Berlusconi perché spariscono
messaggio dell’ufficio stampa dell’azienda che, nel liardi e mezzo di euro. Soldi im- quello che in gergo chiamano il sono saltate fuori nonostante sia- molti impianti di manutenzione
commentare polemicamente un nostro articolo mediatamente inseriti da Trenita- Pir, Prospetto informativo della no state formalmente richieste su cui contavano, che per legge
sulla quotazione di Enel Green Power, lasciava lia in bilancio alla voce patrimo- rete, il documento in cui vengo- anche dagli avvocati che sosten- sono pubblici e per il cui uso ave-
intendere che i rapporti pubblicitari per il futuro nio e per esplicita ammissione no stabilite le regole e i termini gono le ragioni delle imprese fer- vano sottoscritto un accordo pro-
erano compromessi. Ne abbiamo preso atto, così delle Ferrovie serviti alla stessa per l’utilizzo dell’infrastruttura roviarie, ingenerando il sospetto prio con Rfi.
come abbiamo preso atto della successiva società per presentarsi in banca a ferroviaria di Rfi, si accorsero che
precisazione del capo delle relazioni esterne Enel chiedere i quattrini necessari per esisteva una direttiva in base alla
che ha negato l’esistenza di qualsiasi indebita comprare i 50 treni dell’Alta velo- quale 160 dei 240 scali stavano Grazie al governo Moretti si trova
pressione sul “Fatto”. Noi continuiamo a pensare cità da Ansaldo-Breda e Bombar- passando di mano e di conse-
che nel rapporto tra pubblicità e stampa vi siano
troppe zone d’ombra. E non potevamo,
dier (1 miliardo e 200 milioni) e
quelli per i pendolari. Per finan-
guenza non sarebbero stati più
aperti a tutti come era successo
in bilancio un pezzo di infrastruttura
comunque, contraddirci o fare finta di niente. ziare, in pratica, un investimento fino ad allora e come è previsto
senza dubbio necessario, ma at- dalla legge. Undici imprese, da che usa per ottenere credito

Marco Benedetto, ex capo ufficio stampa Fiat

“L’intervista di Marchionne è un autogol”


pello in mano. Io mi sarei mon- in un talk-show. lonia arrivavano a Torino scas- molta simpatia neanche quel- obiezioni, anche se con
tato la testa per molto meno. Il risultato è che adesso si sate, invendibili, e dovevano es- la. quell’azienda la Daimler ci ha
Che cosa non ha funzionato? parla più della gestione della sere rimontate a Mirafiori. E chi Ma, intervista a parte, la co- perso miliardi di dollari. Ed è
Non ci si infila in situazioni di Fiat che delle resistenze sin- teneva in piedi il gruppo men- municazione Fiat sta funzio- riuscito a far passare la chiusura
quel tipo senza avere un con- dacali al cambiamento. tre brasiliani e polacchi impara- nando? di Termini Imerese senza trop-
trollo assoluto. O si concorda Marchionne è riuscito, in un vano a lavorare? Ovviamente Direi di sì, finora si erano mossi pe proteste, denunciare i pro-
tutto, parola per parola e in an- colpo solo, a ricompattare il l’Italia. Marchionne non do- abbastanza bene. Quando Mar- blemi di Pomigliano poi era fin
ticipo e non penso che Fazio fronte sindacale e a dare alla po- vrebbe dimenticarselo, perché chionne è andato negli Usa a troppo facile. Ma l’intervista da
fosse disponibile, oppure è litica spunti per avercela con questi processi sono ciclici, se prendersi la Chrysler, incredi- Fazio per Marchionne è stata un
troppo alto il pericolo che sfug- lui e, un domani, fargliela paga- allora Fiat avesse tagliato gli sta- bilmente non ci sono state autogol pazzesco.
ga qualche parola di troppo. re. Anche se certe dichiarazio- bilimenti polacchi e brasiliani,
Come la frase sui conti Fiat che ni, come quella di Gianfranco oggi cosa succederebbe?
di Stefano Feltri sarebbero migliori tagliando Fini, sono fuori bersaglio. Furio Colombo ha scritto

ueste cose non si fanno”.


“Q Marco
l’Italia.
Quindi Che tempo che fa era la
Perché, non è d’accordo che
la Fiat è stata salvata dallo
che “la simpatia conta mol-
to nelle vendite, più del gelo EPIFANI “In Germania
Benedetto non ha trasmissione sbagliata? Stato con gli incentivi? e del disprezzo”.
dubbi, Sergio Marchionne non
doveva andare a farsi intervista-
Troppo lunga e articolata, cen-
trata sul far emergere il perso-
Assolutamente no. La Fiat l’ha
salvata Marchionne, risanando
Furio ha ragione, mettere le di-
ta negli occhi di tutti, come ha
lo avrebbero licenziato”
re da Fabio Fazio. Direttore del naggio invece che sui contenu- i conti. Mi ricordo il trauma di fatto Marchionne, non è mai on so perché Marchionne è andato in tv, a chi
sito blitzquotidiano.it, già ammi-
nistratore delegato del gruppo
ti tecnici. Dunque ad altissimo
rischio incidenti.
quando Paolo Fresco, ammini-
stratore delegato, è dovuto an-
produttivo. Ma chi compra le
auto guarda soprattutto il prez-
“N parla, se alle sue controparti naturali o ai citta-
dini”, dice Guglielmo Epifani, segretario della Cgil. A
Espresso, ma soprattutto a lun- La Fiat però aveva l’esigenza dare ad Arcore a chiedere aiuto zo, le prestazioni e i consumi. Che tempo che fa, domenica sera, il capo operativo della
go capo ufficio stampa della di parlare al pubblico senza a Berlusconi, nel 2002. Gran Negli anni Sessanta si vendeva- Fiat non ha rivelato dettagli inediti sul piano industria-
Fiat ai tempi della marcia dei mediazioni, a sei mesi dalla parte dei problemi di oggi, in- no tante Cinquecento perché le, ma i suoi giudizi su sindacati e situazione del Paese
Quarantamila, Benedetto boc- presentazione del piano in- vece, sono un’eredità delle in- costavano poco, non perché sono stati così duri che Epifani ora si chiede: “Cosa
cia l’operazione Che tempo che dustriale. gerenze dello Stato nella gestio- Agnelli era simpatico. sarebbe successo in Germania se un amministratore
fa. Posso anche capirlo. Ma un’in- ne dell’azienda. Pomigliano Ma l’Avvocato era meno an- delegato di un grande gruppo industriale avesse par-
Benedetto, lei avrebbe con- tervista non è certo senza me- non l’ha voluta Agnelli, ma tipatico di Marchionne? lato in televisione e non davanti al suo comitato di
sigliato a Marchionne di non diazione. Se ci si vuole rivolge- Gianni De Michelis da ministro Difficile dirlo, erano altri tem- sorveglianza? Lo avrebbero cacciato”. Emma Marce-
andare? re direttamente ai potenziali delle Partecipazioni statali. pi, i giornali erano più smilzi, la gaglia, presidente di Confindustria, lo difende: “Fiat, la
Personaggi di quel livello diffi- clienti, ai lavoratori e alla poli- Infatti Marchionne dice che i televisione dava meno notizie. famiglia, John Elkann e Marchionne non hanno affatto
cilmente accettano consigli. tica, per spiegare la propria po- soldi arrivano solo dall’este- E comunque non bisogna di- detto che intendono lasciare l'Italia. Se un imprendi-
Marchionne è entrato in un trip sizione, si fa una dichiarazione ro, Brasile, Polonia... menticare che erano i tempi di tore decide di lasciare, chiude gli stabilimenti e basta,
di eccesso di sicurezza. D’altra alle agenzie. Oppure una cam- Adesso sì. Ma io mi ricordo co- “Agnelli-Pirelli, ladri gemelli”. non va in televisione”.
parte ha risanato una Fiat che pagna di spot, si compra una me si imbufaliva Gianni Agnelli Poi è arrivata l’arroganza di Ce-
era finita ad Arcore con il cap- pagina di giornale, ma non si va quando le auto fabbricate in Po- sare Romiti. E non suscitava
pagina 12 Mercoledì 27 ottobre 2010

DAL MONDO

LO SPAURACCHIO
SERBO FA ANCORA
PAURA ALLA UE
L’Unione e l’eterna sindrome
della polveriera balcanica
di Piero Benetazzo sessione balcanica e in modo an- Un nazionalista serbo, durante una
cora confuso senza una precisa manifestazione, mostra l’effige del
è euforia negli ambienti strategia.

C’
generale Ratko Mladic (FOTO LAPRESSE)
ufficiali di Belgrado, an- Poprio come quando all’inzio Sotto Julian Assange (FOTO ANSA)
che se si tratta in fondo degli anni Novanta la Jugoslavia
di una piccola cosmesi cominciò a disintegrarsi: allora,
che non tocca nè il diritto di ve- senza il muro di Berlino, con la cente che la regione sta scivolan- Sacro Graal che percoreva tutto gliamo finire intrappolati nel monizzazioni, pronto ad un nuo-
to olandese nè gli obblighi serbi Germania unificata e la Nato con do, come un sonnambulo, verso l’Est dopo la caduta del Muro e la caos dei Balcani”. vo scatto di orgoglio nazionali-
verso il tribunale dell’Aja. Ma i contorni sfuggenti, l’Europa nuove guerre. L’Europa cerca di cui rincorsa ha accelerato anche sta. L’istituto di analisi America-
l’Europa che tende la mano – cercò rifugio alle sue insicurezze riprendere l’inziativa, ma ricu- la fine della Jugoslavia. LA FIDUCIA nell’Europa è un no Stratfor paragona la Serbia di
dando il via libera, lunedì, alla riscoprendo le vecchie zone di perare un dialogo con la Serbia, il “Noi siamo europei – diceva Mi- po’ declinata ovunque, ma so- oggi alla Repubblica di Weimar
procedura d’ingresso nell’Ue – influenza. La Germania (in sinto- paese piu forte, non sarà facile. lan Kucan, l’ex segretario del Pc prattutto in Serbia: i sondaggi di- dove idealismo, superficialità ed
lenisce una vecchia angoscia, il nia con il Vaticano che voleva Dieci anni dopo la caduta di Mi- Sloveno e poi primo presidente cono che gode una fiducia dal 15 arroganza segnarono il futuro
secolare tormento di un popolo creare insieme alla Polonia un losevic molti dei suoi uomini e le della Slovenia – e quindi non vo- al 30 percento, che la maggio- dell’Europa. Non c’è l’intensità
che quella mano l’ha cercata a “cuneo cattolico” per ri-evange- sue stutture sono ancora al po- ranza delle persone non ci vede del dibattito culturale e politico
lungo, sempre invano. Il vice lizzare l’Est) impose il riconosci- tere. Un elite di oligarchi, sem- alcun beneficio se non la speran- della Germania di allora, il
premier serbo Bodislav Delic ha
annunciato trionfalmente l’ini-
mento di Croazia e Slovenia;
l’America reagì prendendo sotto
pre gli stessi, si sono enorme-
mente arrichiti con le privatizza-
Bruxelles vuole za che i propri figli possano vi-
vere meglio. Ma poi la stragrande
Bauhaus, il cinema di Fritz Lang,
il teatro di Brecht, la passioni dei
zio di una “nuova era” ed il mi-
nistro della Difesa ha definito
la sua protezione la minoranza
musulmana della Bosnia e poi il
zioni e, oltre all’economia, con-
trollano completamente gli ap-
l’ingresso maggioranza voterebbe contro
se, per entrare, dovesse rinun-
pittori espressionisti. Ma ci sono
molte delle fragilità e delle fru-
“irreversibile” il prossimo in-
gresso in Europa del suo paese.
Kosovo; e si andò, con l’accordo
di Dayton, verso una soluzione
parati di sicurezza, sottratti per-
sino ad un controllo del parla-
di Belgrado per ciare al Kosovo. Pochi si fidano
di governo e Parlamento. E per la
strazioni di allora: un paese che
attribuisce le sue sconfitte solo
etnica senza molte pretese ideali mento. grande maggioranza il tribunale all’occidente, un paese che vive
IN REALTÀ il negoziato – se ci ma nella convinzione di raggiun- “È un gruppo di potere forte – ci contenere i nuovi dell’Aja è solo un nemico con cui una condanna collettiva che non
sarà – si annuncia teso e difficile: gere finalmente la tanta agogna- raconta l’analista Dejan Anasta- si è costretti a collaborare. Solo accetta, una situazione econo-
non è ancora chiaro che cosa ta stabilità dei Balcani. La stabi- sijevic – ha solide ramificazioni nazionalismi Forze armate e soprattutto la mica fuori controllo. Ed un na-
l’Europa possa offrire e che cosa lità era il grande obiettivo e ha nelle strutture di governo, non Chiesa ortodossa godono della zionalismo sempre più aggressi-
la Serbia possa concedere. Gli significato per oltre un decennio ha nessuna intenzioni di conse- e pacificare stima e della fiducia della gente. vo che può essere tentato, sfrut-
spazi di manovra sembrano per soprattutto imbobilismo. E la zo- gnare Mladic, non ha nessuno in- È dunque il ritratto di un paese tando la frustrazione collettiva,
entrambi scivolosi ed angusti. na entrò in un cono d’ombra. teresse a entrare in Europa e raf- la regione umiliato che non accetta più de- da nuove pericolose avventure.
L’Europa vive una crisi profon- forzare lo stato di diritto. Perde-
da: l’economia è in difficoltà, ma MA OGGI IL PROBLEMA si rebbe potere e privilegi”. Ed il
soprattutto l’immigrazione ha ripresenta in modo altrettanto movimento democratico di cen-
travolto una lunga professione di urgente di allora: molte delle na- tinaia di migliaia di dimostranti Divieti d’Italia
liberalismo rilanciando un po’ zioni ex-Jugoslave sono sull’orlo che, dieci anni fa, costrinse Mi-
ovunque – compresi i bastioni li-
berali del Nord – estremismi di
del fallimento, senza una vera
economia, dominate dal crimine
losevic alle dimissioni, si è come
inaridito, schiacciato da anni di
Messaggio al sindaco:
destra, nazionalismi, antisemi-
smo, con rigurgiti apertamente
organizzato, con istituzioni de-
bolissime e sono paesi dove è
isolamento, impoverito da anni
di sanzioni economiche, sotto la
giù le mani dalla minigonna
nazisti (come nella Germania sempre più forte quel coagolo di cappa di u’accusa – che ritiene
dell’est e in Ungheria). L’ulterio- nazionalismi, estremismo reli- ingiusta – di responsabilità col- GLI INGLESI, CHE LE HANNO inventate, le Italia?). E ancora il tema è sull’Independent e
re allargamento dell’Unione non gioso, tensioni etniche e nuovi lettiva. Il sociologo Srdjan Bogo- difendono ad oltranza. Ma anche gli sul Daily Mail (“Città italiana vieta minigonne
è perciò un argomento popola- impulsi alla vendetta che sono la savljevic dice che l’Europa che americani non scherzano: dietro il divieto di come parte nuove regole contro
re. L’Europa affronta dunque, an- ricetta della sua cronica instabi- oggi porge la sua mano non ha minigonna, anzi di abiti eccessivamente comportamenti anti-sociali”). Un dispaccio
cora una volta, la sua vecchia os- lità. L’Economist ha scritto di re- più quell’aurea mitica, quasi da succinti a Castellammare di Stabia, loro forse dell’Ap, poi, invade i siti Usa dal Washington
intravvedono un attacco alla libertà di Post al Chicago Tribune: “Quanto può essere
espressione. La scabrosa vicenda aveva già corta una minigonna? Città italiana vuole

Le verità irachene mandano fatto capolino nei giorni scorsi sulla stampa
internazionale, un articolo qui, un altro là –
lunedì ad esempio stava sulla Bbc e sul
imporre un codice vestimentario per
migliorare i comportamenti civili”. Tentativi
cui gli Stati Uniti non sono estranei: ogni
in frantumi Wikileaks Mundo – ma ieri ha proprio sfondato. Il
Guardian la mette in homepage, quasi un
anno c’è un liceo d’America che s’inventa
regole contro i jeans stracciati, le canotte
grido d’allarme, “Minigonne vietate”; il Times bucate e l’eccessivamente succinto.
di Jerome Taylor Molti volontari e lo imita, ma è possibilista, “Sindaco italiano
tenta di vietare minigonne” (e quando mai
Luigi Bobbio, primo cittadino stabiese, non
s’è dunque inventato nulla.

