Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Primo piano

4-5

Messaggio

Il vescovo Douglas
cos saluta
i turisti

Semi di pace
dialogo
e unit

ei giorni della Fiera di


San Giovanni, gli apN
puntamenti e gli incontri.

i villeggianti in arrivo
nel nostro territorio: Le
A
vacanze sono opportunit

al 24 al 26 giugno il
Pontefice si recato in
D
visita in Armenia. Lim-

Le parole del vescovo per la


solennit del Battista

per vivere le relazioni con


spirito rinnovato

magine-simbolo: due colombe bianche

LEuropa e la casa comune

anno XLIX (nuova serie)

numero 26
euro 1,30

26

Papa Francesco

Festa della Famiglia


diocesana
Il racconto

Editoriale

Gioved
30 giugno 2016

AgriRomagna
Inserto speciale
8 pagine
dedicate
ad agricoltura
alimentazione
e ambiente

Brexit: tanti gli interrogativi dopo la decisione del Regno Unito di uscire dallUe

di Francesco Zanotti

osa abbiamo fatto? Sembra questa la


domanda pi ricorrente tra i sudditi della
regina Elisabetta II. La vittoria, di misura,
dei favorevoli alluscita dallUnione europea ha
colto di sorpresa tutti, anche coloro che si sono
espressi per andarsene. Forse non ci credevano
neppure loro. O meglio, forse non erano
consapevoli di quello che sarebbe potuto
accadere.
Forse, e continuiamo ancora con le ipotesi,
nessuno conosceva le possibili conseguenze
legate alla famosa Brexit, termine ignoto fino a
pochi mesi fa e adesso sulla bocca di tutti.
Allora, che pu essere successo? I cittadini
hanno votato, in leggera maggioranza, per
togliersi dai lacci imposti dai trattati. Per non
sentire pi il fiato sul collo dei burocrati che
hanno sede a Bruxelles. Per la paura
dellinvasione di stranieri, come pare di
comprendere dallanalisi del voto.
Da queste ricerche emerge un dato
incontrovertibile: le nuove generazioni si sono
schierate per le frontiere aperte. I ragazzi non
hanno paura del nuovo vicino di casa. Sono
nati e sono abituati a girare lEuropa e la
considerano casa loro. I progetti portati avanti
dalle universit hanno creato una nuova
mentalit che si scontrata con il timore di
perdere privilegi acquisiti.
Nel nostro continente si vendono pi
pannoloni che pannolini, ho letto in un
commento. Espressione colorita, ma efficace
per fare comprendere la mancanza di spinta
dovuta allinverno demografico in cui siamo
immersi da decenni. In Europa ci siamo seduti
e rischiamo di togliere futuro ai nostri figli. Un
atteggiamento imperdonabile, che il voto di
gioved della scorsa settimana ha reso evidente
a tutti.
Ora il risveglio dovrebbe essere inevitabile.
Speriamo serva di lezione agli altri Paesi lo choc
della Brexit. Ancora non dato sapere che ne
sar degli scambi commerciali, delle frontiere,
dei rapporti tra cittadini che tornano a essere
extracomunitari, unevidenza che appare
ancora impensabile.
LUnione va di certo ripensata, come tantissimi
indicano in questi giorni di dopo-trauma. Lo
scollamento tra i cittadini europei e le
istituzioni fin troppo lampante. Basta con il
dirigismo e con strutture pesanti e
autorefenziali. Il solco del principio di
sussidiariet ha animato fin dallinizio il
sorgere di un mercato comune. Lo stesso
principio deve sostenere anche lunione
politica.
LEuropa ha un valore se serve chi la abita. Con
questo orizzonte il sogno dei padri fondatori si
potrebbe ancora realizzare, a vantaggio di tutti.
E davvero quella che Alcide De Gasperi
definiva la nostra patria Europa potrebbe
essere la nostra casa comune.

Unione Europea
Che succede?

FOTO AFP/SIR

Il risveglio stato per tutti amaro, la mattina di venerd 24 giugno. Dopo i primi
exit poll che davano i remain in vantaggio, alla fine dello spoglio hanno prevalso
i leave con il 51,9 per cento. Il Regno Unito uscir dellUnione europea. La
decisione ha gettato nel panico i mercati finanziari e ha colto di sorpresa milioni
di cittadini continentali che ora si dovranno confrontare con una realt cui non
sono abituati. Le nuove generazioni si sono schierate per restare in Europa, cos
come accaduto in Scozia, in Irlanda del Nord e a Gibilterra. Anche a Londra
la maggioranza della popolazione ha detto s al remain. Ma alla fine la volont
popolare ha manifestato il suono. Dopo lo choc, la presa di coscienza, tardiva.
In poche ore sono state raccolte online tre milioni di firme per un nuovo
referendum che non si terr. Ora le incognite sono tutte sul prossimo futuro.
Servizi e commenti alle pagg. 3, 11 e 14

Cesena

12 Cesenatico

Cassa di Risparmio
La voce
degli azionisti

Vongole piccole
Sono buone
per tutti

Valle Savio

Sport

17

Fusione scuole
Un comprensivo
per due Comuni

Dylan Donati
un metamen
alla Gmg

15

21

Opinioni

Gioved 30 giugno 2016

Bud Spencer, quando i pugni non fanno male


LATTORE BUD SPENCER, NOME D'ARTE DI CARLO PEDERSOLI, STATO UN ATTORE, PALLANUOTISTA E
NUOTATORE ITALIANO. MORTO LUNED 27 GIUGNO.
AVEVA 86 ANNI

a giustizia fatta in casa a suon di sberle e cazzotti in testa; lappetito


sempiterno acquietato con padellate di fagioli. Lo schierarsi dalla parte dei
pi deboli, fossero bambini soli, carovane di mormoni non violenti preda di
banditi senza scrupoli, famiglie povere sulla strada per il West. Senza
trascurare la difesa dellambiente e degli animali da predatori incalliti. Riusciva
quasi sempre a schierarsi dalla parte giusta il Bud Spencer dello schermo, eroe
buono e amatissimo dai bambini, morto luned scorso allet di 86 anni.
Con Terence Hill ha costituito una coppia cinematografica conosciuta in tutto il
mondo fra spaghetti-western rivisitati in vena comica e altri film popolari, di
botteghino, eppure non banali, mai volgari, sempre orientati a trasmettere un
messaggio sorridente.
il ritratto che emerge nei ricordi dei familiari, degli amici e colleghi di Carlo

ondo
m
l
e
n
o
t
t
u
L
del cinema
Ai bordi della cronaca
LEuropa, la Brexit
e i giovani verso la Gmg
ggi essa vive la pi profonda crisi della sua
storia, cos profonda che molti si pongono la
domanda se vi sia ancora in assoluto lEuropa
nel vecchio senso della parola.
Non un commento del dopo Brexit, ma sono parole del
filosofo italo-tedesco Romano Guardini (Europa. Compito e
destino Morcelliana 2004) nel tempo in cui lEuropa
veniva a pi riprese sconvolta dallodio. Sono trascorsi oltre
settanta anni dalla fine di quelle tragedie, ma lattualit della
preoccupazione, nella diversit dello scenario, colpisce.
Guardini non si lascia vincere dal pessimismo e scrive:
Non possiamo trattare qui questo problema (le cause e le
conseguenze dei conflitti), ma esprimere solo la
convinzione che lEuropa vive ancora. E qui, nella
coscienza della seriet, che si esprime in tale convinzione,
sottolineiamo la parola ancora ma anche, e pi
energicamente, laltra, che essa realmente vive.
Il filosofo si rivolgeva soprattutto ai giovani. E sono stati
soprattutto i giovani a leggere nella Brexit una risposta
sbagliata a un disagio reale. Hanno colto i segni prevalenti
dellegoismo, della nostalgia, del rancore, della paura: si
sono sentiti traditi. I loro segnali in questi giorni di
fibrillazione interrogano, seppur per differenti motivi, sia
chi esce dallUnione europea, sia chi vi rimane. Ovviamente
nella distinzione, che non separatezza, tra Europa e
Unione europea. I giovani, a cominciare dagli Erasmus,
hanno parlato chiaro e c ora da augurarsi che continuino
a farlo senza timidezza.
Tra pochi giorni molti di loro incontreranno a Cracovia i
coetanei di tutti i continenti per vivere con papa Francesco
la Gmg. Saranno il volto di unEuropa unita che vuole
ritrovare il proprio umanesimo, che vuole costruire futuro
per se stessa e per il mondo, saranno il volto di unEuropa
che non si affida alla mediocrit, al pensiero debole, al
piccolo cabotaggio politico?
Tocca soprattutto a loro, giovani cittadini europei, compiere
un passo avanti nel campo difficile e a tratti ostile della
politica per dire con i fatti che lEuropa ancora vive.
Non avranno moltissimi alleati in questa impresa e anche il

Autoironia, birra, salsicce e lamico Terence Hill.


Al secolo Carlo Pedersoli, giramondo, campione
sportivo, personaggio amatissimo dai bambini,
ha lavorato con registi del calibro di Monicelli,
Risi e Visconti. Ma il suo volto resta quello
degli spaghetti-western rivisitati in chiave
comica e di Piedone lo sbirro

La fotografia

Per lultima udienza prima della pausa di luglio, papa Francesco mercoled
22 giugno ha riservato ai 15mila fedeli presenti in piazza una sorpresa: per
la prima volta, ha pronunciato tutta la catechesi insieme a un gruppo di rifugiati, della Caritas di Firenze, che si sono accovacciati ai lati sul palco e
hanno issato il loro striscione: I rifugiati per un futuro insieme. I rifugiati
sono i nostri fratelli, ha detto il Papa, che al termine delludienza ha salutato i suoi ospiti uno per uno. (foto Siciliani-Gennari/Sir)
loro richiamo alla storia esiger la capacit di progettare il futuro perch i
padri, per primi, chiedono di custodire, ma non di conservare leredit.
Ad accompagnare la fatica e la bellezza di costruire novit un altro pensiero di
Guardini: Sappiamo e sempre pi duramente verremo a sapere quanto
paurosamente lEuropa ha infuriato contro se stessa e quanto profondamente
ha tradito il suo proprio spirito. Tuttavia la struttura essenziale europea c: la
vediamo anzi in ogni gesto, la percepiamo in ogni parola, la sentiamo con
intensit nuova, dolorosa in noi stessi. Cos siamo fiduciosi che continuer e
sar soggetto di storia.
Su queste convinzioni, su queste prospettive, su queste speranze occorre che i
giovani trovino occasioni di confronto con gli adulti perch unalleanza dei
pensieri di diverse generazioni pu rimotivare limpegno e la passione per la
casa comune europea.
In questa direzione non ci sono per ora grandi segnali.
Torna Guardini a incoraggiare: Se lEuropa deve esistere ancora in avvenire, e il
mondo deve ancora aver bisogno dellEuropa, essa dovr rimanere quella entit
storica determinata dalla figura di Cristo, anzi deve diventare, con una nuova
seriet, ci che essa secondo la propria essenza. Se abbandona questo nucleo,
ci che ancora di essa rimane, non ha molto pi da significare.
Un messaggio severo, ma di grande fiducia e responsabilit: uno di quei
messaggi che in passato i giovani hanno saputo raccogliere per cambiare la
direzione della storia: anche alla storia dellUnione europea.
Paolo Bustaffa

Pedersoli il suo vero nome ,


classe 1929, napoletano di nascita e
romano dadozione, giovane
giramondo (prima di approdare al
cinema vive e lavora, oltre che in
Italia, in Sudamerica e negli Stati
Uniti), campione di nuoto
(recordmen italiano nei 100 stile
libero, due partecipazioni alle
Olimpiadi), compositore musicale.
Una vita insieme alla moglie Maria
Pia, 3 figli, 5 nipoti. Un nonno
bonario che, ancora a ottantanni,
sbriciolava una mela con una mano
sola.
Bud Spencer, tra gli artisti italiani
pi noti al mondo, stato uno di
quegli attori che vengono
mentalmente associati a un
partner: con Mario Girotti, in arte
Terence Hill, ha girato dal 1967 in
poi ben 18 film, 16 da coppia
protagonista, restando per sempre,
in una parola sola,
BudSpencer&TerenceHill. Quelli
che risolvevano i problemi con
scazzottate epiche rigorosamente
senza sangue gare di birre e
salsicce e strani bofonchiamenti da
uomini duri. Chi non ha visto, o
sentito parlare, di Lo chiamavano
Trinit, Continuavano a
chiamarlo Trinit, Pi forte
ragazzi, Altrimenti ci arrabbiamo,
Io sto con gli ippopotami, Chi
trova un amico trova un tesoro?
Pedersoli-Spencer non si per
esaurito l: tra la sessantina di film
cui ha lavorato, figurano le pellicole
dirette da Carlo Lizzani, Mario
Monicelli, Luchino Visconti, Dino
Risi, Dario Argento, Ermanno Olmi.
E poi i film da protagonista, senza
Terence Hill (amico anche nella
vita), come la serie di Piedone e,
ancora, le serie televisive.
Bud Spencer stato, come amava
dire, un personaggio prima che
un attore.
Una figura carica di simpatia e di
eccessi (a partire dalla mole fisica)
senza per questo eccedere n
andare sopra le righe. Si era posto, a
suo modo, e con un filo di filosofia
partenopea, le domande sul valore
della vita, sul senso della morte,
sullaldil, dove sperava ci fosse
unaltra vita, altrimenti una
fregatura. Un uomo che ha pi
volte ribadito, tra autobiografia
(Altrimenti mi arrabbio: la mia
vita) e interviste, che il successo
non facile da raggiungere e che
una conquista fragile, che nella
vita servono il coraggio e il
sacrificio (appresi dallo sport). E
che giocosa umilt e autoironia
possono essere una via efficace per
lasciar intuire la propria statura
umana e il proprio valore.
Gianni Borsa

Primo piano

Gioved 30 giugno 2016

ALCUNE DELLE FOTO DI GRUPPO


(UNA QUINDICINA DI COPPIE FESTEGGIATE CIASCUNA),
SCATTATE A CONCLUSIONE DELLA CELEBRAZIONE
IN CATTEDRALE DI DOMENICA 26 GIUGNO (FOTO TERZO FOSCHI)

Festa della famiglia diocesana. Sono state una novantina le coppie che hanno risposto allinvito
della Diocesi per celebrare gli anniversari di nozze. Intensa e partecipata la Messa in Cattedrale

Un amore che guarda avanti


A

nche questanno la
celebrazione degli
anniversari di nozze,
in Cattedrale a
Cesena, stato tra i momenti
della Festa diocesana pi
partecipati.
Una novantina le coppie che,
dalle varie parrocchie, hanno
risposto allinvito di
partecipare alla celebrazione
presieduta dal vescovo
Douglas nel pomeriggio di
domenica 26 giugno. A
conclusione, per tutte le
coppie, il saluto e la
benedizione del vescovo.
Le foto sono pubblicate sul
sito
www.corrierecesenate.com.
Di seguito, lelenco delle
coppie con indicata la
parrocchia di riferimento.

25esimo anniversario
di nozze
Carlo Bracci e Rossella
Ronconi (Gambettola), Luca
Orlandi e Patrizia Bissoni
(Longiano), Marco Casadei e
Silvia Venturi (SantEgidio
Abate), Gabriele Campana e
Tonina Bartolini (Montiano),
Antonello Pedrelli e Derna
Ruscella (Montiano),
Giuseppe Iorio e Giovanna
Muccioli (Longiano)
Gianpaolo Venturini e Lucia
Zammarchi (Gambettola),
Vincenzo De Santis e Laura
Vedraminetto (Duomo),
Maurizio Riceputi e Liana
Mordenti, Paolo Cappelli e
Romina Vincenzi
(SantEgidio), Sergio Lucchi e
Cinzia Baldacci (San Pio X),
Valerio Del Vecchio e Beatrice
Belletti (Santa Maria Goretti,
Cesenatico), Mauro Rossi e
Maria Luisa Amadori (San
Domenico), Antonio
Acquaviva e Patrizia DOro
(Santa Maria Nuova), Federico
Bonini e Franca Farabegoli
(Boschetto, Cesenatico), Eros
Bravetti e Aralda Carino (San
Paolo), Andrea Altieri e Mirca
Montanari (Case Finali),
Marco Casadei e Francesca
Lucchi (Martorano), Sandro
Crociani e Maria Rocchi
(Madonna delle Rose),
Fabrizio Marchiani e Mirella
Ringrazi (Santa Maria Nuova),
Fabrizio Farabegoli e Lorella
Turri (Calisese), Roberto
Sorrenti e Antonia Gentile
(Case Finali), Gilberto
Paganelli e Gabriella Borgelli

Rosanna (San Pio


X), Luigi Dallara
e Renata Valzania
(Case Finali),
Dino Casadei e
Pubblichiamo brevi stralci dellomelia che il vescovo Douglas ha proMaria Pia
nunciato domenica scorsa durante la Messa in Cattedrale nella quale
Golinucci (Case
sono stati festeggiati una novantina di coppie di sposi per i loro 25, 50 e
Finali), Giorgio
60 e 70 anni di nozze.
Battistini e
Il testo integrale disponibile sul sito www.corrierecesenate.it
Loretta Soldati
(SantEgidio),
Cari sposi, il vostro matrimonio non stato e non un giogo (). Il
Giuseppe Grassi
vostro matrimonio s un legame, ma di libert. Voi col sacramento
e Paola Grilli
del matrimonio siete stati chiamati ad assumere un giogo che
(Gambettola),
quello dellamore; esso libera e d pienezza. () Ecco le caratteristiArnaldo Pieri e
che di questo giogo liberante. (...)
Anna Maria Righi
La prima caratteristica la totalit: ti seguir dovunque tu vada!
(San Pio X),
Questa espressione che ha il sapore della totalit, della definitivit,
Angelo Rocculi e
della pienezza. Non avete deciso un giorno di donarvi per sempre?
Laura
Totalmente e incondizionatamente? Che amore sarebbe il vostro se
Domeniconi
conoscesse limiti di tempo e di intensit? Che bello promettere il
(Gambettola),
per sempre e restarvi fedeli! La seconda caratteristica: la priorit su
Franco Gridelli e
Maria Carla
tutto. un amore, il vostro, che vale sopra ogni altra cosa. Non paNetali (San
ragonabile e confrontabile con nientaltro. Non lo scambiereste con
Vittore), Paolo
nessunaltra cosa. Vale di pi! Viene prima dellinteresse e del tornaBastoni e Giulia
conto personale! La terza caratteristica il coraggio. Il vostro un
Baronio
amore coraggioso. Guarda in avanti. Non si volge indietro: anche se
(Boschetto),
qualche volta la tentazione di tornare indietro ha bussato alla vostra
Giancarlo
porta. Ma sempre protesi in avanti verso orizzonti sempre nuovi.
Ravegnani e
Adua Fracisconi
(SantEgidio), Aurelio Lioy e
(Calisese), Primo Sanulli e
Righi (San Giacomo
Maria Anna Fazio
Cinzia Lombardi
Cesenatico), Gianluca
(Gambettola), Giancarlo Valli
(Gambettola), Francesco
Baldisserri e Cosetta Fanfani. e Licia Fontana (San
Giannatempo e Manuela
Domenico) Osvaldo Riceputi
50esimo anniversario
Gregori (San Domenico),
e Irma Gori (Montecastello),
di nozze:
Marcello Fellini e Cristina
Gino Zoffoli e Lorenza
Nello Giovannini e Guerrina
Franceschini (Borello),
Casaboni (Madonna del
Alessandri (San Pietro),
Stefano Gozi e Maria Alba
Fuoco), Mario Sintucci e
Candido Sciolti e Nerina
Gentili (Borello) Luca
Anna Bazzocchi (San Pio X),
Rossi (Boschetto), Guido
Pantini ed Elsa Cangini
Arnaldo Agostini e Zaira
Romini e Giovanna Biondi
(Sarsina), Stefano
Pollini (Madonna del
(Martorano), Giancarlo
Abbondanza e Antonella
Fuoco), Armando De Cesari
Zavagli e Anna Maria
Dallara (San Vittore) Andrea
e Emma Morelli
Martinello (San Domenico),
Marcucci e Anna Maria
(SantEgidio), Giovanni
Gino Gasperoni e Iva Lelli
Piraccini (Cattedrale),
Manuzzi e Carla Amadori
(San Pio X), Claudio Rossi e
Franco Bisacchi e Raffaella
(San Pietro), Arturo Conti e
Marta Amadori (San Paolo),
Arnaldo Rossi e
Rosanna Gentili
(San Paolo),
Vittorio
Angeloni e
Gabriela
Lanzotti
(Calisese),
Domenico
Arcidiaco e
Renata
Gasperoni (Case
Finali), Franco
Evangelisti e
Marta Fabbri
(SantEgidio),
Giovanni
Cecchetti e
Gabriella
Antonelli

Lomelia del vescovo Douglas agli sposi:


Il vostro matrimonio s un legame, ma di libert

(Montiano), Luigi Maroni e


Palmina Pezza (S. Pio X),
Mario Lodovichetti e Anna
Maria Bruzzi (Longiano),
Piero Bernardi e Luciana
Lugaresi (Longiano), Antonio
Giorgini e Anna Maria
Domeniconi (Madonna del
Fuoco), Quinto Battistini e
Carmen Scaioli (Ronta),
Lanfranco Gentili e Cleglia
Arrigoni (Borello), Nino Polini
e Maria Buda (Bagnarola),
Romano Sasselli e Maria
Visani (Bagnarola), Romano
Mazzotti e Rossana Rossi
(Bagnarola), Pietro Belletti e
Pia Moretti (Bagnarola), Terzo
Gardini e Angela Moretti
(Bagnarola), Giancarlo Poletti
e Elsa Brunacci (Bagnarola),
Giorgio Benvenuti e Maria
Gabriella Bianchi (Santa
Maria della Speranza).

60esimo anniversario
di nozze:
Bruno Faedi e Pierina Alvisi
(San Pio X), Mario Buonarota
e Adriana Magalotti (San Pio
X), Guido Aguzzoni e Sara
Amadori (San Vittore), Sergio
Geminiani e Serena
Scarpellini (San Pietro),
Giorgio Pollini e Maria
Gasperoni (San Pio X),
Antonio Esposito e Laura
Drudi (Case Finali), Michelino
Quadrelli e Assunta
Romagnoli (Case Finali),
Giulio Salvi e Paola Golinucci
(Madonna del Fuoco), Nello
Ridolfi e Maria Zanuccoli
(SantEgidio), Giovanni Turchi
e Maria Luisa Bilancioni (San
Domenico), Fernando Giorgio
Orioli e Iole Fiori (Martorano),
Alessandro Averardi e Lucia
Titi (Sarsina), Romano Crudeli
e Olga Leonardo (Ronta),
Terzo Severi e Maria Biondi
(Ronta), Giovanni Mazzotti e
Maria Raggini
(Montecastello).

70esimo anniversario
di nozze:
Pio Tiboni e Giuliana Righi
(Boschetto, Cesenatico).
Tutte le foto relative
alla celebrazione degli
anniversari di nozze,
in Cattedrale a Cesena
domenica 26 giugno
sono pubblicate sul sito
www.corrierecesenate.com
(a cura di Terzo Foschi)

Primo piano

Gioved 30 giugno 2016

Incontro-testimonianza con lattrice Beatrice Fazi | Il cuore nuovo di Melina

FOTO MAURO ARMUZZI


FOTOGALLERY SUL SITO
WWW.CORRIERECESENATE.COM

SERATA MOLTO INTENSA QUELLA CON LATTRICE BEATRICE FAZI. Ospite a Cesena gioved 23
giugno, nellaccogliente cornice del chiostro di san Francesco la Melina della serie televisiva di
Raiuno Un medico in famiglia ha raccontato il percorso della sua vita. Da unesperienza spericolata passata attraverso luso di droghe e da un aborto quando aveva appena ventanni, dalla sua Salerno fino alla capitale in cerca di fortuna nel mondo dello spettacolo, fino a incontrare il vero motivo per cui spendersi davvero.
Si confessata in pubblico la Fazi, con la semplicit di chi ha trovato un motivo valido per af-

Dallomelia per la solennit del Battista

frontare le difficolt e una ragione autentica per mettersi a servizio della famiglia e degli altri.
Dopo la pubblicazione del volume Un cuore nuovo (Editrice Piemme, pagg. 2010, euro 15,90)
lattrice gira da nord a sud tutta lItalia per diocesi e parrocchie. Una storia, la sua, che fa breccia e fa comprendere come lapparenza del mondo dello spettacolo sia molto diverso dalla realt. E come anche tra i protagonisti del piccolo schermo si possano trovare testimonianze di
valore.
LA REGISTRAZIONE AUDIO DELLA SERATA REPERIBILE SU WWW.CORRIERECESENATE.COM

VENERD 24 GIUGNO, CELEBRAZIONE SOLENNE PER LA FESTA DI SAN GIOVANNI. SOTTO: IL


SINDACO PAOLO LUCCHI E LE AUTORIT. A DESTRA, IL CODICE MINIATO (FOTO PIER GIORGIO
MARINI) FOTOGALLERY SUL SITO WW.CORRIERECESEANTE.COM

Il vescovo Douglas:
Ci battiamo per la famiglia
e per i poveri

sempre una solennit molto sentita, a Cesena,


quella del patrono della citt, san Giovanni
Battista. E non solo per la fiera che imperversa
per giorni nel centro storico, ma anche, e soprattutto,
per gli appuntamenti che la comunit cristiana locale
propone. Momenti che anche questanno si sono svolti
nellambito della Festa della Famiglia Diocesana, di cui
diamo conto in questo Primo piano.
Anche la Chiesa, come il Battista, porta la Misericordia
a chi si sente perduto. Essa rischiara la tenebre di chi si
sente al buio. Lo fa difendendo i diritti di Dio e al tempo
stesso i diritti delluomo. Ne proclama la dignit, dalla
nascita fin dal grembo materno alla sua naturale
conclusione. Sono parole pronunciate venerd 24
scorso in Cattedrale dal vescovo Douglas nellomelia (il
testo integrale disponibile su
www.corrierecesenate.it). Il duomo si presentava
gremito di fedeli, con nelle prime file il sindaco Paolo
Lucchi e tante autorit civili e militari. Presenti nei
primi posti anche diverse associazioni di volontariato
con numerosi disabili.
Del nome del Battista, ha ricordato monsignor
Regattieri, si era fatto tanto chiasso. Tutti, ieri come
oggi, hanno suggerimenti da offrire, ma decisa la
risposta di Elisabetta. Via il vecchio modo di fare e di
pensare. Al no di Elisabetta, ha aggiunto il presule, fa
eco il s di Maria, la cugina di Nazaret. Unadesione al
disegno del Signore che proietta la storia verso un

futuro luminoso. S alla vita e s alla salvezza


dellumanit, mentre il no di Elisabetta e il contrasto
al tentativo di tornare indietro,, al solito modo di
pensare, falsamente assicurante, secondo cui non si
deve cambiare nulla perch si sempre fatto cos.
anche un rifiuto del vecchio per andare con coraggio
verso il nuovo che sta per venire. un no deciso
allimmobilismo.
Monsignor Regattieri ha tratto dal brano evangelico
indicazioni attuali. Elisabetta e Zaccaria - ha precisato
- ci insegnano a dire no a ogni forma di nostalgico
ritorno al passato, sia nella vita della Chiesa, sia nella
societ civile. E poi un impegno per tutti: necessario
guardare avanti. Troppa stanchezza, troppe paure,
confermate anche dai muri e dalle barriere che
purtroppo ancora oggi si costruiscono.
Ma il Battista indica che il nuovo alle porte. Indica la
strada, e la strada Ges. Sullesempio di Giovanni, la

Amoris laetitia | Spiegata dal cardinal Menichelli

SI PARLATO ANCHE DI AMORIS LAETITIA ALLA FESTA DELLA FAMIGLIA DIOCESANA. Sabato scorso a Cesena, mentre allesterno impazzava la fiera, in Cattedrale il cardinale Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona, esperto di tematiche familiari e membro dei due recenti Sinodi sulla famiglia, ha parlato a lungo dellesortazione apostolica di papa Francesco Amoris Laetitia.
Occorre superare la divisione tra verit e misericordia - ha detto il porporato in avvio di relazione -. Entrambe sono incarnate in Cristo e nella sua Parola. Si deve oltrepassare la rigidit della norma e liberare il sacramento del matrimonio dal giuridicismo. Si devono assumere nuove modalit pastorali. E per farsi comprendere
meglio il cardinale ha posto una domanda retorica, valida per i sacerdoti e per le

comunit cristiane: Li vuoi


ascoltare questi divorziati
risposati?.
Menichelli ha anche ricordato alle famiglie pi casa e meno chiesa e ha
raccomandato, come si fa
con i giovani preti, oggi
molto fragili, la cura pastorale delle giovani coppie, perch la nostra, nonostante ci che appare,
la societ delle solitudini. Infine, una pastorale
della vicinanza, in particolare verso le famiglie ferite.
Accoglienza, accompagnamento, discernimento, integrazione possibile. In
una parola: ci vuole uno
stile di amicizia, ribadendo anche e comunque che
due uomini o due donne
insieme non chiamiamoli
matrimonio n unioni civili.

Chiesa deve
portare Cristo
nel mondo.
Ecco perch si
batte per la
dignit di ogni uomo accogliendolo e favorendone
lintegrazione (nei saluti iniziali monsignor Regattieri
ha ricordato una canonica ristrutturata per trasformarla
in casa per immigrati di cui il Corriere Cesenate si
occupato la scorsa settimana, ndr). Si batte per
difendere la famiglia naturale, contro ogni altra forma
di contraffazione e di impropria equiparazione. Si
spende per i poveri e per chi pi in difficolt.
Infine linvito alla comunit cristiana locale: in mezzo al
frastuono di oggi, ha concluso il vescovo, sullesempio
di san Giovanni, chiesa di Cesena-Sarsina continua a
gridare che Cristo la luce del mondo, la speranza per
ogni uomo, il volto della Misericordia del Padre.

I volti della misericordia | La mostra

FOTO
PIERGIORGIO MARINI
FOTOGALLERY SUL SITO
WWW.CORRIERECESENATE.IT

SUOR MARIA GLORIA RIVA LUNED DELLA SCORSA SETTIMANA NEL SALONE DI PALAZZO GHINI, a Cesena. Folto e attento il pubblico che ha ascoltato la presentazione della mostra I volti della Misericordia (Itaca Edizioni)
rimasta aperta per tutti i giorni della Festa della Famiglia Diocesana.

Vita della Diocesi

Gioved 30 giugno 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Nuova Curia vescovile, nuovi recapiti


Trasloco nei locali di via don Minzoni, a Cesena
Nei giorni scorsi sono stati completati i traslochi degli uffici
della Curia vescovile, da via Giovanni XXIII a via don Giovanni Minzoni, 57, a Cesena (edificio ex Suore della Sacra
Famiglia).
Il numero di telefono della segreteria generale (centralino)
0547 1938511.
Gli uffici della Cancelleria, dellEconomato e lArte sacra e
beni culturali osserveranno gli orari di apertura di sempre:
luned, marted, mercoled e venerd, dalle 9 alle 12.

Tutti siamo missionari e la missione presuppone un invio


Domenica 3 luglio (Anno C)
14 domenica Tempo Ordinario
Is 66,10-14c; Sal 65; Gal 6,14-18;
Lc 10,1-12.17-20

Gmg, una proposta per chi non andr in Polonia


... e desidera comunque partecipare: una due-giorni a Rimini
A poche settimane dalla
31esima Giornata mondiale della Giovent che
si svolger a Cracovia dal
26 al 31 luglio (con partenza il 19 luglio per chi
partecipa alle giornate di
gemellaggio) ha preso
campo la proposta di vivere la Gmg da casa, in
collegamento da Rimini,
nei giorni conclusivi della Gmg di sabato 30 e domenica 31
luglio. Il programma della due giorni prevede il ritrovo alle
18 di sabato 30 luglio nel piazzale del convento delle Grazie
(via Covignano 234), breve percorso a piedi fino al Seminario diocesano (per fare qualche passo da pellegrino) e aperitivo di benvenuto. Alle 19,30 collegamento con la Veglia;
alle 22,30 serata musicale e spuntino al sacco. Alle 23,30
chiacchierata sotto le stelle e riposo. Alle 8, colazione e preghiera delle Lodi. Alle 9 Messa e collegamento con la celebrazione eucaristica di Cracovia. Alle 11 conclusione.
Per info: Servizio pastorale giovanile Cesena-Sarsina, serviziopgx@gmail.com, 328 1891770.
Per iscrizioni: antorn8@gmail.com (entro il 20 luglio 2016).
Quota di partecipazione: 10 euro.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE

Il Vangelo della XIV domenica del tempo


ordinario ci parla ancora dei discepoli di Ges.
Il Signore non compie la sua missione da solo,
ma incarica, dopo gli apostoli, altri settandue per
annunciare che il Regno di Dio vicino. Il compito
di preparare allincontro con Cristo rientra, sia
pure con modalit e responsabilit differenti, nella
vocazione del cristiano. Tutti siamo missionari e la
missione presuppone un invio. Il discepolo non
agisce di sua spontanea iniziativa, ma mandato
dallamore del Padre. Tanto vero che se gli operai
scarseggiano ci si deve rivolgere al signore della
messe. Nelle parole del Signore oltre all'idea di un
incarico affidato emerge quella del viaggio:
Andate. Sono i discepoli a dover andare verso
tutte le genti. Papa Francesco afferma spesso che
la Chiesa nata in uscita e questo vale anche
nellattuale momento storico e in particolare nel
contesto del Giubileo della Misericordia. La
Chiesa chiamata a prendere sempre pi
coscienza di essere la casa paterna dove c posto
per ciascuno con la sua vita faticosa, di essere
Chiesa in permanente uscita, comunit
evangelizzatrice che sa prendere liniziativa senza
paura, andare incontro, cercare i lontani e arrivare
agli incroci delle strade per invitare gli esclusi
(Evangelii gaudium, 47). Per fare questo il Vangelo
ascoltato ci ricorda che necessario lo stile della
comunione e della fraternit. E i settantadue lo
testimoniano e lo rendono credibile con la loro

vita. Viaggiano due a due. Non sono


appesantiti da troppi bagagli, ma sono
liberi da ogni compromesso o interesse
personale. Accolti, condividono quanto
offerto. Non si fanno illusioni poich
sanno di essere stati mandati come agnelli
in mezzo ai lupi. Possiamo immaginare
che a quei tempi il mondo non fosse molto
migliore di quello di oggi. Eppure il
Vangelo entrato in quel mondo e si
diffuso in tutta la terra trasformandola. Il
discepolo deve aver fede nella Parola che
annuncia, anche se questa sembra
inefficace o inadeguata. Al ritorno dalla
missione i settantadue erano pieni di gioia,
perch avevano sperimentato la potenza
del nome di Cristo contro i demoni. La
risposta di Ges spiega il senso di questa
vittoria su Satana. il segno della vittoria
definitiva gi avvenuta. Tuttavia, il Signore
ci ricorda che il motivo pi profondo della
gioia non questo, ma lamore di Dio
che ci assicura la salvezza: i vostri nomi
sono scritti nei cieli.
Il brano evangelico ci rimanda al senso del
nostro Battesimo, come recita la colletta
iniziale della liturgia di questa domenica:
O Dio, che nella vocazione battesimale ci
chiami a essere pienamente disponibili
allannunzio del tuo regno, donaci il
coraggio apostolico e la libert evangelica,
perch rendiamo presente in ogni
ambiente di vita la tua parola di amore e di
pace.
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned 4 luglio
santa Elisabetta
di Portogallo
Os 2,16.17b-18.2122; Sal 144;
Mt 9,18-26
marted 5
santAntonio
Maria Zaccaria
Os 8,4-7.11-13;
Sal 113b;
Mt 9,32-38
mercoled 6
santa Maria Goretti
Os 10,1-3.7-8.12;
Sal 104; Mt 10,1-7
gioved 7
san Claudio
Os 11,1-4.8c-9;
Sal 79; Mt 10,7-15
venerd 8
santAdriano III papa
Os 14,2-10; Sal 50;
Mt 10,16-23
sabato 9
santi Agostino Zhao
Rong e compagni
Is 6,1-8; Sal 92;
Mt 10,24-33

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio
20.00 San Giovanni Bono,
Ponte Pietra,
Gattolino, Tipano
20.30 Villachiaviche, San Pio X,
Torre del Moro

Sabato
e vigilie
15.00 Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella cimitero Cesena,
Capp. ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano, San Paolo,
Madonna delle Rose,
San Rocco, Diegaro,
Borello,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
Case Finali,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza, Villachiaviche
19.30 Bulgarn
20.00 Bulgaria, Tipano, Ruffio,
Pioppa, Pievesestina,
Ponte Pietra, Gattolino
20.30 San Pio X, Calisese,
San Giovanni Bono,
Torre del Moro,
San Mauro in Valle, Ronta

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, SantEgidio,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,
San Domenico,
Santo Stefano,
San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino,

11.10
11.15
11.30

17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

Madonna del Fuoco,


San Mauro in Valle,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria
della Speranza
Cappella del cimitero
Cappella
dellospedale Bufalini
Cattedrale,
San Domenico
San Pietro, Cappuccini
Osservanza
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina,
Boschetto;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti,
Boschetto;
18 Gatteo Mare;
18,30 San Giuseppe;

20 Sala;
20,45 Gatteo Mare;
21 San Giacomo,
Boschetto
Festivi:7 Boschetto, Gatteo Mare,
7,30 Valverde,
Bagnarola, Santa Maria
Goretti,
8 San Giacomo,
Gatteo Mare;
8,30 Sala, Boschetto;
9 Cappuccini, San
Giuseppe, Gatteo Mare,
Valverde;
9,15 San Pietro;
Cannucceto;
10 Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo, Sala,
Gatteo Mare;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti;
18 Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18,30 San Giacomo, San
Giuseppe, Valverde;
20,45 Gatteo Mare
21 Boschetto,
San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10,30 / 18; 20,30
(sabato). Consolata: 19
(sabato); 7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;

11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in


Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30; San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15;
Balze (chiesa parr): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Eremo di SantAlberico:
domenica, ore 16;
Alfero: 17 (sab.); 11,15;
Pereto: 10; Riofreddo: 10;
Corneto: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 25 del 23 giugno 2016: 8.050 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 28 giugno 2016

Vita della Diocesi

arissimi turisti, la terra di


Romagna anche
questanno vi accoglie con le
sue bellezze naturali e la
genuina freschezza del suo
spirito di ospitalit. Siate i
benvenuti anche nelle nostre
comunit cristiane, nelle
nostre chiese e nei nostri
locali ecclesiali. nostro
desiderio e impegno
contribuire a rendere la vostra
permanenza serena e
feconda. Ne ha bisogno il
corpo spesso sottoposto a
ritmi frenetici e ossessivi. Ne
ha bisogno lo spirito per
ritrovare quella pace interiore
che costituisce il fondamento
di una convivenza serena e
solidale.
Il tempo delle vacanze, libero
dagli assillanti impegni di
lavoro, offre lopportunit di
vivere le relazioni fraterne con
uno spirito rinnovato.
tempo per scoprire volti
nuovi, per allacciare nuove
amicizie e consolidare quelle
gi in atto. Il dialogo pacato,

Gioved 30 giugno 2016

MESSAGGIO DEL VESCOVO DOUGLAS AI TURISTI IN ARRIVO

Le vacanze come opportunit di vivere


le relazioni fraterne con uno spirito rinnovato
ma prima ancora lascolto umile e sincero
dellaltro, costituiscono gli ingredienti
necessari perch i rapporti siano vissuti con
profitto per una crescita umana e cristiana
delle persone. Penso che questo sia oggi
urgente per quanto riguarda le relazioni
allinterno della famiglia. Per questo, citando
i Padri sinodali, papa Francesco nella recente
esortazione Amoris laetitia, mette in guardia
dal crescente pericolo rappresentato da un
individualismo esasperato che snatura i
legami familiari e finisce per considerare
ogni componente della famiglia come
unisola, facendo prevalere, in certi casi,
lidea di un soggetto che si costruisce
secondo i propri desideri assunti come un
assoluto (n. 33).
A proposito di ascolto, il mio pensiero corre
anche a un altro ascolto, necessario e
urgente: quello di Dio. Auspico che queste
vacanze siano occasione per vivere con
maggiore impegno spazi e tempi di

preghiera, di ascolto della


Parola; Egli infatti si rivela
nella natura, nelle
persone, negli eventi
della storia. LAnno della
Misericordia che stiamo
celebrando forte
incentivo e salutare
stimolo per riscoprire i
tratti del volto di Cristo
nei poveri, nei piccoli, nei
sofferenti. Ogni volta dice Ges - che avrete
fatto questo a uno di
questi miei fratelli pi piccoli come se laveste
fatto a me (cfr Mt 25,40).
Il Signore che un giorno invit i suoi discepoli a
ritirarsi in disparte per riposare un po (cfr Mc 6,
31), vi doni di trascorrere con frutto e nella
serenit questi giorni di vacanza.
Con la mia benedizione.
Douglas Regattieri

A Cesenatico lincontro della comunit diaconale diocesana con quella di Carpi

Giornata di fraternit
e comunione particolare
L

a comunit diaconale della Diocesi


di Cesena-Sarsina si ritrovata
domenica 12 giugno a San Giacomo
di Cesenatico per il suo approfondimento
annuale sulla pastorale familiare.
Questanno sono stati invitati anche i
diaconi di Carpi, uniti da un gemellaggio
spirituale alimentato dal nostro vescovo
(le radici sono importanti quando cos
ricche e preziose!).
Ci ha condotto nel percorso di riflessione
una coppia neutrale, di Ravenna, Edo e
Mirella Assirelli, anche loro famiglia
diaconale.
Dopo le lodi recitate insieme, i relatori
hanno proposto alcune provocazioni sul
rapporto matrimonio-diaconato alla luce
dellesotazione apostolica Amoris

laetitia.
Alcuni appunti:
- Matrimonio come vocazione, come
quella diaconale, capace di superare e
vivere i Getsemani che incontriamo
nella nostra vita, recuperando la
profondit del sacramento. Quando sono
Ministro rimango Sposo e non mi spoglio
di quello che sono nella famiglia, perch il
matrimonio vissuto bene fa svolgere bene
il ministero.
- Il diaconato deve dare freschezza al
matrimonio. Si serve perch si ama. Si
serve, amando in modo sponsale.
Si sceglie insieme di costruire una
famiglia; si decide insieme di vivere il
diaconato.
Nessuna famiglia una realt perfetta e

confezionata una volta per


sempre, ma richiede un
graduale sviluppo della
propria capacit di amare,
come il diacono che
persona esposta: esiste per
Dio e per la comunit.
- Il diacono segue Ges, se lo
imita nel suo atteggiamento
di servizio, infatti la sua veste
liturgica per eccellenza il
grembiule, la veste del
servizio.
Edo e Mirella hanno poi
elencato qualit e azioni
proprie del diacono come
evangelizzazione, servizio, disponibilit,
mitezza, sapendo che il nostro ministero
portare tutti alla Salvezza.
Ma il ministero diaconale ha bisogno di
essere svolto in modo comunitario,
collegiale, condiviso con gli altri diaconi
perch nessuno deve correre da solo e a
nessuno chiesto di fare leroe solitario.
Dopo queste provocazioni abbiamo
partecipato tutti alla Messa parrocchiale
presieduta da don Gian Piero Casadei che
ha creato ancor pi una comunione
universale innestata in quella Chiesa
particolare. Bello, accogliente e fraterno
stato il momento del pranzo insieme,
occasione per condividere la quotidianit
della vita e del servizio.
Nel pomeriggio, divisi in tre gruppi, ci
sono stati scambi di opinioni e risposte ad
alcune domande che erano state proposte.
La proficua giornata terminata con la
recita dei vespri, alcuni avvisi , i calorosi
saluti, ma soprattutto con un...
arrivederci.
Carmen e Moreno Orlandi

Testimonianza

Unitalsi
A Loreto con la magia
del Treno della Grazia
Arrivando a Loreto dallautostrada, si vede la
basilica che si staglia nitida, maestosa sul colle e
dico a Simone, Maria Chiara e Chiara, tre bambini
di 3 elementare della parrocchia di san
Domenico di Cesena che mi sono stati affidati dai
genitori, che tra poco comincer la grande
avventura del Treno della Grazia, il trentesimo
questanno.
Sentiamo gi nellaria, tutti e quattro, questa
frizzante atmosfera: saluti fra bambini e ragazzi,
adulti, famiglie che si ritrovano o si conoscono
per la prima volta; c un rincorrersi di ciao
come stai? piacere! Si scaricano bagagli,
carrozzine, materiale necessario per le attivit
nella grande piazza che per qualche giorno sar
la nostra casa a cielo aperto piena di colori, di
canti, di fazzolettoni variegati delle varie
squadre, di giochi, di allegria, ma anche di
riessioni profonde che vengono soprattutto
dagli adolescenti e dai giovani, di momenti
intensi come la Messa, la liturgia penitenziale e
ladorazione.
Il lo conduttore a Loreto la grazia che noi tutti
riceviamo in questa esperienza; la grazia di cui
tutti abbiamo un estremo bisogno; la grazia che
ci viene dai pi piccoli che con la loro purezza e
innocenza ci insegnano a stupirci nuovamente
delle cose che ci circondano, del sorriso di un
ragazzo in carrozzina, dellabbraccio di una
mamma al suo piccolo; la grazia di potere esserci
a cantare insieme la lode e la gloria del Signore,
sotto gli occhi dolci e materni di Maria e la grazia
di poter dire a un amico ti voglio bene come ti
vuole bene Ges. Sperimentiamo che ognuno di
noi ha un bisogno estremo dellaltro per fare
tutto: per giocare, per parlare, per ballare, per
riettere, per andare a letto, per partecipare alla
Messa C una condivisione profonda della
sofferenza, della malattia, della disabilit cos
come c condivisione nella gioia, nel canto,
nella preghiera ed questo che mi auguro
sperimentino i miei bambini.
Lesperienza che ogni anno Unitalsi, Acr e Cfr
(Commissione Regionale per le Famiglie)
organizzano fantastica e vale la pena di essere
vissuta!
La Madonna che veglia su di noi, riceve a
conclusione dei tre giorni, i palloncini colorati
che riempiono il cielo di Loreto e le portano tutte
le nostre richieste, i nostri desideri inespressi, le
cose pi intime del nostro cuore. Ed lultima
immagine che resta impressa negli occhi di questi
bambini e nel cuore di noi tutti in attesa del
prossimo treno!
Donatella Sostenuto

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

TERRASANTA - Giubileo della Misericordia (8 giorni, dal 6 al 13 oobre):


IN AEREO DA BOLOGNA: Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, i Santuari del Lago di Tiberiade,
Gerico, Betlemme, Gerusalemme con il passaggio della Porta Santa nella Basilica del Getzemani sul Monte degli
Ulivi. Trasferimen per Bologna, pensione completa, ingressi, accompagnatore e guida
da 1.130 euro

SAN GIOVANNI ROTONDO: 2 giorni, il 7 e l8 oobre 2016 - Pellegrinaggio delle 7 Diocesi


della Romagna: il Volto Santo di Manoppello, San Giovanni Rotondo, Monte SantAngelo e Lanciano. In pullman G.T. - Hotel 3 stelle a San Giovanni Rotondo - pensione completa - assicurazione
130 euro

LOURDES

: 4 giorni, dal 9 al 12 seembre, dal 12 al 15 seembre e dal 15 al 18


seembre
Volo ITC da Bologna - Hotel 3 stelle - pensione completa - assicurazioni

da 595 euro

PROGRAMMI IN PREPARAZIONE

FATIMA e SANTIAGO DE COMPOSTELA


- 5 giorni, dal 18 al 22 giugno 2016 - Voli da Bologna e pullman da Rimini: Oporto, Sanago, Coimbra, Fama. Pensione completa

AD LIMINA PETRI (CEI) - Sono disponibili presso lUcio Pellegrinaggi Diocesano le Credenziali del pellegrino
per chi percorrer il Cammino di Sanago, la Via Francigena o altre anche vie di pellegrinaggio.

Vita della Chiesa

Gioved 30 giugno 2016

Obolo di San Pietro

Unoccasione
per ritrovare
la gioia di donare

SOTTO,
MONSIGNOR GIOVANNI ANGELO BECCIU,
SOSTITUTO PER GLI AFFARI GENERALI
DELLA SEGRETERIA DI STATO
(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

Intervista esclusiva con monsignor Giovanni


Angelo Becciu, sostituto per gli affari generali
della Segreteria di Stato della Santa Sede

na pratica molto antica che arriva fino ad


oggi. lObolo di San Pietro, la colletta
che si svolge in tutto il mondo cattolico,
per lo pi il 29 giugno o la domenica pi vicina
alla Solennit dei Santi Apostoli Pietro e Paolo
(questanno il 26 giugno).
La colletta, come viene spiegato sul sito
ufficiale, rimanda alle origini del cristianesimo,
quando vengono sostenuti materialmente
coloro che hanno la missione di annunciare il
Vangelo, perch possano impegnarsi
interamente nel loro ministero, prendendosi
cura dei pi bisognosi. quanto sottolinea
anche monsignor Giovanni Angelo Becciu,
sostituto per gli affari generali della Segreteria di
Stato della Santa Sede. Lo abbiamo incontrato
alla vigilia di questo appuntamento, conosciuto
come Giornata per la carit del Papa.
Eccellenza, lObolo di San Pietro una pratica
molto antica che rimanda alle origini del cristianesimo. Quali sono i motivi che la rendono
ancora attuale?
Direi gli stessi di un tempo, fondamentalmente
due: offrire un sostegno materiale a chi vive per
annunciare il Vangelo, quindi alle necessit
dellapostolato, comprese anche le attivit della
Santa Sede; e prendersi cura dei pi bisognosi,
che purtroppo non mancano mai, non solo
vicino a noi, ma anche in tanti contesti di
sofferenza, spesso dimenticati.
Qual il senso spirituale ed ecclesiale della
Giornata per la carit del Papa?
Oltre alla carit, che parla gi da s, c, come lei
ha detto, un importante significato ecclesiale:
non si tratta solo di dare un aiuto a chi ne ha
bisogno o una mano a chi fa del bene, ma di
farlo come Chiesa. Partecipare alla carit del
Papa un gesto fortemente simbolico, perch
manifesta la vicinanza delle comunit e dei
fedeli al Papa, la partecipazione alla sua
sollecitudine. un segno, semplice e antico, di
unit nellamore. Per questo e devessere,
comera anche nella Chiesa delle origini, un
gesto spontaneo. Mi piace anche ricordare che
lobolo avviene attorno alla solennit di San
Pietro: , in fondo, il regalo delle Chiese al

successore di Pietro, che non lo tiene per s, ma


a sua volta lo distribuisce secondo i bisogni delle
Chiese e dei poveri.

Oltre alla carit,


che parla gi da s,
c un importante
significato
ecclesiale: non si
tratta solo di dare
un aiuto a chi ne
ha bisogno o una
mano a chi fa del
bene, ma di farlo
come Chiesa.
Partecipare alla
carit del Papa
un gesto
fortemente
simbolico, perch
manifesta la
vicinanza delle
comunit e dei
fedeli al Papa, la
partecipazione alla
sua sollecitudine.
un segno,
semplice e antico,
di unit
nellamore

Una nota particolare viene data a questo appuntamento annuale dal Giubileo della misericordia che stiamo vivendo. In tale senso efficace lo slogan scelto dalla Conferenza episcopale
italiana per la Giornata del 26 giugno: Apriamo
i cuori alla misericordia. Ma possibile coniugare carit e misericordia? E in che modo?
Direi che sono gi coniugate, sono strettamente
apparentate: la misericordia indica un cuore
aperto, che non rimane chiuso in se stesso, un
cuore che sa abbassarsi, sa chinarsi verso le miserie, come
fa Dio con noi. La carit nasce da qui, come un buon
gesto viene da un buon cuore, come un sorriso dalla gioia.
Il Papa ci ricorda pi volte che, per essere vera, la carit
deve essere concreta. Vuol dire che non pu fermarsi al
pensiero o al sentimento, ma deve raggiungere pure le
tasche! E vuol dire anche, soprattutto oggi, che le opere di
carit devono essere sapientemente pensate e ben gestite,
per arrivare veramente a chi ha bisogno, senza sprechi.
Sono molto frequenti i richiami del Papa a non volgere lo
sguardo altrove rispetto alle situazione di povert, esclusione e disagio. Molto spesso per non vengono colti appieno. Frequenti, infatti, sono le accuse di pauperismo,
populismo, peronismo. Perch tutto questo?
Mi verrebbe da dire che la prima reazione, quando un
invito scomodo e fa pensare, proprio quella di
muovere qualche critica un po stizzita che poi alla fine, se
ci pensiamo, sa spesso di astratto, di ideologico, di
partitico, e soprattutto non aiuta. Credo che in questi casi
la cosa pi importante sia davvero andare oltre e non
lasciarsi amareggiare: si sa che trovare la pagliuzza
nellocchio del fratello uno degli sport pi diffusi al
mondo. Ebbene, la Chiesa chiamata a non fare cos, ma
ad andare avanti nel bene con fiducia, guardando solo al
Vangelo e non ad altro, nemmeno ai propri ritorni di
immagine.
Alle parole e alle denunce, infatti, il Papa aggiunge
lesempio concreto: basta pensare alla visita a Lesbo e al
gesto di accoglienza nei confronti dei rifugiati accompagnando a Roma con il suo stesso aereo tre famiglie siriane.
S, ma, conoscendolo un poco, direi che proprio non gli

interessa farlo per strategia mediatica. Lo


fa, e credo che la gente lo veda, con
naturalezza, in modo direi connaturale,
unendo spontaneamente quello che crede e
quello che fa. Mi viene in mente
unespressione di papa Benedetto: Il
programma del cristiano un cuore che
vede. Non un fuoco dartificio
pubblicitario, ma uno sguardo che vede i
bisogni e un cuore che si d da fare, senza
bisogno dellapprovazione altrui, e senza
volerla ricercare.
Nepal, Repubblica Centrafricana, Kenya,
Uganda, Niger... Sono alcuni Paesi su cui si
intervenuti nel 2015 con le offerte giunte da
tutto il mondo allObolo. Senza dimenticare
i cristiani perseguitati nelle guerre e i poveri
della citt di Roma. Insomma non conosce
confini la carit del Papa?
Non deve conoscerne! Un aspetto molto
importante essere presenti soprattutto
presso le realt che vengono dimenticate
troppo in fretta. Da molte parti del mondo,
senza clamore mediatico, giungono al Papa
accorate richieste e grida di aiuto. Bisogna
prestarvi attenzione. Si fa presto oggi a
scordarsi di quello che succede nel mondo,
presi dalla curiosit per le ultime novit di
casa nostra. La missione del Papa e della
Chiesa, invece, proprio quella di
abbracciare tutti, in particolare i pi
dimenticati e lontani, che purtroppo non
hanno risalto sulle prime pagine di tanti
media.
Qual il suo auspicio e il suo appello per la
raccolta del 2016?
Vorrei far mio quel che scriveva san Paolo,
quando chiedeva di contribuire a una
colletta per la Chiesa: pi che fare
propaganda o inseguire il risultato, dava
valore al gesto, dicendo che Dio ama chi
dona con gioia. Ecco, il mio auspicio che
lobolo di questanno sia unoccasione
concreta per ritrovare la gioia pura e
semplice di donare.
Vincenzo Corrado

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc)


tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141
e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura
chiavi in mano Impianti:
PETROLCHIMICI
AGROALIMENTARI
ECOLOGIA
DEPURAZIONE
ACQUEDOTTI
METANODOTTI
in ITALIA... nel MONDO

Vita della Chiesa

Gioved 30 giugno 2016

Il bilancio del viaggio di papa Francesco in Armenia (24-26 giugno). Unimmagine simbolo: le
due colombe bianche lasciate volare dal Papa e dal Katolikos della chiesa apostolica armena Karekin II che dal
Monastero di Khor Virap sembrano dirigersi verso il monte Ararat, verso la Turchia. Confine caldo ai tempi
della guerra fredda, sotto quel monastero passava la linea che divideva il Patto di Varsavia dalla Nato

Semi di pace, dialogo e unit


I

l viaggio in Armenia che papa


Francesco ha compiuto dal 24
al 26 giugno ha tre parole
chiave: pace, dialogo, unit. E
unimmagine simbolo: le due
colombe bianche lasciate volare
dal Papa e dal Katolikos della
chiesa apostolica armena Karekin
II che dal Monastero di Khor Virap
sembrano dirigersi verso il monte
Ararat, verso la Turchia. Confine
caldo ai tempi della guerra fredda,
sotto quel monastero passava la
linea che divideva il Patto di
Varsavia dalla Nato. Non meno
caldo oggi, a cento anni dal
Grande male, cio il massacro di
oltre un milione e mezzo di
armeni cento anni fa, ad opera
dellImpero Ottomano. E la
Turchia, comera prevedibile, non
ha digerito il fatto che papa
Francesco, parlando a Yerevan,
davanti al presidente dellArmenia
e al Corpo diplomatico, abbia
utilizzato la parola genocidio, il
primo del XX secolo, per ricordare
quella tragedia. La risposta
affidata al vice premier turco
Nurettin Canikli: Parole molto
spiacevoli che indicano la
persistenza di una mentalit delle
crociate. E quella del Papa, ha
aggiunto, non una
dichiarazione imparziale, n
conforme alla realt. Gi lo
scorso anno, dopo la Messa
celebrata in San Pietro a centanni
dal genocidio armeno, la Turchia
aveva protestato e richiamato
lambasciatore c stato un
digiuno ambasciatoriale; il diritto
alla protesta lo abbiamo tutti,
commenta Francesco in aereo con
i giornalisti e padre Federico
Lombardi aveva chiosato: Se si
ascolta ci che ha detto il Papa
non c nulla che evochi uno
spirito di crociata. Ma la
crociata ritorna, e papa
Francesco, sempre in aereo,
aggiunge: Io non lho mai detta
con animo offensivo, ma
oggettivamente. E poi pone una
domanda: in questo genocidio,
come negli altri due, compiuti da
Hitler e Stalin, perch le potenze
internazionali guardavano
dallaltra parte, e poi perch non
sono intervenute?.

perch dai cristiani il mondo


attende una testimonianza di
fraternit e per questo il cammino
ecumenico ha oggi un valore
esemplare anche oltre i confini
del cristianesimo. Nella
dichiarazione comune, firmata
dopo la Divina liturgia a
Etchiadzin, il Vaticano armeno, si
legge: Siamo purtroppo
testimoni di unimmensa tragedia
che avviene davanti ai nostri
occhi: di innumerevoli persone
innocenti uccise, deportate o
costrette a un doloroso e incerto
esilio da continui conflitti a base
etnica, politica e religiosa nel
Medio Oriente e in altre parti del
mondo. Ne consegue che le
minoranze etniche e religiose
sono diventate lobiettivo di
persecuzioni e di trattamenti
crudeli, al punto che tali
sofferenze a motivo
dellappartenenza a una
confessione religiosa sono
divenute una realt quotidiana.

PAPA FRANCESCO PARTECIPA ALLINCONTRO ECUMENICO E ALLA PREGHIERA PER LA PACE NELLA PIAZZA
DELLA REPUBBLICA (YEREVAN, 25
GIUGNO).
FOTO LOSSERVATORE ROMANO
(WWW.PHOTO.VA)/SIR
SOTTO, PAPA FRANCESCO
HA CELEBRATO MESSA A GYUMRI
25 GIUGNO (FOTO LOSSERVATORE
ROMANO (WWW.PHOTO.VA)/SIR)

A Yerevan Francesco ha parlato


di memoria su cui costruire il
futuro alla ricerca della pace,
ha parlato di riconciliazione
pi forte dellodio e delle
divisioni, di ponti da costruire
e non muri. E questo vale
anche per laltro confine caldo,
con lAzerbaigian, Paese che
visiter a settembre insieme
alla Georgia, a causa del
territorio conteso del Nagorno
Karabakh: Proprio perch
siamo cristiani, siamo
chiamati a cercare e sviluppare
vie di riconciliazione e di
pace.
Dialogo, dunque, a pi livelli.
Dialogo quanto mai necessario

in Europa allindomani della


Brexit. Certo c stata la
volont espressa del popolo,
ma oggi bisogna lavorare per il
bene dei cittadini della Gran
Bretagna e dellEuropa, dice
Francesco al momento della
partenza da Roma, a risultati
appena resi noti ufficialmente.
Poi con i giornalisti nel viaggio
di ritorno aggiunge: "C
bisogno di una sana
disunione per salvare lUnione
europea".
Dialogo dunque per
ricostruire partendo dalla
forza che ha avuto nelle sue
radici. Chiss, forse Francesco
pensava anche a quel lungo

dibattito per inserire nel


preambolo della Costituzione
europea il riferimento alle
comuni radici giudaicocristiane del Continente.
LEuropa, dice, deve fare un
passo di creativit, deve dare
pi indipendenza, pi libert
ai Paesi dellUnione, pensare
unaltra forma di unione,
essere creativi, creativi nei
posti di lavoro, nelleconomia
c qualcosa che non va in
quella unione massiccia, ma
non buttiamo il bambino con
lacqua sporca. E poi
aggiunge: Le due parole
chiave dellUnione Europea
sono creativit e fecondit.
Infine, unit tra le chiese,

I martiri appartengono a tutte le


Chiese e la loro sofferenza
costituisce un ecumenismo del
sangue che trascende le divisioni
storiche tra cristiani, chiamando
tutti noi a promuovere lunit
visibile dei discepoli di Cristo.
E non manca un riferimento a
Lutero riformatore, le cui
intenzioni, dice Francesco, non
erano sbagliate. Forse, aggiunge,
alcuni metodi non erano giusti.
Ma a quel tempo la Chiesa non
era proprio un modello da
imitare. La diversit, dice ancora
il Papa, ci che forse ci ha fatto
tanto male a tutti e oggi
cerchiamo la strada per
incontrarci dopo 500 anni, che
dobbiamo pregare insieme,
lavorare insieme per i poveri, i
profughi, la gente che soffre,
lavorare insieme, pregare
insieme. Perch, come si legge
nella dichiarazione comune, ci
sono milioni di esseri umani, che
attendono con ansia pace e
giustizia nel mondo, che chiedono
il rispetto dei diritti loro attribuiti
da Dio, che hanno urgente
bisogno di pane, non di armi.
Fabio Zavattaro

Il Papa sui social


Presenza complementare
per raggiungere tutti

erch il Papa sui social? Per


raggiungere le persone che stanno
l. Come va in piazza San Pietro e l
ci sono microfoni e maxischermi, cos con
questi altri strumenti raggiunge milioni di
persone. Cos Nataa Govekar, della
direzione teologico pastorale della Segreteria
per la comunicazione della Santa Sede,
intervenuta al convegno su I servizi
informatici e Internet per la diocesi e la
parrocchia: comunicazione, gestione,
amministrazione, riflettendo sulla presenza
di Francesco sui social media. Govekar ha
parlato di una presenza del Papa sui social
complementare a quella sui media
tradizionali, con un messaggio concentrato
sullessenziale. Attraverso questi canali c
tanta possibilit, con poche parole, una foto o
un breve video, di nutrire un cammino di
fede, di offrire ispirazione, conforto,
speranza, e suscitare appetito per andare
oltre, per saperne di pi.

Attualit

t
l
a
e
r

t
i
La Brex

Gioved 30 giugno 2016

STATUA DI WINSTON CHURCHILL


E IL BIG BEN LONDRA
(FOTO AFP/SIR)

Venerd 1 luglio, ore 21


Film Ninotchka ore 21
Tre agenti russi, a Parigi per vendere dei gioielli
per conto del governo, si fanno sedurre dalla vita
della capitale francese e dalle manovre di Lo,
lavvocato che patrocina la causa dellex proprietaria dei gioielli, requisiti durante la rivoluzione. Per rimettere a posto le cose, Mosca invia
lincorruttibile Ninotchka che dopo un po si lascer corrompere dallamore per Lon. Di Ernst
Lubitsch, con Melvyn Douglas, Alexander Granach, Greta Garbo, Bela Lugosi, Ina Claire.

Con il referendum del 23 giugno


si sancisce il divorzio tra Londra
e il resto dellUe. Illeave, con il 51,9
per cento dei voti, batte ilremain
con il 48,1 per cento. Ora prendono
avvio i negoziati per ridefinire
i rapporti tra l'isola e iVentisette.
Attese ricadute politiche interne
e un auspicabile aggiornamento del
progetto di integrazione comunitaria

Sabato 2 luglio, ore 21


La canzone di noi
Talent per cori di tutta Italia condotto da Arianna
Ciampoli. Nella giuria che valuta le esibizioni dei
gruppi ci sono Claudio Lippi, Aba, giovane finalista di X-Factor, e Jos Maria Sciutto, direttore
del coro di voci bianche del Teatro dellOpera di
Roma.

Il Regno Unito, diviso in due,


volta le spalle allEuropa
Q

uesto articolo - occorre


confessarlo - era stato scritto
mercoled 22 giugno. Certo,
mancavano i risultati del voto inglese
che, con il referendum del 23 giugno,
sancisce il leave, luscita del Regno
Unito dallUnione europea, cui aveva
aderito nel 1973. Per il resto le
considerazioni che si potevano
avanzare due giorni fa, una settimana
or sono o nel mese di marzo erano e
restano le stesse.
Anzitutto i dati: per il referendum
sulla permanenza o luscita del Regno
Unito dallUe hanno votato il 72 per
cento degli aventi diritto. 17 milioni e
410mila sudditi britannici hanno
scelto il no allEuropa (51,9 per
cento), 16 milioni 140mila si sono
espressi per il s (48,1 per cento).
Londra citt, Scozia e Irlanda del
Nord hanno votato per il remain, il
resto del Paese per il Brexit (Britain
exit).
Concretamente ora si apre una lunga
fase di negoziati per ridefinire i
rapporti tra Regno Unito e il resto
dellUnione europea.
Ci sono due anni di tempo per
riscrivere le regole di una convivenza
che si vuole comunque amichevole
ed economicamente sostenibile con
vantaggio reciproco. Nel frattempo
lisola in subbuglio e lEuropa
comunitaria si lecca una ferita
profonda: alla crisi economica, alla
crisi migratoria, si aggiunge questa
nuova crisi politica: non la prima

il Periscopio

che lUe affronta; ma certamente


questa appare tra le pi ardue,
capitando in un momento di
disaffezione al progetto di pace e
dintegrazione europea, avviato 70
anni fa sulle ceneri della seconda
guerra mondiale.
Risuonano invece in queste ore le
parole del vero vincitore (se cos si
pu definire) di questa battaglia:
Nigel Farage, visionario
indipendentista, leader dellUkip,
antieuropeo dichiarato,
europarlamentare tignoso e
indomabile, finalmente riuscito nel
suo doppio intento:
isolare il Regno di Elisabetta in un
mondo ormai interdipendente e
rifilare un fendente a una Ue gi di
per s provata. C un sogno che
irrompe nellalba di oggi su un Regno
Unito indipendente. Questa sar - ha
dichiarato Farage alla luce dei risultati
del referendum - una vittoria per la
gente vera, una vittoria per la gente
comune, una vittoria per la gente
perbene. Spero che questa vittoria
faccia crollare il progetto europeo
fallimentare, e ci porti a unEuropa
di Stati sovrani, che commercino
assieme, che siano amici e
collaborino insieme, e che ci si
sbarazzi della bandiera e dellinno di
Bruxelles. Infine: Facciamo s che il
23 giugno entri nella storia come il
nostro giorno dellindipendenza.
Sul versante opposto c il primo degli
sconfitti: il premier David Cameron.

Il quale lo scorso anno, pur di vincere


le elezioni politiche, aveva promesso
il referendum, del quale diventa
vittima. Con questa sfida elettorale
Cameron ha diviso il suo partito (i
Conservatori); ha spezzato
esattamente a met lelettorato e
dunque il suo Paese; ha dato coraggio
e forza vincente a populismo,
nazionalismo ed euroscetticismo; ha
isolato lUnited Kingdom dal resto del
Vecchio Continente e dal mercato
unico europeo con il quale le imprese
dellisola svolgono la gran parte degli
affari. E ora rischia di vedere la stessa
nazione britannica spezzata in due se,
tenendo fede alle promesse, la Scozia,
convintamente europeista, dovesse
indire un ulteriore referendum per
staccarsi da Londra pur di rimanere
nellUe.
Alla luce di tali esiti, a Cameron non
resterebbe, per coerenza, che farsi da
parte (come ha gi dichiarato),
lasciando che siano altri ad avviare i
negoziati di buon vicinato, partendo,
questa volta, da un Regno Unito
extracomunitario, cos come
extraUe diventano i suoi cittadini, le
sue imprese, la sua City Si salva solo
la lingua, perch linglese , nei fatti,
una lingua globale, della quale
nessuno pu, nel terzo millennio, fare
a meno.
Rimangono sul tavolo vari quesiti, gli
stessi - appunto - di alcuni giorni fa,
di una settimana fa, dei mesi scorsi.
Gianni Borsa

Domenica 3 luglio, ore 21


Film San Paolo
La storia della conversione di Saulo di Tarso, meglio noto come San Paolo, e della sua missione
per evangelizzare i pagani. Dapprima ricco mercante persecutore dei cristiani e poi egli stesso
perseguitato dallex migliore amico ebreo Reuben che lo vuole morto, Paolo si propone di diffondere il Vangelo di Ges in tutto il mondo fino
ad allora conosciuto e arrivare fino a Roma. Di
Roger Young, con Johannes Brandrup, Ennio
Fantastichini, Thomas Lockyer, Barbora Bobulova, Franco Nero.
Luned 4 luglio, ore 21
Cuore
Prima e seconda puntata dello sceneggiato del
1984 diretto da Luigi Comencini e ispirato al celebre romanzo di Edmondo De Amicis del 1886.
Con Johnny Dorelli, Laurent Malet, Eduardo De
Filippo, Giuliana De Sio, Bernard Blier, Carlo Calenda.
Marted 5 luglio, ore 21
Siamo noi Lungo le strade della misericordia
Le opere di misericordia corporale raccontate in
chiave moderna e attuale. Il tema della terza
puntata : Vestire gli ignudi. A leggere e interpretare i passi del Vangelo di San Matteo Lino
Banfi. Qual il senso odierno della nudit? Come
ci si mette, oggi, al servizio di chi ha bisogno di
coprirsi? Ne parlano gli ospiti in studio.
Mercoled 6 luglio, ore 21,15
Ogni mercoled, in prima serata, per tutta
lestate, tre puntate della telenovelas ambientata
in Brasile negli anni della seconda guerra mondiale.
Gioved 7 luglio, ore 21
Il mondo insieme
Consueto appuntamento settimanale di prima
serata con i viaggi di Licia Col. Una proposta
estiva per accompagnare i telespettatori alla scoperta delle localit pi belle e suggestive del pianeta. Tanti gli ospiti in studio che
condivideranno con il pubblico insoliti quanto
avvincenti itinerari di viaggio.

di Zeta

Anche il risultato del referendum nel Regno Unito un chiaro segnale


La speranza passa attraverso le azioni individuali

Troppa indifferenza e interessi particolari

11

pero che la scoppola ricevuta con la Brexit da tutti noi cittadini europei
faccia rinsavire un bel po di gente. Ne abbiamo bisogno davvero. Lo dico
prima a me stesso e poi mi sento di allargare anche un po il giro. Un senso
di comune appartenenza senzaltro da recuperare. Tutto connesso tutto
collegato, ripete numerose volte papa Francesco e lo ha scritto a pi riprese
nellenciclica sociale Laudato si.
Perch dico questo, si chiederanno quei due o tre lettori che ancora hanno la
pazienza di scorrere questa rubrica. Lo affermo perch noto sempre pi diffusa
una certa indifferenza che porta con s solo interessi particolari. troppo poco
per stare insieme, per decidere un destino comune. Ci vuole qualcosa di pi.
Non sufficiente la buona volont. Anzi, con lo scorrere del tempo, anche le
buone intenzioni si sono sempre pi rarefatte.
Vi racconto un breve episodio cui ho assistito la scorsa settimana. Chi legge
questo spazio sa che da alcuni anni giro lItalia in ogni direzione. Per andare
avanti e indietro dalla Romagna uso quasi sempre il treno. Macinando migliaia
di chilometri mi sono guadagnato la Cartafreccia che d accesso ai Frecciaclub
che Trenitalia ha attrezzato nelle stazioni pi grandi.
A Bologna, venerd scorso, mi sono fermato nella saletta Frecciaclub per
informarmi, visto lo sciopero dei ferrovieri in atto, sulla disponibilit dei treni
per rientrare la sera stessa da Piacenza. Ho anche approfittato delle bevande e

delle merendine messe ai


disposizione dei soci. Una
bottiglietta dacqua e uno
snack. Accanto a me, al
tavolino, ho visto un
signore intascare nello
zaino pi biscottini. Sono
rimasto un po allibito, ma
poi non ci ho fatto troppo
caso.
Non trascorrono pi di
cinque minuti che arriva un
amico di quello incrociato
poco prima. Anche lui si
avvicina al frigorifero.
Estrae un barattolo di Coca
Cola e comincia a bere. Poi uno spuntino e un altro ancora. Infine si prende un paio di
barattoli di Coca e se li mette nella borsa. In breve, questo signore (ma il termine signore
forse anche troppo) si intascato quello che poteva servire per almeno tre o quattro
viaggiatori.
Mi sono consolato pensando che dopo diverso tempo era la prima volta che mi
capitavano a tiro tipi come quelli. Certo che ci sono rimasto male e mi sono chiesto che
con certa gente come si pu pensare al senso collettivo di uno Stato? Tanto pi pensando
allo standing (!) di chi frequenta la saletta Frecciaclub.
Abbiamo un senso delle cose comuni da recuperare. indubbio. Resta tanto da
ricostruire. Da qualche parte occorre iniziare. Ciascuno inizi da se stesso. (935)

12

Cesena

Gioved 30 giugno 2016

Carisp Cesena: il futuro resta incerto, soprattutto per gli azionisti

ono tanti e sono arrabbiati gli


azionisti della Cassa di
risparmio di Cesena. Gente che
non aveva mai considerato a
rischio le azioni dellistituto bancario
cittadino per eccellenza, titoli spesso
ereditati dai padri o dai nonni. Titoli
che, valutati qualche mese fa sui 16
euro, varranno a breve poche decine
di centesimi luno.
Per questo gli incontri organizzati da
Davide Fabbri (blogger indipendente
ed ex consigliere comunale) con
Franco Faberi, nella sala del quartiere
Oltresavio, sono stati assai partecipati.
Tanto luned 20, quanto il successivo
luned 27 giugno, la sala era colma di
persone. Gente arrabbiata, eppure
composta e attenta nellascoltare gli
interventi dei relatori, che hanno
spaziato dalla storia della Carisp alla
crisi economica globale, dalla
sottovalutazione dei rischi da parte
dellintero sistema bancario italiano
ai curricula dei manager, passando
per la spiegazione di termini come
warrant e aumento di capitale.
Pi caldi, inevitabilmente, gli
interventi del pubblico: Bisogna fare
qualcosa contro questi personaggi ha scandito un ragazzo - non devono
passarla liscia. Devono avere paura di
quello che hanno fatto, la cosa deve
rimanere ai posteri. Giustizia deve
essere fatta.
Dal novembre 2014 ho cercato di
vendere le mie azioni - ha spiegato
rassegnata una signora - ma invano.

Soci sul piede di guerra


Molto partecipati gli incontri
organizzati allOltresavio
dal Comitato difesa
risparmiatori
con portavoce
Davide Fabbri

Bulbi interviene
sulla Cassa
S

ulla vicenda della Cassa di Risparmio di Cesena


interviene lex presidente della Provincia e
attuale sindaco di Roncofreddo, Massimo Bulbi,
con una nota inviata alle redazione dei giornali locali.
La vicenda della Cassa di Risparmio di Cesena - scrive
Bulbi - un altro esempio di latitanza della politica.
Altri istituti bancari non distanti da qui e in condizioni
non certamente migliori della Cassa di Risparmio
hanno potuto beneficiare di vie duscita diverse e non
a costi cos alti. Sulla Cassa di Risparmio la Banca
dItalia intervenuta con un disegno tutto suo.
Lazione nei confronti della Cassa di Risparmio di
Cesena fa sorgere pi di un dubbio a Bulbi che insiste:
Invece di cercare altre soluzioni, che erano possibili,
si agito a scapito degli azionisti e del territorio,
prendendo la via pi comoda e consona agli obiettivi
della Banca dItalia. Ci che amareggia Bulbi anche
il fatto che la neo presidente della Carisp non sembra
abbia voluto interloquire con il territorio e non abbia
voluto cercare una mediazione a garanzia degli
interessi del territorio stesso, anche perch, prosegue
il sindaco di Roncofreddo, sono certo che si sar

Altri le hanno vendute, io non ci sono


riuscita: dicevano sempre che erano
troppe o troppo poche. Ho segnalato
la cosa alla Banca dItalia.
Fischiato dalla folla uno dei pochi
interventi controcorrente: Dobbiamo
fare un esame di coscienza anche noi.
Non si possono comprare delle azioni
e pensare sempre e solo di
guadagnare.
Altri presenti hanno denunciato
comportamenti sopra le righe da
parte del personale della banca: In

IL SINDACO
DI RONCOFREDDO:
LA VICENDA CARISP
ESEMPIO
DI LATITANZA
DELLA POLITICA

cambio della surroga di un mutuo ha affermato uno dei presenti - mi


hanno proposto di comprare delle
azioni della Cassa.
Bisogna metterli alle corde anche per
le obbligazioni e le subordinate - ha
aggiunto un altro azionista -. Diteci
cosa dobbiamo fare in assemblea.
Proprio sullassemblea dei soci, in
programma il 3 luglio al Carisport, si
soffermato Fabbri: Un altro
comportamento illegittimo della
banca, oltre alla mancata consegna
del bilancio agli azionisti, quello di
chiedere laccredito prima: chi si
presenta il giorno stesso non potr
partecipare. Per questo importante
muoversi per tempo.
Chi veramente ha commesso degli
illeciti civili, e i documenti che ho lo
provano, non la passer liscia ha
aggiunto poi Fabbri.
Il comitato si formalmente
costituito luned 27, stabilendo una
linea comune in vista dellassemblea
dei soci e delle imminenti battaglie
giudiziarie: Agiremo con esposti
penali alla Procura della Repubblica
di Forl - ha spiegato Fabbri - e azioni
legali di natura civile per il
risarcimento del danno, a tutela delle
vittime di soprusi a danno dei
risparmiatori, in diversi casi molto
anziani.
Una delle strade ipotizzate dal
comitato lesercizio del diritto di cui
allarticolo 2395 del Codice civile.
MiB

Passaggio consegne al Lions Club Cesena


Presidente Antonella Fuccio Pierantoni
Gabriele Ferri nuovo socio
l nuovo presidente del
IAntonella
Lions Club Cesena
Fuccio Pierantoni,

informata del fatto che i


territori cesenate e
provinciale sono sempre
stati ai primi posti per
qualit della vita e
coesione sociale anche
grazie allapporto degli
istituti di credito locale.
Ci che accaduto nelle
ultime settimane pare a
Bulbi solo come una
volont di eseguire
gli input ricevuti dalla

Banca dItalia. Ed qui


che doveva intervenire
la politica - conclude - a
tutela di una banca
del territorio
che non fallita:
la prova che non fosse in
dissesto viene anche dal
fatto che il fondo
interbancario ha dovuto
modificare il suo statuto
per poter condurre
loperazione.

VALORE CITT srl in liquidazione


Societ del COMUNE DI CESENA

ASTE PUBBLICHE IMMOBILIARI


Rende noto che nella giornata di GIOVED 28 LUGLIO 2016
avranno luogo gli esperimenti delle ASTE PUBBLICHE relative ai seguenti BENI IMMOBILI:
1) Ex scuola elementare San Cristoforo (Cesena Loc. S. Cristoforo Via S. Cristoforo n. 4200): immobile recuperabile a uso residenziale,
commerciale e terziario. SUL di circa mq. 740 con possibilit di ampliamento.
Base dasta . 390.000 oltre IVA
2) Ex scuola elementare Ponte Cucco (Cesena Loc. Ponte Cucco Via Prov.le Cervese n. 1818): immobile recuperabile a uso residenziale.
Sup. comm.le di circa mq. 217. Sup. territoriale complessiva di circa mq. 810.
Base dasta . 120.000 oltre IVA
3) Ex scuola elementare Pioppa (Cesena Loc. Pioppa Via Cervese n. 7180): immobile recuperabile a uso residenziale. Sup. comm.le di
circa mq. 495 (piano rialzato) e mq. 495 (seminterrato). Superficie territoriale complessiva di circa mq. 1.390 (fabbricato escluso).
Base dasta . 295.000 oltre IVA
4) Casa colonica S. Lazzaro (Cesena loc. Case Castagnoli, uscita Secante Via Emilia Levante n. 3067): fabbricato recuperabile a usi diversi fra i quali alberghi, pubblici esercizi, artigianato di servizio e produttivo, commercio allingrosso, industria, ecc., insistente su di una sup.
fondiaria complessiva di circa mq. 2.208.
Base dasta . 280.000 oltre imposte
5) Negozio in C.so Comandini (Cesena C.so U. Comandini, 10/A): unit immobiliare a uso commerciale e terziario posta nel centro storico di
Cesena. Sup. di circa mq. 60.
Base dasta . 81.000 oltre IVA
6) Podere Cesuola (Cesena, vicinanze ex discarica di Rio Eremo): terreno agricolo in zona collinare a prevalente estensione boschiva della superficie di circa mq. 35.651.
Base dasta . 17.000
7) Lotto Martorano 4 con annessi fabbricati (Cesena Loc. Martorano Via Violone di Gattolino n.ri 70 e 240): lotto di terreno con annessi
n. 1 fabbricato ad uso residenziale, n. 2 capannoni di servizio e n. 1 attrezzaia, per una superficie fondiaria di circa mq. 4.404.
Base dasta . 310.000 oltre imposte come per legge
8) Ex colonia marittima Pinarella di Cervia (Pinarella di Cervia, viale Italia, 332): immobile di considerevoli dimensioni che costituisce porzione
di un pi ampio comparto della Citt delle Colonie, recuperabile a uso ricettivo (70%) e residenziale (30%). Volume di circa mc. 6.9278. Superficie territoriale pari a circa mq. 4.245.
Base dasta . 1.390.000 oltre IVA
*****
Per informazioni relative agli IMMOBILI, BANDI DI GARA e MODALIT DI PARTECIPAZIONE: consultare il sito internet www.valorecitta.it; telefonare
al numero sotto indicato, dal luned al venerd, ore 9,00-13,00 15,00-19,00; rivolgersi allufficio di Valore Citt (c/o Comune di Cesena settore Patrimonio
ingresso lato Rocca Malatestiana 1 piano) nella giornata di mercoled, ore 9,30-12,00. Iscrivendosi alla NEWSLETTER di Valore Citt (vedi apposita
sezione presente nel sito www.valorecitta.it) sar possibile ricevere utili aggiornamenti in merito alle pi importanti novit.
Tel. 0547 356810 Fax 0547 356587 e-mail: info@valorecitta.it
Il Liquidatore Dott. Francesco Pasqualicchio

che succede a Claudio


Cavani.
La serata di chiusura
dellanno lionistico, svoltasi
allhotel Palace di Milano
Marittima, stata
loccasione per presentare ai
numerosi soci intervenuti il
nuovo socio Gabriele Ferri,
dirigente di Naturitalia.
Antonella Fuccio Pierantoni, medico specializzata in chimica clinica e
biochimica, guider lanno lionistico 2016-2017 coadiuvato dal consiglio
del club composto dai consiglieri Fabiola Casadei, Mauro Casadei Turroni
Monti, Piero Beldrati Casadei, Luigi Giani, Daniela Poletti, Andrea Bettini.
Presidente comitato soci: Carlo Battistini, tesoriere Stefano Bondi;
censore Stefano Valzania; cerimoniere Nino Fabbrocini; segretario Mirna
Foschi; past president Claudio Cavani; primo vice presidente Massimiliano
Montalti; secondo vice presidente Caterina Lucchi.
Nella foto il nuovo Presidente del Club con il Past President Claudio
Cavani, il nuovo socio Gabriele Ferri e il socio presentatore Patrizio Neri.

Cesena

San Pietro
Giorni di festa

Si sta svolgendo in questi giorni la festa parrocchiale a San


Pietro di Cesena, con un ampio programma religioso e
ricreativo. In particolare, viene organizzata la 19esima edizione
del Mercatino di San Pietro, da gioved 30 giugno a domenica
3 luglio, evento molto apprezzato e seguito. Mercoled e sabato
rimarr aperto dalle 17 no alla sera, gioved e venerd solo in
orario serale, e domenica per tutta la giornata. Domenica 3
luglio alle 18,30 il vescovo Douglas presieder la Messa durante
la quale verranno presentati i cresimandi.

Gioved 30 giugno 2016

Macerone

Pievesestina

Il vicario in parrocchia

Festa patroni Pietro e Paolo

La parrocchia di Macerone di Cesena celebra


la conclusione del mese di giugno dedicato
al Sacratissimo cuore di Ges con la Messa,
venerd 1 luglio alle 20,30, presieduta dal
vicario generale don Pier Giulio Diaco. A
seguire, recita delle Litanie, atto di
riparazione ed esposizione del Santissimo
Sacramento. Sar possibile accostarsi al
sacramento della riconciliazione.

Sabato 2 luglio alle 20,30, negli


spazi parrocchiali di Pievesestina di
Cesena, si terr la Cena
dellamicizia pro parrocchia (tetto
canonica). Due proposte di men.
Per info: Daniele, 329 4234061.
Durante la serata musica di
sottofondo e approfondimento del
progetto Ponte dellamicizia.

Lintervento stato realizzato dal maestro Adamo Scala


San Carlo

Torna a vivere
organo dellOttocento
T

orner a suonare lorgano ritrovato una decina di anni fa nel convento dei
Cappuccini a Cesena. Venne costruito nella bottega di Edoardo Landucci & figli
di Viareggio, organisti innovativi e di notevole prestigio. Pur non recando una
data precisa, lincisione della targa dei costruttori lo fa risalire alla scuola toscana
della seconda met dellOttocento.
E in fase di completamento lopera di restauro, nella chiesa parrocchiale di San
Carlo, del prezioso strumento ad opera del maestro Adamo Scala. Un lavoro
paziente e certosino per il direttore del coro Alio Modo Canticum che richiede
abilit e conoscenze specifiche acquisite grazie alla sua profonda conoscenza della
musica e alla grande passione
andava protetto. Come? Rendendolo il
organistica. E da un anno che se ne sta
pi possibile utilizzabile. Se avessi
occupando. Verr inaugurato domenica
ricostruito lorgano tramite tecnica
10 luglio alle 10,15 nella chiesa di San
moderna sarebbe risultato un falso. Ho
Carlo. Il vescovo Douglas proceder alla
proceduto nel rispetto della tecnica e
benedizione dellorgano, seguir la
dello stile costruttivo tipico di questo
Messa di inaugurazione alle 11.
strumento. Si tratta di un organo dal
Uno strumento morto tornato a
suono gioioso, interessante dal punto
vivere - spiega Scala -. Ho cercato di
di vista timbrico. Una particolarit
recuperare un oggetto storico che

tipica della scuola toscana che


brillante e spiritosa.
Lorgano ottocentesco ha un sistema di
funzionamento meccanico cosiddetto a
tiro, che garantisce pi sensibilit alla
tecnica dellesecutore. A differenza di
quelli a trasmissione elettrica moderni
che non danno allorganista un contatto
diretto con lo strumento.
Il lavoro di Scala consistito
nellindividuare le parti storiche e
originali per sistemarle, e ripristinare
quelle mancanti. Non stata
unoperazione semplice in quanto
lorgano ospita sulla sommit 450 canne
lignee e di metallo distribuite in 11
registri, che riportano le seguenti
indicazioni: principale, ottava, decima
quinta, ripieno bassi, ripieno acuti,
tromba, ottavino, cornetto, flauto in 8 e
violetta. I registri sono una sorta di
pistoni che selezionano le file di canne
chiamate a suonare producendo effetti
musicali diversi. La difficolt maggiore,
in questo caso, stato individuare a
quali tipi di canne potessero essere
collegati, perch non tutte erano
presenti. Ho proceduto per intuizione e
facendo delle scelte il pi possibile in
linea con lo strumento.
Le canne erano presenti solo in parte.
Uno degli interventi pi impegnativi
stato riparare quelle guaste. Molte erano
rovinate. Altre erano mancanti e le ho
recuperate da altri strumenti. Anche il
somiere, struttura che fornisce aria alle
canne arrivato fino a noi ma, continua
Scala, lho dovuto aprire e ripulire per
renderlo perfettamente funzionante. La
tastiera risultava senza copertura dei
tasti e lorganista cesenate ha proceduto
a realizzarla in legno di bosso e
palissandro.
Il mantice, la parte che immette aria
nellorgano, era usurato, aveva perdite
di vento. Ho inserito una tela per la
ricopertura, riparazione povera ma
funzionale. E stato rifatto, infine, tutto
il sostegno allo strumento: la cassa,
ovvero linvolucro esterno, stata
adattata allambiente in cui si trova ora,
e la pedaliera stata collegata ai primi
12 tasti della tastiera.
Michela Mosconi

13

Scrutini, i risultati

Scuole superiori
Proseguiamo la pubblicazione dei risultati degli
scrutini delle scuole superiori di Cesena. AllIstituto
commerciale Serra il bilancio di 460 promossi,
43 respinti (15,4 per cento) e 216 sospesi nel
giudizio, ossia promossi ma con debito in qualche
materia che dovranno recuperare prima dellinizio
del nuovo anno scolastico con una prova di
riparazione. Sono 22 gli alunni con una media dal 9
in su: i migliori sono Filippo Petrini (9,46) e
Alessandro Cacciaguerra (9,45).
Si conferma tra i pi selettivi lIstituto tecnologico
Pascal con il 30 per cento delle bocciature tra le
matricole. Nel complesso, su 784 studenti, i
promossi sono 513, i respinti 97 e i sospesi nel
giudizio 174.
AllIstituto agrario Garibaldi su un totale di 707
studenti, i promossi sono 413, i non ammessi alla
classe successiva 69, e i rimandati 225. Elia Grano
con 9,58 e Ayari Anuar con 9,5 sono i migliori della
scuola.
AllIstituto per geometri Da Vinci i promossi sono
133, i respinti e 32 mentre in 91 se la dovranno
vedere con gli esami di riparazione a settembre. La
media pi alta di Francesca Renato con 9,36.
Matricole sotto torchio anche allIstituto
professionale Comandini, dove su 74 respinti ben
45 sono del primo anno, con una percentuale del 38
per cento. Nel complesso, su 457 allievi, sono 260 i
promossi al primo colpo e 123 i sospesi nel giudizio.
Anche allIstituto professionale Versari-Macrelli
dimostra difficile lingresso alle superiori: le
bocciature toccano infatti il 26 per cento. Nel
complesso su 964 studenti, 620 i promossi, 115 i
respinti e 225 i sospesi nel giudizio. I bravissimi
della scuola sono Martina Campidelli (9,69) e
Federica Magnani (9,53).
A CESENATICO lIstituto statale di istruzione
superiore 'Leonardo da Vinci suddiviso in
due indirizzi. Buoni i risultati al Liceo scientico e delle scienze umane Enzo Ferrari che
ha visto impegnati nell'anno scolastico 2015-16
418 studenti: promossi 344, respinti 16 (percentuale del 4,62) e sospesi nel giudizio 58. Tutti
promossi i 72 candidati che stanno affrontando
l'esame di Stato. In 17 gli allievi con la media
dal 9 in su, si segnalano in particolare: Filippo
Venturi 9,73, Giulia Pretalli e Caterina Menghi
9,64, Martina Foschi e Delielena Poli 9,55 e
Mauro Giacoia 9,50.
Verdetti meno soddisfacenti per i 461 allievi dell'Istituto tecnico economico Giovanni Agnelli:
promossi in 322, respinti in 48 e 91 i rimandati a
settembre . Alto il dato dei bocciati nel biennio: il
20 per cento circa. Sono 13 le pagelle doro: Lea
Abbondanza 9,83, Elisa Ceccaroni 9,7, Andrea
Pracucci 9,64, Samatnha Dellapasqua 9,50.
la volta, inne, dellIstituto di istruzione superiore Marie Curie a Savignano sul Rubicone. andata molto bene per i 340 alunni del
Liceo scientico con solo 8 respinti (il 2 per
cento) e 46 coloro che dovranno recuperare il
debito a settembre. Maggiore selezione nelle
prime classi degli altri due indirizzi. LIstituto
tecnico industriale conta 256 studenti: promossi 216, bocciati 40 (15 per cento) e sospesi
59. All'Istituto professionale per la moda a indirizzo calzaturiero i promossi sono stati 239, i
respinti 29 (pari all11 per cento) e i rimandati
45.

14

Cesena

Gioved 30 giugno 2016

Brexit. Il commento delleurodeputato Damiano Zoffoli, gi sindaco di Cesenatico

britannici voltano le spalle


allEuropa, eppure anche nel resto del
continente non che gli ideali
europei se la passino meglio. In molte
persone continua a crescere, infatti, un
sentimento di disaffezione nei confronti
delle istituzioni comunitarie, avvertite
come burocratiche e lontane. Per questo,
populismi e nazionalismi stanno
tornando alla ribalta, consultazione
dopo consultazione.
In questo scenario abbiamo chiesto un
commento alleurodeputato Pd
Damiano Zoffoli (gi sindaco di
Cesenatico), aderente al Movimento
federalista europeo: LEuropa non ha un
volto, lontana ed un progetto
incompleto. Un progetto, oggi, che si
trova a met del guado. Abbiamo
imboccato un percorso di integrazione,
ma attorno a noi lacqua cresce: la
pressione migratoria, il declino
demografico, la crisi economica, il
terrorismo. Lacqua cresce e, perci, non
possiamo rimanere immobili:
affogheremmo. Si pu solo scegliere di
tornare indietro, alla riva da cui si
partiti, o nuotare con pi vigore verso
laltra sponda. Il Regno Unito ha scelto la
prima soluzione, io credo nella seconda:
bisogna far ripartire lEuropa con pi
slancio e maggiore democrazia.
Una democrazia che non sempre in
grado di dare le migliori risposte, basti
pensare che pochissimi cittadini europei
sanno cosa fa e come funziona lUnione
europea. Una diffusa ignoranza nei
confronti delle istituzioni comunitarie

Da Longiano
Giovani traditi

Noemi Magnani, longianese, da cinque anni vive


a Londra. Dopo aver conseguito una laurea a
Bologna, si trasferita nella capitale britannica
per aggiungere due master alla University of
London. ora dottoranda in losoa politica al
Birkbeck College, dove lavora anche come tutor
associato. Come cittadina europea - afferma la
28enne - ho sempre goduto di tutta una serie di
agevolazioni che hanno reso la mia permanenza
facile e soprattutto piacevole. I miei amici prosegue - si aspettavano che il paese sarebbe
stato diviso a met. Non si aspettavano per il
risultato nale del voto. La reazione di molti
stata un misto di sgomento, rabbia e
preoccupazione.
La gente con cui ho a che fare ogni giorno era
contro luscita del Regno Unito dallEuropa. Si
tratta di persone che vivono o comunque
lavorano a Londra. Sono persone benestanti,
giovani, laureate, che hanno vissuto allestero e
che hanno amici da tutta Europa. Per gente
come me luscita del Regno Unito dallEuropa
rappresenta un duro colpo. Una delle cose che
ci rende pi amareggiati che purtroppo i
giovani, sia britannici che non, saranno tra
coloro che pagheranno maggiormente le
conseguenze di questo referendum.
Noi giovani pi di tutti ci sentiamo europei conlude -. La maggior parte di noi non era
nemmeno nata prima dellUnione. Siamo
cresciuti con lidea che avremmo potuto
studiare e lavorare in qualsiasi paese europeo e
sentirci comunque protetti, uniti, benvenuti. Pi
di tutti ci sentiamo parte di un insieme pi
grande delle nostre singole nazioni che. Non
sar perfetto, ma ci d cos tante opportunit e
un livello di sicurezza che i nostri genitori e
nonni, i quali invece unEuropa divisa e in
guerra se la ricordano n troppo bene,
potevano solo sognarsi.

Europa al bivio
Ripartire con slancio

FOTO SIR

I britannici hanno scelto di uscire


dalla Casa comune europea
In generale, un aumento
la disaffezione nei confronti
delle istituzioni comunitarie

che stata messa nero su bianco niente


meno che da Google. Il popolare motore
di ricerca, infatti, ha reso noto che le
ricerche online sul cosa succede a
lasciare lUnione europea sono
aumentate del 250 per cento in Gran
Bretagna poche ore dopo la vittoria del
fronte isolazionista (Brexit).
Gi marted 28 - continua Zoffoli - il
Parlamento europeo approver una
risoluzione sul divorzio breve dal
Regno Unito. Il commissario inglese agli
affari finanziari si gi dimesso, i

parlamentari britannici lasceranno i loro


incarichi nelle commissioni e non
prenderanno parte al voto. Ora, per, si
apre il lungo processo di riscrittura dei
trattati e di riapprovazione degli stessi.
Chi resta in Europa, comunque, deve
impegnarsi per dare unanima alla stessa
e risposte pi efficaci ai problemi
pressanti: Oltre ad adeguare le
istituzioni comuni, bisogna agire con
decisione a livello europeo sui temi della
disoccupazione, dellimmigrazione,
degli investimenti. Servono risorse per
farlo? I paradisi fiscali non bisogna
cercarli al di fuori dallEuropa, basta
guardare prima al proprio interno. Da l
si potranno ricavare le risorse necessarie.
Nel continente abbiamo poi 28 eserciti e
gli Stati membri spendono in Difesa una
volta e mezzo quello che spende la
grande Cina: tempo di pensare ad un
esercito europeo.
Se non si riusciti finora a spingere
sullintegrazione, baster la Brexit ad
accelerare questo processo?
Non ci possono essere ulteriori alibi ammonisce Zoffoli - come i timori di
questo o di quel paese membro per le
imminenti consultazioni interne.
Bisogna guardare alle prossime
generazioni, non alle prossime elezioni.
Se lEuropa fallisce, unEuropa che gi
oggi vende ogni anno pi pannoloni che
pannolini, affogheremo tutti insieme. Ed
il vecchio continente, diviso, diverr il
museo del mondo, ricco solo dei ricordi
di ci che siamo stati.
Michelangelo Bucci

Claudio Sartini da quattro anni a Londra

Accademici inglesi
tutti per lEuropa
C

laudio Sartini, 38 anni, sarsinate, si


trova a Londra da cinque anni.
Dopo un impiego allArpa Emilia
Romagna, ha deciso di lasciare il posto
fisso per migliorarsi oltre Manica. E un
impiegato statistico nel campo della
ricerca epidemiologica su malattie
cardiovascolari, al Department of
Primary Care and Population Health
(pcph) della School of Medicine presso
Ucl (University College of London).
Onestamente non sapevo cosa
aspettarmi da questo Brexit referendum
- racconta - i bookmakers, che qui sono
una istituzione, davano Remain come
vincente, ma non di molto. Dai rumors
degli ultimi giorni si pensava sempre pi
che sarebbe stato un testa a testa. Io
personalmente, non credevo si sarebbe
votato per uscire.
Sin dalle ore precedenti al voto Claudio
ha cercato di tenersi informato sullesito
via smartphone. Il Guardian ha
sviluppato una app utilissima con
notifiche su tutte le news pi importanti.
Tra le tante ho notato che avevo ricevuto
un messaggio dal mio capo. Lho aperto
e il testo riportava: Ciao Claudio. Mi
dispiace molto. Mi vergogno di essere
British.

Il suo mondo, quello accademico, si e


schierato per Remain. Non conosco
nessun collega del mio dipartimento che
abbia votato Leave. Credo che i
ricercatori britannici siano tutti
estremamente dispiaciuti e imbarazzati
per questo risultato. Ideali a parte, gli
accademici sanno che le universit
potrebbero avere un danno economico
da una uscita dalla Eu. Il Guardian ha
riportato un dato del comitato dei Lords
secondo il quale il Regno Unito ha
finanziato la ricerca europea per 4.3
miliardi di sterline dal 2007 al 2013, ma
ne ha ricevuti 7 in cambio. Potrebbero
venire a meno 300 milioni di sterline
allanno in finanziamenti.
A Londra circa il 60-70% circa ha votato
per Remain. Come anche in Scozia e
Nord Irlanda. Non ho mai vissuto in
Galles e nel Nord dellInghilterra, dove
hanno votato in maggioranza per uscire.
Sembra che questo voto sia guidato
molto dalle differenze di classe sociale e
da una frustrazione legata alla
disoccupazione, che in Galles un
problema sentito. La cosa paradossale
che tutti sanno che la Eu ha finanziato la
ripresa del Galles con molti soldi. Quindi
perch uscire dalle Eu? Capire questo

malcontento credo sia importante.


Per me in particolare - conclude - Brexit
o no, non sarebbe cambiato nulla in ogni
caso. Tra un anno, il quinto consecutivo
passato a lavorare per University College
of London, ho il diritto di fare richiesta
per il mio visto permanente come
residente. Questo per me risolve ogni
problema, qualora ce ne fossero. Inoltre,
la mia Universit ha emesso un
comunicato ufficiale dove garantisce per
due anni il rispetto di tutti gli accordi
stipulati con i suoi dipendenti e studenti
non British, come la erogazione delle
borse di studio. Si pensa che per almeno
due anni, nulla cambier davvero nel
Regno Unito. Tra un anno forse ci
saranno regole pi chiare e i non British
capiranno se e cosa possono fare per
rimanere. Per davvero deprimente
che nel 2016 un italiano si debba
chiedere quali documenti presentare per
rimanere nel Regno Unito. Io lo vedo
come un grosso passo indietro dal punto
di vista burocratico ma soprattutto della
libera circolazione di individui.
Michela Mosconi

Cesenatico

Gioved 30 giugno 2016

Misura attesa introdotta da Bruxelles


Soddisfatto Drudi, della cooperativa pescatori

Elezioni

Vongole, si cambia
Ok alla pesca da 22 mm
B

Male la coalizione
del centrodestra

uone notizie per i pescatori di


vongole dellAdriatico e del litorale
romagnolo. E di questi giorni la
notizia che Bruxelles ha dato parere
positivo alla pesca delle vongole con una
taglia minima di 22 millimetri, anzich
25. Non si tratta di una regola definitiva,
ma di una sperimentazione di durata
triennale, in vigore dal primo gennaio
2017 e fino al 31 dicembre 2019. Si tratta
di una misura particolarmente
significativa perch questo vincolo stava
mettendo in ginocchio un intero settore.
A Cesenatico c soddisfazione per
lintroduzione di questa novit. A
manifestarla Mario Drudi, segretario
della cooperativa Casa del Pescatore.
Era una misura attesa da molto tempo ha dichiarato Drudi -. Per il suo
raggiungimento ha concorso limpegno
delle varie marinerie e delle associazioni
di pescatori. Mentre a livello
istituzionale c stato un lavoro
fondamentale dellassessore regionale
allagricoltura, caccia e pesca Simona
Caselli che ha posto la questione su due
tavoli, quello nazionale e quello
europeo. Poi hanno lavorato bene gli

europarlamentari italiani che si sono


fatti portavoce delle nostre istanze.
Secondo Drudi, i benefici ci sono per
una ragione semplice. Da un po di
tempo a questa parte le vongole del
nostro mare non riuscivano a
raggiungere la dimensione della taglia
minima di 25 millimetri. Mentre in
passato il problema era la mancanza di
ossigeno per cui il mollusco moriva, da
un po di tempo a questa parte le
vongole muoiono di meno ma non
crescono.
Le imprese dedite a questo mestiere
hanno pagato un prezzo elevato perch
negli ultimi anni hanno lavorato
pochissimo. In periodi limitati hanno
pescato, ma erano sempre a rischio di
prendere verbali pesanti. Questa misura
positiva anche perch permette alla
gente di lavorare in regola.
Studi scientifici sembrano dimostrare
che la capacit riproduttiva delle
vongole garantita anche da misure
molto inferiori a 25 millimetri.
Bisognerebbe capire bene anche le
ragioni del perch nel nostro mare le

Analisi preferenze

vongole crescono cos poco, ma queste


sono risposte che spettano pi alla
ricerca che ai pescatori. Qualcuno
pensava perch c stato un eccessivo
sforzo di pesca. C da dire che negli
ultimi tre anni le vongole non sono state
sostanzialmente quasi mai pescate. Se il
problema era questo avremmo dovuto
avere delle vongole gigantesche. Il
rigassificatore di Porto Tolle pu avere
influito? Questo impianto preleva dal
mare 30 mila metri cubi di acqua allora
tutti i giorni dellanno per trasformare il
gas da liquido ad areiforme. Di certo non
fa bene al pesce del nostro mare, ma non
attribuirei la scarsa crescita dei
molluschi a questo.
Si pu fare una stima dei benefici per i
pescatori? E difficile. Posso dire che le
imprese che prima non lavoravano o
lavoravano per periodi limitati
riusciranno a lavorare pi o meno
regolarmente tutto lanno. Abbassando
lasticella, la possibilit di lavorare per
queste imprese che sono in sofferenza
da anni molto pi concreta di prima.
Michela Mosconi

Iniziativa giunta alla XIX edizione. Sulle famose stoffe


le decorazioni della stamperia Pascucci di Gambettola

Allombra della tradizione


U
n colpo docchio particolarmente
accattivante, "allombra della tradizione". Sono state inaugurate gioved 23 giugno nella spiaggia libera di Cesenatico le "Tende al mare", iniziativa
giunta alla XIX edizione. Sulle famose
stoffe questanno limpronta della stamperia Pascucci di Gambettola, un valore
aggiunto al connubio spiaggia e arte.
Lesposizione caratterizzata da un tuffo nel passato cesenaticense con la riproposizione delle tende originali da sole in uso dal 1930 agli anni 50. Rivelano
laspetto e le decorazioni originali che
avevano le tende da spiaggia al tempo in
cui erano utilizzate per riparare i bagnanti dal sole, prima dellavvento dei
moderni ombrelloni.
Le botteghe specializzate nella confezione di coperte, tovaglie, corredi, erano le
stesse che provvedevano anche a realizzare le tende al mare per gli stabilimenti

15

balneari, gli alberghi, le colonie della nostra riviera, utilizzando gli stampi in legno e linchiostro realizzato con la ruggine o altri coloranti naturali. Tra queste
botteghe era particolarmente attiva la
Stamperia Pascucci di Gambettola, nata
nel 1826, che conserva nei suoi archivi
oltre agli stampi originali in legno anche
ampia documentazione che rivela molti
dettagli sulle decorazioni, sui colori, sulla confezione.
Era presente anche il neo sindaco Matteo
Gozzoli, in una delle sue prime uscite ufficiali. "Le tende al mare sono una cartolina della nostra citt. Questanno ci riportano a una tradizione antica. Il tema
delle radici qualcosa che dobbiamo
coltivare sempre".
Sono intervenuti anche Claudio Ceredi,
dirigente dellUfficio turismo del Comune di Cesenatico, Davide Gnola, direttore del Museo della marineria, Tinin Man-

Tende al mare

Vincitori e vinti dopo le elezioni amministrative


che hanno eletto al secondo turno Matteo
Gozzoli nuovo sindaco di Cesenatico con il
58,03 per cento delle preferenze (6.377 voti).
Incassati 4.673 voti, il Pd il primo partito
della citt, ottenendo 9 posti su 16 in Consiglio
comunale. In casa Pd il record delle preferenze
(404) va a Mario Drudi, segretario del partito.
Ottimo risultato per Beatrice Zoffoli, 23 anni,
glia delleuroparlamentare Damiano, alla sua
prima esperienza politica con 399 preferenze.
Al terzo posto come popolarit (301
preferenze) c Roberto Casali, sdante di
Gozzoli alle primarie dello scorso gennaio.
Fra gli alleati del Pd, si affermato il Partito
Repubblicano. Ai Repubblicani sono andati 478
voti e al capolista Mauro Gasperini 96
preferenze. Nei giorni scorsi Gozzoli ha
annunciato che Gasperini sar il nuovo
vicesindaco. Con la nomina di Gasperini in
Giunta, il posto di consigliere comunale del Pri
spetta a Igor Magnani, secondo per numero di
preferenze (71). Non ottiene seggi in Consiglio
comunale la lista civica "Cesenatico sport e
turismo".
Fra le la della minoranza, si imposta su tutti
la Lista civica per Buda, seconda forza politica
in citt a fronte dei 4.613 voti (41,97 per
cento) ottenuti al ballottaggio. Gli ex assessori
Lina Amormino e Mauro Bernieri hanno
incassato rispettivamente 306 e 202
preferenze. Siederanno in Consiglio comunale
assieme allex sindaco Roberto Buda.
Nel Movimento 5 Stelle (2.741 voti totali) il pi
votato stato Giuliano Fattori con 85
preferenze. In Consiglio comunale
rappresenter i pentastellati assieme al
candidato sindaco Alberto Papperini.
Esce scontta la coalizione del centrodestra
"ufficiale" (Lega Nord, 881 voti, Forza Italia,
518, Fratelli dItalia, 93). Gli elettori non
sembrano avere gradito la rottura con
lamministrazione Buda a poche settimane
dalla ne del mandato. La pi votata dei tre
partiti stata la leghista Giulia Zecchi (55
preferenze). Solo 26 preferenze sono andate
allex vicesindaco Piero Donini. Tutta la
coalizione sar rappresentata da un solo
consigliere comunale, che salvo surroga, sar il
candidato a sindaco Antonio Tavani.
Mv

tegazza, illustratore e pittore, e Riccado Pascucci, patron della stamperia. "E un onore essere qui oggi - ha detto il gambettolese
-. La nostra bottega realizzava le tele in canapa con decori stampati con il tradizionale color ruggine. Conserviamo nei nostri archivi stampi e documenti dellepoca, quando eravamo fornitori di tende per stabilimenti e alberghi".
La Cooperativa esercenti stabilimenti balneari garantisce ogni giorno lalzata quotidiana delle tende e la loro sorveglianza. La
Consulta del volontariato di Cesenatico cura la vendita in beneficenza delle tende.

16

Valle del Rubicone

Gioved 30 giugno 2016

Ritrovato un palloncino lanciato dalla parrocchia di Castelpoggio

Le parole del Papa


volano fino a Longiano
U

n palloncino azzurro con una


frase di papa Francesco
atterrato a Longiano dopo aver
volato per circa 300 chilometri.
Liberato in aria lo scorso 20 marzo,
domenica delle Palme, dai bambini
della parrocchia di Castelpoggio,
frazione di Carrara, in Toscana, stato
ritrovato una settimana dopo nelle
campagne di Longiano dai coniugi
Stefano Galassi e Nadia Vernocchi su
un pesco in fiore.

Legato ai resti del palloncino, un


biglietto con i dati dei mittenti e una
frase dellEvangelii Gaudium di papa
Francesco: Dio non si stanca mai di
perdonare, siamo noi che ci
stanchiamo di chiedere la sua
misericordia.
In seguito al curioso rinvenimento,
lAmministrazione comunale di
Longiano ha invitato i castelpoggini a
visitare la citt e la risposta non si
fatta attendere.

La scorsa settimana una delegazione


della parrocchia di Castelpoggio, 55
persone in tutto, stata accolta in
piazza Tre Martiri a Longiano dal
sindaco Ermes Battistini, dallassessore
al turismo Maria Cristina Minotti e dal
parroco don Giovanni Damoc.
A guidare la delegazione, composta da
tanti bambini, cera il parroco di
Granara e Castelpoggio don Primiero
Scortini. Con lui alcune mamme e
catechiste.
Fra i piccoli ambasciatori (cos li ha
definiti il sindaco di Carrara Angelo
Zubbani in una lettera indirizzata al
suo omologo longianese) cerano
anche i fratelli Gabriele, 15 anni, e
Laura Pucciarelli, 9 anni, i due ad avere
preparato e lanciato in aria il
palloncino che il vento ha portato fino
a Longiano.
Spiega don Primiero Scortini: Nella
nostra parrocchia abbiamo la
consuetudine di lanciare ogni anno,
prima della Messa della domenica delle
Palme, dei palloncini. Ogni bambino
ne prepara uno e vi lega un biglietto
con un messaggio. Qualche anno fa
uno stato ritrovato addirittura in
Svizzera.
Per il sindaco di Longiano Ermes
Battistini la casualit di un gesto
semplice ha fatto conoscere due
Comuni che ignoravano lesistenza
luno dellaltro. un piacere che il
nostro invito sia stato accolto. Ora
mia intenzione ricambiare la visita.
Matteo Venturi

Gambettola, incentivi
per smaltire leternit
E

ternit, modalit e incentivi per favorirne lo smaltimento. Da


alcuni giorni operativo uno sportello, presso il servizio
Lavori pubblici del Comune di Gambettola, in grado di
fornire tutte le informazione per lo smaltimento delleternit
(contenente amianto) e sul bando pubblico del Comune per
accedere al contributo.
Anche questanno - fa sapere il
sindaco Roberto Sanulli abbiamo deciso di continuare a contributo comunale
incentivare i privati cittadini
(massimo di 500 euro) coloro
del territorio comunale che
che, ricorrendo a ditte
effettuano operazioni di
specializzate, effettueranno
bonifica a favore della salute
interventi in termine di legge,
pubblica e della salvaguardia
per la rimozione e lo
dellambiente in cui viviamo
smaltimento di manufatti
con listituzione di un bando
contenenti amianto: tettoie o
pubblico e mettendo a
coperture, pannelli per
disposizione un fondo di
coibentazione, tubazioni,
duemila euro. Questo potrebbe canne fumarie o serbatoi.
anche aumentare a seconda
Esprimo soddisfazione - il
delle domande pervenute.
commento di Giancarlo Biondi
Possono essere ammessi al
consigliere comunale nonch

Longiano
Centro storico
Riqualificazione
Il dibattito continua
Continua a Longiano il
confronto sul progetto
per la riqualicazione del
centro storico dopo la
presentazione pubblica
dello scorso 15 giugno.
Fra gli interventi in programma ci sono il
ripristino dei sottoservizi, lallargamento
dei marciapiedi, la pedonalizzazione di
piazza San Girolamo, la creazione di uno
spazio della Commedia dellarte
nellarea dei giardini pubblici antistante il
Petrella con le statue che lartista
Domenico Neri ha donato al Comune.
Per il vicesindaco Massimo Ciappini
stata una serata positiva.
Abbiamo ascoltato richieste e perplessit
di tutti i cittadini. stato un onore
confrontarci con Domenico Neri, nostro
cittadino onorario. Neri ha sempre dato
un contributo importante in termini
artistici e imprenditoriali alla nostra
citt. Ci confronteremo con lui anche in
futuro perch nellinteresse di tutti.
LAmministrazione si confronta con tutti i
cittadini, senza piegarsi a nessuno.
Il confronto serve per mettere in
relazione varie ipotesi e scegliere di
andare avanti con la proposta migliore.
Dalla serata del 15 giugno,
lAmministrazione e Neri, che partivano
da posizioni differenti, sono concordi
sulla soluzione presentata dal nostro
progettista Pino Montalti.
Mv

Estate a Gambettola
Proseguono gli appuntamenti
Tante occasioni serali
tra musica e letteratura

presidente della Commissione


Ambiente e Sviluppo del
Territorio - per la creazione di
questo sportello informativo
che io avevo proposto, e per il
provvedimento adottato
dallAmministrazione
comunale, che conferma
limpegno a favore della tutela
dellambiente. Lo smaltimento
dellamianto avviene con
procedure sanitarie complesse
che richiedono personale
altamente specializzato. Per

questo motivo abbiamo deciso


di affiancare i privati dando un
sostegno concreto attraverso
un contributo economico per
favorire la bonifica del nostro
territorio.
Oltre che presso il servizio
Lavori pubblici, il bando con le
modalit di presentazione della
domanda e di erogazione del
contributo disponibile sul
sito
www.comune.gambettola.fc.it.
Piero Spinosi

Proseguono in queste sere destate gli


appuntamenti previsti nel calendario di Estate
a Gambettola 2016, la manifestazione
organizzata dalle associazioni culturali e non
gambettolesi in collaborazione con
lAmministrazione Comunale locale. I prossimi
appuntamenti prevedono: gioved 30 giugno
alle 20,45 nellarena Fellini, in corso Mazzini 73,
la presentazione del libro Fattore Z di
Alessandro Casalini (Sillabe di Sale editore);
venerd 1 luglio alle 21,30, sempre allarena
Fellini, per la rassegna Jazz in Town, in
collaborazione con il Miles Davis Jazz Club,
Andrea Dulbecco Quartetto in concerto con
Andrea Dulbecco (vibrafono), Giancarlo
Bianchetti (chitarra), Stefano Travaglini
(contrabbasso) e Glauco Oleandri (batteria);
domenica 3 luglio alle 21 in piazza Aldo Moro
Big Strazz Band in concerto con la
collaborazione del Corpo bandistico Citt di
Gambettola.

Gatteo | Riqualificata una via

Montiano | 3MontiBand in festa

Sono in fase di conclusione i lavori in via Giovanni XXIII a Gatteo. Sono stati sostituiti
gli alberi che con le loro radici avevano reso la strada impraticabile, piena di buche e di
rialzi nel terreno. Sono stati ricostruiti i marciapiedi e la strada, ponendo fine al disagio,
soprattutto per le persone anziane o con difficolt motorie, di camminare lungo la via
col rischio di spiacevoli cadute. Rinnovati i lampioni. Ancora in corso interventi alla
rotonda. (Lisa Beatrice Gagliano)

Festa per i venti anni della 3MontiBand in piazza Maggiore a Montiano. Si


svolta la sera di luned 27 giugno con il concerto conclusivo della dodicesima
edizione della rassegna Montiano in musica e il taglio della torta. La tradizione
bandistica montianese risale al 1859. Lattuale formazione, 35 elementi diretti
dal maestro Alessandro Fattori, si costituita venti anni fa e ha al suo attivo
numerosi concerti in Italia e all'estero. (Mv)

Valle del Savio

Bcc Sarsina

Il presidente Fabbretti:Bene primo semestre 2016


Il 20 agosto in piazza Plauto con Gene Gnocchi

Gioved 30 giugno 2016

17

MAURO FABBRETTI

Nuovo corso per la Cassa plautina


La Festa romana, il Plautus Festival, gli
eventi per celebrare i 2200 dalla morte
di Plauto. Le celebrazioni viciniane in
agosto con la festa del patrono e i momenti ad esse collegati. Come, per
esempio, lo spettacolo di Gene Gnocchi in piazza Plauto la sera del 20 agosto, ad ingresso libero. Sar offerto dalla Banca di Credito Cooperativo di Sarsina che come ogni anno sostiene le
principali manifestazioni paesane, siano esse culturali o di intrattenimento.
Non si ferma solo qui lambito di competenza della Cassa sarsinate che
presente nel territorio di tutta la valle
del Savio grazie ai suoi cinque sportelli
dislocati a San Piero in Bagno, Sarsina,
Mercato Saraceno, Gualdo e Bora.
Lotto maggio scorso iniziato un nuovo corso per la Bcc plautina, banca del

territorio e della gente. Le votazioni per


il rinnovo del Cda hanno portato allelezione del nuovo presidente Mauro
Fabbretti (gi vicepresidente). Al primo
consiglio di amministrazione stato
nominato anche il suo vice, Fabrizio
Piccini, gi dirigente della banca negli
anni passati. Un cambiamento nel segno della continuit, specialmente per
quello che riguarda i risultati confortanti raggiunti in questi anni e i principi mutualistici che caratterizzano il
mondo della cooperazione. Nel panorama tormentato che sta caratterizzando il sistema bancario italiano e qualche banca locale, il nostro istituto in
salute e sta andando bene - esordisce
Fabbretti -. Ha indici patrimoniali ai
primi posti in Regione e una virtuosit
che garanzia di autonomia e indipen-

denza.
Una questione non secondaria questultima, specialmente con lintroduzione dellautoriforma delle Bcc che
aveva in una fase embrionale gettato
ombre sulla possibilit per i crediti cooperativi di minori dimensioni, di rimanere autonomi.
Il decreto emesso ha chiarito che per
le banche virtuose come la nostra ci sono ampi spazi di autonomia. Il che ci fa
stare tranquilli. Il nuovo gruppo bancario avr il compito di vigilare su tutte le
banche di credito cooperativo quindi
anche sul nostro andamento, ma non
abbiamo motivo di temere perch siamo una banca solida.
Lobiettivo per Fabbretti consolidare
e migliorare landamento dellanno
precedente e gi il primo semestre 2016

ha confermato risultati ampiamente superiori


alle medie regionali: gli impieghi sono al 73,4 per
cento della raccolta, le sofferenze nette allo 0,6 %
dei crediti con un indice di copertura al 78,6 per
cento. Lindicatore Tier One al 21,3 per cento.
Sul territorio valligiano, quello di sua competenza, la Bcc di Sarsina rappresenta pi di una semplice banca. E una sorta di motore non solo economico, ma anche sociale. Vogliamo essere
punto di riferimento per le famiglie, le piccole e
medie imprese, gli enti e le associazioni, le parrocchie di tutta la nostra vallata del Savio promuovendone lo sviluppo a 360.

Mercato Saraceno
Media "Zappi"
Lavori in corso

Unir le scuole di Sarsina e Mercato

Un Istituto Comprensivo
per due Comuni
C

oncluse le lezioni e terminati gli


esami, gi tempo di
programmare il futuro per gli
istituti comprensivi di Mercato
Saraceno e Sarsina. Un futuro che li
vedr, gi a partire dal prossimo anno
scolastico, intraprendere un nuovo
cammino insieme.
Mentre si discute sullo stato di salute
dellUnione dei Comuni della Valle
Savio, avanzando anche ipotesi di
fusioni, ai nastri di partenza il
nuovo istituto comprensivo Valle del
Savio che unir scuola dellinfanzia,
primaria e secondaria di primo grado
mercatese e sarsinate. Il tutto
nellottica di una gestionale ottimale
delle rispettive scuole. Ha pesato sulla
vicenda il calo degli alunni,
specialmente nel comprensorio
sarsinate. Sarsina conta circa 330
studenti, Mercato Saraceno ne ha il
doppio - spiega il sindaco mercatese
Monica Rossi -. Cosa comporter
questo? La figura di un unico centro
direzionale, un solo ufficio
amministrativo a Mercato per una
questione di numeri. Insomma, il

Si chiamer
Valle del Savio
Prevede un unico preside
e un unico centro
direzionale
e amministrativo
sottodimensionamento cronico degli
alunni non ha lasciato molto scampo.
Una scelta che ha coinvolto non solo i
rispettivi consigli comunali, ma
anche il provveditorato provinciale e
regionale che ha spinto verso questa
soluzione e, non da ultimo, una
delibera votata allunanimit dal
consiglio distituto di Sarsina
(genitori e insegnanti) che si
espresso per laccorpamento.
Diventerebbe un istituto numeroso,
con pi di mille bambini e diversi
plessi scolastici e con possibilit di
potenziare alcuni servizi e plessi. La
Rossi si riferisce in particolare alle
scuole di Ranchio, in Comune di
Sarsina, ma molto pi vicine al

San Piero
Domenica festa
del Crocifisso

on la festa del patrono


San Pietro e la
solennit del
Crocifisso la settimana
sampierana ricca di
appuntamenti. Dopo la
celebrazione patronale dei
santi Pietro e Paolo,
mercoled 29, con la serata di gioved si conclude davanti alla
chiesa parrocchiale il torneo di calcetto per i ragazzi. Gioved 30
giugno, venerd 1 e sabato 2 luglio alle 20,30 si svolger il Triduo in
preparazione alla Festa del Santissimo Crocifisso, detto del
Soccorso, per aver preservato la terra sampierana dal flagello dei
terremoti. Sabato 2 luglio, alle 17, davanti alla chiesa parrocchiale
si ripeter la benedizione dei veicoli, biciclette, moto, auto e
camion che si raggrupperanno in piazza Allende per poi sfilare
davanti al sagrato. Domenica, giorno della festa in onore del
Crocifisso, sono previste celebrazioni alle 8, alle 11 ed alle 20,30,
questultima celebrata dal vescovo monsignor Douglas Regattieri e
seguita dalla processione per le vie del paese. Alle 21,45 concerto
della banda Santa Cecilia e lotteria del dolce.
Alme

Comune mercatese, a livello di


trasporti Sarsina ne trarrebbe
giovamento. Non solo, ma lavorando
insieme i nostri due Comuni
potrebbero potenziare lofferta
formativa su Ranchio e evitare lesodo
degli studenti verso Borello. Il
sindaco di Sarsina Luigino
Mengaccini si trova in linea con la
collega mercatese: I numeri
parlavano chiaro e si ragionato
anche in unottica di risparmio. Non
ci saranno contraccolpi per i nostri
studenti di Sarsina. Il nuovo preside
sar presente anche qui. Una scelta
diversa avrebbe potuto incidere
negativamente sulle nostre scuole.
Michela Mosconi

La scuola media "F. Zappi" di Mercato


Saraceno sar interessata da lavori di
adeguamento strutturale e sismico e di
efficientemente energetico per un
importo di un milione e 400 mila euro.
Inizieranno nellanno scolastico
2017/2018, per un intero anno. "Saranno
lavori sostanziosi - precisa il sindaco
Monica Rossi -. Il plesso verr sventrato
per metterlo a norma sismica e per
adeguare le uscite di sicurezza. Anche la
soluzione di risparmio energetico ci pare
ottimale perch i consumi erano troppo
alti". Il sindaco non nasconde qualche
preoccupazione. "Sar un anno
difficoltoso perch dovremmo capire dove
sistemare gli studenti nellanno
scolastico interessato dai lavori". Alcune
soluzioni sono al vaglio, ma per ora non
stato deciso nulla. Il Comune mercatese si
sta interessando alla questione insieme
alle autorit scolastiche. La scuola
dedicata a Filippo Zappi, ufficile di
Marina, originario di Mercato Saraceno. Il
plesso nasce alla ne degli anni 30,
lassetto attuale opera dellarchitetto
Ilario Fioravanti che vi mise mano nel
1965.
Sono arrivati pi di 622mila euro di
contributi statali, compresi nel piano
regionale di adeguamento degli edici
scolastici. "E inoltre arrivata una quota
per il rifacimento del tetto. Si tratta di un
risarcimento per i danni causati dal
nevone". Altri nanziamenti si avranno
con laccensione di un mutuo dal parte
del Comune di Mercato Saraceno alla
Cassa depositi e prestiti.

Dopo lUnione,
la fusione dei Comuni

usioni s, fusioni no? Se ne parlato in un incontro pubblico


tenutosi marted scorso, 21 giugno, a palazzo Dolcini, a
Mercato Saraceno. Si trattato di uniniziativa organizzata
dai circoli Pd di Mercato Saraceno e di Sarsina.
Monica Rossi, sindaco mercatese, ha aperto i lavori: "Le difficolt
per le piccole realt come le nostre sono molte. Entro la fine del
2016 partir uno studio di fattibilit su eventuali fusioni che
riguarda i comuni di Verghereto, Bagno di Romagna, Sarsina e
Mercato Saraceno".
Lipotesi lanciata dalla Rossi quella che guarda prima di tutto a
Sarsina, per una fusione dei comuni della media vallata. Anche
perch sembra che gli amministratori del Comune di Bagno di
Romagna intendano valutare la possibilit di una fusione con
Santa Sofia.
Ma con chi fondersi? Lex consigliere comunale di Sarsina
Giovanni Sampaoli ha provato a rispondere: "Con quattro
Comuni il territorio vasto e ingestibile. Avevamo pensato di
rivolgerci in primis al Comune di Mercato Saraceno, per creare
unentit pi omogenea. Si potrebbe pensare anche a una
fusione tra Mercato Saraceno, Sarsina e Cesena, come modo per
costringere la citt ad occuparsi della collina".
LAssessore regionale Emma Petitti ha posto il problema di come

IL COMUNE DI
MERCATO SARACENO

i 334 Comuni in Regione (dei quali il 45%


sotto i 5.000 abitanti) potranno continuare
a essere competitivi e a garantire i servizi,
sottolineando i risparmi economici e non
solo di eventuali fusioni tra Comuni:
"Queste attirano consistenti risorse
regionali e nazionali per 10 anni". Altri
risparmi ci sarebbero "sui centri di costo
delle figure dirigenziali e sulla priorit per i
bandi regionali e per i fondi europei". Ha
concluso ricordando che comunque la
volont finale viene affidata ai cittadini
attraverso il referendum.
Alberto Merendi

18

Gioved 30 giugno 2016

Solidariet

Un defibrillatore
a servizio della comunit
Il dispositivo medico stato donato dallAvis di San Piero
in Bagno allAsd Bagno di Romagna Calcio
La consegna avvenuta nei giorni scorsi

Bagno di Romagna

ei giorni scorsi il presidente di Avis San Piero in Bagno, Stefano Bernabini,


insieme ai membri del consiglio direttivo, ha ufficializzato la donazione di un
defibrillatore semiautomatico allassociazione sportiva dilettantistica Bagno
di Romagna Calcio, con la consegna del defibrillatore al presidente Rudi Montini.
Liniziativa - ha detto il presidente Bernabini - nata da un confronto con
lAmministrazione comunale sulle possibili iniziative che Avis vuole mettere in
campo per sostenere la comunit locale. cos emersa lesigenza di poter
implementare il presidio di strumenti a tutela della salute dei cittadini e dei turisti,
con particolare riferimento ad aree ad alta frequentazione.
Lidea di donarlo allAsd Bagno di Romagna Calcio sorta in considerazione del
fatto che la disponibilit di un defibrillatore divenuta obbligatorio anche per le
associazioni sportive dilettantistiche.

Alla cerimonia di consegna erano presenti il


presidente e il direttivo della Societ Bagnese
Rudi Montini, il sindaco di Bagno di
Romagna Marco Baccini, lassessore alla
sanit Enrica Lazzari, il consigliere delegato
allo sport Enrico Spighi, oltre ai giocatori
dellassociazione sportiva.
Si tratta di un gesto di fondamentale
importanza non solo per la squadra e per le
manifestazioni sportive che ruotano intorno
alla medesima - ha detto il sindaco Baccini ma anche per tutta la comunit di Bagno,

che ora pu disporre di uno strumento per la


sicurezza della salute dei propri cittadini e
turisti. Lesigenza che stiamo perseguendo
con la collaborazione delle associazioni e dei
privati proprio quella di mettere in
sicurezza la vita dei nostri cittadini e dei
frequentatori del nostro territorio.
Pochi mesi fa, un altro defibrillatore stato
donato alla nostra comunit: in particolare la
famiglia Gregori ha consegnato lo strumento
alla scuola Primaria Giovanni Pascoli.

Scarpinata solidale | 8mila euro per i bambini

Caff Dolcini | Nuova sede allAuser di Mercato

DOPO LA GARA, IL PREMIO. I PROTAGONISTI DELLA SCARPINATA SOLIDALE 2016 si sono ritrovati nei giorni scorsi nella Sala degli Specchi del Comune di Cesena per la cerimonia che ha
suggellato il loro impegno e la loro fatica. Il riconoscimento? Un assegno gigante da 8mila euro,
che andr ad alimentare il fondo costituito dallAmministrazione comunale per sostenere lattivit sportiva dei minori in stato di povert (850 circa).
La somma stata raccolta grazie allapporto degli sponsor Romagna Iniziative, Amadori, Apofruit,
Mobilificio Zoffoli, Living Sport, Cna, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio, Cgil, Cisl e
Uil, e alle gambe degli oltre 50 corridori della solidariet.
Alla cerimonia erano presenti il sindaco Paolo Lucchi, lassessore ai Servizi per le Persone Simona Benedetti e rappresentanti delle aziende e delle associazioni che hanno sostenuto liniziativa.

IL CAFF DOLCINI HA CAMBIATO SEDE: HA LASCIATO I LOCALI DELLA


PARROCCHIA DI TAIBO E SI TRASFERITO PRESSO IL CENTRO AUSER
DI MERCATO SARACENO, in via Pertini 3. L'inaugurazione ha avuto luogo nel pomeriggio di luned 20 giugno, con una festa aperta a tutti.
Promosso dall'Associazione Amici di Casa Insieme, il Caff Dolcini si svolge tutti i luned dalle 15
alle 17,30 e si propone come il Caff Alzheimer della Valle del Savio, dal momento che i suoi 50
partecipanti risiedono in diversi territori comunali, da Cesena a Mercato Saraceno, da Sogliano
al Rubicone a Sarsina. un luogo di incontro e di attivit per persone con difficolt di memoria
o con demenza, familiari, assistenti, aperto anche ad anziani in buona salute. un contesto informale, dove volontari e professionisti accolgono i partecipanti e li coinvolgono in proposte finalizzate a stimolare il mantenimento delle abilit e, soprattutto, il benessere.
L'inaugurazione della nuova sede ha visto la presenza del sindaco di Mercato Saraceno Monica
Rossi, dell'assessore ai Servizi Sociali Marika Gusman, del presidente Auser Cesena Carlo Sarpieri, della responsabile del Centro Risorse Anziani di Cesena, Eloise Righi, oltre che di Stefano
Montalti, presidente di Amici di Casa Insieme e dei partecipanti abituali, insieme ai volontari.
Per ulteriori informazioni, contattare il 320 6967089.

Pensionati ex dipendenti Enel


o superstiti
Ricordiamo a tutti i pensionati ex
dipendenti Enel o superstiti che, in
seguito alla revoca degli sconti sulla
tariffa, possibile compilare il modulo di
richiesta di conciliazione presso le sedi
Pensionati Cisl.
Anche chi ha gi inviato la propria
manifestazione di interesse tramite
lettera raccomandata ad Enel, deve
compilare nuovi moduli di conciliazione.
Per ulteriori informazioni: Cisl Cesena,
tel. 0547 22803.

Donne: contrattazione di genere


per conciliare tempi di vita
e di lavoro
Si tenuto a Roma un importate
incontro Cisl, Idee per laltra met di
domani, in cui si discusso di diritti
civili, diritti sociali e contrattazione di
genere.
Uno dei motivi per non si fanno pi gli
la precariet del lavoro, soprattutto
femminile. Molte di loro lasciano il
lavoro dopo il primo glio. Questo uno
dei temi centrali da affrontare, ha detto
a margine delliniziativa la segretaria
generale della Cisl, Annamaria Furlan.
tramite la contrattazione che sar
possibile creare le condizioni di stabilit
del rapporto di lavoro. In molti casi,
purtroppo, quando la donna va in
maternit, rischia al rientro di perdere il
lavoro o di veder messe in discussione le
sue competenze e possibilit di carriera
e questo per noi inaccettabile. Bisogna
guardare al futuro creando un Paese
dove la donna non debba scegliere tra
fare gli e lavorare.
Per questo la Cisl intende promuovere
ancora di pi la contrattazione di genere
territoriale e aziendale per favorire la

NOTIZIARIO PENSIONATI
conciliazione tra tempi di vita e tempi di
lavoro, ha sottolineato la segretaria
organizzativa della Cisl Giovanna Ventura
nel corso del convegno. Ci sar un grande
spazio per le donne sindacaliste e
contrattualiste. Inoltre, per il prossimo
Congresso - ha continuato Ventura - la Cisl
ha gi denito le regole per valorizzare
molto di pi la presenza femminile nei ruoli
dirigenziali dellorganizzazione, visto che
tra i nostri associati la componente
femminile del 48,06 per cento.
Giovanna Ventura ha ricordato la
diminuzione del tasso di natalit, 50mila tra
il 2012 e 2015, dovuta alla complessit nel
conciliare lavoro e vita familiare. LItalia
ancora il fanalino di coda in fatto di asili
nido e servizi allinfanzia. Il nostro Paese
purtroppo continua a distinguersi per una
bassa presenza di servizi ai bambini e alla
non autosufficienza e per un alto numero di
caregivers informali. Per la Cisl servono
pi servizi a partire dal piano straordinario
nidi, ma anche misure concrete che
permettano alle donne di essere impiegate
nel mercato del lavoro, senza dover scegliere
tra occupazione e famiglia.
Il sindacato di via Po ritiene fondamentale e
urgente lemanazione del previsto decreto
inter-istituzionale che potrebbe consentire
alla contrattazione collettiva di accedere al
Fondo triennale 2016-2018 istituito con il
Decreto 80 del 2015 attuativo del Jobs Act,
che riguarda le misure per la conciliazione
delle esigenze di cura, di vita e di lavoro il
cui ammontare a 38,3 milioni di euro per
lanno 2016, 36,2 milioni di euro per lanno
2017 e a 35,6 milioni di euro per lanno
2018, aiuterebbe non poco le lavoratrici e i
lavoratori del nostro Paese.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

ANTEAS CESENA: nuovo defibrillatore per la Rifiorita


Sabato 18 giugno Anteas Cesena ha
partecipato allinaugurazione del nuovo
Esagono, una struttura degli anni Cinquanta
utilizzata nel quartiere Fiorenzuola in
passato come asilo e poi come centro
sociale, ma da tempo inutilizzato.
Grazie alla volont delle istituzioni e degli
abitanti del quartiere di Cesena, che hanno
creato lAssociazione Rifiorita, ledificio
stato ristrutturato e sar un importante
punto di riferimento per giovani e anziani
della zona.
Anteas Cesena ha deciso di partecipare al
progetto donando alla Rifiorita un
defibrillatore
semiautomatico,
indispensabile per soccorrere persone in
difficolt cardiaca.
Hanno partecipato allinaugurazione anche Attenti a quei dueforse tre, la band musicale di Anteas
Cesena che ha allietato il pomeriggio con canti e balli romagnoli.

Le Case della salute riducono accessi


al Pronto Soccorso
Scendono del 26 per cento gli accessi con codice bianco al
Pronto Soccorso nei territori dove sono state aperte le nuove
strutture di assistenza, come le case della salute.
Sono i dati emersi dal convegno organizzato dalla Regione
Emilia-Romagna. Dallavvio della riforma a oggi, in Emilia
Romagna sono state aperte 81 Case della salute, di cui 50
medie e grandi (61 per cento). Altre 42 sono le strutture
programmate per i prossimi anni, di cui 22 con un
nanziamento gi previsto.
In Romagna, le Case della salute di Forlimpopoli e Copparo
sono tra quelle che pi hanno contribuito alla riduzione dei
ricoveri ospedalieri per patologie croniche e laccesso al

Pronto soccorso per codici bianchi. Inoltre, grazie alle Case


della salute lassistenza a domicilio degli infermieri
aumentata del 50 per cento e quella dei medici di medicina
generale, dedicata soprattutto ad anziani o con patologie gravi,
cresciuta del 7 per cento.
Nonostante un modello organizzativo preciso, le Case della
salute in Emilia Romagna hanno caratteristiche diverse. Ad
esempio la struttura di Bettola, in provincia di Piacenza, sar la
prima che da luglio garantir un percorso oncologico con
chemioterapia, effettuato da un oncologo dellospedale e da un
infermiere esperto in cure oncologiche e che eviter a circa
cento persone di doversi recare a Piacenza.
La Casa della salute di San Secondo, in provincia di Parma,
stata invece la prima a garantire al proprio interno percorsi per
pazienti affetti da sclerosi multipla e morbo di Parkinson.

Cultura&Spettacoli
Sarsina:tredici spettacoli, tre location per un mese e mezzo di rappresentazioni

Gioved 30 giugno 2016

19

Cinema
di Filippo Cappelli

LARENA PLAUTINA
DI CALBANO DI SARSINA
(FOTO GIORGIO PERUZZI)

Uci Romagna (Savignano sul Rubicone)

PASSO FALSO
di Yannick Saillet

o
v
i
t
s
e
o
r
t
Tea

Plautus Festival su il sipario


U

no sguardo al programma del


Plautus Festival di Sarsina che
giunge alla 56esima edizione.
Il cartellone si presenta come rassegna di
teatro classico antico con qualche
incursione nel moderno, e con la
immancabile presenza di Plauto. In
proposito si nota che proprio Plauto,
nellanno in cui si intende celebrarne il
2200 anniversario della morte, appare
piuttosto penalizzato: nessun
allestimento particolare, solo una
ennesima ripresa del Miles Gloriosus e la
consueta commedia proposta come
spettacolo finale dal Laboratorio Teatrale.
Una specie dintroduzione costituta
dallo spettacolo Le orazioni, con testi
tratti da Cicerone, con Jacopo Costantini
che andr in scena sabato 9 luglio in
occasione della XV Festa Romana a
Sarsina, in piazzale Santarelli, accanto al
museo archeologico, con ingresso
gratuito.
Il giorno dopo, domenica 10 luglio, si
inizier allarena plautina di Calbano (ore
21,30) con Luomo che amava le donne,
spettacolo di Luca Carati, Cristiano
Roccamo e Corrado Tedeschi, che ne
linterprete principale (e pressoch
unico), tratto dalla sceneggiatura
dellomonimo film del 1977 del regista
francese Truffaut.
Sabato 16 luglio nel museo archeologico
Il complesso di Antigone di Johannes
Bramante, testo problematico e intrigante
che si rif parzialmente a Eschilo e
Sofocle, ma ambientato nelloggi in una
societ medio orientale benestante, con
Francesca Accardi (Antigone) e Sarah
Nicolucci (Ismene). Lingresso riservato
agli abbonati del festival e agli invitati.
Domenica 17 luglio ritorna il bravissimo
Sebastiano Lo Monaco in una delle sue
migliori interpretazioni: quella dello
scrivano Ciampa ne Il berretto a sonagli,
uno dei pi noti testi di Luigi Pirandello.

Ripeter il successo clamoroso che ebbe a


Sarsina anche nel 1996.
Domenica 24 luglio andr in scena la
tragedia Re Lear, di William
Shakespeare, mai rappresentata a Sarsina,
con Giuseppe Pambieri come
protagonista. Il grande autore inglese,
uno dei grandi classici del teatro
immancabilmente presente nel cartellone
sarsinate. A maggior ragione questanno
in cui ricorre il 500esimo anniversario
della sua morte.
Domenica 31 luglio un altro spettacolo
nel museo archeologico riservato ad
abbonati e invitati: Edipus, di Giovanni
Testori, con Eugenio Allegri. Questo testo,
che risale al 1977, ha per protagonista uno
scarrozzante, capocomico di una
piccola compagnia che tenta di mettere in
scena una rappresentazione su Edipo.
Abbandonato dagli attori, si trova a
ricoprire tutti i ruoli della tragedia
confondendo la storia con la sua
disastrata vicenda personale.
Marted 2 agosto la volta di uno
spettacolo che a una prima impressione
sembrerebbe un po fuori posto: Siccome
laltro impegnato di e con Renato
Pozzetto che mette insieme cinema e
cabaret. Lo spettacolo un alternarsi di
momenti comici tratti dal suo tradizionale
repertorio con sketch e battute di teatro
dellassurdo che si alternano a proiezioni
di brevi clip tratte dai suoi film pi
divertenti. Viene quindi ripercorsa tutta la
sua carriera artistica attraverso dieci anni
di cabaret insieme a Cochi Ponzoni
(laltro del titolo), quindici di teatro e
trenta di cinema.
Gioved 4 agosto Le supplici di Eschilo in
prova di Eschilo con Moni Ovadia e
Mario Incudine. Il titolo un po
fuorviante, ma si tratta della riduzione
dello spettacolo allestito lo scorso anno
per le rappresentazioni dellIstituto
nazionale del Dramma Antico a Siracusa.

TeatroBonciCesena
170 anni:
una storia per immagini
La mostra, allestita a Cesena tra il "comunale"
e la Biblioteca Malatestiana, a ingresso gratuito

ra il 15 agosto 1846: le note dellopera Maria di Rohan di Gaetano


Donizetti risuonarono, per la prima volta, nel Teatro comunale di Cesena.
Una data non scelta certo a caso: il 15 agosto 1454 era stata inaugurata la
Biblioteca Malatestiana, collocata accanto allantica chiesa di San Francesco.
Proprio da quella chiesa, demolita, giunsero i mattoni che permisero la
costruzione, al posto dellantico, piccolo e decrepito Teatro Spada, di un teatro
ben pi imponente.
Sono passati 170 anni, e per festeggiare uno dei luoghi simbolo della citt

Moni Ovadia, per la prima volta presente


a Sarsina, regista dello spettacolo e Mario
Incudine, regista collaboratore, hanno
curato anche ladattamento scenico in
siciliano e greco moderno.
Domenica 7 agosto si passa a un testo
contemporaneo: Serial killer per
signora, di Douglas J. Cohen. un thriller
con tanto di assassino, che uccide vecchie
signore solo per comparire nella prima
pagina del giornale, e un detective che
cerca, arrestandolo, di dare lustro alla sua
sbiadita carriera. Nutrendosi luno
dellaltro, inizieranno una sorta di gara
senza esclusione di colpi. Un musical
divertente, intelligente e appassionante
con Gianluca Guidi e Giampiero
Ingrassia.
Gioved 11 agosto in scena unaltra
famosa commedia, giustamente
considerata tra le pi note del teatro
classico: LAvaro di Molire. Interprete
principale Alessandro Benvenuti.
Mercoled 17 agosto Agamennone,
celebre tragedia di Eschilo rivisitata da
Fabrizio Sinisi. Interpreti principali: Paolo
Graziosi e Daniela Poggi.
Come avviene da alcuni anni il Plautus
Festival si concluder domenica 21 agosto
con Plauto messo in scena dai giovani
attori del Laboratorio Teatrale di Sarsina
diretto da Cristiano Roccamo. Dopo una
decina di anni ritorna Mostellaria. Una
curiosit su questa commedia: lunica
nella quale Plauto fa un accenno a
Sarsina. Lo schiavo Tranione, mentre
dialoga con il vecchio Simone che al sole
aspetta un po di ombra se ne esce con un
gioco di parole tipicamente plautino:
Quid, Sarsinatis ecqua est, si Umbram
non habes? (se non hai lombra hai
almeno una Sarsinate?) giocando sul
facile doppio senso fra umbra, cio ombra
e Umbra, donna dellUmbria. Speriamo
che il regista Roccamo conservi la battuta.
Piergiorgio Pellicioni

lAmministrazione comunale, insieme a


molte realt culturali cittadine, ha
organizzato la mostra 170 anni: una storia
per immagini, collocata nel Teatro e presso
la Biblioteca Malatestiana. Lesposizione
stata inaugurata marted 28 giugno e
rester aperta, gratuitamente, fino al 5
settembre. Entrando nel foyer del Bonci si
pu ammirare un piano meccanico,
identico a quello su cui si esercitava il
tenore cesenate (grazie alla collaborazione
con lAssociazione musica meccanica
italiana, che ha la sede a Villa Silvia di
Lizzano), oltre a molte immagini di
Alessandro Bonci. La curiosit aumenta,
dirigendosi verso i palchi del teatro: sulla
porta di ognuno di loro c una domanda.
Dentro, invece, c un oggetto che crea
suggestione e stupore nel visitatore, ma che
non d immediata risposta. Saranno i
visitatori - dice Franco Pollini, direttore del
Bonci - a dare una risposta: intendiamo
suggerire delle curiosit.
La mostra al Teatro molto ampia, dato che
ogni palco, sui quattro piani delledificio,
da visitare. Questo rende lesposizione

Il tema non nuovo, come le atmosfere e le


scelte di accompagnamento. Eppure curiosa
questa (breve) co-produzione italo-francese,
scritta e diretta dal francese Yannick Saillet. Si
tratta di un film forse di guerra, sorta di apologo senza grandi pretese, dal metraggio ridotto (poco pi di unora) e realizzato con
mezzi scarni in evidente economia. Probabilmente come cortometraggio avrebbe funzionato meglio, ma comunque stato diretto con
sobriet e passione. E merita rispetto.
La trama: Afghanistan. Il sergente francese
Denis Quilliard (Pascal Elb di 11 donne a
Parigi), insieme al suo plotone finisce vittima
di unimboscata durante una missione di
guerra nel deserto afghano. I francesi hanno
la peggio nello scontro a fuoco e cadono tutti
sotto il fuoco nemico. Tranne il sergente
Denis che per, al colmo della sventura, appoggia inavvertitamente il piede su una mina
russa a doppio scoppio, ritrovandosi a non
poterlo pi togliere per evitare di far esplodere larma e se stesso. Bloccato nellarido
scenario desolato, sotto la canicola del deserto, sar schiacciato nella morsa di una durissima prova di nervi, costretto a rendersi
progressivamente conto del fatto che non
potr mai farcela senza laiuto di qualcuno.
Yannick come lungometraggio desordio sceglie un thriller dalle buone intenzioni, dopo
anni trascorsi al servizio di short, video musicali e spot pubblicitari. Anche se il plot potrebbe ricordare quel No mans land scritto e
diretto dal bosniaco Danis Tanovic, le atmosfere e la suspense che il film intende generare, nonch la situazione unica e lattesa
susseguente, si attestano su altri lidi: in particolare di quel Ryan Reynolds imprigionato
sotto terra in Buried - Sepolto di Rodrigo
Corts, o il James Franco incastrato con il
braccio sotto la roccia in 127 ore di Danny
Boyle, fino al gruppetto di amici bloccati sulla
seggiovia ferma di Frozen di Adam Green.
Situazione destinata a rendersi ulteriormente
drammatica non solo dopo che il protagonista cerca di sterrare la bomba ricorrendo allutilizzo di un coltello, ma anche dal
momento in cui, in attesa dellarrivo degli
esperti antimine capaci di disattivarla, il suo
Stato Maggiore si rivela non pi in grado di
essergli daiuto quando la radio va fuori servizio. Per contorno, a supporto dellidea principale, altre difficolt che contribuiranno a
rendere ancora pi rischiosa la gi esile linea
della vita del soldato.Che dire: non sono daccordo con diversa critica che ha calcato forse
troppo sulle mancanze e gli evidenti problemi
del film. Daccordo: lo stile non sar eccelso e
probabilmente la durata limitata giova allintero progetto, ma in fin dei conti la tensione
resa a sufficienza e quindi il suo compitino da
sufficienza piena Yannick lo presenta. Il risultato finale non spinge a gridare al miracolo,
ma saranno pochi gli spettatori che se ne andranno senza attendere limprevedibile conclusione.

impossibile da percorrere per chi non pu


fare le scale; al pianterreno sar pronto un
televisore per illustrare ci che c nei
palchi. Lunico palco vuoto quello
centrale, perch in questo modo si vogliono
invitare i visitatori a farsi un selfie con il
teatro illuminato alle spalle e divulgare,
magari, limmagine sui social network.
La mostra si conclude alla Malatestiana,
nella Sala San Giorgio, con uninteressante
esposizione di pezzi rari e rarissimi
provenienti dallarchivio.
Sempre pi le politiche culturali devono
essere finalizzate alla conoscenza del
patrimonio culturale cittadino, ha
sottolineato Christian Castorri, assessore
alla cultura: la mostra che accompagner
lestate cesenate un ottimo esempio di
questa volont.
Orari di apertura: Teatro Bonci: marted,
mercoled, venerd, sabato: 9,30-12,30;
venerd di luglio e dall11 al 21 luglio: 20-23;
il 15 agosto: 18-23. Malatestiana: luned 1419; marted-sabato: 9-19; domenica e
festivi: 10-19; chiuso il 15 agosto.
Paolo Turroni

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 30 giugno 2016

ornano a rombare nella zona artigianale Europa, a Gambettola, domenica 3 luglio dalle
Tstorica
9,30, le gloriose moto depoca per disputare il 1 Moto GP De Bosch. Una rievocazione
riservata a motociclette, scooter e sidecar costruiti prima degli anni 80, che far

eventi che si svolgono da Bologna a Pesaro, che attirano tanti possessori di moto dai
requisiti richiesti. Si tratta di unoccasione per presentare agli appassionati le marche
e i modelli che hanno spopolato no agli anni 70: Ducati, Guzzi, Gilera, Laverda,
Morini e Motobi, solo per citarne alcuni fra le pi prestigiose, guidate da piloti del
calibro di Giacomo Agostini, Franco Uncini, Tarquinio Provini...
Nel circuito di circa un chilometro e mezzo ricavato nella zona artigianale Europa,
nellimmediata periferia della cittadina, non saranno disputate gare di velocit, ma
sar fatta una passerella esibizione, suddivisa per classi (50, 125, 175, 250, 350 e
500cc). Previsti riconoscimenti per il pilota pi giovane e quello pi anziano.
Per info: Comitato Mostrascambio, via Don Minzoni, 3/a Gambettola; Mirco Baiardi
348 0817330, baiardimirco@gmail.com.
Piero Spinosi

rivivere il fascino delle gare che si disputavano in circuiti cittadini. Nella regione patria dei
motori, no agli anni 70 anche nel nostro litorale si sono svolte delle gare a Cesenatico,
Rimini e anche a Cesena.
A promuovere questa iniziativa il Comitato Mostrascambio, presieduto da Claudio Canducci
coaudiuvato dal suo vice Mirco Baiardi entrambi grandi appassionati: il primo di moto
depoca, il secondo di Vespa e Lambretta. I motori fanno parte del Dna del Comitato
Mostrascambio, lo stesso che per oltre ventanni ha portato a Gambettola la mitica Mille
Miglia e organizza lomonima Mostrascambio. Grazie alla collaborazione del Gas RacingTeam
Molinella, riuscito a entrare nel calendario dei Circuiti Classici della Romagna, una serie di

A Gambettola
il MotoGP
De Bosch

Il passaggio di consegne avvenuto sabato 25 giugno al Da Vinci di Cesenatico

Rotary club Cesena


Domenico Scarpellini
nuovo presidente

omenico Scarpellini il nuovo presidente del Rotary Club Cesena per lannata 2016-2017. Cominciate a fare ci
che necessario, poi ci che possibile. E allimprovviso vi sorprenderete a fare limpossibile. Con queste parole di San Francesco ha
detto Domenico Scarpellini - vorrei esprimere il sentimento con il quale ricevo la presidenza del Rotary Club Cesena. Il passaggio
delle consegne, con il simbolico trasferimento del collare, dal presidente uscente Oliviero
Zondini al presidente entrante Domenico
Scarpellini, si tenuto sabato scorso presso il
Grand Hotel da Vinci a Cesenatico. Oliviero

DOMENICO SCARPELLINI
E IL PAST PRESIDENT ROTARY
OLIVIERO ZONDINI

Zondini ha guidato il club nellannata 20152016. Il presidente internazionale Ravi Ravindran ci ha chiesto di essere un dono per il
mondo ha ricordato Zondini nel suo discorso di commiato per questo i Service sono alla base del nostro agire quotidiano. Sette anni
fa durante le ferie, lessi un articolo in cui si
parlava di unazienda innovativa e delluso che

Cesenatico

Cesenatico

Poesie di Marino Moretti

Concerto allalba

Ancora un appuntamento nel Giardino di Casa


Moretti sabato 2 luglio alle 21. Verranno proposti, a
cura dellassociazione GanEdenEnsemble di
Karsten Braghittoni, versi e pagine meno conosciuti
del poeta cesenaticense. Letture di Francesco Loi.
Accompagnamento musicale di Karsten Braghittoni
al auto, Carlo Barezzi alloboe, Francesco Barezzi al
fagotto e Carla Scoifo alla tastiera. Immagini di
Marina Carlini. Lingresso libero.

Dopo lo spettacolo dei fuochi darticio


in contemporanea su tutta la riviera
romagnola alle 24 di venerd 1 luglio, la
Notte Rosa a Cesenatico si concluder
con il primo concerto allalba
dellestate. Domenica 3 luglio alle 6
sulla spiaggia del Molo di Levante si
esibir lEloisa Atti jazz quintet con un
omaggio a Billie Holiday.

Ritorna la rassegna di musica e teatro


organizzata col sostegno del Comune,
delle Pro Loco del territorio e dei
pubblici esercizi.
AllArena degli Orti di Bora, gioved 7
luglio alle 18, camminata podistica
1 memorial Fiorenzo Civinelli,
spettacolo dei Joe Dibrutto e stand
gastronomico.

Sapori dEuropa

Presso il giardini Don Guanella, venerd 1, sabato 2 e


domenica 3 luglio dalle 16 alle 24 saranno aperti gli
stand della mostra mercato di prodotti italiani e
internazionali.
Si potranno gustare quelli provenienti da Sardegna,
Toscana, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Puglia,
Friuli Venezia Giulia, Umbria, Messico, Israele,
Venezuela, Spagna, Francia, Argentina,
Brasile e Grecia.

Gatteo

Terra di talenti
Si potr segnalare allAmministrazione comunale entro il 15
luglio il proprio candidato al riconoscimento Gatteo terra di
talenti. Il premio ha lo scopo di graticare lattivit di quanti
hanno giovato al comune come singoli o associazioni con opere
nel campo delle scienze, lettere, arti, dellindustria,
artigianato, del commercio, lavoro e dello sport; con iniziative
a carattere sociale o con atti di coraggio. Nel 2010 furono
premiati il ciclista Manuel Belletti e limprenditore Giuseppe
Pino Buda; nel 2014 la poetessa Narda Fattori.

Cesena
Mostra e incontro
al convento dei Cappuccini
Sar inaugurata venerd 1 luglio alle 18,
negli spazi del Convento dei frati Cappuccini
(via Cappuccini 341, Cesena), la mostra di
arte contemporanea I luoghi dellanima. In
esposizione le opere pittoriche degli artisti:
Arnaldo Gallinucci, Dea Vernocci, Elisabetta
Venturi, Fernando Fabbri, Gabriella Gridelli,
Giancarlo Turroni, Giovanna Barcia, Loris
Branzaglia, Luciano Cantoni, Luisella Ceredi,
Irene Crudeli, Lidia Marchetti, Lidia
Mongiusti, Loris Pasini, Meris Manuzzi,
Nicoletta Ballarin, Piero Pineroli, Piero
Romagnoli. Alle 18,30, il guardiano padre
Prospero Rivi guider i presenti alla
scoperta dellarte nel convento dei
Cappuccini di Cesena.
Sabato 2 luglio alle 18, premiazione del
concorso nazionale di poesia I viali
dellanima. Ines Briganti e Bruno Bartoletti
proporranno una riessione su Larte
poetica di fra Venanzio Reali, con letture a
cura di Monica Briganti e Maurizio Cirioni.
Intervento musicale de Gli Attiko.

Gatteo a Mare

Mercato Saraceno
Palcoscenici destate

vi faceva della stampante


3D. Gli ingegneri si proponevano di realizzare utilizzando quello strumento:
sedili per aerei, pi leggeri
di quelli in produzione ma
egualmente resistenti. Cos due anni fa ho pensato al
Service della stampante
3D. Siamo giunti al 9 giugno scorso, quando una
mail della Fondazione Rotary ci comunicava dellavvenuta approvazione del
finanziamento al nostro
progetto. AllIstituto Blaise
Pascal di Cesena verr cos
erogato un service di circa
60mila dollari. Un ringraziamento particolare ha concluso Zondini
voglio dedicarlo a tutti voi, amici rotariani: in
questi anni mi avete permesso di crescere e
migliorarmi. Grazie Rotary.
Il nuovo presidente Domenico Scarpellini nel
suo discorso di insediamento ha chiesto la
preziosa collaborazione del Comitato Consorti che con la loro creativit danno un apporto

Ciclismo, Giro dItalia


Una tappa a Bagno di Romagna?
Un sogno che si sta realizzando
l prossimo anno arriva il Giro dItalia a onorare il
Iprecisa
Capitano della Val di Bagno.Ancora non c la rma
il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini - ma
dopo un anno e mezzo di incontri, negli ultimi giorni ha
preso corpo la nostra candidatura. Presto ospiteremo una
commissione tecnica per valutare la situazione logistica e
organizzativa. Come non ancora nero su bianco
larrivo di una tappa a Bagno di Romagna, cos anche per
le localit di partenza del giorno stesso e del giorno
successivo. Le candidate sono rispettivamente Perugia e
Forl (o zone limitrofe). Quanto al percorso, Baccini ha
proposto un nale di tappa di grande valore ambientale,
tra Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e Sorgenti
del Tevere, e anche impegnativo dal punto di vista
atletico-sportivo. Se lesigenza del Giro quella di un
tappone che possa anche dare una scossa alla
classica, nulla di meglio che concludere la tappa sulle
strade di Marco Pantani, con la salita da Verghereto a
Balze e Monte Fumaiolo per poi scendere ad Acquapartita,
San Piero e Bagno. Il tutto dopo la salita dei Mandrioli dal
versante toscano, coi girini provenienti da Camaldoli,
Badia Prataglia e Passo dei Mandrioli.
Alberto Merendi

fondamentale alla riuscita delle iniziative del


Club e ha delineato tre linee su cui impostare
la vita del Club per lannata 2016-2017: amicizia, servizio e condivisione del lavoro del Club.
Dobbiamo ritrovare il desiderio di incontrarci e dello stare insieme ha detto Scarpellini anche coinvolgendo quei soci che per i pi
svariati e validi motivi frequentano poco il nostro Club. Il servizio deve rimanere al centro
del nostro agire, tanti i service in programma
da quello a favore dellospedale in Serbia al
soggiorno studio dei nostri ragazzi alla conferenza mondiale The Future of Science, dalla
collaborazione con il Ciri (Centro interdipartimentale di Ricerca Industriale Agroalimentare) strumento dellUniversit di Bologna che
ha lo scopo di svolgere e coordinare attivit di
ricerca prevalentemente rivolta a potenziare i
rapporti con lindustria, promuovere i risultati della ricerca e operare il trasferimento tecnologico per rispondere alle esigenze del
mondo produttivo al service per lIstituto tecnico agrario di Cesena al quale saranno donate importanti attrezzature per le analisi e la ricerca, in modo da formare i giovani al rapporto fondamentale e imprescindibile tra scuola
e lavoro.

Cesena
Camminata letteraria
Proseguono le iniziative per festeggiare i 170
anni del teatro Bonci con la serie di
Camminate letterarie. Venerd 1 luglio alle 21
facendo tappa dal Bonci al chiostro di San
Francesco, Lelia Serra legger Cervantes.
Venerd 8 luglio, dal Bonci alla fontana Masini
toccher a Roberto Marcadini. Legger
Shakespeare.

Commedie dialettali

Cesena
Lotteria di San Giovanni
I biglietti estratti
1 premio: A 2206 Auto Renault Twingo ZEN
- Comac srl; Y 3017 1 settimana in Corsica +
trasporto x 4 Travered; A 4696 telecamera
digitale Canon - Serverlab Faenza; K 1251
buono 300 Orogel; X 1928 catena in
argento con ciondolo Manuzzi Gioielli; X
4046 orologio Balmain; K 899 ombrellone +
2 lettini x 2 settimane - Bagno Giardino
Pinarella; X 4533 Bicicletta Vicini - Cicli
Vicini; A 009 ombrellone + 2 lettini x 1
settimana - Bagno Mar Cesenatico; Y 4480
Buono 100 euro Orogel; Y 4643 orologio
uomo Buratti Oreceria; A 1233 orologio
donna Buratti Oreceria; K 1201 oggetto
artistico Vetrofuso; K 518
prosciutto
Martini Alimentare; X 4498 prosciutto
Martini Alimentare; Y 252 confezione
Pasta e olio Alce Nero Sac Petroli; A 4290
pochette Gabs - Gabs; Y 35 macchina per
aerosolterapia Farmacia Domeniconi; A
4490 Kit prodotti solari Farmacia Argenta;
A 120 Tavolo pieghevole da parete
Mobilicio Zoffoli; X 3425 buono euro 50
Montalti carburanti; K 3761 buono euro 50
Montalti carburanti; A 3365 buono 5
lampade viso - Solarium Estetica Okorios: Y
2315 buono euro 50 Libreria San Giovanni;
X 352 e K 496 buono euro 50 Az. Agricola
Zavalloni; Y 4463 buono euro 50 Az.
Agricola Modigliani; X 4702 cravatta
pochette gemelli GM. Venturi; A 3989
orologio a muro; Y 4997 buono euro 50 Az.
Agricola; K 2999 buono euro 50 Az.
Agricola; Y 3251, Y 163, X 4475, Y 677 telo
da mare.
I premi dovranno essere ritirati entro 30
giorni dallestrazione telefonando al
numero 331 6836184 ore 9-12.

Lassociazione teatrale dialettale cesenate La


Broza ha organizzato la 5 rassegna Tatar in
lngua rumagnola al chiostro di San
Francesco. Si tratta di sei rappresentazioni.
Domenica 3 luglio alle 21 La compagine di San
Tom (Forl) porter in scena Dal volti us
cambia moi, tre atti brillanti di Oreste De
Santis. Ingresso 6 euro. Col sostegno del
Credito cooperativo romagnolo.

Un libro con aperitivo


Alla Biblioteca Malatestiana si terr tutti i
venerd di luglio e agosto alle 19 una nuova
rassegna per ascoltare la presentazione di un
libro cui seguir in piazza Bufalini un aperitivo.
Venerd 1 luglio la lettura di Ilario Sirri sar
dedicata al volume di Andrea Frediani Lultimo
Cesare. Roma caput mundi. Nuovo impero
(Newton Compton, 2016). In collaborazione
con lassociazione Terre centuriate cesenati e
la libreria Giunti al Punto.

Piante e Salute - la Scienza


incontra il pubblico
Piante e Salute - la Scienza incontra il
pubblico, il titolo di una conferenza che si
terr a Cesena a Palazzo del Ridotto gioved 7
luglio, alle 20,30. Interverranno la
professoressa Roberta Budriesi del Laboratorio
di ricerca Biofarmaceutico Nutraceutico del
dipartimento di Farmacia e Biotecnologie
dellUniversit di Bologna, il dottor Matteo
Micucci, dello stesso dipartimento, il dottor
Ketan Ruparelia, del Cancer Drug Discovery
Group & Natural Products Research, Faculty of
Health & Life Sciences, De Montfort University,
Leicester. Modera il professor Elvio Bellini,
emerito dellAccademia dei Georgoli e
presidente del Centro studi e documentazione
sul Castagno, di Marradi (Firenze). Il convegno
organizzato dallIstituto di Nutraceutica e
medicina Integrata Cesenate.

Sport

Gioved 30 giugno 2016

21

Dylan Donati il metaman del Romagna Rfc

Un rugbista alla Gmg


tra campo e parrocchia
stato il metaman del Romagna
Il giovane mercatese ha chiuso
Rfc con otto mete segnate nel
la stagione con otto mete.
corso di questo campionato.
Dylan Donati una sorta di
Intanto, la squadra ha gi ripreso
capocannoniere nel rugby di casa
gli allenamenti e ha da poco festeggiato
nostra. Una conferma dopo altre
brillanti stagioni: per lui dieci mete lo
il decimo anniversario della fondazione
scorso anno, ma il massimo lo ha
avvenuta il 19 giugno 2006.
toccato durante la sua seconda
annata tra i galletti, con 12 centri.
Apparentemente duro e fisico, il rugby veicola valori
Venticinque anni, studente di Scienze Motorie a Rimini,
importanti. E uno sport di contatto, ma anche di testa.
Dylan educatore presso la parrocchia di Mercato
Sembra rude, ma insegna la lealt, la disciplina, il fair
Saraceno, partecipa al Trofeo Benedetto con LUp
play. E un ottimo ambiente di crescita, anche personale.
mercatese. Partir per la prossima Giornata mondiale
Con questa particolarit tutta rugbistica del terzo tempo.
della giovent a Cracovia dopo aver gi partecipato a
quella di Rio de Janeiro nel 2013. Con il Romagna Rfc (che S, un momento importante in questo sport, lo
caratterizza. In qualsiasi categoria si giochi ci si ritrova a
raggruppa tesserati da Ravenna, Lugo, Imola, Forl,
fine partita con gli avversari per un momento conviviale.
Cesena, Rimini, San Marino) ormai un veterano avendo
Si mangia, si sta insieme, si parla della partita.
fatto tutta la trafila delle giovanili, dallUnder 14, fino alla
In campo si scende in 15 contro 15, due tempi da 40
prima squadra. Per lui tre allenamenti a settimana in
minuti ciascuno, lobiettivo la meta, passando la palla
campo oltre agli allenamenti in palestra il luned,
solo allindietro. Per evitare che gli avversari vi arrivino,
mercoled, gioved e venerd. Ma come fai? Gli impegni
devi placcarli. Un gioco di squadra in cui si crea un
sono molti tra sport, studio, impegni in parrocchia sodalizio forte tra compagni. In campo fondamentale il
racconta Dylan - ma fino ad ora son sempre riuscito a
incastrare tutto. Con qualche sacrificio e tanta passione si sostegno di tutti. Qualcuno che ti copra le spalle e la
prontezza di coprirle tu a lui quando serve. Un po come
possono coltivare tante belle cose. Un progetto alle
nella vita. Quando c la condivisione di un percorso,
medie del paese per introdurre la pratica del rugby nelle
anche di fede, bello sapere che al tuo fianco c
scuole stata liniziazione a questa disciplina.

Trofeo Benedetto
Al via le finali
Novit basket

i avvia alla
conclusione la X
edizione del Trofeo
Benedetto, la
competizione tra
parrocchie della diocesi
che ha visto scontrarsi in
PALLAVOLO MISTA:
diverse discipline 700
PONTE PIETRA VS
ragazzi di CesenaVILLACHIAVICHE
Sarsina. Le finali di calcio
a cinque maschile e
femminile, calcio a 7, pallavolo mista si terranno tra il 30
giugno e il 3 luglio con la serata conclusiva presso la
parrocchia di Case Finali.
Prima della conclusione della manifestazione sportiva, una
novit. arrivato il momento per tutti gli amanti del basket
di mettersi in gioco. Sabato 2 luglio dalle 20 presso listituto
Lugaresi di Cesena si svolger una serata di basket in stile
All star Benedetto. Tutti gli iscritti si sfideranno con
squadre miste.
Per ulteriori informazioni scrivere una mail a
staff@benedetto.it o contattare il numero 349 2271724.

DYLAN DONATI DURANTE UNAZIONE


DI GIOCO CON LA SQUADRA
DEL ROMAGNA RFC

qualcuno. D sicurezza ed pi facile arrivare alla meta,


allobiettivo.
Intanto il Romagna Rfc ha gi ripreso gli allenamenti di
mantenimento in vista della prossima stagione in serie
B. La preparazione ufficiale al campionato inizier dopo
ferragosto. Un buon piazzamento lo scorso anno (4
posto) da cui ripartire e tanti nuovi giovani locali da
inserire nella rosa guidata da Massimo Cavaglieri.
Una storia lunga dieci anni per la societ (con sede legale
a Ravenna e campo di gioco a SantEgidio di Cesena) che
ha appena festeggiato il decimo anniversario della
fondazione: 19 giugno 2006-19 giugno 2016.
Nato dalla volont di riunire le realt rugbistiche locali in
un progetto comune, per favorire lo sviluppo del rugby e
rappresentare la Romagna a livello nazionale, il club
attualmente conta complessivamente 1200 tesserati e 13
club dislocati sul territorio.
Michela Mosconi

Esordienti, dominio
della Fausto Coppi
ominio assoluto degli esordienti di 2 anno della
Fausto Coppi di Cesenatico domenica 26 giugno nella
gara di 30 chilometri a Fano. Si sono classificati nei
primi quattro posti Michele Loffredo, Giacomo Foschini,
Lorenzo Ceccaroni e Mattia Casadei. Vittoria in solitaria per
Manuel Vannucci, esordiente di 1 anno, sempre a Fano
nella corsa di 23,360 chilometri. Al quarto e al sesto posto
rispettivamente Simone Garuffi e Tommaso Vincenzi.
Domenica 19 giugno a Mocaiana (Perugia) sui 29 chilometri
della gara per esordienti di 1 anno sul secondo e terzo
gradino del podio Simone Garuffi e Diego Molisso, al quinto
posto Manuel Vannucci. Nella gara di 40 chilometri per
esordienti di 2 anno giunto secondo Giacomo Castellani.
A Lama (Perugia) domenica 12 giugno nella corsa di 35
chilometri per esordienti di 1 anno ha vinto Manuel
Vannucci e sul secondo gradino del podio il suo compagno
di squadra Simone Garuffi. Sempre a Lama, domenica 12
giugno, nella gara di 40 chilometri per esordienti di 2 anno,
giunto secondo al traguardo Mattia Casadei.
Lallievo della Fiumicinese-Fait Adriatica Saramano Sala si
piazzato al secondo posto domenica 19 giugno a Mocaiana
di Perugia sui 72 chilometri della corsa ai 40,124 di media

NELLA FOTO SOPRA. SARAMANO SALA


VITTORIOSO NEL MEMORIAL
MIRO FUSARI A MASSA LOMBARDA

oraria. Aveva vinto a braccia


alzate domenica 12 giugno il
memorial Miro Fusari a
Massa Lombarda di
Ravenna, una gara di 54
chilometri percorsi alla
media dei 35,217.
Terzo Spada

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

22

Gioved 30 giugno 2016

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Si svolto domenica 26 giugno lultimo Consiglio direttivo del Csi Cesena per la stagione sportiva 2015-2016. Il
(riconfermato) presidente Luciano Morosi: Proporre e organizzare sul territorio attivit sportive, ricreative e sociali a
misura d'uomo, in grado di soddisfare le aspettative e i desideri dei pi deboli, dei pi piccoli, dei meno dotati. Far
radicare la missione e la visione del Centro sportivo italiano

Coerenza e lealt, un marchio di fabbrica


L
a mattina di domenica
26 giugno, presso i
locali di un noto
ristorante di Bertinoro,
si svolto lultimo consiglio
direttivo del Csi Cesena per la
stagione sportiva 2015/16,
aperto a tutti i componenti
delle commissioni associative,
accompagnati dai rispettivi
familiari.
Tre gli ospiti illustri che sono
intervenuti a questo
importante appuntamento:
Giacomo Abate,
vicepresidente del Csi
regionale e componente del
team formativo del Csi
nazionale; Stefano Gurioli,
presidente del comitato
forlivese del Csi, nonch
consigliere nazionale
dellassociazione, e Gabriele
Andreoli in rappresentanza
dellAia, associazione italiana
arbitri (di cui stato
presidente) e docente ed
esperto del Csi nel settore
arbitrale.
Luciano Morosi, da poco
riconfermato per la terza volta
consecutiva presidente e alle
prese con il suo nuovo
mandato (2016/2020) nella
sua relazione ha evidenziato
legittima soddisfazione per il
tanto lavoro svolto e i molti
obiettivi centrati: non solo a
livello sportivo, ma anche
politico/costituzionale, in
quanto nel 2016 si sono
rinnovati tutti i consigli
direttivi provinciali, regionali
e quello nazionale
dellassociazione. In tali
occasioni il comitato di
Cesena si distinto non solo
per lalto impegno e lampia
partecipazione, ma
soprattutto per seriet,
coerenza e lealt.
Morosi ha poi rammentato
che la sua esperienza di
presidente continua a
rappresentare una vera e
profonda lezione di vita, in
quanto ha ricevuto
moltissimo da tutti e si
arricchito interiormente in
maniera esponenziale. Tutto
ci stato possibile perch ha
avuto la fortuna di essere
coadiuvato da persone capaci
di appassionarlo e
coinvolgerlo, per raggiungere
un grande obiettivo: proporre
e organizzare sul territorio
attivit sportive ricreative e
sociali a misura duomo, in
grado di soddisfare le
aspettative e i desideri dei pi
deboli, dei pi piccoli, dei
meno dotati. In altre parole,
di far radicare la missione e la
visione del Centro sportivo

Durante la serata sono


stati assegnati due
riconoscimenti. Il
Premio del presidente
andato a Marco Fiumana,
da 39 anni addetto
stampa del comitato
cesenate del Csi.
Il Discobolo doro
stato assegnato a Mauro
Armuzzi: nel Csi di
Cesena dal 1961, ha
ricoperto diversi ruoli,
sul campo e non solo.
Di recente stato eletto
consigliere regionale
italiano anche nel cesenate.
Partendo con una breve
carrellata sulle varie
discipline sportive, Morosi ha
valorizzato il grande lavoro

IL PRESIDENTE DEL CSI CESENA LUCIANO MOROSI PREMIA MARCO FIUMANA


(A SINISTRA) E MAURO ARMUZZI NELLA FOTO SOPRA, DA SINISTRA: GIACOMO
ABATE, VICEPRESIDENTE DEL CSI REGIONALE; STEFANO GURIOLI, PRESIDENTE DEL CSI DI FORL; MAURO ARMUZZI, RESPONSABILE DEL SETTORE
COMUNICAZIONE DEL CSI CESENA; LUCIANO MOROSI, PRESIDENTE DEL COMITATO CESENATE DI CESENA

svolto dalle varie commissioni


tecniche e soprattutto quello
delle societ sportive, vere
cellule viventi, cuore pulsante
dellassociazione.
Dal calcio, attorno al quale
ruota un indotto molto
grande e articolato, le
commissioni tecniche e
disciplinari, il giudice unico,
gli arbitri e naturalmente la
segreteria e lufficio
amministrativo si passati a
parlare di ciclismo, che sta
sempre pi prendendo piede
e ha raggiunto ormai i
cinquecento tesserati e 13
societ sportive iscritte, di
pallavolo, i cui vari
campionati (compresi quelli
del settore giovanile) sono
coordinati dai comitati
romagnoli (Cesena, Forl,
Ravenna, Faenza ed Imola), di
centri estivi al mare nei quali
sono coinvolti centinaia di

ragazzi, e del servizio offerto


alle famiglie del nostro
comprensorio, che
veramente buono sotto ogni
profilo.
Per quel che riguarda la
ginnastica artistica,
questanno a Bellaria si
svolta la 28esima edizione
provinciale Csi riservata ai
bambini e ragazzi di varie et
e, per la prima volta, sulla scia
del bel risultato ottenuto, il
prossimo anno si parteciper
anche al campionato
regionale associativo.
In questa stagione, per la
prima volta il Csi Cesena ha
fatto lesperienza anche della
ginnastica ritmica, grazie alla
bravura e allimpegno di
Gabriela Andronic e di sua
figlia Adeline.
Gli scacchi e il pattinaggio a
rotelle sono altre due belle
discipline sportive, promosse

da diversi anni, per non


dimenticare il difficile e
delicato ambiente del carcere.
Dopo gli accordi stipulati
qualche mese fa con i dirigenti
della Casa circondariale di Forl,
si dovrebbe promuovere,
allinterno della stessa, lattivit
degli scacchi, biliardino, tennis
tavolo e forse anche della
pallavolo femminile.
Anche nella stagione corrente
lattivit del beach tennis ha
raggiunto livelli qualitativi e
numerici di tutto rispetto,
mentre arti marziali, quali il
judo e altre specialit di difesa
personale, danza sportiva, corsa
campestre e nuoto, sia
competitivo che terapeutico,
stanno registrando un discreto
interesse.
Unaltra attivit molto
importante quella che
riguarda i circoli ricreativi circa una dozzina - che in
diverse parti del territorio
svolgono la loro attivit.
Nellanno in corso, dopo un
lunghissimo periodo di assenza,
si sta cercando di ripartire con
la pallacanestro, partecipando a
campionati in comune con i
vari comitati romagnoli.
Durante il momento conviviale
Luciano Morosi ha ricavato uno
spazio particolare per due
importanti riconoscimenti: il
primo, istituito ex novo e
denominato Premio del
presidente toccato a Marco
Fiumana, da 39 anni addetto
stampa del comitato cesenate
del Csi, per la grande dedizione
e umilt dimostrate nel
ricoprire questo delicato
incarico. Il secondo premio, che
fa parte della tradizione
associativa e vuole sottoporre
allattenzione di tutti persone
che con i loro meriti e
competenze hanno arricchito in
modo significativo la vita
dellassociazione, il Discobolo
doro, stato assegnato a
Mauro Armuzzi, il cui
curriculum davvero
ragguardevole: entrato a far
parte del Csi nel 1961 come
giocatore dellAurora San Pio X,
poi collaboratore del G.S. Vigne,
nel 1969 diventa arbitro di
calcio e negli anni successivi
diventa responsabile di varie
commissioni tecniche fino al
1991, anno in cui, giornalista e
fotografo, si occupa della
comunicazione, curando il
comunicato settimanale e il sito
internet: dal 2003 al 2005
designatore arbitrale e dal 2008
al 2016 direttore dellarea
sportiva. Eletto ora consigliere
regionale e componente della
commissione nazionale gioco
calcio del Csi.

Pagina aperta

Il direttore risponde

Gioved 30 giugno 2016

23

LOcchio indiscreto

Il nostro sistema occidentale malato fino al midollo


Accogliamo linvito di papa Francesco a impegnarci in politica

aro direttore, tornando ancora alle ultime elezioni amministrative, fa impressione il crollo dellaffluenza alle urne
avvenuto soprattutto ai ballottaggi. Tra questi
spicca la percentuale di 37,89 per cento dei votanti sul totale degli aventi diritto di Napoli: se
teniamo conto cio che Luigi De Magistris
stato eletto con circa i due terzi di chi si recato
alle urne, significa che il sindaco, espressione di
una costellazione di liste civiche e centri sociali
di estrema sinistra, ha confermato la sua poltrona con meno di un quarto dei napoletani in
et da elezione. Fa quindi sorridere la retorica
delle affermazioni in cui De Magistris ha parlato di democrazia partecipata dal basso, di
corso nuovo della politica, ecc. Nelle altre citt
la situazione meno drammatica, ma di poco:
almeno per i neosindaci non si sono profusi
in dichiarazioni tanto smaccatamente contraddittorie rispetto ai fatti. Ancora una volta
ci siamo rivelati culturalmente e politicamente
una colonia al traino delle societ anglosassoni, soprattutto degli Stati Uniti, dove Obama
fu eletto, ricordiamolo, col voto anche l di
meno di un quarto degli Americani. E le prossime elezioni negli States non promettono dati
migliori, con due candidati tanto limitati come
quelli attuali. ormai chiaro che le democrazie in cui viviamo sono sempre pi malate. I
tempi in cui milioni di cittadini partecipavano
anche appassionatamente alle vicende elettorali, alla costruzione delle classi dirigenti e alla
proposta politica sembrano lontanissimi. Oggi
una vasta disillusione, il disinteresse e addirittura linsofferenza verso i partiti e la politica
sono il sentimento dominante e crescente. I politici, certo, ci mettono del loro: le notizie di
corruzione e anche la pochezza culturale e
ideale di molti cosiddetti rappresentanti non
fanno che allontanare sempre pi i rappresentati; a onor del vero, spesso nella struttura dello
Stato non sono i politici i peggiori, ma i dirigenti di stato, i funzionari, gli impiegati, gi

gi fino agli inarrestabili furbetti del cartellino


e tutto una folla di fannulloni e sfruttatori del
bene pubblico, munto da costoro fino allultimo giorno di pensioni enormi e immeritate:
la vera casta di stato. Ma gli strali si abbattono
comunque sui politici, daltronde incapaci di
metterci una pezza. Di fatto, il sistema malato fino al midollo: quanti di noi non hanno
idea di chi votare? E perch poi farlo, se non
cambia mai niente? Anche lEuropa non stata
quella panacea da molti preventivata, anzi
pare sempre pi affetta dallo stesso male. Bene
fanno coloro, come i nostri vescovi e perfino il
Santo Padre, che invitano ancora le persone di
buona volont a impegnarsi in politica: proposito per difficilissimo da perseguire, in un
tempo in cui tutto un sistema sembra schiacciare il buono e svoltare nella direzione opposta al bene comune.
Gianfranco Lauretano
Carissimo Gianfranco, pubblico volentieri le
tue riflessioni che fotografano molto bene il
rapporto tra cittadini e istituzioni. Il voto
sulla Brexit (cfr. editoriale in prima e vari servizi in questo numero) ha sancito una volta
di pi lo scollamento cui non vogliamo assistere, come anche tu indichi, da spettatori.
Anzi, per parte nostra cerchiamo di creare un
contesto che abbia a cuore il bene comune,
linteresse per la vita di tutti i cittadini. La
tentazione dellindividualismo, alimentata
dai populismi e dai nazionalismi emergenti
in tutto loccidente e non solo, rischia di incidere anche sulle migliori volont. Ma non vogliamo e non possiamo cedere. Tutto ci che
umano sta a cuore al cristiano, passione politica e per le amministrazioni pubbliche compresa. Guardiamo avanti fiduciosi,
nonostante le difficolt che non ci nascondiamo.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Don Giovanni Zoffoli prete da 50 anni

Venerd 24 giugno festa a Cesena del patrono San Giovanni. Ma per i


parrocchiani di Santo Stefano statat anche occasione per festeggiare il
loro Giovanni. Infatti il parroco don Giovanni Zoffoli ha tagliato il traguardo del suo 50esimo di sacerdozio, avvenuto lo stesso giorno (24 giugno) di cinquantanni prima (1966), in Cattedrale a Cesena, per le mani
del vescovo Augusto Gianfranceschi. Con don Giovanni fu ordinato
anche don Natale, conosciuto e stimato in Diocesi quando, in seguito, si
fece eremita a Lagrimone, divenendo padre Natale.
Loccasione della festa stata duplice in
quanto oltre al 50esimo del loro DonGio
(cos affettuosamente chiamato) sono stati
festeggiati i coniugi Piera e Pietro Severi,
che dopo 24 anni di servizio presso il bar
Circolo Acli Edo, hanno lasciato il testimone.
Parole di ringraziamento e riconoscenza per limpegno profuso in
questi anni dai mitici baristi sono state loro rivolte dal parroco e
dai rappresentanti della parrocchia, che hanno donato ai coniugi
una targa ricordo.
Ai numerosissimi presenti nel bel parco adiacente alla chiesa,
stato offerto loro piadina, torta del 50esimo la gustosa polenta
preparata con la nota maestria dagli alpini di Cesena.
Giulio Fantini

Vasche per i fiori dal "sapore di sale" anni '60 alla stazione di Cesena. Ormai
quasi illeggibile, ma la scritta riporta "Spiaggia di Cesenatico", una forma di pubblicit che oggi, al tempo di smartphone e prenotazioni online, suscita un po' di
nostalgia...

Lidentit nazionale
e la Nazionale di calcio
Caro direttore, la Nazionale di calcio unisce gli italiani.
Il dibattito non sul gioco in s, quanto sulla distorsione che si fa del gioco.
In ogni periodo dellanno, in Italia, si parla di calcio. In ogni stagione, con
qualsiasi clima largomento preferito nei discorsi della gente comune pare
essere il gioco del calcio.
Dal campionato di serie A al torneo di una serie minore, oppure il campionato del mondo o europeo.
Il calcio fondamentalmente un argomento ludico, una passione, ma talvolta assume toni e rilevanza tali da passare a livelli pi importanti. Succede
a causa della distorsione che creano le persone.
La gente guarda pi volentieri una partita, allo stadio o in tv, meno volentieri
va a votare. Grazie al diritto di voto tutti possiamo cambiare le sorti dellintero Paese, invece non cos guardando una partita.
Gli italiani si uniscono sotto la bandiera della Nazionale di calcio, che agisce da collante sociale. Il calcio il nostro sport nazionale. Terminata la partita, per, torna a regnare la disgregazione, lisolamento. Ognuno pensa al
proprio orticello, per il bene comune vedremo (forse).
Sono relativamente pochi gli esempi di aggregazione per i diritti comuni,
per la legalit: sono infinitamente minori della massa di magliette azzurre
che guardano la partita.
La parte migliore del Paese composta dai volontari, che impegnano il proprio tempo a favore di chi ha bisogno; ma anche loro sono una minoranza.
Possiamo dire senza retorica che, a un secolo dallo scoppio della Grande
Guerra, il popolo italiano ha perso lidentit nazionale, ha dimenticato la
proprio cultura unitaria. Abbiamo dimenticato i valori del Risorgimento,
culminato appunto con la Grande Guerra. Abbiamo forse dimenticato i valori del rispetto reciproco, del mutuo aiuto, della famiglia, della Patria, del rispetto delle regole.
Sono anni ormai che ricorrono queste parole. Purtroppo si moltiplicano i
cattivi esempi dei disonesti, amplificati dalla televisione.
Ci si indigna per un fallo, un rigore, un gol mancato, ma non alla stessa maniera per le truffe, le ingiustizie, la corruzione.
Siamo tutti uniti sotto la bandiera della Nazionale di calcio. Ognuno per
conto suo per tutto il resto.
Grazie dellospitalit.
Luca Comandini
(Blog Il Sociale pensa)