Sei sulla pagina 1di 20

A Messina un altro neonato sta male per le risse

in corsia. Incredibile. Come lo stato della sanità in Italia y(7HC0D7*KSTKKQ( +"!z!;!$!=


www.ilfattoquotidiano.it

È TORNATO
TELEBAVAGLIO
MARTEDÌ E VENERDÌ
in onda alle ore 19.00 su
www.ilfattoquotidiano.it
alle 24.00 su Current
telebavaglio@ilfattoquotidiano.it
lebavaglio
io@i
@ilf
@i
ilffat
att
tto
toquo
toq
quotidiano.it Canale 130 di Sky

Martedì 21 settembre 2010 – Anno 2 – n° 248 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Orazio n° 10 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

CHIUDONO I CANTIERI Fotti la Giustizia


di Marco Travaglio

PER FARE LARGO ALLE VILLETTE L


a cosa più sconcia della legge ad personam
numero 40, quella che darà all’Italia l’unico premier
al mondo con l’autorizzazione a delinquere, è che
non si cerca più nemmeno di camuffarla e
imbellettarla con motivazioni giuridiche o esigenze

Fincantieri manda a casa 2500 lavoratori generali. Anche perché il 99% di quanti ne parlano non
hanno la più pallida idea di quel che dicono. I pochi che lo

L’idea: smantellare l’imp i a n t o sanno, strappato anche l’ultimo velo d’ipocrisia, affermano
esplicitamente che il nuovo “lodo” deve servire a una sola

di Genova per una nuova colata di cemento persona: quella che lo firma. Anzi c’è chi, come l’inesausto
oppositore Piercasinando Furbini e i finiani, la votano solo
se vale per B. e basta: se vale pure per i ministri, non se ne
fa nulla. Vogliono proprio il nome del beneficiario nel testo.
Nonostante la disoccupazione da Quale testo? Cinque le ipotesi. 1) Lodo costituzionale
record, perfino un’azienda di Stato Alfano-bis per immunizzare i presidenti della Repubblica,
sacrifica posti di lavoro per la della Camera, del Senato e del Consiglio più i ministri: o
con la sospensione dei processi sino a fine mandato, o con
speculazione immobiliare. Proteste l’autorizzazione a procedere del ministro della Giustizia per
a Napoli e Palermo. Anche l’Alitalia avviarli.
si prepara a “cedere” 2000 2) Come sopra, ma senza ministri (versione Fli e Udc). 3)
Nuovo legittimo impedimento per allungare quello di 18
dipendenti in un anno pag. 2 - 3 z mesi che scade l’estate prossima, cambiare le carte in tavola
alla Consulta che il 14 dicembre esamina quello attuale e
indurla a rinviare per guadagnare altro tempo. 4) “Processo
Il pontefice ha regalato alla breve” per sterminare centinaia di migliaia di processi, fra
Regina un manoscritto del cui quelli a B. 5) “Processo lungo” per vietare ai giudici
VIII secolo. Per aggiornarla l’uso delle sentenze di Cassazione e di scremare i testimoni
CATTIVERIE sulle prossime strategie
della Chiesa www.spinoza.it
inutili, così anche i processi Mills e Mediaset durano
qualche secolo. Essendo impossibile approvare cinque
Lo Scarabeo 8 della Saipem, alla Fincantieri di Palermo (FOTO ANSA)
leggi in tre mesi, bisogna sceglierne una: quella che riesce
meglio a fottere il Tribunale di Milano, la Corte
RIMPASTO x Storace e Cuffaro in soccorso del premier
Adro, simboli leghisti costituzionale e il Quirinale in un colpo solo. Il finiano
Moffa, nomen omen, parla di “due scuole di pensiero:

NEL GOVERNO FASCISTI ancora lì. Il prefetto dov’è?


Reguitti pag. 7 z
secondo alcuni basterà una prima lettura del Senato sul
lodo Alfano-bis a far sì che la Consulta dichiari il rinvio;
altri invece ritengono che sarà necessario varare un
nuovo legittimo impedimento”. Traduzione: non c’è

E AMICI DEI MAFIOSI alcun motivo giuridico perché la Consulta, che deve
valutare la costituzionalità del legittimo impedimento,
rinvii la discussione perché forse fra due anni sarà
legge costituzionale il lodo Alfano-bis; ergo bisogna
Berlusconi a spaventarla con un primo voto del Senato sul lodo
Udi Vittorio Malagutti caccia di voti per (prima ci pensava la P3, ora purtroppo in galera); se
poi non basta, si allunga il legittimo impedimento, così
PROFUMO, sostituire i finiani la legge su cui deve decidere la Corte cambia in corsa e
FINE CORSA? abbraccia alcuni si rinvia. Poi magari, quando la Corte starà per
Cuffaro esaminare la seconda versione, se ne farà una terza per
a guerra di logoramento Udc siciliani
L scatenata dai grandi soci
di Unicredit contro l'ammi-
e uomini legati
strappare un nuovo rinvio, e così all’infinito. Un golpe
del governo e del Parlamento contro la Consulta, tanto
alla Destra e il Quirinale firma tutto (o no?). Ma c’è pure una terza
nistratore delegato Alessan- scuola di pensiero: meglio non cambiare subito il
dro Profumo arriva oggi alla all’estrema destra legittimo impedimento, perché “ciò darebbe alla Corte
battaglia decisiva. pag. 14 z Storace Amurri e Telese pag. 4 - 5 z L’illustrazione di Emanuele Fucecchi uscita su “il Misfatto” di domenica scorsa l’idea che la legge è sbagliata, tanto da aggiustarla”.
Non resta che sperare che, votando una prima volta il
lodo al Senato, la Consulta si intimorisca e rinvii.
Quarta scuola di pensiero: la Consulta non si fa
intimidire e il 14 dicembre boccia il legittimo
impedimento. Nel qual caso B. ha già fatto sapere che
ne approverà subito un altro: una legge quasi uguale a
quella appena bocciata, altro golpe contro la Consulta,
tanto il Quirinale firma tutto (o no?). Di questo si parla
nel vortice dei vertici tra B., Al Fano e Ghedini e poi tra
Mavalà e la Bongiorno, senza il minimo accenno al
Diritto e alla Giustizia. Si pensa solo e sempre agli
affaracci di B. E, quando qualcuno prova a volare alto,
fa sbudellare dalle risate. Tipo Carlo Vizzini, presidente
della Commissione Affari costituzionali: “Il lodo deve
comprendere non solo il premier, ma anche i ministri,
neroi per un giorno altrimenti viola il principio di eguaglianza e dunque la
Costituzione”. Ecco: l’art. 3 stabilisce che tutti i
Le mafie uccidono cittadini sono uguali di fronte alla legge, dunque tutti i
e lo Stato dimentica membri del Consiglio dei ministri devono essere
impuniti. Giusto: non si può salvare il capobanda e
Viaggio lungo il Sud processare il basista, il palo e quello che tiene il sacco.
Fierro pag. 12 - 13z Se no poi parlano.
pagina 2 Martedì 21 settembre 2010

PROFONDO ITALIA PROFONDO ITALIA

Tutti i numeri (neri)


dell’autunno
650 mila
I CASSINTEGRATI A ZERO ORE
170
I TAVOLI DI CRISI APERTI
400 mila I LAVORATORI
Allarme lavoro
All’ombra dell’interim
8,4%
IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE
26,8%
IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE
140
I GIORNI PASSATI
caldo NEI PRIMI 7 MESI DEL 2010 AL MINISTERO DELLO SVILUPPO A RISCHIO infinito di B. A LUGLIO GIOVANILE DALLE DIMISSIONI DI SCAJOLA

A MARE GLI OPERAI Alitalia, solo andata


La protesta
Gli operai della Fincantieri
sulle gru a Castellammare
di Stabia
(FOTO ANSA)

ARRIVANO GLI YACHT per 2000 lavoratori


LA NUOVA COMPAGNIA SEMPRE PIÙ PICCOLA:
Fincantieri: via 2500 posti, meglio il cemento -1 MILIONE DI PASSEGGERI, -30% DI AFFARI
L’ANALISI di Ferruccio Sansa che perché si disperde un patri- in residenze. Non importa che la di Stefano Feltri restringe, la nuova Alitalia di-
Genova monio unico di competenza e Liguria abbia già 29 mila posti venta sempre più piccola. E alla
tecnologia. Eppure Fincantieri essione di asset”. Lo

“C
barca, uno ogni 47 abitanti. Che Filt, il sindacato del trasporto
LA CRISI ddio a Rex, Andrea Doria e punta in quella direzione: i can- definiscono così den-

A
il cemento sia arrivato ovun- della Cgil, il segretario con de-
Michelangelo. Fincantieri tieri di Castellammare di Stabia que. tro Alitalia il processo lega al trasporto aereo Mauro
GIOCATA punta sul mattone. La sire-
na da decenni ogni matti-
na annunciava l’inizio del turno
e Riva Trigoso saranno dismessi.
Non solo: per aumentare espo-
nenzialmente il valore delle
Ma l’attrazione di Fincantieri per
il cemento non risparmia Geno-
va, come racconta Mario Margi-
di riorganizzazione
che porterà quasi 2 mila lavo-
ratori a uscire dall’azienda en-
Rossi denuncia: “È una viola-
zione degli accordi di Palazzo
Chigi del 2008 che hanno por-
CON LE FICHES di lavoro. Migliaia di tute blu en-
travano nei cantieri. E le navi, al-
aree saranno realizzate opera-
zioni immobiliari.
ni, assessore comunale ai Lavori
Pubblici: “Con Fincantieri e il
tro la fine dell’anno. Non reste-
ranno disoccupati, spiegano,
tato alla nascita della nuova Ali-
talia, non prevedevano ulterio-
te come grattacieli, crescevano Governo sei mesi fa eravamo cambieranno semplicemente ri riduzioni del perimetro
davanti alla città. Transatlantici UNA SCELTA che non stupi- praticamente arrivati a un accor- datore di lavoro: invece che es- aziendale”. Anche perché, con-
di Giorgio Meletti capaci anche di conquistare il rebbe se fosse realizzata da una do che prevedeva investimenti sere assunti dalla compagnia ti alla mano, dai sindacati temo-
Nastro Azzurro, diventati in pas- società immobiliare, ma qui sia- per 200 milioni. I cantieri di Se- aerea diventeranno dipendenti no che la quantità di asset da ce-
e la politica avesse il coraggio sato il simbolo dell’Italia. Così di altre società, come quelle
Svedrebbe
di guardarsi allo specchio,
il suo fallimento
come, all’opposto, la decisione
di Fincantieri di tagliare 2.480
mo di fronte al gigante mondiale
della cantieristica. Di proprietà
pubblica, per giunta. Ma basta vi-
stri Ponente dovevano essere
spostati verso il mare, lasciando
libera un’area di decine di ettari
che gestiscono gli aeroporti. È
già successo nel 2009, con la
dere, cioè il numero di persone
da mettere fuori dall’azienda,
sia di parecchio superiore ri-
nell’immagine dei drammi che posti è la fotografia di un Paese sitare Castellammare di Stabia dove la società voleva realizzare cessione di alcuni lavoratori spetto a quelle che lavorano
raccontiamo in queste pagine. in crisi. Addio, lo storico cantie- (Napoli) e Riva Trigoso per capi- immobili”. Un’ipotesi, però, le- denaro contante. Finirono Sulle aree dismesse degli scali periferici, tipo Cata- nei piccoli scali aeroportuali.
L’Alitalia è il carrozzone statale re di Sestri Ponente sarà ricon- re l’operazione. Prendete pro- gata allo sviluppo dei cantieri. all’asta 390 cespiti, 134 mila me- porti turistici nia (per la verità, in quei casi, si Anche considerando le centi-
affidato dal governo Berlusconi vertito. Riva Trigoso e Castel- prio Riva Trigoso. Siamo alle por- “L’accordo era praticamente tri quadrati coperti e 2,6 milioni sono salvati solo i dipendenti a naia di dipendenti della vec-
a una variopinta cordata di im-
prenditori privati, detti “i corag-
giosi”. La Fincantieri è l’ultima
azienda statale rimasta.
La prima, che doveva volare li-
lammare di Stabia saranno chiu-
si. Si punterà sull’Adriatico,
Monfalcone e Marghera.
Un maremoto per una delle in-
dustrie italiane d’eccellenza: la
te delle Cinque Terre, uno dei
tratti di costa più integri d’Italia.
Gli stabilimenti Fincantieri sono
accanto alle spiagge: cambiando
destinazione d’uso ai capannoni
concluso”, racconta Margini,
“poi nessuno si è fatto più sen-
tire”. E due giorni fa la brutta sor-
presa: Fincantieri “riconverte”
Sestri Ponente. Addio alle navi,
di terreni. Soprattutto i due sto-
rici manicomi liguri: i padiglioni
di Quarto, una delle zone resi-
denziali più ambite di Genova, e
l’ospedale psichiatrico di Cogo-
“ L’operazione:
far schizzare
tempo indeterminato mentre
molti precari si sono persi per
strada). Il Corriere della Sera, due
giorni fa, aveva parlato di “Due-
mila in uscita”, e Alitalia aveva
chia Alitalia richiamati dalla
cassintegrazione per il periodo
estivo che ora, finito il picco di
traffico, vengono rimandati a
casa. Alla fine del processo di
va che l’obiettivo del 2010 è di-
mezzare le perdite del 2009
la nuova Alitalia non è più effi-
ciente della vecchia, perde me-
bera e leggiadra dopo aver sca- cantieristica. Una decisione il valore delle aree schizzerebbe ci sarà spazio solo per produzio- leto, difficile immaginare un luo- il valore dei scelto la linea del “non confer- riorganizzazione, comunque, (274 milioni di euro), sperando no soldi solo perché è più pic-
ricato un terzo dei dipendenti, che, però, nasconde retroscena alle stelle. L’idea sarebbe pro- ni meccaniche. Strano destino, go più bello – e pregiato econo- miamo”, ma senza smentire. il numero di dipendenti di Ali- in una ripresa più convincente cola. Rispetto a quando l’azien-
torna dopo meno di due anni a inediti. In Liguria c’è chi, senza prio questa: utilizzare le struttu- quello di Genova. Città delle micamente – per quelle costru- terreni e puntare Perché, tecnicamente, si tratta talia si ridurrà: dagli attuali 14 nel 2011. Nel mese di settembre da era pubblica, il fatturato è di-
parlare di ridimensionamento. voler comparire, dà una lettura re a mare degli stabilimenti per grandi industrie, delle partecipa- zioni che ospitarono tanta soffe- non di esuberi ma di asset, cioè mila abbondanti a circa 12.500. Sabelli stimava anche un milio- minuito del 30 per cento, i pas-
La seconda è costretta dalla cri- politica della decisione: “È il ri- realizzare l’immancabile portic- zioni statali, che oggi si riconver- renza. sul business del di “beni” della compagnia (la- I sindacati sono in rivolta, chie- ne di passeggeri in più rispetto seggeri trasportati di un milione
si della cantieristica a mettere flesso della scomparsa di Scajo- ciolo, magari per maxi yacht. E tono in una sorta di operatori im- voratori) che vengono ceduti. dono subito un incontro con il al 2009. Perché, quindi, ridurre all’anno, è calato anche il load
in discussione 5-6 mila posti di la dalla scena e del trionfo del sulla riva trasformare il cantiere mobiliari. La febbre del mattone ALLA FINE LA GARA se mattone Ma il risultato non cambia: il co- governo ma per ora niente. il perimetro del gruppo se le co- factor, cioè la percentuale di po-
lavoro, tra diretti e indotto.
Secondo il Centro studi della
Confindustria, dall’inizio del
2008 sono spariti, in meno di
tre anni, 480 mila posti di la-
Carroccio. I cantieri si concen-
trano sull’Adriatico, dove go-
verna la Lega, così si puniscono
le regioni di centrosinistra”.
Chissà. Ma a leggere le 50 pagi-
Dismessi
due cantieri
che, con la benedizione di cen-
trosinistra e centrodestra, si è già
mangiata le coste sta trasforman-
do in appartamenti anche indu-
strie, colonie, ospedali, perfino
l’aggiudicò Fintecna Immobilia-
re con un’offerta di 203 milioni.
Molti storsero il naso: per risana-
re la Sanità pubblica, i beni della
Regione furono ceduti a una so-

na). Colpa della crisi e della con-
correnza soprattutto asiatica
che morde ai polpacci: le com-
siddetto perimetro aziendale si

La chiamano
L’unica presa di posizione uffi-
ciale è quella del ministro del
Welfare Maurizio Sacconi che,
riferendosi ad Alitalia e al caso
Fincantieri, ha detto: “Non aiu-
se non vanno poi così male? Il
punto è proprio questo, che le
cose vanno peggio di quanto
non traspaia dalle dichiarazioni
di Sabelli e del presidente Ro-
sti venduti su ogni aereo che de-
colla.

CEDERE PEZZI di compa-


gnia, specie se si tratta di pezzi
voro. Un dato parziale, perché
non può tenere conto delle tra-
gedie occupazionali del som-
merso. Ma, quel che è peggio, è
la stessa Confindustria ad av-
ne della bozza del “Piano Indu-
striale 2010-2014 Fincantieri”
presentato all’azionista Fintec-
na c’è un altro punto che colpi-
sce: i cantieri lasciano posto al
“ Il piano
industriale
ex manicomi.
E qui entra in gioco Fintecna che
si presenta come finanziaria nel
settore industriale e dei servizi,
una società pubblica che detie-
cietà del Tesoro. Gli imprendito-
ri privati attaccarono: “Puzza
tanto di aiuto mascherato”.
Fintecna, che si occupa di ricon-
versioni e ristrutturazione delle
messe per le navi da crociera so-
no 10 (nell’ultimo decennio era-
no state 32), le navi militari sono
passate da 21 a 11. Spariti i tra-
ghetti. Tengono solo i maxi ya-
“cessione di
asset”: in realtà
ta il gioco spregiudicato delle
indiscrezioni. Chi ama questo
Paese deve comunque operare
per soluzioni costruttive”.
berto Colaninno. Il professor
Ugo Arrigo, economista della
Bicocca di Milano, riassume co-
sì la situazione: “La nuova Alita-
lia, pur avendo notevolmente
con un costo come i lavoratori,
ha come benefico effetto colla-
terale per i conti che le perdite
si riducono. Anche se la parte
industriale non migliora di una
vertire che la perdita di posti cemento. In un periodo di crisi fa chiudere ne il 99% di Fincantieri. Nel attività risanabili, fa rotta sul mat- cht. Meglio puntare sui condo- passeranno ad FINO A POCHE settimane fa migliorato i suoi risultati nella virgola. Un’Alitalia sempre più
continuerà almeno per tutto il per il settore navale, meglio 2007, quando la Sanità ligure era tone. Intanto i cantieri rischiano mini. Ma Genova non sarà più la i vertici di Alitalia lasciavano in- prima metà del 2010 rispetto al piccola, insomma, perde sem-
2011, e che la disoccupazione puntare su un’attività più sicu- Castellammare al collasso (non che adesso vada di passare da 6.047 dipendenti stessa: perderà i posti di lavoro e altre società tendere che la situazione era dif- 2009, non ha ancora raggiunto pre meno (almeno in valore as-
di massa rischia di assumere un ra. Forse le casse di Fincantieri molto meglio) fu lanciata nel 2009 a 3.910 nel 2014 (in una parte importante della sua ficile ma ostentavano anche un quelli che la vecchia azienda era soluto, cioè in euro). E questa
carattere strutturale. In altre ne trarranno beneficio, ma per di Stabia e Riva un’operazione di cartolarizza- America, invece, i lavoratori del anima. Come scriveva il poeta con l’incognita certo ottimismo. Ancora il 16 di comunque in grado di conse- sembra essere una delle poche
parole, si prospetta lo sgreto- Genova sarà una sberla in faccia: zione per trasformare il patrimo- gruppo cresceranno di 900 unità Giorgio Caproni: “Genova tutta settembre l’amministratore de- guire in periodi di normale ope- strategie possibili – in attesa di
lamento della struttura produt- per i posti di lavoro persi, ma an- Trigoso nio immobiliare ospedaliero in per costruire le navi della Mari- cantiere”. dei contratti legato Rocco Sabelli annuncia- ratività”. Che significa questo: una ripresa del traffico aereo o
tiva del Paese.
Alitalia e Fincantieri rappresen-
tano i due volti della crisi, pub-
blico e privato. Ma una cosa,
DA SESTRI A PALERMO In lotta ” SICUREZZA ZERO Il mercato nero
di risultati eccezionali nella sta-
gione natalizia – per evitare che
nel 2011 si debba già arrivare a
una ricapitalizzazione
drammaticamente, le accomu-
na: sono in mano ad azionisti
che non investono.
Nessuno ha mai creduto che
La rivolta sulle gru contro il pasticcio-Tremonti delle false certificazioni
dell’azienda. All’inizio di giu-
gno Colaninno si lasciò scappa-
re: “Se raggiungeremo certi ri-
sultati Alitalia si salva, altrimenti
una compagine formata da as- di Salvatore Cannavò gruppo di operai della Fin- di Stabia e quello di Riva Tri- cipali concorrenti europei di tà statale, controllata da Fin- ha molto a cuore lo “sviluppo delle nuove commesse garan- l rispetto delle norme di sicurezza sul la- concussione, corruzione, falso ideologico, ri-
sicuratori, siderurgici e palazzi-
nari pensasse di giocare le sue
cantieri di Palermo ha bloc-
cato l'ingresso ai cantieri
goso, il ridimensionamento
del cantiere di Sestri Ponente
Finantieri. Anche in Estremo
Oriente si sono verificate le
tecna che a sua volta è pos-
seduta dal Tesoro, cioè da
economico” visto che il mini- tite dalla Difesa Usa in una sor- Idell’Asl
voro per anni sono state affidate a ispettori
che ne facevano merce di scambio e
fiuto di atti d’ufficio. Da brividi il contenuto
delle 387 pagine dell’ordinanza del Gip Paola
bisognerà trovare soluzioni di fi-
nanziamento, perché Alitalia

fiches sullo sviluppo a lungo ter-


mine di una compagnia aerea.
Traiutto il gruppo di Fincantie-
ri è in mobilitazione. Ope-
sulle gru, scioperi spon-
mentre a Sestri, in Liguria, gli
operai sono scesi in corteo al-
e di quello Palermo. Ma la
perdita dei posti di lavoro po-
prime difficoltà per i cantieri
cinesi o sudcoreani (Daewoo
Tremonti. E con una crisi che
si trascina da almeno due an-
stro competente è assente da
oltre quattro mesi. Ma, para-
dossalmente, il ligure Claudio
ta di delocalizzazione di Sta-
to.
Ecco quindi che il ruolo del
di ricatto. Taglieggiando gli imprenditori per
spillare denaro in cambio di false certifica-
Cervo, che ha vagliato i risultati delle indagini
condotte dai carabinieri di Grazzanise e
avrà bisogno di soldi”. Panico
tra gli azionisti, dai Benetton
agli Angelucci, che dopo aver
Fa invece impressione scoprire tanei, sindaci in allarme, fa- l'interno dello stabilimento. I trebbe triplicarsi se si consi- e Samsung). L'azienda, in una ni la mancanza di visione stra- Scajola non lesinava attenzio- governo torna in primo pia- zioni, oppure incarichi di consulenza per pro- coordinate dal pm Donato Ceglie, lo stesso pagato il loro obolo all’italianità
per quanti anni l’azionista unico miglie in apprensione per lavoratori di Riva Trigoso, an- derano le ditte di appalto che nota diramata ieri sera, affer- tegica del governo è lampan- ne alla cantieristica vista la ri- no. Tutte le dichiarazioni po- fessionisti amici, fino ad accumulare un bot- dell’inchiesta sulla morte dei tre operai. della compagnia non vedono
di Fincantieri, cioè il ministero una ristrutturazione del cora in Liguria, la più colpita nella cantieristica navale sor- ma di “non aver preso alcuna te. Vero è che l'esecutivo non levanza degli stabilimenti di litiche chiedono un interven- tino di circa 600.000 euro. Si tratta degli stes- Gli inquirenti hanno scoperto un ‘sistema’ di l’ora di uscirne.
dell’Economia, complice l’oppo- gruppo che potrebbe rappre- dal piano, hanno invece oc- gono come funghi. L'azienda decisione” ma nella sostanza competenza elettorale – Se- to, il Pd chiede “nuove com- si ispettori che avrebbero dovuto vigilare nella controlli manipolati od omessi. Funzionava
sizione pro tempore, ha igno- sentare un disastro sociale ri- cupato la direzione azienda- motiverebbe la ristruttura- non smentisce le indiscrezio- stri Ponente, Riva Trigoso e messe”, il sindaco di Genova, Dsm di Capua, l’azienda farmaceutica dove così. I tre ispettori si recavano presso aziende
rato il disfacimento di impianti
industriali di grande tradizione
levante. Tra i più allarmati ci
sono i sindaci che oggi si ri-
le. Sui due cantieri destinati
alla chiusura, tra l'altro, Ca-
zione con il calo della doman-
da di navi da trasporto per via
ni. “Il nostro scopo – spiega il
documento – è quello di sal-
L’azienda è Muggiano – che con i tre nor-
destini di Monfalcone, Trieste
Marta Vincenzi, si dichiara
pronta “ad azioni eclatanti”
l’11 settembre sono morti asfissiati tre mu-
ratori in una cisterna. Ed infatti tra le tele-
e cantieri, e lasciavano capire che avrebbero
verbalizzato violazioni delle normative sulla
La Cgil:
come i cantieri navali di Paler-
mo, Castellammare di Stabia e
troveranno a Roma per discu-
tere con i sindacati che da
stellammare e Riva Trigoso
incombe l'ipotesi di una
della crisi. In effetti nel 2009
la Fincantieri ha avuto ordi-
vaguardare al massimo i livel-
li occupazionali ed evitare
statale: con e Marghera, quello di Ancora,
quello di Bari, quello di Castel-
mentre il ministro del Welfa-
re, Sacconi si limita a dire di
fonate intercettate nell’ambito dell’inchiesta
della Procura di Santa Maria Capua Vetere
sicurezza, prospettando sanzioni di 50mila
euro. Poi, in serata, la telefonata al respon-
“Violati gli
Riva Trigoso.
Come in decine di casi analoghi,
parte loro chiedono un in-
contro urgente al governo e
grande speculazione com-
merciale e immobiliare.
nativi per 1,75 miliardi con-
tro i 2,52 del 2008 e i 4,23 del
quindi di dover ricorrere a
strumenti di natura non con-
l’indotto la lammare di Stabia e quello di
Palermo compongono i dieci
“non aver ricevuto alcuna co-
municazione”. Fiom, Fim e
che ha fatto scattare le manette per tre ispet-
tori dell’Asl di Caserta e tre consulenti, c’è
sabile sicurezza per proporre ‘l’accomoda-
mento’: tremila-cinquemila euro per ottene-
accordi di
la politica, imbronciata per l’im- proclamano per il 1 ottobre Tutto nasce dal piano di ri- 2007, anno record. Sono due giunturale. Ma se il mercato insediamenti produttivi della Uilm per un giorno dimenti- pure una conversazione tra un ispettore e un re i certificati che indicavano il rispetto della
possibilità di continuare con le una manifestazione a Roma. strutturazione aziendale reso anni che la domanda mondia- dà segnali di ripresa per le na- perdita di posti Fincantieri in Italia. La beffa cano le divisioni Fiat e trova- dirigente Dsm. Gli arrestati, gli ispettori Aldo legge (che essi stessi falsificano grazie a tim- Palazzo Chigi
assunzioni clientelari, si è disin- A Castellammare, vicino Na- pubblico dal quotidiano La le di navi è in declino, situa- vi da crociera è anche vero del piano, però, è che mentre no l'unità: tutti annunciano Nuzzolo, Pasquale D’Amore e Donato Farao- bri trafugati) con date antecedenti all’ispe-
teressata. Qualcuno studiava il poli, gli operai sono saliti su Repubblica. Un piano dram- zione che ha portato alla re- che è totalmente piatto per può triplicare si prevedono tagli consistenti che si opporranno fino alla fi- ne, e i consulenti Antimo Marcello, Luigi Mar- zione, oppure un incarico per i professionisti del 2008 che
proporzionale alla tedesca. Altri una gru esponendo uno stri- matico, con la perdita in Ita- cente chiusura della danese tutti gli altri settori”. in Italia si pianificano nuove ne alla chiusura dei cantieri e cello e Francesco D’Angiolella, sono accusati legati al gruppo.
si occupavano dell’unico mer- scione con la scritta “Il can- lia di 2450 posti di lavori e Odense Shypard o alla ridu- Il nodo, in realtà, ruota attor- Ma si assume assunzioni, 900, negli Stati chiedono immediatamente di a vario titolo di associazione per delinquere, Vincenzo Iurillo hanno dato
cato considerato moderno: tiere non si tocca, lo difen- con la chiusura del cantiere zione delle commesse di StX no al governo perché Fincan- Uniti, alla Fincantieri Marine essere convocati a Palazzo
quello dei parlamentari. deremo con la lotta”. Un campano di Castellammare France e StX Finlandia, prin- tieri è un'azienda di proprie- negli Usa... Group appena acquisita, forti Chigi. vita alla Cai”
pagina 4 Martedì 21 settembre 2010

L A
SOCCORSO NERO SOCCORSO SICULO

otte, liti, assemblee, frecciate e tentano di ricucire (vedi Souad Sbai e marce su Roma composte da 10-20 milioni d otto giorni dal voto la battaglia più Francesco Nucara e Francesco Pionati dal volte per la poltrona di ministro dello Sviluppo
29 luglio: la rottura probiviri: il lungo percorso del Giuseppe Consolo); falchi che puntano alla di persone. I conti alla Camera: della Camera riserva ancora molte gruppo misto. Per un tatale di 303. Non hanno economico). A quel punto risulterebbero
Pdl in questo 2010 di fuoco, totale autonomia (Fabio Granata e E ora il traguardo è il prossimo 28 settembre incognite. Il 28 settembre, infatti, a ancora sciolto la riserva ma si possono includere fondamentali i cinque deputati del Movimento
culmina il 29 luglio con il documento di Carmelo Briguglio) e colonnelli che prima con il premier, Silvio Berlusconi presente in Montecitorio si voterà sui cinque punti del anche i tre probabili liberaldemocratici più i per le autonomie di Raffaele Lombardo. Con
tra il premier e i finiani Silvio Berlusconi contro Gianfranco Fini e fanno i pompieri e poi si scatenano come Parlamento e pronto a leggere i cinque punti obiettivo raggiungere programma di governo. Quota minima per cinque provenienti dall’udc. La conta di loro si arriverebbe a quota 317. Ma sarà difficile
l’immediata reazione dei “finiani” che “piromani” (da Ignazio La Russa a Maurizio programmatici. In quel momento si continuare 316 deputati. Obiettivo difficile da Berlusconi arriverebbe quindi solo a 311. convincerli visto che, anche se hanno sempre
creano Futuro e libertà. Da allora è Gasparri). In mezzo: la politica bossiana, verificherà quale maggioranza appoggia e raggiungere. Facendo due conti, ai 237 del Pdl e Il Cavaliere può contare anche sul voto di votato per la maggioranza, sembra stiano
Nasce Futuro e libertà “maggioranza cercasi”. Le colombe che fatta di strappi e proclami. Secessioni e governa il Paese. quota 316 ai 59 della Lega si aggiungono i cinque di Noi Sud Massimo Calearo dell’Api (autocandidatosi più prendendo accordi con il Pd in Sicilia.

