Sei sulla pagina 1di 48

y(7HB5J1*KOMKKR( +#!"!{!#!

Gioved 11 agosto 2011

OPINIONI NUOVE - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale

D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano

FONDATORE VITTORIO FELTRI

DIRETTORE MAURIZIO BELPIETRO ANNO XLVI NUMERO 193 EURO 1,20*

CONSIGLI ANTI-STANGATA

Patrimoniale, taglio delle pensioni, tassa sulle case: i mercati precipitano e la politica litiga su come fermare il crollo. Una soluzione c: vendere tutte le propriet dello Stato Nulla di fatto al vertice tra governo e parti sociali: Tremonti cerca altri 35 miliardi
di MAURIZIO BELPIETRO
Nella prima Repubblica, quan- de case, quegli appartamenti al do per far quadrare i conti i go- mare e ai monti che una parte verni non sapevano dove met- del ceto medio riuscito faticotere le mani, le mettevano sulle samente a conquistare dopo sigarette, sulla benzina e sulla anni di lavoro e nei quali le facasa. Poteva fare eccezione un miglie si concedono poche setesecutivo partito con lidea di ri- timane di vacanza. Adesso, a far durre le tasse e messo con le andar di traverso ci che resta spalle al muro dei giorni di fedalla crisi fiEdizione straordinaria rie ci penser il nanziaria? OvFisco. Gli ispetLuned 15 agosto tori passeranvio che no. Per Libero quanto i minino al setaccio le sar in edicola dichiarazioni stri e i presidenti del Condei redditi e le in edizione straordinaria localit di vilsiglio cambino, quelli che li cirleggiatura e poi condano, preparano gli studi e presenteranno il conto. La moindicano chi colpire sono sem- tivazione? Bisogna rassicurare i pre gli stessi di allora. Per adesso mercati. Come si rasserenino gli si tratta di indiscrezioni, ma a speculatori di fronte a un prelievolte, come consigliava An- vo su tinello pi servizi non dreotti, a pensar male non si dato sapere. Al contrario c il risbaglia. Le voci danno in arrivo schio che le famiglie (...) una super stangata sulle seconsegue a pagina 3

ECCO DOVE SONO I SOLDI


LALTRA MANOVRA

CHE FAI, MI RIPRENDI?


Fini pentito della rottura, Berlusconi pure. Cena riparatrice
di MARIA GIOVANNA MAGLIE
Si sono gi incontrati, a cena, qualche giorno fa, subito dopo quelle due strette di mano, cercate e non casuali alla Camera in occasione del discorso del premier, che sono largomento sussurrato vero della dolorosa politica di crisi agostana. In una Camera incredibilmente popolata, almeno fino alle cinque del pomeriggio quando si chiudono gli uffici (si vede che non vogliono rischiare che i nostri parlamentari lavorino troppo), un politico (...)
segue a pagina 11

Il gioco del cerino

Milano a -6,6%

Pdl-Lega-sindacati Sprofondo Borse Italia paralizzata Ora solo le scalate dai veti incrociati possono salvarle
di FAUSTO CARIOTI
da pi di cinquantanni che la classe dirigente italiana, per quanto si sforzi (e cio molto poco), non riesce a liberarsi dellaforisma che le cuc addosso Ennio Flaiano: La situazione politica in Italia grave ma non seria. Nemmeno stavolta si fa eccezione, malgrado (...)
segue a pagina 5

di GIULIANO ZULIN
Ma Unicredit pu valere meno di un euro? Ieri ha chiuso in calo del 9,67% a 0,937 euro, ai minimi del 2009. E Intesa? Ha terminato la seduta in maglia nera a 1, 132 euro per colpa di un traumatico -13%: appena prima della chiusura dellaumento di capitale la banca (...)
segue a pagina 9

Non risponde alle 10 domande di Libero

Bersani latitante nella Tangentopoli del Pd


LInghilterra doma la rivolta La nostra sinistra tifa per i criminali
di FRANCESCO BORGONOVO
La vita delleditorialista, nel chiuso della redazione monotona, priva (...)
segue a pagina 17

di MASSIMO DE MANZONI
Onorevole Pier Luigi Bersani, scusi se la importuniamo per quella che ai suoi occhi deve apparire una quisquilia: come volete che abbia tempo e voglia di rispondere alle domande di un giornale un politico impegnato da mattina a sera a smacchiare giaguari? Ma vede, (...)
segue a pagina 13

Evviva Cameron: sa usare i manganelli


di NICHOLAS FARRELL
Se avesse detto Berlusconi quelle cose durissime che ha detto David Cameron (...)
segue a pagina 17

* Con: Il mago

5,00; Langelo del terrore

5,0 0.

Prezzo allestero: CH - Fr. 3.00 / MC & F -

2.00 / SLO -

2.00.

@ commenta su www.libero-news.it

Gioved 11 agosto 2011

PRIMO PIANO

i morsi delleconomia

ARMA Le cessioni consentirebbero di ridurre il debito pubblico (ormai oltre quota 1.900 miliardi di euro) e di allontanare gli attacchi degli speculatori

Immobili e azioni Tesoretto da 1000 miliardi


Ecco il valore delle municipalizzate, delle quote dello Stato nelle grandi aziende e del patrimonio fruttifero in mano al potere politico: rende poco, ma costa tanto
::: FRANCESCO DE DOMINICIS
ROMA

PATRIMONIO VENDESI
Sono molte le partecipazioni del Ministero del Tesoro nelle aziende del nostro paese, per un totale di 31 miliardi di euro: Per Fs, Poste italiane e Rai la partecipazione del 100%. (Lapresse)

QQQ Ci sono almeno 100 miliardi di euro pronti per salvare i conti pubblici. Sono quelli ricavabili senza grossi sforzi dalla vendita dei beni pubblici e in particolare mettendo sul mercato societ e immobili. Nella manovra per il pareggio di bilancio da 48 miliardi di euro stata inserita una norma che in qualche modo consente di rimettere in pista le privatizzazioni. Che, secondo gli addetti ai lavori, potrebbero essere lalternativa principale per evitare un salasso fiscale su imprese e famiglie. Si tratta di una scelta politica: bisogna crederci. Meglio allungare le mani nelle tasche degli italiani o prendere i soldi che in pratica sono gi a disposizione? Il governo a un bivio. Ecco i numeri su cui stanno ragionando gli esperti del ministero dellEconomia. La vendita di appena il 10% (o poco pi) degli immobili pubblici, la cessione di piccole quote delle grosse societ in mano al Tesoro e la dismissione delle 711 imprese degli enti locali potrebbe portare nelle casse dello Stato almeno 100 miliardi di euro. Grosso modo lequivalente di due finanziarie simili a quella appena messa in campo. Denaro fresco che servirebbe a ridurre il debito pubblico (ormai oltre quota 1.900 miliardi) e ad allontanare, quindi, gli attacchi ai mercati e gli speculatori. Una sorta di ultima spiaggia. Altrimenti non resta che aspettare il varo di una tassa patrimoniale e di un inevitabile inasprimento di tutto il sistema fiscale del nostro Paese: il governo di Silvio Berlusconi sta valutando un po tutte le ipotesi. E sul tavolo dei tecnici dellesecutivo c anche il dossier privatizzazioni. In questa direzione, una for-

te sollecitazione al governo era arrivata dai banchieri nellambito dei lavori di una delle commissioni del Tesoro sul federalismo fiscale. Si parte con il patrimonio immobilare. Le stime oscillano. Secondo un rapporto del Tesoro si va da 239 a 319 miliardi di euro. LIstituto Bruno Leoni si spinto un popi in alto, fino a 390 miliardi di euro e fino a 420 conteggiando anche le case popolari (edilizia residenziale pubblica). Mentre unindagine del 2004 fatta da Kpmg a valori di mercato indicava addirittura in 1.815 miliardi di eu-

ro il valore di immobili e terre della Repubblica italiana. Pure prendendo in considerazione, le cifre pi prudenti - quelle di via XX Settembre - non si scherza. Il censimento parla di oltre 543.000 le unit immobiliari di propriet dello Stato, per oltre 222 milioni di metri quadrati, per un valore, come accennato, che oscilla tra 239 e 319 miliardi di euro. Non solo. Bisogna aggiungere 776.000 terreni, per oltre 13 miliardi di metri quadrati, che valgono tra gli 11 e i 49 miliardi. Come viene utilizzato il patri-

monio immobiliare? Circa il 72% della superficie destinato allo svolgimento delle attivit istituzionali e il 10% utilizzato a fini residenziali: prevalentemente si tratta degli immobili degli enti di previdenza o dei comuni che vengono dati in affitto. Ed proprio questa seconda fetta che potrebbe essere aggredita per fare cassa. Daltra parte stiamo parlando di una quota di immobili che costa e rende assai poco. Secondo altre stime, il patrimonio fruttifero dello Stato centrale vale 215 miliardi e quello degli enti territoriali 460,

totale 675 miliardi. Cos, in buona sostanza, basterebbe liberarsi di meno del 10% degli immobili per ricavare 30-40 miliardi di euro nel giro di poco tempo. Cifra da sommare a 30 miliardi ricavabili dalla cessione di altre quote dei gioelli di Stato quotati (Eni, Enel, Terna e Finmeccanica), dalla privatizzazione di carrozzoni pubblici come Rai, Poste e Ferrovie. Altri 30 miliardi sono ricavabili dalle imprese dei comuni, di province e regioni: un universo vastissimo di imprese che gestiscono - non sempre in maniera efficiente - i servizi di gas,

luce e trasporti. Lapertura dellazionariato ai privati o la dismissione complessiva potrebbe contribuire a tenere a galla le finanze pubbliche. Considerando tutti e tre i filoni, quindi, in totalepotrebbero arrivare circa 100 miliardi di euro. Quella della vendita di societ pubbliche, per la verit, unipotesi gi prevista nella manovra da 48 miliardi di euro, ma rimandata alla fine del 2013. Anche questa misura, insomma, dovrebbe essere anticipata. Il piano prevede di partire dalle municipalizzate, le societ pubbliche controllate dai comuni, e si potr arrivare alla messa sul mercato di quote dei big ancora nel portafoglio del ministero delEconomia. Tremonti deve raccogliere il parere del Comitato di consulenza globale e di garanzia per le privatizzazioni, per mettere a punto uno o pi programmi per la dismissione di partecipazioni azionarie dello Stato e di enti pubblici non territoriali; i programmi di dismissione, dopo lapprovazione, sono immediatamente trasmessi al Parlamento. Secondo gli addetti ai lavori, arriverebbe un segnale anche i mercati. La vendita di asset non migliora il deficit, cio il rosso annuale che emerge da entrate e uscite, ma consente di ridurre direttamente il debito pubblico.

Pagine Editore
Grand Hotel Savoia
***** Cortina Aperitivo con lautore ore 11:00 17 AGOSTO Roberto de Mattei Il Concilio Vaticano II Jean Madiran Laccordo di Metz introduzione di Roberto de Mattei 19 AGOSTO Rosa Romano Toscani Il Sogno di Omar 22 AGOSTO Umberto Veronesi Mario Pappagallo La scelta vegetariana M A D I R A N

||u|wxUz{xx
JEAN MADIRAN
Laccordo di Metz
Tra Cremlino e Vaticano introduzione di Roberto De Mattei traduzione di Milena Riolo

Via G. Serafino, 8 00136 Roma Tel. 06 45468600


ANTONIO DE PASCALI
donna Assunta Almirante

pagg. 70 euro 12,00

NOVIT

A L M I R A N T E F R A N Z A & B A S S I
JULIUS EVOLA
Regime Corporativo (1935 - 1940)
A cura di Gian Franco Lami

La mia vita con Giorgio


pagg. 150 euro 14,00

T A O R M I N A

CARLO TAORMINA
Uccidete il cane italiano
Verso la verit su Nicola Calipari

pagg. 200 euro 16,00

NOVIT

NOVIT

ENEA FRANZA & GIAMPAOLO BASSI


LItalia e la crisi, un Paese al bivio
pagg. 234 euro 16,00

E V O L A

FRANCESCO AMATO
Annali di piombo
(diario di un servitore dello Stato)

prefazione di Giancarlo de Cataldo

pagg. 114 euro 15,00 pagg. 472 euro 22,00

A M A T O
DIRETTORE

Claudio Tedeschi
Chiedi in

In libreria con

OMAGGIO
NOVIT NOVIT
una copia al 339 8449286

NOVIT

PRIMO PIANO

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
OSTACOLI La soluzione semplice, e allora perch non si fa? Perch le privatizzazioni disturberebbero gli interessi di molti. Meglio tartassare i soliti noti

i morsi delleconomia

I soldi ci sono: vendiamo i beni dello Stato


Per affrontare la crisi il governo pensa di tassare le seconde abitazioni. Sarebbe un errore marchiano, perch deprimerebbe il mercato. Lalternativa c: far confluire tutte le propriet statali in una holding da quotare. Si potrebbero ottenere 300 miliardi
::: segue dalla prima MAURIZIO BELPIETRO
.

(...) proprietarie di un alloggio estivo siano ancor pi preoccupate di quanto gi non sono, con il risultato di dare unaltra botta ai consumi e alla fiducia dei contribuenti. Insomma, detta in parole povere, la tassa sulla casa di vacanza ci pare lultima spiaggia. Di certo si tratta di un errore marchiano, in quanto il gettito non sar risolutivo dei problemi degli italiani, ma finir per aggravarli, deprimendo il mercato immobiliare, uno dei pochi che ancora tiene. Alle obiezioni i cosiddetti esperti replicano che per raggranellare i quattrini necessari non ci sono altre strade. Dopo le sigarette e la benzina, toccherebbe dunque alla casa, ancorch seconda. Ma le cose non stanno cos. Ieri abbiamo indicato un numero impressionante di pensioni di lusso che vengono prima di quelle dei poveri diavoli ma che nessuno si sogna di tagliare. Oggi ci occupiamo dei mattoni che vengono prima di quelli delle famigliole. Prendete ad esempio i beni dello Stato. Secondo uno studio messo a punto da alcuni esperti nominati dal ministero dellEconomia, il valore complessivo degli immobili di propriet pubblica ammonta a circa 420 miliardi di euro. Dallo stesso rapporto emerge che il patrimonio fruttifero dello Stato centrale si aggira sui 215 miliardi di euro, cui vanno per aggiunti 460 miliardi del patrimonio delle Regioni, per un totale di 675 miliardi. Una cifra che potrebbe addirittura crescere, in quanto le stime risalgono a qualche anno fa. Di questa immensa ricchezza solo il 40 % remunerativo, nel senso che rende qualcosa, il resto pur essendo di tutti non d un euro. Ora, se si prendessero gli immobili e le partecipazioni nelle

varie societ pubbliche tipo Enel, Eni, Finmeccanica e altro, e si mettesse tutto dentro una grande holding da quotare, lasciando allo stato solo il 30 % mentre il resto sarebbe messo sul mercato, quanto incasserebbe il governo? Tre o quattrocento miliardi? Forse la cifra sarebbe superiore, ma prendiamo per buona la stima minima: trecento. Soldi che non dovrebbero essere sprecati in mille rivoli o per far ripartire leconomia, ma semplicemente usati per abbattere il debito. Quotando il patrimonio pubblico, in buona sostanza, si potrebbe ridurre la montagna di miliardi che schiaccia il Paese di circa un sesto, una mossa che ci metterebbe al riparo dalla speculazione e che ci consentirebbe di evitare una stangata al ceto medio. Non solo: privatizzando il patrimonio pubblico e collocandolo in una holding quotata in Borsa quasi certo che ci leveremmo di torno la massa di profittatori che su palazzi e azioni dello Stato campa e ingrassa. Di consigli di amministrazione, gettoni di presenza, appalti, manutenzioni, tangenti, si farebbe piazza pulita. E con gran risparmio. Vi state chiedendo perch se le cose stanno in questo modo nessuno si ancora deciso a farlo? Semplice. Come detto, privatizzando il patrimonio dello Stato si disturbano gli interessi di tanti e questi si mettono di traverso alla prima avvisaglia. Molto pi facile dunque tartassare i poveri cristi che si sono comprati la casetta. Quelli non partecipano agli incontri con le parti sociali. L ci vanno i sindacalisti, dei dipendenti e degli imprenditori. Chi ha limmobile non solo non invitato, ma se anche lo fosse non ci andrebbe. gente che per permettersi lappartamentino al mare deve lavorare. Mica ha tempo da perdere con le riunioni sindacali.
maurizio.belpietro@libero-news.it

Colpiti 20 milioni di italiani

Aumenti a Ici e affitti: la stangata sulla casa


::: TOMMASO MONTESANO
ROMA

QQQ Lintervento riguarderebbe, grossomodo, venti milioni di famiglie italiane. Vale a dire quelle che sono proprietarie della casa in cui vivono. Perch, nonostante le smentite, lipotesi dellintroduzione di unimposta patrimoniale sugli immobili (e non solo) resta pi che mai nel novero delle misure al vaglio del governo per arrivare al pareggio di bilancio nel 2013. La suspance durer al massimo fino al 18 agosto, data entro la quale andr in scena il consiglio dei ministri straordinario chiamato a varare il decreto con i provvedimenti. Alcune delle ipotesi che i tecnici del Tesoro stanno valutando portano dritto agli immobili. Detto che si vocifera, come extrema ratio, addirittura di un ritorno dellIci sulla prima casa, la strada pi battuta porta allintroduzione di unaddizionale speciale sullIci che grava sulla seconda, di casa. Cos, hanno calcolato a via XX Settembre, entrerebbero nelle casse dello Stato tra i sei e gli otto miliardi di euro. Ma non finita qui. Accanto allipotesi pi hard, c anche quella pi soft. Che vede nel mirino del Tesoro quello che nella maggioranza qualcuno ha ribattezzato il latifondo immobiliare. Ovvero i dieci milioni di case, su 58, che stando allAgenzia delle entrate sarebbero vuote o affittate senza un regolare contratto di locazione. Contro lipotesi di una patrimoniale si scaglia Confedilizia, lorganizzazione che raggruppa i proprietari di immobili. Il presidente, Corrado Sforza Foglia-

ni, parla senza mezzi termini di pericolo. Chi indica la via facile della patrimoniale sulla casa non ha ragionato a sufficienza sui suoi possibili effetti anche per i ceti che si pretende di rappresentare e difendere. Soprattutto, spiega, per gli effetti depressivi che potrebbe avere limposta sul mercato immobiliare: Provocherebbe una caduta dei prezzi analoga a quella che colp gli Usa nel 2006. Per il mercato edilizio, gi in sofferenza, la caduta dei valori sarebbe il colpo di grazia. E a pagarne il prezzo, avverte il numero uno di Confedilizia, sarebbe chi si fatto la casa e ha ancora il mutuo da pagare. Sulla stessa lunghezza donda Confindustria, che chiede di intervenire su spesa pubblica ed evasione fiscale. La patrimoniale, invece, piace ai sindacati. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, non ha perso occasione per proporre di aggredire i grandi patrimoni. Il suo modello di riferimento la Francia, dove limposta di solidariet sul patrimonio(mobiliare e immobiliare) colpisce i patrimoni con un valore superiore ai 790mila euro. Favorevole anche Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, ma a condizione che la patrimoniale non gravi su chi ha solo una casa . Sul tappeto, poi, resta anche lipotesi di innalzare la cedolare secca sugli affitti. Oggi laliquota sui redditi da locazione fissata tra il 19 e il 21%. Lanticipo dei tagli alle agevolazioni fiscali contenuti nelle linee guida della riforma illustrata a luglio, per, potrebbe innescare un aumento della cedolare fino al 25,2%.

@ commenta su www.libero-news.it

Gioved 11 agosto 2011

PRIMO PIANO

i morsi delleconomia

LE RIFORME Attese le convocazioni di sindacati e industriali per trattare su infrastrutture, liberalizzazioni dei servizi pubblici locali e mercato del lavoro

La Cgil ha trovato la soluzione alla crisi: sciopero generale


Al tavolo con le parti sociali il governo annuncia un decreto con le misure tra il 16 e il 18 agosto. Via libera di Confindustria, Cisl e Uil. Solo la Camusso fa le barricate
::: TOBIA DE STEFANO
QQQ C chi fa richiami alla responsabilit, alla crisi internazionale e non solo italiana e alla necessit di fare fronte comune. E chi invece spara ad alzo zero. Premette mille no e annuncia che mercati o non mercati pronto alla mobilitazione contro il governo. Breve sunto dellincontro (circa unora e mezza) tra governo e parti sociali a Palazzo Chigi. Da una parte ci sono i rappresentanti dellesecutivo, gli industriali e quasi tutti i sindacati. Dallaltra la Cgil che si smarca a prescindere. Durante lincontro dice: No ad interventi che guardino alle pensioni, ai redditi da lavoro dipendente, alla sanit e all'assistenza. Poi spiega: Il vertice non allaltezza dei problemi che abbiamo e della trasparenza che sarebbe necessaria. Ci aspettavamo che il governo ci dicesse cosa intende fare. E infine minaccia: Se la manovra colpir i soliti noti ci mobiliteremo per cambiarla, senza escludere uno sciopero generale. Non che Confindustria e i colleghi di Cisl, Uil e Ugl siano entusiasti dellincontro, un po tutti si aspettavano lindicazione di misure concrete che invece non sono arrivate. Ma, soprattutto in questo momento, i toni contano e quelli di corso dItalia sono ancora una volta sopra le righe. La Marcegaglia, per esempio, ha apprezzato la tempestivit della convocazione del Cdm tra il 16 e il 18 agosto per varare un decreto legge con le misure anticrisi. Mentre ha detto un no grande come una casa alla misura tanto cara alla Camusso: No alla patrimoniale ma tagli alla spesa pubblica e interventi sulla tracciabilit dei contanti per rafforzare la lotta contro l'evasione fiscale. E gli stessi Bonanni (Cisl), Angeletti (Uil) e Centrella (Ugl), con i dovuti distinguo (a differenza degli industriali, per esempio, vedono come il fumo negli occhi qualsiasi innalzamento dellet pensionabile) evidenziano che il Paese in pericolo e che non questo il momento delle divisioni e delle polemiche a oltranza. Non riteniamo opportuno sottolinea Bonanni - aggravare ulteriormente questo momento di crisi, non credo che uno sciopero generale serva a placare i mercati. Anzi. Crediamo sia giusto discutere con il governo e casomai protestare, come abbiamo gi fatto in passato. Del resto il governo ha motivato il suo silenzio con la ridda di voci sui contenuti della manovra che i mercati non hanno di certo gradito. E quindi: In questi cinque giorni - ha spiegato Gianni Letta facendo riferimento al primo tavolo di gioved scorso con le parti sociali - tutto cambiato, tutto precipitato. La realt in rapida evoluzione... Il governo sta valutando tutte le possibilit e tutte le ipotesi. E sulla famosa lettera con quale la Banca centrale europea dava indicazioni al governo, ha precisato: Quella lettera strettamente confidenziale e chi la riceve non pu diffonderla. Insomma, basta sterili polemiche, perch lattenzione concentrata sul futuro con due punti fermi. Il primo quello annunciato dal ministro Tremonti: La manovra va ristrutturata. E il rapporto deficit-Pil che al al 3,8% quest'anno, dovrebbe scendere tra l'1,5% e l'1,7% il prossimo, per arrivare al pareggio nel 2013. Il secondo sono i tavoli tematici che saranno organizzati a breve con le parti sociali. Si parler di infrastrutture e sviluppo con la supervisione dei ministri Matteoli e Romani. Quindi di liberalizzazioni e privatizzazioni. Infine di riforma del lavoro. E qui ci sar da divertirsi: tra i punti del contendere anche il famoso articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, quello che regola i licenziamenti. Sacconi e Brunetta, che presiederanno lincontro, dovranno fare i conti con i paletti gi annunciati in modo compatto da tutte le parti sociali (c anche la Confindustria). I ministri vorrebbero modifiche legislative, le associazioni di lavoratori e industriali rivendicano la loro autonomia. Ritengo, come i miei colleghi, che non si debba intervenire per legge in materia di lavoro ma lasciando la libert alle parti di trovare un accordo, chiosava deciso il leader dellUgl Centrella.

:::

I PUNTI

IL GRUPPO Al vertice di Palazzo Chigi iniziato alle 17 erano presenti, tra gli altri, Berlusconi, Letta, Tremonti e i leader delle parti sociali, i quattro sindacati pi rappresentativi, Cgil, Cisl, Uil e Ugl, e la Confindustria. IL CDM Berlusconi ha annunciato un probabile Consiglio dei ministri tra il 16 e il 18 agosto per varare un decreto legge con le misure anti-crisi. Mentre Tremonti ha precisato che la manovra sar ristrutturata. LE TRATTATIVE Gianni Letta ha anticipato la convocazione delle parti sociali ai tavoli su lavoro, infrastrutture e privatizzazioni e liberalizzazioni.

I vertici degli azzurri

Ultima lite Pdl-Giulio sulla patrimoniale


Tutto il partito contro il prelievo straordinario sui beni mobili e immobili proposto dal ministro
::: BARBARA ROMANO
ROMA

QQQ Se c uno che riesce ancora a tenere unito tutto il Pdl non Silvio Berlusconi ma Giulio Tremonti, con la sua ipotesi di introdurre una tassa patrimoniale. Lo spettro del prelievo straordinario sui beni mobili e immobili aleggiava ieri sul duplice vertice del Pdl. Quello ufficioso tenutosi nel pomeriggio nello studio del presidente del gruppo parlamentare alla Camera, Fabrizio Cicchitto, tra Angelino Alfano e i capigruppo. E quello convocato ufficialmente dal segretario nazionale in serata a via dellUmilt, con il gotha del partito. Ma la patrimoniale incombeva anche sul confronto tra il governo e le parti sociali, riuniti alle 17 a Palazzo Chigi, finch non lha fatta precipitare sul tavolo Susanna Camusso. Paradosso di mezza estate vuole che sia proprio la leader della Cgil a fare da sponda al ministro nel momento in cui costui torna nel centro del mirino del Pdl. Lassist arrivato alle 17.47, quando la numero uno del sindacato di Corso dItalia ha chiesto formalmente la patrimoniale, assieme alle tasse sui profitti delle banche. Con buona pace della leader di Confindustria Emma Marcegaglia, che scalpitava per poter dire il suo no rotondo alla patrimoniale, che riuscita a pronun-

ciare circa unora dopo. La patrimoniale resta comunque una soluzione estrema. E non solo perch incontra il veto di quasi tutte le parti sociali, in testa industrie e banche. Ma perch contrario lintero Pdl. Anche se molti big preferiscono non pronunciarsi sullargomento per non fomentare la maretta interna. Qualcuno, invece, decide di metterci la faccia, anche nel governo. Tipo il ministro per le Politiche agricole, Saverio Romano, che al Tg2 bolla la patrimoniale come una tassa odiosa, e il titolare dellAttuazione del programma, Gianfranco Rotondi, che esclude lidea della tassazione straordinaria dei patrimoni, giudicando inopportuno che i parlamentari della maggioranza commentino con dichiarazioni ipotesi mai poste dal governo. Ma anche il vicecapogruppo del Pdl alla Camera, Osvaldo Napoli, presidente dellAnci, si scaglia contro il non senso della patrimoniale: un getto dacqua che non riempie mai la vasca perch si perso il tappo. Contrarissimo alla patrimoniale pure il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni: una mossa sbagliata, da scongiurare, dichiara a Libero. Ma guarda la situazione con realismo: Tutto dipende dallentit della manovra. La sua ricetta : Privatizzare tutto il privatizzabile e ridurre la spesa tagliando tutto il tagliabile. Ma se non dovesse

bastare, temo che diventi inevitabile andare a toccare il patrimonio e la spesa previdenziale. Il deputato del Pdl Giorgio Stracquadanio, fondatore del Predellino.it, arriva addirittura a minacciare di non votare a favore del governo, nemmeno se verr messa la fiducia, se le misure per il pareggio di bilancio nel 2013 comprenderanno la patrimoniale e pi tasse sul risparmio. Anche il vertice del Pdl, che si riunito a via dellUmilt alle 19.10, appena chiuso il tavolo esecutivo-parti sociali, era imperniato sulla crisi economica e sul colpo di reni che si intende dare. Da Alfano a Matteoli, passando per la Gelmini e Brunetta, ciascuno ha snocciolato la sua formula. Si parlato molto di tagli alle pensioni, liberalizzazioni e privatizzazione delle municipalizzate. Ma nessuno ha osato affrontare di petto il tema a cui tutti pensavano: la patrimoniale. Anche perch, contrariamente alle previsioni, era presente il suo sponsor, Tremonti, che rimasto al quartier generale del Pdl sino alle 20, per poi involarsi con Alfano e Matteoli a Palazzo Grazioli, dove nel frattempo era arrivato il leader leghista Umberto Bossi. Ma luscita dal tunnel economicofinanziario nemmeno si vede allorizzonte. Anche il summit pidiellino, come lincontro del governo con industrie e sindacati, si concluso con un nulla di fatto.

PRIMO PIANO

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
RINVIO La speranza che la decisione di spostare dopo Ferragosto il consiglio dei ministri per approvare le nuove misure possa ridurre la confusione. Ma non c da illudersi

i morsi delleconomia

Veti e risse: la solita Italia


Il Paese rischia di fallire ma nessuno rinuncia al proprio orticello: lesecutivo non d i numeri, lopposizione vuol cacciare il Cav e il sindacato pensa solo ai pensionati
::: segue dalla prima FAUSTO CARIOTI
.

TUTTI IN GRUPPO La presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia durante l'incontro tra governo e parti sociali che si svolto ieri a Palazzo Chigi. Nel corso del vertice la numero uno degli industriali ha ricordato il suo no allintroduzione della patrimoniale, cos come chiesto dalla Cgil ed ha invocato una manovra di rigore e di equit con tagli ai costi della politica. Ansa

(...) non sia cos remoto il rischio che il Paese vada in default, cio non riesca pi a pagare i propri debiti. Ecco, se qualcuno si illudeva che lo spettro della Grande Depressione avrebbe fatto ravvedere chi rappresenta gli italiani al tavolo delle decisioni, si gi dovuto ricredere. La definizione della manovra che dovrebbe garantire gli investitori e le istituzioni internazionali della seriet delle nostre intenzioni avvolta da quellaria di improvvisazione e dilettantismo gi annusata tante volte in passato, chiunque fosse al governo. Le proposte abbondano, alcune sensate e altre perniciose, ma manca lunico ingrediente davvero indispensabile: la chiarezza. Vale per i ministri, per i rappresentanti delle parti sociali, per i leader della maggioranza e quelli dellopposizione. Non si ancora capito, tanto per iniziare, quanti soldi servono. Quando ieri, durante il confronto con i sindacati, Giulio Tremonti ha detto che occorre ristrutturare la manovra da 48 miliardi di euro approvata in luglio, nello stanzone si creato il panico. I presenti hanno capito che il provvedimento approvato poche settimane fa dal Parlamento gi vecchio e che occorre irrobustirlo con altre norme. Si parla di nuovi interventi per 8-10 miliardi, che andrebbero ad aggiungersi ai 20-25 necessari per anticipare al 2013 il pareggio di bilancio. Il conto totale, rigorosamente non ufficiale, porterebbe la mazzata in arrivo a quota 30-35 miliardi. Cos come resta da definire laltro dettagliuccio: chi paga? La riforma previdenziale, ovvero il blocco degli assegni di anzianit e

linnalzamento a 65 anni dellet pensionabile per le dipendenti del settore privato, pareva in dirittura darrivo. Poi il ministro Maurizio Sacconi ha detto che sulla revisione delle pensioni allo stato non c nulla. E Umberto Bossi (lo stesso che il giorno prima aveva ammonito che bisogna fare le riforme) ha avvisato gli alleati e il suo amico Tremonti che invece no, la riforma non si far: Finch c la Lega le pensioni non si toccano. Certo, il leader leghista specializzato nel lanciare proclami dirompenti e poi ripiegare su posizioni pi accomodanti. Lo si visto con il rifinanziamento delle missioni militari allestero e con ogni probabilit finir cos anche stavolta. Intanto, per, tutto si fermato in attesa di capire cosa frulla davvero nella testa del Senatur. Poi c lipotesi di mettere unimposta sui patrimoni. Tremonti, pur senza troppi entusiasmi, lha accarezzata insieme alla Lega. Ma stavolta sono insorti quelli del Pdl, a partire da un certo Silvio Berlusconi. Due pretoriani del Cavaliere, Giorgio Stracquadanio e Osvaldo Napoli, sono subito balzati oltre le linee nemiche per dire che una cosa simile non lavrebbero mai votata. In privato, tra colleghi di partito e di governo, sono volate minacce pesanti e parole assai poco educate. Risultato: il ministro Gianfranco Rotondi e il capogruppo della Lega, Marco Reguzzoni, hanno dovuto escludere lintroduzione di qualsiasi tipo di patrimoniale. Lincertezza tale che il ministro dellEconomia, non sapendo nemmeno lui dove si andr a parare, ha commissionato ai tecnici simulazioni su ogni intervento possibile, inclusi innalzamento dellIva, au-

Q Serve una manovra che faccia pagare pi tasse ai grandi patrimoni, non si pu prelevare sempre dai lavoratori
SUSANNA CAMUSSO

Q Se pensano di ridurre il deficit solo tagliando le pensioni della povera gente, allora dovranno vedersela con noi
PIER LUIGI BERSANI

Q Le pensioni non si toccano. Finch c la Lega non si mettono in discussione i diritti della nostra gente
UMBERTO BOSSI

Q Credo sia giusto che in questo momento di emergenza chi ha di pi possa dare un po di pi, escludendo per la patrimoniale
. EMMA MARCEGAGLIA

mento dellIci sulla seconda casa e ritocchi delle aliquote che gravano sui redditi. A questo tripudio del caos, ancora una volta, hanno dato il loro fattivo contributo lopposizione e i sindacati. Pier Luigi Bersani e i suoi si guardano bene dal proporre alternative ai fumosi progetti del governo. In compenso il segretario del Pd ha gi detto no a una delle poche idee serie su cui la maggioranza sembra aver raggiunto laccordo: modificare larticolo 81, inserendo nella Costituzione lobbligo del pareggio di bilancio, utile a far capire che da adesso in poi non si pu pi scherzare. Mentre Susanna Camusso, appena uscita dallincontro di palazzo Chigi, ha annunciato che intende mobilitare i suoi iscritti: sulla crisi economica e finanziaria non pu mancare la rossa ciliegina di uno sciopero generale firmato Cgil. Della sola riforma in grado di alleggerire davvero il debito pubblico, la privatizzazione dellimmenso patrimonio immobiliare e mobiliare che fa capo allo Stato centrale e periferico, in grado di portare in cassa tra i 300 e i 400 miliardi di euro, ovviamente nessuno parla, n a destra n a sinistra: la classe politica ormai considera municipalizzate e case degli enti previdenziali un benefit a propria disposizione, al quale non ha alcuna voglia di rinunciare. Cos, tra un veto incrociato e una minaccia di portare tutti in piazza, lItalia naviga allegramente a vista in mezzo alla tempesta dei mercati. La speranza che la decisione di rinviare a dopo Ferragosto il consiglio dei ministri chiamato ad approvare la manovra serva a ridurre la confusione e non ad aumentarla. Ma viste le premesse sar meglio non illudersi.

Prossima vittima?

Voci di declassamento sulla Francia e in due settimane Sarko fa la manovra


::: ANTONIO SPAMPINATO
QQQ I nervi scoperti dei mercati europei non hanno la forza di resistere alle voci di questa portata: Il debito francese verr declassato. Non servito a nulla la formale smentita dellEliseo n la conferma della tripla A da parte delle agenzie di rating Moodys, Fitch e Standard & Poors: ieri le Borse del Vecchio continente hanno ceduto il passo alle vendite precipitando in profondo rosso. Cos una giornata inizialmente tranquilla si trasformata in un incubo. A stimolare i rumors ci ha pensato lo stesso presidente francese Nicolas Sarkozy. Rientrato precipitosamente dalle ferie in Costa Azzurra ha convocato i ministri chiave per una riunione di emergenza per preparare una manovra aggiuntiva allo scopo di tagliare il deficit. Il Capo dello Stato - si legge in un comunicato rilasciato al termine del vertice straordinario - ha ribadito che limpegno a ridurre il deficit pubblico inviolabile e sar rispettato indipendentemente da come evolver la situazione economica. Le prospettive di crescita economica per Parigi sono notevolmente maggiori di Italia e Spagna, ma il suo ritmo di espansione sta rallentando e potrebbe avere pi difficolt a ridurre un deficit che si attestato al 7,1% del Pil nel 2010. E quando nei mercati le voci diventano urla, pi semplice dipingere un quadro pi fosco di quello reale. Ora pi facile trovare analisti disposti a dire che gli obiettivi sul deficit indicati dal Governo, del 5,7% nel 2011 e del 4,6% nel 2012, non sono realistici. Cos, vista la devastante forza dei mercati, il presidente francese stato costretto a convocare i suoi ministri per mettere a punto nuove misure per tagliare il deficit pubblico che verranno presentate il prossimo 24 agosto. A gettare benzina sul fuoco ci ha pensato lInsee, listituto di statistica francese, che ieri ha diffuso il dato sulla produzione industriale, in calo a giugno dell1,6% rispetto al mese precedente. A maggio la produzione industriale era cresciuta, a livello congiunturale, dell1,9%. Le Borse europee si sono fatte prendere dal panico e lorso lha fatta da padrone. In particolare, il Cac40 di Parigi ha ceduto il 5,45% a 3.002,99 punti. A pagare pegno stato soprattutto il comparto bancario e i maggiori istituti di credito transalpini hanno chiuso in rosso, con percen-

BASTA VACANZE Il presidente francese Nicolas Sarkozy rientrato di corsa dalle vacanze ed ha annunciato misure anticipate per il riassetto dei conti pubblici. Olycom tuali in doppia cifra. Credit Agricole ha lasciato l11,8%, Socit Gnral il 14,7%, con un valore di mercato crollato dai 40 miliardi di euro dellinizio di giugno a 17 miliardi di euro. Le banche sanno bene che molte voci di Borsa vengono messe in giro ad arte. Una palla di neve che in momenti come questi possono rapidamente trasformarsi in valanga. Cos Socit Gnrale ha chiesto alla Autorit des marchs financiers (Amf), lorganismo che regola la Borsa, di aprire unindagine sullorigine dei rumors che hanno gravemente danneggiato i nostri azionisti. Molto probabilmente non si arriver a nulla, laggiotaggio un reato difficilissimo da provare. Ma il segnale stato dato: speculatori, non fate troppo i furbi.

Gioved 11 agosto 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

i morsi delleconomia

IL PUGNO DI BOSSI La durezza del momento favorisce il Senatur che riprende in mano il movimento, perplesso dopo le ultime uscite su Europa e tasse

La Lega urla contro la casta per coprire la retromarcia


Carroccio spaccato: c chi tifa per la patrimoniale, ma il Senatur mette il veto Il partito invoca tagli alla politica ma si gi ammorbidito sulle pensioni
::: MATTEO PANDINI
QQQ Bossi s ripreso la scena. Laltro giorno il vertice con Tremonti a Gemonio, ieri la riunione con premier e Alfano. A Roma. Sul piatto c la ricetta anti-crisi, in attesa dellintervento odierno del ministro dellEconomia. Il Senatur arrivato nella Capitale facendosi annunciare dal titolone de la Padaniadi ieri: le pensioni dei lavoratori non si toccano. Oggi il quotidiano tiene il punto con toni pi sfumati e d grande risalto alla vicepresidente del Senato e leader del Sindacato padano Rosi Mauro. Da via Bellerio propongono tagli alla Casta e promettono battaglia per difendere le pensioni del Nord. Viene rispolverato anche un altro cavallo di battaglia: le buste paga territoriali. Obiettivo: premiare chi lavora sopra il Po dove la vita pi cara che altrove. La verit che la Lega attende gli sviluppi e non ha le idee chiarissime (lo dimostrano le opinioni differenti su una possibile patrimoniale, esclusa dal capogruppo Marco Reguzzoni ma ipotizzata dal sindaco di Verona Flavio Tosi) e soprattutto pressata dal premier. Dato che la situazione difficile, Berlusconi si rende conto che nulla pu essere escluso a priori. E anche le pensioni restano in bilico, tanto che il capo del governo convinto di dover piegare le resistenze di Umberto. La Bce ha il coltello dalla parte del manico: c il rischio che senza riforme radicali venga stoppato lacquisto di titoli di Stato italiani. Anche per questo il Senatur ha corretto il tiro, distribuendo lodi alle istituzioni europee che fino allaltro giorno erano bollate come Forcolandia. Pi duno, in via Bellerio, si mangia le mani. Allindomani dello strappo tra Berlusconi e Fini, la Lega invocava le elezioni anticipate. Non accadde. A questo punto un esecutivo incerottato costretto ad affrontare una bufera che produrr tasse e tagli. Nel 2013 si profila una campagna elettorale col ceto medio massacrato. Altissimo rischio impopolarit, anche nelle valli padane. Dove il malessere si sta diffondendo a macchia dolio e non riguarda pi solo i sindaci arrabbiati per il patto di stabilit. Qualche lumbard insiste per privatizzare i carrozzoni pubblici, dalla Rai alle Ferrovie, ma la dieta imposta dallEuropa non concede grandi margini alla fantasia. Una registrazione audio di Telepadania consegna qualche dichiarazione del Senatur, concessa durante un evento per ricordare lideologo leghista Gianfranco Miglio: Senza il contributo economico di Lombardia, Veneto e Piemonte, lItalia scomparirebbe. La Padania, la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, dal Il leader della Lega Nord, Umberto Bossi Ansa punto di vista economico, sono lunica possibilit, per lItalia, di resistere afferma Bossi. Oggi ascolter Tremonti, che ieri era a Palazzo Grazioni. Presente anche Calderoli. Oggi, a Roma ci sar anche Roberto Cota. Umberto lha voluto con s: il momento delicato e richiede la presenza di tutti i fedelissimi.

Retroscena

Gli scontri sulle tasse e la moglie del capo stupita da Maroni


QQQ Lultima scazzottata per la patrimoniale: il capogruppo alla Camera Marco Reguzzoni la esclude categoricamente, mentre il sindaco veronese Flavio Tosi, maroniano doc, apre: Forse bisognerebbe pensare a una patrimoniale o a una tassa sulle grandi rendite finanziarie, perch oggi siamo nelle condizioni per farlo. I colonnelli padani continuano a litigare. Non esplodono fragorosi mortaretti come dopo il raduno di Pontida, a giugno, quando Rosi Mauro sembrava dovesse sostituire Giancarlo Giorgetti sul ponte di comando del Carroccio in Lombardia. Per il braccio di ferro tuttaltro che archiviato. Basta pensare agli imbarazzi per le ferie del leader padano, che la famiglia voleva il pi possibile lontane da Ponte di Legno, Valle Camonica. Feudo dei Caparini. Il padre Bruno e il figlio Davide (questultimo deputato) adorano il Senatur ma non il cosiddetto cerchio magico, ovvero la pattuglia di dirigenti vicini alla famiglia Bossi. Manuela Marrone, moglie del ministro per le Riforme, s detta stupita per la compattezza delle truppe che guardano con stima a Roberto Maroni. Mai come negli ultimi mesi lo scontro a tutto campo ha aperto una frattura profonda ma chiara tra le due fazioni. E i numeri, guardando i vari congressi locali, al momento sorridono allinquilino del Viminale. Pensare che durante la malattia di Umberto, quando la situazione sembrava compromessa, la signora Marrone aveva distribuito parecchi attestati di stima proprio a Bobo. Ne passata di acqua sotto i ponti. Allinizio si faceva a gara per entrare nel cerchio magico e guadagnarsi la fiducia della famiglia. Cera riuscito Giancarlo Giorgetti, ma poi s allontanato. Chi c stato fin dallinizio il capogruppo alla Camera Marco Reguzzoni. Nessuno poteva immaginare che la situazione degenerasse. I litigi spuntano ovunque, anche nelle ricette della manovra.
M. PAN.

CORSO DI INGLESE IN VIA BELLERIO

Se Trota non va da Cepu, Cepu va dal Trota


Lezioni private gratuite per il Trota Renzo Bossi. Il figlio del Senatur, iscritto alla facolt di Economia, godrebbe di un programma di studi apposta per lui organizzato da Cepu. A rivelarlo Vanity Fair secondo cui gli insegnanti di sostegno di Cepu si recano direttamente a casa sua per impartirgli lezioni private. Il tutto sarebbe offerto dal patron dellazienda Francesco Polidori. Pronta la smentita di Renzo Bossi che con una nota afferma di essere iscritto alla Cepu ma per un corso dinglese (che per comodit organizza in via Bellerio), e soprattutto nega di frequentare questo corso gratis.

Fino a 1.500 euro in pi


::: PALERMO
QQQ Il blocco degli stipendi nella pubblica amministrazione vale dovunque ma non in Sicilia. Il resto del Paese pu anche fare dei sacrifici. Lisola gode dellautonomia anche sotto questo profilo. Secondo quanto riferisce il quotidiano Italia Oggi gli uffici della Regione siciliana si preparano ad elargire ai ventimila dipendenti aumenti variabili da 650 (per le categorie pi basse) a 1.500 euro (per i dirigenti). Spesa totale 45 milioni. Si tratta del rinnovo contrattuale che, inizialmente, pareva bloccato per mancanza di soldi. A cambiare le carte in tavola stato, la scorsa settimana, la riunione del Cipe che ha sbloccato i fondi Fas destinati al Mezzogiorno. Il rinnovo coster una trentina di

La Sicilia si fa beffe della crisi: aumenti agli statali


milioni allanno per i funzionari e 16 per i dirigenti. I primi - che gi hanno incassato circa 40 euro di vacanza contrattuale - riceveranno aumenti di circa 50 euro al mese. RINNOVI COSTOSI Ma lintera operazione ha costi pi alti perch i rinnovi del 2008/2009 si riflettono negli anni successivi per una spesa complessiva che, a regime arriver a 160 milioni. Ottanta sono gi stati erogati. Si trattava di trovare il resto. O almeno una parte. Allinizio dellestate pareva che tutto congelato perch la Regione aveva finito i soldi. I sindacati avevano annunciato scioperi e agitazioni. Lincalzare delle vacanze, per, aveva consigliato il rinvio della protesta. Non c stato bisogno di aspettare settembre. La scorsa settimana il governo Berlusconi ha fatto il miracolo. Ha sbloccato i fondi Fas che servono per finanziare le infrastrutture. Per esempio lautostrada Ragusa-Catania e il raddoppio della ferrovia Palermo-Catania (oggi per coprire 180 km servono allincirca quattrore e mezzo). Ma soprattutto i Fondi del Fas hanno recuperato i 600 milioni destinati a coprire le rate del mutuo della sanit. Questo regalo ha permesso di attivare il fondo legato ai risparmi di gestione. Certo parlare di risparmi a proposito della Sicilia appare bizzarro.

Infatti accaduta una cosa molto pi semplice. Senza i fondi Fas (che la Regione aspetta da oltre un anno) il mutuo della sanit restava a carico dellamministrazione. DELIBERA PROVVIDENZIALE La delibera del Cipe ha cambiato le carte e cos Palazzo dei Normanni, con i soldi risparmiati, potr pagare gli aumenti di stipendio ai ventimila regionali. C un solo dubbio: che la decisione del Cipe rimanga priva di conseguenze nel senso che i soldi promessi per lennesima volta rimangano a Roma. Vedremo nelle prossime settimane. Per i momento quello che arriva sar un Ferragosto veramente generoso per lesercito dei regionali siciliani.
N.SUN.

Raffaele Lombardo (Olycom)

PRIMO PIANO

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
COLPA DEGLI USA Sta succedendo di tutto, il declassamento del rating americano sta trascinando tutti verso la crisi, ci dobbiamo muovere velocemente e bene

i morsi delleconomia

Silvio frena Bossi: devi ragionare


Il premier rientra dalla Sardegna e incontra lalleato: Hai visto la Borsa? Non il momento di puntare i piedi, qui precipita tutto. Sulla patrimoniale inizia a rassegnarsi ma i mugugni leghisti gli fanno comodo per provare a stoppare Tremonti
::: SALVATORE DAMA
ROMA

QQQ Umberto, devi ragionare. Non questo il momento di puntare i piedi, qui precipita tutto. Hai visto la Borsa oggi? Meno sei per-cen-to!. Silvio Berlusconi lo sa. Sa come prendere per il verso giusto il Senatur. Le parole, il tono. E, quasi sempre, Bossi inizia a ragionare, a farsi un po pi duttile. Stavolta il presidente del Consiglio, per ammorbidire lalleato, lha buttata sul drammatico. Perch in effetti la situazione drammatica e non possiamo permetterci il lusso di divisioni tra noi. Vanno valutate tutte le ipotesi. Il Cavaliere vede nero. Rientra di corsa dalla Sardegna, dove stava trascorrendo qualche giorno di vacanza con le figlie Eleonora e Barbara e i nipotini. Silvio deve rinunciare alla festa di compleanno della primogenita Marina per partecipare alla riunione con le parti sociali. Non ha molto da comunicare, Berlusconi, se non i tempi di reazione del governo ai tonfi di Piazza Affari: Sta succedendo di tutto, il declassamento del rating americano sta trascinando tutti verso la crisi, ci dobbiamo muovere velocemente e bene. Per cui Silvio decide di farlo subito: Entro il 18 agosto riuniremo il consiglio dei ministri per approvare una serie di misure da inserire in un decreto legge. Sui contenuti Berlusconi non pu essere pi preciso. Non prima di aver consultato lalleato leghista e il ministro Tremonti, che in serata varcano la soglia di Palazzo Grazioli. Gianni Letta, a sindacati e Confidustria, annuncia lavvio di tavoli tematici su liberalizzazioni, privatizzazioni e servizi pubblici. Ma nulla di pi sul contenuto del decreto, se non che lesecutivo sta valutando tutte le possibilit. Anche la patrimoniale? Solo il suono di quella parola fa venire lorticaria a Berlusconi. Tutto si

sarebbe aspettato dalla sua quasi ventennale esperienza politica tranne di provare lodiosa sensazione delle mani dello Stato che afferrano la ricchezza dei cittadini. Lidea lo ripugna. E tuttavia se non si inverte la tendenza, se continua la caduta verso il baratro, la crisi economica va affrontata con cure dal cavallo. Magari la chiameranno diversamente (Eurotassa?), ma un tipo di provvedimento del genere rischia di essere imprescindibile. Giulio Tremonti che preme per il prelievo forzoso, lo strumento pi efficace per avvicinarsi allobiettivo finale: il rientro dal deficit. Silvio ancora ieri rimaneva sul no, non se ne parla, facendosi forte dello scetticismo leghista. La considera una misura da bolscevichi e, non a caso, la propugna il socialista Tremonti. Bossi chiede piuttosto tagli ai costi della politica, anche se il ministro dellEconomia gli ha spiegato che, pur stizzando istituzioni ed enti periferici, ci non basterebbe a fare cassa a sufficienza. Ci vuole altro. Silvio? Probabilmente commissioner un sondaggio per verificare il grado di impopolarit della tassa patrimoniale, poi prender la decisione. Laltra questione riguarda le pensioni e pure qui il Carroccio pone il veto: Non si toccano, ha tuonato lUmberto mentre i leghisti che lo accompagnavano al vertice (Roberto Calderoli, Marco Reguzzoni, Rosi Mauro) annuivano. Ma anche su questo tema Berlusconi ha chiesto ragionevolezza allalleato. Umberto, non abbiamo scelta, ha insisto il Cavaliere riferendosi alla pressione della Banca centrale europea. Silvio ha preso degli impegni (senza consultare il Carroccio) e adesso deve tenere fede alla parola data a Trichet. Francoforte pu sempre smettere di acquistare titoli del debito italiano, se Roma non assume misure che soddisfino lEurotower.

il graffio
Se lo dice lui...
Succulenta intervista di Carlo Azeglio Ciampi a La Stampa. Il senatore a vita (91 anni) se la prende con i tanti stupidi che ci sono in giro. Dice che lEuropa ha avuto un sacco di governanti con difetti di capacit. Ecco, Ciampi stato per 14 anni capo di Bankitalia, poi presidente del Consiglio, quindi per tre anni ministro del Tesoro, dopo presidente della Repubblica. Poteva mica, per caso, muoversi per tempo?

il graffio
Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Ansa

Vacanze romane
Pare che molti parlamentari abbiano abbandonato repentinamente i luoghi di vacanza. Pare che siano rispuntati a Roma. Pare che dicano in giro che la loro presenza nella Capitale sia assolutamente necessaria. Pare che per gli onorevoli sia lultimo status symbol: se non rientri trafelato dalle ferie non conti niente. Pare, per, che la maggior parte di loro non abbia molto da fare. il rischio di tornare in citt. Puoi scoprire di non contare niente davvero.

INCHIESTA P4

In giunta la richiesta dei tabulati telefonici di Papa


ROMA - Inchiesta P4: la Giunta per le Autorizzazioni a procedere della Camera si pronuncer sulla richiesta della procura di Napoli di acquisire i tabulati telefonici di Alfonso Papa. Il deputato Pdl gi in cella dal 20 luglio dopo il via libera della Giunta e dellAula,ma controdiluipotrebbe arrivareunaseconda richiesta di arresto dopo che il Riesame ha accolto le tesi della procura e ha contestato agli indagati (oltre a Papa, Luigi Bisignani ed Enrico La Monica) anche il reato di associazione a delinquere (articolo 416). Il Riesame ha confermato contro Papa anche il reato di ricettazione a causa delle schede telefoniche falsamente intestate e dunque pulite, dicono i giudici nelle 46 pagine di ordinanza. Schede attraverso le quali Papa carpiva da La Monica e da altri scagnozzi notizie che poi girava Bisignani, ora ai domiciliari (la custodia in carcere per lui sospesa fino alla Cassazione). Le nuove carte accusatorie sono giunte ieri a Roma e oggi saranno annunciate nellaudizione del ministro Tremonti. Il presidente della Giunta, il Pd Pierluigi Castagnetti, ha fatto sapere che lorganismo parlamentare, convocato per il 12, si riunir prima per allinearci con il nuovo calendario delle Commissioni. Castagnetti ha precisato che lanticipo non dipende dal caso Papa. Su questo tipo di autorizzazione, ha spiegato a Lapresse, non c il vincolo dei 30 giorni come per larresto. La priorit il caso Milanese, lex braccio destro di Tremonti su cui infatti pende una richiesta di arresto: lAula voter il 19 settembre.

Depenalizzazione dei reati minori

Il Guardasigilli pensa a un indultino


::: CATERINA MANIACI
ROMA

Nitto Francesco Palma Milestone

QQQ Ho comunicato allonorevole Pannella che i dati tecnici in mio possesso individuano altre strade che possono avere incidenza sul problema del sovraffollamento carcerario. Ad esempio la depenalizzazione dei reati minori. Il ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma, incontra il leader dei radicali Marco Pannella che da tempo invoca una soluzione per il problema del sovraffollamento delle carceri, e illustra la propria idea di intervento. Un incontro lungo, approfondito, che, a detta dello stesso Pannella, non ha precedenti, il che dimostra la genuinit, anche personale e istituzionale di questo dialogo. Lamnistia come soluzione per far de-

collare la riforma della giustizia la proposta di Pannella, ma, secondo il Guardasigilli, ci sono interventi che possono essere condivisi e varati per provare a incidere sul problema carceri, come, appunto limportante provvedimento della depenalizzazione dei reati minori. Anche per Palma, comunque, il colloquio con Pannella e Rita Bernardini stato positivo, lungo e approfondito. E stato uno scambio di vedute molto cordiale e serio. Sono rimasto daccordo con Pannella, conclude Palma, che nel mese di settembre restituir la sua visita al Partito radicale, al fine di proseguire un confronto che oggi mi parso di grande utilit. Amnistia, indulto, depenalizzazione: da decenni se ne sente parlare. Il precedente storico quello del Il 29 luglio

2006, quando il Parlamento ha approvato la legge 241/2006, che ha introdotto un provvedimento di indulto per i reati commessi fino al 2 maggio dello stesso anno. Lindulto un provvedimento di indulgenza a carattere generale e si differenzia dallamnistia perch si limita ad estinguere in tutto od in parte la pena principale, mentre non estingue le pene accessorie; invece lamnistia estingue il reato. Diversamente dalla grazia, che un provvedimento individuale, lindulto un istituto di carattere generale e si riferisce a tutti i condannati che si trovino in determinate condizioni di pena. Una decisa spinta in tal senso la diede papa Giovanni Paolo II, quando, nel 2002, incontrando i due rami delle Camere in seduta congiunta, aveva chiesto in modo accorato ai parlamentari un

segno di clemenza verso i detenuti e le loro condizioni di vita. Ma ci vollero quattro anni perch quel segno si concretizzasse, come sperava il Pontefice. Interviene sulla questione anche lOrganizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria (Osapp). assolutamente urgente che il nuovo Guardasigilli Nitto Francesco Palma sia messo a conoscenza che anche per la Polizia Penitenziaria, come per lintera istituzione penitenziaria, vi la necessit indifferibile di una ripartenza, si legge in un documento a firma di Leo Beneduci, segretario generale del sindacato. Il quale denuncia anche il mancato adeguamento delle unit di polizia dal 1992, numero che anzi addirittura diminuito di 5 mila unit, nonostante i detenuti siano invece aumentati da 42 mila a 67 mila.

Gioved 11 agosto 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

i morsi delleconomia

LOBIETTIVO Giulio: Il rapporto tra deficit e Pil, pari questanno al 3,8%, scender tra l1,5 e l1,7% il prossimo anno per arrivare al pareggio nel 2013

Pensioni e patrimoniale Giulio rif la manovra


Richiamati dalle vacanze i tecnici per capire come ricavare pi soldi Letta: tutte le ipotesi sono al vaglio. Anche la tassa sulla seconda casa
::: ROMA
QQQ Qualcuno, al Tesoro, ha dovuto interrompere le vacanze. Va rifatta, ristrutturata (per usare le parole di Giulio Tremonti) la manovra sui conti pubblici e parecchi tecnici del ministero dellEconomia ieri mattina sono rientrati alla base. Richiamati, in piena emergenza nazionale, dal titolare di via Venti Settembre. Un ritorno non gradito, stando al contenuto delle mail che circolavano ieri mattina sui computer del ministero. Le borse, per, continuano a crollare. E lintervento in soccorso della Banca centrale europea sui nostri titoli di Stato non bastato, anche se ieri lasta sui bot da 6,5 miliardi di euro andata bene: buone le richieste e rendimenti in calo. Sta di fatto che entro il 18 agosto - evento decisamente eccezionale - sar convocato un consiglio dei ministri. Allordine del giorno un decreto legge che, in pratica, servir per introdurre una manovra bis. Altro che anticipo del provvedimento da 48 miliardi di euro approvato i primi di luglio per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2014. Il deficit va azzerato con 12 mesi di anticipo e la nuova tabella di marcia imposta dalla comunit internazionale - Bce in testa - obbliga il governo di Silvio Berlusconi a mettere sul piatto nuove misure, aggiuntive. Le alternative sono diverse. Per ora i tecnici del Tesoro e della Ragioneria - su incarico di Tremonti - hanno realizzato simulazioni di gettito su tutte le ipotesi in mano al governo: patrimoniale su case e risparmi, stretta sulle pensioni, dismissione degli immobili statali, privatizzazioni delle societ pubbliche. Il ministro dellEconomia Giulio Tremonti Olycom le privatizzazioni e lobbligo del raggiungimento del pareggio di bilancio. Un obiettivo, questultimo, che Tremonti ha ribadito di fronte alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, ai sindacati e alle associazioni di categoria: Il rapporto tra deficit e Pil, pari questanno al 3,8%, scender tra l1,5 e l1,7% il prossimo anno per arrivare al pareggio nel 2013. Al vaglio ci sono tutte le ipotesi - ha sottolineato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta - perch in questi cinque giorni tutto precipitato e servono scelte rapide e coerenti. Oltre al decreto legge sulla finanza pubblica arriveranno nei prossimi giorni tre tavoli tematici su infrastrutture, riforma del mercato del lavoro, privatizzazioni e servizi pubblici.
F.D.D.

Per le bozze bisogna attendere ancora. Ieri lesecutivo non ha scoperto le carte durante il vertice con le parti sociali. Non si tratta pi, in ogni caso, di spalmare sul bienio 2012-2013 quei 20-25 miliardi programmati per il 2014. Salvo sorprese, alle misure gi varate dovrebbe essere affiancato un altro pacchetto di interventi. Il ventaglio delle opzioni in mano a Tremonti e Berlusconi resta ampi: giro di vite sulle pensioni - compreso un blocco dellanzianit per quattro anni -, prelievo su conti correnti e risparmi, stangata sulle seconde case. La situazione si fatta pi critica e lo stesso premier ieri ha sottolineato che sono intervenuti fatti che costringono a riflettere insieme. La tabella di marcia stabilita con il governo che sta gi lavorando alla della Costituzione per introdurre nella Carta

stop allanzianit
Chi ha lavorato quarantanni sente puzza di tradimento
::: NINO SUNSERI
QQQ La manovra di aggiustamento dei conti pubblici torna a far rotta sulle pensioni. Si parla di abolizione degli assegni di anzianit o, in alternativa, di congelarli per quattro anni. La riforma, forse, travolger anche la barriera dei quarantanni di contributi. Si sente forte il sapore del tradimento verso una norma del genere. Fino allanno scorso la soglia dei quarantanni era stata considerata una sorta di limite blindato contro cui si sarebbero infrante tutte le forbici. Amato nel lontano 1992, poi Dini nel 95, pi di recente Maroni avevano assicurato che quel tetto non sarebbe mai stato toccato. Lavorare quarantanni veniva considerato una sorta di medaglia al merito che andava rispettata. Un tempo le imprese conferivano riconoscimenti e pergamene ai lavoratori con trentanni di servizio. Su qualche giornale di provincia venivano anche acquistati spazi pubblicitari per celebrare lavvenimento. Foto e strette di mano con la dirigenza immortalavano il riconoscimento. Lesperienza come patrimonio di conoscenze e di capacit da conservare e da trasmettere. Oggi, invece, sembra che la vecchiaia sia diventata una malattia. Gli ultimi dati di Mediobanca pubblicati ieri mattina su tutti i giornali dicono che le principali aziende italiane hanno registrato lanno scorso risultati record e, se non ci saranno novit, alla fine del 2011 torneranno su livelli di utili del 2007, ultimo esercizio prima della grande crisi. Traguardi cos esaltanti sono stati ottenuti, innanzitutto, tagliando loccupazione. Vuol dire che da una parte rallentando le assunzioni e, dallaltra, agevolando gli esodi. Soprattutto per i dipendenti pi vicini allet della pensione. E allora francamente non si capisce: da una parte le imprese puntano a liberarsi dei lavoratori pi anziani perch costano troppo. Dallaltro lo Stato che vuole alzare let pensionabile. Ma allora noi cinquantenni che cosa dobbiamo fare? Dal mondo della produzione veniamo considerati risorse da rottamare perch irrecuperabili alla nuove tecnologie e troppo costosi. La previdenza pubblica per ci impone di restare a lavoro perch non ha i soldi per pagare i nostri assegni. Insomma costiamo troppo per tutti. Che brutta fine stiamo facendo noi figli del baby-boom nati nella seconda met degli anni 50 o gi di l. I governi ci considerano un problema, le imprese un problema, i giovani la causa del loro precariato. Se non trovano lavoro o sono costretti a guadagnare mille euro al mese la colpa nostra perch siamo dei privilegiati (almeno fino a quando abbiamo un lavoro e uno stipendio). Proprio per questa ragione e proprio per evitare altre sorprese sul piano previdenziale ho fatto un po di conti e ho deciso di riscattare gli anni dellUniversit. Mettendo tutto insieme arrivo a quarantanni di contributi tra la fine dellanno prossimo e la met del 2013. Insomma pensavo di averla sfangata. La prima amara sorpresa lho ricevuta lanno scorso con la manovra estiva di Tremonti. Anche maturando i requisiti incasser lassegno solo dopo un anno e anche di pi. E siamo gi a quarantuno (senza considerare la dispersione dei contributi del periodo). Ora vengo a sapere che forse, dovr restare al mio posto altri quattro anni se passa lipotesi del congelamento. Addirittura altri sei se dovessi arrivare alla soglia obbligatoria dei 65 anni. Alla fine sar quasi mezzo secolo di lavoro. Altro che privilegiato. Spero di avere un po di salute per godermela un po. E soprattutto quanto ho fatto finora, comprese le decine di migliaia di euro che ho speso per il riscatto dellUniversit, a che cosa servito? Non lo so. Sembra proprio che tutti ce labbiano con me.

Dobbiamo rinunciare ai nostri diritti per non danneggiare i giovani


::: DAVIDE GIACALONE
QQQ Ho 53 anni, ho cominciato a lavorare appena maggiorenne e, quindi, sono vicino ai 40 anni di contribuzione, ma non ho alcuna intenzione dandare in pensione. So che pensare di uscire dal mondo del lavoro a questet significa mettersi sulle spalle di quanti dovranno pagarmi la pagnotta, e lo trovo ingiusto. Anche perch toccherebbe ai giovani, che una pensione non lavranno mai. vero che i cinquantenni vivono problemi doppi. Ma proprio per questo si deve accedere a un mercato in cui si possa essere pagati molto anche appena assunti, mentre da noi si procede per aumenti nel tempo, creando le difficolt che egli ricorda. Questo sistema dobbiamo cambiarlo, non approfittarne per ultimi. In tema di pensioni le manovre governative sono state concepite avendo in mente solo problemi contabili. Si potrebbe fare il bene risparmiando molto. Due esempi: la reversibilit e let pensionabile. Quando un coniuge tira le cuoia (ed pi probabile sia il marito) laltro eredita la reversibilit, cio gran parte della pensione. Si pu obiettare che non equo? Di fatto no: saltano i nervi a sindacati e forze politiche dispirazione cattolica e di sinistra. Nessuno ricorda a chi venuta questa brillante idea: Benito Mussolini. La ragione positiva della reversibilit la seguente: vero che solo un coniuge ha lavorato, ma la moglie ha provveduto alla casa e accudito i pargoli, contribuendo alla ricchezza familiare, sicch ha diritto anche lei alla sua quota di sostentamento a vita. Ragionevole, ma non troppo. I coniugi possono mettersi daccordo, fra di loro, su come costruire meglio la loro felicit e ricchezza, ma che centra la collettivit e perch deve subirne i costi? Quello schema, poi, aveva un senso quando la famiglia era una, ora possono essere diverse oppure non essere mai nate, grazie a divorzi e convivenze. Cosa succede se una persona di 25 anni ne sposa una di 85, gi in pensione? Incasser per una vita, alle spalle nostre. Qui non si tratta di fare i moralisti e prendersela con i matrimoni fra vecchietti e poppute biondone, ma di stabilire che sono affari loro, non nostri. Rimedio: si cancella questo costo, si fa calare la pressione contributiva sui lavoratori e si lasciano loro le risorse per potere versare, ove lo desiderino, i risparmi a futuro sostentamento di s e del coniuge che sopravviver. Ciascuno sar libero di scegliere, senza avere sul groppone le volont e i vedovi di altri. Rimedio intermedio: almeno si parametri il lascito agli anni effettivi di matrimonio. Anche sul fronte dellet le donne sono considerate diverse dagli uomini, il che non affatto coerente con una societ di pari diritti. Ed assurdo dal punto di vista statistico: va in pensione prima chi campa pi a lungo. Con leccezione delle donne che lavorano per lo Stato, nel qual caso let parificata in fretta, a causa di una sentenza europea. Doppia ingiustizia. Che senso ha fare leggi per agganciare le due et pensionabili a scadenza 2030, procedendo con passettini di settimane, per quindici anni? Posto che i primi due si resta fermi. Una netta anticipazione non solo genera risparmi, ma porta giustizia ed equit. Per essere giusti occorre essere credibili, per questo necessario cominciare dalle pensioni di legislatori e governanti, piantandola con limbroglio di chiamarli vitalizi. Non demagogia, ma realismo. Mettano le mani anche su quelle gi in pagamento, e vediamo quanti hanno la faccia tosta di fare ricorso.
www.davidegiacalone.it

PRIMO PIANO

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
PAURA LItalia passata dal nono al settimo posto della classifica dei Paesi a pi elevato rischio fallimento. Davanti a noi Grecia, Venezuela, Pakistan e, appena sopra, la Spagna

i morsi delleconomia

I Bot fanno il pieno, le Borse il vuoto


Notizie positive dallasta dei titoli di Stato, ma Piazza Affari cede il 6,6% e ritorna ai minimi del marzo 2009, in piena emergenza subprime. Crolli in tutta Europa sulle voci di un possibile declassamento del debito francese: bruciati 174 miliardi
::: ANDREA TEMPESTINI
QQQ Settimane di speculazione hanno spianato la strada al salto di qualit: adesso, sui mercati, panico vero. Con le mani tra i capelli e la garanzia di rimanere nellanonimato un analista commentava: Ormai un casino. Lagonia dei mercati sta nella freddezza delle cifre. In una sola giornata di contrattazioni Piazza Affari ha vaporizzato pi di 22 miliardi di euro di capitalizzazione, scesa a 330 miliardi complessivi. LEuropa ne ha divorati 174. Il paniere principale di Milano affondato del 6,65% stramazzando a quota 14.767 punti. I minimi da marzo 2009. Se le cifre fanno impressione, ne fa ancor di pi ricordare che lindice Ftse Mib, a met 2008, era sopra quota 32mila. Nel 2007 scollin sopra 44mila punti. Altri tempi. Per Piazza Affari lultima giornata di passione si era aperta con il consueto rimbalzo iniziale (+2,62%), annullato in meno di unora. Quindi lasta dei titoli di Stato, appuntamento segnato con un circoletto rosso sullagenda dei trader. La domanda raddoppia lofferta; i rendimenti dei Bot a 12 mesi - ne sono stati venduti per 6,5 miliardi - calano dal 3,67% al 2,959%; il differenziale con il Bund tedesco si assottilia a 278 punti. Buone notizie che permettono a Milano di riaffacciarsi in territorio positivo. Ma si trattava dellennesimo recupero effimero. I futures su Wall Street, intanto, preannunciavano unapertura in picchiata, e in parallelo i rumors sul declassamento del debito francese si facevano assordanti. Il presidente Nicolas Sarkozy, seguendo uno dei trend pi in voga dellestate, troncava le ferie per precipitarsi a Parigi e convocare un vertice demergenza: Un nuovo pacchetto di misure straordinarie sar varato il 24 agosto. Quindi il ministro delle Finanze, Francois Baroin, spiegava che sono totalmente infondate le voci sul downgrade del Paese. Le tre principali agenzie hanno ribadito che non ci sono rischi. E in effetti la conferma degli istituti arrivata. Per Nikola Swann, di S&P, il rating della Francia resta tripla A con outlook stabile. Moritz Kraemer, direttore esecutivo del colosso Usa, ribadiva che di Parigi ci si pu fidare. Il giudizio sul debito non si tocca. Pareri sposati in toto da Moodys. Ma contro il panico nemmeno il peso delle agenzie ha potuto nulla. La valanga di vendite si ingigantiva per affondare tutti i listini europei. Lapertura di Wall Street, peggiorando le previsioni dei futures, ha fatto il resto: il Dow Jones dopo unora perdeva il 3,45%, scivolando sotto la quota psicologica di 11mila punti. Cos, allo stop delle contrattazioni, nel Vecchio Continente si contemplava uno scenario apocalittico: Parigi lasciava il 5,45%, Francoforte il 5,12 e Londra il 3 per cento. A soffrire dellondata fuori controllo di vendite sono stati soprattutto i titoli del credito, ed questo il motivo che ha costretto Piazza Affari - dove la fetta pi cospica della capitalizzazione costituita dalle banche - alla maglia nera. Lintero comparto finanziario stato segnato da raffiche di sospensioni per eccesso di volatilit. Intesa sprofondata di 13,72 punti, Ubi del 10,17% e Unicredit, solo per pescare tre esempi, del 9, 37 per cento. Impressionante a Parigi il tracollo di Societ Genrale, che dopo essere arrivata a perdere il 20% ha ridotto il passivo al 14,9. Una risposta logica a quel che accaduto - spiegava unanalista di Iw Bank - non c. Le cause potrebbero essere i segnali di rallentamento delleconomia. Le prospettive provocano pessimismo. Altrimenti detto panico: il fatto che le vendite allo scoperto ieri siano state pochissime, spiegava un trader, dimostra che di speculazione ce n poca. Si tratta di gente che, impaurita, semplicemente vende i suoi titoli. Anche la Consob rimasta di stucco di fronte al nuovo tracollo, e ha annunciato di aver intensificato il monitoraggio degli scambi. Per ultimi, altri due campanelli dallarme. Il suono del primo si fa sentire dagli ultimi mesi del 2009. Ma la vetta raggiunta ieri ha un forte impatto simbolico: loro, supremo bene rifugio, ha scollinato sopra quota 1.800 dollari loncia (per poi ripiegare a quota 1.784). Il suono del secondo campanello ha invece lamaro sapore della novit. Da luned sera, secondo la classifica di Cma Vision - societ specializzata in Cds - lItalia era tra i dieci Paesi a pi elevato rischio fallimento. Ieri siamo schizzati dal nono al settimo posto dellinfausta classifica. Davanti a noi, tra gli altri, Grecia, Venezuela, Pakistan e, appena sopra, la Spagna.

Commento

La speculazione finir quando partiranno le scalate


::: segue dalla prima GIULIANO ZULIN
.

(...) di Corrado Passera valeva circa 23,4 miliardi di euro. Oggi, dopo averne raccolti cinque, vale meno di 19 miliardi. La lista della follia per lunga. La capitalizzazione di Mps (-9,78%) era di 3,4 miliardi e adesso ne vale 4,8 miliardi, dopo aver rastrellato 2,1 miliardi. Ubi Banca (-10,17%), dopo un aumento da un miliardo, quota come prima dellaumento: 2,2 miliardi. Il Banco Popolare (-9,36%) prima di raccogliere due miliardi capitalizzava 1,5 miliardi e ora ne vale 1,9. cos, i crolli di Piazza Affari si sono mangiati buona parte dei 10 miliardi di aumenti di capitale realizzati nel primo semestre di questanno. come se il mercato, nel prezzare le nostre banche, non considerasse pi limportante rafforzamento patrimoniale. E il dramma degli istituti di credito ovviamente ha trascinato al ribasso tutto il listino. Cos il FtseMib ha chiuso con un -6,65%, la peggior seduta dal 2008 - precisamente il 6 ottobre quando lallora S&PMib aveva lasciato

sul terreno l8,2 per cento. Piazza Affari stata la peggiore dEuropa, ma anche a Parigi stata una tragedia. Il costo per assicurare il debito del governo francese aumentato di 11 punti base anche se tutte le agenzie di rating hanno confermato i loro giudizi di tripla A e outlook stabile. Sono crollate invece le banche transalpine: Socgen (-14,74%) dopo aver toccato nel corso della seduta -20 per cento addirittura su voci di rischio default, Credit Agricole (-11,81%) e Bnp Paribas (-9,47 per cento). Ma anche i giganti spagnoli sono sprofondati: Banco Santander -8,33%, Bbva -7,83 per cento. La domanda che tutti gli operatori si facevano ieri era una sola: cos successo per mandare tutti ko? In realt niente, a parte le voci smentite quasi in tempo reale sul rischio declassamento del debito francese. E allora? Un vecchio esperto di Borsa nota un particolare: se fosse vero che il debito transalpino in pericolo avremmo dovuto assistere a un aumento dello spread tra Oat e Bund. E invece non si visto

niente, perch i titoli di Stato ormai sono protetti dal guardiano Bce. Quindi vengono colpite le banche - per esempio SocGen, Intesa o Santander - perch per punirle servono pochi miliardi (a Milano i volumi si aggiravano intorno ai 3,4 miliardi): una maxi operazione contro Btp o Bonos spagnoli costerebbe invece 100 miliardi. E allora via con la speculazione. Anche se la Consob non ha notato vendite allo scoperto da investitori italiani, abbastanza evidente che operatori stranieri giochino allaltalena: al pomeriggio aprono posizioni ribassiste, creando un effetto domino in negativo, mentre al mattino le richiudono, riportando i rialzi. Un film che va avanti ormai da alcuni giorni. Altra domanda: quando finir? Chi ha mangiato pane e Borsa per tanti anni spiega che la normalit, se cos possiamo chiamarla, torner quando partiranno le scalate. Cio quando i prezzi saranno talmente bassi finch qualcuno lancer unOpa. Per prendere Intesa, ad esempio, bastano poco pi di 18 miliardi.

10

Gioved 11 agosto 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it
PRIMA DI PIER Lipotesi che lUdc, stanca del Pd, sia pronta a riavvicinarsi al governo potrebbe aver spinto il leader di Fli ad affrettare la riconciliazione

Gioved 11 agosto 2011

11

nuovi equilibri

Il Cav e Fini a cena. Che fa, lo riprende?


Prove di disgelo tra Silvio e Gianfranco: si sono visti qualche giorno fa e a breve, forse gi domani, dovrebbe esserci un nuovo incontro. Entrambi sono pentiti dello strappo e pensano a un fronte comune anti-crisi
::: segue dalla prima MARIA GIOVANNA MAGLIE
.

:::

CRONOLOGIA

(...) che le cose le sa perch le ha viste ci conferma che torneranno a cenare insieme forse gi domani, forse in Sardegna, e nel giro di qualche settimana gli effetti della pace si vedranno. Il primo ha bisogno di tornare alla struttura solida di maggioranza del tempo che fu per affrontare la tempesta economica e il varo di misure che rischiano limpopolarit diffusa, il secondo ha fallito nel progetto di spallata, ha verificato che il progetto di un Terzo Polo non decolla, teme di essere preceduto da Pier Ferdinando Casini, tutti e due sono pentiti e pronti a perdonarsi. Potete rubricarlo sotto il titolo sarcastico ed evocativo che preferite, Che fai, mi riprendi?, o il ritorno del figliol prodigo, tanto tuon che piovve, molto rumore per nulla, la situazione grave ma non seria, oppure potete accettare che politics is politics, specialmente ai tempi della peggior crisi economica mondiale che si potesse prevedere: fatto sta che Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini sarebbero sul punto di siglare un accordo che ha del clamoroso, visti i toni, la durezza, le imboscate, che caratterizzarono un anno fa la rottura di unalleanza che sembrava inossidabile. Tutto perdonato, dopo settimane, forse mesi, di un ordito faticoso tramato abilmente da alcuni uomini di Fli, come Alessandro Ruben, discreto esponente della comunit ebraica italiana e non solo, osservato con benevolenza da un superpotente del Pdl come Denis Verdini, che gradirebbe un ridimensionamento delle aspirazioni degli esponenti della vecchia An rimasti con Berlusconi, infine sancito su ordine del capo proprio dal falco numero uno, almeno del falco pi esposto mediaticamente nella diaspora finiana, ovvero Italo Bocchino con la sua intervista inaspettata al Corriere della Sera. Che ci sia stato anche un intervento di Angelino Alfano non confermato: il coordinatore sembrava pi interessato a tessere il rapporto con Casini, e la semplice confidenza dovuta allabitare nello stesso palazzo di Bocchino che affaccia su villa Borghese non sufficiente, ma

1993
Se fossi cittadino di Roma voterei Fini. Cos, il 23 novembre 1993, Silvio Berlusconi si schiera apertamente a fianco dellallora leader del Msi, candidato al Campidoglio. linizio di unlungo sodalizio politico.

1994
Silvio Berlusconi vince le elezioni del 27 marzo 1994 e diventa per la prima volta presidente del Consiglio. Alleanza nazionale, guidata da Fini, da subito alleata di Forza Italia.

2001-2006
Dall11 giugno 2001 al 17 maggio 2006 Gianfranco Fini vicepresidente del Consiglio del governo Berlusconi.

ACQUA PASSATA? forse aiuta. Di pi: lipotesi che unUdc stanca della deriva a sinistra di Bersani e del Pd (destinata a peggiorare se non altro per pressione della Cgil in occasione della manovra), sia pronta a riavvicinarsi al governo potrebbe aver spinto Fini ad affrettare le mosse di riconciliazione. Quanto al premier, tra i due preferisce quello che conosce meglio. E i falchi irriducibili, i Granata, i Briguglio, le Perina? Peggio per loro, tutti al Fatto, e questa la prima buona notizia certa in attesa di sapere se qualcuno dei Responsabili un tanto a posto di governo saranno anche loro messi da parte. Il popolo furibondo da una parte e dallaltra, gli scapigliati di Futuro e Libert, esaltati dal mito della cacciata, arringati contro il Cav dai Filippo Rossi, ma anche gli elettori del Pdl che si sono sentiti mortificati, insultati, umiliati dalle accuse di Fini? Ecco, a tutti loro, se davvero sigleranno una pace stabile, i due leader dovranno spiegazioni convincenti. Gli eventi conosciuti fino allindiscrezione che abbiamo raccolto su una cena, anzi due, erano due strette di mano e Il 22 aprile 2010, alla Direzione nazionale del Pdl, Fini punta il dito contro il Cav: Che fai, mi cacci?. Milestone unintervista. Non era sfuggito infatti lo scambio di cortesie della scorsa settimana, quando in occasione del discorso di Berlusconi a Montecitorio, Fini lo attese allingresso per stringergli la mano e accompagnarlo ai banchi del governo e il premier ricambi a fine seduta aspettando che il presidente della Camera scendesse dal suo scranno per una seconda stretta di mano. Non una semplice formalit, visti i rapporti gelidi dellultimo anno, per tacere di quel 14 dicembre quando alla Camera Fini fu il regista del tentativo di sfiducia al governo. Ma da qualche giorno sono diventate quotidiane le dichiarazioni di esponenti di primo piano dei due partiti, sulla necessit di costruzione di un fronte unico per arginare la minaccia della crisi economica. Poi lintervista al Corsera di Bocchino, incredibile per chi abbia seguito nellultimo anno lescalation di attacchi riservati a Silvio Berlusconi e al governo, e dunque significativa di una vistosa marcia indietro. Noi di Fli su Berlusconi abbiamo gi espresso il nostro giudizio. Auspicando, come si sa, un suo passo indietro. Ma visto che non ha alcuna intenzione di procedere in tale direzione, e considerato per che la nazione vive ore drammatiche, francamente non ci sembra il caso di continuare a litigare. Noi rompemmo con Berlusconi per tre motivi. Uno: chiedevamo un coordinatore unico e al coordinatore unico, con Alfano, siamo arrivati, sia pure in ritardo. Due: chiedevamo che in politica economica non fosse dispensato un ottuso ottimismo, come alla fine sta accadendo. Tre: segnalavamo un appiattimento sulla Lega, problema che anche nel Pdl, in qualche modo, comincia ad emergere. Fini chiedeva tre cose, e tre cose, mi sembra, sono politicamente accadute. Non se la prenda Bocchino: gli argomenti sono risibili, la rivendicazione di una qualunque vittoria campata per aria, ma se sta bene a Berlusconi, buon appetito non si dice, buona fortuna s.

2007
Il 18 novembre 2007 Berlusconi sale sul predellino di unauto in piazza San Babila, a Milano, e annuncia lo scioglimento di Forza Italia e la nascita del partito unico del centrodestra. Fini prende le distanze e pochi giorni dopo attacca il Cavaliere: Berlusconi vuol fare lasso pigliatutto. Ormai siamo alle comiche finali.

2008
La caduta di Prodi fa riavvicinare i due alleati e alle elezioni del 13 e 14 aprile 2008 An e Forza Italia sono unite sotto il simbolo del Popolo della Libert. Berlusconi torna premier e Fini diventa presidente della Camera.

2010
Dopo il voto tra Berlusconi e Fini torna il gelo. Il 22 aprile 2010, alla Direzione nazionale del Pdl, Fini punta il dito contro il premier: Che fai, mi cacci?. Il 29 luglio un documento votato dallufficio di presidenza del PdL sfiducia il presidente della Camera. Lex leader di An esce dal partito e fonda Futuro e Libert.

Amedeo Laboccetta

Se vuole dialogare metta Bocchino in panchina


::: BRUNELLA BOLLOLI
ROMA

Italo Bocchino Milestone

QQQ Italo Bocchino in versione colomba non gli proprio andato gi. Per uno come me che lo conosce dai primi anni Ottanta e sa di cosa capace... Non ci casco. Amedeo Laboccetta, deputato napoletano del Pdl, componente della Commissione Antimafia, un tempo fedelissimo di Gianfranco Fini sino a che il presidente della Camera non ha fondato la sua corrente di minoranza poi Fli, sicuro: Bocchino il furbetto di Montecitorio. Di lui non ci si deve fidare. Eppure Bocchino ha appena detto che bisogna smetterla con lantiberlusconismo. Sono i suoi ennesimi contorsionismi politici. Bocchino unanima nera che ha fatto di tutto per distruggere il progetto

politico del Pdl e per massacrare Silvio Berlusconi, e adesso, preso atto del fallimento di Futuro e Libert, sta tentando unoperazione a 360 gradi. Da super falco a colomba. Io dico agli amici della maggioranza: attenzione perch siamo di fronte ad un soggetto politicamente pericoloso. Sa cosa mi disse anni fa lo stesso Fini di lui? Sentiamo. Mi disse che Italo non crede in nulla e che capace di qualsiasi giravolta e nefandezza. Infatti ha lasciato a lui il compito di rappresentare lala pi dura degli oppositori del presidente del Consiglio. Per, adesso, tramite Bocchino, tende la mano al Cavaliere. Nel centrodestra con tutti ci dobbiamo ritrovare, ma non con quelli che io chiamo i Bocchino boys, cio Briguglio, Grana-

ta, Flavia Perina e Chiara Moroni, che vogliono dettare le loro condizioni e usano lo spauracchio della crisi per farsi avanti. Se Gianfranco vuole dialogare con noi metta in panchina Bocchino. Loro affermano: il premier ci ha ascoltato, quindi ci sono le condizioni per tornare. Si sa bene che Fini non ha mai posto condizioni politiche, come oggi Bocchino vorrebbe farci credere con le sue interviste. Allepoca Fini, ossessionato da Italo, propose colpi di ghigliottina per ben noti colli di destra. La mannaia finiana, per, non solo ha fallito, ma ha pure creato il primo grande caso di autodistruzione politica. Mai dire mai, per rivedere i Bocchino boys al tavolo delle decisioni sarebbe davvero troppo. Quanto conta lavvicinamento dellUdc di Casini nella mossa finiana?

Moltissimo. evidente che latteggiamento responsabile e costruttivo di Casini ha spiazzato i Bocchino boys. I quali ora, strumentalmente, fanno i buonisti. Fidarsi o no? Se fossi al posto di Berlusconi, di Alfano e del leader della Lega Bossi, non mi fiderei. Perch solo un modo per uscire dalle retrovie, dalle quarte file dove sono oggi. Eppure la crisi economica suggerisce di deporre le armi. Fini lha capito... La mia opinione che oggi andrebbe fatto un patto di fine legislatura con tutti coloro che, nel nome dellinteresse nazionale, hanno voglia di portare avanti limpegno politico per superare la crisi e rinviare la questione della premiership ad altri momenti. Fini se vuole dialogare lo faccia pure, ma isoli i falchi come Bocchino che lo hanno lasciato con il cerino in mano.

12

Gioved 11 agosto 2011

5 volte
pi resistente del normale titanio

40% pi
leggero dellacciaio mai pi cambio pila

Tutta la forza della leggerezza


La nuova collezione SuperTitanium ideata per chi apprezza la bellezza e desidera la resistenza e la leggerezza del titanio. Tutti i modelli di questa collezione sono dotati del sistema Eco-Drive che garantisce precisione, afdabilit e rispetto della natura.

168

268
www.citizen.it

Sistema

a carica luce innita con riserva di carica di 8 mesi. Cassa e bracciale in Supertitanio Ti+IP o cinturino in caucci. Vetro zafro. Impermeabile 10 bar. A partire da 158

ITALIA

Gioved 11 agosto 2011

13

@ commenta su www.libero-news.it

::: I PECCATI DEL PD

INCHIODATO DA 10 DOMANDE Bersani latitante nella Tangentopoli del Pd


Dopo 12 giorni ancora nessuna spiegazione su appalti e presunte mazzette al suo partito. Coraggio segretario, noi siamo qui
::: segue dalla prima MASSIMO DE MANZONI
.

(...) noi di Libero abbiamo la testa dura e una consolidata fama di rompiballe. E a costo di correre il rischio di impedirle di asciugare gli scogli per qualche ora, vorremmo rammentarle che sono ormai 12 giorni che le abbiamo rivolto dieci quesiti semplici semplici riguardo ai suoi rapporti con linquisito Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano ed ex capo della sua segreteria politica, e al discusso affare dellacquisto delle azioni dellautostrada Milano-Serravalle. Dodici giorni durante i quali lei ha fatto lo gnorri, sperando che la gravissima crisi che ha colpito leconomia del mondo occidentale occultasse i guai giudiziari e le contraddizioni clamorose nei quali si dibatte il suo partito e che il mantra Berlusconi deve dimettersi, Berlusconi deve dimettersi fosse sufficiente a farle tenere la scena con un minimo di dignit. Dodici giorni durante i quali ha spudoratamente approfittato della compiacenza di alcuni organi di stampa per rilasciare interviste in cui, in cambio di quattro frasi fatte da presunto statista, non le fossero rivolti interrogativi scomodi sui suoi problemi. Per, anche se altri non gliele fanno, le domande restano. E non concernono la tecnica migliore per spalmare lAutan alle zanzare; bens la natura stessa del suo partito e la sua supposta superiorit morale nei confronti delle altre formazioni politiche italiane. Non proprio un dettaglio, visto che lo specchietto per le allodole con il quale a ogni elezione abbagliate una discreta quantit di cittadini.

t a loro vicine? Non c un conflitto di interessi tra il partito, i suoi finanziatori e gli amministratori che da Gavio e soci comprarono le azioni? Come vede non sono domande impossibili. Comprendiamo che la imbarazzino, ma suvvia: il leader del partito che parla di onest e trasparenza a ogni pie sospinto non dovrebbe spaventarsi per cos poco. Anche perch, a dire la verit, noi di curiosit da soddisfare ne avremmo anche altre. Per esempio: come mai decine di regolamenti territoriali del Pd prevedono che i nominati nei consigli di amministrazione delle municipalizzate siano tenuti a versare al partito una quota dello stipendio? Lei si molto adontato perch Libero ha definito tale pratica un pizzo: lei come preferirebbe che fosse chiamata? Perch ha sostenuto che allepoca in cui favor lincontro tra Gavio e Penati lo fece nella sua veste di ministro delle attivit produttive, quando invece era un semplice europarlamentare?

Il Tedesco salvato
E ancora: perch il Pd ha fatto dimettere un suo senatore in modo da lasciare il posto ad Alberto Tedesco, indagato per corruzione e associazione a delinquere e ora a piede libero proprio perch membro di Palazzo Madama? Perch il suo collaboratore Franco Pronzato, che ha recentemente patteggiato per corruzione, era contemporaneamente coordinatore del settore trasporto del Pd e consigliere damministrazione dellEnac, cio lente che controlla il trasporto aereo? Come mai, se nel Pd non c, come lei sostiene, una questione morale, da quando lei segretario sono finiti nel mirino della magistratura centinaia di esponenti del partito per reati anche gravissimi come mafia, stupro e omicidio? Ecco: come pu constatare siamo dei testoni ficcanaso. E non ci facciamo intimidire da chi, dopo essere sceso in piazza per difendere il diritto di Repubblica di rivolgere dieci domande a Berlusconi senza essere querelata, ora si rifiuta di rispondere ai nostri quesiti e minaccia addirittura di farci chiudere i battenti attraverso una class action di tutti gli iscritti. Forse, non appena avr finito di pettinare le bambole, coglier la lieve contraddizione. E magari trover anche il coraggio di dare le spiegazioni richieste. Noi siamo qui.

Strade pericolose

Le indagini su Sesto San Giovanni

Quindi le chiediamo ancora di chiarire. Che cosa pensa dellaffare Serravalle? Fu giusto pagare quelle azioni il triplo di quanto MILANO valevano meno di due anni prima? Sa che il loro valore era stato QQQ Agenti della Guardia di Finanza si sono prefissato a un massimo di 5 euro? sentati ieri a chiedere ulteriore documentazione in Parl della cosa con Penati? merito allinchiesta per corruzione e concusPerch Penati si disione avviata dalla procura di Monza a camesso precipitosarico dellex sindaco di Sesto San Giovanmente dalla sua seni ed ex presidente della Provincia di greteria politica? Le Milano, Filippo Penati, risulta che Bruno BiLa richiesta stata fatta allassocianasco (il braccio dezione Fare metropoli, riconducibile alstro di Marcellino lo stesso Penati, e i documenti, depoGavio, proprietario sitati presso la sede di via Galileo Galilei della Serravalle) o lo e presso lo studio del commerstesso Gavio abbia finan- Filippo Penati Olycom cialista che tiene la contabilit ziato in passato i Ds? O della stessa associazione, sono che lo abbiano fatto sociestati esibiti e messi a disposizione immediatamente come ha tenuto a fare sapere lo stesso ex braccio destro del leader pd Pierluigi Bersani, dando notizia in serata dellaccaduto. Secondo gli inquirenti, che indagano per corru-

La Finanza perquisisce la fondazione di Penati


zione e concussione in ordine a sospette tangenti pagate per l'area Falck nel comune alle porte del capoluogo lombardo, lassociazione potrebbe essere servita come canale attraverso il quale Penati avrebbe ricevuto finanziamenti per decine di migliaia di euro. Regolarmente registrate nel bilancio dellassociazione, le somme sarebbero poi state messe a disposizione del comitato elettorale di Penati e registrate quindi nei rendiconti ufficiali di questultimo come provenienti dallassociazione stessa. Un sistema che avrebbe consentito di occultare lorigine prima dei movimenti di denaro. Presidente dellassociazione - che non ha scopo di lucro e che persegue ufficialmente fini culturali - Pietro Rossi, che tramite Milano Serravalle Penati dalla Provincia mise nel cda della societ per la Tangenziale esterna di Milano. Esponenti del Pd colleghi di Penati in Consiglio regionale nei giorni scorsi hanno dichiarato di non aver mai saputo dellesistenza dellassociazione fino a che questa non emersa dallinchiesta in corso.
C.SAL.

14

Gioved 11 agosto 2011

ITALIA

Gioved 11 agosto 2011

15

@ commenta su www.libero-news.it

Addio integrazione

Allasilo ci sono solo stranieri Gli italiani sono a quello privato


Nelle materne di Montecchio Maggiore gli immigrati sono il 100% degli iscritti Gli italiani vanno nelle strutture a pagamento. La Lega: Siamo noi i discriminati

::: ANDREA MORIGI


VICENZA

QQQ La societ multiculturale sar anche bella, colorata e variegata. Peccato che escluda gli italiani, a cominciare dai pi piccoli, cio fin dallasilo, frequentato soltanto da bambini stranieri. Accade alle scuole dinfanzia nel Comune di Montecchio Maggiore, nel Vicentino, dove la percentuale dei bambini stranieri va dal 95,65% della 1A della scuola Andersen fino al 100% della 1B della Piaget. Alla primaria, la tendenza alla scomparsa degli italiani appena meno accentuata. Gli stranieri al primo anno sono di media il 62,8%; si va dal 52,63% della 1B al 61,11% della 1C, fino al 70,83% della 1A e al 66,66% della 1D. Cause demografiche a parte, il dato non indica soltanto la prevalenza di immigrati sulla popolazione autoctona, ma che i veneti ormai scelgono prevalentemente altri circuiti per leducazione dei propri figli. Perdersi in dispute politiche sulle classi ponte o le classi ghetto non porta a risultati concreti. lurgenza di sfuggire a una discriminazione a spingere alla fuga verso asili e scuole private, magari pagando una retta superiore alle tariffe comunali, dato che, insieme alle imposte, servono ormai pi che altro a destinare cospicue risorse economiche per finanziare percorsi di alfabetizzazione e integrazione dei bambini stranieri, con contributi nellordine di 40mila

CLASSI MISTE
Il multiculturalismo scolastico viene smentito dalle iscrizioni dei bambini nelle scuole materne e primarie della provincia di Vicenza dove sono tutti immigrati

euro lanno, come spiega il sindaco leghista Milena Cecchetto. Non basterebbero tutte le casse municipali a risolvere il problema dellintegrazione, visto che ormai si va verso la separazione totale delle comunit. necessario fare di pi per garantire la piena efficacia dellazione pedagogica ed edu-

cativa della scuola e lobiettivo deve essere quello di offrire ai bambini di Montecchio Maggiore una scuola di qualit, secondo una tradizione veneta che si vuole mantenere viva, continua la Cecchetto. In pratica, non si sa se litaliano sar la lingua principale delle attivit pedagogiche.

FONDAZIONE MORESSA

A Verona e Treviso record di immigrati imprenditori


Il Veneto - Treviso e Verona in primis - si conferma la regione con la maggiore percentuale dimprenditori stranieri a capo di aziende. Emerge da uno studio della Fondazione Leone Moressa su dati Infocamere. Se a livello nazionale nel primo semestre 2011 il numero di stranieri ha superato quota 400mila (+5,7% su base annua) e +3% sul 2010, Treviso con 8.550 imprenditori stranieri si colloca al sesto posto nella graduatoria delle province italiane, subito dopo Roma, Milano, Torino, Firenze e Brescia. E se limprenditoria straniera aumenta, quella italiana cala (-1,4%). Dal 2006 a oggi la presenza dimmigrati cresciuta del 38,6%, quella italiana diminuita del 6,6 per cento.

Non le resta che chiedere lintervento della Regione e della dirigenza scolastica veneta. Lancia un Sos perch anche questanno non riusciremo a rispettare il limite del 30% di alunni non italiani per classe. Ma ci che maggiormente ci preoccupa che rischiamo di non riuscire a far partire il lento e difficoltoso processo di integrazione delle comunit straniere fondato sulla crescita culturale e sociale delle giovani generazioni attraverso la scuola. In una lettera inviata allassessore regionale allistruzione Elena Donazzan e alla dirigenza degli Uffici Scolastici, il primo cittadino indica tre possibili interventi: listituzione di una ulteriore sezione, la garanzia di continuit didattica con insegnanti di ruolo, la nomina di una dirigenza centralizzata per risparmiare. Per quanto riguarda il futuro, non difficile prevedere un clima di convivenza difficile fra persone che non hanno avuto lopportunit di frequentare le stesse aule e di giocare insieme. Ovunque le minoranze si illudono di essere maggioranze, la situazione diviene esplosiva.

Tradizioni violate

Una coppia gay mette in crisi leterosessualit degli Schtzen


::: ENZO PIERGIANNI
BERLINO

QQQ La rigida tradizione eterosessuale degli Schtzen tedeschi minaccia di crollare per iniziativa del 44enne gay Dirk Winter che reclama il diritto di diventare il re dellintero movimento in Germania senza dovere pi nascondere la propria omosessualit. Le sue peripezie sono diventate di pubblico dominio da quando ha ma-

nifestato per lorgoglio gay sfilando al fianco del compagno Oliver Hermsdorf nel corteo solenne dei pittoreschi tiratori col cappello piumato nella storica cornice di Horstmar in Renania. Winter il migliore Schtze della citt di Mnster. Gli Schtzen tedeschi sono quasi un milione e mezzo disseminati in 3.620 sezioni dal Mar Baltico gi fino alle Alpi. Per la loro storia sono legatissimi alla dottrina e ai valori cattolici.

Winter ed Hermsdorf

Da qui la ribellione di Winter che ha s firmato la carta dei valori Schtzen, ma era molto pi giovane e probabilmente non aveva ancora conosciuto Oliver. Ora il gay non ci sta a sentire bollato come inconciliabile col codice morale il suo amore per Oliver. E cos il battagliero Dirk ha fatto ricorso e spera di potere sfilare al fianco di Oliver al raduno annuale in programma il 16 settembre a Hersenwinkel in Bassa Sassonia.

16

Gioved 11 agosto 2011

ESTERI

@ commenta su www.libero-news.it

::: INGHILTERRA IN FIAMME

LA LEGGE DEL MANGANELLO Idranti e blindati: rivolta domata a Londra


Il governo autorizza luso delle misure pi dure. Pronta a intervenire ununit dellesercito. Le violenze continuano nel nord
::: ALESSANDRO CARLINI
LONDRA

STATO DASSEDIO Sono 16mila gli agenti di polizia che presidiano Londra in queste ore Ap dalle devastazioni e dai saccheggi dei teppisti. Secondo alcuni testimoni, unauto guidata da un 32enne, che stato poi arrestato, si scagliata ad alta velocit contro un gruppetto di persone. Due dei tre volontari sono morti sul colpo, il terzo in ospedale. Ed ora altissima la tensione tra le comunit asiatica e quella afrocaraibica, da dove proveniva lattacco. Anche a Manchester sono state ore di caos, con gruppetti di ragazzi che hanno colpito i negozi e sfidato le forze dellordine. Ieri sera il Regno Unito andato a dormire con la speranza di trascorrere la prima notte tranquilla. Mentre la polizia non si fermava e continuava ad arrestare i colpevoli, molti dei quali sono stati riconosciuti grazie alle telecamere a circuito chiuso sparse ovunque. Alcuni giornali, come il Sun, hanno pubblicato le loro foto chiedendo alla gente di identificare gli yobs. I risultati delle indagini si iniziano a vedere. Dallinizio della rivolta sono state arrestate pi di 1100 persone in tutto il Paese. I tribunali lavorano a pieno regime e gi ieri sono arrivate le prime incriminazioni. Ma molti dei teppisti non restano in carcere e vengono subito rilasciati su cauzione. Perch sono giovanissimi, o incensurati, o perch il reato ascritto non richiede la detenzione. Per lo meno, chiedono migliaia di cittadini, non date pi loro i benefit. E proprio questo chiede una petizione lanciata sul sito del governo britannico, che in poche ore ha ricevuto 78 mila firme. Se si arriva a 100 mila il Parlamento dovr discutere la revoca dei sussidi per i tanti vandali che li ricevono.

QQQ Dopo la quarta notte di scontri nelle strade del Regno Unito e la morte di tre giovani che cercavano di difendere il loro quartiere dai teppisti, ieri il premier David Cameron ha annunciato misure estreme per fermare lanarchia. I tanto discussi cannoni ad acqua, che disperdevano la folla nellIrlanda del Nord, potranno essere usati dalla polizia con un preavviso di 24 ore. E il via libera ufficiale stato dato anche ai proiettili di gomma, che gi erano in dotazione alle forze speciali di Scotland Yard, che si muovono su veicoli corazzati detti jankels. Ma non finisce qui, non viene nemmeno esclusa lopzione pi estrema: la mobilitazione dellesercito. Ieri, secondo il Telegraph, stato messo in pre-allarme lo Spearhead Lead Element (SLE), ununita di fanteria che pu intervenire in poche ore, nel caso in cui la situazione degeneri. Con queste misure Cameron spera di fermare le critiche contro la sua gestione della crisi. I sondaggi elaborati per il Sun da YouGov sono il ritratto di un disastro per il partito conservatore: il 57% dei britannici giudica negativamente il comportamento del premier. Percentuali simili sono state registrate anche per il ministro dellInterno, Theresa May (58%), e il sindaco di Londra, Boris Johnson (54%). Ma quello che veramente importa al Paese, molto pi della politica, il ritorno alla normalit. Nellultima notte di scontri sono state messe a ferro e fuoco soprattutto Birmingham e Manchester, mentre a Londra ha regnato una calma molto tesa, con 16 mila poliziotti che presidiavano le strade. A Birmingham ci sono state addirittura tre vittime: tre musulmani, di 20, 30 e 31 anni, che tentavano di proteggere alcuni negozi

:::

I FATTI

Social network e rivolte

I NUMERI Dallinizio degli scontri in Gran Bretagna sono state arrestate pi di 1100 persone. Cinque sono i morti finora, compreso il giovane dalla cui morte iniziato tutto. Per le strade di Londra sono stati schierati 16mila poliziotti. LA PETIZIONE Unapetizione, lanciatasulsito del governo britannico, che chiede la revoca dei sussidi ai giovani coinvolti negli scontri ha gi ricevuto 78mila firme. Se si arriva a 100 mila il Parlamento sar costretto a discuterne. IL SONDAGGIO Secondo i sondaggi il 57% dei britannici giudica negativamente il comportamento del premier. Percentuali simili anche per il ministro dell'Interno, Theresa May (58%), e il sindaco di Londra, Boris Johnson (54%).

Ma Twitter disobbedisce alla polizia e lascia via libera ai teppisti


::: ALESSANDRO BONELLI
QQQ Twitter non chiuder i canali utilizzati dai rivoltosi per proteggere la loro libert di espressione. Lo ha fatto sapere il sito internet americano rispondendo a una domanda del Daily Telegraph. I teppisti che stanno mettendo a ferro e fuoco lInghilterra si sono serviti del social network per comunicare fra loro e scambiarsi le coordinate dei luoghi da colpire. Twitter ha per obiettato che la libert di espressione essenziale e che le informazioni continueranno a fluire. Un portavoce della compagnia ha citato un documento pubblicato in precedenza che riassume le linee guida del social network. Il nostro obiettivo, vi si legge, connettere istantaneamente le persone ovunque, con ci che essi ritengono pi importante. Affinch questo accada, la libert di espressione essenziale. Squadre di esperti sono invece al lavoro per decriptare i messaggi inviati attraverso il BlackBerry Messenger, che a differenza dei tweet impediscono di risalire al mittente. Il sistema, attivo sugli smartphone del produttore canadese, offre la migliore protezione della privacy, ma proprio per questo sarebbe stato utilizzato dalle menti dei disordini scoppiati nel Regno. Research In Motion - la casa madre del BlackBerry - ha affermato che collaborer con le autorit, attirandosi per le minacce degli hacker. Per le indagini sarebbe stato scomodato il GCHQ (quartier generale governativo per le comunicazioni), lagenzia governativa che si occupa della sicurezza nonch dello spionaggio e controspionaggio nellambito delle comunicazioni. Ci sarebbe stato possibile dopo che lesecutivo ha valutato la crisi come una priorit nazionale. Il GCHQ, con sede a Cheltenham, gestisce sul territorio britannico la raccolta e parte dellanalisi per il famigerato progetto Echelon.

Rischio di guerra fra razze

Uccisi tre arabi: gli islamici gridano vendetta


QQQ La guerriglia delle strade sta per diventare qualcosa di molto pi pericoloso: uno scontro tra etnie. I tre giovani musulmani uccisi a Birmingham mentre cercavano di difendere il loro quartiere dai vandali potrebbero dare il via a un regolamento di conti, non limitato alla sola citt inglese. Il clima di tensione fra gli immigrati di seconda e terza generazione, che difendono coi denti i loro negozietti dove hanno investito una vita, e i teppisti britannici, palpabile. Anche per le strade di Londra, dove da due notti le comunit turche, pachistane, sikh, stanno organizzando vere e proprie ronde per fermare leventuale ritorno dei vandali. Temono che la polizia non li protegga adeguatamente e quindi imbracciano la mazza da cricket, i bastoni e altre armi improvvisate e vanno a caccia di yobs, teppisti. successo nel nord di Londra, a Enfield, ma anche a Southall nellovest, e nellest, a Dalston. A Southall lintera comunit sikh scesa in strada per difendere il suo tempio, cerano perfino anziani di 80 anni, donne e bambini. Meglio non passino da queste parti, ha detto uno dei ragazzi della rondalocale. Anche a Dalston la tensione altissima, come racconta un rivenditore di nome Dogam: Vogliono colpire i nostri negozi e ristoranti ma non sanno che siamo una VITTIME Harun Jahan, Shazad Ali e Abdul Musavir, i tre ragazzi travolti dallauto di un teppista che li ha centrati volontariamente Ap

comunit in cui tutti si conoscono. Volevamo proteggere le nostre case e attivit e ci siamo messi insieme. Ci sono appartamenti sopra i negozi, in cui vivono donne e bambini. Il timore per le autorit, che

sconsigliano il ricorso a queste forme di autodifesa, che si passi alle rappresaglie. Un fatto che spiega molto bene questo clima che sta vivendo il Regno Unito laumento vertiginoso delle vendite online di

manganelli (esauriti sul sito Amazon) e mazze. Cresce il desiderio di farsi giustizia da soli perch la polizia non riesce a essere ovunque per i criminali col cappuccio.
AL. CAR.

ESTERI

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it

17

::: INGHILTERRA IN FIAMME

IL PRIMO MINISTRO E LA GENTE CHE PULISCE


Gli atti di vandalismo messi in atto in questi giorni dai teppisti inglesi sono culminati con le razzie dei negozi. Sono centinaia in tutta la Gran Bretagna i negozi distrutti e saccheggiati. Come successo gi marted anche ieri la gente a imbracciato le scope ed scesa in strada per ripulire le citt dalla distruzione. Tra loro anche il sindaco di Londra Boris Johnson Ap

Allucinazioni a sinistra

Il coraggio del premier

I teppisti scambiati per piccoli Lenin


Dal Fatto a Liberazione una gara a definire vittime gli autori di devastazioni e furti
::: segue dalla prima FRANCESCO BORGONOVO
.

Evviva Cameron Sa menar le mani


Il governo usa il pugno di ferro col sostegno dei laburisti. Impensabile da noi
::: segue dalla prima NICHOLAS FARRELL
.

(...) di emozioni forti. Uno si consola come pu, raccattando scampoli deccitazione qua e l. Alle grandi firme dei quotidiani di sinistra non sembra vero di assistere a una rivolta come quella di Londra, si son salvate unestate altrimenti destinata a marcire nella noia. Sentono di nuovo il profumo afrodisiaco dei lacrimogeni e della auto bruciate, che a chiunque farebbe venire il vomito, ma a loro ricorda i primi amori, i giorni felici del maggio francese, in cui limonavano le compagne nelle universit okkupate. Sul Fatto Paolo Flores dArcais sembra quasi dispiaciuto di non trovarsi nei dintorni di Brixton per menare le mani. La visione dei ragazzotti incappucciati che spaccano vetrine, assaltano la polizia (e qualche volta rimangono stecchiti sul campo) lo manda in sollucchero: La loro rabbia sacrosanta, scrive. Essa figlia del furore contro una disuguaglianza che ha travolto ogni umana decenza. Quale autorit hanno i poliziotti corrotti di Scotland Yard e il perfido Cameron - mallevadore e beneficato dagli scandali dei giornali spioni di Rupert Murdoch - per sostenere che si tratta di criminali comuni? Vorremmo evitare di frantumare brutalmente linfatuazione di Flores, dunque ci affidiamo per replicargli al dolce Massimo Gramellini, esperto di problemi di cuore. Il quale, pur di sinistra, scrive sulla Stampa a proposito del Rivoltoso londinese tipo: una povera vittima, un relitto disperato dalla nostra societ opulenta, come vorrebbe certa sociologia?. Un corno. Il rivoltoso in questione un teppista griffato, il cui unico pensiero quello di sfasciare un negozio e fregare il capo firmato, le scarpe Nike, lo smart phone ultimo modello. Egli, dice Gramellini, reclama soltanto laccesso agli status-symbol della pubblicit. Ancora pi diretto Adriano Sofri - uno che di ribellioni di popolo ha qualche esperienza - il quale scrive su Repubblica: Fare la spesa il solo comandamento universale. Lo vada a dire allesaltato Flores dArcais, secondo cui i teppisti di Londra sono vittime della opulenza sempre pi sfacciata dei pochi potenti. Ma la pen-

na rovente del Fatto in ottima compagnia. Alessandro Dal Lago, studioso di vaglia, su Liberazione al settimo cielo: Nella forma elementare e prepolitica del saccheggio, si tratta di lotta classe, sentenzia. Secondo me, veramente, si tratta di una forma elementare e prepolitica di arraffo. Per Dal Lago, invece, i giovinastri prendono di mira Sony, Foot Locker e McDonalds, le gioiellerie e i grandi magazzini. Cio i simboli tangibili dellopulenza. E ridagli con lopulenza. Pi che combatterla, questa opulenza, i rivoltosi hanno tutta laria di volersela accaparrare. Son cos ostili ai feticci del capitale che bramano pi di ogni cosa la felpa col marchio. Vogliono la roba, come si diceva una volta. I novelli sessantottini inglesi sono peggio dei borghesi codini che i gloriosi editorialisti della sinistra italiana combattevano da giovani. La roba, i borghesucci di un tempo, se la pagavano. Questi la sgraffignano. Ma niente, i commentatori nostrani sono troppo eccitati per rinunciare alla lettura marxiana. Marco DEramo sul Manifesto si sente Foucault e spiega che i disordini sono una ribellione a un ordine che li disciplina, li sorveglia (e li punisce). LUnitchiama in causa i tagli al welfare, il fallimento della Big Society. Sai che gliene frega, al rivoltoso inglese tipo. Il quale, se si trova un Flores dArcais pronto a spiegargli, munito di megafono, perch giusto ribellarsi allopulenza capitalista, probabilmente lo prende a calci nel didietro. E se si rovina le Nike nuove fiammanti, fa lo stesso: tanto poi spacca una vetrina e ne ruba un altro paio.

PRIMA PAGINA

Le prime pagine dei giornali di sinistra che prendono una posizione giustificazionista degli atti di vandalismo in questi giorni in Gran Bretagna

(...) a proposito delle riotin Inghilterra il Cav. si sarebbe trovato subito nei guai, almeno sotto indagine da parte di qualche toga rossa , che ne so, per vilipendio ai cittadini, e poi piazze colme del popolo di sinistra che chiede la sua testa. Gli inglesi hanno tanti difetti (non usano il bidet) ma in caso di emergenza nazionale si riuniscono. Cos, in questi giorni, la sinistra inglese sta al fianco del governo Cameron. Limportante, in questo momento, sconfiggere i teppisti. Poi si vedr. Luned Cameron ha detto: Queste scene sono vomitevoli. Si tratta di criminalit pura e semplice, che va affrontata e sconfitta. Ieri ha aggiunto: Esistono dei settori della nostra societ francamente malati... che hanno una totale mancanza di responsabilit personale Dietro tutto questo, ha aggiunto, c un problema morale spesso il prodotto di genitori scarsi e non presenti. E in gran parte la sinistra inglese, malgrado tutto, ha appoggiato Cameron. In Italia invece? Beh, la sinistra, avrebbe scaricato su Berlusconi la colpa di tutto. Strillando che la triste giovent, disoccupata e senza speranza, sottomessa da questo regime fascistoide, finalmente si muove nellunico modo che pu. Basta guardare il Fatto quotidiano di ieri per capire. In Inghilterra, non centra la politica con le rivolte della giovent degli ultimi quattro giorni. Non ci sono stati cartelli e non ci sono stati leader con un manifesto da spacciare. C stata solo la criminalit. Cio: quei giovani inglesi scatenati a Londra e ora in altre citt inglesi non vogliono cambiare il mondo. Vogliono solo rubare un televisore o un cellulare o un paio di trainer. I teppisti sono i figli di ragazze madri con le tasche colme di denaro pubblico. Tutto nelle loro vite viene pagato dallo Stato, casa compresa, e pi figli fanno pi soldi beccano, basta che il padre sia assente. Qui non centra

neanche limmigrazione. I teppisti sono neri e bianchi cristiani e non musulmani. I neri sono caraibici ma di seconda e terza generazione. Il Times, nelleditoriale di ieri ha scritto: Queste scene sono una vergogna per Londra e per la Patria. Quello che sta accedendo nelle citt britanniche violenza gratuita. E cos il Daily Telegraph ieri: Quello che abbiamo visto a Londra e non solo da sabato sera in poi un fenomeno totalmente nuovo, cio: disordine violento il cui scopo criminale. Questi non sono semplici protesters (manifestanti) come ha stupidamente insistito a definirli la Bbc: sono saccheggiatori, vandali e ladri. Ma guardate leditoriale del Guardian (cio la Repubblica inglese): Esiste sola una strada giusta. Dobbiamo fermare gli assalti, la distruzione, la criminalit, e il regno della paura... Si pu parlare pi tardi del perch. Oggi, in questo momento di minaccia, la posizione necessaria quella di stare con la polizia. Sono scesi per strada, da luned in poi, migliaia di inglesi con le scope in mano per sistemare la situazione. E i turchi e i sikh, armati di mazze da baseball sono scesi per strada per difendersi (rischiando larresto). In Italia, sarebbe andata diversamente per un motivo: qualsiasi rivolta di questo genere colpa dei tagli, colpa di Berlusconi, colpa del regime. Mai colpa dei rivoltosi. Ricordiamo il caso del no-global Carlo Giuliani nel 2001 al G8 di Genova. Stava lanciando un estintore dentro una Landrover dei carabinieri, uno dei quali ha sparato per autodifesa, uccidendolo. Figuriamoci. La sinistra si scatenata. Giuliani un martire. In Inghilterra, grazie a Dio, la sinistra non cos.
ISTITUTO COMPRENSIVO S. PERTINI
AVVISO DI GARA - C.I.G. 3082667946 I.1) L'Istituto Comprensivo S. Pertini Via Cuoco, 63 00013 Fonte Nuova tel. 06.9059089 fax 06.9057670 RMIC87800R@istruzione.it , www.scuolapertini.it. Informa zioni, documentazioni e offerte: p.ti sopra indicati. II.1.1) Servizio di Assistenza scolastica alunni diversamente abili. II.2.1) Importo presunto: 442.000,00 + IVA oltre 00 per oneri sicurezza di cui al DUVRI non soggetti a ribasso d'asta. II.3) Durata: genn/giugno 2012 - e anno scolastico 2012/2013. III.2) Condizioni di partecipazione: vedasi documentazione di gara. IV.1) Procedura aperta. IV.2.1) Criteri di aggiudica zione: offerta economicamente pi vantaggiosa. IV.3.4) Termine ricevimento offerte: 19/9/2011 ore 12.00. VI.3) Documentazione integrale disponibile su www.scuolapertini.it. VI.5) Invio Guce: 29/07/2011. Il Responsabile del Procedimento Prof.ssa Loredana Garritano

18

Gioved 11 agosto 2011

ESTERI

Gioved 11 agosto 2011

19

@ commenta su www.libero-news.it

Guerra in Afghanistan

LAmerica vendica la strage dei Navy Seals


Uccisi i talebani che hanno abbattuto il Chinook con 38 militari delle forze speciali. Le stesse del blitz contro Osama
::: GLAUCO MAGGI
NEW YORK

IERI NOTTE

QQQ La risposta delle forze americane e della Nato arrivata subito, e micidiale. Sabato un gruppo di Talebani, sparando un razzo terra-aria, avevano abbattuto un elicottero Chinook nella provincia afghana di Wardak, uccidendo i 38 militari a bordo: 7 afghani e il resto americani appartenenti alle forze speciali, di cui 22 al corpo dei Navy Seals, lo stesso che aveva compiuto il vittorioso raid di maggio che port alla eliminazione di Osama Bin Laden. Laltra notte, almeno 13 della quindicina di quello stesso commando Talebano sono stati eliminati prima che potessero mettersi in salvo oltre il confine con il Pakistan. Dopo una esaustiva caccia alluomo, aiutata da varie segnalazioni di intelligence e di informazioni ricevute dagli abitanti del posto, le Forze della Operazioni Speciali hanno localizzato il Mullah Mohibullah e chi ha sparato il razzo, ha detto una fonte ufficiale della Nato. Abbiamo sistemato i responsabili con un attacco cinetico, ha specificato il comandante Usa in Afghanistan, il generale John Allen. TRIBUTO AGLI EROI Alla notizia della perdita pi grave subita dagli Stati Uniti in dieci anni di guerra in Afghanistan, le reazioni in patria erano state di tributo agli eroi negli editoriali dei commentatori e di fermezza nel mantenere limpegno bellico secondo il calendario governativo da parte delle forze politiche, con anche qualche intervista alle vedove che ricordavano lo spirito di passione e di sacrifico dei coraggiosi mariti. Era nato per fare quella vita, sapeva bene i rischi ma non avrebbe rinunciato a quelle missioni per niente al mondo, sono orgogliosa. Questo il senso delle dichiarazioni. Intanto sul campo, i comandi Nato e i commilitoni dei caduti non perdevano tempo e organizzavano una caccia alluomo che ha avuto immediato successo. Cos, ieri, il portavoce della Nato ha reso noto che era stata individuata una casa-rifugio in cui avevano trovato ripa-

Cena di Ramadan con Obama alla Casa Bianca


Incurante delle voci che lo indicano come di religione musulmana, ieri sera il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha celebrato la festa islamica del Ramadan alla Casa Bianca, con la tradizionale cena dellIftar, ovvero il banchetto che rompe il digiuno diurno della ricorrenza religiosa. La cena diventata una tradizione annuale alla Casa Bianca grazie all'ex presidente Bill Clinton ed era stata portata avanti anche da George W. Bush. Fra gli invitati di ieri sera figuravano alcuni leader religiosi e civili della comunit musulmana, ma anche funzionari governativi ed esponenti di altre confessioni religiose. Quanto mai incerto sul proprio futuro, a pranzo Obama si era unito, al Ted's Bulletin di Washington, ai volontari che collaborano alla campagna elettorale per la sua rielezione alla presidenza nel 2012. Pregare Allah, tuttavia, non ha contribuito ad allontanare le preoccupazioni sullo stato dei conti pubblici, che domenica ha condotto al declassamento del debito statunitense da parte dellagenzia di rating Standard & Poor. Perci, prima della ricorrenza, Obama aveva incontrato separatamente il segretario di Stato Hillary Clinton e quello del Tesoro Timothy Geithner, oltre al presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, che marted aveva annunciato lintenzione di mantenere il tasso di riferimento vicino allo zero per i prossimi due anni. S.V.

ALLATTACCO

:::

I FATTI

Soldati americani in azione in Afghanistan. Alle loro spalle un elicottero Chinook, stesso modello di quello colpito e distrutto dai talebani qualche giorno fa Ap ro i 15 militanti fondamentalisti, a 30 chilometri dal luogo dellabbattimento dellelicottero, nella Tingi Valley nel distretto di Saydabad, sulla strada verso il confine. scattata subito loffensiva, con il bombardamento del covo e leliminazione di quasi tutti i Talebani. Il bombardamento ne ha uccisi 13, ha affermato il capo della polizia della provincia di Wardak, Abdul Kayum Baqizoi, Questi sono i Talebani che erano coinvolti nellattacco contro il Chinook. Almeno due dei morti sono importanti pedine della rete talebana, Mullah Mohibullah, il comandante dei talebani della Tangi Valley, e Shafiullah, il suo vice, e gli altri militanti che avevano sparato il razzo associato allabbattimento il 6 agosto del CH-47, che ha provocato la morte di 38 afghani e membri della coalizione, ha confermato in un comunicato il comando della Forza di Sicurezza Internazionale guidata dalla Nato. Riconoscere la grave sconfitta di un giorno, ma lavorare senza sosta, da subito, per eliminare i responsabili, stata la strategia vincente. E se per Osama la vendetta americana stata servita fredda, dieci anni dopo, per chi ha colpito i soldati Nato la punizione questa volta non si fatta attendere. La lezione la stessa, laveva recitata Bush sulle ceneri di Ground Zero, e lha ripetuta Obama quando ha ricordato che lAmerica non dimentica mai le vittime innocenti, e tantomeno i suoi eroi caduti in missione. LA FORZA DI UN PAESE Non tanto importante per i talebani, se perdono un gruppo come questo possono trovare facilmente altri combattenti, ha commentato lazione Farouk Meranai, ex deputato a Kabul dalla provincia di Nangarhar. A preoccupare dovrebbe essere il fatto che se hanno colpito cos

LA TRAPPOLA Sabato 6 agosto un gruppo talebano aveva abbattuto con un razzo terraaria un elicottero Chinook americano nella provincia afghana di Wardak, uccidendo i 38 militari a bordo: 7 afghani e il resto appartenenti alle forze speciali statunitensi, di cui 22 al corpo dei Navy Seals, lo stesso che partecip alloperazione Bin Laden. LA VENDETTA Marted scorso stata individuata una casa-rifugio in cui avevano trovato riparo i 15 militanti fondamentalisti a 30 chilometri dal luogo dellabbattimento dellelicottero, nella Tingi Valley nel distretto di Saydabad. Gli americani hanno immediatamente lanciato lattacco durante il quale almeno 13 dei talebani sono stati uccisi.

un elicottero a Wardak, potrebbero farlo anche altrove in Afghanistan. Ma anche gli Usa sanno che, pi che sul piano squisitamente militare, loperazione punitiva di ieri pesa enormemente per il morale delle truppe e per lorgoglio dellAmerica. Dove, anche quando monta lo scetticismo per le guerre lunghe e costose nellopinione pubblica, la partecipazione di solidariet della gente per le vittime dei drammi inevitabili che si ripetono sui campi di battaglia non viene mai meno: ed sempre di gratitudine, generosamente tradotta in beneficenza per le tante associazioni di veterani e di famiglie dei caduti. Il raid della vendetta avvenuto proprio mentre le salme rientravano in patria, alla base di Dover. Obama era ad accoglierle, in una cerimonia che il governo ha chiuso alla stampa. Due anni fa proprio Barack, per far vedere alla gente le conseguenze della guerra, aveva cancellato il divieto ai media, voluto da Bush nel 2001, di fotografare e filmare il rientro delle bare. Ora ci ha ripensato, Bush aveva ragione.

In 10 anni potrebbero diventare 5

Sogni di guerra cinesi: via alla prima portaerei


::: MIRKO MOLTENI
QQQ Mentre lAmerica barcolla sotto le tempeste economiche, la Cina lancia una sfida che ricorda un po quella mossa dal Giappone nel 1941. Ieri ha debuttato in navigazione la prima portaerei cinese, la Shi Lang, cio la ex-sovietica Varyag comprata per 20 milioni di dollari una dozzina danni fa dallUcraina (quando era poco pi che uno scafo) e poi completata dai cinesi nellarsenale di Dalian. Dopo i lunghi lavori di ammodernamento, la nave, lunga 300 metri e dislocante 50.000 tonnella-

DALLA RUSSIA CON AMORE La Shi Lang, la prima portaerei cinese nata dallelaborazione di una portaerei russa comprata allUcraina e poi riammodernata Ap prime 3 navi, con motori convenzionali, si affiancheranno entro il 2020 due ulteriori portaerei, stavolta a propulsione nucleare, assai pi grosse. In sostanza, fra soli 9 anni la Cina potrebbe schierare ben 5 portaerei. Gli americani ne hanno 11, seppure alcune possano essere dismesse per motivi di costo. Oltre alla preoccupazione di Washington, trova conferma anche il rapporto con cui il Giappone, pochi giorni fa, ammoniva sul riarmo cinese, chiedendo pi sottomarini e, anchesso, alcune portaerei. Le liti per gli arcipelaghi contesi non faranno che peggiorare il clima.

:::

SHI LANG

ELABORAZIONE La Shi Lang nata dal completamento e lelaborazione dellex-sovietica Varyag comprata per 20 milioni di dollari una dozzina danni fa dallUcraina. ARMAMENTO La nave ha una stazza di 50mila tonnellate ed lunga 300 metri. Imbarcher 26 caccia Shenyang J-15, versione cinese del russo Sukhoi Su-33.

te, sar presto usata dai piloti di Pechino per imparare decolli e appontaggi alla Top Gun. Imbarcher 26 caccia Shenyang J-15, versione cinese del russo Sukhoi Su-33, adattato alluso da portaerei. il primo concreto risultato dellambizioso programma che la Cina avvi ventanni fa per arrivare, a piccoli ma sicuri passi, ad

unaviazione imbarcata seconda solo a quella Usa. Prima della Varyag, aveva comprato ben tre portaerei in disarmo, lex-australiana Melbourne e le ex-sovietiche Minsk e Kiev, per smontarle e studiarle pezzo per pezzo. Ora, la rinominata Shi Lang far da modello per due unit gemelle, pronte nel 2015. A queste

20

Gioved 11 agosto 2011

ATTUALIT

@ commenta su www.libero-news.it

Confessione a Vanity Fair

Il giudice di Parolisi cede alla fiera delle vanit


Il 2 agosto il gip di Teramo, Giovanni Cirillo, convalida larresto di Salvatore Ma una settimana dopo ritratta. E per farlo sceglie una rivista di gossip
::: CRISTIANA LODI
MILANO

QQQ Vero, il giudice delle indagini preliminari, una volta firmato il dispositivo e ordinato larresto (com successo in questo caso), esce di scena. Vero perfino che la dipartita del magistrato stesso cancella il cosiddetto dovere del silenzio, tant che lo stesso gip (o ex gip) Giovanni Cirillo a dichiararlo testualmente: Da due ore non mi occupo pi del caso Melania Rea, dunque posso parlare. Cos, il togato che ha sottoscritto il secondo ordine di cattura per Salvatore Parolisi, accusandolo dellomicidio volontario e aggravato della moglie, si racconta al settimanale Vanity Fair. Si racconta, spiega le sue perplessit e sfodera sorprese, arrivando a tratti a smentire se stesso e lordinanza di suo pugno firmata il 2 agosto 2011, in Teramo. Centottantacinque pagine per stabilire che il vedovo-soldato deve stare in cella per avere commesso il crimine dei crimini; come gi aveva sentenziato il collega di Ascoli Carlo Calvaresi, diventato incompetente per territorio e dunque costretto a consegnare linchiesta alla Procura di Teramo. A differenza dei magistrati di Ascoli e della stessa Procura di Teramo che avevano ipotizzato, come possibile movente del delitto, le intricate questioni sentimentali e una relazione extraconiugale importante portata avanti da Salvatore Parolisi, il gip Giovanni Cirillo afferma che le cause dellomicidio siano da ricercare fra le pieghe di non ben specificati intrighi di sesso, droga e messe nere consumati allinterno della caserma Clementi dove il caporalmaggiore addestrava soldatesse. Tant che il giudice suggerisce ai pm di Teramo di fare nuove indagini in questa direzione. E anche la Procura militare, presto, comincer a interrogare militari e vertici del 235 Rav Piceno per capire se in caserma siano stati commessi reati.

Q Gli indizi non ci permettono di affermare con certezza che Salvatore Parolisi abbia ucciso la moglie: si limitano a collocarlo a Ripe di Civitella quando avvenuto il delitto. Ma potrebbe anche averla solo accompagnata dai suoi assassini. unipotesi alla quale attribuisco una probabilit del 10 per cento.
IL GIP INTERVISTATO

SOTTO LE LUCI DELLA RIBALTA


A sinistra, Salvatore Parolisi durante una trasmissione televisiva. lunico indagato per lomicidio di sua moglie Melania Rea. Sopra, Giovanni Cirillo, ex gip del tribunale di Teramo, che ha recentemente rilasciato unintervista a Vanity Fair [LaPresse] della propria vettura abbia condotto la moglie sul luogo dove stata assassinata e dove stata poi rinvenuta cadavere, al fine di sopprimerla o affinch fosse soppressa. Pagina 150 dellordinanza. E dichiara, ancora, il giudice a Vanity Fair: Parolisi non ha agito per un raptus, perch stretto in un imbuto tra la moglie e lamante. E non si esclude il concorso con altri complici. Si inoltre trattato di un delitto programmato. Allora, se cos , per quale ragione lo stesso magistrato a pagina 168 del dispositivo, afferma: Lunico modo che Salvatore Parolisi pu avere avuto di incaricare qualcuno di completare lopera al fine di sviare le indagini che si stavano stringendo attorno a lui, sarebbe stato parlare direttamente con il mandatario mentre era allinterno della caserma. Non possibile altra spiegazione se lomicidio , come in effetti , opera sua. (...) La complicit di qualcuno eventualmente ipotizzata solo con riferimento alla condotta post mortem e semmai finalizzata al depistaggio delle indagini. (...) Resta ferma la certezza che lindagato, responsabile dellomicidio, fosse il primo interessato a sviare le indagini. Parolisi pu essersi sentito in grossa difficolt temendo di divenire il sospettato principale dellomicidio, cosa che prima non temeva accadesse, forse perch non stato un omicidio premeditato. Tutto e il contrario di tutto.

Q Non vi dubbio che il fatto debba essere ascritto a Salvatore Parolisi senza alcuna ragionevole possibilit alternativa. certo, senza tema di smentita, che lindagato alla guida della propria vettura abbia condotto la moglie sul luogo dove stata assassinata al fine di sopprimerla
. LORDINANZA

Una diversit di vedute, quella fra le toghe di Ascoli e di Teramo, che potrebbe rivelarsi utile a chiarire la verit.

Quello che invece disorienta sono le contraddizioni che emergono dalle rivelazioni del gip Giovanni Cirillo, quando al settima-

A BARI

Nonno eroe si getta in mare per salvare i nipotini, ma annega


BARI Un nonno eroe. Certamente verr ricordato cos Antonio Amodio, di 64 anni, che ieri ha perso la vita nelle acque di Cozze, localit poco distanteda Bari, purdi salvarei nipotini. Vedendoliin difficolt in mezzo alle onde, non ha esitato nemmeno un minuto e si tuffato in acqua per salvarli. Ha nuotato fino ai ragazzini - due cuginetti di 12 e 13 anni - e dopo averli messi in salvo morto annegato. La vittima, di nazionalit francese, era arrivato in Puglia qualche giorno fa per trascorrere un periodo di vacanza. Stando ai primi accertamente di Guardia Costiera e carabinieri, i bambini erano in acqua nonostante il mare forza 4 a causa del maestrale. Poco dopo averli salvati, luomo stato trovato riverso su uno scoglio primo di vita.

nale dice: Gli indizi non ci permettono di affermare con certezza che Salvatore Parolisi abbia materialmente ucciso la moglie: si limitano a collocarlo a Ripe di Civitella quando avvenuto il delitto. Ma potrebbe anche averla solo accompagnata dai suoi assassini. unipotesi alla quale attribuisco una probabilit del 10 per cento. Lerrore giudiziario sempre possibile e va dato merito al giudice che ammette questa eventualit. Per il dottor Cirillo, nella sua ordinanza, scrive tuttaltro a proposito delluomo che ha mandato in prigione: Non vi dubbio che allo stato delle conoscenze storiche acquisite, il fatto debba essere ascritto a Salvatore Parolisi senza alcuna ragionevole possibilit alternativa. certo, senza tema di smentita, che lindagato alla guida

Precipita il camion, un morto

Si apre una voragine di 15 metri Benvenuti nella provincia di Napoli


::: SIMONE SAVOIA
NAPOLI

INGHIOTTITO Lestrazione del camion dal buco di 15 metri Lo conoscevo, era un gran lavoratore, tra i migliori in servizio. Uno che il lavoro se lo mangiava: cos Salvatore Erricchiello, assessore allecologia di Casalnuovo, ha parlato di Monda. Lassessore ha anche affermato che i tre erano soliti prendere il caff in un bar l vicino. Una circostanza che lascia ritenere che il giro dellautocompattatore fosse sempre lo stesso e quindi prevedesse il passaggio in quella strada. Siamo sconvolti per la morte di Raffaele ha raccontato tra le lacrime una collega delloperatore ecologico morto, lavoriamo spesso in queste strade e ci sono voragini in tutta Casalnuovo. Ora la parola passa alla Procura di Nola, che ha aperto uninchiesta.

QQQ La strada non regge al peso di un camion dei rifiuti, sprofonda e inghiotte lautista del mezzo e due addetti. Nella voragine di Casalnuovo, cittadina alle porte diNapoli, rimastalavita delconducente del camion, Raffaele Di Monda, 43 anni. Luomo morto sul colpo, marted notte, senza poter evitare in alcun modo il buco di una quindicina di metri che si aperto allimprovviso nel pieno centro del paese. Per fortuna i vigili del fuoco sono riusciti a salvare i due netturbini che erano in piedi sul retro dellautocompattatore, allesterno. Per Antonio Siviero e Augusto Pellegri-

no - entrambi 57enni - insomma, solo una terribile esperienza che non dimenticheranno per tutta la vita. Il primo guarir in una settimana, mentre il secondo tuttora ricoverato allospedale San Giovanni Bosco di Napoli per ferite alla testa. Il camion coinvolto nellincidente appartiene alla ditta Falzarano di Airola (Benevento) impegnata nel servizio di raccolta dei rifiuti solidi a Casalnuovo. I primi rilievi di carabinieri e vigili del fuoco hanno registrato infiltrazioni dacqua sotto il manto stradale dove franato il terreno. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici del Comune di Casalnuovo e della ditta Gori, che gestisce i servizi idrici della cittadina napoletana.

ATTUALIT

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it

21

A Monza

Lite tra adolescenti, sgozzato a bottigliate


Lorenzo Cenzato, 18 anni, stato ammazzato da un minorenne ecuadoregno che gli ha reciso la carotide. Oscuro il movente
::: SALVATORE GARZILLO
SOVICO (MONZA)

QQQ Un solo colpo alla gola con un coccio di bottiglia e Lorenzo Cenzato, 18 anni, muore sotto gli occhi degli amici in un pomeriggio dagosto. A ucciderlo, un ragazzino ecuadoregno di 17 anni che vive a Vedano al Lambro, a quattro chilometri dal luogo dellomicidio. successo ieri pomeriggio a Sovico, piccolo centro brianzolo alle porte di Monza, dove una lite iniziata per una parola di troppo si trasformata in efferato omicidio. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri di Monza, il ragazzo italiano si trovava in compagnia di due amici nel centro del paese. Erano seduti su una scalinata che conduce a un parchetto, a due passi dalloratorio e dal centro civico. Un pomeriggio caldo come tanti, trascorso allombra a chiacchierare lentamente, alleggeriti dal pensiero dei compiti per le vacanze dopo la paura dellesame di maturit. Lorenzo si era diplomato questanno e tra qualche mese avrebbe cominciato luniversit alla facolt di Agraria perch, come racconta lamica Giusy, aveva voglia di studiare. LAMICO SUDAMERICANO Il pomeriggio di Lorenzo cambia attorno alle 16, quando decide di fare una passeggiata nel viale alberato a pochi metri di distanza. L incontra un amico sudamericano accompagnato da un ragazzino conosciuto solo di vista. Il diciottenne non sa che quello sar il suo assassino. Tra il minorenne e Lorenzo inizia uno scambio di battute che rapidamente degenera in lite. Il motivo? Nessuno lo sa ancora. Gli investigatori parlano vagamente di futili motivi. Cosa vuol dire? Discutevano di calcio, ragazze, affari privati? No, sembra che la cosa sia pi semplice. Tipo: di qua non puoi passare, vaffanculo. E scoppia la rissa. I minuti successivi sono avvolti dalla nebbia e solo il racconto dei te-

UNA PAROLA DI TROPPO


A sinistra, il corpo senza vita di Lorenzo Cenzato, il diciottenne ucciso ieri pomeriggio a Sovico (Monza) da una bottigliata alla gola infertagli da un ecuadoregno. In alto, la foto del profilo di Facebook della giovane vittima (Ansa)

stimoni e dellassassino, ascoltato dai carabinieri mentre scriviamo, potr chiarire la dinamica. Per adesso lunica cosa certa questa immagine: lecuadoregno

spacca una bottiglia di vetro trovata per terra e si avventa su Lorenzo. Affonda un colpo nella gola del diciottenne - molto profondo a detta del medico legale - recidendogli la caro-

CINQUANTA PUNTI DI SUTURA AL VOLTO

Bimba di 5 anni azzannata da randagio


TARANTO Tragedia sfiorata ieri sera a Manduria, piccolo centro in provincia di Taranto. Una bimba di sette anni stata azzannata da un cane, mentre insieme alla mamma si stava avvicinando al cassonetto dei rifiuti per gettare limmondizia. La piccola ha riportato ferite al volto medicate con ben 50 punti di sutura al volto - allospedale Gianuzzi della cittadina. Il fatto accaduto nel quartiere Santa Gemma. stata la donna, sotto choc, a sottrare la figlioletta alle grinfie del randagio meticcio di media taglia. La prognosi di trenta giorni, ma alla piccola poteva andare perfino peggio visto che i denti del cane si sono avvicinati pericolosamente a un occhio della bimba. Il cane stava mangiando dei rifiuti o degli avanzi proprio vicino al cassonetto e, probabilmente, ha reagito perch infastidito dalla presenza delle persone. La famiglia della vittima ha preannunciato unazione legale contro il Comune di Manduria. Intanto sono in corso le ricerche del cane da parte dellUfficio veterinario della Asl anche perch non da escludere che potrebbe colpire nuovamente.

tide. La corsa in elicottero allospedale SantAnna di Como e i trenta minuti di massaggio cardiaco sono inutili. Lorenzo muore quasi subito in una pozza di sangue. Siamo distrutti, non conosciamo ancora le dinamiche dellaccaduto, vogliamo sapere perch, aspettiamo notizie. A parlare Renato Cenzato, padre della vittima. La sua voce, rotta dalle lacrime, arriva dalla casa di via Torricelli, a poca distanza dal luogo dove morto Lorenzo. Da l era uscito qualche ora prima senza dare tante spiegazioni a mamma e pap. Una cosa normale in un paese di ottomila persone dove tutti si conoscono e tutti si sentono al sicuro. Voglio sapere perch lo ha ucciso, grida ai cronisti. La rabbia tanta, ora non certo il momento del perdono ag-

giunge con la voce strozzata, prima voglio capire cosa successo. Sul posto, con gli agenti e il pm di Monza, Stefania Di Tullio, si riunito lintero paese. Sono tutti increduli per quello che accaduto. Tutti a partire dal sindaco, Alfredo Colombo. un duro colpo, Lorenzo era amico di mio figlio, erano coetanei, ha commentato a caldo il primo cittadino, era un ragazzo esuberante, giocava a basket, non ha mai dato problemi. Nulla faceva immaginare una cosa del genere. SENZA RAGIONE E infatti, la cosa che spiazza gli inquirenti lassenza di un movente. Non escluso che potrebbe essersi trattato di un alterco cominciato prima dellincontro di ieri, ma sembra evidente che qualsiasi fosse il motivo, non spiega tanta ferocia. Mi consulter con la Giunta, ha concluso il sindaco Colombo. Probabilmente proclameremo un lutto cittadino.

A Torino

DISPERATO Pierangelo Conzano, il titolare della gioielleria che ha ucciso un rapinatore e ferito un complice che volevano svaligiare il suo negozio a Torino Ansa sa. Come spesso accade in queste occasioni, il commento dei vicini una fotografia limpida del protagonista. Conzano viene descritto come una persona tranquilla, un gran lavoratore lontano anni luce da qualsiasi
IN PROSSIMIT DELLE LANGHE, DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E CASTELLO DI RACCONIGI

Gioielliere si fa giustizia e uccide il ladro


Reagisce alla rapina e ammazza uno dei banditi. Erano armati con pistole giocattolo
::: TORINO
QQQ Non si fatto spaventare dalle pistole dei due rapinatori e ha aperto il fuoco per primo. Il bilancio finale un morto e un ferito, entrambi banditi. A premere il grilletto stato Pierangelo Conzano, titolare della gioielleria omonima al civico 8 di via Ormea, nel quartiere San Salvario di Torino, che attorno alle 17.30 di ieri ha reagito al tentativo di rapina di due uomini col volto coperto. La vittima Francesco Procopio, un 35enne di Rivoli, nel Torinese, che ha tentato di salvarsi strisciando fuori dalla gioielleria. Il complice, invece, arrestato a pochi metri dal luogo della sparatoria, Iaris Iacono, 31 anni, di Moncalieri. Sembra che i due, che indossavano caschi integrali, fossero armati di pistole giocattolo a cui erano stati rimossi i tappi rossi. In pochi secondi nata una colluttazione con Conzano che, alla fine, ha estratto una beretta calibro 9x21 sparando un solo colpo che ha raggiunto il braccio di Procopio. Per sua sfortuna, il proiettile ha reciso larteria omerale delluomo che rapidamente morto in un lago di sangue. Di fronte allarma (vera) del gioielliere, i rapinatori si sono dati alla fuga cercando di far perdere le loro tracce, ma le condizioni disperate di Procopio (morto sul marciapiede, in una via laterale a poca distanza dalla gioielleria) hanno rallentato il complice, che stato fermato dai carabinieri, allertati subito dopo lingresso dei malviventi nel negozio. Successivamente, per dirigere e coordinare gli accertamenti, arrivato anche il comandante provinciale dellArma, Antonio De Vita e il magistrato incaricato. Il gioielliere sar ascoltato nelle prossime ore dagli inquirenti per ricostruire le fasi della rapina. Bisogner chiarire se ha sparato perch sotto reale minaccia dei banditi oppure se la sua reazione stata eccessiva, configurando in questo modo il reato di eccesso di legittima dife-

Agriturismo Le Verne

Ristorante
Frazione Tuninetti CARMAGNOLA (TO) Cell. 339.3100048
A 4 km dal casello di Carmagnola

Ex convento del 700 Camere con bagno interno dotate di ogni confort

dellautostrada Torino - Savona


GPS - Lat: 44.846134 - Lng: 7.777698 A met strada tra la Reggia di Venaria Reale e i vini delle Langhe

www.leverne.it

tipo di violenza. Lepisodio torinese ricorda in maniera impressionante quanto accaduto a Milano il 13 aprile 2004 in via Ripamonti, periferia sud della metropoli. In quelloccasione due ladri cercarono di svaligiare la gioielleria di Giuseppe e Rocco Maiocchi, ma fecero i conti con la prontezza di padre e figlio. Rocco colp alla testa uno dei rapinatori uccidendolo sul colpo, mentre il padre riusc a ferire laltro. Due anni dopo i giudici della Prima Corte dAssise di Milano li condannarono rispettivamente a 18 mesi e a un mese di reclusione con la sospensione condizionale della pena. Le accuse furono di omicidio colposo e lesioni personali colpose.
SAL.GAR.

@ commenta su www.libero-news.it
VENTI PERSONE FERMATE

22

Gioved 11 agosto 2011

ATTUALIT

:::

Gladiatori abusivi Blitz a Roma


ROMA Si sono travestiti da operatori ecologici e finiti centurioni. Cos la polizia municipale di Roma ha posto fine alle prepotenze di alcuni operatori turistici non autorizzati che minacciavano fisicamente chi si fosse messo a fare il loro stesso lavoro. Venti fermati e nove denunce nel corso di unoperazione dei vigili urbani che hanno inferto un duro colpo al racket dei gladiatori abusivi davanti al Colosseo e in alcune zone turistiche di Roma. Alcuni vigili si erano travestiti da gladiatori e per questo sono stati accerchiati e malmenati da uomini del racket. I vigili sono intervenuti dopo alcune querele di guide sottoposte a minacce.

Amico di famiglia

Lo stalking 2 anni dopo: la legge che lo sanziona


::: BRUNO FERRARO*
QQQ Stalking un termine inglese (letteralmente: perseguitare) che viene utilizzato per indicare atteggiamenti/azioni persecutorie, realizzate da un individuo col fine di affliggere unaltra persona, ingenerando stati di ansia e paura che possono arrivare a compromettere il normale svolgimento della quotidianit. La persecuzione, che si realizza attraverso ripetuti tentativi di comunicazione verbale o scritta, appostamenti e intrusioni nella vita privata, sino ad atti di intimidazione fisica e psichica, nasce generalmente come complicazione di una relazione interpersonale e chiunque pu esserne vittima. Non rientra propriamente nel concetto di stalking lazione di individui affetti da disturbi mentali per i quali latteggiamento persecutorio nasce da sintomi di perdita del contatto con la realt dovuta ad unorganizzazione di personalit c.d. borderline. Solitamente questi comportamenti si protraggono per mesi o anni. Il reato in argomento stato introdotto nel nostro ordinamento il 23 aprile 2009 con lapprovazione del D.L. 23 febbraio 2009. N. 11, che ha recepito il disegno di legge Carfagna-Alfano Misure contro gli atti persecutori approvato dal consiglio dei Ministri il 18 giugno 2008, attraverso lart. 612 bis c.p. che prevede: punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni, salvo che il fatto costituisca pi grave reato, chiunque reiteratamente, con qualunque mezzo, molesta o minaccia taluno in modo tale da infliggergli un grave disagio psichico ovvero da determinare un giustificato timore per la sicurezza personale propria o di una persona vicina o comunque da pregiudicare in maniera rilevante il suo modo di vivere. Il reato si caratterizza per la plurioffensivit della condotta; il bene giuridico tutelato dal legislatore si ravvisa, prima facie, nella libert morale ovvero nella libert di autodeterminazione dellindividuo. Inoltre, la condotta delittuosa potrebbe ledere, una volta che si realizzi in capo al soggetto passivo quel disagio psichico di cui innanzi, il bene primario della salute, tutelato dallart. 32 Cost. In questo caso il bene protetto andrebbe individuato nella tutela della incolumit, anche fisica, della persona. Limpianto normativo prevede per il reato la procedibilit a querela di parte, da proporre entro 6 mesi. Prima di ricorrervi la vittima pu richiedere al Questore competente per territorio lammonimento orale del molestatore; nel caso in cui lo stalker, nonostante lammonimento, prosegua nella sua condotta illecita, si proceder dufficio aggravando la pena di un terzo. possibile procedere dufficio nel caso in cui si tratti di minore o di persona diversamente abile. La medicina legale ha da tempo individuato non solo i parametri secondo i quali riconoscere da un punto di vista medico le condotte di stalking, ma anche i danni che possono essere sofferti dalle vittime. Nel suo primo intervento la Cassazione, con sentenza n. 16658 del 17.4.2009, ha definito legittima la misura cautelare dellallontanamento definitivo dalla casa familiare nei confronti di chi, pur avendo cessato di convivere col coniuge, continua a sottoporlo a stalking. Non meno importante laffermazione che la misura cautelare diretta innanzitutto a prevenire nuove molestie, alle quali gli assalitori assillanti sono naturalmente portati, tutelando la privacy e la tranquillit della vittima di stalking. La norma ha subto un progressivo ampliamento come testimoniano, fra i tanti, il singolare caso di stalking giudiziario affrontato dal Tribunale di Varese, che ha condannato al pagamento di 10.000 euro una donna che aveva deciso di perseguitare lex marito con una serie di esposti e di cause; nonch il caso dello stalking in condominio deciso dalla Cassazione con sentenza 25/5/2011 n. 20895, in una fattispecie in cui il molestatore aveva labitudine di rincorrere, chiudere in ascensore e minacciare di morte ogni condomina incontrata nel palazzo. Se si crede al principio della parit dei sessi e della libera determinazione morale dei protagonisti di una relazione sentimentale poi naufragata, occorre essere consequenziali e intervenire col massimo rigore per reprimere condotte moralmente inaccettabili, soprattutto in una societ che ha imboccato la strada della liberalizzazione del costume nei rapporti fra i due sessi. *Presidente del Tribunale di Tivoli

Dalla cucina alla bellezza

I RIMEDI DELLA NONNA


Patate e mele contro le rughe, aceto per i capelli Cos le donne si tengono in forma in tempo di crisi
::: BEATRICE RASPA
QQQ Toglietemi tutto ma non la bellezza. Al tempo della crisi e dalla cassaintegrazione diffusa si costretti a una ristrutturazione dei consumi in nome di una razionale indispensabilit. La cura del s - i numeri del settore lo confermano - per un capitolo irrinunciabile, che segue a ruota la spesa per alimenti e farmaci. Risultato: i cosiddetti consigli della nonna tornano in auge. Le ricette casalinghe e naturali - perch sulla qualit non si transige - si ritagliano uno spazio sostanzioso. Insomma se le Borse crollano frutta, verdura, latte, yogurt, miele diventano lantidoto di emergenza al portafogli sempre meno gonfio. E trasformano la cucina in una vera e propria Spa a cinque stelle. Non a caso il web - un nome su tutti, www.vivalowcost.com - pullula di manuali di sopravvivenza con elenchi di rimedi allinsegna della beauty smart. Online si trovano corsi per fabbricarsi da soli saponi e detersivi risparmiando. O si scopre che lolio di mandorle e un po di zucchero passati sul viso sono uno scrub a prova di estetista; il the verde come tonico un potente antirughe; una maschera con miele e yogurt combatte i brufoli. E ancora: persino la Coldiretti ha diffuso la lista dei rimedi antichi per donne moderne. LA CUCINA TI FA BELLA Le pelli acneiche trovano beneficio da un mix di zucca lessata e panna, da tenere in posa per una mezzora. I capelli diventano splendenti con un risciacquo allaceto, o con un semplice impacco a base di panna. Il viso ringiovanisce sfregandolo con una patata lessa, una fetta di mela o un tuorlo duovo. Tutto per la bellezza, ormai corollario del benessere, che si conferma un business capace di glissare persino i rovesci dei mercati. La prova? Lultimo rapporto di Unipro, il consorzio delle aziende del settore. La cosmetica in Italia nel 2010 ha infatti fatturato 8.600 milioni, con uno scatto del +5,2% rispetto al 2009. E i consumi sono cresciuti dell1,1 per cento. Uno sguardo pi dettagliato offre spunti interessanti: i prodotti di bellezza si comprano sempre pi volentieri in farmacia (+3,3%) in erboristeria (+5,5%) tramite il porta a porta (+6%) e, novit rivelatrice, sul web e per corrispondenza (+20%). Perch budget ridotto fa rima con ricerca del low cost. Ma alla qualit non si rinuncia. Si taglia su bagnoschiuma e saponi (-2,4%), ma assolutamente non sui prodotti per il trucco (+3,4%), per dichiarare guerra alle rughe (+3,1%) e alla cellulite (+5%). Per non dire di mani e unghie: le italiane nel 2010 per averle perfette hanno speso 100 milioni di euro (+16,6%). Un vero e proprio boom per laccare le unghie con i colori pi trendy e in voga del momento. Meglio dunque lo smalto dello psicanalista. Limpennata della seduzione del futileai tempi dellausterity ha un fondamento su cui si sono espressi gli esperti. il lipstick effect, ossia leffetto rossettoche si registrato con lincremento di vendite del rosso per labbra dopo l11 settembre. Lo stesso accadde nel 1929 e nel Dopoguerra. Segno che la cosmesi, dicono gli psicologi, euforizzante. Proprio come accade con il cioccolato, che aiuta a ricaricarsi. CORSI E RICORSI STORICI I tempi si rispecchiano anche nella moda e nel look. Le icone di stile sdoganano labbigliamento a 19 euro e 90 - le celebri sorelle Middleton si fanno paparazzare vestite Zara da capo a piedi e gli stilisti autorizzano manager e uomini daffari ad andare al lavoro in jeans. Mentre sulle passerelle, in linea con i corsi e ricorsi storici - la nostalgia per il passato impera - gli orli delle gonne si allungano. Come sempre se mala tempora currunt. Singolari corrispondenze che - parola di uno studio nipponico - si verificano anche per le acconciature: se la borsa scende i parrucchieri vanno di forbici. Le clienti chiederebbero pi tagli carr, caschetti, corti la garconne. Il motivo? Ridurre le sedute nei saloni, gi peraltro alle prese con la spietata concorrenza dei colleghi cinesi. Il risparmio si fatto moda anche per gli uomini, che nel 2010 hanno diradato le visite ai barbieri. A dirlo, la battuta darresto dei prodotti maschili per capelli, tinture in primis, (2,2%) a vantaggio di teste rasate e Clooney docet - zazzere brizzolate, ora irresistibili.

RICETTE BEAUTY

Alcuni cibi, usati nelle giuste parti del corpo, possono servire per mantenersi in forma. Tra questi, ad esempio, i cetrioli, le patate, i pomodori e la zucca [Olycom]

Borsa Milano-FTSE Mib

Borsa Londra-FTSE 100

Borsa Parigi-CAC 40

Petrolio - al barile
105,04 $

Euro/Dollaro
1,4367

Gli indici

-6,65%
14.676,04

-3,05%
5.007,16

-5,45%
3.002,99

+0,89%

+0,70%

Chiusa la vertenza fiscale

La Svizzera paga: evasori tedeschi salvi


I residenti in Germania che esporteranno i capitali verseranno alle banche elvetiche una tassa del 26% che verr girata a Berlino. Per il pregresso gli istituti anticipano un risarcimento di 2 miliardi di franchi Oltre la crisi
::: MARIO DERGANI
BERNA

Vola lexport cinese Il Dragone diventa lombelico del globo


::: ANTONIO SPAMPINATO
QQQ Se la crisi ha smorzato il fuoco sacro del Dragone, non si pu certo dire che sia riuscita a spegnerlo. Il mostro cinese rialza la testa dopo una contrazione del Prodotto interno lordo e uninflazione che ha costretto le autorit di Pechino a raffreddare leconomia per non rischiare rivolte popolari. Il Paese asiatico ha superato il Giappone diventando il secondo mercato al mondo dopo gli Stati Uniti ma se continua di questo passo, anche per demerito dei concorrenti, potrebbe raggiungere la vetta prima del previsto. Ieri sono stati diffusi i dati della bilancia commerciale cinese di luglio dove risulta un surplus commerciale in crescita da 22,3 a 31,5 miliardi di dollari. Lexport ripartito ed ha segnato un +20,4% annuale, oltre latteso +17,4%. Le aziende italiane, da sempre spaventate dallavanzata debordante dei prodotti cinesi a basso costo, non prenderanno bene questo dato, anche se sono ormai molti anni che approfittano della manodopera a sconto - per sempre meno conveniente - che si trova nella terra della Grande muraglia. Per contro per aumentato, e non di poco, anche limport (+22,9%) e visto che la borghesia cinese, cos come i Paperoni dOriente, va matta per il made in Italy di lusso, questa per le nostre imprese di alta gamma una notizia che fa ben sperare. I problemi per la Cina non si sono certo risolti. Uno dei nodi principali da sciogliere il rialzo dei prezzi che, oltre a esportare inflazione, riduce il potere dacquisto nel mercato interno. Ma resta un Paese con enormi possibilit, forte di un potenziale bacino di consumatori formato da 1,4 miliardi di persone e uneconomia ibrida, comunista nellanima e capitalista nella testa. I numeri dicono che sono ancora gli Stati Uniti a trainare il pianeta. Le conseguenze della crisi iniziata nel 2007 sono per devastanti. Una crescita che non riparte come previsto, una forte incertezza sul mercato del lavoro, un settore immobiliare che mostra dati discordanti e che nel complesso resta depresso e una guida politica azzoppata dalle elezioni di met mandato, fanno degli Usa un faro appannato. Certo, Washington resta il punto di riferimento ma saranno i Paesi emergenti che tireranno fuori dai guai lOccidente industrializzato. Questo grazie a uno sviluppo ridimensionato ma ancora forte: saranno i loro mercati ad accogliere le nostre merci e permettere alle nostre imprese di macinare utili. La medaglia, naturalmente, ha una seconda faccia: il loro peso economico sar sempre pi consistente e di conseguenza anche quello politico. Chiederanno di contare sempre di pi nei tavoli internazionali e i Paesi sviluppati dovranno combattere molte delle loro battaglie per limitare lavanzata dei nuovi ricchi nelle dogane. Ma anche sui mercati finanziari, visto che la Cina detiene il debito di mezzo Occidente.

QQQ Un conto in Svizzera si pu aprire, basta essere tedeschi e pagare le tasse. Da ieri, dopo mesi di pressioni e negoziati, Berna e Berlino hanno trovato una soluzione nella vertenza fiscale, un accordo che potrebbe fare da volano ad altri Paesi, Italia compresa: in futuro, le banche elvetiche preleveranno unimposta liberatoria (imposta alla fonte) del 26% sui futuri redditi e utili dei capitali dei clienti bancari tedeschi in Svizzera. E successivamente li verser nelle casse della Germania. Per i patrimoni in gestione da numerosi anni, gli istituti svizzeri anticiperanno un risarcimento forfettario di 2 miliardi di franchi. In base alla convenzione fra i due Paesi, che dovrebbe entrare in vigore presumibilmente allinizio del 2013, gli ex evasori fiscali tedeschi resteranno comunque anonimi. A fungere da sostituto dimposta, ci penseranno le banche elvetiche. Spetter a loro anticipare un importo forfettario di 2 miliardi di franchi, da suddividere fra le banche che alla fine del 2010 avevano clienti tedeschi, proporzionalmente agli importi depositati. Si tratta di una cinquantina di istituti, ha precisato Thomas Sutter, responsabile della comunicazione dellAssociazione svizzera dei banchieri (ASB). Le banche ricupereranno poi questi soldi sulle tasse prelevate ai clienti tedeschi. Tuttavia, il contribuente potr anche autodenunciarsi, dichiarando i propri redditi alle autorit tedesche, senza conseguenze penali. I capitali in nero (che secondo la stampa supererebbero i 100 miliardi), depositati da anni su conti in Svizzera, dovrebbero essere regolarizzati attraverso il versamento anonimo a posteriori, alla Germania - una tantum - di unimposta liberatoria, calcolata in modo forfettario, ma oscillante fra il 19 e il34 per cento,a secondadella durata della relazione con il cliente e del capitale versato o accumulato. Una volta versata questimposta, le autorit tedesche tireranno una riga sul passato, a meno che il denaro provenga da un crimine o se vi erano gi

Uno svizzero con una gigantesca maschera della Merkel contesta laccordo (Ansa) indizi sulla presenza in Svizzera di valori non dichiarati. Anche per i capitali da tempo depositati in Svizzera il contribuente tedesco pu optare per la trasmissione diretta al fisco germanico dei suoi dati. Chi si oppone alla tassazione a posteriori sar invece tenuto a chiudere i propri conti in Svizzera. La Svizzera metter a disposizione della Germania i relativi dati in forma riassuntiva. I clienti tedeschi saranno inoltre informati dalle banche elvetiche sui loro diritti e doveri entro un termine di due mesi, dopo lentrata in vigore della convenzione. Le autorit elvetiche controlleranno il corretto svolgimento dellimposizione ed effettueranno controlli nelle banche, garantendo sempre e comunque lanonimato dei clienti. Si conclude cos anche la vicenda dei cosiddetti "cd rubati", contenenti informazioni relative a conti nelle banche svizzere. Da Berlino ci si impegna a rinunciare a perseguire penalmente gli impiegati delle banche svizzere per partecipazione a reati fiscali commessi prima della firma dellaccordo. E il fisco tedesco potr chiedere informazioni sul nome del cliente, ma non sulla banca. Con un limite alle richieste, che dovranno innanzitutto essere fondate su motivi plausibili e inoltre non potranno superare, per due anni, un numero compreso tra 750 e 999. In futuro, la cifra sar adeguata in base ai risultati. In cambio, gli istituti bancari svizzeri avranno un accesso agevolato ai mercati finanziari tedeschi. In particolare sar semplificata lapplicazione della procedura di esenzione per le banche svizzere in Germania e abrogato lobbligo di avviare le relazioni con i clienti tramite un istituto sul posto. Rimane il segreto bancario, insomma, ma sparisce la convenienza della cassaforte elvetica.

MERCATINO
Fitch taglia il rating di Cipro In arrivo una crisi del debito
MERCATI L'agenzia di rating ha spiegato che la decisione dovuta alle aspettative che il Paese non sar in grado di raccogliere fondi sul mercato internazionale per rifinanziare il proprio debito. Il downgrade arriva dopo una mossa simile presa a maggio, quando Fitch aveva tagliato il rating dell'isola di tre notch a causa dell'esposizione delle banche cipriote al debito greco. Cipro per sostiene di non aver bisogno al momento di un piano di aiuti Ue-Fmi come la vicina Grecia. (Nella foto Lapresse, il presidente cipriota Dimitris Christofias)

Lavoro in crisi

Nel 2010 assunti 38 mila stagisti. Ma sono solo il 12% del totale
QQQ Cerchi lavoro? Prova con lo stage. Non uno spot ma la realt dei numeri del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e ministero del Lavoro. Che dimostra che pi di 38mila giovani che hanno effettuato uno stage o un tirocinio nel 2010 sono stati poi assunti dalle imprese che li ospitavano. Numeri non da poco in questi tempi, peraltro in crescita rispetto al 2009, quando gli stagisti poi integrati in impresa erano stati quasi 37mila. Se paragonati per al numero totale di stagisti che ogni giorno affollano le scrivanie delle aziende, il dato perde un po di mordente, visto che quanti vengono confermati circa il 12% del totale. Meglio che niente. Oltretutto sia il numero delle imprese coinvolte sia quello dei tirocinanti diminuito rispetto al recente passato. Nel 2010, infatti, le imprese che hanno ospitato giovani in cerca di unesperienza di lavoro, il 32% dei quali laureato o prossimo alla laurea, sono state il 13,3% del totale (eranoil 14,8% nel 2009). In termini percentuali,lentit del fenomeno (e, pi nello specifico, anche la disponibilit ad accogliere in stage giovani laureati o laureandi) aumenta in maniera esponenziale al crescere della dimensione dellazienda. E con comportamenti peraltro diversi rispetto al passato: se le imprese con meno di 9 dipendenti che hanno ospitato tirocini sono state il 9,9% del totale di questa taglia dazienda (in contrazione rispetto all11,6% dellanno precedente), quelle con oltre 500 dipendenti sono state il 73,9%, in sensibile aumento rispetto al 65,8% del 2009. Questa analisi si contrappone con un dato molto preoccupante: oltre 427 mila giovani nel 2010 hanno perso un posto di lavoro che avevano nel 2009. Il Nord Italia va peggio della media nazionale per evoluzione del mercato del lavoro giovanile. quanto emerge da unindagine elaborata da Datagiovani. Quasi il 20% dei disoccupati nel 2010 lavorava nel 2009, si legge nello studio, e circa il 60% disoccupato da pi di un anno.

24

Gioved 11 agosto 2011

DALLA BORSA
::: In breve
IL PRESIDENTE ENEL PAOLO COLOMBO ACQUISTA 20 MILA AZIONI DELLAZIENDA Il presidente dellEnel, Paolo Andrea Colombo, ha acquistato ieri 20 mila azioni Enel, per un controvalore totale di 76.100 euro. quanto si legge nelle comunicazioni effettuate ai sensi della normativa sullinternal dealing. LORO MACINA NUOVI RECORD E SFONDA QUOTA 1.800 DOLLARI Loro passa di record in record a New York, dove le quotazioni sono salite a 1.801 dollari loncia. Dopo i picchi toccati nella giornata di marted, le quotazioni erano tornate a scendere per poi risalire nella notte di ieri in seguito alla decisione della Fed di lasciare i tassi invariati. Il metallo prezioso continua quindi ad attrarre capitali come bene di investimento per eccellenza. Il metallo giallo non per esente dai rischi legati allandamento dei mercati.

Intesa Sanpaolo travolta dalle vendite Lorso salva Tods (+2,54%)


Mercoled devastante per le Borse europee e per Piazza Affari in particolare: Milano nuovamente la peggiore in Europa e chiude a -6,65% (ma dai massimi in apertura la perdita del -10,40%) con una serie di titoli sospesi per eccesso di ribasso e perdite a doppia cifra per Intesa (-13,72%), Milano Assicurazioni (-11,27%) ed Ubi Banca (-10,17%). Per Intesa lanalisi evidenzia target ribassisti posti sotto leuro (rimbalzi in area 1,25/1,45 euro rientrano nella norma). Non vanno meglio gli altri indici europei con la Germania che chiude a -5,13% (dai massimi della sessione perde l8,8%; Deutsche Bank -10%, Commerzbank -8,30%) mentre la Francia chiude a 5,45% con un impressionante crollo del comparto bancario: Societ Generale -18,55%, BNP -12,80%, Credit Agricole -16,7%; male anche Zurigo -4%. Tornando in Piazza Affari tra i pochi titoli positivi si segnala Tods (+2,54%): chiude a 78,85 euro (massimi in apertura a 82,60 euro) ma graficamente si segnalano ripiegamenti da effettuare sui 74/72 euro con rimbalzi tecnici a 81,50 ed in area 84 euro (resistenza a 94,50 euro mantiene pressione ribassista sul titolo). Petrolio: 81,50/dollari, Oro tocca i 1800 dollari/oncia, euro/dollaro a 1,4175. DANIELA TURRI (ANDANIELA@HOTMAIL.COM)

::: In breve
BANCA INFRASTRUTTURE E SVILUPPO (BIIS) CHIUDE IL SEMESTRE CON UTILI IN CRESCITA Biis, Banca infrastrutture innovazione e sviluppo, listituto del gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al public finance e alla collaborazione tra pubblico e privato, ha chiuso il primo semestre del 2011 con un risultato netto a 72 milioni di euro, in crescita del 23,4% rispetto a giugno 2010. Lo comunica una nota del gruppo. Positivi i principali indicatori di conto economico: sono cresciuti i proventi operativi netti, arrivati a 177 milioni, e il risultato della gestione operativa, a 148 milioni, mentre, negli ultimi 12 mesi, sono stati erogati finanziamenti per 4,1 miliardi. Il bilancio dei primi sei mesi di Biis dimostra che la nostra scelta stata coraggiosa ma vincente, in particolar modo nel settore delle infrastrutture, ha commentato lad Mario Ciaccia.

SU WWW.LIBERO-NEWS.IT LA BORSA IN UN CLICK

Gli indici di Milano


FTSE Italia All Share

Gli altri indici di Milano


Titolo Chiusura Var. % Titolo

grafica a cura di centimetri.it Chiusura Var. %

Gli indici internazionali


New York DOW JONES

15.398,42
-6,07
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

DJ It Titans 30 Mediobanca Generale Comit Globale Comit Globale R Comit Globale R 1040 Comit Performance R Comit Performance R 1040

1.583,79 43,2 812 784,27 47,89 2.586,74 55,83

-5,89 -1,30 -0,90 -5,45 -5,30 -5,45 -5,30

Assicurazioni Banche TLC e Servizi Finanziarie Immobiliari Trasporti e tempo libero Industriali

2.616,84 631,92 1.163,56 237,79 132,75 1.186,35 439,39

-2,45 -5,39 -0,49 1,29 2,70 0,62 0,77

10.864,70
-3,34

dato di met pomeriggio 03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

T TS Mib

su www.libero-news.it l'aggiornamento delle borse ogni venti minuti

Zurigo SMI

14.676,04
-6,65
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

4.791,96
-4,12
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

FT TS Star

DAX

9.436,11
-2,12
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

5.613,42
-5,13
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

FTSE Italia Mid Cap

HONG KONG Hang Seng

18.310,57
-4,27
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

19.783,70
+2,34
03/08 04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

FTSE Mib
Titolo Rif. in Var. %

Titoli di Stato
Titolo ultima rilev. Ren. Titolo ultima rilev. Ren. Titolo ultima rilev. Ren.

Oro e monete
Titolo Denaro Lettera

Euribor
Titolo 360 365

ANSALDO STS 5,54 ATLANTIA 10,68 AUTOGRILL 7,935 AZIMUT 4,654 A2A 0,854 B M.PASCHI SIENA 0,4199 B POP MILANO 1,319 BANCO POPOLARE 1,085 BULGARI 12,17 BUZZI UNICEM 6,5 CAMPARI 5,155 DIASORIN 26,95 ENEL 3,378 ENEL GREEN POWER 1,511 ENI 12,17 EXOR 15,54 FIAT 4,726 FIAT INDUSTRIAL 6,275 FINMECCANICA 4,824 FONDIARIA SAI 1,334 GENERALI 10,68 IMPREGILO 1,557 INTESA SANPAOLO 1,132 LOTTOMATICA 11,34 LUXOTTICA GROUP 19,2 MEDIASET 2,45 MEDIOBANCA 5,4 MEDIOLANUM 2,248 PARMALAT 1,584 PIRELLI E C. 5,235 PRYSMIAN 9,65 SAIPEM 27,84 SNAM RETE GAS 3,536 STMICROELECTRONICS 4,362 TELECOM ITALIA 0,8015 TENARIS 11,45 TERNA 2,804 TODS 78,85 UBI BANCA 2,49 UNICREDIT 0,967

-4,65 -2,47 -2,64 -5,94 -5,48 -9,78 -8,91 -9,36 -9,47 -1,34 -3,41 -6,37 -2,7 -5,73 -4,25 -8,23 -8,26 -4,19 -9,56 -7,37 -6,54 -13,72 -3,41 -0,26 -5,41 -4,59 -8,17 2,06 -2,7 -9,81 -2,32 -2,43 -6,95 -3,72 -4,42 -2,84 2,54 -10,17 -9,37

BOT

BOT 15.08.2011 (364) BOT 31.08.2011 (184) BOT 15.09.2011 BOT 30.09.2011 (183) BOT 14.10.2011 (364) BOT 31.04.2011 (185) BOT 15.11.2011 (365) BOT 31.11.2011 (183) BOT 15.12.2011 (365) BOT 30/12/2011 (180) BOT 16.01.2012 (367) BOT 31.01.2012 (186) BOT 15.02.2012 (365) BOT 15.03.2012 (366) BOT 15.04.2012 (367) BOT 15.05.2012 BOT 15.06.2012 BOT 16.07.2012 (367)
BTP

99,989 99,926 99,87 99,82 99,739 99,645 99,67 99,43 99,301 99,26 99,075 99 98,9 98,57 98,36 98,055 97,8 97,748 100,101 100,13 101,02 100,549 100,838 99,9 100,9 98,3 101,5 101,65 97,101 101,599 97,1 100,02 97,74

4,13 1,04 1,06 1,18 1,24 1,31 1,41 1,46 1,62 1,76 1,97 2,22 2,1 2,2 2,37 2,33 2,77 2,68 2,41 2,26 2,77 2,77 3,29 3,3 3,45 3,52 3,5 3,48 3,69 3,74 3,91

BTP 01.09.2011 4,25% BTP 15.9.2011 3,75% BTP 01.02.2012 5% BTP 01.03.2012 3% BTP 15.04.2012 4% BTP 01.07.2012 2,5% BTP 15.10.2012 4,25% BTP 15.12.2012 2% BTP 01.02.2013 4,75% BTP 15.04.2013 4,25% BTP 01.06.2013 2% BTP 1.8.2013 4,25% BTP 01.11.2013 2,25% BTP 15.12.2013 3,75% BTP 01.04.2014 3%

BTP 01.06.2014 3,5% BTP 01.07.2014 4,25% BTP 1.8.2014 4,25% BTP 1.2.2015 4,25% BTP 15.04.2015 3% BTP 15.06.2015 3% BTP 1.8.2015 3,75% BTP 01.11.2015 3% BTP 15.04.2016 3,75% BTP 1.08.2016 3,75% BTP 01.02.2017 4% BTP 1.8.2017 5,25% BTP 01.02.2018 4,5% BTP 01.08.2018 4,5% BTP 1.2.2019 4,25% BTP 01.03.2019 4,5% BTP 01.09.2019 4,25% BTP 1.2.2020 4,5% BTP 01.03.2020 4,25% BTP 01.09.2020 4% BTP 01.03.2021 3,75% BTP 1.8.2021 3,75% BTP 01.09.2021 4,75% BTP 01.08.2023 4,75% BTP 15.09.2023 2,6% BTP 1.11.2023 9% BTP 01.03.2025 5% BTP 01.03.2026 4,5% BTP 1.11.2026 7,25% BTP 1.11.2027 6,5% BTP 1.11.2029 5,25 BTP 01.05.2031 6% BTP 1.2.2033 5,75% BTP 01.08.2034 5%

98,72 100,72 101 100,74 96,3 95,97 98,57 95,62 97,84 97,7 98,5 103,64 99,04 98,68 96,66 98,08 96,45 97,75 95,81 93,51 90,86 91,57 97,48 95,4 82,83 129,12 95,67 89,35 115,25 107,01 95,21 101,69 98,55 89,93

3,9 3,92 3,94 4,07 4,12 4,18 4,1 4,26 4,3 4,22 4,34 4,55 4,69 4,74 4,8 4,82 4,81 4,85 4,89 4,89 4,99 4,85 5,1 5,33 4,26 5,66 5,51 5,64 5,82 5,91 5,77 5,94 5,94 5,89

BTP 1.2.37 4% BTP 01.08.2039 5% BTP 01.09.2040 5% EUR BTP 15.09.2041 2,55%
CCT

77,19 88,32 88,09 73,01 99,98 99,87 98,55 97,201 96 94,1 92,11 92,71 90,7 89,4 89,2 89,45 99,83 98,657 98,164 97,15 95,507 95,993 94,163 99,599 97,08 94,04 91,17 90,41 85,99 86,68 74

5,82 5,96 5,96 4,03 1,95 2,55 3,46 3,93 4,35 4,39 4,56 4,05 4,64 4,64 4,1 4,16 1,61 2,18 2,46 3,02 3,08 3,23 3,58 2,33 3,28 3,37 3,44 3,75 3,86 4,48 3,96

CCT 1.11.2011 CCT 1.3.2005-2012 CCT 1.11.2012 CCT 1.7.2006-2013 CCT 1.3.2014 IND CCT 1.12.2014 CCT 01.09.2015 CCT-EU 15.12.2015 CCT 01.07.2016 IND CCT 1.03.2017 CCT-EU 15.10.2017 CCT-EU 15.04.2018
CTZ

ORO FINO (EURO/GR) 36.54 39.25 ARGENTO (EURO/KG) 774.69 851.12 LONDRA ($/ONCIA) 1780.61 1781.2 ARGENTO LONDRA ($/ONCIA) 39.26 39.32 STERLINA V.C. 258.23 290.25 STERLINA N.C. (ANT.73) 258.23 292.31 STERLINA (POST.74) 258.23 292.31 KRUGERRAND 1063.54 1,226.59 MARENGO ITALIANO 204 234.99 MARENGO SVIZZERO 202.97 232.41 MARENGO FRANCESE 202.97 232.41 MARENGO BELGA 202.97 232.41 MARENGO AUSTRIACO 202.97 232.41 20 MARCHI 242.73 276.82 10 DOLLARI LIBERTY 547.44 655.9

1 SETT. 2 SETT. 3 SETT. 1 MESE 2 MESI 3 MESI 4 MESI 5 MESI 6 MESI 7 MESI 8 MESI 9 MESI 10 MESI 11 MESI 12 MESI

1.222 1.282 1.326 1.38 1.438 1.545 1.6 1.666 1.741 1.798 1.845 1.9 1.959 2.023 2.083

1.239 1.3 1.344 1.399 1.458 1.566 1.622 1.689 1.765 1.823 1.871 1.926 1.986 2.051 2.112

Cross Rates
Euro Euro G.Bretagna Gran Bretagna Giappone Svizzera Danimarca Canada Norvegia Svezia USA

CTZ 30.09.2011 CTZ 29.02.2012 CTZ 30.04.2012 CTZ 31.08.2012 CTZ 31.12.2012 CTZ 31.12.2012 CTZ 30.04.2013
BTP INDICIZZATI

1,000 1,131 0,884 1,000

0,910 0,805

0,957 0,134 0,846 0,119 1,051 0,147 1,000 0,140

0,708 0,626 0,777 0,739

0,128 0,113 0,141 0,134 0,954 0,181

0,108 0,096

0,696 0,616

BTPI 15.9.2012 1,85% BTPI 15.9.2014 2,15% BTPI 15.09.2016 2,1% BTPI 15.9.2017 2,10% BTPI 15.09.2019 2,35% BTPI 15.9.2021 2,1% BTPI 15.9.2026 3,1% BTPI 15.9.2035 2,35%

Giappone 109,840124,211 100,000 Svizzera Danimarca Canada Norvegia Svezia Usa

0,119 76,453 0,113 0,807 0,153 0,727 5,186 0,984 5,437

1,045 1,182 7,451 8,425 1,413 1,598 7,811 8,832

0,951 6,783 1,287 7,111

7,129 10,000 5,272 1,352 0,190 7,473 1,048 8,834 1,239 1,375 0,193 1,000

Il maggior rialzo L'Oreal


valore

Il maggior ribasso Dea Capital


valore

L'azione pi scambiata Banco Popolare


quantit

5,526 10,000 0,846 6,533 1,017

79,3
var. %

1,166
var. %
04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

31.846.888
var. %
04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

9,232 10,441 8,405 1,437 1,625 1,308

1,182 10,000 6,426 0,184 0,156 1,000

+9,08

-15,51

-9,36

04/08 05/08 08/08 09/08 10/08

Gioved 11 agosto 2011

25

Mercato Azionario
AZIONI PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO
5,025 3,588 26,6 0,839 0,855 0,0855 0,66 3,2 10,8 1,24 9,1 0,13 2,286 4,7 71,5 3,776 5,54 0,4149 0,25 0,0104 0,091 1,462 3,92 10,68 7,935 19,3 6,89 10,2 4,654 0,854 -4,83 4,97 -1,44 4,03 -4,95 -3,93 3,61 2,3 2,96 0,81 -6,81 -5,85 2,62 -7,56 -4,6 -4,65 0,07 -6,26 -12,5 -1,22 -2,1 -2,47 -2,64 2,06 -3,16 -7,86 -5,94 -5,48 5,1981 3,4501 27,9651 0,8845 0,8494 0,0872 0,6755 3,2361 10,8 1,2863 9,1 0,1354 2,3787 4,5715 75,6016 3,9113 5,7095 0,4149 0,2602 0,0108 0,0976 1,4825 4,0549 10,9673 8,1076 19,364 7,1659 10,7918 4,8238 0,8793 1,2733 2,07 2,9118 3,4808 4,3196 3,4544 0,4379 5,0795 6,2177 1,6195 1,3831 2,2507 0,3037 6,2811 6,9479 6,6975 1,142 53,2472 2,0116 1,25 44,9238 43,01 2,7037 0,3883 0,3808 0,4718 4,4916 0,4647 1,311 0,25 1,4514 3,1649 0,4691 58,9591 36,8844 21 1,9994 21,6818 1,079 1,337 6,6099 0,1209 12,1747 1,0924 6,8384 3,8015 3,7129 2,5872 1,2731 1,5695 1,3374 0,2941 5,2365 0,1417 2,5393 18,2647 16,2802 1,302 0,7581 6,6575 1,7424 2,0069 0,0837 0,2385 0,4833 1,417 0,275 0,8416 0,6457 0,1114 0,7586 1,147 21,8623 2,3442 2,7951 6,5441 0,0449 0,908 2,0561 39,5804 0,9971 0,705 16,0935 8,297 46,9528 5,8637 1,2855 6,9016 30,3108 9,5548 27,7622 0,9377 2,4056 18,0216 0,7577 0,8981 0,7616 10,4049 1,006

MINIMO 2010/2011
5,025 3,418 26,5 0,8065 0,855 0,0845 0,477 3,128 9,82 1,18 9,01 0,13 2,208 4,58 71,5 3,5975 5,54 0,4 0,2193 0,01 0,091 1,462 3,638 10,68 7,935 18,91 6,89 10,2 4,654 0,854 1,24 2,07 2,9 3,38 4,3 3,5 0,4199 4,922 5,98 1,543 1,309 2,188 0,3061 5,9 6,72 6,47 1,085 49,99 2 1,188 42,7 41,53 2,67 0,3824 0,38 0,451 4,202 0,4554 1,241 0,235 1,286 3,012 0,478 53,05 35,25 20 1,999 20,77 0,995 1,26 6,24 0,12 7,28 1,021 6,5 3,62 3,45 2,49 1,157 1,594 1,33 0,2774 4,438 0,132 2,498 18 15,12 1,24 0,739 5,965 1,66 1,948 0,0839 0,241 0,4761 1,337 0,263 0,8205 0,642 0,102 0,715 1,106 20,3 2,266 2,622 6 0,0462 0,88 1,983 38,23 0,84 0,697 15,28 7,705 42,8 5,49 1,125 5,82 28,99 9 26,71 0,9365 2,306 15,04 0,736 0,88 0,74 10 0,9935

MASSIMO 2010/2011
8,2927 4,64 44,14 1,477 1,192 0,2309 1,477 5,64 12,5 2,495 9,9 0,281 4,432 5,82 108,43 4,502 9,6 0,596 0,3835 0,0285 0,4525 1,718 5,96 16,0972 10,97 24,38 11,4 16,16 8,3489 1,231 1,812 2,78 3,75 4,12 5,585 4,388 0,8589 6,6 9,895 3,0967 3,1625 3,455 0,44 9,3 9,95 11,56 2,7525 69,45 3,1 1,66 59,25 55 4,08 0,522 0,541 0,732 5,725 0,7645 1,45 0,4245 2,012 7,81 0,675 73,65 59,48 21 2,35 31,43 1,349 1,456 10,31 0,1729 12,33 1,46 10,76 6,09 4,4475 3,29 1,399 2,118 1,945 0,4291 5,935 0,411 4,4675 36,3 20,31 1,939 1,932 8,715 2,34 4,1 0,1497 0,34 0,777 1,789 0,52 1,44 0,784 0,371 1,07 1,461 24,77 3,695 5,505 12,82 0,161 1,295 5,02 58,58 1,26 1 24,58 13,69 53 6,54 1,6 9,3 48,57 11,33 36,09 1,573 3,265 23,51 0,907 1,287 1,539 15,14 1,768

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-38,28 -3,29 -39,97 -40,24 -22,13 -54,2 34,42 -31,11 -3,57 -27,7 -7,14 -27,66 4,26 -11,32 -19,59 1,1 -39,71 -14,01 -30,75 -59,06 -79,87 -7,23 -20,37 -26,57 -24,93 -16,45 -31,44 -18,4 -29,05 -17,01 -20,92 -25,41 -21,46 -16,55 -17,94 -16,27 -41,63 -18,99 -36,04 -47,82 -49,66 -33,47 -31,6 -25,97 -29,04 -28,63 -55,87 -19,68 -27,8 -21,73 -22,36 -14,87 -29,1 -22 2,09 -31,87 -11,91 -26,32 -8,96 -32,95 6,39 -44,58 -2,8 -5,09 -26,97 5 -7,59 -29,4 -15,97 -0,89 -19,22 -15,79 50,53 -12,81 -23,89 -33,46 -10,55 -8,46 13,39 -9,89 -21,76 -24,62 5,85 -46,15 -35,87 -42,89 -16,77 -18,4 -55,21 3,12 -19,15 -18,09 -35,98 -17,04 -27,86 -0,15 -37,87 -38,77 -1,37 -72,43 -23,86 -11,73 7,63 -31,23 -43,34 -37,34 -53 -16,35 -59,03 -24,3 25,52 -28,21 -36,2 -38,16 -2,29 -0,91 2,46 14,12 -25,67 -6,35 -16,33 -37,98 -17,81 15,89 -13,78 -28,04 -44,65 -21,14 -30,77

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)


23/05/11 11/07/11 26/05/03 02/05/06 04/07/11 07/05/07 18/05/09 25/04/08 09/05/11 02/05/08 26/04/11 04/06/07 18/04/11 05/05/11 09/05/11 23/05/11 26/05/08 27/04/09 24/07/00 09/05/11 02/05/11 23/05/11 23/05/11 18/04/11 09/05/11 29/04/11 23/05/11 20/06/11 23/05/11 23/05/11 02/05/11 02/05/11 09/05/11 05/05/08 18/05/09 18/04/11 26/04/11 11/05/09 23/05/11 09/05/11 09/05/11 01/08/11 02/05/11 16/05/11 23/05/11 09/05/11 13/06/11 02/05/11 23/03/11 03/05/10 23/05/11 06/05/02 23/05/11 23/05/11 09/05/11 04/07/11 12/05/08 26/05/08 13/05/11 20/05/11 26/04/10 18/05/09 23/05/11 19/08/81 04/02/08 09/05/11 19/05/03 23/05/11 24/05/10 23/05/11 10/05/10 09/05/11 17/05/10 23/05/11 23/05/11 19/05/08 23/05/11 05/05/08 07/05/10 09/05/11 25/07/11 16/05/11 23/05/11 05/05/08 11/05/09 21/05/01 23/05/11 10/05/10 23/05/11 10/05/11 26/04/11 02/05/11 26/04/11 16/05/11 20/06/11 19/05/03 06/06/11 14/04/11 27/04/09 08/11/10 08/10/10 10/05/11 02/05/11 26/04/11 27/05/11 13/05/11 20/06/11 08/12/08 19/05/08 12/04/10 12/04/10 23/05/11 23/05/11 1.070,1 197,3 110,9 30,2 65,5 62,4 70,9 505 97,6 2.916,1 1.084,6 14,2 5.297,8 206,9 32.453,9 833,1 775,6 18,9 59 13,3 7,9 342,7 385,8 6.731,7 2.018,7 84,4 606,3 21.309,4 666,7 2.675,5 2.003,9 360,8 38,3 396,4 231,4 546,7 4.553,4 1.535,2 1.517,2 116,1 547,5 67 207,3 49.797,6 44,4 722,5 1.913,4 46.147,2 122 22,2 32.637,4 691,2 29,5 141,5 28,4 90,2 792,1 893,8 12,3 18,6 48,1 82,5 14,6 33.651,5 32.151,4 91,1 52,2 116,8 48,5 1,2 416,7 94,5 4.094,3 108,7 1.074,8 147,4 33,3 195,1 15,9 191,5 166,3 186,4 2.994 7,1 114,9 12.688,2 856,2 16,5 142,5 109,5 272,1 19,7 13,8 22,2 85,9 1.088,3 29,3 33,2 467,5 6,3 34,9 321,5 1.358 612,2 871,5 13.358,1 7,4 29,3 32,1 36.875,8 84,9 105,1 624,6 323 24.097,3 350,7 357,5 1.003,1 16.549,2 39.251,9 1.501,1 13,2 18,4 197,8 3.841,8 97,5 32,3 48,2 62,9

AZIONI
EMAK ENEL ENEL GREEN POWER ENERVIT ENGINEERING ENI E.ON ERG ERGYCAPITAL ESPRESSO ESPRINET EUROTECH EUTELIA EXOR EXOR PRV EXOR RSP EXPRIVIA

PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO


3,14 -4,15 3,378 -6,37 1,511 -2,7 1,97 -1,5 20,51 -2,33 12,17 -5,73 13,97 -9,64 7,9 -6,95 0,3218 -5,91 1,29 -3,08 3,222 3,27 1,595 -1,42 0,215 15,54 -4,25 13,89 -2,8 11,06 -14,59 0,72 -2,04 0,86 4,726 6,275 3 3,274 3,008 3,072 2,7 4 4,824 0,3801 1,334 0,8295 12,37 1,66 0,067 2,4 19,31 3,71 0,5955 0,8845 10,68 2,9 4,75 6,47 3,19 1,128 -5,29 -8,23 -8,26 -3,23 -9,31 -7,73 -6,4 -2,88 1,01 -4,19 -4,62 -9,56 -6,54 -3,74 -2,19 4,35 1,69 -0,64 -2,38 -7,37 -3,27 -1,86 -0,23 -6,7 3,233 3,5045 1,5479 1,971 20,6155 12,6457 15,1102 8,1012 0,3343 1,3357 3,1984 1,6175 0,215 16,1717 14,5701 12,3794 0,7223 0,8866 5,026 6,7103 3,1378 3,4622 3,2502 3,2872 2,8009 4,067 4,9447 0,3984 1,4047 0,8572 12,9134 1,6435 0,066 2,4236 19,697 3,7486 0,6002 0,8845 11,0631 3,0016 4,75 6,4739 3,19 1,1721 0,8492 1,0921 0,9379 13,19 0,5973 1,6074 7,3457 4,8653 5,1437 2,306 6,1088 0,3488 0,7184 4,4268 1,2186 1,0046 0,0019 0,5814 1,821 0,9119 2,7743 1,3126 4,914 2,2403 23,1291 13,998 9,63 0,7946 1,4112 1,4508 0,2675 0,5817 0,0048 0,0312 1,5564 1,8347 0,4775 0,3133 78,34 11,6493 19,3653 110,2414 0,8344 4,3504 7,8517 0,2104 1,7 2,5076 5,5099 2,3602 0,0506 0,1413 9,5 0,2499 0,2485 2,1523 0,4097 1,9649 0,4863 4,9554 0,3538 0,1233 0,2593 0,2254 90,6 4,1333 2,7666 5,5694 3,5781 1,09 0,3544 1,0803 1,5902 0,612 14,4032 2,211 1,7954 3,0291

MINIMO 2010/2011
3,14 3,378 1,511 1,217 20,51 12,17 13,97 7,9 0,3218 1,29 3,12 1,588 0,215 15,54 13,89 11,06 0,72 0,86 4,726 6,275 3 3,274 3,008 3,072 2,7 3,912 4,824 0,3801 1,334 0,8295 12,37 1,071 0,067 2,3 18,99 3,62 0,54 0,844 10,68 2,9 4,29 6,415 3,19 1,128 0,7755 1,025 0,9 12,57 0,604 1,557 7,31 4,622 5,3 2,3 5,76 0,327 0,66 4,038 1,132 0,9545 0,0018 0,566 1,528 0,884 2,664 1,33 4,63 2,15 23 13,87 8,7681 0,78 1,348 1,4 0,2635 0,576 0,0046 0,029 1,549 1,807 0,4101 0,3 72,7 8,925 18,81 103 0,805 4,084 7,8 0,205 1,7 2,45 5,4 2,248 0,0434 0,1371 9,365 0,2385 0,2429 2,14 0,381 1,945 0,1566 4,69 0,3451 0,1185 0,2432 0,2283 89 4,1 2,754 5,54 3,462 1,09 0,342 1,099 1,479 0,4912 14,32 2,138 1,713 2,894

MASSIMO 2010/2011
4,6 4,832 2,048 2,398 24,32 18,42 25,05 10,44 0,498 2,104 6,275 2,44 0,215 25,76 21,3 20,1 1,155 1,7576 8,05 10,66 7,415 7,395 6,385 6,375 4,14 4,916 9,865 0,515 4,3675 2,9414 16,44 3,262 0,2451 4,16 30 5,25 0,7655 1,17 16,99 4,95 5,195 7,87 4,49 1,76 1,08 1,755 1,51 15,2 0,91 2,4625 8,2 9,015 7,34 2,89 9,375 0,54 0,815 6,175 2,3294 1,978 0,0068 1,87 2,708 1,407 4,034 2,7643 7,65 3,886 29,9 19,73 9,955 0,986 3,7 2,135 0,391 0,7235 0,0219 0,0737 2,068 3,015 0,761 0,755 90,4 15,44 23,49 130,8 3,6375 5,47 9,46 0,23 2,47 4,9225 8,01 4,084 0,0918 0,3575 10,73 0,8951 0,8676 3,1975 0,7665 2,868 0,72 7,2 0,46 0,175 0,33 0,848 125 5,59 3,4 6,39 8,45 1,175 0,67 1,622 2,64 1,56 25,5 3 3,8125 7,1

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-29,28 -9,68 -4,43 58,36 -2,98 -25,52 -39,5 -24,4 -33,03 -23,94 -41,74 -15,38 -37,03 -25,32 -40,41 -24,37 -48,65 -29,42 -43,71 -42,31 -26,98 -8,52 -43,28 -25,47 -63,12 -67,11 -24,11 52,85 -69 -39,62 -29,42 -13,11 12,04 -6,75 -24,84 -15,27 -2,06 -17 -28,64 -27,18 4,1 -25,26 -34,92 -14,14 -25,94 -26,47 -7,41 -41,3 -22,8 2,13 -20,44 -12,44 5 -22,74 -38 -39,24 -37,93 -54,72 19,61 -29,45 -20 -49,16 -26,8 -38,22 -8,37 -21,77 -17,41 -62,56 -30,62 -20,6 -72,57 -58,15 -16,94 -39,46 -35,23 -17,59 -6,92 22,26 -15,79 -15,19 -75,55 -3,66 -9,51 -4,3 -28,04 -45,89 -18,92 -27,31 10,86 -60,83 -5 -68,36 -68,84 -31,13 -1,47 -26,6 176,79 7,26 -14,79 -19,47 -12,69 -72,1 -22 -15,11 -9,41 -12,08 -55,24 -6,84 -41,27 -26,94 -22,73 -42,88 -37,47 -9,12 -49,62 -18,19

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)


06/06/11 20/06/11 23/05/11 23/05/11 13/06/11 23/05/11 07/05/09 23/05/11 23/05/11 02/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 02/05/11 23/05/11 18/04/11 86,8 31.764,5 7.555 35,1 256,4 48.745,2 27.954 1.187,5 30,5 529,2 168,8 56,6 14,1 2.490,4 1.066,8 101,4 37,4 250,6 5.164 6.854,4 309,9 261,6 310,7 245,5 13,8 168,6 2.789 94,5 489,6 105,9 32.339,5 18,6 17,1 107,8 42.359,3 53,4 874,9 3,3 16.627,4 751,7 27,8 925,8 19,1 1.257,7 38,3 336,8 39 462,9 207,3 626,6 11,8 535,8 2,7 56,2 11.873,1 45 4,2 429,7 17.547,5 890,1 890,1 7,1 52,3 1.044,6 47,7 10,5 820,1 226,7 510,2 226,7 144,5 159,2 23,5 30,9 118,1 25,3 25,3 28,2 48,6 203,3 32,1 3,5 47.771,3 1.950,7 8.965,9 52.766,3 259,6 261,6 522,2 97,2 31,6 2.894 4.650,1 1.649,5 69,7 7 36,1 439,4 24,9 150,9 84,4 479,4 9,8 22,5 51,8 15,9 6,7 3,2 18.369,9 162 319,5 24,1 13.158,9 14,7 12 50,8 2.752,9 2.752,9 13.924,9 794,9 25,6 87,3

AZIONI
PIQUADRO PIRELLI E C. PIRELLI E C. RSP POLIGRAFICA S.FAUSTINO POLIGRAFICI EDITORIALE POLTRONA FRAU PPR PRAMAC PRELIOS PREMAFIN PREMUDA PRIMA INDUSTRIE PRYSMIAN

PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO


1,925 5,235 4,054 6,31 0,4 0,9805 113,6 0,76 0,221 0,277 0,62 6,1 9,65 1,95 0,7875 0,76 0,644 0,4249 6,455 28 0,2098 17 0,33 0,2078 0,32 0,138 0,6395 1 27,22 15,9 0,2355 6,27 4,4 8,485 27,84 37,8 10,15 45,55 36,12 1,031 9,6 6,83 0,467 0,0453 1,2 5,045 0,299 5,555 71 2,2 3,536 22,65 1,99 5,46 0,0387 1,667 0,4338 166,7 4,362 1,44 0,6875 0,8015 0,719 0,1656 0,28 14,01 11,45 2,804 2,656 0,41 0,0482 78,85 1,5 31,78 7,17 8,2 4,17 -2,7 1,86 -0,63 -4,74 -0,15 1,61 1,33 -8,18 -3,52 3,33 -2,56 -9,81 -4,41 -0,52 -6,33 -0,02 -1,53 -4,31 0,43 -2,58 -8,05 -8 -0,54 -4,89 -1,24 0,3 2,79 -1,57 0,24 -2,32 -0,49 -3,56 -3,14 -9,88 -1,09 0,86 -3,62 2,96 -2,37 -3,53 -2,22 -2,43 -6,98 -1,68 0,37 -2,27 3,09 0,12 -6,95 -1,37 1,33 -3,72 -2,97 -4,72 -1,75 -4,42 -2,84 -0,75 -0,02 -3,41 2,54 -3,64 -0,42 2,89 1,9293 5,4507 4,0662 6,318 0,4109 1,0151 113,8077 0,7778 0,2344 0,287 0,6235 6,1574 10,2154 1,9513 0,7875 0,7736 0,6536 0,4331 6,5558 29,39 0,2049 17,264 0,3337 0,2078 0,3121 0,1447 0,6404 1 28,4831 16,0826 0,2358 6,3239 4,4552 8,6363 28,6705 37,8 10,62 46,361 36,6183 1,0921 9,7242 6,8761 0,4535 0,0471 1,2 4,9512 0,299 5,7144 74,644 2,1988 3,6165 24,731 2,035 5,4808 0,0405 1,655 0,425 166,7 4,545 1,4389 0,7067 0,8306 0,7435 0,1736 0,28 14,1922 11,7063 2,8566 2,7357 0,4276 0,0491 80,2687 1,5 32,7043 7,39 8,2284 2,6113 0,5019 1,0092 1,7045 21,46 0,2903 0,2329 4,0989 0,1376 1,218 3,6502 3,236 15,53 0,0356 0,0821 0,0245 0,6915 1,93 0,022 0,0014 0,0136 0,3977 0,113 0,0121 0,0109 0,559 0,0065 0,012 0,0056 0,0559 0,0648 0,18 0,012 0,0116 9,8351 2,0502 4,8449 0,7587 0,6673

MINIMO 2010/2011
1,811 5,235 3,9 6,31 0,4 0,8915 107,5 0,75 0,221 0,277 0,6 6,1 9,65 1,618 0,72 0,76 0,644 0,4249 6,455 28 0,2002 17 0,33 0,2078 0,29 0,138 0,6395 1 27,22 15,9 0,2348 6,1 4,324 8,465 27,06 35,01 9,95 45,55 36,12 1,031 9,105 6,83 0,4301 0,0453 0,725 4,9 0,299 5,515 71 2,2 3,536 22,65 1,93 4,95 0,0387 1,617 0,429 166,7 4,362 1,402 0,4932 0,8015 0,719 0,1656 0,28 14,01 11,45 2,804 2,544 0,41 0,0482 71,95 1,436 31,78 7,17 5,37 2,49 0,49 0,967 1,6 20,96 0,285 0,2251 4,108 0,1376 1,15 3,658 3,206 15,52 0,0345 0,0781 0,021 0,632 1,2 0,005 0,0014 0,0129 0,364 0,0961 0,012 0,009 0,37 0,004 0,0099 0,0049 0,04 0,0303 0,0731 0,0116 0,0099 8,15 1,988 4,736 0,4445 0,469

MASSIMO 2010/2011
2,91 7,675 6,31 10,11 0,4949 1,468 132,1 1,205 0,5925 0,792 0,766 10,03 15,95 2,42 0,8865 1,354 0,8795 2,0775 7,805 49,34 0,2485 21,49 0,607 0,305 0,584 0,2925 1,249 1,392 55,22 25,3 0,4 8,8 6,18 13,72 38,52 39,25 13,7 56,15 45,93 2,0225 10,7 8,1 0,6395 0,095 1,7 7,35 0,299 8,78 99,2 2,7725 4,286 52,1 2,95 6,05 0,0958 2,102 0,66 166,7 9,645 1,59 1,45 1,144 1,025 0,2397 0,4 18,61 18,51 3,476 3,78 0,712 0,0896 96,55 1,72 45,62 11,34 9,5 7,3746 0,53 1,997 2,15 23,84 0,5475 0,419 4,78 0,1376 1,52 4,64 4,11 22 0,0838 0,1478 0,0982 0,853 3,2 0,0265 0,0025 0,0489 1,2 0,275 0,0295 0,029 0,789 0,0174 0,024 0,0179 0,25 0,1711 0,51 0,0249 0,0243 13,32 5,35 5,69 1,569 1,15

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


2,5 -13,47 -27,74 -32,04 -16,14 2,14 -5,84 -28,1 -50,45 -62,64 -18,26 -15,8 -24,31 13,17 -10 -26,07 -11,72 -78,76 -8,5 -35,6 -13,8 -14,05 -7,17 -20,08 -29,36 -38,31 -39,38 -29,38 -47,54 -37,62 -31,64 -9,65 -12 -36,25 -24,43 3,56 -6,3 -5,67 -34,54 -6,07 -11,07 -27,82 -45,22 46,34 -14,92 -23,17 -23,66 -18,67 -4,95 -44,61 -19,43 10,75 -49,28 -3,08 -11,56 -44,54 2,86 4,64 -17,11 -11,45 -30,36 -13,18 -17,73 -37,6 -11,27 -24,11 -36,43 -40,05 6,7 2,88 -21,04 -33,49 52,99 -59,41 -0,88 -37,53 -11,7 -9,68 -38,24 -37,39 -0,95 -4,92 -7,79 -8,45 -22,81 -46,09 -37,5 -71,51 14,47 22,54 62,96 -36,36 -66,99 -67,45 -52,88 -56,36 -55,51 -51,41 -48,94 -68,54 -69,91 33,33 -18,18 -48,67 -47,41 -0,94 -63,66 0,67 54,73 36,34

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)


25/07/11 23/05/11 23/05/11 08/05/00 21/05/07 26/05/08 21/05/10 30/06/08 21/04/08 26/05/08 20/06/11 26/05/08 18/04/11 18/05/98 09/05/11 19/05/08 12/05/08 18/04/11 11/05/11 13/05/02 30/05/11 19/05/08 27/05/02 19/06/06 21/04/11 23/05/11 06/06/11 26/04/11 26/04/11 12/05/08 23/05/11 23/05/11 16/05/11 26/05/11 18/05/09 23/05/11 02/05/11 28/02/11 21/05/07 19/05/08 02/05/11 02/05/11 26/01/11 24/07/00 23/05/11 31/05/11 26/04/11 23/05/11 25/05/08 08/05/06 08/05/06 22/08/11 09/03/11 05/05/03 18/04/11 18/04/11 24/04/06 24/04/06 08/11/10 20/06/11 20/06/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 11/07/11 08/05/06 23/05/11 12/05/08 23/05/11 23/05/11 09/02/11 24/05/10 24/05/10 09/05/11 04/03/02 23/05/11 23/05/11 16/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 18/03/93 09/05/11 01/08/05 19/05/08 96,3 2.490,5 49,7 7,5 52,8 137,5 14.376,7 23,2 185,9 113,7 116,4 52,7 2.068,7 53,3 25,2 556,8 18,9 19,5 1.349,9 7.978,2 79,2 156,8 52,7 17 14,8 111,9 84,7 11,6 14.247,1 183,4 21,8 92 32,5 482,1 12.285,1 5,2 1.709,4 59.922,2 44.274,6 980,5 94,7 378 64,7 87,3 0,8 81,7 7,8 1.263,8 64.908,4 257 12.627,7 13.153,5 232,1 495,2 16,3 798,1 36,7 0,3 3.971,8 193,7 28,7 10.753,6 4.332,8 239,5 1,5 65.917 13.517,1 5.636 73,9 43,9 89,7 2.413,6 45,9 75.376,1 458,9 21,4 2.245,3 80,5 18.638,2 40,3 36.798,1 602,6 293,1 43,5 20 36,7 160,7 219 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 18.173,3 504,8 1,9 385 17,5 2,4

A
ACEA ACEGAS-APS ACOTEL GROUP ACQUE POTABILI ACSM AEDES AEFFE AEGON AEROPORTO DI FIRENZE AGEAS AHOLD KON AICON ALCATEL-LUCENT ALERION ALLIANZ AMPLIFON ANSALDO STS ANTICHI PELLETTIERI APULIA PRONTOP ARENA ARKIMEDICA ASCOPIAVE ASTALDI ATLANTIA AUTOGRILL AUTOS MERIDIONALI AUTOSTR TO-MI AXA AZIMUT A2A

R
RATTI RCF GROUP RCS MEDIAGROUP RCS MEDIAGROUP RSP RDB RECORDATI RENAULT RENO DE MEDICI REPLY RETELIT RICCHETTI RICHARD GINORI 1735 RISANAMENTO ROMA A.S. ROSSS RWE

F
FALCK RENEWABLES FIAT FIAT INDUSTRIAL FIAT INDUSTRIAL PRV FIAT INDUSTRIAL RSP FIAT P FIAT RSP FIDIA FIERA MILANO FINMECCANICA FNM FONDIARIA SAI FONDIARIA SAI RSP FRANCE TELECOM SA FULLSIX

18/04/11 18/04/11 20/05/02 04/05/09 23/05/11 24/05/10 24/05/10 10/06/11 15/05/06 24/05/10 04/05/11 16/05/11 18/06/07 18/05/09 23/05/11 23/05/11 25/05/09

B
B CARIGE B CARIGE RSP B DESIO BRIA RSP B DESIO E BRIANZA B IFIS B INTERMOBILIARE B M.PASCHI SIENA B P DI SONDRIO B P EMILIA ROMAGNA B POP ETRURIA E LAZIO B POP MILANO B POP SPOLETO B PROFILO B SANTANDER B SARDEGNA RSP BANCA GENERALI BANCO POPOLARE BASF BASICNET BASTOGI BAYER BB BIOTECH B&C SPEAKERS BCA FINNAT BEE TEAM BEGHELLI BENETTON BENI STABILI BEST UNION COMPANY BIALETTI INDUSTRIE BIANCAMANO BIESSE BIOERA BMW BNP PARIBAS BOERO BOLZONI BON FERRARESI BORGOSESIA BORGOSESIA RSP BREMBO BRIOSCHI BULGARI BUONGIORNO BUZZI UNICEM BUZZI UNICEM RSP 1,24 -6,06 2,07 2,9 -3,33 3,388 -4,56 4,3 -2,05 3,5 0,4199 -9,78 4,982 -4,56 5,98 -8,7 1,543 -7,77 1,319 -8,91 2,252 0,99 0,3061 -1,45 5,9 -7,6 6,72 -1,25 6,47 -5,06 1,085 -9,36 49,99 -4,42 2 -3,38 1,25 -2,27 42,7 -5,3 42,14 1,47 2,68 -0,59 0,39 -0,36 0,4099 2,4 0,451 -6,04 4,336 -4,75 0,4664 1,86 1,311 0,2474 3,51 1,415 1,43 3,012 -6,69 0,486 1,67 55,9 -4,61 35,25 -10,35 21 2,01 -0,3 20,77 -5,16 1,079 1,337 6,24 -6,59 0,12 -1,07 12,17 1,021 -9,41 6,5 -9,47 3,62 -8,03 3,712 -1,8 2,49 -2,35 1,27 0,79 1,594 -0,31 1,33 -2,92 0,2774 -4,34 5,155 -1,34 0,14 -6,67 2,498 -1,65 18 -1,64 15,83 -3,36 1,348 2,98 0,739 -2,12 6,44 -2,35 1,71 -2,29 1,97 -2,38 0,0847 -1,51 0,241 -2,82 0,4761 -2 1,372 -3,38 0,2774 2,74 0,8205 -3,01 0,65 -0,76 0,102 -8,11 0,75 -4,64 1,129 -3,09 22 -0,27 2,266 -6,13 2,622 -14,76 6 -12,98 0,0462 -0,43 0,88 -2,22 1,983 -3,74 38,23 -0,18 1,028 2,8 0,701 0,57 15,28 -4,68 7,99 -5,5 46,9 3,42 6 1,87 1,166 -15,51 6,71 -0,74 28,99 -6,21 9 -3,43 26,95 -3,41 0,9365 -4,44 2,4 -1,4 17,5 -4,32 0,7415 0,8815 0,74 10 0,9935 -5,78 -2 -1,46 -4,67 -1,24

S
SABAF SADI SERVIZI INDUSTR SAES GETTERS SAES GETTERS RSP SAFILO GROUP SAIPEM SAIPEM RCV SALVATORE FERRAGAMO SANOFI SAP SARAS SAT SAVE SCREEN SERVICE SEAT PAGINE GIALLE SEAT PAGINE GIALLE RSP SERVIZI ITALIA SETECO INTERNATIONAL SIAS SIEMENS SNAI SNAM RETE GAS SOCIETE GENERALE SOGEFI SOL SOPAF SORIN STEFANEL STEFANEL RSP STMICROELECTRONICS

G
GABETTI GAS PLUS GDF SUEZ GEFRAN GEMINA GEMINA RSP GENERALI GEOX GREENVISION GRUPPO COIN GRUPPO MINERALI MAFFEI

H
HERA 06/06/11 07/04/08 23/05/11 28/04/08 23/05/11 24/05/11 18/07/11 18/07/11 17/05/11 17/05/11 14/08/08 20/06/11 20/06/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 18/06/01 09/05/11 23/05/11 16/05/11 02/02/09 23/05/11 23/05/11 06/06/11 06/06/11 04/11/02 24/05/10 17/07/91 09/05/11 09/05/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 29/04/02 29/04/11 24/05/10 23/05/11 29/11/10 16/05/11 09/05/11 23/05/11 22/04/02 23/05/11 22/11/10 23/05/11 11/05/09 26/04/10 26/04/10 28/02/11 23/05/11 28/02/05 22/05/06 20/05/02 19/05/03 20/09/10 21/04/11 02/05/11 23/05/11 04/05/11 04/06/07 10/05/04 11/05/09 18/04/11 18/04/11 04/04/11 16/05/11 23/05/05

I
I GRANDI VIAGGI IGD IL SOLE 24 ORE IMA IMMSI IMPREGILO IMPREGILO RSP INDESIT INDESIT RSP INDUSTRIA E INNOVAZIONE ING GROEP INTEK INTEK R INTERPUMP INTESA SANPAOLO INTESA SANPAOLO RSP INV E SVIL 2012 W INVEST E SVILUPPO IRCE IREN ISAGRO IT WAY ITALCEMENTI ITALCEMENTI RSP ITALMOBILIARE ITALMOBILIARE RSP ITALY1 INVESTMENT 0,85 -3,95 1,089 4,41 0,9 -3,17 12,57 -6,19 0,604 -2,58 1,557 -6,54 7,31 -2,01 4,714 -4,54 5,3 -0,56 2,4 5,76 -5,81 0,345 2,07 0,735 5,08 4,4 -2 1,132 -13,72 0,9545 -10,54 0,0018 -10 0,566 -4,87 1,86 0,884 -6,16 2,716 0,59 1,33 -2,49 4,63 -7,03 2,15 -5,78 23 -2,21 13,87 -0,43 9,63 -1,63 0,79 1,348 1,45 0,264 0,58 0,0048 0,029 1,569 1,807 0,4735 0,328 79,3 11,34 19,2 107,7 -0,19 -5,47 1,97 0,19 -0,85 -5,88 -5,54 0,58 -2,85 -1,33 4,13 9,08 -3,41 -0,26 -2,45

T
TAMBURI TAS TELECOM ITALIA TELECOM ITALIA RSP TELECOM ITALIA MEDIA TELECOM ITALIA MEDIA RSP TELEFONICA TENARIS TERNA TERNIENERGIA TESMEC TISCALI TODS TOSCANA FINANZA TOTAL TREVI TXT E-SOLUTIONS

J
JUVENTUS FC

C
CAD IT CAIRO COMMUNICATION CALEFFI CALTAGIRONE CALTAGIRONE EDITORE CAMFIN CAMPARI CAPE LIVE CARRARO CARREFOUR CATTOLICA ASSICURAZIONI CDC CELL THERAPEUTICS CEMBRE CEMENTIR HOLDING CENTRALE DEL LATTE TO CHL CIA CICCOLELLA CIR CLASS EDITORI COBRA COFIDE COGEME SET CONAFI PRESTITO CR ARTIGIANO CR BERGAMASCO CR VALTELLINESE CREDEM CREDIT AGRICOLE CRESPI CSP INTERNATIONAL

K
KERSELF KINEXIA KME GROUP KME GROUP RSP KME GROUP 2011 W K.R.ENERGY

U
UBI BANCA UNI LAND UNICREDIT UNICREDIT RSP UNILEVER UNIPOL UNIPOL P 2,49 -10,17 0,504 0,967 -9,37 1,661 -2,24 21,46 0,285 -2,86 0,2251 -5,02 4,16 0,1376 1,218 3,67 3,25 15,53 1,27 0,25 1,37 -0,45

L
LA DORIA LANDI RENZO LAZIO S.S. LE BUONE SOCIETA LOREAL LOTTOMATICA LUXOTTICA GROUP LVMH

V
VALSOIA VIAGGI DEL VENTAGLIO VIANINI INDUSTRIA VIANINI LAVORI VITTORIA ASS VIVENDI

M
MAIRE TECNIMONT MARCOLIN MARR M&C MEDIACONTECH MEDIASET MEDIOBANCA MEDIOLANUM MERIDIANA FLY MERIDIE MID INDUSTRY CAPITAL MILANO ASS MILANO ASS RSP MITTEL MOLMED MONDADORI MONDO HE MONDO TV MONRIF MONTEFIBRE MONTEFIBRE RSP MONTI ASCENSORI MUNICH RE MUTUIONLINE 0,805 -6,99 4,21 1,35 7,85 0,205 -4,21 1,7 -5,03 2,45 -5,41 5,4 -4,59 2,248 -8,17 0,05 -3,66 0,1371 -2,21 9,5 0,2385 -11,27 0,2429 -4,89 2,14 -1,38 0,401 -4,5 1,945 -1,67 0,4747 2,53 5,1 3,03 0,3451 -0,55 0,122 -4,69 0,2593 0,2398 0,5 89 -2,73 4,1 -2,52 2,754 5,57 3,462 1,09 0,3524 1,12 1,584 0,5975 14,32 2,138 1,713 2,894 -1,64 -2,7 3,04 2,06 12,74 -8 -7,41 -1,83

W
W CAMFIN 11 W ERGYCAPIT 16 W GABETTI 13 W INTERPUMP 12 W PRI 2013 W RGINORI 2013 W TISCALI 14 W UAI 2011-2015 WARR AEDES 2009-2014 WARR BPM 09-13 WARR CREVAL 2014 WARR ERGYCAPITAL 11 WARR FIRST CAPITAL 2013 WARR IKF 10-14 WARR INTEK 2011 WARR ITALY1 WARR KME 09-11 WARR KRE 09-12 WARR MADE IN ITALY 1 WARR MERIDIE 11 WARR PIERREL 08-12 WARR RETELIT 08-11 WARR TAMBURI 2013 WARR UNIPOL PRV 2013 WARR UNIPOL 2013 0,0345 -6,76 0,08 -1,23 0,0245 0,72 5,88 1,93 0,022 0,0014 0,0135 -3,57 0,3903 -13,27 0,1131 -10,94 0,012 -7,69 0,0109 0,559 0,0069 -2,82 0,012 0,0056 5,66 0,0659 39,62 0,064 0,18 0,0116 -2,52 0,0122 9,53 1,988 4,812 0,7195 0,6885 0,32 -8,13 -1,11 -4,07 4,32

D
DADA DAIMLER DAMIANI DAMICO DANIELI & C DANIELI & C RSP DANONE DATALOGIC DEA CAPITAL DELONGHI DEUTSCHE BANK DEUTSCHE TELEKOM DIASORIN DIGITAL BROS DMAIL GROUP DMT

N
NICE NOEMALIFE NOKIA CORPORATION NOVA RE

O
OLIDATA

P
PANARIAGROUP PARMALAT PARMALAT 2015 W PHILIPS PIAGGIO PIERREL PININFARINA

Y
YOOX YORKVILLE BHN

E
EDISON EDISON RSP EEMS EL EN ELICA

Z
ZIGNAGO VETRO ZUCCHI ZUCCHI RSP

26

Gioved 11 agosto 2011

@ www.libero-news.it
A tu per tu
di MATTIAS MAINIERO

::: le lettere
I MORSI DELLECONOMIA/1 I MORSI DELLECONOMIA/4

lettere@libero-news.eu

Le lettere via e-mail vanno inviate sottolineando nelloggetto: lettere. Via posta vanno indirizzate a: Libero - viale L. Majno 42 - 20129 Milano; via fax al n. 02.999.66.264.

A.A.A. Cercasi sostituto per il dollaro


Siamo sempre un paese da tripla A, questo il concetto espresso da Obama in seguito al declassamento. Il classico atteggiamento del perdente che non intende accettare il verdetto dellarbitro. Non si pu continuare a permettere che le agenzie di rating distruggano i risparmi di milioni di persone con i loro giudizi, nessuno sa quanto accurati. Forse Obama dovrebbe prendere il toro per le corna e regolamentare il mondo delle pagelle del credito. il presidente degli Stati Uniti, lo pu fare. Leila Organa di Alderaan e.mail Obama e il mondo occidentale, in questo momento, hanno certamente il problema delle agenzie di rating e della concentrazione dei giudizi nelle mani di tre sorelle tre finora poco affidabili, ma un problema tutto sommato di piccola portata. Vede, se unagenzia di rating si sveglia una mattina e dice che un Paese solido, stimato, rigoroso, compatto, politicamente efficiente ha perso una A, il mondo interno, parli Moodys o Standard & Poors, se ne infischia. Se dice che gli Stati Uniti hanno perso una A, il mondo traballa per il semplice fatto che le agenzie hanno colto nel segno. Terra terra: la tripla A era immeritata. Doveva cadere da tempo, fin da quando Obama decise che i debiti privati americani erano debiti pubblici e condann gli States al declassamento. E ora il vero problema del mondo occidentale ben pi grosso. Glielo racconto cos: una volta cera loro, poi, con gli accordi di Bretton Woods, la valuta mondiale di riferimento divenne il dollaro. Valuta principe. Leuro, lo sappiamo tutti, sale e scende nei confronti del dollaro, cos la sterlina, cos lo yen. Il prezzo del petrolio espresso in dollari. Loro vale tot dollari. Il dollaro (e dunque gli Usa) il perno attorno al quale ruota il mondo. Ruotava, perch oggi laquila americana vola rasoterra, oggi il perno si incrinato, alcuni dicono che si rotto. E il mondo non riesce ancora a capire se torner a funzionare come prima, se bisogner crearne uno nuovo o se si dovr ruotare senza perno andando a sbattere da tutte le parti e finendo nelle fauci della Cina. Tutto qui. Le agenzie di rating, spesso inaffidabili, semplicemente certificano, una volta tanto cogliendo nel segno e sancendo ci che molti gi sapevano: questa la crisi del mondo occidentale, prima ancora che degli spread e dei debiti sovrani. Crisi di idee, di strategie, di valori. Dubito che declassando le agenzie di rating potremo salvarci. mattias.mainiero@libero-news.eu

Adesso tagliare tocca ai politici


Ho appena finito di leggere leditoriale sui privilegi previdenziali della casta. Sono daccordissimo. Tutti i maggiori quotidiani dovrebbero unirsi in questa battaglia che davvero super partes. Sino a che la casta non si adegua tutti i giornali dovrebbero aprire con lo stesso titolo: Adesso tocca a voi!. Questa s che sarebbe una rivoluzione democratica. Luca Crenna e.mail

Troppi pensionati sono privilegiati


Sono 2.615.346 gli italiani che prendono una pensione superiore a 2.000 euro al mese e 2.391.438 quelli da 1.500 a 2.000 euro. Nella fascia sopra i 2.000 euro ci sono i privilegiati di tutte le categorie. Non sarebbe da tagliare la pensione a quelli che hanno versato i contributi, ma a quelli che percepiscono pensioni superiori a quanto hanno versato. Pietro Monai e.mail

la battaglia fino in fondo. Instancabile e indomabile pi che mai, determinato, sicuro e forte anche dei consensi e della stima di cui gode a livello internazionale (la telefonata di Obama, dettata dalla grave contingenza, non un caso), il Premier tornato protagonista assoluto e l'unico in grado di portarci fuori dalla crisi, verso acque pi tranquille. Forse sar costretto ad adottare misure drastiche. Chi vorrebbe essere adesso al suo posto e rischiare di diventare impopolare? Rita Muscardin e.mail

I MORSI DELLECONOMIA/10

Gli speculatori sono come gli avvoltoi


Famelici avvoltoi, un tempo variopinti: chi nero, chi rosso, chi bianco. Volteggiano instancabilmente nell'azzurro del nostro cielo aspettando il momento opportuno per azzannare la preda e potersela spartire. Prima o poi, stanchi di volteggiare, dovranno appollaiarsi sul ramo ad aspettare inutilmente una preda che non ha nessuna intenzione di farsi azzannare. Bruno Masetti Pratovecchio (Ar)

I MORSI DELLECONOMIA/8

I MORSI DELLECONOMIA/2

I MORSI DELLECONOMIA/5

Lo Stato non fa nulla per chi perde il lavoro


Per chi come me ha perso il lavoro dopo i 50 anni, cosa fa lo stato in Italia? Paga per un anno un sussidio di disoccupazione che nel mio caso stato pari 30 % dellultimo stipendio e poi basta. In Svizzera lo paga per due anni e al 70% del lordo se si single, all80 % se coniugato. E in Germania? Tra le tante cose vengono integrati i contributi dallo Stato a chi trova o accetta un lavoro con uno stipendio inferiore. E in Italia? La costringono a fare il co.co.co. massacrandogli la situazione previdenziale. Se devo affogare per salvare da solo questa Italia corrotta e schifosa preferisco che si vada tutti a ramengo. Giovanni Carrettoni e.mail

Segnalo la vergogna dellEnasarco


I nostri anziani si devono arrangiare con 500 Euro al mese mentre la casta totalmente incapace di aprire gli occhi e di accorgersi che i forconi non sono poi cos lontani. Segnalo, a proposito di vergogne italiane-romane, l'Enasarco. Il meccanismo di contribuzione - erogazione delle pensioni a cui noi promotori finanziari e pi in generale gli agenti di commercio siamo obbligati indecente. Carlo Pagnoncelli Sarnico (Bg)

Per fortuna Bersani fuori dai giochi


Per favore qualcuno faccia sapere a Bersani, Franceschini e Di Pietro, che la lettera spedita dalla Bce al nostro governo, quale condizione perch ci acquistasse i nostri Bond, contiene una serie di richieste di adeguamenti della nostra politica economica e sociale che va anche oltre ci che stato fatto da Berlusconi, ma che esattamente all'opposto di ci che tali personaggi chiedono ormai da una vita, a dimostrazione che le loro idee, i loro progetti e i loro programmi sono solo nelle loro teste, per fortuna, e che meglio che l restino per il bene di questo Paese. Angelo Trotta e.mail

I MORSI DELLECONOMIA/11

Il nostro federalismo? Pi tasse per tutti


Questa mattina sono andato dalla mia assicurazione a pagare la rata semestrale. Sorpresa: un nuovo aumento del 3,5% dovuto a una nuova tassa della provincia di Ancona. Tassa aggiunta ai vari balzelli che ci sono gi grazie alla possibilit che lascia il "federalismo all'italiana". Fabio Guidi e.mail

I MORSI DELLECONOMIA/12

I MORSI DELLECONOMIA/6

Ridimensioniamo il carrozzone Rai


Per una volta, Berlusconi potrebbe trasformare una necessit in opportunit, risalendo un po in popolarit, a fronte dei pesanti nuovi sacrifici, e abolire l'odiato canone Rai. Sarebbe una misura equa, al passo con i tempi, con un migliaio di canali liberi. Che senso ha continuare a finanziare solo quelli sempre pi mediocri della Rai? Imporrebbe una cura dimagrante ai superpagati dirigenti Rai e ai loro protetti, una casta rispetto alla quale quella dei politici appare una congrega di santi. Carlo Gaudio e.mail

Siamo diventati un Paese allo sbando


Le tasche degli italiani sono vuote, inutile mettervi mano. Allora ecco che decidono di aumentare alla fonte il prelievo Irpef. Il petrolio grezzo scende sotto gli ottanta dollari il barile, ma il prezzo della benzina rimane stratosferico. La casta non si tocca; rimangono le province, riserve leghiste, gli enti inutili, il Colle, Palazzo Madama, Montecitorio: pozzi di spesa senza fondo. I Proci e i loro privilegi: nessun Ulisse a cacciarli. Blablabla dei politicanti. Un'Italia allo sbando. Giorgio Collarin Solto Collina (Bg)

I MORSI DELLECONOMIA/9

I MORSI DELLECONOMIA/3

Colpiscono sempre il ceto medio


Sono un 56nne lavoratore dipendente, che da 36 anni paga regolarmente i contributi. In altri tempi, fino al 2005, avrei gi raggiunto i requisiti pensionistici, ma grazie alle varie riforme, mi trovo di fronte altri 4 anni di lavoro, pi un anno vuoto di finestra. Oggi, sento proposte di innalzamento della pensione di anzianit a 65 anni. Sono contrario a questa ipotesi. Dopo 40 anni di lavoro giusto poter godere il meritato riposo. Poi, chi proibisce ad altri di continuare a lavorare? Ho sempre militato nella destra, ma ritengo inaccettabile che vengano colpiti sempre e solo i lavoratori dipendenti ed i ceti medi. Azeglio Arazzi e.mail

Silvio non riuscito a toglierci dai guai


Siamo sempre pi numerosi a non fidarci di Berlusconi. Anche se dall'altra parte c' il nulla. Berlusconi ci racconta che da zero arrivato a 56.000 dipendenti, bravo. Ma se avesse gestito le sue aziende come ha gestito il governo, sarebbe stato un bel fallimento. Certamente nelle sue aziende non troviamo, le Carfagna, le Prestigiacomo, le Brambilla, i Crosetto e le Santanch. A noi interessava un politico che, in momenti difficili, tenesse a galla il Paese. Ci siamo trovati invece, un Premier che ci ha raccontato un mare di storielle. Un Premier che si ridicolizzato mescolando il pubblico con il privato. Si ritiri dalla politica, sarebbe una mossa dignitosa. Piero Franzino e.mail

ARIA DI RIBALTONE

I MORSI DELLECONOMIA/7

Se Bersani sponsorizza i tecnocrati


Caro Bersani vuoi il cambiamento? Allora esponiti in prima persona e mettici la faccia anzich corteggiare pseudo tecnici non proprio lontani dalla politica come lo fu il prof. Prodi, ex democristiano di ferro e corresponsa-

Il Cav si lancia nella sfida pi difficile


Silvio ha alzato la testa, nel momento pi difficile, come accade sempre per le persone forti, sceso nell'arena deciso a combattere

REDAZIONE MILANO 20129 - Viale L. Majno, 42

DISTRIBUTORE PER LITALIA E LESTERO PRESS-DI Distribuzione Stampa e Multimedia Srl STAMPA: Litosud Srl - Via Aldo Moro, 2 - Pessano con Bornago (Mi) EDIZIONI TELETRASMESSE Litosud Srl - Via Carlo Pesenti, 130 - Roma S.t.s. S.p.A. - Strada V zona industriale, 35 - Catania LUNIONE EDITORIALE S.p.A. - Viale Regina Elena, 12 - Cagliari MARTANO EDITRICE S.r.l. - Viale delle Magnolie - Modugno (BA) CENTRO SERVIZI EDITORIALI Srl - Via del Lavoro, 18 - Grisignano (Vi) TESTATA: Opinioni nuove - Libero Quotidiano Contributi diretti legge 7 agosto 1990 n. 250

DIRETTORE RESPONSABILE Maurizio Belpietro


VICE DIRETTORI Massimo de Manzoni (vicario) - Franco Bechis Fausto Carioti - Pietro Senaldi DIRETTORE GENERALE: Stefano Cecchetti

Telefono: 02.999.666 - Fax: 02.999.66.264 REDAZIONE ROMA 00187 - Via Barberini, 50 Telefono: 06.999.333 - Fax: 06.999.33.443

segui la rubrica anche su

www.

EDITORIALE LIBERO s.r.l. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE: Arnaldo Rossi CONSIGLIERI: Maurizio Belpietro - Sergio De Benedetti

UFFICI AMMINISTRATIVI: Viale L. Majno, 42 - 20129 Milano SEDE LEGALE: Via dei Valeri, 1 - 00184 Roma

n 193 anno XLVI Registrazione: n 8/64 del 22/12/1964 - Tribunale di Bolzano


PREZZO VENDITA ESTERO: CH - Fr. 3.00; MC & F - 2.00.

Gioved 11 agosto 2011 @ www.libero-news.it

27

Tutte le e.mail inviate a Libero e non pubblicate in questa pagina per mancanza di spazio le trovate sul nostro sito allindirizzo www.libero-news.it
Vi invitiamo a scrivere lettere brevi. La redazione si riserva il diritto di tagliare o sintetizzare i testi.

Su www.libero-news.it

bile del disastro Iri. I governi tecnici sono e saranno sempre peggiori dei peggiori governi della prima Repubblica. Il loro primario obiettivo aumentare le tasse e inserire la patrimoniale non rendendosi conto che cos operando i consumi chi li effettua? Ges Bambino? Un conto pagare le tasse tutti e nel giusto modo un altro tartassare gli abbienti senza piet. Essere benestanti non un reato. Maria Letizia Droghini e.mail

chi legge, chi chatta sul p.c., chi dormema nessuno che presti attenzione a colui che sta parlando. Ho timore che, molto presto, i cittadini onesti si ribelleranno. Marinella Gualina Brescia

LONDRA IN FIAMME/1

Il vento di rivolta arriva in Europa


Rivolte popolari non solo in Egitto, Tunisia, Libia e Siria, ma anche in Gran Bretagna. Le citt coinvolte sono per la maggioranza abitate da proletari e molti stranieri. Si ha limpressione che il virus della violenza popolare si sia spostato dal Nord Africa allEuropa. Cresce il malcontento della popolazione di fronte a un crescente divario tra ricchi e poveri. Da pacifista sin dalla culla sono comunque contro ogni tipo di violenza. Penso invece che determinate condizioni di vita inaccettabili dovrebbero essere denunciate pubblicamente e che i manifestanti dovrebbero presentare le proprie richieste al governo tramite una delegazione di rappresentanza. Sibylle Abstoss Milano

IMMIGRATI

I profughi stanno in hotel a 4 stelle


Ho constatato che parecchi immigrati sono ospitati in un hotel quattro stelle, Hotel Bizantino a Massafra provincia di Taranto, in numero tale da occupare l'intero albergo. Sarei curioso di conoscere il costo e chi paga tutto ci e per quanto tempo questi ospiti sono mantenuti a non fare nulla. Mi convinco sempre di pi che l' Italia non un Paese normale. Ci aumentano le tasse (vedi benzina) per mantenere gente che si introduce illegalmente nel Paese, si stanziano aiuti per il Sud per ospitare in alberghi quattro stelle presunti rifugiati. Roberto Ferrario Vermezzo (Mi)

quale non vede di buon occhio l'integrazione con altri popoli. La Danimarca ha voltato le spalle al Trattato di Schengen, reintroducendo i controlli alle frontiere per arginare l'immigrazione illegale. A Stoccolma entrato in Parlamento un partito xenofobo e di estrema destra, sbandierando in campagna elettorale la minaccia islamica. L'Europa parla razzismo? Fabio Sicari Bergamo

LA CASTA/1

TERZO MONDO

Cera una volta la Lega Nord


Sono un pensionato del Nordest. Sono stato un assiduo sostenitore della Lega contro Roma ladrona, per riscattare un po di dignit di noi polentoni. Questa era la speranza per me, e per i miei figli che a quel tempo stavano crescendo... Ora che vivo con circa 500 euro al mese e mi compare in televisione un trota che ne guadagna 10.000 (con qualcuno che lo giustifica e dice che se li guadagnati nel campo), mi domando: che senso ha? Una volta cera la Lega. Giovanni Bizzotto Ros (Vi)

Troppa disattenzione sulla carestia africana


Il Corno d'Africa sta vivendo la pi grave carestia che il 21 secolo abbia finora conosciuto. Pi di tutti la Somalia a pagare per la grande scarsezza di viveri, perch oltre alla lunga siccit paga le conseguenze di una guerra civile che dura da ormai 20 anni. Si parla di 12 milioni di persone a rischio di sopravvivenza. Si parla di una situazione drammatica che, in assenza di piogge, peggiora per tutto il resto dell'anno. Tutto affidato alla benevolenza di Giove pluvio. Per l'ambasciatore somalo all'Onu Yusuf Muhammad Isma'il l'allarme carestia era gi stato lanciato pi volte negli ultimi anni, ma era rimasto lettera morta. Mi auspico che il recente appello di Benedetto XVI scuota la coscienza della comunit internazionale. Mancano 900 milioni di dollari per una risposta adeguata all'emergenza. La nostra nazione ha promesso, finora, 800 mila euro: una cifra davvero spregevole rispetto a ci che il nostro governo spende per gli armamenti. Per non parlare degli sprechi-sperperi dei nostri politici. una carestia che uccide soprattutto i bambini: quasi 720 mila sono a rischio di morte. Vinciamo, per amore di Dio, questa lotta contro il tempo, prima che sia troppo tardi! Franco Petraglia Cervinara (Av)

NORD: soleggiato ovunque, salvo maggiori addensamenti su Alpi e Prealpi, ma con basso rischio di pioggia; qualche modesta nube anche sul Nordest. Temperature in lieve aumento, massime tra 26 e 31. CENTRO: giornata ben soleggiata, con qualche addensamento pomeridiano sui rilievi. Temperature in lieve ascesa sulle adriatiche, massime tra 27 e 32. SUD: bel tempo su tutti i settori, con al pi modesti addensamenti su Sicilia orientale e al pomeriggio lungo la dorsale. Temperature stazionarie, massime tra 26 e 31.

LONDRA IN FIAMME/2

EMERGENZA RIFIUTI

I giovani si ribellano a un sistema ingiusto


I disordini inglesi hanno una connotazione particolare. Non sono pi fenomeni come quelli visti in Francia, non si tratta di immigrati che vogliono pari opportunit. Gli inglesi ribelli sono immigrati di seconda generazione, gente che nata sullisola. Si sono resi conto che sar la loro generazione a dover pagare il conto dei disastri finanziari, della globalizzazione che ha lasciato milioni di disoccupati e aziende chiuse. Ci siamo forse dimenticati quando un paio di anni fa ci fu la rivolta perch una societ italiana si aggiudic una commessa per una raffineria a Grimsby? I prossimi potrebbero essere gli americani. Mario Moreggi e.mail

Laccordo truffa della monnezza


stato raggiunto un accordo per inviare la monnezza di Napoli via nave in Norvegia e in Danimarca. Quanto coster al quintale e chi pagher? Se paghiamo per far girare in Europa la spazzatura siamo messi proprio bene. Ma perch tutte le altre regioni non lo fanno? Renato Audano e.mail

LA CASTA/2

Mi vergogno dei nostri onorevoli


Chi ci governa non si rende conto, o non vuol vedere, che sta mettendo il nostro Paese in condizioni catastrofiche. Sono una semplice cittadina e dovrei dire fortunata visto che percepisco una pensione di 1.000 e rotti euro. Ma dovrei godere di ottima salute e non dover sostenere tutte le spese mediche che invece ho ogni mese. Sono fortunata anche perch vivo con mia madre nella sua casa e non devo pagare laffitto. Ora penso a chi sta molto peggio di me e mi sento cos impotente. Mi chiedo come sia possibile non capire che c mezza Italia che fatica a tirare avanti, giovani privi di lavoro e quindi di certezze. Non penso sia colpa, come sempre, dei comunisti. Penso invece che ci sia scarsa coscienza da parte di chi dovrebbe, invece, averne molta. Di quanti privilegi godono i parlamentari italiani e perch? Li vedo, quando sono in seduta in Parlamento, e mi vergogno per loro. C chi gioca col telefonino,

NORD: bel tempo, pur con transito di velature, salvo maggiore nuvolosit su Alpi e Prealpi centro-orientali con qualche temporale dal pomeriggio. Temperature in lieve ascesa, massime tra 27 e 32. CENTRO: bel tempo con al pi transito di sterili velature e qualche annuvolamento sui monti. Temperature in ulteriore ascesa sulle adriatiche, massime tra 27 e 32. SUD: soleggiato ovunque, con qualche modesta nube su basso Tirreno e lungo la dorsale. Temperature stabili o in lieve aumento, massime comprese tra 27 e 32.

CRIMINALIT

Le vittime delle rapine come i caduti in guerra


Benzinaio ucciso a Roma durante una rapina. La cosa che pi indigna che quando accadono questi episodi si fa un articoletto sui giornali, mentre se le forze dell'ordine avessero ucciso i malviventi si sarebbe alzato un polverone. Vorrei che questo benzinaio venisse chiamato eroe cos come vengono chiamati i soldati che muoiono in missione. giusto che abbia gli stessi onori che hanno i nostri caduti. Perch davanti a tale efferatezza non si pu non dire che un vero eroe. Valentino Castriota Trepuzzi (Le)

IL MASSACRO DI OLSO

Cresce londa nera dei movimenti razzisti


La Norvegia sta bene: quasi cinque milioni di abitanti con un reddito pro capite da leccarsi i baffi. Ma dopo la scossa di terrore che ha fatto tremare Oslo e l'isola di Utoya, qualcosa si incrinato. Il sogno multietnico vacilla. In Finlandia esiste un partito che si chiama "veri finlandesi". diventato il terzo partito del Paese col 19 per cento dell'elettorato, il

ANIMALI

Chi vigiler sui gatti liberi nei condomini?


Gatti liberi nei palazzi? Lo ha stabilito il tribunale di Milano dimenticandosi o omettendo di indicare il magistrato che deve accudire ai loro bisogni. Enzo Ruggieri Aosta
NORD: bello su coste e pianure; nubi sparse su Alpi e Prealpi ma con basso rischio di pioggia, salvo fenomeni notturni sulla Valle d'Aosta. Temperature in aumento, massime comprese tra 28 e 33, pi afoso. CENTRO: tempo soleggiato su tutte le Regioni, con qualche velatura. Temperature in lieve aumento, massime comprese tra 28 e 33. SUD: tempo soleggiato, con al pi qualche modesta nube su rilievi e basso Tirreno. Temperature in lieve ripresa, massime comprese tra 27 e 32, anche superiori su Campania interna.

Concessionaria esclusiva per la pubblicit


O 12 O 6 O 3 O 12 O 6 O 3 O 12 O 6 O 3

Abbonamenti nazionali
mesi: 6 giorni mesi: 6 giorni mesi: 6 giorni mesi: 5 giorni mesi: 5 giorni mesi: 5 giorni mesi: 4 giorni mesi: 4 giorni mesi: 4 giorni

Temperature previste oggi


290 155 85 250 130 70 205 105 60
Per lattivazione si prega di inviare i dati precisi dellintestatario dellabbonamento, unitamente alla ricevuta del versamento effettuato, al Fax 02.999.66.279 Ufficio Abbonamenti e arretrati del quotidiano: Tel. 02.999.666 e-mail: abbonamenti@libero-news.eu Orario: 10.00-12.30 (dal luned al venerd) Arretrati del solo quotidiano: disponibili, salvo esaurimento scorte, le copie dellultimo anno. 3,00 cad. con richiesta scritta, accompagnata dallimporto in valori bollati, indirizzata a Libero - Uff. Arretrati Viale L. Majno, 42 20129 Milano
Numero verde

MIN MAX ANCONA AOSTA BARI BOLOGNA CAGLIARI CAMPOBASSO FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO

MIN MAX NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA PRATO ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Direzione Milano 20146, Via Washington 70 Tel. 02.24424611 Fax 02.24424490 Filiale di Roma 00196, Via C. Beccaria 16 Tel. 06.69548111 Fax 06.69548125

.................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. ..................................

Concessionaria per la pubblicit sul WEB


WebSystem - Gruppo24Ore Via Pisacane,1 - 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39 02 30223462 Fax +39 02 30223058 e-mail: marketing.websystem@ilsole24ore.com sito internet: http:/websystem.ilsole24ore.com

Il versamento dovr essere intestato a: Editoriale Libero S.r.l. Viale L. Majno, 42 - 20129 Milano Modalit di pagamento: O versamento su C/C Postale n. 41953050
O bonifico banc. Banco di Brescia

CERTIFICATO N. 6896 DEL 21/12/2010

800-984824

ISSN 1591-0423

Ag. 5, via V. Veneto, Roma IBAN: IT67Y0350003205000000034492


O Carta di credito sul portale www.libero-news.it

La tiratura di gioved 11 agosto 2011 di 196.143 copie

17 15 21 16 18 12 16 22 10 18

26 30 27 31 30 25 31 25 27 29

19 21 11 10 16 17 15 11 20 14

29 28 28 25 32 30 28 29 25 26

Dati meteo a cura di 3BMeteo.com,elaborazione grafica centimetri.it

Gli archivi segreti vaticani svelano i propri documenti


Continua la pubblicazione dei documenti dellArchivio segreto vaticano in vista della mostra Lux in arcana, che si svolger febbraio a settembre 2012. Sul sito www.luxinarcana.org si trova il settimo documento, oltre agli altri gi rivelati, tra cui il Dictatus Papae di Gregorio VII, la bolla di deposizione di Federico II, la lettera dei membri del Parlamento inglese a Clemente VII, gli atti del processo a Galileo Galilei e altri.

I disegni di Michael Jackson artista donati a ospedale Usa


Una decina di schizzi disegnati e firmati da Jackson, compresa una sua fotografia decoreranno le pareti dell'ospedale pediatrico di Los Angeles, il Children's Hospital. I lavori che raffigurano Topolino, mobili e altri oggetti sono stati donati da Brett Livingstone Strong, un artista amico di Jackson. La sorella di Michael, La Toya Jackson, ha detto di credere che l'arte porter gioia ai bambini in ospedale.

Il disastro dei Beni culturali

La pinacoteca di Brera a pezzi come Pompei


Il museo milanese doveva diventare un simbolo deccellenza. Invece piove dentro e un capolavoro di Raffaello ha rischiato di rimanere danneggiato. Cos sfasciamo il patrimonio
:::
LE OPERE ::: ANDREA COLOMBO
QQQ Apparentemente, entrando a Brera, ledificio non sembra messo male. I cantieri dei mesi scorsi sono scomparsi, non ci sono gli studenti dellAccademia che si fumano le canne sugli scaloni, ma solo turisti incantati. Nella splendida cornice del palazzo barocco, dal cortile circondato da un elegante porticato si accede al secondo piano, sede del museo dove sono conservate opere di Mantegna, Caravaggio, Bellini. Eppure nei mesi scorsi proprio una di queste preziose tele, limponente Sposalizio della Vergine di di Raffaello Sanzio, ha rischiato di essere danneggiata a causa di una spaventosa infiltrazione di umidit, provocata dalle forti piogge del giugno scorso. La denuncia arriva da Artemisia Fasano, segretaria lombarda della Uil Beni e Attivit Culturali, che avverte: Potrebbe succedere ancora. Bastano una grandinata o delle precipitazioni un po insistenti e lacqua rischia di entrare nelle sale dove sono conservati i tesori dellarte pittorica italiana. Al secondo piano gli effetti del degrado del palazzo sono evidenti. Crepe, muri scrostati, segni che lumidit avanza e minaccia le sale della pinacoteca. Altro che grande Brera, qui sembra che persino i lavori di manutenzione vengano effettuati a rilento. Ad accogliermi, per spiegarmi la situazione della struttura Sandrina Bandera, soprintendente e direttore di Brera. Si vede che ama il suo lavoro e parla della pinacoteca con grande passione, ma non nasconde i problemi enormi di gestione di un museo che, da anni, cerca di sopravvivere dignitosamente, pur nella carenza cronica di fondi. Passiamo tra i capolavori e notiamo subito una sala, chiusa per umidit. La pioggia , non da oggi, il nemico numero uno delNelle foto, alcune delle opere pi importanti fra quelle conservate alla Pinacoteca di Brera. Si tratta di capolavori dellarte italiana universalmente noti realizzati da maestri come Caravaggio, Mantegna e Bellini. CARAVAGGIO

La cena di Emmaus di Caravaggio (1606) raffigura un episodio del Vangelo di Luca. BELLINI

la pinacoteca. Non solo lumidit filtra dai muri e dal soffitto, spiega il soprintendente, ma passa anche attraverso i velari che, se da un lato garantiscono unottima illuminazione naturale nelle sale, dallaltro non garantiscono lisolamento idrico. Quando arriviamo nellampia stanza che ospita la tela di Raffaello, ci accorgiamo che il dipinto stato accuratamente allontanato dalla parete, e posto in una teca che lo protegge da

altre, eventuali, infiltrazioni. Quando l11 giugno scorso, racconta la Bandera, le forti piogge hanno provocato un intasamento delle canaline, il muro praticamente scoppiato. Lacqua fuoriuscita a fiotti dalla crepa, che si era gi precedentemente aperta, sul loggiato della Pinacoteca. Contrariamente alle altre volte, in cui lacqua si riversava solo verso lesterno, sul pavimento del loggiato, questa volta penetrata anche

LE BELLEZZE DA SALVARE

Qui sopra, un angolo di Brera fra quelli occupati attualmente dallAccademia. In alto a destra, lacqua che esce da una crepa. Sotto, Lo sposalizio della Vergine di Raffaello, spostato per salvarlo dallumidit. [Sicki] allinterno, passando sotto luscita di sicurezza della sala XXIV, bagnando la parete interna, su cui esposto il dipinto di Raffaello. Il quadro stato immediatamente tolto e messo in sicurezza con una serie di procedure che sono costate circa 20 mila euro. Per oltre dieci giorni i visitatori non hanno potuto ammirare il magnifico Sposalizio

A Brera conservato anche il dipinto La piet, detto anche Cristo morto sorretto da Maria e Giovanni di Giovanni Bellini, realizzato fra il 1465 e il 1470 circa. MANTEGNA

Il commissario Mario Resca

Non mai arrivato un soldo, da un anno siamo al palo


::: ALFREDO BARBA
QQQ Sono lunico commissario nominato e poi lasciato senza soldi, ha detto ieri allAnsa Mario Resca, il supermanager dei musei voluto dallex ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi e nominato commissario straordinario per la Pinacoteca di Brera, con lambizioso obiettivo di rivitalizzarla portando a compimento la Grande Brera. Cio un progetto che invano si discute da anni. Lo sfascio che documentiamo in queste pagine non sua responsabilit, lui dovrebbe occuparsi di costruire un avvenire a uno dei principali musei italiani. Il commissariamento stato fatto per far s che Brera diventasse competitiva a livello europeo, spiega Libero. La prima cosa da fare era liberare gli spazi occupati dagli studenti per ampliare il museo, visto che la maggior parte delle opere sono tuttora conservate nei depositi. Poi servivano spazi di accoglienza adeguati per i visitatori, come quelli che si trovano in tutti gli altri grandi musei del mondo. Lobiettivo era quello di portare Brera dai 250-300mila visitatori lanno a molti, molti di pi. Nel luglio scorso, grazie al ministero della Difesa stata individuata unarea in cui collocare laccademia: La caserma di via Mascheroni a Milano. Un accordo storico, in quarant'anni non c'era riuscito nessuno. Per, negli ultimi dodici mesi grandi avanzamenti non si sono visti, anzi. Il progetto doveva costare circa 150 milioni di euro, una stima realizzata dallunit tecnica di missione della presidenza del Consiglio. Tuttavia, ha spiegato Resca allAnsa, da un anno e mezzo mi stato impedito di lavorare nessuno mi ha dato una lira, inaudito. Ho chiesto almeno 20-30 milioni per avviare i lavori. E aggiunge a Libero: A Milano avevamo trovato vari privati e fondazioni che si erano detti disponibili a contribuire. Lo Stato non pu farsi carico da solo di tutte le spese, anche di quelle riguardante la manutenzione ordinaria. Che, come abbiamo visto, difetta. Siamo rimasti al palo, dice il manager. Bisogna partire, ma per partire ci vuole la volont politica. Abbiamo proposto di creare una fondazione, di far entrare i privati. Ma anche su questo allinterno del ministero ci sono posizioni diverse. Intanto, dentro Brera continua a scorrere acqua.

A Milano si trova anche una delle opere pi celebri di Andrea Mantegna, ovvero il Cristo morto, capolavoro rivoluzionario realizzato fra il 1475 e il 1478.

CULTURA

Gioved 11 agosto 2011

29

@ commenta su www.libero-news.it

Quotati Eco e Saviano

Per i bookmakers Murakami favorito al premio Nobel

Umberto Eco e Andrea Camilleri sono fra gli italiani ai primi posti della lista dei bookmaker per il Premio Nobel per la Letteratura 2011 che sar assegnato il prossimo ottobre. Lultimo autore del nostro Paese considerato dai bookmakers invece Roberto Saviano. Lautore di Gomorra viene bancato, cio puntato da altri utenti, a 110 volte la scommessa. Il tris straniero indicato dagli scommettitori vede in pole posi-

tion per la vittoria del prestigioso riconoscimento Haruki Murakami, Cormac McCarthy e Vijaydan Detha. Sulla lavagna della sigla anglosvedese Unibet, come riporta Agipronews, lo scrittore giapponese, autore di Norwegian Wood e Dance Dance Dance, comanda il pronostico a 6,50. Per McCarthy, autore di successi come La strada e Non un paese per vecchi, la quota sale a 7,50. Solitamen-

te, per, gli scrittori americani non sono amatissimi dallAccademia di Svezia. Negli anni passati infatti sono stati esclusi dalla scelta grandi romanzieri come Philip Roth, tanto per citarne uno. Per Vijaydan Detha, scrittore del Rajasthan, la proposta sale a 8,00. Umberto Eco il primo italiano della lista e il suo successo si gioca a 25,00; poco pi gi in tabellone c' anche Andrea Camilleri, bancato a 35 volte la scommessa.

Kolossal poetico
Il thriller che smonta il mito Shakespeare
Un film di Emmerich suggerisce che il Bardo fosse in realt il conte Edward De Vere. E sfila la disputa agli accademici
::: GIORGIO CARBONE
QQQ Shakespeare? Aveva due teste. Questa frase attribuita a uno dei grandi del teatro di tutti i tempi, Giorgio Strehler, sottolinea un problema che ha sempre arrovellato gli scespiriani, fin da quando il bardo di Stratford era vivo e operante. Tutto quello che c da sapere sulluomo, Shakespeare ce lha raccontato (sempre parole di Strehler). Tutto. Un potroppo per un uomo solo, anche per il pi talentuoso, il pi sensibile, il pi colto. E difatti anche prima della morte di master William (a 52 anni, nel 1616) i dubbi sulla paternit di molte sue opere circolavano non solo in Inghilterra. William sarebbe stato solo un prestanome , i capolavori (da Otello a Amleto a Macbeth sarebbero stati opera di una pregiata ditta. Oppure di un ghost writerluis, colto,sensibile, talentuoso. Questo ghost sarebbe stato identificato in Edward De Vere, conte di Oxford, contemporaneo e amico di William. Il padre della psicanalisi Sigmund Freud non aveva dubbi. lAmletoe il restoliaveva scrittiDe Vere. Il quale aveva effettivamente due teste. Quella di William era una testolina non pi che media, insomma quella che normalmente la natura fornisce a un qualsiasi attore di teatro (nel 1500, ma il ragionamento vale anche per i teatranti di adesso). Da circa un secolo, cio da Freud ai giorni nostri, lipotesi De Vere ha preso sempre pi consistenza e ora probabilmente destinata ad appassionare anche il pubblico che va al cinema la domenica. A fine ottobre esce in Usa (e probabilmente anche in Italia) Anonymous, kolossal anglo americano di vaste ambizioni, sostenute da un cast di serie A. Il regista il tedesco (ma super anglofilo) Roland Emmerich (Independence day, Il patriota con Mel Gibson, 2012). Vanessa Redgrave la regina Elisabetta I che giostr i destini di Shakespeare e di De Vere. Rhys Ifans impersona il conte di Oxford e David Thewlis (Lassedio) Shakespeare. Alla base ci sono testi sullargomento di luminari universitari, ma vuoi mettere limpatto di una superproduzione? Quanti sapevano che Anna Bolena aveva un sorella prima che la intepretasse Scarlet Johansson in Laltra donna del re? Il film natu-

:::
Riforme mancate

La rivoluzione manageriale finita nel dimenticatoio


::: FRANCESCO BORGONOVO
QQQ Quando Giancarlo Galan diventato ministro dei Beni culturali al posto del dimissionario Sandro Bondi, ci siamo permessi un suggerimento: non lasci da parte Mario Resca. Come da copione, non siamo stati accontentati. Larruolamento di Resca in qualit di supermanager dei musei stata una delle migliori innovazioni volute da Bondi nel tentativo di introdurre un po di attenzione ai costi e al pubblico nella gestione del patrimonio culturale italiano. Egli si proponeva di trasformare le nostre enormi bellezze in una risorsa, come avviene in tutti i Paesi del mondo. Linizio era stato pi che positivo. Poi Bondi, forse anche per motivi caratteriali, ha mollato, provato dalle critiche continue e soffocato dalla burocrazia strabordante. Tra gli obiettivi del manager cera pure quello di creare finalmente la Grande Brera, cio di trasformare la disastrata Pinacoteca in un museo che potesse attrarre ben pi dei 300 mila visitatori di oggi . I risultati, complice la collaborazione della soprintendente Bandera, si videro. Aperture straordinarie in giornate festive come SantAmbrogio fecero affluire tantissime persone,finalmente sirespirava aria nuova. Nel giro di pochi mesi fu trovata una nuova sede per lAccademia, che avrebbe consentito di spostare gli studenti e ampliare lesposizione, recuperando opere straordinarie che giacciono a marcire nei magazzini. A distanza di un anno, per, siamo di nuovo fermi. Come mai? Perch Resca stato confinato in un angolino. Galan, nei mesi scorsi, ha convocato un incontro per discutere la possibilit di trasformare Brera in una fondazione (come gi voleva Bondi). A quellincontro, Resca non nemmeno stato invitato, nonostante abbia lincarico di commissario. Il ministro ha parlato di aprire tavoli, di coinvolgere la nuova amministrazione milanese. Per un progetto per la Grande Brera esiste gi. Servono circa 150 milioni di euro per realizzarlo ed erano gi stati trovati alcuni privati pronti a sostenerlo. Sarebbe utile per un incentivo da parte dello Stato, visto che i mecenati non godono nel nostro Paese di alcuna agevolazione fiscale. 20-30 milioni di euro, ha detto Resca. Soldi che non sono maiarrivati.E chissmaisearriveranno. Secondo Galan, la mancanza di denaro solo una scusa. Non siamo daccordo. A parte che i fondi per la cultura, in Italia, ci sono, per vengono spesi male o non spesi affatto. Ma perch un imprenditore dovrebbe sborsare anche un solo euro per sostenere un piano in cui il Mibac per primo non crede? Si possono aprire tutti i tavoli del mondo, ma se il principale interprete della cultura manageriale nei musei italiani viene lasciato in disparte, lunico risultato che si ottiene quello che documentiamo qui: pensavamo che a Brera entrassero una libreria, un bar come si deve, dei servizi per il pubblico pagante. Invece entra solo lacqua.

della Vergine. Il problema proprio questo: la disastrosa situazione di manutenzione del palazzo conseguenza di una drammatica mancanza di risorse. Con oltre 200 mila visitatori allanno, la struttura incassa 2 milioni di euro che basterebbero per tamponare la situazione. Ma questi proventi sono destinati al ministero del Tesoro che li restituisce in minima parte, circa 700 mila euro, sotto forma di finanziamenti. Ma se si pensa che solo per le utenze (come la fornitura dacqua) il museo spende 800 mila euro allanno, si capisce bene che il bilancio in passivo. Gli stipendi dei 185 addetti vengono pagati direttamente dal dicastero di Tremonti. Purtroppo, osserva il soprintendente, non abbiamo lautonomia finanziaria di poli museali come Firenze e Venezia. Io avrei tanti progetti, vorrei estendere le mostre allesterno, farle arrivare fino allorto botanico. Ma in tempi di crisi i soldi arrivano con sempre maggiore difficolt. Vorrei essere ottimista, ma non facile. Uscendo, mi addentro nei corridoi bui e degradati dellAccademia. Qui i giovani artisti del domani hanno imbrattato i muri con ogni sorta di scritta. Sembra di essere improvvisamente precipitati in un angolo squallido di periferia. La grande Brera ancora lontana.

SULLO SCHERMO ralmente centrato sul rapporto tra il genio fasullo e quello nascosto nellombra , ma fornisce allo spettatore una bella dose di intrighi di corte, di amori pericolosi, pure di ammazzamenti. A differenza del bardo, De Vere (se fu lui veramente il writer) non dovette fare molti sforzi di immaginazione per raccontare i drammi pi truci. Secondo i suoi biografi quasi tutti gli avvenimenti dellAmleto il conte di Oxford li aveva vissuti di persona (compreso il rapimentodei pirati e laccoltellamento di un cortigiano). Bene. Il pubblico andr a vedere Anonymous e non potr non uscire colla domanda: andata cos o solo una balla in technicolor? Beh, possibile, che il ghost di Shakespeare sia stato proprio De Vere. Le altre ipotesi (bench suggestive) non hanno retto a serie valutazioni. N quella che parla di Christopher Marlowe (che mor ammazzato quando lopera di William non era ancora a met). N la versione che nomina Il filosofo, cortigiano, gran figlio di buona donna sir Francis Bacon. Lipotesi De Vere invece ha retto bene i secoli. Edward aveva tutto: cultura, fantasia, talento, un personaggio pi grande della vita. Secondo molti storici aveva le inquietudini di Amleto, lo spiritaccio di Mercuzio, il coraggio fiNella foto, una scena del film Anonymous, thriller su Shakespeare sico e anche il cinismo di re Enrico V. E allora perch, come autore rimasto nellombra (si chieder lo spettatore domenicale)? Perch nel 500 gli aristocratici non potevano fare teatro in prima persona, non era magari reato da pena capitale, ma a un casato (specie a un alto casato) portava disonore (dopotutto gli attori, allepoca, li seppellivano ancora in terra sconsacrata. Il mistero De Vere potrebbe chiarire anche un mistero pi grande. Quello dellaffrettato prepensionamento di master William. Quando smise di produrre per ritirarsi a Stratford on Avon , Shakespeare aveva solo 46 anni. Ovvero let di massima creativit in ogni attivit artistica. Che gli aveva preso? Gli aveva preso, sostengono i fautori della tesi De Vere, che De Vere era morto poco tempo prima. Senza De Vere il sommo sera trovato colle pile scariche. E dovevano essere proprio scariche se lunica opera rappresentata dopo la dipartita di Edward fu l Enrico VIII il dramma pi brutto firmato da William. Brutto, forse perch lunico veramente suo. E scritto perch impostogli dalla corte inglese.

30

Gioved 11 agosto 2011

SPETTACOLI

@ commenta su www.libero-news.it

IL REGISTA NAZI Voglio sparire come Malick


Dopo gli elogi a Hitler, Von Trier annuncia che non far pi conferenze stampa
::: TOMMASO LABRANCA
QQQ Come si render in danese il proverbio chiudere la stalla dopo che sono fuggiti i buoi? Qualcuno lo traduca a Lars von Trier e gli dica che oggi un po tardi chiudere la stalla, ovvero dichiarare che non terr pi conferenze stampa, dopo che gli scappato non il bue, ma una vera e propria imbecillit durante lultimo Festival di Cannes. Quel giorno si presentava il suo film Melancholia e von Trier, invece di parlare della pellicola, si perse in discorsi per niente attinenti, arrivando a dire che Hitler gli faceva simpatia e che un po lo capiva. Sdegno globale e allontanamento immediato da Cannes in quanto persona non gradita. Magari in Danimarca non hanno un equivalente del nostro proverbio su buoi e stalle, ma hanno in compenso questo adagio: luomo ha due orecchie e una bocca sola perch dovrebbe pi ascoltare che parlare. Lars von Trier, regista nato a Copenhagen, lo conoscer di sicuro, bench quel giorno a Cannes non lo fece proprio. Cos ora Lars ricorre vanamente allautoisolamento e in una lunga intervista al quotidiano francese Libration afferma che mai pi lo vedremo sulle tribunette delle conferenze stampa. Come corollario a questa sconvolgente notizia, il von Trier aggiunge dettagli che ne peggiorano la situazione. Precisa che quella conferenza era stata organizzata allultimo minuto e che lui non sapeva proprio cosa dire. Non cosa che depone a favore della sua intelligenza e prontezza di spirito. Poi dice che si scusato gi una decina di volte, come se

DESTINO COMUNE
Lars von Trier, a sinistra. Sopra il regista di Tree of life Terrence Malick, noto per la sua riservatezza. [Oly] abituato a vedere il mondo sempre attraverso lobiettivo, un atteggiamento che richiede distanza. Ancora pi isolazionista Terrence Malick, regista che ha firmato solo cinque film in quarantanni e che non concede una sola parola alla stampa ormai dal 1973. Avvicinabile per molti versi allorso Stanley (fra laltro ha usato effetti speciali inediti tagliati da 2001 Odissea nello spazio nel suo ultimo, discusso e affascinante The Tree of Life), Terence riserva sorprese, come quando accett un incontro con (poco) pubblico al Festival di Roma del 2007. In quelloccasione rara fece quello che deve fare ogni buon regista: parl di cinema e non si perse in commenti non richiesti di sapore revisionista. Dai noi, lo stesso Fellini parlava poco volentieri dei suoi progetti, incontrava svogliatamente la stampa, che daltronde gli faceva sempre le stesse domande: la Romagna, le donne, il sognoE lui rispondeva, cortese e annoiato, senza mai dirci cosa pensava di qualcuno dei tanti dittatori che hanno afflitto il nostro mondo. Senza limpegno delle conferenze stampa, ora Lars von Trier ha tutto il tempo per ripassarsi le lezioni di vita lasciateci da questi grandi del cinema.

LA FRASE CHOC A CANNES

Q Capisco Hitler e un po simpatizzo con lui: credo che abbia fatto alcune cose sbagliate, ma me lo immagino nei suoi ultimi . giorni seduto nel bunker...

avesse fatto una semplice gaffe durante una cena di gala usando la posata sbagliata. Infine sbotta: Il politicaly correct sta uccidendo il mondo. Caro Lars, una cosa usare espressioni ridicole come di colore o diversamente abile. Ben altra difendere lindifendibile colpevole di una dei peggiori crimini nella storia dellumanit. Morale: von Trier diventer un irraggiungibile, una specie di Greta Garbo della camera a spalla, simbolo distintivo del suo manifesto Dogma 95 che lo im-

pose al mondo dei cinefili. Non sentiremo la mancanza delle sue parole. Piuttosto ci avrebbe molto incuriosito conoscere il pensiero di Stanley Kubrick attraverso le sue parole dirette. E invece il genio che saltava dallo spazio a un albergo deserto viveva chiuso in se stesso, rifuggiva ugualmente giornalisti e comuni mortali. Non per aver commesso gaffe n per costruirsi unimmagine sofisticata. Era natura, era timidezza, era latteggiamento di un ragazzo poi diventato uomo e quindi vecchio

SUN SYSTEM
TUTTA LA SICUREZZA E LA PROTEZIONE DERMATOLOGICA UVB - UVA

www.solesalute.it
Istituto Ganassini S.p.A. di Ricerche Biochimiche, via Boncompagni 63 - 20139 Milano
* Ognuno inferiore ad una parte per milione. Piccole quantit possono essere responsabili di sensibilizzazione cutanea.

IN FARMACIA

SPETTACOLI

Gioved 11 agosto 2011

31

@ commenta su www.libero-news.it

La pagella dei famosi di ALESSANDRA MENZANI 10 Kate Moss balla senza il marito 6 9
Kate Moss balla e beve birra fino allalba alla Cave de Roi di St. Tropez. Zero marito (Jamie Hince), zero sorrisi e zero autografi. Finalmente nelle pubblicit Tim hanno svestito Bianca Balti. Lei appare in costume e con aria sexy, non come allinizio che la truccavano da uomo. Curreri. Una sorta di radio-Vasco, come agli esordi della sua carriera. Intanto annuncia un nuovo singolo. Vasco Rossi non si placa. Ieri ha messo sul suo sito una clip con Perfect Day di Lou Reed e si messo a cantare. Con lui lamico Gaetano

Le dichiarazioni umili di Filippo Magnini su Chi: La Pellegrini? una che piace a tanti, un po come me. Paris Hilton al Pacha di Ibiza. Si presentata alla serata Swedish House Mafia con un unghie grigio metallizzate come la custodia del suo Blackberry. La figlia di Madonna, Lourdes Leon: a 14 anni ha appena lanciato una linea di abbigliamento.

4 3 0

Nuova coppia bollente in arrivo. Lui un bomber mollato da una focosa argentina. Lei la single pi celebrata dellestate. Lautocandidatura (rimasta inascoltata) di Alba Parietti: Quelli che il calcio? Non vedo chi possa farlo meglio di me. Infatti lo far Victoria Cabello.

Simona Ventura arrivata appositamente ad Ibiza per il party di Magda Pozzo, figlia del presidente dellUdinese. E a tutti ha presentato Gero Carraro come il suo fidanzato futuro marito.

Un remake in versione 3D

CONAN IL TAMARRO
Torna al cinema il mitico Barbaro ed ancora pi truce di Schwarzy
::: GIORGIO CARBONE
QQQ Gioved 18 arriva in Italia il nuovo Conan il barbaro. Con un giorno danticipo (sul serio) sulla prima in Usa. Torna per la gioia dei cultori (in libro e in film) del genere sword and sorcery (spada e stregoneria). E per lorrore dei fan del Conan di 30 anni fa che fece un divo di Arnold Schwarzenegger (fino a quel momento mister muscolo con scarso e poco raccomandabile curriculum cinematografico). Lorrore non riguarda tanto i fan di Schwarzy quanto i fan del regista del 1981, John Milius, che in effetti diede una marcia in pi al personaggio rispetto ai libri di Robert Howard. Milius, lunico autore di destra amato dai critici di sinistra (come si fa a non amare luomo di Il vento e il leone, di Dillinger, di Un mercoled da leoni?) aveva ricreato il barbaro Cimmeriano facendone un emblema della sua filosofia del macho. Il regno dei forti, declamava la voce narrante. Lunica discriminante la spada. Se un giusto vuole prevalere lunico modo tirare fendenti pi rapidi e forti degli ingiusti. I fan erano ringalluzziti quando era circolata la voce che sarebbe stato ancora Milius il cantore di Conan a sei lustri di distanza. Ma Milius ormai un ex regista, non fa un film da quindici anni, e quando venne in Italia nel 2002 non ci sembr precisamente in sentimenti (Il nuovo Conan George W. Bush, dichiar a Torino, e i brividi ci assalgono ancor oggi). Al suo posto stato chiamato Marcus Nispel, luomo giusto per inserire Conan nella nuova pattuglia non di super eroi (alla Thor) ma di super muscolosi, superguerrieri dei tempi bui alle prese con mostri, feroci guerrieri, streghe e stregoni. Il Conan di Nispel non che il primo di una pattuglia di eroi feroci e seminudi che nella prossima stagione invaderanno gli schermi; dal terribile guerriero The eagle, impersonato da Channing Tatum, al mattatore di Immortals (lattore Henry Cavill, prossimo protagonista anche del nuovo Supermanintitolato Man of steel). Quindi il comandamento per Nispel stato battaglie, battaglie e poi ancora battaglie. Niente pretese di narrazione epica, niente ideologie di destra e di sinistra. Ha servito bene, Nispel, i suoi datori di lavoro? Il nuovo Conan come s detto sar di dominio pubblico la prossima settimana, ma intanto sul buon esito (commerciale) possiamo gi scommettere. Se i produttori non erano pi che convinti del lavoro,

non lo facevano uscire a tappeto in contemporanea in tutti gli angoli del globo. E non avrebbero gi annunciato un Conan 2da produrre a distanza ravvicinata. Sempre interpretato da Jason Momoa, il nuovo Conan gi da ora candidato a essere nel nuovo secolo quello che Schwarzenegger era stato nel precedente. Momoa (il cognome gli viene dallorigine hawaiiana) ha le tettone di Schwarzy che per non tiene lucide, lustrate a olio come il suo predecessore (che veniva dal culturismo e lo dava a vedere). Jason ha un look da uomo delle caverne, il corpo coperto di peli e di cicatrici (autentiche dicono, Jason non alieno dal farsi coinvolgere in risse vere). Ma look a parte, le sue credenziali cinetelevisive non sono disprezzabili. Ha cominciato vero facendo il bagnino in serie balneari tipo Baywatch, ma poi ha dato buona prova nel serial Stargate atlantis e soprattutto nello sceneggiato fantasy Game of thrones, che in Italia vedremo prima di Natale. Il pubblico naturale dei Conan, cio i giovanissimi fan dei super eroi, ha adottato Momoa appena lha visto nei trailer. E quello del Conan fumettato si convinceranno appena il film Marcus Nispel arriver in sala. Il nuovo Barbaro assomiglia infatti pi ai comics usciti negli ultimi anni che a quello dei romanzi di Robert Howard. La vendetta solitaria del Barbarian del vecchio film s tramutata nella faida tra due famiglie di maghi e di guerrieri. Il nemico principale delleroe non stavolta il nero stregone mutante (quello che si tramutava in serpente) ma una perversa strega Marique, impersonata da una fatalissima Rose Mc Gowan (niente love story fra i due ma una lotta senza quartiere per il possesso di una maschera che dona limmortalit).

TRENTANNI DOPO
Sopra, Arnold Schwarzenegger. A sinistra Jason Momoa, il nuovo Conan: ha origini hawaiane [Olycom]

FILM CULT

Dirty Dancing 2 Dirige lex coreografo


LOS ANGELES Ci avevano gi provato nel 2004, con Dirty Dancing 2 Havana Nights, ma fu un clamoroso fiasco al botteghino. Ora il mitico film sul ballo degli anni Ottanta torna al cinema, come dichiara ufficialmente la Lionsgate Entertainment. Torna Johnny, insegnante sexy (era Patrick Swayze) che seduce la giovane Baby (lex nasona Jennifer Gray), ragazzina in vacanza con i genitori che lui fa innamorare e coinvolge in sfrenate danze. Dirty Dancing stato un film generazionale. Ora esce il remake, diretto da Kenny Ortega (che ne fu coreografo) e, anche se la maggior parte dei dettagli ancora rigorosamente segreta, si scatenano gi le voci sui possibili nuovo protagonisti. In pole position, secondo gli scommettitori, c il cantante-attore Justin Timberlake, ma anche il baby idolo Justin Bibier tra i candidati. Per il ruolo della protagonista femminile, invece, si fanno i nomi di Emma Stone (favorita), Lea Michele e Miley Cyrus.

Dal 28 novembre le all news Mediaset


::: ALESSANDRA MORI
QQQ Notizie 24 ore su 24 con la diretta dalle 6 del mattino all1 di notte, 7-8 edizioni quotidiane di telegiornali, breaking news ogni mezzora, tre fasce di informazione e approfondimenti: TgCom24, il nuovo canale all news di Mediaset diretto da Mario Giordano, responsabile anche dellagenzia News Mediaset, al via il prossimo 28 novembre sul digitale terrestre (canale 51). La squadra non ancora composta e i dettagli del progetto non sono del tutto definiti, ma si sa che il logo sar lo stesso del sito del tgcom e che al centro della

Volti interni e niente gossip per TgCom24


programmazione ci saranno le hard news. Niente gossip e infotainment dunque. E neppure il classico rullo di tg in stile Skytg24. Perch la vera novit sar il sistema all news, aperto allinterazione con il pubblico che avr la possibilit di inviare filmati relativi agli accadimenti dei quali dovesse essere testimone, come per esempio unalluvione, i quali potranno poi essere mandati in onda. In studio, infatti, ci saranno sempre tre conduttori: uno pi strutturato, che star in piedi e si occuper degli approfondimenti; uno seduto, in linea con la postazione tradizionale, e uno che seguir la sezione multimediale, dedicata alla rassegna stampa italiana e internazionale tramite touch screen e, appunto, ai filmati e alle mail dei telespettatori. Un tg molto legato a internet, con collegamenti in diretta e ospiti in studio. E che arriver anche sui pc e sugli smartphone. Mario Giordano [Olycom]

Si parte al mattino con le morning news, in pratica le notizie del giorno, si passa quindi alla fascia pomeridiana con argomenti che variano a seconda di quello che succede e infine la fascia serale, pi incentrata sui talk, dalle 20 alle 21, e sulle interviste. Ma chi saranno i volti del nuovo canale? Ancora, dicevamo, i nomi non si conoscono, ma certo che si attinger molto alle risorse interne. Ci saranno conduttori di altri tg Mediaset che faranno anche TgCom24 e approfondimenti affidati a firme di punta Mediaset. Il sabato e la domenica il palinsesto sar un po diverso, ma senza lasciare spazio al gossip.

32

Gioved 11 agosto 2011

SPETTACOLI TV

a cura di Giorgio Carbone

Rete 4 ore 21.10

I CONSIGLI DELLA GIORNATA Rete 4 ore 23.25 Raiuno ore 23.35

Raidue ore 23.35

Sorvegliato speciale
Melodrammone carcerario con uno Stallone al top delle sofferenze e un Donald Sutherland da trattato sul sadismo. Sylvester un detenuto e Donald il cattivissimo direttore.

Proposta indecente
Due sposi a Las Vegas ricevono da un riccone la proposta del titolo: un milione di dollari per una notte damore con la donna. Furbetto e ipocrita. Come ogni film di Lynne.

Magna Grecia Film Festival


Chiara Giacomelli (foto) presenta il Magna Grecia Film Festival giunto allottava edizione. Stavolta la manifestazione dedicata al grande Mario Monicelli scomparso lo scorso anno.

La storia siamo noi


A 67 anni di distanza viene rievocata la strage di SantAnna di Stazzema (Lucca). Le SS tedesche uccisero anche donne, vecchi e bambini. Sulla vicenda Spike Lee (nella foto) ha girato un film.

RAI UNO
6.30 TG1 - Previsioni sullaviabilit CCISS Viaggiare informati Unomattina Estate Ospite il segretario del PD Pierluigi Bersani. Condotto da Gerardo Greco e Georgia Luzi Straordinaria del TG1 Economia e Rai Parlamento La crisi globale e la risposta dellItalia. Condotto da Laura Chimenti e Giovanni Morello TG1 TG1 Economia Verdetto Finale. Condotto da Veronica Maya. Il Maresciallo Rocca 4 La ragazza col cagnolino con Gigi Proietti TG Parlamento TG1 - he tempo fa Heartland La lettera con Amber Marshall Il Commissario Rex Una medaglia a Rex con Gideon Burkahard Reazione a catena TG1 DA DA DA Da Da Da piccoli Superquark Le bellezze della Barriera corallina. Condotto da Piero Angela Da Soverato Magna Grecia Film Festival 2011 VIII Edizione TG1 Notte Che tempo fa Appuntamento al cinema Sottovoce

RAI DUE
7.00 9.50 10.30 11.25 12.10 13.00 14.00 Cartoon Flakes American Dreams con Gail OGrady TG2punto.it Estate Il nostro amico Charly con Ralph Schicha Prima tv La nostra amica Robbie TG2 Giorno Ghost Whisperer con Jennifer Love Hewitt Prima tv Rai Army Wives Cicatrici con Catherine Bell Squadra Speciale Colonia Morte in passerella con Jophi Ries Prima tv Las Vegas Tre matrimoni e un funerale con James Caan Prima tv 90210 Donne al limite con Shenae Grimes Rai TG Sport - TG2 Cold Case Joseph con Kathryn Morris Senza traccia La strada di casa con Anthony LaPaglia Estrazioni del Lotto TG2 - 20.30 Prima tv Rai Private Practice La parte difficile I peccati del padreDelusioni con Kate Walsh TG2 La Storia siamo noi Una mattina dagosto. Condotto da Giovanni Minoli Close to home Indagine segreta con Jennifer Finnigan TG Parlamento

RAI TRE
6.30 8.00 Il caff di Corradino Mineo La Storia siamo noi Eliott Ness versus Al Capone. Speciale cinema in Tv Un tram che si chiama desiderio (Drammatico, 1951) con Vivien Leigh, Marlon Brando. Regia di Elia Kazan. TG3 Minuti Agente Pepper con Angie Dickinson TG3 - Rai Sport Notizie - Meteo 3 Che sar sar Cominciamo Bene Condominio terra La strada per la felicit TG Regione - Meteo TG3 - Meteo 3 TGR Piazza Affari The Lost World Salvate la tigre (Commedia, 1973) con Jack Lemmon. Regia di John G. Avildsen. GEOMagazine 2011 Meteo 3 - TG3 TG Regione - Meteo Blob Sabrina vita da strega con Melissa Joan Hart Un posto al sole Prima tv Sulle tracce del crimine La foresta nera La baby-sitter con Xavier Deluc TG Regione TG3 Linea notte estate Zaum Andiamo a parare Lo spazio dellorbita Gate C Lo spettacolo della cultura - Furti darte - La Nativit di Caravaggio

CANALE 5
6.00 8.00 8.50 Prima Pagina TG5 Mattina Miracoli degli animali Ice-Cup, cane da riporto South Pacific Di isola in isola seconda parte Le ali di Katja (Avventura, 1999) con Fanny Bernth, Stefan Jrgens. Regia di Lars Hesselholdt. Forum TG5 - Meteo 5 Beautiful Rosamunde Pilcher: Larco di Cupido (Commedia, 2007) con Angela Sandritter, Tom Beck. Regia di John Delbridge. Il Mammo Figli delle foglie con Enzo Iacchetti E-mail damore (Sentimentale, 2003) con Claudia Schmutzler, Johannes Brundrup. Regia di Felix Dnnemann. La Stangata TG5 - Meteo 5 Paperissima Sprint Il mio West (Western, 1998) con Leonardo Pieraccioni, Harvey Keitel. Regia di Giovanni Veronesi. TG5 Numeri in chiaro Il senso della vita Story. Condotto da Paolo Bonolis TG5 Notte - Meteo 5 Notte Paperissima Sprint. (Replica)

ITALIA UNO
6.40 Baywatch Laffetto degli amici I fuggiaschi con David Hasselhoff Cartoni animati Prima tv Nin con Florencia Bertotti Una mamma per amica con Lauren Graham Studio Aperto - Meteo Studio Sport Cartoni animati How I Met Your Mother Il rospo e lo scorpione con Alyson Hannigan Gossip Girl La Baby Sitter con Blake Lively The O.C. Corpo a corpo con Benjamin McKenzie Hannah Montana con Miley Cyrus Love Bugs con Fabio De Luigi Studio Aperto - Meteo Studio Sport C.S.I. Miami Il velo della sposa con David Caruso Standoff On the radio con Ron Livingston Prima tv Mediaset White Collar Il lancio della moneta Il ritratto con Matthew Bomer The Closer Il potere dellavvocato Linea del destino con Kyra Sedgwick Poker1mania Rescue me Kansas DNA con Denis Leary

RETE QUATTRO
7.30 Vita da strega Viaggio a Parigi con Elizabeth Montgomery Miami Vice La trappola con Don Johnson Nikita La replicante con Peta Wilson Pi forte ragazzi con Sammo Hung Kam-Bo Benessere Il ritratto della salute TG4 - Meteo Wolff con Jurgen Heinrich Distretto di Polizia 3 con Claudia Pandolfi Il tribunale di Forum GSG9 - Squadra dAssalto La talpa con Marc B. Puch Sentieri Rapimento alla Casa Bianca (Azione, 1999) con Mariel Hemingway. Regia di Armand Mastroianni. TG4 - Meteo Tempesta damore Renegade con Lorenzo Lamas Sorvegliato speciale (Drammatico, 1989) con Sylvester Stallone, Donald Sutherlan. Regia di John Flynn. Proposta indecente (Drammatico, 1993) con Robert Redford, Demi Moore. Regia di Adrian Lyne. TG4 Night News Emanuelle Nera Orient Reportage (Commedia, 1976) con Laura Gemser. Regia di Aristide Massaccesi.

LA 7
7.00 7.30 7.50 8.30 Omnibus Rassegna Stampa TG La7 In Onda (Replica) Dio vede e provvede Sogni proibiti con Angela Finocchiaro Le vite degli altri (Replica) MacGyver La Madonna scomparsa con Richard Dean Anderson Diane, uno sbirro in famiglia Un figlio da proteggere - prima parte con I. Otro TG La7 Investigazione letale (Spionaggio, 1986) con Michael Caine, John Gielgud. Regia di Simon Langton. La7 Doc Mistery Files - Rasputin Lispettore Barnaby La mela marcia con John Nettles Cuochi e fiamme (R) TG La7 In Onda. Condotto da Luisella Costamagna e Luca Telese La valigia dei sogni presenta Basta guardarla (Commedia, 1970) con Mariangela Melato, Carlo Giuffr. Regia di Luciano Salce. La valigia dei sogni Basta guardarla TG La7 Malcolm X (Biografico, 1992) con Denzel Washington, Al Freeman jr. Regia di Spike Lee. La7 Colors

6.45

7.55

9.00 9.10

9.00

8.20 10.25 11.25 12.25 13.00 13.40 15.00

8.55 10.20 11.20 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10

10.25 11.25

9.30

10.45

14.50

11.10 11.15 12.00 12.15 13.00 13.10 14.00 14.20 14.45 14.55 15.40

15.35

13.30 14.00 14.10

11.00 13.00 13.40 14.45

12.30

15.30

16.20

13.30 13.55

16.20

15.00

17.05

16.20

17.10 18.05 18.30 19.00 19.25

16.15 16.35

16.25 17.00

16.50 17.00 17.15 17.55

17.50 18.45 19.35

16.50

18.50 20.00 20.30 21.10

20.25 20.30 21.05

17.20 18.55 19.30 20.00 20.15 20.35 21.05

18.55 19.35 20.30 21.10

19.00 20.00 20.30

18.50 20.00 20.40 21.20

20.20

21.10

21.10

23.25

23.35

23.25 23.35

23.05 23.10 23.45 0.35

23.15 23.45

23.00

23.30 0.00 0.15

0.30 1.05 1.10

1.45 2.10

0.30

1.10 1.40

0.45 1.40

1.15

3.35

LE ALTRE EMITTENTI
Rai 4
20.20 Flashpoint Sparatoria in ospedale con Hugh Dillon 21.10 Magic Man (Thriller, 2010) con Billy Zane, Alexander Nevsky. Regia di Roscoe Lever. 22.35 Toradora! 23.00 Soul Eater 23.25 Wonderland 23.45 Nightmare - Nuovo incubo (Horror, 1994) con Robert Englund, Heather Langenkamp. Regia di Wes Craven. 1.30 Alias Aiuto reciproco con Jennifer Garner 22.00 Dixit Stelle Caterina e i figli del beat seconda parte 23.00 Res Tore Falqui Show p.12 Le grandi battaglie del passato. La battaglia di Roma p.2

MTV
15.05 16.00 17.00 18.00 19.05 20.00 21.00 23.00 23.30 Jersey Shore Pimp my Ride Made MTV Mobile Chat Inuyasha The Final Act Jersey Shore Prima tv Paris Hiltons British Best Friend Speciale MTV News Valemont Episodio pilota Ritorno a Scuola con Kristen Hager

Canale Italia
20.00 The Planets Funniest Animals 20.30 TG Canale Italia 20.55 Il Meteo 21.00 Cantando e Ballando 23.45 Cera una volta

Telelombardia
14.30 19.00 19.15 19.45 20.30 23.00 23.15 0.00 Shopping in Poltrona Le ricette di Giorgia Io tubo QSVS sera Dovere di cronaca Io tubo Tanta salute Bunga Bunga

LE TV DI CLASS EDITORI
Class Tv Msnbc Dig. Terr. Canale 27, Tiv Sat 30 Class Cnbc Sky Canale 507 Class Horse TV Sky Canale 221 Tiv Sat 55

Class Tv Msnbc
13.00 TG Giorno 13.40 Nightly News 14.00 Avatar Fuga agli antipodi. Condotto da A. Cecchi Paone 15.30 Esteri News 18.00 TG Sera 19.00 Class Life 7 Estate 20.00 Punto e a Capo Estate I fatti che ci cambiano la vita 21.05 Models NYC 22.30 Doctor 2+

7 Gold
14.20 Pomeriggio con Casalotto 18.00 La saga dei McGregor 19.00 TG7 - Sport 20.00 Casalotto 20.30 TG7 Sport 21.10 La mafia lo chiamava il Santo ma era un castigo di Dio (Thriller, 1973) con Roger Moore. Regia di Jim O Connolly. 23.05 CNR TV News

Iris
20.15 Law & Order - Unit Speciale Piet con Christopher Meloni 21.05 Piovuto dal cielo (Commedia, 2003) con Rhys Ifans. Regia di J. Balsmeyer. 22.55 Original Sin (Drammatico, 2001) con Antonio Banderas, Angelina Jolie. Regia di M. Cristofer. 1.00 7 Seconds (Azione, 2005) con Wesley Snipes, Tamzin Outhwaite. Regia di Simon Fellows.

Antenna 3
Shopping in Poltrona Io tubo Azzurro Italia news Chiedimi una canzone Estate 20.25 TG Flash - meteo 20.30 Azzurro Italia 23.00 Azzurro Italia Notte 0.00 TG Notte 13.00 18.45 19.00 19.45

17.00 Linea Mercati Pomeriggio 18.00 Report Ospiti E. Vizzini (Investitori Sgr) e C. Mazzola (Norisk) 22.00 Linea Mercati Notte

Class Horse TV
13.00 Vet Check Lalimentazione equina 15.45 Speciale Class Events Jumping La Baule 18.00 Web Riding 20.15 Estate in Sella Il paradiso degli sport estivi 21.00 Speciale Class Events Global Champions Tour 22.15 World Equestrian Festival Il meglio del Cross Country di Aquisgrana

Deejay Tv
18.45 Believers 19.00 Vacanze romagne 20.00 Jack Osbourne: No Limits 21.00 Shuffolato 22.00 Uomini che studiano le donne 23.00 Via Massena 23.30 Il Meglio di Nientology 0.00 The Club

Class Cnbc
14.30 Bussola Economica Ospite L. Mezzomo (Intesa SanPaolo) 15.00 Linea Mercati Wall Street 16.05 Italia Sotto Attacco Come proteggere i propri investimenti

TelePadania
20.30 TG Nord Speciale 20.55 I nostri primi ventanni - La storia della Lega Nord raccontata dai Protagonisti

Rai Storia
21.00 Dixit Stelle Caterina e i figli del beat prima parte

Odeon
20.00 20.45 21.50 23.00 Superbike TV Crime Caf Hair Secret Odeon 24: Blu Sport

SPETTACOLI TV

Gioved 11 agosto 2011

33

a cura di Giorgio Carbone

Premium Cinema ore 21.15

I CONSIGLI DELLA GIORNATA Studio Universal ore 21.15 Cinema 1 ore 22.50

MGM ore 21

The departed
Un poliziotto (Di Caprio) sinfila nella banda di Costello (Jack Nicholson). Ma anche il boss ha un suo uomo (Matt Damon) tra i piedipiatti. Nessuna novit, ma molto mestiere.

Cattive compagnie
Un timido yuppie simbatte in un coetaneo che gli d lezioni di spavalderia e trasgressioni. Ma poi lo incastra in un omicidio. Spader e Rob Lowe son mediocri, ma insieme funzionano.

A-Team
Una squadra di agenti speciali messa ingiustamente in galera. Scappano e diventano liberi professionisti dei colpi di mano. Versione non ignobile di un hit televisivo degli anni 80.

A distanza ravvicinata
Dramma amore odio tra un giovane (Sean Penn) quasi cattivo e un padre (Christopher Walken) che lo vorrebbe incattivire del tutto. Duello di bravura vinto facilmente da Walken.

I FILM
17.40 Un bikini per Didi Con Bob Hope MGM 18.00 Shrek SCF 18.00 Dance Flick Con Chelsea Makela SCC 18.55 The Twilight Saga: Eclipse Con Kristen Stewart SC1 19.00 La foresta dei pugnali volanti Con Zhang Ziyi C 19.05 Giorni contati Con Arnold Schwarzenegger SCH 19.15 Saigon Con Willem Dafoe SCM 19.20 Se marted allora siamo in Belgio Con Claude Akins MGM 19.25 Hachiko Il tuo migliore amico Con Richard Gere SCP 19.30 Corky Romano Agente di seconda mano Con Chris Kattan SCC 19.35 Senti chi parla 2 Con John Travolta SCF 21.00 Maga Martina e il libro magico del draghetto Con Alina Freund SCF 21.00 A distanza ravvicinata Con Gary Gober MGM 21.00 Guida per riconoscere i tuoi Santi Con Robert Downey Jr. C 21.00 Colpo grosso al Drago Rosso Con Jackie Chan SCM 21.00 Amore a prima vista Con Vincenzo Salemme SCC 21.00 Antwone Fisher Con Denzel Washington SCP 21.10 Prima tv Sky 20 sigarette Con Carolina Crescentini SC1 21.10 La casa dei fantasmi Con Eddie Murphy SCH 22.35 Daddy Sitter Con John Travolta SCF 22.35 La linea Con Ray Liotta SCM 22.35 Anno Uno Con Jack Black SCC 22.45 Pasolini - Un delitto italiano Con Claudio Amendola C 22.45 Battle in Seattle Con Martin Henderson SCH 22.50 A-Team Con Liam Neeson SC1 23.00 Lola Darling Con Redmond Hicks MGM 23.05 He got game Con Denzel Washington SCP 0.10 Il Tagliaerbe Con Jeff Fahey SCM 0.20 Per amare Ofelia Con Renato Pozzetto SCC 0.25 Tre piccole pesti in vacanza Con Victor Wong MGM 0.35 Finalmente domenica Con Fanny. Ardant C

LO SPORT
10.00 Calcio, Coppa del Mondo Under 20 2011 Ottavi di finale Brasile Arabia Saudita (Differita) ES 10.30 Rugby, Test match 2011 Inghilterra - Galles (Sintesi) SP2 11.30 Calcio, Coppa del Mondo Under 20 2011 Ottavi di finale Francia - Ecuador (Differita) ES 12.30 Sport estremi, Red Bull Cliff Diving 2011 Yucatan (Highlights) SP2 13.00 Calcio, Coppa del Mondo Under 20 2011 Ottavi di finale Nigeria - Inghilterra (Differita) ES 14.00 Rubrica sportiva Speciale Liga Campeones 2011 SP1 14.30 Rubrica sportiva Speciale Premier 19 volte United SP1 14.30 Ciclismo, Tour del Benelux 2011 3a tappa (Diretta) ES 15.00 Fan Club Roma SP1 15.00 Beach volley, Campionato italiano 2011 Cesenatico: finale femminile (Replica) SP2 15.30 Rubrica sportiva Napoli sta arrivando la Serie A SP1 16.00 Fan Club Fiorentina SP1 16.00 Rugby, Test match 2011 Inghilterra - Galles (Sintesi) SP2 16.25 Rubrica sportiva Juventus sta arrivando la serie A SP1 17.00 Calcio, Incontro amichevole Da Villar Perosa Juventus A Juventus B (Diretta) SP1 17.00 Tennis, WTA Tour 2011 Toronto: ottavi di finale (Diretta) ES 17.45 Golf, World Golf Championships Bridgestone Invitational 2011 (Highlights) SP3 17.45 Studio Tennis (Diretta) SP2 18.00 Tennis, ATP World Tour Masters 1000 2011 Montreal: ottavi di finale (Diretta) SP2 18.45 Rubrica sportiva PGA European Tour Weekly Magazine SP3 19.00 Calcio, Incontro amichevole Germania - Brasile (Replica) SP1 19.15 Rubrica sportiva Momenti di Golf Episodio 28 SP3 19.45 Studio Golf (Diretta) SP3 20.00 Golf, The 2011 PGA Championship DallAtlanta Athletic Club, Johns Creek, GA 1a giornata (Diretta) SP3 21.00 Calcio, Copa Sudamericana 2011 Secondo turno Flamengo Atletico Paranaense (Diff.) SP1 22.45 This Week on WWE ES 22.55 Futbol Mundial SP1 23.15 Pro Wrestling Vintage Collection - T. Ted Dibiase - L. Luger - R. Ramon ES 23.25 Premier League World SP1 23.30 Tennis, ATP World Tour Masters 1000 2011 Montreal: ottavi di finale (Diretta) SP2 1.00 Momenti di Golf SP3
HD Canale disponibile anche in alta definizione

TELEFILM
20.30 Buona fortuna Charlie! DY 20.30 La vita secondo Jim La competizione F 20.30 Hot in Cleveland Sesso, vendetta e rocknroll FL 21.00 Prima tv - Finale di serie Criminal Minds: Suspect Behaviour Una vita per una vita FC 21.00 Charlies Angels Due angeli un amore - seconda parte FR 21.00 Prima tv Army Wives Donne al comando FL 21.20 Nin DY 21.45 N.C.I.S.: Los Angeles Risposte FC 21.45 Prima tv Traffic Light Eroe per caso F 21.50 Prima tv Army Wives Addio al nubilato FL 21.55 Charlies Angels Angeli alle Hawaii - prima parte FR 22.10 Cybergirl DY 22.15 Prima tv Vi presento i miei Il ragazzo del momento F NCK 22.30 Victorious 22.35 Jinx DY 22.35 N.C.I.S.: Los Angeles Sempre nel mio cuore FC 22.40 Lie to Me Dietro le spalle F 22.40 The Tudors FL 22.50 I Jefferson Lunch with Mama FR 23.00 Le sorelle fantasma DY

SHOW E DOCUMENTARI
19.20 19.30 20.00 20.10 20.10 20.15 20.35 21.00 21.00 21.00 21.10 21.10 22.00 22.00 22.00 22.00 22.50 22.50 22.55 23.00 23.00 Hells Kitchen USA Come funziona? Top Gear Affari di famiglia Le carte dei Kennedy Americas Next Top Model Indagini ad alta quota Tempesta fatale Affari di famiglia Un affare esplosivo Lol - Tutto da ridere La principessa vampiro Top Gear Mega: Fabbriche Maserati Hells Kitchen USA Prigionieri di viaggio Identit a rischio Hells Kitchen USA La fabbrica dei mostri Il grifone alato Deadliest Catch Momenti di terrore Lol - Tutto da ridere Lultimo nazista I figli della razza eletta Dietro le sbarre Centrale del crimine Prima tv Appuntamento al buio - Gli incontri Miti da sfatare Ghiaccio azzurro SKU D D THC SKU NGC THC SKU THC D NGC SKU NGC SKU THC D SKU THC NGC SKU D

RAGAZZI
17.10 I Simpson Fratello nello stesso pianeta F 17.40 Generator Rex CN 18.05 Leone il cane fifone CN 18.30 Adventure Time CN 18.55 Teen Titans CN 19.15 I Griffin La sottile striscia bianca F 19.20 Ben 10 CN 19.40 I Simpson Io amo Lisa F 19.45 Ben 10: Ultimate Alien CN 20.00 Spongebob NCK 20.05 I Simpson Niente birra per Homer F 20.10 Adventure Time CN 20.30 Spank tenero rubacuori NCK 20.35 Leone il cane fifone CN 20.55 Phineas & Ferb Il torneo medievale DY 21.00 Spongebob NCK 21.00 American dad La seduzione del rock F 21.10 Phineas & Ferb Phinedroid e Ferbot DY 21.20 American dad Consigli paterni F 21.25 Spongebob NCK 21.25 Sym-bionic Titan CN 21.50 Due fantagenitori NCK 21.50 Wakfu CN 22.10 Due fantagenitori NCK 22.15 Hero 108 CN 23.05 Titeuf CN

CANALI PREMIUM DIGITALE TERRESTRE


Joi
17.10 Dr. House - Medical Division Salvatori House diviso con Hugh Laurie 18.45 Royal Pains Il seme della pazzia con Mark Feuerstein 19.35 Miami Medical La camera iperbarica con Elisabeth Harnois 20.25 Rescue Special Operations Tra le ceneri con Daniel Amalm 21.15 Justice - Nel nome della legge Episodio pilota: Uno strano incidente Frequentazioni pericolose con Victor Garber 23.05 The Middle Il ponte Torna lestate! con Patricia Heaton 23.55 Eli Stone Libero arbitrio con Jonny Lee Miller 0.45 The Mentalist Lista rossa con Simon Baker

Steel
16.50 Trauma Fuori dal tunnel con Derek Luke 17.40 Baywatch Il nuotatore con David Hasselhoff 18.35 Attacco allo Stato Seconda e ultima puntata. Con Raoul Bova, Teresa Saponangelo 20.25 Trauma La maledizione del novellino con Derek Luke 21.15 Blood Brothers (Azione, 1973) con David Chiang, Ti Lung. Regia di Cheh Chang. 22.50 Supernatural Lo spaventapasseri Il guaritore con J. Padalecki 0.30 Pushing Daisies Il piccione con Lee Pace 1.20 Il prigioniero Lincudine e il martello con P. McGoohan

Premium Calcio
14.30 Calcio, Serie A 2010/2011 18a giornata Cagliari - Milan (Replica) 16.20 Serie A Highlights 16.45 Calcio, Serie A 2010/2011 Anticipo 6a giornata ritorno Roma - Napoli (Replica) 18.40 Calcio, Serie A 2010/2011 Posticipo 6a giornata ritorno Juventus - Inter (Replica) 20.30 All sport news 21.00 Serie A Highlights 22.10 Calcio, Qualificazioni Europei 2012 Dal Windsor Park di Belfast Irlanda del Nord Isole Far Oer (Replica) 0.00 All sport news 0.30 Calcio, Serie A 2010/2011 10a giornata Lazio - Roma (Replica)

Mya
19.10 Prima tv La complicata vita di Christine Tanga e tongo con Julia Louis-Dreyfus 19.35 Pretty Little Liars La tempesta perfetta Tieni vicini i tuoi amici con Lucy Hale 21.15 Rizzoli & Isles Omicidio gay con Angie Harmon 22.00 Close to home Fare ammenda con Jennifer Finnigan 22.45 One Tree Hill Realt e apparenza Di fronte alle paure con James Lafferty 0.30 Pretty Little Liars La tempesta perfetta Tieni vicini i tuoi amici con Lucy Hale

Premium Cinema
19.25 Diamond 13 (Azione, 2009) con Grard Depardieu, Olivier Marchal. Regia di Giles Behat. 21.15 The departed - Il bene e il male (Thriller, 2006) con Leonardo DiCaprio, Matt Damon. Regia di Martin Scorsese. 23.50 Lock and Stock - Pazzi scatenati (Commedia, 1999) con Nick Moran, Jason Fleming. Regia di Guy Ritchie. 1.40 Topsy-Turvy - Sotto-Sopra (Commedia, 1999) con Allan Corduner, Dexter Fletcher. Regia di Mike Leigh.

Studio Universal
18.35 Bronco Billy (Commedia, 1980) con Clint Eastwood, Sondra Locke. Regia di Clint Eastwood. 20.40 Hollywood Collection Charlton Heston 21.15 Cattive compagnie (Thriller, 1990) con Rob Lowe, James Spader. Regia di Curtis Hanson. 23.00 Dante Ferretti: scenografo italiano (Documentario, 2010) Regia di Gianfranco Giagni. 0.05 Le avventure del Barone di Mnchausen (Avventura, 1989) con John Neville, Uma Thurman. Regia di Terry Gilliam.

LEGENDA
C Cult CN Cartoon Network D Discovery Channel HD ES Eurosport HD DY Disney Channel F - FR Fox HD - Fox Retro FC Fox Crime HD

FL Fox Life MGM Metro Goldwyn Mayer NCK Nickelodeon NGC National Geographic HD SC1 Sky Cinema 1 HD SCC Sky Cinema Comedy HD SCF Sky Cinema Family HD

SCH Sky Cinema Hits HD SCM Sky Cinema Max HD SCP Sky Cinema Passion HD SP1 Sky Sport 1 HD SP2-3 Sky Sport 2-3 HD SKU Sky Uno THC The History Channel

Mondiali U20, lArgentina vola con Lamela


Erik Lamela non sbaglia (due volte) dal dischetto e lArgentina vola ai quarti del Mondiale Under 20 battendo 2-1 lEgitto. Ora sfida con il Portogallo che si imposto per 1-0 contro il Guatemala. Per i lusitani a segno al 7 Oliveira. Avanzano ai quarti anche Colombia e Messico.

Allarme Fifa: 50 partite a rischio combine


Cinquanta amichevoli internazionali, in programma questa settimana, potrebbero attirare giocate illegali e alzare il rischio combine. Lallarme dalla Fifa: Le partite contano poco e di conseguenza sono pi a rischio spiega Chris Eaton, capo della sicurezza.

Bill Boat Tour: bambini solidali a Sanremo


Apertura trionfale per la tappa ligure del Bill Boat Tour. Dopo il successo di Porto Cervo, il torneo di calcio balilla itinerante ideato da Massimiliano Maggio per sostenere la Onlus Un cuore per tutti sbarcato allo Yacht Club di Sanremo. In campo tantissimi bambini.

A BARI UNOTTIMA NAZIONALE

LItalia fantasia annienta 2-1 la Spagna campione del mondo: sblocca Montolivo, rigore dubbio di Xabi Alonso, decide Aquilani
UNDER 21

Pi forti dei re
::: ADOLFO VALLA
BARI

Magia di Borini: 1-1 degli azzurrini con la Svizzera


VARESE Si apre con un pareggio (1-1) contro i vicecampioni dEuropa della Svizzera la nuova stagione della Nazionale Under 21. Il risultato va un p largo alla squadra azzurra, che nel primo tempo e in avvio di ripresa ha sofferto parecchio e rischiato anche il tracollo. La Svizzera si resa pericolosa sin dallavvio e gi al 6 ha sfiorato la rete con un colpo di testa di poco a lato di Wuthrich. Paloschi, Fabbrini e Borini hanno cercato qualche soluzione ma la difesa elvetica ha sempre controllato la situazione, pur rischiando qualcosa in una mischia (23) risolta dallintervento del portiere Burki. Al 26 la rete del vantaggio elvetico: Zuber ha servito in verticale la punta Drmic, che ha freddato Pinsoglio di sinistro. Nella ripresa, in una girandola di cambi,a guadagnare stata lItalia che ha corretto un p lo schieramento iniziale (4-4-2) arretrando Borini alle spalle di Macheda e Gabbiadini. Soriano non ha sfruttato una palla doro (23) e al 36 arrivata la rete del pareggio: unautentica invenzione di Borini che da posizione defilatissima ha beffato Burki.

QQQ No, non unillusione, lItalia che ha vinto lamichevole di Bari la prova provata che questo gruppo pu non solo tener testa, ma anche essere superiore ai super campioni dEuropa e del mondo della Spagna. Bravo Prandelli a mettere in campo una squadra corta e compatta, che si disunita solo quando il fiato (siamo ancora in fase di preparazione) venuto meno. Il ct aveva chiesto ai suoi una prova di carattere. E gli azzurri lo hanno accontentato. A partire da quel Cassano al quale il ct (daccordo con Buffon) ha voluto affidare nella sua Bari la fascia di capitano. Con unItalia cos, il prossimo 11 ottobre contro lIrlanda del Nord, la qualificazione agli Europei non dovrebbe sfuggire. Senza timori reverenziali lItalia si presenta alla Spagna con un palo di Criscito (il migliore degli azzurri) dopo soli quattro minuti; e passa in vantaggio all11: verticalizzazione profonda del solito Criscito e Montolivo (al primo gol in azzurro) entra in area, guarda Casillas e lo fulmina con un pallonetto. Per i primi venti minuti lItalia gioca da favola: corta, compatta, attenta a chiudere sui portatori di palla. E la Spagna ci capisce poco o niente e si perde in passaggi imprecisi. Poi Montolivo cala, Prandelli lo sposta sulla sinistra avanzando Thiago Motta, ma la stanchezza

d coraggio alla Spagna che guadagna metri e ci mette in difficolt sul piano del possesso palla, ma non su quello delle occasioni, visto che il tiro centrale di Silva al 18 resta lunica occasione vera degli iberici. Poi al 36 larbitro Brych fischia un rigore generoso per un contatto veniale di Chiellini su Llorente (subentrato a Torres infortunatosi alla caviglia). Sul dischetto va Xabi Alonso e batte Buffon per l1-1. La reazione dellItalia affidata al talento di Cassano che prima (39) costringe lamico Casillas a deviare in angolo un suo diagonale e poi (46) colpisce di testa a pochi passi dalla porta, ma la palla va alta. Poco dopo sinfortuna anche Piquet che lascia il posto al compagno di squadra al Barcellona, Busquets.

Nella ripresa Prandelli lascia negli spogliatoi Thiago Motta per Marchisio e poco dopo cambia la coppia dattacco: dentro Balotelli e Pazzini, fuori Cassano e Rossi. Uomini freschi per cercare di riprendere il ritmo, perch la Spagna inizia la ripresa cos come aveva finito il primo tempo: tanto possesso di palla, ma poche occasioni come quella che capita al 15 sui piedi di Llorente che colpisce debolmente consentendo lintervento a Buffon o come quella di Villa che al 33 impegna in tuffo il numero uno azzurro. LItalia si fa vedere al 23 con Balotelli che manda alto e con una punizione di Pirlo al 38 che Valdes manda in angolo. Poi al 39 il tiro di Aquilani (deviato) che batte Valdes e regala agli azzurri una vittoria pi che meritata. LItalia c.

MILANO ADDIO

Il grande assente Fabregas si consola: fumata bianca imminente col Bara


LONDRA Cesc Fabregas-Barcellona, sembra la volta buona. I media inglesi e spagnoli concordano: il club campione dEuropa ad un passo dallacquisto del centrocampista spagnolo dellArsenal non convocato ieri dal ct Del Bosque. Il Barcellona tra quota fissa e bonus dovrebbe sborsare tra i 40 e i 46 milioni di euro. Fabregas si appresta a firmare un contratto quinquennale e, a quanto pare, ha accettato una decurtazione dellingaggio per favorire la fumata bianca.

Pagelle
ITALIA

Brilla capitan Cassano, Rossi c, Balotelli dorme. Iniesta e Casillas: che classe
( 4-3-1-2)
::: BUFFON 6.5: mai chiamato in causa nel primo tempo, nel secondo impegnato da tirida fuorie dauna conclusioneravvicinata da Cazorla. ::: MAGGIO 6.5:morde le caviglie in difesa e si lancia in attacco. Macina chilometri, gli esterni bassi di Prandelli sono stati la chiave di una prestazione maiuscola. ::: RANOCCHIA 6: lex Bari fa buona guardia (dal 32st Bonucci sv). ::: CHIELLINI 5: ingenuo sulla trattenuta del rigore spagnolo. Errore che lo manda in confusione per il resto della partita. ::: CRISCITO 7: spaventa Casillas dopo cinque minuti con una sventola che si stampa sul palo. Dopo altri cinque fornisce lassist del vantaggio azzurro. Tra i migliori. ::: DE ROSSI 6:molta corsa, il romanista comunque poco lucido a causa della condizione da migliorare (dal 20st Aquilani 6.5: segna il gol partita). ::: PIRLO 6: solito possesso palla e lanci lunghi ad imbeccare i trattori Criscito e Maggio sulle fasce. ::: THIAGO MOTTA 5.5: ha il compito delicato di garantire un equilibrio ad una squadra iper tecnica. Pu dare di pi (dal 1st Marchisio 5.5:non riesce mai a prendere posizione). ::: MONTOLIVO 6.5: inserimento al bacio e tocco morbidissimo che vale l1-0 italiano (dal 30st Nocerino sv). ::: CASSANO 7: agisce da seconda punta e svaria molto. Tonico, gi in forma campionato, sfiora la rete al termine del primo tempo prima di piede poi di testa. Buone notizie per il Milan: su di lui si pu contare (dal 14st Balotelli 5.5: lo cercano molto, ma spesso in fuorigioco ed impreciso. Una buona giocata subito, ma la conclusione da dimenticare). ::: ROSSI 6.5: gioca sul filo del fuorigioco. Si divora il 2-0 alla mezzora sfruttando un'altra palla di un Criscito in versione Djalma Santos. Buona lintesa con Cassano (dal 14st Pazzini 5.5: mai servito). ::: IRAOLA 5: esce troppo frettolosamente su Criscito e il terzino dello Zenit lo beffa con lassist. In ogni caso insicuro dietro ed impreciso quando si sgancia verso la trequarti (dal 1st. ThiagoAlcantara 6:meglio di Iraola complice il calo degli azzurri). ::: PIQU 5.5: si fa prendere in mezzo in occasione del vantaggio azzurro. La difesa centrodestra spagnola ha avuto parecchi problemi. Esce per una botta (dal 45pt Busquets 6:d pi sicurezza dietro). ::: ALBIOL 6: in difficolt quando il duo dattacco italiano lo punta in velocit. ::: ARBELOA 6: avvincente il duello con Maggio sulla fascia sinistra. ::: JAVI MARTINEZ 6: sostituisce Xavi, ma non ha la tecnica del metronomo del Barca. Meglio quando viene schierato in difesa.

SPAGNA

(4-3-3)

::: CASILLAS 7:non pu nulla sul tocco di Montolivo. Si supera sul destro di Rossi e poco dopo sulla conclusione di Cassano (dal 1st Valdes 6:ordinaria amministrazione per lui).

SPORT

Gioved 11 agosto 2011

35

@ commenta su www.libero-news.it

Scommessopoli

::: BERGAMO
QQQ Sono deluso. Arrabbiato. E non posso stare in silenzio. La sentenza che condanna me e Manfredini mi ha lasciato a bocca aperta, leggendo le motivazioni ho trovato poche ed insufficienti parole. Cristiano Doni sceglie il sito atalantini.com, frequentatissimo dai tifosi bergamaschi, per esprimere il suo stato danimo allindomani della sentenza

Doni attacca sul web: Chi mi ha coinvolto non stato ascoltato

sul caso Calcioscommesse, che gli ha inflitto tre anni e mezzo di squalifica. Non vogliamo pagare con una condanna che sia desempio per gli altri: vogliamo che paghi chi ha sbagliato - continua Doni - Noi non centriamo niente. Chi ha dichiarato di aver usato il mio nome millantando, non stato ascoltato: pagoperch ero amicodi Santoni. Sefossi colpevole non andrei nemmeno avanti a difendermi. Il capitano conclude con unamara riflessione: Solo

lidea che qualcuno a Bergamo, tra i tifosi nerazzurri, possa pensarmi coinvolto in vicende che fanno del male allAtalanta, mi ferisce dentro. In oltre dieci anni con questa maglia ho dimostrato tanto, lAtalanta la cosa a cui tengo di pi. A Testa Alta non solo un gesto di esultanza ma uno stile di vita. Anche il presidente Percassi intervenuto su sito del club: La sentenza ha generato in me un profondo senso di delusione e sgomento.

Azzurri in festa dopo il gol di Montolivo. Nel riquadro lesultanza degli spagnoli: di Xabi Alonso su rigore la rete dell1-1 [LaP, Ap]

RIVOLUZIONE In venti giorni Moratti rif lInter


Etoo va, Sneijder anche. Ma il patron non smobilita: in arrivo tre colpi di livello
::: FABIO RUBINI
MILANO

BOMBER DI RAZZA Samuel Etoo (31 anni): la scorsa stagione ha segnato 37 gol in 53 partite.

ITALIA-SPAGNA

2-1

RETE: 11 pt Montolivo; 36 pt Xabi Alonso (rig.); 39 st Aquilani. ITALIA (4-3-1-2): Buffon; Maggio, Ranocchia (31 Bonucci), Chiellini, Criscito; De Rossi (21 st Aquilani), Pirlo, Thiago Motta (1 st Marchisio); Montolivo (30 st Nocerino); G. Rossi (14 st Pazzini), Cassano (14 st Balotelli). Ct. Prandelli. SPAGNA (4-3-3): Casillas (1 st Valdes); Iraloa (1 st Alcantara), Piqu (45 pt Busquets), Albiol, Arbeloa; Javi Martinez, Xabi Alonso, Iniesta (1 st Villa); Cazorla (35 st Mata), Torres (15 st Llorente), Silva. Ct. Del Bosque. ARBITRO: Brych (Ger). NOTE: ammonito Arbeloa.

Cesare Prandelli si gode gli azzurri LaP

::: XABI ALONSO 6.5: freddo dagli undici metri. ::: INIESTA 6.5: con i fraseggi stretti lunico che cerca di tenere in piedi la classica manovra avvolgente spagnola (dal 1st Villa 5.5:un tiraccio da fuori e niente pi). ::: CAZORLA 6.5:parte da sinistra e cerca di accentrarsi. Pericoloso anche quando cerca il fondo per crossare. Il migliore del tridente di Del Bosque. ::: TORRES SV: i problemi alla caviglia lo tengono in campo solo una manciata di minuti (dal 13pt Llorente 6: scaltro a guadagnarsi il penalty trasformato da Xabi Alonso, incredibile il gol che si mangia, ciccando il pallone, ad inizio ripresa). ::: SILVA 6: sua la prima conclusione, centrale, della partita. Cresce nella ripresa.
MATTEO MAGRI

QQQ Dasvidania Samuel. Lattaccante camerunese a un passo dallAnzhi, la squadra russa che a suon di milioni lo sta strappando allInter. Dopo il ni pronunciato marted da Moratti (quella russa unofferta intelligente), ieri si sono fatti ulteriori passi avanti. In mattinata Claudio Vigorelli, agente di Samuel Etoo (31) ammette: Abbiamo raggiunto un accordo. Ora tocca alle societ trovare la quadra. Intanto nello studio milanese di Rinaldo Ghelfi sincontrano le due delegazioni. LAnzhi, forte dellaccordo gi trovato con Etoo (60 milioni in tre anni), prova a tirare il prezzo con lInter: diciotto milioni la prima offerta, salita poi a 20/22. Troppo poco per convincere Moratti che ne chiede 40 e che uscendo dai suoi uffici, spiegava affare fatto? ma no, ma figuriamoci. Quella dei russi solo una proposta. Dobbiamo vedere noi che cosa fare. Limpressione per che Etoo partir, magari per una cifra tra i 28 e i 30 milioni. E la firma potrebbe arrivare luned o marted. Cos come potrebbe lasciare lInter Wesley Sneijder(27), se lo United offrisse almeno 33 milioni. Questa doppia partenza porterebbe una sessantina di milioni nelle casse dellInter, che Moratti dovr usare per rivoluzionare la squadra. C stato un contatto telefonico tra lo stesso Moratti e Aurelio De Laurentiis per Ezequiel Lavezzi (26). Largentino ha una clausola rescissoria di 31 milioni, ma nellaffare potrebbe essere inserito Goran Pandev (28), che piace a Mazzarri. Il Napoli tentato, ma il macedone deve ridursi lingaggio (3 milioni netti a stagione). In nerazzurro potrebbe arrivare anche Carlos Tevez (27), ma solo in prestito. E occhio a Diego Forlan (32) dellAtletico Madrid, vecchio pallino di Moratti. Un altro colpo potrebbe essere quello del terzino sinistro del Tottenham Gareth Bale (22). Ieri saltato lincontro col Genoa per Juraj Kucka (24), ma laccordo vicino. In uscita Pandev tentato dallo Schalke 04. LInter ha detto no ai 6 milioni offerti dalla Real Sociedad per McDonald Mariga (24), ma la trattativa prosegue. Sirene anche per Diego Milito (32), chiesto da Rubin Kazan e Galatasaray.

Commento

Pillole di saggezza per i nerazzurri menagrami


::: MATTEO PANDINI
QQQ Da Milano scappano gli stranieri sbagliati. Resta Muntari, sono in partenza Etoo e Sneijder. Dopo il ko in Supercoppa lumore del popolo interista nero come prima di Calciopoli, quando i signori prescritti per doping vincevano dentro e soprattutto fuori dal campo. Ora. semplice tirarle dietro a Massimo Moratti che pensa di cedere i gioielli pi preziosi, senza improvvisarsi venditore di tappeti. Dovrebbe annunciare che pure in corso Vittorio Emanuele hanno in pugno mister X e pure lY e magari lo Z, una batteria di pentole e uno spremiagrumi. Cos, tanto per calmare la piazza e i cronisti che dipingono Milanello come il Mulino Bianco. In ogni caso, per farla breve, troviamo appigli positivi. 1) anche quando and via Mancini per fare spazio al Profeta di Setubal qualcuno era perplesso: si sa come and a finire. 2) quando Ibra fin al Barcellona pareva una tragedia: fu un piano diabolico. 3) lanno scorso cera aria da crisantemi, e invece sono spuntati tre trofei. Nonostante Benitez e Leonardo. 4) Leonardo ha fatto le valigie, e meno male visto che Moratti non pareva convintissimo di lui. 5) In Italia la concorrenza non ci pare cos mostruosa. 6) LInter sperimentale di Gasperini non sembra malaccio. In conclusione: la societ dovrebbe maturare, soprattutto dal punto di vista mediatico. Ma anche certi tifosi sono dei menagrami che te li raccomando. Lera Mou finita. Fiducia a Gasp e al club. Pochi mesi fa eravamo campionissimi. Beccatevi la citazione: non chiedete cosa fa per noi lInter, chiedetevi cosa facciamo noi per lInter. Prima del 31 agosto, chi fa il funerale alla squadra imiti Etoo. Si trasferisca in Russia (per senza rubli).

I CONTI DEI MORATTI

Trimestre in rosso per Saras Tutta colpa dei derivati


Non stata la crisi libica a trascinare in rosso i conti della Saras, la societ di raffinazione petrolifera della famiglia Moratti, ma il cattivo andamento dei derivati: nel secondo trimestre dellanno il gruppo ha segnato una perdita adjusteddi 44,3 milioni di euro, contro un utile di 2,4 milioni registrato nello stesso periodo 2010. Saras, afferma una nota, adotta una politica di copertura delle proprie transazioni commerciali su grezzo e prodotti mediante luso di strumenti derivati, che avevano portato un contributo positivo nei risultati del secondo trimestre 2010 di circa 17 milioni di euro mentre nel secondo trimestre di questanno sono state realizzate perdite per circa 24 milioni. Questi contratti vengono largamente utilizzati per coprire le aziende dai rischi di pesanti perdite, in questo caso dallandamento del petrolio, ma se non perfettamente calibrati possono facilmente portare i conti in rosso. Nel secondo trimestre 2011 per per Saras sono in aumento i ricavi: +21% a 2,6 miliardi di euro, che portano i ricavi complessivi del primo semestre 2011 a 5,3 miliardi (+31%).

36

Gioved 11 agosto 2011

SPORT

@ commenta su www.libero-news.it

JUVE IN TRINCEA Agnelli porta lInter in aula: Rivoglio i miei scudetti


Il patron presenta ricorso contro la mancata revoca del titolo 2006: Pronti a tutto. Moratti: Vada in ferie...
::: ALESSANDRO DELLORTO
ROMA

STRATEGIE VINCENTI
Il presidente della Juventus Andrea Agnelli (35 anni) ieri ha spiegato la strategia per riprendersi gli scudetti tolti alla Juve dopo Calciopoli: ricorsi su ricorsi e non mollare fino allultimo grado di giudizio. Nellaltra foto i giocatori bianconeri festeggiano proprio la vittoria del campionato 2005/2006 [LaPresse]

MERCATO

QQQ Lo scudetto del 2006 lo abbiamo vinto sul campo con 91 punti, ma stato recapitato ad altri sulla scrivania. Lhanno chiamato lo scudetto degli onesti, invece solo lo scudetto dei prescritti. Roaaar, il ruggito dellAgnellino rimbomba nella sala allultimo piano dellHotel Baglioni di Roma, quella a vetri che domina dallalto i tetti della citt. Lo sguardo di Andrea - il presidente della Juventus - fermo, anche se la voce ogni tanto traballa. Emozione, non incertezza. Un segnale cos forte della dirigenza bianconera non si era mai visto nel dopo Calciopoli e questo attacco frontale del club che reclama il titolo di cinque stagioni fa (assegnato allInter dallallora commissario straordinario Guido Rossi) e che - a tre settimane dalla decisione di non decidere della Figc riguardo la revoca (Agnelli: La cosa incredibile che si dichiarata incompetente la stessa istituzione che ha lapidato la Juventus nel 2006. Lo stesso sistema che oggi diventato anche garantista) - mette in chiaro le prossime mosse alzando la voce, fa quasi un certo effetto. Grinta. Tackle. Carattere. Orgoglio juventino di un tempo lontano. Andrea Agnelli, con a fianco lavvocato Luigi Chiappero, il coordinatore legale bianconero Michele Briamonte e Pasquale Landi, professore di diritto amministrativo allUniversit di Roma, annuncia battaglia e lo fa qui, a Roma, perch la Juve abituata a giocare sul campo le partite, e questa si gioca proprio nella Capitale. I fatti emersi dal processo di Napoli, esplicati dal procuratore Palazzi, esprimono uninaccettabile disparit di trattamento. Da parte nostra siamo estremamente favorevoli ad un tavolo e ad un dialogo che permetta di procedere. Non temiamo il confronto, siamo stati giudicati e condannati per alcuni fatti dalla giustizia sportiva. Non saremmo per favorevoli a sederci per dialogare se questo dovesse servire per lavare coscienze sporche e a insabbiare. Il dirigente annuncia battaglia (velenosa e secca la replica di Moratti: Spero soltanto che Agnelli prima o poi vada in vacanza cos si rilas-

E dalla Fiorentina in arrivo Vargas Amauri in viola


Andrea Agnelli impegnato a salvare lonore della Juve, cos come il suo dg Beppe Marotta lavora per riportare i bianconeri in alto sul campo. Ma la priorit dei piemontesi, ora, quella di vendere. I nomi sulla lista sono almeno quattro: Amauri, Martinez, Grosso e Motta. Quello che sembra avere pi mercato la punta italo-brasiliana: il Parma farebbe carte false per trattenerlo, ma Amauri potrebbe finire anche alla Fiorentina, magari nella trattativa che potrebbe portare in bianconero Vargas. Se Amauri vestir il viola sar perch Gilardino si decider a lasciare la Fiorentina per il Genoa. Ma occhio a Floccari che piace molto a Corvino, che nel frattempo sta trattando per il centrocampo viola Lodi dellEmpoli. Anche perch continua il pressing del Milan su Montolivo. La Roma su Moussa Sissoko, centrocampista del Tolosa e continua a trattare Nilmar. Il Palermo infiamma il mercato con la sua punta Pablo Andres Gonzalez: Zamparini ha ammesso che piace al Catania, al Lecce e anche il Novara lo rivorrebbe indietro. Novara per che sarebbe vicinissima allingaggio di David Suazo. Il Siena a un passo da Acosta del Boca Junior, mentre il Cesena potrebbe chiudere con Rodriguez del Penarol. Infine il nazionale azzurro Ogbonna potrebbe lasciare lItalia per la Spagna: destinazione Villarreal.

sa) e si fermer solo quando I titoli 05 e 06, che sono nostri, torneranno nella nostra bacheca. Gi, ma quali sono le mosse pensate? Il nostro percorso di giustizia - spiega Michele Briamonte, legale della Juventus - prevede un ricorso al Tnas (Tribunale Nazionale Arbitrale per lo Sport) per esaurire il percorso dei ricorsi interni. Radicheremo un esposto al procuratore regionale del Lazio della Corte dei Conti. Abbiamo immaginato un esposto alla prefettura del ministro dellInterno e abbiamo poi una grande aspettativa per ci che riguarda lUefa, siamo ansiosi di sapere se i comportamenti tenuti tra lottobre 2006 (quando si sono chiusi i procedimenti relativi alla retrocessio-

ne della Juventus) e il 18 luglio 2011, che secondo i nostri studi non hanno mai avuto precedenti, sono conformi ai principi della Uefa stessa. Se non raggiungessimo gli obiettivi, investiremmo la giustizia togata: il Tar, il Consiglio di Stato e le procure competenti. Scudetti, ma non solo. La Juventus chiede anche un risarcimento danni e lo far chiamando in causa la Figc nel suo complesso o anche singoli consiglieri. In base allesito delle decisioni avremo la quantificazione del danno, patrimoniale o morale e dimmagine - aggiunge Briamonte - Questo dipender se la negligenza ci sia stata nel 2006, quando lo scudetto stato revocato, o nel 2011 con la non decisionedel 18 luglio.

Ritratto del giovin signore

Lo stile dellAvvocato, il cuore dei tifosi: Andrea ha le idee chiare


::: IVAN ZAZZARONI
QQQ Madre ultr juventina, Allegra Caracciolo, e zia interistissima, Violante, lindimenticabile moglie dellex vicepresidente nerazzurro Giammaria Visconti di Modrone scomparsa pochi anni fa, Andrea lultimo degli Agnelli di calcio. Gi diciassette anni or sono quando cominci la stagione umbertina del club - e suo padre si affid a Antonio Giraudo e Luciano Moggi - veniva indicato, non ancora ventenne, come lunico della Sacra Famiglia realmente appassionato e presente, mamma a parte naturalmente proprio Giraudo pu essere considerato una sorta di zio acquisito allombra del quale ha anche maturato esperienze londinesi (settore immobiliare e marketing). Il curriculum di Andrea, che ne compie 36 il 6 dicembre, sposato e padre di Baia, non ce lha nemmeno Obama: studi tra il St. Clares International College di Oxford e la Bocconi, e passaggi formativo-lavorativi in Piaggio, Auchan, Ferrari, Philip Morris International (dalla Svizzera non sarebbe mai rientrato: fu il padre a richiamarlo alla base), Fiat e holding finanziarie quali Ifil, Ifi (poi Exor) e Lamse SpA. Discreto golfista, e per questo amministratore delegato dei Roveri a Torino e consigliere della federgolf, Andrea diventato presidente della Juventus poco pi di un anno fa, il 19 maggio 2010, e ha subito cambiato registro, toni e uomini, rinnegando palesemente il passato pi recente: per dirne una, Jean Claude Blanc aveva bloccato Rafa Benitez e lui, Andrea, ha fatto saltare laccordo pagando la penale per portare a Torino Gigi Delneri - non fu Marotta il responsabile. Andrea rappresenta in pratica lideale linea di continuit con la Juve pre-scandalo: non a caso tra esposti, conferenze stampa e battute al vetriolo nei confronti degli onesti (la conoscenza con Moratti di vecchia data) ha cominciato a parlare alla pancia della tifoseria per tentare di restituire la dignit perduta a quella lunga e fortunata, almeno sul campo, stagione bianconera ottenendo consensi illimitati. Chi lo conosce bene lo descrive come un uomo serio, molto riflessivo e intelligente (del padre ha preso soprattutto la riservatezza) e quasi si sorprende nel ritrovarlo troppo spessoin prima linea in quella che viene ormai considerata una battaglia personale. ancora condizionato dallamicizia con Giraudo il suggeritore occulto, sostengono i pi maliziosi: probabilmente qualcosa di vero allinizio c stato, ma lostinazione con cui Andrea, assistito in particolare dallavvocato Briamonte - considerato il nemico numero 1 dellAssocalciatori nella querelle relativa al rinnovo del contratto collettivo persegue lobiettivo della revoca dello scudetto 2006 induce a pensare che stia operando in totale autonomia.

[PAVIA]

I NUMERI DI IERI
::: ::: ::: :::

[MONZA E BRIANZA]

No a via Unit dItalia teniamo via Berlinguer


FILIPPO CAVAZZA a pagina 45

1 rapina 3 scippi 5 persone arrestate 6 truffe

::: ::: ::: :::

290 milioni di euro spesi per i saldi 108 milioni, euro spesi dai milanesi 166 euro di spesa media a famiglia 65% dei clienti, sono i giovani

I saldi in Lombardia muovono 290 milioni


SERVIZIO a pagina 45

www.cadoroarredamenti.it

ARREDA CON IL MASSELLO PROMOZIONI

CA' D' ORO

CA' D' ORO

Via De Amicis, 29/31 MILANO Tel. 02.8321130

Redazione cronaca: viale Majno 42, 20129 Milano; telefono 02.999666; fax 02.99966227; email: milanocronaca@libero-news.eu; Pubblicit: PUBLIKOMPASS SPA, Via Washington 70, 20146 Milano; Tel. 02.24424611 - Fax 02.24424490

La svolta arancione

La Milano di Pisapia: casa e moschea


Dopo le parrocchie islamiche nei quartieri, il centrosinistra promette una casa a tutti gli immigrati
:::
Prima le ferie
SINISTRA A CACCIA DI IDEE ALTRUI
QQQ Mentre i rilievi sulla mosche del capogruppo del Pd in Comune Carmela Rozza accendono la polemica con la giunta, lesecutivo cittadino annuncia la linea della porta aperta a chi sbarca in Italia. Un vero fuoco di sbarramento, dal vicesindaco Maria Grazia Guida agli assessori Stefano Boeri e Pierfrancesco Majorino, ha accolto le obiezioni della Rozza secondo cui il governo cittadino ha agito con eccessiva nonchalance senza coinvolgere adeguamente le zone che dovranno ospitare le moschee. Noi dobbiamo dialogare con tutta la citt attacca la Rozza, non cera questa fretta di ricevere gli islamici in pieno agosto. Come desiderosa di procedere senza che nessuno metta i bastoni tra le ruote, la giunta meneghina ieri ha annunciato anche che Palazzo Marino subentra alla Prefettura, dintesa con questultima, nelle politiche di accoglienza per gli immigrati che chiedono diritto dasilo.
E.CAVADINI - M.COSTA alle pagine 38-39

IL SINDACO LEPROTTO
NON METTE LA FACCIA SULLE SCELTE CHE FA
::: LUIGI SANTAMBROGIO
QQQ Veloce a svignarsela come una lepre, bianco nel pelo come il leprotto invisibile delle favole. Insomma, coniglio bianco su sfondo bianco, cio: Giuliano Pisapia, sindaco di Milano. Per la seconda volta il capo della giunta arancione ieri s dato, lasciando solo soletto lassessore Majorino a presentare le future iniziative del Comune su immigrati e rom. Il Pisapia desaparecido ha concesso il bis a soli due giorni dalla prima fuga che lha visto convitato di pietra al summit con i rappresentanti delle comunit islamiche di Milano. Eppure, anche quello di ieri, non era certo un incontro di routine, al contrario: insieme allannunciata sistemazione delle piccole moschee di quartiere (le parrocchie, come le ha definite limam di viale Jenner, Abdel Shaari, in attesa della costruzione del Duomo, la grande moschea), le politiche su extracomunitari e campi rom sono ai primi posti delle scelte strategiche del programma sociale di Pisapia. Inspiegabili, dunque, questi due appuntamenti bucati per ferie: il sindaco in vacanza fin dopo Ferragosto, ma la sua assenza in tali occasioni certamente decisive appare un tantino strana. Sulla moschea si gi visto quali sono i piani della coalizione di sinistra, sugli immigrati il loro programma si spinge fino al riconoscimento del diritto di voto agli stranieri. Per i referendum e le altre consultazioni comunali, basterebbe una semplice modifica dello Statuto comunale. La cosa allo studio della task forceche lassessore Majorino ha costituito con circa 15 ragazzi immigrati di seconda generazione come consulenti. Beh, mica una cosa da niente, sia dal punto di vista politico sia istituzionale, eppure, come sulla questione islamica, il sindaco ha scelto non metterci n la faccia n la firma. Si sa mai: gli assenti hanno sempre torto per hanno il vantaggio di non avere responsabilit. Come linvisibile Pisapia, appunto: coniglio bianco su sfondo bianco.

Milanesi arruolati per copiare le altre citt


.
QQQ Lultima stravaganza di Pisapia si chiama Copia e incolla: idee in Comune e propone ai milanesi in vacanza di suggerire al sindaco le buone pratiche di amministrazione che scoprono in giro per lItalia e per il mondo. Forse che il primo cittadino a corto di idee? Davvero pensa che in ferie ci si dedichi a studiare cosa fanno gli altri Comuni piuttosto che ad amene attivit ricreative? [Ftgr]

Le sviste del Comune

Tutta sballata la guida ai negozi aperti


URBANISTICA

Sfrattato lultimo benzinaio del centro


di FABIO SANTINI

Sfratto per lultimo benzinaio multifunzione ancora aperto in centro: a settembre dovr lasciare corso di Porta Volta 2. a pagina 41

QQQ Un ottico. Una lavanderia. Tre macellai. Ecco cosa resta aperto nel mese dagosto a Milano secondo la guida online promossa dal Comune. Uno scenario da day after. Questestate sono rimaste in citt 60mila persone in pi rispetto allanno sorso, spiega Massimo Todisco, presidente dellOsservatorio di Milano. E lamministrazione cosa fa? Sotituisce la vecchia guida cartacea, distribuita gratuitamente nelle

edicole con una pi moderno elenco sul web. E che, tra laltro, riporta dati fasulli: Molti dei negozi segnalati non sono aperti. Ma lassessore al Commercio Franco DAlfonso si giustifica: Le segnalazioni da parte dei negozianti sono volontarie e resta comunque la libert di tirare gi le serrande. Non abbiamo riscontrato situazioni di disagio. Lelenco, per, piena di errori.
LINDA STROPPA a pagina 41

La traduzione
Sbagliato non invitare le Regioni al tavolo tra foverno e parti sociali per discutere sulle misure anti-crisi Roberto Formigoni Cio: Abbiamo pure rinunciato a fare le ferie e ci ignorano cos?

AllOsteria Pizzeria da Gerry


DA SETTEMBRE 2011 INIZIEREMO A PROPORRE I MENU AUTUNNALI DI QUALITA e con veri prezzi anticrisi!
Osteria - Pizzeria da Gerry Via Marconi 27 - 21018 Osmate (VA) Tel. 347 2528641 www.laprovinciadivarese.it

Denuncia dellAidaa

Per ripicca verso la moglie le cucina i suoi gatti


::: CARLO SALA
QQQ Probabilmente in casa ha il dvd di Attrazione fatale e probabilmente s visto e rivisto la scena in cui lamante abbandonata di lui fa trovare alla legittima consorte il coniglio di casa bollito in padella. Di certo - secondo una denuncia ricevuta dallassociazione animalista Aidaa - in un non meglio precisato comune del milanese un uomo ha consumato verso la moglie una ripicca tratta quasi di peso da quel film. Tormentato dalla legittima consorte che aveva scoperto una sua relazione extraconiugale e insisteva perch la troncasse, luomo ha simulato una cena di riappacificazione. Quando domenica sera la donna s trovata al tavolo con lui e lamante di lui, per, il peggio doveva ancora venire. Luomo ha servito in tavola 2 animali arrosto, allapparenza - secondo il racconto della signora allAidaa - 2 conigli al forno. Ma appena la donna ha iniziato a degustare il piatto preparato dal marito, questi le ha rivelato latroce verit: quelli che stava mangiando erano Zar e Guglielmo, i suoi 2 amati gatti di 6 e 5 anni. Dopo aver lasciato la tavola con un urlo di raccapriccio, la signora medita ora di avviare unazione penale.

AllOsteria Pizzeria da Gerry


il venerd sera, domenica pranzo e cena:
menu di ter ra, menu di mare, menu di lago

Euro 12,00
Osteria - Pizzeria da Gerry Via Marconi 27 - 21018 Osmate (VA) Tel. 347 2528641 www.laprovinciadivarese.it

Gioved 11 agosto 2011 @ commenta su www.libero-news.it

38

CRONACA

Accoglienza chiavi in mano

BUSTO ARSIZIO

Dopo la casa ai rom anche un tetto per gli immigrati


Il Comune si intesta il piano di accoglienza del Viminale e ammette i profughi nelle liste per gli alloggi pubblici
::: EDOARDO CAVADINI
QQQ Dora in avanti sar il Comune anzich la Prefettura a coordinare gli interventi di assistenza a Milano, facendo della sede della Protezione civile di via Barzaghi un centro di prima accoglienza e orientamento nel quale i richiedenti asilo resteranno per un massimo di 15 giorni prima di essere indirizzati nelle strutture di accoglienza gestite dalle associazioni del terzo settore. Lannuncio dellassessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majoirino, che operer assieme al collega alla Sicurezza Marco Granelli, venduto come un cambio di strategia radicale rispetto al passato, ma in realt non fa che recepire la direttive del governo e del ministero dellInterno in materia di rifugiati di guerra oltre che - come spiega lassessore regionale alla Sicurezza Romano La Russa - essere frutto dellaccordo tra il soggetto attuatore dellemergenza profughi, il vice-prefetto Francesco Russo, lAnci e lUnione delle province. Non che Majorino agisce da solo come vuole lui. Il progetto - Majorino vorrebbe fosse desempio per altre citt - si snoda in due fasi, con lobiettivo di smistarei 239 profughi dal Nord-Africa (Libia in primis) presenti a Milano, e i successivi 100 previsti in arrivo entro il 20 settembre dalla prefettura. Nel primo step chi arriva in via Barzaghi (alcuni ospiti sono gi presenti da qualche giorno) - il 99% sono uomini, donne e bambini hanno un canale privilegiato - verr identificato, e - come accade sempre - autocertificher la propria condizione di rifugiato di guerra (mentre le verifiche impiegheranno come prassi dei mesi). Inoltre verr eseguito uno screening delle condizioni di salute, con assistenza psicologica, assistenza legale e mediazione culturale. Dopo questa fase, che vedr protagonisti al massimo 40 richiedenti alla volta, si passer alla distribuzione sul territorio della citt appoggiandosi alle strutture comunali (Cascina Monlu, la Casa accoglienza di viale Ortles, gli appartamenti del progetto Arca) e a quelle del terzo settore (a ora hanno dato la diAVANTI, C POSTO Dopo aver cambiato il piano profughi, la sinistra medita di offrire in futuro un tetto agli immigrati [Ftg.] sponibilit Caritas, Casa Silvana, Casa Cardinal Colombo, centro di via Saponaro, parrocchia Pentecoste, lex opera fratel Ettore). Qui ai rifugiati verranno proposti percorsi di inserimento-lavoro e per lassessore Granelli - se rimarranno in Italia potranno anche entrare nel circuito regolare delle residenze pubbliche. Abbiamo 4mila appartamenti comunali sfitti, e protranno accedervi anche loro. Accoglienza e casa, in linea con lapertura senza se e senza ma dimostrata dalla giunta Pisapia prima con i nomadi, poi con gli islamici. In questi anni la citt non ha avuto coraggio, non ha fatto abbastanza per accogliere ha commentato Majorino, ma un grido di allarme si alza dal centrodestra milanese. Lex vice sindaco Riccardo De Corato ricorda che Milano con i profughi ha fatto pi di chiunque altro, ac-

Rumeno fa stuprare la fidanzata


B.ARSIZIO(VA) Lavrebbero costretta a rimanere in piedi nuda davanti a loro per tutta la notte, dopo aver abusato di lei. il racconto tremendo di ci che accaduto a Busto Arsizio, a una donna di 42 anni, tossicodipendente. Stando al suo racconto, dopo essere arrivata nellappartamento del fidanzato - un trentenne romeno - la donna avrebbe trovato altri due uomini, di 19 e un 30 anni. Il fidanzato lavrebbe prima convinta a un rapporto consenziente durante il quale, al buio totale, si sarebbero sostituiti a lui gli altri due amici. Quando se ne sarebbe resa conto si sarebbe ribellata e a questo punto sarebbero iniziate le violenze. Riuscita a fuggire, la donna ha dato lallarme. A supporto della versione della donna c la testimonianza di un ragazzo senza fissa dimora, italiano, presente nello stabile, ma che per paura non lavrebbe difesa. Quando sono arrivati gli agenti del Commissariato di polizia di Busto Arsizio, lhanno trovata in strada con il volto tumefatto dalle botte. Subito, i poliziotti hanno fatto irruzione nellappartamento dove si sarebbe consumata la violenza, arrestando i tre presunti aguzzini. I tre uomini ora sono rinchiusi nel carcere di Busto Arsizio con laccusa di violenza sessuale di gruppo.

cogliendone settemila, e lancia un monito alla giunta Pisapia: Attenzione a usare i soldi pubblici (46 euro a testa al giorno, previsti dal ministero dellinterno) per chi si dichiara profugo di guerra: se poi la commissione valutatrice boccia la richiesta? Diventa questione da Corte dei Conti. Majorino ha anche puntato il dito contro le amministrazioni di centrodestra che - vedi la Provincia di Brescia - avevano opposto resistenze allaccoglienza dei

profughi: Non vorrei che si arrivasse al paradosso che le giunte di centro sinistra siano le uniche a rispettare le indicazioni di un ministro leghista mentre gli altri comuni con sindaco leghista no. Gli risponde il capogruppo lumbard in Comune Matteo Salvini: Non c due senza tre - elenca -: prima le porte aperte in Comune ai Rom, poi il dialogo con gli islamici, ora laccoglienza di centinaia di profughi. Poi nel 2013 magari Pisapia incontrer gli anziani milanesi al Gratosoglio.

CRONACA

Gioved 11 agosto 2011

39

@ commenta su www.libero-news.it

La sinistra della mezzaluna

Pd in frantumi sulle moschee di zona


Il capogruppo Rozza: troppa fretta, pensiamo anche ai milanesi. Il vicesindaco Guida: non capisce il dialogo
::: MASSIMO COSTA
SPAZI PER TUTTI QQQ I milanesi devono soltanto pagare, mentre noi dialoghiaLa giunta Pisapia decisa ad accogliere mo con musulmani e immigrati. tutte le richieste dei fedeli di Allah [Ftg.] Stiamo dando unimpressione decisamente sbagliata. Il messaggio, firmato dal capogruppo al quale ha invece partecipato il Pd Carmela Rozza, rovina la quie- rappresentate di viale Jenner Abte estiva della giunta Pisapia. del Shaari. Allora, se di dialogo si I tappeti rossi stesi a Palazzo sta parlando, che sia con tutte le Marino in piena estate ai fedeli di parti interessate. Meglio fermare Allah non hanno ottenuto un ple- tutto e ripartire. biscito a sinistra. Anzi, nel pi Non la prima ferita interna al grande partito della coalizione Pd in questo inizio movimentato che sostiene Pisapia fa esplodere di legislatura: la giunta Pisapia e il un duello rosa. Da una parte la leader del partito in consiglio coRozza, che critica metodo e inter- munale si erano gi scontrati sul locutori scelti dalla giunPgt (con la Rozza contrari ta: Bisogna dialogare alla revoca tout court), con tutta la citt, sullIrpef (con la sonon avrei affronglia alzata dopo la tato questo tema maratona in aula) ad agosto. Non e sulla revoca del cera tutta questa cda di Atm. Come fretta. Sullaltro soldati davanti al angolo del ring Macaporale, ieri gli ria Grazia Guida, viesponenti cesindaco, direttrice del Pd nelCarmela Rozza Ftg. uscente della Casa della la squadra Carit di don Colmegna e di governo regista dellabbraccio storico alla sono scattati in difesa della corsia dei milanesi? La Lega Nord, attraCELEBRAZIONI mezzaluna meneghina. Stesso preferenziale riservata al progetverso il consigliere Alessandro partito, concezioni diverse. For- to delle moschee di zona. PierMorelli, propende per la seconda se la Rozza non ha capito la porta- francesco Majorino, con il sorriso ipotesi: La verit che la sinistra ta del dialogo che abbiamo ria- sulle labbra, accusa la Rozza di si gi confrontata e la decisione perto nella citt tuona il braccio non aver seguito bene la vicenda: gi presa a danno dei cittadini destro buonista di Giuliano Pisa- Non ho capito le perplessit di milanesi che si ritroveranno con pia, noi abbiamo condiviso lesi- Carmela Rozza, in vacanza in Per il riconoscimento dei luoghi di culto nei quartieri bi- luoghi di culto in ogni quartiere. sogner attendere ancora un anno. La festa di fine rama- A Milano prega nei centri islamici genza del rispetto della libert dei questi giorni quindi forse non si luoghi di culto che un elemento ben informata. Stefano Boeri, dan, che calamita ogni anno migliaia di persone, si terr an- solo il 7% dei musulmani, ma lassessore dalle deleghe dimezche questa volta al teatro Ciak di via Procaccini, dove gli lamministrazione ha gi fissato importante. islamici di viale Jenner si ritrovano ogni sera a pregare dopo le sue priorit. Sosterremo la Dialogo, dialogo, dialogo. A zate, celebra invece il vertice multutti i costi e con chiunque (perfi- ticulturale come un momento il tramonto. Un tendone e un piazzale allaperto per acco- messa in regola dal punto di vista gliere i fedeli di Allah riuniti nella celebrazione dellId-Al- della sicurezza di questi spazi asno con i centri islamici pluriin- storico: Benissimo ha fatto la quisiti per terrorismo). La Rozza, giunta ad aprire un confronto con Fitr. Non cerano i tempi tecnici per trovare unaltra so- sicura la Guida, non abbiamo luzione ha detto due giorni fa lassessore al Tempo libero parlato di moschee, in Italia ne che alle elezioni ha preso il triplo le comunit islamiche di Milano, dei voti della Guida, parla dallal- bisogna uscire dalle logica delle Chiara Bisconti. Nel prossimo summit, in programma il 14 esistono soltanto due, gli altri sosettembre, i musulmani presenteranno le loro richieste a no luoghi di culto ma come tali to dei chilometri macinati nelle catacombe. Un partito spaccato periferie di Milano: Il dialogo va o un teatrino giocato sulla pelle Palazzo Marino sui nuovi spazi di preghiera. devono essere rispettati. fatto con tutti. sbagliato escludere alcuni rappresentanti ed sbagliato affrontare questo tema ad agosto. Siamo tutti daccordo che bisogna rispettare i luoghi di culto, ma il dialogo va fatto con tutta la citt. E qui si torna alle perplessit di unala del partito QQQ La parola dordine della giunta Pi- i piccoli centri di preghiera sono pi teremo le richieste. Anche per il ramademocratico ai milanesi: voi pasapia - ormai vale per tutto, da Ecopass controllabili. Non siamo contrari a prio- dan volevano uno spazio pi grande, e gate le tasse; noi, nel frattempo, ai tombini - partecipazione. Sulle ri, di sicuro le spese saranno a carico li abbiamo messi in contatto con un ascoltiamo le istanze di rom, promoschee di quartiere, un ruolo da pro- della loro comunit. Non si indigne- centro sportivo. Non hanno trovato fughi, extracomunitari e minotagonisti dovrebbe toccare ai Consigli di ranno le sciure del centro? Ci saranno laccordo, ma era nostro dovere farlo. ranze varie. Di paletti, con gli islazona, i nove parlamentini in mano al tutte le verifiche del caso sulla colloca- Nella nostra circoscrizione abbiamo tre mici, la Rozza ne avrebbe messi zione, i cittadini capiranno. Le tensioni centri islamici, nessuno ci sta dando centrosinistra. almeno tre. I nuovi luoghi di culGli assessori lo hanno promesso alla in questi anni sono dovute proprio agli problemi. to devono essere aperti a tutti, poi fine del primo incontro con gli islamici: spazi non adatti. Nel frattempo la Lega Nord, annunbisogna prevedere una forma di Nella localizzazione degli spazi coinOggi le circoscrizioni hanno un pote- cia lassessore provinciale alla Sicurezza controllo sugli imam e - sopratvolgeremo le circoscrizioni. Cosa ne re puramente consultivo: danno Stefano Bolognini, presenter a tutto - bisogna coinvolgere i conpensano i nuovi inquilini dei consigli di un suggerimento, ma il Cosettembre in ogni consiglio di sigli di zona. La Guida, da parte zona? Per il momento, non ostentano mune non tenuto a sezona una mozione contrasua, ironizza sulle assenze estinessun timore sulla proliferazione di guirlo. In attesa dei fantoria alla nascita di nuovi ve di chi mugugna (In questi suk senza regole n controlli. Anzi, sono matici nuovi poteri - che luoghi di culto islamico. giorni non tutti sono presenti nelgi pronti a fare la loro parte. Le solu- nei quartieri aspettano da Obiettivo: sollevare il tela quotidianit). una cosa cerzioni adottate dalla vecchia giunta si so- una trentina danni - i ma e chiedere alla magta: in meno di 48 ore, il nuovo vino rivelate fallimentari sostiene Simo- nuovi governatori arangioranza di prendere una cesindaco ha battuto due record. ne Zambelli, giovane presidente di Zo- cioni confidano nelle proposizione chiara sul tema. Prima ha fatto infuriare gli islamina 8 (Fiera-Gallaratese) in quota Sel. messe dellassessore al DeSe il progetto delle ci moderati, presenti nella conCon serenit applicheremo le stesse centramento Daniela Benelli moschee diffuse Simone Zambelli [Ftg.] sulta del Viminale ma esclusi dal regole delle altre confessioni religiose. (Valorizzeremo le realt preandr in porto - sosummit milanese; quindi diSe ci presenteranno un progetto, lo va- senti sul territorio). stengono i lumbard ventata il bersaglio interno al parluteremo senza preconcetti, seguendo Nel sogno delle moschee di quartiere - nelle periferie scoppier la rivolta dei tito. le leggi esistenti. Nessun timore di ci crede anche Aldo Ugliano, storico milanesi. Pi sfumata la posizione del Roberto Caputo, consigliere contestazioni da parte della cittadinan- consigliere comunale Pd oggi diventato capogruppo Idv in zona 2 Raffaella Picprovinciale Pd, chiede quantoza, comunque. Il dialogo importan- presidente di Zona 5: a pochi metri dal- cinni: Non in questione la libert di meno di congelare la pratica dote. Il parlamentino del centro guidato le sue finestre, in via Stadera, da una de- culto, diritto fondamentale di una sopo lautogol estivo: Decisioni coda Pd Fabio Arrigoni, disponibile a va- cina danni aperto il centro islamico ciet libera ed evoluta. il centro islamico s importanti per la citt non poslutare la possibilit di nuovi luoghi di Dar Al-Quran. Non ha mai dato fa- di Via Padova 144 ha una capienza lisono essere prese di fretta e furia, culto. Limportante che siano di pic- stidio a nessuno dice Ugliano, i re- mitata, occorre una regolamentazione tra una fetta di anguria e un gelacole dimensioni. Avevamo gi votato sponsabili tengono molto al decoro e al per tutelare le persone, islamici e non. to. La parte pi moderata stata qualche anno fa a larga maggioranza un rispetto della cittadinanza. E se un do- in gioco la sicurezza anche dei fedeli esclusa dal tavolo delle trattative M.COS. documento favorevole spiega Arrigoni, mani chiedessero nuovi spazi? Ascol-

PROVOCAZIONE

Il Carroccio vende t-shirt anti Pisapia


Arrivano le magliette antiPisapia. La Lega Nord le ha gi disegnate, stampate e confezionate: le prime centro saranno in vendita questo pomeriggio in piazza Cordusio al costo di 10 euro. Scritta arancione su sfondo nero. Lo slogan semplice, diretto e strizza locchio ai milanesi delusi: Hai votato Pisapia? Paga e tas. Tutti in silenzio di fronte alla sventagliata di nuove tasse approvata in tutta fretta prima dellestate. La distribuzione inizier alle 16, ma il consigliere Alessandro Morelli assicura che produrremo presto altre t-shirt, visto landazzo preso dal sindaco Pisapia. Aveva promesso di essere il sindaco di tutti, per il momento ha pensato soltanto a innalzare imposte e biglietti del tram. In consiglio comunale, durante la maratona notturna sulladdizionale Irpef, i consiglieri del Carroccio avevano gi indossato la t-shirt Irpef e Atm, le bugie di Pisapia. Adesso, ecco la seconda infornata di magliette provocatorie. Dopo il web e i social network, la battaglia politica approda sul petto dei milanesi. Dopo Irpef e Atm, la giunta pronta a svelare la la nuova mazzata spiega il capogruppo Matteo Salvini, Ecopass per tutti e allargata a tutta la Cerchia dei Bastioni. Perci, in attesa di combattere in consiglio comunale, organizziamo un gazebo per incontrare i milanesi rimasti in citt e per cominciare la distribuzione delle nuove magliette. Il destino del ticket dingresso verr deciso in autunno: la nuova versione dellecotassa scatter dal primo gennaio, ma molto probabile che si vada verso la congestion charge. Pagano tutti, indipendentemente da quanto inquinano. Poi, nel corso della legislatura, la sinistra cercher come da programma di allargare larea sottoposta a pagamento fino alla cerchia della 90-91. E a quel punto, servir unaltra maglietta. F. NIC.

Per festeggiare la fine del ramadan musulmani ancora al Teatro Ciak

I nove parlamentini di quartiere

Ma le Zone rosse sono pronte ad abbracciare gli islamici

40

Gioved 11 agosto 2011

Per informazioni:

CRONACA

Gioved 11 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it

41

Protesta dellOsservatorio Milano

1,8 MILIONI DI ACQUIRENTI ON LINE

Piano urbanistico

Zeppa di errori la guida ai negozi aperti


Lelenco stilato dal Comune incompleto e la ripartizione per tipologie desercizio confusa
::: LINDA STROPPA
QQQ Milano maglia nera per negozi aperti in estate, tra le citt italiane. quanto sostiene Massimo Todisco, presidente dellOsservatorio di Milano: Nel mese dagosto resteranno in citt 60mila persone in pi rispetto allanno sorso: 550mila milanesi che per problemi economici a mari e monti, hanno preferito lafa cittadina del capoluogo. Ma che cosa trover chi resta in citt? Per lOsservatorio, uno scenario da day after: Da questanno ci sono delle novit che impediscono ad una parte dei cittadini di sapere quali sono i negozi aperti, dice Todisco, criticando duramente loperato dellassessore al Commercio Franco DAlfonso. Fino allanno scorso, venivano inviate agli esercizi commerciali delle lettere in cui si richiedeva di segnalare le giornate di apertura estiva. Queste informazioni, poi, venivano raccolte in una guida cartacea che era a disposizione dei cittadini, gratuitamente, nelle edicole. Da questanno la guida consultabile solo online. Una scelta che - secondo lOsservatorio - metterebbe in difficolt soprattutto le categorie pi deboli, come i pensionati e le famiglie a reddito medio-basso, che nella maggior parte dei casi non possiedono un personal computer. In pi, per il direttore, lelenco sul web sarebbe solo una grossa bufala: Se vi si rompessero gli occhiali e decideste di affidarvi al sito Enjoy Milano, scoprireste che lunico ottico aperto nel raggio di 20 chilometri dal centro si trova in viale Monza. Stessa cosa vale per le lavanderie e i carrozzieri. Vanno meglio, invece, i macellai: secondo la guida, quelli aperti ad agosto sono ben tre. Cos come i negozi di ferramenta. Non abbassano le serrande invece i supermercati: 268 i punti vendita a Milano. Ma attenzione: nella stessa lista compaiono anche Guess (che non troviamo invece sotto la voce abbigliamento), Salmoiraghi e Vigan e il Ferrari store di piazza Liberty. Negozi che con la grande distribuzione di alimentari hanno ben poco a che fare. Rispetto allestate scorsa sono aperti circa 2mila negozi in pi, ma la guida ha raccolto solo le adesioni volontarie, spiega lassessore DAlfonso che difende il cambio di rotta della nuova amministrazione: Lelenco cartaceo del 2010 era rimasto inutilizzato. Uno spreco, se si considera-

Il Comune chiude lultimo benzinaio rimasto in centro


::: FABIO SANTINI
QQQ Milano rischia di perdere lo storico distributore di benzina di Corso di Porta Volta 2, lunico nel suo genere - oltre ai carburanti, offre anche servizi di lavaggio auto, soccorso automobilistico, gommista, meccanico, elettrauto. - rimasto in centro. Siamo qui dal 58, racconta Davide, figlio di Ermanno Piagni e Romana Pederzini che 53 anni fa avviarono lesercizio. Nel 2008, scaduta la concessione tra il Comune e la compagnia petrolifera che rappresentiamo. Ci stato ingiunto di andarcene entro il 30 settembre perch dall1 ottobre vi sar la revoca della nostra autorizzazione. Siamo una srl., 4 soci, 6 dipendenti, 9 famiglie che lavorano qui, i figli, il mutuo da pagare. Gi lanno passato abbiamo dovuto chiudere limpianto di Viale Crispi 28 Intanto, seguiti a ruota dalla compagnia petrolifera, hanno affidato allavvocato Umberto Pillitteri, fratello dellex-sindaco un ricorso durgenza al Tar della Lombardia: Ludienza dovrebbe essere fissata per met settembre. Il distributore di Porta Volta uno dei tanti casi di cui si occupa il Progetto integrato di intervento. Non ancora chiaro come verr riutilizzata larea: forse per uffici, forse per un parcheggio. Ma il Consiglio di zona sul piede di guerra. Ne stato convocato durgenza uno il 26 luglio - continua Piagni - intervenuto il presidente della Commissione urbanistica. Nel frattempo, contemplando la peggiore delle ipotesi, ci siamo rivolti a un architetto di fiducia, abbiamo individuato unarea proprio vicino allArena. Anche se ha dimensioni inferiori rispetto a quella che occupiamo da 53 anni, potrebbe andare bene, anche perch ci consentirebbe di rimanere dove siamo sempre stati. Vorrei infine sottolineare che il nostro non vuole essere un atteggiamento n polemico, n strumentale. Vogliamo solo difendere il nostro patrimonio, la nostra storia, il nostro lavoro.

Lo shopping si fa sul web


Dal costume da bagno alloggetto darredamento, sempre pi milanesi fanno acquisti on line. Secondo la Camera di commercio, nellultimo anno la quota di acquisti on line sotto la Madonnina stata del 30,1% e ha riguardato 1,8 milioni di persone (il 20,1% del totale italiano). Milano pesa per l8,5% degli acquisti on line in Italia. [Olycom]

no i costi di produzione rispetto alla resa. Cos, abbiamo optato per il web - che permette, tra laltro, laggiornamento continuo della guida - e per un servizio telefonico. Chiamando il numero 020202, ogni cittadino pu chiedere informazioni sullesercizio commerciale di cui ha bisogno. Ma Todisco replica: Bugie. Ho provato a chiamare il call center chiedendo di un idraulico, per la rottura di un tubo. Ma in tutto il capoluogo non ne hanno trovato uno. Lunica possibilit, quindi, era affidarmi ai pompieri!. Una versione che cozza con quella dellassessorato, che dalla sua, per, questa volta ha (almeno) dei dati certi.

E LA FESTA CONTINUA CON I NOSTRI PREZZI E LA QUALIT. PUOI TROVARE TANTISSIME ALTRE OFFERTE

OFFERTISSIME DELLA SCELTA


sono valide dal 26 Luglio al 30 Agosto 2011 presso i nostri punti vendita. Novit! (TAVOLA CALDA)

CI TROVATE SU INTERNET AL SITO: WWW.LASCELTA.COM

FINO AD ESAURIMENTO MERCE

VASTO ASSORTIMENTO DI DROGHERIA

PANE FRESCO TUTTI I TIPI

I NOSTRI PUNTI VENDITA LI TROVATE


Via Tolstoj, 33 (MI) - Tel. 02.475208 Via Plinio, 24 (MI) - Tel. 02.29518015 Via Padova, 199 (MI) - Tel. 02.27207441 Via F. Filzi, 47 (MI) - Tel. 02.67071771 Via Imbriani, 61 piazza Bausan (MI) - Tel. 02.39321127 Piazza Diocleziano ang. via M. Mahon (MI) Tel. 02.312935

2,79 al kg

FINO AD ESAURIMENTO MERCE

Via F. Filzi, 47 (MI) - Tel. 02.67071771

42

Gioved 11 agosto 2011

MILANO E LOMBARDIA

Gioved 11 agosto 2011

43

@ commenta su www.libero-news.it

TuttoMilano
::: le lettere
MODELLI AL ROVESCIO

Agenda
FARMACIE
Turno diurno
(dalle ore 8,30 alle ore 21,00) CENTRO (Zona Duomo, P. Volta, Garibaldi, Monforte, Lamarmora, Carrobbio, Magenta): v. Ausonio, 19; v. Bigli, 28; v. Cordusio, 2; c.so Garibaldi 83/85. NORD (Bovisa, Affori, Niguarda, Greco, Quarto Oggiaro, Staz. F.S. Garibaldi): p.za Gasparri, 9; v. Arnaldo da Brescia, 1; v. delle Ande, 5; v. A. Da Brescia, 1; v.le Suzzani, 155; v. Lessona, 55. SUD (Ticinese, Vigentina, Rogoredo, Barona, Gratosoglio): v. Lomazzo, 44; v. Serra, 52; p.za Costantino, 1; v. Castelmorrone, 6. EST (Venezia, Vittoria, Romana, Loreto, Citt Studi, Lambrate, Ortica, Forlanini, Mecenate): l.go Murani, 2; c.so Buenos Aires, 55; v. Petrocchi, 21; v Ampere, 87; v. Schiaparelli, 4; p.za della Repubblica, 32; v. Crema, 17; v. Monte Suello, 1; v. Sulmona, 23; v. Boifava, 31; v.le Umbria, 109; v. Scheiwiller, 2. OVEST (Lorenteggio, Baggio, Sempione, S. Siro): v. dei Fiordalisi, 2; v. Rimini, 29; v. delle Forze Armate, 44; v. Altamura, 20; v. Cherubini, 2; p.za Vesuvio, 14.

Per avere una citt pi ecologica si lasceranno i milanesi al verde


Caro Besana, lassessore Pierfrancesco Maran ha lanciato il sasso e nascosto la mano. Dal primo gennaio Ecopass lo pagheranno tutti, ha detto, salvo poi precisare che sono in corso valutazioni e che per il 31 ottobre sar presa una decisione. E che decisione potr mai essere presa se non un inasprimento di Ecopass? A che serve fare verifiche su un provvedimento che gi esiste (ed stato pure prorogato) se non a inasprirlo? A trasformare Milano in una tonnara, come ha scritto LiberoMilano. A questo punto la domanda ovvia: giusto che paghi anche chi magari ha appena speso fior di quattrini - coi tempi che corrono per dotarsi di una vettura quanto pi ecologica possibile, in base a ci che la tecnica oggi consente? E se si ritiene giusto che paghi anche chi emette un minimo quantitativo di gas di scarico che proprio non possibile eliminare oggi, corretto far pagare lutilizzo delle strade, secondo il principio della congestion charge, o invece lamministrazione pubblica anzich fare il suo dovere sta sfruttando la scarsit di una risorsa - le strade - per fare ulteriormente cassa, dopo i rincari della tassa sui redditi e dei biglietti Atm? Michele Fasani e.mail Risponde Renato Besana Caro Fasani, limposizione di un balzello a chi intende valicare con lauto la circonvalla della 90-91 ha due presupposti: lideologia ambientalista e lesigenza di fare cassa. Quando il provvedimento verr attuato, non avremo una citt migliore, ma pi costosa, come se non lo fosse gi abbastanza. Infatti si comincer a pagare subito, mentre il miglioramento del trasporto pubblico si far attendere: lintera M5 e la prima tratta della M4 entreranno in funzione, se tutto va bene, nel 2015. I mezzi di superficie resteranno come sono, cio insufficienti. Ma le bici gialle, ha annunciato Maran, verranno potenziate. Gran bella consolazione.

Milano non impara la lezione di Londra


Mentre Londra sembra seguire lesempio delle banlieues parigine - messa a ferro e fuoco da gente furiosa per i tagli dei sussidi statali - noto due cose: 1. il fallimento del sistema laburistico di assistenzialismo sempre e comunque 2. il fallimento del modello di multiculturalismo inglese (quello che: rispetto quelli diversi da me, ma guai se mi rompi le scatole). La gente si indigna, sgrana gli occhi, ma non si accorge che Milano sta andando nella stessa direzione. Accontentiamo tutti (tranne i milanesi): i falsi invalidi, gli immigrati, i musulmani. Venite! Venite tutti nel paese dei balocchi che ha dimenticato i suoi abitanti. Mario Scalisi e.mail

Turno notturno
(dalle ore 21 alle ore 8,30) v. Boccaccio, 26; p.za Duomo, 21; p.za Cinque Giornate, 6; c.so Magenta, 96; p.za S. Maria Beltrade, 1; p.za Clotilde, 1; p.le Sempione, 8; v.le Zara, 38; v.le Testi, 90; Ripa Ticinese, 33; Stazione Centrale (Gall. Delle partenze); Stazione Garibaldi; v. Stradivari, 1; c.so Buenos Aires, 4; v. Celentano, 1; v.le Lucania, 6; v. Boifava, 31/b; c.so S. Gottardo, 1; v. Lorenteggio, 208; v. Buonarroti, 5; v. Canonica, 32; v. R. Di Lauria, 22; v Vigevano, 45; v.le Ranzoni, 2.

NUMERI -UTILI Soccorso pubblico polizia........................113


Carabinieri.................................................112 Vigili del fuoco ..........................................115 Emergenza medica ....................................118 Corpo forestale dello stato......................1515 Guardia di Finanza .................117 (02.62771) Vigili urbani......................................02.77271 PRONTO SOCCORSO Guardia medica................................02.34567 Fatebenefratelli ............................02.6363469 Policlinico.........................................02.55031 San Carlo ...........................................02.4022 San Paolo...........................................02.8184 San Raffaele.....................................02.26431 ASSISTENZA Alcolcorrelati ..............................02.33029701 Antiveleni...................................02.66101029 Anziani.......................02.8911771/89127882 Handicap ...............02.88463050/02.077/078 Odontoiatrica.............................02.66982478 Ortopedica-Traumat. .....................02.582961 Ostetrica ..........................................02.57991 Pediatrica ...................02.3119233/33100000 Psichiatrica .................................02.58309285 Tossicodipendenza .....................02.64442452 Ustioni .....................02.64442381/64442625 TELEFONI UTILI Cittadinanzattiva........................02.73950559 Lac Lombardia ...........................02.58306583 Linea Amica (ore 20-24)............02.39325273 Sordomuti DTS. .........................02.48204247 SOS Usura. ................................02.72022521 Tel. Amico Milano Sud...............02.48203600 Tel. Donna .................................02.64443043 Telefono Azzurro...................................19696 Telefono Azzurro (per i maggiori di 14 anni) ...........051.481048 Trib. diritti del malato...................02.7389441 Voce Amica................................02.70100000 Linea Verde Droga .......................800.458854 Alcoolisti Anonimi ........................02.3270202 Tel. Blu Sos Consum. .................02.76003013 Telefono amico ..........................02.55230200 ENPA Milano..............02.9706421/97064230 Ass. Consumatori.......................02.36599999 SERVIZI PUBBLICI Comune............................................02.02.02 Anagrafe servizio tel. ...................199.199600 Servizio sociali Milano..................800.777888 Multe e tasse comunali................800.851515 GAS ...................................................02.5255 Elettricit AEM ...................................02.2521 Elettricit ENEL.................................02.23201 Acquedotto................................02.84772000 AMSA ..........................................800332299 TRASPORTI ATM ............................................800.808181 Ferrovie Nord Milano.......................02.85111 Trenitalia .............................................892021 Radio Bus...................................02.48034803 Aeroporto Malpensa ..................02.58583218 Aeroporto Linate..........................02.7382787 Aeroporto Orio al Serio................035.326323 Malpensa Express ........................199.151152 Trasporto Orio al Serio....................86464854 Taxi Numero Unico .......................848814781 Radio Taxi Milano ..............................02.8585 Radio Taxi Milano ..............................02.6969 Radio Taxi Milano ..............................02.4040 Radio Taxi Malpensa....................800.911333 ACI - Soccorso Stradale ......................803116 BENZINAI NOTTURNI Viale Marche 32.......................dalle 22 alla 1 Piazzale Accursio ......................dalle 22 alle 7 Viale Liguria 12 ........................dalle 22 alle 7 Piazzale Baracca .......................dalle 22 alla 1 Viale Certosa 228 .........................fino alle 23

MOSCHEA

Le lettere via e-mail vanno inviate a: milanolettere@libero-news.eu sottolineando nelloggetto: lettere a LiberoMilano. Via posta vanno indirizzate a: LiberoMilano - viale L. Majno 42 - 20129 Milano; via fax al n. 02.999.66.227. Vi invitiamo a scrivere lettere brevi. La redazione si riserva il diritto di tagliare o sintetizzare i testi.

Se la citt santa sotto casa nostra


Il sig. Pisapia vuole costruire una moschea in ogni quartiere di Milano. Tanti quartieri, tante moschee, quindi. Non so il numero esatto, ma saranno sicuramente tantissime. Se fosse cos Milano potrebbe battere la Mecca, citt santa dei musulmani. E siccome uno dei cinque precetti per un buon musulmano quello di compiere un pellegrinaggio alla Mecca, perch mai un fedele islamico dovrebbe spendere dei soldi per andare in Arabia Saudita? Milano, seconda citt dellIslam, gli toglier lincomodo del viaggio. Fantasia? Forse no. Lisetta Alberti Agrate Brianza (MB)

APPUNTAMENTI
Al cinema, si va per cantare
vasivo, che invita il pubblico in sala a cantare nei momenti pi appassionanti del film. fre al visitatore la possibilit di esplorare, da molteplici punti di vista, quella realt propria dellesperienza umana che il comunicare. La collettiva Scripta manent include opere influenzate dalle sperimentazioni delle avanguardie novecentesche, quando i poeti cercarono di recuperare un contatto con il pubblico abituato alla comunicazione di massa di rotocalchi, fumetti e pubblicit.

___________________________ Domani, dalle 17.30, Uci Cinema Bicocca, viale Sarca 8,20 euro

Il sound latino al Forum di Assago


SPETTACOLI Il ritmo, i sapori e la cultura dei popoli latinoamericani continuano a rallegrare lestate dei milanesi. Fino al 15 agosto, infatti, Latinoamericando Expo anima lo spazio antistante il Mediolanum Forum di Assago con balli, concerti e artigianato. Stasera sul palco ci sar Fernando Mirana, detto El Micha, che con i suoi brani racconta la nuova Cuba con la nostalgia della sua infanzia.

LUMINARIE

Il sindaco spegner anche il Natale


Ho letto che la nuova giunta ha deciso di abolire, con la scusa del buco di bilancio, il prossimo festival di luminarie natalizie. vero, mancano cinque mesi e bisogna parlare pi di ghiaccioli che di palle di neve. Per mette tristezza sapere che a Natale non avremo pi gli effetti speciali straordinari degli anni scorsi. Oltretutto, erano pagati in parte dagli sponsor. Luigi Macchia e.mail

MUSICAL A 33 anni dalla sua uscita, sul grande schermo targato Uci Cinemas torna Grease, il musical che ha consacrato a livello mondiale una delle coppie pi belle del cinema: John Travolta e Olivia Newton John. Dal 12 agosto, quattro multisale milanesi faranno rivivere agli spettatori le emozioni della storia damore tra Danny e Sandy, che Nexo Digital propone questestate nellinedita versione Sing-aLong: tutti i fan dei TBirds e delle Pink Ladies avranno la possibilit di cantare assieme ai protagonisti le pi belle canzoni del film. Grease sar infatti proiettato in formato digitale 2k con un karaoke vivace e mai in-

___________________________ Oggi, dalle 10 alle 22, Spazio Oberdan, ingresso libero

La magia di un film sotto le stelle


CINEMA Fino a settembre, la magnifica cornice del Cortile donore di Villa Reale, si trasforma in suggestivo cinema allaperto. In programma, successi cinematografici della scorsa stagione e film di recente uscita, per unestate al chiaro di luna. In calendario domani il film Thor di Kenneth Branagh, con Chris Hemsworth e Natalie Portman.

___________________________ Oggi, dalle ore 21.30, Forum di Assago, ingresso 12 euro

Se la parola diventa arte


IN MOSTRA Dalla poesia visiva alla calligrafia espressiva, fino alla grafica. Allo Spazio Oberdan la parola diventa segno e of-

___________________________ Domani, ore 21.30, Villa Reale di Monza (MB), biglietti 6 euro

MERCATI
Oggi
AMPERE - Via Ampre - zona 3 CALATAFIMI - Via Calatafimi - zona 1 CALVI - Via Melloni - zona 4 CESARIANO - Viale Elvezia - zona 1 DE PREDIS - Via Jacopino da Tradate - zona 8 DI RUDIN - Via Antonio di Rudin - zona 6 ORBETELLO - Via Orbetello - zona 3 OSOPPO - Via Osoppo - zona 7 ROMBON - Via Rombon - zona 3 SAN MARCO - Via San Marco - zona 1 SEGNERI - Via Segneri-Via Reccaro - zona 6 TONEZZA - Via Tonezza - zona 7 TRAVERSI - Via F.lli Antona Traversi - zona 8 UNGHERIA - Viale Ungheria - zona 4 VAL MAIRA - Via Val Maira - zona 9

Domani
BENACO - Via Benaco - zona 4 BONOLA - Via Cechov - zona 8 CANALETTO - Via Canaletto - zona 3 CATONE - Via Catone - zona 9 CITTADINI-ARSIA - V. Cittadini-V. Arsia - zona 8 CREMA - Via Crema - zona 5 CURIEL - Via Curiel - zona 6 DEI GUARNIERI - Via Dei Guarnieri - zona 5 FRATELLI DI DIO - Via Fratelli di Dio - zona 7 GRATOSOGLIO NORD - Via Baroni - zona 5 MARCO AURELIO - Via Marco Aurelio - zona 2 NEERA - Via Neera - zona 5 PAGANO - Largo V Alpini - zona 1 PISTOIA - Via Pistoia - zona 7 STRESA - Via Stresa - zona 2

LAVORI IN CORSO
Chiusura al traffico: Via Arona (tratto da Giovanni da Procida a p.le Carlo Magno): per lavori di approntamento cantiere logistico per la metropolitana linea 5. Termine lavori previsto 2015. Via Console Marcello: divieto di transito causa lavori tra Via Privata Monte Altissimo e Via Villapizzone. Il traffico deviato in Monte Altissimo Varesina. Termine lavori previsto: 28 agosto 2011. Via Arcangelo Corelli: (tratto da via Tucidide al confine col Comune di Segrate) chiusura al traffico per lavori MM di posa nuova tubazione fognatura. Termine lavori previsto 11 novembre. Via Privata Alessandro Sanquirico: strada chiusa al traffico causa lavori sulle condutture d'acqua tra Via Giuseppe Gabetti e Via Quinto Cenni Lavori di pronto intervento. Via Fabio Filzi: strada chiusa al traffico causa lavori di manutenzione tra Via Luigi Galvani e Piazza 4 Novembre per Lavori ATM di sostituzione armamento tranviario. Il traffico deviato in p.za Duca d'Aosta e p.za IV Novembre. Viale Carlo Espinasse: strada chiusa al traffico causa lavori di manutenzione tra Piazzale Santorre di Santarosa e Via Panfilo Nuvolone dalle 07:00 del 23 luglio 2011 - Lavori ATM di sostituzione armamento tranviario. Il traffico veicolare deviato su viale Certosa e via Varesina. Traffico difficoltoso in: Via Cenisio: difficolt di circolazione per la chiusura della rotatoria a seguito lavori MM5. Termine lavori previsto Aprile 2015. Via S. Dionigi per Via Ronbon: restringimento della carreggiata in direzione Segrate (SP 103 Cassanese) per lavori di rifacimento dello svincolo; il cantiere comporter la chiusura dell'entrata in Tangenziale Est (carreggiata sud) dir. Bologna. Lavori fino al 31 ottobre 2011. Via Luigi Canonica: senso unico di marcia causa lavori gasdotto tra Largo Carlo Emilio Gadda e Via Pietro Moscati in direzione Viale Elvezia. Via Vitruvio e Via Luigi Settembrini: difficolt di circolazione causa lavori termine previsto 5 settembre 2011. Via Luigi Galvani: difficolt di circolazione causa lavori tra Via Fabio Filzi e Piazza Duca d'Aosta, termine previsto 31 agosto 2011. Via Carlo Amoretti: difficolt di circolazione causa lavori sulle condutture d'acqua. termine lavori previsto 28 agosto 2011.

44

Gioved 11 agosto 2011

- NOVIT E PROMO SPECIALI APERTI DAL 24 AGOSTO 2011

LOMBARDIA

Gioved 11 agosto 2011

45

@ commenta su www.libero-news.it

Pavia

Meglio piazza Berlinguer che Unit dItalia


Lega contraria a cambiare il nome dellarea dedicata al leader del Pci in onore dei 150 anni del Paese
::: FILIPPO CAVAZZA
QQQ Ci aveva gi pensato il locale partito democratico poco tempo fa, cancellando lintitolazione della sede cittadina a Enrico Berlinguer, storico segretario del Partito Comunista Italiana, e preferendogli Beniamino Andreatta. Adesso lamministrazione di San Martino Siccomario, popoloso comune alle porte di Pavia, guidato da una lista civica di centrodestra, a voler infliggere un altro colpo allo scomparso leader di sinistra, trasformando la piazza a lui intitolata in Unit dItalia. La scelta ha fatto divampare la polemica sul web, con un gruppo su Facebook che difende il nome di Berlinguer. Anche tra i politici pavesi il dibattito si aperto, con lex segretario provinciale della Lega e attuale senatore, Roberto Mura, che scende curiosamente in campo per il politico comunista. Parlo non condividendo le idee politiche di Berlinguer dice Mura ma indubbiamente stato colui che ha portato il comunismo italiano, fino ad allora arroccato sullicona stalinista, in un percorso democratico occidentale, come il s alla permanenza nella Nato e il sostegno al governo di unita' nazionale. Mura ha poi ricordato lo spessore politico di Berlinguer e il rigore morale che lo port ad erigere quella pietra miliare della questione morale che il Pd sembra aver dimenticato. La giunta di San Martino dunque fa un doppio errore a cancellare Piazza Enrico Berlinguer. Ma non tutti allinterno della Lega sono daccordo con le osservazioni di Mura. Il vicesindaco di Pavia Gianmarco Centinaio si chiede perch abbiano diritto a esistere vie intitolate a Togliatti e Berlinguer mentre altri personaggi che hanno contribuito a fare la storia dItalia, come Gianfranco Miglio e Giorgio Almirante, siano censurate. Non la pensa come Mura nemmeno il consigliere regionale del Pdl, Vittorio Pesato: Certo, Berlinguer stato un segretario importante del partito comunista, ma lamministrazione di San Martino ha capito ma festivo, non si parla daltro, che era meglio intitolare piazze con toni specialmente dai e vie non a un segretario di par- simpatizzanti di sinistra antito finanziato da Moche molto accesi. un segno di ignoranza e sca, ma allUnit dItalia. un atto di vigliaccheria, tuona Ma come si difende lamminiRomana Bianchi, ex parlastrazione comunale di San Marmentare pavese del Pci. un atto tino Siccomario? Vogliamo vie che di fanatismo che dimostra uniscano, non che dividano - spiega il sinlincapaRoberto Mura [Ftgr.] cit a cadaco Renato Abbiati e pire la storispetto a Berlinguer pi importante ricordare l'Uni- ria di questo Paese. Ancora pi duro il comment. In paese, nonostante il clito del la sezione pavese di Rifondazione comunista, secondo la quale si tratta di un gesto semplicemente vergognoso e contro la cui attuazione si dicono pronti a tutto. Alcuni cittadini, qualora la giunta comunale decidesse veramente di sopprimere il nome di Berlinguer, hanno invece annunciato una mobilitazione e la raccolta di firme per un referendum. In mezzo a tanto clamore, lunica certezza che nessuno dovr cambiare il proprio indirizzo. In piazza (quasi ex) Berlinguer non ci sono n palazzi n attivit commerciali.

Camera di commercio di Monza

Affare da 290 milioni i saldi in Lombardia


QQQ Due famiglie a basso reddito su 5, cio il 40% del totale, attende la stagione dei saldi per fare shopping estivo di capi dabbbigliamento ma la met di loro - cio il 20% - non fa acquisti neanche quando i prezzi sono ribassati per svendita. Se daltro lato aumentano - una su 4 le famiglie a reddito alto che non attendono i saldi per fare acquisiti (chi invece, in questa fascia, attende i ribassi, spende poi mediamente 195 euro) lanalisi della Camera di commercio di Monza e Brianza sui saldi in Lombardia di questestate attesta che gli acquisti - 290 milioni in totale - sono calati di 60 milioni rispetto allanno precedente. E se i ribassi attirano quasi met delle famiglie lombarde - 46% - la spesa media in lieve calo: 166 euro, cio 17 euro in meno rispetto alla stagione scorsa. Guardando allet degli acquirenti, si conferma il dato secondo cui gli anziani sono decisamente freddi rispetto alle offerte al ribasso (convincono solo un quinto di loro) mentre i giovani sono i pi interessati: 65% il tasso di coinvolgimento, 157 la spesa media. Il giro daffari legato ai saldi vede ovviamente in testa il capoluogo regionale: a Milano i ribassi muovono 108 milioni, con la spesa per famiglia pi alta: 197 euro. Bergamo, con 31 milioni (162 euro a nucleo familiare), al secondo posto quanto a giro daffari complessivi, dietro il capoluogo regionale la spesa per famiglia pi alta in periodo di salti si registra a Monza e Brianza: 176 euro, per un volume totale di 32 milioni. Trenta milioni, cio mediamente 154 euro a testa, il business a Brescia, Varese vede le proprie famiglie fare aquisti al ribasso per una cifra media di 175 euro e un fatturato complessivo di 27 milioni.
C.SAL.

46

Gioved 11 agosto 2011

I FILM

a cura di Giorgio Carbone

::: TEATRI
ALLA SCALA
Riposo
PIAZZA SCALA - 0272003744

ARSENALE

VIA C. CORRENTI - 028321999

Captain America
Regia: Joe Johnston Cast: Josh Evans Genere: Fantastico Dove: Apollo

Diario di una schiappa 2


Regia: David Bowers Cast: Zachary Gordon Genere: comm Dove: Ducale

Tekken
Regia: Dwight Little Cast: John Foo Genere: azione Dove: Certosa

Larte di cavarsela
Regia: Gavin Wiesen Cast: Emma RobertsGenere: comm Dove: Bicocca

Aperte le iscrizioni ai corsi di teatro Scuolarsenale Campagna abbonamenti 2011-2012

AUDITORIUM DI MILANO
L.GO GUSTAV MAHLER - 0283389201-202-203

Riposo

Unoperazione top secret tramuta un mingherlino in un invincibile eroe. Un altro fumetto portato in film. Scorrevole e ben raccontato.

A 7 giorni di distanza, arriva il secondo episodio della serie tratta dai libri di Kinney. Stavolta il nemico n.1 della schiappa il fratello maggiore.

Nel 2039 un giovane si vendica del trust che ha fatto uccidere i genitori. Da un famoso videogame. Che come tutti i game diverte solo chi li gioca.
Tekken
SALA GARBO
EURO 10,00

Un ragazzo e una ragazza. Con vari problemi dei loro coetanei. Anzi i soliti: il passaggio allet adulta e il sesso. Ovvissimo. Ma non spiacevole.
SALA 18
EURO 6,50-8,20

CARCANO

C.SO DI P.TA ROMANA, 65 - 0255181377

Campagna abbonamenti 2011/2012


Dal luned al venerd ore 8.30-18.30 fino al 22 luglio.

::: CINEMA MILANO


ANTEO SPAZIOCINEMA
Il ragazzo con la bicicletta
Drammatico. Di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne VIA MILAZZO, 9 - 026597732 SALA CINQUANTA
EURO 5,00-7,50

Captain America: il primo vendicatore 3D


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

CIAK WEBANK.IT
VIA PROCACCINI, 4/C (C/O) FABBRICA DEL VAPORE

Azione. Di Dwight H Little con Jon Foo

18.20-20.30-22.40

Riposo
VIA STEPHENSON, 29 - 892960 SALA 1
EURO 8,20

17.20-19.50-22.25

UCI CINEMAS CERTOSA


VIA SAVONA, 57 - 0248951802

MEXICO
Il primo incarico

ELFO PUCCINI
CORSO BUENOS AIRES, 33 - 0200660606

In The Market
Horror. Di Lorenzo Lombardi con Ottaviano Blitch

Campagna abbonamenti 2011/2012

17.00-18.45-20.40-22.30 Passione
Musicale. Di John Turturro con Mina

Drammatico. Di Giorgia Cecere con Isabella Ragonese SALA CENTO


EURO 2,50

EURO 4,00-6,00

16.50-18.30-20.20-22.00

22.40 Transformers 3 3D
Fantastico. Di Michael Bay con Shia LaBeouf

SALA 1
EURO 10,50

EX O.P. PAOLO PINI


CORSO BUENOS AIRES, 33 - 0200660606

ODEON - THE SPACE CINEMA


VIA SANTA RADEGONDA, 8 - 892111

15.30-17.30-20.00-22.00 Non lasciarmi


Drammatico. Di Mark Romanek con Carey Mulligan

SALA DUECENTO
EURO 5,00-7,50

Chiuso

19.30 Harry Potter e i doni della morte Parte II 3D


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

Campagna abbonamenti 2011/2012


da luned a venerd 11.30-13.30/14.30-18.30

SALA 2
EURO 10,50

FRANCO PARENTI
VIA PIER LOMBARDO, 14 - 0259995206

17.30-20.15-22.30 Le donne del sesto piano


Commedia. Di Philippe Le Guay con Fabrice Luchini

ORFEO MULTISALA
VIALE CONI ZUGNA, 50 - 0289403039

SALA QUATTROCENTO
EURO 5,00-7,50

Chiusura estiva

17.30-20.15-22.30

PALESTRINA
Chiusura estiva
SALA GEA
EURO 5,50-7,50

VIA PALESTRINA, 7 - 026702700

21.00 Captain America: il primo vendicatore 3D


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

Campagna Abbonamenti: IMPARENTATEVI 2011 - 2012


SALA 3
EURO 10,50

Dal luned alla domenica dalle 10.00 alle 19.00

APOLLO SPAZIOCINEMAGALL. DE CRISTOFORIS 3 - 02780390


Il ragazzo con la bicicletta
Drammatico. Di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

LIBERO
Riposo

VIA SAVONA, 10 - 028323126

PLINIUS MULTISALA
VIALE ABRUZZI, 28/30 - 0229531103

19.55-22.45 Tekken
Azione. Di Dwight H Little con Jon Foo

SALA 4
EURO 8,20

LITTA

CORSO MAGENTA, 24 - 0286454545

15.30-17.50-20.00-21.50 Captain America: il primo vendicatore 3D


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

Chiusura estiva
SALA FEDRA
EURO 10,00

UCI CINEMAS BICOCCA


Diario di una schiappa 2

VIALE SARCA, 336 - 892960 SALA 01


EURO 6,50-8,20

20.20-22.30 Harry Potter e i doni della morte Parte II


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

Campagna abbonamenti 2011/2012


SALA 5
EURO 8,20

15.00-17.20-19.40-22.00 Harry Potter e i doni della morte Parte II


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

Commedia. Di David Bowers con Zachary Gordon SALA ELETTRA


EURO 5,50-7,50

17.20-20.05-22.20 Harry Potter e i doni della morte Parte II


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

19.50-22.40 Captain America: il primo vendicatore


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

La biglietteria del Teatro Litta rimarr chiusa dal 9 luglio al 4 settembre compresi. Gli uffici rimarranno chiusi dal 30 luglio al 4 settembre compresi.

SALA 6
EURO 8,20

MANZONI
Riposo

VIA MANZONI, 42 - 027636901

SALA 02
EURO 8,20

16.40-19.30-22.00 Harry Potter e i doni della morte Parte II 3D


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

20.00-22.50 Diario di una schiappa


Commedia. Di Thor Freudenthal con Zachary Gordon

SALA 7
EURO 8,20

MENOTTI-TIEFFE
VIA CIRO MENOTTI, 11 - 0236592544

SALA DAFNE
EURO 10,00

19.10-22.10 Captain America: il primo vendicatore 3D SALA 03


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans
EURO 10,50

20.10 Per sfortuna che ci sei


Commedia. Di Nicolas Cuche con Francois-Xavier Demaison

Campagna abbonamenti 2011/2012


SALA 7
EURO 8,20

15.00 We Want Sex


Drammatico. Di Nigel Cole con Sally Hawkins

SALA DAFNE
EURO 5,50-7,50

17.15-20.00-22.45 Transformers 3 3D
Fantastico. Di Michael Bay con Shia LaBeouf

Dal luned al venerd dalle ore 15.00 alle 19.00. Sabato dalle ore 16.00 alle 19.00

SALA 04
EURO 10,50

22.30 Diario di una schiappa 2


Commedia. Di David Bowers con Zachary Gordon

NUOVO
SALA 8
EURO 8,20

PIAZZA SAN BABILA - 0276000086

17.30-19.45-22.00 Il ventaglio segreto


Drammatico. Di Wayne Wang con Bingbing Li

SALA URANIA
EURO 5,50

19.00-22.15 In The Market


Horror. Di Lorenzo Lombardi con Ottaviano Blitch

Campagna abbonamenti 2011/2012

SALA 05
EURO 6,50-8,20

20.00-22.20

ARIANTEO - CONSERVATORIO
VIA CONSERVATORIO 12 - 026597732

OUT OFF
VIA MAC MAHON, 16 - 0234532140

15.10 Habemus Papam


Drammatico. Di Nanni Moretti con Michel Piccoli

SALA URANIA
EURO 5,50-7,50

18.20-20.30-22.40 Cars 2
Animazione. Di Brad Lewis, John Lasseter

SALA 06
EURO 6,50-8,20

Una vita tranquilla


Drammatico. Di Claudio Cupellini con Toni Servillo
EURO 6,50

Riposo

17.30-20.00-22.10

ARCOBALENO FILMCENTER
VIALE TUNISIA 11 - 0229406054-199199166

16.45-19.15-22.20 At the end of the day Un giorno senza fine


Thriller. Di Cosimo Alema con Andrew Harwood Mills

PICCOLO TEATRO STREHLER


LARGO GREPPI, 1 - 848800304

21.30
SALA 07
EURO 6,50-8,20

ARIANTEO - P.TA VENEZIA


BASTIONI P.TA VENEZIA, 3 - 026597732

Campagna abbonamenti 2011/2012


Fino al 22 luglio: orari da luned a venerd ore 12.00-18.30 . Sabato e domenica chiuso. Dal 23 luglio al 31 agosto chiusura estiva.

Chiusura estiva

ARIOSTO
Chiusura estiva

VIA ARIOSTO, 16 - 0248.003901

16.20-18.20-20.30-22.45 Lultimo dei templari


Avventura. Di Dominic Sena con Nicolas Cage

La bellezza del somaro


SALA 08
EURO 6,50-8,20

Commedia. Di Sergio Castellitto con Sergio Castellitto

EURO 6,50

21.00

PICCOLO TEATRO STUDIO EXPO


VIA RIVOLI, 6 - 848800304

ARLECCHINO
Chiusura estiva

VIA S. PIETRO ALL`ORTO, 9 - 0276001214-199445668

17.00-20.10-22.25 Cars 2
Animazione. Di Brad Lewis, John Lasseter

ARIANTEO - UMANITARIA
SALA 09
EURO 6,50-8,20

VIA SAN BARNABA, 48 - 026597732

Riposo

CENTRALE MULTISALA
Tutti per uno
Drammatico. Di Romain Goupil

VIA TORINO 30/32 - 02874826 SALA 1


EURO 4,50-7,00

17.30-20.00 Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare SALA 09


Avventura. Di Rob Marshall con Johnny Depp
EURO 8,20

Silvio Forever
Documentario. Di Roberto Faenza, Filippo Macelloni
EURO 6,50

SALA FONTANA
VIA BOLTRAFFIO, 21 - 0269015733

21.00

Riposo

14.30-16.30-18.30 Bronson
Biografico. Di Nicolas Winding Refn con Tom Hardy

SALA 1
EURO 4,50-7,00

22.30 Harry Potter e i doni della morte Parte II


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

AUDITORIUM DON BOSCO


VIA M. GIOIA, 48 - 0267071772

SAN BABILA

CORSO VENEZIA, 2/A - 02795469

Campagna abbonamenti 2011/2012


Da luned a venerd ore 10.00-13.00 / 14.00-18.00. Sabato 11.00-13.00

SALA 10
EURO 6,50-8,20

Chiusura estiva

20.30-22.30 The Conspirator


Drammatico. Di Robert Redford con James McAvoy

AUDITORIUM SAN CARLO


CORSO MATTEOTTI 14 - 0276020496

SALA 2
EURO 4,50-7,00

18.00-21.00 Hypnosis 18.15-20.30-22.40 Diario di una schiappa


Commedia. Di Thor Freudenthal con Zachary Gordon

TEATRO DAL VERME


VIA SAN GIOVANNI SUL MURO, 2 - 0287905

SALA 11

15.00-17.30-20.00-22.30

Thriller. Di Davide Tartarini, Simone Julian Cerri Goldstein EURO 6,50-8,20 V.LE MONTE NERO, 84 - 0259901361-199445668 SALA 12
EURO 8,20

Riposo

COLOSSEO
Chiusura estiva

AUDITORIUM SAN FEDELE


VIA HOEPLI, 3/B - 0286352231

Riposo

TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI


VIA DELLINNOVAZIONE, 2 - 0236508343

Chiusura estiva

DUCALE MULTISALA
PIAZZA NAPOLI 27 - 0247719279-199199166

20.00 Una notte da leoni 2


Commedia. Di Todd Phillips con Zach Galifianakis

GNOMO MILANO CINEMA VIA LANZONE 30/A - 02804125


SALA 12
EURO 6,50-8,20

Riposo

Chiusura estiva

TEATRO DELLA COOPERATIVA


VIA HERMADA,82 - 0264749997 - 026420761

Captain America: il primo vendicatore


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

SALA 1

EURO 4,50-7,50

17.30-20.00-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II SALA 2


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe
EURO 4,50-7,50

17.00-22.30 Larte di cavarsela


Commedia. Di Gavin Wiesen con Freddie Highmore

GREGORIANUM
Chiusura estiva

VIA SETTALA 27 - 0229529038

Riposo

SALA 13
EURO 6,50-8,20

ORIONE
Chiusura estiva

TEATRO DELLA MEMORIA


VIA FEZZAN-ANG. V.LE C. DA FORLI, 1 - 024294437 VIA CUCCHIARI, 4 - 02313663

17.30-20.00-22.30 Edward mani di forbice (Legend Film Festival)


. Di Tim Burton con Johnny Depp

18.00-20.00-22.00 Per sfortuna che ci sei


Commedia. Di Nicolas Cuche

SALA 14
EURO 6,50-8,20

Riposo
PIAZZA DAMIANO CHIESA - 0233603133

SALA 3
EURO 5,00

ORIZZONTE
Riposo

TEATRO DI VERDURA
VIA SENATO, 14 C/O BIBLIOTECA - 0276215318

17.30-20.00-22.30 Diario di una schiappa 2


Commedia. Di David Bowers con Zachary Gordon

SALA 4
EURO 4,50-7,50

16.20-18.20-20.25-22.35 Captain America: il primo vendicatore 3D


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

OSCAR
SALA 15
EURO 10,50

VIA LATTANZIO, 58 - 0289072444

Il 17/8: Della lingua dei dialetti


con Franco Loi ore 21.00

Riposo

17.30-20.00-22.30

ELISEO MULTISALA
Chiusura estiva

VIA TORINO 64 - 0272008219-199445668

18.30-21.30 Harry Potter e i doni della morte Parte II 3D


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

ROSETUM
Chiusura estiva

VIA PISANELLO, 1 - 0248707203

TEATRO FILODRAMMATICI
VIA FILODRAMMATICI, 1 - 0236595671

SALA 16
EURO 10,50

SPAZIO OBERDAN CINETECA ITALIA


VIALE VITTORIO VENETO 2 - 0277406300

Riposo

TEATRO LEONARDO DA VINCI


VIA AMPRE, 1 - 0226681166

GLORIA MULTISALA

CORSO VERCELLI 18 - 0248008908

Harry Potter e i doni della morte Parte II 3D


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

17.20-20.15 Captain America: il primo vendicatore


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

SALA 17

Chiusura estiva

SALA MARILYN
EURO 10,00

EURO 6,50-8,20

WAGNER
Riposo = BELLO

Riposo
PIAZZA WAGNER, 2 - 024817443

16.45-19.25-22.20

TEATRO OSCAR - PACTA DEI TEATRI


VIA LATTANZIO, 58 - 0236503740

17.45-20.15-22.40

LEGENDA:

= DA EVITARE

= COS COS

= DA NON PERDERE

Riposo

Gioved 11 agosto 2011

47

:::LOMBARDIA
HINTERLAND
ASSAGO UCI CINEMAS MILANOFIORI
VIALE MILANOFIORI - TEL. 892960 Tekken 20.10-22.20 Diario di una schiappa 2 19.35-22.10 Captain America: il primo vendicatore 21.30 Diario di una schiappa 20.00 Per sfortuna che ci sei 22.25 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.50-22.40 Hypnosis 22.30 Cars 2 3D 19.45 Transformers 3 19.00-22.20 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.15 In The Market 20.25-22.35 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.50-22.40

MONZA
VIA DUCA D`AOSTA, 8 - TEL. 039748081

TRIANTE

Riposo OPERA
VIA GIOVANNI XXIII, 5/F - TEL. 0257603881

EDUARDO

Chiusura estiva PADERNO DUGNANO


VIA OSLAVIA, 8 - TEL. 029189181

Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.30 Captain America: il primo vendicatore 17.55 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.25-20.05 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.25-22.05 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 18.15-21.00

DARFO BOARIO MULTISALA GARDEN MULTIVISION


PIAZZA MEDAGLIE D`ORO 2 - TEL. 0364529101 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.00-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00-22.30 Tekken 20.00-22.30 Habemus Papam 20.00-22.30

Captain America: il primo vendicatore 3D 20.10-22.45 Tekken 20.20-22.40 Per sfortuna che ci sei 20.30-22.40

MANTOVA
ARISTON MULTISALA
VIA PRINCIPE AMEDEO, 20 - TEL. 0376328139

AREA METROPOLIS

VITTUONE Chiusura estiva

CINEMA TEATRO TRESARTES

PIAZZA ITALIA 5 - TEL. 0290119352

ERBUSCO

MULTIPLEX PORTE FRANCHE

Chiusura estiva PADERNO DUGNANO

LE GIRAFFE Chiusura estiva CONCA VERDE

BERGAMO
ALBA-BLOB HOUSE
VIA BIAVA, 4 - TEL. 035576080

BELLINZAGO LOMBARDO

ARCADIA

C.C. LA CORTE LOMBARDA - TEL. 02954164445 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.20-20.05-22.40 Tekken 17.25-20.40-22.50 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 18.10-21.20 Diario di una schiappa 17.10-20.20-22.30 Diario di una schiappa 2 17.00-20.10-22.20 Transformers 3 21.10 Transformers 3 3D 17.50 Vanishing on 7th street 17.40-20.15-22.35 Captain America: il primo vendicatore 17.15-18.20-20.00-21.00-22.45 Cars 2 17.30-19.50 Captain America: il primo vendicatore 3D 22.15

VIA BRASILE, 4 - TEL. 0291084250 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.20-21.50 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 18.10-20.50 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.00-21.40 Cars 2 17.40-20.00 I guardiani del destino 22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 17.20-20.00-22.40 Captain America: il primo vendicatore 17.20-20.00-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 18.20-21.00 Diario di una schiappa 2 17.40-20.30-22.40 Diario di una schiappa 17.30-20.00-22.30 Tekken 17.30-20.20-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.15-20.15-22.30 Transformers 3 18.20-21.30 Captain America: il primo vendicatore 18.10-21.00

VIA MATTIOLI, 1 - LOC. LONGUELO - TEL. 035251339

Chiusura estiva DEL BORGO


PIAZZA S. ANNA 51 - TEL. 035270760

VIA ROVATO 44 - TEL. 0307717644 Vanishing on 7th street 19.40-22.00 Captain America: il primo vendicatore 3D 21.30 Cars 2 17.00-19.50 Transformers 3 17.10 Tekken 17.20-20.10-22.10 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.10-20.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 18.00-21.00 Captain America: il primo vendicatore 17.30-20.00-22.20

Chiusura estiva CINECITY MULTIPLEX


PIAZZALE CESARE BECCARIA 5 - TEL. 0376340740

Chiuso per manutenz. impianti MIGNON


VIA BENZONI, 22 - TEL. 0376366233 Il ragazzo con la bicicletta 21.30

CURTATONE

STARPLEX CURTATONE

Chiusura estiva MULTISALA SAN MARCO


P.LE REPUBBLICA 2 - TEL. 035240416 Harry Potter e i doni della morte - Parte II Notizie degli scavi 21.15 21.30

LONATO
VIA FORNACE DEI GORGHI - TEL. 0309913670

MULTISALA KING

Chiuso per lavori ORZINUOVI STARPLEX ORZINUOVI


VIA LOMBARDIA 26/28 - TEL. 030943605 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.30 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.30 Captain America: il primo vendicatore 21.35 Tekken 20.20-22.25 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.30 Diario di una schiappa 2 20.30-22.35

STUDIO CAPITOL
VIA TASSO, 41 - TEL. 035248330 Source Code Le quattro volte Machete 21.30 21.30 21.30

VIA G. MONTANELLI, 31 - TEL. 0376348395 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.05-22.35 Captain America: il primo vendicatore 20.10-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 22.00 Larte di cavarsela 20.10 Captain America: il primo vendicatore 22.10 Bitch Slap - Le superdotate 20.15 Tekken 22.25 Per sfortuna che ci sei 20.30 Diario di una schiappa 20.30-22.40 Diario di una schiappa 2 20.25-22.30

PAVIA
ARENA ESTIVA
VIA VOLTA 31 - TEL. 0382 25366 Animal Kingdom 21.30

ALBINO
PIAZZA SAN GIULIANO - TEL. 035751490

NUOVO CINETEATRO

PIOLTELLO

UCI CINEMAS PIOLTELLO

CERNUSCO S. NAVIGLIO
VIA MARCELLINE 37 - TEL. 029245343

AGORA`

Chiusura estiva CERRO MAGGIORE THE SPACE CINEMA SPA CERRO MAGGIORE
VIA TURATI, 62 - TEL. 892111 Captain America: il primo vendicatore 16.30-19.15-22.00 Diario di una schiappa 2 17.30-19.50-22.10 Tekken 17.15-19.30-21.45 Per sfortuna che ci sei 16.45-21.25 At the end of the day - Un giorno senza fine 18.55 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 19.00-22.00 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 18.00 Transformers 3 21.15 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.30-20.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 18.30-21.30 Cars 2 16.35-19.05 Bitch Slap - Le superdotate 21.40 Captain America: il primo vendicatore 18.15-21.00 Diario di una schiappa 17.00-19.10-21.20

VIA SAN FRANCESCO, 33 - TEL. 892960 Transformers 3 19.00-22.15 Diario di una schiappa 2 20.00-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.40-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 21.15 Captain America: il primo vendicatore 21.15 Lultimo dei templari 19.50-22.15 Tekken 20.10-22.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.50-22.40 In The Market 20.10-22.20 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.30 Hypnosis 22.30 Cars 2 3D 19.45 At the end of the day - Un giorno senza fine 19.30-22.00 Per sfortuna che ci sei 20.00-22.20 Bitch Slap - Le superdotate 22.15 Diario di una schiappa 19.45

Chiusura Estiva CLUSONE


VIA XXV APRILE, 1 - TEL. 034622275 Thor
VIA TRIESTE, 15 - TEL. 0363992244

CORALLO
VIA BOSSOLARO, 15 - TEL. 0382539224

CINEMA GARDEN
21.00

SALO Chiusura estiva

CINEMA TEATRO CRISTAL

L.GO DANTE ALIGHIERI 4 - TEL. 0365521555

Chiusura estiva POLITEAMA


C.SO CAVOUR, 18/20 - TEL. 0382530343

CORTENUOVA CINESTAR MULTIPLEX CORTENUOVA ASTRA


Diario di una schiappa 2 20.30-22.35 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.30 Tekken 20.20-22.25 Captain America: il primo vendicatore 21.35 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.20

COMO
V.LE GIULIO CESARE, 3 - TEL. 031261234

Chiusura estiva PARONA

MOVIE PLANET

Chiusura estiva GLORIA


VIA VARESINA, 72 - TEL. 0314491080

COSTA VOLPINO
VIA TORRIONE, 2 - TEL. 035971717

IRIDE VEGA

Chiusura estiva CANTU

CINELANDIA MULT. CANTU 2000

Chiusura estiva CURNO

UCI CINEMAS CURNO

ROZZANO
V.LE LOMBARDIA, 53 - TEL. 0257501923

FELLINI

Chiusura estiva ROZZANO

THE SPACE CINEMA ROZZANO

CESANO BOSCONE
VIA POGLIANI, 7/A - TEL. 024580242

CRISTALLO

Chiusura estiva CINISELLO BALSAMO


VIA LIBERTA 108 - TEL. 0266015560

MARCONI

Chiusura estiva CINISELLO BALSAMO


VIA FIUME, 19 - TEL. 026600102

PAX

Chiusura estiva CINISELLO BALSAMO


VIA FROVA 10 - TEL. Lultimo dei templari VIA DON P. GIUDICI 19/21 - TEL.

VILLA GHIRLANDA
21.30

COLOGNO MONZESE CINE-TEATRO SAN MARCO Riposo COLOGNO MONZESE


VIA VOLTA - TEL. 0225308292

CINETEATRO

Riposo GARBAGNATE
VIA VISMARA, 2 - TEL. 029956978

VIA EUGENIO CURIEL - TEL. 892111 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 16.45 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.45-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 16.00-19.00-22.00 Tekken 15.30-17.45-20.00-22.15 Diario di una schiappa 2 17.00-19.30-22.00 Diario di una schiappa 16.00-18.30-21.00 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 15.00-18.00 Bitch Slap - Le superdotate 22.00 Per sfortuna che ci sei 15.40-17.50 Captain America: il primo vendicatore 15.00-18.00-21.00 Cars 2 15.30 Transformers 3 19.15-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 16.30-19.30-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 15.30-18.30-21.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 15.30-18.30-21.30 Captain America: il primo vendicatore 16.00-19.00-22.00 Ghost - Fantasma (Legend Film Festival) 21.00

VIA LEGA LOMBARDA, 39 - TEL. 892960 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.45-22.40 Hypnosis 20.15-22.30 Tekken 20.00-22.20 Captain America: il primo vendicatore 19.50-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 19.55-22.45 Transformers 3 3D 21.15 Per sfortuna che ci sei 20.10-22.40 In The Market 20.00-22.10 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.00-22.50

CORSO EUROPA 23 - TEL. 031710039 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00-22.40 This is beat - Sfida di ballo 20.30-22.40

STRADA PROV.LE PER LA CATTANEA, 106 - TEL. 0384296728 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 21.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.00 Captain America: il primo vendicatore 21.00 Diario di una schiappa 2 21.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 21.30 Tekken 21.30 Ladri di cadaveri - Burke & Hare 21.30

MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA THE SPACE CINEMA MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA


VIA MIRABELLA, 6 - TEL. 892111 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 16.00-19.00-22.00 Per sfortuna che ci sei 16.10-18.15-20.20 Bitch Slap - Le superdotate 22.25 Captain America: il primo vendicatore 16.15-18.55-21.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.05 Ghost - Fantasma (Legend Film Festival) 21.00 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 16.00-18.45-21.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 17.10-19.50 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 22.30 Tekken 16.05-18.15-20.25-22.35 Captain America: il primo vendicatore 3D 17.15-20.00-22.45 Cars 2 17.25-19.55 Transformers 3 22.30

CANTU
VIA MANZONI, 8 - TEL. 031714759

LUX

Chiusura estiva MONTANO LUCINO UCI CINEMAS MONTANO LUCINO


VIA VARESINA - TEL. 892960 Verso lEden 20.10-22.30 Diario di una schiappa 20.10 Per sfortuna che ci sei 22.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.00-22.45 Hypnosis 20.00-22.35 At the end of the day - Un giorno senza fine 20.10-22.35 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.45 Tekken 20.10-22.30 Cars 2 19.45 Transformers 3 22.15 Captain America: il primo vendicatore 21.30 Diario di una schiappa 2 20.05-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 19.45-22.35

MOZZO

CINE TEATRO AGORA

VIA S.GIOVANNI BATTISTA 6 - TEL. 035461699

Chiusura estiva ROMANO DI LOMBARDIA MULTISALA IL BORGO


S.S. SONCINESE - TEL. 0363903816

Chiusura estiva TREVIGLIO

ARISTON MULTISALA

VIALE MONTEGRAPPA - TEL. 0363419503 Diario di una schiappa 20.20-22.20 Harry Potter e i doni della morte - Parte II Captain America: il primo vendicatore 3D 21.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 19.50-21.00-22.20 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.30 Tekken 20.30-22.30

SONDRIO
EXCELSIOR
VIA C. BATTISTI - TEL. 0342215368

CREMONA
ARENA GIARDINO
PARCO TOGNAZZI - TEL. 3465252110 Il ventaglio segreto 21.30

Chiusura estiva STARPLEX SONDRIO


VIA VANONI, ANGOLO VIA TONALE - TEL. 0342214709 Diario di una schiappa 2 Captain America: il primo vendicatore Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D Tekken 21.30 21.10 21.20 21.25

BRESCIA
METROPOL
VIA GALILEO GALILEI, 56 - TEL. 030/305828

CINEMA CHAPLIN
VIA ANTICHE FORNACI 58 - TEL. 0372453005

AUDITORIUM S. LUIGI

SAN DONATO MILANESE


PIAZZA DALLA CHIESA, 1 - TEL. 0255604225

TROISI

Riposo GARBAGNATE
VIA VARESE, 29 - TEL. 029956978

ITALIA

Chiusura estiva SEREGNO


VIA UMBERTO I , 14 - TEL. 0362231385

Chiusura estiva MORETTO


VIA S. ALESSANDRO - TEL. 03048383

Chiusura estiva FILO


P.ZZA FILODRAMMATICI, 1 - TEL. 0372411252

MORBEGNO Chiusura estiva MORBEGNO Chiusura estiva MORBEGNO

CINEMA TEATRO IRIS

VIALE AMBROSETTI 27 - TEL. 0342611711

ROMA

Riposo LEGNANO
P.ZZA S. MAGNO - TEL. 0331547865

GALLERIA

Chiusura estiva SEREGNO


VIA CAVOUR, 83 - TEL. 0362230555

Chiusura estiva MULTISALA WIZ


VIALE ITALIA ANG. VIA F.LLI UGONI - TEL. 0302889211 Captain America: il primo vendicatore 14.15-16.40-19.10-21.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 16.25-19.00-21.35 The Housemaid 15.10-17.20-19.30-21.40 The next Three Days 14.20-16.45-19.10-21.35 Michel Petrucciani - Body & Soul 15.10-17.20-19.25-21.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 15.00-18.00-21.00

Chiusura estiva SPAZIOCINEMA CREMONA PO


VIA CASTELLEONE, 108 - TEL. Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00-22.30 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.30 Qualunquemente 20.30-22.30 Tekken 20.30-22.30 London Boulevard 20.30-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 21.00 Captain America: il primo vendicatore 3D 21.30

CINEMA TEATRO PEDRETTI

PIAZZA MATTEI 1 - TEL. 0342610161

CINEMA 3

S. ROCCO

VIALE AMBROSETTI, 25 - TEL. 0342610161

Chiusura estiva LEGNANO


C.SO MAGENTA, 9 - TEL. 0331546291

SALA RATTI

Chiusura estiva SESTO SAN GIOVANNI CINELANDIA - SKYLINE MULTIPLEX


C/O CENTRO SARCA - TEL. 0224860547

Chiusura estiva TIRANO Chiusura estiva

CINEMA TEATRO MIGNON

PIAZZA MARINONI 1 - TEL. 0342705454

Chiusura estiva LISSONE


VIA DON CARLO COLNAGHI, 3 - TEL. 0392457233

VARESE
MULTISALA IMPERO
VIA BERNASCONI 13 - TEL. 0332284004

EXCELSIOR

Nessuno mi puo giudicare Lesplosivo piano di Bazil

16.10-18.15-20.20-22.30

CREMA

MULTISALA PORTA NOVA

Riposo LISSONE

UCI CINEMAS LISSONE

VIA MADRE TERESA - TEL. 039 484767 Cars 2 20.05 Transformers 3 22.30 At the end of the day - Un giorno senza fine 20.30-22.35 Diario di una schiappa 20.05 Per sfortuna che ci sei 22.15 Captain America: il primo vendicatore 21.30 Hypnosis 22.35 Cars 2 3D 20.10 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.55-22.50 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.05-22.50 Tekken 20.15-22.20 In The Market 20.20-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.30 Diario di una schiappa 2 19.55-22.15

15.30-17.45-20.00-22.00 Incontrerai luomo dei tuoi sogni 15.00-17.10-19.30-21.45 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 16.45-19.30-22.20 Transformers 3 20.30-22.15 Cars 2 15.00-17.35 Tekken 16.15-18.20-20.25-22.30 Vanishing on 7th street 16.15-18.20-20.25-22.30 Diario di una schiappa 2 16.05-18.10-20.15 Captain America: il primo vendicatore 15.00-16.50-17.55-19.35-20.50-22.20

NUOVO EDEN
VIA NINO BIXIO 9 - TEL. 0308379404

Chiusura estiva OZ IL REGNO DEL CINEMA


VIA SORBANELLA 12 - TEL. 0303507911 Tekken 20.40-22.40 Diario di una schiappa 2 20.40-22.40 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.10-22.40 Captain America: il primo vendicatore 21.40 At the end of the day - Un giorno senza fine 20.40-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.35 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.10-21.40-22.40 Transformers 3 21.30 Diario di una schiappa 20.30 Diario di una schiappa 22.30

VIA INDIPENDENZA - TEL. 0373218411 Captain America: il primo vendicatore 20.10-22.40 Diario di una schiappa 20.30-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.30 Tekken 20.30-22.30

Chiusura estiva NUOVO


VIA DEI MILLE, 39 - TEL. 0332237325

Chiusura estiva SALA FILMSTUDIO 90


VIA DE CRISTOFORIS 5 - TEL. 0332830053

LECCO
PALLADIUM
VIA FIUMICELLA 12 - TEL. 0341361533

Chiusura estiva GALLARATE

CINELANDIA MULTIPLEX

SESTO SAN GIOVANNI


VIALE MATTEOTTI, 425 - TEL. 0222478183

RONDINELLA

Chiusura estiva MERATE Chiusura estiva OSNAGO


VIA GORIZIA 6 - TEL. 03958093

CINETEATRO MANZONI

VIA GIOVANNI XXIII, 24 - TEL. 039 5981992

Chiusura estiva SETTIMO MILANESE


VIA GRANDI, 4 - TEL. 023282992

AUDITORIUM

SALA SIRONI

Riposo SEVESO Riposo SOVICO

Chiusura estiva

MULTISALA POLITEAMA

LODI
ARENA ESTIVA
VIA CAVOUR 66 - TEL.

VIA GALIMBERTI 16 - TEL. 0362540692

PICCOLO CINEMA PARADISO NUOVO


VIA FRANCESCO LANA, 15 - TEL. 030280010

VIALE LOMBARDIA, 51 - TEL. 0331268017 Cars 2 20.15 Transformers 3 22.40 Per sfortuna che ci sei 20.30-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.10-22.50 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.45 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.10-22.45 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.15 Tekken 20.20-22.40

BUSTO ARSIZIO
VIA CALATAFIMI 5 - TEL. 0331677961

MANZONI

MAGENTA Chiusura estiva MELZO

CINEMATEATRO NUOVO

VIA SAN MARTINO 19 - TEL. 0297291337

VIA BARACCA, 22/24 - TEL. 0392014667

Chiusura estiva VIMERCATE

Chiusura Estiva SOCIALE


VIA CAVALLOTTI, 20 - TEL. 03041140

Riposo DEL VIALE


VIALE RIMEMBRANZE, 10 - TEL. 0371426028

Riposo BUSTO ARSIZIO


P.ZZA PLEBISCITO, 1 - TEL. 0331632912

SOCIALE

THE SPACE CINEMA TORRIBIANCHE

ARCADIA MULTIPLEX

VIA MARTIRI DELLA LIBERTA` - TEL. 0295416444

Chiuso per manutenz. impianti MONZA ARENA VILLA REALE SPAZIOCINEMA


VIALE REGINA MARGHERITA DI SAVOIA - TEL. 0243912769

Una vita tranquilla

21.30

MONZA
VIA A. PENNATI 10 - TEL. 039324272

MULTISALA CAPITOL

Chiusura estiva MONZA Chiusura estiva MONZA Chiusura estiva

MULTISALA METROPOL

VIA CAVALLOTTI 124 - TEL. 039740128

MULTISALA TEODOLINDA

VIA CORTELONGA 4 - TEL. 039323788

VIA TORRI BIANCHE, 16 - TEL. 892111 Captain America: il primo vendicatore 18.40-21.25 Transformers 3 18.25-21.30 At the end of the day - Un giorno senza fine 22.25 Monte Carlo 17.45-20.05 Cars 2 17.30-19.55 Bitch Slap - Le superdotate 22.20 Diario di una schiappa 2 17.30-19.45-21.55 Per sfortuna che ci sei 17.35-19.35-21.40 Diario di una schiappa 17.40-19.55-22.10 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 18.45-21.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.15-22.00 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 17.50 Captain America: il primo vendicatore 17.35-20.10 Tekken 17.45-19.45-21.45 Ghost - Fantasma (Legend Film Festival) 20.40

Chiusura estiva CAPRIOLO

GEMINI

Chiusura estiva FANFULLA


V.LE PAVIA, 4 - TEL. 0371/30.740

VIA PALAZZOLO - TEL. 0307460530 Captain America: il primo vendicatore 20.15-22.30 Harry Potter e i Doni della Morte: Parte I 21.15 London Boulevard 21.15

Chiusura estiva SARONNO Chiusura estiva SARONNO COMUNALE Chiusura estiva TRADATE

CINEMA SILVIO PELLICO

Chiusura estiva MODERNO MULTISALA


CORSO ADDA 97 - TEL. 0371420017

VIA SILVIO PELLICO - TEL. 0299768659

MULTISALA SARONNESE

CORTE FRANCA MULTIPLEX NEXUS


VIA ROMA 78 - TEL. 030986060 Tekken Diario di una schiappa 2 Diario di una schiappa At the end of the day - Un giorno senza fine Captain America: il primo vendicatore 3D Captain America: il primo vendicatore The Conspirator Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 21.10 20.50 20.30 21.30 21.20 20.20 21.00 20.40

Chiusura estiva CASALPUSTERLENGO


PIAZZA DEL POPOLO, 15 - TEL. 0377919024

VIA S. GIUSEPPE 21 - TEL. 0296708190

STARPLEX TRADATE

Chiusura estiva PIEVE FISSIRAGA CINELANDIA MULTIPLEX PIEVE


S.S. N 235 - TEL. 0371237012 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.45 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.10-22.50 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.40

VIA DELLA FORNACE CORTELLEZZI 21049 TRADATE - TEL. Captain America: il primo vendicatore 20.10-22.45 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.05-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 21.30

Chiusura estiva
Tekken Captain America: il primo vendicatore Diario di una schiappa 2 20.30-22.35 21.15 20.25-22.30

Gioved 11 agosto 2011

www.blumarine.com