Sto,econdo quanto affermano ex


dipendenti e volontari del si-
collaboratori qualcuno riesce a vietare davvero qualcosa in G. G.

una guerra segreta nel cuore


di Wikileaks ha di fatto impedito
lasciano il sito:
la pubblicazione di altri docu- ne. Ma alcuni di coloro che hanno si scoop Wikileaks si preoccu- Uniti non è il motivo per cui Wi-
menti oltre a quelli riguardanti le si occupa solo manifestato una crescente disaf- pava prevalentemente di creare kileaks ha visto la luce” ha detto
guerre in Afghanistan e in Iraq. fezione nei confronti del sito so- hub informatici che consentiva- Daniel Domscheit-Berg a Der
La recente pubblicazione di oltre di Afghanistan e stengono che bisognerebbe dedi- no alla gente di postare le infor- Spiegel. Al che, Assange ha rispo-
390.000 documenti segreti delle care più attenzione a notizie riser- mazioni. Lo scopo non era solo sto: “Come molti ex dipendenti
forze armate americane in Iraq – Iraq, ignorando il vate provenienti da ambienti di- di puntare agli scoop interna- che vengono sospesi ha deciso
che vanno ad aggiungersi ai versi, in particolare al crescente zionali”. di prendersela con il suo ex da-
77.000 sulla missione in Afgha- resto del mondo numero di rapporti riservati ri- tore di lavoro”. E ha aggiunto
nistan di qualche mese fa – è stata guardanti le dittature e le multi- IL COMPORTAMENTO a che quanti accusano Wikileaks
salutata come la più grande cam- nazionali. volte imprevedibile di Assange di ignorare informative diverse
pagna di contro-informazione molte nuove rivelazioni dedican- no posti chiave hanno comincia- Birgitta Jonsdottir, parlamenta- ha anche causato problemi da quelle sull’Afghanistan e
della storia. Ma alcuni ex colla- do troppa attenzione ai conflitti in to a nutrire preoccupazioni per la re islandese che ha recente- all’interno dell’organizzazione. sull’Iraq sono in errore. “Che si
boratori sostengono che l’osses- Iraq e in Afghanistan. gestione di Wikileaks e l’eccessi- mente abbandonato Wikileaks, Il trentanovenne nato in Austra- possa avere questa percezione
sione del sito per l’establi- va attenzione dedicata ai dossier ha svolto un ruolo chiave nella lia ha interrotto un’intervista ci preoccupa, ma non si tratta di
shment militare americano ha IL PROGRAMMA in codice militari americani a spese di qua- pubblicazione del video Collate- con la Cnn quando il giornalista una percezione giusta”, ha det-
fatto sì che Wikileaks perdesse di del sito che permette agli utenti di lunque altra informazione”. Wiki- ral Murder che mostrava un eli- ha insistito sui disaccordi in se- to. “Negli ultimi quattro anni
vista il principio ispiratore se- inviare informazioni senza correre leaks ammette che un membro cottero Apache mentre abbat- no a Wikileaks. Il mese scorso il abbiamo pubblicato informa-
condo cui tutte le notizie segrete rischi è fuori uso da quattro setti- della sezione che si occupa di ri- teva a Baghdad uomini armati, numero due dell’organizzazio- zioni riservate provenienti da
e riservate, piccole o grandi che mane, rendendo impossibile l’arri- cevere i documenti se n’è andato, ma anche civili oltre a due gior- ne – il tedesco Daniel Schmidt, oltre 100 Paesi, da New York a
siano, vanno portate a conoscen- vo di materiale nuovo. Secondo gli ma aggiunge che il momentaneo nalisti della Reuters. La pubbli- il cui vero nome è in realtà Da- Nairobi. Decidiamo sempre in
za dell’opinione pubblica. Il fon- ex sostenitori, la sezione che si oc- mancato funzionamento si deve a cazione del video ha fatto cono- niel Domscheit-Berg – se ne è base all’importanza e alla tem-
datore, Julian Assange, ha rispo- cupa di ricevere i documenti è in problemi tecnici. In parte il pro- scere il sito in tutto il mondo, andato dopo che Assange lo pestività delle notizie. La pros-
sto alle accuse affermando che crisi perché i responsabili della se- blema di Wikileaks va attribuito al ma Birgitta Jonsdottir pensa che aveva sospeso per una non me- sima pubblicazione riguarderà
gli ex colleghi sono “personaggi zione sono in polemica con Assan- fatto che ha dovuto gestire e pro- poi avrebbe dovuto occuparsi glio specificata “cattiva condot- l’Afghanistan. Poi, con ogni
di poco conto che diffondono ge sulla gestione del sito. “A parte i cessare una quantità enorme di in misura maggiore di altre no- ta”. Al pari di altri che hanno ab- probabilità, pubblicheremo no-
voci false”. Si sa che negli ultimi dossier su Afghanistan e Iraq, Wi- dati relativi ai documenti sull’Af- tizie riservate, anche se meno bandonato Wikileaks, ha moti- tizie e documenti su Cina e Rus-
mesi una dozzina di sostenitori kileaks è stato bloccato dalle pole- ghanistan e a quelli sull’Iraq che clamorose. “Non voglio sminui- vato la sua decisione sia con la sia’”.
di primo piano hanno abbando- miche interne e dalla politica”, di- comprendevano decine di mi- re l’importanza dei dossier ira- gestione del sito che con il com- Copyright The Independent;
nato Wikileaks. Anche loro so- ce Smari McCarthy, già volontario gliaia di rapporti scritti in gergo cheni – dice – ma da tempo so- portamento del fondatore. traduzione di Carlo Antonio
stengono che il sito ha ignorato per il sito. “Persone che occupava- militare di difficile comprensio- stengo che prima di questi gros- “Questo scontro con gli Stati Biscotto
Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 13

DAL MONDO

N
CONDANNATO A MORTE TAREQ AZIZ PAKISTAN E HAITI
Il colera dopo
le devastazioni

“VOLTO SPOT” DELL’IRAQ PER L’OCCIDENTE A ltri 25 morti ad Haiti


per il colera in poche
ore fanno salire a 284 le
vittime accertate. Anche
in Pakistan, nelle aree
Secondo Baghdad perseguitò il partito del premier al Maliki devastate dalle
inondazioni è scoppiata
un’epidemia di colera. Le
autorità hanno
di Giampiero Gramaglia la clemenza. Tareq Aziz aveva da Papa Giovanni Paolo II, che premier Nouri al Maliki, che, in pea. E Marco Pannella proclama confermato 99 casi. L’Oms
già subito condanne: sette anni spedì poi a Washington in mis- questi giorni, è sotto attacco per uno sciopero della fame e della si sta attivando per
opo Saddam Hussein, Alì per la deportazione di popola- sete “totale e immediato”: ''Vo- arginare i rischi di

D
sione di pace il cardinale Laghi. Il le rivelazioni di Wikileaks: “La
il chimico e pochi altri zioni curde dal Nord dell’Iraq, 9 aprile 2003, il giorno della pre- condanna a morte di mio padre – gliono strozzarlo per impedirgli epidemia.
boiardi del regime irache- dove c’è petrolio e 15 anni per sa di Baghdad, la sua villa fu sac- dice il figlio Ziad ad al-Arabiya – è di parlare – dice – come fecero
no, la condanna a morte l’uccisione di 42 commercianti cheggiata. Il 25 aprile, si arrese una vendetta per quanto avvenu- con Saddam. Chiedo a Silvio Ber-
s’abbatte su Tareq Aziz, 74 anni, e imprenditori a Baghdad nel nelle mani degli americani, che to in passato in Iraq”. Secondo lusconi, che quasi ossessivamen-
ex vice-premier ed ex ministro 1992. L’ex vice-premier era sta- poi lo consegnarono agli irache- Ziad, il padre “non c’entra nulla te afferma di avere per amici, e
degli Esteri ritenuto il volto to assolto, invece, dall’accusa di ni. Mario Lana, presidente con le repressioni religiose degli non solo complici, i potenti della
umano del sistema di potere complicità nell’uccisione e nel- dell’Unione forense per la tutela Anni 80”. E, anzi, il Dawa lo ferì Terra, specie Bush, Blair, Putin e
baathista, il cristiano interlocu- la deportazione di comunità dei diritti dell’uomo e suo avvo- in un attentato nel 1980. Gheddafi, di dimostrarcelo in
tore del Vaticano e delle diplo- sciite nel 1999. cato, esprime “sorpresa” e dice: questa occasione. Ne ha il dove-
mazie occidentali. Il tribunale “Vogliono tappargli la bocca”. In L’UE CONSIDERA “inaccet- re, essendo stato fra i principali
speciale di Baghdad lo giudica I LEGALI DI TAREQ in con- Iraq, ma anche in America, ci sa- tabile” la condanna a morte e responsabili della guerra in Iraq,
colpevole delle persecuzioni dizioni di salute precarie, faran- rebbe chi ha paura che parli. Se- chiede che Baghdad fermi il scoppiata per impedire l’esilio
subite dai partiti islamici. Lui, no appello all’Alta Corte, addu- condo l’accusa, Tareq avrebbe boia. Da Pechino, dove sono in di Saddam e la pace, in quel caso
prostrato, dimesso, ascolta il cendo anche considerazioni partecipato alle angherie contro visita, Napolitano e Frattini asso- ingannando il Parlamento e il po- IRAN
verdetto appoggiato alla sbarra. umanitarie. E chiederanno l’in- il Dawa, il partito dell’attuale ciano l’Italia all’iniziativa euro- polo italiano”.
E nel mondo si levano appelli al- tervento del Vaticano, sollecita- “All’Afghanistan
to da più parti, perché fermi 640 milioni”
Pannella, in
l’esecuzione. Consumato politi-
co e abile diplomatico, Tareq
Aziz fu l'unico gerarca di Saddam
Il giorno che il ministro di Saddam “I l contributo dell'Iran
all'Afghanistan è pari
sciopero della Hussein accettato come interlo-
cutore internazionale. Nato nel
pregò sulla tomba di San Francesco a 340 milioni di dollari, più
una linea di credito di 300
fame e della 1936 a Mosul col nome cristiano
di Michael Yuhanna, da famiglia di Roberta Zunini to a evitare ulteriori nefandezze del regime di
milioni”. Lo afferma il
viceministro degli Esteri
cattolica di rito caldeo, laureato Saddam”. Anche se Aziz è stato per decenni il iraniano, Ali Ahani, in
sete: “Vogliono in inglese, giornalista, ministro uando nel febbraio del 2003, Tareq Aziz en- vice di Saddam è diventato presto “il volto uma- visita a Roma. Il presidente
strozzarlo dell'Informazione, fu a capo de-
gli Esteri per otto anni, anche du-
Qsi soffermò
trò nella basilica di San Francesco ad Assisi,
a lungo sull’affresco di Giotto in cui
no del regime”. Potenza della Chiesa. A cui Aziz
ricorse in estremis. “Continuava a ripeterci che
afgano Karzai, dopo uno
scoop del New York Times
rante la Guerra del Golfo del si vede il “poverello” al cospetto del sultano sperava nella forza morale della Chiesa”, ricor- aveva dichiarato di ricevere
per impedirgli 1991. Divenuto vice-premier, il d’Egitto. L’allora ministro degli esteri di Sad- da padre Fortunato. “Aziz era molto pacato, ri- da Teheran 1,4 milioni di
14 febbraio del 2003, nell’immi- dam, di fede cristiana caldea, era in visita flessivo. Certamente era preoccupato ma era euro. “L’Iran ospita sul suo
di parlare” nenza dell’invasione, fu ricevuto d’emergenza in Italia per chiedere al Papa di in- interessato anche ad approfondire alcuni aspet- territorio 3 milioni di
tercedere diplomaticamente. La guerra stava ti della figura di San Francesco. Soprattutto lo cittadini afgani e facciamo
Tareq Aziz con Karol Wojtyla nel 2003 (FOTO ANSA) per essere dichiarata e Aziz fu inviato da Sad- impressionò la vicenda di San Francesco che studiare gratuitamente
dam a tentare il tutto per tutto, per scongiurar- nel 1219 si recò in Egitto per far sapere al sul- nelle nostre scuole 330mila
la. Saddam confidava nelle amicizie di Aziz – alti tano Melek-el -Kamil di essere contrario alle studenti afgani”.
prelati e politici cattolici come Roberto Formi- crociate, alla violenza e alla guerra. Francesco
goni – ma a Tareq Aziz sembrò opportuno chie- credeva nel dialogo e nel confronto tra culture PAPUA NUOVA GUINEA
dere anche l’intercessione del Santo, maestro diverse. Durante la sua preghiera, inginocchia-
di umiltà e dialogo. “Dopo aver ricevuto una to sulla tomba del Santo, facemmo suonare il Il premio
chiamata dal suo entourage che ci informava corno che il sultano donò a Francesco e che motosega d’oro
della sua intenzione di venire a pregare sulla viene conservato nella cappella delle reliquie.
tomba di San Francesco – racconta padre Enzo
Fortunato che commentò in diretta per Rai 3 la
sosta spirituale del numero due del regime ira-
Aziz aveva gli occhi lucidi”. La visita in tutto du-
rò qualche ora e si concluse con la richiesta da
parte di Aziz dei tau, i simboli del fraticello.
G reenpeace ha
“premiato” il governo
di Papua Nuova Guinea con
cheno – ci consultammo perchè sapevamo che Tareq Aziz – il cui vero nome, Michael Youhan- la Motosega d’oro per
sarebbe stata una visita mediaticamente impe- na, suonava troppo occidentale per contrad- essersi dimostrato “avido
gnativa. Infatti arrivarono richieste dai giorna- distinguere un politico mediorientale – disse piuttosto che verde”
listi di tutto il mondo. Al contempo avremmo che avrebbe voluto portarli ai suoi familiari, di nell’affrontare il
dovuto preservarne il carattere privato e spi- fede cristiana come lui. Il tau, che in realtà è cambiamento climatico,
rituale”. Una situazione delicata che i frati con- l’ultima lettera dell’alfabeto ebraico, era stato mancando di proteggere le
ventuali risolsero attenendosi a uno dei precet- adottato da San Francesco come segno di be- sue foreste. Il
ti chiave della regola di San Francesco: “Acco- nedizione. “Siamo fermamente contrari alla “riconoscimento” è andato
gliere benignamente chiunque venga da noi – pena di morte nei confronti di tutti. Tareq Aziz in passato a grandi
prosegue padre Fortunato – “La figura di Aziz non fa eccezione – conclude padre Fortunato compagnie del legname
per noi non è comunque una figura negativa – qualsiasi cosa abbia fatto”. I frati sperano che operanti in Amazzonia,
perchè pensiamo che potrebbe aver contribui- la benedizione di allora, gli sia d’aiuto oggi. Malaysia e Congo.