Ora i cannoli di Cuffaro


Nostalgici
Da sinistra a destra: Nello Musumeci,
eletto vicesegretario de La Destra nel
2008; Francesco Storace segretario
del partito; Gianluca Iannone di
Casa Pound e Luca Romagnoli che
nel 2006 ha dichiarato: “Se le camere

sono “zucchero” per B.


a gas sono mai esistite? Francamente
non ho nessun mezzo per poter
affermare o negare”

BRACCIA TESE AL GOVERNO IL SENATORE UDC È TRA I MAGGIORI INDIZIATI


PER L’APPOGGIO AL GOVERNO. CON ALTRI NOTABILI
di Sandra Amurri silenzio e prego anche per
lui”. Ma mentre Cuffaro snoc-
mo poi deputato dell’Ars. Il
grande pubblico lo scopre in
sca) a cui lo ha rivelato Miceli a
sua volta informato da Cuffa-
Storace, Musumeci & Co: gli amici fascisti he Cuffaro con la sua una storica puntata di Samar-

C
ciolava la corona, Casini rin- ro. Ma prima che Guttadauro
condanna in Appello a 7 carava la dose: “A fronte dei canda ospite Giovanni Falco- venisse a sapere di essere in-

pronti ad essere imbarcati da Berlusconi anni per mafia fosse di-


ventato scomodo per il
Casini illuminato sulla via del-
voti persi non è detto che non
ne arriverebbero dei nuovi sia
sull’isola che a livello naziona-
ne, dedicata alla commemora-
zione dell’imprenditore ucci-
so dalla mafia Libero Grassi,
tercettato, aveva confidato di
aver finanziato la campagna
elettorale di Cuffaro nel 2001.
la legalità ritrovata, si era ca- le da chi non ci votava per la quando si alza dalla platea e de-
di Luca Telese grado la sua fama di chanson- Anzi, per dirla meglio era nato nel ruolo di viceministro di Nel- sicuro che sia mai esistito”. Un pito durante la scorsa campa- presenza di personaggi ‘sco- finisce mafioso quel giornali- FREQUENTAZIONI ma-
nier. Si tratta infatti di uno degli con l'incoraggiamento di Berlu- lo Musumeci, autonomista sici- infortunio? Macché. Intervista- gna elettorale per le Regiona- modi’ come Cuffaro”. smo che fa il gioco della mafia fiose a cui si aggiunge quella
a chi c'è dietro questa inni più famosi del rock iden- sconi, che volendo sempre ec- liano con cuore e radici iper- to da Corrado Formigli a Contro- li. Ad Ancona, aveva rivelato

M
contribuendo a distruggere la con Vincenzo Greco cognato
nuova Destra di gover- titario nato dai campi Hobbit cedere in tutto, sognava un par- missine. Musumeci però – gior- corrente, su Sky, faceva il bis: "Se al Fatto anticipando un suo de- IN ATTESA che il siparietto dignità della Sicilia assieme a di Guttadauro arrestato per
no che sale i gradini del della Nuova Destra degli anni tito fascistissimo (e alleato), al- nalista, ex presidente della Pro- le camere a gas sono mai esisti- siderio, che Cuffaro non face- si chiuda, è bene ricordare la “certa magistratura che mette aver curato il killer di Padre Pu-
governo? Perché Ber- Settanta. “Il Domani appartie- l'ala destra della sua coalizione, vincia, 4000 preferenze (il più te? Francamente non ho nessun va più parte dell’Udc. Cuffaro storia di Cuffaro, che rappre- a repentaglio e delegittima la glisi che Cuffaro al processo
lusconi fa campagna acquisti ne a noi” è forse il titolo più no- che sottraesse voti all'odiato Fi- votato nell'isola) e il 5% ai tempi mezzo per poter affermare o in realtà si era solo dimesso da senta gran parte di quel serba- classe dirigente siciliana”, con spiega così: “Sapevo che Ara-
nell'area neofascista? La noti- to di un gruppo padovano – ni togliendogli lo zoccolo duro della sfida Cuffaro-Borsellino – negare”. Splendido esempio di vicepresidente del partito e toio siciliano che ha permesso chiaro riferimento al sostituto gona e Greco avevano avuto
zia l'ha data alla sua maniera molto celebre nell'ambiente della militanza nera. La Santan- è solo uno dei volti di un partito revisionismo da bar. continuava ad essere mem- all’Udc di superare la soglia di procuratore di Trapani Tauri- problemi con la giustizia, la
Francesco Storace: “Non tro- underground e non solo – che chè, pur molto vicina al pre- che in una breve vita, sotto la bro della Commissione Vigi- sbarramento e di sedere in Par- sano che stava indagando sul gente può sbagliare, paga il
vate Nello Musumeci... Cerca- si chiama la Compagnia dell'A- mier, guidò una campagna in- guida dell'impetuoso Storace, Bandiere nere lanza della Rai eletto in quota lamento. Totò vasa vasa per suo protettore politico, Calo- suo prezzo e poi torna al lavo-
telo a Palazzo Chigi!”. Eppure, nello. Ed è modulato sulle note fuocata dicendo: “Non la darò ha già conosciuto un incredibi- e di Forza Italia Udc. Ma da allora di acqua sot- quella sua abitudine di baciare gero Mannino di cui da lì a po- ro”. Dimessosi da governatore
l'immagine da cui bisogna par- di un inno che, nel film Cabaret mai a Berlusconi!” e suscitando le turnover di storie e di perso- to i ponti ne è passata e ora tutti nasce a Raffadali (provin- co erediterà l’impero politico. a seguito della condanna ha ri-
tire per provare a capire, è un con Liza Minnelli, è cantato scalpore con un pronuncia- naggi. Per dire: alla Destra, in vi- quel desiderio potrebbe avve- cia di Agrigento) sposato, pa- Morta la Dc, Cuffaro passa al cevuto in premio da Casini la
fotogramma dell'assemblea con coinvolgente entusiasmo mento (per lei che era co-pro- sta delle elezioni aderirono sia il D'ALTRA parte, alle Politiche rarsi: Cuffaro potrebbe sbat- dre di due figlie vanta una for- Ppi poi al Cdu e all’Udeur in- candidatura al Senato. Presto
costituente della Destra, pri- da un giovane SS. Ebbene, prietaria del locale) quasi choc: Fronte sociale nazionale di del 2006, lo stesso Romagnoli tere la porta in faccia a Casini mazione scolastica dai Salesia- fine approda all’Udc di Casini sapremo se Totò migrerà nel
mavera del 2008. Il clima è fe- quell'incredibile cortocircui- “Sono meglio i ragazzi di Casa Adriano Tilgher che Fiamma di aveva partecipato, anche prima per correre in soccorso del ni il Don Bosco di Palermo. e Cesa. Viene eletto presiden- Pdl con il suo bagaglio di con-
stoso. Due gli ospiti d'onore: la to – il presidente del più gran- Pound che i clienti del Billionai- Luca Romagnoli. Quest’ultimo dell'alleanza con Storace, al co- governo Berlusconi. Scelta su Laurea in Medicina diviene ra- te della Regione Sicilia dopo danne e rinvii a giudizio utili
prima, Donna Assunta Almi- de partito liberale che si mette re!”. Poi cambiò passo. Passate era il leader che aveva sostituito mizio di piazza del Popolo por- cui peserebbe l’offesa per diologo e muove i primi passi essersi dimesso da parlamen- per non far più sentire
rante, è da sempre la madrina la mano sul petto intonando le elezioni propose la confluen- Pino Rauti alla guida del partito tando le sue bandiere nere al quelle parole pronunciate da nella Dc in qualità di autista di tare europeo a seguito della Dell’Utri la pecora nera, assie-
del Msi prima e di An poi, la cu- un inno identitario fascistissi- za nel Pdl, attaccata ferocemen- nato dalla scissione del 1994, e fianco di quelle di Forza Italia. Casini: “Cuffaro è un perso- Calogero Mannino anche lui condanna di primo grado e per me all’onorevole Saverio Ro-
stode testamentaria del marito mo degli anni Settanta – era il te da Storace che ripeteva la sua che era incappato in una pole- Le storie dei partitini extrapar- naggio scomodo” a cui ha ri- condannato in Appello per un pugno di cannoli indigesti. mano segretario regionale del
Giorgio. Il secondo, per quan- fotogramma di un incontro fiera intransigenza anti-Cavalie- mica incredibile per aver nega- lamentari di Destra sono com- sposto: “Sono dispiaciuto per mafia e assolto in Cassazione Cuffaro è, secondo le due sen- partito, il più votato in Italia al-
to possa sembrare strano, è Sil- che allora pareva ineffabile, e re: “I nostri ideali non sono in to l'esistenza del genocidio de- plicate: alle Politiche e alle Re- le parole dette sul mio conto ed ora pronto ad offrire aiuto tenze, l’anello portante della le elezioni europee del 2009
vio Berlusconi in persona. Nel invece non ebbe luogo. Nel vendita!”. E ancora: “Non si ven- gli ebrei. Memorabile l'afferma- gionali, all'alleanza con Storace dal mio amico Casini. Conti- al premier. Diviene dapprima catena con cui Michele Aiello, con 110.403 preferenze, già
gran finale, il presidente del 2007 nacque il Pdl – infatti – de un'intera storia Italiana per zione: “L'Olocausto? Non sono e Buontempo avevano preso nuo a preferire l’eleganza del consigliere comunale di Paler- re delle cliniche private sicilia- indagato per mafia e archivia-
Consiglio si appoggia il brac- An chiese e ottenne un veto al- diventare ministro degli esteri, parte proprio i fascio-futuristi ne uomo di fiducia di Bernar- to e ora indagato per concorso
cio sul petto con la mano sul l'apparentamento con la nuo- noi non chiederemo mai a Silvio di Casa Pound. Un movimento do Provenzano “gestisce” la sa- in corruzione aggravata dal fa-
cuore e, nella posa del giura-
mento sacrale, si mette incre-
va formazione, Francesco Sto-
race e la sua fiaccola dovettero
Berlusconi posti o poltrone,
purché lui non ci chieda di ri-
Tra loro anche che gravita intorno ai centri so-
ciali di destra, che si riconosce
senatore Stefano Morselli – ca-
merata puro e duro bolognese –
ma) è riuscita ad eleggere un eu-
rodeputato. Ecco perché in vi-
vista allo Spectator in cui spiega-
va che Mussolini aveva “manda-
Nel curriculum nità della Regione. Aiello con
cui si incontra nel retrobotte-
voreggiamento di Cosa Nostra
perché avrebbe intascato da
dibilmente a canticchiare il ri-
tornello di una canzone molto
correre da soli, presentando
come candidata premier Da-
nunciare a noi stessi”. Si sa che
le idee cambiano, in politica, e
Romagnoli che nella leadership di Gianluca
Iannone, detto “Boccia”. In
indossatore non pentito di ca-
micie nere.
sta delle elezioni – soprattutto
se Fini va al centro con Pier Fer-
to in vacanza al confino gli op-
positori”. Poi presentandosi in
di Totò “vasa ga di un negozio di intimo a Ba-
gheria per decidere il tariffario
Ciancimino jr, tangenti per
100 mila euro. Seguiti da Giu-
orecchiabile che viene diffusa
dagli organizzatori: “Il domani
niela Santanchè. adesso Storace si è riavvicinato
al Cavaliere, diventando il più
non riconosce quella campagna elettorale, i ra-
gazzi di Casa Pound fecero di-
Ridurre tutto questo a folklore
sarebbe un errore madornale.
dinando Casini – Berlusconi
vuole recuperare a tutti i costi
camicia nera alla festa di Atreju,
solo un mese fa facendo il bis
vasa” anche e a cui durante la sua prima
campagna elettorale aveva
seppe Drago (figlio di Mimmo
componente di spicco della
appartiè.... il domani appar- feroce fustigatore di Gianfran- scutere i media con un manife- L'area neofascista, malgrado quell'area in oscillazione fra nella stessa sede, con una bar- chiesto: “Devi farmi diventare
tiè.... il domani appartiene a
Nato per stare
co Fini. l’esistenza delle sto choc: “Sostieni la squadrac- scissioni e litigi “Vale da sempre uno e tre punti che potrebbe far zelletta sul ritorno di Hitler una condanna il più votato”. Guttadauro, ca-
corrente andreottiana che in
Sicilia faceva capo a Lima) con-
con il Caimano
noooòi!!!”. Tutti sono stupiti, a Infatti, ora che il leader di Futu- cia del cuore”, corredato da una e la stima qui è di Ignazio La Rus- vincere lo scarno asse tra Lega e amenamente filo-nazista: pomandamento di Brancaccio dannato da governatore a tre
partire dai militanti del nuovo ro e libertà (ri)diventa un con- camere a gas foto di una camionetta di squa- sa – non meno di un uno e mez- Pdl. Da professionista del mar- “Führer, ti rivogliamo fra noi! E in Appello condannato per mafia, ap- anni con l’interdizione perpe-
partito politico. IN REALTÀ il partito, come corrente elettorale, la Destra dristi del ventennio. E poi con zo per cento di voti”. In due oc- keting il Cavaliere non ha mai Lui: ‘Ma questa volta vi voglio prende dell’esistenza di mi- tua dai pubblici uffici per pe-
Infatti, è curioso che il premier raccontò in seguito la futura sot- viene scongelata da Berlusconi e il fondatore una carovana con tanto di auto casioni (Alessandra Mussolini smesso di presidiare quell'area cattivi!’”.Per ora sono tornati gli a 7 anni croscopie nella sua casa da culato per la mancata rendi-
finga di conoscere la canzone, tosegretaria “era nato proprio e – probabilmente – innalzata al d'epoca, megafono a tromba e con Alternativa sociale, lo stes- con segnali politici intermitten- uomini della fiaccola. Cattivissi- Aragona (condannato per aver contazione dei “fondi riserva-
o addirittura la conosca, mal- per allearsi con Berlusconi!”. rango di governo, con l'ascesa di Casa Pound lancio di volantini da parte del so Romagnoli con il suo Fiam- ti. Ad esempio la famosa inter- mi di certo, almeno con Fini. per mafia procurato un falso alibi a Bru- ti” (pena condonata).

La storia ribaltata della breccia di Porta Pia Manovre di Palazzo Urso sarà il segretario
EMENDAMENTO ANTI-CORRUZIONE

CENTOQUARANT’ANNI DOPO PARLA SOLO IL CARDINAL BERTONE. POI ARRIVA LA MILITIA CHRISTIE Ad aprile nasce il partito di Fini Come prescrivere
a Storia capovolta. È andata in sce-
Lbreccia
na ieri a Roma, 140 anni dopo la
di Pio IX come elemento di concilia-
zione. Alla presenza del presidente
agli attivisti dell’Uar (Unione agnosti-
ci), con lo striscione “Libera chiesa in
sacrilegio. Invece, dopo Bertone, co-
me se non bastasse, il monumento ai
di Sara Nicoli bertà per l’Italia, il battesimo do-
vrebbe avvenire in aprile. Nessuna
tro Fini sottrae al suo zoccolo duro.
Movimenti che anche ieri hanno vis-
decina) ma non si esclude di dover
cambiare anche la legge sulla razio-
le pene del premier
di Porta Pia e gli eroi di quei
giorni si saranno rivoltati nelle loro
tombe. Alla cerimonia davanti al mo-
della Repubblica, Giorgio Napolita-
no, del sindaco di Roma, Gianni Ale-
manno e del sottosegretario Gianni
libero Stato”, sono stati bloccati e
identificati da polizia e carabinieri.
“Ci è stato impedito – racconta Giu-
caduti per Roma capitale è stato oltrag-
giato dai militanti della Militia Christi.
Cotanto principe, Lillo Sforza Ruspoli,
L’sconi,importante è non perdere di vi-
sta l’obiettivo. E quello di Berlu-
ancora ieri sera, quando ha
carica prevista, al momento, per il
presidente della Camera, almeno fi-
no a quando siederà sullo scranno
suto una giornata di moto ondoso
agitato, anche se ormai il grosso del-
la compravendita è stato portato a
nalizzazione delle poltrone di gover-
no per aumentare il numero dei mi-
nisteri e mettere a tacere definitiva-
A l Senato i tecnici della giustizia del Pdl
(in prima fila Alfano e Ghedini) stareb-
bero lavorando a un emendamento da presen-
numento dei caduti ha parlato solo il Letta. Istituzioni zitte, parla solo la liano Girlanda, Idv – di avvicinarci per ha portato il drappo bianco e giallo accolto a villa Germetto il gotha del- più alto di Montecitorio. Segretario termine con i cinque ex democristia- mente gli appetiti di sempre della tare al ddl anti-corruzione per rivedere tutte le
cardinale Tarcisio Bertone, segretario Chiesa. Così, quando i Giovani non turbare lo svolgimento della ce- delle truppe pontifice del 1870, che la moda nazionale, capitanato da politico sarà infatti il viceministro, ni dell’Udc salpati armi e bagagli tra Lega sull’Agricoltura. norme sui reati commessi contro la Pubblica
di Stato Vaticano, esaltando la figura dell’Idv si sono avvicinati, assieme lebrazione, assurdo”. custodisce con cura: “I nemici della Santo Versace, era quello di raggiun- nonché presidente della fondazione le braccia del Cavaliere. Per avere la E Napolitano che farà? I berlusco- amministrazione, in particolare puntare su un
Chiesa sono sempre gli stessi, ieri e og- Il principe Ruspoli e Roberto Lastei della Militia gere una maggioranza autonoma FareFuturo, Adolfo Urso mentre l’or- riconferma del loro seggio ma anche nes sono pronti a scommettere che taglio di pena (da 8 a 6 anni) per la corruzione in
Il cardinal Bertone con Alemanno e Napolitano (FOTO DLM) LA CELEBRE frase di Camillo Ben- gi. La cravatta nera che porto, dona- “dall’orda” finiana. “Servirà almeno ganizzazione territoriale dovrebbe in vista di un ministero. La partita, il capo dello Stato non si metterà di atti giudiziari se commessa da un privato citta-
Riconciliazione? so, conte di Cavour, “chi può turba-
re?”. Una piccola contestazione c’è
tami dall’Arma dei carabinieri, è segno
di lutto, ma reca anche un tricolore,
tembre 1870, peccato che le tv italiane
hanno cancellato anche questo”.
un anno prima che si possa appro-
vare il Lodo Alfano bis – ragionava,
finire nelle mani di Roberto Menia,
ma anche Briguglio aspirerebbe alla
infatti, sta toccando i livelli più alti.
Berlusconi ha promesso agli ex Udc
traverso “in nome della stabilità del
governo” e per evitare le elezioni in
dino. Lo ha denunciato ieri Donatella Ferranti
(Pd) sostenendo che "se così fosse le nuove nor-
Il principe stata, animata da un piccolo gruppo di
Radicali, che hanno invocato “Una
per il rispetto che nutro verso le isti-
tuzioni”. Non si direbbe da quanto se- MA PER la Militia Christie, quel gior-
però, ad alta voce Italo Bocchino –
Berlusconi lo sa e lo sappiamo an-
medisima investitura: dopo la con-
vention prevista per gli inizi di no-
il ministero degli Affari regionali, con
spostamento possibile di Raffaele
tutti i modi. A patto che il Cavaliere
non esageri nel mettere in palio, al
me, in quanto sostanziali e più favorevoli, sa-
rebbero applicate anche ai processi in corso
Ruspoli nuova Porta Pia”. Anche loro sono stati
identificati, dalle forze dell’ordine,
gue: “Quella contro lo Stato pontificio
– ha declamato il principe – fu un’ag-
no “lo Stato italiano ha sparato a can-
nonate contro il Papa e diciannove ra-
che noi; per questo non andremo al-
le elezioni a marzo”.
vembre, infatti, i 430 circoli di Ge-
nerazione Italia diventeranno quelli
Fitto verso lo Sviluppo economico
(anche se in cuor suo il Cavaliere
miglior traditore, altre poltrone im-
maginarie dell’esecutivo, perché a
e quindi anche al processo Berlusconi-Mills
sia per quanto attiene la pena sia ai tempi di
non dalle guardie svizzere. E per il se- gressione barbara, contro uno Stato le- gazzi, invece di andare in discoteca o Il colonnello finiano ostenta sicu- territoriali di Futuro e libertà. Il tutto vorrebbe sempre Paolo Romani) e quel punto i finiani cercheranno l’in- prescrizione. Se la pena massima del reato
ha portato gretario dei Radicali, Mario Staderini, gittimo e con 150 anni di storia alle fumare droga, si sono sacrificati a Pio rezza, ma mentre prosegue il mer- quando anche il gruppo parlamen- un sottosegretariato per Nello Mu- cidente pur di andare – controvoglia di corruzione in atti giudiziari per il corrut-
“far parlare solo Bertone è stata una spalle”. Solo folklore per Staderini dei IX e a Dio, tutto ciò che noi siamo”, ha cato dei deputati, con scambi che tare pare destinato ad aumentare, sumeci della Destra. – alle elezioni. Dove, a quanto si ap- tore privato scendesse da otto a sei anni, la
il drappo scelta sbagliata, ma il giorno prima nel- Radicali: “Non ho il rango per replica- urlato il militante della Militia, Roberto raggiungono i livelli più alti del go- con l’arrivo di tre nuovi componenti Resterebbero poi molti posti da prende, Fini si presenterà da solo al- prescrizione passerebbe dagli attuali dieci
lo stesso luogo è intervenuto lo storico re a un principe, però il giorno prima Lastei a una ventina di eccitati, giovani verno, l’interesse si sposta per un at- (ma la diaspora dal Pdl pare non sia sottosegretario non coperti che in la Camera e forse con Casini al Se- anni a sette anni e mezzo". Insomma, la pre-
delle truppe Lucio Villari davanti a 400 persone: la Comunità ebraica ha ricordato che e anziani. Tutti pronti a tendere il brac- timo al nuovo soggetto politico che finita) con cui Fini dovrebbe parlare questa fase Berlusconi intendereb- nato per superare lo sbarramento scrizione assicurata per il Cavaliere. s.n.
nessun tg nazionale ha mostrato una la fine del ghetto e l’inizio della libertà cio al grido “Ora e sempre: onore!”. nascerà a primavera: il partito di Fi- nei prossimi giorni. Insomma, da un be distribuire come “pagamento” dell’8%, non per far nascere il Terzo
pontificie frazione di secondo”. Sarebbe stato un di culto a Roma, parte da quel 20 set- Giampiero Calapà ni. Si chiamerà sempre Futuro e li- lato il Cavaliere “compra” e dall’al- della nuova fedeltà (sono circa una Polo.
pagina 6 Martedì 21 settembre 2010

D
CONFUSIONE DEMOCRATICA

i Pietro li invita “ad andare che noi siamo gli unici a formulare proposte lavoriamo sul territorio, a differenza di quei
I Grillini: Di Pietro oltre la protesta”, e i Grillini concrete su temi come economia e il partiti di cartone che riciclano collettori di
rispondono a muso duro. nucleare. Non a caso, il programma dell’Idv voti.
“Si vede che si prepara alle elezioni” sibila nelle ultime elezioni è stato copiato in gran Quanto alle proposte, invito Di Pietro a
ci attacca perché si sta Davide Bono, consigliere regionale in parte dal nostro. confrontare le nostre mozioni in consiglio
Piemonte per il Movimento 5 Stelle. Che Qualche buona idea allora dobbiamo regionale con quelle dell’Idv. Faccia due conti,
sostiene: “Di Pietro vuole riavvicinarsi al Pd in averla...”. Sferzante Giovanni Favia, consigliere e vedrà chi lavora sul serio”.
avvicinando al voto vista del voto, e allora ci attacca. La verità è regionale dei grillini in Emilia Romagna: “Noi l.d.c .

“LOMBARDO HA DETTO TUTTO


E IL CONTRARIO DI TUTTO”
Rita Borsellino boccia la partecipazione
Rita Borsellino
vista
da Emanuele
Fucecchi

del Pd al nuovo esecutivo del governatore della Sicilia


di Giuseppe Lo Bianco a Catania con la partecipa- del programma e gli assesso- terventi qua e là ma le rifor-
Palermo zione “tecnica” del Pd sici- ri”. me sono un vestito che non
liano di Beppe Lumia e An- Perché è scettica? gli appartiene. E poi devo an-
affaele Lombardo? tonello Cracolici. Un’inedita Non mi pare che siano stati cora riscontrare una vera rot-

“R Non è una perso-


na su cui si possa
fare affidamento,
ho qualche dubbio che pre-
senti il nuovo governo regio-
alleanza che secondo molti
può fare da battistrada anche
a soluzioni nazionali. Sul
nuovo esecutivo siciliano
l’eurodeputato del Pd per
raggiunti i necessari equili-
bri. Ascolto le parole del se-
gretario regionale del Pd Lu-
po che continua a ripetere
che un accordo non c’è, e
tura etica con il cuffarismo,
per Lombardo parlerei piut-
tosto di ‘pendolarismo’. Per
usare un’espressione sicilia-
na, penso che gli piaccia te-
nale’’. Da Strasburgo Rita ora non vuole fare alcun che la condizione per farlo è nere il piede in tre scarpe.
Borsellino dà voce allo scet- commento: “In questa fase i che Lombardo rompa con Un altro che prende le di-
ticismo diffuso tra la base del giornali danno per certo il Berlusconi. E ciò non è ac- stanze da Cuffaro è Casi-
Pd in Sicilia sul varo del Lom-
bardo quater, la nuova giunta
varo del nuovo governo, ma
io ho qualche dubbio, e pri-
caduto.
A lei Lombardo non è mai
ni. La politica nazionale
sta scoprendo la pregiudi-
“Negli ultimi due anni solo piccoli
siciliana “laboratorio” del go-
vernatore indagato per mafia
ma di parlare attendo fatti
concreti, la presentazione
piaciuto.
Diciamo che è un uomo po-
ziale antimafia?
Ma quando mai, intanto è
interventi. E devo ancora riscontrare
litico su cui non si può fare Cuffaro che va via dal partito
affidamento, io credo di es- e non lui che lo espelle, e poi una rottura etica con il cuffarismo”
sere sempre stata coerente. nessuno dimentica che Casi-
OPINIONI E lui ha detto tutto e il con- ni ha candidato Cuffaro al Se-
trario di tutto, politicamente nato dopo la sua condanna senza esitazioni. alimentare le separazioni, le
TALE E QUALE vive nell’equivoco continuo.
Non si può fare opposizione
agli uomini di Berlusconi in
per favoreggiamento. È faci-
le dire che oggi è un peso,
doveva pensarci prima ed
E l’autonomia sbandiera-
ta da Lombardo, Lumia, e
Micciché, quest’ultimo
divisioni, mettersi l’uno con-
tro l’altro produce solo disa-
stri. Lo vedo in Europa con la
comparso il “comunismo”, non sostituito da
S niente, sembra svanita l’idea stessa di un
capo. Sulla scena sono rimasti una dozzina di
Sicilia e votare la fiducia al
governo a Roma. Non si può
fare un patto di governo con
avere il coraggio di buttarlo
fuori.
La Sicilia viene vista per
all’opposizione di Lom-
bardo, definendo ‘folle’ il
suo governo?
questione francese dei rom,
della quale mi sono occupata
personalmente.
leader in lotta tra di loro ed autorizzati dal un interlocutore così. E poi ora come laboratorio po- In questo momento, la situa- Berlusconi si è schierato a
vuoto d’identità a recitare a turno tutte le parti ha una visione etica della po- litico nazionale. Che ne zione politica in Sicilia è zop- fianco di Sarkozy…
in commedia(...) litica diversa dalla mia. pensa? pa, vedo il camaleontismo di Non mi ha stupito, ma mi ha
A sinistra il principale interesse politico, Eppure sostiene di avere In passato l’isola è stata la- Lombardo, il vestito rifatto indignato. E poi vederlo stri-
spazzato via un sistema di boratorio politico in modo dell’Udc, e l’attivismo di Mic- sciare davanti a Gheddafi…
insomma, non è la vittoria sulla destra ma il potere politico mafioso, spontaneo, coltivando alchi- ciché che con la regia di Dunque, non voterebbe
mantenimento in vita delle proprie identità(...) quello cuffariano, per in- mie politiche che nascevano Dell’Utri cerca di riportare a un esecutivo Lombardo?
Una sinistra con molti capetti ma senza un capo tenderci, di avere mora- e si sviluppavano nell’isola. casa i voti dispersi del Pdl. Attendiamo i fatti. Ripeto ciò
è costretta così a inventarsene lizzato la sanità con l’as- Adesso penso che la si stia Ma sono tutti alla ricerca del che ho sempre sostenuto: se
spasmodicamente uno ad ogni stormir di fronde sessore Massimo Russo. utilizzando come laborato- miglior offerente. Prima di Lombardo è coerente nelle
elettorali. (Dall’editoriale di Ernesto Galli Lei non condivide questi rio di esperimenti altrui. In tutto bisogna fare chiarezza. sue scelte, si può appoggiare
Della Loggia sul “Corriere della Sera”). risultati? questo momento di crisi i si- Il richiamo insistente all’au- il governo senza bisogno di
Non li vedo per nulla, in real- ciliani non hanno bisogno di tonomia, ai localismi, poi mi fare alleanze, si possono sce-
tà Lombardo non governa da esperimenti, ma di un pro- allarma. Dimenticare la coe- gliere singoli temi sui quali
due anni, ho visto piccoli in- gramma chiaro da realizzare sione sociale, la solidarietà, convergere.

DEMOCRATICI Guerra epistolare

Caro nemico ti scrivo: lettere da un partito mai nato


di Paola Zanca “Repubblica”) o la lettera-intervista vole: “È in buona fede ma un po’ pista di lancio per sé. Lui giura che giornale diventa lo strumento per ri- sani abbia deciso di chiudere con le
di D'Alema a “La Stampa”? In assen- bamboccione” fino alla bocciatura: non è così, ma insiste con la teoria conquistarsi quella visibilità che ti missive. Dopo l’ultima di Veltroni, ha
omunicazione importante. Do- za del verdetto della giuria, non resta “Se foste miei alunni vi direi che non per cui il candidato premier va cer- hanno portato via. Non a caso, due detto: “Alle lettere preferisco le di-
CVermemenica 10 ottobre al Teatro Dal
di Milano si terrà la premia-
che affidarsi al giudizio popolare, in
questo caso quello dei commentatori
potete neanche aspirare alla licenza
media, in quanto sprovvisti di quel
cato fuori dal Pd. Gli risponde Dario
Franceschini in un’altra “lettera”,
giorni dopo, prende carta e penna
anche il segretario vero, Pier Luigi
scussioni nelle sedi”, come “la dire-
zione di giovedì”. Non sappiamo
zione del Festival delle Lettere, que- web. Con tutti i rischi del caso. “Si- minimo di maturità che fa mettere questa volta video, a RepubblicaTv: Bersani. Non una risposta ufficiale a questa mattina chi avrà scritto a chi.
st’anno dedicato al tema “Lettera a gnor Veltroni non sono riuscito a leg- da parte i propri piccoli egoismi per “L’articolo dello Statuto in base al Veltroni, ma con il lancio del Nuovo Ma resta aperta la gara sui docu-
un giornalista”. Per fortuna il termine gere oltre la frase: ‘Noi, moderni imparare a collaborare”. Un massa- quale il segretario del Pd è anche il Ulivo Bersani ricordava, a chi se ne menti. Oggi due “ambasciatori” del
per l’invio degli elaborati è scaduto il Ugolino...’” scrive ‘pigmaglione’ sul cro nemmeno troppo imprevedibile, candidato premier lo ha voluto lui. Se fosse dimenticato, che la linea, ades- documento dei 75 andranno da Da-
15 maggio scorso. Altrimenti, i lea- sito di “Repubblica”. Brutta notizia dopo che la stessa “Repubblica” ave- vale, vale indipendentemente da chi so, è lui che la detta. Peccato che non rio Franceschini, finora capo della mi-
der del Pd sarebbero riusciti a litigare per il leader del movimento dei 75: va ufficialmente bollato l’uscita di fa il segretario del Pd”. D’altronde, tutti l’abbiano capita. “Caro Pierluigi, noranza Pd, a spiegargli che il testo
pure su quel palco. Meglio la prima quella frase non è nemmeno a metà Veltroni come “soccorso rosso” al go- l’amaro in bocca per quell’esperien- ho dovuto leggere 2 volte la lettera (è che hanno firmato – e che gli ha pro-
lettera agli italiani di Veltroni sul delle 120 righe messe a disposizione verno e considerando che la lettera za finita troppo presto, Veltroni l’ave- un po’ lunga). Quello che voglio dirti è vocato “grande amarezza persona-
“Corriere” o la suonata di campane stessa era un replica all’articolo del sicuramente banale, ma perchè non le e politica” - è molto “meno duro” di
affidata a “Repubblica” da Bersani? giorno prima, dove si raccontava la la ‘traduci’ in un linguaggio ancor più quello che lui aveva pronunciato a
Più comprensibile la seconda lettera “rabbia” di chi crede che il “contri- semplice, anche per i ‘tuoi’ militanti, i Cortona, durante l’assemblea di
agli italiani di Veltroni (stavolta su buto” di Veltroni non sia altro che una tuoi simpatizzanti, ecc?”. Aggiunge area. Franceschini ha chiesto ai 75 di
un altro lettore: “Lettera bella, inte- ritirarlo, invitandoli a discuterne nella
ressante, condivisibile, etc etc ma se riunione convocata per mercoledì se-
Lettori Lettori non si recupera un po’ la piazza - vi- ra. Ma tra i 75 c’è chi medita di non
in sommossa/1 in sommossa/2 sto che la televisione ce l’hanno gli presentarsi proprio, a quell’appun-
altri - mi spiegate come si fa a dare al tamento, visti i toni con cui France-

“ Caro
Pier Luigi, dal quotidiano di Ezio Mauro per il
carteggio democratico. Ma tutto
“ Al
centrosinistra va già tirato fuori il 24 agosto, data
d’inizio dell’epistolario democratico.
paese la sensazione che ci sia ancora
un’opposizione? Queste cose servo-
no, ma vanno seguite da azioni con-
crete. Altrimenti restano caratteri su
un giornale. Mica tutti leggono “Re-
schini ha reagito al movimento con la
m minuscola. Si ammorbidisce, inve-
ce, il vicesegretario Enrico Letta: “Mi
pare che, dopo giorni caotici, la let-
tera di Veltroni rappresenti un segna-
perché non usi sommato, il lettore che ha girato pa- vorrei Sul “Corriere”, l’ex segretario spie- pubblica”, Bersani, dai. Alza un po’ la le utile”. Domenica i movimentisti
gina prima di arrivare alla fine, è uno gava: “Mi permetto di scrivere agli testa. E il tiro. Fatti sentire”. Poi co- tornano a Orvieto. Oggi, invece, alla
un linguaggio dei più teneri. Contro la lettera dal dare italiani solo perché sento di avere un minceranno i giorni delle interviste. presidenza del gruppo Pd della Ca-
titolo “Il Papa straniero non sono io” minimo di titolo per farlo. In fondo Renzi il rottamatore, D’Alema in di- mera si decide se presentare una
più semplice, ieri si è scatenato un putiferio. Si va un consiglio: due anni fa, quasi quattordici milioni fesa del segretario. Ancora Veltroni mozione di sfiducia a Berlusconi co-
dal sintetico “Consiglio al centrosini- di italiani fecero una croce sul sim- su “Gioia” (memorabile il ““Ma la vi- me capo del governo o semplicemen-
anche per i stra: ignorate Veltroni” all’interroga- ignorate bolo che conteneva il mio nome co- ta è Ma Anche!”). E di nuovo su Re- te come ministro ad interim dello Svi-
tivo: “Mi chiedo perché è sempre co- me candidato alla presidenza del pubblicaTv, prima Chiamparino, poi luppo economico. Il postino è avvi-
‘tuoi’? sì inopportuno”. Dal compassione- Veltroni Consiglio”. È così che la lettera al un’altra volta Veltroni. Pare che Ber- sato.

