Sei sulla pagina 1di 56

luned 11 maggio 2015 anno 119 - numero 109 euro 1,40

www.forst.it

www.gazzetta.it / GazzettaTv canale 59

LEX DI LUSSO PREPARA LA SEMIFINALE DI RITORNO DI CHAMPIONS

Elia Viviani, 26
anni, prima
gioia al Giro
AFP

Tablet gothic heavy cp 8 Regular

Real, Raul e ora la Juve


Morata-Madrid che storia
Tablet gothic heavy cp 8 Regular rosa uno

Scopriamo dove cresciuto lattaccante bianconero


RICCI A PAGINA 13

34

GIRO A GENOVA

VIVIANI SINVENTA
LA VOLATA PERFETTA
MATTHEWS LEADER
E OGGI DUE SALITE
Prima vittoria nella corsa rosa per il
veronese, che anche ottimo pistard. Una
bici entra in gruppo e provoca una caduta
BETTINI, CONTI, GHISALBERTI, GREGORI, MARABINI,
PASTONESI, SCOGNAMIGLIO DA PAGINA 34 A PAGINA 41

Alvaro Morata, 22 anni, lanno scorso ha vinto la Champions col Real

LAZIO SCONFITTA E FURIOSA CON LARBITRO

LINTER SALTA
SULLEUROPA
Doppietta di
Hernanes e i
nerazzurri (in 11
contro 9) tengono
il passo di
Fiorentina e Samp

LO SPUNTO di Nino Minoliti


23

BASSO LALTAFINI DEL CICLISMO


SA DARE ANCORA LESEMPIO
Come accadeva a Jos Altafini nel calcio,
anche al Giro dItalia c un campione che in
et matura riesce ancora a essere
determinante: si chiama Ivan Basso.
L'ARTICOLO A PAGINA 23

BERARDINO, BIANCHI, CENITI, CIERI, DALLA VITE,


SCHIANCHI, TAIDELLI DA PAGINA 2 A PAGINA 6

30

F.1 IN SPAGNA

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

ROSBERG E SUPER
FERRARI SUL PODIO
MA VETTEL A 45
ALLIEVI, CORTINOVIS, CREMONESI, PERNA
DA PAGINA 30 A PAGINA 33

IL COMMENTO di Umberto Zapelloni


23

Donadoni accusa Higuain: Ci diceva perdete, tanto siete falliti. Che schifo

L'ARTICOLO A PAGINA 23

STORIE E PERSONAGGI
DA NON PERDERE
1

2
9 771120 506000

Pari a Parma (2-2): al Napoli saltano i nervi

PRIMA BOCCIATURA DELLANNO


PER GLI UOMINI IN ROSSO

Zaza risveglia il Sassuolo


Il Cesena k.o. saluta la A
Atalanta quasi al sicuro
ALLE PAGINE 19-20

50 5 1 1>

Hernanes, 29 anni, festeggia il primo gol con una spettacolare capriola GETTY

23

QUELLO CHE IL PIPITA


NON CAPISCE

Tennis: sorpresa a Roma


Donati batte Giraldo
Madrid sorride a Murray

Escludendo che il monarca


Michel Platini nella sua
cameretta buia di Nyon abbia
ordito un complotto servendosi
del piccolo Parma, non resta che
prendere atto definitivamente
della masochistica vocazione di
questo Napoli a buttarsi via. I
due punti persi contro lultima
nel momento decisivo della
stagione sono la ciliegina sulla
sciagurata torta di Benitez.

CALABRESI, CRIVELLI, MARTUCCI PAG 46-47

L'ARTICOLO A PAGINA 23

Basket: Metta da urlo


Cant si prende i playoff
Pesaro salva, Caserta no
ALLE PAGINE 42-43

LANALISI
di Luigi Garlando

14

MILAN

Berlusconi:
Le cordate cinesi
adesso sono tre
DA RONCH, LAUDISA, OLIVERO,
PASOTTO ALLE PAGINE 14-15

w
IL ROMPIPALLONE
di GENE GNOCCHI
Real Madrid. Scoppia
il caso Bale. I compagni
stufi delle sue lamentele
sbottano: Faccia come
Civati, se ne vada

RISULTATI & CLASSIFICA


35a GIORNATA

SABATO
JUVENTUS-CAGLIARI
MILAN-ROMA
IERI
CESENA-SASSUOLO
CHIEVO-VERONA
EMPOLI-FIORENTINA
LAZIO-INTER
PALERMO-ATALANTA
PARMA-NAPOLI
UDINESE-SAMPDORIA
OGGI
GENOA-TORINO (1-2) 20.45
JUVENTUS
ROMA
LAZIO
NAPOLI
FIORENTINA
SAMPDORIA
INTER
GENOA*
TORINO*
MILAN

80
64
63
60
55
54
52
50
48
46

*Una partita in meno

PALERMO
CHIEVO
EMPOLI
UDINESE
VERONA
SASSUOLO
ATALANTA
CAGLIARI
CESENA
PARMA (-7)

1-1
2-1
2-3
2-2
2-3
1-2
2-3
2-2
1-4

43
42
41
41
41
40
36
28
24
17

MALFITANO ALLE PAGINE 10-11

Serie A R 35a giornata


LAZIO

INTER

1
2

PRIMO TEMPO
8 Candreva colpisce presto Lazio in vantaggio: Felipe Anderson
punta larea, Medel troppo distante e non chiude, il brasiliano
appoggia per Candreva che di piatto destro infilza Handanovic.
14 Icardi mira e sbaglia Filtrante di Hernanes per Icardi che in area
ha tempo di stoppare, mirare, calciare. E sbagliare.

PRIMO TEMPO 1-1


MARCATORI Candreva (L) all8,
Hernanes (I) al 26 p.t.; Hernanes (I)
39 s.t.

17 Tre occasioni in una Klose innescato in verticale cerca il


rimorchio di Mauri chiuso da DAmbrosio ma arriva Parolo a calciare,
Handanovic respinge, ancora Parolo di testa e Ranocchia salva sulla
linea.

LAZIO (4-2-3-1)
Marchetti; Basta, Mauricio, Ciani,
Radu; Biglia, Parolo; Candreva (dal
32 s.t. Keita), Mauri (dal 27 p.t.
Braafheid), Felipe Anderson; Klose
(dal 17 s.t. Berisha).
PANCHINA Strakosha, Gentiletti,
Cavanda, Pereirinha, Ledesma, Onazi,
Cataldi, Djordjevic, Perea.
ALLENATORE Pioli.
CAMBI DI SISTEMA dal 27 p.t. 4-22-1, dal 17 s.t. 4-2-2
BARICENTRO MOLTO BASSO 43,3
METRI
ESPULSI Mauricio al 25 p.t. per
gioco scorretto, Marchetti al 16 s.t.
per gioco scorretto.
AMMONITI Marchetti e Mauri per
proteste, Biglia per c.n.r.

24 La Lazio in dieci Scavalcato da un pallonetto di Kovacic, Mauricio


ferma Palacio che ha la porta spalancata davanti: rosso diretto.

INTER (4-3-1-2)
Handanovic; DAmbrosio (dal 23 s.t.
Nagatomo), Ranocchia, Vidic, Juan
Jesus; Guarin (dal 1 s.t. Podolski),
Medel, Kovacic; Hernanes; Icardi,
Palacio (dal 46 s.t. Brozovic).
PANCHINA Carrizo, Andreolli, Felipe,
Dimarco, Santon, Gnoukouri, Shaqiri,
Bonazzoli, Puscas.
ALLENATORE Mancini.
CAMBI DI SISTEMA dal 1 s.t. 4-2-3-1
BARICENTRO MEDIO 52,5 METRI
ESPULSI nessuno.
AMMONITI DAmbrosio, Hernanes e
Nagatomo per gioco scorretto.

GOL E CAPRIOLA
La capriola di Hernanes,
tipica esultanza del Profeta,
esibita dopo il primo gol
anche se segnato davanti
ai suoi ex tifosi RAMELLA

26 E Hernanes pareggia Sulla punizione che segue, Hernanes di


sinistro la mette forte sul palo di Marchetti. Solita piroetta da
capoeira: stavolta lex esulta.
44 Stop e tiro? No, tiro e stop Guarin su punizione costringe al volo
Marchetti, ma il colombiano nel calciare si infortuna.

SECONDO TEMPO
14 Klose spreca LInter in superiorit non punge, la Lazio in dieci
ha loccasione buona: Candreva innesca Klose che fa scorrere e
poi tocca di destro, Handanovic chiude le gambe e
intercetta.
16 Rigore e rosso Marchetti esce sul piede di Icardi - che aveva
duettato con Hernanes - e lo tocca dopo essere stato saltato:
rigore Inter e Marchetti espulso. Lazio in nove.
18 Berisha entra e para Pioli deve inserire Berisha (al posto di
Klose): Icardi aspetta sul dischetto e forse si innervosisce, perch
calcia male e debole il rigore. Berisha para e infiamma lOlimpico.
39 Profeta nellex patria LInter non sfonda, i minuti passano. Poi
un rilancio di Kovacic allungato di tacco da Palacio: Hernanes
pu partire in campo aperto e davanti a Berisha non sbaglia.

ARBITRO Massa di Imperia.


NOTE paganti 27.860, abbonati
9.507, incasso e quota non
comunincati. Tiri in porta 7-8. Tiri
fuori 2-5. In fuorigioco 2-3. Angoli 72. Recuperi: p.t. 2, s.t. 4.

Il gol del 2-1 di Hernanes: sinistro incrociato davanti a Berisha ACTION

Inter, capriole per lEuropa

1Candreva porta avanti la Lazio, che per subisce un 1-1 irregolare e due espulsioni
Hernanes infila due volte la sua ex squadra e il rigore sbagliato da Icardi non pesa
Fabio Bianchi
ROMA
Twitter @fabiowhites

uando se ne and, pian


se. Ogni volta che tor
na, o quasi, fa piangere.
Nemo propheta in patria,
a meno che tu sia gi profeta.
Hernanes di maggio fa male al
la Lazio. Alla prima da ex segn
subito. Era il 10 maggio. E nello
stesso giorno di un anno dopo
con una doppietta le nega la
chance del sorpasso (e poi del
laggancio) alla Roma rimet
tendo lInter in corsa per lEu
ropa League. Ma, Lazio, non
devi aver paura di sconfitte co
s. Non da questi particolari
che si giudica una squadra. La
Lazio stata bella, veloce, inci
siva fino a quando ha giocato
alla pari. Poi rimasta in 10 e
poi addirittura in 9. Ha subito il
pari con un netto fuorigioco.
Gi. Hernanes ok, ma anche il
guardalinee Passeri stato de
cisivo. Ha pure fermato un
Candreva lanciato a rete quan
do era in posizione regolare su
l11. Dunque nonostante la
prima inferiorit numerica ha
rischiato persino di tornare in
vantaggio. Poi si arresa, dopo
che Berisha (entrato per
lespulso Marchetti) ha parato
pure un rigore di Icardi sul
l11. Questa sfida stata un bi
gino del calcio: prodezze, tatti
ca, episodi che cambiano il cor
so degli eventi, errori arbitrali.
La Lazio in fondo meritava il

La punizione dell1-1: Hernanes calcia, Medel si sposta, palla in rete ANSA

pari, lInter allultimo respiro


riuscita a sfruttare la superiori
t.
MOMENTO CHIAVE Laquila
che non voleva saperne di vola
re se la sentiva. Il sesto senso
degli animali. Eppure Candre
va, imbeccato alla grande da
Felipe Anderson, aveva cancel
lato i brutti presagi. Dopo soli 8
minuti Lazio in vantaggio. La
zio che giocava bene ed era pa
drona del campo. Ha sfiorato il
raddoppio almeno due volte
(lottimo Ranocchia, altro che
bestia, respinge a porta vuota
di testa la zuccata di Parolo).
Ma a met primo round cambia
tutto. La Lazio resta in 10 per la
sciagurata mano di Mauricio
sulla spalla di Palacio lanciato
a rete. Da regolamento chiara
occasione da gol, dunque ros
so. Ma la punizione di Herna
nes transita dalle parti di Me
del che si sposta per lasciarlo
passare e la palla sinfila nel
langolino. E il cileno senza

dubbio in fuorigioco attivo per


ch disturba la visuale di Mar
chetti. Il gol del Profeta nella
sua vecchia patria andava an
nullato. Da l lInter in superio
rit numerica ha preso il palli
no del gioco e ha avuto due oc
casioni per passare in vantag
gio con Palacio e Guarin ma
stato bravissimo Marchetti. Co
me lo stato il dirimpettaio
Handanovic quando ha alzato
la punizione di Biglia. Perch la
Lazio, con Braafheid per Mauri
e Radu spostato al centro, ri
masta bella e viva e Felipe An
derson era un serpente a sona
gli pronto a iniettare il suo vele
no in qualsiasi momento. Stu
penda lazione personale che si
infranta contro Ranocchia
(da qui la punizione di Biglia).
ANCHE MARCHETTI ROSSO
Linizio del secondo round ha
confermato la freschezza fisica
e di gioco della Lazio. Pur con
luomo in meno teneva botta a
unInter lenta nella manovra.

UnInter che Mancini ha dise


gnato parecchio offensiva, col
solo Medel unico frangiflutti
dopo luscita di Guarin (per Po
dolski) per infortunio e che sof
friva le ripartenze vispe della
banda Pioli. In una di queste
Klose, imbeccato da Candreva,
ha fallito un gol fatto davanti a
Handanovic. La seconda espul
sione, al minuto 18, le ha pie
gato le gambe. Marchetti ha
steso Icardi in area. Anche qui
rigore e rosso corretti (Massa
per non piaciuto nella con
duzione generale). Quando
Berisha ha parato il rigore, il
pubblico si scatenato nel tifo,
illudendosi di poter portare a
casa il pari. Lillusione durata
fino al tramonto della sfida,
anche perch lInter sfruttava
poco la superiorit numerica:
restava spesso con trequattro
uomini dietro la linea della pal
la. Troppi, se ne hai due in pi.
Mancini ha speso Nagatomo
per DAmbrosio, in difficolt su
Anderson. Pioli, che aveva tol
to Klose per Berisha, poi ha
cambiato lormai esausto Can
dreva per Keita. La cosa curiosa
che Hernanes ha firmato il
gol vittoria per una palla persa
a centrocampo della Lazio che
poi si trovata scoperta nel
limbucata di tacco di Palacio.
A conti fatti, tanto rumore per
nulla. Per la volata Champions
hanno rallentato tutti, per la
corsa allEuropa League hanno
vinto tutti. Buon per il finale di
campionato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

VOLATE E VERDETTI
CHAMPIONS LEAGUE
ROMA PT. 64

36
Udinese

37
LAZIO

38
Palermo

LAZIO PT. 63

SAMPDORIA

Roma

NAPOLI

Cesena

JUVENTUS

Lazio

NAPOLI PT. 60

La 2 classicata va direttamente alla fase a gironi, la 3 ai playo (18-26 agosto)

EUROPA LEAGUE
NAPOLI PT. 60

Cesena

JUVENTUS

Lazio

FIORENTINA PT. 55

Parma

PALERMO

Chievo

SAMPDORIA PT. 54

Lazio

EMPOLI

Parma

Juventus

GENOA

Empoli

GENOA PT. 50*

ATALANTA

Inter

SASSUOLO

TORINO PT. 48*

Chievo

MILAN

Cesena

INTER PT. 52

* Genoa-Torino (35 giornata) si gioca questa sera alle 20,45


La 4 e la 5 classicata vanno direttamente alla fase a gironi, la 6 al terzo turno
preliminare (30 luglio-6 agosto)
scarso
buono
ottimo
STATO DI FORMA:
media
dicile
DIFFICOLT: facile
In MAIUSCOLO le gare in trasferta
JUVENTUS campione d'Italia, PARMA e CESENA retrocesse in Serie B
GDS - CENTIMETRI

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

1Hernanes ha giocato in posizione centrale, da vero

LA SUA GARA
AI RAGGI X

numero 10, ricevendo i passaggi dei compagni dalle due


fasce. Non a caso, i suoi tiri sono arrivati dal limite dellarea.
Sempre non per caso, ha creato tre occasioni, pi di tutti

TOCCHI PER ZONA


Il colore pi intenso nelle zone in cui
ci sono stati pi tocchi di palla
ATTACCO

1
1
1
1
1

CLASSIFICA
OCCASIONI CREATE

PASSAGGI RICEVUTI
Juan Jesus 5

3 Hernanes (Inter)

10

3 Kovacic (Inter)

Medel 18

Kovacic
88

2 Biglia (Lazio)

D'Ambrosio 33

2 Candreva (Lazio)

1 sette giocatori

I PUNTI DA CUI HA CALCIATO


IN PORTA

GOL

11

Podolski

TIRI IN PORTA
2
TIRI FUORI
1
PASSAGGI FILTRANTI POSITIVI
2

fIL PROTAGONISTA

HERNANES

Il Profeta e la vendetta
Notte dedicata a Lotito
Mi ha venduto e ferito

1Volevo tanto segnare per i tifosi dellInter, ma anche per il


mio ex presidente. Ce lavevo dentro, aveva parlato troppo
Luca Taidelli

LA MOVIOLA
di FRANCESCO
CENITI

ROMA

PARI DI HERNANES IRREGOLARE


OK RIGORE E LE DUE ESPULSIONI
Tanti episodi, alla fine gli unici
errori gravi sono dellassistente
Passeri: da annullare il pari di
Hernanes per il fuorigioco
attivo di Medel. Fa bene Massa
a non dare rigore sul tocco
petto-braccio di Biglia. Al 24
Mauricio affossa Palacio
(posizione regolare) lanciato a
rete: ok la punizione e il rosso
per la chiara occasione da gol
(largentino avrebbe avuto
lopportunit di calciare). Sul
successivo tiro, Medel dietro
la barriera della Lazio e

disturba in modo netto il portiere


Marchetti essendo sulla
traiettoria del pallone (si sposta e
lo sfiora). La regola del fuorigioco
stata depotenziata, ma fino a
questo punto... Nella ripresa al 15
Marchetti in uscita va sui piedi di
Icardi: rigore corretto e rosso
per il portiere (gi ammonito).
Altro reclamo Inter per la
trattenuta in area su Icardi:
restano i dubbi. La Lazio protesta
per un fuorigioco di Candreva
lanciato in campo aperto: sembra
in linea con Jesus.

n colpo da fuori
classe. Cos di re
cente il presidente
della Lazio Claudio Lotito
aveva definito la cessione, nel
gennaio 2014, di Hernanes al
lInter per circa 20 milioni. Ie
ri sera di colpi da fuoriclasse il
Profeta gliene ha restituiti un
paio. Del resto il weekend del
lex milanese che organizza il
sacco di Roma lo aveva inau
gurato sabato Mattia Destro...
PERSEGUITATO Ieri Herna
nes ha completato lopera, in
una notte tuttaltro che facile.
Intanto perch le vittorie di
Samp e Fiorentina tengono
lontani i nerazzurri dallEuro
pa. Poi perch la Lazio era an
data in fuga con Anderson
Candreva, due cui lInter non
riesce a prendere la targa. Il

Profeta a met tempo ha dise


gnato la parabola perfetta per ri
portare a galla i suoi anche se,
stando al popolo dellOlimpico,
ha avuto la colpa grave di esulta
re con capriola. Da quel momen
to stato subissato di fischi e in
sulti a ogni tocco. A fine partita
Hernanes ha spiegato: Ci tene
vo molto, i tifosi dellInter mi di
cono sempre Era pi forte lHer
nanes della Lazio ma io mi sento
pi forte ora. Senzaltro la mia
capriola pi triste, mi dispiace
per i tifosi ma la dedica era per
Lotito. Ce lavevo dentro, ha par
lato un po troppo, non mi ha fat
to piacere sapere che considera
va la mia cessione un affare. Non
lho presa bene, mi ha ferito. Si
deve avere sempre rispetto. A fi
ne partita Hernanes e Lotito si
sono parlati con calma: un chia
rimento, probabilmente.
TESTA E GAMBE Il brasiliano ora
ha benzina nelle gambe, le spalle
larghe e la testa dura. Quella

DOPO TANTI ANNI


HO DECISO DI ESSERE
TREQUARTISTA. IN QUEL
RUOLO, PENSO DI POTER
RENDERE DI PI
LA MIA CAPRIOLA
PI TRISTE, MI DISPIACE
PER I TIFOSI.
PER SI DEVE AVERE
SEMPRE RISPETTO
HERNANES
CENTROCAMPISTA INTER

gliela ossigena Sandro Corapi, il


mental coach che segue anche
Candreva e ieri ha fatto bingo. Le
gambe sono tornate a girare da
quando il Profeta tornato ad al
lenarsi con continuit. Le spalle
si sono allargate fronteggiando il
peso di essere lacquisto pi co
stoso dellera Thohir. Nel finale
si vista la freddezza del cam
pione, con il gol decisivo. E qui
cambiata anche lesultanza. Non
certo per recuperare gli ex tifo
si, quanto perch dopo quella
corsa non ne aveva davvero pi.
Una sola nota negativa: lammo
nizione. Diffidato, salter Inter
Juventus.
SEMPRE IL 10 MAGGIO La cosa
buffa che il Profeta alla Lazio
aveva gi segnato, un anno fa.
Era il 10 maggio, si giocava a San
Siro nellultima notte di Zanetti.
Lui mise la ciliegina sul 41 che
sanc lEuropa League. E non
esult... Ieri le cose sono andate
diversamente, non solo perch il
brasiliano si dovuto caricare
sulle spalle una squadra che co
me a Udine ha dato la sensazione
di incepparsi quando lavversario
perdeva prima due uomini. Lui
del resto a fare il traino in questo
finale non ha problemi. Da l la...
naftalina di Shaqiri, alla sesta
panchina consecutiva. Ormai so
no concorrenti: Dopo tanti an
ni, ho deciso di essere trequarti
sta e le mie idee sono chiare ha
detto Hernanes . Giocando l,
penso di rendere di pi. Mancio
del resto non pu che premiare la
forma di Hernanes, trequartista
moderno capace di aiutare in fa
se di non possesso e di creare in
attacco. Come Stankovic, che nel
primo mandato interista il tecni
co usava cos. Un altro fuoriclas
se arrivato dalla Lazio. Un cam
pione senza prezzo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A R 35a giornata

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LE PAGELLE di MATTEO DALLA VITE


LAZIO

INTER

CIANI SVIRGOLA
PANZER PAROLO
FELIPE ANDERSON
INCANTA ANCORA
IL TECNICO
PIOLI

6,5
Squadra sciolta, potente e
organizzata. Che inizia col
turbo, va in vantaggio, gioca.
Il rosso a Mauricio squassa
alcuni ma non tutti gli equilibri:
sfiora il 2-1. Poi resta in 9, ma
col naso allins.

IL MIGLIORE
CANDREVA

7
In una forma strepitosa:
perch avvia lazione dell1-0 e
poi va a concluderla. Perch
dentro il match, sempre. Con
scintille e intuizioni vivissime.
Esce spolpato ma dopo aver
dato segnali splendidi.
TIRI 3 CROSS 3
OCCASIONI CREATE 2

IL PEGGIORE
MAURICIO

4
Quella manina sulla spalla di
Palacio mossa disperata ma
anche uningenuit terribile e
che lascia la Lazio in 10 dopo
soli 24. Prima? Niente da
dichiarare a parte qualche
lavoro non precisissimo.
CONTRASTI 1 LANCI 1
PASSAGGI 7

5,5

6,5

5,5

5,5

MARCHETTI
Il gol lo prende
coperto da
Medel, ma
Palacio e Guarin
li fa dannare
con paratissime.
Icardi lo grazia,
poi lui lo atterra:
cosaltro pu
fare?

BASTA
E perennemente
in lotta, sia con
Juan Jesus e
sia con chi gli
capita nella zona
interna: perch
una mezza
furia e perch
non molla
davvero mai.

CIANI
Uno svirgolone
in mezzo allarea,
lotta costante
ma anche alcune
sbavature
ricorrenti.
Perch in fondo
le percussioni
centrali dellInter
sono evidenti.

RADU
Gomitata a
Guarin, combatte
col Guaro e
DAmbrosio poi
passa centrale
difensivo e
idem come Ciani:
in mezzo troppi
pertugi anche
da gol.

PARATE 2
RINVII 8
PRESE ALTE 0

CONTRASTI 2
CROSS 2
PASSAGGI 20

CONTRASTI 0
LANCI 2
PASSAGGI 16

CONTRASTI 1
LANCI 1
PASSAGGI 19

6,5

BIGLIA
Lintervento
in area? Petto.
Ha idee e piedino
zuccherato
quando calcia
una punizione
dolce su cui
Handa salva.
Falloso ma
sempre on.

PAROLO
Piccolo panzer,
abbandona
la zona centrale
e sfiora il gol in
due occasioni
ravvicinate:
corposo
e velenoso,
chiude il Profeta
e Podolski.

MAURI
Linferiorit
numerica
lo fa uscire:
gioca poco meno
di mezzora
nella quale
fa qualche
numerillo
disorientante
fra le linee. Cera.

F. ANDERSON
Come si diceva
una volta:
altra categoria.
DAmbrosio
il suo orso
del Luna Park
e lo prende
di mira: lassist
e altre cose sono
da big.

TIRI 1
RECUPERI 7
PASSAGGI 33

TIRI 2
RECUPERI 3
PASSAGGI 30

TIRI 0
SPONDE 2
PASSAGGI 9

TIRI 0
RECUPERI 4
PASSAGGI 22

5,5

KLOSE
Primo tempo che
non trova
sbocchi o
dinamismo. Ma si
sa, a lui basta
una palla per
cambiarsi dabito:
Handa lo lascia
crudamente
nudissimo.

BRAAFHEID
Si mette a
sinistra e sulle
prime pare
essere arrivato
da Marte:
spaesato. Poi
prende le misure
ma non mai
abbastanza
rapido di testa.

BERISHA
Si tuffa a sinistra
e prende
il rigore di Icardi:
di fatto tiene viva
la partita.
Poi un altro
intervento che
allunga lagonia
della sconfitta.

KEITA
E da voto
perch nel finale
guadagna metri
e anche due
punizioni dalle
quali sarebbe
potuto nascere
qualcosa.

TIRI 2
SPONDE 0
DRIBBLING 0

CONTRASTI 1
CROSS 1
PASSAGGI 6

PARATE 3
RINVII 2
PRESE ALTE 1

TIRI 0
SPONDE 0
DRIBBLING 1

6,5

7,5

HANDA SUPER
BENE RANOCCHIA
ICARDI FA E DISFA
POCO KOVACIC
IL TECNICO
MANCINI

6,5
Inizia toccandola piano:
anche Kovacic in mezzo, piedi
buoni e sguardo offensivo.
Con la doppia superiorit lascia
troppe unit dietro, rischia
penne e pernacchie ma Handa
mura Klose e lEuropa l.

IL MIGLIORE
HERNANES

7,5
Chirurgico. Il 10 maggio
contro la Lazio, per lui, festa:
segn anche un anno fa. Dopo
la capriola-gol, nemico
fischiatissimo. All1-2 non
esulta, un po perch sepolto.
Profezie. Sentenze.
TIRI 3 CROSS 5
OCCASIONI CREATE 3

IL PEGGIORE
DAMBROSIO

5,5
Sfinito dalla battaglia persa
contro Felipe, lascia il campo a
Nagatomo: ha sussulti avanzati
(bel cross nel primo tempo)
ma Anderson il suo incubo.
Sostanzialmente gioca una
gara in perenne apprensione.
CONTRASTI 0 CROSS 3
PASSAGGI 35

MASSA Vede bene le cose forti, ovvero rigore ed espulsioni. Troppe imperfezioni, per, nella conduzione. I guardalinee, poi, lo mandano fuori
strada (compreso lo schermo di Medel sulla punizione dell1-1).

6,5

6,5

HANDANOVIC
Quella parata
su Klose da Dvd
e soprattutto
la conferma che
lInter deve
convincerlo a
restare. Prima
aveva murato
Candreva, Parolo
e Biglia. Chapeau.

RANOCCHIA
Una sbavatura
soltanto, quella
sull1-0. Poi, un
salvataggio
splendido su
Parolo e
lefficacia con
costanza.
Bestiale, in senso
buono.

VIDIC
Da un po di
partite si merita
la conferma,
e non solo per
il triennale che
ha firmato: ci
mette sempre
faccia e gamba,
sulluomo
un falco.

JUAN JESUS
La sofferenza su
Candreva un
libro
apertissimo:
litaliano il
migliore della
Lazio, lui sbarella
ma non si butta
mai gi. E
combatte.

PARATE 4
RINVII 4
PRESE ALTE 3

CONTRASTI 3
LANCI 3
PASSAGGI 67

CONTRASTI 1
LANCI 2
PASSAGGI 86

CONTRASTI 2
CROSS 2
PASSAGGI 61

5,5

5,5

GUARIN
Punizione
al tritolo: ahi,
perch Marchetti
vola e perch
la coscia destra
lo fa uscire.
Prima, partita
di sostanza e
una gomitata
subta da Radu.

MEDEL
In una mediana
votata pi
alloffensiva
lunico che usa i
cingoli: mica
sempre facile. Le
letture su Mauri
lo rendono
vulnerabile, ma
regge.

KOVACIC
Il bene: inizia
l1-2, ovvero
lazione della
vittoria. Il male:
ha le qualit
per fare di pi,
nella circostanza
sfruttare
la superiorit
numerica.

ICARDI
Si prende
il rigore e se lo
sbaglia. Butta
in tribuna (nel
primo tempo)
un gol da fare
ma occhio: fa
cento sponde
e mette grande
sacrificio.

TIRI 1
RECUPERI 1
PASSAGGI 19

TIRI 0
RECUPERI 6
PASSAGGI 83

TIRI 0
RECUPERI 7
PASSAGGI 80

TIRI 3
SPONDE 1
DRIBBLING 1

6,5

5,5

s.v.

PALACIO
Linsistente
classe di un
giocatore che
va preso a
esempio: non
ti molla mai
in mezzo a una
strada. In pi,
tacco-assist per
il 2-1 di Hernanes.

PODOLSKI
Ha due
occasioni,
e viene murato.
Con lui Mancini
passa al 4-2-3-1,
parte largo a
converge: solo
che non riesce a
trovare lidea.
Svirgola pure.

NAGATOMO
Entra per dare
un po di
museruola
a Felipe ormai
stanchino. E lo fa
soprattutto
cercando
di tenerlo alto,
di guardare pi
avanti che dietro.

BROZOVIC
Infoltimento
del centrocampo
nel momento
del vantaggio
e del recupero.
Normalit.

TIRI 1
SPONDE 2
DRIBBLING 1

TIRI 2
SPONDE 2
DRIBBLING 1

CONTRASTI 1
CROSS 3
PASSAGGI 12

TIRI 1
RECUPERI 1
PASSAGGI 4

PASSERI 4
FIORE 5

DAMATO 5,5
CANDUSSIO 5,5

LA PROTESTA

Lotito: Massa con me va a casa. Tare: Inadeguato


1Il presidente a un dirigente interista: Ha
rovinato una bella gara. Insultato Farina,
designatore di B, in tribuna col figlioletto
Nicola Berardino
ROMA

rende la parola Igli Tare e


manifesta tutta la rabbia
della Lazio per le decisio
ni arbitrali che hanno inciso
sulla sconfitta contro lInter.
Difficile mantenere la calma
dopo una partita come questa.
Arrivare a una gara cos decisi
va con una terna arbitrale del
genere. Poco dopo nei corri

doi si sente chiara la voce del


presidente, Lotito netto:
Questo con me va a casa, ha ro
vinato una partita bellissima.
Attacco diretto e senza fronzoli
del padrone della Lazio, che pe
r anche vicepresidente e con
sigliere federale. Unaltra frase
di quelle che faranno discutere.
Il tutto a rafforzare e sottolinea
re una polemica che il suo diret
tore sportivo, Tare appunto,
aveva innescato senza alzare i
toni ma scegliendo argomenti

Claudio Lotito, 58 anni ANSA

decisi per esprimere tutto il suo


disappunto. Di solito non com
mento mai larbitraggio ma sta
volta non posso fare altro, per
ch in questo modo si pregiudi
ca il lavoro di una squadra e di
una societ. Richiama latten
zione sui punti chiave che han
no sfavorito la Lazio. Prima di
venire a parlare, abbiamo avuto
un confronto con un nostro vi
deoanalista proprio su alcuni
episodi. Il primo gol dellInter
era da annullare per un fuori
gioco. Ho dei grandi dubbi sul
lespulsione di Marchetti e sul
rigore per lInter: la caduta di
Icardi era accentuata. E poi vor
rei rivedere se era fuorigioco su
Candreva lanciato da Felipe An

derson. Una serata no per la ter


na arbitrale. Non stata una di
rezione corretta.
OLTRE LA RABBIA Igli Tare cer
ca di guardare avanti, ma la
corsa della Lazio verso la
Champions rischia di avere tro
vato uno stop troppo pesante
contro lInter, che potrebbe ri
sultare determinante verso il
traguardo finale del campiona
to. Dopo il gol di Candreva si
puntava alla vittoria per un
nuovo sorpasso alla Roma e per
tornare cos al secondo posto.
In una partita cos importante
si rammarica ancora il diret
tore sportivo biancoceleste ,
mandare un arbitro giovane co

me Massa non il massimo. Mi


rendo conto che difficile par
lare in questo momento, ma
un anno molto importante per
questa societ. Cerchiamo ri
spetto, la Lazio lo merita. Dob
biamo ripartire dalla spirito
della squadra in campo, abbia
mo ancora un punto in meno
dalla Roma e ci sono tre gare
per raggiungere il traguardo
della Champions. E i tifosi
hanno sfogato la loro rabbia in
tribuna contro il designatore di
B Stefano Farina, che era in
compagnia del figlio: pi volte
insultato, il designatore ha ab
bandonato la tribuna con il fi
glio in lacrime.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A R 35a giornata


LAZIO

INTER

BARICENTRO MOLTO BASSO 43,3 metri

33 2

ANGOLI

119

POSSESSO PALLA

26
22

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

20

16 7
9 87 11

6
31,2%

117

20
14 14

15

PASSAGGI EFFETTUATI

631

PASSAGGI RIUSCITI

68,8%
TIRI NELLO
SPECCHIO

276

PALLE
PERSE

FALLI
COMMESSI

CONTRASTI

75%

89,1%

MEDIO 52,5 metri

BARICENTRO
33
13

23

88
18
9
8 10

15

5
GAZZETTA DELLO SPORT - DATI OPTA

fLANALISI TECNICA

zio, che non pu far altro che restare corta e stret


ta, necessario far scoccare la scintilla. serve un
lampo, insomma. Un dribbling, uninvenzione,
uai a fermarsi soltanto al risultato, si ri un colpo di fantasia. Oppure, se non arriva, si de
schierebbe di restare abbagliati e di non ve sperare nellerrore del nemico che, sottoposto
cogliere le ombre (parecchie, a dir la veri a un continuo martellamento, prima o poi qual
t) che la prestazione dellOlimpico consegna. cosa sbaglia. LInter, in termini di qualit, regala
LInter vince, daccordo, ma quanta fatica contro davvero molto poco: soltanto 11 dribbling riusciti
una squadra ridotta in nove. Eppure, nonostante (e 6 falliti) dicono che i nerazzurri, nellunocon
la netta superiorit numerica, i ragazzi di Manci trouno, hanno avuto qualche problema. E sicco
ni hanno dimostrato di avere poche idee, spesso me non si riesce a superare il muro con il guizzo
confuse, e molta paura. Con la Lazio tutta rac del singolo, ecco che ci si affida al lancio lungo,
chiusa a proteggere la porta, due linee strettissi alla verticalizzazione che quasi sempre viene fer
me di difensori e centrocampisti, i nerazzurri, al mata dalla retroguardia. Sono addirittura 175 i
momento dellimpostazione, si fa
tentativi dellInter di giocare la
cevano trovare dietro il pallone: al
palla lunga: decisamente troppe,
meno quattro o cinque giocatori (i
IL NUMERO
anche perch per gli attaccanti
due centrali, il mediano e i terzini)
non mai semplice sfruttare questi
non erano in condizione di riceve
suggerimenti.
re il passaggio in zona dattacco.
Questa la testimonianza di unin
NESSUN LAMPO Ovvio che a livel
comprensibile timidezza e, se vo
lo di possessopalla i nerazzurri
gliamo, di una mancanza di chia i palloni giocati
dominino: 68,8 per cento contro il
rezza a livello di schemi. In simili dallInter: tra
31,2 per cento. Altrettanto ovvio
circostanze normale avanzare i
che questo dominio si tramuti in
due terzini e tenere soltanto i cen i singoli primo
una fitta ragnatela di passaggi
trali in fase di contenimento. Altro Medel con 105, poi
(631 quelli effettuati dagli interisti
difetto evidenziato: lingresso di Kovacic con 103
contro i 276 dei laziali). Ma, a ben
Podolski, che si piazza a destra, ob
guardare, a che cosa hanno porta
bliga Kovacic ad abbassarsi allaltezza di Me to tutti questi tocchi? Quasi sempre si trattato di
del. Ma questo spostamento, di fatto, crea proble passaggi allindietro, sui piedi dei compagni, e
mi nel momento in cui si deve creare lazione, mai invece si visto un suggerimento rischioso,
perch Kovacic e Medel, spesso, si pestano i piedi unimprovvisa rasoiata che tagliasse in mezzo la
e non sono ben coordinati: se uno riceve il pallo difesa della Lazio. Kovacic e Medel sono gli uomi
ne, laltro deve dettare il passaggio, altrimenti a ni che toccano pi palloni (103 il croato e 105 il
che servono due uomini in quella posizione?
cileno), tuttavia non riescono mai a dare allazio
ne quella velocit che sarebbe necessaria. Il croa
POCHI MOVIMENTI LInter d limpressione di es to linterista che pi degli altri tenta il dribbling
sere una squadra di Subbuteo: i giocatori si muo (4 riusciti) e per questo va applaudito, ma 11 pal
vono soltanto quando ricevono il pallone. Nel cal loni persi e 7 passaggi sbagliati contro una squa
cio moderno, se ci si comporta cos, per gli avver dra ridotta in nove sono davvero parecchi. Anzi:
sari diventa pi facile alzare il muro e difendersi. troppi.
Quando si affronta una formazione come la La
RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Schianchi

Perch lInter ha fatto G


fatica in 11 contro 9?
Tutti fermi senza palla

1La squadra di Mancini ha un possesso del 68,8 per cento, fa

631 passaggi, per troppo lenta e timorosa nellimpostazione


LA MOSSA TATTICA

ICARDI: tiri effettuati 3


PALACIO: falli subiti 4
GUARIN: contrasti 3
HERNANES: occasioni create 3

HERNANES

GUARIN

ICARDI

PALACIO

PASSAGGIO
MOVIMENTO

Hernanes luomo in pi dellInter, e non soltanto per la doppietta che realizza. Il brasiliano si piazza in mezzo alle linee
avversarie e sfrutta il movimento dei due attaccanti. Icardi e Palacio hanno il compito di incrociarsi per non dare punti
di riferimento ai difensori della Lazio. Hernanes bravo ad aspettare il momento giusto per servire lassist
GAZZETTA DELLO SPORT

830

Serie A R 35a giornata

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

fAREA TECNICA

fAREA TECNICA

LALLENATORE DELLA LAZIO

LALLENATORE DELLINTER

PIOLI MASTICA AMARO


GRANDE PRESTAZIONE
MA TROPPI ERRORI DECISIVI
Stefano Cieri
ROMA

a decima sconfitta in cam


pionato, la prima in casa
dopo tre mesi lascia la La
zio al terzo posto. E complica,
in maniera pesante, la corsa ad
un piazzamento Champions.
Niente sorpasso sulla Roma,
niente allungo sul Napoli. Tut
to resta come prima (o quasi, il
Napoli rosicchia un punto).
Una situazione che, prima del
weekend, avrebbe probabil
mente soddisfatto la Lazio. A
conti fatti, invece, si tratta di
unoccasione grandissima non
capitalizzata, che potrebbe es
sere letale per i biancocelesti.
Era una giornata fondamen
tale commenta alla fine Ste
fano Pioli potevamo appro
fittare dei passi falsi dei nostri
rivali e invece non ci siamo riu
sciti. Per noi una grande de
lusione, anche per limpegno
profuso dalla squadra. Merita
vamo un risultato positivo,
avevamo cominciato molto be
ne, siamo passati in vantaggio,
avremmo anche potuto rad
doppiare con Parolo.
ERRORI Poi, per, la partita
cambiata. S, abbiamo com
messo degli errori che ci sono
costati cari. Restare con luo
mo in meno ha messo la partita
in salita. In dieci, comunque,
abbiamo retto bene, abbiamo
avuto anche unoccasione co
lossale con Klose per tornare in
vantaggio, poi con la doppia
inferiorit numerica ci sarebbe
voluto un miracolo. La squadra

stata eccezionale per corag


gio e generosit, merita un ap
plauso. Purtroppo non basta
to per portare a casa almeno
un pareggio. Ma a me la presta
zione dei miei uomini piaciu
ta molto, anche se specie nella
fase difensiva abbiamo com
messo qualche errore di troppo
che avremmo dovuto evitare.
IL SOGNO CONTINUA Sconfit
ta pesante ed inattesa, ma la
delusione per loccasione man
cata non cancella il sogno
Champions che, classifica alla
mano, ancora possibile. Sia
mo terzi a tre giornate dalla fi
ne ancora Pioli . Il destino

ALLA CHAMPIONS
NON VOGLIAMO
RINUNCIARE
IL DESTINO ANCORA
NELLE NOSTRE MANI
STEFANO PIOLI
SULLA CORSA CHAMPIONS

VOLEVAMO
APPROFITTARE DEI
PASSI FALSI DELLE
ALTRE. ANCHE IN 10
POTEVAMO VINCERE
IL TECNICO BIANCOCELESTE
SULLA PARTITA

sempre nelle nostre mani


(vincendo le tre partite che re
stano la Lazio sarebbe sicura
mente seconda, ndr). Il cam
pionato non finisce qui. Ci stia
mo giocando un sogno. Nessu
no a inizio stagione avrebbe
potuto pronosticare una Lazio
cos in alto a questo punto del
campionato. Siamo arrivati fin
qui e vogliamo giocarci le no
stre chance fino in fondo. Alla
Champions non vogliamo cer
to rinunciare. Non sar facile
centrare il secondo o il terzo
posto, ma ci proveremo fino al
la fine. Sotto questo punto di
vista la prestazione della squa
dra molto confortante. Fino a
quando siamo stati in parit
numerica abbiamo interpreta
to la gara nella maniera miglio
re. Poi le due espulsioni hanno
completamente capovolto la si
tuazione, ma siamo ugualmen
te riusciti a tenere bene il cam
po.
DIFESA DA RIVEDERE Gi in si
tuazione di parit numerica,
peraltro, la difesa (sempre pri
va della sua colonna De Vrij)
ha commesso degli errori ab
bastanza evidenti. Su uno di
questi nato lepisodio che ha
determinato lespulsione di
Mauricio e la punizione che
Hernanes ha trasformato nel
l11. In quellazione abbiamo
sbagliato tanto. I centrali era
no troppo alti e i due esterni si
sono abbassati troppo. Dove
vamo interpretarla diversa
mente. In Serie A la differenza
la fa la lettura rapida delle si
tuazioni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

A MANCINI VA BENE COS


BRAVI AD AVERE PAZIENZA
ICARDI? IMPORTANTE CI SIA
Luca Taidelli
ROMA

embra di essere in Ri
comincio da capo,
film in cui il protagonista
Bill Murray si sveglia sempre
nella stessa giornata, fino a
quasi impazzire. Perch
quella faccia stranita di Ro
berto Mancini la si era gi vi
sta dieci giorni fa a Udine.
Anche l la sua Inter aveva
vinto 21. Anche l lavversa
rio era rimasto in nove. E an
che l lInter aveva giocato
meglio in parit numerica e
sofferto linverosimile quan
do aveva due giocatori in
pi.
GIRO PALLA Vittoria soffer
ta? esordisce il Mancio
Abbiamo avuto tante occa
sioni e le abbiamo sbagliate.
Quando una squadra poi re
sta in nove si mette dietro ed
dura trovare spazi. Abbia
mo anche fallito un rigore,
ma limportante vincere,
abbiamo avuto pazienza e ci
siamo riusciti. La Lazio
unottima squadra e si difen
deva bene, ma chiaro che
noi dobbiamo migliorare.
Anche se rispetto a Udine
abbiamo fatto qualche passo
in avanti. In effetti al Friuli
Perica nel recupero aveva
sfiorato il 22 e a qualche ne
razzurro poi erano fischiate
le orecchie.
HANDA E RIGORI Ieri invece,
al di l del match winner

Hernanes, stato di nuovo de


cisivo Handanovic, capace di
ipnotizzare Biglia e soprattutto
Klose. Il portiere per potrebbe
anche salutare dopo tre anni,
perch vuole giocare la Cham
pions e se non rinnova a breve il
contratto in scadenza tra un
anno partir per fare cassa.
Handanovic uno dei migliori
portieri dEuropa taglia corto
Mancini e anche con la Lazio
lha confermato. Non conosco
lesatta situazione della tratta
tiva, so che stanno parlando. A
volte si esagera e poi si trova
una via buona. Vediamo cosa
accadr nelle prossime setti
mane. E posso capire la sua vo

RISPETTO A UDINE
FATTI PASSI AVANTI
CON GLI AVVERSARI IN
NOVE E SERRATI, ERA
DURA TROVARE SPAZI
ROBERTO MANCINI
ALLENATORE INTER

HANDANOVIC? A VOLTE
BISOGNA ASSECONDARE
LA VOLONT DEI
GIOCATORI MA NON
DETTO CHE VADA VIA
ROBERTO MANCINI
ALLENATORE INTER

glia, anche se non ho mai parla


to con lui. Noi non possiamo
garantirgli la Champions, ma
vedremo se riusciremo a tener
lo. A volte c anche da rispetta
re la volont dei giocatori, ma
non detto vada via. Cos su
altri singoli: Kovacic uno di
quelli in grado di fare la supe
riorit, c stato un momento in
cui Mauri veniva fatto giocare
un po troppo da Medel. Icardi
sta migliorando, limportante
che ci sia. Oggi poteva fare 23
gol, ma c sempre, limportan
te questo. Oggi unottima par
tita, sta giocando bene. Se cera
il rigore su di lui? Parliamo di
un episodio su cui molte perso
ne hanno unopinione diversa,
questo deve farci riflettere sul
la moviola in campo. Premesso
che cera almeno un altro pe
nalty, parlare solo dellarbi
traggio vuol dire svilire la pro
va delle due squadre.
DYBALA ED EUROPA Una frase
veloce sullassenza per squalifi
ca di Hernanes sabato prossi
mo contro la Juve (Dispiace
perch stava giocando bene,
ma non ci possiamo fare niente.
E credo mancher anche Gua
rin, infortunato) e una chiosa
su mercato e corsa allEuropa
League: Quante possibilit ci
sono che Dybala venga allInter
nella prossima stagione? un
giocatore del Palermo, interes
sa a noi ma anche ad altre squa
dre, non so cosa potr accade
re. Il quintosesto posto? Ju
ventus e Genoa sono difficilis
sime, molto dipender dalle
prossime due partite.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Serie A R Nervi tesi

I PRECEDENTI
STAGIONALI

INTER AL LAVORO A PASQUA


Il 4 aprile lInter pareggia in casa
con il Parma per 1-1. Il giorno dopo
Pasqua, ma i nerazzurri sono alla
Pinetina ad allenarsi. Si sono
riposati oggi, giusto che lavorino,
dice il d.s. Piero Ausilio dopo la gara

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

NAPOLI A CASTELVOLTURNO
l8 aprile e il Napoli perde in casa
con la Lazio (0-1) la semifinale di
ritorno della Coppa Italia. La rabbia di
De Laurentiis forte, la squadra va in
ritiro permanente a Castelvolturno.
Per gli azzurri arrivano subito 3 vittorie

UDINESE IN RITIRO
L8 aprile letale anche per lUdinese,
che cade 1-0 a Parma. Stramaccioni
furioso, la squadra va in ritiro in un
albergo di Udine. Ma la scelta non
rende: arriva il k.o. in casa col Palermo
e il pari esterno contro il Chievo

TOCCA ANCHE AL CAGLIARI


L11 aprile il Cagliari cade a Genoa per
2-0. Mancando la vittoria da 11 partite,
a fine gara il presidente Giulini decide
di mandare tutti in ritiro. Ci manca la
cattiveria, dice il d.s. Marroccu. Dopo
arriver lo 0-3 interno con il Napoli

MILAN A PICCO: ALTRO RITIRO


Il 25 aprile il Milan perde 2-1 in casa
dellUdinese, al ritorno dalla trasferta
la squadra si ferma a Milanello:
Inzaghi inflessibile, ritiro punitivo.
Anche qui la mossa non funziona:
arrivano due k.o. con Genoa e Napoli

Roma, dopo la bufera c il ritiro light

1Garcia striglia la squadra, che per critica le sue scelte. Da met settimana pi tempo insieme a Trigoria
Massimo Cecchini
ROMA

n fondo la logica stata


stringente: a San Siro non
avete ballato? E allora non lo
farete neppure nei locali di Mila
no come gi programmato ma
se vi va tra le mura di Trigoria.
Ecco spiegato il rientro di gruppo
nella notte e il successivo allena
mento di ieri alle 8.30, che ai tifo
si apparso pi un regalo (dopo
arrivava un giorno e mezzo di li
bert) che una punizione. E allo
ra, nella Roma che si ritrova a fe
steggiare le disavventure altrui
(Napoli e Lazio), gli unici sorrisi
arrivano da lontano perch sta
volta il nervosismo palpabile,
con chiavi di lettura diverse fra
allenatore e squadra (soprattut
to), mentre la dirigenza anche
lei nel mirino si ritrova da un
lato a mediare e dallaltro a valu
tare. Un consiglio? Diffidate di
coloro che accollano la colpa solo
ad una parte.
RITIRO LIGHT vero per che
Garcia non un fan del ritiro, ri
tenuto inutile, in questo trovando
il pieno consenso della squadra,
complice anche il mancato sor
passo. La dirigenza invece, anche
come segnale, qualcosa vorrebbe
fare, e cos da met settimana

scartate la cancellazione del gior


no libero (il tecnico in Francia)
e un ritiro vicino Roma sar
inaugurato un ritiro definito
modulato, ovvero con rientri
programmati, per stare pi insie
me senza per stressare troppo i
giocatori.
IL DISCORSO Ma tra allenatore e
gruppo la partita di San Siro ha
incrinato parte della fiducia reci
proca. Garcia ha tenuto il solito
discorso alla squadra e, nono
stante il tasso di nervosismo pi
alto, il gruppo non ha ascoltato
parole nuove. Bastone e carota.
Questo il senso: Credo in voi, se
tornassi indietro vi sceglierei an
cora, ma latteggiamento col Mi
lan stato inaccettabile, con que
sta intensit non si va in Cham
pions, suonata la campanella
dellultimo giro, non c pi tem
po per sbagliare, gli alibi sono fi
niti, bisogna cambiare atteggia
mento.
SCELTE SBAGLIATE Tanti gioca
tori per stavolta, a taccuini chiu
si, non hanno lesinato critiche a
Garcia. La prima: come si fa ad
avere ritmo se vengono schierati
giocatori con problemi fisici? Ri
capitoliamo. In settimana Doum
bia ha dovuto smaltire una con
trattura, Ibarbo una febbre, Ger
vinho problemi muscolari che

Rudi Garcia, 51 anni, allenatore francese alla seconda stagione alla guida della Roma. Finora ha vinto 49 delle 89 partite in giallorosso ANSA

RIl tecnico: Col


Milan una prova
inaccettabile,
adesso non c pi
tempo da perdere

RIl gruppo sempre


pi perplesso
sullutilizzo di
giocatori non in
buone condizioni

hanno portato al suo k.o., Ljajic


guai alla schiena e Pjanic nel ri
scaldamento ha avuto un riacu
tizzarsi dellinfiammazione ai
tendini della caviglia, ma nono
stante questo gli stata chiesta
disponibilit. Ecco, proprio la
questione della disponibilit
una chiave di lettura divergente.
C una legge non scritta del cal
cio che dice che non bisognereb
be mai chiedere a un giocatore se
se la sente perch il 90% risponde
sempre di s, spesso sbagliando.
Se poi il numero dei giocatori a
mezzo servizio sono tanti, la pro
va di Milano pi facile da spie
gare. Per questo, tornando alla

Roma, c gran parte della Roma


che sta bene ma sa adesso di esse
re fuori dalle rotazioni perch
Garcia fa giocare solo i suoi. Ma
gli appunti dei giocatori sono an
che altri due: 1) in campo c ca
renza di organizzazione. Ovvero,
a volte ci si affida al talento e ba
sta. 2) c poca didattica con i gio
vani che, pur talentuosi, non mi
gliorano quanto possono. E per
un club che invece ha come mis
sion prioritaria proprio la valo
rizzazione dei giovani, la questio
ne entra anche nella sfera dei
rapporti fra tecnico e dirigenza,
che in effetti su tutti i temi toccati
ha le sue perplessit. Detto tutto

questo, per logico che Garcia


ha ragione quando lamenta un
mercato sbagliato e rimprovera la
pochezza di San Siro a una squa
dra che per qualit, motivazioni
personali (premi e vacanze pi
lunghe) e di club (la Champions)
avrebbe dovuto sbranare il Mi
lan. E allora non restano che altre
tre settimane di fuoco per una
Champions che, parole di Sabati
ni, resta imprescindibile per le
ricadute economiche che ha. Di
tutto questo Alex Zecca, uomo di
fiducia di Pallotta (sabato a San
Siro), ha preso nota. Ma per le
sentenze c ancora tempo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CASO

Totti, dai mugugni


alla nuova vetrina
E il tifo si divide
1Dopo la terza
panchina di fila per
scelta tecnica, a S. Siro
si ripreso la scena.
Ma la gestione difficile
Andrea Pugliese
ROMA

e sue espressioni prima un


po seccate, poi quasi malin
coniche hanno fatto il giro
di tutte le tv. Poi San Siro ha avu
to i suoi 20 minuti, e niente affat
to banali. In quel lasso di tempo la
Roma dopo il quasi nulla an
che grazie a Francesco Totti si
ritrovata, col capitano che ha toc
cato 19 palloni (Doumbia 22 in
90 e Ibarbo 13 in 59), creato due
occasioni da gol (tranne Florenzi,
nessuno ne stato capace) e tra
sformato un rigore. Venti minuti
in cui Totti ha dimostrato che in
una Roma in questo momento co
s povera di gioco, idee, risorse e
qualit pu starci anche lui, so
prattutto se si gioca a ritmi quasi
dopolavoristici.
BOMBER Eppure Totti contro il
Milan stata la sesta scelta di
Garcia, dopo che il francese ave
va deciso di schierare il tridente
nero (Gervinho, Doumbia e Ibar
bo), affidandosi poi in corsa pri
ma a Ljajic, poi ad Iturbe. Alla fi
ne, sul 20, Garcia si reso conto
che una squadra senza gioco po
teva ancora avere bisogno di un
vecchio ragazzo di 38 anni che

Francesco Totti, 38 anni AP

per la prima volta in carriera da


quando diventato leader della
squadra, era rimasto seduto in
panchina per tre gare consecuti
ve di campionato solo per scelta
tecnica. Il miracolo a Totti non
riuscito, ma con lui qualcosa si
visto: il lancio per Florenzi,
lapertura per Ljajic, lo stop in
corsa accarezzando la palla. Per
certi versi, quasi un manuale sco
lastico per gli altri. Tutto questo,
poi, ha contribuito a dividere di
nuovo i tifosi sulla sua utilit in
campo dallinizio. Morale: Totti
non vuole essere un problema e
non pu essere pi nemmeno il
salvatore della patria. Ma i nume
ri dicono che con 7 gol, il secon
do cannoniere della Roma in
campionato dopo Ljajic. Quanto
basta per giustificare la sua vo
glia di spazio. E se questo per Gar
cia sia una possibilit o un proble
ma in pi, non ancora chiaro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

10

Serie A R 35a giornata


LE PAGELLE di MI.MAL.

Il parapiglia
finale tra
giocatori ANSA

MIRANTE DECISIVO, PALLADINO LOTTA


GABBIADINI CONTINUO, MALE ANDUJAR
PARMA

6,5

1Solo 2-2 per gli azzurri col Parma e chance mancata

IL MIGLIORE

MIRANTE

GABBIADINI

6,5

Nel secondo tempo compie sei


interventi prodigiosi negando la
vittoria al Napoli e facendo
impazzire di rabbia Higuain.

Ancora in gol, settimo col Napoli, la


sua continuit impressionante.
stato lunico tra gli attaccanti a
cercare il tiro anche da fuori area.

CASSANI 5,5 Ha tenuto bene


Mertens, ma s fatto infilare
ingenuamente in occasione del gol.
COSTA 6 Entra nella fase pi difficile
e partecipa alla difesa del pareggio.
MENDES 6,5 Un portento. Non ha
badato al sottile per limitare Zapata.
Poi raddoppia su Higuain.
FEDDAL 6,5 Dalle sua parti arriva
Gabbiadini prima e Higuain dopo. Lui
ce la mette tutta.
GOBBI 6 Si tiene bloccato nella sua
met campo per controllare
Gabbiadini quando si allarga.
JORQUERA 6,5 Ottimo 1 tempo e
gran gol che gli mancava da tre anni.
MARIGA 6 Entra per dare un po di
respiro al centrocampo.
LILA 6 Tiene in apprensione Strinic
ogni qualvolta prova a sovrapporsi
sulla destra.
MAURI 6,5 Ha tanto talento anche
se lo dimostra solo in parte. Nel 2
tempo travolto dagli eventi.
GHEZZAL 6 Un quarto dora giocato
a tutto sprint.
NOCERINO 6 Gare di carattere, va a
contrastare i napoletani quando
ripartono.
VARELA 6 Prova a tenere palla
quando la squadra viene pressata.
PALLADINO 6,5 Un gol e tanto
impegno: non si fatto coinvolgere
emotivamente lui che napoletano.
ALL. DONADONI 6 Se la squadra
reagisce in questo modo il merito
anche suo che ha saputo
trasmettere valori importanti.

ANDUJAR 4,5 Ha sulla coscienza i


due gol che hanno costretto i
compagni a recuperare.
HENRIQUE 5,5 Impreciso negli
appoggi, meglio in fase difensiva.
ALBIOL 6 Il dinamismo di Palladino
lo tiene impegnato parecchio,
ripresa da regista arretrato.
KOULIBALY 5,5 Si fa bruciare
sullanticipo da Palladino in
occasione del primo gol.
STRINIC 5,5 E poco brillante, come
se avesse perso quello scatto a di cui
ha bisogno Benitez, invece.
GARGANO 5 Molle sulle gambe e
poco reattivo.
HIGUAIN 5 Il nervosismo finale si
pu solo giustificare con la delusione
per il pari. Non incide.
INLER 5,5 Va in confusione troppo
in fretta, soffre la superiorit
dellavversario in mezzo al campo.
DAVID LOPEZ 6 Ha portato
maggiore fisicit al centrocampo nel
momento dellassalto finale.
HAMSIK 6 Si muove in scioltezza,
ispira il gioco per tutto il 2 tempo.
MERTENS 6,5 Ha avuto il merito di
realizzare il gol che ha evitato una
sconfitta pesantissima.
ZAPATA 5 Stavolta servito a poco il
suo fisico, Mendes e Feddal lhanno
sovrastato.
CALLEJON 5,5 Solo qualche cross,
per giunta respinto dai difensori.
ALL. BENITEZ 5 Come si pu
regalare un tempo allavversario in
quel modo? Altra occasione persa.

6,5

nella corsa al 2 posto. Scontro tra il portiere e il Pipita


PARMA

NAPOLI

Mimmo Malfitano
INVIATO A PARMA

PRIMO TEMPO 2-1


MARCATORI Palladino (P) al 9,
Gabbiadini (N) al 28, Jorquera (P) al
33 p.t.; Mertens (N) al 27 s.t.
PARMA (4-1-4-1) Mirante; Cassani
(dal 28 s.t. Costa), Mendes, Feddal,
Gobbi; Jorquera (dal 26 s.t. Mariga);
Lila, Mauri (dal 34 s.t. Ghezzal),
Nocerino, Varela; Palladino.
PANCHINA Iacobucci, Bertozzi,
Lucarelli, Broh, Coda, Lodi, Galloppa,
Esposito, Haraslin.
ALLENATORE Donadoni.
CAMBI DI SISTEMA nessuno.
BARICENTRO MOLTO BASSO
42,1 METRI
ESPULSI nessuno.
AMMONITI Mendes e Lila per gioco
scorretto.
NAPOLI (4-2-3-1) Andujar, Henrique,
Albiol, Koulibaly, Strinic; Gargano
(dal 12 s.t. Higuain), Inler (dal 30 s.t.
David Lopez); Gabbiadini, Hamsik,
Mertens; Zapata (dal 7 s.t. Callejon).
PANCHINA Rafael, Colombo, Britos,
Jorginho, Maggio, Mesto, Insigne,
Ghoulam.
ALLENATORE Benitez.
CAMBI DI SISTEMA nessuno.
BARICENTRO MOLTO ALTO
57,8 METRI
ESPULSI nessuno.
AMMONITO Albiol per proteste.
ARBITRO Giacomelli di Trieste.
NOTE spettatori 13.172, incasso
194.141 euro. Tiri in porta 4-10. Tiri
fuori 4-3. In fuorigioco 1-1. Angoli 49. Recuperi: p.t. 0, s.t. 4.