NAPOLITANO IN CINA Il doppio flagello


PIÙ RICCHI, MA ANCHE PIÙ UMANI dell’Indonesia
ospite italiano è cortese ma fermo, e am- grande paese emergente”, richiamando il
L’e nelmanta ma non cela nelle buone maniere
basso profilo apprezzati dalla tradizio-
ruolo “determinante” che “per dimensio-
ni, peso commerciale, risorse strategiche,
ne imperial-comunista cinese ciò che mol- proiezione politica” la Cina ha per il man-
ta parte del mondo occidentale si chiede tenimento della pace e della sicurezza in
del regime di Pechino, ovvero i diritti uma- Asia. “Non sono venuto in Cina per puntare
ni e le libertà personali oltre la crescita eco- il dito su una questione specifica, per quan-
nomica e la prosperità. Alle massime auto- to drammatica, come quella di Liu Xiaobo -
rità cinesi Giorgio Napolitano non ha posto ha spiegato il Capo dello Stato - ma per por-
la questione specifica di Liu Xiaobo, il dis- re la questione generale dei rapporti fra Ue
sidente che ha ricevuto il Premio Nobel per e Cina, e del suo ruolo per assicurare pace e
la Pace (agli arresti da 11 anni), ma nel di- stabilità. Ciò non toglie che la questione esi-
scorso alla Scuola centrale del Partito co- sta e sia presente anche alle autorità cine-
munista, e poi nei colloqui con il presiden- si”, ha spiegato, che ne parlano sia pure
te Hu Jintao, ha affrontato quella più gene- “nel loro linguaggio in termini di migliora-
rale del rispetto dei diritti umani. La Cina, mento” sul terreno dei diritti.
ha detto, deve proseguire “il cammino in- Napolitano con Hu Jintao (FOTO ANSA) Sfollati a Sumatra (FOTO LAPRESSE)
trapreso” delle riforme politiche per raffor- AL DI LÀ DEI TEMI PIÙ POLITICI, la
zare lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti visita di Napolitano - accompagnato dal mi- globalizzazione, e di riconoscere alla Cina lo oppia emergenza in Indonesia: lo tsunami a Sumatra e l’eru-
umani e verso l’apertura e la liberalizzazio-
ne dei mercati. “Sono convinto che sia
nistro degli Esteri Frattini - punta a svilup-
pare più stretti rapporti tra Cina Italia ed Eu-
status di economia di mercato. “Abbiamo bi-
sogno di capirci meglio. La Cina ha già mo-
Dterremoto
zione del vulcano Merapi a Giava. L'onda anomala – nata da un
di magnitudo 7,7 della scala Richter – ieri ha spazzato
nell’interesse cinese portare avanti, in pie- ropa. “Noi europei - ha detto - con la Cina strato una straordinaria voglia di capire l’Oc- via una decina di villaggi, mentre le vittime sarebbero oltre 110 e
na autonomia questo processo. Con il suc- dobbiamo passare dall’interdipendenza cidente. Sono adesso gli europei che hanno oltre 500 i dispersi (ma il bilancio è parziale). Per sfuggire alla
cesso crescono le responsabilità”, ha ag- economico-finanziaria a una cooperazione da imparare dall’esempio cinese”. furia del vulcano – che pare abbia ucciso 16 persone – a Giava
giunto riprendendo un concetto che è nel- interattiva reciprocamente vantaggiosa” e Il presidente ha poi ricordato l’entusiasmo sono state invece evacuati quasi ventimila abitanti. Lo tsunami ha
la motivazione del Nobel a Liu Xiaobo. E lo spiega che è “nell’interesse cinese” portare provato quando Mao fondò la Repubblica generato onde alte tre metri che hanno riportato alla mente la
ha detto elencando gli straordinari successi avanti “il cammino intrapreso sulla via delle Popolare. Poi, ha detto, sono crollate le ideo- tragedia del 2004, quando ci furono più di 240mila morti. La zona
- cari alla leadership della seconda econo- riforme”. Agli europei, invece, Napolitano logie, e anche l’utopia e la mistificazione più colpita, circa 300 chilometri a sud di Padang, è molto fre-
mia mondiale e refrain della loro politica chiede di superare “barriere spesso psico- che il socialismo potesse essere un sistema quentata da turisti e surfisti. Sono scomparsi, infatti, una decina
internazionale - di quel che “è stato il primo logiche e in controtendenza” rispetto alla alternativo all’economia di mercato. di surfisti australiani. Nessun italiano risulta coinvolto.
pagina 14 Mercoledì 27 ottobre 2010

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

L’ANTICIPAZIONE
Esce oggi l’ultima Argento Juventus Prodigi Esclusi
raccolta di racconti Asia porta
in tribunale
Krasic
squalificato
A 56 anni,
il bielorusso
Pallone
d’Oro 2010,
l’intervista per 2 turni: Pudyshev nessun

TABUCCHI
di Morgan “Violenza ha giocato italiano tra i
a Max mediatica” in serie A 23 candidati

TACCUINO DI UN VIAGGIATORE
di Antonio Tabucchi Chiusi gli occhi e mi rasse-
gnai. La strada era costeggia-
giovane con due segni colo-
rati sulla fronte e una camicia
un pacco postale. Poi vinsi la
mia riluttanza e replicai: «Un
del mio finestrino. Lui si
sentì osservato e a sua volta
to, ma capii che era smar-
rita quanto me. Accanto a

D
ta da alberi di mango, l’au- bianca che gli arrivava alle gi- cadavere, perché porta un mi guardò. Io feci un cenno noi c’era un marziano nella
tista guidava con concentra- nocchia. Dietro, sul portaba- cadavere?». «Lo porta a bru- di saluto col capo, ma lui sua totale umanità, ma noi,
zione e fumava uno di quei gagli, messo di traverso, ave- ciare in un tempio di Maha- rimase impassibile; guarda- a nostra volta marziani, co-
sigarini indiani profumati, va un involucro lungo e sot- balipuram », rispose l’autista va davanti a sé il passaggio a me potevamo comunicare
fatti con una sola foglia di ta- tile avvolto in bende bian- con flemma, «ci sono le pire livello, anzi, oltre il passag- con un umano? Fu un im-
bacco, che si chiamano Ga- che, come un enorme sfila- e le acque dei laghi sono san- gio a livello. Cominciai a pulso, le parole mi uscirono
nesh. Mi ero appisolato, tino. te, possono ricevere le cene- provare un disagio difficile dalla bocca prima che mi
aprii gli occhi e guardai at- ri». da definire, come se sentissi fosse possibile formularle
traverso il parabrezza. C’era CHIESI ALL’AUTISTA Sbirciai l’uomo dalla fessura il dovere di partecipargli in nel pensiero; guardai l’uo-
un passaggio a livello chiuso. cosa mai trasportasse. Lui


In India, a un passaggio a li- succhiò il suo sigarino e ri-
vello, si può trovare di tutto. spose come se fosse la cosa Ho viaggiato molto, lo ammetto;
E infatti i viaggiatori fermi da- più naturale del mondo: «Un
vanti alla sbarra erano piut- cadavere». Non ebbi il corag- ho visitato e ho vissuto in molti
a Madras, l’unico mezzo per tosto eterocliti. C’era un ri- gio di dir niente. Il sole era
raggiungere Kancheepuram sciò motorizzato, dal quale il implacabile, sudavo, mi sen- altrove. E lo sento come un grande
e Mahabalipuram, le due cit- guidatore era sceso, dipinto tivo a disagio, avrei voluto es-
tà sante dell’estrema punta di giallo e con un’enorme sere altrove e invece ero lì, privilegio, perché posare i piedi sul
del Sud dell’India, era l’au- scritta indecifrabile, forse in fermo a quell’assurdo pas- medesimo suolo per tutta la vita può
tomobile. Ma in albergo ave- hindi, forse in una lingua del saggio a livello, accanto a un
vano cortesemente insistito Sud. Insomma: l’ignoto. uomo in motoretta che tra- provocare un dannoso equivoco, farci
affinché noleggiassimo una C’era un uomo in bicicletta sportava un cadavere come
macchina con l’autista. A un col viso tinto di biacca e una credere che quella terra ci appartenga,
certo punto avevo capito garza sulla bocca, era certa-
che dietro la cortese insi- mente di religione jainista, la come se essa non fosse in prestito.


stenza c’era un preciso di- biacca era un segno di umiltà Come tutto è in prestito nella vita
vieto statale: nel paese Tamil e la garza sulla bocca gli im- Antonio Tabucchi
Nadu non era consentito al pediva di ingoiare un insetto, visto da
turista, per ragioni di sicu- che poteva essere la forma di Emanuele Fucecchi
rezza, guidare personalmen- una persona che stava attra- qualche mo- mo e pronunciai la frase più
te una macchina affittata. versando un altro stadio do la mia so- ridicola che uno può dire in
dell’esistenza. C’era anche lidarietà o una simile circostanza. Pun-
ORA IO E MARIA JOSÉ un elefante con la fronte di- qualcosa di tandomi il dito sul petto, gli
ci trovavamo fra Kancheepu- pinta di segni violetti, forse simile, e dissi: «I am Italian». Anche
ram e Mahabalipuram. Il un elefante sacro, cavalcato l’impossibi- lui mi guardò; era uno
viaggio era stato molto lun- dal suo karnak. Infine arrivò lità di farlo sguardo dolce e opaco, nel
go, l’automobile era una Am- una motoretta e si piazzò al- mi desse un quale non brillava nessuna
bassador piuttosto scassata la destra del taxi, proprio senso di col- forma di comprensione.
di fabbricazione indiana, pri- accanto a me. Era guidata pa. Quel be- Strinsi la mano di Maria José
va di aria condizionata. Dalla da un uomo abbastanza nedetto tre- e ripetei automaticamente
mia parte il finestrino si ab- no tardava a a bassa voce: «Italian».
bassava solo di pochi centi- passare, or-
metri. L’autista era un uomo mai erava- MA IN QUEL momento il
silenzioso e reticente con il L’AMORE PER IL PORTOGALLO mo fermi da treno passò, il passaggio a li-
quale avevo cercato di par- Antonio Tabucchi è nato Pisa nel 1943. Si perfeziona un quarto d’ora almeno, ero vello si aprì e il nostro autista
lare delle tradizioni religiose alla Scuola Normale Superiore negli anni '70 e nel inzuppato di sudore, lo partì senza indugio suonan-
delle due grandi città sante. 1973 viene chiamato a insegnare Lingua e letteratura scoppiettio della motoret- do il clacson per cercare di
«Probabilmente la sua guida portoghese a Bologna. Nel 1973 scrive Piazza d'Italia ta, che l’uomo non aveva superare animali e biciclette.
può darle informazioni mi- (Bompiani). Dal 1985 al 1987 è direttore dell'Istituto spento, mi martellava nella Come per istinto mi girai a
gliori delle mie», aveva taglia- Italiano di Cultura di Lisbona. Sostiene Pereira testa. Cercavo di pensare a guardare l’uomo col cadave-
to corto, e da allora eravamo (Feltrinelli), vincitore del Premio Super Campiello, cosa si può dire a una per- re. Il suo volto si era aperto in
rimasti in silenzio. Faceva un del Premio Scanno e del Premio Jean Monnet per la sona che fa il nostro stesso un largo sorriso, gli brillava-
caldo terrificante, le sospen- Letteratura europea. Il protagonista di questo percorso, per quegli strani no gli occhi, batteva sul ma-
sioni dell’Ambassador erano romanzo diventa il simbolo della difesa della libertà casi voluti dal caso, e invece nubrio della sua motoretta:
ormai andate e ogni buca d'informazione per gli oppositori politici di tutti i di fare un viaggio di piacere «Vespa! », gridò, «Vespa!». Lo
della strada mi entrava nelle regimi antidemocratici. come era il mio porta un ca- ricordo così, mentre si allon-
reni. Cercavo inutilmente di Nel 1998 riceve dall'Accademia Leibniz il Premio davere sulla motoretta, for- tanava nel lunotto posterio-
far funzionare la manovella Viaggi e altri viaggi Nossack. Nel 2001 pubblica “Si sta facendo sempre se suo padre o sua madre, re dell’automobile, che mi fa-
del finestrino, e i sedili rive- Antonio Tabucchi più tardi”, con cui vince l premio France Culture per la chissà. Gli si dice: va anche ceva ampi cenni di saluto
stiti di finta pelle mi avevano FELTRINELLI EDITORE letteratura straniera. Sempre con Feltrinelli, nel 2009, lei a Mahabalipuram? Op- con le braccia. E anch’io lo
incollato la camicia alla 17,50 EURO - 260 PAGG, ha pubblicato “Il tempo invecchia in fretta”. Esce oggi pure: le mie più sentite con- salutai infilando la mano nel-
schiena per il sudore. la raccolta di racconti “Viaggi e altri viaggi”: qui sopra doglianze? E poi: due esseri la fessura del finestrino.
il racconto “Verso Mahabalipuram”. Lisbona è la città umani, in una tale circo-
in cui vive scrivendo per sei mesi all'anno, insieme alla stanza, devono davvero dir-
moglie Maria José e ai due figli. Passa il resto dell'anno si qualcosa?
in Toscana: insegna Letteratura all'Università di Siena. GuardaiMaria José come se
le chiedessi un suggerimen-
Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 15