” ”
Martedì 21 settembre 2010 pagina 7

F
GIÙ AL NORD

ino a quando i simboli della della Repubblica italiana è stata trasformata in cancellazione di quei simboli tracciati con
Raccolte scuola di Adro non saranno un istituto padano e ricoperta dai simboli intenti secessionisti e in evidente spregio al
definitivamente rimossi, leghisti su ordine di un sindaco che ha potuto principio costituzionale della Repubblica una
continuerà la raccolta di firme sul sito contare sulla colpevole indulgenza del e indivisibile. Il ministro ha chiesto al sindaco
oltre 40 mila firme www.ilfattoquotidiano.it. ministro dell’Istruzione Gelmini. Un sopruso di rimuovere gli emblemi ma Oscar Lancini si
Abbiamo già raccolto oltre 40 mila firme ma e un oltraggio. Davanti all’inerzia delle è rifiutato dicendo di rispondere solo a Bossi.
non ci fermiamo, proprio come le mamme di pubbliche autorità che preferiscono girare la Sarà almeno costretto a rispondere ai
su ilfattoquotidiano.it Adro, in provincia di Brescia, dove una scuola testa dall’altra parte chiediamo l’immediata cittadini.

Adro, il sindaco: “Rispondo solo a Bossi”


Ma il prefetto dov’è?
IL MINISTRO CHIEDE DI TOGLIERE I SIMBOLI, NESSUNO LO FA
di Elisabetta Reguitti Allora è legittimo chiedersi do- anche quello. essersi detto sorpreso per l’invi-
ve stanno le istituzioni italiane? È un rimpallare di telefonate. to del ministro, ha ribadito che
stato sequestrato un pez- Lo abbiamo chiesto diretta-

È
Dal centralino agli uffici. Dagli “i simboli li toglierà solo se a
zo d’Italia, piccolo, se vo- mente al rappresentante del go- uffici alle segretarie. Senza che chiederlo sarà Umberto Bossi”.
gliamo, ma pur sempre verno. nessuno ci possa spiegare che Un “obbedisco” incondiziona-
Italia. Siamo tornati a chiamare la Pre- per ripulire quella scuola im- to, quindi, ma solo al leader del
Quello che è accaduto nel Polo fettura di Brescia e chiesto di brattata dal simbolo del Carroc- suo partito e non a un ministro.
scolastico di Adro è un tipico parlare con il prefetto Livia Nar- cio (regolarmente registrato nel Nel Polo scolastico, nel frattem-
episodio di una secessione di cisa Brassesco Pace. 1998 dall’editrice La Padania) po, sono riprese le lezioni.
fatto. Ci è stato detto che non c’era non basterà solo una lettera di Il fronte dei genitori non sembra
Poteva essere la stanza di un uf- prima, che non poteva parlare “invito al sindaco ad adoperarsi più così compatto e solidale con
ficio pubblico, un corridoio poi, che non voleva parlare in- per rimuovere i simboli padani il sindaco. Se non altro ora, fuori
magari angusto e buio ma certo fine. del Sole delle Alpi ” scritta dal dalla scuola, chi non la pensa co-
quello che è stato fatto è acca- ministro dell’Istruzione o una me il primo cittadino non ha
duto in base a un’autorità che A SEGUIRE il capo di gabinet- comunicazione del dirigente paura a dichiararlo.
non esiste se, a tre giorni dall’in- to che ci ha definiti “troppo in- scolastico regionale che avalla la
vio della lettera di un ministro sistenti” nel chiedere quali siano nota del dicastero. PROSEGUE anche la raccolta
italiano, la decisione della rimo- le intenzioni del rappresentante Serve piuttosto un’ordinanza di firme tra genitori e cittadini.
zione della simbologia partitica del governo dopo l’invio della ministeriale che al momento pe- Dopo le prime 185, le mamme
- messa in una scuola pubblica - lettera del ministro Gelmini. rò non sembra nei programmi di promotrici intendono racco- La Lega ad Adro vista da Emanuele Fucecchi
spetta a un sindaco assieme al Nulla di fatto neppure con il vi- nessuno. glierne altre e, se sarà necessa-
suo capo di partito. cario del prefetto. Impegnato Perché? Forse è qui che si misura rio, scrivere nuovamente al pre- Ieri, nel pomeriggio, il sindaco sperava in un confronto con
la forza tra equilibri e poteri po- sidente della Repubblica, Gior- Oscar Danilo Lancini ha avuto Umberto Bossi.
litici. gio Napolitano, affinché l’edifi- un incontro a Milano nella sede Nel frattempo sono state pubbli-
cio scolastico torni alla norma- della Lega in via Bellerio. cate alcune cifre relative ai costi
QUEL KILLER fan UN SIPARIETTO già visto
tante altre volte, ma la cosa gra-
lità di banchi non marchiati da
un partito. Rimarranno forse le
Due ore di confronto, secondo
quanto riportato dalle agenzie
da sostenere per riportare alla
normalità gli spazi sponsorizzati
ve è che questa volta hanno scel- sedie, della mensa, di plastica con Giancarlo Giorgetti. Al ter- Lega.
di Luca Zaia to degli alunni e le loro famiglie e
che la partita si stia giocando
color verde, così come le pareti
della palestra.
mine Oscar Danilo Lancini
avrebbe dichiarato di voler ri-
Partiamo con i 10 mila euro ne-
cessari per ritinteggiare il gran-
ll’inizio sembrava una rapina. Il crimine di Coneglia- usando come campo una scuo- mettere nelle ma- de Sole delle Alpi, smantellare i
Auccidere
no Veneto, dove una donna ha assoldato 4 killer per la. ni della giunta co- cestini per la raccolta differen-
suo marito, aveva scatenato le peggiori pulsio-
ni di vendetta verso i presunti ladri (magari stranieri)
“Non si scherza con i bambini”
aveva detto qualcuno durante la
In serata la nota munale la decisio-
ne di rimuovere
ziata (costati complessivamente
oltre 6 mila euro) e andrebbero
capaci di un tale atto. Anche il governatore Luca Zaia
invocava il castigo: “Un delitto efferato, consumato con
manifestazione di sabato dove si
era interrotta la nostra cronaca
di Oscar Lancini tutti i simboli del
polo scolastico
al macero forse anche gli zerbini
per i quali erano stati spesi oltre
modalità che a sentirle non possono che far star male. dei fatti, ma evidentemente dedicato a Gian- 7 mila euro) ci vorrà poi tempo e
Quello che ci attendiamo è che ci siano poi condanne quella voce è rimasta inascolta- che vuole rimettere franco Miglio. molta pazienza per togliere il
esemplari”. Zaia probabilmente non immaginava anco- ta. Una sconfitta an- marchio della Lega da tutti i ban-
ra che dietro all’assassinio ci fosse un’uxoricida. E non Cos’è accaduto nel frattempo? la decisione che sul piano per- chi così come staccare quegli
solo: anche un complice locale, Ivan Marin, residente a Si sa che nel fine settimana lo sonale dunque adesivi messi all’ingresso della
Vazzola, trentaseienne in grado di progettare un omici- stesso Umberto Bossi, e a segui- alla giunta comunale per il sindaco che mensa della scuola materna.
dio in cambio di soldi. E, secondo la Tribuna di Treviso, fan re Roberto Maroni, hanno pub-
di Zaia su Facebook. Una classica creatura padana doc. blicamente detto che il sindaco
Forse, la prossima volta, i super leghisti padani prima di avrebbe esagerato con quella
parlare ci penseranno due volte. massiccia esposizione del Sole ONDE NORDISTE Bortone, senatrice di “Io Sud”: “È giusto
delle Alpi. che si conoscano le realtà di altre
Il sindaco, dal canto suo, dopo RADIO PADANIA regioni, per questo invito le nostre
PUNTA SUL SALENTO emittenti a fare richiesta per diffondere
al Nord la cultura della nostra terra”. E

Emblemi non solo nelle scuole L a nuova frontiera comunicativa di


Bossi? Diffondere il verbo leghista
anche al Sud. Ne sa qualcosa Luigi
fin qui nulla di strano. Il direttore di
Radio Padania, però, è Matteo Salvini,
quello dei cori anti-napoletani alla festa
A Castronno un ponte padano Nicolardi, sindaco del Pd di Alessano,
paese di 6500 anime in provincia di
di Pontida del 2009 che ha motivato
l’iniziativa a modo suo: “I pugliesi sono
Lecce. Tempo fa, ha trovato sulla la popolazione più simile alla gente
dro non è un caso isolato. La Lega ha tato per appendervi un bel lastrone di gra- scrivania una richiesta che non ha padana, specie i salentini, che vogliono
Asimbolo
sempre tentato di apporre il proprio
su edifici e luoghi pubblici.
nito (ovviamente verde) con inciso il Sole
delle Alpi, simbolo del partito del Sena-
esitato a definire anomala: Radio
Padania Libera, l’emittente ufficiale
staccarsi da Bari e creare una propria
realtà istituzionale”. Radio Padania
All’inizio fu il già sindaco di Varese Aldo tur. della Lega Nord, gli ha chiesto di poter anche in Campania? “No – ha detto – noi
Fumagalli a pensare che sarebbe stato bel- installare un suo ripetitore sul territorio non abbiamo niente in comune con i
lo far sorgere un Sole delle Alpi nel mezzo Quel cavalcavia del Comune salentino. Il primo napoletani”. Della serie “Basta che non
di un’aiuola proprio nel centro della città cittadino ha assicurato che l’istanza sarà sia Napoli”, nulla di nuovo sotto il sole
nordista esaminata con cura, ma nel frattempo è (delle Alpi).
in piazza Montegrappa. “La Padania” al-
lora aveva addirittura lanciato un serio ap- arrivata la risposta di Adriana Poli (Pierluigi Giordano Cardone)
pello “a tutti i patrioti padani” ad inter- LA NOTIZIA , riportata dal quotidiano on
venire, in massa, per salvare il glorioso line Varese news ci permette di ricostruire il
simbolo leghista in versione decoro ur- fatto.
bano. Il ponte era chiuso dal 24 giugno, quando era difeso asserendo che il Sole delle Alpi non è corso della ricerca scoprii che parecchi mo-
Dopo qualche anno è arrivata la sorpresa stato danneggiato da un camion. il simbolo della Lega. . vimenti autonomisti locali usavano quel sim-
dell’ amministrazione comunale di Ca- Alla riapertura di metà agosto, però, la sor- A conferma invece di quanto anticipato da Il bolo lo feci notare all’ideologo della Lega,
stronno che durante i lavori di rifacimento presa della scritta “Castronno” affiancata dai Fatto Quotidiano (cioè l’avvenuta registrazio- Gianfranco Miglio. Il Sole delle Alpi fu scelto
del ponte pedonale che cha accoglie due Soli delle Alpi scolpiti ai lati. ne nel 1998 del marchio da parte della so- come simbolo identitario per l’associazione
quanti entrano in paese, ne ha approfit- Anche in quel caso, il primo cittadino, si era cietà editrice della Padania) in questi giorni, culturale ‘La libera compagnia padana’ fon-
su Il Velino, è stata pubblicata un’intervista a data nel 1995. Gli diedi una veste grafica pre-
Il ponte di Castronno, marchiato leghista chi ha coniato il nome. Si tratta dell’architet- cisa che poi è stata quella ripresa dalla Le-
A Varese to Gilberto Oneto a metà degli anni novan-
ta.
ga”.
L’unica differenza è nel colore: la variante
volevano lo stemma cromatica del verde non è stata un’invenzio-
ne di Oneto ma una scelta del Carroccio.
La versione
Personalmente non mi offesi quando fu
del Sole delle Alpi dell’architetto
compiuta quella operazione. È indubbio pe-
rò che mi lasciò perplesso la sua registrazio-
in un’aiuola “ALL’EPOCA – spiega Oneto a Il Velino – ne come marchio. Un simbolo millenario e
stavo lavorando a un libro su stemmi e ban- dal forte significato popolare non andava re-
all’ingresso della città diere utilizzati nell’Italia settentrionale. Nel gistrato”. e.r.
pagina 8 Martedì 21 settembre 2010

CASA DOLCE CASA

FARE-MATTONE: LA FAMIGLIA URSO


E L’IMMOBILE “INFESTATO”
I parenti del finiano hanno acquistato un ex monastero a Terni
di Marco Lillo metro quadrato”. Il problema -
per il politico - non è fiscale. Se
l Bar Belli sul valico della Urso e il figlio avessero dichiara-

A Somma gira una leggenda:


“Il monastero dello
Schioppo porta sfiga!”.
Figli, fratello e amici del vicemi-
nistro Urso, incuranti della dice-
to nell’atto - per esempio - un
prezzo di 6 milioni di euro, non
avrebbero pagato più tasse. Sa-
rebbe stata la società venditrice a
scontare il 27,5 per cento sulla
ria che echeggia sulle monta- plusvalenza milionaria.
gne tra Terni e Spoleto, hanno Nello stesso periodo in cui Urso
comprato nel 2005 l’intera pro- comprava a Roma, una seconda
prietà composta da palazzi, ca- società dei suoi familiari e amici,
sali e terreni che valgono più di chiedeva e otteneva il cambia- Cuori neri
due milioni di euro. Il Fatto Quo- mento del piano regolatore di nella regione rossa
tidiano si è già occupato dell’ac- Terni per realizzare nella tenuta u La Tenuta e il monastero dello
quisto recente dell’attico e del dello Schioppo un hotel a cinque Schioppo, comprato dai figli, dal
superattico con vista sul Cupo- stelle con piscina. La tenuta in fratello e dagli amici del viceministro
lone da parte del viceministro al questione si estende per 455 et- Urso. Il Comune di Terni, Pd, ha dato il
Commercio internazionale tari ed è impreziosita da un anti- via libera a un hotel a 5 stelle
Adolfo Urso e di suo figlio. In co monastero che in zona chia- v Il Borgo Le Mustaiole, al 33,3 per
quell’articolo notavamo che il mano “Il Castello”. È intestata al- cento di Giancarlo Lanna (FareFuturo)
prezzo dichiarato (3 milioni in la Società Agricola Lo Schioppo w Il palazzo di Spoleto della società dei
tutto) era alto in assoluto ma Srl, che possiede anche un antico familiari di Urso (foto sotto)
basso rispetto alle quotazioni palazzo a Spoleto. “Leggenda x L’attico e superattico comprati nel
del mercato. Il viceministro ci vuole”, spiegano al bar Belli, centro di Roma dal viceministro Urso.
ha citati in giudizio chiedendo In basso, Adolfo Urso (FOTO DLM)
mezzo milione di euro di danni.
Cose che succedono in Italia do-
ve i politici non sono abituati a
rendere conto sulle proprietà,
sui prezzi pagati e sulle risorse
usate, come accade nei paesi ci-
vili. Per questo torniamo ad oc-
cuparci degli acquisti di Urso e
della sua famiglia. Grazie a tre at-
ti consecutivi conclusi a Roma
tra il 2009 e il 2010 Adolfo Urso
e il figlio Dario possiedono un
attico e un superattico con ter-
razza di rappresentanza in pie-
no centro storico. Al notaio, il
padre ha dichiarato un prezzo
di 2 milioni di euro per l’appar-
tamento più grande e le terrazze
mentre il figlio ha dichiarato un
milione, per l’appartamento
più piccolo. Entrambi hanno
coperto la spesa per l’80 per
cento con mutui bancari.

Gli inquilini La leggenda prenditore romagnolo, primo


editore di Libero con Vittorio Fel-
e il prezzo doppio
lo vuole abitato tri, che si è ucciso il 3 ottobre del
2001 schiantandosi contro il Pi-
I DUE APPARTAMENTI ro-
mani, prima dell’acquisto, erano
dagli spiriti ma, rellone con il suo aereo. Nel 2005
la vedova e il figlio diciassettenne
ghiero romano. Il 5 ottobre del
2006 Lavinia Di Gianvito sul Cor-
jr, ha valorizzato il patrimonio so-
ciale 2 milioni di euro. L’8 mag-
sbarco in Italia di Atlantis World e
di Francesco Corallo, il re dei ca-
stati proposti in vendita a un vendono le quote della Agricola riere della Sera raccontava la storia gio del 2005 la società del fratello sinò e delle slot machines, amico
prezzo doppio agli inquilini de- grazie a una San Renzano Srl (che deteneva la del suo “attico abusivo da 200 del viceministro, Paolo Urso, e di Amedeo Laboccetta e dei finia-
gli appartamenti ex Ina ceduti tenuta e un palazzo a Spoleto) al- metri abbattuto in via Margutta”. del suo amico, Vincenzo Rota, ha ni.
prima alla Pirelli e poi alla società variante, diverrà la neocostituita Società Agri- Nell’articolo si elencavano altre pagato 2 milioni e 30 mila euro. Dopo aver venduto il suo 10 per
Colonna Prima che ha venduto cola Lo SchioppoSrldi Vincen- gesta del socio degli Urso: “Il Co- Nel patrimonio della società, ol- cento dello Schioppo, Lanna ha
agli Urso. La famiglia Di Clavio, un albergo zo Rota (80 per cento) e Paolo Ur- mune gli ha abbattuto due case tre alla tenuta da 450 ettari c’era investito ancora in Umbria. Oggi
che abitava l’appartamento più so, fratello del viceministro (20 costruite ex novo nel parco anche un palazzo di tre piani a l’avvocato finiano possiede il
piccolo, dichiara al Fatto: “La so- a cinque stelle per cento). Rota è un ex militante dell’Appia Antica; la procura mi- Piazza del Mercato a Spoleto, 33,3 per cento della Borgo Le
cietà Colonna prima ci ha chie- del Fuan che fa parte dell’Osser- litare lo ha denunciato per il furto a cento metri dal Duomo, com- Mustaiole Srl, che ha comprato e
sto tre milioni e mezzo di euro vatorio parlamentare di Adolfo di un terreno appartenente al posto di tre negozi e sette appar- ristrutturato un vecchio borgo ri-
per comprare nel 2008”. Mentre “che il Monastero sia abitato dai Urso ed è socio di Paolo Urso nel- Mausoleo delle Fosse Ardeatine. tamenti. Nell’ultimo trasferi- cavandone 14 appartementi a
la famiglia Andreucci, che occu- fantasmi”. Incuranti della storia la Agriprogetto Srl che si occupa Un curriculum coerente, se non mento di quote dai soci Giancar- pochi chilometri da Spoleto. “Si
pava quello più grande compra- poco incoraggiante dello di coltivazioni agricole. fosse per un mistero: una valigia lo Lanna e Vincenzo Rota all’en- tratta di un investimento privato
to dal viceministro per due milio- Schioppo, parenti e amici di Ur- di banconote vere e in facsimile trante Poli, nell’ottobre del 2008, che ho fatto con il gruppo Riccar-
ni racconta: “Ci hanno chiesto 3 so hanno compra- Fare Umbria trovata sulla sua auto dalla Mobi- il 50 per cento della società è sta- di di Napoli”, spiega Lanna pre-
milioni di euro nel 2005-2006”.A to la tenuta da- e Fare Futuro le dopo che una banda milanese to valutato solo 125 mila euro. cisando che: “FareFuturo e il mio
questi prezzi (6,5 milioni com- gli eredi di in trasferta l’aveva speronato”. A ruolo pubblico non c’entrano
plessivi) bisogna aggiungere Stefano sentire il viceministro Urso, sarà Piano regolatore nulla né con questa storia né con
il valore delle terrazze con- Patacco- L’OSSERVATORIO era il brac- proprio Poli il protagonista della per l’hotel a 5 stelle lo Schioppo nel quale sono stato
dominiali da 220 metri ce- ni, l’im- cio operativo della corrente di trasformazione dello Schioppo socio per una piccola quota e per
dute a Urso, come annesso Urso con sede nel prestigioso pa- in relais. poco tempo”. L’Umbria rossa do-
incluso nel prezzo. Il vice- lazzo di via del Seminario che “Io non c’entro nulla”, spiega il GIANCARLO LANNA, come vrebbe essere una terra inospita-
ministro, a differenza di al- ospita oggi FareFuturo. Dal 2001 viceministro al Fatto “qualche Fini e Urso, è un importante le per la destra, invece i cuori neri
tri politici, accetta le do- al 2005, l’Osservatorio - per la sua volta ci sono stato ma solo come membro del Consiglio e del Co- hanno fatto breccia nel Cuore
mande e spiega così la diffe- intensa attività culturale - ha go- ospite dei proprietari: mio fratel- mitato esecutivo dell’associazio- verde d’Italia. Il comune di Terni
renza tra il prezzo dichiarato e duto di contributi ministeriali lo e i miei figli oltre all’amico Can- ne Farefuturo. Anche lui, per al- ha approvato una variante ad
quello preteso dalla società da per 360 mila euro. Rota, amico cila e a Poli, un imprenditore se- cuni mesi del 2008, è stato socio hoc al piano regolatore in modo
terzi: “Dopo il 2008 c’è stato un da 30 anni di Urso, è il motore rio. Per i particolari dovete chie- del fratello e dei figli di Urso nello da permettere alla società Lo
crollo delle valutazioni e so dell’acquisizione ma vende le dere a lui”. Urso non comprende Schioppo. Nello stesso periodo Schioppo di ristrutturare i vecchi
che nel palazzo tutti quote nel 2008. Oggi la so- le ragioni dell’interesse sul patri- in cui era presidente di una socie- fabbricati e di edificare un nuovo
hanno pagato cietà dello Schioppo ap- monio familiare: “Dovreste pre- tà controllata dal ministero del stabile di tre livelli per comples-
quel prezzo al partiene per il 40 per miarci per la trasparenza. Le case Commercio internazionale retto sivi 4 mila e 800 metri cubi, più
cento al fratello e ai fi- di Roma le abbiamo dichiarate e da Adolfo Urso: la Simest che si una piscina con vista mozzafiato.
gli di Urso mentre il pagate grazie ai mutui (2,4 milio- occupa di incentivare gli investi- L’assessore all’urbanistica di Ter-
10 per cento è di un ni di euro, ndr) di cui avete scritto menti italiani all’estero. Un posto ni del Pd, Marco Malatesta spiega
amico di Urso, l’im- già. Gli Urso sono una famiglia di prestigio al quale Lanna è stato “abbiamo approvato la variante
prenditore Rosario con una storia: mio padre aveva nominato nel 2005 e confermato per Lo Schioppo perché ritenia-
Cancila, membro di un’azienda da 120 dipendenti”. nel 2008 grazie alla fiducia del mo che il turismo vada incorag-
FareFuturo. Il re- Difficile dire quanto valga oggi la ministro Urso. Il nome di Lanna giato. Per noi è un bel progetto e
stante 50 per cento tenuta. Nel 2004 il Tribunale di era uscito sui giornali quando basta. Non sapevo nemmeno
è di Enzo Poli, un im- Rimini, quando ha autorizzato la l’avvocato napoletano si era oc- che i soci fossero familiari e amici
prenditore alber- vendita delle quote di Patacconi cupato degli aspetti legali dello di Urso”.
Martedì 21 settembre 2010 pagina 9

POLITICA E AFFARI

IL CASINO DI MONTECARLO Come i silenzi di Giancarlo Tulliani


possono accreditare la campagna del Giornale
di Marco Lillo pre di più a un’ammissione di mata dei fatti”. Definizione par- dietro lo schermo della Timara
colpevolezza che imbarazza il ticolarmente calzante, in que- Ltd il reale proprietario sia lo
opo la decisione della suo illustre parente acquisito. I sto caso.

D
stesso Tulliani. Il cognato di Fini
Procura di Roma, comu- magistrati romani ieri hanno fat- Il silenzio di Tulliani sta rovinan- non ha mai detto chi è il soggetto
nicata in via informale al- to capire che, se l’audizione di do l’immagine pubblica del lea- fisico con il quale ha trattato l’af-
la stampa, di non sentire Fini è da escludere, quella del der di Futuro e libertà più delle fitto. E, su questo punto, anche
Gianfranco Fini sulla storia della fratello della compagna del pre- bordate del Giornale di Vittorio la nota difensiva di Gianfranco
casa di Montecarlo, l’uomo sidente della Camera è possibi- Feltri. Fini non ha fatto chiarezza.
chiave della vicenda torna a es- le. Sul punto in realtà ci sareb- In assenza di una versione dei
sere più che mai Giancarlo Tul- bero due orientamenti: il pro- fatti del protagonista, proviamo 3. LA RISTRUTTURA-
liani. Il cognato di Fini dovreb- curatore capo Giovanni Ferrara a elencare i punti oscuri e quelli ZIONE. È stata seguita dall’af-
be spiegare tutto quello che sa sarebbe più attendista e pru- chiariti (a favore o contro Tul- fittuario (il giovane Tulliani) e
sull’acquisto dell’appartamen- dente, mentre il procuratore ag- liani e Fini) di questa complica- non, come sarebbe più normale,
to della contessa Colleoni da giunto Pierfilippo Laviani sa- ta vicenda per offrire una guida dal proprietario. Anche se tal-
parte di una società con sede rebbe più propenso a inviare al nel labirinto di rivelazioni im- volta i lavori sono seguiti dal
nelle Antille. Il suo silenzio ogni giovane espatriato una convo- precise e smentite reticenti. conduttore sulla base di un ac-
giorno che passa somiglia sem- cazione come “persona infor- cordo bonario che comunque
1. IL PREZZO. 300 mila euro presuppone un rapporto di fidu-
pagati nel 2008 per un apparta- cia reciproca. Stefano Garzelli,
mento di 74 metri quadrati a l’imprenditore della società Te-
IGOR Marini Montecarlo è senz’altro poco.
Certo, c’è una stima precedente
cab che ha ristrutturato l’appar-
tamento, ha dichiarato che
di 450 milioni di lire ma in otto “c’era un rapporto diretto fra
in cella per calunnia anni l’immobile doveva essersi
rivalutato. L’appartamento, se-
Giancarlo Tulliani e la società
proprietaria dell’immobile”.
Giancarlo Tulliani, cognato del presidente della Camera (FOTO ANSA)

ordine di carcerazione era stato emesso a luglio


L’“goladal Tribunale di Torino. Ma Igor Marini, 47 anni,
profonda” del presunto scandalo di “Telekom
condo i rappresentanti di An che
lo hanno visitato, era in pessime
condizioni ma molti operatori
4. LA CUCINA. La famosa cu-
cinetta Scavolini comprata per
famiglia Fini non ha mostrato
dove sia finita. Anche se è com-
prensibile che un presidente
del cognato e di avere espresso
“disappunto” per questo fatto.

Serbia”, è finito agli arresti domenica, in quel di Ca- del mercato immobiliare nel poco più di 4 mila euro nel cen- della Camera non si abbassi a 6. LA FIRMA. Il Giornale ha
ravino (To), dopo un controllo di routine della stra- Principato sostengono che co- tro mobili Castellucci alla peri- tanto. sventolato una seconda presunta
dale. Marini deve scontare cinque anni di carcere munque il prezzo giusto sarebbe feria di Roma è stata agitata co- pistola fumante: un documento
per calunnia ai danni di un magistrato romano, Ma- stato almeno il doppio. me la prova definitiva del coin- 5. FINI NEL PRINCIPATO. (la registrazione delle modifiche
ria Bice Barborini. Nel corso di una delle sue de- volgimento del presidente della Il presidente della Camera ha al contratto d’affitto) in cui la fir-
posizioni il “Pico della Mirandola” (così ebbe a de- 2. L’ACQUIRENTE. È una Camera nella gestione dell’ap- seccamente smentito, nell’in- ma del proprietario e dell’affit-
finirlo Roberto Calderoli nel 2003) sostenne di es- società off-shore dei Caraibi, la partamento di Montecarlo. In tervista a Enrico Mentana, di es- tuario dell’appartamento mone-
sere stato invitato dal magistrato “a non parlare di Printemps Ltd di Saint Lucia. Su- realtà non è stata portata ancora sere stato nell’appartamento gasco sono uguali. In realtà quel
tangenti a politici di centrosinistra”. Nel 2003, Ma- bito dopo l’acquisto rivende a alcuna prova che quella cucina monegasco di Boulevard Prin- documento non prova che la ca-
rini, dinanzi alla Commissione bicamerale d’inchie- una società gemella, con stessa sia davvero finita nel Principato. cesse Charlotte. Un testimone, sa è di Tulliani. La firma identica
sta su Telekom Serbia, parlò di una supertangente sede e alcuni amministratori in Anzi, è antieconomico spende- l’imprenditore Luciano Care, so- ma illeggibile potrebbe essere
da 55 milioni di dollari destinata, tra gli altri, a Ro- comune: la Timara Ltd, che poi re più per il trasporto che per stiene di averlo visto davanti coerente anche con un’altra rico-
mano Prodi, Lamberto Dini e Piero Fassino e Il Gior- affitterà a Giancarlo Tulliani. La l’acquisto. Anche la testimo- all’edificio. Un dato in contrasto struzione: i due ruoli (condutto-
nale iniziò una campagna di stampa. Il processo per proprietà di entrambe è miste- nianza di Davide Russo, che la- con la nota difensiva nella quale re e locatore) sono stati delegati a
calunnia nei confronti dei tre esponenti politici da riosa e opaca. Non si può esclu- vorava da Castellucci e sostiene il presidente della Camera so- un unico intermediario. Anche
parte dello stesso Marini è incardinato a Roma. dere, in mancanza di una chiara di essersi licenziato, con la mo- stiene di avere appreso solo re- su questo punto il silenzio di Tul-
presa di posizione sul punto da glie, pur di accusare Fini è vaga e centemente che l’appartamen- liani fa il gioco dei detrattori del
parte del diretto interessato, che poco credibile. D’altro canto la to era finito nella disponibilità presidente della Camera.

Parla il Console Generale tedesco di Napoli Christian Much


di Giancarlo Riccio

Idi lundiplomatico di carriera “Antipizzo” è


elegante, colto ed amabile signore
57 anni, che attraversa la Napoli
“L’antimafia? Un dovere c’è spazio per la mafia.
E quali sono le reazioni e le riflessio-
ni di cittadini tedeschi in Italia?
Innanzitutto vorrei chiarire, anche
all’attenzione dei miei concittadini, che
(quella dei vicoli, compresa), dove da
cinque mesi è Console Generale tede-
sco, con una piccola auto svedese. E che
sta leggendo in queste settimane quan-
to hanno scritto su questa città autori
anche per i diplomatici” il turista tedesco di solito non farà mai
esperienze negative con la criminalità
organizzata. Per quanto riguarda poi
l’uomo d’affari tedesco, l’impegno del-
le ditte tedesche in Sud-Italia è eviden-
come Anna Maria Ortese ed Erri De Lu- ficiale per Palermo e la Sicilia dell’ovest. zata”. Comunque, noi possiamo soste- istituzioni e delle realtà italiane. temente molto ristretto e troppo limi-
ca. L’impegno del Console Generale In questa occasione incontrerò sicura- nere delle iniziative, che mostrano che Viviamo in un mondo globalizzato, che tato. È un peccato, perché il Mezzogior-
Christian Much contro la criminalità or- mente i rappresentanti di “Addiopizzo”. esistono alternative a una carriera cri- ci piaccia o meno. Ci sono dei paralle- no offre un potenziale grandissimo per
ganizzata italiana è da sempre al centro Del resto, la criminalità organizzata e le minale. Ci sono tante iniziative civili ed lismi con il tardo medioevo, con le sco- quanto riguarda la manodopera e la si-
del suo lavoro. In questa intervista reazioni della società civile sono state ecclesiastiche italiane, ma anche tede- perte di Vasco da Gama, Colombo, Ma- tuazione geografica. Il mio ufficio, il
esclusiva con il Fatto Quotidiano, ci spiega sempre un argomento centrale nelle sche, che si adoperano per questo. gellano e Cook. La criminalità organiz- Consolato Generale a Napoli, si sforza in
perché. mie conversazioni con personaggi di In che modo potenzierà l’iniziativa zata d’allora – i pirati – ne approfittò più cooperazione con i partner italiani di
Signor Console generale, lo scorso politica, Chiesa e industria. Anche in oc- dell’Ambasciata di Germania con degli altri, ma alla fine perse. Nella stes- eliminare la fobia del contatto con il Me-
gennaio, l’allora Ambasciatore di casione della Festa nazionale per il ven- “Addiopizzo”? sa maniera perderà la criminalità orga- ridione italiano e il suo potenziale. Que-
Germania in Italia Michael Steiner tesimo anniversario della riunificazione Insieme con la Federazione delle asso- nizzata, “i pirati di oggi”. Perché sta sensibilità non è una caratteristica
ha sottolineato come “l’impegno tedesca, il 4 ottobre, a Napoli intendo ciazioni Anti-Racket italiane a Na- con la globalizzazione solo tedesca. Sappiamo tutti bene che il
della società civile sia centrale nella rendere ancora più chiara la mia posi- poli, ci curiamo di produrre non diventano sola- cambiamento sociale non può avvenire
lotta contro la mafia”, presentando zione. una piantina “Addiopiz- mente più globa- senza la collaborazione della società ci-
la prima piantina turistica di Paler- Quali emergenze ha riscontrato? zo” di Napoli. E confidia- lizzati gli inte- vile. Per questo motivo ci fa sempre pia-
mo “Addiopizzo” in versione tede- “La criminalità organizzata fa proseliti mo che nella primavera ressi commer- cere lavorare insieme con la società ci-
sca. La piantina è reperibile a Paler- in un ambiente socio-economicamente del 2011 sarà disponi- ciali, ma anche vile italiana che è così dinamica. Come
mo nei punti di informazione turisti- e culturalmente povero. Come Conso- bile. Poi vedremo cosa i valori. Il mon- per esempio “Libera”, “Addiopizzo” o la
ca, nei B&B, negli alberghi e presso lato Generale non siamo capaci di cam- verrà dopo. do si trasforma Federazione Anti-Racket. I nostri inte-
l’ufficio di “Addiopizzo”. Lei era al- biare sostanzialmente questi ambienti. Dunque, una rappre- gradualmente ressi coincidono interamente con gli in-
lora Capo dell’Ufficio culturale Ciò vale particolarmente per la Camor- sentanza diplomati- in una comuni- teressi italiani.
dell’ambasciata e ha collaborato a ra napoletana, che non è monolitica ma ca straniera può la- tà di valori, nel- Quali altri Paesi stranieri non sono
quel progetto. I primi risultati con- in un certo modo caotica, “non organiz- vorare al fianco delle la quale non in sintonia con voi?
creti? Meglio chiedere il contrario: quale Stato
La piantina di Palermo “Addiopizzo” è straniero sarebbe insensibile di fronte
molto richiesta dai turisti tedeschi. Con-
tribuirà sicuramente – e per buone ra-
Dopo la piantina di “Addiopizzo” Il Console
Generale
alla delinquenza organizzata? La mia ri-
sposta è: nessuno. Ma mi lasci per favore
gioni – a far ottenere un grande vantag-
gio per gli affari dei negozi coinvolti. La
per Palermo tradotta in tedesco tedesco per il
Mezzogiorno
mettere in risalto un personaggio, che
poco tempo fa è stato nominato all’Am-
piantina fornisce la prova: contraria- basciata degli Stati Uniti a Parigi, il già
mente a tutti gli stereotipi, l’uomo d’af- ora tocca al capoluogo campano d’Italia
Christian Console Generale americano a Napoli,
fari onesto a Palermo esiste e non si ras- Much Signor Patrick Truhn. Quanto alla Ger-
segna di fronte al racket, tutt’altro. mania, essa vive di commercio. La sop-
La sua giurisdizione comprende la pressione delle pratiche d’affari crimi-
Sicilia ed altre regioni del Meridione nali - e quindi associate alla distorsione
italiano: quali riscontri ha ricevuto della concorrenza - è un interesse nazio-
sulla vostra iniziativa con “Addio- nale della Germania. Noi – il Consolato
pizzo” a Palermo? Generale di Napoli – promuoviamo
Presto partirò per un lungo viaggio uf- quest’interesse come meglio ci riesce.
pagina 10 Martedì 21 settembre 2010

CRONACHE

NASCERE (E VIVERE) N
GUERRA AFGHANA
A Roma i funerali
del parà

A MESSINA I eri a Roma si sono


svolti i funerali di
Alessandro Romani, il
paracadutista della
Folgore ucciso in uno

TRA LITI E PSICOSI scontro a fuoco in


Afghanistan venerdì
scorso. Alle esequie
hanno partecipato le
più alte cariche dello
Stato. “La guerra non è
Altri due casi in un ospedale pubblico mai inevitabile, la
pace è sempre
possibile e doverosa”,
dopo la rissa in sala parto ha detto nell’omelia
l’ordinario militare
che ha celebrato la
di MIchele De Gennaro di responsabilità” e parli di neonato sono a casa e in buona funzione.
Messina “vero e proprio razzismo salute. Mentre il dottore ha avu-
mediatico”, la cronaca parla to una prognosi di dieci giorni e
ltri due casi di sospetta di un neonato in coma, di ha presentato denuncia ai cara-

A malasanità a Messina,
dopo la rissa tra medici
lo scorso 26 agosto nel-
la sala parto del Policlinico
con gravi conseguenze per il
una partoriente che molto
probabilmente ha sofferto
più del dovuto, di un gine-
cologo picchiato, e di due
denunce in corso. Teatro di
binieri.
Nel secondo caso, avvenuto ot-
to giorni fa, secondo la pazien-
te e suo marito, i medici impe-
gnati in sala parto, il primario
neonato e la madre. Due epi- entrambi gli episodi l’ospe- Francesco Abate e il ginecolo- L’ospedale Papardo di Messina (FOTO ANSA)
sodi distinti dai contorni an- dale Papardo-Piemonte di go Saverio Esposito, avrebbero
cora da chiarire, ma che mo- Messina. evitato il taglio cesareo, con pe- tro ignoti. I carabinieri hanno spletamento del parto”. “Sono
strano come nei reparti di santi conseguenze per il bam- già acquisito le cartelle clini- arrivato al Papardo alle 19.30 –
ostetricia e ginecologia degli Travaglio lungo, bino. “A parere di tutti i medici che. L'accusa è di non aver pro- ha dichiarato Saverio Esposito STUPRI
ospedali della città siciliana cesareo impedito – racconta Ivana Rigano – avrei ceduto tempestivamente con il -, quando era in atto la fase
regni ben poca serenità, con dovuto partorire con un cesa- cesareo, scelta che avrebbe espulsiva. Sono intervenuto Uccisa donna
disaccordi tra medici su co- reo, viste le dimensioni del provocato l'asfissia al bambi- nelle fasi conclusive del parto. che difese la figlia
me intervenire e risse in cor- IL PRIMO caso evidenzia co- bambino, che pesava 4 chili no. Purtroppo una spalla del bim-
sia.
Nonostante il presidente
dell’Ordine dei medici di
me si sia creato un profondo
strappo di fiducia tra cittadini e
corpo sanitario. Come in serata
150 grammi. Ma il primario,
Francesco Abate, è intervenu-
to, sostenendo la tesi del parto
La difesa
bo è rimasta incastrata e quan-
do è nato si è capito che il neo-
nato era sofferente”.
U na donna di 51 anni
è stata uccisa ieri
mentre era nella sua
del primario
Messina dichiari che la città ricostruisce il direttore genera- naturale e vietando il cesareo. Le condizioni del piccolo sono auto alle porte di Napoli.
è “ormai in preda a una sorta le dell’azienda ospedaliera, Ar- Ha tolto di mano a mio marito il in via di miglioramento, come Nel 2008 fu testimone in
di psicosi”, e l'assessore per mando Caruso, sei giorni fa il gi- documento nel quale si assu- IERI SERA il dottor Abate ha spiega il professor Ignazio Bar- un processo contro un
la Salute della Regione sici- necologo Rosario Pino sarebbe meva la responsabilità di far precisato che in quel frangente beri, direttore dell'unità di tera- uomo, vicino di casa,
liana Massimo Russo richia- stato aggredito nei corridoi praticare l’intervento chirurgi- era impegnato nella sala opera- pia intensiva neonatale del Po- che aveva abusato di sua
mi tutti a un “maggior senso dell’ospedale dai familiari di co dicendogli ‘non firmi nien- toria attigua a seguire l'inter- liclinico di Messina dove è stato figlia. Secondo la
una partoriente te, facciamo il naturale’. È stato vento di taglio cesareo su un’al- ricoverato: “Il bambino ha avu- Direzione antimafia
dopo che aveva an- tremendo: ho subito lacerazio- tra paziente. “Sotto la mia per- to una sofferenza post ischemi- l’agguato potrebbe avere
In un episodio nunciato loro che
il travaglio della pa-
ni, il parto è stato lungo e dif-
ficilissimo, il bimbo ha avuto
sonale diretta responsabilità –
ha aggiunto Abate - affermo
ca. Abbiamo proceduto con la
ventilazione, l'abbiamo sedato
una matrice
camorristica.
si sarebbe proceduto ziente presentava
alcune complica-
difficoltà di ossigenazione, su-
bendo danni”. Il marito della
che nè in sala parto nè in sala
travaglio, nè in altro luogo del-
e intubato, ora è in coma farma-
cologico. Il piccolo ha sofferto AFFIDAMENTO MINORI
zioni e sarebbe du- partoriente, Nicola Mangraviti, l'ospedale è avvenuta alcuna li- perché gli è mancato l'ossigeno
con il parto naturale rato più del previ- ha presentato una denun- te e diverbio. E il dottor Espo- ed è andato in asfissia. Al mo- Omicidio-suicidio
nonostante il peso sto. Il parto si è poi cia-querela ai carabinieri e il so- sito ha agito con la massima mento le condizioni sono serie nel bresciano
concluso nel mi- stituto procuratore di Messina, professionalità e competenza ma in netto miglioramento, po-
del nascituro gliore dei modi e
sia la madre sia il
Anna Maria Arena, ha aperto
un'inchiesta, al momento, con-
mettendo in atto tutte le mano-
vre che hanno consentito l'e-
tremo dire qualcosa di più pre-
ciso tra una settimana”. U n uomo di 42 anni
ha ucciso la figlia di
3 poi si è suicidato. E’
accaduto a Lonato, nel
Marino: decessi e cesarei, LA MALASANITÀ
bresciano. All’origine
dell’omicidio forse
l’affidamento della
in Italia ci sono troppi punti-nascita travolge i bambini bambina: l’uomo era
separato dalla moglie,
alla quale sarebbe stata
di Silvia D’Onghia affidata la piccola. E’

troppo presto per parlare di altri


Ndelegli ultimi mesi i casi di malasanità o presunta tale si sono
moltiplicati. Del 26 agosto scorso è la rissa tra due sanitari
Policlinico di Messina, mentre è di appena 9 giorni fa il caso
stata proprio la donna,
ieri mattina, a dare
ÈDovranno
due casi di malasanità a Messina.
essere le inchieste interne
di una donna che ha perso il bimbo dopo una drammatica
corsa tra due ospedali senza ambulanza. L’8 settembre, a Po-
l’allarme, non vedendo
rientrare la figlia.
e quelle della magistratura a fare luce licoro (Matera), una donna è morta dopo un cesareo in cui ha
sui due parti. Certo è che non è la dato alla luce due gemelli. Due i casi nel cosentino: il 19 luglio INCIDENTI
prima volta che dal capoluogo sici- a Rossano è morta una neonata dopo un cesareo d’urgenza, il
liano arrivano notizie di complica- 21 maggio sono morti due bambini presso l'Azienda Ospe- Operaio muore
zioni in sala parto. E questo pone dei daliera Santa Annunziata. Il 9 agosto una neonata è morta a folgorato
seri interrogativi sulla gestione della Partinico. L’11 settembre a Padova una donna ha perso il bim-
sanità, ed in particolare dei punti-na-
scita in Sicilia. La commissione par-
lamentare d’inchiesta sul Servizio sa-
bo ed è finita in coma farmacologico dopo una drammatica
corsa senza ambulanza dall’ospedale di Piove di Sacco. Il 20
maggio una bimba è nata a Venezia con un gravissimo danno
U n operaio è morto
folgorato da una
scarica elettrica mentre
nitario nazionale sta lavorando pro- cerebrale, dopo un parto cesareo su cui la Commissione par- stava lavorando. E’
prio in questa direzione. Ieri a Mes- lamentare di inchiesta ha chiesto una relazione dettagliata. accaduto ieri a Mesa di
sina ha inviato i Nas e ha chiesto, sia Pontinia, vicino Latina.
alla direzione generale dell’ospedale L’uomo stava lavorando
Papardo che alla Procura, di poter ac- Ignazio Marino (FOTO LAPRESSE) su una gru per montare
quisire tutti gli atti (comprese le car- un pannello fotovoltaico
telle cliniche) relative all’episodio punti-nascita. La situazione è radical- ficace in determinati casi, viene uti- centrando. Sicuramente questo può quando la gru ha toccato
del bimbo finito in coma farmacolo- mente cambiata negli ultimi 30 anni. lizzata in maniera eccessiva e non ne- incidere. Tenga conto, però, che la i cavi dell’alta tensione.
gico. Nel 1980 - in pieno baby boom - il nu- cessaria. L’indicazione dell’Organiz- maggior parte delle donne italiane
Presidente Marino, esiste un “ca- mero di donne con più di 35 anni che zazione mondiale della Sanità è di li- non ha ancora accesso al parto indo- GARDA
so Sicilia”? partorivano era pari al 9 per cento; mitare il cesareo al 15 per cento dei lore. Questa possibilità è offerta solo
Non ho ancora notizie specifiche su oggi è pari al 30. Allora ci fu una dif- parti. Ci sono invece regioni come la nel 15 per cento degli ospedali ita- Due cadaveri
quanto accaduto in questi giorni, e fusione capillare sul territorio dei Campania in cui questa percentuale liani, mentre Francia o Stati Uniti rag- “incaprettati”
quindi non posso pronunciarmi. Ma punti-nascita. Con un decreto mini- raggiunge il 62. È evidente che qual- giungono il 70. E con la manovra fi-
posso fare qualche valutazione gene-
rale su quanto sta accadendo. L’Isti-
tuto superiore di Sanità ha svolto
steriale del 2000 si decise che il nu-
mero minimo di parti annui doveva
essere 500 per ogni struttura, questo
cosa non va. Molto dipende dai me-
dici e dalle direzioni. Faccio un
esempio: a Castellammare di Stabia,
nanziaria sarà sempre peggio: per
cinque anestesisti che andranno in
pensione nel 2011, ne verrà assunto
M istero a Peschiera
del Garda dopo il
ritrovamento in un
un’indagine in sei regioni italiane: per poter garantire uno standard di nel 2003 i cesarei erano il 52 per cen- uno solo. Quindi potranno partorire canale dei corpi di un
Piemonte, Emilia Romagna, Tosca- qualità. Oggi ci troviamo con molti to; l’avvento di un nuovo primario ha senza dolore soltanto quelle donne uomo e una donna.
na, Lazio, Campania e Sicilia. Un’in- punti-nascita che hanno un numero fatto sì che nel 2009 fossero solo il 16 che potranno pagarsi un professio- Entrambi avevano le
chiesta che coinvolge il 48 per cento di parti inferiore a 500 ogni anno. per cento. A volte, e mi riferisco so- nista. mani legate dietro la
delle donne in età fertile. Si va da una Quella rete è dunque più numerosa e prattutto alle strutture private con- Arriverete alla decisione di so- schiena, la testa avvolta
mortalità materna pari a 8 su cento- capillare di quanto occorrerebbe. venzionate, si va incontro alle preoc- spendere qualcuno, nel caso in in un sacchetto di
mila in Piemonte ed Emilia a una pari In compenso il numero dei parti cupazioni delle donne e si arriva a cui le notizie da Messina trovasse- cellophane ed erano
a 22 su centomila in Sicilia. cesarei è di gran lunga aumenta- programmare la data del parto. ro una conferma giudiziaria? avvolti in due cartoni.
E questo secondo lei da cosa di- to. Incide molto, però, anche il rim- Mi auguro non serva il nostro inter- Nel reggiseno della
pende? Nel 1980 erano l’11 per cento, oggi borso concesso dalle Asl. vento, preferirei un percorso di col- donna c’erano due rotoli
Va fatta una riflessione generale sui sono il 39. Questa tecnica, che è ef- È l’aspetto sul quale ci stiamo con- laborazione istituzionale. di banconote.
Martedì 21 settembre 2010 pagina 11

SCHERMO PICCOLO

CIRCOLARE E CENSURARE Masi scrive un’altra direttiva bavaglio


Santoro manda in rete lo spot pirata di Vauro
di Carlo Tecce parando una mozione in Parla- GIOVANARDI
mento contro le imparzialità e
auro Masi ha un’abilità

M
le storture del servizio pubbli-
nel toccare le note sto-
nate. Anche con la mu-
co con in testa Augusto Minzo-
lini: Pd e Idv voteranno a favo- “I GAY CHE ADOTTANO?
MERCANTI DI BAMBINI”
sica di Odissea nello spa- re, per l’Udc resta il forse. Bep-
zio, il sottofondo del video pi- pe Giulietti e Vincenzo Vita
rata di Annozero con Vauro a (Pd) vedono il pericolo bava-
Campo dei Fiori che annuncia glio, pronti all’audizione del dg
la trasmissione boicottata dal- (domani sera) in Commissione di Chiara Paolin
l'azienda. Che rompe con il di Vigilanza. E Masi continua a
sorriso dei turisti e dei romani registrare record negativi: mi- arlo Giovanardi, sottosegretario con delega alle sparate, è un juke
il silenzio di Raidue, una rete
che soltanto nel pomeriggio
stero sui contratti di Travaglio
e Vauro, un fiducioso ‘dovreb-
Clettuali
box di opinioni focose, esternazioni col rimbombo, esercizi intel-
degni dei salotti più trash. Chi ha bisogno di procurarsi un
sblocca la pubblicità di Anno- be’ di Paolo Ruffini (direttore titolo, lo chiama al cellulare e sa subito dove colpire. Droga, sessualità,
zero: Vauro cerca preoccupa- di Raitre) sul voto in Consiglio religione: è polemica a colpo sicuro.
to notizie su “Michele Santo- per Parla con me di Serena Dan- Ieri l’ultima performance sotto il pungolo di Klaus Davi: “Nei paesi in
ro, il biondo”, “Marco Trava- dini. A viale Mazzini praticano cui le adozioni da parte di coppie gay sono consentite, come Usa e
glio, il freddo” e “Sandro Ruo- masochismo, creano ostacoli, Brasile, è esplosa la compravendita di bambini e bambine - ha detto - È
tolo, ‘o collegamento”. Qual- emergenze continue ai con- una cosa che almeno con questo governo non consentiremo mai, e
cuno li ha visti? E nel frattem- duttori. E per comunicare ai te- che voglio qui denunciare”. Giuseppina La Delfa, presidente delle Fa-
po, nobilitato dal mandato (in- lespettatori il ritorno di giove- miglie Arcobaleno, e Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay, han-
nocuo) del Consiglio di ammi- dì, mentre l’azienda taceva, no dovuto rispondere anche stavolta: “Chiediamo le dimissioni im-
nistrazione, il direttore gene- Santoro ha pensato di spedire mediate di Carlo Giovanardi. Le sue dichiarazioni sconsiderate su ge-
rale ha firmato, timbrato e dif- Vauro a Campo dei Fiori, insce- nitorialità e adozione gay dimostrano che il sottosegretario rappre-
fuso l’ennesima circolare ai di- nare una puntata speciale di senta un imbarazzo per le istituzioni, un problema per i cittadini ita-
rettori di rete, un appunto per Michele Santoro (FOTO LAPRESSE) . In basso, il sottosegretario Giovanardi (FOTO ANSA) Chi l’ha visto. liani e anche un pericolo per se stesso”.
i “programmi di approfondi-
mento” che cade – sempre per
casualità – a poche ore dal de-
Pronta la mozione di Futuro e Libertà ULTIMA FOTOGRAFIA ,
Vauro chiama il giornalista
Poi un altro delirio:
test antidroga ai conduttori tv
butto di Annozero. contro viale Mazzini e Minzolini: astronauta, disperso nello
‘spazio Santoro’, il titolo estivo
MASI SCRIVE un testo zep- di Annozero per la Rai. Per risco- MA SECONDO il sottosegretario c’è qualcun altro da tenere sot-
po di norme, codici, rimandi. piace a Idv, Pd e (forse) all’Udc prire lo spirito di Raiperunanot- to stretto controllo: “Per i conduttori televisivi, soprattutto se la-
Trucchi in burocratese per te, di un’informazione diversa vorano nel servizio pubblico, è sacrosanto auspicare che la loro im-
snervare conduttori e autori: “I e lontana anche fisi- magine pubblica sia in linea con i valori educativi della Rai. Gli si dica
talk-show devono garantire, ne a un’imprecisata struttura camente dai censo- chiaramente ‘Amico, vuoi presentare, cantare o interpretare fiction
sempre e nella stessa trasmis- aziendale. Via ragazzi e studen- Appunti Un ri, Santoro ha rilan- per la Rai? Allora devi dimostrare di non essere drogato’”. In tempi
sione, il rispetto dei principi di ti gestiti dalle redazioni dei pro- estratto ciato il passaparola tristi come questi, una risata è sempre gradita. E allora si può cercare
pluralismo e del contradditto- grammi, viale Mazzini può pre- dell’‘appunto’ per per giovedì sera. qualche altra perla dell’onorevole emiliano su cosette come Ustica
rio”, e fin qui una bella rinfre- cettare decine di figuranti con direttori di rete e Scrive un appello al (non furono i francesi ma una bomba a tirar giù l’aereo), l’Istria (tor-
scata sull’ovvio. Poi un avviso: il mutismo incorporato. In os- di testata, diffuso pubblico: “La vostra nino a Zara i toponimi italiani) o il caso Cucchi (era un “drogato e
“Si considera rilevante e vinco- sequio a una lette- ieri dal dg Masi risposta è stata co- anoressico. Poveretto, è morto soprattutto perché pesava 42 chi-
lante l’individuazione e la ge- ra del presidente me sempre straordi- li”). A questo punto la voglia di ridere passa, quel sorriso da orsetto
stione anche degli opinionisti Paolo Garimber- naria ed entusiasta. Yoghi che brilla dal sito istituzionale www.carlogiovanardi.it risulta
e dei tecnici del settore, che ti, ancora Masi in- Centinaia di mi- sempre meno simpatico, mentre rullano uno dopo l’altro i lanci
peraltro devono anch’essi es- fila nel testo il co- gliaia di persone si d’agenzia dove nomi vip (Annunziata, Sposini, Isoardi) già rilancia-
sere individuati secondo i me- dice Maurizio stanno attivando sul no la presunta polemica su coppie gay e antidoping Rai.
desimi principi”. Un riferimen- Crozza, colpevo- Web per un gigante- Ma che vuole davvero Giovanardi? L’intestazione del sito ammicca:
to neanche oscuro al monolo- le di satira e turpi- sco passaparola che Popolari Liberali nel Popolo delle Libertà. E tornano alla mente re-
go di Travaglio, un mucchio di loquio a Ballarò: ridicolizza qualsiasi centi prese di posizione del sottosegretario in compagnia del mi-
parole che possono significare “Attenzione alle tentativo censorio e nistro Gianfranco Rotondi e del go-
molto e niente. Come può il di- fasce orarie di tu- ritardo burocratico. vernatore campano Stefano Caldo-
rettore generale controllare un tela dei minori”. Se giovedì 23 set- ro: siamo anche noi co-fondatori del
dibattito in diretta? Al massi- glia: fate una domanda a un po- tembre alle 21 troveremo il no- Pdl come Fini, ci serve più spazio,
mo, per sua ossessione, può PRIMA di salutare e autogra- litico di destra, poi a uno di si- stro pubblico ad aspettarci co- abbiamo una decina di uomini che
trasformare il pubblico in sago- fare il documento, Masi spolve- nistra e così avanti e indietro me ogni anno, senza che per sosterranno Berlusconi solo a certe
me. Masi detesta l’applauso: ra un po’ di par condicio. Fuori con uguale ritmo. Per conosce- Annozero siano andati in onda condizioni (dichiarazioni di fine
“Non deve essere prevista in al- stagione, ma pur sempre utile: re chi legge con piacere le cir- gli spot come per Porta a Porta o agosto). Forse non è un caso se Gio-
cun modo – scrive – la presen- “Le interviste ai partecipanti colari di Masi, basta pescare Ballarò, sarà solo perché voi vanardi, chiacchierando con Davi,
za in studio del pubblico come devono essere realizzate in se- una dichiarazione a caso, pren- avrete vinto ancora una volta: ha citato proprio i neo Fli Chiara Mo-
‘parte attiva’, in linea di prin- quenza di contraddittorio assi- diamo Maurizio Gasparri (Pdl): se un programma appartiene roni e Luca Barbareschi come pes-
cipio neppure con applausi”. E curando tendenzialmente a “Masi ha spiegato l’Abc della veramente al pubblico non è simi esempi di politici favorevoli ai
per scongiurare occhiate, mo- ciascun ospite lo stesso tempo corretta informazione”, dice il facile decidere per decreto di diritti gay. Forse, se non esistesse,
vimenti e pure sospiri, il diret- di parola”. Tradotto: insegna il capogruppo al Senato. E mette farlo morire”. E neppure per uno come Giovanardi bisognereb-
tore generale affida la selezio- mestiere ai conduttori. Consi- fretta ai finiani che stanno pre- circolare. be sceneggiarlo.

PIROSO E IL FATTO
I finiani di oggi, di Loris Mazzetti

NIENTE DI PERSONALE? tra Rai e disgusto


a Futuro e Libertà non è più gradito a tavola e così
ha scoperto, che coincidenza, che qualche cosa
nell’informazione Rai non funziona. Il braccio destro
iente di personale”, domenica sera su La7.
N Capita però che tra un’intervista a De
Bortoli e a Verdini il bravo conduttore venga Isi Iquello
finiani in questi anni hanno votato, non solo, tutto
che B. ha proposto (39 leggi ad personam), ma
Italo Bocchino immediatamente si è scatenato contro i
vertici dell’azienda: “Il Tg1 non può continuare così per
noi la situazione non è più tollerabile”. Smentendo chi lo
colto da improvvisa afasia. Si parla delle parole sono sempre seduti alla tavola in cui si tagliava la ha accusato che, sotto sotto, il suo prendere coscienza
di Michele Serra sulla triste condizione del Pd. “torta Rai”: presidenti, consiglieri, direttori, vice, capi aveva coinciso con l’epurazione della moglie produt-
Ma l’ottimo Antonello Piroso esita e indugia, redattori e dirigenti vari. L’unica volta che Fini ha alzato trice di fiction. Sul sito di FareFuturo è apparsa una
non riesce proprio a dirlo che l’intervista è la testa dal piatto è stato in occasione del trasferimento lettera indirizzata a Babbo Natale dove si chiede di
di Rai2 al Nord. Era il 2003, fece “licenziare” presidente mandare Minzolini al Polo Nord. Flavia Perina, diret-
apparsa sul “Fatto”. Lo soccorre Riccardo e direttore generale che avevano appoggiato l’idea della tore del Secolo d’Italia, ha annunciato che verrà pre-
Barenghi della “Stampa” (grazie) ma l’altro Lega. “Con questa storia ci hanno turlupinato. Perché sentato in parlamento un documento di denuncia, un
s’incupisce. Di Piroso, memorabili restano le dovrei continuare a difendere un presidente, Baldas- vero e proprio atto di accusa nei confronti degli edi-
lezioni di giornalismo e le bacchettate a chi non sarre, che risponde a chiunque eccetto a me. Vada a toriali di Minzolini e dell’operato del direttore generale
rispetta i canoni del mestiere. Non possiamo piangere da Berlusconi”, dichiarò. Su Saccà mandò in Masi. Ancora FareFuturo contro il Tg1, “che sfocia in
quindi pensare che un tale maestro avanscoperta il fedele Moffa che pubblicamente chiese propaganda”, al punto da dichiarare: “Di fronte a Min-
dell’informazione ce l’abbia con noi perché e ottenne le dimissioni del dg il giorno stesso in cui Saccà zolini tifiamo Santoro”. A proposito di Santoro, Anno-
aveva dichiarato in una intervista di sentirsi “blindato” Zero giovedì 23 settembre tornerà in onda, miglior pub-
raccontammo di quando direttore del tg de La7 dal Cavaliere. Non tanto tempo fa, novembre 2009, blicità al programma la Rai, con il divieto di trasmettere
non mandò in onda un servizio di Silvia Resta quando Fini venne a Che tempo che fa, gli chiesi cosa gli spot, non poteva farla, ha provocato un tam tam
sulla trattativa Stato-mafia perché, disse, privo pensasse della Rai, la risposta fu: “Non mi interesso di tv straordinario su Internet e sulla stampa. Il direttore di
di contraddittorio. Chissà, forse la collega tra di noi c’è chi lo fa abbondantemente”, il riferimento Rai2 può dormire sonni tranquilli sta per arrivare San
avrebbe dovuto sentire il parere di Totò Riina. a B era evidente. Da allora sono passati solo pochi mesi Michele con il 20% di share: il crollo di ascolto della
Comunque, niente di personale. e non mi risulta che sia stato folgorato sulla via di Da- seconda puntata di X Factor sarà solo un brutto ri-
masco. Si è accorto, invece, che da quando ha dato il via cordo.
pagina 12 Martedì 21 settembre 2010

x
EROI DIMENTICATI x

Rosarno, Italia
TRENT’ANNI DI MAFIE “Oggi Peppe è morto
davvero” Ucciso nel 1980
La compagna

SUI MARTIRI DEL SUD di Carmela Ferro

T
ANTO TEMPO è trascorso. I ricordi
sembrano lucciole inquiete, illuminate
dall’improvviso faro della memoria. Va-
di Valarioti accusa
gano senza direzione, sfuggono, si ri- legra. Le cose erano andate bene, i risultati erano
bellano ad ogni mio tentativo di imprigionarli, di soddisfacenti e il pomeriggio era dedicato ai rin-
riordinarli... Lo rivedo, ancora adolescente, ve- graziamenti. “Stasera festeggerò con i compagni,

SOLO SILENZIO
nirmi incontro nei corridoi del liceo, durante la ma domani sarò libero e ti prometto che staremo
Vassallo è solo ricreazione... Poi l’incarico per entrambi di ge- tutto il giorno insieme… ho tante cose da sbri-
stire la biblioteca di Mileto (ricordi, Peppe, quel gare e poi faremo una bellissima passeggiata”.
l’ultima vittima bacio sotto la statua di Ruggero II, mentre, da un Con il desiderio e la certezza di riabbracciarlo mi
bar vicino, Adriano Celentano cantava uno dei ero svegliata quella mattina dell’11 giugno… En-
suoi ultimi successi...), il suo impegno in politica trai in cucina e il giornale radio delle otto comin-
della ferocia e la mia cattedra a Galatro. E intanto dentro di me ciava a trasmettere le prime notizie… Sono pas-
si affermava chiara e forte la convinzione che non sati trent’anni. Una ferita, la mia e quella delle per-
avrei più voluto vivere la mia vita senza di lui. Era sone che lo hanno amato, mai completamente
di camorra padroni di tutto. Delle arance e del futuro di Casal di Principe, regno della criminalità
stato nominato segretario della sezione del par- rimarginata. Un dolore che ha resistito al tempo
tito comunista e in quell’impegno ci metteva una perché incomprensibile, assurdo. Inaccettabile.
passione trascinante che assorbiva gran parte del- E i problemi della nostra terra, della Piana, sono
e‘ndrangheta Rosarno e della Piana di Gioia Tauro. Spe-
ranze e timori, la ricerca del lavoro dopo la
laurea, il sogno di un matrimonio. Tutto spez-
Qui sopra lo storico “benvenuto” dei Casalesi
all’ingresso del Paese (ANSA)
A destra, quello di don Peppe Diana (ANSA)
le sue energie. Quando gli avevo chiesto il perché ancora tutti lì, irrisolti, più gravi e drammatici di
di quella scelta che intuivo rischiosa (ma non im- allora… Mentre scrivo si sono spenti da poco i
Cosa è rimasto zato la notte tra il 10 e l’11 giugno del 1980. Il
Pci, il partito di Peppino, aveva vinto le ele-
A sinistra nel giorno del funerale
di Angelo Vassallo, il 10 settembre scorso,
maginavo fino a che punto…) mi aveva risposto riflettori sulle vicende di Rosarno. Quanta ama-
che gli era ormai impossibile starsene in disparte rezza nel constatare che nessuna voce si è alzata a
zioni alla Provincia, i compagni erano felici e il ritratto del sindaco-pescatore ad Acciaroli, a guardare. Voleva partecipare in prima persona prendere le difese di quei ragazzi neri maltrattati
delle lotte avevano fatto anche un corteo per le vie del
paese. Mani che ne stringono altre, occhi in
vegliato da un carabiniere (ANSA) all’emancipazione della sua gente, quella onesta e sfruttati, ma gli unici a trovare nell’unione la
che lavorava senza riuscire a supe- forza e il coraggio per ribellarsi ai soprusi e alle
aggressioni. Nessuno si è unito al
di Ciccio Vinci, lacrime, giovani studenti e figli di contadini
diventati professori come Peppino. Troppo
per i boss. Lo aspettarono all’uscita di un ri-
rare mille difficoltà, a dare una
svolta alla propria vita. Fare politi-
ca significava questo per lui: pro-
loro corteo per urlare: sono uno
di voi, mi metto dalla vostra par-
te, lotto per i vostri diritti, perché
Beneventano, storante e gli spararono. Aveva trent’anni
Peppino Valarioti. E per trent’anni Carmela, la
vare a diventare la voce di quella
gente, offrire il suo slancio perché i vostri diritti sono quelli di ogni
uomo che lavora e che vive su
sua donna, ne ha conservato il ricordo. Tutto: qualcosa potesse cambiare davve-
don Diana? memoria, foto, appunti, progetti di vita. Sem-
pre in silenzio e lontano dai riflettori. Fino al
ro... Ma soprattutto, diceva, era im-
portante trasmettere la fiducia in
questa terra. Oggi non esiste a Ro-
sarno un altro Peppe Valarioti, di-
sposto ad esporsi per difendere il
gennaio scorso, quando Danilo Chirico e un mondo più pulito… È possibile
Neppure Alessio Magro, due bravi giornalisti calabresi,
non le hanno chiesto una testimonianza per
nutrire e trasmettere questa spe-
ranza? Ti chiedevo, ci chiedevamo,
riconoscimento della dignità del
più debole. Che tristezza nel ve-
dere una ragazza costretta a men-
la memoria un libro sul suo Peppe (“Il caso Valarioti”,
Round Robin editore). Carmela Ferro a gen-
naio aveva visto il suo paese, Rosarno, infiam-
o solo un sogno, un’utopia, addi-
rittura un inganno? Te lo chiesi an-
che quella sera. E, come altre volte,
tire e a chiudere il suo striscione
che proponeva parole contro la
mato dalla rivolta dei braccianti africani con- mi rispondesti: è possibile. Biso- mafia… Oggi sento che davvero
di Enrico Fierro no sempre in modo distratto. Via Domenico tro i bianchi e il furore dei bianchi contro i ne ucciso Giannino Losardo, mentre mentre sue idee camminavano. “Io lotto e mi ribello. Mi contro il sindaco La Marca. Lo avevano ammaz- gna crederci… Nell’ultima telefo- Il caso Valarioti Peppe è morto.
Beneventano, medico, Scuola don Peppe Dia- neri. E l’indifferenza della gente, l’insoppor- ritorna a casa sua, a Fuscaldo. È un uomo di 54 sono votato ad un suicidio sociale. Non nella zato due anni prima, il 13 settembre 1978, in nata, la mattina del 10 giugno la sua Dal libro “Il caso Valarioti”

M
DANILO CHIRICO E ALESSIO MAGRO

UORI perché non hai pa- na, sacerdote, sono come via Rosolino Pilo, tabile odore marcio della ‘ndrangheta, le pa- anni, un funzionario dello Stato che nel suo pae- droga, come molti, troverò il rimedio per un quel pezzo di America Latina, dove agli oppo- voce mi era sembrata rilassata e al- ROUND ROBIN, 340 PAGINE, 15 EURO
di Danilo Chirico e Alessio Magro
gato il pizzo. Ti sparano eroe del Risorgimento. Chi li ricorda? Chi co- role vuote di una politica calabrese che anche se fa l’assessore con la tessera del Pci. E denun- mondo più giusto. Non parlo per me, son così sitori si sparava. Dopo l’omicidio Beneventano
sotto casa perché sei un nosce davvero il tormento delle loro esisten- a sinistra, quando non è collusa, balbetta con- cia, la ‘ndrangheta, i rapporti con quelli che poca cosa. Grido per coloro che non han più toccò a Salvatore La Pietra, suo compagno di
sindaco e ti sei opposto ze, la fatica dell’impegno, i momenti di esal- tro la mafia e il suo sistema di potere. “Oggi chiama i partiti “ombra” del clan più potente, voce perché l’han persa urlando e piangendo. O partito. Lo aspettarono sotto casa e gli spararo-
agli affari dei clan, perché tazione quando sembra che le parole che hai non esiste un altro Peppe Valarioti disposto quello di Francesco Muto, “il re del pesce”. Il 21 per quelli che hanno dimenticato di averla…”.È no in testa. Salvatore fu ferito gravemente, ma si dell’anziano avvocato servì a poco. Raffaele Cu- chiedeva le tangenti in nome e per conto del
sei un sindacalista scomo- speso forse hanno scavato dei solchi impor- ad esporsi per difendere la dignità del più giugno 1980 lo uccidono senza pietà. Un delitto una poesia, “L’Urlo”, che Mimmo Beneventano salvò. Lasciò il suo paese e andò ad insegnare al tolo e il sindaco La Marca furono prosciolti da clan La Torre. Eppure non aveva protezioni, do-
do, un oppositore politico e in pubblico fai tanti, e quelli in cui tutto ti sembra perduto? debole… oggi sento che davvero Peppe è atroce, rimasto impunito (Muto verrà assolto in- scrisse pochi mesi prima di essere ucciso il 7 no- Nord. “Raffaele Cutolo – disse il senatore Fran- ogni accusa per gli omicidi Cappuccio e Bene- veva testimoniare nel processo contro i mala-
nomi e cognomi che non vanno neppure pro- Pochi. morto”. Il processo per l’assassinio del gio- sieme ai presunti killer). Maledettamente pro- vembre 1980. Urlava Mimmo, nel paese dove cesco De Martino, che tornò ad indossare la to- ventano e per il ferimento di La Pietra. Di Mim- carne che vivevano sulla pelle dei suoi colleghi
nunciati. Si muore così in quella regione-ma- I familiari, che insieme alle associazioni che vane intellettuale calabrese si concluse il 26 fetiche le parole che Enrico Berlinguer pronun- essere contro era costato caro all’avvocato Pa- ga nel processo per l’omicidio Cappuccio dopo mo Beneventano restano tanti ricordi, scuole e avrebbe parlato chiaro. Lo ammazzarono il
fia che è la Calabria, o in quella parte dei coltivano il vizio della memoria, si battono febbraio 1987, i boss Peppe Piromalli e Giu- ciò ai funerali: “Sono stati colpiti Valarioti in squale Cappuccio, anche lui consigliere co- 50 anni – ad Ottaviano ha creato un vero e pro- che portano il suo nome, ma il più bello è l’in- giorno prima, il 18 febbraio 2002, mentre era
territori della Campania dove l’unica legge perché il ricordo di un sacrificio non muoia, i seppe Pesce vennero prosciolti con formula quanto serio organizzatore di partito, e capace munale (tessera Partito socialista), anche lui prio partito della violenza”. La generosità titolazione di un pozzo in Kenya, nella regione seduto dietro la scrivania del suo ufficio a Casal
che domina è quella della camorra. Sono tan- pochissimi studenti che hanno la fortuna di piena. di agire contro la prepotenza della mafia nella del Kitui, finanziato dalla famiglia, dagli amici, e di Principe. La sua storia, quella di un uomo per-
te le storie delle vittime di mafia. Veri romanzi avere insegnanti che sanno e che nei luoghi zona di Gioia Tauro e Losardo perché, come as- da “L’Ora Vesuviana”, un giornale on-line, attra- bene, di “uno dei migliori cittadini italiani”, co-
di vita dalle trame diverse, che però nel finale delle tragedie raccontano e trasmettono que- sessore e come segretario della procura, ha sem- verso l’Amref. me disse il giudice Tullio Morello, presto diven-
si somigliano tutti. Ed è un finale tragico. Per- sto pezzo importante della storia d’Italia. Il TROPPI CADUTI pre denunciato con vigore il dilagare della mafia Si muore perché si combatte, si è nemici della terà un film.
ché i morti di mafia non hanno diritto alla tempo passa, l’Italia e il Sud cambiano. In sulla costa del Tirreno cosentino. Otto omicidi La mappa del Terrore camorra, ma si muore anche perché si vuole di-
giustizia e alla verità. Figli che non sapranno peggio. E il ricordo di quei morti diventa in- ZERO COLPEVOLI in due settimane, due comunisti caduti, bisogna Il bollettino della guerra di camorra e ‘ndrangheta fendere la propria vita e anni di lavoro. E si dice
mai chi e perché ha ucciso il padre, mogli gombrante. fare attenzione perché si comincia dai comuni- contro lo Stato fa paura. Qui ne riportiamo solo una no a quella tassa maledetta che nelle zone di ma- QUALE EREDITÀ
senza risposte, compagni di lotta che paso- Carmela Ferro è una insegnante che vive a San Ci metteva la faccia Peppino Valarioti, in sti, per colpire poi tutti gli uomini onesti di tutti parte, alcune delle vittime dimenticate, ammazzati dopo fia si chiama pizzo. Raffaele Granata, 70 anni,
linianamente sanno, ma questo non basta. I Ferdinando, frazione di Rosarno, Calabria. quella terra di nessuno che era la Calabria degli i partiti. Nessuno si illuda che tutto ciò possa essersi battuti per la loro comunità e per la legalità di mestiere faceva il gestore del “Lido La Fioren- RESTA AI PARTITI?
processi durano decenni, la gente dimentica. Abita in una casa piena di libri e di ricordi. Il anni Settanta-Ottanta del secolo scorso dove la essere considerato un fenomeno locale, ci tro- te”, uno stabilimento balneare sul litorale di Giu-
Certo, ai funerali c’è sempre tanta gente, i più struggente è quello del suo Peppino. Giu- ‘ndrangheta aveva già ucciso dirigenti sindacali viamo in una situazione intollerabile. Se le cose gliano. Nel 1992, insieme ad altri denunciò l’ag- Che forse aiuterà la gente a ricordare. Perché
gonfaloni dei Comuni e le bandiere dei par- seppe Valarioti. Trent’anni fa erano giovani e politici. Ciccio Vinci, 18 anni, amava la po- vanno avanti così, la Calabria diventerà una re- gressione del racket. Sedici anni dopo, la mat- nelle zone di mafia si è vittime due volte, della
titi. Ci sono le manifestazioni e spesso arri- intellettuali del Sud, avevano mille idee in te- litica e i New Trolls, un gruppo molto in voga in gione dove imperverseranno impuniti il delitto, tina del 11 luglio 2008, due uomini in moto, ca- violenza e dell’indifferenza. Quanti, nella ster-
vano i grandi leader, ma il ricordo sbiadisce. I sta. Una sopra tutte: cambiare la Calabria, bat- quegli anni. Nel Consiglio comunale della sua il ricatto e la speculazione”. sco integrale a coprirgli il viso, gli presentano il minata periferia napoletana ricordano Mimmo
più fortunati avranno una piazza, una scuola tersi contro quei boss che solo a pronunciar- città parlò della mafia nelle sue terre. “È un can- Ciccio, Rocco, Peppino, Giannino, chissà se conto. Lo uccidono con dieci colpi di “9x21”. Beneventano, il medico poeta? E quanti, tra i
intitolata, una targa che i passanti guarderan- ne i nomi avevi paura, i Pesce, i Bellocco, cro da estirpare”, disse. Fu ucciso che il sole sta- Mimmo Beneventano, che in quegli anni vi- Due giorni prima gli avevano chiesto di pagare e giovani, soprattutto, invece sanno a memoria le
va appena calando, il 10 dicembre 1976 a Cit- veva in un altro inferno del Sud, li conosceva. farsene una ragione. “Siamo casalesi…”. E ca- scene clou del film di Tornatore, Il camorrista,
tanova. Anche per la sua morte non ci sono col- Mimmo, Domenico Beneventano, il dottore, fa- salesi, nel senso di appartenenti al clan più fe- che Youtube diffonde in decine e decine di clip?
pevoli. Rocco Gatto era già un uomo maturo, ceva politica ad Ottaviano negli anni Ottanta. roce della camorra campana, erano gli assassini E i partiti, cos’è rimasto nel Dna degli uomini
IL SINDACO DI POLLICA un mugnaio con la passione degli orologi anti- Anni di fuoco e di dominio incontrastato della del sindacalista degli ambulanti Federico Del politici con tessera Pd nel portafogli. Cosa rima-
chi. Anche lui era comunista e viveva a Gioiosa camorra cutoliana. Don Raffaele ‘o Vangelo, il Prete. Quando Libera, l’associazione di don ne, in Campania come nella devastata Calabria,
L’EUROPA RICORDA, B. NO Jonica, il regno della famiglia Ursini. Si oppose al
pizzo e lo proclamò anche in tv, si batté contro
la chiusura del mercato voluta dai boss in segno
primo violino della camorra, aveva in mente
una cosa sola: dominare su tutto, sul suo paese e
sulla Campania. Mimmo era consigliere comu-
Luigi Ciotti, va a Casal di Principe a celebrare la
sua giornata della memoria in ricordo delle vit-
time di mafia, i suoi sette figli sono sul palco, a
della lezione morale di Mimmo, Rocco, Salva-
tore, Peppe, Ciccio... i martiri della mafia? Poco,
davvero poco. Uno come Angelo Vassallo aveva
Un minuto di silenzio del Parlamento europeo per ricordare Angelo Vassallo, il sindaco di di lutto, strinse rapporti con altri due personag- nale di opposizione e si batteva contro Salvatore tenersi per mano insieme agli anziani genitori di capito, non faceva proclami anti-camorra, non
Pollica ucciso il 5 settembre sotto casa sua ad Acciaroli. La richiesta parte dalla gi da romanzo civile, il capitano dei carabinieri La Marca, il sindaco socialdemocratico di Otta- don Peppino Diana, il sacerdote che pagò con si perdeva nelle parole, spesso stucchevoli,
delegazione del Pd e il minuto di silenzio viene osservato il 10 settembre. I deputati degli Gennaro Niglio e un prete salesiano che dal viano. Un personaggio spregiudicato che vole- la vita il suo “in nome del mio popolo non ta- dell’antimafia da parata, ma agiva con rigore, se-
altri Paesi sono in piedi, muti e assorti, ma in molti hanno difficoltà a decifrare i luoghi. nord sbarcò in Calabria. Natale Bianchi, si chia- va costruire ovunque, finanche resort e campi cerò”, ucciso il 19 marzo 1994. Del Prete aveva rietà ed onestà. Ed ha pagato. Sono in tanti a fare
Pollica, Acciaroli, il Cilento. Qualcuno sulle tv italiane ha visto le immagini del mava, e scagliava il Vangelo contro i boss e i loro da golf sulle falde del Vesuvio. Mimmo, la barba denunciato il racket delle estorsioni che stroz- altro. Dicono perché la società e la politica, an-
sindaco-pescatore, altri sanno che quella punta di paradiso si trova in Campania. Chi ha protettori politici. Rocco lo uccisero il 12 marzo nera e folta, le idee chiarissime era un pericolo. zava i commercianti, aveva fatto nomi e cogno- che nel Sud, sono cambiate. Ma ha ragione Car-
letto “Gomorra”, sa di cosa si parla. Camorra, violenze, saccheggio del territorio, ma 1977, anche il suo processo si concluse con l’as- Era stimato in paese, i giovani lo adoravano e le mi, aveva indicato un vigile di Mondragone che mela Ferro: sono cambiate sì, ma in peggio. E
sono in tanti a chiedere ai colleghi italiani, come è possibile che un sindaco di un piccolo soluzione di tutti gli imputati per insufficienza ogni volta che un amministratore si intrufola in
Comune venga ucciso così. Un minuto in Europa, una semplice informativa del di prove. Si moriva di onestà e di coerenza in storie di malaffare, che un politico accetta i voti
sottosegretario all’Interno Mantovano alla Camera, in Italia, il 15 settembre scorso.
Breve introduzione con il punto sulle indagini (allora come oggi sostanzialmente ferme) e
quegli anni di piombo mafioso calabrese. Solo
dieci giorni dopo l’assassinio di Peppino Vala-
Rocco Gatto I Casalesi nel 2002 delle mafie, che finge di lottare contro i boss,
Rocco, Ciccio, Peppino e gli altri, muoiono di
gli interventi dei vari gruppi. Tutti affidati a parlamentari eletti in Campania. Solite
parole, stanchi auspici di fare piena luce e poi fine. Non c’è stato il minuto di
rioti a Cetraro, sulle sponde di un altro mare, vie- era un comunista hanno assassinato nuovo. Perché il loro sacrificio è stato inutile.

raccoglimento per ricordare un uomo delle istituzioni, ma almeno è qualcosa. Più e viveva Federico Del Prete,
dell’assenza di Silvio Berlusconi: non ha partecipato ai funerali, né ha trovato il tempo di
dedicare una riflessione alla morte di Vassallo nelle sue tante esternazioni pubbliche. a Gioiosa Jonica sindacalista
Si oppose al pizzo degli ambulanti
pagina 14 Martedì 21 settembre 2010

ECONOMIA

Unicredit, Profumo
na lascia il tempo che trova. I
grandi azionisti, le fondazioni di
Verona e Torino, adesso più che
mai temono di ritrovarsi con un
pugno di mosche. Proprio loro
che nei mesi scorsi hanno a più
riprese aperto il portafoglio per

all’ultimo duello
sostenere il rilancio della banca
e la poltrona dell'amministrato-
re delegato. Se Unicredit si
sgonfia, se in Borsa il titolo non
recupera, se i dividendi non ar-
rivano, per i soci forti sono guai
seri.
SCONTRO CON GLI AZIONISTI IL 60 PER CENTO circa del-
l'attivo della Fondazione Cari-
OGGI IL CDA PER FARLO FUORI verona, di poco superiore ai 5
miliardi di euro, è investito in ti-
toli della banca di Profumo.
di Vittorio Malagutti Una crescita scandita, per cita- troppo secondo i critici) per Quest'anno la partecipazione
Milano re solo le tappe più importanti, poter gestire un eventuale pe- ha fruttato un dividendo di soli
dalla fusione con le casse di Ve- riodo di transizione. Comun- 3 centesimi per azione. Una
opo settimane in trincea rona e Torino, poi il grande sal- que, come sempre questi casi, trentina di milioni sugli oltre 3

D tra veleni, polemiche e


manovre azionarie, la
guerra di logoramento
scatenata dai grandi soci di Uni-
credit contro l’amministratore
to oltrefrontiera con la scalata
alla tedesca Hvb e infine l'ac-
quisizione di Capitalia-Banca di
Roma. In caso di dimissioni di
Profumo non è detto, anzi sem-
si è messo in moto il consueto
totonomine. Le voci sui possi-
bili candidati alla successione
si concentrano su nomi come
Giampiero Auletta Armeni-
Quello di oggi potrebbe essere
l’ultimo giorno di Alessandro
Profumo come amministratore
delegato di Unicredit (FOTO EMBLEMA)
questi giorni sul destino di Uni-
credit e di Profumo, conviene
miliardi che rappresentano il
valore della quota di Unicredit
(4,9 per cento) nel bilancio del-
l'ente veronese. L’anno scorso
al posto del dividendo vennero
delegato Alessandro Profu- bra improbabile, che si arrivi se, Fabio Gallia, Claudio Co- piuttosto partire da un dato. Un distribuite azioni gratis ai soci. E
mo arriva alla battaglia decisi- già oggi alla designazione di un stamagna. Di conferme, però, numero che la dice lunga sullo proprio vendendo sul mercato
va. A sorpresa ieri in serata si è nuovo capoazienda. Secondo neppure l'ombra. La doppia novità ha finito per stato delle cose nella più gran- questi titoli la fondazione scali-
appreso che il board dell'istitu- indiscrezioni alcune deleghe alimentare i sospetti nei con- de, nella più internazionale del- gera è riuscita a salvare il conto
to è convocato per oggi con al- potrebbero passare al presi- PROFUMO del resto è sulla fronti dell'amministratore dele- le banche italiane. Ebbene, con- economico. Nel 2010 però sarà
l'ordine del giorno la verifica dente, il tedesco Dieter Ram- graticola ormai da mesi. Già al- gato. L'arrivo in forze degli in- ti alla mano, il secondo trime- difficile ripetere la manovra. E
dei rapporti con il top manage- pl, da settimane in rotta di col- l'inizio dell'anno la questione vestitori arabi è sembrato a mol- stre di quest'anno, quello che va anche in Piemonte, dove il po-
ment. Tradotto, significa che lisione con l'amministratore della riorganizzazione interna, ti osservatori un tentativo di da fine marzo a fine giugno, ha tente Fabrizio Palenzona (vice-
gli amministratori potrebbero delegato. E d'altra parte Profu- il cosiddetto bancone, aveva Profumo di trovare nuove stam- dato i risultati più deludenti da presidente di Unicredit) tira le
mettere ai voti la sfiducia al nu- mo può contare su ben quattro sollevato critiche e perplessità pelle al suo potere declinante. molto tempo a questa parte. fila della Fondazione Cassa di
mero uno in sella da quindici vice, l'ultimo dei quali, Fede- da parte delle fondazioni che te- Nessuna dichiarazione ufficia- Neppure nella seconda metà Torino (Crt), guardano al futuro
anni, il manager che ha gestito rico Ghizzoni, nominato pro- mevano di perdere peso con un le, ma a dar voce alla delusione del 2008, nel pieno dell'uraga- prossimo con una certa preoc-
la trasformazione del vecchio prio pochi giorni fa. Insomma, riassetto che dava un taglio net- di alcuni soci si è mossa la po- no delle Borse, l'utile di Unicre- cupazione. In gioco ci sono
Credito Italiano in un colosso l'organigramma sembra nutri- to ai poteri decisionali delle litica, con le uscite a ripetizione dit era sceso così in basso. Solo quasi 900 milioni, e cioè un
internazionale. to quanto basta (forse anche controllate sul territorio (Tori- del sindaco di Verona Flavio 262 milioni di profitti, contro i quarto circa degli investimenti
no, Verona, Bologna, Palermo). Tosi contro la scalata di Ghed- 691 milioni dell'ultimo trime- complessivi dell'istituzione to-
Poi è esplosa la questione degli dafi & co. Queste però sono stre di due anni fa, quando, be- rinese che di recente ha investi-
Dietro la rabbia dei grandi soci azionisti libici, passati dal 4,6
per cento di fine 2009 al 7,5 per
questioni di contorno, proble-
mi ingigantiti a livello mediati-
ne o male, il bilancio venne sal-
vato da massicci proventi fisca-
to pesantemente su Generali,
anche qui senza grandi soddi-
l’arrivo di Gheddafi ma soprattutto cento di questi giorni. Una quo-
ta che si aggiunge al 4,9 del fon-
co con l'obiettivo di creare ten-
sione intorno ai vertici della
li. Allora non è solo questione di
Gheddafi e della miniscalata li-
sfazioni in Borsa. Come dire che
ormai non c’è più tempo da per-
do di Abu Dhabi, spuntato a giu- banca. bica nel capitale dell'istituto. E dere. Si comincia dal ribaltone
i deludenti conti della banca gno nel libro soci. Per uscire dal gran polverone di anche la riorganizzazione inter- in Unicredit.
Martedì 21 settembre 2010 pagina 15

ECONOMIA

ATOMO PIÙ CARO DEL PETROLIO


Gli sprechi
potenziali del
nucleare secondo
Marilena Nardi

L’AUTOGOAL DEI NUCLEARISTI


L’Ain fa sparire dal sito l’imbarazzante ammissione
do il quale l’energia fotovol- tro. Ma i dati dell’Ain fanno ri-
taica sarebbe ora competi- flettere sulla disinvoltura con La denuncia di “Presadiretta”
tiva con quella nucleare, la quale l’Enel e il Governo dif-
indica il costo dell'energia fondono cifre a supporto della
nucleare prodotta dalle
nuove centrali tra i 10 e i 15
centesimi di dollaro al
tesi dell’economicità del nu-
cleare. “Quelli pubblicati sono
tutti range di prezzo”, spiega
CAOS SULLA SICUREZZA
chilowattora. In
euro, fa tra gli 8
e i 12 centesi-
un portavoce dell’Enel, “basati
su ragionamenti che hanno un
orizzonte temporale dai 10 ai
IN FINLANDIA
mi, vale a di- 60 anni”.
re più del
prezzo al L’incognita
quale dei costi
l’energia
è venduta
nella Bor- VA QUI ricordato che stiamo
sa elettrica parlando di impianti che na-
italiana, scerebbero per una vita utile fi-
che nel cor- no ai 60 anni, e per i quali il co-
so del 2010 sto di produzione del chilo-
di Marco Maroni è stato infe- wattora dipende per oltre il 90
riore ai 7 per cento dal costo di costru-
li è scappata una cifra. Enel in centesimi.

G Una stima di costi in


grado di far cascare tut-
to l’impianto retorico
sulla convenienza dell’atomo
in Italia. A pubblicarla è nien-
prima fila. Fondata nel 1958,
membro del Forum atomico
europeo e della European nu-
clear society, l’Ain è un po’ la
punta di diamante tecni-
“Rinascimento
nucleare”
Il chilowattora
nucleare
La costruzione della centrale nucleare di Olkiluoto
3 in Finlandia doveva terminare nel 2009, ma
problemi sulla sicurezza hanno fatto slittare la
temeno che l’Associazione
italiana nucleare (Ain), comi-
co-scientifica del mondo nu-
clearista.
MA ALLORA che ne è della
retorica dell’atomo come fon-
potrebbe consegna al 2012. Potrebbero però esserci altri
ritardi. Come ha denunciato domenica
tato che raccoglie i principali La stima, contenuta in una te di elettricità a prezzo super “Presadiretta” di Riccardo Iacona, gli operai
centri di ricerca e gruppi in- nota ufficiale che contesta conveniente rispetto ai costi costare 8-12 dell’impianto hanno ricevuto solo nel 2006 le
dustriali attivi nel nucleare, uno studio americano secon- del termoelettrico a gas o pe- istruzioni relative agli standard di sicurezza per le
trolio? Interpellata dal Fatto centesimi di saldature ma i lavori erano iniziati già nel 2003. A
Quotidiano, l’Ain non ha voluto occuparsi dell’impianto è il gruppo francese Areva
fornire dettagli sulla stima, af- euro, mentre che presenterà lo stesso progetto anche in Italia.
GARANTISMI di G. Me. fermando che è tratta da “fonti
industriali, riservate”, tra le l’Enel dice 6
L’EX CAV. TANZI, L’INDEGNO quali, ovviamente, l’Enel. Il co-
losso energetico campione del
“rinascimento nucleare” italia- zione della centrale. Esempla- zed reactor). A Flammanville za tra 4 e 6 miliardi equivale a
alisto Tanzi non è più cavaliere del lavoro. Il
C presidente Napolitano ha revocato
l’onorificenza al protagonista del crack Parmalat,
no deve aver suggerito la parte
bassa della “forchetta”, visto
che la ricerca di 300 pagine re-
re il caso del primo reattore eu-
ropeo in costruzione dopo
l’incidente di Chernobyl del
l’Edf è già stata costretta più di
una volta a rettificare verso l’al-
to il costo previsto per il chilo-
un aumento del costo di pro-
duzione del chilowattora al-
meno del 30 per cento. Ad
che ha vaporizzato 14 miliardi di euro. Il Quirinale centemente commissionata 1986, quello della cittadina fi- wattora prodotto, e proprio a aprile un analista Citigroup,
ha deciso su richiesta del ministro dello Sviluppo allo studio Ambrosetti (“Il nu- nlandese di Olkiluoto. Avviato causa dei ritardi nella costru- primo gruppo bancario mon-
economico Silvio Berlusconi (ad interim). cleare per l’economia l’am- nel 2000 il cantiere avrebbe zione, che fanno impennare i diale, ha dichiarato che “da un
Motivazione (testuale): “Indegnità”. biente e lo sviluppo”) e pubbli- dovuto essere chiuso nel mag- costi finali di tutta l’operazio- punto di vista economico, il
cizzata con grande enfasi indi- gio 2009, spesa stimata: 2,5 mi- ne. nucleare è una catastrofe, i co-
Qui gli spiriti garantisti vacillano. Tanzi non ha ca un costo di 6 centesimi al liardi di euro. I costi sono ora sti devono essere trasferiti sui
subito alcuna condanna definitiva. Sui dieci anni chilowattora. saliti a 5,5 miliardi e l’impianto contribuenti”.
Reattori
presi in appello a maggio scorso deve ancora A conferma che le stime piut- secondo Areva, il colosso pub- Il decreto del febbraio scorso
all’italiana
pronunciarsi la Cassazione. Il berlusconismo tosto alte sul costo dell’energia blico francese che lo sta realiz- con il quale il Governo ha dato
insegna che fino alla sentenza della Cassazione, e nucleare devono essere state zando, dovrebbe essere conse- l’avvio al nuovo programma
in certi casi anche dopo, è da giustizialisti farsi un imputate agli esperti dell’Ain gnato alla fine 2012. IN ITALIA si parla di realizza- nucleare prevede una massic-
giudizio delle persone. Invece Tanzi è già indegno. come una gaffe imperdonabi- Areva è il partner con cui l’Enel re quattro reattori da 1.600 cia campagna di “informazio-
le, va registrato che l’Associa- e il governo italiano hanno av- megawatt di potenza, per un ne” per far accettare le centrali
E l’on. Totò Cuffaro, condannato in appello a sette zione nucleare ha provveduto viato la nuova avventura nu- costo stimato di 16 miliardi, 4 agli italiani. C’è da scommette-
anni per favoreggiamento della mafia? E il sen. rapidamente a far sparire dal si- cleare italiana. Con Areva e miliardi a centrale. La cifra ap- re che la campagna non spie-
Marcello Dell’Utri, condannato in appello a sette to la nota incriminata. con il gigante elettrico france- pare ottimistica. Il gruppo gherà che il chilowattora nu-
anni per concorso esterno in associazione mafiosa? La stima del costo dell’energia se Edf, l’Enel sta costruendo la energetico tedesco E.on, inte- cleare probabilmente coste-
Degni o indegni? Ci vorrebbe una nota esplicativa prodotta da impianti nucleari centrale di Flammanville (in ressato alla partita, recente- rebbe di più dell’energia che
del ministero dello Sviluppo economico. è una faccenda complessa, Normadia), basata sulla stessa mente ha affermato che cen- consumiamo ora. Come anche
troppo spesso affidata ai pre- tecnologia di Olkiluoto, nota trali di questo tipo costeranno i super-nuclearisti dell’Ain
giudizi in un campo e nell’al- come Epr (Europen pressuri- almeno 6 miliardi. La differen- hanno scoperto.

Centrali, i tempi si allungano e qualcuno non ci crede più


DA UN RINVIO ALL’ALTRO PER LA COLLOCAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI E L’AGENZIA È GIÀ IN RITARDO DI UN ANNO
di Giorgio Meletti confessano a mezza bocca di non cre- decise che a febbraio sarebbero stati Sviluppo, per portarsi avanti con il la- c’è alcun colpo di reni sul nucleare.
derci più tanto. Colpisce il fatto che la stilati solo i criteri di individuazione voro, ha chiesto alla Sogin, braccio nu-
ex ministro dello Sviluppo econo- dei siti. E si celebrarono le regionali cleare del governo, di preparare una MA C’È UNA QUESTIONE più
L’to dimico, Claudio Scajola, era convin-
aver scoperto il segreto della ve-
relazione semestrale dell’Enel, pubbli-
cata di recente con i conti al 30 giugno
2010, non riservi una sola parola allo
con quasi tutti i candidati governatori,
di destra e di sinistra, impegnati a giu-
lista delle localizzazioni possibili delle
centrali nucleari, però dev’essere una
politica, e quindi più rilevante, a get-
tare un’ombra preoccupante sul futu-
locità. Nel Paese che non riesce a rat- stato di avanzamento del “rinascimen- rare che mai una centrale sarebbe sor- lista che non crei nervosismi, quindi i ro del “rinascimento nucleare”.
toppare l’autostrada Salerno-Reggio to nucleare”. ta a casa loro. Poi c’è stato il dramma di siti possibili devono essere possibil- L’obiettivo di avere i cantieri aperti
Calabria annunciava l’apertura a tap- Il sottosegretario allo Sviluppo econo- Scajola, la casa regalatagli a sua insa- mente diverse decine. Con questo li- prima delle elezioni si spiegava con la
pe forzate dei cantieri per la costru- mico, Stefano Saglia, che si è trovato puta, le dimissioni. E tutto si è fermato. stone sul tavolo comincerebbe il brac- volontà di mettere l’operazione al si-
zione di quattro centrali nucleari. sulla scrivania il fascicolo lasciato ine- L’Agenzia per la sicurezza nucleare cio di ferro con regioni e comuni. curo rispetto a possibili ribaltoni po-
Con l’ottimismo della volontà e con vaso da Scajola, sta provando a mette- non esiste ancora perché non sono litici. Fermare un progetto sulla carta è
l’esibizione di un’aggressività futuri- re insieme i pezzi. E sembra stia per stati nominati i cinque mebri (il pre- MA ATTENZIONE: quello della semplice, chiudere dei cantieri dove
sta, assicurava che entro la fine natu- arrendersi. sidente, l’oncologo Umberto Verone- localizzazione dei siti, per quanto im- si sono già spesi dei soldi è più com-
rale della legislatura (primavera si in pole position, lo deve scegliere portante, è solo uno degli adempi- plicato, anche perché sarebbe la ripe-
2013), le costruzioni sarebbero state INFATTI SCAJOLA aveva assicu- palazzo Chigi, due membri il ministro menti normativi e autorizzativi. La leg- tizione dell’enorme spreco di denaro
avviate. rato che entro febbraio 2010 la neo- dell’Ambiente, due membri lo Svilup- ge 99 del 2009, che ha aperto la strada seguito al referendum anti-nucleare
nata Agenzia per la Sicurezza del Nu- po economico). Una volta fatte le no- al “rinascimento nucleare”, prevede la del 1987.
A DISTANZA DI UN ANNO dai cleare avrebbe battezzato i tre o quat- mine, i cinque dovrebbero darsi un re- formulazione successiva di 25 decreti L’apertura dei cantieri entro la prima-
roboanti annunci, e nonostante il ten- tro siti dove costruire le centrali ato- golamento, che è leggermente più attuativi. Ai quali dovrebbe dedicarsi vera del 2013 è un obiettivo già uffi-
tativo del ministro dell’Economia Giu- miche. Poi arrivò un piccolo colpo di complesso di un regolamento di con- assiduamente, in questi mesi, il mini- cialmente abbandonato dal governo.
lio Tremonti di surrogare le ventate di freno: c’erano le elezioni regionali, in dominio. A quel punto l’Agenzia do- stro dello Sviluppo economico che Se poi le elezioni fossero anticipate,
entusiasmo nucleare di Scajola, l’ope- primavera, era impensabile affrontar- vrebbe passare alla definizione dei si- non c’è. Infatti nel lungo elenco di atti magari alla primavera del 2011, il di-
razione accusa un clamoroso ritardo, le con tre o quattro regioni imbufalite ti. di governo rivendicati da Silvio Berlu- scorso sarebbe ancora più gravemen-
al punto che gli stessi protagonisti perché destinatarie di una centrale. Si Per adesso si sa che il ministero dello sconi come ministro ad interim non te compromesso.
pagina 16 Martedì 21 settembre 2010

DAL MONDO

I VERDI PER FERMARE I NERI


Dopo il voto in Svezia il centrodestra cerca
l’appoggio degli ambientalisti per evitare gli xenofobi
di Viola Afrifa
Stoccolma “Ci piace la Lega che mokraterna, Reinfeld ricerchi in
modo piuttosto martellante l’ap-
poggio esterno dei Verdi di Ma-
e elezioni di domenica re- lotta contro l’islam”
L
ria Wetterstrand e di Peter Eriks-
steranno nella storia della son si rincorrono dalle prime ore
Svezia per tre ragioni: il del mattino ma in una conferen-
partito xenofobo e popu- za stampa i leader del partito am- a queste elezioni esce un solo vincitore: il partito di estrema
lista degli Sverigedemokraterna
ha sfondato lo sbarramento del
bientalista hanno negato qua-
lunque propensione a tradire gli
Dksdag.
destra ha ottenuto il 5,7% che corrisponde a 20 seggi al Ri-
Kent Ekeroth, classe 1981, militante dal 2006 e segre-
4%, una coalizione di centrode- elettori di centrosinistra: “È to- tario per i rapporti internazionali del partito di Åkesson è un
stra ha vinto per la seconda vol- talmente inconcepibile per noi neodeputato e ha le idee chiare: “Gli immigrati sono una piaga.
ta consecutiva e il Partito social- Verdi sostenere una coalizione Indeboliscono il paese sia economicamente che culturalmente
democratico ha toccato il suo che non ha serie politiche am- e la gente che ci ha votato è stanca”.
minimo storico perdendo altri 4 bientali e che parla anzi di incre- Vi aspettavate questo risultato?
punti in 4 anni. mento del nucleare” ha detto Certo perché, diversamente dai media e dai politicanti di Stoc-
Wetterstrand. Eriksson ha poi colma, noi abbiamo il polso del territorio e sapevamo che la
L’ALLIANSEN dei Moderati, sottolineato che, se verrà preso nostra militanza si sarebbe tradotta in una valanga di voti.
Centristi, Liberali e Democristia- qualunque tipo di accordo, sarà I media internazionali vi hanno definito la destra xenofoba
ni guidata dal Premier Reinfeldt solo una volta concluso lo spo- che turba il sonno della democratica Svezia.
si riconferma alla guida del Paese glio delle schede e in maniera tra- Amare la propria patria, volere il bene dei propri connazionali,
ma con 172 seggi su 249 non rag- sparente per non escludere gli desiderare che l’economia e la cultura svedese tornino a rifio-
giunge quella maggioranza asso- elettori dal processo decisionale rire è xenofobia?
luta che l’avrebbe messa al ripa- e per scongiurare l’ombra di ac- Jimmie Åkesson ha definito l’islam la minaccia più grande
ro dai ricatti di un’estrema destra cordi sottobanco. Eriksson ha per la Svezia dal secondo dopoguerra.
fresca di promozione. Socialde- Il leader del partito di estrema destra, Jimmie Åkesson (FOTO LAPRESSE) inoltre avvertito: “Se Reinfeldt Non parlava dei musulmani ma della loro religione che con-
mocratici, Verdi e ex comunisti vuole avviare contatti, deve farlo fligge con l’idea di libertà che contraddistingue la Svezia. Noi
del Vänsterpartiet si fermano 5
punti sotto e il 31% raccolto dai
Ma il partito frena: che e private per
istigazione
con tutta la coalizione rosso-ver-
de”. E cioè anche con i socialde-
vogliamo che la situazione torni a prima del 1975 quando non si
parlava di integrazione ma di assimilazione. Gli stranieri che
Socialdemokraterna di Mohna
Salin rappresenta il risultato peg-
“Difficile per noi all’odio razziale,
mostra un’anzia-
mocratici. volevano vivere in Svezia dovevano adattarsi in tutto e per tutto
alla nostra lingua, religione, cultura e tradizioni. Adesso gli im-
giore da cento anni a questa par- na signora svede- INSOMMA tutti compatti per migrati si comportano come se fossero a casa propria e in pre-
te. Il centrosinistra si interroga sostenere una coalizione se travolta da neutralizzare almeno numerica- mio ricevono anche i sussidi statali pagati con il sudore degli
adesso sul perché delle scelte di un’orda di donne mente le pecore nere di Åkesson svedesi. Se stai qui devi rinunciare ai matrimoni combinati, alla
un elettorato svedese da sempre che vuole incrementare musulmane a cac- anche se tutti sanno che il pro- carne halal e ad avere la tua moschea ad ogni costo.
considerato campione di tolle- cia di sussidi stata- blema è più ampio e profondo. Ce l’avete proprio con i musulmani, allora.
ranza e che invece adesso, quan- il nucleare” li. Nello sbigotti- Le alleanze improbabili e le stra- La Svezia sta subendo un processo di islamizzazione che deve
do non riconferma la fiducia in mento generale, ne coppie non cambiano il fatto essere arrestato riducendo i flussi migratori del 90%. Basta ri-
un centrodestra individualista e crolla l’ultima che più del 5% degli elettori ha congiungimenti e richieste d’asilo. Sì ai rimpatri con incentivi
moderato, dà il suo voto a una de- priorità lo stop all’immigrazione roccaforte della convivenza civi- assicurato ben venti poltrone per chi torna a casa propria ma allo stesso tempo bisogna ren-
stra xenofoba e radicale. e ai ricongiungimenti e l’affer- le e della solidarietà sociale. Lars all’estrema destra e esperienza dere meno comoda la vita di chi si ostina a voler rimanere. I soldi
Jimmie Åkesson, classe 1979, mazione della cultura svedese Ohly, leader del Vänsterpartiet si diretta insegna che, senza un’al- pubblici verrebbero ridistribuiti tra gli svedesi per rafforzare il
giacca, cravatta e faccia pulita, come dominante. “Siamo con- rifiuta di stare nella stessa stanza ternativa convincente, uno xe- welfare e offrire una pensione decente ai nostri anziani. Non
ha definito l’Islam la minaccia trari al processo di Islamizzazio- con Åkesson mentre il Premier nofobo in giacca e cravatta di- vogliamo sentirci stranieri a casa nostra. A Stoccolma non ab-
più grande per la Svezia dopo la ne della nostra nazione”, si legge Reinfeldt ha affermato con appa- venta prima accettabile e poi ap- biamo raggiunto il 4% perché lì abitano i politicamente corretti
Seconda Guerra Mondiale ed è a sul loro sito web e, tanto per ren- rente disgusto che quei razzisti petibile agli occhi di chi, soffo- lontani dalla Svezia che lavora.
capo di un partito che, come il dere l’idea, un loro spot eletto- non li toccherebbe neanche con cato dalle tasse e dalla crisi finan- La conosce la Lega Nord?
cugino danese del Dansk Folke- rale particolarmente eloquente, le pinze. Voci secondo cui pur di ziaria, è in cerca spasmodica di Sì, e sostengo la lotta contro l’islamizzazione che porta avanti.
partidi Pia Kjærsgaard, ha come censurato da emittenti pubbli- non dipendere dagli Sverigede- un “partito del fare”. Vio. Afr.

VELENI IN AMAZZONIA

L’ULTIMA BATTAGLIA ALL’AGENTE ARANCIO


e la Monsanto producono separata- Chi ha interesse a tenere nasco- Italia, cosa ha notato di diverso
mente il 2,4-D e il 2,5-T. Probabil- sta la verità? al suo ritorno?
mente, quando la Nufarm ha pre- I latifondisti, perché sulle aree che Anzitutto ho avuto l’appoggio della
sentato la formula del prodotto di- disboscano allevano bovini e colti- Chiesa, con la benedizione del Car-
serbante al ministero della Sanità vano soia destinata alla produzione dinal Tonini e il sostegno della Com-
per avere l’autorizzazione alla pro- di mangime animale che vengono missione Pontificia Giustizia e Pace,
duzione, le autorità sanitarie l’han- esportati in tutto il mondo. Lei man- di cui il Cardinal Martini è presiden-
no approvata senza effettuare con- gerebbe una bistecca di manzo, sa- te onorario, in qualità di Delegato
trolli adeguati. Nel 2007 ho prele- pendo che quell’animale è cresciu- dell’Icef, la Fondazione Corte Inter-
vato un campione della sostanza e to su terreni intrisi di diossina? Se la nazionale Ambiente (ong approva-
l’ho consegnato personalmente al verità venisse a galla il commercio ta dall’Onu nel 1992, ndr). La Chiesa
Procuratore del Ministero Pubblico internazionale di carne, pellame e ha manifestato la sua preoccupazio-
Federale di Belem (Stato del Parà ndr) soia andrebbe all’aria. Tutto resta ne per questi fatti, con l’auspicio
che ha ordinato le analisi atte a ve- nascosto perché i latifondisti hanno espresso dal Santo Padre nell’Enci-
Padre Angelo Pansa; nella foto grande una veduta dell’Amazzonia (FOTO ANSA) rificare la presenza di diossine e fu- influenza a livello politico, tant’è clica “Caritas in Veritate” del 29 Giu-
rani. Il risultato è sconcertante: le vero che tra loro c’è anche il figlio gno del 2009 circa la necessità di
di Francesca Grassi dove ci sono centinaia di conteni- analisi confermano sì la presenza di del presidente Lula. Mi viene da una “Global Governance” che prenda
tori pronti per l’utilizzo; il terreno è diossine e furani ma, in venti pagine pensare: chi ci dice che la carne uti- in esame situazioni di conflitto che
adre Angelo Pansa è tornato alla intriso della sostanza, che viene ir- di esiti, non risulta essere stato ef- lizzata nel progetto “Fome zero”, mettono a rischio il valore fonda-
Pscocarica: il missionario bergama-
che ha raccontato a Il Fatto Quo-
rorata sulla foresta e sui villaggi, do-
ve gli abitanti la respirano, mentre
fettuato un solo esame mirato a in-
dividuare la presenza del 2,5-T, co-
ideato proprio da Lula, non venga
da quegli allevamenti?.
mentale e comune che è quello del-
la vita. Accertata la contaminazione
tidiano la battaglia che sta combat- nei fiumi galleggiano a centinaia pe- me aveva espressamente richiesto il In assenza di analisi specifiche, (in assenza di una struttura adatta in
tendo in difesa degli Indios, è tor- sci avvelenati. Sono testimone di procuratore! Inoltre il laboratorio cosa prova che la sostanza utiliz- Brasile, il professor Garattini e il
nato in Sudamerica per portare in questo scempio criminale dal 2005 Analytical Solutions di Rio de Janei- zata sia l’Agente Arancio? professor Fanelli hanno dato la loro
tribunale i latifondisti e le multina- e da subito ho temuto che la polvere ro ha fatto rilevare che il campione I problemi manifestati dalla popola- disponibilità a effettuare eventuali
zionali che in Brasile stanno distrug- gialla mischiata al diserbante 2,4-D di prodotto tossico non era attendi- zione dopo avere respirato il pro- ulteriori analisi all’Istituto “Mario
gendo la foresta per ampliare le aree fosse il 2,5-T, l’acido triclorofeno- bile, perché raccolto da un privato dotto: diarrea, astenia, fibrillazione, Negri” di Milano), ho richiesto che
da adibire alla coltivazione di soia xiacetico, cancerogeno e teratoge- cittadino in contenitore non decon- arresto cardiaco, che sono gli stessi vengano prese le misure del caso,
transgenica e all’allevamento di bo- no; queste sostanze combinate tra taminato e trasportato in maniera che accusavano le popolazioni del nella sfera amministrativa, civile e
vini, esportati in ogni angolo del loro formano l’Agente Arancio, il inadeguata. Vietnam dopo che gli americani penale e la distruzione del prodotto
mondo. veleno utilizzato dagli americani in avevano usato l’Agente in forni specifici per diossine, per
“Nello Stato del Parà i latifondisti Vietnam, carico di diossine”. Arancio; e il fatto che il evitare che la contaminazione rag-
continuano indisturbati a irrorare la
foresta con il diserbante Nufarm
La produzione del composto
2,4-D- 2,5-T è vietata da quando,
Il missionario italiano Governo non esegua
l’ordine impartito dal
giunga anche l’atmosfera dopo aver
contaminato suolo, acque, alimen-
2,4-D, al quale viene aggiunta una
polvere gialla contenuta in sacchet-
nel Ddt, si sono scoperti gli effet-
ti della diossina. Dove la procu-
che combatte i latifondisti procuratore di effettua-
re analisi mirate all’indi-
ti.
Intanto il governo brasiliano tempo-
ti di plastica privi di alcuna etichetta rerebbe il Brasile? viduazione del 2,5-T; è reggia nel prendere provvedimenti
identificativa, che vengono bruciati La sostanza irrorata sulla foresta è inquinatori è pronto dal 2007 che rimanda». ed è probabile che l’avvicinarsi del-
immediatamente dopo l’uso. La mi- prodotta dal colosso Nufarm do Bra- Dopo due anni duran- le elezioni di ottobre abbia il suo pe-
scela viene preparata senza alcuna sil, industria di San Paulo e aziende a portare in tribunale te i quali i suoi superio- so: lo scandalo dell’Agente Arancio
precauzione sulla testata di piste di sparse nel mondo (in Italia a Raven- ri hanno ritenuto op- non avrebbe un effetto positivo
atterraggio nascoste nella foresta, na, ndr). In Brasile la Dow Chemical i possidenti brasiliani portuno trattenerla in sull’immagine del presidente Lula.
Martedì 21 settembre 2010 pagina 17

DAL MONDO

N
BOMBE E ATTENTATI: ECCO COME MESSICO
“Narcos, dateci
tregua”

NASCE LA “BUFALA DI CARTA” I l narcotraffico è


“l’autorità de facto di
questa città”: lo afferma in
un editoriale il ‘Diario de
Juarez’, principale
Casi montati, difficili da verificare o creati ad arte per interesse quotidiano di Ciudad
Juarez, la città più violenta
del Messico, dopo
l'uccisione di due dei suoi
di Giampiero Gramaglia commedia umana, cavava storie “perchè ormai l'ho prevista”, o cronisti. L'editoriale, dal
totalmente false, ma a tenuta sta- peggio “l'ho in pagina”; e c'è la titolo ‘Cosa volete da noi’,
ufale ed esagerazioni, no- chiede una “tregua” ai

B
gna rispetto a ogni smentita. C’è bufala che caccia la bufala, la no-
tizie inventate e notizie la notizia gonfiata: un classico, tizia che vuole fare da antidoto a cartelli dei narcos; il
deformate, errori e doli: dopo una catastrofe il numero un'altra, ma è anch'essa “monta- vicedirettore Pedro Torres,
la storia del giornalismo, delle vittime dei titoli è sempre ta”. Le bufale non sono “patri- ha sottolineato: “Non
e ancora prima la storia superiore a quello che risulterà monio” solo giornalistico. San- sappiamo a chi chiedere
dell’umanità, e fitta di panzane dai computi più accurati. Per- dro Fontana, in un libro politi- giustizia. Vogliamo che ci
che, per sbaglio o deliberata- chè? L'approssimazione delle camente molto orientato, ha spieghino cosa vogliono
mente, hanno conquistato spa- informazioni disponibili, in pri- raccontato quelle che che venga pubblicato o non
zio e credibilità (e ahi voglia, mo luogo. Ma anche la convin- lui definisce “le gran- pubblicato, così sapremo
poi, a smantellarle). Giornalisti- zione che, ad avere più morti de- di menzogne della come comportarci”.
camente, le tipologie della bu- gli altri, si sia più tosti. E, ancora, storia contempora-
fala sono svariate. c'è la notizia che è difficile da ve- nea”, che vanno – solo
rificare e di cui esistono versioni per citargliene alcune
C'È LA NOTIZIA inventata diverse (e subito, ovviamente, si – dalla “vittoria muti-
di sana pianta, perchè utile a cer- punta su quella che fa più col- lata” della Grande
ti fini, o semplicemente perchè po); e c'è la notizia che si rivela Guerra ai “crimini del
gustosa: quand’ero giovane cro- presto falsa o che viene radical- comunismo”, da Mo-
nista, m’affascinava il collega mente ridimensionata, ma cui ro a Berlinguer alla
esperto che, dai casi veri della non si vuole proprio rinunciare “doppiezze del pacifi- Sakineh Ashtani e Benedetto XVI (FOTO ANSA)
smo”: un'antologia
così settaria che po-
trebbe finire anch'essa fra le Inesistenti armi più sottile: vista dall'Italia, è sta-
LA FACCIA buona “grandi menzogne”.
di distruzione di
ta una sorta di conquista d'Al-
bione, molto più che non letta RUSSIA
MA IN TUTTE LE BUFALE sulla stampa inglese o vista alla
di Sarkozy va all’Onu dei giorni nostri, che per riusci- massa; tentati Bbc. La cacciata dei
re bene hanno bisogno di impat- dipendenti pubblici
ALTRO FRONTE dove il con-
Tdallaassare le transazioni finanziarie globali per raggiungere
gli “obiettivi del Millennio”. Se le espulsioni dei rom
Francia non avevano messo in luce il lato più umano
to mediatico, c'è sempre una
componente di responsabilità
giornalistica. Pensiamo alla sto-
omicidi al Papa. fine è sottile tra dramma e bufala
e, forse, lo si è varcato più volte I l governo russo
intende
di Sarkò, ieri – forse per bilanciare – il presidente francese ria delle armi di distruzione di E quanto credere nell'uno e nell'altro senso è la vi- licenziare almeno
ha lanciato una proposta all’insegna della solidarietà. Nel massa che l'Iraq si Saddam non cenda di Sakineh, la donna-mo- 100mila dipendenti, per
suo intervento a New York, durante la prima giornata del aveva, ma che furono addotte da alle parole glie-madre iraniana fustigata, risparmiare 43 miliardi
summit Onu sugli obiettivi per lo sviluppo che dovreb- George Bush e dalla sua cricca di forse addirittura due volte, per di
bero essere raggiunti nel 2015 (tra cui dimezzare la po- alleati servizievoli, Blair, Aznar, di Ahmadinejad? adulterio e condannata alla lapi- rubli (1,4 miliardi di
vertà), Sarkozy ha invitato a creare una tassa globale per Mr B, come giustificazione del- dazione per complicità nell'as- dollari) entro il 2013. Lo
finanziare le esigenze dei paesi più poveri e la lotta al cam- l'invasione. Le fonti erano auto- sassinio de marito. Ora, il presi- ha annunciato il
biamento climatico. La proposta, poi, è stata rilanciata dal revole, ma la stampa Usa, pa- dei sei musulmani arrestati a dente iraniano Ahmadinejad, presidente russo
premier spagnolo Zapatero nel corso del suo intervento. triotticamente “formattata” dal- Londra perchè minacciavano la uno da credibilità zero, afferma Dmitry Medvedev,
Ma le president ha promesso anche che nei prossimi 3 anni l'11 Settembre, ne accettò le af- sicurezza del Papa in visita. I sei che Sakineh non è mai stata con- precisando che il
la Francia aumenterà del 20% i finanziamenti per il Fondo fermazioni in modo acritico. sono stati davvero arrestati ed dannata alla lapidazione: la no- numero eccessivo di
globale per la lotta all’Aids, alla tubercolosi e alla malaria. Dove ci sono di mezzo intelli- erano davvero sospettati da Sco- tizia sarebbe stata fabbricata da- dipendenti pubblici è
“La crisi non deve essere usata come pretesto per stanziare gence e indagini, interessi poli- tland Yard, ma in realtà non mi- gli americani per nuocere all'I- l’ostacolo principale
meno fondi”, ha detto Sarkozy. E la crisi ha fatto registrare, tici ed economici, le bufale sono nacciavano nessuno e sono stati ran. Ora, almeno una bufala c'è: allo sforzo di
solo l’anno scorso, 64 milioni di poveri in più mentre il all'ordine del giorno: polpette liberati (quasi) subito. Certo, c'è o la storia di Sakineh o le parole modernizzazione del
numero di coloro che soffre la fame è salito di 40 milioni. È avvelenate servite a colleghi ta- chi ha sparato la notizia proprio di Ahmadinejad. Ma forse ce ne Paese. Dal 2006 il
il dato annunciato da Robert Zoellick, numero uno della lora (ma non sempre) ignari. grossa – pur essendoci fin dall'i- sono due: di Sakineh, s'è scritto numero di dipendenti
Banca mondiale. Nonostante la settimana scorsa la Fao Negli ultimi giorni, le cronache nizio indizi di montatura – se- anche quello che non si sapeva; pubblici sarebbe
avesse annunciato che, per la prima volta da oltre un de- internazionali hanno traversato guendo più che l'istinto il dalli al- e il presidente, adesso, cambia il aumentato di 130mila
cennio, il numero di affamati era sceso sotto il miliardo. due grosse bufale, una certa, l'al- l'arabo. Ma la visita di Benedetto gioco in tavola, tanto nessuno unità.
tra ancora sub judice. La prima, in XVI in Gran Bretagna è stata l'oc- mai avrà accesso alle segrete
fondo la più innocente, è quella casione per un'altra “bufala”, carte iraniane. ISRAELE
“Non accelerare
LA PROVOCAZIONE SU SAKINEH i negoziati”

ALLORA IO DICO LIBERIAMO ANCHE L’OMICIDA DI TREVISO A ccelerare i


negoziati di pace tra
israeliani e palestinesi
provocherebbe un
di Massimo Fini campeggia da giorni davanti al- presidente del Consiglio, tanto baditi in un recente convegno court, davanti al mondo intero? rischio fallimento per
l'ingresso di Palazzo Chigi certo dell'iniquità della nostra internazionale ad altissimo livel- Quindi Laura De Nardo “subito entrambe le parti. Lo ha
dichiarato il ministro
Ile omobilitazione
propongo un appello e una
internaziona-
per Laura “subito libera”.
(pretendo che la stessa inizia-
tiva sia presa per la 61enne De
Nardo, che a differenza di Sa-
giustizia da pretendere di esser-
vi sottratto per legge, va dicen-
do che “i giudici sono dei pazzi
lo, cui partecipavano coreani,
giapponesi, americani, canade-
si, australiani, neozelandesi ol-
libera”. E sono certo che Ber-
nard Henri Lévy, difensore pro-
fessionale dei “diritti umani” in
degli Esteri israeliano
Avigdor Lieberman:
Chi è costei? kineh è vecchia e per nulla at- antropologici” e afferma che la tre che rappresentanti dei Paesi ogni parte del globo, non si sot- “Ogni tentativo di
È Laura De Nardo, la donna di traente, non potendo nemme- Magistratura in Italia “è il cancro europei, sputtanando così l’Ita- trarrà al dovere morale di firma- accelerare
61 anni di Conegliano (Trevi- no immaginare che le femmi- della democrazia”, concetti ri- lia del diritto, e l’Italia tout re questo appello. artificialmente il
so) che è stata sbattuta in ga- niste italiane, che tanto si sono processo sarà come un
lera perché accusata di aver battute per l'iraniana, facciano parto prematuro, con
tradito il marito e poi di averlo dei distinguo di questo gene- rischi per entrambe le
fatto accoppare da un paio di re), il ministro degli Esteri Frat- Rom e immigrazione parti, la madre e il
suoi amanti. Che differenza c’è tini e quello per le Pari oppor- bambino”, ha detto il
con Sakineh, l’iraniana per la
quale tutto il mondo occiden-
tunità Carfagna hanno dichia-
rato: “Finché Sakineh non sarà
L’Europa destrorsa capo della diplomazia
israeliana.
tale s’è mobilitato, che dopo
aver tradito il marito è accusata
salva e libera il suo volto ci
guarderà dal Palazzo del gover-
e la colpa del silenzio FRANCIA
di averlo fatto accoppare dal no italiano”.
proprio amante? Certo, la De SE L’EUROPA SVOLTA a destra, ferma la loro posizione (e il Dauphiné Libéré Le Monde e il
Nardo ha confessato alla poli- NELLE MOLTE manifestazio- sull'immigrazione e sui temi ad essa legati aveva titolato “Sarkozy e Berlusconi contro caso Bettencourt
zia, mentre, per quel che ne ni che si sono svolte si inneggia- del razzismo e della xenofobia, la colpa è il resto del mondo!”).
sappiamo, Sakineh solo alla tv
iraniana. Inoltre, la De Nardo
rischia solo l’ergastolo mentre
va alla libertà di Sakineh. E nello
stesso appello di Bernard Henri
Lévy, che ha dato inizio alla
della sinistra, che troppo a lungo ha taciuto.
La tesi del Sunday Times appare
provocatoria, ma è attualissima e trae forza
Una dichiarazione in merito di Daniel
Cohn-Bendit, un leader del Maggio '68, oggi
capogruppo dei Verdi al Parlamento
I legali del quotidiano
francese Le Monde
hanno depositato ieri
il rischio è che Sakineh sia con- campagna, se ne pretendeva la e intensità dal Vertice dell'Ue sui Rom della europeo, tiene banco sulla stampa francese: presso la procura di
dannata alla lapidazione, che è scarcerazione immediata. Ma scorsa settimana e dal voto di domenica in “Sarkozy si berlusconizza – dice Parigi la denuncia
una pena ripugnante. Ma buo- da questo punto di vista Laura e Svezia, dove l'estrema destra è entrata per Cohn-Bendit – È l'immagine di Sarkozy che contro ignoti
na parte della mobilitazione Sakineh sono sullo stesso pia- la prima volta in Parlamento, si deteriora, non quella della Francia” annunciata dal giornale
occidentale non chiedeva no: non sono due perseguitate compromettendo la governabilità del Paese (NouvelObs, Le Figaro, Le Monde). Per il 13 settembre per
semplicemente che all’irania- politiche, ma detenute comuni (il centrodestra ha vinto, ma non ha la l'Independent, la disputa sui Rom con la violazione del segreto
na fosse risparmiata una puni- accusate entrambe dello stesso maggioranza). E, prima, c'erano state le Merkel, contraria ai rimpatri, lascia Sarkozy delle fonti nella vicenda
zione così arcaica e inccettabi- reato, l'uxoricidio. elezioni in Belgio e soprattutto in Olanda. più isolato che mai, mentre il Guardian Woerth-Bettencourt. Il
le, voleva Sakineh “subito libe- Dice: ma non ci si può fidare dei Al Vertice dell'Ue, Francia, Italia e ribadisce che “la discriminazione dei Rom è quotidiano francese
ra”. Davanti a una gigantogra- tribunali iraniani. E perché mai Repubblica Ceca – schierati contro un problema europeo”. accusa il governo di aver
fia della bella Sakineh che, per ci si dovrebbe fidare di quelli ita- l'accoglienza ai Rom – avevano tenuto G. G. usato gli 007 per
iniziativa del governo italiano, liani, quando sono 15 anni che il scoprire la sua fonte.
pagina 18 Martedì 21 settembre 2010

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

TELE-VISIONI

SKY 800, Malika


La Ayane
Violenza
Calcio caos:
Anna Oxa
Dopo 4 anni
Voli tarpati
L’aquila

viaggio al termine
finalista dopo il derby di stop esce di Lotito non
al Premio di Amburgo, il nuovo piace agli
Tenco e agli bilancio album animalisti: è
Ema 2010 di 26 feriti “Proxima” bracconaggio

della notte Strani incontri negli ultimi 200 canali


della piattaforma satellitare : pentole,
nudi, sermoni, televendite, eccessi: un’isola dimenticata in cui lo share non conta
di Malcom Pagani vuoi vedere in diretta il mio cor- anche in Italia. I capostipiti, Chuck televisione. Se manderete il vo- Svelato rapidamente l’inganno mettono di sanare ogni angoscia
po, non esitare”. Insieme a Leila, e Nora, cominciarono a fine anni stro contributo agevolerete que- da un giornale locale (e non sen- della vita. L’effetto è quello nero

V
che si tocca senza dissimulare, al- ‘70 su Teleelefante, trovando poi sta emittente”. Il timore di non za imbarazzo), Di Prè continuò e iracheno del cromakey, già visto
tre colleghe dai nomi esotici. Il nel satellite e nelle donazioni essere stato persuasivo, spinge con il proprio cognome. Inter- tragicamente in occasione del
telefono è muto, il genere abusa- spontanee del pubblico pagante, Chuck ad esagerare. A chiedere a vallando la carriera politica (pri- sequestro di tanti malcapitati. La
to, ma nonostante internet mo- la linfa necessaria per andare avan- gran voce che i bambini si affac- ma a sinistra, poi da intellettuale gente telefona, il contatore lievi-
stri ogni angolo del proibito e un ti e irradiare il verbo da ogni angolo cino al cattolicesimo attraverso il leghista) con l’occupazione me- ta e le conduttrici cercano l’im-
centinaio di canali dopo, al 955, del Paese. Nora ha raggiunto il tubo catodico e poi, in un colpo diatica. Al canale 875 del satelli- possibile equilibrio tra ridicolo e
abiti una diretta discendenza del creatore tre anni fa, ma Chuck, che di teatro, come un pastore te, inconfondibile sintesi della credulità popolare. “Dammi le
mentore di Moana e Cicciolina, somiglia in tutto e per tutto al ven- dell’America profonda, a incitare deriva dei tempi moderni, fa bel- iniziali dei due personaggi di cui
Riccardo Schicchi, Diva Futura ditore ditoupè rossicci in Goodfel- all’azione: “Te lo impone Gesù. la mostra di sè Diprè Tv. Nello vuoi sapere qualcosa”. La sven-
Channel, il filone non teme stan- las di Scorsese, ha proseguito da Alzati e chiama”. Il resto sono schermo, questo clone del Vitto-
chezze. solo. Parafrasava Mike Bongiorno montagne sullo sfondo, sermoni rio originale, promette agli spet-
e in luogo di “allegria”, utilizzava il
più congruo “Alleluja”. Esausto ma
provenienti dagli States, in cui gli
omologhi di Chuck alla Benny
tatori vie del cielo da percorrere
grazie al suo aiuto: “Sei uno scul-
Ragazze
In nome di Gesù
iaggio al termine della notte,
e del portafogli realizzato, ha cambiato direzione.
Sorriso untuoso, cinque appunta-
Hinn, con gessato e camicia bian-
ca, parlano di perdizione e rinsa-
tore? Plasmi la vita? Ti senti arti-
sta? Io posso agevolarti ed aprirti
dall’accento
con un telecomando nella de-
stra e i rumori indistinti della tv ALLA VOCE telepredicatori,
menti quotidiani sul canale 812 di
Sky, centinaia di lettere chiuse, af-
vimento: “Lasciate stare le tri-
stezze e guardatemi negli occhi, i
le porte della notorietà. La tele-
visione eleva chiunque”. Sinto-
incerto
di frontiera, quella che in pochi non si trovano il compianto Funa- fastellate su un tavolino di uno stu- vostri figli torneranno a Dio, ab- nizzandosi sul 935, ci si imbatte
vedono ma nessuno dimentica. ri, nè gli imitatori di genio Guzzan- dio di Marnate nella provincia di in Di Prè art channel, emittente de- si dimenano
Dal canale 800 al 999 di Sky, do- ti e Massironi e nemmeno l’Adria- Varese, da cui estrapolare brani dicata alle scoperte del mecena-
ve sacro e profano si incontrano no Celentano in versione ambien- a caso per leggere estratti te. Congiuntivi corretti, eccita- discinte, critici
e il confine tra perizoma e ome- talista. Ma veri e propri santoni, fi- zione malspesa “Amici, questa
lia è più sottile del desiderio. gli dell’esperienza di Trinity non è un'opera d'arte. Questa è d’arte spacciano
Pentole, tappeti, telecronisti Broadcasting Network, la tv fonda- un'opera viva! Viva vi dico!” e
esagitati ed esegeti del nulla. E ta nel 1973 dai fratelli Crouch. Fal- non essendoci pubblico e non ri- false parentele
poi, in serie, materassi, frullato- lita dopo tre giorni e rinata poi nel sultando evidente a quale platea
ri, tapis roulant, beveroni dima- corso dei decenni, fino a diventare (esclusi spot e inserzionisti) vera-
granti, pseudocritici d’arte, un’edera transnazionale in grado mente si rivolga, lo sforzo è turata le fornisce e l’altra si arra-
cialtroni di ogni genìa. Per esser- di competere 24 ore al giorno con doppio. Andrea è trasversa- batta tirando palesemente a in-
ci bisogna pagare. Il posto al so- Cbs, Fox e Nbc e attecchire nei le. Dipinti e installazioni, po- dovinare. Poi dispensa consigli
le, per licantropi notturni, costa cinque continenti, Tbne prospera litica e quotidiano. Oggi medici: “Fai assolutamente
decine di migliaia di euro. Una non si esprime più come l’ozono terapia. Cos’è? Iniettano
volta dentro però, soffia il west agli inizi quando amava far- dell'ozono... dopo, praticamen-
dei nostri giorni. illustrazione si fotografare con il cami- te, fatti spiegare che comunque
di Doriano netto sullo sfondo e il sim- è una bella cosa” e alla fine, strin-
Palinsesti misti: bolo leghista alle spalle. ge il cappio: “Sappiate che noi ci
informazione e tette Per religioni diverse da siamo, carta credito o postepay
quella cattolica, allora non fa differenza, non mi stan-
poca indulgenza: “È inu- cherò mai di dirvelo”. Il teleco-
IN MEZZOai palinsesti semitra- tile illudersi: lo scopo de- mando scorre. Tivù Tivù si impe-
dizionali a natura mista, di giorno gli islamici è di trasfor- gna nel pubblicizzare un ritrova-
informazione locale, dopo le 23 mare la terra europea in to a base di neopuntia e fucopu-
tette e culi per i meno allegri, si Dar el Islam”. Stessa via re, “Dieci chili in dieci giorni, ba-
sono fatte spazio nel corso delle Crucis e Damnatio eterna sta sentirsi grassi!”, Telepadre-
epoche televisioni tematiche per gli omosessuali: “Esi- pio, mostra due suore inginoc-
che del presente, danno una lo- ste un parallelismo tra chiate di spalle tra salmi, navate e
ro, profonda lettura. In voluto di- bestialità e omosessuali- letture sacre, all’814 di Pesca e
sordine numerico, si parte dalla tà”. Oggi Diprè guarda Tv, Surfcasting assicura emozio-
stazione numero 939. E lì, sugli oltre. E su Diva Futura ni, mentre Toscana Channel mo-
schermi discinti di Fuego Tv che Channel, con una mo- stra il principe Ruspoli contrito
l’onomatopea abbraccia il sottin- della nuda sul diva- all’annuale commemorazione
teso. L’argomento il porno, è de- no, spiega dei caduti a Kabul. Un blob ete-
clinato in tutte le accezioni. Si va l’arte men- rogeneo, che anima le notti e
dal film con le casalinghe fedifra- tre l’oc- aveva già stimolato l’immagina-
ghe, alle chat su divani porpora e chio diva- zione di Paolo Villaggio: “Come
cuscini leopardati. Un’insegnan- ga colpevole dal quadro presen- altri sventurati, Fantozzi era stato
te, nel genere, è Leila. Sotto l’ine-
quivocabile scritta “Faccio tutto
Chi diffonde la commossi. Ricordando agli spet-
tatori le basi del Vangelo. I nomi
bandonando droghe ed edoni-
smo”. O ancora grotteschi con-
tato. travolto da un mortale nemico: il
telecomando. Durante un'ag-
io”, sottotitolo “Leila, sesso in dei programmi (per lodare te, alle sessi in cui tra grida e svenimenti ghiacciante crisi di astinenza,
privato”, balla l’omonima. Ac- parola di Cristo porte del cielo) hanno relativa fan- collettivi, le guarigioni avvengo-
Espiazioni,
aveva stabilito anche il nuovo re-
pentimenti e ridicolo
cento portoghese di Portogrua- tasia. A quella pensa Chuck. no in diretta “E’ tutto vero!” e leu- cord condominiale di 380 canali
ro, voce trascinata, jingle di ac- non dimentica cemie, tumori o malformazioni cambiati in 26 secondi”. Ora in
compagno, concetti scolastici: Alzatevi, pregate spariscono in un amen, sotto NELL’ESPIAZIONE della pro- poltrona c’è più tempo: “Questo
“Le porcelline ti aspettano, han- mai di chiedere e pagate soprattutto l’occhio delle telecamere e gra- pria stessa esistenza, il fu figlio di lotto di diamanti è in vendita a
no tanta voglia di te”, poi rivolta zie alla luce illuminante del si- Sgarbi non è solo. Su Carisma Tv 1.750 euro con il 40% di sconto.
in camera, mentre si dimena mo- un obolo: gnore. Altro giro, altra corsa. Qui “La televisione della gente che Affrettatevi, sono pezzi unici. Se
strando tutto l’alfabeto dei lati “IL SIGNORE vuole il sostenta- si raddoppia, sotto l’egida di An- ha carisma”, cartomanti e te- non li comprate ora, cari tele-
possibili: “Porcellino, sono Leila: “Gesù vi chiede mento di questa televisione” e drea Di Prè. Si presentò all’alba leimbonitori si succedono a rit- spettatooori (la o allungata ad ar-
ti piacciono miei capelli? Timido- quindi, martellamento : “Diamo del 2000, vantando una parente- mo infernale. Amalia, SIlvana, te), non li trovate più”. Fino a do-
ne, chiamami numero 899. Se di sostenerci” lode al signore aiutando questa la di sangue con Vittorio Sgarbi. Milena e le loro colleghe, pro- mani, nei secoli dei secoli.
Martedì 21 settembre 2010 pagina 19

SECONDO TEMPO

OGNI MALEDETTA DOMENICA

L’ARBITRO È NUDO
Direttori di gara nel caos, presidenti inferociti
e stadi vuoti: inizio di stagione choc
di Oliviero Beha sì? Ai tifosi, agli spettatori, agli regolarmente la madre di tutte le re Vietti vicepresidente del Con- immondizia rotonda italiana. Poi Ranieri va conservato e consiglia-
stessi telespettatori sta bene co- questioni. Già adesso alla terza siglio Superiore della Magistratu- è arrivato in cima agli arbitri Col- to meglio, per evitargli le “spara-
ema: che calcio è diventato sì? E giù per questa china, di te- te” contro i tifosi alla Mourinho

T
giornata sono tutti inviperiti, per ra (perbacco, mi dicono che è già lina, che si incontrava con Meani,
questo? E quanto ancora lecamere sempre e ovunque, pri- svarioni, sfondoni, rigori dati e successo... dov’ero, dormivo?), l’uomo di Galliani, nottetempo che gli intaccano l’aplomb), la
può peggiorare per la scesa ma-durante-dopo le partite in at- non dati, off-side e via andare. Pri- una specie di vulnus sostanziale al- nei ristoranti di Lodi. Un disastro Fiorentina invece che costruire
rotolando sotto i nostri oc- tesa dei diritti futuri sulle riprese ma c’era Moggi, il cui processo la separazione dei poteri. Nel cal- arbitrale da far rimpiangere agli squadre vorrebbe costruire citta-
chi (favorito anche dalla forma dei calciatori alle prese con i sa- napoletano fortunatamente rico- cio e nello sport appunto potere stessi addetti ai lavori i tempi di delle e pospone le prime alle se-
sferica, giacché il “barattolo” di nitari di una stanza da bagno, do- mincia il 1 ottobre con miriadi di esecutivo e potere giudiziario di Moggi, un disastro per tutti meno conde. Certo, si può anche con-
Gianni Meccia aveva maggiori ve finiremo? E come è possibile nuove telefonate oggi in posses- grana grossa coincidono. E il po- che per il callido e superpagato cludere che stiamo assistendo a
difficoltà)? Svolgimento: final- che lo stesso Maroni, ministro de- so di quella stessa Federcalcio cui tere legislativo? Quale, di grazia? Collina (e per il Milan, e per l’In- un campionato vivace. Ma forse
mente qualcuno ha cominciato gli Interni di provata fede milani- bastava e avanzava la cosiddetta Anche qui mi dicono che pure il ter). bisogna metterci d’accordo: per
a dire le cose come stanno, il sta, di stampata appartenenza le- “giustizia sportiva” di quattro an- Parlamento attualmente in cam- chi vende il prodotto-pallone in
classico bambino della fiaba di ghista e di meno raccontata mi- ni fa. Peccato che nel caos fossero pagna-acquisti se la passerebbe ADESSO al suo posto c’è un tal tv è tutto “straordinario” anche
Andersen che vede il re com’è, litanza in Avanguardia Operaia coinvolti telefonicamente anche male... Davvero, non c’è più re- Nicchi che manovra l’ex arbitro partite che una volta avremmo
nudo. Così Ventura, inteso fortu- (fonte Rutelli), mentre fa gli stra- quelle istituzioni che ligione (mi dicono dall’Inghilter- Braschi, ed è peggio che mai. Vie- definito da getto della spugna per
natamente quale allenatore del veri per la tessera del tifoso non si poi nominavano ra che invece c’è). Prima c’era ne il dubbio che più che un’asso- raggiunta impraticabilità tecni-
Bari, che ha deplorato la partita accorga di questa colossale con- i referenti del- Moggi, dicevo, definito la “di- ciazione a delinquere viga un’as- co-agonistica. Questo risente del-
del mezzogiorno domenicale traddizione? Si vuole un calcio si- la giustizia scarica” perché l’avevano fatto sociazione a sbagliare naturaliter la mentalità da imbonitori ormai
come orario che “offende la lo- curo (con metodi ultra - o ultrà - sportiva. Un passare per il luogo dell’intiera in favore solitamente dei club più dilagata tra chi informa, cioè
gica e non rispetta i giocatori”. discutibili) con i polli in buona sa- po’ come se forti, quando non a sbagliare e ba- spaccia, e chi viene informato,
Ho cominciato a vedere partite lute e nel frattempo che la gallina Berlusconi e sta. Prepariamoci al peggio, al di- cioè assume la sua dose. Ma tutto
alle ore più infami per specula- dopo le ultime uova d’oro stra- Bersani can- L’ex designatore degli luvio anche in questo campo. Nel ciò ha una serie di inconvenienti
zione televisiva molti anni fa, per mazzi non frega niente a nessu- didassero e fa- arbitri Pierluigi Collina frattempo l’Inter riprende pos- che non paiono interessare a nes-
esempio dal Maradona messica- no? Tra un po’ i tornelli andranno cessero elegge- (FOTO ANSA) . Sotto, Mario sesso di sé, la provincia alterna suno. A cominciare dallo spetta-
no dei Mondiali 1986 quando messi nei locali con televisore o Vargas Llosa (FOTO LAPRESSE) Cesena, Chievo, Brescia ecc. per- colo spesso modesto, troppo mo-
per l’Europa si giocava alle ore nelle case private, altro che stadi! ché “ad inizio stagione corrono desto, che temo faccia pensare a
più calde del Centroamerica. Mentre il calcio di B, di Prima e di più”, il Milan è in imbarazzo po- quell’esercito di genitori poten-
Seconda Divisione e dei settori litico-elettorale, la Juve è in co- ziali manager che tutti i loro fi-
LA FIFA lo imponeva come dilettantistici e giovanili fa deser- struzione, la Roma in impasse so- glioletti con un po’ di fortuna, di
contropartita ai diritti tv. I nego- to di pubblico da far tristezza... Lo cietaria e in lite al suo interno per- raccomandazioni e di mafie e ma-
ziati sono o dovrebbero essere scrivo con cognizione visiva di ché poco sereni e prematura- fiette possono arrivare in Serie A.
“liberi”, se esiste la fantomatica li- causa. Non parliamo poi della mente scontenti di Ranieri (oc- Le madri invece, assistendo alle
bertà del mercato. Così, allora co- questione arbitrale, che diventa chio, Spalletti è durato a lungo, scempio tv di veline, velone, miss
me oggi, da una parte ci sono i Italia, venture, sventure, costan-
soldi dall’altra ci sono gli impe- ze ecc. intravedono un futuro ra-
gni. Per i soldi tv (sponsor & di-
ritti) si fa di tutto: si gioca in con-
Prima c’era Partite dioso per le figlie a baricentro
possibilmente alto. E così un cer-
e partiti
dizioni climatiche (termiche e di
umidità) tremende, si sfilacciano
Moggi, oggi che Ogni lunedì per tutto
to, temo ragguardevole, numero
di famiglie se ne fotte che la scuo-
orari ormai tutti i giorni e a tutte
le ore tra campionato e Coppe,
il grande vecchio il campionato di
calcio, l’analisi di
la stia sfarinandosi alla velocità
del suono perché comunque c’è
per avere un minimo di unità ari- Oliviero Beha il pallone o la tv. Lo so, penserete
stotelica di tempo come una vol- è sotto processo (attualmente non che sia un nostalgico del tempo
ta bisogna aspettare per esempio previsto dal Tg3) andato se non addirittura del fa-
domani sera, un mercoledì infila- sul banco degli sul mondo del pallone migerato “Stato etico” (rimpro-
to in un calendario troppo pieno e non solo, sarò on vero che mi fa spesso il proustia-
di domeniche, quando gioche- imputati siedono line sul nostro sito no Sallusti dal Giornale). Non cre-
ranno tutte in contemporanea www.ilfattoquotidiano.it do. E comunque meglio lo “Stato
meno Juventus-Palermo. La do- altri nomi etico” o quello comatoso attua-
manda è: ma al calcio sta bene co- le?

L’Africa secondo Vargas Llosa Il narratore


ambulante
Mario
Vargas Llosa
MENTRE SI RISTAMPA “IL NARRATORE AMBULANTE”, STA PER USCIRE L’ULTIMO ROMANZO EINAUDI
220 PAGINE
di Paolo Collo to, primo a denunciare gli orrori – o Le sue contraddizioni. Non è sempre 11,50 EURO
meglio, il genocidio – del coloniali- tutto palese e chiaro. Dentro di noi
ario Vargas Llosa è il più impor- smo belga in Congo, di cui fu console convivono molteplici personalità.
M tante scrittore peruviano viven-
te. Nato ad Arequipa, nel 1936, si mi-
all’inizio del XX secolo, all’epoca del
boom del caucciù”.
Che si esprimono o meno a seconda
delle situazioni. bilità – civili, politiche –, da parte di
se ben presto in luce come scrittore Una sorta di saggio storico, dun- Aveva quindi visto giusto Steven- noi occidentali, nei confronti della
con “La città e i cani”, del ’63, ambien- que? son con il suo Dottor Jekill e Mister situazione attuale, responsabilità a
tato nel collegio militare di Lima. A No. Un romanzo a tutto tondo. È sì la Hyde. cui i governi dovrebbero risponde-
questo suo primo romanzo seguiro- storia di una vicenda avvenuta real- Certamente. Il mondo, la realtà, la vi- re in modo più adeguato e respon-
no, tra gli altri, La casa verde, Conver- mente nell’Ottocento, ma anche un ta, non sono mai o solo bianche o solo sabile.
sazione nella ‘Catedral’, Pantaleón e le vi- pretesto per raccontare la vita di un nere. Ma una eterna sequenza di gri- Roger Casement è stato anche
sitatrici, il fortunatissimo La zia Julia e lo personaggio che è stato, in qualche gi. È questa la caratteristica fonda- un rivoluzionario, che appoggia-
scribacchino, La guerra della fine del mon- modo, pioniere dell’anticoloniali- mentale dell’animo umano. E per for- altro uomo. Compito degli storici e, va la causa dell’indipendentismo
do, La festa del caprone, Il paradiso è al- smo e che è finito impiccato dagli in- tuna, direi. più modestamente, dei romanzieri irlandese. Leggendo il suo ro-
trove e Le avventure della ragazza cattiva. glesi nel 1916 con l’accusa di alto tra- Torniamo al El sueño del celta. La de- che raccontano fatti della storia an- manzo pare che ci sia una sorta
È anche saggista – fondamentale il dimento per aver tentato di approv- nuncia dei massacri, delle vessa- tica o recente, è quello di cercare di di simpatia nei confronti del Sinn
suo libro su Madame Bovary – e dram- vigionare di armi i nazionalisti irlan- zioni, perpetrate in Congo dal re capire cosa c’è dietro alla storia ‘uf- Fein.
maturgo. Ha ricevuto tutti i più im- desi. Un uomo che è stato al tempo Leopoldo II del Belgio e racconta- ficiale’. Cosa ci viene nascosto die- Ebbene, Casement trovò nel movi-
portanti premi letterari internaziona- stesso eroe, traditore, pioniere e ri- te a un’Europa che pareva tro il paravento delle guerre ‘giuste’ mento indipendentista irlandese un
li. Nel 1990 si candidò alla Presidenza voluzionario e che è stato accusato – all’oscuro di tutto fanno venire in o delle rivoluzioni ‘trionfanti’. ideale di libertà, di autodetermina-
del Perù, ma venne sconfitto da Al- in seguito alla pubblicazione di suoi mente l’altro grande atto di accu- Ha affermato che l’attualità di zione. Un desiderio di spezzare le
berto Fujimori, condannato poi a 25 diari privati, probabilmente dei falsi sa nei confronti del colonialismo una storia sta nella proiezione manette (‘romper las esposas’) dal
anni di reclusione per violazione dei redatti all’uopo dai Servizi segreti in- descritto secoli prima da Bartolo- del passato sul mondo contem- dominio inglese. Ed è per questo
diritti umani. Mentre Einaudi ripub- glesi – delle peggiori perversioni mé de Las Casas (1484-1566) nel- poraneo. Cosa si può dire, in che venne processato come tradito-
blica Il narratore ambulante è in uscita, omosessuali. la sua “Brevissima relazione sulla questo senso, dell’Africa? re della patria (durante la Prima
in Spagna, per la casa editrice Alfa- Ancora un personaggio dalle mol- distruzione delle Indie”. L’Africa è un continente che – ri- guerra mondiale cercò di accordarsi
guara, il suo nuovo romanzo, El sueño teplici personalità. Una costante, Indubbiamente. Sono documenti di prendendo il precedente riferimen- con la Germania per una fornitura di
del celta, cui ha lavorato per oltre due direi, nei suoi romanzi. Basti pen- verità raccontati a un mondo che to al racconto di Stevenson – ha una armi che non giunse però mai a de-
anni, (che verrà tradotto e pubblicato sare al brasiliano Antônio il Con- questa verità pare non voler conosce- doppia o plurima personalità. Ci so- stinazione) e impiccato nonostante
da Einaudi nel 2011). “Il romanzo rac- sigliere della Guerra della fine del mon- re. Come anche, del resto, oggi. Il ri- no realtà terribili, come quella con- le proteste di personaggi come Ar-
conta della non comune vita dell’ir- do, o a Gauguin, del Paradiso è altrove, spetto di culture diverse, seppur fra- golese o angolana o, recentemente, thur Conand Doyle o Willian Butler
landese Roger Casement o al capitano peruviano Pantaleón gili e in qualche caso primitive. Il gri- della Somalia, e contemporanea- Yeats o George Bernard Shaw.
(1864-1916), diplomatico al servizio Pantoja, o alla “ragazza cattiva” do di dolore e di indignazione nei mente realtà che lasciano intravede- Come si diceva un volta, ribellarsi è
della Corona inglese, grande amico del suo ultimo romanzo. confronti di azioni che non hanno re un futuro tendenzialmente posi- giusto, se giusta è la causa. Anche se,
di Conrad, ma anche cospiratore del- Ebbene sì. Ciò che mi interessa inda- nulla di ‘civile’. Lo sfruttamento siste- tivo, come il Sudafrica. Ad ogni mo- in questa epoca di ‘cultura light’, è
la rivoluzione irlandese e, soprattut- gare è la pluralità dell’animo umano. matico dell’uomo nei confronti di un do ci sono delle precise responsa- ben difficile essere ottimisti.
pagina 20 Martedì 21 settembre 2010 Martedì 21 settembre 2010 pagina 21

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI

Il lapsus
TELE COMANDO + sono agitate”. Questa agita-
zione nautica l’abbiamo sen-
tita già tante di quelle volte
che viene da pensare – ma è
solo un’impressione – sia
contenuta in qualche foglio
di Fulvio Abbate
È Mike
quella talpa
uesta rivelazione la devo all’intuito di mia
Qlizzato
moglie. Si tratta dello spot, l’ennesimo, rea-
dall’intrattenitore per definizione Fio-
rello per Sky. Lo spot della talpa, dove lo sdo-
stro asceso al mondo della pubblica fama in pri-
mis con “Lascia o raddoppia?” e successiva-
mente con “Rischiatutto”, per non citare, che
so? “La ruota della fortuna” che conobbe fra i
MONDO
IN CORSO LA “SOCIAL MEDIA WEEK”

Milano capitale
WEB
di Federico Mello

è GOOGLE FESTEGGIA ROMA


IL “DOODLE” DEDICATO AL CAMPIDOGLIO
Grande orgoglio ieri per romani ed
è DISOBBEDIENZA CONTRO LA “PISANU”
L’IDV: STROZZA LA DIFFUSIONE DI WI-FI IN ITALIA
L’abbiamo ricordato molte volte: in Italia, per aprire un
Internet point, è necessario chiedere l’autorizzazione alla
questura, perdere tempo e soldi in burocrazia. Colpa del
decreto “antiterrorismo” Pisanu (del 2005, poi
disconosciuto dallo stesso ex ministro dell'Interno) che
obbliga enti pubblici e privati ad identificare ogni utente
che si colleghi a una connessione Internet aperta a tutti.
Ora un partito, l’Italia dei Valori (ci avevano
lavorato anche i Radicali) prende di petto
questo tema con la disobbedienza civile: “Il 23
ottobre l’Idv lancerà il progetto ‘W il WiFi’ e
aprirà le reti WiFi nelle sedi del partito su
feedback$
Commenti al post su
www.ilfattoquotidiano.it
“Lettera a Gianfranco
Fini” di Fabio Granata

è HO LETTO con
soddisfazione questa sua
lettera a Gianfranco Fini.
Bisogna trovare una
maggioranza per un ddl
anti-corruzione e una legge
antitrust. Fino a quel

di Alemanno
d’ordini di Mauro Masi. O,
forse, non è così e si tratta di
un’epidemia di pigrizia men-
tale.
ganatore ufficiale di Ignazio La Russa si rivolge
appunto a un misterioso Ugo, un nome rom-
picapo, come già nella battuta di Massimo
Troisi in “Ricomincio da tre”, un nome perfet-
to per veicolare un messaggio segreto, forse ad-
suoi concorrenti perfino un giovane Matteo
Renzi, l’attuale sindaco di Firenze. Per non dire
di quando John Cage, santone dell’avanguardia
musicale internazionale, si presentò proprio a
“Lascia o…” in qualità di esperto di funghi.
di Internet italiani: Google ha celebrato Roma nel
suo Doodle, la scritta che campeggia
sopra la testata del motore di ricerca. La
“O” è diventata un’immagine di piazza
del Campidoglio: il motore di Mountain
tutto il territorio nazionale” ha spiegato
Gianfranco Mascia, responsabile
informazione web per l’IdV. “Invitiamo tutti i
cittadini – ha aggiunto – ad aderire a questa
iniziativa in modo da creare una mappa dei
momento non saremmo
cittadini di una democrazia
perché il potere mediatico di
cui Berlusconi dispone può
far passare le bugie che voi
g3 dirittura subliminale, dai. Lo spot, in sé, è piut- Ma stavamo dicendo che attraverso un’iperbo- on solo finanza, moda e te, imprenditore e conduttore di View ha così festeggiato il 140/o luoghi dove sarà possibile navigare

N
stessi avete raccontato,
di Paolo Ojetti pervenuti, ma di questo in te-
levisione non si parla, magari
T Intervista per il sindaco
di Roma, Gianni Alemanno,
tosto banale, scontato nella sua “location” stra-
paesana, se non fosse per quell’ultimo colpo
le saturnina e a suo modo foscoliana, degna del
“sol chi non lascia eredità d’affetti, poca gioia
pubblicità. Per una setti-
mana Milano è la capitale
“Io Reporter” su SkyTg24. “Ab-
biamo voluto dare all’evento un
anniversario di Roma Capitale. É un
omaggio anche a
liberamente con il WiFi”. come assolute verità e può
dettare l’agenda informativa
g1 mette in cattiva luce la mag- nel giorno di Porta Pia. Ale- d’ala comico. Esatto, per la battuta conclusiva ha dell’urna”, sia pure con le sembianze di un italiana di Internet e taglio molto divulgativo – spiega Michelangelo: fu proprio il del Paese. Basta.
T Cerimonie per Porta Pia e
cerimonie per il parà morto
gioranza. Si celebra il 20 set-
tembre e inizia il conto alla
manno ha un pregio: parla po-
co e senza fronzoli. Ma un lap-
effettivamente ben piazzata da Fiorello alla vi-
sta della talpa residente nel suo cunicolo in pro-
cosiddetto mammifero soricomorfo, Mike
Bongiorno riesce a fare segretamente ritorno al
dell’innovazione. Si sono aperte
ieri le danze per la “Social Media
–: ci rivolgiamo ai giovani che
cercano lavoro, agli appassiona-
Buonarroti a riprogettare la
piazza a metà del
Filippo Giovacchini

in Afghanistan. Un intreccio rovescia: fra una settimana sus freudiano gli scappa. Alla fondità: “Non puoi stare chiuso in tana, a ve- presente degli spot. L’ho già detto che senza il Week” una “piattaforma – scrivo- ti, alle aziende che vogliono fare Cinquecento. è MI SPIACE per Granata
che scompiglia i toni del Tg: parla il capo e tutti si affan- domanda sulla tenuta della derti le repliche di “Radici””. Ecco, abbiamo suggerimento e l’acutezza di mia moglie avrei no gli organizzatori – per connet- bussiness”. Montemagno negli che sicuramente ha creduto
non si può esultare per i ber- nano a fare i conti per vedere maggioranza berlusconiana, svelato l’arcano spettacolare, l’Ugo rincorso da pensato a una roba del genere? Ma sì, avrei sup- tere persone, contenuti e con- scorsi anni, lanciò anche “Codi- nella svolta di Fini. La svolta
saglieri e, contemporanea- se l’utilizzatore finale ha sem- Alemanno non ha dubbi: la Rosario è nient’altro che un talpone, e con tan- posto una semplice trovata da pubblicitario versazioni sui temi emergenti dei ce Internet” un roadshow in giro è già rientrata perché Fini
mente, abbrunare le bandiere pre i numeri. maggioranza terrà, grazie “ai to di buca delle lettere a disposizione e addi- creativo convinto che la talpa è un ottimo sog- social media e della comunica- per l’Italia con l’obiettivo di dif- non ha avuto il coraggio di
per il tenente Romani. Napo- nuovi acquisti” di Berlusconi. rittura un’antenna piazzata al di sopra della sua getto “tenero”, “soft”, “morbidoso” per far vo- zione mobile”. Fino a venerdì so- fondere la cultura digitale. “La so- fornire risposte immediate e
litano e Bertone parlano g2 C’è anche un seguito sulla tana. Una talpa-telespettatore, insomma. E qui lare un messaggio commerciale nella fattispe- no attesi 20mila partecipanti per cial week va nella stessa direzio- credibili sulla casa di
della famosa “breccia”, il pri-
mo per dire che il primato di
T Dopo due casi di malasa-
nità, a Messina e Altomonte
scuola di Adro. Il sindaco non
toglie il sole padano “a meno
torna l’intuizione di mia moglie che, dopo aver
scoperto quest’ultimo spot di casa Murdoch si
cie legato all’intrattenimento sia cinematogra-
fico sia calcistico. D’altronde Fiorello, a pochi
gli oltre 90 incontri: si va dai guru
della rete ai corsi d’informatica
ne – aggiunge –, le cose stanno
migliorando ma anche la stampa
Montecarlo(se avesse anche
detto subito ho voluto
Roma non si discute e che (in quel di Cosenza), arriva la che non lo ordini Bossi”. La è improvvisamente giorni dalle solenni esequie tributate a Bon- per over settanta; (oltre a Milano, dovrebbe capire che quando si favorire mio cognato non
“ombre” sulla Repubblica una malapolitica che alberga nel posizione del sindaco testi- fatta sfiorare dalla giorno in Duomo, aveva promesso che Mike la social week si svolge anche Bo- parla di rete non si parla di tec- sarebbe importato nulla a
e indivisibile non possono ad- centrodestra a caccia di quei monia a quale disastro istitu- Fiorello, convinzione, quasi sarebbe sopravvissuto al suo trapasso fisico, ed gotà, Buenos Aires, Città del Mes- nologia, ma di innovazioni che ri- nessuno). Ora invece è sotto
densarsi. Il secondo ripete voti che possano sostituire il zionale siamo arrivati: si ob- protagonista di certezza, che a guar- ecco finalmente la promessa che si avvera. Chi sico e Los Angeles; per febbraio è guardano tutti noi”. Nel futuro, ricatto e giungerà a un
che la questione romana è gruppo finiano. Il vecchio bedisce al proprio capoparti- nuovi spot Sky dare bene il talpone s’aspettava, come già in passato, un trucco di prevista la replica a Roma). Gli Montemagno è sicuro, ci salve- compromesso con B. e a
“chiusa da decenni”, ma ci tie- Caliddu Mannino dice che to, il governo non conta. A che riceve la visita di tipo digitale, come in un videomontaggio de- ospiti milanesi sono di peso: c’è ranno i cellulari: “l’Italia è il pae- pagare alla fine sarete solo
ne a dire che Roma è Roma “sta per nascere un altro par- questo punto non si sa cosa Fiorello non sarebbe gno della preistoria tecnologica dovrà arren- il co-fondatore di FourSquare – il se con la maggiore penetrazione voi dissidenti.
anche perché è il centro del tito”, una pattuglia di udiccini stia aspettando Maroni: po- altri che un Mike dersi davanti al muso di una talpa sosia del per- software e social network che di smartphone al mondo. E Andrea
cattolicesimo mondiale. Il sudisti sul mercato, come so- trebbe ordinare (è un leghista Bongiorno, debita- sonaggio che già sappiamo. Una soluzione che permette di segnalare la propria sull’Internet mobile ora stanno
che è vero e riempie di pel- stiene Lorenzo Cesa con la ba- ministro o un ministro leghi- mente trasfigurato. Ef- sembra venir fuori dalla fantasia di quel Dino posizione geografica – Naveen partendo investimenti e start-up. è LA SEGUIAMO tutti
legrini non solo le chiese, ma va alla bocca. Non è proprio sta?) al prefetto di rimuovere fettivamente, se ti Buzzati inventore di improbabili ex-voto dove Selvadurai, e Rand Fishkin, uno Se la politica fosse in grado di aiu- con molta attenzione. Non è
anche alberghi e trattorie. un bello spettacolo: chissà il sindaco e farla finita. In ogni concentri sul viso ogni prodigio, perfino il più bizzarro e irreale, dei maggiori esperti al mondo di tare questo mondo, rischierem- vero, come sostengono Fini
Grazie a Dio, verrebbe da di- quanto si sta davvero spen- caso, quella del sindaco è una dell’animale in que- può avere luogo. Mi sa tanto che, Fiorello a par- indicizzazione sui motori di ri- mo anche di non perdere il treno Il sito della “social week”; gli e Bocchino, che esistono
re. Ma il Tg omette di alzare le dendo in questo mercato gran pirlata: ha messo in an- stione, scopri perfino te, lo spot di Mike-talpone sarebbe molto pia- cerca. Mente italiana dell’inizia- con l’innovazione”. Un rischio organizzatori della SW: Marco paesi europei dove questo
telecamere sul parterre: dove d’autunno. Andrea Covotta golo Bossi che una bofon- qualche somiglianza ciuto all’autore del “Deserto dei Tartari”. tiva è invece Marco Montema- che sarebbe tutto da correre. Montemagno e Marco Antonio Masieri; tipo di scudo esiste. Abbia il
sono i ministri leghisti? Non aggiunge che nel Pd le “acque chiata dovrà pure emetterla. con il compianto mae- www.teledurruti.it gno, storico divulgatore della re- f.mello@ilfattoquotidiano.it YouTube Play; il Doodle-Campidoglio coraggio e l’onestà
intellettuale di portare avanti
fino in fondo le idee in cui
dice di credere. Per un
politico sono le credenziali
più importanti agli occhi
GRILLO DOCET delle persone che hanno
DISTRUZIONE visto in Ambrosoli, Falcone e
E RICOSTRUZIONE Borsellino (e tanti altri) i veri
La chiamano “aid eroi del nostro tempo.
industry”. Sono gli aiuti umanitari Sergio Pescara
delle nazioni ricche a quelle povere,
pari a 130 miliardi di euro all'anno. è NON NASCONDO la
Una montagna di soldi che si mia perplessità nei confronti
dovrebbe tradurre in cibo, ponti, strade, di Fini &Co, purtroppo io
edifici, scuole, ospedali. In principio un’ottima cosa, in non riesco a credere nei
pratica un pò meno, per le promesse di spesa non risvegli morali improvvisi.
mantenute, per i risultati, per la mancanza di Comunque se davvero sono
coordinamento internazionale. questi i Vostri propositi,
Se si scorre la classifica dei Paesi che ricevono gli aiuti, dimostratelo fino in fondo,
il primo è l’Iraq con 9,9 miliardi di dollari all’anno, basta con tattica delle parole
segue l’Afghanistan con 4,9 miliardi, l’Etiopia con 3,3, e trovate diplomatiche varie,
la Palestina e il Vietnam con 2,6. Iraq e Afghanistan è l’ora dei fatti abbiate il
sono stati distrutti dalle nazioni donatrici coraggio di fare il passo che
guidate dagli Stati Uniti. La Palestina è sotto il tanto stentate a fare. Fate in
tallone di Israele, alleata degli Stati Uniti, il modo che qualcuno come
Vietnam fu bombardato in modo così intensivo me possa tornare a
dagli americani e dai loro alleati che in seguito, credere…
per celebrarne il ricordo, fu prodotto il film Massimiliano
“Apocalypse now”. I primi due Paesi “donatori”
sono, caso del destino, proprio i “bombardatori”: è LE SUE argomentazioni
Stati Uniti con 23,9 miliardi di dollari e Gran ed ancor più la sua
Bretagna con 7,4. Distruzione e Ricostruzione. aspirazione ad una Italia
L’Italia ha fatto promesse su promesse per fondi migliore, finalmente libera,
umanitari, poi disattese. Ha però investito in non possono che essere
armamenti, 131 Caccia Bombardieri dagli Usa per 15 condivisibili. Soprattutto se
miliardi di si hanno a cuore le sorti
euro. Va è PRONTA L’EDICOLA PER IPAD? future del Paese. Ho 4 figli e
considerato un LA NUOVA VERSIONE AVRÀ LA FOTOCAMERA non posso esimermi dal
investimento per il Sarebbe previsto per Natale il lancio dell’iPad lottare per far trovare, a
futuro, per il nostro di seconda generazione. È quanto sostiene il loro e ai loro compagni di
Pil, per la blog specializzato “Apple Insider”, secondo avventura sulla Terra, un
è YOUTUBE E IL MUSEO
Confindustria, non cui la nuova versione del tablet sarà munita mondo migliore.
UN ITALIANO TRA I FINALISTI
una spesa. Investire dell’agognata fotocamera e del nuovo Peppe4pe
I video su YouTube sono
sulla distruzione standard di video-conferenza Face Time.
senz’altro popolari, ma siamo
conviene due volte. Secondo altre indiscrezioni riportate del è CONFLITTO di
sicuri che siano arte? Questa la
Daily Telegraph, inoltre la Apple starebbe interessi, liberta’ di stampa e
domanda retorica che si pone il
lavorando a una nuova applicazione per l’iPad di informazione, libertà di
Los Angeles Times, “al
(simile a iBooks, la libreria elettronica di essere informati, scuola e
Guggenheim in effetti la ritengono arte”, è la risposta.
Apple) che consentirà di scaricare una vasta università, ricerca, lotta
Apre in questi giorni, infatti, al Museo di arte
selezione di testate online. L’idea nasce per durissima alla corruzione,
contemporanea di New York, YouTube play, la
evitare il fastidio ai lettori di dover navigare diritti civili, legalità e
biennale di video creativi realizzata da Youtube e
attraverso le varie applicazioni ( e giustizia. Sono questi gli
Fondazione Solomon R. Guggenheim. Comprende
permettere agli editori di ridare fiato ai loro argomenti che dovrebbe
una mostra-selezione di 125 video presenti sul
bilanci in rosso). Intanto a Torino la società di affrontare un vero partito.
portale video (visibili anche all’indirizzo
Cupertino sta replicando il grande successo Un partito serio di sinistra si
http://www.youtube.com/user/playbiennial) e tra i
già avuto a Milano e Roma, con l’apertura del organizzerebbe, starebbe
finalisti, selezionati tra 23 mila candidati provenienti
nuovo Apple Store nel centro commerciale unito senza farsi la guerra
da tutte le parti del mondo, c’è anche un italiano:
Le Gru. Sono offerti tutti i prodotti della dall’interno. Basta buttarsi la
Giuseppe Peronace con il corto “L’amante”.
Casa, comprese le ultime novità presentate il zappa sui piedi da soli. In
1 settembre scorso: l’iPod Nano con questo modo non
interfaccia Multi-Touch, l’iPhone 4 e vinceremo mai. È così facile!
naturalmente l’iPad. (Pasquale Rinaldis) . Claudio
pagina 22 Martedì 21 settembre 2010

SECONDO TEMPO

noi&loro
PIAZZA GRANDE É di Maurizio Chierici

L’IMBROGLIO ROM
nche la Svezia dopo l’Olanda, mentre nella Slovacchia i
A massacri dei Rom svaniscono nei valzer dei caffè dove

Porta Pia, festa grottesca nessuna signora vuole essere disturbata dai pogrom del 2000.
L’Europa dei diritti umani sceglie la modernità del razzismo.
Stoccolma manda in soffitta lo Stato-badante e immagina un
futuro da conquistare sul ring. Proibito difendersi a chi non parla
di Nicola Tranfaglia

rano le cinque e un quarto


La commistione
tra autorità civili
cattolici come Aldo Moro era
centrale la rivendicazione della
laicità dello Stato come elemen- LA STECCA di INDRO l come noi. Vittoria degli xenofobi svedesi rafforzata dai deliri di
Parigi, eppure proprio a Parigi ricomincia la ragione con l’addio a

E
Sarkozy: due francesi su tre non lo sopportano più. La sua
del mattino quando il 20 to fondamentale dell’attività po- Forse non sapeva che si politica ha incendiato le periferie; burqa, sinonimo di terrorismo,
settembre l’artiglieria ita- e religiose litica e istituzionale. Oggi, so- trattava di denaro della e pulizia etnica annacquano la fede di chi lo votava immaginando
liana sparò i primi due col- assomiglia prattutto dopo l’89 e la caduta mafia, ma l’origine della sua il ritorno alla grandeur. Due anni fa l’Economist lo presentava sul
pi di cannone contro le mura di delle grandi ideologie che aveva- fortuna non si spiega in altro cavallo di Napoleone. Due anni dopo il Sarkozy dell’Economist è
Roma all’altezza di Porta Mag- al tentativo di no diviso il mondo negli anni del- modo. Era di famiglia un nano appollaiato fra le piume di Carla Bruni. Per resistere si
giore e Porta Pia. La resa avven- la Guerra fredda, le classi diri- modesta. Suo padre era aggrappa a un tipo di imbroglio che funziona nei popoli dalle
ne verso le undici del mattino far commemorare genti italiane e in particolare impiegato alla Banca Rasini. tasche quasi vuote: gonfiare la paura per gli stranieri responsabili
dopo che Pio IX ha ordinato ai quelle più vicine e legate alla Anni prima che lui
pontifici di presentare la ban- gli antifascisti classe politica, sembrano aver comparisse, questa banca
della nostra infelicità. Facce gialle, facce nere, Rom: immondizie
diera bianca. I morti tra i ber- perduto il senso delle distinzioni pericolose. Il nemico è un ricostituente storico del nazionalismo
saglieri sono 49, tra i pontifici
da quelli che erano tra una sfera laica e una sfera re-
era già sospettata di riciclare
dei fondi di dubbia (metafora di egoismo) dei leader meschini, ma questa volta
19. Pio IX, riuniti i diplomatici stati, negli anni ligiosa. La destra berlusconiana, origine. Berlusconi nessuno si è lasciato prendere per il naso. In giugno il gradimento
presso lo Stato Pontificio, defi- così priva di valori etici e politici, non ha mai voluto era sceso sotto il 50 per cento; dopo burqa e Rom precipita a 30.
nisce l’assalto “un attentato sa- ’30 e ’40, alleati ha bisogno dell’appoggio del Va- dire da dove erano Un dubbio avvilisce: come mai i francesi respingono il trucco che
crilego” e dovranno passare al- ticano e il papa attuale non ha venuti i miliardi scarica la crisi su protagonisti marginali della società, mentre gli
tri cinquantanove anni prima con i loro nemici avuto difficoltà fino a ieri ad ap- di Milano 2 italiani continuano a bere come le oche delle favole d’infanzia?
che Mussolini e Pio XI firmino il poggiarne l’azione di governo. Intervista a Le Monde, 8 Bossi, Maroni, Calderoli, Borghezio, perfino il Salvini, smorfia del
Trattato del Laterano e i Patti an- maggio 2001 marò che cantava “ le donne non ci vogliono più bene perché
nessi. fondo non si può rovesciare, ce- La sinistra portiamo la camicia nera’; perfino Salvini, camicia verde, riceve
lebrando la ricorrenza con la e il Vaticano lettere d’amore. Ma il peggio sta arrivando: lo squinternamento
La pace tra Stato Santa Sede e con quel cardinale dell’Ottocento ma anche del No- del Cavaliere fa scappare i confusi verso il “buonsenso” della
e Chiesa Bertone, segretario di Stato, che vecento e del nuovo secolo: la Lega. Le sue radici nel territorio sembrano profonde. I brontolii di
quando divenne vescovo di Ge- QUANTO alla sinistra, la fine parità di tutte le fedi religiose, la Bossi, voce del paradiso. “Ti adoro, ti amo per tutto quello che
nova si preoccupò immediata- del comunismo ha favorito l’av- difesa della sfera politica dalle in-
DA QUEL MOMENTO regna, mente di chiudere gli archivi del- vicinamento degli ex comunisti tromissioni della Chiesa e delle dici e che fai. Ho 26 anni e sono fiera di te. Bravo Umberto, sogno
per così dire, la pace tra Stato e la diocesi per impedire che gli al Vaticano e ormai da anni essi si Chiese. E proprio questa incer- un marito che abbia le stesse idee. Cristina, Bolzano”. “El gh’a
Chiesa ma la dittatura fascista lo storici facessero luce sul ruolo confondono con gli altri espo- tezza della politica e il suo degra- razon, se ne poeu puu de tucc’ sti barbon senza dio, in gir a far
ha fatto per avere la Chiesa dalla del Vaticano nella fuga in Suda- nenti politici devoti alla Chiesa. do evidente conducono alla si- nient tucc ‘al di - Umberto Marini, Bollate”. Archivio della
sua parte e non certo per realiz- merica dei criminali nazisti che Pochi di fatto – e noi dell’Italia tuazione di oggi che è nello stes- devozione Padana. E i versetti del Calderoli calzoni corti come
zare la formula di Camillo Benso, si trovavano in Italia o che erano dei Valori siamo tra questi – ri- so tempo grottesca e paradossa- Herman Göring, fanciullone nel “Dittatore” di Chaplin, allargano
conte di Cavour, che in anni lon- appena arrivati dalla Germania. tengono che, al di là della fede le: si vuol ricordare la Breccia di il cuore ai nemici di ogni straniero. Nemici, perché ? Spiegazioni
tani aveva detto: “Libera Chiesa Un amico mi ha detto, in questi cattolica di ciascuno, che sia ne- Porta Pia e lo si fa con il sindaco gridate per fare impressione: portano via case, lavoro; rubano,
in libero Stato.” E il Vaticano, a giorni, che la commistione tra le cessario sostenere con chiarez- fascista berlusconiano e con il violentano, sporchi e cattivi. Il sangue stanco delle vecchie facce
sua volta, ha ottenuto dallo Stato autorità civili e religiose assomi- za una posizione che si riallacci a segretario di Stato del Vaticano. esulta quando l’orgoglio dei politici ne pianifica l’esclusione. E la
quel che non aveva mai avuto glia al tentativo di far commemo- quella liberale e democratica non cultura impedisce un dialogo appena sensato. Dal dio Po alla
dalla classe dirigente liberale sul rare gli antifascisti da quelli che La cacciata dei Rom dalla Francia battaglia di Lepanto che Bossi giura vinta dai marinai padani
piano economico come su quel- erano stati, negli anni Trenta e (FOTO LAPRESSE)
mentre i genovesi scappavano davanti ai turchi, nasce la storia
lo politico. Ed oggi, nel Ventune- Quaranta, alleati con i loro nemi- inventata dell’Italia dei danè da difendere spargendo disprezzo e
simo secolo dopo che nel 1988 è ci. E si potrebbe dire ancora mol- paura perché la paura dell’altro è il dogma che rincuora le
stato rinnovato con qualche mo- to di peggio di fronte a questo
furbizie dei fantaceltici dal familismo che impallidisce le famiglie
difica il Concordato del 1929 e la spettacolo. A differenza dei fran-
Chiesa cattolica ha messo sull’at- cesi, noi non abbiamo nella no- del Sud. “Col leghismo trionfa la logica tribale basata sulla
tenti gran parte della classe po- stra Costituzione all’inizio un ar- gestione del mercato della paura e sull’ossessione della sicurezza
litica, di governo e di opposizio- ticolo dedicato alla laicità dello armata. Capitalizza le proteste esibendosi come religione civile,
ne, si può dire che la celebrazio- Stato ma in vari punti del dettato settaria e guerriera. A supportarla, il cemento di una rete
ne del 1870 avviene nelle miglio- costituzionale emerge con chia- finanziaria: Lega mescolata a Opus Dei e Compagnia delle
ri condizioni possibili per la San- rezza il profilo laico della nostra Opere. Ed è ciò che spinge alcuni parroci e cattolici padani a
ta Sede. Roma diventa Capitale democrazia parlamentare che ri- tollerare una religione con idee forti: l’identità “della nostra
con la legge appena approvata e guarda i credenti come i non cre- gente” contraria ai vizi della modernità e la funzione di coesione
il sindaco Alemanno che, da fa- denti e che dovrebbe spingere della Chiesa che può sentire omogenee “le comunità organiche”
scista che era è diventato un ber- tutte le forze politiche, a comin- di Bossi e i suoi fratelli. Il leghismo vuole conquistare l’anima
lusconiano fervente, può cele- ciare da quelle di centrosinistra, popolare, in realtà è la fede cristiana a rischiare di perdere
brare oggi i centoquarant’anni a difendere il significato della l’anima”. Parole sconsolate di Sandro Paronetto, vicepresidente
della Breccia di Porta Pia non sol- Breccia di Porta Pia e la difesa nazionale Pax Christi. E la gente normale? Guarda, tacendo.
tanto con il capo dello Stato ma della formula cavouriana. Nella Moravia racconta negli Indifferenti la borghesia che non si
anche con il cardinale segretario cosiddetta “Prima Repubblica”,
scompone mentre il fascismo dilaga. Ottant’anni dopo siamo
di Stato Tarcisio Bertone, come e soprattutto da parte di chi ave-
se la Chiesa fosse stata anch’essa va partecipato ai lavori dell’As- ancora lì.
dalla parte dell’Italia appena uni- semblea Costituente, anche tra mchierici2@libero.it
ficata piuttosto che contro a ri-
spondere con le cannonate ai
bersaglieri che premevano dal
di fuori.
Ed è questo il centro della gior-
nata di ieri e il significato che le
autorità locali e centrali intendo-
no fornire agli italiani, dimenti-
Parolacce vecchie come il mondo
cando quello che davvero l’arri- di Gianni Ghiselli non possono biasimare come volgari senz’altro le ti di potenti e prepotenti. Anche la satira e l’invettiva
vo dei bersaglieri aveva significa- espressioni di alcuni grandi della letteratura. Partia- latina talora giungevano a colpire i capi di governo o i
to in quel mattino del 20 settem- l presidente della Rai, Garimberti, ha scritto al di- mo da Aristofane. Il massimo commediografo greco, duci vittoriosi. A Roma, durante i trionfi dei coman-
bre 1870.
Non è un caso che oltre cinquan-
ta tra associazioni, movimenti e
forze politiche hanno deciso di
festeggiare domenica la ricor-
I rettore generale Masi una lettera che critica il tur-
piloquio di Crozza nella copertina di Ballarò. Le
parolacce sono di uso comune oramai tra le per-
sone di ogni sesso, ordine e grado. Non solo: gli organi
e gli atti sessuali volgarmente chiamati, hanno pure
negli Acarnesi (del 425 a. C.) menziona Alcibiade, un
uomo ricco di fascino e pieno di relazioni tra i capi
della democrazia al potere, come un chiacchierone e
un “culo rotto” (v. 716).
danti, i soldati avevano la licenza di canzonarli.

QUELLI che seguivano Giulio Cesare durante il trion-


fo gallico cantavano: “Cesare ha sottomesso le Gallie,
Nicomede ha messo sotto Cesare. Ecco, ora trionfa Ce-
renza per non mischiarsi alle ce- una dignità letteraria e, pare, anche una funzione apo- NEI CAVALIERI del 424 Aristofane contrappone la sare che ha sottomesso le Gallie; non trionfa Nicomede
lebrazioni ufficiali. Ma se si guar- tropaica: menzionarli nobiltà di questo corpo militare di tendenze oligarchi- che ha messo sotto Cesare”. Nicomede era re di Bitinia,
da all’imponente serie di mani- servirebbe cioè a stor- che agli sconci demagoghi che ingannano il popolo. e Svetonio ricorda che il grande conquistatore venne
festazioni e di occasioni di visite Garimberti nare la sfortuna. Ve- Alla fine il laido caporione, smascherato, si ridurrà a designato dai nemici politici con espressioni oltraggio-
e di mostre previste in questi diamo alcuni casi di vendere salsicce ubriaco, ingiuriando le puttane (v. se come “postribolo di Nicomede” e “bitinico bordel-
giorni non si capisce davvero co- s’indigna per parole sozze che pos- 1400). Vero è che Plutarco nella Comparatio Aristophanis lo”. Cicerone nella Filippica seconda rinfaccia al trium-
me Stato e Chiesa possano fe- sono diventare cita- et Menandri elogia la decenza del secondo in confronto viro Antonio di essere stato una puttana a disposizione
steggiare insieme un avveni- la copertina di zioni colte, se usate a alla volgarità del primo, ma gli scrittori, e passiamo ai di tutti (vulgare scortum), a tariffa bassa per giunta. Que-
mento così limpido e chiaro. Crozza a Ballarò: proposito. In fondo il latini, hanno pronta una giustificazione per la licen- sta e altre ingiurie gli costarono la vita. Negli Annales di
L’Italia liberale del Risorgimen- latino è anche l’idio- ziosità del loro linguaggio. Catullo aggredisce Furio e Tacito, il detrattore dei Cesari, un’ancella di Ottavia
to, dopo meno di dieci anni ma la storia della ma del pudore poiché Aurelio, suoi rivali in amore e critici per l’impudicizia risponde al prefetto del pretorio di Nerone, l’odioso
dall’unificazione nazionale, ave- ci permette di espri- delle poesie, scrivendo: Pedicabo ego vos et inrumabo (16, Tigellino il quale le aveva chiesto di avallare un’accusa
va deciso di scegliere Roma co- letteratura e della mere concetti scabro- 1), ve lo schiafferò sul culo e in bocca. Quindi aggiunge di adulterio contro la giovanissima moglie dell’impe-
me sua Capitale e approfittando
di un atteggiamento non negati- satira politica sono siUn senza ineleganza.
esempio può esse-
che casto deve essere il poeta, mentre i versi non è
necessario che lo siano. Marziale si scusa con l’impe-
ratore, che la vagina della sua padrona era più casta
della bocca di chi voleva calunniarla. Dunque che cosa
vo di due grandi potenze del piene di perifrasi re dato dalla parola fel- ratore per la pagina lasciva, ricordandogli che la pro- avrà detto Crozza di eccessivo o di inaudito? Sono più
tempo come la Francia e l’Inghil- latio, utile a sostituire pria vita invece è pura (I, 4). Del resto gli epigrammi ineleganti e inamene le chiacchiere vuote e la mimica
terra aveva mandato una spedi- scurrili e di parole più sfacciate. sono brevi componimenti che richiedono la presenza degli imbonitori televisivi che gridano a ripetizione pa-
zione ufficiale di soldati e di ber- Ma passiamo agli au- del sesso. Si deve ricordare che Marziale era un povero role inutili, come ha evidenziato Sofia Coppola nel suo
saglieri per entrare a Roma e far discorsi infarciti tori che ci autorizza- cliente e attaccava solo i miserabili; i nostri satirici più ultimo film, facendone l’emblema della rovina estetica
finire il Potere temporale dei no davanti agli acci- coraggiosi e incisivi invece vengono biasimati, o ad- e culturale di tanta gente poco attrezzata.
Pontefici. E questo significato di di turpiloquio gliati censori i quali dirittura cacciati, per le ripetute sfottiture nei confron- g.ghiselli@tin.it
Martedì 21 settembre 2010 pagina 23

SECONDO TEMPO

IL FATTO di ieri 21 settembre 1924

Se vuoi studiare
MAIL BOX Idea, progetto, copyright del termine “autostrada” sono
tutti suoi. Di tale Piero Puricelli, giovane, brillante
ingegnere che, agli inizi degli anni ’20 immaginò per primo
una “via per sole automobili” che unisse Milano a Varese,
Como a Sesto Calende. La futura Milano-Laghi, prima
autostrada d’Italia e del mondo, con tanto di casellanti in
divisa a riscuotere il pedaggio e cantonieri esperti nella
manutenzione. Ottantacinque chilometri di nastro
devi essere fortunato
Oggi in Italia non c'è piu la ga-
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO d’asfalto levigato, senza curve, incroci o attraversamenti di


paesi, per un budget di 50 milioni di lire. Niente carri,
ranzia di poter fare gli studi
che fin da bambini si è sognato COME TI SMANTELLO carrozze, biciclette o pedoni. Su quel tratto speciale a una
sola carreggiata, affidato alla Società Anonima
di fare. Non ho la costituzione
a portata di mano però penso
che garantisca anche la libertà
ANCHE LE POSTE Autostrade, solo automobili, che in quegli anni, in Italia,
sono circa 50 mila, 12 mila nella sola Lombardia. Progetto
realizzato in tempi record e vernissage solenne del tratto
di scelta degli studi in uno sta- aro Furio Colombo, espiatorio e non domandarsi come funziona
to democratico quale dovreb-
be essere l'Italia. Non ho letto
C il Fatto, se non sbaglio,
riportava la notizia che è stato
(e perché dovrebbe funzionare) la nervatura
di un intero settore produttivo. Eppure i
Milano Varese, il 21 settembre ’24. Col re Vittorio
benedicente su una Lancia Trikappa , in un tripudio di folla,
in nessun giornale nessuna cri- sottoscritto un accordo tra Poste postini, quasi tutti, lavorano e gli orari degli bandiere, pennoni e cartelloni augurali tricolori. “Viaggio
tica al sistema adottato oggi: italiane e sindacati per evitare il sportelli, teoricamente, non sono da vacanza. attraentissimo – come scriverà Giuseppe Bevilacqua su
che ci sia un numero chiuso licenziamento di 6000 mila persone: Ma il modo di porre mano al problema dei “La Tribuna” – “su un cemento liscio come un parquet,
per ogni tipo di corso di stu- l'idea geniale, il sabato il postino non costi è sempre lo stesso: tagliare a caso, senza callaie insidiose o ciclisti o simili da mandare all’altro
dio, che le selezioni fatte con busserà più. Ritengo che il rimedio sempre in basso, e senza riguardo al mondo…”.
test attitudinali lasciano qual- sia peggiore del male perché una contenuto e al tipo di lavoro. Il fatto è che i Giovanna Gabrielli
che perplessità. I programmi parte dei seimila portalettere tagli Tremonti non riguardano né gli sprechi
di studio prevedono prepara- saranno trasferiti agli sportelli, gli né le inefficienze o il modo di lavorare e
zioni talmente specifiche che altri passeranno alle dipendenze di l’organizzatore di un settore, ministero o fare il leader, Luigi De Magi-
vanno oltre quelli fatti in un aziende private che distribuiranno la azienda. Riguarda soldi spesi male in alto L’abbonato stris. Molti di noi giovani vor-
semplice liceo, quindi non ri- posta. Verranno danneggiati gli (magari disseminando il Paese di grandi eventi rebbero questo. E l’abbiamo
mane altro che affidarsi alla abbonati a riviste e giornali con e grandi opere che non si fanno mai) che del giorno detto chiaramente a Di Pietro
buona sorte. La fortuna non la ripercussioni sui medesimi. O vengono tagliati in basso come gabelle al congresso di Roma di feb-
puoi studiare, in quel momen- saranno “salvati”, fino a quando? medievali ai tempi di Robin Hood. I peones braio’ ”. In questa chiave è si-
to devi solo sperare di averla. Lara della vita devono versare al governo SILVANA BORZA gnificativo che il dibattito più
Possibile che la continuazione disorganizzato e sprecone, i soldi che servono entusiasticamente seguito
degli studi sia come un terno al IL DANNO, gravissimo e in parte a fingere di governare. Intanto il lavoro Se vado in spiaggia presto (posti in piedi, coretti, cartelli)
lotto? Parallelamente alla de- già in atto, colpisce soprattutto giornali e diventa precario, il posto diventa outsourcing, riesco ancora a trovare sia quello sulla giustizia nel po-
cadenza della scuola, dell'uni- periodici in abbonamento. È da tempo che il servizio abbandona l’utente. E accade che una copia de il Fatto. Mi meriggio. Ci tengo a precisare
versità pubblica? E' difficile e grava sugli abbonati la maledizione della strutture nuove, o costosamente appena sistemo e me lo gusto che le mie parole erano ben
triste, anche da persona adul- posta che non arriva. Ed è triste che faccia ristrutturate, restino vuote. Come nella scuola, prima che Ciro se ne altre. Io, come tutti gli altri
ta, vedere negli occhi di cen- notizia solo il postino che butta via le lettere negli ospedali, nei tribunali, nelle stazioni. È appropri. L'ho scoperto giovani di Italia dei Valori, ab-
tinaia di giovani l'amarezza, la non ancora consegnate per andare in ferie, l’Italia, bellezza! L’Italia di Berlusconi, e del grazie alla mia amica Anna biamo massima stima e rispet-
delusione e la consapevolezza ma non faccia notizia il sistema d’impresa suo peggior governo da sempre. e a mia volta lo sto facendo to per il nostro leader Anto-
che tutti gli sforzi e i meriti bloccato e quasi paralizzato. La soluzione conoscere ai miei amici. nio di Pietro. Io ho dichiarato,
guadagnati in promettenti car- Berlusconi-Tremonti ai problemi è sempre la Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano Ho notato che anche rispondendo alla domanda
riere scolastiche non possano stessa: distruggere. Vige la formula Brunetta: 00193 Roma, via Orazio n. 10 qualche vicino di della signora Marra che mi
servire alla realizzazione dei trovare un disgraziato che faccia da capro lettere@ilfattoquotidiano.it ombrellone si sta facendo chiedeva se ci fossero altri lea-
propri sogni di vita. contagiare! der possibili in Idv, che fintan-
Carlo Castronovo Mi piace to che lui sarà il nostro Pre-
il vostro sidente noi lavoreremo per
modo di lui, ma che se mai un giorno
Meglio solo Di Pietro commissione di massimo sco- fare dovesse decidere di passare il
LA VIGNETTA che Fini e Casini insieme perto ha semplicemente cam- informazione testimone, io (ci tengo a pre-
biato nome. Ora si chiama e cisare il titolo personale della
A mio parere sarebbe molto commissione disponibilità im- comincio mia risposta) credo che il suo
importante accettare e con- mediata fondi e tutto è come la giornata con i deliziosi successore naturale, tra i no-
cretizzare le reiterate propo- prima. articoli di Travaglio. mi che abbiamo oggi a dispo-
ste di Antonio Di Pietro che è Emma Cheroni Scotti Adesso vado in edicola sizione, sia Luigi De Magistris.
l’unica alternativa che ci con- sperando di trovarne Consuelo Savarese, Idv
sentirebbe di avere una con- Diritto di Replica ancora una copia!
creta speranza di vincita. Di- Le frasi che ho attribuito a
menticate Fini e Casini, la sto- Caro Direttore, Raccontati e manda una foto a: Consuelo Savarese, lei me le ha
ria ci insegna che sono inaf- ho letto con sconcerto l'arti- abbonatodelgiorno@ dette. Non mi sembra di aver
fidabili e lontani dalle vere pro- colo apparso su “Il Fatto Quo- ilfattoquotidiano.it insinuato che i giovani dell’Idv
blematiche della nostra Na- tidiano” del 17 settembre non hanno fiducia in Di Pietro,
zione. Abbiamo di fronte dei 2010 a firma di Giampiero Ca- ma ho solo voluto riportare il
nemici temibili che stanno de- lapà dal titolo “Col giudice di fatto che molti giovani
vastando tutto ciò e Voi che CL un Formigoni è per sem- Diritto di Replica sembrano riconoscersi di più in
state facendo? Invece di mu- pre”. L'assegnazione delle De Magistris. Forse c’è stato un
nirvi delle armi migliori per cause e dei ricorsi ai giudici del In occasione della festa nazio- eccesso di sintesi, di cui mi
combattere state perdendo Tribunale avviene in virtù di un nale di Italia dei Valori ho avu- scuso.
tempo. Siamo demoralizzati. meccanismo automatico. Il to modo di essere intervistata wa.ma.
Cordiali saluti Presidente di tale sezione è in da una vostra giornalista,
Romano De Flaviis ogni caso magistrato tra i più Wanda Marra. L’articolo che
stimati da colleghi e non, dal mi riguardava era a pagina 7.
In Francia multano, foro e dalla comunità scienti- Cito il passo: “Consuelo Sa-
fica per le doti di indipenden- varese apre un fronte: ‘Di Pie- IL FATTO QUOTIDIANO
in Italia invitano za, preparazione. Appare fuori tro dovrebbe capire che c’è via Orazio n. 10 - 00193 Roma
In Francia 11 tra le maggiori da qualsiasi plausibilità dunque anche qualcun altro che può lettere@ilfattoquotidiano.it
Shaib, fugge dal Togo rò il tesseramento, a causa banche sono state multate per rappresentare che la decisio-
della sua limitata permanenza 384 milioni di euro per aver ne del ricorso contro l'eleg-
gioca a calcio in Italia sul territorio e della scadenza imposto ai clienti costi non gibilità del presidente della Re-
Ha giocato la sua prima par- del suo permesso di soggior- dovuti per l'uso di assegni. Un gione Lombardia sia avvenuta
Direttore responsabile
tita di campionato con l’“Az- no anteriore rispetto alla fine bell'esempio di politica orien- attraverso meccanismi men
zurra” Shaib Idrissou, il ven- del campionato. Un’assurdità tata alla protezione dei con- che corretti ovvero in dipen- Antonio Padellaro
tenne richiedente asilo togo- ai fini dell’integrazione del sumatori che dovrebbe essere denza di condizionamenti
Caporedattore Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
lese, lodigiano di adozione. giovane, riconosciuta con copiata anche in Italia. Da po- esterni. Spiace vedere che il
Fuggito nel dicembre 2008 dal sentenza del 13 maggio 2010 co è stata messa fuori legge la giornalista si sia fatto porta- Progetto grafico Paolo Residori
paese africano Shaib è giunto dal Tribunale di Lodi. Final- commissione di massimo sco- voce della parte che ha visto Redazione
a Lodi ed è stato ospitato dal- mente, venerdì scorso per il perto ma di sanzioni non se ne respinto il ricorso e che, più 00193 Roma , Via Orazio n°10
la Casa dell’Accoglienza “Lui- giovane togolese è arrivato il è sentito parlare, al massimo opportunamente, potrà far tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
gi Savaré”, sostenuto dall’as- cartellino e domenica “Idris” un bell'ammonimento, un in- valere i suoi argomenti giuri- sito: www.ilfattoquotidiano.it
sociazione Lodi per Mostar – come lo chiamano i com- vito a non farlo più, anche dici in sede di impugnazione
Editoriale il Fatto S.p.A.
onlus e accolto nella squadra pagni - è sceso in campo con quando a causa di questa com- invece di formulare illazioni
Sede legale: 00193 Roma , Via Orazio n°10
lodigiana “Azzurra”, che fa ca- la maglia numero 7, in una sof- missione spesso gli interessi sulla correttezza, autonomia e
po all’oratorio “San Giovanni ferta partita con il Mairano che i correntisti erano co- indipendenza del presidente Presidente e Amministratore delegato
Giorgio Poidomani
Bosco”. vinta fuori casa dall’Azzurra stretti a pagare un tasso che del collegio.
Il regolamento interno della per 3 a 2. sconfinava oltre quello d'usu- Dott.ssa Livia Pomodoro Consiglio di Amministrazione
Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Federazione gli impediva pe- Laura Coci e Roberto Gualterotti ra. Come se nulla fosse la Pres. Tribunale Ordinario Milano
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
• Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
Queste sono le forme di abbonamento Prezzo170,00 € telefono e tipo di abbonamento scelto. Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
previste per il Fatto Quotidiano. • Modalità Coupon * • Bonifico bancario intestato a: • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 320,00 € - annuale Editoriale Il Fatto S.p.A.,
Per qualsiasi altra informazione in merito Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
alla settimana (da martedì alla domenica). Prezzo 180,00 € - semestrale BCC Banca di Credito Cooperativo
può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Ag. 105 Via Sardegna Roma
• Abbonamento PDF annuale +39 02 66506795 - +39 02 66505026 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
• Abbonamento postale base (Italia) Iban IT 94J0832703239000000001739
Prezzo 290,00 € - annuale Prezzo130,00 € o all'indirizzo mail
• Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 20.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Orazio n° 10, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, 2ª rata compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano

Interessi correlati