Sei sulla pagina 1di 1

ANNO XXII N.

19 NON VENDIBILE SEPARATO DAL ROMA VENERDÌ 20 GENNAIO 2006

DECINE I POSTI DI BLOCCO DELLE FORZE DELL’ORDINE. È CACCIA AI LATITANTI

PIANURA “SOTTO SCORTA”: IN SEI FINISCONO IN CELLA


Una servizio straordinario del territorio che è servi- rabinieri del nucleo operativo della compagnia rio- ne di due ordini di carcerazione agli arresti domici-
to per portare in cella ben sei persone. Tutte respon- ne Traiano a controllare palmo su palmo la zona. liari emessi entrambi dal Tribunale di Napoli per
sabili di piccoli reati penali ma che evidenziano Cercavano latitanti e soggetti che avessero dei cari- detenzione a fini di spaccio. Infine in manette sono
quanto occorre essere presenti sul territorio. È acca- chi pendenti. Hanno per questo tratto in arresto Um- finiti due senegalesi. Si tratta di Gabel Sise e Ma-
duto in meno di 24 ore nella zona tra Pianura e Fuo- berto Baldi, 38 anni, napoletano, resosi responsabile mamdou Ndour 29 e 32 anni, entrambi domiciliati
rigrotta. Un’area fortemente penalizzata da una vi- di appropriazione indebita aggravata e continuata e in Napoli e ritenuti responsabili di trattenimento
stosa scarsità di infrastrutture che si assomma al Armando Giamia, 33 anni, napoletano, in esecuzio- abusivo nel territorio dello Stato.Nel corso del me-
controllo pieno che la malavita organizzata ha su at- ne di un ordine di custodia cautelare in carcere desimo servizio venivano inoltre sottoposti a seque-
tività commerciali e non solo. Non a casa l’associa- emessa dalla settima sezione penale del Tribunale di stro amministrativo 10 ciclomotori.Gabel Sise, Ma-
zione Antiracket, capeggiata da Tano Grasso e Luigi Napoli per detenzione a fini di spaccio di sostanza mamdou Ndour e Antonio Galdo sono in attesa di ri-
Cuomo hanno una sede nel quartiere di Pianura. So- stupefacente. I militari della stazione rione Traiano to direttissimo mentre Umberto Baldi e Armando
no stati i carabinieri di Napoli con il supporto della hanno invece arrestato per evasione dagli arresti do- Gamia sono stati associati alla casa circondariale di
Cio (compagnia di intervento operativo) e di uomini miciliari Antonio Galdo, 28 anni, napoletano e Pa- Poggioreale. Pasquale Fattorusso è agli arresti domi-
del decimo battaglione carabinieri “Campania” i ca- squale Fattorusso, 32 anni, napoletano, in esecuzio- ciliari presso la sua abitazione.

IL KILLER PENTITO BEFFA TUTTI LUIGI PESCE LASCIA LA CELLA: CONDANNATO A 18 ANNI COME MANDANTE

LIBERO IL BOIA DI GIGI E PAOLO LEANDRO DEL GAUDIO


Un anno fa, subito dopo l’arresto dei presunti killer,
Via libera da parte di tre gip: car- cati Claudio Davino e Maurizio Zuccaro. Un’in-
chiesta scandita proprio dalle dichiarazioni dei col-
laboratori di giustizia Raffaele Bavero, Luigi Pesce
i genitori dissero “e ora devono solo buttare le chia-
vi di cella”. Un appello diventato lettera morta per
nefice protetto dallo Stato. L’indi- e Eduardo Criscuolo, che hanno aiutato a ricostrui-
re l’agghiacciante dinamica del duplice omicidio di
il principale responsabile del duplice omicidio di
Luigi Sequino e Paolo Castaldo, i due studenti am-
gnazione dei parenti: «Siamo Gigi e Paolo: «Imbottiti di cocaina - ha spiegato Lui-
gi Pesce - ci siamo fiondati su quei ragazzi seduti nel-
mazzati a Pianura il 10 agosto del 2000, perché scam- la loro auto, proprio sotto l’abitazione di Rosario
biati per sentinelle di un boss del quartiere.
I giudici hanno infatti disposto la scarcerazione di
sconvolti, questa non è giustizia». Marra, braccio destro del boss Pietro Lago. Eravamo
convinti fossero due sentinelle e il nostro obiettivo
Luigi Pesce, il killer pentito condannato a diciotto cella a marzo del 2002, nonostante abbia alle spalle era di ammazzare, per rimarcare la nostra sovranità
anni di reclusione con il rito abbreviato, come re- una carriera criminale costellata da almeno cento camorristica all’interno del nostro quartiere». Aula
sponsabile materiale della spedizione che ha stron- omicidi, per sua stessa ammissione; è il caso di Pie- gremita, erano presenti i genitori dei ragazzi am-
cato la vita a due ragazzi assolutamente estranei al- tro Esposito, che ha lasciato il carcere per la località mazzati, ovviamente costituiti parte civile. Ma la no-
le vicende malavitose di Pianura, due ragazzi ucci- protetta 180 giorni dopo l’omicidio della 22enne Gel- tizia della scarcerazione di Pesce catalizza l’atten-
si mentre chiacchieravano in auto, fantasticando su somina Verde, la ragazza torturata, ammazzata e car- zione, con la reazione dei genitori di Gigi e Paolo:
una possibile vacanza in Grecia e un futuro da co- bonizzata dal clan Di Lauro a novembre del 2004. «Siamo sconvolti, questa non è giustizia», ha com-
struire sui libri universitari. Ben tre gip hanno ac- Anche Luigi Pesce, dunque, ha lasciato la cella, con- mentato Vincenzo Sequino, padre di Gigi. «Non ser-
cordato l’attenuazione delle esigenze cautelari del cludendo dopo 12 mesi la breve parentesi detenti- vono le fiaccolate, se gli assassini poi non vengono
carnefice reo confesso: l’ultimo dispositivo, quello va, sfruttando tutti i vantaggi che la legge assicura a puniti dallo Stato. Le fiaccolate dovremmo farle da-
decisivo, da parte del gip napoletano Silvana Gen- chi decide di tagliare i ponti con il passato e di pas- vanti alle sedi istituzionali», ha affermato Sequino
tile ha spalancato le porte della cella. A nulla è ser- sare dalla parte dello Stato, rafforzando con la pro- che intende rivolgere un appello a Ciampi: «Nei gior-
vita la condanna a diciotto anni di reclusione, con pria testimonianza le inchieste condotte da magi- ni scorsi, in Sicilia, il presidente della Repubblica,
lo sconto di pena riservato a chi sceglie il rito ab- strati e forze dell’ordine. È una prima svolta, dun- ricordando i magistrati uccisi dalla mafia, ha detto
breviato e a chi passa dalla parte dello Stato. L’ex boss que, nel corso dell’inchiesta approdata ieri dinanzi che lo Stato è più forte della criminalità. Spero che
di Pianura ha lasciato la cella, come hanno fatto pri- alla terza corte di assise del tribunale di Napoli, pre- si dia seguito a queste parole». I familiari delle vit-
ma di lui altri collaboratori di giustizia eccellenti, po- sidente Achille Scura, nel corso della quale sono im- time - assistiti dagli avvocati Antonio Maio, Fran-
chi mesi dopo la decisione di collaborare con la giu- putati Eugenio Pesce, difeso dall’avvocato Emireno cesco Coroleo Grimaldi e Andrea Abbagnano - si so-
stizia, pochi mesi dopo la realizzazione di delitti ef- Valteroni, Pasquale Pesce, difeso dall’avvocato no costituiti parte civile. Il processo è stato rinviato
LUIGI PESCE. IL KILLER PENTITO È STATO SCARCERATO _______________________ ferati: è il caso di Luigi Giuliano, che ha lasciato la Maurizio Zuccaro, e Luigi Mele, difeso dagli avvo- al primo febbraio prossimo.

ATTACCO AI BENI DEI CLAN


RAPPORTO DELLA DIA PIÙ DI 50 I MILIONI DI EURO SEQUESTRATI. OLTRE 200 LE PERSONE ARRESTATE
DATA ESECUZIONE NOMINATIVO
VALORE DEI
BENI SEQUESTRATI

«La camorra fa paura perché frammentaria»


14.01.2005 Angelo Strino 3.000.000
(clan Mazzarella)
24.01.2005 Antonio Abbinante 2.000.000
(clan Abbinante)
04.02.2005 Alfonso Chierchia 200.000
(clan Chierchia-Gallo)
I clan di Napoli sono frammentati, le loro unioni non responsabili del comparto Interregionale che con 18.02.2005 Castrese Rega 300.000
(clan Nuvoletta)
sono serie né stabili. Per questo motivo è molto più «segreti professionali» entrano fin dentro il “cuore” 20.02.2005 Dario Federico 700.000
complesso intervenire ed individuare i loro patri- dell’organizzazione «senza fermarsi al singolo even- (clan Cesarano)
28.02.2005 Mauro Franzese 800.000
moni, le loro strategie di riciclo. I clan più potenti to delittuoso, ma studiando a pieno l’associazione (clan Moccia)
sono quelli della provincia che controllano aree mol- malavitosa». E allora ci si trova dinanzi a scenari 04.03.2005 Mario Fabbrocino 200.000
(clan Fabbrocino)
to più ampie e riciclano i loro proventi illeciti in at- completamente opposti da una zona all’altra della
10.03.2005 Angelo Nuvoletta 1.000.000
tività molto più vaste. Il quadro che emerge dai re- regione. «A Napoli il territorio è frammentato ed a (clan Nuvoletta)
sponsabili del Centro operativo di Napoli della Dia volte unito da fittizie unioni - avverte Giacomo D’A- 18.03.2005 Francesco Pesce 1.000.000
(clan Teste Matte)
(direzione investigativa antimafia) è chiaro e ben de- pollonio, responsabile della polizia giudiziaria del- 19.03.2005 Sergio Vardaro 450.000
lineato. In un anno di lavoro i risultati conseguiti so- la Dia - In provincia il modello è molto vicino a quel- (clan Moccia)
22.03.2005 Alessandro Marotta 200.000
no importanti. Ingenti le somme sequestrate e con- lo mafioso e il territorio è totalmente assoggettato al- (clan Mallardo)
fiscate. Altrettanto importanti i numeri degli inter- la criminalità, come si può osservare nella zona del 07.04.2005 Raffaele Orlando 500.000
venti effettuati per contrastare le infiltrazioni ca- Casertano o del Nolano». A Salerno, come spiega Ga- (clan Nuvoletta)
07.04.2005 Alfredo Sepe 250.000
morristiche in società e appalti di opere pubbliche. briele Sen Sales, colonnello responsabile della pro- (clan Nuvoletta)
Tre i latitanti di spicco arrestati e centinaia le per- vincia di Salerno della Dia, «Esiste molta attività di 08.04.2005 Luigi Esposito 1.500.000
(clan Nuvoletta)
sone intercettate. Il nuovo dirigente del centro Dia la camorra sono un risultato fuori da ogni previsio- scambio tra la malavita delle province limitrofe». Nel 28.04.2005 Francesco Abbinante 400.000
di Napoli, Adolfo Grauso (nella foto durante la con- ne - afferma con soddisfazione Grauso - Il 13 luglio corso del 2005 inoltre grazie all’attività della Dia so- (clan Abbinante)
ferenza stampa) è soddisfatto del lavoro, ma è co- dello scorso anno, il nostro comparto ha operato un no stati stanati tre latitanti: Mario Fabbrocino, Vin- 28.04.2005 Alfonso Chierchia 500.000
(clan Chierchia-Gallo)
sciente che c’è tanto ancora da fare ed è sotto gli oc- sequestro di 35milioni in capo ad una sola persona. cenzo Pernice e Luigi Giuda. «Ma in totale sono sta- 03.05.2005 Salvatore Cerrone 1.000.000
chi di tutti. «Certo è che quasi 60milioni di euro in Si trattava di Antonio Iovino, esponente vicino a Ma- te quasi 40 i soggetti arrestati e 268 quelle denun- (Beneduce-Longobardi)
misure di prevenzione, 50milioni di euro sequestrati, rio Fabbrocino». Attaccare il patrimonio dei clan è ciate», sottolinea il colonnello Vincenzo Mazzucco. TOTALI 17 14.000.000
18milioni di euro di beni confiscati ad esponenti del- un modo “per colpirli a morte”. Ne sono convinti i FABIO POSTIGLIONE

IL TEMPO IN CITTÀ FERDINANDO ROCCO


OGGI DOMANI
DI MEZZA PA PA
È stato approvato Sono trascorsi die-
Ore Temperatura Umidità Vento Ore Temperatura Umidità Vento il bando di gara ci anni dalla trage-
per la concessione dia del quadrivio di
ore 6 9° 47% Brezza leggera ore 6 9° 78% Bava di vento del diritto di su- Secondigliano. Da
Nord Est Direzione variabile perficie su aree oltre due anni il vi-
comunali per rea- cesindaco si occu-
ore 12 14° 57% Bava di vento ore 12 13° 77% Brezza leggera lizzare parcheggi pa delle periferie
Direzione variabile Sud pertinenziali, quar- ma finora i risulta-

ore 18 11° 63% Bava di vento


Direzione variabile
ore 18 7° 69% Brezza leggera
Nord
SU ta annualità del
Programma urbano
parcheggi (Pup). GIÙ ti raggiunti sono
scarsi e preoccu-
panti.

Potrebbero piacerti anche