SECONDO TEMPO

BENVENUTI AL SUD

IL BELLO DI ESSER
TERRONI
di Malcom Pagani Ancora non siamo rodati, la-
e SIlvia Truzzi voriamo singolarmente, poi
amalgamiamo il materiale.
rasse regine del matriar- Per otto anni, in pubblicità

G cato sudista che obbli-


gano ospiti lùmbard a
ingurgitare all’alba cola-
zioni a base di sanguinaccio:
“Le piace dottò? È cioccolato
e al cinema, lei ha diviso il
pane con Paolo Genovese.
Separarsi era naturale. Abbia-
mo ideato molti spot e un pic-
colo film Incantesimo napole-
e sangue di maiale”. Un ragaz-
zo geloso, innamorato, impri-
Luca Miniero e un successo tano.
Trama?
gionato in un complesso Una famiglia di Napoli, padre
d’Edipo al sapore di pomodo-
ro ‘nbuttunato, che chiede
da oltre 20 milioni di incassi e madre, campanamente or-
todossa, cui capita una disgra-
all’amata di sposarlo. Poliziot- zia.
ti della stradale che benedico- paci di confinare Inception e lo una commedia senza pre- Non prendersi mai troppo sul losofia alla radice di Benve- Quale?
no laicamente gli automobili- Wall Street nella scomoda pol- tese e i capolavori abitano al- serio offre buone possibilità nuti al sud? La loro unica figlia, fin dalla
sti: “È diretto a Napoli? Pove- trona degli sconfitti. Il rifaci- trove. Garantisco”. di sopravvivere alla demenza È una parodia degli eccessi le- nascita, parla in milanese
rino, come la capisco, anche mento di Giù al Nord di Dany Però le è cambiata la vita. e alla presunzione. ghisti e degli intoccabili sacra- stretto. Loro si vergognano,
mio fratello ha combattuto in Boon (Il più grande successo Prima bussavo a porte che ri- Non si sente un autore? ri della meridionalità. Ma è so- cercano di nasconderlo, lei
Kosovo”. Spazzatura che vola economico della storia del ci- manevano chiuse. Ora mi cer- Per carità. Non sono uno spe- lo un’occasione per sdramma- sogna di visitare il Duomo e
dalle finestre, sadici vigili e nema francese) scritto dallo cano e devo valutare circa 50 rimentatore, ma un tradizio- tizzare. Il mio film dimostra detesta i friarielli.
quadri che raffigurano forme sceneggiatore di Gomorra Mas- copioni. Mi sta succedendo di nalista. Nuoto nella tradizione che il cinema italiano esiste. E In Benvenuti al Sud, il di-
di gorgonzola, come nella simo Gaudioso ha cambiato la tutto. del teatro napoletano. rettore di una filiale delle
scuola Marilyn Monroe, del vita a un corpulento ragazzo Le dispiace? Registri solidi. poste, Claudio Bisio vede
Bianca di Moretti, dove al po- napoletano di 42 anni. Luca No, ma neanche mi monto la Il grottesco, l’assurdo, l’im- Milano come Betlem-
sto del ritratto di Sandro Per- Miniero ha barba incolta che testa. I miei genitori, impiega- probabile. Ridere della retori- me.
tini, troneggiava Dino Zoff al circonda occhiali da intellet- ti napoletani della media bor- ca è terapeutico. E pur di raggiungerla
Bernabeu di Madrid. Oscuri tuale. Nonostante la laurea in ghesia mi hanno insegnato il “Le persone al sud piango- imbroglia, assecon-
travet della bassa padana che Lettere moderne, la parola lo realismo e alcune regole fon- no due volte. Quando arri- dando la generale
sognano il trasferimento a Mi- terrorizza al pari delle letture damentali. vano e quando partono”. scorrettezza che
lano e pur di realizzarlo, sono sociologiche: “Il mio film è so- Esponga. Non è retorica anche la fi- nella patria del luo-
pronti a fingersi paraplegici: go comune è una
la truffa viene smascherata sul esclusiva prerogati-
più bello e Claudio Bisio pa- Prudenza va degli uomini del
racadutato a Castellabate. e umiltà sud.
Una scena, sola, racconta la Qualcuno ha criti-
grazia di Benvenuti al Sud: il Me-
ridione che mette in parodia i
preconcetti di cui è vittima, a
beneficio di una nordista (An-
gela Finocchiaro) convinta
“ Una commedia
senza pretese,
cato l’eccessiva sem-
plificazione di un dissi-
dio reale.
Facebook serve soprattutto a
questo. È una tribuna aperta e
che Castellabate sia la perife- che però dimostra sfruttandola, mi hanno scritto
ria di Kabul. Perché? Chi si nu- a migliaia. Qualcuno si è in-
tre di pregiudizi, non si sazia come il pubblico cazzato, anche.
con la realtà. Perché?
Una commedia scorretta ma non rifiuti Per esigenze di narrazione ho
inoffensiva sull'eterna dicoto- situato Castellabate in provin-
mia settentrional-meridiona- pregiudizialmente cia di Napoli. Nella mia città,
le che si è fatta strada nella pi- bene e male sono sempre in
gra programmazione autun- i nostri film equilibrio, ma la rabbia della
nale, anticipando i cinepanet-
toni e battendoli sull'unico
terreno in cui i film di Natale
accettino di battersi. Benvenuti
al sud è il secondo incasso del-
” Una scena
di Benvenuti al Sud.
gente di Salerno è la dimostra-
zione che non esiste una sola
Italia, ma infinite frazioni che
girano intorno a un particola-
rismo ossessivo.
l'anno dopo Avatar. Ventuno Nel tondo, il regista La sua favola ha una mora-
milioni di euro e più di tre mi- Luca Miniero le?
lioni e mezzo di spettatori ca- (FOTO ANSA) La secessione mi fa orrore, ma
lo Stato che cala dall’alto
un’unità rapidissima a cancel-
anche senza rutti, può diven- lare le identità locali, mi in-
PREMIO Solinas: ragazzi, copioni e caffè freddi. tare un’industria. Non è detto
che denaro sia il sinonimo di
quieta. Volevo giocare su que-
sto.
diabolico. Bossi?
Viaggio nel pianeta in cui il nepotismo è messo alla porta Perché Usmate e Castella-
bate e non Milano e Napo-
Provoca per iperboli, alimen-
ta gli istinti peggiori, ma alla
alle finestre affacciate sulla zie alla figlia Francesca ne ha diletto, che aveva spedito il li? fine, riesce spesso a ottenere
DSolinas
periferia di Roma, Franco superato la lezione. In questi manoscritto al Solinas senza
immaginava Algeri e le anni, dalle valutazioni dei giu- nessuna aspettativa e per fare
Per raccontare il rapporto tra
provincia e centro. Poi nessu-
ciò che vuole.
Davvero?
battaglie messe in scena da rati sono passati tutti i migliori della disillusione un manife- no avrebbe creduto a una Na-
Gillo Pontecorvo, Salvatore registi italiani. Paolo Sorrenti- sto, non aveva allegato nean- poli senza camorra. Il film
Giuliano e le indagini di Fran- no con L’uomo in più, Marco che un numero di telefono. Lo guarda con più dolcezza al Novità
cesco Rosi, le ombre bianche Tullio Giordana con I cento hanno ritrovato. A fatica. Ieri, Sud: a Napoli era più difficile lessicali
di Nicholas Ray e le spiagge passi poi le arance piantate nel 12 concorrenti. Titoli e poe- capovolgere i luoghi comuni.
della Maddalena. Fu lì che l’in-
digeno Solinas andò a vivere
(carta e penna a portata di ma-
no) prima di andarsene defi-
nitivamente tra le architetture
deserto di Salvatores e una li-
sta di altri ventidue eletti. Il
Solinas, nato nel 1986, ha
compiuto 25 anni. Nel tem-
po, non sono intervenuti ap-
tiche lontanissime tra loro.
Ragazze albanesi, musiche
Rom, mercenari e nostalgici
del calciobalilla. A proporle,
ragazzi 40enni che in qualche
Essersi fatto distribuire
l’opera da Medusa, pro-
prietà di Berlusconi, la im-
barazza?
No, non credo che tocchi agli
“ Adesso si
dichiarano tutti
rigorose di Latina, a fine estate prezzabili cambiamenti. caso (Laura Bispuri), hanno artisti o ai saltimbanchi l’ob- federalisti: se
1982, a soli 55 anni, trascinan- Qualche sedia, un magro tavo- già conosciuto David di Dona- bligo di fare rivoluzioni.
do via le tracce sulla sabbia lino, una decina di persone tello e coccarde. Una riunio- Ma un’idea ce l’avrà. dico che non me
che, alternando sceneggiatu- chiamate all’analisi collettiva ne fiume, iniziata alle dieci di vergogna, crede abbia ragio- Alle ultime consultazioni non
re straordinarie, libri e saggi, di uno scritto che arriva ano- mattina e terminata a tarda se- ne?”. Sanno che chi li giudi- ho espresso nessuna prefe- ne importa nulla,
ne avevano disegnato il mai nimo e in busta chiusa, rispet- ra, per decidere chi si sarebbe cherà (anche se il linguaggio renza. Quando è troppo è
tradito profilo di intellettuale tando l’anacronistica natura assicurato 8.000 euro e la pos- di chi sceglie il premiato toc- troppo. offendo
monastico. Con lo stesso rigo- di serietà del concorso. Lun- sibilità (di solito accade a di- ca spesso parole proibite co- E Berlusconi?
re, qualche brioche sul tavolo ghe sessioni di lettura e poi, stanza di qualche anno, altre me antinomia e mètacinema) Berlusconi non l’ho mai vota- qualcuno?
e una moka monstre che bolle
caffè nero sul fuoco e il cam-
panello che annuncia i ritar-
datari, ogni anno, nella stesso
appartamento che fu del pa-
con i fortunati, la prova con-
clusiva. Un dolce interrogato-
rio sul copione, sulla sua fat-
tibilità, sui desideri narrativi
del regista. “Quando lei scrive
volte non avviene, altre anco-
ra il produttore scappa con la
cassa) di rendere immagine
un’ipotesi su carta. Gli esami-
nandi sono emozionati, a vol-
vanta qualche competenza.
Da Suso Cecchi D’Amico a
Leo Benvenuti, nella giuria
del Solinas in questi anni, si è
espresso il cinema italiano.
to. Va bene così?
Stima i suoi colleghi?
Non tutti. Qualcuno è invidio-
so, qualcun altro cattivo. Il più
bel film italiano degli ultimi

Rifletteteci. Oggi siamo tutti
federalisti, anche a sinistra.
Sembra che senza federalismo
triarca, il cinema italiano pro- carovana, che cosa intende te sicuri, quasi mai protervi. L’abitudine non è stata vana. anni comunque è l’Imbalsama- non si possa più vivere. Io per-
va a passare la sua selezione esattamente?”. E quelli a spie- Sono accompagnati da spe- L’anno prossimo, al sesto pia- tore di Matteo Garrone, il mi- sonalmente, stavo benissimo
meno compromessa. Il Pre- gare, ribadire, illuminare. ranze e parenti pallidi come il no di un palazzone romano, gliore in assoluto, forse, Accat- anche prima.
mio Solinas (soggetti, copio- L’anno scorso, il trionfatore settore artistico di riferimen- ancora riunione. E’ autunno. tone di Pasolini, l’attore, ma- Lo Stato deve assistere il
ni, documentari) vive nel no- faceva un altro mestiere. Una to: “Siamo qui con nostro fi- Una seconda primavera. gnifico, Toni Servillo. cinema?
me del suo fondatore, ma gra- guardia giurata, cinèphile per glio, ma ora andiamo via. Lui si Ma.Pa. Gaudioso, lo sceneggiatore Assistere è un termine porno-
di Gomorra ha scritto per grafico. Deve finanziarlo. Ac-
lei. cade in tutti i Paesi civili.
pagina 16 Mercoledì 27 ottobre 2010 Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 17

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI

Funghi velenosi
TELE COMANDO + za repliche il fantasioso Bri-
colo: “Ce l’hanno in tutta Eu-
ropa, anche in Francia”. Bri-
colo non sa che Sarkozy è
presidente della République,
forse non sa nemmeno se la
di Luigi Galella

N ei talk di informazione del lunedì torna il


contestato tema “Marchionne”, prepoten-
temente. E si affacciano alla mente, per delle
stravaganti, liberissime analogie, due vecchie
Il bronzeo
Marchionne
critiche? In fondo l’ad Fiat si è limitato ad af-
fermare che se non ci fosse l’Italia per i conti
del gruppo sarebbe molto meglio, poiché dei
due miliardi di utili dell'ultimo anno neanche
MONDO
SONY: STOP ALLA PRODUZIONE

Addio
WEB
di Federico Mello

è BOOM SU FB PER SAN FRANCESCO


APERTO IL PROFILO DEL SANTO D’ASSISI
è OGGI RITORNO AL FUTURO AL CINEMA
IN OCCASIONE DEL VENTICINQUESIMO ANNIVERSARIO

San Francesco d’Assisi è vivo e lotta insieme a


Poche pellicole hanno segnato un’epoca come Ritorno al
Futuro, la trilogia di Robert Zemeckis interpretata da
Michael J. Fox. La storia dei viaggi nel tempo a bordo della
DeLorean, con Marty e Doc (“Grande Giove”) impegnati
– nonostante Biff – a migliorare il destino della famiglia
McFly evitando un “paradosso temporale”, è ormai
patrimonio di almeno due generazioni e torna
eccezionalmente sul grande schermo.
Ricorre oggi infatti il venticinquennale
dell’uscita di “Ritorno al futuro 1” nei cinema
e per l’occasione, tutti gli episodi
(rimasterizzati) verranno proiettati in cento
“Nastro
feedbac$
k
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:

Fassino-Consorte,
indagato Paolo
Berlusconi”

è MA che bella famigliola!

è I DETTAMI della P2
colpiscono ancora!
Stella

in Ungheria
Francia è in Europa o in Fran-
conia. Almeno qualcuno glie-
lo spieghi.

g3
metafore dell'economia: la “mano invisibile”
e la “legge Bronzea dei salari”. La prima risale
ad Adam Smith: la “mano invisibile di Gio-
ve” serviva a indicare la funzione provviden-
ziale del libero mercato, che trasforma i vizi
un euro proviene dal nostro paese. L’Italia è
un peso, una zavorra. L’argomento non do-
vrebbe suonare eretico, ma familiare, visto
che da sempre la propaganda della Lega batte
su un tasto simile, separando le sorti del nord
al walkman noi. Anche su Internet. Il santo patrono
d’Italia è sbarcato su Facebook e ha raccolto
oltre 5.000 amici in pochi giorni: lo
annunciano i frati di Assisi che spiegano anche
come, viste le richieste, verrà aperta una
sale italiane. I cinema italiani che partecipano
all’iniziativa sono su nexodigital.it.
è CERTO che a Paolo
Vinco

Berlusconi gli tocca sempre


immolarsi per la famiglia.

di Paolo Ojetti di un Berlusconi ravveduto


T Lodo che va, Lodo che
viene. I finiani che trattano o
privati dei singoli – la ricerca egoistica del-
l'interesse individuale – in un vantaggio finale
“virtuoso” da quelle del sud “sprecone”. Del
resto, in che modo dovremmo ragionare di
a musica in tasca da portare
Lil walkman
ovunque. Non un prodotto –
no gli analisti (un po’ come: “A
chi servirà un computer sulla
seconda pagina dedicata al santo. I francescani
parlano a proposito di una “sete di Dio” e
DAGOSPIA
AVANTI CHIAPPA!
Che vita difficile deve
essere la sua, non lo invidio
che “non si cura più delle ac- non trattano. Berlusconi che per l’intera collettività. È in virtù di questa mercato se non con le leggi del mercato? Con – venne lanciato nel scrivania?” si chiedevano qual- spiegano che, secondo un’indagine, sono tutti CON TOSCANI per niente.
g1 cuse dei magistrati politiciz- non lo voleva, adesso lo vuo- speciale Provvidenza che dovremmo ringra- la politica? Forse. Se esistesse. 1979 dalla giapponese Sony, ma che anno prima gli ingegneri francescani i santi ai quali gli italiani sono più La lettera è in carta intestata Pietro Fanelli
T Quando arriva il Tg1 con
Susanna Petruni in cattedra,
zati”. C’era anche la casa di
Montecarlo, che per il Tg1
le doppio. Se il tavolo salta si
va alle elezioni, anzi no: c’è
ziare Sergio Marchionne e la sua – solo in ap-
parenza – ruvida, sgradevole sincerità. A gui-
La seconda metafora risale a Ricardo, per al-
cuni, a Lassalle, secondo altri, e stabilisce
un nuovo stile di vita che, come
impose il marketing martellan-
dell’Ibm davanti ai prototipi di
personal computer). Ma Sony
devoti: il 71% dei concittadini ha in casa
un’immagine di padre Pio, al secondo posto
“Oliviero Toscani Studio”. A
riceverla sono alcuni degli studi è PAOLINO, quanto 6
possiamo stare certi: non andrà avanti “in sede civile” e chi lavora a una coalizione al- dare il suo pensiero, evidentemente, è la ma- l’impossibilità dei salari di superare il livello te, era “giovane, vitale, legato al- fece provare il walkman per c’è Sant’Antonio e al terzo San Francesco. di chirurgia estetica più blasonati di triste...
passerà una notizia, una sola, un resuscitato Storace. ternativa senza Berlusconi. no invisibile di un salvifico demiurgo. Il Giove minimo di sussistenza, ovvero quella soglia lo sport, al divertimento, alla vi- strada ai giapponesi in pieno Roma e Milano (e forse anche di altre Giorgio
che possa dispiacere a Ber- La data decisiva , lo “spartiac- della globalizzazione e della competitività utile alla sopravvivenza di un individuo. Gli ta in strada e all’andare a zonzo”. boom, distribuì la macchinetta città). Il testo è sufficientemente
lusconi. Se per caso Minzo- g2 que” è a metà dicembre, se la planetaria che governa i destini degli indivi- economisti, che hanno sempre avuto una fer- La Sony ora annuncia che a bre- a cantanti e attori e portò nume- esplicito: ai pazienti dei suddetti studi viene chiesta la disponibilità è MA QUANTO e per
lini si distrae, c’è Susanna.
Gli utenti più accorti lo san-
T I dati più recenti danno
questo telegiornale in cresci-
Consulta boccia il “legittimo
impedimento”, Berlusconi
dui e che detta a ognuno le mosse da com-
piere. “Marchionne ha parlato come un lea-
tile fantasia immaginifica, parlavano di “legge
Bronzea dei salari”. La teoria, molto diffusa
ve la produzione di walkman
verrà interrotta: tranne in alcu-
rosi giornalisti in un apposito
tour per Tokyo facendogli ascol-
a farsi fotografare proprio da Calimero Toscani, che firma la
missiva, per poter “fermare nelle immagini la manipolazione di se
quanto Paolo sarà disposto
a coprire Silvio?
no in partenza, cambiano ta di ascolti e di pubblicità. La manda all’aria tutto e corre der di una grande società multinazionale – gli nell’ottocento, forniva la base razionale e ne zone dell’Africa – dove c’è tare (attraverso delle piccole stessi”. Scrive Toscani: “Donne e uomini, giovani e vecchi, siamo Alessiux
aria e il Tg1 declina. D’altra ragione del successo? Può da Napolitano con le dimis- contesta Ezio Mauro (Otto e mezzo, La7, lu- “scientifica” alla impossibilità di aumentare i ancora un mercato delle musi- cuffie con gli altoparlanti coper- tutti come te, milioni di Pinocchio in cerca di un Geppetto che ci
parte, è una trappola: non darsi sia in un doppio effetto: sioni in mano e la faccia fe- nedì, 20.30) – che in qualche modo deloca- bassissimi salari degli operai. cassette – il digitale è il nuovo ti di spugna dai colori sgargian- tolga i nei e le macchie di vecchiaia, che rimodelli mani e glutei, è CHE SCAROGNATO,
potendo dare le notizie po- chi detesta il Tg3 (sempre re- roce di chi non ammette “ri- lizza la produzione, Durante la sua conversazione a “Che tempo stardard per la musica ti) un nastro registrato. Fu subi- nasi e labbra. Ebbene, è inutile negare che questa domanda di se a qualcuno serve un
litiche, ci si rifugia nelle cro- stando in ambito Rai) non baltoni”. Ecco il senso di una ‘anche’ in Italia”. La che fa”, Sergio Marchionne ha infine afferma- prêt-à-porter. Eppure, quando il to sold-out e da allora ne sono bellezza, questo bisogno, legittimo e diffuso, di cambiare se stessi, aiuto (la Emma) chiamano
nache (l’influenza in arrivo, riesce comunque a soppor- lunga nota politica di Pier- L’Ad Fiat, Gruber domanda al to che non vi è alcun debito della Fiat nei con- walkman uscì, fu rivoluzione. stati venduti oltre duecento mi- ha dei rischi. Vale la pena correrli?”. E la chiosa finale: “L’occhio è Confalonieri, mentre si
funghi ungheresi velenosi) tare il Tg1 e non trova niente luca Terzulli e dei servizi di Sergio Marchionne direttore di Repubbli- fronti dello Stato italiano, e che “non è giusto La leggenda vuole che la device lioni di esemplari. Oggi la mu- molto più veloce e diretto dell’intelligenza e la gente ormai si fida ricordano di lui solo
oppure in fenomeni di costu- di meglio del Tg2. Le diffe- Alessandra Carli. Fiocco fe- a “Che tempo che fa” ca se abbia fatto bene essere accusati di ricevere assistenza statale”. venne realizzata dall’ingegnere sica è tutta bit. Come spiega una solo di quello che vede. Permettimi di fotografarti, di narrare la quando ci son rogne.
me del tutto inventati e che renze ci sono, ma appena si stoso con intervista di Bianca o abbia fatto male e Tutte le marche si sono avvantaggiate degli giapponese Nobutoshi Kihara ricerca dello Iulm, anche in Ita- tua avventura, di fermare nelle immagini la manipolazione di se Enrico Cocciolillo
vengono disseminati “ran- tocca il territorio berlusco- Berlinguer a Massimo Mauro osserva che incentivi, e anzi in misura proporzionalmen- che la pensò appositamente per lia è la musica digitale che regi- stessi. Solo davanti alla verità delle foto spariscono i
dom” : il solito servizio su niano, il Tg2 sembra l’eco – D’Alema: un governo bre- “non ha fatto bene se te maggiore della stessa Fiat. Ecco, se qual- il suo boss, il co-presidente della stra la miglior performance ragionamenti, non c’è più bibliografia, non ci sono più dibattiti e è MA HA LO scudo
“cosa faccio con l’Enalotto?” ridotta – del Tg1. Ieri, per ve, di emergenza e senza Ber- pensiamo ai risultati cuno si chiede la ragione metaforica di quel Sony, Akio Morita, che si annoia- (+13 per cento) nel comparto non valgono più i distinguo”. Cosa bolle nella pentola del re dei anche il fratellino?
(speriamo non vinca Berlu- esempio, Ida Colucci ha lusconi, non potrebbe limi- che si prefiggeva”. “Bronzea”, oggi può forse ricevere una rispo- va a morte durante lunghissimi italiano. Eppure il walkman ri- foto pubblicitari? Una nuova campagna choc&shop sulle silicon Caronte
sconi), i “pacchi” nella tv af- continuato a dire che il Lodo tarsi a una riforma della legge Risultati pessimi, nei sta nell’osservare il placido profilo del leader voli sopra il Pacifico. Come marrà un simbolo. Di emozioni valley de’ noantri? Le botox-damigelle del Cafonal
ghana, la nuova frontiera del- Alfano servirà “a proteggere elettorale ma “con milioni di commenti del giorno del Lingotto, la sua faccia pulita, la voce gen- spesso succede con la tecnolo- da portare in giro, da condivide- sono avvisate... è SÌÌÌ, AL LODO Alfano
lo “sballo”. Ieri, la politica era le più alte cariche dello Sta- senza lavoro, come potrebbe dopo. Ma perché, tile e gli argomenti che non richiedono il con- gia, erano molti i dubbi alla vi- re soli anche se in mezzo alla verrà poi aggiunto
ridotta a Maria Soave che to”, quando ormai tutti san- non occuparsi anche di eco- che cosa ha detto di senso ma lo fondano, come se scaturissero da gilia dell’uscita: “Chi può avere gente. Ascoltando l’iPod, lo ri- un’articolo che lo renderà
tesseva le lodi del “lodo per no che serve solo a Berlusco- nomia?”. È una novità. Ci si così clamoroso? Per- principi metafisici, in una “metallica”, bron- bisogno di un mangiacassette corderemo. Uno storico modello di walkman; valido anche per amici e
le alte cariche dello Stato” e ni. Così è anche passato sen- comincia a credere? ché meritarsi tante zea risonanza. che non registra?” si chiedeva- f.mello@ilfattoquotidiano.it San Francesco su Fb; parenti tutti!
Ritorno al futuro nella sale; Mauro
il logo di Openoffice
è QUESTI magistrati
LA TV DI OGGI I FILM
SC1= Cinema 1
LO SPORT
SP1=Sport 1 GRILLO DOCET
comunisti, se la prendono
con il fratello indifeso.
Provate con il B. se ne siete
SCF=Cinema Family
SCH=Cinema Hits SP2=Sport 2
SCMa=Cinema Mania
SCM=Cinema Max
SP3=Sport 3
CA’ FOSCARI capaci!
MILITARIZZATA Neutrale
17.10 Il Dubbio SCMa 16.30 Hockey ghiaccio, NHL
All'Università di Venezia di
17.15 Il coraggio delle aquile SCF 2010/2011 Calgary Flames -
Ca’ Foscari all’inaugurazione dell'anno è SE SI FERMA un
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 13.00 NOTIZIARIO TG5 - 13.50 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 12.30 ATTUALITÀ Life 17.30 La prigione maledetta SCM Edmonton Oilers (Replica) SP3
accademico è stato invitato Scaroni, attimo lo acchiappano,
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 I Simpson Meteo - Vie d’Italia noti- 13.30 NOTIZIARIO TG La7 18.00 Love Guru SCH 17.00 Rugby, Heineken Cup
alla spesa 15.00 EVENTO Question 14.50 RUBRICA TGR Leo- Altre voci (REPLICA) 13.40 SOAP Beautiful 14.20 TELEFILM My name zie sul traffico 13.55 LA VALIGIA DEI
presidente dell'Eni, che patteggiò un 1 perchè di processi ne ha già
19.00 Giovani, pazzi e svitati SCMa 2010/2011 Aironi - Bath Rugby anno e 4 mesi per tangenti. Gli studenti abbastanza. Solo che lui è
12.00 VARIETÀ La prova time (DIRETTA) nardo 20.30 RUBRICA Ippocrate 14.05 REALITY SHOW is Earl 12.00 TELEFILM Wolff - Un SOGNI PRESENTA FILM Ven- 19.00 Blade II SCM (Sintesi) SP2
del cuoco 15.45 VARIETÀ Stracult 15.00 NOTIZIARIO TG3 20.57 NOTIZIARIO Agrime- Grande Fratello - Pillole 14.50 SIT COM Camera Cafè poliziotto a Berlino ga a prendere il caffè da che protestavano all’esterno sono stati campione mondiale di
19.05 Michael Jackson - 18.00 Basket, Serie A maschile intrattenuti da agenti in tenuta antisommossa. Una ragazza corsa a ostacoli (che mette
13.30 NOTIZIARIO TG1 pillole Flash L.I.S. teo 14.10 SOAP CentoVetrine 15.30 SIT COM Camera 12.55 TELEFILM Un detec- noi
This Is It SC1 2010/2011 2a giornata Armani è riuscita ad entrare e a leggere un comunicato. Le è stato fra lui e i magistrati). Hanno
14.00 NOTIZIARIO TG1 16.10 TELEFILM La signora 15.05 TELEFILM La strada 21.00 NOTIZIARIO News 14.45 TALK SHOW Uomini Cafè Ristretto tive in corsia 15.55 RUBRICA La valigia
Economia - TG1 Focus in giallo per Avonlea lunghe da 24 e Donne 15.40 CARTONI ANIMATI 13.50 REAL TV Sessione dei sogni 19.10 Spy Kids - Missione 3D Jeans Milano - Benetton strappato di mano prima di essere trascinata via dalle forze provato a chiamarlo, ma era
14.10 ATTUALITÀ Bontà 17.00 TELEFILM Numb3rs 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT 21.27 PREVISIONI DEL TEM- 16.15 REALITY Amici 16.40 TELEFILM Il mondo pomeridiana: il tribunale 16.30 DOCUMENTARIO Game Over SCF Treviso (Sintesi) SP2 dell’Ordine. “Che Università é quella in cui agli studenti ad Antigua e, poverino, non
loro 17.45 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi PO Meteo 16.55 ATTUALITÀ Pome- di Patty di Forum Atlantide - Storie di uomi- 19.35 Una sola via d’uscita SCH 18.30 Calcio, Liga 2010/2011 viene impedito di partecipare liberamente ha sentito.
14.40 ATTUALITÀ Se... a Flash L.I.S. 16.00 DOCUMENTARIO 21.30 RUBRICA Tempi riggio Cinque 17.35 TELEFILM Ugly Betty 15.10 TELEFILM Hamburg ni e di mondi 21.00 Niente velo per Jasira SCMa 8a giornata Siviglia - Athletic all’inaugurazione dell’Anno Accademico, per la quale é Lella
casa di Paola 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- Cose dell’altro Geo - Geo dispari 18.50 GIOCO Chi vuol 18.30 NOTIZIARIO Studio Distretto 21 18.00 TELEFILM Adventure 21.00 La rapina perfetta SCM Bilbao (Replica) SP3 anche stata sospesa la didattica? Perché ad accoglierci,
16.10 ATTUALITÀ La vita VO Rai TG Sport & Geo 22.30 NOTIZIARIO News essere milionario Aperto - Meteo 16.15 SOAP OPERA Sentieri Inc. 21.00 Partner(S) SCF 20.45 Calcio, Carling Cup nonostante le intenzioni pacifiche e di dialogo, abbiamo è È LO SFIGATO della
in diretta 18.15 NOTIZIARIO TG2 19.00 NOTIZIARIO TG3 - lunghe da 24 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- 16.45 FILM Asso 19.00 TELEFILM The 21.00 Anno Uno SC1 2010/2011 Newcastle United - trovato uno schieramento di poliziotti e famiglia.
18.50 GIOCO L’eredità 18.45 REALITY SHOW TG Regione - Meteo 22.57 PREVISIONI DEL TEM- Meteo 5 VO Studio Sport 18.55 NOTIZIARIO TG4 - District 21.15 Pride and Glory SCH Arsenal (Diretta) SP1 carabinieri in tenuta antisommossa? Noi studenti Alessio Dal Bianco
20.00 NOTIZIARIO TG1 Extra Factor 20.00 VARIETÀ Blob PO Meteo 20.30 VARIETÀ Striscia la 19.30 TELEFILM Big Bang Meteo 20.00 NOTIZIARIO TG La7
20.30 GIOCO Soliti ignoti 19.35 TELEFILM Squadra 20.10 TELEFILM Seconde
22.40 Hotel Bau SCF 21.00 Rugby, Heineken Cup di Cà Foscari, avremmo voluto leggere l’intervento
23.00 RUBRICA Il punto Notizia - La voce dell’im- Theory 19.35 SOAP OPERA Tempe- 20.30 ATTUALITÀ Otto e
21.10 VARIETÀ Ti lascio Speciale Cobra 11 chance 23.27 PREVISIONI DEL TEM- provvidenza 20.05 CARTONI ANIMATI sta d’amore mezzo
22.40 Un alibi perfetto SC1 2010/2011 Benetton Treviso - che descriveva alcuni aspetti della realtà altra è EVVAI, e stiamo solo
una canzone 20.30 NOTIZIARIO TG2 - 20.35 SOAP OPERA Un PO Meteo 21.10 FILM Mi presenti i I Simpson 20.30 TELEFILM Walker 21.10 ATTUALITÀ Exit - 23.00 Giochi di potere SCM Leicester Tigers (Sintesi) SP2 rispetto alla versione presentata all'interno dell' aggiustando la mira!
23.55 ATTUALITÀ Porta a 20.30 posto al sole 23.30 NOTIZIARIO News tuoi? 20.30 GIOCO Mercante in Texas Ranger Uscita di sicurezza (DIRET- 23.05 Major League 2 SCMa 23.00 Calcio, Coppa del Re Auditorium durante il corso della cerimonia. Agli David
Porta 21.05 CULTURALE Voyager 21.05 ATTUALITÀ Chi l’ha brevi 23.40 ATTUALITÀ Matrix fiera 21.10 FILM Ticker TA) 23.30 Twilight SCH 2010/2011 Ceuta - Barcellona studenti che sono riusciti ad entrare é stata negata
1.30 NOTIZIARIO TG1 - Ai confini della cono- visto? 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 1.30 NOTIZIARIO TG5 21.10 VARIETÀ Le Iene 23.10 RUBRICA I bellissimi 24.00 NOTIZIARIO TG La7 0.25 Il superpoliziotto del (Replica) SP3 con la forza la possibilità di leggere l’intervento. è FASSINO è stata la
Notte - TG1 Focus - Che scenza 23.15 VARIETÀ Parla con 23.57 PREVISIONI DEL TEM- Notte - Meteo 5 Notte Show di R4 0.10 VARIETÀ Victor Vic- supermercato SCF 24.00 Poker, PartyPoker Abbiamo toccato il punto più basso di una deriva prova generale del metodo
tempo fa 23.10 NOTIZIARIO TG2 me PO Meteo 2.00 VARIETÀ Striscia la 24.00 VARIETÀ Zelig Off 23.15 FILM Ancora vivo toria 0.35 La ragazza che giocava Episodio 2 SP2 autoritaria che vede nel rettore Carraro il suo Boffo. Sono solo avvilita sul
2.05 RUBRICA Appunta- 23.25 ATTUALITÀ Stracult 0.00 ATTUALITÀ TG3 0.00 NOTIZIARIO News Notizia - La voce dell’im- 1.30 RUBRICA SPORTIVA 1.10 NOTIZIARIO TG4 1.30 ATTUALITÀ La 25a con il fuoco SC1 0.45 Calcio, Carling Cup principale interprete e che si colloca nella cornice fatto che altri abbiano dato
mento al cinema 0.45 CULTURALE La Sto- Linea notte lunghe da 24 provvidenza (REPLICA) Poker1mania Night News ora - Il cinema espanso generale della distruzione dell'Università pubblica. manforte a Il Giornale.
1.00 Blood simple SCMa 2010/2011 Manchester United -
2.10 RUBRICA Cinemato- ria siamo noi - Vita da 1.00 RUBRICA Appunta- 0.27 PREVISIONI DEL TEM- 2.55 TALK SHOW Uomini 2.20 NOTIZIARIO Studio 1.35 MUSICA Clip Parade 3.30 ATTUALITÀ Otto e L’inaugurazione si è conclusa con le triste immagine di un Triste, triste, triste. Perchè
1.00 Shrooms SCM Wolverhampton (Replica) SP3
grafo first lady mento al cinema PO Meteo e Donne (REPLICA) Aperto - La Giornata 30 mezzo (REPLICA) rettore in fuga la cosa era risaputa da
dagli studenti, è RISPARMI CON L’OPEN SOURCE tempo (che le
non perché IL CASO DEL COMUNE DI MODENA intercettazioni erano
TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE RADIO questi
rappresentassero
un’effettiva minaccia,
Un milione di euro l’anno: una cifra non da
poco visti anche i tagli orizzontali del
governo. È questo il gruzzoletto che il
passate nelle mani dei B),
ma se non arrivava l’avviso
di garanzia, la notizia era
è IL MEDICO? È ONLINE
/ Mi presenti i tuoi?  Voyager  Stracult A “Moby Dick” arrivano DAL 2011 IN TUTTA LA FRANCIA
ma piuttosto
confermando
Comune di Modena risparmia ogni anno
utilizzando software open source, i
per pochi intimi e il fango
gettato su Fassino poteva
Superato il disastroso weekend, Greg è Roberto Giacobbo conduce un’indagine Torna “Stracult”, il magazine dedicato
ormai diventato parte integrante della sul mondo degli animali misteriosi del al cinema italiano. La trasmissione gli Interpol La Francia fa un deciso passo verso
l’innovazione. Dall’anno prossimo,
l’indisponibilità ad ogni programmi informatici non coperti da rimanere dov’era.
famiglia Byrnes. Felici, lui e Pam, pro- passato e del presente. Quali prove sono metterà a confronto per 8 puntate film confronto copyright che possono essere liberamente Lella
Gli Interpol si racconteranno in diretta su Radio2 a infatti, sarà possibile in tutto il
gettano il loro matrimonio. Ma, prima state trovate sul Big Foot americano? ed attori, raccontati dai loro autori e costruttivo”. Ceecio utilizzati e sviluppati da specialisti e utenti.
“Moby Dick”, intervistati in studio da Silvia Boschero. territorio francese consultare il
della cerimonia, tocca alla sposa cono- E sullo Yeti? E cosa c’è di vero nelle dai loro interpreti. Nella prima puntata Nella sala macchine del settore sistemi è IO NON HO NULLA
parole di chi afferma di aver visto l’Uo- la trasmissione presenterà un omaggio La band newyorkese, in arrivo per un’unica data italia- medico di famiglia su Internet grazie a
scere i futuri suoceri. Fatti armi e baga- informativi del Comune, a farla da padrone da nascondere o temere,
mo Falena, un caso seguito per otto al cinema di Ugo Tognazzi, che sarà na il 17 novembre al Palasharp di Milano, si ispira alle una webcam e a un indirizzo e-mail.
gli, l’allegra combriccola parte per un sono i server Linux, il “padre” dei sistemi però sapere che chiunque
nuovo weekend,“48 ore” alla scoperta anni dai servizi segreti americani? Le ricordato dalle parole dei suoi figli.Il atmosfere tenebrose degli anni Ottanta, che nella tradi- Lo ha annunciato il ministro della Salute Roselyne Bachelot
/ Anno Uno / Ancora vivo  Le Iene Show open source; il grande balzo in avanti nei potrebbe intercettarmi mi
dei coniugi Focker. I genitori di Greg telecamere di Voyager sono andate negli film di culto è il recentissimo “Benvenu- zione britannica ha visto emergere gruppi di tradizione in un’intervista al quotidiano Le Parisien. Secondo quanto
Zed, cacciatore preistorico commette 1931.A Jericho, una sperduta e polvero- Pablo Trincia indaga sul commercio di risparmi è avvenuto con la sostituzione, due romperebbe le balle assai!!!
sono una coppia super liberale con una Stati Uniti dove esiste il primo e unico ti al sud”, diretto da Luca Miniero ed dark-wave come Joy Division. Il gruppo è composto da prevede il decreto legge – già pubblicato sulla Gazzetta
un errore fatale: mangia un frutto del- sa cittadina del Texas ai confini con il soluzioni immobiliari, in particolare sul anni fa, del calcolatore centrale della Zoser
bizzarra propensione per la new age... museo di Criptozologia del Mondo. interpretato da Claudio Bisio. raffinati musicisti: il cantante Paul Banks, la cui incon- Ufficiale – “le prime teleconsulenze” mediche via Internet
l’albero proibito e finisce per essere Messico, dove da anni si fronteggiano fatto che sia permessa la vendita su macchina comunale con un server su cui gira
Canale 5 21,10 Rai 2 21,05 Rai 2 23,25 fondibile voce baritonale rievoca quella del compianto saranno possibili già a partire dall’inizio del 2011. “Solo i
espulso dalla sua tribù. Divide con lui due bande rivali, cui fanno capo Doyle carta tramite progetti che mostrano, proprio Linux. L’operazione ha consentito di è IL FRATELLINO
Ian Curtis, il chitarrista Daniel Kessler, il batterista medici autorizzati a esercitare in Francia potranno
l’infausta sorte il timido Oh. Nel loro e Strozzi, arriva John Smith, un miste- prima dell’inizio dei lavori, l’aspetto risparmiare 478 mila euro nel secondo meno furbo di Sherlock
peregrinare, i due si imbattono in Caino finale delle proprietà. Questo sistema Sam Fogarino e il bassista David Pajo, proveniente dal- realizzare queste consulenze in condizioni che garantiscano
rioso straniero, dai modi affabili e gen- semestre del 2008, oltre 730 mila nel 2009 e Holmes, la vittima
e Abele, impediscono ad Abramo di tili, che approfitta subito della situazio- può però comportare dei rischi per gli la band-chiave dell’indie rock americano degli Slint e la serietà” ha assicurato il ministro spiegando anche che le
oltre 810 mila nel 2010. Non solo: è quasi sacrificale, il parafulmine
uccidere il figlio Isacco, vengono fatti ne per trarne profitto personale, met- acquirenti, qualora, ad esempio, il ven- subentrato a Carlos Dengler. L’ultimo disco porta sem- prescrizioni mediche delle teleconsulenze saranno “inviate
ultimata la progressiva sostituzione di della famiglia. Per lui non ci
schiavi e, infine, raggiungono la città di tendosi a fare il doppio gioco. Per un ditore non abbia ancora ottenuto dal plicemente il loro nome, come a volersi riallacciare ad per email o per posta al paziente o al suo farmacista”.
Microsoft Office con Open Office nelle 1600 sono lodi, né scudi, e le
Sodoma... Scritto, diretto e prodotto da po’ di tempo lo straniero senza passato Comune i regolari permessi di costru- un inizio brillante e fortunato, quello dell’esordio con postazioni pc all’interno del Comune: condanne fioccano... Fa
Harold Ramis. riesce a gestire le cose, ma... zione degli alloggi. “Turn on the bright lights”, che aveva sorpreso tutti. appena terminata, permetterà un risparmio quasi pena.
Sky Cinema 1 21,00 Rete 4 0,05 Italia 1 21,10 Radiodue 21,15 di ulteriori 400 mila euro. Gio57
pagina 18 Mercoledì 27 ottobre 2010

SECONDO TEMPO

il badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

A SCUOLA
DI VERGOGNA
Meno segreti, più democrazia N on ricordo un governo che abbia messo tra le sue priorità la
scuola, ancor prima dell’Università, della ricerca ecc. E poi ti
stupisci del precipizio imboccato ormai da quasi due generazioni di
italiani nell’imbuto dell’analfabetismo di ritorno peggiore
di Armando Spataro * nalismo d’inchiesta. Ma vediamo Wikileaks le (persino nel campo della tutela d’Europa. C’è stata una correità dei partiti del proporzionale prima
pure – a questo punto – il rove- dei diritti umani) che ancora sia- e dei due schieramenti del (sedicente) maggioritario dopo. Solo che
a qualche settimana mez- scio della medaglia: Wikileaks sta sta consentendo mo costretti a rilevare all’interno

D
mentre il (sedicente) centrosinistra metteva in campo una cattiva
zo mondo sembra incolla- consentendo al mondo di cono- dei singoli Stati membri, pur se coscienza che doveva riempirne il vuoto e l’ipocrisia, il (sedicente)
to agli schermi dei compu- scere i retroscena possibili o reali di conoscere con minore frequenza che in pas- centrodestra ha da sempre deciso che la cultura è culturame,
ter: il sito Wikileaks di Ju- di tante tragedie e morti assurde sato. Dunque, è vero che occorre
lian Assange e i whistleblowers so- sin qui avvolte nella nebbia, di i retroscena equilibrio in un settore così deli- l’alfabetizzazione un optional (cfr. il disastro
dell’informatizzazione), l’egemonia gramsciana un ostacolo da
no “responsabili” di una diffusio-
ne planetaria di notizie “classifi-
svelare abusi del segreto di Stato
e bugie utilizzate per coprire tor-
di tante tragedie cato, ma è pur vero che, tra ne-
cessarie prudenze e comprensi- rimuovere, meglio se si ignora nel profondo chi sia stato e che cosa
cate” che fa discutere e solleva le ture e strappi alle regole della de- e morti assurde, bili limiti, è in atto nel mondo una abbia pensato, detto e scritto Gramsci. Quindi l’esercito di Bibò
proteste dell’Amministrazione mocrazia, così come errori di va- marcia in direzione della traspa- (basta con le definizioni tradizionali!) che ha vinto le ultime elezioni
statunitense. Di che si tratta? Di lutazione e di comportamento, di svelare abusi renza e della riduzione dei segre- e ora si dilania a giorni alterni peggio che ai tempi di Agramante
documenti che sfuggono al con- rivelatisi gravi per le conseguen- ti, con connesso svelamento del- (per la Gelmini: è un nerboruto uomo dei campi superdotato, una
trollo di chi li detiene e che con- ze che hanno determinato. Gra- del segreto di Stato le bugie, anche – si spera – di quel- specie di Siffredi ariostesco) nella dissoluzione di quel che resta
tengono rivelazioni su vicende zie alla diffusione di certi docu- e bugie usate le propalate in modo strumentale della scuola è molto più capace, molto più “avanzato”, molto
sin qui ignote relative alle guerre menti è pure possibile rendersi da tanti regimi dittatoriali . meno legato agli “scrupoli” dell’esercito di Bibì, quello dei Dioscuri
in Iraq e Afghanistan, ma non so- conto dell’infondatezza di nume- per coprire torture D’Alema e Veltroni. Lo si vede un giorno dopo l’altro. La Lega, Adro,
lo. Nei commenti che si leggono rosi allarmi-bomba diffusi nel E IN ITALIA? Da noi la situazio- il sole che ride, i simboli, le mense, i soldi finiti, i genitori a raccolta,
il problema sembra essere solo mondo, o conoscere memoran- e strappi alle regole ne è diversa: il segreto di Stato si gli sponsor privati ecc., è tutto un magma che sta facendo strame
quello dei danni e dei rischi che dum segreti talmente banali e pri- diffonde a dismisura e, mentre in delle nuove o nuovissime generazioni. L’importante è che poi
questa diffusione di notizie può vi di fondamento scientifico da Germania si stabilisce che la li- rimangano nei recinti sottoculturali dei Bibò e non vadano a votare
determinare, ma la situazione è suscitare incredulità persino sul- bertà di stampa non può risultar-
per quei lazzaroni/lanzichenecchi dei Bibì, che hanno sfruttato il
più complessa di quel che appa- la loro effettiva provenienza da ne limitata, una commissione di
re e investe anche il ruolo dell’in- servizi di informazione di cui “esperti” nominata nel 2008 dal saper leggere, scrivere e far di conto contro i loro avversari politici.
formazione nelle democrazie troppo spesso mitizziamo la sup- governo Berlusconi propone ad- Dunque ogni giorno ce n’è una e viene da piangere per un padre,
moderne. posta efficienza. Wikileaks e siste- dirittura una ulteriore e inaccet- una madre, un nonno, una nonna, un insegnante “vero” quale che
mi affini non sono peraltro gli tabile estensione del segreto. Sa- sia la sua radice politica (visto che l’albero ormai è stato
INNANZITUTTO, va detto unici canali di diffusione di que- rebbe interessante conoscere co- abbattuto). Ora il presidente della Provincia di Udine, non fisico
che in tutti questi casi ci si trova di sto tipo di notizie: basti pensare, sa ne pensa il Copasir visto che come che so la Cancelliera Merkel bensì - udite udite - ex
fronte a una evidente incapacità ad esempio, allo scoop di Dana valutazioni tecniche di questo ti- insegnante di scuola media, vuole classi separate per alunni normali
di persone o istituzioni che rac- Priest del Washington Post che nei po non rivestono carattere di se- (sic!!!) e alunni portatori di handicap. Se fosse una battutaccia alla
colgono e custodiscono tali noti- suoi articoli ha recentemente necessario attendere l’esito delle gretezza. Così come sarebbe ap- Grande Fratello o alla Amici ci indigneremmo per “come è finita la
zie di garantirne la non conosci- svelato documenti e dati sui con- analisi e riflessioni in corso, non- prezzabile una presa di posizione tv”, invece lo fa un politico denso di responsabilità e in teoria con
bilità da parte di terzi. Si tratta di tractors, cioè su quelle imprese ché il varo della conseguente di- su un tema così rilevante per la un passato competente. In nome di Dio, del Comitato Centrale, di
un problema che può anche de- private cui dall’Amministrazione sciplina (che dovrebbe modifica- nostra democrazia da parte di tut- qualunque studioso della materia e di tutti i genitori “normali” di
terminare inchieste o sanzioni americana sono state appaltate, re il Regolamento vigente dal te le forze politiche italiane. Sem- ragazzi “normali” oppure “handicappati”, come è possibile tanta
quando vengano compromessi in cambio di lauti guadagni, la tu- 2001) ma è verosimile che essa sa- pre che trovino il tempo di farlo, ignominia culturale ed etica, tanta ignoranza della questione, tanta
gli interessi essenziali degli Stati, tela della sicurezza in Iraq ed Af- rà ispirata a una maggiore traspa- affannate come sono a discutere
arretratezza? Anni di sforzi per far fare passi in avanti a una società
ma è del tutto evidente che le fu- ghanistan e la conduzione di renza, tale da assicurare ai citta- di lodi, scudi e ponti tibetani.
ghe di certe informazioni sono “pezzi di guerra”. In questa pro- dini che lo richiedono il diritto di * Procuratore della Repubblica
che una volta recludeva gli handicappati, Madrid che ha i semafori
anche una conseguenza della in- spettiva, allora, non sembra de- accesso ai documenti dell’Unio- Aggiunto in Milano per ciechi e noi che abbiamo un Fontanini leader del carroccio
controllata proliferazione di gi- stare particolare preoccupazio- ne. E così anche in questo campo friulano che lancia le “classi separate per
gantesche banche dati su sposta- ne la diffusione di quel tipo di do- l’Europa fungerà da ammortizza- disabili”? Perché “ora non c’è integrazione”?
menti, transazioni bancarie, con- cumenti – nessuno dei quali sem- tore nei confronti di fughe, spin- Meno male che le reazioni sono state vibranti, ma
versazioni delle persone, create bra riferirsi a segreti vitali – poi- te, strappi e violazioni delle rego- non cancellano un “tentativo barbarico”. Il tutto
in nome della “guerra al terrore” ché difficilmente un siffatto feno- mentre gli insegnanti di sostegno sono
ma in realtà pressoché inutili a tal
fine. Come a dire, dunque, che gli
eccessi si compensano. Più seri,
meno, generatore di conoscen-
za, trasparenza e discussione,
può provocare danni alle nostre IL FATTO di ENZO l “selvaggina” per i tagli ministeriali.
Non può stupire allora che sempre la Lega
presenti in Senato una legge che permetterà di
invece, sono i possibili costi di democrazie e compromettere la Tanti auguri, brava gente. partecipare ai Giochi della Gioventù,
questo fenomeno in termini di vi- nostra sicurezza. Quest ’anno nell’uovo l’organizzazione sportiva scolastica più
te umane: si pensi ai rischi che importante nel deserto dal secondo
possono correre le persone di cui ANZI, è vero esattamente il di Pasqua una bella
sorpresa: la sconfitta dopoguerra in poi, pur con tutti i suoi limiti,
venisse rivelato il ruolo di colla- contrario. Lo dimostrano anche
di Silvio Berlusconi, solo a chi non abbia insufficienze in altre
boratori a vario titolo dell’ammi- gli studi che l’Unione europea (ed
nistrazione americana nelle zone in particolare il Parlamento euro- che dalla politica, se materie. Qui siamo a Cagliostro, al
“calde” del mondo: è comprensi- peo) sta portando avanti, dopo vuole, può tornare ai suoi guazzabuglio di incompetenza, lontananza
bile, dunque, che si invochino at- l’entrata in vigore dei Trattati dall’idea sia di scuola che di sport,
affari. O alle Bahamas,
tenzione ed autocensura da parte sull’Unione e della ormai vinco- misconoscimento di qualunque altro modello
come da
di chi diffonde notizie di tale con- lante Carta dei diritti fondamen- di sviluppo scolastico e sportivo
promessa dell’adolescente. Riassumo nel termine
tenuto. Così come occorrono, tali, sul tema del trattamento delle
per evitare altri ipotizzabili dan- informazioni “classificate” e se- in un momento “vergogna” molto Bibò e tutti i Bibì che hanno
ni, l’onestà professionale e la ca- grete (comprese quelle coperte di verità. direttamente o indirettamente permesso
pacità di critica e verifica delle da segreto di Stato) di cui le sue Strettamente questo scempio.
notizie, proprie del miglior gior- Istituzioni vengano in possesso. È personale 2006

Il Vaticano chiede
Israele bacchetta all’Onu di far
rispettare le
pudiare ogni tipo di “antisemiti-
smo e antigiudaismo, distin-
guendo fra religione e politica”.
In questo quadro, privo di am-
nei”.
È un armamentario retorico,
che non convince l’opinione
pubblica mondiale, la quale – co-

Ratzinger risoluzioni che


impongono
biguità, Vaticano e vescovi cat-
tolici mediorientali chiedono
all’Onu di far rispettare le riso-
luzioni, che impongono a Israe-
le il ritiro da Cisgiordania e Ge-
me il Vaticano – chiede il ritiro
dai Territori occupati ed è allar-
mata dal tentativo del governo
israeliano di guadagnare tempo
perché Obama si indebolisca:
il ritiro da rusalemme Est. Di questo si trat- sperando che si realizzi l’idea di
di Marco Politi conosciute da papa Wojtyla nel In realtà il discorso è politico, la ta. Per decenni esponenti di go- annessione di molte terre pale-
mea culpa del 2000) si cosparga Cisgiordania sortita israeliana ha lo scopo di verno della destra hanno evoca- stinesi su cui sono insediati i co-
aggressiva reazione israe- il capo di cenere, basta una mi-

L’
e Gerusalemme occupare i titoli dei mass media to i nomi biblici di “Giudea e Sa- loni. Sulle questioni politiche –
liana al Sinodo sul Medio nima divergenza perché arrivi e in Vaticano – è evidente da un maria” per definire le terre pa- accadde durante la guerra nel Li-
Oriente ha irritato note- la minaccia di un peggioramen- Est, un editoriale di Avvenire – si è con- lestinesi, in cui illegalmente i co- bano e l’attacco a Gaza – intimi-
volmente il Vaticano. Co- to dei rapporti tra Israele, Santa vinti che il governo d’Israele su- loni israeliani costruivano inse- dire il Vaticano però non paga.
me se il governo d’Israele voles- Sede ed ebrei. atteggiamento che sciti un polverone per giustifica- diamenti. Ancora oggi i leader Al tavolo della trattativa, che
se sistematicamente intimidire re la “continua espansione degli dei coloni (e certi movimenti non parte, oggi non è in gioco
chi critica l’occupazione dei CHIUDENDO il Sinodo, il ve- irrita gli ortodossi insediamenti”. fondamentalisti evangelici) si l’esistenza di Israele, ma la poli-
territori palestinesi e ne invoca scovo Bustros, presidente della riempiono la bocca del termine tica delle annessioni. E l’ideolo-
la fine. commissione per la redazione DI FATTO è la posizione equi- “Eretz Israel”, Terra d’Israele gizzazione del recente “giura-
“Quello che la Chiesa dichiara o del Messaggio finale, aveva det- ce il viceministro degli Esteri librata della Santa Sede a spaven- (non Stato!), mescolato al ricor- mento” razzial-religioso, impo-
ammette o riconosce, non ba- to che “per noi cristiani non si israeliano ha replicato con du- tare il governo israeliano. Per- do dei regni di “Giudea e Sama- sto agli immigrati, peggiora le
sta mai”, commentano in Segre- può parlare di terra promessa al rezza: “Chiediamo che il Vatica- ché il Sinodo è stato molto netto ria”. L’anno scorso, in una con- cose. “Giuro d’essere fedele allo
teria di Stato. Sentimento diffu- popolo giudeo... perché la terra no prenda le distanze da com- nel respingere la pretesa che il ferenza all’Università Bar-Ilan, lo Stato d’Israele in quanto Stato
so, perché per quanto il Vatica- promessa è tutta la terra” e quin- menti che diffamano gli ebrei e fondamentalismo islamico mo- stesso premier Netanyahu ha ebraico e democratico”, non au-
no per ogni passo falso o colpa di non vi può essere una giusti- lo Stato d’Israele”. Non farlo, delli le società mediorientali e evocato l’immagine biblica di menta la sicurezza d’Israele. È
del passato (si tratti della pre- ficazione biblica per il ritorno getterebbero “un’ombra sulle nel rivendicare libertà di religio- “Giudea e Samaria i luoghi in cui solo un modo per umiliare i can-
ghiera del Venerdì Santo o il ve- degli ebrei in Israele e l’esilio dei importanti relazioni tra Santa Se- ne e coscienza negli Stati arabi vissero Abramo, Isacco, Giacob- didati cittadini arabi, che già giu-
scovo lefebvriano negazionista palestinesi. Se il discorso è teo- de, Israele e gli ebrei”. In ogni ca- nonché il principio laico be, Davide, Salomone, Isaia e ravano su uno Stato chiamato
Williamson o le responsabilità logico, dovrebbe essere il Gran so il Sinodo sarebbe “ostaggio di dell’eguaglianza dei cittadini. Ed Geremia”, luoghi – ha sottoli- “Israele” sotto la Stella di Davi-
cristiane nell’antisemitismo, ri- Rabbinato ad esprimersi. E inve- una maggioranza anti-israeliana. altrettanto chiaro è stato nel ri- neato – che “non ci sono estra- de.
Mercoledì 27 ottobre 2010 pagina 19

SECONDO TEMPO

IL FATTO di ieri 27 ottobre 1901

Sergio Marchionne
MAIL BOX Il concerto della rinascita. Pensato, creato, tra una seduta
di ipnosi e l’altra sul lettino di Nikolaj Dahl, l’allievo di Freud
che lo aveva guarito dal lungo torpore compositivo. Il
formidabile Concerto n. 2 in do minore di Sergej
Rachmaninov non fu un exploit artistico precipitoso e
viscerale, ma un pezzo di musica sofferto, scritto dopo tre
anni di crisi nera legata al colossale fiasco della Prima
Sinfonia che tutta San Pietroburgo aveva liquidato come
e la famiglia Agnelli
Nelle affermazioni dell’ad de-
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO “disastro creativo”. Avvolgente, impastata di umori


nostalgici e di brillantezze timbriche, destinata a virtuosisti
legato della Fiat Sergio Mar-
chionne, su cui si sta ampia- CARCERI della tastiera, quella sgargiante partitura trionfò
all’Auditorium di Mosca il 27 ottobre 1901 e per il maestro fu
il giorno della rivincita. Momento solenne nella complicata
mente dibattendo, ciò che più
mi inquieta è l’assordante si-
lenzio della famiglia Agnelli.
E DISCARICHE vita di questo musicista incline alla malinconia, esule
Oltreoceano dopo i tumulti della Rivoluzione d’Ottobre e
Possibile che gli eredi dell’Av- aro Furio Colombo, mi si è distratti e che non cedono. Parlo dei Radicali, mai più rientrato alla madre Russia, taciturno, severo, con
vocato o del fratello Umberto
non abbiano niente da ridire?
C impastata nella mente un’unica
immagine, che forse è un po’
da Rita Bernardini a Marco Pannella. Erano
là e sono ancora là a dire all’opinione
una sua inconfessata passionalità. Per lui, il sentimentale
che amava definire la musica come “una calma notte di
Se fosserro stati ancora vivi dantesca ma non così lontana dalla pubblica italiana che non ne vuole sapere, a luna”, una carriera di luci e ombre. Adorato dalle platee e
sono convinto che avrebbero realtà: detenuti e spazzatura, un governo del tutto privo di interesse per il maltrattato dalla critica per la sua sovrabbondanza
fatto sentire alta la loro voce carceri come Terzigno, discariche destino di esseri umani privi di paradisi espressiva e per un manierismo tardo romantico di troppo.
in difesa dell’Italia. O meglio, come prigioni e dovunque persone fiscali, che in prigione, o in prossimità delle Giovanna Gabrielli
Marchionne non avrebbe det- senza diritti. Esagero o questo è il prigioni (il caso Cucchi, il caso Aldrovandi) si
to che la Fiat farebbe volen- paese in cui sto vivendo? muore. Pannella, ad esempio sta facendo da
tieri a meno dell’Italia. Flaminia due settimane lo sciopero della fame (due è, come non lo è essere biondi
Enzo Ciciliani ragioni, le carceri e la totale mancanza di L’abbonato anzichè mori, mentre, sempre
C ERTO le immagini dei media hanno verità su come si è arrivati alla guerra in per la mia morale, è invece or-
La Rai delle urla avuto una parte nella descrizione del Iraq), nel placido disinteresse di stampa e del giorno ribile avere idee come le sue:
paesaggio di Flaminia. Ma anche qualche politica italiana. “Un bel tacere non fu mai come si vede, punti di vista
che non guardo più altra cosa che, misteriosamente, non diventa scritto” continua a essere il motto di ministri soggettivi, non verità oggetti-
Ho sempre seguito con estre- notizia ma circola. Vediamo. L’analogia fra ed esperti che, semmai, annunciano una ANGELO GREGIS ve. É però “contro ogni discri-
mo interesse trasmissioni co- detenuti e spazzatura, fra una strada di nuova edilizia carceraria tipo lo skyline del minazione”, precisa Buttiglio-
me Annozero, Ballarò ecc... Napoli e il braccio di un penitenziario Dubai ma nulla per gli otto chiusi nella Ciao a tutti, mi chiamo ne. Chissà perchè allora è sta-
Ma da qualche tempo accuso italiano è tanto sgradevole quanto vera. Non stessa cella di un carcere italiano questa Angelo e sono un bidello to sempre contrario a quelle
una mortale stanchezza, al solo lo dimostra il centinaio di suicidi di esseri sera. Per fortuna c’è Radio-Carcere, non il che ha deciso di sostenervi leggi che si propongono di eli-
punto che cambio canale. E umani imprigionati lo scorso anno. Ma anche passaparola nell’ora d’aria ma il programma facendo l’abbonamento on minare le discriminazioni tut-
non sono l’unico. Perchè? l’incuria che , “a monte” (dunque destra, di Radio Radicale. I politici non sanno ciò che line. Quella nella foto, tora esistenti in Italia nei con-
1) Sono stanco di vedere sem- sinistra e altri governi) hanno creato il sanno molti direttori di carcere: quante invece, è mia figlia Anna fronti di chi eterosessuale non
pre gli stessi volti, gli stessi problema. Entrambi i drammi, carceri e rivolte sono state evitate dagli “inutili” digiuni Ester, anche lei vostra è. Insomma, un’opinione sog-
ospiti (strapagati), che dicono discariche, sono giunti a un punto disperato di Pannella. lettrice. Mi occupo anche gettiva spacciata per dogma,
le stesse cose e con la con- di gravità. Ma in un luogo e lungo il percorso di sostenere l’attività di alcuni esempi orribili e parec-
sueta maleducazione. Persino di una delle due disgrazie che tormentano e Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano Legambiente con il nostro chie imprecisioni e contraddi-
i volti amici mi stanno venen- svergognano l’Italia, le carceri, sono 00193 Roma, via Orazio n. 10 circolo “Fiume Serio”, ma zioni. Un caro saluto a tutta la
do a noia! disseminati dei testimoni che non si sono mai lettere@ilfattoquotidiano.it l’anno scorso a seguito di redazione de il Fatto Quoti-
2) Sono stanco di vederli ur- alcuni esposti mi hanno diano. Cordiali saluti.
lare e parlarsi addosso, senza incendiato Mauro Ottonello
l’auto e
avvelenato Vorrei contribuire all’utile
che quella gente sta lottando stessi studenti non sanno che il cane e
LA VIGNETTA per non morire? Perché di tu- cosa vogliono fare”. adesso operativo 2010 della Fiat
more si muore. Ho amici me- A me sembra, onestamente, abbiamo Scrivo da Palermo e sono ita-
dici in Campania che mi rac- che tutto questo non sia per un pò liano (o meglio “io non mi sen-
contano di una spaventosa re- nulla vero. O, meglio, che la paura. to italiano, ma per fortuna o
crudescenza dei tumori ad verità di affermazioni generali purtroppo lo sono!).
esempio alla tiroide. E tra i (e pertanto difficilmente con- Raccontati e manda una foto a: Mi sento, pertanto, in obbligo
miei parenti e conoscenti di testabili) rischi di offuscare gli abbonatodelgiorno@ di contribuire al sostentamen-
Napoli in molti, anche giovani, elementi di novità e coraggio ilfattoquotidiano.it to dell’Industria più importan-
negli ultimi anni sono stati col- della mobilitazione. Nella mia te della mia Nazione. Vi prego,
piti da gravi malattie ricondu- scuola, una autogestione at- quindi, di farmi conoscere il
cibili all’inquinamento. Non è tenta e consapevole ha por- codice Iban della Fiat in modo
strumentalizzazione, è verità. tato ad approfondimenti acuti mente penso che sia sbagliato. da fare un bonifico di un euro
So bene che non potete con- sulla riforma, nonché al con- Ma ci sono tante cose che so- in modo che l’ad Marchionne
travvenire a un ordine e che in fronto, serrato, ma condotto no moralmente sbagliate e non possa più dire che “non
questi tempi di estrema man- in termini di democrazia e lu- che la legge non deve perse- un euro dei due miliardi
canza di lavoro ognuno ha ben cidità, con un interlocutore fa- guire. Per dirne una, l’adulte- dell’utile operativo 2010 arri-
ragione a non mettere a re- vorevole alla riforma, rappre- rio, il trattare male le persone, va dall’Italia”. Essendo io un
pentaglio il proprio. Ma la vita sentante della Giovane Italia. non pagare le tasse, non dare i pensionato dello Stato, riten-
è al di sopra di tutto e la vita Una manifestazione per le vie soldi ai poveri. L’omosessua- go che questo mio contributo
viene dalla Terra. E quando nei di Empoli - anche questa ricca, lità è oggettivamente sbaglia- possa considerarsi “utile ope-
confronti di chi urla aiuto da- pensata, condotta con atten- ta”. Sugli esempi sorvolo, so- rativo 2010”. Grazie
rete il via alla dura repressione zione e precisione, e parteci- no penosi e sarebbe facile in- Luca Pezzolo
a cui dai vostri superiori state pata - ha concluso la prima fa- fierire. Preciso però che But-
per essere chiamati, ricorda- se della protesta. Credo che si tiglione avrebbe dovuto dire
tevi che le bocche cui con la debba meditare bene, prima di “soggettivamente” e non
forza imporrete di ingoiare ve- bollare facilmente ogni forma “oggettivamente”, visto che
leno e morte saranno nel tem- di protesta come sterile e po- per la sua morale essere gay o IL FATTO QUOTIDIANO
che il conduttore riesca a fare cose continuino ad andare co- po anche quelle di chi amate. co meditata. Per la verità, mi lesbiche è sbagliato, mentre via Orazio n. 10 - 00193 Roma
molto. Forse alla gente piace la me sempre, se non peggio. La Saluti. pare che gli studenti, pur usan- per la mia, ad esempio non lo lettere@ilfattoquotidiano.it
rissa e questo fa audience, ma gente comune ha pochissimo Enzo Carpentieri do forme che hanno perso, al
io, e forse non solo io, sono spazio per esprimere il pro- giorno d’oggi, molto smalto,
nausetato e stanco di questo prio parere. Cordiali saluti e La scuola, la riforma facciano di tutto per ridare lo- Direttore responsabile
andazzo. continuate così. ro un significato profondo e
3) Sono stanco di constatare Antonio Sutera Sardo e le occupazioni personale. Forse, mi dico tal- Antonio Padellaro
che mai a certi personaggi Caro Fatto Quotidiano, volta, saremmo noi adulti a Vicedirettore Marco Travaglio
vengono fatte domande sco- Terzigno che lotta nella mia scuola, come in mol- dover prendere esempio da
Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
mode, veramente scomode. te italiane, gli studenti sono loro. Saluti a tutta la redazione
Perché? per non morire mobilitati contro la riforma de il Fatto Quotidiano, buon Progetto grafico Paolo Residori
4) Sono stanco di vedere sem- Signori coraggiosi ed instanca- Gelmini da quasi due settima- lavoro a tutti. Redazione
pre una certa autocensura su bili delle forze dell’ordine, so- ne. Autogestioni, manifesti, Orsetta Innocenti 00193 Roma , Via Orazio n°10
argomenti scottanti. E di altro no certo che la riflessione alla cortei, e ora, da qualche gior- tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
sono stanco, per cui i miei in- quale in queste righe sto per no, anche l’occupazione. Leg- L’oggettività di Buttiglione e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
sito: www.ilfattoquotidiano.it
teressi me li coltivo altrove, invitarvi è già nel cuore di mol- go un pò dappertutto, sui me-
non più in televisione. Con- ti di voi e rende ancor più dif- dia così come in molte opi- è oggettivamente sbagliata Editoriale il Fatto S.p.A.
tinuo a seguire Report (di cui ficile il compito a cui in questi nioni (sia di cittadini, sia di ad- Rocco Buttiglione ha detto a Sede legale: 00193 Roma , Via Orazio n°10
ammiro la conduttrice e la sua giorni siete chiamati. Vi scrivo detti ai lavori), che tanto “l’oc- Radio2 (Un giorno da pecora): Presidente e Amministratore delegato
classe) ma quel che mi lascia dagli Stati Uniti e sto seguen- cupazione ottobrina è fisiolo- “Sul piano politico e sociale io Giorgio Poidomani
basito, in questo strano paese, do con molta attenzione le vi- gica”, che “non sono i modi, sono contro ogni discrimina- Consiglio di Amministrazione
è che dopo certe denunce le cende di Terzigno. Lo sapete né i tempi giusti” e che “gli zione contro i gay. Ma moral- Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
• Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
Queste sono le forme di abbonamento Prezzo170,00 € telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
previste per il Fatto Quotidiano. • Modalità Coupon * • Bonifico bancario intestato a: • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
con carta di credito e PayPal.
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 320,00 € - annuale Editoriale Il Fatto S.p.A., tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
Per qualsiasi altra informazione in merito
alla settimana (da martedì alla domenica). Prezzo 180,00 € - semestrale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Ag. 105 Via Sardegna Roma Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
• Abbonamento PDF annuale +39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
• Abbonamento postale base (Italia) Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € - annuale Prezzo130,00 € +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
• Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Orazio n° 10, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, 2ª rata compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano