Sei sulla pagina 1di 48

www.gazzetta.

it / GazzettaTv canale 59

LANALISI
di Luca Calamai
29

PERCH RINUNCIARE
AD HANDANOVIC?
Stavolta il bicchiere
mezzo vuoto. Sorride
lo scatenato Higuain,
autore di una fantastica
tripletta; conquista
un piccolo ma prezioso
vantaggio la Roma in un
derby italiano ancora senza
un padrone ma il resto
sono lacrime.
L'ARTICOLO A PAGINA 29

19

AGNELLI DURO
IN ITALIA
I PRESIDENTI
SONO VECCHI

venerd 13 marzo 2015 anno 119 - numero 61 euro 1,40

LA MANCINTER
FA UN DISASTRO
HIGUAIN FA 3 GOL
Palacio illude e spreca, lo sciagurato Carrizo apre la porta
al Wolfsburg, i cambi del tecnico non convincono: brutto k.o.
Buona la vittoria del Napoli sulla Dinamo: tripletta del Pipita
ARCHETTI, BOZZA, BREGA, CECERE, DALLA VITE, MALFITANO, G. MONTI TAIDELLI ALLE PAGINE 2-3-5-6-12

WOLFSBURG-INTER 3-1

NAPOLI-DINAMO MOSCA 3-1

30

FORMULA 1 AL VIA

Alba Rossa
in Australia
Vettel
in agguato

Il ferrarista: Se la Mercedes
ha guai noi saremo pronti
Domenica alle 6 il GP
IANIERI, PERNA
ALLE PAGINE 30-31

SPORTWEEK

SPECIALE FORMULA 1
TUTTO SUI TEAM E I GP

Il numero uno Juve: Lega


debole, dirigenti di 60-70
anni. Guardate la Premier
DELLA VALLE, GRAZIANO A PAGINA 19

21
A LEA

T
OT

LE

EU

NEL MILAN
DI BEE
CE ANCHE
UN FONDO

OP

VI
IN
DI F

DA NON
PERDERE
1 Parma, Manenti accusa
Tavecchio e Pizzarotti
vogliono il fallimento

Nella cordata thailandese


che vuole i rossoneri spunta
luomo daffari che guida Doyen

SCHIANCHI ALLE PAGINE 24-25

LAUDISA A PAGINA 21

22

9 771120 506000

50 3 1 3>

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

OLTRE AL BASKET

Calciomarket
e poi Ancelotti
a Confidential
MANCINI A PAGINA 22

FIORENTINA-ROMA 1-1

ZENIT-TORINO 2-0

DERBY: KEITA RISPONDE A ILICIC


PARI (1-1) DORO PER LA ROMA
Il Toro vede rosso a San Pietroburgo: Benassi espulso. Lo Zenit vola
ZENIT (RUS)-TORINO
WOLFSBURG (GER)-INTER
DNIPRO (UCR)-AJAX (OLA)
BRUGES (BEL)-BESIKTAS (TUR)

2-0
3-1
1-0
2-1

FIORENTINA-ROMA
VILLARREAL (SPA)-SIVIGLIA (SPA)
NAPOLI-DINAMO MOSCA (RUS)
EVERTON (ING)-DINAMO KIEV (UCR)

CHIABOTTI A PAGINA 37

3 Tirreno-Adriatico: paura
Cav si blocca allo sprint
e Viviani cade a 70 allora
BETTINI, GIALANELLA, GHISALBERTI PAG. 34-35

IL ROMPIPALLONE
di GENE GNOCCHI

BRAMARDO, CECCHINI, CITO, DURSO, FROSIO, LICARI, LONGHI, PUGLIESE, STOPPINI, VERNAZZA ALLE PAGINE 8-9-10-11-13

LA SFIDA SPAGNOLA
VA AL SIVIGLIA
AJAX STOP IN UCRAINA

2 Basket, Milano ritira


la maglia di DAntoni:
Dopo lNba solo lItalia

1-1
1-3
3-1
2-1

Formula 1. La squadra
Manor rischia lesclusione
per motivi economici:
E tutto a posto ha detto
la.d. John Manente

Europa League R Andata ottavi

Inter, come buttarsi via


Segna poi regala di tutto

1Vantaggio-lampo di Palacio, unamnesia su corner rialza il Wolfsburg che dilaga grazie


a uno sciagurato Carrizo. Il Trenza si divora il 2-1. Non convincono i cambi di Mancini

Pierfrancesco Archetti
INVIATO A WOLFSBURG (GERMANIA)

e si ragiona con una testa


antica, questo risultato
difficile ma non impossibile: due gol a San Siro, con la
spinta del pubblico (ehm
ehm), il coraggio che aumenta
in casa (altro dubbio) e tanti
proclami per tenere alte le convinzioni e caricare lambiente.
Ma sembrano pensieri del passato, quando nelle eurocoppe
vigeva una regola non scritta
ma spesso rispettata: leoni nel
proprio cortile, gattini fuori.
Adesso nei tornei continentali
si vedono sempre meno rimontone e squadre che al ritorno,
in qualsiasi stadio, si mettono
dietro al famoso autobus parcheggiato davanti allarea: se
succede, pi spesso allandata. Poi quando ci si gioca tutto,
le idee si modificano e tanti se
la giocano: cos ha intenzione
di comportarsi il Wolfsburg tra
una settimana, perch nel nord
Europa vanno pi spesso alla
ricerca del gol, pur rischiando,
pur sfoggiando una protezione
robusta e il contropiede veloce.
Roberto Mancini la pensa dunque come tanti tifosi interisti
che hanno seguito questa gara,
ma anche quella di Napoli o di
Glasgow o di chiss dove. I suoi
hanno la possibilit di segnare
due volte, ma riusciranno a
non prenderne? Laugurio
ovviamente un no, ma la serata
tedesca mette ancora una volta
in mostra i troppi errori di una
squadra sempre poco coerente
nelle sue azioni.
I MOTIVI Perch sono gli sbagli difensivi, di Juan Jesus in
particolare sul pareggio, di
Carrizo e Vidic+Carrizo nelle
altre due esultanze dei verdi, a
portare lInter sotto 3-1 dopo il
primo round. Ma anche un
difetto collettivo quello di aver
lasciato aria sulle fasce al Wolfsburg, oppure di non aver capito che nella seconda parte Hecking, togliendo il pi pagato
(Schrrle) porta pi pressione
allesterno. Pure Mancini fra i
colpevoli: il portiere di riserva,
se viene trattato come tale, va

IL GOL DELL1-1

IL RANKING FIFA

il 28 del primo tempo:


Naldo ruba il tempo a Juan
Jesus (che resta fermo) e
pareggia il gol di Palacio.

Italia, riecco la top 10:


scavalcata la Spagna
Comanda la Germania
(f.li.) Rientro nella top 10 del ranking
Fifa dopo nove mesi: era da giugno
2014, prima del Mondiale quindi, che
lItalia non era tra le prime dieci
nazionali al mondo. Ed anche il
miglior piazzamento da c.t. di Conte
che aveva oscillato finora tra l11 e il
14 posto. A febbraio gli azzurri erano
12: hanno superato la Spagna,
scivolata all11 piazza. In realt si
tratta di risultati per sottrazione,
perch nellultimo mese sono state
giocate nel mondo soltanto 7 partite:
che la classifica comprende,
pesandoli, gli ultimi 48 mesi.
Comunque non male, in vista dei
prossimi impegni. Il bello, o il brutto,
dipende, viene adesso contro Bulgaria
(71) e Inghilterra (17): conta di pi la
qualificazione allEuro 2016, ma con
due successi lItalia potrebbe ancora
guadagnare qualcosa in classifica. E,
infine, arrivando al 9 posto
scatterebbe per Conte un bonus
previsto dal contratto.
SEMPRE GERMANIA Il resto della
classifica non cambiato, con la
Germania sempre al comando e
lArgentina ancora allinseguimento.
Quindi Colombia, Belgio, Olanda,
Brasile, Portogallo, Francia e Uruguay
nei primi nove posti. Nel nostro gruppo
la Croazia 19 e la Norvegia 70, un
gradino avanti ai bulgari. Il miglior
salto lha compiuto Israele: +70.

RLa mossa di

schierare Shaqiri
largo a destra
paga solo nella
prima mezzora

RPer i nerazzurri

troppi sbagli
in difesa e troppo
spazio lasciato
sulle fasce

bene magari a inizio stagione,


non nelle battaglie a eliminazione diretta nellunico trofeo
che la sua squadra pu ancora
sbaciucchiare. E poi nella giravolta dei sistemi di gioco, da 43-3 a 5-3-2 a 4-3-1-2, diventa
fatale proprio quella pi protettiva, con la difesa a cinque
rinforzata (in teoria) da Vidic
al posto di Hernanes. Certo se
il portiere manda in porta gli
avversari cosa centra il sistema, si pu dire, ma il livello
generale a calare. E Guarin
che incespica troppo, Icardi
che viaggia sempre da solo, sono DAmbrosio e Santon che
non insabbiano pi i loro avversari. E dallaltra parte De
Bruyne (doppietta) non fallisce un colpo, anzi solo uno gli
va male. Sarebbe stato il 4-1 a

pochi attimi dal termine e addio rimontona. Con il belga


spadroneggiano anche Caligiuri, Vieirinha, pure Rodriguez; gente di lato, dove il Wolfsburg ha succhiato le vitamine
del successo.
COME PROVARCI Allora agli
interisti non resta che analizzare la prima mezzora e capire
se potr essere protratta fino
al 90 tra una settimana. Una
supremazia che nasce dalla sistemazione di Shaqiri a destra
e non al centro come da atteso
trequartista. Si sapeva che era
una lotta di fascia e allargando
Shaq il tecnico vuole attaccare
nella loro metacampo gli
esterni bassi dei verdi e non
spostare troppo Guarin ed
Hernanes dallinterno del cen-

trocampo. Lampiezza del disegno nerazzurro la chiave che


determina il vantaggio immediato, in stile Glasgow, anche
se Icardi si serve di un tocco
sbagliato di Schrrle prima di
porgere lassist a Palacio. Come Shaq, anche Palacio dal lato opposto arriva in velocit e
in diagonale in area, prendendo il fiato a Naldo e Knoche,
che sono lunghi e padroni del
cielo (e si vede nelle situazioni
aeree, gol del pari compreso)
ma piuttosto piantati nella circolazione a pelo derba. La prima colpa dellInter quella di
non azzannare i lupi subito dopo, in un paio di circostanze simili. La seconda quella di
non tenere pi alta la tensione
nella metacampo altrui e di
farsi prendere alle spalle nei

giochi larghi della banda di


Hecking. La terza di mancare
anche nellaffanno della seconda parte un possibile colpo
da k.o., sempre con Palacio. E
poi quella di perdere la voglia
di reagire, forse per la demoralizzazione dopo le frittate sulle
reti dei tedeschi. A un certo
punto lInter si pu fotografare
cos: cinque difensori, due mediani, un trequartista e due
punte. Posizioni troppo staccate per potere evitare la prima eurosconfitta e troppo rischiose di fronte alle corse dei
verdi. Che continueranno a
sprintare anche a San Siro e a
lasciare il dubbio in tutti, da
Mancini in gi. Riuscir lInter
a non pigliare gol, almeno per
una notte?
RIPRODUZIONE RISERVATA

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

WOLFSBURG

3 1

INTER

IN NERAZZURRO
DA DUE ANNI

1Juan Pablo Carrizo nato a Santa Fe (in Argentina) il 6 maggio 1984. In

Italia ha giocato con Lazio (dove arrivato nel 2007 dal River Plate, ma ha
esordito per motivi burocratici solo nel 2008) e nel Catania (prestito dal
gennaio al giugno 2012). E approdato allInter nel gennaio 2013

PRIMO TEMPO 1-1


MARCATORI Palacio (I) al 6, Naldo (W) al 28 p.t.; De Bruyne (W) 18 e 31 s.t.
(4-2-3-1)
Benaglio; Vieirinha (dal 43 s.t.
Perisic), Naldo, Knoche, Rodriguez;
Guilavogui, Luiz Gustavo; Caligiuri,
De Bruyne, Schrrle (dal 1 s.t.
Trsch); Dost (dal 25 s.t. Bendtner).
PANCHINA Grun, Schafer, Klose,
Jung.
ALLENATORE Hecking
CAMBI DI SISTEMA nessuno
BARICENTRO MEDIO 53,7 METRI
ESPULSI nessuno
AMMONITI Naldo per gioco
scorretto

(4-3-3)
Carrizo; DAmbrosio, Ranocchia, Juan
Jesus, Santon (dal 37 s.t. Kuzmanovic);
Guarin, Medel, Hernanes (dal 13 s.t. Vidic);
Shaqiri (dal 37 s.t. Kovacic), Icardi, Palacio.
PANCHINA Handanovic, Andreolli, Dod,
Puscas.
ALLENATORE Mancini
CAMBI DI SISTEMA dal 13 s.t.
5-3-2, dal 37 s.t. 4-3-1-2
BARICENTRO MOLTO BASSO 44,6
METRI
AMMONITI Icardi, DAmbrosio, Vidic per
gioco scorretto

ARBITRO Marciniak (Pol) NOTE spettatori 25.374, incasso non comunicato


Tiri in porta 10-2. Fuori 6-5. In fuorigioco 1-1. Angoli 6-4. Recuperi 1 p.t., 4 s.t.

PRIMO TEMPO
5 La pressione dellInter produce subito il massimo risultato. DAmbrosio
costringe Schurrle ad appoggiare male allindietro, la palla finisce a Icardi che
con un tocco geniale mette Palacio davanti a Benaglio: 1-0 Inter.
27 Ci vuole un bel po prima che il Wolfsburg reagisca. Cross dalla sinistra
di Rodriguez, sul secondo palo Caligiuri mangia in testa a Santon e schiaccia,
Carrizo si salva due volte.

A sinistra il gol del 2-1 di De Bruyne favorito dal passaggio sbagliato di Carrizo. A destra sempre De Bruyne fa 3-1: punizione sul palo del portiere

DOVE HA SUBITO I GOL

MINUTI GIOCATI

28 Dal corner seguente per la squadra di Mancini esce con le ossa rotte.
Batte De Bruyne, Juan Jesus un ombrellone piantato in area, Naldo gira di
testa e i riflessi di Carizzo battono la fiacca. 1-1.

TIRI SUBITI

16

FUORI

PARATI
6

31 Parte il primo treno di destra, quello di Vieirinha, scambio con un


compagno, rientra sul mancino e scarica a lato di poco.

3
45

43 Seconda chiamata per Vieiriniha: destro respinto da Carrizo.

fSUL BANCO DEGLI IMPUTATI

4 Il primo squillo di Caligiuri: destro a giro largo di poco.


12 Occasione pazzesca per Palacio: davanti a Benaglio, tutto solo seppure
defilato, chiude troppo il destro e prende la rete. Quella esterna.
18 Giro palla difensivo interista suicida. Carrizo regala palla a Vieirinha che
prende il fondo, scarica alle spalle per De Bruyne che dal dischetto segna il 2-1.
31 Calcio di punizione di De Bruyne dalla sinistra. Il giocatore del Wolfsburg
calcia con linterno destro, la palla batte per terra allinterno dellarea piccola e
supera Carrizo sul suo palo: 3-1.
46 Nel recupero i tedeschi hanno loccasione per dilagare. De Bruyne va a
chiudere un triangolo calciando di destro, ma il suo diagonale finisce fuori di
poco.

Carrizo, portiere di notte


e due errori da incubo
Ora Mancio lo conferma?
INVIATO A WOLFSBURG (GER)

SVISTA PESANTE SU ICARDI


Ai tanti rammarichi dellInter
per gli errori commessi
(Palacio, Carrizo...), si aggiunge
anche la svista dellassistente
Sokolnicki: nel primo tempo,
con il punteggio sulluno a uno,
segnala un fuorigioco
inesistente a Icardi sul lancio
filtrante di Shaqiri. Lattaccante
avrebbe avuto via libera verso
la porta di Benaglio. Per il
resto, sempre Sokolnicki aveva

IL VICE DI HANDANOVIC

Matteo Dalla Vite

LA MOVIOLA
di FRANCESCO
CENITI

ben valutato sul gol dellInter:


sulla pressione di DAmbrosio
c il tocco allindietro di
Schurrle che smarca Icardi
(sarebbe stato in fuorigioco se
a servirlo fosse stato un
compagno). Quattro i gialli
mostrati dallarbitro polacco
Marciniak (sbavature su un
paio di punizioni non date
allInter), pesante quella a
Naldo: niente San Siro.

PALLONI GIOCATI

GOL SUBITI

90

35 Recrimina lInter: Icardi era in posizione regolare sul lancio di Shaqiri.


Mauro sarebbe volato in porta.

SECONDO TEMPO

TIRI BLOCCATI

a forato lui, Juan Pablo.


Nella ter ra della
Volkswagen pareva che
lusato sicuro andasse benone:
Palacio infila l1-0 anche se poi
butta via il raddoppio; Juan Pablo Carrizo, invece, caccia via
proprio tutto, deraglia, sbanda,
buca non una ma due gomme e
alla fine un crollo totale. Catalessi. Non sono contento, il
mio passaggio sbagliato a Juan
Jesus gli ha dato la scossa. Pensiamo positivo, tutto aperto.
Diciamo socchiuso, meglio.
COLPITO, AFFONDATO?Hanno
ammazzato Pablo, ma Pablo
probabilmente rivivr nella ga-

ra del ritorno. Molto probabilmente Mancini rimetter Carrizo fra una settimana a San Siro:
perch in linea di massima non
butta a mare i suoi uomini e
perch lo ritiene (virgolette ripetute) un bravo portiere. Pablo stato colpito, lInter affondata. Ma il portiere di notte
lui: a meno di ripensamenti. Inter-Wolfsburg chi la giocher:
Handa?
8-3 PER CARRIZO Si chiama alternanza. E ieri sera andata
malissimo. Eppure, ma non da
subito, Mancini aveva deciso
che luomo estremo deve essere

lui, largentino che in questa


arena stato sbranato. La stagione (Mazzarri in panchina)
era iniziata con Handanovic in
porta: cera lo sloveno contro lo
Stjarnan, poi al ritorno (sicuro)
stato messo Carrizo. Nei Gironi, Handanovic aveva giocato in
trasferta contro il Dnipro e poi
c stato solo Carrizo che ne ha
giocate tre di fila e che, per
esempio, a Saint Etienne era
stato il migliore in campo con
una paratissima nel finale e salvando lo 0-0. Fu, quella, lultima partita con Mazzarri in panca. Mancini arriv ed esord a
San Siro con Handanovic in

1Largentino: Che sbaglio, ma nulla perso


Il tecnico verso la fiducia bis a San Siro

porta: Inter-Dnipro 2-1. E poi?


La sterzata: nella trasferta di
Baku contro il Qarabag gioca
Carrizo, a Glasgow gioca ancora largentino che ne prende 3
ma salva, a San Siro c sempre
lui e ieri sera pure. Solo che non
stata serata. No. Succede di
sbagliare scelta: stavolta capitato a me fa Carrizo a Interchannel.
HANDA GIRA NERVOSO Poi
vero che se la palla regalata per
il 2-1 solare, beh, anche vero
che nel 3-1 c anche un errore
allorigine: la punizione del 3-1
non va proprio creata (vero Vidic?) per largentino crolla
goffamente inseguendo il rimbalzo con ritardo quasi come se
la palla fosse un oggetto non
identificato. Pensavo di essere
messo male dopo aver piazzato
la barriera, ma quel tiro poi mi
ha fregato fa Juan Pablo. In
tutto questo, alla fine della gara
il capitano Andrea Ranocchia
andato a consolarlo. E lui? E
uscito tranquillo, mentre Handanovic - solitamente pacatissimo - uscito sacramentando
dalla mixed zone perch pur
senza dover parlare gli toccava
(come a tutti gli altri) fare un
giro no-sense di unarea recintata anzich prendere la scorciatoia. Magari era gi teso per
aver perso. Magari in campo,
gioved, ci va lui: anche se i buoi
sono gi sgommati via.

- SABATO 14 MARZO
CAMPIONATO MASCHILE
DIRETTA ALLE 19:30
PRO RECCO vs AN BRESCIA

FEMMINILE

MASCHILE

CAMPIONATO ITALIANO | A1PALLANUOTO

CLASSIFICA

* una partita da recuperare

DICIANNOVESIMA GIORNATA

SABATO 14 MARZO
Como
Piscina Olimpica
Napoli
Piscina Scandone
Firenze
Piscina Nannini
Monza
Piscina Pia Grande
Roma
Foro Italico
Sori
Piscina Comunale

15:00
18:00
18:00
18:00
18:00
19:30

COMO NUOTO
CARPISA YAMAMAY ACQUACHIARA
RN FLORENTIA
BPM SPORT MANAGEMENT
ROMA VIS NOVA
PRO RECCO

SABATO 14 MARZO
Firenze
Piscina Nannini

15:00

PRATO

Padova

Piscina Plebiscito

15:00

PLEBISCITO PADOVA

DESPAR MESSINA

Bogliasco

Piscina Comunale

15:00

RN BOGLIASCO

MEDITERRANEA IMPERIA

Rapallo

Piscina Comunale

15:00

RAPALLO

FIRENZE

Cosenza

Piscina Campagnano

15:00

CITT DI COSENZA

SIS ROMA

CN POSILLIPO
RN BOGLIASCO
CARISA SAVONA
SS LAZIO
CC NAPOLI
AN BRESCIA

DICIASSETTESIMA GIORNATA
ORIZZONTE CATANIA

WORLD LEAGUE | MASCHILE


MARTED 17 MARZO DIRETTA ALLE 20:00

SESTA GIORNATA
Genova

Complesso Sciorba

RIPRODUZIONE RISERVATA

20:00

ITALIA

MONTENEGRO

AN Brescia
Pro Recco
CarpisaYamamayAcquachiara
BPM Sport Management
Carisa Savona
CN Posillipo
CC Napoli
Como Nuoto
RN Bogliasco
SS Lazio
Roma Vis Nova
RN Florentia

52
51
41
38
25
23
22
19
18
16
9
4

Plebiscito Padova
Despar Messina
Mediterranea Imperia*
RN Bogliasco
Prato
Rapallo
Orizzonte Catania*
SIS Roma
Citt di Cosenza
Firenze

43
41
35
27
22
22
20
7
7
4

Croazia
Italia
Montenegro
Turchia
Francia

15
11
7
3
0

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Europa League R Andata ottavi

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LE PAGELLE di PIERFRANCESCO ARCHETTI


INTER

WOLFSBURG

MEDEL RIESCE
A RESTARE LUCIDO
HERNANES PERDE
TROPPI DUELLI
IL TECNICO
MANCINI

5
Studiata bene, la partita
diventa una tortura per i tanti
errori. Cambia tre sistemi
senza riuscire a controbattere
Hecking. Il portiere di riserva
resta una scelta discutibile, a
questo punto del torneo

IL MIGLIORE
RANOCCHIA

6,5
Lunico che resta a un livello
discreto dietro e anche il solo
a non commettere errori gravi
come tutta la sua compagnia.
Dost non ha grandi possibilit
di tiro, nonostante fosse
annunciato in grande spolvero.

CARRIZO

4
A un certo punto si pensa che
sia lui a dover salvare lInter,
ma i disastri arrivano nella
ripresa. Il passaggio errato
sul 2-1, ma pi grave la
posizione sbagliata sulla
punizione del tris.
PARATE 7 RINVII 11
PRESE ALTE 0

JUAN JESUS
Troppo spazio a
Naldo nel corner
che ha portato al
pareggio. Eppure
non era
unazione a
sorpresa. Perde
palloni anche
quando si butta
in avanti.

SANTON
A sinistra, ha di
fronte Caligiuri e
inizia con un
gran recupero.
Poi si sgonfia e
nel secondo
tempo non
ferma quasi mai
Vieirinha.

GUARIN
Sembra non
esserci
nemmeno
quando c
lInter. Figurarsi
dopo. Venti palle
perse, dodici
passaggi negativi
e dei tiretti
fiacchi.

CONTRASTI 5
CROSS 1
PASSAGGI 27

CONTRASTI 1
LANCI 3
PASSAGGI 43

CONTRASTI 2
CROSS 1
PASSAGGI 34

TIRI 2
RECUPERI 5
PASSAGGI 26

5,5

MEDEL
Non perde la
testa, arriva a
quota dodici tra
contrasti vinti e
recuperi. Fa
circolare spesso
il Wolfsburg
lontano dal
centro del ring.

HERNANES
La sua uscita
sull1-1 porta
al cambio di
sistema
contestato, per
ci sta. Va in
affanno da
subito, perde
troppi duelli con
Guilavogui.

SHAQIRI
E la sorpresa
dellinizio e va
detto che tiene
indietro i verdi a
destra. Poi per
si nasconde
troppo e
riappare solo nel
finale: tardi e
deve uscire.

ICARDI
Il passaggio a
Palacio per
lunica rete resta
la scena
migliore.
Galleggia senza
portare troppa
pressione o
sfruttare un tap
in nel recupero.

TIRI 0
RECUPERI 4
PASSAGGI 56

TIRI 1
RECUPERI 6
PASSAGGI 23

TIRI 0
DRIBBLING 3
SPONDE 0

TIRI 1
DRIBBLING 0
SPONDE 0

CONTRASTI 0 LANCI 3
PASSAGGI 40

IL PEGGIORE

DAMBROSIO
Partenza
assatanata,
costringe anche
Schrrle al
retropassaggio
che fa nascere la
rete nerazzurra.
Poi perde troppo
terreno come
tutti gli altri.

s.v.

s.v.

PALACIO
Quattro gol nelle
ultime cinque
partite, tutto
compreso. Bravo
nell1-0, da
criticare quando
invece fallisce da
buona posizione
nella ripresa.

VIDIC
Dentro per
irrobustire la
difesa, commette
due errori nella
stessa azione:
perde palla e poi
il fallo che porta
al 3-1 e viene
ammonito.

KUZMANOVIC
Lopzione della
disperazione,
insieme a
Kovacic, per
rimodellare di
nuovo il
centrocampo e
tentare la
rimonta. Non
pu far molto.

KOVACIC
Pure lui vede il
campo quando
quasi finita:
trequartista
senza che possa
lasciare grandi
tracce.

TIRI 2
DRIBBLING 3
SPONDE 0

CONTRASTI 0
LANCI 0
PASSAGGI 13

TIRI 0
RECUPERI 0
PASSAGGI 14

TIRI 0
RECUPERI 1
PASSAGGI 9

MARCINIAK Quattro cartellini gialli corretti, lassistente Sokolnicki per lo tradisce sbandierando un
fuorigioco inesistente a Icardi lanciato verso la porta.

LALLENATORE DELLINTER

MANCINI, DIFENDE IL PORTIERE


NOI AVEVAMO LA PALLA
NON IL CORAGGIO DI GIOCARLA
INVIATO A WOLFSBURG (GERMANIA)
Twitter @LucaTaidelli

ome ne Il giorno della


marmotta, con Bill Murray che si sveglia ogni
mattina nello stesso giorno. Cos Roberto Mancini dopo ogni
partita dellInter si ritrova puntualmente a dar fondo alle riserve di pazienza per commentare
i blackout di una squadra che
sembra avere paura di diventa-

GUILAVOGUI
SBAGLIA POCO
CALIGIURI, CORSA
E SUPERIORIT
IL TECNICO
HECKING

7
Capisce dove poter fare male
allInter, dopo lavvio incerto, e
ridisegna il Wolfsburg nella
ripresa mettendo pi energia
sulle fasce. Con Vieirinha pi
avanti e Schrrle fuori i suoi
prendono il sopravvento.

IL MIGLIORE
DE BRUYNE

7
Ha apparecchiato 39 palle gol
in questo torneo, aggiunge il
corner del pareggio e poi va in
assolo, con le due reti che
stendono lInter. Potrebbe
chiudere la qualificazione, ma
manca il 4-1 nel recupero.
TIRI 4 RECUPERI 6
PASSAGGI 55

IL PEGGIORE
SCHRRLE

5
Ha la scusa di essere arrivato
da poco, ma ancora una volta
viene sostituito. Il campione del
mondo non ancora entrato
nei meccanismi dei verdi,
nonostante cambi spesso
postazione tra fascia e centro.
TIRI 2 DRIBBLING 0
SPONDE 0

SOKOLNICKI 5
LISTKIEWIC 6

che il Wolfsburg sugli esterni


molto forte.

fAREA TECNICA

Luca Taidelli

re grande. Aggrappata ai propri


errori come un bimbo a un ciuccio. La novit per che stavolta sul banco degli imputati finisce anche il tecnico, che ha insistito sul portiere di riserva e che
con lingresso di Vidic per Hernanes ha trasmesso il messaggio sbagliato: difendiamo l1-1.
Uneresia, visto il credo del
Mancio.
PERCH A TRE Ma ancor prima
dei due regali nel secondo tempo, dovevamo evitare di abbas-

sarci troppo nel primo - attacca


lanalisi un Mancio che non
muove un muscolo facciale -.
Eravamo partiti bene e avremmo dovuto segnare anche il 2-0,
poi invece abbiamo lasciato
campo allavversario e regalato
un gol, perch uno non pu colpire cos libero al centro dellarea. Vero che poi ci hanno
schiacciato ancora di pi nella
ripresa, quando sono passato alla difesa a tre. Mossa che ritenevo indispensabile per dare maggiore copertura ai terzini, visto

VIDIC, NON CARRIZO Quando il mirino va poi su Carrizo,


Mancio piazza un dribbling
dei suoi e, senza nominarlo,
attacca Vidic: Carrizo ha fatto interventi importanti, un
bravo portiere e in Coppa ha
sempre giocato lui. Per labbiamo messo in difficolt con
troppi retropassaggi. I difensori devono avere il coraggio
di giocare il pallone. Pablo
avr anche fatto due errori,
ma sul 2-1 non dovevamo costringerlo a giocare il pallone
con i piedi (retropassaggio di
Vidic, appunto, ndr.) e sul 3-1
avevamo palla noi ma labbiamo data allavversario (Vidic, ndr.), per poi commettere il fallo (Vidic, ndr.) da cui
nata la punizione. Avevamo
la palla noi, non si pu sempre buttarla a caz... Abbiamo
fatto 3 regali e non lo accetto. Inutile dunque cercare di
tornare sulla scelta di rinunciare a Handanovic. Se nel
ritorno giocher ancora Carrizo?. Mancio non risponde
ma fa un sorriso contratto
che sa tanto di ormai non
posso pi tirarmi indietro...
IL VERO PROBLEMA MancioMurray a caldo sembra scoraggiato, parla quasi come un
ventriloquo ma non vuole
(n potrebbe) alzare bandiera bianca: Loro sono unottima squadra. Se vogliamo
qualificarci non dobbiamo ripetere lerrore di non sfruttare le occasioni e di chiuderci
troppo.Gli errori continueranno a esserci, questo normale, ma abbiamo la speranza di commetterne sempre di
meno. A San Siro sar diversa, non finita, ci proveremo
in ogni modo. Sono convinto
che i gol possiamo farli. Il vero problema sar non prenderli. Avessi detto poco...
RIPRODUZIONE RISERVATA

BENAGLIO 6 Il portiere della nazionale


svizzera non deve troppo impegnarsi: un
solo tiro parato. Pi che altro servono
alcune prese alte sicure sui corner del
finale. Non troppo pulito linizio dazione
che porta al vantaggio interista.
VIEIRINHA 7 Nel primo tempo non
nel suo ruolo naturale, poi si vede la sua
vera natura di esterno offensivo e
diventa il padrone del binario destro. Va
sette volte al cross e in un paio di scene
impegna il portiere interista. (Perisic
s.v.).
NALDO 6 Il lungo brasiliano arriva alla
rete senza opposizione. Va in difficolt
sul breve e deve fermare Shaqiri con un
fallo che gli coster la squalifica al
ritorno.
KNOCHE 6 Dimostra alcune debolezze,
non viene attaccato abbastanza per
denudarlo del tutto.
RODRIGUEZ 6 Avvio difficile contro
lamico Shaqiri, poi entra in partita e
inizia a crossare. Otto lanci positivi, il
massimo per i suoi, ma pi
determinante risulta una diagonale su
Hernanes quando il Wolfsburg era
ancora in svantaggio.
GUILAVOGUI 7 Meno celebrato del
compagno di reparto, il centrale di
origine africana invece pi concreto e
meno falloso di Luiz Gustavo: solo sei
passaggi sbagliati su 68. Quando sente
la fatica, nel finale, cresce il suo gemello
brasiliano.
LUIZ GUSTAVO 6 Lex Bayern di solito
ha il cartellino facile, stavolta riesce a
contenersi ma spesso non ha in mano il
centrocampo. Undici palle perse
testimoniano le difficolt, ma si fa
sentire quando gli altri sono stanchi.
CALIGIURI 7 Italiano di sangue
paterno, pure milanista, forse poco
determinato in zona gol. Ma grandi
corse e superiorit costante, pur
cambiando settore dopo la prima parte
a destra.
DOST 5 Con Schrrle laltra delusione
della serata dei lupi, non riesce a
mettere il piedone sui servizi in area.
Cambiato.
BENDTNER 6 Venti minuti al posto del
centravanti olandese, qualche raccordo
e unoccasione creata.
TRASCH 6 Dentro nella ripresa al posto
di Schrrle per mandare pi avanti
Vieirinha. Mossa riuscita, anche se balla
una volta su Palacio.

HANNO DETTO

COMMETTIAMO
ANCORA TROPPE
INGENUIT.
MA TUTTO APERTO
E NOI CI CREDIAMO
ANDREA RANOCCHIA
DIFENSORE DELLINTER

ASSENZA
DI PERSONALIT?
NE ABBIAMO,
PER ORA CI SERVE
LA GARA PERFETTA
DAVIDE SANTON
DIFENSORE DELLINTER

NON POSSIBILE
CONCEDERE
COS TANTO,
DOBBIAMO IMPARARE
DA CERTI ERRORI
XHERDAN SHAQIRI
ATTACCANTE DELLINTER

RACZKOWSKI 6
MUSIAL 6

fAREA TECNICA

LALLENATORE DEL WOLFSBURG

HECKING GI
A SAN SIRO:
NON SIAMO
PROPRIO MALE
GIOCANDO IN
CONTROPIEDE
INVIATO A WOLFSBURG (GER)

irei che la situazione molto buona, e


guardando gi la
gara di ritorno mi viene da dire
che noi in contropiede non siamo affatto male.... Questa
volta la faccia dello squalo ce
lha Dieter Hecking: il suo Wolfsburg ha mezza qualificazione
in tasca e lui un sorriso a trequarti. Complimenti alla mia
squadra, anche se nel primo
tempo non siamo andati benissimo, soprattutto allinizio.
Poi, nella ripresa, siamo riusciti a trovare il giusto ritmo e a
metterli in difficolt soprattutto col gioco sugli esterni.
ALI DETERMINANTI La mossa
decisiva - oltre agli errori decisivissimi dellInter - stata
quella di spostare Vieirinha alto a destra dopo avergli fatto
passare un tempo da laterale
difensivo della difesa a quattro. Se devo trovare un nostro
difetto - racconta il tecnico del
Wolfsburg -, dico che abbiamo
perso troppi palloni banalmente. Per, poi, siamo riusciti a

prendere in mano la partita e a


lavorare soprattutto sugli
esterni, a sfruttare le ali. Migliorando, fino a riuscire a
chiudere in crescendo.
MERITATA La Bild on-line titola Inter sconfitta da un De
Bruyne in serata di Gala,
mentre Daniel Caligiuri chiarissimo. Abbiamo meritato la
vittoria - dice lattaccante di
origini italiane da parte paterna -: lInter una grande squadra ma noi siamo sempre stati
sicuri delle nostre possibilit e
alla fine labbiamo vinta dando
un bel segnale per il ritorno. E
per la gara di San Siro non ci
sar il difensore centrale (e autore dell1-1 momentaneo)
Naldo. Ma lo scatenato De
Bruyne s. Una grande sorpresa vederlo cos decisivo nel secondo tempo - continua Hecking -. Nellintervallo gli ho
detto di stare tranquillo. Il lavoro da fare al ritorno sar importante, ma noi siamo bravi in
contropiede e dovremo aspettare il momento giusto per colpire.
m.d.v.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Europa League R Andata ottavi

WOLFSBURG

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

INTER

34
31
1

146 136

ANGOLI

MEDIO 53,7 metri

BARICENTRO

4
POSSESSO PALLA

22
23

25

14

17

56,3%

10 9

TIRI NELLO
SPECCHIO

33

PALLE
RECUPERATE

PALLE
PERSE

FALLI
COMMESSI

91
13
9

43,7%

BARICENTRO MOLTO BASSO 44,6 metri

473
PASSAGGI RIUSCITI

10

12 7

PASSAGGI EFFETTUATI

601

49 53

85,4%

80,5%

18

88
8

21

23

30

INFOGRAFICA GDS-DATI OPTA

fLA PARTITA AI RAGGI X

Dallinsistere a sinistra, con oltre la met dei


palloni giocati su quel fronte, la squadra di
Mancini ha deciso di provare anche al centro. E
ome fare a tenere Davide Santon, Herna- cos le cifre si sono equilibrate: 39,4% a sinistra,
nes e Rodrigo Palacio lontani da casa pro- 38,5% al centro. Sar anche per un certo calo
pria? Alzando Vieirinha, facendolo uscire fisico degli esterni che hanno spinto nella prima
dal vestito stretto del terzino destro e conceden- fase, fatto sta che la bilancia nerazzurra ha inidogli un abito lungo da sera. La coda del quale ziato a stare in equilibrio senza pi pendere sulfinisce ben oltre la met campo del Wolfsburg, la parte sinistra. Sugli esterni lInter ha sofferto
sgorgando in quella interista. anche cos che sia nelle soluzioni di movimento, sia da calci
la superiorit tedesca sulla fascia destra si svi- dangolo. Alla fine il Wolfsburg ha avuto a diluppata nel corso della ripresa. Non c solo la sposizione 27 cross tra palle in movimento e
percezione visiva a testimoniarlo, ma anche corner, lInter 16. Una netta differenza che souna visione statistica che offrono i dati Opta.
stiene la teoria delle difficolt riscontrate dalla
squadra di Mancini sugli esterni.
DESTRA VINCENTE Tra il primo e
Santon, per esempio, ha crossato
IL NUMERO
il secondo tempo il Wolfsburg ha
soltanto una volta in tutta la parmantenuto equilibrata la distritita, Vieirinha 7, nettamente il mibuzione del gioco offensivo: circa
gliore in questa specialit (dalla met (il 49,7% nei primi 45 e il
tronde ne ha confezionati un ter48,6% nei secondi 45) arrivata
zo da solo di cross in movimento).
da destra. Su quel lato la squadra
Il problema in casa nerazzurra
di Dieter Hecking ha avuto Daniel I cross complessivi
stato evidente. DAmbrosio riuCaligiuri e Vieirinha. Ma stato del Wolfsburg tra
scito solo una volta a crossare,
soprattutto il portoghese quello
proprio come Santon, solo Guaazioni
e
corner.
che ha costretto lInter a rivedere i
rin con 4 ha tenuto una media pi
suoi piani. I dati Opta infatti mo- I nerazzurri si sono
vicina al portoghese.
strano un chiaro cambio di rotta fermati a quota 16
in fase offensiva. La squadra di
ESTERNI TREMENDI Ma il colomRoberto Mancini, nella prima frazione, ha at- biano non era un esterno, agiva da interno di
taccato per il 51,8% a sinistra, ovvero contro centrocampo e non aveva certo il compito di anVieirinha che era inchiodato allaltezza della di- dare a procacciarsi il fondo o di allargarsi tropfesa. Santon spingeva, Hernanes portava palla e po. Insomma, gli esterni tanto reclamizzati del
Palacio andava a punzecchiarlo. El Trenza ha Wolfsburg hanno fatto male. Che sia a destra o
anche provato alcune soluzioni personali, pro- a sinistra, i tedeschi hanno sfondato: 14 cross
vando a intestardirsi in qualche dribbling di tra Vieirinha, Trasch, Rodriguez e Caligiuri. E
troppo che alla fine lo ha portato a una percen- nel computo non entrano i 5 di De Bruyne che
tuale di successo sotto la sufficienza (43%, 4 ha girato per il campo alla ricerca della posiziosbagliati e 3 riusciti).
ne migliore, dalla quale pungere di pi. A furia
di girarsi per vedere dove andavano, a qualche
VIEIRINHA E SANTON Detto questo, nella ripre- interista sar venuta anche una certa emicrasa, complice anche lavanzamento di Vieirinha, nia...
RIPRODUZIONE RISERVATA
lInter ha cambiato la distribuzione del gioco.

Matteo Brega

Basta il solo Vieirinha C


a far cambiare idea
alla sinistra radicale
1LInter spinge di pi da quella parte nel primo tempo (51,8%)

Quando il portoghese si alza (7 cross alla fine), sposta gli equilibri


LA DISTRIBUZIONE DEGLI ATTACCHI IN PERCENTUALE

24,3%

26,0%

49,7%

34,1%

17,3%

39,4%

38,5%

48,6%

INTER

51,8%

23,5%

24,7%

SECONDO TEMPO

PRIMO TEMPO

WOLFSBURG

22,1%
INFOGRAFICA GDS-DATI OPTA

27

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Europa League R Andata ottavi

Senza Pizarro
Viola appassita
Cos la Roma
pu rifiorire

IL GOL DELL1-1
Il gol di Seydou Keita, 35 anni,
che ha dato alla Roma il pareggio
al Franchi: per il maliano, prima
rete in Europa League GETTY IMAGES

1Avanti con Ilicic, al 44 la Fiorentina perde

il cileno e i giallorossi, dopo un rigore di Ljajic


parato da Neto, la riprendono con Keita
FIORENTINA

ROMA

1
1

PRIMO TEMPO 1-0


MARCATORI Ilicic (F) al 17 p.t.;
Keita (R) al 32 s.t.
FIORENTINA (3-5-2)
Neto; Tomovic, Go.Rodriguez,
Basanta; Joaquin, Badelj, Pizarro
(dal 46 p.t. M. Fernandez), B.Valero
(dal 27 s.t. Aquilani), Alonso; Ilicic
(dal 36 s.t. Babacar), Salah.
PANCHINA Lezzerini, Richards,
Vargas, Pasqual.
ALLENATORE Montella.
CAMBI DI SISTEMA nessuno.
BARICENTRO Medio 52,2 metri
ESPULSI nessuno.
AMMONITI Pizarro e Ilicic per
comp. non regolamentare; Alonso,
Neto e Badelj per gioco scorretto.
ROMA (4-3-3)
Skorupski; Torosidis, Manolas (dal
26 p.t. Astori), Yanga-Mbiwa,
Holebas; Keita, De Rossi (dal 23 p.t.
Pjanic), Nainggolan; Florenzi, Ljajic
(dal 30 s.t. Gervinho), Iturbe
PANCHINA De Sanctis, Cole, Verde,
Doumbia.
ALLENATORE Garcia.
BARICENTRO Molto basso 46,8 m.
CAMBI DI SISTEMA dall8 p.t. 4-23-1; dall11 p.t 4-3-1-2.; dal 30 s.t. 43-3.
ESPULSI nessuno
AMMONITI Nainggolan per gioco
scorretto.

PRIMO TEMPO
2 De Rossi ci prova Punizione e colpo di testa di De Rossi, che non
riesce a centrare la porta di Neto.
13 Provvidenziale Manolas Borja Valero al volo, Manolas si sacrifica
e respinge il tiro, evitando un potenziale pericolo per Neto.
17 Ilicic, che destro! Errore di De Rossi, contropiede del velocissimo
Salah sulla sinistra, palla perfetta per il mancino Ilicic che, con un gran
destro, batte Skorupski sul suo palo.
42 Si sveglia la Roma Bello spunto di Ljajic che supera tre avversari,
palla per Nainggolan, gran tiro: fuori.

Fabio Licari

43 Brivido Florenzi Grande occasione per Florenzi si porta avanti col


tacco, tira, bravo Neto a respingere. Rirende Ljajic che manda alto.

SECONDO TEMPO
6 Ancora Ljajic Dribbling di Ljajic che salta Tomovic e mette in
mezzo , Neto blocca
15 Bravo Neto Contestato rigore per la Roma: Neto, che laveva
provocato, intuisce langolo e nega il gol a Ljajic.
18 Finezza di Borja Bello stop di Borja Valero che appoggia per
Ilicic. La palla finisce direttamente sul fondo, alla sinistra di
Skorupski.
32 Ecco il pari Angolo dalla destra di Florenzi, perfetto stacco di
testa di Keita. Il gesto tecnico del giallorosso notevole, ma
Alonso protesta per una spinta.
37 Si rivede Iturbe Contropiede di Iturbe che si porta il pallone
sul sinistro e calcia da fuori area. Palla alta sopra la traversa.

ARBITRO Lahoz (Spa)


NOTE paganti 23.557, incasso euro
701.627. Angoli 6-4. In fuorigioco 22. Rec. p.t. 2, s.t. 3

Il contatto Neto-Iturbe che larbitro giudica da rigore LAPRESSE

INVIATO A FIRENZE

otto no, ma qualcosina


s incrinato nel meccanismo della Fiorentina:
si pu dire che lo 0-4 con la Lazio non era stato un caso, ma
un avvertimento. Qui bastata
luscita di Pizarro in una
squadra-orchestra nella quale i
protagonisti di solito sono intercambiabili per svoltare negativamente e cedere gioco,
occasioni e gol a una Roma imbarazzante per oltre mezzora.
Come nei filmacci in cui il cattivo ha la pistola puntata sul nemico ma comincia a parlare,
parlare, parlare finch non si fa
disarmare. Alla fine l1-1 giusto: addirittura per i giallorossi
c un rigore contestato e sbagliato da Ljajic (ma si potrebbe
dire anche parato da Neto,
sempre pi bravo e decisivo). E
a proposito di mosse-partita:
luscita di De Rossi laltra
chiave, decisiva questa, per la
Roma, che cos pu affidarsi alla regia di Keita senza avere
due play a pestarsi i piedi, reagendo meglio al possesso e al
movimento viola. Un pari che
lascia intatte le percentuali di
qualificazione, anche perch
allOlimpico la Roma da tempo
non combina niente di buono.
Certo che la caduta di gioco

della Fiorentina, dopo mezzora incantevole, qualche dubbio


lo lascia.
ILLUSIONE VIOLA E lo lascia
perch non pu bastare il k.o.
del cileno, poco prima della
pausa, per giustificare il pessimo secondo tempo. Memore
del successo nei quarti di Coppa Italia, con un 3-5-2 che aveva schiantato i giallorossi,
Montella abbandona la difesa

RQualcosa si

inceppato nel
gioco dei viola.
La Roma male per
30, poi si riprende

a 4 e simpadronisce del centrocampo. Non si pensi che sia


solo tattica: no, sono il gran
movimento dei protagonisti,
lassenza di punti di riferimento e poi la velocit in attacco a
impressionare. Ma il tecnico
centra, quando vedi il modo in
cui la Roma messa al tappeto:
mentre Garcia non sa cosa fare, la Fiorentina ha gi piazzato una linea mobilissima (Joaquin, Ilicic, Valero e Alonso)
dietro Salah che rientra oppure galleggia aspettando che un
trequartista affondi.

