Sei sulla pagina 1di 20

www.ilroma.net • G I O V E D Ì 2 1 G E N N A I O 2 0 1 0 • A N N O C X LV I N .

2 1 • € 1 , 0 0

00121

9 771827 347005
QUOTIDIANO D’INFORMAZIONE FONDATO NEL 1862

OPERAZIONE PANDORA GLI INCASSI DEL TRAFFICO DI DROGA RICICLATI IN SOCIETÀ DI RISTORAZIONE. IN 5 SFUGGONO AL BLITZ

Scacco ai clan torresi: 81 arresti


In manette il direttore dello “psichiatrico” di Aversa e 2 impiegati del Tribunale
TORRE ANNUNZIATA. Dura maz- SCAMPIA. OGGI IL VIA AGLI INTERROGATORI
zata al clan Gallo-Limelli-Vangone
attivo nei Comuni di Boscotrecase,
Boscoreale e Torre Annunziata: 81
arresti e sequestro di beni per un
Scacco alla cosca,
valore di 65 milioni di euro. Cinque
i latitanti. È il risultato di un blitz di
carabinieri e Guardia di Finanza tra
il ruolo di “lady usura”
il Napoletano e il Salernitano. In ma- NAPOLI. Dopo il blitz che ha
nette due impiegati del Tribunale e inferto un durissimo colpo alla
Adolfo Ferraro, 59enne dirigente sa- cosca riconducibile a Paolo
nitario dell’ospedale psichiatrico Gervasio, il “Pablo Escobar di
giudiziario di Aversa, che avrebbe Scampia”, a partire da quest’oggi
favorito la latitanza di Giuseppe Gal- per i nove arrestati inizieranno
lo, prima dell’arresto a marzo. Il ca- gli interrogatori di garanzia
poclan era il “re” della coca, che ha dinanzi al giudice. Le forze
ottenuto numerosi benefici proces- dell’ordine hanno aperto la
suali grazie a certificati che atte- caccia ai sei personaggi latitanti,
stavano problemi psichici. Il boss fedelissimi della holding dedita
percepiva anche una pensione di allo spaccio e all’usura, che fino
invalidità di 699 euro mensili. I pro- ad ora sono riusciti ad evitare le manette. Intanto si delineano più
venti del narcotraffico e delle estor- chiaramente i ruoli di ciascuno degli arrestati, in particolare quello
sioni venivano riciclati in imprese di Susy Leoncito (nella foto), l’unica donna catturata nel corso della
edili e società di ristorazione. retata dei carabinieri nel quartiere a nord di Napoli.
Il capoclan Giuseppe Gallo Il dottor Adolfo Ferraro Gaetano Carotenuto, dipendente del Tribunale
PRIMO PIANO DA PAG.2 A 4 Un’intercettazione svela come vengono calcolati gli interessi da
parte degli “strozzini”.
IN CRONACA
SICUREZZA IL MINISTRO MARONI: OTTIMI RISULTATI, MA C’È ANCORA DA FARE

«Imprese, clan in ginocchio»


NAPOLI. Una task force per l’ado- de sulla competitività del 31,4% del- LA RIFLESSIONE
zione di misure utili a contrastare il le piccole e medie imprese. Gli ef-
degrado del territorio nelle province
di Napoli e Caserta, in particolare per
fetti più gravi della contraffazione so-
no lo sfruttamento del lavoro nero
Via da Napoli
BLITZ ALL’ARENACCIA
i problemi legati all’immigrazione
clandestina: l’ha annunciata il mini-
(48%), l’incremento del giro d’affari
“sporco”, l’alterazione delle regole
i mostri d’arte
stro dell’Interno. Intervenendo a un della concorrenza, i rischi per la si- di Gerardo Mazziotti MAXISEQUESTRO DI BENI
convegno sul rapporto tra imprese e curezza dei consumatori. Ci rimette AL CLAN MAZZARELLA-CONTINI
camorra, Roberto Maroni (nella foto)
ha spiegato che l’azione della magi-
stratura sta spezzando le gambe al-
anche lo Stato, a causa dell’evasione
fiscale e dell’economia sommersa.
Gli imprenditori chiedono certezza
A ll’inizio di via Foria, a
ridosso del Museo
Nazionale, c’erano fino a
Novecentomila euro: questo il va-
lore complessivo dei beni sottopo-
la malavita, ma ovviamente non ha della pena e maggiore collaborazio- qualche anno fa dei bellissimi sti a sequestro dagli agenti della Di-
nascosto che c’è ancora da fare. È ne con le forze dell’ordine sul terri- giardinetti, dove era gradevole visione anticrimine, sezione misu-
Confcommercio ad illustrare il costo torio per affrontare i problemi della sostare seduti su una panchina re e prevenzione patrimoniali della
e il peso dei clan: l’abusivismo inci- sicurezza. PRIMO PIANO A PAG.6 all’ombra di un leccio o sul Questura, a carico di Franco Maz-
bordo della vasca d’acqua con zarella (nella foto), esponente di
una fontanina zampillante. Li spicco dell’omonimo clan e figlio
REGIONALI FEDERICO II L’EMERGENZA volle nel 1806 re Giuseppe del boss Ciro detto “’o scellone”. Nel
Bonaparte che, nei due anni del mirino anche due appartamenti in-
Per Caldoro Policlinico senza più farmaci
suo regno, diede corso a
importanti opere pubbliche
testati ad Antonio Muscerino.

anche il sì Il manager: indagine interna


come la grande strada che,
passando per Capodimonte e
PADRE, MADRE E FIGLIO
scavalcando con un ponte la
di Berlusconi NAPOLI. Da dipartimenti di Pato- Sanità, collegava la Capitale con
DROGA, FAMIGLIA DI PUSHER
logia clinica e dalla Medicina di la- Aversa (l’attuale via Santa
NAPOLI. Stefano Caldoro
incassa anche il sì dell’ufficio di
boratorio del Policlinico Federico
II è stato lanciato l’allarme: impos-
Teresa degli Scalzi) e, per quel
che riguarda la via Foria,
AGGREDISCE POLIZIOTTI: PRESI
presidenza del Pdl: quella di ieri sibile effettuare alcune analisi per l’abbellì anche con lo stupendo La polizia ha arrestato a Fuori-
sera era poco più di una la mancanza di presidi diagnosti- Orto Botanico. Negli anni ‘60 grotta un intero nucleo familiare:
formalità e si è esaurita senza ci. Insomma, sono finite le scorte portavo ai giardinetti le mie padre, madre e figlio di 17 anni
particolari difficoltà. Oggi il nel deposito della farmacia. Per i bambine che si divertivano a dar sono accusati di spaccio e lesio-
candidato alla presidenza della sindacati il motivo è chiaro: non ci da mangiare alle paparelle che ni. Gli agenti sono intevenuti in
Regione Campania incontrerà i sono i soldi per pagare i fornitori. animavano la vasca d’acqua. un appartamento di via Bran-
parlamentari per fare il punto Ma per il manager Giovanni Can- Erano l’unico spazio verde del caccio trovando sostanze stupe-
della situazione e pianificare la fora «è colpa di un errore». Per que- centro storico dove abitavo. E a facenti e scatenando anche le ire
campagna elettorale che sarà sto il direttore generale del- nessuna amministrazione dei tre: mentre i pusher si sca-
organizzata dal l’Azienda ospedaliera universita- comunale, nemmeno a quella gliavano contro gli uomini in di-
vicecoordinatore napoletano del ria ha chiamato a rapporto il diret- rezza, Maria Triassi: troppi paren- laurina delle mani sulla città, è visa, la figlia 14enne ha provato
partito, Maurizio Iapicca. Sul tore sanitario e il dirigente della ti in corsia, impossibile garantire mai venuto in mente di a disfarsi di un ingente quantita-
fronte Pd, domani si chiude per Farmacia che adesso dovranno pulizia adeguata. Rischio sicurez- cancellarli per trasformarli in tivo di droga. I poliziotti sono sta-
il candidato: volata tra i rettori presentare un dossier. Intanto, za per il personale che vuole far ri- area edificatoria. Ci voleva il ti costretti al ricovero in ospeda-
Trombetti e Pasquino. spunta un rapporto choc del diri- spettare le regole. signor Bassolino Antonio da le.
PRIMO PIANO A PAG.7 gente del servizio Igiene e sicu- PRIMO PIANO A PAG.5 Casoria, SEGUE A PAG.4
2 PRIMO PIANO giovedì 21 gennaio 2010

OPERAZIONE “PANDORA”. Attilio Cesarano Michele Vangone Giuseppe Viccaro Andrea Vangone Domenico Topo Marianna Usiello Silvio Serpe

I RUOLI DEL MEDICO, DELLA COMPAGNA


DEL PADRINO E DEL FUNZIONARIO DI
BANCA CHE RICICLAVA I SOLDI SPORCHI

Salvatore Sorrentino Salvatore Sangiovanni Luigi Sangiovanni Bruno Passaretti Nunzio Panella Gaetano Onda Nunzio Mennella

L’INCHIESTA IL DOTTOR ADOLFO FERRARO, DIRETTORE SANITARIO DELL’OPG DI AVERSA, ARRESTATO PER FAVOREGGIAMENTO

Lo psichiatra che aiutava il capoclan di Giovanni Cosmo vertito il padrino che stava per scat-che in assenza di specifici incari-
tare un blitz nei suoi confronti. L’ac-
chi di consulenza ratificati nel-
NAPOLI. Era diventato di famiglia cusa per lui è di favoreggiamento l’ambito delle varie procedure pe-
a casa Gallo-Vangone, e teneva i aggravato per aver agevolato un nali nei confronti di esponenti di
contatti direttamente con la com- esponente della camorra. Non solo spicco della cosca, svolgeva il ruo-
pagna del capoclan Giuseppe Gal- il medico, infrangendo le regole de- lo di vero e proprio regista delle at-
lo, che grazie a lui aveva evitato il ontologiche, ma anche d’ufficio, av- tività finalizzate al riconoscimento
carcere diverse volte fingendosi vicinava i colleghi chiamati a pro- di false patologie mediche allo sco-
pazzo. È la figura del dottor Adolfo nunciarsi sullo stato di salute men- po di garantire impunità (o impor-
Ferraro, 58enne, direttore sanitario tale di alcuni elementi della fami- tanti benefici cautelari e peniten-
dell’ospedale psichiatrico giudizia- glai Gallo indagati o arrestati per ziari) degli stessi sodali”. Per la Pro-
rio di Aversa nonché più volte con- reati vari ma addirittura aveva “col- cura, quindi “Emergevano in que-
sulente di parte per la famiglia Gal- legamenti poco chiari con De Mar- sto contesto, e sempre a prescin-
lo. Sono le intercettazioni telefoni- tino Annalisa, compagna del capo- dere dall’assunzione di incarichi
che, in particolar modo quelle con formali di consu-
Annalisa Di Martino, compagna del Nelle telefonate intercettate prima del- lente di parte, ad
capoclan Giuseppe Gallo, ad in- le perizie medico-legali i consigli del opera del Ferra-
chiodare il medico alle sue respon- professionista ai boss che dovevano ro condotte fina-
sabilità. Conversazioni che, secon- fingere di essere pazzi. Ma anche le lizzate ad “orga-
do gli inquirenti, sono inequivoca- “soffiate” prima di nuovi provvedimen- nizzare” e preor-
bili e che hanno portato alla luce ti restrittivi della magistratura dinare gli esiti
una serie di contatti che il profes- degli accerta-
sionista, sempre per conto dei Gal- clan Gallo Giuseppe, con la quale menti dei periti nominati dalle va-
lo, aveva di volta in volta anche con aveva rapporti stabili di frequenta- rie AA.GG. in relazione alle condi-
i colleghi nominati dal Tribunale zione e telefonici nel periodo mo- zioni di salute del Gallo Giuseppe
per eseguire perizie nei confronti nitorato (all’incirca 2 anni e mez- ed altri suoi stretti affiliati”.
del boss ma anche dello zio, il ras zo)”. Gli interrogatori inizieranno già da
latitante Ciro Vangone. Gallo ha ot- Già prima dell’inizio della latitanza oggi e proseguiranno fino a saba-
tenuto numerosi benefici proces- di Gallo, dalle conversazioni inter- to. E in sede di convalida dell’ordi-
suali grazie a certificati che atte- cettate sulle varie utenze nella di- nanza di sicuro il dottor Ferraro po-
stavano problemi, ma lo psichiatra sponibilità della convivente, emer- trà tentare di spiegare le circo-
Da sinistra, lo psichiatra Adolfo Ferraro, direttore sanitario dellʼOpg di Aversa, e il ras Giuseppe Gallo che si fingeva pazzo
in alcune occasione ha anche av- ge in modo palese che Ferraro, “an- stanze per cui è stato arrestato.

IL RETROSCENA LE DONNE A CAPO DELLA HOLDING

La nuova ”lady camorra”


TORRE ANNUNZIATA. Una don- tà mentale di Giuseppe Gallo.
na calcolatrice e dal sangue fred- Un’infermità che oltre alla pensio-
do, in grado di tenere in mano le ne d’invalidità di circa 700 euro, ri-
redini dell’organizzazione crimina- chiedeva anche l’accompagna-
le quando il marito era latitante. Il mento per l’uomo di uno dei fami-
suo comptio era quello di imparti- gliari. Ma gli interessi delle donne
re ordini agli affiliati, ma non solo: del clan ed in particolare di De Mar-
doveva infatti occuparsi della con- tino, erano anche legati alle ban-
tabilità della cosca e anche delle che, dove grazie alla compiacenze
pratiche per assicurare l’invalidità di alcuni funzionari riuscivano a “ri-
al suo uomo in fuga dalla legge. È pulire” denaro tramite operazioni
il profilo criminale di Annalisa De finanziarie e bancarie: ed è a que-
Annalisa Di Martino
Martino, la convivente del boss di sto punto che emerge la figura di
Torre Annunziata Giuseppe Gallo, Ennio Fusco, funzionario del-
arrestata ieri durante l’operazione Napoli, aveva il compito di con- l’agenzia della Banca di Roma di
Pandora. Un profilo forte, che per trollare gli affari dell’organizzazio- Sant’Antonio Abate, spicca nel-
gli inquirenti avrebbe giocato un ne quando il capoclan sfuggiva al- l’ordinanza di più di 2500 pagine
ruolo determinante durante la lati- la cattura, ma anche di tutelarlo. firmata dal pm Pierpaolo Filippelli
tanza del capo del cartello camor- Sarebbe stata lei, infatti, ad occu- e Claudio Siracusa, con l’aggiunto
ristico operante nella zona del Ve- parsi dei rapporti con i medici del- Rosario Cantelmo (gip Aldo Espo-
suviano e del Salernitano. l’ospedale psichiatrico di Aversa sito), accusato di aver favorito la
La “lady camorra” dellla cosca a tre per far sì che venissero redatti dei cosca nelle attività bancarie illeci-
teste egemone nell’hinterland di referti in cui si palesava la infermi- te. daga

LE REAZIONI ALFANO E MARONI: STATO EFFICACE

I ministri: «Duro colpo alla malavita»


ROMA. «Il sequestro di uno straor- minalità organizzata nel mondo del-
dinario quantitativo di cocaina e so- le imprese». Questo il commento del
prattutto di beni mobili ed immobi- Ministro dell’Interno Roberto Maro-
li per oltre 65 milioni di euro, dimo- ni all’operazione congiunta di Guar-
stra ancora una volta come la si- dia di Finanza e Carabinieri del Ros
nergia tra organi dello stato è in gra- disposta dalla Direzione Distrettua-
do di contrastare efficacemente le Antimafia di Napoli che ieri mat-
ogni forma di criminalità - ha detto tina ha portato all’esecuzione di 86
il ministro della Giustizia, Angelino ordinanze di custodia cautelare con-
Alfano - Il Governo ed il Parlamen- tro esponenti dei clan Gallo, Van-
to - aggiunge - infatti, hanno ap- gone e Limelli, operanti nell’area ve-
provato strumenti normativi di re- suviana. L'esponente di Governo ha
pressione finalmente efficaci, che sottolineato con soddisfazione il da-
magistratura e forze dell’ordine, con to economico: «Sono stati seque-
grandi capacità professionali, met- strati numerosi conti correnti oltre
tono quotidianamente in opera». a beni per un controvalore com-
«Operazioni come questa fanno ma- plessivo di 65 milioni di euro - ha
le a loro, ai camorristi, ma dimo- detto - Un intervento davvero im-
Il Guardasigilli Angelino Alfano
strano anche la pervasività della cri- portante compiuto dello Stato».
giovedì 21 gennaio 2010
PRIMO PIANO 3

Visciano Ivan Rosaria Vangone Davide Citarella Vincenzo Ciriello Giovanni Chirico Agostino Balzano George Bahna
OPERAZIONE “PANDORA”.
I GUADAGNI DEL NARCOTRAFFICO E DELLE
ESTORSIONI RICICLATI IN SOCIETÀ CHE SI
OCCUPAVANO DI RISTORAZIONE E EDILIZIA

Carlo Cafiero Raffaele Belviso Carlo Caglione Raffaele Cafiero Salvatore Carfora Fabio Carpentieri Fabio Celentano

CAMORRA BLITZ DI GUARDIA DI FINANZA E CARABINIERI TRA IL NAPOLETANO E IL SALERNITANO: 81 ARRESTI, 5 LATITANTI

Decapitato il clan Gallo-Limelli-Vangone di Davide Gambardella pagine dalle ordinanze depositate nei trollo a Scafati nel 2004 in cui emer-
tribunali per mandare all'aria i pro- sero i rapporti tra il clan Pesacane e la L’ORDINANZA DI
TORRE ANNUNZIATA. Un cartello cessi. Con queste accuse ieri mattina potente famiglia di Torre Annunzia- CUSTODIA CAUTELARE
criminale a tre teste, in grado impor- sono spiccate le ordinanze di custo- ta. Poi, con il fermo della sorella del
tare in Italia fiumi di cocaina prove- dia cautelare per 86 tra capi, gregari boss Gallo, trovata in possesso di do- Gallo Giuseppe, Castellammare di Stabia 7/10/1976
nienti dalla Spagna grazie alla con- e favoreggiatori di quella che per gli cumenti ed assegni falsi occultati sot- Amabile Carmine, Castel San Giorgio (Sa) 2/1/1958
nection con alcune cellule colombia- inquirenti era tra le organizzazioni cri- to il sediolino della propria vettura, in Amato Giuseppe, Torre Annunziata 15/2/1966
ne che riuscivano a muovere lo stu- minali più potenti del territorio cam- cinque anni s'è fatta piena luce su Bahna George, (Romania) 14/6/1980 residente a Boscoreale
pefacente oltreoceano per le piazze pano: cinque degli accusati risultano una storia di soldi e violenza simile a Balzano Agostino, Boscotrecase (Na) 3/7/1967
di spaccio di Napoli e del suo hinter- ancora latitanti, mentre due persone quella del film Scarface di Al Pacino. Balzano Gabriele, Scafati (Sa) 3/8/1967
Belviso Raffaele, Vico Equense 25/3/1980
land. Un affaire di spaccio di droga sono state ammanettate in Spagna. Intercettazioni ambientali e telefoni-
Bruno Ciro, Napoli 4/10/1971
tra i più grandi d'Europa: la holding Tra gli arrestati vi è anche il dirigen- che svelarono che dalla Colombia la Buondonno Antonio, Salerno 1/12/1967
del narcotraffico importava quintali te sanitario dell'ospedale psichiatri- sostanza attraversava i canali iberici Cafiero Carlo, Pompei (na) 21/12/1967
di polvere bianca ed hashish attra- co di Aversa Adolfo Ferraro, accusa- grazie alla intermediazione diretta Cafiero Raffaele, Pompei 30/4/1970
verso accordi basati su strette di ma- to di aver favoreggiato il boss Gallo dello stesso Gallo, uomo di fiducia dei Caglione Carlo, Castellammare di Stabia 29/12/1975
no tra personaggi di spicco della ma- durante il suo periodo di latitanza ter- narcos sudamericani, i quali gli ce- Carfora Salvatore, Pompei 18/3/1980
lavita sudamericana e napoletana. Al minata nel marzo del 2009 a Messi- devano la merce anche con la formu- Carotenuto Gaetano, Boscotrecase (Na) 26/1/1957
vertice dell’organizzazione tentaco- na. L’operazione “Pandora”, avviata la del “pagherò”. Quintali di coca pu- Carpentieri Fabio, Torre del Greco 21/7/1984
lare, in grado di controllare tutti i traf- nel 2004 dalla Guardia di Finanza di rissima che fruttavano milioni: ieri i Casciello Silvestro, Pompei 26/8/1957
fici illeciti sul territorio - dallo spac- Napoli, in collaborazione con lo Sci- Gico hanno sequestrato oltre 750 chi- Celentano Fabio, Sarno (Sa) 6/5/1958
Cesarano Alfredo, Castellammare di Stabia 2/1/1961
cio di droga alle estorsioni, passando co ed i carabinieri del Ros di Salerno, li di polvere bianca per un valore di
Cesarano Attilio, Castellammare di Stabia 3/4/1963
per il riciclaggio di danaro sporco - vi ha fatto luce su una serie di intrecci 75 milioni di euro. Denaro che sareb- Chirico Giovanni, Pompei 23/7/1966
era il boss Giuseppe Gallo, capo del- ed interessi economici che le fami- be poi stato “ripulito” da funzionari di Ciaravola Bernardo, Boscotrecase 24/1/1958
la consorteria camorristica che con i glie malavitose tessevano per esten- banca ed imprenditori pronti ad in- Cimmino Franco, Torre Annunziata 10/5/1956
Limelli e i Vangone è riuscito a crea- dere il proprio controllo anche nel Sa- vestirli anche nell'acquisto di immo- Cinque Alberto, Torre Annunziata 3/5/1979
re un impero economico nel triango- lernitano e a Latina: le estorsioni ad bili, terreni di pregio, auto, abbiglia- Cirillo Vincenzo, Castellammare di Stabia 31/5/1979
lo che s’estende tra Boscoreale, Tor- imprenditori e titolari di ristoranti, ma mento e finanche purosangue per Citarella Davide, Torre Annunziata 16/9/1982
re Annunziata e Boscoreale. Un im- anche l'imposizione dell'acquisto di una scuderia di cavalli in possesso Collaro Fabio Castellammare di Stabia 22/5/1976
pero del malaffare eretto grazie alla prodotti alimentari commercializzati della cosca ed intestati a prestanomi. Cuomo Giovanni, Ercolano 20/4/1955
complicità di una serie di “infedeli” da ditte vicine al sodalizio, erano so- Beni per un totale di circa 65 milioni D’Amico Nicolò, Monza 20/3/1974
De Luca Salvatore, Torre del Greco 4/1951
che riuscivano a falsificare perizie psi- lo alcune delle voci di bilancio del di euro e che da ieri sono finiti sotto
Uno dei maxi-sequestri di cocaina della Guardia di Finanza durante le indagini De Martino Annalisa, Pompei 29/4/1976
chiatriche e a far scomparire intere clan. Tutto ebbe inizio dopo un con- sequestro. De Martino Giuseppe, Boscotrecase 26/3/1969
De Martino Mario Felice, Boscoreale 22/2/1951
De Martino Rosalba, Pompei 13/11/1977
GLI INQUIRENTI IL PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIA GRASSO FA IL PUNTO DELLA LOTTA AI CLAN De Martino Vincenzo, Formia (Lt) 5/8/1977
Di Biasio Biagio, Santi Cosma e Damiano (Lt) 15/2/1958
Di Napoli Luigi, Torre Annunziata 11/11/1979

«Aggredire i patrimoni della camorra» Di Ronza Gaetano, Castellammare di Stabia 29/5/1974


Esposito Bruno, Boscotrecase 7/6/1972
Esposito Marianeve, Torre Annunziata 14/11/1979
Falanga Annamaria, Torre Annunziata 29/7/1966
Ferraro Adolfo, Ancona 22/7/1951
NAPOLI. Beni sequestrati alla ca- ti. «Un protocollo d'intesa che ci per- striali - gli fa eco Lepore - un punto Formicola Mauro, Torre del Greco 20/5/1971
morra nelle mani dell'Unione Indu- metterà di sperimentare un modello di partenza dal quale potrebbe parti- Fraola Vincenzo Francesco, Volla 4/10/1958
striali di Napoli. Una novità assoluta, che potrà essere esportato anche in re un impulso per tutto il territorio». Fusco Ennio, Conca dei Marini (Sa) 18/2/1948
in materia di confische di immobili, altre regioni del nostro Paese» com- Partorita dopo l’incontro del giugno Gallo Carmela, Castelammare di Stabia 4/7/1979
per scongiurare che con la chiusura menta il coordinatore nazionale An- del 2009 col ministro Maroni, l’idea Gallo Giuseppe, San Sebastani al Vesuvio 28/3/1966
di ristoranti, bar ed altre attività com- timafia, Piero Grasso, intervenuto ie- di far nascere un protocollo di intesa Gallo Michela, Castellammare di Stabia 17/7/1983
merciali nelle disponibilità delle co- ri alla conferenza stampa in Procura tra più Enti permetterà di salvare Gallo Salvatore, Pompei 4/11/1967
sche Gallo-Limelli-Vangone, centi- assieme al procuratore Giovando- aziende che contano centinaia di di- Giamundo Vincenzo, Ottaviano 22/2/1967
Imparato Michele, Torre Annunziata 29/4/1979
naia di persone pendenti e di scon-
oneste, che Protocollo d’intesa tra Unione Industriali e magistra-
Ingenito Stefania, Torre Annunziata 23/1/1980
giurare il dramma Liquidato Bianca, Napoli 28/12/1965
nulla hanno a tura per la gestione delle aziende sequestrate ai boss. dei licenziamenti: Malvone Ferdinando, Castellammare di Stabia 3/5/1983
che fare con la Lettieri: «Questo ci consente di chiudere attività ille- «Questo meccani- Malvone Giuseppe, Boscoreale 3/10/1961
malavita, pos- cite ma di salvaguardare i livelli occupazionali» smo di cogestione è Mansi Luigi Pompei, 11/10/1971
sano trovarsi orientato a salvare il Manzo Francesco, Pompei 1/6/1980
senza lavoro. E aggredire i patrimoni menico Lepore, al comandante pro- salvabile - aggiunge Lettieri - ma an- Mennella Luigi, Torre del Greco 11/12/1955
dei clan è la vera “ricetta” per di- vinciale di Napoli della Guardia di Fi- che a chiudere attività illecite senza Mennella Nunzio, Torre del Greco 25/12/1984
struggerli. Saranno i tre custodi scel- nanza Mainolfi e al tenente colonnel- arrecare disagi ai lavoratori, i quali Onda Gaetano, Torre Annunziata 29/6/1975
ti dalla Procura a stabilire, in sinergia lo delle Fiamme gialle Antonio Quin- godranno del sostegno di assistenti Panella Nunzio, Torre Annunziata 19/9/1951
Passaretti Bruno, Pompei 26/11/1959
con l'Ente presieduto da Gianni Let- tavalle. «Questo protocollo permette- sociali ed associazioni tenendo con-
Raiola Francesco Paolo, Torre del Greco 10/10/1974
tieri, quali saranno gli immobili che rà di fortificare i rapporti tra Prefet- to della fase congiunturale così deli- Romeo Carmine, Castellammare di Stabia 17/10/1970
Procura, la conferenza stampa indetta dagli inquirenti dopo la maxi-operazione
potranno continuare a rimanere aper- tura, procuratore ed Unione Indu- cata». daga Ronga Michele, Salerno 12/4/1964
Ruggiero Antonio, Napoli 17/11/1983
Sangiovanni Luigi, Pagani (Sa) 3/11/1969
LA CURIOSITÀ. GIUSTIFICA PER I MANCATI PAGAMENTI IL PERSONAGGIO GIUSEPPE GALLO ARRESTATO A MARZO Sangiovanni Salvatore, Pagani (Sa) 24/3/1983
Scoppetta Alfonso, Torre Annunziata 12/6/1972

Giornali inviati ai colombiani “Re” della coca con la pensione di invalidità


Serpe Silvio Torre, del Greco 31/7/1979
Sorrentino Salvatore, Scafati (Sa) 23/6/1962

per documentare i sequestri TORRE ANNUNZIATA. Era l'uo- periore a quello gestito dai clan
Sparvieri Miguel Josè, Caracas (Venezuela) 17/9/1968
Topo Domenico, Marano di Napoli 19/8/1961
Vangone Andrea, Torre Annunziata 6/2/1959
TORRE ANNUNZIATA. Pagine di giornali su cui vi erano pubblicati i mo in grado di muovere quintali di della zona nord di Napoli”. Gli af- Vangone Michele, Castellammare di Stabia 4/10/1988
sequestri di cocaina da inviare ai capi delle organizzazioni del cocaina grazie alla sua interme- fari che il potente boss Giuseppe Vangone Rosaria, Boscotrecase 20/2/1957
narcotraffico in Spagna ed in Colombia. Una “rassegna stampa” che diazione con i trafficanti colom- Gallo gestiva, secondo gli 007 del- Viccaro Giuseppe, Soletta (Svizzera) 18/11/1972
la camorra di Torre Annunziata recapitava ai soci in affari nel biani. Un boss fidato, potente, ca- lo Scico delle Fiamme Gialle , toc- Visciano Ivan, Pompei (Na) 10/11/1982
business dello spaccio di cocaina come prova di un ingente pace di farsi rispettare anche dai cavano persino le coste siciliane e
sequestro di stupefacente. Un modo per risultare credibili agli occhi gotha del narcotraffico internazio- del basso Lazio, dove da tempo ARRESTI DOMICILIARI
dei narcotrafficanti colombiani. Recapitare le pagine dei quotidiani nale e a far girare affari miliardari aveva messo su le sue basi opera-
locali ai “signori della droga”, infatti, serviva a giustificare il che secondo gli inquirenti fanno tive. In questa sorta di Risiko cri- Matrone Rosa, Boscotrecase 10/5/1947
Usiello Marianna, Castellammare di Stabia 9/7/1983
mancato pagamento delle partite cedute con la formula del del cartello criminale da lui ca- minale per l'espansione dei traffi-
“pagherò”, ma anche per rassicurare i soci in affari, i quali si peggiato una tra le holding più po- ci illeciti, Gallo era riuscito ad in-
Il padrino Giuseppe Gallo DETENUTI IN SPAGNA
sarebbero potuti insospettire scatenando così una reazione nei tenti d'Europa. Per i medici che lo sediarsi sul territorio, anche ripu-
confronti dei clan napoletani o chiudendo del tutto i canali sui quali visitarono ad Aversa, non era ca- lendo capitali provenienti dalle at- Esposito Raffaele, Boscotrecase 14/1/1968
viaggiavano i quintali di polvere bianca. pace di intendere di volere, e per e sequestrando gli affiliati che tività illecite che venivano rinve- Gallo Antonio, Torre Annunziata 8/11/84
Messaggi subliminali nero su bianco, quasi come lo erano i “pizzini” questo percepiva una pensione di “sgarravano” nei pagamenti delle stiti in terreni e ristoranti. Immo-
per i mafiosi: una tecnica di comunicazione subdola e del tutto invalidità di 699 euro, oltre all’ac- partite di cocaina. “L'organizza- bili, ristoranti, terreni, ma anche LATITANTI
nuova, per la malavita nostrana, che secondo gli inquirenti compagnamento. Per i capi delle zione da lui gestita è tra le più pe- auto di lusso e cavalli purosangue:
dimostrerebbe l'astuzia degli uomini dei sodalizi criminali organizzazioni criminali, invece, ricolose e potenti dell'intera Cam- così accresceva oltreoceano il ca- Garcia Osorio Yazmin, Santa Fè de Bogotà 28/06/74
napoletani per sfuggire alle intercettazioni con i vertici delle era un temibile e rispettato boss pania – evidenzia il tenente colon- risma del capoclan che sulla carta Lopez Aguadelo Aide, Valencia 17/01/73
Scarpa Natale, San Giuseppe Vesuviano 28/09/78
organizzazioni sudamericane, e la “trasparenza” in affari nei della camorra. Per farsi rispettare, nello della Guardia di Finanza An- non era in grado di intendere e di
Vangone Ciro, Torre Annunziata 17/09/67
confronti dei vertici e delle cellule dei cartelli colombiani dediti al i suoi uomini di fiducia incutevano tonio Quintavalle – in grado di con- volere. Uomo che col suo prestigio Verdezza Raffaele, Uruguay 22/01/58
narcotraffico internazionale. terrore con la violenza, picchiando trollare un traffico di gran lunga su- conquistato. davgam
4 PRIMO PIANO giovedì 21 gennaio 2010

Giovanni Cuomo Salvatore De Luca Giuseppe De Martino Rosalba De Martino Mario Felice De Martino Gaetano Di Ronza Luigi Di Napoli
OPERAZIONE “PANDORA”.
LO SCANDALO: GLI IMPIEGATI CORROTTI
IN UN’INTERCETTAZIONE TELEFONICA DE-
FINITI VERI E PROPRI “CANI DA PRESA”

Marianeve Esposito Bruno Esposito Raffaele Esposito Annamaria Falanga Mauro Formicola Adolfo Ferraro Ennio Fusco

I “FAVORI” I DUE DIPENDENTI DEL TRIBUNALE OPLONTINO AVEVANO UN RUOLO STRATEGICO: SOTTRAEVANO LE PROVE

Così depistavano i processi contro i boss


di Vincenzo Sbrizzi nuto il 19 febbraio scorso all'interno to un vero e proprio gruppo di per-
dell'abitazione di Carotenuto a Bo- sone dedite alla sottrazione di do-
TORRE ANNUNZIATA. Avevano un scotrecase diversi documenti riser- cumenti e alla fornitura di notizie ri-
ruolo strategico. Un ruolo fonda- vati tra cui relate di notifica dell'av- servate per agevolare il clan. A con-
mentale per depistare i processi, ral- viso di conclusione indagini ai dan- fermarlo l'intercettazione ambienta-
lentare i procedimenti a carico del ni di Gallo o altre relate di notifica le all'interno dell'auto di Mario Feli-
boss Giuseppe Gallo, alias “’o paz- relative al sequestro di un manufat- ce De Martino, suocero di Gallo, tra
zo”, soprannome guadagnato anche to abusivo di proprietà del Gallo, no- questi e l'imprenditore Bernardo
grazie al loro aiuto. Gaetano Carote- tificate dalla Polizia Municipale di Ciaravola, veri e propri tramiti tra il
Rosa Matrone Francesco Manzo Luigi Mansi
nuto e Silvestro Casciello erano quel- Trecase su ordine della procura clan e gli impiegati, in cui si dice
li che potevano materialmente met- oplontina. La sottrazione di queste che “ quello...ormai...questi come
tere le mani sulle carte processuali relate non permetteva in udienza al- sentono...come arriva il fascicolo
e la cosca non poteva farseli scap- la procura di dimostrare il buon fine Gallo!...Oh! Stanno come i cani da
pare. Dietro il pagamento di una della notifica e costringeva il tribu- presa!...Sono 2...sono 3 di loro !...Co-
congrua cifra, in un'occasione quan- nale a rinviare. Ma l'interessa della me i cani da presa!”. Tutti dovran-
Gaetano Carotenuto, uno degli impiegati
tificata in cinquecento euro per una cosca non era solo quello di far slit- no rispondere dell'accusa di favo-
manipolazione, i due impiegati del tare le udienze ma anche di non fa- reggiamento aggravato dall'utilizzo
tribunale di Torre Annunziata ave- re proprio arrivare in aula le indagi- del metodo mafioso per aver agevo-
vano il compito di sottrarre incarta- ni. Sempre in casa di Carotenuto so- lato l'attività del clan Gallo – Limel-
menti dai verbali che riguardavano no stati trovati anche i verbali di re- li – Vangone, oltre che di occulta-
Bianca Liquidato Stefania Ingenito Vincenzo Giamundo
l'iter processuale del boss. Grazie al pertazione di due intercettazioni mento di atti pubblici. Un'aggra-
loro ruolo di commessi i due riusci- operate dai carabinieri di Castello di vante che potrebbe far lievitare
vano a mettere in tempo utile le ma- Cisterna, che in aula si sarebbe tra- l'eventuale pena di due terzi del to-
ni sul fascicolo sottraendo atti che dotto in un'inutilizzabilità delle in- tale finale. Non sono comunque da
facevano slittare il processo. Da tercettazioni. Procedimenti ben pre- ritenersi chiuse le indagini sulla
quello che si legge dalle intercetta- cisi che fanno capire l'organizzazio- squadra di impiegati al servizio del-
zioni telefoniche erano anche molto ne e la competenza del clan capace la cosca e gli investigatori cerche-
motivati nel farlo visto che erano de- di un'abile e competente regia per ranno di fare luce sulla regia tecnica
finiti dei veri e propri “cani da pre- creare un vero e proprio gruppo di che ha guidato le richieste di sot-
sa”, pronti a sottrarre le carte pro- addetti ai lavori corrotti. La Dda ha trazione di atti così specificamente
cessuali. I militari che hanno proce- constatato, infatti, tramite l'analisi funzionali al proseguimento dei pro-
Michela Gallo Carmela Gallo Giuseppe Gallo classe ʻ66 Ennio Fusco, il funzionario di banca
duto alle perquisizioni hanno rinve- delle intercettazioni che si era crea- cedimenti giudiziari.

LA LUNGA NOTTE DEL BLITZ: CONTROLLI DALL’ALTO NEI LUOGHI DEL CLAN I CINQUE LATITANTI. CACCIA A UN NARCOS COLOMBIANO E A UNO SPAGNOLO

Gli elicotteri svegliano la città C’è anche Vangone, zio del ras
TORRE ANNUNZIATA. È stata stava per succedere di lì a alzano in volo, solo i militari dei TORRE ANNUNZIATA. Sono cin-
una lunga notte per l'hinterland qualche ora. In molti contavano Carabinieri e della Guardia di que i boss di primissimo piano che
vesuviano. Una notte che molti sulle ricchezze accumulate. Su Finanza sanno che sta sono sfuggiti al maxi-blitz di ieri por-
ricorderanno come quella della quei piccoli tesori di polvere cambiando qualcosa. Il rumore tato a termine dalla Guardia di Fi-
vittoria dello Stato e alcuni bianca che custodivano delle eliche ricopre tutti i paesi nanza e dai carabinieri. Il personag-
come quella che potrebbe gelosamente nelle loro alle falde del Vesuvio. gio di maggiore spicco è di sicuro Il
cambiare la loro vita. Per abitazioni. Altri contavano sulle Boscoreale, Boscotrecase e Torre boss Ciro Vangone, 42enne, fratello
ottantasei persone il 20 gennaio loro attività commerciali o beni Annunziata si dividono il suono della madre del capoclan Giuseppe
2010 resterà un giorno da immobili che gli avrebbero dirompente di questi uccelli di Gallo. Anche il latitante ha usufrui-
ricordare e non piacevolmente. garantito un'altra nottata ferro che chi abita da queste to dei “favori” dello psichiatra Adol-
Natale Scarpa
Quando la sera prima sono tranquilla. Per queste persone parti aspetta con ansia perché sa fo Ferraro per ottenere benefici car-
andati a letto non sapevano cosa non è certo il caso di perdere il che serviranno a “fare pulizia”. cerari con la scusa dell’infermità
sonno per riflettere su come Chi ha il sonno più leggero degli mentale. Con lui all’appello manca-
hanno racimolato queste uomini e fiancheggiatori del no il 31enne Natale Scarpa e Raffaele
COMUNE DI MOIO DELLA CIVITELLA
(Provincia di Salerno)
fortune. Qualcun altro, invece, si clan si sveglia e seduto al centro Verdezza, 52enne, considerati ele-
Ciro Vangone
Prot. 192
AVVISO DI DEPOSITO, AI SENSI DELL’ART. 27 - COMMA 2 E 3 - LEGGE REGIONE
è accontentato di piccoli favori o del letto cerca di scacciare via menti di primissimo piano della co-
CAMPANIA N. 16/2004, DEL PIANO DI RECUPERO DEL CENTRO STORICO DEL CO-
MUNE DI MOIO DELLA CIVITELLA, ADOTTATO CON DELIBERA DI G. C. N. 106 DEL
cifre irrisorie per la portata qualche brutto presentimento, sca e “specialisti” del traffico di stu-
29.10.2009
IL RESPONSABILE DELL’U.T.C.
economica del clan che hanno ma è già troppo tardi per loro. Il pefacenti. Con loro sono sfuggiti al-
RENDE NOTO
che la Giunta Comunale, con delibera n. 106 del 29.10.2009, esecutiva, ha adottato il
favorito e, convinti di averla resto lo fanno le sirene che la cattura il narcos colombiano 35en-
piano di recupero del centro storico; che tutti gli elaborati tecnici ed amministrativi, so-
no depositati, ai sensi dell’art. 27 - comma 2 e 3 - L.R.C. n. 16/2004, presso la Segrete-
fatta franca, sperano in un'altra svegliano i rioni del clan che si ne Yazmin Garcia Osorio, di Santa
ria di questo Comune, ove rimarranno per la libera visione del pubblico per la durata di
trenta giorni dal 21/01/2010 al 20/02/2010. Chiunque può presentare osservazioni e
occasione visto che l'appetito riscoprono sotto assedio senza Fè de Bogotà, e il noto trafficante Quotidiano di informazione fondato nel 1862
opposizioni al piano di recupero adottato. vien mangiando. Quando essersene nemmeno accorti. 37enne spagnolo Aide Lopez Agua- organo del movimento politico/culturale “Mediterraneo”
Moio della Civitella, lì 19/01/2010 Raffaele Verdezza Fondatore nuova serie Giuseppe Tatarella
IL RESPONSABILE DELL’U.T.C. geom. Angelo Stifano intorno alle tre gli elicotteri si visbri delo Aide, residente a Valencia.
Direttore responsabile
COMUNE DI PALMA CAMPANIA Antonio Sasso
(Prov. di Napoli)
Via Municipio, 74 - c.a.p. 80036
SEGUE DALLA PRIMA Vicedirettore
Telef. 081/8207411-35 fax 081/8246065 Andrea Manzi
www.comune.palmacampania.na.it
ufficioecologia@comune.palmacampania.na.it
Avviso di procedura aperta per l’affidamento in appalto del Via da Napoli... città. Brevissimi viaggi
"underground" cui la fantasiosa
a quella esistente con un tapis
roulant (che è stato poi
giusta per diventare un orinatoio
e un ricettacolo di monnezza. Un
Editore
Edizioni del Roma Società Cooperativa a r.l.
servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani per
una durata di anni sette, a decorrere dalla data di effettivo penna di Jay McInerney di "Le realizzato) per renderla errore compositivo di 00186 Roma, Corso Vittorio Emanuele II, 21
inizio. Si rende noto che, in esecuzione della determinazione tel. 06/69924018 - fax 06/69789991
n. 98 del 18/11/09 (RG. n. 1177/09), questa Amministra-
il sindaco del così detto mille luci di NY" ha dedicato perfettamente fruibile. Tre sesquipedale gravità pari a quello
Registrazione Tribunale di Napoli n°4608 del
zione comunale indice una procedura aperta per l’affida- “rinascimento napoletano”, per pagine di sublime bellezza. Del orrende scatolette a un piano, di scrivere "ho andato”. Ogni 31/01/1995 Registro Nazionale della Stampa
mento in appalto del servizio innanzi riportato.
decidere di spazzare via alberi, resto, in tutto il mondo si è intonacate e pittate in rosso tanto si torna a proporre la n° 5521 Vol. 56 pag. 161 ISSN 1827-3475
Canone annuale posto a base d’asta: Euro 901.803,00, ol-
tre Iva. Finanziamento: fondi del bilancio comunale. Sog- La testata beneficia di contributi diretti di cui alla legge
getti ammessi alla gara: quelli indicati dall’art. 34, comma
prati, vialetti, panchine e vasca convinti che la sosta nelle pompeiano, coronate da una demolizione dei “mostri” di n.250/90 e successive modifiche ed integrazioni
1, del Codice dei Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e For- d’acqua per costruirvi la stazione stazioni deve essere la più breve balaustrina in pietra come le case Ottieri a piazza Garibaldi, a Redazione
niture, approvato col decreto legislativo 12/04/2006, n. 163,
e successive modifiche ed integrazioni, in possesso dei re- Museo del metrò collinare. Una possibile e la frequenza dei treni cantoniere degli anni '30, piazza Mercato e a via Foria “per via Chiatamone, 7 - 80121 Napoli
quisiti riportati nel bando di gara e previsti dagli articoli 38, tel. 081/2458111 Pbx
39, 41 e 42 del predetto Codice. Procedura di gara e sistema
infrastruttura iniziata dal sindaco è finalizzata a renderla tale. Solo contengono i due squallidi eliminare questi oltraggi alla fax 081/2458209 - 081/2451104
di aggiudicazione: procedura aperta, ai sensi dell’art. 55 del Maurizio Valenzi nel lontano Stalin realizzò stazioni ingressi-uscite cui nemmeno la bellezza della città”. Concordo Concessionaria per la pubblicità
Codice, con il criterio dell’offerta economicamente più
vantaggiosa per l’Amministrazione, a mente del successi- 1978 con la posa della prima “artistiche” nella metropolitana Testa di Cavallo di Palazzo Carafa pienamente. Ma cominciamo col A. Manzoni & C. S.p.a. - filiale di Napoli
vo art. 83, secondo le modalità previste dal regolamento pietra a piazza Vanvitelli e che di Mosca per esaltare le conquiste e la statua di Ercole Farnese demolire subito il “mostro” Riviera di Chiaia, 215 - 80121 Napoli
allegato al bando di gara. Termine per il ricevimento delle tel. 081/4975801 - fax 081/406023
offerte: ore 12.00 del cinquantaduesimo giorno successi- gli attuali amministratori di del comunismo. Ma fallendo riescono a conferire l'auspicata dell’Aulenti. È un oltraggio al Stampa
vo alla data di invio del bando all’Ufficio delle Pubblicazio-
ni Ufficiali della C.E. Inizio delle operazioni di gara: ore 10.00 sinistra stanno realizzando con l’obiettivo. La stazione del Museo "connotazione d’arte". I Museo Nazionale, è inutile e non Grafic Processing
del 15/03/2010 da parte della Commissione nominata se- l’intento ambizioso di l’ha progettata l’architetta rivestimenti interni con pannelli crea problemi abitativi. Trovo Zona industriale località Pantano - Acerra
condo quanto previsto dall’art. 84 del Codice. Il bando in-
tegrale di gara, con i suoi allegati, è stato pubblicato in da- trasformare le stazioni in "veri e milanese Gae Aulenti. E ha di vetro stratificato color bianco, sintomatico il fatto che, Abbonamenti Italia
ta odierna all’Albo Pretorio e inserito sul sito Internet di que- (tariffe in vigore dal 1 agosto 2006)
sto Comune e su quello del Ministero delle Infrastrutture propri musei di arte realizzato un “mostro”, che fissati alle pareti e ai soffitti con anticipando la mia sollecitazione, 12 mesi 7 numeri: 235 Euro - 6 numeri: 200 Euro
e Trasporti, nonchè, per estratto, sarà pubblicato sulla contemporanea". Un’idea balzana offende le severe membrature del un numero straripante di chiodi la tavola 18 di TuttoCittà 6 mesi 7 numeri: 120 Euro - 6 numeri: 103 Euro
G.U.R.I. (V Serie Speciale - Contratti Pubblici). Data di in- Abbonamento benemerito: 520 Euro - Sostenitore:
vio del bando all’Ufficio delle Pubblicazioni Ufficiali della ché non tiene in alcun conto il Museo Nazionale e che è del tutto di acciaio, evocano angosciose continua a riportare i giardinetti 775 Euro - Copie arretrate: 1,80 Euro
C.E.: 18/01/2010. Info: Ufficio Ecologia - via Municipio, 74
- 80036 - Palma C. - telefon o 081/8207435 - fax fatto che chi scende sotto terra inutile visto che a ottanta metri atmosfere da sale operatorie o da di re Giuseppe del 1806. E non la versamento su c/c 36210383 intestato a:
081/8246065 - e-mail: ufficioecologia@comune.palma- Edizioni del Roma Soc. Coop. a r.l.
per usare questo veloce mezzo di di distanza c’è la stazione di obitorio. Particolare degno di stazione del metrò dell’Aulenti via Chiatamone 7 - 80121 Napoli
campania.na.it. Responsabile unico del procedimento:
ing. Giuseppe Nunziata. trasporto lo fa solo per Piazza Cavour della vecchia nota: due scatolette si incastrano del 2002. Vorrà pur dire qualcosa. A Ischia e Procida in tandem obbligatorio
Palma C., lì 18/01/2010
IL RESPONSABILE DELL’UFFICIO ECOLOGIA
raggiungere il più rapidamente metropolitana. Sarebbe bastata in modo da creare un vicoletto ad Gerardo Mazziotti a 1,20 Euro con “il Golfo”
Ing. Giuseppe Nunziata possibile le diverse zone della una fermata sotterranea collegata angolo acuto, della dimensione g_mazziotti@yahoo.it
giovedì 21 gennaio 2010
PRIMO PIANO 5

«NO AI LICENZIAMENTI A 58 ANNI». CONFERMATA LA PROTESTA A NAPOLI DEL 4 FEBBRAIO

Rottamazione dei medici, l’Anaao incontra il ministro Fazio


ROMA. È stato un incontro «interlocutorio, servito a fare le ministero della Salute non è l'unico destinatario delle richieste della
presentazioni ufficiali del neo ministro ed a mettere sul tavolo i categoria - ha sottolineato Lusenti - a Fazio abbiamo chiesto un DISASTRO SANITÀ.
problemi sollevati dalla vertenza salute, ma la disponibilità e le impegno concreto a farsi promotore di una azione che, in
aperture dichiarate da Fazio sono tutte da verificare». Questo il coordinamento con il governo e il Parlamento, dia risposte concrete
CANFORA: COLPA DI UN ERRORE. I SINDA-
commento di Carlo Lusenti, segretario nazionale del maggiore almeno a quattro criticità sollevate dalla categoria: accelerazione dei CATI: «VICINI AL DISSESTO, NON CI SONO
sindacato dei medici dirigenti, l'Anaao Assomed, al termine disegni di legge sul rischio clinico e sul governo clinico che SOLDI. A RISCHIO ANCHE GLI STIPENDI»
dell'incontro delle organizzazioni sindacali della dirigenza medica, restituiscano agli ospedali situazioni di sicurezza e ai medici
veterinaria, sanitaria e amministrativa con il ministro della salute condizioni di lavoro migliori; cancellazione definitiva del
Ferruccio Fazio. Lusenti ha quindi sottolineato che la vertenza-sanità provvedimento sulla rottamazione che dà la possibilità di licenziare
«va avanti», confermando le manifestazioni di Napoli (4 febbraio), professionisti a soli 58 anni di età; sostegno politico per accelerare la
Milano (16 febbraio) e Roma (9 marzo). «Pur consapevoli che il sottoscrizione del contratto; soluzione del problema del precariato».

FEDERICO II IL MANAGER CHIAMA A RAPPORTO DIRETTORE SANITARIO E RESPONSABILE: «CHIARIRE LE RESPONSABILITÀ»

Farmaci finiti, emergenza Policlinico


di Claudio Silvestri tori stanchi di non essere pagati. direzione sanitaria, comunque,
La versione della dirigenza del- non sono stati segnalati disagi di
NAPOLI. Al Policlinico mancano l’Azienda universitaria ospedalie- alcun tipo». Ma i disagi ci sono
farmaci essenziali. Le scorte sono ra è un’altra ed esclude probelmi stati. Basti pensare che molti rea-
finite. La “troponina i”, un marca- di tipo economico. genti sono utilizzatissimi e ne-
tore cardiaco importantissimo per Ieri il direttore generale Giovanni cessari. È il caso della troponina,
individuare la presenza di un in- Canfora ha chiamato a rapporto il che è una sostanza usata soprat-
farto, non c’è già da due settima- direttore sanitario di presidio Ele- tutto per le emergenze. È il modo
ne. Il Das (Dipartimento assisten- na Giancotti e il direttore della Far- più efficace e veloce per capire se
ziale) di medicina di laboratorio lo macia Vittorio Cerullo per capire i il paziente ha avuto un infarto.
ha comunicato il 4 gennaio, chia- motivi dell’emergenza che si è «Disagi ci sono in tutti i reparti -
rendo che l’ordine, come da pras- creata. «Stiamo cercando di capi- dice Luigi Mastrantuono, segre-
si, era partito il mese prima (l’11 re perchè è successo questo - di- tario aziendale della Cisl - A volta
dicembre 2009, protocollato dalla ce Canfora -. Il problema è che, co- per recuperare un farmaco dob-
Farmacia il 16 dicembre). Nella me sempre, è stato effettuato l’or- biamo chiedere reparto per repar-
stessa situazione si è trovato il Das dine, ma le scorte non sono ba- to. Il problema è che questa è
di Patologia clinica, diretto dal pro- state. Il fatto è strano perché non un’azienda vicina al dissesto e
fessor Francesco Beguinot. Il Di- ci sono state epidemie o altri fe- non c’è un piano di riorganizza-
partimento ha ufficialmente co- nomeni che possano giustificare zione. Attualmente la Farmacia si
municato alla direzione sanitaria un consumo più alto dei presidi. sta riorganizzando, ma se non ci
che non è più possibile effettuare Adesso dobbiamo capire se c’è sono soldi c’è poco da fare. Per
moltissime analisi: cortisolo, Ca15- stato un errore da parte di chi ha questo mese sono a rischio anche
3, Alfa-Fetoproteina, Calcitonina, effettuato le richieste o da parte i nostri stipendi. Questo certa-
Estradiolo, Testosterone, Prolatti- dei fornitori». mente i manager dell’Auo non lo
na, Ca19-9, Tps. Le scorte dei rea- Alla Farmacia è stato dato incari- dicono. Ma presto ci mobilitere-
genti e di dispositivi diagnostici co di indagare sul caso. Bisogne- mo perché la situazione è critica.
sono finite. rà stabilire anche se ci sono stati Eppure, ci sono reparti che non
La verità è che dall’inizio dell’an- degli ammanchi. «Non credo che hanno personale infermieristico.
no i fornitori non si sono fatti ve- sia plausibile questa ipotesi - pre- La Terapia intensiva neonatale ha,
dere nella cittadella ospedaliera di cisa il manager dell’Aou - Certa- addirittura, dovuto ridurre le atti-
Cappella Cangiani. Nei corridoi si mente c’è stato un errore. Questo vità per le difficoltà di gestione le-
Scandalo al Policlinico, mancano presidi e reattivi. Dossier choc della Triassi: ospedale sporco
parla di carenza di fondi, di forni- dobbiamo verificare. Per ora alla gate alla carenza di personale».

IL DOSSIER TRIASSI: TROPPI PARENTI IN CORSIA, ASSISTENZA IMPOSSIBILE

Rapporto choc: ospedale sporco


NAPOLI. Allarme igienico al Se- molti reparti assistenziali è invalsa (familiari, visitatori) e cose, impedi- e del personale dell’azienda addet-
condo Policlinico. A lanciarlo è Ma- l’abitudine di consentire» «l’assi- sce la corretta esecuzione degli in- to all’assistenza». «È stato rilevato
ria Triassi, direttore del Diparti- stenza» ai degenti. Si parla della pre- terventi di sanificazione ambienta- che quest’ultimo, frequentemente,
mento di igiene ospedaliera. In una senza nelle 24 ore dei familiari de- le», scrive la dirigente dell’area fun- quando chiede il rispetto delle re-
lettera inviata al direttore sanitario gli assistiti «data la mancanza di zionale di Igiene e sicurezza degli gole, subisce reazioni molto risen-
dell’Azienda ospedaliera universi- spazi e di servizi sufficienti ad ospi- ambienti di lavoro ed Epidemiolo- tite e, in alcuni casi, verbalmente
taria la dirigente denuncia da un la- tarli». Per questo «sono costretti ad gia applicata. Interventi che sono violente di pazienti e loro familiari».
to la difficoltà a prestare assistenza invadere le camere di degenza con «essenziali per il mantenimento di Insomma, un rapporto durissimo nel
agli ammalati e ad effettuare una i propri effetti quale si dice che
corretta pulizia per la presenza di personali, scor- la responsabile del servizio ispettivo scrive al diretto- c’è una struttura
troppi parenti e visitatori in corsia. te di alimenti, re: «Difficile effettuare operazioni di pulizia adegua- nella quale ci sono
Dall’altro la difficoltà a far rispetta- sedie sdraio, te. stanze invase da visitatori ed effetti personali. Chi carenze igieniche
re le regole per l’atteggiamento valigie e zai- vuole far rispettare le regole viene aggredito» gravi per un ospe-
spesso violento da parte dell’utenza ni». Addirittu- dale e un allarme
nei confronti dei sanitari che ten- ra «in molti reparti le sedie sdraio un livello igienico sanitario ade- sicurezza. Per ora la direzione sani-
tanto di far rispettare le regole. La introdotte dai familiari, dopo l’uti- guato ad una struttura ospedaliera». taria si è limitata a rigirare a tutti i
Triassi chiede provvedimenti alla lizzo notturno, vengono depositate «Si ritiene», conclude il rapporto del- dipartimenti la lettera della diri-
direzione della cittadella ospedalie- nei locali dei servizi igienici riser- la Triassi, che questa situazione gente del servizio ispettivo interno.
ra. «Nel corso di vari sopralluoghi ef- vati ai visitatori». «potrebbe provocare discredito al- Nessun provvedimento è stato pre-
fettuati - scrive la Traissi - è stato «Il risultato dell’eccissivo affolla- l’immagine dell’efficienza e l’effica- so per affrontare il problema».
rilevato che da qualche tempo, in mento, sin dal mattino, di persone cia dell’operato dell’Aou Federico II clasil

Maria Triassi, responsabile dellʼIgiene e della sicurezza


FUORIGROTTA «RISPETTARE GLI ACCORDI PER IL RILANCIO DEL PRESIDIO»

Ospedale San Paolo, dipendenti pronti a scioperare


PROVINCIA DI NAPOLI NAPOLI. I dipendenti dell’ospe- dei ticket mensa nei tempi stabili-
Direzione Gestione Risorse e Funzionamento Edifici Scolastici dale San Paolo pronti a protestare ti da contratto. «Di fronte a tanta
Piazza Matteotti 1 - 80133 Napoli - Teel. 081.7946526 - Fax. 081.7041148 se non verranno garantiti i livelli arroganza dei commissari Asl Na-
AVVISO PUBBLICO minimi di assistenza. Lo hanno co- poli 1 - scrivono i sindacati - che
L’Amministrazione Provinciale di Napoli ha necessità, nell’immediato, di locare un immobi-
le ubicato nel territorio del Comune di Vico Equense da destinare a sede dell’IPSSAR De Gen- municato ieri mattina con un do- colpisce cittadini e lavoratori non
naro. cumento firmato da Cgil, Cisl e Uil. ci resta che programmare azioni di
L’immobile ricercato deve possedere le seguenti caratteristiche tecniche: Le organizzazioni del presidio di lotta». I sindacati attaccano dura-
• Superficie utile totale di circa 1.700 mq da cui poter ricavare circa 10 aule oltre i laboratori di Fuorigrotta chiedono il rispetto del- mente anche la politica. «Sperpe-
uso comune negli istituti alberghieri (cucine, sala pranzo, front desk, etc.), palestra, audito-
rium e uffici; l’accordo firmato a dicembre con rare denaro pubblico in cambio di
• Spazi esterni; la Regione per mantenere i livelli una gestione fallimentare è il mas-
• Una distanza dal centro storico di Vico Equense non superiore a 2 km. assistenziali attuali. Al secondo simo che si poteva ottenere da
L’immobile in questione dovrà essere conforme alle norme e prescrizioni in materia di sicu- punto c’è lo sviluppo dell’ospeda- questa classe politica e dirigen-
rezza con esplicito riferimento all’uso scolastico cui è, sarà, destinato; dovrà, quindi, rispetta-
re la normativa tecnica in materia di edilizia scolastica ed essere corredato delle relative certi-
le con l’arrivo di Unità operative ziale». Rispetto ai tempi di tan-
ficazioni richieste dalla legge. specialistiche che «permettano al gentopoli, dicono i sindacalisti, «è
Gli interessi potranno inoltrare le loro offerte, comunque non vincolanti per l’Amministrazio- nosocomio di effettuare quel fa- cambiato il metodo, niente maz-
ne, indirizzandole all’Amministrazione Provinciale di Napoli - Direzione Gestione Risorse Fun- moso salto di qualità fino ad oggi zette ma scambio di favori con vo-
zioonamento Edifici Scolastici - Piazza Matteotti 1 - 80133 Napoli entro il termine perentorio del mortificato». Poi si passa alle ri- ti, appalti e consensi». E nulla «im-
16 feebbraio 2010. La Direzione prenderà in considerazione le offerte pervenute oltre tale ter-
mine nel caso in cui nessuna offerta pervenga nei trenta giorni o qualora le offerte pervenute chieste che riguardano più da vi- porta se poi la gente muore negli
non siano state giudicate idonee. Il presente bando potrà essere visionato sul sito internet del- cino i lavoratori come «l’applica- ospedali per l’inefficienza di una
la Provincia di Napoli alla sezione Avvisi e Comunicazioni, sottosezione Avvisi Pubblici. zione contrattuale, ormai decen- gestione politico-clientelare». Af-
IL DIRIGENTE nale e i fondi aggiuntivi contrat- fermazioni gravi da parte di chi ne-
Dott.ssa Adele Mariniello Il pronto soccorso dellʼospedale San Paolo
tuali del 2009», oltre all’erogazione gli ospedali ci lavora.
6 PRIMO PIANO giovedì 21 gennaio 2010

LA SORTITA DEI CENTRI SOCIALI: ARANCE PIENE DI VERNICE ROSSA SULL’ASFALTO DEL RETTIFILO

“Maroni razzista”: protesta dei no global, otto denunciati


NAPOLI. Otto aderenti ai centri sociali ed all’area “no anche collocato arance piene di vernice rossa (nella foto)
LA DENUNCIA. global” sono stati denunciati dalla polizia in seguito alla sull’asfalto, a simboleggiare il sangue degli immigrati
CONFCOMMERCIO, UNA SPIETATA manifestazione “folcloristica” attuata ieri mattina in che, appunto, raccolgono agrumi per vivere nei campi di
coincidenza con l’arrivo a Napoli del ministro Maroni. Calabria, Puglia e Campania. Il consigliere regionale Pd,
ANALISI SULLE “DISECONOMIE” DELLE Identificati dalla Digos della Questura di Napoli, sono Antonio Amato, appoggia la protesta: «Condivido il
AZIENDE, A PARTIRE DALLA MALAVITA stati denunciati per vilipendio delle istituzioni e senso di quello striscione, denunciate anche me»,
manifestazione non autorizzata. Al Corso Umberto, nei solidarietà anche dalla Cgil. «Il vero vilipendio alla
pressi dell’Università Federico II, era stato esposto dai dignità del nostro Paese c’è stato a Rosarno e c’è
manifestanti uno striscione offensivo nei confronti del quotidianamente quando si mettono in atto politiche
titolare del Viminale. “Maroni razzista! A Rosarno discriminatorie e razziste come quelle contenute nel
vergogna di Stato”, questa la frase. I manifestanti, una trentina, hanno Pacchetto sicurezza e nella Bossi-Fini», replica la rete Antirazzista.

SICUREZZA IL MINISTRO DELL’INTERNO ROBERTO MARONI IERI A NAPOLI: «DURE MAZZATE AI CLAN, MA È SOLO L’INIZIO»

«Le imprese criminali affondano» di Antonella Scutiero re la battaglia». Ed esalta l’opera- basta mettere in galera e seque-
zione condotta nella notte da Guar- strare, dobbiamo riuscire a impedi-
NAPOLI. Piena collaborazione con dia di Finanza e Ros contro i clan re la riorganizzazione dei clan».
gli enti locali nella lotta alla Camor- Gallo, Vangone e Limelli: «Ci dà an- L’indicazione del governo in tema
ra. Il ministro degli Interni Roberto che il dato della pervasività dei clan di sicurezza urbana è stato il mag-
Maroni snocciola una serie di risul- nell’economia». Nella terra della ca- gior potere ai sindaci: «Certo, qual-
tati positivi raggiunti in 18 mesi di morra il ministro riconosce le diffi- cuno più estroso ha fatto un’ordi-
governo e sottolinea: il modello Pra- coltà dell’imprenditoria, piegata dal- nanza stravagante. Ma saranno sta-
to funziona. Così come funzionano la criminalità organizzata, ma an- te dieci su mille, le altre, impe-
i protocolli stipulati negli altri terri- che, e forse maggiormente, da quel- gnando anche la polizia municipa-
tori. «È decisiva la collaborazione tra la comune, da quei reati che si pre- le, sono state utili». E la videosorve-
forze dell’ordine, rappresentanti del- vengono con il controllo del territo- glianza: l’esecutivo, ricorda, ha stan-
la società e del mondo delle impre- rio. In momenti di crisi come que- ziato 100 milioni di euro per finan-
se, e anche degli enti locali. I proto- sti, Maroni ne è convinto, se lo Sta- ziare i progetti dei comuni, e le ri-
colli di legalità vanno progettati e to non interviene in modo efficace chieste sono state elevatissime, più
disegnati a seconda delle esigenze arriva l’economia criminale: «Tutto di 2.500: «Circa il triplo di quanto
del territorio, intervenendo in base il governo è impegnato per supera- avevamo predisposto». È soprattut-
ad esse» dice il capo del Viminale, re la crisi». to il succes-
alla Camera di Commercio per un Anche in «Ho deciso di costituire un gruppo so di Prato
convegno su “Imprese più compe- questo sen- di lavoro nella Prefettura per com- del giorno
titive senza la tassa della criminali- so la lotta al- battere il degrado in alcune aree prima - 70
tà”. E ricorda come questa strategia la criminali- delle province di Napoli e Caserta: immigrati
abbia portato agli ottimi risultati del tà non cono- stranieri e italiani sono sfruttati da clandestini
“modello Caserta”, dove si è recato sce tregua: datori di lavoro senza scrupoli» fermati, 30
nel pomeriggio «per far sentire che «Stiamo fa- aziende ge-
lo Stato c’è». I risultati ci sono: «Ab- cendo bene: il dato parziale del 2009 stite da cinesi chiuse a segnare la
biamo decapitato mafia, camorra e ci dice che a Napoli e Provincia le “via maestra” per la lotta alla crimi-
‘ndrangheta, confiscato oltre 12mi- rapine sono diminuite del 35%, i fur- nalità. La carta vincente: coordina-
la beni per circa 7 miliardi di euro: è ti del 16%, le estorsioni del 35% e mento tra forze dell’ordine, mondo
una Finanziaria, forse due, i soldi l’usura, solo quella denunciata ov- della rappresentanza degli impren-
devono essere messi a disposizione viamente, del 23%. Ma attenzione, ditori ed istituzioni sul territorio.
Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli e il ministro dellʼInterno Maroni: ridurre il peso della pressione fiscale e i costi della burocrazia
delle forze dell'ordine per continua- la guerra è tutt’altro che vinta: non

LE IMPRESE LA CONFCOMMERCIO: MENO TASSE PER UNA CRESCITA STABILE

Cola: ora basta con le “aspirine”


NAPOLI. L’incidenza della crimi- primi a attuare protocolli antirapi- traffazione sia lo sfruttamento del le cose pian piano migliorano: an-
nalità sulla competitività delle pic- na e videosorveglianza, mentre le lavoro nero. «Tolleranza zero nei ni fa abbiamo inizia. to a lavorare
cole e medie imprese è molto più istituzioni locali, per inspiegabili er- confronti dell'immigrazione clan- contro il racket e l'usura, nel 2001
forte in Campania che nel resto del rori procedurali, sono in gravissimo destina, ma puntare all'integrazio- avevamo 71 denunce, nel 2009 più
Paese. «È un cancro, una vera e pro- ritardo», incalza. I dati che riguar- ne di quanti risiedono legalmente di 700». Per il governatore Antonio
pria emergenza sociale che colpi- dano la regione, secondo la ricerca nel nostro paese», sottolinea il pre- Bassolino la crisi aumenta l’ag-
sce i cittadini e i commercianti», presentata dal presidente Format sidente Confcommercio Carlo San- gressività della criminalità nei con-
sostiene il presidente Confcom- Pierluigi Ascani, sono pesanti. galli. «Fare impresa a Napoli non è fronti dei commercianti. Rafforzare
mercio partenopeo, Maurizio Mad- L’abusivismo le azioni di control-
daloni: «Con la crisi c’è stato un ca- pesa sulla Sangalli: «In Campania il 5,7% delle Pmi pensa di chiude- lo anche con la vi-
lo occupazione del 4,2% superiore competitività re l’attività, tolleranza zero su abusivismo e contraffazio- deosorveglianza:
alla media nazionale, e abbiamo il del 31,4% del- ne». Pericoli crescenti per i consumatori a rischio, Stato «Faremo attenzio-
più alto tasso di disoccupazione le Pmi, quasi il in perdita per evasione fiscale ed economia sommersa» ne perché funzioni,
d’Italia, circa il 40%», dati condivi- 7% in più della c’è già nelle aree
si anche dal presidente della Ca- media nazionale, la contraffazione impossibile, ma è molto più diffici- industriali di Avellino, Caserta e Be-
mera di Commercio Gaetano Cola. commerciale per il 28% - quasi il 6% le che altrove», ammette il sindaco nevento, presto arriverà nella sta-
«Bisogna pensare modelli di svi- più delle altre regioni - e la crimi- Rosa Russo Iervolino, «grazie al go- zione centrale e ai decumani». Poi
luppo diversi, finora si è cercato di nalità per il 24,3%, quasi il 9% in verno e alle forze dell’ordine stiamo tre misure: «La legge sui beni con-
differire i tempi per risolvere i pro- più. Quasi un’impresa su due al- assistendo a una serie di operazio- fiscati, la riforma della polizia loca-
blemi strutturali con le aspirine», l’ombra del Vesuvio pensa che l’ef- ni che tagliano ali e radici alla ca- le, e l’aiuto alle vittime della crimi-
Il tavolo dei relatori alla ricerca promossa da Confcommercio sul costo criminale per le Pmi
continua Maddaloni. «Siamo stati i fetto pià preoccupante della con- morra - dice ringraziando Maroni - nalità e l'usura». an.scu

IMMIGRAZIONE IL MINISTRO: PRESTO INTERVENTI PER EVITARE ALTRE ROSARNO

«Castelvolturno, la Regione Campania si dia una mossa»


NAPOLI. «Castelvolturno non è so- migrazione preoccupa non poco la sieme perché è interesse di tutti linea di legalità, rispetto delle leg-
lo una questione di ordine pubblico, guida del Viminale, che annuncia evitare un’altra Rosarno», sottolinea gi e solidarietà «verso quelle perso-
bisogna intervenire in modo con- come, dopo quello di ieri, chiederà il leader di Santa Lucia, aggiun- ne senza le quali il lavoro nelle cam-
creto e lo faremo insieme a Regio- un nuovo incontro con la Regione gendo che «sentirò il ministro Ma- pagne non sarebbe più possibile né
ne, Comune e Provincia», dice il mi- Campania, e con le altre istituzioni roni nei prossimi giorni per affron- dalle nostre parti né in altre zone
nistro Maroni. E Bassolino gli dà del territorio, per mettere a punto tare la questione di Castelvolturno». del Paese», conclude il presidente
manforte: «Nessuno vuole un’altra una strategia d'azione. Occorre «piena collaborazione tra di Palazzo Santa Lucia. Proprio in
Rosarno». Piena intesa tra il leghista In quell’occasione si valuteranno gli Stato, istituzioni e organizzazioni questi giorni il consiglio regionale
(che ricorda però le competenze interventi che ciascuno deve com- sindacali, al di là degli schieramenti ha approvato una legge sull’immi-
della Regione) e il governatore cam- piere sul piano della sicurezza e del- che di volta in grazione, e ha
pano, almeno per quanto riguarda l’immigrazione clandestina, ma an- volta si trovano In calo delitti in Campania stanziato 18,5
la delicata situazione del Caserta- che in materia di politiche abitati- alla guida. Ricor- al 31 ottobre scorso. “Crol- milioni di euro
no. ve, che non competono al ministe- diamoci che la lano” le rapine: -32% quelle destinati a Ca-
L’intesa tra governo ed enti locali è ro degli Interni, e di politica sanita- criminalità cerca in banca, -27% nei negozi e stelvolturno e a
stata discussa nel tavolo di ieri po- ria, che spetta alla Regione». Un di approfittarsi 17% nelle case. Violenze ses- Eboli, «sperando
meriggio a Caserta: «Discuteremo piano a tutto campo, certamente delle divisioni suali, denunce in aumento che siano fatti
proprio delle situazioni di disagio non da poco anche dal punto di vi- nello Stato e tra importanti passi
che ci sono in quella zona, bisogna sta economico. «Tanto, bisognerà le istituzioni». in avanti. Siamo consapevoli che
intervenire in modo coordinato in- investire tanto», dice Maroni senza Parla di legalità, nel rispetto delle l’immigrazione per certi aspetti rap-
sieme alle istituzioni, per recupe- abbandonarsi a stime e previsioni. leggi vigenti, l’assessore provinciale presenta un problema, ma è anche
rare una situazione che rischia di Bassolino è già pronto a rimboc- Franco Malvano. Bisogna dunque una grande opportunità».
Il governatore Bassolino, il sindaco Iervolino e lʼassessore provinciale Malvano
esplodere». La questione dell'im- carsi le maniche: «Lavoreremo in- collaborare secondo una linea una as
giovedì 21 gennaio 2010
PRIMO PIANO 7

«OK ALL’EX MINISTRO, ORA DECIDA IL PD»

La Cisl: scelta riformista


NAPOLI. La Cisl Campania lancia un appello affinché le prossime
elezioni regionali siano colte «come un'opportunità per costruire un VERSO LE REGIONALI.
percorso politico e programmatico che ci porti fuori dalla crisi». «Le
elezioni del futuro presidente della Regione Campania devono essere
UNA LISTA UNICA NUOVO PSI-REPUBBLI-
per lavoratori e pensionati uno strumento per ridefinire e CANI A SOSTEGNO DEL CANDIDATO DEL
riposizionare il ruolo futuro della Regione in un contesto nazionale
ed europeo» afferma Lina Lucci, segretario generale della Cisl
CENTRODESTRA. L’UDC VERSO LA SCELTA
Campania. «La scelta del centrodestra di puntare su una cultura
riformista è sicuramente un elemento dirompente e di forte novità.
Il candidato del Pdl alla presidenza della Regione Campania, Stefano Caldoro Adesso il centrosinistra si adoperi per costruire una competizione
verso l’alto. Il tandem Cascetta-Caldoro potrebbe essere uno stimolo».

LE REGIONALI L’UFFICIO DI PRESIDENZA PDL LO DESIGNA. OGGI INCONTRA I PARLAMENTARI CAMPANI E FORSE BERLUSCONI

Caldoro ottiene l’ultimo via libera


di Mario Pepe IN BILICO DOMANI SI “CHIUDE”: IN CORSA TROMBETTI E PASQUINO, CON IL PRIMO FAVORITO
NAPOLI. Stefano Caldoro incassa
anche l’ultimo sì, quello di Silvio
Berlusconi, per la candidatura a
governatore della Campania: con
il premier potrebbe esserci un in-
Centrosinistra, è volata tra rettori
contro oggi. L’ufficio di presiden- di Anna Trieste relegata al livello di ultima anche Trombetti lo è. Ma non
za del Popolo della libertà, conclu- chance, a mettere tutti d’accordo. solo. Il professore, da sempre, è
sosi nella tarda serata di ieri, ha NAPOLI. E così anche nel Pd da Il Magnifico della Federico II, amico di palazzo Santa Lucia e
avallato quella che era stata l’indi- domani potranno dire finalmente infatti, nell’armadio non ha né sicuramente avrebbe l’appoggio
cazione emersa sabato scorso do- “habemus candidatum”. Sì, scheletri, né tessere di partito. È del governatore Antonio
po la riunione dei vertici locali del perché pare che domani, volente un esponente della società civile. Bassolino. Insomma, i
partito. Nessun problema, quindi, o nolente e a prescindere da Per dirla alla Di Pietro, è un presupposti perché sia lui il
per l’ex ministro per l’Attuazione quello che deciderà l’Udc nella “italiano di valore”. Ecco perché prescelto ci sono tutti, adesso
del programma che oggi si tufferà contemporanea Costituente di su di lui i suoi
subito negli incontri operativi. A Centro, il centrosinistra campano colonnelli campani L’Udc si riunisce stasera e domani a
Roma, infatti, è previsto un sum- avrà il suo candidato governatore non potrebbero aprir Roma per la Costituente di Centro.
mit tra tutti i parlamentari cam- per le prossime elezioni bocca. E lo stesso Ma il Pd è intenzionato ad andare
pani. Oggetto: l’impostazione del- regionali. Alle menti
Raimondo Pasquino
dicasi per Sinistra e avanti indipendentemente dai cen-
Guido Trombetti
la campagna elettorale, che vedrà democratiche campane dunque Libertà. Trombetti tristi. Fuori gioco De Luca e Cascetta
come guida organizzativa il vice- non resta che fare un ultimo però tapperebbe la
coordinatore napoletano Maurizio sfoggio di pazienza e poi domani, stasera da un mero incontro rettore Raimondo Pasquino e bocca anche ai moderati del Pd, non resta che attendere per
Iapicca. Ai colleghi, Caldoro riba- probabilmente al termine della preparatorio. Tramontate ormai quello di Napoli con Guido in minoranza ma sempre sul capire se l’eclettico rettore avrà il
dirà quanto già detto in occasione direzione regionale, si saprà chi è del tutto le ipotesi del sindaco di Trombetti. A quanto pare però, è piede di guerra dopo le ultime coraggio di affrontare la sfida e
della presentazione ufficiale di lu- il candidato. Su come andrà a Salerno Enzo De Luca e proprio su quest’ultimo che si sbavature a sinistra del partito. E di misurarsi con il candidato del
nedì a Napoli. In primis le priorità finire con l’Udc, invece, si dell’assessore regionale ai starebbero concentrando tutti gli poi, visto che la speranza è centrodestra Stefano Caldoro.
che sono, come è noto, sicurezza e accettano ancora scommesse. Trasporti Ennio Cascetta, perché sforzi dei democratici. E si l’ultima a morire, il leader Con o senza l’Udc. In caso
legalità, aspetti che il segretario Molto, infatti, dipende da cosa si è capito in un modo o nell’altro capisce. Il matematico sarebbe campano dell’Udc Ciriaco De Mita contrario, al segretario Amendola
del Nuovo Psi ritiene fondamenta- deciderà domani l’assemblea che agli alleati non vanno giù, l’unico nome, oltre a quello dello non ha sempre detto che per non resterebbe che immolarsi,
li per avviare un processo di svi- nazionale convocata dal leader non resta che pescare negli stesso Amendola, la cui queste elezioni si devono mettere salvando così l’unità del partito e
luppo complessivo del territorio; la Casini, che sarà preceduta atenei. Quello di Salerno, con il candidatura però al momento è in gioco gli accademici? Ebbene, la tenuta della coalizione.
sanità, per la quale l’esponente so-
cialista immagina una sorta di mo-
derno welfare; il lavoro, con pro- LA DECISIONE SECONDO I VERTICI, I TRE AVREBBERO DATO VITA AD UNA LISTA PER LE REGIONALI
getti di riordino del settore della
formazione professionale tendenti
ad evitare sprechi eccessivi di ri-
sorse. Aspetti che verranno ulte-
riormente approfonditi nei prossi-
Scotti, Milo e Iannaccone espulsi dall’Mpa
mi giorni, quando sarà anche più
chiaro il quadro della coalizione. In NAPOLI. I vertici nazionali del- ha neppure avuto il pudore di di- gioni del Mezzogiorno e ha indi-
Campania resta ancora da scio- l’Mpa “decapitano” la rappresen- mettersi dalla carica di presidente cato una linea politica del tutto
gliere il nodo dell’Udc, dopo che tanza campana. Il segretario Raf- del partito, insieme ad altri, ac- ambigua, costringendo più volte i
dall’ufficio politico del Pdl è venu- faele Lombardo, su richiesta del campando un presunto quanto parlamentari a non votare la fidu-
ta una forte critica all’atteggia- capogruppo alla Camera, Carmelo fantasioso cambio di linea politica cia al Governo. I recenti provvedi-
mento dei centristi verso le scelte Lo Monte, ha menti di commissariamento degli
per le diverse regioni. Un partico- espulso il sotto- organismi locali sono stati adotta-
lare di non secondaria importan- segretario agli Gli esclusi duri: «È stato Lombardo a ti da Lombardo prescindendo dal-
za, visto che, in mancanza di con- Esteri Enzo Scot- tradire il progetto autonomista, dovreb- le indicazioni espresse dagli eletti
troindicazioni, i centristi hanno già ti, oltre ai parla- be andare via lui. È stato il fautore di e dai territori, tradendo, così, lo spi-
fatto capire la loro preferenza per mentari Antonio un ribaltone grazie al quale ora è alla rito autonomista che avrebbe do-
l’aspirante governatore del cen- Milo, Arturo Ian- guida di una giunta di centrosinistra» vuto caratterizzarne l’operato. Il se-
trodestra: la sensazione, comun- naccone, Elio gretario federale dell’Mpa, con i
Antonio Milo Enzo Scotti
que, è che l’accordo si farà. Intan- Belcastro e Luciano Sardelli. Alla del Movimento, ha proceduto, se- provvedimenti di commissaria-
to, per domani è prevista anche la base della richiesta formulata dal condo fonti di informazione mai mento, con il ribaltone operato in
prima uscita ufficiale di Caldoro presidente del gruppo a Monteci- smentite, alla costituzione di un regionali». Dura la reazione degli il fautore di un ribaltone grazie al Sicilia, e con i preannunciati ac-
dopo l’investitura: al Maschio An- torio, «la gravità dei comporta- nuovo raggruppamento con appo- espulsi che, in una nota congiun- quale ora è alla guida di una giun- cordi con il centrosinistra nelle re-
gioino è, infatti, in programma menti tenuti dal sottosegretario sito simbolo, di fatto subalterno e ta, sottolineano che «Raffaele Lom- ta di centrosinistra. In questi ulti- gioni chiamate al voto, ha di fatto
un’iniziativa di “Italia solidale” dal Scotti, di cui è stata data diffusa sostanzialmente inserito in altro bardo dovrebbe espellere se stes- mi mesi l’Mpa ha imposto ai grup- cambiato radicalmente la linea po-
titolo “Una Costituente per la Se- notizia dagli organi di informazio- partito, con il preciso intento di so dall’Mpa avendo tradito il Po- pi parlamentari di Camera e Sena- litica dell’Mpa, dimostrando di vo-
conda Repubblica?” alla quale par- ne, in base ai quali egli, che non concorrere alle prossime elezioni polo meridionale ed essendo stato to una condotta dannosa per le ra- ler portare il Movimento a sinistra».
teciperanno, oltre al parlamenta-
re, Covatta, Ranieri e Velardi. E
Caldoro, nel fine settimana, po- DOPO LA DIFESA DEL “CORSERA”, LADY MASTELLA DECISA: «MI AUGURO CHE LA GENTE RIFLETTA»
trebbe conoscere anche il suo av-
versario del centrosinistra: in cor-
sa i rettori Trombetti e Pasquino.
NUOVO PSI-PRI VERSO L’IN-
La Lonardo: «Sto pagando una pena preventiva»
TESA. Intanto, si profila una lista NAPOLI. «Cari amici, io dell’inchiesta sull’Udeur, davvero Sandra Lonardo Daniele Capezzone, portavoce
comune Nuovo Psi-Pri. È quanto continuo a tranquillizzarvi, commenta su Facebook un Mastella merita di essere del Pdl: «Senza entrare nel
emerso dall’incontro tenutosi ieri sono una persona davvero articolo a firma di Pierluigi trattata come una delle più merito della specifica vicenda
tra una delegazione socialista, gui- perbene, estranea Battista apparso ieri sul pericolose criminali della giudiziaria, mi chiedo se non si
data dal segretario regionale, Gen- completamente ai fatti che si Corriere della Sera. «Mi storia italiana. L’innocenza, stia esagerando nel
naro Salvatore, e quella dei repub- scrivono nell’ordinanza. Sto auguro - prosegue Lonardo - come detta la Costituzione, trattamento riservato alla
blicani con Salvatore Scognami- pagando una pena preventiva che la gente rifletta. Ma dovrebbe essere garantita fino signora Mastella. È così
glio. Dall’incontro, recita una no- che non auguro a nessuno in soprattutto credo debba a sentenza definitiva. Ma in pericolosa da doverle essere
ta, «è emersa viva soddisfazione un Paese dove la Italia questa formula non impedito perfino di mettere
per la candidatura di Stefano Cal- presunzione Capezzone (Pdl): «Mi chiedo se non sembra godere di grande piede nella sua regione? Mi
doro alla presidenza della Regione dell’innocenza ti si stia esagerando con il presidente reputazione. La si ripete in pare che siamo dinanzi ad un
e una convinta convergenza su al- dovrebbe del consiglio regionale campano. È continuazione con solenne accanimento che meriterà una
cuni punti programmatici fonda- accompagnare fino così pericolosa da non potere met- ipocrisia. Ma poi, alla fine, riflessione profonda». E
mentali, quali il risanamento fi- al terzo grado di tere piede nella sua regione?» dell’innocenza della signora ancora: «Sono tutte vicende
nanziario della regione a comin- giudizio. Cosa altro Mastella non importa un diverse tra loro: ma quello che
ciare dal settore sanitario e la so- aggiungere? Se non si corre ai riflettere la classe politica. granché. L’importante è che su è accaduto a Calogero Mannino
brietà nella gestione amministra- ripari.....Oggi a me, domani a Equilibrio ed autonomia dei di lei si agisca con la massima e a Ottaviano Del Turco mostra
tiva. Socialisti e repubblicani stan- chi?». Così Sandra Lonardo due poteri - conclude il sollecitudine. Che l’opinione un denominatore comune: si fa
no valutando l’opportunità di pre- Mastella, da mesi sottoposta presidente del consiglio pubblica possa trovare un presto a colpire un esponente
sentare una lista comune che dia alla misura di divieto di regionale campano - possono simbolo per sfogare la propria politico, più difficile è
piena visibilità ad entrambe le for- dimora in Campania per assicurare serenità». Nel suo indignazione». Sulla vicenda restituirgli quello che gli è
Sandra Lonardo
mazioni politiche». effetto degli sviluppi pezzo, Battista si chiede «se Lonardo interviene anche stato ingiustamente tolto».
8 POLITICA giovedì 21 gennaio 2010

IL PREMIER: NIENTE SCONTI IN CAMPAGNA ELETTORALE. BRUNETTA A VENEZIA, IN PUGLIA SPUNTA ROMITA. OGGI VERTICE FINI-SILVIO

Udc, il Pdl tratta intese locali: «Il bipolarismo non si tocca»


ROMA. Una condanna netta del opportunistiche» quelle dell’Udc anche alcune delle candidature incontri tenuti dai tre per la maggioranza sia Adriana
«tentativo dell’Udc di di allearsi con il Pdl o il Pd a ch erano rimaste in bilico. Il coordinatori del partito: Ignazio Poli Bortone. Si deciderà la
scardinare il bipolarismo», un seconda della Regione e ricorda tutto nell’attesa dell’incontro La Russa, Denis Verdini e prossima settimana tra una
no secco alla politica dei “due come «è stato Fini a che ci sarà oggi tra lo stesso Sandro Bondi con i responsabili rosa di nomi che comprende,
forni” perseguita dall’Udc, ma condannare la politica dei “due Berlusconi e Gianfranco Fini, locali di quelle Regioni dove la appunto,anche quello di
via libera alle intese locali nel forni”». E nonostante che alla allargato ai coordinatori del caselle delle candidature sono Romita.
Lazio e in altre Regioni dove fine il Pdl sigli accordi con i partito e ai presidenti e ancora vaganti. Affrontata Capitolo a parte riguarda la
l’Udc voglia appoggiare centristi, il Cavaliere non vicepresidenti dei gruppi anche la questione della Lega Nord. Il problema con il
candidati del Pdl. Si protrae promette sconti nel corso della parlamentari. È stata Calabria dove Giuseppe Carroccio è tutto incentrato
fino a tarda sera l’Ufficio di campagna elettorale: «Penso di ufficializzata la candidatura di Scopelliti avrebbe ricevuto sulla scelta del simbolo e dei
presidenza del Pdl, e al termine essere libero, anche se in una Renato Brunetta, attuale rassicurazioni sulla possibilità candidati previsti nel cosiddetto
di una discussione animata si regione vi fosse un’alleanza con ministro della Funzione di un’intesa con l’Udc. Da listino del presidente in quelle
avvia a partorire una linea un partito di cui non condivido Pubblica, a sindaco di Venezia. sciogliere, dunque, il nodo regioni come ad esempio il
unitaria nei confronti dei la posizione, di rivolgere a Mentre spunta il nome del noto Puglia. Il problema per la scelta Veneto dove è previsto. La
centristi. Ma la tensione tra questo partito delle critiche». giornalista del Tg1, Attilio del candidato riguarda maggioranza è al lavoro per
Berlusconi e Casini resta alta, L’Ufficio di presidenza a Romita, per la Puglia. La essenzialmente la tenuta degli cercare un logo che consenta
con il premier che ribadisce di Palazzo Grazioli si è protratto riunione di Palazzo Grazioli è equilibri interni al Pdl, messi a all'elettore di avere un quadro
Silvio Berlusconi
considerare «scelte fino a tarda sera e ah discusso stata preceduta da una serie di rischio dall’ipotesi che a correre chiaro al momento del voto.

OK DELL’AULA BERLUSCONI: NEI TRIBUNALI PLOTONI D’ESECUZIONE CONTRO DI ME. LE TOGHE: DEVASTANTE. IL PDL: FALSITÀ

Sì ai processi più brevi: bagarre al Senato


LA GIUSTIZIA COSTA 30 MILIONI AL GIORNO
ECCO COME DURATA MASSIMA IN BREVE
Per i reati con pena fino a 10 anni, i processi potranno durare al massimo 3 anni in primo grado, 2 in appello e un anno
e 6 mesi in Cassazione. In caso di annullamento della Cassazione con rinvio si prevede un anno per ogni grado di giudizio. I Alfano: riformare Csm e carriere MEDIASET
processi per reati con pena pari o superiore ai 10 anni, dureranno al massimo 4 anni per il primo grado, 2 per l’appello
CAMBIERÀ e 1 per la Cassazione Un piano per l’arretrato civile Protesta dipendenti
TERRORISMO E MAFIA ROMA. Le riforme costituzionali della giustizia e un piano per ridurre a Montecitorio
IL PROCESSO La durata salirà a 5 anni per il primo grado, 3 per il secondo e 2 per la Cassazione, con facoltà del giudice di prorogare l’arretrato delle cause civili pendenti. Il ministro della Giustizia, ROMA. Dopo lo sciopero, la pro-
questi termini fino a un terzo in più Angelino Alfano (nella foto), annuncia le prossime mosse sulla testa di piazza. I dipendenti Me-
giustizia. Innanzitutto sarà presentato «in tempi brevi» al Consiglio diaset, con cartelli, fischietti e
RECIDIVI
Le norme sul processo breve saranno applicate anche ai recidivi dei ministri un «piano straordinario per lo smaltimento dell’arretrato slogan, protestano in piazza
civile». Il Guardasigilli, presentando la sua relazione al Senato Montecitorio, a pochi metri dal-
CORTE DEI CONTI sull’amministrazione della giustizia nel 2010, spiega che «nel 2008 su l’ufficio del Presidente del Con-
Le disposizioni non si applicheranno ai giudizi di appello alla Corte dei Conti 4.826.373 procedimenti sopravvenuti quelli esauriti sono stati ben siglio Silvio Berlusconi. E conte-
4.605.551, con un saldo negativo di circa 220mila processi», rilevando stano il silenzio della proprietà e
APPLICABILITÀ che «il vero problema da risolvere è quindi quello dell’eliminazione del Governo di fronte alle richie-
Una norma transitoria stabilisce l’applicabilità della normativa ai processi in corso, a reati indultati o indultabili
dell’arretrato». La giustizia «costa 8 miliardi di euro l’anno, cioè circa ste di aprire una trattativa, dopo
(commessi fino al 2 maggio 2006)
30 milioni di euro per ogni giornata lavorativa», specifica. Quindi entro l’annuncio del trasferimento di
il 2010 arriveranno le riforme costituzionali. Nell’ambito di queste personale con cessione di ramo
di Gianluca Pettinato hanno chiesto se si presenterà nei fare - dice il segretario del Pd Pier riforme costituzionali - sottolinea Alfano - «occorre procedere alla d’azienda Videotime spa alla
processi che lo riguardano ha re- Luigi Bersani - distruggere miglia- riscrittura di alcune fondamentali e strategiche regole costituzionali Pragma Service srl che mette a
ROMA. Primo via libera in Parla- plicato: «I miei avvocati insistono a ia di processi, lasciare senza giu- che, ferma l’autonomia e l’indipendenza della magistratura, rischio 56 posti di lavoro. «Non
mento al disegno di legge che ab- dire che mi troverei di fronte a dei stizia migliaia di vittime per salva- attribuiscano al giudice il ruolo centrale nell’esercizio della sulla pelle dei lavoratori», è lo slo-
brevia i tempi del processo penale. plotoni di esecuzione». Berlusconi re uno solo». Pronta la replica del giurisdizione e garantiscano ad un separato ordine dell’accusa piena gan della protesta di piazza.
Con una larga maggioranza al Se- ha anche parlato di Bettino Craxi, presidente dei senatori del Pdl, autonomia nell’esercizio dell’azione penale nonchè nello svolgimento
nato - 163 voti a favore, 130 contro commemorato in questi giorni. «Era Maurizio Gasparri: «Ma è davvero delle indagini sulle notizie di reato che ad esso pervengano». Dovrà poi SU YOUTUBE
e 2 astenuti - le nuove norme sono un mio amico - ha commentato - e breve questo processo, visto che le essere «adeguatamente ripensata, la struttura, la composizione e la
state approvate e ora passano al va- credo che sia da annoverare tra i nuove norme prevedono comunque funzione del Consiglio superiore della magistratura ben oltre “Emmatar”, la Bonino
glio della Camera, ma in aula ci so- protagonisti della nostra storia re- che nei casi di reati più gravi i ter- l’esigenza di innovarne il sistema elettorale che, come è noto, può s’ispira ad “Avatar”
no state molte tensioni. L’Idv ha pubblicana». mini per il giudizio possano arriva- essere modificato con legge ordinaria». Non basta. Arriverà a breve ROMA. Emma Bonino trasfor-
protestato espo- Il Comitato In- re fino a 15 anni? Circa 500 processi anche il piano carceri che «poggia su tre pilastri fondamentali» che mata su Youtube in uno degli
nendo cartelli Il Cavaliere: è costituzio- termagistrature al giorno spariscono per prescri- Alfano specifica così: «Interventi eroi del film “Avatar”: ultima pos-
contro il Gover- nale. E su Craxi: nella sto- - che riunisce la zione, questa legge vuole imporre di edilizia penitenziaria per la sibilità su cui puntare per di-
no, ma la mag- ria. Bersani: distruggono magistratura or- alla magistratura di celebrarli i pro- costruzione, in prima battuta, di ventare i protagonisti di «un nuo-
gioranza ha tira- la giustizia. Gasparri: ri- dinaria, ammini- cessi». L’impatto di questa legge - 47 nuovi padiglioni e vo possibile inizio». Si chiama
to dritto nono- guarda solo l’1% dei pro- strativa e conta- ha poi ricordato Gasparri - sarà so- successivamente di 8 nuovi “Emmatar”, dura poco più di due
stante lo scontro cedimenti. Di Pietro: mag- bile e l’Avvoca- lo sull’1% del 3,5 milioni di proces- istituti. Gli interventi normativi minuti ed è il video realizzato dai
con l’opposizio- gioranza è associazione tura dello Stato - si aperti attualmente in Italia». Pri- che introducono la possibilità della sostenitori della leader radicale
ne. «Il processo è mafiosa. E l’Idv scatena ha duramente ma e dopo il voto si è registrata detenzione domiciliare per chi nella corsa alle Regionali del La-
un processo lun- criticato il ddl qualche intemperanza tra i banchi deve scontare solo un anno di zio. Ispirato al kolossal fanta-
go, prevede tem-
la protesta in aula approvato «che dei senatori. Dopo le dichiarazioni pena residua e la messa alla prova scientifico, “Emmatar” alterna
pi ancora troppo rischia di pro- di voto, il gruppo dell’Idv si è alza- delle persone imputabili per reati sequenze e dialoghi del film
lunghi», spiega Silvio Berlusconi, durre conseguenze devastanti sul- to e ha esposto alcuni cartelli con- fino a 3 anni, che potranno così montati ironicamente con im-
che non crede all’incostituzionali- l’intero sistema della giustizia ita- tro la norma, con i quali invitavano svolgere lavori di pubblica utilità. magini di Roma, del Parlamen-
tà della legge: «È l’Europa che ce lo liana». Un processo breve «che ri- il presidente del Consiglio a «farsi L’assunzione di 2000 nuovi agenti to, delle manifestazioni di piazza
chiede. E c’è la Costituzione che ci schia di produrre conseguenze de- processare». Immediata la reazio- di polizia penitenziaria». Sempre in materia di giustizia, il Presidente e di alcune delle storiche inizia-
dice che i processi debbono avere vastanti sull’intero sistema della ne dei commessi, che però hanno della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha risposto alla “lettera aperta” tive che videro i Radicali in pri-
tempi certi e ragionevoli». Ma il pre- giustizia italiana». Vibrate le prote- avuto difficoltà a togliere i cartelli ricevuta da Massimo Donadi, presidente dei deputati dell’Idv in ma fila.
mier poi torna ad attaccare alcuni ste e le critiche dell’opposizione dalle mani dei senatori. Durissimo dissenso con quanto affermato in occasione del decennale della morte
settori della magistratura e, ri- sulla legge approvata. «Hanno fat- Antonio Di Pietro: «La maggioran- del leader Psi: «Lei non ha evidentemente letto» la sentenza della MADE IN ITALY
spondendo ai giornalisti che gli to la cosa peggiore che si potesse za è un’associazione mafiosa». Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo» sui processi a Craxi.
Prodotti preziosi
Via libera alla tutela
GASPARRI-LA RUSSA CASA, DALLA LOTTA ALL’EVASIONE 900 MILIONI SONDAGGIO: LEGGERA FLESSIONE PDL, UDC STABILE ROMA. Via libera bipartisan del-
la commissione Attività produt-
Pdl, oltre mille Sacconi: sposteremo 8-15 miliardi Fiducia, crollano i Democratici tive della Camera in sede legi-
slativa al provvedimento a dife-
attesi ad Arezzo dalla speculazione alle famiglie Il Governo tiene, sale Di Pietro sa dei prodotti realizzati con ma-
teriali preziosi, come l’oro e il pla-
ROMA. Si prevede la partecipa- ROMA. L’intenzione del Governo è quella, nell’ambito di una riforma ROMA. Resta stabile la fiducia degli zione) che “quota” 61%, Maroni (sta- tino. Ora il testo passa all’esame
zione di più di mille tra quadri, del fisco, di «incentivare il matrimonio, la procreazione e italiani (da non confondere con le in- bile al 60%) e Alfano al 58%; Zaia del Senato.
esponenti degli enti locali, sinda- partecipazione di tutti e due i coniugi al mercato del lavoro». Lo tenzioni di voto) nei confronti del (+1%) sale al suo miglior risultato as-
ci, dirigenti e militanti giovanili evidenzia il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Maurizio presidente del Consiglio - al 48% - e soluto (47%). La fiducia al Presiden- ANTIMAFIA
del Popolo della libertà alla con- Sacconi, durante il question time alla Camera, rispondendo a una del Governo (40%); cala invece quel- te del Consiglio rimane al 48%; ri-
vention promossa dalle associa- interrogazione dell’Udc. Sacconi precisa che un intervento di «fiscalità la verso i partiti con il Pdl che segna spetto allo scorso mese crescono lie- Appello per “filtro”
zioni Italia Protagonista e Punto premiale per la famiglia», secondo gli interventi all’esame del un meno 2% quotandosi al 46%, e il vemente (+1) coloro che danno una su liste Regionali
Italia, che si terrà ad Arezzo saba- Parlamento, avrebbe «oneri stimati fra gli 8 e i 15 miliardi di euro», un Pd che perde 4 punti scendendo valutazione negativa all’azione di ROMA. I rappresentanti di tutti
to e domenica prossimi. All’ini- costo che, vista anche la crisi, va recuperato con uno spostamento del nuovamente sotto il 40%, al 37%. Berlusconi (50%). Il Governo invece i gruppi politici in commissione
ziativa sono stati invitati tutti i prelievo «dai disvalori come la speculazione ai valori come la famiglia». Cresce invece, di un punto salendo rimane stabile al 40%, e apre l’anno Antimafia chiedono di utilizzare
parlamentari ed i dirigenti del Pdl «Il cantiere - conclude Sacconi - è aperto, ci auguriamo di poter lavorare al 36%, l’Idv di Antonio Di Pietro. So- con un risultato fermo su questo li- le norme previste dalla legge isti-
per aderire personalmente o con insieme alla realizzazione di questo non facile ma necessario percorso no questi i principali dati del son- vello dallo scorso mese di novembre. tutiva per attuare un “filtro” sul-
le loro associazioni o Fondazioni. di riforme». Il deputato centrista, Teresio Delfino, in sede di replica, si daggio mensile di Ipr Marketing per Il comando della graduatoria rimane le liste delle candidature per le
«Siamo molto soddisfatti dell’at- dichiara insoddisfatto delle parole del Governo: «Prendiamo atto delle conto di Repubblica.it che eviden- nelle mani del Pdl, nonostante un ca- prossime Regionali. Legge isti-
tenzione che questo appunta- buone intenzioni, ma non c’è nessun impegno concreto sui tempi». ziano in particolare come, al ritorno lo di due punti che porta il partito al tutiva alla mano, i rappresentanti
mento ha suscitato - hanno di- Intanto si scopre che l’attività di controllo dell’Agenzia del Territorio all’attività politica dopo l’aggressio- 46% di fiducia; la distanza dagli al- di tutti i gruppi avanzano la pro-
chiarato i promotori Ignazio La nel 2009 ha fruttato un bottino da quasi 900 milioni di euro: è ne di Milano, il premier veda conso- tri partiti rimane ancora molto am- posta che già la prossima setti-
Russa e Maurizio Gasparri - e rin- l’ammontare delle rendite catastali «svelate» dall’attività di controllo lidato e confermato il risultato di cre- pia: è da notare infatti il forte calo del mana la Commissione decida di
graziamo numerosi esponenti del dell’Agenzia del Territorio nel 2009. Così in 12 mesi i redditi «emersi» scita registrato lo scorso mese an- Pd (-4%), che dopo alcuni mesi di rendere operativo il comma del-
centrodestra che anche a nome hanno segnato un più 60%, e la spinta più forte all’impennata è che se il giudizio per la sua squadra crescita, seguenti all’elezione di Pier- la legge che assegna all’organi-
delle loro Associazioni e Fonda- arrivata dalla scoperta di «case fantasma», ovvero di immobili non rimane ancora fermo su una ten- luigi Bersani come segretario, scen- smo di inchiesta il compito di in-
zioni hanno annunciato la pre- dichiarati. Il bilancio è presentato dal direttore dell’Agenzia, Gabriella denza al ribasso. Tra la compagine de nuovamente al di sotto del 40%, e dagare anche riguardo «alla se-
senza ad Arezzo». Tra questi Cic- Alemanno, che ha spiegato come «l’incremento pari al 60% rispetto al di Governo, comunque, la vetta spet- con il 37% pare evidenziare prime lezione dei gruppi dirigenti e del-
chitto, Quagliariello, Bocchino, febbraio del 2009» sia dovuto soprattutto all'emersione delle «case ta a Sacconi con il 62% dei consen- delusioni sulla linea seguita, anche le candidature per le assemblee
Baldassarri, Matteoli. Ci saranno fantasma», che da sole hanno contribuito per 234 milioni di euro su un si, seguito da Brunetta (che sale di in relazione alle scelte per le prossi- elettive».
quasi tutti i ministri. totale di 897 milioni. un punto rispetto all’ultima rileva- me elezioni regionali.
giovedì 21 gennaio 2010
ATTUALITA’ 9

MAFIA. CINQUE ARRESTI: VOLEVANO COLPIRE ANCHE LA CUGINA DEL GIUDICE PC POSITIVO AL CONTROLLO ANTIESPLOSIVI. IL PROPRIETARIO È FUGGITO

Sventato agguato contro l’ex sindaco di Gela Allarme bomba, caos all’aeroporto di Monaco
GELA. L’ordine era partito dal somiglianza tra le due donne. Il Emanuele Argenti, 45 anni, MONACO. Allarme terrorismo riaperto. Gravi le conseguenze
carcere. La mafia aveva deciso di piano di morte è stato sventato Salvatore Terlati, 36 anni, all’aeroporto di Monaco, il per il traffico aereo su tutta
saldare i conti con l’ex sindaco di grazie alla collaborazione di Emanuele Bassora, 36 anni, e secondo scalo tedesco e uno dei l’Europa. Un portavoce della
Gela, l’eurodeputato del Pd alcuni esponenti della stessa Alessandro Gambuto, 35 anni. Le maggiori d’Europa. Uno polizia, Albert Poerschke, ha
Rosario Crocetta, e con il gip di mafia gelese e la scorsa notte la indagini erano scattate sconosciuto ha tentato di passare riferito che il sospetto, che in un
Caltanissetta Giovanbattista squadra mobile, su ordine della nell’agosto scorso dopo che un i controlli di sicurezza portando primo momento si pensava fosse
Tona. Entrambi considerati dei direzione antimafia di detenuto di Caltanissetta aveva con sé un computer portatile con fuggito, sarebbe probabilmente
nemici delle cosche. Nel caso del Caltanissetta, ha notificato cinque fatto pervenire agli inquirenti dentro dell’esplosivo. Quando un viaggiatore che stava per
giudice Tona si doveva trattare di ordinanze di custodia cautelare a una lettera nella quale raccontava l’esplosivo è stato scoperto con i perdere l’aereo e, in tutta fretta,
una vendetta trasversale: persone attualmente detenute. Si che le cosche volevano lanciare controlli dei congegni elettronici avrebbe quindi “saltato” i
l’obiettivo era infatti una cugina tratta di Francesco Vella, 35 anni, un pesante avvertimento al degli agenti, l’uomo è riuscito ad controlli. È accaduto nel primo
del magistrato, vicedirettore di Nicola Cascino, di 56, Massimo giudice Tona per la sua afferrare in tutta fretta il suo pomeriggio di ieri, nel livello 4
banca a Mussomeli ed Carmelo Billizzi, di 35, Paolo particolare severità nei confronti computer e a fuggire. È partita terrorista. Intanto il terminal 2 del terminal 2 del “Franz Josef
erroneamente considerata la Portelli, di 42 e Domenico Vullo, del clan Emanuello ma anche per una gigantesca caccia all’uomo dello scalo, bloccato secondo le Strauss International” di
sorella del Gip per via della 34 anni. Mentre sono indagati i processi ancora in corso. per catturare il presunto procedure d’emergenza, è stato Monaco.

HAITI VIVI UN NEONATO, 2 BIMBI E UNA RAGAZZA. LE ULTIME PAROLE DELLA VITTIMA DI TEORA: UN PO’ D’ACQUA

Nuove scosse, stop alle ricerche degli italiani


di Valentina Noviello condo l’Onu sono 121 le persone fi-
nora salvate dalle squadre interna-
trappolati sotto una palazzina di due
piani. Li ha salvati un team dei vigi-
d’acqua». «Il terremoto c’è stato il
12, e il 13 e il 14 l’ho sentita che si IN BREVE
ROMA. Ad Haiti ieri è tornata la pau- zionali di soccorso. La neonata, di 15 li del fuoco e della polizia di New lamentava e diceva qualcosa. Poi più
ra: mercoledì una nuova forte scos- o 23 giorni secondo diverse fonti, è York. La ragazza, haitiana, era inve- niente», racconta Vitiello. Adesso, la SOS CARCERI
sa di terremoto è stata avvertita a sopravvissuta senza cibo e acqua: i ce sepolta tra le rovine di un super- sua principale preoccupazione, è tro-
Port-au-Prince alle 6.03 (le 12.03 in soccorritori l’hanno trovata nel letto mercato nel centro della capitale, vare il corpo della madre e dargli una Detenuto suicida:
Italia). Di magnitudo 6,1 Richter, ha di casa, a Jacmel, dove si trovava l’Olympic Market. Tra i suoi salvato- sepoltura. Anche per questo, per ve- orrore a Spoleto
avuto l’epicentro a circa 22 km di quando la terra ha tremato otto gior- ri uno è di origine italiane, Cristiano dere che cosa si può fare, una dele- PERUGIA. Era stato arrestato sa-
profondità vicino a Petit Goave, una ni fa. Elisabeth ha dunque trascorso Mascaro. Mascaro, nato in Francia gazione italiana composta da vigili bato scorso dai carabinieri a Nor-
delle aree già devastate dal sisma del buona parte della sua attuale vita da genitori italiani, è ad Haiti con del fuoco e funzionari dell’unita’ di cia dopo avere aggredito i suoi fa-
12 gennaio, a 60 chilometri dalla ca- sotto le macerie. Incredula la mam- l’organizzazione francese Soccorri- crisi della Farnesina, si e’ recata sul miliari e gli stessi militari Ivano
pitale. Non ci sono notizie di vittime, ma, una ragazza di 22 anni, anche tori senza frontiere. Ricerche inter- posto per un sopralluogo.Ieri undici Volpi, il ventinovenne che irti si
ma tra la popolazione si è diffuso il lei scampata alla devastazione: do- rotte al Caribbean Market, quello do- fucilieri dell’aria del 16 Stormo "Pro- è suicidato nel reparto infermeria
panico e tante persone sono corse in po una settimana di ricerche aveva ve stava lavorando l’italiano Antonio tezione delle Forze" di Martina Fran- del carcere di Spoleto. Lesioni,
strada gridando. Testimoni riferi- perso le speranze di rivedere viva la Sperduto al momento del sisma. Nel ca sono partiti ieri per Haiti, nel- violenza, minacce e resistenza a
scono che ci sono stati diversi crolli piccola. Anche per i soccorritori le supermercato, uno tra i più grandi l’ambito della task-force interforze pubblico ufficiale i reati conte-
Caos ad Haiti
di palazzi già danneggiati. Tantissi- speranze erano nulle, tanto che ave- della capitale, al momento del sisma appositamente predisposta dallo sta- stati. In particolare - secondo
mi gli sfollati: secondo l’Organizza- vano già deciso di demolire l’edifi- c’erano tra le 70 e le 100 persone, to maggiore della difesa per presta- quanto accertato dagli investiga-
zione internazionale per le migra- cerie regalano quelli che ormai si cio. È stato proprio allora che hanno compreso appunto Sperduto. Gli ita- re soccorso alle popolazioni colpite tori - il giovane, risultato già in-
zioni, 370mila persone sono ospita- possono definire dei miracoli. Sei le trovato Elisabeth, come riferisce il liani che mancano all’appello sono dal sisma che ha devastato la picco- quisito in passato, si era avven-
te nei 300 accampamenti improvvi- persone estratte vive nelle ultime 24 Wall Street Journal online. La bim- due: Antonio Sperduto e la funzio- la Repubblica caraibica. Gli undici tato contro i genitori con un col-
sati a Port-au-Prince. L’ultimo bilan- ore: ultimi in ordine di tempo tre ba, trovata da tre squadre di soccor- naria dell’Onu Cecilia Corneo. militari del 16esimo stormo, guidati tello nella loro casa di Norcia.
cio, diffuso dalla Protezione civile bambini e una ragazza di 26 anni. In ritori francesi in una cavità dopo cin- Intanto il figlio di Gigliola Martino, dal tenente Mauro Aiello, di Napoli,
haitiana, parla di 75mila morti, precedenza un uomo era stato tira- que ore di lavoro, era in buone con- l’anziana rimasta sotto la sua casa raggiungeranno Haiti a bordo della IN VIRGINIA
250mila feriti e un milione di senza- to fuori da sotto il Caribbean Market dizioni, senza ferite né ecchimosi. crollata nel terremoto di Haiti, Ric- nave Cavour della marina militare,
tetto. Intanto si continua a scavare e una donna anziana dalle macerie Gli due bambini, un maschio e una cardo Vitiello di Teora, ha ribadito: unitamente all’intero contingente in- Uccise otto persone
e, a sette giorni dal terremoto, le ma- della cattedrale di Port-au-Prince. Se- femmina di 8 e 10 anni, erano in- «Non mi lasciate qui. Datemi un po’ terforze. Il killer si arrende
ROMA. Si è arreso Christopher
Speight, l’uomo che aveva com-
ROMA. RAID RIVENDICATO DA CELLULE BRIGATISTE EMENDAMENTO VARRÀ COME APPRENDISTATO: POLEMICA piuto una strage e si era rifugia-
to nei boschi della Virginia. Lo ri-
Esplode ordigno contro la sede ferisce la Cnn. Il killer aveva uc-

dei carabinieri in congedo Al lavoro a 15 anni invece che a scuola ciso otto persone e poi si era da-
to alla macchia. Era ricercato da
almeno un centinaio di agenti di
ROMA. Un ordigno di fabbricazione artigianale è stato fatto esplodere ROMA. È polemica su un emenda- stessa dell’obbligo scolastico che va polizia, che avevano individuato
la scorsa notte fuori l’entrata secondaria dell’Istituto scolastico Istituto mento al disegno di legge sul lavo- assolto nei percorsi di istruzione e un bosco in cui l’omicida si era
tecnico commerciale Matteucci, in via della Vigne Nuove a Roma. ro, collegato alla Finanziaria, ap- formazione, e non attraverso l’ap- nascosto. Siamo ad Appomatox,
All’interno della scuola, da circa dieci anni, è attiva la sezione di provato ieri mattina dalla commis- prendistato che nella maggior par- in Virginia.
Montesacro dell’Associazione nazionale carabinieri in congedo. Non è sione Lavoro della Camera che pre- te dei casi si traduce in un lavoro
escluso che l’azione possa avere avuto come obiettivo proprio vede che l’apprendistato possa va- vero e proprio dove di apprendi- IN USA
l’Associazione perchè la targa è presente solo fuori l’ingresso lere a tutti gli effetti come assolvi- mento c’è ben poco». Critiche sono
secondario della scuola. mento dell’obbligo di istruzione. «La state espresse anche dal segretario Obama: dura sconfitta
Il fatto è avvenuto intorno all’1,30: l’ordigno era composto da una maggioranza fa carta straccia del- confederale della Cisl, Giorgio San- in Massachusetts
bomboletta del gas, di quelle che si utilizzano nei campeggi, e da l’obbligo scolastico: inaccettabili tini. «L’emendamento sull’appren- WASHINGTON. Il repubblicano
alcuni fili elettrici. Il rudimentale congegno ha provocato una questi salti all’indietro sul tema del- distato approvato dalla commissio- Scott Brown è il nuovo senatore
fiammata che ha parzialmente danneggiato il cancello d’ingresso della la formazione», dichiara l’ex mini- ne Lavoro della Camera, in modo del Massachusetts: ha battuto la
scuola, mandato in frantumi una vetrata e annerito la targa stro della Pubblica Istruzione, Giu- frettoloso e senza nessuna consul- rivale democratica Martha Coa-
dell’Associazione dei carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari seppe Fioroni. Se il provvedimento tazione delle parti sociali, deve es- kley con il 52%, ereditando il seg-
dell’Arma della stazione Montesacro e i vigili del fuoco. Il gesto è dovesse andare in porto, gli studenti sere corretto prima dell’approvazio- gio che per quasi 60 anni era sta-
stato rivendicato nella tarda mattinata con una telefonata ad un meno volenterosi potrebbe uscire ne in Aula del ddl lavoro prevista to monopolio della famiglia Ken-
quotidiano romano dalle “Cellule di resistenza proletaria nucleo Mario dalle aule scolastiche un anno pri- per la prossima settimana». «In par- nedy, ultimo il “vecchio leone”
Galesi”. Il rudimentale ordigno, che consisteva nell’assemblaggio di ma dell’attuale obbligo scolastico, ticolare - aggiunge Santini - va at- Ted, morto ad agosto. Una scon-
sei bombole a gas per campeggio, ha provocato una fiammata che ha fissato a 16 anni. tentamente valutato il rischio di un fitta bruciante per Barack Oba-
danneggiato la targa dell’associazione che si trova all’interno di Ma l’Ue e tutti i più recenti studi sul italiani di poter competere ad armi conflitto tra norme, stante la vigen- ma, che si era impegnato in pri-
istituto scolastico. La telefonata di rivendicazione del movimento che capitale umano ci chiedono il con- pari con i loro colleghi nel resto del te legge 296/06 che fissa l’obbligo ma persona in favore della Coa-
ha preso nome dal brigatista Mario Galesi, è ora al vaglio degli esperti trario: aumentare la permanenza a mondo, qui si decida di fare un sal- di istruzione a 16 anni, che porte- kley.
dell’antiterrorismo dell’Arma così come i resti dell’ordigno. scuola dei nostri adolescenti e ri- to all’indietro così macroscopico». rebbe alla paralisi operativa». La ri-
durre la dispersione scolastica. «La «È l’ultimo atto dello smantella- chiesta del sindacato è quella di «ri- NEL VARESOTTO
maggioranza e il ministro Sacconi - mento di un vero obbligo scolasti- lanciare l’apprendistato per aiutare
INCHIESTA VIP: LA DECISIONE DEL GIUDICE continua Fioroni - hanno deciso di co»: così il segretario della Flc-Cgil, concretamente l’occupazione dei Investita a 7 mesi
fare carta straccia dell’obbligo sco- Mimmo Pantaleo, commenta giovani», ma di farlo in collegamen- Stanato il pirata
Vallettopoli, prosciolto Corona lastico. È inaccettabile che, invece
di intensificare gli sforzi per colle-
l’emendamento. «Siamo decisa-
mente contrari. Prevedere questo -
to con «percorsi di istruzione e for-
mazione professionali nei quali, co-
VARESE. È stato rintracciato il pi-
rata della strada che ieri mattina
gare la fase educativa alla forma- afferma il sindacalista - significa me previsto dalla legge, si assolva ha investito una bimba di sette
POTENZA. Il gup di Po- ciazione per delinquere zione e mettere in grado i ragazzi mettere in discussione l’essenza all’obbligo di istruzione». mesi a Malnate, nel Varesotto. La
tenza, Luigi Barrella, ha e altri reati “satelliti”: al- bimba, ricoverata all’ospedale di
disposto il non luogo a cuni capi di imputazio- circolo di Varese, non ha subito
procedere perchè il fat- ne del corso delle inda- TRAGEDIA A GENOVA. I PARENTI ERANO ARRIVATI DA CUNEO PER LA FESTA gravi ferite e probabilmente ver-
to non sussiste per il fo- gini erano stati trasferi- rà dimessa in serata.
tografo dei vip, Fabrizio
Corona (nella foto), il
te in altre sedi.
A Milano, lo scorso 10
Invita tutti alla laurea ma è una bugia: suicida CATANIA
principale imputato del- dicembre, Corona è sta-
la cosiddetta inchiesta to condannato a tre an- GENOVA. Uno studente di 28 dell’Ateneo genovese non era stato terribile per i genitori, Stupra trentenne
“Vallettopoli”, partita da Potenza ni e otto mesi di reclusione per anni si è buttato dal quarto mai stata fissata, anche perchè arrivati da Cuneo, trovarsi di Preso un operaio
nel 2007 con gli arresti richiesti quattro capi d’imputazione, rela- piano, togliendosi la vita. Aveva il giovane non aveva ancora fronte al corpo del figlio, steso CATANIA. L’aveva conosciuta al
ed ottenuti dal pm Henry John tivi alle estorsioni e ai tentativi di mentito ai suoi genitori finito gli esami programmati nell’obitorio. A Genova lo mare, l’ha stuprata in auto, tra i
Woodcock (ora in servizio a Na- estorsione nei confronti del cal- raccontando loro di aver finito nel suo piano di studi. studente fuorisede viveva con rovi, nelle campagne di Mister-
poli) dello stesso Corona e di altri ciatore Francesco Coco e Adriano gli esami e di essere pronto Incastrato in questa situazione, un’anziana nonna. Qualche bianco, dove l’aveva portata con
indagati. e del motociclista Marco Melan- oggi a discutere la tesi di attanagliato dalla vergogna e esame l’aveva dato, ma non una scusa banalissima, voglio
A Corona la Procura potentina dri. Per altre sette persone il gup laurea. Al momento della morte dalla sofferenza, R.B. ieri abbastanza per coronare un «parlarti un po’». Lo stupratore è
contestava il reato di associazio- ha disposto il non luogo a proce- il ragazzo era solo in casa con la mattina ha tentato invano di sogno che forse apparteneva più stato arrestato quattro ore dopo:
ne per delinquere finalizzata al- dere, mentre per altre sei (tra le nonna. Era prevista festa uccidersi un paio di volte, prima ai suoi genitori che a lui. si era nascosto nella casa di un
l’estorsione e allo sfruttamento quali il manager di alcune porno- grande in famiglia per la laurea di riuscirci, gettandosi dalla Un’aspettativa che per R.B. si parente temendo che i carabinieri
della prostituzione. A Potenza, in star, Riccardo Schicchi) ha di- di un giovane di 28 anni, finestra. Il ventottenne non è era ormai trasformata in un lo scovassero. In manette Giu-
quanto luogo di prima iscrizione sposto il trasferimento del fasci- studente di architettura riuscito ad affrontare i genitori incubo, fino al punto tale di seppe Marcello Di Mase, 38 anni,
del reato, era infatti rimasta la par- colo ad altre sedi per incompe- fuoricorso. Ma la discussione e raccontare loro che per anni inventarsi la data della operaio incensurato.
te di inchiesta relativa all’asso- tenza territoriale. della tesi alla facoltà aveva mentito sui suoi studi. È discussione della tesi di laurea.
10 CAMPANIA giovedì 21 gennaio 2010

IL COMMISSARIO JUCCI: RICONSEGNATI ALLA REGIONE GLI IMPIANTI DEPURATIVI, OBIETTIVI RAGGIUNTI. RESTANO LE OPERE COLLATERALI

Alto Sarno: conclusa l’opera di bonifica, ma servirebbero altri 250 milioni


NAPOLI. Con la riconsegna alla attività concluse negli anni di ’94 ma mai entrato in funzione, avverrà in quello di Mercato abbiamo completato tutto e
Regione degli impianti di durata del Commissariato. ci consente di ridurre i fanghi San Severino insieme ai reflui fatto anche di meglio. Ora
Mercato San Severino e di «Oggi - ha detto Jucci - in discarica da 1.500 a 400 comuni e alle acque di prima restano i lavori di opere
Solofra, il complesso depurativo raccogliamo tanti risultati tonnellate. Inoltre, nei 2 anni e pioggia». Circa 650 km di reti collaterali per cui servirebbero
dell’Alto Sarno, inizia per l’ex positivi, ma è stata dura. Io mezzo precedenti, si era fognarie, 60 di collettori, 6 circa 250 milioni di euro. Invito
“fiume più inquinato d’Europa” stesso ho vissuto da recluso per accumulato un deficit di 19 depuratori, 4 siti di stoccaggio e chi mi seguirà, a mantenere la
la fine della fase emergenziale 6 anni, alloggiando in una milioni di euro, ridotto a 1,4 trattamento, sono solo alcuni struttura emergenziale ancora
e l’inizio di quella ordinaria. Gli caserma dei carabinieri, milioni in 4 anni e nessun numeri degli obbiettivi per un altro anno e a prevedere
impianti saranno gestiti dalla cenando da solo e sempre sotto lavoratore licenziato. A chi mi raggiunti nei 6 anni. «Quando l’inglobamento dei 15
Cogei srl di Pozzuoli. L’evento è scorta, ma ne è valsa la pena. I seguirà chiedo che continui a nel 2006 - racconta Jucci - vidi ingegneri che hanno lavorato
l’occasione per il commissario due impianti consegnati sono far funzionare i due depuratori il depuratore di Firenze Signa, in questi 5 anni. Per
straordinario, il generale stati completamente restaurati in maniera unitaria poiché in considerato allora il migliore l’esperienza acquisita sul
Roberto Jucci (nella foto), che ed il loro funzionamento, quello di Solofra finiranno solo d’Italia, mi dissero che c’erano campo, altrove avrebbero avuto
lascerà il proprio incarico a fine insieme a quello i reflui industriali, poi depurati voluti 7 anni e che non era bisogno di 15 anni».
marzo, di fare il bilancio delle dell’essiccatore, costruito nel al 70%, mentre il restante 30% ancora completo. In 5 anni noi Angela Saracino

IN BREVE NEL CAOS MOZZARELLE “ANNACQUATE”, SETTE AZIENDE SOTTO SEQUESTRO E LETTERA ANONIMA

AVELLINO
Perseguita ragazza
Finisce ai domiciliari
Il Consorzio: mai stati commissariati
ARIANO IRPINO. Da tempo per- di Giovanni Romano per introdurre nel disciplinare la pos- ne il 10 settembre 2009. Il prelievo è
seguitava una ragazza di 23 an- sibilità di utilizzare latte congelato. stato effettuato il 4 settembre 2009
ni e non si era fermato neanche NAPOLI. Il commissariamento del I controlli di questi mesi, dimostrano da un ufficio di Palermo. Il campione
dopo l’ammonizione da parte del Consorzio per la tutela della mozza- esattamente il contrario: latte di bu- è stato analizzato dal 15 ottobre al 23
questore di Avellino notificata- rella di bufala si tinge di giallo: il pre- fala non ce n’è». «Se l’esito delle ana- ottobre 2009. Nelle conclusioni, i re-
gli nel luglio dell’anno scorso. È sidente, Luigi Chianese, lo smenti- lisi al caseificio di Chianese verrà sponsabili tecnici e il direttore del la-
finito così agli arresti domicilia- sce, ma dal ministero non arriva nes- confermato - rincara la dose Vin- boratorio affermano che: «Il campio-
ri, un 45enne di Ariano Irpino, cenzo Oliviero, ne analizzato si deve considerare ir-
G.G., al carico del quale sono L’intervento di Zaia si tinge di giallo. Chia- ex direttore del regolare in quanto prodotto con lat-
emersi, secondo l’accusa, og- nese: nel decreto solo un organo di garan- consorzio - sarà te di bufala e una quantità di latte di
gettivi elementi di responsabili- zia. Scambio d’accuse e guerra di cifre sui un fatto molto vacca nella proporzione 70:30».
tà nel corso delle indagini effet- campioni “incriminati”. Missiva anonima grave ma l’im- Intanto sul Casertano i carabinieri
tuate dagli agenti del locale com- al presidente della commissione Agricoltu- magine è già del Nas effettuano controlli. Nell’ul-
missariato. L’uomo aveva attua- ra, Russo. Coldiretti: 20mila posti a rischio danneggiata e gli tima settimana hanno sequestrato
to atti persecutori nei confronti altri produttori sette caseifici per carenze igieniche
della ragazza che hanno deter- suna smentita. La vicenda delle moz- dovrebbero chiedere i danni». Oli- e sanitarie ma il Consorzio precisa
minato nella vittima paura e an- zarelle annacquate diventa un caso viero, licenziato a suo dire perché vo- che non fanno parte della Dop. Ad
goscia tali da modificare le pro- incredibile dove si rincorrono accu- leva rafforzare i controlli, avverte che alimentare la bufera, anche le pre-
prie abitudini di vita. se, controaccuse, guerre di cifre, se- il disciplinare ha una falla perché non occupazioni della Coldiretti che ha
questri ad opera dei Nas e finanche vieta l’arrivo di latte non prodotto parlato di 20mila posti a rischio nel-
una lettera anonima. Nel mirino re- nell’area del consorzio. l’area del consorzio a causa del dan-
SALERNO sta il presidente del Consorzio, Chia- La questione Chianese è arrivata an- sultati delle analisi sull’annacqua- ta al ministro Zaia». Dalla missiva no di immagine e del calo di consu-
nese, presunto “annacquatore”, che che sul tavolo del presidente della mento sui campioni di mozzarelle del anonima emerge che le analisi sulla mi. C’è infine il rischio “scissione”:
Blitz anti-rom si difende. «Il Consorzio non è stato commissione Agricoltura della Ca- caseificio di Chianese. «Ho trovato mozzarella di Chianese sono state ef- «Basta con la Dop Campania - tuo-
Dieci persone fermate commissariato - dice assieme al suo mera dei deputati, Paolo Russo (Pdl) la segnalazione attendibile - ha spie- fettuate in un laboratorio di Perugia na il consigliere regionale del Pd Ugo
SALERNO. Dieci persone fer- vice, Mimmo Raimondo - nel decre- al quale è stata recapitata una lette- gato Russo secondo il quale il con- del ministero delle politiche agrico- Carpinelli -. Occorre un nuovo mar-
mate e identificate. Questo il bi- to del ministero si parla di “organo ra firmata «un amico» con allegati i ri- sorzio non funzione - e l’ho segnala- le. Recano come data di accettazio- chio territoriale, la “Dop Paestum"».
lancio di un blitz effettuato dai di garanzia che opera in stretta col-
carabinieri in località Spineta di laborazione con il consorzio nel-
Battipaglia, che ha consentito di l’azione di tutela per consolidare il REGIONE, OGGI I COMANDATI IN COMMISSIONE RIVELLINI: NAPOLI SEDE DELL’ASSEMBLEA ACP/UE
smantellare un accampamento rapporto di fiducia con il consuma-
rom nei pressi della spiaggia. Gli
oltre 50 militari, diretti dal co-
tore”». E il commissario annunciato
dal ministro che fine ha fatto? «Se il Rendiconto, da Mastranzo I rifiuti campani in Europa:
mandante del reparto operativo,
tenente colonnello Francesco
Consorzio non è stato commissaria-
to - avverte il commissario regiona- gli atti alla Corte dei Conti il 28 l’audizione a Bruxelles
Merone, hanno provveduto a se- le campano dei Verdi, Francesco
tacciare palmo a palmo l’ac- Emilio Borrelli - il ministro Zaia dovrà NAPOLI. Torna d’attualità la que- pubblica e a quella della Corte dei NAPOLI. L’emergenza rifiuti in Campania sarà oggetto di un’audizione,
campamento, controllando au- chiedere scusa a tutti i campani per stione dei comandati. Oggi è in Conti degli atti relativi al rendicon- giovedì prossimo, presso la commissione Petizioni del Parlamento
toveicoli, telefoni cellulari in pos- aver procurato un inutile danno di programma la riunione della com- to generale approvato l’altra sera in europeo presieduta da Erminia Mazzoni. Ad essere ascoltati saranno
sesso dei nomadi, le roulottes immagine al comparto ed al territo- missione che dovrebbe esaminare Consiglio. L’esponente mastelliano Ettore Figliolia, capo della Struttura tecnica del sottosegretariato di
parcheggiate in riva al mare, la rio». A Zaia il consorzio contesta an- il provvedimento per il riordino del parla di «macroscopiche irregolari- Guido Bertolaso, Alberto D’Ercole, Nicola Dall’Acqua, Walter Ganapini,
loro provenienza, ma soprattutto che i dati: «A noi risulta - dice in par- personale. Il rischio è che possano tà. Sul piano procedurale, perché il assessore campano all’Ambiente, Cosimo Risi, consigliere diplomatico
al recupero di refurtiva. ticolare Raimondo - che i campioni essere presentati i due emenda- documento è arrivato in aula con del governatore Antonio Bassolino, Dario Gargiulo, capo dell’Ufficio di
di latte “incriminati” non superano menti bipartisan dei quali si era un ritardo di mesi violando la nor- rappresentanza della Regione Campania a Bruxelles, Mario De Ioris,
il tre per cento del totale. Il ministro parlato la scorsa settimana: Il pri- mativa nazionale e regionale. Nel consulente del ministro dell’Ambiente per il settore dei rifiuti, Roberto
CASERTA parla del 25%. Sono dati chiaramen- mo per aumentare la dotazione or- merito, perché al rendiconto non Adam, vapo del Dipartimento Politiche comunitarie. Intanto,
te contrastanti, sui quali attendiamo ganica dalle attuali 320 a 450-460 sono stati allegati i bilanci di eser- l’europarlamentare Enzo Rivellini annuncia di essere intervenuto,
Sigilli al cantiere, con serenità una parola ufficiale. È unità; il secondo per aggiornare cizio e/o i conti consuntivi, delle so- nell’aula dell’Europarlamento dove, quasi in sordina, si discuteva sulla
sicurezza violata un momento delicato, e non vorrei l’articolo 44 della manovra 2008, cietà partecipate e degli enti e revisione degli accordi all’interno dell’assemblea parlamentare
CASERTA. Un cantiere edile do- che qualcuno cavalcasse la tigre in che prevede una graduatoria ad aziende regionali, compiendo in tal paritetica Acp-Ue (accordi di Cotonou). Mi sono fatto carico, riprendendo
ve erano in corso lavori per la co- vista delle prossime elezioni regio- esaurimento con procedure di mo- modo un omissione gravissima che una proposta dell’allora parlamentare europeo, oggi Presidente della
struzione di un edificio, è stato nali». Ma il consorzio è sotto attac- bilità, alla data di approvazione del- rende impossibile ogni confronto e Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, di sottolineare l’importanza che
sequestrato ad Alvignano, dai co: «Per anni - dice Ettore Bellelli, ex la nuova legge consentendo, così, controllo. Inoltre, vi è una comple- all'interno della revisione degli accordi interistituzionali si assegni a
carabinieri del luogo e da quelli presidente dell’Associazione nazio- di estendere la possibilità di in- ta divergenza fra previsione e con- Napoli una sede periferica dell’assemblea Acp/Ue. Mi sono battuto
del Nucleo Ispettorato del Lavo- nale allevatori bufalini - Chianese ha quadramento anche agli ultimi co- suntivo. Per questi motivi, ho chie- perché i diritti di un popolo, di una città e di una nazione vengano
ro di Caserta, per alcune irrego- detto che il comparto soffriva di una mandati. Intanto, il capogruppo del- sto il rinvio degli atti alla Corte re- rispettati. Oggi, ancora una volta, ci si presenta una buona occasione
larità nella predisposizione delle iperproduzione di latte di bufala, tan- l’Udeur, Pietro Mastranzo, annun- gionale dei Conti e alla competen- per una battaglia che a dispetto di quel che possano pensare alcuni non
misure di sicurezza sui luoghi di to che si è battuto in prima persona cia l’invio alla Procura della Re- te autorità giudiziaria». mape è regionalistica ma dell’Italia e per l’Italia».
lavoro: al titolare della ditta sono
state comminate sanzioni per ol-
tre 10.000 euro. E sono stati ap- PASSARIELLO: RICONOSCERE L’IMPEGNO PER LA LOTTA ALL’ILLEGALITÀ A SALERNO ERA PSICOLABILE
posti sigilli ad un altro cantiere
edile, a Dragoni, per la presenza
di lavoratori trovati privi di co-
pertura assicurativa e previden-
Premio giornalismo anticamorra Pregiudicato trovato morto
ziale: anche qui sanzioni per ol- NAPOLI. La commissione in questi anni contrassegnati SALERNO. Soffriva di problemi sanitari del servizio 118, interve-
tre 10mila euro. regionale anticamorra ha da un forte impegno civico ed psichici Pasquale D’Amato, il nuti a seguito di una segnalazio-
deciso di concedere un istituzionale di strenua lotta 44enne salernitano il cui corpo è ne al centralino, che non hanno
riconoscimento istituzionale ai alla criminalità». I giornalisti stato ritrovato intorno alle 4,30 di potuto fare altro che costatarne il
giornalisti che in Campania più verranno premiati al termine ieri mattina in una strada di Sor- decesso. Il suo corpo presentava
si sono distinti nella lotta di un dibattito al quale dina, una frazione di Salerno, non delle escoriazioni, che l’uomo si
all’illegalità ed alla criminalità interverranno: Alessandro molto distante dall’autostrada Sa- sarebbe provocato mentre si di-
organizzata. Per questo Pansa, prefetto di Napoli, lerno-Reggio Calabria, in prossi- menava a terra nel tentativo di
motivo, è stato istituito un Franco Roberti, procuratore mità dell’uscita di San Mango spegnere quel fuoco - che era so-
premio che verrà consegnato ai della Repubblica presso il Piemonte. Ed il suo decesso po- lo nella sua mente - diventato una
giornalisti domani alle ore Tribunale di Salerno, Raffaele trebbe essere stato causato pro- vera e propria ossessione. A con-
11,30 nella sala caduti di Cantone, magistrato presso la prio dall’ennesimo problema le- ferma di ciò ci sarebbe anche
Nassirya sita presso l’Isola F13 Corte Costituzionale, Ottavio gato alla sua salute mentale. L’uo- qualcuno che lo avrebbe visto
del Centro Direzionale di Lucarelli, presidente mo, secondo quanto emerso dal scendere dalla sua Peugeot 106,
Napoli al 21° piano. «Ci è dell’Ordine dei giornalisti della lavoro investigativo, credeva di denudarsi e correre verso la fon-
sembrato giusto - afferma Campania. Modera: Virman Nunziato, il collega del Roma, essere “divorato dalle fiamme” e tana. Il freddo pungente, l’acqua
Luciano Passariello (nella Cusenza, direttore del Roberto Paolo, Gennaro Scala, questa ossessione lo avrebbe tur- gelida della fontanina avrebbero
foto), presidente della Mattino. I giornalisti ai quali Conchita Sannino. bato a tal punto da indurlo ad un potuto causarne il decesso. Sarà
organismo consiliare - sarà consegnato il premio sono All’iniziativa interverranno i comportamento che ne ha provo- comunque l’autopsia, che do-
riconoscere i meriti che i Barbara Cangiano, Rosaria consiglieri regionali della cato la morte. Pasquale D’Amato vrebbe essere effettuata nell'obi-
giornalisti, attraverso il loro Capacchione, Rosaria Federico, Campania, i prefetti ed i è stato trovato senza vestiti e ran- torio del Ruggi d’Aragona fra og-
lavoro di ricerca della verità e Bruno Guerriero, Vincenzo La questori di tutte e cinque le nicchiato nei pressi di una fonta- gi e domani, a stabilire le vere
della trasparenza, hanno avuto Penna, Chiara Marasca, Enza province campane. nella della frazione di Sordina dai cause della morte del 44enne.
giovedì 21 gennaio 2010
ECONOMIA 11

GRUPPO GMC-ADNKRONOS LANCIA LABITALIA SELFIN, SOSTEGNO DELLA CURIA AI LAVORATORI MICROCREDITO AL RIONE SANITÀ E BANCA ETICA

Nuovo canale d’informazione Il vescovo di Caserta, Farina: Progetto di finanziamento


multimediale sul lavoro «Verrò al tavolo del Ministro» per lo sviluppo delle pmi
ROMA. Il Gruppo Gmc-Adnkronos lancia con Labitalia il più importante sito CASERTA. Il Vescovo di Caserta, Monsignor Piero Farina, si è dichia- NAPOLI. Il Comitato per il Microcredito al Rione Sanità e Banca Popolare
italiano di informazione e comunicazione sul lavoro. Il nuovo canale on-line rato disponibile a partecipare di persona al tavolo che è in via di con- Etica promuovono un progetto di Microcredito per la creazione o lo
integra l’evoluta piattaforma multimediale, interattiva e multidisciplinare vocazione al Ministero dello Sviluppo Economico sul futuro della Sel- sviluppo di piccole imprese (di tipo cooperativo o associativo) che si
di Labitalia, prima agenzia di informazione e di comunicazione fin spa. A renderlo noto un comunicato diffuso dalle Rsa dell’azienda trovano e lavorano nel quartiere, ed in particolare quelle: che intendono
interamente dedicata al tema del lavoro composta da una redazione di casertana. «I lavoratori - informa il comunicato - sono stati ricevuti sta- valorizzare le tradizioni del territorio; che sono finalizzate al recupero
“video-giornalisti”. Nata nel 2001, si propone l’obiettivo di aumentare e mattina (ieri, ndr) in udienza privata dal Vescovo Farina il quale ha dell’ecosistema; che prestano servizi di alta valenza sociale; che intendono
qualificare l’informazione nel settore. «Uno strumento innovativo per espresso e ribadito il suo interessamento alla vicenda dei lavoratori che assumere almeno una persona con contratto a tempo indeterminato; che
orientarsi in un mercato del lavoro sempre più dinamico e globale», stanno subendo la Cassa Integrazione Straordinaria all'interno della privilegino le presenze femminili nell’azienda. Domani la presentazione
afferma il presidente del Gruppo Gmc-Adnkronos Giuseppe Marra. Negli procedura di Liquidazione volontaria dell’azienda». “Sua eminenza Fa- del progetto alle ore 17 nella Sala Maria Cristina di Savoia del complesso
anni si è accreditata presso tutti i soggetti istituzionali e i mass media, sia rina - conclude la nota - ha quindi espresso la sua disponibilità a pre- monumentale di Santa Chiara, a Napoli. Apriranno l’incontro Paolo
generalisti sia specializzati nel settore. Oggi compie un ulteriore salto di sentarsi al tavolo ministeriale di prossima convocazione sul futuro del- Attanasio, presidente del Comitato per il microcredito al rione Sanità, e
qualità nel panorama editoriale del Paese. Una finestra sul mondo del l’azienda, al quale è prevista la presenza del Sottosegretario On.Stefa- Fabio Salviato, presidente di Banca Popolare Etica. Seguiranno le
lavoro, all’interno del portale Ign del Gruppo Gmc-Adnkronos no Saglia, per porre la massima attenzione del governo alla vicenda de- testimonianze di Luigi Marsano, coordinatore Rete Sanità, Francesco
www.adnkronos.com (che vanta circa 1,5 milioni di utenti unici/mese e una gli 85 lavoratori ( su 125 effettivi ) della sede di Caserta tutti posti in Valenti, associazione Marco Mascagna onlus, Riccardo Dalisi, architetto e
crescita nel mese di dicembre del 50% rispetto all’anno precedente) e che Cigs, nonchè all'avvio di un nuovo percorso imprenditoriale che effet- artista. Presenterà il progetto Luigi Vivese, commissione tecnica
fornisce i propri contenuti a molti altri siti di informazione incentivando la tui un reale rilancio industriale di un sito d'eccellenza nell'ambito Ict microcredito al rione Sanità. Modera Benedetta de Falco, giornalista “Il
discussione e l’interattività sulle tematiche del lavoro. della Regione Campania. Mezzogiorno nel Mediterraneo, con e per l’Europa”.

INFRASTRUTTURE ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE IL TRASPORTO DELLE MERCI DAL SUD SPICCIOLI
Porto-Interporto: sistema in crescita CREDITO
Mediterraneo, forum
del Banco di Napoli
di Francesco Guadagni CRISI, BILANCIO CONATECO IN CONTROTENDENZA NAPOLI. Martedì prossimo, al-
le ore 9, nella Sala delle Assem-
NOLA. L’Interporto Campano di No-
la diventa un’estensione dello sca-
Legora De Feo: «In questo modo blee del Banco di Napoli, il pre-
sidente del Banco di Napoli En-
lo marittimo di Napoli. Con un ac-
cordo siglato ieri tra Regione Cam-
abbiamo incrementato i traffici» zo Giustino aprirà i lavori del
convegno sul tema “Il Mezzo-
pania, Autorità portuale e la socie- di Rosa Benigno giorno nel Mediterraneo, con e
tà presieduta dal cavaliere Gianni per l’Europa”. Il convegno, le cui
Punzo, nasce un sistema logistico NAPOLI. In un panorama di recessione globale, il Porto di Napoli, con il ter- conclusioni saranno affidate al
portuale napoletano denominato minal container Conateco, va in controtendenza, presentando un bilancio del direttore generale del Banco di
“NA.P.L.E.S” (Naples port logistics 2009 tutto in crescita e prospettive di sviluppo addirittura entusiasmanti. «Ab- Napoli, Giuseppe Castagna, si
extended System). Al momento l’In- biamo lavorato bene» commenta l’Ad della Conateco, Pasquale Legora De Feo, avvarrà degli interventi di Enri-
terporto Campano di Nola dispone che ha firmato ieri mattina l’accordo di collaborazione tra Porto e Interporto di co Salza, presidente del Consi-
di quattro tratte ferroviarie attive Nola, creando un rapporto tra l’attività terminalistica della Conateco e quella glio di Gestione di Intesa San-
che la collegano con il Porto di Na- logistica della società di Gianni Punzo. paolo, Gregorio De Felice, Chief
poli, con Bologna, Verona e Milano. Vogliamo parlare in numeri? Economist di Intesa Sanpaolo,
Nei prossimi quattro anni, quando «È semplice: la Conateco, mentre tutte le altre società subivano la crisi ancora Giuseppe Roma, Direttore Ge-
la struttura andrà a pieno regime, in atto, ha accresciuto il suo business del 2%, movimentando, nel 2009, 500mi- nerale del Censis, Lida Vigano-
Interporto servizi cargo coprirà 17 la contenitori in più rispetto al 2008. Tutto questo mentre gli altri porti, come ni, Rettore dell’Università degli
tratte nazionali su base giornaliera, Genova, Taranto, Gioia Tauro, mettevano in cassa integrazione i dipendenti». Studi di Napoli “L’Orientale”,
saranno movimentati 7.700 treni Come ci siete riusciti? Cristiana Coppola, Vice Presi-
NOLA. La cerimonia per lʼaccordo tra Porto di Napoli, Regione Interporto di Nola
l’anno con 5 milioni di chilometri di «Con una politica aggressiva che ha portato a Napoli traffici da altri porti». dente di Confindustria per il
percorrenza. È prevista, inoltre, l’as- La Conateco oggi gestisce nel porto di Napoli una piattaforma logi- Mezzogiorno, Vincenzo Boccia,
sunzione di 220 dipendenti di cui nità al resto del Paese. È la piena di- ti resi disponibili, invece del Ponte stica di 190mila metri quadrati. Che cosa cambia con l’accordo? Presidente Piccola Industria di
160 macchinisti e 40 operatori d’im- mostrazione che al Sud esistono sullo Stretto, per cui non ci sono i fi- «Raddoppiamo l’attività, prolungando il Porto verso Nola dove gestiremo dal Confindustria e dei contributi di
pianto. Punzo sottolinea con gran- energie imprenditoriali ed istituzio- naziamenti - ha affermato - si po- primo marzo una piattaforma da 200mila metri quadrati. E questo significa po- Mahmoud Abdel Latif, Presi-
de orgoglio l’evento: «Finalmente In- ni capaci di vincere, ciascuno nel trebbe completare la Napoli-Bari e la sti di lavoro diretti e indiretti». dente di Bank of Alexandria e
terporto Campano diventa il centro suo ruolo, la sfida della moderniz- Salerno-Reggio Calabria. Il mio au- Che cosa avverrà a Nola? Hedi Djilani, Vice Presidente Bu-
di un sistema logistico a 360 gradi: zazione, costruendo nuove oppor- gurio è che la firma che mettiamo «I container che scarichiamo nel Porto di Napoli vengono trasportati all’Inter- sinessMed (Unione delle Con-
porto-interporto-ferrovie che non te- tunità di crescita e di sviluppo». oggi si trasformi in buste paga». Se- porto dove saranno sdoganati, controllati e distribuiti e di questo ringraziamo findustrie del Mediterraneo. Mo-
me confronti in L’assessore re- condo Cristiana Coppola, vice-pre- il capo interregionale della Dogana di Campania e Calabria, Alberto Libeccio, deratore Orazio Carabini de Il
Italia». Punzo: «Finalmente la gionale ai Tra- sidente di Confindustria con dele- il suo vice, Maria Rosaria Donesi, e il Sole 24 Ore).
«Nell’ultimo anno nostra struttura diventa sporti, Ennio Ca- ga al Mezzogiorno «al Sud ci sono capo della Dogana nel porto di Napoli,
- aggiunge Pun- il centro di un sistema lo- scetta, presente realtà eccellenti. Il porto di Napoli Salvatore Falco, che svolgeranno tutte CAMERA COMMERCIO
zo - abbiamo de- gistico a 360 gradi: por- per la ratifica nel 2009 è stato l’unico scalo nazio- le operazioni doganali e di controllo a
ciso di fare il sal- to-interporto-ferrovie che dell’accordo, ha nale a veder crescere il numero di Nola». “Napoli Futura”,
to di qualità e non teme confronti in evidenziato l’im- container. Dobbiamo riconoscere Quanti sono in tutto i posti di la- ricerca di Unindustria
creare la nostra Italia». Cristiana Coppo- pegno profuso che il Sud vive una condizione di voro che saranno creati da queste NAPOLI. Domani, alla Camera
impresa ferrovia- la: «Le sfide si vincono dalla Regione: non-sistema infrastrutturale. Ma la attività? di Commercio di Napoli, alle ore
ria. Inteporto ser- «In questa ini- scommessa dello sviluppo qui è sta- «Scaglionati in tre anni, prevediamo 11, sarà presentata la ricerca dal
vizi cargo è oggi
con le realtà eccellenti» ziativa la regio- ta vinta. La lezione di oggi è che il 250 posti diretti e altri 750 indiretti, che titolo “Napoli Futura. Vocazioni,
un operatore in- ne investe 3,1 Sud ha la capacità di uscire dal- si svilupperanno dalle attività degli spe- strategie, crescita”, promossa
termodale ma anche un’impresa fer- milioni di euro di fondi propri di cui l’impasse». Prima del varo del pri- dizionieri». dall’Unione Industriali di Napo-
roviaria autorizzata e certificata». 1,8 milioni per finanziare in tre an- mo cargo merci in partenza per Mi- Con quali investimenti? li, e finanziata dalla Camera di
Quindi, ha proseguito: «Mi fa pia- ni lo start up dell’iniziativa e 1,3 mi- lano, l’ammiraglio Luciano Dassat- «A Nola la Conateco investe 8 milioni Commercio di Napoli. Dopo l’in-
cere che il servizio appena partito lioni per l’avvio del servizio di shut- ti, presidente dell’Autorità portua- di euro in mezzi meccanici. Abbiamo appena sollevato a Napoli la prima di due dirizzo di saluto del Commissa-
sarà realizzato in collaborazione con tle. La cura del ferro prosegue an- le di Napoli, ha dichiarato: «La fir- gru Paceco (nella foto) da 40 metri di altezza, con uno sbraccio da 50 metri per rio della Camera di Commercio
l’interporto di Bologna e con Cemat, che per le merci». Nel concludere il ma del protocollo rappresenta solo caricare e scaricare navi da 12mila contenitori, le più grandi attualmente nel Me- di Napoli, Gaetano Cola, segui-
azienda del gruppo Fs«. Conclu- suo intervento Cascetta ha pole- un punto di partenza e non di arri- diterraneo. Con il dragaggio, che fra tre mesi sarà completato, il porto di Na- ranno gli interventi del vicepre-
dendo, Punzo afferma: «Oggi da Na- mizzato con il Governo, in quanto «i vo, lo vedo come un laboratorio in poli diventa tra i primi in Italia e nei paesi europei». side della Facoltà di Economia
poli arriva un messaggio di moder- fondi del Mezzogiorno non sono sta- continuo aggiornamento». dell’Università Luiss Guido Car-
li, Matteo Caroli, dell’esperto in
politiche e strategie di sviluppo
LE ATTIVITÀ DIMOSTRATIVE A POMIGLIANO D’ARCO L’INTERVENTO GIOVANI CONFAPI CAMPANIA A BRUNETTA urbano e territoriale, Giuseppe
Russo, del consigliere incarica-
Licenziati Fiat, volantinaggio to al Centro Studi dell’Unione In-

e un nuovo gruppo su Facebook Bruscino: ecco i veri problemi dustriali di Napoli, Nicola Salza-
no de Luna, e del responsabile
del Centro Studi dell’Unione In-
POMIGLIANO D’ARCO. Prosegue senza sosta la mobilitazione dei zionali che costringe a un’attesa cie al Sud». dustriali di Napoli, Ivano Russo.
36 operai licenziati dello stabilimento Fiat “Giambattista Vico” di di realizzazione professionale «Le “barriere” che impediscono
Pomigliano d’Arco. Ieri pomeriggio, dalle ore 13 alle 14, il gruppo umiliante e snervante. Per que- l'entrata nel mondo del lavoro -
di ex precari ha effettuato un volantinaggio agli ingressi 2 e 4
della fabbrica automobilistica, attendendo gli operai all’uscita dal
primo turno e quelli in entrata nel secondo. La manifestazione è
sto, alla “proposta” paradossale
di mettere fuori casa per legge i
giovani over 18, il presidente di
prosegue nella sua lettera aperta
Angelo Bruscino - la totale man-
canza di ammortizzatori sociali
BORSA
stata organizzata approfittando anche del fatto che, ieri mattina, il Confapi Campania Giovani, An- per i giovani e l’incapacità di ot- Piazza Affari
“Vico” ha aperto i cancelli tornando in attività. Le tute blu gelo Bruscino (nella foto), reagi- tenere credito dal sistema ban-
lavoreranno anche oggi a ranghi completi. Sono rientrati al lavoro sce con sentita indignazione e af- cario sono i veri e propri deter- chiude in rosso
anche gli addetti all’assemblaggio dell’Alfa 147. I 36 precari hanno fida a una una lettera aperta le renti che vietano agli under 40 I principali indici
voluto, con questa iniziativa, sensibilizzare i loro colleghi “più sue opinioni, per sottolineare le una vita autonoma».
fortunati”. In un passo del volantino distribuito ieri veniva vere tematiche giovanili su cui si «La speranza - ha concluso il pre-
ribadito l’impegno delle segreterie nazionali dei sindacati di dovrebbe lavorare. «Per i giovani sidente Confapi Campania Gio-
ALLSHARE -2,31%
categoria Fim, Fiom, Fismic e Uilm ad affrontare e risolvere la occorre una politica fattiva e non vani – è che si mettano in cam-
problematica dei precari nel contesto del futuro produttivo del NAPOLI. Quella del ministro del- un duro j’accuse - ha commenta- po riforme a favore dei giovani MIB -2,45%
“Vico”. Per i precari non è stato facile tornare ai cancelli del la Pubblica amministrazione Re- to Bruscino -. Il problema dei ra- che meritano, iniziando proprio
“Vico” senza poter entrare nei reparti della fabbrica, anche i loro nato Brunetta era una evidente gazzi che restano in famiglia non dalla pubblica amministrazione, MID CAP -1,55%
badge per l’accesso ai parcheggi dello stabilimento sono stati provocazione. Ma sufficiente- è un dettato dalla pigrizia o dal- dove occorre uno svecchiamen-
disattivati. Intanto, nell’era della comunicazione internet, la mente irritante per chi vive la di- l’incapacità di mettersi in gioco: to del personale. Molti etichetta- STAR -0,78%
protesta dei precari non si limita ai tradizionali presidi, cortei e pendenza economica dai genito- spesso, dietro l’indugio ad uscire no i ragazzi italiani, dimentican-
appelli alle istituzioni. Anche gli ex-dipendenti del “Vico” ri fino ai trent’anni, non per pro- da casa, ci sono problemi di na- do i meriti che, per esempio, rac-
scelgono il celebre social-network, ovvero Facebook, per dare pria scelta bensì per scarsità di tura infrastrutturale. Esistono tan- colgono all’estero. Nella nostra CAC 40 -2,01%
risalto alla loro protesta. Il nome del gruppo creato su Facebook si lavoro. Al Sud i “bamboccioni” ti ragazzi volenterosi, intenzionati nazione troppo spesso si preferi-
chiama “Mobilitiamoci….rialziamo la Fiat”, ed in poche settimane sono più numerosi che altrove. ad affermarsi nel mondo del la- sce scaricare le responsabilità sui DAX 30 -2,09%
ha raccolto quasi mille adesioni, con molti attestati di solidarietà Non poteva essere altrimenti, da- voro, della ricerca e della politica, più deboli, anziché farsene cari-
anche di utenti di altre parti d’Italia. fragua ta la penuria di offerte occupa- costretti però ad emigrare, spe- co».
www.ilroma.net • GIOVEDÌ 21 GENNAIO 2010 NON VENDIBILE SEPARATO DAL ROMA

SCAMPIA UNA INTERCETTAZIONE INCASTRA SUSY LEONCITO, CONVIVENTE DI MARIO ABBATIELLO DETTO “MARIOLINO”: È L’UNICA DONNA COINVOLTA

Ecco come “lady usura” dettava legge


di Luigi Sannino benissimo...».
A: «Eh...e la siamo a posto... mo questa mille euro io penso che in settima-
È l’unica donna coinvolta nell’inchiesta e risponde di usura aggravata dal na te la do pure... però facciamo finta che non te le potessi dare».
metodo mafioso. Per Susy Leoncito, 39enne convivente di Mario Abbatiello S: «Si... e me li dai il sette del mese prossimo».
detto “Mariolino” (nipote del ras Paolo Gervasio), si è rivelata fatale un’in- A: «E quanto diventa?».
tercettazione del 4 dicembre scorso. Nella telefonata indicava a un’altra don- S: «Diventa... Antonietta fai tu stessa il conto "a sora"...».
na gli interessi da pagare nel caso in cui quest’ultima tardava la restituzio- A: «Eh... e mia mamma mi ha detto due e cinquanta... ho detto ma quale
ne della quota mancante sui soldi prestati: 150 per un mese, ben 500 per due e cinquanta? Mi ricordo che tu dicesti... se per un mese solo mi dai cen-
due. Tassi quindi, non proprio agevolati, considerato che il debito residuo tocinquanta... se sono due mesi...».
era di 1000 euro. Ecco alcuni passaggi-chiave secondo gli investigatori che S: «Bravissima...».
hanno condotto l’operazione “Blow”, il cui bilancio comprende 9 arrestati, 6 A: «Fai cinquecento...».
latitanti e 11 indagati a piede libero. Tra i primi c’è il capo dell’organizza- S: «Bravissima... e così funziona... brava... brava...».
zione legata al clan Amato-Pagano, il “Pablo Escobar” di Scampia. A: «No e questa si è presa paura... ho detto ma che stai dicendo?».
Susi Leoncito: «Pronto...». S: «No e ha capito male mamma forse... scusami... o mi sono espressa io ma-
Antonietta: «Pronto, c'è Susi?». le... no... no... no... tu lo sai fare il conto... fallo tu da sola...»
S: «Sono io». A: «No vabbè ja...».
A: «Ueh Susi senti sono Antonietta...». S: «E non ti creare problemi... vabbuò?».
S: «Ueh ciao bella... ciao tutto a posto?». A: «Io penso che questo problema non c'è... però forse a volte... ho detto ma
A: «Eeh si... però spiegami una cosa... Non ho tanti soldi... quindi non ce la che ha fatto questa? Non si crede che gli devo dare gli altri soldi vecchi?».
faccio». S: «No... no... no... no... no... Antonietta se sono due o tre giorni non c'è pro-
S: «Dimmi... dimmi... dimmi... se vuoi ti posso chiamare stasera quando va- blema... se passa più tempo poi devi provv... cioè poi devi vedere... hai ca-
do a casa.... verso le otto e mezza?». pito? Già lo sai...».
A: «No eh sta mio figlio...». A: «lo so... lo so... non ti preoccupare è interesse mio...».
S: «Dimmi tutto...». S: «Se si tratta di un pò di giorni figurati... non succede niente... ma se già
A: «Ti ricordi che... ti ricordi che io al sette di questo mese ti dovevo dare passa una settimana... dieci giorni le cose cambiano... se te li vuoi tenere fi-
duemila e cinquecento?». no al sette del mese prossimo non ci stanno problemi... ti fai tu stessa il con-
Susy Leoncito
S: «Due e cinque... mi hai dato solo mille e cinque resta solo mille euro... va to tanto lo sai fare... vabbuò?».

L’INCHIESTA INCONTRERANNO IL GIUDICE I FEDELISSIMI DEL “PABLO ESCOBAR DI SCAMPIA”

Oggi interrogatori per i 9 arrestati


di Renato Mobilio stupefacenti nonché di spaccio al dettaglio di cocaina, eroina, crack,
kobrett, hashish e marijuana.
Saranno ascoltati questa mattina i personaggi arrestati dopo il blitz I militari hanno scoperto anche che i proventi dello spaccio venivano
dei carabinieri di Castello di Cisterna a Scampia, ritenuti essere a ca- reimpiegati concedendo prestiti a usura: con tassi dal 200 al 300 per
po di una holding dedita alla gestione di un giro d’usura e di spaccio. cento all'anno.
Gli interrogatori, previsti per la giornata di ieri, sono dunque stati spo- Durante il blitz sono stati sottoposti a sequestro preventivo beni ri-
stati a questa mattina, quando i fedelissimi della banda di spacciato- conducibili agli indagati, anche se formalmente intestati a loro fami-
ri capeggiata da un ras emergente e ormai ai vertici del clan, Paolo liari: un centro scommesse di Scampia, una caffetteria di Melito di
Gervasio, che si era autodefinito “Pablo Escobar di Scampia”. Napoli e un complesso immobiliare a Villaricca per un valore com-
Complessivamente sono nove le persone che, insieme a Pablo Esco- plessivo stimato in 3 milioni e mezzo di euro.
bar, si trovano adesso in carcere per accuse così “distribuite”: traffi- L’inchiesta, questo va sottolineato, ha preso spunto dalle dichiarazio-
co di droga, e due soltanto per i prestiti a strozzo. Si tratta di Antonio ni di alcuni pentiti del gruppo riconducibile al clan Prestieri.
Paolo Gervasio, il “Pablo Escobar di Scampia”
Andolfi e Susy Leoncino, unica donna tra gli arrestati. In particolare si tratta dei racconti di Maurizio e Antonio Prestieri, An-
Il bilancio dell’operazione che porta la firma dei carabinieri di Castel- tonio e Francesco Pica, racconti che si sono andati ad aggiungere e
lo di Cisterna è di 9 persone in cella su 15 destinatari di un decreto di che in qualche modo hanno confermato altre, più vecchie, rese da al- “33” in via Ghisleri, storicamente fondata e gestita da affiliati al clan
fermo emesso dalla tri collaboratori di giustizia: Salvatore Vizioli, Giovanni Piana, Salva- Di Lauro poi transitati con gli Amato-Pagano prima, durante e dopo la
procura antimafia, oltre che di 11 indagati a piede libero. tore Torino e Andrea Parolisi. faida.
L’accusa per la maggior parte di essi (con l’aggravante per tutti della Le indagini, più nel dettaglio, hanno riguardato, e in qualche modo Durante l’inchiesta è emerso che Paolo Gervasio, il Pablo di Scampia,
legge Falcone per aver agevolato il clan degli “scissionisti”) è di as- continuano a riguardare, la gestione di una delle piazze di spaccio di- parallelamente al traffico di sostanza stupefacente, gestiva un giro di
sociazione per delinquere finalizzata alla importazione e al traffico di ventate più fiorenti negli ultimi anni: quella della zona denominata usura nei confronti di piccoli commercianti di Secondigliano.

IL CAPOCLAN DEL RIONE MONTEROSA SI ERA SENTITO MALE DURANTE LA NOTTE NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO

Migliorano le condizioni del boss Prestieri


Sta meglio, è uscito dalla Rianimazione, ma resta ancora ricoverato l’interrogatorio di garanzia scaturito dall’ultimo provvedimento
in condizioni serie. Non tanto serie da far temere, ma abbastanza restrittivo emesso nei suoi confronti.
preoccupanti da prestargli tutta l’attenzione del caso. La scorsa settimana, difatti, sia per lui che per alcuni suoi
Il boss Tommaso Prestieri, in ogni caso, però, ha superato il fedelissimi era stata notificata una ordinanza di custodia cautelare
pericolo. Adesso i medici stanno cercando di capire per bene cosa in carcere per associazione per delinquere finalizzata al traffico di
sia accaduto al manager musicale che l’altro giorno si era sentito stupefacenti.
male mentre si trovava all’interno del carcere sdi Secondigliano. Ebbene, l’altra notte Prestieri aveva perso conoscenza
In un primo momento si era parlato di un ictus, almeno secondo i all’improvviso, facendo immediatamente scattare l’allarme, e
primi accertamenti dei medici carcerari e dell’ospedale napoletano spingendo i medici del carcere a predisporre immediatamente il
in cui è stato ricoverato d’urgenza, tuttavia la velocissima ripresa trasferimento in un ospedale più attrezzato di un carcere.
di Tommaso Prestieri lascerebbe intendere che si è trattato di Il malore di Prestieri aveva fatto temere il peggio, visto anche che
qualche cosa di leggermente meno pericoloso e meno il boss è cardiopatico ed è in attesa di trapianto.
preoccupante. Dopo “l’incidente” i giudici della prima sezione del Tribunale di
Tommaso Prestieri, lo ricordiamo, si era sentito male nel corso Napoli hanno già nominato un perito, che probabilmente in tempi
della notte tra lunedì e martedì, mentre si trovava rinchiuso molto brevi visiterà il detenuto, ovviamente piantonato in
Tommaso Prestieri
all’interno del carcere di Secondigliano, dov’era rinchiuso per ospedale. renmob

IL TEMPO IN CITTA’
oggi domani
Ora Temperatura Umidità Venti Temperatura Umidità Venti

Raffaele Palladino Maurizio Barracco ORE 06 7° 7O% ROVESCI ISOLATI


BREZZA TESA
8° 87% POCO NUVOLOSO
BREZZA TESA
Il calciatore, promessa del genoa e della Nazionale, Da tre giorni i residenti di Gianturco e di una parte del
sarà il testimonial di unʼiniziativa organizzata da quartiere di San Pietro a Patierno è a secco. Le
ORE 12 11° 93% POCO NUVOLOSO 12° 83% POCO NUVOLOSO
Paolo Ascierto, direttore dellʼunità di Oncologia condutture che avevano ceduto lunedì scorso non sono
VENTO MODERATO BREZZA TESA
Medica e Terapie Innovative dellʼIstituto Tumori ancora state riparate. Il presidente dellʼArin continua a
Pascale, per trovare i fondi necessari allʼistituzione di non dare risposte ai disagi dei napoletani. Sono circa ORE 18 9° 91% POCO NUVOLOSO 9° 78% NUBI SPARSE
una Fondazione per combattere il melanoma. tremila le persone che stanno patendo questi disagi. BREZZA TESA BREZZA TESA
2 CRONACA DI NAPOLI giovedì 21 gennaio 2010

L’OPERAZIONE A POGGIOREALE GIUSEPPE ACCARO E FABIO CASO, ENTRAMBI TRENTADUENNI

Blitz a Scampia, due pusher in manette


Due arresti per violazione della legge sulla droga. Nel corso di una dell’illecita attività di spaccio. L’arrestato è stato tradotto a
vasta operazione volta ad arginare la vendita al dettaglio di Poggioreale.
sostanze stupefacenti i carabinieri hanno tratto in arresto, in due E sempre nel quartiere all’ombra delle Vele, i carabinieri della
distinti blitz, Giuseppe Accaro, trentaduenne, residente nella zona stazione di Marianella hanno arrestato anche Fabio Caso che si è
di Monte di Procida, e Fabio Caso, trentaduenne residente in via reso responsabile dello stesso reato. Il trentaduenne è stato
Janfolla, volto già noto. avvistato nella piazza di spaccio del “Rione san Gaetano” dove
In particolare, su via Ghisleri i carabinieri del Nucleo operativo della l’uomo è stato sorpreso nell’atto di cedere stupefacente a vario
compagnia Stella all’interno della piazza di spaccio nei pressi della acquirenti.
“Oasi del buon pastore” (nella foto) hanno arrestato Accaro che, Nel corso della perquisizione personale a carico di Fabio Caso i
durante un servizio di osservazione e controllo a distanza, era stato militari dell’Arma hanno rinvenuto La sua perquisizione personale
colto in flagranza di reato. Nel corso della perquisizione personale ha portato al rinvenimento e all’immediato sequestro di 2 involucri
gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto e prontamente sequestrato 61 contenenti 2 grammi di marijuana nonché di 230 euro in denaro
grammi di crack; 24 grammi di eroina; 6 grammi di cocaina; 4 contante ritenuti provento di illecita attività.
grammi di Speed e la somma di circa 85 euro, ritenuto provento L’arrestato è stato tradotto nella casa circondariale di Poggioreale.

LOTTA ALLA CAMORRA VALORE COMPLESSIVO DELL’AZIENDA SOTTOPOSTA A SIGILLI: 900MILA EURO. NEL MIRINO IL FIGLIO DEL BOSS CIRO E ANTONIO MUSCERINO

Maxisequestro di beni al clan Mazzarella


di Valentina Noviello SANTA LUCIA FU ARRESTATO SALVATORE BOCCHETTI
Beni per un valore complessivo di circa 900mila euro sono stati sequestra-
ti dagli agenti della divisione Anticrimine, Sezione Misure di Prevenzione
patrimoniali della Questura di Napoli, su disposizione della Sezione per l’ap-
Nel 1998 sfuggì all’agguato
plicazione Misure di Prevenzione del Tribunale a Franco Mazzarella, espo-
nente di spicco dell’omonimo clan camorristico, figlio del boss Ciro Mazza-
rella, e ad Antonio Muscerino, ritenuto appartenente al clan Contini.
fuori alla sede della Regione
In particolare, la polizia ha posto i sigilli ad una azienda per la produzione di Il nome di Franco Mazzarella (nella foto) è legato inscindibilmente
ceramiche di cui risulta proprietaria la moglie di Mazzarella, nonché a due a quello di un clan capeggiato da suo padre Ciro detto “’o scellone”.
appartamenti intestati a Muscerino. I guai con la giustizia per lui cominciano molto presto. Tra i reati a
Il sequestro dei beni è stato disposto dalla magistratura a conclusione di in- suo carico associazione per delinquere di tipo mafioso,
dagini svolte dalla Sezione Misure di Prevenzione della Questura, in colla- contrabbando, violazione della normativa sugli stupefacenti, usura,
borazione con gli agenti del commissariato Vasto-Arenaccia. estorsione, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, gioco d’azzardo
Le indagini del commissariato Vasto Arnaccia, diretto dal vicequestore Pa- ed altro.
squale Trocino, e della sezione misure prevenzione patrimoniali della questura, Nel 1998, nel periodo “caldo” della faida tra gli Elia e i Mazzarella a
si sono concentrate sulle attività di Antonio Muscerino, ritenuto il “capozo- Santa Lucia, il figlio del ras stava per cadere vittima di una trappola
na” del clan capeggiato da Eduardo Contini, attualmente detenuto. Gli ap- tesa dal gruppo armato nemico. Per quell’agguato finì in manette
partamenti sequestrati, intestati alla moglie e a una figlia, si trovano in via l’allora ventiseienne Salvatore Bocchetti, membro dello
Milano e in via Firenze, nel quartiere Vasto. schieramento opposto
L’organizzazione, secondo quanto emerso da diverse indagini, è dedita in soprannominato “scè-scè” e
particolare al racket delle estorsioni, al traffico di droga e allo sfruttamento imparentato con con Ciro detto
della prostituzione, attività al centro di recenti operazioni svolte dalla polizia. “favacotta”, ammazzato anni fa.
Le complesse attività di indagine patrimoniale hanno consentito di sferrare Il raid dei sicari avvenne in
un‘energica azione di contrasto all’accumulo dei patrimoni di mafia in una pieno giorno: decine di persone
ampia area cittadina, per un valore complessivo finale di circa 900mila eu- assistettero al ferimento a una
ro. gamba di Franco Mazzarella,
Tra i beni sottoposti a sequestro quelli dell’impresa di ceramiche intestata all’epoca dei fatti
ad Olga Laperuta, moglie dell’uomo. quarantunenne. Contro Franco
Franco Mazzarella è finito più volte nel mirino delle forze dell’ordine, già a par- Mazzarella, soccorso da un
tire dal 2002, con numerose ordinanze di custodia cautelare per essere rite- carabiniere e trasportato al
nuto, tra l’altro, indiziato di appartenere ad associazione camorristica fa- Loreto Mare, furono esplosi
cente capo alla omonima famiglia, in quanto figlio del capo clan Mazzarella diversi proiettili calibro 7 e 65.
Ciro alias “’o scellone”. Più recentemente, era il 14 settembre dell’anno scor- Lui era fermo nei pressi della Regione quando si avvicinarono in tre,
so, Franco Mazzarella è stato tratto in arresto in esecuzione dell’ordine di tutti a volto scoperto. Uno solo era armato e cominciò a sparare. Il
carcerazione emesso dal gip del Tribunale di Pistoia per i reati di associazione figlio di Ciro “‘o scellone” riuscì a saltare con grande agilità,
per delinquere finalizzata alla commissione di reati di usura ed estorsione e schivando due dei tre proiettili. Il sicario scappò verso vico Stuorto a
relativi reati, commessi ai danni di numerose persone, in Toscana, Liguria piedi e per coprirsi la fuga fece fuoco contro i militari che
e Campania. l’inseguivano, i quali non risposero al fuoco, in quella occasione, per
Volto già noto anche quello di Muscerino che annovera precedenti per ri- non correre il rischio di colpire i numerosi passanti che a quell’ora si
cettazione, violazione sulla normativa delle armi aggravata dall’articolo 7, trovavano in strada. Franco Mazzarella, infatti, fu raggiunto dai suoi
associazione per delinquere finalizzata alle scommesse clandestine, viola- killer in pieno giorno: erano le 13,45 circa e via Santa Lucia era
zione sulla normativa degli stupefacenti ed altro. Peraltro il Muscerino risul- parecchio affollata. La scena, da film, si consumò sotto gli occhi
ta assiduo frequentatore di personaggi di spicco legati al clan Contini, al- attoniti di centinaia di persone che assistettero al ferimento del
Maxisequestro di beni. Nel riquadro Antonio Muscerino
cuni dei quali attualmente ristretti in carcere e sottoposti al regime del 41 bis. figlio del boss. vano

SAN GIOVANNI SI TRATTA DI DUE CINESI TITOLARI DI NEGOZI IN VIA GALILEO FERRARIS

Vendevano puntatori laser, denunciati


Due persone denunciate in stato di libertà per commercializzazione ille- Continua senza sosta la lotta delle forze dell’ordine le operazioni volte ad
cita di puntatori laser. È accaduto nella zona di San Giovanni a Teduccio arginare il fenomeno della vendita illegale di puntatori laser. Oggetti peri-
dove i carabinieri della stazione locale hanno denunciato all’autorità giu- colosissimi che si stanno diffondendo a macchia d’olio in tutta Italia. In
diziaria per questo motivo due persone di nazionalità cinese. primo luogo, l’uso o meglio, l’abuso di questi oggetti, era destinato a posti
Si tratta di una donna di 59 anni, già nota alle forze dell’ordine nonché ti- come ad esempio lo stadio.
tolare di un’attività commerciale in via Galileo Ferraris, ed un uomo di tren- Un modo per disturbare, per esempio, i calciatori delle squadre avversarie
totto, già noto alle forze dell’ordine, titolare di una attività nella medesima nei momenti clou delle partite come ad esempio in un’azione importante
strada. I due sono ritenuti responsabili di vendita illegale di puntatori la- o in una chiara occasione da gol per la compagine ospite. Ma il vero pro-
ser di terza classe (di cui è vietata la commercializzazione sul territorio na- blema è stato sollevato di recente dall’aeroporto di Bari dove è stato alle-
zionale). I cittadini cinesi sono stati sorpresi mentre detenevano e pone- stito un sistema di segnalazione istantanea alle forze dell’ordine per “in-
vano in vendita nelle loro attività commerciali 1.899 puntatori laser del va- castrare” chi da giorni sta creando disagi ai piloti intenti nelle procedure
lore commerciale stimato circa 10.000 euro. I puntatori sono stati seque- d’atterraggio. L’accordo, sviluppato tra Enac, Enav e polizia di frontiera ae-
strati. rea, intende bloccare l’autore dei fasci di luce proiettati utilizzando i laser.

QUARTIERI SPAGNOLI SI TRATTA DI UN SOTTERRANEO ADIBITO AD AREA RICREATIVA IN VIA GRAZIE AI POLITI

Sequestrata sala giochi abusiva, multa salata per il titolare 26enne


Sequestrata una sala giochi abusiva ai Quartieri Spagnoli. alla rete telematica dell’amministrazione autonoma dei monopoli
L’operazione è stata portata a termine con successo dagli agenti di stato).
del commissariato Montecalvario. I sigilli sono scattati ai danni di I poliziotti hanno proceduto, al sequestro penale del sotterraneo,
un sotterraneo in via Grazie ai Politi allestito a sala giochi in delle slot machines e delle relative schede hardware nonché della
maniera del tutto abusiva. Nel tardo pomeriggio di ieri, gli agenti somma di 125 euro tutte in monete che si trovavano all’interno
del commissariato Montecalvario, nel corso di un’operazione degli apparecchi.
contro gli illeciti, hanno fatto irruzione sorprendendo una decina Il titolare dell’attività illegale, M.O. un 26enne napoletano è stato
di avventori, tra cui un minorenne. Cinque delle persone presenti denunciato autorità giudiziaria per esercizio di giochi d’azzardo
all’interno della sala giochi, dopo controlli, sono risultate già noto ed è stato contravvenzionato amministrativamente per un totale
alle forze dell’ordine. di 3.700 euro per la mancanza della licenza per l’esercizio della
All’interno del locale, in condizioni fatiscenti e con un impianto sala giochi e la non conformità degli apparecchi. Gli avventori
elettrico non a norma, oltre ad un biliardo per la carambola, vi presenti al momento del blitz dei poliziotti sono stati tutti
erano due apparecchi da gioco tipo slot-machines (non connessi sottoposti a controllo.
giovedì 21 gennaio 2010
CRONACA DI NAPOLI 3

PIANURA LA SUA VERSIONE NON CONVINCE GLI 007 CHE STANNO CERCANDO DI STABILIRE COSA SIA ACCADUTO REALMENTE

Reagisce a un tentativo di rapina, ferito un pregiudicato


di Renato Rocco luttazione avrebbe, quindi, premuto il grilletto dell’arma esplodendo un
colpo che raggiungeva alla gamba sinistra Vincenzo Luongo. Poi, la fu-
Ferito per avere reagito ad un tentativo di rapina. La vittima è un pre- ga mentre il ferito veniva soccorso ed accompagnato al più vicino
giudicato di Pianura, Vincenzo Luogo, di 49 anni, raggiunto da un col- ospedale.
po di pistola ad una gamba. Un episodio sul quale la polizia sta inda- Ricoverato, l’uomo è stato medicato e giudicato guaribile in una de-
gando per fare chiarezza. Al momento, al vaglio degli investigatori c’è cina di giorni. Per l’ora tarda in strada non c’era nessuno o perlome-
solo la ricostruzione fatta dall’uomo. La polizia non escluderebbe altre no nessun testimone è stato rintracciato per confermare il racconto
piste, come accade in casi del genere, quando la vittima è una persona reso alla polizia dal pregiudicato. Nelle settimane scorse, altri episodi
che ha precedenti con la giustizia. Il fatto è accaduto l’altra notte, nel analoghi sono stati consumati in zone diverse della città: nel mirino
quartiere Pianura. Mancavano una ventina di minuti alla mezzanotte: di persone armate alcuni pregiudicati che hanno tutti reso la versio-
Vincenzo Luongo camminava in via Domenico Padula quando veni- ne di essere stati aggrediti a scopo di rapina e di essere stati feriti per
va affrontato da un rapinatore che puntandogli contro una pistola gli avere reagito. Tutti fatti sui quali stanno ancora indagando investi-
avrebbe intimato di consegnargli soldi ed orologio. Il ferimento è av- gatori di polizia e carabinieri: lavoro investigativo che, finora, non ha
venuto nelle vicinanze di un bar. La reazione del quarantanovenne ottenuto risultati positivi, in mancanza di indizi concreti e di testi-
avrebbe colto di sorpresa il bandito che impegnato in una violenta col- moni.

FUORIGROTTA ARRESTATI PADRE, MADRE E FIGLIO 17ENNE: NON È FINITA IN CELLA LA SECONDOGENITA DI APPENA 14 ANNI PERCHÉ NON IMPUTABILE

Poliziotti aggrediti dai pusher


di Brunella Bersani PIAZZA GARIBALDI FERMATO UN MAROCCHINO 19ENNE
Un intero nucleo familiare si è scagliato contro alcuni agenti del com-
missariato di polizia San Paolo, tutto per evitare l’arresto. Non ci sono riu-
sciti, e per loro, adesso, all’accusa di spaccio si è aggiunta anche quel-
Pretende sesso gratis
la di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.
L’episodio si è verificato nel quartiere San Paolo, zona Fuorigrotta, quan-
do gli agenti del locale commissariato hanno effettuato una perquisi-
e minaccia due prostitute
zione presso l’abitazione di un nucleo familiare residente in via Giovanni Extracomunitario tenta di estorcere prestazioni sessuali a due
Brancaccio, dove all’interno della detta abitazione avevano allestito una prostiture; arrestato dai carabinieri. Si tratta di Jawad Kissi,
fiorente attività di spaccio di cocaina. diciannovenne, marocchino, senza fissa dimora, che è stato bloccato
A cadere nella rete delle polizia sono finiti il padre, la madre e il figlio da una pattuglia di militari che lo aveva sorpreso mentre aggrediva
17enne: per tutti e tre è scattato l’arresto con l’accusa di detenzione ai due donne, prostitute, comunitarie, originarie della Romania. Il fatto
fini di spaccio resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, in concorso tra lo- è accaduto nelle vicinanze di piazza Garibaldi. Durante un servizio
ro. Non arrestata perché non imputabile una seconda figlia, di neanche di controllo del territorio, carabinieri in forza al Nucleo radiomobile
14 anni. di Napoli notava un giovane che strattonava con violenza due
Gaetano Spatuzzi, 43enne, all’arrivo della polizia ha incominciato ad ur- donne. Immediatamente intervenuti, i militari fermavano il giovane
lare allertando gli altri familiari i quali hanno materialmente aggredito i ed accertavano che aveva tentato costringere le prostitute, rumene,
poliziotti con calci e pugni, nel tentativo di impedire loro l’ingresso. a fornire prestazioni sessuali. Inoltre, successivamente, i carabinieri
Arrestata anche la moglie di quest’ultimo, Paolina Marotta, 41enne e il apprendevamo che il diciannovenne aveva anche tentato di
loro figlio 17enne. La provocata agitazione ha consentito ad un’altra fi- appropriarsi del denaro in possesso delle due donne, una di 26 anni,
glia di anni 14 di lanciare dalla camera da letto un involucro, pronta- residente a Pomigliano D’Arco e l’altra di 19 anni, domiciliata in
mente recuperato da altri poliziotti, lì fermi a monitore la zona. piazza Garibaldi. Per riuscire nell’intento, il marocchino aveva
L’arrivo di altre volanti inviate sul posto dalla Sala Operativa della Que- tentato di intimorirle minacciando di picchiarle. Scattate le manette,
stura ha evitato che la situazione degenerasse. il nordafricano è stato arrestato in attesa di essere processato per
All’interno dell’involucro lanciato dalla finestra dalla 14enne gli agenti rito per direttissima. La zona è frequentata da gruppi di donne, nella
hanno rinvenuto e sequestrato 40 grammi di cocaina. La droga era sta- maggior parte straniere, quasi tutte senza permesso di soggiorno,
ta preventivamente suddivisa in vari involucri. Inoltre i poliziotti, sem- dedite alla prostituzione, nelle mani di malavitosi senza scrupoli. I
pre all’interno dell’involucro, hanno anche rinvenuto 16 pasticche usa- controlli da parte dei militari
te per il taglio e un bilancino di precisione. proseguiranno per evitare
Nel corso della perquisizione domiciliare, gli agenti hanno recuperato episodi di criminalità di strada
in un barattolo di vetro la somma di 130 euro suddivisa in varie banco- che spesso si consumano in
note, provento dell’illecita attività. piazza Garibaldi, crocevia di
I coniugi sono stati accompagni al carcere - rispettivamente di Pozzuo- clandestini, di diverse etnie, di
li e di Poggioreale, il figlio al centro di prima accoglienza dei Colli Ami- malviventi pronti a colpire
nei. rapinando e scippando. Un luogo
I poliziotti sono dovuti ricorrere alle cure mediche per contusioni di 10 dove la legalità spesso viene
e 25 giorni. Resta da stabilire, adesso, che fine farà la figlia 14enne del- sconfitta da gettando nel
la coppia, in attesa del rientro a casa dei familiari: se non dovessero es- degrado questa porta di ingresso
serci altri familiari disponibili, il rischio è che la ragazza possa essere af- della città, per la presenza della
Feriti i poliziotti che hanno messo a segno il blitz in casa dei pusher
fidata ai servizi sociali. Stazione centrale. rerocc

SANTA LUCIA CIRO PUGGILLO VA AI DOMICILIARI RIPRENDONO LE UDIENZE LA FILLEA PROMUOVE ASSEMBLEE PUBBLICHE E MANIFESTAZIONI A TORINO
Sorpreso a rubare col complice
a Valmontone: finisce nei guai «Processo Eternit, vogliamo giustizia»
VALMONTONE. È stato sorpre- Per domani la Fillea Campania ha promosso cesso sarà presente un presidio delle delegazio-
so insieme ad un complice a ru- un’assemblea pubblica prevista per le ore 16, ni delle fabbriche italiane, Casale Monferrato,
bare tutto ciò che si trovava al- presso la sede Arci di via Luigi Rizzo a Napoli, Reggio Emilia, Cavagnolo e Bagnoli e di quelle
l’interno di un’autovettura par- in occasione della ripresa delle udienze, il 25 straniere, per dare man forte al Giudice Guari-
cheggiata all’interno dell’area di gennaio, del processo Eternit. niello».
sosta dell’outlet di Valmontone. «Scopo dell'iniziativa, che si terrà a Cavalleg- «L’iniziativa del 22 gennaio - conclude il segre-
Ciro Puggillo, padre del più no- geri - spiega il segretario generale Fillea Cam- tario - cui interverranno insieme a me, Rocco
to Salvatore, l’altro pomeriggio pania Giovanni Sannino - è quello di condivi- Papa, Presidente di Bagnoli Futura; Massimo Di
si trovava in compagnia di Raf- dere con i cittadini della zona, idee e prospet- Celmo della Consulta Giuridica CGIL Campania;
faele Gentile, quando nel par- tive per il futuro di Bagnoli e contro gli effetti Massimo Menegozzo, Responsabile Registro Me-
cheggio di Valmontone è stato dell'amianto ancora presente nelle nostre aree». sotelioma in Campania; Giuseppe Balzamo, Pre-
sorpreso dagli uomini in divisa. «Bagnoli - continua il segretario - porterà, il 25 sidente X Municipalità, vuole dare una risposta
Le forze dell’ordine infatti li han- gennaio a Torino, il suo carico di dolore e la sua concreta alle ansie e alla aspettative del quar-
no scoperti mentre stavano volontà di avere giustizia attraverso una sentenza giusta ed esempla- tiere sul processo Eternit e sulla realizzazione di programmi in grado
scassinando un’auto. I due (di- re che restituisca dignità alle sue oltre 540 vittime dell'amianto». di fdare sviluppo vero al territorio e opportunità alle giovani genera-
fesi dagli avvocati Valentino Di «Come sempre - aggiunge inoltre il segretario - alla riapertura del pro- zioni».
Ludovico e Dario Niccolini) su
disposizione del Tribunale di
Velletri sono stati messi agli ar- PIANURA DOPO IL BLITZ IN VIA MONET E L’ARRESTO È GIÀ SCATTATA LA CACCIA AD ALTRI DUE PUSHER CHE ERANO CON LUI
resti domiciliari.
Anche se ha numerosi precedenti, Ciro Puggillo è meno noto del figlio Sal-
vatore, a sua volta pregiudicato della zona del Pallonetto di Santa Lucia.
Uno dei due Pugillo venne arrestato nel marzo del 2008 dalla polizia di Bo-
Ha 18 anni, sorpreso dalla polizia a vendere stupefacente
logna con l’accusa di furti agli autogrill. In particolare, di fare parte di una Gli agenti del commissariato di polizia di Pianura I tre, una volta che si sono resi conto dell’arrivo
banda dedita ai furti in Autogrill. Fu proprio l’alto numero di segnalazioni hanno tratto in arresto il 18enne napoletano della polizia hanno tentato di scappare. Ci hanno
a spingere la società “Autostrade per l’Italia” e il gestore “Autogrill” a cor- Antonio Bellofiore. Il giovanissimo è incriminato provato, ma invano: immediatamente, infatti, i
rere in breve tempo ai ripari. Bisognava arginare l’assalto alle aree di so- perchè si è reso responsabile del reato di spaccio di poliziotti hanno inseguito i tre riuscendo a bloccare
sta da parte di orde di banditi più o meno organizzate. Così sono state sostanza stupefacente. L’arresto, in particolare, è lo spacciatore.
istallate le telecamere di sicurezza e grazie a questo primo intervento si è avvenuto l’altra sera poco dopo le 23, quando i Il giovane è stato controllato, all’interno della calza
riusciti a chiudere il cerchio attorno ad una banda, neanche a dirlo, di na- poliziotti, mentre percorrevano via Di Fiore a destra è stato rinvenuto e sequestrato un involucro
poletani che ogni settimana dalla città del sole e della “munnezza” saliva- Pianura, hanno notato lì vicino, in via Monet, tre di plastica, con all’interno una dose di marijuana. Il
no lungo la rete autostradale e rubavano tutto ciò che riuscivano a rubare persone intente a scambiarsi qualcosa. giovane è stato arrestato, mentre adesso sono
nelle aree di sosta. Una volta finito con gli Autogrill, probabile che adesso Prontamente intervenuti, i poliziotti hanno quindi attivamente partite le ricerche per tentare di dare
si siano messi in testa di poter rubare nelle auto parcheggiate nei pressi visto Bellofiore mentre consegnava un involucro ad un altro giovane un volto e un nome agli altri due giovani che erano con lui al
dei centri commerciali. quando sono dunque intervenuti. momento del blitz.
4 CRONACA DI NAPOLI giovedì 21 gennaio 2010

LA POLEMICA LA PRESIDE NUNZIATA REPLICA CON TRANQUILLITÀ ALLE VOCI E ALLE PROTESTE DEGLI STUDENTI DEL VII SCIENTIFICO

Una capitale europea e non le Canarie per i ragazzi del “Caro”


Perché protestare contro una si- impossibile rinunciare, come il pullman privato, la guida e un albergo mento in questione anche ieri nel corso dell’assemblea d’istituto, è
tuazione comune alla maggior par- che sia almeno un tre stelle» ha spiegato la preside Liana Nunziata. quella di avere un loro rappresentante nella “Commissione Viaggi”.
te delle scuole? È accaduto in que- «I genitori devono sapereche i loro figli sono in buone, anzi in ottime La preside Nunziata anche in tal senso è tranquilla, considera la po-
sti giorni nel liceo Tito Lucrezio mani, e poi visitare una capitale europea a queste condizioni porterà lemica dei suoi ragazzi quasi una “bravata” se non proprio una inuti-
Caro in via Manzoni: gli studenti sempre una certa spesa, specialmente in tempi di crisi». lità: «Mostrerò al consiglio d’istituto i documenti che confermano i
si ribellano ai prezzi troppo eleva- Dati alla mano, la preside dimostra che i prezzi proposti per i viaggi sco- prezzi inalterati da due anni. Nessun istituto manda a cuor leggero le
ti delle gite scolastiche organizza- lastici sono sempre gli stessi da due anni. sue classi in gita, ma se lo fanno non possono risparmiare su fattori
te nella capitali europee. «Una volta stabilite le mete, sottopongo i progetti a diverse agenzie indispensabili. Anche se i ragazzi pensano in primis a divertirsi, è pur
Gli alunni dell’ultimo anno, in par- di viaggio evidenziando le suddette priorità, e infine scelgo l’agenzia sempre un viaggio educativo». Quanto alle mete, l’istituto Tito Lu-
ticolare, hanno fatto sentire le proprie ragioni e la propria voce, sotto- che ce le garantisce al costo minore. I piani, i progetti e le condizioni crezio Caro punta soprattutto alle capitali europee. Perché allora cir-
lineando che è possibile spendere meno rispetto ai pacchetti propo- non sono derogabili». cola la voce che la destinazione sarà le Canarie? «Mi è stato proposto
sti dall’istituto. Le lamentele sollevate dagli alunni non hanno quindi ragion d’essere perché lì vi è un importante osservatorio astronomico, - conclude la
Ma a quanto pare è stato sollevato un polverone senza motivo: «Se la anche perché tutti i genitori hanno già consegnato le autorizzazioni per preside - ma sono chiacchiere. Credo che quest’anno i luoghi prescelti
scuola si assume la responsabilità di portare gli alunni in gita, deve le partenze dei figli, previste per marzo. saranno Praga e Budapest, che di certo sono più consone al nostro tar-
avvalersi di una serie di confort e di rispetto di parametri ai quali è La richiesta degli studenti del Caro, che hanno discusso dell’argo- get di viaggio». Marta Marrucco

PONTICELLI IN PREGHIERA CON MIRJANA. L’EVENTO RELIGIOSO, PROGRAMMATO AL PALAVESUVIO IL 2 FEBBRAIO, CREA FERMENTO TRA I FEDELI

A Napoli la veggente di Medjugorie


di Rosa Benigno NUOVO SVILUPPO SERVONO PIÙ INVESTIMENTI
Ventinove anni fa, sei ragazzini nella poverissima Bosnia-Erzegovina, rac-
contarono di avere visto la Madonna, che si era presentata loro come “Re-
gina della pace”. Accadeva a Medjugorie, una località dei Balcani di-
L’ambiente per investire
ventata meta continua di pellegrinaggio e dove tutt’oggi affluiscono cen-
tinaia di migliaia di fedeli ogni anno. Una devozione alimentata dalla co-
stanza con cui, nei giorni 2 e 25 di ogni mese, le apparizioni si ripetono
e creare posti di lavoro
insieme con la diffusione di un messaggio di pace e d’invito alla conver- In Italia ci sarebbero oltre 150mila posti di lavoro, al netto di quelli
sione (ha fatto scalpore quella del giornalista Paolo Brosio, diventato uno persi in altri comparti, se si investisse di più nell’ambiente e nel
dei maggiori testimoni di fede nella Madonna di Medjugorie). Ora, per la riciclo. Un dato significativo a cui fa riferimento Anna Maria Tarantola
prima volta, il prodigio avverrà a Napoli. Le voci si rincorrevano da di- (nella foto), vice direttore generale della Banca d’Italia che,
cembre scorso, ma da ieri la notizia è ufficiale: il 2 febbraio la città ospi- intervenuta ieri a Napoli, alla Camera di Commercio, al convegno “Un
terà un incontro di preghiera con Mirijana Dragicevic Soldo, una dei sei nuovo sviluppo economico: energia, ambiente e sostenibilità”, ha
veggenti di Medjugorie. L’iniziativa è dell’associazione '“Cieli Nuovi”, chiesto «maggiore impegno e più investimenti nell’energia eco-
nata dalla spinta devozionale per Medjugorie che attrae decine di mi- sostenibile». «Nella Penisola – continua la vice di Draghi - si usano in
gliaia di pellegrini per le “apparizioni della Madonna” iniziate il 24 giugno prevalenza fonti non rinnovabili, oltre l’80% delle industrie adopera
1981. Un evento che ha il patrocinio del Comune di Napoli ed ha con- combustibili fossili. Quello ambientale è senz’altro un settore in cui si
cesso la struttura del “Palavesuvio” in via Argine, a Ponticelli. Quando potrebbe investire di più se si pensa che nel duemila soltanto il 3%
Il Palavesuvio di Ponticelli ospiterà lʼincontro con la veggente Mirjana (nel riquadro)
questa straordinaria esperienza ebbe inizio, Mirijana aveva 16 anni. Era degli occupati lavorava in questa fetta di economia». A sostenere
un’epoca in cui la repressione del regime comunista soffocava ogni mo- l’invito del vice direttore generale della Banca d’Italia c’è il cardinale
vimento cristiano e sopportando ogni indimidazione, lei, insieme agli ra- Crescenzio Sepe «preoccupato per la crisi ecologica che vive la società
gazzi, non ha mai rinnegato quanto stava vivendo, nonostante le intimi- PROMOTORE DELL’INIZIATIVA È PAOLO ASCIERTO di oggi».
dazini e le analisi psicologiche e fisiche a cui furono sottoposti. «La Ma- Per l’arcivescovo «dalla crisi si viene fuori soltanto se si ritorna alle
donna mi appare sempre il 18 marzo e il 2 di ogni mese - ha spiegato Mir-
jiana in una intervista di qualche anno fa - Per il 18 marzo mi ha detto
che la sua apparizione durerà tutta la vita; quelle del 2 del mese non so
Palladino si attiva per il Pascale origini e si prende coscienza di quanto si è fatto».
Sono tanti, infatti, i danni a cui fa riferimento il cardinale che chiede
un «inversione di tendenza dinanzi ad un uomo svuotato dei propri
quando finiranno». È per questo che l’evento in preparazione a Napoli ha «Sono orgoglioso e fiero di partecipare all’iniziativa “Il cuore di Napoli” per rac- valori, come il rispetto della Natura». Tanti gli interventi di docenti ed
per i credenti un’importanza straordinaria. È la stessa Mirjana ad avere cogliere i fondi necessari alla costituzione della Fondazione Melanoma». Raf- esperti del settore, intervenuti alla tavola rotonda moderata dal vicario
spiegato la valenza dell’incontro di preghiera del 2 di ogni mese. «La Ma- faele Palladino, giovane promessa del Genoa e della Nazionale Italiana, ac- episcopale alla Cultura, don Adolfo Russo. Fra essi Pierluigi Malavasi,
donna prega insieme a me per i non credenti - ha raccontato la veggen- coglie l’invito rivolto alla generosità di tutti campani dal professore Paolo direttore dell’Alta scuola per l’ambiente che indica come necessaria «la
te - anzi, Lei non dice mai così, ma “Per coloro che non hanno ancora co- Ascierto, direttore dell’unità di Oncologia Medica e Terapie Innovative del- formazione di nuove professionalità ambientali» e l’ordinario di
nosciuto l’amore di Dio”». Mirjana Dragicevic Soldo è tenuta rigorosa- l’Istituto Tumori Pascale e presidente del comitato promotore Fondazione Economia dei Trasporti, Ennio Forte che
mente ad attendere l’apparizione mensile a Medjugorie. Solo il 2 di feb- Melanoma. «Ringrazio il mio caro amico Paolo – continua Palladino - che ha ridisegna uno sviluppo logistico della
braio può spostarsi in una località diversa dal paesino dei Balcani. Lo pensato proprio a me come testimonial di un progetto così importante. Ho vis- metropoli partenopea, basata sulla crescita
scorso anno l’incontro di preghiera è stato organizzato a Como. Per l’even- suto un’esperienza unica e coinvolgente sul piano emotivo andando a tro- sostenibile e sui trasporti via mare. Per
to sono attesi a Ponticelli decine di pullman di fedeli che si stanno orga- vare i pazienti dell’Istituto Pascale. Per questo invito tutti - conclude Palla- l’ordinario di Economia ed Estimo
nizzando in ogni regione d’Italia. Il programma prevede l’accoglienza al- dino - a contribuire all’iniziativa “Il cuore di Napoli”. Io sarò tra questi e mi ambientale, Luigi Fusco Girard, invece,
le ore 6 del mattino, poi la recita del Rosario a cui seguirà l’Adorazione. impegnerò a sollecitare altri miei colleghi a sostenere il progetto». È possibi- Napoli dovrebbe diventare la «capitale del
Alle 7,30 sarà celebrata la Messa. L’attesa è per il “messaggio della Ma- le contribuire alla costituzione della Fondazione con una donazione, mediante riutilizzo» invertendo il processo che la
donna” che sarà diffuso al termine dell’incontro di preghiera program- versamento sul conto Banco di Napoli Iban IT71C0101003400100000015560 indica come leader dei rifiuti e simbolo di
mato in coincidenza con l’estasi della veggente. intestato al Comitato Promotore Fondazione Melanoma. emergenza e degrado. Andrea Acampa

ITG PORZIO TRE SCUOLE COINVOLTE, INAIL E ANMIL SCANDONE TROVATI NEGLI SPOGLIATOI FEMMINILI RAGAZZI CHE RIPRENDEVANO LE ATLETE

Un progetto di sicurezza Mamme mettono in fuga guardoni


sui luoghi del lavoro Guardoni hi-tech in azione alla Scandone. Quanto accaduto nella più
importante piscina napoletana potrebbe sembrare una scena presa da
descrizione ben più che ventenne) che si era introdotto nello spogliato-
io. In assenza di controlli da parte di chi la Scandone la gestisce, sono
Il progetto sperimentale Silos (Scuola Innovazione Lavoro un film di Pierino o da una commedia all'italiana degli anni '70. Nella re- state proprio le mamme a prendere le prime contromisure. Lunedì un
Organizzazione Sicurezza) presentato presso l’Istituto Itg Porzio, altà dell'impianto di Fuorigrotta, però, vittime dei voyeur di turno non so- gruppo di loro ha sorpreso e messo in fuga un gruppo di ragazzi, ap-
nasce dalla collaborazione tra Inail ed Anmil, la prima no donne un po' “leggere” e (soprattutto) maggiorenni come quelle por- prossimativamente fra i 16 e i 20 anni, che si era introdotto furtivamen-
rappresentante del ruolo dello Stato nella difesa della sicurezza dei tate sullo schermo da Edwige Fenech, ma ragazzine, molte delle quali te nella piscina per realizzare qualche altro click. «Erano solo ragazzini
lavoratori, la seconda del vissuto personale delle vittime di minorenni, che alla Scandone ci vanno per fare sport. La vicenda va che giocavano a farsi le foto fra loro» ha provato a spiegare uno dei di-
incidenti sul lavoro. La partnership si avvale anche della avanti da settimane e fotografa ancora una volta lo stato di incuria in pendenti della Scandone. Il direttore dell'impianto, Salvatore La Marca,
collaborazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e delle cui, nonostante gli investimenti e i continui lavori di ristrutturazione, dà invece una versione diversa: «Hanno scavalcato il muro che confina
Ricerca e di quella del Ministero del lavoro, della salute e delle viene tenuta la Scandone. Approfittando dell'assenza di controlli all'in- con il cinodromo e si sono introdotti nello spogliatoio dalla palestra. Da
Politiche Sociali. gresso degli spogliatoi e sul retro della piscina, alcuni ragazzi si sono ieri sera effettuiamo un controllo maggiore attorno al perimetro dell'im-
L’idea di fondo del progetto parte dalla convinzione che, come più volte introdotti attraverso le scale che danno sul piano vasca e poi pianto, infatti abbiamo bloccato e cacciato alcuni ragazzi. Purtroppo nel
afferma il direttore regionale della Campania per l’Inail, Emidio nascosti negli spogliatoi femminili e, armati di telefonini, hanno inizia- nostro staff non ci sono donne, per cui non posso mettere nessuno al-
Silenzi «non è più possibile affrontare il tema della sicurezza sul to a scattare foto e fare video alle ragazze sotto la doccia o mentre si l'interno dello spogliatoio femminile per controllare chi entra e chi esce.
lavoro unicamente attraverso la produzione di norme e strumenti di spogliavano. L'ultimo episodio è accaduto martedì sera, quando una Spero che la Napoli Servizi ci invii qualche dipendente donna per ov-
controllo, ma è necessario fare in modo che la cultura della delle madri delle ragazze si è trovata faccia a faccia con un uomo (dalla viare a questo problema». Fabrizio Napoli
prevenzione parta dai banchi di scuola». Infatti, gli istituti secondari
superiori di 8 regioni d’Italia selezionati per il progetto sono più di
30: si tratta soprattutto di istituti tecnici, i cui studenti sono quelli VIA BRACCO APRE IL PRIMO CENTRO NATURHOUSE IN GRADO DI RIEDUCARE ALIMENTARMENTE I SOGGETTI
che maggiormente si apprestano ad entrare nel mondo del lavoro
una volta conseguito il diploma di maturità. I materiali didattici del
progetto verranno sperimentati nel corso dell’anno scolastico 2009-
2010: il valore della cultura della sicurezza verrà integrato nei
Nutrizionisti per costruire un percorso individuale e ottimizzante
percorsi curriculari tradizionali senza sottrarre tempo ai programmi Si inaugura oggi alle 17.30, in via Bracco 57/59, il primo centro percorso di rieducazione alimentare ottimizzato da complementi
scolastici, anzi inserendo nei piani di studio anche materie nuove diretto Naturhouse di Napoli per la rieducazione alimentare. dietetici, tutti naturali, venduti esclusivamente presso i centri
come “educazione alla cittadinanza” al fine di formare degli Saranno presenti Raffaello Pellegrini, Amministratore Delegato Naturhouse. Attraverso un primo incontro conoscitivo, i nutrizionisti
studenti consapevoli dei propri limiti e dei propri doveri verso se della Naturhouse Italia, Luca De Rosa, Area Manager per il Centro- Naturhouse elaborano un programma dietetico personalizzato,
stessi per poter definire delle strategie di riduzione del rischio in un Italia, Ettore Novellino e Giovanni Greco della Facoltà di Farmacia tenendo conto di abitudini alimentari, stili di vita e attività fisica
Paese quale il nostro, dove gli incidenti sul lavoro sono circa un Federico II di Napoli. Naturhouse è il luogo ideale dove perdere peso praticata del cliente. I successivi incontri settimanali sono di
milione l’anno e i morti più di mille, un fenomeno sociale di massa e stare in forma in modo naturale, semplice ed economico grazie ad monitoraggio della perdita del peso ma rappresentano anche un
che va ridotto fino a scomparire del tutto, tanto che lo stesso un metodo messo a punto nel 1992 in Spagna da un qualificato valido supporto psicologico, necessario durante il processo
presidente provinciale dell’Anmil (Associazione Nazionale fra dipartimento tecnico-scientifico e oggi consolidato attraverso più di rieducativo. I prodotti drenanti, antiossidanti e brucia grassi dei
Mutilati e Invalidi del Lavoro) Raffaele Ievolella si augura che un 1.700 centri diffusi in circa 20 nazioni. centri Naturhouse sono tutti costituiti di estratti di piante o frutta e
giorno la sua associazione possa “sparire”. Emanuela Guarnieri Tre milioni di clienti hanno ritrovato il peso forma con questo sono autorizzati dal Ministero della Salute italiano.
giovedì 21 gennaio 2010
CRONACA DI NAPOLI 5

PROVINCIA RIDOTTI ANCHE I CDA, POI RISPOLI PROPONE: COGESTIONE DEI DIPENDENTI

Rivoluzione Partecipate: meno consulenti


Una rivoluzione alle porte delle società partecipate della Provincia? Al mo- «I governi di centrosinistra ne hanno fatto carrozzoni clientelari - ha ri-
mento l’idea lanciata dal presidente del Consiglio di Santa Maria la Nova, marcato Rispoli - il centrodestra per smantellare questo sistema deve esclu-
Luigi Rispoli (nella foto), che ieri è stato in visita nella sede dell’Asub, re- sivamente interessare i dipendenti e “legarli” ai risultati finali”. Cosa che
sta un’opinione personalissima ma è sicuro che potrebbe rappresentare il dovrebbe far sua lo stesso Stefano Caldoro - ha poi sottolineato Rispoli - che
nuovo corso per una gestione ottimizzata delle società pubbliche. «Che andrà ad affrontare una situazione ancor più complessa di quella attuale
spesso - ha detto -rappresentano carrozzoni clientelari utili solo a garan- della Provincia. Anche per Asub – ha spiegato Rispoli – è auspicabile l’in-
tire il controllo del consenso». Tagliare gli sprechi, ridurre le consulenze e troduzione di sistemi di cogestione, cioè di partecipazione dei lavoratori
ovviamente i CdA, razionalizzare le risorse, ma non solo: «È sempre più alla struttura societaria, in maniera che le stesse maestranze possano es-
necessario coinvolgere i lavoratori in un moderno sistema di cogestione del- sere coinvolte sia nella predisposizione dei programmi operativi sia nella
le imprese». Si otterrebbe così l’automatica riduzione dei costi senza per condivisione dei risultati, in termini di realizzazione di utili o perdite, del-
questo abbassare la qualità del lavoro, anzi. Perchè ovviamente l’interes- l’attività svolta. Ritengo – ha concluso il presidente – che questo possa co-
se in prima persona in quelle che sono le vicende della società darebbe stituire un esempio di gestione virtuosa delle società partecipate che il
nuovo impulso al lavoro ma anche alla gestione spicciola dell’impresa. nuovo corso politico-amministrativo alla Provincia di Napoli ha il dovere di
D’altronde un riassetto delle partecipate pubbliche è irrimandabile e au- sperimentare per aumentare la redditività del lavoro e per valorizzare al
spicabile. meglio le risorse pubbliche». Valeria Bellocchio

L’EMERGENZA STESSO PROBLEMA ANCHE A SAN PIETRO. LA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE: NESSUNA RICHIESTA DI AUTOBOTTI DA PARTE DEL COMUNE

Gianturco, da 3 giorni senz’acqua


di Mariano Rotondo VIA TRIBUNALI LUOGO DI CULTO CIRCONDATO DA RIFIUTI
Terzo giorno consecutivo senza acqua corrente per il rione di Gian-
turco a Poggioreale, e su via Circumvallazione Esterna a San Pietro a
Patierno. Le condutture che si erano rotte tra il primo pomeriggio e la
Lastre di amianto lasciate
tarda serata di lunedì non sono state dunque ancora riparate, mentre
aumentano i disagi per la popolazione costretta ad un vero e proprio
calvario a causa dei rubinetti a secco che perdurano da ormai 72 ore.
presso la chiesa della “Pace”
Due, quindi, le perdite più copiose nelle periferie cittadine che acui- All’esterno della chiesa Ortodossa
scono quindi l’emergenza idrica tra Napoli Est e Napoli Nord. A via della “Pace” di via Tribunali sono
Gianturco, infatti, sono circa tremila gli utenti colpiti dalla rottura sot- appoggiate alla parete, poco
terranea su cui gli operai degli Arin stanno lavorando senza sosta da distante dall’ingresso della chiesa,
ormai tre giorni per un guasto, che - dopo essere stato attentamente da diversi giorni numerose lastre
esaminato - è apparso ben più grave del previsto. Secondo il pro- di amianto. La presenza di
gramma, in tal senso, la riparazione doveva essere effettuata già nel materiali contenenti amianto
corso della prima mattinata di martedì se non addirittura già durante oltre a rifiuti vari depositati poco
la nottata. L’acqua, al contrario, manca ancora nella porzione della distante dalla chiesa destano forti
contrada limitrofa alla metropolitana della linea 2, nelle traverse adia- preoccupazioni nella popolazione
centi come via Carlo di Tocco e via Molise ed in una parte di via Ga- residente. La denuncia è di Enrico
lileo Ferraris. E dopo la protesta del locale movimento civico, che l’al- Cella, consigliere della
tro giorno aveva fatto sapere di non aver visto nessuna autobotte ar- Municipalità per il quale non è più
rivare per soddisfare i bisogni del quartiere, ieri è arrivata la replica tollerabile questo stato di abbandono visto che costituisce reale e seri
della Protezione Civile regionale. «Dal Comune non ci è arrivata alcu- pericoli per la salute.«Non è possibile che una situazione di tale
na richiesta di soccorso - ha infatti replicato Luigi Rauci, capo-area gravità possa essere sottovalutata e del tutto ignorata dagli uffici
dell’assessorato all’Ambiente di Palazzo Santa Lucia - e spero che il Co- competenti». Sotto il profilo igienico–sanitario la chiesa presenta
mune abbia provveduto in altra maniera, poichè di norma le Ammi- anche altre anomalie come la presenza costante di rifiuti al suo
Riparazioni infinite a Gianturco e San Pietro a Patierno
nistrazioni locali ci contattano per essere sostenute in situazioni di esterno; un problema che, benché da sempre denunciato e mai risolto,
urgenza come questa». Secondo quanto appreso sul posto, tuttavia, denota in modo inequivocabile la scarsa attenzione a tale importante
non è arrivato alcun mezzo mentre continuano le proteste della popo- co, comprese quella del Comune confinante di Casoria, dove a paga- problematica. «Auspicando il pronto interessamento alla vicenda degli
lazione per la mancanza del fondamentale servizio. Medesimo disa- re pegno alla reti idriche fatiscenti sono loro malgrado i residenti di assessori competenti, visto che fino a questo momento le varie
gio che insiste ancora anche a San Pietro a Patierno, dove si è verifi- via Capri. A Ponticelli, invece, sono stati riparati tutti i guasti che ave- segnalazioni avanzate non sono state ancora soddisfatte e che, in
cata la stessa tipologia di guasto di Gianturco. Anche nella zona Nord, vano tolto il sonno a chi abita in via Rossellini, via Woolf e via Argine- particolare, le tegole contenente l’amianto siano al più presto
tuttavia, non è arrivata alcuna autobotte per rifocillare gli abitanti, do- Intanto, su via Nuova Villa, a San Giovanni a Teduccio sono partiti i rimosse». Inoltre Cella ha notato che materiale simile da qualche
ve la carenza di acqua dura pure in questo caso da tre giorni e tre not- lavori straordinari previsti dall’Arin nella tabella di marcia per rifare le giorno viene depositato in luoghi vicini il che potrebbe essere il filo
ti. Sono all’incirca un migliaio, a San Pietro, le utenze rimaste a sec- condutture obsolete. conduttore per risalire a chi lo sversa illegalmente.

LAVORI E CANTIERI I COMMERCIANTI PROTESTANO PER LA SEGNALETICA INESATTA. VIGILI AL LAVORO MUNICIPALITÀ CINQUE CADE IL NUMERO LEGALE

Via Nicolardi chiusa solo a metà Sulla surroga di Balassone


Nonostante la chiusura di via Nicolardi, ad oggi, non abbia portato i tan-
to temuti disagi sul traffico di cui si temeva, la parziale chiusura della stra-
ad essere chiusa. Una zona tra
l’altro praticamente deserta e
maggioranza ferma al palo
da sta invece creando un’altra serie di problemi. Questioni che hanno sol- circondata solo da vegetazione. La querelle legata alla surroga del con-
levato i commercianti di via Nicolardi, che protestano contro la cattiva in- Se non avremo riscontri chiede- sigliere Giovanni Balassone (Verdi)
formazione da parte del Comune e il drastico calo delle attività commer- remo un sostegno economico della municipalità, Arenella-Vomero,
ciali lungo la strada della zona ospedaliera. I commercianti hanno evi- perché le decine di negozi ed non sembra avere fine. I tempi per av-
denziato un incasso del 70% in meno, e si sono riuniti lunedì sera per fa- esercizi commerciali non posso viare la sostituzione, semmai ci sarà,
re il punto della situazione e chiedere l’aiuto della Terza Municipalità per rischiare di chiudere per la ne- nei confronti di Balassone si allunga-
portare al sindaco le loro proteste: e non hanno tutti i torti. gligenza del Comune nel fornire no sensibilmente. Disguidi ammini-
La segnaletica sulla tangenziale e la cartellonistica sulla zona parlano di “via le indicazioni». Intanto, sul fron- strativi e mancanza di volontà politi-
Nicolardi chiusa”, ma in realtà il tratto chiuso è soltanto quello inferiore, te traffico la temuta paralisi non ca di procedere alla surroga del con-
dove non ci sono esercizi commerciali. c’è stata: la presenza dei vigili, sigliere dei Verdi, nonostante la sua
Tutta la parte superiore della strada è infatti normalmente agibile e di- che fanno “pressing” in partico- prolungata assenza dalle aule di via
sponibile, e anzi, la chiusura parziale ha portato anche un ovvio snelli- lare sulla sosta selvaggia, sta Morghen, aumentano i tempi prima
mento del traffico e della sosta nella stessa. «Ci dispiace doverci sempre dando i suoi frutti. In attesa di di porre la parola fine su tale questio-
lamentare – afferma un rappresentante dei commercianti – ma se il Co- verificare la tenuta del dispositivo nei prossimi giorni, un’altra tegola si ne. Sembrava che burocraticamente
mune parla di via Nicolardi chiusa non ci fa lavorare più. Lo hanno scrit- abbatte sulla già provata viabilità della zona: la municipalità di Piscinola- fosse tutto pronto a fine novembre, ma a causa di un disguido amministra-
to addirittura sulla tangenziale. In questo modo la gente sceglie di recar- Chiaiano ha disposto la chiusura del ponte di via Nuova San Rocco entro tivo si è dovuto rifare l’iter. Risolti i problemi amministrativi, si è svolto un
si altrove per i propri acquisti e noi rischiamo di non mangiare più. Visto una decina di giorni per lavori alle fognature. Via Nuova San Rocco è una consiglio municipale ad hoc per approvare la surroga di Balassone, ma la
che questa situazione durerà un anno chiediamo al sindaco di interveni- delle arterie alternative al traffico in uscita da via Nicolardi, e la sua chiu- questione non è stata risolta, rimandando tutto ad una prossima seduta. La
re, precisando e rettificando che è solo la parte inferiore di via Nicolardi sura sarebbe un ulteriore duro colpo. Giovanni Scotto maggioranza durante il consiglio ha fatto cadere il numero legale, denotan-
do una certa confusione al suo interno e la mancanza di volontà a sostituire
un proprio collega assente da tempo. «Balassone ha inviato un fax prima che
TRE UNIVERSITÀ E LA SOPRINTENDENZA UN GRUPPO DI STUDENTI SI RENDE PARTECIPE DI UNA GRANDE INIZIATIVA iniziasse il consiglio – dichiarano gli esponenti del Pdl Claudia Carrieri, An-
drea Fonsmorti e Giovanni Tajani – per chiedere un differimento di 30 gior-

Da Napoli lezione di restauro fino alla musealizzazione ni per giustificare le sue assenze e già in passato aveva diffidato il consiglio
a procedere con la surroga. La maggioranza non ha saputo esprimersi ed ha
abbandonato l’aula, venendo meno ad un documento, risalente alle dimis-
Soprintendenza del Mare, dell’Università Parthenope, della volta, si è svolto in maniera sinergica e integrata tra due regioni sione di Coppeto, con il quale si impegnava a garantire al presidente una
Federico II, del Suor Orsola Benincasa, dell’assessorato alla Cultura storicamente affini, la Sicilia – che ha consentito l’invio e lo studio maggioranza più presente e, attraverso la surroga di Balassone, più nume-
del Comune, della Regione Sicilia, del Comune di Pantelleria, del dei suoi reperti, e la Campania, con Napoli, che li ha restaurati e rosa. Noi ci siamo astenuti perché – chiudono i consiglieri del Pdl – abbia-
Museo Civico “Biagio Greco”, dell’Ana – Associazione Nazionale messi in mostra. L’evento espositivo è stato fortemente voluto mo dubbi circa la modalità delle notifiche e su come è stato convocato il con-
Archeologi per una mostra alla quale hanno lavorato un gruppo di dall’ArchEOService di Napoli e dalla sua direttrice tecnica Paola siglio». Alcune fonti ritengono che Balassone non abbia dato le dimissioni su
studenti napoletani e che sta risquotendo successo di critica e di Filardi, che ha ideato, promosso e sviluppato, il corso di indicazioni del partito perché il primo dei non eletti della lista dei Verdi, che
pubblico. I Reperti del Relitto della Baia di Scauri di Pantelleria in Aggiornamento in Diagnostica, Restauro e Musealizzazione dei avrebbe diritto a subentrare, potenzialmente avrebbe potuto cambiare par-
esposizione al Maschio Angioino rappresenta il clou di un progetto reperti archeologici, in collaborazione con la Soprintendenza del tito. «Noi desideriamo parlare di politica – sostiene Giuseppe Castiello (Pd)
che trova spazio anche in una tavola rotonda inaugurale della Mare e con il Patrocinio della Facoltà di Giurisprudenza – e non di aspetti legali. Balassone è stato eletto dal popolo e del suo com-
mostra sul lavoro di recupero dei reperti fino alla musealizzazione dell’Università “Parthenope” e del C.I.M.C.F. (Centro portamento ne darà conto ai suoi elettori. Vogliamo aspettare i giorni richiesti
degli stessi. L’esposizione si protrarrà fino al 24 febbraio, lasciando Interdipartimentale di Metodologie Chimico-Fisiche) dal collega ed auspichiamo che entro il termine lui venga in consiglio per
la possibilità di visionare i risultati di un lavoro che, per la prima dell’Università Federico II di Napoli. chiarire tutto». Marco Altore
6 CRONACA DI NAPOLI giovedì 21 gennaio 2010

LA POLEMICA LA IERVOLINO: SUPERCREDITO DAL VIMINALE. SOLDI PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

Mancano 100 milioni, sicurezza a rischio


Il Viminale deve al Comune di Napoli oltre cento milioni di euro. Ma per ha fatto questo ministro: si sono dati da fare per Napoli – ammette la Ier-
ora non arriverà nemmeno una monetina. A margine dell'incontro con volino – in questo caso si tratta di un credito sostanzioso, accumulato nel
Maroni alla Camera di Commercio, il sindaco Rosa Russo Iervolino (nel- corso degli anni, che non dipende esclusivamente da questo ministro ma
la foto con l’assessore Scotti) si ferma a parlare dei soldi mancanti che, anche dai suoi predecessori». Se tra Napoli e Roma, insomma, regna il
tra le altre cose, servivano anche per realizzare il progetto di videosorve- sereno, il mancato arrivo di queste cifre crea non pochi problemi. Quei cen-
glianza, mai decollato all'ombra del Vesuvio. Palazzo San Giacomo ha, in- to e più milioni, spiega l'assessore alla Legalità Luigi Scotti, servono an-
somma, crediti «notevoli», che «superano i cento milioni di euro» nei con- che per il completamento del sistema di videosorveglianza: «Fino a que-
fronti del Ministero degli Interni, fondi arretrati e mai arrivati a Napoli del sto momento - chiarisce - è stato realizzato a macchia di leopardo e per
Pon Sicurezza. Né si sa quando, e questo punto se, i soldi arriveranno completarlo quei fondi sono necessari». Lo scorso anno, continua l'ex
nelle casse comunali. «Ieri ho scritto una lettera a Giuseppe Procaccini, Guardasigilli, si sono notevolmente ridotti i fondi che lo Stato normal-
capo di Gabinetto del Viminale per sapere quando sarebbero comincia- mente trasferisce ai comuni, con evidenti differenze però. Napoli, in-
ti i trasferimenti – rivela il primo cittadino - Oggi stesso ho ricevuto la ri- somma, sarebbe stata penalizzata più di altre città, a partire da Roma:
sposta e per ora anche il Ministero batte cassa. Siamo tutti nella stessa «Tutto questo incide sul bilancio e rende difficile portare avanti dei pro-
barca». Nessuna critica nei confronti dell'esecutivo e dei suoi esponen- getti impegnativi, come la videosorveglianza».
ti, però: anzi, «Questo governo ci è sempre stato molto vicino, così come anscut

NAPOLI-ROMA DURISSIMA LETTERA ALL’AD DI TRENITALIA: ORARI SBAGLIATI E COSTI SEMPRE CRESCENTI. I PENDOLARI: IN ORARIO SOLO IL 60%

Treni in ritardo, l’ira del sindaco


di Andrea Acampa PD SPACCATO IMPOSSIBILE SCEGLIERE IL CAPOGRUPPO
Orari impossibili, corse interminabi-
li con ritardi biblici e costi inacces-
sibili ai più. È questo lo scenario apo-
Lite Borriello-Venanzoni,
calittico per chi viaggia come pen-
dolare tra Napoli e Roma. A descri-
vere la situazione non è un lavorato-
ancora scambi di accuse
re qualunque, ma il primo cittadino Dopo la rissa, lo scontro democratico si consuma a distanza. Sui
partenopeo. Per il sindaco Rosa Rus- giornali di ieri c'era il racconto dell'assai poco edificante riunione del
so Iervolino i collegamenti con la ca- gruppo comunale Pd, convocata per scegliere un nuovo capogruppo e
pitale, così come sono stati predi- finita a parolacce, tanto che il segretario regionale Enzo Amendola
sposti non vanno bene. Con una let- era stato costretto a dividere i due belligeranti, Antonio Borriello
tera all’Amministratore Delegato di (nella foto) e Diego Venanzoni. Ma come sempre accade, il giorno
Trenitalia Mauro Moretti il numero dopo, calmati gli animi, nessuno ne ha colpa, così che lo scontro si
uno di Palazzo San Giacomo ha ri- rinnova, stavolta a distanza, a suon di comunicati stampa: «Ho
chiamato fortemente l’attenzione del- sempre lavorato per ritrovare una soluzione unitaria», dice
l’azienda sulla difficile situazione nella quale vengono quotidianamente a Venanzoni, «purtroppo non tutti sono animati dallo stesso spirito,
trovarsi i cittadini che, per ragioni di lavoro, viaggiano come pendolari tra aggiunge, «c’è chi come l’ex capogruppo, il collega Borriello, che, a
Napoli e Roma. Il Sindaco ha chiesto a Moretti di studiare, assieme con le suo dire, forte di un’appartenenza politica esclusiva all’amico
associazioni dei rappresentanti dei pendolari, le opportune modifiche atte Bassolino ritiene il vertice del gruppo una proprietà privata di
a rendere più agevole e funzionale la situazione ed ha offerto, qualora la si componente, e non, invece, frutto di una autentica mediazione. Per
ritenesse utile, la “mediazione” del Comune fra Trenitalia e i cittadini uten- quanto mi riguarda sosterrò una candidatura autorevole di un collega
ti. Insomma quello della Iervolino è un intervento diretto e deciso anche in consigliere capace di unire e non dividere come fanno altri». Il tempo
seguito ai non pochi disagi provocati dal maltempo delle settimane scor- di leggere le accuse e Borriello risponde all'amico-nemico: «Da
se. Durante le festività natalizie, infatti, in tutta la Penisola, ed in partico- Venanzoni vengono ricostruzioni faziose e capziose sulle dinamiche
Super-ritardi e costi altissimi per i pendolari dei treni Napoli-Roma
lare, a Napoli il maltempo ha mandato in tilt i trasporti con corse cancella- che hanno caratterizzato il confronto all'interno del gruppo. Infatti,
te e convogli in ritardo di ore. Il post-odissea natalizia ha già prodotto qual- oltre all'aspro scambio di battute con il collega nella riunione di ieri
che risultato con la promessa dell’ad del gruppo Fs che, due giorni fa, al il restanti 40% è in ritardo almeno di un quarto d’ora. Per i circa 4mila pen- sera, è d'obbligo precisare che non ho esercitato alcuna pressione per
convegno organizzato dall’Istituto Piepoli e Dexia Crediop, ha promesso dolari che viaggiano in treno i costi sono proibitivi. L’abbonamento di se- eleggere in quella sede il nuovo capogruppo». E riafferma la totale
cambiamenti di orari per l’Alta Velocità già da febbraio. «Aumenteremo il conda classe senza prenotazione del posto costa 350 euro al mese. Corri- disponibilità ad accompagnare il
servizio dove c’è più richiesta – ha annunciato Moretti, che per ora non ha spondono a 4.200 euro annue al netto della circumvesuviana o metropoli- lavoro del partito nella ricerca
ancora risposto alla lettera del sindaco – e gli orari saranno rivisti in fun- tana a Napoli e della metropolitana per muoversi a Roma». Numeri signifi- della soluzione, la più ampia e
zione della domanda». Sostanzialmente aumenterà l’offerta per quei treni cativi ancor di più se si deve fare i conti con ritardi o disservizi. Un’emer- condivisa, per la scelta del nuovo
che viaggiano con molti passeggeri, mentre diminuirà quella per i convo- genza che è giunta fin all’orecchio del sindaco che ha rivolto direttamente capogruppo, «così come richiesto
gli che circolano con pochi clienti a bordo. «Quest’anno - ha aggiunto Mo- all’Ad di Trenitalia le lamentele dei napoletani. «Ciò che fa più rabbia – ag- nel corso della riunione dai
retti - abbiamo aumentato del 40% l’offerta Frecciarossa, e adesso la adat- giunge Trani – è che Trenitalia costringe a prendere la Tav. L’unico Inter- colleghi Sannino, Cilenti e Russo
teremo alle condizioni della domanda». Alle promesse del numero uno di city utile per arrivare in orario in ufficio a Roma parte alle sei meno dieci del oltre che dal vicesegretario
Trenitalia, però, non sembrano crederci le associazioni di pendolari lette- mattino ed impiega due ore e quindici minuti anziché le due ore nette di Tuccillo». La fiction dei dem,
ralmente imbufalite per i cronici ritardi ed un’offerta che scontenta gran un anno fa. Cosa che ha dell’incredibile dato che separati gli euro star da- insomma, non accenna a finire, e
parte di chi viaggia per affari. «Trenitalia – spiega Antonio Trani, presidente gli Intercity il binario sul quale viaggiano quest’ultimi dovrebbe essere più la scelta condivisa tanto
di Assopendolari - continua a raccontare ai propri clienti che il 98% dei tre- rapido e non più lento. Al ritorno, la sera il discorso è capovolto, così si è co- auspicata sembra sempre più
ni sono in orario, secondo i nostri dati, invece, soltanto il 60% è in orario e stretti a fare un abbonamento all’Alta velocità anche se non la si utilizza». lontana. as

IN BREVE L’INTERVISTA D’APONTE: NUOVO BANDO. OCCUPAZIONI ABUSIVE, RIPARTONO GLI SGOMBERI
TASK FORCE DEI VIGILI URBANI
Mille multe durante il divieto antismog «Le case del Comune? Le riassegneremo»
di Antonella Scutiero re un quadro delle situazioni zona per zona, valutare anche il fabbisogno,
Raffica di multe durante lo stop alle auto inquinati. Le pattuglie del- mettere ordine in questo casino, spero di aver concluso per la fine del mio
la polizia municipale nella fascia oraria compresa tra le 7.30 e 11.30, Mettere ordine nell'immenso mandato».
hanno elevato 735 verbali a chi ha violato il divieto, più circa altri 300 – e caotico – patrimonio co- Qual è la situazione?
per altre infrazioni al codice della strada. munale. È la mission che l'as- «Per gli immobili a uso abitativo il discorso è complesso, il bando per l'asse-
sessore Marcello D'Aponte gnazione è fermo dal 1995. Ne voglio fare un altro, ma bisogna prima proce-
PIANTATI VENTI LECCI (nella foto), nella giunta Ier- dere con la ricognizione, anche se man mano che si liberano noi li riasse-
volino dal gennaio 2009, si è gnamo in base alle vecchie graduatorie. Ma se non ho un numero di alloggi
Arrivano gli alberi al corso Garibaldi dato al suo insediamento. Vi- adeguato è inutile dare false illusioni, fare un bando magari per pochi allog-
sta la materia, i buoni propo- gi. Per l’uso non abitativo il discorso è più semplice. Per quanto riguarda gli
Nuovi alberi in città nell'ambito del piano di riforestazione urbana siti non mancano. Sono in- enti pubblici procediamo sulla base di protocolli d'intesa. Quando sono arri-
avviata dall'assessore all'Ambiente. È iniziata ieri la piantagione nanzitutto l'anagrafe degli vato ho eliminato i comodati d'uso, ora affidiamo gli immobili in locazione,
degli alberi nel quartiere San Lorenzo e lo stesso assessore Rino Na- immobili, «avevo già dato di- anche eventualmente a prezzo calmierato tenendo conto del fine sociale di
sti è intervenuto alle operazioni di inserimento di 20 Quercus ilex sposizioni in tal senso al diri- questi enti. E basta con i comodati decennali: il modello è quello del contratto
(lecci) in corso Garibaldi. Il piano prevede 1.700 alberi. A pochi gior- gente del servizio competen- di locazione 6+6 com possibilità di revocare l'assegnazione per particolari
ni - si legge nella nota - dal termine della votazione on-line su te, prima delle sollecitazioni esigenze».
www.comune.napoli.it per scegliere l'albero che dovrà sostituire la del consiglio comunale». Poi, proseguire gli sfratti delle strutture occupate Per quanto riguarda le occupazioni abusive cosa farete?
palma di piazza Vanvitelli si registrano finora oltre 9.000 voti. abusivamente: «A breve ci occuperemo delle scuole, il diritto allo studio è «Alcuni immobili sono occupati e vanno liberati, abbiamo già una lunga lista.
una priorità». E soprattutto far partire entro l'anno un nuovo bando per l'as- Sono previsti anche sgomberi di scuole, circa una decina, tra cui la Nosen-
CONGRESSO DELLA LEGA CONSUMATORI segnazione degli immobili. go, Neghelli, Pasquale Scura. L'amministrazione ritiene prioritaria la garan-
Assessore, in consiglio comunale arriverà una delibera, proposta zia del diritto allo studio. Ci abitano delle famiglie in modo abusivo, voglio
“Dalla crisi il rilancio del Mezzogiorno” dai consiglieri, per creare un'anagrafe degli immobili. Che ne pen- chiedere all'assessore al Bilancio Saggese appositi stanziamenti per verifi-
sa? care la possibilità di riattare strutture abbandonate che siano temporanei –
Oggi alle 17 presso la sede dell’Acli in via Fiumicello 7 (traversa cor- «Non potrei non essere d'accordo, visto che ad agosto – prima delle solleci- e sottolineo temporanei – alloggi. Stiamo valutando il costo di queste opera-
so Garibaldi, angolo via Marina retrostante piazza Pepe) si terrà il tazioni dell'opposizione e dell'aula - ho chiesto la stessa cosa al dirigente del zioni anche con la Romeo».
quarto congresso della Lega consumatori sul tema: “Dalla crisi ver- servizio. Voglio distinguere gli immobili in quelli a uso abitativo e quelli a uso Come va la vendita degli alloggi di edilizia residenziale pubblica?
so un rilancio del Mezzogiorno con un movimento consumerista a non abitativo. E poi dividerli ancora in quattro sottocategorie: liberi, occu- «La propensione marginale manifestata dai cittadini all'acquisto è molto al-
fondamento cristiano”. Presiede Maurizio Nunziante, segretario na- pati abusivamente e liberati, ancora da liberare, e assegnati ma non utiliz- ta, al Vomero raggiungiamo il 90%, a Fuorigrotta il 73%. A dicembre abbia-
zionale Lega Consumatori. Introduce Giuseppe Conte, presidente zati per i quali bisogna predisporre l'ordinanza di revoca dell'assegnazione. mo approvato una delibera che chiude in modo migliorativo il discorso dei
provinciale della Lega. Intervengono Nello Palumbo, assessore pro- Il lavoro è iniziato ma non è ancora pronto, è una procedura lunga. Io vorrei compensi alla Romeo, ridotti rispetto a quanto stabilito da Di Mezza. Parlia-
vincia Napoli, Fortunato Giaquinto, presidente Ats Consumatori portare tutto su internet, sul sito del Comune: per ciascun immobile verrà in- mo di circa 13mila alloggi. Domani mattina riunione con i dirigenti, comin-
Campania, e Pasquale Orlando, presidente provinciale Acli. dicato data e titolo di assegnazione, il canone che l'amministrazione perce- ceremo a vendere le prime case partendo dalla provincia, poi i condomini mi-
pisce e la durata. Ho chiesto di suddividere tutto per municipalità, per ave- sti e infine le case comunali».
giovedì 21 gennaio 2010
NAPOLI METROPOLI 7

MUGNANO IN CARCERE TRE GIOVANI DI MUGNANO, VILLARICCA E VOLLA, UN CASERTANO ED UN LIGURE CHE ERA LA MENTE DEI RAGGIRI

Ladri in trasferta, truffavano banche di La Spezia con documenti falsi


LA SPEZIA. I carabinieri di La Spe- della compagnia provinciale dell’Arma, alla fine, ha disarticolato il so- punto, a persone inesistenti. I carabinieri hanno subito sospettato che
zia hanno sgominato un’organiz- dalizio criminale, che si ritiene responsabile di numerose truffe, non il primo caso non fosse isolato, ed hanno atteso che la banda colpisse
zazione criminale dedita alle truffe solo sul territorio spezzino. A finire in manette sono stati, dunque, Ro- ancora, per far scattare le manette. E così è stato, mettendo fine ad un
ai danni degli istituti bancari spez- sario Schettino, 26 anni di Lusciano in provincia di Caserta, Alfonso ladrocinio che altrimenti sarebbe rimasto impunito e dove ancora una
zini. Cinque, gli arrestati, tutti ita- Mastrillo, 24 di Volla, Salvatore Improta, 24 di Mugnano, Domenico Rus- volta, anche al Nord, sono napoletani e campani in genere, il braccio ar-
liani: agivano con documenti di so, 25 di Villaricca e di Pietro Moisè, 55 anni di Lerici, in provincia pro- mato di operazioni fuorilegge. I militari spezzini, insomma, hanno sot-
identità falsi, ma ben confeziona- prio di La Spezia, e che era il basista delle operazioni. Sono tutti accu- toposto a vigilanza i possibili obiettivi ed hanno agito quando tutti gli
ti, e dopo i colpi si spostavano in sati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ed all’uso di do- elementi della banda hanno tentato di prelevare contanti dal banco-
altre città. Si tratta di quattro pre- cumenti di identità falsi. mat da una delle filiali vigilate, bloccandoli prima che potessero tenta-
giudicati napoletani, tutti giovani, ed un pregiudicato spezzino di mag- Un lungo giro di truffe, insomma, in cui la prima banca alla Spezia è re la fuga. Si sta ora cercando di appurare quante siano state le truffe
giore età ed esperienza, che aveva il compito del basista. È stata ne- stata presa di mira il 28 dicembre. Poi i cinque si sono presentati in al- ai danni di istituti bancari nazionali. Una nuova magra figura, dunque,
cessaria una lunga e laboriosa indagine per mettere fine all’attività del tre due filiali bancarie cittadine dove sono riusciti ad aprire conti cor- per le popolazioni del Mezzogiorno, che continua ad esporate al Set-
quintetto di truffatori, che stava diventando un incubo per le banche renti, ottenendo fido e bancomat (nella foto). I militari, indagando sul pri- tentrione lavoratori ma anche criminali e persone che si lasciano facil-
spezzine. I carabinieri si sono concentrati su elementi di spicco della mo caso, hanno scoperto che sui documenti presentati era applicata mente influenzare diventando artefici di veri e propri colpi compiuti ai
criminalità campana, che operavano a La Spezia. Il nucleo operativo la foto vera dei quattro napoletani, ma le generalità appartenevano, ap- danni della comunità.

NEL CASERTANO MATTEO DELL’OMO HA UCCISO IL FAMILIARE A PIETRAVAIRANO. CATTURATO NELLA NOTTE MENTRE CERCAVA DI TORNARE A SANT’ANTIMO

Uccide il genero, in carcere


di Pasquale Carotenuto NOLA I PROGETTI DEL NUOVO PROGRAMMA SI RILANCIO
SANT’ANTIMO. Sarà interrogato nelle prossime ore Matteo Dell’Omo, il
70enne responsabile, martedì sera, della tremenda tragedia familiare che
si è consumata nel tranquillo paesino di Pietravairano, in provincia di Ca-
Summit dei sindaci del Nolano:
serta, dove il responsabile della terribile morte di un uomo è una persona
originaria di Sant’Antimo che da tempo viveva nel Comune di Terra di La-
voro. L’anziano, infatti, ha ucciso il genero, il compagno della figlia con cui
«Azioni per giovani e cultura»
aveva già avuto diversi diverbi in passato. Secondo quanto appreso l’uomo NOLA. Ambiente, cultura e giovani: in tre mosse il programma di
avrebbe agito al termine di una serena cena in famiglie in preda ad un im- rilancio del territorio nolano. Vertice tra i sindaci per definire le
provviso raptus di follia. Un regolamento di conti in piena regola, dunque, strategie di sviluppo dell’area nolana attraverso i progetti
quello accaduto nel paese, dove una cena fra amici si trasforma, in un at- presentati dall’agenzia dei comuni nolani. L’incontro (nella foto) è
timo, in una tragedia: un morto ammazzato e un ferito. Ucciso Liberato Ma- stato voluto dal primo cittadino di Nola, Geremia Biancardi ed è
gnante. A sparare un suo amico, padre della donna con cui l’uomo da qual- servito ad individuare quelli che saranno i progetti portanti del
che anno aveva un legame sentimentale. Sconosciuti i motivi alla base del nuovo programma di rilancio economico dell’area nolana. Il piano
gesto. Un omicidio che - secondo la dinamica raccontata da alcune perso- di valorizzazione dei beni culturali per il quale la Regione ha
ne - potrebbe essere stato premeditato con lucidità e freddezza. Tutto si è investito 20milioni di euro.
consumato nel giro di pochi minuti, sotto gli occhi terrorizzati di diversi Le risorse saranno impiegate non solo nel recupero del patrimonio
presenti, fra cui un bimbo di dieci anni e la figlia dell’assassino. Il gruppo culturale ma anche nella messa in campo di strategie
Assassino e vittima: Matteo DellʼOmo e Liberato Magnante
stava cenando in un’abitazione nel Parco Rotondo, in pieno centro città. Il promozionali. Tra i siti che beneficeranno dei finanziamenti, le
50enne Magnante Liberato, stava a tavolo con la sua amica, e con altri due corti rurali di Cicciano, il nucleo storico e le basiliche
uomini di Pietravairano: Gino e Carmine. Proprio quest’ultimo è stato feri- paleocristiane di Cimitile, l’insula della chiesa di Santa Maria La
to ad una mano, probabilmente nel disperato tentativo di bloccare l’arma I TRE SONO STATI RICEVUTI IN MUNICIPIO Nova di Nola e il villaggio dell’età del Bronzo. Nell’elenco anche
nella mani del killer. Un tentativo inutile perché i colpi hanno centrato in pie- Castel Cicala che, attraverso un progetto messo a punto dalla
no Liberato che è morto all’istante. Mentre gli amici discutevano e chiac-
chieravano, amichevolmente, avrebbe bussato alla porta Matteo Dell’Omo,
amico dello stesso Magnante, che si sarebbe accomodato a tavola chie-
Senza lavoro occupano il Comune Soprintendenza, sarà interessato da un intervento di recupero.
Prevista infatti la messa in sicurezza della struttura e la pulizia
dei sentieri che attraversano la collina. In cantiere anche un
dendo un caffè. Pochi istanti dopo, però, avrebbe estratto una pistola esplo- CASAVATORE. Tre disoccupati ieri mattina si sono recati di buon’ora innovativo progetto per la realizzazione di un impianto per la
dendo tre colpi in rapida successione. Subito dopo il delitto il 70enne si sa- presso il municipio di piazza Gaspare di Nocera per essere ricevuti dal produzione di energia elettrica da biogas prodotto dalle biomasse.
rebbe allontanato a bordo di una Clio, facendo perdere le proprie tracce, sindaco Pasquale Sollo per tentare di risolvere la loro situazione lavorati- Per i giovani l’agenzia ha aderito al progetto promosso dalla
finché, le ricerche attuate dalle forze dell’ordine che hanno istituito nume- va. Inizialmente i tre disoccupati stavano invitando i dipendenti comu- presidenza del Consiglio dei Ministri sul coinvolgimento dei
rosi posti di blocco in tutta la zona, non sono riuscite a rintracciare l’uomo nali ad uscire dai propri uffici, ma il tempestivo intervento della polizia giovani nella valorizzazione delle specificità territoriali. S’è
che cercava di riportarsi nel napoletani, sua terra d’origine. Adesso resta- municipale ha riportato il tutto alla normalità. È stato poi contattato te- discusso anche dei patti di reciprocità
no da capire quali sono i reali motivi alla base del gesto, perchè per gli in- lefonicamente il sindaco Sollo, impegnato in altri incontri. Inizialmente i che assicureranno al territorio nolano
quirenti dei semplici dissapori non possono giustificare un gesto così fol- tre disoccupati non volevano affatto lasciare la casa comunale: il loro risorse per circa 70milioni di euro. Tra i
le ed estremo. Sarà proprio l’interrogatorio, infatti, a fugare ogni dubbio sul obiettivo era parlare col sindaco o, almeno con il vicesindaco Capparo- progetti presentati la realizzazione di
movente dell’omicidio che ha poi coinvolto anche un altro amico della vit- ne. I tre disoccupati sono riusciti comunque a “strappare” un incontro una cittadella dello sport tra Nola e San
tima. Saranno quindi le indagini condotte dai carabinieri della stazione di con il sindaco Pasquale Sollo per questa mattina alle dieci. La situazio- Vitaliano, una biblioteca per ipovedenti
Vairano Scalo a chiarire i fatti. Liberato Magnante era molto conosciuto in ne è stata tenuta comunque sotto controllo fin dall’inizio dalla polizia mu- a Carbonara di Nola, un complesso
paese. In precedenza aveva tentato anche la candidatura alle provinciali. nicipale e i dipendenti comunali hanno potuto svolgere tranquillamente scolastico nel comune di Marigliano e
Dell’Omo, originario di Sant’Antimo, insieme ad altri parenti, si trasferì a il proprio lavoro, nonostante l’invasione di prima mattina all’interno de- soprattutto potenziamento di aree verdi
Pietravairano circa un anno fa, dove rilevò il “Bar Dolce Vita”. gli uffici pubblici. gc e piste ciclabili. pana

ACERRA BIGLIARDO: CENTROSINISTRA ALLA FRUTTA CERCOLA LA GIUNTA HA TROVATO I FONDI, PER IL MANAGER CONTRATTO DI OTTO MESI

«Consiglio, blitz per fare Eugenio Piscino resta direttore generale


mancare il numero legale» di Assia Filosa nito col determinato un «clima intimidatorio in Comune - aveva denun-
ciato il sindaco - in particolare, negli uffici della segreteria comunale che
ACERRA. Consiglio comunale saltato, il Pdl stigmatizza il CERCOLA. Il direttore generale del Comune, Eugenio Piscino, resta al suo impedisce lo svolgimento dell’attività amministrativa». Qualche giorno pri-
comportamento della maggioranza che «fa mancare il numero “discusso posto”. Il sindaco, Pasquale Tammaro, ha infatti confermato il ma infatti alcuni consiglieri in quota Pd avevano segnalato ai Carabinie-
legale così da far saltare la seduta». Per l’opposizione si è trattato «rinnovo del contratto per altri otto mesi grazie alla necessaria copertura ri, la «presenza abusiva del direttore, visto che il suo contratto era scadu-
di un boicottaggio premeditato. «Con un blitz del presidente del finanziaria». to a fine anno, in Municipio».
consiglio comunale Raffaele Lettieri che fa l’appello nominale in L’ufficializzazione chiude la questione che, nelle ultime settimane, è sta- Nonostante, in più occasioni, il primo cittadino avesse ribadito che «è un
assenza del sindaco e dei consiglieri che sostavano per i corridoi ta al centro della discussione politica cittadina, determinando anche qual- decreto sindacale ad inquadrare tale figura e che il contratto serve solo a
del Comune ieri mattina non si è tenuto il consiglio comunale - che scossone all’interno dell’esecutivo guidato da Tammaro. Pare infatti che disciplinarne la parte finanziaria».
spiega il capogruppo Gerardo Bigliardo - Ormai siamo alla farsa». dietro la revoca delle deleghe all’assessore Ilardi (Politiche Giovanili, Sociali Come a dire che, dopo il 31 dicembre, il direttore non ha ricevuto com-
Rimandate a lunedì prossimo questioni che si trascinano dallo e Pari Opportunità), ci sia proprio il mancato voto a favore della nomina penso per le sue funzioni che, comunque, ha continuato a svolgere. Ades-
scorso 27 dicembre. «Il braccio di ferro tra il Pd e le frange di del city manager da parte del giovane componente della sua giunta. so, il rinnovo della fiducia e del contratto mette a tacere tutte le polemiche.
centrodestra presenti in amministrazione è sempre più forte - Ma, la scelta dell’Ente di dotarsi della figura era stata fortemente osteg- Almeno fino al prossimo mese di agosto, quando scadrà nuovamente l’ac-
prosegue - Non erano d’accordo sulle scelte dei revisori dei conti e giata dalla minoranza che, sin dall’inizio, l’aveva bollata come «inoppor- cordo e potrebbero tornare le ombre sulla figura del direttore generale e
nemmeno sulle altre vicende che riguardano nomine che spettano tuna, soprattutto dal punto di vista economico, rispetto ad esigenze più fare rimpiombare le polemiche sulla Giunta guidata dal primo cittadino
alla minoranza. Non si vuole fare politica ma solo gestione privata immediate della cittadinanza». Da qui, un susseguirsi di accuse che ha fi- Pasquale Tammaro.
della cosa pubblica. Di questo passo non credo che l’agibilita
politica sia garantita. Ricordo che a distanza di sette mesi ancora
non ci sono le commissioni consiliari e si va avanti a delibere di POZZUOLI LA DONNA ERA CON LA NIPOTINA CHE HA PROTETTO CON IL PROPRIO CORPO. PER LA 70ENNE FERITE AL VOLTO
giunta. La raccolta rifiuti non assegnata definitivamente e invece
delle proroghe si inventano gare a termine. Credo che l’attenzione
del prefetto debba essere massima su questo Comune che sta
vivendo una squallida stagione di compromessi e dispetti a
Monterusciello, “pirata dell strada” investe anziana e fugge via
scapito della collettività». Viale della Democrazia ribatte che il POZZUOLI. Ancora strade killer a Monterusciello, il più vasto stazione dei carabinieri. Un tratto di arteria, questo, sempre più a
problema è la mancanza di organizzazione sollevando perplessità insediamento, oltre 40 mila abitanti, della periferia abbandonata e rischio e trafficato, lungo il quale auto e scooter procedono spesso a
sul comportamento del presidente del consiglio comunale che degradata dell’area flegrea. Ancora un brutto incidente stradale, forte velocità, incuranti di segnaletica stradale e lampeggianti che
avrebbe archiviato troppo in fretta la seduta. Da sciogliere anche il verificatosi questa volta lungo il vialone d’asfalto di via De Curtis. È “invitano” a rallentare. Ma non c’è più testardo di chi non vuol
nodo sull’elezione del vicepresidente del consiglio comunale: il accaduto l’altro ieri mattina intorno alle 11, in danno di un’anziana “vedere”. Come nella circostanza specifica, un uomo alla guida di
nome di Giovanni De Laurentis del Prc aveva trovato l’appoggio signora che, in compagnia di un nipotino piccolo, stava attraversando le un’auto color scuro, pare una “Clio”, con cui all’improvviso faceva una
del Pdl, ma la maggioranza aveva preferito astenersi. Il strisce pedonali, con impianto semaforico regolarmente funzionante, pericolosissima inversione ad U, non accorgendosi dell’anziana donna
coordinamento di centrodestra, Mpa, Lita 30 e Forza Pdl, aveva per recarsi alla vicina fermata del pullman e “scendere” così verso col bambino, sulle strisce pedonali. La sfortunata, anche ed anzitutto
votato per Francesco Mondella. Il 25 gennaio si discuterà anche l’area mercatale di Pozzuoli. La malcapitata è la 70enne Anna I., che per “proteggere” il nipotino, nella drammatica caduta, è battuta faccia a
del provvedimento di giunta in favore degli indigenti, i voucher abita sempre dalle parti di via De Curtis dove, tra l’altro, sono siti gli terra, riportando così ferite ed escoriazioni al volto e ad un braccio, oltre
sociali. Annalisa Aiardo uffici dell’Enel, qualche plesso scolastico e la caserma della locale alla rottura dei denti, mentre l’investitore è scappato. Gennaro D’Orio
8 NAPOLI METROPOLI giovedì 21 gennaio 2010

POZZUOLI I LAVORATORI SARANNO OGGI AL CENTRO DIREZIONALE. L’APPELLO DEL SINDACO DI QUARTO, SECONE: UTILI AL NOSTRO TERRITORIO

Asl Napoli Nord, i precari incontrano l’assessore regionale


POZZUOLI. Questa mattina si svolgerà negli uffici della Regione Cam- più tollerabile che quasi 500 precari dell’Asl Napoli 2 Nord siano an- telli, per il ricorso alla mobilità ex-
pania al Centro Direzionale di Napoli l’incontro tra i rappresentanti cora in attesa di una graduatoria - sottolinea il primo cittadino di Quar- traregionale per coprire i 38 posti
sindacali ed i subcommissari dell’Asl Napoli 2 Nord (nella foto) per tro- to - Ho chiesto all’assessore Santangelo una convocazione urgente. A di infermiere all’ospedale “Rizzo-
vare una soluzione al delicato problema dei precari. Sull’argomento, pe- Santangelo chiederò innanzitutto tempi rapidi per la pubblicazione li” di Ischia. «Personalmente riten-
rò, interviene anche il sindaco di Quarto, Sauro Secone, che critica della graduatoria dei precari, da fare entro fine mese, mentre per feb- go che la soluzione della mobilità
l’atteggiamento della Regione Campania e chiede la convocazione ur- braio chiediamo che partano finalmente le stabilizzazioni, attese da extraregionale sia positiva per da-
gente di un incontro per discutere della vicenda dei precari “storici” troppo tempo». re risposte a quei tanti lavoratori
dell’Asl Napoli 2 Nord e, più in generale, del piano di stabilizzazioni per «È un problema sentito da tutti gli amministratori dei Comuni dei Cam- che sono impegnati fuori regione,
dare una risposta attesa da quindici anni. È la richiesta ufficiale che pi Flegrei e per questo chiedo ai miei colleghi sindaci di Pozzuoli e ma diventa praticaile solo dopo la
il sindaco di Quarto, Sauro Secone, ha rivolto ieri mattina all’assesso- Monte di Procida ed al commissario straordinario di Bacoli di appog- pubblicazione della graduatoria ed
re regionale alla Sanità, Mario Santangelo. Una richiesta pressante, giare la mia richiesta per dare una risposta ai tanti precari che atten- il varo del piano regionale delle sta-
per fronteggiare il disagio che stanno vivendo centinaia di precari del dono». Il caso dei precari da stabilizzare all’Asl Napoli 2 Nord è scop- bilizzazioni - continua Secone - La situazione di Ischia va risolta, ov-
comparto sanitario, molti dei quali vivono nella zona flegrea. «Viviamo piato alcune settimane fa, scaturito dalla proposta avanzata dai com- viamente, ma al momento potremmo fare ricorso ad una turnazione
in un territorio già colpito da una disoccupazione dilagante e non è missari dell’Asl Napoli 2 Nord al subcommissario governativo Zucca- straordinaria». Gennaro Del Giudice

AFRAGOLA FERDINANDO SELLITTO E FRANCESCO SIVIERO HANNO STRETTO AMICIZIA IN RETE. CATTURATI DOPO AVER SVALIGIATO UN NEGOZIO

Organizzano rapina in chat, presi


di Roberta Cuccurese
IN BREVE
AFRAGOLA. Si erano conosciuti in una chat, avevano fatto amicizia ed una
volta incontratisi avevano organizzato una rapina. Entrambi avevano già dei CASAVATORE
trascorsi con la giustizia per cui tra una parola e l’altra invece di organizza-
re uscite ed incontri con ragazze si erano ritrovati a parlare di rapine fino ad Estorsione ai genitori, condannato
organizzarne una. Il loro sodalizio è stato tuttavia bloccato dall’abilità inve-
stigativa degli agenti del commissariato agli ordini del vice questore Pietro CASAVATORE. Era stato arrestato l’altro pomeriggio dai carabinieri in
Paolo Auriemma. In manette sono finiti Ferdinando Sellitto 22enne di Arza- forza alla locale stazione, agli ordini del luogotenente Rosario Tardocchi
no e Francesco Siviero 29enne di Casalnuovo, il primo arrestato ed il secon- e coordinati dal capitano Gianluca Migliozzi e dal tenente Luigi Lubello
do sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per rapina aggravata e sequestro per estorsione in ambito familiare (per l’ennesima volta minacciava di
di persona in concorso. I due secondo il racconto di Sirviero si erano contat- morte i genitori per ottenere denaro per acquistare stupefacenti) ieri mat-
tati su una chat dove avevano fatto amicizia per puro caso poi avevano de- tina M.T., 43enne di Casavatore, al termine del rito per direttissima ha ri-
ciso di incontrarsi e fare una rapina e avevano scelto un locale commerciale cevuto un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale
alla periferia della città. A finire a tiro del gruppo un esercizio commerciale di Napoli: l'uomo deve espiare la pena di tre anni e sei mesi di reclusio-
di Via San Marco dove i due, di cui uno armato avevano fatto irruzione con ne ed è stato quindi rinchiuso a Poggioreale. Il 43enne era uscita dal car-
il volto parzialmente nascosto. Sotto la minaccia di un’arma avevano costretto cere a fine novembre: tra i reati contestatigli anche il furto perpetrato a fi-
le commesse a consegnare loro l’incasso ammontante a circa 350euro. Non ne 2008 nel Comune.
contenti avevano notato un fuori strada parcheggiato fuori l’esercizio com-
merciale e pretendevano dalle commesse di averne la chiave, le due com- Ferdinando Sellitto e Francesco Siviero
CASAVATORE
messe spaventate avevano spiegato che le chiavi le aveva il titolare che era
in un circolo ricreativo. Uno dei due quindi aveva fatto irruzione con l'arma Anziana soccorsa da vigili e 118
in pugno nel circolo di fianco al negozio e sotto la minaccia dell'arma, lo ave- CASAVATORE BUFERA SU GRIMALDI
vano a consegnare loro le chiavi della sua autovettura parcheggiata fuori l'in- CASAVATORE. Salvata in extremis dalla polizia municipale e dal “118”:
gresso dell'esercizio, una Suzuki Swift. I due impossessatisi dell'autovet-
tura avevano fatto disattivare il sistema di allarme dopo aver fatto salire a
bordo con la minaccia della pistola puntata alla tempia il proprietario per poi
Pd chiede dimissioni capogruppo una 76enne si è infatti sentita male mentre percorreva viale Torricelli, al
Poggio delle Rose ed è stata soccorsa da una pattuglia dei vigili urbani,
impegnati in altri controlli in zona. Alla vista della donna, i caschi bian-
rilasciarlo di li a poco in una stradina buia poco distante dal luogo della ra- CASAVATORE. Chieste le dimissioni di Raffaele Grimaldi e Salvatore Sannino, chi si sono precipitati in soccorso della donna che versava in precarie
pina. L'uomo e le commesse si erano recati a denunciare l'accaduto. Tutta- rispettivamente capogruppo e segretario del Pd: questo quanto emerso nel- condizioni di salute e priva di coscienza, presumibilmente per un infar-
via il sistema satellitare aveva consentito in tarda serata alla Polizia di rin- la riunione di lunedi sera. Una parte del partito democratico,con a capo il to. Sul posto si sono recati anche i sanitari del “118”, che hanno usato an-
tracciare l'autovettura che era parcheggiata in Via Claudio di Casalnuovo. consigliere Salvio Esposito infatti, nel corso della riunione del Pd, ha avanzato che un defribillatore per soccorrere la donna. Intanto, attorno alla donna
Era bastato attendere un paio d'ore per vedere i due complici arrivare a bor- esplicitamente tale richiesta. Secondo il segretario cittadino Sannino il con- si era formato un fitto capannello di persone, commercianti della zona in
do di una moto per riprendersi la Suzuki. Sellitto era quindi salito a bordo del- sigliere Esposito ha manifestato un momento di sofferenza e di difficoltà ed primis. I vigili, all’arrivo dell’ambulanza, hanno infatti dovuto tenere a ba-
l'autovettura rubata mentre Siviero, riconosciuto dai poliziotti, si era dato auspico però una maggiore partecipazione del consigliere Esposito, che di da la folla, accorsa in aiuto dell’anziana donna.
immediatamente alla fuga. Sellitto aveva opposto una tenace resistenza, ma certo è «una persona intelligente, una persona capace e seria». «Le mie di-
alla fine era stato bloccato e tratto immediatamente in arresto. Siviero, rico- missioni? Io sono al servizio del partito e se gli amici riterranno che debba di- TUFINO
nosciuto in quanto già noto agli agenti del commissariato per i suoi trascor- mettermi, per me non ci sono problemi. Per quanto mi riguarda, continuerò
si con la giustizia è stato invece poco dopo rintracciato presso la propria abi- a dare il mio contributo», sottolinea Sannino, considerando che già in passato Rifiuti, protesta allo Stir, camion bloccati
tazione e quindi subito sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. In sede di in- si parlava di ciò. Chiarezza chiede anche il capogruppo Biancardi: a suo pa-
dividuazione di persona Sellitto è stato riconosciuto come il rapinatore che rere, le motivazioni date da Esposito inerenti ad una scarsa partecipazione TUFINO. Una decina di manifestanti aderenti al Sindacato Azzurro ha
impugnava l'arma. A casa di Siviero, sottoposta a perquisizione domiciliare, all’interno del partito, non sono del tutto comprensibili. Sta di fatto che allo protestato dinanzi all'impianto Stir di Tufino impedendo il regolare ac-
sono stati invece rinvenuti e sequestrati, la sciarpa ed il cappello che lo stes- stato attuale, sembra essere più spaccato del solito. Sul fronte giunta sono set- cesso dei camion colmi di rifiuti. La Prefettura ha disponendo le neces-
so aveva utilizzato nel corso della rapina. timane di fibrillazione: a breve il cambio di uno o due assessori. guca sarie contromisure per impedire l'interruzione del pubblico servizio. Se-
condo quanto reso noto dagli stessi manifestanti all'origine della protesta
ci sarebbe l'annuncio da parte del consorzio unico delle province di Na-
QUARTO SCAMBIO DI ACCUSE TRA L’AZIENDA ED I POLITICI POZZUOLI IL LITIGIO ALL’USCITA DELLE SCUOLE poli e Caserta di far ricorso agli ammortizzatori sociali per 550 lavoratori.
I manifestanti hanno chiesto l'intervento del sottosegretario Guido Ber-

Traffico a Monterusciello,
tolaso e minacciano nuove proteste.
Multiservizi, ancora caos QUARTO
in consiglio comunale donne vengono alle mani “Mangia sano, cresci meglio”, il progetto
QUARTO. Dopo il dossier inviato ai carabinieri della Tenenza di QUARTO. Domani mattina alle ore 12, si terrà una conferenza al Comu-
Quarto ed alla Procura della Repubblica dal coordinatore cittadino POZZUOLI. Caos, ingorghi e disagi a Monterusciello. Avviene sistematica- ne di Quarto nel corso della quale il dirigente scolastico del Circolo di-
del Popolo della Libertà e consigliere comunale di Quarto, Armando mente, due volte al giorno, all’orario di entrata e uscita dalle scuole elemen- dattico, professor Filippo Monaco, presenterà il progetto dal titolo “Man-
Chiaro, sullo stato in cui versa il deposito della Quarto Multiservizi tari e medie “Annecchino” e “Rodari”, in via Modigliani e via Allodi. Tra ur- gia sano, cresci meglio”. All’incontro parteciperanno il sindaco Sauro Se-
spa in via Coppi, l’argomento della ricerca della nuova sede da la, suoni di clacson, ingorghi stradali (nella foto), parcheggi selvaggi, è l’anar- cone ed i rappresentanti dell’Asl Napoli 2 Nord, Luigi Castellone, direttore
parte della dirigenza della Multiservizi torna d’attualità, con i chia a farla da padrona, con genitori-automobilisti che, nell’attesa del suono del Sian e Andrea Tondini, dirigente Sian. Il progetto "Mangia sano, cre-
consiglieri comunali che respingono le obiezioni mosse della campanella, parcheggiano le proprie auto su marciapiedi, davanti ai sci meglio" coinvolge scuola, Comune e Asl, in una campagna divulgati-
dall’amministratore delegato della società. L’avvocato Angelone, cancelli, in doppia e addirittura tripla va per affrontare il tema della lotta all'obesità già a partire dall'età scola-
amministratore delegato della Multiservizi, alcuni giorni fa aveva fila. E, proprio a causa di un ingorgo, re. L'iniziativa è stata organizzata in occasione dell'Anno internazionale
fatto notare come da mesi si attende l’ok da parte della commissione che martedì pomeriggio un litigio tra contro l'obesità.
Urbanistica comunale di Quarto per i lavori per l’adeguamento della alcune mamme e papà alla guida, per
nuova sede. «In qualità di presidente della Commissione Urbanistica poco non finiva in rissa. Infatti, a se- POZZUOLI
comunale sono indignato, visto che dal gennaio del 2009, un anno guito del blocco della circolazione ve-
fa, abbiamo protocollato una nota nella quale la Commissione dava nutosi a creare, mentre si cercava di Riconoscimenti a nove volontari
parere favorevole al progetto, demandando l’approvazione creare un varco per il passaggio,
definitiva all’intero Consiglio comunale - sottolinea Leonardo Apa, un’auto ne approfittava superando le POZZUOLI. Si terrà domani alle 18 nella sede dell’Associazione Naziona-
consigliere comunale del Pdl e capo dell’opposizione di centrodestra altre in fila. Provocando un nuovo in- le Carabinieri, in via Rosini 12, la consegna degli attestati di Pubblica Be-
- Insieme ai miei colleghi di maggioranza ed opposizione abbiamo gorgo. E il caos. Contro la “furba” di nemerenza rilasciati dal presidente del Consiglio dei Ministri a 9 volon-
vagliato il progetto di trasferimento in uno stabile di via Campana turno urla e ingiurie. Una donna scen- tari della sezione di Pozzuoli. I 9 volontari dell’Associazione di Protezione
da adibire a nuova sede della Multiservizi, per il quale era stata deva dalla propria vettura avvicinan- civile che hanno ottenuto il riconoscimento sono: Alfonso Trincone, Ma-
presentata una richiesta di permesso a costruire in deroga agli dosi minacciosamente al veicolo che ria Chinnici, Sabatino Coppola, Raffaele Costantino, Domenico Savino,
strumenti urbanistici ai sensi dell’articolo 14 del testo unico in aveva bloccato la circolazione. Nel frattempo, altri automobilisti si lanciava- Teresa Sgamato, Pasquale Improta, Cesarino Cala, Antonio Marzano, so-
materia di edilizia. Se fino ad oggi non è arrivato il parere del no accuse e minacce reciproche. Il tutto, sotto gli sguardi attoniti e impau- no stati insigniti dal dipartimento nazionale della Protezione Civile per
Consiglio comunale non è colpa della Commissione, ma solo di riti dei bambini. Mentre i 2 “nonni civici”che quotidianamente armati di pa- l’aiuto portato ai cittadini di Castellino del Biferno colpiti dall’evento si-
questa maggioranza politica di centrosinistra che non fa altro che letta e fascia rossa al braccio, si adoperano ad assistere i bambini, aiutan- smico del 2 maggio 2006. Il vicesindaco di Pozzuoli, Carmine Morelli,
litigare e non compiere nessun atto importante per la città». doli ad attraversare la strada, non potevano fare altro che guardare sbigotti- consegnerà i riconoscimenti ai 9 volontari, mentre alla cerimonia di do-
Respinge in modo categorico le critiche rivolte dalla Multiservizi ti i litigi, durati qualche minuto, ma fortunatamente senza gravi conseguen- mani pomeriggio saranno presenti anche il presidente della Provincia di
anche l’altro consigliere comunale membro della Commissione ze. «Siamo impotenti, a volte non riusciamo nemmeno a far attraversare i Napoli, Luigi Cesaro, il deputato del Pdl Marcello Di Caterina, l’ispettore
Urbanistica, Nunzio Felaco (Udc). «Alla Multiservizi evidentemente bambini sulle strisce pedonali” - denuncia Teo Conte, 70 anni, da 6 “nonno regionale dell’Associazione Carabinieri generale Domenico Cagnazzo, il
sono poco informati sui lavori della Commissione - nota Felaco - Noi civico” - Nonostante ci adoperiamo per l’ordine siamo quotidianamente so- comandante della compagnia di Pozzuoli capitano Roberto Spinola, l’ispet-
lavoriamo moltissimo e bastava andare a leggere gli atti per evitare praffatti da genitori che fanno ciò che vogliono e che spesso ci buttano an- tore provinciale dell’Anc, capitano Pasquale D’Errico.
inutili polemiche». gedege che a quel paese. Per 7 euro al giorno, siamo costretti a fare la guerra». gdg
giovedì 21 gennaio 2010
NAPOLI METROPOLI 9

GIUGLIANO SPACCIATORE BLOCCATO A MARANO SANT’ANASTASIA SEQUESTRATI ANCHE PRODOTTI CASEARI MAL TENUTI. CONTROLLI DEI NAS
Abusi edilizi, denunciato imprenditore
Realizzati 2 capannoni senza permesso Suini a rischio, sigilli ad allevamento
GIUGLIANO. A Varcaturo i carabinieri della locale stazione hanno SANT’ANASTASIA. Sequestrano allevamento di bestiame in un’azien- scattare la denuncia penale secondo la normativa di settore. Dai con-
denunciato in stato di libertà un 31enne di Giugliano che in qualità di da del valore di un milione di euro: cento capi di suini sospetti sono ora trolli è emerso inoltre che circa un centinaio di suini erano alloggiati in
legale rappresentante di una autorivendita in via San Francesco a in attesa dei controlli sanitari. locali troppo ristretti per il numero dei capi. Il proprietario dell’azienda
Patria aveva abusivamente costruito su una superficie di circa 4mila Ad effettuare il blitz presso una nota azienda di Sant’Anastasia sono non era neppure in regola con la registrazione e la documentazione di
metri quadrati due capannoni di mille metri l’uno e del valore stati i carabinieri dei Nas di Napoli che ieri mattina hanno disposto l’in- provenienza e destinazione degli animali. L’impossibilità dunque di for-
complessivo di 500mila euro che sono stati posti sotto sequestro. Nel tervento dell’autorità sanitaria per la bonifica della zona. Ed è sull’igie- nire la tracciabilità dei suini fa fatto scattare il sequestro amministrati-
medesimo contesto operativo sono state contestate violazioni ne che si appunta l’attenzione in queste ore sui numerosi caseifici del- vo dell’azienda zootecnica. Il comparto alimentare è sottoposto periodi-
amministrative per l’importo di 5164euro. A Marano, invece, i militari la zona. «Vi sono diverse realtà produttive che hanno modelli di igiene camente al controllo dei Nas nell’ambito della prevenzione di compor-
hanno arrestato Ciro Bevilacqua, 20 anni, residente in via Borsellino, molto buoni» precisano gli inquirenti, «ma non sempre è così». Nel- tamenti illegali che incidono negativamente sull’intero settore e sulla
già noto alle forze dell’ordine, colpito da ordinanza di custodia cautelare l’azienda ubicata in contrada Zazzera, nella cupa San Patrizio, gli uo- salute dei cittadini.
ai domiciliari per rapina aggravata in concorso concordando con attività mini del nucleo speciale antisofisticazione hanno scoperto che molti Nel caso di Sant’Anastasia, è numerosa la presenza di caseifici, una del-
investigativa dell’Arma (il 20 dicembre, in via Falcone, insieme ad un prodotti caseari erano tenuti in cattivo stato di conservazione. Alimen- le maggiori entrate per l’economia locale. Episodi simili potrebbero in-
complice, tratto in quella data per rapina aggravata di un autoveicolo e ti destinati al processo di affumicazione trattati in ambienti sanitaria- cidere negativamente nel comparto che, nella generalità dei casi, rie-
lesioni personali, aveva aggredito un 22enne di Mugnano mente non idonei, mentre il procedimento stesso della combustione av- sce ancora a mantenere il suo prestigio, in termini di eccellenza azien-
strattonandolo e picchiandolo facendosi consegnare l’auto della vittima. veniva utilizzando cartoni riciclati. Una condizione che ha fatto subito dale e di qualità del prodotto. amr

OTTAVIANO DOPO CINQUE ANNI LA REGIONE APPROVA LO STRUMENTO URBANISTICO. VIA LIBERA A SVILUPPO ECONOMICO E TURISMO DEL TERRITORIO

Parco Vesuvio, ora c’è il piano


di Biagio Tanzarella

OTTAVIANO. Passa in consiglio regionale il Piano del Parco Nazionale del


Vesuvio, lo strumento urbanistico che consentirà all’area protetta una mag-
giore pianificazione territoriale e la programmazione dello sviluppo econo-
mico dell’intera zona vesuviana. Dopo l’approvazione del piano parco del
Cilento, avvenuta qualche settimana fa, anche il piano per il parco nazio-
nale del Vesuvio arriva dunque in porto. Dopo un lavoro lungo e comples-
so, integrando il documento anche con alcuni emendamenti migliorativi,
il consiglio regionale riesce dunque a portare a compimento un percorso che
era iniziato nel 2005, quando il piano fu adottato dalla Giunta Regionale
della Campania. Cinque anni dopo, l’assemblea del Centro Direzionale dà
il via libera allo strumento urbanistico. Qualche giorno fa, invece, lo stesso
Ottaviano. Il Castello mediceo, sede dellʼEnte Parco del Vesuvio Dopo cinque anni approvato il piano che detta le regole per il “Parco del Vesuvio”
Piano era passato in commissione urbanistica, presieduta da Pasquale Som-
mese. Un’improvvisa accelerazione, dunque, che adesso viene accolta in
maniera positiva dagli amministratori della zona vesuviana. I comuni, in- IL PROGETTO VERRÀ COSTRUITO ANCHE UN PARCHEGGIO DI INTERSCAMBIO PER RAGGIUNGERE IL VULCANO
fatti, potranno finalmente avviare la programmazione dei fondi europei per
la valorizzare di territori dalle grandi potenzialità. In sostanza, il Piano del
Parco contiene i divieti, i limiti, le prescrizioni per l’uso del territorio, per-
mettendo, in questo modo, di orientare tutte le azioni al conseguimento
Ridefiniti i confini dell’area protetta di Sant’Anastasia
degli scopi istitutivi. Fissa, inoltre, le previsioni degli interventi per la tu-
tela dell’ambiente naturale e le modalità di utilizzazione sociale e turistica SANT’ANASTASIA. Passa in consiglio regionale il Piano del Parco Zazzera, «il problema riguarda una striscia di territorio ben più
del territorio. Le comunità possono utilizzare le risorse dell’ambiente, ma Nazionale del Vesuvio con alcune novità: la richiesta di ridefinire i ampia, che parte dai confini con Somma Vesuviana ed arriva ai
secondo modalità rispettose, che non producano un impoverimento dei be- confini dell’area protetta ricadente nel comune di Sant’Anastasia e limiti territoriali di Pollena Trocchia passando per Sant’Anastasia.
ni ambientali. Gli interventi consentiti, dunque, riguardano soprattutto la la raccomandazione all’Ente ambientalista di localizzare un Insomma “un pasticcio” che l’assemblea regionale ha ritenuto di
valorizzazione delle risorse culturali e ambientali dell’area protetta e il ri- parcheggio di interscambio alla porta di accesso al vulcano, in chiarire, con la richiesta alla giunta di palazzo Santa Lucia di far
sanamento degli scempi alla natura. Viene, invece, posto un argine al- località Cifelli, nel boschese. «L’emendamento - spiega Pasquale intervenire il ministero dei beni culturali e ambientali. Per «avviare
l’abusivismo edilizio e ribadito il sistema di vincoli che è stato in vigore fi- Sommese, presidente della commissione urbanistica regionale - una verifica sui confini. E definire una perimetrazione aggiornata
no a questo momento. Inoltre, ai Comuni viene suggerito anche l’adegua- tiene conto delle osservazioni mosse da alcuni cittadini interessati a nel Comune di Sant’Anastasia». La questione non toglie tuttavia
mento degli strumenti urbanistici comunali alle determinazioni normative risolvere l’ambiguità dell’attuale cartografia del Parco». Con la importanza all’approvazione del piano, dopo molti anni e, diversi
del Piano del Parco, anche attraverso un’attività di supporto e di servizio del- perimetrazione «frettolosamente definita all’atto dell’istituzione passaggi amministrativi. Lo strumento di pianificazione dell’area
l’Ente Parco per lo svolgimento di tale attività. Particolare attenzione vie- della riserva naturale -prosegue Sommese - si erano venute a creare vesuviana prevarrà su tutti gli altri strumenti urbanistici, compresi
ne anche dedicata alla perimetrazione e alla zonizzazione del Parco Nazio- delle forme di ingiustizia nei confronti di alcuni residenti: per metà quelli dei Comuni, della Provincia e della Regione. «Il Piano -
nale del Vesuvio, oltre che alla fauna, al comparto agricolo, alle aree ar- inseriti in zona Parco e, per l’altra metà, fuori dall’area protetta». In commenta Ugo Leone, presidente dell’ente ambientalista - è di
cheologiche e storiche. Uno strumento ampio, insomma, che disegna la ri- pratica, chiariscono i tecnici del consiglio regionale, nella parte fondamentale importanza: individua paletti precisi e regole certe
serva naturale nella sua attuale dimensione ma fa immaginare anche pro- pedemontana del territorio vi sono caseggiati che rappresentano un per gli 8mila ettari di territorio. Ci consentirà inoltre di attirare
spettive di sviluppo futuro. Tocca, ora, ai Comuni e all’Ente presieduto dal naturale prolungamento dell’abitato di Sant’Anastasia. Già risorse nazionali e comunitarie». «Eravamo in attesa da 5 anni»
professor Ugo Leone agire di conseguenza per la crescita economica del urbanizzato. E non più vocato a svolgere la funzione assegnata dal prosegue, «nel frattempo abbiamo già approvato il regolamento di
territorio. Sono tredici i Comuni che fanno parte del Parco Nazionale del Parco. Quindi, da un lato, divieti e svantaggi derivanti dall’essere attuazione». Leone coglie infine l’occasione per anticipare che
Vesuvio: Boscoreale, Boscotrecase, Ercolano, Massa di Somma, Ottaviano, fuori dai programmi di infrastrutturazione dell’ente locale; domani l’Ente Parco presenterà alla regione il progetto Pirap per lo
Pollena Trocchia, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, San- dall’altro, un regime urbanistico differenziato. «All’epoca -spiegano sviluppo rurale delle aree protette, nel quale sono coinvolti i 13
t'Anastasia, Somma Vesuviana, Terzigno, Torre Annunziata, Torre Del Gre- gli interessati- non è stata presa in considerazione la nuova mappa comuni del Parco e la Provincia, in un partenariato istituzionale.
co, Trecase. La comunità dei sindaci del Parco è presieduta, attualmente, catastale: il comune presentò una planimetria dei luoghi «L’approvazione del Piano ci renderà adesso ancora più forti».
dal primo cittadino di San Sebastiano al Vesuvio, Giuseppe Capasso. antecedente a quella vigente». Ma, sottolineano i residenti di via Anna Maria Romano

PALMA CAMPANIA TORNA IN CELLA DOMENICO CESARANO POZZUOLI CONCORSO DI CUCINA ALL’ISTITUTO PETRONIO CITTA’ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA
AVVISO DI GARA PER ESTRATTO - Il Comune di Giugliano in Cam-
pania - Settore Socio - sanitario, con Sede alla Via A. Palumbo 2,

Premio Freda, vince docente


Tel/Fax 0813302058 - espleterà la gara per il “Servizio di Refezione

Stanato nell’Avellinese scolastica”, mediante procedura aperta col criterio dell’offerta eco-
nomicamente più vantaggiosa, ai sensi del D.Lgs. 163/06, art. 83, lett.
a) e b), sugli importi netti di: Euro 3,00, posto a base di gara di ogni
singolo pasto fornito agli alunni di scuola dell’infanzia, e di Euro 3,60,
per ogni pasto fornito agli alunni della scuola secondaria di 1° gra-
do, al Corpo Docente ed al personale ATA. L’importo previsto è di Eu-

latitante dei Fabbrocino POZZUOLI. «Un


premio per rende-
gole specialità, per renderle più aderenti al-
lo stile alimentare attuale. Il docente di Ver-
ro 829.807,70 per ogni anno di servizio, pari a Euro 2.489.423,10,
oltre IVA al 4%, nei tre anni. Sono ammessi a far pervenire la propria
offerta (entro 16/02/10) i soggetti di cui all’art. 34 del D.Lgs. 163/06,
secondo le disposizioni del capitolato speciale, pubblicato all’Albo Pre-
torio e www.comune.giugliano.na.it.
PALMA CAMPANIA. Si nascondeva in un appartamento del centro re omaggio al la- bania, ha prevalso tra le centinaia di con- RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Dott.ssa Rosa ARIANO

di Lacedonia, piccolo comune dell'Alta Irpinia, dopo che era voro svolto da mio correnti, presentando una ricerca sotto for-
fuggito dalla casa di lavoro alla quale era stato destinato qualche padre, dirigente e ma di un elegante libretto, sul tema “Il Ver- PROVINCIA
mese fa. Domenico Cesarano, 54 anni, pregiudicato di Palma membro dell’Ac- bano Cusio Ossola”, rendendo noti gli in- DI NAPOLI
Campania, ritenuto affiliato al clan Fabbrocino e noto anche come cademia Italiana gredienti adoperati. AREA EDILIZIA SCOLASTICA
“Mimì 'o pezzaro” è stato arrestato ieri mattina all'alba dai della Cucina e per Oltre al docente, vincitore di un premio di Direzione Amministrativa
Carabinieri del Comando provinciale di Avellino. L'uomo è stato sensibilizzare i 2mila 250euro, sono stati premiati ieri mat- Edilizia Scolastica
colto nel sonno dai militari che nei giorni scorsi avevano notato la tanti giovani che tina anche 3 giovani allievi dell’Ipsar Petro- ESTRATTO DEL BANDO
presenza dell'intera famiglia nel piccolo centro irpino. Cesarano lavorano nel set- nio di Pozzuoli, dove si è tenuta la manife- DI GARA N. P090/09
all'inizio di gennaio si era allontanato dalla casa di lavoro di tore enogastrono- stazione culinaria, su iniziativa della fami- E’ indetta procedura telematica aperta per il
Castelfranco Emilia, dove era stato ristretto su disposizione del mico», così Salva- glia Freda, servizio avente ad oggetto le verifiche perio-
giudice del Tribunale di sorveglianza di Modena. Cesarano è stato tore Freda, figlio di Secondino, che ha diche e straordinarie dei dispositivi di prote-
zione contro le scariche atmosferiche e de-
arrestato e trasferito nel carcere di Sant'Angelo dei Lombardi, ricorda il celebre genitore, al messo a di-
gli impianti di messa a terra negli istituti
mentre la proprietaria dell'appartamento dove si nascondeva il quale è stato intitolato il con- sposizione scolastici di competenza dell’Amministra-
latitante è stata denunciata per favoreggiamento. corso nazionale “Secondino anche un zione Provinciale di Napoli.
I carabinieri indagano ora per verificare eventuali collegamenti di Freda”, manifestazione enoga- premio in Importo a base di gara Euro 400.000,00 ol-
Cesarano con altre persone del posto, che potrebbero aver stronomica itinerante. Vincito- denaro per i tre Iva.
agevolato la sua latitanza. Cesarano è organicamente inserito nel re del concorso, giunto all’otta- primi 3 L’aggiudicazione avverrà con il criterio del
clan camorristico capeggiato dall'ergastolano Mario Fabbrocino. In va edizione, che si svolge ogni classificati, prezzo più basso. Il bando integrale, completo
particolare, è considerato un capozona. Controlla, infatti, il 2 anni in location scelte dal Mi- in ordine degli atti di gara, è disponibile sul sito inter-
territorio che abbraccia Palma Campania e San Gennaro nistero della Pubblica Istruzione, è il professor Ema- Andrea Scotti, Vincenzo Spigonato e Alexander Lau- net della Provincia di Napoli www.provin-
Vesuviano. nuele Gnemmi, docente tecnico pratico di cucina rini, impegnati nella presentazione di una rielabora- cia.napoli.it e sul Portale Gare Telematiche
https://garetelematiche.provincia.napoli.it/ap-
Già in passato è stato destinatario di provvedimenti restrittivi, per presso l’istituto alberghiero “Erminio Maggia” di Stre- zione in chiave moderna di un menù tradizionale del-
plication.
i quali è stato in carcere fino all’estate di un anno fa. Poi la notizia sa, provincia di Verbania. La gara prevedeva la ste- la cucina campana. Soddisfatto il preside dell’istitu- Le offerte, redatte in conformità ai sopra in-
della condanna alla casa di lavoro, che lui aveva accolto cercando sura di un menù tradizionale della cucina locale o re- to alberghiero “Ipsar Petronio” di Monterusciello, Mau- dicati atti, devono pervenire al Portale Gare Te-
di rendersi irreperibile e di sfuggire alle maglie della giustizia già gionale, con le relative ricette e preparazioni; la de- rizio Piscitelli «La scelta di questa sede da parte del lematiche entro e non oltre le ore 12,00 (ora
lo scorso anno, quando per evitare la cattura si era nascosto scrizione dei vini da abbinare; una relazione illustrante ministero è riconoscimento del percorso iniziato da italiana) del 13.04.2010. Per informazioni,
nell’armadio della sua villetta di via Pucceca. Dalla casa di lavoro l’origine storica dei piatti con le caratteristiche dei tempo alla ricerca dell’eccellenza e della qualità in un tel. 081.7949530 - fax 081.7949743.
è poi fuggito ad inizio gennaio, ma la sua latitanza è durata solo piatti scelti; e le eventuali varianti introdotte, rispet- settore nel quale queste caratteristiche sono fonda- Il Dirigente
una ventina di giorni. bt to alla ricetta originaria, nella preparazione delle sin- mentali». Gennaro Del Giudice Dott. Dario Rotondi