Sei sulla pagina 1di 17

Ci sono frequenze tv da assegnare. Per questo B.

dice
a Napolitano: da quando allo Sviluppo ci sono io, tutto va beney(7HC0D7*KSTKKQ( +"!"!}!"![
www.ilfattoquotidiano.it
AGENDA DEL GIORNALISTA 2010 AGENDA DEL GIORNALISTA 2010

TUTTI I CONTATTI CHE CONTANO TUTTI I CONTATTI CHE CONTANO


www.agendadelgiornalista.it www.agendadelgiornalista.it

Sabato 4 settembre 2010 – Anno 2 – n° 234 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Orazio n° 10 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

MANIFESTO LEGHISTA Solo bambini bianchi


Questa è l’immagine che
compare sul sito del
L'ultima matrioska
di Marco Travaglio

A
comune di Napoli, città record in Europa per numero di

SULLA RAZZA
Tradate. reati, il procuratore Giandomenico Lepore
“Crescere...un denuncia: “Manca anche la carta per stampare
bene comune”
è lo slogan,
gli atti e il materiale investigativo”, mentre i
accompagnato magistrati, anche quelli anticamorra, vanno al lavoro
dalle foto di un con mezzi propri o addirittura in treno perché il
bimbo e di un budget annuale per il carburante delle auto di servizio

Niente aiuti ai bimbi ragazzo di pura


razza italiana.
e di scorta è stato superato al 90% e mancano quattro
mesi alla fine dell’anno. In compenso il presidente del

di coppie miste “al trimenti Tribunale Carlo Alemi calcola che solo a Napoli la
legge sul cosiddetto “processo breve” stecchirà sul
colpo 50 mila processi pendenti, senza contare quelli
può morire la nostra cultura” futuri. Con almeno 50 mila colpevoli che la faranno
franca e almeno 50 mila vittime che non avranno
giustizia. Ma di queste cosucce il sedicente ministro
di Furio Colombo Il comune di della Giustizia Angelino Al Fano non si occupa: lui
dc Tradate ricorre infatti, secondo la Costituzione, deve soltanto
contro il tribunale garantire “l’organizzazione e il funzionamento dei

C
hissà se interesserà ai colleghi deputati e
servizi relativi alla giustizia” (articolo 110). L’altro
senatori del Pd che hanno benevolmente di Milano che aveva giorno, quando l’Anm l’ha invitato a far funzionare la
facilitato la legge leghista sul “federalismo
fiscale” sapere che il sindaco di Tradate
bocciato il bonus giustizia fornendole i mezzi necessari, lo spensierato
Angelino (spensierato nel senso etimologico del
(Varese) ha presentato il primo esplicito testo bebè solo per le termine) l’ha accusata di “difendere la casta dei
leghista sulla razza, e lo ha fatto con un atto legale famiglie italiane magistrati”. Come se fare indagini e processi fosse un
rigorosamente razzista presentato alla Corte di privilegio castale. Poveretto. Ormai è talmente
Reguitti pag. 2 - 3 z
Appello di Milano? screditato che prende sberle da tutti, persino da
Attenzione ai fatti. Il sindaco di Tradate, Stefano Pecorella: ieri l’on. avv. ha segnalato un paio di effetti
Candiani, Lega Nord, non è peggiore degli altri. collaterali del suo mitico “processo breve”, a tutto
Infatti il passaggio del “pacchetto sicurezza” au- GRANDI OPERE x Lavori dell’impresa ma non si sa se per Paolo o Silvio danno della difesa, cioè del tanto celebrato
torizza i sindaci a estrose iniziative che negano la “garantismo”: “Pensiamo a un giudizio di primo grado
Costituzione e lo Stato e danno la vera interpre-
tazione al “federalismo fiscale” che ha come sco-
po esclusivo eliminare gli italiani del Sud, inse-
gnare il dialetto, tormentare gli immigrati e cac-
LA NUOVA LISTA ANEMONE che si è concluso, nei 3 anni di cui parla la norma,
con una condanna per l’imputato: se il giudizio
d’appello dura più dei 2 anni previsti, che succede?
Rimane la condanna in primo grado? Così rischiano le
ciare i rom.
Ma, e il futuro? Chi pensa al futuro della gente
bianca che, come sapete, nel Nord leghista non è
SPUNTA UN BERLUSCONI garanzie. Idem se la difesa chiede una perizia che
rischia di far slittare i tempi ed estinguere il processo:
il giudice rigetterà sicuramente la richiesta, a danno
dell’imputato”. Ops, quel genio di Angelino Jolie non
minacciata dalle vigorose infiltrazioni della
‘ndrangheta ma dalla presenza di immigrati che Cento nomi in un ci aveva pensato. Persino B. ormai diffida di lui. Infatti
lavorano tutti, producono tutti per l’economia altro documento pare stia pensando di abbandonare al suo destino il
“processo breve” e di rimpiazzarlo con l’arma
italiana e le pensioni italiane; ma poi la brava dell’imprenditore segreta, la legge Costa, che prende nome dall’ultimo
gente bianca e leghista della Padania vuole che
non abitino, vuole che non preghino, vuole che
della cricca. I pm di scudo umano dell’allevamento berlusconiano: Enrico
Perugia indagano Costa, figlio del vecchio liberale cuneese Raffaele
non facciano figli. E così il sindaco Candiani di
Costa, antesignano delle battaglie contro i privilegi
Tradate ha emesso l’editto sui bambini. Prescrive, anche su un della Casta, purtroppo abbandonate quando lanciò il
nella Repubblica italiana nata dalla Resistenza: “Il versamento di 250 pargoletto nel firmamento politico. Costa il Breve ha
Comune elargirà 500 euro di premio per ogni inventato una norma che impedisce al giudice di
bambino nato. Ma solo se entrambi i genitori del mila euro a
respingere i testimoni inutili citati dalla difesa e di
bambino sono italiani”. Vuol dire: bianchi. L’edit- Pasquale de Lise acquisire le sentenze definitive per non dover
to eredita lo spirito del “pacchetto di leggi per la Massari pag. 7 z dimostrare fatti già consacrati dalla Cassazione. E’ la
difesa della razza” del 1939. legge sul “processo lungo”, più consona alle esigenze
(FOTO ANSA) (FOTO EMBLEMA)
Contro l’editto di Tradate sono intervenuti cit- del premier: così i legali di B., al posto della lista testi,
tadini e gruppi per denunciare l’evento incre- nIraq nmaternità produrranno direttamente l’elenco telefonico, che
dibile. E’ intervenuto il Tribunale di Milano che ha
dichiarato, in sentenza “Un evidente intento di
CATTIVERIE Americani addio: Gianna e le altre, comprende anche gli abbonati defunti, e il giudice
sarà obbligato a sentirli tutti, così i suoi processi (ma
discriminazione”. Di solito, di fronte a rari atti di Obama annuncia la fine della a Bagdad 7 anni dopo quando un figlio anche tutti gli altri) riposeranno in pace per sempre.
guerra in Iraq. Centinaia di Siccome il Costa è un ragazzo sveglio, alla domanda
resistenza, i leghisti parlano di equivoco, cam-
proiettili rimasti a mezz'aria. tra rabbia e orgoglio arriva dopo i 50 “non pensa che la sua legge rallenterà ulteriormente i
biano discorso. Non adesso. Cito dal documento (www.spinoza.it) Steele pag. 12 - 13z D’Onghia pag. 9z processi?”, risponde: “Non è detto assolutamente”,
leghista di ricorso in appello: “Il fine perseguito
non è nel modo più assoluto di garantire sostegno anzi “offrendo più certezze potrà avere l’effetto
a un bisogno. Il fatto è che la popolazione eu- contrario”. Uno che ragiona così farà un carrierone,
ropea mostra un forte tasso di calo demografico. Udi Luca Telese infatti il giovanotto è già capogruppo del Pdl in
commissione giustizia alla Camera. I giornali lo
E’ del tutto ovvio che alla morte dei popoli si
accompagna la morte delle rispettive culture. Il GEOPOLITICA indicano come “ghediniano”. La fauna del
centrodestra italiota si arricchisce così di una nuova
bonus attiene al futuro della cultura europea in- DELLE FESTE categoria dello spirito. Un tempo c’erano i pidiellini.
dissolubilmente legata ai popoli dell’Europa me-
desima”. Il dottor Goebbels e il Ku Klux Klan non
DI PARTITO Poi si sdoppiarono in berlusconiani e finiani. Ora, in
un gioco delle matrioske senza fine, i berlusconiani
avrebbero potuto dire meglio. La sfida alla Co- grandi luoghi della prima Repubblica, ave-
stituzione, ma anche a tutte le leggi e ai trattati
sottoscritti dall’Italia con il resto del mondo libero
Iallavano sempre un che di seminariale: arrivavi
scuola quadri del Pci delle Frattocchie e ti
partoriscono la sottospecie dei ghediniani, da non
confondere con gli alfaniani, i pecorelliani, i
verdiniani, gli scajoliani, i carfagnani, i
e civile, adesso è aperta. Sarebbe bene che lo pareva di chiuderti in un piccolo seminario dellutrian-manganiani, gli schifaniani. Quando, per
sapessero e lo ricordassero i compagni, gli amici, rosso, bussavi alle porte della scuola demo- partenogenesi, avremo pure i capezzoniani, gli
gli astanti della Festa Pd di Torino che rimpian- cristiana della Camilluccia, ed era come mu- stracquadaniani e i costiani, la scissione dell’atomo
gono ancora la mancata partecipazione di Cota, rarsi in un piccolo e serioso monastero fatto sarà cosa fatta. Poi dicono che il governo boicotta la
Maroni e Calderloli. di lezioni austere e seriose. pag. 4 z ricerca scientifica.
pagina 2 Sabato 4 settembre 2010

I “I
RAZZISTI PADANI RAZZISTI PADANI

l bonus bebè prima di diventare il manifesto residenti) i livelli essenziali di prestazioni sociali, tra finalmente pagato 1.000 euro di bonus a italiani e mpegni professionali” verso la tempo sulle dimissioni: “La prossima settimana invece lunedì prossimo, durante la riunione del
Da Brescia a Bergamo: pre e post elettorale del centrodestra (in cui anche “misure per il sostengo delle responsabilità stranieri. Tuttora però la giunta Paroli coltiva il In vacanza con l’auto blu: casa della fidanzata, viaggi per avrò tutti gli elementi per maturare una decisione gruppo consiliare della Lega Nord, nella sede del
particolare della Lega) nasce come familiari”. Ma gli enti locali leghisti hanno interpretato contenzioso in Cassazione. A seguire poi ci sono stati raggiungere la casa al mare. Tutto che verrà adottata di concerto con il partito”. Il partito a Reana del Roiale (Udine) e alla quale
prestazione di assistenza alla famiglia con prole. La questa possibilità più che altro per far valere la riserva i casi di Morazzone (Varese), Palazzago (Bergamo), con l’auto blu. Il presidente del Consiglio regionale presidente, che ieri ha disertato l’inaugurazione di “certamente” Ballaman – ha assicurato lui stesso –
la selezione economica legge quadro per la realizzazione del sistema integrato nazionalista con la scusa della “ripresa demografica” Adro (Brescia) e infine Tradate. Tutti, tranne il primo, inchiesta sul presidente del Friuli è sotto inchiesta da parte della Corte dei una mostra sull'infanzia, a Udine, non ha voluto né prenderà parte. Nessun commento, invece, sulle
di interventi e servizi sociali (328/00) prevede che gli dei soli cittadini. Ha aperto la strada il Comune di chiamati davanti al Tribunale e tutti condannati a Conti che sta verificando eventuali danni erariali. confermare, né smentire, le notizie secondo le richieste di dimissioni avanzate dal coordinatore
enti locali, le regioni e lo Stato concorrano a garantire Brescia che dopo due anni di battaglia giudiziarie e 4 estendere il bonus a tutti i nuovi nati. Gli episodi si sarebbero verificati dal 2008 al marzo quali sempre ieri sarebbe stato a Milano per regionale del Pdl, Isidoro Gottardo, e del
delle Camicie Verdi “con carattere di universalità” (e dunque a tutti i sconfitte in Tribunale, nel dicembre scorso ha E.Reg. del Consiglio del Friuli 2010. Ieri il leghista Edouard Ballaman ha preso incontri con i vertici della Lega. Se ne parlerà segretario regionale del Pd, Debora Serracchiani.

(FOTO ANSA)

Borghezio Gentilini Trento choc Idee da “trota”


Il disinfettante
sulle nigeriane
Rivoluzione
anti-islamici
Test psico-sanitari
agli stranieri
Rimbalza
il clandestino
Così parlò il Doge Zaia:
P ulizia, ma razzista. Co-
me quella di Mario
Borghezio sul treno Mila-
no-Torino qualche anno fa
(era il 1999). Quando portò
L e sue sparate da sindaco
di Treviso hanno fatto il
giro del mondo. Ma anche
ora, Giancarlo Gentilini con-
tinua a far parlare di sè. Alla
“S ottoporre sistemati-
camente tutti gli im-
migrati ad esame sanita-
rio e psichiatrico” per .
scongiurare il “pericolo di
E ra l’estate dell’anno
scorso e l’invenzione
di Renzo Bossi - il “trota” -
sbarcò su facebook: per
dimostrare di essere “un
“Meglio le puttane dei fannulloni”
con sè un disinfettante e
cominciò a spargerlo sui
Festa padana a Venezia, lo
scorso 14 settembre, disse:
contagio e/o di incolumità
per tutti i malcapitati che
vero leghista” bisogna re-
spingere le imbarcazioni
LA “DOTTRINA” DEL GOVERNATORE VENETO
sedili dove si erano sedute
alcune prostitute nigeria-
“Voglio eliminare tutti quei
bambini che vanno a rubare
dovessero venire in con-
tatto fortuito con questi
di immigrati che tentano
di raggiungere le coste MA I BIG DEL CINEFESTIVAL DISERTANO LA SUA GITA TRA LE VIGNE
ne. Una specie di ronda. agli anziani” E aggiunse: “Vo- soggetti”. Questa l’interro- italiane con un semplice
“Una spruzzatina” l’ha defi- glio la rivoluzione contro gli gazione leghista al presi- click. È “Rimbalza il clan- per la madrina della Mostra, Isa- sa. Poi taglio di nastri, grappoli tori di Mazzorbo “eroici” e mi- zionalizzare, come fece la Re-
nita l’oggi eurodeputato le- immigrati che vogliono apri- dente della Provincia di destino”, gioco sul face- bella Ragonese. Il primo ha ri- in bocca e indecoroso assalto al schia le carte, una carezza agli pubblica veneziana che i perdi-
ghista. re moschee e centri islamici”. Trento Lorenzo Dellai. book della Lega Nord. sposto con indistinte gutturali. buffet molto poco padano, che omologhi di Pantelleria e l’altra tempo ciondolanti li allontana-
Per gli altri, epidemia. L’attore il suo portavoce Beltotto sinte- al partito. Eugenio Fascetti, l’al- va, ma al tempo stesso, permet-
francese infortunato, Catheri- tizza, rivelando la reale conside- lenatore di calcio, aveva coniato teva che in città abitassero

SOLO PICCOLI ARIANI


ne non pervenuta e l’italiana razione di un certo universo: un termine che a Zaia, si attaglia 80.000 puttane”. L’accoglienza
prontissima ad addurre un’in- “Ne ero sicuro, quando ci sono i alla perfezione. Il “casino orga- – per Zaia – “è subordinata al ri-
disposizione fulminante, in bi- giornalisti non rimane nulla”. nizzato” del Governator è il tutto spetto delle regole” e se gli citi la
lico tra fuga e ripulsa, balbetta- Finita la parata, Zaia si concede. e il niente. Ha promesso le di- barbarie di certe dichiarazioni
ta dal presidente della Biennale Usa la parola cazzo con mirabile missioni in caso di mancato sta- di colleghi in fazzoletto verde,
Baratta: “Colpa dell’aria condi- frequenza, propugna un mes- tuto veneto entro il 2010, ma pa- ciancia di pluralismo: “Perché
zionata” con gli occhi piantati a saggio rassicurante che poco a re averlo dimenticato: “Non è noi siamo l’ultimo vero partito
terra. In fondo, importa poco. che fare con le raffinatezze di esatto, ho detto solo che se non rimasto sul territorio” e addirit-
Borghezio, definisce gli agricol- venisse ratificato, il Governo lo- tura di “cosmopolitismo obbli-

Lega-Pdl: bonus bebè solo agli italiani FERMARSI è impossibile e se


il duello con Galan è momenta-
neamente disarmato: “Perché Dai migranti
cale non avrebbe più alcuna ra-
gione di rimanere in carica”.
Smussare, frenare, ripartire.
gato, unica soluzione per il fu-
turo”.

“Incentivo contro la morte dei popoli” non è qui? Gli inviti non li ho fat-
ti io”, la sfida con il clone ver-
sione greve, Tosi, e quella in
agli Ogm:
Confondere, soprattutto. I tagli
dei consiglieri? Rimandati. Le
grandi opere? Qualche strada
LE RADICI però restano quel-
le. Roma, naturalmente è sem-
pre troppo affamata: “Ma le pa-

di Elisabetta Reguitti sentenze, anche rispetto a po europeo non sulla base di ferenza di altri Comuni Tradate del tribunale di Milano (sezione polazione mondiale, quella eu- spi e Filippo Renna. di Malcom Pagani
prospettiva con l’efficientista
Cota, rischiano di approfondire
solenne parata provinciale. La vicenda leghista
dei bonus bebè di Tradate?: “È
re che i tedeschi avrebbero re-
plicato il Festival di Berlino ad
quanto stabilito nella conven- principi culturali ma sulla pre- aveva deciso di introdurre il vin- lavoro) – ha deciso, prima, di so- ropea invece presenta un forte A seguire una sfilza di frasi tra le rughe sul volto e la preoccu- passato il principio della resi-
l bonus bebè altro non zione di New York sui diritti varicazione numerica di un
inviato a Venezia
tra i filari Hannover?”. Però il governato-

“I
colo-requisito della cittadinanza spendere l'erogazione a tutti del tasso di calo demografico ed in- cui: “Se un bambino vive pata cupezza che di tanto in tan- denza obbligatoria. Se quegli re che ha il terrore delle passe-
vuole essere e non è se dell’infanzia, hanno sottolinea- gruppo etnico rispetto ad un al- bonus e poi di proseguire con la nell’ostilità impara ad aggredi- l tappeto rosso di Luca Zaia

I
italiana di entrambi i genitori vecchiamento”. Viene anche ci- to, si affaccia sulla maschera di immigrati non ce l’hanno, i le- relle sistemiche: “L’ostentazio-
non un mero segnale di to che i diritti dei bambini de- tro. escludendo così persino i bimbi linea della difesa razziale scritta tato un articolo pubblicato su La re”. Una poi è davvero straordi- è un vigneto dimenticato Zaia. Il Doge dà del tu a tutti. “Venezia ghisti del luogo non hanno tor- ne del potere accende sempre i
incoraggiamento in vono essere garantiti “a prescin- delle coppie miste. Stabilendo nella difesa che verrà giudicata Stampa secondo cui “l’Europa naria soprattutto dopo aver letto dal mondo. Isola di Mazzor- Bambini down, nobili dal triplo to. Dobbiamo avere attenzione peggiori istinti. Se mi avessero
nulla e per nulla attinente a si- dere da ogni considerazione di “L'ISTITUZIONE del bonus così una secondo discriminazio- la prossima settimana. ha appiccicata addosso l’eti- il ricorso. Il testo infatti dice: “Se bo, laguna veneziana, case cognome, contadini no-global allontanava verso gli ultimi, ma non possia- fischiato sul tappeto rosso?
tuazioni di bisogno né all’ap- razza, sesso e lingua”. Ma a Tra- bebè – “spiega” ancora il docu- ne per il solo fatto di avere una A sostegno della teoria della sal- chetta di continente in declino un bambino vive nella tolleranza pastello, solitudine e mezzo- che sognano l’esproprio delle mo permettere che i primi re- Avrei dovuto scavalcare la tran-
partenenza etnica o razziale date sta accadendo qualcosa di mento – non si configura affatto connotazione etnica derivante vaguardia del ceppo europeo demografico al quale rischia in impara ad essere paziente”. giorno di nuvole nere all’oriz- terre demaniali, attempate si- i perditempo” trocedano in coda. Bisogna ra- senna. Ma non sono violento e
bensì scaturente da considera- diverso. Questo ricorso, infatti, come un intervento rientrante dalla diversa nazionalità dell’al- (in particolare quello italiano se- questo momento di accompa- zonte. El Governator del Veneto gnore ingioiellate che senza ti- ho un passato da obiettore di co-
zioni circa il futuro della cultura mette nero su bianco che i soldi fra i servizi sociali assistenziali di tro genitore. condo la visione padana), nel gnarsi la perdita di peso ed in- sbarca da un taxi-boat, abbiglia- mori lo salutano come vecchie scienza”, una patente la rifiuta:
europea come indissolubil- del bonus non servono ad aiu- natura obbligatoria ma appartie- Ma al primo cittadino di Tradate documento vengono riportati fluenza politica”. Il manifesto to con la costruita semplicità di amiche. I giornalisti premono, i “Non sono un ladro e vivo del
mente legata ai popoli dell’Eu- tare le famiglie bisognose bensì ne alla categoria degli incentivi questo non è bastato e dunque – anche stralci di studi fatti sull’an- Bambini biondi - ovviamente - un uomo in corsa. Jeans e scar- cameraman sradicano piante ra- mio”. Il rivoluzionario legato al-
ropa medesima”. E ancora: “Del a diffondere la cultura del cep- collocata in ambito concettuale dopo la sentenza di primo grado damento demografico del vec- MA ANCORA non basta. La nella campagna promozionale pe da ginnastica, frenesia, com- re che il viticoltore del posto, le tradizioni pesa le alleanze:
tutto ovvio che alla morte dei “difesa di Tradate” va oltre la di- del bonus bebè piacimento. Zaia si adora, ma Biasol, ha riesumato dai libri di “Bondi lo difendo. Delle dinami-
popoli si accompagna, ineludi- scriminazione dello straniero in del Comune di Tradate nonostante la gita al vigneto botanica del ‘500. Zaia coglie un che del salotto virtuale dello
bilmente, la morte delle rispet- Tradate, profondo Il razzismo nelle quanto tale, guardando più inve- puzzi di paleofascismo in stile pomodoro. Lo addenta e indica spettacolo non so nulla però so
tive culture”. Sono le argomen- Nord carte bollate ce alla discriminazione razziale campagna del grano, non si la strada: “Tutti fuori dall’orto”. che se non sei dei ‘loro’, sempli-
tazioni portanti – dal sapore nonostante lo slogan, pubblica- spoglia. Per arrivare a capire se Poi, all’ora del discorso ufficia- cemente non esisti”. Sa graffia-
“ariano” – del prossimo ricorso
in appello del Comune Pdl-Lega
di Tradate (Varese) alla senten-
za del tribunale di Milano, del 3
giungo scorso, che definiva “di-
“ Il Comune
“rivendica” “ Sindaco e
assessori a
to sul sito ufficiale del Comune,
alla voce bonus bebè. “Cresce-
re... un bene comune”. Nella pa-
gina dedicata al bonus spiccano
in primo piano il sorriso di un
più in là della claque, nella com-
mistione di dialetto e proclami,
decisionismo e attitudine al co-
mando, l’uomo nuovo abbia
definitivamente convinto an-
le, facilitato dalla prosopopea di
Baratta: “Vi offro una metafora,
la Biennale è la mia vigna” e da-
gli sguardi perplessi, intuisce ra-
pido la stanchezza dei presenti
re: “Elisabetta Sgarbi chi è?” e si
lancia nel dipingere un Pan-
theon cinematografico fellinia-
no. Da Amarcord ai Vitelloni. “Una
storia esemplare. Se non fai
scriminatorio” il bonus bebè il criterio di testa bassa: bambinetto pasciuto e biondo e che il suo popolo, c’è bisogno e li libera dando loro ciò che si niente e perdi tempo, finisci
“nazionalista”. un adolescente sorridente di prove tangibili. Dipanare la aspettano: “Ve la farò breve, so- male”. E lui, tempo per sbaglia-
Per la verità è una storia già letta assegnazione e giuridico tutt’affatto diverso hanno fatto chio continente. In particolare: dall’aspetto nordico pure quel- sciarada leghista necessita di no contro chi promette che con re non ne ha più. La clessidra
quella dell’incentivo economi- ed altro rispetto ai servizi sociali “Le ragioni dell’incentivo hanno lo. E dopo la spiegazione e le in- gambe e fiato. Sulla vendem- gli Ogm si risanano i bilanci. scorre. Se lo osservi attenta-
co (solitamente variabile tra i già giudicato obbligatori”. ricorso contro tratto impulso da rilievi che da dicazioni della modalità di ac- mia cinefila, Zaia aveva puntato L’unica via per risalire è unire mente in controluce sembra di
500 e i 1000 euro) per i nuovi Introdotto nel 2007, il bonus be- poco tempo vengono diffusi dal cesso al bonus compaiono le fir- molto. Sognava Quentin Taran- tradizione e qualità, senza di- vedere Leopoldo Trieste nel
nati introdotto da molte ammi- discriminatorio bè della giunta del sindaco Ste- l’alt alla loro Parlamento europeo secondo me del sindaco e degli assessori tino, avrebbe preso in spalla menticare l’identità veneta”. film del ‘53: “E una mattina ti
nistrazioni comunali soprattut- fano Candiani aveva già fatto cui, a fronte di un preoccupante ai Servizi Sociali e Servizi Educa- Depardieu e Deneuve e alla fi- Un tuono interrompe il grande svegli, eri ragazzo fino a ieri e
to del profondo nord. Diverse dai giudici parlare per una peculiarità: a dif- decisione progressivo aumento della po- tivi rispettivamente Cesare Cre- ne, si era entusiasmato persino classico. Sorriso, calcolata pau- adesso non lo sei più”.

L’intervista Filippo Penati (Pd) ” ” “Sporco negro”: la soluzione dei ragazzini


Luca Zaia (FOTO ANSA)

“Spot xenofobi per coprire il fallimento del Carroccio” IN TRE, TUTTI ITALIANI, PESTANO UN COETANEO DI ORIGINE CUBANA
di Paola Zanca razza è abominevole, figuria-
moci tutelare una razza che ci
Colpa della crisi?
Colpa di un governo che parla
serva a organizzare il Paese ma
a dividerlo.
Altro che tiamola anche di chiamare la
Lega “il partito del territorio”.
di Davide Milosa sette a schiera e giardinetti
curati a due passi da Milano.
no in due e il terzo lo picchia-
va”, racconta la donna.
a riannodare i fatti. E lo fa con
la voce rotta dal pianto e dalla
figlio glielo ha dato”. Dopodi-
ché Filippo si è spostato nella
ieci anni da assessore e otto
Dvanni.
da sindaco di Sesto San Gio-
si è inventati.
Ma queste sono parole d’or-
tanto di federalismo, ma intan-
to strozza le casse dei Comuni:
Dunque, niente rincorsa sui
temi cari ai leghisti?
partito del Non è così?
La Lega sta cambiando pelle: Ebirerauninsulti
già successo. Per quasi
anno aveva dovuto su-
Atmosfera tranquilla da nord
operoso, dove la violenza
Quelli erano bulli conosciu-
ti, poco più grandi di Filippo,
rabbia per quella violenza in-
sensata. “Mio figlio era al par-
zona dell’altalena. “Quando
ha visto che stavano per rom-
Più, altri cinque da pre-
sidente della provincia di Mila-
dine che hanno presa. Co-
me si fa a cambiare vocabo-
non si riesce più a fare le po-
litiche tradizionali, figuriamo-
Il Pd deve stare dentro quei te-
mi, non può girare la testa, ma
territorio: quella del territorio è l’ultima
favola che raccontano. La veri-
e prese in giro per
il colore della sua pelle. Lui
contro lo straniero cova die-
tro ad appartamenti ordina-
ma tutti iscritti alla scuola
media Gianni Rodari di Ver-
co con due amici della stessa
età quando sono arrivati i tre.
pere lo skateboard è andato a
riprenderlo”. Da qui è inizia-
no. Filippo Penati, la Lombar- lario? ci quelle innovative. con le sue risposte. Le ammi- tà è che sta diventando una for- faceva finta di nulla e tirava ti, belle fontane, strade puli- mezzo. Una scuola normalis- Hanno salutato e gli hanno to tutto. “Lo hanno insultato
dia la conosce bene. E ora, da Spiegando che il concetto di Eppure il Pd sul federalismo nistrazioni di centrosinistra in parlano za di destra xenofoba, come Le dritto. Forse non capiva il te. sima, dove il bambino cuba- chiesto il suo skateboard. Mio dicendogli negro di m..., poi
capo della segreteria politica bonus bebè è pura demagogia. ha sempre cercato il dialo- Lombardia hanno fatto politi- Pen in Francia. Filippo Penati (FOTO ANSA) motivo di tanto odio. Ma L’episodio è avvenuto giove- no, di padre italiano e nato due lo hanno tenuto fermo e
di Pierluigi Bersani, tocca an- Uno strumento assolutamente go... che di tutt’altro stampo, quan- di federalismo Un ritorno alle origini? quelli continuavano a chia- dì pomeriggio, ma solo ieri nel nostro Paese, non ha mai uno ha cominciato a colpirlo
che a lui capire come compor-
tarsi nella terra dei leghisti.
inefficace, perché è solo una
mancia che si dà a chi già ha
Il Pd non cerca accordi politi-
cisti, non lo sta facendo e non
do ero in Provincia abbiamo
stanziato venti milioni di euro ma strozzano Ricominciano ad alzare il ves-
sillo più radicale del loro arma-
gente e la tradiscono appena
girato l’angolo.
marlo “sporco negro”. Fino a
ieri, quando dalle parole so-
mattina mamma Nurka, 40
anni, da 15 in Italia, si è de-
avuto problemi. “E’ un ragaz-
zino pieno di amici e ben in-
L’aggressione con dei pugni: gli hanno rotto
il naso e gonfiato tutta la fac-
Penati, come si smonta la
tesi degli amministratori di
deciso di avere dei figli. Il pro-
blema è che c’è bisogno di po-
lo farà. Il federalismo ci inte-
ressa perché fa parte della no-
per gli asili nido.
Però quando siete all'oppo- i comuni mentario per coprire le delu-
sioni del loro elettorato. La Le-
Quindi il Pd con la Lega non
ha intenzione di parlare?
no passati ai fatti, o meglio, ai
pugni e ai calci in faccia, alle
cisa a sporgere denuncia. Il
suo è un racconto straziante
tegrato”, raccontano qui a
Zelo Surrigone.
alle porte di cia”. Una violenza assurda a
cui gli amici di Filippo, più
Tradate?
Se non fosse una cosa seria, di-
litiche familiari vere: il trend
del calo demografico si inverte
stra cultura, è una battaglia per
l’organizzazione del Paese. Ab-
sizione non fate la voce
grossa.
ga sul territorio sta soffrendo,
perché sta approvando tutto
Noi parliamo all’elettorato del-
la Lega, che è un elettorato po-
braccia, alle gambe, ovun-
que. E tutto per una sempli-
che parte con quella corsa
frenetica da una ospedale GIOVEDÌ SERA, invece, la
Milano: calci piccoli degli aggressori, han-
no assistito terrorizzati.
rei che una scemenza. Non so- attraverso servizi, sgravi fisca- biamo dato la nostra disponi- Guardi, io in passato per aver perché le parole pesano come quello che serve a Berlusconi. polare e non va dato una volta ce skateboard conteso. Vitti- all’altro per portare soccor- donna rincasando dal lavoro Eppure non era la prima volta
lo perché, come ha avuto mo- li, aiuti alle donne che diven- bilità a discutere di un tema usato la parola sicurezza, macigni. Anche se a volte ab- Ora anche i dirigenti nazionali per tutte come assegnato a lo- ma un 12enne di origini cu- so al suo Filippo. Sì perché ai ha trovato Filippo seduto in e pugni che il bambino subiva le vio-
do di dire il Tribunale, non ha tano madri. Oggi temo che ci perché non è una legge che du- quando si credeva che la po- biamo di fronte concetti diffi- alzano tiro sugli slogan xeno- ro. Lo si conquista nel momen- bane. Poco più grandi, inve- pugni che gli hanno frattura- salotto con il volto tumefatto. lenze di quei ragazzi. Raccon-
presupposti giuridici per reg- siano molte famiglie che vor- ra per un periodo, è una rifor- tessero usare solo quelli di de- cili da spiegare, dobbiamo sta- fobi per coprire i fallimenti del to in cui si smaschera la dop- ce, i suoi aguzzini già identi- to il naso si sono aggiunti i “Lo hanno accompagnato gli Era stato ta ancora mamma Nurka: “Lui
gere, ma soprattutto perché rebbero avere figli ma non lo ma profonda. Ma più passa il stra, sono stato accusato di es- re attenti a non essere grosso- governo. Il nostro compito è piezza e il cinismo politico dei ficati dai carabinieri. L’ag- calci. E fin da subito si è ca- amici con cui era al parco, io tornava a casa, mi raccontava
parte da un concetto abomine- possono fare perché c’è un si- tempo, più ci vengono i dubbi sere “lo sceriffo di sinistra”. So- lani, a non usare parole evoca- smascherare la loro demago- leghisti, dobbiamo dimostrare gressione a sfondo razzista pito che lo skateboard era so- l’ho portato subito al pronto minacciato tutto, ma io gli dicevo di la-
vole, quello della tutela della stema produttivo che non reg- che il federalismo della Lega no convinto che non bisogna tive, a non legittimare le spinte gia, quella per cui dicono una che la nostra proposta è più ef- ha avuto come teatro il parco lo un pretesto per iniziare a soccorso e poi sono andata sciarli perdere, che erano so-
razza padana. Già tutelare una ge. sia solo un’etichetta, che non parlare lo stesso linguaggio, razziste. Ma, attenzione, smet- cosa quando parlano con la ficace. giochi di Zelo Surrigone, ca- menare le mani. “Lo teneva- dai carabinieri”. Quindi inizia altre volte lo degli ignoranti”.
pagina 4 Sabato 4 settembre 2010

E
POLITICHE

state, tempo di feste politiche. democratico a Torino, dove sono intervenuti Lorenzo, la festa della Federazione della
Da Torino a Labro, Quest’anno il clou di fine estate tutti i principali dirigenti, che si concluderà il sinistra, nata dalla fusione tra Prc e Pdci.
è l’incontro dei finiani di Futuro e 12 con un intervento di Pier Luigi Bersani. Infine, inizierà l’8 settembre e durerà fino al
Libertà a Mirabello. In corso dal 31, si A Labro, vicino Rieti, c’è la festa di Api, il 13 ancora a Roma, al Colosseo, Atreju, la
tutte le feste concluderà domani con un intervento neonato movimento di Rutelli: anche questa manifestazione della Giovane Italia, i giovani
attesissimo di Fini, che ritornerà a parlare si chiuderà domani con un intervento dell’ex del Pdl, che verrà aperta per il secondo anno
in veste di leader politico. sindaco di Roma. consecutivo da Silvio Berlusconi, introdotto
dell’estate In corso anche la festa del Partito Appena iniziata sempre nella Capitale, a San da Giorgia Meloni.

CASTA MEDITERRANÉE
I luoghi della prima Repubblica avevano ambizioni
claustrali. La seconda è vacanziera e pop
di Luca Telese la mondanità prevale sulla semi- dere, è un evento politico che fa le, e quelli della vecchia An di di un altro luogo termale decadu- simbolica. A Mirabello Fini fu bat-
narialità, che il gorgo dell’opinio- da cardine fra due stagioni impor- Gianfranco Fini. E persino con to (potete capire quanto mi stes- tezzato “Delfino” da Giorgio Al-
grandi luoghi della prima ne politica si agita sempre intor-

I
tanti: il Midas fino ad allora era sta- qualche corto circuito paradossa- se a cuore) quella Telese terme, mirante e a Mirabello Silvio Ber-
Repubblica, avevano sem- no ai santuari vacanzieri. Un tem- to un hotel dedito alla convegni- le, come quando le assisi pannel- che per tre anni fu la residenza lusconi e le (per ora presunte) ar-
pre un che di seminariale: ar- po la politica inseguiva una aspi- stica minore, che divenne d’impe- liane si sovrapposero a quelle che privilegiata dell’Unione. Solo Ro- mate di Michela Brambilla vor-
rivavi alla scuola quadri del razione di assoluto, adesso si ac- rio simbolo della consacrazione incoronavano la leadership di mano Prodi, in contro-tendenza, rebbero inchiodarlo alla prova di
Pci delle Frattocchie e ti pareva contenta delle locazioni turisti- del craxismo, il topònimo delle Massimo D’Alema. Era un passag- provò a designare come sede fuoco di una contestazione orga-
di chiuderti in un piccolo semi- che. Enrico Letta, solo tre anni fa, congiure correntizie che aspirano gio di stagione evidente, quello dell’ulivismo un castello (come nizzata. A Mirabello vedremo sfi-
nario rosso, bussavi alle porte ambientò la sua campagna per le alla presa del potere. Non per ca- del Midas, che segnava la transi- Gargonza) e un eremo (come Ca- lare anche il messo di Libero che
della scuola democristiana della primarie “sulle spiagge del Tirre- so, da allora, l’albergone e i suoi zione dalla fase monastica della maldoli). Mentre Giorgio Napoli- vuole consegnare al presidente
Camilluccia, ed era come murar- no”. sterminati sotterranei ospitarono politica a quella alberghiera. tano, con coerenza adamantina della Camera le firme che lo con-
si in un piccolo e serioso mona- tutti i riti congressuali della nuova con le sue passioni europeiste, lo testano. I riti del seminario si
stero fatto di lezioni austere e se- IL RITO DEL MIDAS Il primo politica, con particolare preferen- SUPERMERCATI, RITI invitò a far risorgere l’Ulivo a Ven- estinguono di fronte a quelli della
riose. Anche la Cgil aveva la sua rito di passaggio però, a ben ve- za per quelli di osservanza radica- TERMALI La metamofosi ana- totene (in omaggio alla bella sto- teatralità, le conventicole inizia-
skolè, che pareva ricalcata sul grafica fra la vecchia e la nuova ria di Altiero Spinelli). Ma il tem- tiche lasciano il passo alle aduna-
modello di quella del Pci (e gli destra, forse non a caso, si cele- po era cambiato, e l’ulivismo ce- te oceaniche. L’evento funziona
era pure geograficamente vici- brò in un luogo quasi alieno, un dette ai nuovi tempi insieme alle ancora meglio se oltre ad avvin-
na) nella più ridente Ariccia che supermercato, quello storico di sue residenze medievalistiche. cere intrattiene, se oltre al relato-
fu teatro di epici caminetti ricon- Casalecchio del Reno, dove Silvio Enrico Cisnetto si appropriò con re allieta anche la famiglia. O ad-
ciliativi durante la Svolta della Berlusconi (tempi lontani) invita- successo dell’estate di Cortina, dirittura la corte, come nel caso
Bolognina. va a votare un leader ex missino. portando sul palco nuovi eroi a della Certosa, un vero parco a te-
Del resto anche Gianfranco Fini cavallo fra politica e finanza: in ma sul berlusconismo, con tanto
CLAUSTRALITÀ Anche la trovò un nomina loci che evocava terra veneta presero piede le co- di vulcani, menestrelli e finte eru-
più secolarizzata e prosaica delle già in sè il lavacro purificatore di miziate applauditissime di Vitto- zioni. La politica si adatta al tem-
correnti democristiane – quella una purificazione termale: Fiug- rio Feltri, le firma copie di Magdi po del Mediterranèe.
dorotea – prendeva il nome dal gi. Allam e le passeggiate dolomiti-
convento di Santa Dorotea che le E dopo di allora, nulla fu come che di Gianni Alemanno. Ai piedi FESTE DEMOCRATICHE Di
aveva dato i natali. E Todo Modo, prima. Nella seconda Repubblica delle Alpi mise le tende Enrico fronte all’insorgenza di queste
capolavoro inarrivabile della let- capitava che luoghi minuscoli as- Letta, ribattezzando Drò, in nuove forme rappresentative del-
teratura sciasciana, metteva in sumessero, per contrappasso, Ve-drò. Mentre Rutelli con l’Api la politica spettacolo, prevalgo-
scena un riconoscibile Aldo Mo- importanza macroscopica. Cle- sceglie un inedito Labro no il luogo di culto e il ritiro ini-
ro che (ben prima del martirio mente Mastella risollevò la fama ziatico. E paradossalmente per-
brigatista) era tratteggiato con ZOLLE IN VENDITA E il pra- dono di identità le feste democra-
umori isterici e deformazioni ma- tone verde un tempo periferico di tiche che sono per definizione iti-
niacali, chiuso nella claustralità
dell’”eremo di Zafer”. La piazza
Da Frattocchie Pontida fu rivestito dalla Lega di
aure epico-celtiche, insieme alle
neranti. Sempre straordinaria-
mente redditizie, ma sempre po-
della sinistra comunista, in ogni
caso, era la piazza dei Santi per
a Pontida, da baite di Ponte di legno. Una palin-
gensi così brusca che gli ettari di
liticamente più periferiche (vedi
polemica sulla presenza di Ro-
eccellenza (San Giovanni) e quel-
la della destra era piazza del Po-
Todo Modo a terra anonimi venivano riscattati,
zolla per zolla, con una inventiva
berto Cota) perché l’avversario
veste i panni del nemico, e sce-
polo. Il centrosinistra del 1964 forma di azionariato popolare. glie di non contaminarsi nel con-
nacque con due storici convegni Mirabello: A Lorenzago Giulio Tremonti ha fronto. A Genova Lino Paganelli
a San Pellegrino, che alludevano portato saggi costituzionali in si giocò la presenza dei ministri
già alla rinascita battesimale. come cambiano pantaloncini di velluto e bevute berlusconiani per una battuta
Viaggio in Italia Ecco nordiste. La più antica delle feste che nell’estate di Noemi fece
VACANZIERISMO Se provi dove si fanno feste e comizi, i posti scelti politiche stanziali rimasta in pie- scuola: “Questa è una festa, non
invece ad indagare sui ritrovi del- scuole e congressi di, quella di Mirabello, è oggi tea- un festino”. Parigi, a volte, val be-
la nuova politica, scopri che oggi dalla politica tro di una contesa che è anche ne una messa.

“NUOVO ULIVO”
IL COLLE “Sostegno
PD, ANCHE LA BINDI CHIAMA FINI ai Magistrati”
di Stefano Caselli gretario del partito Popolare Pierluigi cupare i vertici del partito. Bersani, in- iorgio Napolitano sollecita le istituzioni a so-

a situazione è incerta e noi siamo


Castagnetti, intercettato a Torino tra il
pubblico della Festa Democratica:
vece, lancia segnali ai transfughi
dell’Api di Rutelli: “Con Api – dichiara il
Gchestenere la magistratura e le forze dell’ordine
combattono le organizzazioni mafiose. Na-
“L f lessibili”. Parola di Pierluigi Ber-
sani. E c’è da credergli: porte spalan-
“Con i finiani è opportuna un’alleanza
pre e post elettorale per una nuova le-
segretario ospite alla festa della forma-
zione rutelliana – possiamo immagina-
politano ha parlato in occasione del ventottesi-
mo anniversario dell’uccisione del prefetto Car-
cate a Futuro e Libertà, all’Udc, all’Api gislatura costituente”. Dunque si pro- re un re-incontro, non so se il Terzo lo Alberto Dalla Chiesa, della moglie Emanuela
di Rutelli, un occhio ai veti incrociati tra fila un’ammucchiata? “No di certo – Polo ci sarà ma è assolutamente imma- Setti Carraro e dell’agente Domenico Russo. “Il
Di Pietro e Casini, un orecchio alla va- precisa Rosy Bindi – non ho proposto ginabile un’alleanza di governo”. Quan- ricordo del sacrificio del generale Dalla Chiesa”,
riegata area della sinistra. Nel Pd – è né alleanze con Fini né ammucchiate. to ai finiani, il segretario non si sbilan- ha scritto in un messaggio inviato al prefetto di
chiaro – tira sempre più aria di elezioni Ho ripetuto cose già dette in queste set- cia, ma tutti (almeno nel Pd) sembrano Palermo Giuseppe Caruso, è “ancora oggi pre-
anticipate e i massimi dirigenti fanno a timane; se Berlusconi cerca una prova dare per certa una rottura definitiva nel ziosa occasione” per “rinnovare un convergente
gara a dare un volto a quel “Nuovo Uli- di forza, chiederemo a tutti di difendere centrodestra: “Ci aspettiamo coeren- e deciso sostegno delle istituzioni repubblicane
vo” annunciato da Bersani nell’ormai la Costituzione e la democrazia”. E Ca- za”, dichiara Castagnetti. E forse in no- e della società civile all’attività di contrasto delle
celebre lettera a Repubblica. Ieri è stato il sini? “Credo che l’Udc debba entrare in me della coerenza Italo Bocchino frena: organizzazioni criminali svolta dalla magistratu-
turno di Rosy Bindi: “Se questa nuova forza – “Siamo nel centrodestra e rimaniamo ra e dalle forze dell’ordine, al fine di contenerne
Berlusconi e la Lega – conclude Bindi – si è nel centrodestra – dichiara il capogrup- la capacità di controllo del territorio e di infil-
dichiara il presidente
del partito ai microfoni
Veltroni si tiene aperta una nuova pos-
sibilità per costruire
po Fli – non ci sono ragioni per elezioni
anticipate, né ci sono ragioni politiche
trazione nella economia, nazionale e internazio-
nale”. Sempre ieri in un’intervista al Messaggero
di Telelombardia – do-
vessero portare il Paese
fuori dalla una nuova alternativa
di governo”. Che pochi
e culturali per alleanze con la sinistra”.
Dall’arena – nonostante il sasso lan-
Napolitano aveva sollecitato una politica incisi-
va in favore dei giovani. “Molti sono senza un’oc-
alle terze elezioni in sei
anni, allora noi propor-
mischia: “Sono giorni fa il pubblico di
Torino abbia sonora-
ciato sul Corriere della Sera – si tiene alla
larga Walter Veltroni, ieri a Torino in
cupazione, molti sono impegnati in un’attività
formativa, molti stanno terminando pure questa
remo a Fli un’alleanza mente fischiato Franco compagnia di don Luigi Ciotti: “Sono attività e finiranno con l’aggiungersi ai primi", ha
per la democrazia. Noi ottimista. Marini, per aver detto, ottimista – dichiara il fondatore del Pd – ricordato il capo dello Stato in un colloquio con il
staremo con tutti colo- durante un dibattito penso che la maggioranza degli italiani direttore, Roberto Napoletano. “Dobbiamo riu-
ro che sono disponibili Gli italiani con Antonio Di Pietro, sia pronta per accogliere un messaggio scire a dare risposte anche muovendoci nei limiti
a salvare la Costituzio- che il “compito del Pd di cambiamento”. Vana la richiesta di stretti che l’impegno ineludibile dei vincoli di bi-
ne”. pronti a un è portare Casini dalla una presa di posizione più circostan- lancio dello Stato ci impone”, ha poi ammonito.
Una posizione che nostra parte”, non è co- ziata. Veltroni preferisce svicolare ver-
trova sponda nell’ex se- cambiamento” sa che sembra preoc- so i ristoranti della Festa democratica.
Sabato 4 settembre 2010 pagina 5

C
MINISTERI E MEDIA

on le prime riunioni delle Santoro ha garantito che “nulla sarà cambiato”. confronti della trasmissione condotta da
Il programma produzioni, sbloccate da Mauro Mentre ieri Beppe Giulietti (Articolo 21) e Michele Santoro". "Stiamo assistendo alla
Masi, Michele Santoro ha guadagnato Vincenzo Vita (Pd) hanno firmato una nota traduzione aziendale di ordini che sarebbero
altri punti in suo favore e a danno comune in sostegno della trasmissione. stati dati in piu' occasioni dal presidente del
di Santoro si chiamerà dell’ostruzionismo del direttore generale. Dal "Vogliamo continuare a vedere Annozero dove Consiglio e dai suoi fedelissimi. E così -
palinsesto è scomparsa la dicitura ‘spazio era, come era e con i protagonisti di sempre, e aggiungono - dopo aver regolato i conti con
Santoro’, il programma che andrà in onda da contrasteremo con ogni mezzo la campagna di Annozero tenteranno di mettere sotto tutela le
di nuovo “Annozero” giovedì 23 settembre si chiamerà Annozero. E mobbing che l'azienda sta mettendo in atto nei altre trasmissioni incriminate”,

Frequenze, perché B.
vuol restare ministro
POCHE SETTIMANE E MEDIASET
OTTERRÀ IL SUO BOTTINO DIGITALE
di Carlo Tecce di ricevere l’uno per cento sul fat- tiplex in A (tre) e in B (due). Per il
turato annuale. All’estero sono gruppo B corrono Mediaset e
a poltrona è d’oro pur con più severi: 4 o 5 per cento. Rai, vincenti quotati a zero per-

L la correzione ad interim. Il
ministero per lo Sviluppo
economico, lasciato da
Claudio Scajola a maggio per
Il passaggio dall’analogico al di-
gitale ha premiato con dieci mul-
tiplex Rai e Mediaset, tre Tele-
com Italia media (La7) e il resto a
ché ormai sicuri. Mentre le emit-
tenti più piccole si contenderan-
no i tre multiplex del gruppo A.
Un multiplex aggiuntivo fa gola a
Sul viceministro con delega alle Comunicazioni Paolo Romani c’è il veto del Quirinale: non può avere il posto che fu di Scajola (FOTO LAPRESSE)

una casa a sua insaputa, fa co-


modo a Silvio Berlusconi: “Il
emittenti nazionali come Rete A
(l’Espresso), Telecapri ed Euro-
Mediaset: “Vogliono creare una
televisione in altissima definizio-
Quasi pronta la giuria che deve le televisioni locali: “Decine di
loro sono poveri di risorse e pa-
mio incarico è stato vuoto? No, pa 7. I cinque multiplex da asse- ne. Più tecnologia significa più linsesti: chiederemo di fare dei
pieno”. gnare doveva rientrare nel “divi- spazio, ma pretendono più spa- decidere a chi assegnare i canali consorzi oppure di cederci le
dendo digitale”, un mucchio di zio senza toccare l'offerta attua- reti”, dice il viceministro al Fat-
Il concorso frequenze da vendere all'asta per le”, spiegano all'Autorità. E poi liberati dalla nuova tecnologia to. Cedere gratis o il governo
di bellezza diffondere le connessioni veloci c'è la partita uno contro nessuno comprerà frequenze per poi
nelle periferie italiane e sostene- per una rete mobile: “Anche qui venderle? “Non posso escluder-
re un traffico dati in aumento e partecipa soltanto Mediaset”, in- nome del successore di Scajola all'ultimo chilometro. Presto si- lo. Ma per capire dobbiamo
IN REALTÀ manca una tornata dunque pericolante: “Rischiamo teressata a prevenire la concor- al ministero”. Ma forse dovrà stemeremo i 5 multiplex, poi aspettare una legge”. E poi
di nomine per fare il pieno comple- il collasso con i telefonini e Inter- renza potenziale dei contenuti pazientare un mese, non di più, passeremo al dividendo digita- eventuali ricorsi, impugnazio-
to. Una giuria del ministero per as- net”, avvisava Corrado Calabrò via cellulare. perché il concorso di bellezza è le”. Il mistico “dividendo” è po- ni, risarcimenti. Spariti i nuovi
segnare i cinque multiplex (pac- (presidente Agcom) nella rela- pronto. L'Agcom ha ricevuto il vero di frequenze perché la te- operatori per ravvivare un mer-
chetti di frequenze) del digitale ter- zione annuale alla Camera. Con Il regalo timbro dall'Unione europea levisione ha preso l'impossibi- cato fermo agli anni Ottanta,
restre che, sul territorio nazionale, un incastro di categorie e sigle, in digitale sulle regole del gioco, ora tocca le. E così per imbiancare le vec- bloccati i buoni propositi di Sky,
corrispondono a circa 25 canali, una delibera dell'anno scorso cri- al ministero incaricare la giuria chie telecomunicazioni – in un pista libera per Mediaset: la
più un multiplex per la televisione ticata dai commissari Nicola e iniziare le sfilate in passerella. momento di innovazione che penna del conflitto d'interessi,
sul telefonino. Una distribuzione D'Angelo e Sebastiano Sortino, BERLUSCONI promette: “La Il viceministro Paolo Romani ha mai più tornerà – il governo di anche se pesa, fa un gran bene a
(gratuita) di ricchezza con la for- l'Agcom ha diviso i cinque mul- prossima settimana avremo il un appunto sull'agenda: “Siamo destra farà espropri di massa al- Berlusconi e ai suoi affari.
mula del beauty contest, un “concor-
so di bellezza” per società già sul
mercato con buone referenze e RISPOSTA A NAPOLITANO
lunghi trascorsi. Sintesi dell’an-
nuncio: no perditempo, sì a Media-
set. Com’è possibile svendere la
banda larga? Com’è possibile inta-
sare un mercato di monopoli? Con
SOLO DUE NOMI PER LO SVILUPPO: BALDASSARRI O ROMANI
spezzatini delle frequenze pensati di Stefano Feltri ti i modi che Romani, oggi vi- gi, che non ha gradito i richia- grammi, non di poltrone”, dice un discorso di tregua potrebbe
su misura per l’azienda del presi- e Sara Nicoli ceministro dello Sviluppo per mi di Napolitano di questi al Fatto Baldassarri. E’ chiaro arrivare la nomina di Baldassar-
dente del Consiglio, un’istruttoria il Colle non ha il curriculum giorni, stia valutando la forza- che affidare un ministero così ri.
aperta e chiusa dall’Unione europa ultimo tentativo di fare pa- adatto ed è considerato trop- tura definitiva: se il Quirinale
e il governo italiano che rinuncia –
secondo stime non ufficiali del-
L’Gianfranco
ce tra Silvio Berlusconi e
Fini passa per il
po vicino alle aziende del pre-
mier. “Devo precisare che il
vuole un ministro, avrà Roma-
ni. Oppure niente. Sarebbe
pesante come quello dello Svi-
luppo a un finiano – e Baldas-
sarri è uno di quelli con il mag-
Ci sono però molte incognite.
La prima è che Fini non sembra
orientato a fare un discorso
l'Autorità di garanzia – a 3,5 miliar- ministero dello Sviluppo eco- Capo dello Stato non ha mai un’ulteriore scontro frontale gior peso politico – sarebbe un troppo pacifico. Seconda inco-
di di euro e, particolare da bollino nomico, vacante da quattro respinto alcuna candidatura”, con il Colle in un momento sigillo a un armistizio tra Ber- gnita: il dossier delle frequen-
rosso, a favorire la crescita delle te- mesi. E, rispondendo alle ri- ha scritto ieri Berlusconi in che già si presenta delicato lusconi e Fini ad oggi tutt’altro ze digitali (vedi pezzo sopra) è
lecomunicazioni. chieste del Quirinale di fare una nota della presidenza del per i numerosi dossier sulla che scontato. “Non c’è nessun troppo delicato per affidarlo a
I governi di mezzo mondo hanno presto a trovare un sostituto di Consiglio. Anche perché, si giustizia. riavvicinamento, aspettiamo un finiano. Terzo problema: la
preferito sfruttare il passaggio Claudio Scajola, Berlusconi ha legge, “nella mia veste di Pre- Mirabello e vediamo”, com- politica economica che ha in
dalla televisione analogica al di- assicurato: “La settimana pros- sidente del Consiglio e per il C’È PERÒ un’ipotesi alterna- menta Italo Bocchino, deputa- mente Baldassarri è l’opposto
gitale per incassare miliardi ven- sima sottoporrò al capo dello mandato costituzionale che tiva, difficile da praticare ma to finiano. di quella del Tesoro Giulio Tre-
dendo all’asta le frequenze libe- Stato il nome di un nuovo mi- mi spetta, non ho mai propo- non del tutto abbandonata: il A mettere in fila gli eventi, si monti. “Siamo complementa-
rate dal cambio di tecnologia: 19 nistro dello Sviluppo”. Lo ave- sto finora candidati al Capo senatore Mario Baldassarri, nota questa sequenza: Berlu- ri”, assicura Baldassarri. Forse.
miliardi per gli Stati Uniti, 8 per la va già promesso a fine luglio. Il dello Stato”. In effetti Berlu- l’economista passato dal Pdl a sconi incontra Baldassarri, di- Uno, Tremonti, vuole il rigore
Germania e così in fila Gran Bre- presidente Giorgio Napolita- sconi non ha mai formalmen- Futuro e libertà di Gianfranco scutono di politica economica contabile e si prepara ad af-
tagna, Francia e Olanda. Ma l’Ita- no mise il veto sull’unico no- te avanzato il nome di Romani, Fini. “Io e Berlusconi ci cono- e dell’idea che i finiani hanno frontare l’autunno con una “fi-
lia ha solo confezionato grandi me che palazzo Chigi portava ma solo perché non voleva ri- sciamo da trent’anni, è vero, degli interventi da fare in au- nanziaria tabellare”, come la
regali per due (o tre) grandi ope- avanti, cioè Paolo Romani. Il schiare una bocciatura palese. mi ha chiamato e ci siamo visti, tunno, domani Fini parla alla chiama. Cioè un intervento di
ratori e il governo si accontenta Quirinale ha fatto capire in tut- E pare che adesso palazzo Chi- ma abbiamo parlato di pro- festa di Mirabello, se il suo sarà bilancio che serva solo a rifi-
nanziare le missioni all’estero e
l’ordinaria amministrazione,

STALINISTI A DESTRA di Chiara Paolin


Palazzo Chigi potrebbe sfidare senza velleità di politica eco-
nomica. Perché – secondo il
il veto del Quirinale sul ministro – o si fanno tagli op-
BOTTE DA ETERE TRA ROSSI E PORRO viceministro alle Comunicazioni
pure è meglio muoversi il me-
no possibile. L’altro, Baldassar-
ri, ha ripetuto più volte quali
e è stato il primo round dello terrore anche solo di nominarlo, di
S scontro che animerà il ring
parlamentare a partire dalla prossima
stampare una sua foto, serve il
permesso per dire qualsiasi cosa”.
sono le sue idee: forte taglio al-
la spesa pubblica (almeno 15
miliardi di euro) per avere ri-
settimana, il risultato è secco: finiani Tenta il gancio Porro: “Non è vero, al sparmi da reinvestire su inter-
battono berluscones uno a zero. O Giornale non è così”. Colpisce in pieno venti che favoriscano la ripre-
meglio: Futuro e Libertà batte Il muso Rossi: “Ma io parlavo del partito, sa, come riduzioni di Ires e
Giornale per ko. mica di te che fai il giornalista. Il Irap.
E’ vero che nelle scorse setti-
Ospiti su La7 del talk-show Omnibus, in problema è che ormai il Pdl è totalitario mane è trapelata una certa ir-
4 minuti e 15 secondi il finianissimo e stalinista, chi ha osato alzare un dito ritazione di Berlusconi nei con-
direttore di Ffwebmagazine Filippo è stato sbattuto fuori”. A vuoto anche il fronti del ministro dell’Econo-
Rossi ha martellato senza pietà un colpo sui trascorsi di Filippo il Rosso, mia, considerato un po’ trop-
sempre più frastornato Nicola Porro, due anni da portavoce per Scajola, po autonomo e con malcelate
vicedirettore del Giornale. allora presidente Copasir: “E appunto vellità di comando (in un go-
“Con Berlusconi vince la linea degli che li conosco bene questi”. Pentito e verno tecnico). Ma è poco pro-
babile che Berlusconi voglia
zerbini – ha attaccato Rossi –, c’è il picchiatore: farà carriera.
sacrificare Tremonti sull’altare
della pace con Fini.
pagina 6 Sabato 4 settembre 2010

L
D-ISTRUZIONE

a riforma “epocale” targata numero spaventoso” i precari che lavorano La riforma prevede poi inasprimenti
La ristrutturazione Gelmini usa le forbici più che la nella scuola. 229 mila se si contano tutti disciplinari: chi farà più di 50 assenze in un
penna. Saranno 132 mila le coloro che hanno fatto almeno un giorno di anno verrà automaticamente bocciato.
persone che non troveranno più un posto supplenza. E allora come fare? Meno Prevista anche una riforma della scuola
“epocale” di lavoro nella scuola in 3 anni. Tutte cattedre significa meno insegnanti a superiore, dove nonostante la
persone che hanno lavorato disposizione dei ragazzi. Via le sperimentazione del liceo musicale, vedrà
continuativamente negli anni precedenti. compresenze, gli insegnanti di sostegno, il ridotta l’offerta formativa nei licei classici e
punto per punto Secondo il ministro i precari sono “un tempo lungo. scientifici con meno ore di lezione.

BOCCIATA LA GELMINI
La riforma non convince nessuno
L’ Avvenire: “Non speculare sulla pelle dei ragazzi”
di Caterina Perniconi ammettendo implicitamente duzione dei diritti di cittadi-
le lacune della sua riforma. E nanza, con una colpevole in-
a riforma della scuola differenza al futuro delle

L
ha ribadito che “l’attenzione
del ministro dell’Istru- del governo al tema dei pre- nuove generazioni”. E il se-
zione Mariastella Gel- cari è alta”. Alta, ma non ab- gretario del Pd, Pier Luigi
mini non convince nes- bastanza da incontrare civil- Bersani, ieri ha proposto al
suno, nemmeno i vescovi. mente chi chiede con ogni ministro di convocare urgen-
Ieri il quotidiano Avvenire ha mezzo (pacifico) un posto di temente un tavolo di crisi
dedicato un duro editoriale lavoro che si è guadagnato con i precari. “Non voglio
all’ipotesi ristrutturatrice sul campo. “Stiamo utilizzan- una sanatoria ma tra loro c’è
del dicastero di viale Traste- do tutti gli spazi che abbiamo gente che dopo 10 anni di
vere. “Non ce l’avevamo per poter dare una risposta ai lavoro si trova disoccupata,
con la Gelmini” spiegherà precari e poter iniziare così con un mutuo sulle spalle da
poi l’editorialista Davide l’anno scolastico nel miglio- pagare”.
Rondoni. Ma a leggerlo, tut- re dei modi” ha detto la Gel- Un invito a dialogare “nel
to sembra fuorché un elogio mini. Ma i posti a tempo in- merito” è arrivato anche dal
del ministro: “Nell’anno determinato che quest’anno governatore della Puglia Ni-
scolastico che sta per co- verranno banditi sono sol- chi Vendola. Ma per ora il mi-
minciare – scrive Avvenire – tanto 10 mila contro i quasi nistro si nega a qualsiasi con-
non si guardi ad altri inte- 100 mila vacanti. fronto.
ressi che non siano quelli
dei ragazzi, non si sfrutti il “I FATTI elencati nell’edi-
loro nome per richieste e
pretese, per quanto com- Al centro della fotografia Giacomo Russo e Caterina Altamore, al presidio in piazza Montecitorio (FOTO ANSA)
toriale di Rondoni – dice Ro-
sy Bindi, presidente dell’As-
“Il ministro
prensibili. Non si faccia car-
riera sulla loro pelle”. Il che, sità che la scuola. Una par- fuso e pieno di ombre”. condo Rondoni “meritereb-
semblea nazionale del Parti-
to democratico – interpella-
ha affrontato
secondo il giornale della
Cei, vale “per il Ministro, e
tita personale e politica su
cui sta scommettendo mol- UNA bacchettata anche
bero di essere portato davan-
ti ad un ‘plotone di esecuzio-
no in primo luogo chi ha
maggiori responsabilità isti-
il problema
per ogni adulto che ha una to”. Sulla quale il giudizio per i “fannulloni”: per Avve- ne’ di ragazzi armati di “pi- tuzionali e politiche e se la
funzione nella scuola”. dei vescovi non è positivo. nire “in giro ci sono un sacco stole ad acqua, elastici, Gelmini non vuole risponde- con gagliarda
“La signora ministro – affer- Nonostante gli sforzi, infatti, di furbastri che campano sul- schioppi di legno o mitra- re alla protesta dei precari
ma l’articolo senza possibi- anche per “interessi corpo- la e nella scuola e però dei gliette con i suoni elettronici ascolti almeno le riserve di e controversa
lità di fraintendimenti – ha rativi” e i “molti problemi la- ragazzi gliene interessa assai schierato dalla mattina alla Avvenire. Le politiche di que-
affrontato con gagliarda e sciati per strada” e “il pano- meno del giusto”. E per chi sera”. sto governo sono improntate volontà
dunque controversa volon- rama dell’avvio del nuovo lo fa i vescovi vorrebbero Il ministro ha definito “con- al sistematico taglio delle ri-
tà riformatrice sia l’Univer- anno scolastico appare con- una pena “ corporale”. Se- divisibile” l’editoriale, forse sorse per il welfare e alla ri- riformatrice”
PARADOSSI ITALIANI La testimonianza

Assunta dopo 11 anni senza aver mai insegnato


Il ministro dell’Istruzione ha annunciato ieri una nevole. Nel frattempo, quel quotidiano. Sono stata tra i pri- assunzione al Fatto e contem- parato a parlare davanti a una
riforma “epocale”. Purtroppo non è così. I problemi concorso, dimenticato. Ogni mi a cominciare a lavorare in poraneamente ho mandato la classe, né seguito lezioni di pe-
sono molti e restano. Di seguito, per esempio, la storia tanto mi arrivavano echi del questo giornale, quando ha mia rinuncia al posto di inse- dagogia. E dunque prendere in
di una giornalista che ha fatto un concorso pubblico fatto che stavano assumendo aperto, nel settembre 2009. gnante di ruolo a scuola. esame l’ipotesi di accettare un
per docenti 11 anni fa. Non ha mai insegnato un giorno insegnanti, pescandoli nelle Un contratto di un anno, con la Sono passati “solo” 11 anni da lavoro che non ho mai fatto, e
eppure la settimana scorsa ha ricevuto un telegramma graduatorie, o che si erano ria- promessa che se le cose fos- quel concorso. Non ho fatto che indubbiamente non so fa-
che annunciava la sua assunzione a tempo perti i bacini per le supplenze. sero andate bene sarebbe ar- corsi di aggiornamento o di ad- re, è stato quanto meno stra-
indeterminato. Caterina Altamore, la precaria che Una battaglia per chi era in- rivato il fatidico Articolo 1. E destramento, non ho mai ripre- no. Per fortuna, non c’è stato
protesta in piazza Montecitorio, lavora nella scuola da teressato a quel percorso. Io così, il primo settembre del so in mano le materie che avrei bisogno di considerarla sul se-
14 anni. Ma per lei nessun telegramma in arrivo. non ho mai fatto un giorno di 2010 ho ricevuto la lettera di dovuto insegnare, non ho im- rio.
supplenza: non avevo nessuna
energia da investire in quel
di Wanda Marra laureato in Lettere percorrere campo.

“L a S.V. assente alla con-


vocazione del 26 agosto
tutte le strade. E più o meno
altrettanto casualmente, il
concorso l’avevo superato, ot-
IN REALTÀ, erano forse
già un paio d’anni che, ogni
17esimo di Giacomo Russo
e Caterina Altamore
presso l’Usp di Latina classe di
concorso A043 è nominata
tenendo l’ingresso in gradua-
toria per insegnare Italiano,
fine di agosto, mi arrivava un
telegramma di avvertimento,
giorno non vogliono essere tutti assunti, ma vor-
remmo che fossero messi a disposizione
d’ufficio sulla Provincia di Ro-
ma”. Un telegramma, poche
Storia, Educazione civica e
Geografia.
con l’invito a presentarmi il
giorno tot nel posto tot per di protesta per l’immissione in ruolo tutti i quasi cen-
tomila posti vacanti che ogni anno ci ven-
righe, per informarmi della “eventuale stipula” di contrat- gono affidati. Le cattedre sono disponibili,
mia assunzione come inse- L’INSEGNANTE di scuo- to a tempo indeterminato co-
gnante di Italiano e Storia a
partire dal primo settembre.
la in realtà non avevo mai vo-
luto farla. E tutto sommato mi
me insegnante: non era ancora
arrivato il mio turno, ma se
Imaerimangiare
i medici ci hanno minacciato: dovete
qualcosa. Abbiamo ceduto,
il presidio resta e la protesta continua.
e allora perché non assumerci? Perché per
loro è più comodo se restiamo precari,
perché costiamo di meno. Ma noi non pos-
Con tanto di ordine perento- resi conto di non voler fare qualcuno avesse rinunciato, la Ci servono un po’ di forze per andare avan- siamo avere una qualità della vita decente
rio: “Pregasi comunicare ac- neanche la professoressa uni- graduatoria poteva scorrere fi- ti ma non molliamo la presa. Resteremo e i bambini perdono continuamente punti
cettazione o eventuale rinun- versitaria, la strada sulla quale no al mio nome. Segnali anche davanti a Montecitorio fino a mercoledì di riferimento.
cia entro 48 ore pena deca- allora mi ero incamminata: e questi quasi ignorati: la scuola prossimo, quando è prevista la mobilita- Nel pomeriggio abbiamo organizzato un
denza nomina in ruolo”. Un infatti, una volta terminato il per me – e forse non è nean- zione nazionale dei precari. Poi vedremo “flash-mob”, un gioco tipo “pronto Raf-
frammento dal passato, di- mio dottorato, con un salto nel che bello ammetterlo – non cosa succede, se avremo delle risposte. faellla” ribattezzato “pronto Maristella”.
menticato, e d’improvviso di- buio, cambiai totalmente lavo- era un’opzione. Nonostante gli Finalmente la notte abbiamo dormito in Abbiamo chiesto ai passanti di indovinare
venuto urgente. Nel 1999, ro. Sono 10 anni ormai che fac- indubbi vantaggi di un posto camper, ci siamo svegliati meno doloranti. quanti fagioli c’erano nel contenitore che
quasi arrivata alla fine del mio cio la giornalista. Una lunga garantito e statale negli anni La mattina siamo andati alla trasmissione rappresentavano il numero dei precari ita-
dottorato di ricerca, avevo fat- trafila di lavori diversi, e con- 2000, l’indiscussa nobiltà di un di Raitre “Cominciamo bene”, dove ci sia- liani, quelli che ogni anno prendevano la
to il concorso per l’abilitazione tratti precari, uno dopo l’altro. lavoro da educatore e il privi- mo potuti confrontare con un esponente cattedra e in 3 anni non l’avranno più: 87
all’insegnamento. Il cosiddetto Una fatica improba nel tenta- legio di un impiego con orari del Pdl, Osvaldo Napoli e uno del Pd, Igna- mila docenti e 40 mila Ata. Nessuno pen-
“concorsone”, l’ultimo bandi- tivo di trovare uno spazio in più che umani. zio Marino. Abbiamo potuto chiarire le sava a cifre così alte, come dieci stabili-
to prima che per insegnare ar- una professione ambitissima e Il caso ha voluto che la comu- nostre posizioni, specificare che il taglio menti di Mirafiori.
rivassero i corsi abilitanti. Una inflazionata. Un obiettivo per- nicazione della mia assunzio- delle risorse oltre che su di noi ricade an- Ieri sera poi c’è stata la fiaccolata di so-
carta provata un po’ per caso: seguito con un’ostinazione ne in ruolo sia arrivata contem- che sulla qualità della scuola. Quello che lidarietà dei ricercatori, una grande emo-
d’altra parte – allora come ora quasi ossessiva e una passione poraneamente all’assunzione abbiamo cercato di spiegare è che i precari zione .
– era quasi un obbligo per un forse addirittura un po’ irragio- a tempo indeterminato al Fatto
Sabato 4 settembre 2010 pagina 7

L
CRICCA CONTINUA

a prima lista Anemone spunta a maggio uffici legislativi, della Protezione civile e del ministero acquistare l’appartamento al Colosseo.
A maggio i primi nomi: scorso: 400 nomi di beneficiari di della Giustizia, dirigenti Rai, generali della Guardia di Lunardi si affidò all’imprenditore per la
interventi di ristrutturazione e Finanza e dei Carabinieri, agenti dei Servizi segreti. In ristrutturazione di tre sue proprietà. Bertolaso,
ricostruzione da parte della ditta edile di proprietà particolare di quella lista fecero clamore i lavori fatti ottenne l’incarico per sua moglie di ridisegnare il
Scajola, Lunardi dell’imprenditore romano. Nell’elenco - sequestrato per conto degli ex ministri Scajola e Lunardi e del verde del Salaria Sport Village, struttura di
il 14 ottobre del 2008 dalla Guardia di Finanza di capo della Protezione civile Guido Bertolaso. Scajola proprietà dello stesso Anemone, a sua volta
Roma negli uffici della società - politici, capi di - a sua “insaputa”, dirà - ricevette da Zampolini, per beneficiario di appalti da parte della Protezione
e Bertolaso gabinetto, capi di dipartimento nei ministeri, capi di conto di Anemone, assegni per 900 mila euro per Civile.

Lista Anemone/2
C’È UN COGNOME:
BERLUSCONI
Nuovo elenco di beneficiari
dell’imprenditore romano
Sopra, l’imprenditore romano Diego Anemone. In basso, Bernardo Provenzano (FOTO ANSA)

di Antonio Massari Berlusconi nell’inchiesta sulla Balducci sui Grandi eventi del- to contatti con l’avvocato Leo- mento. E prima di riattaccare da 250mila euro non arriva da
“cricca” che gestiva i “grandi la Protezione Civile. zappa, inizialmente mi aveva accenna a un provvedimento un componente della “cric-
è una seconda lista A suscitare l’interesse degli in- ca”, i pm ora cercano di capire

C’
eventi” disposti dalla Protezio- chiesto di costituire una socie- del Tar Lazio. In quei mesi, pro-
“Anemone”, sulla ne Civile. Di certo c’è soltanto quirenti, oltre il sostanzioso tà, per costruire su alcuni ter- prio dinanzi al Tar, pendeva un il motivo di questo ricco ver-
quale stanno indagan- che, tra i beneficiari dei lavori importo, è anche il firmatario reni, in prossimità della cen- ricorso – firmato dall'associa- samento, da ben 250mila euro,
do i pm di Perugia, e del principale indagato, Diego dell’assegno: una facoltosa trale del latte”. “Ha avuto con- zione Italia Nostra – sui lavori finito nelle casse del giudice.
tra i cognomi noti ce n’è uno Anemone, ora si scopre anche persona della Capitale, il cui tatti con Leozappa – domanda- per i Mondiali di Nuoto e sul
più noto degli altri: Berlusco- un Berlusconi. Sul punto, i pm nome è ancora coperto dal se- no i pm – per ‘sistemare’ qual- Salaria Village, entrambi ogget- GRANDI EVENTI SPA
ni. Sulla lista manca il nome, Sergio Sottani e Alessia Tavar- greto istruttorio. Sul genero cosa per conto di Balducci?”. to d’indagine, proprio per le Agli affari delle Grandi Opere,
però, e gli investigatori vo- nesi, intendono fare chiarezza del giudice, Leozappa, grava- “Balducci – risponde Gazzani vicende della “cricca”. e della Protezione Civile, si sa-
gliono capire se si tratti del al più presto. E non soltanto su no altre quattro operazioni so- – mi chiese di effettuare veri- Ed è proprio su segnalazione rebbe infine interessata anche
presidente del Consiglio op- questo: la procura di Perugia, spette. Il punto è che Leozap- fiche all’interno delle società di suo genero, Patrizio Leozap- la ministra del Turismo Miche-
pure di suo fratello Paolo. La che ha ormai ripreso il suo la- pa sembra un ulteriore punto dove vi era stata una cointeres- pa, che de Lise si sarebbe mos- la Brambilla che, per qualche
lista “due”, ancora una volta, voro a pieno ritmo, ha affidato di “contatto” tra de Lise e la senza tra Balducci e Anemone so per qualcosa: “Patrizio mi momento, avrebbe pensato di
riguarda i lavori effettuati dal- alla Guardia di Finanza il com- “cricca”. È lo stesso Gazzani (...). Leozappa agiva per conto aveva parlato di quella cosa – costituire un dipartimento ap-
le imprese di Anemone ed è pito di fare luce su almeno al- che, interrogato da Sottani e di Balducci nel chiedermi que- dice – ma quella non stava né posito. L’ipotesi emerge da
più stringata della preceden- tre due operazioni sospette. Tavarnesi, risponde: “Ho avu- sta cosa”. in cielo né in terra... quindi in- un’intercettazione: la telefo-
te, scoperta a maggio, che somma… e appunto… io l’ho nata, che parte dalla segreteria
contava circa 400 nomi. Estra- ASSEGNI SOSTANZIOSI “IL CAPO” È IN CASA? seguita un po’, quella storia del ministero di Scajola, è in-
polata dal computer del com-
mercialista di Diego Anemo-
La prima riguarda Pasquale de
Lise, oggi presidente aggiunto
Si indaga su un Ma anche de Lise è in contatto
con Balducci, come dimostra-
là... ma non... eh... appunto...
assolutamente”. Balducci rin-
dirizzata a Balducci. Dalla se-
greteria di Scajola giunge una
ne, Stefano Gazzani, l’elenco
comprende un centinaio di
del Consiglio di Stato, alta ca-
rica istituzionale ottenuta pro-
assegno da no le indagini dei carabinieri
del Ros di Firenze, nelle 20mi-
grazia. E anche Leozappa, suc-
cessivamente, riceve la sua fet-
notizia: c’è l’interesse della
Brambilla per il settore Grandi
persone, tra le quali ricom-
paiono l’ex ministro Claudio
prio nel bel mezzo dell’inchie-
sta, nel giugno 2010, quando il
250mila euro la pagine d’informative e inter-
cettazioni. Secondo il Ros,
ta di complimenti – questa vol-
ta da Diego Anemone – com-
Eventi. E la risposta di Balducci
è netta: meglio lasciar perdere
Scajola e la dicitura “via del Fa- suo nome (insieme con quello nell’epoca in cui era presiden- mentando: “Eh, io il mio lo fac- – questo il suo senso, in sintesi
gutale”, dove l’ex ministro di suo genero Patrizio Leozap- al presidente te del Tar Lazio, Pasquale de cio”. Nelle informative del – perché potrebbero indispet-
aveva preso la casa con vista pa) era già comparso, negli atti Lise era in contatti stretti an- Ros, inoltre, Balducci chiama tire sia il sottosegretario alla
Colosseo – quella pagata in d’indagine, come particolar- aggiunto del che con l’imprenditore Diego Leozappa chiedendogli se “il presidenza del Consiglio,
parte dall’architetto Angelo mente vicino a Balducci, l’ex Anemone. Se non bastasse, il 4 capo” fosse a casa. E il “capo”, Gianni Letta, sia il Capo della
Zampolini per conto di Ane- presidente del Consiglio dei la- Consiglio di settembre 2009, è proprio il secondo gli investigatori, po- Protezione Civile, Guido Ber-
mone. C’è anche il generale vori pubblici, accusato di cor- giudice a chiamare Balducci. trebbe essere proprio de Lise. tolaso, entrambi molto sensi-
della Guardia di Finanza, ai ruzione – sotto processo tra un Stato, de Lise Vuole fargli vedere un docu- E quindi: posto che l’assegno bili all’argomento.
vertici dell’Aisi fino a pochi mese – proprio per gli affari
mesi fa, Francesco Pittorru. legati alla “cricca”. C’è un fatto
nuovo, scoperto in queste set- LA TRATTATIVA
PAOLO O SILVIO? Una lista timane, che sta aprendo nuovi
più criptica della precedente scenari nelle indagini di Peru-
poiché, accanto ai nomi, man-
cano i riferimenti agli importi
e alle date dei lavori effettuati.
gia: un assegno da ben 250mi-
la euro, versato a de Lise,
nell’estate 2009, quindi in
IL REBUS DEL ‘PAPELLO’: “NON SI SA CHI L’HA SCRITTO”
E sulla quale, gli inquirenti, la- tempi piuttosto recenti che di Giuseppe Lo Bianco gli scritti consegnati ai magistrati, mancu a macchina scrive... ”, ha l’esistenza di un papello origina-
vorano ormai da mesi. È presto combaciano, soprattutto, con come egli stesso aveva detto, così detto rispondendo ai magistrati rio elaborato da Cosa Nostra, sia
per dire se, e quanto, possano
essere coinvolti Silvio o Paolo
i mesi caldi dei lucrosi affari
messi in moto da Anemone e Nqueion‘papello’,
c’è l’identità dell’autore del
né la conferma che
pizzini li abbia scritti proprio
come viene confermata l’attribu-
zione a don Vito delle lettere con-
segnate dal figlio. Il papello, inve-
di Palermo nel 2001. E i sette piz-
zini scritti, secondo Ciancimino jr,
da Provenzano “sono stati origi-
pure ancora anonimo. Sulla da-
tazione della carta corrispondo-
no anche gli esiti dei rilievi com-
Bernardo Provenzano, ma la car- ce, non si sa chi l’abbia scritto: la nariamente impressi – secondo i piuti sulle lettere consegnate da
ta del ‘contropapello’ di Vito Cian- scientifica ha escluso l’attribuzio- periti – con elevata probabilità, Ciancimino jr ai magistrati: quelle
P3 Carboni insiste: cimino risale proprio al ’92, così
come la firma in calce alla missiva
ne della grafia ai boss cui era sta-
ta disposta la comparazione (Rii-
da un’unica macchina per scrive-
re a martelletto verosimilmente
che secondo lui risalgono al ’94,
sono state scritte su una carta ef-
ad Antonio Fazio (non si sa se in- na, Cinà, Lipari) anche se in qual- portatile non riconducibile a nes- fettivamente in commercio in
“Sono tutte invenzioni” viata o no) è proprio quella di Vito
Ciancimino. Dalla perizia redat-
che caso gli stessi periti hanno
detto di non disporre di grafie
suna delle macchine per scrivere
utilizzate per redigere gli 11 do-
quel periodo, quelle del 2000 ri-
sultano redatte su carta molto
a P3? Pura invenzione. Tre mesi di carcere e quattro ore ta dalla polizia scientifica e depo- comparative in stampatello utili cumenti trasmessi per compara- più recente, entrambe dunque,
Lteggiamento
di interrogatorio, non hanno spostato di una virgola l’at-
di Flavio Carboni nei confronti dei magistrati
sitata agli atti del processo agli uf-
ficiali del Ros Mori e Obinu, ac-
per formulare ipotesi concrete.
Del resto, era stato lo stesso Pino
zione” (e cioè quelli trovati nel co-
vo di Montagna dei cavalli e con-
compatibili con le date indicate
dal teste. La perizia, infine, ha
romani che indagano su di lui. L’unico obiettivo dell’affa- cusati della mancata cattura di Lipari, geometra dell’Anas consi- segnati da Luigi Ilardo) è possi- esaminato le due lettere indiriz-
rista sardo è uscire al più presto dal carcere. Lo confermano Bernardo Provenzano, arrivano gliere sia di Riina che di Proven- bile, secondo i magistrati, che zate a Berlusconi e Fazio, ex go-
gli avvocati Borzone e De Cataldo: “Se è vero che la procura conclusioni che non smentiscono zano, ad escludere che il papello don Bernardo abbia utilizzato vernatore della Banca d’Italia,
non usa la custodia cautelare per ottenere ammissioni dagli le rivelazioni di Massimo Cianci- potesse essere stato scritto dal due macchine da scrivere diverse entrambe consegnate da Cianci-
indagati, l’interrogatorio di oggi conferma l’assurdità della mino, a cui i periti attribuiscono capo di Cosa Nostra: “Chiddu nel corso di periodi di tempo ab- mino jr: quella scritta su una par-
detenzione per un ottantenne cardiopatico”. In realtà bastanza lontani. Importanti te di un foglio A4 per il premier è
l’ipotesi della scarcerazione appare remota anche per Pa- conferme sono arrivate invece rimasta anonima: la calligrafia è
squale Lombardi e Arcangelo Martino, anche loro nuova-
mente ascoltati nei giorni scorsi. L’inchiesta sulla P3 è in
Gli esiti dalla perizia merceologica redat-
ta dai tre esperti (Marco Pagano,
stata comparata con quella di nu-
merosi boss, da Provenzano a To-
pieno svolgimento, si prevedono nuove scosse nei pros-
simi giorni o settimane, gli inquirenti temono un inquina-
della perizia Maria Vincenza Caria e Lorenzo
Rinaldi) sulla datazione della car-
tò Riina, da Lo Piccolo a Giovanni
Brusca, senza esito. La grafia del-
mento delle prove. Non si esclude che vengano ad aggiun-
gersi altri indagati eccellenti alla lista che già conta nomi
Le ta: il contropapello redatto da Vi-
to Ciancimino risale proprio al
la missiva indirizzata a Fazio è
stata, invece, attribuita a Vito
del calibro di Dell'Utri, Verdini, Cosentino, Caliendo. Tra le ’92, e “appare singolare – so- Ciancimino. La battaglia legale
cose che Carboni ha tenuto a precisare è che l’incontro cui “controproposte” stengono a palazzo di giustizia – sulla perizia verrà avviata in aula
ha partecipato il sottosegretario alla Giustizia non riguar- che Vito Ciancimino abbia allora il 17 settembre, data dalla ripre-
dava affatto il Lodo Alfano, ma la candidatura di Miller alla allo Stato voluto orchestrare una messin- sa del processo, con le audizioni
presidenza della Campania. Storiella cui i pm romani han- scena (che neanche lui avrebbe di Fernanda Contri, giudice costi-
no già mostrato di non credere. (Rita Di Giovacchino) firmate da don poi portato avanti)”: la datazione tuzionale e Liliana Ferraro, ex di-
del contropapello confermereb- rettore dell’ufficio affari penali
Vito Ciancimino be, dunque, e presupporrebbe del ministero della Giustizia.
pagina 8 Sabato 4 settembre 2010

CRONACA

I VESCOVI AI BOSS: LA MADONNA


NON È COSA VOSTRA
A Polsi la ‘ndrangheta sfila in processione e la Chiesa si ribella
di Enrico Fierro Sierra Leone - Italia
n questo santuario si è
IL SACERDOTE
“I consumata l’espres-
sione più terribile del-
la profanazione del sa-
cro ed è stato fatto l’insulto
più violento alla nostra fede e
DELL’ISLAM
alla tradizione religiosa dei no-
stri padri”. di Cinzia Simbula
Quando monsignor Fiorini Cagliari
Morosini pronuncia queste
parole, la chiesa dove si vene- na cosa lo accomuna a Tony Blair: il titolo di paramount
ra la Madonna di Polsi si fa mu-
ta. E’ il 2 settembre, il giorno
Usacerdote
chief onorario. Ma l’ex primo ministro britannico non è un
cattolico. Don Ignazio Poddighe, 45 anni, di Igle-
della festa più antica per San sias (nella foto durante la cerimonia di consegna), invece sì.
Luca e i calabresi. Si va sulla E proprio a lui i musulmani della Sierra Leone, terra tra le più
montagna, i più devoti a piedi, povere al mondo, hanno conferito di recente il titolo di capo
si dorme una notte intera supremo.
all’aperto, sotto tende di for- Riconoscimento in segno di gratitudine per l’impegno pro-
tuna, per onorare la Madonna. fuso dal sacerdote nella missione di Lokomasama, fondata
E’ un sentimento religioso due anni fa con un gruppo di volontari del Sulcis cui si sono
semplice e antico che i capo- uniti altri di Roma, Bergamo, Londra. Ma in questo “omag-
bastone della ‘ndrangheta gio” all’uomo bianco, per di più cattolico, c’è molto di più di
sporcano da sempre, spesso un semplice attestato di stima e riconoscenza. C’è l’esempio
nell’indifferenza della Chiesa. di come, a dispetto di chi considera l’integrazione soltanto
Per questo il vescovo di Lo- Qui sopra e in alto a sinistra le celebrazioni di Polsi, in provincia di Reggio Calabria (FOTO ANSA) una bella parola da sfoggiare all’occorrenza, la convivenza
cri-Gerace pronuncia parole tra uomini di diversa cultura, credo religioso, non sia affatto
dure come la pietra della mon- giosità popolare, sul quale la e si riunirono. “In cerchio e raccontano come il Santuario un’utopia. “È l’aspetto più importante – sottolinea il sacer-
tagna che sovrasta San Luca. mafia calabrese ha puntato da sotto la statua della Madon- di Polsi sia il luogo scelto dai dote della diocesi di Iglesias – perché significa che tra mu-
“Non c’è nessun legame tra i sempre. Nella processione di na”. C’erano tutti i capi dei boss per i loro summit. Giaco- sulmani e cristiani la convivenza può essere pacifica e all’in-
credenti e chi usa Polsi e la sua quest’anno a Polsi non si sono mandamenti della “Tirrenica” mo Lauro: “A Polsi partecipa- segna del rispetto reciproco. Ma voglio dire di più: quello
religiosità con l’illusione di visti boss. Troppi “sbirri”, e della “Jonica” a celebrare il no tutti i rappresentanti dei lo- che siamo riusciti a realizzare in Sierra Leone è stato possibile
poter dare un significato reli- troppi occhi indiscreti (gior- “Capocrimine”, Domenico cali attivi”. Il “locale” è l’orga- proprio grazie alla cooperazione dei musulmani. Così hanno
gioso alle loro attività illegali, nalisti e una troupe della tv te- Oppedisano, un ottantenne di nizzazione delle ‘ndrine nei voluto ringraziare non me come singolo, ma tutte le persone
che nulla hanno da condivide- desca). Rosarno scelto dalle famiglie vari paesi e città. Francesco che si sono prodigate per riportare la vita in questo angolo
re con la nostra fede cristia- “Quest’anno alla Madonna di di ‘ndrangheta come capo del Foti nel 1999 fornisce un rac- d’Africa devastato dalla guerra”.
na”. Polsi ci state facendo fare una vertice dell’organizzazione. conto più dettagliato della riu-
Il monsignore parla con fer- mala festa, noi veniamo qua “Un prestanome, una carica nione annuale di Polsi: “Nei LAUREATO IN SCIENZE dell’educazione, specializzato
mezza si rivolge agli uomini solo per pregare e voi ci attac- onorifica”, sottolineano gli primi giorni di settembre tutti in Teologia morale, autore del libro “Coscientizzazione ed
della ‘ndrangheta, a quella cate tutti”. Così si lamentava stessi magistrati dell’opera- i componenti dei locali veni- esperienza religiosa”, don Ignazio Poddighe è stato segretario
“mala pianta” che ha avvelena- un picciotto con un carabinie- zione “Crimine” che nei mesi vano convocati dalla società dell’allora vescovo di Iglesias Arrigo Miglio (attualmente ve-
to mortalmente la Calabria e i re. L’anno scorso, invece, i passati ha assestato un duro di cui facevano parte per di- scovo di Ivrea e componente della Commissione episcopale
calabresi. “Non c’è alcuna co- boss al Santuario ci andarono colpo alla mafia calabrese e al- scutere e per stabilire influen- della Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace).
sa che ci lega, cari fratelli che le sue propaggini in Lombar- Insegnante di Morale e Bioetica,
avete scelto la strada dell’ille- dia. cappellano del carcere, più incli-
galità per costruirvi la vita, le
vostre ricchezze, il vostro po-
Il quotidiano “Ci siamo raccolti a livello na-
zionale – si raccontano i boss
Al Santuario, ne all’impegno sociale e missio-
nario che parrocchiale, nella pri-
tere e il vostro onore. I nostri
cammini non si congiungono
‘Avvenire’ mentre parlano sotto una
quercia a pochi passi dal San-
sotto lo sperone mavera di due anni fa ha deciso di
impegnarsi in prima persona in
a Polsi, semmai si dividono an-
cora di più”.
riprende le tuario – eravamo più di mille
persone quella notte sulla
di San Luca, favore degli “ultimi tra gli ultimi”:
i bambini di una terra bellissima
Parole che alle orecchie dei montagna”. La montagna è affacciata sull’oceano nella parte
boss sono suonate come bla- parole l’Aspromonte con le sue gole anche i mafiosi occidentale dell’Africa, grave-
sfeme. E’ un gesto di rottura e gli anfratti impenetrabili. mente ferita dalla guerra civile
quello della Chiesa (che ieri di monsignor Qui, durante la lunga stagione chiedono che arruolava anche i bambini.
Avvenire, il quotidiano della dei sequestri di persona, veni- Quei piccoli, spesso orfani, per i
Cei, ha ripreso a tutta pagina), Fiorini Morosini: vano tenuti gli ostaggi prele- perdono. quali cibo e acqua, libri e quader-
è la sottrazione di un “valore”, vati al Nord. ni, persino le medicine sono da
quello della fede e della reli- basta collusioni Il pellegrinaggio di inizio set- A modo loro considerarsi un lusso. “Abbiamo
tembre a Polsi è un misto di re- visto bambini morire per una
ligiosità popolare e violenza. semplice gastroenterite e assiste-
Dal sangue della capre scanna- ze, per ristabilire controlli ter- re a un evento del genere, la morte di piccoli innocenti e in-
te che arrossa i torrenti agli ritoriali, per concordare spo- difesi, è l’esperienza più traumatica che possa capitare. Per
spari dei fucili in onore della stamenti su altre città, per i questo bisogna fare in modo che tragedie simili non avven-
Madonna. Che Corrado Alva- traffici illeciti tra i quali la dro- gano più”.
ro, il grande scrittore nato a ga”.
San Luca, descrive così: “Al Anche gli omicidi si decideva- ORA CHE SONO trascorsi due anni e mezzo dall’avvio del
terzo giorno di settembre si fa no all’ombra della statua della progetto, una luce si è accesa a rischiarare una notte che sem-
la processione e si tira fuori il Madonna. “A queste riunioni – brava non finire mai. Perché a Lokomasama, don Ignazio e il
simulacro portatile…tra lo disse anni fa alla Comissione gruppo di volontari dell’associazione Lovebridges (non a caso
sparo dei fucili che formano antimafia il procuratore Vin- i ponti dell’amore), hanno costruito pozzi, una scuola, una
non si sa che silenzio fragoro- cenzo Macrì – partecipano i mensa, un ospedale e il centro di accoglienza per i volontari
so, non si sente altro che il bat- rappresentanti dei locali cala- che, anche in futuro, continueranno a prodigarsi per l’Africa.
tito di migliaia di pugni su mi- bresi, ma anche quelli della Spera di poterlo continuare a fare anche lui, paramount chief
gliaia di petti, un rombo di Lombardia, del Piemonte, Bai Shebora Sheba Bullom III° che ha ricevuto in dote anche
umanità viva tra cui l’uomo nonché i rappresentanti della un terreno affacciato sull’oceano. “Terra che donerò imme-
più sgannato trema come da- ‘ndrangheta residenti fuori diatamente all’associazione di volontariato”, si affretta a pre-
vanti a un’armonia più alta del- Italia: arrivano dall’Australia, cisare il religioso appena rientrato dall’Africa. Felice per il ri-
la mente umana. Le semplici dal Canada e da ogni altra par- conoscimento ricevuto, non in quanto tale, bensì come esem-
donne che non si sanno spie- te del mondo”. Come Al Qae- pio evidente dell’integrazione tra culture e religioni diverse.
gare nulla, si stracciano il viso da, anche la ‘ndrangheta cala- Il sacerdote racconta della cerimonia solenne, alla presenza di
e non riescono neppure a brese ha bisogno di un forte ra- tutti i capi dei villaggi, della vestizione e incoronazione in for-
piangere”. dicamento territoriale e di ma riservata e della grande festa. Per finire con l’incontro con
Si va al Santuario e anche i ma- una marcata connotazione re- il presidente della Repubblica che ha promesso una visita nel-
fiosi chiedono perdono alla ligiosa. la missione e ha chiesto a don Ignazio di continuare il suo
Madonna. A modo loro, però. Ma ora che la Chiesa ufficiale impegno per l’Africa. “C’è ancora tanto da fare e chiunque
“Siate per noi quest’ultima con la voce fortissima del ve- può regalare il suo aiuto ai nostri fratelli africani. La Sierra
montagna, giacché se per lo scovo Morosini le ha strappa- Leone ha bisogno di essere sostenuta, le strutture che abbia-
passato fummo delinquenti, to la maschera della fede, ap- mo realizzato vanno mantenute e io spero che altri volontari si
cordialmente proponiamo di pare il suo vero volto. Quello uniscano a noi, facciano un viaggio a Lokomasama per vedere
osservare nel tratto successi- della violenza, degli omicidi, con i loro occhi quello che è stato fatto e quel che resta da fare.
vo la santa legge dell’eterno”. delle faide e delle stragi, del Lasceranno l’Africa più ricchi, è questo ciò che provano tutti
E’ un antico canto di preghie- business mondiale della dro- coloro che vivono questa esperienza. Noi occidentali, spesso
ra raccolto dall’antropologa ga, degli appalti, dei legami insoddisfatti, svogliati nonostante tutti i beni dei quali dispo-
Annabella Rossi, che rende oscuri con pezzi dello Stato e niamo, di fronte al sorriso di un bambino che gioisce per una
bene l’idea. con la politica. Il cancro della semplice matita, non possiamo che affrontare la vita con una
I pochi pentiti di ‘ndrangheta Calabria e dell’Italia intera. prospettiva diversa”.
Sabato 4 settembre 2010 pagina 9

CRONACHE

Mamma rock
“Chi” sta inseguendo
Gianna Nannini tra le
boutique premaman
di Londra e le
campagne umbre.
Sotto, “Oggi” la ritrae
in compagnia di
Marc, un designer
inglese di 30 anni, e
pone una domanda:
“È lui il padre
del bambino?”

IL TEMPO DELLE MADRI


La gravidanza della Nannini
e le domande sull’età
settimanali continuano a proporci foto di di concepire un figlio dopo gli Anta? Quali
Inotizia
Gianna Nannini con la pancione. La
della gravidanza della rocker
rischi corre una donna? E quali un bambino,
che si ritroverà poco più che adolescente
italiana, fino a qualche settimana fa con una madre che sfiora i 70? La scelta,
sussurrata solo nell’ambiente, ha trovato naturalmente, rimane della donna.
dunque conferma. La piccola, che dovrebbe C’è, poi, un altro aspetto della vicenda che
chiamarsi Penelope, nascerà in novembre. non riguarda soltanto le donne famose.
E avrà una mamma di 54 anni. Non è certo Spesso a quell’età bisogna ricorrere alla
il primo caso di donne della televisione o fecondazione assistita, spesso bisogna
dello spettacolo che hanno un figlio a andare all’estero per aggirare la Legge 40.
cavallo dei 50 anni (Heather Parisi ha da Una decisione che riguarda anche le coppie
poco partorito due gemelli, Antonella omosessuali: sono sempre di più coloro che
Clerici ha scritto addirittura un libro sulla vogliono avere un figlio e che si trovano a
sua gravidanza a 46 anni), ma ogni volta si dover fare i conti con le difficoltà del nostro
ricomincia a parlare di età. È giusto pensare Paese .

Lorella Zanardo: mai generalizzare na”: le nonne. Donne mature Famiglie arcobaleno
che mantengono a casa i propri

A ogni donna figli e magari anche le nuore ed


i nipoti. Ma è una fortuna che
non tutte hanno.
“Noi, mamme
il suo momento Una delle reazioni alla noti-
zia della Nannini è: “E’ vec-
chia”.
di un bimbo felice”
È un concetto che va molto di
di Silvia D’Onghia spinge a questo. moda. Anche in politica si parla tavamo insieme da sette quella di una coppia genitoriale Italia grazie a quella che viene

erto non è raccoman-


Appunto, la società: si entra
tardi nel mondo del lavoro,
sempre di rinnovamento. Ma la
giovinezza non è soltanto un
“S anni, convivevamo da cin-
que e come ogni coppia abbia-
qualsiasi. “Finora non abbiamo
avuto problemi di alcun gene-
chiamata inseminazione arti-
gianale (scegliendo personal-

“C dabile avere un figlio


a 54 anni, ma d’altra
parte la giovinezza
non dipende dall’età anagrafi-
ca. C’è una bella differenza tra
si è costrette ad anni di pre-
cariato e di rinunce. Poi, pas-
sati i 40, diventa tutto più
difficile...
Le rispondo con una domanda:
dato anagrafico. È più giovane
Gianna Nannini o un uomo di
30 anni supino alle regole del
potere? Chi ha più energia? E
un bimbo di tre anni, vicino a
mo sentito la necessità di avere
un bambino”. Chi parla è Silvia,
un’impiegata di 37 anni che vi-
ve nella provincia di Napoli.
Due anni fa, insieme alla sua
re, né discriminazioni. Anche
se ho sorriso quando mi sono
accorta che nell’asilo di mio fi-
glio non esistevano libri di favo-
le o cartoni animati in cui ci fos-
mente il donatore, di solito un
amico conosciuto). Francesca,
agli occhi dello Stato, è una ra-
gazza madre.

l’energia della Nannini e quella non è strano che l’Italia, fino a chi dei due sta meglio? Ci sono compagna Caterina di 35, ha sero due genitori donna. In Ca- IL DONATORE non ha alcun
di una trentenne pigra che se- qualche anno fa il “paese delle cosiddetti ‘giovani’ che hanno deciso di intraprendere questo nada e in America – continua – diritto nei confronti del bambi-
gue pedissequamente le regole mamme”, sia agli ultimi posti in un modo così poco giovane di percorso ed ora, entrambe, so- si comincia a insegnare ai bam- no, tantomeno la sua compa-
del potere”. Lorella Zanardo fatto di natalità? Conosco mol- interpretare il proprio ruolo, no mamme di un bimbo di 14 bini l’esistenza di famiglie ‘di- gna, ma questo non sembra di-
conosce bene le donne: mana- te donne che al secondo figlio che seguono le regole in modo mesi. “L’appartenenza sessua- verse’ già nelle scuole materne. sturbarle. “Noi siamo una fami-
ger, docente, formatrice, autri- sono costrette a lasciare il lavo- così poco innovativo, che mi le non è importante nel sentirsi Per l’asilo di nostro figlio ci ho glia molto esposta, non abbia-
ce del documentario “Il corpo ro. E sono tutte donne che se lo viene da chiedermi: è meglio un genitore – racconta – la cosa pensato io!”. mo mai provato vergogna o im-
delle donne”, si trova molto possono permettere perché una velina o Margherita Hack? fondamentale è amarsi ed ama- Per questa nuova famiglia barazzo per quello che siamo e
spesso ad affrontare il difficile appartengono al ceto medio. Certo, quando si fa un figlio in re il proprio bambino senza l’Olanda non è stata una scelta a per quello che abbiamo voluto,
tema della conciliazione tra vi- Le ragazze meno abbienti inve- età matura, l’aspettativa di vita paura”. caso. Si tratta dell’unico Paese, nostro figlio è stupendo e non è
ta privata e ambizioni profes- ce rinunciano a mettere al mon- è minore, ma non si tratta nean- Una decisione coraggiosa, co- infatti, che permette il donato- diverso dagli altri bambini”. So-
sionali. Sa che spesso una cosa do un bambino. Capita spesso che di un fenomeno così diffu- me coraggiosa e accurata è la re aperto: il bambino, se vorrà, no serene le due mamme, an-
esclude l’altra, soprattutto che, una volta finita l’università so. Accade più spesso nelle scelta – all’interno della coppia potrà conoscerlo al compimen- che se a volte la quotidianità le
quando non si hanno alle spalle e anche un master, al primo col- grandi città, Milano e Roma in – della madre biologica, che, to del sedicesimo anno d’età. porta ad affrontare situazioni
quelle condizioni – economi- loquio di lavoro ti chiedano: testa. molto spesso, è influenzata dal che generano imbarazzo: al su-
che, sociali e di “rete” – che “Ha intenzione di avere figli?”. Dove gli impegni per una rapporto che si ha con le rispet- UNA SCELTA completamen- permercato ad esempio, quan-
consentono ad una donna di E poi non esiste un welfare donna sono maggiori. tive famiglie: “Quella della mia te diversa da quella di France- do si presentano come genitori
portare avanti la carriera senza che sostenga realmente le Siamo costrette a vivere in una compagna non era molto d’ac- sca e Ottavia, entrambe quaran- dello stesso bambino o quando
rinunciare al proprio ruolo di donne. società piena di regole e di do- cordo che avessimo un bambi- tenni, mamme di un bambino fanno conoscenze nuove e si
madre. In alcuni casi esiste quello che veri, dobbiamo essere belle e no, quindi abbiamo deciso in- di 17 mesi, con cui vivono a To- crea quella pausa di silenzio che
Professoressa Zanardo, ha definisco il “welfare all’italia- giovani, dobbiamo lavorare, sieme che dovessi essere io ad rino. Loro hanno fatto tutto in devi per forza lasciar passare.
letto di Gianna Nannini, che guadagnare, curare la famiglia. affrontare una gravidanza. Se Ma questo non è nulla parago-
sta per diventare madre a 54 Sentiamo di dover pianificare dovesse accadermi qualcosa la nato alla sensazione di sentirsi
anni? troppo la nostra vita. Invece do- mia compagna non avrebbe mamma. “Avevamo entrambe
Ho letto soprattutto i commen- vremmo tornare a sentire il no- nessun diritto su nostra figlia e una grande esigenza di materni-
ti. In molti dicono “è tardi”, cer- stro corpo. questo è terrificante”. tà – racconta Francesca –. Ma io
cano spiegazioni che invece Cosa intende? avevo un lavoro più stabile della
non possono conoscere, oppu- Io non ho ricette, ho solo un LA LEGGE italiana, infatti, mia compagna e questo ha
re pensano “prima ha fatto car- piccolo suggerimento: cercare non regolamenta le unioni di senz’altro influito sulla nostra
riera, adesso che è al limite del di preservare negli anni un con- fatto, quindi non riconosce Ca- decisione”. Francesca e Ottavia
limite fa un figlio”. Ma ogni ca- tatto col profondo di noi stesse. terina come genitore. Questo non hanno rimorsi, ma ci ten-
so va lasciato alla singola perso- Creandoci per esempio uno significa che, in assenza di Sil- gono a precisare che la scelta di
na, ogni donna ha il suo ‘mo- Lorella Zanardo (FOTO LAURA ALBANO) spazio per lo yoga, per stare da via, la bambina sarà affidata Dal sito famigliearcobaleno.org avere un bambino non è stata fa-
mento giusto’ per avere dei fi- sole, ognuna a modo suo. Po- molto probabilmente alla fami- cile e soprattutto è giunta dopo
gli: una ventenne può avere un trebbe essere il nostro corpo a glia della madre biologica. “Ap- un lungo percorso di analisi e
fortissimo senso di maternità,
ma ci sono anche bravissime
“La giovinezza dirci quando è arrivato il mo-
mento e a farci prendere il co-
pena avuta la piccola, la mia
compagna si è ammalata di can-
Silvia: “Se mi rif lessione.
Silvia, Caterina, Francesca e Ot-
mamme cinquantenni. Sono
colpevoli solo perché il loro
non è solo un’idea raggio che altrimenti non
avremmo. Le trentenni di oggi
cro al seno. Io non avevo nem-
meno il diritto di entrare nella
succede tavia, dopo essere diventate
mamme, hanno aderito a “Fami-
istinto è arrivato più tardi? Non
si può generalizzare. Nei Paesi
anagrafica. A ragionano tantissimo, a volte
troppo, perché la società lo im-
stanza dell’ospedale dove era ri-
coverata”. Ma queste non sono
qualcosa la mia glie arcobaleno”, un’associa-
zione di genitori omosessuali,
anglosassoni, molte donne ma- pone. Forse, invece, dovrem- le uniche difficoltà da affronta- che fornisce consulenza e sup-
nager assumono farmaci che volte c’è molta più mo lasciare più spazio all’istin- re. compagna porto alle coppie gay e si preoc-
interrompono il ciclo mestrua- to, una parola quasi dimentica- Per coronare il loro sogno, in- cupa di diffondere il concetto
le, per non avere problemi sul energia in una ta. E soprattutto non essere fatti, le due neo-mamme sono Caterina non che le “famiglie arcobaleno” so-
lavoro. Credo che voler blocca- troppo severe con noi stesse e andate quattro volte in Olanda, no soltanto “una delle realtà esi-
re anche l’ultima manifestazio- 50enne che in con le altre. Dobbiamo smet- dove Silvia si è sottoposta a ha alcun diritto stenti all’interno di un panora-
ne naturale sia mostruoso. Ep- terla di colpevolizzarci per un’inseminazione intrauterina. ma in costante evoluzione”.
pure a volte è la società che ci una 30enne” qualsiasi cosa. Da allora, però, la vita è stata su nostro figlio” (f. c.)
pagina 10 Sabato 4 settembre 2010

ECONOMIA

CONTO ALLA ROVESCIA


PER I TAGLI ALLA SANITÀ
Quattro Regioni provano a evitare l’aumento
delle tasse per ripianare il deficit. Rischiano anche Sicilia e Liguria
di Mario Reggio per le aree sottoutilizzate: detto che anche per loro non 2009, per fare un esempio, è il
nell’ordine 420 milioni, mez- scattino le “misure” per il rien- risultato della differenza tra i
’autunno caldo della sa- zo miliardo, 67 milioni ed un tro dal deficit. Per la Regione

L
106 miliardi del Fondo sanita-
nità sta per cominciare. miliardo di euro. In quest’ul- guidata da Nichi Vendola il rio nazionale e gli oltre 109 mi-
A pagare saranno, come timo caso, la Calabria, la situa- punto critico riguarda l’assun- liardi spesi dalle Regioni. “I di-
al solito, i cittadini (al- zione è disastrosa: nessuno è zione di 5 mila dipendenti del- versi risultati tra le Regioni
meno quelli che pagano le tas- in grado di stabilire a quanto le cooperative che già lavora- non sono giustificati da diver-
se). Rischiano grosso gli abi- ammonta il debito reale visto no all’interno delle strutture sità di finanziamento – com-
tanti della Campania, del La- che i bilanci della sanità per il sanitarie. A fine luglio il Tesoro menta Stefano Cecconi, re-
zio, del Molise, della Calabria 2008 sono scomparsi. ha dato l’ultimatum alla giun- sponsabile nazionale delle Po- Una recente manifestazione a Roma contro i tagli alla sanità (FOTO ANSA)
e dell’Abruzzo. In ballo i tre ta: “Se non cancellerete le as- litiche della Salute della Cgil –
miliardi e 260 milioni di euro
di deficit accumulati nel
NON È CHE la situazione sia
migliore non Lazio. Solo per il
sunzioni non avrete accesso ai
450 milioni di euro dei Fondi
quanto da una diversa capaci-
tà di “usare” le risorse. Infatti,
Sta per ripartire dovuto affrontare le proteste
dei residenti nei piccoli centri
2009. Entro la fine di settem-
bre i presidenti delle Regioni
2009 il “buco” ha superato il
miliardo e 300 milioni di euro.
per le aree sottoutilizzate”. Il
braccio di ferro si è concluso
come è ormai chiaro, nelle Re-
gioni dove si concentrano i di-
la guerra che si opponevano alla chiu-
sura della chirurgia sotto casa.
“non virtuose” dovranno pre-
sentare al ministero dell’Eco-
Renata Polverini, alla guida
della giunta di centrodestra,
con un armistizio a tempo. Se-
condo la Regione l’assunzione
savanzi sanitari più gravi e per-
sistenti, si registrano le peg-
tra Tremonti Alla fine, visti i risultati, il si-
stema ha preso a marciare spe-
nomia i piani di rientro: taglio non sa più a che santo votarsi. dei 5 mila dipendenti delle giori performance assistenzia- dito. La stessa strada imbocca-
dei posti letto, ticket su far- Ripete che i tecnici della Re- cooperative comporterebbe li”. e Vendola su ta da altre Regioni, come
maci ed esami diagnostici, au- gione lavorano giorno e notte, un risparmio per il bilancio, l’Emilia-Romagna, la Lombar-
mento dell’Irpef e dell’Irap. assicura che non verranno ta- comunque le procedure di as- MA ESISTE una via d’uscita 5mila dipendenti dia e il Veneto seppur con per-
Ogni Regione è libera di de- gliati i posti letto. Ma intanto è sunzione sono state sospese praticabile? “Come dimostra corsi e logiche diverse.
cidere forme e modi per appena rientrata da una tre “fatti salvi i diritti già acquisi- l’esperienza delle Regioni “vir- assunti Sarà un autunno caldo. Perché
“rientrare”. Il tempo a dispo- giorni al santuario di Lourdes, ti”. Lo scontro riprenderà ai tuose” – afferma Cecconi – il ai piani di rientro dal deficit
sizione è di tre anni. A questa forse nella speranza che la Ver- primi d’ottobre. risanamento non si raggiunge in Puglia sanitario si aggiungono i tagli
manovra si aggiungono le mi- gine dei Pirenei faccia il mira- La sanità italiana marcia a due con tagli indiscriminati e nem- ai bilanci delle Regioni decisi
sure già in atto e relative ai colo. Ma con un bilancio della velocità: le Regioni “virtuose”, meno con l’aumento “puniti- da Tremonti. Quasi nove mi-
deficit accumulati dal 2006 al sanità che sfiora gli otto miliar- quasi tutte quelle del Nord, e vo” della pressione fiscale, anni per ristrutturare la rete liardi nei prossimi due anni.
2008. di l’anno, per metà pagati alle quelle “spendaccione”, tutte quanto piuttosto con una pro- ospedaliera, il che vuol dire Qui il fronte dei Governatori è
Nel mirino del Tesoro le quat- cliniche private convenziona- concentrate al Centro-Sud. fonda riorganizzazione dei ser- trasformare i piccoli ospedali compatto, compresi i presi-
tro Regioni “non virtuose” te e agli ospedali “religiosi”, la Queste ultime accumulano da vizi sanitari”. E l’esempio vie- in strutture territoriali, con- denti leghisti di Piemonte e
con la sanità commissariata: partita è molto complicata. anni deficit anno dopo anno ne dalla Toscana, una delle po- centrando le emergenze in Veneto, che però ripetono che
Lazio, Campania, Molise e Ca- Entro ottobre, poi, il ministero ed i guai sono diventati evi- che Regioni con il bilancio in centri di eccellenza. L’ex as- il federalismo fiscale risolverà
labria. Se i loro “piani” non del Tesoro esaminerà i bilanci denti dal 2006, ciò da quando lieve attivo e un’assistenza sa- sessore Enrico Rossi, per dieci tutti i problemi. Ma nove mi-
verranno accettati, non po- di altre tre Regioni, vale a dire lo Stato non ha più ripianato i nitaria di buon livello. Ma la anni alla guida della sanità, ora liardi di euro non sono brusco-
tranno usufruire dei Fondi Sicilia, Liguria e Puglia. E non è deficit accumulati. Quello del strada è stata lunga. Più di 10 presidente della Regione ha lini.
Sabato 4 settembre 2010 pagina 11

ECONOMIA

PROFUMO DI GUAI
Cresce il malcontento delle fondazioni azioniste
dopo il rafforzamento dei soci libici nel capitale
di Alfredo Faieta di capitale nello scorso bien- al 2,07 per cento del capitale
Milano nio, che hanno evitato il peg- (che si somma al 4,99 per cento
gio al gruppo: denari che po- della Banca centrale libica) non
e fondazioni banca- trebbero ora invece prendere è di per sé una prova. “Il pros-

“L rie del nord est guar-


dano con grande in-
teresse alle multiuti-
lity per i loro futuri investi-
menti”. Arriva secca l’affer-
altre strade a causa di quel si-
gnore lì (Profumo, ndr)”.

Qualche
malumore libico
simo sei settembre è previsto
un consiglio di indirizzo e pro-
grammazione di Cassamarca
dove col presidente Dino De
Poli si farà il punto della situa-
mazione dell’avvocato Marco zione e spero che prevalga il
Serena, membro irredentista buonsenso verso un’operazio-
del cda della fondazione tre- E UNA DI QUESTE strade al- ne che, lungi dall’andare nel
vigiana Cassamarca, azionista ternative potrebbe portare alla verso di una vicinanza al terri-
con circa l’uno per cento di Libia, ora che i fondi sovrani del torio, risposta l’asse verso l’in-
Unicredit group. “Le società governo di Muhammar Ghed- ternazionale inteso come gran-
alle quali guardiamo garanti- dafi sono diventati il primo so- di operazioni” chiosa Serena,
scono rendimenti doppi ri- cio privato di Unicredit con il che non dimentica tutte le ras-
spetto a quelli di Unicredit e sette per cento del capitale. E la sicurazioni dei mesi scorsi sul
forniscono servizi essenziali disinvoltura con la quale l’am- territorio.
ai cittadini dei territori sui ministratore delegato del grup- Nel frattempo, mentre il sito
quali insistono. “La mia opi- po Alessandro Profumo si è le- Dagospia rilancia il presunto de-
nione – si sfoga col Fatto Quo- gato ai soci libici non è passata siderio di Profumo di spostare
tidiano Serena, una tessera del- certo inosservata: una mano- la sede centrale all’estero (Mo-
la Lega Nord in tasca e un po- vra alla chetichella, concretiz- naco, Londra?) – ipotesi che
sto in consiglio regionale ve- zata tra fine luglio e agosto, me- per ora non trova conferme – i
neto mancato per poco se di storiche fregature fiscali vertici delle grandi fondazioni
nell’ultima tornata elettorale servite a cittadini distratti dalle azioniste, e degli importanti so-
– è che si debba uscire vacanze estive. Non è quindi ci esteri come Allianz (due per
dall’azionariato di una banca strano che si insinui il dubbio cento del capitale) stanno cer- Alessandro Produmo, ad di Unicredit, è di nuovo sotto pressione (FOTO ANSA)
che potrebbe non fare concre- che qualcosa di poco traspa- cando di ricostruire esattamen-
tamente gli interessi dei terri-
tori dai quali origina. Tanto
rente ci sia stato, anche se il ti-
ming dell’operazione che ha
te il percorso seguito dai libici.
Ed è partito il tam tam dei con-
Mentre in due soggetti, Lia potrebbe pro-
seguire con gli acquisti fino al 5
Flavio Tosi e del governatore
del Veneto Luca Zaia, sempre
più in ragione dei soldi che ab-
biamo versato per gli aumenti
portato il sfondo sovrano Li-
bian investment authority (Lia)
tatti con il presidente della ban-
ca Dieter Rampl, che pare non
Veneto in molti per cento. E per le fondazioni i
problemi – e il malcontento –
più isolati nelle loro pretese di
influenzare la banca a favore
fosse al corrente del blitz del
fondo Lia, proprio come la Ban-
protestano, si aumenterebbero parecchio. dell’elettorato padano. Non so-
lo. Se a nord est si alza la bufera,
ca d’Italia che ha chiesto per il a nord ovest non si muove fo-
BANCHE & POLITICI di G. Me. futuro una maggiore trasparen- nota il silenzio La politica fuori
glia. Fabrizio Palenzona, vice
dalla porta
za. Di percorsi e metodi ne han- presidente con ottimi rapporti
del potente
PUGLISI, IL TECNICO no parlato tra di loro i vertici
delle fondazioni ed è previsto
per la settimana prossima un Fabrizio MA ALESSANDRO Profu-
mo, grazie ai libici, ha svelato
a Tripoli ha evitato qualsiasi
commento, e così ha fatto la
stessa Fondazione Crt, che ha
a politica stia un passo indietro e la
“L finanza sia gestita da chi si occupa di
finanza”. Gianni Puglisi, presidente della
comitato strategico della banca
dove si farà il punto di fronte a
Profumo che ieri era a Torino
Palenzona una debolezza dell’attuale pro-
prietà: non è così compatta co-
me si crede, sia in seno alla ban-
tenuto un profilo molto basso
pur non avendo favorito l’in-
gresso dei libici.
Fondazione Banco di Sicilia, dice “vade retro” ai per un incontro aziendale con ca, sia nelle stesse fondazioni. Il Per non parlare della Sicilia:
leghisti che mettono bocca sulle vicende di 400 manager. gliola dello statuto che non per- grido “ora dateci le banche” del “Sono personalmente preoc-
Unicredit (di cui la Fondazione Bds è azionista). mette a nessun socio unico di leader leghista Umberto Bossi cupato di tutte queste vociare
Puglisi è dunque uno che si occupa di finanza? La Consob votare per più del cinque per all’indomani del successo alle della politica, che penalizzano
e lo statuto cento dei titoli in possesso, ste- elezioni regionali, comincia a solo l’istituto” dice al Fatto il
No. Di banche non ne sa, per dire, più del rilizzando di fatto il due per sembrare un progetto sbiadito. presidente della Fondazione
sindaco di Verona Flavio Tosi. Docente di cento di Lia. A quel punto, con- Innanzitutto perché a conti fat- Banco di Sicilia (0,6 per cento
letterature comparate, socialista lombardiano, ANCHE LA CONSOB , l’au- tando anche i voti del fondo Aa- ti nelle grandi fondazioni la Le- del capitale che si somma ad
per sei anni leader della Cgil Università, poi torità di vigilanza sulla Borsa, bar di Abu Dhabi, gli arabi ga Nord non potrà influenzare una quota identica della Regio-
rettore dell’Università privata Iulm di Milano, ha aperto un dossier Unicredit avrebbero “solo” il 10 per cen- pienamente l’attività strategica ne Sicilia) Giovanni Puglisi. “Si
collezionista compulsivo di incarichi, nel 2004 è per capire se sono state rispet- to consentendo alle fondazioni (Paolo Biasi sarà quasi sicura- è scatenata una tempesta in un
assessore alla cultura di Palermo, nella giunta di tate tutte le norme sulle comu- di mantenere salda la barra del- mente rieletto a ottobre presi- bicchier d’acqua. Non temo i
nicazioni al mercato per il su- la governance. Perché è questo dente di Cariverona – 4,98 per soci libici né arabi, investitori
centrodestra di Diego Cammarata. Un anno peramento della soglia del due il vero cruccio degli azionisti di cento del capitale - , nonostan- che ritengo corretti salvo prova
dopo ottiene dalla Regione la presidenza per cento del capitale. E se i due Unicredit in questi giorni: capi- te i 7-8 consiglieri Leghisti in contraria. Ho a cuore solo la
bancaria. Oggi è consulente per la cultura del soggetti libici presenti ora nel re chi comanda davvero. E procinto di entrare il 17 settem- redditività della banca che si-
governatore Raffaele Lombardo, che lo ha capitale di Unicredi non siano quanto potere resta agli altri. bre) e poi perché Muhammar gnifica dividendi per l’ente che
appena confermato alla Fondazione. in realtà uno solo (entrambi ri- C’è da dire che, per il momen- Gheddafi è partner privilegiato presiedo. Unicredit è un sog-
Quando si dice la politica fuori dalle banche. spondono di fatto al governo di to, gli acquisti libici sono fermi: del governo dove la stessa Lega getto internazionale che non si
Tripoli) che agisce di concerto. ma qualora fosse accertata la ha un peso decisivo. Con buo- può ricondurre a beghe loca-
Se così fosse, scatterebbe la ta- mancanza di correlazione tra i na pace del sindaco di Verona li”.

Cernobbio, una banalità vi salverà


WORKSHOP AMBROSETTI: I POTENTI DELLA FINANZA BALBETTANO SULLA CRISI ECONOMICA
di Giorgio Meletti ma da Cernobbio sono scaturite anche impor- percezione non avverrà”. Passera ha la sua ri-
tanti rivelazioni. cetta: “L’'austerità e la disciplina devono ac-
ieci giorni fa il presidente delle Assicurazio- L’economista americano Nouriel Roubini ha compagnarsi a un grande impegno per costrui-
DRimini
ni Generali Cesare Geronzi, intervenendo a
al meeting di Comunione e Liberazione,
detto che l’economia sta nuovamente rallen-
tando, soprattutto negli Stati Uniti, che presen-
re la crescita e il futuro”. Ecco.
Per l’economista Giacomo Vaciago in Italia “ci
ha ufficializzato la sua scelta di campo: “Quello tano statistiche da brivido: “Il mercato è molto vorrebbe una strategia di crescita industriale
che si tiene qui è ben diverso da quello che si debole, la disoccupazione è al 10% circa, ma se che non c’è”. E spiega: “Noi abbiamo rinuncia-
tiene ogni anno a Cernobbio, dove io non sono si escludono lavori a tempo parziale e gli esodi to alla ragione del successo tedesco: un gover-
mai andato”. Coerentemente, forzati si arriva al 17%. Tec- no che lavora con la sua industria”. L’esempio
ieri il potente ex banchiere ro- nicamente non è una reces- tedesco è il tema del giorno. Il governatore del-
mano ha disertato l’inaugura-
zione del trentaseiesimo Wor-
Prima giornata sione perché l'economia cre-
sce, ma viene percepita così
la Banca d’Italia Mario Draghi ha detto, non a
Cernobbio ma in Corea, che l’Italia, per soste-
L’economista Nouriel Roubini (FOTO ANSA)

kshop dello Studio Ambroset-


ti, che si tiene da sempre al
del convegno perché si creano pochi posti
di lavoro. Poi se si arriva a
nere la ripresa economica deve imitare il mo-
dello tedesco. “E’ un paragone che non si può
disfatto: “L’Italia ha fatto molto contro la crisi
ed è stato il Paese più prossimo alla Germania
Grand Hotel Villa d’Este, sulle
rive del Lago di Como.
dove Geronzi uno stallo si rischia di cadere
nel burrone, con una possi-
che condividere”, taglia corto il presidente di
Telecom Italia Gabriele Galateri di Genola.
dal punto di vista della disciplina di bilancio”.
Ha le idee chiare anche il vicepresidente della
Non ha potuto così ascoltare il bile nuova recessione”. L’economista francese Jean Paul Fitoussi trova Confindustria, Alberto Bombassei: “Il proble-
dibattito tra politici, banchieri, si vanta Si sta dunque preparando l’idea stravagante: “Dire di prendere ad esem- ma del Paese è riportare i posti di lavoro al li-
economisti e imprenditori di una “ricaduta” della crisi pio il modello tedesco non è possibile, non è vello di prima e far diventare l’Italia più com-
altissimo livello su un tema di non essere economica? Non in Italia. aritmeticamente possibile”, spiega. La Germa- petitiva”. Ecco fatto.
molto preciso: “Lo scenario di All’amministratore delegato nia esporta molto più di quanto importa, e un Forse Geronzi preferisce il Meeting di Rimini
oggi e di domani per le strate- mai andato della Banca Intesa Sanpaolo, mondo dove tutti esportano più di quanto im- perché lì, a un certo punto, pregano. A Cer-
gie competitive”. Sul futuro Corrado Passera, non risulta: portano confligge con la tavola pitagorica. nobbio invece oggi parla il presidente della Re-
dell’economia è buio pesto, in 36 anni “Per quella che è la nostra Il ministro del Welfare Maurizio Sacconi è sod- pubblica Giorgio Napolitano.
pagina 12 Sabato 4 settembre 2010

DAL MONDO DAL MONDO

Il grande rebus
della Pace
MEDIO ORIENTE: I SÌ E I NO
SULLE CHANCE DI ACCORDO
di Giampiero Gramaglia non intendono proseguire i ne- trattativa non riuscirà senza il
goziati. coinvolgimento di Siria e Libano,
emici e ostacoli della pa-

“Nuova Alba”
Ndovunque.
ce mediorientale sono
Ne trovi dove
IL GROVIGLIO DEI NODI I
temi della trattativa, cioè i confini
che non hanno ancora fatto la pa-
ce con lo Stato ebraico; e sullo sta-
tuto di Gerusalemme, città santa
In senso orario da sinistra: marines si dell’occupazione. I suoi uomini meno te li aspetti, persino tra Israele e la futura Palestina, delle tre religioni monoteiste, di-
preparano a lasciare l’Iraq dove, con il organizzarono un posto di blocco nei gelidi corridoi della l’assetto di Gerusalemme, il dirit- rà la sua anche la Santa Sede. Le
ritiro di gran parte delle truppe Usa, è dinanzi alla moschea di Ali al-Be- Commissione europea. Un to al ritorno dei rifugiati, la colo- tessere del puzzle sono così nu-
scattata una nuova fase militare; yaa e in tal modo potevano ferma- esempio: Karel de Gucht, nizzazione, la sicurezza, sono merose che comporre tutto il
l’operazione ha nome “Nuova Alba”. re e perquisire le auto di passag- commissario al commercio ognuno in sé complesso e tutti fra mosaico è un rompicapo, ma le
Ragazzi di Bagdad festeggiano. Un gio. Gli oggetti ritenuti rubati da estero, belga, fiammingo, se di loro intrecciati; e le parti sono possibilità che qualcuna vada a
militare americano riabbraccia la edifici pubblici venivano restitui- ne viene fuori a denunciare attestate su posizioni rigide. È un posto sono maggiori.
famiglia. Una famiglia irachena colpita ti. I generi alimentari venivano “il potere” della lobby ebrai- handicap. Ma se Netanyahu e
coinvolta in un attentato. La conservati nella moschea e poi di- ca nel Congresso Usa e la dif- Abu Mazen siedono al tavolo, LEADER DEBOLI Netanyahu
distruzione dopo uno dei tanti attacchi stribuiti ai poveri. Oggi alte mura ficoltà “anche per gli ebrei vuol dire che concessioni, maga- e Abu Mazen sono entrambi lea-
terroristici nella capitale. Foto Ansa di cemento separano la moschea più moderati” di essere “ra- ri condizionate, sono disposti a der deboli, l’uno condizionato
dalla strada antistante e dal vicino zionali”. Imbarazzo dell’ese- farle, magari con soluzioni in cui dalla destra religiosa, l’altro poco
e popoloso quartiere sunnita. cutivo comunitario e de- ciascuno mascheri i cedimenti rappresentativo della sua gente.

Ritorno a Bagdad
Qual è il bilancio degli ultimi sette nunce di antisemitismo: ne dietro i successi. Un’ipotesi: al ri- Antonio Ferrari, acuto esperto di
anni? “Questa è un’epoca di liber- nasce un putiferio. torno dei palestinesi da dove fu- Medio Oriente, sostiene, sul Cor-
tà e democrazia”, mi risponde. Il giorno dopo la ripartenza, rono cacciati 40 anni or sono e riere della Sera, che il prodotto di
“Un tempo non potevamo nem- a Washington, dei negoziati più pochissimi credono davvero, due debolezze può fare una for-
meno pregare liberamente. Ora israelo-palestinesi (obietti- ma la rinuncia potrebbe ricevere za. Algebricamente, è vero. Ma se
siamo liberi di dare consigli alla vo un accordo entro un an- compensazioni economiche e si conta la debolezza di Obama, in
gente e di criticare il governo. Ma no, con appuntamenti quin- dare loro il diritto di vivere da cit- difficoltà verso il voto di midterm,
ci sono aspetti negativi: le tensio- dicinali), il cauto ottimismo tadini dove oggi sono rifugiati. E l’algebra ci gioca contro..
ni tra sunniti e sciiti, il ritardo nel della stampa ebraica s’in- ancora, gli insediamenti: Israele,
formare un nuovo governo e gli at- treccia col pessimismo mi- almeno per ora, potrebbe non ri- TROPPI NEMICI De Gucht a
tentati, che però negli ultimi anni naccioso iraniano: “La trat- nunciarvi formalmente, ma evita- parte, che non incide, i nemici
sono diminuiti. Malgrado i proble- tativa è nata morta” ed è “de- re di attuarne di nuovi. dei negoziati sono ovunque: con

COSA RESTA DELL’IRAQ ALL’ADDIO DELLE TRUPPE USA mi dell’esercito iracheno, il ritiro
dei soldati americani è giusto”, ag-
giunge.
stinata a fallire”, dice il pre-
sidente Ahmadinejad. E 13
gruppi armati palestinesi
SENZA DATA L’impegno è di
trovare un accordo entro un an-
le armi o con le parole, musulma-
ni ed ebrei, sul terreno e nei me-
dia, ideologi o politici, cerche-
Secondo Fadhli, il modo migliore decidono di coordinare gli no. Ma non c’è una scadenza di- ranno di ‘farli saltare’ ogni gior-
di Jonathan Steele Mentre le truppe Usa si ritirano, cerco di rintrac- quanta furono assassinati e gli altri abbandonarono ed era stato designato come sindaco prima che gli per contrastare la violenza setta- attacchi contro Israele. plomatica o istituzionale cogen- no. Ma la virulenza li rende peri-
Bagdad ciare le persone con cui ho parlato nell’aprile la città. In quegli anni a preoccupare il dottor Du- americani entrassero a Falluja, quando gli parlai ria è un governo forte e rappre- La trattativa è complessa, te, non prima delle presidenziali colosi ma pure prevedibili: israe-
Nel 2003, a una mese dall’invasione da parte delle 2003. Alcuni sono morti, altri sono emigrati leimi fu la violenza all’interno della comunità sun- nell’aprile del 2003 mi disse che era contento che il sentativo, un governo di coalizio- appesa a un filo, ma, nello Usa 2012. Male, perché nessuno liani e palestinesi, se sono in buo-
truppe della coalizione, Jonathan Steele chiese a molti all’estero, altri ancora sono sfollati. nita. Alcuni furono accusati di collaborazionismo regime di Saddam fosse stato rovesciato. Ma critica- ne appoggiato dal partito sunnita stesso tempo, solidissima. avrà fretta; bene, perché nessuno na fede, saranno immuni alle pro-
iracheni in ogni parte del Paese come avevano reagito Comincio da Tikrit, la capitale simbolica della di- con i mokhtalin. Altri furono presi di mira perché se la va il comportamento provocatorio degli america- di Allawi e dai due grandi partiti Alcuni elementi di fragilità si sentirà soffocato dal tempo che vocazioni.
al rovesciamento di Saddam. Prima del ritiro delle nastia familiare di Saddam. Quando gli feci visita passavano troppo bene. ni. sciiti. “È una soluzione che sareb- ne sono punti di forza; e vi- scorre. Né è pensabile che israe-
ultime truppe da combattimento americane, Steele è nel 2003, il dottor Bashar al-Duleimi, oftalmologo La mia tappa successiva è Falluja, la città semidistrut- Sette anni dopo Bidawi è lo specchio della confu- be gradita a Teheran. Gli iraniani ceversa. Vediamo il perché, liani e palestinesi vogliano pun- PACE INELUTTABILE Se è
tornato in Iraq per rintracciare le stesse persone con nel principale ospedale cittadino, insieme a di- ta che truppe Usa e irachene per quattro anni hanno sione e della disperazione di molti sunniti. Non es- esercitano una notevole influen- sapendo che la prima trap- tare sul successore di Obama. ineluttabile, allora perché fare
cui aveva parlato e chiedere loro quale influenza aveva versi colleghi proteggeva l’edificio assediato dai isolato dal resto del Paese. Ci entro con un permesso sendo più il gruppo dominante, si sentono discrimi- Più tardi alcuni funzionari di polizia ci forniscono tre za, hanno obiettivi precisi, ma non rappresentano pola arriva subito, il 26 set- sforzi, e soprattutto, concessioni
avuto la guerra sulla loro vita. saccheggiatori. Ora, seduto dinanzi a scaffali pie- e una scorta armata. nati dagli sciiti al potere che spesso si comportano diverse versioni dell’accaduto: un poliziotto aveva una minaccia. E inoltre anche l’Arabia Saudita aspira tembre, quando scadrà la TROPPI PROTAGONISTI per ottenerla? La convinzione è
ni di libri di medicina per lo più in inglese, fa un Vidi la città per la prima volta all’indomani del più come se tutti i sunniti fossero stati sostenitori di Sad- chiesto la licenza ad un venditore ambulante; poi a controllare l’Iraq”. moratoria israeliana in atto Israeliani e palestinesi sono gli at- un handicap, non una molla. Ma è
bilancio della presenza Usa in Iraq: “ci aspetta- grosso eccidio di civili perpetrato dagli americani in dam. Intanto Allawi non riesce a formare un nuovo aveva sparato un primo colpo in aria e inavvertita- da 10 mesi sui nuovi insedia- tori principali, egiziani e giordani pur vero che anche il conflitto è
Tikrit, città natale di Saddam Hussein, le ro- vamo di più. Migliori infrastrutture e migliori ser-

A
Iraq. Il 28 aprile 2003 uccisero 13 dimostranti che governo anche se il suo partito ha ottenuto la mag- mente aveva esploso un secondo colpo che lo aveva Un blindato per impedire menti nei Territori. Israele i ‘facilitatori’, gli Stati Uniti e il ineluttabile, fin quando la pace
vine del palazzo presidenziale, una delle sue vizi. Ancora oggi abbiamo la corrente elettrica so- chiedevano ai soldati americani di sgombrare una gioranza in Parlamento. colpito mortalmente al collo. Seconda versione: il i saccheggi al museo non intende rinnovarla. E, Quartetto (Onu, Usa, Ue e Rus- non è garantita. E, allora, meglio
molte, sfarzose residenze, sono spoglie e co- lo per qualche ora al giorno. La benzina è un di- scuola che avevano requisito per destinarla ad allog- Ma i traumi più recenti dei sunniti sono stati gli as- venditore ambulante aveva sparato al poliziotto. E senza rinnovo, i palestinesi sia) i mediatori e i garanti. Ma la trovare una quadra.
perte di macerie. Le vidi per la prima volta sastro: per fare rifornimento le file sono lunghis- gi delle truppe. sassini politici all’interno della comunità sunnita e la infine, terza versione: il venditore ambulante è un
nell’aprile 2003 e mi facevano compagnia i primi sime”. Khalid Ismail, che gestisce una piccola azienda fa- difficile scelta tra via pacifica e resistenza armata. “terrorista” rilasciato da poco dagli americani. La fa-
saccheggiatori iracheni. miliare che produce tappeti, era tra i genitori che Quando la collaborazione con i mokhtalin diventa tra- miglia di una delle sue vittime era riuscita a ottenere OPINIONI SIMILI me le confida Raid Abdul Re-
Nel palazzo di Saddam i soldati americani con i A Falluja la scintilla parteciparono alla manifestazione di protesta. dimento? “I due sindaci che hanno governato la città un mandato d’arresto per il terrorista. Il poliziotto da, archeologo del museo nazionale. Lo ricordo subito”. Giocando all’aperto aveva raccolto una bomba a
fucili a tracolla vagavano tra le macerie come tu- che scatenò l’insurrezione “Qualcuno alle nostre spalle sparò e i soldati ame- dopo di me sono stati assassinati”, dice Bidawi. È fa- aveva tentato di eseguirlo ed era stato ucciso. Insom- quando sette anni fa si mise ad urlare perché gli ame- Reda è sciita e, sebbene critichi gli omicidi e le espul- grappolo Usa inesplosa, la bomba era scoppiata e lui
risti, stupiti quanto noi dai rubinetti placcati in ricani che erano tesi e nervosi aprirono il fuoco ad cile diventare terroristi quando si è poveri e analfa- ma, è quasi impossibile fare un minimo di chiarez- ricani si erano rifiutati di lasciare un blindato davanti sioni ad opera dei miliziani dell’esercito del Mahdi aveva perso la vista.
oro e dalle scale di marmo. altezza d’uomo”, dice. Secondo alcuni analisti l’in- beti. za. al museo per impedire i saccheggi. “Sì”, dice quando sostenitori di Muqtada al-Sadr, il religioso naziona- A causa delle violenze settarie del 2006 suo padre,
A sette anni di distanza ben poco è cambiato. Do- cidente fu la scintilla che mise in moto l’insurrezione Lasciata Falluja arrivo a Bagdad e mi spingo nella par- gli ricordo l’episodio. “Chiesi all’esercito americano lista che più di ogni altro fece sentire la sua voce con- che era un dipendente pubblico, perse il lavoro e
vunque vai in questo tormentato Paese, la gente E IL RITIRO degli americani? “Sono contento di armata in tutto il Paese. “Al Qaeda voleva provocare te meridionale della città, nel quartiere di al-Beyaa di sgombrare l’edificio dai saccheggiatori e lo fecero. tro l’occupazione, a marzo ha votato per Sadr. Sadr tutta la sua famiglia si trasferì ad Amara, nell’Iraq
non fa che paragonare la vita di oggi con la vita ai vederli andare via. La sicurezza non dovrebbe peg- Nell’aprile e nel novembre 2004 le truppe america- una guerra civile” abitato per lo più da famiglie del ceto medio dove c’è Ma quando chiesi la cortesia di mettere un blindato era riuscito a convincere i suoi miliziani a smetterla sud-orientale.
tempi della dittatura. Molto di rado dal paragone giorare”, aggiunge. Il bagno di sangue può essere fer- ne scatenarono una pesante offensiva contro la città una bella moschea sciita. Sheikh Mohammed al-Fa- a guardia dell’edificio mi risposero che non era pos- con le violenze contro i sunniti. È contento del ritiro Al telefono Mustafa Ghalib, padre del piccolo Ali, mi
escono vincitori i mokhtalin, cioé gli invasori o oc- mato solo dagli iracheni. con truppe di terra e forze aeree. Ismail mi ripete dhli è uno dei religiosi che vidi nell’aprile 2003 ten- sibile”. ‘Non siamo forze di polizia’, mi dissero. degli americani: “C’erano uomini armati e attentati racconta che le condizioni di vita sono migliorate do-
cupanti. A Tikrit viveva una sparuta minoranza di sciiti. Cin- quello che nei miei colloqui con gli iracheni è ormai tare di porre fine ai saccheggi durante i primi giorni Quando se ne andarono i saccheggiatori tornarono anche prima del ritiro. E ce ne saranno ancora dopo po la caduta di Saddam. “Sentiamo di vivere in un
IN LARGA MISURA alla comunità sciita questi clima di libertà e democrazia. Ai tempi di Saddam
conflitti interni sono stati risparmiati. Bidawi incon- non potevamo dire quello che pensavamo, nemme-
Nel 2003 Jonathan trò gli uomini di Al Qaeda quando arrivarono a Fal- Sette anni dopo ritrova no in famiglia”, dice. Tuttavia è contento del ritiro
I dubbi della Storia
Steele viaggiò nel
luja. Capì subito che “lo scopo di Al Qaeda era quello
di provocare una guerra civile”. Loda al-Sahwa (Il
N i protagonisti del suo
degli americani. “Le forze di occupazione straniere
hanno causato molti problemi e, tra questi, la cecità
Churchill ordinò: Uccidete Consiglio del Risveglio), il movimento dei leader tri-
bali che si ribellò ad Al Qaeda.
PAKISTAN CUBA di mio figlio”.
Paese in guerra e Strage di sciiti “Lezione” di Castro reportage che descrivono
Mussolini, rivoglio le lettere Nel novembre 2004 gli americani arrestarono i tre
figli di Bidawi sospettati di collusione con la resisten- filo-palestinesi agli studenti
“Noi abbiamo fatto
raccontò le storie za armata. Due furono rilasciati alla fine dell’assedio come sono cambiate più sacrifici di loro”
FU CHURCHILL a decidere l’uccisione di
Mussolini, per evitare che saltassero fuori
scambi di lettere imbarazzanti. Pierre
Mussolini”. Le Figaro ci mette un punto di
domanda: “Churchill fece uccidere
Mussolini?”. Milza non dubita, “a
di semplici cittadini Usa, ma il più grande trascorse altri 7 mesi in prigio-
ne. Bidawi pregò gli americani di rimetterli in libertà.
“Un maggiore americano mi disse che il loro arresto
A due giorni dal
triplice attentato di
mercoledì scorso a
F idel Castro, vestito
in divisa verde
oliva, ha parlato
le loro vite
NELLA VULGATA dei militari Usa e del Partito
Milza, massimo storico francese del giudicare dalle dichiarazioni pubbliche” poteva essermi di aiuto e la cosa era in parte vera”, Lahore con 35 morti, davanti a migliaia di repubblicano, la guerra in Iraq è stato un successo
fascismo, ha indagato sulla fine del Duce e fatte fino all’inizio degli Anni Trenta che diventato un ritornello: dopo Saddam la situazione dice. Rendeva meno verosimile il sospetto che fossi due nuovi attentati VENEZUELA studenti dalla il ritiro. Abbiamo bisogno di un governo forte come americano, coronato con l’invio di rinforzi nel 2007,
ne ha tratto un libro appena pubblicato in “Churchill fosse un fan del Duce (anche dei servizi pubblici – sicurezza, acqua, elettricità un collaborazionista al servizio degli americani. hanno scosso il scalinata quello di Saddam. È necessario che la gente abbia decisione questa che avrebbe consentito di porre fi-
Francia, “Les derniers jours de Roosevelt lo era)”. Ma lo storico va oltre ecc. – è peggiorata. Solo l’economia è migliorata. Sebbene Bidawi sia del parere che quasi tutto vada Pakistan. Almeno 43 Carceri, digiunano dell’Università paura del governo”. ne alle violenze settarie e di sconfiggere Al Qaeda.
Mussolini”, che dà spessore a una tesi e avalla la tesi che Churchill volle la L’attacco di novembre fu approvato da Ayad Allawi, peggio che sotto Saddam – disoccupazione, sicurez- persone sono morte e un in cinquemila dell’Avana, la stessa Attribuisce agli americani la responsabilità di aver Riguardando i miei appunti mi rendo conto che nes-
non nuova, ma finora affidata a morte di Mussolini “perché non ex membro del partito Baath, che venne nominato za, servizi –vuole che gli americani rimangano: “non centinaio sono rimaste frequentata da creato insicurezza sciogliendo l’esercito e la polizia suno degli iracheni con cui ho parlato ha fatto cenno
ricostruzioni e testimonianze di dubbia
affidabilità. I fatti di Dongo del 28 aprile
1945 sono uno dei tanti misteri della
venissero alla luce alcune lettere piene di
ammirazione che gli aveva scritto prima
dello scoppio” della guerra. Il mistero è
primo ministro dagli americani nel 2004. “Non ave-
va scelta”, dice Ismail che, come la maggior parte dei
sunniti, ha votato per Allawi. La resistenza del 2003
abbiamo un esercito in grado di difendere l’Iraq. Gli
aerei turchi e iraniani violano continuamente il no-
stro spazio aereo. Chi ci aiuterà?”
ferite in due nuove
esplosioni provocate da
altrettanti kamikaze
O ltre 5000 reclusi
stanno attuando
lo sciopero della fame
giovane, evocando
con nostalgia i suoi
anni da rivoluzionario
iracheni nel 2003, dividendo sunniti e sciiti e inco-
raggiandoli a farsi la guerra tra loro. Non gli fece pia-
cere il rovesciamento di Saddam a opera degli Usa.
ai rinforzi del 2007 e ha ringraziato gli americani.
Obama fa bene a lodare il sacrificio dei soldati ame-
ricani, ma fa altrettanto bene a criticare le scelte del
storia italica: di certo, il lavoro di Milza alimentato da un viaggio in Italia di fu “nazionalista e onesta”, ma alla fine dell’anno la Il colloquio con Bidawi ha luogo nella decrepita bi- contro le minoranze in diversi penitenziari e denunciando il “Temevo che gli occupanti distruggessero il nostro suo predecessore. Il presidente Usa potrebbe fare
non sarà una pietra tombale su ipotesi e Churchill poco dopo il conflitto: “Cosa città era invasa da “infiltrati” legati ad Al Qaeda. blioteca pubblica di Falluja con un caldo torrido ap- religiose sciita e ahmadi, del Venezuela, in rischio di una guerra Paese e la nostra civiltà e quanto è accaduto al nostro sue la parole di Enas Ibrahim, la giornalista irachena
polemiche, anzi ne alimenterà altre. Ma il venne a fare Churchill sul lago di Como Ismail vorrebbe che gli americani restassero in Iraq, pena mitigato da un ventilatore. Mentre parliamo bersaglio tradizionale segno di protesta per i nucleare tra Usa e museo giustifica i miei timori”, dice con tono ama- che mi ha accompagnato a Tikrit. Un giorno ci siamo
libro, basato su documenti e ricerche che nel settembre del 1945? Viaggiava sotto anche se “ci hanno umiliato e ci hanno costretto a sentiamo il rumore di due spari. Ci ripariamo in una dei talebani legati ad al maltrattamenti che Iran. È il primo ro. imbattuti in un lungo convoglio di mezzi, con a bor-
nulla hanno a che vedere con i Diari le spoglie del ‘colonnello Warden’ e si era odiarli”. La ragione? “Nessuno vuole che il proprio stanzetta attigua. Sentiamo altri quattro spari. Ven- Qaeda. L’attacco più subiscono, il comizio da quando è Paradossalmente un uomo che ha subìto una grave do container e attrezzature militari, che andavano
farlocchi di Marcello Dell’Utri, cattura stabilito nel paese dove Mussolini era Paese sia occupato, ma vogliamo che gli Stati Uniti gono dall’altro lato della strada dove ci sono le ban- grave a Quetta, con 42 sovraffollamento a cui ritornato alla vita tragedia familiare è tra quelli che nutrono minore ri- verso sud. “Cosa provi quando vedi i convogli?”, le
l’attenzione in Gran Bretagna e in stato catturato e ucciso dai partigiani. pongano un freno alle interferenze dell’Iran negli af- carelle di alcuni venditori ambulanti. Gli ultimi quat- morti: erano tutti sciiti sono costretti nelle pubblica il 7 luglio sentimento nei confronti degli americani. In quei ho chiesto. “Sono contenta per loro. Hanno fatto
Francia. The Telegraph titola senza Perché?”. fari interni dell’Iraq. L’Iran già controlla il governo di tro colpi sono stati esplosi in aria dalla polizia per riuniti in una celle e per i ritardi dei dopo quattro anni di primi giorni dopo la conquista di Bagad nell’ospe- molti sacrifici; ma noi ne abbiamo fatti di più”.
riserve “Churchill ordinò l’assassinio di Giampiero Gramaglia Bagdad”. allontanare i curiosi. Uno dei primi due colpi aveva manifestazione processi contro di assenza dovuta alla dale Kadhimiya conobbi Ali Mustafa, un bambino di Copyright The Guardian - Traduzione di Carlo Antonio Bi-
Taha Bidawi, che non era membro del partito Baath ucciso un poliziotto. filo-palestinese. loro. sua lunga malattia. 5 anni ferito a una gamba e con gli occhi bendati. scotto
pagina 14 Sabato 4 settembre 2010

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

OLTREOCEANO
Il libro di Franzen:
Pippo Baudo Vauro Sensi Rossi
la libertà ambigua La figlia
Tiziana
Ha disegnato
la cover del
“Il contratto
di Ranieri?
Il Dottore:
Lorenzo non

I TALEBANI
ha dato cd di Sakrdy, Basta ha lasciato
alla luce ex Pitura una stretta Yamaha per
due gemelli freska di mano” colpa mia

AMERICANI
di Riccardo Chiaberge va sloggiato al più presto dalla ro dalla sua stessa maggioranza
Casa Bianca. Con ben 102 mi- per aver osato proporre un au-

S
lioni di aficionados, Fox è la re- mento delle imposte ai califor-
te in assoluto più popolare de- niani.
gli States. Il talk show di O’Reil- Talebani americani: il paragone
ly viene seguito ogni sera da 3,3 può apparire iperbolico. Dopo-
milioni di persone, quello di tutto i fondamentalisti evangeli-
Glenn Beck da 2,3 milioni, ed è ci non compiono attentati e non
in continua crescita. Poca co- tagliano il naso alle adultere. E i
sa, in confronto a 300 milioni neoconservatori del Tea Party
di cittadini americani, ma pur sono più concentrati sulle que-
sempre il doppio o il triplo di stioni fiscali che sulle crociate
quelli che leggono i fondi di contro l’aborto. Ma il primo a
Paul Krugman sul New York Ti- suggerire questo accostamento
mes. è stato proprio il responsabile
della campagna repubblicana,
e ogni volta che vedete il fac- Opposizione Pete Sessions, in un’intervista
cione rifatto di Emilio Fede la astiosa all’indomani della vittoria di
mano vi corre al telecomando, Obama: “Insurrezione, questa è
non avete ancora visto Glenn la risposta. Dobbiamo prendere
Beck: una settimana fa, nell’an- IN UN PAMPHLET fresco di esempio dai talebani”. In effetti,
niversario di Martin Luther stampa, il blogger Markos Mou- Jihadisti e destra religiosa ame-
King, il conduttore di Fox Tv litsas li definisce American Tali- ricana hanno molti punti in co-
ha radunato 300 mila bianchi ban: le avanguardie di un’oppo- mune: lo stesso zelo militarista,
incazzati al Lincoln Memorial sizione astiosa e ostruzionistica, lo stesso brutale maschilismo,
di Washington per gridare tutti un partito del “tanto peggio, lo stesso disprezzo per i diritti
assieme che l’America con tanto meglio” che blocca ogni delle donne, l’identica feroce
Obama ha preso una direzione riforma e non esita a trascinare avversione per la scienza, la mo-
sbagliata ed è il momento di l’America e il mondo nel baratro dernità, gli intellettuali e ovvia-
tornare a Dio. E forse non co- pur di cacciare i democratici dal mente i gay. Anche se dopo l’11
noscete Rush Limbaugh, la vo- potere, sfruttando i tentenna- settembre non hanno smesso di
ce più ascoltata di Premiere Ra- menti e i passi falsi di un presi- rinfacciare ai democratici di fare
dio, che dopo l’elezione del dente che sta deludendo il suo il gioco dei terroristi (“Obama
primo presidente Bin-Lyin”), sono loro i migliori
nero degli Stati alleati di al Qaeda. Un imam mo-
Uniti sentenziò:
“Mi auguro che
L’autore delle derato, da sempre schierato
contro i fanatici islamisti, vuole
fallisca”. O quel
Bill O’Reilly, altra
“Correzioni” si occupa costruire un centro di preghiera
e di cultura musulmana a poca
star di Fox, che distanza da Ground Zero, per
mesi fa, commen- di come l’idea di promuovere il dialogo tra le fedi
tando il processo e isolare gli estremisti? Quelli in-
ad alcuni presunti libertà venga usata e scenano una gazzarra forsenna-
terroristi a New ta: “Sarebbe un monumento ai
York, in ossequio manipolata negli Usa nemici dell’America, un insulto Illustrazione di Doriano
al Sesto Emenda- alle vittime delle
mento, è sbottato Twin Towers!”.
in diretta: “Me ne frego della
Costituzione!”. In confronto a
Quando B. si lamenta Inutilmente
pragmatico sinda-
il stato sequestrato dalla destra
per legittimare la guerra al Ter-
è possedere un telecomando e
poter scegliere prodotti “Chole-
togliere è la libertà di rovinarti la
vita nel modo che preferisci”. In
questi John Wayne dell’infor-
mazione, il direttore del Tg4 è
della campagna di co di New York, il
repubblicano
rore (Enduring Freedom). Un
po’ come ha fatto in Italia la coa-
sterol free”, “Allergy free” o
“Gmo free”.
un’altra pagina, è l’autore stesso
a osservare: “La personalità su-
un liberale illuminato e l’ono- Bloomberg, ricor- lizione guidata da Berlusconi, scettibile al sogno di una libertà
revole Borghezio un apostolo stampa contro di lui, da che la libertà di per giustificare la guerra alla ma- Misantropia illimitata è anche una persona-
della tolleranza. Stipendiati da culto e di riunio- gistratura. Già, di cosa parliamo, lità incline alla misantropia e alla
quello stesso Murdoch cui la dovrebbe fare due ne è garantita dal- quando parliamo di libertà? Per
e rabbia
rabbia, quando il sogno si inaci-
strabica sinistra italiana guarda la Costituzione. una parte degli americani, liber- disce”. E la rabbia inacidita pare
come a un messia, sono questi chiacchiere con Obama Per i talebani di tà è quella di fare quattrini, pa- WALTER Berglund, l’avvocato appunto il sentimento preva-
Rambo che da mesi stordisco- Beck, solo i cri- gare meno tasse possibile, e gi- liberal protagonista del roman- lente nell’America del mezzo
no i telespettatori con una di- stiani duri e puri rare armati. Per un’altra, consi- zo di Franzen, dice a un certo fiasco iracheno, dello stallo af-
sinformatia ossessiva, facendo- elettorato. Quando il nostro hanno diritto di riunirsi e prega- stente minoranza, è la libertà di punto: “La gente è venuta in ghano, dei 15 milioni di disoccu-
gli credere che Obama è mu- premier si lamenta della campa- re. usare embrioni umani per la ri- questo Paese o per il denaro o pati, del ristagno demografico,
sulmano, o che non ha la citta- gna di stampa contro di lui, o Il nuovo, superanticipato e in- cerca scientifica o di sposare per la libertà. Se non hai denaro, dei ventenni che restano in fami-
dinanza statunitense, e pertan- della impossibilità di dialogare censatissimo romanzo di Jona- una persona dello stesso sesso. ti aggrappi ancora più furiosa- glia per mancanza di futuro. E
to è un inquilino abusivo che con “questa sinistra”, dovrebbe than Franzen, Freedom (Farrar, Per una vasta zona grigia, libertà mente alle tue libertà. Anche se dei talebani scatenati di Fox Tv.
chiedere all’amico Obama cosa Straus and Giroux, pagg. 562, $ il fumo ti uccide, anche se non
significa avere a che fare con 28,00), ruota proprio intorno al- hai i mezzi per mantenere i tuoi
“quella destra”, con i garbati or- la ambiguità di un concetto, li- figli, anche se i tuoi figli vengono
fani dell’amico Bush. O se pre- bertà, che nella cultura america- ammazzati da maniaci armati di
ferisce, lo chieda al reaganiano na assume quasi dignità teologi- fucile. Puoi essere povero, ma
Schwarzenegger, messo al mu- ca, e che negli ultimi decenni è l’unica cosa che nessuno ti può
Sabato 4 settembre 2010 pagina 15

SECONDO TEMPO

CINEMA DA LEONI

IL MONDO DI SOFÌA
Coppola applaudita al Lido, Leone d’Oro
alla carriera a John Woo
di Federico Pontiggia
ABBIAMO VISTO
on c’è contrapposi-

“N zione tra noi e voi:


adoro la cultura ita-
liana, le immagini gi-
rate a Milano sono rappresen-
tative del mondo dello spetta-
UNA NAPOLI
ANTICONVENZIONALE
colo in generale”. Sarà, ma l’Ita-
lia di Somewhere, il nuovo film di èèè èèè
Sofia Coppola in concorso alla Commedia Drammatico
Mostra di Venezia, non fa una Somewhere Gorbaciof
bella figura. Mentre Valeria Ma- di Sofia Coppola, con Stephen di Stefano Incerti Con Toni
rini sculetta sul palco, Simona Dorff, Elle Fanning Servillo
Ventura e Nino Frassica presen- Esploratrice degli universi in Gorbaciof vive nel buio, ha
tano i Telegatti ma non vengo- transizione, la talentuosa fi- una vistosa macchia sulla
no sottotitolati in inglese nella glia di Francis Ford sbarca al fronte, fa il notabile del car-
versione internazionale del concorso con l’attesissimo e cere di Poggioreale e una vita
film: “É il punto di vista del pro- semi-autobiografico Some- vera, in fondo, non ce l’ha.
tagonista Johnny Marco che where. Le vite parallele di un Ruba dalle casse della galera
non parla italiano e rimane giovane padre troppo famo- e poi brucia tutto al tavolo da
spaesato…”, si giustifica la fi- so (Stephen Dorff) e una fi- gioco in notti in cui le carte
gliol prodiga di Francis Ford glioletta troppo sola (la sor- giuste non entrano mai e gli
Coppola, ma l’impressione è prendente Elle Fanning) rie- usurai alla porta, hanno volti
quella di nani e ballerine nostra- scono a convergere. Nono- minacciosi. Quando incon-
ni derisi dallo showbiz stelle & stante i non-luoghi a lei cari, tra una ragazza cinese e il so-
strisce. Se ancora non bastasse, tradotti in suite d’hotel o stu- gno di un riscatto che li porti
Johnny, attore di successo pro- di televisivi, persino tra i entrambi lontani, per un Una foto di scena
fessionale e tristezza privata, da monster mediatici del Bel- istante, si illude persino di ri- del film
Malpensa all’Hotel Principe di Paese, dove il genitore star baltare il destino. Ingannan- ”I baci mai dati”
Savoia viene scortato dalla po- hollywoodiana vola a riceve- dosi. Toni Servillo è strepito- GIURANDO di Roberta Torre, in
lizia come fosse un capo di Sta- re il Telegatto. La Coppola so, la regia di Incerti sicura, la di Luca Guadagnino programma oggi a Venezia,
to, mentre il suo anfitrione (di punta ai dettagli, ai bordi di in- Napoli descritta livida e an- fuori concorso. Sotto, Sofia
nome Pupi: alla fine Avati ce quadrature dense. (AM Pa.) ticonvenzionale. (Ma. Pa) Tempesta, come sempre ogni anno, sul Coppola (FOTO ANSA)
l’ha fatta a mettersi in Mostra!) Lido. Piove a dirotto. E l'acqua entra
gli ricorda la cena in suo onore copiosa nelle stanze del lussuoso (?) e
che lo aspetta dal sindaco... In- costosissimo Hotel Excelsior. Non è una
somma, lo Stivale ritratto da So- perfetta immagine metaforica dell'Italia
(portata) con le pezze al culo ma spacciata
mewhere non è over the rain-
bow, bensì periferia dell’impe-
Jhon Woo: stra politica l’impossibile è di-
ventato quotidiana routine. per virtuosa del benessere di una crisi che
Quentin non sono tanto al fem-
minile quanto formato famiglia:
ro, nonostante lo zampino pro- Avreste mai creduto che il cinea- “a noi non ci tocca, spendete”? sul regista di Pulp Fiction è piovuta
duttivo di Medusa, che da ieri lo “Eravamo sta preferito da Bondi fosse Nan- la carrambata di Chiambretti.
distribuisce in 250 sale. ni Moretti? E non a parole, nei fat- Dopo averlo mollato ancora in
poveri ti. Il ministro dei Beni culturali grembo, Tony Tarantino ora
Bondi adora ha rivisto Ecce bombo, e ha man- chiede al figlio di incontrarsi: al
i film di Moretti
a Venezia, dato a memoria: “Mi si nota di ma è rimasto vittima di un ac- alla carriera, il cinese John Woo, Chiambretti Night! Ce la farà il
più se vengo e me ne sto in di- quazzone fantozziano – sarà “La da decenni felicemente trapian- piccolo Piero a organizzare il
sgattaiolavo sparte o se non vengo per nien- situazione comica” che impazza tato a Hollywood (Mission: Im- grande incontro? Mai dire mai,
STRANO, DAVVERO strano: te?”. Così su una sua eventuale al Lido? – e puntualmente cesti- possible II, Face/Off). E’ lui ri- ma il titolo dell’ultimo film di
il Bel Paese si accontenta di met- nei cinema presenza alla Mostra sempre al nato da solerti addetti. cordarci che, al netto dei cerotti Quentin non lascia molte spe-
terci il marchio – Ferrari, Tele- Corsera risponde: “Quest’anno, istituzionali, il cinema è lacrime ranze: Bastardi senza gloria… Se
gatti (Tv Sorrisi e Canzoni di senza pagare” per ragioni di carattere familia- Leone d’oro e sangue: “Dedico questo pre- Chiambretti trama nella culla,
Mondadori…), suite e lustrini – re, non so ancora se mi potrò re- d’Oriente mio a mia moglie e mia madre: è comunque, c’è altra confusione
e pazienza se poi si ritrova brut- care, come desidererei”. La soli- stata lei a portarmi per la prima nei cieli della Mostra.
to. Chissà che ne penserà l’inef- sciuto”, si sfoga sul Corsera, ri- ta Medusa lo aspetta il 9 settem- volta in sala. Ma eravamo troppo
fabile Sandro Bondi? “Non vo- vendicandosi il merito di aver bre per La solitudine dei numeri pri- PER TROVARE un vero Re poveri: sgattaiolavo dentro, e Ministre e YouTube
glio dire di aver fatto più della si- reintrodotto tax credit e tax mi: come potrà mancare il no- Leone, bisogna essere strabici: quando mi beccavano mi riem- contro la violenza
nistra, ma certamente ho fatto la shelter e spalleggiando “un stro Number One? Per fortuna, guardare a Oriente e insieme a pivano di botte. Allora, sbirciavo
mia parte. La mia amarezza na- provvedimento per spingere il c’è chi fa ancora la parte del Leo- Occidente. Tranquilli, anche dall’esterno: oggi quelle fessure
sce dal fatto che, per ragioni po- mecenatismo dei privati e delle ne. Non quelli dello scenografo nello spettacolo, come nella so- nel muro sono diventate il miri- MENTRE LE OMBRE verdi
litiche e ancor più ideologiche, comunità locali”. Attendiamo Dante Ferretti, però: un felino di rella politica, impossibile is no- no della mia macchina da presa, del governatore Zaia conquista-
ciò non mi viene affatto ricono- con ansia, ma oramai nella no- polistirolo del Palazzo del Cine- thing: lo dimostra il Leone d’Oro il cinema che non osavo sognare no tra vigne e mare e la collega di
un sogno realizzato”. E condivi- gabinetto Mara Carfagna scalpi-
so con il presidente di giuria ta per assegnare il suo premio
Quentin Tarantino: “Per Il Regno “Pari Opportunità” al più equo e
TORMENTI EDITORIALI di Silvia Truzzi malizia del guardare altrove. dei Tre Assassini che ho portato in solidale dei film in concorso, il
Mancuso ha magistralmente Laguna ci siamo ispirati a Kill Bill, ministro della Gioventù Giorgia
MANCUSO, L’INTERMINABILE ADDIO cominciato a creare suspense
con il primo pezzo su
ma quella di Uma Thurman era
un’eroina americana tutta d’un
pezzo, la mia, viceversa, è forte
Meloni esalta Youtube, battez-
zando il corto vincitore del con-
corso Action for Women: “E’ uno
l lato esecrabile di un cronica. Qualcuno se ne accorse “Repubblica”, tra l’altro con
“I fidanzamento”, dice Soren
Kierkegaard, “è quello etico. L’etica
tempo fa, ma vale comunque il
“meglio tardi che mai”. Spiega
una non elegantissima
“chiamata in correità” dei suoi
nei sentimenti: si innamora e
piange. Da voi quando capita?”.
Chissà, d’altronde, i problemi di
strumento potente per veicola-
re il messaggio contro la violen-
za alle donne”. E come darle tor-
è noiosa nella scienza come nella Mancuso che appena avrà fraterni amici e autori to? Non si può, ma un messaggio
vita”. Abbiamo sbadigliato un terminato i suoi impegni con il Mondadori: Scalfari, condivisibile può avere un tea-
pochetto pure noi, testimoni del gruppo di Segrate, trarrà le logiche Zagrebelsky, Prosperi, Urbinati, tro scomodo: tra Internet e cine-
tormento intellettual-editoriale di conseguenze del suo ragionamento. Augias (nessuno dei quali ha ma non corre buon sangue, anzi,
manifestato l’intenzione di la Rete spesso vampirizza il gran-
Vito Mancuso che sta lasciando – “Ai cari amici che ho in Mondadori
andarsene). Al terzo episodio de schermo, come conferma la
pure lui – una Regina: la sua casa e ai quali mi legano stima e affetti ricerca Open Cinema di Luiss e
editrice. Un addio a rate e a mezzo incancellabili, dico: magis amica della saga non ci ha ancora
FEdS. Cara Meloni, era dunque il
stampa, con ben tre pezzi usciti a iustitia”. In molti ora sono detto chiaramente che vuole caso di mettersi in Mostra? Tutto
stretto giro su “Repubblica”. La interessati a trovare l’originale emigrare da Segrate. Ce ne fa brodo, ovviamente, e ne ab-
questione è, appunto, etica: il veritas della citazione. Ovvero: vorrà un quarto, che leggeremo biamo decisamente sorbiti di
conflitto d’interessi tra l’editore che Mancuso ha già firmato per la con avidità per arrivare al fondo peggiori, ma ritornare al cinema
è anche presidente del Consiglio curatela di una collana con l’editore e trovare finalmente la parola sarebbe cosa buona e giusta.
addio. Ma – come potrebbe Facciamolo, dunque, con Asca-
con una certa propensione a Fazi? Ha già trovato un editore? Non
testimoniare la povera Regina nio Celestini che parlando del
confezionarsi leggi su misura. Il sembra poi così dirimente: uno suo La pecora nera ha ridato con-
problema, ammette lo stesso scrittore ha bisogno di un editore ed Olsen, mai in Kierkegaard – è
sapevolezza al caravanserraglio
teologo, esiste da 16 anni e riaffiora è naturale che quando ne lascia uno meglio lasciarsi senza della Venezia di celluloide: “Sia-
con tutti i sintomi di una malattia se ne cerchi un altro. Ma è la filosofeggiare troppo. mo tutti un po’ dentro e un po’
fuori dal manicomio”. Qualcu-
no, più dentro…
pagina 16 Sabato 4 settembre 2010 Sabato 4 settembre 2010 pagina 17

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI
TELE COMANDO
Precario
+ certa è un’altra: nessun ac-
cenno al fatto che i parenti del
Generale Dalla Chiesa non
sono andati alla manifestazio-
ne di Palermo. Il figlio Nando
ha detto alle agenzie: “Spesso
di Nanni Delbecchi

N
Il monopolio
di Mentana
ell’oceano di repliche della tv d’estate
avrebbe potuto passare per replica anche la
riapparizione di Enrico Mentana in versione
speaker, solo soletto dietro la cattedra del con-
il sommario che precede la sigla; non il solito
elenco di notizie più o meno clamorose; ma un
unico impasto delle novità di giornata unito a
un breve riassunto delle puntate precedenti,
MONDO
DAGLI AMBIENTALISTI ALLE APPLE

Facebook
WEB
di Federico Mello

è 145 MILIONI GLI UTENTI TWITTER


RILASCIATA L’APPLICAZIONE PER IPHONE
Non saranno i 500 milioni di Facebook, ma
è LA PADANIA COPIA DA INTERNET
DUE GIORNI FA AVEVA PUBBLICATO UNA FOTO TAROCCO
Ieri su questa pagina abbiamo raccontato della foto in
prima pagina su La Padania (mercoledì); per la Rete non
c’era dubbio: l’immagine con un presunto campo Rom sul
quale sventolavano bandiere della Cgil era in realtà un
fotomontaggio. Ora, sempre da Internet, ci segnalano un
altro scivolone del quotidiano leghista. Un articolo di
Eleonora Bianchini, giornalista del portale Blogosfere (e
collaboratrice de ilFattoQuotidano.it) è finito
pari pari sulle pagine de La Padania. L’articolo
riportava le informazioni su “Occupiamo
l’Emilia”, un documentario che ripercorre la
recente ascesa della Lega nell’Emilia Rossa; la
feedbac$
“In piazza per
difendere la
k
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:

Costituzione” di
Salvatore Borsellino

è NON BISOGNA mai


stancarsi di manifestare
contro le ingiustizie! Il 2
ottobre persino Minzolini
ed Emilio Fede dovranno

per sempre
in queste commemorazioni si
creano situazioni compro-
mettenti, e si è costretti a sta-
re insieme a persone dalle fre-
quentazioni poco raccoman-
duttore. Toh, guarda chi si rivede; e in effetti da
un “Blob” o un “Da da da” versione tg, fatti solo
di veline e mezzibusti d’epoca, potrebbero ve-
nire fuori cose divertenti. Ma ci vuole meno di
un nanosecondo per capire che non è così, per-
quasi che, invece che un tg, stesse per andare
in onda una fiction. Questa è la felice intuizione
di Mentana riferita alla politica interna, una po-
litica tutta da spiegare e da commentare nei
suoi retroscena come se fosse –come è- una
quante spine anche gli utenti di Twitter continuano ad
aumentare. Come illustrato
dall’amministratore delegato del social
cinguettante, Evan Williams, la compagnia
adesso conta su 145 milioni di iscritti (con un
Padania ne ha fatto di un ampio stralcio un
box non firmato. “Cari redattori padani tanto
affezionati alla proprietà privata, al rispetto
per il lavoro degli altri, – la risposta online
della Bianchini – vi abbiamo beccati. La
ammettere che si era in
milioni. Tutti in piazza a
manifestare contro il
governo del fare (guai)!
Antonella
dabili”. Nel pezzo di Rino Ca- ché il fatto non sussiste. Giovedì sera Mentana partita a domino. Quella stessa politica che il acebook, e il carbone, Face- “Ping”, un social network della ritmo di 300mila al giorno). Questa crescita è prossima volta, però, almeno citare la fonte”.
di Chiara

T g1
Paolin

Marco Frittella se la go-


de un mondo a raccontare tut-
risponde così alla promessa
di Berlusconi sull’imminente
nomina del nuovo ministro
dell’industria: “Lo sceglie tra
una settimana? Ma di quale an-
scio l’unico a parlare (e tanto)
è il ministro Roberto Maroni.

T g3
Giusta nota sul settembre
sfoggiava sul completo di grisaglia una cravatta
verde smeraldo troppo squillante per non es-
sere indimenticabile. Si fosse trattato una re-
plica, sarebbe immediatamente riaffiorata alla
memoria; le notizie passano, in Italia spesso
TgUno e il Tg5 delle 20 confinano nel pro-
prio ventre molle il più frettolosamente pos-
sibile, ben sapendo che ne uccide più l’omis-
sione della propaganda. I risultati si vedono, e
non potrebbe essere diversamente. Le gesta
F book e gli iscritti, Facebook
contro Apple, Facebook e i
bambini. Il sito fondato da
Mark Zuckeberg ha ormai una ta-
le influenza sulle nostre vite, che
mela dove la musica la fa da pro-
tagonista. Zuckeberg, però, ha
bloccato l’opzione che permet-
teva di importare gli amici Face-
book su Ping: è probabile che sia
molto aiutata dalla diffusione
di smartphone e connessioni
mobili: non a caso proprio
questa settimana è stata
rilasciata l'applicazioni Twitter
è LA POLITICA va fatta
con le mani pulite. Sarà dura
sradicare questo cancro, ma
bisognerà riuscirci per il
bene di tutte le persone
to tutto tutto sulla piattafor- no? Non l’ha specificato”. dorato di Giorgio Napolita- passano inosservate, ma le cravatte sbagliate quotidiane dei nostri politici diventano un ro- gli può capitare in un solo giorno questo il causus belli di una guerra per iPod, iPhone e iPad. oneste che vogliono solo
ma americana andata a fuoco. A chiudere, il proverbio cine- no. Look sciolto, cappello a restano. E poi, com’è ovvio, non si tratta solo di manzo a puntate di grande impatto (non certo di doversi misurare su vari fronti che durerà a lungo. Altro fronte, poter vivere con dignità,
Salvi i tredici lavoratori, nes- se che Toni Servillo pronun- tesa larga, le scarpe da ginna- questo; il nuovo Tg7 che ha debuttato questa per la qualità degli interpreti, ma per la loro contemporaneamente, sia dal quello “sociale”: il “sito azzurro” serenità e in democrazia.
suna perdita di petrolio, ma in cia nel suo film presentato a stica e parecchie battute di settimana con un botto di ascolti non ha nulla capacità di coinvolgerci, volenti o nolenti); an- punto di vista “social” che dal deve fronteggiare una campagna Enzo M.
apertura servono lo stesso Venezia: “Quando mancano spirito: il processo breve che in comune con il Tg5 che Mentana fondò nel che se, a parte il Tg7, nessuno sembra inten- punto di vista “sociale”. In primis ambientalista lanciata da Green-
due luuuunghi servizi sulla le tigri, le scimmie si atteggia- plana sul binario morto, il mi- 1992, a 37 anni, riuscendo a dare all’informa- zionato a volerlo raccontare. Già solo per que- filtrano informazioni su una no- peace; in 500mila chiedono con- è NON
faccenda. Prima la cronaca no a tigri, ma restano comun- nistro del lavoro che arriverà zione di Mediaset un volto che non fosse una sto l’impennata di ascolti meritatamente regi- vità importante: gli ingegneri di to sulla scelta di alimentare il fu- TOLLEREREMO più
goccia a goccia, poi addirit- que delle scimmie”. solo passando parola qua e là. maschera (quella di Emilio Fede). Allora, strata finora potrebbe essere solo all’inizio. “faccialibro” stanno testando turo data center centrale (a Por- mafiosi, corruttori, collusi,
tura una ricostruzione storica Un Napolitano fresco, giovia- Mentana puntò sul modello americano tutto ti- Mantenendo il suo stile di percussionista, ma un’opzione “subscribe” simile a tland, nell’Oregon), con elettri- ladri al governo. Siamo per
dell’arte trivellatoria rico- g2 le, che butta sull’ironia le pro- toli, ritmo ed energia; passando dal jazz freddo della raffica di notizie quella che si trova sugli altri so- cità ottenuta dal carbone e non il rispetto della costituzione
struita con tremula emozione
da Giuseppe Solinas. Quanti
T Il giallo è arrivato a tarda
estate: Sarah è scomparsa da
spettive tragiche del Paese. La
gente a Venezia l’ha applau- Enrico Mentana
il siparietto dei due
conduttori alle 13 e
allo swing del racconto, Mentana agisce in un
regime di monopolio televisivo. Il suo succes-
cial network (Twitter su tutti).
“Iscrivendosi” ad un utente – se il
da fonte rinnovabili. Dall’Italia,
infine, dall’ospedale Bambin Ge-
e gli spergiuri li manderemo
in galera. Un saluto
rischi, che esasperazione tec- Taranto, ha 15 anni e un pro- dito, gli ha stretto le mani spe- direttore e conduttore lui stesso, in versione so non ha veramente nulla di misterioso, ma servizio verrà implementato – sa- sù di Roma, arriva una richiesta: affettuoso e un grazie di
nologica, che fame d’energia filo Facebook gestito dalle sue rando possa fare il miracolo: del Tg La7 solista del mitra, alle perfino troppo di ovvio. Il mistero, casomai è rà possibile seguire tutte le sue un pulsate – già attivo in Inghil- cuore a S. Borsellino. Con
ha il mondo: ‘sto petrolio non amiche. Strano però. Una di trasformare un riso amaro in 20. Oggi quel modello quello che avvolge le corazzate rivali, questi attività dando così priorità asso- terra – con il quale i minori pos- lei, sempre.
basta mai e presenta rischi mi- loro racconta che certe volte sano senso di rivalsa sociale. Cnn de noantri è stato porti delle nebbie dai quali si odono echeggia- luta (anche attraverso la posta in- sano segnalare comportamenti Michela60
cidiali. Sarà mica che a qual- ha visto un’auto scura girare Ci prova anche Ciro Busiel- sostituito da un tele- re, come in un castello della Cornovaglia, le vo- terna) ai suoi aggiornamenti. inappropriati su Facebook. “Non
cuno piacerebbe di più il nu- in strada mentre camminava- lo, un insegnante che compie giornale che punta a ci di Capezzone, di Casini o di Bersani. La noia Con questa opzione, inoltre, sa- spiate i profili dei vostri figli – ag- è PROPONGO a tutti gli
cleare? La radioattività non si no insieme. Stranissimo. E 70 anni e se ne va in pensione. essere prima di tutto è la verità allo stato puro, diceva Ennio Flaiano. rebbe possibile per gli utenti in- giungono gli psicologi – bisogna insegnanti di tutte le scuole
vede e non si sente, tranne sul una volta, a scuola, Sarah ha Perfetto. Ma il guaio è che Ci- un racconto; e da un Per questo, ogni volta che ci sintonizziamo sul crementare di molto il numero di costruire un rapporto giorno per d’Italia, di leggere e spiegare
dna delle generazioni future. perfino scritto un tema su una ro non è mai stato assunto in Mentana che si è sco- Tg Uno o sul Tg 5, non riusciamo a capacitarci amicizie: non si rischierebbe più giorno, online così come tra le la Costituzione agli studenti
E quelle hanno già tanti pro- donna assassinata. Acciden- vita sua, solo contratti e con- perto una vocazione di come possano essere così noiosi e allo stesso di perdersi in un mare di status. mure di casa”. Non c’è dubbio: è Massimo
blemi: uno più, uno meno. taccio. Domani ne sapremo trattini da precario. “Almeno narrativa. tempo così finti. Mentana ha capito che ci vo- Sul lato “esterno”, invece, Fb ha proprio dura essere il social net- Una schermata di Ping;
Bersani col sigaro in bocca se certamente di più. la pensione ce l’ho” si consola Momento chiave di leva davvero poco a fare un tg appena un po’ sbattuto le porte in faccia ad Ap- work più diffuso al mondo. un immagine su Twitter; è IL 20 AGOSTO io e i
ne va a Rieti dagli amici Api e Nel frattempo la sparizione lui. Ridiamoci su. questa metamorfosi è più vero, e molto più interessante. ple. Steve Jobs ha lanciato f.mello@ilfattoquotidiano.it il post di Blogosfere; le monache miei figli abbiamo fatto una
di clausura online gita storico-culturale a
Palermo. Siamo stati a
Capaci, in via D’Amelio, in
I FILM LO SPORT via Notarbartolo. E’ stata
una giornata molto
SC1= Cinema 1
SCF=Cinema Family
SP1=Sport 1 DAGOSPIA istruttiva e toccante.
SCH=Cinema Hits SP2=Sport 2 VIZI DA VIP Salvo Mandara
SCM=Cinema Max
SCMa=Cinema Mania SP3=Sport 3
1) Ultime novità in
17.35 Disaster Movie SCH 20.00 Automobilismo, Ferrari
casa Rai: adesso la è PRETENDIAMO IL
17.35 Vincere insieme SC1 Challenge 2010 Budapest: Gara
Clericiona vuole decidere i palinsesti. RITIRO DALLA VITA
17.45 Il Bianco Natale di 1 (Replica) SP2 Dopo il polverone sollevato sulla PUBBLICA DI UNA
Topolino SCF 20.40 Calcio, Serie B 2010/2011 dirigenza per il contratto da 1 milione CLASSE DIRIGENTE
19.10 Inkheart SCF Anticipo 3a giornata Torino - 800 mila euro (lei ne aveva chiesti 2,2 CHE CON IL SUO
19.10 The Code SCH Crotone (Diretta) SP1 dichiarando “valgo più di quello che mi INTOLLERABILE
19.10 The Pacific Primo epi- 21.00 Golf, PGA European Tour pagano”), l’Antonellona nazionale non si DEGRADO MORALE
sodio SCM 2010 Omega European Masters: placa e vuole il sabato sera per “Ti lascio una canzone”, HA TRADITO IL
19.10 Il grande sogno SC1 3a giornata (Replica) SP3 costringendo “I soliti ignoti” a spostarsi al mercoledì. GIURAMENTO FATTO
19.20 I giorni del cielo SCMa 21.00 Rugby,Tri Nations 2010 2) La fidanzata del Trota esordisce sul palco di SULLA COSTITUZIONE
20.00 The Pacific Secondo Sud Africa - Australia (Rep.) SP2 “Colorado”. In questi giorni la bionda Elena Morali E NON RAPPRESENTA
episodio SCM 23.00 Calcio, Serie B 2010/2011 dedica poco tempo al fidanzato Bossi jr, fresca di PIÙ ALTRO CHE I
21.00 Wall - E SCF Anticipo 3a giornata Torino - arruolamento nelle file dello show comico di Italia 1. PROPRI MESCHINI
21.00 Top Secret! SCMa Crotone (Replica) SP3 Alla pesca d’altura preferisce la sala prove. Dopo INTERESSI
21.00 Defiance SCM 23.00 Beach volley, King of the l’esordio a “La pupa e il secchione” il Biscione PERSONALI. E
21.00 I Love You, Man SC1 Beach 2010 Civitanova Marche garantisce il lavoro alla nuora del Senatùr. AGGIUNGO SENZA
21.15 Wolf - La belva fuori SCH (Replica) SP2 3) Da parte sua, papà Bossi non smentisce la SCONTI, DA DESTRA A
22.35 La notte dei morti 0.00 Poker, SNAI Poker Cup vecchia fama di acchiappasottane, malgrado i SINISTRA. I POLITICI
viventi SCMa 2010 Episodio 5 SP2 danni dell’ictus. Il sito de la Repubblica scodella DI LUNGO CORSO CON
22.45 Diverso da chi? SCF 0.45 Calcio, Serie A 2010/2011 qualche immagine del calore leghista del Sena-dur... IL LORO ODORE DI
22.50 Dubitando di Thomas: Posticipo 1a giornata Bologna - 4)Non c’è due senza tre. Dopo aver preso il cuore FOGNA SONO DA
bugie e spie SC1 Inter (Sintesi) SP1 di Silvio Berlusconi e di Antonio Zequila (detto “er ROTTAMARE, TUTTI.
23.20 2012 - Doomsday SCM 1.15 Calcio,Trofeo Primavera Mutanda”), l'immarcescibile Noemi Letizia ora Miassocio
23.30 Double Team SCH Tirreno Sport 2010 Lazio - Fio- conquista Beppe Severgnini, firma di punta del
0.15 Ho sposato un fantasmaSCMa rentina (Replica) SP1 Corriere della Sera. Entrambi amanti della Sardegna e è UNA
0.35 Max Superspia SCF 1.45 Football, NCAA 2010/2011 del vento, lei dalle parti di Mortorio, lui dalle parti di MOBILITAZIONE da
0.40 Scuola per canaglie SC1 TCU - Oregon State (Dir.) SP2 San Francesco d'Aglientu (dove ha casa da 20 anni... e sottoscrivere. Purtroppo
anche moglie), siamo obbligati a difendere
si sono è MONACHE DI CLAUSURA 2.0 la nostra bellissima

RADIO
incontrati sulle UN MONASTERO APRE UN SITO INTERNET Costituzione dai continui
rocce rosse descritte Non c’è più la clausura di una volta. Le attacchi e tentativi di svilirla
da Antonioni nel film suore che scelgono di vivere nel loro nei suoi piú autentici valori
Deserto Rosso. Ed è convento senza mai uscirne, adesso si e contenuti. Dobbiamo
è 100MEGA SUL TELEFONINO
A “In Europa” protagonista CON LA TECNOLOGIA LTE
subito nata una
poesia intitolata
danno alla rete: i voti, dicono, non
confliggono con la possibilità di usufruire
difenderla con tutte le armi
a nostra disposizione,
L’Italia, da sempre uno dei Paesi dove
Lev Tolstoj i cellulari hanno preso maggiormente
“Noemi: amaca o non della tecnologia e delle nuove forme di incluso scendere in piazza e
amaca”? comunicazione. Sono le monache clarisse manifestare con forza.
piede, si prepara alla sfida dell’Lte, la
Sarà Lev Tolstoj il protagonista della puntata del setti- del convento La Croce di San Casciano Val Liberopensiero
nuova tecnologia di trasmissione che
manale “In Europa”. Umberto Broccoli racconterà gli di Pesa (Firenze) che hanno aperto un sito
permetterà ai telefonini (ma anche ai
Internet: clarissesancasc.altervista.org. è GIUSTO !! Manifestare
ultimi giorni di vita e la morte dello scrittore russo portatili e ai tablet), di sfruttare connessioni mobili sempre
“Riconosciamo – ha spiegato la badessa è importante. Ma dopo (ed
più veloci. I principali operatori di telefonia, infatti, stanno
attraverso i diari di Tolstoj e di sua moglie Sofja. del monastero, suor Maria Fernanda Dima assieme) alle manifestazioni
facendo test e prove per portare sulle loro reti la nuova
Per l’attualità,Tiziana Di Simone intervisterà il profes- – l’importanza della comunicazione nel occorre un lavoro di
tecnologia, che promette una velocità di download da
mondo di oggi, che tra l’altro la Chiesa mobilitazione sul territorio.
sor Enrico Malato, docente universitario ed esperto oltre 100 megabit al secondo e una velocità di
incoraggia”. Sul sito si possono trovare Guardate che siamo già in
dantista, in Russia per i festeggiamenti del centenario trasferimento in upload fino a 50 megabit. Se da noi sia
informazioni sul monastero e la campagna elettorale.
Telecom Italia che Vodafone si sono mosse a partire dal
della morte di Tolstoj. Poi interviste incrociate a Franco descrizione della giornata delle monache Peppe
2009, in Europa ci sono posti dove l’Lte è già realtà: lo
di clausura (canti, celebrazioni, recite,
Venturini e Alexey Bukalov, che parleranno di Tolstoj scorso 15 dicembre TeliaSonera, uno dei principali
letture, adorazione eucaristica). Un’altra è ORMAI abbiamo spento
ma anche dei rapporti tra Russia e Unione Europea. operatori scandinavi, ha iniziato a commercializzare
sezione riguarda invece gli eventi la tv e messo da parte il
apparecchi già pronto per la nuova tecnologia.
In chiusura, la poesia di Marija Skapskaja "Così anche organizzati dalle suore e, sempre sul sito, calcio c’è da rimettere in
noi ci separiamo".
è possibile contattare le suore inviando ordine la casa, basta con la
messaggi di testo tramite l’apposito polvere sotto il tappeto!
Radiouno 9,30 campo nell’area contatti. Simone
pagina 18 Sabato 4 settembre 2010

SECONDO TEMPO

PIAZZA GRANDE Prova di muscoli per Hamas. Militanti di Hamas


circondano il proprio portavoce Abu Obaida (con la sciarpa
rossa) durante una conferenza stampa a Gaza City, il 02
settembre scorso. Hamas ha dichiarato la propria
opposizione ai colloqui di pace USA tra il primo ministro

Giustizia, pericolo separazione israeliano Benjamin Netanyahu e il presidente palestinese


Abu Mazen avvenuti alla Casa Bianca. I due presidenti,
invece, dopo il loro incontro hanno confermato di voler
raggiungere un accordo di pace.

di Gian Carlo Caselli ticamente “convenienti” (ba- rative dimostra che decisivi
sta chiedersi che differenza fa, sono i ruoli, infinitamente più
ttenzione alle tecniche di fronte ai misteri dei servizi importanti dei rapporti indivi-

A di distrazione. Tutti a
parlare di “processo
breve”, dimenticando
gli altri punti del pacchetto
giustizia su cui il Governo di-
deviati o ai depistaggi troppe
volte emersi in questi anni,
avere un Pm-giudice piuttosto
che un Pm condizionabile dal-
la politica).
duali, della comunanza di car-
riera, delle frequentazioni e
persino dei caffè presi insie-
me…; e poi perché se nel pro-
cesso fosse necessaria una
ce di voler porre la fiducia Eppure la separazione delle eterogeneità di estrazione e
(anche per ricomporre una carriere è un’altra delle osses- appartenenza tra controllori e
maggioranza divisa). La sto- sioni che inquinano il dibatti- controllati, ad essere separate
ria del “processo breve” mi to ed i possibili interventi sulla dovrebbero essere piuttosto –
sembra segnata. Qualche li- giustizia. Non ridurrebbe di ciò che nessuno ragionevol-
matura che renda il testo un nanosecondo la durata dei mente osa proporre – le car-
non troppo impresentabile, processi, non sposterebbe di riere dei giudici di appello e
qualche sparata su investi- un millimetro il livello di effi- quelle dei giudici di primo gra-
menti straordinari (ma i sol- cienza del sistema, ma toglie il do...
di, di grazia, dove sono?) sonno sia al premier sia alla
perché la riforma non ap- potentissima lobby degli av- Vere
paia a tutti per quel che è, vocati (quelli in Parlamento e motivazioni
trucco verbale o utopia: e quelli che formano la corpora-
l’ossessione berlusconiana zione delle Camere penali). A
di cancellare i suoi processi sostegno della separazione IN REALTÀ la motivazione
sarà alla fine soddisfatta. Co- delle carriere si porta l’argo- delle proposte di separazione
sì, sugli altri punti del pac- mento dello “strapotere delle carriere sta nello svilup-
chetto tutto potrà filare li- dell’accusa”, ma il sistema po, inedito per qualità e quan-
scio. Invece c’è molto di che processuale varato nel 1988 è, tità, che l’azione penale ha co-
preoccuparsi per gli effetti per comune valutazione, nosciuto in Italia negli ultimi
devastanti che potrebbero equilibrato ed egualmente ri-
aversi sulla giustizia. La se- spettoso delle esigenze della
parazione delle carriere, ad parte pubblica e privata. E l’at- (FOTO EPA / MOHAMMED SABER / ANSA)
esempio, sarebbe un vero e tribuzione al Pm, nel proces-
proprio suicidio per l’Italia
che ancora crede alla lega-
lità.
so riformato, di un ruolo di
“parte” si riferisce solo – né
potrebbe essere altrimenti – LA STECCA di INDRO l va – che è già praticata altrove. tralizzando le mele marce sen-
alla dinamica processuale «Dio non è un maschio» Vero è che in alcuni Paesi de- za bisogno di processi penali.
Il nostro (formazione della prova, di- assicura alle femministe mocratici vi sono forme di se- L’Italia invece (e purtroppo) è
ordinamento battimento, ecc.), non anche Civiltà Cattolica, parazione delle carriere, ma è ancora oggi caratterizzata da
ad una inesistente omogenei- l'autorevole rivista dei altrettanto vero che in essi – una corruzione diffusa, da col-
tà istituzionale tra Pm e difesa, gesuiti, scusandosi “delle
sempre – il Pm in un modo o lusioni con la mafia, da ma-
PRIMA di tutto un po’ di chia- come sembra sostenere chi nell’altro riceve dal potere la-amministrazione nelle più
tracce di antifemminismo
rezza. Differenziare Pm e giu- vuol ridurre il Pm ad avvocato esecutivo (in forza di tale se- svariate accezioni, vale a dire
dici è una necessità, per ragio- dell’accusa o della polizia. Al- Si parla solo di che ancora sono nella parazione) ordini, direttive o da vicende oscure che coin-
ni sia di sostanza che di imma- tro argomento “forte” è che Chiesa”. Brutto segno suggerimenti. volgono pezzi consistenti del-
gine. Essendo ovvie le diffe- non se ne può più di questi Pm processo breve, quando i teologi si mettono a la politica. Conviene che pro-
renze dei ruoli, occorre evita- che prendono il caffè coi giu- discutere di sesso. Fu prio “questa” politica (refrat-
ma la divisione Effetti
re commistioni improprie, dici! Occorre rompere l’attua- mentre i bizantini si taria ad ogni forma di respon-
accapigliavano su desiderati
reali o apparenti. In altre paro- le colleganza (determinata delle carriere tra sabilità extra-giudiziaria) pos-
le, chi è stato Pm non può dalla omogeneità di “status”) quello degli angeli sa anche, grazie alla separazio-
comparire il giorno dopo co- tra giudicanti e requirenti; pm e giudici è che arrivarono i MA IN QUESTI Paesi nes- ne delle carriere, ordinare al
me giudice nello stesso tribu- perché un giudice non con- turchi sun politico si sognerebbe Pm su che cosa indagare e su
nale in cui ha esercitato per trollerebbe con sufficiente ri- pericolosa: se gli mai di difendersi non “nel”ma cosa invece far finta di niente?
anni funzioni requirenti (o vi- gore l’operato di un Pm che è “dal” processo aggredendo o Lo ripeto: per l’Italia che anco-
ceversa). E difatti il nostro or- suo collega (anche al bar…..), inquirenti decenni. Un Pm troppo indi- insultando i magistrati che ra crede nella legge uguale per
dinamento non lo consente. Il mentre uno “status” diverso e dipendono pendente a certi potenti dà debbano occuparsi di lui. Un tutti sarebbe un suicidio. Fi-
giudice o Pm che vuol cambia- separato lo libererebbe dai l’orticaria. E se i Pm rifiutano politico che cercasse impuni- nanco le odiose leggi “ad per-
re funzione deve cambiare re- condizionamenti dell’accusa. dall’esecutivo di tenerne conto e di ritornare tà tentando di sottrarsi alla sonam” diverrebbero inutili
gione, oltre a superare una Affermazioni tanto suggestive nella loro nicchia “tradiziona- giurisdizione non avrebbe se la persona interessata po-
complessa serie di verifiche quanto infondate: innanzitut- perdono le”, per certi palazzi la separa- scampo. Ed in ogni caso la po- tesse pretendere dal Pm quel
attitudinali. Questa (ed è real- to perché la realtà depurata da zione delle carriere è la rispo- litica (fuori dei nostri confini) che più le piace. E per l’Italia
tà operativa, ormai acquisita!) distorsioni ideologico-corpo- l’autonomia sta giusta, tanto più – si osser- sa bonificarsi essa stessa neu- delle regole sarebbe un lutto.
è la separazione delle funzio-
ni, cosa tutt’affatto diversa
dalla separazione delle carrie-
Oggi a Campo
re. La quale di fatto comporta
che chi nasce Pm muore Pm,
senza nessuna possibilità di
passare al ruolo giudicante ( e
Otto idee per dei fiori
un presidio
Rom e Sinti più disagiate.

nArrestare il processo di de-


monizzazione e di criminaliz-
viceversa), con l’inevitabile
corollario di due concorsi se-
parati e due Csm separati. Ma
un corpo separato di Pm è de-
stinato inevitabilmente a per-
Rom e Sinti contro la
discriminazione:
zazione di un intero popolo.
Sono i singoli che hanno un no-
me e cognome a sbagliare e che
devono essere puniti e non l’et-
nia di appartenenza.
dere l’indipendenza rispetto ecco un piccolo
al potere esecutivo. Non esi- Per dire stop a razzismo e cietà come poteva pensare di nate in netto contrasto con la oPromuovere la conoscenza
ste, infatti, un “tertium” dota- discriminazione, ai campi Rom e non pagare le sue colpe e di manifesto Costituzione Italiana, con la Di- della storia, della cultura,
to di autonomia tra ordine giu- alle forme di ghettizzazione non essere usato come agnello chiarazione Universale dei Di- dell’arte e della lingua dei Rom
diziario ed esecutivo. E non è delle popolazioni Sinti e Rom, sacrificale? Ai disvalori si è op-
per favorire ritti dell’Uomo e con le norma- e dei Sinti per combattere gli
democraticamente ammissi- oggi il Coordinamento nazionale posta una sincera e ferrea resi- l’integrazione tive europee ed internaziona- stereotipi negativi e favorire
bile l’irresponsabilità politica antidiscriminazione ha stenza durante la seconda guer- li. l’integrazione.
di un apparato di funzionari organizzato una manifestazione ra mondiale che è costata oltre e cacciare
pubblici numericamente ri- alle 14.30 in Piazza Campo dei 50 milioni di morti di cui 500 lSmantellare i campi nomadi pCreare una consulta in Italia
dotto (circa 2.000 unità), alta- fiori, a Roma mila Rom e Sinti barbaramente i pregiudizi che sono pattumiere sociali de- di intellettuali Rom e Sinti e as-
mente specializzato, con am- massacrati nei lager. Oggi si vi- gradanti e frustranti, centri di sociazioni che abbiano una
pie garanzie di “status”, pre- di Alexian Santino Spinelli (*) ve un retaggio di quella cultura segregazione razziale perma- esperienza internazionale sul-
posto in via esclusiva all’eser- etnocentrica e razzista, con i no garantite a tutti. Rom e Sinti nente ed emblema della discri- le problematiche concernenti
n bambino muore, un campi di sterminio “moderni”

U
cizio dell’azione penale. Que- compresi. Nessuna voce auto- minazione. I Rom e Sinti non la realtà delle comunità roma-
sto potere o è compensato dal bambino di soli tre anni (campi nomadi anche se i Rom revole ha condannato realmen- sono nomadi per cultura. La nès che possano favorire la me-
suo ancoraggio alla giurisdi- muore a Roma, Caput non sono nomadi per cultura) te l’episodio. Solo all’estero si mobilità è sempre coatta e mai diazione nella risoluzione dei
zione oppure deve essere ri- Mundi, a poca distanza e le nuove forme di deportazio- sono resi conto della gravità una scelta. problemi sociali e politici.
portato alla sfera della respon- dal Vaticano, centro dell’Impe- ni “civili” e “democratiche” ap- della situazione dei Rom e Sinti
sabilità politica. Mentre l’an- ro della Chiesa Cattolica Roma- provate in larga maggioranza in Italia. mFacilitare l’accesso alle case qFavorire il più possibile il
coraggio del Pm alla cultura na, nel cuore della cultura eu- dall’opinione pubblica telegui- popolari con pari opportunità processo di integrazione posi-
della giurisdizione è, nel no- ropea. È un bambino rom che data e frastornata dai pregiudi- kRistabilire la legalità riguar- o sviluppare insediamenti ur- tiva a coloro i quali dimostrano
stro sistema, un elemento di allunga un’interminabile lista zi. Ma che non ci sia l’alibi del do la palese violazione dei più banistici non ghettizzanti faci- una chiara volontà di parteci-
garanzia irrinunciabile che sa- di bambini rom morti per cau- “Io non sapevo”. Ecco otto elementari diritti umani nei litando anche l’utilizzo dei ser- pazione sociale evitando di
rebbe inevitabilmente travol- se futili. Lui figlio legittimo del- punti per migliorare la situazio- confronti delle diverse comu- vizi pubblici. Favorire il più porre sullo stesso piano chi me-
to dall’attrazione, piuttosto la discriminazione e della se- ne dei Rom e Sinti in Italia nità Rom e Sinte in Italia, co- possibile l’accesso alla scola- rita e chi delinque.
che dalla cultura delle regole, gregazione razziale, capro strette a vivere in condizioni di- rizzazione, al lavoro e all’assi- (*) musicista e docente
nella cultura dei risultati poli- espiatorio di tutti i mali della so- jLa sicurezza e la legalità van- sumane e fortemente discrimi- stenza sanitaria alle famiglie di universitario
Sabato 4 settembre 2010 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX
LA VIGNETTA

Fuoco amico
sul governo di B.
Si sta avverando quanto avevo
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO
previsto già da alcuni anni: il
berlusconismo sarebbe finito a BERLUSCONI PRIMA
causa di “fuoco amico”, per
eccesso di sicumera e abuso di
tracotanza. E’ penoso rilevare
DI TUTTO
ciò, perché dimostra l’incon- aro Colombo, a ogni dettaglio della vita italiana. Perché
sistenza di una opposizione in-
capace di fronteggiare un fe-
C ma insomma conta di più
l’alleanza (con chi si mette il Pd
Berlusconi è un corruttore, espone il Paese a
gravissimi rischi di sopravvivenza
nomeno mediatico che nulla per far fuori politicamente economica. Perché cambia in modo
ha a che vedere con la politica, Berlusconi) o conta di più il misterioso e affaristico la politica estera
il governo di uno Stato, l’eco- progetto politico che garantisca italiana affidata a Gheddafi e Putin e finora
nomia di una nazione, i rap- un’alternanza? solo i Radicali eletti nel Pd hanno chiesto
porti internazionali, la diplo- Vincenzo ragione di questa follia. Perché Berlusconi
mazia e, infine, la solidarietà abbatte gli avversari a colpi di spionaggio,
tra tutti (indistintamente tut- MESSO COSÌ (ed è vero che così dossieraggio, falsità ripetute all’infinito. Il
ti…!) i componenti della so- ne parlano i giornali e le tv) le due trattamento “Boffo” resta ormai nella triste
cietà civile, senza privilegi noti alternative sono poste male e portano a un storia italiana. Terzo: Perché nulla si può
o occulti e senza persecuzioni problema infinito tipo l’uovo e la gallina. cambiare o smuovere in Italia senza
immotivate. Proverei a riorganizzare i pezzi del discorso rimuovere Berlusconi, la collaborazione mite
Lo sgambetto decisivo non po- nel modo che segue. Primo: spingere che tuttora continua alla Camera e al Diritto di Replica
teva che partire dall’interno Berlusconi giù dalla scena politica è Senato, da parte del Pd, soprattutto nel L’abbonato
dello schieramento, aprendo senza alcun dubbio il mezzo e il fine per diligente lavoro all’interno delle commissioni, Caro Direttore,
una falla dalla quale si è river- ridare un minimo di ossigeno e di normalità non fa che rinforzare il Caudillo, nonostante del giorno Le scrivo per informare i suoi
sato in mare tutto il nulla che alla vita politica italiana. Chiunque vi dica fieri discorsi di denuncia ogni quindici giorni. lettori circa un’inesattezza con-
conteneva. Ora sarebbe il mo- che prima viene qualche altra cosa non ha Tutti gli altri montaggi dei pezzi di una tenuta nella lettera pubblicata
mento per una saldatura ge- imparato nulla dalla dominazione strategia (in cui prima o poi si dice che MAURO SALUSARDI all’interno della rubrica quoti-
nerazionale, in grado di fornire berlusconiana di quindici anni della nostra Berlusconi non è il peggiore e non è la fine diana “A domanda rispondo”
i numeri necessari per caccia- vita. Chiunque vi dica che dopo potrebbe del mondo) sono messaggi in politichese per Un caro saluto a tutta la con titolo “Il circo di Gheddafi e
re fuori dalla stanza dei bot- essere uguale o essere peggio, può darsi rendere più o meno sicuro il futuro politico grande redazione, sono le Hostess” riportata a pagina
toni i mallevadori del malgo- che sia in buona fede ma non dice la verità. di chi si pronuncia. Se volete una Mauro, abbonato della 19 dell’edizione di giovedì 2 set-
verno, badando , innanzitutto, Non per niente tutta (tutta) la stampa controprova, ascoltate Renzi, il fanciullo prima ora. Vivo a Bertonico tembre. A proposito della ra-
al futuro del Paese e non all’im- europea, tutta (tutta) la stampa americana prodigio sindaco di Firenze. Dice che (LO) e sono da anni tifica del Trattato di Bengasi, Fu-
mediato presente di pochi. si fanno ad alta voce la stessa domanda: “nonno Silvio” non è il vero problema. Come impegnato rio Colombo scrive quanto se-
Cordiali saluti a voi e buon la- possibile che un simile scandalo e un simile prima, come sempre, come da quindici nell'associazionismo attivo gue: “….Coloro che si sono op-
voro, ridicolo vadano bene per tanti italiani? anni. Alla faccia del cambio generazionale. per contribuire, nel mio posti, nel Parlamento italiano, e
Rosario Amico Roxas Secondo: deve esser chiaro che l’obbiettivo piccolo, a fare qualcosa di hanno votato no alla pena di
di tutta questa fase della politica italiana è Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano buono per un popolo che morte in mare, nel deserto e
Il magistrato dimenticato Berlusconi perché il suo potere finanziario, 00193 Roma, via Orazio n. 10 ha bisogno di altruismo. Vi nelle prigioni libiche, sono me-
mediatico, politico si estende ad ogni fatto e lettere@ilfattoquotidiano.it saluto, ringraziandovi tutti no dei dodici professori che ri-
dal ministro dell’Interno per il prezioso lavoro che fiutarono di giurare fedeltà al fa-
Carissimi de Il Fatto Quotidia- fate, con questa frase, scismo. Sono i deputati Radicali
no, per circa una settimana so- scritta da Leo N. Tolstoy: eletti nelle liste del Pd, e tre de-
no stata in montagna, dove po- “Da quando le persone putati democratici. Per il resto il
tevo prendere solo Raiuno e
comprare il vostro giornale IL FATTO di ieri 4 Settembre 1964 autore può provare di fronte
ad un inaccettabile conflitto
corrotte si uniscono tra
loro per
voto è stato unanime. Tutta la
maggioranza e tutta l’opposi-
(niente Internet), quindi non “io ho potuto fare il Vangelo così come l'ho fatto proprio d’interesse che coinvolge l’edi- costituire zione….” Ebbene, contraria-
ho avuto modo di raccogliere perché non sono cattolico… non ho cioè né le inibizioni tore per cui pubblica. una mente a quanto riportato noi
altre notizie. A proposito della di un cattolico praticante , né le inibizioni di un cattolico Come giustamente afferma- forza, le dell’Italia dei Valori abbiamo
bomba messa sotto casa del inconscio…”. Così Pasolini, a chi gli rimproverava no alcuni il problema è antico persone espresso voto contrario, sia alla
magistrato di Reggio Calabria, un’inquietante deriva cripto-cristiana, rispondeva, a e lo scandalo della legge “ad oneste Camera che al Senato. Quello di
mi sembra che nessuno abbia proposito del suo Vangelo secondo Matteo, premiato aziendam” non è che l’ultimo devono Bengasi è un trattato che non ci
sentito la necessità di interve- alla Mostra di Venezia il 4 settembre ‘64. Opera
atto di una serie di fatti al- fare lo piace, perché viola i diritti uma-
nire a favore del giudice: né lo larmanti. stesso”. ni e tutela esclusivamente gli in-
straordinariamente laica, fondata sul tema della morte,
Stato, che avrebbe dovuto far Il motivo per cui ,da semplice teressi di alcune lobby di affa-
centrale, nella poetica pasoliniana e tanto più potente
sentire con determinazione la libraia, mi sento di scrivere Raccontati e manda una foto a: risti.
propria fattiva presenza, né il nella trasposizione allegorica della morte del partecipando alla riflessione abbonatodelgiorno@ Fabio Evangelisti Deputato IdV
ministro dell’Interno (ma non “rivoluzionario Gesù”. Un Cristo medioevale, col volto è che mi sembra manchi una ilfattoquotidiano.it Capogruppo Commissione Esteri
sta facendo tanto contro la di un anarchico basco, pensato per il sottoproletariato, visione più ampia e consape- della Camera dei Deputati
mafia? e non lo sa che chi è così come i luoghi del tournage. Il sud povero d’Italia, la vole. E’ certamente sconvol-
lasciato solo soccombe?), né Calabria, la Sicilia, la Lucania soprattutto, con Nazareth gente comprendere che il Correzione importante. Grazie
gli altri, né naturalmente il pre- ricostruita a Potenza, Gerusalemme nei Sassi di proprio editore attraverso saldo, dando un messaggio per la lettera (F. C.).
sidente del Consiglio, né il pre- Matera, a strage degli Innocenti nelle campagne di una legge speciale riesca ad controverso e incomprensi-
sidente della Repubblica (ma Barile. E, in contrappunto, un linguaggio sonoro ottenere uno sconto vertigi- bile ai consumatori e conti-
non è il capo del CSM?), e raffinato, come la Passione di Bach che scandisce la noso sulle tasse ma mi chie- nuando a minare la soprav-
nemmeno – e questo è quello salita al Calvario e la Messa funebre massonica di do se non è altrettanto de- vivenza dei piccoli e medi li-
che più mi addolora – alcun Mozart che accompagna Cristo sulla croce. “Sono gno di attenzione il fatto che brai. Cordiali saluti e buon la- IL FATTO QUOTIDIANO
esponente della sinistra, nes- rimasto affascinato dal Gesù inflessibile di Matteo – i grandi colossi editoriali in- voro a tutti voi, via Orazio n. 10 - 00193 Roma
suno ha raccolto firme, men- dirà Pasolini – … venuto a portare non la pace ma la tossichino il mercato attra- Silvia Barbagallo lettere@ilfattoquotidiano.it
tre in altre occasioni sono tutti spada contro i sepolcri imbiancati”. verso le loro politiche edito-
pronti. Giovanna Gabrielli riali a volte aggressive e lesive
Rita Trigilio nei confronti degli editori
medio/piccoli. E ancora mi
Direttore responsabile
Chi fa il circo Specificatamente sono un più ridere quello in politica! chiedo se gli scrittori si do-
equilibrista e come tale mi sen- Cordiali saluti, mandino mai se le catene di Antonio Padellaro
e chi politica to vicino a tutti gli italiani che Lettera firmata librerie di proprietà dei gran-
Caporedattore Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
Buongiorno al fatto quotidia- in questi anni stanno “cammi- di marchi editoriali possano
no! nando su un filo” per poter vi- Mancuso-Mondadori mettere in crisi le librerie in- Progetto grafico Paolo Residori
Redazione
Io sono Giorgio, un giovane at- vere una vita dignitosa. Mi ri- dipendenti (per usare un’in-
tore di circo. ferisco non all’aspetto econo- visto da chi vende libri felice espressione in uso) at- 00193 Roma , Via Orazio n°10
Spesso leggo o ascolto in sva- mico ma soprattutto a quello Ho seguito con attenzione e traverso la politica degli tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
riati servizi o articoli paragoni umano. curiosità in questi ultimi gior- sconti selvaggi non regolati sito: www.ilfattoquotidiano.it
tra il mondo della politica e il Stare su un monociclo alto 3 ni le dichiarazioni e le rifles- da una adeguata legge sul li-
Editoriale il Fatto S.p.A.
mondo del circo... questo mi fa metri è molto più facile che sioni che hanno fatto seguito bro. O anche se gli autori si
Sede legale: 00193 Roma , Via Orazio n°10
ridere perché il mondo del cir- essere italiano. alle lettere aperte di Vito siano mai posti il problema
co è moooolto più serio e ri- P.S. L'unica cosa in cui la po- Mancuso apparse su Repub- dell’opportunità che alcuni Presidente e Amministratore delegato
Giorgio Poidomani
spettoso dell'individuo a con- litica ha superato il circo è l’im- blica. editori riservano alle grandi
fronto dell'attuale classe poli- piego della figura del “na- Si è parlato di questione mo- catene di librerie, di far usci- Consiglio di Amministrazione
Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
tica! no”....sicuramente fa molto rale, del forte disagio che un re le novità direttamente a
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
• Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
Queste sono le forme di abbonamento Prezzo170,00 € telefono e tipo di abbonamento scelto. Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
previste per il Fatto Quotidiano. • Modalità Coupon * • Bonifico bancario intestato a: • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 320,00 € - annuale Editoriale Il Fatto S.p.A.,
Per qualsiasi altra informazione in merito Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
alla settimana (da martedì alla domenica). Prezzo 180,00 € - semestrale BCC Banca di Credito Cooperativo
può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Ag. 105 Via Sardegna Roma
• Abbonamento PDF annuale +39 02 66506795 - +39 02 66505026 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
• Abbonamento postale base (Italia) Iban IT 94J0832703239000000001739
Prezzo 290,00 € - annuale Prezzo130,00 € o all'indirizzo mail
• Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 20.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Orazio n° 10, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, 2ª rata compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
www.conad.it

Arte
Quotidiana

Offrire qualità sempre e convenienza su tutto è


un’arte che si coltiva nel tempo. Questo è Conad
ogni giorno, da oltre quarant’anni. Gli artisti sono
i suoi 3.000 soci imprenditori e i suoi 35.000
addetti, i loro capolavori sono una certezza
quotidiana per milioni di clienti.