SOLTANTO DUE TIRI I pericoli


arrivano soprattutto dalla fascia destra dove lasse Ilicic-Joaquin, con la partecipazione
speciale di Valero (che interpreta il ruolo di mezzala-trequartista come nessuno), fanno sfracelli. E poi c anche un
secondo copione tattico, ancora pi produttivo perch ne
scaturisce l1-0: chiudersi, approfittare degli inciampi della
Roma, e ripartire nelle praterie
con Salah e Ilicic. C per un
problema: la Fiorentina fatica
a segnare, anzi a trovare la porta. Alla fine i tiri su Skorupski
saranno soltanto due: il gol di
Ilicic, su azione di Salah innescato dallerroraccio di De Rossi; e un tiro da fuori di Badelj.
Insomma, la gran manovra,
bella da vedersi, avrebbe avuto
bisogno di Gomez, o Babacar, o
al limite Gilardino.
SVOLTA DE ROSSI Questo problema d una bella mano alla
Roma che era invece nelle condizioni ideali per ricevere il
colpo del k.o.: intanto Garcia,
confuso di suo, parte col 4-3-3,
all8 passa al 4-2-3-1 per mettere Nainggolan su Pizarro ma
impoverendo di pi la difesa, e
all11 si trasforma in 4-3-1-2,
modulo pi logico ma che costringe Ljajic, una punta, a
sfiancarsi in marcatura sul cileno. Che senso ha tutto ci? Poi:

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA MOVIOLA
di GUGLIELMO
LONGHI

NETO TOCCA
LA GAMBA:
RIGORE OK
Primo tempo tranquillo, lo
spagnolo Lahoz ha pochi
problemi. Dopo la mezzora
arrivano i cartellini gialli:
giuste le ammonizioni per
gioco scorretto a
Nainggolan e ad Alonso.
Rischia Tomovic per un
intervento da dietro ai danni
di Iturbe, ma larbitro lascia
correre. Al 42 la Roma va
vicina al pareggio, ma
lazione andrebbe fermata
perch Florenzi riceve il
pallone in posizione di
fuorigioco prima del tiro.
Molto contestato dai viola il
rigore sbagliato dalla Roma,
ma Neto tocca prima la
gamba di Iturbe e poi il
pallone. La Fiorentina
protesta anche per un
fuorigioco di Lajic, allinizio
dellazione: il giallorosso
per in posizione regolare.
Sul gol di Keita, altre
proteste per una spinta del
giallorosso su Alonso che lo
marcava.

le condizioni preoccupanti di
De Rossi, autore di due errori
che consegnano i contropiede
alla Fiorentina. Infine dopo 26
luscita per infortunio dello
stesso De Rossi e Manolas.
Pronti per il massacro? Invece
no: la Roma si compatta su Keita, Pjanic aggiusta le geometrie e, poco dopo, esce Pizarro.
Con la conseguenza che la Fiorentina non si ritrova pi, Badelj play non la stessa cosa, e
per poco la Roma non vince.
Spreca il primo pari con il rigore di Ljajic, poi lo aggancia su
angolo di Florenzi e colpo di testa di Keita, i due migliori, proprio come con la Juve.
SEMPRE IN EUROPA Segna
sempre la Fiorentina, 13 volte
nelle ultime 14 partite di coppa, ma continua a non vincere
nei derby: questo il terzo pari, con due sconfitte. E anche la
Roma conferma i suoi recenti
indicatori: in Europa ha sempre subito gol nelle ultime 21
partite (42 centri), ed allundicesimo pari nelle ultime 17
gare post-City. Di pi: sembra
dimenticarsi del centro-sinistra dove lascia solo lHolebas
di turno, rischiando tantissimo. Una Fiorentina al massimo
avrebbe continuato nellaggressione e stravinto, questa
pu temere leliminazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LE ALTRE SFIDE
Un super Siviglia
vince a Vila-Real:
Vitolo da record

Nelle altre quattro partite dellandata


degli ottavi dellEuropa League senza
italiane, il campo centrale era
sicuramente lo stadio Mardigal di VilaReal, dove andato in scena il derby
spagnolo tra Villarreal e Siviglia.
Grande vittoria esterna del campioni
uscenti della manifestazione, che ha
portato anche un record per la
manifestazione. il gol del vantaggio
segnato da Vitolo entra nella storia
dellEuropa League come la rete pi
veloce: dopo 13 secondi e 21 centesimi.
Vitolo non riuscito per a far meglio
del record di Champions, detenuto da
Roy Makaay, che nel 2006-07 segn
dopo 10 secondi e 12 centesimi in
Bayern-Real Madrid, ritorno degli
ottavi di finale.

fIL PERSONAGGIO

IL NUOVO FARO

A un passo dallabisso
riecco ancora Keita
lui lultimo senatore
1Come contro la Juve, la Roma si salva con un gol del maliano:

Possiamo qualificarci, dobbiamo sbloccarci psicologicamente

INVIATO A FIRENZE

er chi fosse ammalato


solo di calcio, persino
la scenografia ricorda
che poche centinaia di metri
in linea daria c il Bello che
strizza locchio al mondo.
Cos la Curva Fiesole espone
di fila il Perseo di Cellini, il
David di Michelangelo, Palazzo Vecchio e il Duomo, come a dire: noi siamo questo,
e voi ragazzi in campo? Certo, lo spettacolo offerto da
Fiorentina e Roma non allaltezza di cotanto senno,
ma forse visto lo stato del

EVERTON-DINAMO KIEV 2-1


Marcatori Gusev 14 (DK), Naismith (E)
al 39 p.t.; Lukaku (E) su rigore al 37 s.t.
VILLARREAL-SIVIGLIA 1-3
Marcatori Vitolo (S) al 1, Mbia (S) al
26 p.t.; Vietto (V) al 3, Gameiro (S) al
5 s.t.

LULTIMO SENATORE Il momento clou, ovviamente, c stato


quando si ritrovano faccia a faccia Neto e Adem Ljajic. un rigore avvelenato quello che lattaccante serbo calcia; il portiere
brasiliano infatti ha giocato per
due stagioni e mezzo in viola
con Ljajic e quindi conoscendo il rivale riesce a parare bene, esorcizzando il fantasma del
gol dellex che gi aleggia sul
Franchi. Boato. Roma finita, Ro-

ma alle corde. Dove sono i senatori? Totti a casa infortunato, De


Rossi uscito nel primo tempo dopo aver involontariamente spianato la strada al vantaggio viola.
Quando Garcia si guarda intorno scopre che a non avere ancora abbassato lo sguardo resta solo lui, Seydou Keita. Al 32, su
angolo di Florenzi, si alza di testa e la mette dentro. la rete
del pari, quella della resurrezione. E allora, in un marzo calcisticamente impazzito sul fronte
giallorosso, lex del Barcellona si
cuce addosso letichetta dellUomo della Speranza. Il 2 marzo in
fondo, in un Olimpico che sembrava diventato terra di conquista juventina dopo la punizione

LA SUA PARTITA
AI RAGGI X
TOCCHI PER ZONA
Il colore pi intenso nelle zone in cui
ci sono stati pi tocchi di palla
ATTACCO

1
2

1
1

PASSAGGI

OCCASIONI CREATE
1

72

PALLONI GIOCATI

LANCI POSITIVI
5

PALLE RECUPERATE
6

PALLE PERSE
MINUTI GIOCATI
11

56

FALLI
3
FATTI

90

SUBITI

BRUGES-BESIKTAS 2-1
Marcatori Gkhan Tre (Be) al 1,
De Sutter (Br) al 17, Refaelov (Br) su
rigore al 34 s.t.
DNIPRO-AJAX 1-0
Marcatore Zozulya al 30 p.t.

calcio italiano pare persino


difficile pretendere di meglio.
Eppure le emozioni non mancano, soprattutto in un secondo
tempo dai risvolti psicologici
non banali.

Massimo Cecchini

49
IL GOL

NEGATIVI 7

DA DOVE A TIRATO

GOL

FUORI
RI

di Tevez, era stata proprio la premiata ditta Florenzi (che calcia)


e Keita (che colpisce di testa) ad
agguantare la Vecchia Signora.
E stavolta come allora Keita finisce la gara sotto la curva giallorossa alzando i pugni al cielo,
come a dire: io ci sono.
RINNOVO E RAZZISMO Con
queste premesse, nessuna sorpresa che James Pallotta, pronto
a festeggiare oggi il suo 57 compleanno finalmente con un mezzo sorriso, aspetta solo che
Seydou luomo dei 16 trofei
veri vinti dia il via libera per
lannuncio che Garcia sta aspettando, ovvero il rinnovo fino al
2016. Io a Roma sto bene, ha
detto pochi giorni fa. A Firenze
di sicuro meno, visto che alluscita secondo alcuni giallorossi bersaglio di insulti piovuti dalla Fiesole. Mi sono beccato con alcuni tifosi viola che
avevano rivolto frasi razziste a
Keita, racconta Nainggolan. Se
cos fosse, la vergogna tingerebbe i titoli di coda di una sfida che
non merita di andare in archivio
anche con questi racconti. Pi
dolce pensare allora allappuntamento tra sette giorni, quando
non si potr pi sbagliare. Il gol
importante, perch mantiene
viva la qualificazione. Dobbiamo giocare con lintensit della
ripresa. La squadra ha bisogno
solo di sbloccarsi psicologicamente. LUltimo Senatore, ne
siamo certi, sta gi preparando
lorazione vincente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

10

Europa League R Andata ottavi

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LE PAGELLE di ALEX FROSIO


FIORENTINA

ROMA

6,5

CONFERMA NETO
ILICIC ATTIVO
SALAH ALTRUISTA
MATI DELUDENTE
IL TECNICO
MONTELLA

6,5
Si affida al 3-5-2 con cui aveva
gi incartato la Roma in Coppa
Italia. Senza un vero
centravanti, sfrutta palleggio e
spazi, e il progetto regge finch
Pizarro riesce a far girare la
squadra e Borja ha polmoni.

IL MIGLIORE
BORJA VALERO

7
Addetto alla cucitura e agli
inserimenti senza palla,
perfetto nel dialogo stretto e
poi quando allunga la squadra
alle spalle della difesa della
Roma. Si muove tra le linee,
non d punti di riferimento.

MATI
FERNANDEZ

Entra al posto di Pizarro e non


si ricorda una giocata che sia
una. Prima di lui, il
centrocampo viola
comandava. Con lui perde il
controllo. N contribuisce a
rinforzare gli argini.
TIRI 0 RECUPERI 4
PASSAGGI 18

TOMOVIC
Ruvido, pure
troppo, per
contenere le
fughe e i guizzi di
Iturbe. Bravo
invece quando
ferma Ljajic in
area. Con i
minuti tende a
perdere lucidit.

G. RODRIGUEZ
Gioca quasi da
libero vecchio
stampo, si
stacca per
andare a coprire
gli scatti di
Iturbe e Florenzi.
E ha anche un
buon piede per il
lancio lungo.

BASANTA
E dalla sua parte
che la Roma
insiste di pi. E a
lui che Gonzalo
deve dare pi
copertura. In
seria difficolt
quando la Roma
attacca lo spazio
alle sue spalle.

PARATE 3
RINVII 7
PRESE ALTE 1

CONTRASTI 0
CROSS 1
PASSAGGI 25

CONTRASTI 0
LANCI 7
PASSAGGI 28

CONTRASTI 1
LANCI 3
PASSAGGI 33

6,5

5,5

JOAQUIN
Unala dei bei
tempi: si piazza a
schiacciare la
linea laterale e
poi, palla al piede,
punta, prende il
fondo, crossa
alto e basso. Si
sacrifica in
copertura.

BADELJ
Nel centrocampo
di palleggiatori
il pi essenziale.
Nella ripresa
fatica a
contenere la
qualit
romanista. Ma ci
prova da fuori e
sfiora il 2-1.

PIZARRO
La sua
importanza si
percepisce
ancora di pi
quando esce per
infortunio. Senza
i suoi ritmi la
Fiorentina
praticamente
smette di girare.

ALONSO
Fa match pari
con Torosidis:
aggiunge un
paio di discese in
pi, condite da
tiri poco precisi.
Va gi con
troppa facilit su
spintina di
Keita, che fa l1-1.

CONTRASTI 1
CROSS 5
PASSAGGI 20

TIRI 2
RECUPERI 12
PASSAGGI 41

TIRI 1
RECUPERI 6
PASSAGGI 16

TIRI 1
SPONDE 0
DRIBBLING 1

6,5

5,5

s.v.

ILICIC
Inizia con un
movimento
perfetto nello
spazio, concluso
dal tiro di destro:
cio il piede
meno buono.
Segno che la
serata gira per il
verso giusto.

SALAH
Va a tuttaltra
velocit e in pi sa
giocare a calcio,
non egoista:
perfetta la palla
per il gol di Ilicic,
poi sponde
intelligenti.
Sparisce un po
nella ripresa.

AQUILANI
Entra e la prima
giocata un
colpo di tacco
sulla propria
trequarti che
avvia una
ripartenza della
Roma. Non un
buonissimo
impatto...

BABACAR
Pochi minuti in
campo, quando
entra lui la
Fiorentina ormai
si persa.

TIRI 3
SPONDE 6
DRIBBLING 1

TIRI 0
SPONDE 5
DRIBBLING 0

TIRI 0
RECUPERI 0
PASSAGGI 4

TIRI 0
SPONDE 0
DRIBBLING 0

6,5

6,5

FURIA FLORENZI
PJANIC ILLUMINA
NAINGGOLAN OK
MALE HOLEBAS
IL TECNICO
GARCIA

6
Due cambi di sistema nei primi
12, poi due sostituzioni
obbligate. Ma la Roma ci
guadagna: con un Pjanic in pi
si ritrovano geometrie, nella
ripresa s vista una squadra.
E stavolta il pari da benedire.

IL MIGLIORE
KEITA

7
Lesperienza di certe notti
europee fa sempre la
differenza. Uscito De Rossi, si
piazza in mezzo a dirigere
traffico e tempi, mette vocione
e fisico, soprattutto colpisce in
area per un gol pesantissimo.

DE ROSSI

4
Dispiace per Daniele, pure
capitano per lassenza di Totti,
ma lui a sbagliare il
disimpegno che avvia l1-0.
Sbaglia, poi chiude su Joaquin
e si fa male. Senza di lui, la
Roma migliora.
TIRI 0 RECUPERI 0
PASSAGGI 14

LALLENATORE DELLA FIORENTINA

MONTELLA
BISOGNAVA
ESSERE PI CINICI
MA PASSEREMO
Giovanni Sardelli
FIRENZE

a Fiorentina dura un tempo. In questo periodo lintensit va centellinata e la


viola concentra la benzina rimasta nel serbatoio nei primi
45. Montella, che poco pi di
un mese fa era riuscito per la
prima volta a battere la Roma
da allenatore, sfiora il bis: ma
deve accontentarsi di un pari.
Dispiace soprattutto aver subto gol in casa spiega , la

Roma ha avuto un paio di occasioni ed una lha sfruttata. Per


questo sono stati bravi. Nei primi 35 meritavamo di fare pi
gol, dovevamo essere cinici.
RAMMARICO Montella infastidito. Dal gol preso, certo. Ma
anche da una direzione di gara
che gli piaciuta proprio poco.
Qualche episodio non andato
gi, in generale per stata la
gestione che non stata gradita. Dico solo che in Italia ci lamentiamo molto dei nostri arbitri e poi ci accorgiamo che

anche in Europa si sbaglia,


eccome. Quindi teniamoci
stretti i nostri. Il rigore? Non
mi va di parlarne. In generale preferisco tenermi i nostri
arbitri e non dire ci che
penso di questa direzione.
La smorfia nel rivedere il gol
subto, con Alonso che cade
a terra dopo un contatto con
Keita, palese. Lamarezza
aver incassato gol. Se poi
cos dubbio e cos al limite, il
rammarico aumenta.
TUTTO APERTO Ora alla Viola serve una mezza impresa.
La qualificazione ancora
aperta continua Montella
semmai la mia preoccupazione quella di avere
sempre meno giocatori a disposizione. Vediamo cosa si
fatto Pizarro, lui ci faceva
respirare con il possesso
palla e la sua uscita non ci
ha agevolato. Tanti infortuni? Normale, la stagione
piena di impegni e si consumano energie psicofisiche.
Ma di problemi muscolari
ne abbiamo avuti pochi.
Chiusura sul risultato. Lo
accettiamo, forse giusto,
anche se ci resta un po di
amarezza, prima del sussulto dorgoglio. Non credo
che la Roma ci abbia messo
sotto, ma essendo forti possono avere delle occasioni.
Le squadre si sono tutto
sommato equivalse poi in
termini assoluti non so se le
due formazioni hanno lo
stesso valore: e se abbiamo
preso qualche contropiede
di troppo perch noi giochiamo cos. il nostro limite e la nostra virt. Ci piace
controllare la partita e tentare di tenerla in pugno. Al
ritorno servir questo. E forse anche tanto altro. Come
ad esempio provare a recuperare qualche calciatore,
da Gomez a Savic. Ma la Viola ci crede ancora.
RIPRODUZIONE RISERVATA

YANGA-MBIWA
Quando riesce a
chiudere
perch ci si
butta di fisico, in
maniera anche
spericolata (vedi
il muro su Ilicic
nella ripresa).
Tecnicamente
imbarazzante.

PARATE 1
RINVII 9
PRESE ALTE 2

CONTRASTI 1
CROSS 3
PASSAGGI 34

CONTRASTI 1
LANCI 0
PASSAGGI 4

CONTRASTI 0
LANCI 4
PASSAGGI 37

tavolta, almeno, il pareggio non gli andr di traverso, c da giurarci. E


pazienza se lennesimo della
serie giallorossa, Rudi Garcia
questo lo ha apprezzato eccome, anche se alla vittoria alla
fine ci aveva preso gusto. Ma si
andr a giocare tutto gioved
prossimo, allOlimpico, quando andr a caccia della qualifi-

NAINGGOLAN
Come al solito
il pi dinamico
del centrocampo
giallorosso, e
pure quello che
con pi
continuit riesce
ad avvicinarsi
allarea viola per
il tiro. Impreciso.

FLORENZI
Il coltellino
svizzero della
Roma: esterno
dattacco, punta,
mezzala. Il bello
che adatta il
proprio gioco al
ruolo ricoperto.
il primo a
impegnare Neto.

ITURBE
Tante corse, a
volte senza molto
senso, servono
per sfiancare la
difesa. Allunga la
squadra, ci
prova, si prende
un rigore, non
benissimo alla
conclusione.

CONTRASTI 2
CROSS 3
PASSAGGI 15

TIRI
2 RECUPERI 8
PASSAGGI 25

TIRI 1
SPONDE 2
DRIBBLING 0

TIRI 2
SPONDE 0
DRIBBLING 4

6,5

LJAJIC
Il pi vivo da
trequartista
quando la Roma
mezza morta.
Poi gli altri si svegliano e lui non
resta a livello.
Sbaglia quasi a
porta vuota. E
sbaglia il rigore.

PJANIC
Il suo ingresso
restituisce calcio
alla Roma.
Pur non essendo
ancora il Pjanic
dei bei tempi,
riduce i tempi di
gioco, cambia
fronte con lanci
di 40 metri.

ASTORI
Aggiunge un
pizzico di solidit
alla difesa.
Anche qui, niente
di eccezionale,
per mette
attenzione in
mezzo allarea.

GERVINHO
Entra per
lultimo quarto
dora quando la
sua velocit
potrebbe essere
un fattore. Non
fa in tempo ad
azionarsi.

TIRI 2
SPONDE 2
DRIBBLING 2

TIRI 0
RECUPERI 4
PASSAGGI 35

CONTRASTI 0
LANCI 4
PASSAGGI 17

TIRI 0
SPONDE 1
DRIBBLING 0

ESTRADA 6,5
HERNANDEZ 6

GARCIA
A RADJA DICO
CHE GIOCHIAMO
SEMPRE IN 11

6,5

HOLEBAS
Joaquin lo salta
una volta, poi
unaltra e
unaltra ancora.
Finch non arriva
Nainggolan a
dargli una mano.
Allora potrebbe
anche spingere e
ci prova.

LALLENATORE DELLA ROMA

INVIATI A FIRENZE

MANOLAS
Rimane in campo
giusto il tempo di
assaggiare il
meglio della
serata viola.
Si immola per
andare a coprire
(invano) uno
sganciamento di
Alonso.

fLAREA TECNICA

Andrea Pugliese
Davide Stoppini

5,5

TOROSIDIS
Compito meno
complicato
rispetto a
Holebas, perch
deve controllare
il poco impetuoso
Alonso. Un paio
di diagonali
difensive
profonde.

IL PEGGIORE

SKORUPSKI
Spesso aiutato
dal muro di
uomini davanti a
s, troppo
ravvicinato il
destro
imprevedibile di
Ilicic. Attento
nella ripresa su
Badelj e in uscita.

TIRI 2 RECUPERI 6
PASSAGGI 49

MATEU LAHOZ Azzecca la decisione in occasione del rigore dato a Iturbe. A non convincere per la gestione della partita. A un certo punto
stata netta la sensazione che ne avesse perso il controllo.

fLAREA TECNICA

NETO
Da ripudiato a
eroe. Ferma
Florenzi a fine
primo tempo, poi
ricorda i due anni
passati a fianco
di Ljajic in viola e
vince il duello
psicologico dal
dischetto.

TIRI 1 RECUPERI 4
PASSAGGI 19

IL PEGGIORE

5,5

cazione ai quarti di finale di


Europa League. E magari potr
servire anche un altro pareggio, a patto che sia senza reti.
RAMMARICO E ATTESA Stavolta meritavamo la vittoria,
abbiamo sofferto solo nei primi minuti, poi abbiamo mostrato un altro volto, anche se
abbiamo perso qualche palla
velenosa a centrocampo - dice
alla fine il tecnico francese -.
Ma sono soddisfatto, ho visto
70 minuti di vera Roma, una
Roma ambiziosa che voleva se-

DEVIS 5,5
PEREZ DEL PALOMAR 5,5

gnare almeno un gol in trasferta. Segnali di ripresa, dunque, quelli che Garcia si aspettava, soprattutto dopo il confronto post-Chievo. E per
questo che non sono contento
del risultato. Abbiamo giocato
con la testa, soprattutto dopo i
primi venti minuti - continua
lallenatore della Roma - Abbiamo pressato alti dallinizio,
poi ci siamo organizzati pi
bassi, visto che perdevamo
palloni importanti portando
troppo palla e regalando dei
contropiede pericolosi. Ma
non ancora deciso niente per
la qualificazione, come se
fossimo ancora allintervallo. Il
gol pesante, ma dobbiamo
vincere gioved prossimo.
DANIELE E RADJA La Roma
andata meglio senza De Rossi,
anche se Garcia tende la mano
al mediano giallorosso. Non
che abbiamo giocato meglio
senza di lui, che prima perdevamo palle pericolose e la
squadra era senza equilibrio.
Per me sarebbe stato meglio
andare avanti con Daniele,
purtroppo non stato possibile, speriamo non sia niente di
grave. Come per Garcia non
sono gravi neanche le frasi rilasciate da Radja Nainggolan:
Giochiamo sempre in 11, Radja voleva dire che tutti devono stare bene fisicamente. Ripeto, quello che mi piace che
stavolta ho visto una Roma
uguale a quella di alcune uscite passate: ad esempio i primi
minuti di Verona contro lHellas, o la partita vinta a Rotterdam. Abbiamo effettuato un
gioco manovrato, una prestazione interessante. Da inquietante a interessante in tre giorni? il calcio, ma quando hai
le occasioni devi saperle sfruttare. E allora Garcia ora lavorer su questo, dovesse tornare
anche cinica, la Roma potrebbe anche ricominciare la risalita.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Europa League R Andata ottavi


fLA PARTITA AI RAGGI X

Ilicic e Salah incroci pericolosi


Pjanic, la medicina per la Roma
1Efficaci gli interscambi dei due trequartisti viola: cos sparigliano le carte di Garcia
Poi tocca al bosniaco spingere su i giallorossi. Limportanza di Keita in cabina di rega
Alessio DUrso

LA MOSSA TATTICA
3 GIOCATORI CHIAVE
BORJA VALERO: palloni intercettati 4
ILICIC: dribbling riusciti 100%
SALAH: occasioni create 4

licic e Salah, due monumenti. Borja Valero, il loro


piedistallo. Sono loro le armi tattiche della serata al Franchi. E la Roma va nel pallone per
uninterminabile mezzora del
primo tempo. Il tecnico Montella aveva accarezzato alla vigilia
la suggestione di una scena madre cos. Il gol della Fiorentina: i
due trequartisti eccellenti nel
muoversi tra le linee e mettere
in difficolt i difensori della Roma col loro pressing alto, il centrocampista spagnolo perfetto
negli inserimenti e nel dettare la
ripartenza giusta. La dinamica
dell1-0 da manuale del calcio.
COMPLETO Lui, Iliciclone, si
era fatto conoscere proprio sul
proscenio di Firenze, quando
con un siluro di sinistro da 30
metri sorprese Frey quando vestiva la maglia del Palermo. Era
il 3 ottobre 2010, quella volta i
rosanero vinsero 1-2 volando
sulle ali di uno strepitoso Pastore. Che cos cambiato nello sloveno? Molto, a rivedere quel destro vincente di ieri: laltro piede finalmente usato non solo
per camminare. E cos nel suo
colpo ad alta precisione la ripartenza orchestrata da Borja Valero e rifinita da Salah trova il suo

BORJA VALERO

SALAH

ILICIC

PASSAGGIO
MOVIMENTO

Gli interscambi di Salah e Ilicic, due trequartisti dal dinamismo impressionante, hanno scombinato i piani dei difensori della Roma:
cos lazione dattacco della Fiorentina, rilanciata da Borja Valero, si sviluppata rapidamente nei sedici metri della Roma. Uno schema
che in qualche modo i giallorossi hanno cercato di replicare con lingresso in campo di Pjanic, schierato dietro a Ljajic e Iturbe.
GDS

IL NUMERO

14

I gol tra campionato e


coppe della Fiorentina da
quando arrivato Salah:
nel 57% c stato il suo
zampino (6 gol e 2 assist)

11

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

coronamento. Bravo, Josip:


laria di Firenze ti ha fatto bene
e i consigli di Montella lo hanno
completato. La primavera dello
sloveno gi arrivata.
PROFESSORE La Fiorentina fa
la Roma della scorsa stagione:
possesso palla, controllo del
gioco, velocit e rapidit dazione con Salah e Ilicic (10 sponde
in tutto per i due), appunto,
splendidi interpreti del calcio
moderno. A dirigere lorchestra,

IL NUMERO

21

Le partite consecutive
in Europa nelle quali
la Roma ha sempre
subito gol: 42 le reti
in questo parziale

appunto, Borja Valero (19 passaggi positivi). Che, approfittando della confusione creata
da De Rossi (che disorienta pure Keita), pu dispiegare il suo
gioco preferito: quello verticale. Accompagnando lazione
con Joaquin e Alonso con i tempi giusti da squadra compatta.
RISCATTO Il pressing alto e lintensit imposti da Montella sono la chiave del primo tempo,
un monologo spezzato nellultimo quarto dora e che nella
ripresa non c stato proprio,
complice lassenza del faro Pizarro uscito per infortunio. Il risveglio della Roma, i cui giocatori finalmente cominciano a
correre di pi senza palla, si registra nella ripresa quando Pjanic (35 passaggi ok) ripara i
danni creati da De Rossi, giocando alla Borja Valero, con
passaggi col contagiri per Ljajic
e Iturbe. Davanti alla difesa Keita, in cabina di rega, pu cos
impostare e conferire alla squadra equilibrio (ben 49 i suoi passaggi azzeccati): uninterpretazione premiata col gol di testa,
in quellarea peraltro abitata dai
giganti viola, campioni sulle
palle alte... Emblematici i due
contropiede subti dalla Fiorentina in vantaggio: il primo porta
al rigore, il secondo sventato sul
pi bello da Neto.
LIMPORTANZA DI TOTTI Nella
serata da incubo di Ljajic, alcune considerazioni: daccordo
venire a prendere il pallone a
centrocampo, enfatizzare i movimenti di Totti (maestro nelle
verticalizzazioni con uno, due
tocchi al massimo), ma portar
palla, come ha fatto anche Iturbe, non serve alla causa. Il miglior Adem, non quello di ieri,
rende meglio in area di rigore o
quando parte da esterno e si accentra con le sue consuete sterzate.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FIORENTINA

ROMA

BARICENTRO
FIORENTINA

MEDIO 52,2 metri


19

28

20
7 72

5
40

74

17

ANGOLI

4
POSSESSO PALLA

50,3%

49,7%

TIRI NELLO SPECCHIO

4
PALLE PERSE

123

138
FALLI COMMESSI

16

14
CONTRASTI

22

11
PASSAGGI EFFETTUATI

390

385
PASSAGGI RIUSCITI

79,2%

80%

BARICENTRO MOLTO BASSO 46,8 metri


ROMA
35
24
7 8

2
44

20
4

16

28

25
GDS

12

Europa League R Andata ottavi

PAGELLE

di MIMMO MALFITANO

MERTENS SALE
INLER COMANDA
KOKORIN DOVE?
NAPOLI

7
HIGUAIN

8
Che spettacolo! Tre gol: di testa, di
destro e di sinistro: uno show
completo che lo incorona re di
Napoli. Per lui, prima tripletta
europea.
ANDUJAR 6 Serata tranquilla.
HENRIQUE 6,5 Non solo fase
difensiva, contrasta Dzsudzsak e si
lancia in alcuni affondi.
KOULIBALY s.v. Dopo 5 toccato
duro da Kuranyi deve uscire.
ALBIOL 6 Avrebbe dovuto
usufruire di un turno di riposo, ma
deve sostituire Koulibaly nella
marcatura di Kurnayi.
BRITOS 6,5 Non ha punti di
riferimento e si preoccupa di
raddoppiare su Valbuena.
GHOULAM 6,5 Il piccolo
Valbuena prova ad impressionarlo,
ma lui non abbocca. Suo il cross
per il pareggio di Higuain.
JORGINHO 6 Pi reattivo,
qualche buon suggerimento.
INLER 6,5 E in netta ripresa, si
sistema dinanzi alla difesa e
comanda il gioco.
CALLEJON 6,5 Solito movimento
sulla fascia destra e tanta abilit
nel saltare Zhirkov.
ZUNIGA s.v. Rientra dopo quattro
mesi e mezzo, per lui pochi minuti.
DE GUZMAN 6 La fisicit di
Zobnin gli crea qualche problema
in avvio. Poi, prevale alla distanza.
HAMSIK 6 Un quarto dora, si fa
apprezzare per qualche finezza.
MERTENS 7 Sta dimostrando che
non un giocatore da un tempo
solo. Si procura il rigore.
ALL.BENITEZ 7 Un successo
netto, che gli serve per ipotecare il
passaggio ai quarti di finale. La
gara di ritorno dovrebbe essere
una pura formalit.

5
IL MIGLIORE
KURANYI

6
Il suo bel gol di testa su palla
inattiva dopo appena un minuto e
mezzo di gioco ha soltanto illuso la
Dinamo Mosca. Si rende ancora
pericoloso di testa.
GABULOV 5 S dovuto arrangiare
come ha potuto dinanzi alla
potenza offensiva del Napoli.
KOZLOV 5 Gli toccato Mertens
ed andato subito in confusione:
non lha mai preso.
HUBOCAN 5 Dalle sue parti
stato semplice affondare, male nel
raddoppio su Higuian.
SAMBA 5 Ci ha provato anche di
fisico a fermare Higuian, ma
contro quel Pipita sarebbe stato
difficile per chiunque.
ZIRKOV 5,5 Ha corso parecchio
per rincorrere Callejon, senza
grandi risultati.
VALBUENA 5 E lui che commette
il fallo di rigore su Mertens. Per il
resto, solo tanto movimento.
IONOV 5,5 Entra quando il
risultato gi compromesso.
ZOBNIN 4,5 Un vero disastro, si
fa ammonire e poi becca il rosso
diretto per una brutta entrata.
VAINQUEUR 5,5 Si limita a
seguire Jorginho, fuori dal gioco.
DZSUDZSAK 5,5 Simpegna
quando prova a sfondare sulla
sinistra, ma Henrique lo limita.
(TASHAEV s.v.)
KOKORIN 5,5 Del suo talento s
visto davvero poco, non mai
stato pericoloso.
BUTTNER 5 Ogni volta che ha
provato laccelerazione stato
anticipato da Albiol.
ALL. CHERCHESOV 5 La sconfitta
ha compromesso quasi del tutto la
qualificazione, salvo un miracolo a
Mosca.
SIDIROPOULOS
Dirige la partita
con personalit,
giusto il rigore fischiato al
Napoli, come pure lespulsione
diretta di Zobnin.
EFTHIMIADIS 6 KOSTARAS 6
KOUKOULAKIS 6
TRITSONIS 6

6,5

NAPOLI

D.MOSCA

IL TECNICO

LA MOVIOLA
di G.D.S.

MARCATORI Kuranyi (D) al 2,


Higuain (N) al 25 e, su rigore, al
31 p.t.; Higuain (N) al 10 s.t.

IL MIGLIORE

D.MOSCA

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Benitez:
Mi manca
soltanto
il quarto gol

IL RIGORE CE
ROSSO A ZOBNIN
INECCEPIBILE

NAPOLI (4-2-3-1) Andujar;


Henrique, Koulibaly (dall 8 p.t.
Albiol), Britos, Ghoulam; Jorginho,
Inler; Callejon (dal 37 s.t. Zuniga),
De Guzman (dal 25 s.t. Hamsik),
Mertens; Higuain.
PANCHINA Rafael, Mesto, Lopez,
Zapata.
ALLENATORE Benitez
ESPULSI nessuno
AMMONITI Ghoulam per gioco
scorretto
DINAMO MOSCA (4-4-2)
Gabulov; Kozlov, Samba, Hubocan,
Zhirkov; Valbuena (dal 27 s.t.
Ionov), Zobnin, Vainqueur,
Dzsudzsak (dal 46 s.t. Tashaev);
Kuranyi (dal 17 s.t. Buttner),
Kokorin.
PANCHINA Shunin, Buttner,
Rotenberg, Katrich.
ALLENATORE Cherchesov
ESPULSI Zobnin al 1 s.t. per gioco
scorretto (rosso diretto)
AMMONITI Valbuena, Zobnin,
Dzsudzsak, Hubocan, Samba per
gioco scorretto
ARBITRO Sidiropoulos (Grecia)
NOTE Spettatori paganti . Tiri in
porta 7-2. Tiri fuori 5-7. Angoli 3-3.
In fuorigioco 1-2. Recuperi 1 p.t., 2
s.t.

Gonzalo Higuain 27 anni, seconda stagione al Napoli ACTION IMAGES

Dirige bene Sidiropulos con


lo staff greco di guardalinee
e addizionali. Prende sempre
le decisioni giuste. Lunico
dubbio quando Higuain,
cercando di sfondare, viene
fermato con le cattive. E
fuori dallarea, ma la
punizione ci starebbe. Per il
resto, il greco vede tutto
bene: giusto il giallo a
Ghoulam per fallo su
Valbuena. Ed giusto
assegnare il rigore al Napoli
per fallo di Valbuena (anche
per lui il giallo) che aggancia
un po ingenuamente
Mertens. Higuain trasforma
dal dischetto. Il secondo
giallo a Zobnin (giusto pure il
primo), che entra molto duro
sulla caviglia di Ghoulam,
doveroso. E unentrataccia
che viene giustamente
punita e che fa pendere la
partita decisamente dalla
parte del Napoli che, a quel
punto controlla agevolmente.

Bim, bum, bam: Higuain


E il Napoli batte la paura

1Subito avanti la Dinamo Mosca, il Pipita la sprofonda con una

tripletta. Espulso Zobnin, russi in inferiorit numerica per un tempo


Nicola Cecere
INVIATO A NAPOLI

i testa, di destro e di sinistro. C l ABC del perfetto centravanti nella prima tripletta europea regalata al
Napoli da Gonzalo Higuain. Una
esibizione di alta classe, che ha
incendiato il San Paolo, ancora
pi apprezzata dal popolo partenopeo perch ha via via addolcito lamaro di una partenza ad
handicap: il gigante della Dinamo, Kevin Kuranyi, alla prima
azione del match, cio dopo settantadue secondi, aveva sfruttato i suoi 190 cm per deviare in
rete un calcio dangolo. Difesa
azzurra colpevole di assenza ingiustificata: si pu lasciare solo
soletto nel cuore della propria
area la punta avversaria pi famosa? Ma forse tra Britos e Koulibaly nessuno si ricordava di
questo nazionale tedesco emigrato a Mosca nel 2010.

BASTERA? Fra sette giorni bisogner guardare Kuranyi con


molta pi attenzione: i russi
non sono ancora spacciati. S,
certo, questo 3-1 una bella polizza di garanzia, per va sottolineato come ad agevolare il
compito della squadra di Benitez siano intervenuti tre elementi accidentali: 1) Il rigore
gentilmente omaggiato da Valbuena (che pure non un pivellino) a Mertens appena 5 dopo
il pareggio ottenuto da Higuain
di testa su cross radente di
Ghoulam; 2) il raptus di follia
pura che ha colto il centrocampista Zobnin al 1 della ripresa:
fallaccio a centrocampo, pi
stupido che inutile, e rosso diretto; 3) la discutibilissima scelta del tecnico ospite Cherchesov di non chiudersi immediatamente nel 4-4-1 di prassi in
queste situazioni di svantaggio
numerico. Lasciando il 4-3-2 ha
aiutato il Napoli a trovare il varco giusto per armare di nuovo il

fIL PERSONAGGIO

GONZALO HIGUAIN

A segno in ogni modo


Tutto il repertorio
del vero centravanti
1Prima tripletta in
Europa: fa gol
di testa, di destro
su rigore e di
sinistro in girata

Gennaro Bozza
INVIATO A NAPOLI

er elogiarlo si scomod
persino Diego Maradona
con una descrizione che,
nella sua semplicit, esprime
lessenza del calcio: Avevo bisogno di uno come lui, lattaccante pi completo che abbiamo. Parola dellallora c.t.

suo scatenato bomber: stop di


petto e giravolta in controbalzo
col piede mancino. Higuain al
proscenio e risultato al sicuro.
IL CAMBIO Ecco, soltanto dopo
aver preso la sberla, Cherchesov ha tolto la punta per inserire un uomo di movimento in
mezzo al campo e la contesa si
un po riequilibrata. Intendiamoci, il Napoli lha controllata a
piacimento come del resto aveva fatto nel primo tempo: sul
piano tecnico non c confronto, gli azzurri sono nettamente
superiori. Ma nonostante un
paio di insidie create da Callejon e Jorginho, il risultato
non si arricchito di quel poker
che avrebbe reso la trasferta di
Mosca una gita di piacere sulla
piazza pi famosa dellest europeo. Se Inler e compagni non si
faranno attirare nella trappola
dellagonismo esasperato, ecco
che porteranno a casa la qualificazione senza grandi patemi.

dellArgentina, siamo nel 2010.


E se lo dice Maradona, c qualcuno che possa metterlo in
dubbio? Gonzalo Higuain contribuisce di suo a dargli ragione, non solo con la tecnica, ma
anche col carattere. Gol a freddo dalla Dinamo, Napoli scioccato. Nessuna paura, ci pensa
lui, con tutto il suo repertorio:
il pareggio di testa; il 2-1 di destro su rigore; il piccolo capolavoro di tecnica del 3-1, con lo
stop di petto e il tiro a volo di
sinistro nellangolo. Come aveva detto Diego? Il pi completo. Appunto. Lui comunque va
al sodo, alla qualificazione:
Partita difficile, ma limportante era vincere e il risultato
alla fine buono, con due gol
di differenza. A Mosca ci sar
da soffrire molto, ma il Napoli
una buona squadra, ha voglia
di andare avanti e pu portare
a casa la qualificazione.

Insomma, nel quadro generale


delle nostre squadre, il club di
De Laurentiis avr il compito
meno arduo. Oltretutto giocando in contropiede, i brevilinei
azzurri Mertens, Callejon, De
Guzman e lo stesso Hamsik, in
questa occasione risparmiato
per pi di unora, sapranno farsi
valere.
TURNOVER Qui Benitez ha fatti
un turnover limitato. Gargano
non convocato, Gabbiadini fuori per un risentimento muscolare. La partita di Koulibaly durata pochi minuti e cos Albiol
non ha potuto riposare perch
don Raf, che in quel momento
era in svantaggio, non se l
sentita di inserire Mesto per
spostare in mezzo Henrique.
Come detto Hamsik comparso
sul terreno per i 20 finali. Ma
gioved in Russia consigliabile
schierare dallinizio i migliori,
non si sa mai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

HIGUAIN
Passaggi positivi

24
Lanci positivi

3
Cross

4
Sponde

6
Dribbling positivi

1
Palle perse

18
TOCCHI PER ZONA
ATTACCO

2
2

Gianluca Monti
NAPOLI

a prima qualificazione
ad un quarto di finale
europeo nellera De
Laurentiis davvero vicina.
La Dinamo Mosca ha palesato tutti i suoi limiti al San Paolo al cospetto di un Napoli
che ha soddisfatto Rafa Benitez per lintensit nei novanta minuti e la capacit di
reagire allo svantaggio iniziale. Non era facile dopo
aver subito il gol rialzarsi immediatamente. Per abbiamo mostrato grande spirito
di squadra, ragion per cui sono molto contento ha detto
lallenatore spagnolo . Abbiamo messo la Dinamo sotto pressione, siamo riusciti a
far girare bene il pallone. Ho
spinto la squadra allattacco,
peccato non essere riusciti a
segnare il quarto gol perch
in undici contro dieci potevamo chiudere la pratica.
Complimenti ad Higuain, sono contento per lui ma pu
ancora migliorare. Forse il
miglior complimento in assoluto per il Pipita.
PASSO IMPORTANTE Benitez conosce bene lEuropa
League per averla vinta due
volte, quindi sa che le sorprese sono sempre dietro
langolo: Abbiamo fatto un
passo importante verso la
qualificazione, ma ci sar
ancora da soffrire. Per il Napoli quella di ieri stata la
prima vittoria in assoluto
contro una squadra russa,
dopo tre pareggi ed una
sconfitta. Dopo cinque gare
europee senza prendere gol,
sono tornati i soliti limiti difensivi specie sulle palle
inattive (da valutare le condizioni di Koulibaly, uscito
per infortunio alla caviglia).
Il gol subito? Kuranyi stato pi bravo dei nostri, ma
personalmente credo fosse
fallo, taglia corto Benitez.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Rafa Beneitez, 54 anni REUTERS

RECORD La vittoria viene celebrata anche con i record personali. Higuain non aveva mai segnato una tripletta in Europa,
al massimo ne aveva fatti due,
contro il Marsiglia la scorsa
stagione. E con le marcature
contro la Dinamo Mosca stabilisce anche il suo nuovo limite
di gol europei: 7 (1 in Champions League , 6 in Europa League), contro i 5 della scorsa
stagione (4+1). Lui non si accontenta proprio: Possiamo
fare meglio, molto meglio, mi
sento bene, sto giocando bene.
Ora andiamo a Verona per cercare di vincere. Gol e numeri,
ma sono solo la cornice di un
quadro che ha ben altri ingredienti: il coraggio, laltruismo,
la forza di non arrendersi mai,
roba da far sciogliere il sangue nelle vene, come le finte
di Maradona.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Europa League R Andata ottavi


ZENIT

TORINO

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

ZENIT (4-2-3-1)
Lodygin; Smolnikov, Neto, Garay,
Criscito; Javi Garcia, Witsel (dal 45
s.t. Tymoshchuk); Shatov (dal 36
s.t. Ryazantsev), Danny, Hulk;
Rondon.
PANCHINA Baburin, Lombaerts,
Mogilevets, Zuev, Sheydaev ALL.
Villas Boas.
ESPULSI nessuno.
AMMONITI Javi Garcia, Smolnikov
e Ryazantsev per gioco scorretto.
BARICENTRO ALTO 55,1 M.
CAMBI DI SISTEMA nessuno

ZENIT

WITSEL

7
Benassi abbocca al suo amo e si
becca il secondo giallo. Poi Witsel
il pi rapido a impossessarsi
della respinta di Padelli e a metter
dentro l1-0. (Tymoshchuk s.v.).

1 La delusione di Ventura mentre i giocatori in panchina tentano di difendersi dal freddo 2


Lespulsione di Benassi che ha lasciato il Torino in dieci per unora 3 Padelli sconfortato dopo
l1-0 4 La gioia di Criscito , abbracciato dai compagni, per la rete del 2-0 ACTION IMAGES LAPRESSE

In Russia il Toro vede rosso


Ora serve unaltra impresa

1Espulso Benassi sullo 0-0, i granata restano in dieci per oltre unora
Lo Zenit segna con Witsel e Criscito, non c reazione: ritorno duro
INVIATO A SAN PIETROBURGO
@GazzaVernazza

andata male, ma poteva


finire peggio, e al ritorno
servir la grande impresa. Torino sconfitto a San Pietroburgo e non poteva andare
diversamente perch per oltre
unora i granata hanno giocato in dieci per lespulsione di
Benassi. Un regalo che ha reso
pi netto il divario tra le due
squadre e ha incanalato la
partita su un binario unico:
granata raccolti negli ultimi
40 metri a difendere il difendibile e russi come gli indiani
a correre intorno allaccampamento. Non c stato lieto fine, prima il belga Witsel e poi
il nostro Criscito hanno affondato.

ANCORA LUI Marco Benassi,


nel derby contro la Juve, aveva

perso il fatale pallone da cui


era originato il gol di Pirlo. Ieri
sera il bis, sotto forma di doppio giallo e relativa espulsione.
Due ammonizioni giuste in
meno di mezzora, la prima per
fallo su Hulk e la seconda per
scorrettezza su Witsel. In entrambe le occasioni Benassi
cercava di rimediare a errori
nella gestione della palla. del
1994, compir 21 anni a settembre ed evidente come ancora non regga la pressione dei
grandi appuntamenti. Ventura
puntava sulla sua freschezza,
ma forse avrebbe fatto meglio
affidarsi al pi scafato Vives,
subentrato a Martinez pochi
minuti dopo il rosso per riequilibrare la mediana. Discorsi col
senno di poi, anche se due indizi fanno una prova: Benassi rivedibile, anzi rimandato, e per
compiti a casa suggeriamo un
bel training sulla gestione delle
emozioni. Errori di crescita, giriamola cos.

fIL PERSONAGGIO

MARCO BENASSI

Recidivo e infelice
Ventura lo difende
Ha fatto mea culpa
1Il tecnico

realista: I giovani
vanno fatti
crescere. Ma ce la
possiamo fare

6,5
IL MIGLIORE

TORINO (3-5-2)
Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti;
Darmian, Benassi, Gazzi, El
Kaddouri, Molinaro; Quagliarella
(dal 29 s.t. Maxi Lopez), Martinez
(dal 34 p.t. Vives; dal 6 s.t.
Farnerud).
PANCHINA Castellazzi, Bovo, Silva,
Amauri. ALL. Ventura.
ESPULSI Benassi al 27 del p.t. per
doppia ammonizione.
AMMONITI Glik per gioco
scorretto, Molinaro per proteste.
BARICENTRO MOLTO BASSO
39,5 M.
CAMBI DI SISTEMA 5-3-1 dal 28.

Sebastiano Vernazza

LE PAGELLE di S.V.
DARMIAN
ABULICO
MAKSIMOVIC
REGGE

PRIMO TEMPO 1-0


MARCATORI Witsel al 38 p.t.;
Criscito all8 s.t.

ARBITRO De Sousa (Portogallo).


NOTE Spettatori 20mila circa. Tiri
in porta: 6 (un palo)-0. Tiri fuori:82 In fuorigioco: 1-2. Angoli: 5-1.
Recuperi: p.t. 1, s.t. 3

13

Francesco Bramardo
INVIATO A SAN PIETROBURGO

ecidivo, irruento e poco


fortunato, in tre parole
Marco Benassi. Recidivo
per lapproccio ad una gara importante, che lo vede spesso
troppo falloso al punto da aver
accumulato due stop per somma di ammonizioni, in cam-

CHE PECCATO Amarezza e rimpianti aumentano se si analizzano lo spezzone di gara in parit numerica. Nei primi 27 minuti la differenza tra Zenit e
Toro non era per niente netta.
Anzi. Si percepivano la superiorit tecnica di Danny e di
Hulk, la forza di Rondon, la
continuit di Shatov, ma il Toro
teneva botta col metodo Ventura, poco concedeva ai russi e
innaffiava la speranza del contropiede giusto. Come singoli
pi Zenit, come squadra pi
Toro. Tutto vanificato dallo
sciagurato doppio fallo di Benassi. A quel punto cominciato un altro match. Il Toro ha rinunciato ad attaccare, come
dimostra il desolante zero finale alla casella tiri nello specchio. Lo Zenit diventato signore e padrone e ha chiuso il
discorso tra la fine di un tempo
e linizio dellaltro. Prima Witsel ha infilato in porta una corta respinta di Padelli su tiro di

pionato ed in Europa League


prima dello Zenit. Squalificato
al San Mames per raggiunto limite di gialli, al rientro contro i russi, il centrocampista
modenese finito sotto la doccia dopo meno di mezzora per
troppa foga e due cartellini
gialli che hanno mandato
gambe allaria tattica e risultato. Con un uomo in meno, il
Torino ha inevitabilmente subito la pressione avversaria, fino a prendere due gol. Errori
di giovent e di crescita in un
2015 nel quale Benassi, dopo
un infortunio, stava tornando
protagonista.

Inevitabile lespulsione che


lascia il Torino in dieci per
unora. Il primo giallo
Benassi lo rimedia al 16
dopo aver perso palla, Hulk
gli sfugge e lui lo stende a 80
metri dalla porta. Spesa
ancora peggio la seconda
ammonizione perch il
centrocampista granata al
29 affronta in scivolata
Witsel e lo colpisce alla tibia.
Al 43 del primo tempo,
liberato da Witsel, segna
Rondon, ma in fuorigioco.

LA GRANDE DOMANDA Quante possibilit ha il Toro di ribaltare il 2-0 tra sei giorni allOlimpico? Speriamo di sbagliarci, ma pensiamo che siano
poche. Non tanto perch il Torino non abbia i mezzi per rifilare tre gol alla difesa dello Zenit, quanto perch temiamo
che ne subir almeno uno.
Troppo elevato il potenziale offensivo della squadra di Villas
Boas per pensare che Hulk e
soci non lascino tracce gioved
in Italia. Era fondamentale fare gol in trasferta, per la missione fallita e sarebbe ingeneroso scaricare tutte le colpe su
Benassi. questione di attitudine e abitudine alle Coppe. Lo
Zenit in Europa di casa in
ogni stagione, il Torino no. E
stata questa la macro-differenza percepita allo stadio Petrovski. Provaci ancora, Toro, ma
senza farti illusioni...

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

LA MOVIOLA
di VINCENZO
CITO

DOPPIO GIALLO
IMPERDONABILE
PER IL MEDIANO

giovane, sono esperienze che


servono per maturare. O compri un giocatore gi fatto o lo
devi plasmare. Lepisodio ha
condizionato pesantemente la
gara e forse la qualificazione.
Eravamo in partita, non ci
avevano creato problemi fino
ad allora, eravamo in grado di
fare quello che volevamo. Dopo Bilbao nulla impossibile
anche se il 2-0 un risultato
decisamente negativo

COS IN DIECI

GAZZI
VIVES
(Farnerud)

EL KADDOURI

QUAGLIARELLA

BENASSI
Passaggi positivi

6
Passaggi negativi

LA DIFESA Giampiero Ventura, dopo avergliene dette non


poche alluscita dal terreno di
gioco, da buon padre di famiglia lo difende. Cosa gli ho
detto? Benassi si sta gi dicendo un sacco di cose da solo,

Smolnikov, poi Criscito ha


messo in rete un pallone ribattuto dal palo su botta di Hulk.
Due simili nella dinamica, due
rimbalzi perduti, il che non depone a favore della reattivit
della difesa granata. Sul 2-0 fine delle trasmissioni. Lo Zenit
ha dato limpressione di accontentarsi, il Toro non ha avuto la
forza di affacciarsi in avanti
con credibilit. Un paio di brividi allo scadere. Una palla vagante in area Zenit, un tiro da
lontano di Maxi Lopez. Innocue schegge.

Palle perse

6
Falli fatti

2
Cross

VIVES KO Contro i russi Ventura dovr fare a meno di Benassi squalificato e anche di Vives,
out per stiramento per almeno
venti giorni. Lemergenza si
affronta con quello che rimane. Questa impresa sar pi
difficile di quella di Bilbao per
il risultato assai pi negativo
ma ce la giocheremo in 90, e
anche di pi se saremo bravi
RIPRODUZIONE RISERVATA

LODYGIN s.v. Zero parate, a suo


modo emblematico della nullit
offensiva dei granata.
SMOLNIKOV 6,5 Capisce che
Molinaro non infrangibile e ci
prova, si infila, si insinua.
NETO 6 Meteora a Siena, titolare a
San Pietroburgo. Cresciuto,
affidabile.
GARAY 6 Per pi di unora in due
contro un unico attaccante del
Toro. Gli piace vincere facile (si
scherza).
CRISCITO 6,5 In 11 contro 11
abbastanza ancorato, forse teme
le ripartenze di Darmian. Via via si
libera la mente ed lesto a
mandare in buca il pallone del 2-0.
JAVI GARCIA 6,5 Davanti alla
difesa, con acume e tempi giusti.
Javi non Xavi, per possiede il
ruolo.
SHATOV 6,5 Un bel martello,
bravo a sdoppiarsi: lottatore in
non possesso, primo arciere in
offesa (Ryazantsev s.v.).
DANNY 6,5 Dietro Hulk, con la
solita creativit, I due cinguettano
a piacere. Si cercano, si trovano, si
incastrano.
HULK 6,5 Gli manca il gol, ma per
il resto una forza della natura.
RONDON 6,5 Altro bellanimale.
A tratti Rondon & Hulk sembrano
due tir.
ALL. VILLAS BOAS 6 Il gioco non
sembrato allaltezza delle notevoli
qualit di tanti giocatori. Con quei
quattro l davanti, e sopra di un
uomo, si poteva andare oltre il 2-0.

TORINO

5
IL MIGLIORE
GAZZI

6,5
Sacrificio allo stato puro, nella
terra di nessuno tra centrocampo
e linea difensiva a tre. Dalle sue
parti si scaricano i colpi di Danny
e a tratti lirruenza di Hulk.
PADELLI 5,5 Non bene sul primo
gol: respinta centrale. Malissimo su
unuscita alta. La parata di piede su
Hulk lo salva dal 5 pieno.
MAKSIMOVIC 6 Il meno
balbettante dei tre centrali.
GLIK 5,5 Non il solito Glik. Non
disastroso, ma neppure decisivo.
MORETTI 5,5 Dal suo lato, allinizio
della ripresa, lo Zenit percuote e
timore incute.
DARMIAN 5 Lontano parente del
Darmian di Bilbao e un po dormiente
sul primo gol.
BENASSI 4 Pi Malassiche
Benassi. La sua sciagurata
espulsione indirizza la serata.
EL KADDOURI 5 Troppo
gingillante: in 10 bisognava remare,
senza perdersi in tocchetti e
tocchettini
MOLINARO 5 Troppi errori in
appoggio e nei rinvii.
QUAGLIARELLA 5,5 Uno contro
troppi. Isolato, emarginato.
MARTINEZ 5,5 Poco pi di mezzora
in cui non lascia tracce. Sostituito
per colmare il buco in mediana.
VIVES s.v. Unapparizione tra un
tempo e laltro. Ingiudicabile.
Infortunato.
FARNERUD 5,5 Pi passivo che
attivo, come tanti compagni.
MAXI LOPEZ 6 Ha pi fisico di
Quaglia. Guerreggia, sgomita, ci
prova.
ALL. VENTURA 5,5 Mezzo voto in
meno perch alla fine attacca
larbitro: ieri il Toro non ha perso per
quel motivo.
DE SOUSA Giusti
i due gialli a
Benassi con
conseguente espulsione, corrette
le altre ammonizioni, per cui non si
capiscono le lamentele di Ventura.
Lassistente Miranda vede bene sul
gol di Rondon: fuorigioco.
MIRANDA 6,5-MESQUITA 6

6,5

14

Mondo R Spagna

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Perez difende Ancelotti


Rester al Real Madrid
in ogni caso: basta falsit

DIETRO LE QUINTE

1Il presidente spegne le critiche e smentisce le voci su Mourinho

Carlo il miglior allenatore possibile, con noi fino a fine stagione


ha a lungo inseguito e rapidamente scaricato ha fatto un giro
di 180 gradi: Ancelotti il miglior allenatore possibile per il
Madrid. Nessuno nella nostra
grande storia aveva mai vinto 4
titoli in un anno solare. Non ho
alcuna intenzione di cacciarlo,
anche in caso di sconfitta al
Camp Nou o altrove rester con
noi fino a fine stagione. Abbiamo chiesto a Florentino del rinnovo, dato per certo a Natale: I
rinnovi si fanno a inizio o a fine
stagione, a met anno destabilizzano. Lo stesso Perez 3 anni
fa rinnov il contratto di Mourinho in piena stagione, ma fa lo
stesso.

Filippo Maria Ricci


CORRISPONDENTE DA MADRID

ronaca di una giornata di


ordinaria schizofrenia
nello strano mondo del
Real Madrid. Club che incassa
oltre mezzo miliardo di euro allanno, che tremare il mondo fa
ma che non riesce a scrollarsi di
dosso quella patina di provinciale isteria. Forse a pensarci
bene proprio questaspetto a
tenere la Casa Blanca coi piedi
ancorati al territorio: questa
sensazione di ansia quotidiana
grazie alla quale Florentino Perez, presidente del Madrid ma
anche di una delle imprese di
costruzione pi rilevanti al
mondo, si permette il lusso di
passare 40 minuti a rispondere
a 24 domande dei giornalisti in
una conferenza stampa organizzata in unora (email di convocazione alle 12.30, appuntamento alle 13.30) per smentire
la prima pagina di Marca.
LA BATTUTA In ballo non ci sono i destini del mondo, sul quotidiano sportivo hanno solo
strillato quanto tutti qui si dicevano con tono di voce normale:
Se Ancelotti perde al Camp
Nou perde il posto. Nervi presidenziali saltati, e un piccolo
eccezionale dettaglio: tutto
quanto pubblicato dal quotidiano sportivo madrileno e madridista, oltre alla minaccia di esonero anche un pezzo con informazioni di primissima mano sul
malcontento di Perez per i metodi di allenamento di Carletto,
porta la firma di un giornalista
che in intimi e continuati rapporti col presidente. Florentino ha convocato la conferenza
stampa per smentire se stesso
era la battuta che circolava nel
palco donore del Bernabeu.
CARLO NON SI TOCCA La settimana scorsa lo stesso Marca
aveva detto, senza citare Florentino, che ai piani alti del Madrid non piaceva la conduzione
morbida di Ancelotti, che dei
fantomatici dirigenti ritene-

LOMBRA DI MOU A Jose saranno fischiate le orecchie: perch


leliminazione del suo Chelsea
stata citata due volte da Perez
ieri: Non tutti raggiungono i
quarti, in passato squadre grandi sono cadute, lultima ieri sera. Confesso ammiratore del
portoghese, Florentino deve
aver vissuto con dolore laddio
del Chelsea, e la sua notte stata agitata ulteriormente dalle
parole di Pepe, che intervistato
dalla radio Cope ha detto che
con Ancelotti la squadra si allena molto di pi che con Mou:
smontata la teoria che Marca ha
messo in bocca a Florentino sulla scarsezza del metodo ancelottiano.

Carlo Ancelotti e il presidente del Real Madrid Florentino Perez LAPRESSE

vano necessaria una mano molto pi dura. Tutti vi avevano letto un messaggio presidenziale,
e Carlo aveva risposto piccato:
Con questa mano moscia ho
vinto 3 Champions. Ieri il tecnico ha assistito esterrefatto al
teatrino montato attorno alla
sua figura. Quello stesso presidente che non perde occasione
per criticare un allenatore che

NON HO ALCUNA
INTENZIONE
DI CACCIARLO, ANCHE
SE PERDE AL CAMP NOU.
SOLO UNITI SI VINCE
FLORENTINO PEREZ
PRESIDENTE DEL REAL MADRID

STAMPA ANTIMADRIDISTA Difeso Ancelotti (e Gareth Bale), Perez ha chiamato alla


raccolta il madridismo irrequieto e fischiatore: Solo uniti si
vince. Il problema che il pubblico influenzato negativamente e indotto a comportamenti autodistruttivi da una
stampa interessata. Che vuole
male al Madrid o a me, o a entrambi. Florentino ha accusato
dellinquinamento dei pensieri
dei madridisti, additato al pubblico ludibrio e bollato come
mentitori compulsivi Marca,
Radio Marca e As. E ha detto
che potrebbe stilare una lista di
giornalisti buoni e cattivi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL TECNICO DEL CHELSEA

Mou, il grande sconfitto


Tradito dai fedelissimi
Stefano Boldrini
CORRISPONDENTE DA LONDRA

tavolta non servito neppure parcheggiare lautobus con linserimento di


Zouma per proteggere il risultato. I colpi di Luiz e Thiago Silva
hanno abbattuto il Chelsea, eliminando lunica squadra inglese con buone possibilit di arrivare ai quarti di Champions e
mandando alla gogna Jos
Mourinho. Il partito anti-Special One ha ripreso fiato. Lanalisi di un flop in 5 punti.
GIOCO Quando non riesci a superare un avversario in 10 dal
32 al 120 e vieni rimontato 2

volte, il primo imputato il gioco. Mourinho non mai stato


un cultore dello spettacolo. Il
suo calcio si esalta con aggressivit, corsa e dedizione. Fiasco
totale. Dal punto di vista atletico, i Blues sono in difficolt da
un mese. La dedizione alla causa, se non hai energie, va a farsi
benedire. Quando Mou dice
abbiamo concesso due gol al
Psg per mancanza di concentrazione, ha ragione. Quando sei
stanco, perdi lucidit. E ti fai infilzare sui calci piazzati, come
accaduto marted.
MOURINHO E il grande sconfitto. Ieri confronto tra lallenatore e la squadra, ma occhio ad
Abramovich. Non parla e non si

cuni giocatori e questo potrebbe portare a cessioni eccellenti.


COSTA La prova del centravanti
invita alla riflessione. I numeri,
508 di Champions senza segnare, non sono lunico capo daccusa. Peggio il comportamento:
vergognoso. Meritava il rosso.
STRESS Laffondamento del
calcio inglese ripropone la questione del calendario intasato,
aggravato dai replay di FA Cup.
I club di vertice possono giocare
10 gare in pi rispetto al resto
dEuropa. Oltremanica cambiare i format per considerato
un attentato alla tradizione.

Jos Mourinho, 52 anni GETTY IMAGES

vede mai, ma per lui lEuropa


conta pi di qualsiasi altra cosa.
Mou ha ammesso i meriti del
Psg: Giusto che passino loro.
In dieci hanno giocato meglio.
Noi siamo stati stritolati dalla
tensione. Mou deluso da al-

FLOP Il calo di Fabregas ha


spento la luce dei Blues. Costa
non pu essere accostato ai
grandi bomber del calcio mondiale. Oscar sta deludendo. Solo Courtois e Hazard hanno fatto il loro dovere, ma non bastato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Cond con Carlo Ancelotti alla fine dellintervista

Carletto sul 59:


CR7 mi diverte,
segna sempre...
Paolo Cond
INVIATO A MADRID

n po se la sentiva arrivare, la bufera. Carlo Ancelotti ci ha ricevuto a


Valdebebas, per raccontare la
sua carriera a GazzettaTv, a
met gennaio. Il Real era appena uscito nei quarti di Copa del
Rey dallAtletico, e una volta rimasti soli - certi argomenti a
Madrid sono dinamite - gli era
bastato uno sguardo per farsi
capire: non gli dispiaceva affatto lidea di risparmiare alla rosa, sfiancata dalla striscia record di vittorie culminata col
Mondiale per Club, la doppia
semifinale di Copa col Barcellona. Il Clasico sempre la partita
della fine del mondo, impossibile giocarlo al risparmio. Meglio riorganizzare le forze per
ripartire a primavera, quando
la stagione delle grandi entra
nel vivo: filosofia intrisa di saggezza, peccato che la rosa non
fosse stanca ma stremata, e che
una serie di infortuni ne abbia
denudato la sostanziale esiguit producendo notti da incubo
come quella dello Schalke.
IL FATTORE RONALDO Nellintervista, che andr in onda
questa sera alle 21.35 sul nostro canale tv, Ancelotti parte
dalla conquista della Decima la Champions pi desiderata
dal popolo madridista - per andare a ritroso nel tempo. La
mia prima grande vittoria stata la Champions di Manchester
del 2003. Prima avevo vinto un
campionato di B a Reggio ed
ero arrivato secondo in A col

Parma, ma gli altri due secondi posti, con la Juve, non erano stati
molto gratificanti. Manchester fu
la svolta, da l in poi ho vinto spesso. Spesso non vuol dire sempre:
nella carriera di Carlo ci sono due
buchi neri, Perugia e Istanbul, e
abbiamo pensato un po crudelmente di riportarlo l, negli intervalli, per chiedergli se col senno di
poi cambierebbe qualcosa delle
sue scelte. Lui ci ha pensato su senza trovare il dettaglio assassino. A
Perugia non potevo cambiare nulla, il padrone era il maltempo. A
Istanbul... ricordo di aver detto pi
volte ai giocatori di stare attenti
perch non era finita, di cercare il
colpo di grazia perch si sa come
sono gli inglesi... E poi cera il loro
pubblico che ci credeva ancora, insomma, penso di aver detto le cose
giuste perch eravamo preparati a
quindici minuti iniziali di fuoco.
Ancelotti ha allenato otto Palloni
doro, record assoluto: in ordine
alfabetico Cannavaro, Kak, Nedved, Ronaldinho, i due Ronaldo,
Shevchenko, Zidane. Il migliore?
Ho sempre detto Zidane per
quanto mi divertiva in allenamento. Ma Cristiano mi diverte in partita, segna in tutte.... E senza le
sue reti allo Schalke, chiss di cosa
parleremmo in queste ore.
RIPRODUZIONE RISERVATA

STASERA ALLE 21.35


LA 3a PUNTATA DI
COND CONFIDENTIAL

TACCUINO
VIOLENZA IN GRECIA

LIBERTADORES

Invasione, sospesa
Aek-Olympiakos

Doppietta di Osvaldo
Il Boca vince 5-0

ATENE (mer) Il calcio greco


sembra fare un passo avanti e
due indietro. Stavros
Kondonis, ministro dello Sport,
ha annunciato che le partite
della prossima giornata di
campionato, in programma
nel fine settimana, si
giocheranno a porte chiuse.
Una decisione che arriva su
suggerimento delle forze
dellordine dopo quanto
accaduto ieri, nel quarto di
finale della Coppa di Grecia
giocato ad Atene fra Aek e
Olympiacos. All89 una
ventina di tifosi della squadra
di casa sono entrati in campo
e hanno cominciato a lanciare
oggetti contro calciatori e
agenti. Gara
sospesa e tutti di corsa negli
spoagliatoi.

BUENOS AIRES (seu) Osvaldo


ancora protagonista in Coppa
Libertadores. Segna una
Doppietta nel 5-0 del Boca contro
lo Zamora. Altra notte magica
per lex nerazzurro, autore delle
ultime due reti nel 5-0 del Boca
contro i venezuelani dello
Zamora. Osvaldo ha siglato il
momentaneo 4-0 al 69 con un
destro a due passi dal portiere
avversario, prima di fissare il
risultato sul 5-0 all82 su rigore.
Lattaccante andato a segno
anche una terza volta a una
manciata di minuti dallo scadere,
ma larbitro ha annullato per
sospetto fuorigioco. Simpatico
siparietto dopo il primo gol
messo a segno da Osvaldo,
celebrato con un selfie a bordo
campo assieme a tutti i suoi
compagni.

Calcio R Mondo

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

DOPO LIMPRESA

15

CONTENUTO
PREMIUM

Lquipe lumire
COSTA, VALE
E FA SOGNARE:
ECCO IL PSG
MADE IN BRASIL

DA THIAGO SILVA, RINATO DOPO LE


LACRIME MONDIALI, A DAVID LUIZ
LARRABBIATO: PARIGI VOLA CON LA
DIFESA PROGETTATA DA LEONARDO
DECISIVO E FELICE
Thiago Silva, 30 anni, autore
del gol che dato i quarti al Psg

LA STORIA
di ALESSANDRO
GRANDESSO
PARIGI
@agrandesso

il capitano, ridiventato o mostro al momento


giusto, il ragazzino per bene ma
molto ambizioso, lintellettuale
che ha vinto pure pi di Ibra, e
infine il burlone assetato di rivincite. A raccontarla fino
a pochi mesi fa, la storia
della difesa del Psg
avrebbe fatto piangere soprattutto i parigini, tra gaffe in
area e souvenir
mondiali. Oggi a

versare lacrime di rabbia rimasto soltanto Mourinho, sbattuto


fuori dalla Champions da un Psg
che si vendicato pure degli sberleffi del portoghese, tra laltro
con uno specialista di linguacce.
Quel David Luiz che in campo fa
coppia con Thiago Silva, spalleggiati dai connazionali Marquinhos e Maxwell. Una linea
verdeoro costata circa 125 milioni. Uno sproposito, viste le premesse estive. Dopo il trionfo londinese verrebbe da dire che sono
soldi spesi bene.
MENTE VERDEORO Il grosso dellinvestimento tra laltro lha pilotato un altro brasiliano, lex d.s.
Leonardo, vero architetto del
progetto Psg che vive ancora di
rendita. E crescendo sulle fondamenta iniziate strappando al Milan Thiago Silva, capitano e molto di pi. Tanto che il presidente
Nasser Al Khelaifi lo considera un
consulente da chiamare prima di
ogni mossa di mercato. Privilegio
di cui gode anche Ibrahimovic,
stella per appannata dai vuoti
nei momenti topici. Come mercoled con quel rosso, magari esagerato, che per ha lasciato il palcoscenico al brasiliano, incoronato

dai media francesi come leader


del trionfo. Non di certo scontato, visto che fino a Natale Thiago
era lombra di s stesso, criticato
e in preda a dubbi, per sua stessa
ammissione. Lex rossonero risorto pensando ai mesi passati in
ospedale in Russia, nel 2005, per
una broncopolmonite che avrebbe potuto ucciderlo. E al Mondiale fallito. La rinascita la deve anche a Blanc che, contrariamente
al c.t. Dunga, lha mantenuto titolare anche quando non lo meritava. Cos il centrale tornato mostruoso, trascinatore, curando
sempre ogni dettaglio. Tanto da
mettersi in casa pure una tenda a
ossigeno, uno scafandro in cui
passa due ore al giorno. Manie di
un protagonista rimpianto anche
da Galliani che gli ha mandato un
sms di complimenti a cui Silva ha
risposto ricordandolo come un
grande amico. Il tutto messo
nostalgicamente in mostra sul sito del Milan.
RIMPIANTI E MILIONI Ma le mani se le morde pure Mou che su
David Luiz aveva fatto lo spaccone in estate: Non mi mancher.
Anche perch il Psg lo pag ben
50 milioni, cifra che in tempi di
fair play finanziario aveva fatto
sorridere il mondo dei procuratori. Il sosia di Telespalla Bob, il riccioluto personaggio dei Simpson,
non si scomposto. Anzi, ha continuato a far linguacce e a chiamare my friend anche i giornalisti che lo massacravano per gli
errori davanti a Sirigu. Come nel
3-1 del Bernabeu, a dicembre.
Ma quando il sorteggio gli ha
messo in agenda il Chelsea, Luiz
diventato spietato. Allandata
senza sfigurare al posto di Motta,
al ritorno da impeccabile centrale, riacciuffando i vecchi compagni, tenendo aperta la qualificazione. Poi sigillata da Silva.
Esempi per un Marquinhos che
ha fretta di imporsi. Nei mesi
scorsi quando faceva panca erano tornate a galla voci di interesse da Bara e United. Ma Blanc gli
ha affidato almeno la sponda destra della difesa, non fidandosi
dellaltalenante Van Der Wiel. E il
Psg lo considera incedibile, anche se dalla Spagna arrivano voci, smentite in Francia, di un accordo gi fatto con Dani Alves, da
9 milioni a stagione, per tre anni.
In ogni caso, lex giallorosso che
Leo pag oltre 30 milioni, pu
ispirarsi allintramontabile Maxwell. Lex interista che parla cinque lingue, va a musei appena
pu, adora sempre lItalia e la rigida cultura olandese che scopr
sbarcando ad Amsterdam, allAjax nel 2001. Fu l che sbocci
lamicizia inossidabile con Ibra
che gli invidia per il trofeo in pi
in bacheca (24). Il Psg prelev
Maxwell dal Barcellona per poco
meno di 5 milioni. A Parigi lo soprannominano lo svedese, ma
per via della passione delle saune, e completa il clan brasiliano
con Lucas e un po pure con Thiago Motta, azzurro di Sao Bernardo, vero garante della retroguardia che ha preso a schiaffi Mourinho.

125
RIPRODUZIONE RISERVATA

i milioni spesi per la linea


difensiva brasiliana: il pi
costoso David Luiz (50 milioni)

IL PERSONAGGIO

Ibra e la Coppa
Per una sera
c il lieto fine
1Nelleliminazione diretta sempre
nervoso e quasi mai incisivo: ma
questa volta i compagni lo salvano
Fabio Bianchi
INVIATO A LONDRA
twitter @fabiowhites

uando il gioco si fa duro, il duro diventa tenero. O isterico. Zlatan Ibrahimovic e la coppa con le orecchie: una storia maledetta. Dove il fenomeno di
Svezia per ci ha messo del (non) suo. Destino cinico e baro: le sue squadre la Champions
la vincono. Ma quando lui se ne va. E successo allInter, successo al Barcellona. Pi che
un sogno, la Champions via via diventata
un incubo. Ora ci sta provando col Psg e ha le
stagioni contate, a sentir lui. Lo scorso agosto
disse: Un altro paio danni e vedr il calcio in
tv. Lo stesso giorno disse anche: La Champions? Non unossessione per me. Anche se
chiudessi la carriera senza vincerla, sarei
soddisfatto al 100% di quello che ho fatto.
Comunque anche Ronaldo, quello vero, non
lha vinta e si ricordano tutti di lui. Vero. Un
po meno che non gli pesi questa assenza nella bacheca. Anche questanno se ne stava andando la speranza di vincere questa maledetta Champions. E un po per colpa sua: lespulsione dopo mezzora nella sfida col Chelsea
per il fallaccio su Oscar poteva rovinare tutto.
Ibra: Quando ho visto il rosso mi son detto:
Il ragazzo (larbitro Kuipers, ndr.) non sa cosa sta facendo. Ma il peggio stato quando
ho visto i giocatori del Chelsea attorno: era
come se avessi 11 bambini che piangevano
davanti allarbitro. Se Oscar ha fatto la recita non mi interessa, limportante che
abbiamo vinto. I ragazzi sono stati grandi.
Gi, Ibra ringrazi la super partita dei compagni che hanno fatto a meno della sua
leadership. Che in Champions viene
spesso a mancare. Ibra sempre micidiale con le piccole, ma quando affronta le grandi, stecca spesso. Ci
sono i dati a confermarlo. Lo svedese ha segnato 43 gol in 106 partite di
Champions con Ajax, Juve, Inter,
Barcellona, Milan e Psg. Mica poche. Media di 0,4 gol a partita. Soltanto che quando il gioco si fa duro,
dagli ottavi in poi, la media si dimezza: 7 reti in 35 gare. In pi, in Champions Ibra nervoso: 4 espulsioni.
Per stare alla storia recente, col Psg
Ibra al solito determinante in
campionato. Dentro la coppa con le
orecchie un po meno. In 22 gare ha
segnato 15 gol, compreso un poker
contro lAnderlecht, ma quasi tutti
nella prima fase. Due stagioni fa il
Psg venne eliminato dal Barcellona.
Allandata a Parigi 2-2 con un gran
Ibrahimovic: gol e assist. Al ritorno
1-1 e Ibra non pervenuto. Lanno
scorso, ai quarti col Chelsea, il Psg vinse 3-1 ma non grazie a lui. Usc per
infortunio senza aver lasciato
traccia. E al ritorno, perso 2-0,
era ancora k.o. Non ci sar
nemmeno allandata di
questi quarti, per squalifica. Dovr affidarsi ai compagni
per coltivare il sogno. Poco male:
hanno dimostrato
di cavasela bene
senza di lui.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ARRABBIATO
Zlatan
Ibrahimovic,
33 anni,
espulso
a Londra

16

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

17

18

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Serie A R

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Agnelli, stoccata allItalia


Dirigenti troppo vecchi

19

IL RITORNO

1Il numero 1 della Juventus senza peli sulla lingua al settimanale Die Zeit

La Lega debole e i presidenti hanno 60-70 anni. Serve il modello Premier


HA DETTO

Mirko Graziano
MILANO

l prestigioso settimanale tedesco Die Zeit ha puntato i


riflettori su Andrea Agnelli
e la Juventus. Sono gli avversari
del Borussia Dortmund nellEuropa che conta, sono anche uno
dei pochi vanti di un calcio italiano in generale attualmente
poco spendibile sotto vari punti
di vista a livello internazionale.
Agnelli parla di tutto, picchia
duro politicamente, comunque coerente con quanto gi
esposto pi volte, anche nelle
sedi istituzionali. Non sono il
capo dellopposizione, perch
non esiste un governo - dice il
presidente campione dItalia -.
Senza dubbio ci sono per delle
differenze tra me e altri presidenti di club che si occupano
del governo della Serie A. Secondo me la Serie A in Italia dovrebbe essere gestita come la
Premier League, da persone che
portano avanti lintera Lega come prodotto. Con una strategia
per lo sviluppo e lesportazione
del nostro calcio. Da noi non
succede invece nulla senza lassemblea dei club. La stessa Lega
debole, non ha nessuna autorit, n un proprio management. Questo porta a una situazione meno trasparente, come
ad esempio nel caso dei diritti
tv. Di essi e del marketing della
Serie A si occupa Infront. Allo
stesso tempo Infront si occupa
anche dei diritti e del marketing
di alcuni club di A e della Nazionale. Questo porta inevitabilmente a un conflitto di interesse.
LARGO AI GIOVANI Domanda:
quando questo vecchio sistema
feudale del calcio italiano potr
essere superato? Stiamo facendo dei passi in avanti - spiega Agnelli -. Sicuramente dobbiamo cambiare alcune idee e
comportamenti. Con poche eccezioni i presidenti dei club e i
principali funzionari hanno 6070 anni. Ci sono pochi quarantenni. Questo sta gi cambiando in Italia. Il caso del Parma
solo la punta delliceberg. Negli
ultimi quattro anni decine di societ sono andate incontro al
fallimento, ora il problema
peggiorato. Il fatto che un club
possa arrivare fino a questo
punto frutto della cattiva ge-

Andrea Barzagli, 33, festeggiato dai compagni LAPRESSE

Barzagli-Palermo
Il filo si riannoda
nella citt speciale
1Dopo i 4 minuti di Sassuolo,

E UN NOSTRO
ALLEATO, ABBIAMO
FILOSOFIE SIMILI
SU COME GESTIRE
UN CLUB IMPORTANTE
SU JAMES PALLOTTA
PRESIDENTE DELLA ROMA

PUNTIAMO
A RAGGIUNGERE
IL QUINTO POSTO
IN EUROPA IN TRE
O QUATTRO ANNI
SUL DECIMO POSTO
COME FATTURATO

Andrea
Agnelli,
39 anni,
presidente
della
Juventus dal
2010. Durante
la sua
gestione il
club
bianconero ha
vinto tre
scudetti ed
molto vicino
al quarto
ANSA

stione del calcio italiano. Qualcuno mi deve ancora spiegare


come il Parma, al quale la Uefa
aveva rifiutato la licenza per
lEuropa League, potesse continuare a giocare cos facilmente
in Serie A....
AMICO PALLOTTA Agnelli garantisce che la Juve rester italiana, saldamente nelle mani
della famiglia, ma allo stesso
tempo non mi interessa se gli
investimenti nel calcio italiano
provengono dal Piemonte, dal
Friuli o dallIndonesia. Abbiamo bisogno di persone che vogliano realizzare progetti a lungo termine. In James Pallotta,
presidente della Roma, abbiamo trovato un alleato. La sua
squadra nostra rivale nella
lotta allo scudetto, ma Pallotta
e noi abbiamo una filosofia
molto simile su come gestire un
importante club europeo.
IN CIMA ALLEUROPA Lattualit parla intanto di un difficile ritorno degli ottavi di Champions
contro il Borussia: Siamo la Juventus. Dobbiamo vincere ogni

partita. E in prospettiva si lavora per migliorare il decimo


posto con un fatturato di 280
milioni. In questo momento ci
sono quattro squadre che non
hanno concorrenti: Real, Manchester United, Bayern e Barcellona. Sono seguiti da Psg e
Manchester City, che per operano un doping finanziario: qui
non posso concorrere. Il Psg riceve 200 milioni ogni anno dallufficio del turismo del Qatar. E
dietro il City c un gruppo di
Abu Dhabi. Se tolgo questi due
club la Juve sale allottavo posto. Il mio obiettivo raggiungere il quinto in 3-4 anni. Capitolo Calciopoli: Riabilitazione
non la parola giusta. Si giunti molto velocemente alla sentenza sportiva, poi sono emerse
nuove informazioni che non sono state prese in considerazione. La richiesta di risarcimento
da 443 milioni? La cifra corrisponde al fatto che per 2 anni
non ci siamo qualificati alla
Champions. In pi sono state
inserite le perdite da biglietteria e diritti tv.

CHIEDIAMO
UN RISARCIMENTO
DI 443 MILIONI
PER I 2 ANNI SENZA
CHAMPIONS LEAGUE
SUI DANNI
DI CALCIOPOLI

E IL FRUTTO DELLA
CATTIVA GESTIONE:
SENZA LICENZA UEFA
COME POTEVA
GIOCARE IN SERIE A?
SUL CASO PARMA
CHE GRAVA SUL CAMPIONATO

spera in una maglia da titolare


contro la sua ex squadra
Fabiana Della Valle
MILANO

uned, mentre attendeva a bordo campo,


aveva un sorrisetto sulle labbra e gli occhi
vagamente lucidi. Andrea Barzagli aspettava quel momento da troppo tempo: sono
passati quasi nove mesi dallultima volta che
ha toccato il campo, era il 24 giugno, ItaliaUruguay 0-1. Subito dopo il rientro dal Brasile, Barzagli stato operato al calcagno del piede destro e la fase di recupero stata ben pi
lunga del previsto. Con la Juve non giocava
addirittura da 10 mesi: Roma-Juve 0-1, poi un
calvario infinito. Per questo quei 4 minuti col
Sassuolo sono stati una liberazione. E stata
una grandissima emozione e non me la sono
goduta neanche tutta, perch ero un po nervoso ha raccontato il difensore a Jtv . Ho
sentito lapplauso caloroso, ma poi ero cos
concentrato che non ho pensato ad altro.
RITORNO A CASA Dopo il piccolo assaggio
dello Stadium, domani a Palermo Barzagli potrebbe giocare la prima partita da titolare della stagione. Un filo che si riannoda in una citt
che significa molto per lui, perch l esord con
la Juve 4 anni fa (2 febbraio 2011, 2-1 per i
rosanero). E poi perch nel club di Zamparini
ha giocato 4 stagioni (2004-08), prima di emigrare in Germania, al Wolfsburg. Ricominciare da Palermo per non fermarsi pi: questo il
suo obiettivo. Anche perch solo facendogli
giocare una partita intera Allegri potr capire
se pronto. Sar una gara insidiosa, il Palermo una delle squadre pi in forma del campionato, in casa molto difficile da battere.
Poi ci sar Dortmund, dove lambiente sar
molto caloroso. Ma non dobbiamo aver paura.
Andiamo l per imporre il nostro gioco. Oltre
a Barzagli, a Palermo potrebbero esserci altre
novit: De Ceglie, Sturaro e Matri, tutte new
entry di gennaio che si candidano per un posto
da titolare. Anche Llorente dovrebbe giocare:
ieri era scattato lallarme per un affaticamento
allanca, ma gli esami hanno dato esito negativo. Oggi dovrebbe allenarsi regolarmente. Intanto Andrea Pirlo prosegue il suo programma
di recupero per cercare di esserci a Dortmund.
Ho sempre saputo di essere pi bravo degli
altri ha raccontato a Undici . Letichetta di
predestinato non mi ha mai dato fastidio, anzi
mi ha responsabilizzato. Le frasi di Lotito fanno perdere la voglia di giocare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorrentino, dna bianconero e una porta da blindare


1Il portiere palermitano ha giocato nelle giovanili Juve e poteva tornare, pap Roberto stato nello staff bianconero. E fa il tifo per lo 0-0
Francesco Caruso

ella famiglia Sorrentino


scorre sangue bianconero: Stefano il portiere
del Palermo, cresciuto nelle
giovanili della Juve e lanno
scorso fu in procinto di farvi ritorno, mentre il pap Roberto
stato preparatore dei portieri
della Juve con Trapattoni allinizio degli anni Novanta. Domani il Palermo affronta la Juve e per Stefano loccasione di
togliersi un sassolino dalla
scarpa ma soprattutto di regalare unaltra gioia ai nostri tifosi. I bianconeri ha detto ieri a
Sky troveranno un Palermo

diverso rispetto allandata, con


molta pi convinzione ed entusiasmo, siamo consapevoli di
incontrare i campioni dItalia
ormai prossimi a riconfermarsi, ma non ci tiriamo indietro.
PAREGGIO E PARATE Pap Roberto, vedr la gara in tv e auspica un pareggio: Tengo a
precisare che non sono tifoso
del Palermo, ma di mio figlio
Stefano. Non me ne vorranno i
sostenitori rosanero, ma il mio
cuore rimasto rossazzurro sin
dai tempi della promozione in
A del 1982. Il mio pronostico
per stasera un pareggio, possibilmente senza reti che per
mio figlio significherebbe non

Stefano Sorrentino, 35 anni, portiere del Palermo dal gennaio 2013 LAPRESSE

subire gol. Non lo dico perch


immagino che limpegno di
Champions col Borussia possa
frenare la Juve ma perch spero che i suoi portentosi attaccanti per una volta facciano cilecca. Quindi laugurio uno
0-0 con grandi parate di Stefano. Il quale disposto a firmare per unequa suddivisione
della posta, che per il Palermo
si tradurrebbe nel terzo 0-0 di
fila, dopo quelli contro Empoli
e Cesena: E per me vorrebbe
dire continuare a non incassare
reti che laspetto pi importante, ma noi stavolta abbiamo
dalla nostra la possibilit di
giocarcela con la testa sgombra
e senza assilli di classifica.

ROSANERO DENTRO Mentre


sul recente mancato passaggio
di Stefano in bianconero, pap
Roberto ammette: vero che
sarebbe stata la ciliegina sulla
sua bella carriera, ma c anche
da considerare che sarebbe andato a fare il secondo mentre
in rosanero ha avuto la possibilit di continuare a essere protagonista. E anche adesso che
riprendono a spuntare voci, come ogni fine stagione, su un
suo possibile trasferimento, dico che Stefano sarebbe contento anche di rimanere a Palermo
perch ormai quella citt e
quei colori gli sono entrati dentro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

20

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Serie A R La possibile svolta

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Milan, spunta
pure il fondo:
ecco Doyen
insieme a Bee

fCOS DOYEN

RADAMEL FALCAO
Centravanti colombiano, 29
anni, in estate passato dal
Monaco al Manchester United
con un prestito oneroso da 12
milioni con riscatto fissato a
55. Per ora con Van Gaal poca
fortuna: 20 partite e 4 gol

Lucas, uno dei re delle terze parti


@carlolaudisa

punta un nome noto nella (per ora) misteriosa


compagnia che appoggia
mister Bee Taechaubol nella
scalata del Milan berlusconiano. Si chiama Nelio Lucas, il
gestore del fondo dinvestimenti Doyen Sports, il colosso
che da anni al centro del mercato, con il finanziamento di
operazioni che hanno fatto la
fortuna, in particolare di Porto
e Benfica. Il manager portoghese gi nellestate del 2013
era stato accostato ai colori
rossoneri: in quei caldi giorni
di luglio fece notizia il summit
di Taormina con Adriano Galliani, tutti ospiti del presidente
del Catania Pulvirenti e del suo
vice Cosentino. Seguirono altri

Ieri test e 11 gol


Berlusconi
non atteso
A Milanello si disputato
un test tra la squadra di
Pippo Inzaghi e la Berretti di
Stefano Nava. Il punteggio
finale stato di 11-0: tripletta
per Destro e Honda,
doppietta per il giovane
Ronchi (che gioca in
Primavera) e reti di Cerci,
Poli, Bonaventura, Menez e
Van Ginkel. Inzaghi ha
schierato prevalentemente
Van Ginkel, Essien e
Bonaventura a centrocampo
con Honda alle spalle di
Destro e Menez. E stato
provato anche Cerci nel ruolo
di seconda punta. In difesa,
invece, a Firenze dovrebbe
giocare Abate, Mexes, Paletta
e Antonelli. Oggi allenamento
al mattino, Berlusconi non
dovrebbe andare a Milanello,
ma non si pu escludere un
cambio di programma.

Nelio Lucas in giro per Milano qualche mese fa

faccia a faccia con la.d. rossonero a Forte dei Marmi e a Milano. E quei ripetuti incontri
fecero pensare a un avvio di
collaborazione che, in realt,
poi non mai nato. I rapporti
personali sono evidentemente
buoni, ma il Milan ha sempre
tenuto lontano ogni associazione come la Doyen, anche
perch le norme italiane non
ammettono il coinvolgimento
dei fondi.
DA MILANO A DUBAI Ma lo
scenario attuale ha contorni
nuovi, visto anche che il contesto in cui mister Bee sta gestendo la sua trattativa con i vertici
di Fininvest ha le fondamenta
allestero. Con pi precisione
negli Emirati Arabi, a Dubai,
porto franco per eccellenza del
mondo arabo. E a quelle latitudini mister Bee pu operare in
tutta tranquillit nella selezione dei partner migliori per il finanziamento dellingresso in
casa Milan. Limpressione che
il broker thailandese abbia raccolto importanti manifestazioni dinteresse, ma aspetti il momento giusto per calibrare il
peso dei soci che verranno
coinvolti strada facendo. Intanto la cordata rappresentata
dal thailandese fa i conti con il
patto di riservatezza stretto
dopo lintesa di massima che
prevede un ingresso immediato con una quota intorno al
30% con un esborso immediato tra i 200 e i 250 milioni.
Questo il momento in cui tocca ai professionisti gestire la
due diligence indispensabile
per la disamina finale. una
fase delicatissima. Ci nonostante confermato che gli uomini di mister Bee abbiano preso contatto con Paolo Maldini
per sondarne la disponibilit e
valutare il suo ruolo nel nuovo
corso.
FRONTE CINESE Non un caso,
per, che quasi in contemporanea in questi giorni sia emersa

Una scuderia

Dalle miniere vere di talenti


a quelle del calcio:
sede a Malta,
affari dappertutto

1Nella cordata del thailandese c


Carlo Laudisa

21

l fenomeno Doyen ha tentacoli dappertutto. E non a caso leader mondiale nel


ramo sportivo dei fondi dinvestimento.
Ma bene sapere che la capo-gruppo nasce
con interessi nel settore minerario ed energetico: ambiti ricchissimi, con utili record da
reinvestire al meglio. Nasce cos la costola
della Doyen Sport Investiments che in appena un decennio scandaglia i vivai sudamericani e genera profitti considerevoli. Ora come ora le stelle di casa sono Falcao, Brahimi,
Kondogbia, Rojo, Castaignos, Tadic, Mangala, Leandro Damiao e Ebecilio. Ma lelenco si
allungherebbe di molto, considerando i calciatori in procura, a cominciare da Morata.

la figura di mister Pink, il magnate cinese, accreditato di mire non meno ambiziose sul
club di via Aldo Rossi. Sono in
ogni caso momenti delicati. Da
Fininvest ormai i contatti sono
stati ammessi a denti stretti,
sebbene sia stata netta la precisazione che Silvio Berlusconi
non intende privarsi della
maggioranza delle azioni. Un
particolare significativo per
leggere in anticipo le prossime
mosse. Sin dal primo momento, infatti, dallentourage di
mister Bee filtrata lintenzione di programmare una graduale crescita della partecipazione azionaria. Con lobiettivo di salire alla maggioranza (e
pi) in non pi di un triennio.
Ma tra Arcore e dintorni sino a
che punto intendono soddisfare questaspettativa? Il fronte
interno non insensibile a questo tema. Per esempio Barbara
Berlusconi da mesi in prima
linea per il progetto del nuovo
stadio, tutto rossonero. Il nuovo alleato, chiunque esso sia,
supporter questo progetto?

In alto:
Bee
Taechaubol,
41 anni,
thailandese,
sta cercando
di acquisire
un pacchetto
di quote del
Milan.
Sopra:
Silvio
Berlusconi, 78
anni, con la
figlia Barbara,
30.
La famiglia
Berlusconi
vorrebbe
cedere circa il
30% delle
quote,
mantenendo
quindi la
maggioranza
e continuando
a gestire la
societ come
accade dal
1986
ANSA

BUSINESS ampia lattivit del fondo rappresentato da Nelio Lucas. Il core business
rappresentato dal controllo dei cartellini dei
calciatori attraverso il riconoscimento di ricche percentuali nella rivendita. Ma molto
diffuso anche il soccorso ai club pi indebitati con prestiti consistenti. Nel suo momento
di maggior crisi proprio lAtletico Madrid ha
avviato il proprio risanamento grazie allaiuto della Doyen. E in situazioni simili si sono
ritrovati sia il Porto che il Benfica. E non un
caso che in Portogallo la societ che ha sede
legale a Malta ha piazzato i colpi migliori.
Negli ultimi tempi la Doyen ha fatto capolino
anche in Olanda e Francia, ma con risultati
meno soddisfacenti. Di sicuro Lucas negli ultimi due anni ha pianificato lo sbarco anche
in Italia, scontrandosi, per, con la rigidit
delle nostre norme.
FIFA CONTRO TOP Aggiungiamoci la recente
crociata promossa dalla Fifa contro le Top,
abbreviazione di Third Owner Part (propriet di terze parti). La discesa in campo di Blatter segue lormai nota allergia ai fondi del suo
rivale Michel Platini. Insomma, sono tempi
duri per gli investitori che intendono agire ai
margini dei club. Eppure il mondo del calcio
resta diviso sullargomento, nonostante le disavventure dei club sudamericani che negli
anni hanno visto prosciugato il loro patrimonio tecnico. Il tourbillon di vendite, infatti,
non mai bastato a sanare i loro conti. Invece
molti di quei trasferimenti hanno arricchito i
loro finanziatori pi o meno occulti. Ci spiega loffensiva concertata di Fifa e Uefa che
temono legemonia dei temuti terzi incomodi. La questione apertissima. Anche per
questo Doyen (e non solo) va a caccia di nuove opportunit. Magari anche pi sofisticate.
c.lau

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

YACINE BRAHIMI
Fantasista franco-algerino,
25 anni, lastro nascente
del Porto, che lo ha preso
dopo un ottimo Mondiale
con lAlgeria: finora 29 partite
e 12 gol con i Dragoni,
la Doyen detiene l80% dei
suoi diritti

GEOFFREY KONDOGBIA
Mediano francese, 22 anni,
formava con Pogba una
coppia doro nelle nazionali
giovanili dei Bleus. Passato
due anni fa dal Siviglia al
Monaco per 25 milioni, parte
del suo cartellino appartiene
a Doyen.

MARCOS ROJO
Esterno sinistro argentino,
24 anni, dopo i Mondiali da
titolare con lAlbiceleste il
Manchester United lha
comprato dallo Sporting per
20 milioni: Doyen ha lottato
con il club portoghese per la
spartizione del pagamento

IN CORSA PER LEUROPA

Lazio: due registi per un film da Champions


1Cataldi si aggiunge a Biglia in costruzione e la squadra vola. Il 7 maggio tutto il club prender parte alludienza col Papa
Stefano Cieri
INVIATO A FORMELLO (ROMA)

ora per la Lazio-rivelazione di Stefano Pioli arriva


anche la benedizione del
Papa. La squadra biancoceleste, al gran completo, sar in
Vaticano il 7 maggio per prendere parte alludienza generale
di Papa Francesco. Come Lazio
non ci saranno solo Pioli e i
suoi ragazzi, ma lintera Polisportiva biancoceleste, una famiglia composta da oltre cinquanta sezioni di diverse discipline sportive, la pi grande

dEuropa. Lultima volta che la


Lazio (anche allora insieme
con la Polisportiva) fu ospite di
unudienza generale del Papa
(cera Giovanni Paolo II) era
lAnno Santo del 2000. Santo
per tutti i fedeli della Chiesa
Romana, ma - molto pi prosaicamente - santo anche per i tifosi laziali, visto che quellanno
(pochi mesi dopo ludienza papale) arriv il secondo scudetto del club.
I DUE REGISTI Quindici anni
dopo un altro scudetto non
possibile, ma una qualificazione in Champions s, impresa

che - per questa Lazio - equivarrebbe ad uno scudetto. Dopo gli ultimi risultati e dopo
laggancio al Napoli al terzo posto la banda di Pioli ci crede
sempre di pi. Un sogno, che
ora diventato un obiettivo,
costruito un mattone alla volta.
Attraverso scelte difficili e coraggiose. Come quella del doppio regista, con cui la squadra
sta giocando da un po di tempo a questa parte. Gi, perch
oltre a quello ufficiale, Lucas
Biglia, da due mesi a questo
parte c anche laiuto regista
Danilo Cataldi. Sempre pi
spesso (in particolare quando

la squadra si dispone col 4-23-1) Cataldi si alterna allargentino nei compiti di costruzione del gioco. Volendo, la situazione pu essere anche letta
come un lento e graduale passaggio di consegne tra i due. S,
perch a fine stagione Biglia
(corteggiato dai maggiori club
europei, Real Madrid e Psg su
tutti) potrebbe decidere di lasciare la Lazio. E a quel punto,
la prossima stagione, Cataldi
diventerebbe il play maker unico della squadra. Un regista nel
senso pieno del termone, come
del resto accadeva quando era
il capitano della Primavera.

E IL REGISTA DI RISERVA Una


ricchezza di registi, insomma,
che potrebbe venir meno lanno prossimo, ma che intanto
Pioli si gode. Anche perch dietro al giovane italiano e allesperto argentino c un altro
regista di assoluto valore, met
italiano e met argentino: Cristian Ledesma. Alloccorrenza
c anche lui. E nella volatona
finale per la Champions ci sar
sicuramente bisogno di tutti. E,
magari, far anche comodo
una benedizione del Papa.
Che, peraltro, argentino. Proprio come Biglia e Ledesma.
Lucas Biglia, 29 anni LAPRESSE

RIPRODUZIONE RISERVATA

22

Siamo in onda! R

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Atletica+basket+calciomercato = 59

1 La marciatrice Giorgi a pranzo su GazzettaTv , Peterson celebra DAntoni, poi Preziosi a Calciomarket
1

clic

LA GUIDA
Le notizie dalle 7
Gli Autogol-show
e i campioni

COME RISINTONIZZARE
I VOSTRI TELEVISORI
E VEDERE IL CANALE 59
Se non vedi GazzettaTv sul
canale 59 puoi eseguire le
seguenti procedure
Se possiedi un Tv o un Decoder
Digitale Terrestre
1. Premere il tasto MENU sul
telecomando
2. Selezionare
Impostazioni/Avanzate
3. Posizionarsi sulla voce
relativa alla Sintonizzazione
automatica dei canali e premere
il tasto OK per accedere alla
configurazione dei canali
4. Impostare la Modalit di
sintonia dei canali su DTV
5. Posizionarsi sul pulsante
Avvia scansione e premere il
tasto OK per avviare la ricerca
dei canali
Se possiedi una Sky Digital
Key
1. Premere il tasto Menu del
telecomando SKY e premere OK
per accedere al digitale
terrestre
2. Premere il tasto rosso
(Ricerca) e lasciar inviata la
configurazione
3. Premere due volte il tasto
rosso (Avvia ricerca)
4. Attendere il completamento
dei canali e quindi premere OK

1 Il nostro esperto di basket Luca Chiabotti nello studio di Gazzetta Tv con lallenatore Franco Casalini 2 Dan Peterson, opinionista di
Sottocanestro 3 La marciatrice Eleonora Giorgi, terza italiana di sempre sui 20 chilometri, parteciper al notiziario delle 13 PHOTOPRESS EPA

Gabriella Mancini

rima latletica, poi la pallacanestro di scena su


GazzettaTv, canale 59.
La marciatrice Eleonora Giorgi sar protagonista nelledizione di Gazzetta News delle
13, poi linea al basket. Oggi
nella rubrica Sottocanestro c
Dan Peterson che ricorder i
bei tempi vissuti allOlimpia
Milano con Mike DAntoni.
Proprio questa sera il mitico
play andr al Forum dove sar
ritirata la sua maglia numero
8. In studio Michele Gazzetti e
il giornalista della Gazzetta
dello Sport Luca Chiabotti. Sar loccasione per commentare
anche i momenti pi emozionanti del campionato. Lappuntamento per le 14.15.

GLI AUTOGOL Alle 14.45 linea


al trio comico Gli Autogol, con
le loro imitazioni divertenti,
sempre attivi anche sui social:
protagonista della puntata il
serafico Zdenek Zeman, tornato a Cagliari dopo lesonero
di Gianfranco Zola. Alle 15.05
un altro appuntamento con le
avventure pi avvincenti del
mondo, poi la rubrica Campioni a confronto che paragona i
grandi nomi dello sport. Oggi
la volta del duello tra gli
olandesi Johan Cruijff e Arjen
Robben e tra gli italiani Andrea Pirlo e Daniele De Rossi.
Alle 16.05 Sport Science continua il suo viaggio nei segreti
dello sport dal punto di vista
scientifico. Verso sera largo al
Fantacalcio: alle 18.30 +3
Fantanews racconter i trucchi
del gioco che appassiona sei

LORARIO

14.15
Scatta la rubrica
Sottocanestro con
Mike DAntoni e
Dan Peterson negli studi
di Gazzetta Tv

milioni di italiani: Deborah


Schirru, lesperto Francesco
Letizia e la firma della Gazzetta dello Sport Luca Bianchin
forniranno preziosi consigli.
Tema del giorno, gli schieramenti migliori in vista del
weekend.
MERCATO Non manca lappuntamento con Calciomarket, il
settimanale condotto dallesperto di mercato Carlo Laudisa e da Federica Migliavacca. Anteprime, retroscena, rumours, lospite di questa sera
il presidente del Genoa Enrico
Preziosi. Lappuntamento da
non perdere per le 19 con replica alle 23. E in prima serata,
un altro programma da non
perdere: Cond Confidential
con Carlo Ancelotti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MATTINA
News, sport e scienza
Marcia nel Tg delle 13
7 Gazzetta News
7.15 Gazzetta News
7.45 Gazzetta News
8 Gazzetta News
8.15 Gazzetta News
8.45 Gazzetta News
9 Gazzetta News
9.05 Sport Science
10.05 Pazzi per i derby
11.05 The SpeedGang
12.05 Sport Science
13 Gazzetta News
13.30 Gazzetta News
POMERIGGIO
A tutto basket, calcio e battute
Fantacalcio e Calciomarket
14 Gazzetta News
14.15 G. News - Sottocanestro
14.45 Gli Autogol
15.05 Explorers
15.30 Campioni a confronto
16.05 Sport Science
17.05 Bomber
18.05 Explorers
18.30 +3 Fantanews
19 Gazzetta News Calciomarket
19.30 Gazzetta News
SERA
Le storie dei campioni
e Cond Confidential
20 Gazzetta News
20.30 Gazzetta News
20.45 Gli Autogol
21 Campioni a confronto
21.35 Cond Confidential
22.05 Sport Science
23 Gazzetta News Calciomarket
23.30 Gazzetta News

Serie A R La guida
DOMANI Ore 18
Stadio Barbera
Andata 0-2

OCCHI PUNTATI SU...

27a

1
4.75
33. DAPREL

Juve attesa domani a Palermo


In Sicilia il pari manca dal 1969

70. SORRENTINO

20. VAZQUEZ

28. JAJALO

2. VITIELLO

ai campioni dItalia che hanno vinto 11 sfide contro le 6 dei rosanero


Anche il conto dei gol e gli ultimi 2 incroci sono per i bianconeri

14. LLORENTE

9. DYBALA

27. RIGONI

21. QUAISON

JUVENTUS

CLASSIFICA
SQUADRE

PT

JUVENTUS
ROMA
LAZIO
NAPOLI
FIORENTINA
SAMPDORIA
GENOA
INTER
TORINO
MILAN
PALERMO
UDINESE
EMPOLI
SASSUOLO
VERONA
CHIEVO
ATALANTA
CAGLIARI
CESENA
PARMA (-1)

61
50
46
46
42
42
37
36
36
35
35
31
29
29
29
26
24
20
20
11

32. MATRI

20. PADOIN

RETI

26
26
26
26
26
26
25
26
26
26
26
25
26
26
26
26
26
26
26
24

18
13
14
13
11
10
9
9
9
8
8
8
5
6
7
6
5
4
4
3

7
11
4
7
9
12
10
9
9
11
11
7
14
11
8
8
9
8
8
3

1
2
8
6
6
4
6
8
8
7
7
10
7
9
11
12
12
14
14
18

53
38
47
46
37
34
37
41
30
37
38
29
26
29
31
18
22
32
24
20

14
19
27
33
28
28
30
34
28
32
39
34
28
39
46
30
37
49
47
47

* 1 PUNTO DI PENALIZZAZIONE

CHAMPIONS PRELIMINARI DI CHAMPIONS


EUROPA LEAGUE RETROCESSIONI

Girone unico
Vittorie Palermo Vittorie Juventus

MARCATORI
15 RETI Icardi (3, Inter);
Tevez (2, Juventus).
13 RETI Menez (7, Milan);
Higuain (2, Napoli).
12 RETI Dybala (2, Palermo).
11 RETI Toni (3, Verona).
10 RETI Gabbiadini (Napoli;
7 nella Sampdoria); Quagliarella
(2, Torino); Di Natale (Udinese).
9 RETI Callejon (Napoli).
8 RETI Klose e Mauri (Lazio);
Ljajic (1, Roma); Eder (1, Sampdoria);
Zaza (1, Sassuolo); Thereau (Udinese).
7 RETI Maccarone (1, Empoli); Babacar
(Fiorentina); Matri (7 nel Genoa) e Pogba
(Juventus); Djordjevic (Lazio); Vazquez
(Palermo); Berardi (3, Sassuolo).
6 RETI Iago Falque (1, Genoa); Morata
e Vidal (2, Juventus); Felipe Anderson
e Parolo (Lazio); Destro (5 nella Roma)
e Honda (Milan); Glik (Torino).

GAZZAWEB
www.gazzetta.it

Pareggi

Ultimo pareggio in casa:


9/2/1969 Palermo-Juventus 1-1
Ultima vittoria Juventus al Barbera:
9/12/2012 Palermo-Juventus 0-1

PUNTI
Nelle ultime 5 giornate

Palermo

19

Palermo
Juventus

Juventus

11

31
CAGLIARI

(4-3-3)

EMPOLI

(4-3-1-2)

DOMANI Ore 20.45

ANDATA 4-0

21
BALZANO

32
CEPPITELLI

16
DESSENA

5
SAPONARA

88
VECINO
23
HYSAJ

37
DIAKIT

25
SAU

10
TAVANO

3
MURRU

GENOA

(3-4-3)

SASSUOLO

(4-3-3)

VERONA

CHIEVO

(4-4-2)

PARMA

(4-3-3)

NAPOLI

DOMENICA Ore 15

ANDATA 0-2

DOMENICA Ore 15

13
2
33
93
A. MASIELLO STENDARDO CHERUBIN DRAM
21
CIGARINI

11
MORALEZ

10
GOMEZ

88
91
RINCON BERTOLACCI
24
IAGO

29
19
66
6
27
PASQUALE GUILHERME PINZI ALLAN WIDMER

56
HETEMAJ

12
CESAR

11
VRSALJKO

21
EDENILSON

ANDATA 3-1

11
NIANG

13
IZCO

3
DAINELLI

31
PELUSO

33
BRIGHI

23
BIRSA
24
SCHELOTTO

18
GOBBI

15
ACERBI

10
ZAZA

3
LONGHI

17
SANSONE

10
BELFODIL

88
CODA

26
VARELA

23
NOCERINO

31
MARIGA

8
MAURI

6
LUCARELLI

15
COSTA

2
CASSANI

83
MIRANTE

PANCHINA 1 Colombi, 14 Pisano,


2 Gonzalez, 15 Rossettini, 30 Donsah,
5 Conti, 18 Barella, 10 Joao Pedro, 90 Cop,
9 Longo. ALLENATORE Zeman.
BALLOTTAGGI Ceppitelli-Rossettini 6040%; Murru-Pisano 60-40%; Crisetig-Conti
60-40%; Husbauer-Joao Pedro 60-40%.
SQUALIFICATI Avelar (1), Cossu (1).
DIFFIDATI Balzano, Ceppitelli, Longo.
INDISP. Capuano (7 giorni), Ekdal (5).
ALTRI Cragno, Carboni, Muroni, Caio
Rangel.

PANCHINA 1 Avramov, 29 Benalouane,


20 Biava, 6 Bellini, 5 Scaloni, 3 Del Grosso,
8 Migliaccio, 95 Grassi, 16 Baselli, 99 Boakye,
9 Bianchi, 19 Denis. ALL. Reja.
BALL. Cherubin-Benalouane 65-35%,
Emanuelson-Scaloni 70-30%, Pinilla-Denis
55-45%. SQUAL. DAlessandro (1). DIFF.
Boakye, Denis, Moralez. INDISP. Estigarribia
(2 mesi), Raimondi (2 mesi), Zappacosta (7
giorni). ALTRI Frezzolini, Rosseti, Kresic.

PANCHINA 23 Lamanna, 39 Sommariva,


5 Izzo, 2 Tamb, 15 Marchese, 18 Bergdich,
38 Mandragora, 16 Lestienne, 93 Laxalt,
19 Pavoletti, 22 Borriello.
ALLENATORE Gasperini.
BALLOTTAGGI Burdisso-Izzo 60-40%.
SQUALIFICATI nessuno.
DIFFIDATI Burdisso, Iago, Rincon, Kucka.
INDISP. Tino Costa (30 giorni). ALTRI
Ariaudo, Prisco, Franchetti, Ghiglione,
Parente, Falou, Soprano, Panico, Antonini.

PANCHINA 1 Pomini, 16 Polito, 20 Bianco,


21 Fontanesi, 32 Natali, 6 Chibsah,
8 Biondini, 19 Taider, 14 Donis,
30 Lazarevic, 83 Floro Flores, 99 Floccari
ALL. Di Francesco. BALL. Vrsaljko-Gazzola
60-40%, Brighi-Taider 60-40%. SQUAL.
nessuno. DIFF. Brighi, Missiroli. INDISP.
Terranova (stag. finita), Antei (stag. finita),
Pegolo (2 mesi), Cannavaro (1 mese).
ALTRI Celeste, Sereni, Lodesani.

1
2.40

X
3.10

1
2.35

2
3.00

X
3.00

2
3.20

1
1.85

X
3.25

PANCHINA 22 Iacobucci, 91 Bajza,


4 Mendes, 27 Santacroce, 28 Feddal,
13 Prestia, 14 Galloppa, 21 Lodi, 3 Lila,
5 Ghezzal, 80 Jorquera, 17 Palladino.
ALLENATORE Donadoni.
BALL. Mariga-Galloppa (55-45%), BelfodilPalladino (55-45%), Costa-Santacroce (5545%). SQUAL. Rodriguez (4). DIFF.
Mirante, Lodi, Mendes, Gobbi, Costa e
Mauri. INDISP. Haraslin e Biabiany (da
valutare). ALTRI Broh e Esposito.

2
4.50

1
1.60

X
3.60

(4-3-1-2)

FIORENTINA

(4-3-2-1)

TORINO

(3-5-2)

ROMA

(4-3-3)

CESENA

(4-3-1-2)

MILAN

(4-3-1-2)

LAZIO

(4-3-3)

SAMPDORIA

(4-3-3)

ANDATA 1-0

LUNED Ore 19

ANDATA 1-1

1
HANDANOVIC
23
6
22
RANOCCHIA ANDREOLLI DOD

13
GUARIN

18
MEDEL
10
KOVACIC

9
ICARDI
18
DJURIC

11
BRIENZA
56
26
PULZETTI MUDINGAYI
17
MAGNUSSON

77
BROZOVIC

20
5
BORJA VALERO BADELJ
74
SALAH

5
BOVO

5
GIORGI

28
15
BONAVENTURA ESSIEN
24
PERICO

31
ANTONELLI

10
HONDA

29
PALETTA

21
VAN GINKEL
5
MEXES

PANCHINA 30 Agliardi, 81 Bressan, 2


Nica, 6 Lucchini, 14 Volta, 7 Carbonero, 8
De Feudis, 34 Cascione, 9 Rodriguez, 19
Succi, 32 Moncini. ALLENATORE Di Carlo.
BALLOTTAGGI Pulzetti-De Feudis 75-25%,
Perico-Nica 75-25%. SQUALIFICATI
nessuno. DIFFIDATI Carbonero, Renzetti
e Rodriguez. INDISPONIBILI Marilungo
(10 giorni), Tabanelli (15), Cazzola (10),
Yabre (50), Valzania (25), Renzetti (5).
2
9.00

25
GLIK

27
QUAGLIARELLA

9
DESTRO

20
ABATE

23
DIEGO LOPEZ

PANCHINA 30 Carrizo, 46 Berni,


15 Vidic, 21 Santon, 26 Felipe,
54 Donkor, 17 Kuzmanovic, 88 Hernanes,
8 Palacio, 28 Puscas, 91 Shaqiri,
97 Bonazzoli. ALLENATORE Mancini.
SQUALIFICATI Juan Jesus (1).
DIFFIDATI Brozovic, Campagnaro, Dod,
Guarin, Icardi, Vidic.
INDISPONIBILI Jonathan (stagione
finita), Nagatomo (10 giorni), Campagnaro
(da val.), Obi (da val.).

LUNED Ore 21

24
MORETTI

26
RADU

20
KEITA

16
DE ROSSI

15
PJANIC

27
GERVINHO

8
LJAJIC

7
ITURBE

99
ETOO

24
MURIEL

17
PALOMBO

14
OBIANG

6
S. MAURI

11
KLOSE

7
F. ANDERSON

23
EDER

16
PAROLO

20
BIGLIA

32
CATALDI

21
SORIANO

33
MAURICIO

3
DE VRIJ

8
BASTA

19
5
26
29
REGINI ROMAGNOLI SILVESTRE DE SILVESTRI

22
MARCHETTI

2
VIVIANO

PANCHINA 31 Rosati, 24 Lezzerini,


35 Bagadur, 28 Alonso, 6 Vargas,
7 Pizarro, 38 Rosi, 16 Kurtic, 14 Mati
Fernandez, 17 Joaquin, 72 Ilicic,
9 Gilardino. ALLENATORE Montella.
BALL. nessuno. SQUAL. Tomovic (1).
DIFF. Basanta. INDISP. Rossi (30 giorni),
Bernardeschi (7), Gomez (7), Tatarusanu
(5), Savic (3). ALTRI Lazzari, Lupatelli,
Octavio, El Hamdaoui.

PANCHINA 13 Castellazzi, 1 Ichazo,


19 Maksimovic, 18 Jansson, 21 Silva,
3 Molinaro, 4 Basha, 20 Vives, 8 Farnerud,
17 Martinez, 22 Amauri.
ALLENATORE Ventura.
BALLOTTAGGI Bovo-Maksimovic 60-40%,
Quagliarella-Martinez 60-40%.
SQUALIFICATI nessuno. DIFF. Benassi,
Quagliarella. INDISP. Gonzalez (15 giorni),
S. Masiello (15). ALTRI Barreto.

PANCHINA 32 Abbiati, 66 Gori,


25 Bonera, 19 Bocchetti, 33 Alex,
14 Albertazzi, 4 Muntari, 8 Suso, 22 Cerci,
11 Pazzini. ALLENATORE Inzaghi.
BALL. Honda-Cerci 70-30%, Menez-Cerci
70-30%. SQUAL. Poli. DIFF. Bonaventura,
Alex. INDISP. Agazzi (stagione finita), De
Sciglio (14 giorni), Rami (7), Zaccardo (7),
Armero (7), Zapata (7), De Jong (20),
Montolivo (10), El Shaarawy (30), Mastour
(35).

PANCHINA 1 Berisha, 77 Strakosha,


85 Novaretti, 27 Cana, 5 Braafheid,
39 Cavanda, 23 Onazi, 24 Ledesma,
19 Lulic, 10 Ederson, 14 B. Keita, 34 Perea.
ALLENATORE Pioli.
BALLOTTAGGI Klose-B. Keita 80-20%.
SQUALIFICATI Candreva (1).
DIFFIDATI Cavanda, De Vrij, Mauricio,
Onazi. INDISPONIBILI Djordjevic (50
giorni), Gentiletti (20), Konko (7), Pereirinha
(7), Tounkara (7). ALTRI Ciani, Sculli.

PANCHINA 28 Skorupski, 23 Astori,


33 Spolli, 3 Cole, 35 Torosidis, 32 Paredes,
48 Ucan, 53 Verde, 96 Sanabria,
88 Doumbia, 10 Totti. ALLENATORE Garcia.
BALLOTTAGGI Florenzi-Torosidis 60-40%,
Holebas-Cole 60-40%, De Rossi-Paredes
60-40%, Keita-Paredes 60-40%.
SQUAL. Nainggolan. DIFF. Maicon,
Manolas, Torosidis, Pjanic e Torosidis
INDISP. Strootman (stagione finita),
Balzaretti e Castan (da val.), Maicon (7
giorni), Ibarbo (10). ALTRI Curci.

1
1.90

X
3.40

2
4.00

1
3.00

X
3.00

2
2.45

33
AGOSTINI

21
J. GOMEZ

9
TONI

11
JANKOVIC

17
HAMSIK

31
GHOULAM

7
CALLEJON

19
LOPEZ

26
33
KOULIBALY
ALBIOL
45
ANDUJAR

16
MESTO

PANCHINA 95 Gollini, 1 Rafael, 71 Martic,


28 Brivio, 2 Gu. Rodriguez, 19 Greco,
8 Obbadi, 30 Campanharo,
20 Christodoulopoulos, 70 Fernandinho,
7 Saviola, 17 Nico Lopez. ALL. Mandorlini.
BALL. Sorensen-Gu. Rodriguez 60-40%,
Hallfredsson-Obbadi 80-20%, JankovicChristodoulopoulos 60-40%.
SQUAL. Ionita (1). DIFF. Martic, Valoti,
Nico Lopez, Gomez. INDISP. Marquez (da
val.), Marques (da val.), Valoti (da val.).
ALTRI Campanharo, Cappelluzzo, Fares.
PANCHINA 1 Rafael, 15 Colombo,
4 Henrique, 5 Britos, 3 Strinic, 8 Jorginho,
6 De Guzman, 91 Zapata. ALL. Benitez
BALL. Higuain-Zapata 60-40%, Hamsik-De
Guzman 60-40%, Inler-Jorginho 60-40%
SQUAL. nessuno. DIFF. Ghoulam, Lopez,
Inler, Albiol. INDISP. Michu (40 giorni),
Maggio (da val.), Gabbiadini (da val.),
Gargano (15 giorni). ALTRI Uvini, Insigne.
1
4.20

X
3.50

2
1.83

TACCUINO
FIGC

24
44
2
25
FLORENZI MANOLAS YANGA-MBIWA HOLEBAS

11
MAXI LOPEZ

18
MORAS

77
10
TACHTSIDIS HALLFREDSSON

ANDATA 0-0
26
DE SANCTIS

33
94
14
7
36
PERES BENASSI GAZZI EL KADDOURI DARMIAN

30 BABACAR

92
DEFREL

X
4.50

10
AQUILANI

18
DIAMANTI

7
MENEZ

ANDATA 1-2
30
PADELLI

4
2
19
23
RICHARDS G. RODRIGUEZ BASANTA PASQUAL

11
PODOLSKI

15
25
KRAJNC
CAPELLI
1
LEALI

1
1.35

LUNED Ore 19

1
NETO

5
SORENSEN

26
SALA

2
5.75

INTER

DOMENICA Ore 20.45

3
PISANO

88
INLER

1
BIZZARRI

PANCHINA 25 Bardi, 90 Seculin,


20 Sardo, 5 Gamberini, 21 Frey, 34 Biraghi,
10 Christiansen, 14 Cofie, 18 Feftatzidis, 19
Botta, 43 Paloschi, 9 Pozzi. ALLENATORE
Maran. BALLOTTAGGI Birsa-Frey 6040%, Pellissier-Paloschi 60-40%, CesarGamberini 65-35%. SQUALIFICATI
nessuno. DIFFIDATI Meggiorini, Hetemaj.
INDISPONIBILI Mattiello (campionato
finito). ALTRI Puggioni, Anderson, Vajushi.

ANDATA 2-6

9 HIGUAIN

31
KARNEZIS

PANCHINA 22 Scuffet, 97 Meret,


18 Bubnjic, 34 Gabriel Silva, 21 Hallberg,
7 Badu, 8 Bruno Fernandes, 94 Aguirre,
77 Thereau, 82 Geijo, 9 Perica.
ALL. Stramaccioni. BALL. Guilherme-Badu
70-30%, Pasquale-Gabriel Silva 60-40% Di
Natale-Therea 70-30%. SQUAL. nessuno.
DIFF. Badu, Danilo, Bruno Fernandes,
Heurtaux, Kone, Piris, Thereau. INDISP.
Domizzi (7 giorni) Heurtaux (da val.),
Evangelista (10). ALTRI Jadson, Zapata

DOMENICA Ore 18

14
MERTENS

33
SEPE

PANCHINA 1 Pugliesi, 28 Bassi, 50


Somma, 2 Laurini, 15 Piu, 4 Diousse, 25
Brillante, 18 Verdi, 27 Zielinski, 9 Mchelidze.
ALLENATORE Sarri.
BALLOTTAGGI Barba-Tonelli 70-30%.
SQUALIFICATI Valdifiori (1).
DIFFIDATI Maccarone, Tonelli.
INDISPONIBILI Guarente (da val.), Tonelli
(da val.). ALTRI Pucciarelli, Biggeri.

(4-3-3)
(4-2-3-1)
22
BENUSSI

4
7
MAGNANELLI MISSIROLI

25
BERARDI

31
PELLISSIER

8
RADOVANOVIC

87
ZUKANOVIC

2
WAGUE

4
DE MAIO

33
KUCKA

10
PEROTTI

69
MEGGIORINI

10 DI NATALE

5
DANILO

DOMENICA Ore 15
47
CONSIGLI

14
8
RONCAGLIA BURDISSO

33 KONE

89
PIRIS

ANDATA 2-1

1
PERIN

51 PINILLA

21
MARIO RUI

PANCHINA 30 Storari, 34 Rubinho, 3 Chiellini,


19 Bonucci, 26 Lichtsteiner, 33 Evra, 7 Pepe,
9 Morata, 11 Coman, 10 Tevez.
ALLENATORE Allegri.
BALLOTTAGGI Matri-Coman 60-40%,
Barzagli-Bonucci 70-30%, Marchisio-Coman 70-30%.
SQUALIFICATI Pogba (1).
DIFFIDATI De Ceglie, Morata, Ogbonna, Vidal.
INDISPONIBILI Romulo (20 giorni), Asamoah (60), Caceres (70),
Pirlo (da valutare), Marrone (da valutare).

(3-5-1-1)

7
MACCARONE

19
BARBA

JUVENTUS
(4-3-1-2)

17. DE CEGLIE

PANCHINA 1 Ujkani, 5 Milanovic,


3 Rispoli, 22 Ortiz, 7 Lazaar,
13 Emerson, 25 Maresca, 15 Bolzoni, 14 Della Rocca,
18 Chochev 10 Joao Silva, 99 Belotti.
ALLENATORE Iachini.
BALLOTTAGGI Vitiello-Rispoli 60-40%,
Jajalo-Maresca 60-40%.
SQUALIFICATI nessuno.
DIFFIDATI Daprel, Bolzoni, Morganella.
INDISPONIBILI Gonzalez (7 giorni), Morganella (stagione finita).
ALTRI Fulignati, Bentivegna Makienok.

(4-2-3-1)

28
EMANUELSON

11
CROCE

1. BUFFON

UDINESE

17
CARMONA

40
MPOKU

8
SIGNORELLI

24
RUGANI

5. OGBONNA

PALERMO
(4-3-2-1)

57
SPORTIELLO

4
22
CRISETIG HUSBAUER

17
FARIAS

27. STURARO

ATALANTA

44
BRKIC

33
DAMBROSIO

Se vuoi restare aggiornato


sulle formazioni, conoscere
i consigli dei nostri esperti,
consultare le statistiche di
ogni giocatore (nella foto
Toni) e scoprire i segreti per
vincere al fantacalcio, da
questanno la Gazzetta mette
a disposizione
degli appassionati, gratis sul
proprio sito, unintera sezione
dedicata. Su Fantanews i voti
il giorno dopo lultima partita
di campionato, gli assist
ufficiali al termine di tutte
le gare, articoli esclusivi
e la trasmissione +3 di
presentazione della Magic di
giornata. E se vuoi consultare
i nostri esperti per decidere
chi schierare al momento di
fare la formazione c anche
un blog, Magic Blog, con tutte
le dritte del caso.

15. BARZAGLI

Ultima vittoria Palermo in casa:


2/2/2011 Palermo-Juventus 2-1

RETI FATTE

PROSSIMO TURNO
SABATO 21 MARZO
CHIEVO-PALERMO ore 18
(0-1)
MILAN-CAGLIARI ore 20.45
(1-1)
DOMENICA 22 MARZO, ore 20.45
EMPOLI-SASSUOLO ore 12.30
(1-3)
JUVENTUS-GENOA ore 15
(0-1)
CESENA-ROMA
(0-2)
LAZIO-VERONA
(1-1)
NAPOLI-ATALANTA
(1-1)
PARMA-TORINO
(0-1)
SAMPDORIA-INTER
(0-1)
UDINESE-FIORENTINA
(0-3)

11

25

8. MARCHISIO

LE ULTIME VOLTE

PRECEDENTI IN SERIE A

PARTITE

2
1.80

23. VIDAL
37. PEREYRA

PALERMO

X
3.30

ARBITRO Guida.
ASSISTENTI Cariolato-De Pinto.
IV Tonolini ADD. Damato-Mariani.
TV Sky SuperCalcio HD,
Sky Calcio 1 HD;
Premium Calcio, Calcio HD.
PREZZI da 40 a
275 euro.

4. ANDELKOVIC
8. BARRETO

19. TERZI

1 Il bilancio dei precedenti nel girone unico di Serie A favorevole

GIORNATA

23

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

PANCHINA 88 Frison, 33 Romero,


25 A. Coda, 6 Duncan, 8 Correa,
77 Wszolek, 32 Marchionni, 9 Okaka,
18 Bergessio. ALLENATORE Mihajlovic.
BALLOTTAGGI nessuno. SQUAL. Acquah
(1). DIFF. Regini, De Silvestri, Duncan.
INDISP. De Vitis (3 mesi), Cacciatore (7
giorni), Mesbah (7), Munoz (20), Rizzo (7).
ALTRI Ivan, Massolo, L. Djordjevic, Lulic.
1
1.60

X
3.60

2
6.00

Si insedia il Direttivo
del Settore Giovanile
Si svolta ieri la prima
riunione del nuovo Direttivo del
Settore Giovanile e Scolastico
della Figc alla presenza del
presidente federale Tavecchio:
La crescita del sistema Calcio
passa attraverso il mondo
giovanile, ha detto Tavecchio
nel suo saluto ai presenti che
poi hanno iniziato i lavori sotto
la guida del neo presidente
Vito Tisci. Tra le altre cose,
sono stati approvati i
regolamenti delle finali
giovanili professionisti e
dilettanti, ratificate le scuole
calcio qualificate per la
stagione 2013-2014.

UNDER 17 DONNE

Turchia battuta 6-0


La Nazionale Under 17
femminile ha battuto ieri la
Turchia 6-0 in unamichevole
disputata a Istanbul. Azzurrine
in vantaggio al 16 con
Serturini. Nella ripresa a segno
Peressotti, Del Stabile,
Marinelli e Caruso. A tre minuti
dalla fine Serturini ha poi
messo a segno la sua
personale doppietta.

24

Serie A R Lintervista

Parma, senti Manenti


Tavecchio e Pizzarotti
vogliono il fallimento
Ora chiedo garanzie
1Quei 2 sembrano Tot e Nino Taranto con la Fontana
di Trevi... Pago il 20, se il 19 non fanno fallire la societ

Andrea Schianchi
INVIATO A PARMA

utta la verit di Giampietro Manenti. Che, considerato il personaggio e le tante promesse non
mantenute, non detto che sia quella definitiva. Ma il protagonista del momento, anche se Parma si sente presa in giro e umiliata da questuomo che
il 9 febbraio diventato presidente del club e ora lo
tiene in ostaggio senza garantire i necessari investimenti.
Presidente, perch non ha ancora pagato?
C la Procura che sta lavorando e io devo avere garanzie: non posso buttare via i soldi di altre persone.
Se il 19 viene dichiarato il fallimento, il mio investimento finisce nella pattumiera.
E allora perch ha continuato a promettere che avrebbe tirato fuori il denaro?
Perch il denaro cera. E c ancora. Ma servono garanzie.
Il 16 febbraio, per, lei non ha saldato gli stipendi dei
tesserati.
Il 16 febbraio alle otto di sera i bonifici sui conti correnti dei tesserati erano stati fatti attraverso la banca

I SOLDI? NON POSSO


BUTTARE QUELLI
DI ALTRE PERSONE
FINCH LA PROCURA STA
ANCORA LAVORANDO
LASSEDIO DEI TIFOSI
ERA PILOTATO: MA NON
SI RENDONO CONTO CHE
NON SONO IO
IL RESPONSABILE?
DICONO CHE DORMO IN
AUTO PERCH NON HO I
SOLDI PER LHOTEL, MA
UN LETTO ME LO POSSO
ANCORA PERMETTERE
GIAMPIETRO MANENTI
PRESIDENTE DEL PARMA

IL PROCESSO

Sei anni per il Bocia


Pugno duro del pm
in aula a Bergamo
1Richieste pesanti

per gli ultr di


Atalanta e Catania.
Il magistrato: Stop
alle connivenze

Claudio Galimberti FOTOGRAMMA

Matteo Spini
BERGAMO

ei anni per Claudio Bocia Galimberti, 166 anni e 4 mesi in totale per
le 143 persone coinvolte: sono queste le richieste formulate ieri dal pm Carmen Pugliese nellambito del processo agli ultr, in aula al Tribunale di Bergamo. La giornata
di ieri stata quella delle richieste dellaccusa, che vanno
dai sei anni senza attenuanti
di Galimberti fino ai nove mesi di altri, in un procedimento
che comprende ottantasette
tifosi dellAtalanta e cinquantasei del Catania. Addirittura
una trentina i capi dimputazione nei confronti del Bocia,

che variano da risse a violazioni di Daspo, fino allaggressione a un giornalista e


alladunata sediziosa e danneggiamenti: il reato pi grave a lui imputato il concorso
in rapina.
QUEL SMS DI CONTE In aula,
ieri, il pm Carmen Pugliese ha
preso una posizione dura sullargomento dei rapporti privilegiati degli ultr con dirigenti, allenatori e giocatori:
in particolare, ha fatto riferimento al famoso sms inviato
da Antonio Conte a Galimberti, nel quale lattuale ct della
Nazionale (nel periodo successivo alla parentesi sulla
panchina dellAtalanta) esprimeva la propria solidariet al
capo degli ultr, che era stato
condannato per violazione di
Daspo. Mancava solo che lo
chiamasse il presidente della
Repubblica, ha ironizzato il
pm, che ha parlato di cose disgustose, riferendosi alla solidariet agli ultr violenti e
alle visite di giocatori e dirigenti. Un processo complesso per il numero di imputati
coinvolti e di reati commessi
ha sottolineato Carmen Pugliese-: un grande merito va
allex questore Turillo e alla
Digos, che stavano antipatici
a molti ultr, ma hanno dato
un segnale forte in un momento in cui serviva una sterzata per ristabilire i rapporti
tra forze dellordine e tifoseria, anche con la repressione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Monte Paschi. Il marted mattina i bonifici sono stati


annullati.
Che idea si fatto di questo strano passaggio?
Nessuna idea. Ho telefonato alla sede centrale di
Siena, a Bologna, allUfficio Estero, ma nessuno mi ha
dato spiegazioni.
Ma lei ha fornito ai giocatori un codice di riferimento
bancario che risultava inutilizzabile.
Il codice era stato generato nel momento in cui erano stati accettati i bonifici... Poi vorrei capire come
mai un istituto di credito va a parlare con i clienti e
non con linteressato, cio io, che ha ordinato loperazione.
Lei sostiene che il denaro non arriva perch ci sono
problemi tecnici: di quali problemi si tratta? E pi di un
mese che siamo in attesa...
Presto ci sar il passaggio finale, ma consideri che
alla Camera di Commercio il Parma risulta ancora di
propriet della Dastraso. Serve tempo perch siano
formalizzate certe operazioni.
Pur non avendo immesso denaro nelle casse sociali
per saldare tutte le pendenze, poteva tuttavia garantire qualche mensilit ai dipendenti, non le pare? Soldi di
tasca sua, intendiamo.

Giampietro
Manenti, 45
anni,
presidente del
Parma dal 9
febbraio ANSA

Abbiamo ripristinato tutti i servizi, dalla mensa alla


lavanderia. Abbiamo rifatto il campo del Tardini. E
avevamo la disponibilit finanziaria per la gara contro lUdinese, poi rinviata, per la successiva trasferta
di Genova e per la partita di domenica scorsa contro
lAtalanta.
Dalle sue tasche, per, non uscito un euro.
Garantisco che metteremo qualcosa per i dipendenti
prima del 19 marzo. gi nel piano di risanamento.
Siamo sempre alle promesse. Perch la gente dovrebbe crederle?
Perch ci sono i fatti.
Quali fatti, ci scusi?

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Ho un piano di risanamento che sar difficile smontare anche da parte della Procura. E quel piano sar la
salvezza del Parma. A meno che i miei soci occulti non
vogliano il fallimento....

occulti.

Chi sono i suoi soci occulti?


Il presidente Tavecchio e il sindaco Pizzarotti. Si
comportano come se facessero parte della societ, allora tirino fuori i soldi. Tavecchio ha garantito che c
un fondo americano disposto a investire nel Parma e
ha detto che non intende parlare con me. Bene, ma il
Parma mio. E lui e Pizzarotti, al momento, stanno
facendo come Tot e Nino Taranto che volevano vendere la Fontana di Trevi a un turista americano. Il
club non loro, che trattative vogliono intavolare?.

E un po vago, non le pare? Non che ci sia il rischio di


riciclaggio?
Nessun rischio. I soldi sono tracciati correttamente e
non esiste neppure lostacolo dellembargo dellUnione Europea verso i capitali provenienti dalla Russia.
Sono denari presenti gi sul suolo italiano.

Ieri in tribunale
3 anni di bilanci
Oggi nuovo Cda

E quanti soldi sono?


Vanno a copertura dellintero debito netto.

1Allasta macchinari e panchine

Curiosit: perch ha comprato il Parma che si sapeva


essere gravato da tantissimi debiti?
Era una situazione gestibile, poi il clamore mediatico ha fatto saltare il banco.
Tutta colpa di giornali e tv, insomma.
Diciamo che successo il finimondo e che dal 9 febbraio io non sono mai riuscito a lavorare.
Per andato in Slovenia, a spese del Parma, e ha chiuso il conto corrente della Mapi Group presso la Raiffeissen Bank di Nova Gorica. Vero? Se s, perch?
Verissimo, ho chiuso il conto perch avevo problemi con la polizia. Molti giornalisti erano andati
nella sede della banca a chiedere informazioni e
in Slovenia pretendono la massima riservatezza.

97

i milioni a cui ammonterebbe


lintero debito del Parma.
I debiti da pagare per salvare
il titolo sportivo sarebbero
pari a circa 50 milioni di euro.

25

E il viaggio a spese del Parma che non aveva


nemmeno gli occhi per piangere?
La fattura di 1.600 euro intestata alla Eventi
Sportivi (societ controllante del Parma Football Club, ndr). Dovevo far stimare il marchio
della societ e il centro sportivo: in Italia mi avevano chiesto 65 mila euro per questo lavoro. Ne ho
risparmiati 63.400.
Ci racconti come ha comprato il Parma.
Contatto Pietro Leonardi domenica 1 febbraio 2015.
Mi dice che la societ non in vendita. Il giorno dopo
mi chiama lui e mi mette in contatto con Pietro Doca,
lamministratore della Dastraso. In poche ore sistemiamo tutto.
Dopo aver visto la montagna di debiti perch non ha
deciso di portare i libri in tribunale?
Oggi (ieri, ndr) sono stati consegnati alla cancelleria
fallimentare i bilanci degli ultimi tre anni e lo stato
patrimoniale del club a tutto febbraio 2015. Ma io
credo nel salvataggio, a differenza dei miei due soci

ASPETTANDO IL 19

Scusi linsistenza: da dove arriverebbero i soldi?


DallItalia e dallestero.

Tommaso
Ghirardi, 39
anni, non pi
presidente da
dicembre PEGASO

Quindi 100 milioni di euro.


Lo ha detto lei....
Lo dice il bilancio. Comunque la domanda delle domande : quando arriveranno?
Il 20 marzo pagheremo.
Lasticella si sposta in avanti, una volta diceva sempre
domani...
Vediamo che cosa succede il 19 marzo con ludienza
pre-fallimentare. Se il tribunale dichiarasse il Parma
fallito, avrebbe ragione il mio socio Tavecchio.
Ma io non credo che vada cos.
La accusano di essere un mitomane...
Io sono arrivato e ho rotto le uova nel paniere. Se fosse rimasto della Dastraso, il Parma
sarebbe fallito in poco tempo. Forse quello
era il disegno. Ma con il fallimento i dipendenti vanno tutti a casa. Lo sanno Tavecchio
e Pizzarotti?.

degli spogliatoi: con 6.000 euro


li ricomprano il medico e 3 tifosi
INVIATO A PARMA

onsegnati alla cancelleria fallimentare del


tribunale i bilanci del Parma Football Club
degli ultimi tre anni. E stato anche depositato un documento sullo stato patrimoniale della
societ. A portare il faldone stato il direttore
finanziario Preti. Il 19 marzo resta fissata
ludienza per la richiesta di fallimento avanzata
dalla Procura. Nei giorni immediatamente precedenti Manenti potrebbe presentare il piano di
risanamento. Oggi pomeriggio convocata lAssemblea dei soci che nominer il nuovo Cda.

Altra cattiveria sul suo conto: Manenti dormiva in


macchina perch non aveva i soldi per lalbergo.
Ho sentito anche questa. Guardi, a Collecchio ho
la mia stanzetta. Per risparmiare non uso la televisione e ho staccato il frigo bar. Ma un letto me lo
posso ancora permettere.

6000 EURO DALLASTA Continuano a muoversi


il presidente Tavecchio e il sindaco Pizzarotti alla
ricerca di investitori per il futuro del Parma. Dietro il fondo americano, cui il numero uno della
Figc ha fatto riferimento nei giorni scorsi, potrebbe esserci il manager Giuseppe Corrado, presidente e a.d. di The Space Cinema, con un passato
da dirigente sia alla Barilla sia alla Fininvest. Corrado, che vive a Parma, sarebbe stato contattato
da un gruppo di professionisti vicini a Tavecchio.
Il fondo americano, tuttavia, disposto a mettere
sul piatto 25 milioni di euro, mentre i debiti sportivi ammontano a 50 e per salvare il titolo sportivo necessario pagarli tutti. Ecco perch si deve
arrivare a una transazione, che spetterebbe al curatore fallimentare. Ieri, intanto, sono stati piazzati allasta giudiziaria i macchinari della palestra e le panchine degli spogliatoi del Tardini. Li
hanno acquistati il medico del Parma Andrea
DAlessandro e tre ragazzi veneti, tifosissimi dei
giallobl. Tutti hanno poi restituito gli oggetti al
Parma. Il ricavato dellasta di circa 6000 euro.
a.s.

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

In citt, quando andato a incontrare il sindaco,


ha rischiato il linciaggio dei tifosi.
Mi sono vergognato per loro. Ma si rendono
conto che se il Parma in queste condizioni non
sono io il responsabile? Comunque quellassedio
era stato organizzato e pilotato. Anche se non so da
chi.
Dicono che dietro di lei ci sia ancora Ghirardi.
Non conosco Ghirardi. E se fosse dietro di me, in
questa situazione sarei un pirla.

HELLAS, IN 1.500 ALLALLENAMENTO


VERONA (m.f.) Entusiasmo a Verona in vista della partita
dellHellas con il Napoli. Ieri allenamento al Bentegodi, a porte
aperte: oltre 1500 i tifosi giallobl presenti sugli spalti (foto
GRIGOLINI) per caricare la squadra in vista di una sfida importante
per tradizione e classifica. Il Verona ha raccolto 5 punti nelle
ultime 3 gare e ha allungato a +9 il vantaggio sulle terzultime.

TACCUINO
LEGA SERIE A

Record su Facebook
MILANO La Lega Serie A ha
raggiunto i tre milioni di fan sulla
sua pagina Facebook: traguardo
storico. Per festeggiare ha
chiesto ai tifosi di inviare un selfie,
che testimoni lesultanza dopo un
gol, condividendolo sui social
utilizzando lhashtag diventato
slogan: #IlCalcioDiChiLoAma.

UNDER 17

In ritiro a Pordenone
PORDENONE (a.fr.) Da oggi a
mercoled lU.17 in raduno a
Pordenone per le sfide di fine
marzo con Ucraina, Slovacchia e
Germania in vista della fase lite
dellEuropeo

UNDER 19

Europeo: i convocati
Da domenica lUnder 19 in

raduno a Roma per la fase lite


di qualificazione allEuropeo in
programma dal 26 in Austria.
Affronter Scozia, Croazia e
Austria. Ecco i 27 convocati.
Portieri: Montipo (Novara),
Scuffet (Udinese), Zaccagno
(Torino). Difensori: Calabresi
(Roma), Calabria (Milan),
Capradossi (Roma), Coppolaro
(Udinese), Dimarco (Inter),
Gemignani (Empoli), Lo Porto
(Perugia), Luperto (Napoli),
Sciacca (Inter), Troiani (Torino).
Centrocampisti: Bentivegna
(Palermo), Di Molfetta (Milan),
Mandragora (Genoa), Minelli
(Fiorentina), Murgia (Lazio),
Palazzi (Inter), Parigini
(Perugia), Pellegrini (Roma),
Pugliese (Carpi), Sbrissa
(Vicenza).
Attaccanti: Bonazzoli (Inter),
Cerri (Virtus Lanciano), Panico
(Genoa), Vido (Milan).

26

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Serie B R Lanticipo di oggi

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Spezia e Livorno,
serve una svolta
da promozione
1Citt blindata per il sentito derby ligure-toscano
Le squadre cercano la continuit che pu valere la A

SPEZIA

(4-2-3-1)

LIVORNO

(3-5-2)

ORE 20.30

25
MILOS

ANDATA 1-0

1
CHICHIZOLA
20
5
DATKOVIC BIANCHETTI

30
8
BREZOVEC
JUANDE
32
10
KVRZIC
CATELLANI

17
MIGLIORE

18
SITUM

21 NEN
24
VANTAGGIATO

26
SILIGARDI

11
28
2
10
23
LAMBRUGHI DJOKOVIC STRASSER LUCI MAICON
4
5
17
BERNARDINI EMERSON CECCHERINI

27

IL PERSONAGGIO

Birre, slang e show


per la curva: Avellino
e i tiri mancini di Zito
1A sinistra gli irpini

hanno un talento
tutto allegria e cross:
a Lanciano che sfida
con Mammarella

1
MAZZONI

SPEZIA Terza tribuna di fila per Gagliardini


e Stevanovic, Kvrzic dovrebbe partire
dallinizio. Ritorno alla difesa a 4. Rientra
Nen dopo linfortunio. PANCHINA
22 Nocchi, 2 Madonna, 11 Luna, 26 Valentini,
7 De las Cuevas, 27 Canadjija, 29 Bakic, 9
Giannetti, 14 Cisotti. ALLENATORE Bjelica.
SQUALIFICATI Piccolo. DIFFIDATI
Canadija, Datkovic, De Col e Milos.

Foresi-Magi

a sfida di stasera tra Spezia e Livorno, oltre a essere sentita dalle tifoserie,
anche uno scontro tra squadre
ancora troppo discontinue,
ancora alla ricerca di una convincente marcia-promozione.
QUI SPEZIA I tifosi di Spezia e
Livorno, uniti dalla comune
antipatia per quelli di Pisa, furono persino gemellati per un
decennio. Erano gli anni Ottanta, tempi ormai lontanissimi. Adesso invece, quando
nella citt ligure arrivano i livornesi, sono decine i divieti di
transito disposti nelle strade limitrofe allo stadio Picco e persino le piste ciclabili non possono essere utilizzate, per garantire maggiore sicurezza
nellordine pubblico. un derby atipico, cos lo vivono gli
spezzini ed per questo che,
giusto per far comprendere ai
nuovi calciatori che non una
gara come le altre, oltre un
centinaio di supporter ha raggiunto ieri pomeriggio lo stadio di allenamento di Follo per
una visita alla squadra, lanciando pure qualche petardo e
promettendo una speciale coreografia che occuper tutta la
Curva Ferrovia. uno strano
Spezia quello degli ultimi
quattro turni: sempre in svantaggio i ragazzi di Nenad Bjelica, ma per tre volte bravi a rimontare, riuscendo anche a
vincere in due occasioni. un
dato concreto che il team bianco soffra gli avvii: non va in
vantaggio addirittura dallultima giornata del girone di andata, quando vinse 3-0 a Bari.
Non siamo abbastanza solidi
nella fase difensiva ammette
Bjelica . Non mi fa certo piacere subire due gol a partita,
ma se riusciremo a dare gran-

LIVORNO Niente da fare per Applet e


Biagianti, a centrocampo potrebbe
debuttare Strasser come centrale. Da
decidere gli esterni: a destra Maicon o
Moscati, a sinistra Lambrughi o Gemiti.
PANCHINA 39 Bastianoni, 9 Rivas, 16
Galabinov. 3 Gemiti, 18 Jefferson, 8 Moscati,
21 Gonnelli, 20 Jelenic, 7 Belingheri.
ALLENATORE Gelain. SQUALIFICATI
nessuno. DIFFIDATI Jelenic, Mazzoni,
Moscati, Siligardi e Vantaggiato.
ARBITRO Maresca di Napoli.
GUARDALINEE Avellano-Bellutti.
TV Sky Sport 1 HD, Calcio 1 HD e MP.
PREZZI 1-45 euro.

Andrea Catellani, 26 anni LAPRESSE

Luca Siligardi, 27 anni LAPRESSE

de intensit fin dallinizio, porter la squadra ad un livello


molto alto. Poi, ripensa al 25
ottobre scorso. Il successo
dellandata ci diede grande
forza. Ripetersi al Picco porterebbe una forte ventata di ottimismo e un nuovo slancio. Il
pubblico sar determinante.

una grande prestazione da


parte di tutti. Anche per il tecnico Ezio Gelain quella di oggi
pu rappresentare la partita
della svolta: Dobbiamo dare
una certa continuit di prestazioni prima che di risultati, in
questo periodo sono stati altalenanti (nel ritorno 5 vittorie,
un pareggio e tre sconfitte,
ndr). Affrontiamo la squadra
pi talentuosa di tutta la B,
guidata da un tecnico di grande qualit e molto capace a
cambiare in corsa. Per fare risultato sar fondamentale latteggiamento iniziale. Quella
di oggi al Picco non sar certamente una sfida banale e la tifoseria si mobilitata per essere presente in Liguria. Cinque i
pullman organizzati, ma molti
tifosi useranno il treno e anche
in questo caso la Digos ha predisposto un piano. Poi ci saranno quelli che raggiungeranno La Spezia in ordine
sparso: si prevede che saranno
circa 600 i tifosi amaranto presenti al Picco per la sfida del
mare nel segno della continuit.

QUI LIVORNO Continuit.


questa la parola dordine del
Livorno, una squadra che in
questo campionato ha un diagramma caratterizzato da alti
e bassi. Capace nel ritorno di
vincere a Carpi, ma anche di
perdere a Crotone e Latina.
Ora arrivato il momento della svolta e La Spezia rappresenta una sorta di esame per
capire a cosa vorr fare da
grande questa squadra. Il
presidente Spinelli vorrebbe
festeggiare il Centenario con
la promozione e alla squadra
ha chiesto dieci vittorie nelle
ultime dodici giornate. Con
77 punti credo che sarebbe garantita la Serie A. Intanto pensiamo alla gara con lo Spezia,
sar una battaglia ha detto il
patron genovese , mi aspetto

RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani il Carpi
ospita il Pescara:
arbitra Pezzuto
Il programma della 31a e gli
arbitri. Domani (ore 15): BariVarese (1-2, Chiffi di Padova),
Brescia-Latina (1-1, La Penna di
Roma), Carpi-Pescara (5-0,
Pezzuto di Lecce), CittadellaCrotone (2-2, Pinzani di
Empoli), Frosinone-Entella (0-1,
Aureliano di Bologna),
Lanciano-Avellino (1-1, Minelli di
Varese), Perugia-Pro Vercelli
(0-0, Ghersini di Genova),
Trapani-Ternana (2-1, Ripa di
Nocera Inferiore); domenica
(ore 15): Bologna-Modena (0-0,
Nasca di Bari); luned (ore
20.30): Vicenza-Catania (1-3,
Gavillucci di Latina). La
classifica: Carpi p. 59; Bologna
(-1) 51; Avellino 49; Vicenza 48;
Frosinone e Livorno 47; Spezia
e Pescara 43; Lanciano e
Perugia 40; Bari e Modena 37;
Entella e Ternana 36; Pro
Vercelli 35; Cittadella, Latina e
Trapani 34; Brescia 33; Catania
e Crotone 31; Varese (-3) 28.

Gaetano Imparato

hi conosce bene Zito


ha scommesso: alla ripresa degli allenamenti avr chiesto a DAngelo la restituzione del gol
che - statistiche e tabellini gli assegnano (giustamente)
da sabato. Gara contro il Bari: punizione di Zito, ribattuta (forse) oltre la linea,
DAngelo di testa manda in
rete. Antonio Zito da Napoli:
pi duno tra i compagni sussurra: Ant devi andare a
Made in sud, sfondi sicuro. Allegria contagiosa,
esuberante, noto per lo
slang partenopeo in sala
stampa: come non poteva finire nella bagarre degli sfott nel dopo Avellino-Bari
con la sua imitazione del
gallo, simbolo pugliese? Le
sue gioie non passano inosservate: quando col Sorrento sal in C2 (2005-06) segn il gol del 6-0 alla Scillese: si gir verso la sua curva
e si abbass i pantaloncini
restando in slip, a dire in
mutande per voi. Sera annerito il volto, era uno dei
fratelli neri di quel Sorrento: con altri compagni sbeffeggiarono i razzisti da stadio.

Antonio Zito, 28 anni LAPRESSE

SFIDA A MAMMARELLA Anche


sabato sera, con Castaldo, la loro scaramanzia: dopo ogni vittoria una birra insieme. Agli
amici ha spiegato come il filmato che apparve sul sito del Bari,
dopo l andata al San Nicola
(negli spogliatoi il tabellone dei
cambi col 4-2 finale, selfie e
qualche parolaccia agli sconfitti) sia stata la molla di tutto. A
Lanciano? Rastelli bravo,
astuto, imprevedibile: Zito giocher domani? Pi s che no, sar intrigante vederlo sulla sinistra rivaleggiare con Mammarella (sogno irpino questa estate) dopo che il suo innesto nel
4-3-1-2 col Bari stato determinate. Non sono Ibrahimovic
che deve cambiare le sorti di
una partita ha sempre detto ,
ho i miei compiti e do una mano. La sciatalgia gli ha condizionato lannata, se Rastelli optasse per il 3-5-2 potrebbe essere lintermedio di centrocampo
per innescare le punte. Zito:
spettacolo garantito?
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bologna, c Saputo per il Cda


Con il Modena 3.600 bambini
BOLOGNA (a.to.) Oggi torna
in citt il chairman Saputo
per partecipare a un Cda che
deve deliberare laumento di
capitale fino a 20 milioni.
Domani sar il turno del
presidente Tacopina. Intanto
il Bologna lancia liniziativa
#BFCModena il derby delle

famiglie regalando 3.600 biglietti


a bambini e loro accompagnatori
per il settore distinti laterali.
Liniziativa sinserisce nellambito
del Panini Tour che domenica
mattina arriver in Piazza della
Pace, antistante lo stadio
DallAra, dove si svolgeranno
numerose attivit sportive.

Lega Pro R Gli anticipi del girone A

Novara, duro test a Bolzano


Il Pavia gioca nei tribunali
S
i giocano oggi due anticipi nel girone A: il Novara
cerca un altro colpo esterno per salire almeno per una
notte da solo in vetta, mentre
il Real Vicenza sogna laggancio
allultimo posto playoff. Ma accanto al calcio giocato c sempre il calcio dei tribunali. Il Novara non pu permettersi passi
falsi perch ha sulla testa la spada di Damocle di una possibile
penalizzazione (da 2 a 4 punti)
che potrebbe estrometterlo dalla promozione diretta. E adesso
bisogna fare i conti anche con i
ricorsi. Il Pavia ha confermato
di aver chiesto la ripetizione
della gara di Arezzo, terminata
1-1. Secondo il club lombardo,
larbitro Cifelli di Campobasso
ha ammonito due volte Carcione, ma senza espellerlo dal campo. Nel referto la prima ammonizione stata assegnata a Pa-

nariello. Ma le immagini televisive lasciano poco spazio agli


equivoci: Dimostrano chiaramente che larbitro ha ammonito due volte Carcione ha sottolineato il d.g. Massimo Londrosi
. E un errore che ci ha penalizzato: per questo abbiamo presentato il ricorso. Ma la nostra
azione rischia di essere vanificata se larbitro non dovesse
ammettere il suo errore. Ci auguriamo che il signor Cifelli,
che a parte questo episodio domenica scorsa ha arbitrato bene, riconosca di avere sbagliato:
sarebbe una dimostrazione di
grande maturit da parte sua e
dellintero mondo arbitrale. In
caso di non accoglimento del ricorso, il Pavia pronto anche a
rivolgersi alla giustizia ordinaria per presentare una denuncia
con lipotesi di reato di falso in
atto pubblico.

ORE 19.30
REAL VICENZA (3-5-2) Tomei; Carlini,
Polverini, Piccinni; Lavagnoli, Pavan,
Dalla Bona, Malag, Vannucci; Bruno,
Bardelloni. (Bonato, Solini, Beccaro,
Chiarello, Caporali, Margiotta, Gomes).
All. Marcolini.
GIANA (4-4-1-1) Paleari; Perico, Bonalumi, Montesano, Augello; Rossini,
Marotta, Biraghi, Pinto; Crotti; Sinigaglia. (Ghislanzoni, Sosio, Solerio, Di
Lauri, Gasbarroni, Spiranelli, Perna).
All. Alb.
ARBITRO Boggi di Salerno (MokhtarLarotonda). (andata 1-1)
ORE 20.45
SDTIROL (4-3-3) Miori; Tait, Kiem,
Mladen, Martin; Mazzitelli, Bertoni,
Branca; Marras, Novothny, Fischnaller.
(Melgrati, Allegra, Peverelli, Zullo, Cia,
Campo, Shekiladze). All. Sormani.
NOVARA (3-5-2) Tozzo; Vicari, Gavazzi,
Bergamelli; Garufo, Bianchi, Buzzegoli,
Pesce, Foglio; Corazza, Della Rocca.
(Montip, Dickmann, Garofalo, Miglietta,
Farag, Gonzalez, Evacuo). All. Toscano.
ARBITRO Fiore di Barletta (BresmesFusco). (0-1)
TV diretta Rai Sport 1.

PANCHINE E SITUAZIONE
Lumezzane: Nicolato al posto di Braghin
Sesia via da Barletta, in arrivo Corda
A Lumezzane, come previsto, Nicolato
prende il posto di Braghin. E oggi il
Barletta esonerer Sesia: in arrivo
Ninni Corda, lanno scorso al Savona.
COS SABATO
Ore 14.30 Lucchese-Forl (0-1),
Savona-Pro Piacenza (1-0) e TeramoPistoiese (B, 1-4).
Ore 15 Prato-Pontedera (3-4) e
Santarcangelo-Carrarese (B, 2-2);
Ischia-Casertana (1-3) e SavoiaCatanzaro (C, 1-1).
Ore 16 Alessandria-AlbinoLeffe (0-2) e
Pavia-Pordenone (A, 1-0).
Ore 17 Venezia-Cremonese (A, 1-2);
Gubbio-Ascoli (2-2) e Spal-Grosseto (B,
3-2).
Ore 19.30 Monza-Mantova (A, 0-0);
Ancona-San Marino (B, 1-0).
COS DOMENICA
Ore 11 Melfi-Martina (C, 0-0).
Ore 12.30 Cosenza-Lecce (0-1) e Vigor
Lamezia-Benevento (C, 1-3).
Ore 14 Feralpi Sal-Arezzo (A, 0-0).
Ore 14.30 Torres-Bassano (A, 0-0);
Pisa-LAquila (B, 4-1); Foggia-Messina (10) e Lupa Roma-Juve Stabia (C, 0-2).
Ore 16 Renate-Como (A, 0-0);
Tuttocuoio-Reggiana (B, 0-2); Aversa

Normanna-Reggina (C, 1-1).


Ore 18 Pro Patria-Lumezzane (A, 2-2);
Barletta-Paganese (C, 1-2).
COS LUNED
Ore 20.45 Salernitana-Matera (C, 2-1).
LE CLASSIFICHE
GIRONE A Alessandria p. 57; Novara 56;
Pavia (-1) 55; Bassano 52; Como 48;
Feralpi Sal e Real Vicenza 45; Arezzo e
Sdtirol 41; Renate 39; Venezia 38;
Mantova (-3) e Torres 36; Monza e
Cremonese 35; Giana 31; Lumezzane 28;
AlbinoLeffe 23; Pro Patria (-1) e
Pordenone 21.
GIRONE B Ascoli p. 56; Teramo 52;
Reggiana* 48; Pisa* 47; Pontedera 40;
LAquila* e Ancona 39; Tuttocuoio* 37;
Carrarese 36; Gubbio 35; Lucchese e Spal
34; Pistoiese* e Grosseto (-1) 33; Prato e
Santarcangelo 30; Forl 29; Pro Piacenza
(-8) 28; Savona 27; San Marino 23. (* una
partita in meno).
GIRONE C Salernitana p. 64; Benevento
61; Casertana 54; Juve Stabia 52; Lecce
51; Matera 50; Foggia (-1) 46; Catanzaro
44; Vigor Lamezia 39; Barletta 36;
Martina 34; Lupa Roma, Paganese e
Cosenza 33; Melfi (-2) 31; Aversa
Normanna e Messina 25; Ischia e Savoia
23; Reggina (-1) 19.

Minuto di silenzio
con insulti alla terna
Reggina multata
FIRENZE Diecimila euro di
ammenda alla Reggina:
durante il minuto di
raccoglimento per la morte
dellarbitro Luca Colosimo, un
gruppo di tifosi reggini ha
indirizzato alla terna arbitrale
frasi offensive e oltraggiose
mentre altri sostenitori
lanciavano una pietra verso un
assistente. Due giornate di
squalifica a Stefani (Messina);
una a Belotti (Lumezzane),
Despucches (Aversa),
Alfageme e Kanoute
(Benevento), Cane, Ciciretti e
Silvestri (Messina), De Martino
(Barletta), Gigliotti (Foggia), Di
Noia (Matera), Di Filippo e
Gallo (Melfi), Mancino
(Casertana), Caso (Ischia),
Madonia (Matera), Tartaglia
(Paganese), Gabionetta
(Salernitana). Dirigenti: inibito
fino al 24 marzo Ferrigno
(Messina).

28

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

OPINIONI
La vignetta

29

www.gazzetta.it

TUTTE LE NOTIZIE SUL NOSTRO SITO

Twitter

ANDY MURRAY
Campione di tennis
Federer, fammi sapere se
vuoi seguire questa strada...
Sarebbe ok per la tua immagine
@andy_murray

di Stefano Frosini

C.O.N.I.
Comitato olimpico
#ITAvFRA Rosolino,
Cammarelle, Sensini allOlimpico
per ricordare gli atleti francesi
@Coninews

DANIELE MOLMENTI
Olimpionico di canoa
Alessia Trost cambia sport:
si da al kayak. Ma Molmenti
non ci sta! Quindi...si salta
@DanieleMolmenti

FEB
Federbasket spagnola
Jorge Garbajosa:
Vogliamo trasformare i
progetti in realt
@baloncestofeb

MARTIN CASTRO
Azzurro di rugby
Rugby e solidariet 15
marzo dalle 9 Acquacetosa
(Roma) @AssociazOlivia
@castrito81

Europa League

Lettere alla Gazzetta

LE COLPE DI MANCIO, IL SORRISO DI HIGUAIN


LANALISI
AII
di LUCA CALAMAI

tavolta il bicchiere mezzo


vuoto. Sorride lo scatenato
Higuain, autore di una
fantastica tripletta; conquista un
piccolo ma prezioso vantaggio la
Roma in un derby italiano ancora
senza un padrone ma il resto sono
lacrime. Volevamo diventare il
campionato di riferimento in Europa
League invece ci troviamo alle prese
con problemi vecchi e nuovi. Calare il
poker sar molto complicato, cos
come risalire posizioni nella classifica
Uefa. Le basi pi solide per il
passaggio ai quarti le mette il Napoli.
El Pipita una macchina da gol e il 3
a 1 del San Paolo un prezioso scudo
per la gara di ritorno. Finalmente una
ics che vale una vittoria, invece, per
Garcia. Derby velenoso ma intenso.
Con diverse valutazioni arbitrali
oggetto di dibattito. La Roma ancora
non ha rimesso la chiesa al centro del

paese ma, intanto, ha ritrovato lidea


di squadra. La sensazione che i
giallorossi siano usciti dal tunnel. La
Fiorentina si aggrappata a Ilicic e
Neto. Il primo a gennaio ha rifiutato
il trasferimento al Bologna e il
secondo era finito fuori squadra per
essersi promesso alla Juve. Favole del
pallone. Ma l1 a 1 finale ha ben poco
di romantico in chiave viola.
Montella, per recuperare il piccolo
svantaggio, ha bisogno di avere tra
sette giorni il vero Gomez. Quello
che, proprio allOlimpico, ha messo in
ginocchio la Roma nei quarti di
Coppa Italia.
La grande delusione firmata Inter.
C una domanda che aleggia sul
doloroso passo falso nerazzurro:
perch Mancini ha lasciato in
panchina Handanovic, uno dei
portieri pi forti del mondo? E vero
che Carrizo era sempre stato titolare
in Europa League e non aveva
sfigurato. Ma quando il gioco si fa
duro anche i sentimenti devono
lasciare il posto alla ragion di stato.
La Coppa lunico obiettivo dei
nerazzurri, rinunciare a un

fuoriclasse come Samir stato un


suicidio che Mancini ha pagato a caro
prezzo. Per carit, Carrizo non
lunico colpevole. Tutta la difesa
dellInter lontana anni luce dal
progetto scudetto che il tecnico ha in
mente per la prossima stagione. Il 3 a
1 a favore del Wolfsburg non chiude
la sfida. Anche i tedeschi hanno limiti
evidenti nel reparto difensivo e a San
Siro non avranno Naldo, squalificato.
LInter pu segnare tanti gol nella
gara di ritorno. E capovolgere il
risultato.
Servir unimpresa, infine, al vecchio
Toro per ribaltare lo 0 a 2 di San
Pietroburgo. La squadra di Villas
Boas una delle favorite per la
vittoria finale in Europa League ma
resta il rimpianto per lespulsione di
Benassi che ha lasciato i granata con
un uomo in meno per quasi unora.
Prima di quel cartellino rosso lo Zenit
non era andato oltre un banale
possesso palla. Quagliarella e
compagni non hanno pi del 15% di
possibilit di approdare ai quarti. Ma
con il Toro mai dire mai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso Real

MA CARLETTO ORA PU STARE TRANQUILLO?


MARCA LA DIFFERENZA
RENZA
di SANTIAGO
SEGUROLA

eri Carlo Ancelotti ha ricevuto


pubblicamente lappoggio di cui
aveva disperato bisogno per
migliorare la situazione, critica, che
sta vivendo in questi giorni al Real
Madrid. Il presidente Florentino
Prez ha rassicurato, confermandolo,
il tecnico italiano. Il suo destino, ha
detto il presidente, non legato ai
risultati delle prossime partite e,
soprattutto, non dipender dallesito
della sfida contro il Bara, in
programma tra 10 giorni. Nel corso
di una improvvisa conferenza stampa
Florentino Prez ha duramente
attaccato il quotidiano sportivo
Marca, reo di aver pubblicato in
prima pagina la notizia di un
presunto ultimatum dato dallo stesso
presidente ad Ancelotti in caso di
fallimento al Camp Nou. Le
informazioni di Marca corrispondono

a quelle in possesso della stampa di


Madrid, e in particolare a quelle dei
giornalisti pi vicini a Florentino
Prez. Dalla sconfitta con lAtletico di
Madrid, si diffusa la voce che la
situazione di Ancelotti fosse quasi
disperata. Il pareggio con il Villarreal
e le sconfitte contro Athletic di Bilbao
e Schalke 04 hanno moltiplicato le
critiche lanciate dai settori pi
nostalgici di Mourinho. La
sorprendente eliminazione del
Chelsea contro il Psg ha favorito
lappoggio pubblico di Florentino
Prez a Carlo Ancelotti. Ha sfruttato
alla perfezione il giorno ideale. I
sostenitori di Mourinho, una parte
considerevole del madridismo che
odia Ancelotti erano in lutto.
Malgrado le molte difficolt che sta
attraversando, il Real occupa il
secondo posto nella Liga, a un punto
dal Barcellona, e si qualificato per i
quarti di Champions. Come spesso
succede nel calcio, i discorsi pubblici
divergono da quelli privati. nota la
distanza che separa Florentino Prez
da Ancelotti, per questa volta ha
prevalso la realpolitik. A partire

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE
ANDREA MONTI
andrea.monti@gazzetta.it
VICEDIRETTORE VICARIO
Gianni Valenti
gvalenti@gazzetta.it
VICEDIRETTORI
Pier Bergonzi
pbergonzi@gazzetta.it
Stefano Cazzetta
scazzetta@gazzetta.it
Andrea Di Caro
adicaro@gazzetta.it
Umberto Zapelloni
uzapelloni@gazzetta.it
Testata di propriet de La Gazzetta
dello Sport s.r.l. - A. Bonacossa 2015

PRESIDENTE
Angelo Provasoli
VICE PRESIDENTE
Roland Berger
AMMINISTRATORE DELEGATO
Pietro Scott Jovane
CONSIGLIERI
Fulvio Conti,
Teresa Cremisi,
Luca Garavoglia,
Attilio Guarneri,
Piergaetano Marchetti,
Laura Mengoni
DIRETTORE GENERALE DIVISIONE MEDIA
Alessandro Bompieri

dalladdio di Mourinho, Florentino


Prez il principale e vero responsabile
della campagna acquisti del Real.
Ancelotti, uno straordinario
aziendalista, ha dovuto lavorare per
due anni in una situazione assai
delicata, gestendo una rosa costruita
senza il suo consenso. Lallenatore
italiano ha saputo rispondere
prendendo decisioni rischiose, ma
geniali. Tutti i suoi centrocampisti Kroos, Modric, Isco e James nascono
come mezze punte. Ora si ritrovano a
dover lottare contro la propria
natura, devono assolvere compiti,
soprattutto difensivi. E lo fanno
ottenendo buonissimi risultati. Sono
bastati tre k.o. a montare una
polemica alimentata dai settori pi
vicini al presidente, il quale si
sentito obbligato a cambiare
direzione e a smentire i suoi
giornalisti preferiti. La sensatezza ha
avuto la meglio sullimpulsivit.
Sebbene il suo appoggio ad Ancelotti
sembri pi politico che realmente
sincero, la posizione dellallenatore
sembra ora pi tranquilla.

RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani


Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano
Responsabile del trattamento dati (D. Lgs.
196/2003): Andrea Monti
privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000
COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A.
DIVISIONE QUOTIDIANI
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo
quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici,
meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar
perseguita a norma di legge
DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA
MILANO 20132 - Via A. Rizzoli, 8 - Tel. 02.62821
ROMA 00187 - Via Campania, 59/C - Tel. 06.688281
DISTRIBUZIONE
m-dis Distribuzione Media S.p.A. - Via Cazzaniga, 19
20132 Milano - Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306
SERVIZIO CLIENTI
Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola
Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it
PUBBLICIT
RCS MEDIAGROUP S.P.A.
DIR. COMMUNICATION SOLUTIONS - Via A. Rizzoli, 8
20132 Milano - Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848
www.rcscommunicationsolutions.it

ANCELOTTI E MOU
DESTINI INCROCIATI
PORTO FRANCO
O
TURI
di FRANCO ARTURI
email: farturi@gazzetta.it
tta.it
twitter: @arturifra

Ancora tanti amici a cui


rispondere. Partiamo.
Mi spieghi un po: Ancelotti e
Mourinho hanno perso il senso
della ragione calcistica? Ma non
erano dei re Mida del pallone
fino a qualche settimana fa?

Certo che no. Ma indicativo della


difficolt con cui una seria politica
antidoping pu pedalare dentro al
gruppo.
Stavo guardando laltro giorno
Napoli-Inter. Su 22 giocatori in
campo cera un solo italiano. Con
lesperienza che si fanno i nostri
giocatori, ci meravigliamo se negli
ultimi due mondiali le
qualificazioni sono risultate
insormontabili? Facciamocene
una ragione. Almeno avessimo
squadre di club che brillano in
Europa...

Carlo Bianchini
Sul Real Madrid ha fatto una
disamina esauriente Filippo Maria
Ricci sulla Gazzetta di ieri. Posso
dirle di mio che Bale non vale la
met della folle cifra che costato e
pu anche essere in qualche
circostanza una palla al piede. Poi
senza Modric, James Rodriguez e
Sergio Ramos calata la notte.
Ancelotti, assunto nel Pantheon delle
divinit iberiche fino al gennaio
scorso, fa i conti col destino: conta
anche quello nel calcio. A maggior
ragione per Mourinho, la cui bella
carriera stata contrassegnata anche
da discrete botte di fortuna. Il suo
gioco poco generoso e troppo
italiano. Il resto lo fa il caso ,
facciamocene una ragione.
Gentile Franco Arturi, le scrivo per
esprimere, sia da studioso della
materia sportiva (nella mia
carriera universitaria ho sostenuto
lesame di Diritto dello sport) che
da appassionato, la mia tristezza
ed incredulit nel leggere le parole
riportate dalla Gazzetta dell11
Marzo dette da Nibali (Non so
niente, non sono informato, quindi
non ho nulla da dire) e
Cancellara (Non ho quei fogli e
adesso non avrei neppure tempo di
leggerli. Forse a fine stagione...)
in merito alla rapporto della
Commissione indipendente di
riforma del ciclismo. Penso che il
lavoro svolto dai membri di tale
organismo non meriti di essere
liquidato, da due dei massimi
atleti a livello mondiale, con
dichiarazioni di quel tenore.

RIPRODUZIONE RISERVATA

EDIZIONI TELETRASMESSE
RCS Produzioni Milano S.p.A.- Via R. Luxemburg 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Tel.
02.6282.8238  RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via
Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 
RCS Produzioni Padova S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073  Editrice La
Stampa SpA - Via Giordano Bruno, 84 - 10134 Torino 
Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle
Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel.
080.5857439  Societ Tipografica Siciliana S.p.A. Zona Industriale Strada 5 n. 35 - 95030 CATANIA Tel. 095.591303  LUnione Sarda S.p.A. - Centro
Stampa Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel.
070.60131 Milkro Digital Hellas LTD - 51 Hephaestou
Street - 19400 Koropi - Grecia BEA printing sprl - 16
rue du Bosquet - 1400 NIVELLES (Belgio) 
Speedimpex USA, Inc. - 38-38 9th Street Long Island
City, NY 11101, USA  CTC Coslada - Avenida de
Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID)  La Nacin
- Bouchard 557 - 1106 BUENOS AIRES  Miller
Distributor Limited - Miller House, Airport Way,
Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta  Hellenic
Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti
Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

Armando Sorbi
Sempre meglio continuare a
sottolinearlo. Io spero soprattutto
che voi tifosi vi stanchiate e diate
segnali precisi ai vostri club. Ma mi
permetta di contarci pochino.
Laltra sera, vedendo JuveFiorentina ho pensato (e forse
anche sentito dai commentatori)
che Salah un giocatore di
unaltra categoria. Poi
ripensandoci mi sono detto: s,
ma di quale categoria? Chiedo a
lei un aiuto. Categoria A:
giocatore di sicuro talento che
per non riesce a rientrare negli
schemi dell allenatore
(Mourinho). Categoria B:
giocatore di sicuro talento, che
per non essendo apprezzato dal
suo allenatore (Mourinho) non fa
molto per conquistare la sua
fiducia, sapendo che prima poi
verr ceduto ad unaltra squadra.
Categoria C (e qui non centra
Salah): il campionato italiano
di una categoria cos bassa che
un giocatore che fino ad un mese
fa era in panchina (se andava
bene) riesce a fare la differenza?
Questo discorso vale anche per
Shaqiri.
Corrado Mozzi
Starei sulla risposta B. Lo sport
pieno di giocatori anche di grande
valore non immediatamente
percepiti come tali. Questo ragazzo
ha un bene preziosissimo nel calcio
doggi, la velocit, unita a una
tecnica di primordine.

Cesare Tamborini

PREZZI DABBONAMENTO
C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS MEDIAGROUP
S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI
ITALIA
7 numeri
6 numeri
5 numeri
Anno:
403
 357
 279
Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare
allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI


Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it
Testata registrata presso il
tribunale di Milano n. 419
dell1 settembre 1948
ISSN 1120-5067
CERTIFICATO ADS N. 7952 DEL 9-2-2015

La tiratura di gioved 12 marzo


stata di 261.521 copie

RIPRODUZIONE RISERVATA

COLLATERALI
* con The Walking Dead N.1 6,39 - con Disney e i Nostri Amici
Animali N. 2 9,39 - con Mim N.2 7,39 - con DVD Lucio Dalla
N. 2 12,39 - con TopoStory N. 3 8,39 - con Beast Quest N. 4
7,30 - con Alpinismo N. 4 12,39 - con Rocky Joe N. 5 11,39
- con Magazine Violetta N. 7 3,90 - con Campionato Io ti amo
2015 N. 7 11,39 - con Disney English N. 9  11,39 - con Espaol
da Zero N. 10  12,39 - con Jeeg Robot dAcciaio N. 11 11,39
- con Asterix N. 11  7,39 - con Maserati Collection N. 8 14,39
- con The Beatles Collection N. 16  14,30 - con Speciali Go
Nagai Robot N. 6  21,39 - con Il Cane N. 18  11,39 - con Il
Teatro di Eduardo N. 20  12,39 - con DVD Poirot N. 20  11,39
- con I grandi del Tennis ai raggi X N. 216,39 - con Blueberry
N. 29 5,39 - con Diabolik Nero su Nero N. 34 8,39 - con
Robot Collection N. 60 14,39 - con Ferrari Build Up 11,39 con Passione Rally N. 100  14,39

ARRETRATI
Richiedeteli al vostro edicolante oppure a Corena S.r.l
e-mail info@servizi360.it - fax 02.91089309 - iban IT 45 A
03069 33521 600100330455. Il costo di un arretrato pari al
doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

PREZZI ALLESTERO: Albania  2,20; Argentina $ 19,00; Austria  2,20; Belgio  2,20; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 64; Cipro  2,20; Croazia Hrk 17; Francia  2,20; Germania  2,20; Grecia  2,50; Irlanda  2,20; Lux  2,20; Malta  2,20; Monaco P.  2,20; Olanda  2,20; Portogallo/Isole  2,50; SK Slov.  2,20; Slovenia  2,20; Spagna/Isole  2,50; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Hong Kong HK$ 45; Ungheria
Huf. 700; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 4,00.

30

Formula 1 R GP Australia

PRONTI, VIA!
I 20 PILOTI
A MELBOURNE
I piloti al via a Melbourne.
In alto Hamilton, Rosberg,
Ricciardo, Kvyat, Massa, Bottas,
Vettel, Raikkonen, Magnussen (al
posto di Alonso) e Button. In
basso Hlkenberg, Perez,
Verstappen, Sainz Jr, Grosjean,
Maldonado, Ericsson, Nasr,
Stevens e Merhi REUTERS

1Laustraliano

maturato
e punta al podio:
Non mi sono
montato la
testa. Al 17enne
Verstappen
dice: Divertiti
Paolo Ianieri

Incognita Van der Garde: ha


vinto lappello contro Sauber AFP

Ricciardo tra i big


Ma che vergogna
se su un cartellone
vedo la mia faccia

INVIATO A MELBOURNE (AUS)

mbarazzante. Daniel Ricciardo ricorre pi volte a questa


parola, quando largomento
tocca la Ricciardomania
esplosa in Australia. So che
la legge del territorio, ma ne
farei volentieri a meno ridacchia la punta della Red
Bull , soprattutto quando
per strada spunta un cartellone pubblicitario con la mia
faccia. Mi vien voglia di cacciare la testa sotto il volante e
nascondermi, aspettando che
passi.

Questo lo si vede. Ma ci saranno momenti in cui smette di


farlo.
Non mi piace perdere, e
quello un momento. Laltro,
invece, quando mi viene fame, allora divento parecchio
pericoloso. In quei momenti
meglio farmi trovare pronti i
miei snack.
La pressione sembra girarle
lontano.
Alla fine tutto ruota sempre
attorno a me e alla mia macchina, anche se lo scenario
cambiato e mi trovo a lavorare in un ambiente con decine
di persone intorno. Per il
fondamentale sempre lo
stesso, guidare, questo che
mi diverte. Con i ragazzi del
team, poi, latmosfera rilassata anche perch loro si fanno in quattro per mettermi
nelle condizioni migliori e io
provo a togliere loro un po di
pressione dalle spalle. Ma i
meccanici sanno che quando
mi siedo nellabitacolo e allaccio le cinture, il tempo per
scherzare finito.

La prevendita va a gonfie vele,


per la gara si aspetta il pienone.
Credo che la met dei biglietti sia stata acquistata dalla mia famiglia. La verit
che qui tutti amano sempre
pi la Formula 1.

Dia un consiglio a Max Verstappen, che a 17 anni il pi


giovane di sempre a debuttare
in F.1.

Pi che altro amano lei.


S, me ne sono accorto. Per
entrare nel paddock ho impiegato unora, tra autografi,
fotografie e pacche sulle spalle. Tanta attenzione perfino
imbarazzante.
Tutti si ricordano di un anno fa
al debutto con la Red Bull, 2 e
sul podio prima della squalifica per il caso flussometro.
Quella gara ha dato il via a
qualcosa di grande per me, da
quel momento tutto stato
un crescendo. Adesso sono
un pilota che ha acquisito un
suo posto in questo mondo,
ed bello vedere tutti questi
tifosi che fanno il tifo per
me.

Come cambiato Daniel Ricciardo in questo anno?


Ho capito molto pi di me
stesso. Questo mi d pi fiducia e avere pi esperienza ha
contribuito. Sicuramente sono pi preparato. Ma per il resto sono lo stesso Daniel, diverso solo perch un po pi
vecchio, ma di certo il successo non mi d alla testa n
cambia il mio modo di essere.
E continuo a sorridere.

Domenica allAlbert Park di


Melbourne (5.303 m) in programma
il GP Australia, prima prova (su 20)
del Mondiale 2015. Previsti 58 giri,
per 307,574 km. Tutto in diretta su Sky
Sport F1 HD. Questi gli orari italiani
(-10 ore rispetto a Melbourne).
OGGI LE LIBERE
Differita alle 8.30 e 11.05
Nella notte si sono svolte le prime
libere. Seconde libere dalle 6.30 alle
8. Differite rispettivamente alle 8.30 e
alle 11.05 su Rai Sport 1.
DOMANI LE QUALIFICHE
Diretta su Sky alle 7
Terze libere dalle 4 alle 5; differita alle
8.30 su Rai Sport 1. Qualifiche alle 7

Daniel
Ricciardo,
25 anni,
3 vittorie
in F.1 GETTY

tedesca accanto a Mick Schumacher nel team olandese Van


Amersfoort, continua a essere
molto presente al box Red Bull.
Ai test invernali come pure qui
a Melbourne. Dove boccia il
partner Renault. Lauto migliorata il problema il motore
Renault. Non ci sono stati grossi progressi.

INVIATO A MELBOURNE

eno male che Adrian


Newey avrebbe dovuto
dileguarsi gradualmente dalla F.1. Invece il d.t. inglese, che ha appena piazzato il
figlio 16enne Harrison in F.4

Lo scorso anno la Red Bull veniva da un inverno terribile,


poi lei qui fu subito 2 e fu lunico a insidiare nella stagione la
Mercedes. Ora cosa si aspetta?
Siamo in una situazione sicuramente migliore, anche se
i tempi fatti nei test non lo
mostrano. Siamo qui con
molta pi fiducia e soprattutto affidabilit, per domenica
abbiamo un piano, mentre un
anno fa speravamo semplicemente di vedere la bandiera a
scacchi. La squadra cresciuta e anche io sento di avere
fatto strada, di avere un impatto maggiore sul team. Abbiamo tutto, si tratta solo di
sfruttarlo.
Lobiettivo per domenica?
Voglio salire sul podio e innaffiare i tifosi con lo champagne. La Mercedes la favorita, ma non si sa mai. E c la
lotta per il terzo posto. Ce la
giocheremo con Ferrari e Williams.
A proposito di Ferrari, come
vede il suo ex compagno Vettel?
Mi sembra stia bene in rosso.
Lunico problema di Seb potrebbe essere il non sapere
cucinare bene un piatto di pasta. Ha preparato i ravioli? Allora con gli italiani non avr
problemi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

con differita alle 13.55 su Rai 2.


DOMENICA LA GARA
Diretta alle 6, differita alle 14
Gara alle 6; differita su Rai 1 alle 14.
GAZZETTA.IT
Tempo reale, notizie, foto e curiosit
sul nostro sito.

LA PROPOSTA

Monza per tenere il GP


cede pubblicit alla Fom

Newey: Il nostro guaio la Renault


pista: La Red Bull
cresciuta, il motore
no. Whitmarsh
allAmericas Cup

Divertiti. Guarda le telecamere che ti circondano, sono


parecchio amichevoli, non
aver paura. E quando sei al
volante ricordati che la ragione maggiore per la quale
sei arrivato fin qui. Tutto il resto arriver di conseguenza.

LA GUIDA

LA POLEMICA

1Il d.t. ancora in

Gli esordienti assoluti: sono


Max Verstappen e Carlos Sainz
Jr (compagni alla Toro Rosso),
Felipe Nasr (Sauber) e Roberto
Merhi (Manor). Will Stevens,
laltro pilota Manor, ha allattivo
soltanto un gran premio, Abu
Dhabi dellanno scorso,
disputato con la Caterham.

ILIEN Neanche la consulenza


tecnica di Mario Ilien da parte
dei francesi sembra avere dato
soluzioni. Ricorrere a Mario
stata una buona decisione della
Renault, ma poi non gli hanno
dato accesso a tutti i dati. Quin-

di a che cosa servito?.

Adrian
Newey, 56
anni, ha
firmato 9
vetture iridate
tra Williams,
McLaren e
Red Bull
COLOMBO

SEPARAZIONE Il divorzio tra


Red Bull e Renault sempre pi
vicino e la squadra anglo-austriaca potrebbe decidere di realizzare la propria power unit.
Ipotesi che Newey non smentisce: Dovesse succedere, tornerei a essere pi coinvolto nel
progetto. Senza per rinunciare al progetto della Americas
Cup. Dove incontrer Martin
Whitmarsh; lex McLaren diventato capo esecutivo del consorzio inglese di Ben Ainslie.
p.i.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SW SI FA ROSSO
Domani SportWeek
esce in rosso Ferrari. La
Red issue del magazine
Gazzetta dedicata al
Mondiale di F.1.

MELBOURNE (lu.pe.) La prossima scadenza


il 24 maggio, al GP di Montecarlo. Sar allora
che i vertici dellautodromo di Monza
presenteranno a Bernie Ecclestone una proposta
di accordo per garantire il futuro della gara
italiana. Il contatto attuale, che scade a fine
2016, deve essere rinnovato per altri 4 anni, fino
al 2020. La richiesta del patron per cambiata:
Monza non avr pi un trattamento di favore in
quanto gara storica, ma dovr allinearsi alle
cifre investite dagli altri organizzatori. Il
presidente dellAc Milano, Ivan Capelli, spera si
possa trovare una mediazione, cedendo una
fetta importante degli spazi pubblicitari alla Fom.
In attesa degli aiuti fiscali del Governo: il premier
Matteo Renzi pare voglia essere presente
questanno alla premiazione per manifestare il
proprio appoggio.

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

I PRECEDENTI
MICHAEL FLOP
ALONSO E KIMI OK

31
3

1. Il 10 marzo 1996 Michael


Schumacher debutta con la
Ferrari a Melbourne: k.o. per
guai ai freni 2. Prima col botto
per Kimi Raikkonen con la rossa:
vince a Melbourne 2007
3. Fernando Alonso al debutto
in Ferrari trionfa nel GP Bahrain
2010 COLOMBO-OMEGA-EPA

SU TWITTER

Luigi Perna
INVIATO A MELBOURNE

Fernando
in palestra
Torno
presto

a prima volta non si scorda mai. Che sia con una


donna o al volante di una
vettura da corsa. Se poi la prima volta un trionfo, allora i
ricordi diventano ancora pi
dolci. Kimi Raikkonen vinse al
debutto con la Ferrari proprio
qui sul circuito dellAlbert
Park, coronando poi quella
stagione con il titolo mondiale. Fernando Alonso fece lo
stesso, salendo sul gradino
pi alto del podio allesordio
con la rossa in Bahrain. E se
capitasse anche a Sebastian
Vettel? Il diretto interessato
sorride e sta al gioco: Non direi certo di no! Loccasione
l, se succede qualcosa agli altri (le Mercedes; n.d.r.) bisogna essere pronti ad approfittarne.
AMBIZIONE Lentusiasmo con
cui si apre un nuovo capitolo
della storia del Cavallino trapela dalle parole di Seb, alla
vigilia del Mondiale. Il quattro volte iridato, pur tenendo i
piedi per terra, non ha perso
la sua indole vincente. I precedenti di Raikkonen (2007) e
Alonso (2010) lo fanno sognare. E per una volta il paragone
non con il suo idolo Michael
Schumacher, che invece al debutto a Melbourne sulla Ferrari (1996) si ritir per un
guasto ai freni, dopo essere
partito in seconda fila dietro
al compagno Eddie Irvine.
Siamo ambiziosi. Sappiamo
che c ancora molto lavoro da
fare per arrivare dove vogliamo confessa Vettel . Ci
siamo posti un obiettivo molto grande: inseguire la Mercedes non solo per raggiungerla,
ma per batterla. Essere aggressivi la chiave per riuscirci.
CARBONARA Il tedesco non
nasconde di essere emozionato per questo debutto sulla
Ferrari. Ma assicura: Nessuna paura. Nemmeno riguardo alla sicurezza, messa in
dubbio dallincidente di Fernando Alonso nei test del 22
febbraio al Montmel e dai sospetti su una possibile scarica
elettrica che avrebbe tramortito il pilota. Penso che nessuno voglia mandarci in pista
se non certo che sia tutto a

Sebastian
Vettel, 27
anni GETTY
Fernando Alonso, 33 anni

Vettel alla prima in rosso


Se la Mercedes ha guai
dobbiamo essere pronti
1Schumi al debutto con la Ferrari qui si ritir, ma Raikkonen vinse
e lo spagnolo trionf in Bahrain: Vincere subito? Non direi di no
IL MIO INGEGNERE
DI PISTA SI CHIAMA
ADAMI, ECCO PERCH
HO CHIAMATO EVA
LA MIA MACCHINA
SO CHE DEVO
DIMOSTRARE MOLTO,
MA HO IMPARATO
DALLE DIFFICOLT
DELLANNO SCORSO
SEBASTIAN VETTEL
QUATTRO VOLTE IRIDATO

posto sulla vettura. Se la squadra stabilisce che non c pericolo, allora siamo sicuri di poter correre. Lunica preoccupazione per Vettel, a detta
dellex compagno Daniel Ricciardo, potrebbe essere non
saper cucinare la pasta. Ma
Seb ribatte pronto: Lho gi
fatto stamattina (ieri a un
evento promozionale; n.d.r.)
cucinando i ravioli. La mia
specialit per la carbonara.
EVA Per essere di fronte alla
sfida della vita, il biondino arrivato dalla Red Bull sembra
tuttaltro che angosciato: So

IL PRESIDENTE

FOTO La sua serenit sembra


aver contagiato anche Kimi

Raikkonen, mai cos sorridente e di buonumore come adesso. Bastava guardarlo, mentre
mostrava felice alcune foto
dal telefonino a Vettel, con il
tedesco ancora seduto in macchina durante i preparativi
del GP. Lo specchio di unatmosfera distesa allinterno
della Ferrari. bello che Seb
ora sia qui dice Raikkonen
. Lotteremo, come normale fra piloti, ma fuori sar tutto ok. Speriamo insieme di
poter portare la Ferrari dove
dovrebbe essere. Qualcosa
cambiato nellaria. Speriamo
accada anche in pista.

PROSPETTIVE Intanto il suo


sostituto Kevin Magnussen
ha ammesso che nei test
non sono riuscito a fare tutti i giri che avrei voluto ma
mi sento pronto. Il danese
non si illude: Le aspettative
per questo fine settimana
non sono alte. Abbiamo problemi di affidabilit. Ma per
la McLaren questo un nuovo inizio, e ci vuole tempo
ma credo che si sia imboccata la giusta direzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Cerruti via dal team Trulli


A Miami correr Liuzzi:
Ma devo trovare una tuta!

bocca al lupo per il resto della


stagione.

FORMULA E

Marchionne tifoso a distanza:


Spero in segnali incoraggianti,
i ragazzi lavorano come dannati

N
Sergio Marchionne, 62 anni,
amministratore delegato Fca
e presidente Ferrari AP

che devo dimostrare molto,


ma ho imparato dalle difficolt dellanno scorso e sono
pronto. La Bild ha scherzato
sul nome che ha dato alla sua
rossa, paragonandolo a quello
della pornostar italiana Eva
Ferrari. Ma Seb, che ora comincia a pronunciare qualche
frase per intero nella nostra
lingua, ha unaltra spiegazione, altrettanto simpatica:
Avendo un ingegnere di pista
che si chiama Adami, il nome
della macchina non poteva essere che Eva.

he cosa davvero successo a Fernando


Alonso in quella strana uscita di pista domenica
22 febbraio? Per ora il quesito resta senza risposta: da
Melbourne, Charlie Whiting
fa sapere che linchiesta
condotta dalla Fia non ancora conclusa. E stato creato un gruppo di lavoro che
oltre alla Federazione vede
coinvolti la McLaren e i medici che seguono il pilota
spagnolo. Intanto lex ferrarista ieri ha postato su twitter una immagine che lo ritrae impegnato in palestra a
Dubai, dove si rifugiato
nel momento in cui ha dovuto rinunciare alla prima gara dellanno. Mi sto preparando senza sosta. Ripresa
la normale routine, torno
presto in ufficio. Un proclama che sembrerebbe confermare lintenzione del pilota McLaren di essere al via
del GP di Malesia, in programma il 29.

on sar a Melbourne per


la prima da presidente del Cavallino: Sergio
Marchionne dovr volare a Detroit per seguire gli affari del
gruppo Fca, ma la sua testa sar in Australia. Mi aspetto segnali incoraggianti dal primo
gran premio, che stabiliscano
la base per una stagione esaltante. I ragazzi stanno lavorando come dannati, ha detto il
manager italo-canadese al termine dellassemblea di Sgs a
Ginevra.

VERSO LA BORSA Al di l della


gestione sportiva, Marchionne
proiettato nella futura quotazione in borsa di Ferrari. A chi
gli chiedeva del valore reale
della societ, ha detto: Mi
aspetto un valore ben oltre i 7
miliardi, non ci faccio niente
con quella cifra. Non abbiamo
ancora deciso quanto quotare
di Ferrari, se andare oltre il
10%. Parlando invece di Fca,
Marchionne ha sottolineato
che il primo trimestre del
2015 in linea con quello che
ci aspettavamo. Mancano due
settimane ancora importanti.
Dal punto di vista delle alleanze, la.d. di Fca ha definito tecnicamente possibile unalleanza con Gm o Ford.
RIPRODUZIONE RISERVATA

L
Tonio Liuzzi, 34 anni, in F.1
con Red Bull, Toro Rosso,
Force India e Hrt EPA

esperienza di Michela
Cerruti in Formula E si
conclusa. La milanese lascia la categoria elettrica alla
vigilia della tappa di Miami:
Mi spiace comunicarlo cos
tardi e a ridosso della gara
ha spiegato con un post sulla
propria pagina Facebook ,
ma purtroppo per diversi motivi, tra cui alcuni avvenimenti
degli ultimi giorni, non ci sono
pi le condizioni per andare
avanti. Ringrazio comunque il
Team Trulli e faccio loro un in

SOSTITUTO La Cerruti stata


sostituita per lappuntamento
americano da Vitantonio Liuzzi, che abruzzese come Trulli: Sono contento ha detto
lex pilota di F.1 perch da
testimonial ho seguito questo
campionato sin dallinizio. Ma
non ho mai provato la macchina e dovr adattarmi in fretta.
La prima cosa che devo fare
trovate una tuta, non sorprendetevi se user uno dei caschi
di Jarno. Il futuro? Vedremo.
Io ho un impegno con la McLaren Gta ma sono flessibile. La
Cerruti invece correr in Europa con la Bmw Motorsport.
RIPRODUZIONE RISERVATA

32

Mondomotori R Moto

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

IL NOSTRO GIUDIZIO

S
Prestazioni
Nessuna come lei: potenza e
coppia raggiungono picchi
impensabili.
Tecnologia
In questo momento fa scalpore,
ma la sovralimentazione arriver
presto anche su altri modelli.

1. La Kawasaki H2 stradale e (a destra) la H2R


2. Lo scarico 4 in 1 della H2R 3. Il compressore
volumetrico che equipaggia le due moto
3

No
Risposta al gas
Brusca nella prima parte della
corsa dellacceleratore.
Solo per uno
Emozionante ma da single: la
H2 nasce monoposto.

H2 e H2R, potenza senza limiti


1In Qatar abbiamo provato le due Kawasaki Ninja col turbo: niente sar pi come prima!
Stefano Cordara

a natura umana ci porta o a cercare di superare i nostri limiti. Quando si pensa di averli raggiunti, arriva sempre qualcosa che li
sposta ancora pi in alto. Abbiamo la fortuna di
poter guidare moto sportive fantastiche con motori ed elettronica evolutissimi. Ma dopo la
Kawasaki H2 niente potr essere come prima.
PROVA DI FORZA Kawasaki ha voluto dare una
dimostrazione sul campo della potenza tecnologica di un gruppo industriale tra i pi grandi del
mondo. Un gruppo industriale che costruisce
anche treni, navi, robot, aerei, missili. Per realizzare la Ninja H2 sono stati chiamati a rapporto i
migliori tecnici del gruppo, perch potessero occuparsi di motore, telaio, turbine e aerodinamica. S, anche turbina, perch la Kawasaki Ninja
H2 (in vendita a 25.000 euro) e la ancor pi incredibile H2R (che costa 50.000 euro) sono sovralimentate con un compressore volumetrico
capace di raggiungere il regime di 130.000 giri e
di portarla a toccare potenze mai viste prima su

La H2 stradale
in azione. A
destra, il
tachimetro:
321 km/h!

una moto di serie (anche se la H2R non omologata). I 326 cavalli raggiunti con lairbox in pressione lo stupefacente dato che racconta di che
cosa capace questa moto nella sua versione pi
spinta. Una potenza superiore a quella di una
MotoGP. Prestazioni mostruose, solo calmierate
nella versione stradale che si ferma a 200 Cv.
COMPONENTI una moto esclusiva a dir poco,
la H2, non solo per le prestazioni, ma anche per
come fatta. Ogni particolare, anche il pi insignificante stato realizzato apposta
per lei e per essere funzionale allobbiettivo, perfino la colorazione ottenuta con tanti strati composti da una vernice a ioni dargento che creano un effetto
metallo liquido. Telaio a traliccio, sospensione monobraccio posteriore, freni Brembo
con dischi da 330 mm e pinze monoblocco
racing completano il quadro di una moto
che di normale non ha proprio niente.
IN SELLA Anche se Kawasaki la inserisce
tra le supersport, la H2 in realt una moto
stradale, velocissima e con una grandissima accelerazione perch pesi e dimensioni
fanno s che la pista non sia il suo habitat ideale, anche se il luogo pi sicuro per sfruttarla.

comoda quasi come la ZZR1400 ma si guida


quasi come la Ninja 1000, anche se non una
racer autentica. Il motore qualcosa che non ti
aspetti, la risposta al gas (fin troppo brusca alle
primissime aperture) cos immediata possente
ai medi regimi da consigliare lutilizzo di marce
alte per sfruttarne lesuberante coppia motrice,
gestita a fatica dallelettronica. Ma la H2 vuole
essere una moto pura, che demanda al pilota
la gestione della sua esuberanza. Ma se di esuberanza vogliamo parlare, impossibile non citare la H2R, moto capace di ridefinire le parole
potenza e accelerazione. Esagerata, offre
un livello di prestazioni inimmaginabile se non
per una MotoGP. A conti fatti anche molto pi
efficace e divertente della H2 perch non ha solo 100 Cv in pi ma soprattutto pi leggera di
22 kg. Veloce oltre ogni immaginazione (a Losail ha sfiorato i 320 km/h effettivi), ma anche
pi agile, reattiva, capace di tenere la linea impostata e di fermarsi in meno spazio. questo il
futuro? Kawasaki ne convinta, la H2 al momento una vera e propria bandiera tecnologica,
ma la tecnologia della sovralimentazione secondo gli ingegneri giapponesi arriver ben presto
anche su moto pi piccole. La linea tracciata.
Kawasaki ha avuto coraggio, ora tocca agli altri.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SCHEDA
KAWASAKI
NINJA H2

MOTORE QUATTRO CILINDRI IN


LINEA, 998 CMC
ALIMENTAZIONE INIEZIONE
ELETTRONICA CON COMPRESSORE
CENTRIFUGO E RIDE BY WIRE
POTENZA MAX 200 CV A 11.000 GIRI
(310 CV A 14.000 GIRI)
COPPIA MAX 133,5 NM A 10.500 GIRI
(166,5 NM A 12.500 GIRI)
TELAIO TRALICCIO IN ACCIAIO
PESO 238 KG (214 KG) IN ORDINE DI
MARCIA
INTERASSE 1.450 MM
ALTEZZA SELLA 830 MM
SOSPENSIONE ANTERIORE
FORCELLA ROVESCIATA
SOSPENSIONE POSTERIORE
MONOBRACCIO CON MONO
AMMORTIZZATORE
PREZZO 25.000 EURO (50.000 EURO)
DATA DI LANCIO GI IN VENDITA

1
1

1
1

1
1

NOTA: TRA PARENTESI I DATI DELLA H2R

Mondomotori R Auto

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

33

Le Lamborghini Huracan e Aventador


(gialla, in secondo piano) sulle nevi di Livigno

Quella pazza scuola guida


Una Lambo sul ghiaccio
testa, riflessi e... incoscienza
1Alla Winter Accademia di Livigno si inizia con la Huracan LP 610-4,
poi si passa allAventador LP 700-4 e a fine giornata c il diploma
Edoardo Margiotta

unica tappa europea di


un tour decisamente
esclusivo, che ha toccato
lolimpica Nagano in Giappone e la lussuosa Aspen negli
Stati Uniti, ha portato le auto
italiane sul ghiaccio di Livigno, per quella che non pu
certo essere considerata una
normale scuola di guida. Gi,
perch a sfrecciare sul ghiaccio vivo sono due modelli amatissimi dagli appassionati come la Huracan LP 610-4 e
lAventador LP 700-4. Entrambi a trazione integrale, montano pneumatici Pirelli Sottozero 3 chiodati.
LA LEZIONE Ma facciamo un
passo indietro: lAccademia
Lamborghini, che offre anche
corsi di guida in pista, vede nel
Corso Intensivo il programma
pi emozionante. In una sola
giornata, infatti, i partecipanti
apprendono i primi rudimenti

Le auto pronte per le lezioni: prima slalom, birilli e drifting sulla Huracan, poi hot laps con la Aventador

3.500
Il costo base, in euro, per le
lezioni della Lamborghini
Accademia. La prossima estate
la scuola sar a Barcellona,
a Austin in Texas e a Dubai.

della guida sul ghiaccio a bordo delle supercar di SantAgata Bolognese. Gli istruttori,
giovanissimi, sono tutti in attivit e questa scelta tecnica d
lidea dellapproccio richiesto
a chi si iscrive, sborsando
3.500 euro pi Iva. Non una
giornata di relax, quella da vi-

vere alla Winter Accademia.


C tanto da imparare.
SENZA SOSTA La guida inizia
a bordo della Huracan LP
610-4, assaporando lesuberanza del V10 di 5.204 cmc.
Sotto una insistente nevicata
ecco la prima prova, lo slalom

tra i birilli. Lunico modo per


evitare gli ostacoli indirizzare lauto con lo sterzo e poi gestire la curva tramite lacceleratore. Sterzo per impostare,
gas per girare. Non facile: nonostante le dritte ladattamento richiede prontezza di
riflessi e un po di incoscienza,
per vincere le abitudini consolidate dalla guida di tutti i
giorni. E senza farsi distrarre
dal fascino dellabitacolo, dai
pulsanti disposti sulla consolle, dal rombo del motore che fa
vibrare laria.
LE PROVE Si passa al drifting
per imparare a gestire lauto:
anche ora non si deve usare lo
sterzo per curvare, ma piuttosto si spinge a fondo sullacceleratore. Il selettore Anima
nella parte inferiore del volante sportivo impostato su Corsa, il livello estremo che prevede lesclusione di tutti i controlli elettronici tranne lAbs.
Lauto nelle mani del pilota.
AL MASSIMO Nel pomeriggio,
dopo aver preso un minimo di
confidenza con la Huracan,
viene il momento della Aventador LP 700-4 e del suo V12 di
60 e 6.498 cmc. 700 Cv e 690
Nm di coppia, abbinati alla
trazione integrale e al cambio
a sette marce ISR con frizione
a secco. Il maggior passo dellAventador, comunque, non
influisce sulle sensazioni di
guida, esaltanti persino in un
contesto ad aderenza critica.
Poi arriva il momento degli
Hot Laps, alcuni giri da passeggero e gli istruttori al volante, che portano al limite le
auto: pura emozione. Poi la
consegna dei diplomi, al termine di una giornata unica.

LA SCHEDA
LAMBORGHINI
AVENTADOR LP700-4

MOTORE 12 CILINDRI A V-EURO 6


CILINDRATA 6.498 CMC
POTENZA MAX 700 CV A 8.250 GIRI
COPPIA MAX 690 NM A 5.500 GIRI
VELOCIT MAX 350 KM/H
ACCELERAZIONE 0-100 KM/H 2,9
CAMBIO ROBOTIZZATO 7 MARCE
DIMENSIONI (LUNG/LARG/ALT)
4.780/2.265/1.136 MM
PESO A SECCO 1.575 KG
FRENI ANT. 400X38 MM A 6
PISTONCINI
FRENI POST. 380 X 38 MM A 4
PISTONCINI

1
1
1
1

1
1
1
1

clic
SALONE DI GINEVRA
DOMANI LO SPECIALE
CON LA GAZZETTA

Le supercar pi estreme,
le auto pi lussuose e quelle
da usare tutti i giorni. Ma
anche la tecnologia e gli
accessori: domani in edicola
con la Gazzetta dello Sport
troverete uno speciale di 32
pagine dedicato al Salone
dellautomobile di Ginevra

RIPRODUZIONE RISERVATA

TECNOLOGIA

Le pinze freno delle monoposto?


Unopera darte firmata Brembo
1Alla scoperta dei

IL TEAM ITALIA COMPIE TRENTANNI


Unaltra stagione allinsegna dei giovani. la sfida del Team
Italia, che spegne 30 candeline. Questanno, supportato ancora
dalla San Carlo, metter in pista tre squadre: nel Mondiale
Moto3, nellEuropeo Superstock 600 e nel Mondiale
Supersport. In Moto3, su Mahindra, ci sono il riconfermato
Matteo Ferrari e lesordiente Stefano Manzi. Nella Superstock,
su Kawasaki, corrono Andrea Tucci (3 classificato nellEuropeo
2014) e Michael Ruben Rinaldi. Nella Supersport, infine, una
Kawasaki affidata a Marco Faccani.

segreti dellazienda
bergamasca che
produce i sistemi
che rallentano le F.1

Giovanni Cortinovis

artigianalit italiana vince anche in F.1. Lo dimostrano i risultati di Brembo i cui impianti frenanti hanno
equipaggiato le ultime 5 scuderie iridate e 12 delle ultime 13
vincitrici del titolo. Una serie

destinata ad allungarsi perch


lazienda bergamasca fornisce
Mercedes, Red Bull e Ferrari.
Abbiamo visitato la struttura di
Curno dedicata al Racing dove
lavorano una settantina di persone. Qui arrivano le billette
(sorta di parallelepipedi) di alluminio da 16 kg che vengono
scaldate attraverso macchinari
capaci di raggiungere i 25-30
mila giri: il risultato, dopo un
processo di sottrazione di 15 ore, la
pinza di F.1. O
meglio, la pinza
grezza perch poi
entra in scena luomo: prima la sbavatura

IL FRENO... A PEZZI
Le componenti della pinza freno
Brembo dedicata alle Formula 1

manuale, poi con il montaggio


dei singoli elementi. Particolare attenzione viene riservata al
controllo qualit, effettuato
con 2 telecamere e un proiettore a led: in mezzora permette
di verificare la pinza con un
margine di precisione di 0,02
millimetri. In genere una pinza
dura 10 mila km ma dopo 2.500
km o dopo ogni GP viene rimandata in Brembo: viene
smontata, controllata e rimontata, dopo aver sostituito la parte in gomma. Per il 2015 lazienda fornisce ad ogni monoposto
20 pinze, 100 dischi e 200 pastiglie. Singolare anche la lavorazione del disco, sul quale vengono praticati 1.200 forellini, a
fronte dei 200 dei dischi di 5 anni fa: i buchi del diametro di 2,5
mm vengono eseguiti uno ad
uno. La precisione tutto e gli
scarti sono ai minimi termini.
RIPRODUZIONE RISERVATA

34

Ciclismo R La 50aedizione della corsa Gazzetta: 2a tappa


1

1-2-3-4 La sequenza della caduta di Elia Viviani (nel circolino arancione) dopo aver urtato la ruota posteriore della bici di Mark Cavendish FOTO IPP DALLA TV. 5 Il
veronese a terra esanime: per lui escoriazioni multiple ma nulla di rotto, cos come per Sacha Modolo FOTO IPP DALLA TV. 6 La bici di Cavendish: subito dopo il
traguardo: si nota la catena uscita dalla corona DE WAELE. 7 Viviani soccorso dopo larrivo: oggi il veronese del Team Sky dovrebbe partire regolarmente BETTINI
5
6

Cav-Viviani, paura a 70 orari

1Tirreno-Adriatico In volata a Mark salta la catena, la bici si blocca, Elia lo tocca

e cade. Gi anche Modolo. La causa un problema alla corona? Vince Debusschere


ruota gli si blocca tanto che arriva al traguardo
spingendo la bici come fosse su un monopattino.
Per Viviani, alla sua ruota, impossibile evitare
limpatto. Si innesca la carambola. Mi sparita la
bici, spiega Elia. Mi spiace per Viviani, si scusa
Cav. Su twitter lo stanno massacrando, ma non
giusto. Non ha colpe, conferma il velocista di Sky.

Luca Gialanella
Claudio Ghisalberti
INVIATI A CASCINA (PISA)

na maglia nera a terra. Il volto verso lasfalto. Non si muove. Elia Viviani, volato gi a
70 allora a 200 metri dallarrivo. Era a ruota di Mark Cavendish, ma linglese scarta verso destra, perde una pedalata e succede il finimondo.
Alle sue spalle si vivono lunghi istanti di paura.
Elia e Mark sono animali da pista, fenomeni sui
velodromi. Occhi e guizzi di gatto. Il loro duello
lattrazione della 2a tappa della Tirreno-Adriatico.
C tanto nervosismo in gruppo. Qui, qualsiasi
tappa conta, eccome. Al primo passaggio sul traguardo finiscono a terra Cancellara e Pozzato, ai 11 km Pelucchi (che qui vinse lanno scorso), Tuft,
Roelandts, Purito Rodriguez. Viviani e Cavendish,
prevedono i pericoli, ma stavolta un guaio meccanico che innesca il capitombolo dellazzurro di
Sky. Viviani a terra, a centro strada, ha una grande
fortuna. Non lo centra nessuno, e dietro cera tutto
un gruppo imbizzarrito. La sua bici diventa un
ostacolo insormontabile per il tedesco Arndt, che
si abbatte verso le transenne. E Sacha Modolo non
pu fare nulla, un salto in avanti, e ricade violentemente contro il terreno e le barriere. Piano piano, intanto, Viviani si muove. Si alza, si rimette il
casco. Gli spettatori applaudono, il veronese si
rialza tutto malconcio sul fianco sinistro. Il body
nero strappato e macchiato di sangue, lo sguardo
terreo per lo spavento e il dolore. Daniela, la fisio-

Il vincitore Jens Debusschere, 25 anni BETTINI

terapista di Sky, lo aiuta a salire sullammiraglia


che lo porta in albergo. andata bene spiegher un paio dore dopo ho temuto di essermi rotto
il bacino. Quando sono caduto ho sentito una
bottona. Incerottato, ma riparto. Anche per Sacha Modolo, che ha picchiato violentemente il
polso destro, escluse fratture. Oggi sar al via con
un tutore.
LA DINAMICA Ma che cosa successo ai 200 metri? Perch si innescata la caduta? Nel momento
in cui Cavendish, a ruota di Renshaw, si lancia, la
catena gli esce dalla corona verso lesterno. Mark
perde una mezza pedalata ed con un gesto istintivo che sgancia il pedale destro e resta in piedi. La

sulla quale, al traguardo, proprio nel punto opposto alla pedivella, pare evidenziarsi un segno simile a una incrinatura.

FINALE Fuori gioco Cav e Viviani, la tappa va al


giovane belga Jens Debusschere, 25 anni, campione nazionale. Pro dal 2011, il corridore della Lotto-Soudal batte Sagan e Bennett: il bresciano NiLE CAUSE Il punto ora capire come mai Cav ab- cola Ruffoni, 8, miglior italiano. la mia vittoria
bia scatenato, tenendo anche
pi bella spiega Debusschere .
conto che un incidente simile gi
E spero che un giorno questa veloLA CHIAVE
successo questanno al suo compacit allo sprint mi aiuti a conquistagno Boonen in Qatar (ma con ma- I materiali e una
re una bella classica. Adriano Materiali leggermente diversi, dice il
lori conserva la maglia azzurra di
esasperata
ricerca
team). Da escludere lerrore umaleader: stesso tempo con Peter Sano (catena gi in tiro sull11), mol- della leggerezza
gan, ma la discriminante dei centeto difficile si sia trattato di un pro- possono avere influito simi del prologo (790 contro 970)
blema a cambio o deragliatore pulo premia. Oggi si arriva nel centro
re legato a unerrata regolazione Allo sprint sorpresa
storico di Arezzo, finale al 5%. Qui
(il corridore se ne sarebbe accorto
lo slovacco vinse nel 2014. Ma Saprima). Lipotesi pi probabile del campione
gan ancora lo stesso corridore
nazionale
belga.
che il problema sia legato alla coesplosivo o qualcosa in lui si inrona. In passato, capitato per Sagan secondo
ceppato? Vero che lanno scorso ha
esempio anche a Cipollini: a causa
vinto la maglia verde al Tour, ma
di unesasperata ricerca della leggerezza, si sono dal 29 giugno 2014, campionato nazionale, che
verificate delle deformazioni nel momento di non alza le braccia. Tinkov lha ingaggiato e lha
massimo carico, soprattutto nel punto opposto al- coperto di soldi. Finora gli ha dato fiducia e lo ha
la pedivella, (sul pedale viene applicata in modo assecondato. Adesso comincia il momento del
repentino una forza tra i 160 e i 180 kg) che han- raccolto. Servono risultati pesanti, una classica
no provocato delle cadute esterne di catena. Ieri monumento, per dimostrare di essere un fenomeCav era in gara non con la classica corona, quel- no che fa la differenza. Intanto una tappa qui dala a razze in alluminio, ma con una a disco in car- rebbe almeno serenit allambiente.
RIPRODUZIONE RISERVATA
bonio. Una corona aerodinamica da cronometro

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

IL RETROSCENA

fTEMA CALDO

LA GUIDA
Ruffoni ottavo
Malori leader
Oggi ad Arezzo

La mini telecamera montata sotto la sella di


Vincenzo Nibali: il siciliano mercoled stato
punto da una vespa sullorecchio sinistro BETTINI

E Nibali aspetta
ancora i premi
del Tour vinto:
539.630 euro
1La federazione francese

SCATTA IL BETTO
di PAOLO
BETTINI

ha bloccato i 3 milioni in palio


nelle gare transalpine del 2014

IN QUESTI FINALI ADRENALINICI


IL DESTINO IN UN ATTIMO

l gruppo un insieme
di particelle che
vivono in equilibrio
precario. Il gruppo come
un atomo, fatto di nucleo
ed elettroni, che resta in
equilibrio finch qualche
cosa, con una forza
esterna, lo rompe. Tutto
dipende da quanto la
lucidit e ladrenalina
della singola particella
contrastino questa forza.
Questo il significato di
quanto avvenuto in
volata. C sempre il solito
tam-tam, strade strette,
tanti corridori, etc: ma
loccasione era troppo
ghiotta per i velocisti, i
corridori erano tutti
freschi perch cinque
chilometri di prologo non
mettono le gambe in croce,
e queste cose capitano
quando c voglia di
vincere: la Tirreno una
corsa molto importante.
Ma voglio tornare alla
caduta. In questi finali si
vive di adrenalina. Questi
attimi sono tanto di gambe
quanto di adrenalina. A
livello psicologico e di
percezione dei rischi e

della tua reazione, non hai


il tempo. Non c un atleta
che ragiona devo fare cos
e cos, una reazione di
adrenalina, di istinto. O ce
lhai, o non ce lhai. A volta
sei cos al limite che la
sbandata la percepisci
dallo spostamento dellaria. Oppure, come mi
capit nella maxi-caduta di
Pinerolo al Giro 2007, sei
gi nella caduta che pensi
solo a metterti nella posizione fetale, ranicchiato,
per prendere meno colpi
possibile. Alla fine, sono
caduti solo in tre: Viviani,
Arndt e Modolo. Quasi un
miracolo se si pensa che si
era lanciati in volata a 70
allora con tutto il gruppo
dietro. Ma ladrenalina
che ognuno ha che ti
permette di fare la
differenza: basta un
millisecondo per percepire
la caduta e la eviti. Tanto
che nessuno ha investito
Viviani. Mentre a volte
capita che ti investa chi sta
nella parte finale del
gruppo ed pi distratto,
cio ha meno adrenalina.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DALLINVIATO A CASCINA

uarda qua! Pi che un orecchio


sembra una bistecca.... Vincenzo
Nibali sorride mentre mostra lorecchio sinistro grande il doppio del destro. Mi
ha punto una vespa prima della crono di Lido
di Camaiore. C un precedente: ricordate il
suo occhio sinistro gonfio alla Vuelta 2013,
sempre per colpa di una vespa? Lo Squalo ha la
grandissima capacit di sdrammatizzare tutto
e lo trasmette ai suoi uomini di fiducia. Nibali
corre e si diverte. Gli piace cos tanto quello
che fa da volere tenersi pure dei ricordi personali. Per questo ha montato una Nilox, una piccola telecamera, sotto la sella: Le immagini
me le tengo io, mi piace rivedere quello che
succede. Ha ricevuto lok dagli organizzatori.
RITARDO C per un aspetto, non piacevole,
che si saputo ieri: Nibali deve ancora ricevere
i premi per la vittoria del Tour 2014. Sono esattamente 539.630 euro, e comprendono il premio-vittoria (450 mila euro), quelli per le 4
tappe (32.000) e i 19 giorni in giallo (6650).
Soldi ancora congelati dalla federazione francese, alla quale sono stati girati da Aso, la societ organizzatrice del Tour. In tutto, la federciclo transalpina tiene bloccati 3 milioni di euro, tutti i premi delle corse francesi 2014. Dalla
Parigi-Nizza a oggi. Motivo? Essere sicura che
i controlli antidoping di tutte le gare fossero
negativi. Ma i test del Tour si sono chiusi in
estate, il 2 settembre c stato anche il comunicato Uci sui 719 test sangue-urine effettuati
durante la gara. Per il ritardo, team e corridori
hanno chiesto un incontro urgente con il presidente Uci, Cookson.
c. ghis.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ARRIVO: 1. Jens DEBUSSCHERE


(Bel, Lotto-Soudal) 153 km in
3.3018, abbuono. 10;
2. Peter Sagan (Slk, Tinkoff-Saxo),
abbuono 6;
3. Sam Bennett (Irl, Bora Argon
18), abbuono 4;
4. Porsev (Rus); 5. Farrar (Usa);
6. Nielsen (Dan); 7. Kluge (Ger);
8. Ruffoni; 9. Dempster (Aus); 10.
Renshaw (Aus); 11. Navardauskas
(Lit); 12. Goss (Aus); 13. Sbaragli;
14. Cavendish (Gb); 15. Le Bon
(Fra); 23. Bennati; 26. Contador;
41. Oss; 45. Pinot (Fra); 48. Nibali;
49. Uran (Col); 57. Malori;
60. Quintana (Col), 61. Scarponi;
66. Formolo; 77. Quinziato;
79. Santaromita; 83. De Marchi;
85. Pozzato; 100. Colbrelli;
104. Rodriguez (Spa); 107. Visconti;
110. Battaglin; 144. Basso;
145. Moser; 161. Modolo;
162. Viviani; 175. Pelucci a 1044.
Partiti 175, arrivati 175.
CLASSIFICA GENERALE: 1.
Adriano MALORI (Movistar) 184,5
km in 3.3622, media 51,163;
2. Peter Sagan (Slk); 3. Fabian
Cancellara (Svi, Trek) a 1;
4. Van Avermaet (Bel) a 2;
5. Brandle (Aut); 6. Bodnar (Pol);
7. Oss a 4; 8. Navardauskas (Lit) a
5; 9. Cummings (Gb) a 6; 10.
Kieizer (Ola) a 7; 11. Debusschere
(Bel); 12. Le Bon (Fra) a 8;
13. Castroviejo (Spa); 14. Boasson
Hagen (Nor); 15. Terpstra (Ola);
16. Kluge (Ger); 17. Gaudin (Fra) a
9; 18. Grivko (Ucr); 19. Geschke
(Ger) a 10; 20. Irizar (Spa);
21. Uran (Col); 22. Hepburn (Aus) a
11; 23. Nibali; 24. Poels (Ola);
25. Morabito (Svi); 26. Amador (C.
Rica); 27. Westra (Ola);
28. Herrada (Spa); 42. Kreuziger
(Cec) a 14; 52. Moser a 16;
57. Pozzato a 18; 61. Contador
(Spa) a 19; 71. Basso a 21;
74. Quintana; 84. Hesjedal (Can) a
23; 101. Formolo a 27; 114. D.
Martin (Irl) a 30; 115. Rodriguez
(Spa) a 31; 146. G. Caruso a 48;
175. Pelucchi a 1121.
LE ALTRE MAGLIE Rossa (a
punti): Jens Debuscchere (Bel,
Lotto); bianca (giovani): Peter
Sagan (Slk, Tinkoff-Saxo); verde
(montagna): Danilo Wyss (Svi,
Bmc).
COS OGGI Terza tappa, CascinaArezzo, 203 km. Ritrovo in Corso
Matteotti alle 9.45, il via alle 11.15. Il
finale in circuito: lultimo
rettilineo tira al 5 per cento.
Abbuoni: 3, 2, 1 ai traguardi
intermedi; 10, 6 e 4 allarrivo.
TV: Eurosport 14.30, RaiSport 1
14.40, Rai3 15.10.

Prime salite, sesalta Porte


Aru 8: Contento cos
R
ichie Porte ha fatto sapere di non essere mai stato
pi magro di adesso. Peso 59 chili. E da inizio anno in
verit titolo nazionale a crono, 2 posto al Down Under
che il tasmaniano di Sky sta facendo vedere di essere un altro
rispetto al disgraziato 2014,
sulla strada del Giro dItalia che
vuole affrontare da protagonista. E ieri, sulla Croix de Chaubouret, arrivo in salita della
quarta tappa della Parigi-Nizza, ha messo il sigillo su una
giornata che il team ha dominato. Alle spalle di Porte, infatti, si
piazzato il compagno gallese

Geraint Thomas, dopo uno


scatto comune a circa 800 metri
dalla fine. A 8 arrivato liridato polacco Michal Kwiatkowski,
che si consolato con la riconquista della maglia gialla (gi
sua dopo la vittoria nel cronoprologo iniziale). A 8 anche il
danese Fuglsang, a 17 lamericano Van Garderen, a 24 il portoghese Rui Costa: una concorrenza qualificata che Sky per
ha costretto alla resa. Avere
due carte da giocare il massimo, ha sorriso Porte, a 1 da
Kwiatkowski (Thomas a 3):
Richie conosce benissimo il Col
dEze dove domenica si dispute-

Richie Porte e Geraint Thomas AFP

Bugno: Dico s
ai test antidoping
anche di notte
per chi sospetto
DALLINVIATO A CASCINA

controlli antidoping notturni? Ma


certo, un bene che si facciano, se ci
sono casi dubbi o sospetti. E si possono fare gi adesso, non una novit. Gianni
Bugno, rieletto presidente mondiale dei corridori, alla Tirreno-Adriatico per spiegare le
nuove iniziative del Cpa, il sindacato internazionale, in caso di corse con meteo estremo: a
ogni gara WorldTour ci sar un delegato del
Cpa per aiutare organizzatori e giuria. Ma colpiscono soprattutto le sue parole su un tema
cos sensibile. Parole forti, che danno il senso
del nuovo corso che attraversa il gruppo.
DUBBI Io difendo i corridori che fanno le cose per bene, non quelli che le fanno male
continua Bugno, 51 anni . Il controllo durante la notte non lo fanno a tutti, lo fanno al
corridore sul quale possono avere dei dubbi,
vanno direttamente sul pezzo. Chi non ha
nulla da temere, pu stare tranquillo. E proprio questo il punto: chi non bara e corre in
modo pulito,
non deve temere
nulla, nessuno lo
LA CHIAVE
sveglier alle 3 Il leader del
di notte. Mentre,
come gi suc- sindacato mondiale
cesso, in caso di corridori favorevole
e l e v a t i s s i m a alliniziativa dellUci
probabilit di
doping, la Cadf Froome si schiera
(fondazione antidoping del- via tweet: Se pu
lUci, presieduta aiutare a far pulizia,
d a l l i t a l i a n a facciamoli pure
Francesca Rossi,
che per statuto indipendente) si attiva per
controlli notturni. Mirati, a colpo sicuro. E ieri su questo aspetto si espresso anche Chris
Froome, con un tweet: Do il benvenuto ai
controlli sulle 24 ore. Potrebbe essere un inconveniente, ma se pu aiutare a pulire lo
sport che amo, facciamolo.
NECESSIT La Commissione indipendente di
riforma del ciclismo (Circ) aveva indicato la
necessit dei controlli notturni tra la dozzina
di proposte per migliorare questo sport. I tre
esperti (Marty, Nicholson e Haas) ritengono
che la finestra dalle 23 alle 5 sia troppo ampia
per combattere le microdosi di Epo e sangue
(da effettuare il pi vicino possibile alla competizione). Ecco le parole: La Cadf dovrebbe
fare pi uso delleccezione contenuta nellarticolo 5.2 delle regole antidoping: Un sospetto serio e specifico che il corridore possa far
uso di doping. Attualmente, i controlli sono
possibili dalle 5 alle 23, ma anche di notte in
caso di forti sospetti. Da questanno, poi, la
Wada ha deciso di inserire anche i valori di
cortisolemia (cortisone) nel passaporto biologico: il cortisone ha un ritmo circadiano,
cio un metabolismo, notturno, e le eventuali
variazioni sono verificabili di notte.
l. gial.

Il leader Adriano Malori ANSA

PARIGI-NIZZA
r la decisiva cronoscalata di
chiusura.
CONTENTO E Fabio Aru? Si
piazzato ottavo a 24 e la sua
prova va considerata buona. Il
24enne dellAstana infatti al
debutto stagionale: Nel finale
mi mancato il ritmo ha ammesso il sardo , rispetto a chi
ha gi corso. Sono comunque
contento delle mie sensazioni e
della prova del team, oltre a Fuglsang andato bene pure Tiralongo (che aveva attaccato a 8
km dalla fine, ndr). Si sapeva
che quelli di Sky andavano forte, hanno cominciato a correre
a gennaio. Va bene cos, io sono
contento del lavoro che ho fatto
questinverno e vado avanti per
la mia strada. Mi servono solo
un po di giorni di corsa per trovare il ritmo giusto.
ci. sco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

35

RIPRODUZIONE RISERVATA

Bronzini sprint
in Olanda
Scandolara 2a

Le maglie iridate
saranno Santini
per altri 2 anni

Il ghiaccio laveva gi rotto


a gennaio, con due successi
in Australia. Ieri Giorgia
Bronzini ha messo la terza:
la 31enne piacentina della
Wiggle Honda ha vinto la
Molecaten Acht van
Westerveld, in Olanda,
competizione che ha
anticipato di due giorni la
Ronde Van Drenthe, prima
prova di Coppa del Mondo
che si disputer sempre in
Olanda. stata doppietta
azzurra perch al secondo
posto si piazzata Valentina
Scandolara, veronese
dellOris Ais. Infine
da segnalare il buon 8 posto
della giovanissima ciclocrossista brianzola Alice Arzuffi,
20 anni.

una collaborazione che


va avanti dal 94 e proseguir
almeno per le prossime due
stagioni: lUci, la federazione
internazionale, e il Maglificio
Sportivo Santini hanno
deciso di proseguire assieme
e quindi sar ancora lazienda
bergamasca a fornire le
maglie iridate per tutte le
specialit e tutte le categorie.
Proprio nel 2015 Santini
festeggia i 50 anni di attivit.
LUTTO morto a 62 anni
Franco Farronato, storico
meccanico veronese che
lavorava anche con la
Nazionale, riferimento di
tanti pro', soprattutto di
Viviani, che lo considerava il
proprio maestro, e Guardini.

36

Basket R Il tema

LE TAPPE
DELLA VICENDA

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

26 settembre 2014
La Fip delibera unilateralmente
La Fip conferma la Convenzione
scaduta da 2 anni ad esclusione dei
temi economici. La Lega decide di non
controfirmare fino a quando non
viene fatta chiarezza sui diritti tv

19 dicembre 2014
Saltano i premi sugli italiani?
Senza la firma sulla Convenzione, la
Fip minaccia, con una lettera firmata
dal segretario generale Maurizio
Bertea, di congelare i premi relativi
allutilizzo degli italiani

12 marzo 2015
Arriva la firma tra le parti
Dopo alcuni incontri tra le parti, Fip e
Lega stabiliscono che la gestione delle
trattative per i diritti tv appartenga
allassemblea dei proprietari. Sciolto il
nodo, ieri sono arrivate le firme

EUROLEGA

Nizhny piega Vitoria


Milano con Malaga
pu ancora sperare
1Ore 20.45 su Fox
Sports 2. I russi
riaprono i giochi

N
A sinistra: Fernando Marino (Legabasket) e
Gianni Petrucci (Fip) alla firma della Convenzione.
Sopra: Federico Mussini e Joe Ragland CIAMILLO

Vincenzo Di Schiavi
MILANO

abemus Convenzione, esordisce con


ilarit Fernando
Marino presidente della Legabasket. Al suo fianco il numero
uno della Fip, Gianni Petrucci,
sorride soddisfatto. In un albergo milanese, la magna carta
che regola i rapporti tra le due
istituzioni che governano la
pallacanestro italiana, scaduta
da due anni, viene ratificata
davanti alle telecamere e ad
Alessandro Dalla Salda, a.d. di
Reggio Emilia, unica societ
presente (sic!). Novit sostanziali non ve ne sono: flash e
sorrisi per codificare quello
che si sapeva gi, ovvero la paternit della gestione dei diritti
tv spetta alla Lega che, dal
prossimo giugno, alla scadenza degli accordi attuali, sar libera di trattare il rinnovo con i
(tanti) competitor televisivi.
ARBITRI E NEWS Le novit pi
rilevanti sono invece racchiuse
in un allegato, la cui discussione comincer dal 30 marzo in
poi: eleggibilit e premialit, i
due poli di uno scenario che
dovrebbe trasformare il nostro
basket sul medio e lungo periodo. Dal tavolo delle trattative,
invece, scivola via il tema dellorganizzazione e gestione
della classe arbitrale. La Lega
aveva tentato il blitz, Petrucci
rispedisce tutto al mittente con
parole inequivocabili: Lattivit della classe arbitrale di
pertinenza della Fip e non potrebbe essere altrimenti. Accettiamo consigli su eventuali migliorie, ma la gestione rimane

Il piano Fip-Lega
Meno stranieri
e pi soldi ai vivai
1C la Convenzione, nellallegato i temi da trattare
Indennit per chi fornisce giocatori alla Nazionale
SENTO TROPPE CRITICHE
SUGLI ARBITRI CHE
ANDREBBERO AIUTATI
SBAGLIANO COME TUTTI:
GIOCATORI E COACH
GIANNI PETRUCCI
PRESIDENTE FIP

PRONTI AD ABBASSARE
LA SOGLIA DEGLI
STRANIERI IN CAMBIO
DI UN PROGETTO CHE
INCENTIVI I VIVAI
FERNANDO MARINO
PRESIDENTE LEGA BASKET

a noi. Il numero uno della federazione inoltre apre lombrello sui fischietti, a suo dire
troppo criticati: I nostri arbitri
vanno aiutati. In questa stagione registro troppe polemiche
sterili e dannose. Un tempo gli
arbitri si criticavano dopo la
partita, adesso anche prima
dei sorteggi.... E allora ecco la
provocazione, tra il serio e il faceto: Quando un giocatore o
un allenatore criticher un arbitro mi prender limpegno di
rinfacciargli quello che ha sbagliato lui: un tiro, un blocco, un
cambio o una rotazione. Marino incassa e incalza: Abbiamo
istituito uno strumento come
linstant replay (quando funziona, ndr) per aiutare gli arbitri, chiedo aiuto a te Gianni,
per sollecitarne lutilizzo da
parte della classe arbitrale.
STRANIERI E PREMI Frecciatine in un clima comunque pi
disteso rispetto al passato e uti-

le a disegnare un futuro migliore. La Lega, per esempio, apre


al taglio degli stranieri, invocato da Petrucci: Siamo disposti
ad abbassare la soglia riflette Marino, a tagliare i visti
ma solo sulla base di un progetto che incentivi e valorizzi il lavoro che i club fanno sugli italiani. Una premialit pi ricca
e ampia dunque, su cui Petrucci non si tira indietro: Studieremo delle soluzioni che premino non solo chi fa giocare gli
italiani ma anche chi investe in
vivai produttivi. Peraltro voglio fare un plauso alle societ
per la fattiva collaborazione
mostrata nei confronti delle essigenze della Nazionale, non
ultima quella della Sperimentale. In futuro non escludo lintroduzione di un indennizzo
per i club che offrono giocatori
per la causa azzurra, come si fa
nel calcio. Ovviamente, con le
dovute proporzioni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

on solo nostalgia, anche speranza. Perch


la sfida con Malaga di
questa sera al Forum serve
per celebrare un grande del
passato come Mike DAntoni
e pure per provare a riaprire
un discorso, quello dei
playoff, che pareva chiuso a
doppia mandata. Perch il
successo del Nizhny su Vitoria, davanti per 30 e caduta
in un inopinato ultimo quarto da 32-20 di parziale,
pompa qualche speranza in
pi. Per capirci: la vittoria rilancia soprattutto i russi ma
anche un assist per Milano.
Battendo lUncaja la squadra
di Banchi si potrebbe trovare, domani sera, appaiata al
Nizhny e a 1 vittoria di distanza dalla coppia che occupa il quarto posto: Vitoria
e lEfes, se sconfitto oggi nel
proibitivo campo del Cska.
Sarebbero quattro squadre
quasi appaiate, a quattro
giornate dalla fine, con un
solo posto a disposizione.
Arduo, certo, forse proibitivo per lEA7 a cui non basta
andare a braccetto con le altre ma le deve scavalcare a
causa della pessima differenza canestri. Il che signifi-

ca che pure tre vittorie su quattro potrebbero non bastare, visto che il pallino ce lhanno in
mano gli altri. Ma lEfes, che
pareva lanciata, ne ha perse tre
di fila e anche i baschi stanno
rallentando. Insomma, non il
momento di arrendersi posto
che, per guadagnarsi la mission
impossible, bisogna cominciare
col far fuori Malaga.
GIRONE E Ieri: Galatasaray IstanbulStella Rossa Belgrado 68-91 (Pocius 13,
Erceg 11; Balzic 19, Jenkins e Marjanovic 14); Barcellona-Maccabi Tel Aviv
89-71 (Tomic 16, Doellman 13; Alexander 16, Schortsanitis 15); Real MadridAlba Berlino 93-62 (Carroll 13, Llull 12;
Redding 14, King 10). Oggi: Zalgiris
Kaunas-Panathinaikos. Classifica: Real
Madrid 9 vinte-1 persa; Barcellona 7-3;
Maccabi 6-4; Panathinaikos 5-4; Alba
Berlino 4-6; Zalgiris Kaunas 3-6; Stella
Rossa 3-7; Galatasaray 2-8.
GIRONE F Ieri: Nizhny Novgord-Vitoria 89-85 (Thompkins 22, Mekel 20;
Bertans 21, Causeur 13). Oggi: Cska
Mosca-Efes Istanbul; Milano-Malaga
(20.45, diretta Fox Sports 2); Olympiacos Pireo-Fenerbahce Istanbul. Classifica: Olympiacos 8-1; Fenerbahce, Cska
7-2; Efes 4-5; Vitoria 4-6; Novgorod 3-7;
Milano, Malaga 2-7.

EUROCHALLENGE Brindisi saluta lEuropa perdendo gara-2


(72-77) dei quarti di finale in
casa contro Nanterre. LEnel rimonta da -12 (35-47 al 24), ma
si blocca incredibilmente sul
+5 (72-67) a 57 dalla fine
quando incassa un parziale di
10-0.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NBA

Super Gallinari: 23 in 24
Datome: solo 10 ma vince
Danilo Gallinari realizza 23
punti, 18 nel primo tempo, in
soli 24 con 4/5 da tre e
Denver batte la n.1 dellEst,
Atlanta. Per i Nuggets il
quarto successo su 6 gare,
col nuovo allenatore Hunt.
Per Gallo la seconda

Danilo Gallinari, 26 anni REUTERS

prestazione stagionale. Gigi


Datome non ripete le buone
prestazioni delle ultime due
gare, ma gioca 10 anche in
momenti cruciali nel successo
dei Celtics su Memphis (per lui,
2 punti e buona difesa). Chris
Paul, 33 punti, interrompe la
striscia di vittorie di Oklahoma
City a 7: Westbrook si ferma a
24 punti, 9 rimbalzi, 7 assist.
RISULTATI: CharlotteSacramento 106-113, BostonMemphis 95-92, PhiladelphiaChicago 95-104 (ts); MiamiBrooklin 104-98, MilwaukeeOrlando 97-91, Oklahoma City-LA
Clippers 108-120, Denver-Atlanta
115-102, Phoenix-Minnesota 10697, Golden State-Detroit 105-98,
Portland-Houston 105-100.

Basket R Oggi la festa di un campione

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

FACCIA A FACCIA

37

CONTENUTO
PREMIUM

In alto, Mike DAntoni in Galleria a Milano con Flavio Portaluppi, suo ex


giocatore oggi presidente dellOlimpia. Sotto, allallenamento con Alessandro
Gentile e, a destra, con la moglie Laurel conosciuta a Milano CIAM-CAST

DAntoni
LALTERNATIVA
ALLA NBA E SOLO
ALLENARE IN ITALIA
INTERVISTA di LUCA CHIABOTTI

ike DAntoni oggi vive a Manhattan Beach, a Los Angeles, si gode quotidiani
tramonti mozzafiato sullOceano Pacifico, gioca a golf. Suo figlio ormai grande, va al
college, non seguir le orme del padre nel
basket ma ha un futuro assicurato. Eppure...
Voglio allenare, anche perch lunico lavoro
che so fare dice . E solo una questione solo
di passione, di piacere che ancora provo quando
vado in palestra. Non lo faccio per i soldi, n perch mi sento di dover dimostrare ancora qualcosa. Mike in Italia con la famiglia, stato dai
suoi amici di Treviso, stasera lOlimpia Milano lo
onorer ritirando la sua maglia n.8 durante la
sfida di Eurolega contro Malaga. E il tributo a
unepopea leggendaria e a una vera storia
damore. Anzi, tante storie damore: a Milano,
Mike ha conosciuto la moglie Laurel, nato il
figlio Michael, ha giocato in un gruppo straordinario firmando unepopea vincente, diventato
allenatore. Tutto partito dove oggi ritorna.
Con la stessa semplicit di 28 anni fa: Sono abbastanza intelligente per sapere che non viene
ritirata la mia maglia ma quella di un gruppo di
giocatori fantastico senza il quale non avrei ottenuto nulla dice Mike . Ero il playmaker,
avevo la palla in mano e quindi ero sotto i riflettori pi degli altri. Ma senza Dino, Bob e tutti
quelli che giocavano con me, cosa avrei fatto?.
Siete diventati dei miti.
Eravamo amici, facevamo gruppo anche fuori
dal campo, stavamo assieme sempre: abbiamo
festeggiato insieme e perso insieme senza che i
nostri rapporti cambiassero, ma anzi sentendoci ancora pi uniti. Ho calcolato che avremo fatto almeno 500 cene al Torchietto tra di noi, con
i dirigenti, le famiglie, le fidanzate, gli amici, i
giornalisti, ogni tanto anche qualche avversario. Bob McAdoo dice che i 4 anni a Milano sono
stati il periodo pi bello della sua vita, lo sono
stati anche per me, qui nato tutto, ho conosciuto mia moglie, nato mio figlio.

L'IDENTIKIT
MIKE
DANTONI
NATO A: MULLENS (USA)
IL: 8 MAGGIO 1951
RUOLO DA GIOCATORE: PLAY
PROFESSIONE: ALLENATORE NBA

squadre per essere vincenti devono giocare con


lanima, sputare sangue come diceva Peterson.
Quanto deve la sua carriera allesperienza milanese? E a coach Peterson? Sulla Gazzetta ha ricordato i trasferimenti da e per il Palalido assieme, parlando non solo di basket
Tutto. Quando sono arrivato in Italia non sapevo niente, qui sono maturato come giocatore e
come uomo, Dan mi ha insegnato ad avere fiducia nei miei mezzi. Lui mi deve molti soldi spesi
in benzina, io gli devo moltissimo per tutto il
resto. Oggi leggo ancora cosa scrive: contro il
tiro da tre punti, contro le schiacciate, contro il
pick and roll. Praticamente io non posso pi allenare....

Mike DAntoni negli anni 80

Ha smesso i calzoncini 25 anni fa. Spieghi a uno di


oggi come giocava DAntoni, le sue magie.
Impossibile, non si possono fare paragoni con
noi. I giocatori oggi sono pi potenti, veloci, il
gioco in continua evoluzione. Per carit, che
nessuno riguardi le immagini di quando giocavo, ero di una lentezza esasperante.

Mike DAntoni prima di allenare


nella Nba (coach of the year nel
2005) a Denver, Phoenix, New
York e Los Angeles stato una
leggenda del basket italiano
GIOCATORE in 13 stagioni, dal
1977 al 1990, con Milano ha vinto
5 scudetti, 2 Coppe dei Campioni,
1 Korac, un Intercontinentale, 2
coppe Italia
ALLENATORE Dal 1990 al 1995
ha guidato Milano vincendo 1
Korac (1 finale scudetto, 1 Final
Four di Eurolega). Dal 1995 al
1997 e nel 2001-2002, a Treviso,
ha vinto due scudetti, 1 coppa
Europa, 1 Coppa Italia, 1
Supercoppa con una Final Four
di Eurolega.

A Milano ha cominciato ad allenare.


Devo ringraziare GianMario Gabetti che nellestate del 1990 mi ha dato lopportunit di
passare subito dal campo alla panchina: non
succede quasi mai. Avremmo dovuto chiudere
la storia del nostro gruppo dopo lo scudetto del
1989, tutto deve finire, gi dopo il grande slam
del 1987 cominciavamo a essere vecchi e a sentirci stanchi. Senza quella chiamata non so cosa avrei fatto: probabilmente accettato di giocare ancora in unaltra squadra e avrei chiuso la carriera a 40 anni facendo schifo,
invece Milano mi ha dato una seconda
vita. Ho solo il rammarico di non aver
vinto uno scudetto come poi a Treviso.
Ci siamo andati vicino il primo anno,
nel 1993 sono convinto che senza linfortunio di Antonio Davis alla vigilia
dei playoff ce lavremmo fatta. Abbia-

Ha mai pi incontrato un gruppo simile nella sua


carriera anche Nba?
No, mai pi visto nulla di paragonabile. Non so
neanche spiegare cosa fosse scattato tra di persone ognuna cos diversa ma tanto unite. Lunica cosa che ho potuto confrontare che tutte le

OGGI AL FORUM, LOLIMPIA RITIRA


LA MAGLIA DEL GRANDE MIKE: A
MILANO I MIEI ANNI PIU BELLI

mo vinto una coppa Korac, una coppetta.


Anche il suo stile di allenatore, offensivo, con
quintetti piccoli nato a Milano.
Pi che una scelta stata una necessit. Avevamo perso sei partite di fila 4 di 1 o 2 punti... Ho
messo Pittis che era capace di far tutto ala forte,
inserito un tiratore in pi in quintetto, Ambrassa. E cera Djordjevic, un regista straordinario.
E ancora convinto che sia la filosofia giusta per
vincere?
Sempre di pi.
Quando hanno licenziato Shaw
a Denver, il primo nome fatto
per la panchina dei Nuggets di
Gallinari stato il suo. Prenderebbe in considerazione di allenare ancora in Europa?
Siamo molto lontano da un
qualsiasi contratto, vediamo
cosa succeder. Non ho mai
chiuso la porta a nulla, non lo
faccio adesso. Ma lunico posto
dove posso pensare di allenare
al di fuori della Nba lItalia.
Io sono italiano, lItalia il posto dove amo vivere e non andrei altrove. Questo non vuol
dire che torner ad allenare
qui, per....

PER CARITA, NON


RIGUARDATE LE
IMMAGINI DI QUANDO
GIOCAVO: ERO DI UNA
LENTEZZA ESASPERANTE
A MILANO ERAVAMO
UN GRUPPO DI AMICI

Peccato che ai Knicks, con GalSEMPRE ASSIEME:


linari sia finita cos.
AVREMO FATTO 500
Sono molto contento che oggi
Gallo stia tornando ad alto liCENE AL TORCHIETTO
vello dopo linfortunio. Ai Knicks ho sperato di poter ricreare MIKE DANTONI
un gruppo giovane che potesse LEGGENDA OLIMPIA MILANO
in qualche modo assomigliare
a quello di Milano, Danilo era il capo, stavamo
migliorando ogni anno fino ad arrivare ai
playoff. Poi arrivato lo scambio con Carmelo
Anthony e quel progetto s interrotto.
Lultima esperienza ai Lakers stata molto
difficile.
Mi sono sottoposto a molte terapie,
quindi adesso sono in grado di parlarne... Non stato molto bello. E andata
malissimo dallinizio alla fine, una
situazione difficile, sono arrivato
nel momento sbagliato e non ho
fatto delle valutazioni corrette
prima di tuffarmi in questa avventura. E andata cos, si va
avanti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mike DAntoni
ieri nella sede
Olimpia con
alcuni dei trofei
che ha vinto in
17 anni a
Milano dal 1977
al 1994 CIAM

38

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Nuoto R Il debutto stagionale in vasca lunga

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

SCI ALPINO

LA GUIDA

Gigante
femminile
stasera
ad Are

Dirette Rai Sport


oggi e domani alle 17
Occhio a Paltrinieri
Il 5 trofeo Citt di Milano in vasca
lunga alla piscina Samuele di via
Mecenate vedr in gara i campioni
oggi (dir. Rai Sport 1 alle 17.30) e
domani (dir. Rai Sport 2 ore 17). Oltre
alla Pellegrini, ci saranno Gregorio
Paltrinieri, Filippo Magnini, Marco
Orsi, Arianna Castiglioni, Ranomi
Kromowidjojo, Femke Heemskerk
(Ola), George Bovell (Tri), Zsusanna
Jakabos, Evelyn Verraszto e Daniel
Gyurta (Ung), che si confronter con
Paltrinieri e Detti.
Cos le gare. Uomini e donne. Oggi
dalle 15: 200 sl, 200 farf., 200 dorso,
200 rana, 800 sl D, 1500 sl U.
Domani ore 9.30: 50 farf., 100 dorso,
50 rana, 100 sl, 400 mx. Ore 15.30:
400 sl, 100 farf., 50 dorso, 100 rana,
50 sl, 200 mx.
SCOZZOLI SCOZZESE (al.f.) Da
domani a domenica, Fabio Scozzoli
sar in gara a Edimburgo (Sco):
iscritto in 50-100 rana, sfider Peaty,
Jamieson e Perez Dortona. Al via
anche Ervin, Coughlin (Usa), Halsall,
Miley e OConnor.

Federica Pellegrini, 26 anni, allenata da Matteo Giunta, olimpionica, 4 ori mondiali, 11 record mondiali (ora in carica solo nei 200 sl) LAPRESSE

C tanta Fede subito a Milano


Sar un anno davvero veloce

1Torna la Pellegrini contro le forti olandesi: oggi nei 200 sl, domani nei 400 e 100

Verso i Mondiali penser solo a me stessa: a Kazan tempi pi rapidi che ai Giochi

Stefano Arcobelli

anta Fede a Milano. Tre gare per il debutto stagionale


in vasca lunga. Per rompere il
ghiaccio (della stagione mondiale) tra oggi e domani. Federica
Pellegrini sar impegnata subito
per gli amatissimi 200 stile libero, domani si tuffer due volte:
doppia razione tra 400 e 100 sl,
contro le olandesi volanti, la biolimpionica Ranomi Kromowidjojo e Femke Heemskerk.Che oggi stuzzicher non poco
in acqua la primatista mondiale e
campionessa europea in carica.
In arrivo da Milano col suo gruppo guidato da Matteo Giunta e
comprendente Filippo Magnini e
Gianluca Maglia, la Pellegrini ripensa a quando viveva da milanese, ogni giorno sulla tangenziale, dieci anni fa e perdeva tante ore nel traffico per andare ad
allenarsi nella piscina di via
Mecenate, dove si disputa il 5
trofeo di Milano. Dieci anni dopo
il mondo ribaltato, meno lei: la
solita Fede che sente le gare, si
cala nella parte, vive scaramanti-

Niente dorso a Milano e neanche a


Riccione?
Matteo vuole vedere a che punto
siamo sullo stile libero, ma ai
trials i 200 dorso li far. I 400?
Qui s, a Riccione vedremo.

camente la vigilia di un meeting


di fine settimana come se fosse
una finale europea. Perch non
ha mai improvvisato niente, e
pretende sempre il massimo da se
stessa. Di ritorno dallesperienza
americana, tra laltura di Flagstaff e ladattamento a bassa quota di Fort Lauderdale, ancora sotto emozione per la morte di Camille Muffat a causa della quale
non avr a fianco laltra francese
Charlotte Bonnet, rimasta addolorata a Nizza, Fede racconta le
prime sensazioni di questo esordio sotto carico di lavoro, in rotta
verso i Mondiali di inizio agosto a
Kazan. Dove compir 27 anni, il 5
agosto, il giorno dei 200 stile libero, la specialit in cui stata bicampionessa iridata ed argento
in carica: Anni che si cominciano a sentire....

SONO ANCORA
ARRABBIATA PER LA
MORTE DELLA MUFFAT,
NON SI PUO FINIRE
COSI A 25 ANNI

Federica, che notizie ci porta dallesperienza americana?


E stata molto dura rispetto anche allanno scorso: 3 settimane
piene ai 200 metri, una in pi del
solito, e poi finalmente il sole.
Nessuno scoop, se non il record di
categoria nei 200 dorso in yards
(1568)....

IL DORSO? HO FATTO
UN RECORD IN AMERICA
NELLE YARDS... E LO
NUOTERO ALLE
SELEZIONI MONDIALI

Lanno della velocit o lanno della


verit: pronta?
I Mondiali spesso offrono grandi
crono, pi importanti degli stessi
Giochi olimpici. Sar un anno di
studio, anche se le altre avversarie non le guarder durante la
stagione: me ne occuper solo
quando arriver in finale, io e le
sette rivali. Non mi sono mai fatta
condizionare dai ranking.
Il primo pensiero nel giorno del
primo tuffo in gara?
A Camille Muffat, sono ancora
sotto shock per quanto ho visto:
mi fa ancora arrabbiare che sia
successo tutto questo. Aveva appena cominciato la sua vita normale: no, non si pu finire cos.
Il secondo?
Un po di tensione c sempre
quando si comincia, ci metto anche un po di paura ma sono fatta
cos: mi arrabbio con me stessa

perch pretendo sempre il massimo da me stessa. Ho tanta voglia


di gareggiare da 50 metri, di partire dala vasca lunga, dopo i Mondiali da 25 metri di Doha conclusi
non bebe, per me una virata radicale. Tra dicembre e gennaio
stata unaltra vita.
Un test impegnativo soprattutto
nei 200 e 100.
Con la Heemskerk sar una bella
sfida, nei 100 mi asfalteranno
di brutto...ma sar divertente gareggiare a loro fianco nella gara
regina. Sar dura che possa batterle.
La nuova gestione prevede pi
test allestero, confronti internazionali di alto livello anche sotto
carico. S convinta a fare pi gare? Dopo Milano ci saranno gli
Open spagnoli di Malaga con Belmonte e Mizzau. Ci andrete?
Non dipende da noi, non siamo
stati a Marsiglia essendo negli
Usa: s effettivamente abbiamo
bisogno di gareggiare pi spesso
ai massimi livelli, speriamo che la
federazione accolga le nostre richieste.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tennis R Sul cemento di Indian Wells

Vinci regina del deserto


Stop Schiavone e Knapp
I
l primo torneo Masters
1000 dellanno, sul cemento di Indian Wells (Usa,
5milioni di euro, cemento) si
apre con una vittoria e due
sconfitte per lItalia, che schiera dacchito tre donne, delle sei
in tabellone (pi tre uomini).
Roberta Vinci (n. 40) sfata il
tab contro la bestia nera, laustraliana naturalizzata Jarmila
Gajdosova (n.48), con la quale
aveva perso 4 volte su 5. Stavolta, la 32enne tarantina, ancora con problemi alla spalla
per i quali ha disertato il doppio con Sara Errani, reagisce
dopo il primo set e insiste,
mantenendo il break iniziale
fino al termine e qualificandosi

39

cos al secondo turno contro


Sabine Lisicki (bilancio 1-0 per
la potente tedesca). Sperando
che questo successo contro
unavversaria solitamente ostica le restituisca un po di fiducia dopo i primi cinque tornei
dellanno, nei quali solo una
volta arrivata al terzo turno.
Non si scuote invece Karin
Knapp (n. 56) che cede troppo
nettamente il primo set alla potente Yanina Wickmayer (n.
93), sempre mezzo infortunata, poi torna finalmente a lottare, ma incassa comunque il k.o.
in due set. Per laltoatesina la
quinta eliminazione dacchito
in questo suo difficilissimo inizio di stagione. La 34enne

Formato Davis
Nadal e Federer
contestano la Itf

Francesca Schiavone (n. 70


Wta) crolla ancora alla distanza: dopo un primo set dominato per 6-0 in 22 minuti, la milanese subisce il ritorno della
21enne cinese Lin Zhu, 119
della classifica, promossa dalle
qualificazioni. Protagonista di
un doppio rimbalzo sul set
point del secondo parziale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo turno, uomini: Pospisil (Can)


b. Kukushkin (Kaz) 6-4 4-2, rit; Smyczek (Usa) b. Becker (Ger) 6-3 7-6(4);
donne: Wickmayer (Bel) b. KNAPP 6-1
7-5; Lin Zhu b. SCHIAVONE 0-6 6-3
6-3; VINCI b.Gajdosova (Aus) 4-6 6-1
6-2; Jabeur (Tun) b. Kanepi (Est) 7-5
6-2; Stephens (Usa) Scheepers (S.Af)
7-5 7-5.

Roberta Vinci, n. 40 del mondo

Roger Federer e Rafael


Nadal attaccano la Itf, la
Federazione Internazionale
per il formato della coppa
Davis. Quello che fa la Itf
non positivo per il nostro
sport. Inganna i tifosi e il
mondo. Lanno scorso stato
fantastico perch Federer ha
vinto? Ma io, Djokovic e molti
giocatori importanti non
abbiamo giocato, ha detto il
9 volte campione del Roland
Garros, ad Indian Wells.
Ovviamente le cose non
stanno funzionando, ha
detto da parte sua il re di 17
Slam che ha disertato il 1
turno 2015 costringendo la
Svizzera agli spareggiretrocessione. Per la Itf sta
bene cos e non si cambia.

on c un clima strano
solo in Italia, ma anche nel nord Europa.
Ad Are, (Sve) dove oggi in
programma il penultimo appuntamento della Coppa del
Mondo femminile, fa caldo e
neppure di notte si va sottozero. Cos ieri le atlete non
hanno potuto provare la pista dove oggi pomeriggio
(manche ore 16 e 19) in
programma lultimo gigante
prima delle finali di Meribel.
Con la slovena Tina Maze e
laustriaca Anna Fenninger
divise in classifica generale
da soli 44 punti, la lotta si
preannuncia appassionante.
La Fenninger, leader della
classifica di specialit, andr
allattacco e la Maze tenter
di difendersi in attesa dello
slalom di domani. LItalia sar in gara con Brignone, che
su questa pista ha raccolto
alcuni tra i suoi migliori risultati, Nadia e Sabina Fanchini, Marsaglia, Elena ed
Irene Curtoni, Moelgg e
Agnelli. Il lavoro di questi
due giorni della squadra azzurra diretta da Magoni (che
traccer la prima manche)
stato soprattutto nel cercare
di trovare il setup migliore
degli sci su questa neve molle che non risponde.
Coppa del Mondo (26 prove): 1.
Maze (Slo) p. 1285; 2. Fenninger
(Aut) 1241; 3. Vonn (Usa) 842; 16. N.
Fanchini 324.
Coppa gigante (6 prove): 1. Fenninger (Aut) p. 342; 2. Brem (Aut) 296;
3. Shiffrin (Usa) 271; 7. Brignone 192
PROGRAMMA Oggi gigante donne
ad Are (Sve, manche ore 16/19).
Domani: gigante maschile a
Kranjska Gora (Slo, 9.39/12.30) e
slalom donne ad Are (10.30/13.30).
Domenica slalom maschile a
Kranjska Gora (9.30/12.30).
TV Diretta RaiSport 1 ed Eurosport.

MARIO MATT A 35 ANNI


CHIUDE LA CARRIERA
(c.r.)Laustriaco Mario Matt,
35 anni, campione olimpico
in carica dello slalom, ha an-

Mario Matt, 35 anni EPA

nunciato ieri a St. Anton il ritiro dallattivit agonistica


dopo 15 stagioni. Prima dello slalom di domenica a
Kranjska Gora, Matt 27
nella classifica di specialit e
quindi al momento escluso
dalle finali in programma la
prossima settimana a Meribel (Fra) Nel suo palmares
anche due titoli mondiali
sempre in slalom (St. Anton
2001, e Are 2007 dove vinse
anche il titolo a squadre e 15
vittorie in Coppa del Mondo.
LA PUTZER SI LAUREA
IN GIURISPRUDENZA
lex azzurra Karen Putzer,
che ora ha 36 anni, mercoled si laureata in Giurisprudenza presso lUniversit di
Trento con la tesi Responsabilit penale nel distacco di
valanga. Lex azzurra stata la prima a laurearsi con il
programma TopSport che
assiste gli atleti di alto livello. La Putzer, che anche
giornalista pubblicista, ha
gi frequentato il master in
Management dello sport.

Pallavolo R Champions League: quarti di finale

40

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Busto Arsizio andata fino in fondo

1Impresa a Mosca, la Final Four conquistata. Parisi: Bravissime tutte, risultato straordinario

Squadre italiane allatto


conclusivo della Champions, solo
Busto, nessuna nel maschile. Nel
2014, per la prima volta dopo 30
anni, eravamo rimasti a zero

ma soprattutto lonore di difendere e rinverdire la tradizione del volley italiano nella


massima competizione continentale, dopo lannus horribilis 2014, senza alcuna portabandiera n in campo femminile, n maschile: E sempre
stato motivo di grande orgoglio e soddisfazione poter rappresentare il nostro Paese al di
fuori dai confini nazionali - dice il tecnico Carlo Parisi - ma
lemozione stavolta davvero
forte ed intensa, per certi versi
difficile da descrivere. Sapere
che questanno toccher a noi
portare sulle spalle e difendere

DIOUF E HAVELKOVA Un traguardo meritato, giunto al termine di una prestazione praticamente perfetta, in cui Marcon e compagne, superiori alle
russe in tutti i fondamentali,
hanno approcciato la gara alla
perfezione, sbrigando la pratica in appena 52, quanto cio le
farfalle trascinate in prima linea da Diouf e Havelkova hanno impiegato per conquistare i due set necessari per
strappare il pass per volare Polonia. Conquistare il primo
parziale, peraltro dopo una
gran rimonta, ha sicuramente
cambiato le carte in tavola,
dando a noi ancora pi fiducia
e consapevolezza di potercela
fare, mentre alle russe ancora
pi pressioni. Pressioni che, di
fronte al nostro ottimo avvio di
secondo set, sono aumentate
esponenzialmente, finendo
per giocare loro un brutto
scherzo.
PARISI FIERO I demeriti della
Dinamo, letteralmente spentasi alla distanza, finiscono per
dove iniziano i meriti, e sono
davvero tanti (dal servizio, allattacco, senza dimenticare la
ricezione), della Unendo
Yamamay, in grado di non dare
il bench minimo spazio ad
una possibile rimonta russa:
E giusto davvero, e ci tengo a

Gli annunci si ricevono


tutti i giorni su:

www.piccoliannunci.rcs.it
agenzia.solferino@rcs.it
oppure nei giorni feriali
presso lagenzia:

Milano Via Solferino, 36


tel.02/6282.7555 - 7422,
fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge
903 del 9/12/1977 le inserzioni di ricerca
di personale devono sempre intendersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza
della Legge sulla privacy (L.196/03).

AIUTO contabile, pluriennale esperienza contabilit generale, fatturazione attiva/passiva, gestione cassa, banca, valuta proposte preferibilmente
part-time. 338.74.70.197
AMMINISTRATIVO esperto aziende medio piccole, gestione completa
fino al bilancio, trentennale esperienza, esamina proposte anche tenuta
contabilit presso clienti zona Milano
nord. Disponibilit immediata.
339.37.40.496
IMPIEGATA commerciale estero
operativa completa, ottimo inglese
francese tedesco, pluriennale esperienza, offresi a seria ditta. Astenersi
perditempo. 335.81.74.198
IMPIEGATO di magazzino ventennale esperienza gestione ordini spedizioni Ddt fatture inventari gestionali, Ibm,
AS400, Mago, Sapr3, in mobilit legge
223/91. Offresi anche come magazziniere. Full-time, part.time.
329.49.57.628
REDIGO bilanci con tassonomia xbrl
2015 dichiarazioni fiscali adempimenti collegati, esperienza decennale. Tel.
340.15.56.179
SEGRETARIA anche studi medici,
pluriesperienza pratiche ufficio, referenziata, organizzativa. Milano/limitrofi. 333.79.21.618 no perditempo.
AGENTE di commercio valuta proposte concrete di proficua collaborazione. 347.73.12.582 ididdl@icloud.com
AGENTE plurimandatario componenti elettronici/elettromeccanici zona
Lombardia B2B disponibile valutare
nuovi mandati. Mail:
maxmau2378@vodafone.it

GENTI - creazione professionale di reti vendita di qualit per aziende clienti.


338.37.66.816
COMMERCIALE estero, metalmeccanico / forniture industriali, gestione
clienti, scouting, portafoglio clienti,
coordinamento funzioni aziendali, sviluppo prodotti, comunicazione, piani
di marketing/vendite. Mobile
338.74.92.234

FUNZIONARIO commerciale pluriennale esperienza d.p.i. e antincendio rivenditori nord est Italia addetto
al customer service eventualmente anche con mansioni interne come commerciale, acquisti, magazzino, ddt.
338.85.57.532 - renzop61@libero.it

AUTISTA di fiducia, esperienza ventennale, referenziato, cerca lavoro anche part-time. 333.95.76.523
AUTISTA professionista, srilankese
offresi, patente B-C-CQC, eventualmente anche per sicurezza, referenziato, in regola. 333.37.77.646

CAMERIERE 37enne esperto, per trattoria/ristorante/bar, buon carattere,


preciso.
02.45.25.531
347.22.73.684

LA GUIDA
Vincer di sicuro
un tecnico italiano

Il giro tondo delle ragazze di Busto Arsizio: la seconda Final Four dopo quella conquistata nel 2013 CEV

sottolinearlo, fare i complimenti alle mie ragazze. Fin dal


via sono state capaci di interpretare alla perfezione la gara,
con attenzione, concentrazione, determinazione e qualit. E
non hanno mai perso il controllo, evitando di dare alle avversarie la minima possibilit
per rimettersi in carreggiata.
SECONDA VOLTA Per Carlo Parisi, che non pi tardi di domenica scorsa aveva festeggiato
amaramente il compleanno
(55 candeline) perdendo il
derby lombardo con Bergamo,
si tratta di un regalo a scoppio
ritardato che fra laltro equiva-

ASSISTENZA disabili, italiano, autista, tuttofare, trasferimenti estero, ottimo spagnolo, presenza, seriet
338.64.68.647
DAMA di compagnia offresi per Milano italiana 56enne, disponibilit immediata. Cell. 340.32.39.609
CONTABILE neopensionato, autonomo fino bilancio, adempimenti/dichiarazioni, inglese, tedesco/francese scolastici, reports, padronanza PC, offresi
par-time/full-time 339.29.95.573
RAGIONIERE pensionato trentennale esperienza in campo amministrativo
e fiscale presta la propria collaborazione a medie e piccole societ. Tel.
02.89.51.27.76
SIGNORA 33enne srilankese, referenziata, regolare, offresi come babysitter o collaboratrice domestica. Pluriennale esperienza. 349.66.50.768
BADANTE 52enne, moldava referenziata offresi fissa/diurno, anche weekend, libera subito zone Milano, Parma,
Trento. 328.64.32.374
DISTINTO affidabile cerca lavoro
presso signore autosufficiente per
compagnia colta, attenzione salutistica in cucina con servizio al tavolo, pulizia/organizzazione casa, accompagnamento esterno. 333.38.91.465.
No numeri sconosciuti.

COMMESSA esperta vendita abbigliamento e accessori boutique donna


offresi Milano. Tel: 331.42.49.207
36ENNE disoccupato, italiano, preciso, dinamico, offresi a serio ristorante
come addetto sbarazzo tavoli, lavapiatti, addetto pulizie (esperienza pluriennale), anche per Expo 2015. Disponibile anche come scaffalista alla
GDO. Astenersi perditempo.
348.22.21.789

A Milano apertura punto commerciale,


impieghiamo 4 ambosessi full-time.
Mansioni gestionali, commerciali e di
controllo. 02.24.00.177
RAGIONIERE /a con esperienza societ commerciale cerca. Inviare dettagliato CV via fax 02.78.35.40 o mail:
info@mazzolari.info

le alla seconda partecipazione


alla Final Four di Champions,
dopo il terzo posto del 2013 a
Istanbul. Essere riusciti a centrare per la seconda volta laccesso alla Final Four, questanno in maniera assolutamente
inaspettata, esaltante. Un risultato eccezionale che premia
il lavoro di tutti. Essere ancora
fra le prime quattro della
Champions straordinario.
Alle 19.05 di stasera, data la vicinanza, allarrivo della truppa, facile immaginare che allaeroporto di Malpensa ci sia
un bagno di folla. Pienamente
meritato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

D. MOSCA

BUSTO A.

(23-25, 19-25, 26-28)


DINAMO MOSCA: Markova 8,
Moroz 1, Obmochaeva 12, Shcherban 11, Morozova 5, Kosianenko; Malova (l); Perepel-kina 2,
Vetrova 4, Fateeva 3, Tretyakova,
Lazareva 6. All. Podkopaev.
UNENDO BUSTO A.: Wolosz 2,
Havelkova 11, Pisani 6, Diouf 14,
Marcon 5, Lyubushkina 4; Leonardi (l). Degradi 4, Rania 2, Michel 2,
Perry 8, Camera. All. Parisi.
ARBITRI Szabo (Ung) Michilic (Pol)
NOTE Spett. 1200. D.s. 26, 26, 29;
tot 81. Dinamo: b.s. 8, v. 6, m. 9, 2 l.
4, er. 14. Unendo: b.s. 6, v. 7, m. 6, 2a
l. 8, er. 12.

INGEGNERE meccanico, quarantenne, master Supply Chain, avviamento


4 aziende estero, offresi come operations
manager
area
EU.
328.84.83.156

PORTO LOTTI Spezia, cedo posto


barca 12x4 con auto vicino.
335.22.48.92

Macerata nei guai


Baranowicz out
(m.g.) Per Michele Baranowicz
stagione finita? Una tegola imprevista
e pesantissima si abbatte sulla Lube
nella fase decisiva dellannata. E
risultato pi grave del previsto infatti
linfortunio occorso al palleggiatore dei
campioni dItalia che, nel corso
dellallenamento in uno scontro di
gioco con Sabbi, cadendo a terra ha
riportato la frattura della base del
quinto metacarpo della mano destra.
Uno stop che mette seriamente a
rischio la partecipazione non solo alle
prossime gare della stagione regolare
ma anche ai playoff scudetto che
partiranno ad aprile. A questo punto
appare inevitabile un ritorno sul
mercato della Lube per coprire il vuoto
che lascia Baranowicz.

compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi,


moderni, orologi prestigiosi, oro, diamanti. Sabotino
14 - Milano. 02.58.30.40.26

LUGANO

PRIVATO VENDE PACCHET-

RERA via dei Giardini attico


di 195 mq., terrazzo al piano,
panoramico, unico a Milano. CE
in corso.
info@solferinoimmobiliare.it
LORETO bilocali, trilocali ristrutturati
vendesi CE: E - IPE: 129 kWh/mqa
02.28.38.12.08 Granvela.it
VIA DELL'ANNUNCIATA: prestigioso appartamento, 250 mq, impareggiabile vista Duomo, box. CE: G IPE:
175
kWh/mqa.
Tel.
333.80.02.942
SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03

VIA GOLDONI, palazzo signorile


epoca, 180 mq, triplo soggiorno con
camino, tricamere, studio, biservizi.
CE: G - IPE: 208,3 kWh/mqa.
389.07.30.754
BANCHE e multinazionali ricercano
immobili in affitto o vendita a Milano.
02.67.17.05.43

TO AZIONARIO societ anonima svizzera settore medico-sanitario (medicina integrata), oltre


3.500 clienti. Prezzo: euro
650.000. Astenersi perditempo:
centrointegrato@fiduciaria.ch 0041.79.68.65.060

ACQUISTARE, vendere aziende, immobili, ricercare soci, joint-venture?


Trentennale esperienza nazionale, internazionale, pagamenti garantiti.
www.cogefim.com - 02.39.26.11.91

SOCIETA' SVIZZERA
ricerca socio d'affari per sviluppo internazionale. Investimento contenuto.
Ottimi guadagni. Tel.
0041.91.290.2000
info@swisslakehouse.com

ACQUISTIAMO,
VENDIAMO,
PERMUTIAMO

BRILLANTI,

GIOIELLI FIRMATI, orologi marche prestigiose, coralli. Il Cordusio


02.86.46.37.85

Una nuova vetrina: ASPETTANDO EXPO MILANO 2015

EXPO 2015

(a.a.) C una cosa che si pu gi dire:


la Champions sar vinta da un
allenatore italiano. Oltre allUnendo
Yamamay Busto Arsizio che se la vedr
con le padrone di casa del Police di
Giuseppe Cuccarini, si qualificano alla
Final Four di Champions femminile
lEczacibasi Istanbul di Giovanni
Caprara (Rosini preparatore) e il
Vakinfbank Istanbul di Giovanni
Guidetti (Bracceschi preparatore) e
Carolina Costagrande che ha eliminato
il Fenerbahce di Marcello Abbondanza
(Fanni 2, Bragagni prep.), Leo Lo
Bianco e Lucia Bosetti.
DONNE (ritorno quarti): Fenerbahce
Istanbul (Tur)-Vakifbank Istanbul (Tur)
3-2 (25-20, 25-20, 21-25, 15-25, 15-12;
and.1-3), Zurigo (Sui)-Eczacibasi
Istanbul (Tur) 3-1 (25-23, 24-26, 29-27,
25-19; gs 12-15; and.0-3), Dinamo
Mosca (Rus)-Busto 0-3 (0-3). Final
Four a Stettino (POL), 4-5 aprile:
Vakifbank-Eczacibasi, Police-Busto.

PUNTO D'ORO

B&B

Interpreti
e traduttori

issione compiuta, pardon impresa compiuta! Bissando la straordinaria vittoria ottenuta allandata in casa, Busto si impone,
nuovamente in tre set, anche
nel return match di Mosca contro la Dinamo, strappando cos
la qualificazione alla Final
Four di Champions League, in
programma il 4 e il 5 aprile a
Stettino, in Polonia. Un risultato di assoluto prestigio per le
bustocche di coach Carlo Parisi, cui spetter dunque lonere,

il buon nome del nostro movimento ci gratifica enormemente, ma al contempo ci carica di


responsabilit, anche se, in fin
dei conti, sar un peso estremamente piacevole da sopportare.

Alloggi

Mattia Brazzelli Lualdi

ACQUISTIAMO

AUTOMOBILI E FUORISTRADA, qualsiasi cilindrata. Passaggio di propriet, pagamento immediato. Autogiolli, Milano.
02.89.50.41.33 - 327.33.81.299

ABBANDONA ansia e fatica con i


nostri percorsi bellezza. Info
02.91.43.76.86. www.body-spring.it
IL vostro benessere il vostro obiettivo.
Domenica aperti. Sauna e bagno turco. 02.87.06.93.30

PADRONA
autorevolissima
899.84.24.11. Viziosa 899.84.24.73.
Euro 1,30min/ivato. VM 18. Futura
Madama31 Torino.

TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA


Rubriche in abbinata: Corriere
della Sera - Gazzetta dello Sport:
n. 1, 16: 2,08; n. 2, 3, 14:
7,92; n. 4, 21, 23: 5,00; n. 5, 6,
7, 8, 9, 12, 20, 22: 4,67; n. 10:
2,92; n. 11: 3,25; n. 13:
9,17; n. 15: 4,17; n. 17: 4,58;
n. 18, 19: 3,33; n. 24: 5,42.
RICHIESTE SPECIALI
Data Fissa: +50%
Data successiva fissa: +20%
Per tutte le rubriche tranne la 21,
22 e 24:
Neretto: +20%
Capolettera: +20%
Neretto riquadrato: +40%
Neretto riquadrato negativo: +40%

Ghiaccio R Mondiali di short track a Mosca

Fontana dattacco
Allenarmi coi
maschi mi carica
1Lazzurra arriva da una Coppa del Mondo

trionfale: Sono pronta, voglio una medaglia

E lobiettivo?
S, non mi nascondo. I risultati
di Coppa mi hanno dato fiducia e
serenit. Per far bene in classifica
generale, occorrer far bene in
tutte le singole distanze. E quanto ho dimostrato di poter fare nelle scorse settimane, vincendo anche lunico 1000 disputato e i
1500.
Come si presenta il cast?
Temibile come sempre, con sudcoreane, cinesi e canadesi in testa.
Quali le avversarie pi pericolose?
La sudcoreana Shim Suk-Hee,
campionessa uscente, fortissima
in particolare nelle prove pi lunghe e la cinese Fan Kexin, irresistibile nei 500. Ma anche le loro

tribune fisse lungo un lato e mobili lungo laltro.


Data la particolarit della sua stagione, volutamente ridimensionata negli impegni, negli ultimi tempi
ha effettuato una preparazione
specifica?
Non diversa dal passato. In tutto
ho aggiunto qualche sessione
supplementare lavorando con gli
uomini della Nazionale.
E al massimo della condizione?
Direi di s, la scorsa settimana ho
dovuto rallentare un paio di giorni per una lieve infiammazione al
ginocchio sinistro, intorno al menisco. Ho superato tutto in fretta,
ma non dimentichiamo che le
Nazionali pi forti saranno in tre

Andrea Buongiovanni
tto gare di Coppa del Mondo in poco pi di tre mesi,
sette volte sul podio con
quattro primi, un secondo e due
terzi posti su tutte le distanze: il
biglietto da visita di Arianna Fontana ai Mondiali di Mosca al via
oggi, che chiudono la stagione
post-olimpica, quella dei tre
squilli di Sochi. Per la 24enne valtellinese, date le premesse, tornare a medaglia al Krylatskoe
Center, dopo il doppio bronzo di
Sheffield 2011 e Shanghai 2012,
appare possibile.

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

E favorevole alla nuova formula,


ereditata da quelle delle tappe di
Coppa, con qualificazioni alla prima giornata e finali alla seconda e
terza?
Poco, non c il tempo di finire
una gara decisiva che subito devi
pensare a unaltra altrettante importante.
E Mosca le piace?
Per alcune cose s, per altre meno, come la sua gente. Luned e
marted, insieme alle mie compagne, sono stata in piazza Rossa
nel tentativo di visitare il mausoleo di Lenin: era chiuso in entrambe le occasioni. E la seconda
senza alcuna ragione apparente....

Cosa c per lei nelle prossime settimane prima di riprendere la preparazione?


In maggio, con mio marito Anthony, una vacanza al mare, al
caldo della sua Florida. Ho voglia di abbronzarmi. Continueremo anche nella ricerca di una casa da acquistare da quelle parti,
ma senza urgenza e, a inizio giugno, siamo invitati al matrimonio di una sua cugina. E poi, come ambasciatrice di We Women,
sar coinvolta in Expo 2015. Il tema dellalimentazione mi molto caro: influenza me e chi mi sta
vicino.

due connazionali, la canadese StGelais, linglese Christie e, giocando in casa, la coppia russa.
Come sono le condizioni ambientali?
Allesterno non fa freddo e il
ghiaccio un po molle, non particolarmente filante, quindi sulla
carta adatto alle mie caratteristiche. La pista, sulla quale gareggiamo per la prima volta, curiosamente posizionata in un angolo di un anello da 400 metri, con

e noi in due.

Vada come vada il Mondiale, il mirino gi puntato sullOlimpiade


2018?
Una volta deciso di continuare
per un nuovo quadriennio, meglio affrontare una stagione alla
volta. Ma chiaro che lobiettivo
ultimo quello. Con la speranza
che il nostro staff tecnico venga
rinforzato: il c.t. Kenan Gouadec,
in questa stagione, ha dovuto fare quasi tutto da solo.

Le medaglie conquistate da
Arianna Fontana ai Mondiali:
i bronzi delle edizioni di
Sheffield 2011 e Shanghai
2012. Si sommano alle 5
medaglie olimpiche e
alle 8 europee
allround

Arianna Fontana, 24
anni, valtellinese di
Polaggia, gareggia per
le Fiamme Gialle ed
allenata da Gouadec

41

E il progetto di girare un documentario sul dietro le quinte dello


short track?
Per ora lIsu non ci ha dato il permesso di fare riprese durante le
gare ufficiali. Ma non ci arrendiamo. Anche perch la finalit solo promozionale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL PROGRAMMA

Domani finali
di 500 e 1500
Il regolamento

Yuri Confortola, 28 anni LAPRESSE


Mosca ospita i Mondiali
per la prima volta: in gara
126 atleti di 29 Paesi. LItalia,
oltre ad Arianna Fontana, a
Montreal 2014 nona dopo i
trionfi olimpici, schiera
anche Elena Viviani, Yuri
Confortola, Tommaso Dotti
(Davide Viscardi riserva) e,
per la staffetta, Lucia Peretti
ed Arianna Valcepina (pi
Federica Tombolato). Con
otto squadre ammesse,
quella maschile, non s
qualificata (prima fra le
escluse). Le classifiche
individuali saranno stilate in
base alla somma dei punti
ottenuti nelle tre gare in
programma (500, 1000,
1500) pi i 3000 finali. Il
programma prevede oggi le
qualificazioni, domani le finali
di 500 e 1500 e le semifinali
delle staffette (Italdonne
contro Sud Corea, Russia e
Ungheria) e domenica le
finali dei 1000, i 3000
conclusivi e le finali delle
staffette. Campioni uscenti il
russo Victor An e la
sudcoreana Shim Suk-Hee,
entrambi presenti. LItalia,
nella storia della rassegna
(cominciata nel 1976), oltre al
doppio bronzo di Arianna,
vanta un bronzo di Orazio
Fagone (LAia 1996) e un
argento e due bronzi di Fabio
Carta (Vienna 1998, Sofia
1999 e Montreal 2002).

Rugby R Sei Nazioni

Come sono indisciplinati questi Galletti


1Parla Mitrea, arbitro italiano assistente in Francia-Galles
I francesi sono stati spesso ingenui, gli azzurri potranno
approfittarne. I gallesi sono compatti e molto esperti

Simone Battaggia

om Thierry Dusautoir in
campo? lemblema del
giocatore corretto. onesto, non protesta e non fa polemica con gli avversari. Sui calci
contro, mentre gli altri si lamentano, lui va dietro ai pali e sprona
i compagni. Mi impressiona come riesca a essere sempre tranquillo e lucido, pur partecipando
a tutti i punti dincontro. E il
giocatore pi carismatico del
Galles? Dan Biggar. S, lo so che
sembra strano, di solito un mediano dapertura non il pi
ascoltato della squadra. Per a
Parigi si trasformato. Placcava
come un avanti, andava in penetrazione e faceva metri. Quando
la Francia ha tentato la trasformazione della meta, si fatto
sentire pi del capitano. Ero dietro i pali, lho sentito. stato lui a
riprendere chi aveva sbagliato.
Un vero leader.
LESORDIO Sabato 28 febbraio,
mentre lItalia ovale si ubriacava
di gioia per la vittoria degli azzurri in Scozia, un arbitro italiano viveva il momento pi emozionante della sua carriera. Marius Mitrea, 32enne nato in Ro-

Marius Mitrea, 32 anni, assiste alla meta decisiva del gallese Biggar

mania ma formato come arbitro


a Paese arriv nella Marca dopo le scuole superiori , stava
per esordire nel Sei Nazioni. Era
allo Stade de France, designato
come guardalinee di FranciaGalles. Anzi, come assistente
arbitrale del fischietto designato, il sudafricano Jaco Peyper,
perch i compiti sono cambiati.
Siamo collegati con larbitro via
radio e ci viene chiesto di segnalargli i falli. Dopotutto siamo arbitri anche noi. In due casi

Peyper ha fischiato dei falli che


gli avevo indicato io. Da bordocampo, Mitrea ha potuto vedere
le prossime due avversarie dellItalia. Sapevamo che la mischia chiusa e i breakdown sarebbero state le aree pi critiche.
Francia e Galles sono due squadre molto fisiche. Venerd
Peyper aveva incontrato gli staff,
aveva spiegato ci che voleva e
non voleva vedere. Per il resto,
lui un arbitro dellemisfero
Sud, molto fiscale nei punti din-

contro. Sono stato colpito dalla


mancanza di disciplina dei francesi nel secondo tempo. Hanno
concesso un sacco di calci sciocchi. Credo che domenica lItalia
dovr essere soprattutto disciplinata, sar il fattore che far la
differenza. Se cadranno ancora
nellerrore, gli azzurri potranno
essere agevolati. E il Galles?
Pi disciplinato. Sono esperti,
scaltri, si vede che giocano da
tanto insieme. Si trovano a memoria, difendono benissimo,
senza sbavature, non concedono
buchi. Non fanno cose eccelse,
ma ci che fanno lo fanno bene.
EMOZIONI Prima dei fischi, per, ci sono le emozioni. Il massimo stato al momento degli inni. Sentire i gallesi cantare fa venire i brividi. E poi la Marsigliese
cantata da 80.000 persone. Sono
cose che ti rimangono addosso.
Altro che restare freddi: quando
inizia la partita e sei stracarico,
come se fossi un giocatore. Ma
perch nessun italiano ha mai
arbitrato nel Sei Nazioni? un
percorso lungo. Prima bisogna
arbitrare partite importanti di
Champions e test match. Io sono
sulla buona strada, lingresso nel
Pro 12 ha aiutato anche noi arbitri, ora siamo conosciuti e accettati dalle Union pi importanti.
Al Mondiale spero di essere tra i
5-6 assistenti. Per i prossimi Sei
Nazioni, si vedr dopo la Coppa
del Mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Guai in mediana, ecco Orquera


Rivoluzione Francia: 8 cambi
ROMA

Sorpresa in casa Italia: ieri


Brunel ha convocato Luciano
Orquera in vista del match con
la Francia (domenica diretta
ore 16 su DMax). Il mediano
delle Zebre ha raggiunto Roma
in serata. Una mossa
necessaria per l'improvvisa
emergenza all'apertura: dopo
la distorsione a una caviglia di
Allan (ieri per lui fisioterapia e
ulteriori accertamenti),
mercoled sera in allenamento
s' fermato Kelly Haimona,
colpito da una pallonata ai
genitali, tanto forte da metterlo
malamente k.o. Cos l'Italia
corsa ai ripari chiamando colui
che fu uomo del match in ItaliaFrancia 2013, quando gli

Luciano Orquera, 33 anni ANSA

azzurri all'Olimpico vinsero 23-18.


Oggi l'annuncio del XV azzurro.
Alla partita, per rendere omaggio
a Muffat, Arthaud e Vastine il Coni
ha invitato tre medagliati olimpici
degli stessi sport: Rosollino,
Sensini e Cammarelle.
IL XV FRANCESE Intanto un
preoccupato Philippe Saint-Andr
ne cambia otto per l'Italia, con
due esordienti, rispetto alla
Francia battuta dal Galles. Cambi
per i tanti infortuni ma anche per
scelte tecniche: torna estremo
Scott Spedding, coppia di centri
formata da Maxime Mermoz e
Gal Fickou al posto degli
infortunati Lamerat e Fofana.
All'alla debutta Noa Nakaitaci, al
posto dell'altro infortunato
Guitoune. In terza linea prima
volta al numero 8 per Loann
Goujon. Tillous-Borde col 9 al
posto dell'infortunato Parra. In
prima linea rientra l'esperto
Nicolas Mas, Atonio nemmeno in
panchina. La formazione:
Spedding; Houget, Fickou,
Mermoz, Nakaitaci; Lopez, TillousBorde; Goujon, Le Roux, Dusatoir
(cap.); Maestri, Flanquart; Mas,
Guirado, Ben Arous. A disp.:
Kayser, Slimani, Debaty,
Taofefinua, Chouly, Kockott,
Plisson, Bastareaud.

42

Evento Gazzetta R Presentazione a Milano

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

ISTRUZIONI PER LUSO

E una festa
da vivere
con gli amici
1Lo dice il regolamento: laiuto
solo dagli altri concorrenti
Ecco come ci si iscrive

La corsa in salita nel fango: un passaggio fondamentale della gara dove si esalta la solidariet LAPRESSE

Alcune immagini dellultima edizione disputata lo scorso settembre a Rovereto (Tn), dalla partenza ad alcuni degli ostacoli che bisogna superare LAPRESSE

La corsa a ostacoli
adesso si fa in tre

1Strongmanrun: la tappa classica di Rovereto (19 settembre)

anticipata da Bibione (9 maggio) e San Vittore Olona (6 giugno)

Manlio Gasparotto
twitter @manliogas

una corsa o no? Decisamente no. E la Strongmanrun, che qualcosa


di pi di una corsa. E un piacevole divertimento a ostacoli.
Certo, si corre. Ma si salta anche. E si nuota, a volte si striscia. Magari nel fango. Le difficolt non mancano, ma esaltano un elemento chiave: il piacere di stare insieme. Una
filosofia che ha colto immediatamente anche Clemente Russo, pugile campione del mondo
ma soprattutto due volte argento olimpico (a Pechino e Londra) che ha un sogno che lo anima in questi mesi: qualificarsi
per lOlimpiade di Rio. E vincerla, perch dopo due argenti
io ci voglio andare per conquistare loro dichiara con orgoglio e sicurezza prima di accomodarsi a parlare di corsa.

AMICIZIA Questa una gara


speciale dice Clemente perch ho visto tante foto e video,
dove la gente si aiuta a superare
gli ostacoli. Chi corre non pensa
ad arrivare prima o davanti a
qualcuno, ma a divertirsi e nel
caso aiutare. E questo mi piace,
mi fa venire in mente anche
qualche mio combattimento.
Mi successo una volta di avere
un vantaggio cos netto su un
giovane rivale che ho deciso di
gestire e portarlo ai punti, senza infierire. Lo sport anche
questo, rispetto. E passione,
quella che unisce chi sceglie di
partecipare alla Fishermans
Friend Strongmanrun con gli
amici e magari di travestirsi per
farsi notare. Perch a Rovereto
8dove si torna il 19 settembre)
lultima volta non cerano solo
7.000 runner ma anche 40.000
persone arrivate in citt solo
per gustarsi lo spettacolo di
questi matti pronti a tutto per
dare sfogo alla corsa col sorriso.

IL PUGILE RUSSO
ORA CORRO ANCHIO
Il doppio argento olimpico della boxe
Clemente Russo, ospite alla presentazione
della manifestazione, ha promesso che sar in
gara a settembre a Rovereto.

GEMMAZIONE Un successo cos


grande, quello dei primi tre anni della FFSR italiana, che alla
quarta stagione si moltiplica. E
se Rovereto resta la tappa principale, The Original, le si aggiungono due percorsi sprint.
Pi brevi (una decina di chilometri divisi su due giri da 5) ma
altrettanto promettenti. Si correr il 9 maggio a Bibione e poi
il 6 giugno a San Vittore Olona, localit sacra che dal
1933 anni ospita la Cinque Mulini. Cos a Milano, oltre a Franco Frisinghelli (assessore allo
sport di Rovereto) sono arrivati
Gianni Carrer (vicesindaco di
Bibione) e Marilena Vercesi
(sindaco di San Vittore Olona).
LA PROMESSA E LA SFIDA Alla
fine Clemente Russo caduto
nel tranello della promessa:
Correr a Rovereto lultima
tappa, a quel punto avr chiuso
i miei impegni stagionali e potr divertirmi con una corsa che
mi affascina. Anche se sar dura: 20 chilometri non sono mai
uno scherzo e vanno preparati. E al suo fianco, Ringo, dj
di Virgin Radio che da emittente ufficiale della FFSR sar presente in ogni tappa, ha raccolto
e rilanciato: Allora corro anche io: facciamo una squadra e
andiamo a divertirci insieme
Mi sembra una corsa molto
rock, ho in mente una playlist
roba da Ramones e Black Sabbath Ci sar da divertirsi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La corsa nella schiuma, una delle difficolt LAPRESSE

Lino Garbellini

a Strongmanrun una festa, una corsa


molto poco convenzionale, e come tale va
vissuta, meglio se in compagnia degli amici. Alla fine vi ritroverete sporchi, stanchi, ma
con la medaglia al collo. A caratterizzare levento ci sono gli ostacoli, se non li superate sarete
bollati come failed (bocciati). Per evitare la
bocciatura lunico aiuto tollerato quello degli
altri partecipanti. Ogni ostacolo avr degli angeli custodi, dei responsabili di percorso che
oltre a controllare il regolare svolgimento della
corsa, lavoreranno per evitare ingorghi. Ostacoli a parte, se vi sentite forti abbastanza per la
Strongmanrun, allora sappiate che chi prima
arriva, meglio alloggia. Il vecchio detto vale
per liscrizione, la quota aumenta in relazione
ai partecipanti gi in lista. Per la tappa di Rovereto (19 settembre, 20 km) il costo di 56 euro
fino ai 3.500 iscritti, 61 euro a seguire fino ai
4.500 runner e 66 euro per i successivi. Per le
altre tappe da 10 km (9 maggio 2015 a Bibione
e 6 giugno a San Vittore Olona), la quota di 37
euro fino ai 500 iscritti, 40 euro entro i mille,
che diventano 43 fino ai 2.000 e poi 46 euro.
LISCRIZIONE Liscrizione possibile solamente
sul Web (www.strongmanrun.it), necessario
essere maggiorenni e soprattutto, obbligatorio un certificano didoneit sportiva non agonistica da spedire via e-mail (ffsr@tds-live.com) una volta terminata la procedura sul
sito. Il proprio nome sul pettorale stampato
gratuitamente anche per questa edizione, tutti
potranno tifare per voi, come nelle grandi maratone internazionali, mentre il travestimento
caldamente consigliato, a patto di muoversi comodamente anche da sudati o bagnati. Nonostante il fango, lo sterrato e lacqua, bastano le
scarpe tradizionali da running, il vostro paio
migliore.
RIPRODUZIONE RISERVATA+

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

TUTTENOTIZIE

43

1 REALITY TRAGICO Bernard, Candeloro, la Longo e Marxer, i 4 sportivi sopravvissuti alla strage degli

elicotteri scontratisi in volo nel reality in Argentina (10 morti tra cui lolimpionica Muffat, la velista Arthaud
e il pugile bronzo olimpico Vastine) potranno tornare domani in Francia dopo linterrogatorio dei giudici.

EQUITAZIONE

COMBINATA NORDICA

Guerra a Sheikh Mohammed Pittin terzo a Trondheim


Gli Emirati fuori dalla Fei
E unaltra conferma
2016 sono previsti a Dubai. E la
moglie di Sheikh Mohammed,
la principessa Haya di Giordania, stata presidentessa Fei dal
2006 al 2014. E qui sorgono
dubbi: stata toccata una federazione dal peso politico gigantesco.

Nicola Melillo

lamoroso. Il Bureau
della Fei ha sospeso a
tempo indeterminato
la Federazione Equestre degli Emirati Arabi: niente gare
internazionali di endurance
e nessun evento nel Paese,
coi cavalieri di sport equestri
diversi dall'endurance in gara solo sotto la bandiera Fei.
Il motivo? Troppi casi di
maltrattamenti di animali in
gare di endurance negli Emirati. Non avevamo altre opzioni. La situazione era inaccettabile. Cos Ingmar De
Vos, da dicembre presidente
Fei.

INCREDIBILE Una decisione


incredibile che colpisce lo
sport nazionale degli Emirati, che di fatto finanzia, supporta, sponsorizza a livello
mondiale la disciplina equestre pi dura e spettacolare,
ma anche che pi tutela la
salute dei cavalli. Sheikh
Mohammed bin Rashid alMaktoum, Primo Ministro e
vicepresidente degli Emirati,
un atleta di spicco, oro
mondiale nel 2012. Sono gli
Emirati ad organizzare i
principali eventi: i Mondiali

TUFFI

Sheikh Mohammed e la
principessa Haya in gara

IPPICA
Cheltenham chiude
con la Gold Cup
Ieri A Cheltenham le vittorie di
Uxizandre (Mc Coy) nel Ryanair Chase
(steeple m 4600) e di Cole Harden
(Sheehan) nel World Hurdle (siepi-m
4800). Oggi la gran chiusura con la
Gold Cup (steeple m 5100) che vede
tra i 18 al via Bobs Worth e Lord
Windermere, i vincitori delle ultime due
edizioni. Il secondo tenta un doppio
consecutivo che manca dal 2005,
quando il mitico Best Mate (morto in
corsa per infarto nel novembre 2005)
chiuse addirittura un triplo a seguire.

ALPINISMO

REAZIONI A due mesi dall'insediamento di De Vos, c' sconcerto a Dubai, come testimonia
Gianluca Laliscia, uomo di punta dellendurance italiano e
molto vicino a Sheikh Mohammed: Sua Altezza ha fatto diventare reato penale il doping,
ama i cavalli ed durissimo contro ogni maltrattamento. I casi
che ci sono stati non giustificano una presa di posizione cos
forte e unilaterale, senza contraddittorio. Sheikh Mohammed non vuole iniziare un braccio di ferro, cerca una soluzione. Una via duscita ci sarebbe:
la sospensione verr interrotta
quando gli Emirati sottoscriveranno un documento nel quale
la Fei stabilir i provvedimenti
necessari per garantire che il
benessere e la sicurezza dei cavalli siano salvaguardati. Non
era sufficiente minacciare sanzioni e avere quella firma prima
di mettere, di fatto, lendurance
mondiale allangolo?
RIPRODUZIONE RISERVATA

1Dopo largento

mondiale il podio
dal grande
trampolino. E con
uno sci rotto...

Stefano Arcobelli

ultimo podio di Alessandro Pittin ha un valore


psicologico non indifferente: perch il terzo posto di
Trondheim dietro il norvegese
Magnuss Moan e il tedesco Fabian Riessle e dopo aver concluso la 10 km con uno sci rotto, consente al friulano di rimuovere quei dubbi nella testa
che da anni lo arrovellano per
via dei vecchi incidenti. Riuscire a saltare decentemente
dal grande trampolino e partite al di sotto del minuto di distacco s rivelata una piccola
grande impresa per il fresco vicecampione del mondo di
combinata nordica (piccolo
trampolino) e dunque l11
gemma in carriera di Coppa
del Mondo (3 vittorie) aprono
spiragli nuovi nella prospettiva futura di Pitbull. Capace di
partire 21 a 53 e di chiudere

ATLETICA

Nanga Parbat:
il trio di Nardi
a 7200 metri

Mondiali doro
per M.Fourcade
De Lorenzo 12

Tania Cagnotto, 29 anni LAPRESSE

Alex Txikon, Ali Sadpara e


Daniele Nardi dopo oltre 7 ore
hanno raggiunto i 7200 metri
dove hanno posizionato il
campo 4. Sette ore per salire
dal campo 3. Siamo stanchi,
ma stiamo bene fanno
sapere i 3 alpinisti che hanno
davanti condizioni climatiche
abbastanza buone. Vento
sui 25/30 kmh e una
temperatura ai -35. Potrebbe
essere iniziata nella notte
lassalto al Nanga Parbat
(8125 metri), una delle vette
himalayane mai scalate in
inverno. Siamo andati piano
a salire perch abbiamo
deciso di tenere un po di
energie per la vetta. Ci ha
rallentato il peso che ci
portiamo, circa 25 kg a testa.

Lolimpionico francese
Martin Fourcade (4 ori in
carriera) vince la 20 km ai
Mondiali di biathlon di
Kontiolaht (Fin), argento a 20
per il norvegese Svendsen, 3
il ceco Moravec; 12 Christian
De Lorenzi. Oggi (17.15,
Eurosport) la staffetta donne
con al lancio Lisa Vittozzi,
seguita da Karin Oberhofer,
Nicole Gontier e Dorothea
Wierer. Uomini, 20 km: 1. M.
Fourcade (Fra) 47294 (1); 2.
Svendsen (Nor) a 209 (0); 3.
Moravec (R.Cec) a 405 (1); 4.
S.Fourcade (Fra) a 457 (0); 6.
Bjoerndalen (Nor) a 1121 (1);
12. DE LORENZI a 1553 (1);
50. L.HOFER a 5255 (5), 83.
BORMOLINI a 7354 (4); 91.
D.WINDISCH a 8419 (7).

(al.f.) Dalla Cina alla Russia.


Parte oggi da Pechino la
classica avventura stagionale
di Tania Cagnotto nelle World
Series, ovvero il banco di
prova pi interessante
nellanno mondiale che porta
a Kazan. Al primo confronto
con un parterre
internazionale al completo, la
campionessa bolzanina, che
ha gi saltato in coppa Rio in
casa ed al Gp di Rostock
(Ger), garegger dai 3 metri
presentando il doppio e
mezzo indietro (difficolt 3.0),
il doppio e mezzo avanti con
avvitamento (3.0), il triplo e
mezzo avanti (3.1), il doppio e
mezzo rovesciato (3.0) e il
doppio e mezzo ritornato
(3.0). Gi fissati i prossimi
appuntamenti della stagione
che culmina con la rassegna
iridata di Russia: dal 19 al 21
marzo, la Cagnotto
garegger nuovamente a
Dubai prima di rientrare in
Italia per prepararsi ai
successivi appuntamenti della
World Series: torner sul
trampolino a Kazan (24-26
aprile) e Londra (1-3 maggio),
tappe a cui prender parte
anche la sua compagna di
sincro Francesca Dallap.

CONDIZIONE La mia competitivit rimasta alta nonostante siamo


a fine stagione e la forma sta scemando dice lex bronzo olimpico . Sono riuscito a mantenere
uno standard accettabile sul trampolino e cos stato pi facile impostare la gara nel fondo. Purtroppo nel primo giro mi si rotta
la punta di uno sci contro un paletto che delimita la pista, per cui
ho fatto fatica a tenere il ritmo di
Riessle nella seconda parte di gara

BIATHLON

La Cagnotto
a Pechino per le
World Series

Alessandro Pittin, 24, bronzo olimpico, 2 ai Mondiali, 11 podi in Coppa GETTY

3 a 18 dal vincitore in attesa di


passare da 11 alla top ten stagionale di Coppa se ad Holmenkollen sabato sapr raccogliere un
buon risultato.

USA INDOOR (si.g.) Ultimo atto della


stagione indoor oggi e domani coi
campionati Ncaa a Fayetteville. Negli
800 in gara il trevigiano Jacopo Lahbi.
Ad Albuquerque. Uomini. 60: Skeen
(Giam) 657. 600: Dennison 11622;
Livingston 11653.
MISTERO AMOS (si.g.) Nijel Amos,
vicecampione olimpico degli 800, ha
saltato un controllo antidoping a met
febbraio: secondo la federazione del
Botwsana sarebbe la seconda o terza
volta che succede, e in questultimo caso
scatterebbe la squalifica.

BASEBALL
FUORICAMPO RODRIGUEZ Il terza
base dei NY Yankees, Alex Rodriguez,
dopo la lunga squalifica per doping,
mercoled ha battuto a tampa un
fuoricampo contro Boston.

ITALIA (m.l.) ll Val Pusteria espugna


Collalbo e pareggia la serie col Renon.
LAsiago passa allAgor e si porta sul 2-0.
Cos ieri, gara-2 (su 7) delle semifinali
scudetto. Risultati: Milano-Asiago 1-4 (1-0, 0-1,
0-3) serie 0-2; Renon-Val Pusteria 3-4 (0-2, 12, 2-0) serie 1-1.

IPPICA

IERI 15-14-13-1-10 A NAPOLI (m 1600): 1


Nilson Starlight (G. DAlessandro jr) 1.14.3; 2
Olimpo Wf; 3 Onni Lest; 4 Ransom; 5 Right
Story Lf; Tot.: 6,14; 2,12, 1,89, 3,46 (25,73)
Quint non vinto. Quart euro 864,50. Tris
115,86.
OGGI ROMA QUINTE (ore 18.30, inizio
ore 15) Solo 12 purosangue sui 1600 metri.
Indichiamo Country Format (4), Bedanville
(7), Pachito (2), Matrioska (5), Old West (6),
Fresh Pepper (12).
ANCHE Tr.: Firenze (14.55), Foggia (15.10),
Montegiorgio (15.25).

NUOTO

BOXE

FOCOSI COSFIDANTE (r.g.) Stasera


al Palasport di Falconara Marittima
(An) per la Loreni Boxe, il locale
Michele Focosi (19-3-2) affronta sui 12
round Bence Molnar (Ung. 11-4) per la
vacante cintura leggeri IBF del
Mediterraneo. In programma. Welter:
Ricardo Silva (7) c. Laszlo Szekeres
(Ung. 11-29-4); Michele Esposito (7-1) c.
Pompeo Mellone (1-4-1); supergallo:
Vittorio Parrinello (3) c. Antonio
Horvaric (Cro 6-13), massimi leggeri:
Simone Federici (4) c. Marco Colic
(Bsh. 1-1), 6 round. Sportitalia si collega
dalle 21.00.

PHELPS IN BRASILE (al.f.) Toccata e fuga


in Brasile per Michael Phelps che aspetta il
perdono mondiale dalla federazione
americana. In 12 ore, il 18 volte oro olimpico
ha visitato il centro sportivo Nar di San
Paolo, ha presenziato allinaugurazione di un
negozio e ha svolto un allenamento blando.
Mezza giornata per iniziare ad assaporare il
clima olimpico di Rio 2016.
FONDISTI AD ABU DHABI (al.f.) Oggi ad
Abu Dhabi si disputa la seconda tappa di
coppa del Mondo 10 km con montepremi
triplicato rispetto allo standard (60.000
dollari): in gara gli azzurri Bolzonello, Furlan,
Bruni e Franco.

PALLAMANO

GOLF

MAYWEATHER E PACQUIAO
PUGILI? NO, DUE DAMERINI
Pi che sulle parole a Los Angeles nella presentazione del
Mondiale dei welter del 2 maggio a Las Vegas, Floyd
Mayweather e Manny Pacquiao hanno puntato sul look: visti i
guadagni hanno preferito presentarsi come damerini REUTERS.

ITALIANI Edoardo Molinari, nono


con 66 (-4) colpi, e Marco Crespi, 19
con 67 (-3), nello Tshwane Open, 6 e
ultimo appuntamento in Sudafrica per
lEuropean Tour A Pretoria(par 70).
Renato Paratore, 119 con 73 (+3),
Matteo Manassero, 144 con 75 (+5). Al
comando con 63 Orum Madsen (Dan) e
Horsey (Ing).

SENZA AZZURRE (an.gal.) Eurodonne


2016 (in Svezia dal 4 al 18/12): lItalia salter
le prequalificazioni. Il 9/4 a Kriantstadt (Sve)
il sorteggio dei gironi. Azzurre inserite nella
4^ urna con Slovenia, Portogallo, Svizzera,
Lituania e le due vincenti delle prequalificazioni (tra Finlandia, Azerbaijan,
Israele, Bulgaria, Far Oer e Kosovo). Si gioca
in ottobre 2015, marzo e giugno 2016.
Passano le prime 2 e la migliore terza.
PLAYOFF (an.gal.) Nellanticipo della 2a dei
playoff, Siracusa-Ancona 30-23 (15-11).
Classifica girone C: Fasano 12; Siracusa* 9;
Fondi 6; Ancona* 0. (*1 in pi).

HOCKEY GHIACCIO

EBEL (m.l.) Per Il Bolzano (ore 19.45)


gara-4 (su 7) dei quarti con il Linz, in
vantaggio 2-1 nella serie. Altre: VillachSalisburgo (serie 1-2); Klagenfurt-Znojmo
(serie 2-1); Vienna-Fehervar (serie 1-2).

PALLANUOTO

SETTEBELLO Da domenica, 16 azzurri a


Genova per preparare la sfida di marted
col Montenegro. Il c.t. Campagna ha

perch mi mancava stabilit.


Sono contento di come stanno
andando le cose, sono a ridosso
dei primi 10 e voglio finire bene
a Oslo per fare il pieno di fiducia per la prossima Coppa del
Mondo. Comincio a sentire
buone sensazioni anche dal
trampolino grande. Appunto.
Hs114+10 km: 1. Moan (Nor) 24229
(10); 2. Riessle (Ger) a 133 (8); 3.
PITTIN a 182 (21); 4. Rydzek (Ger) a
226 (9); 5. Klemetsen (Nor) a 234
(3); 6. Braud (Fra) a 268 (14); 8.
Gruber (Aut) a 375 (6); 21. COSTA a
1275 (27); 22. L.RUNGGALDIER a
1289 (42). CdM. 1. Frenzel (Ger) 895;
2. Riessle (Ger) 700; 3. A.Watabe (Gia)
667; 11. PITTIN 318.

convocato Tempesti, Del Lungo, Bruni,


Velotto, Gallo, Renzuto, S.Luongo,
Busilacchi, Aicardi, F.Di Fulvio,
A.Fondelli, Giorgetti, Giacoppo, N.Gitto,
Coppoli e Bini.
SETTEROSA Da luned, per una
settimana, collegiale tra Italia e Usa a
Roma (Ostia), con amichevole al Foro
Italico sabato 21. Il c.t. Conti ha
convocato Gorlero, Teani, Queirolo,
A.Millo, Aiello, Radicchi, Garibotti,
Cotti, Avegno, Ioannou, Frassinetti,
Motta, Emmolo, Pomeri, C.Tabani,
Galardi, Picozzi, Di Mario, Palmieri e
Bianconi.

PALLAVOLO
PER RUSSIA E GIAPPONE (r.r.)
Russia e Giappone chiedono i giocatori
e le giocatrici cubane dalla prossima
stagione: a febbraio lallenatore russo
Nikolai Karpol stato a LAvana a
trattare, mentre oggi si concluder la
visita di un dirigente nipponico. Intanto
si continua a discutere in seno alla
federazione della prospettiva che
giocatori cubani allestero come
Juantorena, Simon, Leal, Calderon e
Carrillo possano essere autorizzati a
tornare in nazionale.

SPORT INVERNALI
BIS SCHNARF (s.f.) Johanna Schnarf
ha vinto ieri anche il 2 superG Fis di
Stoos (Svi) davanti allelvetica Fabienne
Suter.
BRESADOLA Davide Bresadola 31
con 91.2 dal grande trampolino di
Trondheim per la Coppa di salto. Per
Freund 7a vittoria. Hs-114: 1. Freund
(Ger) 265.3; 2. Prevc (Slo) 255.1; 3. Velta
(Nor) 247.2. CdM: 1. freund (Ger) 1443, 2.
Prevc (Slo) 1397; 3. Kraft (Aut) 1397.

VELA

VOLVO OCEAN RACE (r.ra.)


Rimandata la partenza della 5 tappa
della Volvo Ocean Race (Auckland
Itajai ) prevista per domenica. Il
ciclone denominato Pam, potrebbe
colpire larea della Nuova Zelanda con
venti che possono superare i 200
chilometri orari. Gli organizzatori
hanno deciso per ragioni di sicurezza
di posticipare la partenza di almeno 24
ore. Lo start non avverr prima delle
14 ora locale (le 2 in Italia) di luned 16
marzo, data comunque ancora da
confermare. Prender il via
regolarmente, la In Port Race
Auckland in programma domani alle 14
locali (le 2 italiane).

44

AltriMondi R

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

IL FATTO
DEL GIORNO
LA SCUOLA
CHE CAMBIA

A sinistra, la protesta degli studenti


per le vie di Roma; a Milano ci sono
stati lanci di uova e sassi; sopra, la
vignetta di Charlie Brown sul tema
della scuola che ieri il premier
Matteo Renzi ha mostrato
in conferenza stampa ANSA

corsettino alla maestra ma


far s che si possa richiedere
un inglese assolutamente
perfetto. Cos come anche
leducazione motoria non
pu essere il giocattolino in
attesa di fare altre cose, non
pu essere lora di svago.
una straordinaria opportunit per formare il carattere e
uno stile di vita. Ma anche un
elemento di grande investimento sulla sanit e uno strepitoso strumento di valorizzazione delle specialit delle
persone con le varie disabilit. Il piano del governo riguarda anche ledilizia scolastica: Renzi annuncia 940
milioni di euro dalla Banca
europea per gli investimenti. Mentre il ministro dellIstruzione Stefania Giannini
ricorda lalternanza scuolalavoro, 400 ore nei tecnici e
professionali e 200 ore nellultimo triennio dei licei.

Dopo questa riforma il preside 4


sar una sorta di allenatore?
1Il Consiglio dei ministri vara il disegno di legge: il capo istituto potr scegliere

i prof da un albo, 200 milioni per premiare i meritevoli, un bonus per aggiornarsi

di GIORGIO DELLARTI
gda@gazzetta.it

Ci si aspettava un Consiglio
dei ministri esplosivo, che varasse la riforma della Rai (ampiamente anticipata dai giornali e confermata ieri nelle linee guida dalla conferenza
stampa di Matteo Renzi). Invece il premier-segretario ha
preferito procedere con maggiore prudenza: il disegno di
legge sulla tv di Stato stato
discusso, studiato, ma non ancora varato (e ne parliamo nel
pezzo al piede della pagina).
invece pronto per la discussione in Parlamento il disegno di
legge di riforma della scuola.

I precari saranno finalmente assunti?


S, tuttavia il punto politico di maggior rilievo lautonomia degli istituti e dei
presidi, che diventeranno allenatori, potranno chiamare
a insegnare docenti di loro
scelta, pescati allinterno di
un Albo contenente i curricu-

la di ciascuno (messi, tra laltro, online). Ha detto Renzi:


Ogni scuola vive la propria
autonomia. come se dicessimo che la scuola deve essere il
cuore e il motore di un territorio, ma ogni scuola diversa.
Ora la palla passa al Parlamento, il testo realizzabile abbastanza rapidamente se Camera
e Senato lavoreranno con il
senso dellurgenza. Ogni preside avr a sua disposizione un
certo numero di docenti, sia
per le singole cattedre, sia per
specifici progetti. Gli obiettivi
sono anche non avere pi classi
con oltre 25 alunni ed eliminare le supplenze: sostituire, per
esempio, una prof in dolce attesa, non con un collega dalla
graduatoria provinciale ma
con uno allinterno dellorganico funzionale (ovvero, lo staff
di insegnati scelto dal preside).
La riforma punta anche alla
progressione di carriera dei
docenti, con gli scatti fondati
sullanzianit, ma anche con
compensi in denaro al merito.
Per questultima voce verranno
stanziati 200 milioni di euro a

partire dal 2016, che saranno a


disposizione dei capi distituto.
Saranno loro a decidere a chi
darli. Poi: 500 euro annuali per
ogni docente che dovrebbero
servire allaggiornamento culturale, un rimborso spese per
andare a teatro o sentire un
concerto. Restano anche: la
detrazione fiscale per coloro
che manderanno i figli nelle
scuole paritarie (solo elementari e medie, per), accanto ad
altri strumenti fiscali come il
cinque per mille e lo school

LA CHIAVE

Saranno assunti 100 mila


precari tra chi fa
parte delle graduatorie
ad esaurimento
Intanto i ragazzi
protestano in piazza
e chiedono finanziamenti
per il diritto allo studio

bonus, ossia speciali detrazioni per chi investe sulla scuola.


E parliamo di cittadini, associazioni, fondazioni, imprese.

Dicevamo dei precari...


Ne saranno assunti centomila. Renzi spiega: Tutti
coloro che sono nelle graduatorie a esaurimento e i vincitori
di concorso 2012 saranno assunti e dunque inseriti nellorganico funzionale. Ma gli idonei che stanno dentro le graduatorie di istituto, no: loro
dovranno fare un concorso.
Da questo discorso sono tuttavia escluse le scuole materne.

Che altro?
Il disegno di legge prevede un rafforzamento dellinsegnamento di musica, arte, lingue (anche litaliano per
gli stranieri), educazione motoria. Renzi ha insistito sullinglese: Ci sar particolare attenzione, dalla scuola primaria, alla assoluta professionalit di chi insegna linglese, per
dare insegnamenti non appiccicaticci per cui si fa fare un

Mentre Renzi presiedeva il Consiglio dei ministri, migliaia di studenti


manifestavano contro la riforma in 40 citt. Perch?
Chiedono, tra le altre cose,
labrogazione delle bocciatura, punto che viene definito
diritto allo studio. Nei giorni scorsi gli studenti avevano
presentato alla Camera LAltra Scuola, una riforma alternativa che prevede, ad
esempio, finanziamenti di sostegno (il 40% delle famiglie
questanno non riuscito a
sostenere le spese dei libri,
dicono), valutazione della didattica da parte degli studenti, scuola secondaria superiore in un biennio unitario e un
triennio specializzante. certa una guerra a Renzi anche
sulla scuola, ma il premier ha
fatto capire che se si metteranno in campo ostruzionismi o tattiche dilatorie passer anche qui al decreto. Presidente Mattarella permettendo. Da notare anche le prime
critiche dei sindacati (Per
puntare sul merito non c
che una strada da seguire: la
contrattazione, dice la Uil) e
Forza Italia (Renzi sta facendo assunzioni elettorali).

E della Rai quando parleremo?


Renzi ha detto che se ne
occuper un nuovo Consiglio
dei ministri. Ma noi torneremo sullargomento.
RIPRODUZIONE RISERVATA

AI MINIMI DAL 2008

Effetto Draghi
Lo spread tocca
i livelli pre-crisi
E leuro crolla

Il presidente della Bce Mario Draghi

pread ai minimi dal 2008.


Il programma di Quantitative easing della Bce, che
sta pompando nelleconomia
dellEurozona 60 miliardi di euro
al mese stampando moneta fresca e investendola in bond, mostra i suoi effetti. Gli acquisti di
titoli di Stato effettuati da Francoforte ieri hanno portato il differenziale di rendimento tra Btp
decennali e omologhi tedeschi
sotto gli 85 punti base, tornando
sui livelli di settembre 2008, cio
a prima della crisi, per poi chiudere a 88 punti base. Il rendimento dei bond decennali italiani ha nel frattempo toccato un
nuovo minimo storico all1,05%,
anche sullonda di unaltra asta
del Tesoro conclusasi con successo: ieri sono stati collocati 2,5
miliardi di euro di Btp a tre anni
con un tasso in discesa dallo
0,44%, a un nuovo minimo record dello 0,15%. Leuro, nel frattempo, ha aggiornato il proprio
minimo da 12 anni a 1,0494 dollari, avvicinandosi ogni giorno di
pi alla parit col biglietto verde.
Ora leuro a un giusto livello
sul dollaro, ha commentato il
presidente francese Hollande
che, come gli altri leader europei, spera che lindebolimento
della moneta comune favorisca
le imprese esportatrici. Il Quantitative easing partito senza intoppi, assicura il componente
francese dellesecutivo dellEurotower, Benot Cur. Il coro europeo, per, non unanime e
Berlino continua a non fare mistero delle sue riserve: Non credo che le politiche monetarie e
fiscali espansive siano un buon
modo di affrontare la stagnazione, ha tuonato il ministro delle
Finanze Schaeuble.

LALTRA PARTITA

Renzi rinvia il ribaltone ma conferma: Nuova Rai


1Il premier spiega: Avviato lesame. Una rete sar senza pubblicit, alla.d. molti pi poteri e il Cda avr sette consiglieri

ltre alla scuola, laltro


dossier sul tavolo del
Consiglio dei ministri di
ieri era la riforma della Rai, uno
dei temi pi delicati per questo
governo. Ma, dopo aver esposto
le novit in tema di istruzione,
Matteo Renzi ha annunciato
che i ministri hanno avviato
lesame della riforma della tv
pubblica, rimandando per tutto a un nuovo consiglio. Nulla di
fatto, cio. Eppure il premier
qualche indicazione lha offerta. A cominciare dal rapporto
fra Rai e politica. Occorre innanzitutto che non vi sia contiguit con partiti e forze politiche che porti tutti i giorni a dover discutere e valutare, sentendo membri della commissione
di vigilanza e di partito ha
spiegato Questo non significa che le forze politiche non
possano avere il compito di vigilare e di indicare le persone, ma
significa che quando hai scelto
chi controlla e guida, non che
per nominare un caporedattore

devi entrare nella discussione.


Insomma, una gestione pi
snella, per la quale, secondo
Renzi, bisogna intervenire dalla testa. Immaginiamo un
Cda pi ristretto, la cui maggioranza sia eletta dal Parlamento
in seduta comune e con un
membro espressione dei dipendenti Rai. Lidea del governo

RIl capo azienda,

nel progetto,
sar individuato
dal ministro
dellEconomia

RI dipendenti

della tv di Stato
avranno un loro
rappresentante
in consiglio

che i consiglieri (che oggi sono


nove e diventerebbero sette) siano scelti in base a precise specializzazioni, dallinformazione
allintrattenimento. Il governo
crediamo abbia il dovere pi
che il diritto di individuare il capo azienda che deve passare dal
voto di conferma del Cda. E serve un chiaro progetto culturale
e politico, il governo offrir valutazioni ma il Parlamento sar
decisivo. Lidea che Renzi ha in
mente sembra gi abbastanza
definita e le linee principali sono gi state ampiamente anticipate dalla stampa. Il fulcro sembra essere proprio la forte differenziazione dei tre canali televisivi: la prima rete (Rai1)
manterrebbe la sua natura generalista, la terza sarebbe privata della pubblicit e verrebbe
dedicata esclusivamente a trasmissioni culturali. La seconda
avrebbe una vocazione sperimentale, definizione che al momento rimane oscura. Come
detto, il capo azienda, cio lam-

ministratore delegato, verrebbe


scelto dal ministro dellEconomia, in pratica dal governo e
avrebbe molto pi potere dellattuale direttore generale, facendo parte del Cda, il consiglio
damministrazione, mentre oggi il direttore generale ne fuori
e si divide le competenze con il
presidente. Dei sette consiglieri, oltre alla.d., due verrebbero
nominati dal ministro dellEconomia. Mentre la vera novit
sarebbe il consigliere espressione dei dipendenti Rai. La commissione parlamentare di vigilanza funzionerebbe solo come
organo di controllo. Infine, una
chiosa in risposta alle critiche
piovute sul progetto Renzi:
Non vero che vogliamo mettere le mani nella Rai. Se volessimo davvero farlo ci basterebbe aspettare la decadenza dellattuale governance: la legge
Gasparri ci consentirebbe di fare tutto quello che vogliamo.
f.riz.
Il premier Matteo Renzi durante la conferenza stampa di ieri sera ANSA

RIPRODUZIONE RISERVATA

AltriMondi R

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

DOPO LA CASSAZIONE

La Cei contro
Berlusconi
Immorale

Il ristorante Er Faciolaro, nel cuore di Roma: in manette il proprietario, un calabrese di 47 anni ANSA

Blitz al Pantheon
Chiusi due locali
in mano alle cosche
1A Roma in manette un imprenditore calabrese

Gioia Tauro: sigilli a un maxi centro commerciale


Francesco Rizzo

rattoria tipica romana


nata nella prima met
del 1900, recita il sito del Faciolaro che, insieme a
La rotonda, uno dei due ristoranti sequestrati ieri a Roma, in
zona Pantheon. Perch dietro a
una delle pi antiche trattorie
romane e al locale dove vi
prenderemo per la gola con gusto e passione cera la ndrangheta. E cos, la Dia ha arrestato
il proprietario, Salvatore Lania,
47 anni, calabrese, accusato di
intestazione fittizia di beni per
un valore di 10 milioni di euro.
Le indagini hanno messo in luce gli investimenti di Lania, che
non erano compatibili rispetto
ai modesti redditi dichiarati, oltre a due societ di comodo, intestate a parenti o dipendenti,
uno schermo dietro cui luomo
nascondeva le sue attivit. Nel-

linchiesta sono coinvolte altre


otto persone e, oltre ai ristoranti, stato sequestrato un negozio di souvenir, sempre nel cuore della Capitale. Divampano le
reazioni: secondo la Coldiretti,
in Italia sarebbero almeno 5 mila i ristoranti nelle mani delle
cosche, mentre il Comune di
Roma lavora a una mappatura
delle attivit commerciali anomale ovvero quelle che si segnalano per frequenti cambi
di licenza e vorticosi cambi di
societ che gestiscono gli immobili, spiega lassessore alla
Legalit di Roma, Alfonso Sabella. Che aggiunge: Il problema che, dati i costi esorbitanti
degli affitti in centro, ben pochi
si possono permettere di investire e le mafie, invece, ne hanno bisogno. Per riciclare i proventi illeciti, ovvio. Ma Lania
non un nome nuovo: era gi
stato coinvolto nel clamoroso
sequestro del Caf de Paris, lo-

NOTIZIE TASCABILI
AUGURI DA TUTTO IL MONDO PER BERGOGLIO

cale simbolo della Dolce Vita, in


uninchiesta del 2009 sulle infiltrazioni nella Capitale della
cosca Alvaro di Sinopoli (Reggio Calabria). Luomo era legato a trafficanti di merce contraffatta, dalla Cina alla Repubblica Ceca, via Gioia Tauro.
AMBULANTE E proprio a Gioia
Tauro, la Finanza ha sequestrato ieri lAnnunziata, un maxi
centro commerciale parte del
tesoro da 210 milioni di euro
del clan Piromalli. Annunziata
come Alfonso Annunziata,
campano, ex-ambulante nei
mercatini rionali diventato titolare del centro commerciale, in
stretta collaborazione con la
ndrangheta. In manette, oltre a
lui, dieci persone; sequestrate
le quote di dodici societ: tra le
fonti di guadagno anche la vendita di abbigliamento o accessori con marchi falsi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il giorno dopo della gioia


per lassoluzione in terzo
grado di Silvio Berlusconi
per la vicenda Ruby, arriva
la doccia fredda inaspettata,
dal pi inaspettato dei critici:
il segretario generale
della Conferenza Episcopale
Italiana, monsignor Nunzio
Galantino. La legge arriva
fino a un certo punto ma
il discorso morale un
altro, ha detto il rappresentante dei vescovi. Dando man
forte, cos, alla presa di
posizione dellAvvenire, il
quotidiano della Cei che,
affiancato anche da Famiglia
Cristiana, si chiede: La
disciplina e lonore sono
compatibili con determinate
frequentazioni private? (...)
Lo sono con la menzogna
reiterata delle cene eleganti
rivelatesi un sistema di
prostituzione conclamata?.
Insomma, il variegato mondo
cattolico non assolve
moralmente il leader di Forza
Italia. Ma a criticare
Berlusconi arriva anche
il presidente dellAssociazione
nazionale magistrati, Rodolfo
Sabelli: Chi invoca la
responsabilit civile
in relazione allassoluzione di
Silvio Berlusconi dal processo
Ruby veramente fuori
strada. Non vorrei che si
utilizzasse questa assoluzione
in chiave di attacco alla
magistratura. Una presa
di posizione che
una evidente difesa dei pm
di Milano. Alla quale
si affianca anche il presidente
dellAutorit nazionale
Anticorruzione Raffaele
Cantone: Non credo affatto
che sia stato un errore fare
il processo e non credo
che abbia sbagliato
la procura di Milano.

45

SVOLTA STORICA

Nozze gay, via libera


dallEuroparlamento:
Sono un diritto umano

er il Parlamento europeo un s a larga


maggioranza (390 favorevoli, 151 no e 97 astensioni): le unioni civili e il
matrimonio tra persone dello stesso sesso sono un diritto umano. lesito del voto
sulla Relazione annuale sui
diritti umani e la democrazia nel mondo, curata dalleuroparlamentare del Pd
Pier Antonio Panzeri. Ma
proprio i rappresentanti del
Pd si sono divisi su un documento che, tra laltro, incoraggia governi e istituzioni
a contribuire alla riflessione
sul riconoscimento di queste unioni, ma anche a garantire il diritto di accedere
a una pianificazione familiare volontaria e a un aborto sicuro e legale. In particolare, sul paragrafo che riguarda la promozione delle
unioni civili, approvato dallaula, ci sono stati due no
(Luigi Morgano e Damiano
Zoffoli), un non voto (Silvia
Costa) e due astenuti (la capodelegazione Patrizia Toia
e Caterina Chinnici). Le decisioni su queste materie de-

Una coppia sposata in Portogallo EPA

licatissime sono proprie degli


Stati membri e non delle Istituzioni europee, spiega, per
esempio, Morgano. Attacca, invece, Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libert:
Qualcuno informi Renzi e Alfano della decisione della Ue.
IMPEGNO Su 28 Paesi dellUnione Europea, lItalia una
dei nove che non prevedono alcun tipo di tutela per le coppie
omosessuali. Ma in un documento che il governo presenter al Consiglio dei Diritti Umani che terminer il 27 marzo,
lItalia si impegnata con le
Nazioni Unite a riconoscere le
unioni e il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

ISIS, BOMBE AL CLORO IN IRAQ


Laccusa arriva da un video della Bbc (foto Ansa): a Tikrit,
dove in corso loffensiva dellesercito dellIraq, lIsis
starebbe usando bombe al cloro, che diffondono un fumo
arancione. Inalato in grandi quantit, il cloro brucia i polmoni.
Silvio Berlusconi, 78 anni LAPRESSE

CINQUEMILA EURO LUNO

IN CASSA INTEGRAZIONE LAVORAVANO ALLESTERO

Utili da record
E Volkswagen
premia gli operai

Alitalia, pignorati i piloti truffatori


Sequestrati conti correnti e case

La Volkswagen registra un
rialzo dellutile dell8,8% nel 2014
(13 miliardi e fatturato di 202
miliardi) grazie al mercato cinese
e festeggia con un premio di
5 mila euro per ogni dipendente.
Resta, per, il piano di tagli
annunciato a luglio. Si risparmier soprattutto sulla produzione
di auto: addio alla Polo 3 porte.

Sono 42 i piloti Alitalia coinvolti ANSA

Percepivano la cassa integrazione (tra i 3 mila e gli 11 mila euro


mensili) bench lavorassero allestero per altre compagnie, con uno
stipendio tra i 13 e i 15 mila euro. E cos, 42 piloti dellAlitalia hanno
subito il blocco dellindennit, il congelamento del Tfr maturato
nel periodo di Cigs e mobilit, sequestri di case e conti correnti.
Secondo la Finanza, il danno allerario ammonta a 7,6 milioni. Linchiesta
prosegue, con un migliaio di posizioni al vaglio. Ma intanto, a Ferrara,
un pilota assunto da unaltra compagnia e che non aveva informato
lInps, stato assolto: aveva utilizzato il periodo nella nuova societ
per ripristinare i brevetti soggetti a stringenti controlli di operativit
professionale, scrive il giudice. Altrimenti, visti i tempi lunghissimi
della crisi di Alitalia, avrebbe rischiato di perdere la licenza.

IN FUGA PER AMORE

VICENDA LUNGA 3 ANNI

CONTRO LASSOLUZIONE

I due anni di Papa Francesco


tra piccole e grandi rivoluzioni

Va da Imperia
a Genova in bici
Ha solo 14 anni

Processo mar,
ennesimo rinvio:
udienza il 1luglio

Cucchi, la famiglia
presenta ricorso
in Cassazione

Sono passati due anni da quella sera in cui Papa Francesco


si affacci sorridente alla finestra di San Pietro. Due anni di piccole
e grandi rivoluzioni, con una visione della Chiesa che possa
concretamente aiutare il prossimo, che si tratti del senzatetto che
ha bisogno di una doccia sotto il porticato del Bernini, come delle
tragedie di interi Paesi in guerra, dal Medio Oriente allUcraina, per cui
Bergoglio si mosso attivamente come mediatore nella diplomazia
internazionale. Un Papa attento ai social (su Twitter ha oltre 19 milioni
di follower) sta ricevendo da ieri migliaia di auguri da tutto il mondo
e oggi saranno diverse le celebrazioni (in Chiesa come in tv)
per festeggiare questi primi due anni di pontificato dedicato alla gente.

A 14 anni fa 130 chilometri


in bicicletta da Imperia a Genova
per amore. Da qui avrebbe
dovuto proseguire per Milano,
in treno, per raggiungere
la fidanzatina, ma il suo viaggio
tenero e avventuroso finito ieri
allalba a Genova, dove alcuni
agenti insospettiti dal ragazzino
solo per strada lo hanno
identificato e ricondotto a casa.

Ancora un rinvio. Lennesimo.


Il tribunale speciale di New
Delhi ha fatto slittare ludienza
dei due mar al primo luglio, in
attesa di una pronuncia della
Corte Suprema che sta esaminando il caso. Una nuova verifica
dunque di quanto accaduto nel
2012 nellincidente in cui
morirono due pescatori indiani.
Inevitabili le polemiche e la

Lincontro in Vaticano voluto dal Papa tra Shimon Peres e Abu Mazen ANSA

I due mar Latorre e Girone LAPRESSE


rabbia in Italia, Salvini e La Russa
in testa, ma anche deputati Pd.
Il ministro degli Esteri Gentiloni
ha detto: Prendiamo atto del
rinvio, ma noi lavoriamo per una
soluzione basata sullintesa
politica tra i due governi.

Lo avevano annunciato subito


dopo lassoluzione e cos stato.
La famiglia di Stefano Cucchi e la
procura generale hanno fatto
ricorso in Cassazione per la
mancata condanna di tutti gli
imputati (sei medici, tre infermieri
e tre agenti della polizia
penitenziaria) accusati dellomicidio del 31enne romano morto
dopo il suo arresto nel 2009.

AltriMondi R

46

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Altro che Soliti Idioti


Sono diventati intelligenti

1In arrivo La Solita Commedia, nuovo film di Biggio e Mandelli

Ridiamo dei piccoli mostri che si nascondono in ognuno di noi


Elisabetta Esposito

SOYUZ A TERRA CON 3 ASTRONAUTI

ROMA

Tre astronauti hanno lasciato la Stazione spaziale internazionale dopo quasi sei mesi in orbita, per rientrare con unastronave Soyuz atterrata nella steppa del Kazakistan. Il rientro si
svolto secondo i piani: hanno toccato terra il comandante Barry
Butch Wilmore, della Nasa, e gli ingegneri aeronautici
Alexander Samokutyaev e Elena Serova, dellagenzia spaziale
russa Roscosmos (la foto rilasciata dalla Nasa mostra i tre dopo
luscita dalla navicella). Sulla Stazione spaziale restano tre persone, tra le quali la nostra Samantha Cristoforetti. Presto saranno
raggiunte da altri tre colleghi, che decolleranno il 27 marzo.

idea c e funziona pure


molto bene. Biggio e
Mandelli allontanano i
Soliti Idioti grazie a Dante. Mica male. Nel loro nuovo film, La
Solita Commedia - Inferno (al
cinema dal 19 marzo con Wildside e Warner in 400 copie), il
Sommo Poeta viene infatti catapultato da un Dio imbottito
di whisky ed ansiolitici sulla
Terra per classificare i peccati
dellera moderna, incomprensibili per il povero Minosse
(Dove lo metto lhacker? E lo

CARTONE CULT

Frozen ha incassato
una valanga di dollari
Disney far il sequel

PRENDIAMO IN GIRO
ANCHE PADRE PIO.
RISCHIOSO? NON C
OFFESA SE LA BATTUTA
HA UN SENSO
BIGGIO E MANDELLI
ATTORI E REGISTI

Francesco Mandelli, 35 anni e Fabrizio Biggio, 40, protagonisti di La Solita Commedia-Inferno

stalker??). Il risultato della loro prima opera da registi, insieme allamico Martino Ferro,
pungente e divertente. E quello
che si sente dire al termine della presentazione alla stampa
pi o meno questo: Ma sono
diventati intelligenti?. Loro ci
ridono su: Guardate che la
stessa roba! Nei Soliti Idioti si
arrivava al Dai Ca... di Ruggero perch lestrema volgarit
era il suo mezzo comico, qui
abbiamo puntato su altro. Cercavamo una cosa diversa, abbiamo voluto rischiare perch
con i Soliti Idioti non ci divertivamo pi. Ma siamo sempre
noi e continuiamo a rappresentare quello che vediamo. Solo
che al posto degli idioti ci sono
i peccatori. E si va dal tecnoincontinente drogato di Smartphone (con gentile omaggio a
Trainspotting) al maniaco della
pulizia, dal molestatore di chi

ha fretta al covatore di rabbia:


con Dante (Francesco Mandelli) che compone nuove terzine
(tra laltro ben scritte!) mentre
un trentenne e disincantato
Virgilio (Fabrizio Biggio) gli fa
attraversare i gironi del Bar alle 8 di mattina, Traffico nellora di punta, Supermercato e cos via fino al termine di
una giornata dinferno...
CONTRO TUTTI Di sicuro Biggio
e Mandelli non hanno smesso
di essere liberi e spregiudicati.
Altrimenti non avrebbero mostrato una riunione di santi con
Padre Pio accusato di essere
commerciale, arrivato in Paradiso solo perch vendi le magliette... Un bel rischio! Padre Pio ha un fan club molto agguerrito raccontano ma
quello che conta per noi non
fare comicit gratuita: quella s
che potrebbe essere offensiva.

Questo tipo di battuta ha un


senso: non viviamo in un Paese
in cui Padre Pio serve al Vaticano anche per accaparrarsi
clienti?. Ecco appunto. un
film libero, in un momento importante per la libert di
espressione come questo. Un
film in cui appare anche un Ministero della Bruttezza: Il
brutto che avanza uno dei
peggiori peccati di oggi. Chi vedremmo a capo di quel dicastero? Gasparri, Alfano, Salvini.... Ridono ancora. Qualcuno li ha gi definiti i nuovi Mostri e loro gongolano. Quel
film per noi un modello. Abbiamo cercato di avere lo stesso
spirito per raccontare lItalia e
gli italiani, i piccoli mostri che
covano dentro di noi, dice Biggio. E Mandelli: Perch in fondo c un po di noi e di voi in
ognuno di quei peccatori....
RIPRODUZIONE RISERVATA

OROSCOPO LE PAGELLE di ANTONIO CAPITANI


21/4 - 20/5
TORO

21/5 - 21/6
GEMELLI

22/6 - 22/7
CANCRO

23/7 - 23/8
LEONE

24/8 - 22/9
VERGINE

6,5

6-

6-

7,5

Le paranoie
agitano. E fanno
perder tempo.
Evitatele. E occhio
a come spendete i
soldi. La fortuna
latita un cicinn,
come la
fornicazione.

Possibile
malumore. E
rapporti sociali
tesi. Siate tenaci,
ma senza fare i
matti, n gli sfigati.
Sudombelico
competitivo,
inutilmente.

I rituali della
quotidianit vi
rasserenano. Ma
non polverizzerete
gli zebedei altrui
con le vostre lagne
damor. Marte
paventa modestie
suine.

Luna sfavillante,
per un venerd che
vi vede motivati,
creativi, premiati
nel lavoro e nella
ricerca dello
stesso. Ormoni
bombatissimi e
impazienti. Uau.

Le cose vanno
meglio di quanto
crediate. Ergo: non
sprecate energie
reagendo da
sclerati. Nel caso,
studiate un piano
B. Fornicazione
moscetta.

23/9 - 22/10
BILANCIA

23/10 - 22/11
SCORPIONE

23/11 - 21/12
SAGITTARIO

22/12 - 20/1
CAPRICORNO

21/1 - 19/2
ACQUARIO

20/2 - 20/3
PESCI

7+

7+

7+

6-

7+

6+

Siete briosi,
croccanti, vitali:
potete dunque
conseguire ogni
soddisfazione.
La solita vostra
glacialit cala, la
duttilit cresce. E
quanto fate i suini!




   

Siete tutto
sommato di umore
accettabile, forse
perch venerd.
Il pragmatismo vi
premia, i soldi
vi confortano.
Staticit a sud
dellombelico.




 
 

La Luna chez vous,


per quanto utile
a varare, non
gradisce eccessi
di emotivit:
ricordatevelo
prima di reagire da
matti. Slancio suino
ingovernabile.

Stanchezza e
imprevisti vi fan
scendere gli
zebedei fin nel
Lesotho. Fate
quel che potete.
Fornicazione
(quasi) assente.
O bizzarra.

Eros Ramazzotti sceglie


Facebook per annunciare
luscita del nuovo album
di inediti: Quando si finisce un
lavoro, un progetto o qualsiasi
altra cosa, la si guarda, le si d
lultimo ritocco... e poi si dice:
Perfetto. Ecco, il mio disco
lho voluto chiamare cos,
unespressione usata in tutto
il mondo e riconoscibilissima!
Ci sono 14 nuove canzoni
ed usciranno tra due mesi
esatti: il 12 maggio! #perfetto.
E saranno poi ben 23
gli appuntamenti live in Italia
e in Europa per lEros World
Tour: primo concerto
il 12 settembre a Rimini,
chiusura il 7 novembre a Torino.

CONSIGLI

21/3 - 20/4
ARIETE
La Luna spiana la
strada al successo.
Con il contributo
di grinta, fascino,
intuito & colpo di
glutei. Prestazioni
fisiche super,
anche
sudombelicali.

Torna Ramazzotti
Il 12 maggio esce
lalbum Perfetto

Belli, freschi,
adulati e ricercati,
vi apprestate a
vivere un venerd
13 fortunato e
senza scongiuri.
Lapice suino viene
raggiunto e voi
gongolate mucho.

La Luna storta
lavete. Cos reagite
a sproposito pure
di fronte alla
minima
contrariet. Fate
la tara ai problemi,
siate furbi
e fornicate.

 





 




 

 

 

 
 

 



 

 
 

vete amato Frozen, la


storia delle sorelle Elsa e Anna nel regno di
ghiaccio di Arendelle e del
pupazzo di neve Olaf (nella
foto)? Ci sono buone notizie:
la Disney ha annunciato un
sequel. Scelta che non sorprende: quinto incasso mondiale di tutti i tempi, il cartone uscito nel 2013 ha guadagnato oltre 1,2 miliardi di
dollari. Proprio in questi
giorni, nelle sale italiane in
cui viene proiettato Cenerentola, il film viene preceduto
dal cortometraggio
danimazione Frozen
Fever. Penso
che sia tutto
quello che possiamo fare. Fino
a quando non troveremo la nostra
strada per quello
che verr dopo,
aveva ammesso Jennifer Lee, uno dei due registi di Frozen. La stessa
Lee sta curando ladatta-

NEL SALOTTO
DI PIERINO
SI FA FESTA
Talk show irriverente
secondo lo stile del suo
conduttore, Grand Hotel
Chiambretti torna con
nuovi ospiti e lo stile che
caratterizza il programma:
musica vintage,
ambientazione da variet,
tentativi di incalzare
lospite (un pochino pi)
che altrove. Lo showman
torinese debuttava
sulle reti Mediaset poco
pi di 30 anni fa
con Quo Vadiz?.
DA VEDERE STASERA
SU CANALE 5 ALLE 23.15

STAR WARS Intanto si scopre


che mancano ancora nove mesi
allarrivo dellattesissimo Star
Wars VII - Il risveglio della Forza
di J.J. Abrams (negli Stati Uniti
dal 18 dicembre, da noi dal 5
gennaio), ma per i fan di Luke
Skywalker e Ian Solo da ieri ci
sono altre due date da segnare. La Disney ha infatti
annunciato che il primo
spin-off di Star Wars, diretto da Gareth Edwards, si intitoler Rogue One e arriver
nei cinema statunitensi
il 16 dicembre 2016 e che
Star Wars: Episodio VII,
scritto e diretto da
Rian Johnson, sar nelle sale il 26
maggio 2017, 40
anni dopo il primo Star
Wars di Lucas.

LO SPORT IN TV
  

GRAND HOTEL
CHIAMBRETTI

mento per Broadway. Ora, per, si parla di un nuovo film, ancora ispirato a La regina delle
nevi, fiaba del danese Hans
Christian Andersen.

   



4'.%#

" 
    3

    
   
   
#
 "  
   
-# 
 " 
  )

    )
   
    
 -(
 "   )

 
   
  
 
 
" 
  2

  
  
111
7/ $& &&#'#%

('1#(% 1# #'%'#
 " 


    
#1(%( -#1''#(
.# #
 6+(-1 %%.
 " 

       

  
), (' -(5 #-
 " 
  )
  
), -8 -(5 #-
 " 
  )

    
* 1++
#'1 1#'' ! .14
 "  3

    
-# 3 #%5  " 
   

  
  
2* 1++
.#' ! -88(

" 
  )

   
   
 
  
4-(%, (+ )/
 "   3

  
  
2* 1++
.#' ! -88(
 "  

 


    
# 8#('#, '- 39
 "   3

   

 
 )2 &&#'#%
 .%( (-5#
 "   3

   

 
%%(& #'1 &&#'#%
)* &' 
 - 58#

" 
  3

 
%%(& #'1 &&#'#%
3* &' 
 - 58#

" 
  )

 
    
%# 11# '#1#
 " 
  3
    
%# 11# '#1#
 "  

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

GAZZA GOLOSA

1La complessit in cucina pu essere vantaggiosa, la complicazione

CHE PULIZIA, IL LUGANA


DI COLLINA DEI CILIEGI

Wicky Priyan, 42 anni, arriva dallo Sri


Lanka, ha studiato criminologia, si
formato come cuoco in Giappone, ha
avuto successo a Milano. Si appena
trasferito con Wickys in corso Italia 6.
Nei suoi piatti si ritrovano Asia e
Mediterraneo.

Lambrosia degli dei


rinasce in Sicilia
1Un liquore di miele
che veniva distillato
solo in famiglia per
la prima volta
finisce in bottiglia
Francesca Ciancio

armelo Musumeci vive


con le api. Vive di api.
Quelle dei Monti Iblei. Il
quartier generale del miele, soprattutto di timo, Sortino, comune del Siracusano. Le arnie
costruite da Carmelo seguono
una tradizione millenaria, addirittura avanti Cristo. Si chiamano fascetri, costruite con legno di ferula, hanno la forma
di un parallelepipedo allinterno del quale vengono messi i
favi. I costruttori si chiamavano fascitrari ed era unarte tramandata per via maschile. Lultimo dei fascitrari lui, Carmelo Musumeci. Lessenza di questo lavoro raccolto in un
distillato di miele, lantica ambrosia dellOlimpo, chiamato
Lo Spirito dei Fascitrari. Al
progetto hanno lavorato, oltre
a Musumeci, Sebastiano Saccuzzo, apicoltore e produttore
di miele e la distilleria Giovi.
Per il resto tutta tradizione

MILLENNIUM Lestrazione del


miele - spiega Saccuzzo - avveniva per torchiatura dei favi.
Per recuperare la cera (considerata pi preziosa del miele),
i favi, impregnati di miele, propoli e pollini, venivano messi
nellacqua calda. La cera, una
volta raffreddata, veniva tolta,
mentre lacqua di risulta, carica di zuccheri, iniziava a fermentare. Da qui lidea della distillazione e la nascita di una
bevanda unica, a cui veniva aggiunto un decotto di miele. E
(a scelta) mandorle, bucce di
agrumi, carruba. Lavventura
dei tre porta il nome di Millennium con lo Spirito de Fascitrari, fatto con miele di timo,
propoli e pollini e Il Segreto, di
miele millefiori ibleo. Nel primo caso la materia prima deriva solo dalle arnie pi che secolari che Carmelo Musumeci ha
rimesso in sesto. Tremila bottiglie (da un fascetro si ricavano
3/5 chili di miele) presentate
per la prima volta allo scorso
Salone del Gusto di Torino.

XUTO Storia simile per Xuto,


lazienda di 4 sortinesi, tra
cui Orazio Mezzio, che, da
sindaco del paese e imprenditore edile, ha voluto dedicarsi al nettare degli dei. A
cominciare dal brand che
pesca dalla mitologia. Xuto
il fratello di Eolo che, cacciato dalla Tessaglia, si rifugia sugli Iblei e, in segno di
gratitudine per lospitalit,
insegna ai sortinesi la ricetta del liquore di miele. Hyblon, il nome del distillato,
invece il re del popolo delle
api. Questa la zona di Pantalica, patrimonio dellUnesco, la pi grande necropoli
dEuropa, realizzata sforacchiando le pareti calcaree a
picco sul greto del fiume
Anapo. Xuto ha scelto una
distillazione pi moderna
per garantire colore chiaro e
piena florealit del naso.
Cos per Hyblon, nel quale
viene aggiunto il decotto di
miele il gileppo -, e per
Anima, privo di aggiunta,
che risulta molto pi simile
a una grappa. Dalle nostre
parti sempre stato usato
come digestivo racconta
Mezzio . Si sposa bene con
gli amaretti ma personalmente la amo come bevanda meditativa, un distillato che ti fa compagnia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

E uno dei momenti pi attesi per tecnici e appassionati.


Luca Gardini, il nostro guru dei vini, sceglie i migliori 100
vini del mondo e ne fa un librettino che oggi troverete in
omaggio con Sport Week. Il vincitore del 2015? Un bianco francese che vi stupir. Come sempre tante etichette
italiane e francesi, ma anche molte sorprese da Paesi
nei quali la cultura del vino in grande crescita.

100 BEST WINE


SU SPORT WEEK

l dashi la base della cucina


giapponese. Io dico che il cuore e la
schiena! Un brodo di pesce
indispensabile per realizzare i piatti pi
importanti. Lingrediente principale il
katsuobushi, il filetto di bonito essiccato,
fermentato, affumicato e ridotto a
fiocchi. La preparazione del dashi stata
codificata 1300 anni fa, ma le prime
tracce risalgono addirittura a duemila
anni fa. Io ho imparato a farlo in
Giappone. Era una scuola molto dura:
preparavamo il brodo alle 4 di mattina.
Il maestro entrava nella cucina,
annusava e diceva: Va bene oppure
Buttate via tutto e ricominciate da
capo. Oggi anche io sono in grado
dallodore di capire se il dashi stato
fatto bene. Ci vuole disciplina, rispetto e
responsabilit per cucinare. Nulla
lasciato al caso. Ci sono due livelli di
brodo. Nel primo si mette a scaldare un
litro di acqua minerale, si aggiunge
lalga kombu che va tolta dopo un
minuto. A quel punto si va con 50
grammi di katsuobushi, si spegne il
fuoco, si lascia per due minuti e si filtra.
Con i fiocchi gi utilizzati si prepara un
dashi di secondo livello: mezzo litro di
acqua e ad esempio una mezza testa di
dentice che unita a sake, miri e soia
regala un altro brodo incredibile.

IL LUGANA, Collina dei Ciliegi,


Loc. Erbin, Grezzano (VR).
UVE: Trebbiano di Lugana.
PREZZO: circa 12 euro
IL VOTO

87/100
RAPPORTO QUALIT PREZZO
MOLTO INTERESSANTE

SI ABBINA ALLA GRANDE CON


GAMBERI ROSSI CON
INDIVIA GRIGLIATA
DEGUSTARE ASCOLTANDO
CHIARA:
STRAORDINARIO

Il consiglio

onito un termine generico che


comprende diversi tipi di tonno. In
Giappone per fare il katsuobushi
usano il tonnetto striato (skipjack tuna).
Che si tratti di questo o di un parente
prossimo limportante comprarlo freschissimo. In caso di dubbi toccate locchio. Se il dito si attacca va bene. Per un
antipasto buonissimo mettete un filetto
di bonito a marinare in frigo per 3 ore con
sale, pepe e un cucchiaio di soia. Cuocete
al vapore a 80 per 7 minuti, spezzettate
il pesce, aggiungete maionese, cipolla
rossa, due uova sode a pezzettini fino a
farne una crema da spalmare sul pane.

FOCACCIA VENETA
FRACCARO
8 EURO (750 GR)
NEI SUPERMERCATI
FAMILA

VINITALY.COM

Lievito madre, uova e un


po di burro. Gli aromi
Spumadoro con oli essenziali
di agrumi e una punta di
rhum. La ricetta della
focaccia veneta semplice.
E il pezzo forte della
pasticceria Fraccaro, una
storia nata a Castelfranco
Veneto con un forno nel
centro. La focaccia la
colazione dei veneti, sopra
ha una glassa di mandorle e
zucchero. Si pu inzuppare
nel latte o farcire con creme.
Francesco Velluzzi
www.fraccarodolciaria.it

PER INFORMAZIONI

info.vinitaly@veronafiere.it

OM

N I T A LY

VERONA 22-25 MAR ZO


VINITA
T LY 49a EDIZIONE

A Worldwide Passion
insieme a

VERONA, 21 MARZO 2015

Premier Event at Vinitaly operawine.it

h
K
3
$

La focaccia veneta
da inzuppare nel latte

EX

Di luminosa trasparenza, Il Lugana ha


profumi netti e vivi che richiamano la
pesca, le erbe aromatiche e i fiori
bianchi. Al gusto delicato e fresco
con ritorno di agrumi e tocchi minerali
di piacevole persistenza.

ITION

2 01
VI

uella di Massimo Gianolli una


storia classica. Manager di
successo nel mondo finanziario
( amministratore delegato del
GruppoGeneral) ad un certo punto
della sua vita sente il richiamo forte
delle radici. Il cuore lo riporta sulle
colline della Valpantena (Verona) e in
pochi anni d vita e forza alla Collina
dei Ciliegi, azienda nota per
lAmarone, il Ripasso e la Valpolicella.
A noi per piace parlarvi del Lugana
2014, un vino da rivalutare, che vi
incanter per pulizia, freschezza ed
eleganza.

IL DOLCE

SEGUICI SU
IB

SORSEGGIANDO
di LUCA
GARDINI

IL DASHI LA FORZA
DEI PIATTI GIAPPONESI

La spettacolare necropoli di Pantalica e dallalto le due bottiglie: Hyblon e lo Spirito dei Fascitrari

orale, consumo che veniva fatto dalle famiglie della zona,


ciascuna con la sua ricetta segreta. Veniva spesso usato come merce di scambio da donare ai notabili del paese. Mai
messo in commercio per questioni legali legate al metodo
artigianale di distillazione.

Pagina a cura di
Pier Bergonzi
e Daniele Miccione

mai. (da 10 lezioni di cucina)


Niko Romito (1974, tre stelle del Reale)

SOSTIENE LO CHEF
EF
di WICKY
PRIYAN

47

organizzato da

con il patrocinio di

48

VENERD 13 MARZO 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT