Sei sulla pagina 1di 56

LUNED 14 OTTOBRE 2013 ANNO 52 - N.

40

in Italia

EURO 1,30

Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 62821 Servizio Clienti - Tel. 02 63797510

Del luned
Il miliardario inglese Branson nei Caraibi per sfuggire alle tasse
Fabio Cavalera a pagina 13

www.corriere t
Oggi su Previdenza

Roma, Piazza Venezia 5 Tel. 06 688281

Un secolo fa Quel formidabile 1913 che non vide la Guerra


Paolo Mieli alle pagine 32 e 33

Pensioni pi lontane Meglio i fondi o il Tfr?


R. E. Bagnoli e D. Comegna nel supplemento

CorrierEconomia

LAMPEDUSA UNEMERGENZA COMUNE

Giannelli

IL MURO EUROPEO DELLINDIFFERENZA


di BEPPE SEVERGNINI
Europa non sa pi emozionare, dicono. Se fosse vero, sarebbe grave. Di sicuro, lEuropa non sa pi emozionarsi: e non meno grave. La tragedia a puntate nel Canale di Sicilia non viene percepita come un dramma comune. Non saranno agenzie come Frontex o programmi come Eurosur, da soli, a trovare le soluzioni per affrontare una migrazione epocale dallAfrica e dal Medio Oriente. Saremo noi, mezzo miliardo di europei. Ma gli europei per ora sanno poco, pensano in fretta, agiscono tardi. Lanatomia continentale, in fondo, semplice. Le istituzioni Ue rispondono direttamente o indirettamente alle opinioni pubbliche nazionali, le opinioni pubbliche nazionali rispondono ai propri occhi e alla propria pancia. Ci che vedono e sentono fondamentale. I soccorsi internazionali, dopo il terremoto dellAquila (2009), sono arrivati perch la comunit degli europei ha saputo, ha visto, ha capito e ha risposto. La distesa di bare posata oggi sulla porta dellEuropa i morti accertati dopo i recenti naufragi sono pi numerosi delle vittime in Abruzzo non bastata a smuovere gli uomini e le donne del continente. I cadaveri dei bambini che galleggiano nellacqua non hanno toccato il cuore di irlandesi e olandesi, inglesi e polacchi, tedeschi e spagnoli. LAmerica ha invece mantenuto la capacit di emozione collettiva. La lingua comune e alcuni media dal New York Times ai network televisivi, da Usa Today a National Public Radio hanno conservato una capacit di mobilitazione. Ventanni fa, lintervento in Somalia segu alcune sequenze traumatiche in televisione; la risposta militare in Afghanistan figlia delle immagini sconvolgenti dell11 settembre. Un disastro natu-

Il retroscena

Le riflessioni del Colle su carceri e Costituzione. Scontro politico su Renzi

Amarezza di Napolitano per le critiche Tutti dovrebbero stare ai fatti


di MARZIO BREDA
l sabato di fuoco, quello in cui il Quirinale finito sotto assedio su tre fronti, lha trascorso chiuso nel suo studio. Senza il tempo di seguire alla televisione le dirette della manifestazione di Roma in difesa della via maestra (la Carta costituzionale), n la sfida di Matteo Renzi da Bari nella propria scala-

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lassalto Greenpeace ha tentato di agganciare limbarcazione Gazprom

AFP / GIUSEPPE CACACE e ANSA

rale pensate alluragano Sandy, un anno fa viene percepito come un problema federale; quindi, per definizione, collettivo. La risposta adeguata di Barack Obama, in quel caso, s rivelata fondamentale per la rielezione. La risposta inadeguata di George W. Bush alluragano Katrina (2005) ha segnato quella presidenza. In Europa non avviene. Emozioni e reazioni, punizioni e premi, sconfitte e vittorie: tutto locale. Abbiamo messo insieme i mercati, non il cuore e il futuro. I media, diversi per lingua, sono divisi. Internet potente e ubiqua, ma dispersiva: permette la parcellazione dei problemi e, quindi, delle risposte. Ognuno dei 28 Paesi dellUnione assorbito dalle proprie ansie: il deficit, la disoccupazione giovanile, il finanziamento del Welfare, i partiti xenofobi. Anche le migrazioni, certo: ognuno le sue. La Grecia guarda al confine turco. Germania e Polonia ai movimenti dallEst. In Nord Europa e nelle isole britanniche discutono di migrazioni, in questi giorni. Ma non quelle in corso dallAfrica e dalla Siria attraverso il mare. Quelle attese di romeni e bulgari, che dal 1gennaio potranno muoversi liberamente nella Ue. Gli spagnoli, dieci anni fa, gridavano che i cadaveri marocchini sulle coste erano un dramma di tutti: nessuno li stava a sentire. Oggi tocca a noi sperimentare la sordit dellEuropa. Giorgio Napolitano ha ragione quando ricorda, angosciato, che nel Canale di Sicilia in corso una tragedia collettiva, e tutti devono sentirsi coinvolti. Che malinconia: abbiamo bisogno di un uomo di 88 anni, che ha sperimentato dove conduce lapatia europea, per ricordarci levidenza. Abbiamo messo in comune la moneta, non la coscienza. Ma sono le coscienze che cambiano la storia.

ta al Partito democratico, n le ultime performance su Internet del Movimento 5 Stelle. Era impegnato a studiare la legislazione sul diritto dasilo, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e alla fine dellesame ha telefonato al sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini.
CONTINUA A PAGINA 3

Traballare senza cadere Crocetta e la guerra al Pd


di GIAN ANTONIO STELLA

pi facile che il Sassuolo vinca lo scudetto o che Rosario Crocetta sia retrocesso? Difficile rispondere. Certo, la sinistra siciliana in pezzi, volano accuse da querela e domani, appoggiati dalla destra, i grillini presentano la mozione di sfiducia.
CONTINUA A PAGINA 6

Service tax: lipotesi di un prelievo del 3 per mille per sostituire lImu. Sgravi a chi assume

Libri e Cultura

Tasse sulla casa, si cambia


Verr allentato il patto di stabilit per i Comuni virtuosi
Blitz contro Gazprom alla regata della Barcolana

SCOPRIRE A FRANCOFORTE
DI NON CONTARE PI NULLA
di GIAN ARTURO FERRARI

Labbordaggio di Greenpeace tra le vele di Trieste


di FRANCESCO ALBERTI

litz di Greenpeace con tentativo di abbordaggio durante la Barcolana, la tradizionale regata nelle acque di Trieste. I gommoni hanno avvicinato la barca sponsorizzata da Gazprom, il gigante russo dellenergia da tempo nel mirino degli ambientalisti. A PAGINA 29

Cambia il regime per le tasse sulla casa. Legge di Stabilit, la volata finale sulla Service tax, che da gennaio sostituir Imu e Tarsi. Il nodo laliquota massima che dovrebbe essere del 3 per mille o 30 centesimi di euro al metro quadro. Limpegno, gi indicato nel decreto che abolisce la prima rata dellImu, che la somma delle imposte tra patrimonio, servizi e rifiuti, non superi lattuale tetto dellImu cio 7,6 per mille per le prime case e 10,6 per le altre. Sgravi a chi assume. E per i Comuni virtuosi il patto di stabilit verr alleggerito.
ALLE PAGINE 8 E 9 R. Bagnoli Di Vico, Galluzzo, Offeddu, Tamburello

Non solo crisi e mancanze

LE CONQUISTE DA RIVALUTARE DELLEUROZONA


di JEAN-MARIE COLOMBANI

rediamo davvero nellEuropa? La filosofia del dibattito la seguente: o vogliamo continuare ad essere il continente dei diritti delluomo o vogliamo diventare una fortezza. In realt, bisognerebbe lavorare al consolidamento delledificio europeo, mentre invece prevalgono lesitazione e la paura.
A PAGINA 37

ei corridoi semivuoti della Fiera di Francoforte il declino italiano diventa palpabile. Spazi abbandonati, con rade sedie. Stand quelli rimasti con dimensioni ridotte, in una patetica ostentazione di parsimonia. Esondazione dei vicini. Turchi proliferanti, di nuovo conquistatori. Azerbaigiani con imbarazzanti ritratti del loro leader, identici a quelli di Berlusconi. Islamici e slavi assortiti tuttattorno, in un assedio sempre pi stretto. Gli altri stanno meglio: francesi in compagnia di cinesi e giapponesi, inglesi insieme agli americani, tedeschi perch padroni di casa, ma soprattutto perch tedeschi da soli. A casa nostra gli sguardi un po febbrili e un po fissi di chi pensa solo al taglio dei costi e allabbassamento dei prezzi, senza aver ben chiaro che la seconda mossa annulla la prima.
CONTINUA A PAGINA 37

Laureati italiani I guadagni dopo 4 anni: differenze tra Nord, Sud e oltre confine

Un terzo di stipendio in pi (allestero)


Bonifica e porti

9 771120 498008

La Concordia e 500 milioni in rotta per Smirne


di SERGIO RIZZO
A PAGINA 29

Qual lo stipendio dei laureati figli della crisi? Una ricerca Istat fotografa la situazione di chi si laureato nel 2007 e si immesso nel mondo del lavoro allinizio della recessione economica mondiale. Quattro anni dopo, nel 2011, i giovani che hanno trovato un posto guadagnano in media 1.300 euro netti. Se fossero andati allestero di euro ne riceverebbero invece 1.783, quasi 500 in pi.
A PAGINA 27 Dal Monte

Liliana Segre e il caso Priebke

LA SCELTA COMPATIBILE
in capsule autoconser vanti

31 0 1 4>

Portare la Shoah nelle scuole Cos si protegge la memoria


di PAOLO CONTI

4 gusti di ca

iliana Segre, 83 anni, deportata il 30 gennaio 1944 ad Auschwitz-Birkenau sul caso Priebke: Ha ragione il cacciatore di nazisti Serge Klarsfeld quando dice che dobbiamo essere in grado di non accanirci. I grandi colpevoli non ci sono pi. E portiamo la Shoah nelle scuole: cos si difende la A PAGINA 23 - ALLE PAGINE 22 E 23 Caccia, Vecchi memoria.

w w w.gimok a.it

Primo Piano

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Le istituzioni Le scelte

Amnistia, il caso Renzi Critiche dal governo ma lui rilancia il no


Ilsindaco:direcomelapensononlesamaest
La vicenda
RO M A L o c h i a m a i l bomba libera tutti, il provvedimento di amnistia o indulto che dal palco di Bari ha detto di non volere, perch la legalit di sinistra e ci vuole certezza della pena. Ma una bomba anche la sua dichiarazione. Perch si contrappone frontalmente al capo dello Stato, garante della Costituzione e tutore del governo delle larghe intese. Perch spacca per lennesima volta il Pd. E perch scuote dalle fondamenta il governo, rompendo la fragile tregua con il premier Enrico Letta e dando corpo ai timori di chi teme per la stabilit dellesecutivo. Il primo ad aprire il fuoco contro Renzi, dopo la difesa del capo dello Stato da parte del premier, il ministro per lo Sviluppo, il bersaniano Flavio Zanonato: Renzi ragiona in termini puramente propagandistici, stile Grillo: Mi conviene dire di pi una cosa o laltra sotto il profilo del consenso che poi alla fine ottengo?. A Zanonato si aggiunge una collega di governo, il ministro degli Esteri Emma Bonino, che al comitato dei radicali dice: Se Renzi il nuovo che avanza, fatemi il favore di ridarmi lantico. Legga bene il messaggio di Napolitano prima di rottamarlo. Sullaltro fronte il ministro per i Trasporti e le Infrastrutture, Maurizio Lupi, intervistato da Maria Latella su Sky Tg24, concorda: Renzi pensa soltanto al consenso. Ma intanto partita la querelle. Zanonato si lamenta su Twitter: Criticare Renzi come parlare male di Garibaldi, si scatenano subito i fans. Ma, oltre alla prevedibile irritazione del Colle e del premier, c anche il fronte delle primarie. Gianni Cuperlo esplicita la sua distanza da Renzi sulla questione dellamnistia: La situazione delle carceri insostenibile e per questo si studino tutte le misure alternative alla detenzione e la politica si assuma la sua responsabilit, al di l del sondaggi. Ma non solo lamnistia a dividere i candidati. I cuperliani fanno notare lassenza del simbolo del Pd nella campagna della comunicazione e lassenza di riferimenti al Sud. E sulla legge elettorale Alfredo DAttore perplesso: Se la

39%
Alle primarie del dicembre 2012 Renzi conquista il 39% dei consensi

In Aula Il messaggio del Quirinale sul carcere


L8 ottobre il capo dello Stato invia un messaggio alle Camere sullemergenza del sovraffollamento delle carceri, come aveva gi annunciato visitando il carcere di Poggioreale dieci giorni prima. Suggerisce rimedi straordinari come amnistia e indulto

55
i giorni che mancano alle primarie del Pd: sono state fissate l8 dicembre

Le reazioni Duro scontro con i grillini sulla clemenza


Arrivano prime aperture da Pdl e Pd al discorso del Quirinale sulla clemenza. Il Movimento 5 Stelle invece attacca il capo dello Stato e parla di salvacondotto per Berlusconi. La polemica diventa politica. La replica del presidente: ve ne fregate del Paese

Le bordate Zanonato: Ragiona in termini propagandistici, come Grillo E Bonino: Se questo il nuovo che avanza, ridatemi lantico
strada quella indicata da Renzi, di passare prima dalla Camera, rischiamo di perdere sei mesi e di tenerci il Porcellum. A In Mezzora, su Raitre, Renzi esplicita la sua presa di posizione: Io non ho parlato contro il presidente della Repubblica. Il capo dello Stato ha il diritto, direi anche il dovere, di dare messaggi alle Camere e non andato oltre il suo ruolo. Ma non c lesa maest e le forze politiche devono dire come la pensano. Io ho detto che secondo me non sarebbe serio, educativo e responsabile, sette anni dopo un indulto, farne un altro. Non serio, la legalit un valore di sinistra. E poi: La sinistra non pu essere legalitaria solo quando c Berlusconi. Quanto ai ministri: Se invece di occuparsi di governare, si preoccupano delle mie dichiarazioni, poveretti, mi dispiace per loro. Alla domanda di Lucia Annunziata se ami il Pd, Renzi risponde cos: Sono un appassionato convinto del Pd. Io amo lItalia, la mia citt, i territori e credo che il Pd sia lo strumento di cui abbiamo bisogno

In corsa
Il sindaco di Firenze Matteo Renzi, 38 anni, ha partecipato ieri alla gara podistica di solidariet Corri la vita nel capoluogo toscano. Questa non era facile, la segreteria vediamo, ha scherzato con i cronisti al termine dei 14 km (percorsi, ha detto, in unora e dieci minuti). Renzi candidato alla segreteria del Partito democratico: sabato ha dato il via alla campagna (foto Ansa) per cambiare lItalia. Ma Renzi parla anche dei temi economici: spiega di preferire un partner asiatico alla Cassa depositi e prestiti per salvare Alitalia; e poi: lo Stato non deve mettere un centesimo per salvare gli azionisti privati che hanno fallito; infine, le Poste per Alitalia sono una soluzione tampone. Ma sulla clemenza che la polemica non si placa. Dice Renato Brunetta: Renzi sconfessa Letta e Napolitano, altro che stabilit. E il pd Beppe Fioroni: Il vero congresso del Pd si giocher da una parte attorno alla stabilit del governo per salvare Italia e dallaltra ci sar chi vorr lo sfascio per andare a governare lItalia. Marco Meloni, uno dei deputati pi ascoltati dal premier, molto deluso da Renzi: Non partito bene. Anche lapproccio, se Letta lavora bene, lo sosterr, sbagliato: sua responsabilit lavorare perch il governo faccia bene. Il suo un approccio da contesa elettorale, ma le urne sono molto lontane. Renzi lo sa che si andr a votare tra qualche anno?.

Alessandro Trocino
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il dibattito Il ministro: non riguarder lex premier


Da Pd e Sel si sottolinea come unamnistia non debba riguardare Berlusconi e i reati fiscali. E per la guardasigilli Cancellieri un provvedimento di clemenza non riguarder lex premier. C chi critica nel merito un atto di clemenza: come Lega e Fratelli dItalia

Lo studio Dalla Gran Bretagna agli Stati Uniti, il successo dei progetti di reinserimento dei detenuti. Spesso finanziati da privati

Cos allestero il lavoro svuota le carceri


MILANO In Gran Bretagna c un carcere, quello di Peterborough nel Cambridgeshire, dove se nel 2014 scender almeno del 7,5% il tasso di recidiva di 3 mila detenuti ammessi nel 2010 a un programma di reinserimento sociale attraverso lavori finanziati con 5 milioni di sterline da 17 investitori privati costoro incasseranno un rendimento annuo del 13% per 8 anni (meglio di qualunque titolo in Borsa), pagato dal ministero della Giustizia inglese con una quota dei soldi di una lotteria nazionale. Negli Stati Uniti c un carcere, quello di Rikers Island, dove la banca daffari Goldman Sachs che con la garanzia della fondazione del sindaco newyorkese Bloomberg ha messo 9,6 milioni di dollari in un progetto di riabilitazione attraverso il lavoro e lo studio di 3 mila detenuti guadagner 2,1 milioni di dollari di interessi pagati dal governo americano se la recidiva dei detenuti sar scesa almeno del 10%.

La classica in Europa
Il sovraffollamento carcerario: detenuti effettivamente presenti ogni 100 posti

Il podio
157,6 100 151,7 147

Altri esempi
127,2 113,4 106,2 101,2 96,6 91,3 99,5

Il sindaco Le critiche di Renzi: Un autogol


Renzi, aprendo sabato a Bari la campagna delle primarie, boccia amnistia e indulto: Affrontare oggi questo tema sarebbe un clamoroso autogol. Dai ministri pd repliche polemiche. E il sindaco: qualche no al Colle si pu dire

Serbia Grecia Italia

Fonte: Rapporto Space 2013 del Consiglio dEuropa su dati 2011

Belgio Francia Spagna Regno Svezia Germania Media Unito CORRIERE DELLA SERA

Non fantascienza buonista ma serissima sperimentazione allestero dei social impact bond, cio di prodotti finanziari sulla scia delle tradizionali obbligazioni, con la differenza che alla scadenza garantiscono un certo rendimento ai privati sottoscrittori soltanto se stato raggiunto il risultato prestabilito per un certo progetto di interesse pubblico. Se il risultato centrato, infatti, ci guadagnano proprio tutti. I detenuti rientrano nella

vita quotidiana con un reinserimento reale e stabile. Per i cittadini la minore recidiva degli ex detenuti si traduce in maggiore sicurezza nella societ. Lo Stato raccoglie risultati sociali ed economici (minor recidiva si traduce in meno nuovi reati che vogliono dire anche meno soldi da spendere in repressione e carcere) senza dover impegnare allinizio grosse cifre per investimenti per i quali non ci sarebbe margine nei malconci bilanci pubblici. Le associa-

zioni non profit, che svolgono sul campo il lavoro di reinserimento lavorativo-sociale, trovano sul mercato finanziario quei fondi che altrimenti lo Stato non sarebbe in grado di impegnare. E gli investitori privati incassano i frutti di bond dal rendimento assai maggiore e protratto rispetto alla maggior parte delle alternative in Borsa. Ovvio per che occorrano strumenti di misurazione affidabili, altrimenti diventa impossibile convincere investi-

tori privati, i quali in caso di insuccesso dei progetti rischiano di perdere totalmente il proprio capitale investito. Eppure questo modello, di cui dopo un seminario romano mercoled alla Uman Foundation si parler oggi a Padova allOfficina Giotto in un convegno sul lavoro in carcere con i ministri Cancellieri della Giustizia e Zanonato dello Sviluppo economico, sembra maturo per poter trovare sperimentazioni anche in Italia, dove mesi fa si gi fatta fatica a difendere almeno la destinazione di 16 milioni al rifinanziamento della legge Smuraglia sul (pochissimo) lavoro in carcere, e dove per i dati sulla recidiva fanno intravvedere quanto possa essere efficace proprio la leva del lavoro per i detenuti. Se infatti quasi 7 su 10 che scontano tutta la pena in carcere tornano poi a delinquere, questo tasso di recidiva non soltanto scende intorno al 19% per chi sconta parte della propria pena in misura alternativa al carcere (come laffidamento ai servizi

sociali), ma nellesperienza concreta di alcune cooperative sociali si misurato precipiti sino all1% laddove quella misura alternativa al carcere sia accompagnata proprio da un reinserimento lavorativo. Soldi ben spesi, insomma, forse gli unici, investimenti veri, seppure lunghi e faticosi e poco spendibili al mercato della propaganda politica di

I numeri Il tasso di recidiva per chi impara una professione crolla dal 70% al 19%
corto respiro, ma con i quali converr al pi presto fare i conti se non si vuole che da emergenziali diventino permanenti tanto il sovraffollamento delle carceri quanto il fallimento strutturale delle misure di clemenza che non hanno potuto impedire il riempimento oltremisura delle carceri pur svuotate dallindulto del 2006.

Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
RIPRODUZ ONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Primo Piano

Dal Quirinale

Napolitano e la clemenza: tutti stiano ai fatti E chi ha dubbi sulle riforme parta dal merito
Il capo dello Stato e lo stupore per la richiesta di impeachment dei grillini
SEGUE DALLA PRIMA

Cos, degli attacchi a tenaglia dei quali stato bersaglio ha letto in serata le sintesi dagenzia e ieri, pi in dettaglio, le cronache riportate dai giornali. Repliche non ne fa. Non vuole esser trascinato in un battibecco infinito con nessuno. Per lui conta una cosa essenziale, una sola: che tutti stiano ai fatti. Conta cio che si ragioni sulle parole scritte, e davvero pronunciate, da lui stesso. E che ci si prenda la briga di rileggersi tutto linsieme con freddezza e onest, mettendo da parte le animosit, le interpretazioni strumentali, le divagazioni dietrologiche. Proviamo dunque a opporre i fatti alle polemiche, facendo perno sullobiezione del presidente. Partiamo dallallarme lanciato sabato da Gustavo Zagrebelsky dal palco romano di piazza del Popolo, quando ha detto di aver paura di dove pu arrivare la grande macchina delle riforme promossa dal governo e dal capo dello Stato: il suo timore che quella macchina non si fermi prima di aver prodotto dei danni, che sarebbero poi un pericoloso scostamento costituzionale e uninaccettabile evoluzione del sistema. In realt, sugli intenti del presidente quanto a questo tipo di ingegneria costituzionale dovrebbero valere alcuni documenti agli atti della storia repubblicana. Ad esempio, ci che Napolitano anticip in una sorta di manifesto programmatico del settennato il 15 maggio 2006, giorno dellinsediamento, quando defin la Costituzione il sostrato dellunit nazionale, un patto rigido ma non immutabile, purch lo si revisioni secondo le regole e senza toccarne la prima parte (il cui ancoraggio non significa conservatorismo) e comunque con largo consenso. Ma vale anche, altro esempio, ci che disse il 19 dicembre 2007, alla vigilia di un anniversario tondo della Carta: La Costituzione una signora di sessantanni che presenta assai pi valori che rughe... ora, come sappiamo, si possono ben togliere le rughe dal volto di una signora. Questo credo che dobbiamo farlo. Limportante che rimangano intatti, conosciuti e amati i suoi lineamenti fondamentali. E vale, infine, il suo intervento alla Biennale Democrazia di Torino, il 22 aprile 2009, dove, dopo aver ammonito che la Carta non un residuato bellico, evoc ancora una

volta una rinnovata stagione costituente, poggiata sulla pi larga condivisione. Per inciso, quelliniziativa torinese faceva capo proprio a Zagrebelsky, il quale invit Napolitano a inaugurarla con una prolusione, senza poi esprimere alcuna riserva. E secondo inciso nessuno rammenta che il tema nellagenda della politica italiana da lungo tempo e, se ci si riferisce alla Seconda Repubblica, almeno dallesordio di Oscar Luigi Scalfaro (poi assurto a simbolo dellintoccabilit della Costituzione) in veste di presidente, il 28 maggio 1992, 21 anni fa. Lex padre costituente, infatti, allora us parole drastiche: Rivolgo un rispettoso ma fermo invito al Parlamento perch proceda alla nomina di una Commis-

sione bicamerale, con il compito di una globale e organica revisione della Carta nellarticolazione delle diverse istituzioni.... Che cosa cambiato da allora? Che cosa c di diverso, adesso, dalle sollecitazioni avanzate oggi dal Quirinale? Nella logica del capo dello Stato, quanto accaduto finora, e ci che potr accadere nellimmediato futuro, semplice e non lo riguarda pi. In definitiva: lui non pu pi essere chiamato in causa, perch non lui che elabora le riforme. Le prime proposte di modifiche costituzionali stanno gi l, nero su bianco, in un documento che pubblico e che rappresenta la conclusione dei lavori della Commissione. Questo un documento che contiene diverse opzioni, quindi la

possibilit di scelte in un senso e nellaltro, e che viene rimesso non appena sar definitiva la leggina costituzionale ad hoc al Parlamento... al Comitato dei Quaranta (diverso dal piccolo Comitato di saggi insediato dal Colle il 30 marzo) e alla Commissione Affari costituzionali. Ecco la naturale riflessione del Quirinale: chi ha da dire qualcosa, la dica nel merito... chi ha da obiettare che una determinata proposta porta magari a far deragliare dalla via maestra della Costituzione, lo dica. I fatti sono questi. E Napolitano vorrebbe che valessero anche per la bufera rinfocolata sui temi dellamnistia e dellindulto. Lui ha insistito da subito non ha fatto alcun messaggio alle Camere per lamnistia, ma un messaggio per la questione carceraria.

I provvedimenti

Amnistia Lamnistia estingue il reato e, di conseguenza, fa cessare lesecuzione della pena. Lo Stato rinuncia a perseguire determinati crimini: come se il reato non fosse stato commesso Indulto Lindulto invece condona la pena, senza estinguere il reato. un provvedimento di clemenza di carattere generale, come lamnistia (e a differenza della grazia, individuale) Retroattivit Indulto e amnistia hanno valore esclusivamente retroattivo: si applicano ai reati commessi prima della presentazione del disegno di legge (cos larticolo 79 della Costituzione) In Parlamento Spetta al Parlamento lapprovazione di amnistia e indulto. necessaria la maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera In passato Prima del 1992 lamnistia era prerogativa del capo dello Stato: dalla riforma a oggi non mai stata approvata (lultima nel 1990). Lindulto pi recente nel 2006

3Il messaggio alle Camere


8 OTTOBRE 2013
A Poggioreale Il 28 settembre il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, 88 anni, visita il carcere di Poggioreale, a Napoli (nella foto Ansa, mentre beve un caff offerto dai detenuti). Annuncia che pronto un messaggio alle Camere sullemergenza sovraffollamento, che arriver l8 ottobre

Un avvertimento, per segnalare che la sentenza dellUnione Europea del 28 maggio 2013 ha messo lItalia in mora e con la concreta prospettiva di una nuova condanna prima che passi un anno, se non sinterverr presto. Con il rischio di veder accolti tutti i ricorsi per risarcimento danni centinaia sono gi pendenti, ma si parla di qualche decina di migliaia potenziali, con richieste allo Stato di 100.000 euro per ogni singolo caso per le condizioni in cui da noi vivono i detenuti. Un testo (cui hanno collaborato esperti dindiscutibile valore), nel quale il capo dello Stato faceva il calcolo dei rischi, dei danni, di quanto tempo ci rimane per correre ai ripari. E indicava diverse strade, oltre allamnistia o allindulto sulle quali sono scattate preclusioni e indisponibilit, tipo quella espressa ruvidamente da Renzi (qualche volta si pu dire anche di no a Napolitano). Ossia la proposta presidenziale per certe innovazioni strutturali, per una differente politica di gestione dei penitenziari, e cos via.

Nero su bianco Il presidente ricorda che le proposte di modifica della seconda parte della Costituzione sono da tempo state messe nero su bianco
Restano infine i nuovi attacchi dei 5 Stelle, con minaccia di messa in stato daccusa agitata giusto nel momento in cui il Movimento mostrava difficolt e divisioni interne. Neppure a loro reagir, il presidente. Ridicolaggini, come quando sente sentenziare da qualcuno che lui avrebbe fatto un intervento a gamba tesa sul Parlamento, senza conoscere il penultimo comma dellarticolo 87 della Costituzione, dove il messaggio alle Camere configurato come un potere formale del presidente della Repubblica e di sicuro chi lo abbia letto non pu azzardare ipotesi di una gamba tesa... Latteggiamento dunque di amaro distacco. Come di chi pensa: benissimo, mettano in moto il procedimento, se sanno come lo si mette in moto e come regolato, poi il Parlamento decider.

Un dovere urgente fare cessare il sovraffollamento carcerario, condizione umiliante sul piano internazionale. Necessari rimedi straordinari

Marzio Breda
RIPRODUZIONE RISERVATA

shop.swatch.it

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Primo Piano

I partiti Lo scontro

Lappello del Cavaliere al Pdl: basta polemiche improduttive


Il vicepremier e Fitto: daccordo con il richiamo del leader
ROMA Invocato da tutti come il risolutore dei problemi che affligono il Pdl, alla fine Silvio Berlusconi intervenuto. E lo ha fatto richiamando tutti a smettere di lanciare accuse gli uni contro gli altri attraverso giornali e tv. Sulle agenzie di stampa dice il Cavaliere Silvio Berlusconi leggo troppe dichiarazioni di troppi esponenti del Pdl. Invito tutti a non proseguire in questa direzione del tutto improduttiva. Ed ecco il passaggio con il quale suggerisce il metodo per effettuare quel chiarimento che si reso necessario dopo lo scontro aperto scoppiato tra Angelino Alfano e Raffaele Fitto. Le diverse opinioni puntualizza lex premier si debbono confrontare non sulle agenzie di stampa e sui giornali ma attraverso una serena dialettica allinterno dei luoghi delegati del nostro movimento. E quali sono i luoghi delegati? Escluso che in tempi rapidi si possa tenere un congresso, assai probabile che, come suggerisce un esponente dellinner circle berlusconiano, di qui a qualche settimana venga convocato il Consiglio nazionale, lo stesso organo che conferm segretario Angelino Alfano, dopo la designazione fatta da Berlusconi. Come era inevitabile il brusco richiamo allordine dellex premier stato immediatamente condiviso dai duellanti. Da Alfano che fa notare: Sono pienamente daccordo con il presidente Berlusconi. Stop allalluvione di agenzie per addetti ai lavori. Cambiare luoghi e toni della dialettica del nostro movimento. E da Raffaele Fitto: Condivido totalmente le parole del presidente Berlusconi. Utilizziamo guidati da lui, i luoghi delegati alla dialettica del nostro movimento. Tra le due prese di posizione c una differenza non di poco conto. Rispetto ad Alfano, Fitto vuole che sia lo stesso ex premier a guidare il chiarimento, a offrire la soluzione per ritrovare lunit perduta, ripete cio quanto andato sostenendo nei giorni

Lintervista Fabrizio Cicchitto


Osvaldo Napoli, per richiamare tutti alle proprie responsabilit. Coloro che vogliono il congresso e lazzeramento delle cariche nel Pdl afferma invocano la leadership di Silvio Berlusconi per meglio sostenere le proprie richieste. Esattamente come fanno coloro che, allopposto, non vogliono il congresso o ipotizzano le primarie da celebrare prima del possibile turno elettorale nel 2015. Mai prima dora era accaduto che la figura del leader venisse tanto disinvoltamente strumentalizzata per affermare ragioni tanto radicalmente opposte. Berlusconi, raccontano, sarebbe stato costretto a intervenire perch obbligato dallo spettacolo che i dirigenti del suo partito stavano dando. Uno spettacolo che lo ha molto irritato, considerando che i consensi, dopo una flessione dovuta alla decisione di aprire la crisi di governo, sono risaliti proprio per avere riconfermato la fiducia allesecutivo. intervenuto perch il clima di guerra interno sproporzionato rispetto alle questioni da affrontare che riguardano invece il modo con cui fronteggiare la crisi e le soluzioni che devono essere sostenute per venire incontro ai bisogni dei cittadini. La gente non tollera pi queste beghe, avrebbe confidato poco prima di richiamare tutti allordine.

Serve un binomio Berlusconi-Alfano Oppure 2 partiti


ROMA Fabrizio Cicchitto respinge laccusa di essere un traditore. Rilancia lunit del partito che si deve fondare sul binomio Berlusconi-Alfano. Accusano lei e altri di avere tramato. Deputati e senatori che hanno condiviso lappello di Alfano a votare la fiducia al governo Letta - in Senato sono stati decisivi vanno ringraziati dal Pdl e certo non vanno trattati come traditori. Perch? Se andiamo a vedere i sondaggi, quando il Pdl con una mossa sbagliata decise la crisi di governo, perdemmo 6 punti. Se abbiamo recuperato il calo, ci deriva dal fatto che la gente per un verso solidale con Berlusconi per lattacco giudiziario del quale vittima, e per altro verso vuole che noi non mettiamo in discussione la governabilit possibile, cosa che ci stata richiesta dalle categorie che guardano a noi. Ci vale per loggi e anche per il futuro. I parlamentari che si sono espressi per la fiducia al governo Letta esprimono una tendenza significativa di un partito di centrodestra non estremista ma moderato e garantista, capace di combinare continuit e novit. Come? Noi abbiamo una storia diversa da quella del Pd. Nel Pd si sta sostituendo legemonia tradizionale degli ex comunisti con leader che provengono dalla sinistra dc, mi riferisco a Letta e a Renzi. Questo ci dice che dobbiamo combinare, per quanto riguarda il Pdl, continuit e novit. Si spieghi. Che cosa intende per continuit e novit? La combinazione ottimale il binomio Berlusconi-Alfano. Lo in parte per ragioni che, tragicamente, derivano dagli effetti di un bombradamento giudiziatrio che impediscono a Berlusconi di ricandidarsi. Poi non si pu meccanicamente dire che il 2013 sia uguale al 1994. Pertanto, combinando la presenza delluno e dellaltro riusciremo ad avere, quando ci saranno le elezioHa detto ni, una capacit concorrenziale rispetto a Renzi. Berlusconi continuer a svolgere il ruolo carismatico che gli proprio, Alfano sar il Ai lealisti nostro punto di riferimento in una Lo strumento campagna elettorale bipolare. sono le primarie I lealisti, per, vogliono azzeramento delle cariche e congresso? Chi chiede Lo strumento sono le primarie, lazzeramento fare oggi un congresso significa imdelle cariche piegare un anno e mezzo per definicompie un atto re regole, tesseramenti e cos via. Chi chiede lazzeramento, chiede di di rottura azzerare Alfano, compie cio un atto di ben meditata rottura. Se si vuole avere lunit del Pdl si deve operare affinch la leadership di Berlusconi venga confermata e accompagnata dallelemento di novit che appunto il binomio. Ma i lealisti non vogliono Alfano Sbagliano perch introducono un inutile elemento di divisione. Le cariche che ricopre Alfano non sono state decise contro Berlusconi, ma con il suo consenso: stato lui a designarlo. Chi vi critica sostiene che tramavate da un anno, dalla manifestazione di Italia popolare. Tra il 2011 e il 2012 abbiamo vissuto un travaglio. Berlusconi, a un certo punto, disse che aveva intenzione di ritirarsi e diede mandato ad Alfano di verificare se fosse possibile aggregare uno schieramento che guardasse anche al centro. La cosa salt per responsabilit di Casini. Chiarito il contesto, se riandiamo alla manifestazione di Italia popolare, l ci furono due distinti messaggi politici. Uno portato da me, da Lupi e da Quagliariello e una lettera di Berlusconi, con la quale si sosteneva la necessit di alleanza fra il Pdl e il centro. In quel convegno emersero per anche altre posizioni che prescindevano da Berlusconi, miranti a una scomposizione del Pdl. Quindi in quella manifestazione emerse una chiara divergenza politica. Lincomunicabilit palese. Come rimuoverla? Non ho la bacchetta magica. Insisto nella proposta di un binomio che non ha nulla di offensivo. Implica una ricomposizione degli organismi dirigenti che tenga conto delle persone vicine ad Alfano e a cosiddetti lealisti. Non c nessuna ipotesi di monocolore. Chi, al contrario, propone lazzeramento compie un atto di pura negativit, perch tutto concentrato su Alfano. Sarebbe atto di autentico autolesionismo per ragioni di conflittualit interna. Uso una parola grossa, dico, che si vuole assassinare lunico leader nuovo emerso in questi anni, cresciuto con il consenso di Berlusconi. Chi pu sciogliere tutto questo? Berlusconi qualora proponesse in modo esplicito il binomio in un quadro di rinnovata unit. Altrimenti, e lo dico a malincuore, meglio avere due partiti - uno moderato, laltro movimentista - federati fra loro e con altri movimenti del centrodestra, che non un partito bloccato da una conflittualit cieca.

Prima lItalia

Alemanno: una casa per gli ex An


Gianni Alemanno (accanto con Ignazio La Russa, foto Agf) ha tenuto a battesimo ieri in un cinema di Roma Prima lItalia, un movimento incentrato sulla sovranit nazionale. Deve nascere ha detto lex sindaco di Roma un nuovo partito del centrodestra che dia una casa a tutti quelli che vengono da An e che vogliono trovare un riferimento.

La vicenda

Lapertura della crisi A fine settembre i parlamentari e i ministri del Pdl firmano le dimissioni. Contro la decadenza da senatore, Berlusconi ha scelto la linea dura: quella dei falchi, che vogliono far cadere il governo e tornare al voto. Letta chiede la fiducia in Aula Il dietrofront Nel partito crescono i governisti che vogliono sostenere lesecutivo. Con Alfano e i ministri, circa 60 parlamentari pronti a formare gruppi autonomi. Ma Berlusconi fa marcia indietro e alla fine, il 2 ottobre, vota la fiducia a Letta Le divisioni nel partito Rientra lipotesi scissione dei governisti del partito, che per rimane diviso. A lanciare la sfida ad Alfano Fitto: il documento sottoscritto dai lealisti chiede lazzeramento delle cariche del partito e un congresso. Berlusconi lavora a una mediazione e medita di affidare ad Alfano la vicepresidenza della nuova Forza Italia

scorsi. Lo tira per la giacca confidando che ascolti le ragioni dei cosiddetti lealisti. Tutti gli altri esponenti del Pdl si mettono in scia della nota di Berlusconi. Fino a quando ci sar Berlusconi, questo partito resta berlusconiano, afferma il capogruppo alla Camera

Renato Brunetta. Non solo. Si arriva al paradosso di Francesco Giro che, forse mosso da un eccesso di zelo, si compiace con se stesso: Sono orgoglioso di aver anticipato e ben interpretato il pensiero del presidente di Forza Italia. C anche chi esce dal coro,

L. Fu.
Lorenzo_Fuccaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Festival della diplomazia

Processo a de Gaulle, vince la difesa di Quagliariello


La difesa del ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello ha avuto la meglio sulle accuse portate dal professor Pietro Crateri e la figura di Charles de Gaulle uscita vincente: teatro del singolare processo, il Festival della Diplomazia, in corso in questi giorni a Spoleto e a Roma. Laccusa nei confronti dello statista francese era di totalitarismo e di essere rimasto legato ad uno schema ottocentesco, sciovinistico, con la sua Francia al centro delluniverso. Ma alla fine del processo, svoltosi a Spoleto, a de Gaulle stato riconosciuto, sia dal giudice Stefano Dambruoso, sia dalla giuria popolare, il merito di aver salvato la Francia per ben due volte, guidandola nel dopoguerra e trovando una soluzione al conflitto con lAlgeria. Per confutare la tesi dellaccusa Quagliariello ha puntato soprattutto sulla difficile situazione in cui si era trovato ad operare de Gaulle e sui risultati da lui raggiunti. A margine del processo, a chi gli chiedeva se un de Gaulle potesse essere utile anche allItalia di oggi, il ministro ha risposto che sarebbero necessarie la concretezza e la capacit di raggiungere risultati propri dello statista francese, ma senza necessariamente fare affidamento su un solo leader e senza stravolgere il dettato costituzionale. RIPRODUZIONE RISERVATA

Lorenzo Fuccaro Lorenzo_Fuccaro


RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo Piano

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

I partiti Il caso
La storia I grillini provano a rovesciarlo con una mozione di sfiducia. Ma nellAssemblea nessuno vuole andare a casa
ni dopo, ritira il sostegno del Pd al governo regionale, salutato solo un anno fa tra squilli di tromba e rulli di tamburo come il primo esecutivo di sinistra di tutta la storia, e chiede agli assessori (che per prendono tempo...) di dimettersi. Sono passate tre settimane, da allora. Ed sembrato di assistere al teatro dei Pupi: un quotidiano sferragliar di spade, urla, accuse e schiamazzi seguiti da subitanee rappacificazioni, ultimatum, gesti di buona volont (come la promessa di Crocetta di iscriversi al Pd e di congelare il Megafono) e poi sorrisi e digrignar di denti, cordialit e pugnalate, brindisi e ve l e n i U n tormentone. Che ha visto ieri sera a SantAgata di Militello un nuovo tentativo di siglare la pace. Il rapporto con Ingroia A far discutere anche il Vada come vasostegno deciso di Crocetta al gi procuratore agda, non ce n giunto di Palermo Antonio Ingroia. Dopo avere tenuno pronto a tato di farlo assumere da Riscossione Sicilia SpA, descommettere signazione bloccata dal Csm, il governatore lo ha noche la mozione minato commissario liquidatore di Sicilia e-Servizi di sfiducia grillina possa passare. Manco i grilcetta, con quel suo progressivo ten- lini. La legge che regola queste cose tativo, lirriconoscente, di smarcarsi dal 2001, infatti, chiara: se il goverdal Pd che lo aveva votato e prima natore viene mandato a casa, vanno ancora eletto a Strasburgo. Crocetta automaticamente a casa tutti. E queribatte che no, sono loro che pensa- sta prospettiva non piace a larga parvano di usare lui e il suo essere alter- te dei deputati regionali siciliani. nativo e al di sopra di ogni sospetto Tanto pi che la prossima volta alcome uno specchietto per le allodole lArs non entreranno pi novanta dietro al quale fare gli affari di sem- parlamentari ma venti di meno. E chi pre, soprattutto nella Formazione. te la garantisce la rielezione, con la Certo le cose sono precipitate nel- sinistra e la destra siciliane che si tilultimo mese con un ordine crono- rano di stracci? Il M5S, forse. Ma vatti logico curioso. Prima puntata: il Pd a fidare di quei pazzi che insistono a chiede un rimpasto e comincia ad voler abbassare le lussuose buste paassediare il suo presidente perch ga degli eletti... si sbrighi. Seconda puntata: il goverI deputati dellassemblea isolana, natore sbotta annunciando una come ha raccontato su il Giornale di bomba e la mattina dopo si presen- Sicilia Giacinto Pipitone, hanno gi ta in Procura con un dossier che ac- detto chiaramente come la pensano. cusa di truffa cinque dei principali Salvando i contributi ai partiti e rinenti (Ial, Aram, Cefop, Ecap ed viando e rinviando e rinviando anEnfap) che in questi anni hanno ge- cora, finch i rompiscatole non si sastito i corsi di formazione, costati al- ranno stufati di chiederlo, quel ridilItalia e alla Ue, negli ultimi dieci an- mensionamento delle indennit ni, non meno di 4 miliardi di euro. preteso dal governo Monti e passato Una denuncia pesantissima. Accom- un po ovunque, tranne a Palermo. pagnata dalla confidenza ai cronisti Dove un parlamentare semplice, di avere contro il partito proprio per prebende e bonus ulteriori esclusi, quello: Buona parte del gruppo di- guadagna ancora 11.780 euro netti al rigente del Pd, c dentro fino al col- mese. E chi glielo fa fare, di buttar lo, nella Formazione. E stiamo par- gi Crocetta e tornarsene, di questi lando di un settore che si rivela sem- tempi, al lavoro e alle paghe di pripre pi un pozzo di San Patrizio delle ma? ruberie. Terza puntata: il segretario Gian Antonio Stella del partito Giuseppe Lupo, due gior RIPRODUZIONE RISERVATA

La lite

Sicilia, sinistra a pezzi e accuse Crocetta traballa ma non cade


I fotogrammi

Brunetta, scintille con Fazio sullo stipendio


Scintille tra Renato Brunetta e Fabio Fazio sugli stipendi dei conduttori della tv pubblica durante lintervista del capogruppo Pdl alla trasmissione Che tempo che fa. Mentre stava rispondendo a una domanda su Alitalia, Brunetta ha buttato l una frase proprio sui compensi di Fazio: Si leggono tante cose anche sui cinque milioni del suo contratto, meritati eh.... Non posso dire se ho un contratto di cinque milioni, perch il contratto me lo impedisce, ha ribattuto secco Fazio dopo aver anche assicurato: Io per faccio guadagnare la mia azienda. Sono contentissimo di restituire il 50 per cento in tasse e non ho nessuna denuncia fiscale. Nelle scorse settimane Brunetta aveva presentato diverse interrogazioni per chiedere di rendere pubblici i compensi, tra laltro, del conduttore della trasmissione di Rai 3, oltre che di Luciana Littizzetto e di Roberto Benigni. Le parole con cui Fazio ha risposto a Brunetta sono state sottolineate da un applauso del pubblico e il capogruppo si subito lamentato: Mi aveva detto che il pubblico non sarebbe stato di parte. Il pubblico sperava che non arrivassimo a questo punto ha risposto Fazio . Io parlavo di Alitalia con un economista. Brunetta ha ricordato che il discorso passato da Alitalia alla Rai, che sono due asset del Paese che non vanno depauperati, ma difesi. Mi preme dire al pubblico che questo programma sia interamente pagato dalla pubblicit ha sottolineato Fazio. Non proprio cos ha replicato Brunetta, che ha affermato che la trasparenza, che ho chiesto a Gubitosi, serve proprio a questo. Spero che i miei compensi vengano pubblicati. Io sono in Rai da trentanni ha concluso Fazio. Dopo una domanda di economia lintervista terminata con una stretta di mano e un freddo Buona sera. RIPRODUZIONE RISERVATA

Lultimo duello con il Pd sul business della Formazione

Lidillio Il 17 ottobre 2012 il segretario del Partito democratico, Pier Luigi Bersani, (a destra nella foto Ansa) a Catania per lanciare la corsa alla presidenza della Regione Sicilia di Rosario Crocetta, democratico atipico e gi sindaco antimafia di Gela. Il rapporto con il Pd sembra senza nubi
SEGUE DALLA PRIMA

La vittoria Il 28 ottobre 2012 Crocetta vince la sua sfida e viene eletto governatore della Regione Sicilia. Nella foto, con Franco Battiato, uno degli uomini simbolo del nuovo corso insieme con il fisico Antonino Zichichi. Ma lidillio si interrompe presto: il 27 marzo le deleghe sono ritirate a entrambi biare radicalmente la politica siciliana e anzi di aver cercato di imporgli un cerchio magico di notabili per lui inaccettabile: Volevano farmi nominare in giunta Walter Bellomo, arrestato per la Tav! Di l lo stato maggiore del partito, che rinfaccia a Crocetta di giocare per proprio conto senza ascoltare mai nessuno tanto da aver messo su un proprio movimento, il Megafono, schierato in qualche elezione locale perfino contro il Pd. Fatto sta che ormai, per dirla alla palermitana, luno e gli altri si stanno sciarriando come nei combattimenti di cani, dove chi pu attacca laltro alla gola. Chi ha cominciato? Mica facile stabilirlo. I maggiorenti del partito, appoggiati soprattutto dal potente e chiacchierato Gran Visir di Enna, Mirello Crisafulli, dicono sia stato Cro-

Ma chi la voter? Chi accetter di andarsene automaticamente a spasso lasciando il dorato e adorato seggio? Sulla carta, ovvio, non ci sarebbe partita: una maggioranza vera il governatore non lha mai avuta. A causa del sistema elettorale demenziale, riusc infatti a vincere un anno fa, grazie solo alle spaccature della destra, con meno di un terzo dei voti: il 30,5% scarso. E prendendo addirittura mezzo milione di voti in meno di Rita Borsellino, battuta largamente nel 2006 da Tot Cuffaro. Con il suo Pd ridotto a un malinconico 13,4%, il presidente si ritrov quindi con 39 seggi su 90: Nessun problema, mi cercher la maggioranza in Aula. Conto sul dialogo col Movimento 5 Stelle. Dodici mesi pi tardi, quel rapporto che illuse perfino Pier Luigi Bersani, al punto di spingerlo a intestardirsi nella ricerca di un confronto dopo le elezioni pareggiate, irrimediabilmente guastato. Giancarlo Cancelleri, il candidato grillino alla presidenza, dice che non ne pu pi: Crocetta ha fatto un sacco di promesse ma dove sono le cose fatte? Non facciamo che votare proroghe, proroghe, proroghe. E la rivoluzione

promessa dov? La butta sempre sullantimafia: lui candido e tutti gli altri sono sospetti. Non si pu andare avanti cos... La destra, per ora, assiste senza toccare palla. Le ferite della sconfitta dovuta alle risse interne non sono ancora rimarginate. Ho incontrato il presidente il giorno della Madonna del Rosario. Gli ho fatto gli auguri. Mi ha risposto: I miei amici comunisti non se ne sono ricordati, ridacchia Giuseppe Castiglione, uno dei paracarri del Pdl siciliano, Il guaio che questa giunta non ha un progetto. Non ha unidea. Ha buttato l labolizione delle province, ma poi? dentro il Partito democratico, per, che la guerra pi feroce. Di qua il governatore, che accusa il Pd di non sostenerlo nello sforzo di cam-

30% 6%
Alle regionali dellottobre 2012, Crocetta diventa presidente con il 30,5% dei voti. Ma con 39 seggi su 90 non dispone della maggioranza

Alle elezioni politiche di febbraio il movimento Il Megafono di Crocetta, che si presenta solo al Senato in Sicilia, conquista il 6,16% dei voti

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

8
#

Primo Piano

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Conti pubblici La manovra

I punti Cuneo fiscale, 200 euro in pi

Meno tasse solo per chi assume Service tax, lipotesi 3 per mille
I tecnici studiano la quarta aliquota Iva al 7%, norma per difendere il suolo
La proposta

IL MANIFESTO DI CHI TIFA PER LA RIPRESA


di DARIO DI VICO
Nella settimana in cui lEconomist dedica la copertina ai governi di tutto il mondo che cercano di transennare (e limitare) la globalizzazione viene lanciato in Italia un manifesto Oltre la crisi che nei primi capoversi reca unaffermazione impegnativa: LItalia non una delle vittime della globalizzazione, anzi ha profondamente modificato la sua specializzazione internazionale, modernizzandola e sincronizzandola con le nuove richieste dei mercati. I primi firmatari del manifesto sono Ermete Realacci per la fondazione Symbola, Ferruccio Dardanello per lUnioncamere e Marco Fortis per la Fondazione Edison e lobiettivo dichiarato delliniziativa combattere la retorica dellApocalisse ovvero quel giudizio negativo infondato e senza appello sullItalia che genera pessimismo e frustrazione nellopinione pubblica interna e allontana gli investitori stranieri. vero che lItalia in crisi profonda e drammatica ma non un Paese senza futuro. La tesi del suo irreversibile declino molto popolare in patria e allestero manca per del sostegno dei fatti, Antideclino fa torto a chi lavora e distoglie dai veri Dallexport al turismo, liniziativa problemi da risolvere. di Realacci, Ma quali sono i Dardanello e Fortis fatti che dimostrano il contrario? Il manifesto si dilunga molto sugli straordinari successi del nostro export e sullappetibilit turistica dellItalia. Echeggiando le tesi pi volte esposte da Fortis il testo sostiene che abbiamo saputo costruire valore aggiunto nei settori tradizionali del made in Italy (abbigliamento, calzature e mobili) dove eravamo stati dati per spacciati e abbiamo creato nuove specializzazioni nella meccanica, nei mezzi di trasporto (non auto), nei prodotti innovativi per ledilizia e nella chimica-farmaceutica. Lexport sfata i luoghi comuni sbandierati dalla propaganda declinista ma anche il turismo vede aumentare lafflusso di stranieri. Siamo la meta preferita per i visitatori da Cina, Giappone e Brasile, siamo alla pari con la Gran Bretagna per la provenienza dagli Stati Uniti e secondi per arrivi da Canada, Sudafrica, Australia e Russia. Non siamo, dunque, una nazione di macerie e cittadini rassegnati sostengono Realacci e Dardanello sappiamo competere e abbiamo una grande vocazione nazionale, la qualit. Sul piano delle proposte il manifesto chiede di ripartire dal nostro irripetibile ecosistema produttivo con una politica industriale che faccia perno sulla valorizzazione della manifattura, del turismo, della cultura e dellagricoltura. Vedremo che discussione si aprir attorno al testo e quali firme si aggiungeranno e se decoller lidea di un nuovo patriottismo economico. Finora questo termine stato utilizzato nella ricorrenti querelle sullitalianit delle grandi imprese e nel 2005 proprio sul Corriere Tommaso Padoa-Schioppa diede vita a un ampio dibattito in materia. Il patriottismo di Oltre la crisi differente, guarda non tanto alla nazionalit dei capitali ma riporta in primo piano lItalia-comunit e contiene unidea di coesione sociale/nazionale che va al di l della salvaguardia delle tutele sindacali e di welfare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA Per la legge di Stabilit, che il Consiglio dei ministri approver domani, il rush finale sulla Service tax che da gennaio sostituir Imu e Tarsi. Il nodo laliquota massima che secondo anticipazioni dovrebbe essere del 3 per mille o 30 centesimi di euro al metro quadro. Limpegno della maggioranza, gi indicato nel decreto che abolisce la prima rata dellImu, che la somma delle imposte tra patrimonio, servizi e rifiuti, non superi lattuale tetto massimo dellImu cio 7,6 per mille per le prime case e Il tweet 10,6 per le altre. Altro punto importante da definire in queste ore la struttura del cuneo fiscale (il cuore della manovra) a favore delle aziende: secondo indiscrezioni non dovrebbe essere a pioggia per tutte ma solo per quelle che investono o assumono. Poi c lipotesi di una nuova aliquota Iva al 7%, possibili tagli drastici alla sanit e un disegno di legge di accompagnamento sul consumo dei suoli. Anche ieri continuata la rumba delle voci sui contenuti della legge di Stabilit, facendo irritare il premier Enrico Letta. In attesa che la struttura finale prenda forma, si parla di una manovra sul 2014 da 12-15 miliardi. Al momento viene

ipotizzato un taglio del cuneo fiscale a favore di imprese e lavoratori per 5 miliardi nel 2014 e altrettanti nel biennio successivo. Per evitare la frantumazione mensile probabile che per i dipendenti ci sia un unico intervento nella busta paga di aprile per un totale medio di circa 200-250 euro per redditi fino a 55 mila euro lanno lordi. Per le imprese (2,5 miliardi) ci dovrebbero essere riduzioni Ires e Irap solo per quelle virtuose cio che investono o assumo-

no. Il tanto contestato aumento dal 21 al 22% dellIva (che porta lItalia ai vertici della classifica di Eurolandia) potrebbe rientrate nellambito di una rivisitazione delle attuali tre aliquote (4, 10 e 22%) con la creazione di una quarta al 7% nella quale far confluire alcuni beni al 4 e al 10%. Sul fronte lavoro ci sar , oltre al finanziamento della cassa integrazione normale e in deroga, un rafforzamento degli ammortizzatori sociali come la nuova Aspi (indennit di disoccupazione) e una

serie di interventi cacciavite per stimolare la crescita economica come la deducibilit del costo del lavoro ai fini Irap, una revisione dei contributi Inail per premiare le aziende pi sicure, la possibilit di emettere mini-bond per finanziare le Pmi. Altri capitoli prevedono un allentamento del patto di stabilit interno legando questa possibilit proprio allarrivo della nuova Service tax i cui proventi andranno tutti in tasca ai Comuni. Poi ci sono le privatizzazioni degli immobili pubblici e la spending review che tra poco passer sotto la guida dellex chief economist fiscale del Fondo monetario internazionale Carlo Cottarelli. Atteso anche un disegno di legge sul consumo del suolo gi varato dal Consiglio dei ministri del 15 giugno ma mai arrivato in Parlamento per le resistenze opposte dalle Regioni. Lobiettivo dare precedenza alla demolizione e ricostruzione e non alle nuove costruzioni. In questa direzione pure le norme proposte dal ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato, e che potrebbero finire in un collegato, a partire dalla possibilit per il Gse (Gestore servizi energetici) di emettere obbligazioni fino a 2 miliardi lanno da portare a sconto nella bolletta energetica delle aziende.

Irap, sgravi per le imprese

Banche, nuove deduzioni

Regioni, scontro sui tagli

Roberto Bagnoli
RIPRODUZIONE RISERVATA

Retroscena Oggi Saccomanni alla riunione dellEurogruppo

I paletti di Bruxelles sul 3% Ma investimenti pi flessibili


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

Imu, il nodo della rata

BRUXELLES Tornano gli esami di maturit, come al liceo: una specie di prova della verit. Domani, in Italia, il governo presenta il suo disegno di legge di Stabilit, lex legge finanziaria, inevitabilmente sotto gli occhi dellEuropa. Accade in tutti i Paesi: ognuno ha le sue paure di bocciatura, le sue speranze, le sue richieste da fare in seguito alla Ue. Nel caso dellItalia, appena uscita dalla procedura di infrazione per leccessivo deficit pubblico, le previsioni disegnano una manovra finanziaria da 10-12 miliardi. Enrico Letta smentisce le tante indiscrezioni circolate finora, ma qualcuno parla ugualmente di una possibile modifica ai patti locali di stabilit, per restituire un po di fiato ai Comuni pi sotto pressione, allentare i loro vincoli di bilancio. E in prospettiva, si riaffaccia anche lipotesi di chiedere alla Ue lapplicazione di una qualche forma di golden rule: lesclusione dal calcolo del deficit pubblico di alcuni investimenti produttivi, di cui la stessa Ue sia beneficiaria e anche cofinanziatrice. Secondo calcoli approssimativi, Roma potrebbe cos beneficiare di uno sconto pari allo 0,4%-0,5% del Prodotto interno lordo, qualcosa come 8 miliardi da utilizzare solo nel prossimo anno. C sempre un oppositore dichiarato, la Germania, che sembra riecheggiare il celebre lamento di Tot: E io pago.... Ma lidea continua lo stesso a circolare, e la golden rule ha i suoi sostenitori in vari Paesi. Anche perch la cronaca sta gi offrendo qualche esempio di possibile applicazione dellipotesi, purtroppo assai cupo: i costi delloperazione aeronavale di salvataggio

dei profughi nel Mediterraneo, secondo il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, potrebbero essere sostenuti dallItalia ma contabilizzati fuori dal nostro patto di Stabilit. E anche un piano contro il dissesto idrogeologico nel Nordest, evocato durante le commemorazioni delle vittime del Vajont, potrebbe fornire qualche appiglio. Nel frattempo, oggi a Lussemburgo si riuniscono nellEurogruppo i ministri finanziari della zona

Il patto di Stabilit Ue
La regola Il limite del 3% del deficit sul Pil una delle regole decise a livello europeo per un riequilibrio dei conti pubblici dei diversi Stati. In base al patto di Stabilit e crescita, tra i vincoli da rispettare (o su cui convergere) c anche un rapporto del 60% tra debito e Prodotto interno lordo. I bilanci in attivo Tra i grandi Paesi europei, solo la Germania dovrebbe chiudere il 2013, in base alle stime, con un avanzo di bilancio, corrispondente allo 0,3% del Pil. Il Paese al centro dellEuropa aiutato dai bassissimi tassi dinteresse sul proprio debito, con un costo di finanziamento decisamente inferiore a quello di tanti altri Stati, tra cui lItalia. ... e quelli in rosso Sul versante dei conti pubblici con il segno meno oltre allItalia che ha un deficit vicino al 3% del Pil ci sono per esempio la Francia (4,2%) e la Spagna (-7,3%). I due Paesi, per, hanno un debito (in rapporto al Pil) pi contenuto rispetto allItalia.

euro, con Roma rappresentata da Fabrizio Saccomanni, e questo sar una sorta di pre-esame di maturit. Proprio lattuale presidente dellEurogruppo, il ministro delle Finanze olandese Jeroen Dijsselbloem, ha disertato laltro ieri una riunione del Fondo monetario internazionale a Washington: ha dovuto restare allAja per seguire la trattativa su una manovra finanziaria da 6 miliardi, tesa a riportare il deficit sotto il limite fissato dalla Ue, il 3% del Pil. Quanto allItalia, il suo deficit sta oggi al 3,1%. Sar arduo negoziare su questo con Bruxelles: le ultime raccomandazioni Ue prevedevano in giugno un deficit italiano al 2,9% per il 2013 e al 2,5% nel 2014 (1,8%, ha promesso invece Roma). Se si sfora ancora sul deficit, a marzo pu tornare la procedura di infrazione: brutta sospensione dalla scuola comune europea, se non proprio la bocciatura. Infine, ci sono altre cose che chiede la Ue: per esempio di potenziare il quadro giuridico relativo alla repressione della corruzione, i cui costi sono stimati al 4% del Pil; quella stessa corruzione che rappresenta una seria preoccupazione, una severa minaccia al potenziale per la ripresa economica. Per Bruxelles la legge anticorruzione del novembre 2012 richiede unazione di completamento e la repressione del fenomeno pu essere ulteriormente accentuata (eufemismi del linguaggio diplomatico Ue, ndr). In tutto ci, non c golden rule che tenga, e non basta neppure allentare i vincoli sul deficit: ma la Ue chiede, e non tanto sottovoce, che il nostro concetto di stabilit e crescita significhi anche questo.

Service tax, chi la paga

Lavoro, i fondi in arrivo

Sprechi, i conti sotto la lente


ILLUSTRAZIONI DI ROBERTO PIROLA

Luigi Offeddu
loffeddu@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Primo Piano

9
#

Per il taglio al cuneo fiscale tasse e contributi sul lavoro il governo potrebbe mettere sul piatto in tutto 5 miliardi. Il taglio al cuneo potrebbe concretizzarsi per i lavoratori dipendenti sotto i 55.000 euro di reddito (dove si azzerano le detrazioni) in 200-300 euro in pi in busta paga.

Enti locali Lintervento vale circa 2 miliardi. Le tipologie di spesa allesame della Ragioneria dello Stato

Vincoli pi leggeri ai Comuni virtuosi


Si studia un allentamento del patto di stabilit interno per gli investimenti
ROMA Giornali a caccia di indiscrezioni spacciate per fatti su Legge Stabilit. Invito a leggere testo vero del Cdm marted. Il resto solo caos.... Di solito Enrico Letta non corregge i quotidiani. Le imprecisioni, o le ipotesi sbagliate, vengono tollerate. Ieri pomeriggio no: poco dopo le cinque, il presidente del Consiglio ha ceduto ad un attimo di scoramento e postato questo tweet. Un messaggio rivolto ai media, ma anche a tutti coloro che in queste ore, anche dentro il governo, lasciano trapelare ipotesi e indiscrezioni (evidentemente anche scorrette) sulle bozze della legge di Stabilit che il governo dovrebbe adottare domani. Ieri il premier stato quasi interamente al lavoro sulla preparazione del provvedimento. Ha avuto contatti con il ministro dellEconomia Saccomanni e con altri membri dellesecutivo: quella di domani nella mente del capo del governo una manovra che dovr servire a stimolare la crescita interna, agganciare la ripresa gi in atto nel resto della Ue, stabilizzare infine la maggioranza, ed eventualmente rilanciarla, intorno ad obiettivi condivisi. Nelle prossime ore Letta torner a sentire anche sindacati e imprese, per arrivare ad un punto di equilibrio che coinvolga non solo la maggioranza parlamentare. Le ultime indiscrezioni sul provvedimento (se corrette) accontenterebbero i sindacati nel definire maggiore il taglio del cuneo fiscale per i lavoratori, piuttosto che per le imprese, ma al contempo lentit complessiva dellintervento, spalmato su tre anni, non dovrebbe essere lontano da quei 10 miliardi chiesti a gran voce da Confindustria. Si fa sempre pi insistente infine la possibilit di un intervento corposo, intorno ai 2 miliardi di euro, sul patto di stabilit interno: un allentamento dei vincoli di bilancio per gli enti locali, che da due anni lamentano di non

Tra le ipotesi sul tavolo c il rafforzamento degli sgravi Irap legati al costo del lavoro e alle assunzioni a tempo indeterminato. Sul tavolo ci sarebbero anche nuovi bonus per chi assume giovani svantaggiati da finanziare con i fondi strutturali europei. La disoccupazione, in Italia, viaggia intorno al 12%.

Gli enti virtuosi


Verbania Stresa Ivrea Fossano

Livigno

Provincia di Lodi Jesolo

Provincia di Vicenza

Provincia di Bari

I Comuni virtuosi Abano Terme Peschiera del Garda Capri

Provincia di Sondrio Sanremo Colico Varazze Rapallo Chiavari Sestri Levante Brescia

143
su

possibile che cambi il regime fiscale delle perdite su crediti per le banche. Ad oggi possono essere portate in deduzione dalle tasse in 18 anni, mentre incidono in un solo anno sul bilancio civilistico. Sul tavolo del governo ci sarebbe per lipotesi di ridurre a 5 gli anni per esaurire le detrazioni, scaricando dal reddito un quinto delle perdite ogni anno. Gi si annuncia lo scontro, in particolare con le Regioni perch la manovra finanziaria che per il solo 2014 dovrebbe valere 12-15 miliardi dovrebbe essere fatta per i due terzi di tagli alla spesa. E nel mirino ci sarebbero appunto le Regioni, oltre ai vari ministeri, compresa la voce della sanit.

San Gimignano Cortina dAmpezzo Serravalle Pistoiese

8.095
Fonte: Ministero del Tesoro ultimi dati disponibili

potere spendere nemmeno soldi che hanno in cassa, finalizzato alle spese per investimenti produttivi, ovviamente tenuti fermi i vincoli di bilancio che derivano dal patto di stabilit europeo. Le tipologia di spese per investimenti che verranno liberate sono in queste ore oggetto di confronto con Saccomanni e la Ragioneria generale

dello Stato. Oltre al lavoro sulle misure economiche, ieri Letta ha anche sentito i vertici delle nostre forze armate, il ministro della Difesa, Mario Mauro. Oggi pomeriggio infatti, a Palazzo Chigi, si terr un vertice per definire i dettagli della missione militare umanitaria nel Mediterraneo, annunciata due giorni

fa. Alla riunione parteciperanno i ministri degli Esteri, della Difesa e degli Interni. Ieri lagenzia Standard & Poors ha promosso la fiducia ottenuta due settimane fa dal governo, ma ha avvertito che in Italia molto resta da fare in termini di riforme e rilancio delleconomia. Il giudizio stato espresso dal

Lagenzia di rating

Resta in sospeso labolizione della seconda rata dellImu per le prime case: da individuare le coperture. Inoltre, unipotesi di accordo tra Stato e Comuni potrebbe prevedere un minor alleggerimento del conto ai primi cittadini per il passaggio dallImu alla Service tax, cercando per di azzerare i tagli ai trasferimenti che stanno adesso pesando. Per quanto riguarda il capitolo della Service tax, limposta che dovrebbe rimpiazzare lImu, si ragiona ancora sulle due componenti: quella patrimoniale e quella di servizio. Vale a dire: come distribuire la tassa tra i proprietari degli immobili e chi ne usufruisce (gli affittuari).

S&P avverte: Italia, bene la governabilit adesso le scelte

MILANO Il fatto che il governo italiano sia rimasto al suo posto un aspetto da apprezzare, ma questo non risolve i problemi del Paese. Lo afferma Moritz Kraemer, direttore generale e responsabile dei rating sovrani di Standard & Poors per lEuropa, il Medio Oriente e lAfrica, in occasione di un seminario svoltosi a margine dei lavori del Fondo monetario internazionale a Washington. Kraemer precisa che in Italia resta ancora da fare e ci sono rischi al ribasso. Quanto allEuropa prosegue Kraemer la crisi non ancora finita: leconomia ancora lontana dai livelli pre crisi, e con la disoccupazione alta, soprattutto fra i giovani, c il rischio di una generazione persa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

responsabile per i rating sovrani di Europa e Medio Oriente dellagenzia di classificazione, Moritz Kraemer, in occasione di un seminario svoltosi a margine dei lavori del Fondo monetario internazionale a Washington. Il fatto che il governo sia rimasto al suo posto, ha osservato leconomista, apprezzabile, ma da solo non risolve i problemi del Paese, per il quale restano rischi al ribasso, nonostante la situazione si stia un p stabilizzando. Domani mattina Letta sar ad Ancona, dove presieder un vertice intergovernativo con la Serbia. Nel pomeriggio, in Cdm, ci sar il rush finale sulla legge di Stabilit. Mercoled invece il premier arriver a Washington, dove il giorno dopo vedr il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama e parler a una platea selezionata della Brookings Institution.

Marco Galluzzo

mgalluzzo@rcs.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Via Nazionale Gli esperti hanno concluso le loro analisi, entro pochi giorni lautovalutazione dellistituto

Ecco quanto vale la Banca dItalia: per i soci un tesoro di 5-7 miliardi
DALLA NOSTRA INVIATA

Tra le voci per ridurre il cuneo fiscale il governo sta anche vagliando una revisione dei premi Inail pagati dalle imprese. Non si tratterebbe per di una riduzione, bens di un riequilibrio. Alcuni fondi, poi, dovrebbero essere destinati al rifinanziamento della cassa integrazione in deroga. Nei primi nove mesi dellanno sono circa 790 milioni le ore autorizzate di cig. Una delle misure sul tavolo poi il contenimento della spesa pubblica, agendo sugli sprechi. Tra gli obiettivi della norma c il rispetto, sul lungo periodo, dei parametri di spesa chiesti dallEuropa, come il rapporto tra deficit e Prodotto interno lordo. Su questo versante entra in gioco la spending review, vale a dire la revisione della spesa pubblica.

WASHINGTON Il lavoro dei saggi chiamati dal governatore Ignazio Visco pressoch finito. Cos la Banca dItalia si appresta a consegnare lo far nei prossimi giorni al ministro dellEconomia, Fabrizio Saccomanni, i risultati dellapprofondimento sul riassetto patrimoniale dellIstituto, rispondendo in primo luogo allinterrogativo sul valore del suo capitale. Quanto vale la Banca dItalia? Stabilirlo importante per dare un profilo definitivo alla banca centrale, ma negli ultimi tempi sembra

Le principali quote

Intesa Sanpaolo primo azionista al 30%

1 2 3

Intesa Sanpaolo il pi grande azionista della Banca dItalia, con circa il 30% del capitale, frutto della somma delle quote delle diverse banche che, nel tempo, sono entrate nel gruppo.

Il gettito Le rivalutazioni potrebbero far incassare allErario un maggiore introito tra 700 milioni e un miliardo
esserlo diventato ancora di pi. Per due motivi: perch le banche per cos dire azioniste, quelle che partecipano al capitale, aspettano di rivalutare la loro quota (qualcuna lo ha gi fatto di sua iniziativa) per rafforzare con essa anche il patrimonio in vista dellentrata in vigore dei pi severi requisiti di Basilea3. E poi perch tali rivalutazioni potrebbero fare incassare allErario, sotto forma dimposte straordinarie, risorse preziose per varare le misure necessarie in attesa nella lista del governo Letta. Non stupisce che in questa prospettiva siano stati formulate ipotesi e conteggi generosi, fino a 20-25 miliardi. Valori che farebbe-

A Unicredit il 22% delle quote totali


In seconda posizione con il 22% c Unicredit. La banca ha in portafoglio 66.342 delle 300 mila quote che rappresentano il capitale dellistituto di Palazzo Koch.

Assicurazioni, banche e Inps: gli altri soci di rilievo


Seguono nella lista dei principali azionisti le Assicurazioni Generali, la Cassa di Risparmio di Bologna, lInps, la Carige (Cassa di Risparmio di Genova e Imperia) e la Banca Nazionale del Lavoro

ro affluire nelle casse dello Stato, come ha per esempio ipotizzato il presidente dei deputati del Pdl, Renato Brunetta, circa 5 miliardi. Le cose per stanno diversamente. Lautovalutazione della Banca dItalia, al netto di tutte le attivit legate alla sua appartenenza al sistema delle banche centrali, sarebbe infatti lontana da tali cifre, non superando i 7 miliardi ma fermandosi su un range tra 5 e 7 miliardi. Utilizzando la stessa percentuale di prelievo fiscale leventuale gettito si fermerebbe in questo caso ben al di sotto del miliardo di euro, al massimo sui 700 milioni di euro. Senza contare che ancora tutto da verificare il comportamento delle banche interessate. Gli istituti che hanno meno urgenza di rimpinguare il patrimonio potrebbero non avere fretta nel conteggiare le rivalutazioni

Roma La Banca dItalia (sopra la sede in via Nazionale a Roma) la banca centrale della Repubblica italiana. un istituto di diritto pubbli che costituisce uno dei soggetti del Sebc, Sistema europeo delle banche centrali

che porterebbero con se lindesiderato obbligo di pagare pi tasse. Potrebbero benissimo rinviare. Il tema, un tema caldo, e anche a Washington dove a latere dellassemblea del Fondo monetario si sono svolti seminari, dibattiti e incontri tra banchieri e investitori, se ne parlato. Anche se non sembra che i tempi di una decisione possano essere brevi, pur in presenza di una cifra pi precisa sul valore della nostra banca centrale, che risale al 1936, finora ancorata alla simbolica somma di 156 mila euro, suddivisi in 300 mila quote di partecipazione nominative di 0,52 euro ciascuna. Il principale azionista, se cos si pu chiamare Intesa Sanpaolo con 91.035 quote, seguito da Unicredit con 66.342 quote. Lultimo Veneto Banca con 480 quote. C infatti, innanzitutto, bisogno di una legge per regolare lintera materia, non fosse altro che per abrogare le norme mai attuate perch definite quasi unanimemente impraticabili, della legge sul risparmio del dicembre 2005. In questo ambito vanno poi definite le caratteristiche di trasferibilit, di possesso e di poteri dei partecipanti al capitale che non possono in alcun modo intervenire nella gestione delle materie istituzionali, dalla politica monetaria alla Vigilanza. Caratteristiche che devono in primo luogo garantire la stabilit e lindipendenza della Banca. Per venire al tema pi dattualit relativo allaumento di gettito fiscale per lo Stato, non poi ancora chiaro, ed da definire, il regime fiscale delle rivalutazioni delle quote in possesso delle banche. Insomma anche ipotizzando tempi di decisione rapidissimi le nuove eventuali risorse provenienti dalla rivalutazione del capitale di Bankitalia, non potrebbero arrivare nel 2013, magari per finanziare la cancellazione della seconda rata dellImu.

Stefania Tamburello
RIPRODUZIONE RISERVATA

10

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

see more & shop at www.adddown.it

Sono fortunata perch il mio lavoro pu essere chiuso in una valigia e portato ovunque. Olimpia, illustratrice, Cappotto Hill

People in Town

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Primo Piano 11

La compagnia I soci

Alitalia non la Cenerentola di Air France


Oggi laumento di capitale da 300 milioni. In bilico ladesione del partner francese
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

PARIGI Nellassemblea straordinaria di oggi i soci Alitalia dovrebbero varare laumento di capitale da 300 milioni di euro che nel piano messo a punto con il governo venerd si accompagna a 200 milioni di nuove linee di credito. Ma tutto ancora da stabilire quanto al peso dei diversi azionisti, soprattutto per quanto riguarda il ruolo cruciale di Air France-Klm. Nelle ultime ore continuato il braccio di ferro tra Roma e Parigi e ieri il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi ha ribadito lesigenza italiana di non svendere la compagnia e il suo importante bacino di clienti. Alitalia non pu fare la Cenerentola, un pilastro fondamentale dellalleanza con Air France-Klm dice Lupi . In questa alleanza ci devono essere Parigi, Roma e Amsterdam. Questo il lavoro che dobbiamo fare, mentre lazienda dovr risanare, fare un nuovo piano industriale e cercare le sinergie industriali. Da una parte, Air FranceKlm esita a mettere i soldi nel piano di salvataggio che pure venerd ha votato, perch prima vorrebbe garanzie su cambio di management e di piano industriale (niente nuovi voli a lungo raggio e rinuncia al-

La vicenda
Laumento di capitale Le perdite della compagnia Alitalia hanno portato la societ a dover prevedere un aumento di capitale. Lipotesi di un rafforzamento patrimoniale di 300 milioni ai quali si dovrebbe aggiungere un prestito di 200 milioni di euro Lassemblea dei soci Oggi in programma lassemblea dei soci Alitalia, che avranno 30 giorni di tempo per decidere se e come sottoscrivere laumento di capitale. Attualmente il primo socio Air France-Klm con circa il 25% del capitale Gli accordi del 2008 Gli accordi presi dagli azionisti nel 2008, quando la ex compagnia di bandiera venne privatizzata, prevedevano per i soci il vincolo di non vendere le azioni prima di un periodo di 5 anni, che scaduto nel 2013. Per sottoscrivere laumento di capitale Air France ha chiesto di cambiare strategia: No a nuovi collegamenti a medio-lungo raggio e a comprare altri aerei

946
milioni di euro Lindebitamento netto di Alitalia. Il risultato netto di -294 milioni rispetto a -201 milioni dellanalogo periodo 2012

Parigi Alexandre de Juniac, 50 anni, presidente e direttore generale di Air France-Klm

1,6
miliardi di euro I ricavi totali di Alitalia nel primo semestre 2013, in calo del 4% rispetto a giugno 2012. LEbit -198 milioni

lacquisto di nuovi aerei). Dallaltro, il governo italiano teme che Air France-Klm approfitti della difficile situazione di Alitalia ponendo condizioni sempre pi dure , con lobiettivo di incorporarla a basso prezzo e

usarla poi solo nelle rotte a corto raggio, alimentando i propri hub di Parigi Charles de Gaulle e Amsterdam Schipol. Per questo ieri il ministro Lupi ha parlato del vincolo che obbliga per ora Alitalia a

privilegiare Air France-Klm come partner straniero: Mi auguro che Air France faccia laumento di capitale, altrimenti passerebbe dallattuale 25% al 10-11% e non potrebbe pi esercitare i vincoli del pat-

to parasociale. A quel punto noi lavoreremmo per individuare altri partner internazionali. Se Air France-Klm non pagher i 75 milioni necessari per restare in Alitalia al 25%, la sua quota verr diluita e perder il diritto di veto. Pochi giorni fa il presidente Alexandre de Juniac ricordava che Air France ora salva ma ha rischiato di morire, e non detto che sia in grado di partecipare al salvataggio di unaltra compagnia. Varato il piano nellassemblea di oggi, i soci avranno poi 30 giorni per decidere con quale quota partecipare allaumento di capitale. Air France-Klm sembra determinata a usare tutto il tempo a sua disposizione.

Stefano Montefiori @Stef_Montefiori


RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

cartier.it - 02 30 26 748

L'analisi
True love has a colour and a name

VISCO: COS LA NUOVA LOTTA ALLA POVERT DELLA BANCA MONDIALE


di STEFANIA TAMBURELLO
Un miliardo di persone, di cui 400 milioni di bambini. Sono ancora tantissimi i poveri del mondo, quelli che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno. A loro guarda la Banca Mondiale che si posta lobiettivo di azzerare la povert entro il 2030 e di farla scendere al di sotto del 10% entro il 2020, cio da un miliardo a poche centinaia di migliaia di persone, oltre che di promuovere la distribuzione della prosperit, e che proprio in questi giorni a Washington ha illustrato la sua nuova strategia, frutto della prima riorganizzazione dopo ventanni. Una strategia che ha ricevuto il pieno appoggio del governatore della Banca dItalia Ignazio Visco, nel suo intervento al Development Committee. Si tratta di un primo importante passo nel raggiungere il duplice obiettivo di mettere fine alla povert estrema e promuovere una prosperit condivisa, ha detto Visco, spiegando che il nuovo Le cifre piano delineato dal presidente della Banca Un miliardo di persone in difficolt, Mondiale, Jim Yong Kim che si fonda sulla di cui 400 milioni di suddivisione in 14 aree bambini invece che in fondi e interventi Paese per Paese , il primo realizzato per rendere listituto pi efficiente e che dovr essere finanziato senza chiedere un nuovo aumento di capitale e mantenendo un profilo di rischio prudente. La nuova strategia unopportunit di ripensare il bilancio fra il desiderio di rispondere alle domande dei Paesi e la necessit di offrire servizi di qualit superiore per lo sviluppo. Lobiettivo di sconfiggere la povert secondo Visco raggiungibile ma solo con una strategia che si basi su progetti accuratamente selezionati, ispirati a bisogni specifici e in linea coi piani di sviluppo del Paese. La scarsa selettivit negli interventi del passato ha provocato negli anni recenti una riduzione dei volumi dei prestiti concessi e un declino della qualit dei progetti.

12

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Esteri
Conto alla rovescia Il partito repubblicano ostaggio del Tea Party

Default, la destra si spacca Accuse ai gruppi radicali


McCain e altri danno voce allinsofferenza
DAL NOSTRO INVIATO

WASHINGTON Sono molto preoccupato per il destino del partito repubblicano. Se continuiamo cos rischiamo di avere con noi solo i nostri parenti e i dipendenti che paghiamo. E la prima volta che vedo senatori del mio partito che raccolgono fondi e fanno campagne pubblicitarie per attaccare altri senatori repubblicani in carica. Meno tre. Mancano tre giorni alla temuta Apocalisse fiscale americana: da gioved il Tesoro non avr pi un soldo. Ma al Congresso la situazione resta bloccata. Coi conservatori della Camera che hanno smesso di negoziare con la Casa Bianca (salvo un isolato tentativo di Paul Ryan) e le residue speranze di sbloccare la situazione affidate ai colloqui Reid-McConnell (i capi dei due partiti al Senato), John McCain, un leader della destra sempre coraggioso, esce allo scoperto contro i Tea Party e il loro condottiero pi estremo: quel Ted Cruz che disposto a portare lAmerica al default, anche se questo provocher danni economici enormi, se Obama non rinuncia alla sua riforma sanitaria.

Piano inclinato

La scadenza e i rischi

1 2 3

Entro gioved il Congresso deve trovare unintesa sul debito o scatter il rischio default: il governo non potr pagare gli interessi sul debito pubblico

I mercati finanziari
Il primo effetto sarebbe un crollo dei mercati, gi prima del 31 ottobre, prossima scadenza degli interessi sui bond

Il welfare e leconomia
Il governo non sarebbe pi in grado di finanziare il welfare. Leconomia quasi di certo entrerebbe in una forte recessione

Rispetto Cruz, ma noi repubblicani dobbiamo decidere se seguire lui o prendere unaltra direzione per cercare di conquistare la maggioranza degli americani incalza McCain. E la sua non una voce isolata. Molti altri dei suoi, anche solidamente ancorati a destra, da Karl Rove a John Sununu, passando per lex governatore del Mississippi, Haley Barbour, non nascondono pi la loro insofferenza per la pattuglia radicale che lo dice Obama ma lo pensano anche molti conservatori ha preso in ostaggio la destra. Finita in quello che pare un vicolo cieco: i sondaggi segnalano una profonda rabbia degli americani nei confronti di tutto il sistema politico, ma limputato numero uno il partito repubblicano. La petizione lanciata da Starbucks per chiedere la riapertura immediata del governo ha gi raccolto pi di un milione di firme. E i lobbisti delle imprese che in genere aiutano soprattutto i repubblicani, considerati il partito pro business cominciano a mobilitarsi proprio contro la destra integralista che, dicono, rischia di mettere alle corde leconomia Usa.

Grand Old Party Da sinistra il deputato del Wisconsin Paul Ryan, 43 anni, candidato alla vicepresidenza nel 2012, e il senatore del Texas Ted Cruz, 42 anni

Nonostante ci i moderati di destra al Congresso continuano a muoversi come se avessero il freno a mano tirato. Perch? Perch in pochi anni la rappresentanza parlamentare dei conservatori ha subito una vera trasformazione genetica a causa di due meccanismi: il ridisegno dei confini di molti collegi elettorali in modo da renderli pi politicamente omogenei e il via libera della Corte Suprema al finanziamento illimitato (e senza alcun obbligo di rendiconto) di qualunque campagna politica, anche se disegnata per influenzare le elezioni. Si pensava che tutto questo sarebbe servito ai repub-

blicani per prendersi una rivincita. Invece le elezioni di un anno fa le hanno vinte i democratici, lasciando la destra a fare i conti con un meccanismo perverso nel quale la rielezione di un deputato repubblicano non si decide pi il giorno delle elezioni (se il collegio molto conservatore, il democratico non ha

Meno tre giorni Mancano tre giorni alla Apocalisse fiscale: da gioved il Tesoro non avr pi un soldo

comunque chance) ma nelle primarie dove a votare sono soprattutto i cittadini pi ideologizzati e un candidato di ultradestra ben finanziato pu facilmente spuntarla su un deputato uscente moderato, sottoposto a un bombardamento di spot in tv che lo dipingono come un servo dei democratici. E questa la barbarie politica di cui parla McCain. La scopre oggi, ma arriva da lontano: negli ultimi tre anni sono cambiati la met dei 232 repubblicani eletti alla Camera. Tra i nuovi soprattutto integralisti dei Tea Party ma anche cittadini concessionari dauto, contadini, un boscaiolo senza

alcuna esperienza politica. Le loro discussioni avvengono in quelli che sono stati soprannominati i Chick-fil-A Caucus: riunioni durante le quali vengono serviti i panini della catena di fast food conservatori (quelli dellimpegno contro i matrimoni gay). Difficile smontare adesso questo meccanismo: quando, giorni fa, i parlamentari di destra hanno processato a porte chiuse Ted Cruz, gli hanno anche chiesto di smettere di usare i fondi dei suoi finanziatori per attaccare i compagni di partito. La risposta stata un no secco.

Massimo Gaggi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Esteri 13
#

Il caso Il miliardario britannico possiede un atollo caraibico. La spiegazione ufficiale: Vado per motivi di salute

Siria

Branson, un Robinson fiscale Si rifugiato nella sua isoletta


Per sfuggire alle tasse inglesi risieder nelle Virgin Islands
Limpero
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

Le attivit Il Gruppo Virgin stato fondato nel 1970 dallimprenditore britannico Richard Branson. Oggi comprende oltre 200 societ sparse in tutto il mondo e attive in diversi campi: viaggi, musica, radio, cosmetica, libri, intrattenimento, telefonia, Internet, servizi finanziari I numeri Il quartier generale dellimpero si trova a Londra. Virgin Group conta circa 50 mila dipendenti, a settembre 2008 il valore netto del gruppo superava i 5 miliardi di sterline (pari a circa 6 miliardi di euro) Il patron Sir Branson al numero 19 della classifica dei ricchi stilata dal Sunday Times. Presto si trasferir stabilmente a Necker Island

LONDRA Ha battuto la ritirata alla chetichella lasciandosi alle spalle il Surrey natio e ladorato Oxfordshire del buon riposo. Richard Branson stufo di pagare una valanga di tasse e allora senza tanto dare nellocchio, questo lui sperava, ha venduto le ville di campagna e la casa londinese affacciata su Holland Park per trasferirsi nei Caraibi in un paradiso fiscale che conosce molto bene visto che Necker Island un piccolo puntino (ma quanto basta per viverci e divertirsi) delle British Virgin Islands di sua stessa propriet. Almeno l, dove ha stabilito il quartiere generale del Virgin Group, non avr alle calcagna i cattivi segugi delle imposte che lo martellano.

Goodbye Sir Richard Branson, 63 anni, a Dubai (Steve Bell/Olycom)

Times gli accredita. Richard Branson non ha violato la legge. Non ha evaso. Non ha eluso. Ha versato ci che cera da versare. Lui e le sue 200 societ che hanno in portafoglio attivit finanziarie, turistiche, immobiliari sono in perfetta regola. Ma probabilmente il peso dei tributi divenuto troppo pesante. Quindi: addio Gran Bretagna. Il cervello e il cuore dellimpero Virgin vanno ai Caraibi, nellisola Necker dove pure William, Kate e Harry sono stati ospiti. Paradiso della natura e del Fisco. Oddio, un paio di anni fa fu devastata da un incendio e la mamma di Richard Branson, novantenne, ne usc per miracolo solo perch lattrice Kate Winslet riusc a salvarla. Necker Island stata ripulita, risistemata ed rifiorita. Richard Branson un uomo dalle mille virt. Nella vita ha compiuto capriole invidiabili e fantastiche. Non era uno studente modello, anzi era un asino, tanto che a 16 anni abbandon la scuola. Ma, adolescente, si invent prima editore di un giornale per ragazzi, poi discografico e il successo, merito suo, esclusivamente suo, gli arriv in fretta. E cos passo dopo passo, privo di qualsiasi titolo accademico, ha scalato le gerarchie sociali, industriali e finanziarie, con un invidia-

Sequestrati dai ribelli 7 operatori della Croce Rossa


Un convoglio della Croce Rossa internazionale (Icrc) stato attaccato ieri mattina nel Nord della Siria da una banda armata che ha aperto il fuoco e rapito sette persone. Uno un volontario locale della Mezzaluna Rossa, il ramo musulmano della Icrc, sei sono operatori dellorganismo internazionale. La notizia, diramata dai media siriani senza altri dettagli, stata confermata da Ginevra. La Farnesina ha fatto sapere che tra i rapiti non risultano italiani mentre lagenzia umanitaria non ha precisato nazionalit e nomi, limitandosi a rivolgere un appello per limmediato e incondizionato rilascio dei sette colleghi che come tutto lo staff della Icrc offre unassistenza umanitaria instancabile e imparziale ad entrambe le parti anche in prima linea. La squadra, ha continuato la Icrc che conta gi 22 morti nel suo staff dallinizio della guerra, era stata a Idlib dove aveva portato materiale medico e fornito assistenza e stava tornando a Damasco. Le auto del convoglio, scomparse con i loro equipaggi, erano chiaramente contrassegnate con lemblema dellagenzia che non un simbolo religioso. La precisazione, scontata in apparenza, sembra rivelare il sospetto se non la certezza che i rapitori definiti dai media siriani terroristi siano da cercare tra le formazioni

Caraibi
Usa

ISOLE VERGINI BRITANNICHE

Necker Island

Fuoriclasse A 16 anni Branson abbandon la scuola Il preside: O finisce in galera o diventa miliardario
bile bagaglio di fantasia, di coraggio e con il fiuto vero per il business. Bravissimo. Il preside dellistituto che frequentava aveva intuito le doti del soggetto: O finisce in galera o diventa miliardario. Eccentrico, mai fermo, appassionatissimo di sport estremi. Lultimo sogno dellimprenditore anticonformista sembra stravagante ma non lo . Si impuntato che il turismo spaziale , oltre che divertente, pure remunerativo. Ha messo in piedi una societ che porter nello spazio gente di tasca generosa. A passeggio fra le orbite a guardare lo spettacolo della terra. I voli-test sono andati alla perfezione e tra poco, salvo sorprese, il via. Con Richard Branson in persona a salutare Londra da lass, la citt che adora, dove torner perch comunque una qualche casetta a Kensington o Chelsea lavr conservata, ma che, causa fisco asfissiante, lo ha costretto allesilio nei Caraibi e nei cieli.

Mar dei Caraibi


C.D.S.

Il sessantatreenne simpatico numero 19 della lista dei contribuenti pi facoltosi fra i sudditi di Sua Maest, nonch uno dei 250 supermiliardari del pianeta (classifica di Forbes) ha riorganizzato la sua vita, il suo lavoro, i suoi affari e il Sunday Times lo ha pizzicato con un titolo in apertura di giornale che al passo col personaggio: addio Gran Bretagna, sono un esiliato per motivi fiscali. E sotto ha messo pure un bel fotone che lo ritrae con la bandiera in mano, pantaloni e giacca della Union Jack, immagine di un sorridente e vero patriota. Poi il colpo di grazia. Ma come? Non era proprio Richard Branson che qualche tempo fa dichiar il suo disgusto verso quei facoltosi signori che reclamano meno tasse? Gi. Richiesto da giornali e televisioni di un commento sulla revisione delle

aliquote pi alte rispose secco: Farebbe assai male il nostro cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, a intraprendere questa strada. Chi ha redditi e patrimoni elevati paghi il dovuto. E per Richard Branson furono applausi scroscianti. Qualcosa, per, deve essere cambiato nella sua testa e nelle sue convinzioni. la salute che costringe al trasferimento, ribatte ufficialmente. Ma, forse, il morso del fisco si fatto pi dolente sui quasi 4 miliardi di sterline di ricchezza personale che il

Fabio Cavalera @fcavalera


RIPRODUZIONE RISERVATA

Al largo Necker Island, Isole Vergini Britanniche (Afp)

Aiuti Un camion della Icrc

Il ricordo scomparso a 88 anni: fu il secondo a volare intorno alla Terra. Ma poi dovette lasciare la Nasa per contrasti

Scott Carpenter, pioniere (ribelle) dello spazio


Scott Carpenter tenne lAmerica con il fiato sospeso per 39 minuti e quellansia del 24 maggio 1962 riemersa ora che a 88 anni scomparso. Carpenter, pilota collaudatore della Marina, era il secondo astronauta della Nasa a volare intorno alla Terra dopo John Glenn, salito lass solo due mesi prima. Era linizio delle missioni umane nello spazio. I sovietici avevano spedito solo Yury Gagarin e German Titov. Molte erano le incognite che le prime navicelle riservavano agli intrepidi esploratori. A Carpenter le cose non andarono bene; anzi stavano per finire in tragedia e negli anni nessuno lo liber dallaccusa di non aver obbedito alla Nasa e di essere stato responsabile del quasi fallimento della sua spedizione. Lemozione e la paura dei difficili momenti stavano per mettere in discussione la grande sfida che il presidente Kennedy aveva lanciato lanno precedente per conquistare la Luna e ristabilire la supremazia perduta nei confronti di Mosca. La guerra fredda, ormai, si giocava soprattutto in orbita dopo il primo Sputnik del 1957. Carpenter faceva parte del primo gruppo di astronauti della Nasa. Di quei magnifici sette, come li chiamavano, ora sopravvive solo John Glenn. Nella seconda missione in orbita con la navicella Mercury-Aurora-7 lui venne scelto qualche settimana prima della partenza sostituendo Deke Slayton al quale scoprirono allultimo momento un difetto cardiaco sfuggito a tutte le selezioni. Deke divenne il capo della pattuglia astronautica e scelse come sostituto proprio Carpenter nonostante il disaccordo del direttore di volo Cris Kraft che lo giudicava impreparato, aggiungendo che non si impegnava abbastanza negli addestramenti. Ma il 24 maggio sal in orbita, rote per tre volte intorno alla Terra e poi inizi la manovra del rientro. Qui nascevano i guai. Il sistema automatico di controllo della Mercury non funzionava pi. Da solo doveva posizionare la capsula nel modo giusto e calcolare i tempi di accensione del

La polemica Fu accusato di non aver obbedito agli ordini e quindi di aver fatto quasi fallire la sua missione. Lui neg sempre

Lavventura in orbita
Il sorriso prima del volo Scott Carpenter, a sinistra, uno dei magnifici sette che inaugurarono la stagione della conquista dello spazio per gli Stati Uniti, nel 1962 fu lanciato in orbita intorno alla Terra Problemi Il 24 maggio la sua navicella comp tre giri intorno al nostro pianeta ma, al momento del rientro, il sistema automatico di guida and in panne. Per 39 minuti non si seppe nulla di Carpenter. La Nasa lo accus di non aver seguito le istruzioni e lui lasci lente spaziale

motore per consentire il ritorno. Loperazione si dimostr pi difficile del previsto. La navicella riusc a raggiungere il Mar dei Caraibi perch i radar lavevano seguita nel tuffo atmosferico. Ma non si sapeva dove, la voce di Carpenter era scomparsa, inutili i tentativi di ristabilire un contatto. Aerei e navi della US Navy si misero alla caccia e solo dopo 39 minuti i piloti di un velivolo avvistarono una macchia colorata di liquido che Carpenter aveva distribuito per rendersi pi visibile. Era finito 450 chilometri lontano dal punto di ammarraggio previsto. Poi arriv la portaerei Intrepid (ora diventata nave museo a New York) riportandolo a casa. Linchiesta rivel una serie di errori che Carpenter sempre rifiut di aver commesso. Ma ancora pi grave fu il verdetto del direttore di volo Kraft il quale lo accus di non aver obbedito ad alcuni ordini impartiti dal centro di controllo creando inaccettabili condizioni di pericolo. Linchiesta dimostr che Carpenter aveva calcolato male linclinazione della sua navicella e che il prematuro spegnimento dei razzi per il rientro era stato causato dalla sua dimenticanza di chiudere il rubinetto dei propellenti

che cos erano andati sprecati. La conseguenza fu la caduta lontana dal luogo previsto. Carpenter, pur ammettendo di aver vissuto la mezzora pi critica della sua vita rispose sempre che le anomalie della Mercury era state tali da far fallire la missione se non ci fosse stato lui a bordo. Ma da allora non gli permisero pi di volare. E lui cambi vita. Partecip ad un esperimento della marina vivendo per un mese in una casa subacquea a 80 metri di profondit davanti alla coste di San Diego. Allora si fantasticava la possibilit di creare insediamenti umani in fondo al mare e Carpenter condivise il ruolo di primo acquanauta con lo stesso entusiasmo col quale aveva accettato il rischio di salire in orbita perch, disse, era un modo per diventare immortali. Dallesperienza trasse lispirazione per scrivere due romanzi a soggetto acquatico ma soprattutto scrisse con la figlia Kris la sua autobiografia per smentire le accuse insopportabili che lo inseguirono fino alla fine. E ora lAmerica lo ha ricordato con affetto accettando, forse, le sue scuse. Il suo contributo allo spazio era rimasto vivo.

jihadiste e qaediste interne allopposizione e ormai preponderanti. Mentre la fine del conflitto sembra ancora lontana, e i morti ufficiali superano quota 120 mila, i rapimenti stanno aumentando sensibilmente. Un recente rapporto di Human Rights Watch denuncia lesistenza di centinaia di ostaggi siriani, soprattutto donne e bambini, presi soprattutto da gruppi estremisti islamici (come Al Nusra, Islamic State of Iraq and Sham, Jish Al Mujahidin wal Ansar) per riscatti e scambi con loro uomini prigionieri del regime. Continuano inoltre i sequestri di stranieri, spesso non pubblicizzati dai loro governi come nel caso dei giornalisti francesi Nicolas Hnin e Pierre Torres, rapiti in giugno ma di cui si saputo solo la settimana scorsa. Pochi giorni fa sono stati rapiti Marc Marginedas, inviato del quotidiano spagnolo El Periodico, e il giovane viaggiatore russo Konstantin Zhuravlev, che dalla citt siberiana di Tomsk stava dirigendosi in autostop al Sahara.

C. Zec.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovanni Caprara
R PRODUZ ONE RISERVATA

14

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Esteri 15

La storia

Il nuovo palazzo dello sport coster un miliardo di euro e sar la pi grande delle opere per i Giochi: gli sponsor finanzieranno il villaggio per gli atleti

itato le ha osp ato da8 0 0 2 el ett chino n e. Prog ato le di Pe XIX Olimpiad i Weiwei st ato a n io z a A z X n a iz a t il ll io t is e d t u co hi d Sta llar ello Lo line dei Gioc Meuron e da a ma ora po c c u d ip orm disc & de Nido la sua f alcune Herzog gare di etti svizzeri duccello per it o gli arch ominato nid n n a r p o s

La vicenda

Imponente Sopra, il progetto dellarchitetta britannica Zaha Hadid per lo stadio di Tokyo che ospiter i Giochi estivi del 2020

A Tokyo arriva lo stadio-astronave Le archistar: Rovina lambiente


polemica attorno al progetto di Zaha Hadid per lOlimpiade
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

PECHINO Ottantamila posti a sedere, 290 mila metri quadrati, un tetto scorrevole e una forma da nave spaziale. Per il costo di un miliardo di euro. Sono i numeri dello stadio dove Tokyo celebrer i Giochi olimpici estivi del 2020. Sorger al posto di quello dei Giochi 1964. Ma un gruppo di archistar giapponesi si mobilitato contro il progetto firmato dalla loro collega britannica (di origine irachena) Zaha Hadid, lautrice del Maxxi di Roma e del Centro acquatico di Londra 2012. Niente di personale con Zaha Hadid, assicura Fumihiko Maki, 85 anni, decano dei geni dellarchitettura giapponese e premio Pritzker 1993 (una sorta di Nobel del settore). Paragonando volume, altezza e superficie lorda di altri stadi olimpici, quello di Tokyo enorme: i 75 metri massimi di altezza distruggeranno ambiente e assetto urbanistico, ha detto Maki, citato dallagenzia Ansa. Con Fumihiko Maki si sono schierati altri grandi, da Sou Fujimoto, a Toyo Ito, Kengo Kuma e Taro Igarashi. Ancora lanno scorso i sondaggi

Sostituto Lo stadio olimpico ideato dallarchitetta britannica sorger al posto di quello costruito per i Giochi del 1964

dicevano che meno della met degli abitanti di Tokyo voleva che il circo dei Giochi tornasse nella loro citt dopo il trionfo del 1964. Negli ultimi mesi, per, lindifferenza si trasformata in entusiasmo: in primavera i s erano diventati il 70% e a settembre, quando il Comitato

olimpico ha deciso, il 90%. Secondo i sondaggisti il merito soprattutto del consenso per lAbenomics, la politica di stimolo e sostegno allindustria lanciata dal premier Shinzo Abe che sta facendo correre la crescita del Prodotto interno lordo giapponese a un ritmo del 4%, dopo

Le altre opere di Zaha

Maxxi Il Museo nazionale delle arti del XXI secolo stato inaugurato a Roma nel maggio del 2010. Lo spazio stato pensato come un luogo destinato alla sperimentazione dellarte contemporanea e dellarchitettura

CityLife il progetto di riqualificazione del quartiere storico della Fiera Campionaria, a Milano, disegnato da Arata Isozaki, Daniel Libeskind e Zaha Hadid. La realizzazione iniziata nel 2007

London Aquatics Centre Inaugurata per lOlimpiade del 2012, la struttura, situata nella zona est di Londra, ospita due vasche di 50 metri per il nuoto e una piscina di 25 metri per i tuffi

Il progetto Il nuovo stadio di Tokyo per lOlimpiade del 2020 sorger al posto di quello dei Giochi del 1964. Lopera faraonica: ottantamila posti a sedere, 290 mila metri quadrati, un tetto scorrevole e una forma da nave spaziale. Per il costo di un miliardo di euro. La polemica Contro il progetto firmato dallarchitetta Zaha Hadid si mobilitato un gruppo di archistar giapponesi, tra cui Fumihiko Maki, 85 anni, premio Pritzker 1993. Lopera, secondo loro, distrugger lambiente e roviner lassetto urbanistico della citt Gli affari Si calcola che, di qui al 2020, lOlimpiade creer 150 mila posti di lavoro e un giro daffari da 30 miliardi di dollari

quindici anni di stagnazione. Comunque, tra i nove cittadini su dieci di Tokyo che sono contenti, non c di sicuro il signor Kohei Jinno, tabaccaio di 79 anni: prima dei Giochi del 1964 la sua casa fu abbattuta per far posto a un parcheggio dello stadio olimpico; fu sfollato in una casa poco pi in l. Ora che limpianto devessere ricostruito e ingrandito, gli hanno gi detto che anche la seconda casa sar sacrificata: Il fato non stato gentile con me, ha detto. E ora che loperazione Tokyo 2020 partita, si comincia a ragionare sui suoi effetti: si calcola che lOlimpiade creer 150 mila posti di lavoro e un giro daffari da tremila miliardi di yen (circa 30 miliardi di dollari) nei

Opportunit LOlimpiade creer 150 mila posti di lavoro e un giro daffari da tremila miliardi di yen (circa 30 miliardi di dollari)
sette anni che ci separano dallevento. Spalmato da qui al 2020 si tratterebbe di circa 4,3 miliardi di dollari lanno, meno dello 0,1% del Pil. Una cosa come venti giorni di Pil. Nel piano degli organizzatori ci sono Giochi compatti: molti stadi riciclati; impianti sportivi nuovi e villaggio degli atleti saranno finanziati dagli sponsor; il governo pagher per strade, miglioramento della rete ferroviaria locale e degli aeroporti. Il primo ministro Abe ha promesso 26 riforme strutturali mirate alla crescita. La scadenza del suo piano stata fissata al 2020. Significa che, se lAbenomics avr successo, lOlimpiade sar la coronazione del progetto di rinascita del Giappone e la sua celebrazione.

Guido Santevecchi
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Esteri 17

Francia

In lizza personalit come Simone de Beauvoir e Simone Weil

Pi donne nel Panthon Il dossier che piace a Hollande


Finora sono soltanto due su 73, una Marie Curie
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

PARIGI Ai grandi uomini, la Patria riconoscente, si legge sul frontone del Panthon di Parigi, la chiesa di Santa Genoveffa trasformata in mausoleo degli eroi di Francia dopo la Rivoluzione. Quando il 2 aprile 1791 mor il conte di Mirabeau, e fu deciso di destinare alle spoglie sue e degli altri grandi della Rpublique quella gigantesca costruzione neoclassica, a nessuno venne neanche lontanamente in mente che tra loro avrebbe potuto esserci una donna, come dimostra la scritta. E infatti, finora sono entrate nel Panthon solo in due e non per meriti propri: Sophie Berthelot riposa accanto al marito grande chimico Marcellin Berthelot, e Marie Curie stata aiutata come se ce ne fosse bisogno, nonostante i suoi due premi Nobel dalla presenza del marito Pierre. In una Francia dove la met dei ministri donna (9 su 18, anche se Interno, Esteri, Finanze e Lavoro vanno agli uomini), un Panthon esclusivamente maschile un anacronismo imbarazzante, la rappresentazione simbolica e quanto mai monumentale della disparit tra i sessi nella societ. Per questo in occasione dellultimo 8 marzo il presidente Franois Hollande ha giudicato essere venuto il momento di accogliere delle donne nel Panthon, e ha affidato a Philippe Bleval, presidente

Le tombe dei Grandi


Dallepoca della Rivoluzione francese, il Panthon di Parigi ospita le tombe dei Grandi di Francia. Ecco alcune delle personalit che vi sono sepolte:
Torre Eiffel PARIGI Panthon

Foto di fam ig Il presidente lia Franois Hollande (a destra) e il premier Jean-Marc Ayrault con le donne delle se cutivo france se: le donne gu idan 9 ministeri su o un totale di 18 e occupano 17 incarichi governativi su 34 (Afp)

IN LIZZA
Voltaire (1694-1778) Filosofo e scrittore Alexandre Dumas (1802-1870) Scrittore Victor Hugo (1802-1885) Scrittore mile Zola (1840-1902) Scrittore Due tra le candidate che potrebbero entrare nel Panthon

Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) Filosofo

Louis Braille (1809-1852) Inventore dellalfabeto per non vedenti Marie Curie (1867-1934) Chimica Il premio Nobel lunica donna presente nella cripta, oltre a Sophie Berthelot, moglie del chimico Marcellin Andr Malraux (19011976) Scrittore e politico

Simone de Beauvoir (1908-1986) Filosofa e scrittrice

Simone Weil (1909-1943) Filosofa e mistica


CORRIERE DELLA SERA

Illustrazione: Dorling Kindersley

La consultazione Trentamila francesi hanno partecipato a una consultazione online per suggerire le candidate

del Centro dei monumenti nazionali, il compito di redigere un rapporto per aiutarlo nella riflessione. Bleval ha appena consegnato la relazione di una cinquantina di pagine al presidente, che entro la fine dellanno scioglier la riserva e dir quali personalit ha scelto. Intanto, il

rapporto Bleval individua i requisiti fondamentali dei nuovi ingressi: bisogner rendere omaggio a donne del XX secolo che incarnino un forte messaggio di impegno repubblicano. Pi nel dettaglio, Bleval raccomanda di premiare personalit che abbiano mostrato, durante una o due

guerre, tutto il loro coraggio e abbiano poi saputo trarre da quelle esperienze dolorose perch potrebbero essere state torturate o deportate le risorse per un nuovo impegno, in favore della pace, della giustizia sociale o della scienza. Che una donna, per entrare al Panthon, deb-

ba preferibilmente avere subito torture o deportazioni, fa un po sorridere. Comunque, il requisito del martirio nel XX secolo manca alle donne pi citate nella consultazione pubblica lanciata su Internet il 2 settembre, e alla quale hanno partecipato 30 mila francesi. Ci sono la drammaturga e pioniera del femminismo Olympe de Gouges, autrice della Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina e ghigliottinata nel 1793 perch ritenne barbara luccisione di Luigi XVI; poi la scrittrice Simone de Beauvoir, letnologa che partecip alla Resistenza Germaine Tillion, la filosofa Simone Weil. Il collettivo femminista La Barbe ha scritto per una semiseria lettera aperta a Hollande, pregandolo di non sforzarsi troppo e di lasciar perdere. Monsieur le Prsident, ci sono monumenti che non possono e non devono subire loltraggio della modernit. su questa pietra angolare del patriarcato che i nostri figli imparano a rigar dritto in un mondo ben ordinato. N cento, n dieci, n una donna, e soprattutto non la Gouges devono entrare. Perch non c miglior modo di farla finita con il Panthon.

Stefano Montefiori @Stef_Montefiori


R PRODUZIONE RISERVATA

Nuovo H800 Leonardo

Perfetta sintesi di tecnologia e bellezza

388,00

2 -1 31 2013
IN REGALO LA BORSA PORTA TABLET
CON LACQUISTO DI UNO DEI MODELLI DELLA SERIE H800 Leonardo
Regolamento completo operazione a premi disponibile sul sito www.citizen.it

FINO AL

ECO DRIV DRIVE: :

ENERGIA INESAURIBILE
grazie alla carica della luce tolleranza 1 sec. ogni 10 milioni di anni

RADIOCONTROLLATO: PRECISIONE ASSOLUTA

368,00

398,00

VETRO ZAFFIRO: FFIRO:

PREZIOSO E INSCALFIBILE

18

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Cronache
Lintervento Il pattugliamento del Mediterraneo con navi e aerei sar operativo tra pochi giorni

Pronti 1.500 uomini e la San Marco per la missione contro gli scafisti
Oggi i dettagli delloperazione. Mauro: Controlli 24 ore su 24
ROMA I rinforzi sono gi stati predisposti, ma il piano di pattugliamento del Mediterraneo sar operativo soltanto tra qualche giorno. Sei mezzi navali, almeno quattro elicotteri e altrettanti aerei dovranno vigilare notte e giorno la rotta dei profughi per poter intervenire subito nel soccorso delle imbarcazioni in difficolt e cos cercare di evitare altre tragedie. E a questo dispositivo potrebbe aggiungersi entro qualche giorno anche la San Marco, pronta a partire da Ancona. Un intervento militare umanitario, che si affianca a quello pi politico avviato con le missioni in Libia dei responsabili tecnici del Viminale. Un pool di esperti guidati dal direttore del Dipartimento immigrazione Giovanni Pinto che gi la scorsa settimana sono volati a Tripoli per ottenere una collaborazione della polizia locale nei controlli sulla fascia nord del Paese in modo da fermare le partenze organizzante dagli scafisti. Un intervento su doppio binario che necessita comunque del sostegno dellUnione Europea perch, come ripete il ministro della Difesa Mario Mauro invocare laiuto non uno scarico di responsabilit da parte dellItalia, ma semplicemente la presa di coscienza che tutti insieme possiamo salvare la vita di centinaia di persone. La cabina di regia Gi questo pomeriggio la missione affidata alla Marina militare potr essere resa nota nei dettagli che si stavano mettendo a punto ancora ieri notte. Certamente la sala operativa che dovr coordinare gli interventi sar nel centro di Santa Rosa, alle porte di Roma, specializzato nella sorveglianza integrata degli spazi marittimi dinteresse. Alle navi Libra e Cassiopea, tuttora impiegate per i servizi pianificati dopo i due naufragi dellultima settimana, si aggiunger la fregata Espero e sar utilizzata proprio per compiti di pattugliamento in acque internazionali. Il Tremiti dovrebbe

Le forze in campo
LE IMBARCAZIONI DELLA MARINA MILITARE NEL MEDITERRANEO
Pattugliatore Cassiopea Lunghezza: 81 metri Larghezza: 11,8 metri Velocit: 16 nodi Equipaggio: 80 Pattugliatore Vega Lunghezza: 79,8 metri Larghezza: 11,8 metri Velocit: 20 nodi Equipaggio: 60

Pattugliatore Libra Lunghezza: 79,8 metri Larghezza: 11,8 metri Velocit: 20 nodi Equipaggio: 80

Nellarea si trovano anche 4 motovedette della Capitaneria 2 navi della Guardia di Finanza 2 elicotteri

Nave Tremiti (per il supporto logistico su Lampedusa) Lunghezza: 56,72 metri Larghezza: 10 metri Velocit: 14,5 nodi Equipaggio: 32

Corvetta Driade Lunghezza: 87 metri Larghezza: 10,3 metri Velocit: 24 nodi Equipaggio: 123

Fregata Espero Lunghezza: 123 metri Larghezza: 12,9 metri Velocit: 32 nodi Equipaggio: 250

Si valuta anche limpiego della nave San Marco Lunghezza: 133,3 metri Larghezza: 20,5 metri Velocit: 20 nodi Equipaggio: 165

invece proseguire lattivit di supporto logistico a Lampedusa e la pianificazione di queste ore prevede anche limpiego delle corvette Triade e Chimera. Mezzi che si aggiungono a quelli della Guardia costiera e della Guardia di finanza costantemente a disposizione. Ogni nave ha lance e gommoni, ma lidea dei vertici della Marina quella di potenziare il numero delle imbarcazioni veloci. Con la possibilit di far partire da Ancona anche la San Marco. Agli elicotteri in dotazione delle navi e a quelli della Guardia di finanza, potrebbero aggiungersi lEh 101 di stanza a Catania, ma anche i velivoli Atlantic schierati presso lo scalo militare di Sigonella. E poi ci sono i due aerei P180 con i visori notturni, indispensabili per il sorvolo in quelle ore in cui lo dicono le statistiche gli scafisti abbandono i migranti al loro destino, spesso dopo averli trasferiti dalla nave madre alle imbarcazioni pi piccole che fanno rotta verso la Sicilia. Le regole di ingaggio prevedono che siano sempre operativi proprio per avere un monitoraggio 24 ore su 24.

Tempi e costi Lattuale impiego di oltre 500 uomini al giorno potrebbe essere addirittura triplicato, come anticipa il ministro Mauro mentre sulla durata della missione spiega che molto dipender anche dai tempi di stabilizzazione della situazione libica e soprattutto dal supporto che ci arriver dallUnione Europea. Certamente se ne discuter durante la riunione del Consiglio Ue fissato per il 24 e 25 ottobre che allordine del giorno ha inserito proprio lemergenza legata ai migranti. In quella sede si dovr fare il punto anche sui finanziamenti. Non a caso, intervistato da Maria Latella su Sky, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ha evidenziato la necessit che i costi sostenuti dallItalia vanno contabilizzati fuori dal patto di Stabilit europea perch, se vero che Lampedusa la porta dellEuropa, vero che la questione deve riguardare tutti. Mauro conferma la linea del governo: Metteremo a disposizione tutte le risorse necessarie visto che si tratta di una missione umanitaria. chiaro che uno sforzo comune ci consentirebbe di poter garantire anche lo smistamento dei profughi nei vari Stati e dunque la massima efficienza per laccoglienza e lassistenza di queste persone.

Fiorenza Sarzanini
fsarzanini@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

500 6 34 20
Gli uomini impiegati ogni giorno dal nostro Paese nel pattugliamento delle acque, nellintervento e nellassistenza alle imbarcazioni in difficolt nel Canale di Sicilia. Il numero potrebbe triplicare nei prossimi giorni Le navi della Marina militare italiana (fregate, pattugliatori e corvette) impegnate nellarea tra lItalia, Malta e il Nord Africa. A questi vanno aggiunte le imbarcazioni delle Capitanerie di porto e della Guardia di finanza mila I migranti sbarcati sulle coste italiane e quelle maltesi dal 1 gennaio di questanno allo scorso 12 ottobre. Quella siriana la nazionalit pi dichiarata al momento dello sbarco. Seguono quella eritrea e somala mila I migranti, sbarcati in Italia e Malta, che hanno avuto come base di partenza le coste della Libia. Altri 8 mila sono partiti dallEgitto. Grecia, Turchia e Siria chiudono lelenco delle prime cinque nazioni di imbarco degli illegali

I VELIVOLI

Il drone Predator Peso: 512 kg Apertura alare: 14,8 metri Lunghezza: 8,22 metri Costo: 4 milioni di dollari

Atlantic Lunghezza: 31,75 metri Apertura alare: 36,30 metri Capacit massima: 24 persone Velocit massima: 650 km/h

P 180 Maritime con visori notturni Lunghezza: 14,40 metri Apertura alare: 14,03 metri Capacit massima: 3 persone Velocit massima: 500 km/h

Fonte: ministero della Difesa, Marina militare italiana, Aeronautica militare

CORRIERE DELLA SERA

I 994 milioni di euro dati a Malta per un solo intervento di soccorso


di LUIGI OFFEDDU

ostiene Joseph Muscat, primo ministro maltese, che la sua isola e lItalia sono state lasciate sole a gestire lenorme problema dei migranti: a Bruxelles, aggiunge, i quattrini contano pi delle vite umane perch conta di pi trovare miliardi per la Grecia che girare quei soldi per salvare esseri umani. Si pu condividere il suo appello. Ma un po di soldi, forse, li pu girare anche Malta: dal 2004, anno della sua adesione alla Ue, lisola ha ricevuto da Bruxelles fondi per circa 994 milioni di euro; 885 milioni in fondi strutturali e per la coesione, il resto per altri programmi o finanziamenti particolari. Se stata lasciata sola dalla Ue, questo non avvenuto certo nel campo finanziario. E una parte di queste

risorse sar stata presumibilmente destinata anche alla sorveglianza dei confini marini, alla protezione dei diritti umani, sulla porta meridionale dellEuropa: ma i risultati non sembrano finora sconvolgenti. Pu darsi naturalmente che non vi sia alcun mistero, che i fondi europei siano stati usati anche per salvare i migranti extracomunitari, e pi volte negli anni: esiste fra laltro anche un programma Italia-Malta 20072013 per la cooperazione in vari settori fra Malta e la Sicilia, cui La Valletta ha contribuito con 11,4 milioni. Per agli occhi della opinione pubblica la prima conferma tangibile dellazione maltese giunta solo con il salvataggio dellaltro giorno, peraltro molto ben organizzato. Nelle altre occasioni, come testimoniano le

telecamere, si sono visti allopera soprattutto le motovedette, gli elicotteri, gli aerei italiani. Per tornare ai soldi che girano, c anche da ricordare che Malta non ha nulla da invidiare allItalia: le sue banche hanno in cassa un gruzzolo pari a 7 volte il Pil isolano (quasi il 790% del Pil, per la precisione), e tutte insieme sono considerate la seconda entit bancaria della zona euro, preceduta solo dal Lussemburgo. Pure, e probabilmente a ragione dal suo punto di vista, Malta ha chiesto altre risorse alla Ue, per partecipare alle operazioni di salvataggio. Forse, non solo a Bruxelles che i quattrini contano pi delle vite umane. loffeddu@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Cronache 19

Lampedusa Lultima omelia di don Stefano: Quando si rivede il sorriso dei bimbi torna la speranza

Cinquecento migranti salvati dal mare


Sbarchi continui. Una nave porta 150 bare a Porto Empedocle
DALLA NOSTRA INVIATA

LAMPEDUSA I morti non fermano gli sbarchi. Mentre cresce ogni giorno di pi la lista delle vite umane perdute nei naufragi del 3 ottobre e di venerd scorso, si moltiplicano gli arrivi di nuove carrette del mare. Ieri altre tre in difficolt nel Mediterraneo: un gommone sul quale si agitavano un centinaio di migranti stato intercettato da un pattugliatore maltese e accompagnato a Malta, un barcone con a bordo altri 160 disperati stato scortato fino a Pozzallo dalla Marina militare e una terza barca, soccorsa al largo della Calabria stata accompagnata a Reggio Calabria. In

questo caso a bordo cerano 250 persone. In tutto sulle tre barche cerano 110 donne e 54 bambini. Ma ieri stato anche il giorno delle lacrime a Porto Empedocle dove la Cassiopea approdata per scaricare le prime 150 bare del naufragio del 3 ottobre. Un lungo applauso e il pianto di chi stava sul molo ha salutato i bambini nelle bare bianche e la fila infinita di tut-

Le cifre Dal naufragio di venerd mancano ancora allappello 150 persone: 36 le vittime certe

te le altre. Qualche fiore, un orsacchiotto e il segno della croce prima di portarle vie dal porto verso il cimitero di Agrigento (dove ne seppelliranno 120) e negli altri camposanti pi piccoli della provincia (dove andranno le altre 30). La contabilit dei morti di queste ultime due settimane arrivata a 365 cadaveri del primo naufragio (quello del 3 ottobre) e 36 del secondo, venerd scorso. Ma per questultimo le cifre sono tuttaltro che definitive. Stime pi attendibili, fatte con gli incroci delle testimonianze dei sopravvissuti, dicono che mancano allappello altri 150 migranti. Che, se il dato fosse confermato, sarebbero altri 150 morti.

Sulla scena delle stragi in mare ieri si fatta sentire anche Malta, che lamenta: Noi e lItalia siamo stati lasciati soli a gestire questo enorme problema: a Bruxelles i soldi contano pi delle vite umane. Il primo ministro Joseph Muscat volato in Libia per incontrare il premier Ali Zeidan: un attestato di solidariet nei confronti di Zeidan, vittima nei giorni scorsi di un sequestro-lampo, ma soprattutto loccasione, appunto, per discutere delle rotte della speranza. Il barcone dei 365 morti era partito il giorno prima dalla citt libica di Zuwara. Dei naufraghi e della loro disperazione ha parlato ieri sera nella sua ultima omelia don Stefano Nastasi che lascia, dopo sei anni a Lampedusa: In questi giorni c stata tanta tristezza ha detto ma quando ho visto i sorrisi dei bambini che giocavano, mi tornata la speranza. Non vero che tutto perduto.

G. Fas.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le storie

Leritreo: Mi aveva detto che stava arrivando, ora dovr seppellirlo

Il ritorno dei bimbi sulla terraferma

Un ragazzino e un neonato sopravvissuti al naufragio di venerd scorso vengono portati a terra, nellisola di Malta, dagli uomini del soccorso locale (foto Mirabelli/Afp)

I parenti che ce lhanno fatta Il loro sogno era raggiungerci


Da tutta lEuropa nellisola per riconoscere le vittime
DALLA NOSTRA INVIATA

LAMPEDUSA Di giorno li puoi trovare seduti ai tavoli del ristorante di fronte alla caserma dei carabinieri. Parlano fra loro, ogni tanto qualcuno fruga nelle tasche e tira fuori una fotografia, sempre pi spiegazzata, sempre pi consumata. Di sera se ne stanno lungo i muretti di Cala Palma o fanno la spola fra il porto e via Roma, il cuore di Lampedusa. Sono i parenti dei naufraghi morti il 3 ottobre davanti allIsola dei Conigli, sono qui per avere qualcosa di persone che amavano e che non trovano pi. E qualcosa sta per qualsiasi cosa, notizie tanto per cominciare. Arrivano da Roma, Milano, Siracusa, dalla Svizzera, dalla Germania, o magari dallInghilterra, dalla Svezia, dalla Norvegia, perfino dal Canada (un padre che cerca sua figlia), e chiss da quale altro Paese del mondo. Tutti eritrei fuggiti anni fa e ormai con unaltra lingua nella testa, con un lavoro e un permesso di soggiorno in tasca. Loro ce lhanno fatta ma oggi sono anime in pena su questo sasso in mezzo al mare. Pregano in silenzio che nellalbum fotografico della morte, mostrato dai carabinieri assieme a uno staff di psicologi, non ci sia la faccia, il tatuaggio, la cicatrice o un oggetto riconoscibile di una madre, una sorella, un fratello, un marito o qualche amico. Ogni tanto qualcuno si lascia andare alla disperazione, segno che a un corpo stato dato un nome. C Habton che viene da Leeds, nord dellInghilterra. L fa il magazziniere per una grande societ e questa la sua prima volta a Lampedusa. Mi hanno fatto vedere delle fotografie racconta. E ogni volta che stavo per vederne unaltra avevo il cuore che batteva forte. Poi lho riconosciuto.... Una pausa per ricacciare indietro le lacrime. Mio fratello identico a me, difficile avere anche un piccolo dubbio. in una di quelle bare in fila che si vedono in televisione. Lavevo sentito al telefono quandera ancora in Libia, mi aveva detto che stava arrivando.... Cercava pi fortuna e pi vita, proprio come aveva fatto Habton sei anni fa. Sognava lInghilterra e c arrivato, si trovato un lavoro e ha scritto a sua moglie: Sono felice, qui sto bene. Finalmente, pens, i miei figli non faranno pi la fame. Poi c la storia di Weldezghi, che ha dellincredibile. Questo ragazzo di 28 anni dal nome impronunciabile approdato in Norvegia cinque anni fa. Partito dal Sudan con il passaporto falso, si era messo in testa giovanissimo di raggiungere la comunit eritrea norvegese. E appena ne ha avuto loccasione lha fatto davvero. A Oslo, dove fa linfermiere professionale, lo chiamano Wisky e sono stupefatti dalla sua capacit di parlare il norve-

gese. Lui studia anche linglese e mai avrebbe immaginato di usarlo per parlare di un naufragio con la nostra Guardia costiera. Laltro giorno lo hanno cercato dallEritrea: C stata una disgrazia, devi provare a metterti in contatto con tuo fratello e tua sorella. Allora andato a cercare su Internet le immagini, appunto, della Guardia costiera trasmesse dalle televisioni italiane. E ha visto un naufrago con una maglia gialla mentre i soccorritori lo caricavano su una motovedetta: era suo fratello, salvo. Lha riconosciuto al volo anche se non lo vedeva da otto anni. Ha registrato tutto con il telefonino ed venuto a Lampedusa. Ma con sua sorella non ha avuto la stessa fortuna. Lei che tanto avrebbe voluto vedere la Norvegia, adesso uno dei tanti

Il bilancio
Le richieste di asilo Nel 2012 lItalia ha ricevuto 15.710 richieste di asilo politico da parte di migranti sbarcati sulle coste. Rispetto al 2011 in calo del 54 per cento. Un dato che inferiore al Belgio (18.520 richieste) e al Regno Unito (27.410). I primi tre Paesi dellUnione Europea ad aver ricevuto pi richieste sono Francia (54.940), Germania (45.740) e Svezia (43.890) La situazione eritrea Sono quasi un milione i cittadini eritrei che hanno lasciato il Paese (su una popolazione di circa 6 milioni). LItalia la prima destinazione europea (15 mila persone), seguita da Inghilterra (8.700) e Germania (6.500)

volti dellalbum della morte. Storie e coincidenze che sembrano il copione di un film. Come quella di padre Musie Shishay, prete ortodosso arrivato da Milano per cercare la sorella Hagerawit fra i migranti finiti in mare il 3 ottobre. Lho appena identificata dice abbassando gli occhi dopo unora passata in caserma. E pensare che anchio sono arrivato qui a Lampedusa cinque anni fa.... Anche lui su un barcone, da clandestino, dopo tre giorni in mare che non si possono raccontare per quanto sono stati pazzeschi. Posso immaginare la mia povera sorella... sospira. Dice che se si fosse salvata e fosse arrivata fino a lui, Hagerawit avrebbe trovato una vita difficile perch fare il prete non rende niente e in Italia trovare un lavoro un sogno. Ma adesso tutti questi pensieri non valgono niente. Quello che vorrei, ora, riportarla a casa, dalla mia famiglia. Negli orari che i carabinieri dedicano allidentificazione dei m o r t i s i ve d o n o gruppi di persone aspettare davanti al portone. Fra loro anche gente che parla in svedese. Come Adal, venuto a sperare che suo fratello non fosse fra le foto dei cadaveri. Apprezzato assistente per anziani a Stoccolma, Adal, ha un passato da uomo errante. DallEritrea partito una prima volta su un barcone che i maltesi hanno fermato e rimandato indietro. Ritorno a casa e poi di nuovo ad attraversare il deserto per darsi unaltra chance. Si fermato in Sudan due anni a cercare il momento giusto per la traversata. Ma poi, direttamente dal Sudan, ha presentato una domanda di asilo allambasciata svedese. Non si sa mai... E dalla Svezia arrivata la risposta: un s, con un biglietto aereo di sola andata per Stoccolma. A questo pensava Adal mentre, confuso dal dolore, guardava le fotografie dei naufraghi morti. Ha creduto di riconoscere suo fratello in due immagini. Non sicuro, o forse non vuole esserlo. Poco importa. La sola cosa che vuole il test del dna per non sperare invano di vederlo arrivare da un momento allaltro a casa sua. A Stoccolma.

Giusi Fasano
@GiusiFasano
RIPRODUZIONE RISERVATA

20

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

21

22 Cronache

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Il caso Sale la tensione mentre il Vicariato conferma che non ci sar nessuna cerimonia pubblica

Gli ebrei romani: Priebke in Germania


Il legale dellex Ss morto minaccia funerali in strada senza permesso
ROMA La salma del signor Priebke gi stata benedetta in casa sua due giorni fa da un prete amico, annuncia alla fine di una domenica convulsa lavvocato Paolo Giachini, che nella foga di queste ore trafelate ha dichiarato perfino di essere pronto, davanti al muro eretto dal Vaticano, a far celebrare un funerale in strada per lex capitano delle SS. Ben sapendo lui stesso per che per motivi di sicurezza il Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro non darebbe mai lautorizzazione. La conferma arriva pi tardi dallo stesso sindaco Ignazio Marino: Saranno negati lutilizzo e loccupazione di qualunque spazio pubblico. Amen. La salma del boia delle Fosse Ardeatine da venerd sera custodita nellistituto di medicina legale del Gemelli dove oggi, presumibilmente, verr stilato il certificato di morte utile per riconsegnare ai familiari il defunto: intanto, per, sotto la sua ex casa di Boccea la tensione resta alta, sannunciano assembramenti di nostalgici e contestatori e ieri sera due blindati con a bordo carabinieri in assetto antisommossa pi alcuni uomini della Digos sono piombati nella via per bloccare un presidio di teste rasate di Militia arrivate l per lasciare un manifesto innegHitler occasione ghiotta per fare u n a d u n a t a n o s t a l g i c a . E uneventuale tomba nella citt teatro della tragedia delle Fosse Ardeatine sarebbe come uccidere una seconda volta quelle persone. E come chiedere che il boia di Marzabotto venga sepolto nella stessa citt delle sue vittime. Di sicuro, visto il clima sempre pi pesante (un lenzuolo bianco con su scritto Priebke boia comparso alle Fosse Ardeatine), lavvocato Giachini vuole evitare ogni ulteriore provocazione e conferma lintenzione di aspettare che passi almeno mercoled 16 ottobre (70anniversario del rastrellamento nazista del Ghetto di Roma) per tornare a chiedere alle autorit ecclesiastiche il permesso di celebrare nella Capitale le esequie del suo pi famigerato cliente: Di certo le sue saranno esequie religiose perch questa era la sua volont - spiega Giachini-. Priebke era battezzato e si continuato a confessare fino allultimo giorno ricevendo lassoluzione, ma la sua conversione al cattolicesimo risale addirittura a dopo la guerra, c tutto scritto nella sua autobiografia del 2003 Vae Victis. Lo stesso tribunale militare che lo condann allergastolo e poi ai domiciliari lo autorizz ad uscire la domenica per recarsi a messa nella parrocchia di San Leone. Ci sono delle foto che lo documentano. Ricordo che il signor Priebke stato portato a Roma non di sua volont ed morto qui. Ecco perch dico che Roma avrebbe il dovere di ospitarlo, ma noi non vogliamo creare imbarazzi a nessuno. Mentre il Vicariato, intanto, mantiene fermo il suo no ad esequie pubbliche, Giachini racconta pure di un cardinale che invece si sarebbe detto favorevole al funerale, sebbene in forma riservatissima, aperto solo ad amici intimi e parenti, come del resto vorrebbe lo stesso avvocato di Priebke. E gi diversi preti in Italia - rivela - si sono offerti per officiare il rito, non ultimo un sacerdote di Salerno.... Giachini si riferisce ad Aniello DAngelo, ex diacono nel comune di Centola e fondatore della Chiesa Cristiana Ecumenica, Cattolica, Apostolica, ente di culto nato lanno scorso. Eppoi c laltro rebus della sepoltura: dopo il rifiuto assoluto di Roma e del governo argentino, resterebbe in piedi solo lipotesi Germania. Il capo della comunit ebraica di Roma, Pacifici, ne convinto: La logica impone che torni nel Paese dove nato e sia sepolto nella sua citt natale. Sulla questione, ieri, intervenuto anche il ministro degli Esteri, Emma Bonino: La legge ha gi detto come si deve fare, e se non ci piace la legge si prenda il coraggio di cambiarla, ma dopo aver criticato le leggi ad personam, vorrei evitare le eccezioni ad personam. Infine, ecco il consiglio di Harry Shindler, rappresentante di Italy Star Association 1943-45, associazione di veterani inglesi che fecero la guerra in Italia: Priebke venga seppellito nel cimitero tedesco di Pomezia, insieme ai soldati suoi connazionali che presero parte a tante stragi in Italia. Cos, sar in buona compagnia.

La vicenda

La cattura Estradato dallArgentina e incarcerato


Lex nazista Erick Priebke, capitano delle Ss in Italia durante la seconda guerra mondiale, dopo il conflitto si rifugi in Argentina, a San Carlo de Bariloche, fino a quando venne scoperto agli inizi degli anni Novanta. Fu estradato in Italia nel novembre del 1995 e rinchiuso nel carcere militare Forte Boccea di Roma, in attesa del processo.

Il blitz Un gruppo di fascisti di Militia ha tentato di lasciare fiori e manifesti sotto casa dellex Ss
giante a Priebke e alcuni mazzi di rose. Cinque ventenni romani sono stati subito identificati. Ma anche gli ebrei di Roma sono in grande fermento: Se fosse necessario la gente gi mobilitata per protestare in piazza e io sar con loro - ha detto il presidente della comunit ebraica capitolina, Riccardo Pacifici Il funerale darebbe ai nipotini di

Il processo La condanna allergastolo per leccidio


Nel marzo del 1998 la Corte dappello militare di Roma condann Priebke allergastolo per leccidio delle Fosse Ardeatine del 24 marzo 1944: 335 morti. Con lui fu condannato anche laltro membro delle Ss Karl Hass. La sentenza stata confermata nel novembre dello stesso anno dalla Corte di Cassazione. A causa dellet fu concessa ad entrambi la detenzione domiciliare

A Messa Unimmagine di Priebke nella chiesa della parrocchia di San Leone di Largo Boccea a Roma, la pi vicina a casa sua

La morte Il testamento nel video choc: non mi pento


Venerd scorso Priebke morto a Roma allet di centanni: era nato il 29 luglio del 1913 a Hennigsdorf, in Germania. Priebke ha lasciato unintervista testamento nella quale afferma di non rinnegare il suo passato, di considerare lOlocausto una propaganda dei vincitori e di negare lesistenza delle camere a gas

Fabrizio Caccia
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le immagini Dal Museo della Shoah

I volti mai visti dei soldati che rastrellarono il ghetto


1.022
I romani di religione ebraica che vennero deportati dai nazisti. Loperazione tedesca ebbe inizio nel vecchio Ghetto di Roma alle 5.30 del mattino del 16 ottobre 1943. Il quartiere venne circondato da pi di cento soldati armati

ROMA La banalit del male nei volti di questi uomini che sorridono allobiettivo sullo sfondo di un gregge di pecore o posano corpulenti davanti a un portone in via Salaria. Facce da contadini, gente venuta dalla campagna tedesca, riservisti trentenni mandati nella citt aperta. Guardateli bene, perch dal 16 ottobre 1943 nessuno conosceva i loro volti. Solo i capi, i Kappler e i Dannecker, erano noti. Le prime immagini dei tedeschi che rastrellarono il ghetto di Roma arrivano dalla casa di uno di loro, morto nel 99. Il figlio ha risposto alla storica Sara Berger, della Fondazione Museo della Shoah, con una busta che conteneva sei foto e un biglietto: Se non le servono, pu distruggerle. Le immagini saranno esposte nella mostra La razzia degli ebrei di Roma che verr inaugurata al Vittoriano mercoled, a set-

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Cronache 23
Lintervista
OTTOBRE 1943

3Le immagini inedite

La sopravvissuta ad Auschwitz e la ricerca dei colpevoli della Shoah

Teniamo viva la memoria Non coltiviamo vendette


Liliana Segre: caccia ai nazisti? Non sono una persecutrice
Ha ragione o torto il grande cacciatore di nazisti Serge Klarsfeld quando dice al Corriere della Sera, in unintervista a Stefano Montefiori: Dobbiamo essere in grado di fermarci, di non accanirci. I grandi colpevoli non ci sono pi. resta qualche pesce piccolo, e il problema con loro accertarsi che abbiamo davvero commesso crimini contro lumanit... la prospettiva di condannare un innocente mi spaventa tanto quanto quella di lasciare indisturbato un massacratore? Lo chiediamo a Liliana Segre, 83 anni, deportata il 30 gennaio 1944 dal Binario 21 della stazione di Milano Centrale al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Il numero di matricola sul suo avambraccio il 75190. Riusc a sopravvivere. Venne liberata il 1 maggio 1945 a Malchow. Credo che Serge Klarsfeld abbia ragione. Quando vediamo che personaggi di centanni non solo non si pentono ma nemmeno cambiano idea sugli orrori che hanno compiuto.... Gente che non ha mai avuto piet per i vivi. Priebke defin briganti i morti delle Fosse Ardeatine, e invece sappiamo benissimo che non certo cos. E meno che mai ebbero piet dei morti, io stessa posso testimoniarlo Anche lei ritiene che sia inutile accanirsi? Cio che sia in qualche modo chiusa unepoca, una stagione del dopo-Olocausto? Non si pu parlare di chiusura di unepoca, n mai si potr farlo per ci di cui stiamo parlando. Adesso essenziale non dimenticare, preservare la memoria. Questo il vero impegno. Raccontare bene alle nuove generazioni cosa hanno fatto certi personaggi che sono arrivati a centanni det bevendo birra la sera e facendo belle gite, del tutto indisturbati, dopo aver ucciso gente innocente. Io ho molto ammirato Simon Wiesenthal per il suo lavoro. Cos come ho ammirato lo stesso Klarsfeld. Quindi capisco il suo pensiero. Adesso bisogna aiutare a non far dimenticare chi stato sterminato, e in che modo, semplicemente per la colpa di essere nato. Klarsfeld dice: forse c ancora qualche pesce piccolo, in giro. Lei che ricordi ha di quei pesci piccoli? Io li ho conosciuti. li ho visti con i miei occhi. Tutto il personale dei lager di sterminio era convintissimo di ci che stava facendo. Da venticinque anni vado nelle scuole a raccontare e spesso i ragazzi mi chiedono: Ha mai visto piet nei loro occhi?. E rispondo sempre con la verit: No, mai. Ho incontrato tante guardiane secondarie, io ero in un lager femminile. Non avevano poteri decisionali. Ma erano sempre belve pronte a picchiare, umiliare, uccidere Per Klarsfeld il testamento di Priebke ha suscitato un generale disgusto. Teme che quelle agghiaccianti parole possano invece aver alimentato il negazionismo? Io ho una terza tesi. Cio che ci sia stata tanta indifferenza. la parola che ho chiesto fosse scritta a grandi caratteri al Binario 21 a Milano. Tutto accadde in mezzo allindifferenza. E anche oggi, pi che lanalisi delle parole di Priebke, interessa si-

Gregge Le immagini dei soldati tedeschi che rastrellarono il ghetto. Per la prima volta saranno esposte nella mostra La razzia degli ebrei di Roma che mercoled verr inaugurata al Vittoriano Riservisti La gran parte dei tedeschi, circa 300, provenivano da tre compagnie della Orpo, la polizia dordine formata per lo pi da riservisti fra i 34 e i 37 anni

Chi
Deportata Liliana Segre (sotto), 83 anni, fu deportata il 30 gennaio 1944 da Milano al campo di concentramento di AuschwitzBirkenau (sopra, la

Segre a 13 anni, poco prima del raid nazista) La liberazione Liliana Segre riusc a sopravvivere. Venne liberata il 1 maggio 1945 dal campo di lavoro di Malchow, in Germania

curamente il gossip. Condannare un innocente mi spaventa tanto quanto quella di lasciare indisturbato un massacratore, dice Klarsfeld. Sono daccordo. Senza esitazioni. Ritiene che tutti i pesci grandi siano stati presi? Non so rispondere. Sono stata contenta quando hanno catturato Priebke cos come Klaus Barbie o Adolf Eichmann. Ma non sono mai stata una persecutrice. Sono stata gi molto impegnata a leccarmi le ferite della mia vita precedente. Ho cercato lamore, intorno a me. Non lodio. Ho tentato di essere me stessa senza coltivare sentimenti di vendetta. Non volevo diventare come i miei persecutori. Io sono diversa da loro, per mia fortuna. soddisfatta di questa scelta di vita, guardandosi indietro? Ho semplicemente agito come mi sentivo di dover fare. Ho cercato di essere una testimone veritiera di quanto mi era accaduto e di quanto avevo visto in tv, nelle universit, soprattutto nelle scuole affinch non si dimentichi. Mi piace in particolare andare tra i ragazzi. Io sono nonna. Sono idealmente tutti miei nipoti. E una nonna non parla dodio.

Paolo Conti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il biglietto Il testo dattiloscritto in italiano consegnato alle famiglie del ghetto perch lasciassero le case in 20 minuti

In via Salaria Tre soldati di guardia davanti alla caserma dellunit Seeling, dal nome del capitano Emil Seeling, nellex convento di via Salaria 227. Organizzati in squadre da 3 a 6 uomini, guidati dagli specialisti di Dannecker, allalba del 16 ottobre 1943 iniziarono il rastrellamento

tantanni dal rastrellamento. Per la prima volta si vedranno le foto di oltre trecento dei 1.022 deportati. Ma soprattutto le facce di chi and a prenderli. Immagini mai viste, un inedito assoluto, ma io mi sento male a guardarle, sospira lo storico Marcello Pezzetti, curatore della mostra e direttore scientifico della Fondazione. Perch erano uomini come le vittime, uguali. Contadini, giardinieri, panettieri. La stessa posizione sociale, gli stessi bambini, genitori, nonni.... Non erano volontari e specialisti dello sterminio come le SS, non facevano parte della Wehrmacht. Dalla sezione IV B 4 dellRSHA di Berlino, lUfficio centrale per la sicurezza del Reich (Reichssicherheitshauptamt) che riuniva SS e Gestapo, Adolf Eichmann invi a Roma un Eisatzkommando di neanche dieci uomini guidato da Theodor Dannecker. A loro si aggiungevano dai venti ai trenta agenti della Sipo, la polizia di sicurezza di Herbert Kappler. Tutti gli altri, pi di trecento, venivano da tre compagnie della Orpo, la polizia dordine formata per lo pi da riservisti fra i 34 e i 37 anni. Le foto ritraggono quelli dellunit Seeling, dal nome del capitano Emil Seeling. Li svegliarono prima dellalba nellex convento di via Salaria 227, loperazione inizi alle 5,30. In piccole squadre da 3 a 6 uomini, guidate dagli specialisti di Dannecker, chiudono le strade di accesso al ghetto e nelle altre zone dazione, entrano nei palazzi, consegnano alle famiglie sorprese nel sonno un bigliettino in italiano malcerto con le istruzioni per lasciare le lo-

ro case entro 20 minuti, sarete trasferiti. Gli storici discuteranno il grado di responsabilit di questi uomini. Molti non sapevano che cosa avrebbero dovuto fare, ma quando arrivarono al ghetto non credo potessero ignorare che gli ebrei avrebbero fatto una brutta fine, considera Pezzetti. Daltra parte non hanno lo sterminio davanti agli occhi, osserva Sara Berger, alcuni scortano gli ebrei fino a Birkenau e l vengono a sapere ci che accade, lo raccontano ai compagni al ritorno. Tra i giovani

Facce da contadini Non erano volontari Ss ma gente venuta dalla campagna, riservisti 30enni mandati nella citt aperta
studiosi della Fondazione, sono state Sara Berger e Libera Picchianti a occuparsi dei persecutori. La Fondazione ha inviato una serie di lettere a famiglie con lo stesso nome di coloro che deposero come testimoni nellistruttoria tedesca a met degli anni Sessanta. Omonimie, riposte mancate. Finch arrivata quella busta. Nelle testimonianze di allora c chi sostiene che non sapeva nulla e chi dice: Non lho neanche chiesto. Del resto uno del Kommando di Dannecker li accusa di superficialit e dice: Sono convinto che alcuni ebrei, pur essendo in casa, non siano stati arrestati e poi i soldati abbiano dichiarato di non averli

trovati. Certo, il paradosso che la pi grande tragedia degli ebrei italiani per i nazisti unoperazione fallimentare, spiega Pezzetti: Nel mirino i tedeschi ne avevano ottomila. Sono italiani i poliziotti che compilano gli elenchi. Ma poi Dannecker usa gente impreparata perch degli italiani non si fida. Una verifica fra vari centri di ricerca ha permesso di stabilire un dato definitivo sulla razzia del ghetto. Gli ebrei che il 18 ottobre furono deportati da Tiburtina ad Auschwitz-Birkenau furono 1.021, ma i 28 vagoni piombati del treno partito alle 14 e arrivato cinque giorni pi tardi trasportavano 1.022 persone. Una di esse era una donna cattolica, Carolina Milani, oggi la chiamerebbero badante: scelse di non abbandonare la signora affidata alle sue cure. Torneranno in 16, quindici uomini e una donna. Nessun bambino. Sotto i dieci anni erano 207. In mostra si vedranno anche le loro cose, trovate in casa dai parenti scampati. Giocattoli. Bambole. Topolino dipinge, un album da colorare. Il quaderno di uno scolaro con un dettato sulla patria. Al Vittoriano scorreranno volti e nomi dei deportati. Il pi piccolo, figlio di Marcella Perugia, era nato al Collegio militare di via Lungara, dove rimasero due giorni, il 17 ottobre. Forse non arriv neppure a Birkenau, forse entr nella camera a gas con la mamma. Sar lui, rimasto senza nome, a chiudere lelenco.

Gian Guido Vecchi


RIPRODUZIONE RISERVATA

24

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Cronache 25
Le verifiche

La storia

Decoratrice per Louis Vuitton e Philippe Starck, ha aperto uno studio nelle zone a rischio

Stilista floreale Anne Vitchen, 55 anni, con il mare calabro alle spalle. In basso a destra, Anne assieme a un collaboratore

Costa Smeralda La Finanza in casa degli emiri


PORTO CERVO Lemiro del Qatar e lacquisto della Costa Smeralda. La Guardia di finanza preleva documenti dalle sedi delle societ che controllano limpero turistico della famiglia Al Thani in Sardegna ed subito giallo: il primo atto di pi profondi e prossimi accertamenti sui passaggi della vendita, avvenuta pi di un anno fa, oppure una normale verifica cos sostiene il management delle societ che si ripete da anni a cadenze periodiche? Certo la presenza delle fiamme gialle a Porto Cervo stata segnalata con curiosit e hanno cominciato a filtrare indiscrezioni: la documentazione acquisita potrebbe riguardare la cessione delle quote dalla Colony Capital delluomo daffari americano-libanese Tom Barrack alle finanziarie che da Milano, a Lussemburgo e in Olanda portano infine alla holding che controlla tutte le attivit europee del Qatar. Un affare da 360 milioni di euro, concluso a primavera del 2012 dopo mesi di La vicenda trattative che hanno richiesto perizie, impegnato studi di avvocati e consulenti. Pu essere proprio questo laspetto sul quale si concentrata lattenzione della Guardia di finanza di Sassari. E anche, pare, dellAgenzia delle entrate. Un affare complicato, con operazioni estero su estero, del quale ni. La partita speciale: Reggio Calabria stata proclamata citt metropolitana, lo Stato sta accorciando il colossale debito accumulato dallamministrazione, sicch il nuovo sindaco avr poteri maggiori e una situazione economica di partenza migliore rispetto ad altre citt pi virtuose. Dicono che massoneria e ndrangheta, sotto lo sguardo di pezzi deviati dei Servizi, sarebbero gi a colloquio per apparecchiare la tavola dei futuri accordi di potere. In Procura c battaglia sulla gestione dei falsi pentiti delle cosche, addestrati a sputare veleni che rovinano carriere. Dai rubinetti, quando esce, scende acqua sporca. Ovunque montagne di rifiuti. In mano ai clan i taxi, anche quaranta euro per pochi chilometri dal centro allaeroporto, quel Tito Minniti mai ammodernato, i piloti che atterrano debbono possedere un brevetto speciale. Anne Vitchen, in un italiano perfetto gi pratico di dialetto calabrese, dice che le piace la natura selvaggia di Reggio. Lo studio lEspace, nelle intenzioni, nato per ricercare la cura del bello, i dettagli del gusto, per organizzare eventi e attirare investimenti, per esportare le ricchezze della citt e della regione. Ne hanno visti pochi, i reggini, di immigrati, e quei pochi sono scappati. Reggino Vincenzo de Stefano, uno dei tre soci di Vitchen, anchegli fiorista-stilista. Quando deve andar via per lavoro, se ne lamenta. Reggio gli manca da morire. Dice de Stefano: La scelta di Anne mi emoziona... Fin troppo facile spararci addosso... Conosciamo i nostri problemi ma non vogliamo ridurre il dibattito alla ndrangheta e allantimafia.... Forse sembrano davvero una banda di avventurieri, orgogliosi avventurieri ostinatamente persi in terra straniera. Che abbiano ragione i conoscenti di Anne Vitchen? Una folle idea... La casa vicina al mare. Una piccola spiaggia. La sabbia... Fin qui ho incontrato anime generose, di cuore, energiche. Vede, sono una donna fortunata: anche i miei figli si sono convinti della bellezza di Reggio Calabria.

Fiori contro i pregiudizi La sfida di Anne nel quartiere dei boss


Da Parigi alla Calabria: qui si pu fare impresa
DAL NOSTRO INVIATO

REGGIO CALABRIA Le hanno dato della folle incosciente e lei al pi si definisce una timida cocciuta. Abita al Marais, cuore di Parigi, e adesso vive anche ad Archi, lembo popolare di Reggio Calabria e quartiere delle ville dei boss, come i De Stefano storici padroni della citt. Lavora con i fiori ma non fatene una damigella senzarmi che va alla guerra contro la ndrangheta. Non per forza servono dichiarazioni dintenti. A volte basta semplicemente esserci. Dice Anne Vitchen, 55 anni, francese sposata con un argentino, due figli, decoratrice floreale per Louis Vuitton, Cartier, il Louvre,

Spirito positivo Le cosche? Sento e leggo. Per so anche che non bisogna aver paura prima ancora di cominciare. E finora in questa citt ho incontrato soltanto anime generose
Versailles e amata dallarchitetto Philippe Starck che la chiama per gli allestimenti delle sue opere: Ho scoperto Reggio grazie a dei colleghi. Ci sono stata e mi ha subito catturata. Ho deciso di comprare un appartamento, lho cercato a lungo e lho trovato. Siccome in un vecchio piccolo palazzo che aveva qualche problema di degrado, pian piano ho ristrutturato lo stabile. Poi, sul lungomare, ho aperto uno studio. Un progetto di co-working: architettura, scenografia, design. Mi divider tra Calabria e Parigi: sei mesi e sei mesi. Ci sono conoscenti che temono per la mia vita, che ripetono quanto non fosse proprio il caso. Ce ne sono altri di amici che mi domandano dove sia mai questa Calabria, fingono di ignorare perfino la nazione di appartenenza... Le cosche? Certo che so. La criminalit? Sento e leggo. Per anche so, sento e leggo che non bisogna aver paura pri-

ma ancora di cominciare. Eppure. Il lungomare dove sorge lo studio che si chiama lEspace, un lungomare sferzato dal vento e popolato di fichi monumentali, lo stesso del Roof Garden. Era un discobar alla moda dei De Stefano. Nel 1974, nel Roof Garden, ammazzarono uno della famiglia: altro sangue sparso nella guerra dei clan. Da allora il locale non stato pi riaperto, affinch Reggio non dimentichi. Nessun imprenditore si mai azzardato a rilevare il discobar dai De Stefano. N imprenditori locali n imprenditori da fuori, quelli che, ride amaro un comandante dei carabinieri, per tagliar corto si presentano addirittura da noi, con faccia tosta, in cerca di un consiglio sulla cosca dominante cui chiedere protezione. Difficile campare senza versar tangenti. Certe notti i pompieri escono per cinque, sei diverse macchine incendiate e sempre sono roghi dolosi. Arrivano proiettili a casa, lettere minatorie. Oppure in un negozio non entrano clienti, zero assoluto, il deserto: passato lordine di boicottaggio visto che il titolare non sgancia denaro. Intanto il Comune stato commissariato per mafia e in primavera ci dovrebbero essere le elezio-

Chi

La carriera Anne Vitchen, 55 anni, francese, sposata con due figli, una decoratrice floreale che lavora per Louis Vuitton, Cartier, il Louvre, Versailles. Spesso collabora con larchitetto Philippe Starck che la chiama per curare gli allestimenti delle sue opere Il progetto Vitchen ha ora aperto uno studio, lEspace, sul lungomare di Reggio Calabria: insieme a tre soci si occupa di architettura, scenografia e design

Il presidente Napolitano

I morti sul lavoro una piaga sociale


Nel 2012 hanno perso la vita sul lavoro 790 persone. Ancora tanti, anche se landamento segna un miglioramento. I morti, in cinque anni, sono calati del 28,8%, gli incidenti del 22,8%. Le cifre tuttavia restano significative, con un costo sociale altissimo. Lo ricorda anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Landamento decrescente degli infortuni sul lavoro ha detto il capo dello Stato in occasione della 63/ma giornata nazionale per le vittime soprattutto in termini di perdita di vite umane, non deve far abbassare la guardia su quella che continua a rappresentare una drammatica piaga sociale. I dati sugli incidenti sono in miglioramento ma purtroppo ancora troppo elevati, aggiunge il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini.
RIPRODUZIONE RISERVATA

non possibile ricostruire esattamente fasi e passaggi: al centro c Smeralda holding, proprietaria dei quattro alberghi extralusso, di 2.400 ettari di terreno, della marina di Porto Cervo, di immobili commerciali e del Pevero golf club. Ma Colcom, una sarl con sede di Lussemburgo a detenerne il controllo. A sua volta su Colcom esisteva un pegno di Qatar holding Neetherlands. E in questi intrecci vi era anche una presenza di Capitalia/Mediocredito Centrale che aveva finanziato Barrack e poi di Unicredit. Siamo, dopo la Saras, la seconda societ per fatturato in Sardegna e come tutte le grandi societ siamo oggetto di attivit fiscali di verifica dichiara Mariano Pasqualone, 46 anni, che era ad delle 8 societ nella gestione Barrack e lo ancora con la propriet Al Thani stato cos ogni anno dal 2006. Sullacquisto del Qatar anche un aspetto fiscale: imposte per 65 milioni di euro. Avrebbero dovuto essere pagate in Sardegna sostiene il Partito Sardo dAzione, sollecitando una risposta (mai pervenuta) al presidente della Regione. Sono state pagate? E dove? Lacquisto Nel 2012 lemiro del Qatar (sopra) compra la Costa Smeralda I controlli I finanzieri ora verificano i libri contabili

Alberto Pinna
RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Galli
RIPRODUZIONE RISERVATA

TomTom

Spotify

Facebook

Asteroid mail

VLC

26

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Cronache 27

Universit e lavoro Chi ha lasciato lItalia in base ai dati Istat prende circa 1.800 euro contro i 1.300 di chi rimasto Lesperto: Qui pochi posti qualificati

Il confronto
I LAUREATI IN ITALIA NEL 2010
(compresi quelli con titolo magistrale)
200 100 0

OSSERVAZIONI: DIFFERENZE DI AREE E DI GENERE

Reddito medio mensile Europa Reddito medio mensile Italia

Reddito medio mensile Italia (uomini) Reddito medio mensile Italia (donne)

Scientiche
Reddito medio mensile maschi

Mediche

289
mila mila
2010 2009

1.839
euro

1.380
euro

1.907
euro

1.431
euro

161

Reddito medio mensile donne

REDDITI NETTI A QUATTRO ANNI DALLA LAUREA DEI LAUREATI TRIENNALISTI


(Non iscritti a lauree magistrali)

1.450

1.324

1.302
euro

1.226
euro

1.398
euro

1.345
euro

NORD

Mille e trecento euro netti al mese a quattro anni dalla laurea. lo stipendio medio dei figli della crisi, i giovani italiani che hanno finito gli studi universitari (triennali) nel 2007 e che si sono immessi nel mondo del lavoro in concomitanza con linizio della recessione economica mondiale. La maggior parte di questi ragazzi ha trovato un posto, una piccola parte no e si va ad aggiungere a quel milione di giovani tra i 16 e i 24 anni che oggi in Italia non sta n studiando n lavorando , ma in generale i laureati italiani hanno pagato lo scotto della crisi pi dei coetanei di altri Paesi. Lo dimostra lelaborazione degli ultimi dati Istat sullinserimento professionale dei laureati (relativi al 2011) curata da Carlo Barone, docente di Sociologia allUniversit di Trento. Il risultato che, a quattro anni dal titolo, chi andato allestero prende quasi 1.800 euro netti al mese (1.783, per lesattezza), mentre chi rimasto in Italia ne guadagna 1.300. Certo, con dei distinguo di area geografica e disciplina: nel Nord Italia lo stipendio medio di 1.374 euro al mese, al Centro di 1.306, nel Sud e nelle isole scende a 1.218. Le lauree sanitarie sono quelle pi redditizie al Nord e al Centro, mentre al Sud rende di pi lingegneria informatica. Gli studi meno remunerativi al Nord sono quelli di Educazione, formazione e psicologia, mentre al Centro e al Sud si guadagna meno con le lauree in Lettere, Arte, Lingue, Storia e Filosofia. Nel complesso la forbice di guadagno tra i diversi corsi di laurea triennali abbastanza compressa: si aggira tra i 300 euro netti al mese. Una maggiore differenza si rileva con i titoli specialistici spiega il professore . E non nemmeno vero che le lauree umanistiche e quelle scientifiche producono divari di stipendio cos grandi: a eccezione di Ingegneria e Medicina, al Nord un veterinario prende 27 euro in pi al mese di un laureato in Lettere. Ma al di l delle variazioni tra discipline, restano due fatti: c ancora un enorme divario di genere, le ragazze prendono in tutti i settori meno dei ragazzi. Un retaggio inspiegabile e che deve essere subito superato, dicono in coro recruiter e analisti. E gli stipendi italiani sono bassi.

1.500

1.783 1.337
euro euro*
*il piccolo campione di laureati che lavora allestero guadagna molto di pi guadagno mensile medio allestero

Economia e Giurisprudenza

1.000

1.809
euro

1.335
euro

500

1.376 1.255
CENTRO

guadagno mensile medio, in Italia e allestero

1.248
euro

1.169
euro

PERCENTUALE DI CHI, NEL 2012, HA COMPLETATO GLI STUDI E SI LAUREATO ENTRO I 34 ANNI
50 40 30 20 10 0

40% 21,7%

47,1% 43,6% 43,1% 51,1%

Umanistiche

1.776
euro

1.220
euro

1.300
ITALIA 2020* Gran Bretagna Francia Spagna Irlanda

SUD

1.152

1.077
euro

1.009
euro
DARCO

*obbiettivo

Fonte: Fondazione Agnelli, Eurostat, Dati dellindagine Istat 2011 sui percorsi di studio e di lavoro dei laureati, a quattro anni dalla laurea (laureati nel 2007)

Quei cinquecento euro in pi guadagnati da chi si laurea e va via


Gli stipendi medi a quattro anni dal titolo. Va peggio alle donne
Lincontro
Lappuntamento Si chiama Quale Italia? il convegno che avr luogo oggi al Teatro dal Verme di Milano: verranno presentati i dati sul mercato del lavoro in Italia e la realt dei giovani laureati Gli organizzatori Il convengo organizzato dalle associazioni People in Touch e Cultura&Solidariet Colpa dei pochi posti qualificati che offre il nostro mercato del lavoro: sono rimasti uguali a 30 anni fa, ma i laureati nel frattempo sono aumentati. E anche se c stato un calo degli iscritti negli atenei negli ultimi trequattro anni, comunque i ragazzi con un titolo universitario sono pi dei posti a disposizione per loro. Soprattutto in certi ambiti, come quello umanistico o sociale. A causa di questo squilibrio i laureati si trovano a fare gli impiegati o gli educatori nelle cooperative, lavori che quindici anni fa si ottenevano con il diploma. Il problema, insomma, va ben oltre la crisi. strutturale: bisogna creare pi posti di lavoro per laureati, investendo in ricerca e nel settore della cultura continua Barone . Non possibile che nel Paese pi ricco di arte al mondo un laureato in Conservazione dei beni culturali non trovi lavoro o venga pagato una miseria. Poi non ci si stupisca se i nostri laureati emigrano, rincara la dose Alessandro Rosina, docente di Demografia e statistica sociale allUniversit Cattolica di Milano, che oggi parteciper a Quale Italia?, il convegno organizzato dalle associazioni People in Touch e Cultura&Solidariet per presentare questi e altri dati sul mercato del lavoro in Italia. Gli stipendi cos bassi a diversi anni dalla laurea non si spiegano solo con la crisi. Il problema la mentalit sbagliata dellItalia, che non valorizza il capitale umano: invece di investire sui giovani, sulle loro idee e sulle loro capacit, il nostro sistema produttivo preferisce mantenere basso il costo del lavoro, pagando poco le persone e trattandole come manodopera usa e getta.

17,2 27,3
La percentuale di uomini in Italia che nel 2012 riuscita a completare gli studi e si diplomata entro i 34 anni. Le donne sono state il 26,3 % Let media dei laureati magistrali (specialistica) nei corsi biennali del 2009. In quelli a ciclo unico let si abbassata a 26,5. Let media nel 2000 era di 28,4

La conseguenza, secondo il professore, non solo la fuga dei cervelli: Cos il Paese non riprender a crescere. un cane che si morde la coda: lItalia non valorizza i giovani perch non cresce, ma se non cresce anche perch non punta sulle nuove leve. Bisogna interrompere il circolo vizioso che trasforma i giovani da risorse a un costo sociale. Gi, perch un ragazzo che guadagna poco o che non lavora pesa sulla famiglia e sulla collettivit. Che fare? necessario investire in politiche attive per il lavoro, cio servizi di formazione continua e di ricollocazione, per mantenere sempre attivi i giovani sul mercato. A insistere sul valore del capitale umano sono anche gli esperti di recruiting come Nicol Boggian, cacciatore di teste: La differenza la fanno le persone, bisogna investire su di loro. I Paesi che vanno meglio puntano su giovani e donne, lItalia deve allinearsi.

Alessandra Dal Monte


RIPRODUZIONE RISERVATA

SU CORRIERE.IT La ricerca e gli approfondimenti del Canale scuola

28

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Cronache 29
#

Trieste Nuovo blitz dopo quello che ha portato al fermo da parte dei russi di 28 attivisti e due giornalisti, tra cui un italiano

Lassalto Un gommone di Greenpeace attacca Esimit 2 Europa sponsorizzata da Gazprom. A sinistra la Barcolana, a Trieste (Ap e Ansa)

La sfida
La protesta Gli ambientalisti di Greenpeace (foto sotto, Afp) accusano Gazprom di mettere a repentaglio il clima e lintegrit dellArtico con le trivellazioni petrolifere

Labbordaggio fallito. Ma la protesta finita ancora una volta in mondovisione. Il duello infinito tra lesercito di Greenpeace e il gigante russo dellenergia, Gazprom, incalzato dagli ambientalisti in ogni angolo del pianeta con laccusa di mettere a repentaglio il clima e lintegrit dellArtico con trivellazioni petrolifere, ha trovato ieri nel golfo di Trieste, durante la storica e prestigiosa regata velica europea della Barcolana (1.600 iscritti, 45 edizioni alle spalle), un palcoscenico mediatico di grande effetto, mandando in scena una sorta di battaglia navale tra i gommoni di Greenpeace e il poderoso servizio di sicurezza della barca Esimit 2 Europa, vela di 30 metri, di propriet dellarmatore sloveno Igor Simsic, la cui colpa, agli

Battaglia navale alla regata Greenpeace: basta trivelle


I gommoni alla Barcolana tentano di abbordare Gazprom
occhi degli attivisti, quella di avere come principale sponsor la Gazprom di Putin: con laggravante che la barca slovena batte, tra laltro, bandiera dellUnione Europea. Un assalto che rientra in una strategia di visibilit internazionale e che segue di pochi giorni lincursione degli attivisti di Greenpeace nello stadio di Basilea durante una gara di Champions League (torneo sponsorizzato da Gazprom) e il blitz di 3 settimane fa contro la piattaforma di trivellazioni Prirazlomnaya, che port al fermo da parte delle autorit russe di 28 attivisti e due giornalisti (tra cui litaliano Cristian DAlessandro), accusati di pirateria. Ieri, in quella sorta di stadio della vela che ha reso unica la Barcolana, con laltopiano carsico a fungere da gradinate per migliaia di spettatori, lazione di Greenpeace non ha colto di sorpresa il team della Esimit 2 Europa, che aveva piazzato agenti della sicurezza in ognuna delle barche dappoggio. Ma leffetto scenico stato centrato. A complicare i piani degli ambientalisti, che avevano intenzione di tentare labbordaggio con pi di un gommone, ha giocato anche la decisione degli organizzatori di accorciare la gara a causa dello scarso vento. Due gommoni con a bordo una decina di attivisti e striscioni gialli con slogan in inglese in difesa dellArtico (Save the Arctic, Get out of the ArcLa barca Durante la regata velica Barcolana, disputata ieri nel golfo di Trieste, i gommoni di Greenpeace hanno cercato di abbordare la barca Esimit 2 Europa di propriet dellarmatore sloveno Igor Simsic, colpevole di avere fra gli sponsor il gruppo russo Gazprom

tic), hanno prima tentato di ostacolare la corsa della barca slovena, mettendosi di traverso mentre stava superando la seconda boa del percorso. Poi, di fronte alla reazione della sicurezza e allintervento delle moto dacqua della polizia, sono stati costretti ad indietreggiare, limitandosi a scortare Esimit 2 Europa fino al traguardo, in uno sventolio di bandiere. Non protestiamo contro la Barcolana o il mondo della vela ha affermato Federica Ferrario di Greenpeace Italia ma contro lo sfruttamento dellArtico da parte di Gazprom. paradossale che proprio questa sia la prima barca con bandiera europea. Chiediamo il ritiro dei piani di trivellazione e la liberazione dei nostri compagni accusati di un reato, pirateria, in realt mai commesso. Fine gara con esito scontato. Gli attivisti, che accusano la sicurezza di aver squarciato un loro gommone, sono stati denunciati per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Gazprom, grazie alla tecnologia di Esimit 2 Europa, si aggiudicato la Barcolana. Chiss se vincer anche la partita dellArtico.

Francesco Alberti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso

Il relitto sar prelevato da una grande nave ascensore. Chi se lo aggiudicher avr trovato un tesoro
condizioni politiche. Le due Regioni Lazio e Toscana, come i due Comuni di Piombino e Civitavecchia, sono in mano al centrosinistra. Di pi: i due governatori democratici, Nicola Zingaretti (Lazio) e Rossi (Toscana), nonch i due sindaci democratici, Gianni Anselmi (Piombino) e Pietro Tidei (Civitavecchia), hanno una comune provenienza diessina. Sappiamo che qui lultima parola non spetta alla politica. La Carnival una compagnia di navigazione straniera e privata e pu far smontare la sua nave dove meglio crede. Ma cercare di offrire le condizioni migliori dando la sensazione che ci sia un clima favorevole, magari senza conflitti striscianti fra istituzioni, forse aiuterebbe a ribaltare un esito gi scritto in partenza. In caso contrario i vantaggi competitivi che ha gi la Turchia rispetto allItalia diventano sovrastanti anche rispetto alla distanza che separa lIsola del Giglio da Smirne, venti volte superiore rispetto a quella fra il luogo del naufragio della Costa Concordia e gli scali di Piombino o Civitavecchia. La manodopera, per esempio, costa molto meno. Le misure di sicurezza, poi, hanno una incidenza economica nettamente inferiore. Ma anche le normative ambientali risultano decisamente meno stringenti delle nostre: e si sa che uno dei problemi pi grossi sar lo smaltimento delle 180 mila tonnellate di acque inquinate dagli oli e dai carburanti che sono ancora nello scafo. Per non parlare della maggiore facilit di commercio dei materiali recuperati dal relitto. Non un caso se la Turchia uno dei Paesi al mondo nei quali transitano le maggiori quantit di rottami. Mentre noi discutiamo, potr farsi scappare un ferroso cadavere grosso come quello della Costa Concordia?
R PRODUZIONE RISERVATA

QUEL MEZZO MILIARDO IN ROTTA PER SMIRNE


La bonifica della Concordia si allontana dallItalia per il disaccordo tra Civitavecchia e Piombino
di SERGIO RIZZO
Il risultato della sfida sembra purtroppo gi acquisito: fra Piombino e Civitavecchia vincer Smirne. Da metafora della superficialit e della vigliaccheria quando si piegata su un fianco davanti allIsola del Giglio, a orgoglioso simbolo di riscatto quando stata risollevata con uno sforza prodigioso, la Costa Concordia rischia di trasformarsi ora nellemblema delle divisioni campaniliste e della inaffidabilit made in italiana di fare sistema. La demolizione della Costa Concordia unoperazione ciclopica: le stime parlano di un costo non troppo distante dai 500 milioni di euro. Cifra in parte compensata dal ricavo della vendita dei rottami, valutato in una somma compresa fra 100 e 150 milioni di euro. Chi mette le mani su un affare del genere ha fatto bingo. E qui viene il bello. Il porto toscano di Piombino rivendica di essere per contiguit territoriale la destinazione naturale del bastimento spiaccicato venti mesi fa sugli scogli toscani del Giglio. Il governatore della Regione, Enrico Rossi, ha suonato la mobilitazione generale. Ma per accogliere un mostro del genere Piombino avrebbe bisogno di seri lavori di adeguamento: vero che i 114 milioni necessari sono disponibili, ma sullapertura dei cantieri c ancora un bel punto interrogativo. Siamo al progetto, per capirci. Scartata lipotesi di Palermo, che ha un bacino di carenaggio troppo piccolo, si sono allora fatti avanti quelli di Civitavecchia, sostenendo non soltanto di avere pescaggio e spazi adeguati, ma anche una banchina perfettamente attrezzata alla bisogna. Per giunta senza interferire, garantiscono, con il transito delle navi da crociera, considerando che si tratta del primo scalo mediterraneo per questo genere di traffico. stato studiato pure un sistema per occultare il relitto mentre procedono i lavori di smantellamento, cos da evitare il possibile impatto negativo sullimmagine aziendale proprio nel porto dei croceristi. Il che potrebbe anche essere un problemino mica da ridere. Tuttavia la candidatura alternativa a quella che molti ritengono velleitaria di Piombino non fa breccia nel cuore dei toscani. Quindi non decolla, nonostante la somma in ballo sia paragonabile ai redditi di un anno di tutti i cittadini di una delle due citt: 660 milioni Civitavecchia; 450 Piombino. Tanto basterebbe per fare carte false pur di mantenere in Italia un lavoro del genere. Per una volta ci sarebbero anche le famose
Il relitto A sinistra la Costa Concordia nelle acque dellIsola del Giglio, dove la nave da crociera naufragata il 13 gennaio 2012. in attesa di essere trasportata e smantellata

Il trasferimento La Concordia sar rimorchiata dal Vanguard, colossale battello semisommergibile, affittato per 30 milioni di dollari
Italy. Affondata nelle nostre acque, la grande nave da crociera sar smantellata con ogni probabilit in Turchia, nel grande porto mediterraneo di Izmir. Fra dieci mesi verr trasferita l dalla Vanguard, colossale battello semisommergibile che il gruppo Carnival, proprietario della Costa, ha affittato per tre mesi, a partire dal prossimo agosto, per la modica cifra di 30 milioni di dollari. Anche se ufficialmente non ancora stata presa, la decisione nellaria. E qui si tocca con mano tanto larretratezza del nostro sistema portuale, afflitto da carenze infrastrutturali aggravate da immobilismi e burocrazia, quanto lincapacit tutta

Il recupero

COS La Vanguard Dockwise una nave ascensore semisommergibile lunga 275 metri, larga 70 e capace di trasportare carichi no a 110 mila tonnellate

IL CANTIERE La Vanguard stata costruita nei cantieri Hyundai in Corea per conto della societ olandese Dockwise, specializzata per trasportare nel mondo gigantesche piattaforme offshore

COSA FAR 1 I serbatoi della Vanguard si riempiono dacqua e la nave scende a 16 metri di profondit. La Concordia viene rimorchiata sopra la Vanguard

Ecco i possibili porti di destinazione della Concordia-Vanguard: Isola del Giglio Piombino

2 I serbatoi si vuotano, la Vanguard riemerge e carica a bordo la Concordia, che verr cos trasportata nel porto di smaltimento
Guarda il video con una chiamata gratuita al +39 029 296 61 54

Civitavecchia ITALIA Palermo

TURCHIA Smirne

CORRIERE DELLA SERA

30

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

31

32

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Cultura
Dibattito Sulle cause della inutile strage ci sono 25 mila libri, ma nessuno risolutivo Un secolo dopo Le strane somiglianze fra gli avvenimenti di ieri e quelli di oggi

Il 1913, un anno formidabile cieco davanti alla Catastrofe


Perch inutile cercare il colpevole della Grande guerra
di PAOLO MIELI
dal naufragio del Titanic avvenuto nel 1912, inizia a scrivere Il tramonto dellOccidente. Lanno in cui Pablo Picasso e Georel marzo del 1913, il professor ges Braque passano al cubismo sintetico. In cui si avr la Jacques-Ambroise Monprofit ri- definitiva rottura tra Sigmund Freud e Carl Gustav Jung (Le fer sul Figaro di una sua visi- propongo di cessare completamente i nostri rapporti privati; ta agli ospedali militari della io non ci perdo nulla, perch ormai da lungo tempo ero legato Grecia e della Serbia. Aveva notato che le a lei soltanto dal filo sottile delle delusioni, scriveva in genferite causate dai cannoni venduti dalla naio il maestro allallievo). Francia agli Stati balcanici, e da loro uti la stagione in cui, oltre a Freud, a Vienna davano ecceziolizzati, non soltanto erano le pi numero- nale prova di s Arthur Schnitzler, Egon Schiele, Gustav Klise, ma anche le pi gravi, con fratture ossee, lacerazione di mt, Adolf Loos, Karl Kraus, Otto Wagner, Hugo von Hofmanntessuti, sfondamento di casse toraciche e crani frantumati. sthal, Ludwig Wittgenstein, Georg Trakl, Arnold Schnberg, Le sofferenze prodotte da quei cannoni erano cos devastanti, Oscar Kokoschka. Tra loro si stabilisce una rete di curiose inche un esperto di chirurgia militare, Antoine Depage, ne pro- terrelazioni. Che ingloba Robert Musil, a cui un medico diapose un embargo internazionale. Ma la risposta unanime fu gnostica chiari segni di nevrastenia (Ma quella che nel un no. Quel potenziale di morte doveva servire da deterrente 1913 diventa malattia mentale, annota nel proprio diario contro ogni ipotesi di guerra. Comprendialautore de I turbamenti del giovane Trless mo quale sia la generosa motivazione della parlando di Dante Alighieri, nel Duecento poproposta di embargo, comment un editoriatrebbe essere stata considerata una semplice lista del Figaro, ma se dobbiamo attendermanifestazione di eccentricit). La rete si ci che un giorno saremo sovrastati numericaestende anche fuori da Vienna. A Praga un almente sul campo di battaglia, allora bene che tro nevrastenico eccellente, Franz Kafka i nostri nemici sappiano che abbiamo simili (Voglio curarmi mediante il lavoro, scrive alterribili armi con cui difenderci. Alla vigilia lamico Max Brod), e Albert Einstein, che ha ladella Prima guerra mondiale, scrive Cristopher sciato la citt alla fine del 12; a Berna Hermann Clark in I sonnambuli. Come lEuropa arriv Hesse; in Inghilterra Virginia Woolf, che nel alla Grande guerra (di imminente pubblicapieno di una depressione porta a termine La zione per i tipi di Laterza, nella traduzione di crociera (fino al 1929 ne vender solo 479 coDavid Scaffei), possibile trovare riflessioni pie). In Germania Thomas Mann, a Parigi Raicos disinvolte pressoch ovunque. Si pu ner Maria Rilke. Marcel Proust pubblica il pridavvero dire che i protagonisti del 1914 erano Assassinato mo volume della Ricerca del tempo perduto dei sonnambuli, apparentemente vigili e per (La vita troppo breve e Proust troppo lunnon in grado di vedere, tormentati dagli incu- Francesco Ferdinando go, lo stronca Anatole France). E ancora a bi, ma ciechi di fronte alla realt dellorrore dAsburgo, erede al Berlino George Grosz, a Monaco Vasilij Kanche stavano per portare nel mondo. S, ciechi. trono di Vienna, fu dinskij che stringe amicizia con Paul Klee, nelEppure questi sonnambuli avevano dato vi- ucciso a Sarajevo il 28 la capitale francese Robert Delaunay, Frantisek ta ad un universo di talenti intrecciati luno giugno 1914 Kupka e Marcel Duchamp, in Russia Kazimir con laltro, un mondo unico, zeppo di coinciMalevic, in Olanda Piet Mondrian. denze straordinarie e per certi versi magico. quel che ha Il 1913 lanno in cui Albert Schweitzer vende tutti i suoi provato a dimostrare lo storico dellarte Florian Illies in un al- beni e si trasferisce in Africa. Walter Gropius pubblica i Protro magnifico libro di imminente pubblicazione: 1913. Lesta- gressi della moderna architettura industriale. Igor Stravinskij te del secolo (Marsilio). Che cosa ha avuto di particolare quel- festeggia la prima de Le sacre du printemps. Max Weber conia lanno, lultimo prima dello scoppio della guerra? LEuropa si lespressione disincantamento del mondo. Edmund Hus riempita di personalit ineguagliabili. Nel gennaio del 1913 serl d alle stampe Idee per una fenomenologia pura e per una probabile che lesiliato Josif Stalin e Adolf Hitler si siano sfio- filosofia fenomenologica. Ludwig Mies van der Rohe apre il rati mentre passeggiavano (era una loro abitudine) nel parco suo studio di architettura a Berlino. Di nuovo a Parigi Andr viennese di Schnbrunn. Sempre a Vienna, in febbraio, Stalin Gide, Igor Stravinskij e Jean Cocteau assistono assieme alle e Lev Trotzkij si incontrano per la prima volta, proprio nel prove del balletto di Nizinskij su coreografie di Djagilev e mumomento in cui a Barcellona nasce Jaime Ramon Mercader, sica di Claude Debussy: litigano con gli artisti perch definiluomo che uccider Trotzkij per conto di Stalin. In quegli scono lo spartito esile e il costume del ballerino effeminastessi giorni Vladimir Lenin scrive a Maksim Gorkij: Una to e ridicolo. Alla prima assiste Gabriele dAnnunzio, giunto guerra fra Austria e Russia potrebbe essere molto utile alla ri- in Francia per fuggire dai creditori italiani. Giorgio de Chirico voluzione in Europa; solo difficile immaginare che France- dipinge Piazza dItalia. Franz Wedekind si rifugia a Roma dosco Giuseppe e lo zar Nicola vogliano farci questo piacere. Il po il divieto di mettere in scena Lul (Ma se ci si vuole diver1913 lanno in cui a Monaco Oswald Spengler, suggestionato tire, meglio andare a Parigi, scrive alla moglie Tilly).

Bibliografia

Nuovi saggi critici da Laterza e Marsilio


Esce in libreria il 7 novembre il saggio I sonnambuli. Come lEuropa arriv alla Grande guerra (pagine 736, e 35) dello storico Christopher Clark, che indaga sulle responsabilit per lo scoppio del conflitto. Sintitola invece 1913. Lestate del secolo (Marsilio, pagine 304, e 19) il libro di Florian Illies, in uscita il 13 novembre, sul clima culturale dellanno che precedette la guerra. Nella foto a destra: reperti dei combattimenti sullAdamello conservati al Museo della guerra bianca (foto Mauro Sioli). Verso la fine dellanno tutto si fa pi cupo. Carl Schmitt prende nota di una intenzione suicida: A nessuno importa niente, a nessuno importa di me, a me non importa di nessuno, scrive. Walther Rathenau dedica il suo libro Meccanica dello spirito alle nuove generazioni. Il 20 novembre Kafka annota nel suo diario: Al cinematografo. Ho pianto. Il 15 dicembre Ezra Pound scrive a un James Joyce pressoch sconosciuto e povero in canna per chiedergli qualcosa da pubblicare: Egregio signore, stando a quanto mi dice Yeats, potrei quasi pensare che io e lei siamo accomunati da qualche avversione, gli dice. Poche settimane dopo Joyce gli invia Ritratto dellartista da giovane e Gente di Dublino. Il 31 dicembre Arthur Schnitzler confida al proprio taccuino di aver finito di dettare la novella Follia, di aver letto un libro di Ricarda Huch sulla guerra in Germania (quella del 1870) e di aver trascorso una giornata molto nervosa. Il ritratto che Florian Illies traccia dellultimo anno di pace davvero fuori dal comune. Decine, centinaia di storie offrono il quadro di un concentrato di geni (e qui ne abbiamo tralasciati moltissimi) probabilmente unico nella storia dellumanit. Geni che si affacciarono al 1914 con qualche presentimento di quel che stava per accadere. Anche se tutti loro lo percepivano come qualcosa di individuale che atteneva alla sfera della melanconia, di un qualche turbamento del proprio sistema nervoso. Cos come i loro governanti. Tanto che, quando poi scoppi la guerra, le classi dirigenti fecero fatica ad accorgersi di quel che stava davvero accadendo. Qualcuno, come il corrispondente del Times Henry Wickham Steed, dir poi ricorda Christopher Clark daver avvertito lo scricchiolio. In una lettera, del 1954, Wickham Steed scriver al direttore del Times Literary Supplement che quando nel 1913 aveva lasciato lImpero austro-ungarico, aveva sentito che stava scappando da un edificio destinato alla fine (ma nel 1913 aveva scritto tuttaltro e cio che in dieci anni di osservazione e di esperienza non aveva percepito nessuna ragione sufficiente per cui la monarchia asburgica non dovesse mantenere il suo legittimo posto nella comunit europea). Allepoca dello scoppio della guerra dunque il livello di consapevolezza fu assai scarso. Tant che, nota Clark, in Francia la notizia di Sarajevo venne di fatto scalzata dalle prime pagine dei giornali dallo scandalo Caillaux. In marzo madame Caillaux, moglie dellex primo ministro Joseph Caillaux, era entrata nellufficio del direttore del Figaro, Gaston Calmette, e gli aveva sparato sei colpi. Il movente del delitto era, a detta della sparatrice, la campagna che il quotidiano aveva condotto contro suo marito, pubblicando fra laltro le lettere damore che la signora aveva scritto al futuro coniuge quando lui era ancora sposato con la prima moglie. Il processo avrebbe dovuto aprirsi il 20 luglio e linteresse del pubblico per questa vicenda, che univa uno scandalo a sfondo sessuale e un crime passionnel commesso da una donna molto in vista nella vita pubblica francese, fu naturalmente immenso. Ancora il 29 luglio, limportante Le Temps dedic allassoluzione di madame Caillaux (decretata in base alla tesi secondo cui la provocazione era un elemento tale da giustificare il delitto) un rilievo doppio rispetto a quello riservato alla crisi che di l a qualche giorno avrebbe trascinato in guerra lintera Europa. Non riuscir mai a capire come sia potuto accadere, disse al marito la scrittrice Rebecca West 22 anni dopo, mentre si trovavano sul balcone del municipio di Sarajevo. Non perch non sapesse individuare le cause dello scoppio del conflitto, ma perch ce nerano troppe. Un po come quello che ha ri-

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Cultura 33
A quattrocento anni dalla morte, dal 17 al 19 ottobre, a Macerata e Loreto si celebrer lo scrittore lauretano Traiano Boccalini. Il convegno Traiano Boccalini tra satira e politica, torner a discutere della sua opera pi celebre, i Ragguagli di Parnaso (1612-1613), ma anche di La Bilancia politica (testo che raccoglie tutte le sue opere, nella foto il frontespizio). Traiano Boccalini (Loreto 1556 - Venezia 1613), acerrimo nemico della dominazione spagnola in Italia, fu autore molto famoso e copiato allepoca. Nei suoi Ragguagli si scagli contro tutti i dogmatismi tardo cinquecenteschi, da quello linguistico, irridendo il rigore cruscante, a quello letterario, ancora vincolato dalle regole della Poetica di Aristotele. Ma in unepoca oppressa da censura politica ed ecclesiastica non pot fare a meno di attenuare prudentemente i passi pi sferzanti e di destinare alcuni ragguagli alla pubblicazione postuma. Stessa sorte subirono i Commentari sopra Cornelio Tacito, ponderosa opera di commento degli Annali dello scrittore latino. Il convegno, con presenti 24 relatori, stato organizzato dal Dipartimento di studi umanistici delluniversit di Macerata e dallassessorato alla Cultura del Comune di Loreto, in collaborazione con luniversit Lauretana e il Centro nazionale di studi leopardiani.

MACERATA E LORETO

A 400 anni dalla morte un convegno di studi su Traiano Boccalini

schiato di accadere ai giorni nostri (e forse rischia ancora) con la crisi finanziaria europea. singolare, scrive Clark, che gli attori della crisi dellEurozona, come quelli del 1914, siano stati consapevoli dellesistenza di un possibile esito dalle conseguenze catastrofiche (la fine delleuro); tutti i principali protagonisti speravano che ci non sarebbe accaduto, ma oltre a questo comune interesse, ne avevano anche molti altri particolari, fra loro contrastanti, e in un sistema in cui esistono molteplici interrelazioni, le conseguenze di qualsiasi azione di un elemento dipendono dalle reazioni degli altri, che sono difficili da valutare in anticipo, data la scarsa chiarezza dei processi decisionali. Cos nel corso di tutto il processo, i soggetti politici dellEurozona hanno sfruttato la possibilit di una catastrofe generale come strumento su cui far leva per assicurarsi i propri specifici benefici. Oggi come allora. A un secolo dallo scoppio della Prima guerra mondiale, fioriscono parallelismi, al punto che si pu quasi dire che, alla fine del 2013 pi che mai, quegli uomini del 1914 appaiono come nostri contemporanei. Ma sempre stato cos? No. Si pu affermare, secondo Clark, che il luglio del 1914 meno distante da noi meno illeggibile di quanto non lo fosse negli anni Ottanta. Dopo la fine della guerra fredda, un sistema globale di stabilit bipolare ha lasciato il posto ad una pi complessa e imprevedibile variet di forze, ivi compresi imperi in declino e potenze in ascesa, una situazione che invita al confronto tra lepoca attuale e quella di cento anni fa. Si tratta di semplici somiglianze, niente di pi. Un esempio: dopo lassassinio dellarciduca Francesco Ferdinando, gli amici della Serbia non concessero a Vienna il diritto di inserire nelle sue richieste a Belgrado uno strumento per controllare e far rispettare ladempimento degli obblighi previsti. Le pretese in tal senso furono respinte in quanto inconciliabili con la sovranit serba. Come accaduto, secondo lautore, con il dibattito svoltosi nel Consiglio di sicurezza dellOnu nellottobre 2011 su una proposta caldeggiata dagli Stati membri della Nato di imporre sanzioni alla Siria di Assad per prevenire ulteriori massacri degli oppositori al regime di Damasco. E di morti allepoca il despota siriano ne aveva gi provocati quasi trentamila (adesso sono oltre centodiecimila). Ma il rappresentante della Russia sostenne che quella proposta rispecchiava un inappropriato approccio aggressivo tipico delle potenze occidentali, mentre secondo lemissario cinese alle Nazioni Unite le sanzioni erano inaccettabili in quanto non potevano conciliarsi con la sovranit siriana. Ancora. 95 anni fa, il fatto che una Jugoslavia a predominio serbo fosse tra gli Stati vincitori della guerra, sembr implicitamente scagionare latto delluomo che il 28 giugno premette il grilletto contro larciduca austriaco e sua moglie. In unepoca in cui lidea nazionale era ancora viva e densa di promesse, si manifest unistintiva simpatia per il nazionalismo degli slavi del Sud e un sentimento di segno opposto nei confronti del multinazionale Impero asburgico Le guerre jugoslave degli anni Novanta hanno modificato questottica, ricordandoci tutto il potenziale di pericolosit contenuto nei nazionalismi balcanici. Adesso le cose stanno in modo diverso. Dopo eventi come quello di Srebrenica e lassedio di Sarajevo, diventato pi difficile pensare alla Serbia come a una semplice pedina o vittima della politica delle grandi potenze, e di conseguenza diventato pi facile concepire il nazionalismo serbo come unautonoma forza storica. Dallodierna prospettiva dellUnione Europea, scrive Clark, siamo portati a guardare con maggior simpatia o almeno con minor disprezzo di un tempo allormai scomparso mosaico imperiale dellAustria-Ungheria asburgica.

Altra possibile analogia, tra allora e oggi, sta nellindebolimento complessivo della politica. Di fatto, secondo Clark, non si pu neanche dire con certezza che il termine politica sia sempre appropriato in relazione al contesto pre-1914, dato il carattere approssimativo e ambiguo di molti degli obblighi in essere. assai discutibile che nel biennio che precedette il 1914, Russia e Germania avessero unautentica politica balcanica: ci troviamo in presenza di una molteplicit di iniziative, di scenari e di atteggiamenti, in base ai quali risulta talvolta difficile scorgere un chiaro orientamento complessivo. Allinterno dei rispettivi esecutivi statali, la variabilit dei rapporti di potere faceva anche s che coloro i quali formulavano la linea politica operassero sotto una notevole pressione interna, proveniente non tanto dalla stampa, dallopinione pubblica, da gruppi di interesse industriale o finanziario, quanto dagli avversari interni alle loro stesse lites o ai governi. Infine, oggi forse pi facile vedere che non opportuno liquidare luccisione di Sarajevo come un semplice incidente non in grado di condizionare gli eventi. Lattacco alle Torri gemelle dell11 settembre 2001 ha mostrato come un unico, simbolico evento per quanto profondamente intrecciato a processi storici pi vasti possa modificare irrevocabilmente le dinamiche politiche, rendendo obsolete le vecchie opzioni e conferendo alle nuove unimprevedibile urgenza. Rimettere Sarajevo e i Balcani al centro della vicenda non significa demonizzare i serbi, n i loro statisti e neppure sottrarsi allobbligo di comprendere le forze che operarono su quei politici, ufficiali e attivisti serbi che con il loro comportamento e le loro decisioni contribuirono a determinare le conseguenze di quello sparo iniziale. In questo senso va accantonato una volta per tutte il concetto di colpa e di responsabilit per linizio della guerra. Tutte le fonti documentarie sono zeppe di attribuzioni di colpa (Era un mondo in cui le intenzioni aggressive venivano sempre addebitate allavversario, e quelle difensive attribuite a se stessi, scrive Clark) e il giudizio enunciato dallarticolo 231 del trattato di Versailles contribu a far s che la questione della colpa della guerra rimanesse in primo piano. Oggi, continua Clark, non ha senso alcuno avvicinarsi a un libro sulla Grande guerra come si fa con un giallo di Agatha Christie, cio confidando che nelle ultime pagine si conoscer il colpevole. Una delle tante ragioni di demerito del trattato di pace di Versailles fu quella di aver individuato, allarticolo 231 appunto, negli sconfitti i responsabili della guerra. Lo scenario balcanico da cui scatur il conflitto non fu il risultato di una politica n di un piano o di un complotto maturato costantemente nel corso del tempo, n vi fu alcuna relazione di necessit fra le posizioni adottate nel 1912 e nel 1913 e lentrata in guerra lanno successivo. Lo scenario balcanico che di fatto era uno scenario serbo non spinse lEuropa verso la guerra che poi sarebbe effettivamente scoppiata nel 1914: Esso piuttosto forn il quadro concettuale allinterno del quale la crisi venne interpretata una volta che si apr. Ed nel contesto di quel quadro concettuale che pot accadere che la Russia e la Francia legassero, in modo estremamente asimmetrico, la sorte di due fra le maggiori potenze mondiali ai destini di uno Stato turbolento e a tratti violento quale era appunto la Serbia. La ricerca della colpa predispone chi indaga a interpretare a priori le decisioni dei responsabili politici come fossero pianificate in anticipo e mosse da un intento coerente. Bisogna mostrare che chi ha causato la guerra aveva la consapevole volont di farlo. Nella sua forma estrema, questo modo di procedere genera racconti influenzati dallidea del complotto, nei quali una ristretta cerchia di individui potenti, come i cattivi dei film di spionaggio, controlla gli eventi da dietro le quinte, seguendo il copione di un piano perverso. Si pu capire la soddisfazione morale che tali ricostruzioni possono comportare, e ovviamente a lume di logica non impossibile che nellestate del 1914 la guerra sia scaturita da un processo del genere, solo che, a seguito di un vaglio accurato, va detto nel modo pi netto che tale interpretazione non sostenuta da elementi di fatto. Eppure gran parte dellimmensa mole di ricostruzioni dellantefatto, svolgimento e conseguenze della Prima guerra mondiale deve fare i conti con la nozione di colpa, con la ragion politica pi che con la libera ricerca storica. Soprattutto tra le due guerre, allorch la Germania pubblic unopera in quaranta volumi, che comprendeva 15.889 documenti suddivisi in trecento aree tematiche, al solo scopo di confutare la tesi colpevolista del trattato di Versailles. La Francia, per parte sua, fece lo stesso e il ministro degli Esteri Jean-Louis Barthou, nel 1934, ammise che la pubblicazione di documenti

Novit In uscita il 30 ottobre un volume con le prime pagine dellepoca

Le tappe del conflitto viste dal Corriere

Gli assassini di Sarajevo, scrive Clark, fecero ogni sforzo predisposta dal governo di Parigi aveva un carattere essenzialmente politico. A Vienna il condirettore della collana che possibile per occultare le tracce di un loro collegamento con pubblic i documenti austriaci, Ludwig Bittner, nel 1926 spie- Belgrado Molti dei sopravvissuti tra i partecipanti si rifiutag che si era proceduto in tal senso prima che qualche organi- rono di parlare del loro coinvolgimento, altri esagerarono o smo internazionale li obbligasse a farlo in circostanze meno ridimensionarono il ruolo che avevano svolto, oppure nascofavorevoli. Anche a Vienna dunque la spinta fu interamente sero gli indizi con fumose speculazioni, generando un vero e politica. Cos come in Russia. Le prime raccolte di documenti proprio caos di testimonianze discordanti. Il complotto stesdi parte sovietica furono almeno parzialmente motivate dal so non lasci alcuna documentazione: Praticamente tutti desiderio di ricondurre allo zar, e al suo amico Raymond coloro che vi presero parte erano abituati a muoversi in un Poincar (il presidente francese), la responsabilit di aver contesto ossessionato dalla segretezza; la collusione tra lo Stato serbo e le reti implicate nella congiura era iniziato la guerra sperando con ci di delegitvolutamente occulta e informale, di fatto non timare le richieste francesi di rimborso dei preProtagonisti cerano tracce scritte. La storiografia sulla costiti prebellici. La Gran Bretagna invece anspirazione ha quindi dovuto districarsi fra nunci che avrebbe pubblicato tutto, anche ci unincerta mescolanza di ricordi risalenti al doche fosse politicamente sconveniente, ma prepoguerra, deposizioni e dichiarazioni giurate sto si pot constatare che la raccolta docurilasciate sotto minaccia, affermazioni presumentaria data alle stampe presentava tendenmibilmente basate su fonti poi distrutte e branziose omissioni, tanto da offrire un quadro non Letteratura delli di prove documentarie, nella maggior del tutto equilibrato del ruolo che gli inglesi Lo scrittore francese parte dei casi riferite solo indirettamente alla avevano avuto negli eventi che precedettero lo Marcel Proust (nella pianificazione e allattuazione del complotto. scoppio della guerra. Un immenso caos che, foto qui sotto) pubblic Risultato: la letteratura sulle cause della Prigi nel 1929, lo storico militare tedesco Bernel 1913 il primo ma guerra mondiale ventanni fa si stimavanhard Schwertfeger defin guerra mondiale volume del romanzo no 25 mila tra volumi e saggi su questo tema dei documenti. Alla ricerca del tempo oggi non aiuta a capire. O, comunque, aiuta Per non parlare poi dei macroscopici casi di perduto. Lautrice meno di quanto ci si aspetterebbe. Oltretutto reticenza. Nelle Considerazioni sul conflitto inglese Virginia Woolf ha assunto proporzioni talmente vaste che nespubblicate nel 1919, il cancelliere tedesco Theo(nella foto al centro) sun singolo storico (neppure unimmaginaria bald von Bethmann Hollweg non dice pressoport a termine nello figura di studioso in grado di padroneggiare ch nulla sui comportamenti suoi e dei suoi tutte le lingue richieste) pu sperare di poterstesso anno il romanzo colleghi nel luglio del 1914, il mese decisivo che la leggere per intera nellarco di una vita. La crociera, che precedette lo scoppio della guerra vera e proNel nuovo approccio alla Prima guerra monvenne pubblicato poi pria. Le memorie del ministro degli Esteri rusdiale, quello successivo alla prolungata stagionel 1915 so, Sergej Sazonov, in alcuni punti sono ad ne della ricerca della colpa, viene da domanogni evidenza mendaci. I dieci volumi delle darsi, scrive Clark, se discutendo della situamemorie di Poincar sono attenti pi alla prozione internazionale o delle minacce esterne, i paganda che a rivelare notizie di una qualche protagonisti dellalta politica di quei tempi sostanza. E si riscontrano sorprendenti diavessero davanti agli occhi qualcosa di reale o screpanze fra i ricordi dellex presidente in proiettassero le proprie personali paure e i promerito agli eventi e le note che allepoca aveva pri desideri sui loro avversari, o facessero enscritto nel suo diario. Vaghe vengono giuditrambe le cose insieme. E cos tutti i pi intecate da Clark le pur piacevoli rimembranze ressanti contributi recenti hanno sostenuto di sir Edward Grey, gi ministro degli Esteri che la guerra, lungi dallessere inevitabile, era britannico. Ci sono poi gli infidi fatto improbabile. niti casi che stanno l a dimoPerlomeno finch non esplose davvero, il strare i riaggiustamenti delle conflitto non fu la conseguenza di un deteriomemoria. Nessuno ricordava ramento in atto da lungo tempo, bens di di aver fatto degli sbagli. traumi di breve termine che scossero il sisteQuando alla fine degli anni ma internazionale. Il che spiega tanti frainVenti lo storico americano Bertendimenti della prima ora. Come quello che nadotte Everly Schmitt venne capit alla legazione russa di Belgrado, lunica in Europa per parlare con i pronella capitale serba a non esporre la bandiera a tagonisti dei fatti di 15 anni primezzasta il giorno del funerale dellarciduca ma, Grey fu lunico che ammiucciso da Princip. Anzi, si era diffusa la voce se di aver commesso qualche che la sera successiva allattentato lambasciaerrore, pur se di importanza tore Nikolaj Hartwig avesse dato un ricevimensecondaria. Ma lo storico ebbe to nella legazione russa, dalla quale si sarebbelimpressione che le parole di Grey riflettevaro sentite provenire acclamazioni e risate. no una concessione allautodenigrazione che Hartwig chiese un incontro con lambasciatore rientrava nel tipico stile di chi in Inghilterra ocaustriaco Wladimir Giesl, che glielo concesse e cupa posizioni di rilievo, piuttosto che una sinsi disse soddisfatto dei suoi chiarimenti. Solo cera ammissione di responsabilit. Schmitt che alla fine della cordiale chiacchierata, alle rintracci poi lex ministro delle Finanze russo nove e venti di sera, il diplomatico russo ebbe Ptr Bark, che faceva il banchiere a Londra e un colpo apoplettico e mor. La baronessa Giesl non ricordava quasi nulla (ma fortunatamente fece immediatamente la sue condoglianze alla aveva tenuto qualche prezioso appunto su quei figlia di Hartwig, Ludmilla, che per le respindelicatissimi giorni). Sempre nel 1913 il se, dicendosi indifferente a quelle parole auCerano infine problemi di evidente manimedico e teologo striache. Nonostante fossero evidenti le cause polazione postuma. Quando nellautunno del Albert Schweitzer del tutto naturali della morte del rappresentan1937 lo studioso Luciano Magrini si rec a Bel(nella foto qui sopra) te russo, furono compiute indagini come se si grado, per intervistare i sopravvissuti tra quanpart per lAfrica, dove trattasse di un assassinio. La stampa locale si ti avevano partecipato al complotto che aveva si dedic agli ammalati. impossess della vicenda e descrisse i Giesl coportato Gavrilo Princip a premere il grilletto, Nel 1952 gli venne me dei moderni Borgia, la Russia consent a dovette constatare che alcuni testimoni riferiassegnato il premio che, come richiesto dalla famiglia, Hartwig fosvano di questioni delle quali non potevano aveNobel per la pace se seppellito in Serbia, e a lui furono riservati re conoscenza, altri tacevano o alteravano quelfunerali di Stato di una pomposit senza prelo che sapevano e altri ancora aggiungevano cedenti. fronzoli ai loro racconti o si preoccupavano di cercare giustifiLEuropa si avviava in quei giorni a passi rapidi verso la notcazioni a proprio vantaggio. Peggio. Molti contatti importanti tra i principali protagonisti erano a voce e non hanno la- te. La luce si spenta, scrisse in una lettera di fine luglio il sciato traccia, sicch possono essere ricostruiti soltanto ricor- primo ministro britannico Herbert Asquith. I giornali inglesi rendo a fonti indirette o a testimonianze successive. Le orga- (ad eccezione del Times, che peror la causa di un internizzazioni serbe collegate con lattentato di Sarajevo avevano vento britannico nellimminente conflitto) furono indifferenun carattere rigorosamente segreto e non lasciavano quasi ti alla crisi che si era prodotta dopo luccisione di Francesco Ferdinando e della moglie Sofia. Tanto poco Belgrado si prenessuna documentazione scritta. occupa di Manchester, altrettanto poco Manchester si preoccupa di Belgrado, sentenzi il Guardian. Il cui direttore, Alfred George Gardiner, verg il 1 agosto un editoriale dal titolo Perch non dobbiamo combattere. Stesso atteggiamento da parte dello Yorkshire Post, che non vedeva ragione per cui la Gran Bretagna dovesse occuparsi del conflitto. E cos anche il Cambridge Daily News, che defin trascurabile linteresse inglese nellintera vicenda. Di dovere Tutto cominci a Sarajevo il 28 lo Mieli, il libro ripercorre, attraverso dellInghilterra parl lOxford Chronicle, ma questo impegiugno 1914, quando larciduca Fran- i titoli, le foto, i commenti e i reporta- rativo era quello di mantenere localizzata la disputa e di bacesco Ferdinando, erede al trono del- ge del maggiore quotidiano italiano, dare bene a tenersene fuori. Asquith, come si evince dalla lettera di cui si detto, era lAustria-Ungheria, fu assassinato gli eventi di quellimmane tragedia: con la moglie Sofia da un terrorista le principali battaglie sui diversi preoccupato soprattutto perch un tentativo di trovare un acbosniaco di etnia serba, Gavrilo Prin- fronti, lintervento dellItalia nel cordo sullUlster era fallito a causa della complessa geografia cip. In capo a un mese lintera Europa maggio 1915, la Rivoluzi0ne russa e la confessionale delle contee di Tyrone e Fermanagh. Poi accenprecipit nellabisso sanguinoso del- pace separata dei bolscevichi con nava del tutto marginalmente alla crisi che si profilava in Eula Prima guerra mondiale, le cui tap- Vienna e Berlino, lentrata in guerra ropa, specificando: Fortunatamente non sembra vi sia ragiope trovano un puntuale riscontro nel degli Stati Uniti, lavanzata dellInte- ne per cui dovremo essere qualcosa di pi che spettatori. E la luce spenta? Loffuscarsi del bagliore era riconducibile, per volume 1914-1918. La Grande guerra sa, larmistizio del 1918. La rassegna delle prime pagine Asquith, al fatto che una sua giovane amica, Venetia Stanley, nelle prime pagine del Corriere della Sera, che esce il prossimo 30 otto- arricchita da commenti e approfon- unelegante e intelligente donna di mondo, quel giorno aveva bre per Rizzoli (pagine 344, e 50), a dimenti, oltre che da un inserto spe- lasciato Londra per trasferirsi nella casa di campagna ad Ancura di Giovanni Sabbatucci e Silvia ciale a colori con le pi belle coperti- glesey. paolo.mieli@rcs.it Capuani. ne della Domenica del Corriere Aperto da unintroduzione di Pao- uscite negli anni di guerra. RIPRODUZIONE RISERVATA

34

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Eventi
Lappuntamento La sicurezza alimentare a Milano, Roma e Napoli Il Salone 97 relatori saranno ospiti di 15 convegni internazionali

Cibo fiducia
Il decalogo

Negozi, gelati, verdure Le regole per non rischiare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Negozi noti Diffida dei canali di distribuzione non abituali Tutti in frigo I surgelati devono essere negli idonei banchi di vendita Gelati allultimo Prendere i cibi congelati alla fine della spesa Scatole integre Verifica lo stato di conservazione delle confezioni Cuoci e mangia Consuma gli alimenti subito o conservali in frigorifero Massima pulizia Aumenta ligiene delle superfici a contatto con gli alimenti Frigo pulito Bisogna curare con particolare attenzione ligiene Subito a casa Il trasporto dei cibi deve avvenire il pi velocemente possibile Ridare al negozio Se il cibo in cattivo stato riportalo al negozio Allestero Non consumare verdure crude, sbuccia la frutta e fai attenzione allacqua

LItalia al top nei controlli Resta aperto il nodo degli alimenti importati. E delle contraffazioni estere
a sicurezza nel piatto non solo uno slogan per lindustria alimentare che vale circa il 16% del Pil nazionale. Lagroalimentare, la sua filiera e i mercati concatenati rappresentano la seconda industria, dopo la metalmeccanica, con 130 miliardi di fatturato (+2,3% rispetto al 2011), oltre 400 mila addetti e 6.250 imprese con pi di nove dipendenti (dati Federalimentare relativi al 2012). La sicurezza e la garanzia di qualit non sempre il made in Italy sinonimo di perizia rappresentano un passaporto indispensabile per il mercato, nazionale o internazionale che sia. Soprattutto quando la destinazione finale lestero. I prodotti italiani contribuiscono, infatti, per circa 8% al totale dellexport nazionale (24,8 miliardi di fatturato nel 2012, +8% rispetto al 2011), con quote ogni anno crescenti. Un risultato eccellente se si pensa che le imprese italiane concorrono su un mercato globale estremamente competitivo: il settore alimentare solo in Europa il primo settore industriale che fattura oltre mille miliardi. Numeri che coincidono con esigenze, quelle dei cittadini, di poter acquistare la merce in piena tranquillit. Una tappa di avvicinamento allExpo 2015, (il tema Nutrire il pianeta, energia della vita) il Salone internazionale della ricerca, innovazione e sicurezza alimentare in cui 97 relatori si confronteranno in 15 convegni a Milano, Roma e Napoli (dal 15 al 17 ottobre 2013). In questa tre giorni spiega lideatore del salone Andrea Mascaretti cercheremo di sviscerare tutti i temi connessi alla sicurezza: linnovazione, le normative, levoluzione del mercato, la tutela dei consumatori, la qualit e certificazione delle imprese anche artigianali del settore e i prodotti made in Italy . Ma il cibo italiano davvero sicuro? LItalia considerata uneccel-

&
FATTURATO in miliardi di euro

lenza nel campo dei controlli. Ci non significa che basta il marchio fatto in Italia per garantirne la qualit commenta Franca Braga, responsabile alimentazione e salute di Altroconsumo ma sicuramente maggiore la possibilit che le eventuali frodi alimentari vengano smascherate prima che i cibi raggiungano la tavola. Stupisce invece,

La crescita della produzione alimentare in Italia


EXPORT in miliardi di euro PRODUZIONE quantit

124
120

127

130

21
20

23

24,8

+10% +10% +8% +3,3% 2010 +2,4% +2,3% 2011 2012 2010 2011 2012 +1,8%

-1,2% -1,4% 2011 2012

2010

Fonte: Federalimentare

CORRIERE DELLA SERA

e sono dati dellEurobarometro, che il 19% degli intervistati italiani siano pi preoccupati della presenza di pesticidi che della cattiva igiene dei luoghi in cui vengono conservate alcune derrate alimentari. Pulizia e corretta conservazione, nel tempo: il consumatore va tutelato a 360 gradi commenta Amina Ciampella, presidente di Otall, lOrdine dei tecnologi alimentari, Lombardia e Liguria e cos la sua protezione da insidie per la salute. Non si pu valutare solo un aspetto della filiera produttiva, tant che uno dei settori di punta della ricerca nazionale legato allo studio di tecnologie e soluzioni che consentano di garantire la durata del prodotto nel tempo. Valutazioni che valgono per gli alimenti che realmente vengono coltivati e allevati sul territorio nazionale, ma che in realt possono sfuggire nel momento in cui vengono importati: tonnellate di grano duro vengono acquistate e portate in Italia dai Paesi del centro nord America e quintali di pomodori che arrivano da Israele o dal Marocco.

La Lombardia, la prima regione agricola italiana, non si pu permettere falle nella sicurezza aggiunge lassessore regionale alla Salute, Mario Mantovani n nellimport n nellexport che vale oltre 1,5 miliardi. Per accrescere la protezione da un anno a questa parte le norme nazionali che regolano le importazioni alimentari sono state rese pi restrittive e sono stati imposti pi controlli doganali. Il che comporta costi che si vanno ad aggiungere a due altri fenomeni, questa volta di natura estera, che affliggono i nostri prodotti conclude Luigi Scordamaglia, consigliere incaricato di Federalimentare per lInternazionalizzazione , la contraffazione dei prodotti nazionali e litalian sounding (brand che riecheggiano nomi del made in Italy, il famoso Parmisan al posto del parmigiano n.d.r.) innescando un giro di affari pari a 60 miliardi di euro, oltre due volte il valore dellexport alimentare nazionale .

Simone Fanti
RIPRODUZIONE RISERVATA

La storia Massimo Biloni ha diffuso la qualit Venere, nata da un incrocio naturale tra una variet asiatica e una padana

Cos ho fatto amare il riso nero agli italiani


D
alle tavole degli imperatori cinesi alla cucina italiana. Quella del riso Venere una storia di viaggi, incroci, adattamento climatico e superamento delle resistenze verso un colore e un aroma nuovo da questa parte del mondo, sebbene antichissimo altrove. Storia con un pap cinese, il ricercatore Wang Xueren che per ventanni ha studiato ladattamento delle variet di riso al clima italiano, e un padrino italiano, il risicoltore Massimo Biloni che ha diffuso il riso Venere promuovendo la sua filiera in un paese che, fino a pochi anni fa, non conosceva riso che non fosse bianco. Alimento un tempo elitario, che sta diventando cool. In Cina, fino all800, soltanto limperatore e la sua corte potevano mangiare riso nero, variet integrale molto ricca di proteine e sali minerali (ferro, manganese e selenio). La sua produttivit era limitata, e dunque riservata alle tavole privilegiate. Fin qui la tradizione, che non apparteneva allItalia (troppo fredda). Due, infatti, le esigenze del riso: calore e acqua. Ma se per le condizioni climatiche il Mezzogiorno sarebbe stato pi adatto, labbondanza di laghi e fiumi ha fatto s che, fin dal 400, le risaie italiane si concentrassero in pianura padana, sul limite estremo di latitudine per una pianta che muore sotto i 15/18 gradi, spiega Massimo Biloni, direttore della cooperativa agricola Sardo Piemontese Sementi, che dal 1978 produce e commercializza sementi di riso e dall89 sviluppa variet per il miglioramento della produzione. Ecco linnovazione: Wang Xueren ha incrociato naturalmente, senza Ogm, una variet asiatica di riso nero messa a disposizione dallIstituto Internazionale di Ricerca sul Riso (il principale ente mondiale per la conservazione del riso, con sede nelle Filippine), climaticamente ancora pi esigente di quella tradizionale, con una variet padana, pi resistente al freddo, accorciando il ciclo produttir per alcuni anni sconosciuto ai pi. La cooperativa SaPiSe, che lo ha sviluppato, ha soltanto perso soldi riferisce Beloni fin quando, nel 2000, ha assunto la gestione della distribuzione promuovendone il consumo. Come? Andando in fiere, congressi e nei ristoranti a spiegarne le peculiarit organolettiche e nutritiMassimo Biloni il ve. Chicco color ebano, direttore della cooperatipiccolo e profumato, il va SaPiSe che dal 1978 Venere un riso integrale produce e commercializaromatico, che ricorda il za le sementi di riso pane appena sfornato. Rispetto al riso tradiziovo, tra aprile e ottobre. Nacque cos, nale, ha un contenuto di ferro quatnel 1997, il riso Venere, prodotto tro volte superiore e il doppio del seesclusivamente a Novara, Vercelli e lenio, che svolge unattivit antiossiOristano: un successo italiano (di- dante, utile a migliorare le nostre diverso dal riso nero conosciuto in fese immunitarie e a ritardare Asia). Primo brevetto iscritto nel ca- linvecchiamento. Inoltre, ha un alto talogo europeo del riso, rimasto pe- contenuto di antociani, vegetali presenti nel vino e nei frutti di bosco, capaci di catturare i radicali liberi e evitare lossidazione. Lautenticit del prodotto tutelata dalla filiera, creata su impulso del direttore di SapiSe Massimo Biloni, risicoltore 42enne che ha proseguito assieme ai fratelli lattivit paterna con unazienda a Novara. Il marchio obbligatorio e la completa tracciabilit della produzione attualmente 2000 tonnellate allanno sono garanzia assoluta di qualit e sicurezza, commenta Biloni, di rientro dalla Russia, dove sta promuovendo le variet italiane di riso, per partecipare alla tavola rotonda su Sicurezza e tracciabilit in agricoltura: esperienze di giovani imprenditori, tra tradizione e innovazione, domani a Milano.

Caterina Ruggi dAragona


RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Eventi 35
La guida Il Salone internazionale della
ricerca, innovazione e sicurezza alimentare (15-17 ottobre) a Milano, Roma e Napoli. Quindici i promotori, con il patrocinio di Expo2015, FAO e World Food Programme. Media partner: Corriere della Sera. Info sul sito web www.salonecibosicuro.it

Appetito Tot pronto a divorare un piatto di pasta nel film La banda degli onesti (1956) diretto da Camillo Mastrocinque

Il luogo Uno degli enti organizzatori e delle


sedi del Salone la Societ Umanitaria. La sua partecipazione, alla vigilia di Expo 2015, ricorda la prima Esposizione Internazionale che Milano ospit nel 1906. LEnte morale, nato nel 1893, infatti, fu presente e illustr la sua opera a favore della classe lavoratrice.

Scarica lapp Eventi

Informazione, approfondimenti, gallery fotografiche e la mappa degli appuntamenti pi importanti in Italia. disponibile sullApp Store di Apple la nuova applicazione culturale del Corriere della Sera Eventi. gratis per 7 giorni.

La visita

Nel Parco Tecnologico di Lodi, lunico polo scientifico agroalimentare del Nord
suo mercato, attraverso la ricerca di fondi a livello europeo sottolinea Carenzo . Negli ultimi tre anni qui abbiamo portato avanti 22 progetti per 9 milioni di finanziamento studiando aspetti innovativi, come lanalisi di ci che accade nel rumine di una mucca per migliorare la sua dieta. Il secondo settore di impegno quello dei servizi, con le ricerche eseguite per aziende e allevatori, ma anche con il supporto alla preparazione di progetti

Nessuna sorpresa nel piatto per gli investigatori del Dna


Ricerca e impresa insieme per evitare le sofisticazioni

anno portato la fantascienza nelle stalle e ne vanno fieri. Perch oggi, anche grazie a loro, un allevatore di un piccolo paese della campagna lombarda con 20 euro pu scoprire i dettagli genetici dei suoi animali e capire come farli produrre di pi e meglio. In fondo, quando nato, nel 2005, il Parco Tecnologico Padano di Lodi aveva proprio questo obiettivo: trasferire il valore della ricerca e dellinnovazione verso il mercato, in particolare agroalimentare. Gianluca Carenzo, 41enne direttore generale della struttura, ripete questa fase come se fosse un mantra. Manager del settore farmaceutico, ha lavorato per diverse grandi aziende prima di approdare dieci anni fa nel centro alle porte di Lodi. Questo un polo universitario sostenuto dalla regione Lombardia, dagli enti locali e dalluniversit di Milano spiega . Siamo lunico parco scientifico agroalimentare del Nord Italia e lavoriamo fianco a fianco con il mondo produttivo. Ledificio che ospita il

Difendiamo la qualit ma salviamo lappetito (con buon senso)


di ROBERTO PERRONE

Ponti verso il futuro Il parco nasce per trasferire il valore della ricerca e dellinnovazione anche al piccolo allevatore
Parco si affaccia su via Einstein, poco lontano dalle stalle della sede distaccata delluniversit di veterinaria di Milano. Latrio enorme e ricorda lingresso di certi musei europei. Intorno si irradiano i laboratori, suddivisi per piani, efficienti e moderni. Al primo piano c la piattaforma di genomica, che al momento il cuore della struttura. Perch questo centro ha portato allestremo il concetto del Dna controllato declinandolo in una serie di possibili applicazioni pratiche. Siamo gli unici in Italia che estraggono il dna da un chicco di riso e ti sanno dire a quale variet appartiene dice orgoglioso Carenzo . In questo modo aiutiamo le aziende sul fronte della tracciabilit e del mantenimento della qualit. Dopo che una farina passata sotto gli occhi dei ricercatori di Lodi, ad esempio, possiamo sapere se davvero al 100% di kamut, come sostiene letichetta della sua confezione, o scoprire se il produttore voleva venderci qualcosa di meno puro. Qui ricaviamo il dna di animali e vegetali: di recente ci siamo occupati di analisi su campioni molto diversi tra loro racconta Valentina Gualdi, 38 anni, veterinaria con un master in bioinformatica, che coordina la piattaforma di genomica . Abbiamo analizzato il macinato degli hamburger per controllare se ci fosse carne equina e ne abbiamo isolato il Dna; abbiamo valutato il ripieno di lasagne e tortellini dalle indicazioni sospette; poi ci siamo soffermati sulle scatolette di tonno, per certificare che non ci fossero state frodi alimentari. Con lei lavorano altre sette specialiste donne e un solo uomo, tra provette e robot che eseguono operazioni sorprendenti. Questa macchina dice Gualdi indicando un parallelepipedo di vetro e acciaio che allinterno presenta contenitori di vari colori, con forellini e zigrinature estrae il Dna e poi lo amplifica, cio lo riproduce tante volte in modo da darci la possibilit di lavorare meglio sulla sua sequenza e isolar-

gni volta che io e lolio (doliva?) della mensa aziendale ci guardiamo negli occhi, lui non sa che sto cercando di tracciarlo. Vorrei capire il suo mistero, sapere con quali olive italiane, e in che percentuale, viene preparato. Quando non cera la globalizzazione ed ero ancora un ragazzo con la testa piena di sogni, lolio che stava sulla nostra tavola veniva dalle olive che mio padre mi costringeva a raccogliere nelle nostre fasce sbucciandomi i ginocchi; le uova le prendevo dal pollaio dietro casa; i pomodori nellorto davanti; dai grappoli duva che pestavo nei tini nasceva il vino che bevevamo; i funghi li raccoglievamo in interminabili spedizioni sui monti dellentroterra. Malgrado questa adolescenza a chilometro zero non sono mai stato un fanatico dei prodotti fatti sotto casa. Un buon taglio di carne pu venire anche dalla Germania o dallInghilterra, un jamon spagnolo con il suo gusto particolare qui non si trova, il miglior baccal viene pescato nel grande Nord e lavorato a Vitoria, nei Paesi Baschi, dai fratelli Giraldo. La discriminante non la distanza, ma la qualit. Quindi, di ogni cosa che si acquista per nutrirsi/re se stessi e le persone pi care giusto conoscere provenienza, percorso, lavorazione, ingredienti. Se i pelati vengono dalla Cina giusto saperlo, se i pochi tonni del Mediterraneo finiscono in Giappone, giusto che ci spieghino che cosa sia quello che si trova in quasi tutti i ristoranti. E lolio, ripeto, un tempo ricchezza italiana, ora derivato da olive raccolte da chiss quali ragazzini (e in che condizione). Detto questo, per, non si pu passare da un estremo allaltro, condizione tipica di questo Paese. Non si pu ammorbare di burocrazia uno dei pochi settori, lagro-alimentare, che ha risentito della crisi in modo molto meno devastante di altri. La sicurezza alimentare un fatto importante, come la lotta allevasione fiscale. Ma non si possono inasprire le norme o mettere lacci e lacciuoli a tutti, per colpire i disonesti e gli imbroglioni. Proteggere la gente dalla sofisticazione alimentare un dovere, ma senza penalizzare il lavoro e la produzione per qualche scartoffia mancante. Per mantenere il buon appetito ci vuole prima di tutto il buon senso.
R PRODUZIONE RISERVATA

Eccellenza In alto, il laboratorio dove si analizza il Dna e, sotto, lanalisi di specie vegetali Fotoservizio di Carla Mondino

Squadra Lo staff del Parco Tecnologico Padano. Nato nel 2005, la struttura di Lodi (che effettua milioni di estrazioni di Dna ogni anno) attualmente conta circa sessanta dipendenti

ne i dettagli. In media tratta 96 campioni alla volta in mezzora per lestrazione, mentre un ricercatore avrebbe bisogno di molto pi tempo. La tecnologia riduce tempi e costi. E non poco: al Parco si eseguono milioni di estrazioni allanno. Attraverso le analisi fatte in questo laboratorio, che ha tre stanze separate con caratteristiche diverse, dalle temperature stabilizzare a criteri di sterilit, si riesce a smascherare le sofisticazioni e le frodi alimentari, a scoprire malattie

pericolose, ad assicurare la tracciabilit di un prodotto fin dalla sua origine, a verificare la resistenza a malattie o alla siccit. Alla piattaforma genomica di Lodi si studiano, a volte, anche gli essere umani: Ci sono aziende che hanno laboratori, ma per il Dna si rivolgono a noi dice Carenzo . Per loro pi conveniente e sicuro. Il Parco Tecnologico Padano, che ha circa 60 dipendenti, lavora infatti su tre diverse direttrici. Da una parte c la ricerca, che si sviluppa allinterno del

di sviluppo e allelaborazione di business plan per il rilancio delle piccole realt in questo periodo di crisi. Infine c tutto laspetto delle imprese che si appoggiano a noi insiste il direttore . Al momento ce ne sono quindici che lavorano direttamente allinterno del polo, mentre 50 sono esterne ma hanno contratti di consulenze. Dal 2007 ad oggi, per, sono 27 le aziende che hanno visto la luce qui. La parola dordine che la ricerca si fa impresa e il giro daffari annuale di 6 milioni di euro spiega la definizione. Dai laboratori si passa allo sviluppo, al mercato, al concreto conclude Carenzo . Vogliamo essere competitivi per essere attrattivi. Detto e subito fatto: al Parco arrivano giovani studiosi di diversi Paesi per specializzarsi, ma di recente ha chiesto ospitalit anche Flowmetric, multinazionale americana che cercava un appoggio in Italia e nel polo di Lodi ha trovato lo spazio ideale.

Caterina Belloni
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli esperimenti del Gruppo Ricicla

Qui trasformiamo le alghe in energia


N
el cilindro alto due metri e mezzo c un liquido verde chiaro che ribolle quando si accende il generatore. Sembra una lampada di design, invece conserva la spirulina, un cianobatterio che fa fotosintesi (cio un organismo ancora pi basilare delle alghe) utilizzato per preparare integratori alimentari. Con questo liquido, trattato, diluito e sistemato in ampolle, i ricercatori del Gruppo Ricicla, spin off delluniversit di Milano, stanno cercando di capire come si possano ridurre gli inquinanti attraverso sostanze naturali. Ma non solo. Come spiegano Claudio Ledda e Andrea Schievano, che lavorano nel dipartimento di scienze agrarie e ambientali, nel loro laboratorio si stanno sperimentando in collaborazione con luniversit di Pennsylvania le celle a combustibile microbiche. A un occhio inesperto ricordano dei cubi di plastica che, pieni di confetti potrebbero fare da bomboniera, ma in realt si tratta di piccoli generatori che prendono lacqua reflua delle fognature, la depurano ed estraggono dalle sostanze organiche di scarto lenergia elettrica. Sono come delle batterie che funzionano con lacqua reflua precisa Schievano, che coordina il laboratorio universitario inserito nel Parco Tecnologico Padano. I ricercatori di Ricicla, per la verit, non sono gli unici ad avere idee originali. Il polo di Lodi sta realizzando il business plan per alcuni progetti innovativi sostenuti da borse di studio del comune di Milano. Uno vuole riutilizzare i fondi del caff come fertilizzante e nel settore cosmetico; un altro, chiamato Orange Fibre, punta a recuperare le bucce darancia per realizzare vestiti vitaminici, che cio rilascino la vitamina nel corpo q u a n d o s i i n d o s s a n o . N e l p r o ge t to Alimenta2Talent, promosso da Palazzo Marino e dal polo di Lodi, ci sono anche ricerche sulle microalghe per fare integratori alimentari e la proposta di Flora conservation, che vuole recuperare le variet autoctone di piante per abbellire i viali lombardi senza andare a scomodare essenze dallaltra parte del mondo. Unidea che appare quasi nostalgica in un luogo dove la ricerca allavanguardia. Ci occupiamo di enzimi spiega Silvia Rapacioli, 35 anni. Gi vincitrice del premio Milano Donna, dopo aver visto sfumare il suo posto da ricercatrice in unazienda farmaceutica, ha creato una societ chiamata BiCt, che si occupa di biotech e sfrutta gli enzimi per attivare reazioni e processi che servono al settore della farmaceutica e dellagroalimentare. Infine da gennaio disponibile per tutti gli ospedali italiani il latte materno controllato, pastorizzato e congelato per nutrire senza rischi i neonati prematuri. Lo realizzano nel centro di via Einstein gli esperti di Mommilk.

Ambiente Il team, spin off delluniversit di Milano, riduce gli inquinanti con le sostanze naturali. E i fondi di caff diventano fertilizzanti

C. B.
RIPRODUZIONE RISERVATA

36

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

37
#

Idee&opinioni
NON SOLO CRISI

Corriere della Sera SMS


Le news pi importanti in anteprima sul tuo cellulare. Invia un sms con la parola CORRIERE al 4898984
Servizio in abbonamento (4 euro a settimana). Per disattivarlo invia RCSMOBILE OFF al 4898984 Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile

CREARE UN MONDO DE-AMERICANIZZATO LA CINA CHIEDE NUOVE REGOLE AGLI USA

Quelle conquiste delleurozona che devono essere rivalutate


di JEAN-MARIE COLOMBANI
Abbiamo ancora buone ragioni di credere nellEuropa? Domanda che pu apparire provocatoria nel momento in cui perdiamo la pazienza osservando i governi dellUnione privi di una vera e concreta reazione dopo il dramma di Lampedusa. La loro decisione, eventuale, dovr aspettare la proposta francese di ridefinizione di una politica europea annunciata da Franois Hollande, che dovrebbe essere presentata al prossimo vertice dei capi di Stato e di governo. Intanto Laura Boldrini esprime sul settimanale francese Paris Match la filosofia del dibattito: o vogliamo continuare ad essere il continente dei diritti delluomo, oppure vogliamo diventare una fortezza. Siamo quindi costretti ad attendere il prossimo summit, constatando con stupore fino a che punto, su questo argomento come su altri, la realt raggiunge i nostri governi e dovrebbe dunque imporre loro di lavorare al consolidamento delledificio europeo, mentre invece prevalgono la tentazione permanente del ripiego, lesitazione e la paura. Per trovare nuovo slancio nel lavoro, meglio guardare quello che sul periodo recente dobbiamo allUnione, e pi particolarmente alleurozona. Ecco dunque qualche osservazione per riorientarci. Primo elemento: dalla creazione delleuro, de facto dal 1999, e fino al secondo trimestre 2013 incluso, la zona euro ha creato pi posti di lavoro di quanti, nello stesso periodo, ne abbiano creati gli Stati Uniti dAmerica. Cio 600 mila posti di lavoro netti in pi. Sicuramente questa statistica sorprender, in una zona dove oggi imperversa una disoccupazione di massa. E si obietter che il tasso di disoccupazione ritornato ad essere sopportabile negli Stati Uniti. A condizione di dimenticare quelli che le statistiche americane non contabilizzano mai, cio i discouraged workers, coloro che sono scoraggiati nella ricerca di un lavoro. In effetti, da una parte allaltra dellAtlantico, c una disoccupazione di lunga durata che il marchio della crisi che attraversiamo. Questo non risolve il problema delle politiche messe in atto per uscire dalla crisi, a mio avviso insufficientemente modulate secondo i Paesi, le loro forze e le loro debolezze. Lausterit ha colpito troppo fortemente il sud dellEuropa, ciascuno pu rilevarlo. Ma collettivamente, nella crisi, il paragone delle nostre performance con quelle degli Stati Uniti favorevole. Secondo elemento: leuro. Ricordiamoci che la City di Londra e numerosi hedge fund a

Un mondo de-americanizzato: il titolo di un editoriale della Xinhua, lagenzia di notizie che la voce del governo cinese. Le due settimane di battaglia a Washington per il tetto del debito Usa stanno ridisegnando i rapporti di forza in Asia: il presidente Obama stato costretto a disertare due vertici internazionali (Apec e Asean) nei quali Pechino ha assunto il ruolo guida. Nel frattempo la leadership cinese ha ricordato a Washington il suo obbligo di garantire la sicurezza degli investimenti cinesi: e si tratta di 1.280 miliardi di dollari in buoni del Tesoro Usa, cifra che fa della Repubblica Popolare il primo finanziatore mondiale della spesa pubblica americana. Ora il messaggio affidato alla Xinhua. Che somiglia a un ultimatum. Il ragionamento feroce: Visto che i partiti di Washington non sono in grado di trovare un accordo per far funzionare le istituzioni politiche di cui vanno cos fieri, forse il momento di creare un mondo de-americanizzato. In un altro passaggio si invitano le nazioni emergenti a puntare su una nuova valuta di riserva al posto del dollaro (manovra al-

Guido Santevecchi
RIPRODUZIONE RISERVATA

YASSER ARAFAT UCCISO DAL VELENO? SPETTA ALLA SCIENZA LA PROVA FINALE

Chi ha paura della verit? Il presidente palestinese Yasser Arafat morto a causa di una malattia o stato avvelenato, come da sempre sostiene la vedova Suha? Domande pesantissime per almeno due motivi: perch la conferma dellavvelenamento significherebbe logicamente che qualcuno ha tentato di ucciderlo, e alla fine ci riuscito; e poi perch, se leventualit fosse confermata, non sarebbero soltanto i servizi segreti israeliani ad essere indiziati, ma anche personaggi del mondo arabo, o magari qualcuno che era molto vicino al leader. Altrimenti non si spiegherebbe come il veleno sia arrivato sulla tavola di Arafat, che era rinchiuso nel suo quartier generale. Fino a ieri prevaleva laltalena della ipotesi, anche se i ricercatori elvetici, ai quali si era rivolta la vedova, sostenuta dalla tv satellitare Al Jazeera, avevano raccolto prove a sostegno della tesi dellavvelenamento con polonio 210, altamente radioattivo. Un veleno utilizzato dalle spie russe per uccidere avversari politici. Adesso stato compiuto un altro passo avanti, non certo modesto. Il giornale bri-

tannico The Lancet, che una delle quattro o cinque pi autorevoli pubblicazioni mediche del mondo, pubblicando il report firmato da otto clinici tra i pi rispettati e qualificati, ha avvalorato la possibilit che Arafat sia stato appunto avvelenato. Apparentemente il giorno dellavvelenamento sarebbe il 12 ottobre del 2004, esattamente nove anni fa. Il leader, assediato e prigioniero nel palazzo della Mukata di Ramallah, gi debilitato, mostr sintomi inquietanti: nausea, vomito, grave affaticamento, dolori addominali. Al punto che fu trasferito a Parigi. Mor l11 novembre e fu sepolto nel mausoleo di Ramallah. Soltanto lanno scorso, per insistenza della vedova, la salma stata riesumata per lautopsia, di cui tra breve si conosceranno i risultati. Il fatto che The Lancet abbia deciso di pubblicare il report, avvalorando la tesi dellavvelenamento, potrebbe essere il segnale che lesito dellinchiesta sta approdando a conclusioni importanti. E probabilmente assai imbarazzanti.

Wall Street lavevano condannato a morte fin dallinizio. Eppure, leuro ha attraversato la crisi, fino ad oggi, in miglior forma rispetto al dollaro. In nessun momento si veramente svalutato. Sotto certi aspetti, quasi un risultato troppo forte: per molte delle nostre grandi industrie esportatrici (per esempio lAirbus), come per le magnifiche industrie italiane nate dalla loro terra e che hanno creato marchi a livello mondiale, un euro pi debole sarebbe stato, sarebbe, il benvenuto. Rammentiamo tuttavia che ancora pochi mesi fa il pronostico, oltre Atlantico come a Londra, era la dissoluzione della zona euro. Quando scoppia il fallimento di Lehman Brothers, punto culminante della crisi finanziaria nel 2008, la zona euro forte di 15 Paesi. Oggi ne riunisce 18! E la prospettiva lentrata della Polonia, il che sarebbe uneccellente notizia. La Polonia non soltanto potenzialmente una delle grandi economie europee, ma spesso anche molto pi lucida dei nostri amici tedeschi vedi lex cancelliere Gerhard Schroeder? sulla Russia di Putin. Non siamo quindi in vista della dissoluzione della zona euro, che in termini di ricchezze collettive ci avrebbe riportati indietro di anni ma, al contrario, del suo allargamento. Infine, osservando le previsioni Fmi, Ocse, Banca centrale europea , constatiamo che tutte tendono ad annunciare il ritorno della crescita nella

BEPPE GIACOBBE

la quale stanno lavorando i Paesi Brics: Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica). Leditoriale torna a parlare di imperialismo Usa, delle avide lite di Wall Street, della Pax Americana che si serve di droni per massacrare civili. Al centro del ragionamento la richiesta di rivedere il governo del sistema finanziario mondiale. Pechino invoca una riforma della Banca Mondiale e del Fondo monetario internazionale (finora guidati sempre da un americano e un europeo). In fondo, la proposta: naturalmente lo scopo di promuovere questi cambiamenti nella governance finanziaria globale non di accantonare completamente gli Stati Uniti, che sarebbe anche impossibile, ammette Pechino. Piuttosto, bisogna incoraggiare Washington a giocare con regole diverse. Gli economisti internazionali fanno notare che la Cina ha comprato quella quantit enorme di debito Usa anche per tenere basso lo yuan e spingere le esportazioni, ma questo naturalmente la Xinhua non pu ricordarlo.

zona euro nel 2014. Infatti, collettivamente, lEuropa tornata ad essere competitiva. Wolfgang Schauble, ministro delle Finanze tedesco a dirlo: La zona euro si riprende lentamente dalla pi lunga recessione della sua storia. Competitivit ritrovata che quella ormai della Spagna e dei Paesi che erano stati il bersaglio dei mercati. Certo, una ricaduta sempre possibile. Fosse solo perch la Francia in grande ritardo, con un commercio estero molto pesantemente deficitario e con la mancata riduzione del debito pubblico. Certo, occorso del tempo, molto tempo, alla Germania per ammettere che bisognava salvare la Grecia per difendere leuro, e per accettare un minimo di solidariet. Certo, i capi di Stato e di governo hanno scandalosamente approvato un bilancio per lUnione ridotto ai minimi termini, mentre la buona politica avrebbe voluto che, mentre i governi rimettevano in ordine i propri conti pubblici, si desse allUnione la possibilit di mettere in atto una forte politica di rilancio. Non gliene hanno dato i mezzi. Ma prima di fare linventario delle difficolt che sussistono e di quelle, numerose, che sono davanti a noi, assumiamo una maggiore consapevolezza delle nostre conquiste collettive. Sono un buon motivo per continuare ad avanzare. (traduzione di Daniela Maggioni)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonio Ferrari
aferrari@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOPO FRANCOFORTE

ADDIO INTERNATIONAL HERALD TRIBUNE UN NOME NUOVO PER TEMPI DIVERSI

Scoprire di non contare pi nulla


di GIAN ARTURO FERRARI
SEGUE DALLA PRIMA

lultima volta che leggete lInternational Herald Tribune; da domani, diventa lInternational New York Times. Ma non piangete, scrive Serge Schmemann sul numero di oggi, lultimo, dellIht. probabile che in unera schizofrenica come la nostra, ossessionata sia dal progresso tecnologico sia dallamore incondizionato per tutto ci che fa rtro, molti rimpiangeranno la inevitabilmente mitica testata pubblicata a Parigi e destinata in origine agli espatriati americani in Europa. Forse ha ragione Schmemann a bandire lacrime e nostalgia. Intanto perch il nome del giornale, fondato nel 1887 come Paris Herald e diventato ormai da 10 anni ledizione globale del New York Times, cambiato molte volte nella sua storia. Jake Barnes, lalter ego di Ernest Hemingway in Fiesta (1926), appena tornato dalla Spagna in Francia per prima cosa si siede in un caff di Bayonne a leggere il New York Herald. La splendida Jean Seberg che in Allultimo respiro di Jean-Luc Godard si lascia accompagnare da Jean-Paul Belmondo sugli Champs Elyses, strilla ancora un altro nome, New York Herald Tribune.

La testata che oggi scompare era in uso solo dal 1967 e, come ripete il direttore delledizione europea Richard Stevenson, lunica cosa diversa da marted 15 ottobre sono le parole in cima alla pagina. Il resto era gi cambiato nel 2003, quando il New York Times compr la quota del 50% fino ad allora in mano al concorrente Washington Post, diventando padrone unico. Il premio Pulitzer oggi responsabile degli editoriali Serge Schmemann scrive: Non piangete anche perch lo Herald/Iht/Inyt stato sin dallinizio il figlio di avanzamenti tecnologici rivoluzionari. Furono i primi cavi del telegrafo tra le due sponde dellAtlantico a permettere agli uomini daffari americani di tenersi aggiornati tra New York e Parigi, a fine Ottocento: per trasmettere 98 parole ci volevano 16 ore. Oggi il mondo si molto ristretto, e gli editori non si dicono certi che tra cinque anni lInternational New York Times sar ancora stampato su carta. Con un altro nome, e magari su un altro formato, quel giornalismo continuer comunque a esistere.

Stefano Montefiori @Stef_Montefiori

RIPRODUZIONE RISERVATA

Idee poche, immaginazione e inventiva quel che si suol stucchevolmente chiamare creativit ancor meno. Stanno male anche gli inglesi, ma per ragioni diverse. Hanno confidato ciecamente nella grande distribuzione e il canale si mangiato il prodotto. A forza di trattare i libri come merendine, vendono solo i libri che parlano di merendine (o gi di l). Noi invece diamo limpressione di un corridore sfiancato, che si prodotto in un grande sforzo, ma che adesso non ce la fa pi. E che forse non arriver mai al traguardo. Centocinquantanni fa, al momento dellunificazione, piu di tre quarti della popolazione italiana era costituito da analfabeti. Di vera editoria non era proprio il caso di parlare. In una prima fase, eroica, abbiamo, noi italiani, costruito insieme una scuola e uneditoria. Tra le due guerre ci siamo dotati anche noi, come i Paesi europei cui guardavamo, di una grande editoria nazionale. Nel secondo dopoguerra, singolare caso di made in Italy, abbiamo inventato, noi italiani, un nuovo modello di editoria, poi copiato e ricopiato da molte parti. L editoria di cultura, miscela di acume e di eleganza, prima Einaudi e poi Adelphi. Nell ultima ventina danni abbiamo pensato di essere arrivati (e in parte ci siamo arrivati davve-

ro) nella prima categoria dei Paesi del libro. Profitti pi che buoni, nascita di un mercato di massa, una struttura editoriale a gruppi, cio pi efficiente, linizio di una proiezione internazionale. Ma i primi venti di crisi hanno abbattuto queste fragili illusioni. Il mercato ha lacqua alla gola, i produttori pensano ai loro altri settori di attivit, ancor pi vacillanti, gli italiani hanno abbandonato gli investimenti allestero e dallestero nessuno investe in Italia. I francesi sono in Gran Bretagna, gli spagnoli in Francia, i tedeschi dovunque, ma gli svedesi in Germania. Lindustria libraria che in narrativa e saggistica praticamente tutta a capitale europeo non ha pi frontiere, tranne che nella negletta Italia. Le responsabilit sono, come sempre, di tutti e di nessuno. Sono della mano pubblica,

Il mercato ha lacqua alla gola, i produttori pensano ai loro altri settori di attivit e gli italiani non investono pi allestero

che ha martoriato una scuola gi debole. E non ha saputo creare una platea di lettori perch non ha mai davvero creduto che leggere libri fosse uno degli attributi essenziali della cittadinanza moderna. Sono del privato, che non mai riuscito a mettere sensatamente insieme propriet, management e competenza editoriale. Sono del Paese nel suo insieme, che non ha mai avuto la capacit di vedere pubblico e privato come facce della stessa medaglia e li ha lasciati l a ignorarsi o a guardarsi in cagnesco. Lindustria culturale non la cultura e lindustria libraria solo una parte dellindustria culturale. Ma dovrebbe essere chiaro a tutti che nel ventunesimo secolo non si d cultura senza industria culturale e che a sua volta lindustria culturale una delle poche sicure industrie del futuro. Di quello italiano, soprattutto. Per questo quel che sta accadendo davvero allarmante. Non il solito piagnisteo perch non siamo arrivati abbastanza in alto. il contrario, il senso di vuoto di chi si accorge di esser giunto in cima alla parabola e vede di fronte a s solo la discesa, non si sa quanto precipitosa. Non c un Moodys o uno Standard and Poors delleditoria, ma se ci fosse ci avrebbe gi declassato. Culturalmente parlando stiamo per diventare, o forse siamo gi diventati, un Paese di seconda categoria. Non , forse, una tragedia. Basta saperlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

38
Strada Provinciale per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano (Bari) P.I. 06837080727 AVVISO PUBBLICO Ricerca di mercato per procedura semplificata ai sensi degli artt. 20 e 27 del D.lgs. N. 163/2006 InnovaPuglia rende noto che intende indire prossimamente la procedura in oggetto concernente la conclusione di un accordo quadro ex art. 59 d.lgs. 163/2006 con tre operatori, iscritti allAlbo delle Agenzie per il lavoro di cui allart. 4 comma 2 del D.Lgs. 276/2003 e conseguente possesso dellautorizzazione rilasciata dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, per laffidamento del servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato per InnovaPuglia S.p.A. Lavviso integrale pubblicato sul profilo del committente (www.innova.puglia.it) e sul portale EmPULIA (www.empulia.it). Il termine per linvio delle candidature fissato alle ore 12.00 del 25/10/2013. Responsabile del procedimento il Responsabile Acquisti e Gare: Ing. Antonio Scaramuzzi. Il Direttore Generale - Dr. Francesco Saponaro

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

INNOVAPUGLIA S.p.A.

Expo 2015 S.p.A. Expo 2015 S.p.A., via Rovello n. 2 - 20121 Milano, in qualit di amministrazione aggiudicatrice, ha indetto una Procedura aperta per laffidamento dellappalto concernente lesecuzione dei lavori di realizzazione del manufatto cd. Passerella Expo-Merlata, afferente al sito per lEsposizione Universale del 2015. Importo complessivo dellappalto di lavori (comprensivo di importo lavori, oneri per la sicurezza e costo della manodopera): 11.688.675,77 EUR, cos ripartito: a1) importo oneri per la sicurezza, non soggetto a ribasso: 594.202,60 EUR; a2) importo presunto del costo della manodopera da impiegare per la realizzazione di quanto in progetto (al netto di spese generali e utili), non soggetto a ribasso: 2.690.217,32 EUR; a3) importo complessivo dei lavori, soggetto a ribasso (al netto degli oneri per la sicurezza e del costo della manodopera): 8.404.255,85 EUR. Il corrispettivo fissato a corpo, ai sensi di quanto previsto allart. 53, comma 4, del D.Lgs. 163/2006. Si precisa che ai suddetti importi si applica la disciplina di cui al D.M. 10 luglio 2012, avente ad oggetto Applicazione dellinversione contabile alle prestazioni edili rese nellambito dellExpo Milano 2015, pubblicato sulla G.U.R.I. del 31 agosto 2012, n. 203, in vigore dal 1 settembre 2012. Criterio di aggiudicazione: Prezzo pi basso. E obbligatoria, ai sensi dellart. 106, comma 2, del d.P.R. 207/2010, la presa visione dei luoghi interessati dallintervento, sono previste due date, alternative tra loro, per leffettuazione del sopralluogo, rispettivamente: 16 Ottobre 2013 - ore 10:30; 30 Ottobre 2013 - ore 10:30, secondo le modalit descritte nel Disciplinare di Gara. Le offerte dovranno pervenire presso Expo 2015 S.p.A., via Rovello n. 2, 20121 - Milano, entro le ore 12:00 del 14 Novembre 2013. Il bando integrale stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dellUnione Europea 2013/S 194333514 del 5 Ottobre 2013 ed scaricabile dal sito www.expo2015.org - http://www.expo2015.org/tenders/traditional/gare-tradizionali. PER INFORMAZIONI: Tel. +39.026700707 - Fax +39.02679717535 - mail: appalti@expo2015.org. EXPO 2015 S.p.A. Il Responsabile Unico del Procedimento Ing. Angelo Paris

Sede Legale: via Cocchi, 7/9 loc. Ospedaletto - 56121 PISA AVVISO DI GARA PER ESTRATTO LESTAV Nord-Ovest indice la seguente procedura di gara: Procedura aperta, per la fornitura di sistemi e reagenti di immunovirologia e virologia molecolare per la UO Virologia Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana suddivisa in 6 lotti per un importo complessivo di 2.027.220,00 + IVA. Le offerte per la gara dovranno pervenire entro e non oltre le ore 13,00 del giorno 20.11.2013. Il bando integrale della gara stato spedito in data 30/09/2013 alla G.U.C.E. La documentazione per la partecipazione alla gara disponibile al seguente indirizzo: www.estav-nordovest.toscana.it men bandi/avvisi/esiti bandi attivi - diagnostici. Responsabile del procedimento sig.ra Patrizia Soldani e-mail patrizia.soldani@estav-nordovest.toscana.it. Le offerte non vincolano lAmministrazione. Il Direttore Dipartimento Acquisizione Beni e Servizi Dott. Massimo Santini

REGIONE TOSCANA ESTAV Nord-Ovest

Per la pubblicit legale e finanziaria rivolgersi a:


Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02 2584 6665 o 02 2584 6256 Fax 02 2588 6114 Via Valentino Mazzola, 66/D 00142 Roma Tel. 06 6882 8650 Fax 06 6882 8682 Vico II San Nicola alla Dogana, 9 80133 Napoli Tel. 081 49 777 11 Fax 081 49 777 12 Via Villari, 50 - 70122 Bari Tel. 080 5760 111 Fax 080 5760 126

AVVISO ESPLORATIVO MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLACQUISTO DI BENI IMMOBILI SITI NEL CENTRO AGROALIMENTARE DI BOLOGNA - CAAB SCPA Il presente avviso finalizzato ad ottenere manifestazioni di interesse volte allacquisto di beni immobili siti nel Centro Agroalimentare di Bologna, come di seguito elencati, preliminare alla procedura mediante confronto competitivo che la societ si riserva di avviare nelle modalit e nelle forme che riterr opportune. LOTTO 1: PIATTAFORMA LOGISTICA Valore in euro a base di gara: 6.000.000,00 (seimilioni/00). Solo offerte in aumento. E prevista la possibilit di unofferta frazionata. LOTTO 2: PIATTAFORMA SURGELATI Valore in euro a base di gara: 3.500.000,00 (tremilionicinquecentomila/00). Solo offerte in aumento. Scadenza consegna manifestazioni di interesse: 15/11/2103 ore 12.00. I soggetti che intendono manifestare il proprio interesse possono scaricare tutte le informazioni necessarie dal sito www.caab.it.

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio U.O. Programmazione degli Interventi di Trasformazione Urbana

Adozione di Variante al Piano Regolatore Generale con modifica allart. 19, comma 1, delle NTA. Riconoscimento di diritti edificatori in favore dei proprietari di terreni compresi nellex zona E1 di PRG previgente denominata Casal Giudeo. Gli atti relativi alla variante in oggetto saranno pubblicati e consultabili nella sezione riservata allAlbo Pretorio on line presso la Segreteria Comunale Via Luigi Petroselli, 50 - dal 14 ottobre 2013 e per i trenta giorni successivi. Gli interessati potranno fino a trenta giorni dopo la scadenza del periodo di deposito, entro il 12 dicembre 2013, presentare le eventuali osservazioni e le opposizioni che dovranno essere in duplice copia di cui una in bollo da euro 16,00 per le sole opposizioni. Le osservazioni e le opposizioni potranno essere consegnate al protocollo del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, Piazza Kennedy, 15 - Roma 00144 (dal Luned al Venerd dalle 9,00 alle 12,30) o inviate per raccomandata. Ai fini del rispetto della scadenza stabilita, far fede la data del timbro postale. Legge 1150/42 Deliberazione dellAssemblea Capitolina n. 20/2013. Dirigente - Arch. Carla Caprioli

PROROGA TERMINI PRESENTAZIONE OFFERTA


Appalto ai sensi D.lgs n 163/2006 e smi - Procedura Aperta per lacquisto di una copertura assicurativa Directors & Ofcers (D&O) per la Responsabilit Civile del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale, dellOrganismo di Vigilanza e dei Dirigenti di Poste Italiane S.p.A. e di Societ controllate del Gruppo Poste Italiane. In relazione al bando di gara per la copertura assicurativa Directors & Ofcers (D&O) per la Responsabilit Civile del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale, dellOrganismo di Vigilanza e dei Dirigenti di Poste Italiane S.p.A. e di Societ controllate del Gruppo Poste Italiane suddivisa in n. 3 lotti cumulabili tra loro, pubblicato sulla Gazzetta Ufciale dellUnione Europea in data 07.08.2013 al n. 2013/S 152 - 265675 e sulla Gazzetta Ufciale della Repubblica Italiana in data 07.08.2013 al n. 92, si comunica che il termine per il ricevimento delle offerte, di cui al punto IV.3.4 del bando di gara stato prorogato al giorno: 22 OTTOBRE 2013, ore 13.00 La gara, in seduta pubblica, si terr il giorno: 23 OTTOBRE 2013, ore 11.00 presso una sala della Funzione Acquisti di Poste Italiane S.p.A., in Roma, Viale Asia n. 90. Restano ferme tutte le altre condizioni. Il Responsabile Acquisti Dr. Manlio Caporali

Acqua Bene Comune Napoli Azienda Speciale

cde

AVVISO DI GARA Questa Azienda intende appaltare, mediante procedura aperta da aggiudicarsi, per ciascun lotto, col criterio del prezzo pi basso, mediante offerta del massimo ribasso percentuale sul corrispondente listino posto a base di gara, la fornitura di materiale acquedottistico (gara n. 5183585), suddiviso in n. 12 lotti. Limporto globale dellappalto, per una durata stimata in via meramente presuntiva in n. 24 mesi, ammonta ad 1.844.762,27 oltre IVA. Non sono previsti costi per la sicurezza relativi ai rischi da interferenza. Le offerte, da far pervenire - a pena di esclusione entro e non oltre le ore 15:00 del giorno 08/11/2013, alla Segreteria Generale aziendale sita alla Via Argine n. 929 - 80147 Napoli, dovranno essere corredate dai documenti richiesti dal bando di gara e dal disciplinare di gara. La prima seduta pubblica si terr alle ore 10:00 del giorno 14/11/2013, presso i locali aziendali allindirizzo innanzi precisato. Il bando di gara, inviato alla G.U.U.E. in data 26/09/2013, rinvenibile anche dal sito web http://www.abc.napoli.it unitamente al Capitolato Speciale di Appalto, allo Schema di Contratto, al Disciplinare di gara e relativi allegati. Per informazioni rivolgersi ai nn. 0817818144/76/98 nelle ore di ufficio di tutti i giorni feriali, escluso il sabato. Legale, Societario e Procurement - Avv. Antonello Garofalo
Societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento da parte di Friulia S.p.A. Finanziaria Regionale Friuli Venezia Giulia Via V. Locchi n. 19 - 34123 Trieste Tel. 040/3189111 - Fax 040/3189313 AVVISO DI GARA ESPERITA PER ESTRATTO CODICE IDENTIFICATIVO GARA (CIG): 49044521D3 Si rende noto che la Procedura Aperta, tenutasi nelle sedute pubbliche di data 19.04.2013, 29.05.2013 e 05.08.2013 per laffidamento del Servizio di elaborazione dati per il sistema di esazione pedaggio e prodotti software per il controllo del traffico, per limporto complessivo a base di gara di 2.628.000,00.- pi I.V.A., stata aggiudicata definitivamente alla ditta Autostrade Tech S.p.A. - Via A. Bergamini, 50 - 00154 Roma, per limporto di netti 1.597.824,00.- I.V.A. esclusa, giusta Delibera del Consiglio di Amministrazione di data 03.09.2013. Lavviso integrale stato inviato allUfficio Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta Ufficiale dellUnione Europea in data 25.09.2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana V Serie Speciale n. 121 dd. 14.10.2013 e sui siti internet www.serviziocontrattipubblici.it, www.regione.fvg.it e www.autovie.it. Trieste, 09/10/2013 IL DIRETTORE GENERALE (ing. Enrico Razzini)

S.p.A. AUTOVIE VENETE

RCS MediaGroup S.p.A. Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

AVVISO DI GARA ESPERITA AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Societ della Salute Zona Fiorentina Nord Ovest - Ufficio Gare e Contratti - Via Gramsci 561 50019 Sesto Fiorentino (FI) Italia - Tel. 055 6930235 Fax 055 6930223 - www.sds-nordovest.fi.it; sds-nordovest@asf.toscana.it.Con decreto del Direttore SdS n. 135 del 24.09.2013 stata disposta la definitiva aggiudicazione dellappalto: Gestione delle strutture residenziali e semiresidenziali per disabili della Zona sociosanitaria Fiorentina Nordovest. LOTTO 1 CIG 5137092E69 - Gestione delle strutture residenziali e semiresidenziali per disabili del Comune di Sesto Fiorentino Numero offerte pervenute: 04. Operatore economico aggiudicatario: G. Di Vittorio Societ Cooperativa Sociale Onlus - Massa. Importo aggiudicazione 4.555.892,20 oltre IVA. LOTTO II - CIG 5137126A7 Gestione delle strutture semiresidenziali per disabili del Comune di Calenzano. Numero offerte pervenute: 04. Operatore economico aggiudicatario: Ancora Servizi Cooperativa Sociale - Bologna. Importo aggiudicazione 2.012.862,75 oltre IVA. LOTTO III - CIG 5137148CA0 - Gestione delle strutture semiresidenziali per disabili del Comune di Campi Bisenzio. Numero offerte pervenute: 03. Operatore economico aggiudicatario: G. Di Vittorio Societ Cooperativa Sociale Onlus - Massa. Importo aggiudicazione 1.343.152,60 oltre IVA. LOTTO IV - CIG 5137183983 - Gestione delle strutture semiresidenziali per disabili del Comune di Scandicci. Numero offerte pervenute: 04. Operatore economico aggiudicatario: Cepiss Cooperativa Sociale Onlus - Firenze. Importo aggiudicazione 3.632.932,50 oltre IVA. DATA SPEDIZIONE PRESENTE AVVISO ALLA GUUE: 04.10.2013. IL DIRIGENTE DELLUFFICIO GARE E CONTRATTI Dott.ssa Paola Cipriani

SOCIETA DELLA SALUTE ZONA FIORENTINA NORD OVEST

www.atac.roma.it Sede Legale: Via Prenestina, 45 00176 - Roma ESTRATTO DELLAVVISO DI GARA ESPERITA N. 77 / 2013 Si informa che sulla Gazzetta Ufficiale dellUnione Europea (G.U.U.E.), sul Foglio Inserzioni della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (G.U.R.I.) n. 121 del 14/10/2013, parte V serie speciale, pubblicato lavviso di gara esperita relativo alla Procedura Aperta per laffidamento dei lavori di manutenzione straordinaria sull'armamento e infrastrutture della rete tranviaria del Comune di Roma e allinterno dei depositi ATAC di Prenestina e Porta Maggiore. Il suddetto avviso sar sul sito informatico del Ministero delle Infrastrutture, sul sito dellOsservatorio dal 14/10/2013 e sul sito internet www.atac.roma.it nella sezione Gare e Albo Fornitori e sullAlbo Pretorio del Comune di Roma. ATAC S.p.A. Acquisti, Contratti e Servizi Generali Il Responsabile - Franco Middei
PUBLIACQUA S.P.A - FIRENZE Via Villamagna 90/c 50126 Firenze (tel. 055/6862412 fax 055/6862478 www.publiacqua.it - infoappalti@publiacqua.it) BANDO DI GARA N. APP1300470 - AVVISO DI PROROGA Publiacqua S.p.A. comunica la PROROGA DEL TERMINE DI PRESENTAZIONE OFFERTA ALLE ORE 12:00 DEL GIORNO 07/11/2013 relativo alla procedura aperta n. APP1300470 per la conclusione di accordo quadro ai sensi dellart. 222 del D.Lgs. n. 163/2006 per lesecuzione di prestazioni di lavori e servizi al fine della manutenzione, compreso pronto intervento (24ore al giorno), alle reti idriche e fognarie nonch agli impianti distribuiti sul territorio della Societ Importo complessivo a base di gara Euro 95.723.000,00 di cui Euro 3.557.000,00 per oneri complessivi di sicurezza, suddiviso in n. 2 lotti. La rettifica al bando stata inviata alla GUCE in data 04/10/2013. LAmministratore Delegato (Alberto Irace)

Atac S.p.A. Azienda per la Mobilit

Invito a manifestare interesse per lacquisto di ramo dazienda costituito dal complesso aziendale della societ ASYSTEL spa ammessa alla procedura di concordato preventivo Tribunale di Milano CP 42/2013 G.D. dott. F. DAquino I sottoscritti dott. Mario Gaetano Candiani, dott. Paolo Gerini e avv. Luigi Carlo Ravarini, nominati membri del Collegio dei Commissari Giudiziali della societ ASYSTEL spa dal Tribunale di Milano, con decreto di apertura depositato il 25.7.2013, a ci autorizzati dal G.D. dott. DAcquino comunicano che in data 13.2.2013 stato sottoscritto un contratto di affitto di ramo dazienda, con il quale laffittuaria ha contestualmente assunto limpegno irrevocabile a rendersi acquirente del ramo dazienda, avente ad oggetto lattivit del commercio, rappresentanza e noleggio di hardware, software, macchine elettroniche per ufficio e relativi accessori, nonch nel settore della fornitura di servizi alle imprese nel campo dellInformation Technology, di help desk in remoto o mediante linvio di tecnici on-site, di applicazioni software via internet, e di servizi di manutenzione hardware e software nelle unit produttive di Milano e Roma, costituito da: 1) le immobilizzazioni materiali costituite dagli impianti, i macchinari, le attrezzature e i beni strumentali afferenti le unit produttive in Milano via Perin del Vaga 16 e Roma via Benozzo Gozzoli 92; 2) i contratti attivi di assistenza e noleggio, compresi i relativi crediti per depositi cauzionali; 3) i contratti passivi di leasing (immobile in Roma, autovetture e materiale informatico); 4) i contratti passivi di noleggio (autovetture e fotocopiatrici); 5) i contratti passivi (somministrazione lavoro, agenzia, consulenza, assicurativi, utenze, fornitura, vigilanza, manutenzione, ecc.); 6) i rapporti di lavoro riferiti a n. 152 dipendenti, gi ricompresi nel contratto di affitto di ramo dazienda; 7) i risconti passivi; 8) i diritti di propriet intellettuale, nonch le altre immobilizzazioni immateriali; 9) i beni mobili registrati (n. 2 autovetture, n. 1 automezzo e n. 1 motociclo); 10) il magazzino di pezzi di ricambio come residuer al termine del contratto di affitto di ramo dazienda; 11) le immobilizzazioni finanziarie. Il prezzo offerto stato determinato sulla base dei seguenti elementi: ATTIVITA - immobilizzazioni immateriali e diritti di propriet intellettuale 2.400.000,00 - avviamento 2.600.000,00 - immobilizzazioni materiali 2.600.000,00 - immobilizzazioni finanziarie 19.846,00 - rimanenze 762.279,00 - altri crediti 30.000,00 PASSIVITA - TFR 2.215.172,00 - debiti verso dipendenti per oneri differiti 1.398.195,00 - risconti passivi 1.561.001,00 adeguandosi, per effetto della compensazione delle poste che precedono, in 3.238.206,00, da corrispondersi in n. 12 rate trimestrali posticipate di uguale importo, la prima scadente lultimo giorno del primo trimestre successivo alla stipula del contratto di cessione, pagamento garantito al rilascio di idonee garanzie. Laffittuario si altres impegnato a formulare una richiesta di opzione, a titolo oneroso e subordinata allomologa del concordato, per lacquisto dellimmobile in Milano via Perin del Vaga n. 16 al corrispettivo di 7.300.000,00. Tanto premesso i membri del Collegio dei Commissari Giudiziali, invitano tutti gli interessati alla cessione del ramo dazienda come sopra individuato e delineato a formulare manifestazione di interesse indirizzando, entro e non oltre il termine del 20.11.2013, comunicazione a mezzo di posta elettronica certificata allindirizzo cp42.2013milano@pecfallimenti.it e/o lettera raccomandata a.r. (nella quale dovr essere indicato lindirizzo pec del mittente) al seguente indirizzo C.P. Asystel c/o dott. Paolo Gerini C.so Monforte n. 38 20121 Milano. Al ricevimento delle predette manifestazioni di interesse e successivamente allo spirare del termine suindicato, il Collegio dei Commissari Giudiziali comunicher via pec agli interessati linvito formulare lofferta, le modalit per la presentazione della stessa e quelle necessarie per partecipare ad uneventuale vendita competitiva tra pi offerenti. Il presente, pertanto, non costituisce invito a formulare offerte vincolanti, n unofferta al pubblico ex art. 1336 c.c., n una sollecitazione del pubblico risparmio ai sensi degli artt. 94 e ss. Del Dlgs n. 58/1998. La documentazione relativa al ramo dazienda oggetto della cessione, potr essere richiesta, previa assunzione di preventivo impegno alla riservatezza e alla non divulgazione, indirizzando comunicazione, allindirizzo di posta elettronica certificata sopra indicata, al Collegio dei Commissari Giudiziali, che si riserva in ogni caso la costituzione di apposita data room. Il Collegio dei Commissari Giudiziali del C.P. ASYSTEL spa

Corriere della Sera Sera Luned Luned 14 14 Ottobre Ottobre2013 201

39
Le lettere, firmate con nome, cognome e citt, vanno inviate a: Lettere al Corriere Corriere della Sera via Solferino, 28 20121 Milano - Fax al numero: 02-62.82.75.79

Lettere al Corriere
Risponde Sergio Romano
Da sempre mi chiedo la ragione per la quale la gran parte dei media (per non dire la totalit) d il massimo rilievo al problema dei profughi palestinesi (erano circa 750.000 nel 1947-48, allinizio di questa tragedia), mentre nemmeno il bench minimo accenno dato alla tragedia degli ebrei cacciati da numerosi Paesi arabi, dalloggi al domani, spogliati di ogni avere e spesso trucidati. Da fonti ben informate risulta che, tra il 1947 e il 1956 , dallEgitto, Libia, Siria Libano, Irak ecc., gli ebrei cacciati con grande violenza furono circa 800.000 Qual , a suo avviso, la ragione di questa dicotomia che indubbiamente genera grave disinformazione? Franco Cohen franco.cohen@yahoo.it

E-mail: lettere@corriere.it oppure: www.corriere.it oppure: sromano@rcs.it

GLI ESODI DI POPOLAZIONI NELLA STORIA DEL NOVECENTO


sia durante la guerra civile che scoppi tra i Bianchi e i Rossi dopo la Rivoluzione bolscevica. Questi terremoti umanitari ricominciarono su larga scala alla fine della Seconda guerra mondiale. I tedeschi della Prussia orientale e di altri Lnder dellEst fuggirono di fronte allArmata rossa. I tedeschi del Sudetenland e gli ungheresi della Slovacchia furono espulsi dal governo di Praga. Stalin, in Unione Sovietica, ordin la partenza verso la Siberia dei tatari di Crimea, dei ceceni e di altre popolazioni non russe che avevano apparentemente collaborato con le truppe tedesche quando la Wehrmacht aveva occupato per qualche mese i loro territori. La politica di Tito in Jugoslavia ridusse drasticamente la popolazione italiana dellIstria, di Fiume e della Dalmazia. In Asia, la spartizione del sub continente indiano fra due Stati (India e Pakistan) provoc due giganteschi flussi di popolazioni: gli ind fuggirono dai territori prevalentemente musulmani e i musulmani dai territori prevalentemente ind, entrambi soggetti, lungo la strada, a violenze e angherie di ogni sorta. In questo quadro la cacciata dei palestinesi dalle loro terre e quella degli ebrei sefarditi dalle terre arabe in cui avevano abitato sin dalla fine del Quattrocento sono soltanto episodi di un pi vasto fenomeno. Aggiungo, caro Cohen, che fra i diversi esodi occorre fare una distinzione. Alcuni popoli (i turchi, i greci, i tedeschi, gli italiani, gli ind, i musulmani del continente indiano e gli ebrei del Mediterraneo partivano verso una terra che sarebbe stata la loro patria. Per gli armeni non cera allora e per i palestinesi non esiste ancora una patria in cui tornare. Credo che sia questa la ragione per cui lesodo dei palestinesi ricordato pi frequentemente di quello degli ebrei. Ps. Ho evitato di quantificare i singoli fenomeni perch le cifre, nella storia di queste vicende, vengono spesso arrotondate.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Particelle elementari
di Pierluigi Battista

Caro Cohen, l Novecento stato il secolo delle pulizie etniche. Cominci nel 1915 con la marcia forzata, sino ad Aleppo, degli armeni sopravvissuti ai massacri. Continu, dopo la fine della Grande guerra, con uno scambio di popolazioni fra Grecia e Turchia. La grande comunit greca che abitava da secoli a Smirne venne costretta ad abbandonare la citt e scesero a sud del confine fra i due Stati le popolazioni turche che avevano lungamente abitato la Tracia e la Macedonia. Vi furono importanti movimenti di popolazione in Rus-

Non ripetere invano la parola populista

VISITE ALLE CHIESE

CANALE DI SICILIA

FUNERALI DI PRIEBKE / 2

Biglietti di ingresso
Caro Romano, purtroppo sta prendendo piede la consuetudine di far pagare un biglietto per entrare nelle chiese. Non sto parlando della pertinenze quali cripte, campanili o quantaltro, ma proprio delle chiese. Al Vaticano non bastano i vari 8 per mille, esenzione Imu, oltre a tante altre prebende e benefit che riceve da uno Stato che si professa laico? Anche chi vorrebbe solo pregare e raccogliersi deve pagare? Lultima chiesa che ho provato a visitare quella bellissima dellImmacolata al Capo a Palermo: ad aprile si entrava tranquillamente, adesso si paga il biglietto per entrare. Il nuovo corso vaticano pieno di tante belle parole, ma nei fatti?
Pasquale Salvia Capri (Na)

Navi militari e migranti


Il governo ha deciso di triplicare la presenza delle navi militari nel canale di Sicilia. Le nostre unit saranno impegnate per respingere nuovi sbarchi o dovranno intercettare e favorire larrivo sul suolo italiano dei barconi ? La scelta politica stata fatta: aiutare lo sbarco dei migranti. Manca per la scelta sociale: che fare di queste persone una volta giunte sul nostro territorio. Prevedo due conseguenze. La prima, la pi ovvia, che aumenter il flusso di chi partir dallAfrica sapendo che la migrazione diventata pi facile. La seconda sar che i contrabbandieri di disperati potranno alzare le tariffe dato che sulla riuscita del viaggio sar inclusa la copertura assicurativa garantita dalla nostra Marina militare.
Carlo Cecchini, Roma

Tomba in Germania
A proposito del caso relativo alle esequie del capitano Priebke, ecco come si pu risolvere il problema. Visto che sia lArgentina (dov seppellita la moglie) lo rifiuta, sia la citt di Roma non lo accetta, non resta che trasferire la salma di Priebke in Germania. Qui, infatti, c la tomba della sua famiglia dorigine.
Andrea Papa Reggio Calabria

ottusamente non teniamo conto delle reali condizioni della temperatura esterna? Basta accendere la tv e ne siamo informati tutti!
Michele Sequenzia

Torino

ABITAZIONI ABUSIVE

Sindaci poco solerti


Fa notizia che dopo anni di rilevamenti aerei si siano scoperte pi di un milione di case abusive. Tempo fa ho costruito una villa abusiva, per ripicca, poich ritenevo di aver diritto alla concessione edilizia. E non ho avuto problemi a ottenere lallacciamento elettrico nonostante, per legge, si dovesse esibire il certificato di abitabilit che evidentemente non potevo avere. Per scoprire le abitazioni abusive bastava quindi scorrere le liste delle forniture elettriche. Ma i sindaci erano pi preoccupati di non disturbare gli elettori e perseguivano gli abusivi soltanto in presenza di denunce private. Temo che non saranno tanto solerti nemmeno ora.
Domenico Spedale Milano

FUNERALI DI PRIEBKE / 1

Decisione del Papa


Mi stupisco che dopo le dichiarazioni del nuovo papa Francesco relative al perdono, alla comprensione e al grido: chi sono io per giudicare?, con altrettanta fermezza si dichiari il proprio no alla sepoltura a Roma di Priebke. Mi sembra tutto ci molto contraddittorio e poco cristiano.
Luciana Alberini grandmother23@gmail.com

DOPO IL 15 OTTOBRE

Ritorno del caldo


Se dal giorno 15 ottobre il sole, grazie a Dio, inonder le nostre case, che senso avr tenere accese le centrali termiche? Che ce ne facciamo delle previsioni del tempo, se

Quanto pi una chiesa bella tanto pi limpegno per la conservazione e il restauro sar oneroso. Occorrer naturalmente che le esigenze del culto vengano rispettate, ma un piccolo sacrificio finanziario mi sembra utile e opportuno.

La tua opinione su sonar.corriere.it


Paolo Giachini, legale di Erich Priebke: lui era credente, ha diritto ai funerali in chiesa. Siete daccordo?

SUL WEB Risposte alle 19 di ieri

La domanda di oggi
Matteo Renzi si dichiarato contrario allamnistia e allindulto. Siete della sua stessa idea?

37

No

63

na moratoria che possa durare almeno fino alle prossime elezioni europee: non ripetere invano la parola populista. una parola che, usata come invettiva, come definizione squalificante, come intimidazione semantica, non vuol dire nulla, priva di ogni precisione storica. autoassolutoria, autoconsolatoria. Par di capire, come pure ha osservato Ritanna Armeni sul Foglio, che sia adoperata come antitesi negativa di un termine laudatorio: europeista. Ma attenzione, a sottolineare in modo tanto sfacciato che popolo ed Europa siano termini antitetici e incompatibili, si alimenta proprio il mostro populista che si vuole esorcizzare. Chi il populista, quello che vellica gli istinti del popolo a suo vantaggio? Ma allora leuropeista diventa il paladino delle ragioni di tutte le istituzioni e di tutti gli organismi che non si identificano con la dimensione del popolo, o che da esso traggano la legittimazione ultima. Un vero guaio, per la democrazia europea. E per la democrazia in generale. Laccusa di populismo precostituisce un alibi. Offre una chiave comoda e gratuita per indicare in anticipo gli eventuali successi di Marine Le Pen, ma anche per lanciare contumelie contro il grillismo o per deplorare anticipatamente le tentazioni della destra berlusconiana, nel caso in cui prevalessero al suo interno le spinte alla rivolta fiscale anzich quelle, responsabili, della governabilit fondata sul pareggio del bilancio statale. Ma serve a coprire le cose fatte male, serve a non vedere il deficit democratico che grava sulla costruzione europea e che ne fa qualcosa di estraneo al popolo (si pu dire ancora popolo Facciamo un uso senza entrare nel girone infernale dei populisti?). Serve a far parco di una finta di non capire che una moneta senza Stato un unicum parola resa nella storia. E che una moneta, insensata strumento di scambio e di valore, non pu per suscitare amore, dallabuso identificazione emotiva, unit simbolica. Tutti sanno, senza ipocrisie, perch in Italia non si mai passati attraverso un passaggio popolare, cio elettorale, per misurare il consenso della nostra partecipazione allEuropa. Tutti sanno che il popolo avrebbe votato contro lEuropa, esattamente come accaduto in tutti i Paesi europei (tranne in un caso) ogni volta che si data la parola al verdetto popolare. Ora, per, si d il caso che noi viviamo in una convenzione storica che si chiama democrazia. E qualcosa non funziona se lappellarsi a questo semplice, elementare principio diventa indizio di pericoloso e nefasto populismo. La storia delle dottrine politiche non ci viene in aiuto: nessun fenomeno storico esplicitamente populista assomiglia alla bestia populista che si vuole denunciare come nemica della ragionevolezza europea. E dunque facciamo un uso parco di una parola tabuizzata e resa insensata dallabuso dei suoi spocchiosi detrattori. Anzi, attraverso una tacita moratoria lessicale, non facciamone proprio uso. Avremmo uninvettiva in meno e un po di voglia di capire in pi.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Interventi & Repliche


Quel convegno annullato
Leggo sul Corriere di ieri che il convegno sul viaggio di Hitler in Italia, previsto a Roma il 17 ottobre, stato annullato. Nellincontro era prevista la proiezione del documentario di mio marito, Piero Melograni, basato su immagini di repertorio e un commento ai drammatici eventi che condussero allapprovazione delle leggi antisemite. In qualit di vedova del prof. Melograni, vorrei informare i lettori del Corriere che n io, n lArchivio Melograni, n il curatore delle opere di Melograni, il prof. Dario Biocca, eravamo stati consultati n era stata chiesta la nostra partecipazione allincontro. Eravamo del tutto alloscuro delliniziativa. Il 16 ottobre di 60 anni fa, 1259 persone della comunit ebraica romana furono rastrellate dai nazisti e solo 16 tra loro si salvarono. Mio marito, che allora aveva 13 anni, fu spettatore attonito di quella razzia. Fino a quando le sue condizioni di salute glielo permisero, partecip a tutte le commemorazioni, rammento che non riusciva a trattenere la commozione; il 16 ottobre era per lui una data indimenticabile.
Paola Severini Melograni severini.paola@gmail.com

Bozzetto
ammissibile indagare per favoreggiamento chi soccorre profughi in pericolo di vita. La gestione dei luoghi di accoglienza andrebbe migliorata, ma ovvia la necessit di identificare chi entra nel nostro Paese. La migliore soluzione sarebbe considerare la clandestinit un illecito amministrativo, escludendo sanzioni come il carcere.
Angelo Ventura, angeloventura@iol.it

7-8 mila euro allanno pi i soldi dellaffitto, del vitto e dei libri. Gli esami in lingua italiana e leventuale laurea non avranno bisogno di convalida. Mi chiedo a quali famiglie appartengono questi studenti e se tutto ci sia moralmente e culturalmente giusto.
Eupremio Guadalupi eupremioguada@inwind.it

Clandestinit: reato da abolire


Sul reato di clandestinit (Corriere, 12 ottobre), alcune considerazioni. La clandestinit una condizione di per s contra legem: chi entra in un Paese straniero deve identificarsi e definire la sua posizione con le autorit. Detto questo, non

Gli studenti nelle universit di Tirana


Sul Corriere dell11 ottobre leggo che ben 596 studenti italiani si sono recati a Tirana, Albania, per tentare di essere ammessi a Medicina presso una privata universit religiosa, dopo che non hanno avuto fortuna in Italia. Le rette da pagare sono di

Carcerati e diritto ad avere un lavoro


Non solo agli ex carcerati (Corriere, 13 ottobre), ma gi ora le autorit preposte hanno il dovere morale di procurare un lavoro a tutti i carcerati a tutela della loro dignit.
Bruno Mardegan, Milano

20 3 RCS MEDIAGROUP S P.A. DIV S ONE QUOT DIANI

4
DEL LUNED CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE PRESIDENTE Angelo Provasoli VICE PRESIDENTE Roland Berger AMMINISTRATORE DELEGATO Pietro Scott Jovane CONSIGLIERI

Sede legale: Via Angelo Rizzoli, 8 - Milano Registrazione Tribunale di Milano n. 5825 del 3 febbraio 1962 Responsabile del trattamento dei dati (D. Lgs. 196/2003): Ferruccio de Bortoli privacy.corsera@rcs.it - fax 02-6205.8011
COPYR GHT RCS MEDIAGROUP S P.A. DIV S ONE QUOT DIANI

Ferruccio de Bortoli
CONDIRETTORE

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar persegui a a norma di legge. DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA 20121 Milano - Via Solferino, 28 Tel. 02-62821 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano - Tel. 02-2582 1 - Fax 02-2582.5306 PUBBLICIT RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Pubblici Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. 02-25846543 - www.rcspubblici a.it

Luciano Fontana
VICEDIRETTORI

Antonio Macaluso Daniele Manca Giangiacomo Schiavi Barbara Stefanelli

Fulvio Conti, Luca Garavoglia, Piergaetano Marchetti, Laura Mengoni, Carlo Pesenti
DIRETTORE GENERALE DIVISIONE QUOTIDIANI

EDIZIONI TELETRASMESSE: Tipografia Divisione Quotidiani RCS MediaGroup S.p.A. 20060 Pessano con Bornago - Via R. Luxemburg - Tel. 02-95.74.35.85 S RCS Produzioni S.p.A. 00169 Roma - Via Ciamarra 351/353 - Tel. 06-68.82.8917 S Seregni Padova s.r.l. 35100 Padova - Corso S ati Uniti 23 - Tel. 049-87.00.073 S Tipografia SEDIT Servizi Editoriali S.r.l. 70026 Modugno (Ba) - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - Tel. 080-58.57.439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. 95030 Catania - Strada 5 n. 35 - Tel. 095-59 13.03 S LUnione Sarda S.p.A. Centro stampa 09034 Elmas (Ca) - Via Omodeo, 5 - Tel. 070-60 131 S BEA printing sprl 16 rue du Bosquet - 1400 Nivelles - Belgium S Speedimpex USA, Inc. 38-38 9th Street Long Island City - NY 11101 - USA S CTC Coslada Avenida de Alemania, 12 - 28820 Coslada (Madrid) - Spagna S La Nacin Bouchard 557 - 1106 Buenos Aires - Argentina S Taiga Grfica e Editora Ltda Av. Dr. Alber o Jackson Byington N1808 - Osasco So Paulo - Brasile S Miller Distributor Limited Miller House, Airport Way, Tarxien Road Luqa LQA 1814 - Mal a S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus S FPS Fernost Presse Service Co. Ltd 44/10 Soi Sukhumvit, 62 Sukhumvit Road, Bang Chark, Phrakhanong - Bangkok 10260 - Thailandia S Milkro Digital Hellas LTD - 51 Hephaes ou Street - 19400 Koropi - Grecia PREZZI: * Non acquistabili separati, il venerd Corriere della Sera + Sette e 1,80 (Corriere e 1,30 + Sette e 0,50); il sabato Corriere della Sera + IoDonna e 1,80 (Corriere e 1,30 + IoDonna e 0,50). A Como e prov., non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + Cor.

Como e 1,10 + e 0,20; ven. Corsera + Sette + Cor. Como e 1,10 + e 0,50 + e 0,20; sab. Corsera + IoDonna + Cor. Como e 1,10 + e 0,50 + e 0,20. In Campania, Puglia, Matera e prov., non acquistabili separati: lun. Corsera + CorrierEconomia del CorMez. e 0,87 + e 0,43; m/m/g/d Corsera + CorMez. e 0,87 + e 0,43; ven. Corsera + Sette + CorMez. e 0,87 + e 0,50 + e 0,43; sab. Corsera + IoDonna + CorMez. e 0,87 + e 0,50 + e 0,43. In Veneto, non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + CorVen. e 0,90 + e 0,40; ven. Corsera + Sette + CorVen. e 0,90 + e 0,50 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorVen. e 0,90 + e 0,50 + e 0,40. In Trentino Alto Adige, non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,90 + e 0,40; ven. Corsera + Sette + CorTrent. o CorAl oAd. e 0,90 + e 0,50 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,90 + e 0,50 + e 0,40. A Bologna e prov. non acquis abili separati: m/m/g/d Corsera + CorBo e 0,63 + e 0,67; ven. Corsera + Sette + CorBo e 0,63 + e 0,50 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorBo e 0,63 + e 0,50 + e 0,67. A Firenze e prov. non acquis abili separati: l/m/m/g/d Corsera + CorFi e 0,63 + e 0,67; ven. Corsera + Sette + CorFi e 0,63 + e 0,50 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorFi e 0,63 + e 0,50 + e 0,67.

ISSN 1120-4982 - Certificato ADS n. 7336 del 14-12-2011

Alessandro Bompieri

La tiratura di domenica 13 ottobre stata di 445.246 copie

PREZZI DI VENDITA ALL'ESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 10,50 (recargo envio al interior $ 1,00); Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; CH Fr. 3,00; CH Tic. Fr. 3,00; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; CZ Czk. 64; Egitto e 2,00; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 2,00; Monaco P. e 2,00; Olanda e 2,00; Marocco e 2,20; Portogallo/Isole e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Hong Kong

HK$ 45; Thailandia THB 190; UK Lg. 1,80; Ungheria Huf. 600; U.S.A. USD 4,00. ABBONAMENTI: Per informazioni sugli abbonamenti nazionali e per l'estero tel. 0039-02-63.79.85.20 fax 02-62.82.81.41 (per gli Stati Uniti tel. 001-718-3610815 fax 001-718-3610815; per il Brasile Numero Verde 0800-558503 solo per San Paolo e 00xx11-36410991 per tutte le altre localit). ARRETRATI: Tel. 02-99.04.99.70. SERVIZIO CLIENTI: 02-63797510 (prodotti collaterali e promozioni).

* Con "Sette" e 2,80; con "Io Donna" e 2,80; con "Style Magazine" e 3,30; con "Living" e4,80; con "Patricia Highsmith" e 8,20; con "Carosello" e 11,29; con "Il grande alpinismo" e 12,29; con "Io sono Malala" e 14,20; con "Vajont. Orazione civile" e 12,20; con "I classici della letteratura. Grandi autrici" e 9,20; con "Piano Classica" e 7,20; con "Twin stories" e 4,20; con "Il Cosmo" e 12,20; con "I dolci di Benedetta" e 9,29; con "I grandi romanzi storici" e 9,20; con "Classici dellAvventura" e 8,20; con "I Libri del Festival della Mente" e 7,20; con "Francesco Guccini. Storie di libert" e 11,20; con "Passione Tango" e 9,20; con "Holly e Benji" e 11,29; con "Le cose cambiano" e 9,20; con "Il commissario Montalbano" e 11,29; con "Francesco. La rivoluzione della tenerezza" e 8,20; con "Riccardo Muti, il mio Verdi" e14,20; con "Il Mondo" e 4,30

40

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

41
Sotto una buona stella

Spettacoli
Il caso Dalle provocazioni dellex Hannah Montana a Selena Gomez: strategie per sopravvivere nel mondo dello spettacolo

Verdone e Cortellesi insieme, primo ciak a Cinecitt


Oggi a Cinecitt primo ciak per Sotto una buona stella, il nuovo film di e con Carlo Verdone. Nel cast anche Paola Cortellesi, per la prima volta al fianco dellattore e regista, Tea Falco, Lorenzo Richelmy ed Eleonora Sergio. Il film, che uscir il giorno di San Valentino, racconta la storia di un padre costretto, dopo anni di assenza, a vivere con i figli: la convivenza si riveler un disastro.

20 anni

e piccole principesse della Disney non sono mai state costrette a entrare nella scatola delle punizioni, rinchiuse in una trappola di metallo, al buio, appiccicate a un blocco di ghiaccio come succedeva a Shirley Temple quando sbagliava una battuta a unet in cui le bambine normali vanno allasilo e lei invece recitava per dieci dollari al giorno (era il 1932). Le piccole principesse della Disney non sono mai state costrette a posare completamente nude, truccate, nella vasca da bagno, allet di 13 anni in cambio di 450 dollari come Brooke Shields (1978). Le bambine-star del terzo millennio cresciute in quella versione aziendale del Club di Topolino che sono i film e le trasmissioni tv della Walt Disney Company (31 miliardi di euro il fatturato 2012) non hanno dovuto subire soprusi fortunatamente improponibili ai nostri giorni, quelli che convinsero Shirley Temple a sistemare sul caminetto lOscar vinto a sei anni, andare al liceo, lasciare Hollywood e darsi alla carriera umanitaria. Eppure la leggerezza del marchio Disney diventata un peso difficilmente sostenibile per molte delle pi grandi giovani star lanciate dalla casa di Topolino. Miley Cyrus (che compir 21 anni il 23 novembre) e, prima di lei, Selena Gomez (21 anni) e Lindsay Lohan (27) e Britney Spears (31) e Christina Aguilera (32) si sono liberate del marchio Disney come se fosse la catena che avrebbe impedito loro una carriera oltre ladolescenza, nel mondo (redditizio) degli adulti. La scorciatoia pi semplice per una giovane donna che vuole chiudere con limmagine di bambina la provocazione sexy: Good Girl Gone Bad, letteralmente Brava ragazza diventata cattiva il titolo profetico di un cd di Rihanna del 2007. Che la Disney abbia un peso e un potere anche dinterdizione fuori dallordinario evidente: basta vedere come lopera di Philip Glass, probabilmente il pi grande compositore americano, dedicata a Walt Disney del quale d unimmagine poco agiografica, The perfect American, non verr rappresentata dallOpera di

A sinistra, Miley Cyrus (20 anni) alla presentazione, l8 ottobre scorso al Planet Hollywood di New York, del suo nuovo disco Bangerz. Sopra, la locandina della sitcom prodotta dalla Walt Disney Hannah Montana, di cui la cantante stata protagonista dal 2006 al 2011

Miley e le altre, quanti scandali per cancellare il marchio Disney


Erano principesse in tv: una leggerezza insostenibile
Los Angeles (la Disney una fortissima supporter delle arti in America e specialmente in California: la sala da concerti realizzata da Frank Gehry per la Filarmonica di Los Angeles si chiama proprio Disney Hall). E cos Miley che lecca i martelli, si fa ritrarre in nude look dallassatanato della moda Terry Richardson, mima atti sessuali in diretta ai premi di Mtv, quando appare nel video cavalcando una gigantesca palla di ferro da demolizione sta distruggendo in realt limmagine tenera e innocente di Hannah Montana di pochissimi anni fa. Quando cantava i valori molto americani di The Climb e commuoveva milioni di bambine su scala globale, comprese le figlie del presidente Obama. Sorrisi e canzoncine allegre, pretendeva il vecchio, astutissimo Walt: Lallegria il pi forte prodotto da esportazione americano (e quando nata, la Cyrus si chiamava Destiny Hope: poi soprannominata Smiley Miley dal padre perch sorrideva sempre).

Cattive ragazze
Lindsay Lohan Bambina ai tempi di Genitori in trappola, (1998) film per ragazzi della Disney Selena Gomez Lanciata dalla Disney, Selena divent subito testimonial del latte

La rinuncia di Hunnam: ho altri impegni

Cinquanta sfumature di grigio senza protagonista


Il motivo ufficiale: troppo lavoro; quello ufficioso: troppa pressione mediatica. Ma la sostanza non cambia: lattore Charlie Hunnam (foto), 33 anni, non interpreter il tenebroso Christian Grey nel film pi atteso della prossima stagione cinematografica, Cinquanta sfumature di grigio. Universal Pictures e Focus Features hanno annunciato in un comunicato congiunto che i troppi impegni televisivi di Hunnam non gli consentono di trovare il tempo per prepararsi adeguatamente al ruolo di Grey. Lattore britannico sar sul set della serie tv Sons of Anarchy sino al 21 ottobre, mentre il primo ciak del film tratto dal bestseller di E.L. James previsto agli inizi di novembre a Vancouver, in Canada. I ritardi delle riprese rischiano di far slittare il lancio della pellicola, annunciato per il 1 agosto 2014.

Miley e Selena (ladra in microbikini fluo per il regista-scandalo Harmony Korine in Spring Breakers) come ultime eredi della tradizione di ex bambine Disney diventate bad girls, alcune con esiti pessimi (come la fedina penale) tipo Lindsay, e faticose risalite da talent show come quella di Britney quando non c una voce da fuoriclasse come quella di Christina, la pi vecchia di loro a quasi 33 anni e quella con il futuro apparentemente pi solido e lontano dagli scandali post-adolescenziali (senza contare che avere Linda Perry che scrive le tue canzoni una garanzia) . Esiste una terza via tra il ritiro a vita privata e i video con lapdance? S, quando si guardano le carriere di altre ex ragazzine Disney che hanno trovato un ruolo adulto meno provocatorio come Hilary Duff, Bridgit Mendler, Christina Milian e Demi Lovato. Hanno la stessa visibilit? Ovviamente no. Poi per quando Miley, come laltro giorno, fa un commento poco informato prima ancora che antisemita (lamentandosi che non pu essere un ebreo di 70 anni che non si muove mai dalla scrivania a spiegarmi cosa vogliono ascoltare i ragazzi in discoteca) fa rimpiangere quegli addetti stampa Disney magari avari di titoli frizzanti per i media ma efficentissimi nel tutelare le proprie star dal farsi male da sole.

Matteo Persivale
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il debutto

Don Carlos alla Scala, i cantanti esaltano la grandezza di Verdi


di PAOLO ISOTTA

on grande successo si svolta sabato alla Scala la ripresa del Don Carlos di Verdi risalente al 7 dicembre 2008. Si tratta dellallestimento dovuto a Stphane Braunschweig per regia e scene e a Thibaut Van Craenenbroeck per i bei costumi. La regia nel complesso ottima, non fosse che per un tanto di inutili flashback e di populismo nelle scene di massa ove si vede il popolo in abiti moderni, quasi che il Moderno rappresentasse la presa di coscienza politica e sociale. Mi piace moltissimo la camera bianca e nera che si va restringendo progressi-

vamente ove Filippo II trascorre disperato la notte; e mi ha rievocato il titolo del famoso libro di Giovanni Macchia, Pirandello o la stanza della tortura. Contiene, per, lallestimento, un grossolano errore di grammatica. Il Grande Inquisitore compare in porpora cardinalizia. Ha da essere un frate domenicano e la cosa ha tanto pi importanza se si tien conto che quel sajo i Cardi-

Il popolo Ottima nel complesso la regia. Discutibili alcune scelte come le scene di massa in abiti moderni

nali stessi teneva nel terrore. La compagnia di canto molto buona. Primeggia il basso Ren Pape che interpreta il Re. Ha voce possente quando necessario, ma canta Ella giammai mam con chiaroscuri vocali e psicologici che rendono la sua interpretazione superiore a quella dello stesso Ghiaurov, nella possanza monocorde. Fabio Sartori tenore di bel colore. Massimo Cavalletti, il marchese di Posa, un bel baritono italiano che sta anche ottimamente in scena e che ancor meglio con un miglior direttore avrebbe fatto. Bene deve dirsi di Martina Serafin, Elisabetta, ed Ekaterina Gub a n ova , l a P r i n c i p e s s a

dEboli, le quali hanno buona dizione italiana. Bene il Grande Inquisitore di tefan Kocn, il Tebaldo di Barbara Rita Lavarian, il Frate di Fernando Rado, a parte il Fa diesis grave. Meno bene lAraldo di Carlo Bosi. Questa sublime creazione di Verdi stata affrontata, fra gli altri, da un grande direttore, Antonino Votto, e da un gigante del podio, Gabriele Santini. Sotto la sua

La voce del Re Primeggia il basso Ren Pape nel ruolo del sovrano: superiore perfino a Ghiaurov
Sul palco Il Don Carlos di Verdi che ha debuttato alla Scala

bacchetta essa stata incisa due volte, in quattro atti e in cinque atti in italiano, questa con i complessi della Scala. Tutti si dovrebbero ispirare alla inarrivabile interpretazione. Inarrivabile anche Herbert von Karajan, sebbene con qualche taglio di troppo. Lincisione diretta da Claudio Abbado la cosa migliore di questo direttore e contiene in appendice anche le splendide Danze. Fra coloro che inanemente hanno toccato la partitura c il compianto Carlo Maria Giulini. Quando fece il Don Carlos il Maestro Siciliani disse: Stasera dirige il maestro Giulini. (Pausa) Andiamo a prenderci un buon caff!.
RIPRODUZIONE RISERVATA

42

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Spettacoli 43
The Walking Dead

La nuova stagione

Al via la fiction di Ivan Cotroneo: oggi la prima puntata online dalle 12, stasera alle 21 su Raidue
Chiara unica lo diventata per molti. Com prestare il volto a un personaggio in cui cos tanti si sono riconosciuti? Un regalo grandissimo, per me. Oltre che un po scioccante: al cinema prima mi era capitato di recitare in parti pi piccole, magari singole scene, che preparavo studiandole da ogni angolazione. In questo caso invece ho sviluppato un personaggio in mille situazioni e contesti, per questo forse ci ho messo tutto il mio bagaglio e ha finito per assomigliarmi. Il risultato ha convinto. E le persone, per strada non mi fermano tanto per farmi i complimenti, ma per raccontarmi le loro storie, la loro quotidianit. Non bastasse, quando ha preso in mano il copione di questa nuova stagione, a Lucia Mascino venuto an-

Torna la saga sugli zombie in oltre 20 Paesi


LOS ANGELES Un debutto in 20 Paesi. Il mondo post-apocalittico di The Walking Dead torna anche in Italia (su Fox, canale 111 di Sky alle 22,45) a sole 24 ore dalla messa in onda negli Usa. A seguire la serie che racconta linvasione degli zombie nel pianeta arriver in altri 120 Paesi. Un successo da attribuire anche alla produttrice Gale Anne Hurt, soprannominata la first lady della fantascienza, cui si devono fra laltro gli incassi top di Terminator e di Hulk. Spiega il creatore della fiction, Robert Kirkman: Ho lavorato a lungo con

Il marito Mascino con Fausto M. Sciarappa

I bimbi Lattrice in unimpresa da mamma

Lamica Supermarket con Alessia Barela

La mamma imperfetta un regalo nella mia vita


Lucia Mascino star della serie nata su Corriere.it

na matrioska di sorprese. Ecco cos Una mamma imperfetta per lattrice che pi di tutte ne rappresenta il volto, Lucia Mascino, quella Chiara che in tanti hanno imparato a conoscere prima su Corriere.it (dove la fiction ha debuttato), per poi ritrovarla su Rai2. E che adesso aspettano di rivedere nella seconda serie, al via oggi (sul web, dove le puntate saranno visibili dalle 12 e in tv, in onda alle 21). Una matrioska perch allinizio per lattrice la sorpresa stata ritrovarsi nel ruolo di protagonista, lei abituata a interpretare ruoli pi piccoli, da cesellare scena per scena. Poi c stato il successo, quindi il pubblico nuovo della tv, infine lannuncio di una seconda stagione (girata in tempi record, un miracolo produttivo). E quando si pensava di essere arrivati allultima, microscopica, bambolina, ecco che arriva la Disney e annuncia di aver acquistato la serie per portarla in America. incredibile: un regalo dopo laltro. Ogni volta si aggiunge un pezzetto, commenta raggiante lattrice, felice di tornare a vestire i panni di quella

mamma (anche se non ha figli), moglie, amica, che le calzano fin troppo bene. Mia zia mi ha detto: io lo dico a tutti che non reciti, che sei fatta proprio cos. Un personaggio, questo di Chiara, speciale perch assolutamente normale: unantieroina. Credo che questa sia la sua modernit: si tratta di una persona in cui facile identificarsi. Ma nella quotidianit, si cerca il grande, ovvero quei temi pi che mai reali e su cui, pro-

Gli appuntamenti
Su Corriere.it La seconda stagione di Una mamma imperfetta riparte oggi sul sito del Corriere, dalle 12. Lappuntamento dal luned al venerd, per cinque settimane (25 nuovi episodi) Su Rai2 La puntata trasmessa online al mattino andr in onda su Rai2, alle 21

prio perch riconoscibili, si pu riflettere. come se Ivan Cotroneo avesse deciso di usare lo zoom su una persona a caso. E andando a scoprire la sua vita, ci dicesse anche molte cose delle nostre. Proprio questo laspetto che mi piace di pi della serie, il fatto che si abbatta la distanza con il pubblico raccontando una storia di tutti. Un concetto che mi affascina da sempre, tanto che spesso, quando sono in autobus, mi incanto a guardare le persone, a immaginare che vita fanno, quale la loro famiglia, il loro lavoro.... Quello che succede in Una mamma imperfetta. E, in questa nuova serie, lo zoom che stato puntato sulla vita di Chiara si allargher un pochino, mostrando qualcosa in pi su suo marito Davide (se non fosse il fidanzato di una mia cara amica potrei dire che un uomo da sposare), sulle sue amiche (con cui nel frattempo siamo diventate amiche davvero: non facciamo solo colazione insieme, come nella serie, ma anche grandi cene), sui suoi colleghi. Sempre perch chiunque, visto da vicino, diventa unico.

Le storie dei fan Le persone mi fermano per strada per raccontare le loro difficolt quotidiane
che qualche altro sospetto: Allinizio Ivan (Cotroneo, ndr.) ha scelto degli attori che fossero funzionali ai personaggi che aveva in mente, ma ora sono convinta che abbia scritto diverse cose proprio di noi, ride. Non solo a lei, ma anche ai suoi colleghi capita di dire: Ehi ma questo sono io. Bisogna stare attentissimi a cosa gli racconti. Certe volte ti lasci andare e ti accorgi che mentre parli a lui locchio inizia a vibrare, sta gi pensando a mille cose. Un po come capita a lei quando osserva la gente seduta sullautobus. In uno, un giorno, avrebbe potuto incontrare la sua Chiara. la Image Comics e da sempre conosco lattrazione che la platea prova per le storie di morti viventi. Sicuramente in questo processo gioca anche una oscura fascinazione sessuale. Dietro The Walking Dead c un grosso lavoro di squadra, che ha fatto aumentare ovunque, serata dopo serata, la platea. Daltro canto il fumetto o, meglio, la graphic novel, vendutissima ovunque e ha fatto appassionare gli spettatori alla saga sulla lotta per la sopravvivenza, con i protagonisti scampati a unepidemia. Una catastrofe che ha lasciato il mondo in balia degli zombie. (G. Gs)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Volto Lucia Mascino, 36 anni, interpreta Chiara

Chiara Maffioletti
RIPRODUZIONE RISERVATA

A cura di RCS MediaGroup Pubblicit

Caractre Nuovo store Caractre in Piazza Scala


E prevista per la primavera-estate 2014 lapertura di un nuovo flagship store Caractre, marchio prestigioso del Gruppo Miroglio, nella centralissima Piazza Scala. Studiata da Storage Associati, la location prevede ben 8 vetrine affacciate sulla Piazza, in uno storico palazzo dangolo tra via Manzoni e via Verdi: il negozio si svilupper su un unico livello di 350 mq e sar dedicato interamente a collezioni di abbigliamento e accessori, con elementi d'arredo unici, distintivi e preziosi. L'opening di Milano rientra nel pi ampio progetto di ristrutturazione del brand iniziato pi di un anno fa - focalizzato su identit stilistica, posizionamento, distribuzione, visual identity e comunicazione - in linea con le attuali esigenze del target di riferimento. Caractre presenta tratti formali ed eleganti: un mood sobrio e raffinato, perfetto per le diverse occasioni duso quotidiane, dalle pi formali alle pi decontratte. La sua comunicazione rigorosa nell'immagine, vocata alla valorizzazione della femminilit, nel totale rispetto dei valori chiave del brand: distinzione, contemporaneit ed equilibrio.

Pittarello Rosso Limpegno di Pittarello Rosso con la Fondazione Umberto Veronesi


Pittarello, noto marchio di calzature e accessori per tutta la famiglia, oggi in prima linea con la Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca e la prevenzione, collaborando con Pink is good, limportante progetto della Fondazione per combattere il tumore al seno. Ricordiamo qui brevemente come la Fondazione Umberto Veronesi, nata nel 2003 per sostenere la ricerca scientifica attraverso lerogazione di borse di ricerca per medici e ricercatori e il sostegno a progetti di altissimo profilo, sia oggi attiva anche nellambito della Divulgazione Scientifica, perch i risultati e le scoperte della scienza possano effettivamente diventare patrimonio universale. Grazie a Pink is good si potranno cos finanziare dieci ricercatori specializzati, gi inseriti nei migliori centri italiani, e soprattutto si riuscir a sensibilizzare la popolazione (non solo quella femminile), in materia di prevenzione di queste patologie, sullimportanza di una diagnosi tempestiva e quindi di una cura pi efficace. Siamo onorati di sostenere la Fondazione Umberto Veronesi, un esempio italiano di eccellenza nella ricerca - ha dichiarato lAD dellAzienda, Andrea Cipolloni -. Vogliamo contribuire sensibilmente a fare informazione con loro, per favorire la prevenzione e sostenere la ricerca. A nome di tutti i 1.200 dipendenti di Pittarello Rosso faremo il massimo per sostenere liniziativa: divulgheremo, ma soprattutto, con il nostro contributo, contribuiremo a finanziare

VeronaFiere A Verona c Abitare 100% Project


Appuntamento a VeronaFiere, fino al 15 ottobre prossimo, con Abitare 100% Project 2013, il Meeting internazionale dellinterior design alla sua terza edizione: una tre giorni assolutamente imperdibile, che consentir dincontrare chi produce, chi distribuisce e chi progetta, in uno spazio ad hoc, con 4 padiglioni commerciali e 4 meeting room per corsi di formazione Abitare 100% Project vuole incoraggiare il passaggio da un approccio di prodotto, ormai obsoleto, a strategie orientate al cliente spiega Giulio Cappellini, un protagonista del design contemporaneo, art director della manifestazione -, grazie alla sinergia fra tutti i protagonisti della filiera. Per vendere di pi e meglio, puntando ai mercati internazionali. Che il format piaccia agli addetti ai lavori attestato dai numeri della scorsa edizione: 15.000 visitatori (+ 50% rispetto al 2011); pi di 3000 partecipanti ai workshop; 241 espositori (+ 75% rispetto al 2011). La vera novit di questanno sono i Live Shop, modelli espositivi concreti che offrono spunti e idee sulla disposizione degli spazi, sulluso dei materiali, sulle strategie di sell-in, nonch su nuovi approcci di gestione esterna e di sell-out: quattro i Live shop da visitare in Fiera: un negozio di complementi d'arredo, accessori e illuminazione; uno showroom per la vendita di finiture e materiali da interni; un negozio multimarca di arredo e infine un centro cucine plurimarca.

Saie Saie 2013 dal 16 ottobre a BolognaFiere Nuova edilizia per uscire dalla crisi
A partire dal 16 ottobre, fino al 19, SAIE, il Salone dellinnovazione edilizia, presenta a Bologna una formula innovativa di piattaforma fieristica, in contemporanea con Smart City Exhibition, la manifestazione dedicata alle citt intelligenti, organizzata da BolognaFiere insieme a Forum PA, ExpoTunnel e Ambiente & Lavoro. La situazione del settore non facile: per questo motivo Saie 2013 intende affrontare con decisione il tema del rilancio di una nuova grande politica per ledilizia come parte fondamentale di una strategia economica e industriale di sviluppo del Paese. La sfida di questa quarantanovesima edizione si riassume perfettamente nella formula Better Bulding & Smart Cities: costruire meglio, in citt intelligenti. Il cambio di rotta del comparto edilizio, si ispira al piano promosso dal Presidente degli Stati Uniti Barack Obama per il rinnovamento dellindustria edilizia e la trasformazione degli edifici in chiave ecosostenibile, con unagenda ricca di contenuti e impegni precisi per gli operatori del settore, e un programma di riqualificazione e innovazione per tutto il patrimonio italiano: abitativo, infrastrutturale e di pubblica utilit. Limpegno richiesto non deve solo liberare il settore delle costruzioni dalla morsa della crisi, ma preparare il Paese ad affrontare con il dovuto anticipo la scadenza fissata dalla Comunit Europea: entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a "energia quasi zero". LEuropa impone infatti ai vari stati membri prescrizioni chiare, in vista dellimportante scadenza: fissare requisiti minimi di prestazione energetica per gli edifici nuovi ed esistenti; assicurare la certificazione energetica e disciplinare i controlli sugli impianti di climatizzazione; e puntare infine su efficienza e gestione intelligente, in una logica che consideri lintero contesto urbano e non solo il singolo edificio, presupposto fondamentale del costruire meglio per citt intelligenti. SAIE affronta questa sfida rinnovando completamente la sua proposta di manifestazione non solo espositiva e rendendo permanente il FORUM per il nuovo Costruire lanciato gi nel 2012. A Saie 2013 saranno presenti una ventina di Centri di Ricerca nel campo delledilizia e delle costruzioni operanti in tutta Italia, Laboratori Universitari, CNR, ENEA, reti di imprese, che porteranno in Fiera a Bologna oltre 40 aziende leader nel settore con le quali hanno svolto progetti di ricerca ed innovazione tecnologica nellultimo anno. Info: www.saie.bolognafiere.it

Miniconf Miniconf anche sul mercato cinese


E stato inaugurato l8 settembre scorso, a Shanghai in Cina, il primo Shop in Shop Miniconf presso SOGO Dept.Store in Nanjing Road. Lapertura fa seguito allaccordo siglato dallAzienda il 22 luglio di questanno con il gruppo Zehejiang Semir Garment Co.LTD, per la distribuzione in esclusiva sul mercato cinese dei suoi marchi Sarabanda e Minibanda. Fondato nel 1996 a Wenzhou, Zehejiang Semir Garment CO. LTD uno tra i maggiori gruppi cinesi di abbigliamento: si occupa principalmente di casual wear e abbigliamento bimbi. Il contratto avr durata quinquennale e prevede la possibilit, dopo i primi due anni, di trasformare laccordo in una Joint Venture distributiva. Grazie a questa operazione, Miniconf rafforza sensibilmente la sua politica di espansione sui mercati esteri. A questa apertura si aggiunta, il 16 settembre scorso, laltra presso Center66 Shopping Mall a Wuxi, cui seguiranno quelle nel Sogo Dept Store a Shenyang e nel Reel Shopping Mall, in Nanjing Road, a Shanghai.

Shopper in edizione speciale

Rendering per il nuovo store

il costo di un ricercatore. Per Pittarello Rosso il tema davvero importante: in Azienda infatti, quattro collaboratori su cinque sono donne e dunque limpegno aziendale nel progetto molto sentito. Per tutto il mese di ottobre, gli shopper rosa, i leaflet dedicati e una vetrofania ricorderanno ai clienti la partecipazione al progetto; il personale in negozio indosser una spilla speciale, mentre su www.pittarellorosso.com e sulla pagina Facebook della societ non mancheranno aggiornamenti sugli obiettivi e sulle conquiste di Pink is good. Grazie alle sinergie di un sito dedicato (www.pinkisgood.it) con i principali social network, la televisione e la carta stampata, Pink is good ha oggi tutti i requisiti per diventare un potente strumento di sensibilizzazione su un tema tanto importante.

Linterno del negozio

44
#

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Sportluned
DAL NOSTRO INVIATO

il sondaggio
Il Milan, senza i nazionali, ha perso 3-0 lamichevole con il Caen. Secondo voi deve scattare un campanello dallarme (A) o si tratta semplicemente di un infortunio dovuto alla scarsa concentrazione (B)? Vota con uno squillo. Chiamata gratuita

+39 029 296 6261

Mancini ricorda Mantovani

Ho avuto solo un presidente, Paolo Mantovani. Roberto Mancini ricorda cos il patron pi amato della storia della Samp, scomparso 20 anni fa. Ieri la societ gli ha voluto dedicare un memorial day che ha richiamato a Genova 115 tra giocatori e dirigenti.

+39 029 296 6260

Nazionale SuperMario sta meglio e domani potrebbe giocare contro lArmenia, ma non riesce a vivere una giornata tranquilla

NAPOLI Immarcabile. In campo e, purtroppo, fuori. Mario Balotelli, sempre lui, il pi mediatico tra gli azzurri, nel bene ma spesso nel male. Sabato, dopo la gastroenterite acuta con vomito, febbre e diarrea, sembrava uno straccio. Ieri mattina sullo stesso campo di Coverciano entrato dentro la partitella a ranghi contrapposti come una furia: ha subito recuperato palla con un tackle in scivolata e al secondo tocco, con un tiro angolato, ha fatto gol a Marchetti. Sta meglio, in ripresa, ha sorriso Prandelli. Ma quello che ha fatto prima di scendere in campo non stato altrettanto divertente. Alle 10 del mattino, dopo la colazione, ha postato un tweet che ha scatenato un polverone. Non stato un cinguettio damore, come quelli degli ultimi giorni. Balotelli ha pubblicato la foto della prima pagina della Gazzetta dello Sport con il titolo Mario sta male, ma un simbolo e a Napoli ci sar.

Immarcabile
minalit e ne paga ancora le conseguenze. Nella migliore delle ipotesi quella di Balotelli una grave leggerezza. Diciamo che, in attesa dellArmenia, ha fatto un altro gol nella porta sbagliata. Non si vive di sole Ferrari e creste. Serve di pi. Specialmente dopo quel blitz a Scampia 17 mesi fa, a fianco dei camorristi. Una leggerezza, fu detto. Un fardello. Ora aveva loccasione di farsi perdonare. Quel tweet invece alimenta solo nuove polemiche. C chi dice che abbia risposto cos per paura dei vecchi amici. Unipotesi, magari sbagliata, ma giustificata dal suo messaggio. Resta il fatto che Napoli non evoca al campione ricordi graditi. Ieri, salendo sul Frecciarossa alla stazione di Firenze, non solo era lunico in maniche di camicia (non il massimo per chi stato ammalato), ma sembrava pi rabbuiato del solito. Oggi lo aspetta la visita a Quarto, domani sera la partita al San Paolo con il rischio di sfott. Non solo. Allarrivo, nonostante laccoglienza di circa 500 tifosi entusiasti che hanno paralizzato la stazione mettendo in difficolt le forze dellordine, Balotelli si fatto notare per qualcosa di negativo. Forse innervosito per la ressa e gli spintoni, se l presa con un operatore di Mediaset. Gli andato contro, ha tentato di buttare a terra la telecamera aggrappandosi alla cinghia e poi ha rotto il microfono. Sembrava volesse proprio litigare. Poi intervenuta la Digos e tutto si calmato. Napoli anche la citt di Raffaella Fico, la sua ex fidanTweet Mario Balotelli. Qui sopra, il tweet con il quale ha rifiutato il ruolo di simbolo attribuitogli dalla Gazzetta (Paolucci)

Balotelli sempre esagerato Rifiuta di essere un simbolo segna 2 gol in allenamento e rompe una telecamera
Il commento, accanto allimmagine, stato asciutto e crudo. Questo lo dite voi, vengo perch il calcio bello e tutti devono giocarlo dove vogliono e poi c la partita. Come dire: non sono un simbolo di questa battaglia, di nessuna battaglia. Come si sentiranno i ragazzi della Nuova Quarto per la legalit, la squadra anti camorra, che oggi abbracceranno la nazionale e stringeranno la mano al campione? La linea della difesa semplice: Mario non intendeva fare un assist ai camorristi (ci mancherebbe altro), ma ribadire che il suo mestiere quello di calciatore e che non vuole essere usato per questioni pi grandi di lui. Anche cos fosse, perch quel tweet, sbagliato nei tempi e nei modi? Oggi la nazionale visita un paesino che porta i segni della cri-

Il saluto di Napoli
Gigi Buffon con i compagni della nazionale appena scesi dal Frecciarossa alla stazione di Napoli. Il portiere azzurro, acciaccato, non sar in campo (Ansa)

zata, la madre della piccola Pia, la bimba che il campione non ha riconosciuto. Il calcio, in questa storia, quasi un dettaglio. Ma lui deve ripartire proprio dal campo. Prandelli vorrebbe che si concentrasse sulla partita. Se sabato le possibilit che il milanista recuperasse per lArmenia erano minime, ora sono considerevolmente aumentate. Balo tornato ad allenarsi in gruppo. Due gol in partitella sono il suo biglietto da visita. Non ha ancora i 90 mi-

A Genk (ore 20.30)

Ansia Under 21: c il Belgio


GENK Oggi alle 20.30 (diretta Raitre), lItalia Under 21 affronta il Belgio, allenato da Wilem, ex Udinese, nella terza partita del gruppo 9 per le qualificazioni allEuropeo. A rischio il portiere Bardi, febbricitante. Gli azzurri di Di Biagio erano stati battuti dal Belgio a Rieti (1-3), prima di vincere con Cipro. Classifica: Belgio (4 partite) p. 12; Cipro (5) 6; Serbia (2) e Italia (2) 3; N. Irlanda (3) 0. Passano ai playoff le prime di ciascuno dei dieci gironi e le quattro migliori seconde

nuti sulle gambe, ma se anche oggi migliorer, la sua presenza non sar in discussione. In preallarme c Osvaldo, laltro bad boy, che in Danimarca ha fatto bene la sua parte. Sgomita pure Gilardino. Ma c voglia di Balotelli anche per verificare come ha reagito agli ultimi giorni tumultuosi, dagli insulti allarbitro Banti alla fine di Milan-Napoli sino alle uscite sguaiate in nazionale.

Alessandro Bocci
RIPRODUZIONE RISERVATA

Solidariet Allenamento nella struttura sequestrata alla camorra

Oggisulcampo dellaNuovaQuarto Azzurritestimonial dellalegalit


NAPOLI Qualunque sia il motivo per il quale rimasto con la Nazionale anche in questa tappa napoletana, quel che certo che oggi Mario Balotelli incontrer persone diametralmente opposte rispetto a quei tizi che un paio di anni fa gli fecero da organizzatori e accompagnatori per la sua passeggiata a Scampia, dove il giocatore volle andare come in un tour turistico per vedere da vicino i luoghi della camorra (e

secondo le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia prov anche il brivido di giocare allo spacciatore consegnando una dose di droga a un tossicodipendente che nemmeno lo riconobbe). A Quarto si respira tutta unaltra aria, almeno intorno alla squadra dilettantistica di questo piccolo paese flegreo che rappresenta forse lesperienza meglio riuscita di lotta alla camorra attraverso lo sport. Perci la Federcalcio e Prandelli hanno deciso di svolgere qui, stamattina, la prima delle due sedute di allenamento fissate per oggi. Per accogliere la Nazionale, il campetto della Nuova Quarto per la legalit (questo il nome completo della

squadra che partecipa al campionato di Eccellenza) stato trasformato in un cantiere per aggiungere duecento nuovi posti in tribuna, altrimenti i cinquecento disponibili non sarebbero bastati ad accogliere

le tante scolaresche invitate. Perch questo non sar proprio un allenamento tradizionale. Diciamo piuttosto una festa, un riconoscimento per chi intorno alla squadra del Quarto si sta prodigando ormai da tempo

Simbolo Il campo della Nuova Quarto (Newfotosud)

per trasformare in veicolo di legalit quello che era invece lo sfizio di un camorrista. Perch la societ calcistica del Quarto apparteneva al patrimonio di un esponente di rilievo di un clan della zona. Quarto non un paese dove la camorra non faccia sentire il suo peso, anzi, un territorio di grande penetrazione da parte delle cosche, e il boss teneva la squadra di calcio per aumentare prestigio e consensi. Ma uninchiesta della Direzione nazionale antimafia lo ha colpito proprio nel suo patrimonio, e il Quarto gli stato confiscato. Da allora hanno cominciato a occuparsene un amministratore giudiziario, lavvocato Luca Catalano, il di-

rettore dellassociazione antiracket Sos Impresa Luigi Cuomo, e soprattutto uno dei magistrati napoletani pi impegnati contro la camorra, il pm Antonello Ardituro, grande appassionato di calcio e tifoso del Napoli, che oltre a condurre le pi importanti inchieste sui clan casalesi, riesce a trovare il tempo per portare avanti anche questa iniziativa. Insieme allallenatore Ciro Amorosetti lhanno accompagnata dalla Promozione allEccellenza e chiss se non si riuscir ad andare anche oltre. Intanto, per, oggi, con la visita della Nazionale, si godono la vittoria pi bella.

Fulvio Bufi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Sport 45
#

Il Lanciano ancora primo Sale il Cesena

Il pareggio in rimonta con la Ternana consente al Lanciano guidato da Baroni (foto) di rimanere in testa da solo con 19 punti, due in pi dellEmpoli, battuto dalla Reggina e del Cesena che andato a vincere in casa della Juve Stabia. Vince il

Palermo contro il Pescara. Continua la scalata del Crotone, che andato a vincere a Bari; pareggio senza gol per il Varese. Sabato: Spezia-Brescia 2-2; Reggina-Empoli 2-1. Ieri: BariCrotone 1-2; Cittadella-Padova 10; Juve Stabia-Cesena 0-2; Latina-

Modena 0-0; Palermo- Pescara 1-0; Siena-Avellino 3-0; VareseTrapani 0-0: Virtus LancianoTernana 1-1. Oggi (ore 20.30): Carpi-Novara (arb. Maresca). Classifica: V. Lanciano 19; Empoli e Cesena 17; Crotone 16; Varese e

Avellino 15; Palermo 14; Spezia e Cittadella 13; Modena 12; Siena (-5) 11; Novara* e Trapani 10; Brescia, Latina e Reggina 9; Pescara e Bari (-3) 8; Carpi** e Ternana 7; Juve Stabia 5; Padova* 4. **due gare in meno; *una in meno

11
I gol segnati da Balotelli in nazionale, dove ha totalizzato 26 presenze. stato capocannoniere allEuropeo 2012 con 3 gol, a pari merito con Mario Mandukic, Mario Gomez, Cristiano Ronaldo, Alan Dzagoev e Fernando Torres

Verso Rio Tutti i campioni che rischiano di non qualificarsi alla fase finale

L'analisi

Mondiale, quante stelle staranno a guardare?


Bale gi out, per Ibra & co. il Brasile in bilico
Lo sanno tutti: i biglietti aerei presi allultimo momento costano di pi, ma per gente come loro, eventualmente, non c problema. Limportante trovare un posto, partire per il Mondiale in Brasile, destinazione ancora avvolta nella nebbia, pi o meno densa, per alcune stelle del calcio mondiale: da Cristiano Ronaldo a Ibrahimovic, da Cavani a Ribry, da Etoo a Rooney. Tutti ancora in bilico sulla scaletta dellaereo, con qualche problema di troppo, causato da compagnie nazionali non allaltezza: come il Galles, di mister cento milioni Gareth Bale che a giugno pu gi prenotare le vacanze al solito posto, tanto con la sua squadra difficilmente avr mai unestate impegnata. Il caso Casillas Tra quelli abituati alle partite bollenti, nessuno pu stare tranquillo, nemmeno un capitano campione del mondo come Iker Casillas. E non certo perch alla sua Spagna manca un punto, da conquistare domani contro la Georgia. Venerd Del Bosque ha fatto giocare Victor Valdes contro la Bielorussia (2-1). Lasciando Casillas sempre pi solo con i suoi turbamenti da panchinaro del Real Madrid. Il portiere stato pizzicato in un colloquio col suo collega Reina che gli fa notare come al massimo potr giocare 10-12 partite: Per andarmene ora, non riesco proprio a immaginarlo dice Iker, per il quale si parlato di una soluzione Milan a gennaio . Almeno giocher la Coppa. E Reina conclude: La Coppa una vergogna. Anche perch non baster a conservare il posto da titolare in nazionale.

Portogallo (tre pareggi e una sconfitta in nove gare) non sar affatto semplice. Anche la Svezia Ibra-dipendente e dopo il successo sullAustria che le garantisce il secondo posto (bellissimo il gol decisivo di Zlatan) deve cercare di battere la Germania gi qualificata per cercare di rientrare fra le quattro teste di serie: missione quasi impossibile per la Francia di Franck Ribry e Paul Pobga, indietro per adesso nel ranking rispetto a Portogallo, Croazia, Grecia/ Bosnia (una delle due andr al Mondiale subito, laltra al playoff) e appunto la Svezia. Sulla rotta per Rio sono previsti incroci pericolosi a met novembre. Difficile, ma non impossibile, che sui radar ci sia anche lInghilterra di Rooney: prima per bisogna battere la Polonia per evitare la rimonta ucraina. Cavani in ritardo Tra i ritardari sul registro mondiale spicca il nome di un secchione del gol come Edinson Cavani: lUruguay ha vinto la Coppa America arrivato quarto in Sudafrica nel 2010, ma si fatto superare dallemergente Colombia, da Ecuador e Cile. Neanche una larga vittoria con tanti gol in casa dellArgentina priva di Messi e Higuain potrebbe bastare per evitare alla squadra del maestro Tabarez lonta dello spareggio con la Giordania. Stessa sorte, ma in questo caso sarebbe un piccolo successo, per il Messico di Chicarito Hernandez che ha battuto Panama e vede allorizzonte il playoff con la Nuova Zelanda. Riecco Etoo Ma limportante esserci, come testimonia lennesimo ritorno di Samuel Etoo in nazionale. Il camerunense oggi al Chelsea andato in soccorso della sua nazionale (Era un mio dovere) nel difficile spareggio con la Tunisia: lo 0-0 di ieri in trasferta lascia tutto aperto. Si replica il 17 novembre a Yaound. Leterno Drogba, con il 3-1 al Senegal (in grande evidenza il romanista Gervinho), invece si gi portato avanti con la sua Costa dAvorio: gli Elefanti ci sono quasi, adesso tocca agli altri presunti giganti dal passo pesante fare un ultimo scatto.

PI DEI SOLDI SONO LE IDEE CHE MANCANO


di MARIO SCONCERTI

Rischio Cinque stelle che rischiano (o, nel caso di Bale, sono gi certe) di non andare al Mondiale in Brasile: 1 Franck Ribry, 30 anni, Francia; 2 Zlatan Ibrahimovic, 32, Svezia; 3 Gareth Bale, 24, Galles; 4 Edinson Cavani, 26, Uruguay; 5 Cristiano Ronaldo, 28, Portogallo (Ap, Epa, Ipp, Reuters, Afp)

Rivoluzione

Prandelli ne cambia dieci


NAPOLI (a.b.) Prandelli rivoluziona lItalia per la partita di domani sera contro lArmenia. Buffon, acciaccato, lascia il posto a Marchetti e la difesa sar completamente rinnovata con Abate e Pasqual sugli esterni e Bonucci-Astori coppia centrale. Florenzi e Insigne saranno le ali del 41-4-1. Il napoletano, che ha comprato 20 biglietti per la sua famiglia, non vede lora di giocare: Un sogno che si avvera. Pirlo torner in regia, con la collaborazione di Montolivo e Aquilani. In attacco dovrebbe toccare a Balotelli. Se Mario non dovesse recuperare sar confermato Osvaldo. Rispetto alla Danimarca, i cambi sarebbero dieci (confermato solo Montolivo). Ufficializzate le amichevoli di novembre: il 15 a Milano con la Germania, il 18 a Londra con la Nigeria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ribry-Ibra, che incroci Cristiano Ronaldo domani contro il Lussemburgo non ci sar per squalifica, ma il Portogallo lo aspetta gi per gli spareggi di novembre tra le otto migliori seconde (divise in teste di serie in base al ranking Fifa, sorteggio luned 21): solo un clamoroso k.o. della Russia di Capello in Azerbaijan potrebbe consentire a Ronaldo di evitare il supplemento di lavoro, che a giudicare dal rendimento del

Paolo Tomaselli
R PRODUZ ONE RISERVATA

Test Il Milan perde 3-0 a Caen, il tecnico se la prende: Poi difficile chiedermi di giocare di pi...

Figuraccia in amichevole, Allegri si arrabbia


MILANO Dalla nebbia della bassa Normandia spuntano una figuraccia (il Milan riesce a perdere 3-0 dal Caen, squadra della Ligue 2 francese) e un ennesimo motivo di incavolatura. Non di Adriano Galliani, questa volta, che ha deciso di far valere le attenuanti: sa bene come il Milan che aveva inserito nella trattativa di Mbaye Niang la partecipazione allamichevole per festeggiare il centenario del club francese , fosse imbottito di giocatori della Primavera (8 su 19 convocati), ma di Massimiliano Allegri, che alla fine non

I promossi Voglio un altro spirito. Bene Gabriel e Saponara Per lUdinese convocati Kak e Birsa

ha risparmiato i suoi. Per giocare a calcio non basta la tecnica, dobbiamo metterci pi agonismo. Non ce lho con nessuno in particolare ma difficile chiedere allallenatore di giocare di pi se poi si fanno partite cos. Chi fossero i destinatari non chiaro (Zaccardo? Nocerino? il protagonista della giornata, Niang?), di sicuro Allegri ha salvato solo alcuni ragazzini: Rondanini ha avuto uno spirito che dovrebbero avere tutti quando scendono in campo. Ieri i rossoneri sono stati inguardabili, se vero che uno dei

migliori risultato il giovane portiere Gabriel, che ha evitato la goleada, e che il Caen ha preso una traversa e un palo. Malissimo la difesa, perforata subito dopo 4 da Pierre, beffata da Duhame che evita il fuorigioco e poi, in fotocopia, anche da Koita che sfugge a Zaccardo; ancora nessun segno di risveglio da parte di Matri che ha sbagliato lunica occasione che gli capitata. Abbiamo fatto tuttaltro che una buona gara ha aggiunto il tecnico rossonero . Bisogna andare in campo sempre per arrivare al massimo. Mi

interessava vedere chi era rientrato dallinfortunio e chi aveva giocato di meno. Tra questi Riccardo Saponara: Ha fatto buone cose, era da molto che non giocava. In attesa che completi la sua crescita come trequartista, Birsa e Kak saranno a disposizione per la partita di sabato con lUdinese ma potrebbero andare in panchina. Honda, invece, nonostante i tentativi di inserimento del Tottenham, in cassaforte per gennaio.

a difficolt del calcio italiano non tanto la diminuzione dei soldi quanto la mancanza di idee. In questo senso sono daccordo con Moratti quando pensa a Thohir come a unopportunit dintelligenza, una differenza che muova la palude. Il primo grande calcio nacque cos, negli Anni Venti. Edoardo Agnelli port nella Juve una gestione da azienda multinazionale, mand osservatori in America Latina, convinse Mussolini che i latini di origine italiana altro non erano che unespansione della Grande Italia. E costru la squadra che ancora alla base della superiore popolarit della Juve. Dietro Agnelli andarono in molti, Pirelli, la Perugina. La Guerra aveva portato in vetrina il mondo americano e noi lo seguimmo come potevamo, con pi povert e idee intatte. Dieci anni dopo diventammo il pi grande calcio del mondo. Raramente per le idee le portano i manager. Le grandi aziende sono sempre andate avanti per le idee dei fondatori. Oggi manca questo, lenergia del grande imprenditore. Il calcio non laffare pi importante di nessun presidente. Si rimprovera alla Lega di essere divisa e senza progetti, poi si scopre che quasi nessun presidente frequenta la Lega. Perch il povero Beretta dovrebbe avere idee per tutti? I diritti tv hanno infine preso atto delle gerarchie trovate e le hanno fissate con i loro contributi. Questa specie di ricchezza di mezzo che paga almeno i costi del lavoro, ha fornito stabilit di mezzo, ha cio impigrito le societ e lintero mercato. Con ricadute inevitabili sul lato tecnico. Oggi qualcosa si sta muovendo. Lamericano Pallotta sta costruendo una Roma piena di piccole cose nuove. E ha inventato un comportamento che a Roma sembrava scandaloso, cedere i grandi giocatori per prenderne altri, cio una rovina apparente del cuore. Andrea Agnelli ha uno stadio ma spiega al calcio di non poter eventualmente trattenere Pogba. Sta costruendo a Torino per miliardi di euro. Il sindaco Fassino gli ha dato tutto a basso costo perch i cantieri portano nuovo lavoro. La semplice necessit di dare uno stadio a tutte le 20-25 grandi citt, rimetterebbe in moto i cantieri di tutta Italia. Il nuovo nel calcio pu essere semplicemente una diversit al regolamento, la scoperta di un oggetto tecnico da vendere in pi, unidea economica che faccia partecipare la gente. Non bisogna inventare troppo, basta non smettere di pensare. Thohir un grosso imprenditore, mi aspetto voglia guadagnare, quindi che porti idee per farlo. I buoni calciatori sono solo conseguenze. Forse si comincia a capire.
RIPRODUZIONE RISERVATA

a. rav.
RIPRODUZIONE RISERVATA

46

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Sport 47

Formula 1 A Suzuka quinta vittoria consecutiva del tedesco della Red Bull che porta a 90 punti il vantaggio su Alonso (quarto)

Vettel mette il Mondiale in ghiaccio


Massa disobbedisce al muretto Ferrari: Certe istruzioni non fanno piacere
Le classifiche
Gp del Giappone Ordine darrivo del Gp del Giappone 307,471 km 1. Vettel (Ger) Red Bull in 1.2649301 (media 212,485 km/h) 2. Webber (Aus) Red Bull a 7129 3. Grosjean (Fra) Lotus a 9910 4. Alonso (Spa) Ferrari a 45605 5. Raikkonen (Fin) Lotus a 47325 6. Hulkenberg (Ger) Sauber a 51615 7. Gutierrez (Mes) Sauber a 111630 8. Rosberg (Ger) Mercedes a 112023 9. Button (Gbr) McLaren a 120821 10. Massa (Bra) Ferrari a 129263 11. di Resta (Gbr) Force India a 138572 12. Vergne (Fra) Toro Rosso a 1 giro 13. Ricciardo (Aus) Toro Rosso a 1 giro 14. Sutil (Ger) Force India a 1 giro 15. Perez (Mes) McLaren a 1 giro 16. Maldonado (Ven) Williams a 1 giro 17. Bottas (Fin) Williams a 1 giro 18. Pic (Fra) Caterham a 1 giro 19. Chilton (Gbr) Marussia a 1 giro Motivi dei ritiri 1 giro: Bianchi (Fra) Marussia e Van der Garde (Ola) Caterham, incidente 8 giro: Hamilton (Gbr) Mercedes, problema meccanico Giro pi veloce Il 44 di Webber (Aus) Red Bull in 134587 (media 221,015 km/h) Mondiale piloti 1. Vettel (Ger) 297 2. Alonso (Spa) 207 3. Raikkonen (Fin) 177 4. Hamilton (Gbr) 161 5. Webber (Aus) 148 6. Rosberg (Ger) 126 7. Massa (Bra) 90 8. Grosjean (Fra) 87 9. Button (Gbr) 60 10. Hulkenberg (Ger) 39 11. di Resta (Gbr) 36 12. Sutil (Ger) 26 13. Perez (Mes) 23 14. Ricciardo (Aus) 18 15. Vergne (Fra) 13 16. Gutierrez (Mes) 6 17. Maldonado (Ven) 1 Mondiale costruttori 1. Red Bull 445 2. Ferrari 297 3. Mercedes 287 4. Lotus 264 5. McLaren 83 6. Force India 62 7. Sauber 45 8. Toro Rosso 31 9. Williams 1 Prossimi appuntamenti 27/10: Gp India 3/11: Gp Abu Dhabi 17/11: Gp Usa 24/11: Gp Brasile Vettel campione se... Sebastian Vettel pu laurearsi campione del mondo per la quarta volta consecutiva gi in India se: Vsi piazza nelle prime cinque posizioni Varriva sesto, settimo o ottavo, e Alonso non vince Vse Alonso si piazza dal terzo posto in gi

Barbera & champagne

Finale gi scritto Spazio al nuovo

Padrone Vettel vince a Suzuka. Nel tondo, Massa davanti ad Alonso

Tra il Sole Levante della Red Bull doppietta a Suzuka e il Sole Calante della Ferrari il 4 posto di Fernando Alonso era il massimo ipotizzabile ed quanto stato raccolto: questo spiega gi parecchio , si mette di mezzo laritmetica: non ancora finita, Sebastian Vettel nonostante la quinta vittoria di fila dovr rinviare almeno di quindici giorni, fino al Gp dellIndia, la festa per il quarto titolo consecutivo, terzo pilota della storia della F1 a riuscirci dopo Juan Manuel Fangio e Michael Schumacher. I numeri paiono seguire le sue frasi e, viceversa, la parole del tedesco nel solco del consueto refrain (Non finita finch... non finita) sostengono la minima apertura di credito concessa ancora dalle cifre a chi tifa per il colore rosso. Ma deve essere chiaro che solo un passaggio formale: ormai perfino Alonso ha abbandonato la frontiera dellillusione o del miracolo, battezzate voi la situazione di uno svantaggio salito a 90 punti quando ne restano solo 100 da assegnare, con una rosa di scenari utili tra i quali il feroce Sebastian potr scegliere la maniera per incoronarsi. La resa, allora: Non credo che la battaglia per il Mondiale sia ancora in corso dichiara Fernando . Vettel dovrebbe perdere sempre e io vincere. Meglio pensare, semmai,che c da difendere il secondo posto nel campionato costruttori. Un

unaltra magia di Vettel il marziano, capace stavolta di vincere di pazienza e di risalire con una strategia su due soste che ha fatto sbiadire quella su tre di Webber (imposta o scelta? Imposta, anzi cambiata perch secondo il team non cerano alternative; ma Mark non ha gradito: Mi ha sorpreso ed stato rischioso). Seb ha avuto un flash tenero su se stesso (Ricordo il primo giorno alla Red Bull: ho girato al pomeriggio, dopo Mark, e a momenti mi tiravo lauto in testa. Mi sono detto: questa roba per uomini veri e non fa per me), quindi ha raccontato di

9
vittorie in 15 Gp il bilancio di Vettel, alla voce successi, nella stagione in corso

1.571
punti in carriera Alonso ha battuto il record di Schumacher (1.566)

fronte incerto e tuttaltro che tranquillo, sul quale la Rossa ieri ha guadagnato nei confronti della Mercedes (grazie al ritiro di Hamilton e a un drive through che ha impedito a Rosberg di navigare ad alta quota), ma ha perso (2513) rispetto a una Lotus che quarta e in rimonta. La sintesi cos semplice: Dobbiamo fare di pi di un 4 o di un 5 posto: necessario tornare sul podio, se vogliamo tenerci alle spalle la Mercedes e la Lotus afferma Fernando che in una giornata dalle speranze plafonate si almeno consolato con il primato assoluto di punti, levato a Michael Schumacher (1.571 contro 1.566, numeri che meritano questa riflessione: un orgoglio realizzare che sono davanti a Schumi). Suzuka 2013 ha celebrato

Nessun caso Fernando smonta subito la possibile polemica con Felipe: Non montiamo un caso
unaltra prova senza sconti per nessuno. Non ha risparmiato nemmeno un grandissimo Grosjean, scattato in testa e re per met gara prima di ritrovarsi nella tenaglia redbullista e di doversi accontentare anzich celebrare il primo successo della carriera , della terza posizione e della lode del Cannibale: Ha dimostrato quanto maturato il pensiero di Vettel, condiviso da Webber che un anno fa di questi tempi mandava al diavolo il francese, ir-

requieto stuntman. In una gara segnata dalla tendenza ad anticipare i pit stop, che ha mandato subito in rovina Hamilton (foratura e danno al fondo della monoposto nel tentativo, al via, di infilarsi al centro tra le Rb) e che ha punito Massa per un errore banale (troppo veloce in un rientro ai box: drive through anche per lui), Alonso s trovato prima tappato da Ricciardo e poi ha avuto di nuovo davanti, come in Corea, la sagoma della Sauber di Hulkenberg. Stavolta Fernando ne venuto a capo nel finale con un deciso sorpasso al tedesco ed andato a raggranellare il massimo possibile di questi tempi. Prima, nelle fasi iniziali, aveva dovuto regolare Felipe Massa. In pista e senza aiuti. Si appreso, infatti, che la Ferrari aveva inviato a Felipe un ordine di scuderia (frase in codice: Multi-function strategy A, now please) che il brasiliano ha semplicemente ignorato: Certe istruzioni non fanno piacere. Ma non ne nato un pieno, almeno in apparenza e anche se il briefing post-gara stato molto pi lungo del solito. A ogni modo, Alonso non se l presa e la sua frase (Non montiamo un caso sullepisodio) stata sottoscritta da Stefano Domenicali. Del resto, Felipe non laveva forse detto che avrebbe badato solo a se stesso, dopo essere stato giubilato?

i sono sempre dei motivi alti e tecnici per spiegare una strategia. Anche nel caso adottato dalla Red Bull per trasformare una potenziale vittoria di Webber in una nuova vittoria di Vettel. Eppure, certi di essere smentiti da un tot di sostenibili ghirigori, continuiamo a pensare che la squadra abbia voluto, una volta di pi, favorire il biondino; che un atteggiamento del genere non serva granch vista la classifica del campionato e visto lo stato di servizio di Webber, ormai prossimo al commiato. Stiamo parlando, chiaro, di minutaglia, dati i meriti evidenti di Sebastian, da accompagnare con un filo di ammirata rassegnazione, in assenza di varianti sul tema Mondiale. Persino Alonso non pare in condizione di offrire qualche sorpresina. Tuttaltro che felice in prova, solido in gara seppure perduto in una retrovia, alle prese con le solite voci che lo trascinano lontano dal rosso. Massa: idem. Troppo veloce in corsia box, penalizzato, punito da Button allultima curva. Solito repertorio. Per non parlare di Raikkonen che pare stanco anche di lottare con il proprio compagno. Lui quinto. Laltro terzo. Lui opaco. Laltro brillante, sin dalle qualifiche. Ecco Grosjean qualcosa di nuovo lo butta l. Era dato per perso sul fronte tenuta nervosa. Si curato, si fatto aiutare per mettere cemento nei punti deboli, veloce sempre, senza pi combinare guai. Lui per un verso, Hlkenberg per un altro. Con lipotesi concreta che i due facciano coppia alla Lotus il prossimo anno. Una bella coppia, ambiziosa e solida. La McLaren, che cerca forze fresche, invece di rincorrere Alonso, avrebbe potuto guardarsi attorno, anche perch Alonso continua a giurare che il matrimonio resta rampante e rampante rester. Quindi, i casi sono due. Il team inglese dorme o Fernando caccia qualche balla. Puntiamo sulla prima ipotesi. Per il bene della Ferrari e anche di Alonso visto che, come spiegano quelli delle previsioni meteo, il bel tempo arrivo. Trasportato dalle regole 2014.

Giorgio Terruzzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Flavio Vanetti
RIPRODUZIONE RISERVATA

MotoGp Pedrosa domina, Marc secondo pu essere campione gi fra una settimana. Rossi ancora quarto

Marquez guadagna il primo match point


Guarda, c Valentino attaccato ai tre spagnoli, stesso ritmo, stessa velocit. Sembra una storia nuova, invece lillusione dura cinque giri. Il campione si sfila e lepilogo il solito: Rossi quarto per la settima volta in questo strano campionato, dove ogni gara sembra quella buona per colmare il gap e invece le cose, alla bandiera a scacchi, tornano sempre al punto di partenza. Quando scatti dalla prima fila, il risultato in cui speri il podio, ha ammesso Valentino definendosi per met soddisfatto e per met deluso. Magari tra sei giorni in Australia migliorer o magari verr chiamato a dare una mano al suo collega yamahista Lorenzo spalle al muro: Se fossi primo, lo farei passare? Dipende da cosa mi chiede Yamaha e da cosa risponderei io.... Cos la cosa pi bella della sua domenica stato il giro dopo il traguardo, con una bella bandiera numero 58 portata a spasso per la pista in ricordo di Marco Simoncelli, che a Sepang mor il 23 ottobre 2011: Ho parlato coi ragazzi del suo team (Gresini, ndr). Volevamo fare qualcosa per ricordarlo. Mi parso giusto, anche se questo posto evoca brutti ricordi. Il palco tecnico rimane dunque, come sempre, degli altri. Pedrosa vince alla stragrande e vendica lo schiaffo di Aragon. Felice
Festa Dani Pedrosa, 28 anni, festeggia a Sepang. Per lui la terza vittoria stagionale, la 25a in MotoGp, la 48a in carriera (LaPresse)

con misura, il Robottino si tormenta nel rimpianto: Anche 15 giorni fa avevo un buon passo, questa poteva essere la seconda vittoria consecutiva. In quel caso, con 25 punti in pi, sarebbe stato ancora in corsa per il titolo. Marquez invece gli ha negato il piacere. Proprio MM secondo per distacco ma se la gode perch guadagna altri 4 punti su Lorenzo e ora, a pi 43, si giocher il primo match point mondiale gi domenica a Phillip Island (sarebbe campione, per esempio, con un primo posto e Lorenzo terzo): come una vittoria: accontentarmi del secondo posto stata la decisione migliore. Lorenzo, terzo, cos colui che perde di pi in termini di punti e fiducia. Non perde per la stima

43 punti avanti
MotoGp 1. Pedrosa (Spa) Honda in 4045191 2. Marquez (Spa) Honda a 2757 3. Lorenzo (Spa) Yamaha a 6669 4. Rossi (Ita) Yamaha a 10351 Mondiale piloti 1. Marquez (Spa) 298 2. Lorenzo (Spa) 255 3. Pedrosa (Spa) 244 4. Rossi (Ita) 198 Prossimo appuntamento 20/10: Gp Australia Marquez campione se vince e Lorenzo si piazza dal terzo posto in gi

di critici e colleghi perch finch la Yamaha ha tenuto botta lui ha dato spettacolo, scattando primo al semaforo dalla quinta posizione e poi ingaggiando con Marquez un duello magnifico: sorpassi, controsorpassi, tocchi di fioretto e di sciabola fino a una carenata di Jorge a Marc, tanto per comunicargli che, se c da battagliare, lui non uno che si tira indietro. stato uno dei momenti pi eccitanti della stagione, tutto bello e regolare, oltre le polemiche e gli odi, anche se poi la Honda volata via perch la moto migliore: Ho provato a indurre Marquez allerrore, non ce lho fatta. Onore anche a Lorenzo, allora, la cui rimonta per assomiglia ormai a una favola: Al 99,9 per cento il Mondiale perso. Visto il Marquez di ieri, capace di ragionare oltre che di fare follie, difficile dargli torto.

Alessandro Pasini
RIPRODUZIONE RISERVATA

48
Gli annunci si ricevono tutti i giorni su:

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

SRILANKESE uomo cerco lavoro come domestico, stiro, pulizie generali. Part-time 380.75.17.219 PENSIONATO di fiducia volenteroso pratico ufficio, disponibile mattino. Tel. 335.81.15.684 VOLONTARIO con attestato di assistente in logoterapia della balbuzie offresi. 345.29.26.595. Milano. BABY SITTER colf con esperienza offresi. Referenziata. Milano/hinterland. Fisso/giornata. 393.06.64.610 ASSISTENTE anziani offresi signora con esperienza, referenziata, patente B. Disponibilit immediata. 346.64.90.615

www.piccoliannunci.rcs.it agenzia.solferino@rcs.it
oppure nei giorni feriali presso lagenzia:

Milano Via Solferino, 22


tel.02/6282.7555 - 02/6282.7422, fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge 903 del 9/12/1977 le inserzioni di ricerca di personale inserite in queste pagine devono sempre intendersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza della Legge sulla privacy (L.196/03).

tributarista, laurea magistrale in economia e giurisprudenza, specializzazioni presso Harvard e Sda Bocconi, 4 master universitari di II livello, socio di uno studio professionale da 5 anni, offre la propria collaborazione con societ, imprese e persone fisiche. Corriere 295-XG - 20132 Milano

DOTTORE DI RICERCA

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43. GRUPPO bancario cerca per dipendente trilocale/quadrilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25

CQUISTIAMO brillanti, gioielli firmati, orologi marche prestigiose, monete, argenteria. Il Cordusio 02.86.46.37.85 BOX doppio. Vendesi, Cirene/ Tito Livio. Non soggetto CE. 02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it MOLINO DELLE ARMI moderni, razionali uffici 380 mq stabile direzionale. Prezzo interessante. Posti auto. CE: F - IPE: 63,1 kWh/mca 02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it PONTE NUOVO privato vende magazzino, laboratorio mq 270, riscaldamento centralizzato, tre servizi, telefono 339.59.01.377 CE: G IPE: 195 kWh/mca. REPUBBLICA vendiamo ufficio libero mq 129. CE: G - IPE: 187,5 kWh/mca 02.67.07.53.08 www.filcasaimmobili.it compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi, moderni, orologi, oro, diamanti. Sabotino 14 - Milano. 02.58.30.40.26

PUNTO D'ORO

A ditta offresi addetto contabilit, esperienza inglese, bolle, fatture, reg. ufficio. Disponibilit immediata, anche altre mansioni. Cell. 333.20.91.529 DISEGNATORE cad di impianti elettrici perito elettrotecnico esperto in antideflagrante, ISO 9001 tel: 339.88.06.480 IMPIEGATO commerciale esperienza ventennale, back office, supporto vendite, inglese, spagnolo, francese, portoghese. Liste mobilit. 347.91.01.042 RAGIONIERE 36enne esperienze co.ge banche rapporti uffici pubblici libero subito. 339.44.56.422 VENDITORE di componentistica elettronica, con provata esperienza automazione/sensori, perito elettronico 59 anni, buon inglese, office automation, tecniche di marketing offresi per attivit anche part time; partita iva o con altre forme contrattuali. Esamino solo proposte serie e concrete. Tel: 335.78.83.524 ABILE magazziniere, elettromeccanico, cablatore, saldatore, impiegato fattorino. Inglese discreto. 331.24.37.105 AUTISTA operaio patente de adr classi cisterne radioattivi, cqc, cerca lavoro. 348.06.24.604 CAMERIERE Aiuto cuoco. Pluriennale esperienza. Referenziato. Offresi part/full time. 393.06.64.610 CERCO lavoro come badante fissa giorno/notte. Buona esperienza, referenziata, seria. 327.58.28.131 CERCO lavoro come domestica o badante. 34enne, referenziata, esperienza pluriennale. Milano 392.42.11.962 ITALIANA signora 52enne referenziata, lunga esperienza offresi come custode, pulizie 349.21.95.011 PORTINAIO italiano con esperienza ultra decennale referenziato offresi per portineria con alloggio. Tel. 377.21.84.020

GREENFREE

PUNTO

ENEL GREEN POWER, ricerca 15 collaboratori/trici Lombardia (vendita/consulenza settore energetico). Offresi: formazione, appuntamenti prefissati, ottime retribuzioni, premi. annunci@greenfree.net Numero verde 800.032.980

AMPLIAMENTO terzista impiega 4 ambosessi per amministrazione, gestione e consegne clienti. Full-time 02.24.30.28.52 AFFERMATA societ ricerca venditore/venditrice automunito, offre compenso provvigionale sopra la media, clientela selezionata centro/nord Italia. Business Services 02.29.51.80.14 PERSONA massima fiducia referenziatissima cerca casa signorile Bologna, con funzioni di organizzazione e gestione casa e personale. Necessaria esperienza ed efficienza nel ruolo richiesto, ottima educazione, non fumatrice, disposta spostamenti. Rispondere con urgenza a: montere@alice.it

BRERA epoca nuovo salone triplo balcone 4 camere quadriservizi, box CE: C - IPE: 80,07 kWh/mqa. 02.89.09.36.75 www.filcasaimmobili.it CIMAROSA nuovi attici, ottime finiture, luminosi, silenziosi. CE: B - IPE: 45 kWh/mq 02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it CUSANI. Epoca prestigioso quadrilocale, tripli servizi, ottima esposizione. CE: D - IPE: 104,5 kWh/mqa 02.89.09.31.72 - 02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it MAMELI /Archimede. Nuovo attico. Soggiorno/angolo cottura, due camere, biservizi, balcone. Termoautonomo. CE: B - IPE: 50,71 kWh/mqa. 02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it SEMPIONE nuova realizzazione. Soggiorno, cucina, due camere, biservizi, logge. Box. CE: A - IPE: 28,5 kWh/ mqa 02.34.93.16.65 - 02 88.08.31 www.filcasaimmobili.it TOP business for top brokers of archistars buildings Milano innercity barrozo_mbp@hotmail.it VILLA LITTA - signorile bilocale nuovo 190.000,00 CE: D - IPE: 111,1 kWh/ mqa 02.66.20.76.46 www.filcasaimmobili.it SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03

A abbracciata pinete e mare 5Terre stupenda casa a torretta restauratissima pietra vista, 3 camere, terrazzone panoramico termoautonoma climatizzata, arredata solissimi euro 169.900,00 (CE: in corso) immobiliare5terre.com 0187.92.03.31 AFFARISSIMO Cap Martin, oasi di pace con piscina / parco privato, splendidi appartamenti nuovi vista mare, varie metrature, prezzi scontati da Euro 152.000. italgestgroup.com 0184.05.55.50 ATTENZIONE! Compri 2 appartamenti e ne paghi 1! Come possibile? Semplice... siamo nell'Oltrep immersi nei vigneti con vista incantevole, disponiamo ultimi villini nuovi 2 piani giardino piscina solo euro 79.000, ma con euro 10.000 in pi anche un alloggio in Sardegna vista mare. tutto vero! CE: C - IPE: 95,31 kWh/mqa. Telefona per vedere 035.47.20.050

Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport con le edizioni stampa e digital offrono quotidianamente agli inserzionisti una audience di oltre 8 milioni di lettori, con una penetrazione sul territorio che nessun altro media in grado di ottenere. La nostra Agenzia di Milano a disposizione per proporvi offerte dedicate a soddisfare le vostre esigenze e rendere efficace la vostra comunicazione. TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA Rubriche in abbinata obbligatoria: Corriere della Sera - Gazzetta dello Sport: n. 0: 4,00; n. 1: 2,08; n. 2, 3, 14: 7,92; n. 5, 6, 7, 8, 9, 12, 20: 4,67; n. 10: 2,92; n. 1: 3,25; n. 13: 9,17; n. 15: 4,17; n. 17: 4,58; n. 18, 19: 3,33; n. 21: 5,00; n. 24: 5,42. Rubriche in abbinata facoltativa: n. 4: Corriere della Sera 4,42; Gazzetta dello Sport 1,67; abbinata 5,00. n. 16: Corriere della Sera 1,67; Gazzetta dello Sport 0,83; abbinata 2,08. n. 22: Corriere della Sera 4,08; Gazzetta dello Sport 2,92; abbinata 4,67. n. 23: Corriere della Sera 4,08; Gazzetta dello Sport 2,92; abbinata 5,00. RICHIESTE SPECIALI Data Fissa: +50% Data successiva fissa: +20% Per tutte le rubriche tranne la 21, 22 e 24: Neretto: +20% Capolettera: +20% Neretto riquadrato: +40% Neretto riquadrato negativo: +40% Colore evidenziato giallo: +75% In evidenza: +75% Tablet: + 100 Rubrica 4 Avvisi Legali: 1 modulo: 400 2 moduli: 800 Rubriche Compravendite immobiliari Nel testo dellinserzione obbligatorio indicare la classe energetica di appartenenza dellimmobile e il relativo indice di prestazione energetica espresso in kWh/mqa o kWh/mca a seconda della destinazione duso delledificio. Nel caso di immobili esenti dallindicazione, riportare la dicitura Immobile non soggetto allobbligo di certificazione energetica.

da anche di grossa cilindrata Milano Motors 4x4 S.r.l. 02.61.29.86.99 info@milanomotors4x4.com automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89504133 - 02.89511114.

A CQUISTIAMO auto e fuoristraACQUISTIAMO

tenuta agricola di 12 ha, irriguo, fronte strada annesso grande caseggiato completamente ristrutturato a 500 mt da Saluzzo (Cn) 335.80.44.281

VENDESI

SVIZZERA

VUOI rilevare attivit in Svizzera? www.remicom.com 0041.91.92.12.424

A Sesto San Giovanni vi aspettiamo in un elegantissimo centro benessere. 02.24.83.506 ABBINA mente e corpo attraverso il rilassante piacere dei nostri massaggi olistici. 02.39.40.00.18 Milano. CENTRO italiano riservato ed elegante, piacevoli massaggi relax zona San Siro 338.32.21.086

Collezionista Milanese

ACQUISTA

DIPINTI SCULTURE DISEGNI dei pi importanti artisti. Massima riservatezza. No perditempo. 339.20.07.707

ABBANDONATI a donne unicamente per te! Troverai quella giusta! 899.996.101 da 32 centesimi/minuto. VM18 MCI. CERCHI nuove amanti? Evasioni intriganti? Anonimo, veloce, economico. Chiama 899.996.101 da 32 centesimi/minuto. VM18 MCI PADRONA autorevolissima 899.842.473. Viziosa 899.842.411. Euro 1,30min/ivato. VM18. Futura Madama31 Torino.

Lappuntamento quotidiano 7 GIORNI SU 7 ENZA Annun ci IN EV ID


Spettacoli
Saldi Shop

CASA

Corsi

www.piccoliannunci.rcs.it

agenzia.solferino@rcs.it agenzia.solferino@rcs.it

Viaggi

Mostre

LAVORO Eventi Ristoranti

Ogni giorno oltre 8 MILIONI DI LETTORI con labbinata Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport nelle edizioni stampa e digital

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Sport 49

Basket

Milano, subito un passo falso: esordio con sconfitta a Brindisi


Un avvio preventivabile, anche se non auspicabile, visto che la squadra stata cambiata per nove dodicesimi, oppure linizio di un altro anno di tormenti e di delusioni? La domanda sorge spontanea dopo che lEA7 Milano, che a ogni stagione si presenta con i galloni della favorita, ha debuttato con una sconfitta sul campo invero non facile dellEnel Brindisi. Attenuanti generiche: a Luca Banchi, allenatore chiamato a riportare lo scudetto a Milano dopo 18 anni di astinenza, mancavano Kangur e Gigli, mentre CJ Wallace andato a referto tenuto insieme da bende e cerotti. Aggravanti: la squadra costruita per vincere, e di giocatori che non dovrebbero far rimpiangere gli assenti ce ne sono in abbondanza, vedi leterno e imperscrutabile mistero di un Keith Langford da 29 punti (7/10 da 2 e 3/6 da 3) in 38, ma con un plus/minus di -14, vedi David Moss (19 punti, 3/3 da 2 e 3/7 da 3), lunico che davvero ha provato a trapiantare listinto vincente di Siena nella sua nuova squadra. Qualcosa da registrare sotto canestro ci sar, se i migliori rimbalzisti di Milano sono state le due guardie, appunto Langford e Moss (7 a testa). stata lennesima platonica rivincita di Piero Bucchi: Brindisi subito avanti (20-10 all8, 32-21 al 14) e solo con un parziale di 20-5 Milano riuscita a mettere la testa avanti (36-35 al 19, 41-37 allintervallo). Un vantaggio che lascia il tempo che trova, perch quando Brindisi rientra in campo ristabilisce subito le gerarchie (8-0 in un amen), si lascia avvicinare per lultima volta a 9 dal termine (61-60) poi con lennesimo strappo della partita (16-4) chiude la questione. Il primo passo per Milano stato zoppo, ma la strada lunga e lobiettivo chiaro: acquisire consistenza, e resistenza alle pressioni. Occorre cominciare in fretta, da gioved prossimo a Istanbul contro lEfes. Perch anche lEurolega non aspetta. Nel frattempo sotto gli occhi di Malik Hairston, seduto in tribuna a Cant e pagato da Milano senza farlo giocare, i brianzoli senza Marco Cusin hanno sempre condotto contro una dignitosissima Pistoia. Tranquille allesordio Siena (English 22) su Cremona e Varese (25 del capitano Ebi Ere) contro Reggio Emilia, sul neutro di Casale Monferrato, sconfitta a sorpresa Avellino. Nella serata debutto vincente di Bologna su Sassari, partita su cui ha gravato il caso Poeta, con Peppe reduce dallestate azzurra e messo fuori squadra dalla Virtus, e attualmente senza alternative valide, con quella che stata forse la prima entrata a gamba tesa del neopresidente Renato Villalta.

Serie A

1 giornata

VARESE-REGGIO EMILIA 83-64 SIENA-CREMONA 97-82 CANT-PISTOIA 87-77 CASERTA-VENEZIA 84-65 AVELLINO-PESARO 77-80 BRINDISI-MILANO 88-80 MONTEGRANARO-ROMA 75-78 BOLOGNA-SASSARI 98-88 Caserta Varese Siena Bologna Cant Brindisi Pesaro Roma 2 2 2 2 2 2 2 2 Avellino Montegran. Milano. Sassari Pistoia Cremona Reggio E. Venezia 0 0 0 0 0 0 0 0

Werther Pedrazzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Battuto David Moss, 30 anni (LaPresse)

Ippica Sconfitti i favoriti Arpinati e Fanoulpifer, terzo e quarto

Priore Philip col botto Dallo scialbo debutto a re del Gran Criterium
Dopo 18 anni, il primo sigillo italiano
A Las Vegas

Cruz va k.o. Finisce il sogno del pugile gay


LAS VEGAS Sinfrange il sogno di Orlando Cruz, il primo pugile dichiaratamente omosessuale, di vincere il titolo mondiale dei pesi piuma Wbo: il campione portoricano finito k.o. a Las Vegas con il messicano Orlando Salido. Cruz, 32 anni, ha subito la sua terza sconfitta in 24 incontri da professionista. Salido, il favorito della vigilia, ha chiuso lincontro al 7 round con un destro alla testa. La sfida pi grande di Cruz contro gli stereotipi: nei match indossa pantaloncini arcobaleno e guanti rosa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO Come se un calciatore debuttasse male in serie C e dopo 4 mesi vincesse per lo scudetto di serie A: Priore Philip, galoppatore sauro allevato da Loreto Luciani, partito il 5 giugno da uno scialbo quarto posto in una corsa a reclamare da 3.400 euro, ma ieri arrivato a infilare la sesta vittoria consecutiva nellinternazionale Gran Criterium di gruppo 1 da 264 mila euro, massimo cimento in Italia per i giovanissimi, cio per i purosangue di 2 anni come lui. Le corse a reclamare e quelle a vendere sono le gare di pi basso livello in cui, dopo larrivo, il cavallo vincitore (in quelle a vendere) o anche tutti gli altri partenti (in quelle a reclamare) possono essere appunto reclamati, cio acquistati da chi in una busta offra un euro di pi di un modesto prezzo fissato prima della corsa e accettato senza possibilit di ripensamenti dai proprietari. Chiunque, insomma, quel 5 giugno avrebbe potuto portarsi a casa un futuro campione mettendo una cifra ridicola nella

busta dopo la corsa. Meno male che questo non successo per la scuderia romana Ste.Ma di Luciano Monaldi e per Stefano Botti, il giovane allenatore che in soli 4 mesi, dopo quel debutto dimesso, ha saputo plasmare la costante escalation di rendimento del puledro: 5 vittorie consecutive (compresi i preparatori Criterium a Varese, Premio Toscana a Firenze e Premio Rumon a Roma), e ieri il sigillo del Gran Criterium, che mancava a una scuderia italiana da ben 18 anni, dal 1995 di Glory of Dancer. A favorire Priore Philip stato anche il terreno molto appesantito dalla pioggia , spesso adorato dai figli (come lui) dello stallone Dane Friendly, e invece visibilmente inviso sia ad Arpinati (terzo), sia a un nervoso e sudato Fanoulpifer (quarto), non a caso battuti per la piazza donore dallaltro amante del terreno pesante Grey Grizzly. Italia sugli scudi anche al trotto a Napoli, dove a marcare la festosa riapertura dellippodromo, dopo lunghi mesi di crisi, sono stati il giro donore del vecchio campio-

Travolgente Priore Philip, sauro di 2 anni allenato da Stefano Botti, conquista il Gran Criterium allIppodromo di Milano (Rispoli)

6
vittorie in 4 mesi di Priore Philip, trasformato in campione dal giovane allenatore Stefano Botti. Il galoppatore sauro era partito il 5 giugno scorso dal 4 posto in una corsa a reclamare da 3.400 euro. Ieri ne ha vinti 264 mila.

ne e oggi stallone Varenne; il centesimo Gran Premio vinto in giro per il mondo da uno dei suoi tanti figli (neanche a farlo apposta proprio davanti a lui), Remo Gas nel Premio Citt di Napoli; e ieri soprattutto il bis nellinternazionale Gran Premio Lotteria di Agnano dellindigeno Mack Grace Sm, gi a segno lanno scorso nella prestigiosa gara in tre batterie e finale. Il trionfo (a scapito dello svedese primatista europeo Commander Crowe) del velocista che a 7

anni vince in carriera 1,2 milioni di euro la miglior medicina per lallenatore Lucio Colletti, bloccato a casa davanti alla tv da busto e collare per un incidente in allenamento. Con quello di ieri sono 12 i Gran Premi siglati questanno dal guidatore Roberto Andreghetti e 9 quelli dominati da Mack Grace Sm, ormai proverbiale specialista delle prove ripetute. In eliminatoria questo figlio dellamericano Ccs Chuckie T aveva anche eguagliato il record della pista

stabilito da Varenne nel 2002 alla media di 1 minuto 10 secondi e 8 decimi sui 1.600 metri: ma il meteopatico indigeno Owens Club, squalificato in batteria per la rabbiosa rottura del trotto, poi nella finalina di consolazione tra gli eliminati dalla finale vera ha sbriciolato il primato di Varenne, abbassando la media sul miglio a 1 minuto 10 secondi e 4 decimi.

Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tennis Lex re in crisi annuncia la separazione da Annacone. Impazza il toto-nome ma c chi pensa sia lanticamera del ritiro

Il mestiere impossibile: nuovo coach di Federer


Il ruolo, diciamocelo, al contempo allettante e terrorizzante. Roger Federer si separa consensualmente dal coach americano Paul Annacone con un comunicato stampa da vecchia coppia di conviventi (Dopo tre anni e mezzo insieme, Paul e io abbiamo deciso di andare avanti con le nostre vite: insieme pensiamo che questo sia il momento pi opportuno. Ringrazio Paul, che rimarr per sempre un caro amico...) e subito si aprono i trials: AAA cercasi nuovo allenatore per il Signor Tennis. Detto che i blog di racchettofili del pianeta si sono scatenati sul toto-nome del successore (quelli che dovrebbero restituirgli gli occhi di tigre: Jimmy Connors, Brad Gilbert, Toni Nadal...; quelli che dovrebbero rimetterlo in forma fisica: Gil Reyes, Martina Navratilova...; quelli che dovrebbero allenarlo e basta: Larry Stefanki, Severin Luthi) e che un filone di nichilisti ha interpretato il divorzio come lanticamera del ritiro ufficiale, nella testa di ogni coach disponibile (e non) si materializzato linterrogativo di noi tutti: e cosa gli insegno, io, a Federer? La domanda non priva di senso, perch chiaro che allangolo di Sua Immensit non ci si siede per spiegare come tirare il dritto o il rovescio n come arrotondare il bottino (17 titoli Slam, 77 tornei Atp, 302 settimane da numero 1 del mondo, 237 consecutive) conquistato fin qui, ma qual il valore aggiunto del mestiere di allenatore di Roger Federer alla vigilia del 2014, il Sunset Boulevard che lo svizzero si augura sia ricco di successi? Il nostro non mai stato fedelissimo. Peter Carter, Peter Lundgren, le comparsate di Tony Roche e Jos Higueras, lapparizione di Darren Cahill, lassistenza di Severin Luthi, capitano di Coppa Davis della Svizzera, pi un fratello maggiore che un vero e proprio supporto tecnico. Che la fine del rapporto con Annacone non fosse prevista nel diario di bordo del capitano, ce lo dice la tempistica con cui arrivata: 48 ore dopo la sorprendente sconfitta (una delle tante di questanno) con il francese Monfils nel Master 1000 di Shanghai dominato da Djokovic, che ieri ha folgorato in finale 6-1, 3-6, 7-6 il redivivo Del Potro , un k.o. senza alibi e senza rete che mette seriamente a rischio la qualificazione dello svizzero al Master di Londra, lultimo bancomat da svaligiare prima delle vacanze, da affrontare a fonte di una

Uscite di scena eccellenti

Bjorn Borg Lorso svedese si ritira a fine 81, ad appena 25 anni. Rovina tutto rientrando dopo 7 anni

Ivan Lendl Un lento e inesorabile declino, segnato dal mal di schiena. Ultimo torneo vinto Tokyo 93

Pete Sampras Gigantesco anche nel ritiro: vince lUs Open 2002 e sparisce dai radar. Laddio perfetto

profonda riflessione. Federer era tornato a giocare in Cina dopo il lungo stop seguito alla sconfitta con Robredo nel quarto turno dellUs Open. A meno di un colpo di coda finale, o di miracoli del successore di Annacone, Ruggero chiuder la stagione con la schiena dolorante, una racchetta dallovale pi ampio che ha testato on/off non traendone i benefici che sperava, senza finali Slam (non succedeva dal 2002) e al numero 7 del ranking (o peggio). Oltre a prenotare i campi dallenamento, trovare sparring partner adeguati e passargli le palle dal cesto con il giusto ritmo, il nuovo coach di questo distinto signore svizzero di 32 anni con moglie, figlie e un meraviglioso avvenire alle spalle, avr il compito pi gravoso. Valutare, studiare e pianificare tempi e modi dellinevitabile pensione di Federer (fine 2014?), perch il pi grande di ogni tempo non si valuta solo dai diritti, ma soprattutto da come incassa i rovesci (della vita).

Gaia Piccardi
RIPRODUZIONE RISERVATA

K.o. Roger Federer, 32 anni (Ap)

50

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

CorriereMotori
Moto Stanno in piedi da soli ed quasi impossibile cadere in curva. Sono unalternativa allauto in citt
MILANO Asfalto bagnato, foglie umide cadute dagli alberi, rotaie del tram, buche e brecciolino: le condizioni tipiche delle strade delle nostre citt in autunno non sono ideali per viaggiare su due ruote. Ma c la soluzione e di ruote ne ha tre. Una categoria di scooter recente (nata nel 2006), capace di superare questi ostacoli grazie alla maggiore stabilit rispetto ai cugini a due ruote, che siano moto o scooter. Inoltre, si guidano con la sola patente B, quella dellauto. Sono tre le Case in competizione. La prima Piaggio, che il segmento lha inventato. Poi si aggiunta la svizzera Quadro Vehicles. Di recente arrivata Peugeot Motorcycles. Le caratteristiche comuni dei loro scooter, oltre alle tre ruote, sono una misura minima della carreggiata anteriore e il pedale del freno sulla pedana. Non serve saper guidare la moto: stanno in piedi da soli ed quasi impossibile cadere in curva (ma meglio non esagerare, hanno un limite anche loro). Insomma, sono unalternativa allauto per chi vive in citt e combatte quotidianamente con traffico, parcheggi e limiti alla circolazione. LMp3 stato progettato per chi di solito usa le quattro ruote spiega Maurizio Carletti, responsabile mercato Italia di Piaggio e non ha mai pensato neppure a uno scooter a causa di una certa diffidenza per le due ruote. Ebbene, le tre ruote superano ogni timore perch danno pi sicurezza, soprattutto in condizioni di scarsa aderenza. La loro forza sta nella semplicit della guida. Con la manopola destra si aziona lacceleratore e con le leve sul manubrio o con il

Video

La prova completa su Corriere.it


Piaggio MP3 LT 300 IE Sport, Quadro 350S e Peugeot Metropolis 400: tre scooter a tre ruote. La prova completa, con immagini e commenti, su motori.corriere.it

Sicurezza

Con i colori fluo lalta visibilit diventa una moda


MILANO I colori fluo fanno tendenza, ma sono i motociclisti ad aver anticipato il trend. E non certo per moda. Per la sicurezza. Da un paio di stagioni labbigliamento ad alta visibilit cos viene chiamato rientra nelle principali collezioni del settore. Il fatto che i motociclisti vestiti fluo da capo a piedi o con bande catarifrangenti si fanno notare di pi, e in condizioni di scarsa visibilit (specialmente in autunno/inverno) questa caratteristica estetica assume unimportanza vitale. Nel nome della sicurezza, il Codice della strada impone allautomobilista dindossare il gilet catarifrangente quando esce dallauto in panne. Sempre nel nome della sicurezza si obbliga il ciclista, in certe condizioni, a indossare un capo altamente visibile. In Francia lobbligo sta per essere esteso anche ai motociclisti. In Italia, invece, la sicurezza garantita dallalta visibilit viene lasciata alliniziativa del singolo centauro. Un optional. Gli inserti rifrangenti sono elementi consolidati dellabbigliamento da moto, la novit sono i colori fluo. Casco, giacca o gilet sono i pi interessati. Nelle collezioni si trovano capi sia total-fluo sia misti. La giacca touring Dainese Ridder, in Gore-Tex, non solo ripara da pioggia e vento, ma ha inserti rifrangenti posizionati in modo da essere sempre visibili, anche su moto con cupolini alti o bauletto posteriore. Di Alpinestars il completo antipioggia Quick Seal Out (nella foto), tutto giallo fluo: perch quando piove, la visibilit si riduce e lacqua sollevata dalla ruota posteriore copre anche il fanale. Illustre testimonial dei colori pi sfacciati, in particolare il giallo fluo, Valentino Rossi. Il casco Agv PistaGP SoleLuna, appunto, replica i colori del campione di Tavullia.

Si torna sul triciclo


pedale si frena. Le curve si affrontano inclinando lo scooter verso il centro, con la sola accortezza di avvicinarsi alla svolta a unadeguata velocit per evitare il sottosterzo che tende a far allargare la traiettoria tipico dei tre ruote. Al semaforo non serve nemmeno mettere i piedi per terra: basta bloccare la sospensione anteriore con un pulsante (o con la leva, nel caso del Quadro) e si resta in equilibrio in attesa del verde. A quelli peculiari dei tre ruote, si associano i vantaggi dei normali scooter: ampio sottosella dove riporre il casco e altri oggetti, prese da 12V per ricaricare il cellulare o qualunque dispositivo elettronico, parabrezza che ripara dallaria e dal freddo, sella larga, molto spazio per i piedi. In moto ho fatto pi di 350 mila chilometri nei miei viaggi, ma oggi faccio fatica a immaginare di ripetere la mia ultima esperienza con due sole ruote. Maurizio Pistore, professore padovano tornato lo scorso agosto dal giro del mondo in sella a un Quadro 350D, 97 mila chilometri in dieci mesi e mezzo nei quali ha attraversato i cinque continenti e 35 nazioni, tutto in solitaria. Allinizio pensavo di partire in moto, poi grazie a un amico che lavora alla Quadro ho superato ogni dubbio e ho scelto il tre ruote. In citt eccezionale: in Russia ho attraversato rotaie del tram che uscivano di 10 centimetri dallasfalto e anche le auto faticavano a passare. Ho percorso migliaia di chilometri in fuoristrada senza mai un problema, affrontando percorsi che sarebbero stati difficili anche con una moto. Solo in Tanzania, dove un fiume aveva esondato e la strada era sommersa da 80 centimetri dacqua mi sono dovuto fermare: ho caricato lo scooter su un pickup in mezzo alle banane!. E lo sta ancora usando, assicura Pistore, ma sar esposto allEicma di Milano a novembre.

Scooter a tre ruote, facili da guidare e pi sicuri


In pista a Magny-Cours ho anche provato a fare il tempo con lMP3, assicura Sylvain Guintoli, pilota Aprilia nel Mondiale Superbike. Ho avuto bisogno di fare qualche curva per prendere confidenza, venendo dalle due ruote si ha inizialmente una sensazione strana, ma poi si apprezza lenorme confidenza che danno le ruote anteriori. Non devi pensare alladerenza, c sempre. Credo che per la citt uno scooter a tre ruote sia lideale, perch ti d tanta sicurezza e tanta capacit di carico, come unauto utilitaria.

Stefano Marzola
RIPRODUZIONE RISERVATA

s.m.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Piaggio MP3 LT 300 IE Sport

Quadro 350S

Peugeot Metropolis 400

Il pi agile nel traffico in citt C anche con il motore ibrido


LMp3 ha inaugurato, nel 2006, il segmento dei tre ruote. A lungo non ha avuto rivali, infatti il pi diffuso. Nove le varianti in gamma, a partire dal piccolo Yourban 300 negli allestimenti Sport, LT e LT Sport (solo per questi ultimi due basta la patente B). Pi ampia la gamma per il fratello maggiore LT, disponibile sia con motore da 300 che da 500 cc, nelle varianti Sport e Business. Bandiera tecnologica della gamma il 300 Hybrid che coniuga un motore termico con uno elettrico a tutto vantaggio di consumi ed emissioni. LMp3 il pi stretto dei tre, con 760 mm di larghezza massima, e ha un peso contenuto in 206 kg: caratteristiche che, unite alla sospensione anteriore a ruote indipendenti, lo rendono il pi agile in citt. Confortevole anche per il passeggero, sebbene lo spazio per i piedi sia ridotto. Il vano di carico di 50 litri consente di ospitare due caschi (un integrale e un jet) e vi si accede sia sollevando la sella sia dallo sportello posteriore. Caratteristica interessante la Piaggio Multimedia Platform, che consente di connettere lo smartphone via Bluetooth, che diventa un computer di bordo aggiuntivo. Il listino parte da 6.545 euro e arriva a 8.560 euro.

Ha le ruote pi grandi degli altri Usato anche per il giro del mondo
Nata dalla Marabese Design, la svizzera Quadro Vehicles produce soltanto scooter a tre ruote: il Quadro 350S provato dal Corriere della Sera, il 350D, e lAATW, replica di quello usato da Maurizio Pistore per il suo avventuroso giro del mondo (vedere larticolo qui sopra), con una serie di accessori dedicati, non a caso, al turismo ad ampio raggio. A caratterizzare il tre ruote Quadro la sospensione anteriore idraulica, che consente alle grandi ruote da 14 pollici (ma da 15 pollici al posteriore) di oscillare in curva. La maggiore dimensione delle ruote rispetto ai rivali Piaggio Mp3 e Peugeot Metropolis (che hanno lanteriore da 12 pollici e il posteriore da 14 pollici) contribuisce ad aumentare la stabilit sui fondi sconnessi. Questo sofisticato sistema offre una sensazione di guida quasi motociclistica e consente un ottimo controllo durante la discesa e la risalita in piega. Con i suoi 200 kg anche il modello pi leggero tra quelli qui considerati, ma anche il pi largo (800 mm). Identica al Piaggio laltezza della sella: 780 mm da terra. In linea con la concorrenza la capienza del vano sottosella, che contiene integrale e jet. Il listino va da 5.990 euro a 6.990 euro. Al prossimo Salone di Milano, in novembre, arriver il Parkour, primo scooter a quattro ruote della Quadro Vehicles.

Riconosce la chiave da lontano Il parabrezza si regola facilmente


il pi automobilistico dei tre, potendo giovarsi di diverse soluzioni che derivano dallesperienza di Peugeot nel mondo delle quattro ruote. Simile allo schema di sospensioni adottato da alcune auto sportive, lavantreno composto da un unico ammortizzatore orizzontale con un sistema per ridurre le vibrazioni. Molte altre soluzioni derivano dalle auto: come la chiave con transponder che basta avere in tasca per avviare lo scooter o i vani che si aprono elettricamente premendo un tasto (sotto la sella ci stanno un casco integrale e un jet), ma anche il sensore della pressione degli pneumatici. Molto pratico il parabrezza regolabile in altezza che si sblocca facilmente con due pulsanti: in questo modo si ottiene un miglior riparo dallaria in velocit e nelle stagioni fredde. Pesa pi dei concorrenti (256 kg) e assicura prestazioni adatte anche alle lunghe percorrenze, ma svetta sia per il confort garantito a pilota e passeggero sia per le finiture. In citt fa il suo dovere anche grazie alla larghezza contenuta (775 mm) e alla minore altezza della sella (775 mm), che offre un migliore appoggio a terra. Il listino parte da 7.720 euro.

s.m.
RIPRODUZIONE RISERVATA

s.m.
RIPRODUZIONE RISERVATA

s.m.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

Motori 51

Mercato In testa la Fiat, che da gennaio ha venduto 78.126 vetture: mille in pi rispetto allanno scorso
Le pi vendute
MILANO Il caro carburanti pesa nelle tasche degli italiani. Ma il rimedio, per un numero sempre pi alto di automobilisti, ha un nome: metano. Nei primi nove mesi dellanno le auto alimentate con il gas da citt sono aumentate del 29,2 per cento, mentre quelle a benzina e a gasolio sono scese rispettivamente del 15,6 e dell8,4 per cento. Un crollo spiegabile con il costo del pieno, che ha raggiunto vette inaspettate e ha costretto gli utenti a cercare alternative pi economiche. Innanzitutto il Gpl, data lampia scelta di modelli. Ma il metano sta rimontando. Lo dimostra linteresse crescente dei produttori. In testa la Fiat, che in nove mesi ha immatricolato 78.126 auto (il 17 per cento del suo venduto), un migliaio in pi dellanalogo periodo del 2012. La Panda Natural Power ha superato le 18 mila unit: il 23 per cento di tutte le Panda commercializzate fino a settembre. Ancora meglio, in termini percentuali, ha fatto la Volkswagen up!: 4.621 esemplari a metano, su un totale di 10.062 unit, significano una fetta del 46 per cento. Il gruppo tedesco diventato il maggiore antagonista del Lingotto. Oltre alla up! ha le versioni a metano di Seat Mii e Skoda Citigo, mentre in pista di lancio gi pronta a Golf a metano. Cos la Fiat,
1. Fiat Panda 2. Fiat Punto 3. Lancia Ypsilon 4. Vw up! 5. Fiat Qubo 6. Opel Zafira 7. Fiat 500L 8. Fiat Dobl 9. Seat Mii 10 Vw Touran
(dati Unrae gen-set 2013)

3
sponde Dante Natali, di Federmetano . Ci vogliono due anni per allacciarsi alla rete e i costi sono alti. Senza contare gli assurdi limiti: Chi vende il doppio del giorno prima paga una penale. In un mercato auto in sofferenza il metano offre vantaggi a tutti, agli utenti che beneficiano di risparmi e accessi

La necessit di risparmiare fa volare lauto a metano


In 9 mesi immatricolazioni salite del 29,2 per cento
che pure cresciuta, inizia a sentire il fiato sul collo. La risposta si chiama Lancia Ypsilon Ecochic: in nove mesi ne hanno vendute 5.811, il 13 per cento del modello. Il confronto alla pompa favorisce solo apparentemente il Gpl, che ha un costo inferiore, ma rende meno della benzina e del metano. Con una percorrenza di 10 mila km annui, e calcolando un consumo ipotetico di un litro di benzina ogni 10 km, il metano fa risparmiare pi di 1.200 euro sulla benzina (e qualche centinaio nei confronti del Gpl). Di contro, trasformare unauto a metano costa pi della trasformazione a Gpl, e i numeri lo confermano: nei primi nove mesi 14.432 auto (meno del 2012) hanno montato limpianto a metano, contro le 94.000 passate al Gpl. Se una decina di anni cera un modello di serie, oggi ce ne sono una quindicina, spiega Gian Primo Quagliano, direttore del Centro Studi Promotor: Lofferta stimola la domanda e le vendite. Con 750 mila veicoli lItalia ha il parco circolante a metano pi grande dEuropa, ma

17 16
per cento le vetture a metano sul totale venduto dalla Fiat nei primi nove mesi del 2013 (fonte Unrae)

per cento il calo nelle immatricolazioni di auto a benzina tra gennaio e settembre 2013 (fonte Unrae)

la rete distributiva a macchia di leopardo lo scoglio da affrontare. Ci sono un migliaio di punti di rifornimento (primato europeo), ma sono mal distribuiti: 696 distributori per 17 milioni di abitanti, i restanti 282 per 28 milioni di persone. Il problema stato discusso a Roma nel convegno Oil&nonoil. La rete raddoppiata negli ultimi cinque anni, ma in modo disarmonico conferma Paolo Vettori, di Assogasmetano . Aprono 5/6 nuove stazioni al mese, ma in zone gi fornite. La simulazione presentata al convegno romano ha proposto un razionale ampliamento della rete con 1.132 nuove aree. Potrebbero coprire in modo organico il territorio nazionale, dando un forte impulso al mercato. Lattuale parco veicoli a metano potrebbe arrivare a 2,1 milioni di auto, assicura di Corrado Storchi, di NGV Italy. Che cosa frena allora la crescita della distribuzione? Le difficolt burocratiche ri-

Primato Con 750 mila veicoli, lItalia ha il parco circolante a metano pi grande dEuropa
ai centri storici preclusi o limitati alle motorizzazioni tradizionali. E alle case che hanno fiutato laffare. Audi ha appena inaugurato in Germania un impianto per realizzare metano sintetico e presto lancer la A3 g-tron. Vorr dire qualcosa?

Paolo Lorenzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Prova Spazioso ed essenziale, ma con tecnologia Renault: il listino del nuovo modello Dacia parte da 8.900 euro. C anche la versione a Gpl

Logan Mcv, la wagon spaziosa che punta sul prezzo


DAL NOSTRO INVIATO

ALZANO LOMBARDO (Bergamo) La prima (2004) sembrava uscita da una malinconica cartolina dellEst europeo prima del disgelo: tre volumi dal profilo elementare, plastica rigida per riempiere il vuoto delle bellurie elettroniche, dotazione ridotta allosso. Progettata vicino a Parigi, nel Technocentre della Renault (dal 1998 proprietaria del marchio rumeno), pensando ai mercati in via di sviluppo, lauto colse di sorpresa sfondando in tuttEuropa. Dove la Logan appariva per quello che era: veramente, radicalmente, unaltra cosa. Letichetta low cost , schivata come un bollo dinfamia da tutti i costruttori, se lappuntava in petto come una medaglia di buon senso. Il cliente occidentale acquistava s il prezzo pi abbordabile, ma il controvalore cera: unauto un po pi alta da terra, molto pi spaziosa dei pettinati modelli del segmento, assemblata con parti in arrivo dalla Renault (il pianale della Clio seconda serie, per esempio). Nel 2006 arriva la familiare Mcv, che sta per Multi Convivial Vehicle. Stessa sobriet, taglia extralarge . E in Francia diventa un fenomeno di costume ricorda Pierluigi Cosentino, manager del brand in Italia , lauto pi eccentrica, apprezzatissima dai clienti che non hanno niente da dimostrare. Ma anche dove la tendenza minimal-chic non sinnesca, la Dacia fa breccia, spinta dal rapporto spazio-prezzo. In fondo lo stesso concetto

del low cost Ikea: design a buon prezzo. Logan spazio a buon prezzo. Il risparmio, da solo, non basta a definire il low cost . Dal 2006 il marchio ha catturato 135mila clienti italiani, polarizzati oggi sullutilitaria Sandero e sul suv Duster. Modelli che, insieme alla monovolume Lodgy, ridisegnano il profilo della marca alzandolo di tono. Ma tramandandone i valori, come li chiama Cosentino: Qualit Renault (i moderni motori), assistenza capillare (la rete Renault), prezzo ultracompetitivo. Dacia fa passi da gigante: +63 per cento in settembre, +15 tra gennaio e settembre. Una pe-

netrazione anticiclica che sta per ricevere la spinta aggiuntiva della nuova Logan Mcv, nome riproposto con un prodotto pi disegnato, lontano dal grezzo stile furgonetta della prima serie. Il frontale ha i connotati pi recenti della marca, i volumi sono pi modellati, le luci sono pi grandi. La plancia ancora essenziale, ma meno severa. Labitacolo confortevole. Una revisione che non ha intaccato i punti di forza: spazio e funzionalit. Allungata di un paio di centimetri (449), la Logan Mcv ha un vano bagagli da 573 litri e un volume di carico di 1.578 litri. Sempre misurato, lallestimento ba-

La nuova Dacia Logan Mcv: il lancio ufficiale avverr il 19 ottobre. Lauto un po pi grande del modello precedente ( lunga 449 cm). I prezzi vanno da 8.900 euro a 12.050 euro. Nella gamma, due motori a benzina e due a gasolio (da 75 e 90 cavalli), pi quella a Gpl

Arnaud Duboeuf (Dacia)

Le vendite sono in crescita il momento del low cost


MILANO Il successo che nessuno si aspettava. Neppure Renault. Invece loperazione Dacia riuscita e con la sua formula low cost oggi salva i profitti della Casa francese. Se tutto partito dalla Logan, rilanciata proprio in questi giorni nella versione Mcv, a spingere in alto il marchio il suv Duster: Dal lancio a oggi ne abbiamo venduti 765 mila (in alcuni Paesi emergenti venduto con il brand Renault, ndr): ogni anno aumentiamo i volumi e nel 2013 arriveremo al record dei 300 mila, dice Arnaud Duboeuf, direttore del programma Entry di Renault e responsabile globale del marchio Dacia. Una macchina da soldi per i francesi, tanto pi se, come stimano gli analisti di Deutsche Bank, il profitto su ogni Duster del 13 per cento. Meglio di una Bmw. La guerra dei prezzi in Europa, con auto vendute anche sottocosto, non impensierisce: Nonostante le offerte scontate, nel 2013 le nostre vendite in Europa sono au-

Arnaud Duboeuf, responsabile globale del marchio Dacia

mentate di oltre il 18 per cento, ribatte Duboeuf. Ma malgrado il successo, lallargamento della gamma sar limitato: Per continuare ad avere costi ridotti dobbiamo mantenere le attuali dimensioni aziendali: al massimo possiamo arrivare a un portafoglio di 7-8 vetture, tanto che in futuro aggiungeremo solo un modello. Meglio concentrarsi sul consolidamento del marchio: Dobbiamo ancora lavorare molto per farci conoscere ed uno dei punti pi importanti della nostra strategia. Il low-cost spesso associato a vendite online: In Italia, Inghilterra e Paesi Bassi le nostre auto si possono acquistare anche sul web nei Dacia Sto-

re. Se lesperienza sar positiva la esporteremo. Difficile che accada: in Italia, dal 2011 a oggi, si sono vendute online 13 Dacia. C poi da recuperare qualcosa in termini dimmagine sulla sicurezza: la monovolume Lodgy ha ottenuto 3 stelle (su 5) nei test EuroNcap. La nostra idea chiara. Senza compromettere la sicurezza, diamo al cliente solo quello che vuole e per il quale disposto a spendere. Ci sono tanti dispositivi di assistenza, premiati da EuroNcap con punteggi molto alti, che il cliente non sa o non vuole usare.

se Ambience comprende comunque lEsp, quattro airbag, lalzacristalli anteriori e lapertura centralizzata. Un gradino pi su, la Laurate aggiunge fra laltro i fendinebbia e il sistema Plug&Radio (radio cd e mp3, prese aux e usb, Bluetooth, comandi al volante). Con lo sfarzo delle barre cromo-satinate sul tetto. Due motori a benzina: il 1.2 16V da 75 cv e il turbo a tre cilindri TCe da 90. A gasolio: i 1.5 dCi da 75 e 90 cv. Pi la Gpl 1.2 75 cv. Si pagano a parte navigatore (100 euro per la Laurate), clima (690) e sensori di parcheggio. I prezzi vanno da 8.900 euro a 12.050 euro: trovare unaltra wagon di queste dimensioni, con questa dotazione, a questi prezzi, impossibile. Almeno tra le nuove, e con tre anni di garanzia. E pazienza se sui pannelli delle porte non c traccia di tessuto, se c qualche vita a vista, se il lato interno del portellone mostra la lamiera. La migliore nella guida la 1.5 dCi da 90 cv, per lelasticit del motore che riduce al minimo le cambiate. Accelerazione e ripresa sono discrete e piacevolmente progressive. Il cambio ha inserimenti precisi e contrastati, ma la lunghezza della leva amplifica le manovre. Lo sterzo non il massimo della prontezza, ma in compenso leggero. Ben allineato il posto di guida. Morbide le sospensioni. Marcato il salto di qualit nellinsonorizzazione rispetto alla serie precedente.

Alessandro Marchetti Tricamo


RIPRODUZIONE RISERVATA

Roberto Iasoni
@robertoiasoni RIPRODUZIONE RISERVATA

52
Il giorno 12 ottobre si serenamente spento Ne d notizia, con tutto il proprio amore, la figlia Isabella con Tina Taglieri. - Milano, 14 ottobre 2013. Partecipano al lutto: I cugini Maria Antonietta, Anna, Gabriella Cerutti e Corrado Monti. Adriana Melocchi. Addolorato ed incredulo Pietro con Marina e Marco piange con profonda tristezza la morte del fratello uomo giusto e generoso. - Milano, 13 ottobre 2013.

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Mario Ratti

Laura e Giulio, Emma e Gigi partecipano con grande affetto al dolore di Emilio e famiglia per la scomparsa della sorella - Milano, 13 ottobre 2013.

Rosanna

Elena, Umberto con Giulietta e Giorgio con Margherita sono vicini a Roberto, Carlo, Renato e ai loro familiari, per la repentina scomparsa della carissima ed impareggiabile amica - Milano, 13 ottobre 2013.

il mondo perde un'anima preziosa.- Io un'insostituibile dolce amica e un'indimenticabile compagna di vita e di viaggi.- Nel mio cuore il vuoto incolmabile.- Ti voglio bene.- Isabella, con Roberto e Margherita. - Milano, 13 ottobre 2013. di Paolo e Giorgia Bricco sono vicini alla famiglia

Sara

Rosanna

Mario

Emilio e Graziella profondamente addolorati per la prematura scomparsa di

e al marito Francesco nel giorno pi doloroso. - Arcore, 13 ottobre 2013. Il Presidente i Vice Presidenti la Giunta Esecutiva e il Consiglio Direttivo dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti porgono le pi sentite condoglianze alla famiglia tutta per la prematura scomparsa di - Milano, 13 ottobre 2013.

Sara Bianchi

Partecipano al lutto: Aldo e Maria Luisa con Lorenzo ed Emanuele. Il fratello Arturo, con Biancarosa, Michele e Hilary, annuncia con profondo dolore la prematura scomparsa di ed particolarmente vicino a Isabella, che si prodigata con infinito amore per il suo pap. - Luino - Milano, 12 ottobre 2013. Annamaria, Annachiara e Benedetta Buzzoni sono affettuosamente vicine a Isabella nel ricordo del suo caro pap - Milano, 13 ottobre 2013.

partecipano con affetto al dolore di Roberto e di tutta la famiglia Aguzzi de Villeneuve. - Milano, 13 ottobre 2013. Gli amici ex colleghi di Tecnimont sono vicini a Roberto e ai suoi cari per la perdita della sua amata moglie - Milano, 12 ottobre 2013. Partecipano al lutto: Dario Pirovano. Giancarlo Gavarini. Maurizio Catellani. Andrea Levati. Luigi Vincenti. Luigi Antonioli. Cesare Rampi. Francesco Rossi.

Rosanna Pratesi Aguzzi de Villeneuve

Sara Bianchi

Mario Ratti

Rosanna

L'Ufficio di corrispondenza INPGI di Milano si stringe alla famiglia per la perdita della cara - Milano, 13 ottobre 2013.

Sara

Mario Ratti

La nostra Polpi, per sempre.- La famiglia. - Monza, 14 ottobre 2013.

Roberta Xeconti Roberta Xeconti

2009 - 2013

"E tu resta e difendici amicizia". (Vittorio Sereni)

gli amici di Luino: Popi, Federico, Giacomo, Stefania, Dodo, Elena, Lilli, Zezzo, Massimo, Franca, Claudia, Marino, Rosaria, Mario, Dada, Giugi, Micia, Sandro, Eduardo, Filli, Titti, Lino, Andrea, Sabrina, Patrizia, Sergio. - Luino, 13 ottobre 2013. Ci ha lasciati troppo presto

Mario

Rosanna Aguzzi de Villeneuve Pratesi


Partecipano al lutto: Gianfranco e Annalisa Negri-Clementi. Massimo Bricocoli e Paola Savoldi ricordano

ti ricordo.- Enrico. - Vimercate, 14 ottobre 2013.

I figli Federico e Niccol, con il marito Carlo e tutta la famiglia ringraziano sentitamente per la numerosa e commossa partecipazione al nostro dolore e per la grande manifestazione d'affetto per la scomparsa dell'insostituibile - Milano, 14 ottobre 2013.

Lo piangono affranti la moglie Graziella, la figlia Francesca, i fratelli Gianni e Roberto e parenti tutti.- Per il giorno e l'ora della cerimonia telefonare allo 02.55196172. - Milano, 13 ottobre 2013. Antonio Milli e Marino sono vicini a Graziella e Francesca nel dolore per la perdita del caro

Luciano Corridori

Architetto

editore e amico coraggioso, capace di dar luce a progetti collettivi. - Milano, 13 ottobre 2013.

Sandro Mariotti d'Alessandro Sandro Mariotti d'Alessandro

Laura Mazzilli in Bertorelle


14 ottobre 1986 - 14 ottobre 2013 In memoria di

Partecipano al lutto: Maddy, Stefano e Carlotta. Elena e Giacomo.

Ren sempre nei nostri cuori e nei nostri pensieri.- Mamma e pap. - Milano, 14 ottobre 2013. 14 ottobre 2010 - 14 ottobre 2013 Con infinito rimpianto e il sentimento di sempre Lilla ti ricorda agli amici e a tutti quelli che ti ebbero caro e che fruirono delle tue lucide analisi. - Milano, 14 ottobre 2013. trascorso un anno ma in ogni momento sei stato con noi.- La mamma, Alessandro ed Anna ricordano il loro - Milano, 14 ottobre 2013.

Renato Citterio

- Milano, 13 ottobre 2013.

Luciano Corridori Cesare Brandani

Architetto

ci mancherai.- La famiglia Losa. - Milano, 13 ottobre 2013.

Eusebio Losa Sara

Sandro Roventi

La nipote Paola e la cognata Elda piangono la scomparsa di - Milano, 13 ottobre 2013. Partecipano al lutto: Giulio Edoardo e Gaia. Fulvio Lella Cecilia e Sofia piangono la perdita della loro mamma e nonna Per l'orario del funerale telefonare allo 02.55400611. - Milano, 12 ottobre 2013.

ci mancheranno la tua grazia e il tuo sorriso.Resterai sempre nel nostro cuore Daniele e Giuditta. - Milano, 13 ottobre 2013. Leggera e discreta, bellissima e appassionata del suo lavoro, ricorder sempre cos Hai lasciato molte pi tracce, in questo mondo e nelle persone che ti hanno appena conosciuta, di quanto, credo, tu avresti potuto immaginare.Sono vicina a Francesco e a chiunque ti abbia voluto bene.- Con affetto, Giulia. - Milano, 13 ottobre 2013.

Sara Bianchi

Niccol Maria Meli

Elena Longhi ved. Chiarini

Marco e Isabella con Mattias e il piccolo Tristan ricordano il loro pap - Milano, 14 ottobre 2013.

Giuseppe Mambretti

RCS MediaGroup S.p.A. - Via Rizzoli,8 - 20132 Milano

TARIFFE BASE IVA ESCLUSA:


Corriere della Sera
PER PAROLA: A MODULO:

SERVIZIO ACQUISIZIONE NECROLOGIE


ATTIVO DA LUNEDI A DOMENICA 13.30-19.30

Necrologie: 5,00 Adesioni al lutto: 10,00 Solo anniversari, trigesimi e ringraziamenti: 540,00 Gazzetta dello Sport

Tel. 02 50984519 - Fax 02 25846003 E-mail: acquisizione.necrologie@rcs.it


SI ACCETTANO E-MAIL E CHIAMATE DA CELLULARI SOLO DIETRO PAGAMENTO CON CARTA DI CREDITO LINVIO DI UN FAX DEVE ESSERE ACCOMPAGNATO DA COPIA DI UN DOCUMENTO DI IDENTITA

CON SUPPLEMENTO 20% SULLA TARIFFA BASE

PER PAROLA: A MODULO:

Necrologie: 1,90 Adesioni al lutto: 3,70 Solo anniversari, trigesimi e ringraziamenti: 258,00

Diritto di trasmissione: pagamento anticipato 1,67 - pagamento differito 5,00

Laccettazione delle adesioni subordinata al pagamento con carta di credito

Servizio fatturazione necrologie: tel. 02 25846632 mercoled 9/12.30 - gioved/venerd 14/17.30 - fax 02 25886632 - e-mail: fatturazione.necrologie@rcs.it Servizio sportello da luned a venerd: Milano: Via Solferino 22 orario continuato dalle 9 alle 17.45

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

53
Ogni giorno le PREVISIONI della tua citt sempre con te Digita: mobile.corriere.it nel browser del telefonino
Il servizio gratuito salvo i costi di connessione internet previsti dal piano tariffario del proprio operatore Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile

Il Tempo
OGGI
LE PRE
Trento Trieste Aosta Milano Torino Bologna Genova Firenze Ancona Venezia

IL SOLE

Bari
S ll
7:01 18:14

Palermo Bologna Firenze


7:13 18:31 7:26 18:33 7:26 18:34

Torino
7:42 18:47

Napoli
7:11 18:24

Roma
7:19 18:31

Milano
7:36 18:40

Genova
7:36 18:42

Venezia
7:24 18:28

LA LUNA

Nuova
4 ott.

Primo quarto
12 ott.

Piena
19 ott.

Ultimo quarto
27 ott.

DOMANI

MERCOLED

GIOVED

VENERD

Perugia

LAquila ROMA

Per oggi i cieli si presentano pi nuvolosi al Nord, anche con qualche debole pioggia; prevale il bel tempo soleggiato altrove salvo addensamenti e qualche pioggia su Nord Toscana. Domani, nubi diffuse ancora al Nord e via via, in giornata, anche al Centro ma con scarse piogge o solo deboli occasionali; pi sole al Sud e isole maggiori. Nubi irregolari e qualche pioggia, mercoled, al Centrosud e su Alpi, pi sole per il resto della settimana.
Campobasso Bari

IN EUROPA
Una circolazione depressionaria continua a essere attiva tra il Regno Unito, parte del Mare del Nord, la Francia e i Paesi Bassi, arrecando su queste aree nubi e piogge diffuse. Qualche pioggia si spinge fino all'Ovest della Germania, Ovest della Penisola Iberica, Alpi occidentali e sull'Ovest Mediterraneo, tempo pi soleggiato sul resto del continente per prevalente alta pressione.
MARE

H
Alta Pressione

Napoli

Potenza

7
Helsinki Oslo Stoccolma

L
Bassa Pressione

8 11

10
Kiev

Edimburgo

Copenaghen

13
Dublino

12 10 13

11

14 15 Varsavia 14
Fronte Caldo

Berlino

Catanzaro Cagliari

Amsterdam

Praga

14
Londra
Parigi

13
Milano

LE TEMP
14 Aosta 15 Torino 16 18 18 19
Milano Trento Venezia Trieste

Vienna 16 Belgrado

18 17 20 20 20 21

25 23 27 23 23 25

29 28 30 25 26 25

Palermo

22
Tirana

16
Bucarest

Ankara

16
Roma Barcellona Madrid Lisbona

26
Atene

Fronte Freddo

22
Algeri

21 25

25
Tunisi

a cura di

23

29 28
Fronte Occluso

Sole

Nuvolo

Coperto

Pioggia

Rovesci Temporali

Neve

Nebbia

Debole

Moderato

Forte

Molto forte

Calmo

Mosso

Agitato

LE TEMPERATURE DI IERI IN ITALIA


min
Ancona Aosta Bari Bologna Bolzano Brescia Cagliari S = Sereno

ASIA AUSTRALIA
15
max min
N S N C S N R

NORD AMERICA
22
Seul Tokyo

SUD AMERICA
Bogot Caracas

AFRICA
Casablanca

max

min
N C N S B C S

max

min
C N N N S S S

max

min
C B C S N R S

max

Pechino
N N C N N S N

13 7 17 8 9 11 15

20 11 25 19 15 15 27

Campobasso Catania Crotone Cuneo Firenze Genova Imperia N = Nuvoloso

12 16 20 6 8 17 10

23 30 28 12 20 18 21

LAquila Lecce Messina Milano Napoli Olbia Palermo

10 21 21 11 17 11 20

21 27 31 14 28 25 31

Parma Perugia Pescara Pisa Potenza R. Calabria Rimini

8 11 15 9 13 21 12

17 19 24 20 24 31 21

Roma Torino Trento Trieste Udine Venezia Verona

16
Lima

26

23

Il Cairo

14 7 9 12 8 9 8

25 13 16 20 18 18 17

32 28 28 30
Rio de Janeiro Lagos Luanda Nairobi

15

Delhi Shanghai

21

26
Bangkok

13
Vancouver 14 Chicago San Francisco 18 Los Angeles New York

20
Santiago

32

Giacarta

30 16 Sydney

Buenos Aires

26 27

23

20
Citt del Messico

18

22

P = Pioggia

T = Temporale

C = Coperto

V = Neve

R = Rovesci

B = Nebbia

21 Citt del Capo

Sudoku Difficile
9 2 8 9
5 Puzzles by Pappocom

2 3 4

7 1 3 8 4 1 6

Come si gioca Bisogna riempire la griglia in modo che ogni riga, colonna e riquadro contengano una sola volta i numeri da 1 a 9
LA SOLUZIONE DI IERI

In edicola con il Corriere LOrazione di Paolini sul Vajont


2 4 5 3 1 7 6 9 8

Oggi su www.corriere.it
I pi letti
Bilancio Usa

Statua della Libert


In attesa delle decisioni sullo shutdown riaprono parchi e monumenti
Brno

Il dramma dei migranti

La missione umanitaria
Inizia oggi la missione umanitaria nel Canale di Sicilia annunciata dal premier Letta per prevenire i naufragi dei migranti Effettuati 2 interventi in aiuto dei migranti: salvate 386 persone

4 7 8 1 4 5 8 6 9 2 5

5 3 8 1 7 9 4 6 2

4 7 1 2 3 6 9 8 5

6 2 9 8 5 4 1 7 3

3 8 6 7 9 1 5 2 4

7 5 2 6 4 3 8 1 9

1 9 4 5 8 2 7 3 6

8 1 3 9 6 5 2 4 7

9 6 7 4 2 8 3 5 1

a 10,90 euro pi il prezzo del quotidiano

In edicola con il Corriere della Sera il dvd contenente Vajont. Orazione civile di Marco Paolini e Gabriele Vacis sulla tragedia che cinquantanni fa travolse Longarone e i paesi vicini

Altri giochi su www.corriere.it

Schillaci: da bomber 1 Laltro della Lazio a barbone alle Regioni 2 Tagli e busta paga pi pesante le dure condizioni 3 Alitalia, dettate da Air France dopo 22 anni scoperto 4 Usa, lassassino di Baby Hope a 15 anni nel 2012, 5 Uccisa preso il pirata della strada

In tremila per Sic


Raduno di motociclisti nella Repubblica Ceca per ricordare Simoncelli
Video

Record di manovre
Al volante effettua oltre venti manovre per uscire da un parcheggio

54

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera

Tv in chiaro
Teleraccomando
di Maria Volpe
PER DISCUTERE PER CONOSCERE

Rai1
rai.it 6.00 EURONEWS. Attualit 6.10 UNOMATTINA CAFF. Attualit 6.30 TG 1. 6.45 UNOMATTINA. Attualit 11.30 UNOMATTINA MAGAZINE. Attualit. Con Lorella Landi 12.00 LA PROVA DEL CUOCO. Variet. Con Antonella Clerici 13.30 TELEGIORNALE. 14.00 TG 1 ECONOMIA. Attualit 14.10 VERDETTO FINALE. Attualit. Con Veronica Maya 15.20 LA VITA IN DIRETTA. Attualit. Con Paola Perego, Franco Di Mare. Nel programma: Rai Parlamento Telegiornale; Tg 1; Che tempo fa 18.50 LEREDIT. Quiz. Con Carlo Conti SERA 20.00 TELEGIORNALE. 20.30 AFFARI TUOI - BUON COMPLEANNO! Variet 21.30 ALTRI TEMPI. Miniserie. Con Vittoria Puccini, Valentina Corti, Francesco Scianna, Marina Rocco 23.35 PORTA A PORTA. Attualit. Con Bruno Vespa 1.10 TG1 NOTTE. 1.40 CHE TEMPO FA. 1.45 SOTTOVOCE. Attualit

Rai2
rai.it 6.00 JULIA - LA STRADA PER LA FELICIT. Telefilm 6.40 CARTOON FLAKES. Ragazzi 8.05 SORGENTE DI VITA. Attualit 8.35 HEARTLAND. Telefilm 9.20 SETTIMO CIELO. Telefilm 10.00 TG2 INSIEME. Attualit 11.00 I FATTI VOSTRI. Attualit 13.00 TG 2 GIORNO. 13.30 TG 2 COSTUME E SOCIET. Attualit 13.50 MEDICINA 33. Rubrica 14.00 DETTO FATTO. Attualit 16.15 GHOST WHISPERER. Telefilm 17.45 TG 2 FLASH L.I.S. 17.50 RAI TG SPORT. 18.15 TG 2. 18.45 SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm 19.35 N.C.I.S. Telefilm 20.30 TG 2 20.30. 21.00 UNA MAMMA IMPERFETTA 2. Serie 21.10 PECHINO EXPRESS. Reality. Con Costantino della Gherardesca 23.15 TG 2. 23.30 MADE IN SUD. Variet 0.50 RAI PARLAMENTO TELEGIORNALE. 1.00 PROTESTANTESIMO. Attualit METEO 2. 1.35 FILM C.R.A.Z.Y.

Rai3
rai.it 7.00 TGR BUONGIORNO ITALIA. Attualit 7.30 TGR BUONGIORNO REGIONE. Attualit 8.00 AGOR. Attualit 10.00 MI MANDA RAITRE. Attualit 11.05 TG 3 MINUTI. 11.10 ELISIR. Attualit 12.00 TG 3. 12.25 TG3 FUORI TG. Att. 12.45 PANE QUOTIDIANO. Attualit 13.10 TERRA NOSTRA. Telefilm 14.00 TG REGIONE. 14.20 TG 3. 14.50 TGR LEONARDO. Att. 15.00 TG 3 LIS. 15.05 TGR PIAZZA AFFARI. Attualit 15.10 LA SIGNORA DEL WEST. Telefilm 16.00 ASPETTANDO GEO. Documenti 16.40 GEO. Documenti 19.00 TG 3. 19.30 TG REGIONE. 20.00 BLOB. Attualit 20.15 PANE QUOTIDIANO. Attualit 20.35 UN POSTO AL SOLE. Soap 21.05 REPORT. Reportage. Con Milena Gabanelli 22.50 SFIDE. Rubrica sportiva 24.00 TG 3 LINEA NOTTE. Nel programma: Tg Regione; Meteo 3 1.05 FUORI ORARIO. COSE (MAI) VISTE. Attualit

Rete4
mediaset.it/rete4 6.50 CHIPS. Telefilm 7.45 CHARLIES ANGELS. Telefilm 8.40 SISKA. Telefilm 10.00 CARABINIERI. Telefilm 10.50 RICETTE ALLITALIANA. Attualit 11.30 TG 4 - TELEGIORNALE. 12.00 IERI E OGGI IN TV SPECIALE. Variet 12.55 LA SIGNORA IN GIALLO. Telefilm 14.00 TG 4 - TELEGIORNALE. 14.45 LO SPORTELLO DI FORUM. Attualit 15.30 HAMBURG DISTRETTO 21. Telefilm 16.35 MY LIFE - SEGRETI E PASSIONI. Telenovela 17.00 FILM PERRY MASON - FURTO DAUTORE. 18.55 TG 4 - TELEGIORNALE. 19.35 TEMPESTA DAMORE. Soap Opera 20.30 QUINTA COLONNA IL QUOTIDIANO. Attualit. Con Paolo Del Debbio 21.10 QUINTA COLONNA. Attualit. Con Paolo Del Debbio 23.50 TERRA! Attualit. Con Tony Capuozzo 0.55 TG 4 NIGHT NEWS. 1.15 MODAMANIA. Attualit. Con Jo Squillo 1.50 FILM IL MASSACRO DELLA FORESTA NERA.

Canale5
mediaset.it/canale5 6.00 TG 5 PRIMA PAGINA. Attualit 8.00 TG 5 MATTINA. 8.40 LA TELEFONATA DI BELPIETRO. Attualit 8.50 MATTINO CINQUE. Attualit 11.00 FORUM. Attualit 13.00 TG 5. 13.40 BEAUTIFUL. Soap 14.10 CENTOVETRINE. Soap Opera 14.45 UOMINI E DONNE. Talk show. Con Maria De Filippi 16.10 IL SEGRETO. Telenovela 16.55 POMERIGGIO CINQUE. Attualit. Con Barbara DUrso. Nel programma: Tg5 minuti 18.50 AVANTI UN ALTRO! Quiz. Con Paolo Bonolis. Nel programma: Anticipazione Tg 5 20.00 TG 5. 20.40 STRISCIA LA NOTIZIA. Tg Satirico 21.10 SQUADRA ANTIMAFIA 5. Miniserie. Con Marco Bocci, Giulia Michelini, Ana Caterina Morariu 23.30 FILM IL MISTERO DEL LAGO. (Dramm., Italia, 2008). Regia di Marco Serafini. Con Ana Caterina Morariu

Italia1
mediaset.it/italia1 6.55 FRIENDS. Serie 7.50 LA VITA SECONDO JIM. Serie 8.45 PROVACI ANCORA GARY. Serie 9.45 ROYAL PAINS. Telefilm 10.35 DR. HOUSE MEDICAL DIVISION. Telefilm 12.25 STUDIO APERTO. 13.00 SPORT MEDIASET. 13.40 CARTONI ANIMATI 15.30 SI SALVI CHI PU. Variet 15.40 2 BROKE GIRLS. Serie 16.10 HOW I MET YOUR MOTHER. Telefilm 17.05 COMMUNITY. Telefilm 18.00 MIKE & MOLLY. Telefilm 18.25 LIFE BITES - PILLOLE DI VITA. Serie 18.30 STUDIO APERTO. 19.20 C.S.I. MIAMI. Telefilm 21.10 COLORADO. Variet. Con Paolo Ruffini, Lorella Boccia, Olga Kent 24.00 TIKI TAKA - IL CALCIO IL NOSTRO GIOCO. Sport 1.45 STUDIO APERTO - LA GIORNATA. 2.00 SPORT MEDIASET. 2.40 TERMINATOR: THE SARAH CONNOR CHRONICLES. Telefilm. Con Lena Headey, Thomas Dekker,

La7
la7.it 6.00 TG LA7. Nel programma: Meteo; Oroscopo; Traffico; Movie Flash; Omnibus Rassegna Stampa; Tg La7 7.50 OMNIBUS METEO. Attualit 7.55 OMNIBUS. Attualit 9.45 COFFEE BREAK. Attualit 11.00 LARIA CHE TIRA. Attualit 13.30 TG LA7. 14.00 TG LA7 - CRONACHE. 14.40 LE STRADE DI SAN FRANCISCO. Telefilm. Con Karl Malden, Michael Douglas 16.30 THE DISTRICT. Telefilm 18.15 COMMISSARIO CORDIER. Telefilm. Con Pierre Mondy, Bruno Madinier, Antonella Lualdi 20.00 TG LA7. 20.30 OTTO E MEZZO. Attualit 21.10 PIAZZAPULITA. Attualit. Con Corrado Formigli 24.00 TG LA7 - NIGHT DESK. Attualit 1.10 MOVIE FLASH. Attualit 1.15 LA7 DOC. Documentario 2.10 FAST FORWARD. Telefilm 3.00 OTTO E MEZZO. Attualit

MTv
mtv.it 16.00 CALCIATORI GIOVANI SPERANZE. Variet 16.50 GINNASTE - VITE PARALLELE. Variet 17.20 TEEN MOM 2. Variet 18.20 CALCIATORI GIOVANI SPERANZE. Variet 18.45 CALCIATORI GIOVANI SPERANZE. Variet 19.20 GEORDIE SHORE. Variet 20.15 SCRUBS. Serie 21.10 GANDIA SHORE. Variet 24.00 RIDICULOUSNESS: VERI AMERICAN IDIOTS. Variet

Governo,Gabanelli Taddia semplifica confutaattieparole temi difficili

Milena Gabanelli ( foto) e il suo team sono sempre in prima linea a scoprire le magagne dItalia. Stasera la giornalista dinchiesta cerca di rispondere a numerosi quesiti. Sar vero che lImu ha fatto crollare i prezzi delle case? Allora come mai continuano a costare cos tanto? E i nuovi posti di lavoro attivabili con il piano lanciato dal governo, sono davvero 200 mila, come dichiarano? Il fiscal compact ci obbligher a fare delle manovre da 45 miliardi allanno: una sparata?

Al via un nuovo programma di divulgazione scientifica per bambini. Tutti i giorni il conduttore Federico Taddia (foto) insieme al filosofo della scienza Telmo Pievani, nonch massimo esperto in Italia di Darwin ed evoluzionismo, compiranno un viaggio in animazione che partir dalla preistoria e arriver ai giorni nostri: dallalbero della vita ai dinosauri, dalluomo di Neanderthal alluomo di Flores, dallEra glaciale agli animali pi antichi del mondo. Scopo del programma, raccontare in modo innovativo temi difficili per i ragazzi, divertendoli e sfatando i luoghi comuni piu conosciuti.

Deejay TV
17.00 DEEJAY HITS. Musicale 18.00 SWITCHED AT BIRTH. Telefilm 18.55 DEEJAY TG. 19.00 PERFETTI MA NON TROPPO. Serie 19.30 MELISSA & JOEY. Telefilm 20.00 LOREM IPSUM. Musicale 20.20 FUORI FRIGO. Variet 20.45 MICROONDE. Variet 21.00 REVENGE 2. Telefilm 22.00 DEEJAY CHIAMA ITALIA. Variet 23.30 ALIAS. Telefilm
DATI DI PROGRAMMAZIONE FORNITI DA COMPUTIME

Report Rai3, ore 21.05

Big Bang! Un viaggio nella evoluzione; DeAKids, ore 19.20

Film e programmi
Puccini vuole Butlerexpoliziotto riscattare la sua vita dlacacciaadAniston

Rai4
rai.it

Rai5
rai.it 19.40 AMERICA ON THE ROAD LA ROUTE 66. Documentario 20.35 PASSEPARTOUT. Attualit 21.15 TV TALK. Talk show 23.15 LA GRANDE BARRIERA CORALLINA. Documentario

Rai Storia

rai.it

Rai Gulp

rai.it

Real Time

realtimetv.it

Class Tv

DMax
class.it dmax.it 18.40 AFFARE FATTO! Doc. 19.35 MAN VS FOOD: CRONACHE CARNIVORE. Doc. 20.00 UNTI & BISUNTI. Doc. 20.25 COME FATTO. Doc. 21.20 I MAGHI DELLE AUTO. Documentario 22.10 MONKEY GARAGE. Doc. 23.00 CAR FORCE ONE. Documentario

La7d
la7.it 18.05 CAMBIO MOGLIE. Reality 18.55 TG LA7. 19.00 I MEN DI BENEDETTA. Attualit 20.05 CUOCHI E FIAMME. Attualit 21.10 SEX AND THE CITY. Telefilm 22.45 CAMBIO MOGLIE. Reality

Finita a fare la matresse, Maddalena (Vittoria Puccini, foto) vuole cambiare vita e chiede aiuto alla senatrice Merlin (Benedetta Buccellato). Ma qualcuno vuole farla tacere... Altri tempi Rai1, ore 21.30

Un ex poliziotto (Gerald Butler), divenuto cacciatore di taglie, si ritrova a dover inseguire una giornalista latitante (Jennifer Aniston, foto con Butler), nonch sua ex moglie. Il cacciatore di ex Cielo, ore 21.10

Del Debbio discute di pensioni doro


Tra pensioni doro e decrescita culturale, lItalia al centro del nuovo appuntamento con il programma condotto da Paolo Del Debbio. Ospiti: Comi (Pdl), Cirinn (Pd), Taormina e Liguori. Quinta colonna Rete 4, ore 21.10

Fassina e Friedman ospiti di Formigli


Amnistia, indulto e salvataggio di Alitalia: sono queste le priorit dellItalia in crisi? Ne discutono Corrado Formigli con il viceministro dellEconomia Fassina, Elisabetta Gualmini e Alan Friedman. Piazzapulita La7, ore 21.10

8.15 WATCH OVER ME. Serie 9.00 DESPERATE HOUSEWIVES. Serie 9.45 BEING ERICA. Serie 10.30 DOCTOR WHO. Serie 11.20 WAREHOUSE 13. Serie 12.05 DEAD LIKE ME. Serie 12.50 ONE TREE HILL. Serie 13.35 ONE TREE HILL. Serie 14.20 MEDIUM. Serie 15.05 DESPERATE HOUSEWIVES. Serie 15.50 90210. Serie 16.35 STREGHE. Serie 17.20 RAI NEWS - GIORNO. 17.25 DEAD LIKE ME. Serie 18.10 WAREHOUSE 13. Serie 18.55 DOCTOR WHO. Serie 19.40 MEDIUM. Serie 20.25 DESPERATE HOUSEWIVES. Serie 21.10 FILM MAN FROM NOWHERE. (Azione). Regia di Jeongbeom Lee. 23.05 BOARDWALK EMPIRE. Serie

19.30 SCRITTORI PER UN ANNO SPECIALE. Doc. 20.00 IERI E OGGI. Documenti 21.00 RES GESTAE FATTI. Documenti 21.30 REWIND-BINARIO CINEMA. Documenti 23.30 TABLET VIAGGIO NELLITALIA CHE CAMBIA. Documenti

18.20 GULP GIRL 2013/2014. Attualit 18.45 GRACHI. Telefilm 19.30 VIOLETTA. Telefilm 20.20 ALIEN SURF GIRLS. Telefilm 20.50 WINX CLUB. Cartoni 21.40 HEART CATCH PRETTY CURE. Cartoni 22.30 PRANK PATROL. Serie

19.10 CUCINA CON BUDDY. Attualit 19.40 CUCINA CON RAMSAY. Attualit 20.40 ABITO DA SPOSA CERCASI. Attualit 21.10 OBESI: UN ANNO PER RINASCERE BELGIO. Attualit 22.10 GRASSI CONTRO MAGRI. Attualit

13.20 HORSE ACADEMY. Variet 14.00 QUELLI DEL LUNED. Rubrica sportiva 16.00 TG GIORNO. Attualit 17.05 PROMETEO. Attualit 19.30 PUNTO E A CAPO. Att. 20.50 KILLER INSTINCT. Telefilm 22.25 LAW&ORDER. Telefilm

Rai Rai Premiumrai.it Movie


19.10 HO SPOSATO UNO SBIRRO. Serie 20.10 UN MEDICO IN FAMIGLIA. Serie 21.10 NERO WOLFE. Serie 23.00 ITALIANI, COS... Att. 23.55 LA NUOVA SQUADRA: SPACCANAPOLI. Telefilm 1.00 LA NUOVA SQUADRA: SPACCANAPOLI. Telefilm

rai.it

Rai YoYo

Iris
rai.it iris.mediaset.it 15.43 FILM NELLY E MR. ARNAUD. 17.37 NOTE DI CINEMA. Variet 17.48 FILM VACANZE IN AMERICA. 19.32 SUPERCAR. Telefilm 20.19 HAZZARD. Telefilm 21.02 FILM IL PIANISTA. 23.37 FILM THE ELEPHANT MAN.

Cielo
cielotv.it 18.20 FRATELLI IN AFFARI. Variet 19.15 AFFARI AL BUIO. Documentario 20.15 AFFARI DI FAMIGLIA. Variet 21.15 FILM IL CACCIATORE DI EX. 23.15 X FACTOR 2013 - LE AUDIZIONI. Variet 1.15 COUNTDOWN. Telefilm

La5
mediaset.it 20.20 THE CHEF - SCELGO E CREO IN CUCINA PILLOLE. Reality 20.30 UNA MAMMA PER AMICA. Telefilm 21.10 THE CHEF - SCELGO E CREO IN CUCINA. Reality 22.20 THE TASTE. Quiz 23.15 UOMINI E DONNE. Talk show

Tv 2000

tv2000.it

15.45 FILM GLI ANNI SPEZZATI. 17.45 RAI NEWS - GIORNO. 17.50 FILM STAY COOL. 19.30 PONDEROSA RANCH 1^ PARTE. Serie 20.25 RUSH 3 - IL RICATTO. Telefilm 21.15 FILM BARQUERO. 23.10 FILM SPLICE.

18.35 LE NUOVE AVVENTURE DELLA PIMPA. Cartoni 19.00 CUCCIOLI. Cartoni 19.30 BARBAPAP. Cartoni 20.00 I CARTONI DELLO ZECCHINO. Cartoni 20.10 PEPPA PIG. Cartoni 21.45 BUONANOTTE CON LE FAVOLE DI YO YO. Attualit

20.30 NEL CUORE DEI GIORNI INDACO. Attualit 20.55 TG TG. 21.20 MISSIONI. NELLE PERIFERIE DEL MONDO. Documentario 22.20 FILM MISSIONARIO MZOTHEKA. 23.15 HAPPY DAYS. Serie

Corriere della Sera Luned 14 Ottobre 2013

55

Pay Tv
Film e programmi
Washington pilota ha il vizio del bere

Sky Cinema
12.15 LA LEGGENDA DEL CACCIATORE DI VAMPIRI Il lato oscuro del sedicesimo presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln. In particolare, il suo ruolo di primo cacciatore di vampiri. Sky Cinema 1 HD 13.10 HOOK - CAPITAN UNCINO Lavvocato Peter (R. Williams) si catapulta nellIsola che non c per recuperare i suoi figli rapiti da Capitan Uncino (D. Hoffman). Sky Cinema Family 14.05 VICINI DEL TERZO TIPO La cittadina di Glenview infestata dagli alieni, ma il problema pi grande sono i quattro uomini che si sono uniti per salvarla. Sky Cinema 1 HD 15.20 CODICE DONORE Un soldato rimane ucciso durante una punizione esemplare nel campo militare di Guantanamo, a Cuba. Nel cast T. Cruise. Sky Cinema Max HD 16.20 PICCOLE BUGIE TRA AMICI Come ogni estate un gruppo di amici parigini si trova nella grande casa sul mare. Questa volta per un caro amico in ospedale. Sky Cinema Passion HD 17.20 LA CALIFFA Lesordio dietro la macchina da presa di Alberto Bevilacqua racconta la storia damore tra un industriale e la vedova di un operaio. Sky Cinema Classics 18.55 AGENTE 007 - THUNDERBALL: OPERAZIONE TUONO James Bond/S. Connery deve vedersela ancora contro lorganizzazione criminale Spectre. Un ottimo A. Celi dotato di monocolo. Sky Cinema 007 HD 19.15 MEN IN BLACK 3 Quando la vita dellagente K entra in pericolo, lagente J deve viaggiare nel tempo per salvare il suo collega e il futuro dellumanit. Sky Cinema 1 HD 21.00 A PIEDI NUDI NEL PARCO Paul e Corie (J. Fonda) sono freschi sposi che prendono possesso del loro appartamento. Da una commedia di N. Simon. Sky Cinema Classics PIET Gang-do un uomo crudele al soldo di uno strozzino. Un giorno gli si materializza davanti una donna che dice di essere sua madre. Sky Cinema Cult RIBELLE - THE BRAVE Merida, impetuosa figlia di re Fergus, decisa a costruire il suo futuro si ribella alla tradizione secolare della sua terra... Sky Cinema Family OCEANS ELEVEN - FATE IL VOSTRO GIOCO S. Soderbergh dirige G. Clooney, J. Roberts, B, Pitt, M. Damon e A. Garcia nel remake di Colpo grosso di L. Milestone (1960). Sky Cinema Max HD LE ALI DELLAMORE Londra, 1910. La giovane Kate vive una storia con 21.10 Merton di nascosto da sua zia Maude che la vorrebbe insieme a Lord Mark. Sky Cinema Passion HD OCTOPUSSY - OPERAZIONE PIOVRA James Bond sulle tracce di un traffico di gioielli falsi. Tredicesimo film della serie. Sky Cinema 007 HD FLIGHT La parabola del comandante Whitaker che, dopo un atterraggio demergenza e il salvataggio dei passeggeri, viene indagato. Sky Cinema 1 HD MINOUCHE LA GATTA Una gatta, pur mantenendo alcune caratteristiche feline, prende le sembianze di una ragazza che aiuter un giornalista in uno scoop. Sky Cinema Family PARANORMAL XPERIENCE 3D Per dimostrarle lesistenza del paranormale, il prof. Fuentes convince la studentessa Angela a recarsi nella citt abbandonata di Whisper. Sky Cinema Max HD REALITY Premiato al Festival di Cannes. Un pescivendolo napoletano fa i provini per il Grande Fratello e perde la testa. Sky Cinema 1 HD IL MIO VICINO TOTORO Il paffuto e peloso Totoro il guardiano del bosco. La pi celebre creatura creata dal maestro danimazione Miyazaki. Sky Cinema Family

Sport
13.00 TENNIS: PRIMO TURNO Torneo WTA di Lussemburgo. Diretta Eurosport 14.00 GOLF: PGA EUROPEAN TOUR Portugal Masters Sky Sport 2 HD 15.00 CALCIO A 5: MARTINA FRANCA NAPOLI Campionato italiano 2013/2014 RaiSport 1 16.15 CALCIO: BOLOGNA - VERONA Serie A Sky Sport 1 HD 17.00 CICLISMO: YANQING MENTOUGOU MIAOFENG MOUNTAIN KM 150 Giro di Pechino Eurosport 18.00 TENNIS: PRIMO TURNO Torneo WTA di Lussemburgo. Diretta Eurosport 19.00 WRESTLING: WWE EXPERIENCE Sky Sport 2 HD 20.20 CALCIO: BELGIO - ITALIA Qualificazioni Europei Under 21 RaiSport 1 21.00 WRESTLING: THIS WEEK ON WWE Pro Wrestling Eurosport TENNIS: FINALE ATP World Tour Masters 1000 Shanghai Sky Sport 2 HD 21.30 WRESTLING: VINTAGE COLLECTION Pro Wrestling Eurosport 22.30 CICLISMO: PARIGI - TOURS Eurosport 22.45 CALCIO: JUVENTUS - MILAN Serie A Sky Sport 1 HD

A fil di rete
di Aldo Grasso

Ballando inquieta con la geisha Oxa

22.40

A causa di un improvviso cedimento dellaereo, un pilota di linea col vizio dellalcol (Denzel Washington, foto) costretto a un atterraggio di fortuna. Considerato un eroe, ben presto il suo segreto viene a galla... Flight Sky Cinema 1, ore 21.10

23.00

23.35

La valorosa Merida sfida il destino

0.10

in streaming su live.la7.it

Abilissima arciera e figlia irriverente di re Fergus e della regina Elinor, la prode Merida (nellimmagine) affronter le tradizioni della sua terra e sfider il destino per cambiare la sua vita. Ribelle - The Brave Sky Cinema Family, ore 21

Al via la terza stagione con Brody e Carrie

Piazzapulita con Corrado Formigli solo su LA7, stasera alle 21.10.

Il ta alk-sho ow al centro o dell inform mazion ne.

Serie Tv

Dopo lattentato alla sede della Cia, Brody (Damian Lewis) fa perdere le sue tracce. Nel frattempo Carrie (Claire Danes, foto con Lewis) viene messa sotto inchiesta da una commissione del Senato... Homeland Fox, ore 21

Sophia Loren, icona del cinema italiano


Da Il ragazzo sul delfino a La Ciociara (Oscar come migliore attrice protagonista nel 1962), la puntata ripercorre vita e carriera dellattrice italiana pi celebre di sempre, Sophia Loren. Vite da star Sky Arte Hd, ore 21.10

14.35 SENZA TRACCIA Fox Crime HD 15.40 BUONA FORTUNA CHARLIE! Disney Channel 16.15 I SIMPSON Fox HD 17.40 I GRIFFIN Fox HD 18.00 GREYS ANATOMY Fox Life 19.00 HOW I MET YOUR MOTHER Fox HD 20.05 SENZA TRACCIA Fox Crime HD 21.00 JESSIE Disney Channel LAW & ORDER: UNIT SPECIALE Fox Crime HD HOMELAND - CACCIA ALLA SPIA Fox HD THE CARRIE DIARIES Fox Life 22.45 THE WALKING DEAD Fox HD 22.55 GOLDEN BOY Fox Crime HD GHOST WHISPERER Fox Life 23.05 VICTORIOUS Nickelodeon

Intrattenimento

14.10 CUCINE DA INCUBO Fox Life 15.00 EL REFUGIO Rai Gulp 16.15 AMERICAS NEXT TOP MODEL Sky Uno 17.50 MASTERCHEF AUSTRALIA Sky Uno 19.05 MASTERCHEF AUSTRALIA Sky Uno 19.55 CUCINE DA INCUBO Fox Life MASTERCHEF AUSTRALIA Sky Uno 21.00 MASTERCHEF UK - EP. 6 LEI 21.10 HELLS KITCHEN Sky Uno 21.55 CUCINE DA INCUBO Fox Life 22.00 I ROBINSON K2 HELLS KITCHEN Sky Uno 22.10 SUPERMARKET SUPERSTAR LEI 22.30 PRANK PATROL Rai Gulp 22.50 CHEF RACE Sky Uno

Ragazzi

18.35 MY LITTLE PONY: LAMICIZIA MAGICA Boomerang 18.40 SLUGTERRA - LUMACHE ESPLOSIVE K2 18.45 ADVENTURE TIME Cartoon Network 19.00 MY LITTLE PONY: LAMICIZIA MAGICA 3 Boomerang 19.05 PHINEAS E FERB K2 19.10 SCOOBY-DOO MYSTERY INC. Cartoon Network 19.20 BIG BANG! UN VIAGGIO NELLEVOLUZIONE DeAkids 19.25 THE GARFIELD SHOW Boomerang 19.30 PHINEAS E FERB K2 SPONGEBOB Nickelodeon 19.55 YIN YANG YO K2 20.05 SPONGEBOB Nickelodeon 20.20 YIN YANG YO K2

Documentari

14.35 COME FATTO Discovery Science 15.00 LEONARD BERNSTEIN Classica 16.05 MARCHIO DI FABBRICA Discovery Science 17.05 MEGAFABBRICHE - LEXUS LFA National Geographic 18.10 DUAL SURVIVAL Discovery Channel HD 19.05 AFFARI AL BUIO History Channel 20.00 AFFARI A QUATTRO RUOTE Discovery Channel HD 21.00 COSA TI DICE IL CERVELLO? National Geographic 21.50 LA II GUERRA MONDIALE A COLORI History Channel 22.00 PROPERTY WARS Discovery Channel HD 22.05 INCONTRI ALIENI Discovery Science

inora, la cosa pi interessante della nuova stagione di Ballando con le stelle stato il dibattito intorno alla nuova acconciatura di Sandro Mayer, opinionista di lungo corso del programma. Il che tutto dire. Dopo la prima apparizione di Mayer, i social si sono scatenati: sar un toupet, sar un trapianto, ma perch quellattaccatura cos scolpita, ma soprattutto, chi glielo ha fatto fare? E vai di parodie e di lettura ironica del programma, che riuscito quasi a sua insaputa a diventaVincitori e vinti re un meme virale. Certo che vederlo fare domande serie e Silvia profonde ai concorrenti (come Toffanin Lea, la figlia del calciatore CeSabato rezo che ha cambiato sesso) in tv, cos acconciato leggermente Toffanin straniante. Lo show ritornato batte le amiche in onda proponendo la sua di Rai1. Il pomeriggio formula consolidata, tratta dal del sabato va in onda format della Bbc Strictly cosu Canale 5 me dancing: una squadra di Verissimo, condotto vip (sportivi o del mondo dello da Silvia Toffanin: spettacolo) tenta di rilanciare gli spettatori sono o tenere viva la propria imma1.958.000, per una gine affidandosi alle cure di share del 17,5% un professionista del ballo che prova, spesso con molta fatica, Lorella a insegnargli i fondamentali di Landi tango, bachata, cha cha cha, Sabato paso doble e altre specialit di in tv, danza, con risultati a volte dele amiche corosi, e a volte imbarazzanti di Rai1 superate da (sabato, Rai1, 21.15). Canale 5. In onda Ballando era nato alcuni sulla prima rete anni fa come tentativo di porRai Le amiche del tare su Rai1 una versione misabato, condotto da tigata del reality show che, Lorella Landi: grazie alla sua componente gli spettatori sono spettacolare e alla conduzione 1.537.000, per una sexy-familiare di Milly Carlucshare del 13,4% ci, potesse funzionare sul primo canale del servizio pubblico. Come succede per tutti gli altri reality, anche Ballando non fa eccezione: il cast tutto. Questanno pare che si sia dato molto spazio alle esibizioni muscolari di sportivi e attori, calcando la mano su ammiccamenti e balli di stretto contatto. Per il resto, si segnalano Massimo Boldi (subito eliminato) e Anna Oxa, che laltra sera ha dato vita a uninquietante versione di una geisha.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Forum Televisioni: www.corriere.it/grasso Videorubrica Televisioni: www.corriere.tv


22.58 NIPN TUCK. Telefilm MYA 23.03 UNITED STATES OF TARA. Telefilm JOI 23.05 QUALCOSA CAMBIATO. Film Studio Universal 23.16 QUELLO CHE SO SULLAMORE. Film Premium Cinema 23.35 UNITED STATES OF TARA. Telefilm JOI 23.52 NIPN TUCK. Telefilm MYA 0.04 UNITED STATES OF TARA. Telefilm JOI 0.32 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION. Telefilm JOI 0.49 ER-MEDICI IN PRIMA LINEA. Telefilm MYA 1.01 COMPLICATO. Film Premium Cinema 1.22 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION. Telefilm JOI

Mediaset Premium
14.43 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION. Telefilm JOI 15.01 UNA MAMMA PER AMICA. Telefilm MYA 15.11 STEP UP 3D. Film Premium Cinema 15.38 SHAMELESS. Telefilm JOI 15.50 IL PADRE DELLA SPOSA. Film Studio Universal 15.51 GOSSIP GIRL. Telefilm MYA 16.42 SHAMELESS. Telefilm JOI 16.42 VERSO UNA NUOVA VITA. Film MYA 17.09 ROCK OF AGES. Film Premium Cinema 17.25 SERIOUS MOONLIGHT. Film Studio Universal 18.32 MERCY. Telefilm MYA 19.00 SERENDIPITY - QUANDO LAMORE MAGIA. Film Studio Universal 19.07 THE MIDDLE. Telefilm JOI 19.24 ER-MEDICI IN PRIMA LINEA. Telefilm MYA 19.28 JOI BEST - 7M. Show JOI 19.31 UNA MOGLIE BELLISSIMA. Film Premium Cinema 19.38 ROYAL PAINS. Telefilm JOI 20.19 ER-MEDICI IN PRIMA LINEA. Telefilm MYA 20.26 ROYAL PAINS. Telefilm JOI 20.40 FILLER STUDIO UNIVERSAL. Show Studio Universal 21.15 HONEY 2 - LOTTA AD OGNI PASSO. Film Premium Cinema 21.15 CHUCK. Telefilm JOI 21.15 PARENTHOOD. Telefilm MYA 21.15 CARRIE. LO SGUARDO DI SATANA. Film Studio Universal 22.05 CHUCK. Telefilm JOI 22.05 DALLAS. Telefilm MYA

56

Luned 14 Ottobre 2013 Corriere della Sera