CHE BOTTA
E RISPOSTA
AL TARDINI
1 Palladino fulmina subito una
difesa distratta, sugli sviluppi di
un calcio dangolo 2 Dopo le reti
di Gabbiadini e Jorquera (su
punizione) il Napoli si rovescia
allattacco nella ripresa, manca
diverse occasioni, poi pareggia
su spunto individuale di Mertens
ANSA

he delusione questo Na
poli! Frena, nuovamen
te, dopo la mazzata di
Empoli. Se la cava con un pa
reggio, stavolta, che non serve
per a cancellare lamarezza
per unaltra delle occasioni
perdute. Nelle ultime sette tra
sferte, il collettivo napoletano
ha rimediato 5 sconfitte, un
pareggio ed una vittoria. Un bi
lancio che spiega il motivo per
cui Lazio e Roma continuano a
controllare la classifica, pur
avendo perso entrambe rispet
tivamente contro Inter e Milan.
Onore al Parma, comunque,
che nonostante non abbia pi
nulla da chiedere a questo
campionato, sta difendendo
con orgoglio la sua storia. fi
nita in pareggio, ma ai punti,
probabilmente, avrebbe vinto
il Napoli che, soltanto nel se
condo tempo, ha creato sei pal
le gol pulite. Ma sulla strada di
Higuain e Gabbiadini s pian
tato Antonio Mirante, napole
tano di Castellamare di Stabia
e portiere del Parma. I suoi
prodigi hanno impedito agli at
taccanti azzurri di chiudere la
partita e avvicinarsi ancora di
pi alla zona Champions.
SENZANIMA Cos s presenta

to il Napoli quando Giacomelli


ha fischiato linizio della conte
sa. Benitez ha provveduto al
turnover annunciato, lascian
do fuori Higuain, Callejon, Bri
tos, Ghoulam, Maggio e David
Lopez. La differenza s vista,
eccome. Il Parma s imposto a
centrocampo dove Jorquera e
Mauri hanno elevato la qualit
del gioco giallobl, mentre
Gabbiadini e Mertens hanno
avuto pochi spazi per incidere
sulle fasce. Al centro dellattac
co, Zapata lha messa spesso
sulla fisicit, perdendo il con
fronto col duo MendesFeddal.
Cos, ha impiegato appena 9
minuti, il Parma, per andare in
gol. Lazione da calcio dangolo
trova impreparato Andujar, la
cui uscita a farfalle. Un errore
incredibile che consegna il pal
lone sul destro di Palladino, il
quale brucia Koulibaly, e rea
lizza il vantaggio. Il Napoli
sembra un pugile allangolo,
incapace di costruire uno
straccio di azione, ma trova il
pareggio in maniera fortunosa,
con Mendes sulla linea di porta
che manca la respinta sul dia
gonale di Gabbiadini (28). Re
sa del Parma? Macch, nean
che a parlarne, perch in cam
po Palladino e Jorquera conti
nuano a trascinare i compagni,
nessuno ha voglia di regalare
nulla. Anzi, quando Jorquera
indovina la punizione vincen
1

te, con evidente responsabilit


di Andujar, sul Napoli cala
nuovamente la notte.
METAMORFOSI Quella napole
tana avviene nel secondo tem
po, quando Benitez si rende
conto che senza i titolari diffi
cilmente lavrebbe rimesso a
posto il risultato. Allora, in av
vio, cala i suoi assi: dentro Cal
lejon e Higuain per Zapata e
Gargano. Ed tuttaltro Napo
li, il Parma praticamente scom
pare, rintanandosi nella pro
pria met campo a difesa del
vantaggio. La pressione degli
avversari, per, produce sol
tanto, al 27, il pareggio di Mer
tens che approfittando di una
dormita di Cassani, infila lan
golino pi lontano della porta
difesa da Mirante. Ed da quel
momento che il portiere del
Parma decide di diventare pro
tagonista del Tardini. Fino al
termine della gara, sar lotta
aperta tra lui e gli attaccanti
napoletani, una sfida che alla
fine lo vedr vincitore e soddi
sfatto, nonostante gli insulti
che gli sono stati rivolti da Hi
guain e compagni, reo secondo
loro di aver ostacolato la vitto
ria del Napoli. Una vergogna,
alla quale il portiere ha saputo
opporsi con lorgoglio di chi
crede ancora in un calcio puli
to.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL MIGLIORE

Mirante para tutto


Il Napoli e Higuain
perdono la testa

NAPOLI

GIACOMELLI La partita ha avuto momenti di nervosismo


eccessivo che lui ha saputo gestire con decisione.
DE LUCA 6TASSO 6; ROCCHI 6ABISSO 6

ZUPPING
di VINCENZO
CITO

ATALANTA CON TRE IN PORTA


SARDO, UN RECORD CHE NON CE

n indignato Lorenzo
Minotti (Chievo
Verona Sky) Sardo
praticamente batte un
record perch al suo primo
intervento si becca subito
il giallo, un giallo che ci sta
perch entrato in ritardo
sulle gambe di Jankovic
che stava andando dritto
verso la porta. Silenzio
Era Cesar.
Roberto Gueli (Radiorai,
PalermoAtalanta) Calcio
di rigore! Confusione
nellarea di rigore e
Sportiello ha atterrato
Rigoni (la confusione
tutta sua, Sportiello non
gioca). Si spiega meglio:
Sportiello ha giocato
male il pallone, ha cercato
di superare in dribbling
Vazquez e lo ha atterrato.
(ma non era Rigoni?) Il
rigore ha provocato
lespulsione di Avramov.
Dopo la squalifica di
Sportiello, lespulsione di
Avramov, va in porta
Frezzolini!. (i portieri
sono diventati tre) Il
rosso ad Avramov, ha
fatto un pasticcio
Avramov. Mica solo lui...
I potenti mezzi di
Radiorai. Siccome tre
giorni fa c stato un
incendio a Fiumicino, non
hanno mandato inviati a
Torino e Udine e le
cronache delle due partite
le hanno fatte da Roma
guardando la tv. Loro

viaggiano solo in aereo...


Nel prepartita il livornese
Daniele Vantaggiato sugli
avversari Questi vengono
da due risultati
importanti. Claudio
Onofri (Sky) dalla tribuna
daccordo. Guai
sbilanciarsi, questi te la
farebbero pagare . Questi
(anzi quelli) erano
dellEntella.
Vigilia Europa League
Vincenzo Guerini a
Mediaset Dobbiamo
essere pronti e consapevoli
a subire gli attacchi del
Valencia. Solo che poi i
tre gol li hanno presi dal
Siviglia.
Lavversaria della Juve in
Champions Cristiano
Ronaldo! Clamorosa
occasione mancata dal
Manchester United!......
(Maurizio Compagnoni,
Sky)
Encomiabili i circa cinque
ragazzi arrivati da Parma a
seguire questa partita!
(Giuseppe Bisantis,
Radiorai, CagliariParma)
Stanno giocando con
lanimo libero e la testa
molto concentrata i
giocatori del Mogliano, e
arriva la meta del
Calvisano! (Nicola
Sangiorgio, rugby su
Raisport)
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

1 Higuain cerca di aggredire Mirante ma viene trattenuto 2 La rissa


del dopo-partita coinvolge altri giocatori 3 Higuain bloccato da un
collaboratore del Napoli 4 Il tecnico del Parma, Donadoni ANSA-LAPRESSE

Donadoni: Che schifo, dicevano


Perdete, tanto siete falliti...

1Il tecnico del Parma: Certe parole le hanno dette sia Higuain sia i dirigenti del Napoli
Il club azzurro: Proteste solo per le perdite di tempo. Ora possibili sviluppi disciplinari
Mimmo Malfitano
INVIATO A PARMA

attacco stato diretto.


Nel dopo partita, Roberto
Donadoni ha vomitato
tutta la sua amarezza per quan
to avvenuto in campo, durante
e al termine della gara. Accuse
gravi, che tirano in ballo alcuni
tesserati del Napoli, lavversa
rio che avrebbe voluto benefi

ciare della precariet del Parma


per aggiungere tre punti pesan
ti alla propria classifica. Quel
lo che successo nel finale sta
to una vergogna, certe frasi le
ho sentite con le mie orecchie.
Una squadra come la nostra,
che, a dispetto di tutto quello
che sta succedendo, come la ri
nuncia di gran parte dello sti
pendio, va in campo e lotta per
qualcosa tenendo testa ad una
squadra come il Napoli, deve

solo essere da esempio, ha


sbottato il tecnico.
HIGUAIN-MIRANTE I fatti e le
accuse riguardano gli atteggia
menti avuti in campo da diversi
giocatori del Napoli nei con
fronti degli avversari. Per tutta
la gara ci hanno definiti falliti, a
partire da Higuain. stato scan
daloso sentirsi dire siete falliti
e retrocessi solo perch ci sia
mo impegnati. Pensavano di

trovare 3 punti regalati ma noi


vogliamo onorare il Parma fino
allultimo secondo del campio
nato, ha rivelato con rabbia,
Raffaele Palladino, napoletano
di Mugnano, che non ha mai
nascosto la passione per la
squadra della propria citt.
VERGOGNA C un labiale che
inchioda il Pipita quando, nei
minuti finali, si rivolge a Miran
te dicendogli: Cosa vuoi, siete

gi in serie B, invitandolo a
rinviare il pallone. Anche un
uomo pacato come Roberto Do
nadoni non ha sopportato le of
fese ricevute in campo e nel
rientro negli spogliatoi da lui e
dai suoi giocatori: Sentirsi dire
che dovevamo perdere la parti
ta, perch siamo falliti, stata
una cosa indecorosa, indecente
e schifosa. Una vergogna, e que
sta frase non venuta solo da
Higuain. La cosa drammatica

11

che queste cose sono state pro


nunciate dai dirigenti del Napo
li. Vedere persone, che solita
mente hanno un certo equili
brio, cadere cos in basso stato
tragico. Se mi riferisco a Bigon?
Non mi interessa dire a chi mi
riferisco: sono cose che sono ac
cadute. Il futuro del Parma? So
lo Dio lo sa. Ci vuole qualcuno
che si metta la mano sulla co
scienza e una sul portafoglio.
BOLGIA FINALE Al triplice fi
schio di chiusura, Higuain s
incamminato verso Mirante mi
nacciandolo a gesti. E stato in
quel momento che il portiere
del Parma s sfilato i guanti e
ha accelerato il passo per rag
giungerlo, rispondendo per le
rime alle sue offese. Ne nato
un parapiglia, che ha coinvolto
giocatori e dirigenti delluna e
dellaltra squadra, ma non c
stato contatto tra i contendenti.
Il tutto sotto lo sguardo attento
della terna arbitrale e delladdi
zionale, Rocchi di Firenze, che
ha provato a pi riprese a cal
mare il Pipita. E il Napoli in se
rata via twitter ha datro la sua
versione ufficiale: Tutte le pro
teste erano rivolte alle continue
perdite di tempo, nessun riferi
mento allimpegno del Parma
che stato encomiabile.
PROCURA FEDERALE Tutto ma
teriale che potrebbe richiedere,
sicuramente, lintervento della
giustizia sportiva, soprattutto
se le frasi sono state ascoltate
anche dagli arbitri o dai colla
boratori della procura federale.
Insomma, il caso c. Daltra
parte, prima di pareggiare col
Napoli, il Parma aveva gi bat
tuto Juve, Udinese e Palermo. E
nessuna delle tre aveva conte
stato impegno e risultato allav
versario. Dopo le polemiche del
gioved europeo, il Napoli
nuovamente nella bufera e sta
volta la questione non di poco
conto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

12

Serie A R Verso la Champions

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Pogba si accende
Mi sento bene
A Madrid ci sar
1Il centrocampista si gioca una maglia con Sturaro
e Pereyra. Lichtsteiner: Vedrete una grande Juve
di giocare il 20 maggio e non il
7 giugno, diretta conseguenza
delleventuale pass per Berlino.
IL BALLOTTAGGIO Ad assistere
allallenamento cera la.d. Bep
pe Marotta, oggi probabile la
visita a Vinovo del presidente
Andrea Agnelli, che domani
partir per Madrid insieme alla
squadra. Una costante la pre
senza della societ accanto ad
Allegri, uno dei motivi princi
pali dei nostri successi, ha
spesso detto il tecnico livorne
se. Formazione anti Real fatta
per dieci undicesimi: un solo
ballottaggio, a tre, fra Pogba,
Sturaro e Pereyra. Per il resto,
avanti col rombo, sicuri di
una maglia i vari Buffon, Licht
steiner, Bonucci, Chiellini,
Evra, Vidal, Pirlo, Marchisio,
Tevez e Morata.

Paul Pogba, 22 anni, ha segnato 10 reti in questa stagione AFP

LA CHAMPIONS
Domani si apre
con Bayern-Bara
Fischia Clattenburg
Domani e mercoled sono in
programma le due semifinali di
ritorno di Champions League.
Ancora 90 minuti (pi eventuali
supplementari e rigori in caso di
parit a fine tempi regolamentari)
e conosceremo le due
protagoniste della finale, che si
giocher a Berlino il 6 giugno.
IL PROGRAMMA
DOMANI
Bayern Monaco-Barcellona
Ore 20.45
Andata 0-3
ARBITRO Clattenburg
TV Sky Calcio 1
MERCOLED
Real Madrid-JUVENTUS
Ore 20.45
Andata 1-2
TV Canale 5

Mirko Graziano
MILANO

parecchia fiducia at
torno a Paul Pogba.
Non per nulla sempli
ce strappare una maglia da tito
lare a Madrid, ma il centrocam
pista lavora sodo e sta sfruttan
do ogni minuto di allenamento
per catturare la massima atten
zione di Allegri. Ieri seduta leg
gerissima per chi ha giocato in
campionato, lavoro pi intenso
per il resto del gruppo, che poi
comprendeva gran parte dei si
curi protagonisti al Bernabeu.
Dal punto di vista tattico si ini
zia a fare sul serio solo da oggi.
Di buono, intanto, c che lin
fermeria va via via svuotando
si. Si rivisto a pieno regime il
tuttofare Asamoah. Il ghanese
non inserito in lista Uefa, tor
ner per utile a livello di rota
zioni e in finale di Coppa Italia,
gara che a Torino si augurano

PAUL CI CREDE Sono felice del


mio rientro ha detto Pogba a
Jtv . Ho fatto gol, ma avrei
preferito vincere. In ogni mo
do, contano soprattutto certe
sensazioni, e devo dire che mi
sono trovato molto bene, non
ho sentito dolori. Sono sulla
strada giusta e per Madrid sar
pronto. Nella gara dandata,
ho visto una Juventus che ci ha
creduto fin dalle primissime
battute, e che ha vinto bene. Ma
in Spagna servir molto di pi
per passare il turno, sar diffici
lissimo, loro sono abituati a ge
stire partite tanto stressanti, e
al Bernabeu sempre un bel
problema fronteggiarli. Sono
per convinto che sapremo da
re tutto. Siamo a 90 minuti dal
la finale, passo dopo passo sia
mo andati lontanissimi e sareb
be meraviglioso completare il
percorso. Anche Lichtsteiner
parla a Jtv: Si gioca sui detta
gli dice lesterno svizzero
basta poco per vincere e un nul
la per perdere. Noi siamo mi
gliorati parecchio strada facen
do, e ora concediamo davvero
poco. Il Real fortissimo, non
c solo Ronaldo, dobbiamo
prepararci con grande intensi
t, ma abbiamo le carte in rego
la per farcela. Siamo pronti alla
grande prestazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Iker Casillas, 33 anni, portiere, ha collezionato 9 presenze in questa Champions League LAPRESSE

Nervosismo Real
Casillas reagisce
ai fischi dei tifosi
1E il manager di Bale attacca: Se qualcuno
gli passasse la palla, Gareth sarebbe il migliore
vale la finale di Champions.
Per cos funziona da queste
parti, e allora sabato contro il
Valencia il pubblico se l presa
con Casillas (in un tempo non
lontano celebrato dal pubblico
come San Iker) per il primo
gol: doveva uscire, dicono i
madridisti. Il capitano, di soli
to impermeabile, se l presa:
Fottetevi voi e i vostri fischi il
succo del labiale che ieri ha fat
to il giro di tv e siti.

Filippo Maria Ricci


CORRISPONDENTE DA MADRID
twitter@filippomricci

a tensione sale, i nervi


saltano. E volano paro
le grosse. Iker Casillas
manda a quel paese i fi
schiatori del Bernabeu, Jo
nathan Barnett, agente di
Gareth Bale, dice n pi n
meno che i compagni non
gli passano la palla, e che se
lo facessero Gareth sarebbe
il migliore dei suoi. Povero
Carlo, viene da pensare. Gi
depresso dalla Liga sfuma
ta, assediato da un presi
dente mai contento, turbato
dallinfortunio di Modric,
impensierito dalla botta di
Kroos (mercoled ci sar,
per sua stessa tranquilliz
zante ammissione via Twit
ter) e dal ginocchio di Ben
zema (sempre dolorante)
Ancelotti ieri si trovato a
dover dirimere anche que
stioni di nevrosi dialettica.
TRA CRITICHE E ODIO E il
futuro, tanto a brevissimo
come a lungo termine, ap
pare complesso. Perch
mercoled il Madrid affron
ter la Juventus con un por
tiere pensieroso e scocciato
e tra il criticato e addirittura
lodiato da una bella fetta
del suo stesso pubblico. Al

Gareth Bale, 25, gallese del Real AFP

RIl portiere preso


di mira dopo il pari
col Valencia. Kroos
con la Juve ci sar,
dubbio Benzema
quale non frega nulla di quanto
fatto dal capitano Casillas per
il Madrid ma vorrebbe veder
ammainata quanto prima la
sua bandiera. Ingratitudine
massiccia, e anche una discreta
dose di stoltezza, perch se
proprio si vuole manifestare il
proprio distacco dal portiere
del club non cos intelligente
farlo alla vigilia della gara che

LINCIAGGIO MORALE Casillas


non ce la fa pi. Del resto il lin
ciaggio morale prima che tec
nico risale ai tempi della sua
guerra con Mourinho (genesi
del problema) e le accuse sono
pesanti: prima talpa dello spo
gliatoio e ora oltre che scarso
persino avido, accusato di non
mollare la maglia per non per
dere soldi (che gli spettano).
Casillas non si merita un trat
tamento simile e ieri stato di
feso anche da Rafa Nadal, ma
dridista doc. Diverso il caso di
Bale: il gallese in piena crisi e
il suo rappresentante si sfo
gato sul Daily Telegraph: I suoi
compagni devono lavorare di
pi con lui e passargli di pi la
palla perch possa dimostrare
il proprio valore. Quando suc
ceder, Bale diventer il mi
glior giocatore del Madrid.
Chiss cosa ne pensa Ronaldo.
Non c pace per Ancelotti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MERCATO

Per Tevez un anno in pi. E gioved il Dybala-day


1Il club vuole proporre allApache
il prolungamento al 2017. Lagente del
rosanero in Italia: vedr subito Marotta
Carlo Laudisa

tempi brevi due importanti fir


me.

MILANO

opo Madrid la Juve ha in


programma due appun
tamenti decisivi per il fu
turo di Carlitos Tevez e di Paulo
Dybala: il presente e il futuro
per lattacco bianconero. La.d.
Beppe Marotta ha programma
to due distinti incontri dopo il
ritorno della semifinale di
Champions, con la consapevo
lezza di poter raccogliere in

LAPACHE Nei giorni scorsi i


contatti tra Tevez e il Boca han
no subito una brusca frenata e
il club di corso Galileo Ferraris
stato prontamente informa
to. Di fronte alla proposta di un
contratto annuale largentino
ha opposto la richiesta di un
triennale per lasciare anzitem
po Torino. Implicitamente ha
cos dato semaforo verde alle
speranze juventine. Marotta e

Paratici hanno subito preso la


palla al balzo e hanno accelera
to i tempi del vertice con il loro
cannoniere. Lidea della societ
di Agnelli di proporgli un an
no in pi di contratto: giugno
2017. Sempre con un ingaggio
al top: cio sui 5 milioni di euro
pi premi. Ora bisogner vede
re come Carlitos metabolizzer
questa nuova proposta, ma
chiaro che la prospettiva di re
stare nellambiente che gli ha
permesso di tornare ai massimi
livelli lo lusinga non poco.
LA JOYA Intanto sono giorni di
attesa per il verdetto su Dybala.
Il pi appare ormai fatto, visto
che nel summit di gioved scor
so Marotta ha messo a punto

con Zamparini, presidente del


Palermo, un accordo studiato
nei minimi dettagli. La Juven
tus offre 32 milioni di euro (pa
gamento triennale) e concede
4 milioni di bonus. Ora tocca al
giocatore sottoscrivere lintesa.
Sia lInter, ma soprattutto il Mi
lan, in questi ultimi giorni han
no fatto fuoco e fiamme per di
stoglierlo. Gioved atteso in
Italia Pierpaolo Triulzi, il suo
agente. E tutto lascia credere
che la Juve lo veda in fretta per
evitare il pericolo di unasta.
Nelle scorse settimane i cam
pioni dItalia avevano ipotizza
to un quinquennale da 2,5 mi
lioni netti allanno. Vediamo se
basteranno ancora.
Carlos Tevez, 31 anni FORTE

Paulo Dybala, 21 anni LAPRESSE

RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A R Verso la Champions

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

ALLE ORIGINI DI...

adrid
DI MORATA
LA

1 Alvaro Morata, 22 anni, festeggia con la Champions vinta la scorsa stagione con il Real
Madrid 2 Lattaccante a Madrid con la sorella Marta Abril (alla sua destra), alcuni amici
e la fidanzata Maria Pombo (ultima a destra) 3 Alvaro bambino gi con la maglia del
Real ma in versione bionda 4 Con il padre Alfonso in una foto di qualche anno fa IPP

OGGI NIENTE PALLONE


E ALVARITO PIANGEVA
festeggiano i successi del Real.

Filippo Maria Ricci


CORRISPONDENTE DA MADRID
@filippomricci

o zainetto, il pallone e un sorriso. Questo il


bagaglio scolastico di Alvaro Morata. Cos lo
ricorda Jos Benito, suo professore al Prado,
la scuola dove lattaccante della Juventus cresciu
to. Elementari, medie e un pezzo di liceo: passan
do alla cantera del Madrid cambi anche listituto e
chiuse gli studi nel Sek. Il Prado nel quartiere
Mirasierra, Madrid nord, non lontano da Plaza Ca
stilla dove inizia il Paseo de la Castellana che taglia
la citt in verticale e ne disegna la parte pi blanca:
a met sulla sinistra appare il Bernabeu, poi lo stra
done continua e sfocia a Cibeles, la piazza dove si

IL PALLONE IN TESTA Mirasierra un quartiere


elegante, belle case, tanto verde, aria pulita. Il Co
legio El Prado una gran scuola, con un bel cam
po da calcio e strutture adeguate alle esigenze del
barrio. Una distinzione classica che facciamo
parlando dei ragazzi della nostra scuola quella
tra studiosi e futboleros, quelli che li vedi in classe e
sembra che abbiano un pallone in testa piuttosto
che pensare a ci che dicono i professori: Alvaro
apparteneva alla seconda categoria, non riusciva a
staccarsi dalla palla. Il ritratto di un altro profes
sore, Jose Vinuelas, ai microfoni di Punto Pelota. E
ancora Benito: Punirlo era semplice, bastava dir
gli Oggi niente calcio. Erano lacrime a profusio
ne. Alvaro non mai stato un fenomeno a scuo

DISEGNI E PUNIZIONI
AL PRADO, LA CASA DI
MIRASIERRA, QUEL
TRENO PER MOU:
LA MADRID SEGRETA
DEL CENTRAVANTI
DELLA JUVENTUS

13

CONTENUTO
PREMIUM
la, tanto che quando lo chiamarono la prima volta
dalla cantera dellAtletico Madrid dove lo spingeva
il nonno Ignacio, colchonero autentico, il padre Al
fonso disse no. Alvaro era stato bocciato e a casa
volevano che le priorit restassero chiare: lo studio
andava curato.
SOGNANDO RAUL Vincemmo il campionato per
4 anni di seguito ha ricordato a Marca Jos Ruiz,
suo allenatore al Prado. Alvaro era il pi bravo ma
io volevo che giocasse per la squadra: se non passa
va la palla al compagno solo in buona posizione lo
toglievo. A volte faceva un golazo e veniva diretto
in panchina perch sapeva che avrebbe dovuto o
potuto passare la palla. Pap Alfonso ricorda que
gli anni con orgoglio: Madrid era divisa in 20 zo
ne: le squadre che arrivavano prime nel loro girone
disputavano le finali cittadine e col Prado fecero
bene anche contro le grandi: Real, Atletico, Rayo.
Era lunico istituto che otteneva risultati simili e
Alvaro segnava caterve di gol. stato il solo a far
carriera perch la scuola era di ottimo livello e i
suoi compagni, alcuni davvero bravi a giocare,
hanno tutti continuato a studiare. Il piccolo Mora
ta per aveva unidea fossa, sognava il calcio e il
Madrid: quando allallora bimbo biondo biondo fe
cero fare una disegno con la professione sognata si
dipinse calciatore. Nei giorni di scuola svegliarlo
era unimpresa ricordava la sorella Marta in tv
per il sabato e la domenica se aveva una partita
alluna alle 8 era gi in piedi, vestito e con i para
stinchi al loro posto! Viveva per il calcio.
LA FOTO CON MOU Il padre, la madre e la sorella
si alternavano nellaccompagnamento del piccolo
di casa. Che aveva la foto di Raul in camera e come
il suo idolo passato dallAtletico Madrid. Un paio
di anni non semplici perch come ha riconosciuto
lallora responsabile della cantera dellAtletico
Amorrortu voleva pi opportunit e gli preferiva
no Borja Baston, oggi al Saragozza in B. Poi il pas
saggio al Getafe e infine ai 15 anni lapprodo alla
Fabrica, la cantera blanca. Completato il giro sulla
M40, il raccordo madrileno, per arrivare a Valde
bebas: non lontano dal quartiere Mirasierra. Tem
po 3 anni ed ecco la chiamata di Mourinho: Mi ero
appena fatto 6 ore di macchina con mia madre per
arrivare a Malaga e mi chiama il Madrid: Mou
rinho vuole che partecipi alla tournee estiva negli
Stati Uniti con la prima squadra. Presi un treno e
tornai indietro. Era il 2010. Alvaro si mette in ca
mera una foto con Mou e a fine anno prima arriva
il debutto in prima squadra, alla Romareda come
successe anche a Raul, poi quello al Bernabeu: il 22
dicembre, in Coppa del Re il Madrid distrusse il
Levante 80. Benzema e Ronaldo segnarono 3 gol a
testa e gli regalarono il pallone con le loro firme:
Tranquillo, il gol arriver, gli disse il portoghese.
DA MADRID A MADRID Da allora Alvaro cre
sciuto. Dal Castilla passato al Madrid, ha lasciato
casa per andare a vivere da solo, ma non lontano
da Mirasierra, poi un ricorso storico: difficolt a
trovare spazio nel suo Real, chiuso da quel Benze
ma che gli firm il pallone, e la scelta di andare a
Torino facendo entrare nelle casse del Madrid 20
milioni, record per un canterano. Anche qui par
tito in panchina, poi si fatto spazio. Mercoled il
cerchio si chiude. Alvaro torna a Madrid e curiosa
mente si sistema nel suo quartiere, Mirasierra: lal
bergo della Juventus a un chilometro dalla sua ex
scuola. E torna al Bernabeu, ad affrontare Ronaldo
e Benzema (se ce la fa) col sogno di affossare il suo
Real. Non per cattiveria ma per ambizione perso
nale. Laffetto per i colori resta ma oggi le priorit
sono altre: il bianconero e la finale di Berlino. Per
ch il bambino del Prado vuole continuare a cre
scere. E a vincere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

14

Serie A R La rinascita

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LANTICIPO / 1

G.B. Olivero
MILANO

Pogba segna
Rossettini regala
il pari al Cagliari

on vale la pena pensare a


cosa sarebbe successo
se. Tanto non successo.
Non vale la pena dilungarsi
sulle vittorie del Milan contro
la Lazio, il Napoli e la Roma,
perch allora bisognerebbe fa
re altrettanto per i numerosi ri
sultati negativi. Alla fine la
classifica rispecchia i valori e i
rimpianti, che possono pure es
sere legittimi, non cambiano la
realt e magari falsano unana
lisi che deve essere necessaria
mente lucida. Proprio per non
correre il rischio di ripetere
certi errori. Per dagli errori si
pu imparare e dai momenti
positivi si possono trarre valide
indicazioni per il futuro. Il suc
cesso sulla Roma non ha cam
biato la stagione del Milan e
nemmeno i giudizi, ovviamen
te. Per sottolinea limportan
za di un approccio determinato
alla partita e la necessit di
scelte logiche nella preparazio
ne. La differenza, come spesso
accade, lhanno fatta gli episo
di come il palo di Manolas. Pe
r il Milan ha vinto meritata
mente perch ha provato ad
andare oltre i propri limiti, sia
individuali sia collettivi. Non
un caso che il successo sia stato
firmato da due giocatori finora
molto discussi: Marco Van
Ginkel e Mattia Destro.
IL CENTROCAMPISTA Lolande
se ha faticato a uscire dal gu
scio, condizionato da un carat
tere non particolarmente esu
berante e da un inserimento
tattico complicato. E una mez
zala di pensiero pi che di cor
sa, di fosforo pi che di gamba.
Ma le idee a bassa velocit ven
gono intercettate. Un paio di
infortuni nella prima met del
la stagione non lhanno aiuta
to, ma poi Van Ginkel non si
aiutato da solo. Prigioniero di

Marco Van Ginkel, 22 anni, in prestito al Milan dal Chelsea LAPRESSE Mattia Destro, 24 anni, in prestito al Milan dalla Roma AP

Eccoli, finalmente
Il Milan ritrova
Van Ginkel e Destro
1Lolandese cresce, il centravanti colpisce se
arrivano cross. Ma il loro futuro resta unincognita

1091

i giorni passati dallultima


vittoria del Milan con un gol del
numero 9: era Milan-Novara 2-1
(13 maggio 2012), partita e gol
daddio di Pippo Inzaghi

troppe paure, forse offeso per


le panchine che non si aspetta
va, si nascosto a lungo anche
quando giocava. Nelle ultime
settimane c stato un progres
sivo risveglio e il gol alla Roma
il frutto di una maggiore per
sonalit e disinvoltura. Gli in
serimenti in area sono stati po

chi, adesso magari aumente


ranno. E per quanto riguarda il
futuro, Marco ha gi detto pi
volte che il problema non
prolungare il prestito al Milan,
ma giocare pi di quanto fareb
be al Chelsea. E naturalmente
aspetta di sapere il nome del
lallenatore rossonero.

IL CENTRAVANTI Giocare, se
gnare: anche Mattia Destro ha
gli stessi obiettivi. La sua me
diagol sempre stata ottima,
nel Milan per le cose non sono
andate come previsto. E allora
ecco i discorsi sul ritorno alla
Roma e su un futuro pieno di
incognite: Galliani non lo ri
scatter a 17 milioni e potrebbe
richiedere un nuovo prestito.
Lunica certezza quella classi
ca: se gli arriva un cross dal
fondo Destro segna. Il modo in
cui saltato addosso ad Astori
dimostra che non un proble
ma fisico o caratteriale. Mattia
semplicemente un centravan
ti che ha bisogno di cross. Tre
anni dopo quel 21 al Novara
del 13 maggio 2012 (firmato
proprio da Inzaghi), il Milan
tornato a vincere una partita in
cui ha segnato il suo numero 9.
Una maledizione stata scac
ciata via. Adesso bisogna conti
nuare a giocare e segnare per
altre tre partite. Senza pensare
a quello che sarebbe potuto
succedere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

JUVENTUS-CAGLIARI 1-1
MARCATORI Pogba (J) al 45 p.t.;
Rossettini (C) al 40 s.t.
JUVENTUS (4-3-3)
Storari 6; Romulo 6, Barzagli 6,
Ogbonna 6,5, Padoin 6; Pereyra
5,5 (dal 30 s.t. Vitale 6), Marchisio
6,5 (dal 14 s.t. Sturaro 6), Pogba
6,5 (dal 18 s.t. De Ceglie 6); Pepe
5, Matri 5, Coman 6. All. Allegri
CAGLIARI (4-3-1-2)
Brkic 6,5; Balzano 5,5, Ceppitelli
6,5 (dal 28 s.t. Diakit 6),
Rossettini 7, Avelar 5,5; Joao Pedro
5,5, Crisetig 6, Donsah 6 (dal 23
s.t. Sau 5,5); Ekdal 6; Cop 5 (dal 32
s.t. Longo s.v.), Farias 5. All. Festa
ARBITRO Peruzzo 5,5
ESPULSI nessuno
AMMONITI Marchisio, Avelar,
Joao Pedro

LANTICIPO / 2

Inzaghi fa festa
Garcia sbaglia
Totti non basta
MILAN-ROMA 2-1
MARCATORI Van Ginkel (M) al 40
p.t.; Destro (M) al 14, Totti (R) su
rigore al 28 s.t.
MILAN (4-3-3)
Diego Lopez 6; Abate 6, Alex 6 (dal
40 s.t. Mexes s.v.), Paletta 6,
Antonelli 5,5 (dal 22 s.t. Bocchetti
5); Poli 6,5, De Jong 6, Van Ginkel
6,5; Honda 7, Destro 6,5 (dal 29 s.t.
Pazzini 6), Bonaventura 6. All.
Inzaghi
ROMA (4-3-3)
De Sanctis 6,5; Florenzi 6, Manolas
6, Astori 4,5, Torosidis 5; Pjanic 4,5
(dal 25 s.t. Totti 6,5), De Rossi 6,
Nainggolan 5; Ibarbo 4,5 (dal 15 s.t.
Iturbe 6,5), Doumbia 5, Gervinho 6
(dal 30 p.t. Ljajic 5). All. Garcia
ARBITRO Tagliavento 6
ESPULSO Inzaghi (M) al 49 s.t.
AMMONITI Destro, Abate, Mexes,
Torosidis, Florenzi, Pjanic

2015
toro camp
estate granata

Prendi la palla al balzo... Gioca con il Toro!


fino al 15 agosto
city camp diurni
torino - Campo Cit Turin, C.so Ferrucci 63/A
rivalta di torino - Centro Laura Vicua
centro sporting orbassano - Via Gozzano, 11 Orbassano (TO)
camp settimanali
dronero (Cn) Piemonte | limone piemonte (Cn) Piemonte
maen (AO) Valle dAosta | gressoney - st. jean (AO) Valle dAosta
rimini (Emilia Romagna) | villeneuve (AO) Valle dAosta

per informazioni e iscrizioni Segreteria del torino f.c. camp 2015,


c/o STAdiO OLimPiCO di TORinO Via Filadelfia 96/B 10136 Torino
Tel. 011 365332 Cell. 335 7212016 Fax 011 3276295
internet www.torinofc.it e-mail stagestivi@torinofc.it

Serie A R Strategie societarie

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

15

fLA NOTTE DI BERLUSCONI

SE ARCORE GUARDA A ORIENTE


1

Dove Abramovich
rest alla porta,
Silvio canta e ride
Alessio Da Ronch
INVIATO A PORTOFINO (GENOVA)

1. Silvio Berlusconi, 78 anni, presidente onorario del Milan ANSA 2. Wang Jianlin, 60, presidente di Wanda Group, colosso immobiliare cinese EPA
3. Bee Taechaubol, 41, a.d. di Thai Prime, azienda thailandese di private equity (ovvero acquisto di parti di aziende non quotate in borsa) EPA

Silvio: Dalla Cina tre cordate


Due si sono gi annunciate

1Berlusconi conferma i molteplici interessi sul Milan: Servono risorse per tornare
a cercare top player. Lascer quando sar certo di mettere il club in buone mani
Carlo Laudisa
Marco Pasotto

ra il piano A (trovare un
investitore da 200 milioni
lanno) e il piano B (tener
si il Milan e farlo parlare soltan
to italiano), Silvio Berlusconi
continua ricerca e analisi delle
strategie. La tappa genovese
del tour elettorale (oggi Silvio
segnalato a Milano, ma non so
no previsti incontri riguardanti
la cessione del club) stata
unoccasione per iniziare a
chiarire pubblicamente le linee
guida del suo pensiero. Cos,
dalla giornata di sabato sono

venute fuori altre dichiarazioni


di una certa rilevanza, perch a
Primocanale ha detto: In Cina
ci sono decine di milioni di sim
patizzanti per il Milan. Non a
caso dalla Cina sono venute a
oggi tre cordate, e due si stanno
annunciando. E la prima volta
che lex Cav dichiara pubblica
mente lesistenza di pi di una
cordata (e, va da s, di pi di
una trattativa). Una famiglia
come la mia, pur imprendito
riale e industriale, non pu sop
portare dei pesi cos grandi. E
importante cercare qualcuno
che voglia immettere risorse
nuove che possano consentire
di andare ancora a cercare dei

top player. A tutti questi signori


io chiedo se vogliono approfit
tare per se stessi della popolari
t del Milan, oppure se inten
dono veramente fare del Milan
la prima squadra al mondo. Ai
tifosi dico: sto procedendo con
prudenza e saggezza, lascer il
Milan quando avr la certezza
di metterlo in buone mani.
RAPPORTI Intanto il blitz mila
nese di Nelio Lucas ha increspa
to le acque con il club rossone
ro. Nel balletto delle dichiara
zioni di sabato tra Berlusconi e
Galliani non sono mancate le
frecciatine sia alla cordata di
Mr. Bee, sia al suo advisor tecni

co, manager del fondo Doyen.


Proprio la reclamizzata presen
za del portoghese ha indispetti
to non poco i vertici del club.
Non a caso Galliani ha escluso
la nascita di una partnership
con Doyen in assenza di un ac
cordo col broker thailandese.
il segno inequivocabile di un
raffreddamento dei rapporti
negli ultimi giorni, al punto da
mettere in discussione lallean
za di mercato ipotizzata nei re
centi faccia a faccia tra lo stesso
Galliani e Lucas. vero che
Doyen rappresenta Emery, ma
al tecnico spagnolo cera gi ar
rivato da solo. E per tempo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ui vince sempre. Sil


vio Berlusconi laltra
sera spuntato allim
provviso in una delle
piazzette pi note dItalia,
seguito dai suoi dodici invi
tati, quasi tutti dellambien
te politico genovese. atteso
da tanti suoi estimatori e an
che da qualche vecchio ami
co. Lo stoppano, gli chiedo
no foto e autografi, poi, al
limprovviso, nella calca si fa
largo Luigi Miroli, per tutti
Puny, dal nome del suo risto
rante, che lo abbraccia e lo
bacia: C un tavolo per
me?. Quello la risposta
c sempre. Eppure da
queste parti Berlusconi non
lo si vedeva da 5 anni. Altro
che Roman Abramovich,
che, narra la leggenda, si ri
trov stoppato sulla soglia
del ristorante: Scusi non c
posto, torni unaltra volta.
Del resto, davanti a quei ta
volini rest deluso pure
Tronchetti Provera. Ma io
fa notare Puny Silvio lo co
nosco da quarantanni.
CANZONI Berlusconi non re
sta fuori, qui di casa: si
piazza a capotavola e guida
la serata, felice per aver la
sciato il suo Milan in vantag
gio allintervallo. Qui per

Berlusconi sabato sera a Portofino

non si parla di calcio: domina la


politica, con qualche spunto di
moda, visto che al tavolo vicino
a quello dellex Cavaliere se
duto Domenico Dolce, poi si fa
largo la musica. Non appena le
porzioni di pesce al sale sono
sparite dai piatti, lo chanson
nier Carlo piazza la sua sedia al
fianco di quella di Berlusconi e
parte con le sue canzoni. Silvio
canta felice. Puny a ogni mo
mento di respiro accompagna
al tavolo qualche ammiratore:
autografi, selfie, strette di ma
no non vengano negate a nes
suno. Compare una coppia di
spagnoli, poi sbuca una ragazza
francese, alla fine un corpulen
to russo si presenta con un in
glese stentato: Ah, russo. Sa
pesse, ho appena scritto un arti
colo su Vladimir per il Corriere
della Sera. Il Milan ha vinto,
ma nessuno sembra farci caso,
il calcio sembra cos lontano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

Serie A R 35a giornata

UDINESE

SAMPDORIA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

UN POMERIGGIO DA GUERRIERI. GIOVANI E VECCHI

LE PAGELLE

PRIMO TEMPO 0-1


MARCATORI Soriano (S) al 25 p.t.;
Soriano al 17, Acquah (S) al 35, Di
Natale (U) su rig. al 42, Duncan (S)
al 44 s.t.

KONE NON ISPIRA


DOVE GEIJO?
PALOMBO OKAY
DUNCAN TUTTOFARE

UDINESE (4-1-3-2) Karnezis; Widmer,


Danilo, Domizzi, Piris; Hallberg (dal 27
s.t. Heurtaux); Pinzi, Guilherme, Kone
(dall11 s.t. Aguirre); Geijo (dal 1 s.t.
Thereau), Di Natale. PANCHINA
Scuffet, Meret, Bubnijc, Pasquale,
Gabriel Silva, Bruno Fernandes, Perica,
Jankto. ALL. Stramaccioni
BARICENTRO MEDIO 53.6 M
CAMBI DI SISTEMA dal 27 p.t.
4-3-1-2; dall11 s.t. 4-4-2
ESPULSI Stankovic (viceall.) al 22 s.t.
per proteste. AMMONITI Piris per g.s.

UDINESE

KARNEZIS

6,5
3
Impossibile murare Soriano
e poi si ritrova nudo quando
gli arrivano in area orde di maglie
rosse: perlomeno rinvia il 2-0
(Muriel) e il 3-0 (Djordjevic).

1 Afriyie Acquah, 23 anni, prima stagione con la Samp, celebra il gol: per lui una partita quasi perfetta. 2 Alfred Duncan, 22 anni, segna il quarto
gol della Sampdoria. 3 Ovazione per Tot Di Natale: brutta giornata per i tifosi bianconeri, unica gioia il rigore realizzato da Tot GETTY-ANSA

Samp, un allegro tifone


LUdinese imbarca Acquah

1Genovesi letali per Strama: dopo il Genoa pure i blucerchiati

calano un poker che rafforza il 6 posto. Il ghanese spadroneggia


Andrea Elefante
INVIATO A UDINE

n casa lUdinese vede Ge


nova e poi muore, o co
munque prende quattro
pappine: poker servito dal Ge
noa a novembre, stessa mano
ieri con la Samp e la ricaduta
doppia perch cancella certi
messaggi positivi scritti nelle
ultime tre partite, al di l della
sconfitta con lInter. La Samp
doria invece al Friuli vede
lUdinese e poi risorge, perch
le si riaccendono le luci del
flipper: lanno scorso tre gol e
ieri, alla faccia della squadra
che stava diventando tanti tiri
e pochi gol addirittura quat
tro: quanti ne aveva segnati
nelle ultime sei partite e quanti
non ne segnava in trasferta da
dieci anni (ottobre 2005, a
Messina). Dopo sei tappe di

purgatorio tendente allinfer


no, con tre pareggi e tre scon
fitte che lavevano fatta sentire
su un tapis roulant inclinato al
contrario, trova la vittoria che
mancava dal 22 marzo. Vitto
ria indispensabile, soprattutto:
perch le rispalanca la finestra
per guardare lorizzonte del
lEuropa League.
VALZER DELLE COPPIE Baste
rebbero due dati per sintetizza
re una gara che la Samp ha pro
vato a divorare stando attenta
a non strozzarsi e che lUdine
se, tanto pi dopo il 20, ha
mangiucchiato distratta: la
squadra di Mihajlovic non ave
va mai tirato tanto nello spec
chio (11 volte) in tutto il cam
pionato, mentre lUdinese per
la quinta volta nelle ultime set
te gare ha chiuso il primo tem
po senza mirare mai alla porta
avversaria. Stavolta Stramac

cioni inciampato nel suo val


zer delle coppie offensive: n
Thereau n Perica, ma Geijo in
versione fantasma a fare da te
orico partner a Di Natale, che si
ritrovato a ballare quasi sem
pre da solo, per di pi con il
vuoto alle spalle. Ed stato
proprio l, a centrocampo, che
la Samp ha vinto la partita,
smascherando il peso delle as
senze di Allan e Badu, non a ca
so chiavi fondamentali della
vittoria contro il Milan.
FATTI A FETTE Strama ha pro
vato a cambiare posizione ai
centrocampisti (in mezzo pri
ma Hallberg e poi Pinzi, Kone
avanzato trequartista, Aguirre
dirottato a sinistra) e dunque
anche sistema di gioco, ma il
trio di mezzo Samp ha fatto co
munque sempre a fette i dirim
pettai di turno, sotto tutti i
punti di vista. Quantit, ma an

IL PROTAGONISTA

IL NUMERO

11

tiri in porta per la


Sampdoria: mai aveva
tirato cos tanto in tutto
il campionato. Solo tre
i tiri per lUdinese

Luis Muriel con Samuel Etoo ANSA

che qualit del sostegno alle


punte, con Acquah e Duncan
diesel instancabili nelle due fa
si e Soriano che avr fatto felice
Antonio Conte: al c.t. il ragazzo
non serve in versione trequarti
sta, ma gli occorrono come il
pane la sua capacit di giocare
fra le linee e di inserirsi parten
do da dietro. Fra i suoi due gol,
nati da sfondamenti blucer
chiati sulla destra (Wszolek e
Djordjevic), gli unici rimpianti
dellUdinese: una rete regolare
annullata a Thereau e un palo
di Widmer. Ma gi prima la
Samp aveva toccato il 20,
con una tripla chance: parata
su Muriel, palo di Duncan e
murata di Domizzi ancora su
Muriel, tutto in un amen. E do
po il raddoppio di Soriano ha
stralegittimato la vittoria, pri
ma smarrendo con Djordjevic e
Acquah il 30 nelle praterie che
gli si sono aperte davanti e poi
trovando i goltranquillit a ca
vallo del 31 di Di Natale, se
gnato su rigore: doppia beffa
nel giorno della sua festa per i
206 gol (ora 207), visto che
lUdinese, unica squadra di A
ancora a digiuno, non andava
sul dischetto da pi di un anno.
Ma sicuramente lUdinese non
pu considerare beffa la scon
fitta: la settima in casa, dove
ha perso pi partite di quante
ne ha vinte (appena due delle
ultime 13). Non uno score da
squadra con i suoi obiettivi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FESTE AL GOLEADOR CHE DEVE DECIDERE IL FUTURO

Soriano il dolce
Due gol per Conte?
No, per la mamma
Francesco Velluzzi
INVIATO A UDINE

ensi ai gol delle stelle,


Eto e il fischiatissimo ex
Muriel, subisci la deva
stante forza dei centrocampisti
Soriano, Duncan e Acquah. So
no loro che danno la mazzata
allUdinese e trascinano la
Samp verso la desiderata Euro
pa. Forza, corsa, esplosivit,
difesa, tiro. C tutto. E Rober
to Soriano esce per ultimo, non
come Wanda Osiris, ma solo
perch non riesce a far pip e
resta a lungo al doping. Ma sa
che questa doppietta invoglia
Antonio Conte a guardarlo con

4,5
IL MIGLIORE

SAMP (4-3-1-2) Viviano; Wszolek


(dal 30 s.t. Cacciatore), Silvestre,
Munoz, Regini (dal 36 s.t. Coda);
Acquah, Palombo, Duncan; Soriano;
Muriel, Etoo (dall11 s.t. Djordjevic).
PANCHINA Romero, Frison, Rizzo,
Marchionni, Correa, Bergessio,
Okaka. ALL. Mihajlovic.
BARICENTRO MOLTO BASSO
47.4 M
AMMONITI Soriano per c.n.r.,
Regini, Viviano e Coda per g.s.
ARBITRO Di Bello di Brindisi
NOTE Paganti 2.736, incasso euro
22.864,10, abbonati 6.206, quota n.c..
Tiri in porta 3-11. Tiri fuori 8-6. In
fuorigioco 1-1. Angoli 5-6. Recuperi 0
p.t., 3 s.t.

di A.E.

Roberto Soriano, 24 anni GETTY

maggiore attenzione: La dedi


co alla mia mamma e ci tengo
tanto a dirlo perch la sua fe
sta. la mia seconda doppiet
ta, ne feci una lo scorso anno al
Verona. Non sono un attaccan
te e di gol ne faccio pochi, ma
mi sono fatto trovare pronto.
Comunque in questa posizione
dietro le punte mi sono trovato
benissimo, ci avevo gi gioca
to. Alfred Duncan, che riceva
labbraccio del connazionale
Badu, gioisce ancora di pi:
Cercavo il gol dallinizio del
lanno. Sono felice. Ora penso
solo alla Samp e a centrare
lEuropa anche se a inizio anno
lobiettivo era un altro. LInter?
Sono della Samp e a Genova
sto bene. Mihajlovic mi chiede
di dare tutto. Ma anche Strama
mi ha insegnato molto (il tecni
co: Lho fatto esordire in A,
un grande interno sinistro a
tre). Va via con la 10 di Di Na
tale? Ma non laveva scambiata
con Acquah? S, ma io me la
sono fatta dare prima.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Di Natale, unovazione
Strama: Spero che resti
UDINE (fr.vell.) Tot entra
come un re ed esce da
trionfatore, nonostante le 4
pappine che la Samp rifila
allUdinese. Ma la sua festa
non viene rovinata. Perch il
popolo del Friuli l, in piedi
per lui con i cartelloni alzati
con scritto Tot 206
grande. In quel tripudio c
laugurio di rivederlo la
prossima stagione, nel nuovo
stadio. Di Natale entra in
campo con i figli Filippo e
Diletta. Lo aspettano 206
bambini (50 della sua scuola,
la Donatello) che
simboleggiano i gol fatti e il
sorpasso su Roberto Baggio
che si paleser qui mercoled
per abbracciarlo. Boato e
palloncini bianchi e neri in
cielo, maglietta celebrativa
per levento e oggi festa in tv.
Poi patron Gianpaolo Pozzo e

il presidente Franco Soldati lo


premiano con una targa. Gi
sabato alla festa degli sponsor il
numero 10 aveva ricevuto un
regalo. In campo unaltra
storia. LUdinese arranca: Se la
palla di Widmer non fosse finita
sul palo e ci avessero
convalidato il gol di Thereau
parleremmo di unaltra partita,
ma dopo il 2-0 la Samp ha
messo pi fame, dice
Stramaccioni. Che esalta ancora
Di Natale: Vale quel che ha
detto Pozzo: ha un altro anno di
contratto, la scelta sua. A me
in questo primo anno a Udine ha
dato una grande mano, spero
resti, io lho convinto a capire
che pu essere decisivo in pi
modi. Lui ripaga con il primo
gol su rigore. Poi fa due
autografi, un selfie e scappa.Tra
i suoi pensieri.
RIPRODUZIONE RISERVATA

WIDMER 6 Aiuta dietro finch


pu, di testa lo ferma il palo:
avanzato a centrocampo, non si
arrende.
DANILO 5,5 Oscilla, non naufraga:
i mali dellUdinese sono nel mare
di mezzo.
DOMIZZI 6 Morde Muriel senza
complimenti e gli nega il 2-0, dopo
aver gi frenato Etoo.
PIRIS 6 Un buon aiuto per i
centrali: 7 palloni intercettati.
HALLBERG 4,5 A ventanni e alla
2a da titolare, gli servirebbe altra
solidit intorno: Soriano lo frega
due volte. E si fa pure male.
HEURTAUX 6 Si adegua a fare il
laterale destro.
PINZI 5 Il meno confuso, ma si
perde anche lui nello scambio di
posizioni con Hallberg.
GUILHERME 4,5 Lasciato l da
Wszolek sull1-0, il simbolo di un
centrocampo sconquassato.
KONE 4,5 Svagato (14 palle perse)
e da trequartista non d luce.
AGUIRRE 5 A sinistra vaga
spaesato, senza trovare posizione.
GEIJO 4,5 Perch, cera?
THEREAU 5,5 Solo il rimpianto di
un gol annullato e il via allazione
che porter al 3-1.
DI NATALE 6 Dopo un anno non
sbaglia il rigore e sfiora il 4-2 su
punizione. Ma anche 18 palle
perse.
ALL. STRAMACCIONI 5 Molto
orfano di Allan e Badu e molto
tradito da Geijo: scelta-autogol.

SAMPDORIA

7,5

IL MIGLIORE
SORIANO

7,5
Brillantissimo in settimana, e ha
una marcia in pi: annusa spazi
e momenti per fare male, ha
sempre i tempi giusti. E sono 4 gol
in campionato, tutti in trasferta.
VIVIANO 6 Una delle meno
faticose delle sue 200 gare
in Serie A. .Ci prova con Di Natale e
gli va male.
WSZOLEK 6,5 Scelta pi offensiva
di Cacciatore, e paga.
CACCIATORE 6 Prima a destra,
poi a sinistra: basta amministrare.
SILVESTRE 6,5 Essenziale, deciso,
puntuale: garanzia.
MUNOZ 6,5 Senza brividi sia in
mezzo che quando, con Coda,
scivola a destra.
REGINI 6 Azzardi qua e l, ma
senza danni (Coda s.v.).
ACQUAH 7 Solo perch sbaglia il
3-0 prima di segnarlo, per il resto
quasi perfetto. Dietro (recuperone
su Kone, senza rigore) e in
impostazione: record di palloni
giocati (75) e positivi (48).
PALOMBO 6,5 Un fratello
maggiore: con lui accanto Acquah
e Duncan scialano.
DUNCAN 7,5 Palo, assist, gol
sfiorato e il 4-1: dove ti giri, lui c.
MURIEL 6 Poco cattivo quando
potrebbe segnare, generoso
nellassist per il 4-1: lo fischiano, ma
lo rimpiangono.
ETOO 6 Il primo a cercare la porta
per scuotere la Samp. Gioca 25
palloni: pochini, per lui.
DJORDJEVIC 6 Divora un gol e
mezzo, inventa il 2-0: decisivo.
ALL. MIHAJLOVIC 7,5 Gliene
mancano cinque, ridisegna bene la
Samp due volte: prima con
Wszolek, poi con lintuizione
Djordjevic.
DI BELLO Vede
bene sul
contatto
Acquah-Kone e sul rigore, altre
volte non convince ma sul gol
annullato a Thereau Iori lo
inganna: Domizzi non in offside.
IORI 5 COSTANZO 6,
DOVERI 6 PASQUA 6

5,5

Serie A R 35a giornata


FIORENTINA

SUPER VALDIFIORI, TAVANO NON PUNGE


NETO DECISIVO, RODRIGUEZ TROPPO INCERTO

PRIMO TEMPO 1-1


MARCATORI Ilicic (F) al 4,
Saponara (E) al 28 p.t.; Salah (F) al
13, Ilicic (F) al 23, Mchedlidze (E) al
32 s.t.

EMPOLI

EMPOLI (4-3-1-2)
Sepe; Laurini, Tonelli, Rugani, Hysaj;
Vecino, Valdifiori, Croce (dal 20 s.t.
Zielinski); Saponara; Maccarone
(dal 32 s.t. Mchedlidze), Pucciarelli
(dal 28 s.t. Tavano). PANCHINA
Pugliesi, Bassi, Barba, Somma,
Signorelli, Diousse, Verdu, Brillante.
ALLENATORE Sarri.
CAMBI DI SISTEMA nessuno
BARICENTRO ALTO 55,1 M.
AMMONITI Mchedlidze per gioco
scorretto.

1 Il gol di Ilicic, 27 anni, che ha aperto la partita 2 Il gol del raddoppio viola di Salah, 22 3 La rete di
Mchedlidze, 25, in rete subito dopo essere entrato in campo al posto di Maccarone IPP/LAPRESSE/ANSA

Ilicic-Salah, la Fiorentina
si tiene stretta lEuropa

1Montella vince il derby, rinsalda il 5posto e si gode la coppia


anti-Siviglia. Ma che bello lEmpoli di Saponara e Mchedlidze
Luca Calamai
INVIATO A EMPOLI

omunque vada gioved


nella gara di ritorno con
tro il Siviglia la squadra di
Montella quasi certamente sar
nelle coppe anche il prossimo an
no. La sofferta vittoria per 32
nel derby contro lEmpoli per
mette ai viola di difendere il
quinto posto in classifica. E guar
dando il calendario delle ultime
gare solo un clamoroso crollo
verticale trascinerebbe la squa
dra fuori dallEuropa League.
Ipotesi poco probabile. La Fio
rentina non scoppia di salute ma
non neppure in un vicolo cieco.
Sempre restando con un occhio
alla sfida contro gli spagnoli di
Emery, il successo nel derby re
gala allAeroplanino un paio di
suggerimenti importanti. Partia
mo da Ilicic. Lo sloveno in questo
momento il giocatore viola pi

FIORENTINA

in forma. Contro lEmpoli realiz


za la seconda doppietta consecu
tiva in campionato. Per lui, un re
cord. Splendido il primo gol do
po una manciata di minuti con
un sinistro chirurgico, e decisivo
il raddoppio (23 secondo tem
po) con una conclusione da vero
bomber. Due reti e non solo. Al
lattivo per lo sloveno c anche
lassist per il quinto centro in
campionato di Salah. La Fiorenti
na oggi non pu fare a meno di
Ilicic. N in Serie A, n in Europa.
Resta il dubbio su come utilizzar
lo contro il Siviglia. Ieri Montella
lo ha proposto in partenza da tre
quartista per poi avanzarlo nel fi
nale in versione falso nove. Jo
sip andato bene in ogni zona
del campo. Contro gli spagnoli
potrebbe partire con Ilicic e Sa
lah (tra laltro i due si intendono
a meraviglia) alle spalle di un
Gomez, al quale dovrebbe essere
concessa unaltra ultima oppor
tunit. Prima di salutare Firen

ze e la Fiorentina. Laltra indica


zione in chiave Coppa riguarda
Neto. Deludente a Siviglia. Al
punto da far tornare forte la can
didatura tra i pali di Tatarusanu.
Contro lEmpoli il portiere brasi
liano stato decisivo. Il guizzo
con cui ha tolto dai pali al 45 del
secondo tempo una punizione
velenosa di Valdifiori stato un
gesto tecnico fenomenale. Anche
Neto merita la rivincita contro gli
spagnoli. Prima di salutare tutti e
trasferirsi alla corte di Buffon.
CALCIO MODERNO Derby pia
cevole, incerto. LEmpoli di Sarri
conferma tutto quello che di buo
no si detto e si scritto in que
sto campionato. Gli azzurri gio
cano un calcio moderno. Com
pensando con tattica e agonismo
qualche evidente limite tecnico.
Dopo il gol a freddo di Ilicic lEm
poli non alza bandiera bianca.
Anzi, reagisce da squadra tutta
orgoglio. Prima pareggiando con

un sinistro imparabile di un rina


to Saponara poi, mettendo in af
fanno la Fiorentina in avvio di ri
presa. Nel loro momento miglio
re i ragazzi di Sarri beccano
lunodue di Salah e Ilicic. Ma co
munque non si arrendono accor
ciando le distanze con il georgia
no Mchedlidze e sfiorando il pa
reggio con il solito geniale Valdi
fiori. Il primo dei gioielli del
presidente Corsi che saluter la
compagnia. Lo vogliono in tanti.
Lo vuole anche la Fiorentina. Sa
rebbe una perfetta alternativa a
un Pizarro avviato verso la pen
sione. Ma anche Napoli e Milan
sono in agguato. La favola di Val
difiori merita un bel finale. A
proposito di favole, possibile che
non ci sia nessun club in Italia in
teressato a investire sul tecnico
pi rock di questo torneo? Sarri
va in campo in tuta ma le sue idee
calcistiche e come le propone in
campo sono da serata di gala.
RIPRODUZIONE RISERVATA

6,5

IL MIGLIORE

IL MIGLIORE

SAPONARA

ILICIC

FIORENTINA (4-3-1-2)
Neto; Richards (dal 20 s.t. Savic),
Gonzalo Rodriguez, Basanta, Vargas;
Aquilani, Pizarro, Badelj; Ilicic;
Bernardeschi (dal 1 s.t. Salah),
Gilardino (dal 15 s.t. Mati
Fernandez). PANCHINA Tatarusanu,
Pasqual, Alonso, Rosi, Kurtic,
Joaquin, Diamanti, Borja Valero,
Gomez. ALLENATORE Montella.
CAMBI DI SISTEMA nessuno.
BARICENTRO MOLTO BASSO
46.6 M.
AMMONITI Badelj e Vargas per
gioco scorretto.
ARBITRO Gervasoni di Mantova.
NOTE Spettatori paganti 3.677,
incasso di 73.958 euro; abbonati
6201, quota di 40.135 euro. Tiri in
porta: 6-6; tiri fuori: 10-6; angoli: 85; fuorigioco: 1-1. Recuperi: primo
tempo 1; secondo tempo 4.

17

LE PAGELLE di L.CAL.

Segna un gran gol a conclusione


di una bella iniziativa personale.
Sarri ha un altro merito: quello
di aver recuperato uno dei talenti
del calcio italiano.

Due gol e un assist per Salah. Lo


sloveno che a gennaio scorso era
gi stato venduto al Bologna si sta
prendendo la sua personale
rivincita.

SEPE 6 Non ha responsabilit


sui gol.
LAURINI 6 Sempre attento.
TONELLI 5,5 Non riesce a
comandare la difesa come al solito.
RUGANI 6 Conferma di essere
uno dei giovani pi interessanti
del campionato.
HYSAJ 5,5 Un giocatore che tarda
a sbocciare.
VECINO 6 Travolgente quando parte
in verticale palla al piede. Ma da
disciplinare tatticamente.
VALDIFIORI 6,5 E il punto
di partenza di tutte le manovre
dellEmpoli. Sfiora nel finale
il pareggio con una punizione
alla Pirlo.
CROCE 5,5 In ombra.
ZIELINSKI 5,5 Sbaglia un rigore
in movimento sparacchiando sopra
la traversa.
MACCARONE 5,5 Tanta generosit
ma le conclusioni sono da
dimenticare.
MCHEDLIDZE 6,5 Segna una rete
tutta potenza. Ha talento in dosi
industriali. LEmpoli ha gi nuove
stelle in rampa di lancio.
PUCCIARELLI 5,5 Generoso ma
inconcludente.
TAVANO 5,5 Molto movimento ma
non punge in zona gol.
ALL. SARRI 6 Il suo Empoli continua
a proporre un calcio moderno e
divertente.

NETO 7 Decisiva la deviazione sulla


punizione di Valdifiori. Merita di
finire la stagione da titolare prima
di trasferirsi alla Juventus.
RICHARDS 5,5 Tanto fisico ma
piedi ruvidi. Esce per il solito
infortunio.
SAVIC 6 Recita il compitino senza
sbavature.
G. RODRIGUEZ 5 Troppe incertezze
in fase difensiva.
BASANTA 5,5 Come il compagno di
reparto Gonzalo sbanda a pi
riprese.
VARGAS 6 Combattivo, copre tutta
la fascia
AQUILANI 5,5 Una prova senza
lampi.
PIZARRO 6 Trenta minuti di qualit
poi si spenge.
BADELJ 6 Il solito soldatino.
BERNARDESCHI 5,5 Tornava in
campo dopo sei mesi. Ed ancora
lontano dalla forma migliore.
SALAH 7 Decisivo. E luomo che
pu mettere in crisi gioved
prossimo il Siviglia.
GILARDINO 5,5 Partecipa
allazione che porta al gol del
raddoppio di Salah. Nella sua
partita per non c altro.
MATI FERNANDEZ 6Lavora bene
in mezzo al campo.
ALL. MONTELLA 6 Inserisce Salah
al momento giusto.

GERVASONI Derby vivace ma non cattivo. Giuste le


ammonizioni. Sul gol di Salah, la posizione dellegiziano al
limite: questione di centimetri, chiamata difficile.
BIANCHI 6- LONGO 6
MAZZOLENI 6- MERCHIORI 6

SARRI: IL FUTURO? CHI MI VUOLE PARLI CON LEMPOLI

Montella: S, gioved
possiamo fare limpresa
La mente viola in Europa.
O che si commenti la vittoria
a Empoli o che si parli della
semifinale di ritorno col
Siviglia i discorsi finiscono
sempre l. A partire da
Montella che si gode il quinto
posto: Ci teniamo a questa
posizione e adesso ce lo
dobbiamo tenere. Gioved?
Abbiamo bisogno di
convinzione interiore, che io
ho, una cornice di pubblico
particolare e un po di
fortuna. Io ho il dovere di
trasmettere la mia
convinzione alla squadra,
culliamo limpresa tutti
insieme. Maurizio Sarri
invece voleva vincere e si

rammarica: Le statistiche
dicono che abbiamo avuto sette
palle gol contro le loro tre. Mi
dispiace non aver dato una gioia
al nostro pubblico, perch
penso che meritavamo il
risultato. Sul suo futuro: Ho
un contratto di altri due anni
con lEmpoli. Se la societ non
ha idee e offerte differenti, il mio
futuro qui. Ma chi mi vuole
deve parlare con lEmpoli.
Anche il d.s. viola Prad guarda
al Siviglia: Iniziamo a pensare
subito a gioved. Tutti insieme
possiamo farcela, mai dire mai.
Speriamo ci sia lo stadio pieno,
noi ci crediamo.
Giacomo Cioni
RIPRODUZIONE RISERVATA

ad

qu

EMPOLI

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

e
oto
ter, m
o
o
c
s
,
i
pneumatici per auto, cicl

OFFICIAL AGENT FOR ITALY

www.bissrl.it

18

Serie A R 35a giornata

CHIEVO

VERONA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LE PAGELLE di P.F.A.
SCHELOTTO CHE TERZINO, RADO OVUNQUE
GOMEZ DECISIVO, CAMPANHARO BOCCIATO

PRIMO TEMPO 2-2


MARCATORI Paloschi (C) al 9,
Gomez (V) al 20, Toni (V) al 26,
Pellissier (C) su rigore al 40 p.t.

CHIEVO

CHIEVO (4-4-2) Bizzarri; Schelotto,


Dainelli, Cesar, Biraghi (39 s.t.
Sardo); Birsa (14 s.t. Botta), Izco,
Radovanovic, Hetemaj (13 p.t.
Cofie); Paloschi, Pellissier.
PANCHINA Bardi, Seculin, Pozzi,
Gamberini, Christiansen, Vajushi,
Fetfatzidis, Frey, Meggiorini.
ALLENATORE Maran.
CAMBI DI SISTEMA 33 pt 4-3-1-2.
BARICENTRO MEDIO 53 M.
ESPULSI Maraner (viceallenatore)
per proteste al 46 st
AMMONITI Schelotto e Cesar per
gioco scorretto, Hetemaj per c.n.r.
VERONA (4-3-3) Rafael; Pisano,
Moras, Rodriguez, Agostini;
Obbadi, Tachtsidis, Hallfredsson
(21 s.t. Campanharo; 44 s.t.
Lopez); Jankovic, Toni, Gomez (21
s.t. Valoti).
PANCHINA Benussi, Gollini,
Saviola, Marques, Sorensen,
Christodoulopoulos, Marques,
Fernandinho, Martic, Fares.
ALLENATORE Mandorlini
CAMBI DI SISTEMA nessuno
BARICENTRO BASSO 49 M.
ESPULSI Bordin (viceallenatore)
per proteste al 46 p.t.
AMMONITI Jankovic per c.n.r.,
Obbadi, Toni, Gomez e Tachtsidis
per gioco scorretto.
ARBITRO Rizzoli di Bologna.
NOTE spettatori non comunicati.
Tiri in porta 4-4. Tiri fuori 9-5. In
fuorigioco 4-1. Angoli 11-3. Recuperi
2 p.t., 3 s.t.

Pierfrancesco Archetti
INVIATO A VERONA

iccome era il quasi tren


tennale dello scudetto
veronese (12 maggio
1985, pareggio a Bergamo con
lAtalanta), e siccome molti che
adesso stanno con il Chievo a
quel tempo erano per lHellas
di Bagnoli, senza che si offen
dano ma le categorie erano
troppo lontane, le due squadre
della citt sono riuscite in que
sto derby a far contenti gli spet
tatori. Non come lo erano tre
decenni fa, chiaro. Per chi ha
sofferto di pi non ha perduto;
chi crede negli idoli ha applau
dito le reti di Luca Toni e Sergio
Pellissier; chi ha sacrificato la
gita al lago che per reclama
re attenzione ha spedito al
Bentegodi il vento dellestate
ha abbronzato la sua passio
ne con esultanze e arrabbiatu
re, come il calcio comanda. il
primo pareggio in Serie A, il
terzo in generale. Rolando Ma
ran spiega con il sorriso che il
Chievo ha fatto di pi per vin
cere, e forse ci sarebbe riuscito
se ci fosse stato dato un rigore
per mani di Jankovic. Ma sia
mo contenti del nostro campio
nato e di aver mantenuto la su
premazia cittadina. Andrea
Mandorlini invece racconta pi
serio che il risultato giusto
perch potevamo andare allin

1 abbonamento a

6,5

C un po pi Chievo
ma lHellas ha Toni
Derby da lieto fine
1Primo pari in A tra le veronesi ormai salve, a 30 anni
dallo scudetto. A segno Paloschi, Gomez e Pellissier
tervallo in vantaggio e poi in
vece nel secondo tempo ci sia
mo un poco fermati.
I MOTIVI vero che il Chievo,
imbattuto da sei partite, stato
pi continuo e nella ripresa ha
governato a lungo il match,
senza per arrivare ad occasio
ni sensazionali. Ma innegabi
le che lHellas prima sia riusci
to ad uscire dai propri errori di
fensivi e a individuare quelli
dei rivali. Le due reti sono qua
si simili, su punizioni indirette
mai successo prima al Chie
vo e tempi vincenti di Go
mez (testa con deviazione) e
Toni (spaccata scaccia avversa
ri). Mentre quelle che hanno
dato vantaggio e 22 nascono
da letture sbagliate dellultima
linea di Mandorlini: la dormita
su un molle traversone permet
te a Pellissier di saltare in testa
a Moras per lassist a Paloschi,
defilato oltre Rodriguez e Pisa
no. E il rigore del pari una

mossa scaltra di Pellissier, che


rotola sulla spinta di Rodri
guez, e una sciocchezza del di
fensore che avrebbe dovuto te
nere la linea e non seguire la
punta fin davanti alla porta.
Ma il derby degli allenatori
anche la modifica di Maran da
442 a 4312 quando in
svantaggio, oppure gli sposta
menti di Mandorlini in mezzo,
con Tachtsidis che lascia il cen
tro a Obbadi o ancora Gomez e
Hallfredsson appena recupera
ti che reggono unora. E la diffi
colt di fermare il Chievo sta
nella bocciatura di Campanha
ro, dentro per lislandese e nel
finale sostituito a sua volta da
Nico Lopez.
PI GIALLI CHE BLU Ci sono ot
to ammoniti e due espulsi, i vi
ceallenatori, per le sentenze
di Rizzoli avvengono quasi tut
te (sei) nella prima mezzora,
dimostrazione di un pugno du
ro per non farsi sfuggire il ma

in ogni confezione promozionale*

*Operazione a premi valida dal 01/03/2015 al 01/03/2016 per tutte le confezioni promozionali,
nelle farmacie aderenti. Regolamento su sustenium.it

sustenium.it

tch che poi diventa inevitabil


mente morbido, altrimenti sa
rebbe finita con pochi in cam
po. Luca Toni, 38 anni in
questo mese, ancora una vol
ta decisivo per lHellas: Spero
di diventare capocannoniere,
ci tengo. Mancano tre partite e
Tevez non distante. Un gol
pi avanti. Sergio Pellissier, 36
da un mese, al primo centro
nella sfida cittadina: la cilie
gina sulla torta di una carriera
positiva. Mi auguro ci siano an
cora tante partite cos tra le
squadre di Verona. Al 51, per
ricordare il gol di Elkjaer che
diede la certezza dello scudet
to trentanni fa a Bergamo, tut
ta la parte di stadio dellHellas
si esibita in una sciarpata
collettiva. Gli altri hanno fatti
finta di niente, per si sono ac
contentati di questo Chievo an
cora una volta salvo. E al mo
mento davanti agli amici di un
tempo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL MIGLIORE

IL MIGLIORE

PELLISSIER

TONI

Luca Toni, 37 anni, firma il temporaneo 2-1, il 19 centro di questa straordinaria stagione nel Verona ANSA

VERONA

Non aveva mai segnato nel derby:


parte con lassist, si piglia il rigore e
lo trasforma con precisione nel sesto
centro stagionale. Nella ripresa un
tiraccio gli abbassa la media.

Arriva a quota 19, manca ancora


un gol per eguagliare la stagione
scorsa. Non continuo ma
fondamentale negli episodi,
traversa compresa.

BIZZARRI 6 Difensori distratti


o deviazioni fortuite gli tolgono la
possibilit della parata, ferma una
volta Gomez.
SCHELOTTO 6,5 Terzino per
lassenza di Frey, cresce nella
ripresa. Sar squalificato
DAINELLI 6 Toni un amico e pure
un pericolo. Gli arriva davanti, lui
si salva con la traversa.
CESAR 6 Consueta ammonizione,
per il resto limita i danni.
BIRAGHI 6 Perde limpossibile nel
duello fisico con Toni sul 2-1. Scende
e tira per rifarsi: 7 cross. (Sardo s.v.)
BIRSA 6 Cambia tre volte: destra,
sinistra, centrale. Intermittente.
BOTTA 6 Trequartista per Birsa,
qualche iniziativa non conclusa.
IZCO 6 Coinvolto negli spostamenti
in mezzo, ha la supremazia sui rivali.
RADOVANOVIC 6,5 Lancia e cuce,
non viene affrontato alto quindi ha
tempo: 62 passaggi ok e 9 palle
recuperate.
HETEMAJ S.V. Un paio di tafferugli
ma dopo 12 k.o.
COFIE 6 Entra per Hetemaj, fatica a
trovare la posizione, poi arriva a 10
tra recuperi e contrasti vinti.
PALOSCHI 7 Infila l1-0, ci prova fino
allultimo. entrato in 6 degli ultimi 9
gol, con 5 centri e un assist.
ALL.MARAN 6,5 Squadra presente
fisicamente, cambia il centrocampo
e fa ripartire i suoi.

RAFAEL 6 Deve guardare sui gol.


Il Chievo tira tanto ma spesso fuori.
E.PISANO 6 Al posto di Sala, non
legge bene la scena dell1-0 poi offre
cross invitanti e salva su Botta.
MORAS 6 Sovrastato spesso
di testa, vedi l1-0, ma si riscatta
quando all87 toglie a Paloschi
un servizio da gol.
GU. RODRIGUEZ 5 Lerrore sul
rigore quello di aver tenuto il rivale
cos basso davanti alla porta.
AGOSTINI 5,5 Timidezze di fascia
sinistra, soprattutto nella ripresa.
OBBADI 6 Aggredisce, piglia un
giallo e ne rischia un altro, diventa
organizzatore: 55 passaggi ok.
TACHTSIDIS 5,5 A lungo mezzala,
non ha la corsa per reggere il ruolo.
HALLFREDSSON 6 Due punizioni
al bacio per le due reti, viene da un
infortunio e va in apnea fino al
cambio.
CAMPANHARO 5,5 Sostegno
centrale, Mandorlini lo mette e lo
toglie in 23 minuti (N.Lopez s.v.)
JANKOVIC 6 Inizio rissoso: giallo.
Spesso pi centrocampista, ha 5
cross e due occasioni create.
J.GOMEZ 6,5 Al rientro, trova il gol
che fa risalire lHellas. Quinto sigillo.
VALOTI 6 Al posto di Gomez, cerca
di non sbagliare.
ALL. MANDORLINI 6 Impiega un
po troppo a capire la sofferenza del
centrocampo nella ripresa.

RIZZOLI Parte a cartellini spianato (6 gialli in 28 minuti)


poi cambia metro e per falli simili non lo estrae pi:
un mani di Jankovic era rigore.
PETRELLA 6 FIORITO 6
VALERI 6 ROS 6

5,5

Paloschi: Meritavamo di pi
Scontri tra tifosi: quattro feriti
VERONA Il volto sorridente
di Paloschi e Gomez, che
hanno timbrato il cartellino
marcatori, limmagine bella
del derby. Dice Paloschi (a
bersaglio anche allandata):
Il Verona stato bravo a
sfruttare i calci piazzati ma la
partita labbiamo fatta noi. Ai
punti probabilmente
avremmo meritato di vincere
e forse osando di pi nel
finale ci saremmo riusciti.
Juanito Gomez raggiante
per il primo gol nel derby:
Abbiamo preparato la
partita per portare a casa i
tre punti e superare il Chievo
in classifica ma loro stavano
meglio fisicamente e nel
secondo tempo non siamo
riusciti a fare di pi. Il rigore?

Se te lo fischiano contro ti
lamenti, se non lo danno idem.
INCIDENTI Non tutto filato
liscio fuori dallo stadio. Al
mattino, secondo la
ricostruzione della Polizia, 17
tifosi del Chievo sono stati
aggrediti da sostenitori
dellopposta sponda nel
parcheggio loro riservato e
presi a cinghiate: quattro feriti,
di cui uno suturato alla testa.
Dopo la gara, tensione tra un
gruppo di tifosi dellHellas e tre
argentini del Chievo (Izco, Botta
e Schelotto) in compagnia di
mogli e amici. Per placare gli
animi sono intervenuti i
Carabinieri.
Giancarlo Tavan
RIPRODUZIONE RISERVATA

ENERGIA? SU CON

Quando devi fare tante cose e hai bisogno di pi energia


c' Sustenium Plus!
Sustenium Plus ha una formula unica, con Creatina,
Arginina, Beta Alanina, Vitamine e Sali minerali,
studiata per trasformare i nutrienti in energia
ed aiutarti a stare su tutto il giorno.
giorno

Serie A R 35a giornata


PALERMO

ATALANTA

LE PAGELLE di F.C.
RIGONI E QUAISON OK, DELUSIONE BELOTTI
GOMEZ SCATENATO, BIAVA IMPECCABILE

PRIMO TEMPO 1-2


MARCATORI Baselli (A) al 6, aut.
Andelkovic (P) al 17, Vazquez (P) al
43 p.t.; Gomez (A) al 6, Rigoni (P) al
23 s.t.

PALERMO

PALERMO (3-5-1-1) Ujkani; Vitiello,


Gonzalez, Andelkovic (dal 34 p.t.
Quaison); Rispoli, Rigoni, Jajalo (dal
32 s.t. Maresca), Chochev, Lazaar
(dal 14 s.t. Daprel); Vazquez; Belotti
PANCHINA Fulignati, Ortiz, Terzi,
Milanovic, Joao Silva, Della Rocca,
Accardi, Bentivegna, Dybala.
ALL. Iachini.
CAMBI DI SISTEMA dal 34 p.t.
4-3-1-2.
BARICENTRO MOLTO ALTO
57,3 M.
AMMONITI Gonzalez per proteste.

Edi Reja compir 70 anni ad ottobre e vuole continuare ad allenare lAtalanta: quando let non un problema

Il Palermo gi in ferie
LAtalanta quasi salva

1Rosanero senza Dybala e con la testa altrove. I nerazzurri

allungano sul Cagliari: +8. Avramov espulso. Reja: Voglio restare


Francesco Caruso
INVIATO A PALERMO

e esistono casi in cui la


matematica unopinio
ne, questo uno di quelli.
AllAtalanta infatti manca un
solo punto per avere il conforto
aritmetico e dirsi certa di gioca
re per il quinto anno consecuti
vo in A, ma con tre partite a di
sposizione sar quasi impossibi
le per il Cagliari recuperare 8
lunghezze di ritardo ai berga
maschi. E per una strana coinci
denza potrebbe essere lo stesso
Palermo, che ieri ha dato via li
bera ai nerazzurri, a consegna
re anche lultimo pass alla squa
dra di Reja, se domenica riusci
r a non perdere in Sardegna.
Certo, non i rosanero visti al
lopera in questoccasione: svo
gliati, stanchi e ormai privi di
stimoli. Oltre che di Dybala, ri
masto in panchina per non met
tere repentaglio quel pacco di

1 abbonamento a

ATALANTA

milioni (una quarantina, pi o


meno) che arriver nelle casse
rosanero dalla sua cessione (al
la Juve, probabilmente) ormai
imminente.
ANSIA DA PRESTAZIONE Pec
cato che il suo sostituto, Belotti
sia stato frenato dalla cosiddet
ta ansia da prestazione: da tan
to tempo aspettava di giocare ti
tolare, per di pi contro la squa
dra della sua citt che laveva
bocciato da ragazzino prima
che lo scoprisse lAlbinoleffe
che, altra ironia della sorte,
proprio ieri ha detto addio al
calcio professionistico, retroce
dendo in D. Chi invece non pen
sa agli addii Reja, che ha con
fermato di voler rimanere sulla
panchina atalantina pure la
prossima stagione. Nonostan
te i prossimi 69 anni e finch il
cuore mi regge, mi sento di alle
nare, anche se ormai sono il pi
anziano in attivit in Europa.
La terza vittoria in trasferta

(lultima il 18 gennaio sul Mi


lan) arriva nel giorno in cui
mancano Sportiello e Denis. E
col portiere titolare fra i pali dif
ficilmente sarebbero arrivati il
rigore e lespulsione di Avramov
che si fa buggerare da Vazquez.
Il serbo prima dribbla largenti
no e poi si attarda a liberarsi del
pallone e quando Vazquez tor
na alla carica sottraendogli la
sfera, Avramov lo scalcia. Inuti
le il gol di Rigoni: larbitro ha
gi fermato il gioco per indicare
il dischetto ed estrarre il rosso,
Belotti poi fa cilecca dal di
schetto.
ANCHE UN AUTOGOL LAtalanta
impiega poco pi di un quarto
dora a ipotecare il prezioso suc
cesso: inaugura Baselli, al pri
mo gol in A in conclusione di
una bella manovra avviata da
Gomez e proseguita da Pinilla,
che spalle alla porta stoppa a se
guire per il compagno che infila
di prima intenzione. E una deci

in ogni confezione promozionale*

*Operazione a premi valida dal 01/03/2015 al 01/03/2016 per tutte le confezioni promozionali,
nelle farmacie aderenti. Regolamento su sustenium.it

sustenium.it

na di minuti dopo, un angolo


velenoso di Gomez costa lauto
gol ad Andelkovic che anticipa
tutti, in perfetto stile goleador.
Iachini passa al 4312 arre
trando Lazaar e Rispoli e affian
cando Quaison a Belotti (fuori
Andelkovic). Il break del Paler
mo poco prima del riposo arriva
da un incursione dello svedese,
che fa fuori Baselli e Zappaco
sta e porge a Rigoni, dal cui tiro
sporco nasce un assist a palom
bella per Vazquez, il quale trova
lo spiraglio giusto per infilare
Avramov sul primo palo. Nella
ripresa il Papu ristabilisce le di
stanze con una bella conclusio
ne di controbalzo a coronamen
to della sua migliore prestazio
ne in nerazzurro. Il gol di Rigo
ni, assist di Jajalo, serve solo a
dare mordente alla gara fino al
lultimo secondo. Ma nulla
cambia pi. E alla fine lAtalan
ta scatena la festa salvezza, alla
faccia della matematica.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL MIGLIORE

IL MIGLIORE

LUCA
RIGONI

GOMEZ

6,5

ATALANTA (4-3-3) Avramov;


Zappacosta, Biava (dal 16 s.t.
Benalouane), Masiello, Dram; Baselli
(dal 1 s.t. Cigarini), Migliaccio,
Carmona; DAlessandro (dal 12 s.t.
Frezzolini), Pinilla, Gomez
PANCHINA Merelli, Stendardo,
Scaloni, Bianchi, Moralez, Rosseti,
Emanuelson, Cherubin,
Boakye.ALLENATORE Reja.
CAMBI DI SISTEMA nessuno.
BARICENTRO MOLTO BASSO
36,1 M.
ESPULSI Avramov all11 s.t. per
gioco scorretto. AMM. Zappacosta e
Biava per gioco scorretto.
ARBITRO Calvarese di Teramo.
NOTE Paganti 4.062, incasso 29.225
euro; abb. 9.730 quota 115.601 euro.
Tiri in porta 88 (una traversa per
parte). Tiri fuori 10-2. Fuorigioco 1-0
Angoli 13-3. Recuperi p.t. 1; s.t. 6.

19

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Nel secondo tempo prende


per mano la squadra: segna un gol,
ma potevano essere tre, compreso
quello annullato per concedere il
rigore e il salvataggio di Biava

Avvia lazione del primo gol, calcia


langolo che porta Andelkovic
allautogol, ma la perla il tiro al
volo del 3 a 1. Come non bastasse si
sbatte anche in difesa

UJKANI 5,5 Poteva fare meglio sui


primi due gol, soprattutto su Baselli.
Imparabile la perla di Gomez.
VITIELLO 5,5 Colpevole sulla rete
che sblocca la partita.
GONZALEZ 6 Si batte e salva
qualche palla importante, sfiora
anche un gol.
ANDELKOVIC 5 Sfortunato ma
anche sprovveduto sullautogol:
colpisce come un centravanti.
QUAISON 6,5 Il suo ingresso
rivitalizza i rosanero, va vicino al gol
e mette lo zampino nelle due reti.
RISPOLI 5,5 Non usa tanto la
fascia e sbaglia qualche traversone.
JAJALO 5,5 Ha un cattivo impatto,
azzecca solo lassist per Rigoni.
MARESCA 6 Entra a freddo ma col
ritmo giusto, si perde alla distanza.
CHOCHEV 6 Ha sulla testa la palla
del 2-0, ma gli nega il gol Biava.
Prestazione a corrente alternata.
LAZAAR 5 Festeggia nel peggiore
dei modi la sua prima partita da
cittadino italiano.
DAPRELA 5,5 Un inserimento che
non d nuova linfa ai suoi.
VAZQUEZ 6 Trova lottavo gol dopo
quasi 3 mesi di astinenza.
BELOTTI 5,5 Sfortunato sul rigore
finito sulla traversa, in generale non
riesce a lasciare molte tracce.
ALL. IACHINI 6 Deve fa rifiatare
Dybala e non trova il miglior Belotti.

AVRAMOV 5 Compie un mezzo


miracolo su Rispoli e poi si ripete su
Quaison, incerto sul gol di Vazquez.
Che pasticcio sullespulsione.
ZAPPACOSTA 6 Si fa saltare
sullincursione di Quaison, lotta e
prova anche la conclusione.
BIAVA 7 Salva due volte sulla linea,
non perde un contrasto.
BENALOUANE 6 Di testa le prende
tutte lui.
MASIELLO 6 Soffre un po Quaison
esce per infortunio: perde i sensi.
DRAME 6 Cerca di limitare i danni.
BASELLI 5,5 Corresponsabile su un
gol rosanero: si fa scappare
Quaison.
CIGARINI 5,5 Un ingresso il suo
quasi impalpabile.
MIGLIACCIO 6 Uno dei tanti ex
che ci teneva a far bella figura.
CARMONA 6 Lotta e sbroglia
qualche situazione intricata.
DALESSANDRO 6,5 Mette un
pallone perfetto sui piedi di Gomez
per la terza rete.
FREZZOLINI 6,5 Incassa un gol
senza colpe. Poi buoni interventi.
PINILLA 6 Sulla prima rete pi che
un assist il suo sembra uno stop
sbagliato. Per il resto fa temere.
ALL. REJA 6,5 Si pu dire che
metta il timbro sulla salvezza con
una vittoria fortunata ma anche
meritata

CALVARESE
Poteva anche concedere il gol di Rigoni, invece di optare
per il rigore. Sbaglia ad ammonire Biava
BARBIRATI 6-STALLONE 6
CERVELLERA 6-SACCHI 6

Che paura, Masiello sviene


In ospedale per precauzione
PALERMO Soltanto qualche
attimo di paura per Andrea
Masiello dopo lo scontro con
Benalouane. Il difensore
dellAtalanta si ripreso subito
dallo svenimento, ma rimasto
sotto osservazione allospedale
Villa Sofia di Palermo. Felice
Reja per il suo giocatore e per il
risultato. La bella notizia per
quella di Masiello, ci eravamo
preoccupati e non abbiamo
esultato pi di tanto per la
vittoria dice il tecnico - Questo
successo una manna dal cielo,
perch il punto che ci manca
per la salvezza aritmetica nelle
prossime tre gare lo facciamo di
sicuro. Il calcio fatto di
episodi, a noi andata bene.
Per, come altre volte, non
abbiamo fatto una prestazione

di alto livello, a causa del timore


per questo tipo di partite.
Spesso in questo scorcio di
campionato non siamo stati
capaci di chiudere lincontro in
tempo. Con il Palermo
successa la stessa cosa.
Labbiamo vinta perch i ragazzi
hanno voluto a tutti i costi i tre
punti. Iachini vuole iniziare a
studiare il Palermo che verr:
Lesclusione di Dybala?
Dobbiamo guardare al futuro,
giusto dare spazio a Belotti. Nel
complesso abbiamo fatto una
buona gara, ci mancata un po
di fortuna. Il mio futuro? Io ho
un contratto qui a Palermo e in
questo senso non c bisogno di
dire altro.
Fabrizio Vitale
RIPRODUZIONE RISERVATA

LALLENAMENTO
SI FA DURO? SU CON

Quando devi resistere alla fatica c Sustenium Energy Sport!


Sustenium Energy Sport ha una formula ipotonica e tecnologicamente
avanzata con Sali minerali, Carnitina, Taurina, Glutammina ed isomaltulosio,
studiata per reintegrare i Sali persi con la sudorazione e sostenere
lorganismo nelle sessioni di allenamento anche prolungate.
prolungate

20

Serie A R 35a giornata

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LE PAGELLE

IL POSTICIPO

di A.TO.

Genoa-Torino:
per Gasp resta
uneurosfida

DEFREL MERITA
DI RESTARE IN A
MISSIROLI REGISTA
E UOMO CHIAVE
CESENA

AGLIARDI 6 Non pu fare nulla sui


gol.
PERICO 6 Fa pari nel duello di
fascia con Sansone.
CAPELLI 5,5 Si fa beffare da Zaza
nelloccasione dell1-2.
KRAJNC 5,5 Inizia bene poi cala
come tutto il reparto difensivo.
RENZETTI 5 Contro Berardi dura
marcare e attaccare.
DE FEUDIS 5 Fatica a tenere i ritmi
alti, il primo a pagare la rimonta.
TABANELLI 5 Spreca unoccasione
doro tirando addosso al portiere.
CASCIONE 6 Innesca il sigillo di
Defrel, corre e copre, cerca il 3-3
ma Consigli glielo nega. Cazzola
s.v.
DEFREL 6,5 (il migliore) Il suo gol
da manuale del contropiedista.
Poii fa lassist del raddoppio. Merita
di rimanere in serie A.
BRIENZA 6,5 Nellazione del 2-0
mette a sedere Peluso come Messi
ha fatto con Boateng. Uno cos non
va sprecato in B.
CARBONERO 6 Fa il break del
raddoppio, nella ripresa non si
ritrova.
RODRIGUEZ 5 Il flop. Un tiro alto e
il resto nebbia.
DJURIC 5,5 Gioca uno spezzone,
fa una sponda e poco altro.
ALL. DI CARLO 6 La retrocessione
non figlia di questo risultato, ci ha
provato subentrando in una
situazione difficile.

SASSUOLO

1Il tecnico
spera di riavere
la licenza Uefa e
cambia modulo.
Granata stanchi
Lesultanza di Domenico Berardi, 20 anni (a sinistra) e Simone Missiroli, 28 anni, autore del terzo gol LAPRESSE

Sassuolo e Zaza,
una doppia sveglia
E il Cesena saluta

Francesco Bramardo
Alessio Da Ronch

uovi eroi e vecchie


conoscenze. Genoa e
Torino si presentano
al duello decisivo per la loro
corsa ad un posto in Europa
(pazienza se la licenza Uefa
dei rossobl al momento
stoppata, Gasperini e la
squadra mostrano fiducia
nella societ e nel futuro),
cercando i gol decisivi con
filosofie contrapposte.

1Di Francesco torna a vincere in trasferta dopo


4 mesi, lattaccante in gol dopo 3: romagnoli in B

6,5

CONSIGLI 7 Salva la vittoria con


due parate da kamikaze.
VRSALJKO 6 Spinge molto anche
se la qualit dei cross non lascia il
segno.
CANNAVARO 5,5 Si fa infilare da
Defrel.
ACERBI 5,5 Non chiude sul primo
gol, viene mangiato in velocit.
PELUSO 6 Brienza lo scherza
nellazione del raddoppio, nella
ripresa sfiora il gol di tacco.
TAIDER 6,5 Produce quantit col
merito di segnare il pari.
MISSIROLI 7 (il migliore) Attorno
alla sua rega cresce la squadra
nel momento della rimonta, tocca
a lui sigillarla diventando il match
winner. Chibsah s.v.
BIONDINI 6 Da buon ex gioca una
partita volitiva e attenta.
BERARDI 6,5 Entra con una volata
e un assist nei primi due gol. Natali
s.v.
ZAZA 6,5 Torna al gol dopo un
digiuno lunghissimo. Adesso pu
riconquistare la Nazionale.
SANSONE 6 Nel primo tempo il
pi vivo davanti.
FLORO FLORES 6 Aiuta a gestire il
vantaggio col possesso palla.
ALL. DI FRANCESCO 6,5
Nellintervallo scuote la squadra, la
vittoria in rimonta e la salvezza
anticipata sono punti a suo favore.
BANTI Sorvola
su un mani di
Krajnc in area
(c lombra del rigore),
DOBOSZ 6 -RANGHETTI 6
PAIRETTO 6- AURELIANO 6

Andrea Tosi
INVIATO A CESENA

opo 1.001 di digiuno,


ovvero 11 partite senza
buttarla dentro, Simone
Zaza si toglie dalle spalle la
scimmia del gol che non arri
vava dall1 febbraio scorso,
quando Sassuolo super lIn
ter. Ma il fiuto del bomber an
cora attivo. In avvio di ripresa,
Zaza si libera a centro area con
un controllo di tacco di due av
versari e con rasoterra infila
Agliardi avviando la rimonta
della sua squadra che fino al
quel momento perdeva 02 e
sembrava gi in vacanza sotto
il sole romagnolo. Cos nasce
unaltra partita, quella che ve
de il Sassuolo tornare al suc
cesso esterno a distanza di 4
mesi (6 gennaio: 21 sul campo
del Milan) e che certifica, an
che per laritmetica, la conqui
sta della salvezza per il secon
do anno di fila. E il k.o. deter
mina la retrocessione del Cese
na che torna in B ad un anno
dalla risalita. Il derby emilia
noromagnolo sancisce due
verdetti forti ed opposti.
CESENA CON ONORE I bianco
neri di Di Carlo vogliono a tutti

i costi rinviare la caduta tra i


cadetti. Cos nel primo tempo
colpiscono due volte in contro
piede. Dapprima con la volato
na di Defrel che si mangia 40
metri di campo fino a scavalca
re Consigli. Poi con Brienza
che irrompe in area sul break
di CarboneroDefrel e fa un nu
mero alla Messi chiudendo la
veronica su Peluso con un toc
co sotto. Il 20 meritato ma
nella ripresa il Cesena si scio
glie perch tutto (vedi la vitto
ria dellAtalanta) gira male.
SASSUOLO CAZZIATO Negli
spogliatoi Di Francesco alza i
decibel per scuotere i suoi. Nel
giro di 6 il Sassuolo recupera
la parit: Zaza, al nono sigillo
stagionale, accorcia su unin
cursione di Berardi che poco
dopo serve un assist doro a
Taider, trasformato dallex in
terista nel 22. Col Cesena pro
vato e rassegnato, gli ospiti
spingono per vincere e puntua
le arriva il missile di Missiroli
che insacca con un gran destro
dal limite sotto lincrocio dei
pali sfruttando un errore di Ta
banelli. Per il Sassuolo rima
neggiato e superficiale degli
ultimi tempi sono tre punti che
aprono nuovi orizzonti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CESENA

SASSUOLO

PRIMO TEMPO 2-0


MARCATORI Defrel (C) al 15, Brienza
(C) al 29 p.t.; Zaza (S) al 3, Taider (S)
al 6, Missiroli (S) al 24 s.t.
CESENA (4-2-3-1) Agliardi; Perico,
Capelli, Krajnc, Renzetti; De Feudis
(dal 24 s.t. Tabanelli), Cascione (dal
40 s.t. Cazzola); Defrel, Brienza,
Carbonero; Rodriguez (dal 33 s.t.
Djuric). PANCHINA Leali, Bressan,
Giorgi, Lucchini, Volta, Succi,
Mudingayi, Dalmonte, Ze Eduardo.
ALL. Di Carlo.
CAMBI DI SISTEMA nessuno
BARICENTRO MEDIO 53.0
AMMONITI Brienza per proteste,
Carbonero per gioco scorretto.
SASSUOLO (4-3-3) Consigli; Vrsaljko,
Cannavaro, Acerbi, Peluso; Taider,
Missiroli (dal 49 s.t. Chibsah),
Biondini; Berardi (dal 40 s.t. Natali),
Zaza, Sansone (dal 25 s.t. Floro
Flores). PANCHINA Pegolo, Celeste,
Longhi, Bianco, Fontanesi, Lazarevic,
Floccari. ALL. Di Francesco.
CAMBI DI SISTEMA 40 s.t. 5-3-2
BARICENTRO MOLTO BASSO 46.7 M.
AMMONITI nessuno.
ARBITRO Banti di Livorno.
NOTE paganti 1.404, incasso 10.878
euro; abbonati 12.308, quota 113.872
euro. Tiri in porta 6-7. Tiri fuori 4-3. In
fuorigioco 3-3. Angoli 3-4. Recuperi:
p.t. 0; s.t. 4

SERIE B

Scatto salvezza del Crotone


Luigi Saporito
CROTONE

l triplice fischio Drago e


gli oltre 7 mila dello Sci
da tirano un sospiro di
sollievo. Missione compiuta,ma
quanta fatica. Bettinelli mette in
campo una squadra competitiva
nonostante fosse decimato tra
squalifiche e infortuni e gi re
trocesso. La gara al piccolo
trotto e si vede che il Crotone
nervoso. Non trova le traiettorie
giuste e sbaglia gli ultimi pas
saggi. In attacco Torregrossa
spaesato perch non arrivano
rifornimenti. Il Varese vivo e
pimpante, ma il Crotone ha un
uomo in pi che si chiama Ma
iello che prende ancora una vol

ta per mano la squadra e la tra


scina alla vittoria. lui che in
venta lassist per la testa di Dezi
alla mezzora sulla quale Biri
ghitti esce con un frame di ritar
do tanto da permettere al picco
lo centrocampista di sorpren
derlo. il gol del vantaggio che
per non fa volare il Crotone, il
primo di Dezi in stagione, una
liberazione come dir a fine ga
ra. Blasi un minuto dopo con un
calcetto proprio a Dezi si procu
ra il giallo che poi gli coster ca
rissimo nel secondo tempo con
lespulsione. Dopo il riposo il
Varese attacca, ma senza porta
re mai pericoli alla porta di Cor
daz. Di contro il Crotone non
trova mai il modo di dare il col
po del ko.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL MIGLIORE

7,5
MAIELLO

CENTROCAMPISTA CROTONE
Una spanna sopra tutti.
Comanda e spadroneggia
nello spazio che va da
unarea di rigore allaltra.
Insostituibile.

CROTONE-VARESE
1-0
PRIMO TEMPO 1-0
MARCATORE Dezi al 30 p.t.
CROTONE (4-3-3) Cordaz 6; Balasa 6
(dal 31 s.t. Suciu 6), Dos Santos 6,5,
Cremonesi 6,5, Modesto 7; Dezi 7, Matute
6,5, Maiello 7,5; Ciano 6, Torregrossa 6
(dal 17 s.t. Padovan 6), Stoian 6 (dal 25
s.t. De Giorgio 6). (Stojanovic, Gigli, Zampano, Galardo, Salzano, Ricci). All. Drago
6,5.
VARESE (4-4-2) Birighitti 5,5; Fiamozzi
6, Luoni 6, Rossi 6, De Vito 6; Culina 5,5
(dal 37 s.t. Jakimovski s.v.), Blasi 5,5,
Capezzi 6, Cristiano 5,5 (dal 37 p.t. Barberis 5,5); Forte 6, Capello 5,5 (dal 30 s.t.
Miracoli 5,5). (La Gorga, Seitaj, Dondoni,
Mancino, Lores, Miracoli. All. Bettinelli
6,5.
ARBITRO Ghersini di Genova 6,5.
GUARDALINEE Villa 6,5Intagliata 6,5.
ESPULSO Blasi (V) al 36 s.t. per gioco
scorretto.
AMMONITI Forte (V), Blasi (V), Padovan (C), Barberis (V) e Dezi (C) per g.s.
NOTE paganti 3.615, incasso di 6.338
euro; abbonati 3.002, quota di 15.372
euro. Tiri in porta 3-1. Tiri fuori 3-1. In
fuorigioco 2-3. Angoli 3-0. Recuperi: p.t.
2, s.t. 3.

DUO SPECIALE Gasperini


cambia modulo, passa al 3
52. Cos potr sfruttare al
meglio la buona condizio
ne, e la grande qualit, dei
suoi centrocampisti e non
dovr spremere Borriello al
di sopra delle sue possibili
t: il centravanti infatti non
ha ancora la condizione ne
cessaria per reggere 90 mi
nuti intensissimi come quel
li che andranno in scena sta
sera. Cos spazio al tandem
speciale: IagoNiang, giova
ni dassalto. Il primo il ca
pocannoniere dei rossobl,
con 10 reti, e proprio in Eu
ropa League mand i primi
segnali importanti al calcio
che conta, giocando nel Tot
tenham. Niang, invece, il
grimaldello capace di aprire
qualsiasi difesa. Siamo ca
richi e stiamo bene ha lan
ciato lassalto Gasperini .
questa una sfida impor
tante.
MAXI E QUAGLIARELLA Da
Torino arriva lallarme:
lattacco a creare problemi.
Stasera mancher Bovo, as
senza per un problema mu
scolare dellultima ora, ma
in casa granata preoccupa
la condizione degli attac
canti. Mercoled contro
lEmpoli per 90, dopo lau
togol sfortunato di Daniele
Padelli, la squadra non
riuscita a creare una palla
gol, men che meno gli attac

LA SITUAZIONE
Ternana in ritiro
ma Tesser resta
Sabato a Modena
La Ternana da oggi in ritiro a
Bologna, ma sempre con Attilio
Tesser come tecnico. Anche a
Modena sembrano intenzionati a
proseguire col duo Pavan-Melotti.
LA SITUAZIONE La classifica
dopo il posticipo: Carpi p. 79;
Frosinone 68; Vicenza e Bologna
64; Spezia 61; Perugia 60; Avellino,
Pescara e Livorno 58; Bari 51;
Lanciano 50; Latina e Trapani 49;
Catania e Pro Vercelli 48; Crotone
47; Modena 46; Ternana 45; Entella
43; Cittadella 41; Brescia (-6) 39;
Varese (-4) 32. Cos la 41a giornata.
Venerd, ore 20.30: Perugia-Carpi
(0-4). Sabato, ore 15: AvellinoTrapani (1-4); Catania-Cittadella (23); Frosinone-Crotone (0-2);
Livorno-Vicenza (0-0); ModenaTernana (0-1); Pro Vercelli-Bologna
(0-3); Varese-Pescara (0-2);
Entella-Latina (1-1); Lanciano-Spezia
(3-3). Ore 18: Bari-Brescia (1-2).

canti hanno impensierito il


portiere dei toscani. Intoccabi
le Quagliarella, 13 gol,record
personale in campionato, Josef
Martinez e Maxi Lopez ancora
una volta si giocano la seconda
maglia. Il Toro stanco (contro
il Genoa la gara numero 50) ha
la coperta corta: in attacco
Ventura ha poche alternative.
Barreto fuori rosa, Amauri
finito ai margini della panchi
na . Martinez e Maxi Lopez si
contendono una maglia. Con
tro i rossobl potrebbe partire
titolare largentino, miglior
media gol/minuti giocati (7 re
ti, un gol ogni 138) al contra
rio di Martinez (6 gol, uno ogni
324).
RIPRODUZIONE RISERVATA

GENOA

(3-5-2)

TORINO

(3-5-2)

OGGI ore 20.45

ANDATA 1-2

1
PERIN
14
8
RONCAGLIA BURDISSO
21
EDENILSON

RINCON
88

4
DE MAIO

BERTOLACCI
20
18
91
TINO COSTA
BERGDICH

24
IAGO

11
NIANG

11
MAXI LOPEZ

27
QUAGLIARELLA

DARMIAN
GAZZI
7
36
14
EL KADDOURI
24
MORETTI

20
VIVES

PERES
33

25
19
GLIK MAKSIMOVIC
30
PADELLI

PANCHINA 23 Lamanna, 39
Sommariva, 5 Izzo, 2 Tamb, 38
Mandragora, 33 Kucka, 93 Laxalt, 16
Lestienne, 19 Pavoletti, 22 Borriello.
ALL. Gasperini.BALLOTTAGGI
Bergdich-Kucka 55-45%.SQUAL.
nessuno.DIFFIDATI Niang, De Maio,
Pavoletti, Edenilson, Tino Costa, Laxalt,
Rincon. INDISPONIBILI Ariaudo (30
giorni), Perotti (30 giorni), Marchese (5
giorni).ALTRI Gulli, Ghiglione, Antonini,
Parente, Prisco, Falou, Panico,
Soprano.
PANCHINA 13 Castellazzi, 1 Ichazo, 18
Jansson, 21 Silva, 3 Molinaro, 4 Basha,
94 Benassi, 8 Farnerud, 15 Gonzalez, 17
Martinez, 22 Amauri. ALL. Ventura..
BALLOTTAGGI nessuno.
SQUAL. nessuno.
DIFFIDATI Amauri, Glik, Maksimovic,
Padelli, Peres, Quagliarella.
INDISPONIBILI Bovo (5 giorni).
ALTRI Barreto e Masiello
ARBITRI Osrato; Posado-Giallatini;
Stefani; Guida-La Penna TV Sky Calcio
1 e Premium Calcio PREZZI 10-100
euro

Serie D, il Siena
vince e ritorna
tra i professionisti
Anche il Siena (battendo la
Massese) e il Cuneo (con il
pareggio) salgono in Lega Pro.
PROMOSSE Rimini, Padova,
Castiglione, Lupa Castelli,
Fidelis Andria, Akragas,
Maceratese, Cuneo, Siena.
RETROCESSE Borgomanero,
Valle dAosta, Derthona,
Sancolombano (A), Atletico
Montichiari, Castellana, Folgore
Caratese (B), Mezzocorona,
Mori Santo Stefano (C),
Formigine, San Paolo, Thermal
Abano (D), Bastia, Trestina,
Villabiagio (E), Celano, Vis
Pesaro (F), Anziolavinio,
Terracina, Selargius (G),
Puteolana, Grottaglie, Scafatese
(H), Orlandina, Comprensorio
Montalto (I). Risultati e
classifiche su Gazzetta.it.

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

21

22

Serie A R 35a giornata

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

RISULTATI

CLASSIFICA

CESENA-SASSUOLO
2-3
Defrel (C), Brienza (C), Zaza (S),
Taider (S), Missiroli (S)
2-2
CHIEVO-VERONA
Paloschi (C), Gomez (V),
Toni (V), Pellissier (C) rigore
2-3
EMPOLI-FIORENTINA
Ilicic (F), Saponara (E), Salah (F),
Ilicic (F), Mchedlidze (E)
GENOA-TORINO
stasera, ore 20.45
1-1
JUVENTUS-CAGLIARI
Pogba (J), Rossettini (C)
1-2
LAZIO-INTER
Candreva (L), Hernanes (I), Hernanes (I)
2-1
MILAN-ROMA
Van Ginkel (M), Destro (M),
Totti (R) rigore
2-3
PALERMO-ATALANTA
Baselli (A), Andelkovic (P) autorete,
Vazquez (P), Gomez (A), Rigoni (P)
2-2
PARMA-NAPOLI
Palladino (P), Gabbiadini (N),
Jorquera (P), Mertens (N)
1-4
UDINESE-SAMPDORIA
Soriano (S), Soriano (S), Acquah (S),
Di Natale (U) rigore, Duncan (S)

SQUADRE

MARCATORI

PT

PARTITE
IN CASA

JUVENTUS
80
ROMA
64
LAZIO
63
NAPOLI
60
FIORENTINA 55
SAMPDORIA 54
INTER
52
GENOA
50
TORINO
48
MILAN
46
PALERMO
43
CHIEVO
42
EMPOLI
41
UDINESE
41
VERONA
41
SASSUOLO
40
ATALANTA
36
CAGLIARI
28
CESENA
24
PARMA (-7)
17

RETI

FUORI

TOTALE

IN CASA

FUORI

RIGORI
TOTALE

18
17
18
17
17
17
17
17
17
18
18
18
18
18
17
17
17
17
18
18

15
9
12
10
7
7
6
7
6
8
8
4
6
6
6
5
4
3
3
5

3
7
1
5
6
9
7
6
7
5
6
8
7
5
4
8
7
4
7
3

0
1
5
2
4
1
4
4
4
5
4
6
5
7
7
4
6
10
8
10

17
18
17
18
18
18
18
17
17
17
17
17
17
17
18
18
18
18
17
17

9
8
7
7
8
6
7
6
6
3
2
6
2
4
4
4
3
3
1
1

5
6
5
4
4
6
6
5
5
8
7
4
10
6
7
5
8
6
5
3

3
4
5
7
6
6
5
6
6
6
8
7
5
7
7
9
7
9
11
13

35
35
35
35
35
35
35
34
34
35
35
35
35
35
35
35
35
35
35
35

24
17
19
17
15
13
13
13
12
11
10
10
8
10
10
9
7
6
4
6

8
13
6
9
10
15
13
11
12
13
13
12
17
11
11
13
15
10
12
6

3
5
10
9
10
7
9
10
10
11
12
13
10
14
14
13
13
19
19
23

42
28
39
41
24
21
28
25
18
27
28
15
25
26
23
19
20
20
19
17

10
11
16
22
17
12
18
18
14
19
22
18
21
28
27
19
26
32
30
25

23
21
26
23
28
24
24
24
22
21
20
12
16
13
20
23
15
23
15
12

10
16
18
23
27
26
22
22
23
27
29
17
24
21
33
35
23
32
34
43

65
49
65
64
52
45
52
49
40
48
48
27
41
39
43
42
35
43
34
29

FAVORE

CONTRO

DIFF.
RETI

T.

R.

T.

R.

20 45
27 22
34 31
45 19
44 8
38 7
40 12
40 9
37 3
46 2
51 -3
35 -8
45 -4
49 -10
60 -17
54 -12
49 -14
64 -21
64 -30
68 -39

6
7
5
7
7
2
7
7
6
9
6
2
3
1
5
8
4
7
6
2

4
6
3
4
2
2
5
5
3
9
4
1
3
1
3
7
3
4
5
2

4
4
5
1
3
7
5
6
7
6
5
4
2
9
7
5
8
4
10
5

2
4
4
1
3
6
1
2
6
4
4
2
1
8
5
4
5
3
7
4

PUNTI
POSIZIONE
'13-14
STAGIONE
E DIFFERENZA
13-14

93 (-13)
85 (-21)
52 (+11)
69 (-9)
61 (-6)
44 (+10)
57 (-5)
40 (+10)
52 (-4)
51 (-5)
in B
30 (+12)
in B
39 (+2)
52 (-11)
28 (+12)
47 (-11)
39 (-11)
in B
51 (-34)

1
2
7
3
4
12
5
13
6
10
in B
16
in B
15
8
17
11
14
in B
9

A parit di punti e di partite giocate, la classifica tiene conto di questordine preferenziale: 1) punti e differenza reti negli scontri diretti se tutti giocati 2) differenza
reti globale 3) gol segnati 4) ordine alfabetico Le ultime tre retrocedono in serie B.
CHAMPIONS PRELIMINARI DI CHAMPIONS EUROPA LEAGUE RETROCESSIONI

PROSSIMO TURNO
SABATO 16 MAGGIO
INTER-JUVENTUS ore 18
SAMPDORIA-LAZIO ore 20.45
DOMENICA 17 MAGGIO, ore 15
SASSUOLO-MILAN ore 12.30
ATALANTA-GENOA
CAGLIARI-PALERMO
TORINO-CHIEVO
VERONA-EMPOLI
ROMA-UDINESE ore 20.45
LUNED 18 MAGGIO
FIORENTINA-PARMA ore 19
NAPOLI-CESENA ore 21

TACCUINO
EUROPEO UNDER 17

Battuta lIrlanda
lItalia vede i quarti
LItalia U17 ha vinto 2-0 (Lo
Faso e Mazzocchi) con lIrlanda
nella 2a giornata dellEuropeo.
Mercoled con lOlanda agli
azzurrini baster un pari per i
quarti. Girone D: Inghilterra 4;
Italia 3; Olanda e Irlanda 1.

PLAYOFF CALCIO A 5

Pescara in semifinale
(m.cal.) E il Pescara lultima
qualificata alle semifinali
scudetto. Gli abruzzesi, in gara3 dei quarti, superano ancora
(7-2) il Latina. Da venerd le
semifinali: Kaos FerraraLuparense e il derby tra
Acqua&Sapone e Pescara.

LA MOVIOLA
di FRANCESCO CENITI
FCENITI@GAZZETTA.IT

RIZZOLI: PARTITA 200 IN A CON SVISTA


CHIEVO SENZA UN SECONDO RIGORE
A THEREAU TOLTO UN GOL REGOLARE
Giornata con luci e ombre: far
discutere soprattutto il gol concesso
allInter. Ci sono anche buone direzioni
come quella di Giacomelli a Parma.
Stasera Genoa-Torino con Orsato.

HIEVO-VERONA 2-2
Rizzoli di Bologna
C un errore nella partita nu
mero 200 in A di Nicola Rizzoli:
manca un secondo rigore al Chievo
sul mani di Jankovic. Il difensore del
Verona fa segno di aver colpito sul
fianco, ma le immagini dicono il
contrario: il braccio largo e va a
stoppare il cross in area. Larbitro,
forse ingannato dalla prospettiva,
d solo angolo. In precedenza aveva
diretto molto bene tenendo in pugno
una partita difficile con diversi gialli
nella prima mezzora e assegnando
un giusto rigore al Chievo per la
spinta di Rodriguez a Pellissier. Mol
to bravi gli assistenti, specie Petrella.
CESENA-SASSUOLO 2-3
Banti di Livorno
Dubbi su un fallo in attacco chiama
to a Zaza in area del Cesena, sembra
CONCORSI N. 39 DEL 10/5/2015

Il mani di Jankovic: rigore non dato SKY

va pi rigore. Cos come sospetto il


tocco con le mani di Krajnc: anche
qui il penalty era la decisione miglio
re. Rischia la prova tv Cannavaro: ri
fila un calcio a Rodriguez e Banti
non se ne accorge.
EMPOLI-FIORENTINA 2-3
Gervasoni di Mantova
C qualche dubbio sul gol realizzato
da Salah: potrebbe essere fuorigioco
di qualche centimetro, ma una
chiamata davvero al limite. Per il re
sto gara nervosa, ma senza episodi
contestati.
PALERMO-ATALANTA 2-3
Calvarese di Teramo
TOTOCALCIO - COLONNA VINCENTE
2-2-2-2-X-2-1-2-1-2-2-1-1-2

Rischio gol fantasma dopo 33 minu


ti, ma vede bene laddizionale Sac
chi perch Biava respinge il pallone
(colpito da Chochev) quando ancora
non ha oltrepassato del tutto la li
nea. Nella ripresa altro salvataggio
di Biava, ma questa volta siamo di
stanti qualche centimetro dalla li
nea. Nessun dubbio sul rigore dato
al Palermo: Avramov si fa soffiare in
modo incredibile la palla da Vazquez
e lo colpisce con un calcio. Semmai
c da discutere sul rosso: lattaccan
te rosanero spalle alla porta e il suo
controllo a uscire dallarea. Larbi
tro, poi, aspetta un attimo prima di
dare il rigore per capire se c un pos
sibile vantaggio. Quando segna Ri
goni passato troppo tempo e il fi
schio aveva gi fermato lazione.
PARMA-NAPOLI 2-2
Giacomelli di Trieste
Nel finale il Napoli chiede un rigore,
ma Gobbi si calcia il pallone sul brac
cio: giusto considerarlo involonta
rio. Dopo il fischio finale molta ten
sione e rissa sfiorata.
UDINESE-SAMPDORIA 1-4
Di Bello di Brindisi
Regolare il vantaggio della Samp
doria e giusto il giallo per simulazio
ne mostrato a Soriano. Nella ripresa
protesta a ragione lUdinese: non c
il fuorigioco segnalato a Domizzi
poi autore dellassist a Thereau per
il gol (annullato) del possibile pa
reggio. Acquah parte dalla sua met
campo: ok il 30 doriano. Netto il ri
gore per lUdinese: Viviano affossa
Di Natale.
LAZIO-INTER A PAGINA 3
RIPRODUZIONE RISERVATA

TOTOGOL - COLONNA VINCENTE


3 1 2 4 13 8 5

Con una partita ancora da giocare


stato eguagliato il record
stagionale di reti (36), stasera pu
arrivare il nuovo primato; finora
tutte le 18 squadre scese in campo
hanno realizzato almeno un gol
20 RETI Tevez (2, Juventus)
19 RETI Toni (3, Verona)
18 RETI Icardi (4, Inter)
16 RETI Menez (8, Milan); Higuain
(3, Napoli)
14 RETI Gabbiadini (Napoli; 7 nella
Sampdoria); Di Natale (1, Udinese)
13 RETI Dybala (3, Palermo);
Quagliarella (3, Torino)
12 RETI Klose (Lazio)
11 RETI Callejon (Napoli); Berardi
(6, Sassuolo)
10 RETI Maccarone (1, Empoli);
Iago (2, Genoa); Felipe Anderson
(Lazio)
9 RETI Paloschi (Chievo); Candreva
(2), Mauri e Parolo (Lazio); Eder (1,
Sampdoria); Zaza (1, Sassuolo);
Thereau (Udinese)
8 RETI Denis (3) e Pinilla (Atalanta;
3 nel Genoa); Brienza (3, Cesena);
Pogba (Juventus); Destro (Milan; 5
nella Roma); Hamsik (Napoli);
Rigoni e Vazquez (Palermo); Ljajic
(1, Roma)
7 RETI Defrel (Cesena); Babacar
(Fiorentina); Matri (7 nel Genoa),
Morata e Vidal (2, Juventus);
Djordjevic (Lazio); Totti (4, Roma);
Glik (Torino)
6 RETI Farias (Cagliari); Pellissier (1,
Chievo); Saponara (1, Empoli); Ilicic
(1) e Rodriguez (1, Fiorentina);
Guarin e Palacio (Inter); Llorente
(Juventus); Honda (Milan); Zapata
(Napoli)
5 RETI Moralez (Atalanta); Ekdal e
Sau (Cagliari); Rodriguez (1,
Cesena); Tonelli (Empoli); Salah
(Fiorentina); Niang (Genoa);
Hernanes, Kovacic e Osvaldo (Inter;
ora nel Boca J.); Belotti (1,
Palermo); Cassano (1, Parma);
Florenzi (1) e Pjanic (Roma);
Sansone (Sassuolo); Maxi Lopez
(Torino; 1 nel Chievo); Gomez e Nico
Lopez (Verona)
4 RETI Avelar (3), Cop e Joao
Pedro (Cagliari); Meggiorini
(Chievo); Cuadrado (ora nel
Chelsea) e Gomez (Fiorentina);
Bertolacci e Perotti (2, Genoa); Pirlo
(Juventus); Antonelli (3 nel Genoa)
e Bonaventura (Milan); Mertens (1,
Napoli); Nainggolan (Roma); Muriel,
Okaka e Soriano (Sampdoria);
Missiroli (Sassuolo)
3 RETI Boakye e Zappacosta
(Atalanta); Rossettini (Cagliari);
Carbonero (Cesena); Pucciarelli e
Rugani (Empoli); Pavoletti (Genoa; 1
nel Sassuolo); Bonucci, De Ceglie (3
nel Parma) e Lichtsteiner
(Juventus); Biglia (1) e Lulic (Lazio);
De Jong (Milan); De Guzman
(Napoli); Chochev (Palermo);
Palladino (Parma); De Silvestri e
Obiang (Sampdoria); Acerbi e
Taider (Sassuolo); Bruno Peres
(Torino); Tachtsidis (Verona)
2 RETI 55 giocatori
1 RETE 86 giocatori
RETI SEGNATE in questo turno 36
(3 rigori, 1 autorete); RETI TOTALI
910 (76 rigori, 26 autoreti)

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

OPINIONI
La vignetta

23

www.gazzetta.it

TUTTE LE NOTIZIE SUL NOSTRO SITO

Twitter

CAROLINE WOZNIACKI
Tennista
Una bella, ma breve
visita a Roma alla Citt del
Vaticano...
@CaroWozniacki

di Stefano Frosini

NBA
Associazione di basket
Ecco come qui a
Chicago si attendono le
partite di playoff!
@NBA

ALEIX ESPARGAR
Pilota di MotoGP
Pippa & Zuki insieme a
me pronti e attenti a
vedere la finale tra Nadal e
Murray! Vamoooos Rafa!
@AleixEspargaro

LUCA VITALI
Cestista
Bastano Tre semplici
parole per tutte le mamme
del mondo... Tanti Auguri
Mamma!
@LucaVitali10

Formula 1

GERARD PIQU
Calciatore del Bara
Sto ordinando larmadio,
ecco alcune delle t-shirt
che ho ritrovato. Quale ti
piace di pi?
@ 3gerardpique

Il campionato

FERRARI, PRIMA BOCCIATURA DELLANNO


IL COMMENTO
di UMBERTO ZAPELLONI
email: uzapelloni@rcs.it
twitter: @uzapelloni

on c da essere contenti. Ha
ragione Maurizio Arrivabene
a non cadere nel tranello di
chi vorrebbe festeggiare il quinto
podio ferrarista della stagione.
Vettel ha tagliato il traguardo del
Gran premio di Spagna 45342
dopo Nico Rosberg. Uneternit.
Detto che tre mesi fa chiunque in
Ferrari avrebbe firmato per un
inizio di Mondiale come questo
(una vittoria, un secondo e tre terzi
posti), il weekend di Barcellona
lascia lamaro in bocca come una
paella che si attaccata alla
padella.
Doveva essere la gara del passo
avanti, dellattacco al potere
Mercedes. Risultato: quasi 8 decimi
in qualifica e pi di 45 in gara.
Novit bocciate con laggravante
che sabato non si era ancora certi

sulla strada da imboccare:


continuare con la vecchia Ferrari
(poi lasciata a Kimi) o insistere con
la versione evo (affidata a Seb). Un
weekend confuso che il sapore
dolce dello champagne ricevuto sul
podio non deve confondere
ulteriormente. La Ferrari torna da
Barcellona pi lontana dalle
Mercedes e con la sensazione che la
Williams rigenerata da un Bottas
finalmente in forma possa dare
fastidio. In fin dei conti Valtteri
riuscito a tenere dietro Vettel in
Bahrein e Raikkonen in Spagna. Per
questo la faccia scura di Maurizio
Arrivabene a fine gara la
benvenuta. La garanzia che si
torner a lavorare con ancora pi
grinta di prima per cercare di
ridurre il gap con la Mercedes nel
pi breve tempo possibile.
La vittoria in Malesia, arrivata forse
troppo presto e in modo chiaro,
senza rubare nulla, aveva illuso un
po tutti. Il gap sembrava ridotto in
modo sensibile e la Mercedes a
portata di mano. In realt lo
sberlone ricevuto ha svegliato le

Frecce dargento e scatenato una


reazione tremenda. La Ferrari ha
portato a Barcellona un bel
pacchetto di novit (il
miglioramento c stato, basta
confrontare Vettel e Raikkonen) ma
la Mercedes ha fatto ancora meglio.
Ci saranno ancora piste e situazioni
in cui la Ferrari potr mettere in
difficolt le Mercedes, magari
approfittando di un duello serrato
HamiltonRosberg, verranno altre
vittorie perch magari i tedeschi
sotto pressione commetteranno
degli errori (anche ieri al box con
Hamilton non sono stati perfetti),
ma di una cosa possiamo gi essere
certi. Questanno la Ferrari non
avr chance di vincere il
campionato del mondo. Non era nei
piani, daccordo. Ancora oggi i
responsabili di Maranello parlano
di tre vittorie con la quarta che
equivarrebbe al Paradiso, ma si sa
che lappetito vien mangiando e
quel successo malese aveva aperto
orizzonti proibiti. Ci sar da
divertirsi, ma non cos tanto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Protagonista al Giro

LESEMPIO DI BASSO, ALTAFINI DELLA BICI


del decimo scudetto: non aveva
ancora 36 anni, tuttavia aveva capito
che era ora di dire basta.

LO SPUNTO
di NINO MINOLITI

uella delluscita di scena una


vera e propria arte. Sbagliare il
tempo, anche di poco, pu
rovinare tutto. Vale per il
teatro, dove non si pu rimediare
rigirando la scena, e ancora di pi
per la vita, che in fondo una recita,
pi o meno lunga e riuscita. Lo sport
sta dentro la vita e anche qua, in
particolare per chi ha raggiunto i
massimi livelli, quando e come dire
basta pu contribuire a coltivare un
mito oppure a banalizzarlo. In realt,
non esiste una regola precisa. Miguel
Indurain decise di smettere a 32 anni,
bench avesse ancora offerte
faraoniche. Era ancora allapice,
come JeanClaude Killy, icona dello
sci negli anni Sessanta, che lasci il
circuito ufficiale a soli 25 anni.
Gianni Rivera si conged
consegnando al suo Milan la stella

Ma si pu scegliere anche unaltra


strada, se il fisico e le motivazioni ti
sostengono. Jos Altafini, classe
1938, un Mondiale a ventanni poi
due scudetti e una Coppa dei
Campioni col Milan, arriv alla Juve
che aveva 34 anni. Sembrava a fine
corsa, invece con i suoi gol contribu
a due scudetti bianconeri. Certo, non
era pi il centravantitotem della
squadra, per i suoi gol pesavano,
eccome. Spesso entrando in campo
dalla panchina, Jos trov il modo di
essere ancora determinante, come
per esempio nellultima partita del
campionato 197273.
Anche al Giro dItalia c un Altafini e
si chiama Ivan Basso. Esordio nella
corsa rosa nel 1999, a nemmeno 22
anni. Ora viaggia verso i 38 e con due
Giri vittoriosi alle spalle si spende per
far vincere Alberto Contador: ieri nel
finale ha preso in mano la situazione,
s messo in testa al gruppo e con la

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE
ANDREA MONTI
andrea.monti@gazzetta.it
VICEDIRETTORE VICARIO
Gianni Valenti
gvalenti@gazzetta.it
VICEDIRETTORI
Pier Bergonzi
pbergonzi@gazzetta.it
Stefano Cazzetta
scazzetta@gazzetta.it
Andrea Di Caro
adicaro@gazzetta.it
Umberto Zapelloni
uzapelloni@gazzetta.it
Testata di propriet de La Gazzetta
dello Sport s.r.l. - A. Bonacossa 2015

PRESIDENTE
Maurizio Costa
AMMINISTRATORE DELEGATO
Pietro Scott Jovane
CONSIGLIERI
Gerardo Braggiotti,
Laura Cioli,
Paolo Colonna,
Teresa Cremisi,
Dario Frigerio,
Tom Mockridge,
Stefano Simontacchi
DIRETTORE GENERALE DIVISIONE MEDIA
Alessandro Bompieri

sua andatura ha tenuto il suo


capitano fuori dai pericoli. Una
decina di chilometri a tutta nel
momento pi caldo, alternandosi al
comando con i compagni di squadra:
ci vogliono gambe e testa, pi una
grande esperienza. S ricordato di
quando tanti gregari avevano fatto lo
stesso per lui e lha replicato, con il
valore aggiunto della sua classe.
Basso ha amato e ama il ciclismo
come poche cose al mondo. Soltanto
la sua famiglia per lui sta davanti alla
bicicletta. Quello di ieri stato
lennesimo gesto damore verso la sua
professione e verso quella passione
che ha nel cuore sin da quando era
bambino e che lha spinto ad
accettare enormi rinunce. Sa di
essere vicino allultimo chilometro
della carriera e per questo vuole
godersi ogni metro, anche se non pu
pi essere lui il primattore. In questo
senso, il suo diventa un esempio:
ogni stagione della vita pu regalare
soddisfazioni. Anche se diventare
vecchi proprio un peccato...

RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani


Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano
Responsabile del trattamento dati (D. Lgs.
196/2003): Andrea Monti
privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000
COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A.
DIVISIONE QUOTIDIANI
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo
quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici,
meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar
perseguita a norma di legge
DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA
MILANO 20132 - Via A. Rizzoli, 8 - Tel. 02.62821
ROMA 00187 - Via Campania, 59/C - Tel. 06.688281
DISTRIBUZIONE
m-dis Distribuzione Media S.p.A. - Via Cazzaniga, 19
20132 Milano - Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306
SERVIZIO CLIENTI
Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola
Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it
PUBBLICIT
RCS MEDIAGROUP S.P.A.
DIR. COMMUNICATION SOLUTIONS - Via A. Rizzoli, 8
20132 Milano - Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848
www.rcscommunicationsolutions.it

RIPRODUZIONE RISERVATA

QUELLO CHE HIGUAIN


NON CAPISCE
E LA NUOVA INTER
LANALISI
di LUIGI
GARLANDO

scludendo che il monarca


Michel Platini nella sua
cameretta buia di Nyon
abbia ordito un complotto
servendosi del piccolo
Parma, non resta che prendere atto
definitivamente della masochistica
vocazione di questo Napoli a
buttarsi via. I due punti persi contro
lultima della classe nel momento
decisivo della stagione, dopo la
frenata della Roma, quando serviva
come il pane una vittoria per
caricare la vigilia di Kiev, sono la
ciliegina sulla torta sciagurata di
Rafa Benitez: la sua creatura ha
lasciato per strada 19 punti contro
Empoli, Cagliari, Atalanta, Verona,
Chievo e Parma. Senza questo
sperpero oggi il Napoli starebbe
lottando per lo scudetto con la Juve
e questo doveva essere il suo destino
alla luce della qualit dorganico.
Benitez pu anche lamentarsi degli
scaldabagni di Castel Volturno e del
monte ingaggi della concorrenza,
ma non per questo che perde
punti. Li perde perch in due anni
non riuscito a dotare il Napoli di
una continuit da campionato e a
maneggiare il turnover senza farsi
male; non ha trovato il modo per
convincere i suoi ragazzi a soffrire
anche in provincia e a spremere in
ogni occasione il massimo del
talento, per semplice dovere di
professione, come fa la Juve da 4
anni e Tevez da una vita. Esemplare
la squallida sceneggiata di Higuain a
fine partita: non riusciva a capire
perch Mirante avesse parato tanto,
perch i parmigiani avessero
combattuto tanto pur essendo
falliti, come in campo stato
ricordato spesso. Semplicemente
per dignit, caro Pipita,
semplicemente perch lo sport lo
impone: dare sempre il massimo per
rispetto della lealt del gioco. Invece
di premiare il Feyenoord e le sue
orde barbariche, lUefa farebbe bene

EDIZIONI TELETRASMESSE
RCS Produzioni Milano S.p.A.- Via R. Luxemburg 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Tel.
02.6282.8238 S RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via
Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S
RCS Produzioni Padova S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Editrice La
Stampa SpA - Via Giordano Bruno, 84 - 10134 Torino S
Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle
Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel.
080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. Zona Industriale Strada 5 n. 35 - 95030 CATANIA Tel. 095.591303 S LUnione Sarda S.p.A. - Centro
Stampa Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel.
070.60131 S Milkro Digital Hellas LTD - 51 Hephaestou
Street - 19400 Koropi - Grecia S BEA printing sprl - 16
rue du Bosquet - 1400 NIVELLES (Belgio) S
Speedimpex USA, Inc. - 38-38 9th Street Long Island
City, NY 11101, USA S CTC Coslada - Avenida de
Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin
- Bouchard 557 - 1106 BUENOS AIRES S Miller
Distributor Limited - Miller House, Airport Way,
Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic
Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti
Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

a inventarsi qualcosa per onorare lo


splendido esempio di Donadoni e
dei suoi ragazzi a stipendio ridotto.
Grazie a loro, non lo ricorderemo
solo come il campionato delle
bombe carta e dei giocatori sotto le
curve: questo anche il campionato
del dignitoso Parma. Di sicuro, se il
Napoli avesse giocato sempre con la
passione degli emiliani, oggi il suo
futuro in Champions non sarebbe
incerto.
Ma in questo torneo dove lo
sperpero pi di moda di un selfie,
Rafa paga il minimo. Anzi,
guadagna un punto sulla Lazio,
dopo averne guadagnato uno sulla
Roma. Ora, a 3 dalla Lazio terza, il
Napoli ha il destino nelle sue mani:
vincendole tutte ha la certezza del
preliminare di Champions, perch
in vantaggio nello scontro diretto
con la Lazio che arriver al San
Paolo allultima. La Lazio ha
impiegato solo 7 minuti per far gol
allInter e superare la Roma, ma poi
la partita le scappata di mano: ha
chiuso in 9, sconfitta e dietro
Garcia. Un punto separa ancora le
romane che tra un paio di turni
accenderanno un derby di fuoco.
Lavrete capito: perdersi le ultime tre
tappe del campionato sarebbe una
follia. Adrenalina pura per la volata
Champions, ma anche per lEuropa
League, dove lInter ha risposto agli
strappi di Fiorentina e Samp,
vittoriose in trasferta. La squadra di
Mancini ha faticato anche in 10,
anche in 9, ma ha ottenuto ci che
voleva con una determinazione
nuova. Oltre a un gioco, il Mancio
sta dando finalmente unanima a
questa Inter. La tumultuosa notte
dellOlimpico trasmetter autostima
e nuove sicurezze a una squadra
resa fragile da una stagione
terribile. Ha deciso una doppietta di
Hernanes, il Profeta che lasci
Formello in lacrime, il regalo da 20
milioni di Thohir che Mazzarri, pi
avvezzo ai mediani, faticava a
sfruttare. Con i campioni di qualit,
invece Mancini ci sguazza. Ne far
arrivare degli altri. Il futuro
nerazzurro, forse, cominciato ieri.

PREZZI DABBONAMENTO
C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS MEDIAGROUP
S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI

RIPRODUZIONE RISERVATA

Testata registrata presso il


tribunale di Milano n. 419
dell1 settembre 1948
ISSN 1120-5067
CERTIFICATO ADS N. 7953 DEL 9-2-2015

COLLATERALI
* con Le ricette di Eataly N. 1 1 2,40 - con Manga Naruto N. 2
1 6,39 - con DVD La Seconda Guerra Mondiale N. 3 1 11,39 con F1 auto Collection N. 3 1 14,39 - con Ai confini della Storia
N. 4 1 12,39 - con Masha e Orso N. 7 1 7,39 - con DVD Il grande
Mazinga N. 8 1 11,39 - con The Walking Dead N. 3 1 6,39 - con
Disney e i Nostri Amici Animali N. 6 1 9,39 - con Mim N. 10
7 7,39 - con DVD Lucio Dalla N. 11 1 12,39 - con TopoStory N.
11 1 8,39 - con Beast Quest N. 12 1 7,30 - con Alpinismo N. 12
1 12,39 - con Rocky Joe N. 13 2 11,39 - con Magazine Violetta
N. 16 1 3,90 - con Campionato Io ti amo 2015 N. 16 1 11,39 con Disney English N. 17 1 11,39 - con Espaol da Zero N. 19 1
12,39 - con Asterix N. 19 7 7,39 - con Maserati Collection N. 14
1 14,39 - con Speciali Go Nagai Robot N. 6 1 21,39 - con Il
Teatro di Eduardo N. 28 1 12,39 - con DVD Poirot N. 28 1 11,39
- con Blueberry N. 37 1 5,39 - con Diabolik Nero su Nero N. 42
1 8,39 - con Ric Roland N. 48 d 5,39 - con Robot Collection N.
67 d 14,39 - con Ferrari Build Up N. 89 d 11,39

La tiratura di domenica 10 maggio


stata di 313.007 copie

ARRETRATI
Richiedeteli al vostro edicolante oppure a Corena S.r.l
e-mail info@servizi360.it - fax 02.91089309 - iban IT 45 A
03069 33521 600100330455. Il costo di un arretrato pari al
doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

ITALIA
7 numeri
6 numeri
5 numeri
Anno:
e 403
e 357
e 279
Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare
allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI


Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,20; Argentina $ 15,50; Austria e 2,20; Belgio e 2,20; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 64; Cipro e 2,20; Croazia Hrk 17; Francia e 2,20; Germania e 2,20; Grecia e 2,50; Irlanda e 2,20; Lux e 2,20; Malta e 2,20; Monaco P. e 2,20; Olanda e 2,20; Portogallo/Isole e 2,50; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,20; Spagna/Isole e 2,50; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Hong Kong HK$ 45; Ungheria
Huf. 700; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 4,00.

24

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Siamo in onda! R

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

MATTINA
7 Gazzetta News
7.30 Gazzetta News
7.45 Gazzetta News
8 Gazzetta News
8.15 Gazzetta News
8.30 Gazzetta News
8.45 Gazzetta News
9.05 Campioni a confronto

9.30 Cond Confidential


10.05 The Speedgang-La banda dei motori
11.05 Perfection: momenti di gloria
11.30 Qui Foro Italico - Diretta
12.05 Bomber
13 Gazzetta News
13.30 Gazzetta News
14 Gazzetta News Extra Time
14.30 Offside

POMERIGGIO
15 The Speedgang - La banda dei motori
15.55 Sfide senza limiti - Prima Tv
16.20 Pazzi per i derby - Milano
17.15 Bomber
18.05 Perfection: Momenti di gloria
18.30 Gazzetta News Extra Time
19 Gazzetta News
19.30 Gazzetta News Giro dItalia

25

SERA
20 Qui Foro Italico - Diretta
20.30 Tuttogol
21.05 Perfection: Momenti di gloria
21.35 Senza appello
23 Gazzetta News
23.30 Gazzetta News
24 Offside
0.30 Senza appello

Gattuso, Giro e tennis: GazzettaTv show

1Lex rossonero a Senza Appello, Bettini e i nostri inviati alla corsa rosa e tutte le news dal Foro Italico
Gabriella Mancini

erata intrigante su Gaz


zetta Tv, canale 59 del di
gitale terrestre. A Senza
Appello, con Viviana Guglielmi
e il giornalista della Gazzetta
dello Sport Luigi Garlando c
Rino Gattuso. Il campione del
mondo 2006 ha giocato per
quattordici anni nel Milan,
club con il quale ha vinto, tra
laltro, due Champions League,
due scudetti e un Mondiale per
club. Gattuso parler a tutto
campo con la solita schiettez
za: il campionato vinto dalla
Juventus, la crisi del Milan, la
panchina rovente di Pippo In
zaghi, il paragone con il cen
trocampista bianconero Stefa
no Sturaro e il suo futuro, ma
gari in un campionato estero,
in cui il calcio ha un ritmo pi
intenso come piace a lui.
CORSA ROSA Lex rossonero
la ciliegina su una torta ricca di
eventi, a cominciare dal Giro
dItalia. Come sempre tre ap
puntamenti quotidiani su Gaz
zetta Tv: alle 13.25 il punto sul
la terza tappa RapalloSestri
Levante, con un occhio parti
colare alle discese, alle 19.30

lo Speciale Giro con il campione


del mondo Paolo Bettini e gli
inviati del nostro giornale, e al
le 23.15 il riassunto della gior
nata con i commenti, curiosit
e i retroscena. In studio Andrea
Berton con il vicedirettore Pier
Bergonzi e Luca Gialanella.
TENNIS Non mancano gli ap
puntamenti con gli Internazio
nali dItalia da Roma. Dal ma
gnifico scenario del Foro Itali
co punto della situazione con
Marilena Albergo, il vicediret

tore della Gazzetta dello Sport


Gianni Valenti e i nostri inviati
Vincenzo Martucci e Riccardo
Crivelli: il commento degli in
contri di tennis, il colpo pi
bello della giornata e gli highli
ghts dei match pi importanti.
In studio si alternano campio
ni, tecnici e dirigenti. Lappun
tamento per le 11.30 e per le
20. Aggiornamenti degli Inter
nazionali dItalia anche su
Gazzetta News.
CALCIO ESTERO Come ogni lu

Rino Gattuso,
37 anni,
calabrese, ha
giocato nel
Milan per 14
anni. Ha vinto
il Mondiale
nel 2006
BOZZANI

ned largo a Extra Time il pro


gramma dedicato ai maggiori
campionati esteri, pi che mai
al centro dellattenzione con
dotto da Stefano Cantalupi. Al
le 14 ecco le partite in primo
piano: il pareggio tra il Chel
sea, gi campione in Premier
League, e il Liverpool, che ha
accolto gli avversari con il pas
saggio donore; Manchester Ci
tyQpr, finita addirittura 60
con tripletta di Aguero; il suc
cesso, per 21, del Manchester
United sul Crystal Palace, con i
gol di Mata e Fellaini. E ancora,
la Liga con i due gol del Barcel
lona, lanciatissimo verso il tito
lo, ai baschi della Real Socie
dad, il pareggio tra Real Ma
drid e Valencia, con Ancelotti a
quattro punti da Luis Enrique,
e la Ligue 1 con MarsigliaMo
naco. La replica alle 18.30
SERIE A Poco pi tardi, alle
14.30 con replica a mezzanot
te, via alla rubrica settimanale
Offside: tutto sulla giornata nu
mero 35 con gol e commenti,
dal tonfo della Roma a San Siro
alle vittorie esterne di Samp
doria e Fiorentina fino ai temi
pi caldi di questo finale di sta
gione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

clic
COME RISINTONIZZARE
I VOSTRI TELEVISORI
E VEDERE IL CANALE 59
Eseguire le seguenti procedure.
Se possiedi Tv o Decoder Digitale Terrestre
1. Premere il tasto MENU sul telecomando
2 Selezionare Impostazioni/Avanzate
3. Posizionarsi sulla voce relativa alla
Sintonizzazione automatica dei canali e premere il
tasto OK, accedi alla configurazione dei canali
4. Impostare Modalit di sintonia dei canali su DTV
5. Posizionarsi sul pulsante Avvia scansione e
premere il tasto OK per avviare la ricerca.
Soluzione dei problemi
Se avete gi provveduto alla risintonizzazione senza
esito e il vostro televisore collegato ad un sistema
con antenna centralizzata, fate verificare dal vostro
antennista che sia presente nella centralina
dellantenna stessa il modulo (o filtro) necessario
per la ricezione dei segnali tv del canale/mux 55
(frequenza 746 MHz), quello che supporta anche il
canale 59 di Gazzetta Tv. Se il modulo manca, fatelo
inserire: unoperazione molto semplice.
Se possiedi una Sky Digital Key
1. Premere il tasto Menu del telecomando SKY e
premere OK per accedere al digitale terrestre
2. Premere il tasto rosso (Ricerca) e lasciare
invariata la configurazione
3. Premere due volte il tasto rosso (Avvia ricerca)
4. Attendere il completamento dei canali e quindi
premere OK

26

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Mondo R Inghilterra

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

TACCUINO
SPAGNA

Siviglia senza Emery


Soltanto 1-1 a Vigo

Lomaggio dei giocatori del Liverpool al Chelsea che ha appena conquistato il titolo REUTERS

Chelsea-Liverpool
Un pari con la firma
dei capitani veri
1 In gol Terry e Gerrard che al cambio riceve dai tifosi
Blues un minuto di ovazione. Balotelli ancora escluso
Stefano Boldrini

CHELSEA

LIVERPOOL

CORRISPONDENTE DA LONDRA

iseria e nobilt. Capita


ni veri ed eroi virtuali.
Leggi il tabellino di
ChelseaLiverpool e pensi che
questa gara sia stata giocata 10
anni fa: i gol di Terry sale a
quota 39 e diventa il miglior di
fensore bomber della storia del
la Premier e di Gerrard sono
firmati dai due capitani, un
pezzo di storia del calcio ingle
se recente. Gerrard, al match di
addio a Londra, il numero 84,
ottiene una standing ovation
commovente quando, al 79,
viene sostituito. Tutto lo stadio
in piedi ad applaudirlo, com
presi i tifosi del Chelsea. Poca
importa se, durante il match,
stato fischiato dai fans dei
Blues, come lo stesso Gerrard
ricorda ironico nel suo com
miato: il minuto di ovazione,
Mourinho in testa, da brividi.
BALO FUORI Ma quando leggi il
foglio della formazione e scopri
che in panchina, al posto di Ba
lotelli, Rodgers ha portato il
18enne Jerome Sinclair, valuta
zione di 100 mila sterline, la no
bilt sprofonda nella miseria.
Lallenatore non cerca scuse:
Nessun problema fisico,
lesclusione di Balotelli tecni
ca. difficile dire se questo sia
il punto pi basso della carriera

PRIMO TEMPO 1-1


MARCATORI Terry (C) al 5,
Gerrard (L) al 44 p.t.
CHELSEA (4-2-3-1) Courtois 6,5;
Ivanovic 5,5, Zouma 6 (dal 35 p.t.
Cahill 5,5), Terry 7, Filipe Luis 5,5;
Loftus-Cheek 6 (dal 15 s.t. Matic
6,5), Mikel 6; Willian 7, Fabregas 7,
Hazard 6; Remy 5 (dal 39 s.t.
Cuadrado s.v.).
PANCHINA Beeney, Azpilicueta,
Ake, Drogba.
ALLENATORE Mourinho 6,5.
LIVERPOOL (3-4-2-1) Mignolet 6;
Skrtel 6, Lovren 6, Johnson 5; Can
6, Henderson 6, Gerrard 6 (dal 34
s.t. Lucas s.v.), Lallana 6 (dal 26 s.t.
Ibe 5,5); Sterling 6, Coutinho 6,5;
Lambert 4 (dal 23 s.t. Sinclair 5,5).
PANCHINA Ward, K. Tour,
Moreno, Allen.
ALLENATORE Rodgers 5,5.
ARBITRO Marriner 5,5.
NOTE spettatori 41.547. Tiri in
porta 3-4. Tiri fuori 4-7. Angoli 6-4.
In fuorigioco 0-3. Recuperi: p.t. 2;
s.t. 4.

di Mario, ma si fatica a immagi


nare una caduta peggiore.
IL FILM Rodgers si affida a
Lambert per tenere viva la spe
ranza di chiudere la stagione al
quarto posto e ottenere il via li

bera per i preliminari di Cham


pions. Sturridge, operato negli
Usa, sar disponibile solo a set
tembre: i suoi problemi fisici,
sommati alla cessione di Suarez
e al flop di Balotelli, spiegano
lannata tormentata dei Reds. Il
gol di Terry dopo 5 una maz
zata per il Liverpool. Mourinho
stato di parola: niente partita
vacanziera. Solo un paio di con
cessioni in formazione, con gli
inserimenti di LoftusCheek e
Zouma, ma il resto il Chelsea
che ha conquistato il titolo con
tre turni di anticipo. Il Liverpo
ol vivo in Coutinho e Sterling.
Una punizione regalata da Iva
novic apre la strada al pareg
gio: Cahill sbaglia il movimento
e Gerrard di testa non perdona.
OVAZIONE Il Liverpool gioca la
ripresa allassalto, ma non ave
re un centravanti vero un han
dicap: solo Coutinho spaventa
Courtois. L11 una sentenza:
6 punti di svantaggio sullo Uni
ted e una differenza reti peg
giore (+ 25 per i Red Devils,
+11 per i Reds) chiudono i gio
chi. Van Gaal pu brindare, a
champagne o vino rosso, dipen
de dai gusti. Gerrard saluta
Londra: Bello lapplauso finale
dopo essere stato massacrato
durante la partita. Mourinho
il miglior allenatore del mondo.
Solo per lavorare con lui avrei
lasciato il Liverpool.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ITALIANI ALLESTERO

Il Principino Verratti vicino al titolo


Come Criscito. I miracoli di Napoli
Iacopo Iandiorio

taliani a un passo dallo


scudetto. Come il trio del
Psg: manca 1 punto. Con
Motta fuori per infortunio,
Verratti (7,5, Psg) a dominare
al centro, fornisce 2 assist nella
goleada al Guingamp (60) che
vale (quasi) il titolo. Per Sirigu
(6,5) normale amministrazio
ne. Raggi (Monaco, 7) non ba
sta al Monaco per evitare la ri
monta del Marsiglia. A un pun
to dal titolo anche Criscito (Ze
nit, 6,5) che fornisce un assist al
venezuelano Rondon per il 30
al Rostov. Altri azzurri in for
ma: Napoli (7,5) prosegue nel

suo miracolo, lo Iasi ora vince


pure fuori casa, 10 col Craiova,
quinta gara di seguito senza su
bire reti e vede addirittura lEu
ropa. Goleada per il Guang
zhou: 61 per Cannavaro sullul
tima, lo Shanghai Shenxin e 2
posto al sicuro.
Italiani da scuotere. Come Pell
(5, Southampton) impalpabile
nel k.o. col Leicester, una sola
palla svirgolata in area nel pri
mo tempo, ma vero che non lo
servono mai. Di Balotelli leggete
sopra. Pascali (5, Kilmarnock)
non riesce a chiudere sui primi
2 gol inventati da Erwin del
Motherwell e ora nel playout ri
schia la retrocessione. Al pove
ro Ancelotti (Real M., 5,5) non

gliene va bene una: a Valencia si


rompe anche Kroos, i suoi bec
cano 3 pali, Ronaldo si fa parare
un rigore e per rimonta da 02,
cambiando i terzini nella ripre
sa. Piovaccari (Eibar, 6), nel
k.o. interno con lEspanyol va
pure in gol, ma glielo annullano
per fuorigioco, e si becca pure
una gomitata assassina. Di Matteo (Schalke, 5) perde a Colo
nia 20 e ora rischia lultimo po
sto europeo. Donati (Borussia
M., 5,5) entra al 25 per Hilbert
e si perde Kruse sull10: si vede
che non giocava da oltre un me
se. Immobile (Borussia D., s.v.)
infine entra al 66 coi gialli 20 e
tranquilli, non ha chance.
RIPRODUZIONE RISERVATA

VIGO Privo del suo tecnico


Unai Emery che ha lasciato il
ritiro a poche ore dal match
per la scomparsa del padre, il
Siviglia non va oltre l1-1 nel
match che ha chiuso la 36
giornata di Liga. Gli andalusi si
presentano a Vigo senza 8 dei
giocatori protagonisti in coppa,
tra i quali Vidal, Banega, Vitolo
e Bacca. Passato in vantaggio
all8 con Gameiro che dettava
e rifiniva un bel triangolo con
Iago Aspas, il Siviglia ha avuto
la colpa di non chiudere il
match nel primo tempo
fallendo in pi occasioni il
raddoppio. Nella ripresa un
rigore generoso concesso
dallarbitro Velasco per fallo di
Arribas su Charles e
trasformato da Santi Mina
consentiva al Celta di
raggiungere il pari. Il Siviglia
rimane a 3 punti dal 4 posto,
occupato dal Valencia: per
qualificarsi alla prossima
Champions dovr confermare
il successo della scorsa
stagione in Europa League.

UCRAINA

Dnipro, un brutto k.o.


che costa il 2 posto
Pesante e imprevista
sconfitta per il Dnipro nella 23
giornata del campionato
ucraino. Reduce dall1-1
ottenuto al San Paolo contro il
Napoli nella semifinale di
andata di Europa League, la
squadra di Markevich stata
superata in casa per 2-0 dallo
Zorya ed stata scavalcata al
secondo posto in classifica
che qualifica ai preliminari di
Champions League dallo
Shakhtar. A tre giornate dalla
fine del torneo in vetta c la
Dinamo Kiev con 59 punti e 7
di vantaggio sullo Shakhtar e 9
sugli eurorivali del Napoli.

BRASILE

Pel gi dimesso
dopo loperazione
RIO (m.can.) Pel riposa gi
in casa dopo essere stato
dimesso dallospedale Alberti
Einstein, a San Paolo, dal quale
uscito dribblando i giornalisti
che lo attendevano con la
stessa abilit con cui scartava
gli avversari ai bei tempi di
calciatore. O Rei era stato
sottoposto a un intervento
chirurgico marted scorso per
risolvere lostacolo della
prostata. Il brasiliano aveva
uniperplasia benigna:
laumento di volume della
ghiandola prostatica,
problema comune alla sua et:
compir 75 anni ad ottobre.

Scarpa dOro
Un super Agero
fa tris per il podio

27

LE CLASSIFICHE
LiGA

BUNDESLiGA

SQUADRA

PT

G. V. N. P.

Barcellona
realMadrid
atl.Madrid
Valencia
SiViglia
Villarreal
Malaga
eSpanyol
ath.BilBao
celtaVigo
rayo
realSociedad
elche
getafe
leVante
alMeria
eiBar
deportiVo
granada
cordoBa

90
86
77
73
70
57
50
49
49
47
43
43
40
36
36
32
31
31
31
20

36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
35
36
36
35
36
36
36
36
36
36

29
28
23
21
21
15
14
13
13
12
13
10
11
10
9
8
8
6
6
3

3
2
8
10
7
12
8
10
10
11
4
13
7
6
9
8
7
13
13
11

4
6
5
5
8
9
14
13
13
13
18
13
18
19
18
20
21
17
17
22

F.

S.

107 19
107 34
67 28
66 29
66 42
46 32
39 43
44 44
35 39
43 41
40 63
40 46
33 59
29 54
34 65
32 59
30 54
31 58
26 64
21 63

36A GioRNATA

SQUADRA

PT

G. V. N. P.

Bayern
WolfsBurg
BorussiaM.
leverkusen
augsBurg
schalke
BorussiaD.
WerDer
hoffenheiM
colonia
eintrachtf.
Mainz
hertha
aMBurgo
friBurgo
hannover
PaDerBorn
stoccarDa

76
65
63
58
46
45
43
43
41
39
39
37
34
32
31
31
31
30

32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32
32

24
19
18
16
14
12
12
11
11
9
10
8
9
8
6
7
7
7

4
8
9
10
4
9
7
10
8
12
9
13
7
8
13
10
10
9

4
5
5
6
14
11
13
11
13
11
13
11
16
16
13
15
15
16

F.

S.

77 16
68 35
50 23
59 35
39 40
41 38
43 38
48 60
47 52
32 36
54 61
43 45
35 50
22 48
33 44
36 54
30 62
38 58

32A GioRNATA

Eibar-Espanyol 0-2 Sergio Garcia (Es)


29 pt; Stuani (Es) 15 st
Granada-Cordoba 2-0 Mainz (G) 45 pt;
El Arabi (G) 23 rig. st
Barcellona-Real Sociedad 2-0 Neymar
(B) 6, Pedro (B) 40 st
Real Madrid-Valencia 2-2 Paco Alcacer (V) 19, Javi Fuego (V) 26 pt; Pepe
(R) 11, Isco (R) 39 st
Ath. Bilbao-Deportivo 1-1 Aduriz (B) 14
pt; Lopo (D) 48 st
Levante-Atl. Madrid 2-2 David Barral
(L) 32, Siqueira (A) 35 pt; Uche (L) 18,
Torres (A) 35 st
Villarreal-Elche 1-0 Campbell (V) 26 pt
Almeria-Malaga 1-2 aut. Casado (A)
23, Thomas (A) 31 pt; Javi Guerra (M)
24 st
Celta Vigo-Siviglia 1-1 Gameiro (S) 8
pt; Santi Mina (C) 13 rig. st
Rayo-Getafe oggi ore 20.45

Amburgo-Friburgo 1-1 Mehmedi (F)


25 pt; Kacar (A) 45 st
Bayern-Augsburg 0-1 Bobadilla (A)
26 st
Borussia D.-Hertha 2-0 Subotic (B) 10
pt; Durm (B) 2 st
Borussia M.-Leverkusen 3-0 Kruse
(Bm) 5, Herrmann (Bm) 36, Traore
(Bm) 43 st
Eintracht F.-Hoffenheim 3-1 Oczipka
(E) 18, Seferovic (E) 27, Chandler (E)
34 pt; Volland (H) 6 st
Hannover-Werder 1-1 Stindl (H) 21 pt;
Junuzovic (W) 33 st
Stoccarda-Mainz 2-0 Didavi (S) 21, Kostic (S) 33 st
Paderborn-Wolfsburg 1-3 Klose (W)
16, Dost (W) 25 pt; Dost (W) 37, Rupp
(P) 46 st
Colonia-Schalke 2-0 Risse (C) 35 pt;
Gerhardt (C) 44 st

PRoSSiMo TURNo

PRoSSiMo TURNo

17 maggio: Cordoba-Rayo, DeportivoLevante, Elche-Ath. Bilbao, EspanyolReal Madrid, Getafe-Eibar, Real


Sociedad-Granada, Siviglia-Almeria,
Valencia-Celta Vigo, Villarreal-Malaga, Atl. Madrid-Barcellona

16 maggio: Leverkusen-Hoffenheim,
Friburgo-Bayern, Hertha-Eintracht F.,
Mainz-Colonia, Schalke-Paderborn,
Stoccarda-Amburgo, WerderBorussia M., Wolfsburg-Borussia D.,
Augsburg-Hannover

LiGUE 1

PREMiER LEAGUE

SQUADRA

PT

G. V.

Psg
Lione
Monaco
MarsigLia
st.etienne
Bordeaux
MontPeLLier
LiLLa
rennes
Bastia
guingaMP
nantes
caen
Lorient
nizza
toLosa
reiMs
evian
Metz
Lens

77
71
65
63
63
59
56
53
50
46
46
44
42
42
42
42
41
37
30
26

36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36
36

22
21
18
19
17
16
16
15
13
12
14
11
11
12
11
12
11
11
7
6

N. P.

11
8
11
6
12
11
8
8
11
10
4
11
9
6
9
6
8
4
9
8

3
7
7
11
7
9
12
13
12
14
18
14
16
18
16
18
17
21
20
22

F.

S.

78 33
70 32
48 26
69 42
47 28
44 42
44 35
39 37
35 40
36 42
38 52
28 38
50 52
43 48
39 50
40 59
44 63
38 57
30 55
30 59

36A GioRNATA

SQUADRA

PT

G. V.

Chelsea
ManChesterC.
arsenal
ManChesterU.
liverpool
tottenhaM
soUthaMpton
swansea
stokeCity
westhaM
everton
Crystalp.
wba
astonvilla
leiCesterCity
sUnderland
newCastle
hUllCity
bUrnley
Qpr

84
73
70
68
62
58
57
53
50
47
44
42
41
38
37
36
36
34
29
27

36
36
34
36
36
36
36
35
36
36
36
36
36
36
36
35
36
36
36
36

25
22
21
20
18
17
17
15
14
12
11
11
10
10
10
7
9
8
6
7

N. P.

9
7
7
8
8
7
6
8
8
11
11
9
11
8
7
15
9
10
11
6

2
7
6
8
10
12
13
12
14
13
14
16
15
18
19
13
18
18
19
23

F.

S.

70 28
77 36
66 33
61 36
50 39
55 53
48 30
43 44
42 44
43 43
46 48
43 50
34 47
30 50
41 54
30 50
37 61
33 49
27 53
39 67

36A GioRNATA

Psg-Guingamp 6-0 Cavani (P) 2, Ibrahimovic (P) 18 pt; Cavani (P) 7 e 25, Maxwell
(P) 11, Ibrahimovic (P) 45 rig. st
Caen-Lione 3-0 Benezet (C) 41 e 44 pt;
Privat (C) 40 st
Bordeaux-Nantes 2-1 Veretout (N) 15
rig., Rolan (B) 20 rig. pt; Rolan (B) 24 st
Evian-Reims 2-3 NGog (R) 40, Sunu
(E) 48 pt; Duhamel (E) 3, NGog (R) 19,
Moukandjo (R) 40 st
Metz-Lorient 0-4 Mostefa (L) 13, Philippoteaux(L)34pt;Kone(L)10, J.Ayew(L)39st
Rennes-Bastia 0-1 Danic (B) 33 st
Tolosa-Lilla3-2Roux(L)9,BenYedder(T)30pt;
Boufal(L)15, Trejo(T)36, Braithwaite(T)38st
Lens-Montpellier 0-1 Mounier (M) 47 st
St. Etienne-Nizza 5-0 Perrin (S) 28,
Clement (S) 40 pt; Erding (S) 17, Gradel (S) 40, Monnet Paquet (S) 44 st
Marsiglia-Monaco 2-1 Joao Moutinho (M)
1 pt; A. Ayew (O) 34, Alessandrini (O) 42 st

Everton-Sunderland 0-2 Graham (S)


9, Defoe (S) 41 st
Aston Villa-West Ham 1-0 Cleverley
(A) 31 pt
Hull City-Burnley 0-1 Ings (B) 17 st
Leicester City-Southampton 2-0 Mahrez (L) 7 e 19 pt
Newcastle-Wba 1-1 Anichebe (W) 32,
Perez Gutierrez (N) 41 pt
Stoke City-Tottenham 3-0 Adam (S)
22, Nzonzi (S) 33 pt; Diouf (S) 42 st
Crystal P.-Manchester U. 1-2 Mata (M)
19 rig. pt; Puncheon (C) 12, Fellaini (M)
33 st
Manchester C.-Qpr 6-0 Aguero (M) 4,
Kolarov (M) 32 pt; Aguero (M) 5 e 20
rig., Milner (M) 25, Silva (M) 43 st
Chelsea-Liverpool 1-1 Terry (C) 2, Gerrard (L) 44 pt
Arsenal-Swansea oggi ore 21.00

PRoSSiMo TURNo

PRoSSiMo TURNo

16 maggio: Evian-St. Etienne,


Guingamp-Tolosa, Lilla-Marsiglia,
Lione-Bordeaux, Monaco-Metz,
Montpellier-Psg, Nantes-Lorient,
Nizza-Lens, Reims-Rennes, BastiaCaen

16 maggio: Southampton-Aston Villa,


West Ham-Everton, Tottenham-Hull
City, Burnley-Stoke City, SunderlandLeicester City, Qpr-Newcastle, Liverpool-Crystal P.
17 maggio: Swansea-Manchester C.,
Manchester U.-Arsenal
18 maggio: Wba-Chelsea

CHAMPIONS PRELIMINARI DI CHAMPIONS EUROPA LEAGUE RETROCESSIONI

TOP 11: BENEZET E FISCHER DOPPI


8
9
8
Sergio Agero, 26 anni AFP
1) 84 punti, Ronaldo (Real
Madrid/Spagna), 42 gol;
2) 80, Messi (Barcellona
/Spagna), 40 gol;
3) 50, Agero (Man. City/Ing),
25 gol; 4) 45, Soriano
(Salisburgo/ Austria), 30 gol;
5) 44, Griezmann (Atletico
Madrid/Spagna) e Neymar
(Barcellona/ Spagna), 22 gol

CAVANI
Psg

AGUERO
Man. City

LIMA
Benfica

7,5
8

FISCHER
Ajax

MAHREZ
Leicester

HERRMANN
Borussia M.

7,5
DURM
Borussia D.

8
BENEZET
Caen

7,5

7,5
PERRIN
St. Etienne

SIQUEIRA
Atletico M.
DIEGO ALVES
Valencia

GDS

28

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Gli annunci si ricevono


tutti i giorni su:

www.piccoliannunci.rcs.it
agenzia.solferino@rcs.it
oppure nei giorni feriali
presso lagenzia:

Milano Via Solferino, 36


tel.02/6282.7555 - 7422,
fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge
903 del 9/12/1977 le inserzioni di ricerca
di personale devono sempre intendersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza
della Legge sulla privacy (L.196/03).

ACQUISTIAMO,
VENDIAMO,
PERMUTIAMO

OROLOGI MARCHE PRESTI-

GIOSE, gioielli firmati, brillanti,


coralli. Ottime occasioni per Expo.
www.ilcordusio.com
02.86.46.37.85

ACQUISTI esperienza 15ennale.


Benchmark, accordi. Scelta fornitori
mercato italiano/estero. Ottimo pc. Inglese/francese parlato/scritto. Disponibile brevi trasferte. 347.05.81.072
ADDETTA amministrazione personale, esperienza decennale assunzioni
cessazioni trasformazioni programma
presenze, rapporti con enti, word, excel, internet, posta elettronica.
346.79.48.352.
ADDETTO al recupero crediti, analisi
della situazione creditizia, piani di
rientro, verifica dei pagamenti e degli
ordini bloccati, contatto e sollecito,
identificazione e apertura contestazioni. 333.62.83.869
RAGIONIERE pluriennale esperienza co.ge, cli/for, Iva, banche, bilanci.
Offresi. 340.62.20.076
AGENTE di commercio valuta proposte concrete di proficua collaborazione. 347.73.12.582 ididdl@icloud.com

COMMERCIALE estero, metalmeccanico / forniture industriali, gestione


clienti, scouting, portafoglio clienti,
coordinamento funzioni aziendali, sviluppo prodotti, comunicazione, piani
di marketing/vendite. Mobile
338.74.92.234
RESIDENTE a Nottingham disposto a
muoversi, valuta proposte quale rappresentante
commerciale.
+39.328.87.17.965. batlen@libero.it

COMMERCIALE KEY ACCOUNT

con esperienza vendita gdo


vari settori merceologici offresi. Tel. 335.84.75.908
AUTISTA professionista, srilankese
offresi, patente B-C-CQC, eventualmente anche per sicurezza, referenziato, in regola. 333.37.77.646
CONDUTTORE manutentore di impianti condizionamento riscaldamento con patente secondo grado vapore
cerca lavoro. 328.42.68.082
BARMAN premiato preparato anche
per piccola cucina e piccola pasticceria
raffinata. 345.76.29.136
ASSISTENZA disabili, italiano, autista, tuttofare, trasferimenti estero, ottimo spagnolo, presenza, seriet
338.64.68.647
COPPIA custodi umbra referenziatissima offresi pratici lavori domestici, cucina, giardinaggio, patente auto.
339.26.02.083 - 0546.56.02.03
DOMESTICO ventennale esperienza,
srilankese, offresi full/part-time referenze controllabili. Ottima cucina. Inglese/italiano. Eventualmente anche
badante. 320.31.34.994
AMMINISTRATIVO contabile, ragioniere neopensionato, autonomo fino bilancio, adempimenti/dichiarazioni, offresi contabilit piccola azienda. 328.68.59.679
CONTABILE neopensionato, autonomo fino bilancio, adempimenti/dichiarazioni, inglese, tedesco/francese scolastici, reports, padronanza PC, offresi
par-time/full-time 339.29.95.573
CONTRARIAN trader, pensionato,
gi operatore titoli c/o ex bin con esperienza (dal 1981) gestione dinamica
del portafoglio titoli azionari. Disponibile collaborazione continua. (No banche) Corriere 312-XG - 20132 Milano

SIGNORA 33enne srilankese, referenziata, regolare, offresi come babysitter o collaboratrice domestica. Pluriennale esperienza. 349.66.50.768
BADANTE singolo/coppia nozioni infermieristiche, patente, referenziato.
Disponibilit immediata full-time.
388.14.39.925
POLACCA 39enne, patente, ottima
presenza offresi come badante, domestica, conoscenza cucina meridionale,
ottima cultura. 328.10.37.494

TRILOCALE ristrutturato Sarpi. Ampio


soggiorno, bicamere, biservizi, box.
APE: B - IPE: 36,8 kWh/mqa.
02.88.08.31 cod. T31 filcasaimmobili.it
CORSICO centro. Monolocale 40 mq.
Minimo anticipo, mutuo euro 360/mese APE: B - IPE: 42,09 kWh/mqa.
02.88.08.31 - cod. M07 - filcasaimmobili.it
CHIRURGO estetico cerca urgentemente a Milano appartamento prestigioso incaricata Sarpi Immobiliare
02.76.00.00.69
SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03

A Milano azienda impiega 4 ambosessi


per mansioni organizzative, commerciali e di gestione. 800.598.605
IMPORTANTE azienda ricerca agenti
di commercio con esperienza almeno
triennale. Ottima retribuzione. Disponibilit immediata. Telefonare per appuntamento 02.33.50.26.09 02.33.50.28.06 oppure inviare curriculum a: selezione@foransrl.it

BIOLOGA esperta in sicurezza alimentare, certificazioni Iso, Ifs, Brc, legislazione, trentennale esperienza
esamina proposte nel Triveneto. email: food.quality@virgilio.it

BRERA

Solferino, epoca, nuovo silenzioso loft/appartamento


mq. 150, bilivello, scala cristallo, 2 bagni, minipiscina,
terrazzo. Euro 690.000,00.
CE in corso. 331.43.23.979
DE AMICIS. Bilocale cucina abitabile,
balconi. APE: G - IPE: 222,75 kWh/
mqa 02.88.08.31 cod. C15 filcasaimmobili.it
LORETO bilocali, trilocali ristrutturati
vendesi CE: E - IPE: 129 kWh/mqa
02.28.38.12.08 Granvela.it

BANCHE
MULTINAZIONALI

LAIGUEGLIA (Alassio), Capo Mele.


In R.T.A. fronte mare attico bilocale arredato, solarium, posto auto garage.
Euro 400.000,00. Tel. 333.66.27.842

SOCIETA' ALBERGHIERA

ILANO 14 studi polispecialistici, sala operatoria, degenze, laboratorio odontotecnico,


odontoiatria con importante ed
esclusiva metodica implantologica di cui si trasmette knowhow. Alto reddito assicurato Vendesi affittasi - Tel.
339.84.02.335
NEGOZI San Gregorio, canne fumarie adatti bar tavola fredda, affitto-riscatto. APE: G - IPE: 187,5 kWh/mca
02.88.08.31 cod. C03 filcasaimmobili.it

BANCHE e multinazionali ricercano


immobili in affitto o vendita a Milano.
02.67.17.05.43
DIRIGENTE banca cerca trilocale mq
80/110, ristrutturato e con cucina arredata, zone preferite: centro storico,
Conservatorio, Monforte, Brera,
Sant'Ambrogio, Parco Sempione. Daniela
Ometti
Immobiliare
02.26.11.0571 - 338.56.55.024
INGEGNERE massime referenze cerca monolocale/bilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25
SAMA Srl soluzione immobiliare, ricerca appartamenti ampia metratura
in locazione a Milano. Visionare
www.soluzionesama.it
339.14.00.940

CASEINFLORIDA.IT

ACQUISTO sculture, oggetti antichi e


da collezione, design e elementi decorativi. 388.80.92.428

AUTOMOBILI E FUORISTRAPORTO LOTTI Spezia, cedo posto


barca 12x4 con auto vicino.
335.22.48.92
SETTIMANE plein air nel parco
dell'Etna 100 euro con pernottamento
in roulotte e prima colazione. Info: Villamariol FB 340.98.80.452

DA, qualsiasi cilindrata. Passaggio di propriet, pagamento immediato. Autogiolli, Milano.


02.89.50.41.33 - 327.33.81.299

ACCOGLIENTE centro benessere italiano, massaggli olistici su lettino e futon. 02.39.56.06.70


DITTA edile esegue lavori di ristrutturazioni appartamenti, negozi, facciate, posa pavimenti, copertura tetti compreso
ponteggi.
Tel.
02.66.71.27.79

ACQUISTARE, vendere aziende, immobili, ricercare soci, joint-venture?


Trentennale esperienza nazionale, internazionale, pagamenti garantiti.
www.cogefim.com - 02.39.26.11.91
- investimenti immobiliari
in Usa gi a reddito da Euro
60.000.
Tel.
02.67.16.58.000 italia@caseinflorida.it

affermata, per gestione diretta cerca hotels in fitto


d'azienda 40-150 camere.
Si garantisce riservatezza,
affidabilit. Mail: areagestioni@virgilio.it

ACQUISTIAMO

RICERCANO appartamenti affitto vendita. Milano e provincia


02.29.52.99.43

LUGANO cedesi in posizione incantevole, fronte lago snack bar con ristorazione, terrazza e posteggi privati. Per
info 0039-335.54.72.496 oppure
0041.76.52.60.294

CEDESI AUTOSALONE

storico dal 1970 pi deposito in Milano. Zona forte passaggio accanto metropolitana. 333.58.35.797 335.83.08.041

TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA


Rubriche in abbinata: Corriere
della Sera - Gazzetta dello Sport:
n. 1, 16: 2,08; n. 2, 3, 14:
7,92; n. 4, 21, 23: 5,00; n. 5, 6,
7, 8, 9, 12, 20, 22: 4,67; n. 10:
2,92; n. 11: 3,25; n. 13:
9,17; n. 15: 4,17; n. 17: 4,58;
n. 18, 19: 3,33; n. 24: 5,42.
RICHIESTE SPECIALI
Data Fissa: +50%
Data successiva fissa: +20%
Per tutte le rubriche tranne la 21,
22 e 24:
Neretto: +20%
Capolettera: +20%
Neretto riquadrato: +40%
Neretto riquadrato negativo: +40%

Lega Pro R 38a giornata

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Corazza scaccia tutti i fantasmi


La Serie B riabbraccia il Novara

1A Lumezzane

decide lattaccante.
Toscano: Certi fatti
avrebbero steso
persino un toro
Matteo Pierelli
INVIATO A LUMEZZANE (BS)

ccoli qua i 2 mila e passa


cuori azzurri che battono
forte per il Novara. Sono arrivati
a Lumezzane nelle prime ore
della mattina e alle 16.51 di un
pomeriggio quasi estivo possono
finalmente urlare, saltare, gioi
re, assieme a giocatori, dirigenti
e naturalmente al tecnico Dome

Illusione Bassano
Servono a poco
3 gol alla Feralpi

nico Toscano, lartefice di questa


promozione sofferta e forse per
questo ancora pi bella. Ci ha
pensato Simone Corazza a scac
ciare gli incubi. Lattaccante di
propriet della Sampdoria con
una sassata dal limite ha messo
fine a quasi unora di sofferenza.
Il Lumezzane, che poteva solo
migliorare la posizione nella gri
glia dei playout, non ha regalato
nulla. Nel primo tempo stata
partita vera, a inizio ripresa To
scano ha messo Della Rocca ed
passato al 424. Mossa che gli
ha dato ragione: gara sbloccata e
poi controllata.

CLASSIFICA
SQUADRE

NOVARA (-3)
BASSANO
PAVIA (-1)
COMO
ALESSANDRIA
FERALPI SALO'
REAL VICENZA
CREMONESE
AREZZO
SUDTIROL
TORRES
VENEZIA (-3)
MANTOVA (-3)
GIANA
RENATE
MONZA (-6)
PRO PATRIA (-1)
LUMEZZANE
PORDENONE
ALBINOLEFFE

RIPRODUZIONE RISERVATA

LIBERAZIONE E cos Novara di


nuovo vestita a festa, con caro
selli, gavettoni e bandiere in tut
ta la citt, ma la sofferenza visi
bile su tutto lo staff azzurro e
certificata da una stagione vissu

ta spesso nelle aule dei tribunali,


tra deferimenti, penalizzazioni,
ricorsi e quantaltro. E stata du
ra Toscano soprattutto dal
punto di vista mentale. Eravamo
i favoriti, a inizio stagione non
siamo partiti bene, e avevamo
sempre gli occhi di tutti addosso.

Contro il Lumezzane dovevamo


avere pazienza, non farci pren
dere dalla frenesia e cos stato.
Il momento pi duro stato do
po la vittoria contro il Mantova:
eravamo a +3 e dopo neanche
48 ore eravamo a 5 dal Bassano.
Una situazione che avrebbe ste

LUMEZZANE-NOVARA
0-1
MARCATORI Corazza al 9 s.t.
LUMEZZANE (4-4-2) Furlan 6; Monticone 6, Belotti 6, Nossa 6,5, Pantano 6;
Gatto 6,5 (dal 13 s.t. Baldassin 6),
Genevier 5,5, Alimi 5,5 (dal 35 s.t.
Consoli s.v.), Varas 5,5 (dal 28 s.t.
Furaforte 6); Ekuban 5,5, Sarao 5.
(Bason, Biondi, Chinelli, De Toma). All.
Nicolato 6.
NOVARA (3-4-3) Tozzo 6; Martinelli 6
(dal 1 s.t Della Rocca 7), Gavazzi 6,5,
Bergamelli 6; Dickmann 6,5, Farag 6
(dal 7 s.t. Buzzegoli 6,5), Pesce 6, Garofalo 7; Gonzalez 6,5, Evacuo 6, Corazza
7 (dal 23 s.t. Bianchi 6). (Montip,
Viacari, Foglio, Schiavi). All. Toscano 7.
ARBITRO Rapuano di Rimini 5,5.
NOTE spettatori 2.000 circa; paganti,
abbonati e incasso n.c. Amm. Martinelli, Gatto, Alimi e Varas. Angoli 2-6.

un pazzo Pavia:
sbaglia due rigori
ma resta in corsa

Como ai playoff
con la rete di Ganz
Mantova fallisce?

Per lAlessandria
soltanto tre legni
Poi contestazione

Urlo Pordenone
LAlbinoLeffe
va nei dilettanti

Lesultanza di Domenico Toscano, 43 anni: la sua 4a promozione BOZZANI

PT

74
74
68
67
65
56
52
50
49
47
47
46
46
45
45
39
38
35
34
32

PARTITE

RETI

38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38
38

22
21
19
20
17
14
12
12
12
12
11
13
14
12
11
11
9
8
9
7

11
11
12
7
14
14
16
14
13
11
14
10
7
9
12
12
12
11
7
11

5
6
7
11
7
10
10
12
13
15
13
15
17
17
15
15
17
19
22
20

58
57
58
48
51
43
44
45
35
40
35
47
37
32
35
37
45
31
30
27

30
37
43
33
31
41
38
44
36
41
38
44
34
39
49
38
65
50
53
51

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

MARCATORI
16 RETI Ferretti (Pavia); Bruno
(4, Real Vicenza); Fischnaller (3, Sudtirol).
15 RETI Momente (4, AlbinoLeffe);
Brighenti (1, Cremonese);
Gonzalez (Novara).
14 RETI Pietribiasi (Bassano); Evacuo
(5, Novara); Maiorino (4, Torres).
13 RETI Serafini (8, Pro Patria).

Cremonese, 3 gol
per guadagnarsi
la Coppa Italia

BASSANO

PAVIA

MANTOVA

ALESSANDRIA

PORDENONE

GIANA

FERALPI SALO

REAL VICENZA

COMO

VENEZIA

ALBINOLEFFE

CREMONESE

MARCATORI Pietribiasi (B) al 4,


Semenzato (B) al 38, Iocolano (B) al
48 p.t.; Bracaletti (F) al 21 s.t.
BASSANO (4-2-3-1) Grandi 7;
Toninelli 6, Priola 6, Bizzotto 6 (dal
22 s.t. Cortesi 6), Semenzato 6,5;
Dav 6,5, Proietti 6,5 (dal 28 s.t.
Ingegneri 6); Furlan 6,5, Nol 6,5,
Iocolano 7; Pietribiasi 6,5 (dal 39
s.t. Maistrello s.v.). (Scaranto,
Stevanin, Cenetti, Cattaneo).
All. Asta 6,5.
FERALPI SALO (4-2-3-1) Branduani
6; Tantardini s.v. (dal 10 p.t. Carboni
6), Leonarduzzi 6, Ranellucci 6, Broli
6; Fabris 6,5, Pinardi 6,5; Bracaletti
6,5 (dal 28 s.t. Romero 6,5), Juan
Antonio 5,5, Ragnoli 5,5; Zamparo
5,5 (dal 22 s.t. Abbruscato 6).
(Proietti Gaffi, Codromaz, Galuppini,
Cittadino). All. Scienza 6.
ARBITRO Piccinini di Forl 6.
NOTE spettatori 2.500 circa,
paganti, abbonati e incasso n.c.
Ammoniti nessuno. Angoli 2-1.

MARCATORI Bardelloni (R) al 35


p.t.; Cesarini (P) al 39 s.t.
PAVIA (4-4-2) Facchin 6; Cardin 5,5,
Abbate 5,5, Marino 5,5, Angelotti 5,5
(dal 21 s.t. Sabato 5,5); Cogliati 5,5,
Pederzoli 6, Rosso 6, Corvesi 5,5
(dal 13 s.t. Marchi 5,5); Soncin 5 (dal
13 s.t. Grbac 5,5), Cesarini 6,5.
(Fiory, Ghiringhelli, Carraro,
Buongiorno). All. Vavassori 5,5.
REAL VICENZA (3-5-2) Bonato 7,5;
Beccaro 6, Calcagnotto 6, Piccinni
6; Lavagnoli 6 (dal 9 s.t. Sandrini
5,5), Cristini 6 (dall11 s.t. Caporali
5,5), Dalla Bona 6, Ungaro 6 (dal 43
s.t. Malag s.v.), Chiarello 6,5;
Gomes 5,5, Bardelloni 6,5. (Ziglioli,
Quintavalla, Pavan, Margiotta). All.
Marcolini 7.
ARBITRO Capilungo di Lecce 6.
NOTE paganti 1.821, inc. di 7.500
euro, non ci sono abbonati. Amm.
Beccaro, Cesarini. Angoli 10-4.

MARCATORE Ganz al 27 p.t.


MANTOVA (3-4-3) Festa 6; Todisco
5,5, Siniscalchi 5,5, Blaze 5,5 (dal 1 s.t.
Gyasi 5); Zanetti 5,5, Creati 6, Raggio
Garibaldi 6, Pondaco 6,5; Said 4,5,
Caridi 6 (dal 27 s.t. Di Santantonio
5,5), Sartore 6 (dal 1 s.t. Boniperti 6).
(Zima, Scrosta, Zammarini, Beleck). All.
Juric 6.
COMO (3-5-2) Crispino 6; Ambrosini 6,
Giosa 5,5, Marchi 6; Marconi 5,5 (dal
23 s.t. Fautario 6), Castiglia 6, Fietta
6,5, Cristiani 6 (dal 39 s.t. Ardito s.v.),
Casoli 6; Ganz 6,5 (dal 18 s.t. Defendi
6), Le Noci 7,5. (Maimone, Lebran,
Rolando, Maritato). All. Sabatini 7.
ARBITRO Formato di Benevento 5.
NOTE paganti 688, abbonati 1.215,
incasso di 15.556 euro. Espulsi Said e il
tecnico Juric al 26 p.t.; amm. Castiglia,
Siniscalchi. Angoli 3-9.

BASSANO (Vi) Dura poco pi di


un tempo lillusione della Serie B
per il Bassano, che chiude la pratica
Feralpi Sal nel primo tempo - con
Pietribiasi, Semenzato e Iocolano quando il Novara sta ancora
pareggiando a Lumezzane. Il gol
piemontese nella ripresa
ammutolisce lo stadio.
Vincenzo Pittureri

PAVIA Doveva essere una


formalit, ma il Pavia ha rischiato
una Caporetto, soffrendo e
sprecando due rigori con Soncin al
16 p.t. e con Cesarini al 35 s.t. (ma
bravissimo Bonato). Il Real Vicenza
passato in vantaggio al 35 del
primo tempo con Bardelloni, ma il
Pavia ha chiuso il pazzo pomeriggio
azzurro al 39 quando Cesarini ha
trova il tiro dell1-1 che vale i playoff.
Guido Mariani

MANTOVA L11 centro di Ganz fa


volare ai playoff il Como. Si decide
tutto in un minuto, con larbitro che
caccia Said (fallo a met campo e
proteste) e il furente Juric al 26. Dalla
punizione nasce il vantaggio lariano,
con Ganz che fredda Festa da distanza
ravvicinata. Nella ripresa i locali in ci
provano con Pondaco (salva Fietta), Le
Noci sfiora il raddoppio. Nubi sul
Mantova, il vicepresidente Tirelli:
Potremmo portare i libri in
tribunale.
Matteo Bursi

La Torres non c
Festa del Renate
con Spampatti

Alla Pro Patria


la prova playout
contro il Monza

Fischnaller, 2 gol
Vittoria Sdtirol
dopo 13 giornate

TORRES

PRO PATRIA

AREZZO

RENATE

MONZA

SDTIROL

MARCATORE Spampatti al 37 p.t.


TORRES (4-4-2) Costantino 6; Aya
6, Marchetti 6 (dal 37 s.t. Funari
s.v.), Migliaccio 5,5 (dal 25 s.t.
Rubino s.v.), Imparato 6,5;
Buonaiuto 6 (dal 21 s.t. Marinaro
6), Giuffrida 6, Foglia 6,5, Maiorino
6; Scotto 5,5, Baraye 5,5. (Testa,
Cerone, Bottone, Petermann).
All. Bucchi 5,5.
RENATE (3-5-2) Cincilla 6; Adobati
6 (dal 6 s.t. Bonfanti 6), Di Gennaro
6, Riva 6; Muchetti 6, Malgrati 6,
Perini 6, Chimenti 6,5, Iovine 6;
Florian 6 (dal 38 s.t. Scaccabarozzi
s.v.), Spampatti 6,5 (dal 21 s.t.
Cocuzza 6). (Vannucchi, Mantovani,
Radrezza, Curcio). All. Boldini 6,5.
ARBITRO Catona di Reggio
Calabria 6,5.
NOTE spettatori 1.000 circa;
paganti n.c., abbonati 200, incasso
di 4.000 euro. Ammoniti Marchetti,
Perini, Cincilla, Baraye e Cocuzza.
Angoli 4-0.
SASSARI Una Torres svuotata
mentalmente dalla recente morte
dellex tecnico Vincenzo Cosco
concede al Renate tre punti che
valgono la salvezza. I ragazzi di
Bucchi non sono mai entrati in
partita, bravo il Renate a
capitalizzare un buon avvio con
Spampatti, che al 37 imbambola
Migliaccio e dal limite colpisce.
Gian Mario Sias

so anche un toro. Ma forse an


che per questo che ora la gioia
cos intensa. Poco meno di un
anno: tanto durato il purgato
rio dei piemontesi, che dopo
lamarezza della retrocessione
tornano in B. Lultima volta era
successo nel 2010 (dopo 33 anni
di assenza) e la stagione dopo
riusc addirittura il doppio salto
fino alla A. Sar cos anche sta
volta?

29

MARCATORI Serafini (PP) su


rigore al 23, Valencic (M) al 42 p.t.;
Baclet (PP) al 7, Palumbo (PP) al 31,
Conti (M) al 33 s.t.
PRO PATRIA (4-3-3) Perilli 5,5;
Guglielmotti 6, Lamorte 6, Pisani
6,5 (dal 26 s.t. Panizzi 6), Taino 6,5;
Giorno 5,5 (dal 24 s.t. Calzi 6), Arati
6, Palumbo 7; DErrico 6,5 (dal 20
s.t. Zaro 6), Serafini 6, Baclet 6,5.
(Melillo, Brunori, Candido, Terrani).
All. Montanari 6,5.
MONZA (4-3-1-2) De Lucia 6;
DAmbrosio 5,5, De Bode 5,5 (dal 17
s.t. Cojocnean 6), El Hasni 6,
Pugliese 5,5: Pessina 6, Asante 5,5
(dal 1 s.t. Martinez 6), Uliano 6;
Conti 6; Bernasconi 6,5, Valencic 6
(dal 17 s.t. Torri 5,5). (Chimini,
Lucarini, Acampora,Grandi).
All. Pea 6.
ARBITRO Martinelli di Tivoli 6.
NOTE paganti 641, abbonati 474
incasso di 5.172 euro. Ammonit
Asante, Conti, Cojocnean, El Hasni,
Torri e Bernasconi. Angoli 1-6.
BUSTO ARSIZIO (Va) Pro Patria e
Monza - che si sfideranno anche
nel playout e chi perder andr nei
dilettanti - hanno dato vita a una
partita equilibrata che ha visto
prevalere i padroni di casa, pi abili
sotto rete, in particolare nei
contropiede che hanno spaccato la
(gol di Baclet e Palumbo).
Aldo Restelli

MARCATORI Brugger (S) al 9,


Fischnaller (S) su rigore al 22 p.t.;
Erpen (A) su rigore al 17,
Fischnaller (S) al 32 s.t.
AREZZO (3-5-1-1) Rosti 5,5;
Villagatti 5,5, Panariello 6, Guidi 5,5
(dal 1 s.t. Mariani 6); Brumat 6,
Dettori 5,5, Cucciniello 5,5, Coppola
6 (dal 16 s.t. De Martino 5,5),
Sabatino 5,5; Yaisien 5,5; Padulano
5,5 (Dal 1 s.t. Erpen 6). (Benassi,
Crescenzi, Franchino, Bucaletti). All.
Capuano 6.
SDTIROL (3-5-2) Mori 6,5;
Brugger 6,5, Tagliani 6, Mladen 6;
Tait 6,5, Furlan 6,5, Bertoni 6 (dal
18 s.t. Mazzitelli 6), Branca 6,5 (dal
33 s.t. Cia s.v.), Martin 6,5;
Fischnaller 7, Marras 6 (dal 18 s.t.
Novothny 6). (Melgrati, Kiem,
Peverelli, Campo, Novo). All.
Stroppa 6,5.
ARBITRO Viotti di Tivoli 6,5.
NOTE paganti 1.038, abbonati 687,
incasso di 4.070 euro. Ammoniti
Villagatti, Cucciniello, Tagliani,
Marras, Brugger e Mazzitelli.
Angoli 7-6.
AREZZO Il Sdtirol ritrova senza
affanni il successo dopo tredici
giornate grazie alla doppietta di
Fischnaller e al gol di Brugger,
mentre lArezzo - decimato e
spremuto - si consola comunque
con laccesso alla Coppa Italia.
Stefano Brandini Dini

MARCATORI Rantier (A) su rigore al


17 p.t.; Greco (V) al 22 s.t.
ALESSANDRIA (4-3-3) Nordi 5,5;
Sosa 6, Morero 5,5, Sirri 6, Sabato
5,5; Vitofrancesco 6,5, Obodo 5 (dal
29 s.t. Taddei s.v.), Mezavilla 5 (dal 9
s.t. Valentini 5,5); Rantier 6, Marconi
6, Iunco 6 (dal 36 p.t. Germinale 5)
(Poluzzi, Mora, Cavalli, Spighi). All.
DAngelo 6.
VENEZIA (4-3-3) Fortunato 6,5;
Capogrosso 6, Sales 5,5, Espinal 6,
DellAndrea 6; Zaccagni 6,5, Giorico 6,
Callegaro 5,5 (dal 28 s.t. Hottor s.v.);
Guerra 6,5, Greco 7 (dal 38 s.t. Chin
s.v.), Varano 6 (dal 19 s.t. Magnaghi
6). (DArsi, Scialpi, Marton,
Raimondi). All. Serena 6,5.
ARBITRO Prontera di Bologna 7.
NOTE paganti 1.471, abbonati 764,
incasso n.c. Espulso Morero al 46 s.t.;
ammoniti Sirri, Morero, Sales, Greco
e Giorico Angoli 5-1.
ALESSANDRIA Al fotofinish
lAlessandria vede sfumare la
possibilit di accedere ai playoff.
Avanti grazie a un rigore trasformato
da Rantier, la squadra di DAngelo
stata poi sfortunata: pali dell stesso
Rantier e di Sirri, traversa di Marconi.
Nel pareggio del Venezia, invece, c la
deviazione di Morero su tiro di Greco.
Alla fine dura contestazione alla
squadra da parte della Curva Nord.
Nicola Pilotti

MARCATORE Maracchi all8 s.t.


PORDENONE (3-5-2) Careri 7;
Rosania 7, Ferrani 7, Fissore 6,5;
Placido 7,5, Fortunato 6 (dal 13 s.t.
Mattielig 6), A. Migliorini 6,5,
Maracchi 7, Bertolucci 6,5 (dal 25
s.t. Ghinassi 6); Maccan 6,
Bjelanovic 6 (dal 20 s.t. Franchini
5,5). (Maniero, Buratto, Ravasi,
Simic). All. Rossitto 7.
ALBINOLEFFE (4-3-1-2) Offredi 6;
Ondei 5 (dal 10 s.t. Pesenti 5,5),
Moi 6, Allievi 6, Anghileri 5; Salvi 6,
Spinelli 6, Corradi 6,5 (dal 42 s.t.
Gazo s.v.); Girasole 5 (dal 18 s.t.
Bradaschia 6); Moment 5,5, Silva
Reis 5. (Amadori, Cortinovis,
Maietti, Bentley). All. Mangone 5.
ARBITRO Illuzzi di Molfetta 7.
NOTE paganti 2000, abbonati 120,
incasso n.c. Ammoniti Girasole,
Moi, Rosania e Spinelli. Angoli 2-2.

MARCATORI Gambaretti al 1,
Brighenti al 9, Finazzi al 29 s.t.
GIANA (4-3-1-2) Sanchez 5; Perico 5,5,
Bonalumi 5 (dal 18 s.t. Perna 5),
Montesano 5, Solerio 5,5; Rossini 5,5,
Marotta 6, Augello 5,5; Crotti 5 (dal 37
s.t. Cannistr s.v.); Recino 6, Spiranelli
6 (dal 13 s.t. Gasbarroni 6,5).
(Ghislanzoni, Polenghi, Sanzeni,
Sinigaglia). All. Alb 6.
CREMONESE (3-5-2) Venturi 6;
Gambaretti 7, Briganti 6, Castellini 6;
Marchi 7 (dal 43 s.t. Ruci s.v.), Finazzi
6,5, Jadid 7 (dal 28 s.t. Di Francesco
s.v.), Palermo 6,5, Crialese 6; Brighenti
7, Manaj 6,5 (dal 16 s.t. Ciccone 6).
(Quaini, Bassoli, Haouhache, Pasi).
All. Giampaolo 7.
ARBITRO Sprezzola di Mestre 6.
NOTE paganti 1.771, non ci sono
abbonati, incasso di 12.540 euro.
Ammoniti Finazzi e Perna. Angoli 4-5.

PORDENONE Baratro Albinoleffe:


dalla serie B alla D in tre stagioni (e
nel 2008 gioc la finale playoff per
salire in A). Il Pordenone invece si
gioca la salvezza ai playout. Nel
primo tempo palo dei neroverdi
con Maracchi che segna nella
ripresa, all8, su assist di Placido. Al
18 altro palo colpito da Maccan.
LAlbinoleffe tenta il forcing: al 38
Placido devia su Spinelli, al 48
Careri sventa su Moi, al 50
proteste per un rigore non dato.
Alberto Francescut

DA DOMENICA VIA AGLI SPAREGGI


PLAYOFF
1 TURNO

Domenica 17 maggio
BENEVENTO-COMO

GORGONZOLA (Mi) La Cremonese,


che non vinceva da 3 gare, chiude con
una vittoria che vale la qualificazione
alla Coppa Italia travolgendo una
Giana gi appagata. Alb regala la
vetrina a chi ha giocato meno e paga
la maggior qualit della Cremonese
che dilaga nella ripresa. Al 1 corner di
Jadid per il colpo di testa vincente di
Gambaretti, al 9 assolo di Brighenti
che centra langolino (15 gol) e al 29
tiro di Finazzi deviato da Perna alle
spalle di Sanchez.
Stefano Spinelli

REGOLAMENTO
SALGONO IN 4:
UNA DAI PLAYOFF
SCENDONO IN 9:
SEI DAI PLAYOUT

BASSANO-JUVE STABIA
ASCOLI-REGGIANA
MATERA-PAVIA
SEMIFINALI

Domenica 24 e domenica 31 maggio


FINALE

Domenica 7 e domenica 14 giugno


Gare di andata
Sabato 23 maggio

PLAYOUT
Girone A

Gare di ritorno
Sabato 30 maggio

PORDENONE-MONZA
LUMEZZANE-PRO PATRIA
Girone B

PRO PIACENZA-GUBBIO
SAVONA-FORL
Girone C

SAVOIA-MESSINA
ISCHIA-AVERSA NORMANNA
CENTIMETRI

Ecco il regolamento della nuova Lega


Pro unica, che prevede quattro
promozioni in Serie B (con una nuova
formula dei playoff) e nove
retrocessioni in Serie D.
PROMOZIONI Salgono in Serie B le
prime di ciascun girone. Le seconde
e le terze pi le due migliori quarte
(si guardano i punti conquistati, poi la
differenza reti, o il maggior numero
di reti segnate, ecc...) accedono ai
playoff, nei quali (il primo turno sar
a gara unica) la miglior seconda
riceve la peggior quarta, la seconda
miglior seconda riceve laltra quarta,
la peggior seconda riceve la peggior
terza, la miglior terza riceve la
seconda delle terze. In caso di parit
si va a supplementari e poi
eventualmente ai calci di rigore. Poi
ci sono le semifinali e le finali con
andata (in casa delle peggio
classificate) e ritorno: anche qui in
caso di parit supplementari e rigori.
RETROCESSIONI Scendono in Serie
D le ultime classificate di ogni girone.
Ai playout vanno 16a, 17a 18a e 19a di
ogni girone con la seguente formula:
19a contro 16a, 18a contro 17a. Sono
partite di andata e ritorno: in caso di
parit di punteggio si salva la
squadra meglio classificata in
campionato.

30

Formula 1 R GP Spagna
I NUMERI

181

I giorni trascorsi dallultima


vittoria di Rosberg: nel GP
Brasile del 9 novembre 2014
era arrivato davanti a Hamilton
e Massa

Le doppiette stagionali della


Mercedes: Hamilton e Rosberg
primo e secondo in Australia
e Cina, a parti invertite ieri nel
GP Spagna

70

Con il terzo posto di ieri a


Montmel, Sebastian Vettel ha
conquistato il 70 podio in
carriera: 40 vittorie, 14 secondi
posti e 16 terzi

La gioia di Nico Rosberg, 29 anni,


allarrivo del GP Spagna COLOMBO

Rosberg fa un capolavoro
Vettel, podio doloroso a 45
1Dominio netto Mercedes: 3 doppietta dellanno. Nico a -20 da Hamilton
a

Grande Seb al via, poi il box sbaglia strategia: terzo. La svolta attesa non c
Pino Allievi

della Mercedes come nessuno


a Maranello immaginava.

MONTMEL (SPAGNA)

razie ragazzi, gran


de lavoro! urla Se
bastian Vettel via ra
dio, in italiano, mentre taglia il
traguardo. Lo dice con traspor
to, ma non c la gioia esagera
ta di Sepang, quando aveva
vinto. Si infatti piazzato terzo
e per la quarta volta in cinque
gare sale sul podio. Per ades
so il podio non basta pi, per
ch lottima partenza della Fer
rari ha generato aspettative
maggiori e fame di successi.
Doveva infatti essere la svolta,
Barcellona, ovvero la tappa del
ricongiungimento con la Mer
cedes. Invece la Mercedes ha
trionfato con Nico Rosberg e
Lewis Hamilton, mentre la Fer
rari ha rimediato il distacco pi
doloroso dellanno, ben 45,
un abisso, un campanello dal
larme su modifiche che non
hanno funzionato come ci si
aspettava mentre, al contem
po, c stato un balzo in avanti

DELUSIONE stata una battuta


darresto congiunta a un ritor
no salutare alla realt, quella
del GP di Spagna. Maurizio Ar
rivabene, responsabile del te
am, non si nascosto: I nume
ri ci dicevano che le modifiche
erano buone, la realt ci ha pe
r mostrato che non erano ab
bastanza buone per chiudere il
gap con la Mercedes. Bisogna
capire se si trattato di un epi
sodio relativo alla pista di
Montmel, oppure se c altro
di nostro. Abbiamo incassato
un distacco grande, dobbiamo
andare avanti con umilt.
ANALISI Traduciamo: la Fer
rari in versione 2 guidata da
Vettel senza fare errori anda
ta bene, ma stata lenta con
frontata alle monoposto tede
sche. Tuttavia, nonostante pa
gasse mezzo secondo solamen
te nel tratto finale misto di
pista, la velocit della Ferrari 2
nelle curve lente stata supe

RNonostante gli
sviluppi portati, la
rossa patisce il gap
pi grande di
questa stagione

RRaikkonen nel
finale tenta
lassalto a Bottas,
ma inutilmente: 5.
Disastro McLaren
Il podio: da sin. Hamilton (2), lingegner Ross, Rosberg (1) e Vettel (3) REUTERS

riore rispetto a quella della


SF15T in versione vecchia
che Raikkonen ha portato a un
modesto 5 posto. poco, ma
su questo che occorre lavorare
per progredire, in un momento
chiave della stagione. E appare
davvero incomprensibile come
la Ferrari, per scovare i propri
lati negativi, pensi di affidarsi
nei test di domani e mercoled,
sempre a Montmel, a Lello

Marciello, che ha pochissima


esperienza, e al messicano
Esteban Gutierrez che non ha
mai guidato la macchina ma
sostenuto da sponsor consi
stenti.
STRATEGIA ERRATA La gara
stata senza storia: Rosberg ha
dominato con unottima par
tenza e nessuno lha pi visto.
Vettel che al via ha superato

Hamilton (lato sporco della pi


sta) ha resistito divinamente
alla pressione del campione
del mondo ed stato scavalca
to solo dalla strategia (3 i pit
stop dellinglese invece dei 2 di
Seb) attuata dalla Mercedes.
Troppe le turbolenze nella scia
della Ferrari per Lewis. Idem
per Raikkonen, quando nel fi
nale si ricongiunto a Bottas
senza per poterlo superare.

Ma proprio per queste difficol


t aerodinamiche che impe
divano i sorpassi, la Ferrari di
Vettel si sarebbe dovuta ferma
re in contemporanea con Ha
milton e magari avrebbe con
servato il secondo posto, men
tre la scelta di montare a
Raikkonen le Pirelli dure (con
le quali entrambe le rosse han
no sofferto) nella fase centrale
ha probabilmente negato al
finlandese il 4 posto. Appas
sionante stato il duello fin
landese tra Bottas e Raikko
nen, col primo che (o stato)
nelle mire del Cavallino per so
stituire Kimi. Ma cos come in
Bahrain il pallido Valtteri si era
tenuto dietro Vettel, altrettan
to stato implacabile in Spa
gna nei confronti di Raikko
nen.
NOIA Sul fronte Mercedes c
poco da raccontare oltre al giu
dizio categorico della pista. Le
frecce dargento modificate so
no apparse stabili e veloci sin
da quando hanno messo le ruo
te in pista venerd, a differenza
delle Ferrari che hanno arran
cato. Mai in cinque gare si era
avuta una sensazione di supe
riorit tanto schiacciante. Ro
sberg stato eccezionale e ha
ridotto a 20 punti il distacco
dal compagno. Alla fine Hamil
ton ha stretto la mano a Nico
facendogli i complimenti, un
bel gesto che parso sincero e
distensivo. Una gara comun
que moscia e senza spettacolo,
quella di ieri, come accade
sempre a Barcellona. Belli solo
alcuni confronti nelle retrovie.
La replica tra due settimane a
Montecarlo, altro posto dove
non si sorpassa. E poi ci mera
vigliamo se la gente si annoia?
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

ALONSO-GROSJEAN
PIT STOP DA BRIVIDI

31

Seb, che lotta contro Lewis


Ma le decisioni del muretto...

1Il tedesco: Guardando i tempi sembra un passo indietro, ma resto fiducioso

Arrivabene: Questanno possiamo vincere 3 GP, il Mondiale mi sembra troppo


Luigi Perna
INVIATO A MONTMEL

PRIMA DELLA PARTENZA


KIMI E SEB, TESTA O CROCE?
I due ferraristi ironizzano sulle voci secondo
cui sarebbe stato tirato a sorte il pilota che
ha usato la nuova aerodinamica COLOMBO

ALLA PRIMA CURVA


NICO TIENE LA TESTA
Rosberg parte bene dal primo posto in griglia,
mentre Vettel beffa Hamilton e lo stesso fa
Verstappen su Sainz pi dietro REUTERS

27 GIRO
FERNANDO ROMPE I FRENI AI BOX
Alonso (McLaren-Honda) al momento del
rientro ai box rompe i freni e va lungo,
rischiando di travolgere uno dei meccanici

40 GIRO
ROMAIN CARICA IL MECCANICO
Grosjean sbaglia lapproccio ai box: a farne
le spese il meccanico addetto al cavalletto,
sollevato dalla Lotus del francese

olo tre gare e il muretto


Ferrari ricostruito attor
no allo stratega spagnolo
Inaki Rueda gi mostra qual
che crepa. Per trentadue giri
Sebastian Vettel ha tirato fuori
gli attributi, facendo mangiare
aria sporca a Lewis Hamilton e
tenendosi dietro in questo mo
do una Mercedes che con pista
libera aveva il potenziale per
spazzare via la sua SF15T.
Una marcatura degna di Genti
le su Maradona al Mundial
1982. Ma, quando stato il
momento di tenere la presa su
Lewis, dal box hanno insistito
via radio con Vettel di restare
sul piano iniziale di due sole
soste, anzich fermarsi e pas
sare a tre come linglese.
UMILT Le speranze di Seb di
artigliare il secondo posto so
no finite l. Perch Hamilton,
senza il fastidio di una Ferrari
fra le scatole, ha potuto impo
stare il suo ritmo, facendo va
lere una superiorit imbaraz
zante rispetto alla rossa con le
gomme dure. N il pilota tede
sco n il team principal Mauri
zio Arrivabene alla fine erano
contenti, anche se entrambi
hanno difeso le scelte tattiche.
Siamo onesti, non stata una
buona gara. Il distacco dalle
Mercedes fa male come il mio
braccio fasciato. Serve un ba
gno di umilt e andare avanti.
Per, se avessimo fatto tre so
ste come Hamilton, avremmo
perso anche il terzo posto, so
stiene Arrivabene. Lewis ave
va perso tempo al primo pit
stop e perci ne abbiamo ap
profittato spiega Vettel .
Per poi la cosa migliore per
noi era restare in pista con la
strategia impostata dallinizio.
Mi sono mancati due o tre se
condi persi nel traffico per
uscire davanti a Lewis. E in
ogni caso, sarebbe stata dura
tenerlo dietro, visto come an
dava alla fine.

Sebastian Vettel, 27 anni, 4 volte iridato, alla prima stagione in Ferrari. Finora con la rossa ha gi raccolto 4 podi EPA

IL DISTACCO DELLE
MERCEDES FA MALE.
SERVE UN BAGNO
DI UMILT E
GUARDARE AVANTI
Maurizio Arrivabene, 58, capo della Ges CANONIERO

e serviva pi flessibilit. Inol


tre non stato il solo errore di
un altro pomeriggio da insola
zione per i cervelli di Maranel
lo. Anche la strategia di Kimi
Raikkonen sembrata sbaglia
ta, con la scelta di montare su
bito le gomme dure anzich le
medie. Il finlandese nel finale
si ritrovato quinto dietro a
Bottas, senza riuscire ad ac
cennare un solo attacco (trop
pe turbolenze). Con Kimi
siamo passati al piano B perch
ci aspettavamo un consumo di
gomme superiore della Wil
liams ammette Arrivabene
. Poi siamo corsi ai ripari, ma
non andata bene.
NOVIT SI O NO Comunque
sia, la Mercedes in Spagna
tornata di un altro pianeta, con
Rosberg che ha rifilato 45 a
Vettel e 1 a Raikkonen, perci
si fa pi fatica ad apprezzare il
quinto podio, il quarto per Seb.
Non sono contento del distac
co dice il quattro volte irida
to . Guardando i tempi sem

DUE ERRORI La difesa non con


vince. Forse la Ferrari temeva
di non riuscire a ripetere la
marcatura effettuata in prece
denza su Hamilton. Ma di cer
to la velocit di punta a Vettel
non mancava, ragion per cui
sarebbe stato difficile passarlo,

brerebbe facile concludere che


abbiamo fatto un passo indie
tro, ma credo che le condizioni
particolari qui al Montmel ci
abbiano sfavorito e che stiamo
andando nella giusta direzio
ne. Ho fiducia che torneremo
vicini a Montecarlo e nelle
prossime gare. Ne convinto
anche Raikkonen: Abbiamo
tante cose buone in arrivo sulla
macchina. Mentre Arrivabe
ne non cerca scuse: Pensava
mo di essere pi vicini. I dati ci
dicono che le novit funziona
no, infatti oggi la vettura di
Vettel era pi veloce dellaltra
(sabato Raikkonen tornato
alla vecchia aerodinamica;
n.d.r.). Per abbiamo fatto un
piccolo passo avanti e non un
salto. Bisogna rivedere tutto e
se necessario correggere. Su
una pista da trazione come il
Canada altrimenti sar un in
cubo. Penso ancora che que
stanno si possano vincere tre
gare, il Mondiale mi sembra
troppo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

REGOLAMENTO

La Fia decide controlli pi severi sui flussometri


1Sono state richiamate sia la rossa sia le frecce dargento
Da domani i test: sulla SF15-T girano Marciello e Gutierrez
INVIATO A MONTMEL

i voci ce nerano gi state. E nei giorni scorsi


il chiarimento del delegato tecnico Charlie
Whiting sulla questione dei famosi misura
tori di flusso del carburante e la pressione della
benzina, elementi chiave nelle prestazioni dei mo
tori ibridi di ultima generazione, ha portato alla
luce un giallo su cui i dubbi aleggiavano da tempo.
La Fia ha infatti precisato in modo pi vincolante
quale debba essere linterpretazione della regola,
ricordando che il flusso del carburante deve re
stare costante sopra i 90 kg per ora. Il limite mas
simo fissato a 100 kg/h e ci significa che la Fia
vuole assicurarsi che i team non giochino troppo

Sebastian Vettel tallonato da Lewis Hamilton COLOMBO

con loscillazione dei valori.


AL LIMITE In teoria c la possibilit di creare so
vrapressioni, sfruttando la gestione elettronica,
ottenendo una spinta extra per aumentare le pre
stazioni del motore. La Fia, che controlla tutto at
traverso la telemetria, ora avrebbe piazzato senso
ri per controllare il flussometro in pi punti.
E sabato, durante il Q1, una squadra sarebbe stata
richiamata alla corretta osservazione dei parame
tri. Inoltre alcuni team, fra cui la Ferrari, dopo le
prime due gare sarebbero stati informati sulla cor
retta interpretazione da dare al regolamento allo
scopo di evitare soluzioni personalizzate, seppure
non vi siano state palesi irregolarit che avrebbero
comportato sanzioni. Ma lo stesso sarebbe capita
to anche alla Mercedes: plausibile, considerando
il travaso di tecnici e di informazioni tra le due
squadre. Maranello in ogni caso ieri ha smentito
notizie di convocazioni o richiami nei giorni del
GP di Spagna.

NIENTE TITOLARI Con tutti i dubbi e le incertezze


relative ai nuovi sviluppi, la Ferrari ne avr di cose
da provare nei test di domani e mercoled. Ma sulla
SF15T non gireranno n Vettel n Raikkonen, ma il
giovane Raffaele Marciello del vivaio Ferrari Aca
demy, reduce da unaltra gara negativa in GP2, e il
pilota di riserva Esteban Gutierrez. Mentre la scelta
del primo era obbligata (oltre che opportuna) in
quanto un giorno riservato da regolamento ai
rookie, lutilizzo del messicano invece una deci
sione politica, legata agli interessi commerciali dei
munifici sponsor (si parla di oltre 10 milioni di eu
ro) che porta in dote. Maurizio Arrivabene non ne
fa un problema: Esteban passa ore al simulatore,
Seb e Kimi si fidano ciecamente di lui. Se poi la
macchina d buone indicazioni o meno si capisce
ugualmente. Sar, ma nessun altro team ha fatto
la stessa scelta. La Mercedes, per esempio, far gira
re Nico Rosberg accanto al talento Pascal Wehrlein.
lu.pe.
RIPRODUZIONE RISERVATA

32

Formula 1 R GP Spagna

LE PAGELLE di PINO ALLIEVI

Bottas e Raikkonen, finlandesi in vetrina

1Valtteri tiene dietro Kimi: un duello anche in chiave mercato. Grosjean, punti e denaro per la Lotus
LA STATISTICA

NICO ROSBERG

MERCEDES 29 ANNI

VETTEL
Ha creduto nella
versione nuova
della Ferrari e ha
fatto bene. Non
ha commesso
errori, stato
incisivo dietro a
Rosberg ma non
aveva lauto per
fare di pi EPA

Doveva vincere
C riuscito
in modo netto
Doveva vincere per non perdere
contatto da Hamilton e per
ritrovare coraggio, spirito,
morale. C riuscito nei
confronti di un Lewis che
questanno non regala nulla,
battendolo in modo netto in
qualifica e in gara. Il tutto alla
vigilia di Montecarlo, il circuito
che Nico (nella foto con la
moglie Vivian) ama di pi. In
assenza di spettacolo, il ritorno
della battaglia tra i due della
Mercedes meglio di niente

GARA

GROSJEAN
La Lotus naviga
nel caos, una
squadra che va
ricostruita. Ma
Romain, 8, le
regala il terzo
piazzamento
consecutivo a
punti. Ossigeno e
denaro GETTY

MONDIALE

1. ROSBERG

GER Mercedes

7,5

BOTTAS
Altra gara
allinsegna della
massima
praticit. Non
sbaglia (quasi)
mai, sa tenere la
pressione, porta
sempre a casa
punti pesanti
REUTERS

RAIKKONEN
Bella gara a un
ritmo elevato,
poco aiutato dalla strategia del
box ma comunque consistente
e reattivo. Sta
tornando ai livelli
di qualche anno
fa LAPRESSE

SAINZ
Poco
convincente a
inizio gara, molto
bravo nel finale
quando supera
il compagno
Verstappen e
Kvyat. lunico
spagnolo a punti
COLOMBO

TEMPO/DISTACCO
(PIT STOP)

1h41'12"555 (2)
media 182,060 km/h
2. HAMILTON
GB Mercedes
a 17"551 (3)
3. VETTEL
GER Ferrari
a 45"342 (2)
4. BOTTAS
FIN Williams-Mercedes
a 59"217 (2)
5. RAIKKONEN FIN Ferrari
a 1'00"002 (2)
6. MASSA
BRA Williams-Mercedes
a 1'21"314 (3)
7. RICCIARDO AUS Red Bull-Renault
a 1 giro (2)
8. GROSJEAN
FRA Lotus-Mercedes
a 1 giro (2)
9. SAINZ
SPA Toro Rosso-Renault
a 1 giro (2)
10. KVYAT
RUS Red Bull-Renault
a 1 giro (2)
11. VERSTAPPEN OLA Toro Rosso-Renault
a 1 giro (2)
12. NASR
BRA Sauber-Ferrari
a 1 giro (2)
13. PEREZ
MES Force India-Mercedes
a 1 giro (2)
14. ERICSSON
SVE Sauber-Ferrari
a 1 giro (2)
15. HLKENBERG GER Force India-Mercedes
a 1 giro (3)
16. BUTTON
GB McLaren-Honda
a 1 giro (3)
17. STEVENS
GB Manor Marussia-Ferrari
a 3 giri (3)
18. MERHI
SPA Manor Marussia-Ferrari
a 4 giri (3)
RITIRATI: al 27 giro ALONSO (SPA/McLaren-Honda) freni; al

46 giro MALDONADO (VEN/Lotus-Mercedes) ala posteriore.


DISTANZA GARA: 66 giri pari a 307,104 km
GIRO PI VELOCE: il 54 di HAMILTON in 128270, media
189,849 km/h
LEADER DELLA CORSA: dal 1 al 15 giro ROSBERG; il 16 giro
RAIKKONEN; dal 17 al 45 ROSBERG; dal 46 al 50 HAMILTON;
dal 51 al traguardo ROSBERG

POS NOME
1. HAMILTON
2. ROSBERG
3. VETTEL
4. RAIKKONEN
5. BOTTAS
6. MASSA
7. RICCIARDO
8. GROSJEAN
9. NASR
10. SAINZ
11. VERSTAPPEN
12. HLKENBERG
13. PEREZ
14. ERICSSON
15. KVYAT
16. ALONSO
17. BUTTON
18. MERHI
19. STEVENS
20.MALDONADO

NAZ PUNTI AUS


GB
111
25
GER
91
18
GER
80
15
FIN
52
FIN
42
BRA
39
12
AUS
25
8
FRA
16
BRA
14
10
SPA
8
2
OLA
6
GER
6
6
MES
5
1
SVE
5
4
RUS
5
SPA
0
GB
0
SPA
0
GB
0
VEN
0
-

MAL
18
15
25
12
10
8
1
4
6
2
-

CIN BAH SPA


25 25
18
18
15
25
15
10
15
12
18
10
8
12
12
10
1
8
2
8
6
6
6
4
4
2
4
1
2
1
-

COSTRUTTORI
1. MERCEDES
2. FERRARI
3. WILLIAMS
4. RED BULL
5. SAUBER
6. LOTUS
7. TORO ROSSO
8. FORCE INDIA
9. MCLAREN
10. MANOR MARUSSIA

7
MALDONADO
Mentre sta
disputando una
gran gara, viene
messo k.o. da
una paratia
dellala
posteriore
REUTERS

6,5

ALONSO
Voto di stima.
La McLarenHonda affonda,
lui resta senza
freni
LAPRESSE

RICCIARDO
Settimo, senza il
solito sorriso
sulle labbra.
questa Red Bull
fa acqua da tutte
le parti. Almeno
Daniel sta davanti
ai due cugini
della Toro Rosso
COLOMBO

202
132
81
30
19
16
14
11
0
0

43
15
12
8
14
2
7
-

33
37
18
3
10
-

43
27
18
2
5
6
-

40
28
13
10
6
4
-

43
25
20
7
4
2
-

CAMBI GOMME

GIRI VELOCI

Il primo dato indica la mescola di


partenza. MN=medie nuove; MU=
medie usate; HN=dure nuove; NC=
non classificato. Tra parentesi il giro
della sosta. L'ultimo dato, per ogni
pilota, si riferisce al numero totale di
pit stop.

POS PILOTA

ROSBERG MU MN (15) HN (45) 2


HAMILTON MU MN (13) HN (32)
MU (51) 3
VETTEL MU MN (14) HN (40) 2
BOTTAS MU MU (15) HN (42) 2
RAIKKONEN MU HN (17) MN (41) 2
MASSA MU MU (14) HN (32) MU
(47) 3
RICCIARDO MU MU (13) HN (42) 2
GROSJEAN MN MN (15) HN (40) 2
SAINZ MU HN (14) MU (42) 2
KVYAT MU MU (11) HN (38) 2
VERSTAPPEN MU HN (13) HN (37) 2
NASR MU MN (12) HN (39) 2
PEREZ MN HN (19) MN (36) 2
ERICSSON MU MN (18) HN (45) 2
HLKENBERG MN MU (10) MN (26)
HN (49) 3
BUTTON MU HN (11) MN (27) MU
(44) 3
STEVENS MN MU (16) HN (32) MN
(47) 3
MERHI MN MN (17) HN (30) MN
(49) 3
MALDONADO MN MN (14) MU (15)
HN (43) 3 NC
ALONSO MU HN (21) 1 NC

PROSSIMA GARA
24 maggio - GP Monaco (Montecarlo)

GLI ALTRI MOTORI


GP2

GP3

La prima di Lynn Vince Kirchhfer


Vandoorne 2
Fuoco chiude 4
Male Marciello: 17 Ocon resta leader
(an.gat.) Stoffel Vandoorne
sempre pi padrone della GP2. Il
belga del vivaio McLaren, 2 in
gara-2 al Montmel alle spalle di
Alex Lynn, allunga ulteriormente
su Haryanto, ieri 6: ora ha ben
37 punti di vantaggio sullindonesiano, suo pi immediato
inseguitore. Sul gradino pi basso
del podio salito Pierre Gasly.
Gara da dimenticare per il nostro
Raffaele Marciello: il talento della
Ferrari Driver Academy ha
chiuso al 17 posto, pagando a
caro prezzo un testacoda.

7
HAMILTON
Non era il solito
Lewis. Bellissimi
solo i suoi giri
con le Pirelli
dure. Troppo
poco per
contrastare un
Rosberg in forma
smagliante
REUTERS

(an.gat.) Il tedesco Marvin


Kirchhfer vince in rimonta
gara-2 della GP3 al Montmel
davanti a Eriksson e
Mardenborough. Ai piedi del
podio Antonio Fuoco, che
scattava dalla pole ma ha pagato
a caro prezzo qualche errore.
Tra gli italiani, benino anche
Ceccon (6) e Ghiotto (8).
Questultimo, con 23 punti, 3
nella generale; il francese Ocon,
nonostante il 7 posto di ieri,
mantiene il comando della
classifica.

6
MASSA
Meno brillante
di Bottas, in
difficolt in
qualifica e in
gara, tanto da
essere costretto
a tre pit stop
per il degrado
delle gomme
LAPRESSE

ZOOM SULLA CORSA

PILOTI

ARRIVO
NAZ SCUDERIA

7,5

Lewis e Nico
raggiungono
Senna-Prost:
14 doppiette
Giovanni Cortinovis

GLI ALTRI Spagna 9 Biglietti cari, per un buon pubblico ieri: lentusiasmo resiste; Verstappen 6,5 Bella
corsa. Nel finale cede con le gomme posteriori k.o.; Kvyat 6 Erroraccio nel finale ma ci sta, con una Red
Bull senza grinta; Manor 6 C ma non si vede; Sauber 5 Un GP veloce, un altro incolore; Force India 4
Piloti frustrati, la macchina non c; Renault 4 La prima auto 7a, a un giro. Tutto sbagliato e da rifare

POS PILOTA

Tony Cairoli, 29 anni, sei titoli tra Mx1 e MxGP e due in Mx2 ZANZANI

CROSS

Grande Cairoli, conquista la Spagna


al debutto sulla Ktm 450. Nagl 2
TALAVERA (SPAGNA) Buona
la prima per Antonio Cairoli, che
si aggiudicato il suo primo GP
stagionale con la Ktm 450 che
lotto volte iridato ha scelto per la
prima volta al posto della 350
con la quale aveva partecipato
alle precedenti gare. Una vittoria

che il messinese inseguiva da


tempo, dedicata al padre
scomparso un anno fa proprio
dopo il GP di Spagna, e alla quale
arrivato credendo di avere
maggiori possibilit affidandosi a
una moto di pari cilindrata a
quella degli avversari. Le piste

TEMPO

1
HAMILTON

128270 (54)
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.

ROSBERG
RAIKKONEN
MASSA
BOTTAS
VETTEL
HLKENBERG
RICCIARDO
SAINZ
BUTTON
KVYAT
VERSTAPPEN
NASR
PEREZ
GROSJEAN
ERICSSON
MALDONADO
ALONSO
STEVENS
MERHI

129109 (53)
129931 (47)
130374 (51)
130711 (44)
130737 (61)
130888 (51)
131124 (56)
131156 (62)
131162 (46)
131887 (40)
131896 (46)
131928 (41)
131932 (38)
131945 (46)
132222 (52)
132912 (17)
133387 (23)
133655 (49)
134211 (51)

sono sempre pi facili e il


campionato ha fatto un ulteriore
salto di qualit, per cui
questanno era difficile fare la
differenza con una moto dalle
prestazioni pi contenute dice
Tony. Terzo nella prima manche,
vinta da Max Nagl (Husqvarna),
Cairoli ha fatto la differenza nella
seconda, dopo aver avuto la
meglio sul francese Romain
Febvre (Yamaha). Seconda
piazza per Nagl, 3 in gara-2 che
per resta ancora leader con 12
punti su Clement Desalle (Suzuki)
e 30 su Cairoli. Sfortunato invece
David Philippaerts (Yamaha), 13
in apertura ma ritirato nella
successiva per un urto a una
mano al momento del via. Nella
MX2 prima vittoria per lo
svizzero Valentin Guillod
(Yamaha) che ha piegato il
leader Jeffrey Herlings (Ktm),
caduto nella seconda manche, e
Jordi Tixier (Kawasaki).
Massimo Zanzani
RIPRODUZIONE RISERVATA

ewis Hamilton e Nico


Rosberg come Ayrton
Senna e Alain Prost: il
duo della Mercedes ha fatto
registrare la quattordicesi
ma doppietta primosecon
do. Lo stesso numero ne
avevano ottenute a fine anni
Ottanta in McLaren il brasi
liano e il francese: nel 1988
SennaProst misero a segno
10 doppiette e lanno dopo
quattro, poi il rapporto si lo
gor e il francese pass alla
Ferrari. In 11 di quei casi a
vincere fu Ayrton che invece
fin secondo alle spalle di
Alain solo in 3 occasioni.
Leggermente pi equilibra
ta la situazione attuale in
casa Mercedes: 10 successi
di Lewis con Nico scudiero e
4 a parti invertite. Hamilton
e Rosberg staccano Haikki
nenCoulthard che in McLa
ren dal 1997 al 2000 realiz
zarono 13 doppiette primo
secondo e si gettano allinse
guimento di VettelWebber
che con la Red Bull raggiun
sero quota 16: 13 volte nel
lordine SebastianMark e le
altre 3 a posizioni scambia
te. Davanti a tutti c per la
storica formazione Ferrari
di inizio Duemila: dal 2000
al 2005 Michael Schuma
cher e Rubens Barrichello
ottennero addirittura 24
doppiette, con il tedesco
vincitore in 19 occasioni e il
brasiliano nelle altre 5.
I TEAM A livello di scuderie,
invece, la Mercedes sale a 19
doppiette, grazie alle 5 rea
lizzate negli anni Cinquanta
da Juan Manuel Fangio con
Stirling Moss (3 volte), Pie
ro Taruffi (GP Italia 1955) e
Karl Kling (GP Francia
1954). Ai primi 3 posti ci so
no per Williams (33),
McLaren (47) e Ferrari (81),
anche se lultima del Caval
lino risale al GP Germania
2010.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MONDIALE ENDURO

Francia padrona
Salvini secondo
il miglior italiano
(d.a.) Il bolognese Alex Salvini
(Honda) ha conquistato ieri a
Jerez la seconda posizione nella
classe E2 al termine della
giornata conclusiva del GP di
Spagna, seconda prova del
Mondiale enduro.
In EJ terzo posto per Giacomo
Redondi (Beta) e quinto per
Alessandro Battig (Honda).
Nella E1 quinto Simone
Albergoni (KE Moto); nella E3
quarto Manuel Monni (Tm) e
sesto Thomas Oldrati
(Husqvarna).
In E1, E2 ed E3 bis dei francesi
Christophe Nambotin (Ktm),
Antoine Meo (Ktm) e Mathias
Bellino (Husqvarna).

Formula 1 R GP Spagna

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

I NUMERI

Vittorie Mercedes nelle prime


5 gare del 2015: 3 le ha ottenute
Lewis Hamilton, 1 Nico Rosberg.
Solo Vettel, in Malesia, ha
spezzato il dominio delle Frecce

33

Superbike R A Imola

Rea senza rivali


Doppietta dautore
Giugliano, che podio

Successo di Nico Rosberg,


il primo in questa stagione.
Ed anche la prima volta
che il tedesco trionfa nel GP
Spagna

20
Nico Rosberg, 29 anni, festeggia la 1a vittoria stagionale col team e il compagno di squadra Lewis Hamilton, 30 REUTERS

Punti di vantaggio di Hamilton


su Rosberg nel Mondiale. Lanno
scorso, dopo 5 gare, Lewis era
in testa con 3 punti di margine
sul compagno di squadra

Nico: Speravo che Seb


si tenesse dietro Lewis
E ora Monaco, casa mia
1Rosberg: Abbiamo vinto la battaglia degli sviluppi. Mondiale
riaperto? Mai considerato chiuso. Hamilton: Brutta partenza
Andrea Cremonesi

IL TEDESCO: MI
HA SORPRESO
LA NOSTRA
SUPERIORIT
SULLA FERRARI

INVIATO A MONTMEL (SPAGNA)

n fine settimana per


fetto. Nico Rosberg
lo ripete pi volte e
in tutte le lingue che sono
tante da lui conosciute: pole
e vittoria. Un successo crucia
le, giudica Niki Lauda, riferen
dosi a questo avvio di campio
nato nel quale sinora il tedesco
aveva subto la superiorit di
Lewis Hamilton, che lo aveva
battuto pure quando aveva per
so (2 in Malesia dietro Vettel).
Vincere bello ma non voglio
parlare di campionato riaperto
smorza Rosberg per il
semplice fatto che non lho mai
considerato chiuso, ci sono an
cora un sacco di gare.
PRINCIPE Per esempio tra due
settimane pu puntare al bis
nella sua Monaco, dove ha gi
trionfato nel 2013 e 2014. La
cosa pi bella che dormir
nel mio letto, poi al mattino
suoner la sveglia, prender lo
scooter e andr in ufficio che
per me la pistaVincere?
Presto per dirlo, intanto mi gu
sto questa vittoria. Le cui basi
partono addirittura dal
Bahrain: Quella gara ha costi
tuito una grande spinta, era
stata stupenda tranne il risulta
to ed era ci che volevo cambia
re in questo weekend.
ERRORI Missione compiuta,
anche se una volta tanto il com
pagno rivale e il team gli hanno
dato una mano a vivere un fine
settimana pi tranquillo: Lewis
stato lento allo start, facendo
si sorprendere da Vettel e al pri
mo pit un guaio alla pistola del
la gomma posteriore sinistra lo
ha ulteriormente attardato, co
stringendolo a cambiare strate
gia pur di sbarazzarsi della Fer
rari e di riacciuffare almeno la
piazza donore. Ho guadagna
to 7 punti ma a un certo punto
ho sperato che Sebastian potes
se tenersi Lewis dietro ha

LINGLESE: NON
PENSAVO CERTO
DI FINIRE CON
LE HARD, MI
FIDO DEL TEAM
MCLAREN DA DIMENTICARE

Alonso e Button
Quanta paura
con questauto
MONTMEL (a.cr.)
destino che Montmel debba
portar male alla McLarenHonda: la pista che il 22 febbraio
ha rischiato di mettere fine alla
carriera di Alonso, doveva
essere teatro del salto di qualit,
da festeggiare col primo punto
iridato. Invece finita con
tanta paura per Fernando e
Button. Lo spagnolo lha provata
quando stato tradito dai freni:
Sono rimasto senza dopo
luscita di pista e il giro per
rientrare ai box stato da
paura. Come lo stato poi per i
meccanici (la macchina, a ruote
fumanti, non si arrestata,
travolgendo e scaraventando
per aria il sollevatore anteriore;
n.d.r.): per fortuna nessuno s
fatto male. Button il traguardo
lo ha visto, ma anche lui ha avuto
paura: I primi 30 giri sono stati
i pi spaventosi della mia vita.
Non credo che questanno
riusciremo ad andare a punti.

ammesso il vincitore , non


sarebbe stato il massimo per il
team ma per la mia classifi
ca.
DIVARIO Una speranza vana
perch la Mercedes si dimo
strata nettamente superiore,
tanto che Vettel ha tagliato il
traguardo ben 45 dopo Nico,
mentre Raikkonen ha rimedia
to un minuto esatto. Sono an
chio sorpreso della nostra su
periorit, il divario stato pi
netto rispetto a Cina o Bahrain.
Ma questo il frutto di un team
eccezionale, tutti stanno facen
do un lavoro straordinario: in
questo fine settimana cera una
gara nella gara contro la Ferra
ri, quella relativi agli sviluppi e
noi labbiamo vinta. Una indi
cazione importante per il resto
del campionato.
RINCORSA Se la corsa dal pun
to di vista di Rosberg stata
una passerella trionfale dal
linizio alla fine, assai pi impe
gnativa quella del leader irida
to, compromessa dallavvio
stentato e dallinconveniente ai
box. S, stata una brutta par
tenza ha ammesso il campio
ne del mondo ed era da tem
po che non mi accadeva. Poi

qui superare difficile, stare in


scia penalizzante, non riesci
mai ad avvicinarti abbastanza
per usare lala mobile ed un
peccato. Per questa ragione e
per il tempo perso nel primo,
lento pitstop si deciso di cam
biare strategia: tre soste anzi
ch due. Ed stato bellissimo
continua Hamilton , per
ch dovevo solo pensare a spin
gere, a correre come si dovreb
be sempre fare in F.1, senza
compromessi o dover tener
conto dellusura gomme.
BILANCIO Andava talmente
forte, Lewis, da far sorgere il
sospetto che forse avrebbe po
tuto usare il treno di gomme
dure, montato al 32 giro, sino
alla fine: Un dubbio che non
mi ha neppure sfiorato, mi so
no fidato del team: analizzer i
dati e spero che confermino la
scelta. Nel finale ho spinto ma
avevo 22 di ritardo a 15 giri
dalla fine e cos a 6 mi sono ar
reso. Il 2 posto va bene, ho li
mitato i danni. E ora c Mona
co, una corsa che Lewis adora,
ma che sono riuscito a vincere
solo nel 2008. Ho una gran vo
glia di rifarmi, correr pi forte
che posso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Jonathan Rea, 28 anni, 8 vittorie e 2 secondi posti nel 2015 ALEX PHOTO

1Giornata no per
la Ducati di Davies
e lAprilia: Haslam
4 in gara-1 poi
esce al Tamburello
Paolo Gozzi
IMOLA (BOLOGNA)

a giocato al gatto col


topo con il compagno
Tom Sykes e stroncato
sul fisico un Davide Giuglia
no sul podio al rientro in pi
sta dopo le tre vertebre frat
turate nel precampionato e
86 giorni di inattivit. Jona
than Rea il re di Imola (6
successo, 4 di fila) e sempre
pi padrone della Super
bike. Con 8 centri in 10 gare
il pilota Kawasaki vola a +87
punti sullAprilia affondata
dalla giornataccia di Leon
Haslam prima 4 e poi k.o. al
Tamburello con 5 costole in
crinate: tra dieci giorni do
vr avere lok medico per
schierarsi a Donington. Sal
vano il bilancio di Noale il
primo podio di Jordi Torres e
il successo con fuga in coppa
Stock 1000 di Lorenzo Sava
dori, 22enne cesenate che si
sta guadagnando la promo
zione in top class.
RITORNO Giugliano ha fatto
impazzire i 65 mila spettato
ri scattando alla perfezione

dalla pole per dieci giri di libidi


ne pura. I missili Kawasaki si so
no fatti sotto quando la gara
stata fermata per il volo di Da
vid Salom (polso sinistro rotto).
Tutto azzerato e ripartenza con
schieramento sullordine darri
vo (Sykes, Giugliano, Rea e Ha
slam) e mini sfida di sei giri.
Sykes ci ha provato ma nel fina
le Rea ha calato il sipario con
Giugliano appagato dal podio.
come una vittoria, ho finito
con la lingua di fuori valutando
addirittura di non fare la secon
da ha ammesso il 25enne ro
mano. Ma ce lha fatta, scen
dendo solo di una posizione. Il
recupero dellitaliano stata
lunica gioia per Ducati: Chaz
Davies rimasto a zero per noie
elettriche e seguente cedimen
to meccanico del muletto.
CUORE SOFUOGLU Incredibile
la storia di Kenan Sofuoglu, vit
torioso in Supersport mentre il
figlioletto Hamza, sette mesi,
in condizioni critiche in un
ospedale di Istanbul dopo lin
tervento alla testa per ischemia.
Volevo esserci a tutti i costi,
spero che questo incubo svani
sca presto ha detto piangendo
prima di salire sul podio. Il tur
co ha battuto allo sprint la Mv
Agusta di Jules Cluzel consoli
dando il suo primato. Sofuoglu
ha perso due fratelli appassio
nati di corse come lui: Bahattin
nel 2002 in un incidente dauto
e Sinan sei anni dopo durante
una gara nazionale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RISULTATI
Sykes finisce
due volte secondo
Badovini 6 e 5
Cos nella 5a tappa (su 13) del
Mondiale Superbike a Imola
(4.936 m).
Gara-1 (6 giri, 29,616 km): 1. J.Rea
(GB-Kawasaki) in 1043252, media
165,748 km/h; 2. Sykes (GBKawasaki) a 0482; 3. Giugliano
(Ita-Ducati) a 3945; 4. Haslam
(GB-Aprilia) a 7455; 5. Guintoli
(Fra-Honda) a 11925; 6. Badovini
(Ita-Bmw) a 12074; 7. Mercado
(Arg-Ducati) a 12789; 8. Baiocco
(Ita-Ducati) a 13712; 9. Van der
Mark (Ola-Honda) a 13863;
10. Fabrizio (Ita-Ducati) a 14637;
11. Ramos (Spa-Kawasaki) a

Davide Giugliano, 25 ALEX PHOTO

16990;
12. A.Lowes (GB-Suzuki) a 21123;
13. Barragn (Spa-Kawasaki) a
32443; 14. Ponsson (Fra-Kawasaki) a
32977; 15. Toth (Ung-Bmw) a 39711;
16. Rizmayer (Ung-Bmw) a 40821.
Gara-2 (19 giri, 93,784 km): 1. J.Rea
in 3406825, media 164,949 km/h;
2. Sykes a 4399; 3. Torres (SpaAprilia) a 26020; 4. Giugliano a
30853; 5. Badovini a 35379;
6. Baiocco a 38818; 7. Ramos a
40663; 8. Mercado a 42067; 9.
Fabrizio a 55722; 10. A.Lowes a
56990; 11. Barragn a 129613;
12. Toth a 1 giro; 13. Rizmayer a 1 giro.
Mondiale piloti: 1. J.Rea 240 punti;
2. Haslam 153; 3. Sykes 128; 4. Davies
123; 5. Torres 99; 6. Guintoli 76;
7. Van der Mark 67; 8. Baiocco 66; 9.
Mercado 62; 10. A.Lowes 51; 11. Terol
48; 12. Fores 38; 13. Ramos 34; 14.
Camier 33; 15. Badovini 32; 17. Giugliano 29; 21. Fabrizio 13; 28. Canepa 2.
Costruttori: 1. Kawasaki 240;
2. Aprilia 169; 3. Ducati 164; 4. Honda
101; 5. Suzuki 61; 6. Bmw 42.
Prossima gara: 24/5 Donington (GB).
Supersport (17 giri, 83,912 km):
1. Sofuoglu (Tur-Kawasaki) in
3138539; 2. Cluzel (Fra-Mv Agusta) a
0883; 3. Zanetti (Ita-Mv Agusta) a
9624.
Mondiale piloti: 1. Sofuoglu 105; 2.
Jacobsen 68; 3. Cluzel 65; 4. Zanetti
57.
Costruttori: 1. Kawasaki 105.

34

98 Giro dItalia R Seconda tappa, Albenga-Genova


San Lorenzo
al Mare

1 km 17,6

Sanremo

TEAM ORICA
GERRANS

Albenga

2 km 177

Rapallo

Genova

Chiavari

3 km 136
Sestri Levante

4 km 150

Lo aspettavamo, certo che s, il


vicecampione del mondo
dellamericana, anche se la
primavera era stata poco
fortunata per lui. E quelle due
cadute nello spazio di un mese
avevano rischiato di non farlo
nemmeno arrivare
allappuntamento con questo
Giro e con la prima vittoria,
la pi importante dopo
avergli gi fatto perdere
lamata Sanremo. Ma in poche
settimane Elia si rimesso in
sella e ha saldato il conto con
la sfortuna. Oltre che con quei
due amari secondi posti al
Giro di due anni fa, quando a
Napoli sua maest Cavendish
gli strozz la gioia anche della
prima maglia rosa.
E pensare che avrebbe potuto
prendersela qui, se solo la sua
Sky, il giorno prima, non
avesse fatto cilecca nella
cronosquadre sulla pista
ciclabile, incassando 27 di
ritardo. Invece a brindare in

5 km 152

Abetone

6 km 183
Castiglione
della Pescaia

Grosseto

7 km 264

Fiuggi

Fiuggi

8 km 186
Campitello
Matese

Benevento

Civitanova
Marche

9 km 215
10 km 200
San Giorgio
del Sannio

Forl

Viviani

ELIA GRAFFIA DASTUZIA


PRIME CADUTE, BIG ATTENTI

La Spezia

Montecatini
Terme

VIVIANI
MATTHEWS

L'ANALISI
del nostro inviato a Genova
PAOLO MARABINI

venne il giorno di Elia.


Nel cuore di una Genova
baciata da un magnifico
sole, il Giro sorride subito
allItalia e premia uno dei pi
talentuosi velocisti della nuova
generazione. Elia Viviani, il
prototipo del ciclista moderno,
il ragazzo cresciuto a pane e
pista prima di trovare spazio
anche su strada, confeziona
uno sprint perfetto e si mette
in tasca la prima volata. Una
volata non facile, sul lungo
rettilineo di via XX Settembre,
strada larga, in leggerissima
salita, col gruppo spezzato
dalla sequela di cadute che si
sono succedute nel circuito
cittadino. L, su quel
chilometro interminabile, sono
venute fuori tutta la bravura e
lastuzia del veronese, che ha
battezzato le ruote giuste
prima di scegliere lattimo
propizio per uscire dalla scia
dellolandese Hofland e
batterlo quasi sulla linea con
un decisivo colpo di reni,
mentre il favorito Greipel,
rimasto al vento troppo presto,
aveva gi capito una manciata
di secondi prima di aver perso.

La Spezia

maglia rosa toccato a


Michael Matthews, che ha
impiegato un attimo a
consolarsi per lo sprint andato
a male: gli bastato infatti
arrivare settimo per sfilare la
casacca del primato al
compagno Simon Gerrans,
come era peraltro nei piani di
casa Orica. E cos il ragazzo di
Canberra, leader per sei tappe
un anno fa, supera Cadel
Evans e diventa laustraliano
con pi giorni da re del Giro.
La seconda giornata in Liguria
ha regalato spettacolo, ma
anche le prime cadute.
Contador, Aru, Porte e Uran
sono stati attenti, pilotati dalle
rispettive squadre nelle prime
posizioni del concitato finale
per evitare sorprese spiacevoli
e dolorose. Domenico
Pozzovivo, invece, ha pagato
dazio, lasciando per terra
109, da aggiungere al
fardello di 48 della
cronosquadre: ritrovarsi dopo
due giorni con un pedaggio di
quasi due minuti cambia di
parecchio le prospettive dello
scalatore lucano in chiave
classifica. E quello che pi
secca che a provocare questa
caduta pare sia stato un
irresponsabile spettatore,
entrato sul percorso con una
bici a scatto fisso. Da matti.
Oggi da Rapallo a Sestri
Levante sono attese altre
insidie. Le offre il percorso,
nellentroterra ligure. E lo
stesso dicasi domani nella
ChiavariLa Spezia,
miniclassica adatta ai colpi di
mano. Antenne dritte, riflessi
pronti. Il Giro non si vincer in
queste tappe. Ma in queste
tappe lo si pu perdere.

TRE APPUNTAMENTI:
13.15, 19.30 E 23.15
CON GLI HIGHLIGHTS

Genova come in pista


Rimonta dautore
la volata perfetta

1Dai velodromi alla strada: Elia infiamma il Giro,


suo il primo sprint. Dedica in lacrime: Per Franco
Marco Pastonesi

LIDENTIKIT

INVIATO A GENOVA

VITTORIE

32

ELIA VIVIANI
nato il 7/02/1989
a Isola della Scala
(Verona)
Pro' dal 2010, Team Sky

I SUCCESSI ANNO PER ANNO


2010
2011
2012
2013
2014
2015

6
6

ho cercato questa vittoria: due anni. Ora final


mente me la godo: la pi bella da professionista.

I TRIONFI SU PISTA

MONDIALI LITE
2011 - Argento scratch
2015 - Argento americana
2015 - Bronzo omnium
MONDIALI JUNIORES
2006 - Bronzo americana
2007 - Bronzo omnium
EUROPEI LITE
2012 - Oro corsa a punti
2013 - Oro corsa a punti
2013 - Oro americana
2013 - Oro derny
2014 - Oro omnium
EUROPEI UNDER 23 5 ori
EUROPEI JUNIORES 2 ori
GDS

a volata che inseguiva, la volata che sogna


va, la volata che voleva. La volata perfetta.
Elia Viviani conquista la prima vittoria al Gi
ro dItalia con una volata esemplare, memorabi
le, perfetta, che gi lo descrive, lo spiega, lo il
lustra. Il resto in questo bottaerisposta.
Viviani, cera una strategia?
Abbiamo studiato la volata alla vigilia, labbia
mo ristudiata in mattinata. Doveva essere una vo
lata di attesa. In corsa, prima c stato lo straordi
nario lavoro di Kiryienka, poi di Eisel. Quando
sono scattati gli Orica per Matthews, mi sono un
po spaventato, ma era troppo presto. Era presto
anche quando partito Greipel. E non mi sono
neanche preoccupato di prendergli la ruota, per
ch quella di Hofland era comunque buona. A es
sere pignoli, forse sono uscito troppo tardi, per
ch lho passato solo negli ultimi metri. Ma quan
do si vince, non conta pi nientaltro.
Un capolavoro da pistard?
Con gli ultimi 600 metri in salita, si trattava di
aspettare il momento giusto saltando da una ruo
ta allaltra. E una caratteristica di chi corre in pi
sta. Ci vogliono testa e gambe: testa, per la lucidi
t nel prendere le decisioni, e gambe, per esegui
re quello che la testa comanda. Non so neanche
con quale rapporto abbia fatto la volata: 53 da
vanti e 11 o 12 o 13 dietro, probabilmente, il 12.
Il rapporto lo scelgono le gambe. Sapete quanto

Lei un australiano dItalia: pista e strada.


Significa passare pi tempo in bici, ma una vo
glia, un istinto, anche una teoria in cui ho sempre
creduto, per cui ho sempre lottato e che non ho
mai rinnegato. Lo scorso inverno ho sfiorato la
maglia iridata dellomnium per un niente, ma
non mi arrendo, ci riprover cos come ci ho ri
provato per conquistare questa vittoria al Giro.
Lei fortunato: abita a unora di macchina dalla
pista di Montichiari.
Anche meno. Ma la fortuna doppia: lunica
pista coperta in Italia. Siccome lunica, spesso
mi capita di trovarla gi occupata, anche da bam
bini che girano, pi sicuri l che in strada. E allora
chiedo ai bambini, e ai loro tecnici, il permesso di
allenarmi anchio. Pista e strada: si pu. Passare
pro sempre pi difficile. E chi passa devessere
un atleta completo e di valore. Non sono un feno
meno, come Sagan o Degenkolb: solo continuan
do a lavorare riesco a ottenere risultati.

LA GUIDA
POZZOVIVO PERDE 109
OGGI INSIDIE A SESTRI

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT


Forl

11 km 153

Imola

Imola

12 km 190

Vicenza
(Monte Berico)

Montecchio
Maggiore

13 km 147

Jesolo

Treviso

Marostica

Pinzolo

14 km 59,4
15 km 165
16 km 174
Valdobbiadene
Madonna
di Campiglio

Aprica

Tirano

Melide

17 km 134

18 km 170

Lugano
(Svizzera)

Gravellona Toce

Verbania

19 km 236

Cervinia

Saint-Vincent

20 km 199

Sestriere

da favola
SGUARDO AL CIELO
Elia Viviani, 26 anni, sul traguardo
di Genova dedica la sua vittoria
allamico Franco Farronato,
morto 2 mesi fa FOTO ROBERTO BETTINI

35

Torino

21 km 178

Milano

IL SORPASSO
Gli ultimi 50 metri

passato da un team italiano, poi italoamericano,


a un inglese, la Sky di Froome e Porte. Differenze?
La mia crescita sempre stata graduale. Anche
correre per Sagan al Giro e al Tour, lo scorso an
no, stata unesperienza preziosa. Il bello della
Sky che gli obiettivi vengono dichiarati, chiari,
a inizio stagione. Cos questanno ho imparato a
selezionarli e prepararli con maggiore scrupolo, e
a perfezionare lavori specifici per la volata e an
che per la salita. Perch se non si capaci di supe
rare una salita con i primi, poi non si pu disputa
re lo sprint. Cos, prima del Giro, ho fatto il Ro
mandia: salite e fatiche. Tanto che poi ho avuto
bisogno di una settimana per recuperare.
Prossimi obiettivi?
Quando si vince, si percepisce quanto si sia forti.
Una questione di consapevolezza, stima, fiducia.
Voglio vincere altre tappe. Dove e quando, non
so. Di tutte, quella di Jesolo sar la volata pi im
portante. Alla classifica a punti non penso, non
adesso, magari pi avanti, lultima settimana. Per
la seconda parte della stagione, lobiettivo pi im
portante il Mondiale. Ho gi chiesto informa
ARRIVO
1. Elia VIVIANI (Ita, Sky) 177 km in 4h13'18'', m. 41,926 km/h;
2. Moreno HOFLAND (Ola, Lotto NL-Jumbo);
3. Andr GREIPEL (Ger, Lotto Soudal);
4. Mezgec (Slo); 5. Petacchi (Ita); 6. Nizzolo (Ita).
I BIG
16. Uran (Col); 22. Porte (Aus); 24. Contador (Spa); 34. Van
den Broeck (Bel); 46. Hesjedal (Can) a 0''; 99. Pozzovivo (Ita)
a 1'09''

zioni, ne ho gi parlato con Cassani. Non far la


Vuelta, vedremo se fare il Giro di Polonia o al
lEneco Tour, ma limportante sar andare forte.
Lesclusione dalla Nazionale di Ponferrada, un anno fa, stata dolorosa?
S, ma stata chiarita subito. Dopo la mia vitto
ria al Trofeo Bernocchi, Cassani e Ferretti hanno
ammesso lerrore di non avermi convocato. Tutto
chiarito, nessuna recriminazione.

50 METRI
DA SOGNO
Elia Viviani
supera
negli ultimi
50 metri
lolandese
Hofland
e il tedesco
Greipel BETTINI

E le classiche?
MilanoSanremo, GandWevelgem, forse in fu
turo il Fiandre. Devo crescere, provare. Gi que
stanno, se non fossi caduto alla TirrenoAdriati
co, avrei potuto fare bene alla Sanremo, anche se
Swift, terzo nel 2014, era un grande leader.
Viviani, lultimo pensiero?
Per Franco Farronato. Meccanico, maestro, ami
co: mi manca. Da piccolo, passavo pi tempo nel
la sua officina che con gli amici. Mi ha trasmesso
la passione, mi ha insegnato la precisione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Michael
Matthews, 24

CLASSIFICA
1. Michael MATTHEWS (Aus, Orica);
2. Gerrans (Aus) a 0''; 3. Clarke (Aus) a 0''; 4. Chaves (Col)
a 0''; 5. Kreuziger (R.Cec) a 7''; 6. Contador (Spa) a 7''.
I BIG
Contador; Aru a 6''; Uran a 12''; Porte a 20''; Van den
Broeck a 22''; Hesjedal a 46''; Pozzovivo a 1'50''.
OGGI
Terza tappa Rapallo-Sestri Levante, 136 km.

Greipel

Hofland

VIVIANI
GDS

36

98 Giro dItalia R La storia

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

32

IL MIO GESTO DI STIZZA? AGONISMO.


NESSUN PROBLEMA CON NIZZOLO
SACHA MODOLO 27 ANNI, VELOCISTA LAMPRE-MERIDA

Le vittorie di Viviani
da professionista: la prima
la ottenne il 17 aprile 2010
al Giro di Turchia.

IN GIRO
CON... ELIA
di ELIA VIVIANI

SCRIVE
PER NOI
MAMMA,
PER TE
3

1. Elia Viviani in pista, uno dei suoi grandi amori: qui al Mondiale 2015 in Francia AFP
2. Con la sua prima bicicletta a nove anni IPP 3. Vestito da Carnevale a 5 anni IPP
4. Con la famiglia ieri dopo la vittoria: nonna Gina, mamma Elena e pap Gino CAILOTTO

Viviani il predestinato
Sport, affare di famiglia

1Dai pattini al calcio sino alla scoperta del grande amore, la bici

Adesso il veronese ha un desiderio nel cuore: loro olimpico a Rio

predestinato. E se oggi il cor


ridore pi felice del mondo,
Elia Viviani deve ringraziare
quel compagno di scuola che,
allet di 9 anni, lo port con s
alla Luc di Bovolone, gli fece in
forcare una bicicletta e gli dise
gn in un attimo il futuro.

LA PRIMA BICI Il sogno che si


avvera, ma anche il primo mat
tone pesante della parte pi
importante di una carriera da

IL PRIMO TRIONFO Folgorazio


ne, s. Prima bici: una Bianchi.
Il debutto tra i Giovanissimi
G3: primo Elia Zuliani, secon
do Elia Viviani. Sette giorni do
po: primo Elia Viviani, secondo
Elia Zuliani. Da l in poi una se
quela interminabile di vittorie.
A 16 anni il primo trionfo inter
nazionale: due medaglie doro
alle Giornate Olimpiche della
Giovent europea. Gi, le me
daglie. Su pista, il suo primo
grande amore mai abbandona
to, ne ha collezionate talmente
tante e di tutti i tre colori
da perdere quasi il conto. Le ul

Paolo Marabini
INVIATO A GENOVA

era una volta un ragaz


zino che scorrazzava
sui pattini a rotelle. Poi
si stanc e via come tanti su un
campo da calcio, ruolo portie
re. Ma anche l dur poco. E,
verrebbe da dire, per fortuna.
Perch oggi quel ragazzino
sul trono del Giro dItalia, re
della prima volata con un prov
videnziale colpo di reni, su
quel rettilineo senza fine nel
cuore di Genova che ricorder
per tutta la vita. Uno dei tanti
guizzi da manuale a cui ci ha
abituato, in pista e su strada.
Ma il pi prestigioso. Per ora.

time, le pi amare con tanto di


lacrime annesse, ma anche le
pi importanti, gli sono finite
al collo poco pi di due mesi fa,
ai Mondiali di Parigi: argento
nellamericana per un nulla do
po il bronzo nellomnium, la di
sciplina olimpica con la quale
Elia ha un conto in sospeso che
risale dai Giochi di Londra e
che far di tutto per saldare fra
un anno a Rio de Janeiro, con
laiuto del Team Sky, che lo ha
fortemente voluto non solo per
vincere le volate su strada, ma
anche per arrivare sino alloro
a cinque cerchi. E se lo scorso
anno il team britannico gli ha
fatto il filo sino a battere una
bella concorrenza, il merito
anche degli anni di apprendi
stato nella Liquigas poi diven
tata Cannondale. Oltre che di
Paolo Slongo, che lo ha preso
sotto la sua ala a 16 anni e lo ha
accompagnato negli anni deci

sivi per la sua esplosione. Cera


ancora lui al suo fianco quando
il 17 aprile 2010, a sette giorni
dal debutto tra i pro, Elia vinse
la prima corsa nella massima
categoria: tappa al Giro di Tur
chia. E anche dodici mesi dopo,
quando ventiduenne centr
largento mondiale assoluto
nello scratch.
NON MI ARRENDO Non sar un
fuoriclasse, ma le stigmate del
campione le ha tutte. Elia ha
personalit, nonostante i 26
anni. E ha una qualit tipica dei

RPap rallista, un
fratello calciatore
e laltro corre con
il team Colpack
fra gli Under 23

grandi: dopo ogni sconfitta


bruciante, dopo ogni caduta
e ne ha messe in conto tante: le
ultime due proprio questanno,
paurose, alla TirrenoAdriatico
e al Gp Scheldepriis azzera
tutto e riparte da capo. E anche
dopo ogni vittoria. Se la Sanre
mo e il Fiandre sono le classi
che dei desideri, lOlimpiade
la sua ossessione, il sogno da
bambino.
SPORT AFFARE DI FAMIGLIA
Ha la passione sfrenata per i
motori, ama il tennis e lo sci.
Ha lo sport nel sangue, Elia. Sa
r perch viene da una famiglia
in cui lo sport di casa. Pap
Renato stato rallista, come
navigatore: ha partecipato an
che a un Montecarlo. Il pri
mo dei due fratelli minori, Lu
ca, ha scelto il calcio e dopo i
trascorsi nel Verona ora milita
in serie D, nel Legnago, mentre
il pi piccolo di famiglia, Atti
lio, ha dato a sua volta un cal
cio al pallone scegliendo la bi
ci: lo scorso anno ha vinto lEu
ropeo juniores su pista nello
scratch e adesso sta facendosi
le ossa nel Team Colpack, tra
gli under 23. Se poi aggiungia
mo che la fidanzata la cam
pionessa italiana su strada Ele
na Cecchini, e che a due passi
da casa Elia ha aperto il nego
zio Evolution Bike, covo di tutti
i ciclisti veronesi (e non solo), il
quadro completo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

stata una di
quelle giornate
che sogni spesso
di vivere. Continuo a
pensare a quanto sia stato
incredibile. La tappa, per
me, era gi partita la sera
prima. Avevamo studiato
il percorso, poi durante la
gara le sensazioni erano
buonissime e la vittoria
ancora impressa nei miei
occhi: quando sono
scattato vedevo soltanto il
traguardo.
Prima della partenza ho
scritto su Twitter che tutti
avrebbero voluto vincere
questa tappa per regalare
i fiori alla mamma: a me
successo. Lemozione pi
grande stata sapere che
lei era l ad aspettarmi
con mio pap, mia nonna
e i genitori della mia
ragazza. E stato
eccezionale averli con me.
Nei miei pensieri, al
traguardo, c stato anche
un carissimo amico. Per
lui ho alzato il dito al
cielo. Ho voluto
dedicargli il mio 1
successo dopo la sua
scomparsa: stata una
persona speciale, il mio
padre ciclistico.
E stata una domenica
carica di emozioni e
prima di dormire ho
capito di aver realizzato
un sogno. Mi sono tolto
un peso grandissimo,
perch vincere la prima
volata era molto
importante. Ora si
riparte, bisogna vincere
pi tappe possibili e
continuare a fare il
meglio per la squadra.
RIPRODUZIONE RISERVATA

98 Giro dItalia R Il nuovo leader

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERRY SAREBBE STATO IMPORTANTE


IN MONTAGNA, CI MANCHER MOLTO
RIGOBERTO URAN COLOMBIANO, 28 ANNI, ETIXX-QUICKSTEP

una rosa che luccica


Ma Matthews fa il duro M
E sarei un figlio di pap?

Claudio Gregori
GENOVA

1Ha la passione per piercing, braccialetti, collane e belle macchine


Ma non sono un fighetto, lho dimostrato. al 7 giorno da leader

IL GIRO AI RAGGI X
MAGLIA ROSA

ROSSA

AZZURRA

BIANCA

9/5

1a SAN LORENZO AL MARE-SANREMO (cronosquadre) 17,6 ORICA

GERRANS

MATTHEWS

Ieri

2a ALBENGA-GENOVA

MATTHEWS

VIVIANI

LINDEMAN

MATTHEWS

DATA TAPPA

DATA TAPPA
Oggi

3a RAPALLO-SESTRI LEVANTE

KM ARRIVO
177 VIVIANI

KM DIFFICOLT e GIUDIZIO GAZZETTA


136

Domani 4a CHIAVARI-LA SPEZIA

150

13/5

5a LA SPEZIA-ABETONE

152

14/5

6a MONTECATINI T.-CASTIGLIONE DELLA PESCAIA 183

15/5

7a GROSSETO-FIUGGI

264

16/5

8a FIUGGI-CAMPITELLO MATESE

186

17/5

9a BENEVENTO-SAN GIORGIO DEL SANNIO

215

18/5

RIPOSO a CIVITANOVA MARCHE

19/5

10a CIVITANOVA MARCHE-FORL

200

20/5

11a FORL-IMOLA (Autodromo Ferrari)

153

21/5

12a IMOLA-VICENZA (Monte Berico)

190

22/5

13a MONTECCHIO MAGGIORE-JESOLO

147

23/5

14a TREVISO-VALDOBBIADENE (crono individuale)

24/5

15a MAROSTICA-MADONNA DI CAMPIGLIO

25/5

RIPOSO a MADONNA DI CAMPIGLIO

26/5

16a PINZOLO-APRICA

174

27/5

17a TIRANO-LUGANO

134

28/5

18a MELIDE-VERBANIA

170

29/5

19a GRAVELLONA TOCE-CERVINIA

236

30/5

20a SAINT-VINCENT-SESTRIERE

199

31/5

21a TORINO-MILANO

178

59,4
165

***
***
****
*
**
****
****

Nellentroterra ligure: tappa tosta da riflessi pronti, occhio alla discesa

*
***
***
*
*****
****

Si inizia la risalita dopo il primo riposo, spazio agli uomini da volata

*****
*
**
*****
*****
*

Tonale, Aprica, Mortirolo, Aprica: bastano i nomi. Saranno emozioni forti

Senza un attimo di tregua, quasi una classica in miniatura piena di insidie


Il primo arrivo in salita, dove il mondo scopr Coppi: i big si possono testare
Si tira il fiato dopo la partenza scoppiettante, occasione per le ruote veloci
Tappa-maratona, la pi lunga. Ultimi 350 metri al 4%, adatti a Gilbert & C.
Primo vero esame per i big, con linfinita Forca dAcero e i 13 km finali al 7%
Pi dura del previsto, si sale e scende di continuo: 4000 metri di dislivello

Tappa non facile: nel finale 3 volte il circuito Tre Monti e arrivo nellautodromo
Ultimi 60 km da fuoco e fiamme, i 1200 metri finali con punte all11%
Un biliardo: la quiete prima della tempesta, finale velocissimo, e le rotatorie...
Lunica crono: 30 km piatti, poi 29,4 su e gi tra i vigneti. Molti qui perdono il Giro
Ecco le Dolomiti: il Daone - salita e discesa - da temere pi di Campiglio

Giornata di recupero, via libera ai velocisti usciti sani e salvi dalle Dolomiti
Il Monte Ologno (10 km al 9%; Gpm a 36 km dallarrivo) un trampolino
Quasi 4800 metri di dislivello, per lo pi negli ultimi 90 km con 3 salite da 20 km
Si decide il Giro, il Colle delle Finestre con gli ultimi 9 km di sterrato fa paura
Passerella finale a Milano dopo 2 anni: si passa dallExpo, poi circuito in corso Sempione

37

Michael Matthews
il 1 australiano della storia
a vestire la rosa in due
edizioni consecutive del Giro

pericoli chi era nella pancia del gruppo. Per fortu


na avevo ragazzoni forti che mi hanno sempre te
nuto davanti. Peccato fossi un po indietro nellulti
ma curva: avrei voluto salire sul podio.

ichael Matthews, 24 anni, viene da Far


rer, sobborgo meridionale di Canberra, la Quanto ha contato nella sua crescita lattivit nel
capitale dellAustralia. Una capitale nata centro della federazione australiana di Gavirate?
nel 1927 dellincapacit degli australiani a sceglie Ho passato due anni meravigliosi a Varese, decisi
re una capitale tra Melbourne e Sydney. L viveva vi nel mio sviluppo. Amo lItalia. Dopo il Tour verr
no gli aborigeni, poi sterminati dal morbillo e dalla qui a sposarmi (ndr, in agosto in Toscana).
varicella. Oggi, nei parchi urbani di Canberra, i
canguri vivono in libert. Ma il soprannome di Il nome della promessa sposa?
Matthews non Kangaroo, ma
Katarina Hajzer, (ndr, una ra
Bling, Luccicante. Ha il pier
gazza slovacca che lo aspettava
cing, un braccialetto di diamanti,
sul traguardo per dargli il premio
una collana con due crocifissi di
vellutato di un bacio).
cobalto nero, e il tatuaggio sulle
spalle di un angelo che vola.
Questanno ha incominciato la
Sembrava un fighetto, inadat
caccia alle classiche. Sar presto
to al duro mestiere del pedale.
la sua priorit?
Ma il 15 maggio 2014 Bling ha
Mi sono presentato alla Sanre
vinto in maglia rosa la drammati
mo in buona forma, ma sono sta
ca tappa di Montecassino, mar
to chiuso nella volata. AllAmstel
toriata da cadute e dalla tempe
Gold Race ho preso la decisione
sta. Quella di ieri la sua settima
sbagliata di seguire Gilbert. Due
maglia rosa. Lo guardava dal suo
terzi posti, che mi sono serviti di
cavallo di bronzo, fiero, davanti
lezione. Ora so che posso fare
alle colonne doriche del Teatro
meglio. Le classiche sono nel mio
Carlo Felice, Garibaldi, lEroe dei
mirino. Anche il Mondiale. Natu
Due Mondi. Anche Matthews
ralmente voglio essere un caccia
un Eroe dei Due Mondi, Australia
tore di tappe nei grandi giri.
DOPO I DUE ANNI ALLA
e Europa. Il suo cavallo per si
RABOBANK, ALLORICA
muove e vola.
Da due anni la sua curva di luce ha
HO RIPRESO A CRESCERE.
ripreso a salire.
AMO LITALIA, DOPO IL
Prima una vittoria, poi la maglia
cos. I due anni alla Rabobank
rosa. Si aspettava un avvio cos?
TOUR MI SPOSER QUI
mi hanno fatto retrocedere. Dal
Il nostro primo obiettivo era
2014, allOrica Greenedge, ho ri
vincere la cronosquadre e pren MICHAEL MATTHEWS
preso ad avanzare. Ho ancora
dere subito la maglia rosa. Il se 24 ANNI (FOTO BETTINI)
margini.
condo difendere la maglia. Rag
giunti.
Che auto e moto ha nel suo garage di Montecarlo?
Una Yamaha e una Porsche Cayenne Gts.
Che tattica adotter nella terza tappa?
Cercheremo di difendere la maglia rosa. Ma pro Lauto che preferisce?
veremo anche a vincere pi tappe possibili. Ce ne La Ferrari. Spero sia la mia prossima auto.
sono tante buone nelle prime due settimane.
Forse per questo stato definito un figlio di pap?
Ha provato brividi per le cadute nel finale?
La gente allinizio lo pensava, ma non sono un fi
Il finale era abbastanza difficile. Io sono stato glio di pap e credo di averlo dimostrato.
sempre abbastanza sicuro: stavo davanti. Ha corso
RIPRODUZIONE RISERVATA

38

98 Giro dItalia R La polemica

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

ERO APPENA RIENTRATO DOPO UNA


FRATTURA: IL RITIRO NON CI VOLEVA
PIETER SERRY BELGA, 26 ANNI, ETIXX-QUICK STEP

AHI, COLBRELLI
GI PELUCCHI
E QUINTANA JR

17

I corridori citati
nel bollettino medico di ieri,
sebbene i coinvolti nelle cadute
siano stati almeno il doppio

La prima caduta innescata da


Haussler ad Arenzano (-23 km)
coinvolge Colbrelli e Pelucchi.
1. Dayer Quintana, fratello di
Nairo, a terra a - 18 km. 2. La
maxi-caduta a -12 km con
Pozzovivo e Serry (foto 3), che si
ritira: problemi alla spalla BETTINI

entrata una bici in gruppo. E si cade

1Alafaci su Twitter: Se becco quel cretino..... Pozzovivo ci resta dentro: 109, ora a 150 da Contador
Ciro Scognamiglio
INVIATO A GENOVA

a polemica viaggia in rete.


Su twitter e facebook, in
nanzitutto. La prima tap
pa in linea del 98 Giro ha avu
to la sua dote di cadute e ri
guardo a quella avvenuta a una
decina di chilometri dal tra
guardo, a uno sguardo da una
delle discoteche pi famose di
Genova, in zona Corso Italia,
Eugenio Alafaci va gi duro:
Se becco quel cretino che ha
avuto la brillante idea di but
tarsi in gruppo con la fixbike
facendoci cadere, stato il
cinguettio. Mentre facebook
consente una maggiore decli
nazione del ragionamento:
Giuro che ne prenderebbe
tante ha continuato il vare
sino, 24 anni . Idiota che non

sei altro!!! bello vedere tanta


gente in strada a fare il tifo, ma
purtroppo ci sono anche degli
imbecilli. Per fortuna noi della
Trek non ci siamo fatti nulla di
grave, anche se Marco stato il
primo a cadere ed bello sbuc
ciato... Voltiamo pagina che
meglio.
TESTIMONIANZA Il riferimen
to al compagno di squadra
Marco Coledan, raggiunto ieri
sera al telefono dalla Gazzetta:
Eravamo in testa al gruppo, il
mio compagno Beppu in prima
posizione stava tirando, io su
bito dietro. Eravamo nella par
te sinistra della carreggiata e
questa persona in bici appar
sa proprio sul lato sinistro della
sede stradale. C stato uno
sbandamento e siamo finiti a
terra. Solo botte per me, niente
di grave. Quanto ad Alafaci,

atterrato su di me, quindi sul


morbido! Certo, non mi sarei
mai aspettato un episodio del
genere. Non sono in grado di
dire se si trattasse di una bici
cletta a scatto fisso o no. Non
abbiamo ricevuto nessuna se
gnalazione in merito ha fat
to sapere la Direzione di corsa
. Immagini televisive e foto
dellaccaduto non ce ne sono.
Comunque, prendiamo atto di
quanto hanno riferito i corri
dori.

Il disperato inseguimento di Domenico Pozzovivo (ultimo del trenino


della sua Ag2R), frenato dalla caduta a 12 km dallarrivo BETTINI

PESCE Il pesce pi grosso finito


nella rete delle cadute, comun
que, stato Domenico Pozzovi
vo. Lordine darrivo di Genova
lo inchioda al 99 posto, stac
cato di 109 dai migliori. E sic
come gi nella cronosquadre
aveva pagato un dazio di 41,
in una prova di certo non favo
revole al suo team, in classifica

generale rende gi 150 ad Al


berto Contador. Sono stato
sfortunato due volte raccon
ta il 32enne scalatore lucano
dellAg2r . Ero allesterno
con i miei compagni a circa 10
chilometri dalla fine, sono ri
masto coinvolto nella caduta
per un istante. Poi la catena si
era incastrata nel cambio e ho
fatto fatica a ripartire. A quelle
velocit, rientrare era impossi
bile. Domenico per rilancia:
Meglio avere perso un po di
tempo rispetto a riportare con
seguenze fisiche importanti. Io
ho solo un taglietto alla gamba
e la condizione resta molto
buona. Ora qualcosa potrebbe
cambiare nel mio Giro: non es
sere cos vicino ai migliori mi
dar maggiore libert. S, po
trei muovermi gi prima di
Campitello Matese.
RIPRODUZIONE RISERVATA

98 Giro dItalia R I big

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

12

TROPPO NERVOSISMO IN GRUPPO,


A FINE CORSA CI VUOLE ATTENZIONE
PZEMYSLAW NIEMIEC POLACCO, 35 ANNI, LAMPRE-MERIDA

39

Fabio Aru arrivato al


traguardo di Genova in 12a
posizione: il migliore
degli uomini di classifica

UN MURAL
DI 53 METRI
AD ALBENGA
Albenga ha accolto il Giro con
uno stupendo mural di 53 metri,
che rappresenta Coppi e Bartali,
Merckx e Gimondi, Hinault e
Moser, Indurain e Pantani.
Autori: i ragazzi del Liceo
Artistico di Albenga insieme
ai writers di Orticanoodles.

E sotto la Lanterna
Basso si trasforma
nello scudo di Contador
1Lavoro superbo
del team russo.
Ivan: Qui il giorno
pi facile luned
dopo lultima tappa
Alessandro Conti
INVIATO A GENOVA

elocit, nervosismo, ca
dute. Un tris che pu la
sciare sullasfalto tanti se
condi (o portare al ritiro nei casi
peggiori) e complicare in manie
ra decisa le aspirazioni di classi
fica per quanti ne hanno. Nelle

cadute del finale della seconda


tappa sono rimasti coinvolti mol
ti corridori. Gi prima di Arenza
no sono finiti a terra, tra gli altri,
Sonny Colbrelli e Matteo Peluc
chi, insieme ad altri tre compa
gni della Iam, che avrebbero po
tuto giocarsela nello sprint fina
le. Poi a 12 km dal traguardo, al
termine del primo giro del cir
cuito cittadino del capoluogo li
gure in una maxi carambola che
ha coinvolto una trentina di cor
ridori, ed ha costretto al ritiro il
belga Pieter Serry, finito a terra
anche Domenico Pozzovivo. Il
lucano arrivato sul traguardo
99esimo e ha perso nella genera
le 109 dalla maglia rosa. E
stata una tappa molto nervosa
soprattutto nel finale. Quando

SCATTA IL BETTO
di PAOLO
BETTINI

LA LUCIDIT DELLA TINKOFF


IMPOSSIBILE DA COPIARE

a lucidit con cui


Basso e la Tinkoff
hanno corso questo
finale di tappa la dice
lunga sulla loro
preparazione e sulle loro
aspettative. Appena
iniziata la salita che
portava al gpm di 4a
categoria di Pratozanino,
Ivan andato in testa al
gruppo per fare
landatura e per evitare
rischi anche in discesa.
Significa che sanno

perfettamente quello che


stanno facendo e quello
che vogliono. Eppure per
molti quello poteva
sembrare un tratto banale,
insignificante
nelleconomia della corsa.
Invece questi sono dettagli
che fanno capire la
differenza, dimostra che i
Tinkoff sono accesi,
lucidi. Per quando si sono
mossi loro si subito
mossa anche lAstana, e
anche questo un buon

Ivan Basso, 37 anni BETTINI

siamo entrati nel circuito la


squadra stata eccezionale, ha
spiegato Fabio Aru, 12esimo. Il
sardo dellAstana passato dal
13esimo al 11esimo posto nella
generale a 13 mantenendo inal
terato il distacco dal primo.

NOBILT Grande lavoro anche


della TinkoffSaxo per Alberto
Contador con Ivan Basso, Mat
teo Tosatto e Manuele Boaro in
evidenza per il loro capitano.
Contador ha tagliato il traguar
do 24esimo nel primo gruppo di
79 corridori e soprattutto ha
messo al sicuro i 7 di distacco
dalla maglia rosa ma nella gene
rale passato dal decimo al se
sto posto. Non ho corso da pa
drone perch chiaro lobietti
vo. Sono venuto al Giro per la
classifica generale. Il finale di
tappa era molto veloce e ho vo
luto evitare rischi. E stato pro
prio Basso a raccontare le fasi fi
nali della frazione: Il circuito
non era complicato, ma diven
tato difficile perch ci sono tanti
interessi in ballo. In tutti i grandi
giri le prime giornate sono le pi
nervose. Abbiamo protetto Al
berto, portandolo nei tre km. E
la filosofia delle squadre vincen
ti, limitare rischi per il leader
che corre pi rilassato. Una
strategia, ha proseguito Basso,
che deve essere perseguita sem
pre: Perch al Giro la giornata
facile il luned dopo lultima
tappa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

segnale. Verrebbe da dire


che facile, basta seguire
Contador e copiare. Non
cos, verranno i momenti
in cui Aru dovr prendere
delle decisioni
indipendenti, muovendosi
di propria iniziativa. A
mio parere prima delle
grandi montagne ci sono
per Fabio delle
opportunit che potrebbe
provare a sfruttare.
Per quanto riguarda la
volata, invece, bisogna
fare i complimenti a
Viviani: bravissimo, sono
davvero felice per lui.
Vincere il primo scontro
diretto al Giro molto
importante. Volata strana,
comunque, su un arrivo
non facile in leggera
pendenza che rimasta
nelle gambe a molti,
e Greipel ne lesempio.

PRIMA VOLTA
PER ZHUPA
Lentrata a Genova stata
da pelle doca. Eugert
Zhupa (Southeast),
25 anni, in fuga per 165
km, il primo albanese
a correre il Giro BETTINI

fIL RETROSCENA

Porte dorme
nel motorhome
stile americano

La casa viaggiante dellaustraliano durante il Giro CYCLINGNEWS.COM


INVIATO A GENOVA

lla filosofia deimargi


nal gains, i guada
gni marginali, man
cava lalbergo viaggiante.
Ora arrivato: lo usa Richie
Porte, capitano del Team Sky
e candidato principe alla ma
glia rosa di Milano, al Giro
dItalia. Ed la prima volta
che lo squadrone britannico,
che da sempre lavora sui det
tagli per acquisire vantaggi
competitivi, tenta un simile
esperimento. S, un mo
torhome allamericana, ha
spiegato ieri il team mana
ger Dave Brailsford alla par
tenza da Albenga. Niente
hotel quindi per laustralia
no, che dorme da solo nella
struttura viaggiante, par
cheggiata nelle zone dei va
ri hotel della squadra. Ab
biamo gi i nostri materassi,
i nostri cuscini ha conti
nuato Brailsford , ma se
cambi hotel ogni giorno de
vi impacchettare e spac
chettare e poi non sai quello
che puoi trovare. E anche
una questione di rumori, di

sicurezza, di tranquillit nel ri


trovare sempre lo stesso am
biente. Lo usa soltanto Richie.
Vedremo tra tre settimane se
avr dato un vantaggio margi
nale. Chiaramente Richie non
isolato dal resto della squa
dra, la giornata tipica di un
grande giro si svolge normal
mente. E nel caso lesperi
mento riscuotesse feedback
positivi, la squadra potrebbe
riproporre la soluzione per il
suo leader cio Chris Froo
me anche al Tour de France.
E chiss se anche stavolta po
trebbe segnare linizio di una
tendenza, come gi stato per
altri esperimenti tentati dalla
squadra gi arrivata due volte
alla vittoria della maglia gialla.
KWIATKOWSKI A SKY Sempre
riguardo al Team Sky, si parla
anche di mercato e laccordo per
il 2016 con liridato Michal Kwia
tkowski, attualmente alla Etixx
Quick Step (e non in gara al Gi
ro), sembra sostanzialmente
concluso. Con Kwiatkowski do
vrebbe arrivare anche il suo uo
mo di fiducia Michal Golas.
ci.sco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

40

98 Giro dItalia R Lintervista

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

ERO BEN PIAZZATO PER LO SPRINT,


MA POI C STATO UNO SBANDAMENTO
TOM BOONEN BELGA, 34 ANNI, ETIXX-QUICK STEP

Oggi il giorno di Gilbert


Lho studiato su Internet

1Frazione dura e tortuosa a Sestri Levante. Il belga, stella del Giro,

sbocciato ad Anagni nel 2009 e in questa stagione ancora a digiuno


classica in formato mini, perfet
ta quindi per le caratteristiche
del vallone. Il mio obiettivo al
INVIATO A GENOVA
Giro di vincere una tappa
n questa stagione non ha spiega Gilbert . Ho studiato un
ancora vinto, ma il suo pal po i percorsi sul sito, difficile
mares parla chiaro, Philip dire se questa potrebbe essere
pe Gilbert una delle star del quella buona, ma spero di si.
Giro dItalia numero 98. Sulle Tra internet e la realt c una
maniche della maglia rossonera bella differenza. Certo che con
della Bmc, il bel
la caduta alla
ga ha i fregi che
Freccia, che mi
spettano solo ai
LA CHIAVE
ha compromesso
vincitori di un
anche la Liegi,
m o n d i a l e
per me questan
(2012), ma in ba
no non stato
checa ha anche i
lavvicinamento
trionfi in una Lie
migliore.
gi, una Freccia, Il numero degli
una Clasica de arrivi del Giro in
Si ricorda la sua
San Sebastian;
vittoria 2009?
due Lombardia e Liguria, con la tappa Molto bene.
due ParigiTours; di oggi. Domani a La
Quello era stato
tre Amstel Gold Spezia saranno 101
un Giro molto
Race. Tra le sue
difficile per me.
63 vittorie anche una tappa al Avevo corso molto prima: San
Tour, cinque alla Vuelta e una al remo, le classiche del Nord, le
Giro, la NapoliAnagni del Ardenne e il Romandia. Ero ar
2009. Vittoria che potrebbe es rivato alla partenza di Venezia
sere bissata oggi in una frazione gi sfinito, morto. Qualche
corta ma dura, tortuosa e com piazzamento di tappa lo avevo
plicata. Insomma, la Rapallo fatto, ma Roberto Damiani, il
Sestri Levante (dove nel 2006, nostro diesse alla SilenceLotto,
12a tappa si ritir) sembra una diciamo non era contento.

Claudio Ghisalberti

chiave di avvicinamento al
Mondiale. Comunque, delle tre
anche la pi facile. Poi il Giro
una corsa strana.
In che senso?
Innanzi tutto per la stagione:
ci sono molti corridori che sof
frono di allergia al polline. Al
tri, invece, non sono al top della
condizione perch magari c
stata una primavera fredda, con
tempo molto brutto. E qui c
una cosa che mi piace molto:
la corsa dove c pi rispetto di
noi atleti.
In che senso?
Qui da voi se uno un campio
ne, nella considerazione gene
rale resta un campione anche se
i risultati non sono pi quelli
dei tempi migliori. In Francia,
invece, se cali un pochino non
vali pi niente.

100

Le tappe interamente
liguri della 98a edizione
del Giro: su 21 totali,
la percentuale del 19%

Philippe Gilbert, 32 anni, belga della Bmc Racing Team BETTINI

Quindi?
Si era creata unatmosfera
brutta in squadra, cera troppa
pressione.
Perch secondo lei?
Lui italiano e al Giro ci teneva
tantissimo, ma non voleva capi
re che io ero stanco. Ci ha messo
davvero troppa pressione. Cos
alla fine ero esasperato, nervo
sissimo. Quella era lultima oc
casione, perch la 21a tappa era
la crono di Roma. Larrivo era
dopo un giro un circuito, in ci

ma a uno strappo. Quando sia


mo passati ho capito che poteva
essere buona, ma ho dovuto fa
re una volata di 600 metri per
rimontare e battere Voeckler.
Giro, Tour e Vuelta: che differenze ci sono tra le tre grandi corse
a tappe?
Il Giro senza dubbio quella
col percorso pi duro. Il Tour
quella dove c pi stress e dove
il livello degli avversari pi al
to. La Vuelta per molti, spesso
anche per me, un momento

Lei un formidabile corridore


da classiche, per nel 2011,
quando al Tour conquist la maglia gialla, aveva pensato di convertirsi in corridore da grandi
giri?
Sorride. Ma no, questo lo avete
pensato e scritto voi giornalisti.
Io non ho mai pensato davvero
di fare classifica.
Perch?
Perch per essere vincente do
vrei essere pi leggero. Per se
perdo anche la muscolatura, es
sere leggero non mi serve pi.
Perderei esplosivit, che la
mia migliore caratteristica, sen
za avere la certezza di ottenere
risultati nelle corse a tappe. An
che se perdessi 34 chili, non so
no certo che migliorerei nelle
corse a tappe.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOPO LA TAPPA DI IERI

Uci, 5 controlli
per cercare
i motorini
Controlli nelle bici per
verificare lassenza di motori
nascosti al Giro. Di recente
lUci ha infatti introdotto un
paragrafo sulla frode
tecnologica. Le sanzioni per
il corridore sono lesclusione
dallordine darrivo, la
squalifica per un minimo di 6
mesi e una multa dai 19.265
ai 192.230 euro. Sanzione
pecuniaria pi dura per i
team: da 96.135 a 963.160
euro (un milione di franchi
svizzeri). Dopo larrivo di ieri
verificate le bici dei primi tre,
Viviani, Hofland e Greipel, e
di Matysiak (CCC Sprandi) e
Tiralongo (Astana). Tutti ok.

NIBALI, IN 600
ALLA GRANFONDO
Gran festa ieri a Messina
per la prima Granfondo
Nibali. Accorsi oltre 600
corridori e tanta gente per
applaudire il campione
idolo di casa SAYA

98 Giro dItalia R La guida

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

41

NELLA PRIMA FUGA DEL GIRO UN UOMO


ANDRONI NON POTEVA MANCARE
MARCO FRAPPORTI 30 ANNI, ANDRONI-SIDERMEC

LARRIVO
Petacchi 5, Nizzolo 6
Carretero si ferma

Serve una borraccia? Adesso i


gregari le portano cos BETTINI

POS.CORRIDORE
TEMPO
1 VIVIANI (ITA)
km 177 in 4h1318, media 41,926 km/h
2 HOFLAND (OLA)
a 0"
3 GREIPEL (GER)
4 MEZGEC (SLO)
5 PETACCHI (ITA)
6 NIZZOLO (ITA)
7 MATTHEWS (AUS)
8 APPOLLONIO (ITA)
9 COLLI (ITA)
10 TIRALONGO (ITA)
11 BOLE (SLO)
12 ARU (ITA)
13 KREUZIGER (R.CEC)
14 MATYSIAK (POL)
15 PORSEV (RUS)
16 URAN (COL)
17 CLARKE (AUS)
18 BOONEN (BEL)
19 GERRANS (AUS)
20 IZAGUIRRE (SPA)
21 BURGHARDT (GER)
22 PORTE (AUS)
23 CARUSO (ITA)
24 CONTADOR (SPA)
25 ROSA (ITA)
26 MONSALVE (VEN)

27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54

55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83

CUNEGO (ITA)
KRUIJSWIJK (OLA)
CLEMENT (OLA)
ROGERS (AUS)
BETANCUR (COL)
SIUTSOU (BIE)
CHAVES (COL)
VAN DEN BROECK (BEL)
PAOLINI (ITA)
KONIG (R.CEC)
NIEVE (SPA)
GILBERT (BEL)
REZA (FRA)
RUFFONI (ITA)
GAVAZZI (ITA)
KEIZER (OLA)
CATALDO (ITA)
SANCHEZ (SPA)
KIRYIENKA (BIE)
HESJEDAL (CAN)
ELISSONDE (FRA)
GRETSCH (GER)
FORMOLO (ITA)
TROFIMOV (RUS)
PELLIZOTTI (ITA)
LANDA (SPA)
MONFORT (BEL)
BONGIORNO (ITA)

CLASSIFICA GENERALE

MOUREY (FRA)
GENIEZ (FRA)
RICHEZE (ARG)
ZAKARIN (RUS)
MOINARD (FRA)
DE NEGRI (ITA)
MALACARNE (ITA)
RUTKIEWICZ (POL)
HENAO (COL)
BOOKWALTER (USA)
INTXAUSTI (SPA)
BOARO (ITA)
MARYCZ (POL)
BATTAGLIN (ITA)
FELLINE (ITA)
VISCONTI (ITA)
PATERSKI (POL)
BOUET (FRA)
BEPPU (GIAP)
MEERSMAN (BEL)
SLAGTER (OLA)
AMADOR (C.RICA)
CARDOSO (POR)
ROVNY (RUS)
BELLETTI (ITA)
ANTON (SPA)
SABATINI (ITA)
BROECKX (BEL)
ZILIOLI (ITA)

64 MEZGEC (SLO)

a 49"

130 PAULINHO (POR)

a 3'33"

65 BROECKX (BEL)

a 50"

131 CHAVANEL (FRA)

a 3'40"

km. 194,6 in 4h3244, media 42,811 km/h

66 PETACCHI (ITA)

a 52"

132 MODOLO (ITA)

a 3'46"

GERRANS (AUS)

67 MONSALVE (VEN)

133 SABATINI (ITA)

a 3'49"

CLARKE (AUS)

68 GAVAZZI (ITA)

134 WAGNER (GER)

a 3'51"

CHAVES (COL)

KREUZIGER (R.CEC)

CONTADOR (SPA)

71 FORMOLO (ITA)

137 FAIRLY (USA)

a 4'04"

ROGERS (AUS)

72 SLAGTER (OLA)

138 ACEVEDO (COL)

a 4'08"

BOARO (ITA)

73 CARDOSO (POR)

139 MALAGUTI (ITA)

a 4'12"

ROVNY (RUS)

10 TIRALONGO (ITA)
11

TEMPO

a 0"

69 BELLETTI (ITA)
a 7"

a 13"

ARU (ITA)

a 53"

136 CHIRICO (ITA)

74 SILVESTRE (POR)

a 56"

140 STACCHIOTTI (ITA)

75 COLLI (ITA)

a 57"

141 BROWN (USA)

a 3'52"

76 CUNEGO (ITA)

142 BERARD (FRA)

a 4'14"

77 DE NEGRI (ITA)

143 DURBRIDGE (AUS)

a 4'15"

13 CATALDO (ITA)

78 MARYCZ (POL)

a 1'00"

144 MARANGONI (ITA)

a 4'25"

14 SANCHEZ (SPA)

79 APPOLLONIO (ITA)

a 1'03"

145 WATSON (AUS)

a 4'27"

15 LANDA (SPA)

80 PELLIZOTTI (ITA)

146 XU (CINA)

a 4'30"

16 MALACARNE (ITA)

81 PUCCIO (ITA)

a 1'06"

147 COURTEILLE (FRA)

a 4'36"

17 VIVIANI (ITA)

a 17"

82 BASSO (ITA)

a 1'12"

148 FAVILLI (ITA)

a 4'37"

18 BOONEN (BEL)

a 19"

83 VAN POPPEL (OLA)

a 1'15"

149 ARMEE (BEL)

a 4'40"

19 URAN (COL)

84 LUDVIGSSON (SVE)

a 1'16"

150 DE LA CRUZ (SPA)

a 4'42"

20 BOUET (FRA)

85 KANGERT (EST)

a 1'22"

151 WEENING (OLA)

a 4'43"

86 HAGA (USA)

a 1'24"

152 VERVAEKE (BEL)

a 4'49"

87 ZILIOLI (ITA)

a 1'26"

153 JUUL JENSEN (DAN)

a 4'50"

23 INTXAUSTI (SPA)

88 BUSATO (ITA)

a 1'27"

154 ZEITS (KAZ)

a 4'56"

24 VISCONTI (ITA)

89 ARNDT (GER)

a 1'28"

155 ROUX (FRA)

a 4'59"

90 HERRADA (SPA)

a 1'30"

156 EISEL (AUT)

22 IZAGUIRRE (SPA)

a 21"

25 AMADOR (C.RICA)
26 CARUSO (ITA)

a 25"

91 FERNANDEZ (SPA)
a 1'34"

157 LOBATO (SPA)

a 5'04"

158 TJALLINGII (OLA)

a 5'09"

159 FLENS (OLA)

a 5'19"

160 NOCENTINI (ITA)

a 5'31"

27 CLEMENT (OLA)

92 REICHENBACH (SVI)

28 BURGHARDT (GER)

93 ATAPUMA (COL)

29 GILBERT (BEL)

94 ZABEL (GER)

30 GREIPEL (GER)

95 FISCHER (BRA)

a 1'35"

161 MONTAGUTI (ITA)

31 MOINARD (FRA)

96 LAGUTIN (RUS)

a 1'36"

162 HOULE (CAN)

32 BOOKWALTER (USA)

97 DILLIER (SVI)

a 1'46"

163 PINEAU (FRA)

a 5'33"
a 5'36"

98 ZARDINI (ITA)

164 VILLELLA (ITA)

34 ELISSONDE (FRA)

99 BARBIN (ITA)

165 GATTO (ITA)

35 MOUREY (FRA)

100 PIRAZZI (ITA)

166 BERLATO (ITA)

33 REZA (FRA)

a 26"

101 COLBRELLI (ITA)

a 5'40"

167 PINEAU (FRA)

a 5'41"

102 GESCHKE (GER)

a 1'47"

168 TVETCOV (ROM)

a 5'46"

38 PORSEV (RUS)

103 VANDEWALLE (BEL)

a 1'50"

169 DANIELSON (USA)

a 5'51"

39 SIUTSOU (BIE)

104 HENDERSON (N.ZEL)

170 GROSU (ROM)

a 5'52"

40 KONIG (R.CEC)

105 CHEVRIER (FRA)

a 1'52"

171 DE BACKER (BEL)

a 5'53"

41 NIEVE (SPA)

106 SZMYD (POL)

a 1'54"

172 KNG (SVI)

a 6'41"

42 PAOLINI (ITA)

107 SAMOILAU (BIE)

173 VOROBYEV (RUS)

a 6'43"

43 KIRYIENKA (BIE)

108 POZZOVIVO (ITA)

44 TROFIMOV (RUS)
45 HENAO (COL)
46 ZAKARIN (RUS)

36 GENIEZ (FRA)
37 PORTE (AUS)

47 NIZZOLO (ITA)
48

a 27"

a 29"

VAN DEN BROECK


(BEL)

a 1'57"

174 KEISSE (BEL)

109 BISOLTI (ITA)

a 2'06"

175 CHERNETSKI (RUS)

a 6'46"

110 POLANC (SLO)

a 2'08"

176 STAMSNIJDER (OLA)

a 7'00"

111 NIEMIEC (POL)

177 JI (CINA)

a 7'06"

112 MORI (ITA)

178 ZHUPA (ALB)

a 7'09"

113 ULISSI (ITA)

179 LINDEMAN (OLA)

a 7'23"

114 GRMAY (ETI)

180 FRAPPORTI (ITA)

a 7'51"

49 MONFORT (BEL)

115 STORTONI (ITA)

a 2'12"

181 BAK (DAN)

a 8'11"

50 FELLINE (ITA)

116 FINETTO (ITA)

a 2'13"

182 MIHAYLOV (BUL)

a 8'37"

51 HOFLAND (OLA)

a 30"

117 BEWLEY (N.ZEL)

a 2'15"

183 DOMONT (FRA)

a 9'02"

52 KRUIJSWIJK (OLA)

a 36"

118 DUPONT (FRA)

a 2'16"

184 BELKOV (RUS)

a 10'44"

119 FERRARI (ITA)

a 2'23"

185 BOEM (ITA)

a 11'57"

120 RICHEZE (ARG)

a 2'32"

186 HAUSSLER (AUS)

a 12'06"

55 BONGIORNO (ITA)

121 OWSIAN (POL)

a 2'38"

187 HEPBURN (AUS)

a 12'39"

56 BATTAGLIN (ITA)

122 LANCASTER (AUS)

a 2'46"

188 QUINTANA (COL)

a 13'26"

53 KEIZER (OLA)
54 RUFFONI (ITA)

a 37"

57 ANTON (SPA)

a 40"

123 ALAFACI (ITA)

a 2'52"

189 COLEDAN (ITA)

a 13'27"

58 BOLE (SLO)

a 45"

124 HANSEN (AUS)

a 2'57"

190 VEIKKANEN (FIN)

a 13'29"

59 MATYSIAK (POL)

125 VAKOC (R.CEC)

a 3'07"

191 DALL'ANTONIA (ITA)

a 13'42"

60 RUTKIEWICZ (POL)

126 BEPPU (GIAP)

a 3'20"

192 SARAMOTINS (LET)

a 14'28"

127 BANDIERA (ITA)

a 3'22"

193 KLUGE (GER)

a 14'37"

194 PELUCCHI (ITA)

a 16'48"

195 ISHIBASHI (GIAP)

a 21'23"

61 PATERSKI (POL)
62 BETANCUR (COL)
63 GRETSCH (GER)

a 48"

128 KOCHETKOV (RUS)


129 TOSATTO (ITA)

a 3'26"

a 31"
a 33"
a 35"

a 39"

a 46"
a 55"
a 58"
a 1'09"

112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140

Barbagelata
1115 m

Montebruno
659 m

Torriglia
762 m

SESTRI LEVANTE
3m

Colle Caprile
470 m

a 4'13"

12 ROSA (ITA)

21 MEERSMAN (BEL)

a 27"

km
0

10

24

57

84

92

136

Prime salite tra Colle Caprile e Barbagelata


TV: RaiSport 1 dalle 14, Rai 3 dalle 15.10
Oggi la 3 tappa da Rapallo a Sestri Levante, 136 km con quasi 2300 metri di
dislivello. Ritrovo alle 12.05 in Piazza Martiri della Libert e partenza da Corso
Cristoforo Colombo alle 13.35. Prova impegnativa coi primi 110 km tra curve e
saliscendi. Si scalano la Ruta di Camogli, Colle Capril e (GPM di 3a categoria), la
Scoffera per attraversare Torriglia, poi discesa su Montebruno, GPM di
Barbagelata (2a cat.) fino alla lunga discesa verso Chiavari e il traguardo.
ABBUONI Due traguardi volanti ad abbuoni (3, 2 e 1): Torriglia e Montebruno.
PREVISIONI METEO Sole e 26 gradi, sia alla partenza che allarrivo.
DIRETTA TV Dalle 14 su RaiSport 1 Anteprima Giro; dalle 15.10 su Rai3 la tappa;
dalle 17.15 il Processo. Diretta Eurosport dalle 14.30; dalle 17.30, Giro Extra
a

IL MONDO SI
COLORA DI ROSA
CONDIVIDI LA TUA PASSIONE SU #SANTINIROSA

SANTINISMS.IT/GIRO15
@santini_sms

santinimaglicio

CHEVRIER (FRA)
PIRAZZI (ITA)
FISCHER (BRA)
BARBIN (ITA)
BISOLTI (ITA)
KOCHETKOV (RUS)
COLBRELLI (ITA)
STORTONI (ITA)
ARMEE (BEL)
ULISSI (ITA)
KANGERT (EST)
ZABEL (GER)
PAULINHO (POR)
GRMAY (ETI)
WATSON (AUS)
VANDEWALLE (BEL)
DILLIER (SVI)
FINETTO (ITA)
FERRARI (ITA)
BERARD (FRA)
DUPONT (FRA)
BEWLEY (N.ZEL)
EISEL (AUT)
OWSIAN (POL)
TOSATTO (ITA)
BROWN (USA)
COURTEILLE (FRA)
VAKOC (R.CEC)
DE LA CRUZ (SPA)

Gli anni di Alessandro


Petacchi: il pi anziano
del Giro ieri ha concluso
quinto allo sprint

a 1'21"

a 1'24"
a 1'28"
a 0"
a 1'50"
a 1'53"
a 1'59"
a 2'48"

a 3'15"

141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168

MALAGUTI (ITA)
MARANGONI (ITA)
DURBRIDGE (AUS)
ACEVEDO (COL)
WAGNER (GER)
VAN DER LIJKE (OLA)
KEISSE (BEL)
CHAVANEL (FRA)
CHIRICO (ITA)
STACCHIOTTI (ITA)
FAIRLY (USA)
DE BACKER (BEL)
PINEAU (FRA)
PINEAU (FRA)
FAVILLI (ITA)
VERVAEKE (BEL)
STAMSNIJDER (OLA)
TJALLINGII (OLA)
JI (CINA)
CHERNETSKI (RUS)
ROUX (FRA)
GATTO (ITA)
VILLELLA (ITA)
ZEITS (KAZ)
BERLATO (ITA)
NOCENTINI (ITA)
HOULE (CAN)
MONTAGUTI (ITA)

a 3'20"
a 3'45"

a 3'59"
a 4'33"

a 4'43"

169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195

TVETCOV (ROM)
GROSU (ROM)
FLENS (OLA)
LOBATO (SPA)
JUUL JENSEN (DAN)
WEENING (OLA)
DANIELSON (USA)
KNG (SVI)
DOMONT (FRA)
ZHUPA (ALB)
FRAPPORTI (ITA)
VOROBYEV (RUS)
LINDEMAN (OLA)
BAK (DAN)
MIHAYLOV (BUL)
BELKOV (RUS)
QUINTANA (COL)
BOEM (ITA)
VEIKKANEN (FIN)
HAUSSLER (AUS)
HEPBURN (AUS)
DALL'ANTONIA (ITA)
COLEDAN (ITA)
KLUGE (GER)
SARAMOTINS (LET)
PELUCCHI (ITA)
ISHIBASHI (GIAP)
CARRETERO (PAN)
SERRY (BEL)

a 4'58"
a 6'16"

a 6'41"
a 7'42"

a 10'19"
a 10'36"
a 11'41"
a 12'39"
a 12'42"
a 14'03"

a 20'11"
rit.
rit.

22 SQUADRE, RESTANO IN 195


GPM
S 2

135 VAN DER LIJKE (OLA)

70 HESJEDAL (CAN)

HANSEN (AUS)
LUDVIGSSON (SVE)
SILVESTRE (POR)
LANCASTER (AUS)
BASSO (ITA)
HENDERSON (N.ZEL)
BUSATO (ITA)
MODOLO (ITA)
HAGA (USA)
PUCCIO (ITA)
BANDIERA (ITA)
ARNDT (GER)
VAN POPPEL (OLA)
ALAFACI (ITA)
GESCHKE (GER)
POZZOVIVO (ITA)
SAMOILAU (BIE)
SZMYD (POL)
POLANC (SLO)
XU (CINA)
NIEMIEC (POL)
ATAPUMA (COL)
MORI (ITA)
LAGUTIN (RUS)
REICHENBACH (SVI)
ZARDINI (ITA)
HERRADA (SPA)
FERNANDEZ (SPA)

LA TAPPA DI OGGI
RAPALLO
12 m
GPM
3

POS.CORRIDORE
1 MATTHEWS (AUS)

a 19"
a 21"

84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111

41

La Maglia Rosa fatta


a mano in Italia con passione
da Santini dal 1993

AG2R LA MONDIALE
D.S. Biondi
1 POZZOVIVO
2 BERARD
3 BETANCUR
4 DOMONT
5 DUPONT
6 GRETSCH
7 HOULE
8 MONTAGUTI
9 NOCENTINI

ITA
FRA
COL
FRA
FRA
GER
CAN
ITA
ITA

ANDRONI-SIDERMEC
D.S. Savio
11 PELLIZOTTI
12 APPOLLONIO
13 BANDIERA
14 DALL'ANTONIA
15 FRAPPORTI
16 GATTO
17 STORTONI
18 TVETCOV
19 ZILIOLI

ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ROM
ITA

ASTANA PRO TEAM


D.S. Shefer
21 ARU
22 CATALDO
23 KANGERT
24 LANDA
25 MALACARNE
26 ROSA
27 SANCHEZ
28 TIRALONGO
29 ZEITS

ITA
ITA
EST
SPA
ITA
ITA
SPA
ITA
KAZ

BARDIANI CSF
D.S. Reverberi
31 BONGIORNO
32 BARBIN
33 BATTAGLIN
34 BOEM
35 CHIRICO
36 COLBRELLI
37 PIRAZZI
38 RUFFONI
39 ZARDINI

ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ITA

BMC RACING TEAM


D.S. Baldato
41 GILBERT
42 ATAPUMA
43 BOOKWALTER
44 BURGHARDT
45 CARUSO
46 DILLIER
47 KNG
48 MOINARD
49 ZABEL

BEL
COL
USA
GER
ITA
SVI
SVI
FRA
GER

CCC SPRANDI POLKOWICE


D.S. Wadecki
51 PATERSKI
POL
52 BOLE
SLO
53 MARYCZ
POL
54 MATYSIAK
POL
55 MIHAYLOV
BUL
56 OWSIAN
POL
57 RUTKIEWICZ
POL
58 SAMOILAU
BIE
59 SZMYD
POL
ETIXX - QUICK-STEP
D.S. Bramati
61 URAN
62 BOONEN
63 BOUET
64 DE LA CRUZ
65 KEISSE
66 MEERSMAN
67 SABATINI
68 SERRY
69 VAKOC
FDJ
D.S. Guesdon
71 GENIEZ
72 COURTEILLE

COL
BEL
FRA
SPA
BEL
BEL
ITA
BEL
R.CEC

FRA
FRA

73
74
75
76
77
78
79

ELISSONDE
FISCHER
MOUREY
PINEAU
RZA
ROUX
VEIKKANEN

FRA
BRA
FRA
FRA
FRA
FRA
FIN

IAM CYCLING
D.S. Carlstrom
81 CHAVANEL
82 CHEVRIER
83 CLEMENT
84 HAUSSLER
85 KLUGE
86 PELUCCHI
87 PINEAU
88 REICHENBACH
89 SARAMOTINS

FRA
FRA
OLA
AUS
GER
ITA
FRA
SVI
LET

LAMPRE - MERIDA
D.S. Maini
91 ULISSI
92 FERRARI
93 GRMAY
94 MODOLO
95 MORI
96 NIEMIEC
97 POLANC
98 RICHEZE
99 XU

ITA
ITA
ETI
ITA
ITA
POL
SLO
ARG
CINA

LOTTO SOUDAL
D.S. Leysen
100 VAN DEN BROECK
101 ARMEE
102 BAK
103 BROECKX
104 GREIPEL
105 HANSEN
106 HENDERSON
107 MONFORT
109 VERVAEKE

BEL
BEL
DAN
BEL
GER
AUS
N.ZEL
BEL
BEL

MOVISTAR TEAM
D.S. Garcia
111 INTXAUSTI
112 AMADOR
113 ANTON
114 FERNANDEZ
115 HERRADA
116 IZAGUIRRE
117 LOBATO
118 D. QUINTANA
119 VISCONTI

SPA
C.RICA
SPA
SPA
SPA
SPA
SPA
COL
ITA

NIPPO - VINI FANTINI


D.S. Giuliani
121 CUNEGO
122 BERLATO
123 BISOLTI
124 COLLI
125 DE NEGRI
126 GROSU
127 ISHIBASHI
128 MALAGUTI
129 STACCHIOTTI

ITA
ITA
ITA
ITA
ITA
ROM
GIAP
ITA
ITA

ORICA GREENEDGE
D.S. White
131 MATTHEWS
132 BEWLEY
133 CHAVES
134 CLARKE
135 DURBRIDGE
136 GERRANS
137 HEPBURN
138 LANCASTER
139 WEENING

AUS
N.ZEL
COL
AUS
AUS
AUS
AUS
AUS
OLA

SOUTHEAST
D.S. Parsani
141 BELLETTI
142 BUSATO
143 CARRETERO
144 FAVILLI
145 FINETTO
146 GAVAZZI

ITA
ITA
PAN
ITA
ITA
ITA

147 MONSALVE
148 PETACCHI
149 ZHUPA

VEN
ITA
ALB

TEAM CANNONDALE - GARMIN


D.S. Wegelius
151 HESJEDAL
CAN
152 ACEVEDO
COL
153 BROWN
USA
154 CARDOSO
POR
155 DANIELSON
USA
156 FORMOLO
ITA
157 MARANGONI
ITA
158 SLAGTER
OLA
159 VILLELLA
ITA
TEAM GIANT - ALPECIN
D.S. Engels
161 MEZGEC
162 ARNDT
163 DE BACKER
164 FAIRLY
165 GESCHKE
166 HAGA
167 JI
168 LUDVIGSSON
169 STAMSNIJDER
TEAM KATUSHA
D.S. Konyshev
171 PAOLINI
172 BELKOV
173 CHERNETSKI
174 KOCHETKOV
175 LAGUTIN
176 PORSEV
177 TROFIMOV
178 VOROBYEV
179 ZAKARIN

SLO
GER
BEL
USA
GER
USA
CINA
SVE
OLA

ITA
RUS
RUS
RUS
RUS
RUS
RUS
RUS
RUS

TEAM LOTTO NL - JUMBO


D.S. Boven
181 KRUIJSWIJK
OLA
182 BENNETT
N.ZEL
183 FLENS
OLA
184 HOFLAND
OLA
185 KEIZER
OLA
186 LINDEMAN
OLA
187 TJALLINGII
OLA
188 VAN DER LIJKE
OLA
189 WAGNER
GER
TEAM SKY
D.S. Cioni
191 PORTE
192 EISEL
193 HENAO
194 KIRYIENKA
195 KONIG
196 NIEVE
197 PUCCIO
198 SIUTSOU
199 VIVIANI

AUS
AUT
COL
BIE
R.CEC
SPA
ITA
BIE
ITA

TINKOFF SAXO
D.S. De Jongh
201 CONTADOR
202 BASSO
203 BOARO
204 JUUL JENSEN
205 KREUZIGER
206 PAULINHO
207 ROGERS
208 ROVNY
209 TOSATTO

SPA
ITA
ITA
DAN
R.CEC
POR
AUS
RUS
ITA

TREK FACTORY RACING


D.S. Baffi
211 NIZZOLO
ITA
212 ALAFACI
ITA
213 BEPPU
GIAP
214 COLEDAN
ITA
215 FELLINE
ITA
216 SILVESTRE
POR
217 VAN POPPEL
OLA
218 VANDEWALLE
BEL
219 WATSON
AUS

A PUNTI

MONTAGNA

GIOVANI

TEAM A TEMPI

TEAM A PUNTI

ULTIMO KM

La maglia rossa Algida va al leader


della classifica a punti, che vengono
assegnati a seconda della categoria
della tappa e su ognuno dei traguardi
volanti: 1. Elia VIVIANI (Sky) 53 punti;
2. Frapporti (Gb) 40; 3. Hofland (Ola)
35; 4. Greipel (Ger) 25; 5. Zhupa (Alb)
20; 6. Lindeman (Ola) 20; 7. Mezgec
(Slo) 18; 8. Nizzolo 17; 9. Petacchi 14.

La maglia azzurra Mediolanum va


al leader della classifica dei gran
premi della montagna, con punteggi
diversi a seconda della categoria delle
salite: il massimo previsto per la
Cima Coppi, poi 9 gpm di 1a categoria,
8 di 2a, 13 di 3a e 8 di 4a. Classifica:
1. Bert LINDEMAN (Ola/Lotto-Jumbo)
3 punti; 2. Owsian (Pol) 2; 3. Berlato 1.

La maglia bianca Eurospin va al


leader della classifica (a tempi) dei
giovani, nati cio dopo il 1 gennaio
1990. Dal 2009 la maglia intitolata
a Candido Cannav, storico direttore
della Gazzetta. Classifica: 1. Michael
MATTHEWS (Aus, Orica); 2. Chaves
(Col) a 0; 3. Aru a 13; 4. Elissonde
(Fra) a 26; 5. Henao (Col) a 27.

La classifica per squadre a tempi


prende in considerazione i primi tre
corridori di ciascuna squadra. La
somma dei loro tempi determina il
tempo di squadra. Class.: 1. ORICA
GREENEDGE 12h5920; 2. Tinkoff
Saxo a 7; 3. Astana Pro Team a 13; 4.
Etixx - Quick-Step a 19; 5. Movistar
Team a 21; 6. Bmc Racing Team a 25.

La classifica a squadre a punti si basa


sui punti presi dalle squadre in pi
classifiche coi piazzamenti dei ciclisti.
Classifica: 1. ORICA-GREENEDGE 60;
2. Sky 57; 3. Lotto-Jumbo 56; 4.
Tinkoff-Saxo 38; 5. Astana 35; 6.
Lotto-Soudal 29; 7. Androni-Sidermech
24; 8. SouthEast 22; 9. Etixx-Quick
Step 18; 10. Team Giantt- Alpecin 18.

La classifica Energia Gdf Suez


premia il corridore che, lungo lintero
Giro dItalia, avr percorso pi
rapidamente gli ultimi 3 chilometri
di ogni tappa in linea. A ogni tappa
si assegnano punti ai tre corridori
pi veloci. Classifica: 1. Moreno
HOFLAND (Ola/Lotto Nl-Jumbo)
4 punti; 2. Viviani 2; 3. Nizzolo 1.

42

Basket R Serie A: chiusa la stagione regolare

L'ANALISI
di MASSIMO
ORIANI

LA LEZIONE DI METTA
VACANZE RIMANDATE

ra gi tutto previsto. Eppure


abbiamo dovuto aspettare lultimo
minuto per capire chi avrebbe
completato il quadro delle sette elette gi
al sicuro da domenica scorsa. Perch
Milano non poteva avere il sacro fuoco
che la spingeva a dare lanima in casa
contro Pistoia, dopotutto lunico motivo
per vincere era preservare limbattibilit
casalinga che ormai dura da 33 gare. E
vittoria stata, con seconda perfect
season consecutiva al Forum, ma non
senza patemi, perlomeno per i tifosi
canturini, che per una volta avranno
tifato Olimpia loro malgrado.
Scommettere infatti a occhi chiusi su un
successo esterno della loro squadra, che
si presentava a Roma con tre soli colpi in
tutta la stagione, in casa delle ultime due
(Pesaro e Caserta) e ad Avellino, non era
infatti molto saggio. La variante per,
tuttaltro che impazzita nonostante ci
fosse gente che sin dal primo giorno
cercava di far circolare voci che
raccontavano di un personaggio
ingestibile, quella che ha spostato lago
della bilancia, stata Metta World Peace.
Il Professionista, con la P maiuscola. Ha
vinto un titolo Nba e magari avr pure
voglia di andarsene a Bora Bora piuttosto
che a Honolulu o a casa con la sua
famiglia invece di salire su un pullman tra
otto giorni con destinazione Taliercio.
Sbagliato. Ha voglia di giocare a
pallacanestro, di lottare per qualcosa, di
vincere. Lo ha dimostrato in campo, cosa
che tanti americani, di oggi e di ieri, non
hanno a volte fatto. Arrivasse al Pianella
per ogni allenamento insieme ai
compagni invece che unora prima per
fare stretching, Sacripanti o Della Fiori
non gli andrebbero certo a dire nulla. Gli
bastano quattro compagni, un pallone e
due canestri, che siano allo Staples Center
o in quel vecchio scatolone impolverato di
Cucciago, non gliene pu fregar di meno.
E stata anche la giornata di Pesaro. Ci
scappa sempre di chiamarla Scavolini,
perch in fondo difficile non
identificarla con chi lha fatta sua per cos
tanto tempo. Soprattutto quando senti
Arione Costa dire che una salvezza che
vale due scudetti, lui che li ha vinti
proprio con la Scavo. A Caserta e a Enzino
Esposito resta solo una standing ovation.
Ha vinto il migliore, lo ha detto lui. E ci
associamo. Sperando solo lanno
prossimo di non vedere pi punteggi
dispari in classifica.

RISULTATI
CONSULTINVEST PESARO
PASTA REGGIA CASERTA

80
70

OPENJOBMETIS VARESE
SIDIGAS AVELLINO

66
73

EA7 MILANO
GIORGIO TESI PISTOIA

78
77

DOLOMITI ENERGIA TRENTO


GRANAROLO BOLOGNA

96
81

VANOLI CREMONA
BANCO DI SARDEGNA SASSARI
GRISSIN BON REGGIO EMILIA
ENEL BRINDISI
ACEA ROMA

87
99
67
63
75

ACQUA VITASNELLA CANTU'

78

UMANA VENEZIA
UPEA CAPO D'ORLANDO

90
67

CLASSIFICA
SQUADRA
PT G V P
F
S
EA7 MILANO
52 30 26 4 2584 2202
UMANA VENEZIA
44 30 22 8 2400 2221
GRISSIN BON REGGIO EMILIA
42 30 21 9 2317 2219
DOLOMITI ENERGIA TRENTO
38 30 19 11 2440 2402
BANCO DI SARDEGNA SASSARI 38 30 19 11 2549 2435
ENEL BRINDISI
32 30 16 14 2280 2231
ACQUA VITASNELLA CANTU'
30 30 15 15 2389 2354
GRANAROLO BOLOGNA (-2)
28 30 15 15 2331 2416
GIORGIO TESI GROUP PISTOIA
26 30 13 17 2307 2332
ACEA ROMA
24 30 12 18 2143 2210
OPENJOBMETIS VARESE
24 30 12 18 2418 2475
SIDIGAS AVELLINO
24 30 12 18 2283 2341
VANOLI CREMONA
24 30 12 18 2308 2348
UPEA CAPO D'ORLANDO
20 30 10 20 2094 2222
CONSULTINVEST PESARO
16 30 8 22 2169 2463
PASTA REGGIA CASERTA (-1)
15 30 8 22 2253 2394
PLAYOFF RETROCESSIONE

PROSSIMO TURNO
LUNED 18 MAGGIO
MILANO-BOLOGNA
VENEZIA-CANTU'

Pesaro come un anno fa


Salva allultimo respiro
1Uno strepitoso Ross condanna Caserta alla retrocessione
Paolini: Ho ragazzi con gli attributi e un atteggiamento strepitoso
PESARO

80

CASERTA

70

(27-30, 46-43; 67-56)


CONSULTINVEST PESARO:
Wright 10 (2/7, 2/3), Musso 6
(2/3, 0/1), Ross 28 (3/8, 4/7),
Lorant 12 (2/6, 1/3), Judge 14
(6/11); Myles 4 (1/1, 0/2), Basile
(0/1, 0/1), Raspino (0/2, 0/1), Crow
6 (2/3 da 3). N.e.: Tort. All.: Paolini.
PASTA REGGIA CASERTA: Moore
19 (3/9, 4/11), Mordente 4 (0/1,
0/1), Vitali 5 (1/2, 0/1), Ivanov 17
(6/7, 0/2), Scott 10 (1/4, 2/6);
Domercant 4 (1/10, 0/5), Antonutti
5 (1/2, 1/4), Tommasini 3 (0/2, 1/2),
Michelori 3 (1/1). N.e.: Tessitori,
Fabris, De Franciscis. All.: Esposito.
ARBITRI: Lamonica, Di Francesco,
Attard.
NOTE - T.l.: Pes 21/27, Cas 18/22.
Rimb.: Pes 42 (Ross 12), Cas 37
(Ivanov 9). Ass.: Pes 9 (Musso 3),
Cas 9 (Moore, Ivanov 3). Progr.: 5
13-19, 15 34-34, 25 57-49, 35 74-61.
Usc. 5f.: Lorant 3738 (78-67). F.
tecn.: Ivanov 2413 (54-49). Spett.:
6603.

Luca Chiabotti
INVIATO A PESARO

esaro salva ed bello


pensare che sia il tributo
al lavoro e alla seriet di
Ario Costa e di tutti quelli che
stanno costruendo un futuro
per la Vuelle nei difficili anni
post Scavolini e non solo il frut
to di una partita strepitosa di
LaQuinton Ross, giocatore dal
talento Nba, il boss di Ame
deo Della Valle a Ohio State: 24
punti nella ripresa, 13 nel terzo
quarto, 12 rimbalzi, che prima
porta lontano la Consultinvest
con le triple, poi difende il van
taggio andando a giocare spalle
a canestro contro avversari fisi
camente inferiori.
SOFFRIRE Grazie a lui Pesaro
non arriva a giocarsi la salvezza
allultimo tiro, come 35 anni fa,
nello spareggio di Milano con
Mestre. Si narra che Valter Sca
volini disse al presidente di allo
ra che non si poteva pi soffrire
cos: due anni dopo Pesaro sfi
dava Milano in finale scudetto.
Altri tempi anche se il presiden
te del Consorzio, Luciano Ama
dori conferma un futuro miglio
re: Se fosse andata male non
sarebbe cambiato nulla, avrem
mo cercato di tornare subito in
serie A: ora lobbiettivo di arri
vare allultima giornata con un
po pi di relax. Caserta scende

PAOLINI Riccardo Paolini, non


ha mai fatto il fenomeno e non
ci prova neppure adesso: Ero
molto teso dice , fin dalla
mattina non capivo pi niente,
ringrazio lo staff che mi ha cal
mato, poi, dalla palla a due, tut
to si sciolto. Il merito tutto
dei giocatori, lallenatore non
conta perch questa partita
labbiamo preparata come tutte
le altre, ma stata giocata con
pi sentimento: se la squadra
difende cos e ha le percentuali
del secondo tempo significa al
lenare persone con gli attributi
che hanno avuto un atteggia
mento strepitoso.
COSTA Ross (Ha tirato un po
indietro il sederino in difesa ri
spetto agli altri, ma in attacco
siamo riusciti a mandarlo anche
in post basso: tre mesi che ci
lavoriamo dice Paolini) ma
non solo lui: c la quasi doppia
doppia di Judge e lapporto con
creto di Lorant e Wright. Ho
vinto due scudetti ma queste
due salvezze negli ultimi due
campionati allultima giornata
le valgono, da domani mattina
la partita della societ ricomin
cia dice Ario Costa. Pesaro ce
lha fatta unaltra volta.

Wally Judge, di spalle, abbraccia Chris Wright, celebrando la salvezza di Pesaro CIAM

QUARTI: VIA LUNED 18 A MILANO E TRENTO


QUARTI

SEMIFINALI

FINALE

SEMIFINALI

QUARTI

18, 20, 22, 24


e 26/5

Dal 29/5
al 10/6

Dal 14
al 26/6

Dal 29/5
al 10/6

19, 21, 23, 25


e 27/5

1. MILANO

2. VENEZIA

8. BOLOGNA

7. CANT

4. TRENTO

3. REGGIO EMILIA

5. SASSARI

6. BRINDISI
RCS

RIPRODUZIONE RISERVATA

I MIGLIORI DELLA STAGIONE


PUNTI

RIMBALZI

ASSIST

20.7

10.9

6.2

1. Tony Mitchell

1. O.D. Anosike

1. Andrea Cinciarini

2. Allan Ray

2. James Mays

TRENTO

17.2
3. LaQuinton Ross
17.1
4. David Logan
16.8
5. Jerome Dyson
16.2
BOLOGNA
PESARO

MARTED 19 MAGGIO
TRENTO-SASSARI
REGGIO EMILIA-BRINDISI

dopo una delle pi esaltanti ri


monte mai viste, chi grida allin
giustizia coach Paolini, che
vorrebbe abolire le retrocessio
ni: Chi ci ha guadagnato og
gi? si domanda. La Juve non
trova i punti di riferimento do
po un primo tempo notevole,
iniziato con 5/7 da tre, e anne
ga nellincubo di Henry Domer
cant, che perde cuore e speran
ze mentre il suo scout impazzi
sce fino all 1/15 al tiro, riceven
do pochissimo dal gruppo
italiano, con un parziale di 1/16
da tre. Pesaro invece ricuce lul
timo vantaggio considerevole
degli avversari (3440) con due
triple di Nicholas Crow, 2/25
oltre larco in stagione, che ope
ra il sorpasso: da quel momen
to, c solo la Consulvinvest, che
produce un parziale di 227 at
torno lintervallo. Quando ha
messo la freccia, ci siamo disu
niti, anche psicologicamente ol
tre aver patito fisicamente di
ce Enzo Esposito, grande in
questo debutto da head coach
in A . Ross stato fantastico,
spiace per i ragazzi che ci hanno
sempre creduto anche quando
tutti ci davano per spacciati, sia
mo crollati sotto la pressione
tutti, non solo Domercant che
ha perso fiducia.

SASSARI
SASSARI

AVELLINO

BRINDISI

3. Shane Lawal
SASSARI

4. Dario Hunt
C. DORLANDO

5. Achille Polonara
REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

9.4
9.2
8.5
8.4

2. Luca Vitali

5.7
5.2
4. Langston Hall
5.1
5. D. Johnson-Odom
4.3
CREMONA

3. Ron Moore
CASERTA
PISTOIA
CANT

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Super Metta prende per mano Cant


e la porta ai playoff sbancando Roma
Antonio Pitoni
ROMA

lla fine, i titoli di coda,


confermano il pronosti
co. Ma bisogna guardar
si tutto il film per capire che
per Cant tagliare il traguardo
playoff stato pi difficile del
previsto. Sembrava fatta,
avanti di 10 alla fine del 3
quarto contro una Virtus gi
fuori dai giochi per la postsea
son. Eppure capace di trovare
la voglia e lenergia di spingersi
per due volte fino al 1. Prelu
dio dellepilogo thriller per il
quintetto di Sacripanti che solo
nel finale riesce a risolvere il
caso e archiviare la partita.
Una bella prova di maturit,

perch lobiettivo dei playoff


passava proprio da questa par
tita e la pressione era tutta sul
le nostre spalle assicura Sacri
panti soddisfatto. Per noi era
la partita dellonore, labbiamo
vinta e possiamo uscire da que
sta stagione a testa alta, si
consola Dalmonte salutando
unannata per Roma senza
playoff dopo una finale e una
semifinale consecutive.
STUDIO Ultime considerazioni
dopo 40 nei quali lAcea co
struisce subito un piccolo mar
gine di 5 punti, grazie a un bre
ak di 60 a met del 1 quarto,
che costringe Cant ad inse
guire Roma fin dalle battute
iniziali. Poi una lunga fase di
studio che precede la diagnosi

Metta World Peace, 35 anni, 25 punti a Roma, suo top in Italia CIAM

e la cura per dare pi consi


stenza ad un attacco un po
spento. La ricetta giusta coach
Sacripanti la trova dalla pan
china. Con lingresso di World
Peace diventa unaltra partita.
PANDA Lamico dei panda
firma lultima tripla del primo
quarto, infila altri 15 punti nel
secondo periodo (con 5/5 da 3
e il 100% al tiro in 11, chiuder
a quota 25 con 9/10 dal cam
po) che valgono il break di
130 con cui Cant scappa fino
al +8 (2836) prima di andare
a riposo sul 3139. Vantaggio
che sale fino al +10 (4555) in
chiusura di terzo quarto, nono
stante la Virtus continui a lot
tare per restare in partita. Nel
lultimo periodo, sembra fatta,
ma 10 punti di Ejim (16 alla fi
ne), poi uscito per falli, fanno
tremare Cant. Che non perde
la testa e con Feldeine, capita
lizza nel finale dalla lunetta i
falli sistematici della Virtus ar
chiviando la partita.
RIPRODUZIONE RISERVATA

43

ROMA

75

CANT

78

(16-14, 31-39; 45-55)


ACEA ROMA: Stipcevic 12 (0/1,
4/9), Freeman 10 (4/6, 0/3), Ejim
16 (2/4, 4/10), Sandri 10 (2/2,
2/4), Morgan 6 (3/7); Curry 5 (1/4,
1/3), DErcole 3 (0/1, 1/2), Vukona 2
(1/2), Ebi 11 (4/8, 1/2). N.e.:
Kushchev, Reali, Tarquinio. All.:
Dalmonte.
ACQUA VITASNELLA CANTU:
S.Gentile 10 (2/2, 1/4), JohnsonOdom 4 (2/5, 0/1), Jones 11 (4/6,
1/1), Buva 7 (2/5, 1/2), Shermadini
4 (1/4); World Peace 25 (3/3, 6/7),
Abbas 2 (1/1, 0/1), Feldeine 11 (1/3,
1/4), Williams 4 (2/2). N.e.: Bloise,
Zugno, Maspero. All.: Sacripanti.
ARBITRI: Begnis, Baldini, Morelli.
NOTE - T.l.: Rom 2/2, Can 12/18.
Rimb.: Rom 30 (Ejim, Morgan e Ebi
6), Can 34 (Johnson-Odom 7).
Ass.: Rom 20 (Curry 7), Can 14
(Johnson-Odom 5). Progr.: 5 9-4,
15 26-23, 25 35-44, 35 61-62. Tec.
Dalmonte 3136 (50-57). Usc. 5f.:
Ejim 3722 (64-69). Spett 2458.

LE ALTRE SFIDE

Milano fatica
ma il Forum
rimane imbattuto

Trento conferma
il quarto posto
Bologna ferita

Morse applaude
lo storico terzo
posto di Reggio

Sassari mette
il settimo sigillo
in casa Vanoli

Venezia blinda
il secondo posto
Arriva Aradori

Lex Banks firma


il successo irpino
in casa di Varese

MILANO

78

TRENTO

96

REGGIO E.

67

CREMONA

87

VENEZIA

90

VARESE

66

PISTOIA

77

BOLOGNA

81

BRINDISI

63

SASSARI

99

C.DORLANDO

67

AVELLINO

73

(24-21, 42-42; 58-61)

(27-14, 51-44; 76-62)

(12-16, 27-34; 45-48)

(25-20, 45-49; 63-77)

(19-20, 43-36; 71-55)

(20-20, 40-45; 59-66)

EA7 MILANO: Hackett 2 (0/3), Moss 8


(1/1, 1/2), Gentile 13 (4/10,1/2), Kleiza
19 (3/4, 4/10), Samuels 19 (7/9, 1/1);
Ragland 3 (1/2 da tre), Brooks 8 (2/3,
1/4), Cerella, Melli (0/2), Elegar 6 (3/3),
Tabu (0/1). N.e.: Gigli. All.: Banchi.
GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Hall
5 (0/5, 1/2), Williams 8 (1/4, 1/4),
Milbourne 7 (3/6, 0/1), Amoroso 18
(2/5, 4/6), Easley 6 (3/5); Cinciarini 15
(2/6, 3/6), Filloy 16 (2/4, 4/9), Magro 2
(1/1). N.e.: Brown, D. Moretti. All.: P.
Moretti.
ARBITRI: Sahin, Seghetti, Weidmann.
NOTE - T.l.: Mil 11/21, Pis 10/14. Rimb.: Mil
36 (Gentile 8), Pis 31 (Milbourne 7). Ass.:
Mil 21 (Hackett 6), Pis 16 (Hall 7). Usc. 5f.:
Easley 3703 (75-72), Melli 3951 (76-74),
Hall 3953 (77-77). Progr.: 5 10-15, 15 3730, 25 46-53, 35 71-65. Spett.: 8940.

DOLOMITI ENERGIA TRENTO:


Forray 10 (3/5, 1/3), Sanders 6
(1/3, 1/3), Mitchell 22 (5/13, 3/10),
Owens 19 (9/12), Armwood 12
(6/8, 0/2); Pascolo 14 (7/9),
Spanghero 2 (0/6 da 3), Flaccadori
9 (1/2, 2/2), Bellan 2 (1/1). N.e.:
Grant, Baldi Rossi. All.: Buscaglia.
GRANAROLO BOLOGNA: Gaddy
6 (2/3), Hazell 18 (4/7, 2/11), Ray
22 (8/10, 2/6), White 6 (1/3),
Mazzola 16 (7/8, 0/1); Reddic 2
(1/1), Cuccarolo, Imbr 2 (1/3, 0/4),
Fontecchio 4 (1/3, 0/1), Oxilia 5
(2/2, 0/1), Benetti, Vercellino. All.:
Valli.
ARBITRI: Mazzoni, Bartoli, Attard.
NOTE - T.l.: Tre 9/12, Bol 15/17.
Rimb.: Tre 41 (Mitchell 9), Bol 35
(White 7). Ass.: Tre 27 (Mitchell 8),
Bol 14 (Ray 4). Usc. 5f.: Fontecchio
38 (94-75). Progr.: 5 14-7, 15 3629, 25 62-55, 35 85-69. Spett.
3180.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA:


Cinciarini 10 (2/5, 1/3), Diener 12
(1/5, 2/6), Kaukenas 11 (3/4, 1/3),
Polonara 11 (2/3, 2/5), Cervi 4
(2/2); Mussini 5 (1/2, 1/1), Della
Valle 4 (1/4, 0/4), Chikoko 10 (4/6)
Pini (0/1) N.e.: Pechacek, Rovatti.
All.: Menetti
ENEL BRINDISI: Pullen 17 (1/5,
4/7), Cournooh 8 (1/3, 2/3),
Turner 5 (2/5, 0/3), James 6
(2/4, 0/4), Mays 7 (3/7, 0/1);
Zerini (0/1, 0/2), Harper (0/2, 0/2),
Bulleri 2 (1/2) Eric 18 (5/9) N.e.:
Pacifico, Cal, Morciano. All.:
Bucchi.
ARBITRI: Chiari, Biggi, Caiazza.
NOTE T.l.: Re 14/23, Bri 15/22.
Rim.: Re 38 (Chikoko 10), Bri 37
(Mays 9). Ass.: Re 14 (Cinciarini 5),
Bri 10 (Pullen 3). Progr.: 5 8-9, 15
18-27, 25 36-41, 35 59-51. F.
antisp.: Eric 17 33 (21-27) Usc. 5f.:
Cournooh 3833 (65-60). Spett.
3500.

VANOLI CREMONA: Vitali 15


(4/4, 1/2), Mian 12 (4/7, 1/3), Bell
15 (4/6, 2/5), Clark 10 (4/14, 0/2),
Daniel 10 (4/9); Gazzotti 2 (1/1,
0/2), Campani 11 (3/5), Ferguson 2
(1/2, 0/4), Mei 10 (1/3, 2/2). N.e.:
Hayes. All.: Pancotto.
BANCO DI SARDEGNA
SASSARI: Logan 23 (5/8, 3/6),
Sosa 10 (1/6, 2/6), Sanders 6
(1/5, 1/5), Brooks 21 (5/9, 3/3),
Lawal 18 (6/9); Formenti 2 (1/1),
Devecchi 7 (2/2, 1/2), Chessa,
B.Sacchetti 2 (0/2), Mbodj 2 (1/2),
Kadji 8 (3/7, 0/1). N.e.: Vanuzzo. All.:
R. Sacchetti.
ARBITRI: Mattioli, Sardella, Lo
Guzzo.
NOTE T.l.: Cre 17/21, Sas 19/22.
Rimb.: Cre 44 (Clark 9), Sas 47
(Lawal 13). Ass.: Cre 14 (Vitali 6),
Sas 13 (Sosa 8). Progr.: 5 15-8, 15
35-30, 25 55-65, 35 71-87. F. tecn.:
Logan 3317 (67-80). F. Ant.:
Chessa 2922 (59-77). Usc. 5f.:
Ferguson 2912 (59-75). Spett.
3000.

UMANA VENEZIA: Stone 6


(3/4, 0/1), Goss 17 (2/5, 4/4),
Viggiano 16 (8/10, 0/5), Peric 13
(5/8, 1/4), Ortner 3 (1/2);
Jackson 7 (2/5, 1/2), Visconti (0/1
da 3), Ruzzier (0/1, 0/1), Ress 4
(2/2, 0/3), Nelson 14 (2/2, 3/4),
Ceron, Dulkys 10 (1/4, 2/4). All.:
Recalcati.
UPEA CAPO DORLANDO: Pecile
3 (0/1, 1/2), Henry 16 (4/9, 2/4),
Campbell 9 (2/4, 1/2), Nicevic 10
(5/8), Hunt 14 (6/13); Basile (0/1,
0/2), Soragna 4 (1/1), Karavdic,
McGee 5 (1/4, 1/4), Sulejmanovic 5
(2/4, 0/1), Bianconi 1. All.: Griccioli.
ARBITRI: Martolini, Rossi e
Calbucci.
NOTE - T.l.: Ven 5/10, Cdo 10/17.
Rimb.: Ven 38 (Stone 9), Cdo 37
(Hunt 14). Ass.: Ven 24 (Stone 5),
Cdo 17 (Campbell 6). Progr.: 5 812, 15 35-32, 25 54-51, 35 79-57.
Spett. 3311.

OPENJOBSMETIS VARESE:
Maynor 13 (2/7, 3/9), Rautins 9
(3/3, 1/5), Eyenga 15 (7/11, 0/1),
Kangur 4 (0/1, 1/3), Jefferson 17
(8/14); Diawara 4 (0/4, 1/4), Okoye
4 (2/3), Balanzoni, Lepri. N.e.:
Callahan, Vescovi, Pietrini. All.:
Caja.
SIDIGAS AVELLINO: Green 7
(2/7 da 3), Gaines 14 (1/4, 4/11),
Hanga 6 (1/4, 1/6), Trasolini 11
(5/9), Anosike 12 (5/8); Banks 20
(8/12, 0/2), Harper 3 (0/1, 1/2),
Cavaliero (0/1 da 3), Lechthaler.
N.e.: Cortese, Morgillo, Severini.
All.: Frates.
ARBITRI: Paternic, Sabetta,
Ranaudo.
NOTE - T.l.: Var 4/14, Ave 9/13.
Rimb.: Var 37 (Jefferson 11), Ave
44 (Anosike 16). Ass.: Var 17
(Maynor 6), Ave 13 (Hanga 4).
Usc. 5f.: Rautins 3302 (61-66).
Spett. 3931 per 58.702 euro.

MESTRE (Ve ) - Secondo posto e


pass per lEuropa (Eurolega in
caso di finale, male che vada
Eurocup): la Reyer chiude alle
spalle di Milano la sua trionfale
regular season piegando alla
distanza Capo dOrlando e oggi
potrebbe annunciare lingaggio di
Pietro Aradori (che ieri ha
giocato la sua ultima partita in
Spagna, con lEstudiantes Madrid
che si salvato con due giornate
danticipo) per i playoff. Scudetti
anteguerra a parte, la Reyer non
ha mai chiuso cos in alto in
classifica nella sua storia. Capo
dOrlando, che aveva gi
festeggiato la salvezza con
discreto anticipo, ha retto per 25
minuti (54-51), reagendo alla
prima spallata (43-34) della
truppa di Recalcati (526 vittorie in
serie A, staccato il Parn Tonino
Zorzi), poi stato un assolo
granata (79-57) con Benjamin
Ortner ritrovato e uno Spencer
Nelson in versione playoff.
Michele Contessa

VARESE Bastano Banks sul


perimetro (8/12 da 2 per un ex
applauditissimo) e Anosike dentro
larea (12 punti e 16 rimbalzi) per
consentire ad Avellino un
successo esterno che d
soddisfazione a Frates: I ragazzi
hanno dimostrato di essere un
gruppo vero. Limpegno e la
determinazione mostrati in un
partita senza nulla in palio mi
rende orgoglioso di averli
allenati. Cos, dopo un avvio in
cui Eyenga aveva consentito a
Varese di mettere la testa avanti,
la Sidigas ha preso il sopravvento
con pi allunghi, fino a quello
decisivo del terzo quarto (59-66
al 30). Avevamo finito la benzina
ammette Caja . Resta la bella
esperienza che ho potuto vivere:
tutti, giocatori e societ, hanno
dato il meglio e cos rapidamente
abbiamo risalito la china,
conquistandoci dapprima la
tranquillit e poi la soddisfazione
di qualche bel successo.
Antonio Franzi

MILANO - Un tiro libero di Gentile a 7


dalla fine, accompagnato da
uninfrazione di passi di Milbourne sulla
possibile tripla della vittoria di Pistoia,
consegna a Milano la 2a perfect season
casalinga di fila (zero sconfitte in
stagione regolare e la striscia sale a 33
gare), mentre i toscani si congedano dal
campionato nel modo pi onorevole,
mettendo alle corde la prima della
classe. Non riesce alla Tesi Group il
colpaccio negli ultimi 14, i pi lunghi e
inutili della storia, in una girandola di
liberi segnata da orribili a spadellate,
mentre gi serpeggia la notizia del
sacco canturino nellUrbe, che di fatto
estromette i toscani dai playoff.
Abbiamo concluso la stagione con
grande orgoglio e la consapevolezza di
aver comunque fatto anche questanno
qualcosa di importante conclude
Moretti. Il massiccio turnover di Banchi
e le 12 triple in 25 minuti spingono
Pistoia a +10 (46-56), poi Gentile
innesca un Kleiza fin l opaco
(eufemismo), che imbuca 16 punti quasi
filati prima del palpitante finale.
Approccio blando dice Banchi , ma
sono contento per il record di vittorie:
affrontare la post season con questi
numeri ci riempie di orgoglio.
Vincenzo Di Schiavi

TRENTO - Una stagione da


incorniciare: Trento piega Bologna
dopo 40 altalenanti, ma con il
solito super Mitchell e la
rivelazione Armwood. Solo negli
ultimi minuti lAquila decide il
match, accaparrandosi il
vantaggio campo ai playoff con
Sassari. Bologna dopo lintervallo
perde due americani titolari:
Gaddy si scontra con Reddic e
devono intervenire i sanitari (taglio
sullo zigomo per il primo,
accertamenti e tutore al collo per
il secondo). Dir coach Valli alla
fine: Avevamo speso molte
energie mentali la scorsa
settimana, mi aspettavo un
rebound psicologico. Perdere due
giocatori ha reso tutto pi difficile.
Ora ci prepariamo per Milano. Il
miglior coach dellanno, Maurizio
Buscaglia, commenta: Pi che il
match sottolineo lintera stagione.
il sentimento pi grande che
abbiamo. Ringrazio tutti per
questo cammino.
Chiara Turrini

REGGIO EMILIA - Lantipasto della


sfida playoff con Brindisi va alla
squadra che ha giocato con un
briciolo di convinzione in pi.
Reggio chiude cos la stagione con
un bilancio casalingo di 14-1 e con
uno storico terzo posto. Ottima la
prova di Vitalis Chikoko (10 punti e
10 rimbalzi). Partita non facile a
livello di motivazioni commenta
Menetti ma siamo stati bravi,
immensa soddisfazione per un
terzo posto storico: ora sotto con i
playoff dove cambieranno
totalmente le cose. Onesta anche
lanalisi di Piero Bucchi: Era una
partita che francamente non
contava nulla, ora speriamo di
recuperare Denmon e poi saremo
concentrati per inseguire il nostro
sogno: passare il turno. Grande
emozione nellintervallo con il
mitico Bob Morse a centrocampo
per ricevere dallex compagno
Orazio Rustichelli la maglia
numero 10 in suo onore.
Francesco Pioppi

CREMONA Sassari (senza Dyson


infortunato) passa a Cremona,
vince la 7a in trasferta, ma non
riesce a superare Trento e
garantirsi il quarto col fattore
campo. Dopo 10 sotto ritmo, il
Banco con Logan mette sotto
Cremona nei due quarti centrali,
chiusi 57-38. Inizio sonnacchioso,
poi 3 tempi discreti dice Meo
Sacchetti Nei playoff non
possiamo permetterci un
atteggiamento di sufficienza. Se
focalizziamo la testa sulla miglior
immagine di noi stessi, casa o fuori
cambia il giusto. Cremona, con
Hayes ai box, ci prova fino in fondo
col collettivo (7 in doppia cifra).
Sprofondati a -19, i lombardi
riemergono (67-77), prima dell1-2
decisivo di Lawal. Pancotto non
trattiene lemozione: Mi sforzo per
non farmi venire le lacrime.
Ringrazio tutti i protagonisti di
questa fantastica stagione.
Alessandro Rossi

NBA, SEMIFINALE EST: WASHINGTON-ATLANTA SUL 2-1

% DA DUE

% DA TRE

66.8

46

1. Samardo Samuels

1. Allan Ray

MILANO

2. Shane Lawal
SASSARI

3. O.D. Anosike
AVELLINO

4. Eric Williams
CANT

5. Dejan Ivanon
CASERTA

Pierce si fa beffe di Schroder


E giovane, non mi conosce

66.7
62.1
61.9
59.8

BOLOGNA

2. Joe Ragland
MILANO

3. Craig Callahan
VARESE

4. David Logan
SASSARI

5. M. Antonutti
CASERTA

45.1
43.1
41.2
40.7

Triplicato, sulla sirena,


cadendo allindietro. Tabella
e 2-1 nella serie per gli
sfavoriti Wizards (ma giusto
per lassenza di John Wall,
ormai probabile per il resto
dei playoff) sulla n.1 a Est,
Atlanta. Paul Pierce un
vecchio marpione, ne ha
viste (e vinte) tante. Cos
quando il 21enne Schroder,
play tedesco degli Hawks, ha
definito fortunato il suo
canestro allo scadere, The
Truth ha replicato a suo

modo: Sono nella lega da 17


anni, lui giovane, non ha avuto
modo di vedere miei canestri
del genere. Si vede che mi ha
usato alla Playstation e l lho
sbagliato. A 37 anni lmvp delle
finali 2008 con i Celtics sta
gustandosi questi playoff come
non mai: Non me ne restano
molti. Se ho dichiarato
tabellone sullultimo tiro? Ho
detto partita. E infatti abbiamo
vinto. Unico. Anche la n.1 a
Ovest in crisi, ora sotto 2-1
contro Memphis.

Est, gara-3: Washington-Atlanta


103-101 (serie 2-1, stanotte gara4); Cleveland-Chicago 1-2 (ieri
gara-4). Ovest, gara-3:
Memphis-Golden State 99-89
(serie 2-1, stanotte gara-4); LA
Clippers-Houston 2-1 (ieri gara4).
PLAYOFF A-2 Gara-4: TriesteBrescia 79-73 (Holloway 18,
Carra 16, Candussi 11, Tonut 10;
Brownlee 15, Cittadini 14,
Nelson 13; serie 2-2, gara-5
mercoled a Brescia). Semifinali:
Casale Monferrato-Agrigento
(sabato gara-1); Torino contro
vincente Brescia-Trieste (gara-1
domenica a Torino o Brescia).

44

Pallavolo R Finale uomini, gara-3

TRENTO

MODENA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Gara-4 si gioca
mercoled in Emilia
Palapanini esaurito

(25-23, 25-23, 25-22)


ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO:
Lanza 8, Sol 9, Djuric 15,
Kaziyski 12, Birarelli 8, Giannelli
4; Colaci (L), Mazzone. N.e. Nelli,
Zygadlo, Nemec, Thei (L),
Burgsthaler. All. Stoytchev.
PARMAREGGIO MODENA:
Ngapeth 11, Piano 8, Vettori 16,
Petric 5, Verhees 2, Bruno 3;
Rossini (L), Boninfante, Kovacevic
5, Sala, Casadei. N.e. Donadio. All.
Lorenzetti.
ARBITRI: Cesare e Sobrero.
NOTE: spettatori 4360, incasso
54.493. Durata set: 30, 30, 30;
totale 90. Energy T.I. Diatec:
battute sbagliate 10, vincenti 8,
muri 12, 2a linea 11, errori 18;
Parmareggio: battute sbagliate 15,
vincenti 9, muri 7, 2a linea 10, errori
19. Giallo a Modena nel terzo set.

I trentini Mitar Djuric, 26 anni ed Emanuele Birarelli, 34, fermano a muro Earvin Ngapeth, 24, il pericolo numero uno modenese TARANTINI

Trento, in vantaggio 2-1 nella


serie al meglio delle cinque
partite, avr adesso a
disposizione due match ball: il
primo mercoled sera a
Modena, in un PalaPanini gi
esaurito, laltro, eventualmente,
domenica in casa.
Gara 1 (domenica 3/5):
Trento-Modena 3-2 (23-25, 17-25,
29-27, 28-26, 15-12).
Gara 2 (mercoled 6/5):
Modena-Trento 3-1 (19-25, 25-23,
25-21, 26-24).
Gara 3 (ieri): Trento-Modena
3-0.
Gara 4: mercoled 13/5, ore
20.30, a Modena.
Gara 5 (eventuale): domenica
17/5, ore 18.15 a Trento.

Trento, una vittoria italiana

1Modena affondata, decidono la mossa a sorpresa di Stoytchev, che lancia

IL MIGLIORE

in sestetto il 18enne Giannelli, e la battuta di Lanza. Ora i trentini guidano 2-1


Gian Luca Pasini
INVIATO A TRENTO

a prossima volta che qual


cuno vi dir che in Italia
non ci sono giocatori gio
vani di alto livello, non discute
te neppure e mostrategli diret
tamente la registrazione di ga
ra3 della finale scudetto fra
Trento e Modena. Basterebbe
far vedere la prova di Simone
Giannelli, 19 anni ancora da
compiere, che Rado Stoytchev
ha mandato in campo dal pri
mo istante di questo (insolito)
mezzogiorno di volley che ha
portato Trento a conquistare
un doppio match ball per inca
merare lo scudetto (leventua
le 4) nella stagione del rinno
vamento. Erano decenni che
non si vedeva titolare in una
partita di questo livello un ra
gazzo tanto giovane. Da quan
do dirigenti, presidenti e a ruo
ta allenatori italiani hanno ini
ziato a far debuttare i giovani
italiani a 2425 anni. Forse ci
voleva proprio un tecnico bul
garo (al quale, comunque vada
a finire, vanno fatti i compli

S, HO BATTUTO...
NELLE PRIME DUE
NE AVR MESSE
DENTRO 3 SU 25

LA CHIAVE?
TRENTO HA
GIOCATO MEGLIO DI
NOI IN BATTUTA

PIPPO LANZA
SCHIACCIATORE TRENTO

BRUNO
PALLEGGIATORE MODENA

menti per questa annata: ha


vinto con i campioni e sta fa
cendo benissimo anche coi gio
vani) che avesse fegato.
Glielho detto solo la mattina,
poche ore prima della partita
ha spiegato Stoytchev . E un
ragazzo che ha coraggio e lo fa
vedere. Gli ho solo parlato del
movimento del polso, poi an
dato da solo.

(a proposito degli italiani di cui


sopra) che con una serie di ser
vizi ha rimesso in corsa Trento
nel primo set (quando era sotto
1619) e quindi dagli eterni Ka
ziyski, Birarelli e Colaci. Trento
si rialzata, ha ripreso a mar
ciare gioco, andando a conqui
stare un punto fondamentale
davanti alla propria gente, con
lennesima vittoria in un Pala
Trento mai cos pieno. Infilan
do cos la 18a vittoria casalinga,
in 18 incontri questanno. Una

CHE CROLLO Con la squadra


ora aiutata da Djuric, da Lanza

sola sconfitta in tutta la stagio


ne, nella finale di andata della
Coppa Cev, contro la Dinamo
Mosca. Per il resto solo e sol
tanto vittorie: alcune pi sof
ferte, altre pi nette e con po
che recriminazioni come que
sta. Direi che ci siamo salvati
ha stupito ancora tutti Rado
Stoytchev . Ci siamo assicura
ti, eventualmente, il diritto di
giocare unaltra partita in casa,
domenica prossima. Non sa
rebbe male andare a vincere in
casa loro. Noi adesso abbiamo
il braccio sciolto, possiamo
strafare, abbiamo dimostrato
di potercelo permettere ag
giunge Pippo Lanza . In que
sta gara loro sono partiti ad
dormentati e noi ne abbiamo
approfittato.
STRANO BRUNO Modena ca
duta a poco a poco, pur al ter
mine di tre set combattuti. Ci
sono mancati quei particolari
che poi fanno la differenza in
gare cos spiega Matteo Pia
no, altro italiano in evidenza,
con 5 muri stato il re in que
sto fondamentale, pur nella
sconfitta . Ma non gliela vo

gliamo lasciare la soddisfazio


ne di vincere davanti alla no
stra gente. Il tema tecnico
ruota attorno al migliore gio
catore di Modena, Bruno, che
in queste finali non riesce ad
essere fluido come in altre oc
casioni. Un dato? In tre set il re
gista brasiliano ha dato appena
8 palloni ai suoi centrali. Inte
stardendosi con il gioco spesso
scontato, tanto da finire bloc
cato dalla banda dei muratori
di Trento (12 volte a segno). E
un po come se allimprovviso
Walt Disney scrivesse con la
fantasia di un contabile. Dove
andranno a finire gli attacchi
di Modena, Birarelli e compa
gni lo sanno sempre in antici
po. E in questo mezzogiorno di
volley non bastato un volitivo
Vettori (per chiudere il discor
so italiani: 16 punti e altre serie
importanti al servizio) per sal
vare il canarino modenese dal
la padella. Come recitava lo
striscione preparato dai tifosi
di casa. Modena ha definitiva
mente le spalle al muro. Se
vuole lo scudetto, deve reagi
re: adesso o mai pi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

fIL REGISTA BOLZANINO

Giannelli come Giani,


Bernardi e Vullo
Agitato? Amo giocare
Kaziyski: Un fenomeno. I commenti di team manager e... preside

l giocatore votato come il migliore della gara


forse pi importante della stagione, stamatti
na va a scuola. Magari, siccome ieri ha finito
prima del previsto e dunque forse ha pure trovato
il tempo di studiare, proprio ora si sta facendo
interrogare in matematica. E Simone Giannelli.
Ormai si rischia di diventare ripetitivi, ma se Ma
tey Kaziyski riconosce che a inizio stagione non
pensava di poter arrivare in finale e se lelemento
nuovo rispetto alla formazione designata di Tren
to lui, il palleggiatore bolzanino, allora forse il
caso di fare due pi due. Anche perch, a diffe

renza di gara1, ieri Simone ha cominciato dal


linizio. Promosso titolare, a diciotto anni, in una
finale scudetto. Gli unici altri teenager che si ri
cordino in una serie tricolore sono Andrea Giani,
Lollo Bernardi e Fabio Vullo.
TRANQUILLO Oggi dovevo rischiare rivela Ra
do Stoytchev e quindi ho deciso di metterlo den
tro. Che avrebbe giocato non glielho detto fino
allultimo e quando lho fatto, lui lha presa con
calma, come al solito. Perch anche un ragazzo
coraggioso. Simone conferma: Ero contento,
ma sono rimasto tranquillo. Giocare a pallavolo
la cosa che mi piace di pi, non vedo perch do
vrei agitarmi se mi dicono che posso farlo. Ov
viamente laspetto pi importante del suo ingres

IL PEGGIORE

5
NEMANJA PETRIC
Solo il 25% in attacco, ombra
dello schiacciatore che in
gara-1 e in gara-2 aveva fatto
penare muro e difesa trentini

azione ti applaude, ci d una forza incredibile.

1Prima di lui, solo i tre sono stati protagonisti di una finale da teenager

INVIATO A TRENTO

SIMONE GIANNELLI
A neppure 19 anni conduce la
squadra col 48% in attacco e
punte del 71. Chiude con 4
punti: 3 muri e un ace

CHE DIVERTIMENTO:
STATA LA VITTORIA
DEL GRUPPO E DEL
NOSTRO PUBBLICO

LA SORPRESA

Mario Salvini

8,5

Simone Giannelli, 18 anni. uomo-rivelazione TARANTINI

so la velocit che sa imprimere al gioco. Oltre a


quello, qualche dettaglio, non secondario: palle
toccate a muro, le battute che hanno destabilizza
to Petric e poi la stampata su di lui a muro che ha
convinto Lorenzetti a sostituirlo. In tutto tre muri
e un ace. Diciamo che oggi mi sono divertito ha
sorriso stata la vittoria del gruppo e del nostro
pubblico. Giocare qui, con la gente che a ogni

STUDENTE Mentre Simone cerca di spiegare sen


sazioni e giocate, Kaziyski sentenzia: E un feno
meno. Di uno che fa quel che riesce a lui lo diresti
anche se avesse 25 o 30 anni. Lui ne ha 18. E quin
di questo solo linizio. Simone intanto dalla tri
buna riceve i complimenti anche di Esio Zaghet, il
suo preside al liceo scientifico sportivo Toniolo di
Bolzano. Che racconta: E un ragazzo serio, umi
le. Va bene in tutte le materie. Fin dalla prima ci
hanno detto: Questo destinato alla Nazionale.
Quindi seguito da una tutor, Alba Verzella, ma
lui molto responsabile. Questanno ha la matu
rit e non avr problemi, parte da un ottimo cre
dito. Arriva anche pap Paolo che abbraccia Si
mone e gli dice: Ti aspetto in parcheggio. C da
tornare a Bolzano, che lindomani si va a scuola. E
il team manager trentino Riccardo Michieletto
racconta: Il pap maestro di tennis, stato un
buon giocatore. E per merito suo se Simone cos
coordinato: gli ha messo in mano una racchetta
quando era piccolissimo. Trento e la pallavolo
ringraziano. Da quando con noi, nel 2010, ogni
anno ha sempre vinto almeno una finale scudet
to: Boy League, due volte lunder 16, lunder 17,
lanno scorso under 19 e Junior League. Que
stanno non ha giocato finali giovanili
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

RAPTOR EVO

lottosport.com

VIPER ULTRA

BARTONI SPORT
ROMA

LANGOLO DELLO SPORT


ROMA

HOBBY SPORT
GENOVA

MAURO SPORT
BERGAMO

TENNIS 3
MESTRE (VE)

TENNIS HOUSE
MODENA

NENCINI SPORT
CALENZANO (FI)

UNIVERSO SPORT
CAMPI BISENZIO (FI)

MATCH POINT
CAGLIARI

TECNICA SPORT
PALERMO

45

46

Tennis R Internazionali dItalia

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

QUALIFICAZIONI

Riccardo Crivelli
ROMA
@RiccardoCrivel2

Fabbiano
e Arnaboldi
in tabellone

a domenica degli italiani.


Dei ragazzi e degli uomini
fatti, dei sospiri che diven
tano sogni e della fatica di una
vita nascosta dietro le luci del
grande tennis. Una bella aria di
festa, con il Centrale, una tan
tum, apparecchiato non per i big
ma per chi spera e per chi morde
il pane duro: Donati, Gaio e Van
ni, uno dietro laltro, eroi per un
giorno prima della calata dei di
vi.
LA SORPRESA Anzi no. Perch
se il bolognese Federico Gaio,
numero 260 del mondo, si incar
ta dopo il 31 a favore nel primo
set contro il 27 Leonardo Mayer
e Lucone Vanni, leroe di San Pa
olo, fa i conti con le voglie di ri
salita dellhidalgo Almagro, uno
che ha vinto 12 tornei sulla ter
ra, lalessandrino Donati, wild
card, 275 al mondo, per la prima
partita di sempre nel circuito Atp
si regala un mezzogiorno di fuo
co e prolunga il piacere della
presenza. Cos, pronti via, dopo i
prevedibili balbettii del primo
set contro Giraldo, colombiano
di stanza in Florida, numero 49
ma gi 28 otto mesi fa,incanala
aggressivit e senso tattico per
una vittoria di straordinario pre
stigio, tanto sorprendente quan
to placidamente accolta: Io so
no fatto cos, cerco sempre di ri
manere calmo, di controllare le
emozioni senza farmi prendere
dallansia da prestazione.
CAMBIAMENTI Forse perch
nato il 28 febbraio (del 1995), lo
stesso giorno di Dino Zoff, an
che se il calcio non lha mai sfio
rato, se non da tifoso, blando,
del Milan: A tre anni volevo gi
giocare a tennis, seguendo
lesempio di mio fratello Marco
che stava iniziando, ma fino a
cinque non mi hanno dato la
racchetta in mano. Poi lui ha
smesso per studiare, ed io sono
andato avanti. Il suo primo cir
colo, gli Orti di Alessandria, og
gi addirittura non esiste pi e la
svolta arriva a 16 anni, quando
si affida a Massimo Pucci e si
trasferisce a Bra, nello stesso
club del kazako dItalia Golu
bev: Il coach mi ha cambiato
limpostazione del servizio
confessa anche se allinizio non
stato facile e mi sembrava sol
tanto di perdere del tempo. Be
nedetta quella scelta, perch
adesso Donati il classico gioca
tore ultramoderno, che fa male
in battuta e poi si apre il campo
con il dritto, anche se il rove
scio il mio colpo pi naturale.
Mi piace imporre il gioco, muo
vere la palla, mi piace Murray e
vorrei ispirarmi a lui nella ge
stione dei punti.

Thomas Fabbiano, 25 anni a


sinistra e Andrea Arnaboldi, 27

Marco Calabresi
ROMA

A
Matteo Donati nato il 28 febbraio del 1995. Origini alessandrine, si allena a Bra con Massimo Pucci da quando era 16enne FEDERTENNIS

Donati, buona la prima


Allesordio fa fuori Giraldo

1Gran servizio e, a 20 anni, vittoria da matricola Atp contro il n. 49:

Ho i colpi ma devo crescere anche fisicamente. Mi ispiro a Murray

DA OGGI TUTTO SUL TORNEO


DUE APPUNTAMENTI
IN DIRETTA DAI CAMPI
Da questanno, oltre a giornale
e gazzetta.it arriva anche la
televisione. Ogni giorno alle 11.30
e alla 20 si parler del torneo a
Qui Foro Italico, la
trasmissione di Gazzetta Tv che
va in onda sul canale 59 del
digitale terrestre. In studio oltre
alle firme della Gazzetta, i
giocatori, allenatori e personaggi
del mondo dello sport. Insieme
commenteranno i risultati anche
con lausilio delle immagini dei
match pi significativi. Roma
avr poi uno spazio in tutte le
edizioni del Tg Gazzetta news.

IL QUARTO INCOMODO Nella


nidiata dei ventenni dassalto
che dovrebbero garantire nuova
linfa al movimento azzurro,
Matteo si sempre mosso un
passo indietro, da quarto inco
modo, con tutte le attenzioni a
illuminare invece il percorso di
Quinzi, Baldi e Napolitano. Poi,
dimprovviso, taccorgi che fin
qui il meglio venuto da lui:
Forse perch io non ho pressio
ni e tutto quello che si dice al di
fuori non mi influenza. Al se
condo turno andr probabil
mente al massacro contro Tomas
Berdych, per con lapproccio
dello studente che si applica e
dunque dar soddisfazioni: Sa
r comunque unesperienza me
ravigliosa, che mi former e mi
far capire quanto sono ancora
lontano da quel livello. Come
colpi, sto dimostrando di poter
stare nel circuito, ma devo cre
scere molto fisicamente. Oggi il
tennista un atleta vero, e io sto

lavorando per reggere il con


fronto. E devo molto alla Federa
zione, i miei sono impiegati, mi
hanno sempre supportato, ma
non avevano montagne di soldi
da investire su di me.
TESTA A POSTO Soprannomi
nato Donats dagli amici, dopo
il successo di ieri gli per arri
vato un tweet con un grazie pa
ciugo che ha fatto balenare in
nocenti tresche amorose: Sin
ceramente, non ho idea di chi
labbia mandato. Lo so, si dice
che i rischi pi grandi, per un
giovane tennista, siano la prima
macchina e la prima fidanzata.
Secondo me per non sono cose
importanti. Certo, poi arrivano
tutte, ma hanno i loro tempi.
Dopo una frase cos, il corollario
una conseguenza: Credo che
nel tennis una buona testa aiuti
pi di tutto il resto. Ottima par
tenza, ragazzo.

20

Anni e 2 mesi, let di Matteo


Donati, che ieri ha vinto il primo
match in un tabellone principale
Atp. Domani affronter al 2
turno Tomas Berdych.

Gli italiani in gara oggi in


singolare (5 donne e 4 uomini);
derby sul Pietrangeli tra
Francesca Schiavone (17esima
volta a Roma) e Karin Knapp.

Thomas Fabbiano
hanno dato lAlt, ma
lui non si mica fer
mato. Alt, nel gergo Atp, sta
per Alternates, sostituti: il
25enne nato a Grottaglie ma
cresciuto a San Giorgio Joni
co e il baby fenomeno russo
Rublev erano i primi due
fuori dal tabellone dalle qua
lificazioni, invece si sono in
contrati nella partita decisi
va per laccesso al main
draw. E Thomas ha vinto,
guadagnandosi un primo
turno di prestigio, oggi non
prima delle 19 contro il fran
cese Gasquet. Venerd sera
Fabbiano era a Roma, dove
ha casa, tranquillo e beato,
fino allarrivo della mail Atp:
sabato, invece, era in campo,
ha battuto il brasiliano Joao
Souza e ieri si ripetuto con
tro Rublev. Laria del Foro
(quello vero, del tabellone
principale), Fabbiano non la
respira da quando era ragaz
zino: nel 2008, Thomas ave
va 19 anni, vinse il primo set
contro Mahut ma si arrese
75 al terzo. Da quel giorno,
solo sconfitte nelle qualifica
zioni.
PRIMA VOLTA Fabbiano
n206 del ranking: tre posi
zioni pi in alto c Andrea
Arnaboldi, di due anni pi
grande. Nel 2008, a giocarsi
le qualificazioni cera anche
lui: perse da Pashanski, poi
al Foro non si pi visto. Il
mancino di Cant, una vita
tra Challenger e Futures (un
solo match negli Slam, il der
by perso lo scorso anno al
Roland Garros contro Bolel
li), ha giocato pi partite a
Roma in questo weekend che
in tutta la sua carriera. Ce ne
sar una terza, domani, gra
zie al successo nella sfida
tutta azzurra contro Napoli
tano contro il belga Goffin:
non impossibile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ieri in visita dal premier Renzi


Oggi Fognini e Bolelli in campo

Simone Bolelli e Fabio Fognini in visita dal premier Matteo Renzi. Con loro (da
sin.) Nicola Pietrangeli, Angelo Binaghi, pres. Fit, Giovanni Malag, pres, Coni
IERI 1 turno qualificazioni.
Uomini Ilhan (Tur) b. MAGER 6-4
7-5; ARNABOLDI b.
NAPOLITANO 6-3 6-4;
FABBIANO b. Rublev (Rus) 7-6
(3) 6-3. 1 turno. Uomini: DONATI
b. Giraldo (Col) 2-6 6-1 6-4;
Mayer (Arg) b. GAIO 6-3 6-4;
Almagro (Spa) b. VANNI 6-4 6-3.
OGGI Centrale, ore 12:
Janowicz (Pol) c. Dimitrov (Bul),
a seguire Hantuchova (Svk) c.
ERRANI, BOLELLI c. Thiem (Aut).

Non prima delle 19.30: Johnson


(Usa) c. FOGNINI.
Grandstand: 4 match VINCI c.
Watson (Gbr). Non prima delle
19: Gasquet (Fra) c. FABBIANO.
Pietrangeli: 2 match KNAPP c.
SCHIAVONE, 4 match Cuevas
(Uru) c. LORENZI.
Campo n. 1: 4 match BURNETT
c. Rybarikova (Svk).
IN TV: Dalle 11 diretta uomini su
Sky Sport 2 e 3. Su Supertennis
torneo femminile dalle 10.30

Tennis R Masters 1000

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

47

Murray conquista la terra di Rafa

1Andy vince a Madrid e ora potrebbe saltare Roma. Nadal: La mia settimana positiva
Vincenzo Martucci
@VincenzoMartucci

he Andy Murray potesse


giocare bene ed essere
vincente sulla terra rossa
lo pensavano in tanti, primo
fra tutti lui, che, da ragazzo,
era andato a scuola Barcellona
per imitare il coetaneo Rafa
Nadal, anche se poi s specia
lizzato sui campi duri. Che po
tesse dominare col netto 63
62 proprio il pi forte di sem
pre sulla superficie antipigri
zia, e riuscirci in una finale, pe
raltro la sua prima Masters
1000, e nella capitale dellasso
spagnolo, a Madrid, ci crede
vano in molti meno. Ma lo
scozzese firma la miglior prova
di sempre sul rosso, una setti
mana dopo aver sfatato, a Mo
naco di Baviera, il decennale
tab sulla terra, gioca profon
do ed aggressivo sin dalla ri
sposta ed inchioda lontanissi
mo dal campo il re di nove de
gli ultimi dieci Roland Garros
con micidiali lungolinea e con
tinui cambiamenti di fronte.
Cos, mantiene sempre il co
mando delle operazioni, ri
schiando, ma sbagliando po
chissimo, come fotografa il +
11 (vincenti) 14 (errori) fina
le, dopo appena unora 28 mi
nuti. Bravo il numero 3 del
mondo, bravissimo, anzi, con
la doppia guida Jonas Bjork
man ( a Monaco)Amelie Mau
resmo (a Madrid). Troppo fal
loso (26 gratuiti) il numero 4
che oggi torna per la prima vol

Andy Murray, 27 anni, numero 3 del ranking, due titoli di fila sulla terra AP

Le sconfitte di fila subite da


Murray sulla terra contro Nadal
prima del successo di Madrid.
In tutto lo scozzese ha vinto 10
Masters 1000 (lu.mar.)

26

Le finali di tornei Masters


1000 sulla terra giocate in
carriera da Rafa Nadal: il
bilancio per lo spagnolo di 19
vittorie e 7 sconfitte.

ta al numero 7 del mondo ad


dirittura dal maggio 2005,
quando per era in ascesa, non
in caduta libera come adesso.
Come dice la sua faccia disgu
stata a fine partita.
CRISI DI FISICO Dopo la semi
finale di Montecarlo (k.o. con
Djokovic) e il secondo turno di
Barcellona (battuto da Fogni
ni), dopo aver cambiato e subi
to recuperato nel giro di una
settimana la vecchia racchetta,
Rafa arrivato tremebondo a
Madrid. Tanto che sabato, rin
francato da quattro successi,
ha ammesso: Se mi avessero
detto che sarei arrivato in fina

Rafael Nadal, 28 anni, ha vinto sette volte Roma e nove Roland Garros EPA

le ci avrei messo la firma, an


che se avessi saputo che lavrei
persa. Ahilui, Johnson, Bolel
li, Dimitrov e Berdych non so
no del livello di Murray, e quin
di la finale non rappresenta un
passo indietro, dopo lennesi
ma lezione a Tomas, bello e im
possibile, quanto la conferma
di una crisi fisica e mentale im
portante, peraltro a seguito dei
sei mesi di difficolt del 2014.
A Nadal non basta che il famo
so dritto gli ridia i classici vin
centi, perch non continuo,
oppresso com dal micidiale
rovescio a due mani di Murray.
Anzi, proprio la sua arma para
lizzante, non fornendogli le

munizioni, costringe il feno


meno di Spagna a cercare
spesso la via della rete, snatu
rando le caratteristiche della
sfida. Che Rafa aveva fatto sua
15 volte su 20, con limpressio
nante 60 sulla terra rossa. An
che se, dodici mesi fa, proprio
a Roma dove Murray marche
r probabilmente visita per ri
posarsi prima del Roland Gar
ros , era arrivato 42 al terzo
set per poi crollare.
PROGRESSI DI TESTA Stavolta,
Andy approfitta del brutto se
condo game dellavversario e
si prende il primo set, resisten
do a tre pallebreak del maior

chino. Che, a quota 46 titoli


minaccia il record assoluto di
49 Guillermo Vilas sulla terra.
Il 30 della prima frazione un
bellaiuto per la fiducia del
leroe scozzese che ha riporta
to un britannico nellalbo doro
di Wimbledon dopo 77 anni; il
40 del secondo set, dopo es
sersi aggiudicato tutti gli
scambi lunghi da fondo e dopo
aver mancato un rigore a rete
con lo schiaffo di dritto, gli d
ulteriore sicurezza e gli conse
gna le chiavi del match. A di
spetto del pubblico di casa, cal
cistico, che spera nel miracolo
di Rafa, ma deve alla fine ac
cettare, in silenzio, la crisi di
un campione in confusione.
Affrontare Rafa in Spagna
dura ma questa la ragione
per cui giochiamo a tennis, per
match cos, sorride Murray
dopo aver ricevuto il trofeo
dalle mani della regina di Spa
gna, Sofia. Una delle cose pi
difficili batterlo sulla terra.
Con Rafa a far buon viso a cat
tivo gioco: Ovviamente, non
era il match che avrei voluto.
Ma, anche se non stato bello
finirla cos, stata una settima
na molto importante e molto
positiva, perch ho riscoperto
sensazioni che non provavo da
tanto tempo. Chiss, la sensa
zione che il malato sia ancora
lontano dalla convalescenza:
baster Roma a resuscitarlo?
Finale a Madrid (Spa, 3.300.00 euro,
terra): Murray (Gbr) b. Nadal (Spa)
6-3 6-2.
RIPRODUZIONE RISERVATA

48

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Pallanuoto R Finale gara-1

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Prosecco Zonin
Insieme a chi ami.

Lo spagnolo Willy Molina al tiro e autore di una doppietta, marcato da Andrija Prlainovic (un rigore segnato) della Pro Recco FOTOSERVIO BORSARELLI

Recco, una difesa super


Il Brescia sarrende

1 Tempesti insuperabile a uomini pari, le reti di Aicardi e Giorgetti:


i liguri vincono la prima tappa della corsa per il 10 scudetto di fila
PRO RECCO

BRESCIA

Franco Carrella
INVIATO A SORI (GENOVA)

(1-0, 3-2, 2-0, 2-2)


MARCATORI: 459 Figlioli s.n.;
936 Prlainovic rig., 1009
Bodegas s.n., 1131 N.Gitto s.n.,
1243 Molina s.n., 1312 Giorgetti
s.n.; 1830 Giorgetti s.n., 2331
Aicardi; 2613 Molina s.n., 2845
Aicardi, 3044 Molina s.n., 3126
Felugo s.n.
PRO RECCO: Tempesti, Prlainovic,
Figlioli, Giorgetti, Felugo, Giacoppo,
D.Pijetlovic; F.Lapenna, F.DiFulvio,
A.Fondelli, Aicardi, N.Gitto. N.e.
Pastorino.
BRESCIA: Del Lungo, C.Presciutti,
Molina, Rizzo, Bodegas,
D.Fiorentini, Napolitano; Bruni,
Pagani, Giorgi, Nora, N.Presciutti.
N.e. Dian. All. Bovo.
ARBITRI: Colombo e Severo.
NOTE: superiorit numeriche Pro
Recco 8 (5 gol), Brescia 14 (4 gol).
Usciti per 3 falli Felugo 3150.
Spettatori 1.000.

La serie su 5
Mercoled
gara-2 a Brescia
Gara-2 della finale scudetto
(che torna al meglio delle 5
partite) si gioca mercoled a
Brescia, gara-3 sabato di
nuovo a Sori. Leventuale
gara-4 il 19 in Lombardia e
gara-5 sul campo della Pro
Recco (1a in stagione).
LE ALTRE Si sono disputate
anche le finali dandata per gli
altri piazzamenti. Nella sfida
per il terzo posto (che vale
lingresso in Champions
League), Bpm Sport
Management-Carpisa
Yamamay Acquachiara 14-13.
Nel match per il quinto posto
(Euro Cup), BogliascoCanottieri Napoli 12-13. Gara2 sabato ed eventuale bella
domenica sul campo delle
meglio classificate.

ol profumo del Giro dIta


lia nellaria, la Pro Recco
vince la prima tappa del
la corsa scudetto e accarezza
con maggiore consistenza il so
gno del decimo titolo di fila: sa
rebbe record. Successo merita
to e netto, col Brescia doppiato
(84) ma per niente domo: La
serie resta aperta e lo vedrete
promette lo spagnolo Willy
Molina, uno dei tanti ex. Ma se
la squadra di Sandro Bovo non
aggiuster la mira, soprattutto
in superiorit numerica, sar
dura impensierire i campioni.
Anche perch tra i pali c di
fronte il miglior portiere del
mondo, Stefano Tempesti: in
questa gara1 non subisce nep
pure un gol a uomini pari e con
le sue lunghe leve un ostacolo
quasi insuperabile.
GRINTA Nella vasca di Sori che
accoglie da tempo il club pi ti
tolato (gli ambiziosi progetti di
rilancio di Punta SantAnna
continuano a restare sulla car
ta, con lungaggini burocratiche
sfiancanti), davanti agli espo
nenti della Regione Liguria di
oggi e di domani (il presidente
Claudio Burlando, i candidati
Raffaella Paita e Giovanni
Toti), la Pro Recco mostra pi
determinazione sin dal primo
minuto. Reduci da semifinali
dallandamento diverso, anche
se chiuse in sole due partite
(Recco a fatica sulla Sport Ma
nagement, Brescia devastante
con lAcquachiara), le rivali per
il tricolore non fanno mancare
qualche colpo proibito, ma agli
arbitri non sfugge nulla: una
direzione convincente. A met
gara, ben quattro giocatori
hanno gi due falli gravi a cari
co: Deni Fiorentini, Francesco
Di Fulvio, Massimo Giacoppo e
Andrija Prlainovic. Vantaggi
crescenti per la formazione di
Igor Milanovic, luomo che de
cise la finale mondiale dell86
tra Jugoslavia e Italia e che in

questa vigilia si preoccupava


delleccessiva elettricit che
contraddistingue gli scontri tra
queste squadre: 20, 42, 62,
73. Maurizio Felugo illumina,
Alex Giorgetti e Matteo Aicardi
colpiscono. Fantastici i gol del
centroboa azzurro, gli unici a
uomini pari nellintero match:
Abbiamo messo in mostra una
compattezza straordinaria,
osserver dopo la prima sfida.
Per ora, paga la scelta di Mila
novic di rinunciare ai mancini
(utilizzati soltanto in Cham
pions League, dove non esiste
lo stesso limite di tesseramento
per gli stranieri) per puntare su
Prlainovic sul lato cattivo.
Una decisione che a molti, a
inizio campionato, faceva stor
cere il muso.
VOGLIA DI RIVINCITA La
splendida difesa recchese (la
migliore della stagione regola
re, con 128 reti incassate), zo
na o pressing che sia, fa la diffe
renza. Alla distanza, il Brescia
si innervosisce compiendo er
rori macroscopici anche nei
passaggi pi semplici. La sensa
zione che i vicecampioni si
preoccupino soprattutto di non
subire controfughe, pi che co
struire gioco e fare movimento.
Gli ultimi minuti, cos, si tra
sformano in pura accademia,
col pubblico che inneggia ai
suoi campioni. Se devo salva
re qualcosa, dico che mi sono
piaciuti i nostri centroboa. Per
il resto, evidente che dobbia
mo fare molto meglio, a comin
ciare dalluomo in pi osserva
Bovo. Mercoled, alla piscina di
Mompiano, in programma
gara2 (sperando che stavolta
si inizi in orario...). il campo
in cui il Brescia ha conquistato
lunica vittoria stagionale nei
cinque scontri diretti disputati
tra campionato e coppe: 76 col
rocambolesco gol di Molina
sulla sirena, nellottava giorna
ta dandata. Il gap tra noi e lo
ro si ridotto, garantiva Bovo
alla vigilia. Per dimostrarlo, in
casa pi che mai non pu falli
re.
RIPRODUZIONE RISERVATA

QUESTA LA VERA PRO


RECCO. UNA GRANDE
DIFESA HA FATTO LA
DIFFERENZA: IL NOSTRO
PUNTO DI FORZA
PIETRO FIGLIOLI
ATTACCANTE PRO RECCO

UN MATCH PREPARATO
ALLA PERFEZIONE. IN
ATTACCO, STAVOLTA,
CI SIAMO MOSSI MOLTO
MEGLIO
ANDREA FONDELLI
DIFENSORE PRO RECCO

FATTI TROPPI ERRORI E


NEL FINALE SIAMO STATI
POCO LUCIDI. IN GARA-2
DOVREMO SBAGLIARE
MENO IN SUPERIORIT
DENI FIORENTINI
DIFENSORE DEL BRESCIA
facebook.com/proseccozonin

twitter.com/proseccozonin

49

50

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Atletica R Challenge Iaaf in Giamaica

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA GUIDA
Bondarenko vola
a 2.37 a Kawasaki
Meglio del 2014

Asafa Powell, 32 anni al centro, nella Diamond League a Doha 2013 quando batt Gatlin e Carter REUTERS

Powell risorge
A Kingston
vince in 984
davanti a Bailey

1Meglio di Bolt e Gatlin questanno.

Stupisce la Stowers nei 100 hs: 1239


Pierangelo Molinaro

olt e Gatlin non sono soli,


la notte di sabato ha fatto
registrare la resurrezione
ad altissimo livello sui 100 me
tri di Asafa Powell, che nel mee
ting di Kingston (Challenge
Iaaf) si imposto in 984, aiuta
to da un vento generoso ma re
golare (+1.8). Ha battuto lo
statunitense Ryan Bailey
(993), che una settimana pri
ma ai Mondiali di staffette a
Nassau (Bahamas) aveva vissu
to il gusto raro di battere Usain
Bolt nellultima frazione della
4x100, e lesperto Nesta Carter
(998). Powell non correva cos
veloce dal 2011 quando a Lo
sannna chiuse in 978. La scor
sa stagione al rientro della
squalifica doping per lutilizzo
di un eccitante, squalifica alla
fine ridotta a soli 6 mesi, si era
fermato a 987 ad Austin in
agosto e 990 in settembre a
Rieti. Un bel rilancio, a 32 anni,
per lultimo primatista mondia
le prima dellera Bolt.
BOLLICINE Il principale mee
ting giamaicano, nonostante
fosse orfano di re Usain, stato
frizzante e ricco di spunti e so

Ai Societari
2.20 nellalto
del 17enne Sottile
E nel segno dei giovani la
seconda giornata della prima
fase regionale dei Societari. Due
primati giovanili hanno infatti
tremato. Per primo il 2.21 under
18 nellalto stabilito da Roberto
Cerri nel 1978. A Torino, Stefano
Sottile, 17 anni, che aveva 2.15 di
personale, ha superato 2.20,
fallendo di poco i 2.22. Per
lallievo di Valeria Musso,
lallenatrice che ha lanciato
Fassinotti, si tratta anche della
miglior cifra mondiale dellanno
per la sua et. Vicina al primato
di Virna De Angeli (5663 nel
1995) nei 400 hs, la 18enne
Ayomide Folorunso che ha
chiuso in 5741. Buono a Campi
Bisenzio (Fi) il 2108 sui 200 del
lunghista Marcell Jacobs. Sulle
stessa distanza 2374 di Giulia
Riva a Lodi e nella stessa sede
Giusy Versace ha portato il
primato italiano paralimpico
(cat. T43) a 2885. Nel lungo a
Marcon (Ve) 7.64 del 20enne
Harold Barruecos. A Torino
74.92 di Lingua nel martello.

prattutto con bellissimi duelli.


Tecnicamente ha stupito len
nesimo progresso della 23enne
statunitense Jasmin Stowers
che ha dominato i 100 hs in
1239 con vento al limite (+2),
decimo tempo di sempre al
mondo e naturalmente nuovo
personale. La Stowers non
una sorpresa perch a Des Moi
nes in aprile aveva gi fermato
il cronometro a 1240 e sabato
si messa alle spalle Danielle
(1277) e Shermaine Williams
(1289).
SORPRESA La sorpresa mag
giore comunque arrivata nei
400 piani maschili, dove il sau
dita Yousef Ahmed Masrahi con
4459 ha battuto LaShawn
Merritt, fermo a 4480. Ma
srahi, 27 anni, ha un personale
di 4443 fissato la scorsa sta
gione a Losanna e questanno si
era gi segnalato correndo in
4470 il 24 aprile a Des Moines.
Anche la velocit femminile ha
gasato il pubblico, con il 1097
della 22enne giamaicana Elai
ne Thompson, tempo con cui ha
battuto la nigeriana Okagbare
(1105), e soprattutto il 2214
in un grandissimo 200 in cui la
21enne bahamense Shaunae
Miller ha battuto un primato
nazionale storico della grandis
sima Debbie Ferguson (2219)
e sabato notte in pista la statu
nitense Tori Bowie (2229) e la
campionessa di tuto Shelly Ann
Fraser (2237). La Miller, gra
zie alle sue lunghe leve ha da
vanti un grande avvenire e si
era gia segnalata con i titoli
mondiali allievi e juniores sui
400 metri.Una veterana si
presa il gusto della rivincita, la
statunitense Sanya Richards,
ora signora Ross che ha realiz
zato il primo meno 50 secondi
stagionale e soprattutto con
4995 si presa il gusto di met
tersi alle spalle la connazionale
Francena McCorory , tante vol
te davanti a lei la scorsa stagio
ne.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Grande esordio stagionale con


2.37 di Bohdan Bondarenko sulla
pedana dellalto nel meeting
giapponese di Kawasaki, nel
circuito Challenge Iaaf. Lucraino,
entrato in gara a 2.20, ha
superato 2.31 al primo tentativo e
la misura vincente al secondo
prima di arenarsi a 2.41. Non
sono del tutto soddisfatto ha
detto speravo in una misura
superiore. Mi sento comunque pi
a posto rispetto alla scorsa
stagione dal punto di vista tecnico
e so di essere sulla strada giusta.
Nello stesso meeting doppio
successo della statunitense Tianna
Bartoletta sui 100 (1126) e nel
lungo (6.69). Da notare il 74.27
della slovacca Martina Hrasnova
nel martello e il 1266 sui 100 hs
dellaustraliana Sally Pearson.
Negli 800 quinto posto di
Giordano Benedetti in 14700.
RISULTATI KAWASAKI Uomini.
100 (-0.1): Koffi (C.Av) 1009;
Takase (Giap) 1009. 200 (-0.5):
Fujimitsu (Giap) 2033. 800:
Rodriguez (Col) 14584; 5.
Benedetti 14700. 3000 sp:
Nganga (ken) 82377. 400 hs:
Magi (Est) 4948. Alto:
Bondarenko (Ucr) 2.37; Guowei
(Cina) 2.28. Asta: Yamamoto
(Giap) 5.50. Triplo: Copello (Cuba)
17.24 (+3.3). Giavellotto Vadlejch
(R.Ceca) 85.13. Donne. 100 (+1.2):
Bartoletta (Usa) 1126. 200 (+1.0):
Facey (Giam) 2265; Townsend
(Usa) 2285. 400: George (Nig)
5130. 1500: Mishchenko (Ucr)
40247. 100 hs (+0.9): Pearson
(Aus) 1266; Harrison (Usa) 1275;
T. Jones (Usa) 1283. Lungo:
Bartoletta (Usa) 6.69 (+1.7);
Klishina (Rus) 6.68 (+1.3). Peso:
Marton (Ung) 18.94. Martello:
Hrasnova (Slk) 74.27. Giavellotto:
Gleadle (Can) 64.83.
RISULTATI KINGSTON Uomini.
100 (+1.8): 1. Powell (Giam) 984; 2.
R. Bailey (Usa) 993; 3. Carter
(Giam) 998. 200: Ashmeade
(Giam) 2025. 400: 1. Masrahi
(A.Sau) 4459; L. Merritt (Usa)
4480; Francis (Giam) 4480.
3000: Barrios (Mex) 75992. 110
hs (+1.0): Harris (Usa) 1316. 400
hs: Jackson (Usa) 4847. Asta:
Walker (Usa) 5.60. Peso: Cantwell
(Usa) 21.08. Disco: Gowda (India)
65.14. Donne. 100 (+0.2):
Thompson (Giam) 1097; Okagbare
(Nig) 1105. 200 (+0.2): 1. S. Miller
(Bah) 2214; Bowie (Usa) 2229;
Fraser (Giam) 2237: Simpson
(giam) 2264. 400: Richards (Usa)
4995; McCorory (Usa) 5073;
McPherson (Usa) 5098. 800:
Wilson (Usa) 20065. 3000 sp:
Franek (Usa) 94634. 100 hs
(+2.0); Stownes (Usa) 1239; D.
Williams (Giam) 1277. 400 hs:
Carter (Usa) 5512. Alto: S. Amata
(Nig) 1.90. Triplo: Ibarguen (Col)
14.87 (+0.3). Disco: Lally (Gb)
59.90.
DOPPIA GRENOT (si.g.) Due gare
per Libania Grenot a St. Martin
(Guadalupa), prima sui 200 in
2310 (+0.7) e seconda nei 400 in
5295 dietro Deedee Trotter (Usa),
5292. Uomini. 400: Gordon (Tri)
4550. Donne. 100 (-0.6)/200
(+07): 3./2. Hooper 1181/2384.
LEMAITRE (l.e.) Per Christophe
Lemaitre, ai Societari francesi di
Venissieux, 1016 (+0.6) sui 100.

51

Ippica R Presidente della Repubblica

Cleo allungo super


per battere i tedeschi
Priore deludente
Luigi Migliaccio

uno Stefano Botti a


due facce quello che
esce dal 60 Premio
Presidente della Repubblica
che si disputato ieri pome
riggio alle Capannelle. Da
un lato la gioia per la vitto
ria di Cleo Fan, soggetto al
levato in casa e con i colori
di famiglia dei Dioscuri, in
terpretato alla perfezione
da Umberto Rispoli in un
millimetrico percorso di te
sta; dallaltro per la grande
delusione per la prestazione
opaca di Priore Philips, il
sauro della Ste.Ma. che sta
va facendo sognare tutti gli
appassionati nostrani. Bel
lissimo, quasi statuario, al
tondino, ma assai ingestibi
le in pista il priore si pra
ticamente consumato sul
morso visto che sin dalle
prime battute si messo a ti
rare moltissimo e solo a me
t della grande curva il suo
fantino Dario Vargiu riu
scito a trovare posizione
proprio in schiena a Cleo
Fan che era scattato in avan
ti sin dallapertura delle
gabbie. Quando per c
stato da andare il figlio di
Dane Friendly non ha sapu
to mettere in campo quella
progressione che fino al
Premio Roma dello scorso
anno era stata una vera e
propria arma letale. Un ca
vallo che tira in questa ma
niera non pu arrivare fino
a 2000 metri stato il pri
mo laconico commento di
Stefano Botti Probabil
mente lo scorso anno le pro
ve sulla distanza riuscito
ad affrontarle perch giunte
a fine stagione quando era
logicamente pi gestibile.

Rispoli e Cleo Fan HIPPOGROUP-GRASSO

Ora bisogna verificare quello


che successo, ma penso che
sia inevitabile pensare di ripor
tarlo per il momento a una di
stanza pi breve, probabilmen
te i 1600 metri del Vittadini
cui, peraltro, gi iscritto.
CLEO PIU MATURO Detto que
sto per occorre rendere il giu
sto merito alla bella vittoria di
Cleo Fan che ha messo in fila
anche i due ospiti tedeschi,
Magic Artist (C. Demuro) che
lo aveva battuto al rientro nel
milanese Premio Ambrosiano,
e Wake Forest, (E. Pedroza) di
propriet dellex calciatore te
desco Klaus Allofs. Riscattato
anche il secondo posto del Ro
ma proprio dietro Priore Phi
lip: Rispetto ad allora ha
commentato il suo fantino Um
berto Rispoli mi sembrato
maturato.
PR. PRESIDENTE DELLA
REPUBBLICA m.2000 1
Cleo Fan (U. Rispoli); 2 Magic
Artist; 3 Wake Forest; Tot:
8,02; 3,38, 3,14, 3,84; (19,51);
Trio 262,10.J

TROTTO A MODENA

Tresor Zs, colpo nel Giovanardi


(lu.migl.) E Tresor Zs il
vincitore del primo Gruppo 1
per i tre anni del trotto.
Lallievo di Walter Zanetti,
guidato alla perfezione da
Andrea Farolfi, ha seguito
lungo tutto il percorso il
leader e favorito Telecomando
Ok. Da segnalare che
sullultima curva cera stato un
rischioso tamponamento di
Tedo Fks ai danni di Tarim

(gamba del primo nella ruota del


sulky del secondo) che ha
intralciato molti cavalli.
Pr. Tito Giovanardi m. 2.060: 1
Tresor Zs (Farolfi) 1.14.5; 2 Talent
Bi; 3 Telecomando Ok; 4 Tom Ford
Bi. Tot 59,47; 6,25, 3,81, 1,57;
(1.775,46); Tris 1.218,41
ROBERT BI Vittoria di Robert Bi
(R. Bakker) in 1.10 nella
Copenhagen Cup (2011 m), record
della corsa.

52

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

1LOTTA: PRIMA VOLTA A TIMES SQUARE (r.r.) Il 21 maggio a Times Square, 13 lottatori cubani

TUTTENOTIZIE

compresi i medagliati olimpici e mondiali Livan Lopez e Reinderis Salas, gareggeranno contro gli
Usa nel confronto denominato Salsa in piazza. E la prima volta dopo il disgelo tra i due Paesi.

IL CASO

VELA
ATLETICA

Pistorius vuole la libert


Soldini sulla Rotta del t
condizionata gi da agosto Da San Francisco
Allener i bambini
a Shanghai con Maserati
ra di lavorare con i bambini,
magari anche di allenarli, a se
conda delle opportunit che si
presenteranno ha detto il le
gale.

Oscar Pistorius, 28 ACTION IMAGES

scar Pistorius potreb


be lasciare il carcere
ad agosto. Lo ha rive
lato un suo avvocato,
Rohan Kruger, interpellato
dal Sunday Times. Latleta
sudafricano sta scontando
una pena di cinque anni per
lomicidio colposo della fi
danzata Reeva Steenkamp,
avvenuto il 14 febbraio
2013 nella sua villa di Pre
toria. La sentenza venne
emessa lo scorso ottobre, e
per la legge sudafricana,
dopo 10 mesi un detenuto
pu chiedere la libert con
dizionata e impegnarsi in
attivit sociali. Oscar spe

NUOTO

Fondo: in Israele
Raimondi vince
la 10 km di Coppa

IN CARCERE Kruger ha poi rac


contato che il suo assistito in
carcere trascorre 23 ore al
giorno in isolamento, e che
passa il tempo leggendo la
Bibbia e pregando. Secondo lo
staff, la libert condizionata
avrebbe margini molto detta
gliati: Oscar non potr bere o
assumere droghe, andr in
chiesa e dovr seguire un pro
gramma di psicoterapia, un
corso per la gestione della rab
bia.
LAPPELLO Su Pistorius pende
comunque il giudizio dappel
lo, richiesto dal pubblico mini
stero e concesso dal giudice
Masipa. Dovesse essere rico
nosciuto il reato di omicidio
doloso, invece che colposo, la
condanna potrebbe allungarsi
anche a 15 anni di reclusione.
Non risulta ancora fissata la
data di questo nuovo grado di
giudizio, che si svolger a por
te chiuse cinque giudici sa
ranno chiamati a rileggere le
carte processuali ed atte
sa entro la fine dellanno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BASEBALL

Rimini scivola
Padova in testa
a fine andata

Maserati lascia S. Francisco

iovanni Soldini e Ma
serati vanno verso Est
a caccia di record
(antichi) su territori che in
teressano un po meno i ma
rinai, ma molto di pi gli in
dustriali italiani. Ovvero
verso il mercato cinese, che
da qualche anno si molto
appassionato di made in
Italy e quindi delle auto del
tritone che la barca del pi
celebre velista italiano dal
to mare porta sulle vele. Do
po unesperienza da dimen
ticare ai Caraibi, Giovanni
Soldini torna a caccia di pri
mati anche se in questo caso
non ha nemici da battere:

HOCKEY PRATO

Il presidente
un insegnante
Eletto Mignardi

sulla rotta San Francisco


Shanghai i tempi di riferimen
to sono datati addirittura nel
l800. Niente quindi di tecnolo
gicamente sconvolgente. Si de
ve tornare allepoca dei clipper
(veloci navi commerciali che
cambiarono la storia della na
vigazione di quel tempo, Ame
rica che vinse la prima Coppa
era uno di questi): una galop
pata di 7315 miglia nellOcea
no Pacifico dagli Usa alla Cina.
Lultimo record registrato risa
le al 1853 e appartiene appun
to al clipper Swordfish che
comp la tratta in 32 giorni e 9
ore, a una media giornaliera di
225 miglia. Noi puntiamo a
fare il meglio, per dare un
obiettivo ad altri team che ver
ranno dopo di noi. Il futuro
prossimo per Soldini e per Ma
serati, dopo questo record la
SydneyHobart a fine anno in
Australia. Poi? Un totem della
vela come lui ci star certa
mente pensando. Nuove av
venture, nuove rotte. Certa
mente non solo commerciali.
OLIMPICHE (r.ra.) Ottima prestazione
degli azzurri alla Garda Trentino Olympic Week, 2a tappa europea del circuito
riservato alle classi olimpiche. Gli
italiani vincono in 5 classi: 49er TitaCavalli, 49er FX Conti-Clapcich, Nacra
17 Bissaro-Sicouri, RS:X uomini Benedetti, 470 uomini Sivitz KosutaFarneti.

BOXE

Italia Thunder
cappotto russo
Addio semifinale

GEBRE A MANCHESTER:
ADDIO ALLAGONISMO
(d.m.) Il keniano Stephen Sambu
ha vinto in 2730 la Great
Manchester Run (Gb) di 10 km.
Haile Gebrselassie, 16 al
traguardo, ha annunciato alla Bbc
il ritiro. Lascio le gare, non la
corsa. Non posso smettere di
correre, la mia vita. Il manager
Hermens ha smentito (Sar a
Glasgow in ottobre), ma in
serata, con un tweet, Gebre ha
ribadito laddio allagonismo.
Uomini: 1. S. Sambu (Ken) 2730;
2. Mokoka (Saf) 2738; 3. B. Lagat
(Usa) 2748. Donne: 1. Saina (Ken)
3149; 2. Steel 3155; 3. E. Kiplagat
(Ken) 3157.

BEACH VOLLEY
AZZURRI OK (c.f.) Passaggio
alla fase finale della Continental
Cup per le due formazioni azzurre
che a Montpellier (Fra) hanno
vinto i gironi, in entrambi i casi in
finale con la Francia. Nel maschile
nessun set perso per Nicolai-Lupo
e Ranghieri e Ranghieri-Caminati.
Menegatti-Orsi Toth e MomoliGiombini costrette al 3 set.

BOXE
CHE ALVAREZ! (r.g.) A Houston
(Usa), Saul Alvarez (Mes. 45-1-1)
dopo aver inflitto due atterramenti
al 1 e 3 round schianta James
Kirkland (Usa 32-2) con uno
spettacolare k.o. (gancio destro
alla mascella) al 3 round e sfida
Miguel Cotto, WBC medi A Hidalgo
(Usa), Jamie McDonnell (Ing. 26-2)
batte Tomokii Kameda (Gia 31) e
mantiene la cintura gallo WBA. A
Francoforte (Ger), Fedor Chudinov
(Rus 13) conquista il vacante
supermedi WBA, battendo Felix
Sturm (Ger. 39-5-3) split decision,
il superwelter Jack Culcay (Ger.
20-1) supera Maurice Weber (Ger.
21-121) per il vacante interim WBA.
BALESTRI OK (r.g.) Al Palasport
di Pontedera (Pi), prima di
affrontare Angelo Ardito (7-4-2)
per il tricolore superpiuma, il
locale Alex Balestri (9) batte
Cristian Pastarini (3-8) sui 6 t.

CANOA
MOLMENTI OK (a.fr.) Nella
seconda e ultima prova di
selezioni a Tacen (Slo), Daniele
Molmenti ha chiuso 4 in 14179 a
228 da Peterlin (Slo); 2 Romeo a
181, 9 De Gennaro a 427. Nel C1
Colazingari 5, Cipressi 6,
Ceccon 7, Ivaldi 9; nel C2
Camporesi-Ferrari primi in
15888. Donne. Nel K1 Horn 3,
Giai Pron 4, Sabattini 9.

G.Gabrielleschi (3a) e I. Raimondi


Ancora un successo nella
prima tappa di Coppa Len a
Eilat, in Israele, nel mar
Rosso. Ilaria Raimondi, dopo
la vittoria nella 5 chilometri e
il sesto posto agli Europei, si
conferma anche nella
specialit olimpica di 10
chilometri in 1h584575, sulla
spagnola Margarita
Dominguez (1h585480) e
Giulia Gabrielleschi
(1h585550); Pozzobon sesta
in 1h593760 e Sossai nona
in 2h021330. Tra gli uomini
Dario Verani secondo in
1h511455 nella 10 km vinta
dallo spagnolo Hector Ruiz
(1h511045); quinto Andrea
Bianchi (1h511045), ottavo
Francesco Bianchi
(1h512305) undicesimo e
quattordicesimo Federico e
Alberto Brumana.
SINCRO: AZZURRE QUARTE
Anche nel libero Linda
Cerruti e Costanza Ferro
chiude quarte in Coppa
Europa di Duo a Hoofddorp,
in Olanda: 90.4000; vittoria
delle russe IschenkoRomashina (96.7000) sulle
ucraine VoloshynaAnanasova (93.4667) e
Carbonell-Klamburg (Spagna,
92.6000).

53

(m.c.) Danilo Sanchez,


ricevitore del Godo, mette ko
Rimini con due fuoricampo,
consentendo a Padova
(quarta vittoria consecutiva)
di ritornare in testa alla fine
del girone dandata: i veneti
partono forte e rintuzzano il
ritorno del Nettuno 2. De
Santis e Liverziani
(fuoricampo da 3 in un big
inning da 5 punti al 4)
firmano il riscatto di Bologna
a Roma contro lil Nettuno di
Trinci. Doppietta per San
Marino su Parma con dodici
valide (4/4 Avagnina, 2/3
Chiarini, 2/4 Vazquez) e rilievo
vincente di Oberto.
7 turno, gara-2: Parma-T&A
San Marino 5-10 (v. Oberto, p.
Spada, hr Garbella),
Tommasin Padova - Angel
Service Nettuno2 5-4 (v.
Crepaldi, p. Andreozzi), Godo
Knights - Rimini 7-3 (v.
Galeotti, p. Bertolini, 2hr
Sanchez), Citt di NettunoUnipolSai Bologna 4-9 (v. De
Santis, p. Ciarla, hr Liverziani).
Classifica: Rimini e Padova
714 (10-4); Bologna .642 (9-5);
San Marino 571 (8-6); Citt di
Nettuno 461 (6-7); Godo 307
(4-9); Nettuno2 e Parma 285
(4-10).

Alvarez (a sin.) contro Noguera CB

Il presidente Sergio Mignardi


(g.l.g.) Sergio Mignardi , ex
giocatore e allenatore, autore
di diverse pubblicazioni sia
nel campo tecnico sia in
quello dirigenziale,
professore di educazione
fisica al liceo Talete di Roma,
il nuovo presidente della
Federazione Italiana Hockey.
E stato eletto ieri durante
lassemblea straordinaria di
Roma, al ballottaggio, in cui
ha spareggiato
vittoriosamente con Gianni
Rossi: 299 voti (il 62,55 per
cento) a 175. Era gi uscito,
invece, alla prima votazione,
Luca Di Mauro (144 voti
rispetto ai 170 di Mignardi e
ai 162 di Rossi), presidente dal
2001 al 2014, il momento
dellinizio del
commissariamento da parte
del Coni. Mignardi, che nato
a Veroli, in provincia di
Frosinone, 58 anni, fa, si
augura un nuovo inizio per
lhockey italiano. Spero che
con questa votazione cominci
un periodo dove, chi vuole
migliorare il nostro mondo,
avr la possibilit di farlo. Il
suo mandato presidenziale
durer circa un anno e mezzo
e scadr a fine 2016, al
termine del quadriennio
olimpico.

(r.g.) A Mosca (Rus) nella


prima giornata dei quarti il
Russian Boxing Team ha
praticamente ipotecato il
passaggio alle semifinali delle
World Series infliggendo
allItalia Thunder di Lello
Bergamasco un netto (anche
se previsto) 5-0.
Risultati. 49: Kudriakov b.
Conselmo 3-0 (50-45, 50-45,
50-45; 56: Nikitin b. DAndrea
3-0 (50-45, 49-46, 50-45); 64:
Dunaytsev b. Vislaukh 3-0 (5044, 50-45, 50-45; 75:
Khamukov b. Cavallaro 3-0
(50-45, 50-44, 50-44; 91:
Tishchenko b. Turchi 3-0 (5045, 49-46, 50-45).
Cos oggi. 52: Arutiunian c.
Bidhuri; 60: Subkhankulov
c.Cosenza; 69: Butaev c. Di
Russo; 81: Yakushev c. Fiori;
+91: Babanin c. Vianello. La
vincente affronta il Kazakistan
il 21 e 22 maggio, laltra
semifinale: Cuba-Messico. Su
Sportitalia una sintesi dei due
turni, dalle 21 alle 23 di oggi.
ZAMORA (r.g.) A Londra (Ing)
nellEuropeo Wbo dei welter
continua il declino dellitalocubano Brunet Zamora (26-42) sconfitto dal welter Bradley
Skeete (Ing. 20-1) per
Technical decision al 7 round.

CRICKET
EUROPEO (a.m.v.) LItalia ha
esordito nellEuropeo T20 di 1
Divisione sullIsola di Jersey con
una vittoria ed una sconfitta. Gli
azzurri hanno prima battuto 151/4150 la Francia, trascinati da uno
strepitoso Sandri (3 eliminazioni al
lancio e 51 punti in battuta), per
poi perdere con Jersey 159/6-155
(54 punti per Crowley e Petricola).
Oggi Italia-Danimarca al mattino e
Italia-Guersney nel pomeriggio. La
vincente alle qualificazioni iridate.

FOOTBALL
OTTAVA IFL (m.l.) Ieri, per l8
turno del girone Nord, Giaguari
Torino-Seamen Milano 25-32.
Classifica: Seamen Milano 857 (61); Bolzano, Parma 714 (5-2);
Rhinos Milano 571 (4-3); Torino**
125 (1-7); Bergamo* 0 (0-6). (*: una
in meno; **: una in pi).

GOLF
CHALLENGE: GAGLI 2 Lorenzo
Gagli ha conquistato il 2 secondo
posto con 278 colpi (72 69 69 68,
-10) nel Turkish Airlines Challenge
(Challenge Tour), a Belek (par 72)
in Turchia, dove Alessio Bruschi si
classificato 36 con 285 (70 72
73 70, -3). Ha vinto il gallese Davies
con 274 colpi (69 70 65 70, -14).

HOCKEY GHIACCIO
MONDIALI Verdetti ai Mondiali
in R.Ceca (sei di sette giornate):

Gianluca Conselmo BOZZANI

dopo Canada, Svezia, Usa, Russia


e Finlandia, anche i padroni di
casa e la Svizzera ai quarti, la
Germania esclusa, la Slovenia
retrocessa. Girone A (a Praga):
R.Ceca-Germania 4-2; CanadaSvizzera 7-2. Classifica: Canada 18;
Svezia, R.Ceca 13; Svizzera 9;
Germania 6; Lettonia 4; Francia*,
Austria* 3 (*:una in meno). Girone
B (a Ostrava): Usa-Slovenia 3-1;
Russia-Slovacchia 3-2. Classifica:
Usa 15; Russia 14; Finlandia* 12;
Bielorussia* 10; Slovacchia 8;
Norvegia 6; Danimarca 4; Slovenia
0 (*: una in meno).

IPPICA
INCISA (e.lan.) Vittorioso
rientro stagionale a San Siro per
la bottiana Joyful Hope, che, in
coppia con Claudio Colombi, si
imposta nellIncisa della Rocchetta
(LR m. 2000), davanti alla
tedesca Poolparty e a Loritania.
OGGI QUINT AD ALBENGA A
Villanova (inizio convegno alle 16)
scegliamo Original Caf (12), Oianez
(14), Omega dAlfa (15), Onda
Lunga Spin (5), Pg del Cigno (11) e
Nilo dellEst (7).
ANCHE Trotto: Palermo (14.45),
Taranto (15.05)e Follonica (15).

HOCKEY PISTA
CASO TIFOSI (g.l.) La
Prefettura non torna indietro e i
presidenti di Viareggio e Forte dei
Marmi hanno rinunciato al ricorso
contro il divieto di trasferta per la
gara-1 della finale scudetto. Quindi
domani sera niente tifosi del Forte
dei Marmi a Viareggio. Il
provvedimento verr ripetuto
sabato prossimo a parti opposte.
AZZURRI (m.nan) In vista dei
Mondiali di La Roche sur Yon in
Francia (20-28/6) il c.t. Mariotti
annuncia il gruppo che si
raduner da gioved a Grosseto:
Gnata, Pertegato, Sgaria, Amato,
Mattia Cocco, Illuzzi, Federico
Pagnini, Ambrosio, Giulio Cocco,
Malagoli, Marco Pagnini,
Tataranni, Barbieri, Gavioli, Greco.

JUDO
FACENTE TERZO (e.d.d.) Al
Grand Slam di Baku (Aze), Walter
Facente terzo nella categoria 90
kg. Dopo tre vittorie per ippon, il
27enne calabrese ha perso in
semifinale con il giapponese
Baker, per poi battere il tedesco
Hildebrand per il terzo posto.
Lultimo azzurro a salire sul podio
di un evento del Grand Slam era
stato Antonio Ciano, secondo a
Parigi nel febbraio 2012.

NUOTO
A LIGNANO Concluso a
Lignano lEnergy Cup (50 m),
internazionale giovanile. In
evidenza la rana azzurra. Uomini,
50 sl Glessi 2648, 400-1500 sl
Manzi 40066, 155588, 100 ra
Martinenghi 10295, 100-200 fa
Carini 5443, 20013, 200 mx
Fava 20682; donne, 400-800 sl
La Cava 42077, 90527, 100 ra
Verona 10963, Gusperti (14)
11630 (50 sl 2716), 100-200 fa
Cusinato 10107, 21395, 200 mx
Piovano 21758.

PALLAMANO
DONNE (an.gal.) E Cassano
Magnago la seconda finalista del
campionato femminile. In gara-3
di semifinale Teramo-Cassano
Magnago 23-28 (serie 1-2). Le
varesine sfideranno Conversano
(gara-1 il 16/5 in Puglia).

RUGBY
PARISSE ESPULSO Nel 24
turno del Top 14 francese, Sergio
Parisse espulso al 19 p.t. di
Racing-Stade Franais 19-28 per
aver (involontariamente) fatto
perdere lequilibrio a Dulin su una
palla alta.
PRO 12 Ieri, per il 21 turno di
Pro 12, Scarlets-Cardiff 16-6.

SOFTBALL
SESTA (m.c.) Cos nel sesto
turno. Gir. A: La LoggiaStaranzano 8-0 (5), 3-0; BollateCaronno 8-1 (5), 3-0; LegnanoRovigo 8-5, 8-1 (5). Gir. B: ParmaCollecchio 0-16 (5), 0-8 (5),
Sestese-Forl 0-8, 0-2.

54

AltriMondi R

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

IL FATTO
DEL GIORNO
IL GRANDE
DISGELO
A sinistra il presidente cubano Raul Castro ricevuto per la prima volta in Vaticano da Papa Francesco REUTERS

di uscire dallisolamento e
aprirsi al mondo. Del resto, ha
detto sempre Parolin, il viag
gio del Papa a Cuba il prossimo
settembre ha questa dimensio
ne e questa proiezione di ap
procciare lapertura dellisola.
Non dimentichi, per inquadra
re bene quello che accaduto
ieri, che il Pontefice ha avuto e
ha un ruolo essenziale nella
pacificazione in corso tra Stati
Uniti e Cuba. Obama venne a
Roma e rest unora a collo
quio privato con Francesco,
per discutere proprio di que
sto. E subito dopo scrisse per
sonalmente a Castro. Non
che Obama avesse bisogno di
particolari incoraggiamenti,
dato che aveva promesso il
riavvicinamento a Cuba (e al
lIran) gi nella campagna elet
torale del 2008, ma in America
c questo problema dei repub
blicani, contrarissimi al disge
lo con lAvana, che adesso pre
sentano addirittura due candi
dati alla Casa Bianca che han
no ai primi posti del loro
programma il no a Cuba, cio
Jeff Bush e Marco Antonio Ru
bio, figlio oltre tutto di immi
grati dallAvana.

Ma perch lincontro 2
tra il Papa e Castro
si pu definire storico?

1Il leader cubano in Italia vede prima Bergoglio e poi Renzi

La visita conferma lapertura del sistema politico dellAvana


di GIORGIO DELLARTI
gda@gazzetta.it

Raul Castro era andato a Mo


sca per assistere alla parata di
Putin di cui abbiamo parlato
ieri. E, sulla via del ritorno, s
fermato a Roma ed andato a
trovare prima Papa Francesco
e poi Matteo Renzi. Fa notizia,
naturalmente, lincontro del
leader comunista ateo col
capo della Chiesa cattolica,
tanto pi che Ral, alla fine
dellincontro con Renzi, ha
detto: Sono rimasto molto
colpito dalla saggezza e dalla
modestia del Papa. Quando

Francesco verr a Cuba andr a


tutte le sue messe. Io leggo tutti i
suoi discorsi. Ho detto a Renzi
che se continua a parlare cos io
ricomincer a pregare e torner
alla Chiesa cattolica, anche se
sono comunista.

Lei sa che mi piacciono i


particolari di questi incontri tra grandi personaggi.
Dove si sono visti, che hanno
fatto, che hanno detto
Lincontro tra i due s svolto
nello studio che Francesco
adopera nellaula Paolo VI. Qui
il Papa ha ricevuto Raul Castro
e una vasta delegazione cuba
na insieme col prefetto Gaen

swein, il cardinaleministro de
gli Esteri Gallagher e il sostitu
to, o vice, della segreteria di
Stato, Angelo Becciu, che sta
to nunzio a Cuba. Questi detta
gli non la annoiano? Perch
non mi chiede dove stava Paro
lin? Gi, lei non ha la minima
idea di chi sia Pietro Parolin, il
segretario di Stato che ha pre
so il posto di Bertone ed ades
so primo ministro e capo della
diplomazia della Santa Sede.
Parolin non cera ma ha parlato
nei giorni scorsi, sottolineando
limportanza storica della visi
ta di Castro a Roma, segno a
suo dire (e come dargli torto?)
della evidente volont di Cuba

C il problema dei diritti


umani.
In dicembre, quando
Obama diede lannuncio della
normalizzazione dei rapporti
tra i due Paesi, ci fu anche lim
pegno, da parte del presidente,
di togliere Cuba dalla lista de
gli Stati che aiutano il terrori
smo. Su terrorismo e diritti
umani ha parlato ieri anche
Raul: Noi non avremmo mai
dovuto essere inclusi nella lista
dei Paesi terroristi. Forse il
prossimo 28 maggio il Senato
degli Stati Uniti ci toglier da
questa famosa lista. E i dirit

LA CHIAVE

Francesco ha svolto
un ruolo fondamentale
nel riavvicinamento
tra gli Stati Uniti e Cuba
Raul dopo il faccia a faccia
Sono comunista ma se
il pontefice continua cos,
ritorner alla Chiesa

ti?, gli ha chiesto qualcuno:


Noi veniamo accusati di non
rispettare i diritti umani. Ma
chi li rispetta nel mondo? Da
noi la salute un diritto per
tutti come listruzione. Noi ri
conosciamo di aver compiuto
degli errori ma i diritti umani
non devono essere strumen
talizzati per malapolitica.
Cuba in effetti destina il 12%
del suo modesto Pil alla scuo
la. Noi, tanto per dire, appe
na il 4%.

I RAID INDISCRIMINATI

Yemen, bombe
e civili uccisi
Il s dei ribelli
a una tregua

Sono gli argomenti con


cui Gianni Min dice che
il capitalismo morto,
mentre il comunismo di Cuba
ancora l.
Lasci stare. Abbiamo il dove
re di dire qualcosa anche sul
nostro presidente del Consi
glio. Oggi possiamo toccare
con mano che molto sta cam
biando ha detto Renzi
La storia fa il suo corso e vo
gliamo e dobbiamo essere
protagonisti. Oggi possiamo
scrivere una pagina nuova e
sono convinto che possiamo
fare molto insieme. Raul ha
risposto: I rapporti tra Italia
e Cuba sono perfetti. Poi ha
invitato Renzi allAvana.

Questa conversazione
sta per finire e lei non
mha detto niente dei regali che si sono scambiati.
Raul s presentato con una
medaglia commemorativa in
cui si vede la cattedrale del
lAvana e con un quadro dove
si vede una croce fatta di bar
coni. Opera del pittore cuba
no Kcho, che s abbastanza
specializzato in opere centra
te sui barconi, con le quali si
propone di attirare lattenzio
ne generale sulla tragedia
delle migrazioni. Francesco
ha contraccambiato con una
copia della sua esortazione
Evangelii Gaudium e con una
medaglia in cui si vede San
Martino che s strappato il
mantello per riparare il pove
ro dal freddo.

Che cosa significa questo dono?


Francesco: unintui
zione di quello che dobbiamo
fare: coprire la miseria della
gente e poi promuovere la
gente. Mi piace molto regala
re questo, perch un segno
di buona volont. Ho di
menticato di dirle che, allap
parizione di Raul, Bergoglio
ha gridato: Bienvenido!.

Una donna ferita a Sanaa REUTERS

uno spiraglio di tre


gua nello Yemen insan
guinato: dopo quasi 50
giorni di raid aerei sauditi e di
combattimenti che hanno cau
sato oltre 1.400 morti (pi della
met civili), da domani potreb
be calare una temporanea cal
ma. I ribelli sciiti Houthi hanno,
infatti, accettato il cessate il fuo
co umanitario di cinque giorni
offerto da Riad, a partire dalla
mezzanotte di oggi, per consen
tire ai civili, martellati da razzi e
bombe dai jet sauditi e dei suoi
alleati e intrappolati nelle loro
abitazioni, di allontanarsi o di
ricevere assistenza umanitaria,
medicine e beni prima necessi
t. LOnu ha lanciato un avverti
mento: Il bombardamento in
discriminato su aree popolate
contro il diritto internazionale,
ha detto il rappresentante Onu
in Yemen Johannes Van Der
Klauuw, profondamente preoc
cupato per la situazione. I raid,
intanto, sono continuati inces
santi (almeno 130 tra sabato e
ieri) contro postazioni, mezzi e
campi di addestramento degli
Houthi e anche sulla residenza a
Sanaa dellex presidente Ali Ab
dullah Saleh, estromesso dal po
tere sullonda di una ribellione
di popolo e col consenso dei Pa
esi del Golfo nel 2012 e che ora
appoggia la ribellione Houthi. E
gli attacchi hanno causato un
gran numero di vittime nella po
polazione del pi povero fra i
Paesi arabi la cui parte nordoc
cidentale in gran parte sotto il
controllo militare degli sciiti,
che dominano la capitale Sanaa
e combattono per il dominio an
che della citt portuale di Aden.
dan. va.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NOTIZIE TASCABILI
TRAGEDIA VICINO A ZURIGO: LUOMO SI SUICIDATO

La casa di Wuerenlingen dove avvenuta la strage, sabato notte AP

Svizzera, un padre separato


fa strage in famiglia: 5 vittime
Ha ucciso gli ex suoceri e lex cognato, facendo irruzione nella loro
casa e poi mettendosi a sparare. Poi ha ammazzato un vicino che si era
avvicinato allarmato dalle grida, e alla fine si suicidato. Lautore della
strage un 36enne, padre di tre figli, che era separato dalla moglie. E
aveva gi precedenti penali per aggressione. Gli omicidi sono avvenuti
sabato notte a Wuerenlingen, nel cantone svizzero di Argovia, a nord
ovest di Zurigo. Gli inquirenti hanno da subito escluso il movente
terroristico, orientandosi da subito su quello passionale. Lallarme era
stato dato da alcuni residenti che avevano sentito degli spari. Nello
stesso quartiere il 13 dicembre del 1985 un agente immobiliare aveva
ucciso a colpi darma da fuoco lamante del partner e due prostitute.

ELEZIONI COMUNALI

LA MOGHERINI OGGI A PALAZZO DI VETRO

In Alto Adige
e Valle dAosta
vince lastensione

Emergenza migranti sul tavolo dellOnu


E Lampedusa a un passo dal collasso
Federica Mogherini, Alto rappresentate della Ue, sar oggi a New
York per presentare allOnu il piano europeo per lemergenza
immigrazione. A Palazzo di Vetro si lavora infatti a una bozza di
risoluzione che potrebbe arrivare al voto tra una decina di giorni.
Intanto in Europa cresce il fronte del no al sistema di quote per
ripartire i migranti voluto da Bruxelles. Sono contrari Slovacchia,
Ungheria, Repubblica Ceca e qualche paese del Nord, come Regno
Unito e Irlanda. Anche Finlandia, Paesi Baltici e Svezia vogliono dare
battaglia, mentre la Germania sembra pronta a cedere. In Italia si deve
affrontare anche lemergenza Lampedusa: sono 811 i migranti ospiti del
centro di prima accoglienza che ha una capienza di 400 posti. Ma per
il governatore della Sicilia Crocetta stata ripristinata la vivibilit.

Alle elezioni comunali in Alto


Adige si registrato un forte
calo dellaffluenza. Il dato alle ore
21, data di chiusura dei seggi,
segnava un 69,1% con un calo del
5% rispetto alle ultime comunali.
Ieri si votava anche in Valle
DAosta. Alle 19 aveva votato il
45,7% contro il 50,6% del 2010
(i seggi hanno chiuso alle 23).

Federica Mogherini, 41 anni EPA

APPELLO ALLE DONNE

SVILUPPI NELLE INDAGINI

IN GRAVI CONDIZIONI

Polemica Grillo
Rogo di Fiumicino:
Renzi: Non evitate lo ha provocato
le mammografie un condizionatore

Berlino, turista
italiano aggredito
in metropolitana

Votate per chi vi pare, ma con


i tumori non si scherza: non
evitate la mammografia!. Nel
giorno della festa della mamma
lappello arriva da Matteo Renzi
dopo che, sabato, Beppe Grillo
aveva detto, rivolgendosi
alloncologo Umberto Veronesi:
Pubblicizza le mammografie in
tv, cos probabilmente ha le
sovvenzioni per il suo istituto.

Un turista italiano di 23 anni


gravemente ferito dopo
laggressione subita sabato
mattina in una stazione della
metropolitana di Berlino. Il
giovane stato avvicinato da tre
persone che lo hanno attaccato
con dello spray urticante per poi
colpirlo con forti calci alla testa.
Gli aggressori sono fuggiti grazie
allintervento di un passante.

Dallinformativa della polizia


giudiziaria inviata alla procura
di Civitavecchia emerge che
lincendio che ha devastato il
Terminal 3 dellaeroporto di
Fiumicino nella notte tra
mercoled e gioved sarebbe
partito da un condizionatore
portatile, azionato da alcuni
operai mercoled pomeriggio. Gli
uomini saranno riascoltati dagli

Lunghe file al ieri Terminal 3 ANSA


investigatori. Il condizionatore si
trovava in una stanza tecnica
adiacente a un bar. Le fiamme si
sarebbero poi propagate lungo
limpianto elettrico. Lo scalo sta
tornando alla normalit, ma i voli
cancellati non mancano.

AltriMondi R

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Scuola, Boschi
Solo in mano
ai sindacati
non funziona

55

LA SVOLTA

Tassista stuprata
e rapinata a Roma
Confessa 30enne

1Il ministro difende la riforma Renzi


La Cgil: disprezzo della democrazia

RPadoan sul caso

Francesco Rizzo

pensioni: Decreto
in settimana.
Protezione a chi
prende meno

o i sindacati contro
perch gli tolgo il po
tere, diceva Matteo
Renzi un anno fa. Maria Elena
Boschi ha pi grazia, ma la linea
la stessa: La scuola solo in ma
no ai sindacati funziona? Io cre
do di no, ha detto il ministro
delle Riforme, a Pesaro per soste
nere il candidato governatore
nelle Marche Luca Ceriscioli (Pd,
professore di matematica in
aspettativa). E cos, la riforma
della scuola, il cui ddl sar alla
Camera il 19 maggio, riaccende
lo scontro. La Boschi assicura che
non siamo davanti a un prende

re o lasciare ma, sul tema caldo


dei presidimanager, ricorda:
Con il lavoro fatto in Commis
sione il ruolo del dirigente stato
attenuato, pur riconoscendo
lautonomia dei dirigenti stessi
che devono poter individuare
linsegnante pi giusto per la loro
scuola. Quello che non accetta
bile lasciare le cose come so

Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, 34 anni, ieri a Pesaro ANSA

Un nastro rosa su un taxi in segno di solidariet alla tassista aggredita ANSA

no. Replica di Domenico Panta


leo, segretario FlcCgil: Cos di
sprezza la democrazia. Andremo
avanti fino a pensare al blocco
degli scrutini. E Stefano Fassina
(minoranza Pd): Che tristezza,
sembra la Gelmini nel 2008.

a confessato Simone
Borgese, fermato ieri
per la vicenda della
tassista 43enne rapinata e
violentata a Roma venerd
mattina mentre era in servi
zio. Luomo, cameriere
30enne romano con prece
denti per furto, era stato por
tato in Questura nel pome
riggio ed crollato in tarda
serata: stato un raptus.
Contro di lui cerano forti in
dizi. I reati ipotizzati sono
quelli di violenza sessuale,
rapina e lesioni. Decisiva si
rivelata la diffusione del suo
identikit: et tra i 25 e i 30
anni, magro, alto tra 1,65 e
1,70, capelli corti scuri e

ESODATI Intanto, al Messaggero,


il ministro del Tesoro Pier Carlo
Padoan ha spiegato che entro la
settimana potrebbe essere varato
un decreto per risolvere il buco
pensioni da 19 miliardi, dopo che
la Consulta ha bocciato lo stop
degli adeguamenti allinflazione
per le pensioni superiori a tre
volte il minimo Inps (circa 1.500
euro lordi): Lo faremo in modo
parziale e selettivo. Sono le pen

sioni pi basse che devono essere


protette, pi di quelle alte. I cui
beneficiari, per, sono gi sul
piede di guerra mentre la Com
missione Ue metter lItalia sotto
controllo. Ma lobiettivo del de
ficit 2015 resta al 2,6%, assicura
il Tesoro. Sul tema ha parlato El
sa Fornero, ex ministro del Wel
fare, che respinge la responsabi
lit del blocco della perequazio
ne delle pensioni: Non faceva
parte della mia riforma. Per lei
la sentenza della Consulta dif
ficilmente comprensibile, per
che nuoce ai giovani. Infine, gli
esodati: Un errore, ma un Paese
civile avrebbe dovuto cercare di
risolvere il problema.
RIPRODUZIONE RISERVATA

mossi, occhi piccoli scuri, lab


bra sottili e carnagione chiara.
Le indagini si sono basate pure
su impronte digitali, tracce di
Dna e immagini delle telecame
re, oltre che su denunce simili.
Intercettato il taxi lungo la via
Aurelia, dopo vari cambi di per
corso luomo si fatto portare
in una strada di periferia. Appe
na la tassista si girata per farsi
dare i soldi della corsa, stata
stordita con un pugno. Lag
gressore ha abbassato il sedile e
ha abusato di lei. Poi scappato
con i soldi dellincasso. Luomo
avrebbe poi tentato unulteriore
rapina ai danni di un altro taxi.
La tassista aggredita lha rico
nosciuto da una fotografia.

TRAGEDIA A MILANO

Gita a Expo: in hotel cade dal 5 piano e muore


1La vittima uno studente padovano di 19 anni:
il volo dalla finestra dellalbergo. Nessun biglietto
daddio trovato, ascoltati compagni e professori

no studente di 19 anni di
Padova, Domenico Mau
rantonio, morto nella
notte tra sabato e domenica
precipitando dal quinto piano
dellHotel Da Vinci di Bruzzano
(Milano). Domenico, che tutti
descrivono come un tipo atten
to e tranquillo, era l in gita sco
lastica con il suo liceo, lIppoli
to Nievo, per visitare lExpo.
Ancora non chiaro che cosa
sia accaduto. Di sicuro Dome

Domenico Maurantonio, 19 anni

nico non ha lasciato biglietti


daddio. I compagni di classe
hanno raccontato di essere an
dati a letto alle due sabato sera
e che il ragazzo era andato in
stanza, per poi uscire in un se
condo momento. Si sono ac
corti della sua assenza solo ieri
mattina. La vittima caduta
dalla finestra del corridoio, al
lesterno della propria stanza.
Secondo gli investigatori, lipo
tesi pi plausibile un malore,
ma non si esclude niente.
LE IPOTESI Gi stata disposta
lautopsia e diversi compagni
di classe e professori sono stati
ascoltati in commissariato.

OROSCOPO LE PAGELLE di ANTONIO CAPITANI


21/4 - 20/5
TORO

21/5 - 21/6
GEMELLI

22/6 - 22/7
CANCRO

23/7 - 23/8
LEONE

24/8 - 22/9
VERGINE

7+

6,5

7,5

6,5

6,5

6-

Non perdete
tempo, frenate il
vorticar degli
zebedei: gli impegni
incalzano e vi
portano comunque
al successo. E la
fornicazione vi fa
meglio del ginseng.

La Luna arriva,
sistema le cose (nel
lavoro e in amore)
e stasera se ne va
soddisfatta.
Consiglio: evitate
pigrizie deleterie.
Esondazioni suine vi
beano.

Self control e
concentrazione
urgono, al posto
della cupezza.
Leconomia
migliora, lamor d
soddisfazion,
lormn vi rende
campin.

Fareste volentieri
colleghi, capi e
familiari a fette
come un felino di
Modena. Ma lavoro
e soldi premiano.
Ergo: state su.
Sfighette suine al
termine.

Giornata di
probabili impicci e
di poca pazienza.
Programmatevi
bene. E non
immischiatevi, n
fate i registi della
vita (pure suina)
altrui: meglio.

23/9 - 22/10
BILANCIA

23/10 - 22/11
SCORPIONE

23/11 - 21/12
SAGITTARIO

22/12 - 20/1
CAPRICORNO

21/1 - 19/2
ACQUARIO

20/2 - 20/3
PESCI

5,5

7,5

6,5

7+

La vostra
autorevolezza vi
attira la stima
altrui. Potete
spuntarla, vincere,
quagliare, anche
con creativit. E
avete un giubilo
ormonale da liceali.

GAZZA
METEO

a cura di ILMETEO.IT

La Luna vuol
mettervi i bastoni
fra le ruote. Ma
non ci riesce. Voi vi
esibite per in tutti
i modi possibili di
fare del rottweiler.
Evitate.
Sudombelico mogio.

OGGI
Milano
MAX 27
MIN 15

Lorbita lunare a
forma di glutei,
simbolo di fortuna.
Cos lavoro, vita
privata e finanze vi
premiano.
Fornicazione ricca
di particolari muy
sapidi.

Roma

MAX 29
MIN 14

La Luna vi
alleggerisce. Di
soldi, soprattutto.
Non siate impulsivi.
Il lavoro vi conforta.
E il sudombelico ha
temperatura e
rendimento
vulcanici.

DOMANI
Milano
MAX 26
MIN 17

Roma

MAX 28
MIN 14

Luna nel vostro


segno, utile per
concludere compiti,
avviarne altri,
accumulare punti
immagine. Siete
puri fighi e in
procinto di exploit
suini super.

Impegni, impicci e
imprevisti forse vi
faranno un cicinn
arrancare. Ma
vincerete, tranqui.
Venere sostiene
comunque lamore,
Marte il
sudombelico. Bene.

DOPODOMANI
Milano
Roma
MAX 29
MIN 16

MAX 29
MIN 13

MONACO FESTEGGIA I GEMELLINI


Monaco in festa ieri per il battesimo dei gemellini reali
Jacques e Gabriella, i figli del principe Alberto e di Charlne
nati a dicembre. Ai piccoli, come mostra questa foto
(Reuters), non mancano le attenzioni della zia Carolina.

RIPRODUZIONE RISERVATA

CONSIGLI

21/3 - 20/4
ARIETE
Amici e fan offrono
serenit e vantaggi.
Il vostro
pionierismo
produce esiti ottimi,
le vostre idee sono
bene accolte.
Sudombelico
avvilitino, per.

Sembra ci possano essere delle


incongruenze con quanto rac
contato dai ragazzi e quanto ri
levato dagli agenti della squa
dra mobile. Quando hanno gi
rato il corpo avrebbero infatti
notato dei lividi sul braccio in
compatibili con la caduta. Nel
la stanza del ragazzo non sta
ta trovata droga e gli amici di
chiarano che non ne faceva
uso. Escluderei alcol o droghe
dalle ipotesi ha sottolineato
la preside Maria Grazia Rubini
ci metterei la mano su fuo
co, era un bravo ragazzo, tran
quillo, affidabile e maturo.
e.e.

LA SERIE
THE SIXSTIES

GLI ANNI 60
RACCONTATI
IN DIECI FILM
Lanciata nel novembre del
2013 sulla Cnn, in occasione
dei 50 anni dallomicidio del
Presidente degli Stati Uniti
Kennedy, la serie
documentario The Sixsties
racconta i ruggenti Anni 60
attraverso dieci episodi,
narrati come fossero
altrettanti minifilm,
utilizzando immagini di
repertorio inedite e
interviste ad esperti e
personaggi dellepoca. In
prima visione televisiva.
DA VEDERE STASERA
SU FOCUS ALLE 22.05

LO SPORT IN TV
CALCIO

AutOMOBILIsMO CICLIsMO

Juventus-ReALM.
Champions L. (replica)
12.00 - sky sPORT PLUs
tROFeOGIACIntO
FACCHettI
Campionato Primavera
(replica)
13.30 - RAI sPORT 2
Juventus-CAGLIARI
serie A (replica)
14.30 - sky sPORT 1
BARCeLLOnA-BAYeRnM.
Champions L. (replica)
16.00 - sky sPORT PLUs
CHeLseA-LIveRPOOL
Premier League (replica)
16.30 - fOx sPORTs
GenOA-tORInO
serie A
20.45 - sky sPORT 1,
sky sUPERCALCIO, sky
CALCIO 1
ARsenALsWAnseA
Premier League
20.45 - fOx sPORTs
PsG-GuInGAMP
Ligue 1 (replica)
00.30 - fOx sPORTs

InteRnAtIOnALGtOPen
Gara 2 da Estoril,
Portogallo (replica)
17.30 - fOx sPORTs 2

CALCIO A 5
QuARtIDIFInALe
Campionato Italiano
Playoff. Gara 1 (replica)
17.30 - RAI sPORT 2

AtLetICA
tROFeODIODeRzO
Citt Archeologica.
Da Oderzo(replica)
15.30 - RAI sPORT 2

BAseBALL
CInCInnAtIReDs AtLAntABRAves
MLB
01.00 - fOx sPORTs 2

BAsKet
COnsuLtInvestPesAROPAstAReGGIACAseRtA
serie A maschile
(replica)
11.00 - RAI sPORT 2
CHICAGOBuLLsCLeveLAnDCAvALIeRs
NBA. Playoff. semifinale
Conference.Gara4(replica)
14.00 - sky sPORT PLUs
sAntALuCIAROMABRIAnteACAntu
Campionato Italiano
Disabili. finale scudetto.
Gara 1 (replica)
18.30 - RAI sPORT 2

GIRODItALIA
3a tappa.
Rapallo - sestri Levante
15.00 - EUROsPORT, RAI 3
GIRODItALIA
3a tappa.
Rapallo - sestri Levante
15.30 - RAI sPORT 1
GIRODeLLA
CALIFORnIA
2a tappa.
23.00 - EUROsPORT

tennIs
AtPROMA
Primo Turno
10.30 - sUPERTENNIs
AtPROMA
Primo Turno
11.00 - sky sPORT 3
AtPROMA
Primo Turno
12.00 -s ky sPORT 2
AtPROMA
Primo Turno
19.00 - sky sPORT 3
AtPROMA
Primo Turno
19.30 -s ky sPORT 2

vOLLeY

tRentO-MODenA
finale scudetto.
Gara 3 (replica)
20.40 - RAI sPORT 2

56

LUNED 11 MAGGIO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT