Sei sulla pagina 1di 56

Milano, Via Solferino 28 - Tel.

02 62821
Roma, Piazza Venezia 5 - Tel. 06 688281
Servizio Clienti - Tel 02 63797510
mail: servizioclienti@corriere.it
Fondato nel 1876
www.corriere.it
SVANTAGGI E RISCHI DI UNA TENTAZIONE
PATRIMONIALE?
LASCIATE STARE
di ALBERTO ALESINA e FRANCESCO GIAVAZZI
M
atteo Renzi, par-
lando di imposte
sul patrimonio,
due settimane fa
ha detto: C spazio per au-
mentare la tassazione delle
rendite finanziarie, non sui
Bot ma sulle rendite pure.
Abbiamo una tassazione sul-
le rendite finanziarie fra le
pi basse in Europa, ma io
dico di attendere la riforma
complessiva del sistema fi-
scale. Il primo dubbio ri-
guarda le rendite pure,
espressione poco chiara e va-
gamente populista. Il nostro
sistema impositivo un mec-
canismo eccessivamente
complesso, ma che non si
pu correggere modifican-
done una parte come se fos-
se indipendente dal resto.
Come daltronde pensa an-
che Renzi. Una riforma com-
plessiva della tassazione sui
patrimoni andrebbe affidata
ad un comitato di esperti, al
quale chiedere di scrivere i
decreti che due settimane fa
la commissione Finanze del-
la Camera ha delegato il go-
verno a varare entro un anno.
In tema di tassazione delle
rendite finanziarie si dovreb-
be adottare un sistema simi-
le a quello in vigore in Gran
Bretagna e negli Stati Uniti
dove questi redditi (cedole,
interessi bancari, ecc.) si
sommano a quelli da lavoro
formando cos il totale impo-
nibile. Questo verr poi tas-
sato con una progressivit
che riflette le scelte politiche
del governo. Invece, con ali-
quote (ad esempio sui depo-
siti bancari) uguali per tutti,
indipendentemente dal red-
dito, la progressivit viola-
ta. Ma una commissione tec-
nica pu solo suggerire la
configurazione di imposte
pi efficiente, non quale sia
il livello di pressione fiscale
desiderabile, n quale sia il
livello di progressivit, due
decisioni che spettano ovvia-
mente alla politica.
Quanto tassare dipende
dal livello di spesa che il go-
verno ritiene preferibile. E
qui sta il punto. Renzi sba-
glierebbe se chiedesse a mi-
nistri di spesa e funzionari
dei ministeri a quanto am-
montino i tagli di spesa rea-
lizzabili e poi, sulla base di
questa informazione, deci-
desse la misura del taglio alla
pressione fiscale. Cos non va
da nessuna parte. Funzionari
e ministri gli diranno che or-
mai non rimane quasi pi
nulla da tagliare, nonostante
la spesa al netto di interessi e
prestazioni sociali sia pari
(dati 2012, gli ultimi disponi-
bili a consuntivo) a 351 mi-
liardi di euro: 165 per stipen-
di dei dipendenti pubblici,
89 per lacquisto di beni e
servizi, 33 di trasferimenti a
vario titolo alle imprese, 35
per altre attivit, in cui rien-
tra il costo delle assemblee
elettive e solo 29 per investi-
menti pubblici. Renzi deve
capovolgere il problema. De-
cidere di quanto vuole ridur-
re la pressione fiscale (ad
esempio di 20 miliardi) e poi
ordinare che fra quei 351 se
ne trovino 20 da tagliare.
Si ricomincia invece a par-
lare di patrimoniale. Ma se
non riparte la crescita su un
percorso che preveda meno e
non pi tasse, e se prima non
si taglia la spesa, una patri-
moniale straordinaria (che
dovrebbe essere peraltro di
notevole entit) ridurrebbe
solo momentaneamente il
rapporto debito-Pil (Prodot-
to interno lordo) per qualche
anno, per ritrovarsi poi al
punto di prima. Bisogna di-
stinguere quindi tra la giusta
revisione (e semplificazione)
complessiva della tassazione
che comporti anche una di-
versa imposizione sulle ren-
dite finanziarie, e una patri-
moniale una tantum. La re-
visione va fatta evitando per
di pi errori tecnici che si ri-
schia di pagare cari. La patri-
moniale invece avrebbe lef-
fetto di unaspirina che fa di-
menticare la vera malattia: il
livello del debito e la man-
canza di crescita. Nascon-
dendone i sintomi, se va be-
ne, per qualche anno. Pur-
troppo spesso le due cose
(patrimoniale una tantum e
revisione della tassazione
sulle rendite finanziarie) pi
o meno intenzionalmente si
confondono. Un equivoco e
un errore che il governo non
deve alimentare.
RIPRODUZIONE RISERVATA
9
7
7
1
1
2
0
4
9
8
0
0
8
4
0
3
1
2
>
P
o
s
t
e
It
a
lia
n
e
S
p
e
d
. in
A
.P
. -
D
.L
. 3
5
3
/
2
0
0
3
c
o
n
v
. L
. 4
6
/
2
0
0
4
a
r
t
. 1
, c
1
, D
C
B
M
ila
n
o
Con il Corriere
I sogni e gli antieroi
di Lucio Dalla
Il secondo cd a 9,99 euro
pi il prezzo del quotidiano
Champions League
Quattro gol dallAtletico
Addio del Milan allEuropa
La centrale ligure
Sigilli alla Tirreno Power
La Procura: troppi morti
A. Bocci, F. Monti, A. Ravelli
e M. Sconcerti alle pagine 48 e 49
E. Dellacasa e A. Pasqualetto
alle pagine 16 e 17
Le misure al Consiglio dei ministri. Incertezze sullIrap. Palazzo Chigi: trovate ampie coperture
Sconto fiscale in busta paga
Pi detrazioni per i redditi bassi. Incentivi a chi assume
Quote e merito
QUELLO CHE
GLI UOMINI
NON DICONO
SULLA PARIT
di BARBARA
STEFANELLI
C
un non detto in
questa offensiva, non
a caso fallita, sulla parit
di genere. Quello degli
uomini. Le donne hanno
cercato di fare rete, si sono
chiamate da schieramenti
distanti, hanno messo i
propri nomi in ununica
lista e indossato lo stesso
colore bianco. una
buona notizia ed la terza
volta che succede in pochi
mesi (i due passaggi
precedenti: per la
rappresentanza femminile
nelle societ quotate; nelle
iniziative contro la
violenza domestica).
CONTINUA A PAGINA 42
Il Consiglio dei ministri vara il taglio del-
le tasse sui lavoratori dipendenti a basso
reddito: pi detrazioni Irpef dalla busta pa-
ga di aprile. Lentit legata alleventuale
estensione degli sgravi anche agli autono-
mi. Palazzo Chigi: 20 miliardi di coperture.
DA PAGINA 2 A PAGINA 5
Giannelli
PARTITE IVA E PICCOLI
LERRORE DA NON FARE
di DARIO DI VICO
E
noi? Laccusa che circola in queste ore
nellampio e variegato mondo del lavoro
autonomo suona cos: il governo Renzi
litiga con la Cgil ma alla fine fa quello che
vuole Susanna Camusso ed esclude dalla
riduzione Irpef artigiani e commercianti
perch sospettati di evasione fiscale.
CONTINUA A PAGINA 2
Ogni giorno
Con il figlio
sulle spalle,
29 chilometri
per andare
a scuola
di PAOLO
DI STEFANO
P
otrebbe passare
alle cronache
come il Padre
dellanno. Si chiama
Yu Xukang, ha
quarantanni,
divorziato e ha un
figlio disabile
dodicenne. Ogni
giorno se lo carica
sulle spalle e percorre
due volte, andata e
ritorno, 4,5 miglia. In
tutto 18 miglia, ovvero
quasi 30 chilometri
sui sentieri accidentati
della collina, per
portare il bambino a
scuola e tornare a
prenderlo la sera.
Siamo nella provincia
cinese di Sichuan.
A PAGINA 25
C
E
N
T
R
A
L
E
U
R
O
P
E
A
N
N
E
W
S
/
E
U
R
O
P
I
C
S
Legge elettorale Bocciate le preferenze
Camera, avanza lItalicum
ma con pochi voti di scarto
Lintesa tiene, Pd spaccato
Il retroscena
Il premier:
controllo io
il partito
di MARIA TERESA MELI
APAGINA 8
Bocciate le quote rosa,
bocciate le preferenze. Le li-
ste resteranno bloccate.
LItalicum passa alla Camera
ma con pochi voti di scarto:
la maggioranza regge per-
dendo per decine di voti
per lattacco dei franchi tira-
tori. Il Pd spaccato e Matteo
Renzi costretto a serrare i
ranghi e a evocare il voto an-
ticipato per scoraggiare gli
oppositori interni.
DA PAGINA 6 A PAGINA 11
Lincompiuta
Le scatole cinesi
di una mezza riforma
di MICHELE AINIS
M
ezza riforma non ancora una
riforma. Specie se laltra met
dipende dal Senato, la fossa dei leoni.
Il vizio dellItalicum che alleva due
Dracula che si vampirizzano a vicenda.
Perch il maggioritario vale soltanto
per la Camera, mentre il Senato rimane
ostaggio dun proporzionale puro.
Siccome tuttavia, qui e oggi, c ancora
un bicameralismo perfetto, questa
trovata ci lascia a mani vuote. la
nostra dannazione: lItalicum reclama
la riforma del Senato, che reclama la
riforma del Titolo V della Costituzione.
Un gioco di scatole cinesi, con il rischio
di rompere le scatole.
A PAGINA 42
In primo piano
Camusso: il rischio
far pagare meno
anche gli evasori
di ENRICO MARRO
APAGINA 5
La lista dattesa
per gli 11 miliardi
dovuti ai costruttori
di SERGIO RIZZO
APAGINA 3
Istruzione Rapporto su quanto vale lo studio
Essere secchioni?
Conta pi del talento
Ucraina Il via libera del Parlamento
La Crimea ha deciso:
secessione da Kiev
di GIANNA
FREGONARA
S
teve Jobs la chiamava
fame, in italiano si
potrebbe dire impe-
gno, i ricercatori del-
lOcse lhanno misurato
come hard work. Nello
slang degli studenti,
lessere secchione, per
i quindicenni meglio
tradotto in nerd.
CONTINUA A PAGINA 42
di FRANCESCO
BATTISTINI
L
a Crimea ha votato la
secessione da Kiev. La
decisione del Parlamen-
to dovr essere ratificata
dal referendum di dome-
nica. Mosca: legittimo,
come in Kosovo. Lex lea-
der ucraino Yanukovich
ricomparso: Sono
sempre il presidente.
A PAGINA 12 Offeddu
Lo scontro
Il Senato Usa
accusa la Cia:
avete spiato
i nostri pc
di MASSIMO GAGGI
APAGINA 13
MERCOLED 12 MARZO 2014 ANNO 139 - N. 60 In Italia EURO 1,40
A
P
/
J
. S
C
O
T
T
A
P
P
L
E
W
H
I
T
E
2 Primo Piano
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Il governo Le misure
Pi detrazioni ai dipendenti
Sgravi affitti, ex Iacp in vendita
Verso un bonus di 1.000 euro, cedolare secca ridotta al 10%
Il tweet di Renzi: alle 17 le misure. Coperture doppie del previsto
La crescita
DARCO
Variazioni % tendenziali
IV trim.
-3,0
-1,8
1,8
3,0
0,0
I II III IV
2010 2011
I II III IV
2012
I II III IV
2013
+0,3%
il Pil dei Paesi
dellarea euro
+0,4%
il Pil
in Germania
+0,3%
il Pil
in Francia
*Il Prodotto interno lordo nel quarto trimestre 2013rispetto al trimestre precedente
+0,1%*
il Pil
italiano
L'analisi
GLI AUTONOMI
TRA FALSE E VERE
PARTITE IVA
SEGUE DALLA PRIMA
Questo concetto, appena pi mitigato,
Rete Imprese Italia lo ha messo ieri
nero su bianco aggiungendo
sibillinamente che le Pmi a differenza
di altri settori economici sono in
grado di creare rapidamente nuovi
posti di lavoro. A patto che siano
messe nelle condizioni migliori per
esercitare la loro attivit. Ma la
querelle di artigiani e commercianti
solo un pezzo della riflessione che
partita sotto traccia sul rapporto tra
Matteo Renzi e i lavoratori autonomi.
Perch, come sostengono le
associazioni dei consulenti del
terziario avanzato, che senso ha
combattere a viso aperto il potere di
veto delle grandi confederazioni del
lavoro dipendente e dellindustria e
poi non aprire al mondo delle partite
Iva e ai workers della conoscenza?
Equivale a unuscita dal Novecento
fordista a met o peggio solo a una
rivendicazione del primato della
politica senza che la svolta decisionista
sia sorretta da unanalisi moderna
delle classi sociali e del loro contributo
alla creazione di valore
aggiunto/ricchezza.
Nelle carte preparatorie del Jobs Act
qualcosa di importante per il mondo
del lavoro autonomo precario c e
riguarda la possibilit di estendere
gradualmente le tutele oggi applicate a
chi ha perso il posto di lavoro anche ai
parasubordinati. Insomma il governo
vuole intervenire sullo spinoso tema
delle false partita Iva, il lavoro
autonomo mascherato, ma c il
rischio di dimenticare le vere partite
Iva. Ovvero di continuare a
considerare il lavoro autonomo
unanomalia da riassorbire e non un
elemento costituivo delle economie
moderne. In tutti i Paesi europei si
tratta di figure in fortissima crescita,
stimate attorno al 15%
delloccupazione totale nella Ue. Pi
del 50% ha la laurea nel cassetto e le
donne sono anchesse grosso la met
del totale. Il guaio di queste figure
che sono considerate dal nostro
ordinamento e dal nostro welfare n
carne n pesce (n lavoratori
dipendenti n imprese) e quindi sono
condannati a restare nel limbo. Agli
inizi del suo mandato il ministro Elsa
Fornero sembrava aver preso a cuore il
problema ma poi arrivarono i giorni
della delusione.
Limportanza della tenuta del mondo
del lavoro autonomo dimostrata da
due trend. Primo: la spinta dei giovani
in cerca di occupazione a puntare
sullauto-impiego (in media 1 su 4).
Secondo: il crollo dellapertura di
nuove partite a gennaio 2014 (-9% su
gennaio 2013). Un ottimista potrebbe
sognare che il calo sia dovuto a una
maggiore tendenza alla
regolarizzazione. Purtroppo, invece,
quel dato ci dice che un pezzo di
lavoro autonomo sta sprofondando
nel sommerso. Non va dimenticato,
infatti, che tra costi burocratici, spese
e contribuzione alla gestione separata
dellInps, aprire una partita Iva costa
sempre tanto.
Dario Di Vico
RIPRODUZIONE RISERVATA

296
miliardi di euro
Lammontare del
cuneo fiscale in
Italia, secondo una
stima della Cgia di
Mestre. Di questi,
161,47 miliardi di
euro sono a carico
dei datori di lavoro
(un livello pari al
54,47% del
totale). Un
eventuale taglio di
10 miliardi
corrisponderebbe
a una riduzione
del 3,4%
10
miliardi di euro
Lobiettivo di
riduzione delle
tasse. Il ministro
dellEconomia, Pier
Carlo Padoan, sta
analizzando varie
ipotesi di tagli di
spesa per il cuneo
fiscale: tra le altre
cose si guarda agli
incentivi alle
imprese, alle spese
per i caccia F35, alle
pensioni di
reversibilit, al
rientro dei capitali
32
miliardi di euro
Limpatto
che dovrebbero
avere a regime,
nel 2017, le
manovre
proposte dal
commissario
straordinario
alla spending
review, Carlo
Cottarelli. Il totale
della spesa
pubblica italiana
analizzata
superiore
a 600 miliardi
di euro
3-5
miliardi di euro
Il risparmio che
questanno il
Tesoro potrebbe
ottenere dalla
spesa per interessi
sul debito pubblico
grazie al calo dello
spread Btp/Bund.
Il minore onere
potrebbe essere
utilizzato per
coprire il taglio
delle tasse e gli
altri interventi che
saranno
annunciati oggi dal
governo

di STEFANO AGNOLI
S
i dice che la mano destra
spesso non sa che cosa fa la
sinistra. Figurarsi quando,
come nel caso del Fisco, le
mani sono pi di due. Accade
cos come si legge in uno
studio della Uil che mentre
il governo, i partiti e fior fiore
di economisti discettano di
vantaggi e svantaggi tra il calo
dellIrap e quello dellIrpef (il
cosiddetto derby), alla fine
di questo mese i lavoratori
dipendenti e i pensionati si
troveranno in busta paga una
amara sorpresa. Quale?
Dover pagare un saldo e un
acconto dellIrpef sia regionale
sia comunale pi salato del
30%. Si tratterebbe in media di
un centinaio di euro, per la
precisione 97, calcolati su un
reddito annuale di 23.000
euro. Ce ne eravamo
dimenticati. E se si d ancora
retta alla Uil, nel 2014 le tasse
locali saliranno mediamente
da 363 a 409 euro. In qualche
area supereranno i 500 euro.
Un argomento a favore del
taglio dellIrap? Non questo il
punto. Anche le imprese hanno
da sempre un fitto calendario
annuale di pagamenti, che
spesso lievitano. La questione
che le mani che prelevano
restano troppe, e che alla fine
di ogni mese lultima riga del
bilancio familiare resta (se va
bene) uguale.
@stefanoagnoli
RIPRODUZIONE RISERVATA
Ma laddizionale
non si ferma

di CARLO CINELLI
Privatizzazioni,
si riparte da Poste
ROMA Il lavoro di que-
ste ore twitta ieri sera Mat-
teo Renzi procede molto
bene. Domani (oggi per chi
legge, ndr.) alle 17 conferenza
stampa con i provvedimenti.
E per la prima volta dice
sar messa nelle tasche de-
gli italiani una significativa
quantit di denaro. Il presi-
dente del Consiglio vuole as-
solutamente approvare oggi il
provvedimento per tagliare le
tasse sul lavoro, anche se nella
sua squadra di ministri e col-
laboratori non tutti credono si
far in tempo.
Lintervento dovrebbe esse-
re concentrato sui lavoratori
dipendenti a basso reddito at-
traverso un aumento delle de-
trazioni Irpef, con i vantaggi
maggiori per chi guadagna 15
mila euro lanno, che potrebbe
vedersi aumentare il netto fi-
no a mille euro, compresi i 220
euro gi decisi dal governo
Letta. Ma queste cifre potreb-
bero cambiare se gli sgravi ve-
nissero estesi ai lavoratori au-
tonomi, soluzione per la quale
molto premono le associazio-
ni di categoria. Di certo Renzi
accarezza lidea dei mille euro
in pi e vorrebbe anche che
fossero dati tutti in una volta,
magari nella busta paga di
aprile o al massimo di maggio.
Tecnici e ministri hanno lavo-
rato tutta la notte per vedere
se e come si pu fare.
Il taglio delle tasse a regime
dovrebbe valere 10 miliardi
lanno, questanno, visto che il
beneficio non si spalmer su
12 mesi, baster meno. Alle
imprese, che hanno premuto
fino allultimo per ottenere
che i 10 miliardi fossero desti-
nati dal governo a tagliare
lIrap, dovrebbero andare solo
semplificazioni e incentivi alle
assunzioni, insieme con un
disegno di legge che sblocca
altre tranche di debiti della
Pubblica amministrazione
verso le aziende fornitrici.
Ieri la giornata ha visto fasi
alterne. Nel pomeriggio sia dal
ministero dellEconomia sia
dalla presidenza del Consiglio
davano per improbabile lap-
provazione oggi dei provvedi-
menti di legge di taglio delle
tasse e spiegavano che il Con-
siglio dei ministri si sarebbe
limitato a varare su questo le
linee di indirizzo perch non
erano state ancora trovate tut-
te le coperture finanziarie ne-
cessarie per mettere nero su
bianco gli articoli di legge. Ma
poi in serata da Palazzo Chigi
appunto arrivata una secca
nota che dava per acquisite le
coperture. Il bacino potenziale
cui attingere sarebbe addirit-
tura di 20 miliardi, spiegavano
gli uomini del presidente del
Consiglio. Ci sarebbe quindi il
margine per trovare le risorse
necessarie per il 2014. E cos il
lavoro dei tecnici continuato
per tutta la notte, forte anche
delle indicazioni che il mini-
stro dellEconomia, Pier Carlo
Padoan, ha riportato dalla riu-
nione Ecofin di Bruxelles. In-
somma scattata una corsa
contro il tempo per portare in
Consiglio dei ministri non pi
le linee di indirizzo dal taglio
delle tasse ma i provvedimen-
to vero e proprio.
Questa mattina dovrebbe
riunirsi il preconsiglio dei mi-
nistri, con i tecnici dei vari mi-
nisteri che limeranno i testi.
Nel pomeriggio la riunione
vera e propria del governo,
presieduta da Renzi. Il men
prevede molti provvedimenti.
Quello gi pronto da giorni il
cosiddetto piano casa messo a
punto dal ministro delle Infra-
strutture, Maurizio Lupi, gi
sotto il governo Letta. Un de-
creto legge che muove 1,6 mi-
liardi che, fra le altre cose, ab-
bassa la cedolare secca sugli
affitti a canone concordato dal
15 al 10% e prevede laliena-
zione a favore degli inquilini
degli immobili ex Iacp.
Ci sar poi un disegno di
legge delega sul lavoro che
conterr i principi guida per la
riforma degli ammortizzatori
sociali: a regime non ci saran-
no pi gli interventi in deroga
ma una indennit di disoccu-
pazione a pi ampio raggio di
copertura. Nella delega po-
trebbe entrare anche il con-
tratto di inserimento a tutele
progressive. Una forte sempli-
ficazione e incentivazione del-
lapprendistato dovrebbe in-
vece scattare subito (decreto o
emendamento) e forse anche
lallungamento a 3 anni del
contratto a termine senza cau-
sale. Infine, lo sblocco dei 2
miliardi per ledilizia scolasti-
ca. Anche a questo Renzi tiene
molto.
Enr. Ma.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Lipotesi
Sul tavolo lipotesi
di estendere i benefici
ai lavoratori autonomi
e il taglio Irap
T
ornano le privatizzazioni.
E con un vasto
programma. Si tratter di
riaprire una nuova stagione
di valorizzazione, alienazione,
privatizzazione del
patrimonio pubblico, ha
detto alla Camera il
viceministro allEconomia,
Enrico Morando,
preannunciando un piano di
legislatura. Concorreranno a
ridurre lo stock del debito, ma
da sole non potranno farcela,
ha aggiunto, prudente e
consapevole che anche a
raschiare il fondo del barile
non potr replicarsi una
stagione simile a quella
vissuta negli anni Novanta
nelle stanze di Via XX
Settembre. Ma
nellenunciazione ecco
comunque delinearsi un
piano di rilancio, un
disegno pi ampio che si
svilupper in pi anni.
Andando anche oltre,
immaginando di favorire lo
sviluppo delle societ
privatizzate, magari
costruire realt sul modello
delle pubblic company.
Davvero un vasto programma.
Per ora si ricomincia dai piani
del governo Letta: per
questanno Poste ed Enav con
forse alcuni interventi su Stm
ed Eni in modo da incassare gli
8 miliardi gi in preventivo:
si pu dire che pi o meno il
valore pu essere quello.
RIPRODUZIONE RISERVATA
m
a
r
i
n
a
y
a
c
h
t
i
n
g
.
i
t
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Primo Piano 3

Fisco
Sconto da aprile
per chi guadagna
fino a 15 mila euro
Il caso
Pagamenti arretrati, costruttori in lista dattesa per 11 miliardi
Nella lingua italiana la parola tutti ha
un significato preciso. Vuol dire nessuno
escluso. E quando un viceministro
allEconomia, nella fattispecie Enrico
Morando, afferma che il governo
approver un provvedimento per saldare
tutti i debiti della Pubblica
amministrazione con le imprese, viene da
pensare che le ansie del presidente
dellAnce Paolo Buzzetti siano campate in
aria. Anche se forse non del tutto vero.
Diversamente la giornata di ieri non
sarebbe stata dedicata in gran parte alla
soluzione di un problemino mica da
ridere: gli 11 miliardi di arretrati dovuti al
mondo delledilizia. Fatture vecchie, in
molti casi vecchissime, che a scapito delle
promesse rischierebbero di dover
aspettare ancora. Il fatto che a differenza
delle spese correnti, come per esempio le
bollette elettriche, quelle in conto capitale
impattano sul disavanzo, e quindi sul
debito pubblico, soltanto nel momento in
cui avviene materialmente lesborso. Da
qui i problemi e le resistenze emerse al
Tesoro, quando gi lo schema
dellintervento sembrava definito
secondo il copione noto, con il
coinvolgimento della Cassa depositi e
prestiti in veste di garante nei confronti
delle banche, ma stavolta con un paio di
mosse in pi. Ossia lapplicazione di
sanzioni anche pesanti nei confronti di
Comuni e Regioni inadempienti nelle
certificazioni e nelluso dei fondi messi a
disposizione dello Stato. E lintroduzione
di un meccanismo per evitare il ripetersi
dello scandalo di imprese costrette ad
aspettare anni per incassare il dovuto.
Per risolvere la faccenda degli arretrati in
conto capitale si pensato di tutto,
perfino a declassare il decreto sui
pagamenti alle imprese in disegno di
legge, prevedendo magari una futura
emissione di titoli di Stato espressamente
destinata a coprire gli arretrati delle spese
in conto capitale. Mentre al grido Basta
con i frenatori!, Buzzetti continua a
invocare lallentamento del patto di
Stabilit interno.Dalla sua ha i conti delle
risorse disponibili che per non si
possono spendere causa quel Patto: 4
miliardi 949 milioni. Quasi un miliardo
(990 milioni) riguarda la sola Lombardia,
seguita da Veneto (586 milioni),
Campania (482), Piemonte (468),
Sardegna (313) e Sicilia (302). Stavolta
impietosir qualcuno?
S. Riz.
RIPRODUZIONE RISERVATA DARCO
I ritardi
Pagamento dei debiti
della P.A. ai creditori
90%dello stanziamento
per il 2013
Risorse relative
allanno 2013
Dati in milioni di euro
Enti
debitori
Risorse
disponibili
Pagamenti
effettuati
Stato
3.000 3.008
13.499 12.993
7.849 6.796
Regioni
e Province
autonome
Province
e Comuni
24,4
miliardi
Risorse
nanziarie
rese disponibili
22,8
miliardi
Pagamenti
effettuati
ai creditori al
26 febbraio 2014
Le ipotesi
Pi detrazioni
per le famiglie
Allo studio un
rafforzamento delle
detrazioni per il lavoro
dipendente (redditi fino
a 15 mila euro), per le
famiglie e gli autonomi
Irap, aliquota
media al 26,1
Per lIstat lapplicazione
delle novit normative
comporter una riduzione
dellaliquota media del
prelievo sui redditi delle
imprese dal 28,5 al 26,1%
La garanzia
per i giovani
Sul tavolo del governo il
contratto unico di lavoro e
listituzione dellAgenzia
unica federale per la
Garanzia per i giovani
chiesta dalla Ue
Sussidio
universale
Allo studio la riforma
della cassa integrazione
e degli ammortizzatori
sociali con un sussidio
di disoccupazione
universale
Edilizia
scolastica
Il governo Renzi
dovrebbe varare anche
il piano scuola che
prevede lo sblocco
di 2 miliardi per ledilizia
scolastica
Vendita case
popolari
Il governo emaner le
procedure di
alienazione degli
immobili di propriet
degli istituti autonomi
per le case popolari
Accelerazione
dei pagamenti
Tra le misure allo studio
del governo anche
laccelerazione dei
pagamenti degli arretrati
della Pubblica
amministrazione
ROMA Un taglio del cuneo fiscale
da 10 miliardi (a regime), da applicare a
partire da aprile, con i vantaggi maggiori
sui redditi pi bassi, quelli fino a 15 mila
euro, senza escludere la possibilit di de-
trazioni per le famiglie e i lavoratori auto-
nomi. SullIrap, invece, malgrado il pres-
sing confindustriale, restano pochi spira-
gli. A compensazione dovrebbe esserci
un pacchetto di semplificazioni che con-
sentirebbero di favorire loccupazione,
magari con un bonus fiscale ad hoc. Que-
ste le misure che il Consiglio dei ministri,
convocato per le 16 , dovrebbe approva-
re oggi, come ha assicurato una nota se-
rale di Palazzo Chigi. Sempre che si chia-
riscano tutti i punti controversi. Quali? A
ieri sera, saltata la riunione del premier
con il ministro dellEconomia, Pier Carlo
Padoan, ancora a Bruxelles per lEcofin, il
nodo sembrava essere ancora quello del-
le coperture. Un problema smentito da
fonti di Palazzo Chigi e derubricato a
questioni tecniche: Il governo ha la-
vorato ventre a terra e le coperture ci so-
no tutte, si faceva sapere a tarda sera,
cos riepilogandole: 7 miliardi di euro
pronti per essere spesi dalla spending re-
view (passata voce per voce da Renzi con
il sottosegretario Graziano Delrio, con
rassicurazioni sullassenza di tagli alla sa-
nit); 6,4 recuperati sfruttando il fatto
che lattuale rapporto deficit/Pil pari al
2,6% rispetto al tetto del 3%; 3 miliardi dal
risparmio sugli interessi per il minore
spread; 1,6 miliardi di Iva derivanti dai
nuovi pagamenti della Pubblica ammini-
strazione; 2 miliardi sul rientro dei capi-
tali dalla Svizzera (le relative norme vara-
te dal governo Letta sono state stralciate
ieri dal relativo decreto per essere fatte
confluire in un nuovo disegno di legge).
In tutto 20 miliardi, di cui, si fa sapere, il
governo ne utilizzer per ora la met.
Niente tagli agli aerei caccia F35, n la
stretta sulle pensioni di reversibilit, tan-
tomeno laumento della tassazione delle
rendite finanziarie, secondo un tam tam
diffusosi per tutta la giornata.
Se le risorse sono state recuperate in
sovrabbondanza, probabilmente il pro-
blema tecnico cui si allude potrebbe
essere quello di individuare quelle im-
mediatamente spendibili per dare coper-
tura certa al provvedimento. E rassicura-
re Bruxelles. Ancora ieri Marco Buti, di-
rettore generale per gli Affari economici e
monetari della Commissione europea,
intervistato da Ballar precisava: Biso-
gna ovviamente fare attenzione a non ri-
durre le tasse in maniera permanente
sulla base di entrate che sono una tan-
tum. Si possono usare nel breve termine,
ma chiaro che per finanziare una ridu-
zione permanente del cuneo fiscale c la
necessit di far seguito in termini di ridu-
zione di spesa e non contare solo su en-
trate una tantum.
Prudenza, dunque. Al Quirinale ieri si
dicevano fiduciosi che il governo sar co-
erente con gli impegni europei espressi
dal ministro Padoan nella recente inter-
vista al Il Sole 24 Ore, a cominciare dal ri-
spetto del tetto del 3% del rapporto defi-
ci t/Pi l . Un me-
mento di cui il
neoministro non
dovrebbe avere
bisogno avendo
fino a poco tem-
po fa rivolto egli
stesso le stesse
raccomandazioni allItalia nel ruolo di ca-
poeconomista dellOcse. Eppure se tale
fiducia veniva espressa probabilmente
un problema di rassicurare Bruxelles c,
di qui le voci (smentite, laddove la nota di
Palazzo Chigi parla di misure che ver-
ranno approvate) circa la possibilit che
in Consiglio dei ministri arrivino solo li-
nee guida, in attesa di un placet dellUe.
Dal ventaglio dei 20 miliardi bisogne-
r scegliere quei 7,5 necessari per finan-
ziare il taglio del 2014 che partirebbe ad
aprile. Quanto allintervento, si parla di
uno sconto fisso tra gli 8 e i 15 mila euro
di reddito (riguarderebbe 11,5 milioni di
contribuenti, il 55% dei dipendenti), per
poi avviare un meccanismo di decalage
fino a 55 mila euro. Lo sconto a regime
che Renzi vuole varare arriverebbe al
massimo a mille euro lanno compresi i
220 euro gi disposti dal governo Letta.
Ma le cifre variano se una parte dei bene-
fici vanno anche ai lavoratori autonomi;
in questo caso sono due le strade: un ri-
tocco delle detrazioni ad hoc o un inter-
vento che alzi la franchigia ora prevista
sullIrap.
Antonella Baccaro
RIPRODUZIONE RISERVATA
La parola / 1

Quando si parla di
dichiarazione dei
redditi, le detrazioni sono la
sottrazione dallimposta di
una percentuale di certe
somme spese: in questo modo
si va a ridurre limposta
finale che si paga. Un esempio
comune sono le detrazioni
delle spese mediche o degli
interessi sul mutuo per
lacquisto della casa: il
contribuente pu detrarne il
19%, il risultato finale uno
sconto del 19% sulle imposte
Detrazioni
Lavoro
Contratti flessibili
estesi a due anni
Procedure veloci
ROMA C qualcosa che le im-
prese potrebbero ottenere in cambio
del mancato taglio allIrap, limposta
sulle attivit produttive. Ed un mini
pacchetto che riguarda anche la flessi-
bilit, tema sempre caro alle imprese.
vero che il cuneo fiscale, una volta
messe definitivamente a punto tutte
le coperture, sar alleggerito dalla
parte dei lavoratori mettendo pi sol-
di nelle loro buste paga. Ma tra le mi-
sure in via di perfezionamento in quel
grande cantiere chiamato Jobs Act ce
ne sono due che riprendono richieste
che gli imprenditori non hanno mai
archiviato.
La prima lestensione del contrat-
to acausale, cio senza lobbligo di in-
dicare le motivazioni di carattere tec-
nico, produttivo, organizzativo o di
sostituzione che giustificano la natura
temporanea del rapporto di lavoro.
Oggi questo tipo di contratto pu du-
rare al massimo un anno e la sua dura-
ta verrebbe portata a due. La seconda
misura riguarda invece lapprendista-
to. un contatto con molti vantaggi
fiscali e contributivi per le aziende
che, almeno a parole, viene conside-
rato il principale canale di accesso dei
giovani al mercato del lavoro. Ma che
nei fatti non mai decollato davvero
perch le procedure che lo accompa-
gnano, specie sulla formazione, sono
troppo complesse, onerose e anche
diverse fra loro a seconda della regio-
ne. Un piccolo rompicapo, insomma.
Qui lintervento del governo riguarde-
rebbe la semplificazione radicale di
tutte le procedure. Quello che resta da
decidere, per, come realizzare que-
ste due modifiche. La prima ipotesi in
ordine di preferenza che vadano in
un decreto legge autonomo, visto che
dopo lo stop ai provvedimenti omni-
bus arrivato dal capo dello Stato e dal-
la Corte costituzionale sarebbe diffici-
le agganciarli a temi lontani, come la
scuola o la casa, che pure oggi saranno
materia di decreto. Altra ipotesi
quella di presentarli come emenda-
menti a testi che sono gi in Parla-
mento, anche se i decreti in fase di
conversione sono appena quattro e
anche in questo caso trattano argo-
menti lontani. Resta una terza ipotesi, e
cio lasciare queste due misure allin-
terno del vero e proprio Jobs Act, che
proceder lungo la via normale del di-
segno di legge. Ma il governo vorrebbe
evitarla a tutti i costi perch verrebbe
meno quelleffetto compensativo, non
esplicito ma reale, che il pacchetto fles-
sibilit avrebbe su un taglio del cuneo
tutto dal lato dei lavoratori. Tanto pi
che si dovrebbe trattare di un ddl dele-
ga, con la necessit di una raffica di de-
creti attuativi per costruire tutti i capi-
toli della riforma. Qui, nel ddl delega e
quindi con tempi pi lunghi, dovrebbe
trovare posto il contratto unico di lavo-
ro, quello a tutele crescenti e senza
lapplicazione dellarticolo 18 per i pri-
mi tre anni. Cos come la riforma degli
ammortizzatori
soci al i , con i l
sussidio di di-
soccupazi one
universale, chia-
mato Naspi, che
riguarderebbe
tutti coloro che
perdono il lavoro, compresi i 400 mila
lavoratori a progetto che oggi non han-
no alcuna rete di protezione. E anche
lagenzia unica che servir a dare at-
tuazione alla Youth guarantee, il pro-
getto dellUnione Europea per i giovani
fino a 25 anni, del quale ieri il ministro
del Lavoro Giuliano Poletti ha parlato
con i vertici di Alleanza delle coopera-
tive. Dovrebbe uscire invece dal dise-
gno di legge il reddito di inclusione so-
ciale attiva, il sostegno per le famiglie
povere che avrebbe costi troppo elevati
per essere avviato in un momento co-
me questo, quando tutte le risorse di-
sponibili stanno per essere incanalate
verso il taglio dellIrpef. Tutte le deci-
sioni, per, verranno prese ad oggi.
Prima nella riunione preparatoria fis-
sata al mattino poi nella seduta del
Consiglio dei ministri. In appena venti
giorni di esperienza i tecnici di tutti i
ministeri hanno capito che con Matteo
Renzi a Palazzo Chigi ogni cambio di
direzione, ogni accelerazione improv-
visa sempre possibile.
Lorenzo Salvia
lorenzosalvia
RIPRODUZIONE RISERVATA
La parola / 2

Sar il primo
provvedimento sul
lavoro di Matteo Renzi. Il
nome, titolo inglese del piano
per il lavoro, deriva da una
proposta di legge del
presidente americano Barack
Obama. Nel 2011 il presidente
Usa laveva presentata
in un discorso trasmesso in tv
a reti unificate. Il piano Usa
per, che prevedeva una
riduzione della tassazione
sul lavoro, non mai
diventato legge
Jobs Act
I
L
L
U
S
T
R
A
Z
I
O
N
I
D
I
R
O
B
E
R
T
O
P
I
R
O
L
A
55
mila euro. La soglia di
reddito fino alla quale
scatteranno le detrazioni 42,4
per cento
la disoccupazione
giovanile tra 15 e 24 anni
4
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Primo Piano 5

Il governo Le parti sociali
Fisco
Befera: tempi pi rapidi
per i rimborsi Iva
Sul fronte dei rimborsi Iva, abbiamo chiuso il 2013 con 11,5
miliardi di euro erogati a pi di 65 mila imprese, artigiani e
professionisti, ma contiamo di migliorare ulteriormente le
performance dei nostri uffici abbattendo i tempi e
diversificando controlli e documentazione da presentare in
funzione del livello di rischio: cos il direttore dellAgenzia
delle Entrate, Attilio Befera, alla sesta tappa, svoltasi a Firenze,
del ciclo dincontri organizzato con Confindustria per favorire
il dialogo diretto tra imprese e amministrazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Risparmio
Ecofin rinvia al vertice Ue
laccordo sulla tassazione
I ministri europei delle Finanze hanno rinviato lapprovazione
della direttiva sulla tassazione del risparmio al vertice Ue dei
capi di Stato e di governo della prossima settimana. Per il
ministro del Lussemburgo, Pierre Gramegna, la direttiva che
prevede un nuovo sistema di scambio di informazioni
rappresenta un tale cambiamento che deve essere affrontato
e discusso dal primo ministro. LAustria e il Lussemburgo si
sono detti preoccupati che cinque Paesi terzi, fra cui la
Svizzera, possano non sottoscrivere gli standard richiesti.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Intervista La leader della Cgil: il presidente del Consiglio non mi piace quando disprezza i sindacati ma non dobbiamo mica fidanzarci
Tutto il taglio delle tasse
a lavoratori e pensionati
Niente regali agli evasori
Camusso: meno Irap non vuol dire pi posti
Dopo la lettera del presidente di Confindustria
Aiuti alle aziende, botta e risposta tra il premier e Squinzi
ROMA gelo tra il premier Matteo Renzi e il
leader di Confindustria Giorgio Squinzi che ieri
con una lettera pubblicata dal Corriere della
Sera ha ribadito come la questione chiave (per
il Paese, ndr) sia la riduzione del cuneo pagato
dalle aziende: ridurlo vorrebbe dire venire
incontro a chi produce e genera valore in Italia.
Una sollecitazione cui il presidente del
Consiglio ha risposto con una battuta: Se ne
far una ragione.
Lui se ne far una ragione ha replicato ieri
Squinzi , noi per abbiamo una ragione sola,
che abbiamo in mente precisa, che il bene del
nostro Paese. Per Squinzi il bene dellItalia
la capacit di ritrovare la ripresa e di creare
lavoro, che quello di cui abbiamo veramente
bisogno. Riprendendo i temi segnalati nella
sua lettera, il presidente di Confindustria ha
aggiunto: Non dimentichiamo che in questo
Paese ci sono 3,5 milioni di disoccupati e il 40%
di disoccupazione giovanile. E ancora: Noi
cerchiamo di fare delle proposte che vadano
nella direzione di affrontare questo problema.
A chi gli chiedeva se il governo comincia male
se partir davvero con il taglio dellIrpef e non
con quello dellIrap, Squinzi ha risposto che
noi non sappiamo nulla, giudicheremo e ci
esprimeremo dopo aver visto i provvedimenti.
Una coda della polemica ha lambito anche il
sindacato, con il segretario generale della Uil,
Luigi Angeletti, che ha attaccato Confindustria:
Qui non si tratta di avere in testa un diverso
modello di sviluppo perch ce n solo uno: il
fatto che le imprese esistono solo se riescono a
vendere quello che producono. Squinzi fa finta
di non saperlo. Ora tocca ai lavoratori, serve un
efficace taglio di tasse ai dipendenti e ai
pensionati. E poi: Non voglio essere maligno
e dire che Squinzi rappresenta le imprese che
esportano e quindi che i loro mercati non sono
in Italia... sarebbe una cattiveria... ma la realt
esattamente questa. Pronta la replica di
Squinzi: A Angeletti ricorderei che il sistema di
Confindustria raggruppa 150 mila imprese, che
non sono tutte grandi aziende esportatrici.
unuscita molto infelice da parte di Angeletti.
A. Bac.
RIPRODUZIONE RISERVATA Giorgio Squinzi
bb
Landini
Fare le
primarie
nei sinda-
cati? Noi
siamo di-
versi dalla
politica
ROMA Susanna Camusso, diciamolo in pre-
messa: che cosa non le piace di Renzi?
Diciamolo in premessa: non questione di anti-
patia o simpatia. Il giudizio sul merito.
Certamente non vi siete presi.
Quando leggo di feeling o no tra me e Renzi, non
capisco. Voglio dire: se parla di scuola sono felice, se
disprezza le parti sociali no. Dipende dai contenuti,
non da tendenze caratteriali: non dobbiamo mica fi-
danzarci!. E il segretario della Cgil scoppia a ridere.
Va bene, ma perch, se il premier annuncia un
taglio delle tasse di 10 miliardi lei minaccia la mo-
bilitazione e lo sciopero.
No guardi se il governo taglia le tasse noi festeg-
giamo. Quello che chiediamo che il taglio vada
tutto a beneficio dei lavoratori dipendenti e dei pen-
sionati, con le detrazioni. E non venga annullato
con interventi sulla spesa sociale. Sotto il governo
Letta proclamammo uno sciopero proprio per que-
sto. La mobilitazione per chiedere lavoro, fine del-
la precariet, politiche per i giovani e il Paese.
Perch contraria ad un taglio anche a benefi-
cio delle imprese, cio sullIrap?
Perch pensionati e lavoratori sono coloro che
hanno dovuto ridurre i consumi. Quindi se vuoi far
ripartire la domanda devi cominciare da qui. Inol-
tre, fin dal governo Prodi, dimostrato che tagli in-
discriminati a favore delle imprese non producono
un posto di lavoro in pi.
Il sociologo Luca Ricolfi obietta che la vostra
proposta privilegia i lavoratori gi protetti, a
svantaggio degli autonomi e dei precari.
No, noi proponiamo che per chi ha un reddito
cos basso da non poter beneficiare di detrazioni, si
trovi una forma adatta ad aumentarlo. Penso si deb-
ba stare attenti a non favorire gli evasori che spesso
si nascondono proprio tra i redditi bassi.
Ma meglio dare qualche decina di euro in bu-
sta paga o tassare meno le aziende a beneficio an-
che dei posti di lavoro?
Non abbiamo visto in questi anni una corri-
spondenza tra profitti e lavoro, anzi c stato uno
spostamento progressivo degli investimenti verso
la rendita. E giusto sostenere le imprese che inno-
vano e assumono, ma per questo non serve un ta-
glio generalizzato dellIrap.
Il presidente della Confindustria Squinzi dice:
chiediamolo agli italiani se preferiscono qualche
euro in pi oppure il lavoro.
Girando lItalia per il congresso, incontro perso-
ne che chiedono lavoro per i loro figli e nipoti. A
Squinzi dico che ci non si ottiene finanziando a
pioggia le imprese, che assumono solo quando au-
menta la domanda.
A proposito di chiedere agli italiani anche
Renzi si rivolge ai cittadini, quasi contrapponen-
doli a voi sindacati e alle imprese.
Lo diceva anche Monti, lo fa Grillo. C unidea
sbagliata che cos facendo si riduca lo scarto tra la
politica e il Paese.
Ma forse qualcosa ha sbagliato anche il sinda-
cato, se diventato cos impopolare.
Nonostante sei anni di crisi economica abbiamo
molti nuovi iscritti. Detto questo da molto che ab-
biamo aperto una riflessione sui giovani e i precari
che sono stati trascurati e su una contrattazione pi
inclusiva.
C per anche un problema di immagine: il
sindacato burocratico, fonte di privilegi.
Incontro di continuo gente che mi dice meno
male che cera quel delegato che mi ha risolto questa
vertenza o quel problema. vero poi che c una
parte dellopinione pubblica che ci ha associato alla
politica, ma noi siamo unaltra cosa.
Perch?
Perch stiamo tra la gente, sui luoghi di lavoro,
facciamo contrattazione, guadagniamo molto me-
no, non viviamo di soldi pubblici.
E il miliardo che ogni anno va a patronati e caf?
E i distacchi sindacali nel pubblico?
Si tratta di una campagna che segue la moda. I
caf e i patronati sono non solo dei sindacati, ma an-
che delle associazioni imprenditoriali, dei liberi
professionisti e di altri soggetti. Chi vuole soppri-
merli forse vuole che i cittadini paghino commer-
cialisti e tributaristi, perch caf e patronati erogano
servizi. Se poi uno mi dice che il governo mander la
dichiarazione dei redditi compilata a casa, lo scena-
rio cambierebbe e noi di nuovo applaudiremmo.
Inoltre, i caf sono societ con bilanci autonomi e
certificati, i patronati sono ispezionati dal ministe-
ro. Sui distacchi, rappresentare i lavoratori mi pare
un esercizio di democrazia.
Non crede che anche il vostro modo di selezio-
nare i dirigenti sia da rivedere? Non sarebbero
meglio le primarie della cooptazione?
Sarebbe unoperazione di trasferimento al sin-
dacato delle modalit della politica e gi per questo
non positiva. Non c cooptazione, i dirigenti del
sindacato si selezionano nei luoghi di lavoro.
Le primarie no. Ma forse il sindacato ha qual-
cosa da imparare da Renzi. Un esempio: il pre-
mier ha detto che i sindacati dovrebbero mettere
online tutte le spese e la Fiom, che non aveva mai
pubblicato i bilanci, li ha messi sul sito.
Ha rispettato, in ritardo, le nostre delibere. Se
Renzi ha contribuito, meglio.
Come finir lo scontro con Landini?
E in corso una consultazione democratica nella
Cgil sullaccordo sulla rappresentativit che deter-
miner le nostre decisioni.
Il Consiglio dei ministri dovrebbe approvare
anche una riforma del mercato del lavoro.
Se si tratta di nuove flessibilit contrattuali non
siamo daccordo. Se invece le si vogliono sostituire
con un contratto unico siamo disponibili. Ma ne-
cessario anche riformare gli ammortizzatori sociali,
che devono poggiare su due strumenti: la cassa in-
tegrazione e lindennit di disoccupazione, entram-
be estese ai lavoratori che ne sono privi, la prima fi-
nanziata anche dalle imprese che oggi non versano
questi contributi e la seconda anche dalla fiscalit
generale.
In questo schema accetterebbe il contratto di
inserimento con i primi tre anni non coperti dal-
larticolo 18 sui licenziamenti?
Se un contratto unico, siamo pronti a discuter-
ne.
Enrico Marro
RIPRODUZIONE RISERVATA
bb
I fondi
Non
viviamo
di soldi
pubblici,
caf e
patronati
erogano
servizi
bb
Sgravi
A Squinzi
dico: il la-
voro non si
ottiene fi-
nanziando
a pioggia
le imprese
Segretario Susanna Camusso, segretario generale della Cgil
bb
Bilancio
In questi
anni non
abbiamo
visto una
propor-
zione
tra profit-
ti e lavoro
bb
Lavoro
Non sia-
mo dac-
cordo al-
lipotesi di
nuove
flessibilit
contrat-
tuali
bb
Rendita
C stato
uno spo-
stamento
degli inve-
stimenti
verso la
rendita
6 Primo Piano
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Il governo Le riforme
La nuova legge elettorale prevede
per la Camera la distribuzione
dei seggi su base nazionale.
Il Paese ripartito in circoscrizioni
piccole (no a 120): ciascuna
assegna no a sei seggi
Circoscrizioni
piccole
In ciascun collegio i partiti
presentano liste bloccate
corte, da 3 a 6 candidati.
I seggi sono assegnati
seguendo lordine di lista:
non previsto il voto
di preferenza
Listini
bloccati
Sar possibile per i singoli
candidati presentarsi in
8 collegi diversi. Il governo
delegato a ridisegnare
i collegi entro 45 giorni
Candidature
multiple
Se nessuno raggiunge
la soglia del 37%si va
al ballottaggio tra le
prime due formazioni:
in questo caso il bonus
elettorale sar
pi basso
Secondo
turno
In lista devono esserci
uomini e donne al 50%.
Niente alternanza:
potranno esserci no
a due candidati dello
stesso genere di seguito
Parit
di genere
Sono tre le soglie di sbarramento:
per entrare in Parlamento i partiti
che corrono da soli dovranno
superare l8%, quelli coalizzati
il 4,5%, mentre le coalizioni
dovranno raggiungere il 12%
Sbarramento
Ammessi ai ni del conteggio
dei voti di una coalizione anche
i piccoli partiti che, presentandosi
in meno di un quarto dei collegi,
superino la soglia nazionale
del 4,5%
Partiti
territoriali
La nuova legge
Il premio di maggioranza
assegnato al primo
turno se un partito o una
coalizione supera il 37%:
ottiene cos no a 340 seggi
su 630
Premio
di maggioranza
CORRIERE DELLA SERA
L'Italicumnon detta norme
per il Senato, in vista
delle riforma. In caso di elezioni
si voterebbe con
il Consultellum:
proporzionale
puro con
preferenza
Solo per
la Camera
I sottosegretari in Aula per salvare lItalicum
La legge rischia sotto lattacco dei franchi tiratori democratici, oggi il voto finale
In mattinata Renzi aveva avvisato: chi far mancare il proprio s lo spieghi fuori
ROMA Sulla legge eletto-
rale, lasse Renzi-Berlusconi reg-
ge ma stavolta scricchiola pauro-
samente sul tema delle preferen-
ze che verr riproposto al Senato
dopo il quasi scivolone visto ieri
alla Camera. Il voto finale del-
laula di Montecitorio, comun-
que, slittato a questa mattina
dopo la vana corsa contro il tem-
po per varare il testo in seduta
notturna. E cos ieri pomeriggio
mezzo governo precettato in Au-
la (4 ministri e 11 sottosegretari)
alla fine ha salvato la maggio-
ranza delle riforme siglata al
Nazareno dal Pd e da Forza Italia:
sullabile emendamento di Gre-
gorio Gitti (Popolari), che mira-
va a ripristinare la doppia prefe-
renza sfruttando largomento
caldo della parit di genere, il
premier non ha perso la faccia
per soli 20 voti di scarto. Lemen-
renza sono stati 10-11 deputati.
Ecco, dunque, la presenza deter-
minante in Aula degli 11 sottose-
gretari e dei ministri Boschi, Ma-
dia, Mogherini e Orlando.
La strigliata di Renzi
Di buon mattino il premier
riunisce al Nazareno il gruppo
parlamentare del Pd che ancora
in subbuglio per la bocciatura
delle quote rosa. Il segretario
che usa toni forti, ma poi non
esagera perch il passaggio as-
sai delicato si rivolge alle de-
putate, che sono ancora frastor-
nate dalla sconfitta sulla parit di
genere, ma anche a quei deputati
della sinistra che hanno sfrutta-
to loccasione per dare un avver-
timento al governo. Renzi duro
con i suoi deputati: Se qualcuno
non vuole votare oggi (marted,
ndr) lo deve spiegare bene fuori
da qui...Non posso accettare che
mentre il governo sta preparan-
do 10 miliardi di euro per le fa-
miglie italiane il problema sia il
Pd. Poi il calendario del premier
ha subito una modifica essendo
slittato il voto finale a oggi.
I franchi tiratori
Alla Camera tira una brutta
aria tanto che si arriva al rinvio
notturno con toni asprissimi tra
il Pd e il M5S sul tema del conflit-
to di interessi. Fin dalla tarda
mattinata, tuttavia, un emenda-
mento di La Russa (Fratelli dIta-
lia) sulle preferenze crea lo
scompiglio: viene bocciato per
soli 35 voti. E gi quella votazio-
ne a scrutino segreto finisce con
299 no e 264 s quando i gruppi
del Pd e di FI avrebbero dovuto
esprimere (sulla carta) 360 voti
contrari. il primo campanello
dallarme per lasse Pd-FI che ha
scommesso sulla carta delle tre
riforme: legge elettorale, appun-
to, trasformazione del Senato in
Camera delle regioni e marcia
indietro sul Titolo V (federali-
smo). Il secondo campanello di
allarme suona quando, a voto
palese, viene bocciato lemenda-
mento del lettiano Marco Meloni
(Pd) che mira a introdurre le pri-
marie obbligatorie per legge: dal
tabellone luminoso, a quel pun-
to, si evince con chiarezza che tra
i banchi del Pd si accendono 50-
60 luci verdi (rosso era invece
lindicazione del segretario dau-
la Ettore Rosato) con astensioni
eccellenti dalle parti degli scran-
ni di Gianni Cuperlo e di Barbara
Pollastrini.
Le preferenze
Quando sera, dunque, si
passa a votare lemendamento
Gitti che prevede una doppia
preferenza di genere, con la
possibilit per di votare un
uomo o una donna, un uomo e
una donna ma non due persone
dello stesso sesso. A quel punto
i grillini, che pure 24 ore prima
avevano detto no alle quote ro-
sa, si scatenano e provocano le
dame bianche del Pd: Se non
ora quando, dicono i deputati
del M5S alle deputate dem. Si
schierano per le preferenze an-
che Gennaro Migliore e tutta
Sel, Irene Tinagli di Scelta civica
(dissente invece Andrea Roma-
no), tutti i popolari e la Lega
(almeno nelle dichiarazioni di
Gianluca Pini). I numeri sono
chiaramente in bilico. Intervie-
ne il renziano Matteo Richetti.
Lui evoca la generosit di Ber-
sani che ha portato tante donne
nelle liste del Pd. Rosy Bindi
(Pd), presidente dellAntimafia,
ascolta e mastica amaro prima
di chiedere la parola: Io non mi
nascondo nel segreto. Voter
questo emendamento. Noi sia-
mo qui non per la generosit di
qualcuno ma perch abbiamo
fatto le primarie dove cera la
doppia preferenza di genere. A
ruota parla il capogruppo Ro-
berto Speranza che ci mette la
faccia e dice chiaro e tondo ai
suoi che se passa lemenda-
mento sulle preferenze salta il
patto sulle riforme. Si passa al
voto e il governo se la cava sul
filo di lana.
Stamattina il voto finale
(Francesco Boccia del Pd non
voter il testo) ma la legge elet-
torale che passa al Senato porta
con s, come fa notare Andrea
Giorgis (Pd), molti problemi
aperti: A partire dalle soglie di
sbarramento e di accesso al pre-
mio di maggioranza che an-
dranno riviste. C infine il pro-
blema del salva Lega: C un
accordo per riproporlo al Sena-
to, annuncia Renato Brunetta
(FI). Ma vogliano scherzare?,
replica Lorenzo Guerrini, porta-
voce di Renzi. Ironizza anche Er-
nesto Carbone (Pd): Forse c
un accordo segreto tra Renato e
Brunetta....
Dino Martirano
RIPRODUZIONE RISERVATA
Bocciata la risoluzione
Il no dellEuroparlamento
alla parit di genere in politica
DAL NOSTRO INVIATO
BRUXELLES Il principio della parit di
genere in politica non provoca contrasti solo in
Italia. Anche nellEuroparlamento di
Strasburgo non passata una risoluzione che
in una parte chiedeva di introdurre le quote
rosa negli Stati membri dellUe (come lItalia),
dove la rappresentanza delle donne nelle
Assemblee politiche particolarmente bassa.
Analogo invito era lanciato alle istituzioni
europee perch lUe dovrebbe dare lesempio
chiedendo agli Stati membri di sostenere la
parit proponendo una donna e un uomo come
candidati al posto di commissario europeo. Il
voto ha gelato le aspettative della relatrice
portoghese della Sinistra unita Ines Cristina
Zuber. LAula di Strasburgo si praticamente
spaccata in due con 298 voti contrari, 289 a
favore e 87 astensioni, che hanno portato al
rigetto non solo della parte sul miglioramento
del potere decisionale delle donne, ma
dellintera risoluzione. Lopposizione stata
guidata soprattutto dal Partito popolare
europeo (Ppe), il pi importante a Strasburgo,
cui aderiscono FI, Ncd e Udc. Il resoconto
ufficiale del voto segnala tra i no dalla
vicepresidente dellEuroparlamento Roberta
Angelilli fino alle berlusconiane Iva Zanicchi,
Elisabetta Gardini, Lara Comi e Barbara Matera
mentre Licia Ronzulli si dissociata dalla linea
di partito votando a favore con i socialisti del
Pse, cui aderisce il Pd, con la Sinistra unita e il
grosso degli euroliberali. Decisiva lastensione
di molti verdi, che in genere su questi temi si
schierano con il centrosinistra.
Ivo Caizzi
RIPRODUZIONE RISERVATA
Conflitto di interessi
Scintille Pd-5 Stelle
per la bocciatura
dellemendamento
sul conflitto di interessi
damento 1.101 pubblicato a pa-
gina 101 del fascicolo che evo-
cava non solo nei numeri i 101
franchi tiratori del Pd determi-
nanti un anno fa per bloccare Ro-
mano Prodi sulla via del Quirina-
le ha fatto correre un brivido
lungo le schiene dei dirigenti pd:
solo 297 i no e ben 277 i s. Tra-
dotti i voti in algebra parlamen-
tare dello scrutinio segreto, que-
sto significa che a fare la diffe-
V
A
L
E
R
I
A
M
A
Z
Z
A
P
E
R
C
L
I
N
I
A
N
S
-
w
w
w
.
c
l
i
n
i
a
n
s
.
i
t
Clinians presenta il nuovo Trattamento Idratante
Perfezionatore in grado di coprire le piccole
imperfezioni dellincarnato e donare al viso
un colorito bello ed uniforme in un solo gesto.
LA PERFEZIONE INUNSOLOGESTO.
CCCREAMCOLOR CORRECTION.
NOVIT
2TRATTAMENTI
PER PELLE: PE PPER PERR PE PE PPELLE LLEE LL :::
MEDIOSCURA
MEDIOCHIARA
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
7

8 Primo Piano
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Il governo Le riforme
ROMA Qual e fosse i l
giochino dietro le manovre
sulla riforma elettorale Renzi lo
aveva capito subito. Lo scopo,
secondo il presidente del Con-
siglio, era quello di indeboli-
re la sua immagine allinterno
del partito, ma anche allester-
no, presso gli alleati, con Berlu-
sconi e nellopinione pubblica.
Per questa ragione il premier
ieri mattina non ha perso tem-
po e ha convocato i deputati al
Nazareno, per richiamarli al ri-
spetto degli impegni presi in
Direzione.
Per motivare il perch del
suo blitz mattutino Renzi ha
spiegato ai suoi: Si cercato di
fare unoperazione politica per
dire che io non controllavo il
Pd. Usando il voto segreto qual-
cuno ha tentato di prendersi la
rivincita sulle primarie. E chi
fosse quel qualcuno chiaro. Il
riferimento allarea bersania-
na. Ma purtroppo per loro
stato lironico commento di
Renzi con i fedelissimi non
sono riusciti nel loro intento,
non sono riusciti nella loro
strumentalizzazione, anche se
chiaro che cera chi agiva in
buona fede: tante donne che
hanno fatto una battaglia seria.
Lobiettivo di chi invece era in
mala fede era anche quello di
mettere in difficolt il governo
in un momento importante,
nel momento in cui decide di
dare agli italiani una significa-
tiva quantit di danaro.
Non era arrabbiato solo con i
bersaniani, a dire il vero, il pre-
mier-segretario, ma pure con
Rosy Bindi: Non lho mai vista
appassionarsi cos tanto su al-
tri temi importanti quanto
questo, chiss come mai. La
risposta lha fornita qualche
renziano malizioso: Forse si
sta preparando alla battaglia
per ottenere la candidatura per
lennesima legislatura.
Ma malignit a parte, Renzi
ci teneva a dimostrare di avere
il controllo del partito e ci
riuscito, nonostante i franchi
tiratori siano stati diversi e il Pd
abbia mandato in scena il solito
copione delle divisioni, lacera-
zioni e polemiche a cui il cen-
trosinistra ha ormai abituato i
suoi elettori. Limportante
ha ribadito il presidente del
Consiglio con alcuni compagni
di partito che la riforma
della legge elettorale vada, che
approdi al Senato. Una volta l
potremo anche migliorarla, se
vi sar accordo, ma potremo
farlo da posizioni di forza per-
ch abbiamo dimostrato che
nonostante la dialettica inter-
na, siamo in grado di presen-
tarci compatti agli appunta-
menti importanti. Invece c
chi non capisce ancora che per
prendersi le sue vendette per la
sconfitta delle primarie, inde-
bolendo me indebolisce tutto il
Pd e questo non mi sembra
proprio un bel risultato per chi
sostiene di avere a cuore le sorti
del centrosinistra. Insomma,
il segretario ha controllato il
suo Pd, anche se nei conci-
liaboli che ci sono stati tra i
renziani stato posto in modo
riservato il problema della ge-
stione del gruppo parlamenta-
re, che effettivamente non ha
tenuto come ci si sarebbe
aspettato. Per, tutto somma-
to, il premier preferisce metter-
si alle spalle le polemiche e di-
mostrare di aver segnato un
punto, portando a casa una ri-
forma elettorale dopo anni di
tentativi di cambiare il Porcel-
lum e di averlo fatto in tempi
brevi.
Che Renzi voglia legare il suo
nome alle riforme un fatto
noto. E non solo a quelle eletto-
rali e istituzionali. Ora giunto
il momento di prendere di pet-
Il piano dei tagli
Mossa del premier:
150 auto blu
allasta su eBay
FIRENZE Circa 150 auto blu del governo
messe allasta su eBay, addio ai mezzi di servi-
zio con autista per i 35 sottosegretari e riduzio-
ne della staff di Palazzo Chigi. Ma si annuncia-
no anche tagli sui super dirigenti. la mossa a
sorpresa che il premier Matteo Renzi sta prepa-
rando da giorni e che dovrebbe essere annun-
ciata a breve. Probabilmente gi durante il
Consiglio dei ministri di oggi. LItalicum s
passato alla Camera, ma tra forti polemiche per
le liste bloccate e il no alla parit di genere. Non
proprio un colpo dimmagine per Renzi che,
come da (suo) manuale, allindomani della
battaglia parlamentare ha deciso di ripartire in
contropiede con un provvedimento anti casta,
molto popolare nel Paese, per recuperare terre-
no soprattutto tra i simpatizzanti di Beppe
Grillo. Il tempo del rodaggio dopo larrivo a
Palazzo Chigi ormai scaduto. Cos come i
giorni dello stupore (appena messo piede
nellappartamento riservato ai premier, ad
esempio, Renzi si era meravigliato non
poco della stanza da letto grande quanto
un campo da calcetto). Ora c da passare ai
fatti. Cos il presidente del Consiglio ha
deciso di replicare su scala pi ampia ci
che aveva fatto da sindaco a Palazzo Vec-
chio, dove due anni fa mise allasta tre Alfa
Romeo 159 e una Volvo S 60, cio i mezzi
con autista al servizio della giunta. Non la
presero bene gli assessori, alcuni dei quali
provarono a
segnalare i
problemi prati-
ci per gli spo-
stamenti, salvo
poi capire dalla
reazione del
sindaco che
non era il caso
di insistere.
Adesso bisogner vedere come la prende-
ranno i 35 sottosegretari appena nominati
e che si ritroveranno senza auto blu e auti-
sta, benefit che dovrebbero mantenere solo
i nove viceministri. La battaglia di Renzi-
sindaco contro i privilegi intessuta anche
di curiosit, pi o meno scherzose. Il pri-
mo aneddoto risale al 13 novembre 2009.
Ore 15, ingresso di Palazzo Vecchio: Renzi
con la coda dellocchio intercetta unauto
blu che avanza tra la folla di piazza Signo-
ria. Guarda questo, ma chi ?, chiede.
DallAlfa 159 grigia scende a sorpresa il
vicesindaco Dario Nardella di ritorno da un
incontro istituzionale. Renzi lo incenerisce
con lo sguardo: Da dove sei passato?. Da
piazza Signoria, non vietato, replica
sorpreso laltro. Risultato: Nardella ripreso
pubblicamente e piazza della Signoria vie-
tata alle auto blu, oltre che a quelle dei
cittadini comuni, con tanto di provvedi-
mento di giunta. Il secondo aneddoto del
23 febbraio 2012. Dopo la dismissione
delle auto blu decisa dal sindaco, la Nissan
regala al Comune di Firenze una macchina
elettrica che diventa il mezzo di servizio
dello stesso Renzi. Niente autista, comun-
que. Un taglio che Renzi pagher quando,
guidando la sua auto elettrica in una via del
centro, tamponer unaltra vettura durante
una telefonata con il cellulare.Non si sa
quando ci sar lasta per cedere i 150 mezzi
di servizio che, secondo le stime di Palazzo
Chigi, sarebbero superflui. Dovranno orga-
nizzarla i collaboratori del premier. Co-
munque si sa che sar unasta online, su
eBay. Chiss quanto si racimoler. Lincas-
so, comunque, sar soprattutto politico.
Claudio Bozza
@ClaudioBozza
RIPRODUZIONE RISERVATA
Risparmi
La linea di Palazzo
Chigi: staff ridotto
e via le macchine
ai sottosegretari
to i problemi che interessano
pi da vicino la gente. Do-
mani ha spiegato ieri ai suoi
il presidente del Consiglio
faremo la pi impressionante
operazione politica mai fatta a
sinistra di recupero di potere
dacquisto per chi non ce la fa.
Su questo tema ci giochiamo
tutto, non sulle alchimie inter-
ne al Partito democratico che
interessano solo quattro gatti e
quelli che non hanno ancora
metabolizzato la sconfitta delle
primarie. La sinistra l dove si
combatte la povert.
Eppure dicono che le coper-
ture non ci sono, che il Quiri-
nale vigila con attenzione, che
lEuropa ci ha nel mirino... Ma
Matteo Renzi sicuro di farce-
la. E ai suoi ha detto: Il mini-
stro Padoan una persona bra-
va e seria e questo governo di-
mostrer di essere stato in gra-
do di trovare dieci miliardi in
quindici giorni, quando il pre-
cedente non ci era riuscito. La
gente avr dei soldi in tasca. Il
resto sono chiacchiere che la-
scio ad altri.
Maria Teresa Meli
RIPRODUZIONE RISERVATA
Di corsa
Il ministro
Maria Elena
Boschi, 33
anni, del Pd,
ministro alle
Riforme, ieri
alla Camera
(Eidon)
I democratici Interverremo al Senato. E Berlusconi se ne far una ragione. Ma la minoranza resta divisa
Bersani lancia lattacco: cambieremo il testo
ROMA Non mi piglio la responsabili-
t di dire ai miei figli che ho votato questo
schifo di legge. La deputata Enza Bruno
Bossio non esprime un giudizio sfumato
sulla riforma ideata e voluta dal suo segre-
tario, Matteo Renzi. E non lunica. I fran-
chi tiratori nel Pd crescono ogni giorno,
ogni ora. E nel pomeriggio diventano un
centinaio, numero che ricorda sinistra-
mente i 101 che affossarono Romano Prodi
nel segreto dellurna. Al primo banco di
prova, dunque, non solo scricchiola pesan-
temente il patto di ferro stipulato da Ren-
zi e la doppia maggioranza con Nuovo
centrodestra e Forza Italia. lo stesso Parti-
to democratico a essere scosso dalle fonda-
menta. Con un pericoloso intrecciarsi di
dissensi sui contenuti e di risentimenti po-
litici. Un grumo di ostilit a Renzi, che ri-
manda alla fine brusca del governo Letta e
che sembra ricostituire unopposizione da
tempo silente nel partito.
La giornata comincia con lo strappo del-
lex segretario Pier Luigi Bersani: LItali-
cum andr cambiato al Senato e Berlusconi
se ne dovr fare una ragione. Il messaggio
solo apparentemente indirizzato al Cava-
liere. Il destinatario chiaramente Renzi,
criticato anche per aver ospitato Berlusconi
al Nazareno: Se lo avessi fatto io dice
Bersani sarebbero venute gi le caterat-
te: avrei avuto titoli di giornali furibondi.
Alle nove del mattino, dopo avere ascol-
tato le parole pronunciate da Bersani ad
Agor, Renzi riunisce il partito al Nazareno.
Usa un po il bastone e un po la carota. Lin-
tervento duro. Striglia i suoi, chiede di vo-
tare la legge elettorale alla Camera. Mette
sul tavolo tutto il suo impegno e non solo.
Non lha detto, ma implicitamente
spiega Ermete Realacci ha fatto capire
che era pronto ad andarsene in caso di voto
contrario. Poi, in conclusione, fa una vira-
ta e apre uno spiraglio, convocando una Di-
rezione per il 19 marzo: Ci sar un appro-
fondimento con tutti sulle questioni in di-
scussione sulla legge elettorale al Senato.
Come a dire, qualche modifica possibile.
Roberta Agostini, la pi convinta sostenitri-
ce delle quote, urla dal fondo: S, ma dacci
un impegno vero. Limpegno arriver pi
tardi, con una nota di Lorenzo Guerini, che
sottolinea come riprendere il tema della
parit di genere sar un impegno priorita-
rio del Pd al Senato.
Durante la segreteria c il tempo di uno
scontro con Rosy Bindi. Che prima inter-
rompe il segretario, poi interviene critican-
do il voto sulla parit: Il Pd un partito fe-
rito dai 100 voti mancati. In Transatlantico
promette di non partecipare al voto finale. E
pi tardi interviene apertamente alla Came-
ra votando s allemendamento sulla dop-
pia preferenza.
In segreteria parlano in dissenso anche
Valentina Paris e Maino Marchi, che si di-
mette dalla Commissione Bilancio: Sono a
disagio. Voter la legge elettorale ma da sol-
dato semplice. Gianni Cuperlo parla di
una ferita, alludendo ai franchi tiratori. Il
lettiano Francesco Boccia furibondo:
Questa legge una porcata. Nel Pd c
unipocrisia gigantesca. Sono pochi, in ef-
fetti, a metterci la faccia, come spiega la
prodiana Sandra Zampa, che parla di trap-
pole.
Stefano Fassina, a domanda su cosa far
alla fine, fa una lunga pausa. Lo sguardo
mesto: Voter a favore. Per lui, i franchi
tiratori sulla parit di genere sono renzia-
ni. Altra cosa quelli di ieri. Tra chi la faccia
ce la mette tutta c Marco Meloni, che fu
nella segreteria Bersani: Non solo non vo-
to questa legge. Ma ho gi parlato con alcu-
ni costituzionalisti. Se rimanesse cos an-
che al Senato, sono pronto a lanciare un re-
ferendum per il ripristino delle preferenze.
Alessandro Trocino
RIPRODUZIONE RISERVATA
E il lettiano Meloni pensa gi al referendum
per il ripristino delle preferenze
Lemendamento vietava che
in lista potessero esserci due
candidati dello stesso sesso
Lalternanza di genere
CONTRARI
FAVOREVOLI
CONTRARI 299
FAVOREVOLI 264
L
E

V
O
T
A
Z
I
O
N
I

D
I

I
E
R
I
C
O
R
R
IE
R
E
D
E
L
L
A
S
E
R
A
A Montecitorio
Lultima parte del dibattito sulla legge elettorale stata caratterizzata da votazioni a scrutinio
segreto che hanno fatto emergere la spaccatura nel Pd: in molti hanno votato in maniera
difforme rispetto alle indicazioni del partito
stato respinto
lemendamento di un fronte
trasversale di opposizione
sulleliminazione delle liste
bloccate
Respinto anche
lemendamento di Per lItalia,
sostenuto da opposizione
e due deputati di Pd e Sc,
sulla scelta di due candidati
di sesso diverso
Il ritorno delle preferenze
La doppia preferenza
Le posizioni prima del voto
(Pd+FI+Sc)
(M5S+Ncd+Sel+Lega
+FdI+Cd+Per lItalia)
Il voto dAula e pos
387
223
CONTRARI 297
FAVOREVOLI 277
1
Le posizioni prima del voto
(Pd+FI+Ncd+Sc+Cd)
(Per lItalia+M5S+Sel
+Lega+FdI+1Pd+1Sc)
Il voto dAula e pos
419
191
335
227
Lemendamento prevedeva
la proporzione uomo-donna
al 50%per i capilista
50 e 50 per i capilista
CONTRARI
FAVOREVOLI
Lemendamento prevedeva
la proporzione 40-60%
per i capilista
40 e 60 per i capilista
CONTRARI
FAVOREVOLI
ASTENUTO
344
214
298
253
L
E
V
O
T
A
Z
I
O
N
I
D
I
L
U
N
E
D

Le scadenze
Convocata per il 19 marzo una
Direzione del Pd per affrontare i nodi
della riforma da discutere in Senato
Su Rosy Bindi
I renziani: Forse si sta
preparando
alla candidatura in
una nuova legislatura
Il segretario e il partito spaccato:
ma io ho mantenuto il controllo
Renzi: era unoperazione politica per cercare di danneggiarmi
Il s del Senato
Magistrati
in politica,
via libera
a nuove regole
ROMA Con 239 s, 6 no e 2 astenuti,
il Senato ha approvato il testo che
pianta nuovi paletti in materia di
candidabilit, eleggibilit e
ricollocamento dei magistrati che
intendono fare politica. Secondo il
viceministro della Giustizia Enrico
Costa (Ncd), si raggiunta una sintesi
che ha determinato un ampio
consenso. Con le nuove norme si
esclude, per esempio, che un magistrato
possa candidarsi alle elezioni o
assumere lincarico di assessore in
territori dove ha prestato servizio nei
cinque anni precedenti. Il ddl ora passa
alla Camera dove i deputati non hanno
preparato i tappeti rossi: Le priorit
della giustizia avverte Donatella
Ferranti (Pd), sono ben altre.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Primo Piano 9

La giornata
A sinistra,
Giorgia Meloni
(FdI) legge in
Aula larticolo
49 della
Costituzione,
quello sui
partiti politici
(Benvegn). A
destra (Liverani),
Umberto Bossi
(Lega) saluta
Francesco Paolo
Sisto (FI)
La Nota
di Massimo Franco
Il premier evoca il voto
per piegare il Pd
e blindare la riforma
I
l fatto che Matteo Renzi sia costretto di nuovo a minacciare
elezioni anticipate se la riforma elettorale non passa, con-
ferma implicitamente la profondit dei contrasti allinterno
del Pd. Anche ieri, le votazioni alla Camera hanno mostrato
quanto il partito del premier soffra il cosiddetto Italicum e
lasse con Silvio Berlusconi; e quanto la soluzione approvata ri-
schi di essere sfidata dallinterno della maggioranza nel passaggio
al Senato. Il presidente del Consiglio ha visto nelle resistenze delle
ultime ore un doppio messaggio: il tentativo di frenare la sua stra-
tegia del fare presto, costringendolo a tempi pi lunghi; e la vo-
lont di oscurare i provvedimenti economici che sono il biglietto
da visita con lopinione pubblica.
Per questo, lasse Pd-FI ieri ha cercato di forzare i tempi, smal-
tendo gli emendamenti per arrivare al s entro la notte. E la mi-
noranza del Pd ha invece insistito su una serie di modifiche, arri-
vando a proporne due sulle preferenze. Sono state bocciate per
appena 35 e 20 voti: segno dellostilit (a scrutinio segreto) contro
Renzi, e avvertimento per il Senato. Daltronde, lo stesso ex segre-
tario Pd, Bersani, dichiara che biso-
gna cambiare e che Berlusconi do-
vr farsene una ragione. Il premier,
per, sa che non sarebbe facile fare
ingoiare al Cavaliere altri cambia-
menti.
E vuole blindare la riforma. pro-
babile che ci riesca, anche sfruttando
la leva delle misure che il Consiglio
dei ministri offrir stasera. Sar diffi-
cile per il Pd boicottare una riforma
controversa perch conferma liste di
nominati dai capi-partito; ma
avallata appena poche settimane fa. E
per di pi mentre Palazzo Chigi propone al Paese una ricetta con-
tro la crisi economica: un modo per mettere un po di soldi nelle
tasche degli italiani, dice il premier; e in un paio di anni, un anti-
doto contro disoccupazione e tasse.
Un coniglio dal cilindro, ironizza FI. Ma lobiettivo renziano
di far capire ai dissidenti del Pd che, o passa la riforma elettorale,
o si va alle urne. Si tratta di un aut aut al quale i parlamentari sono
sensibili; e che Renzi pu rafforzare contrapponendo il boicottag-
gio di un Parlamento conservatore alla voglia di cambiamento del
suo governo. Tuttavia, la sua presa sul partito rimane incompiuta.
E il gioco di sponda vistoso con Berlusconi non sembra destinato
ad accrescere la sua popolarit nel gruppo dirigente del Pd, se non
nellelettorato di sinistra.
Per lui, tuttavia, lunica vera incognita sono i riflessi che i prov-
vedimenti economici possono avere sul piano europeo. Il collo-
quio di ieri tra Giorgio Napolitano e lex ministro per lUe, Enzo
Moavero, non va sottovalutato. Moavero luomo che negli ultimi
due anni ha tenuto i contatti tra Palazzo Chigi e lalta burocrazia di
Bruxelles. Limpressione che il capo dello Stato voglia capire be-
ne se le misure economiche in incubazione avranno unadeguata
copertura finanziaria; e se il governo Renzi sar in grado di man-
tenere il rapporto fra deficit e Pil non oltre il tetto del 3 per cen-
to. E se esiste leventualit che lUe reagisca male: anche se negli
ultimi giorni il premier ha mostrato pi prudenza anche verbale.
RIPRODUZIONE RISERVATA
bb
Resta lincognita
della reazione
europea
alle misure
economiche
La giornata Il renziano Lotti punta il dito contro il capogruppo: Questo un problema di Speranza
Imbarazzi, sospetti e rancori
In Aula lo psicodramma dem
Il voto segreto e le tante anime in ordine sparso
ROMA Scherzi?, si era scandaliz-
zata una deputata renziana: Lotti non ti
dir mai niente, perdi tempo. Anzi, se lo
conosco un po, con laria che tira nel
partito, non si far neppure vedere....
E invece, alle cinque del pomeriggio,
mentre in Aula continuano serrati e ner-
vosi i lavori per approvare la nuova legge
elettorale, lItalicum, Luca Lotti irrompe
in Transatlantico per andare a parlare di
qualcosa con Franco Marini (si sente
Marini che, un po brusco ma sorridente,
alza la voce: Ma me lo devi promettere!
Anzi, no: devi giurarmelo che verrai!).
Il Lotti anni 31, da Empoli, un ex
catechista con Matteo Renzi da sempre,
prima alla Provincia di Firenze, poi a Pa-
lazzo Vecchio e adesso potente sottose-
gretario, una figura che Il Fatto ha recen-
temente collocato, si suppone in forma
di omaggio, tra Richelieu e Gianni Letta
sa effettivamente essere riservato ai
limiti del mutismo e per anche veloce,
spregiudicato nel pensare, nel decidere
di commentare.
Cos si volta, sta per rientrare nel-
lemiciclo, ma si ferma.
(Ha modi spicci, empatici, confiden-
ziali; stretta di mano e, senza giri, subito
dentro la questione politica).
S... Purtroppo, temo che qui, alla
Camera, ci sia davvero un problema nel
nostro gruppo.
Troppe anime nere disposte a tradire
gli ordini del partito.
Posso dirlo?.
Cosa?
Beh, insomma: questo un proble-
ma di Speranza, il capogruppo che de-
ve saper gestire certe situazioni.
Con il voto segreto dellaltra sera sulla
parit di genere, magari era pi compli-
cato: il punto che ci sono difficolt an-
che oggi...
Oggi, in verit, mi sembra che la si-
tuazione sia migliorata. Ma oggi, come
sappiamo, dovuto intervenire Matteo,
personalmente....
Adesso il Lotti probabilmente per
imitare Renzi, qui tutti lo chiamano cos,
con licenza dialettale toscana saluta e
va via, perch sul serio, l dentro, in Aula,
prezioso anche il voto dei sottosegreta-
ri (vedremo che sar addirittura decisivo
tra un po, per respingere lemendamen-
to di Gregorio Gitti, che proponeva di in-
trodurre la doppia preferenza con il vin-
colo dellalternanza uomo-donna).
La giornata faticosa. I parlamentari
del Pd hanno preso posto tra i banchi
storditi dai toni usati da Matteo Renzi al
Nazareno (di rimprovero, per restare
nelleufemismo) e da cospicue dosi di
imbarazzo (per i deputati) e di rancore
(per le deputate). Prima Alessandra Mo-
retti si messa la telefono con quelli di
Un Giorno da Pecora, su Radio2, e lha
raccontata piuttosto duramente.
Stralci.
Nel segreto, i vigliacchi fanno il lavo-
ro sporco. No, non credo siano un
centinaio, ma una sessantina s, sono
una sessantina dei nostri che, protetti
dallo scrutino segreto, hanno votato
contro la parit di genere. Sospetti?
Nomi? No, non ne ho. Anche perch mi
sembrava che tutto il partito fosse con-
vinto di votare in modo compatto.
Lidea di Renato Brunetta, il capo-
gruppo di Forza Italia, che gli emenda-
menti siano stati presentati dalla mino-
ranza interna del Pd, per sabotare lac-
cordo tra Renzi e Berlusconi e mettere in
grave difficolt, quindi, proprio Renzi.
Pu essere. Non sarebbe la prima volta
che nel Partito democratico si gioca duro
a tradimento (ricordare, prego, i 101 voti
con cui fu pugnalato politicamente Ro-
mano Prodi, candidato al Quirinale).
Certo sorprende che ancora oggi, anche
adesso, e siamo ormai alle sei del pome-
riggio, la scarsa compattezza del Pd fac-
cia viaggiare ciascuna votazione nella
pi assoluta incertezza.
Per capirci: poco fa lAula ha bocciato
lemendamento al testo dellItalicum che
mirava a introdurre le preferenze. La
maggioranza politica che sostiene il pat-
to Renzi-Berlusconi (patto che non pre-
vede preferenze ma liste bloccate con
collegi plurinominali) ha evitato il tonfo
per soli 35 voti: i s favorevoli alla norma
sulle preferenze sono infatti stati 264
contro 299 no. Francesco Boccia del Pd
(e, si sospetta, altri con lui) ha votato
contro lindicazione del partito.
Spiegazione di Boccia: Io ho votato
Renzi al congresso e sono andato in giro
a dire che avrebbe cambiato lItalia. Ma
tutto questo, purtroppo, non sta acca-
dendo.
Pure Rosy Bindi fa i capricci. Per chi
voto? Non ve lo dico.... Cronisti per-
plessi, ma subito attratti dalle grida che
giungono dallemiciclo (c il solito Ales-
sandro Di Battista del M5s che, per atti-
rare lattenzione adora fotografi e te-
lecamere ha detto che Berlusconi
un delinquente, scatenando le rumoro-
se proteste di Brunetta).
Esce Deborah Bergamini (responsabi-
le comunicazione di Forza Italia, vera
portavoce del Cavaliere). Sugli insulti,
sorvola (con sospiro ironico).
Non sorvola sul resto.
Mi spiace dirlo, ma laccordo su que-
sto Italicum tiene perch noi, come par-
tito, stiamo bene nei ranghi. Il Pd... beh,
s, insomma: il Pd un partito con logi-
che piuttosto particolari.
Passa il leghista Gianluca Buonanno
(quello che ieri venuto vestito da do-
matore di leoni). Campanella... Rien-
trare!... Si vota!... Eh eh eh....
Fabrizio Roncone
RIPRODUZIONE RISERVATA
Lo sfogo
Alessandra Moretti a Radio2
sulla parit di genere:
Nel segreto i vigliacchi
fanno il lavoro sporco
Capricci
Francesco Boccia attacca il
premier: Non sta cambiando
lItalia. E Rosy Bindi:
Per chi voto? Non ve lo dico...
Lintervista La direttrice dellHuffington Post e la lite con il ministro Boschi per un articolo
Il guaio dei renziani? Inesperti del potere
Annunziata: io supporter del premier, ma DAlema
non fece sottosegretari i membri del suo staff
Chi
La carriera
Giornalista,
scrittrice e
conduttrice
tv, Lucia
Annunziata,
63 anni, dirige
dal settembre
del 2012
lHuffington
Post Italia. Sulla
Rai conduce
ogni domenica
la trasmissione
In mezzora.
stata
presidente della
Rai dal 2003
al 2004
ROMA La Boschi non la zarina di tutte le Rus-
sie, una ragazza gentile, perbenissimo e non spoc-
chiosa. Quasi umile....
Scusi Lucia Annunziata, ma lei e il ministro non
vi eravate lasciate con un ci rivedremo in tribuna-
le per colpa dellormai celebre pizzino?
LHuffington Post ha pubblicato un articolo che
raccontava le pressioni della Boschi su Dorina Bian-
chi, bigliettino o non bigliettino, per il voto sulla pari-
t di genere. Lei mi ha chiamato, voleva che togliessi-
mo il pezzo dal sito e io le ho spiegato che non funzio-
na cos.
Cosa le ha detto, direttrice?
Che avremmo pubblicato la smentita. Ma il mini-
stro, sempre molto cortese nei toni, insisteva nel dire
che dovevamo togliere larticolo. Io le ho risposto che
avevamo agito secondo le regole e che non lavremmo
tolto.
E Boschi?
Ha detto che si riserva di denunciarmi. E io ho
chiuso con un bene, sar felice di vederti in tribuna-
le... Questo episodio il primo grande inciampo, ri-
vela che non sanno le regole del gioco nel senso pi
alto. Hanno in mano un potere che non conoscono e
le pressioni della Boschi sono una prova di debolezza.
A Palazzo Chigi c un gruppo dirigente che non ha
preso le misure al potere.
Governano da un mese.
Sono saliti su un treno in corsa senza sapere dove
andare e si sono ritrovati a Palazzo Chigi. Non hanno
esperienza del potere, della stampa, della satira....
Non un bene?
No, pensano che il loro potere sia pi grande di
quanto non . Il loro rapporto col potere sbagliato e
la telefonata del ministro lo conferma. Quel che mi
preoccupa del governo Renzi che sembra che sap-
piano come si fa, ma non lo sanno.
Non sanno governare, intende?
Non lo sanno, perch non sono mai passati dalle
forche caudine del voto. Una campagna elettorale un
fuoco che ti forma, ti insegna a rapportarti con tutti.
Renzi ha vinto le primarie.
Lui le ha fatte, molti dei suoi no. In tre sono pas-
sati da aiutanti del sindaco a sottosegretari, mentre
DAlema quando si port lo staff a Palazzo Chigi lo
chiam staff, non diede ai lothar il titolo di sottose-
gretari.
Rimpiange DAlema?
Questo gruppo dirigente totalmente nuovo ed
la debolezza di fondo che Renzi paga. Ci sono mini-
stri, come la Boschi, che non hanno mai lavorato. Il
problema non let, la competenza, o il fatto che sia
donna, che questo gruppo politico arrivato l senza
essere stato votato. Berlusconi diceva a sinistra non
hanno mai lavorato e nel caso di Renzi vero, il no-
stro premier non ha mai fatto un minuto di lavoro.
Ha fatto il sindaco. Non era renziana, lei?
Io sono una supporter di Renzi della primissima
ora. Lo appoggiavo perch diceva cambio lestablish-
ment, cambio le regole... Poi per ha deciso di anda-
re a Palazzo Chigi senza passare per il voto e ha ricom-
pensato tutti, compreso Civati. Ha tradito la promessa
di cambiamento e la pagher. Sono addolorata. Renzi
si sente un leone rampante, ma ha i piedi dargilla.
Le piaciuta limitazione della Boschi?
La satira tutti dobbiamo subirla. Io ne ho avuta a
pacchi, non ci pu essere un doppio standard. A me
mi fanno sempre brutta, meridionale, con un occhio
storto. A lei la fanno pure bella! Ci sta.
Chi ha vinto sulla parit di genere?
Dividere il cinismo di Renzi dal cinismo del Pd
difficile, si meritano lun laltro. Il segretario, che ha
un ammontare di potere mai visto, non doveva lavar-
sene le mani. Ma dentro cera anche il risentimento
della minoranza. Un disprezzo reciproco di cui sono
entrambi colpevoli. Renzi ha portato allesplosione
nucleare della sinistra.
Monica Guerzoni
RIPRODUZIONE RISERVATA
293
i deputati del
Partito democratico
eletti alla Camera
in questa
XVII Legislatura:
sono 183 uomini
e 110 donne
10 Primo Piano
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Il governo Le riforme
I numeri
Ecco la composizione della possibile maggioranza per le r iforme
CORRIERE DELLA SERA
228
Totali
87
Totali
315
*
Totali
Per lItalia
11
Scelta civica
8
Grandi autonomie e libert
11
Lega
15
Movimento 5 Stelle
41
Ex M5s
13
Sel
7
Pd
*il presidente Pietro Grasso per prassi non vota. Sono esclusi dal conteggio anche i senatori a vita, tranne Mario Monti
107
Autonomie-Psi
10
Forza Italia
60
Ncd
32
Ora lincognita Senato
Ma il vero test
sul patto di governo
La preoccupazione del Quirinale
per il passaggio a Palazzo Madama
ROMA Gli ha scaricato il
cellulare a forza di sms. E c un
motivo se per tutta la mattina e
fino al pomeriggio Renzi ha
martellato di messaggi Alfano
per assicurarsi che il patto sulla
legge elettorale reggesse. A pre-
occuparlo era lemendamento
sulle preferenze, su cui si sa-
rebbero incrociati a scrutinio
segreto i voti di un pezzo del Pd
e di un pezzo di Forza Italia, di
quellarea berlusconiana che
non accetta gli equilibri decisi
dal Cavaliere allinterno del
partito. Perci il Nuovo centro-
destra era indispensabile, solo
cos il premier avrebbe evitato
la trappola a Montecitorio.
Ma ora che lItalicum ha su-
perato il crash test, ora che Al-
fano ha tenuto fede con Renzi
allaccordo sulle riforme, Renzi
terr fede allintesa di governo
con Alfano? La prima contro-
prova si avr oggi sul taglio del
cuneo fiscale che il presidente
del Consiglio vuole indirizzare
solo sulle detrazioni Irpef a fa-
vore di lavoratori dipendenti
con i redditi pi bassi. Un piano
da dieci miliardi su cui ancora
nella serata di ieri si lavorava
per le coperture. Si vedr se la
missione a Bruxelles di Padoan
avr dato i suoi frutti, se davve-
ro lUnione conceder a Renzi
ci che non aveva concesso a
Letta, se il governo potr utiliz-
zare quei decimali che tengono
il rapporto deficit-pil italiano
sotto il 3%, e se potr investire i
soldi risparmiati dal minor co-
sto del debito pubblico.
Il nodo oltre che economico
politico, sta nel rapporto tra
forze che oggi sono alleate ma
che domani saranno avversa-
rie. E il rischio per Alfano di
restar schiacciato da unopera-
zione che alcuni dirigenti Ncd
durante una riunione
hanno definito di stampo lan-
diniano, contro cui si gi
schierata Confindustria. Il mi-
nistro dellInterno sostiene tut-
tavia che il primo atto del go-
verno Renzi ricorda il primo at-
to del governo Berlusconi nel
2002, quando fu proprio Alfa-
no a essere relatore della Finan-
ziaria che ridusse il primo mo-
dulo di tasse per 6 miliardi a fa-
vore delle fasce basse dei con-
tribuenti: Perci, se verranno
dati pi soldi ai lavoratori,
dunque alle famiglie, e migliori
regole agli imprenditori, a noi
non potr che andar bene. E un
pezzo di constituency di Ncd
favorevole al progetto.
tutto da verificare per co-
me si svilupper in futuro il
rapporto di maggioranza, se il
premier riempir ancora di
sms il cellulare del suo diver-
samente alleato quando si
tratter, per esempio, di discu-
tere sulle 700 e passa nomine,
visto che avrebbe gi fatto per-
venire una lista al Tesoro per le
aziende pubbliche pi impor-
tanti. Perch le operazioni di
potere non sono, non possono
essere sganciate dalle questioni
politiche, e quindi anche dagli
accordi sulle riforme.
Il crash test alla Camera sulla
legge elettorale ha evidenziato
che senza il triangolo Renzi-
Berlusconi-Alfano lItalicum
naufragherebbe a Palazzo Ma-
dama. L si capir se le promes-
se fatte dal premier a Ncd sa-
ranno mantenute, se come
ha spiegato in questi giorni il
ministro Boschi le modifi-
che le faremo al Senato. Schi-
fani non si fida e ieri ha manda-
to un avvertimento, rivolto non
solo al premier: Senza modifi-
che, voterei contro la legge ap-
provata a Montecitorio, che
mostra evidenti vizi di costitu-
zionalit. Nella maggioranza,
dopo la Finocchiaro, il fronte
del dissenso tra i senatori pren-
de apertamente forma.
E proprio sul passaggio alla
Camera Alta affiorano le preoc-
cupazioni del capo dello Stato.
Napolitano attende di capire in
che modo saranno risolti i pro-
blemi legati al nodo delle prefe-
renze e delle soglie fissate dalla
legge elettorale, se e come i
preannunciati cambiamenti
consentiranno di non pregiu-
dicare il patto, e soprattutto se
ci saranno gli stessi equilibri di
Montecitorio. Perch ecco la
considerazione pi rilevante
che proviene dal Colle a pa-
lazzo Madama la maggioranza
per le riforme avr margini
numerici risicati rispetto alla
Camera, e sia il Movimento
Cinquestelle, sia larea dei se-
natori che hanno lasciato Gril-
lo, potrebbero avere un peso
nel determinare lesito della
partita sullItalicum.
Come se non bastasse, c da
capire quale sar la sorte della
riforma sul bicameralismo.
Renzi vorrebbe incardinarla al
Senato prima del voto sulla leg-
ge elettorale, cos da blindare il
pacchetto. Ma il testo non an-
cora pronto, anzi il premier ha
spiegato ieri ai parlamentari
del Pd che gli serviranno an-
cora un paio di settimane per
consultare le altre forze politi-
che. E magari per accettare le
norme gi stilate a suo tempo
dal comitato dei saggi sotto la
regia del Colle. Come racconta-
va giorni addietro il capogrup-
po leghista Giorgetti, che era
appena salito al Quirinale, Na-
politano uno solido, per for-
tuna. E su certe cose non ha
smesso di fare il ministro...
Francesco Verderami
RIPRODUZIONE RISERVATA
Gli alfaniani
Ncd ha rispettato
laccordo. Sui
provvedimenti economici
la partita chiave
La rabbia del leader greco: basta tensioni
Camilleri e Flores DArcais
lasciano il comitato di Tsipras
ROMA Censure, retromarce, candidature ritirate e, per ultime,
anche le estromissioni-dimissioni dal comitato dei garanti di
due big come Andrea Camilleri e Paolo Flores DArcais. La Lista
Tsipras per lEuropa di nuovo nella bufera. Dopo il ritiro della
candidatura dellimprenditrice anti-racket Valeria Grasso, la lista-
contenitore della sinistra per le Europee perde i suoi pezzi da
novanta Camilleri e Flores DArcais. Si tratta di perdite che, visto
il calibro dei personaggi, non passano in sordina. Tanto che lo
stesso Alexis Tsipras a rispondere ai due intellettuali, invitandoli a
proseguire nellappoggio alla lista per le Europee. Ma il leader
greco aggiunge anche un richiamo che suona come una critica:
Sostengo tutti i garanti che aiutino il nostro successo senza
alimentare continue tensioni. Le defezioni di Camilleri e Flores
DArcais sono strettamente legate alle tensioni per la scelta dei
candidati alle Europee, a partire da unaltra mancata candidatura,
quella di Antonia Battaglia, lattivista tarantina anti-Ilva
ritrovatasi in lista con due esponenti di Sel, partito contro cui
aveva aperto una durissima polemica per la politica attendista
sullacciaieria pugliese. E Camilleri non ha visto di buon occhio
nemmeno la candidatura dellex leader no global Luca Casarini.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il percorso
La legge alla prova
di Palazzo Madama
LItalicum atteso al
passaggio del Senato
dove, rispetto alla
Camera, i numeri della
maggioranza sono pi
stretti. Il governo Renzi ha
ottenuto la prima fiducia
con 169 s e 139 no
I nodi del testo
e le ipotesi di modifica
Titolo V e Senato
Il via alla riforma
Alcuni punti della legge
elettorale che hanno
diviso trasversalmente i
gruppi alla Camera si
proporranno di nuovo in
Senato: in particolare la
parit di genere e le liste
bloccate
Insieme al passaggio a
Palazzo Madama
dellItalicum parte il
percorso delle riforme
costituzionali. atteso il
documento del governo
sulla riforma del Senato
e del Titolo V
TANK MC
MOV I ME NT O MA N I F AT T U R A 1 9 0 4 MC
DALLACREAZIONEDEL PRIMOOROLOGIOTANKNEL 1917, LACOLLEZIONETANKHACONTINUATOARINNOVARSI
E SPERIMENTARE NUOVE SOLUZIONI. LESTETICA INCREDIBILMENTE RAFFINATA DEL NUOVO TANK MC
DOTATA DEL MOVIMENTO MANIFATTURA CARTIER 1904 MC. FONDATA NEL 1847, LA MAISON CARTIER CREA
OROLOGI DECCEZIONE CHE COMBINANO AUDACIA ESTETICA E SAVOIR-FAIRE OROLOGIERO. c
a
r
t
i
e
r
.
i
t
-
0
2
3
0
2
6
7
4
8
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Primo Piano 11

I partiti Le strategie
Berlusconi pensa al 10 aprile:
cos mi vogliono umiliare
I timori per la decisione del tribunale sui servizi sociali

di MARCO CREMONESI
La partita sul filo
della Lega
condannata
ad allearsi

nei fatti. La Lega, quando


arriveranno le elezioni
politiche, sar alleata con
Forza Italia. E con il Nuovo
centrodestra, con i Fratelli
dItalia, con la Destra ecc...
Insomma, con la coalizione di
vecchio conio, fatte salve le
fantasie che vagheggiano di
rapporti con il Movimento 5
Stelle. Non solo. Alberto da
Giussano con lo spadone
sguainato, sulla scheda
elettorale, non ci sar. O, al
massimo, sar ridotto a una
pulce sul simbolo di
coalizione: il circoletto quasi
invisibile con il brand di
partito nel pi ampio simbolo
del centrodestra. Non si
tratta di unipotesi. La nuova
legge elettorale non prevede
la cosiddetta clausola salva
Lega (nome dal Carroccio
sempre respinto con sdegno)
che avrebbe dovuto tutelare
le forze politiche a forte
concentrazione territoriale. E
cos, se vuole entrare in
Parlamento, la Lega dovr
raggiungere il 4,5%
allinterno di una coalizione,
oppure il siderale 8% qualora
decida di correre da sola, al di
fuori da ogni alleanza. Alle
elezioni del febbraio 2013, i
risultati padani furono il
4,09% alla Camera e il 4,34%
al Senato. Come dire: in
unalleanza, la Lega se la pu
giocare. In competizione
solitaria, il Carroccio con
ogni probabilit uscirebbe
dal Parlamento per la prima
volta dal 1987. E dunque,
quello di cui si parla la
soluzione 2001.
Quellanno, il centrodestra si
present e vinse le
elezioni sotto alle insegne
della Casa delle libert-
Berlusconi presidente.
Difficile che nelle elezioni
future il logo sia lo stesso che
inneggia a Berlusconi.
Probabile, anzi certo, che la
Lega correr comunque sotto
i colori della coalizione e non
i propri. Tra laltro, il nuovo
sistema resta bipolare e non
bipartitico spiega un
padano di vaglia : a parit
di voti, i partiti in coalizione
conquistano pi seggi di
quelli che si
aggiudicherebbero da soli.
Ma ieri, non era tanto
dellItalicum che parlavano i
leghisti. Ieri era il decennale
della data che ha cambiato
per sempre la storia del
movimento: quella del malore
di Umberto Bossi. Dello
schioppone, come lo
chiama lui. E sulla Padania,
il quotidiano del partito, non
apparsa una riga per
ricordarlo. Le divisioni
ancora non sono superate.
Inevitabili le recriminazioni
sui social network.
RIPRODUZIONE RISERVATA
ROMA In certi momenti
sembra aver deciso tutto: Mi
candido alle Europee, far una
battaglia di libert, ricorrer in
tutte le sedi, tutti dovranno sa-
pere quale ingiustizia sto su-
bendo. In altri, sembra meno
convinto: Vedremo, bisogne-
r pensarci bene, dipender
dalle circostanze, ci sono pro e
contro.... A tratti vorrebbe
forzare la mano: Renzi? be-
ne che il patto sulle riforme
regga, per noi una vittoria
importante, siamo cruciali per
fare andare avanti la legislatu-
ra. Ma adesso si riprende a fare
opposizione come sappiamo,
perch il premier sar messo in
difficolt dal suo stesso partito
e noi possiamo approfittarne.
Poi, cambia i toni: Dobbiamo
collaborare sulle riforme, esse-
re affidabili, senza strappi....
Che Silvio Berlusconi sia
stato sempre aperto a pi solu-
zioni, che ci tenga a mantenere
percorribili tutte le strade fino
allultimo non una novit.
Ma, negli ultimi tempi, chi gli
parla interpreta le sue posizio-
ni interlocutorie, i suoi accen-
ni, le sue indecisioni con un
sostanziale disinteresse a quel-
lo che accade sulla scena politi-
ca. Perch, assicurano, i suoi
pensieri vanno in tuttaltra di-
rezione e sono concentrati
esclusivamente su una cosa: la
pena che dovr scontare dal 10
aprile.
A lui interessa solo quella
scadenza, non pensa ad altro,
non parla di altro, realmente.
angosciato, prostrato, ha un
pensiero fisso e nulla sembra
distoglierlo, dicono i fedelis-
simi. pi che paura quella
che attanaglia Berlusconi, per-
ch non solo leventualit
considerata dai pi la meno
probabile di una decisione
del Tribunale di sorveglianza
di Milano per gli arresti domi-
ciliari a tormentarlo, ma anche
il pi probabile percorso del-
laffidamento ai servizi sociali.
Ma vi rendete conto si sfo-
ga a quale umiliazione ven-
go sottoposto? Bene che vada
sar costretto a due colloqui
settimanali con gli assistenti
sociali, dico gli assistenti so-
ciali... un incubo, una follia.
Come possono fare questo a
me, a un uomo che ha dato e
dimostrato tantissimo in tutti i
campi, nellimpresa, nel calcio,
nella politica al livello massi-
mo mondiale?.
Non si capacita Berlusconi
che la pena tanto temuta, il
timbro dellignominia insom-
ma, possa davvero calare sulla
sua testa, e raccontano che la
sua ira contro il presidente Na-
politano che avrebbe potuto
fare molto per lui non sia af-
fatto scemata, come la rabbia
contro i giudici. Per questo im-
maginare che nei prossimi
giorni dal Cavaliere possano
arrivare decisioni importanti
che riguardino la sua candi-
datura, latteggiamento da
tenere con il governo, la
struttura di partito,
molto difficile.
E per, almeno per ge-
stire i prossimi passaggi
possibile che qualche
nomina nel partito a bre-
ve la faccia. Oggi torner a
Roma da Arcore e vedr
Verdini, il trionfatore della
partita sulla legge elettorale,
e non escluso che si arrivi in
settimana al varo dello stra-
annunciato ufficio di Presiden-
za e di un comitato che lo pre-
sieda. Daltra parte, che serva
mettere ordine una volta per
tutte nel partito sembra evi-
dente. Il disagio ormai oltre il
livello di guardia tra liti interne
(ieri duri scontri a distanza tra
le sostenitrici delle quote rosa
come Carfagna, e Brunetta, a
capo della struttura che edita il
bollettino quotidiano del par-
tito Il Mattinale), sospetti, ac-
cuse come quella di Sandro
Bondi che resta fuori dalla sce-
na politica perch non posso
riconoscermi in un partito
sempre pi rappresentato dalla
Santanch. O magari come
pensa maliziosamente qualcu-
no di fatto ancora nelle ma-
ni di Verdini, del quale la pito-
nessa tornata a fare il brac-
cio destro.
Paola Di Caro
RIPRODUZIONE RISERVATA
Baciamano bipartisan
Il ministro ai Trasporti e alle Infrastrutture, Maurizio
Lupi (Nuovo centrodestra), 54 anni, bacia la mano
allex compagna di partito Deborah
Bergamini (Forza Italia), 46 anni, durante
il voto a Montecitorio sulla nuova
legge elettorale per la Ca-
mera
Letture
La deputata
di FI Mara
Carfagna, 38
anni, in Aula
mentre legge
linserto a
fumetti contro
la violenza
sulle donne
dellassocia-
zione Donna
Ceteris,
pubblicato da
LUnione sarda
l8 marzo
(Olympia)
Pensiero fisso
Raccontano i fedelissimi:
A lui interessa solo
quella scadenza,
angosciato e prostrato
C
o
s


l
e

q
u
o
t
e

n
e
i

p
a
r
t
i
t
i
Pd
Nello statuto, articolo 1,
scritto che il partito
favorisce la parit fra i
generi nelle candidature
per le assemblee elettive.
Le primarie per i candidati
al Parlamento prevedevano
la doppia preferenza di
genere. In Senato le donne
sono 44 su 108, alla
Camera 110 su 293
Cinque Stelle
Il Non statuto non parla
espressamente di parit e
la doppia preferenza non
era nel regolamento delle
Parlamentarie. Ma 17
capilista su 31 erano donne.
E alla fine il Movimento ha
eletto 25 senatrici per 54
seggi e alla Camera 37
deputate su 109 (dati
precedenti alle espulsioni)
Forza Italia
Sugli emendamenti per la
parit di genere anche
Forza Italia si divisa. Un
folto gruppo di esponenti
azzurre ha condotto una
battaglia pubblica. Con il
30% di deputate, il partito
terzo per la quota di
donne alla Camera: 20 su
47. Ma nello statuto niente
quote
Ncd
Le deputate di Ncd hanno
partecipato alla battaglia
per la parit, ma il partito
ha lasciato libert di
coscienza. Lo statuto non
prevede meccanismi per le
quote di genere, ma la sigla
non ha ancora presentato
liste alle elezioni. Alla
Camera le donne sono 6 su
29, al Senato 3 su 32
Lega
Quello del Carroccio il
gruppo che, alla Camera,
conta la minore presenza
femminile: i venti deputati
sono tutti uomini. In Senato
sono le donne sono 5 su 15.
Il partito non adotta quote
per il Parlamento, ma ha
chiesto che oggi a Palazzo
Madama si discuta di parit
di genere per le Europee
Il Movimento Lex delfino Favia lavora a un Movimento senza Grillo. Intanto il leader incorona Di Battista: sei il mio erede
Nei 5 Stelle un processo al giorno: sfiduciata Fucksia
Dopo Pepe, nel mirino la senatrice
Laccusa: difende i dissidenti
MILANO Due, forse tre. La guer-
ra territoriale che mira a sfiduciare i
parlamentari del Movimento sembra
non conoscere confini. Dopo il caso di
Bartolomeo Pepe, ieri finita nel mi-
rino degli attivisti (di Fabriano) anche
la senatrice Serenella Fucksia. Ma tra i
bersagli dei militanti rischia di finire
anche Roberto Fico.
La senatrice stata criticata per
aver difeso Pepe (in una videointervi-
sta al Fatto Quotidiano) e per essersi
schierata contro tutte le espulsioni
in generale perch io sono inclusi-
va per forma mentis. Risultato: Da
questo momento noi riteniamo che la
Fucksia non possa pi essere consi-
derata una portavoce,annuncia il
meet-up marchigiano. Per Pepe, inve-
ce, la situazione da un punto di vi-
sta locale si complica: un gruppo di
150 militanti si schiarato a difesa del
senatore su Facebook. Lui, Pepe, ha
promesso: Non mi consegner senza
lottare. Ed partito al contrattacco,
accusando il presidente della Com-
missione di vigilanza Rai: Lavver-
sione di Roberto Fico nei miei con-
fronti nota da tempo poich sulle
sue qualit politiche sono stato sem-
pre esplicitamente e lealmente scetti-
co.
In Parlamento si cerca di evitare ul-
teriori strappi. Gioved, come tutte le
settimane, ci sar assemblea del
gruppo: spero sar loccasione per
qualche chiarimento, precisa il ca-
pogruppo Maurizio Santangelo. I fe-
delissimi sembrano compatti: nessu-
na espulsione in vista. Basta gioco al
massacro, commentano. Per Fuck-
sia, probabilmente, ci sar una repri-
menda amichevole. Anche per Pepe
lorizzonte pare sereno: Per chiedere
unespulsione si puntualizza c
un preciso iter: qualche senatore se ne
deve fare carico e lassemblea la deve
votare. Il senatore campano ha perso
la sua corsa per la costituenda com-
missione bicamerale sul ciclo dei ri-
fiuti e le ecomafie: Prima cera una
compagine numericamente diversa
che lo sosteneva: cambiata questa
(con le espulsioni, ndr) sono cambiati
anche i numeri. Come volevasi di-
mostrare..., commenta linteressato.
Che difende la collega sfiduciata: A
Serenella Fucksia va tutta la mia sti-
ma.
Alla Camera tutto pronto per il
Non ci fermate tour. Coinvolti i 26
deputati sospesi per i disordini di
gennaio a Montecitorio, che a partire
da luned gireranno la penisola su due
camper. Tra loro anche volti ormai
noti del Movimento come Alessandro
Di Battista che domenica Grillo a
Siena ha scherzosamente designato
suo erede , Alessio Villarosa e
Loredana Lupo. Quattro settimane in
giro per lItalia, in tutte le Regioni. Sul
fronte ex-dissidenti, invece, da regi-
strare lincontro romano tra France-
sco Campanella e Giovanni Favia.
Vorremmo costruire un Movimento
degrillizzato, fuori e dentro il Parla-
mento, ha commentato il primo.
Orizzonti aperti. Con vista ipotiz-
zano alcuni sulle Amministrative.
Emanuele Buzzi
RIPRODUZIONE RISERVATA
Tensione
Il capogruppo Santangelo:
Gioved chiarimento in
assemblea. Ma gli ortodossi
assicurano: basta espulsioni
La parit di genere
nello statuto
Tante donne capilista
ma senza lobbligo
La battaglia perduta
delle deputate azzurre
Nessun meccanismo
ma non ha ancora corso
Il gruppo alla Camera
composto solo da uomini
Guarda il video con una chiamata gratuita al +39 029 475 48 50
Caso Ligresti
Cancellieri,
i pm chiedono
larchiviazione
La Procura di Roma ha chiesto
larchiviazione dellinchiesta
sullex ministro della Giustizia
Annamaria Cancellieri per la
presunte false dichiarazioni rese
nel l ambi to del l i nchi esta
torinese sul Gruppo Ligresti. Svolti
tutti gli accertamenti, tra i quali
linterrogatorio dellex Guardasigilli
assistita dallavocato di fiducia, i
pm si sono convinti dellassenza di
reati. Ora lultima parola spetta al
giudice dellindagine preliminare.
RIPRODUZIONE RISERVATA
12
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Esteri
La crisi I deputati proclamano lindipendenza, che ora dovr essere ratificata dal referendum di domenica
La Crimea vota la secessione da Kiev
Mosca: Legittimo, come in Kosovo
Ricompare lex leader Yanukovich: Sono ancora presidente
Aksionov in tv
Il premier
filorusso:
Autodifesa
unica scelta
DAL NOSTRO INVIATO
SINFEROPOLI
Presidente Aksionov, ma
sei sicuro che si possa fare
un referendum in queste
condizioni? Coi soldati
russi nelle strade, nessuno
al mondo che lo
riconoscer?... Certo che
si pu. Il 70% dei nostri
cittadini daccordo. Il
nostro Parlamento lha
votato. E poi in Crimea non
c un clima di paura, come
dicono i media. La Crimea
in pace. Non ci sono
criminali per le strade: lo
sapete che la delinquenza
scesa di due terzi, da
quando lAutodifesa
popolare ha il controllo?.
Tre, due, uno, in onda:
allora migliore dascolto, e
per tre ore, il golpe di
Crimea va sul Primo canale
ucraino e via web.
Schuster Live,
popolarissimo talk-show.
Dallo studio, le domande
divise fifty-fifty tra chi vive
in Ucraina e chi qui. Via
skype, il premier di
Sinferopoli e soprattutto di
Mosca: Sergei Aksionov, 41
anni, figlio del leader dei
russi di Moldavia, futuro
capo della prima
Repubblica indipendente
di Crimea. Gli chiedono:
ma che referendum , se si
sta decidendo per
lindipendenza? Risponde:
La domanda va fatta al
nostro Parlamento.... Ma
non dicevate che lUcraina
doveva restare unita? Noi
abbiamo sempre cercato il
dialogo con Kiev. Negli
ultimi tempi, i nostri diritti
non esistevano pi.
Euromaidan ci ha ignorato.
Quando le manifestazioni
tatare ci hanno assediato, a
febbraio, chi venuto ad
aiutarci? Non avevamo
altra scelta che lautodifesa.
E chiedere al popolo se
voleva andare con unaltra
nazione.... Il dibattito non
saccende, qualche
intervento un po
telecomandato. Dalla
platea, lex presidente
ucraino Kravchuk: lo sai
che tutto questo illegale?
Quel che vota il popolo,
legittimo. Un deputato di
Kiev: sei pronto a prenderti
le responsabilit di questo
caos? S, certo. E perch
chiudete le frontiere a chi
viene da Kiev? Tutti qui
sono i benvenuti. Tranne i
fascisti che non hanno
fatto nulla per noi e ora
non possono pi parlare in
nome nostro.... Aksionov
si sente gi vincitore. E
sincorona gi: Ho da
comunicare una cosa: sar
il capo delle forze armate di
Crimea.
F. Bat.
RIPRODUZIONE RISERVATA
DAL NOSTRO INVIATO
SINFEROPOLI E per co-
minciare, via il Tridente. Basta
col Tryzub. Una squadra doperai
arriva al Parlamento di Crimea e
sotto i porticati si rivolge ai co-
sacchi, messi l di guardia da Pu-
tin. Dov il simbolo? Arriva lata-
mano. Sfila il guanto. E come un
monumento alla vittoria indica
proprio sopra il portone din-
gresso, dove passano i deputati.
Le tre punte del Tryzub sono
scolpite nel cemento, triplo dente
che fa da citazione dellodiata
Ucraina: c una petizione popo-
lare per levarlo, questa ormai
Russia. Nei prossimi giorni, si
pu iniziare a scalpellare: anche
se nessuno se ne accorge e fuori
non c anima ad aspettare lan-
nuncio, proprio in questo istante
sta scoccando dentro la Rada
lennesima ora della storia. Si vo-
ta lindipendenza: settantotto vo-
ti su ottantuno, i tre no sono dei
tatari, la Camera approva. Mai
pi schiavi di Kiev. Via il Triden-
te, via il dolore. Poche righe di
mozione che muovono le cancel-
lerie del mondo: La Repubblica
di Crimea stabiliscono i depu-
tati sar uno Stato democrati-
co, laico e multinazionale, che
simpegner a mantenere la pa-
ce. E il referendum di domeni-
ca? Si far. Ma siccome si sa gi
come, la Crimea si rivolger alla
Federazione russa per esservi
ammessa sulla base dun accordo
intergovernativo adeguato, nel
ruolo di nuovo soggetto della Fe-
derazione.
Do you remember Kosovo? Il
modello quello. La mossa del
cavallo il voto del Parlamento,
ma Putin va allo scacco facendo
citare dalla Rada quel precedente:
la proclamazione dellindipen-
denza kosovara, 2008, che peral-
tro la Russia non ha mai ricono-
sciuto proprio per paura che lau-
todeterminazione albanese sca-
tenasse rivendicazioni nelle
repubbliche ex sovietiche. Ci so-
no 13mila morti e dieci anni di
protettorato Onu, a far la diffe-
renza tra Pristina e la Crimea, e il
Kosovo oggi uno Stato che non
sannette a nulla. Non importa,
russi, se vero che nei sondaggi i
due terzi sono con Putin e gli re-
galano una popolarit mai vista
negli ultimi due anni. Questa
unannessione belle buona,
riassume Angela Merkel: contro
ogni regola di diritto internazio-
nale del dopoguerra. Oggi la can-
celliera vedr i polacchi, che as-
sieme ai baltici sono fra i pi de-
cisi nel volere una reazione forte
Ue. Il premier ucraino Yatseniuk
va alla Casa Bianca: probabile
che gi dalla prossima settimana
partano le sanzioni contro la Rus-
sia. Comporteranno dolorose
conseguenze, promette il pre-
mier britannico David Cameron,
nonostante a fine mese stiano per
partire i primi accordi sul gasdot-
to South Stream e tra qualche an-
no mezzEuropa, Italia per prima,
dipender dal gas russo. Non
vogliamo uno scontro spiega
Frank-Walter Steinmeier, mini-
stro degli Esteri tedesco , ma il
comportamento del Cremlino
una provocazione continua. Da
ieri mattina non si vola sulla
Crimea, a parte le linee da/per
Mosca. Al confine nord, si mina-
no i campi, si scavano trincee e si
piazzano batterie antimissile.
Guai a chi curiosa: due inviati di
Sky, Jacopo Arbarello e Fabrizio
Stoppelli, si son visti sequestrare
lattrezzatura, lautista malmena-
to e la troupe espulsa per qualche
ora. Tre giornaliste ucraine sono
ostaggio delle milizie di Russia
unita, a Sebastopoli, e si negozia
per farle rilasciare. Il caos in
Crimea tutta colpa di chi ha fat-
to il golpe a Kiev, ricompare
Yanukovich, il deposto presiden-
te. Lo davano per morto, invece
sono vivo. Ma lo pensa solo lui.
Francesco Battistini
RIPRODUZIONE RISERVATA
Tricolore Un uomo accanto a un poster con la Crimea nei colori della bandiera russa a Sebastopoli (Afp)
78
I voti dei deputati a favore
dellindipendenza, 3 i no
Il precedente
La guerra del 1999
contro Milosevic
Il Parlamento della
Crimea ha annunciato ieri
la sua indipendenza,
citando come precedente
il Kosovo. La regione, a
maggioranza albanese,
stata al centro dellultima
guerra balcanica nel
1999, quando la Nato
intervenuta contro la
Serbia di Milosevic
a tutela degli albanesi
Lindipendenza
e il giudizio dellOnu
Dopo la guerra, pur
formalmente nei confini
dellex Jugoslavia, il
Kosovo governato
dallOnu era di fatto
semi-indipendente. Il 17
febbraio 2008 lannuncio
dellindipendenza, mai
riconosciuta da Belgrado.
Nel 2010 la Corte Onu ha
dato ragione a Pristina.
riconosciuto da 106 Paesi
Strategie Gli aerei radar al confine ucraino, le esercitazioni in Polonia e Lituania. Tutto il lungo fronte dellEst diventa caldo
La Nato si ritrova in prima linea. E si prepara
I Paesi ex comunisti temono Putin
LAlleanza deve creare uno scudo
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
BRUXELLES Dodici caccia F-16
americani e 300 militari sono appe-
na arrivati in Polonia per una eser-
citazione raddoppiata rispetto alle
previsioni iniziali. Sei F-15, accom-
pagnati da due aerei cisterna K-135,
sono atterrati in Lituania. E sempre
in Lituania sono attesi di ora in ora
sei F- 15C Aquile della Royal Air
Force britannica, con due aerei-ci-
sterna. Mentre un numero impreci-
sato di apparecchi Awacs, gli spio-
ni sormontati da grandi cupole-ra-
dar e foreste di antenne, sta gi pat-
tugliando i cieli di Romania e
Polonia. Sono tutte forze della Nato,
lAlleanza Atlantica composta da 28
Paesi dellOccidente. E ruotano, co-
me frammenti volanti di ferro, in-
torno a ununica calamita: la Russia.
Sembra un film, ma realt: il
pi grande dispiegamento di forze
che la stessa Nato abbia mai operato
in Europa, nella sua storia recente. I
vari Paesi coinvolti e membri ap-
punto dellAlleanza Atlantica, dalla
Polonia alla Lituania, hanno chiesto
la sua azione protettiva perch si
sentono minacciati da una forza
esterna: Mosca, dopo il suo inter-
vento in Crimea e le pressioni opera-
te sullUcraina. Varsavia ha invocato
larticolo 4 del Trattato di Washin-
gton, che afferma: Le parti si con-
sulteranno ogni volta che linte-
grit territoriale, lindipendenza po-
litica, o la sicurezza di chiunque fra
esse sia minacciata. Condannando
poi la Russia, il segretario generale
Anders Fogh Rasmussen ha ammo-
nito: la situazione in Ucraina ha se-
rie implicazioni per la sicurezza e
stabilit dellarea euro-atlantica. In
due parole, qui c qualcosa di pi di
una disputa regionale: la stessa na-
tura, il ruolo della Nato, che forse
per la prima volta vengono messe
apertamente in gioco, e proprio nel-
la parte dEuropa pi carica di dolo-
rose memorie. Un esempio? Laltro
ieri un articolo del Wall Street Jour-
nal sosteneva che dopo lazione di
Putin lAlleanza dovrebbe piazzare
forze atomiche alle frontiere dei Pa-
esi di prima linea nellEst. unipo-
tesi, rilevano ora fonti ben informa-
te del quartier generale a Bruxelles,
che nessuno ha mai discusso, n
mai pensato di discutere. Ma che la
situazione sia tesa come non mai,
questo difficile negarlo. Paesi co-
me la Polonia vogliono vedere con-
cretizzarsi la solidariet sempre
promessa, ma quella stessa promes-
sa pu costare adesso molto pi ca-
ra.
La Nato spiega la portavoce
Carmen Romero oggi impegna-
ta in unopera di de-escalation, di
rafforzamento della solidariet fra i
suoi membri, di riaffermazione del-
la sicurezza interna, di collaborazio-
ne con gli altri Paesi. Anche linvio
degli Awacs o degli F-16, in s misu-
re importanti, non vanno per inte-
se come misure di escalation. Sono
quelle che noi chiamiamo misure di
situational awareness, consapevo-
lezza della situazione, o di reassu-
rance, rassicurazione, dirette so-
prattutto alle nazioni che si sentono
sotto pressione.
Il nome che aleggia , ancora una
volta, la Russia. Ma il vero banco di
prova per i rapporti fra Nato e Putin
non certo la piccola Crimea. Sono
le varie altre Crimee, pi grandi e
strategiche, che punteggiano lEst
dellEuropa. Per esempio: e se il
modello crimeano venisse espor-
tato in Lettonia? L i russi sono il
27,6%, su 2 milioni di abitanti, e da
tempo Mosca assicura che far di
tutto per proteggerli, per ora econo-
micamente: lambasciatore russo a
Riga si affacciato laltro giorno a
una televisione russofona per assi-
curare ai suoi connazionali in loco
che il Cremlino conceder presto lo-
ro la cittadinanza, cos salvandoli
dalla povert. In Estonia, i russi so-
no il 25%, e ci sono fra loro gruppi
ultrazionalisti, anche se nessuno
sfila con il passamontagna sul volto
come a Sinferopoli: per ora, almeno.
Luigi Offeddu
loffeddu@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Croazia Albania
Romania
Regno
Unito
Polonia
Rep. Ceca
Germania
Lituania
Ungheria
Slovenia
Slovacchia
Ucraina
Lettonia
Estonia
Russia
Bulgaria
1
2
3
4
I membri Nato
In Europa
Fondatori
nel 1949
(con Islanda,
Usa e Canada)
1950-1999
1999-oggi
Lallerta
CORRIERE DELLA SERA
Zokniai: missione di pattugliamentodellospazio
aereodei tre Stati baltici e esercitazioni
Lask: esercitazione conmilitari Usae britannici
Waddington
Geilenkirchen
Sorvolo
Gli Awacs della Nato partono dalle basi
di Geilenkirchen e Waddington diretti
sui cieli di Polonia e Romania,
La sorveglianza
1
2
3
4
Ge
rta
Sorvolo
li Awacs della Nato
Geilenkirche
cie
dice subito Sergei Lavrov, mini-
stro degli Esteri putiniano: La
dichiarazione dei deputati di Sin-
feropoli legittima ed giusto
rispettare la volont del popo-
lo. La strategia piace anche ai
Prizren
Pec
K O S O V O
SERBIA
Mitrovica
MACEDONIA
ALBANIA
C.D.S.
Pristina
Gnjilane
Gracanica
Zone a
maggioranza
serba
Sergei Aksionov, 41 anni
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Esteri 13

Il caso Scontro istituzionale negli Stati Uniti. Il ruolo di Dianne Feinstein
La senatrice che sfida la Cia:
Violati i nostri computer
contro la Costituzione. Verso linchiesta penale
DAL NOSTRO INVIATO
NEW YORK Lo scontro tra
la Cia e il Congresso covava da
settimane: lagenzia di spionag-
gio, irritata per la condanna
parlamentare dei metodi usati
una decina danni fa per interro-
gare alcuni presunti terroristi,
sospettava che lorgano legisla-
tivo avesse costruito il suo giu-
dizio sulla base di documenti
segreti, ottenuti illegalmente. Il
Congresso, a sua volta, sospet-
tava di essere stato spiato in
modo illegale da parte della Cia,
decisa a risalire a tutti i costi alla
fonte della fuga di notizie.
Il conflitto, da tempo latente,
deflagrato ieri quando la sena-
trice Dianne Feinstein, presi-
dente del comitato parlamenta-
re che sorveglia i servizi segreti,
ha accusato apertamente la Cen-
tral Intelligence Agency di aver
compiuto atti coi quali ha pro-
babilmente violato il Quarto
emendamento della Costituzio-
ne americana, la legge su frodi e
abusi informatici e un ordine
esecutivo presidenziale che vie-
ta allAgenzia di effettuare atti-
vit di spionaggio rivolte allin-
terno del Paese.
La notizia della durissima
sortita della Feinstein arrivata
mentre il capo della Cia, John
Brennan, stava parlando al
Council on Foreign Relations.
Brennan ha negato tutto: Nulla
potrebbe essere pi falso che
accusare la Cia di aver messo le
mani sui computer del Congres-
so. Abbiamo fatto molte cose
sbagliate in passato e lo abbia-
mo ammesso. Ma mai niente di
simile: irragionevole soste-
nerlo. Ma Feinstein, che in Par-
lamento ha sempre difeso i ser-
vizi segreti facendo di tutto per
garantire loro libert di movi-
mento, non ha agito di certo a
cuor leggero: dopo aver atteso
giorni, ieri ha scelto di parlare al
Senato. Ha accusato la Cia di
aver violato le leggi federali e di
aver minato le prerogative co-
stituzionali del Congresso e ha
spiegato che lo stesso Brennan
le aveva raccontato, a gennaio,
che personale della Cia aveva
ispezionato alcuni computer
usati dal Congresso, convinto
che gli investigatori parlamen-
tari fossero venuti in possesso
di documenti che non erano au-
torizzati a leggere.
Accuse pesanti, tanto che ieri
i giornalisti hanno chiesto a
Brennan se si dimetter da di-
rettore della Cia, se verranno
fuori colpe dellagenzia. Se
avessi fatto qualcosa di male,
sarei andato dal presidente.
lunico che pu chiedermi di re-
stare o di andare via stata la
secca risposta. Per Obama una
vicenda molto spinosa da gesti-
re: la Feinstein, senatrice demo-
cratica californiana, uno dei
suoi punti di riferimento al
Congresso, ma anche il rapporto
con Brennan stretto: lha avuto
per anni come capo dellantiter-
rorismo alla Casa Bianca, stato
lui stesso a nominarlo capo del-
la Cia un anno fa. Ora tocca al
ministero della Giustizia stabili-
re com andata davvero.
La vicenda lunga, comples-
sa e si consumata in pi sedi:
dopo un primo rifiuto di aprire i
suoi archivi al Congresso che
indagava su waterboarding e
altre tecniche estreme di inter-
rogatorio, la Cia accett di met-
tere a disposizione degli investi-
gatori parlamentari alcune mi-
gliaia di pagine di documenti.
Atti consultabili, per, solo in
una struttura di Langley, dove
ha sede lagenzia. Esaminando il
giudizio finale di condanna del
Congresso, la Cia si convinta
che i parlamentari hanno letto
pi del dovuto. Informazioni
carpite? Passate sottobanco da
qualcuno? Non detto: potreb-
be anche esserci stato un errore
informatico. Feinstein sostiene
che i codici forniti al Congresso
hanno reso accessibili oltre 6
milioni di pagine di documenti.
Nemmeno la Cia sa bene quali.
Massimo Gaggi
RIPRODUZIONE RISERVATA
La vicenda
Motivo della disputa
Al centro della disputa tra
Congresso e Cia c il
programma di arresti e
detenzioni condotto
dallagenzia di intelligence
Usa dopo l11 settembre
2001
Computer in Virginia
Dopo un primo rifiuto di
aprire i suoi archivi,
la Cia accett di mettere
a disposizione degli
investigatori parlamentari
dei pc per esaminare
i documenti in un
seminterrato della Cia
in Virginia
Il rapporto segreto
Esaminando il giudizio
finale di condanna del
Congresso, la Cia si
convinta che i
parlamentari hanno letto
pi del dovuto. I
funzionari avrebbero
superato in segreto i
firewall della Cia,
riuscendo a vedere senza
autorizzazione anche il
Panetta Rewiew, un
rapporto interno e
secretato della Cia su
quel programma: pagine
da cui si intenderebbe che
luso di prigioni segrete e
le estreme tecniche di
interrogatorio, come il
waterboarding, hanno
prodotto solo informazioni
di intelligence trascurabili
6.300
pagine: indagine
sulla Cia della
commissione
intelligence
del Senato
In Cassazione
Abu Omar,
sette anni
allo 007 Usa
Un mese dopo che gli italiani
ex dirigenti del Sismi (Pollari
e Mancini) sono stati sottratti
al giudizio di Cassazione
dallapposizione da parte di 4
presidenti del Consiglio
italiani del segreto di Stato,
estensivamente interpretato
della Corte costituzionale,
soltanto gli 007 americani
restano col cerino in mano
per la extraordinary rendition
dellimam radicale egiziano
Abu Omar, rapito a Milano nel
2003: a quella dei 23 agenti
Cia gi negli anni scorsi, ieri si
aggiunta in Cassazione la
condanna definitiva anche
dellallora capo della Cia in
Italia, Jeff Castelli (7 anni per
concorso nel sequestro di
persona), e dei suoi vice
Betnie Medero e Ralph
Russomando (6 anni), tutti
allepoca operativi sotto la
veste formale di personale
dellAmbasciata degli Stati
Uniti a Roma. Il versante
italiano verr per ridiscusso
a Strasburgo, dove la famiglia
di Abu Omar ha portato il caso
alla Corte europea dei diritti
delluomo, che nel 2013, in
relazione alla extraordinary
rendition del tedesco Khaled
El-Masri, ha condannato la
Macedonia per non aver
instaurato e assicurato
adeguati procedimenti penali
su un analogo caso di lesione
di diritti fondamentali.
Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Senatrice Dianne Feinstein, presidente del comitato parlamentare che sorveglia i servizi segreti
14
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Esteri 15

DAL NOSTRO INVIATO
HONG KONG Per cinque
giorni, dalle 2.41 di sabato quan-
do si sono persi i contatti con il
Boeing 777 della Malaysia Airli-
nes, le ipotesi e gli avvistamenti
di rottami sparsi in mare si sono
dissolti uno dopo laltro. E le do-
mande, le stranezze si moltipli-
cano. Una arriva da Pechino, do-
ve ci sono centinaia di parenti
dei 153 passeggeri cinesi (sul to-
tale di 239 persone a bordo) in
attesa di notizie. Sono stati chiu-
si in un albergo vicino allaero-
porto della capitale e la loro an-
sia si trasformata in frustrazio-
ne e rabbia. Alcuni sostengono
di aver chiamato i numeri di cel-
lulare dei passeggeri scomparsi e
di averli sentiti squillare a vuoto;
altri hanno trovato in funzione il
sistema di messaggi istantanei:
significherebbe che qualcuno
laggi ancora online. Le telefo-
nate fantasma hanno alzato il li-
vello di disperazione: perch
non si trova laereo disperso?
Finalmente, i militari malay-
siani confermano che il Boeing
777 ha cambiato rotta unora do-
po il decollo da Kuala Lumpur:
arrivato allaltezza della citt di
Kota Bharu, sulla costa orientale,
ha virato a Ovest, poi tornato
indietro, sceso di quota e sa-
rebbe svanito quanto si trovava
nello Stretto di Malacca, dopo
aver lasciato la costa occidentale
della Malaysia.
Sembra impossibile che nes-
suna delle molte potenze regio-
nali abbia dati certi sul volo
scomparso: il sospetto che i
militari dei vari Paesi non vo-
gliano svelare fino a che punto i
loro sistemi di controllo siano
efficaci. Questa reticenza ricorda
un altro buco nero tragico nei
tracciati radar, quello del DC-9
Itavia precipitato nel 1980 a Usti-
ca. Anche la Cina, spinta dallan-
goscia dei familiari dei 153 di-
spersi cinesi, sta collaborando
attivamente e ha annunciato di
aver riorientato dieci satelliti mi-
litari per la ricerca.
Ieri si sgretolata anche la
traccia dei due iraniani che si
erano imbarcati con i passaporti
rubati a un italiano e a un au-
striaco molti mesi fa. LInterpol e
la polizia malaysiana li hanno
identificati come Pouria Nour
Mohammad Mehrdad, 19 anni, e
Delavar Seyed Mohammad Reza,
29. Secondo la ricostruzione
Mehrdad stava cercando di otte-
nere asilo politico in Germania:
la famiglia lo attendeva a Fran-
coforte e quando non lo ha visto
arrivare e ha saputo della trage-
dia del Boeing 777 ha chiamato
la polizia. La versione confer-
mata da un amico di Mehrdad,
che dice di avergli parlato poco
prima che si imbarcasse sul volo
della Malaysia Airlines, venerd
notte. I due giovani avrebbero
seguito una via di fuga che se-
condo le organizzazioni umani-
tarie piuttosto comune tra i
fuggiaschi: avrebbero comprato
documenti rubati in Thailandia,
un biglietto a buon mercato a
Kuala Lumpur con scalo a Pechi-
no, una coincidenza per Amster-
dam dove si sarebbero divisi,
uno diretto a Francoforte, laltro
a Copenaghen. Tutto qui, secon-
do lInterpol i due ragazzi non
erano terroristi e lo loro famiglie
hanno ragione di piangerli come
vittime. Ma la Cia, comunque,
avverte che la pista terroristica
non pu essere abbandonata.
Larea delle ricerche si allar-
gata da Est a Ovest, perch dopo
aver invertito la rotta il Boeing
avrebbe volato per altri 500 chi-
lometri: questo fa scartare lipo-
tesi dellesplosione improvvisa o
del cedimento strutturale. Oltre
allangoscia dei familiari c la
quasi disperazione dei respon-
sabili dellindustria aeronautica
che vogliono sapere che cosa
successo al Boeing 777. Laereo
era equipaggiato con strumenti
e sensori in grado di trasmettere
in ogni momento lesatta posi-
zione. Che cosa successo per
spegnere tutto e renderlo invisi-
bile? Gli investigatori si sono
concentrati su quattro cause
possibili: sequestro, sabotaggio,
problemi psicologici o personali
tra i passeggeri o lequipaggio.
Lultima ipotesi significa che il
pilota o il copilota potrebbero
avere scelto il suicidio, dopo aver
spento tutti i sistemi di rileva-
mento. Ci sono dei precedenti.
Guido Santevecchi
RIPRODUZIONE RISERVATA
La tragedia Il volo partito da Kuala Lumpur era stato avvistato dai radar militari sullo Stretto di Malacca
Laereo completamente fuori rotta
Avrebbe deviato per centinaia di chilometri. Gli Usa: ipotesi terrorismo
La scomparsa
Il Boeing 777-200
della Malaysia Airlines
in volo da Kuala
Lumpur a Pechino con
239 persone a bordo,
tra cui 12 membri
dellequipaggio,
scompare dai radar alle
2.41 di sabato (venerd
sera in Italia) tra la
costa della Malaysia e
quella del Vietnam
Le ipotesi
Perde quota lipotesi
terrorismo dopo la
scoperta che i due
iraniani con passaporti
falsi stavano cercando
asilo in Germania
I cellulari
Alcuni parenti dei
passeggeri sostengono
che i cellulari dei loro
cari squillano a vuoto
In volo Militari su un C130 dellaeronautica militare di Singapore sorvolano il Mar Cinese Meridionale durante le ricerche dellaereo scomparso (Reuters)
Verso lEuropa
Uno dei due iraniani con
i passaporti rubati voleva
ottenere asilo in Germania
Il rapporto Lorganizzazione Iran Human Rights ha presentato il dati raccolti nel 2013 al Parlamento di Londra
Teheran, record di esecuzioni
sotto il riformista Rouhani
Pi condanne a morte dopo lelezione a presidente
687
68%
148
Le esecuzioni
avvenute in Iran nel
2013 secondo
lorganizzazione Iran
Human Rights, con
un aumento del 16%
rispetto al 2012
La percentuale di
esecuzioni (458 sul
totale di 687) avvenute
dopo lelezione di
Rouhani, il presidente
che ha aperto lIran al
dialogo con lOccidente
Gli impiccati per
omicidio: un numero
otto volte pi
alto di quello
documentato da Iran
Human Rights nel
2012
Alireza Mafiha appoggia la testa sulla
spalla del boia prima di essere impiccato
in pubblico a Teheran. Il volto, cos come
quello del suo complice Mohammad Ali
Sarvari, stravolto da una smorfia di ter-
rore. Istanti fissati per sempre da una foto
premiata al World Press Photo il mese
scorso. Questi ventenni, colpevoli di aver
rapinato un passante a Teheran, sono due
delle 687 persone mandate a morte nella
Repubblica Islamica nel 2013, secondo
lultimo rapporto di Iran Human Rights.
Lorganizzazione mostra che c stato un
aumento di esecuzioni, arrivando al nu-
mero pi alto mai registrato in pi di 15
anni. In aggiunta al numero ufficiale
(388), gli attivisti hanno documentato
infatti molti altri casi segreti o non an-
nunciati parlando con testimoni ocula-
ri, con familiari, avvocati, fonti nelle pri-
gioni. Notano in particolare che, mentre
lelezione del presidente Hassan Rouhani
lo scorso giugno ha portato alla riapertu-
ra del dialogo tra lIran e i Paesi occiden-
tali, non ha per cambiato affatto luso
della pena capitale da parte del regime
come strumento per dar prova della pro-
pria forza e diffondere la paura.
Il fatto che 458 esecuzioni, ovvero il
68% di quelle dellanno scorso, siano av-
venute dopo che Rouhani diventato
presidente sorprender molti, sottoli-
nea il portavoce Mahmood Amiry-Mo-
ghaddam da Londra, dove ha presentato
ieri il rapporto in Parlamento. un pa-
radosso che mentre i rapporti tra lIran e
la comunit internazionale migliorano, il
numero delle esecuzioni aumenti. Nella
sua visita della scorsa settimana a Tehe-
ran (la prima di un capo della diplomazia
Ue dal 2008), Catherine Ashton ha parla-
to delle trattative sul nucleare tra il grup-
po dei 5+1 e le Repubblica islamica, ma
ha anche insistito per incontrare attivisti
dei diritti umani, e in particolare la ma-
dre del blogger Sattar Beheshti, morto in
carcere dopo larresto nel 2012 per aver
criticato il governo. Ashton, bench criti-
cata per lincontro dai media oltranzisti
in Iran, ha indicato che ci sono margini di
dialogo con le autorit sui diritti umani.
Gli attivisti di Iran Human Rights chie-
dono allora di mettere labolizione della
pena capitale in cima alle priorit.
Il traffico di droga resta la principale
accusa per le condanne a morte in Iran,
ma c stata una relativa riduzione rispet-
to agli anni passati: unipotesi che sia
dovuta alle crescenti pressioni degli atti-
visti sullufficio Onu per il controllo della
droga e la prevenzione del crimine (per-
ch cessi la cooperazione con Teheran se
usa la pena di morte); per la stessa ragio-
ne, diversi Paesi europei hanno sospeso i
finanziamenti alla lotta al traffico di dro-
ga in Iran. C stato daltra parte un forte
aumento delle condanne per omicidio e
di quelle che coinvolgono gruppi etnici
come arabi, curdi e beluci (spesso ese-
guite in segreto). Tra gli impiccati ci sono
trenta donne, e almeno tre persone puni-
te per crimini commessi quanderano
minorenni. Analizzando la tempistica
delle esecuzioni rispetto agli eventi poli-
tici dal 2007 a oggi, gli attivisti sostengo-
no che aumentano sempre prima delle
elezioni (per intimidire eventuali dimo-
stranti) con uno stop a due settimane dal
voto (perch a quel punto scatta latten-
zione della stampa interazionale).
La buona notizia che la societ civile
iraniana sempre pi attiva contro la pe-
na capitale. A novembre partita la cam-
pagna Legam per labolizione, con
proteste pacifiche al parlamento di Tehe-
ran, nel Kurdistan iraniano, e una forte
presenza sui social media. Ma le esecu-
zioni continuano: nei primi due mesi del
2014, ne sono state annunciate ufficial-
mente 73 inclusa limpiccagione di un
poeta e gli attivisti ne hanno docu-
mentate gi molte di pi.
Viviana Mazza
@viviana_mazza
RIPRODUZIONE RISERVATA
La foto Istanti prima dellimpiccagione. Uno scatto del fotografo iraniano Amir Pur-
mand mostra Alireza Mafiha, 23 anni, mentre appoggia la testa sulla spalla del boia. In-
sieme a Mohammad Ali Sarvari, 20 anni, stato condannato a morte per aver rubato ad
un uomo lequivalente di 15 euro ferendolo con un coltello. La rapina era stata ripresa, il
video pubblicato su YouTube . Sono stati condannati per mohareb, guerra contro Dio
388
Il numero ufficiale
delle esecuzioni
avvenute nel 2013 (pi
dellanno precedente).
Ma secondo gli attivisti
molte altre avvengono
in segreto
Nel 2014
Almeno 73 impiccagioni (tra cui
quella di un poeta) sono avvenute
nei primi due mesi dellanno
La vicenda
Tripoli
Petroliera fugge
Sfiduciato
premier libico
TRIPOLI Le tensioni tra il
governo di Tripoli e le milizie
dellest sulla vendita di
petrolio sono costate care al
primo ministro Ali Zeidan
che ieri stato sfiduciato dal
Parlamento libico. Al suo
posto stato incaricato il
ministro della Difesa,
Abdullah Al Thani, nel
temporaneo ruolo di facente
funzione. Il voto di sfiducia
ad Ali Zeidan stato
motivato dal fatto che la
Morning Glory, una
petroliera nordcoreana a
pieno carico, riuscita a
partire dal porto di Al Sidra
sotto il controllo dei ribelli
della Cirenaica dopo aver
fatto rifornimento di petrolio
nonostante le minacce del
governo centrale. Ieri sera
per la nave, battente
bandiera nordcoreana, stata
colpita dalla marina militare
ed stata danneggiata.
A prendere linterim della
guida governo stato il
ministro della Difesa,
Abdullah Al Thani, che
sostituir Ali Zeidan per un
periodo di 15 giorni fino
allelezione di un nuovo
primo ministro.
In porto La petroliera
Nuova Zelanda
Referendum
per abolire
la Union Jack
WELLINGTON La Nuova
Zelanda vuole rompere con il
passato coloniale che la lega
allex madrepatria, il Regno
Unito. Il premier John Key ha
annunciato in un discorso
alla Victoria University di
Wellington che entro tre
anni si terr un referendum
per eliminare dal vessillo
nazionale la Union Jack, la
bandiera britannica.
Liniziativa del primo
ministro, che ha appena
indetto nuove elezioni per il
20 settembre, sostenuta
anche dai laburisti
allopposizione. una mia
opinione, sempre pi
condivisa dai cittadini, che la
bandiera della Nuova
Zelanda simboleggi unepoca
coloniale e postcoloniale il
cui tempo passato ha
dichiarato Key . La
bandiera resta dominata
dalla Union Jack mentre noi
non siamo pi dominati
dalla Gran Bretagna.
La proposta finora pi
popolare di utilizzare come
bandiera la felce argentata su
sfondo nero che adorna la
maglia degli All Blacks, la
nazionale di rugby.
Sport La campionessa Adams
16
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

#
Limpianto
di Vado Ligure
Gli operai che
lavorano nei gruppi
a carbone della
struttura di Vado
Ligure (Savona)
170
Lazienda
Cronache
Linchiesta A Vado Ligure ipotizzati i reati di disastro ambientale e omicidio colposo: Nesso tra le emissioni e le malattie
Troppi morti. Sigilli alla centrale
Chiusa la Tirreno Power collegata al gruppo De Benedetti. Lazienda: in regola
VADO LIGURE (Savona)
Nella notte terminato lo spe-
gnimento dellunit chiamata
VL3, il gruppo a carbone della
centrale termoelettrica Tirreno
Power di Vado Ligure, la secon-
da unit era gi ferma per ma-
nutenzione: stato eseguito co-
s il decreto del gip di Savona
Fiorenza Giorgi che ieri ha se-
questrato gli impianti.
Il sequestro ( stato nomina-
to un commissario, il direttore
dello stabilimento) arriva poche
settimane dopo che la Procura
ha parlato di 450 morti in dieci
anni provocati secondo i pe-
riti nominati dai magistrati
dalle emissioni della centrale,
decessi a cui si aggiungono fra i
1.700 e i 2.000 ricoveri di adulti
per patologie respiratorie e car-
diovascolari e 457 bambini cu-
rati per asma e altri problemi re-
spiratori, in diversi anni. I cara-
binieri si sono presentati ai can-
celli con il decreto poco prima di
mezzogiorno, i dirigenti della
societ hanno comunicato che
Tirreno Power ha spento lim-
pianto ma intende continuare
a operare nel pieno rispetto del-
la legge difendendo il suo diritto
a fare impresa in modo respon-
sabile cos come ha sempre fat-
to; gli operai uscendo alla spic-
ciolata si sono dichiarati sbi-
gottiti.
Cinque gli indagati per disa-
stro ambientale e sanitario, il
direttore generale Giovanni Go-
sio, dimissionario un mese fa, e
tutti i responsabili dello stabili-
mento dal 1999 a oggi, per alcu-
ni si aggiunge laccusa di viola-
zione delle prescrizioni dellAia,
lAutorizzazione ambientale in-
tegrata, rilasciata dal ministero.
Lipotesi di reato di omicidio
colposo presente nellinchiesta
coordinata dal procuratore capo
Francantonio Granero rimane
invece a carico di ignoti. Nella
quarantina di pagine del decreto
del gip si mettono in evidenza il
nesso tra le morti e le emissioni
al di sopra dei limiti, la gestione
negligente dellimpianto che
avrebbe fornito dati sulle polve-
ri nellaria inattendibili, la
mancanza di controllo di terzi.
La societ, secondo il gip Giorgi,
avrebbe fatto interventi di risa-
namento di facci ata, degl i
specchietti per le allodole. E
al capitolo controlli i magi-
strati criticano anche la Regione
Liguria che avrebbe tollerato ri-
tardi e inadempienze nelle pre-
scrizioni ambientali alla societ
partecipata al 50 per cento da
Gdf Suez, e al 50 per cento da
Energia Italiana, societ con-
trollata da Sorgenia della fami-
glia di Carlo De Benedetti.
Siamo preoccupati non solo
per quello che pu significare
questo spegnimento dicono i
sindacalisti savonesi ma an-
che per la crisi del settore e per
le notizie finanziarie di Sorge-
nia e hanno chiesto un incon-
tro urgente a prefetto e Regione:
Intervenga il governo, qua ri-
schiamo centinaia di posti di la-
voro. Fanno un numero i sin-
dacati, settecento: duecentoses-
santa i dipendenti diretti di Va-
do, duecentocinquanta gli
appalti, altri duecento la filiera.
Ancora una volta sul tavolo di
amministratori e politici si con-
frontano le ragioni di chi teme
per il posto di lavoro e di chi di-
fende la salute della comunit.
Legambiente, la Rete contro il
carbone che da anni denun-
ciano le emissioni accusano:
dimostrato che non eravamo
dei visionari, ora si faccia un
passo indietro sullenergia pro-
dotta col carbone. Soprattutto,
dicono, lo faccia la Regione Li-
guria che ha dato parere favore-
vole alla costruzione di un nuo-
vo blocco a carbone previa per
il rifacimento di uno esistente e
lo spegnimento del pi malan-
dato. Siamo stati noi a chiedere
lintervento degli ispettori del-
lIspra a Vado dice lassessore
allambiente Renata Briano
perch avevamo dei dubbi sul
rispetto delle prescrizioni del-
lAia.
Il sopralluogo avvenuto in-
sieme con i tecnici dellagenzia
regionale e il verbale stato in-
viato alla Procura. Da quel ver-
bale emergono le inadempienze
che ieri il gip ha contestato a Tir-
reno Power decidendo il seque-
stro. Gli impianti potranno ria-
prire, dice il gip, se la societ di-
mostrer di voler produrre se-
condo quelle che si chiamano
Mtd, le migliori tecnologie
disponibili, una via duscita per
lo stato di necessit dei lavo-
ratori. Difficile per applicare in
tempi brevi le migliori tecnolo-
gie a un impianto che pur con
adattamenti avvenuti nel tempo
vecchio di quarantanni e
che cos com, secondo diversi
studi, inquinerebbe dieci volte
di pi degli impianti pi avan-
zati.
Erika Dellacasa
RIPRODUZIONE RISERVATA
Dati e interventi
Tra le accuse anche
laver fornito dati
inattendibili e aver fatto
interventi di facciata
In Campania Via alle analisi nelle aree a rischio
Un decreto del governo
vieta la vendita
dei cibi prodotti
nella Terra dei fuochi
ROMA Sono 57 i Comuni
con terreni potenzialmente con-
taminati. Un totale di 21,5 chilo-
metri quadrati, il 2% della Terra
dei fuochi, imbrattata di im-
mondizia. Va sottolineato lav-
verbio: potenzialmente. Si-
gnifica che nei prossimi mesi,
tre per lesattezza, verranno ef-
fettuate analisi dettagliate per
verificare se queste zone, cuore
agricolo della Campania, na-
scondono insidie tossiche e pe-
ricoli per la salute. In particolare
i siti maggiormente sospettati
sono 51.
Ma intanto scatta un provve-
dimento di cautela: vietata la
vendita dei prodotti ortofrutti-
coli dei terreni con un rischio
corrispondente ai livelli 3-4 e 5, i
pi alti. Il divieto entra subito in
vigore, ha annunciato il mini-
stro della Salute, Beatrice Loren-
zin che, insieme anche allAm-
biente, compone la triade impe-
gnata a risolvere il problema dei
rifiuti potenzialmente tossici. Ci
sono delle eccezioni. La vendita
di frutta e verdura consentita a
certe condizioni. Le colture de-
vono essere state gi controllate
da organismi ufficiali con esito
favorevole negli ultimi 12 mesi.
Oppure che siano state compiu-
te indagini con spese a carico
delloperatore agricolo e che dei
test si sia occupato un ente.
Dopo i primi test preliminari,
basati su rilievi epidemiologici,
prelievi a campione, materiale
fotografico, il governo ha dato
una definizione geografica a un
fenomeno che allarma il Paese
ma di cui non si conoscevano
ancora i confini: Si tratta di una
tappa intermedia, premette
Maurizio Martina, ministro del-
lAgricoltura, nel presentare il
decreto interministeriale che
stabilisce le prossime azioni.
Martina spiega che il primo
passo, necessario per raggiun-
gere gli obiettivi successivi.
Stiamo parlando dello 0,01% del
territorio della regione interes-
sato da questi presunti fenome-
ni di inquinamento. Dunque
ancora tutto da verificare e la
speranza che la maggior parte
delle zone indicate nella mappa
del rischio vengano scagionate.
Uno dei primi a invocare con-
tromisure era stato Ermete Rea-
lacci, presidente della Commis-
sione Ambiente della Camera,
favorevole a iniziative drastiche:
Va sospesa la coltivazione a
scopo alimentare per garantire i
cittadini e tutelare lagricoltura
di qualit nel casertano e pi in
generale in Campania. E ades-
so si passa alla fase operativa.
Sono richieste con urgenza dal
decreto analisi dettagliate per
individuare le aree da conside-
rare no food. Operazione che
tra gli altri verr seguita dal-
lIstituto superiore di sanit, di-
partimento dellAmbiente. Il di-
rettore, Loredana Musmeci,
chiarisce: Parliamo di un ri-
schio potenziale. Se linquina-
mento del terreno fosse reale
sostanze nocive alla salute po-
trebbero passare ad alcune
piante. E dico potrebbero.
Margherita De Bac
mdebac@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
22
Mila Le morti premature
ogni anno in Europa legate
alle emissioni delle centrali a
carbone. Lo dice un rapporto
del 2010 di Greenpeace
70
Per cento La quantit
delle emissioni di diossido
di zolfo che, secondo
il rapporto, provengono
da questo combustibile
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cronache 17

#
Camini
12
4
7
8
6
10
9
5 1
2
3
11
13
amini
12
4
7
8
6
10
9
5 1
2
3
11
13
Caldaia
sezione VL2
Sala macchine
Trasformatori
principali
Caldaia
sezione VL3
Caldaia
sezione VL4
Parco carbone
Deposito
nafta n. 1
Sili cenere
Stoccaggio
ammoniaca
Deposito
riuti
Trattamento acque
desolforatore
Caldaie ausiliarie
Le persone che per
il magistrato sarebbero
morte per malattie
respiratorie dovute
allattivit dellimpianto
103
La stima delle vittime per malattie
cardiovascolari se si considera il modello
matematico che secondo laccusa
si sarebbero registrate tra il 2000 e il 2007
per i fumi della centrale di Vado
251
Le accuse
CORRIERE DELLA SERA
DAL NOSTRO INVIATO
SAVONA Da una parte la centra-
le a carbone di Vado Ligure con le sue
ciminiere; dallaltra il disastro am-
bientale e le centinaia di morti e ma-
lati contati dal 2000 fra queste colline
dal clima mite e dallaspetto para-
dossalmente salutistico. Per il gip di
Savona, Fiorenza Giorgi, non ci sono
dubbi: fra le due cose c un nesso
molto stretto ed scientificamente
provato.
Tutte queste patologie ed eventi
letali sono attribuibili esclusivamen-
te alle emissioni della centrale, di en-
tit tale da assumere le dimensioni
del disastro, con conseguente peri-
colo per la pubblica incolumit,
scrive per introdurre le 45 pagine del
decreto con il quale ha disposto ieri il
sequestro preventivo dei due im-
pianti della Tirreno Power.
Il magistrato ligure ha stilato il
tragico elenco delle vittime che im-
puta ai fumi di Vado: Almeno 251
morti per malattie cardiovascolari,
se si considera il modello matemati-
co (considera la ricaduta al suolo de-
gli elementi inquinanti sulla base dei
venti, delle correnti e dellorografia,
ndr), 335 se si considera il modello
sperimentale dei licheni (microor-
ganismi termometro dellinquina-
mento, ndr), tra l1 gennaio 2000 e il
31 dicembre 2007 Almeno 103
morti per malattie respiratorie (mo-
dello matematico) o 92 (sperimenta-
le) Almeno 353 casi di patologie
respiratorie nei bambini dall1 gen-
naio 2005 al 31 dicembre 2010 (457
casi con il modello sperimentale)
Ameno 94 casi di ricoveri di bambini
per asma (129 con il secondo model-
lo) E sempre nello stesso periodo
almeno 1.675 casi di ricoveri di adul-
ti per malattie respiratorie e cardia-
che (2097 secondo il modello speri-
mentale). E gli stessi numeri, in
proporzione, riguarderebbero gli an-
ni successivi. Un bollettino di guerra.
Domanda: dove trovano fonda-
mento le pesanti conclusioni del gip
di Savona che ha portato al clamoro-
so sequestro di ieri e alliscrizione nel
registro degli indagati dei quattro ca-
pi centrale che si sono succeduti dal
1999 e a quella dellultimo direttore
generale, Giovanni Gosio, gi dimes-
sosi dallincarico un paio di mesi fa?
Al di l di una relazione depositata
in gennaio dallIspra, lIstituto supe-
riore per la protezione e la ricerca
ambientale, e delle annotazioni dei
carabinieri del Noe e dellArpa Ligu-
ria, alla base del decreto ci sono due
consulenze tecniche (ambientale ed
epidemiologica) disposte dalla Pro-
cura di Savona nel gennaio del 2012 e
firmate da una terzetto di esperti: Pa-
olo Franceschi, pneumologo del-
lospedale di Savona, Paolo Crosi-
gnani, ex direttore dellunit di epi-
demiologia ambientale dellIstituto
dei tumori di Milano, e Stefano Scar-
selli, analista di qualit dellaria.
Un lavoro che si basa, come detto,
su due diversi modelli: matematico e
sperimentale secondo i quali i morti
e i malati sarebbero da attribuire alla
Tirreno Power, escludendo dalle
cause di decesso e di malattia il traf-
fico automobilistico e le polveri sot-
tili delle altre aziende della zona e
delle vicine navi.
Risultati che appaiono convin-
centi scrive il gip . Anche per-
ch sono stati eliminati tutti i casi
dubbi e non rigorosamente muniti di
tutti i requisiti.
A Gosio e Pasquale DElia, capo
centrale della Tirreno Power dal 2005
al 2012, viene contestata anche la
violazione delle prescrizioni conte-
nute nellAia, lAutorizzazione inte-
grata ambientale rilasciata dal mini-
stero alla Tirreno Power.Perch non
installavano il misuratore di monito-
raggio utilizzavano olio combusti-
bile con contenuto di zolfo superiore
a quanto consentito.
Il gip d per spazio anche alla
speranza. Ove lazienda provvedes-
se allinstallazione di un sistema di
controllo adeguato, una volta accer-
tato che le emissioni vengono man-
tenute nei limiti delle Mtd (le miglio-
ri tecnologie disponibili, ndr), si po-
tr provvedere al dissequestro degli
impianti.
Andrea Pasqualetto
apasqualetto@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il decreto La Procura stila un elenco dei casi ipotizzati anno per anno
La contabilit dei periti
In 251 colpiti al cuore,
94 bimbi asmatici gravi
La vicenda
Le due ipotesi
e le accuse
I cinque indagati
e il sequestro
Sono due i filoni dinchiesta
avviati dalla Procura di Savona
sullattivit della Tirreno Power
di Vado Ligure: uno per
disastro ambientale, laltro per
omicidio colposo
Gli indagati sarebbero 5. Ieri il gip
ha accolto la richiesta della
Procura di sequestrare la centrale
per il mancato rispetto di alcuni
limiti imposti dallAutorizzazione
integrata ambientale
bb
La responsabilit
Tutte queste patologie
ed eventi letali sono
attribuibili
esclusivamente alle
emissioni della centrale
bb
Il disastro
Lentit tale da
assumere le dimensioni
del disastro con
conseguente pericolo per
la pubblica incolumit
18
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cronache 19

Il caso Monta la protesta tra Liguria e Piemonte
I pareri
Favorevole
Il governatore della
Liguria Claudio
Burlando dice s alla
nuova linea: serve a
rilanciare il porto di
Genova
Anche se quasi primavera il Terzo va-
lico sta come dautunno sugli alberi le fo-
glie. Ci sono opere, grandi o presunte tali,
che la precariet ce lhanno scritta nel de-
stino. E non bastano i cantieri aperti, i fi-
nanziamenti gi erogati e gli altri che for-
se stanno per arrivare, sulla linea ferro-
viaria da 57 chilometri che dovrebbe col-
legare per via breve Genova a Milano
incombe sempre la nuvola dello scettici-
smo.
Lhanno sempre chiamata laltra
Tav. Come accadde allinizio dellepopea
della Torino-Lione, gli orologi della poli-
tica non sono sincronizzati a quelli dei
cittadini. Mentre al ministero delle Infra-
strutture si teneva lincontro dedicato a
un monitoraggio dellopera destinato a
durare fino allestate, ieri alla periferia di
Genova il signor Vittorio Calvini e la sua
bicicletta venivano bloccati allingresso
di una via dove era in corso lesproprio di
un terreno destinato alla costruzione di
una strada per il cantiere della ferrovia.
Peccato che quel terreno fosse mio, e che
la notifica mi sia arrivata soltanto luned,
con preavviso minimo.
Il suo orto era lunico pezzo che man-
cava al mosaico degli espropri in Valpol-
cevera. Non la fine, bens linzio di
unaltra partita, quella dei ricorsi ai tribu-
nali amministrativi. Lultimo in ordine di
tempo confida nel Regio decreto del 27
luglio 1934, che vieta di costruire in un
raggio di 200 metri intorno ai cimiteri. Il
camposanto di San Biagio, sulle alture al-
le spalle della citt, messo male. Fino a
poco tempo fa i morti finivano in prefab-
bricati di cemento per carenze di tombe e
gli smottamenti rendevano pericolosa la
semplice consegna di un crisantemo al
caro estinto. Adesso lultimo baluardo
contro larea di stoccaggio della terra di
scavo del Terzo valico, e quando verr il
momento a decidere sar una questione
di centimetri.
Anche qui, come nella Tav originale, la
contestazione cresce appena ci si allonta-
na dalla casella di partenza. Arquata Scri-
via Piemonte al confine con la Liguria,
met strada tra Genova e Alessandria. Sa-
Il tracciato
e i numeri
12
I comuni interessati
nelle province di Genova
e Alessandria
37
I chilometri in galleria
I chilometri
complessivi della linea
ad alta velocit
Terzo Valico dei Giovi
27
I chilometri
della galleria di Valico
Li gur i a Li gur i a
Pi emont e Pi emont e
Tortona
Alessandria
Novi L.
Genova
Imbocco sud
Galleria Valico
Finestra Polcevera
Finestra Castagnola
Finestra Gravasco
Finestra Vallemme
Imbocco nord
galleria Serravalle
Imbocco sud
galleria Serravalle
Imbocco nord
galleria Valico
km10
km25
km30
km40
km20
km15
km5
95
I mesi previsti
per la realizzazione
dellopera divisa in 6 lotti
53
Indeciso
Il Terzo Valico non
tra le priorit per il
governatore del
Piemonte Roberto
Cota, gi alle prese
con la Torino-Lione
Scettico
Da Genova a
Milano meglio che
le merci viaggino in
camion: lo ha detto
lad di Trenitalia
Mauro Moretti
nuto la scorsa notte alle recinzioni di un
cantiere nellentroterra genovese.
La grande differenza tra le due vicende
di natura politica. Se il fronte del no
ancora allo stato embrionale, il partito
dei favorevoli non proprio di granito e
contribuisce di suo allincertezza che gra-
va sul Terzo valico. Da Genova a Milano
giusto che le merci vadano in camion.
In nessun altro Paese al mondo per fare
Tensioni sullaltra Tav
Blocchiamo la talpa
Terzo Valico, danneggiati i cantieri
150 chilometri si va con le ferrovie. Sono
parole che non giungono da Arquata
Scrivia, ma dalluniversit Bocconi. A
pronunciarle durante un convegno non
stato mica il primo che passava, ma Mau-
ro Moretti, amministratore delegato di
Trenitalia, diretto interessato se mai ce
n stato uno, e da sempre molto scettico
sulla linea che dovrebbe collegare il porto
di Genova alla Pianura Padana. Al netto di
correzioni in corsa, la sua posizione sta-
ta ribadita pi volte e con sfumature di-
verse in altrettante occasioni pubbliche.
E anche una questione di sguardo. Co-
me tutti i genovesi, Claudio Burlando ve-
de la sua citt dal mare, e la trova chiusa
da quegli Appennini che il terzo valico
dovrebbe bucare. Per noi vitale. Dal
Terzo valico dipende la sopravvivenza dei
porti liguri, che da soli movimentano il
60% della merce italiana a destinazione
via mare. Ne sono consapevoli tutti, a
cominciare dai portuali della Compagnia,
fin dai tempi del console Paride Batini,
esempio di sinistra dura e incontaminata.
Dopo la mozione degli affetti e degli inte-
ressi, inizia il lavoro di diplomazia. Se-
condo il governatore della Liguria le frasi
del capo di Trenitalia vanno lette in con-
troluce. Come tutti sappiamo, la ferrovia
forte sul lungo raggio, debole sul cor-
to. Se il terzo valico solo un passaggio
per Milano, si tratta di corto raggio. Se in-
vece lanello mancante per collegarsi al-
lalta velocit europea e andare su fino al
porto di Rotterdam, allora cambia tutto.
Nella teoria ottica di Burlando si riflet-
te anche un certo disappunto per lo
sguardo terrestre delle istituzioni pie-
montesi, che a suo parere negli anni ad-
dietro avrebbero preso sottogamba la
questione. In questo modo, laccusa
neppure troppo velata, si perso del tem-
po, alimentando in modo pi o memo in-
consapevole la protesta. La macroregione
ancora lontana. Il Terzo valico, pure.
Nonostante le apparenze.
Marco Imarisio
RIPRODUZIONE RISERVATA
La definizione

Il nuovo tracciato
definito Terzo
Valico perch si aggiunge
a due gi esistenti: da
Genova ad Arquata via
Busalla e via Mignanego
Terzo Valico

di PIERLUIGI BATTISTA
I
nseguire i violenti, blandirli, assecondarli bonariamente, usare
con loro tutti gli espedienti della retorica giustificazionista: cosa
non si fa per provare di nuovo, dopo tanti anni di inverno dello
spirito, il brivido della trasgressione. Stefano Benni si aggiunge alla
schiera dei maestri del pensiero che abbracciano la violenza dei
gruppi pi estremi della galassia No Tav. Lo aveva fatto Gianni
Vattimo. Lo aveva fatto, ripetutamente, Erri De Luca. Ieri Benni ha
scritto a un giovane in galera con laccusa di essere un terrorista. Ha
usato parole affettuose per lui, e di condivisione senza riserve dei
metodi adottati, brutalmente violenti, per
bloccare i cantieri della Tav. Finch ci
saranno giovani come voi, anche se diversi
nelle idee e nelle forme di lotta, mi viene da
pensare che questo Paese abbia ancora un
pezzo di anima e un respiro di speranza.
Addirittura, lanima. Ci che colpisce che,
sulla scia di una lunga tradizione di
interventismo degli intellettuali del tutto
ignaro dei fatti, superficiale e puramente
emotivo, non una parola venga spesa sulle
forme di lotta adottate non dal movimento
No Tav nel suo complesso ma da sue
componenti che fanno della sopraffazione il metodo e della violenza
lunico mezzo. Fioccano le minacce di morte per giornalisti che si
permettono di non sposare in toto le tesi della frangia violenta dei No
Tav. Vengono minacciati gli operai, i fornitori, i trasportatori. Forme
di distruzione di impianti e mezzi sono allordine del giorno.
Parlamentari piemontesi favorevoli alla Tav sono nel mirino dei
violenti. Si stilano le liste di proscrizione per chi lavora nei pressi del
cantiere. I magistrati perseguono reati specifici ma vengono trattati,
come nelle stagioni pi buie del terrorismo anni Settanta, come
agenti della giustizia di classe da punire. Tutto questo sarebbe
lanima e la speranza dellItalia, secondo Benni? Per ricevere un
applauso, bisogna acconciarsi allomert mafiosa per nascondere i
fatti, le violenze concrete, le intimidazioni ripetute? Cosa non si fa
per un brivido di trasgressione. Ma non trasgressione. solo
banalit. La banalit del conformismo. RIPRODUZIONE RISERVATA
BENNI E LA BANALIT
DEL CONFORMISMO
bato si terr la prima marcia di protesta a
valenza nazionale, almeno negli auspici
degli organizzatori. E qui che verr por-
tata la talpa destinata a scavare il tunnel
del valico, in questa zona che la protesta
si saldata a quella del movimento No
tav originario. La stessa bandiera, numeri
e modi di resistenza attiva per ora diversi,
nonostante qualche danneggiamento al-
le poche strutture esistenti, come avve-
Scrittore
Stefano Benni
20
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cronache 21

Linchiesta Mauro Floriani tra i 20 indagati. Ci sarebbero altre persone in vista
Baby prostitute, prove certe
sul marito della Mussolini
Laccusa dei pm. Intercettate anche utenze dellOnu
ROMA Prima hanno indi-
viduato lutenza telefonica. Poi
lhanno incrociata con le inter-
cettazioni. Sono risaliti quindi al
presunto cliente. Fino a fugare
gli ultimi dubbi grazie al ricono-
scimento fotografico fatto dalle
due adolescenti che da loro ave-
vano ricevuto soldi in cambio di
sesso. E gli interrogatori non
hanno cambiato il quadro delle
accuse incontrovertibili cos
ricostruite dagli inquirenti. La
lista dei professionisti facoltosi,
dei benestanti padri di famiglia,
delle persone in vista che nel-
larco di due mesi si sono affac-
ciati nellappartamento di viale
Parioli per fare avere rapporti
con M. e L., 14 e 15 anni, conta
gi oltre 20 nomi. Tra quelli
iscritti sul registro degli indaga-
ti c anche Mauro Floriani, ma-
nager delle Fs, pi noto come
marito di Alessandra Mussolini.
Quasi altrettanti,una quaran-
tina in totale, sono ancora al va-
glio del pm Cristiana Macchiusi
e del procuratore aggiunto Ma-
ria Monteleone. Gli accerta-
menti del Nucleo investigativo
dei carabinieri si concentrereb-
bero anche su un imprenditore
vicino alla politica, ma sul-
lelenco c il massimo riserva-
tezza. Alcuni clienti hanno gi
chiesto di patteggiare la pena,
altri hanno gi espresso linten-
zione di farlo, appena completa-
te le notifiche di garanzia. Con le
attenuanti generiche (sono tutti
incensurati) e lo sconto proprio
del rito alternativo se la dovreb-
bero cavare con condanne infe-
riori allanno. Alcune utenze in-
tercettate risultano in uso a
multinazionali come Ernst &
Young e Kpmg o agenzie del-
lOnu come il Fondo internazio-
nale per lo sviluppo dellagri-
coltura (nessuna di queste coin-
volta nelle indagini).
Con la faticosa ricostruzione
terminer a breve anche lin-
chiesta bis sulle ragazzine che si
prostituivano nel quartiere be-
ne della Capitale, stralcio dal
filone principale su sfruttatori e
pusher che ha gi portato allar-
resto di sei persone, tra cui la
madre di una delle due amiche
(tutti sono gi usciti dal carce-
re), anchesso avviato a conclu-
sione.
La pista che ha portato a Flo-
riani non diversa dalle altre. Il
suo numero di telefonino com-
pariva tra quelli che hanno con-
tattato le due studentesse e
quando ha avuto il sentore di
essere finito nelle indagini il di-
rigente di Fs Logistica spa (la
nomina dellex ufficiale della Fi-
nanza fu accompagnata da pole-
miche per il ruolo ricoperto dal-
la moglie) si recato dai carabi-
nieri per essere interrogato. Ma
senza risultare convincente. Co-
me lui in tanti si sono presentati
spontaneamente: Non ho mai
avuto rapporti con le due ragaz-
ze; Non sapevo che fossero
minorenni; Non mostravano
la loro et e hanno mentito
quando glielho chiesta, sono
alcune delle frasi ripetute pi
spesso.
La notizia del coinvolgimento
di Floriani ha avuto ripercussio-
ni immaginabili in ambito fami-
liare. Le nozze con la Mussolini
risalgono all89. Il minore dei
loro tre figli ieri non andato a
scuola, rinunciando alla gita in
programma. Ma anche sul pia-
no politico ci potrebbero essere,
per colpe non sue, ripercussioni
sulla parlamentare animatrice
in un passato anche recente di
battaglie in difesa dei diritti del-
le donne e dei minori. Tra que-
ste, la castrazione chimica dei
pedofili.
Nel gennaio 2010, allepoca
deputata del Pdl e presidente
della Commissione parlamenta-
re per linfanzia e ladolescenza,
cos la Mussolini sosteneva la
ratifica della Convenzione per la
protezione dei minori contro lo
sfruttamento e labuso sessuale,
siglata a Lanzarote il 25 ottobre
2007: Due sono i punti pi rile-
vanti. Il primo lintroduzione
del reato di pedofilia culturale o
ideologica. Il secondo passaggio
innovativo si concentra sul
grooming, cio ladescamento in
Rete. Proprio il modo con il
quale le due ragazze hanno co-
minciato a prostituirsi, lestate
scorsa, tramite un annuncio sul
sito bakekaincontri. La Conven-
zione, entrata in vigore nellot-
tobre 2012, prevede la reclusio-
ne da sei a 12 anni e una multa
da 15.000 a 150.000 mila euro
per chiunque recluta o induce
alla prostituzione un minore di
18 anni. Mentre per chi compia
atti sessuali con un minorenne
di et compresa fra i 14 e i 18 an-
ni in cambio di soldi o altra uti-
lit, anche solo promessi, la pe-
na va dai sei mesi ai 4 anni,con
una multa da 1.500 a 6.000 euro.
Se il minore non ha ancora com-
piuto i 16 anni, la pena au-
mentata da un terzo alla met.
Lonere di dimostrare che let
del minorenne non fosse nota o
deducibile a carico del cliente.
La Mussolini ieri non anda-
ta in Senato, il suo telefonino
rimasto a lungo spento. Nessun
collega di partito o di altro
schieramento ha commentato
ufficialmente.
Fulvio Fiano
RIPRODUZIONE RISERVATA
Insieme Mauro Floriani con la moglie Alessandra Mussolini: sono sposati dal 1989 (LaPresse)
Bolzano
Giocattoli erotici
a spese della Provincia
Regalo tra colleghi
Manca soltanto un viaggio turistico su una navicella
spaziale. In attesa che qualcuno presenti anche quella come
spesa a carico dei contribuenti, a Bolzano i Freiheitlichen,
movimento liberal-nazionale della destra di lingua tedesca
nonch principale gruppo dopposizione nel consiglio
provinciale altoatesino, sono finiti sotto accusa per la
presunta richiesta di rimborso di un vibratore, di
indumenti intimi e di piccoli gadget per scherzi di genere
erotico. La guardia di finanza ha sequestrato negli uffici del
partito uno scontrino da 64,92 euro di spesa pagata il
giorno 16 maggio 2012 in un sexy shop a due passi dalla
sede consiliare di Bolzano. Alla voce vibratori toy
corrisponde un costo di 25,95 euro, si descrivono daring
scala x 2 e cio indumenti intimi sexi per 16,99 euro, e c
una terza voce per articoli scherz, costata 21,98 euro.
Ora: quel pezzettino di carta era in un fascicolo che i
finanzieri hanno sequestrato perch pertinente alle
indagini sulle spese provinciali e si riferisce a un periodo in
cui era gi entrato in vigore lobbligo di registrare le spese
dei consiglieri. Quindi, a rigor di logica, non avrebbe senso
averlo inserito in quella cartella se non ne fosse stato
chiesto il rimborso. Tantomeno conservarlo per tutto
questo tempo. Ma i Freiheitlichen fanno sapere che le
notizie non corrispondono ai fatti, dopo che in un primo
momento la segretaria Ulli Mair aveva dichiarato al sito
Goinfo che si era trattato di un regalo di compleanno
decisamente un po spinto per un collega avvezzo alla burla.
Tutto qua. In effetti proprio il giorno dello scontrino un
consigliere del gruppo compiva gli anni e la spiegazione
della leader (non certo la richiesta di rimborso) sembrava
plausibile. Ma la stessa Mair nel pomeriggio, parlando con i
giornalisti del Corriere dellAlto Adige che ha pubblicato la
notizia, ha cambiato versione contraddicendosi (non
detto che lacquisto fosse proprio un vibratore), mentre il
movimento diffondeva una nota ufficiale minacciando
querele per gli eventuali diffamatori: i freiheitlichen non
hanno mai utilizzato irregolarmente fondi pubblici. In
procura nessun commento in attesa dellinformativa della
Guardia di Finanza. Commenti e imbarazzi sono invece
politici in questi giorni di alleanze in via delle Europee.
Secondo il locale Dolomiten i Freiheitlichen, salvo
ripensamenti, dovrebbero correre al fianco della Lega Nord.
G. Fas.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Le tappe
La denuncia e gli arresti
Il caso delle baby squillo dei Parioli
scoppiato a Roma dopo che la madre di
una ragazza di 14 anni ha denunciato
un presunto giro di prostituzione
minorile. In sei sono finiti agli arresti.
Fra questi la madre di unaltra ragazza
minorenne: secondo le tesi dellaccusa
avrebbe indotto la figlia a prostituirsi
Roma Le motivazioni della sentenza di assoluzione. Pagati 900 mila euro in pi senza che lex ministro ne fosse informato: Se avesse saputo avrebbe rifiutato
Casa al Colosseo, per il giudice Scajola non ne conosceva il vero prezzo
Spregiudicato il finanziato-
re. Inconsapevole il ministro.
Gi ufficializzata la propria
candidatura alle europee
(Forza Italia) Claudio Scajola
restituito al suo futuro politi-
co dalle motivazioni con cui il
giudice della I sezione, Eleo-
nora Santolini, lo ha assolto
dallaccusa di finanziamento
illecito il 27 gennaio scorso
(prescrivendo il suo finanzia-
tore, limprenditore della
Medea srl Diego Anemone)
per la casa al Colosseo.
In sintesi, secondo il giudi-
ce, se Scajola avesse saputo,
avrebbe rifiutato quel finan-
ziamento. Dunque era com-
pletamente alloscuro del so-
vrapprezzo pagato, quei nove-
centomila euro versati alle so-
relle Papa dall architetto
Angelo Zampolini per conto
di Medea srl. Verosimile
ipotizzare che i predetti per-
sonaggi (Anemone, ma anche
Angelo Balducci ex provvedi-
tore alle Grandi Opere, ndr)
nella previsione di un netto ri-
fiuto dello Scajola a fronte di
unofferta di aiuto economico
di quella portata, si siano de-
terminati a versare il maggior
prezzo dacquisto, a sua insa-
puta appunto.
Una mossa studiata a tavo-
lino dai finanziatori: Ben
consapevoli di porlo, a quel
punto, di fronte a un fatto
compiuto e, conseguente-
mente in una situazione di
sudditanza psicologica e di
condizionamento. Il proces-
so ha pacificamente escluso
la concomitante presenza di
Scajola nella delicata e com-
promettente fase negoziale.
Reinterpretata lintera se-
quenza dei fatti. Lessersi as-
sentato nel corso della stipula
del contratto, proprio mentre
le sorelle Papa ricevevano la
conferma da parte della Deut-
sche Bank dei 900 mila euro
accreditati, conferma, ora, che
lonorevole Scajola non pote-
va, per cos dire, sapere.
Quanto al teste Zampolini,
fondamentale per laccusa, in
sede processuale si rivelato
poco utile. Nel ricordare di
aver dato a Scajola consigli
per ricavare un altro bagno
ha detto di non aver mai par-
lato con lui in modo diretto
del prezzo dellimmobile.
Si conferma valida, secon-
do i giudici, la collocazione
temporale del reato di finan-
ziamento illecito. Giusto, dice
la Santolini, ritenere che fosse
laprile 2007, quando cio il
bilancio omissivo della Me-
dea srl fu depositato dallim-
prenditore.
Esulta lex ministro: Non
lhanno avuta vinta, per una
volta, coloro che hanno spe-
culato sopra il calvario media-
tico giudiziario cui sono stato
sottoposto mentre il suo di-
fensore, lavvocato Giorgio
Perroni, pu trionfalmente
commentare che i processi si
fanno in aula e non attraverso
i media.
Alla Procura resta qualche
giorno per stabilire se fare o
meno ricorso. Quanto allap-
partamento di via del Faguta-
le, con vista sul Colosseo, il
portavoce dellex ministro as-
sicura che non ci saranno ri-
pensamenti: C gi lacqui-
rente. Si tratta di una signora.
Attendevamo solo la sentenza
e le sue motivazioni. Ora si
potr fare il rogito.
Ilaria Sacchettoni
RIPRODUZIONE RISERVATA
La reazione
Non lha avuta vinta
chi ha speculato sul
calvario mediatico a cui
mi hanno sottoposto
Assolto
Sopra, Claudio Scajola, 66 anni. A
sinistra, la casa in via del Fagutale
i
Lo scontrino
La ricevuta del
sexy shop con
gli acquisti
dei quali
i consiglieri
altoatesini
avrebbero
chiesto
il rimborso
Consigliera
Ulli Mair, se-
gretaria del
partito dei
Freiheitlichen
A proposito
del gadget
erotico avreb-
be detto che si
trattava di un
regalo per un
collega
Nella rubrica
Il numero di telefonino
di Floriani compariva
tra quelli che hanno
contattato le studentesse
Il nuovo filone e i controlli
Gli inquirenti dal fascicolo principale ne
hanno stralciato uno che vedrebbe
indagati venti clienti delle baby squillo: i
loro nomi sarebbero scaturiti dopo
intercettazioni telefoniche, ricognizioni
fotografiche e controlli incrociati sui
tabulati (a sinistra, la foto acquisita agli
atti di un incontro)
22
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cronache 23

Beni culturali
I ragazzi chiamati
ad accompagnare i
visitatori. Carandini:
Ricostruire
la coscienza
dei luoghi
e dei loro saperi
Studenti di medie e licei
ciceroni fra i tesori dItalia
Giornate del Fai: 750 siti aperti, si celebra Augusto
Levento
Sabato 22 e domenica 23
marzo si svolgono le
Giornate Fai di Primavera,
che nelle precedenti 21
edizioni hanno fatto
registrare 7 milioni e 200
mila visitatori nei 77 mila
siti che sono stati aperti al
pubblico
I numeri
Questanno, per liniziativa
del Fondo Ambiente
Italiano, saranno 750 le
aperture di siti culturali e
storici in 320 localit
sparse in tutte le venti
regioni della penisola. Ben
centoventi aperture
saranno dedicate alla
figura di Augusto
Imperatore, nel secondo
millenario della morte
Al lavoro
I volontari coinvolti nelle
due giornate saranno
7.000 mentre 22.000
apprendisti ciceroni,
formati nelle scuole
secondarie, sono stati
chiamati ad
accompagnare i visitatori
Liniziativa
Il palazzo del Corriere
La sede del Corriere della Se-
ra, in via Solferino a Milano
(qui sopra), sar aperta al
pubblico, cos come il polo di
stampa del giornale a Pessa-
no con Bornago
I luoghi
Il Teatro di
Marcello, a Ro-
ma (a destra), e
il Teatro roma-
no di Brescia (in
alto a sinistra):
due dei luoghi
visitabili nelle
Giornate del Fai
ROMA In Italia abbiamo
uno splendido articolo della Co-
stituzione, il 9. Obbliga la Re-
pubblica alla tutela del patrimo-
nio paesaggistico e culturale.
Ma per agire lo Stato devessere
circondato da una tradizione
scolpita nel cuore degli italiani.
Le Giornate del Fai, il Fondo
Ambiente Italiano, mirano pro-
prio a questo: a ricostruire la co-
scienza dei luoghi e dei loro sa-
peri.
Andrea Carandini, archeolo-
go e presidente del Fai, presenta
nellauditorium dellAra Pacis a
Roma il programma della edi-
zione numero 22 delle Giornate
Fai di Primavera per sabato 22 e
domenica 23 marzo. Ecco le ci-
fre: 750 visite straordinarie ad
altrettanti siti sparsi in 320 loca-
lit di 20 diverse regioni, 7.000
volontari del Fondo Ambiente
Italia mobilitati, 22.000 ragazzi
delle scuole secondarie inferiori
e superiori impegnati come ap-
prendisti ciceroni. Questanno
si tratter un tema particolare: il
bimillenario della morte di Au-
gusto Imperatore. Dei 750 siti
aperti, 120 costituiranno un iti-
nerario intitolato appunto Sul-
le tracce di Augusto.
Si partir dal Teatro di Mar-
cello di Roma (dove comincer
domenica su Raitre alle 8.45,
con Andrea Carandini, la diretta
dedicata al Fai che durer fino
alle 11.10) e si proseguir, solo
per fare qualche esempio scelto
tra i tanti, col Teatro Romano di
Brescia e il Teatro Romano di
Milano, il quartiere ellenistico-
romano di Agrigento, il ponte di
Augusto e Tiberio a Rimini. An-
drea Carandini, che ieri sera ha
tenuto una lectio magistralis su
Augusto allAuditorium di Ren-
zo Piano a Roma, ha sottolinea-
to che si tratta dellunica mani-
festazione nazionale con al cen-
tro la figura di Augusto, nel suo
bimillenario, e il suo progetto di
rifondazione dello Stato impe-
riale.
La Giornata di Primavera Fai
non si esaurir con Augusto. Ci
saranno molti altri luoghi da ri-
scoprire e da studiare. Per
esempio la straordinaria sede
Rai di Venezia a palazzo Labia
affrescato dal Tiepolo, il palazzo
Giustiniani-Odescalchi a Bassa-
no Romano (di propriet pub-
blica ma in attesa di valorizza-
zione e di restauro), lottocente-
sco Carcere di san Sebastiano a
Sassari (altro edificio vuoto che
attende un nuovo destino), il
monastero del Santissimo Sal-
vatore a Corleone. A Milano vi-
sita speciale alla sede Rai di cor-
so Sempione, progettata da Gi
Ponti per la prima sede Eiar.
Sempre a Milano sar aperto al
pubblico lo storico palazzo del
Corriere della Sera in via Solfe-
rino 28, che dal 1904 ospita le
redazioni, cos come saranno
visitabili le stamperie del Cor-
riere della Sera a Pessano con
Bornago. A Napoli si riscoprir
lArchivio di Stato nato nel 1808
e ospitato nel Monastero dei
santi Severino e Sossio. Per con-
sultare elenchi e orari (e per ca-
pire come partecipare alla cam-
pagna di iscrizione e autofinan-
ziamento) possibile consulta-
re www.giornatefai.it.
Il vicepresidente esecutivo
del Fai, Marco Magnifico, ha
chiesto il sostegno dei visitatori:
I siti sono aperti gratuitamente
ma contiamo sulla generosit
del pubblico. La nostra anche
una campagna di iscrizione,
speriamo questanno di totaliz-
zare 20.000 nuovi tesseramenti.
Apriremo agli italiani non solo
monumenti, ma tutto ci che la
storia ha prodotto.
Il sostegno del governo ar-
rivato col sottosegretario ai beni
culturali, Ilaria Borletti Buitoni,
gi presidente del Fai prima di
Andrea Carandini: Tutti i parti-
ti dicono che lItalia si salva gra-
zie al suo patrimonio. Ma senza
organizzazioni come il Fai, sen-
za la partecipazione della socie-
t civile, non ce la faremo mai.
Paolo Conti
RIPRODUZIONE RISERVATA
Storia e monumenti
Si parte sabato 22
marzo dal teatro
di Marcello a Roma
Il primo anno di Pontificato
IL PAPA E LA CHIESA POVERA CHE SI ALLONTANA DALLOCCIDENTE
A un anno dallelezione tanti si al-
lietano per Papa Francesco e si au-
gurano chegli riesca nelle riforme
che si proposto, ma forse la sua
Chiesa in uscita se riuscir a rea-
lizzarla sar una buona notizia
solo per il Sud del Mondo: la vuole
infatti come Chiesa dei poveri e al
Nord ricco pi volte in questanno
ha gridato vergogna mettendolo
sotto accusa.
la prima volta che un rappre-
sentante dellumanit del bisogno
parla a nome del mondo cristiano e
si propone di rendere operativa in
tutta la Chiesa cattolica la scelta
preferenziale per i poveri formulata
nel 1968 a Medellin dagli episcopati
latino-americani. Nonostante le in-
vettive che le rivolge, lumanit del
benessere lapplaude perch Fran-
cesco alleggerisce il conflitto ideolo-
gico con la societ secolare e pochi si
avvedono che il suo non un balzo
nella modernit, piuttosto un bal-
zo nella missione e quella missione
comporta un allontanamento dal-
lOccidente o quantomeno dallEu-
ropa.
La direzione impressa al Pontifi-
cato apparve chiara in luglio con
landata a Lampedusa e lanalogo
proclama che lanci dalla cintura
della miseria di Rio de Janeiro, dove
present la sua Chiesa come avvo-
cata della giustizia e difensore dei
poveri contro le disuguaglianze so-
ciali ed economiche intollerabili che
gridano al cielo. Ma a breve quella
scelta di campo sar ancora pi evi-
dente: il Papa venuto dalla fine del
mondo ha in programma viaggi in
Medio Oriente, Asia e Africa che da-
ranno la piena misura della sua sfida
allumanit del benessere alla quale
appartiene listituzione che governa.
Nessun Papa in epoca contempo-
ranea aveva posto tanti segni di no-
vit in cos poco tempo. Neanche
Roncalli che apr le finestre senza te-
mere i venti e neanche Wojtyla, che
fu il primo a venire da un Paese
lontano. Spogliandosi del rosso
imperiale delle vesti e restando con
la tunica bianca del missionario, la-
sciando lappartamento e la villa di
Castel Gandolfo, scegliendo unuti-
litaria per gli spostamenti, portando
da solo la borsa mentre sale sullae-
reo per il Brasile o sul pullman per
Ariccia, egli propone una figura pa-
pale in discontinuit rispetto non
solo a Benedetto ma allinsieme de-
gli ultimi quattro papi conciliari.
Altrettanto nuovo il suo pro-
gramma riformatore: proponendo
una riforma della Chiesa in uscita
missionaria egli invita la cattolicit
a superare il modello di Chiesa co-
stituita della tradizione europea e
propone la conversione a una
Chiesa in missione, intesa a rag-
giungere ogni periferia e meno pre-
occupata di difendere le conquiste
della vecchia cristianit. Ha detto
che vuole una conversione missio-
naria persino del Papato, che costi-
tuisce il quartiere generale di quella
difesa.
Le Chiese dellEuropa non solo
quella Cattolica sono state co-
strette sulla difensiva dallevoluzio-
ne del costume e delle leggi a partire
dallilluminismo. Assediate dalla
modernit, hanno alzato barriere
contro di essa e dentro alle mura so-
no restate per due secoli abbondan-
ti, mentre la missione continuavano
ad attuarla negli altri continenti. Si
tratta, a ben vedere, dei duecento
anni di ritardo sui quali sinterro-
gava il cardinale gesuita Martini alla
fine dei suoi giorni. Ed ecco un Papa
gesuita venuto dal Sud che si propo-
ne di sbloccare limpasse: qui forse
il vero significato dellelezione
per la prima volta nella storia di
un cardinale che non si formato
nel campo trincerato della cattolici-
t europea.
Luscita dalle comodit per anda-
re ai poveri come ama dire Bergo-
glio Vangelo puro, ma un Van-
gelo che solo per i poveri davvero
un lieto annuncio. dunque preve-
dibile lo sviluppo di un aperto con-
flitto con lo scatenamento degli ego-
ismi che caratterizza il Nord del
mondo. Fino a oggi avevamo visto
lOccidente che si allontanava dalle
Chiese, con Papa Francesco inizia-
mo a vedere le Chiese che si allonta-
nano dallOccidente.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Gli applausi dei Paesi ricchi a Francesco
che li accusa per il loro egoismo
Il sondaggio
Per i fedeli
Bergoglio somiglia
a Robin Hood
I settimanali paolini Credere e Famiglia
Cristiana hanno fatto un sondaggio
online su Bergoglio. Per 7 lettori su 10 le
sue parole hanno avuto influenza di
cambiamento sulla loro vita e il 58%
dice di aver riscoperto la fede come
gioia e non come dovere. Il 27% adotta
stili di vita pi sobri mentre il 22
afferma di voler pi bene agli altri per
effetto di Francesco. Per il 20.2%, se fosse
un personaggio della letteratura, il Papa
sarebbe Robin Hood. E se facesse un
altro mestiere sarebbe un insegnante
(illustrazione dei periodici San Paolo)
Il caso
Un guasto
ferma Twitter:
45 minuti
senza cinguettii
Senza cinguettii per 45 minuti. In
tutto il mondo. Dalle 19.01 di ieri
(ora italiana, ndr) milioni di
utenti di Twitter hanno avuto
problemi ad accedere ai loro
account da computer, smartphone
e tablet. Durante gli interventi
previsti in uno dei nostri sistemi
ha spiegato la societ , si
sono verificati alcuni problemi
che hanno portato allinterruzione
del servizio (a sinistra, la
schermata che annunciava il
guasto). Lultima volta che il sito
risultato inaccessibile risale al 4
settembre scorso: e anche allora il
blackout durato una quarantina
minuti. Ma, a differenza di ieri,
non si poteva accedere solo dal pc,
mentre funzionavano le app
installate sui dispositivi mobili.
Nulla in confronto alle tre ore di
stop del 31 gennaio 2013: ma
quella volta non si poteva
cinguettare per il troppo traffico.
RIPRODUZIONE RISERVATA
di LUIGI ACCATTOLI
24
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

388,00
Nuovo H800 Leonardo
Perfetta sintesi di tecnologia e bellezza
368,00 398,00
ECO DRIVE: ENERGIA INESAURIBILE
grazie alla carica della luce
RADIOCONTROLLATO: PRECISIONE ASSOLUTA
tolleranza 1 sec. ogni 10 milioni di anni
VETRO ZAFFIRO: PREZIOSO E INSCALFIBILE
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cronache 25

La storia Luomo, dopo il divorzio, lo alleva da solo in un villaggio cinese della provincia del Sichuan
Il pap che fa 29 chilometri al giorno
per portare in spalla il figlio a scuola
Il piccolo disabile ma il primo della classe. Andr al college
Universit
Il governatore
di Bankitalia:
in Italia studiare
conviene meno
ROMA Avere una laurea
in Italia non rende molto,
studiare conviene meno che
altrove. Lo ha affermato il
governatore della Banca
dItalia, Ignazio Visco,
anticipando i risultati di
una ricerca realizzata a
Palazzo Koch. Nel suo
intervento in occasione
della presentazione di una
ricerca della Anvur,
lagenzia di valutazione del
sistema universitario, Visco
ha osservato che guardando
ai redditi lordi dei lavoratori
dipendenti italiani laureati,
questi nel 2010 erano
superiori di poco pi del
30% rispetto a quelli dei
diplomati, quindici punti
percentuali in meno
rispetto alla situazione
presente negli altri grandi
Paesi europei. Il
rendimento della laurea
per sensibilmente pi
basso per i giovani laureati
italiani, ovvero solo l11%,
contro il 35% degli altri
Paesi. La spiegazione, dice
Visco, potrebbe essere in
parte legata a una pi
bassa attivit innovativa
da parte delle imprese.
Secondo il numero uno
dellIstituto di via Nazionale
bisogna indirizzare pi
risorse verso ricerca e
sviluppo perch vi una
relazione positiva tra
investimento in conoscenza
e andamento della
produzione e anche
coesione sociale. Le
conseguenze negative della
crisi finanziaria globale
sono state accentuate dal
fatto che leconomia italiana
non cresce da due decenni,
ha detto Visco esortando ad
attuare politiche che
rendano il sistema di
istruzione e formazione pi
adeguato a un ambiente
economico sempre pi
competitivo e in rapido
cambiamento. E non c da
rifugiarsi nella strada della
decrescita felice la
corrente di pensiero del
francese Serge Latouche che
tanto piace al Movimento 5
Stelle. La maggior parte di
noi ne soffrirebbe
drammaticamente, anche
perch alcuni temi, come
per esempio la protezione
dellambiente, sono pi
accessibili ai ricchi che non
ai poveri.
Stefania Tamburello
RIPRODUZIONE RISERVATA

luomo dellanno, secondo il


Daily Mail. Meglio sarebbe: il
padre dellanno. Un omino,
per la verit. Almeno a giudicare
dalle fotografie, in cui lo si vede
camminare con le scarpe da tennis
e un giaccone pesante. Siamo nella
Cina meridionale, sulle colline del-
la citt-prefettura di Yibin, provin-
cia del Sichuan. Su sentieri polve-
rosi e accidentati, tra muretti a sec-
co e alberelli smagriti, il quaran-
tenne Yu Xukang cammina con un
bambino sulla schiena, tenendogli
le mani perch non cada allindie-
tro. Con il figlio dodicenne Xiao
Qiang adagiato dentro un canestro
di vimini, il signor Yu Xukang per-
corre ogni giorno 18 miglia, ovvero
29 chilometri. A piedi. Dove vanno
il pap e il suo bambino? Raggiun-
gono la scuola, dove Xiao Qiang
passa le sue giornate in classe, a
scrivere e fare i calcoli come tutti i
bambini del mondo.
4,5 miglia per andare, 4,5 miglia
per tornare in paese a lavorare, 4,5
per tornare nella borgata di Fengyi
Fengxi dove si trova la scuola, 4,5
miglia ancora per riportare il bam-
bino a casa. 4,5 miglia quattro volte
al giorno. Sveglia alle cinque del
mattino, colazione, camminata an-
data e ritorno, lavoro, seconda
camminata andata e ritorno, cena.
E cos via, se la matematica non
unopinione: 18 miglia tutti i gior-
ni, finch le gambe e la schiena
reggono, e finch il governo non
gli dar un aiuto, come ha promes-
so non appena la fatica di pap
Xukang stata ripresa e raccontata
dalle tv locali. la fatica di un pa-
dre che dopo il divorzio (nove anni
fa) ha deciso di crescere in solitu-
dine il figlio disabile e di permet-
tergli di frequentare le scuole. Un
piccolo Ercole delle colline cinesi.
Sono or go-
glioso dice
c h e X i a o
Qiang sia il mi-
gl i or e de l l a
classe e sono si-
curo che far
grandi cose. Il
mio sogno che un giorno si iscri-
va al college. Deve essere fiero an-
che di s, se ha calcolato che finora,
con il piccolo sulle spalle, ha mar-
ciato almeno per 1.600 chilometri.
E continuer a farlo, con la schiena
sempre pi ingobbita e le gambe
sempre pi deboli, se le istituzioni
non si muovono. Certo il piccolo
Xiao Qiang, con i suoi 90 centime-
tri di statura, non potr rimprove-
rargli nulla: suo padre ha fatto il
possibile. E anche di pi.
Vado a scuola un film diretto
dal francese Pascal Plisson e uscito
pochi mesi fa, racconta storie simi-
li a quella del pap e del bimbo ci-
nese. Racconta lo sforzo immane di
tanti ragazzini, in Kenya, in India,
in Marocco, in Patagonia, che de-
vono alzarsi allalba e attraversare
fiumi, pianure, montagne, kanyon
o foreste, per andare a studiare. Al-
cuni devono persino caricarsi di
secchi dacqua e di legna, perch la
loro scuola non offre da bere du-
rante la giornata e non garantisce il
riscaldamento. Altri, i giovani Ma-
sai, hanno rinunciato a essere
guerrieri pur di studiare. Zahira vi-
ve in un villaggio berbero nel Ma-
rocco con due fratelli e quattro so-
relle e sogna di diventare poliziotto
per difendere i diritti delle donne e
dei bambini del suo Paese. La ve-
diamo camminare sola, un velo ne-
ro in testa e uno zainetto sulle spal-
le, in mezzo a una montagna arida.
Nella Baia del Bengala il dodicenne
Samuel, figlio di pescatori poveris-
simi, deve percorrere 8 chilometri
su una sedia a rotelle (ha contratto
la poliomielite da piccolo) sfidan-
do piogge, sassi e buche. Carlito si
mette in cammino, con la sua so-
rellina, per 25 chilometri sulla
groppa di un cavallo sfidando la
Cordigliera delle Ande con la pre-
occupazione di non arrivare in ri-
tardo a lezione.
Il documentario di Plisson sta-
to insignito del logo Unesco e rac-
conta storie di oggi, che per ci ap-
paiono lontanissime come prove-
nissero dallOlocene. I nostri nonni
e bisnonni avrebbero potuto rac-
contarci fatiche simili, vissute ne-
gli anni della guerra, magari sotto
le bombe, o poco dopo nelle cam-
pagne e nelle province italiane.
Storie di povert e di ostinazione
che per fortuna sono archiviate
sotto la voce passato remoto. La
morale delle favole di ieri e soprat-
tutto doggi, che non sono favole,
fin troppo facile. Talmente facile
che andrebbero lette (o proiettate)
ai figli del consumo, annoiati dello
studio, anzi esausti pur avendo
camminato soltanto qualche centi-
naio di metri per raggiungere la lo-
ro scuola, zainetto sulle spalle di
pap o di mamma, e sorbirsi svo-
gliatamente qualche ora di lezione.
Morale facilissima, per carit (e
mettiamoci pure tutte le eccezioni
del caso). Ma utile per crescere, co-
me ogni morale della favola. Specie
se qualcuno sa spiegare che quella
di Xiao Qiang e di suo padre non
una bella favola ma una dolceama-
ra realt.
RIPRODUZIONE RISERVATA
di PAOLO DI STEFANO
In spalla
Yu Xukang, 40 anni, porta a scuola
il figlio 12enne nel sud-ovest della
Cina: ogni giorno il padre percorre
circa 30 chilometri per accompagnare
il piccolo con disabilit (foto Central
European News /Europics)
1.600
Chilometri
Percorsi finora da
Yu Xukang con il
figlio in spalla
Spagna Lautore del Don Chisciotte, che combatt a Lepanto, chiese di essere sepolto in un convento a Madrid. Un georadar per localizzare le sue spoglie
Caccia ai resti di Cervantes: lo riconosceremo dalle ferite
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
MADRID Qui si tratta di
come lautore del Don Chi-
sciotte venne sepolto, della ri-
cerca della sua tomba e del de-
naro che potrebbe fruttare.
Lidea dellimpresa venuta a
tale Fernando Prado, professo-
re di storia, preparatissimo, per
carit, di certo appassionato di
tutte le opere di Miguel de Cer-
vantes, ma ben pi Sancho
Panza che idealista hidalgo
della Mancha. Vuoi mettere
quanti lettori andrebbero in
pellegrinaggio alle ossa dello
scrittore? Allombra di cotanta
lapide sboccerebbero ristoran-
ti e calamite da frigorifero.
Daltra parte, cosa sarebbe
Stratford on Avon se non ci fos-
se la tomba di William Shake-
speare? Probabilmente solo
lindirizzo di una scuola estiva
di inglese.
Miguel de Cervantes ebbe
una vita errante pi che caval-
leresca. Prima che sommo
scrittore fu attaccabrighe e sol-
dato, vivandiere e ladro, esat-
tore e carcerato. Quando un
medico gli disse di aver cura
della salute dellanima perch
quella del corpo era in perico-
lo, Cervantes chiese di essere
sepolto nella Chiesa delle Tri-
nitarie. Era un omaggio al ruo-
lo che lOrdine religioso aveva
avuto nel suo riscatto dai pirati
algerini. Mor nel 1616 a Ma-
drid. Probabilmente Don Mi-
guel non poteva permettersi
una lapide sostiene il profes-
sor Prado, cos potrebbe essere
stato sepolto in una cripta as-
sieme a cappellani e benefatto-
ri della Santissima Trinit. A
complicare la ricerca c che 60
anni dopo, la chiesetta fu ab-
battuta per costruirne una pi
grande. Larchivio ecclesiastico
tiene memoria dei dobloni
spesi per trasferire le salme. Ma
dove? Gli antichi registri non lo
dicono n citano i nomi dei
peccatori traslati. Lobbiettivo
del professor Prado scoprirlo.
Per farlo ha tentato di convin-
cere un consorzio americano.
Mi hanno detto: Ma come?
Avete qui una celebrit mon-
diale e da 4 secoli nessuno si
preoccupa di individuarlo?.
Annusavano l imbroglio.
Mentre gli americani soppesa-
vano se fosse meglio comprare
laria di Napoli o la tomba di
don Miguel, intervenuto il
Comune di Madrid con 12mila
euro per linizio
dellavventura.
L e s u o r e
scalze del con-
vento che ora
comprende l a
presunta tomba
del genio per-
metteranno lin-
gresso nelle ve-
nerande mura
dei georadar del
professore. Sono diavolerie ca-
paci di individuare cavit die-
tro le pareti o sotto terra. Lo
scheletro da Nobel postumo
potrebbe essere assieme ai resti
di altri 15 suoi coetanei. Cer-
vantes venne ferito nella batta-
glia di Lepanto, perse luso del
braccio sinistro. Se con le mo-
derne tecniche da cold case
non riusciamo ad individuarlo,
mi mangio la Bibbia promette
il professor Prado.
Le suorine, la pi giovane ha
82 anni, sono perplesse. Se si
disturbasse il sonno dei morti,
dovremmo pensarci ancora
prima di dare il consenso. Ol-
tre ai Vangeli, evidente, leg-
gono anche le avventure del
cavaliere errante. Avvertilo
scrive Cervantes nellultimo
capitolo del suo capolavoro
di lasciare riposare nella tomba
le stanche e ormai corrose ossa
di don Chisciotte, e non voglia
portarlo, contro tutti i diritti
della morte, nella Vecchia Ca-
stiglia facendolo uscire dalla
fossa. Capito professore?
Andrea Nicastro
RIPRODUZIONE RISERVATA
Dov sepolto
Il convento de las
Trinitarias descal-
zas de San Ilde-
fonso a Madrid
Scrittore Un ri-
tratto di Miguel de
Cervantes, morto
nel 1616. A destra,
Don Chisciotte il-
lustrato da Gusta-
ve Dor (1863)
Il governo
Dopo che le televisioni si
sono occupate della famiglia
le autorit cinesi si sono
dette disposte ad aiutarla
Al cinema
Una vicenda che sembra uscita
dal documentario del francese
Pascal Plisson sui bambini
scolari del Sud del mondo
26
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cronache 27

Cosa abbiamo fatto
Il tempo delle donne
V
a
l
o
r
e

D
Come usare bene la Rete
Cos il profilo diventa un brand
Uscire dalla modalit off-line, valorizzare la propria professionalit usando
le possibilit della Rete. Sabrina Lucini, responsabile delle-commerce Ikea
per lItalia, e Francesca Parviero, unica official partner Italia Linkedin e
assistente per le aziende con strategie di social media e social recruiting,
sono le animatrici del dibattito Personal Branding a cura di ValoreD in
programma mercoled prossimo, 19 marzo, alle 9 in Sala Buzzati.
Valorizzare la carriera delle donne attraverso quei social media marketing
fino ad oggi utilizzati per comunicare i brand aziendali spiega Parviero
. Vogliamo spiegare come veicolare il proprio profilo professionale allo
stesso modo di un brand aziendale. Una strategia che per le donne si
dimostra particolarmente efficace. Le difficolt che il mondo femminile
incontra nel promuovere la propria professionalit possono essere
superate grazie ad un uso esperto del personal branding. Affrontare i
cambiamenti il tema del successivo incontro, il 10 aprile.
RIPRODUZIONE RISERVATA
I
o

d
o
n
n
a
Amori, impegno civile e arte
Conversazioni sulla passione
la passione il filo che lega le conversazioni del Tempo delle donne di Io
donna, al Teatro Parenti di Milano il 20 marzo. Passione civile quella di
Lavinia Groppi, ginecologa del Cuam, 31 anni da tre in Africa, nei territori pi
impervi per aiutare a partorire in sicurezza. passione per larte, il teatro e gli
amori, quella che ha guidato la voce di Ornella Vanoni che della vita ha
consumato tutto. Con passione. Impeto, tra eccitazione e pena fino
allimpossibilit di tornare a un testo: il quadro teatrale di Sabrina
Impacciatore che ripercorre stato cos di Natalia Ginzburg, romanzo che
lha segnata al punto da non poterlo pi interpretare. Umberta Telfener,
autrice di Gli Amori briciola e Chiara Gamberale nei panni di intervistatrice
aprono a una questione contemporanea: esiste ancora la passione nella
coppia? Alla leggerezza impegnata di Serena Dandini, che riflette la passione
militante nella professione, accompagnata da Diamante DAlessio, direttore
di Io donna, affidato il compito di condurre. Facendo riflettere. Per il
prossimo appuntamento, il 7 aprile, la parola chiave sar accoglienza.
Conciliazione
Il peso (della vita)
di Lucia Mascino
Io sto bene (Il peso) il
monologo di Ivan Cotroneo per
Lucia Mascino dedicato alla
conciliazione tra lavoro e vita
familiare, il peso che portano
sulle spalle le donne
Levento Gioved prossimo al teatro Franco Parenti, tra inchiesta e ironia
Il cervello delle donne diverso
Neurobiologia, fotografia e filosofia
per entrare (e uscire) dai miti della
psiche femminile. Senza stereotipi
L
e donne ragionano in modo diverso
dagli uomini. Le donne sono miglio-
ri nelle materie umanistiche. Le
donne sono passionali, impulsive, infede-
li, insicure. Le donne sono bravissime nel
multitasking! Quante volte abbiamo sen-
tito queste frasi? Dopo tanto parlare di cor-
po delle donne, tempo di cambiare pro-
spettiva e affrontare il tema, e i miti, della
psiche e del cervello al femminile, stru-
menti di successo ma spesso anche prigio-
ni delle ambizioni. E l che nascono le pa-
ure su cibo, sesso, lavoro , le speran-
ze di empowerment delle donne; cos co-
me tanti, troppi stereotipi. A partire dal
pi antico di sempre. Il cervello delle don-
ne diverso (meno intelligente?) da quel-
lo degli uomini.
Di questo e molto altro si parler (e ri-
der), gioved 13 marzo, al Teatro Franco
Parenti (ingresso libero con prenotazione
obbligatoria allo 02-20400334) durante
La mente delle donne: cos fan tutte? Sia-
mo cervello oltre lo stereotipo del corpo.
E il quarto appuntamento di Il tempo
delle Donne di primavera. Prove generali
del laboratorio di idee, sperimentazione e
innovazione di La27ora-Corriere della Se-
ra, IoDonna, Valore D e WE-Women for
Expo che a fine settembre (il 26, 27 e 28)
dalla Triennale di Milano si allargher ad
altri spazi milanesi convolgendo universi-
t, associazioni, aziende, per tre giorni di
confronti, spettacoli sui temi delle donne
contemporanee. Il tema dellintelligen-
za al femminile il nucleo dellincontro-
spettacolo di gioved. Raccontato attraver-
so piani diversi, in una contaminazione
fra neurobiologia, fotografia, letteratura e
filosofia. Ad alternarsi sul palco la neuro-
scienziata Raffaella Rumiati, la fotografa e
divulgatrice scientifica Lucia Simion, il fi-
losofo Diamante Ordine. Con i raid comici
delle Scemette, perch le donne non
amano mai prendersi troppo sul serio,
neppure quando parlano del pezzo pi
importante del corpo, il cervello appunto.
E giusto partire con unammissione. S,
le donne hanno il cervello pi piccolo e
leggero. Non un mistero. Gli scienziati lo
hanno misurato: il cervello medio di una
donna pesa 1,200 chilogrammi contro
1,350 kg di quello maschile. Eppure anche
Albert Einstein aveva un cervellopiuma,
e nessuno direbbe che funzionava meno
bene perch aveva un volume minore. La
grandezza non tutto, avverte Raffaella
Rumiati, professoressa di Neuroscienze
Cognitive alla Scuola Internazionale Supe-
riore di Studi Avanzati di Trieste e autrice
del saggio Donne e uomini. Dal palco
del Parenti, con dovizia di dati ed esempi,
svilupper il concetto delle menti diffe-
renti, fra mito e realt, cercando di ri-
spondere al dubbio di sempre: il cervello
degli uomini cos diverso da quello delle
donne?
Ben aldil di massa e volume, quello
che conta sono le connessioni, o sinapsi,
fra i neuroni. Solo da alcuni anni, grazie
alle nuove tecniche di imaging (come la ri-
sonanza magnetica) gli scienziati sono
riusciti ad entrare in un cervello vivo, vita-
le, e hanno iniziato a capire come funziona
questa straordinaria macchina. Gli stere-
otipi possono esercitare uninfluenza de-
vastante sulle prestazioni delle donne,
specie negli ambiti in cui ci sentiamo vul-
nerabili, spiega Rumiati. Ecco perch i
comportamenti denigratori nei nostri
confronti vanno eliminati. A lungo, ad
esempio, si sostenuto che le donne non
siano portate per le materie scientifiche. Il
gap evidente, se ci si limita alle statisti-
che. NellUnione Europea ci sono pi don-
ne laureate rispetto agli uomini in me-
dia il rapporto di 124 a 100 ma in ef-
fetti c ancora una segregazione acca-
demica verso le materie umanistiche o
legate al benessere e alla cura (dati Euro-
stat). In Italia la situazione particolar-
mente grave nel campo della fisica, della
matematica e della chimica.
Gli esempi di scienziate eccellenti in re-
alt non mancano. La fotografa Lucia Si-
mion racconter i reportage effettuati du-
rante le sue numerose spedizioni in Antar-
tide, la quotidianit estrema e le con-
quiste delle scienziate in quello che viene
considerato il pi grande laboratorio a
cielo aperto della Terra. Soltanto da una
ventina di anni le donne sono ammesse a
queste spedizioni. E senza di loro, oggi, le
basi non funzionerebbero.
A seguire il filosofo Nuccio Ordine, pro-
fessore di letteratura italiana presso lUni-
versit della Calabria e autore del bestsel-
ler Lutilit dellinutile. Manifesto, da
mesi in cima alle classifiche di vendita in
Italia e Spagna, far una lettura scenica
commentata di testi di Ariosto, Cervantes
e Mozart per ribaltare il topos dellinfedel-
t della mente femminile.
Infine le comiche Le Scemette (gi in
onda sul Web Cabaret della 27 Ora) ci rac-
conteranno in brevi sketch il lato comico
della mente al femminile. Donne tradite e
traditrici, lasciate e che lasciano. Donne
affermate, arrapate, disgraziate e, spesso,
disorientate. Donne, soprattutto, intelli-
genti, racconta la regista Giovanna Doni-
ni. Perch, per essere donne, ci vuole in-
telligenza. Molta intelligenza.
Sara Gandolfi
Chiara Mariani
RIPRODUZIONE RISERVATA
da quello degli uomini?
WE-Women for Expo
Nel Tempo delle donne arriva Women for Expo,
il progetto che sta creando un network mondiale di
donne. Lobiettivo invitare i Paesi che prenderanno
parte allExpo del 2015 di Milano a esprimersi attraverso
la cultura del cibo con attenzione alla sostenibilit
Nuovi studi e vecchi dati
Mediamente il cervello di una
donna pesa 1,200 chili contro i
1,350 di quello di un uomo. Eppure
Einstein era un peso piuma
Cucina
Libert (anche)
di fare da mangiare
Burro, cipolla e pensiero.
Libere in cucina con tre
cuoche Antonia
Klugmann, Marta Pulini e
Gabrielle Hamilton
protagoniste sulla scena
Musica
Clara Schumann
con sentimento
EsTrio accompagna Sonia
Bergamasco mentre
scandisce le parole e i
sentimenti di Clara
Schumann nel testo scritto da
Maria Grazia Calandrone
Coraggio
Le minacce
della ndrangheta
Levento organizzato da Io
donna sul coraggio delle
donne. Ospiti: Maria Carmela
Lanzetta ex sindaco di
Monasterace, Licia Miglietta,
Giusi Ferr, Giorgia.
Al Polo
Una fotografa
racconter
la vita
delle donne
in Antartide
Infedelt
Un filosofo
confuter
il tema
dellinfedelt
al femminile
Secondo una ricerca realizzata dalla University of Pennsylvania, condotta su un campione di 949 persone di et
compresa tra gli 8 e i 22 anni, il cervello dei maschi ha pi connessioni allinterno di ciascun emisfero
mentre il cervello delle femmine dimostra di avere pi connessioni tra i due emisferi. Questo fa la differenza?
CERVELLO MASCHILE
Il percorso delle connessioni neuronali
attraverso lo stesso emisfero C
o
r
r
ie
r
e

d
e
lla

S
e
r
a

/

M
ir
c
o
T
a
n
g
h
e
r
lin
i
CERVELLO FEMMINILE
Le connessioni neuronali
collegano i due diversi emisferi
28
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Economia
|od|c| de||e 8orse
Dati di hew York aggiornati alle ore 2O.OO

20833,92
{0,39%)

6,165
0amb| FTS N|8 la settimana 0ampar| la settimana
FTSE MIB 20.833,92 0,39%
FTSE It.A|| Share 22.221,92 0,41%
FTSE It.Star 19.829,89 0,16%
Dow Jones 16.361,40 -0,35%
Nasdaq 4.312,45 -0,51%
Londra 6.685,52 -0,06%
Francoforte 9.307,79 0,46%
Par|g| (Cac40j 4.349,72 -0,48%
Hong Kong 22.269,61 0,02%
Tok|o (Nikkeij 15.224,11 0,69%
1 euro 1,3850 do||ar| -0,22%
1 euro 143,0500 yen -0,23%
1 euro 0,8336 ster||ne -0,02%
1 euro 1,2175 fr. sv. -0,13%
1 euro 8,8287 cor.sve. -0,50%
S&P 500 1.867,94 -0,49% Madr|d 10.163,30 -0,31% 1 euro 1,5390 do|.can. -0,18%
T|to|| d| Stato
Btp 11-01/04/14 3,000% 100,12 -
Btp 04-01/02/15 4,250% 103,25 0,06
Btp 10-15/04/15 3,000% 102,57 0,25
Btp 11-15/04/16 3,750% 105,96 0,40
Btp 06-15/09/17 2,100% 104,85 0,68
Btp 13-15/09/18 1,700% 102,91 1,49
Btp 09-01/03/20 4,250% 110,26 1,90
Btp 11-01/03/22 5,000% 114,23 2,40
Btp 13-01/03/24 4,500% 109,58 2,85
Btp 96-01/11/26 7,250% 136,34 2,91
Btp 11-15/09/26 3,100% 106,73 2,73
Btp 03-01/08/34 5,000% 112,50 3,54
Btp 05-01/02/37 4,000% 100,09 3,52
Btp 07-01/08/39 5,000% 112,02 3,68
Cct 07-01/12/14 0,420% 100,20 0,39
Cct 08-01/09/15 0,380% 100,11 0,56
Cct 09-01/07/16 0,560% 99,99 0,66
Cct 11-15/04/18 0,677% 100,04 1,21
T|to|o 0ed. 0uot. 8end. eff.
11-03 netto %
T|to|o 0ed. 0uot. 8end. eff.
11-03 netto %
La lente
IL NEGOZIATO
ALITALIA,
I DEBITI
E LA MOSSA ETIHAD
N
on faccio parte di
nessun tavolo sulla
svalutazione dei crediti
della banca nei confronti
dellAlitalia. Il consigliere
delegato di Intesa
Sanpaolo, Carlo Messina,
rispondendo a chi gli
chiedeva se la banca
(azionista di Alitalia al
20,5%) stia rinegoziando il
debito con laviolinea, ha
escluso che si possa
scendere a compromessi.
Valuteremo le proposte di
Etihad (la compagnia degli
Emirati Arabi che potrebbe
assumere il controllo
dellAlitalia, ndr.)
nellinteresse della banca
che quello di non
svalutare il nostro
credito. Messina ha anche
precisato che il dossier
della compagnia aerea non
destinato a entrare in
quella societ di gestione
delle sofferenze che alcune
banche potrebbero mettere
in piedi per affrontare 3-4
casi (di crisi) in cui sono
coinvolte. Insomma la
bad bank, cui Messina si
detto peraltro contrario.
Una posizione molto netta
che mal si concilia con il
piano di Etihad di acquisire
Alitalia col minor carico di
debiti possibile, posizione
mai smentita dagli arabi e
tuttora sul tavolo. Un
tavolo, quello dei debiti,
che per non ancora
entrato nel vivo. Lipotesi
che la trattativa si
concluda entro fine mese,
come pi volte annunciato
dal governo, si va
stemperando: la stretta
potrebbe slittare a una
data appena prima di
Pasqua. E il nodo del debito
sar lultimo a essere
sciolto, questo
spiegherebbe le
dichiarazioni di Messina
che suonano per ora pi
come una dichiarazione di
intenti che come una
risposta a una domanda
gi fatta. Anche perch, in
questo secondo caso,
Etihad avrebbe gi preso il
volo.
A. Bac.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Banche /1 Previsti 8.500 esuberi. Cedola di 10 centesimi in contanti o azioni. Quotazione per Fineco
Unicredit, maxi operazione pulizia
Effetto svalutazioni, rosso a 14 miliardi. Ritorno allutile nel 2014
Via libera per i bilanci
La rivalutazione
delle quote
Bankitalia
Ecco le regole
ROMA Ed ora le banche hanno il via
libera non solo della Consob ma anche
della Banca dItalia. Con un comunicato
congiunto le due autorit, a cui si
aggiunta lIvass per quel che riguarda
le compagnie assicurative, hanno
sostenuto che gli amministratori degli
istituti di credito quotati e non,
possono calcolare nel bilancio 2013 la
rivalutazione delle quote della Banca
dItalia in portafoglio. E hanno cos
risposto, sciogliendoli, ai dubbi
espressi dallEsma, lautorit europea
di vigilanza sui mercati e sulle borse.
Allo stato degli atti, gli
amministratori delle societ detentrici
delle quote Banca dItalia dovranno
adottare, in sede di approvazione del
bilancio 2013, modalit di
contabilizzazione che tengano conto di
quanto disposto dalla legge, nel
rispetto dei principi contabili
internazionali e avvalendosi del
complessivo quadro informativo
disponibile, dice il comunicato
congiunto ribadendo quanto gi detto
luned dalla Consob e precisando che
in considerazione della particolare
delicatezza della materia, si
raccomanda che le societ forniscano
nella nota integrativa del bilancio la
pi completa informativa al riguardo.
Problema risolto dunque. Non ci sar
alcuna inversione di rotta rispetto alle
azioni programmate: n per le
rivalutazioni (ieri Unicredit ha reso
noto che le sue valgono 1,4 miliardi al
lordo di 200 milioni di imposte mentre
Intesa Sanpaolo ha fatto sapere che
decider la soluzione pi conveniente)
n per i versamenti delle imposte sulle
plusvalenze attese dallo Stato, circa 900
milioni di incassi tra il 2013 e il 2014.
Le rivalutazioni, in ogni caso come
ha detto e confermato la Banca dItalia
non potranno essere conteggiate ai
fini degli esami (Asset quality review e
stress test) avviati dalla Bce che ieri ha
pubblicato il manuale per la Fase 2
delloperazione, quella delle ispezioni
su tutte le 128 banche sottoposte
allesercizio.
Stefania Tamburello
RIPRODUZIONE RISERVATA
5.982
5.874
6.09
6.198
6.306
6.414
I conti e la reazione dei mercati Risultati del 2013
DARCO
Ricavi 24 mld
Patrimonio di vigilanza*
*anticipando pienamente gli effetti di Basilea3 ** risultato 2012
9,4%
Accantonamenti
sui crediti
13,7 mld
Margine
operativo lordo
9,2 mld
Rapporto costi/ricavi 61,7%
Costi operativi 14,8 mld
-4,1%
+46,8%
Svalutazione
degli avviamenti
9,3 mld (n.d.)
Risultato dellanno -13,96 mld 865 mln**
-9,9%
+2,5 pp
-0,1%
Ieri 6,415 euro
(+6,21%)
10:00 12:00 14:00 16:00
MILANO Unicredit can-
cella cinque anni di pesante cri-
si economica, soprattutto italia-
na, e chiude con una perdita re-
cord di 14 miliardi: numeri pe-
santi che per il mercato ha
salutato con un netto +6,2% a
6,42 euro, il livello pi alto mai
raggiunto dallaumento di capi-
tale da 7,5 miliardi del 2012.
Il favore degli investitori verso
la scelta del ceo Federico Ghizzo-
ni nasce da due fattori: stato
escluso un aumento di capitale e
il bilancio della banca di piazza
Aulenti stato completamente
ripulito. Sono state registrate
svalutazioni di poste immateriali
per 9,3 miliardi (gli avviamenti
delle acquisizioni effettuate dal
2004 in poi, cio tutto lEst Euro-
pa, la Germania, la stessa Capita-
lia, che gi erano state svalutate
nel 2011 per oltre 9 miliardi) e
accantonamenti su crediti dete-
r i or at i per 13, 7 mi l i ar di
(+48,6%). Il tutto senza incidere
sul capitale, ora 10,4% (pari al
9,4% con le regole di Basilea3)
tanto vero che Unicredit paghe-
r un dividendo di 10 centesimi
in nuove azioni o, a scelta, in
contanti (script dividend).
La banca, ha affermato Ghiz-
zoni, pu tornare a fare nuovo
credito in Europa e anche in Ita-
lia, dove la situazione in stabi-
lizzazione. Siamo pi prudenti
anche del Fmi. Ci aspettiamo un
+0,6% per questanno e una me-
dia di +0,8% nei prossimi. E con
i bilanci puliti pu attendersi 2
miliardi di utili nel 2014 e 6,6 a
fine piano industriale, nel 2018.
Una crescita che si basa su inve-
stimenti per 4,5 miliardi ma an-
che su 1,3 miliardi di minori co-
sti legati anche a 8.500 esuberi di
cui 5,700 in Italia, contro cui i
sindacati Fabi, Fiba, Fisac, Ugl,
Uilca hanno subito protestato.
Sono soddisfatto delle deci-
sioni prese perch il gruppo ora
volta pagina e si proietta in un
periodo completamente nuovo,
focalizzato su crescita dei ricavi,
investimenti e profittabilit, di-
ventando la banca numero uno
in Europa nel corporate. La puli-
zia nei crediti ha reso Unicredit
una delle banche pi rigorose in
Europa: il rapporto crediti dete-
riorati/attivo salito al 52% (dal
45%) e la copertura delle soffe-
renze al 62% (da 56%). Inoltre
stata varata una bad bank in-
terna tecnicamente un porta-
foglio segregato non core in
cui sono stati posti 87 miliardi di
crediti deteriorati o in bonis (un
terzo del totale) ma ad alto ri-
schio, che rappresentano 800 mi-
la clienti. Ma Ghizzoni ha spiega-
to che a molti di questi debitori
sar concessa nuova finanza per
poter uscire da una situazione di
crisi temporanea. Lobiettivo
comunque di ridurre i crediti
non core del 63% entro il 2018.
Contemporaneamente sar ce-
duta Uccmb, lunit di riscossio-
ne crediti, e sar quotata una mi-
noranza di Fineco (entro giu-
gno), mentre non tramonta-
to il progetto di un fondo per la
gestione di alcuni crediti con In-
tesa Sanpaolo e Kkr. Esclusa inve-
ce la fusione con Mediobanca. La
rivalutazione delle quote di Ban-
ca dItalia ha reso 1,4 miliardi lor-
di di utile, con 200 milioni di tas-
se pagate. Il weekend stato ab-
bastanza intenso, abbiamo cam-
biato quattro volte i conteggi, ha
spiegato Ghizzoni, Se la soluzio-
ne di rivalutare sia a conto econo-
mico sia a patrimonio netto non
dovesse essere ritenuta idonea,
aumenter la perdita di 1,2 mi-
liardi ma non ci sar effetto sul
capitale.
Fabrizio Massaro
fmassaro@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Ghizzoni
Siamo tra
le banche
pi rigorose
sui crediti.
Varata una
bad bank
interna
Banche /2 Il consigliere delegato: azzeriamo le partecipazioni istituzionali. Torniamo alleconomia reale
Messina: no alla bad bank di sistema
Pi merito nel nuovo piano Intesa
ROMA La risposta alla
montagna di sofferenze (155
miliardi di euro) che il sistema
bancario ha accumulato non
la bad bank. Per Carlo Messina
sbagliato il principio. Nessu-
no ha intenzione di fare una
bad bank che diventi una sca-
tola in cui mettere le sofferenze
che vanno a morire, ha detto
ieri il consigliere delegato di In-
tesa Sanpaolo intervenendo al
XX Congresso nazionale della
Fabi. Le alternative ci sono e nel
piano industriale che tra due
settimane il manager presenter
alla comunit finanziaria il no-
do degli incagli e delle sofferen-
ze potrebbe trovare soluzione in
una business unit ha detto
Messina, per il recupero dei cre-
diti problematici, poi ha ag-
giunto possiamo lavorare an-
che sugli incagli, per evitare che
diventino nuove sofferenze e
cercare di riportarli in bonis.
Dunque lidea della bad bank
di sistema sembra tramontata,
anche perch se si sottrae la pri-
ma banca italiana il progetto
difficilmente pu andare avanti.
Va detto, per chiarezza, che gi
solo la parola in se di sistema
piace poco a Messina, che pure
sei mesi fa ha assunto la guida di
quella che stata la banca di si-
stema per eccellenza. Nel nuo-
vo piano il registro cambier ra-
dicalmente. Non accetto la de-
finizione di banca di sistema,
siamo una banca delleconomia
reale ha affermato il consi-
gliere delegato di Intesa . Ab-
biamo preso 36 miliardi di euro
dalla Bce e abbiamo restituito a
famiglie ed imprese oltre 50 mi-
liardi dallinizio della crisi, ma
questo non stato enfatizzato.
Il motivo, ha riconosciuto il ma-
nager, legato in parte anche al-
la maggior attenzione che alcu-
ne situazioni difficili (vedi Zale-
ski o Risanamento) hanno su-
scitato attorno alla banca. Nel
nuovo piano verr cancellata
anche leredit di quel periodo:
Dismetteremo le partecipazio-
ni azzerandole, in particolare
quelle che hanno connotazioni
sistemiche e istituzionali ha
detto il manager, che gi usci-
to dalle Generali e da Pirelli. La
vicinanza alle aziende rester
tuttavia la stella polare. E Messi-
na ha anticipato che vede Intesa
in un ruolo importante nella
prossima quotazione delle Po-
ste, una delle Ipo pi grandi de-
gli ultimi anni.
Ad ascoltare il manager ieri
cerano quasi 2.000 delegati sin-
dacali, e in vista della presenta-
zione del piano grande attenzio-
ne stata ovviamente riservata
alle tematiche del personale. La
parola esuberi Messina non
lha mai pronunciata. Ha dichia-
rato che taglier le filiali, da
4.000 diventeranno 3.700, ma i
dipendenti non seguiranno lo
stesso destino. chiaro che ab-
biamo un eccesso di capacit
produttiva ha ammesso
ma vogliamo affrontarlo attra-
verso nuovi mestieri e nuove at-
tivit. Ci saranno dei piani di
riqualificazione, Messina ha
parlato di percorsi di carriera
e riconoscimento del merito
strappando applausi. Lepoca
dei tagli, insomma, sembra fini-
ta. Ma, ha avvertito il banchiere,
se da queste nuove attivit non
arriveranno maggiori ricavi al-
lora ci ritroveremo di nuovo in
una situazione di eccesso di ca-
pacit produttiva e i tagli di-
venteranno ineludibili.
Federico De Rosa
RIPRODUZIONE RISERVATA
7,5
miliardi. Il valore attribuito alle
quote della Banca dItalia dal
comitato degli esperti. Indicazione
alla quale si sono riferite le banche
per le loro partecipazioni
Lammini-
stratore dele-
gato di Intesa,
Carlo Messi-
na
Niente dividendo
Caltagirone editori,
ricavi a 181 milioni
Caltagirone Editori ha chiuso il
2013 con ricavi in calo a 181,5
milioni, rispetto ai 195,5 milioni di
euro del 2012. Il risultato netto di
gruppo risultato negativo per
75,4 milioni di euro e il cda ha cos
proposto di non distribuire alcun
dividendo.
Carta e Tv
Cairo, profitti
a 74,2 milioni
Cairo Communication chiude il
2013 con un utile netto di 74,2
milioni di euro beneficiando dei
proventi e oneri associati alla
acquisizione di La7; il margine
operativo lordo stato di 24,8
milioni. Verr proposto un
dividendo di 0,27 euro per azione.
Gabriele Del Torchio
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Economia 29

La griffe
Profitti Tods
a 138 milioni
Cedola
confermata
Ricavi stabili a 967 milioni e
utili in calo da 145 a 138
milioni per Tods, che nel
2013 migliora la posizione
finanziaria netta positiva per
181 milioni. Allassemblea
sar proposto un dividendo
confermato a 2,7 euro per
azione dellanno scorso. I
risultati confermano il
percorso di crescita
internazionale del gruppo,
trainato dai marchi Tods e
Roger Vivier. Abbiamo
attuato uneccellente
gestione del capitale,
generato molta cassa,
rafforzando la gi solida
struttura patrimoniale e
finanziaria ha commentato
il presidente e
amministratore delegato
Diego Della Valle
sottolineando il forte
apprezzamento dei clienti
alle collezioni
autunno/inverno, presentate
di recente a Milano. Per
soddisfare la prevista
crescita della domanda ha
detto ancora Della Valle
stiamo completando i lavori
di costruzione del nuovo
stabilimento produttivo in
Italia. Proprio dallItalia, ha
aggiunto il direttore
finanziario Emilio Macellari
parlando agli analisti
arrivano segnali positivi.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Telecomunicazioni
Vodafone investe 3 milioni
per costruire un laboratorio
interattivo di 700 metri
quadrati a Milano per i
servizi dedicati alle aziende,
dalla consulenza alle
soluzioni costruite su
misura. un segnale di
fiducia nel Paese e un
contributo alla
digitalizzazione delle
imprese ha commentato
Aldo Bisio (foto),
amministratore delegato di
Vodafone Italia
inaugurando il Vodafone
Experience Center. Bisio ha
anche confermato che il
gruppo tiene gli occhi
estremamente aperti e vigili
su possibili opportunit di
investimento, anche con
sviluppo inorganico. Ma,
ha aggiunto, abbiamo
lobbligo di concludere
questi investimenti solo se
generano valore per
lazienda. Un messaggio
che pur non citandolo
sembrato diretto ai soci
svizzeri di Fastweb visto
che il mercato si attende da
tempo una trattativa tra le
due aziende.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il caso Dalla Procura di Milano avviso di garanza a Luigi Zunino e agli ex amministratori della societ immobiliare
Risanamento, quel no del Banco Popolare
Intervista Lincontro con Renzi: Io, ex insegnante di inglese, ho distribuito 300 tonnellate di ciliegie americane nel mio Paese
Alibaba, il gigante anti Amazon
Trampolino del made in Italy
Jack Ma: apriremo la via della Cina alle piccole imprese
Il Banco Popolare rompe il
fronte delle banche creditrici di
Risanamento e, con una lettera
inviata al vertice della societ,
mette nero su bianco il giudizio
negativo sulle modalit di ese-
cuzione dellaccordo di ristrut-
turazione dei debiti e la riserva
sulla coerenza di alcune inizia-
tive tra le quali la vendita degli
immobili francesi al fondo
Chelsfield, che ha come azioni-
sta importante la saudita Ola-
yan. In pi, sempre nella lettera
datata 20 febbraio, aggiunge
che se la cessione verr comun-
que perfezionata il ricavato do-
vrebbe essere destinato al rim-
borso del prestito obbligazio-
nario da 270 milioni in scaden-
za a inizio maggio. Posizioni
opposte, e cio favorevoli alla
vendita, sono state espresse da
altre banche creditrici come
Unicredit e Banca popolare di
Milano. Pi articolata, nono-
stante il voto favorevole al-
loperazione espresso in consi-
glio di amministrazione, risulta
la posizione di Intesa Sanpaolo.
Intanto la Procura di Milano
ha notificato a Risanamento un
avviso di garanzia per i reati
contestati a ex amministratori
della societ che sarebbero sta-
ti commessi tra il 23 febbraio e
il 19 marzo 2009, prima dellac-
cordo di ristrutturazione del
debito. Lo ha comunicato la
stessa societ in una nota. Lac-
cusa riguarda reati di aggiotag-
gio e ostacolo allautorit di vi-
gilanza contestati a Luigi Zuni-
no, Franco Bonelli, Salvatore
Mancuso e Oliviero Bonato. Ma
laspetto pi interessante che
la Procura ha notificato alla so-
ciet e agli indagati lavviso di
chiusura dellinchiesta e ora
sono in arrivo le richieste di
rinvio a giudizio.
Contemporaneamente dal
fronte che ruota intorno a Luigi
Zunino lex proprietario di
Risanamento che insieme al
fondo Colony capital acquisi-
tions di Tom Barrack ha pre-
sentato lofferta pubblica di ac-
quisto per togliere dal listino la
societ, alternativa alla vendita
degli immobili francesi arri-
vano segnali di nuove iniziative
giudiziarie se il consiglio di Ri-
sanamento confermer la ces-
sione. Resta il fatto per che nei
giorni scorsi la richiesta alla
magistratura di un provvedi-
mento durgenza per la sospen-
sione della vendita degli im-
mobili parigini stata ritirata
pur mantenendo quella di an-
nullamento della delibera.
Intanto Mario Notari, ordi-
nario di Diritto commerciale
allUniversit Bocconi, ha con-
segnato al vertice di Risana-
mento lintegrazione al parere
pro veritate che gli stata com-
missionata il 21 febbraio scorso
per valutare le conseguenze
della lettera inviata dal Banco
popolare e dellatto di citazione
contro la vendita degli immo-
bili francesi presentato dal
fronte Zunino. Nelle otto pagi-
ne di risposta Notari, per quan-
to riguarda le iniziative giudi-
ziarie di Zunino, conferma il
parere pro veritate secondo cui
loperazione di vendita coe-
rente con le procedure di ri-
strutturazione dei debiti in cor-
so (quelle previste secondo
larticolo 182 bis della legge fal-
limentare, ndr) in quanto,
scritto a pagina 5, non rinven-
go nelle motivazioni dellatto di
citazione, e del corrispondente
ricorso, alcun elemento nuovo
che possa condurmi a conclu-
sioni anche solo parzialmente
diverse. Al contrario, in meri-
to alla posizione assunta dal
Banco popolare, conferma il
parere positivo sulle posizioni
assunte dal consiglio di Risana-
mento ma pone due condizio-
ni: la permanenza della conti-
nuit aziendale e, in particola-
re, la sussistenza di ragione-
voli possibilit di portare a
termine le operazioni finan-
ziarie programmate con le ban-
che nonostante la posizione
assunta dal Banco popolare.
Fabio Tamburini
RIPRODUZIONE RISERVATA
ROMA Limperatore del web cinese
vive di sogni. Che persegue, e realizza, con
determinazione rivoluzionaria. Se non
avessi osato limpensabile quindici anni
fa ci dice con un sorriso appena accen-
nato avrei continuato a lavorare nella
scuola. E invece....
Invece Jack Ma, 49 anni, ex insegnante
di inglese, oggi il presidente esecutivo di
Alibaba Group, il gigante internettiano da
lui fondato che ha cambiato il volto della
Cina. E dei cinesi: una rivoluzione sociale
cos profonda, e permanente che, forse, lo
stesso Mao avrebbe potuto applaudire.
La nostra impresa non fatta soltanto di
affari annuisce Jack Ma, abituato a es-
sere accostato pi a personaggi come Jeff
Bezos o lo scomparso Steve Jobs (ma a suo
agio anche come Grande Timoniere della
Rete) . , soprattutto, uno stile di vita.
Per questo piace, ai giovani e non solo, per
questo ha inciso cos profondamente sul
modo di intendere lo sviluppo economi-
co. Naturalmente, anche unimpresa
moderna e globale, con un giro daffari
(vendite online) di 250 miliardi di dollari
e profitti netti per oltre 700 milioni di dol-
lari (2013) che fanno certo linvidia di un
rivale (Ma noi non lo consideriamo ta-
le) come Amazon, dai margini operativi
risicati. Non solo: Yue Bao, il conto di de-
posito online creato dal Gruppo nove me-
si fa, a febbraio ha superato gli 81 milioni
di account, con un patrimonio di 81 mi-
liardi di dollari, il quarto al mondo. Nu-
meri giganteschi, da fare invidia. Numeri
che la piccola Italia potrebbe in qualche
modo condividere?
Jack Ma, allanagrafe Ma Yun (Ma, il co-
gnome sta per Cavallo, Yun, significa
Nuvola: un nome, un destino), venuto a
Roma per parlare al primo ministro Mat-
teo Renzi dei suoi sogni (soprattutto
quelli realizzati) e di come esportarli nel
nostro mercato. In poche parole: come
spalancare lOriente al made in Italy,
sfruttando la rodata impalcatura digitale
di Alibaba.com. Unottima opportunit
conferma Fu Yixiang, vicepresidente
della Camera di Commercio Italo-Cinese,
luomo che ha convinto limperatore ad
attraversare il pianeta per una sola, quan-
to intensa giornata di incontri . Oppor-
tunit che sar sancita, speriamo, da una
lunga serie di accordi quando Renzi andr
a Pechino, a met aprile. Il Corriere ha
potuto incontrare Jack Ma al termine della
visita a Palazzo Chigi e prima di un lungo
pranzo daffari con imprenditori e capita-
ni dindustria. Uno tra tutti: Franco Ber-
nab.
Come andata con il premier Renzi?
Bene, molto bene. Renzi informato,
sa molte cose al nostro riguardo. Io, da
parte mia, gli ho spiegato cosa siamo nel
mondo e, soprattutto, cosa vogliamo fare
qui.
Cosa esattamente?
Vogliamo aiutare le piccole e medie
imprese italiane a vendere in Cina attra-
verso il nostro portale. Su Alibaba.com
ogni giorno ci sono cento milioni di utenti
che fanno spese online. I cinesi adorano i
prodotti italiani. Se consideriamo che ab-
biamo 300 milioni di persone registrate
facile immaginare quali opportunit po-
trebbero nascere per le vostre Pmi. Su
questi temi con Matteo Renzi abbiamo
avuto un ottimo confronto: abbiamo par-
lato dei marchi italiani pi noti ma anche
dellagroalimentare, un settore verso il
quale in Cina c un enorme interesse.
In Italia il commercio online in cre-
scita, ma certo non paragonabile a
quello cinese: nel 2013 gli acquirenti su
Internet hanno raggiunto i 14 milioni.
Una goccia...
Certo, c molto lavoro da fare. una
sfida. Se vuoi fare buon business, molti
dettagli vanno risolti: come incrementare
la fiducia sulle transazioni online o la ve-
locit e laffidabilit delle consegne. Noi,
in ogni caso, siamo venuti per convincere
i venditori, pi che gli acquirenti. Siamo
riusciti a distribuire in Cina
300 tonnellate di ciliegie rac-
colte negli Stati Uniti. Perch
non farlo dallItalia?.
Parlando di marchi, cosa
pu dire a chi teme che
questo genere di commer-
cio possa favorire il furto di
copyright?
Se si va in montagna si
ha paura delle tigri. Questo un problema
anche per noi cinesi. Per questo abbiamo
una squadra di 2.000 persone adibite ai
controlli pi rigorosi. Una squadra che la-
vora in collaborazione con la polizia. Tut-
tavia, il business anche rischio, garanzie
totali non esistono. Ma grandi marchi co-
me Gap, Apple, le italiane Replay, Fila,
Ferrero, Geox e Luxottica gi lavorano con
noi: ora di ampliare lofferta.
In Cina Alibaba fa affari soprattutto
con le Pmi. Perch?
Le piccole medie imprese sono ovun-
que il modo migliore per creare lavoro.
Noi possiamo fornire loro la tecnologia
per raggiungere qualunque mercato. Una
volta, il mondo era appannaggio soltanto
dei grandi, di chi poteva investire grandi
capitali. Oggi non pi cos. La nostra ri-
voluzione ha trasformato la business so-
ciety. Noi non siamo soltanto parte del-
leconomia, la stiamo cambiando.
Paolo Salom
@PaoloSalom
RIPRODUZIONE RISERVATA
Cos
La nascita
Alibaba il
colosso cinese
dellecommerce
fondato da Jack
Ma nel 1999. Il
gruppo si
appresta a
sbarcare in
Borsa con
unofferta
stimata in 100
miliardi di
dollari
Il fondo
Nove mesi fa
Alibaba ha
creato Yue Bao,
un conto di
deposito online
dove si possono
parcheggiare
somme di
denaro da
investire e
disinvestire
senza
commissioni. In
9 mesi i
depositi su Yue
Bao sono saliti
a 81 milioni,
raddoppiando
in un mese tra
gennaio e
febbraio
RIPRODUZIONE RISERVATA
250
miliardi di dollari. Il giro daffari del
gruppo Alibaba, che ha realizzato
utili per 700 milioni di dollari
La trasferta Jack Ma, presidente esecutivo di Alibaba, in questi giorni a Roma
Il documento
La banca veronese
critica la cessione degli
immobili a Parigi e la
destinazione dei proventi
Amenduni
Valbruna, condannato
il manager indiano
per furto di segreti industriali
MILANO La storia di spionaggio industriale ai danni delle
acciaierie vicentine Valbruna della famiglia Amenduni ha un
nuovo capitolo: la condanna a un anno e 10 mesi per furto di
segreti industriali e commerciali di Rahul Suri, direttore generale
delle acciaierie indiane Viraj, oltre a una provvisionale di 10
milioni, in attesa che il giudice civile quantifichi limporto del
risarcimento del danno. La vicenda risale al 2006, quando
Giancarlo Zausa, manager della Valbruna, ruba alcuni segreti
industriali per conto di Vuraj, per poi licenziarsi e passare ai
concorrenti. Nel 2009 Zausa stato condannato a due anni di
reclusione e 470 mila euro di provvisionale, per accesso abusivo al
sistema informatico delle Acciaierie Valbruna e rivelazione di
segreti industriali. Lazione di concorrenza sleale mossa nei
nostri confronti aveva spiegato in aula lamministratore
delegato Massimo Amenduni ha portato a conseguenze assai
pesanti. Dal 2006 al 2010 abbiamo visto, parlando solo di volumi
daffari, un calo della produzione fra le 5 e le 10 mila tonnellate di
acciaio lanno e la sistematica aggressione ai nostri clienti. Il
presidente delle acciaierie Viraj e il figlio saranno giudicati in un
procedimento separato con laccusa di avere agito in concorso con
Suri.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Diego Del-
la Valle,
61 anni,
patron del
gruppo
Tods
Vodafone
investe
sulle aziende
Lammini-
stratore
delegato
di Vodafo-
ne Italia,
Aldo Bisio
Pierfrancesco Saviotti
I conti
Popolare Milano torna allutile
e vara il nuovo piano
Ferragamo ancora in crescita
La Banca Popolare di Milano rivede lutile nel 2013, pari a 29,6
milioni, anche se non sar pagato un dividendo, in attesa
dellaumento di capitale da 500 milioni. Varato anche il piano
industriale da parte del board guidato dal consigliere delegato
Giuseppe Castagna: lobiettivo un risultato netto di 295 milioni
di euro nel 2016, che salir oltre 400 milioni nel 2018. Lassemblea
del 12 aprile voter sul cambio di governance di Bpm: i consiglieri
di sorveglianza scendono da 17 a 13 (15 con i rappresentanti di
Fondazione Cr Alessandria e Credit Mutuel), quelli di gestione
passano da 5 a 7; aumentano gli indipendenti nei board e la
rappresentanza in cds per i fondi (4 su 13).
Ferragamo ha chiuso lutile netto di gruppo a 150 milioni di euro,
+43% sul 2012, beneficiando anche della significativa diminuzione
del risultato di terzi, come conseguenza del riacquisto di quote di
partecipazione nelle societ distributive della Greater China. Il
margine operativo lordo (ebitda) stato di 260 milioni (pari al
20,7%) dopo ricavi per 1,26 miliardi (+9%). Il gruppo del lusso
proporr un dividendo di 0,40 euro (da 0,33). Positive le attese per
lanno in corso: Gennaio stato un buon mese, febbraio non cos
buono, per marzo abbiamo aspettative ragionevolmente buone,
ha commentato lamministratore delegato Michele Norsa.
RIPRODUZIONE RISERVATA
30
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Cassa depositi e prestiti
Cassa depositi e prestiti
societ per azioni
Via Goito, 4
00185 Roma
Capitale sociale
euro 3.500.000.000,00 i.v.
Iscritta presso CCIAA
di Roma
al n. REA 1053767
C.F. e iscrizione
al registro delle imprese
di Roma 80199230584
Partita IVA 07756511007
www.cassaddpp.it
CASSA DEPOSITI e PRESTITI spa
BUONI FRUTTIFERI POSTALI (G. U. 10 marzo 2014 N. 57)
BFP EUROPA - SERIE P65
durata massima: 4 anni dalla data di sottoscrizione
interesse annuale variabile legato allindice EURO STOXX 50

interesse annuale minimo garantito pari all0,50%


eventuale rendimento annuale massimo a scadenza pari al 3,52%
BFP3x4 - SERIE T29
durata massima: 12 anni dalla data di sottoscrizione
riconosce ogni 3 anni gli interessi maturati
Tassi nominali annui Tassi effettivi annui dalla data di
lordi per ogni sottoscrizione al termine di ogni
triennio di possesso (%) periodo di possesso (%)
Periodo di Lordo Netto
possesso (anni)
3 1,35 1,35 1,18
6 2,25 1,80 1,58
9 3,31 2,30 2,03
12 4,11 2,75 2,45
BFP DEDICATOAI MINORI - SERIE M92
intestabile solo ai minori da 0 a 16 anni e mezzo
scade al compimento del 18 anno di et
offre un capitale rivalutato in funzione dellet del minore
al momento della sottoscrizione
BFP7insieme - SERIE S26
durata massima: 7 anni dalla data di sottoscrizione
dal 1 al 6 anno, restituisce una quota fissa annua del
capitale sottoscritto
se rimborsato prima del 7 anno non corrisponde interessi
Tasso effettivo annuo a scadenza (%)
Anno Lordo Netto
7 2,25 1,99
Simboli: maggiore o uguale; < minore; minore o uguale;
BFP ORDINARIOVENTENNALE - SERIE C13
durata massima: 20 anni dalla data di sottoscrizione
riconosce gli interessi a partire dal 12 mese successivo
alla data di sottoscrizione
Tassi nominali annui lordi (%)
1 0,25 6 2,25 11 3,00 16 3,75
2 0,50 7 2,25 12 3,00 17 4,00
3 1,00 8 2,50 13 3,50 18 4,00
4 1,50 9 2,75 14 3,50 19 4,50
5 2,00 10 3,00 15 3,75 20 4,50
BFP INDICIZZATOALLINFLAZIONE ITALIANA - SERIE J45
durata massima: 10 anni dalla data di sottoscrizione
capitale rivalutato sulla base dell'Indice ISTAT FOI
Tassi reali Esemplificazione del tasso di rendimento
annui lordi (%) effettivo a scadenza al variare dell'inflazione
1 0,60
2 0,60 Tasso Tasso di rendimento
3 0,60 di inflazione effettivo annuo a scadenza (%)
4 0,60 implicito (%) Lordo Netto
5 0,60
6 0,60 0,00 0,60 0,53
7 0,60 1,00 1,61 1,42
8 0,60 2,00 2,61 2,32
9 0,60 3,00 3,62 3,22
10 0,60 4,00 4,62 4,14
BFP A 18 MESI - SERIE D50
durata massima: 18 mesi dalla data di sottoscrizione
riconosce gli interessi alla scadenza del 6, 9, 12, 15 e 18 mese
Tasso effettivo annuo alla fine di ciascun semestre (%)
Mese Lordo Netto
6 0,25 0,22
12 0,37 0,33
18 0,58 0,51
BFPRenditalia - SERIE R12
durata massima: 3 anni dalla data di sottoscrizione
riconosce un interesse semestrale variabile legato al tasso dei
BOT a 6 mesi
Tasso di rendimento
0 6 0,15 Ipotesi di effettivo annuo
1 0 0,15 Tasso BOT 6M a scadenza (%)
1 6 0,15 costante (%) Lordo Netto
2 0 0,15 0,00 0,15 0,13
2 6 0,15 1,00 1,15 1,01
3 0 0,15 2,00 2,16 1,90
3,00 3,17 2,79
4,00 4,19 3,69
Esemplificazione del tasso di rendimento
effettivo a scadenza al variare
del tasso BOT 6M
BFPImpresa - SERIE G10
durata massima: 20 mesi dalla data di sottoscrizione
dedicato a liberi professionisti e artigiani titolari di Partita IVA,
ditte individuali, condomini, associazioni, imprese
gli interessi, calcolati su base bimestrale, sono crescenti fino ad
un massimo del 1,50%
Maggiorazione
Anno Mese annua lorda (%)
Ipotesi di apprezzamento
dellIndice (%) Premio si/no
Tassodi rendimento
effettivoannuoa scadenza (%)
1 periodo di
riferimento
7
< 7
7
< 7
periodi di
riferimento
successivi
10
10
< 10
< 10
Anno1
si
no
si
no
Anni
successivi
si
si
no
no
Caso
a
b
c
d
Lordo
3,52
2,83
1,24
0,50
Netto
3,10
2,49
1,09
0,44
AVVISO
CONSIP S.p.A. a socio unico
Via Isonzo, n. 19/E
00198 - Roma
AVVISO PER ESTRATTO DEL BANDO DI GARA
E indetta una gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs.
163/2006 e s.m.i., per laffidamento dei servizi di sviluppo,
manutenzione, gestione, consulenza e supporto allappren-
dimento per il Sistema Informativo delle Sezioni
Giurisdizionali e delle Procure della Corte dei conti - ID 1481.
La gara aggiudicata secondo il criterio dellofferta econo-
micamente pi vantaggiosa. La base dasta pari ad Euro
11.738.800,00= (undicimilionisettecentotrentottomilaottocen-
to/00) IVA esclusa soggetta a ribasso, oneri per trasferte pari
ad Euro 185.000,00 = (centoottantacinquemila/00) IVAesclu-
sa, non soggetti a ribasso dasta. Termine di presentazione
delle offerte: entro le ore 12:00 del 15/04/2014. Il testo inte-
grale del bando di gara stato pubblicato sulle GUUE e sulla
GURI alle quali stato inviato il 26/02/2014 e pu essere
consultato e prelevato (unitamente alla documentazione di
gara) su: www.mef.gov.it; www.consip.it e www.sogei.it.
LAmministratore Delegato (Dott. Domenico Casalino)
REGIONE TOSCANA
ESTAV Nord-Ovest
Sede Legale: via Cocchi, 7/9
loc. Ospedaletto - 56121 PISA
ESITO DI GARA PER ESTRATTO
Si rende noto che lESTAV Nordovest con deter-
mina n. 164 del 14/02/2014 ha aggiudicato la
seguente procedura di gara: Sistemi e reagenti
di immunovirologia e virologia molecolare per
lAOUP. Tutti gli atti sono disponibili sul sito azien-
dale http://www.estav-nordovest.toscana.it,
men bandi gara/avvisi/esiti.
Il Dirigente Dipartimento
Acquisizione Beni e Servizi
Dr. Massimo Santini
AZIENDA OSPEDALIERA
UNIVERSITARIA FEDERICO II
AVVISO ESITI DI GARA
A PROCEDURA APERTA
Questa Azienda, con deliberazione n. 527 del
18.12.2013 ha provveduto ad aggiudicare la
fornitura biennale, articolata in lotti, di endopro-
tesi occorrenti alle Strutture assistenziali del-
lA.O.U. Federico II, come di seguito indicato:
Lotti 1, 10, 11: MAATECH S.r.l., Via A. DIser-
nia, 8, 80122 Napoli, importo complessivo
334.500,00, oltre I.V.A.; Lotti 2-3-8: BIORES
S.r.l., Via Giaginto Gigante, 92, 80136 Napoli,
importo complessivo 1.063.400,00, oltre
I.V.A.; Lotto 7: FORMEDICAL CO. S.r.l., Via di
Quarto Annunziata, 80/A, 00189 Roma, importo
complessivo 220.000,00, oltre I.V.A.; Lotto 9:
COOK Italia S.r.l., Via Galileo Galilei, 32, 20834
Nova Milanese (MB), importo complessivo
50.000,00, oltre I.V.A.; Lotto 12: G.V.T. ME-
DICAL S.r.l., Via Pietro Castellino, 143, 80131
Napoli, importo complessivo 93.000,00, oltre
I.V.A.; Lotto 13: W.L. GORE & Associati S.r.l.,
Via Enrico Fermi, 2/4, 37135 Verona, importo
complessivo 250.410,00; Lotti 4, 6, 14: non
aggiudicati; Lotti 5, 15, 16: deserti. Il presente
testo disponibile anche sul sito dellA.O.U. al-
lindirizzo www.policlinico.unina.it ed stato
inviato allUfficio delle pubblicazione dellUnione
europea in data 03.03.2014 al n. 2014-029191.
f.to IL DIRETTORE GENERALE
Giovanni PERSICO
COMUNE DI MILANO
SETTORE GARE
BENI E SERVIZI
Avviso di Gara
Oggetto Appalto 17/2014 CIG 5593828CE2
Affidamento della fornitura di divise, calzature e acces-
sori per la Polizia Locale.Importo massimo contrattua-
le: 4.344.261,554 IVA esclusa Oneri sicurezza per
interferenze pari a zero. Prestazione principale:
3.334.175,592 IVA esclusa per la fornitura di capi di
vestiario; Prestazione secondaria: 835.042,227 IVA
esclusa per la fornitura di calzature; 175.043,735 IVA
esclusa per la fornitura di accessori. Importo a base
dappalto I corrispettivi unitari di cui allart. 1.5 del
Capitolato Speciale dAppalto. Tipo di procedura aperta,
allofferta economicamente pi vantaggiosa. Termine
ricevimento offerte 04/04/2014 ore 12,00 Seduta pub-
blica apertura plichi 07/04/2014 ore 10,00 Gall. Ciro
Fontana 3 Milano La documentazione di gara pubbli-
cata sul sito www.comune.milano.it Invio Bando GUUE:
24/02/2014. Il R.U.P. Antonio Barbato.
Il Direttore del Settore - fto Nunzio Dragonetti
VENETO STRADE S.P.A.
Via Baseggio, 5
30174 MESTRE VENEZIA
ESTRATTO BANDO 04/2014
Si rende noto che Veneto Strade S.p.A. ha in-
detto bando di gara mediante procedura
aperta per laffidamento della fornitura di se-
gnaletica verticale per il triennio 2014, 2015
e 2016. Importo complessivo dellappalto al
netto di IVA: 1.425.816,73. Data invio
GUUE: 03.03.2014. Termine ultimo per la ri-
cezione delle offerte ore 12,00 del giorno
06.05.2014. Gli interesAsati possono richie-
dere copia integrale del bando e del discipli-
nare di gara al seguente indirizzo: VENETO
STRADE S.P.A. - via Baseggio, 5 - 30174
MESTRE VENEZIA - Tel. 041 2907711 - fax
041 2907768. Gli stessi documenti sono al-
tres disponibili sul sito www.venetostrade.it.
Il Direttore Generale - Ing. Silvano Vernizzi
ESU DI PADOVA
Bando di gara C.I.G.: 5626216451
LESU di Padova, Via San Francesco 122 -
Padova - Ufficio Gare - Telefono +39
0498235622 - Fax +39 0498235624 -
e-mail esu@cert.esu.pd.it - in esecuzione
del decreto del Direttore n. 65 del
24/02/2014 indice una procedura aperta da
aggiudicarsi con il criterio del prezzo pi
basso, per laffidamento, per un anno, con
possibilit di rinnovo di anno in anno fino
ad un massimo di cinque anni, del servizio
di erogazione di prestiti fiduciari agli stu-
denti delle Universit, delle Accademie di
Belle Arti, dei Conservatori di Musica e
delle Scuole Superiori per Mediatori Lin-
guistici della Regione Veneto. Le risorse
messe a disposizione della Regione Veneto
per fondo garanzia e contributo in conto in-
teressi sui prestiti erogati ammontano ad
634.336,08 (euro seicentotrantaquattro-
milaterecentotrentasei/08). Termine di ri-
cezione delle offerte ore 12:00 giorno
15/04/2014. Tutte le informazioni e la do-
cumentazione di gara sono disponibili sul
sito ww.esu.pd.it. Il Bando integrale rela-
tivo alla presente procedura stato inviato
alla GUE in data 25/02//2014.
Il Direttore
Dott. Stefano Ferrarese
AZIENDA OSPEDALIERA
UNIVERSITARIA FEDERICO II
AVVISO DI GARA A PROCEDURA APERTA
CIG 5597483518
Questa Azienda intende provvedere allaffida-
mento della fornitura di n.2 sistemi ergo spi-
rometrici, di cui 1 con cicloergometro, per le
esigenze del DAI di Medicina Interna, Patolo-
gia Clinica. Importo complessivo presunto:
100.000,00 oltre IVA. Il presente avviso, il
bando, il Capitolato speciale dAppalto ed i re-
lativi allegati sono reperibili presso il sito in-
ternet www.policlinico.unina.it. Eventuali
modifiche e/o chiarimenti verranno pubblicati
esclusivamente sul sito; onere delle Societ
tale consultazione. RUP: prof. Domenico Bo-
naduce (tel.7462262). Il bando stato inviato
alla G.U.R.I. in data 10.03.2014.
IL DIRETTORE GENERALE
F.to Giovanni Persico
FORNITURA MATERIALE DA MEDICAZIONE CLASSICA
Ente Appaltante: Intercent-ER Regione Emilia-Romagna Viale A. Moro n. 38
40127 Bologna tel. 051.5273082 fax 051.5273084 Pec:
intercenter@postacert.regione.emilia-romagna.it.
Oggetto della gara: Procedura aperta per la fornitura di materiale da medicazione
classica.
Importo complessivo posto a gara: Euro 18.918.000,00 IVA esclusa.
Termine presentazione offerte indicative: entro le ore 12:00 del giorno
08/05/2014.
Lavviso di gara integrale stato spedito alla GUUE il 25/02/2014, pubblicato
su GURI n. 28 del 10/03/2014 ed disponibile sul sito http://www.intercent.it.
Il Direttore di Intercent-ER
(Dott.ssa Alessandra Boni)
A
V
V
I
S
O
D
I
G
A
R
A
Estratto di Bando di Gara
Settori Speciali
Sede Legale: S. Donato Milanese (MI)
P.zza S. Barbara 7
Capitale sociale Euro 1.200.000.000,00 i.v.
Cod. Fisc. e numero di iscrizione
al Reg. Imp. di Milano n. 10238291008
R.E.A. Milano n. 1964271
Partita IVA 10238291008
Societ soggetta allattivit
di direzione e coordinamento
di SnamS.p.A.
Societ con unico socio
Ente Aggiudicatore: Snam Rete Gas S.p.A., Sede Legale: S. Donato Milanese (MI),
P.zza S. Barbara 7. Societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento di SnamS.p.A..
Societ con unico socio.
Oggetto dellappalto: Servizio di manutenzione sistemi di misura del gas per le centrali
Stogit. Lotto 1 CIG 5611378F99, Lotto 2 CIG 56113822EA, Lotto 3 CIG 56113898AF.
Tipo di appalto: Servizi
Luogodi consegna/di esecuzione delle prestazioni: Lombardia, Emilia Romagna, Abruzzo
Tipo di procedura: negoziata
Criterio di aggiudicazione: prezzo pi basso
Termine per il ricevimento delle domande di partecipazione: 31.03.2014 - ore 16:00.
Condizioni di Partecipazione: le condizioni di partecipazione sono riportate sul testo
integrale del Bando pubblicato sulla G.U.U.E n. 2014/S 041-068937 del 27/02/2014.
Il suddetto testo disponibile sul sito www.snamretegas.it.
COMUNE DI NAPOLI
ESTRATTO BANDO DI GARA
CIG 55293270FD
In esecuzione della Determina Dirigenziale
SACUAG-Area Acquisti n. 92 del 17/12/2013,
indetta gara dappalto per la fornitura di
lavori di legatoria e di contenitori in car-
tone e opere similari per gli uffici e le strut-
ture del Comune di Napoli, per limporto
complessivo pari ad 245.901,64 oltre IVA.
Scadenza presentazione offerte: ore 12:00
del 16/04/2014. Bando integrale, Capitolato
Speciale dAppalto ed Allegati reperibili sul
sito www.comune.napoli.it. Invio GUUE:
05/03/2014.
Il Dirigente del SACUAG
Area Gare Forniture e Servizi
Avv. Rossana Lizzi
AVVISO ESTRATTO DI GARA
LAzienda Ospedaliera SantAndrea indice una
gara comunitaria a procedura aperta, ai sensi
del D.lgs. n. 163/2006 e s.i.m. per lAffida-
mento del servizio Assicurativo dellAzienda
Ospedaliera SantAndrea per la durata di 12
mesi con possibilit di rinnovo per altri dodici
mesi. Limporto da corrispondere allAzienda
Ospedaliera SantAndrea sar liberamente
determinato dalla ditta concorrente. Il bando
integrale della gara in oggetto stato pubbli-
cato in data 28/02/2014 allUfficio Pubblicazioni
Ufficiali della Comunit Europea ed pubbli-
cato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica
Italiana del 05/03/2014 e recapito telematico
www.ospedalesantandrea.it.
Il Responsabile del Procedimento
(Dott. Angelo SCOZZAFAVA)
ACCADEMIA TIBERINA
E convocata in Roma, via
Archimede n. 139, 00197, As-
semblea Generale Ordinaria dei
Soci, il giorno gioved 27 marzo
2014, ore 20.30 prima convoca-
zione, venerd 28 marzo 2014,
ore 17.00 seconda, per discu-
tere e deliberare sul seguente
ORDINE DEL GIORNO:
1) Relazione annuale e bilanci;
2) Ratifica nuove nomine acca-
demiche;
3) Variazioni cariche sociali;
4) Varie.
COMUNE DI BRESCIA
AVVISO DI AGGIUDICAZIONE
Amministrazione aggiudicatrice: COMUNE DI
BRESCIA - Settore Coordinamento Partecipate
- P.za Della Loggia n. 3 - 25121 Brescia. Og-
getto della gara: incarico di consulenza ai
fini della cessione di quote di A2A S.p.A. dete-
nute dai comuni di Brescia e di Milano. N. of-
ferte ricevute: 2. Data di aggiudicazione
definitiva: 24.02.2014. Aggiudicatario: Mittel
Advisory S.p.A. - Via Orefici, 2 20123 Milano.
Prezzo Offerto: 15.000 (IVA ed altri oneri in-
clusi). I soggetti interessati potranno adire le
competenti sedi giurisdizionali (Tribunale Am-
ministrativo Regionale - Sezione di Brescia) in
conformit alla normativa vigente notificando
gli atti processuali nei confronti del Comune di
Brescia presso gli Uffici della Civica Avvoca-
tura, Corsetto SantAgata 11/b - 25121 Brescia.
Il Responsabile del Procedimento
(dott.ssa Patrizia Serena)
AVVISO DI GARA ESPERITA
Stazione appaltante: Servizi Ampezzo
Unipersonale srl, localit Sacus n. 4, Cortina
dAmpezzo (BL), tel. 003904364571, fax
00390436879791, e-mail: seg.seam@pec.net;
Lavori: Affidamento progettazione esecutiva e
esecuzione lavori costruzione parcheggio mul-
tipiano interrato e piazza sovrastante in piazzale
Largo Poste a Cortina dAmpezzo (BL) con-
giunto allacquisizione di 18 posti auto; Proce-
dura e criterio di aggiudicazione: procedura
aperta, offerta economicamente pi vantag-
giosa art. 83 D.lgs 12.4.2006/163 e s.m.i.; Data
aggiudicazione 23.1.2014; N. offerte ricevute:
3; Aggiudicatario: costituendo R.T. VIDONI
spa, v. Palladio, n. 66, Tavagnacco (UD) man-
datario e PROFACTA spa, V. Brennero, n. 194,
Trento mandante; Importo aggiudicazione:
. 10.223.707,69; Subappalto: SI; Tempo
compimento lavori: gg 510; Data bando
23.7.2013; Organismo competente procedure
ricorso e per informazioni: TAR Veneto, Can-
nareggio, 2277, 041 2403911 fax 041/2403940
e-mail presve@giustizia-amministrativa.ve.it.
Presentazione ricorso: 30 gg. data comunica-
zione aggiudicazione. Il responsabile Marco
Siorpaes.
Ministero dellInterno
Dipartimento della Pubblica Sicurezza
Direzione Centrale dei Servizi Tecnico Logistici e della Gestione Patrimoniale
Ufficio Attivit Contrattuale per linformatica, gli Impianti Tecnici e le Telecomunicazioni
AVVISO DI GARA
Si informa che il Ministero dellInterno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza - Direzione Cen-
trale dei Servizi Tecnico Logistici e della Gestione Patrimoniale - Ufficio Attivit Contrattuale per
linformatica, gli Impianti Tecnici e le Telecomunicazioni - ha indetto una gara di appalto con
procedura ristretta (art. 54 e 55 punto 6) e accelerata (art. 70, punto 11 lettere a-b), per lag-
giornamento e la fornitura dei relativi servizi di supporto tecnico di 25.000 licenze software Sy-
mantec - per mesi 36 - finalizzati alla sicurezza della rete di telecomunicazioni del Dipartimento
della Pubblica Sicurezza. Le Ditte in possesso dei requisiti previsti dal bando di gara dovranno
far pervenire le domande di partecipazione, complete dei documenti richiesti, entro le ore 13:00
del giorno 31/03/2014. Il bando di gara stato inviato per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale
delle Comunit Europee in data 10/03/2014 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Italiana n. 29 -
V Serie Speciale - Contratti Pubblici del 12/03/2014. Ulteriori informazioni potranno essere ri-
chieste allUfficio Attivit Contrattuale per linformatica, gli Impianti Tecnici e le Telecomunica-
zioni - e-mail: silvia.duri@interno.it. CIG: 56371188ED. Determina a contrarre prot. n.
600/C/TLC.627.PR.376.002.013 del 25/02/2014.
IL DIRIGENTE
Acquirente Unico S.p.A. nelle funzioni di Orga-
nismo Centrale di Stoccaggio Italiano, con sede
in Roma, in Via Guidubaldo Del Monte n. 45, in-
forma che stata pubblicata in data 26/02/2014
sulla Gazzetta Ufficiale dellUnione Europea un
avviso per la procedura di selezione di contro-
parti per la stipula di un contratto quadro
per lapprovvigionamento di capacit di stoc-
caggio. La documentazione disponibile sul
sito www.ocsit.it nella sezione Scorte di sicu-
rezza - Gestione operativa. Termine ultimo di
ricevimento delle domande di candidatura:
19/12/2017.
Responsabile Unico del Procedimento
Avv. Maria Giuseppina Carella
Acquirente Unico S.p.A. nelle funzioni di Orga-
nismo Centrale di Stoccaggio Italiano con
sede in Roma, in Via Guidubaldo Del Monte
n. 45, informa che stata pubblicata in data
26/02/2014 sulla Gazzetta Ufficiale dellUnione
Europea un avviso per la procedura di selezione
di controparti per la stipula di un contratto
quadro per lapprovvigionamento di prodotti
petroliferi. La documentazione disponibile
sul sito www.ocsit.it nella sezione Scorte di
sicurezza - Gestione operativa. Termine ultimo
di ricevimento delle domande di candidatura:
19/12/2017.
Responsabile Unico del Procedimento
Avv. Maria Giuseppina Carella
Acquirente Unico S.p.A. con sede in Roma, in
Via Guidubaldo Del Monte n. 45, informa che
stata pubblicata in data 27/02/2014 sulla Gaz-
zetta Ufficiale dellUnione Europea, una gara co-
munitaria a procedura aperta avente ad oggetto
lapprovvigionamento di finanziamenti finalizzati
ad assicurare lesercizio da parte dellAcquirente
Unico, delle funzioni di organismo centrale di
stoccaggio italiano, come disposto dal D.lgs. 31
dicembre 2012 n. 249. La documentazione di-
sponibile sul sito www.ocsit.it nella sezione Ac-
quisto di beni e servizi. Termine ultimo di
ricevimento delle offerte: 28/04/2014 ore 12.00.
Responsabile Unico del Procedimento
Avv. Maria Giuseppina Carella
COMUNE DI REGALBUTO (EN)
AVVISO DI GARA
Questa amministrazione esperir in
data 07/04/2014 pubblico incanto
dei Lavori di adeguamento degli
impianti elettrici e termici ed adegua-
mento ai requisiti di sicurezza, rispar-
mio energetico e prevenzione incendi
del plesso della scuola media G.F. In-
grassia. Termine presentazione offerte
ore 9.00 del 07/04/2014 da indirizzare
a Municipio di Regalbuto (EN), Piazza
della Repubblica n. 1 - 94017 Regal-
buto (EN). Importo del progetto:
. 982.009,13 dei quali . 754.996,03
soggetti a ribasso ed . 227.013,100
(cos distinti . 20.611,88 per costo
oneri di sicurezza ed . 206.401,22
costo del personale) non soggetti a ri-
basso. Categoria prevalente OG1 Clas-
sifica III. Estratto Bando di Gara su
G.U.R.S. n. 10 del 07/03/2014. Ufficio
Preposto: Uff. Tecnico Comunale (tel.
0935/911350). Bando integrale sul sito
www.osservatorio.lavoripubblici.sici-
lia.it e www.comune.regalbuto.en.it.
IL RUP - Geom. Vito Giaggeri
TEMI & VARIAZIONI. LIMPERO DELLA LUCE
con un omaggio a Fausto Melotti
a cura di Luca Massimo Barbero
01.02 - 14.04.2014
ORARIO 10-18 CHIUSO IL MARTED
DORSODURO 701, 30123 VENEZIA
guggenheim-venice.it
Grazie a
Media partner
Con la collaborazione di
Iscriviti agli Amici della Collezione ed entra gratis alle
mostre tutto lanno guggenheim-venice.it/membership
N
a
t
e
L
o
w
m
a
n
,
L
im
p
e
ro
d
e
lla
lu
c
e
,
2
0
1
3
.
C
o
u
rt
e
s
y
d
e
lla
rt
is
t
a
e
M
a
s
s
im
o
D
e
C
a
rlo
,
M
ila
n
o
/
L
o
n
d
ra
.
F
o
t
o
A
le
s
s
a
n
d
ro
Z
a
m
b
ia
n
c
h
i.
Con il sostegno di
Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano
Tel. 02 2584 6665 o 02 2584 6256
Fax 02 2588 6114
Via Valentino Mazzola, 66/D
00142 Roma
Tel. 06 6882 8650
Fax 06 6882 8682
Vico II San Nicola alla Dogana, 9
80133 Napoli
Tel. 081 49 777 11 - Fax 081 49 777 12
Via Villari, 50 - 70122 Bari
Tel. 080 5760 111
Fax 080 5760 126
Per la pubblicit
legale e finanziaria
rivolgersi a:
RCS MediaGroup S.p.A.
Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Economia 31

Contribuenti Pubblicata la circolare dellAgenzia delle Entrate sulle dichiarazioni, ora le lettere potranno partire
Affitti e spese, redditometro a prova di privacy
Pronto il modello definitivo del Fisco per verificare il tenore di vita degli italiani
Regole e controlli
Spese correnti
solo con le verifiche
1
Gli accertamenti
allanagrafe
2
Affitto figurativo?
Nel contraddittorio
3
Viaggi, ristoranti,
alberghi, abbigliamento
non verranno utilizzati
per calcolare il tenore di
vita del contribuente. Il
Garante della privacy
chiede che il fisco si basi
solo su dati patrimoniali
certi. A meno che tali
acquisti non vengano
certificati da dati
accertati dallAgenzia
delle entrate.
Per evitare che il
redditometro metta
nel mirino un
contribuente senza
considerare la sua
situazione familiare
(reddito proveniente
da suoi congiunti),
lAgenzia delle entrate
sar tenuta a
verificare
preventivamente
lanagrafe comunale.
Nel caso in cui, nel
comune di residenza, il
contribuente non
risultasse n
proprietario, n
affittuario di alcun
immobile, la
contestazione potr
essere avanzata solo in
fase di contraddittorio.
E solo in quella sede il
contribuente dovr
fornire spiegazioni.
Pubblico e privato Lo studio della Fondazione per la sussidiariet
Il welfare del non profit
in media costa il 23% in meno
Soprattutto in epoca di
spending review per il welfare
va posto al centro il servizio
pubblico alla persona: comun-
que gestito purch serva il bene
comune secondo criteri di effi-
cienza. Su tale terreno appare
astratta e superata la contrap-
posizione fra pubblico e priva-
to. Secondo Giorgio Vittadini,
presidente della Fondazione per
la sussidiariet, docente di stati-
stica metodologica alla Bicocca,
fondatore ed ex presidente della
Compagnia delle opere, questa
la conclusione principale del-
lottavo rapporto sulla sussidia-
riet che verr presentato do-
mani a Roma in un convegno al
quale parteciper anche il mini-
stro del Lavoro Giuliano Poletti.
Lo studio, realizzato in colla-
borazione tra la Fondazione e il
Politecnico di Milano, si con-
centra su costi, efficienza e qua-
lit dei servizi sociali in Italia.
Impresa tuttaltro che semplice
visto che non esistono pratiche
consolidate di rilevazione mi-
cro, cio delle singole organiz-
zazioni: le statistiche pubbliche
riguardano al pi la spesa ag-
gregata dei Comuni per tali ser-
vizi. La novit dunque rappre-
sentata dallindagine sui costi di
alcuni servizi (asili nido, hou-
sing sociale e universitario, cura
degli anziani, riabilitazione) re-
alizzata con il duplice obiettivo
di verificare se vi siano differen-
ze di efficienza nellofferta fra
organizzazioni private non pro-
fit ed enti pubblici, a parit di
qualit percepita dagli utenti, e
di comprenderne le eventuali
cause.
In estrema sintesi la ricerca,
che mette a confronto due strut-
ture comunque di eccellenza
per tipo di servizio (nel solo ca-
so degli asili ne vengono consi-
derati due comunali e tre priva-
ti) in zone omogenee (prevalen-
temente al Nord, e a Catania per
lhousing universitario), arriva
alla conclusione che lofferta
privata risulta pi efficiente
perch presenta costi unitari
minori in media del 23%. Dato
che va letto considerando due
aspetti importanti. In primo
luogo la differenza non appare
principalmente dovuta a un mi-
nor costo delle attivit core,
cio del servizio erogato, bens
dipende dal fatto che le struttu-
re pubbliche risultano nella
maggior parte dei casi gravate
da costi esterni, generali o in-
diretti come lamministrazione,
le utenze, i servizi vari di manu-
tenzione e cos via, in gran parte
dipendenti dunque da scelte ge-
stionali e specificit di conte-
sto, non attinenti alla singola
struttura. In secondo luogo co-
sti inferiori non comportano
una riduzione della qualit del
servizio: il livello di soddisfa-
zione (misurata attraverso le in-
dagini di customer satisfaction
condotte dalle singole struttu-
re) non mostra differenze di ri-
lievo, con anzi un leggero van-
taggio delle organizzazioni
non profit. Anche negli asili ni-
do, dove la differenza di costi
pi rilevante perch nel privato
sono inferiori del 41%, la ragio-
ne non va ricercata nelle attivit
core: in questo caso contribu-
isce in gran parte luso di diversi
contratti che rendono il tratta-
mento economico meno favore-
vole per gli educatori delle
strutture non profit, senza che
ci si rifletta comunque in diffe-
renze nel servizio percepite dal-
le famiglie.
Ecco dunque che, viene sot-
tolineato nel rapporto, una pi
netta divisione tra livello ammi-
nistrativo e di controllo e attivi-
t operative nella prestazione
dei servizi aiuterebbe la forma-
zione di unit autonome di ser-
vizio, imprese sociali pubbli-
che in grado di collaborare do-
ve necessario con le organizza-
zioni private. Il rapporto di
estrema attualit, dice Vittadi-
ni, anche secondo il premier
Matteo Renzi necessario anda-
re verso una nuova idea di pub-
blico che superi contrapposi-
zioni e dispute ideologiche.
Sergio Bocconi
RIPRODUZIONE RISERVATA
Differenze
Gli oneri maggiori nelle
strutture pubbliche sono
per esterni, cio
generali e amministrativi
Stavolta si parte davvero.
LAgenzia delle entrate ha ri-
formulato il nuovo redditome-
tro sulla base delle osservazio-
ni fatte dal Garante della pri-
vacy e adesso le ormai famose
35 mila raccomandate saranno
imbucate.
Cambia volto quindi lo stru-
mento che dovrebbe accertare
se le spese dichiarate dai con-
tribuenti sono congrue con il
reddito dichiarato al fisco. La
sensazione che si voglia an-
dare coi piedi di piombo evi-
tando colpi a vuoto: si cerche-
r di colpire bersagli grossi
senza alimentare il sospetto di
un gigantesco studio di settore
che finisce per colpire e perse-
guire anche piccole cifre e nor-
mali contribuenti. Per questo
sin da subito il Garante aveva
richiesto che laccertamento
non fosse fondato unicamente
sul trattamento automatizza-
to di dati personali. bene ri-
cordare infatti che il nuovo
redditometro prevede due fasi:
la prima quella in cui lAgen-
zia delle Entrate segnala quelle
che risulterebbero le spese in-
congrue chiedendo al contri-
buente un incontro perch
possa portare elementi con-
creti che spieghino il perch
delle divergenze. Nel caso in
cui gli uomini del fisco non ri-
tenessero convincenti le tesi (e
le prove) esibite dal contri-
buente, si passa a una seconda
fase, quella del vero contrad-
dittorio.
Il nodo fondamentale del
nuovo strumento stava so-
prattutto nella scelta delle voci
utilizzate per capire se si era in
presenza di una sospetta eva-
sione fiscale. La circolare
emessa i eri ci spi ega che
lAgenzia non utilizzer nel
nuovo accertamento sintetico,
n in fase di selezione, n in
sede di contraddittorio, le spe-
se correnti saranno determi-
nate solo con la media Istat. Il
che significa che escono dal
mirino voci come alimentari e
bevande, abbigliamento e cal-
zature, alberghi e viaggi orga-
nizzati. Ci significa che que-
ste spese rimarranno fuori sia
dalla prima fase che dalleven-
tuale contraddittorio e quindi
non contribuiranno a compor-
re il profilo dell contribuente
infedele. Solo nel caso in cui
gli importi corrisposti per tali
spese dovessero essere indivi-
duati puntualmente dallUffi-
cio potranno essere oggetto di
contraddittorio e concorrere
quindi alla ricostruzione sin-
tetica del reddito.
Altro pericolo rilevato dal
Garante della privacy era quel-
lo del possibile disallineamen-
to tra famiglia fiscale (costi-
tuita da contribuente e coniu-
ge oltre che dai figli o dagli al-
tri familiari fiscalmente a
carico) e famiglia anagrafica
(comprendente anche figli
maggiorenni e altri familiari
conviventi, nonch i convi-
venti di fatto, non fiscalmente
a carico). Il rischio era che si
accendesse un allarme su con-
tribuenti il cui tenore di vita
fosse aiutato dai guadagni dei
familiari. Per evitare
questo corto circuito
lAgenzia sar tenuta
ad accertare prima la
reale situazione del
nucleo familiare gra-
zie al collegamento te-
lematico con lanagra-
fe comunale.
Altra voce depennata
dal nuovo redditometro
quella del fitto figu-
rativo, cio la spesa at-
tribuita al contribuente che
non risulta, nel comune di re-
sidenza, in possesso di un im-
mobile a titolo di propriet, di
locazione o di leasing immobi-
liare. In questo caso lincon-
gruenza dovr essere spiegata
dal cont ri buente sol o i n
uneventuale fase di contrad-
dittorio e non prima.
Complessivamente dunque,
lAgenzia delle Entrate nel suo
nuovo accertamento sintetico
potr tener conto esclusiva-
mente delle spese certe (quelle
certificate per il mutuo o per
laffitto oppure le spese indica-
te per deduzioni o detrazioni),
delle spese per ele-
menti certi, di un incremento
patrimoniale imputabile al pe-
riodo dimposta e di un rispar-
mio formatasi nellanno fiscale
esaminato.
Frecce abbastanza acumina-
te per colpire bersagli grossi.
Isidoro Trovato
RIPRODUZIONE RISERVATA
2
le fasi del nuovo redditometro:
in un primo tempo lAgenzia del-
le entrate manda una lettera con
le contestazioni al contribuente,
che dovr provare lesattezza
della propria compilazione. Se il
Fisco non rimane soddisfatto
scatta il contraddittorio
35
mila Le raccomandate che
saranno spedite dallAgenzia
delle entrate ai contribuenti
che hanno suscitato dei dubbi
al Fisco in base al nuovo red-
ditometro, riformulato acco-
gliendo le osservazioni fatte
dal Garante della privacy
Scadenze
Il Modello 730
tra quelli
che saranno
controllati
dallAgenzia
delle Entrate
con il reddito-
metro
Il check soltanto
sulle spese certe
4
Il redditometro dovr
servirsi delle spese certe:
quelle che si dichiarano
per il mutuo o per laffitto
oppure tutte quelle
indicate per ottenere una
detrazione o una
deduzione. Il fisco
valuter anche le spese
per elementi certi
(potenza delle auto,
lunghezza delle barche,
metri quadrati delle case).
Lex presidente brasiliano
Lula in visita alla Pirelli
Lex presidente del Brasile, Luiz Incio da Silva, ha visitato
la sede di Milano della Pirelli e il principale centro di
ricerca e sviluppo della Bicocca. Lula, accompagnato dal
presidente per lAmerica Latina Paolo Dal Pino, stato
ricevuto dal consiglio e dal presidente e Ceo, Marco
Tronchetti Provera (nella foto a destra).
32
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Nome Data Valuta Quota/od. Quota/pre.
AcomeA SGR - numero di tel. 800.89.39.89
info@acomea.it
AcomeA America (A1) 10/03 EUR 16,152 16,181
AcomeA America (A2) 10/03 EUR 16,631 16,659
AcomeA Asia Pacifico (A1) 10/03 EUR 4,174 4,204
AcomeA Asia Pacifico (A2) 10/03 EUR 4,283 4,314
AcomeA Breve Termine (A1) 10/03 EUR 14,555 14,551
AcomeA Breve Termine (A2) 10/03 EUR 14,704 14,700
AcomeA ETF Attivo (A1) 10/03 EUR 4,447 4,456
AcomeA ETF Attivo (A2) 10/03 EUR 4,549 4,558
AcomeA Eurobbligazionario (A1) 10/03 EUR 17,029 17,024
AcomeA Eurobbligazionario (A2) 10/03 EUR 17,211 17,206
AcomeA Europa (A1) 10/03 EUR 13,330 13,297
AcomeA Europa (A2) 10/03 EUR 13,646 13,612
AcomeA Globale (A1) 10/03 EUR 11,218 11,232
AcomeA Globale (A2) 10/03 EUR 11,618 11,631
AcomeA Italia (A1) 10/03 EUR 20,846 20,672
AcomeA Italia (A2) 10/03 EUR 21,361 21,182
AcomeA Liquidit (A1) 10/03 EUR 8,904 8,902
AcomeA Liquidit (A2) 10/03 EUR 8,905 8,903
AcomeA Paesi Emergenti (A1) 10/03 EUR 6,191 6,274
AcomeA Paesi Emergenti (A2) 10/03 EUR 6,352 6,436
AcomeA Patrimonio Aggressivo (A1) 10/03 EUR 3,889 3,892
AcomeA Patrimonia Aggressivo (A2) 10/03 EUR 3,997 4,000
AcomeA Patrimonio Dinamico (A1) 10/03 EUR 5,124 5,132
AcomeA Patrimonio Dinamico (A2) 10/03 EUR 5,221 5,228
AcomeA Patrimonio Prudente (A1) 10/03 EUR 6,040 6,044
AcomeA Patrimonio Prudente (A2) 10/03 EUR 6,166 6,170
AcomeA Performance (A1) 10/03 EUR 21,122 21,134
AcomeA Performance (A2) 10/03 EUR 21,411 21,422
Invictus Global Bond Fd 04/03 EUR 106,000 105,938
Invictus Macro Fd 05/03 EUR 79,779 79,878
Sol Invictus Absolute Return 06/03 EUR 106,550 107,249
www.azimut.it - info@azimut.it
AZIMUT CAPITAL MANAGEMENT SGR - tel.02.88981
Azimut Dinamico 07/03 EUR 26,638 26,765
Azimut Formula 1 Absolute 07/03 EUR 7,206 7,239
Azimut Formula 1 Conserv 07/03 EUR 6,879 6,891
Azimut Formula Target 2013 07/03 EUR 6,911 6,922
Azimut Formula Target 2014 07/03 EUR 6,704 6,719
Azimut Garanzia 07/03 EUR 12,899 12,900
Azimut Prev. Com. Crescita 28/02 EUR 10,988 10,755
Azimut Prev. Com. Crescita Cl. C 28/02 EUR 10,996 10,760
Azimut Prev. Com. Equilibrato 28/02 EUR 12,045 11,905
Azimut Prev. Com. Equilibrato Cl. C 28/02 EUR 12,048 11,907
Azimut Prev. Com. Garantito 28/02 EUR 10,877 10,747
Azimut Prev. Com. Protetto 28/02 EUR 11,873 11,777
Azimut Prev. Com. Protetto Cl. C 28/02 EUR 11,879 11,782
Azimut Prev. Com. Obbli. 28/02 EUR 10,127 10,071
Azimut Prev. Com. Obbli. Cl. C 28/02 EUR 10,127 10,071
Azimut Reddito Euro 07/03 EUR 17,338 17,338
Azimut Reddito Usa 07/03 EUR 5,918 5,942
Azimut Scudo 07/03 EUR 8,620 8,620
Azimut Solidity 07/03 EUR 8,722 8,720
Azimut Strategic Trend 07/03 EUR 6,192 6,191
Azimut Trend America 07/03 EUR 12,434 12,428
Azimut Trend Europa 07/03 EUR 13,064 13,220
Azimut Trend Italia 07/03 EUR 18,390 18,519
Azimut Trend Pacifico 07/03 EUR 6,796 6,768
Azimut Trend Tassi 07/03 EUR 10,125 10,122
Azimut Trend 07/03 EUR 26,913 26,870
AZ FUND MANAGEMENT SA - tel.00352 2663811
AZ F. Active Selection 07/03 EUR 5,301 5,322
AZ F. Active Strategy 07/03 EUR 5,243 5,239
AZ F. Alpha Man. Credit 07/03 EUR 5,449 5,449
AZ F. Alpha Man. Equity 07/03 EUR 4,903 4,918
AZ F. Alpha Man. Them. 07/03 EUR 3,644 3,669
AZ F. American Trend 07/03 EUR 3,160 3,159
AZ F. Asset Plus 07/03 EUR 5,537 5,543
AZ F. Asset Power 07/03 EUR 5,393 5,405
AZ F. Asset Timing 07/03 EUR 5,017 5,019
AZ F. Best Bond 07/03 EUR 5,331 5,335
AZ F. Best Cedola ACC 07/03 EUR 5,622 5,629
AZ F. Best Cedola DIS 07/03 EUR 5,135 5,141
AZ F. Best Equity 07/03 EUR 5,100 5,129
AZ F. Bond Target 2015 ACC 07/03 EUR 5,928 5,935
AZ F. Bond Target 2015 DIS 07/03 EUR 5,488 5,494
AZ F. Bond Target 2016 ACC 07/03 EUR 5,341 5,351
Nome Data Valuta Quota/od. Quota/pre.
AZ F. Bond Target 2016 DIS 07/03 EUR 5,089 5,099
AZ F. Bond Target 2017 Eq Op ACC 07/03 EUR 5,099 5,107
AZ F. Bond Target 2017 Eq Op DIS 07/03 EUR 5,099 5,107
AZ F. Bond Target Giugno 2016 ACC 07/03 EUR 5,579 5,584
AZ F. Bond Target Giugno 2016 DIS 07/03 EUR 5,211 5,216
AZ F. Bond TargetSettem.2016 ACC 07/03 EUR 5,810 5,811
AZ F. Bond TargetSettem.2016 DIS 07/03 EUR 5,522 5,523
AZ F. Cash 12 Mesi 07/03 EUR 5,338 5,338
AZ F. Cash Overnight 07/03 EUR 5,248 5,248
AZ F. Cat Bond ACC 28/02 EUR 5,297 5,293
AZ F. Cat Bond DIS 28/02 EUR 5,280 5,275
AZ F. CGM Opport Corp Bd 07/03 EUR 5,964 5,965
AZ F. CGM Opport European 07/03 EUR 6,911 6,941
AZ F. CGM Opport Global 07/03 EUR 6,300 6,322
AZ F. CGM Opport Gov Bd 07/03 EUR 5,493 5,494
AZ F. Commodity Trading 07/03 EUR 4,386 4,406
AZ F. Conservative 07/03 EUR 6,397 6,401
AZ F. Core Brands 07/03 EUR 5,569 5,584
AZ F. Corporate Premium ACC 07/03 EUR 5,519 5,530
AZ F. Corporate Premium DIS 07/03 EUR 5,298 5,309
AZ F. Dividend Premium ACC 07/03 EUR 5,533 5,560
AZ F. Dividend Premium DIS 07/03 EUR 4,944 4,968
AZ F. Emer. Mkt Asia 07/03 EUR 5,684 5,687
AZ F. Emer. Mkt Europe 07/03 EUR 2,981 3,011
AZ F. Emer. Mkt Lat. Am. 07/03 EUR 4,453 4,524
AZ F. European Dynamic 07/03 EUR 5,225 5,251
AZ F. European Trend 07/03 EUR 3,246 3,287
AZ F. Formula 1 Absolute 07/03 EUR 5,364 5,393
AZ F. Formula 1 Alpha Plus ACC 28/02 EUR 5,572 5,567
AZ F. Formula 1 Alpha Plus DIS 28/02 EUR 5,529 5,524
AZ F. Formula Target 2014 07/03 EUR 4,728 4,740
AZ F. Formula Target 2015 ACC 07/03 EUR 5,986 6,005
AZ F. Formula Target 2015 DIS 07/03 EUR 5,545 5,563
AZ F. Formula 1 Conserv. 07/03 EUR 4,945 4,953
AZ F. Global Curr&Rates ACC 07/03 EUR 4,278 4,306
AZ F. Global Curr&Rates DIS 07/03 EUR 4,068 4,095
AZ F. Global Sukuk ACC 28/02 EUR 4,951 4,938
AZ F. Global Sukuk DIS 28/02 EUR 4,951 4,938
AZ F. Hybrid Bonds ACC 07/03 EUR 5,230 5,227
AZ F. Hybrid Bonds DIS 07/03 EUR 5,170 5,167
AZ F. Income ACC 07/03 EUR 6,238 6,238
AZ F. Income DIS 07/03 EUR 5,797 5,796
AZ F. Int. Bd Targ. Giugno 2016 ACC 07/03 EUR 4,462 4,491
AZ F. Int. Bd Targ. Giugno 2016 DIS 07/03 EUR 4,221 4,248
AZ F. Institutional Target 07/03 EUR 5,479 5,490
AZ F. Italian Trend 07/03 EUR 3,643 3,669
AZ F. Lira Plus ACC 07/03 EUR 4,689 4,720
AZ F. Lira Plus DIS 07/03 EUR 4,689 4,720
AZ F. Macro Dynamic 07/03 EUR 5,950 5,957
AZ F. Opportunities 07/03 EUR 5,333 5,334
AZ F. Pacific Trend 07/03 EUR 4,076 4,061
AZ F. Patriot ACC 07/03 EUR 6,385 6,376
AZ F. Patriot DIS 07/03 EUR 5,987 5,978
AZ F. Qbond 07/03 EUR 5,161 5,169
AZ F. Qinternational 07/03 EUR 5,054 5,062
AZ F. QProtection 07/03 EUR 5,188 5,217
AZ F. Qtrend 07/03 EUR 4,880 4,935
AZ F. Renminbi Opport 07/03 EUR 5,349 5,359
AZ F. Reserve Short Term 07/03 EUR 6,300 6,300
AZ F. Short Term Gl High Yield ACC 07/03 EUR 5,072 5,071
AZ F. Short Term Gl High Yield DIS 07/03 EUR 5,044 5,043
AZ F. Solidity ACC 07/03 EUR 5,918 5,917
AZ F. Solidity DIS 07/03 EUR 5,574 5,573
AZ F. Strategic Trend 07/03 EUR 5,695 5,692
AZ F. Top Rating ACC 07/03 EUR 5,000 5,010
AZ F. Top Rating DIS 07/03 EUR 5,000 5,010
AZ F. Trend 07/03 EUR 5,905 5,897
AZ F. US Income 07/03 EUR 5,374 5,399
Abs. UK Dynamic Fd P1 11/03 GBP 1,553 1,558
Abs. UK Dynamic Fd P1 H 11/03 EUR 1,708 1,713
Abs. UK Dynamic Fd P2 11/03 GBP 1,586 1,591
Abs. UK Dynamic Fd P2 H 11/03 EUR 1,778 1,784
Europ. Equ. (ex UK) Fd A 10/03 GBP 2,705 2,712
Europ. Equ. (ex UK) Fd A 10/03 EUR 3,242 3,268
Europ. Equ. (ex UK) Fd B 10/03 EUR 3,263 3,290
Europ. Equ. (ex UK) Fd X 10/03 EUR 3,268 3,294
Europ. Equ. (ex UK) Fd X H 10/03 GBP 2,866 2,889
Pan Europe Fd A 10/03 EUR 3,649 3,676
Pan Europe Fd A 10/03 GBP 3,065 3,071
Pan Europe Fd A 10/03 USD 5,045 5,093
Pan Europe Fd B 10/03 EUR 3,628 3,656
Pan Europe Fd B 10/03 USD 5,007 5,056
Pan Europe Fd X 10/03 EUR 3,930 3,960
Pan Europe Fd X 10/03 EUR 3,622 3,649
Pan Europe Fd X 10/03 GBP 3,011 3,017
Nome Data Valuta Quota/od. Quota/pre.
Strategic Debt Fd A 10/03 GBP 1,041 1,041
Strategic Debt Fd A H 10/03 EUR 1,224 1,223
Strategic Debt Fd A H 10/03 USD 1,730 1,730
Strategic Debt Fd X 10/03 GBP 1,060 1,060
Strategic Debt Fd X H 10/03 EUR 1,285 1,284
Strategic Debt Fd X H 10/03 USD 1,762 1,761
UK Abs. Target Fd P1 11/03 GBP 1,235 1,235
UK Abs Target Fd P2 11/03 EUR 1,181 1,182
UK Abs Target Fd P2 11/03 GBP 1,264 1,265
UK Equity Fd A 10/03 GBP 3,393 3,417
UK Equity Fd A 10/03 USD 5,583 5,666
UK Equity Fd B 10/03 EUR 4,057 4,109
UK Equity Fd B 10/03 GBP 3,412 3,437
UK Equity Fd B 10/03 USD 5,669 5,754
UK Equity Fd X 10/03 EUR 4,263 4,317
UK Equity Fd X 10/03 EUR 4,128 4,180
UK Equity Fd X 10/03 GBP 0,512 0,516
UK Equity Fd X 10/03 GBP 3,440 3,465
UK Equity Fd X 10/03 USD 5,766 5,852
Num tel: 178 311 01 00
www.compamfund.com - info@compamfund.com
Bluesky Global Strategy A 10/03 USD 1484,521 1486,536
Bond Euro A 10/03 EUR 1236,365 1236,051
Bond Euro B 10/03 EUR 1195,950 1195,688
Bond Risk A 10/03 EUR 1424,372 1425,877
Bond Risk B 10/03 EUR 1365,450 1366,942
CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. A 10/03 EUR 1603,258 1605,785
CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. B 10/03 EUR 1544,341 1546,880
CompAM Fund - SB Bond B 07/03 EUR 1065,321 1067,007
CompAM Fund - SB Equity B 07/03 EUR 1103,098 1110,037
CompAM Fund - SB Flexible B 07/03 EUR 1011,299 1015,394
European Equity A 10/03 EUR 1404,127 1410,209
European Equity B 10/03 EUR 1330,636 1336,461
Multiman. Bal. A 07/03 EUR 116,439 116,586
Multiman. Bal. M 07/03 EUR 115,978 116,136
Multiman. Eq. Afr. & Mid. East A 05/03 EUR 70,634 70,771
Multiman. Eq. Afr. & Mid. East M 05/03 EUR 73,504 73,639
Multiman.Target Alpha A 05/03 EUR 106,487 106,298
DB Platinum
Agriculture Euro R1C A 07/03 EUR 66,460 66,500
Comm Euro R1C A 10/03 EUR 109,210 109,900
Comm Harvest R3C E 10/03 EUR 73,880 73,050
Currency Returns Plus R1C 10/03 EUR 929,170 929,580
DB Platinum IV
Croci Euro R1C B 10/03 EUR 115,170 115,690
Croci Japan R1C B 10/03 JPY 8419,890 8468,720
Croci US R1C B 10/03 USD 160,970 161,040
Dyn. Cash R1C A 10/03 EUR 101,550 101,550
Paulson Global R1C E 05/03 EUR 6632,120 6562,120
Sovereign Plus R1C A 10/03 EUR 106,080 106,180
Systematic Alpha R1C A 05/03 EUR 10191,780 10220,260
Fondi Index Linked
Social Responsability 05/03 99,470 EUR A S&P
Fondi Unit Linked
Flex Equity 100 05/03 11,051 EUR
Global Equity 05/03 5,465 EUR
Maximum 05/03 5,149 EUR
Progress 05/03 6,321 EUR
Quality 05/03 6,922 EUR
ABS- I 31/01 EUR 14690,218 14057,114
ABSOLUTE RETURN EUROPA 28/02 EUR 5038,824 5035,637
BOND-A 31/01 EUR 703354,240 696998,377
BOND-B 31/01 EUR 703354,240 696998,377
EQUITY- I 31/01 EUR 585979,854 602512,491
PRINCIPAL FINANCE 1 30/09 EUR 59550,161 60088,629
Tel: 848 58 58 20
Sito web: www.ingdirect.it
Dividendo Arancio 10/03 EUR 47,740 47,910
Convertibile Arancio 10/03 EUR 60,360 60,450
Cedola Arancio 10/03 EUR 57,550 57,510
Borsa Protetta Agosto 05/03 EUR 61,670 61,650
Borsa Protetta Febbraio 05/03 EUR 60,040 60,060
Nome Data Valuta Quota/od. Quota/pre.
Borsa Protetta Maggio 05/03 EUR 62,680 62,680
Borsa Protetta Novembre 05/03 EUR 60,500 60,530
Inflazione Pi Arancio 10/03 EUR 55,560 55,620
Mattone Arancio 10/03 EUR 43,260 43,650
Profilo Dinamico Arancio 10/03 EUR 63,500 63,680
Profilo Equilibrato Arancio 10/03 EUR 61,250 61,360
Profilo Moderato Arancio 10/03 EUR 57,610 57,610
Top Italia Arancio 10/03 EUR 49,200 48,930
La lista completa dei comparti Invesco autorizzati in Italia
disponibile sul sito www.invesco.it
Invesco Funds
Asia Balanced A 11/03 USD 23,540 23,480
Asia Balanced A-Dis 11/03 USD 15,480 15,440
Asia Consumer Demand A 11/03 USD 13,600 13,560
Asia Consumer Demand A-Dis 11/03 USD 13,260 13,220
Asia Infrastructure A 11/03 USD 13,650 13,610
Asian Bond A-Dis M 11/03 USD 10,023 10,021
Balanced-Risk Allocation A 11/03 EUR 14,550 14,570
Em. Loc. Cur. Debt A 11/03 USD 14,396 14,448
Em. Loc. Cur. Debt A-Dis.M 11/03 USD 9,259 9,293
Em. Mkt Corp Bd A 11/03 USD 11,856 11,909
Euro Corp. Bond A 11/03 EUR 16,370 16,360
Euro Corp. Bond A-Dis M 11/03 EUR 12,498 12,491
Euro Short Term Bond A 11/03 EUR 10,890 10,889
European Bond A-Dis 11/03 EUR 5,519 5,515
Glob. Bond A-Dis 11/03 USD 5,744 5,744
Glob. Equity Income A 11/03 USD 60,920 60,920
Glob. Equity Income A-Dis 11/03 USD 15,340 15,340
Glob. Inv. Grade.Corp. Bond A-Dis M11/03 USD 11,228 11,227
Glob. Structured Equity A-Dis 11/03 USD 40,900 40,910
Glob. Targeted Ret. A 11/03 EUR 10,291 10,290
Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond A 11/03 EUR 12,711 12,712
Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond E-Dis 11/03 EUR 11,620 11,621
Greater China Eq. A 11/03 USD 44,020 43,960
India Equity E 11/03 EUR 26,630 26,610
Japanese Eq. Advantage A 11/03 JPY 3003,000 3006,000
Pan European Eq. A 11/03 EUR 17,630 17,700
Pan European Eq. A-Dis 11/03 EUR 15,910 15,970
Pan European Eq. Inc. A-Dis 11/03 EUR 11,700 11,730
Pan European High Inc A 11/03 EUR 18,470 18,490
Pan European High Inc A-Dis 11/03 EUR 13,430 13,450
Pan European Struct. Eq. A 11/03 EUR 13,980 14,010
Pan European Struct. Eq. A-Dis 11/03 EUR 13,290 13,320
Renminbi Fix. Inc. A 11/03 USD 10,710 10,695
Renminbi Fix. Inc. EUR A-Dis 11/03 EUR 9,381 9,353
US Equity A EH 11/03 EUR 13,960 13,990
US High Yield Bond A 11/03 USD 11,703 11,710
US High Yield Bond A-Dis M 11/03 USD 10,708 10,715
US Value Equity A 11/03 USD 31,110 31,160
US Value Equity A-Dis 11/03 USD 29,740 29,790
Tel: 02 77718.1
www.kairospartners.com
Kairos Multi-Str. A 31/01 EUR 867189,677 857158,267
Kairos Multi-Str. B 31/01 EUR 567856,932 561570,953
Kairos Multi-Str. I 31/01 EUR 583827,444 576858,129
Kairos Multi-Str. P 31/01 EUR 533738,745 527974,042
Kairos Income 10/03 EUR 6,807 6,806
Kairos Small Cap 10/03 EUR 10,459 10,479
KAIROS INTERNATIONAL SICAV
KIS - America A-USD 07/03 USD 278,920 278,790
KIS - America P 07/03 EUR 196,070 195,980
KIS - America X 07/03 EUR 197,060 196,970
KIS - Bond A-USD 07/03 USD 169,160 169,190
KIS - Bond D 07/03 EUR 121,270 121,300
KIS - Bond P 07/03 EUR 125,210 125,240
KIS - Bond Plus A Dist 07/03 EUR 126,610 126,630
KIS - Bond Plus D 07/03 EUR 128,600 128,620
KIS - Bond Plus P 07/03 EUR 130,440 130,460
KIS - Dynamic A-USD 07/03 USD 172,910 172,590
KIS - Dynamic D 07/03 EUR 120,500 120,280
KIS - Dynamic P 07/03 EUR 122,690 122,460
KIS - Emerging Mkts A 07/03 EUR 122,560 122,610
KIS - Emerging Mkts D 07/03 EUR 121,250 121,300
KIS - Europa D 07/03 EUR 124,050 126,000
KIS - Europa P 07/03 EUR 125,990 127,960
KIS - Europa X 07/03 EUR 126,410 128,390
KIS - Global Bond P 07/03 EUR 101,370 101,510
KIS - Income D 07/03 EUR 104,380 104,390
KIS - Income P 07/03 EUR 107,870 107,880
KIS - Italia P 07/03 EUR 133,070 133,150
KIS - Italia X 07/03 EUR 131,430 131,490
KIS - Key 07/03 EUR 131,930 132,850
Nome Data Valuta Quota/od. Quota/pre.
KIS - Key X 07/03 EUR 132,420 133,340
KIS - Multi-Str. UCITS A USD 07/03 USD 156,380 156,450
KIS - Multi-Str. UCITS D 07/03 EUR 114,960 114,980
KIS - Multi-Str. UCITS P 07/03 EUR 117,720 117,730
KIS - Multi-Str. UCITS X 07/03 EUR 118,290 118,300
KIS - Selection D 10/03 EUR 122,990 123,220
KIS - Selection P 10/03 EUR 124,780 125,010
KIS - Selection X 10/03 EUR 124,370 124,540
KIS - Sm. Cap D 10/03 EUR 99,430 100,090
KIS - Sm. Cap P 10/03 EUR 104,020 104,700
KIS - Target 2014 X 07/03 EUR 102,180 102,190
ASIAN OPP CAP RET EUR 10/03 EUR 12,275 12,345
FLEX QUANTITATIVE HR6 A EUR 10/03 EUR 107,773 108,027
FLEX STRATEGY RET EUR 10/03 EUR 91,546 91,475
HIGH GROWTH CAP RET EUR 10/03 EUR 119,030 118,503
ITALY CAP RET A EUR 10/03 EUR 25,647 25,587
SHORT DURATION CAP RET EUR 10/03 EUR 914,331 915,930
www.multistarssicav.com multistars@pharus.ch
T. +41 (0)91 640 37 80
Orazio Conservative A 10/03 EUR 100,350 100,520
Sparta Agressive A 10/03 EUR 101,840 102,330
WM Biotech A 10/03 EUR 155,520 155,500
WM Biotech I 10/03 EUR 1580,770 1580,500
www.newmillenniumsicav.com
Distributore Principale: Banca Finnat Euramerica - Tel: 06/69933475
NM Augustum Corp Bd A 10/03 EUR 186,300 186,250
NM Augustum High Qual Bd A 10/03 EUR 144,320 144,310
NM Balanced World Cons A 10/03 EUR 131,870 131,980
NM Euro Bonds Short Term A 10/03 EUR 137,670 137,580
NM Euro Equities A 10/03 EUR 45,790 45,850
NM Global Equities EUR hdg A 10/03 EUR 70,880 70,940
NM Inflation Linked Bond Europe A 10/03 EUR 104,110 104,200
NM Italian Diversified Bond A 10/03 EUR 110,280 110,270
NM Italian Diversified Bond I 10/03 EUR 112,460 112,450
NM Large Europe Corp A 10/03 EUR 134,140 134,070
NM Market Timing A 10/03 EUR 104,320 104,430
NM Market Timing I 10/03 EUR 104,900 105,010
NM Q7 Active Eq. Int. A 10/03 EUR 59,350 59,670
NM Q7 Globalflex A 07/03 EUR 104,480 104,860
NM Total Return Flexible A 07/03 EUR 121,800 121,740
NM VolActive A 10/03 EUR 97,770 97,700
NM VolActive I 10/03 EUR 98,090 98,010
AUGUSTUM EQUITY EUROPE I 10/03 EUR 107,920 108,140
AUGUSTUM G.A.M.E.S. A 10/03 EUR 111,740 112,020
AUGUSTUM G.A.M.E.S. I 10/03 EUR 148,340 148,700
Numero verde 800 124811
www.nextampartners.com-info@nextampartners.com
Nextam Bilanciato 10/03 EUR 6,779 6,785
Nextam Obblig. Misto 10/03 EUR 7,286 7,282
BInver International A 10/03 EUR 6,289 6,311
Cap. Int. Abs. Inc. Grower D 10/03 EUR 5,363 5,379
CITIC Securities China Fd A 10/03 EUR 5,088 5,079
Fidela A 10/03 EUR 5,452 5,447
Income A 10/03 EUR 5,636 5,634
International Equity A 10/03 EUR 6,937 6,964
Italian Selection A 10/03 EUR 7,024 6,961
Liquidity A 10/03 EUR 5,342 5,341
Multimanager American Eq.A 10/03 EUR 4,777 4,786
Multimanager Asia Pacific Eq.A 10/03 EUR 4,266 4,304
Multimanager Emerg.Mkts Eq.A 10/03 EUR 3,956 3,996
Multimanager European Eq.A 10/03 EUR 4,530 4,559
Strategic A 10/03 EUR 5,163 5,168
Usa Value Fund A 10/03 EUR 5,949 5,966
Ver Capital Credit Fd A 10/03 EUR 5,506 5,504
Tel: 0041916403780
www.pharusfunds.com info@pharusfunds.com
PS - 3P Cosmic A 10/03 EUR 76,580 75,150
PS - 3P Cosmic C 10/03 CHF 75,820 74,460
PS - Absolute Return A 10/03 EUR 111,120 111,150
Nome Data Valuta Quota/od. Quota/pre.
PS - Absolute Return B 10/03 EUR 117,120 117,140
PS - Algo Flex A 10/03 EUR 110,160 110,110
PS - Algo Flex B 10/03 EUR 105,780 104,860
PS - Best Global Managers A 04/03 EUR 104,980 104,710
PS - Best Global Managers B 04/03 EUR 108,600 108,310
PS - Best Gl Managers Flex Eq A 10/03 EUR 110,970 111,130
PS - Bond Opportunities A 10/03 EUR 161,280 161,280
PS - Bond Opportunities B 10/03 EUR 120,200 120,200
PS - Dynamic Core Portfolio A 10/03 EUR 99,280 99,430
PS - EOS A 04/03 EUR 132,040 134,320
PS - Equilibrium A 10/03 EUR 100,550 100,590
PS - Fixed Inc Absolute Return A 10/03 EUR 98,640 98,660
PS - Inter. Equity Quant A 10/03 EUR 110,300 110,990
PS - Inter. Equity Quant B 10/03 EUR 112,480 113,190
PS - Liquidity A 10/03 EUR 124,400 124,400
PS - Opportunistic Growth A 10/03 EUR 95,850 96,040
PS - Opportunistic Growth B 10/03 EUR 100,910 101,090
PS - Podium Flex A 10/03 EUR 85,600 85,620
PS - Podium Flex C 10/03 USD 84,480 84,500
PS - Prestige A 04/03 EUR 100,300 101,080
PS - Quintessenza A 04/03 EUR 103,080 103,340
PS - Quintessenza B 04/03 EUR 106,150 106,400
PS - Target A 04/03 EUR 104,010 104,170
PS - Target B 04/03 EUR 103,960 104,110
PS - Titan Aggressive A 04/03 EUR 104,770 105,340
PS - Total Return A 10/03 EUR 102,770 102,690
PS - Total Return B 10/03 EUR 96,140 96,070
PS - Valeur Income A 10/03 EUR 109,850 109,970
PS - Value A 04/03 EUR 104,320 104,740
PS - Value B 04/03 EUR 106,480 106,900
www.pegasocapitalsicav.com
Strategic Bond Inst. C 10/03 EUR 106,550 106,520
Strategic Bond Inst. C hdg 10/03 USD 106,710 106,690
Strategic Bond Retail C 10/03 EUR 105,220 105,200
Strategic Bond Retail C hdg 10/03 USD 105,340 105,310
Strategic Trend Inst. C 10/03 EUR 103,280 103,140
Strategic Trend Retail C 10/03 EUR 101,260 101,130
www.sorgentegroup.com
Fondo Donatello-Michelangelo Due 30/06 EUR 52927,939 52659,382
Fondo Donatello-Tulipano 30/06 EUR 47475,755 48904,331
Fondo Donatello-Margherita 30/06 EUR 27116,197 26640,389
Fondo Donatello-David 30/06 EUR 57863,932 57813,049
Fondo Tiziano Comparto Venere 30/06 EUR 477314,036 -
Caravaggio di Sorgente SGR 30/06 EUR 2506,583 2547,337
www.vitruviussicav.com
Asian Equity B 10/03 EUR 95,320 95,740
Asian Equity B 10/03 USD 133,770 134,360
Emerg Mkts Equity 10/03 USD 436,320 439,620
Emerg Mkts Equity Hdg 10/03 EUR 426,300 429,520
European Equity 10/03 EUR 287,610 290,160
European Equity B 10/03 USD 355,670 358,830
Greater China Equity B 10/03 EUR 117,730 120,260
Greater China Equity B 10/03 USD 167,640 171,250
Growth Opportunities 10/03 USD 72,350 72,560
Growth Opportunities Hdg 10/03 EUR 79,250 79,480
Japanese Equity 10/03 JPY 131,160 132,210
Japanese Equity B 10/03 USD 130,130 131,180
Japanese Equity Hdg 10/03 EUR 170,720 172,090
Swiss Equity 10/03 CHF 131,330 131,650
Swiss Equity Hdg 10/03 EUR 99,700 99,940
US Equity 10/03 USD 167,730 168,410
US Equity Hdg 10/03 EUR 184,650 185,400
Tel 0332 251411
www.ottoapiu.it
8a+ Eiger 10/03 EUR 6,008 5,990
8a+ Gran Paradiso 10/03 EUR 5,292 5,295
8a+ Latemar 10/03 EUR 5,921 5,914
8a+ Matterhorn 28/02 EUR 820574,507 815570,736
Legenda: Quota/pre. = Quota precedente; Quota/od. = Quota odierna 1335117B
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Economia/Mercati Finanziari 33

Torna il Btp agganciato allinflazione, ombrello sui tassi
(g. mar.) Torna il Btp indicizzato allinflazione euro-
pea. Ieri il Tesoro ha fatto sapere di avere affidato a Ban-
ca Imi, Barclays, Citigroup, Goldman Sachs e Socit
Gnrale il mandato per il collocamento sindacato di
un nuovo benchmark a 10 anni di Btpi , il titolo indi-
cizzato allinflazione dellarea euro. Quella del sindacato
bancario una prassi spesso utilizzata per questo tipo
di emissioni, che consente di piazzare quantitativi pro-
porzionati alla domanda che, in questo particolare mo-
mento storico, per i Btp non manca. I grandi investitori
sono particolarmente interessati alle emissioni della
periferia delleuro e non solo a quelle italiane. I titoli in-
dicizzati allinflazione sono i cugini maggiori del Btp
Italia: hanno una cedola variabile agganciata al costo
della vita europeo ma, a differenza del titolo pensato so-
prattutto per le famiglie, rimborsano linflazione alla fi-
ne della corsa e non ogni sei mesi come accade al Btp
Italia emesso per la prima volta un paio di anni fa. Oggi i
titoli agganciati allinflazione possono sembrare un in-
vestimento anacronistico visto che laumento dei prezzi
nel Vecchio Continente negli ultimi mesi stato sempre
pi freddo. Ma avere in portafoglio qualcuna di queste
emissioni non una mossa sbagliata perch possono
svolgere limportante funzione di vaccinare per tempo
gli investimenti. In vista di un cambio di marcia dei tas-
si (gi previsto negli Usa) e di un futuro risveglio del co-
sto della vita che farebbe salire cedole e quotazioni.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Ryanair sbarca nelle agenzie di viaggio
(c.d.c.) Lobiettivo raddoppiare i passeggeri busi-
ness. Ryanair comincia a diversificare il suo busi-
ness. Che resta low cost, ma si apre anche al mondo
delle agenzie viaggi e alle trasferte di lavoro. Va visto
in questa ottica laccordo annunciato ieri della com-
pagnia irlandese con Travelport, fornitore di servizi
di distribuzione ed ecommerce per lindustria globa-
le dei viaggi. Unintesa che consentir, gi a partire
dal 19 marzo, di mettere a disposizione delle agenzie
clienti Travelport i voli del vettore low cost.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Lucchini, almeno quattro piani per
Piombino
(m.gas.) Il numero esatto delle offerte non vinco-
lanti per lacquisizione della Lucchini di Piombino
resta ancora un dato sensibile e riservato. Di sicuro
c il Smc, gruppo con sede a Tunisi e guidato dal-
limprenditore giordano Khaled al Habahbeh (che ri-
leverebbe lintera attivit mantenendo loccupazio-
ne) e il fondo svizzero Klesh, interessato per solo al-
la produzione di laminato. Indiscrezioni sindacali
parlano anche di altre new entry, tra le quali un grup-
po italiano e una cordata italo-canadese, che per
avrebbero fatto proposte cos dette spezzatino, in
altre parole sarebbero interessate solo a parti di pro-
duzione. Qualcosa in pi si potrebbe sapere oggi
quando le buste saranno consegnate dal commissa-
rio straordinario Pietro Nardi al viceministro dello
Sviluppo economico Claudio De Vincenti. Domani,
infine, le offerte saranno illustrate ai sindacati.
mgasperetti@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Yoox punta sui giovani neolaureati
(i.con.) Il gruppo Yoox scommette sulle nuove ge-
nerazioni e lancia la prima edizione dello Yoox Stage
Program, dedicato allarea commerciale e finalizzato
alla formazione e allinserimento di giovani neolau-
reati (candidature entro il 31 marzo sul sito http://
www.yooxgroup.com/it/careers/yoox_stage_pro-
gram.asp). Il gruppo italiano, fondato da Federico
Marchetti nel 2000, leader nellecommerce fashion a
livello internazionale ha ottenuto nel 2013 ricavi netti
per 455,6 milioni (+21,2%). Un graduate program
della durata di 18 mesi che rappresenter unespe-
rienza a 360 gradi allinterno dellazienda e permette-
r ai neolaureati di acquisire non solo conoscenze
professionali specifiche nel campo dellefashion
commerce, ma anche di avere una visione completa
dellorganizzazione, della cultura e del business del
gruppo.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Sussurri & Grida
A.8. Roma .....................(A8Rj 1,090 -O,55 -4,72 1,O9O 1,22O 14G,G
A2A.......................................(A2Aj 1,009 +O,95 +2O,G9 O,784 1,OO9 8181,9
Acea......................................(ACEj 10,370 +8,8G +25,O9 7,995 1O,87O 2175,8
Acotel 0roup * ......................(AC0j 21,020 -2,82 +5,2G 19,G8O 28,1GO 88,4
Acque Potaoili .......................(ACPj 1,062 -8,89 +4O,48 O,749 1,121 88,8
Acsm-Agam..........................(AC8j 1,340 +O,45 +27,G2 1,O5O 1,875 1O2,2
AdF-Aerop.Firenze ..................(AFlj 13,410 +O,22 +89,25 9,595 18,4GO 12O,7
Aedes * ...................................(AEj 0,053 +O,95 +88,OO O,O4O O,O57 58,G
Aedes 14w *.....................(wAE14j 0,001 - - O,OO1 O,OO2 -
Aeffe *...................................(AEFj 0,832 -O,8G +4,OO O,7O1 O,9OG 89,2
Aicon * ...................................(AlCj - - - - -
Aion Renewaoles....................(Alhj - - - - -
Alerion ..................................(ARhj 3,850 +4,84 +15,27 8,284 8,85O 1G4,4
Amoienthesis.........................(ATHj 0,591 -1,58 +19,O5 O,49O O,GOO 55,O
Amplifon...............................(ANPj 4,674 +O,8O +14,84 8,99G 4,G74 1O45,7
Ansaldo 8ts *.........................(8T8j 8,050 -O,81 +8,8O 7,755 8,52O 1458,4
Antichi Pell ..............................(APj - - - - -
Arena ....................................(AREj 0,006 +1,G7 +1O,91 O,OO5 O,OO7 1O,7
Ascopiave *...........................(A8Cj 2,222 +O,45 +24,7G 1,781 2,222 522,4
Astaldi * ................................(A8Tj 6,805 +O,9G -11,22 G,G8O 7,GG5 GG4,1
Atlantia ..................................(ATlj 18,680 -O,8O +18,O8 1G,81O 18,89O 15485,G
Autogrill ................................(A0lj 7,305 - +19,8G G,12O 7,8O5 18G2,7
Autostrada To-Ni .....................(ATj 12,850 -O,77 +11,74 1O,7OO 12,95O 112G,9
Autostrade Ner. ................(AUTNEj 17,180 -O,87 +8,78 15,OOO 17,88O 75,4
Azimut..................................(AZNj 24,780 -O,9G +25,O8 19,82O 25,21O 8552,5
B&C 8peakers *.............(BECj 7,490 +O,54 +15,41 G,8OO 8,14O 82,2
Banca 0enerali .....................(B0hj 23,420 +2,O9 +2,9O 21,88O 25,11O 2G9G,5
Banca lfis *...............................(lFj 13,960 +1,58 +9,4O 11,57O 18,9GO 751,O
Banca Pop. Emilia R. .............(BPEj 8,025 -O,81 +17,O7 G,5OO 8,7GO 2G91,2
Banca Pop. 8ondrio.............(BP80j 4,294 +O,42 +2,58 4,O28 4,54O 1828,O
Banco Popolare .......................(BPj 17,420 -O,57 +27,25 11,85O 17,G8O 81O55,5
Banco Popolare w1O.........(wBP1Oj - - - - -
Basicnet................................(BAhj 2,348 -O,O9 +1,29 2,12O 2,54G 144,O
Bastogi......................................(Bj 3,136 -1,G9+281,O4 O,828 8,87O 5G,O
BB Biotech *............................(BBj 141,200 +O,71 +22,25 115,4OO 147,4OO -
Bca Carige............................(CR0j 0,544 +2,1G +2O,92 O,89O O,544 1178,5
Bca Carige r........................(CR0Rj 1,123 -1,49 -O,97 1,O87 1,145 2,9
Bca Finnat * ..........................(BFEj 0,445 -O,98 +11,25 O,817 O,541 1G2,1
Bca lntermooiliare .................(BlNj 3,498 +1,G9 +12,4O 8,112 8,54O 542,9
Bca Pop.Etruria e lazio * .......(PElj 0,802 +2,48 +57,1G O,51O O,8O2 174,7
Bca Pop.Nilano......................(PNlj 0,615 -1,7G +87,74 O,48O O,G85 2O12,1
Bca Pop.8poleto....................(8P0j - - - - -
Bca Profilo ............................(PR0j 0,429 +4,G8+118,22 O,199 O,4G5 285,G
Bco Desio-Brianza ................(BDBj 2,654 -O,82 +2O,G4 2,194 2,7OO 8O9,8
Bco Desio-Brianza rnc ........(BDBRj 2,330 -1,27 +14,88 2,O88 2,884 8O,9
Bco 8antander ....................(8AhTj 6,530 -1,51 +1,24 G,245 G,88O -
Bco 8ardegna rnc ...............(B8RPj 9,835 -O,O5 -O,85 9,58O 9,9OO G4,9
Bee Team..............................(BETj 0,388 +O,18 +48,87 O,259 O,888 58,O
Beghelli ...................................(BEj 0,533 +O,85 +25,OG O,415 O,G54 1OG,4
Beni 8taoili ...........................(Bh8j 0,632 -1,25 +27,24 O,49O O,GGO 1221,G
Best Union Co......................(BE8Tj 2,132 -O,28 +48,18 1,489 2,228 2O,4
Bialetti lndustrie *...................(BlAj 0,743 +O,54+281,4O O,224 O,98O 55,9
Biancamano *.......................(BCNj 0,801 -2,O2 +GO,84 O,495 O,845 27,5
Biesse * ................................(B88j 6,425 -O,85 +18,G5 5,18O G,88O 175,9
Bioera.....................................(BlEj 0,450 +2,8O +18,89 O,879 O,45O 1G,2
Boero Bart.............................(B0Ej - - - - -
Bolzoni *................................(BlZj 3,540 +O,57 +2O,OO 2,87O 8,54O 91,9
Bon.Ferraresi ...........................(BFj 29,600 -O,17 -1G,29 29,GOO 88,98O 1G5,O
Borgosesia..............................(B0j 0,900 +2,22 +O,OG O,848 O,984 84,O
Borgosesia rnc......................(B0Rj - - - - -
Bremoo * ..............................(BREj 26,320 -O,27 +29,78 18,88O 2G,89O 18O9,2
Brioschi ..................................(BRlj 0,128 -1,1G +G8,4G O,O7G O,147 1OO,9
Brunello Cucinelli *..................(BCj 20,300 +5,O2 -22,G7 19,1OO 2G,25O 14OG,2
Buzzi Unicem ........................(BZUj 13,730 -O,29 +4,78 12,94O 15,15O 2298,5
Buzzi Unicem rnc ................(BZURj 7,495 +1,28 +4,97 G,78O 7,GOO 8O7,5
Cad lt * ..........................(CADj 5,005 +O,1O +7,4O 4,59O 5,17O 45,1
Cairo Comm. *........................(CAlj 7,720 +1,11 +8O,85 5,89O 7,72O GOG,8
Caleffi....................................(ClFj 1,578 -O,57 +1O,48 1,429 1,G7O 19,G
Caltagirone ..........................(CAlTj 2,598 +2,44 +27,85 1,995 2,598 811,2
Caltagirone Ed.......................(CEDj 1,287 +O,55 +22,57 1,O5O 1,287 1GO,4
Campari ................................(CPRj 6,165 +1,O7 +1,G5 5,845 G,81O 85G8,8
Cape live ................................(Clj 0,079 +8,82 +4O,89 O,O55 O,O87 25,7
Carraro ...............................(CARRj 3,270 +2,OG +4,81 2,92G 8,882 147,9
Cattolica As.........................(CA88j 19,100 +O,47 -1,85 18,19O 19,G8O 1O85,O
Cell Therap...........................(CTlCj 2,832 +4,GG +92,G5 1,887 8,11O -
Cemore * .............................(CNBj 10,130 +2,82 +12,74 8,GOO 1O,18O 1G9,8
Cementir *............................(CENj 6,870 +4,25 +G1,G5 4,1G2 G,87O 1O79,1
Cent. latte Torino * ................(ClTj 5,295 +22,G8+2O2,4O 1,745 5,295 48,8
Ceram. Ricchetti .....................(RlCj 0,240 -O,79 +29,81 O,184 O,254 2O,O
CHl.......................................(CHlj 0,057 -1,55 +29,77 O,O44 O,OG1 12,9
ClA.........................................(ClAj 0,282 -2,22 +1O,75 O,252 O,298 2G,8
Ciccolella ................................(CCj 0,375 -O,O8 +24,88 O,8OO O,4O5 G8,1
Cir..........................................(ClRj 1,110 -O,72 -2,8O 1,O82 1,188 882,8
Class Editori ..........................(ClEj 0,378 +O,24 +79,91 O,2O7 O,4O5 89,5
ChH lndustrial ......................(ChHlj 7,975 -O,81 -2,G8 7,57O 8,8OO 1O829,9
Coora * .................................(C0Bj 0,919 +8,72 +G8,O9 O,5GO O,92O 88,G
Cofide ...................................(C0Fj 0,540 -1,4G -2,44 O,527 O,571 889,O
Cogeme 8et ..........................(C00j - - - - -
Conafi Prestito' .....................(ChPj 0,619 +1,14 +1,89 O,598 O,G48 28,5
Cred. Artigiano ......................(CRAj - - - - -
Cred. Bergamasco...................(CBj 18,710 +O,O5 +17,G7 14,87O 2O,17O 1151,9
Cred. Emiliano.........................(CEj 6,750 +O,GO +1G,G8 5,GGO G,75O 2281,4
Cred. Valtellinese .................(CVAlj 1,387 -1,28 +8,12 1,18O 1,54O G5G,9
Cred. Valtellinese 1Ow ....(wCVA1Oj - - - - -
Cred. Valtellinese 14w ....(wCVA14j 0,306 -5,14 +79,74 O,159 O,819 -
Crespi ...................................(CREj - - - - -
Csp .......................................(C8Pj 1,566 +1,O8 +19,54 1,81O 1,5GG 52,7
D'Amico *........................(Dl8j 0,712 -2,98 +1O,9O O,G88 O,784 8O4,8
D'Amico 1G warr *...........(wDl81Gj 0,119 -O,O8 +14,G9 O,O99 O,119 -
Dada * ....................................(DAj 4,184 - +21,G8 8,882 4,2OO G9,8
Damiani *.............................(DNhj 1,800 +O,45 +45,28 1,28O 1,8OO 147,O
Danieli ..................................(DAhj 24,780 -2,71 -O,8G 24,47O 2G,88O 1O25,O
Danieli rnc..........................(DAhRj 17,060 -O,7O +G,O9 1G,O8O 18,O7O G92,7
Datalogic * ............................(DAlj 9,560 +8,58 +15,18 7,7OO 9,5GO 552,4
De'longhi .............................(Dl0j 16,410 +5,87 +87,78 11,8GO 1G,41O 2452,7
Dea Capital *.........................(DEAj 1,288 - +8,45 1,2O7 1,8O9 892,8
Delclima................................(DlCj 1,414 +7,12 +11,84 1,18O 1,414 2O8,7
Diasorin *...............................(DlAj 31,490 +1,58 -1O,O5 81,OOO 85,G9O 1752,G
Digital Bros *..........................(DlBj 2,950 +8,O7 +88,48 2,18O 8,O8O 41,1
Dmail 0roup * ......................(DNAj 4,690 +1G,O9 +18,48 8,888 4,G9O G,8
DNT *.....................................(ElTj 39,660 -O,92 +1G,84 88,45O 4O,59O 111G,1
Edison r........................(EDhRj 1,035 - +5,99 O,97G 1,O58 118,G
EEN8..................................(EEN8j 0,451 -1,7O +4G,G5 O,8O7 O,4G7 19,7
El.En. * ..................................(Elhj 19,300 +4,G1 +21,1G 15,71O 19,8OO 9O,8
Elica * ...................................(ElCj 2,006 +O,1O +18,77 1,G74 2,O8G 127,1
Emak * ...................................(ENj 0,897 +1,98 +8,99 O,8OG O,897 147,O
Enel.....................................(EhElj 3,820 -O,21 +21,89 8,184 8,87O 8GO8G,8
Enel 0reen Pw....................(E0Pwj 2,042 -O,58 +1O,G8 1,881 2,OG4 1O188,8
Enervit ..................................(EhVj 4,400 +14,88 +8G,78 8,14O 4,4OO 72,4
Engineering * ........................(Eh0j 53,500 +O,O9 +21,87 48,49O 58,5OO G71,4
Eni .........................................(Ehlj 17,450 +O,17 +O,75 1G,25O 17,GGO G8471,9
Erg........................................(ER0j 10,170 -O,49 +2,81 9,745 1O,54O 1541,5
Erg] Capital...........................(ECAj 0,171 -O,G4 -2,O1 O,1G4 O,188 28,4
Erg] Capital 1Gw............(wECA1Gj - - - - -
Esprinet * ..............................(PRTj 7,540 -4,5O +48,21 5,2G5 8,O45 4O2,O
Eukedos ................................(EUKj 0,785 - +24,11 O,G19 O,855 18,9
Eurotech * .............................(ETHj 2,282 -O,G1 +28,75 1,819 2,824 81,2
Exor ......................................(EX0j 30,750 -O,8G +1,82 28,1GO 8O,88O 7584,5
Exprivia *...............................(XPRj 0,995 +9,22 +18,88 O,798 O,995 5O,2
Falck Renewaoles * .........(FKRj 1,409 +2,4O +5,4G 1,29G 1,41O 4OG,9
Ferragamo...........................(8FERj 22,820 +1,29 -17,88 22,O8O 27,G8O 8849,O
Fiat............................................(Fj 7,885 -1,25 +18,95 5,945 8,145 9919,7
Fidia * ...................................(FDAj 3,252 +2,2G +84,88 2,8GO 8,8GO 1G,7
Fiera Nilano * .........................(FNj 7,610 +O,58 +4,97 G,75O 8,5GO 82O,4
Finmeccanica........................(FhCj 6,865 -O,8G +2G,O8 5,445 7,855 8977,8
FhN.....................................(FhNj 0,635 -2,O1 +29,9G O,482 O,G48 282,G
Fullsix....................................(FUlj 2,936 -O,14 +11,89 2,G22 8,198 82,5
0aoetti Pro.8. .................(0ABj 0,042 +O,24 +18,21 O,O81 O,O44 G1,O
0as Plus................................(08Pj 4,840 -O,21 +8,88 4,58O 5,O25 218,G
0efran * ..................................(0Ej 3,674 +G,8O +81,21 2,7G2 8,G74 5O,G
0enerali ....................................(0j 16,220 +O,19 -4,14 15,59O 17,48O 2588O,2
0eox .....................................(0E0j 3,340 -4,19 +28,O7 2,G4O 8,48G 88O,G
0ruppo Edit. l'Espresso...........(E8j 1,852 -8,89 +8G,88 1,858 1,952 7G9,G
0tech ....................................(0TKj 23,430 -1,55 +5,2G 22,O9O 28,98O 41O2,8
Hera...............................(HERj 1,926 +O,81 +18,1G 1,G8O 1,92G 2781,2
l 0randi Viaggi .................(l0Vj 0,751 -O,99 +97,48 O,88O O,8GO 88,9
l0D *......................................(l0Dj 1,346 +1,8G +5G,51 O,8GO 1,8GO 4G5,8
ll 8ole 24 0re ........................(824j 0,711 +O,14 +1G,G5 O,GO8 O,745 81,O
lma * .....................................(lNAj 38,850 -O,94 +8G,82 27,7OO 89,22O 1488,9
lmmsi ....................................(lN8j 0,660 +12,74 +42,88 O,4G8 O,GGO 218,G
lndesit....................................(lhDj 10,800 +2,O8 +8,71 9,89O 1O,99O 1225,2
lndesit rnc ...........................(lhDRj 10,000 +1,G8 +22,47 7,94O 1O,O8O 5,1
lndustria e lnn. ........................(llhj 0,900 -O,GG +85,84 O,G45 1,O2O 21,O
lntek 0roup ............................(lK0j 0,410 +O,9G +27,28 O,815 O,415 141,4
lntek 0roup rnc ....................(lK0Rj 0,531 - +28,85 O,4O8 O,54O 2G,8
lnterpump * ..............................(lPj 10,290 +O,29 +17,88 8,72O 1O,8OO 112O,9
lntesa 8anpaolo......................(l8Pj 2,250 -1,49 +2G,19 1,788 2,82O 858OG,8
lntesa 8anpaolo rnc..............(l8PRj 1,891 -1,25 +29,79 1,457 1,915 1789,8
lnvest e 8viluppo ....................(lE8j 0,763 +2,21 +18,47 O,GGO O,88O 5,O
lrce *......................................(lRCj 2,080 - +28,81 1,G75 2,O8O 58,5
lren ........................................(lREj 1,337 +1,44 +21,77 1,O4O 1,887 1581,1
lsagro * ..................................(l80j 2,750 -1,79 +19,G7 2,2GO 2,894 48,G
lT wAY * ................................(lTwj 1,693 -1,57 +18,7O 1,489 1,849 18,G
ltalcementi................................(lTj 8,200 +O,G1 +8O,47 G,22O 8,55O 1458,8
ltalcementi rnc .......................(lTRj 5,200 +O,97 +5O,72 8,42O 5,87O 548,8
ltalmooiliare...........................(lTNj 30,200 +1,O4 +2O,82 24,55O 8O,41O GGG,G
ltalmooiliare rnc...................(lTNRj 19,200 +1,59 +8O,79 14,4GO 19,2OO 812,2
lV8 0roup ...............................(lV8j 8,200 +O,49 +18,1O 7,28O 8,2OO 82O,8
lV8 0roup 1G warr ...............(wlV8j 0,228 +9,42 -21,49 O,2O5 O,299 -
Juventus FC..................(JUVEj 0,241 -O,21 +7,27 O,22O O,242 241,9
K.R.Energ]......................(KREj 1,584 -O,88 -1G,82 1,5G9 1,898 52,8
Kinexia..................................(KhXj 1,980 -1,OO -8,42 1,9G8 2,218 42,5
la Doria * .........................(lDj 6,160 -1,12 +5G,98 8,89G G,28O 192,O
landi Renzo *..........................(lRj 1,464 +2,O2 +1G,O1 1,197 1,492 1G8,2
lazio .....................................(88lj 0,520 - +G,78 O,487 O,585 85,4
luxottica ...............................(lUXj 39,470 -O,5O +1,15 87,41O 4O,5OO 18941,1
lventure 0roup....................(lVEhj 0,179 +5,OO+259,88 O,O49 O,179 19,2
Naire Tecnimont ...............(NTj 1,741 -O,28 +4,88 1,485 1,84O 588,8
Nanagement e C. .................(NECj 0,160 +O,19 +O,82 O,157 O,1G9 75,7
NARR * ..............................(NARRj 13,580 +O,8O +12,14 11,G2O 18,72O 9OO,4
Nediacontech ......................(NCHj 6,620 +O,8O +7,29 5,G8O 7,8OO 124,8
Nediaset ................................(N8j 4,126 -O,G7 +19,11 8,444 4,8OG 4919,G
Nediooanca............................(NBj 7,710 - +22,19 G,81O 7,785 GG44,G
Nediolanum.........................(NEDj 6,435 -1,15 +2,OG G,1G5 G,895 47G5,8
Neridie...................................(NEj 0,182 -8,O4+18O,88 O,O77 O,188 9,8
Nid lndustr] Cap ...................(NlCj - - - - -
Nittel .....................................(NlTj 1,757 +O,98 +4,O9 1,GO9 1,792 154,G
Noleskine * ..........................(N8Kj 1,400 -8,45 -1O,88 1,4OO 1,788 8O8,1
NolNed ...............................(NlNj 0,775 +5,1G +4,48 O,572 O,849 1G7,G
Noncler .............................(N0hCj 13,250 -1,78 -17,8O 12,97O 1G,85O 882O,8
Nondadori ..............................(Nhj 1,465 -O,G8 +5,4O 1,811 1,589 8GO,4
Nondo Tv * ...........................(NTVj 0,831 -O,84 +G4,29 O,5O2 O,84O 22,1
Nonrif ..................................(N0hj 0,511 -5,28 +15,87 O,44O O,G1G 79,O
Nonte Paschi 8i. ................(BNP8j 0,221 +2,5G +25,G4 O,1GG O,221 25G7,8
Nontefiore..............................(NFj - - - - -
Nontefiore rnc....................(NFhCj - - - - -
Noviemax............................(NN0j 0,063 -O,82 -O,82 O,OG1 O,OG7 4,8
Nutuionline *........................(N0lj 4,480 +2,O5 +8,95 4,O5O 4,48O 175,2
hice *............................(hlCEj 3,560 +1,GG +29,27 2,72G 8,5GO 41O,8
hoemalife .............................(h0Ej 3,836 -O,O5 +G,G7 8,4G4 8,888 29,2
hoemalife 15 warr .........(wh0E15j - - - - -
hovare....................................(hRj 0,901 - +25,14 O,G9O O,948 12,2
0lidata .............................(0llj 0,481 -1,85 +21,95 O,878 O,487 1G,G
Panariagroup *................(PAhj 1,434 -O,42 +9,47 1,2GO 1,4GO G5,7
Parmalat ................................(PlTj 2,520 +O,8O +1,78 2,4GO 2,554 4578,9
Parmalat 15w ................(wPlT15j 1,480 -O,84 +O,G8 1,41G 1,5O2 -
Piaggio...................................(PlAj 2,490 +1,55 +8,49 2,122 2,58O 889,8
Pierrel ...................................(PRlj 0,758 +1,84 +4G,G2 O,5O4 O,772 8G,2
Pierrel 12w.....................(wPRl12j - - - - -
Pininfarina............................(PlhFj 4,686 -O,G4 +44,9O 8,O9O 4,71G 141,5
Piquadro .................................(P0j 2,240 -O,8G +24,44 1,792 2,858 111,7
Pirelli & C. ...............................(PCj 12,330 -1,8G -1,12 11,GGO 12,98O 59O8,7
Pirelli & C. rnc .......................(PCPj 10,460 +8,98 +9,58 8,8OO 1O,4GO 127,4
Poligr. 8.Faustino *.................(P8Fj 6,960 +O,29 +14,57 5,9OO 7,O9O GO,2
Poligrafici Editoriale...............(P0lj 0,438 +O,74 +48,49 O,295 O,458 5G,4
Poltrona Frau.........................(PF0j 2,938 -O,O7 +22,G2 2,284 2,94O 412,1
Prelios...................................(PR8j 0,751 +1,42 +8O,98 O,578 O,751 2O8,O
Premuda .................................(PRj 0,390 +O,78 +85,84 O,284 O,4O7 78,4
Prima lndustrie * ....................(PRlj 13,280 +4,1G +41,9G 9,25O 18,28O 18G,5
Pr]smian...............................(PRYj 18,570 +2,O8 -O,21 17,4GO 19,54O 8974,5
R. De Nedici * ..................(RNj 0,333 -O,G9 +28,84 O,2G4 O,8G5 12G,7
Ratti ......................................(RATj 2,512 -1,2G +14,49 2,194 2,GO8 G9,2
RC8 Nediagroup ...................(RC8j 1,590 -1,G1 +28,2G 1,29O 1,G1G G79,G
RC8 Nedia0roup r B.........(RC8RBj 0,647 -O,54 +5O,81 O,48O O,G54 5O,8
RC8 Nediagroup risp ..........(RC8Rj 1,139 -O,85 +GO,81 O,71O 1,18G 88,2
Recordati *............................(RECj 12,450 -O,24 +2O,52 1O,88O 18,88O 2G17,7
Repl] * ..................................(REYj 64,200 +O,47 +9,5G 54,85O G4,75O 594,7
Retelit .....................................(llTj 0,710 +2,45 +28,27 O,554 O,775 115,1
Risanamento...........................(Rhj 0,217 -1,18 +2,8G O,187 O,288 177,2
Rosss....................................(R08j 1,480 +8,5O +11,8G 1,278 1,48O 17,O
8aoaf 8.p.a. * .................(8ABj 14,750 +1,87 +14,9G 12,42O 14,75O 17O,8
8aes *.....................................(80j 8,455 -O,G5 +2O,79 G,88O 8,85O 124,O
8aes rnc *.............................(80Rj 7,675 -O,9O +14,O4 G,GGO 7,8O5 5G,5
8afilo 0roup...........................(8Flj 15,910 -O,G2 -1O,52 15,GOO 19,O8O 99O,8
8aipem.................................(8PNj 17,360 -O,29 +12,44 15,48O 17,94O 7G7G,7
8aipem risp........................(8PNRj 17,400 - +1,75 1G,22O 18,5OO 2,O
8alini lmpregilo .....................(8Alj 4,554 -1,5G -5,52 4,288 4,98O 2OG4,O
8alini lmpregilo rnc .............(8AlRj 12,480 -O,79 -1,27 12,29O 18,14O 2O,2
8aras ....................................(8R8j 1,180 -1,G7 +41,74 O,881 1,28O 1127,5
8at ........................................(8ATj 13,070 +O,28 +2O,91 1O,8OO 18,89O 129,O
8ave....................................(8AVEj 13,300 +O,8O +7,G9 12,85O 18,51O 78O,G
8creen 8ervice......................(88Bj 0,178 +18,G7+194,21 O,OGO O,178 28,7
8eat P0...................................(P0j 0,002 +5,88 - O,OO2 O,OO2 27,4
8eat P0 r ..............................(P0Rj 0,601 +25,21 -84,G7 O,48O O,95O O,4
8ervizi ltalia * .........................(8Rlj 4,816 +O,G7 +18,O4 8,982 5,O9O 18O,5
8ervizi ltalia 15 warr *.....(w8Rl15j 0,378 -8,O8 +54,29 O,285 O,414 -
8esa......................................(8E8j 13,200 -O,58 +11,O2 11,88O 18,8GO 185,4
8esa 18 warr......................(w8E8j 3,060 +2,OO +21,48 2,225 3,037 -
8lA8 .......................................(8l8j 8,410 +O,24 +1G,OO 7,215 8,41O 19O4,5
8intesi .....................................(8llj 0,114 +1,52 +5,28 O,1O7 O,12O 4,8
8nai ......................................(8hAj 1,850 +1,98 +8G,18 1,859 1,95O 21G,G
8nam 0as .............................(8R0j 4,150 +O,24 +2,G2 8,974 4,15O 14O88,5
8ogefi *...................................(80j 4,530 -1,52 +5,89 8,87O 4,GOO 588,O
8ol ........................................(80lj 6,530 +1,24 +18,8G 5,G75 G,58O 588,9
8orin.....................................(8Rhj 2,226 -1,G8 +4,O2 2,O74 2,8OG 1O78,1
8pace....................................(8PAj 10,550 - +7,22 9,8OO 1O,89O 187,1
8pace warr.........................(w8PAj - - - - -
8tefanel * ............................(8TEFj 0,434 +1,24 +18,99 O,8G5 O,4G2 8G,4
8tefanel risp * ...................(8TEFRj - - - - -
8TNicroelectr. ......................(8TNj 6,715 -O,87 +17,29 5,47O G,74O -
Tamouri ...........................(TlPj 2,452 -1,18 +8,88 2,174 2,48O 858,7
Tamouri 18w ...................(wTlP15j 0,480 - +18,52 O,822 0,486 -
TA8 .......................................(TA8j 0,595 -2,4G +21,45 O,478 O,G5O 24,9
Telecom lT..............................(TlTj 0,820 -O,97 +15,G7 O,7O9 O,875 11O14,8
Telecom lT Nedia .................(TNEj 0,132 -O,75 +7,85 O,122 O,141 191,G
Telecom lT Nedia rnc .........(TNERj 0,250 +1G,28 +81,G5 O,171 0,250 1,4
Telecom lT rnc......................(TlTRj 0,662 -O,15 +17,88 O,5G4 O,G82 8989,1
Tenaris ..................................(TEhj 15,240 +O,4G -8,12 14,8OO 17,1GO -
Terna ....................................(TRhj 3,836 +O,21 +G,O8 8,5GO 8,88G 7G98,7
TerniEnergia *........................(TERj 2,282 +1,88 +4,2O 2,O44 2,8G4 85,5
Tesmec * ...............................(TE8j 0,801 -O,G2 +1,4G O,745 O,92O 8G,1
Tiscali.....................................(Tl8j 0,074 +2,OG +75,24 O,O42 O,O8O 14O,G
Tiscali 14w......................(wTl814j 0,001 - +75,OO O,OOO O,OO1 -
Tod's.....................................(T0Dj 99,250 +O,O5 -1G,88 9G,8OO 12O,1OO 8O4G,1
Trevi Fin.lnd. ...........................(TFlj 8,160 +1,O5 +8O,5G G,19O 8,1GO 5G8,1
TXT e-solution *.....................(TXTj 11,070 -1,O7 +21,72 9,O7O 11,91O 182,2
UBl Banca .......................(UBlj 6,400 -O,O8 +82,28 4,84O G,595 58OG,4
Unicredit ...............................(UC0j 6,415 +G,21 +19,18 5,8GO G,415 8G144,8
Unicredit risp ......................(UC0Rj 9,000 +2,27 +14,58 7,8OO 9,5OO 21,G
Unipol ....................................(Uhlj 5,340 +O,88 +22,7G 4,O8G 5,8GO 2877,7
Unipol prv ............................(UhlPj 4,880 +O,88 +88,O4 8,G8O 4,88O 1885,7
Unipol8ai.................................(U8j 2,618 +8,O7 +7,74 2,182 2,G18 5858,1
Unipol8ai risp......................(U8RAj 243,500 +2,1O +88,79 178,2OO 248,5OO 81O,8
Unipol8ai risp B ..................(U8RBj 2,480 +2,14 +17,G5 2,O22 2,48O 988,8
Valsoia ...........................(Vl8j 11,500 -O,85 +7,48 1O,OGO 11,85O 119,4
Vianini lndustria......................(Vlhj 1,499 +1,28 +24,92 1,192 1,499 44,2
Vianini lavori .........................(VlAj 6,135 +2,25 +18,78 4,99O G,185 2G8,2
Vittoria Ass. *.........................(VA8j 10,750 +O,5G +28,28 8,58O 1O,75O 719,2
world Dut] Free.............(wDFj 10,560 -O,88 +18,55 9,14O 1O,88O 2G88,O
Yoox *...........................(Y00Xj 30,900 -1,5G -8,25 2G,O8O 84,75O 1815,9
Zignago Vetro * .................(ZVj 5,565 -O,45 +1O,G4 4,94O 5,G8O 49O,O
Zucchi ...................................(ZUCj 0,120 +2,89 +G5,7O O,O72 O,145 45,G
Zucchi 14 warr...............(wZUC14j 0,003 -5,71 - O,OO8 O,OO8 -
Zucchi rnc...........................(ZUCRj 0,264 +8,94 +42,7O O,185 O,8O8 O,9
B.O.T.
home Titolo Tel. Prezzo Var. Var. Nin Nax Capitaliz
Rif. Rif. O2-O1-2O14 Anno Anno (in milioni
(euroj (in 7j (in 7j (euroj (euroj di euroj
home Titolo Tel. Prezzo Var. Var. Nin Nax Capitaliz
Rif. Rif. O2-O1-2O14 Anno Anno (in milioni
(euroj (in 7j (in 7j (euroj (euroj di euroj
home Titolo Tel. Prezzo Var. Var. Nin Nax Capitaliz
Rif. Rif. O2-O1-2O14 Anno Anno (in milioni
(euroj (in 7j (in 7j (euroj (euroj di euroj
home Titolo Tel. Prezzo Var. Var. Nin Nax Capitaliz
Rif. Rif. O2-O1-2O14 Anno Anno (in milioni
(euroj (in 7j (in 7j (euroj (euroj di euroj
14.O8.14 1 1OO,OO1 -
14.O4.14 82 99,978 O,2O
14.O5.14 G2 99,951 O,2O
18.OG.14 92 99,927 O,17
14.O7.14 128 99,887 O,2O
14.O8.14 154 99,88G O,2G
12.O9.14 188 99,778 O,28
14.1O.14 215 99,727 O,84
14.11.14 24G 99,GG2 O,42
12.12.14 274 99,G85 O,4O
14.O1.15 8O7 99,544 O,45
18.O2.15 887 99,488 O,48
Borsa ltallana 0uotazioni in diretta sul telefonino. invia 0U0TA <sigla titolo>, ad esempio. 0U0TA ACE al numero 482242. Costo O,5 Euro per 8N8 ricevuto. lnfo su www.corriere.it/economia
va|uta a| 13-03-14 Monete auree
11 mar 0eoaro Lettera
8terlina (v.cj 221,44 247,9G
8terlina (n.cj 225,O1 255,7G
8terlina (post.74j 225,O1 255,7G
Krugerrand 981,14 1.O48,71
Narengo ltaliano 175,O8 198,15
Narengo 8vizzero 172,81 189,54
Narengo Francese 171,85 189,G9
Oro
11 mar Natt|oo Sera
0ro Nilano (Euro/gr.j 81,5G 81,95
0ro londra (usd/onciaj 1.848,OO 1.84G,25
Argento Nilano (Euro/kg.j - 517,99
Platino Nilano (Euro/gr.j - 8G,15
Palladio Nilano (Euro/gr.j - 18,9G
1 sett. O,194 O,197
1 mese O,288 O,28G
2 mesi O,2G8 O,272
8 mesi O,8O4 O,8O8
4 mesi - -
5 mesi - -
G mesi O,4O5 O,411
7 mesi - -
8 mesi - -
9 mesi O,492 O,499
1O mesi - -
11 mesi - -
12 mesi O,575 O,588
Eurlbor
Per|odo T. 360 T. 365 Per|odo T.360 T.365
Tassl
ltalia 0,25 O,25
Euro17 0,25 O,25
Canada 0,994 1
Danimarca 0 O
Finlandia 0,25 O,5
Francia 0,25 O,25
0ermania 0,25 O,25
0iappone 0,3 O,1
0.B. --- O,5
U8A 0,25 O,25
8vezia 0,75 O,75
Scooto |oterv Scooto |oterv Scadeoza 6|oro| Pr.hetto 8eod. Scadeoza 6|oro| Pr.hetto 8eod.
* Titolo appartenente al segmento 8tar.
A
B
C
E
G
R
S
T
U
L
V
Z
F
Bali a cura dell'aqen/ia qiornalislica Radiocor. Monele Auree. ConFinvesl F.L. Milano
D
Y
J
K
N
O
M
P
W
H
I
indici
N80AT| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-03 var.%
Amsterdam (Aexj . . . . . . . . . . . . . 394,29 +O,28
Brent lndex . . . . . . . . . . . . . . . . . 109,44 +O,18
Bruxelles-Bel 2O . . . . . . . . . . . . 3100,85 +O,88
DJ 8toxx Euro . . . . . . . . . . . . . . . 317,68 +O,O2
DJ 8toxx Euro5O . . . . . . . . . . . . 3092,55 -O,O1
DJ 8toxx UE . . . . . . . . . . . . . . . . 331,49 +O,O8
DJ 8toxx UE5O. . . . . . . . . . . . . . 2885,79 -O,12
FT8E Eurotr.1OO. . . . . . . . . . . . . 2658,08 -O,OO
Hong Kong H8 . . . . . . . . . . . . . 22269,61 +O,O2
Johannesourg . . . . . . . . . . . . . 41616,50 +O,28
londra (FT8E1OOj . . . . . . . . . . . 6685,52 -O,OG
Nadrid loex85 . . . . . . . . . . . . . 10163,30 -O,81
0slo Top 25. . . . . . . . . . . . . . . . . 506,34 +O,42
8ingapore 8T. . . . . . . . . . . . . . . 3129,40 +O,O9
8]dne] (All 0rdsj . . . . . . . . . . . . 5429,31 -O,O8
Toronto (8OOCompj . . . . . . . . . 14276,70 -O,18
Vienna (Atxj. . . . . . . . . . . . . . . . 2489,36 -O,79
Zurigo (8Nlj . . . . . . . . . . . . . . . 8359,51 -O,1O
se|ez|ooe
F8Ah00F08T. . . . . . . . . . . . . . . 11-03 var.%
Adidas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79,09 -O,G9
Allianz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122,70 -O,12
Ba]er Ag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95,63 -O,84
Beiersdorf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69,67 -O,8O
Bmw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81,21 +O,8G
Commerzoank Ag . . . . . . . . . . . . . 12,55 -O,12
Deutsche Bank n. . . . . . . . . . . . . . 33,15 -O,82
Deutsche Post . . . . . . . . . . . . . . . . 25,95 +O,1O
Deutsche Telekom n . . . . . . . . . . . 11,65 +1,88
Dt lufthansa Ag. . . . . . . . . . . . . . . 18,25 +1,7O
Hugo Boss Ag . . . . . . . . . . . . . . . . 95,94 +O,22
Netro Ag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28,44 -O,72
8iemens n . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92,97 +1,1G
Volkswagen Ag . . . . . . . . . . . . . . 181,25 +1,81
PA8|0| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-03 var.%
Air France . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10,60 +1,84
Air liquide . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98,50 -O,2O
Alstom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19,33 -O,74
Axa 8A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18,52 -O,7O
Bnp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58,05 -1,12
Cap emini . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55,68 -O,8O
Carrefour . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27,71 -1,42
Casino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83,25 -O,GG
Ciments Francais. . . . . . . . . . . . . . 77,30 -O,OG
Crdit Agricole. . . . . . . . . . . . . . . . 11,65 +O,G5
Danone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50,33 -O,14
Havas. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5,80 -2,8G
l'0ral . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120,30 +O,17
Nichelin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88,36 -1,18
Peugeot 8.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . 13,23 -O,O8
Renault . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69,70 +1,88
8aint-ooain. . . . . . . . . . . . . . . . . 42,29 -1,48
8anofi-8]nthelao. . . . . . . . . . . . . . 74,04 -1,4O
8ocit nrale . . . . . . . . . . . . . . 46,45 -1,22
8odexho Alliance . . . . . . . . . . . . . . 77,86 +O,4G
Total . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46,39 -O,25
hw Y08k. . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-03 var.%
Amazon Com. . . . . . . . . . . . . . . . 368,92 -O,48
American Express . . . . . . . . . . . . . 93,36 -O,8G
Apple Comp lnc. . . . . . . . . . . . . . 535,42 +O,85
At&T. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,30 -O,G5
Bank of America . . . . . . . . . . . . . . 17,34 -O,77
Boeing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126,07 -O,G5
Carnival . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38,78 -O,59
Caterpillar lnc . . . . . . . . . . . . . . . . 96,85 +O,1O
Cisco 8]stems. . . . . . . . . . . . . . . . 21,66 -O,1G
Citigroup lnc . . . . . . . . . . . . . . . . . 48,84 -1,47
Coca-Cola Co . . . . . . . . . . . . . . . . 38,80 +O,89
Colgate Palmolive . . . . . . . . . . . . . 63,63 +O,92
Dow Chemical . . . . . . . . . . . . . . . . 49,40 -O,8G
DuPont . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66,17 -1,75
Exxon Nooil . . . . . . . . . . . . . . . . . 94,00 -1,57
Ford Notor . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15,25 -1,G8
eneral Electric. . . . . . . . . . . . . . . 25,81 -O,88
eneral Notors . . . . . . . . . . . . . . . 35,61 -8,99
oldman 8achs . . . . . . . . . . . . . . 170,13 -1,95
Hewlett-Packard . . . . . . . . . . . . . . 29,87 -O,1O
Hone]well . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94,23 -1,O7
lom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186,66 +O,14
lndustrie hatuzzi 8p. . . . . . . . . . . . . 2,80 +1,82
lntel Corp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24,70 -O,5G
Johnson & Johnson . . . . . . . . . . . . 93,61 +O,17
JP Norgan . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58,27 -1,57
lockheed Nartin . . . . . . . . . . . . . 164,31 -O,71
luxottica rp 8pa . . . . . . . . . . . . . 54,71 +O,O2
NcDonald's. . . . . . . . . . . . . . . . . . 98,66 +8,G8
Nerck & Co. . . . . . . . . . . . . . . . . . 56,76 -O,98
Nicrosoft . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38,00 +O,48
Nonsanto Co. . . . . . . . . . . . . . . . 112,10 -1,82
Norgan 8tanle] . . . . . . . . . . . . . . . 31,84 -O,9O
hike lnc. Cl. B . . . . . . . . . . . . . . . . 78,75 -O,29
0ccidental Pet . . . . . . . . . . . . . . . . 96,44 -O,8O
Pfizer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,47 +O,25
Philip Norris . . . . . . . . . . . . . . . . . 79,58 -1,OG
Procter & amole . . . . . . . . . . . . . 79,36 +1,OG
Unilever hV . . . . . . . . . . . . . . . . . 38,70 -O,87
Us 8teel Corp. . . . . . . . . . . . . . . . . 24,91 +1,G7
walt Disne]. . . . . . . . . . . . . . . . . . 81,09 -1,O7
whirlpool . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144,41 -O,89
Xerox . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10,76 -O,88
Yahoo lnc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37,66 -1,O2
L0h08A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-03 var.%
8i roup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414,60 -O,41
Anglo American . . . . . . . . . . . . . 1435,36 +O,17
AstraZeneca . . . . . . . . . . . . . . . 4016,00 +O,GG
B 8k] B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 919,79 +O,88
Barcla]s Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 236,15 -2,42
BP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485,67 -
British Telecom . . . . . . . . . . . . . . 400,50 +O,8G
Buroerr] roup . . . . . . . . . . . . . 1477,89 +O,84
laxosmithkline . . . . . . . . . . . . . 1674,04 +O,O9
Narks & 8pencer. . . . . . . . . . . . . 480,00 -O,81
Pearson Plc. . . . . . . . . . . . . . . . 1004,27 -2,OG
Prudential . . . . . . . . . . . . . . . . . 1361,00 +O,22
Rolls Ro]ce . . . . . . . . . . . . . . . . 1065,00 +O,8G
Ro]al & 8un All . . . . . . . . . . . . . . . 94,80 -O,G8
Ro]al Bk of 8cot . . . . . . . . . . . . . 310,20 -8,OO
8chroders Plc . . . . . . . . . . . . . . 2601,00 -1,78
Unilever Plc. . . . . . . . . . . . . . . . 2385,00 -1,2O
Vodafone roup. . . . . . . . . . . . . . 226,25 -1,G7
I08|00 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-03 var.%
hestl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66,05 -O,45
hovartis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72,90 +O,41
Uos . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18,49 -O,1G

A hewYork valori espressi in dollari, a londra
in pence, a Zurigo in franchi svizzeri. Dati di
hewYork eToronto aggiornati alle ore 2O.OO
Piazza Affari
di GIACOMO FERRARI
Giornata senza particolari spunti
in tutta Europa, con gli indici
principali terminati sulla parit. Il
Ftse-Mib di Piazza Affari ha
comunque messo a segno un altro
piccolo passo avanti (+0,39%) che
lo ha portato a ridosso dei 21 mila
punti. Merito soprattutto dellexploit di Unicredit
(+6,21%), nel giorno in cui il cda ha approvato il
consuntivo del 2013 e annunciato il nuovo piano
industriale. Il bilancio evidenzia una perdita
consistente ma il mercato ha apprezzato la pulizia
sui conti, che permetter il ritorno allutile fin
dallesercizio in corso. Nel paniere dei titoli principali
spicca inoltre Unipolsai (+3,07%), nel mirino dei
compratori per il secondo giorno consecutivo in vista
della prossima cessione al gruppo Allianz di una quota
della raccolta premi. Bene anche Monte Paschi
(+2,56%). Lattesa per i risultati di bilancio, arrivati al
termine delle contrattazioni, ha favorito inoltre
Ferragamo (+1,29%), mentre Prysmian rimbalzata
del 2,03% e la Banca Popolare di Milano ha cambiato
direzione nella seconda parte della seduta chiudendo
in calo dell1,76%. Gi anche Yoox (-1,56%), Gtech
(-1,55%), Intesa Sanpaolo (-1,49%) e Pirelli (-1,36%).
RIPRODUZIONE RISERVATA
UNIPOLSAI ANCORA SU
FRENA IN CHIUSURA BPM
34
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
35

Cultura
Addio al giurista Lalive dEpinay
scomparso il giurista Pierre Lalive dEpinay (foto), nato nel
1923 a La Chaux-de-Fonds, in Svizzera. Era stato insignito nel
1990 del Premio Balzan per il diritto internazionale privato,
per il suo contributo originale alla teoria e per limpulso dato
con il suo insegnamento alla ricerca di soluzioni ai problemi
delle societ contemporanee in trasformazione.
A colloquio Un protagonista della Fiera di Lipsia giudica il presente e il futuro del suo Paese
Ricetta italiana per la Germania
Un po di confusione, molta ironia
Leditore tedesco Wagenbach ribalta valori e stereotipi
S
ul sito del Verlag Klaus Wagenbach si legge:
Care lettrici, cari lettori, buon anno! La casa
editrice Klaus Wagenbach compie 50 anni ed
ancora indipendente: un buon motivo per
festeggiare. Si parte domani, a Lipsia, durante la
Fiera del libro, con un ricevimento allHaus des Bu-
ches.
Tutto era cominciato cinquantanni prima, a Ber-
lino Ovest, quando Klaus, che allora aveva tren-
taquattro anni, licenziato dal nuovo padrone della
casa editrice Fischer e, a seguire, dalla radio bavare-
se per cui teneva settimanali commenti politici, de-
cise di creare una sua casa editrice. Dalla vendita di
un terreno ricevuto in eredit dal padre aveva rica-
vato dei soldi con cui dare avvio alla nuova attivit. Il
cui scopo era non la ricerca del profitto ma del
contenuto. Fra i primi libri figurano anche tre tito-
li di Gnter Grass, Ingeborg Bachmann e Hans Wer-
ner Richter. Sempre pi vicino allopposizione ex-
traparlamentare di sinistra (APO), Wagenbach pub-
blica il manifesto della RAF, testi di Che Guevara, di
Rudi Dutschke, di Ulrike Meinhof. Negli anni Set-
tanta ripetutamente denunziato per diffusione di
materiale sovversivo, processato e pure condannato
a sei mesi di carcere, diventando come ama ripe-
tere leditore tedesco con la fedina penale pi
lunga.
Poi, negli anni 80, lorientamento della casa edi-
trice cambia (erano cambiati i miei lettori, non
io, ha detto pi volte Wagenbach), dai pamphlet
politici passa allarte e alla letteratura. Ma letteratu-
ra non vuol dire romanzi devasione, sono racconti
che fanno pensare, che aprono una visione del
mondo. Con questi libri ingaggia una nuova sfida,
stavolta contro lammuffita sinistra ufficiale. Fra i
suo successi, la traduzione di Scritti corsari di Paso-
lini, di Houellebecq e di Alan Bennett. Lunga la li-
sta degli autori italiani pubblicati da Wagenbach, da
Gadda a Natalia Ginzburg a Camilleri, e ancora Pari-
se, Benni, Flaiano, Primo Levi. In mezzo ai colossi e
alla grandi concentrazioni editoriali tedesche sia-
mo rimasti piccoli, dice, ma riconoscibili. Dal
2002 ha lasciato la direzione della casa editrice alla
moglie Susanne Schssler. Passa lunghi periodi in
Toscana, vicino a Cortona, dove ha una casa. Lanno
scorso Sellerio ha pubblicato il suo libro di ricordi
La libert delleditore. Il progetto che ha pi a cuore
il completamento della nuova traduzione delle Vi-
te del Vasari.
Cinquantanni, mezzo secolo di storia. La sua
casa editrice nasce pochi mesi dopo la fine dei
lunghissimi governi Adenauer. Oggi festeggia il
suo compleanno mentre governa la Groe Koali-
tion di Angela Merkel. Quanto cambiata la Ger-
mania in questo periodo, e come giudica questi
cambiamenti?
Il nostro Paese diventato pi civile, la Germa-
nia non scatener pi nessuna guerra. Certo, una
grande coalizione un po una catastrofe perch
rende impossibile un vero scontro di idee.
Geschichtsbewusstsein, Anarchie, Hedoni-
smus: consapevolezza storica, anarchia, edoni-
smo, questi erano i principi cui si ispirava agli
inizi la casa editrice. Sono validi ancora oggi?
Era il 1979... Ecco, purtroppo devo dire che una
vera consapevolezza storica non labbiamo ancora
raggiunta. Le faccio un esempio: oggi, quando si
parla della catastrofe originaria, la Urkatastrophe
della storia tedesca, tutti a gran voce la indicano
nella Prima guerra mondiale. un falso, la prima
catastrofe tedesca fu la Guerra dei Trentanni, con il
massacro dei contadini e lannientamento della na-
scente cultura borghese di orientamento repubbli-
cano. allora che il governo del Paese passa nelle
mani dei principi che impartivano ai sudditi i loro
comandi, con le lettres de cachet recapitate dai
messaggeri a cavallo. Quanto allanarchia, per me il
concetto di anarchia mantiene, in questo Paese lin-
do e ligio alla legge, quasi sempre ancora una valen-
za positiva. Invece lascerei perdere ledonismo, or-
mai sostituito dalla societ del divertimento.
Nemico di ogni censura, lei pubblica fra i pri-
mi libri la raccolta di poesie di Wolf Biermann,
proibita nella Ddr. E anche le poesie politiche di
Erich Fried, contro la guerra in Vietnam e poi
contro la politica di Israele. Si avvicina ai movi-
menti dellopposizione extraparlamentare, degli
studenti. E contro di lei parte una lunga serie di
denunce e processi. Come ha fatto a resistere a
questa sorta di persecuzione?
Una risposta difficile. Forse semplicemente
posso dire perch sono cresciuto in una casa di sen-
timenti antinazisti, come racconto nel libro tradot-
to da Sellerio.
Nel 72 pronuncia il discorso ai funerali di Fel-
trinelli a Milano; nel 76, a Berlino, tiene la Gra-
brede per Ulrike Meinhof. Crede che oggi editori
e intellettuali avrebbero lo stesso coraggio?
Quando si tratta di un amico, per me lorazione
funebre rientra nei doveri civili; ancora oggi non
riesco a comprendere i miei colleghi che non si pre-
sentarono neppure
Come giudica le recenti polemiche tedesche?
Thilo Sarrazin pubblica un pamphlet dal titolo
Il nuovo terrorismo della virt, e a Berlino i
manifestanti gli impediscono di parlare; sulla
Zeit lo scrittore Max Biller dice che la produ-
zione letteraria tedesca noiosa e moribonda
(anche quella scritta dai figli dellimmigrazione).
Sarrazin e Biller sono due tipi un po fuori di te-
sta, sembrano fare a gara a chi le spara pi grosse.
Amante dellItalia (arte, cibo, paesaggio, let-
teratura, modo di vivere e di pensare), lei ha pi
volte raccomandato ai tedeschi di imitare la
versatilit politica degli italiani e la loro
confusione. Per i tedeschi, lItalia insieme il
luogo sognato delle vacanze e il Paese della cat-
tiva amministrazione dove non si pagano le tas-
se, il Paese dei debiti (Schuld vuol dire anche
colpa) dove conta pi la furbizia che lonest.
Eppure per lei lItalia non tutta da condanna-
re...
vero, amo lItalia e la conosco abbastanza be-
ne. In particolare mi piace molto il discorso ironi-
co, lironia italiana che riesce a spingersi pure a ra-
sentare loffesa, ma lo fa con arte, senza quella
componente cattiva, omicida, come avviene da noi
in Germania. Mi piace la grande ricchezza del lin-
guaggio dei gesti, il talento nel raccontare le storie:
c una linea diretta che va dalle novelle di Anton
Francesco Grazzini (che abbiamo pubblicato) a
Renzi: tutti e due, non a caso, fiorentini.
LItalia di oggi, Berlusconi, Grillo?
Berlusconi il passato. Grillo rappresenta un
vecchio vizio italiano, la paura di governare, la stes-
sa che tormenta ancora la sinistra.
Che cos per lei la confusione italiana?
unidea che ho ripresa da Goethe. Ecco la cita-
zione per esteso: Non ci si deve fissare su una cosa
sola, senn simpazzisce; bisogna avere in testa un
migliaio di cose, una gran confusione. detto be-
nissimo, e io concordo totalmente con lui. Goethe,
in viaggio per lItalia, quella frase laveva sentita da
un aretino. Sono piuttosto i tedeschi a sottovaluta-
re lincredibile quantit di cultura che lItalia ha
esportato. E non si tratta solo di artisti, architetti
(fino a San Pietroburgo), ma anche cuochi, inse-
gnanti di ballo, commercianti, banchieri, e tutto
questo sin dai tempi di Dante e Manuzio! Sarebbe
meglio allora che noi tedeschi mangiassimo il no-
stro Sauerkraut e ce ne stessimo zitti.
Lei ha tradotto e fatto conoscere in Germania
Pasolini e Celati, Natalia Ginzburg e Gadda, Elsa
Morante, Malerba, Manganelli: quali sono oggi i
nuovi autori italiani che la interessano?
S, siamo una specie di agenzia di import/
export per la letteratura italiana... Il nostro ultimo
libro di successo stato Accabadora di Michela
Murgia, e in questi giorni uscito Dove finisce Ro-
ma di Paola Soriga. Ma se mi chiede quali sono i no-
stri nuovi progetti, mi spiace ma non le dico nien-
te.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il personaggio
bb
Goethe, un modello
Da lui ho ripreso questo concetto:
non ci si deve fissare su una cosa
sola, senn simpazzisce; bisogna
avere in testa un migliaio di cose
A destra in grande: un
quadro di Johann Friedrich
Overbeck (1789-1869, espo-
nente del movimento
artistico dei Nazareni) in cui
Sulamith e Maria rappresenta-
no lItalia e la Germania. A sini-
stra: unimmagine delleditore
tedesco Klaus Wagenbach
D
uemila 180 espositori
(cento pi del 2013),
tremila e 100 presenta-
zioni di libri, discussioni,
workshop, un numero pre-
visto di visitatori che si aggi-
ra intorno ai 170 mila: si apre
domani la Fiera del libro di
Lipsia, che rester aperta fi-
no a domenica 16. Ospiti di
questa edizione, la Svizzera e
gli editori di Bielorussia, Po-
lonia e Ucraina.
A Lipsia si assegnano nu-
merosi premi letterari: quel-
lo per la Comprensione eu-
ropea questanno andato
all indiano cosmopolita
Pankaj Mishra. Domani, poi,
verranno proclamati i vinci-
tori del Premio della Fiera,
per le categorie Narrativa,
Saggistica e Traduzione.
Aperta tutti i giorni al pub-
blico, la Fiera di Lipsia in
questi ultimi anni ha attirato
i raduni di cosplay, i giovani
che si vestono come i perso-
naggi dei manga, una moda
nata in Giappone ma diven-
tata globale.
Nata nel sedicesimo seco-
lo, dopo la Fiera di Franco-
forte, gi nel 1632 superava
come numero di libri espo-
sti la concorrente. Durante
lIlluminismo e lOttocento,
Lipsia fu il centro pi impor-
tante per editori e librai. Qui,
nel 1825, fu fondato il Br-
senverein des Deutschen Bu-
chhandels. Dopo il 1945, con
la divisione della Germania,
Francoforte acquist il pri-
mato che ancora oggi detie-
ne. La Fiera di Lipsia conti-
nu durante gli anni della
Ddr, ma la sua ripresa data
dalledizione 1990, la prima
dopo la caduta del Muro.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il logo ufficiale della manifesta-
zione di Lipsia, dove si trove-
ranno oltre duemila espositori
La kermesse Una manifestazione in crescita dopo il 1989
Da domani oltre duemila gli espositori
Tra gli ospiti bielorussi, polacchi, ucraini
di RANIERI POLESE
Leditore Klaus
Wagenbach, 84 anni,
berlinese, ha fondato
e diretto per trentotto
anni lomonima casa
editrice, prima di
cederne la direzione
nel 2002 alla moglie
Susanne
Durante gli anni
Sessanta fu un
personaggio in vista
del Movimento
studentesco. Nel 72
pronunci il discorso
funebre per Feltrinelli
e nel 76 per Ulrike
Meinhof
Germanista e
storico dellarte,
notoriamente un
grande appassionato
e studioso di Franz
Kafka. Tra le sue
opere pubblicate in
Italia sullo scrittore
praghese, Due passi
per Praga insieme a
Kafka (Feltrinelli,
1996)
Tra i grandi autori
da lui pubblicati:
Ingeborg Bachmann,
Biermann, Grass, Che
Guevara, gli italiani
Gadda e Pasolini
Vive per gran parte
dellanno in Toscana,
vicino a Cortona
In vendita nelle principali librerie
www.vitaepensiero.it abbonamenti 02 72342310
In questo numero:
Lorenzo Ornaghi
100 anni dopo, una rivista che genera cultura
Agostino Gemelli
Miti, fantasie, realizzazioni della cibernetica
Norberto Bobbio
Etica della potenza ed etica del dialogo
E articoli di:
S. Heaney | J.-C. Guillebaud | A. Spadaro
F. Cardini | G. Lupo | S. Soldini
O. Mongin | F. Parazzoli
12014
36
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Terza Pagina 37

Narrativa Il confine di Bonetti di Giovanni Floris: una vicenda di amici nellItalia del disimpegno
La nostalgia degli anni Ottanta
Bob Marley, le discoteche, il calcio: la vita facile senza politica
Giuseppe Josca, laustero testimone
che vide Anwar Sadat cadere ucciso
Giornalismo Scomparso lo storico inviato del Corriere della Sera
Elzeviro
Il nuovo romanzo di Valeria Parrella
IMPARARE AD AMARE
IL FIGLIO INASPETTATO
di ENZO DERRICO
Q
uando ti comunica-
no, o intuisci da so-
lo, che tuo figlio sa-
r disabile, una do-
manda ti serra allistante la
gola: Perch proprio a lui?
Perch proprio a me?, come
se esistesse una logica mate-
matica che governa gli acca-
dimenti, un inesorabile nes-
so di causa ed effetto che
puntella larchitrave della vi-
ta. Non cos, ovviamente.
La variabile del caso sgra-
na lefficacia di qualunque
interrogativo e limpondera-
bile misura della sorte com-
promette la meccanica di
ogni risposta. Soprattutto
quando sinciampa in un av-
verso destino. Basta, invece,
spingere lo sguardo oltre i
confini rassicuranti della
normalit, per chiedersi
con pi solide ragioni: Per-
ch non a lui? Perch non a
me?. Non esiste altro modo:
rovesciare lalfabeto quoti-
diano, piantarsi in un luogo
privo di punti cardinali, at-
traversare la nebbia senza il
timore di perdersi, pur sa-
pendo perfettamente che ti
perderai e affonderai le scar-
pe nel fango e maledirai il
cielo scomparso, nemico, e ti
mancher il fiato per solitu-
dine e stanchezza e le parole
altrui, lanciate come funi di
soccorso, saranno sterpaglia
che intralcia. Eppure soltan-
to cos potrai cominciare
linevitabile cammino che
hai davanti, il tormentato
viaggio che trasformer la
sventura in avventura. Non
che questo addolcir la boc-
ca o render il dolore com-
mestibile, ma ti permetter
di abitare la terra dove sei
stato scaraventato, fino a non
sentirla pi straniera. Ci vor-
r del tempo. Quello che Va-
leria Parrella definisce il
Tempo di imparare (Einaudi,
pp. 130, 17) nel titolo del
suo ultimo libro, dedicato
appunto alla storia (in gran
parte autobiografica) di una
maternit reinventata attra-
verso lignoto abbecedario di
un figlio autistico.
Ne scaturisce un atipico
romanzo di formazione nel
quale la protagonista una
quarantenne napoletana che
riflette i tratti dellautrice
ridisegna i contorni del suo
stare al mondo attraverso la
fragile e insondabile grafia
sentimentale di un bambino,
Arturo, e dellisola esisten-
ziale (evidente il richiamo al
romanzo di Elsa Morante,
anche per il ruolo che Proci-
da svolge nella narrazione)
in cui costretto a vivere per i
danni fisici e cognitivi provo-
cati da unasfissia alla nasci-
ta. Una casualit, dunque.
Nientaltro che una maledet-
ta, banale casualit che Vale-
ria Parrella trasforma nel
mosto di un bellissimo rac-
conto dove fermentano tutti
gli aromi che sei condannato
ad assaporare quando la di-
sabilit non pi un riverbe-
ro lontano, vento che soffia e
non ti sfiora, ma diventa car-
ne dei tuoi giorni: frustrazio-
ne, rabbia, sgomento, indi-
gnazione, speranza, tenerez-
za, rassegnazione e, alla fine,
unillogica allegria che in
certi istanti sguscia tra le pie-
ghe dellangoscia e ti fa senti-
re finalmente a casa. Lacero,
illividito, disorientato, ma di
nuovo a casa. E poco impor-
ta, ormai, se tempo addietro
ne sognavi unaltra dove ve-
der crescere tuo figlio e cre-
scere tu con lui: appartieni a
questa, punto e basta. Cos,
piano piano, prendi a orien-
tarti fra le stanze e la fatica
riacquista un senso. Parrella
narra tutto ci in prima per-
sona, un po perch la
sua storia e un po perch
nellio, impronunciabile e
sconosciuto per un autistico,
si cela quel piccolo risarci-
mento che la letteratura pu
offrire alle offese della vita.
Arturo non sar mai diverso
da se stesso, toccher alla
madre rinascere diversa. E
imparare che ad ogni figlio
disabile corrisponde un ge-
nitore disabile, come rac-
conta Kenzaburo Oe, il ro-
manziere giapponese che nel
1994 ha vinto il premio Nobel
anche grazie ai libri nei quali
descrive la lunga e tormenta-
ta assimilazione del suo do-
lore di padre alle prese con
Hikari, affetto da una gravis-
sima lesione cerebrale. Oggi
quel bambino, che per i me-
dici sarebbe stato meglio la-
sciar morire, un artista che
compone musica da camera.
Il suo primo cd ha venduto
un milione di copie in tutto il
mondo. Sia chiaro, Hikari
non parler mai come gli al-
tri e avr pensieri che segui-
ranno sempre strade miste-
riose. Ma questa la sua vo-
ce, la voce di ogni vita pianta-
ta altrove. Ha tonalit aspre,
oscure. Imparare a decifrarla
fatica che richiede tempo e
dedizione e lacera i nervi,
scortica il cervello. Finch il
suono non ti aggancia il cuo-
re e saccorda al ritmo di un
battito diverso. Il suo. Che fi-
nalmente diventa anche tuo.
RIPRODUZIONE RISERVATA
bb
Una breve
interruzione
dossigeno alla
nascita e il bambino
resta autistico
A
giugno di quellanno
era stato arrestato Enzo
Tortora. Sempre prima
dellestate era scom-
parsa Emanuela Orlandi. Ma a farmi ca-
pire quanto io, Bonetti e Fochetti ap-
parteniamo a unaltra epoca stato sco-
prire che quando Fochetti ci fece la sua
rivelazione, Borriello, Cassano, Gilardi-
no e Kak compivano un anno. Pi o
meno nel momento in cui il traghetto
lasciava il molo nasceva Goran Pandev,
sempre in quei giorni Laura Chiatti
spegneva la sua prima candelina. La
Roma aveva appena vinto lo scudetto. E
Fochetti aveva scopato. Con una diciot-
tenne di San Vito Chietino. Primo fra
tutti noi, campione indiscusso del-
lestate. E aveva anche imparato ad an-
dare in windsurf.
Gli anni 80 sono spesso esecrati co-
me vacui, insulsi, superficiali. Sono ra-
ri i libri che se ne occupano, se non per
rinnegarli. Giovanni Floris fa invece de-
gli anni 80 lo sfondo del suo interes-
sante romanzo desordio, Il confine di
Bonetti, che Feltrinelli manda oggi in
libreria. la storia di formazione di un
gruppo di amici. Fochetti il pi pre-
coce, e talora il pi spiritoso. Il prota-
gonista Roberto Ran, ricco notaio di
46 anni, che allinizio del libro si ritrova
in carcere per una brutta storia, con un
cadavere di mezzo. Il titolo per lo d
Bonetti, da adulto un quasi premio
Oscar del cinema italiano, da giovane
leader del gruppo al punto da dettarne
la regola fondamentale: La capacit di
vivere al confine della devianza, senza
mai farsi attrarre dal baratro. Il mae-
stro di questo gioco borderline era
Marco Bonetti. In base alle sue teorie
bisognava stare al di qua del confine,
salvo forse, di quando in quando, affac-
ciarsi on the wild side per dare unoc-
chiata. Innanzitutto perch nel nostro
mondo le trasgressioni procuravano
consenso, successo, amicizie e amori; e
poi perch a trasgredire non ci voleva
granch (). Trentanni fa, noi la linea
di confine eravamo in grado di vederla.
Lo chiamavamo il confine di Bonetti.
Unarte, quella di vivere sulla linea di
confine, che Bonetti riesce sempre a
esercitare, anche se respira la benzina
dal serbatoio del suo Laverdino prima
di entrare alle feste, si fa la prima canna
sul treno della gita scolastica, e parteci-
pa volentieri al rito del vento: scap-
pare tutti quanti dal ristorante senza
pagare, inseguiti dai camerieri. Altri
quellarte hanno male appresa. Come
Rocchi e Piva, che finirono in prigio-
ne subito, allultimo anno di liceo, per-
ch avevano scippato una vecchietta
ma erano stati presi duecento metri
dopo. Fusano invece non aveva an-
cora ventanni quando fu accoltellato a
morte in una discoteca di Riga. Quan-
to a Tito, mor sotto una macchina sul
lungomare di Torvaianica: era notte, gli
si era fermata la moto, aveva in mano
una tanica e un rubo di gomma. Proba-
bilmente attraversava per fare il suc-
chio, rubare la benzina da unauto par-
cheggiata (a questo punto, considera-
to che per gli italiani Floris quasi una
figura di famiglia, viene da chiedersi
quanto ci sia di autobiografico nel ro-
manzo. Lui risponde nei ringraziamen-
ti finali, ma ingarbuglia ulteriormente i
dubbi del lettore: In questa storia ci
sono cose che sono successe, cose che
ho inventato, cose che sarebbero potu-
te succedere e cose che non sarebbero
potute succedere mai).
Succede un po di tutto, in effetti. Ma
la politica resta sempre sullo sfondo.
Quando a ventanni vedi dei poveri cri-
sti prendere a picconate un Muro per
passare da dove si sta male a dove si sta
bene, cosa c da aggiungere?. Il decen-
nio della politica, i Settanta, passato,
anche se tenta ancora qualche incursio-
ne: Bologna era nel 1980, ma obiettiva-
mente apparteneva ai dieci anni prece-
denti. Pi della politica sono importan-
ti altre cose, che Floris ricostruisce inter-
vallando i capitoli con riusciti excursus
su oggetti, vezzi, mode, cibi, tendenze. E
la musica: alle medie Umberto Tozzi e i
Dire Straits magari capivamo che
qualche differenza cera, ma nulla ci por-
tava a snobbare il primo e a idolatrare i
secondi , al liceo gli Wham, i Tears
for Fears, Bob Marley: Scoprimmo in ri-
tardo David Bowie, i Talking Heads, Pe-
ter Gabriel, ma li scoprimmo. E poi i
Talk Talk, i primissimi U2, Billy Idol Il
rock ha manifestato la voglia di ribellio-
ne di una generazione. Poi arrivato il
punk. Il punk stato lanarchia, limpos-
sibilit di omologarsi; lammissione di
una sconfitta, se vogliamo, da parte di
chi voleva sovvertire il sistema. Dopo
viene il dark, cio il buio: Il buio degli
eletti, il buio di chi cieco perch rima-
sto abbagliato dalla troppa luce, dai
troppi colori. Lillusione che si potesse
essere felici tutti assieme, affidando la
vita alla politica, era terminata con una
terribile sconfitta: terrorismo, droga, di-
rezioni del personale. Ma anche lillusio-
ne che si potesse essere felici ognuno
per proprio conto, o al limite in branco,
si rivelava tale. Noi conclude lautore
la vedevamo cos: potevamo scegliere
se immolarci al buio che ci aveva conse-
gnato la generazione precedente, op-
pure combattere la malattia, e trovare
una cura. Poi andata come andata. E
questo il punto. Bonetti ha sconfitto la
malattia, io lho chiamata salute. Oppu-
re, in unaltra variante, Bonetti cap che
aveva il mondo in mano. Io capii che il
mondo mi teneva in pugno.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Una sequenza del celebre film di Alan Parker Fame. Negli anni Ottanta segn una generazione e divenne un film cult
G
iuseppe Josca, che ci ha lasciato domenica,
era entrato nella mitologia del grande gior-
nalismo realizzando il sogno di tutti gli in-
viati speciali: vivere, da testimone oculare, un
evento straordinario. Probabilmente ha ragione
chi sostiene che non esista fortuna senza merito.
Infatti, come corrispondente del Corriere della
Sera dal Cairo, aveva deciso di portare suo figlio,
il 6 marzo 1981, a una parata militare, con la parte-
cipazione del presidente Anwar Sadat. Pochi mi-
nuti di festa, poi un commando di terroristi isla-
mici irruppe nello stadio e consum la vendetta. Il
capo dello Stato cadde, colpito a morte. Josca era
l, nella tribuna, a poche decine di metri dal leader
che aveva osato firmare
la pace con Israele.
Protesse il figlio fa-
cendogli scudo e vide
tutto. Eppure, ogni vol-
ta che veniva intervista-
to sulla sua preziosa te-
stimonianza, mostrava
quasi il fastidio dessere
trattato da protagoni-
sta. A lui piaceva il gior-
nalismo asciutto, es-
senziale, austero, senza
autocelebrazioni. Da te-
stimone, appunto. Pi-
no, come lo chiamava-
mo, sapeva raccontare
e sapeva analizzare con
efficacia i retroscena
delle notizie che non
sono mai mancate nellarea che comprende il Me-
dio Oriente e il Nord Africa. Quella regione gli era
entrata nel cuore, anche se prima e dopo quel lun-
go periodo di impegno professionale aveva curato
per il Corriere della Sera due prestigiose corri-
spondenze: dallUnione Sovietica e dagli Usa.
Era andato in pensione di malavoglia, e per
sconfiggere linevitabile malinconia aveva scritto
alcuni libri, raccontando il suo vissuto di cronista
di razza. Era nato a Melfi, nella sua amata Lucania,
il 29 febbraio di 86 anni fa, e con la sua ironia me-
ridionale Josca si faceva beffe del compleanno,
che cadeva con precisione soltanto nellanno bise-
stile.
Alla scomparsa della moglie, entrato in un
tunnel che duro per chiunque, ma ancor pi per
un giornalista che vive
di curiosit ed emozio-
ni. LAlzheimer, crude-
le e spietato, lo ha con-
sumato, giorno dopo
giorno.
L uni co appunta-
mento con la realt
glielo donava sua figlia
Isabella, leggendogli
ogni mattina il Corrie-
re della Sera. Cercan-
do di stimolare, magari
con gli articoli che rac-
contavano dellEgitto,
la scintilla della passio-
ne professionale. Che il
riposo ti sia amico, caro
Pino.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Social reading
Mondadori acquisisce aNobii
community da un milione di lettori
Mondadori ha acquisito aNobii, piattaforma mondiale di
social reading con circa un milione di utenti, di cui 300
mila lettori solo in Italia. Era nato nel 2005 a Hong Kong
da unidea di Greg Sung, che ora vede con ottimismo
lingresso nel gruppo di Segrate; nel 2010 la piattaforma
era passata a Random House, Penguin, Harper Collins e
Hmv e due anni fa alla catena di supermercati britannici
Sainsburys. Per la crescita del digitale nei libri ha
commentato Ernesto Mauri, amministratore delegato di
Mondadori fondamentale una piattaforma che ci
permetta di ascoltare le persone. Non diventer un
supermercato. Niente recensioni pilotate n pubblicit
ha tranquillizzato gli utenti Edoardo Brugnatelli,
responsabile di aNobii per Mondadori. (s.col.)
Giovanni
Floris,
giornalista
e condut-
tore tele-
visivo del
talk-show
Ballar
Il giornalista del Corriere Giuseppe Josca.
Era nato a Melfi il 29 febbraio di 86 anni fa
di ANTONIO FERRARI
di ALDO CAZZULLO
38
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Cultura 39

sunto il compito di coordinare il progetto 14-
18. Documenti e immagini della Grande guer-
ra: ne scaturito un vasto archivio online
(www.14-18.it), nel quale stanno confluendo le
pi importanti collezioni sul conflitto di musei
e biblioteche, per un totale che ha gi raggiun-
to i 250 mila oggetti digitali tra fotografie, ma-
noscritti, periodici, disegni, cartoline, manife-
sti. Al tempo stesso sono state organizzate a
Roma, a Trento, nelle Valli del Pasubio, a Por-
denone giornate di raccolta delle memorie
private, con la partecipazione di cittadini che
hanno portato a far digitalizzare materiale ere-
ditato dai loro parenti coinvolti nella Grande
guerra: finora sono stati registrati pi di 4.400
oggetti e circa 320 testimonianze.
Il nostro intento dichiara Rossella Caffo,
direttrice dellIccu integrare due tipologie
diverse di documenti, entrambe di estremo in-
teresse. Da una parte abbiamo la memoria
pubblica e ufficiale, nelle sue espressioni isti-
tuzionali; dallaltra la voce viva delle esperienze
familiari, cos come si sono trasmesse in un
lungo arco di tempo. Tale attivit rientra nel-
liniziativa internazionale del portale Europea-
na, che raggruppa istituzioni culturali di nu-
merosi Paesi e ha promosso, per il centenario
della Grande guerra, due vaste raccolte online
di materiali provenienti da fonti istituzionali
(www.europeana-collections-1914-1918.eu) e
da privati (www.europeana1914-1918.eu).
A tal proposito un appuntamento di spicco
la conferenza internazionale in programma a
Roma il 27 marzo, che vedr dialogare diverse
realt (compreso il Corriere della Sera) im-
pegnate a far conoscere le vicende della Gran-
de guerra con lausilio dellimmensa docu-
mentazione conservata negli archivi.
Non c dubbio infatti che il conflitto scop-
piato nel 1914 determin una vera rivoluzione
comunicativa e mediatica. Le operazioni mili-
tari vennero seguite in diretta da un gran nu-
mero di fotografi, artisti, scrittori, le cui testi-
monianze furono raccolte con i pi svariati
mezzi di espressione. La corrispondenza tra i
combattenti e le famiglie assunse proporzioni
ciclopiche: solo in Italia i servizi postali recapi-
tarono circa quattro miliardi di lettere e carto-
line. La propaganda di guerra divenne intensa
e martellante come mai era stata nel passato.
Un mutamento radicale di cui le autorit ita-
liane si accorsero subito, come osserva Marco
Pizzo, che dirige a Roma il Museo centrale del
Risorgimento: Sin dal 1915, subito dopo lin-
gresso del nostro Paese nel conflitto, il governo
decise che tutti i documenti relativi alla guerra
dovevano essere depositati in originale o in co-
pia presso il nostro istituto. Nella sede del Vit-
toriano conserviamo i fondi della sezione foto-
cinematografica dellesercito, con centinaia di
migliaia dimmagini, in grande maggioranza
italiane, ma anche austroungariche, acquisite
come bottino di guerra dopo loffensiva vitto-
riosa del 1918. Abbiamo i fascicoli personali di
150 mila caduti. E poi carteggi, opere darte, 12
mila cartoline. Materiale che all80 per cento
stato digitalizzato nellambito del progetto co-
ordinato dallIccu e che stiamo utilizzando per
generazioni devono acquisire una piena con-
sapevolezza di quella svolta.
Sulle ripercussioni sociali e culturali del
conflitto si concentrato lo storico Angelo
Ventrone nel saggio Piccola storia della Gran-
de guerra (Donzelli), mettendo in rilievo pro-
prio gli aspetti richiamati da Marini: Il con-
flitto osserva lo studioso acceler al mas-
simo la diffusione di nuovi strumenti che in
gran parte gi esistevano, ma avevano un uti-
lizzo limitato: il telefono, il radiotelegrafo, la
bicicletta, laereo, lautomobile, lorologio da
polso, il cinematografo, la macchina fotografi-
ca portatile istantanea. Ci particolarmente
evidente in campo medico, con i raggi X, la chi-
rurgia plastica per i tanti mutilati e sfigurati, le
cure psichiatriche per chi non reggeva la pres-
sione. Ci furono un enorme sforzo di alfabetiz-
zazione dei soldati e una vasta mobilitazione
del fronte interno, ma al tempo stesso fu alle-
stita una rigida censura militare: la corrispon-
denza veniva controllata a campione e veniva-
no inflitte punizioni severe ai militari che dif-
fondevano notizie riservate o semplicemente
esprimevano sentimenti di sconforto.
In fatto di censura dei documentari cinema-
tografici, c uneloquente documentazione al
Museo del Risorgimento: I cartelloni usati co-
me didascalie per i filmati muti spiega Pizzo
ci rivelano quali sequenze venivano tagliate.
Non si tratta solo dimmagini crude, anzi spes-
so i cadaveri dei nemici vengono mostrati. Sot-
to la scure del censore cadono soprattutto i
momenti della vita di trincea in cui i soldati
italiani appaiono stanchi, malmessi, in disor-
dine, lontani dalla fierezza marziale che si vo-
leva mettere in risalto. Un noto cineasta del-
lepoca, Luca Comerio, fu allontanato dal fron-
te proprio perch le sue riprese non corrispon-
devano ai criteri fissati dallesercito.
Trionfava la propaganda bellica, nota Ven-
trone, con i suoi gravi eccessi: Per mantenere
alta la tensione patriottica, in ogni nazione il
conflitto venne presentato come una crociata,
uno scontro tra il bene e il male, con forti im-
plicazioni razziste: i popoli nemici erano tac-
ciati non solo di barbarie, ma anche dinferio-
rit biologica. Motivi che vennero poi ripresi
dai regimi totalitari del dopoguerra.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il centenario Esperienze italiane ed europee a confronto il 27 marzo sul lavoro di raccolta delle testimonianze ufficiali e di quelle private
Messaggi dal fronte della memoria
Il conflitto del 1914 segn una rivoluzione mediatica
Un portale di documenti e un convegno a Roma
In azione
Qui a sinistra:
operatori del
reparto di foto e
cinematografia
dellesercito
durante la guerra
(Museo centrale
del Risorgimento)
In alto: un
manifesto bellico
intitolato
DallAdriatico
allEgeo
(Biblioteca
Alessandrina,
Roma)
Le iniziative Un comitato di studiosi lavora al programma delle celebrazioni
Mostre, incontri nelle scuole, il restauro dei sacrari
LItalia entr in guerra nel maggio 1915, ma il
comitato storico scientifico per gli anniversari di
interesse nazionale, di cui presidente dal
novembre 2013 Franco Marini, gi al lavoro per
avviare le commemorazioni in parallelo con i Paesi
che iniziarono le ostilit nellestate del 1914. Il
comitato composto di studiosi: oltre al presidente
ne fanno parte Gianni Toniolo (vicepresidente),
Walter Barberis, Silvia Calandrelli, Ernesto Galli
della Loggia, Andrea Giardina, Mario Isnenghi,
Lamberto Maffei, Alberto Melloni, Francesco
Perfetti, Giovanni Sabbatucci, Marino Sinibaldi,
Romano Ugolini, Marcello Veneziani, Lucio Villari.
Il suo compito fissare alcuni princpi strategici
per lo svolgimento delle celebrazioni. Un primo
punto riguarda il restauro dei luoghi del conflitto,
in particolare nove grandi sacrari, alcuni dei quali
si trovano fuori dai confini italiani: Redipuglia,
Oslavia, Montello, Asiago, Bari (per i caduti
doltremare), Monte Grappa, Caporetto (oggi
Slovenia), Bligny (Francia), Mauthausen (Austria).
Poi si pensa di censire e restaurare i monumenti ai
caduti sparsi per lItalia, di promuovere incontri
nelle scuole, di organizzare mostre e convegni
incentrati sulla memoria popolare. Partiremo gi
in estate dichiara Marini con una mostra
fotografica sulla guerra di alta montagna al
Vittoriano, in cui le istantanee recenti di Claudio
Campigotto saranno messe a confronto con le
immagini depoca. Poi pensiamo a un grande
concerto del maestro Riccardo Muti a Redipuglia
con la presenza di autorit italiane ed europee.
Il logo per le commemorazioni
della Grande guerra
L
a memoria di un evento gigantesco co-
me la Prima guerra mondiale ha molte
dimensioni, nessuna delle quali pu es-
sere trascurata. Lo sottolinea lex presi-
dente del Senato Franco Marini, oggi alla guida
del comitato storico scientifico per gli anniver-
sari di interesse nazionale, istituito presso la
presidenza del Consiglio: Per il centenario
della Grande guerra stiamo elaborando un
programma che mette in primo piano il re-
stauro dei luoghi del conflitto e dei monumen-
ti ufficiali, ma molto attento anche ai riflessi
sulla cultura popolare, alla memoria dei tanti
nostri connazionali la cui esistenza, al fronte o
nelle retrovie, fu segnata in modo indelebile
dallesperienza bellica.
Su questa strada si gi avviato lIstituto
centrale per il catalogo unico (Iccu), la struttu-
ra del ministero dei Beni culturali che ha as-
di ANTONIO CARIOTI
Levento
Conoscere
il passato
per costruire
il futuro
Sintitola La Grande
guerra nelle raccolte
nazionali ed europee:
materiali, immagini e
testimonianze il
convegno internazionale
che si tiene il 27 marzo a
Roma, presso la
Biblioteca nazionale
centrale (viale Castro
Pretorio 105), nel corso
del quale saranno
presentate le iniziative
avviate per digitalizzare
la documentazione
relativa alla Prima guerra
mondiale. Lincontro,
articolato in una
sessione mattutina e una
tavola rotonda
pomeridiana,
organizzato dallIstituto
centrale per il catalogo
unico in collaborazione
con la Biblioteca
nazionale di Roma,
lIstituto per la storia del
Risorgimento e il portale
Europeana. Partecipano
tra gli altri: il presidente
del Comitato per gli
anniversari dinteresse
nazionale Franco Marini;
il segretario generale del
ministero dei Beni
culturali Antonia Pasqua
Recchia; la direttrice di
Europeana Foundation
Jill Cousins; il direttore
del Corriere della Sera
Ferruccio de Bortoli; il
presidente della
Fondazione Corriere
della Sera Piergaetano
Marchetti; lonorevole
Flavia Nardelli Piccoli
della commissione
Cultura della Camera;
la direttrice di Rai
Educational Silvia
Calandrelli; il
coordinatore del
progetto Europeana
Collections 1914-1918
Thorsten Siegmann.
LA GRANDE GUERRA GRAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAANNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE GGGGGGGGGGGGGUE
1914 1918
attivit di didattica sperimentale, con lorga-
nizzazione di mostre nelle scuole di Roma.
Lesigenza di coinvolgere gli studenti mol-
to sentita da Marini: Tra le linee direttive del
programma che stiamo mettendo a punto c
lo svolgimento di un fitta rete diniziative nelle
scuole, attraverso unintesa con il ministero
dellIstruzione. I membri del comitato sono
studiosi autorevoli, che hanno dato la loro pie-
na disponibilit a confrontarsi con i giovani. La
Grande guerra segn un salto di qualit nella
modernizzazione del Paese, con lavvento di
una vera e propria societ di massa, e le nuove
40
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Eventi
Le fonti del desiderio
I misteri delluniverso femminile messi a nudo sulla tela
attraverso il candido stupore di un artista rapito dai sensi
C
omera nuda quella fin
de sicle viennese! Nude
sotto i veli dellArt Nou-
veau erano le donne di
Alfons Mucha; nuda era Alma
Mahler, che sebbene ancora
giovane e lontana da quel rosa-
rio di amori maschili che sroto-
l con perizia si diceva votata
al bello. Nudi saranno, di l a
poco, i corpi perturbanti di
Egon Schiele. E nude erano le
donne di Gustav Klimt. Di certo,
nei suoi occhi. Per lui, il corpo,
era prima di tutto al naturale.
Dipingeva sempre i soggetti
senza veli e, solo in un secondo
momento li vestiva, dice Al-
fred Weidinger, vicedirettore
del museo Belvedere di Vienna e
curatore della mostra Klimt
Alle origini di un mito.
E il Klimt che qui si racconta
(anche) quello degli inizi, pri-
ma della rivoluzionaria Seces-
sione, che prese avvio nel 1899.
il Klimt della donna rugiado-
sa; di quella flessa su se stessa,
divorata dalla sua bellezza. il
Klimt di Ritratto femminile
(1894), quasi un manifesto del-
liconografia materna: capelli
raccolti, espressione seria, abito
finemente decorato. Non la
madre, per. Forse Emilie Fl-
ge, una delle donne che gli furo-
no accanto, chiosa Weidinger.
Una delle, perch le donne di
Klimt furono tante e importan-
ti. Amava innamorarsi. Per poi
sparire, con la naturalezza di un
bambino. Non sono interessa-
to a me, ma alle donne, scrisse
in una lettera, anzi, in una car-
tolina furono inventate a
Vienna e in mostra se ne trova
una selezione ben studiata.
Qui c il Gustav che, da bam-
bino, spalanc gli occhi davanti
alle decorazioni doro nella bot-
tega del padre, orafo. Loro che
poi volle riprodurre, ossessiva-
mente, nella sua arte: il Fregio
di Beethoven, lopera monu-
mentale che Klimt esegu nel
1902 e che qui si presenta in una
colta riproduzione, un inno
allamore per le cose che lucci-
cano, come dice il curatore.
Eccolo il cuore segreto di
questo artista cos amato (Il ba-
cio una delle opere moderne
pi riprodotte) ma anche cos
frainteso: la sua non era ricerca
intellettuale, era sincero stupo-
re; non era speculazione onirica
quale retaggio freudiano appli-
cato allarte: pi semplicemen-
te, era che lui le ragazze se le im-
maginava cos nelle fantasie:
fluttuanti, acquatiche, costan-
temente svestite. Era semplicit
maschia davanti a un seno fem-
minile. Si guardi, in mostra, la
bellezza di Adamo ed Eva, con la
nudit della donna che copre
con grazia quella maschile, un
po imbarazzata.
Era il dominio dei sensi che,
in quella fine secolo, imbastiva
un nuovo linguaggio culturale
nella citt pi erotica del mon-
do, come Lou Andreas-Salom
defin Vienna. Ecco perch non
riusciamo a vedere nei ritratti
klimtiani di giovani ragazze (si
osservi Ritratto di bambina del
1880) la profondit spirituale
che cera, per dire, nel quasi
contemporaneo Felice Casorati.
Cera invece quella sensualit
spontanea del figlio dellartigia-
no, cresciuto con madre e due
sorelle e, dunque, avvezzo a ve-
dere carni femminee imperfette
nellintimit domestica.
Cera, chiss, la suggestione
dei primi esperimenti naturisti-
ci che prendevano vita in Sviz-
zera, nei pressi di Ascona, sul
Monte Verit. Cera quel sotti-
lissimo senso di spaesamento
maschile di fronte a nuove don-
ne, pi emancipate e forti. Pochi
anni dopo, mentre si struggeva
per Felice Bauer, Franz Kafka
giunse a implorarla: Via, Felice,
trasformami in un uomo che sia
capace di ci che ovvio!.
stato proprio il cerebrale in-
ventore della psicoanalisi a co-
gliere questa temperie. Un gior-
no Freud disse ad Arthur Schni-
tzler: Con la sua arte lei ha ca-
pito molto di pi sullanimo
umano di quanto abbia fatto io
in lunghi anni di ricerche. Ecco
perch la mostra va visitata pi
con listinto che con la ragione,
lasciandosi sedurre dai fregi,
dalle musiche (Gustav Mahler
fu una presenza-chiave nella vi-
ta di Klimt) e dalla vividezza dei
ritratti, senza farsi domande.
Klimt stesso non se ne po-
neva spiega Weidinger :
chiamato a realizzare unopera
su Beethoven ha pensato bene
di concluderla con quello che
per lui era la summa dellarte:
un abbraccio. Lamore. Si at-
traversino le sale dedicate ai ri-
tratti familiari (la societ di de-
corazioni che fond con il fra-
tello alla base della sua forma-
zione pittorica); si passi accanto
ai paesaggi, alle sirene e ci si fer-
mi davanti al Girasole.
Un monumento vegetale al
fiore, punteggiato doro, che
culmina con una testa-corolla.
Ecco, per Klimt era il vero sim-
bolo femmineo: il potere vivifi-
catore, autarchico, prono solo
di fronte alla natura.
Roberta Scorranese
rscorranese@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Fertilit In basso, da sinistra,
due rappresentazioni diverse
dello stesso soggetto, cio la
donna: Ritratto femminile
(1898 circa, Belvedere,
Vienna) e Girasole
(1907, Belvedere, Vienna)
Sigmund Freud
(1856 1939)
stato tra gli
animatori principali
della Vienna di fine
secolo. Padre della
psicanalisi, rigoroso
ricercatore, amava
per il continuo
confronto
intellettuale con
scrittori e artisti
Protagonisti
Alma Mahler
(1879 1964)
Pittrice, scrittrice
e donna dallindole
libertina, Alma
Mahler Schindler
ha avuto numerose
storie con gli artisti
dellepoca. Si spos
con Gustav Mahler,
Walter Gropius
e Franz Werfel
Arthur Schnitzler
(1862 1931)
Medico e scrittore,
instancabile
indagatore
dellinconscio,
protagonista della
Vienna a cavallo tra
Otto e Novecento.
Freud gli riconobbe
di aver capito lanimo
umano pi di lui
La storia Le genesi dellopera realizzata nel 1902 per celebrare il musicista . Qui proposta nella riproduzione degli anni Ottanta
Oro, madreperle, umanit ripugnante. E fu scandalo
Le contestazioni al Fregio in onore di Beethoven: quei corpi deformi scuotevano i benpensanti
L
a mostra dedicata alla IX sin-
fonia di Beethoven lavveni-
mento pi atteso della prima-
vera viennese del 1902. Joseph
Hoffmann ha progettato uno spazio a
tre navate basato su differenti livelli.
Il percorso parte da quello di sinistra,
il pi basso, dove Klimt affronta un
tema che preparer alla visita del
monumento di Max Klinger al mar-
tire che soffre per lumanit e perso-
nifica la speranza in un nuovo futu-
ro e sistemato nella sala centrale. Il
tema quello che lo ossessioner per
tutta la vita: la felicit continuamente
ostacolata dalle forze avverse: un
fregio alla maniera classica, affre-
scato su tre pareti ricoperte da into-
naco grezzo appena sotto il soffitto,
alto un metro e lungo 34, con spazi
vuoti volutamente lasciati sulle pare-
ti lunghe.
I ventuno artisti viennesi, che do-
vevano completare le sale con dipinti
e sculture, avevano trascorso linver-
no nello scantinato della palazzina
della Secessione, sperimentando le
tecniche per lavorare il legno, i me-
talli, il vetro, largilla. Klimt aveva
provato tutti i sistemi per applicare
sul cemento grezzo loro, la madre-
perla, lavorio e le pietre. Pareva una
bottega medievale: cerano anche un
tornio e un crogiuolo. Lavoravano fi-
no a notte, mangiando, bevendo, ri-
cevendo gli amici e le donne. Su un
pannello intitolato Uccellini seces-
sionisti, Friedrich Konig li ha ritrat-
ti in dodici minuscole caricature nel-
le sembianze di uccelli fantastici ac-
compagnati da un soprannome. Kli-
mt ha una faccia da fauno, due
alucce, due gambette a stecco, un
corpo nudo in forma di glande so-
vrastato dal motto Der Popopopo.
Sulla parete di sinistra Klimt di-
pinge, con colori alla caseina, tre fi-
gure che implorano un cavaliere per-
ch, a nome dellumanit sofferente,
vada alla ricerca della felicit. Il pro-
filo del cavaliere, chiuso in unarma-
tura dorata, quello di Mahler. So-
spinto da due donne raffiguranti la
compassione e lorgoglio e sovrasta-
to da una schiera di nudi femminili
fluttuanti nel vuoto, leroe si mette in
cammino. La parete centrale, pi
corta e di fronte allingresso, raccon-
ta le forze ostili che cercano di
ostacolarlo: il gigante Tifeo, dal man-
to arruffato, le ali blu, gli occhi di
madreperla sbarrati. Intorno a lui, le
spaventose teste che rappresentano
la malattia, la pazzia, la morte; due
donne lascive che raffigurano lIn-
temperanza e la Volutt; unaltra,
lImpudicizia, oscena e ghignante , i
seni e il ventre sfasciati, la chioma in-
coronata da falli maschili e sessi fem-
minili. Nella parete di destra, dove
un tratto aperto permette di intrav-
vedere il monumento a Beethoven
sistemato nella sala centrale, lo stuo-
lo fluttuante conduce il cavaliere ver-
so la felicit. Una fanciulla esile e do-
rata suona lira. Sette ragazze vestite
di rosa cantano lInno alla gioia di
Schiller sulle note della Nona be-
UNA MOSTRA
A MILANO
di EDGARDA FERRI
Lappuntamento A Palazzo Reale i quadri della citt pi erotica del mondo
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Eventi 41

Scarica
lapp
Eventi
Informazione, approfondimenti,
gallery fotografiche e la mappa degli
appuntamenti pi importanti in Italia.
disponibile sullApp Store
di Apple la nuova applicazione
culturale del Corriere della
Sera Eventi.
gratis per 7 giorni.
La guida Fino al 13 luglio, a Palazzo Reale, Klimt. Alle
origini di un mito, realizzata in collaborazione con il
Museo Belvedere di Vienna, promossa dal Comune di
Milano-Cultura, organizzata e prodotta da Palazzo
Reale, 24 ORE Cultura Gruppo 24 ORE e Arthemisia
Group. curata da Alfred Weidinger e Eva di Stefano.
Catalogo: 24 ORE Cultura. Informazioni: klimtmilano.it
La svolta stilistica I secessionisti valorizzarono il disegno e il lettering. Ma dissero no alla pubblicit
Larte della linea che domina su tutto
Cos la grafica elimin ogni ombra
La reazione alle sfocature impressioniste: Siamo stanchi delleterna nebbia
L
attenzione che oggi rivolgiamo
alla grafica sembra, spesso, ad-
dirittura preminente su quella
dedicata ai contenuti, tanto che
al progetto grafico di un libro, di un
giornale, di una scatola di pasta o della
presentazione di una qualsiasi merce si
applicano squadre di professionisti del-
limmagine, nelle cui mani affidata la
consacrazione finale, il successo o il fal-
limento, del prodotto. Ma in realt, ci
che oggi ci appare un aspetto scontato
della comunicazione, ha alle spalle una
storia breve, di un solo centinaio di anni:
ce ne possiamo rendere conto guardan-
do le scritte ottocentesche ancora rima-
ste negli edifici pubblici (scuole, teatri,
insegne dei negozi commerciali), per lo
pi in provincia. Scritte sgangherate,
senza alcuna attenzione estetica, ma al
solo servizio pratico dellinformazione.
Per trovare i pionieri della grafica
pubblicitaria bisogna andare in Francia
dove Jules Chret, direttore dellImpre-
merie Chaix perfezion per primo la tec-
nica della litografia a colori, adattandola
alle esigenze del cartellone. E forse pro-
prio perch i giovani della Secessione
viennese si sentivano arretrati rispetto a
Francia e Germania, impigliati comera-
no nei lacci della pittura accademica
borghese, svilupparono un culto del tut-
to originale per la grafica, in gara con gli
stessi francesi.
Nel 1902, alla vigilia della fondazione
della Wiener Werksttte, Franz Servaes
pubblic lo scritto Linienkunst (arte del-
la linea) dove si diceva, con allusione alle
sfocature impressioniste: E ora final-
mente abbiamo unarte lineare ed essa
come un comandamento del nostro
tempo. Siamo pure stanchi delleterna
nebbia. Con lobiettivo dichiarato di
proporre unarte per tutti che coinvol-
gesse decorazione, architettura, pittura,
scultura, senza confini secondo il con-
cetto ancora oggi espresso in lingua te-
desca di Gesamtkunstwerk, i ribelli della
Secessione capirono immediatamente la
forza che poteva avere la grafica per la
diffusione di idee e messaggi. Nacque
cos quella splendida serie di cataloghi,
manifesti e riviste illustrate, che accom-
pagnarono le mostre della Secessione.
Nelle annate della rivista Ver Sacrum, or-
gano ufficiale della Secessione dal 1898
fino al 1903, la grafica parte stessa, ad-
dirittura preponderante, rispetto agli
scritti teorici.
Il giornalista Ludwig Havesi scriveva
che da quelle pubblicazioni si poteva im-
parare come si presenti una pagina di
testo artisticamente illustrata, come es-
sa, a partire dalle immagini e dalla scrit-
tura, divenga un organismo vivo, sebbe-
ne rigorosamente bidimensionale.
A tali lavori va il merito di aver ripor-
tato in primo piano e rifondato larte ti-
pografica, non solo austriaca. Innanzi
tutto con un uso del lettering integrato
nella composizione stessa dellimmagi-
ne: colonne di testo usate, per esempio,
come una base, uno zoccolo istoriato do-
ve le lettere sembrano un fregio, in per-
fetto equilibrio visivo con limmagine e
la pagina bianca. E poi, grazie anche al-
lammirazione per le stampe giapponesi,
inaugurando un percorso verso lastra-
zione e la riduzione: lessenzialit rigo-
rosa delle linee geometriche, la bidi-
mensionalit, luso dei colori a campitu-
re piatte, lassenza delle ombre e della
prospettiva.
Alfred Roller, fra i migliori artefici di
copertine di Ver Sacrum, elogi il nume-
ro realizzato da Klimt nel 1898, dicendo
che si trattava di: qualcosa di completa-
mente diverso da un articolo illustrato;
tutto in s compiuto,
nel senso dellartista
in questione, esso
stesso unopera dar-
te. E quanto tale os-
servazione fosse vera,
basti pensare che fra
gli altri grafici di Ver
Sacrum cerano Josef
Hoffmann, Josef Maria
Olbrich e Koloman
Moser. Ma questa ec-
cellenza fu insieme il
suo punto di debolez-
za. La contrariet teo-
rica di molti aderenti
alla Secessione al-
laspetto commerciale
dellattivit artistica,
fece s che l abilit
grafica non venisse
impiegata anche per i
manifesti commercia-
li, al di fuori delle mo-
stre del gruppo, a dif-
ferenza di quanto ave-
va fatto per esempio
Toulouse Lautrec in
Francia.
Il campo, cos, ri-
maneva libero per ar-
tisti pi intraprendenti, inglesi, francesi,
belgi e anche italiani. E fra i nostri, sar
in special modo Depero a farsi onore,
studiando limmagine coordinata per la
Campari, dal marchio alle affissioni pub-
blicitarie fino al disegno della bottigliet-
ta trapezoidale usata ancora oggi. Del re-
sto lidea della Gesamtkunstwerk, lope-
ra darte totale, veniva da noi ed era gi
stata praticata da artisti come Bernini o
Leonardo.
RIPRODUZIONE RISERVATA
La rivista
Ver Sacrum
una palestra
estetica
di opera totale
R
ivista ufficiale della
Secessione di Vienna, Ver
Sacrum (Primavera Sacra in
latino) venne pubblicata
mensilmente (e con grande
successo) fra il 1898 ed il
1903, per un totale di 120
numeri. Sulle sue pagine
comparvero testi
dellavanguardia letteraria
europea (tra i tantissimi Rilke,
von Hofmannsthal,
Maeterlinck, Hamsun) e
resoconti delle mostre della
Secessione, movimento che
perseguiva la presa di
distanza dalla precedente
generazione di artisti, dal
classicismo e dai richiami
storicistici, e che si
riconosceva nella scritta di un
padiglione espositivo di
Karlsplatz che recitava Ad
ogni tempo la sua arte, ad
ogni arte la sua libert. Il suo
contributo pi interessante va
per cercato nellaspetto
estetico che lha trasformata
in una vera opera di culto: un
corredo illustrativo e
ornamentale fuori
dallordinario,
unimpostazione grafica di
altissima qualit (a opera, tra
gli altri, di Kolo Moser e Josef
Hoffmann) e un inedito
formato quadrato, simbolo
che ricorrer in molte opere
dei maggiori esponenti del
gruppo, dai quadri alle
decorazioni, dalle strutture
architettoniche ai mobili.
Rispetto ad altre riviste
europee nate per
propagandare nuove idee e
principi estetici (Pan di
Berlino, Jugend di Monaco e
The Studio in Inghilterra), Ver
Sacrum si propose per come
il terreno stesso in cui
coltivare la sperimentazione
artistica, quellintegrazione
fra armonia di testi,
illustrazioni e decorazioni che
sottendeva lidea principe
dellOpera dArte Totale.
La preparazione
Ventuno artisti impegnati a
decorare la palazzina della
Secessione: passarono linverno
a provare tecniche artigianali
Onirico
Parte del Fregio di
Beethoven, nella
riproduzione a Palazzo
Reale. Oltre agli
incubi, Klimt
raffigur anche nudi
di donna. I suoi corpi
senza veli furono bene
accetti dalla Vienna
dellepoca finch
mantennero un
formalismo estetico,
ma quando prese a
rappresentarne i difetti,
non gli perdonarono
il realismo: Klimt
venne tacciato di
pornografia nel 1905
(Foto: Alberico
per Fotogramma)
di FRANCESCA BONAZZOLI
La bellezza dei poster
Uno dei manifesti ideati in
occasione delle mostre legate
alla Secessione. Qui il Manifesto
per la XXVI esposizione
di Ferdinand Andri (1906). La
grafica diventava una vera forma
darte, influenzata anche dallo
studio delle stampe giapponesi,
fonte dispirazione pure per Klimt
Due epoche
Da sinistra, Ritratto
femminile (1894 circa,
Belvedere, Vienna)
e Salom (1909,
Venezia, Ca Pesaro
2014 Foto Scala, Firenze)
ethoveniana. Spogliato della sua co-
razza, il cavaliere abbraccia appas-
sionatamente una donna. Il deside-
rio delluomo alla felicit, sostiene
Klimt, si appaga attraverso larte, la
musica, la poesia.
Prima dellinaugurazione, i seces-
sionisti hanno offerto a Klinger un
concerto dellultimo movimento del-
lEroica e il coro della Nona. Na-
scosti dietro un sipario rosso im-
provvisato nella sala centrale, lor-
chestra era diretta da Mahler. Abi-
tuati ai nudi virginali dell Arte
Ufficiale, gli Accademici vicini al Go-
verno hanno definito ripugnanti i
mostri, le erinni, le donne deformi
delle le figure delle forze ostili, e
addirittura osceno il Cavaliere/
Mahler: avvolto in una nuvola
doro, fa pensare a uno sciame di
ovuli e spermatozoi. Il Fregio
stato comperato dal collezionista
Carl Reininghaus, che aveva fatto ta-
gliare la struttura di legno e di canne
in sette segmenti. Rivenduto allin-
dustriale ebreo August Lederer, nel
1938 stato sequestrato dai nazisti.
Restituito agli eredi dopo la fine della
seconda guerra mondiale, nel 1973
stato acquistato dalla Repubblica
dAustria. Dal 1986 possibile veder-
lo nel piano interrato della palazzina
della Secessione in un ambiente
identico a quello originale.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Edgarda Ferri lautrice
di Klimt, le donne, larte,
gli amori, Tre Lune edizioni
Via libera
La contrariet al lato commerciale
apr la strada agli artisti di altri
Paesi. Come Depero, che realizz
limmagine della Campari
42
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Idee&opinioni
Corriere della Sera SMS
Le news pi importanti in anteprima sul tuo cellulare. Invia un sms con la parola CORRIERE al 4898984
Servizio in abbonamento (4 euro a settimana). Per disattivarlo invia RCSMOBILE OFF al 4898984
Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile
LEGGE ELETTORALE
LItalicum legato ai destini del Senato
I dubbi su una mezza riforma
di MICHELE AINIS
M
ezza riforma non ancora una
riforma. Specie se laltra met
dipende dal Senato, la fossa dei
leoni. Anche la Camera, per, si
rivelata un nido di serpenti.
Ne sanno qualcosa le nostre camerate, scon-
fitte dai camerati maschi con un voto segreto.
Volevano la parit, addirittura il 50% dei seggi;
hanno ottenuto lo zero tagliato. Da qui la pri-
ma lezione che ci impartisce la vicenda: non
chiedere il paradiso in terra, altrimenti bru-
cerai allinferno. Contentati di soggiornare in
purgatorio. Vale in politica come nella vita.
Ma vale altres per la legittimit
costituzionale delle quote, che rifiuta
meccanismi troppo rigidi. Si possono
favorire, non imporre. O semmai imporre
fino a un terzo, come stabiliva la legge
elettorale del 1993. Poi la Consulta ne fece
carta straccia, ma allora non cera il nuovo
art. 51 della Costituzione, che per lappunto
tende a promuovere le pari opportunit. E
promuovere significa spingere, aiutare.
Perci incostituzionale il paradiso della
parit assoluta, ma lo pure linferno della
prepotenza maschilista. Adesso speriamo
che il Senato ci conduca in purgatorio.
E la Costituzione? Incarna la damigella
donore nel gran gal delle riforme, per
nessuno se la fila. Male, giacch il tribunale
costituzionale ha appena fatto salsicce del
Porcellum, e ripetere il men ci
procurerebbe un indigesto. Per scongiurarlo,
serve un compromesso fra agibilit (politica)
e legittimit (giuridica). Daltronde anche
questultima corre fra due istanze
contrapposte: rappresentanza e
governabilit. Puoi farne dimagrire una per
ingrassare laltra, ma non puoi permettere a
nessuna di diventare il Dracula dellaltra.
Ecco, questo il vizio dellItalicum: alleva
due Dracula che si vampirizzano a vicenda.
Perch il maggioritario vale soltanto per la
Camera, mentre il Senato rimane ostaggio
dun proporzionale puro. Siccome tuttavia,
qui e oggi, c ancora un bicameralismo
perfetto, questa trovata ci lascia a mani
vuote. Il sistema elettorale del Senato non
garantisce la maggiore rappresentativit del
Parlamento, quello della Camera non
garantisce un governo chiavi in mano.
Dunque il risultato irragionevole, di pi:
sconclusionato. Ma la ragion politica
(impedire elezioni a stretto giro) ha avuto il
sopravvento sulla ragion giuridica. Succede
quasi sempre.
Eppure la legittimit potrebbe ottenere una
rivalsa, se domani il Senato elettivo sparir
dallorizzonte. I giuristi conoscono da tempo
la categoria dellincostituzionalit
sopravvenuta; in questo caso dovranno
forgiare la costituzionalit sopravvenuta
della legge. Dipende, ancora una volta, dal
Senato, dalla sua voglia di fare hara-kiri. Ma
prima di compiere questo supremo gesto
deroismo, gli saremmo grati dalcuni
aggiustamenti. Per esempio sulle
pluricandidature (8) e sui collegi (120, quindi
6 nomi sulle liste bloccate): troppo. O sullo
chemin de fer che regola le soglie di
sbarramento, per le liste e per le coalizioni
(4,5-8-12). Domanda: che diavolo succede se
la coalizione raggiunge il numeretto, e per
non lo raggiunge nessuna lista coalizzata?
Urge chiarimento, anzi emendamento.
Ma un emendamento tira laltro, come
daltronde una legge tira laltra. la nostra
dannazione: lItalicum reclama la riforma del
Senato, che reclama la riforma del Titolo V.
Un gioco di scatole cinesi, con il rischio di
rompere le scatole.
michele.ainis@uniroma3.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
CRIMINALIT ORGANIZZATA
Impoverire la mafia colpendo la zona grigia
C
aro direttore, mai come in questi
primi giorni di marzo si parlato
degli obiettivi che una seria politica
deve proporre per combattere la
mafia, per aggredirne i patrimoni e
restituirli alla societ cui sono stati sottratti.
Intanto la pubblica opinione venuta a co-
noscenza di due Commissioni di studio: la
prima voluta, a sua tempo, dal Governo Letta;
la seconda dallex ministro Cancellieri. Lim-
portanza di questo lavoro su cui c stato
un puntiglioso e attento rendiconto di Gio-
vanni Bianconi (Corriere della sera del 4 mar-
zo) risulta evidente a fronte degli ultimi
dati circa la quantit e il valore dei patrimoni
mafiosi, provvisoriamente o definitivamente
in mano allo Stato.
Come questa ricchezza viene ammini-
strata, come viene con profitto conservata e
in che tempi, come viene e quando impiega-
ta ai fini sociali secondo la normativa in vigo-
re? Ecco il problema, ormai ineludibile, su
cui hanno lavorato le due Commissioni.
Sugli stessi temi, il 1 marzo, ha richiamato
lattenzione dellintero Paese lassociazione
fondata da Don Ciotti, Libera, con una
Conferenza nazionale dal titolo eloquente
Le mafie restituiscono il maltolto. Il gior-
no dopo, sulle colonne di la Repubblica, Ro-
berto Saviano ha lanciato unappello al Go-
verno perch dia centralit al contrasto al-
leconomia criminale; i capitali mafiosi, cos
sciaguratamente cospicui, sono il vero teso-
ro che dobbiamo riprenderci. Il Presidente
del Consiglio gli ha risposto con una lettera
pubblica in cui espone un vero e proprio pia-
no di aggressione alla Mafia s.p.a. cos
egli dice presente in ogni comparto eco-
nomico e finanziario del Paese, una econo-
mia che colpisce imprese e societ al collas-
so....
Non pochi sono i punti, in questa lettera,
su cui il Governo intende procedere, luno le-
gato strettamente allaltro.
Da una giustizia pi veloce, premessa, tra
laltro, per accorciare i tempi fra il sequestro
dei beni e la confisca, che causa di tanti e
complessi problemi per lAgenzia che li deve
amministrare; alla introduzione di nuovi si-
stemi di controllo per individuare la prove-
nienza di capitali illeciti; misura importante
per neutralizzare il pericolo che il bene confi-
scato nel caso residuale della messa in
vendita sul mercato possa ritornare in ma-
no alla mafia attraverso prestanomi di como-
do; dallintroduzione del reato di autorici-
claggio ai problemi connessi allo sciogli-
mento dei Consigli comunali a causa di infil-
trazioni mafiose, al tema della corruzione
cos invasiva e devastante, veicolo per ogni
misfatto.
Insomma, c stato negli ultimi giorni ve-
ramente un robusto coro di voci perch la lot-
ta alla mafia si ponga, nella cultura del Paese
e nella attivit del Governo, come questione
prioritaria. Il perimetro dazione delle orga-
nizzazioni criminali (mafia, camorra, sopra-
tutto ndrangheta), si , infatti, pericolosa-
mente allargato, comprendendo ormai ogni
regione dItalia. Lintensit delloffesa crimi-
nale aumentata; c una zona grigia, sempre
pi sofisticata dove le mafie cercano di pre-
sentarsi con il volto pulito, ma pur sempre
pericolosissima mafia, che altera, corrompe
e infetta il sistema economico. Si aggiunga
che la crisi economica veicolo di precariet
diffuse; in questo scenario le organizzazioni
criminali a cui non manca certo il denaro
trovano spazi per offrire protezione e ser-
vizi, acquisendo e consolidando posizioni di
potere e quindi ancora delittuoso guadagno.
, insomma, lantico paradigma della mafia
che ancora puntualmente si ripete. Tanto an-
tico che vien fatto di pensare come la Banca (
o quasi), scoperta in questi giorni in Lombar-
dia, abbia preso il posto del capo mafioso che
dava protezione al contadino, vittima di un
volgare sopruso, in campagna, lontano dalla
stazione dei carabinieri, ricevendo in com-
penso ossequio e servizio.
proprio la ricchezza imponente delle or-
ganizzazioni criminali, il fatturato di miliardi
che esse incassano ogni anno, il dato da cui
sembra oggi muovere lazione di contrasto
dello Stato. Faremo un lavoro serio e punti-
glioso, insieme alla Commissione parlamen-
tare antimafia per capire cosa sia avvenuto in
questi anni nel contesto della crisi economi-
ca che ha investito il Paese. Sono parole del
Presidente del Consiglio che abbiamo il do-
vere di prendere sul serio, come quelle del-
lonorevole Bindi, Presidente della commis-
sione anti -mafia e del ministro della Giusti-
zia Orlando, il quale sa bene che il falso in bi-
lancio funzionale ad ogni corruzione per
cui occorre tempestivamente ripristinare il
relativo reato.
Sono parole impegnative; le organizzazio-
ni criminali vanno oggi combattute e scoper-
te nella convinzione che la conseguente con-
fisca dei patrimoni delittuosi di per s una
ulteriore misura di lotta e contrasto. Questo il
punto; la mafia esercita il suo potere di inti-
midazione con attivit criminose; pi cresce
la sua ricchezza e pi cresce il suo potere; per
contro, se alla mafia si toglie la roba, essa
perde veramente ogni potere di seduzione e
comando; subisce un colpo mortale.
Questa intuizione richiama quella legge
che pi di trentanni fa, oltre a introdurre nel-
lordinamento come reato lassociazione ma-
fiosa, considerata come disvalore assoluto,
ha previsto il sequestro e la confisca dei beni
mafiosi. Una legge che, portando su di s il
peso di uno scontro sociale e di costume du-
rissimo, stata in seguito sempre sentita e
ancora viene sentita, come una sorta di forte
ancoraggio contro tutte le mafie. Non a caso
la legge che Libera, insieme al ricordo di
Pio La Torre, straordinario combattente con-
tro la mafia, ha voluto che fosse ricordata in
apertura della sua Conferenza sul maltolto
mafioso.
Ex ministro dellInterno
RIPRODUZIONE RISERVATA
D
O
R
I
A
N
O
S
O
L
I
N
A
S
di VIRGINIO ROGNONI
SEGUE DALLA PRIMA
Si tratta di una variabile visibilmente tra-
scurata dai ragazzi italiani e che, a leggere
gli ultimi dati diffusi dallOsservatorio Oc-
se-Pisa, potrebbe contribuire a fare la diffe-
renza nella scuola italiana almeno quanto i
tablet, le lavagne elettroniche, la lezione
non-frontale e tutte le innovazioni di cui si
sente comunque il bisogno:
si tratta dello studio.
Essere secchione non so-
lo faticoso ma, si sa, non
neppure cool, limpegno
stanca e studiare anche,
meglio affidarsi al talento,
come da modelli televisivi e
non solo. O a un colpo di
fortuna, aprendo il pacco
giusto che ti cambia la vita.
Lo pensa la stragrande
maggioranza degli studenti italiani. Alla
domanda studiando molto potete avere ri-
sultati migliori in matematica?, solo uno
studente su dieci risponde che studiare,
impegnarsi, possa portare a migliori risul-
tati. Il resto appunto talento, fortuna, ca-
so. O spintarella.
Inutile a questo punto aggiungere che
nei sistemi scolastici migliori del mondo i
ragazzi considerano lo studio e natural-
mente il riconoscimento dello sforzo come
una parte importante del loro impegno.
Finlandia, Polonia, Canada per non dire i
Paesi dellestremo Oriente, ma anche gli in-
glesi e gli americani pensano che per riu-
scire bisogna impegnarsi ed essere un po
secchioni.Solo argentini, colombiani, co-
staricani e albanesi sono pi pigri di noi.
Eppure i nerd alla fine e silenziosamente
riescono anche in Italia.
Anche se meno di quel che
potrebbero, come dice il
governatore della Banca
dItalia, Ignazio Visco, che
considera il sistema delle
nostre imprese penalizzan-
te nei confronti dei laureati.
Nellultima rilevazione
Almalaurea sulloccupazio-
ne dei neo-laureati si legge
che a cinque anni dalla fine
degli studi il 90 per cento dei dottori ha un
lavoro. Un percorso troppo lento e magari
incerto, figlio non solo della crisi. Ma netta-
mente pi felice di quanti, considerandosi
senza talento e dunque predestinati a una
vita da mediani o a un colpo di fortuna (o
ad una spinta), hanno deciso di lasciar sta-
re magari dopo il diploma.
Gianna Fregonara
RIPRODUZIONE RISERVATA
QUELLO CHE GLI UOMINI NON DICONO
SU QUOTE ROSA, PARIT E MERITOCRAZIA
SEGUE DALLA PRIMA
Ma gli uomini: perch hanno parlato co-
s poco, lasciando i microfoni solo ai rumo-
rosi contrari? Dobbiamo forse immaginarli
quasi tutti schierati con Brunetta? Proba-
bilmente c unaltra spiegazione. Quando
si prova a chiedere (anche ai non politici)
come mai tanto silenzio in quota azzurra,
facile raccogliere una risposta che suoni
pi o meno cos: non mi sono mai posto ve-
ramente la questione, nel mio mondo co-
munque mi pare risolta. Come dire: non mi
riguarda.
Qui sta il punto: in Italia lequit diven-
tata la battaglia di un genere per un genere.
Non un traguardo politico, economico, so-
ciale che renderebbe migliore il nostro
universo condiviso. Tutto finito rinchiuso
nei confini irrinunciabili, certo, ma in-
sufficienti di una conversazione tra don-
ne sulle donne. E allora proviamo a riparti-
re da questo silenzio. Alle donne il compito
di non essere esclusive. Agli uomini, so-
prattutto, quello di provare a saltare i soliti
steccati. Che sono facilissimi da smontare
con un po di pragmatismo e di coraggio.
(Ieri alla tenuta dellaccordo sulle legge
elettorale stato sacrificato anche lemen-
damento Gitti, che prevedeva la doppia
preferenza di genere, grazie allo schiera-
mento in forze del governo in Aula)
Siamo un Paese che sembra fermo da
decenni, rigido e prevedibile, dove una
donna su due non ha un lavoro pagato, do-
ve le famiglie fanno un figlio e poi subito
pensano di dover chiudere i conti. Possibi-
le che non diventi una priorit di tutti cer-
care strategie anche temporanee ca-
paci di ridestare autostima, fiducia, rispet-
to gli uni nelle altre? Pi trasparenza nella
selezione delle persone, pi libera compe-
tizione tra le idee: questo sarebbe leffetto
di una scossa tutta italiana. Ci stiamo pre-
parando da cos tanto tempo che i risultati
sarebbero, io credo, significativi e per una
volta non lenti .
Ps. Una preghiera agli uomini. In tutto
questo dibattito, sospendete lobiezione
del merito. Volete dire che in Italia il merito
ha trionfato finch non arrivato questo
fastidio delle quote? E che considerando
quanto sia dominante la rappresentanza
maschile in alcuni settori e livelli ci sono
cos tante donne immeritevoli tra le vostre
compagne, madri, colleghe, amiche, figlie?
Barbara Stefanelli
RIPRODUZIONE RISERVATA
ESSERE SECCHIONI PREMIA PI DEL TALENTO
I NOSTRI STUDENTI NON SANNO AMMETTERLO
GLI STATI UNITI DEUROPA SONO UNUTOPIA
SOPRATTUTTO NEL CAMPO DELLA RICERCA

La sorpresa c ma era anticipata.


Nel nuovo Innovation Union Sco-
reboard dellUnione Europea la Svizzera
balzata al primo posto nellinnovazione. La
segue la Danimarca mentre la Germania
stata retrocessa in terza posizione pur ri-
manendo tra i leader nelle performance
tecnologiche e ben al di sopra della media
europea. La classifica viene compilata te-
nendo conto di vari fattori: dagli investi-
menti in ricerca pubblica e privata alla pro-
duzione universitaria, dai brevetti agli im-
patti economici.
Che la Svizzera guidi ora linnovazione
del Vecchio Continente non sorprenden-
te; bastava seguire gli andamenti degli ulti-
mi anni sia negli investimenti che nei risul-
tati per capire che, comunque un Paese al
top. LItalia si trova al sedicesimo posto,
quattro posizioni al di sotto della media
europea. Ma ricercatori e accademici della
Confederazione sono ora preoccupati di
perdere il ruolo conquistato perch la
Commissione di Bruxelles ha annunciato
di voler congelare le trattative per poter
partecipare al multimiliardario piano di ri-
cerca Horizon 2020, come risposta al refe-
rendum sullimmigrazione che reintrodu-
ce le quote per le provenienze dalle varie
nazioni.
Dallindagine emerge che lUnione ha ri-
dotto la distanza di circa la met rispetto
agli Stati Uniti e al Giappone. Essere alle lo-
ro spalle non dipende comunque solo dai
valori assoluti degli euro dedicati. La diffe-
renza c ma non cos abissale (oltre i 300
miliardi di dollari gli Usa e quasi 300 nella
Ue).
Il problema nellUnione soprattutto le-
gato alla separazione degli impegni fra i di-
versi Stati e alla scarsa integrazione fra gli
sforzi nazionali, salvo qualche eccezione.
Quindi le somme spese producono meno
risultati rispetto ai concorrenti. A Bruxelles
ne sono consapevoli e il varo dei pro-
grammi quadro destinati alla ricerca ten-
tavano pure di rendere pi omogenea lat-
tivit, evitando sovrapposizioni e sprechi.
Ora il nuovo piano Horizon 2020 mette a
disposizione 80 miliardi di euro e c da
sperare che la sua gestione aiuti ad unire di
pi anche lEuropa della scienza a cui i pi
saggi guardano per il riscatto del Conti-
nente sia culturale sia economico.
Giovanni Caprara
RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
43

Lettere al Corriere
Le lettere, firmate con nome, cognome e citt, vanno inviate a:
Lettere al Corriere Corriere della Sera
via Solferino, 28 20121 Milano - Fax al numero: 02-62.82.75.79
@
E-mail: lettere@corriere.it
oppure: www.corriere.it
oppure: sromano@rcs.it
Risponde
Sergio Romano
NOSTALGIE BIPOLARI DI PUTIN
RUOLO DELLEUROPA NELLA CRISI
Della politica di Putin si coglie
laspetto pi evidente: il suo
sforzo costante di ristabilire un
rapporto egemonico nei
confronti dei territori un tempo
sovietici, proiettandolo verso
lAsia Centrale. altrettanto
importante la sua nostalgia di
un bipolarismo, garantito dalla
Guerra fredda, che per mezzo
secolo ha assicurato allUnione
Sovietica lo status di seconda
potenza mondiale. Questa
aspirazione antistorica ormai
altre grandi potenze, in primo
luogo la Cina, sono
irreversibilmente proiettate
verso un mondo multipolare
spinge Putin a riesumare una
strategia della tensione anche di
ordine militare che sollecita
lunit occidentale tipica della
Guerra fredda e potrebbe trovare
alleati speculari tra coloro che,
come lex vicepresidente Cheney,
negli Stati Uniti contrastano la
politica di Obama quando
persegue una drastica riduzione
delle spese militari, sulla base
degli obiettivi mancati in Iraq e
Afghanistan. Per questo
importante disinnescare la
spirale in atto ed evitare che gli
europei si accodino a
Washington, assecondando
invece gli sforzi diplomatici
della cancelliera Merkel cui il
governo italiano farebbe bene a
offrire un appoggio anche
tattico che le viene negato dai
velleitarismi di Londra e di
Parigi, a suo tempo esibiti
rispetto alle crisi in Libia e in
Siria. Qualche volta la via
duscita da una crisi si
concretizza in un equilibrio per
contrappunto. Ha senso
contrastare lindipendenza o,
pi probabilmente, lannessione
della Crimea alla Russia sulla
base di aspirazioni
maggioritarie del suo popolo e
della storica aspirazione russa
di garantirsi laccesso ai mari
caldi? Ma, se cos non fosse, non
incombe sullUnione Europea il
dovere di aprire allUcraina la
strada di una piena adesione,
nel rispetto dei principi
democratici di Copenaghen e dei
diritti di autonomia delle
minoranze etniche e culturali,
quali le popolazioni russe
nellEst del Paese? E che, sia
detto per inciso, andrebbero
applicati anche negli Stati
membri (ad esempio, in
Ungheria e nei Paesi del
Baltico).
Gian Giacomo Migone
Presidente Commissione
Affari Esteri del Senato
dal 1994 al 2001
Caro Migone,

probabile che Putin pensi


con nostalgia allepoca in
cui lo status internazionale
dellUnione Sovietica non era in-
feriore a quello degli Stati Uniti.
Ma non pu ignorare che lauto-
rit politica del suo Paese dipen-
deva allora anche dal messaggio
ideologico di cui era portatore.
Quel messaggio ha perduto il
suo valore e la globalizzazione
ha avuto effetti, soprattutto in
Asia, di cui Mosca deve tenere
conto. Preferisco pensare che
certe caratteristiche della politi-
ca estera di Putin dipendano so-
prattutto dalluso che gli Stati
Uniti hanno fatto dellAlleanza
Atlantica dopo la fine della
Guerra fredda.
A Pratica di Mare, nel vertice
Nato-Russia del luglio 2002,
sembr possibile sperare che il
Patto concluso nel 1949 contro
lUrss divenisse una organizza-
zione per la sicurezza collettiva
dellintero continente dallAt-
lantico agli Urali. Quella pro-
spettiva divenuta improbabile
nel momento in cui la Nato si
allargata sino ad oltrepassare i
vecchi confini dellUnione So-
vietica e ha annunciato larrivo
di nuovi membri, dalla Georgia
allUcraina. E si ulteriormente
allontanata quando gli Stati Uni-
ti hanno progettato un sistema
antimissilistico attraverso lEu-
ropa centrale che obiettiva-
mente diretto, anche se gli ame-
ricani lo negano, contro la Rus-
sia. Credo che Obama ne fosse
consapevole, ma non ha avuto il
coraggio dimporre una diversa
linea alla componente pi ag-
gressiva del suo Paese.
Per tornare a parlare dei rap-
porti fra lUcraina e lUnione Eu-
ropea, caro Migone, occorre an-
zitutto sapere che cosa gli ucrai-
ni vogliano fare di se stessi nei
prossimi mesi. Ma sar comun-
que bene ricordare che ogni of-
ferta dellUe a Kiev sar tanto pi
tranquillizzante per la Russia
quanto pi avremo dimostrato
che la nostra politica non quel-
la degli Stati Uniti.
RIPRODUZIONE RISERVATA
LEGGE ELETTORALE
Camera dei deputati
Caro Romano, stupisce che i
cantori della Costituzione
pi bella del mondo fingano
di non avvedersi che il
presidente della Repubblica
non potr mai (dovrebbe non
potere mai!) promulgare la
legge elettorale per la sola
Camera dei deputati.
A prescindere dalla
costituzionalit, quanto
meno dubbia, del suo
contenuto, il presidente,
promulgando tale legge,
sospenderebbe di fatto la
sovranit popolare perch il
Parlamento, in caso di
necessit, sarebbe eletto per
met da una legge non votata
dalle Camere. vero che la
salvezza della Repubblica la
legge suprema, ma almeno
lo dicano agli italiani, con
una solenne dichiarazione,
risparmiando loro uno stato
deccezione allitaliana.
Pietro Di Muccio
de Quattro
dimucciodequattro@
alice.it
La situazione sempre pi
imbrogliata, ma il Senato
continua ad avere la legge
elettorale con cui abbiamo
votato nello scorso febbraio.
Nulla vieta , quindi, in teoria,
che il Paese possa tornare alle
urne. Il guaio un altro:
avremmo due maggioranze e
saremmo quindi, esattamen-
te come ora, difficilmente go-
vernabili.
PENSIONI
Cambiamenti dannosi
Una coppia di coniugi
conviventi, che a suo tempo
abbiano avuto lavvedutezza
o la furbizia, di tenere le
dichiarazione dei redditi
separate, pagano meno tasse
di chi fa ununica
dichiarazione, perch
limponibile risulta inferiore.
Lo stesso accade con due
coniugi pensionati,
conviventi, a dichiarazioni
disgiunte, e una pensionata
alla cui pensione si aggiunge
quella del marito. Nessuno
dice niente.In compenso
leggo che ora ci si vuole
accanire anche sulle
riversibilit. In questo caso
parlerei di un vero e proprio
furto. I nostri mariti non
prevedevano certo che lo
Stato depredasse le loro
vedove che hanno il torto di
sopravvivere.
Nuccia Monticelli
monticellin@
alice.it
CALCIO
Sanzioni per gli insulti
Nel mondo del calcio si
continua a parlare di cretini,
che, dalle curve degli stadi
espongono striscioni razzisti
o chiaramente offensivi.
Sembra che le punizioni
normali (chiusura degli
spalti ai tifosi) non siano
sufficienti. Il rimedio ci
sarebbe, ma non si vuole
adottare: comunicare che,
alla prossima, la squadra
verr penalizzata di x punti
in classifica, come accadde al
Milan anni fa. Ecco, nel caso
in questione, si potrebbe, ma
non si fa: forse perch trattasi
della Juve?
Leopoldo Chiappini
Teramo
LAVORO
Nuove assunzioni
Sono daccordo con il
presidente di Confindustria
Giorgio Squinzi che meglio
un posto di lavoro che 80-100
euro in pi in busta paga per
chi gi percepisce uno
stipendio. Credo, per, che il
contributo non dovrebbe
essere riversato sulla
riduzione dellIrap
(incasserebbero i benefici
senza obbligo di nuovi posti
di lavoro), ma sugli oneri
contributivi dovuti dai datori
di lavoro, per un determinato
periodo, dei nuovi assunti
che incrementino il
personale, a completo o
parziale carico dello Stato.
Giorgio de Fabritiis
giorgio.defabritiis@
gmail.com
La tua opinione su
sonar.corriere.it
La presidente della
Camera Boldrini: accenti
sessisti nella satira
sulla ministra Boschi.
Giusto?
SUL WEB Risposte alle 19 di ieri La domanda
di oggi
Squinzi (Confindustria):
meglio un lavoro
in pi che pochi euro
nelle buste paga.
Condividete?
Interventi & Repliche
Vincino
Il Parlamento in Finlandia
Nel dibattito italiano sulla parit di genere e
quote rosa, si fa riferimento alla Finlandia
(io sono finlandese), dove le donne al
Parlamento sono quasi al 45 %(e dove una
donna gi stata eletta presidente della
Repubblica). Per, la legge elettorale
finlandese non impone quote o parit di
genere. Il voto nominale, le liste dei partiti
portano i candidati in ordine alfabetico, e gli
elettori votano direttamente il candidato (o
la candidata) da loro considerato pi
adatto, pi gradito, pi meritevole per
svolgere bene il compito di parlamentare .
So che le preferenze, cio voti nominali, non
sono molto graditi alla maggioranza delle
segreterie dei partiti italiani, ma sarebbero
un bel salto verso una democrazia vera.
Non sarebbe meglio che le donne venissero
elette per i loro meriti e competenze
anzich con quote rose? Naturalmente, il
merito e la competenza dovrebbe valere
anche per gli uomini!
Lauri Ahtinen
lasse.ahtinen@bluewin.ch
Limiti ai meriti
Gli emendamenti allItalicum sulla
proposta di inserire le cosiddette quote
rosa, non sono passati ma, ove fossero
stati approvati, avrebbero sollevato lo
stesso problema nei concorsi pubblici
(per esempio: avvocati, notai, medici
partecipanti o promossi in pari numero
riguardo al sesso dei concorrenti). Una
chiara limitazione alle libert e ai meriti.
Vittorio Zanuso, vzanuso@libero.it
Norme attuative
Appare come unottima intenzione
quella del ministro Lupi di distaccare a
Milano un ufficio del suo ministero
(Infrastrutture) con il compito di
sorvegliare sulla puntuale esecuzione
dei lavori riguardanti lExpo 2015.
Analoga iniziativa si potrebbe
suggerire al presidente del Consiglio
affinch, attraverso una nuova figura,
che potrebbe chiamarsi commissario
allattuazione delle leggi, venisse
controllata severamente
lemanazione entro un ragionevole
periodo di tempo, per esempio 60
giorni delle norme attuative di tutte
le leggi approvate dal Parlamento. Il
superamento del periodo di tempo
stabilito, incidendo negativamente
sullordinato svolgimento della vita di
tutto il Paese, dovrebbe comportare, a
mio giudizio, sanzioni severissime a
carico dei responsabili, fino alla
rimozione.
Lorenzo Milanesi, Milano
Inps e importi non dovuti
A Bari c un signore che risulta
allanagrafe morto da sei anni, mentre
lui pretende di essere ancora vivo.
Come pu pensare di fare valere le
proprie ragioni, quando anche lInps
gli blocca la pensione e gli chiede di
rimborsare i sei anni indebitamente
percepiti? Un consiglio: faccia il morto
e non crei ulteriori problemi!
Enrico Piovano, Segrate
S 7 No 93
*ConSette 2,90; conIoDonna 2,90; conStyle Magazine 3,40; conLiving 4,90; conClaudioAbbadoe i Berliner Philharmoniker 11,30; conIl tribunale del bene 11,30; conSupereroi. Il Mito 11,39; conLucioDalla. Quattrotempi 11,39; conGiorgioScerbanencoe il gialloitaliano 8,30; conLe grandi storie Disney 9,39; conBarenboim, il mioBeethoven 8,39; conGrandangolo
7,30; con Sampei 11,39; con Il Cosmo 12,30; con I dolci di Benedetta 9,39; con 12 anni schiavo 11,30; con La grande cucina italiana 11,30; con Manara, maestro dellEros 12,39; con Holly e Benji 11,39; con Il giovane Montalbano 11,39; con Luigi Pirandello. Romanzi, novelle e teatro 9,30; con English da Zero 12,39; con Biblioteca della Montagna 10,30
PREZZI DI VENDITA ALLESTERO: Albania 2,00; Argentina $ 10,50 (recargo envio al interior $ 1,00); Austria 2,00; Belgio 2,00; Canada CAD3,50; CHFr. 3,00;
CH Tic. Fr. 3,00; Cipro 2,00; Croazia Hrk 15; CZ Czk. 64; Egitto 2,00; Francia 2,00; Germania 2,00; Grecia 2,00; Irlanda 2,00; Lux 2,00; Malta 2,00;
Monaco P. 2,00; Olanda 2,00; Marocco 2,20; Portogallo/Isole 2,00; SK Slov. 2,20; Slovenia 2,00; Spagna/Isole 2,00; Hong Kong HK$ 45; Thailandia THB
190; Turchia TL 6,5; UK Lg. 1,80; Ungheria Huf. 600; U.S.A. USD 4,00. ABBONAMENTI: Per informazioni sugli abbonamenti nazionali e per lestero tel. 0039-02-
63.79.85.20 fax 02-62.82.81.41 (per gli Stati Uniti tel. 001-718-3610815 fax 001-718-3610815). ARRETRATI: Tel. 02-99.04.99.70. SERVIZIO CLIENTI: 02-63797510 (pro-
dotti collaterali e promozioni).
FONDATO NEL 1876
DIRETTORE RESPONSABILE
Ferruccio de Bortoli
CONDIRETTORE
Luciano Fontana
VICEDIRETTORI
Antonio Macaluso
Daniele Manca
Giangiacomo Schiavi
Barbara Stefanelli
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
PRESIDENTE Angelo Provasoli
VICE PRESIDENTE Roland Berger
AMMINISTRATORE DELEGATO Pietro Scott Jovane
CONSIGLIERI
Fulvio Conti, Luca Garavoglia,
Attilio Guarneri, Piergaetano Marchetti,
Laura Mengoni
DIRETTORE GENERALE DIVISIONE QUOTIDIANI
Alessandro Bompieri
2014 RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI
Sede legale: Via Angelo Rizzoli, 8 - Milano
Registrazione Tribunale di Milano n. 5825 del 3 febbraio 1962
Responsabile del trattamento dei dati (D. Lgs. 196/2003): Ferruccio de Bortoli
privacy.corsera@rcs.it - fax 02-6205.8011
COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere
riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione
sar perseguita a norma di legge.
DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA 20121 Milano - Via Solferino, 28 -
Tel. 02-62821
DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A.
Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano - Tel. 02-2582.1 - Fax 02-2582.5306
PUBBLICIT
RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Pubblicit
Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. 02-25846543 - www.rcspubblicita.it
EDIZIONI TELETRASMESSE: Tipografia Divisione Quotidiani RCS MediaGroup S.p.A.
20060 Pessano con Bornago - Via R. Luxemburg - Tel. 02-95.74.35.85 RCS Produzioni
S.p.A. 00169 Roma - Via Ciamarra 351/353 - Tel. 06-68.82.8917 Seregni Padova s.r.l.
35100 Padova - Corso Stati Uniti 23 - Tel. 049-87.00.073 Tipografia SEDIT Servizi Edito-
riali S.r.l. 70026 Modugno (Ba) - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - Tel. 080-58.57.439 Societ
Tipografica Siciliana S.p.A. 95030 Catania - Strada 5 n. 35 - Tel. 095-59.13.03 LUnione
Sarda S.p.A. Centro stampa 09034 Elmas (Ca) - Via Omodeo, 5 - Tel. 070-60.131 BEA
printing sprl 16 rue du Bosquet - 1400 Nivelles - Belgium Speedimpex USA, Inc. 38-38
9th Street Long Island City - NY 11101 - USA CTC Coslada Avenida de Alemania, 12 - 28820
Coslada (Madrid) - Spagna La Nacin Bouchard 557 - 1106 Buenos Aires - Argentina
Miller Distributor Limited Miller House, Airport Way, Tarxien Road Luqa LQA 1814 -
Malta Hellenic DistributionAgency (CY) Ltd 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300
Nicosia - Cyprus FPS Fernost Presse Service Co. Ltd 44/10 Soi Sukhumvit, 62 Sukhu-
mvit Road, Bang Chark, Phrakhanong - Bangkok 10260 - Thailandia Milkro Digital Hel-
las LTD- 51 Hephaestou Street - 19400 Koropi - Grecia
PREZZI: *Non acquistabili separati, il venerd Corriere della Sera + Sette 1,90 (Corriere
1,40 + Sette 0,50); il sabato Corriere della Sera + IoDonna 1,90 (Corriere 1,40 + IoDon-
na 0,50). A Como e prov., non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + Cor. Como
1,20 + 0,20; ven. Corsera + Sette + Cor. Como 1,20 + 0,50 + 0,20; sab. Corsera + IoDon-
na + Cor. Como 1,20 + 0,50 + 0,20. In Campania, Puglia, Matera e prov., non acqui-
stabili separati: lun. Corsera + CorrierEconomia del CorMez. 0,93 + 0,47; m/m/g/d
Corsera + CorMez. 0,93 + 0,47; ven. Corsera + Sette + CorMez. 0,93 + 0,50 + 0,47;
sab. Corsera + IoDonna + CorMez. 0,93 + 0,50 + 0,47. In Veneto, non acquistabili
separati: m/m/g/d Corsera + CorVen. 0,93 + 0,47; ven. Corsera + Sette + CorVen. 0,93
+ 0,50 + 0,47; sab. Corsera + IoDonna + CorVen. 0,93 + 0,50 + 0,47. In Trentino
Alto Adige, non acquistabili separati: m/m/g/d Corsera + CorTrent. o CorAltoAd. 0,93 +
0,47; ven. Corsera + Sette + CorTrent. o CorAltoAd. 0,93 + 0,50 + 0,47; sab. Corsera +
IoDonna + CorTrent. o CorAltoAd. 0,93 + 0,50 + 0,47. A Bologna e prov. non acqui-
stabili separati: m/m/g/d Corsera + CorBo 0,62 + 0,78; ven. Corsera + Sette + CorBo
0,62 + 0,50 + 0,78; sab. Corsera + Io Donna + CorBo 0,62 + 0,50 + 0,78. A Firenze e
prov. non acquistabili separati: l/m/m/g/d Corsera + CorFi 0,62 + 0,78; ven. Corsera +
Sette + CorFi 0,62 + 0,50 + 0,78; sab. Corsera + Io Donna + CorFi 0,62 + 0,50 +
0,78.
ISSN 1120-4982 - Certificato ADS n. 7682 del 18-12-2013
La tiratura di marted 11 marzo stata di 497.464 copie
Tuttifrutti
di Gian Antonio Stella
Quegli accenti
da non spostare
C
osa direbbero i napoletani se la tv tormentasse le loro
orecchie con Edardo De Flippo, San Gnnaro o
il Vsuvio? E i lombardi se le loro serate televisive
fossero invase da Brmbilla, Pergo e Cat-
tano? I siciliani da Giaclone, Giffrida o Cic-
notta? Ecco: il supplizio viene inflitto tutti i giorni ai veneti. I
quali, dopo aver speso anni a ficcare nella testa di troppi concit-
tadini che non si dice Bnetton (orrore!) ma Benettn (con la
stretta e laccento acuto) e non si dice Mariano Rmor
bens Mariano Rumr, sono sottoposti oggi a un nuovo bombar-
damento: Pier Carlo Pdoan. Voi direte che ci sono mille moti-
vi pi seri che dovrebbero occupare i pensieri dei veneti. Vero.
Anche la difesa della propria lingua, per, una cosa seria. Tan-
to pi se quel barbaro trasloco di accento suona allorecchio di
ogni veneto come un cacofonico concerto di Luigi Russolo, il fu-
turista che invent il crepitatore, il ronzatore e lo stropicciatore
per orchestrare idealmente insieme il fragore delle saracine-
sche dei negozi, le porte sbatacchianti. Aiuto!
In realt, spiega Francesco Sabatini, presidente onorario della
Crusca, non occorre essere veneti per avere la pelle doca al suo-
no di queste false parole piane. Nei dialetti veneti, in fine di pa-
rola, dopo le consonanti n,m,l,r, le vocali o, e, i di desinenza ca-
dono inesorabilmente e quindi Pado(v)ano diventa Padon; e
cos Trevisn, Benettn, Visen-
tn un fenomeno che lorec-
chio di un comune parlante ita-
liano dovrebbe cogliere e rico-
struire autonomamente, senza
nozioni di grammatica e storia
dei nostri dialetti. Ha spiegato
Pippo Civati in tiv che Pdoan
nato in Piemonte quindi si pro-
nuncia Pdoan? Buonanotte:
se fosse cos Bruno Trentin, che
nacque in Francia perch il pap
Silvio Trentin, di San Don di Pia-
ve, si era rifugiato laggi per sfuggire ai manganelli fascisti, do-
vrebbe forse pronunciarsi Trentn?
In realt questi cognomi che vengono dal nome di una citt
te li puoi portare a spasso dove vuoi ma quelli restano, spiega
Maria Teresa Vigolo, che dopo essere stata allieva di Giovan Bat-
tista Pellegrini insegna semantica e lessico alluniversit di Pa-
dova e lavora per il Cnr proprio su questi temi, Non so quando i
nonni, i trisnonni o gli avi di Padon siano andati a vivere in Pie-
monte ma potrebbero esserci andati anche otto secoli fa e il co-
gnome, con laccento sulla seconda a, non cambierebbe. Basti
leggere il Deonomasticon Italicum di Wolfgang Schweickard
dedicato ai Derivati dai nomi geografici. Dove ci sono sei-pagi-
ne-sei sui nomi derivati da Padova e piaccia o non piaccia per
Padon laccento sempre l, sulla seconda a. Esattamente do-
ve sta anche nel Dizionario del dialetto veneziano di Giuseppe
Boerio del 1867: Padon. Dopodich, facciano come gli pare.
Purch abbiano chiaro che storpiano il nome come se parlasse-
ro della Madnnina di Mlano o dello Strett di Mssi-
na. E se anche al ministro piace gigioneggiare sul suo cogno-
me, faccia pure. Vorr dire che rester Padon a sua insaputa.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il cognome
del ministro
viene da Padova
e si pronuncia
Padon
bb
44
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
45

Spettacoli
LOS ANGELES Sono
sempre stato legato allIta-
lia, dice John Turturro.
la terra dei miei genitori: mia
madre nata in Sicilia e mio
padre in Puglia. A Brooklyn e
nel Queens, dove sono cre-
sciuto, si ascoltava la lingua
di tanti emigranti nelle stra-
de. A Napoli, poi, sono vici-
no perch l ho girato il mio
documentario, Passione.
Quindi, visto che ho anche
un passaporto italiano, mi
rende felice lidea di recitare
in Mia madre di Nanni Mo-
retti e sapere che il mio quin-
to film da regista, Fading Gi-
gol, uscir nel vostro (e
mio) Paese.
Lattore sorride sentendo
il titolo italiano Gigol per
caso con il volto espressivo e
un po deragliato che tanti
autori americani hanno vo-
luto. Nato nel 1957, Turturro
ha interpretato pi di 65
film, un attore prediletto
da Spike Lee e dai fratelli Co-
en. Lo vedremo presto in
quattro nuove pellicole a co-
minciare da Exodus di Ridley
Scott in cui impersona il fa-
raone Sethos. A un titolo in
particolare tiene molto,
Gods Pocket, lanciato al
Sundance, in cui recita ac-
canto a Philip Seymour Hoff-
man.
Gigol per caso gli ha dato
molte soddisfazioni per le
buone critiche a Toronto.
Turturro anche il protago-
nista, Woody Allen interpre-
ta il suo protettore. Certo
racconta sono quanto mai
fiero di aver avuto Woody sul
set. Con lui ha messo a pun-
to la sceneggiatura: Non vo-
levo fosse solo una comme-
dia, ma anche un affresco di
tanti gruppi etnici, con reli-
gioni diverse. Soprattutto,
volevo che il film rendesse
una certa solitudine maschi-
le, fatta anche di timidezza.
Conosco Woody da tantissi-
mi anni, ho portato a Broad-
way come regista una sua
commedia.
Tra le donne spiccano
Sharon Stone e Sofia Vergara,
ma la protagonista femmini-
le Vanessa Paradis nel ruolo
di una vedova ebrea ortodos-
sa. Rovescia molte carte del
film usufruendo delle mie
prestazioni e scoordina i tas-
selli di quello che un rac-
conto corale spiega il regi-
sta . unattrice perfetta
per il ruolo di donna che ha
bisogno di dimenticare la so-
litudine e di superare lop-
pressione dellambiente in
cui cresciuta. Per lei stato
un debutto in inglese, per
noi averla sul set stato un
regalo. Ci ha aiutato a espri-
mere un certo romanticismo
che serpeggia in tutta la sto-
ria e poco ha a che fare con la
prostituzione maschile, mol-
to con il bisogno di comuni-
care, di essere sereni e forti
nellesprimere se stessi.
La ricerca del sesso nel
film un modo di liberarsi
da molte frustrazioni e ma-
linconie. In realt aiuta tutti
a scoprire lamore e il rispet-
to per se stessi e con e per gli
altri... Mi piaciuto davvero
racconta Turturro met-
tere a fuoco un universo di
personaggi. Affronto anche
il bisogno estremo, in una
metropoli come New York,
di avere contatti umani. Ho
costruito come un copione
teatrale, che spazia dagli atti-
ci di Park Avenue ai negoziet-
ti tradizionali di Brooklyn.
Gigol per caso stata per
Turturro unaltra scommessa
da regista dopo Mac, Illumi-
nata, Romance & Cigarettes
e Passione. Ha avuto accanto
a s tanti amici, come la
montatrice italiana Simona
Paggi. Voi avete un parco di
autentici artisti in ogni cam-
po del cinema e la Paggi mi
aveva gi aiutato in Passio-
ne. Credo che i travasi e
gli scambi tra il cine-
ma italiano e quello
americano non pos-
sano che dare otti-
mi risultati.
Come attore gli
piace interpretare i
ruoli pi svariati. E
in questo periodo
legato allItalia non
solo per Nanni Moretti.
A maggio comincer
nelle Marche le riprese di
Tempo instabile con proba-
bili schiarite di Marco Ponte-
corvo. Recitare stimola la
fantasia e la nutre, lo dico
sempre ai miei figli, che han-
no nomi italiani, Amedeo e
Diego. Poi sempre una gio-
ia per me ritrovare amici su
un set. Mi accaduto con De
Niro in Hands of Stone basa-
to sulla vita del pugile Robert
Duran e del suo allenatore.
In quanto alle mie disparate
esperienze italiane, tutte, an-
che quelle che verranno, mi
hanno aiutato a scavare nelle
mie radici, nellavventura co-
smopolita della mia vita che
mi ha portato anche a cono-
scere Francesco Rosi, uno
dei miei registi preferiti.
Giovanna Grassi
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il personaggio
Lattore ha
diretto la
commedia
Gigol per
caso e gira Mia
madre del
regista romano
Sul set con Nanni Moretti
Cos riscopro le mie radici
Turturro: film italiani dopo lesperienza con Woody
Protagonisti
Sofia Vergara (41) e John
Turturro (57) in Gigol per
caso. Sopra, Woody Allen
(78) in una scena del film
Apertura
La biografia di Jimi Hendrix al Festival di Bologna
Sar il film dedicato a Jimi Hendrix ad
aprire la decima edizione di Biografilm
Festival, a Bologna dal 6 al 16 giugno.
Jimi: All Is by My Side, scritto e
diretto da John Ridley, premio Oscar
per ladattamento di 12 anni schiavo, e
ha come protagonista il musicista
Andr 3000 degli OutKast.
Ispirato dal nonno jazzista
Keith Richards scrive un libro per bambini
Keith Richards (foto), chitarrista dei Rolling
Stones, sta scrivendo un libro per bambini.
La storia racconter di suo nonno Gus,
musicista di jazz, e delle prime esperienze
musicali di Keith ispirato proprio dal
parente. appena nato il mio quinto nipote,
quindi so di cosa parlo, ha detto Richards,
70 anni. La figlia del chitarrista, Theodora,
realizzer le illustrazioni del volume che
arriver entro lanno nelle librerie. Titolo:
Gus and me: the story of my grandad and
my first guitar
Lautore
Nanni Moretti, nato il 19 agosto
1953. Sta girando Mia madre
con Margherita Buy e John
Turturro
46
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Spettacoli 47

Teatro Al Piccolo di Milano lo spettacolo tratto dal testo di Gombrowicz. In arrivo anche la pice sul crac Lehman Brothers
Pornografia di Ronconi:
la perversione non nelleros
La Polonia occupata dai nazisti tra voyeurismo e delitti
Quarto grado
Nuzzi: vinco
con la cronaca
senza i talk
Venerd scorso ha raggiunto
il picco di spettatori (quasi 2
milioni, con l8,5% di share).
Gianluigi Nuzzi festeggia il
suo Quarto grado: Siamo il
programma bandiera di
Rete4, con una media sopra
il 7%, la nostra formula
stare lontano dal virus dei
talk show: evitiamo la
spettacolarizzazione e
privilegiamo linformazione,
dunque niente dibattito, ma
spazio alle tesi dei nostri
opinionisti. Questa
edizione caratterizzata
anche dalla campagna
contro il femminicidio: Con
un linguaggio accessibile
affrontiamo temi di rilevanza
sociale. La cronaca nera e
quella vaticana. Perch Nuzzi
lautore di Vaticano Spa,
best seller del 2009. Il
giornalista ha chiuso un
accordo con Chiarelettere
per pubblicare un saggio e
un romanzo che racconter
una lotta tra Bene e Male:
lassalto dei mercanti al
tempio durante il papato di
Wojtyla e Ratzinger. Il
romanzo mi dar quella
libert che un saggio basato
sui documenti per forza di
cose non pu avere.
R. Fra.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Giornalista
Gianluigi
Nuzzi
nato a Mila-
no il 3 giu-
gno 1969
MILANO Il vero voyeuri-
smo pornografico esordisce
Luca Ronconi annunciando la
sua messa in scena del romanzo
del polacco Witold Gombrowicz
(1904-1969) al Piccolo Teatro
Grassi di Milano quello ver-
so se stessi, nello sguardo sulle
proprie perversioni, non su
quelle degli altri.
Pubblicato nel 1960, Porno-
grafia ha per protagonisti due
maturi signori, Witold e Federi-
co (Riccardo Bini e Paolo Piero-
bon) che, ospiti in una casa di
campagna durante loccupazio-
ne nazista della Polonia, cercano
di spingere una coppia di adole-
scenti, Carlo ed Enrichetta (Loris
Fabiani e Lucia Marinsalta),
luno nelle braccia dellaltra, se-
dotti da una relazione erotico-
sentimentale da loro puramente
immaginata. Anzich in un am-
plesso, finiranno per coinvol-
gerli in un delitto.
Lo spettacolo, in replica fino
al 5 aprile, approda domani al
Piccolo nella sua forma definiti-
va dopo essere stato in antepri-
ma al Festival di Spoleto lo scor-
so anno. Di Gombrowicz
spiega Ronconi mi ha intriga-
to lo spirito caustico, lirriveren-
za, lintelligenza. In realt c ben
poco di pornografico nel ro-
manzo: lautore stesso parl, al
momento delluscita, di un tito-
lo ironico. La storia piuttosto lo
spunto per una riflessione sul si-
gnificato del desiderio in senso
lato, non solo puramente eroti-
co, e soprattutto sulluomo mes-
so a confronto con le sue pulsio-
ni pi profonde. Tra i due ra-
gazzi non accade nulla di fisico...
proprio questo che non d
pace ai due anziani amici sot-
tolinea Ronconi . Non capi-
scono cio come due giovani che
hanno tutto bellezza, et, sen-
sualit per stare insieme, sia-
no indifferenti luno allaltra.
Le motivazioni dei due attem-
pati signori non sono solo il
voyeurismo n la morbosit;
sembrano piuttosto nascondere
la nostalgia della giovinezza,
linvidia della bellezza; forse per-
sino la paura della vecchiaia. In
Witold e Federico che osservano
i due giovani, per me, non c
nessun senso esplicito di nostal-
gia puntualizza Ronconi .
La nostalgia viene, forse, allo
spettatore di mezza et quando
si identifica nei due voyeur che
guardano una possibile giovi-
nezza. Nei Diari, per, Gom-
browicz definisce la vecchiaia
indecente. vero, ma nel ro-
manzo lo fa solo supporre, non
lo dichiara mai apertamente. Si
pu dire che al centro dello spet-
tacolo c, in sintesi, latto del
guardare, che poi la chiave
di lettura ronconiana di molte
delle sue pi recenti messe in
scena? S spiega divertito ,
noi guardiamo due guardoni
che guardano due creature che
invece non si guardano. In una
delle prime battute del testo,
Witold dice: Come sono noiosi,
e che aria di chiuso in questi ar-
gomenti in cui ancora ci dibat-
tiamo: Dio, arte, nazione e prole-
tariato. Non si potrebbe evadere
un pochino da tutto questo? C
qualcosa di contemporaneo?.
Non potrebbe essere per tedio
che i due vecchi si lanciano nel
loro gioco perverso? La noia
uno dei temi che sottostanno al-
lopera di Gombrowicz. Allini-
zio del romanzo, e della comme-
dia, Witold parla di Dio, patriot-
tismo, arte e proletariato come
di argomenti profondamente
noiosi. Tuttavia, poi, d lim-
pressione che, quando incontra
quella specie di suo doppio
che Federico, alla noia si sosti-
tuisca, e prenda il sopravvento,
la volont di spazzare via, di di-
struggere questi concetti.
Tra i progetti teatrali di Ron-
coni c, nella prossima stagio-
ne, la messa in scena di Lehman
Trilogy di Stefano Massini (rap-
presentata con grande successo
al Thtre du Rond-Point di Pa-
rigi nellautunno 2013), primo
incontro sul palco del regista
con un autore italiano vivente.
Del libro (in uscita per Einaudi il
18 marzo), che ripercorre la sto-
r i a de l l a ba nc a L e hma n
Brothers, fondata a met 800 e
catastroficamente fallita nel
2008 dando il via al crac delleco-
nomia mondiale, Ronconi ha
firmato la prefazione.
Laura Zangarini
RIPRODUZIONE RISERVATA
In scena
Sopra, da sinistra,
Loris Fabiani, Lucia
Marinsalta, Riccardo
Bini e Paolo
Pierobon in
Pornografia dello
scrittore polacco
Witold Gombrowicz.
Lo spettacolo, diretto
da Luca Ronconi, 81
anni (foto in alto)
debutter domani e
sar in scena fino al
5 aprile al Piccolo
Teatro Grassi di
Milano
Il debutto
We Will Rock You
Il musical dei Queen chiude a Londra
Chiude a giugno dopo 12 anni
e 4600 repliche We Will Rock
You, musical con le canzoni
dei Queen. Un grazie a tutti
quelli che hanno lavorato allo
show e al fantastico pubblico,
hanno detto Brian May e Roger
Taylor dei Queen e Ben Elton,
autori dello show in scena al
Dominion Theatre.
Italia 1 Il direttore Tiraboschi: saremo ancora la pecora nera del video
Chiambretti in tv dopo 2 anni
e Beln d consigli di bellezza
MILANO Il bullismo dei
nonni, le pentite del botox, il ri-
torno di Chiambretti, i consigli
di Beln. Il palinsesto di Italia 1
aperto per lavori, un cantiere
editoriale (parola del direttore
Luca Tiraboschi) che ridisegna i
confini del pomeriggio. Anche
se la principale novit il ritor-
no di Piero Chiambretti, fermo
ormai da due anni, da quel
Chiambretti Sunday Show - La
Muzika sta cambiando che non
rimasto tra le sue invenzioni
pi azzeccate. Dopo la parentesi
su Canale 5 a Striscia la notizia
(conduttore di un programma
non suo, esperienza riuscita che
potrebbe ripetersi), arriva un
programma di seconda serata
diverso da quanto ha fatto fino
ad ora, ma con i tratti distintivi
della sua firma (sempre Tira-
boschi). Il direttore lo definisce
una killer application che alla
prova dei fatti dovrebbe concre-
tizzarsi in tre puntate a settima-
na per un mese (a maggio).
Chiambretti lo sintetizza in una
battuta: In questi tempi sinco-
pati, sar un programma di du-
rata breve: un temporary show.
La metafora edilizia e quella
della pastorizia: Vogliamo tor-
nare ad essere la pecora nera
della tv, la rete che sperimenta e
innova (ancora Tiraboschi).
Tradotto significa togliere dal
palinsesto telefilm e sitcom, per
dare spazio a programmi auto-
prodotti, tre dei quali pensati
per il pomeriggio (dal 31 marzo)
in una fascia oraria nella quale si
investe quasi zero. In Vecchi Ba-
stardi (dal luned al venerd, alle
15.30) Paolo Ruffini (che lascia
Colorado a Diego Abatantuono,
il via dal 21 marzo) far da col-
lante agli scherzi di un gruppo
di vecchietti tutti over 75,
quote rosa assicurate, 4 uomini
e 3 donne che si muovono tra
Milano e Roma e prendono di
mira giovani universitari. A se-
guire Urban Wild (alle 16.20),
servizi brevi che raccontano
quello che accade nella giungla
metropolitana: i graffitari, i vi-
Show
Piero Chiam-
bretti (57 anni)
torna a con-
durre un suo
programma
dopo due anni
deo delle telecamere di sorve-
glianza, gli incidenti catturati in
diretta, i palazzi in fiamme. Per
condurlo si cerca un rapper, o
un cantante hip hop noto, alla
Fedez, ma il problema spie-
ga Tiraboschi la diffidenza
endemica del mondo del rap
per la tv in generale e per la no-
stra in particolare. Ossia, i rap-
per non vogliono mischiarsi con
Berlusconi. Come conduttrice
lalternativa potrebbe essere Fla-
via Pennetta. La certezza invece
Beln Rodriguez a cui affida-
to Come mi vorrei (alle 17.10), un
nuovo programma di make up
non solo estetico: Miss Farfalla
consiglia il protagonista della
puntata su come piacersi di pi
e risolvere problemi relazionali
con fidanzati, parenti o colleghi
di lavoro.
Insomma, come migliorarsi
senza ricorrere al botox. Che
quello che hanno fatto con esiti
tra il disastro e la parodia i pro-
tagonisti di Body shock (a mag-
gio, in prima serata). Sono i
pentiti della chirurgia estetica:
chi non vuole pi un tatuaggio
grande come un armadio sulla
schiena, chi ha realizzato che le
labbra a canotto non vanno be-
ne nemmeno al mare.
Renato Franco
RIPRODUZIONE RISERVATA
Hai paura del buio?
Torna il cd storico
degli Afterhours:
Pel fra gli ospiti
Piero Pel, Negramaro,
Ministri, Samuel dei
Subsonica, Mark Lanegan e
Joan as Police Woman sono
alcuni degli ospiti di Hai
paura del buio? degli
Afterhours. La band
milanese ripubblica il
disco del 97, pietra miliare
del rock indie: un doppio
cd con la versione originale
e i duetti. Da allora la
scena indipendente si
sdoganata. Ma dal punto di
vista creativo si involuta:
c paura di essere
originali, cos il leader
Manuel Agnelli.
Cresce la forza
dei tuoi capelli
D A L L A R I C E R C A A N T I C A D U T A G I U L I A N I
CRESCE LA TECNOLOGIA
arrivato il nuovo Bioscalin

con SincroBiogenina

: una formulazione nuova


grazie al nuovo brevetto R-plus, che abbina un rivestimento speciale della
compressa al rilascio graduale e mirato degli attivi direttamente nellintestino.
Risultato: +66%
[1]
di principi attivi assorbibili per una maggiore efficacia,
ed una migliore digeribilit.
CRESCE IL POTERE ANTIOSSIDANTE
+20%* di attivi antiossidanti, una combinazione unica di Vitis Vinifera,
Olea europea e Selenio per unazione superiore contro i radicali liberi,
principali responsabili dellinvecchiamento dei capelli.
CRESCE LA FORZA
Il risultato: capelli 82%
[2]
pi forti.
CRESCONO I RISULTATI
Capelli visibilmente pi protetti e pi belli.
AZIONE TESTATA CLINICAMENTE Testato in uno studio clinico in doppio cieco per 3 mesi
su 60 soggetti sani, randomizzato, versus placebo, per valutarne lefficacia e la tollerabilit
in soggetti con caduta temporanea ed eccessiva dei capelli (risultati medi)
[1] da Dissolution Test, vs Bioscalin

con CronoBiogenina

[2] aumento della resistenza dei capelli alla trazione (pull test)
*vs Bioscalin

con CronoBiogenina

48
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Sport
Prandelli potrebbe riaprire le porte della nazionale
a Cassano. Secondo voi il fantasista del Parma
sarebbe utile agli azzurri al Mondiale (A)
o meglio puntare su altri campioni (B)?
il sondaggio
Vota con uno squillo. Chiamata gratuita
A +39 029 475 4851 B +39 029 475 4852
Serie B: il recupero Carpi-Padova 1-1
Recupero 2 di serie B: Carpi-Padova 1-1 (Memushaj (C) 45 e Improta (P) 63).
Classifica: Palermo 53; Empoli 46; Latina 45; Lanciano, Avellino 44; Cesena 43; Trapani
e Crotone 42; Spezia 40; Siena (-7) e Carpi 39; Pescara 38; Brescia 37; Modena e Varese
36; Ternana 35; Bari (-3) 32; Novara 31; Reggina 25; Padova e Cittadella 23; J. Stabia 15.
Nadarevic squalificato 3 turni per aver morso alla gamba Falcinelli del Lanciano.
Le pagelle Atletico
da uno dei nostri inviati a Madrid
Suarez fa il tattico
6 COURTOIS Ingannato dalla deviazione di
Juanfran sul colpo di testa ravvicinato di Kak.
6 JUANFRANScatenato sulla corsia destra
quando lAtletico spinge con forza, tremolante
nel momento in cui chiamato a difendere.
Sul gol milanista, al di l della sfortunata
deviazione, non lesto a prendere posizione.
6,5 MIRANDA Anche nei momenti difficili
(pochi per la verit) non sbaglia. Bella una
chiusura, a inizio ripresa, su Kak che si era
ben liberato in area.
6 GODINStoppa bene Balotelli, non
altrettanto efficace su Poli, che con un cross
regala lassist per il gol dellillusione.
6,5 LUIS FILIPE Ha saltato landata, torna
per la festa. Spinge tanto e bene.
7 ARDA TURANFortunato protagonista
del 2-1 (la deviazione di Rami decisiva),
abile sulle fasce.
6,5 GABI Nel primo tempo si accende e si
spegne secondo i momenti, nel 2 colpisce un
palo e d continuit alla propria azione.
7 MARIOSUAREZ Lequilibratore
dellAtletico. In linea con Gabi sino
allintervallo, davanti alla difesa nei secondi
45 minuti. Grande intelligenza tattica.
6,5 KOKE Si accentra moltissimo per far
passare Luis Filipe e crossa il pallone dell1-0.
8 DIEGOCOSTA Apre e chiude i giochi.
Sette gol in 5 partite, 3 consecutivi al Milan.
A San Siro aveva segnato di testa, stavolta
con una zampata da centravanti vero dopo
meno di tre minuti e con un diagonale a 5
dalla fine. Imprendibile e infallibile.
7 RAUL GARCIAUna rovesciata a fil di
palo che scatena lentusiasmo dei tifosi e il 3-
1 di testa che chiude il conto.
7,5 SIMEONE LAtletico a immagine e
somiglianza del suo allenatore. Duro, tosto,
grintoso. Ma per i quarti il Cholo deve
registrare la difesa.
Alessandro Bocci
RIPRODUZIONE RISERVATA
Le pagelle Milan
da uno dei nostri inviati a Madrid
Taarabt impalpabile
5,5 ABBIATI Quattro gol sulla pelle e poche
colpe.
5 ABATE Non scala sull1-0 e non morde
quando prova a ribaltare il fronte del gioco.
4 RAMI Scadente e sfortunato. Perde subito
Diego Costa, rimedia un cartellino giallo e
poco prima dellintervallo cancella il sogno
milanista deviando nella porta sbagliata.
5 BONERA Si arrabatta, cercando di
limitare i danni. Un istante prima del 2-1
tempestivo a sbrogliare una situazione
pericolosa. Chiude con un cartellino giallo.
4 EMANUELSONUn disastro. Colpito e
affondato da Arda Turan, dalle
sovrapposizioni di Juanfran, da chiunque.
5 DE JONG Partita misera, tira fuori la testa
dal guscio nei momenti in cui lAtletico stacca
la spina. Surclassato da Garcia sul terzo gol.
4 ESSIENLento e spaesato, fuori partita e
fuori posizione. Perde il pallone che innesca
lazione dell1-0.
5 TAARABT Allandata era stato tra i pi
intraprendenti, qui una presenza
impalpabile. Solo qualche accelerazione fine a
se stessa, tanto che Seedorf nellintervallo
decide di lasciarlo nello spogliatoio.
6 POLI Il migliore per senso tattico,
prontezza e qualit. Bravo senza palla e
lesto negli inserimenti, serve lassist a Kak.
Sbaglia solo la misura di due lanci per
Balotelli.
5,5 KAKA Firma il colpo di testa che illude il
Milan. Prima e dopo quasi niente. Madrid fa
riaffiorare gli spettri.
4 BALOTELLI Cade nelle provocazioni,
invoca un rigore che non c, si fa ammonire
per le solite inutili proteste, sgrida
Emanuelson e Abate anzich incoraggiarli.
Lennesimo esame di maturit fallito.
6 ROBINHOAlmeno pericoloso. Impegna
Courtois con un diagonale e colpisce la
traversa.
4 SEEDORF Sbaglia le scelte, la
preparazione della partita e i cambi non sono
convincenti (Pazzini entra troppo tardi).
a. b.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il commento Squadra modesta da rifondare che non ha pi niente del passato, ora si deve pensare solo al futuro
Prendere atto della fine lunico modo per ricominciare
Cera
una volta
DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
MADRID Il Milan non ha
concesso il bis, la notte di Mo-
naco (2-0 al Bayern, 11 aprile
2007) resta senza replica. In
Champions League va avanti
lAtletico Madrid, che interpreta
lo spirito del suo allenatore,
Diego Simeone, come poche al-
tre squadre in Europa. Non
perfetta e non ha grandissimi
campioni, ma sa leggere la par-
tita in maniera totale, accettan-
do anche i momenti di soffe-
renza, offrendo in alcune fasi
un calcio di qualit, veloce e
verticale, ma senza mai rinun-
ciare allidea di essere squadra e
di sacrificarsi per la causa.
Il Milan, chiamato a unim-
presa oggettivamente compli-
catissima, dopo lo 0-1 dellan-
data, ha giocato da Milan sol-
tanto gli ultimi 25 minuti di pri-
mo tempo, quando gi stava in
svantaggio: ha costruito il pa-
reggio, andato vicino al rad-
doppio ed stato punito da un
autogol di Rami. Per si pensa-
va che la squadra potesse fare
una partita diversa, nello spirito
e nel gioco. Invece troppi inter-
preti sono apparsi spenti, quasi
svogliati, forse svuotati e que-
sto ha condizionato il tipo di in-
terpretazione della gara, su un
canovaccio tattico di non chiara
lettura e le idee non bastano se
non sono sorrette dalla condi-
zione atletica.
Il Milan andato subito
sotto: 232 e lAtletico ha
sbloccato la gara: Essien
ha perso la palla sulla
pressone di Gabi, che
lha consegnata a Ko-
ke, preciso nel mette-
re Diego Costa nella
condizione di disten-
dersi e colpire, fra la
sorpresa di Rami. I col-
choneros hanno conti-
nuato a spingere, con
Godin non lontano dal
raddoppio, ma senza lucidi-
t al momento dellultimo
passaggio: reattivi nel pressing
a met campo, con le linee mol-
to vicine e grande attenzione
nel togliere spazio alliniziativa
avversaria, non hanno saputo
approfittare delle difficolt del
Milan, che, per venti minuti ha
opposto una scomposta resi-
stenza.
Avendo capito di non avere di
fronte una squadra insuperabi-
le, i rossoneri hanno provato a
cambiare faccia alla partita e
hanno guadagnato metri: alla
prima conclusione (Balotelli),
Courtois non ha avuto difficolt
a intervenire; sulla seconda,
nato il pareggio: cross di Poli,
mal controllato da Godin, pre-
ciso il colpo di testa di Kak,
sulla approssimativa opposi-
zione di Juanfran. Il pareggio
non soltanto ha rimesso in par-
tita la squadra d Seedorf, ma le
ha consentito di prendere lini-
ziativa, con lAtletico costretto a
ballare in mezzo al campo e ad
un pressing sempre fuori tem-
po. Ed cos che il Milan an-
dato a pochi centimetri dal 2-1,
quando Kak, sul cross di Taa-
rabt, ha colpito di testa, metten-
do il pallone alto (36). Questio-
ne di centimetri, cos come
stata una questione di centesi-
mi di secondo il vantaggio del-
lAtletico: il tiro di Arda Turan
dal limite sarebbe stato domato
da Abbiati, se non fosse arrivata
la deviazione di Rami (40). Cos
lAtletico ha cercato di liberarsi
dalla paura, tornando a spinge-
re e avvicinandosi al 3-1 con
una rovesciata di Raul Garcia.
Costretto a rimontare, See-
dorf ha giocato la carta Ro-
binho, ma il secondo tempo
stato quasi tutto biancorosso,
con la traversa scheggiata in av-
vio da Gabi e con un dominio
sempre pi schiacciante, attra-
verso una feroce applicazione
da parte di tutti gli uomini di Si-
meone. stato proprio Ro-
binho a dare lillusione di poter
riaprire la partita su una palla
maligna respinta da Courtois,
I rossoneri non fanno limpresa
Quattro gol dellAtletico, addio Europa
ma lAtletico tornato a spinge-
re, approfittando anche dello
spazio a disposizione, dopo
lentrata in scena di Pazzini
(squadra super-offensiva). A
chiudere il match stato il col-
po di testa di Raul Garcia da pu-
nizione, bravo a saltare fra de
Jong e Rami (25). Lultima pos-
sibilit di arrivare al secondo
gol si spenta sulla traversa,
colpita da Robinho (27), per-
ch quando le cose non girano
anche la fortuna guarda da
unaltra parte. Il finale stato
tutto dellAtletico, che con Die-
go Costa (doppietta, sette euro-
gol in cinque partite), ha firma-
to il 4-1, spingendo la squadra
ai quarti, dove non arrivava da
17 anni.
Fabio Monti
RIPRODUZIONE RISERVATA
La marcia di Diego
Diego Simeone, 43 anni, con il suo Atletico
Madrid, secondo nella Liga spagnola,
vola ai quarti di Champions Lea-
gue. legato alla societ
spagnola fino al
2017
7
anni
dallultima
Champions
vinta dal Milan
poi 5
eliminazioni
agli ottavi,
1 ai quarti (e 1
ai sedicesimi
di Coppa
Uefa)
Atletico Madrid
4
Milan
1
Marcatori: Diego Costa 3, Kak 27,
Arda Turan 40 p.t.; Raul Garcia 25,
Diego Costa 40 s.t.
ATLETICO MADRID (4-4-2): Courtois
6; Juanfran 6, Miranda 6,5, Godn 6,
Filipe Luis 6,5; Arda Turan 7 (Cristian
Rodriguez s.v. 32 s.t.), Gabi 6,5,
Mario Suarez 7, Koke 6,5 (Diego s.v.
36 s.t.); Diego Costa 8, Ral Garca 7
(Jos Sosa s.v. 27 s.t.). All.: Simeone
7,5
MILAN (4-2-3-1): Abbiati 5,5; Abate
5, Rami 4, Bonera 5, Emanuelson 4;
N. De Jong 5 (Muntari s.v. 32 s.t.),
Essien 4 (Pazzini s.v. 23 s.t.); Taarabt
5 (Robinho 6 1 s.t.), Poli 6, Kak 5,5;
Balotelli 4. All.: Seedorf 4
Arbitro: Clattenburg (Inghilterra) 7
Ammoniti: Raul Garcia, Rami,
Balotelli, Bonera, Robinho
Recuperi: 3 pi 2
La cosa peggiore che stata una partita
normale. Ha vinto la squadra migliore, senza
aver fatto niente di straordinario. LAtletico
ha avuto pi ordine, un po pi di individuali-
t e convinzione. Il Milan si sente ora strema-
to dalla propria normalit, non pi capace
di una differenza, questo lo porta a ragionare
da ex grande squadra, quindi solo stanca, so-
lo introversa e prevedibile come gli uomini
oscuri nella caverna che vedono la luce solo
alle spalle. Credo che alla fine faccia bene
questa sconfitta dura, porta tutti al presente.
Ora non c pi una discussione su Balotel-
li o sulla confusione della societ, sul ruolo di
Galliani e Barbara, tutti ingrigiti da una quo-
tidianit lunga, tutti gi dati per scontati. Una
sconfitta che allontana dagli arrivi in elicotte-
ro di Berlusconi, dai suoi piani tattici tauma-
turgici un tanto al chilo. Dai miracoli di mer-
cato allultima ora su consigli degli amici, dai
cambi di allenatore, dai grandi ritorni a costo
zero. Oggi il Milan non ha pi niente del pas-
sato, qualcosa che non c pi, non un
problema di avversari n di momenti. un
capitolo chiuso. Non ci sono rimonte reali da
fare, c solo una strada da ritrovare. E non c
niente di peggio di chi aveva saputo per tanto
tempo trovarla e oggi pensa gli appartenga di
diritto, per induzione. Oggi finisce unepoca,
si chiuso anche lultimo centimetro di coda.
Non c pi margine per nessun ragionamen-
to che non sia una nuova vita, nuovi grandi
investimenti, nuova mentalit. Non resta
niente che appartenga al passato.
Nel Milan di oggi tutto modesto. magra
la strada, i pellegrini che lattraversano, il tea-
trino che vorrebbe sorreggerla. Prendere atto
di una fine lunico modo serio per ricomin-
ciare. E se mai c stato negli ultimi trentanni
un momento in cui si doveva cambiare, ar-
rivato. Non c pi niente di sbagliato. Sem-
plicemente non c pi niente. Sono finite an-
che le scuse, i tanti rituali dietro cui si ma-
schera la fine di un Grande Soggetto.
Non pi questione di modulo, non lo
mai stato, ma valeva la pena provare. Non
pi questione di dirigenti, di allenatori. Non
c pi copione, il Milan recita dentro una
commedia dellarte senza trovarne la natura-
lezza. Il vero merito finalmente aver toccato
il fondo. Nessuna intervista pu pi inganna-
re, nessuna cena ad Arcore. Si pu ricomin-
ciare davvero solo quando una storia finita.
Questo quel tempo. La modestia non ha
protagonisti perch modesta per definizio-
ne. Non ci sono colpevoli pi di altri, ci sono
giocatori inadatti, discussi perch sopravva-
lutati e sopravvalutati perch dentro una bu-
gia che andava tenuta in alto. Adesso arriva la
verit, nuda, secca, irrinunciabile. Finalmen-
te si pu ricominciare.
RIPRODUZIONE RISERVATA
di MARIO SCONCERTI
Allenamento e studio
Di Biagio aiuta
Prandelli
nello stage azzurro
Secondo giorno di stage azzurro allAcquacetosa agli ordini del
c.t. Cesare Prandelli. Sessioni di slalom con i birilli,
torelli e test fisici nella mattinata e 3 partitelle di 13 nel
pomeriggio quando si notata la presenza di Gigi Di Biagio, c.t.
dellunder 21, che ha condotto lui lallenamento degli stagisti
azzurri. Un primo assaggio di quello che desidera Prandelli per
il nuovo e futuro corso, una sinergia profonda tra gli azzurri del
presente e quelli del futuro. Stamane si chiude lo stage.
Champions Illusorio il pari di Kak, poi gli spagnoli si scatenano e vanno ai quarti
il Milan
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Sport 49

Sci, finali al via con le discese
Con le discese libere, gli uomini alle 9.15 e le donne alle 11.30 (dirette
su RaiSport 1 ed Eurosport), scattano stamane a Lenzerheide (Svizzera)
le finali di Coppa del mondo che assegnano coppa assoluta e di specialit.
VOLLEY Nel recupero dell8
a
giornata di ritorno di A1, Casa Modena
ha superato lAndreoli Latina 3-1 (25-19, 25-13, 23-25, 25-22).
Tennis, avanza Fognini
Impresa di Camila Giorgi: al torneo di Indian Wells (Supertennis e Sky-
Sport 2 dalle 19) la 22enne ha eliminato Maria Sharapova, numero 4, in tre
set (6-3, 4-6, 7-5). Nella notte la Giorgi ha sfidato negli ottavi Flavia Pen-
netta (6-4, 3-6, 6-1 allaustraliana Stosur). Avanza Fognini, che annulla
due match point a Monfils e trova Dolgopolov, killer a sorpresa di Nadal.
Paralimpiade, oggi la Porcellato
Alla Paralimpiade di Sochi lItalia dello sledge hockey ha battuto 2-1 la Co-
rea; nel biathlon Pamela Novaglio 10
a
nella 10 km standing. Oggi lItalia per la
1 medaglia punta su Francesca Porcellato (oro a Vancouver) nel fondo.
PREMIO Il c.t. Cesare Prandelli e Leo Turrini (giornalista di QN) hanno
vinto il premio Beppe Viola che affianca il torneo giovanile di Arco di Trento.
Ausilio in azione
Per lInter
shopping
a Madrid
MILANO Da Londra a
Madrid. Il giro dEuropa di
Piero Ausilio continua. Il
responsabile dellarea
tecnica dellInter ieri era
nella capitale spagnola e in
serata si recato al Vicente
Calderon. Aggiornamento
professionale, ma anche per
dare unocchiata a qualche
giocatore dellAtletico.
sempre calciomercato pure
in casa Inter e Ausilio sta
valutando diverse
opportunit prima di
mettere a segno i prossimi
colpi. Hernanes, DAmbrosio
e Vidic sono gi arrivati, ora
lobiettivo numero uno
una prima punta, ma non
sar facile in considerazione
dei loro ingaggi, arrivare a
Torres, Hernandez o Dzeko,
che sono ai primi posti
nellelenco stilato da Walter
Mazzarri. L Inter punta a un
prestito oneroso con diritto
di riscatto nellestate del
2015, anche se lideale per
Thohir sarebbe larrivo di un
attaccante a parametro zero.
Bacary Sagna (nella foto)
non una punta, per, oltre
a essere in scadenza di
contratto con lArsenal, un
esterno che Ausilio sta
seguendo da tempo: per lui
pronto un triennale da 2,5
milioni a stagione. E dopo
Rodrigo Palacio, che
rinnover a giorni sino al
2016, pure Fredy Guarin
pronto a prolungare sino al
2017. Marcelo Ferreyra,
procuratore del colombiano
a Milano e attende il
ritorno di Ausilio da Madrid
per siglare il nuovo
contratto. Calendario alla
mano, intanto, lInter punta
al 4 posto: dopo la trasferta
di sabato sera a Verona,
infatti, la squadra di
Mazzarri dovr affrontare
Atalanta e Udinese in casa,
Livorno in trasferta, Bologna
in casa. A patto di
confermare il trend positivo
delle ultime giornate di
campionato pu essere
loccasione per fare un passo
decisivo verso lEuropa
League. La Curva Nord,
invece, a un passo dal
restare deserta per due
giornate, dopo che ieri la
Procura federale ha stabilito
la chiusura per un turno con
la condizionale, in seguito ai
cori ritenuti di
discriminazione per motivi
di razza nei confronti di De
Jong, Muntari e Balotelli in
occasione del derby del 22
dicembre. In caso di altri
cori razzisti settore off limits
per 2 turni.
Franco Fiocchini
RIPRODUZIONE RISERVATA
Il tabellone
Champions League
Ottavi di finale, ritorno
Cos ieri
Bayern-Arsenal 1-1
(and. 2-0, qual. Bayern)
Atletico Madrid-MILAN 4-1
(and. 1-0, qual. Atletico Madrid)
Cos oggi, ore 20.45
Barcellona-Manchester City
(and. 2-0)
Rete4, SkySp1, SkyC1, PremiumC
Psg-Bayer Leverkusen
(and. 4-0)
SkyS3, SkyC2, PremiumC1
Marted 18/3, ore 20.45
Chelsea-Galatasaray
(and. 1-1)
Real Madrid-Schalke 04
(and. 6-1)
Mercoled 19/3, ore 20.45
Borussia Dortmund-Zenit
(and. 4-2)
Manchester Utd-Olympiacos
(and. 0-2)
Europa League
Ottavi di finale, andata
Gioved 13/3, ore 19
(ritorno gioved 20/3)
Ludogorets-Valencia
SkyC3
Porto-NAPOLI
SkyC1, PremiumC
Basilea-Salisburgo
SkyC4
ore 21.05
JUVENTUS-FIORENTINA
Canale 5, SkyC2, PremiumC
Az Alkmaar-Anzhi
SkyC5
Lione-Viktoria Plzen
SkyC6
Siviglia-Betis Siviglia
SkyC4
Tottenham-Benfica
SkyC3
Il dopopartita Balotelli, il simbolo del fallimento
Delusione Seedorf
Uscire cos fa male
ma non sono pentito
Si vince e si perde da uomini
DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
MADRID Allora cos che il Milan si
congeda dallEuropa per tornarci chiss
quando, con uno schianto dopo una notte di
primavera dolciastra e letale come un son-
nifero, che invece di risvegliare energie na-
scoste, aveva gi indolenzito gli animi e
iniettato nel corpo apatia, oppure paura che
persino peggio. Perch va bene partire sfa-
voriti, ma la mente, almeno quella, dovreb-
be essere stata allenata dal motivatore Cla-
rence Seedorf a colpi di ricordi grandiosi e
del peso della storia, perch chi meglio di lui
conosce il senso del Milan per la Cham-
pions? Anche per questo lhanno preso, no?
Invece i milanisti vestiti da Ferrero Rocher
vengono scartati in due minuti dalla banda
di Simeone, che non poi cos affamata, ma
si accontenta di qualcosa di dolce, molle e
molto arrendevole, che entra in campo do-
po una ventina di minuti dal fischio dinizio
e si sa imporre per non pi di un quarto
dora. La squadra psicologicamente fa fati-
ca a reagire quando va sotto dice final-
mente Seedorf . Per troppo tempo il Milan
ha dovuto rincorrere. Siamo andati subito
sotto, abbiamo recuperato, avevamo la par-
tita in mano, ma il secondo gol stato un
colpo troppo duro.
Mario Balotelli il simbolo di tutto ci:
fallisce nella notte pi attesa. Gli si chiedeva
di fare il leader, lo si visto nellordine pren-
dersela con Abate che aveva buttato fuori
una palla con un avversario a terra, ciondo-
lare come in una qualsiasi domenica di
campionato, tirare un paio di punizioni,
chiedere un inesistente rigore, farsi ammo-
nire per proteste, spintonarsi con Luis Fili-
pe, non capirsi con Pazzini e rivolgersi a Se-
edorf nella veste di traduttore, infine scam-
biarsi la maglia con il vero protagonista Die-
go Costa. Di nuovo, non sono soltanto gli
aspetti tattici e tecnici a colpire, la sua diffi-
colt a fare la punta centrale e lidea di farlo
giocare con Pazzini solo a partire dal 24 del
secondo tempo, ma qualcosa che ha a che
fare con la testa e il carattere. Mario non ha
preso la squadra per mano, si fatto trasci-
nare dalla corsa di un Poli e dal guizzo di
Kak, gli unici ad aver regalato, non si dice
un sogno, ma almeno lo straccio di unillu-
sione. Doveva essere unopportunit per
superare se stessi filosofeggiava Seedorf
alla vigilia come nella vita succede spes-
so. Forse lolandese conosce il Candide e il
migliore dei mondi possibili, nella vita suc-
cede pi spesso che si costretti a fare i con-
ti con i propri limiti e accettarli, si dice, il
primo passo. Perch i difetti di questo Milan
sono sempre gli stessi, quelli sui quali sbat-
teva la testa anche Max Allegri, che lanno
scorso ne ha presi quattro in Spagna, ma dal
miglior Messi e dai suoi fratelli (senza Pazzi-
ni e Balo): errori individuali, disattenzioni,
fatica a segnare e la consueta abitudine a
prendere reti di testa. Durante il percorso,
ha ragione Seedorf, gli incidenti capitano.
Ora per il percorso non si sa dove possa
portare, la poco attrattiva Europa League
appare un miraggio, e forse meglio fer-
marsi e pensare a una rifondazione.
Lobiettivo della Champions era impor-
tante: a livello morale ed economico. un
momento amaro. Ora dobbiamo darci
obiettivi in campionato con grande chiarez-
za, per esempio quanti punti crediamo di fa-
re continua Seedorf . I giocatori sono
delusi, io sono qui per tirarli su. Le condi-
zioni fisiche che ho trovato non erano otti-
mali, ma normale quando si deve rincor-
rere. Balotelli ed Essien? Si vince e si perde
da uomini. Speriamo sempre che Mario fac-
cia buone partite, ma tutta la squadra, so-
prattutto nella ripresa, non ha messo grinta.
Pentito di essere venuto al Milan? No, questi
sono i miei colori, io sono qui per ricostrui-
re. Di sicuro, ieri notte finito un certo Mi-
lan, travolto dalle proprie macerie. Seedorf
resta larchitetto della ricostruzione, ma
qualcosa del progetto va rivisto in fretta.
Arianna Ravelli
RIPRODUZIONE RISERVATA
Diego Costa, autore di una doppietta
Ci aiutiamo, questa la nostra forza
MADRID (a.rav.) Diego Pablo Simeone
esulta in campo, ma contenuto fuori.
Siamo contenti per il lavoro dei ragazzi,
siamo una squadra che gioca, questo risultato
il premio per il percorso di questi anni. Dal
1997 lAtletico mancava dai quarti di
Champions League. Contro il Milan abbiamo
cominciato forte, abbiamo sofferto, poi siamo
usciti pressando alto. Noi conosciamo molto
bene i nostri limiti e le nostre virt.
Linsegnamento del Cholo passato ai
giocatori, lo conferma Diego Costa hombre del
partido, attaccante di forza e sostanza: La
grandezza di questa squadra che ci aiutiamo
luno con laltro a superare i nostri limiti. Dove
possiamo arrivare? Speriamo in finale anche
se sappiamo che difficile. Il Mondiale con la
Spagna? Il mio obbiettivo giocare bene con
lAtletico e se continuer a farlo non ci
saranno problemi neanche con la nazionale.
Andrea Poli rappresenta la parte degli
sconfitti: Dopo venti minuti abbiamo fatto
l1-1 e poi abbiamo avuto unaltra occasione
con Kak, il secondo gol ci ha tagliato le
gambe. Io, comunque, tutta questa
supremazia dellAtletico non lho vista.
Necessit di svoltare pagina. Ci siamo
confrontati, analizzeremo gli errori e i fatti
positivi, anche se resta lamaro in bocca
perch eravamo qui per ribaltare il risultato e
non ci siamo riusciti.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Tecnico Clarence Seedorf, 37 anni (LaPresse)
Tutti insieme e duri contro il razzismo
Agnelli, Malag e Abete in coro
Deve essere lanciato un
messaggio forte contro ogni
forma di discriminazione.
Andrea Agnelli prende ancora
una volta le distanze dagli
pseudo tifosi che durante Juve-
Fiorentina si sono resi
protagonisti di cori antisemiti
verso i sostenitori viola, che a
loro volta avevano esposto uno
striscione offensivo sulle vittime
dellHeysel. Quella del presidente
bianconero, intervenuto a
Firenze al 7 seminario Il calcio
e chi lo racconta organizzato da
Figc e Ussi, una presa di
posizione netta. Sono molto
attento a queste vicende, ma
ogni volta rimango sorpreso.
Domenica dalla tribuna non ho
sentito nulla, poi leggo il referto
e non capisco perch negli stadi
non si riescano ad individuare
30-40 persone che provocano
problemi. Sono fenomeni ridotti,
ma giusto combatterli tutti
insieme evitando di dare risalto a
comportamenti che producono
uno spirito di emulazione.
Reazione legittima, secondo
Agnelli quella di Mariella Scirea,
moglie dellindimenticato
Gaetano, che ha minacciato di
chiedere alla societ di togliere il
nome del marito dalla curva
bianconera se dovessero
ripetersi episodi simili.
intervenuto anche il numero uno
del Coni, Giovanni Malag:
Agnelli uno dei pochi che ha
preso una posizione chiara e
coraggiosa, tutti i suoi colleghi
dovrebbero fare altrettanto.
Duro anche Abete, numero uno
del calcio italiano: Le normative
come quelle sulla
discriminazione territoriale ci
sono e vanno rispettate. A fine
stagione potrebbe esserci un
dibattito per capire se sia
opportuno modificare o
ottimizzare queste norme.
g.p.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Emergenza
Alzati v cumpr, primavera
squalificato per dieci giornate
Pugno di ferro del
giudice sportivo nei
confronti di Alberto
Grassi, centrocampista
dellAtalanta Primavera.
Grassi stato
squalificato dieci
giornate per avere, al
44 del secondo tempo,
rivolto ad un avversario
un epiteto ingiurioso
espressivo di
discriminazione
razziale, si legge nel
comunicato. La frase
incriminata alzati v
cumpr detta a Salifu,
un avversario di colore,
durante la partita di
campionato giocata a
Zingonia contro il Verona
sabato scorso. LAtalanta
ha deciso di non fare
ricorso in osservanza del
codice etico presentato
un paio di settimane fa.
Il ragazzo ha risposto a
frasi poco carine che gli
sono state rivolte in
precedenza spiega il
responsabile del settore
giovanile nerazzurro,
Mino Favini . Sono
sicuro che il giocatore
non voleva offendere e
che non aveva intenzione
di utilizzare nessuna
frase a sfondo razzista
visto che in allenamento
chiama sempre cos, in
tono scherzoso, Bangal,
il nostro centravanti del
Mozambico. Ma se il
club ha deciso di non
appellarsi alla maxi-
squalifica, potrebbe farlo
in autonomia il
diciannovenne. una
possibilit concreta
conclude Favini ma
sta a lui decidere.
Matteo Magri
mmagri@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA
Atalanta
Giusta protesta
Giustificata la reazione
della Scirea che minaccia
di togliere il nome di
Gaetano alla curva
La difesa
La societ non far
ricorso ma difende
il giovane: Non
voleva offendere
Delusione
Mario Balotelli ancora in
ombra, alle sue spalle esultano
i giocatori dellAtletico
(Ap)
50
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Gli annunci si ricevono tutti i giorni su:
www.piccoliannunci.rcs.it
agenzia.solferino@rcs.it
oppure nei giorni feriali presso
lagenzia:
Milano Via Solferino, 36
tel.02/6282.7555 - 02/6282.7422,
fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge 903 del
9/12/1977 le inserzioni di ricerca di personale
inserite in queste pagine devono sempre inten-
dersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza
della Legge sulla privacy (L.196/03).
Il Corriere della Sera e La Gazzetta
dello Sport con le edizioni stampa e
digital offrono quotidianamente agli
inserzionisti una audience di oltre 8
milioni di lettori, con una penetrazione
sul territorio che nessun altro media
in grado di ottenere.
La nostra Agenzia di Milano a dispo-
sizione per proporvi offerte dedicate a
soddisfare le vostre esigenze e rende-
re efficace la vostra comunicazione.
TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA
Rubriche in abbinata obbligatoria:
Corriere della Sera - Gazzetta
dello Sport: n. 0: 4,00; n. 1:
2,08; n. 2, 3, 14: 7,92; n. 5, 6, 7,
8, 9, 12, 20: 4,67; n. 10: 2,92;
n. 1: 3,25; n. 13: 9,17; n. 15:
4,17; n. 17: 4,58; n. 18, 19:
3,33; n. 21: 5,00; n. 24: 5,42.
Rubriche in abbinata facoltativa:
n. 4: Corriere della Sera 4,42;
Gazzetta dello Sport 1,67; abbi-
nata 5,00.
n. 16: Corriere della Sera 1,67;
Gazzetta dello Sport 0,83; abbi-
nata 2,08.
n. 22: Corriere della Sera 4,08;
Gazzetta dello Sport 2,92; abbi-
nata 4,67.
n. 23: Corriere della Sera 4,08;
Gazzetta dello Sport 2,92; abbi-
nata 5,00.
RICHIESTE SPECIALI
Data Fissa: +50%
Data successiva fissa: +20%
Per tutte le rubriche tranne la 21,
22 e 24:
Neretto: +20%
Capolettera: +20%
Neretto riquadrato: +40%
Neretto riquadrato negativo: +40%
Colore evidenziato giallo: +75%
In evidenza: +75%
Prima fila: +100%
Tablet: + 100
Rubrica 4 Avvisi Legali:
1 modulo: 400
2 moduli: 800
Rubriche Compravendite immobiliari
Nel testo dellinserzione obbligato-
rio indicare la classe energetica di
appartenenza dellimmobile e il rela-
tivo indice di prestazione energetica
espresso in kWh/mqa o kWh/mca a
seconda della destinazione duso del-
ledificio. Nel caso di immobili esenti
dallindicazione, riportare la dicitura
Immobile non soggetto allobbligo di
certificazione energetica.
www.piccoliannunci.rcs.it agenzia.solferino@rcs.it www.piccoliannunci.rcs.it agenzia.solferino@rcs.it
www.piccoliannunci.rcs.it agenzia.solferino@rcs.it
La nostra Agenzia
di Milano si rinnova
Vi aspettiamo nel nuovo spazio multimediale
di Via Solferino 36
ABILE esperta referenziata impiegata
ufficio commerciale customer care
inglese francese pc offerte ordini of-
fresi. 331.12.23.422
ADDETTApaghecontributi plurienna-
le esperienza offresi. Contattare
334.16.25.041 dalle 18 alle 19,30
ADDETTO alla segreteria/fattorino,
pluriennale esperienza, buona cono-
scenza inglese, francese, uso Pc, esa-
mina proposte. 340.80.20.088
AIUTOcontabile, impiegata commer-
ciale con pluriennale esperienza of-
fresi. Automunita. 340.59.89.168.
AIUTO contabile, pluriennale espe-
rienza contabilit ordinaria, clienti/
fornitori, riconciliazioni banche, va-
luta proposte. 338.74.70.197.
AIUTO contabile, ventennale espe-
rienza, clienti/fornitori, referenziata,
lavori segretariato, disponibile subi-
to. 347.12.84.595
CONTABILE pluriennale esperienza,
libera subito. Tel. 338.23.90.087
ELABORAZIONE per studi commer-
cialisti per bilanci, dichiarazioni, invii
telematici, adempimenti, contabilit.
Autonomia ed esperienza decenna-
le. Serali 340.15.56.179
PAGHE amministrazione personale,
legislazione lavoro, sgravi contribu-
tivi espertooffresi tel: 334.16.76.465
RAGIONIERE ventennale esperienza
rapporti bancari, contabilit, bilanci,
libero subito. Cel: 346.32.01.567
SEGRETARIA amministrativa plurien-
nale esperienza inglese-francese
contabilit Sap Zucchetti Office pri-
ma nota, clienti fornitori. Cell.
348.25.02.555
COMMERCIALE estero, contract - se-
dute ufficio pianificazione, apertura
mercati, organizzazione, portafoglio
clienti. 366.54.76.700
C
OMMERCIALE 35anni di espe-
rienza settore edilizia serramenti,
affini altamente professionale per
piccole - medie imprese. Esperto
crea, avvia, gestisce reti agenti e
clienti. gsalvo56@gmail.com
389.87.83.962
ESPERTO SALES & MARKETING
settore alimentare e vinicolo
per sviluppo commerciale Ita-
lia - estero. 349.16.71.989 -
sviluppo14@gmail.com
ESPERTO venditore 56enne settore
sanit ottima presenza professiona-
lit disponibilit trasferte Italia.
349.84.71.099
PERITO Elettronico 59 anni, espe-
rienza pluriennale vendita compo-
nentistica elettronica attiva/passi-
va, semiconduttori, sensori per au-
tomazione di macchine, buonIngle-
se. Mobile 335.78.83.524
AUTISTAdi direzione, fattorino, espe-
rienza ventennale e referenziato,
iscritto liste mobilit. 338.18.10.874
CERCO lavoro come autista o magaz-
ziniere. Esperienza pluriennale. Pa-
tente C, CQC. 329.80.07.404
CONDUTTORE manutentore di im-
pianti condizionamento riscalda-
mento con patente secondo grado
vapore. Disponibilit immediata.
328.42.68.082.
ELETTROMECCANICO elettricista,
manutentore, magazziniere, buona
manualit, assistente di direzione.
Inglese discreto, offresi.
331.24.37.105
CAMP BOSS- Pluriennale esperienza.
Valutaproposte. Disponibilita' imme-
diata. Tel: 393.50.19.107
GUIDA turistica/interprete con espe-
rienzainItaliaoffresi aBudapest (Un-
gheria). 347.07.77.274
PRATICO vendita, pelletteria, abbi-
gliamento accessori, conduzione,
personale, vetrine, cinquantenne,
serio, offresi. 347.25.71.429
50ENNE esperto lavoro bar, gestione
ordini e personale, HACCP. Non li-
bero subito, esaminerebbe nuove
proposte in Milano. Tel.
345.68.17.584
AUTISTA Presidenziale, fiducia, espe-
rienza e professionalit, cerca lavoro
c/o aziende/privati. 347.32.39.328
AUTISTA privato, piccoli lavori, bella
presenza, ragioniere, colto, affidabi-
le, tre lingue. 388.48.40.484
COLF baby-sitter, cerco lavoro fisso o
giornata, Milano o fuori. Referenzia-
ta. 328.40.56.917
COPPIA domestici srilankesi 35enni,
pluriennale esperienza, referenzia-
tissimi, in regola, offresi per pulizie,
tutto fare. Patente B. 392.44.07.897
CONTABILE neopensionato, autono-
mo fino bilancio, adempimenti/di-
chiarazioni, offresi contabilitpiccola
azienda Milano. 328.68.59.679.
INGEGNERE 61enne ex imprendito-
re, dinamico offresi per collaborazio-
ne a 360 gradi. Tel.345.05.84.957
aldo.mazzola1952@gmail.com
ITALIANA laureata pieni voti, matu-
rit classica: offresi come baby sitter/
dopo scuola ragazzi 6-16 anni. Ot-
tima preparazione italiano, latino,
matematica, inglese, tedesco.
0039.349.61.01.540
TATA italiana, referenziata, esperien-
za ventennale neonati e bimbi, di-
sponibile full-time, serale e notturno
Milano/provincia. 333.98.33.381
ASSISTENTE anziani pulizie domesti-
che referenziata cerca lavoro in Mi-
lanoeprovinciamassimaseriet. Tel:
388.47.05.302
BADANTE regolare, referenziata, of-
fresi fissa Milano, hinterland. Dispo-
nibile sabato/domenica
320.94.63.401
A Milano distribuzione conto terzi im-
piega 3 addetti clienti, rifornimenti,
gestione ordinativi. 02.24.30.29.21
APPARTAMENTI
sontuosi Foro Bonaparte in
edificio d'alta epoca ristruttu-
rati. Plurilocali, terrazzi box.
CE: C - IPE: 80,07 kWh/mqa.
02.88.08.31www.filcasaimmo-
bili.it
BILOCALE angolo cottura Vittor Pisa-
ni, ristrutturato. CE: G - IPE: 187,5
kWh/mqa 02.88.08.31 www.filca-
saimmobili.it
BILOCALE ristrutturato adiacenze
Istria. Balcone, ariacondizionata. Eu-
ro151.000. CE: G- IPE: 364,22kWh/
mqa. 02.88.08.31 www.filcasaim-
mobili.it
BILOCALI nuovissimi viale Monza.
Varie metrature, box. Da 137.000
euro. CE: B - IPE: 33 kWh/mq/a
02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it
CINQUE locali Fiera/Plutarco. Signo-
rilissimo, con giardino. CE: G - IPE:
514,49 kWh/mqa. 02.88.08.31
www.filcasaimmobili.it
DA 150.000 euro appartamenti MM
Zarapalazzoristrutturato. CE: C- IPE:
86,40 kWh/mqa 02.88.08.31
www.filcasaimmobili.it
MONOLOCALE nuovo Affori/Taccioli
in corte d'epoca. Euro 120.500 CE:
D- IPE: 111,1kWh/mqa02.88.08.31
www.filcasaimmobili.it
PARCO DELLE BASILICHE - ultimo
piano trilocale elegantemente arre-
dato. Terrazzo panoramico. Posto
Auto. CE: G - IPE: 288,6 kWh/mqa.
02.88.08.31
APPARTAMENTI varie metrature Le-
gnano zona Ospedale. Box, posti au-
to. CE: da F - IPE: da 152 kWh/mq/a.
02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it
SOCIET d'investimento internazio-
nale acquista direttamente apparta-
menti e stabili in Milano.
02.46.27.03
BILOCALE arredato, Molino delle Ar-
mi, ultimo piano, terrazzino CE: G -
IPE: 313,3 kWh/mqa 02.88.08.31
www.filcasaimmobili.it
BILOCALI trilocali, box, nuova costru-
zione adiacenze Losanna. CE: B - IPE:
33,26 kWh/mqa. 02.88.08.31
www.filcasaimmobili.it
MONOLOCALE Brera ristrutturato,
arredato, termoautonomo. CE: E -
IPE: 136,8 kWh/mq anno
02.88.08.31 www.filcasaimmobili.it
QUADRILOCALE elegante S. Ambro-
gio. Stabile epoca, terrazzo, ottime
finiture. 02.88.08.31. CE: G - IPE:
181,79 kWh/mqa www.filcasaim-
mobili.it
AFFITTIAMO uffici in stabile direzio-
nale Parco delle Basiliche. 1.000 mq.
Frazionabili. Vendita, prezzo interes-
sante. Posti auto. CE: F - IPE: 63,1
kWh/mca 02.88.08.31 www.filca-
saimmobili.it
NEGOZIO /ufficio sette luci, Valtelli-
na-Farini. 650 mq oltre sottonego-
zio, box triplo. CE: F - IPE: 147,22
kWh/mca 02.88.08.31 www.filca-
saimmobili.it
ATTIVIT da cedere/acquistare arti-
gianali, industriali, turistico alber-
ghiere, commerciali, bar, aziende
agricole, immobili. Ricerca soci. Bu-
siness Services Group
02.29.51.82.72
BELLA presenza, signora mezza et,
conoscerebbe gentiluomo amante
arte, lettura, viaggi, generoso di s e
del suo tempo libero per condividerlo
insieme. Massima seriet. Corriere
133-XZ - 20132 Milano
A
CQUISTIAMObrillanti, gioielli
firmati, orologi marche prestigio-
se, monete, argenteria. Il Cordusio
02.86.46.37.85
PUNTO D'ORO
compriamo contanti, superva-
lutazione gioielli antichi, mo-
derni, orologi, oro, diamanti.
Saboti no 14 - Mi l ano.
02.58.30.40.26
Acquistiamo
AUTOMOBILI E FUORISTRADA,
qualsiasi cilindrata, pagamento
immediato. Autogiolli, Milano.
02.89504133 - 02.89511114
A
CQUISTIAMOautoefuoristra-
da anche di grossa cilindrata Mi-
lano Motors 4x4 S.r.l.
02.61.29.86.99
info@milanomotors4x4.com
OCCASIONI Toyota Rav4 D-4D 2012
euro 19.100; Fiat 500c cabrio 2010
euro 9.100; VW Golf 1.6 benzina 5
porte 2007 euro 6.700; Smart Fort-
wo anno 2010 euro 6.600; Alfetta
GTV 2000 asi 1981 euro 8.900. Vet-
ture in perfette condizioni. Autogiolli
- Milano - 02.89.50.41.33
ABBANDONAansia e fatica con i no-
stri trattamenti benessere.
www.body-spring.it 02.91.43.76.86.
ACCOGLIENTE centro benessere ita-
liano, massaggli olistici su lettino e
futon. 02.39.56.06.70
CENTROitalianoriservatoinzonaSan
Siro, massaggi rilassanti molto pia-
cevoli. 338.32.21.086
MASSAGGIOhawaiano, anti stress in
ambiente raffinato. Pelling in bagno
turco, estetica. 02.87.06.93.30
CERCHI inusuali amanti? Appunta-
menti intriganti? Anonimo, efficien-
te, vantaggioso. Approfittane
899.996.101 da 32 centesimi/minu-
to. VM18 MCI
CONCEDITI nuove amiche unicamen-
te tue! Troverai sempre quella giusta!
Approfittane 899.996.101 da 32
centesimi/minuto. VM18 MCI
MALIZIOSAMENTE insieme
899.84.24.73. Viziosa
899.84.24.11. Euro 1,30min/ivato.
VM18. Futura Madama31 Torino
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
Sport 51

Via alla Tirreno
Gdf Suez corre
il Giro dItalia
BOLGHERI (Livorno) (m.bo.)
Sono tante le stelle del ciclismo
alla Tirreno-Adriatico 2014 da
costringere ieri gli organizzatori a
sdoppiarne la presentazione.
Prima i candidati alla vittoria
(Contador, foto, Evans, Quintana,
Uran, Porte e Kwiatkowski, ma c
anche Wiggins atterrato tardi a
Firenze), poi i cacciatori di tappe:
Sagan, Cancellara, Kittel, Greipel,
Gilbert e il nostro Ulissi. Nelle 7
tappe c spazio per tutti: una
cronosquadre (oggi a Donoratico:
RaiSport 2 e Eurosport dalle 14),
tre frazioni per sprinter, un arrivo
in quota nel reatino sabato e una
sorpresa che attende la corsa a
Guardiagrele (Chieti) domenica: un
muro di 600 metri al 30% di
pendenza senza eguali in Italia.
Conclusione marted a San
Benedetto del Tronto con la crono.
Mancano solo Nibali (alla Parigi-
Nizza: ieri volata del tedesco
Degenkolb) e Froome, k.o. Intanto
nuovo sponsor al Giro: Gdf Suez.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Lintervista Lallenatore dellEA7 Armani di basket racconta la felice cavalcata in campionato e in Eurolega rivelando i punti di forza e i problemi da risolvere della sua squadra
Il talento non basta per vincere
Ora Milano lavora e si sacrifica
Banchi: Tanta pressione? No, laffetto dei tifosi ci carica
Il caso Il pm Felici chiude rapidamente linchiesta sulla presunta truffa: Reato insussistente
Federnuoto: arriva la richiesta di archiviazione

di DANIELE DALLERA
Perch una mossa simile?
L
a domanda quasi un tormentone: perch Giovanni Malag,
presidente del Coni, ha fatto una mossa cos pesante che sta
assumendo le dimensioni di una clamorosa gaffe? Attaccare un
presidente di federazione, in questo caso Paolo Barelli, alla guida del
nuoto da una vita, con un esposto alla Procura di Roma per una presunta
attivit fraudolenta, unazione senza ritorno, che induce a sospettare
di avere in mano prove certe. Invece, il pm nel giro di poche settimane, in
tempi record, ha aperto e chiuso il fascicolo definendo insussistente
qualsiasi ipotesi di reato: Barelli innocente come un beb (attenzione c
ancora lesame del gip). Ribadiamo: perch? Non vogliamo credere ai
dietrologi che avanzano retroscena maliziosi: Malag intende arrestare
lascesa internazionale di Barelli (gi presidente del nuoto italiano,
europeo e segretario di quello mondiale) che aspira a una poltrona Cio.
Non ci crediamo, ricordando che Franco Carraro, pur non amando Primo
Nebiolo, da numero uno dello sport italiano aveva sostenuto la
candidatura del suo nemico alla presidenza della atletica
internazionale (Iaaf), poi raggiunta da Nebiolo che si rivel un grande
presidente. Malag uomo brillante, conosce come pochi il mondo e le
buone maniere, comprese quelle diplomatiche. Non le abbandoni pi. E
Barelli non cerchi vendette. Lo sport italiano non ne ha bisogno.
P.S. Ahim verremo smentiti: la guerra solo iniziata.
Giovanni Malag, presidente
del Coni, di fronte alla reazione
di Paolo Barelli alle accuse di
truffa rivolte alla Fin, con la tuta
olimpica dordinanza sulla neve
posticcia di Sochi, disse (5 feb-
braio): Se Barelli sereno e ha
fatto le cose giuste, perch se la
prende cos?. Forse proprio
perch il presidente della Feder-
nuoto pensava di aver fatto le
cose giuste e, qual mostro in
prima pagina, non voleva finire.
Come era avvenuto, con lesplo-
sione della storia il giorno prima.
Reazione che da ieri appare
ancora pi motivata. Anche se
liter giudiziario non si conclu-
so (lultima parola spetta al gip),
Barelli ha incassato un impor-
tante, clamoroso e rapido (quasi
un record) successo, a meno di
due mesi dalle prime carte bolla-
te (quelle dellaudit di Marco Be-
fera, per gli amici Beferino): la
richiesta di archiviazione dellin-
chiesta per i presunti illeciti
(doppia fatturazione di 820 mila
euro per lavori di manutenzione
della piscina del Foro Italico)
presentata del pm Roberto Felici
che lha motivata con linsussi-
stenza del reato denunciato.
Come allora (ma questa volta con
il segretario generale, Roberto
Fabbricini in prima linea), il Coni
sinteticamente prende atto del-
la richiesta di archiviazione (...)
confermando la correttezza della
procedura seguita. La difesa
dellatto dovuto.
Tace la Federnuoto. Paolo Ba-
relli soddisfatto. Il suo telefono
caldo delle telefonate dei presi-
denti (e non solo) anti Malag,
ma la cautela regna sovrana. At-
tende la decisione finale del gip,
prima di far uscire la flotta. Sul
sito della Fin vien riprodotta solo
la notizia dagenzia. Fine. A pesa-
re, sulla decisione del magistra-
to, oltre ai due pareri pro veritate
contro uno (due meglio che
una), dovrebbe essere stato il
duro documento dei revisori dei
conti della Fin, due su tre prati-
camente di nomina Coni. Al di l
delle diverse posizioni e dellan-
nosa inimicizia Malag-Barelli,
restano i dubbi sullaccelerazio-
ne data alla vicenda. Era necessa-
ria tutta questa fretta? Dalla vec-
chia volpe Carraro in gi, se lo
sono chiesti in molti. Barelli una
settimana fa era stato accusato di
ovvismo per laffermazione:
Se fosse confermato il reato, mi
dimetter immediatamente. In
realt, si trattava solo della met
del concetto. Ma se non vero,
qualcuno deve pagare, non pu
finire a tarallucci e vino. Ne re-
ster soltanto uno.
Roberto Perrone
RIPRODUZIONE RISERVATA
MILANO In campo, nella piccola
palestra del Palalido, i giocatori si
randellano il giusto, concentrati, se-
gnando e divertendosi. Litigando per
un canestro concesso o sbagliato. For-
se lormai famosa scritta sul lato corto
della palestra (in inglese, lingua ma-
dre dellallenamento), se non sei qui
per vincere allora sei nel posto sba-
gliato finalmente entrata nella testa
del gruppo. Fischietto in bocca, Luca
Banchi dirige lallenamento del-
lOlimpia chiedendo, e ottenendo,
impegno dai dieci (pi due) sul par-
quet. Perch aver battuto due volte su
due i campioni dEuropa in carica del-
lOlympiacos un buon punto di par-
tenza, ma il traguardo resta ancora
lontano. E perdere un attimo, vedi
quello che successo in Coppa Italia
con Sassari.
comunque da tempo che non si
vedeva una Milano cos spensierata.
S, ci stiamo allenando bene, am-
mette il coach biancorosso. E vedere
due quintetti cos forti fronteggiarsi
d lidea di quanto lEA7 sia almeno
una spanna sopra le altre in Italia. Il
talento c, ma per vincere non basta. I
valori su cui ho cercato di costruire
questa squadra sono gli stessi sin dal-
la scorsa estate: sacrificio, dedizione,
lavoro quotidiano. E partendo da
questi valori, il tecnico con lo scudet-
to sul petto (lui s, avendolo vinto con
Siena la scorsa stagione) prova a ri-
scrivere la storia di una societ che
non vince il titolo italiano da 18 anni.
Senza sentire il peso della responsabi-
lit. Sono tranquillo, non vivo nel-
langoscia. Avrei dovuto sentirla an-
che quando sono subentrato a Siena a
Simone Pianigiani dopo sei scudetti
di fila, eppure ho vinto il settimo.
Conto solo sul lavoro.
Ma Milano diversa, di questo si
sar reso conto.
Lo . Ma continuo a pensare che
sia il lavoro quotidiano a fare la diffe-
renza, a Milano come altrove.
Quindi non sente il peso della
pressione.
No, anzi: la squadra riuscita a ri-
baltarla in un fattore di vantaggio,
non un caso che al Forum abbiamo
quasi sempre avuto un rendimento
alto. Ci piace uscire dal sottopassag-
gio e capire dallapplauso che ci ac-
compagna quanta gente c in tribu-
na: significa che non siamo passati
inosservati.
Qui per hanno fretta di vincere
qualcosa.
Legittimamente, aggiungerei.
Bene. Quindi hanno legittima-
mente fretta di vincere qualcosa. Se
ne sar accorto quando siete usciti
nei quarti di Coppa Italia con Sassa-
ri.
Siamo stati i primi a rimanerci
male. Ho pensato ai vecchi, che aveva-
no gi provato delusioni del genere.
Ai nuovi, che erano stati presi perch
situazioni simili non si verificassero
pi. Siamo arrivati alle Final Eight con
grandi e, ribadisco, legittime aspetta-
tive, nel nostro momento migliore.
Sassari al contrario usciva da una stri-
scia di partite negative. Per questo la
nostra sconfitta stata ancor pi de-
vastante.
I tifosi se la sono presa per i due
giorni di riposo concessi alla squa-
dra dopo leliminazione.
E io dico che su quei due giorni di
riposo, e sui successivi quattro giorni
di allenamenti completi una rarit,
in questo calendario folle che ab-
biamo avuto a disposizione tra una
sfida di Eurolega e laltra, abbiamo
preso labbrivio per la nostra sequen-
za di undici vittorie consecutive.
contento di come stanno andan-
do le cose?
Un allenatore per definizione non
mai contento, per vedo che il grup-
po cresce e persegue sempre pi
unarmonia superiore del gioco.
Che cosa intende per armonia
superiore del gioco?
Non ci sono parametri precisi per
definirla. Per ci sono percezioni,
sensazioni, distribuzione del gioco.
Capacit di muoversi in maniera co-
ordinata, in difesa e in attacco, dispo-
nibilit ad aiutare chi aiuta....
E questa armonia sta arrivando?
Un po alla volta.
Le vittorie in Eurolega aiutano?
Molto. Anche se non dimentico
mai che a Milano le cose cambiano
molto, troppo in fretta.
In che senso?
Si ingigantiscono le vittorie cos
come le sconfitte. Bisognerebbe tro-
vare maggiore equilibrio. Oggi alla
squadra si chiede di andare avanti in
Europa, tre mesi fa sentivo dire di gio-
catori che non avrebbero mangiato il
panettone.
E invece lhanno mangiato.
E ora fanno la differenza in cam-
po. Spesso da queste parti di fronte al-
le difficolt si reagisce cambiando, io
invece parto dal concetto di recupero.
E di valorizzazione del personale.
Con Langford sta funzionando.
Ma non solo con lui.
Con Gentile non ancora.
Non ho problemi ad ammettere
che finora Alessandro quello che
cresciuto meno degli altri. Ma lui
super, e ne sono cos convinto da sbi-
lanciarmi nel dire che lui diventer
uno dei custodi del tempio milanese,
con Hackett e Melli.
Com il suo rapporto con la citt?
Molto circoscritto. Ho preso casa
vicino al Palalido per poter ottimizza-
re il poco tempo a disposizione.
In sette mesi, quante volte ha pas-
seggiato per piazza del Duomo?
Forse tre....
E il suo rapporto con la propriet?
Altamente professionale. Ma det-
to questo, credo che allesterno si per-
cepisca poco dellentusiasmo che pro-
va il signor Armani per la pallacane-
stro. Il signor Armani quello che te-
lefona per sapere come va e che sta in
tribuna con una frequenza che mai
avrei immaginato.
un tifoso vero, insomma.
Faccio un esempio. Davo per
scontato che quando abbiamo giocato
in casa con Malaga non fosse in tribu-
na, era la settimana della moda e la
mattina dopo cerano due sfilate. Be-
ne, abbiamo presenziato a una sfilata
la mattina successiva e la prima cosa
che ha fatto il signor Armani stato
venirci a salutare e parlare della parti-
ta della sera prima: laveva vista in tv.
Che cosa ha di pi e che cosa di
meno Milano rispetto a Siena?
Domanda difficile... Per posso
dire che Siena mi ha dato una consa-
pevolezza che ora posso trasmettere a
Milano.
Vincerete lo scudetto?
Intanto cerchiamo di riportare
nella squadra lo spirito del passato,
quello del lavoro e della lotta sul cam-
po. Quando ci saremo riusciti, il gros-
so del lavoro sar stato fatto.
Roberto De Ponti
Werther Pedrazzi
RIPRODUZIONE RISERVATA
bb
Armani sempre vicino
Mi colpisce
lentusiasmo di Giorgio
Armani, ci sta vicino, ci
aiuta, vuole sapere...
Ha detto
bb
I custodi del tempio
Gentile deve crescere,
ma un super e
con Hackett e Melli sar
il custode del tempio
bb
Il Duomo e il Palalido
Ho preso casa vicino al
Palalido per ottimizzare
il tempo, in Duomo
ci sar andato 3 volte
Scontro A sinistra
Giovanni Malag, 55
anni domani, con Pa-
olo Barelli, 59, presi-
denti del Coni e della
Federazione nuoto
Grinta Luca Banchi, 48 anni, alla sua prima stagione a Milano, festeggia dopo una vittoria con David Moss (Ciamillo Castoria)
52
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

SERVIZIO
ACQUISIZIONE
NECROLOGIE
ATTIVO DA LUNEDI A DOMENICA 13.30-19.30
CON SUPPLEMENTO 20% SULLA TARIFFA BASE
Tel. 02 50984519 - Fax 02 25846003
www.necrologi.corriere.it
e-mail: acquisizione.necrologie@rcs.it
SI ACCETTANO RICHIESTE VIA WEB, E-MAIL E CHIAMATE DA CELLULARI SOLO DIETRO
PAGAMENTO CON CARTA DI CREDITO
LINVIO DI UN FAX DEVE ESSERE ACCOMPAGNATO DA COPIA DI UN DOCUMENTO DI IDENTITA
Servizio fatturazione necrologie:
tel. 02 25846632
mercoled 9/12.30 - gioved/venerd 14/17.30
fax 02 25886632
e-mail: fatturazione.necrologie@rcs.it
Servizio sportello da luned a venerd
Milano: Via Solferino 36 orario continuato dalle 9 alle 17.45
Informativa ai sensi dellart. 13 D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali).
Conformemente allimpegno e alla cura che la nostra societ dedica alla tutela dei dati personali, La informiamo sulle modalit,
nalit e ambito di comunicazione e diffusione dei Suoi dati personali e sui Suoi diritti, in conformit allart. 13 del D. Lgs.
196/2003. Per permetterle di usufruire dei servizi offerti da RCS MediaGroup S.p.A., la stessa deve trattare alcuni Suoi dati. I
dati personali che Lei fornir al Titolare, verranno registrati e conservati su supporti elettronici protetti e trattati con adeguate
misure di sicurezza. I dati saranno trattati da RCS MediaGroup S.p.A. esclusivamente con modalit e procedure necessarie per
fornirLe il servizio da Lei richiesto. I dati non saranno diffusi ma potranno essere comunicati, sempre per la predetta nalit, a
RCS MediaGroup S.p.A., oltre che a societ che svolgono per nostro conto compiti di natura tecnica od organizzativa strumentali
alla fornitura del servizio richiesto, e che sono stati nominati Responsabili del Trattamento. Lei ha diritto di conoscere, in
ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi sono utilizzati. Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, retticare o
cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento. Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art.7 del D. Lgs
196/2003. Per ogni informazione riguardo ai diritti pu rivolgersi, a tal ne, al Responsabile del trattamento dei dati personali di
RCS MediaGroup S.p.A. scrivendo allo stesso c/o RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Pubblicit - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano.
Diritto di trasmissione:
pagamento anticipato 1,67 - pagamento differito 5,00
Laccettazione delle adesioni subordinata
al pagamento con carta di credito
RCS MediaGroup S.p.A. - Via Rizzoli,8 - 20132 Milano
TARIFFE BASE IVA ESCLUSA:
Necrologie: 5,00
Adesioni al lutto: 10,00
Necrologie: 1,90
Adesioni al lutto: 3,70
Solo anniversari,
trigesimi e ringraziamenti: 540,00
Solo anniversari,
trigesimi e ringraziamenti: 258,00
Corriere della Sera
Gazzetta dello Sport
PER PAROLA:
A MODULO:
PER PAROLA:
A MODULO:
Maria Paola piange la scomparsa del suo ama-
to
Saverio
marito e compagno di tutta la vita, insostituibile
per affetto, energia, positivit, carisma, esempio
ed incoraggiamento.- I funerali avranno luogo
gioved 13 marzo alle ore 10.30 al Cimitero Mo-
numentale di Milano.
- Varese, 10 marzo 2014.
Il nostro caro pap e "comandante"
Saverio
mancato.- Con dolore immenso lo annunciano
Teodoro con Maria Grazia Alberto Pietro e Carlo,
Piero con Ilaria Seo junior Jacopo e Tommaso,
Alessandro con Francesca Anna e Stefano.
- Varese, 10 marzo 2014.
Carissimo
Saverio
anche tu - come Nene, Natalio e Vittorio - mi hai
preceduto in questo passaggio ineluttabile.- A
me non resta che il pianto e il ricordo della tua
vita caratterizzata dalla nobilt d'animo.- Caro
fratello, sei stato l'uomo pi generoso che abbia
mai incontrato.- Niente impermanente e resto
solo, ma mi terranno compagnia la memoria viva
della nostra famiglia, della tua gentilezza e degli
anni trascorsi insieme in spirito amorevole e so-
lidale, senza mai perdere la fiducia, nonostante
il vento contrario.- Ora il tempo del silenzio.-
Ciao Saverio che tu possa essere finalmente li-
bero dal dolore.- Un abbraccio fraterno, tuo An-
tonio. - Milano, 10 marzo 2014.
Teodoro, Domenico con Eleonora, Raffaela con
Michele, ed i loro figli, si stringono forte alla zia
Paola ed ai loro cugini nel ricordo dello
zio Saverio
- Milano, 10 marzo 2014.
Antonio, Saverio, Bruno, Mario, con le rispet-
tive famiglie, con infinita tristezza e rimpianto per
la scomparsa del caro, indimenticabile cugino
Saverio
condividono l'immenso dolore di Mariapaola, dei
suoi ragazzi Teodoro, Piero, Alessandro, di Anto-
nio, Marika, Lalla, e di tutte le loro famiglie e
sono loro vicini in questo difficile momento, con
grande affetto. - Milano, 10 marzo 2014.
Marziano e Grazia, Gigi e Morena con le ri-
spettive famiglie si stringono in un fraterno ab-
braccio a Mariapaola, figli e parenti tutti nel ri-
cordo del caro e amato
Saverio
- Monza, 11 marzo 2014.
Ha faticosamente preso il volo verso luoghi mi-
gliori
Saverio
cognato e zio insostituibile.- Dotato di grandi ca-
pacit e valori umani stato fondamentale punto
di riferimento per tutti noi.- Lalla e tutti i suoi ra-
gazzi. - Milano, 10 marzo 2014.
Partecipa al lutto:
Studio Legale Brancato.
Il vostro, nostro amato
Saverio
ci ha lasciati, ma continueremo a sentire la sua
presenza accanto a noi che gli abbiamo voluto
bene.- Con questo sentimento siamo vicini a Ma-
ria Paola Teodoro Piero e Alessandro con le loro
famiglie.- Marika, Daniela con Lorenzo e Allegra,
Niccol, Bettina e Alberto, Andrea e Carola.
- Milano, 11 marzo 2014.
Partecipano al lutto:
Lodovico, Meiko e Julia Bevilacqua.
Guido e Anna Corazza.
Maria Grazia Crippa Ranza con i figli e le ri-
spettive famiglie, si stringe affettuosamente ad
Alessandro ed a tutti i suoi cari in questo momen-
to di dolore per la morte di
Saverio Catanese
- Varese, 11 marzo 2014.
Giorgio e Antonella Ferrario, con Elena e Fran-
cesca, partecipano al dolore della famiglia Cata-
nese per la perdita del
rag. Saverio Catanese
e sono affettuosamente vicini ad Antonio, nel ri-
cordo del fratello. - Milano, 11 marzo 2014.
Valerio Rotondo partecipa al dolore di Antonio
per la perdita dell'amato fratello
Ing. Saverio Catanese
- Napoli, 11 marzo 2014.
Michele Cianci e le figlie Carla e Giovanna ab-
bracciano l'ingegner Antonio Catanese e tutti i
suoi cari per la scomparsa del
rag. Saverio Catanese
- Milano, 11 marzo 2014.
I dipendenti e i collaboratori della societ
Oriente Srl sono vicini con affetto all'ingegner An-
tonio Catanese ed ai suoi familiari in questo do-
loroso momento per la scomparsa del
rag. Saverio Catanese
- Milano, 11 marzo 2014.
Francesco e Sonia sono vicini alla signora Ma-
ria Paola, Teodoro, Piero ed Alessandro per la
perdita dell'amato
Saverio Catanese
- Morosolo, 11 marzo 2014.
A nome della societ Getoil Srl, il Presidente
Cristian Emanuele Gambini e l'Amministratore
Delegato Elio Gambini partecipano al grave lutto
che ha colpito la famiglia Catanese per la perdita
del
Rag. Saverio Catanese
porgendo le pi sentite condoglianze.
- Milano, 11 marzo 2014.
Elio Gambini si stringe con affetto alla famiglia
per la scomparsa di
Saverio
- Milano, 11 marzo 2014.
I Cavalieri del Gran Priorato d'Italia si stringo-
no al loro Gran Maestro cavaliere Antonio Cata-
nese partecipando al suo dolore ed a quello della
famiglia per la perdita del
Rag. Saverio Catanese
- Milano, 11 marzo 2014.
Partecipa al lutto:
Niso Shrine Club.
Saverio Catanese
Partecipano al lutto:
Gegia e Giovanni Gualtieri.
Daniela e Daniele Bertini.
Ci ha lasciati
Giuseppe Josca
Lo annunciano con immenso dolore i figli Isabel-
la e Paolo con le loro famiglie ad esequie avve-
nute.- Ciao papi, porteremo sempre con noi la
tua passione per la vita, la tua generosit e umil-
t.- Ci rimangono le tue parole e il ricordo delle
nostre avventure in giro per il mondo.- E ora, tu
e mamma potete tenervi di nuovo per mano.
- Roma, 9 marzo 2014.
Ferruccio de Bortoli e la redazione del Corriere
della Sera sono vicini a Isabella e a Paolo e ri-
cordano con grande affetto la figura professio-
nale e umana di
Giuseppe Josca
grande inviato, intellettuale, gentiluomo.
- Milano, 11 marzo 2014.
Ricorderemo sempre
Pino Josca
vero signore d'altri tempi, ora per sempre insie-
me all'amata Natalia.- Un sincero abbraccio a
Isabella e alla sua famiglia.- Franco, Paola, Chia-
ra e Federico. - Roma, 9 marzo 2014.
Giorgio e Sabrina Wetter, Alessandro e Sari
Taddei, Thomas e Yana Schaller si stringono ad
Isabella e Paolo per la scomparsa del loro caro
pap
Pino Josca
- Roma, 12 marzo 2014.
Si spenta serenamente
AngelaBellini Cairoli
Ne danno il triste annuncio la mamma Andreina,
la figlia Gloria con il marito Eugenio, il figlio Ni-
cola con la moglie Elena ed i nipoti Beatrice ed
Edoardo.- I funerali si terranno presso la chiesa
parrocchiale di Brivio (LC) il giorno 12 marzo alle
ore 15.30. - Brivio, 11 marzo 2014.
Stephi e Mario piangono
Angela
amica di una vita. - Milano, 11 marzo 2014.
AngelaBellini Cairoli
Partecipano al lutto:
Antonio e Anna Antonelli e famiglia.
Le famiglie Seghi Recli.
Sei partito per il tuo grande viaggio, i tuoi
splendidi occhi blu e il tuo caldo sorriso ci accom-
pagneranno per sempre.- Cos ricordano il
Dott. Renato Jazzarelli
la moglie Angela, i figli Silvia con Massimo e Mar-
gherita, Claudio con Gabriella, Marco e Andrea.
- Milano, 11 marzo 2014.
Partecipano al lutto:
Ada Cova Azria con Nilo e Bruno e famiglie.
Olga Jazzarelli e figli.
Gianfranco Luisa e figli.
Anna, Mariagrazia, Paola Antola e famiglie.
Francesca e Luigi abbracciano Silvia e Claudio,
partecipi del loro immenso dolore per la perdita
del pap
Renato
- Milano, 11 marzo 2014.
Aimo, Cino, Davide, Edi, Franco, Mariagrazia,
Nuccio, Rodolfo e Sandra piangono l'amico
Renato
col quale hanno condiviso una lunga parte del
loro cammino professionale, e sono affettuosa-
mente vicini ad Angela, Silvia e Claudio.
- Milano, 11 marzo 2014.
Dario Di Vico partecipa al dolore della famiglia
per la scomparsa dell'amico
Angelo Agostini
un grande innamorato del giornalismo.
- Milano, 11 marzo 2014.
Il Dipartimento di Scienze della Comunicazio-
ne e dello Spettacolo, l'Alta Scuola in Media Co-
municazione e Spettacolo e la Scuola di Giorna-
lismo dell'Universit Cattolica del Sacro Cuore di
Milano partecipano al dolore della famiglia del
prof. Angelo Agostini
amico e collega stimato.
- Milano, 11 marzo 2014.
Il Rettore, Professor Giovanni Puglisi, le auto-
rit accademiche tutte, i docenti, il personale non
docente e gli studenti dell'Universit IULM di Mi-
lano con viva commozione e profondo cordoglio
annunciano l'immatura scomparsa del
Prof. Angelo Agostini
associato di Teorie e tecniche del linguaggio gior-
nalistico e associandosi al dolore della famiglia
ne ricordano l'impegno, la seriet e l'intelligenza.
- Milano, 11 marzo 2014.
Guido e Francesca Rossi ancora increduli pian-
gono la scomparsa dell'amico
Guido Mucciarelli
Rimarr sempre con loro la sua grande capacit
intuitiva, il rigore scientifico e la sua delicatezza
d'animo.- Sono vicini a Francesco e alla sua fa-
miglia per il loro grande dolore.
- Milano, 11 marzo 2014.
Renato Palmieri abbraccia Antonio e Francesco
nel momento del lutto per la perdita del figlio e
fratello
Avv. Prof. Guido Mucciarelli
e si associa al loro dolore con antico affetto.
- Milano, 11 marzo 2014.
I soci e collaboratori dello studio Cleary Got-
tlieb Steen & Hamilton LLP si uniscono all'Avvo-
cato Professore Francesco Mucciarelli e alla fa-
miglia nel dolore per la scomparsa dell'
Avvocato Professore
Guido Mucciarelli
di cui rimpiangono le alte doti umane e profes-
sionali. - Milano, 11 marzo 2014.
Caro amico
Avv. Luigi Palmieri
ci hai lasciato silenziosamente, come avrebbe vo-
luto il tuo carattere schivo e riservato.- Ti ricor-
der seduto alla tua scrivania, mentre studiavi
uno dei fascicoli di studio, con la saggezza e la
preparazione che esprimevi nel tuo impegno di
Avvocato.- Un affettuoso abbraccio a Clara ed a
tutta la tua famiglia cui mi legano tanti anni di
vera amicizia.- Francesco Cangiano.
- Milano, 11 marzo 2014.
I condomini e l'amministratore del condominio
via Teuli n. 16, Milano, partecipano al dolore
della famiglia per la scomparsa dell'
Avv. Luigi Palmieri
- Milano, 11 marzo 2014.
mancato all'affetto dei suoi cari
Raffaello Mori
Lo annunciano la moglie Valentina, la figlia Van-
na con Matteo, il nipote Federico, il fratello Etto-
re, i nipoti e parenti tutti.- I funerali si terranno
gioved 13 marzo alle 15.30 nella chiesa dei SS.
Pietro e Paolo di Muggi.
- Muggi, 11 marzo 2014.
Il nipote Federico si unisce al dolore della fa-
miglia per la perdita della cara zia
LuisaGrimaldi Quartieri
- Milano, 10 marzo 2014.
Pierandrea e Katinka con Francesca Nicol Ste-
fania e Gaia sono vicini con tutto il cuore a Gian-
paolo e Ferdinando nel pensiero della mamma
Sesi
- Milano, 11 marzo 2014.
Ricordando con grande rimpianto la cara ami-
ca
Sesi Grimaldi Quartieri
Maurizio e Barbara Mattioli partecipano al dolore
di Gian Paolo e Ferdinando.
- Milano, 11 marzo 2014.
LuisaGrimaldi Quartieri
Partecipano al lutto:
Carola ed Eugenio Rainoldi.
Con ali d'angelo, fra mille colori, accompagna-
ta dall'abbraccio di tutti i bambini, ciao
Matilde
I bambini e le maestre della IC della scuola di via
Palermo, Milano, si stringono forte a Cecilia, alla
sua mamma e al suo pap.
- Milano, 11 marzo 2014.
Matilde De Laurentiis
Ciao Matilde, il tuo sorriso birichino rimarr sem-
pre nel mio cuore.- Rita con Claudio, Matteo, Pe-
tra, Caterina, Michele, abbraccia con infinito af-
fetto Matteo, Elisabetta, Cecilia, Anna e Piero in
questo momento di immenso dolore.
- Milano, 11 marzo 2014.
Commossi, i genitori dell'Associazione scolasti-
ca GPP, si stringono ad Elisabetta, Matteo e Ce-
cilia nel ricordo di
Matilde
- Milano, 11 marzo 2014.
Geri e Silvana Della Rocca de Candal parteci-
pano commossi al dolore della famiglia per la
scomparsa della
duchessa
MariaLetiziaGladys
de Vargas Machuca
- Milano, 11 marzo 2014.
Il condominio di piazza Amendola 3, Milano
partecipa al dolore per la perdita della
Duchessa
MariaLetiziaGladys
de Vargas Machuca
- Milano, 11 marzo 2014.
Il cugino Pierantonino Bert con i figli France-
sca e Roberto e con i fratelli Enrico e Maria ab-
braccia nel dolore Mariuccia e Claudio per la
scomparsa del carissimo
Marco Fertonani
- Milano, 11 marzo 2014.
"Non omnis moriar".
Maso, Ina ed Anna, con profonda commozione
sono vicini a Mara e Claudio per la scomparsa
del caro
Dott. Marco Fertonani
ricordandone la figura di uomo giusto e probo,
di vero Maestro di vita e di etica, e di eccezionale
manager. - Milano, 11 marzo 2014.
mancato all'affetto dei suoi cari
Camillo Bascialli
Ne danno l'annuncio la moglie Lucia, il figlio Fi-
lippo, la figlia Francesca con il marito Diego e la
piccola Diana.- Per informazioni sui funerali con-
tattare l'Impresa San Siro n. 02.32867.
- Milano, 11 marzo 2014.
Nella pace del Signore, ha raggiunto il figlio
Enrico
Francesco Armando Roncallo
Ammiraglio Ispettore Capo
Genio Navale
Ne danno il triste annuncio la moglie Enza, la
figlia Laura con il marito Fabrizio, i cari nipoti
Giorgio e Francesca, i parenti tutti.- I funerali si
svolgeranno gioved 13 marzo alle ore 10 nella
chiesa di Santa Chiara in piazza dei Giochi Del-
fici, Roma. - Roma, 12 marzo 2014.
Fiorenzo Bernasconi
Amici e colleghi di Exton sono vicini a Marco ed
alla sua famiglia in questo momento di dolore.
- Como, 10 marzo 2014.
Giovanna Montanari, Enrico De Carlo e tutti i
dipendenti di Falqui Prodotti Farmaceutici S.p.A.
si uniscono al gravissimo lutto che ha colpito la
famiglia Della Casa e Della Santa per la morte
di
Roberto DellaCasa
e porgono sentite condoglianze.
- Milano, 11 marzo 2014.
Ciao
Roberto
Giovanna. - Milano, 11 marzo 2014.
Renato e i figli Massimo, Andrea, Angelo con
Elettra e Ettore annunciano con profondo dolore
la scomparsa di
LilianaRavelli Corsico
I funerali si terranno il giorno 13 marzo alle ore
10 presso la cappella del Sacro Cuore, in Pavia.
- Pavia, 11 marzo 2014.
Salutiamo con gratitudine il
Prof. Silvano Boccardi
fondatore del nostro reparto, indimenticabile
Maestro della Scuola di Fisioterapia.- Il personale
della Fisioterapia, Ospedale San Carlo.
- Milano, 11 marzo 2014.
Gli alunni ed i genitori della classe I media E
del Collegio San Carlo di Milano partecipano al
dolore della professoressa Donella Dami per la
perdita del marito
Prof. Giorgio Castoldi
- Milano, 11 marzo 2014.
Daniele Arrigo, Alessandra Corvo, la figlia
Chiara, partecipano la scomparsa del caro
zio Roberto Burgio
per tutti noi esempio di integrit, professionalit,
riservatezza. - Milano, 11 marzo 2014.
mancato il
Dott. Romolo Calciati
Lo annuncia il figlio Alessandro con Anna, i cari
nipoti Paolo, Andrea, Francesco e Eleonora.
- Mortara, 9 marzo 2014.
Le sorelle Mirella ed Elena, Ugo, Paola e Piero,
Giorgia e Giulia e i nipoti salutano
Paolo del Bono
che sempre stato loro accanto con generosit
e amore. - Milano, 11 marzo 2014.
Lo Studio Odontoiatrico del Dottor Alberto di
Feo e tutti i collaboratori ricordano il
Prof. Alberto Laurenza
indimenticabile maestro di tecnica di stile e di vi-
ta. - Milano, 11 marzo 2014.
Adriana Lecomte abbraccia Susy, Stefania e
Raffaele nel ricordo della dolcissima
EmanuelaFanciulli
- Milano, 11 marzo 2014.
AnnaMariaGonnelli
Abbracciamo Alessandro, Sabina, Chiara e fami-
glie.- Maria Neve Giuseppe Carlo Pietro Bertoli-
ni. - Monza, 11 marzo 2014.
Ferdinando e Fabio Jacopini partecipano com-
mossi al dolore dei famigliari di
Mario Palmaro
- Milano, 11 marzo 2014.
12 marzo 2006 - 12 marzo 2014
Carmela e Federico con infinito amore ricor-
dano a quanti lo conobbero
Franco Stampacchia
Una messa sar celebrata oggi ore 17 nella chie-
setta San Francesco di Sales, via Portuense 524,
Roma. - Roma, 12 marzo 2014.
12 marzo 2007 - 12 marzo 2014
Sei sempre nel mio cuore
Gianfranco Bagiardi
Un grazie ai nostri amici.- Andreina.
- Milano, 12 marzo 2014.
12 marzo 1990 - 12 marzo 2014
I figli con i nipoti ricordano con nostalgia e af-
fetto la loro amata mamma
Ismene Pandozy De Martini
- Milano, 12 marzo 2014.
2004 - 2014
Sergio Friggi
Mi manchi infinitamente.- Graziella.
- Milano, 12 marzo 2014.
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
53

Il Tempo
Ogni giorno le PREVISIONI della tua citt sempre con te
Digita: mobile.corriere.it nel browser del telefonino
Il servizio gratuito salvo i costi di connessione internet previsti dal piano tariffario del proprio operatore
Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile
Sole Nuvolo Coperto Pioggia Rovesci Temporali Neve Nebbia Debole Moderato Forte Molto forte Calmo Mosso Agitato
MARE vENTO
h0ova 0|t|mo g0arto Pr|mo g0arto P|eoa
Sc|e a||e
T|arc||a a||e
OGGl
LE PREVlSlONl
lL SOLE LA LUNA
LE TEMPERATURE Dl OGGl
8ar| Pa|ermo 8o|ogoa F|reoze Tor|oo hapo|| 8oma N||aoo 6eoova Veoez|a
lN EUROPA
ASlA AUSTRALlA
Vancouver
Ch|cago
San Franc|sco
New York
Los Ange|es
C|tt de| Mess|co
Buenos A|res
Sant|ago
Caracas
Bogot
R|o
de Jane|ro
L|ma
Luanda
Casab|anca
I| Ca|ro
Lagos
Na|rob|
C|tt de| Capo
De|h|
Pech|no
Tokyo
Shangha|
Bangkok
G|acarta
Sydney
Seu|
NORD AMERlCA SUD AMERlCA AFRlCA
DOMANl
R. Calabria
Catania
Palermo
Alghero
Cagliari
Olbi
Aosta
Torino
Milano
Trento
venezia
Trieste
Genova
Bologna
Firenze
Perugia
Ancona
L'Aquila
Roma
Campobasso
Napoli
Bari
Potenza
Cata
LE TEMPERATURE Dl lERl lN lTALlA
m|n max
Ancona
Aosta
Bari
Bologna
Bolzano
Brescia
Cagliari
m|n max
Campobasso
Catania
Crotone
Cuneo
Firenze
Genova
lmperia
L'Aquila
Lecce
Messina
Milano
Napoli
Olbia
Palermo
Parma
Perugia
Pescara
Pisa
Potenza
R. Calabria
Rimini
Roma
Torino
Trento
Trieste
Udine
venezia
verona
m|n max m|n max m|n max
S = Sereno P = Pioggia N= Nuvoloso T = Temporale C= Coperto v = Neve R = Rovesci B = Nebbia
Fronte
0a|do
Fronte
Freddo
Fronte
0cc|uso
8assa
Press|one
L
A|ta
Press|one
H
Ed|mburgo
Dub||no
Londra
Amsterdam
Par|g|
Praga
Os|o
Copenaghen
Stocco|ma
He|s|nk|
Varsav|a
K|ev
V|enna
Ber||no
L|sbona
T|rana
Atene
Ankara
A|ger|
Barce||ona
Be|grado
Bucarest
Madr|d
M||ano
Roma
Tun|s|
Aosta
M||ano
Tor|no
Genova
Bo|ogna
Trento
Venez|a
F|renze
Tr|este
Ancona
Perug|a
L'Aqu||a
ROMA
Campobasso
Napo||
Potenza
Bar|
Catanzaro
Pa|ermo
Cag||ar|
a cura di
VENERD SABATO DOMENlCA
1 mar. 8 mar. 1 mar. 23 mar.
1S
16
17
14
17
19
18
16
17
1S
14
12
16
11
17
15
10
1S
16
15
17
17
15
14
6:09
17:55
6:22
18:10
6:32
18:16
6:32
18:17
6:47
18:30
6:19
18:05
6:26
18:12
6:41
18:24
6:42
18:26
6:29
18:12
Una moderata
circolazione instabile e
relativamente fredda di
matrice russa interessa
l'Est Europa, in
particolare le regioni
orientali e meridionali del
Mar Nero e l'Est
Mediterraneo, con nubi
diffuse, piogge sparse e
anche qualche nevicata
a bassa quota sui
settori Nord del Mar
Nero. Correnti umide
nordatlantiche portano
nubi e piogge anche sul
Nord della Norvegia,
prevale il bel tempo
altrove.
Sull'ltalia si afferma una estesa area di alta pressione che porter bel tempo soleggiato e stabile su tutto il Paese per diversi giorni. vanno rilevate soltanto
un po' pi di nubi sulla Sicilia, con piogge sparse di tanto in tanto, e qualche addensamento occasionale anche sulla Sardegna. verso il weekend, una
maggiore nuvolosit con deboli piovaschi potr interessare anche la Lucania e la Calabria. Clima mite e primaverile ovunque.
6 12
1 11
8 11
4 14
3 14
3 15
5 15
N
N
N
S
S
S
S
3 6
2 14
7 14
3 13
10 14
11 16
11 19
C
N
S
N
N
S
S
3 9
6 12
7 16
5 14
6 13
5 14
8 16
N
N
N
S
N
N
N
4 14
9 10
9 12
8 15
2 5
7 16
8 14
S
N
N
S
R
N
N
6 15
3 14
3 12
10 16
3 15
7 15
7 15
N
S
S
S
S
S
S
20
15
16
17
15 16
17
12
1S
16
16
1S
8
10
12
12
15
15
14
9
12
1S
11
9
11
7
S5
0
29
10 8
17
25
1S
1
25 21
1S
20
1S
20
26
25
27
S2
28
22
18
21
28
S0
25
Sudoku Difficile

P
u
z
z
le
s
b
y
P
a
p
p
o
c
o
m
2 7 1 5
1 7 8 9
8
7 6 3 4 2
1 6
3 8 1 7 5
9
5 9 7 4
4 1 6 9
1 4 8 9 2 6 3 7 5
6 9 7 3 5 1 4 8 2
3 5 2 8 7 4 9 6 1
7 6 4 2 3 9 1 5 8
8 2 5 4 1 7 6 9 3
9 1 3 5 6 8 7 2 4
5 7 1 6 8 3 2 4 9
4 8 6 1 9 2 5 3 7
2 3 9 7 4 5 8 1 6
Come si gioca
Bisogna riempire la
griglia in modo che ogni
riga, colonna e riquadro
contengano una sola
volta i numeri da 1 a 9
LA SOLUZIONE DI IERI
Altri giochi su www.corriere.it
Giochi e pronostici
Lotto
Estrazioni di marted 11 marzo 2014
BARI 40 20 72 30 19
CAGLIARI 65 79 12 9 89
FIRENZE 57 68 35 4 80
GENOVA 28 83 9 11 7
MILANO 2 5 86 62 10
NAPOLI 36 53 68 60 30
PALERMO 41 34 31 68 54
ROMA 5 11 28 16 61
TORINO 89 71 31 90 26
VENEZIA 44 30 41 72 37
NAZIONALE 29 46 51 31 37
10eLotto I numeri vincenti
2 5 11 20 28 30 34 36 40 41
44 53 57 65 68 71 72 79 83 89
Superenalotto
Combinazione vincente

49

51

53

56

58

81
12 Numero Jolly 37 Numero SuperStar
Jackpot indicativo prossimo concorso: 6.700.000,00
Ai 6: -
Ai 5+ -
Ai 5: 12.896,29
Ai 4: 312,03
Ai 3: 20,36
Ai 5 stella: -
Ai 4 stella: 31.203,00
Ai 3 stella: 2.036,00
Ai 2 stella: 100,00
Agli 1 stella: 10,00
Agli 0 stella: 5,00
www.corriere.it/giochiepronostici
Oggi su www.corriere.it
I pi letti
1
2
3
4
5
Roma, baby squillo dei Parioli: anche il marito
di Alessandra Mussolini tra gli indagati
Italicum, s a soglie e ballottaggio
Non passa il ritorno alle preferenze
Italicum, Bersani: Occorre cambiare
Berlusconi? Se ne far una ragione
Il giorno pi lungo delle parlamentari
Lamara presa datto delle sconfitte
Ridurre il cuneo fiscale delle aziende: unica
strada per creare occupazione
Motori
Incentivi per gli scooter
Sconti fino a 750 euro per chi
sostituisce scooter Euro 0 e 1
con nuovi modelli.
Spagna
A 10 anni dagli attentati
Dieci zaini con esplosivo in
quattro treni regionali a
Madrid: 191 morti. Video.
Tecnologia
Ping pong, sfida al robot
Spot della tedesca Kuka: i suoi
robot contro il campione
europeo di ping pong. Guarda.
Governo
Le misure
Riduzione del
cuneo fiscale e
meno tasse per
le famiglie:
Renzi presenta
il pacchetto
Jobs Act.
54
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera

Tv
in chiaro
Ra|1
rai.it
Ra|2
rai.it
Ra|3
rai.it
Re|e4
mediaset.itIrete4
||a||a1
mediaset.itIitaIia1
Ca|a|e5
mediaset.itIcanaIe5
|a7
Ia7.it
|v
mtv.it
20.00 IL6I08hkL.
20.30 kFFk8I I00I.
Varieta. Conduce
Flavio lnsinna
21.10 I8IL055k. 5I08Ik
0'kM08 0I
F05Ik. Niniserie.
Con Nichele
Placido, Nonica
uerritore
20.30 I6 2 20.30.
21.00 I 0I0 0F IIkL.
Nusicale.
Conduce Valentina
Correani, Federico
Russo.
Con Raffaella Carra,
J-Ax, hoemi, Piero
Pelu
23.55 I6 2.
20.00 8L08. Attualita
20.15 500h050I0II.
Realit]
20.35 0h F05I0 kL 50L.
8oap
21.05 0I L'k I5I0?
Attualita
23.15 6kI80. Attualita.
Conduce Diego
Bianchi
20.30 0kMFI0h5 Lk60.
Barcellona -
Nanchester Cit].
Calcio
22.35 5F0IkL
0kMFI0h5
Lk60.
Calcio
24.00 0hI80 Lk h0IIIIk.
Attualita
21.10 IL 568I0.
Telenovela
23.30 FILM h08I
000hI8 - 5I08Ik
0I J05. (Dramm.,
Usa, 2OO5j. Regia di
hiki Caro. Con C.
Theron, F.
NcDormand, 8.
8pacek
19.20 0.5.I - 50hk 0L
08IMIh. Telefilm.
Con william
l.Peterson, Narg
Helgemoerger
21.10 L Ih 50w.
Varieta. Conduce
llar] Blasi, Teo
Nammucari. Con
ialappa's
20.00 I6 Lk7.
20.30 0II0 MII0.
Attualita. Conduce
lilli ruoer
21.10 L Ihk5I0hI
8k88k8I0. Talk
show. Conduce
Daria Bignardi
24.00 I6 Lk7 - hI6I
05k. Attualita
13.45 k80 IIM5: IMFI
008I F8 8J
8868. Telefilm
14.15 508085. 8erie
15.10 M008h FkMIL.
Telefilm
16.00 6Ihhk5I - II
Fk8kLLL. Varieta
16.50 Ih M0M. Varieta
17.50 Ih 08I85. Varieta
18.20 6Ihhk5I - II
Fk8kLLL. Varieta
19.20 508085. 8erie
20.15 M008h FkMIL.
Telefilm
21.10 Ih M0M 3. Varieta
22.00 Ihk68 Ih 08I5I
0I F50. Varieta
23.00 FILM kIhk 800I5 -
00I5kMhI
0I85I.
58k
16.30 F008I F8I60. Varieta
17.00 0Jk II5.
Nusicale
18.00 k F80F05II0 0I
88Ikh. Telefilm
19.00 F8FIII Mk h0h
I80FF0. 8erie
19.30 MLI55k & J0.
Telefilm
20.00 L08M IF50M.
Nusicale
20.20 F008I F8I60. Varieta
20.45 MI0800h0. Varieta
21.00 5wII00 kI 8I8I
3. Telefilm
22.00 0Jk 0IkMk
IIkLIk . Varieta
Oeeja]
Ra|4
rai.it
Ra|5
rai.it
Ra|
8teria
rai.it
Rea|
ime
reaItimetv.it
Ra|
ee
rai.it
Ra|
6uIp
rai.it
O|a/
dmax.it
|a7d
Ia7.it
7.35 5I86. 8erie
9.05 L05I w08L0. 8erie
9.50 Ihk. 8erie
10.35 F8IkI F8kII0.
8erie
11.20 880I85 kh0
5I5I85. Telefilm
12.00 5I86. 8erie
13.30 805. Telefilm
14.20 F8IkI F8kII0.
8erie
15.05 880I85 kh0
5I5I85. Telefilm
15.45 khI0k
kFF0hIkMhI0 kL
0IhMk. Attualita
15.50 90210. 8erie
16.35 0h I8 ILL. 8erie
17.20 8kI hw5 - 6I08h0.
17.25 Ihk. 8erie
18.10 5I86. 8erie
18.55 5I86. 8erie
19.40 5kh0I0k8. 8erie
20.25 805. 8erie
21.10 FILM 5wII0.
(Thrillerj
22.55 50kh0kL. 8erie
23.40 FILM 5IIkh.
(Thrillerj. Regia di
Kim Chapiron
18.20 8kI hw5 - 6I08h0.
18.25 0kI0 LII8Mkh
50w. Talk show
19.15 8kL, Fk08,
08055, 5kIhI.
Nusica
20.35 Fk55Fk8I00I.
Attualita
21.15 68kII 0I 0khIL
Fhhk0 00h
0.8I5I0. Teatro
17.30 0088k L'khh0.
18.25 50L00. Documenti
19.30 85 65Ik FkIII.
Documenti
20.00 8kI 54. Documenti
20.30 IL IMF0 Lk
5I08Ik. Documenti
21.10 0Ik8I0 0IIL.
Documenti
22.15 08k5-00hIkII0
IMFkII0. Documenti
19.10 IL 8055 0LL
I08I. Attualita
19.40 F008I Mh0. Att.
20.40 IL 8055 0LL
I08I. Attualita
21.10 0I8, Fk8, 8k0Ik8
- IIkLIk. Attualita
23.05 L0h6 I5Lkh0
M0I0M. Attualita
0.05 MkLkIII
IM8k8kIIkhII.
16.45 II66 60LF. Attualita
17.00 k0h6 F0 Fkh0k.
Cartoni
17.55 wIhI 0L08. Cartoni
18.20 60LF 6I8L
2013I2014. Attualita
18.45 68k0I. Telefilm
19.30 I0LIIk. Telefilm
20.20 I0I08I005. Telefilm
21.10 wIhI 0L08. Cartoni
22.25 k0h6 F0 Fkh0k.
11.30 Lkw&0808. Telefilm
14.00 IL MI5I80 0I
I50I 0I
08I5IkLL0. Doc.
16.00 I6 6I08h0. Attualita
16.40 8k5kIMkhIk 8port
18.00 Lkw&0808. Telefilm
20.40 0I5I8II0 0I
F0LIIIk 1. 8erie
22.30 Lkw&0808.
Telefilm
19.00 k 0k00Ik 0I k0I0.
Attualita
19.30 kFFk8I k I0III I
005II.
Documentario
20.20 8kh00 0I F06hI.
Documentario
21.10 MI805I85.
Attualita
22.00 I L'k0 0II0.
Varieta
16.15 I 08. 0I 50w.
Varieta
18.05 0kM8I0 M06LI.
Realit]
18.55 I6 Lk7.
19.00 I Mh0 0I
8h0IIk. Attualita
20.05 0000I FIkMM. Att.
21.10 68'5 khkI0M. Tf
23.00 Lk MkLk
000kIIII0h. Talk
T.
2000
tv2000.it
20.00 805k8I0 0k
L00805 - Ih
0IFF8IIk. Religione
20.30 hL 0008 0I
6I08hI Ih0k00. Att.
20.55 I6 I6.
21.20 0hk 58kIk
0I85k
800hk58k 00h
FkFk F8kh0500.
Religione
|a5
mediaset.it
18.30 Fk8hI000.
Telefilm
19.30 6L. Telefilm
20.20 0hk MkMMk F8
kMI0k. Telefilm
21.10 FILM F8Ih05 wII
M0h. hel
programma. Tg
Com, Neteo.lt
22.40 8LLk FI0 0I F8IMk.
Realit]
C|e|c
cieIotv.it
17.15 h0II
IMF055I8ILI. Varieta
18.15 F8kILLI Ih kFFk8I.
Varieta
19.15 kFFk8I kL 80I0.
Documentario
20.15 kFFk8I 0I FkMI6LIk.
Varieta
21.10 FILM I 5I6hkL.
(Horror, Usa, 2OO7j.
Di David Bruckner
|||
iris.mediaset.it
14.05 FILM Mk8k
00LFI50 kh008k.
15.50 FILM IIk5.
17.45 FILM 8I0h00
508Ikh00.
19.30 k-IkM. Telefilm
20.15 8h6k0. Telefilm
21.05 FILM L'580II0
0LL 12 50IMMI.
23.25 FILM IL 5M 0LLk
F0LLIk.
6.00 080hw5. Attualita
6.10 0h0MkIIIhk 0kFF.
Attualita
6.30 I6 1.
F8I5I0hI 50LLk
Ik8ILII - 00I55
Ik66Ik8
IhF08MkII.
6.45 0h0MkIIIhk.
Attualita
12.00 Lk F80k 0L
00000. Varieta
13.30 IL6I08hkL.
14.00 I6 1 00h0MIk.
Attualita
14.10 80II0 FIhkL.
Attualita
15.20 Lk IIk Ih 0I8IIk.
Attualita. Conduce
Paola Perego,
Franco Di Nare.
hel programma.
Rai Parlamento
Telegiornale, Tg 1,
Che tempo fa
18.50 L'80II. 0uiz.
Conduce Carlo
Conti
6.40 0k8I00h FLkk5.
Ragazzi
8.15 00 00MIhI
MII0. 8erie
8.35 05F8kI
005wI5 - I
568II 0I
wI5I8Ik Lkh.
Telefilm
10.00 I62 Ih5IM. Att.
MI0 2.
11.00 I FkIII 05I8I. Att.
13.00 I6 2 6I08h0.
13.30 I6 2 005I0M
500II. Attualita
13.50 M0I0Ihk 33.
Ruorica di attualita
14.00 0II0 FkII0. Att.
15.00 005II0h IIM.
Attualita
16.00 00L0 0k5 - 0LIIII
I88I50LII. Telefilm
17.45 I6 2 FLk5 L.I.5.
MI0 2.
17.50 8kI I6 5F08I.
18.15 I6 2.
18.45 500k08k 5F0IkL
0088k 11. Telefilm
8.00 k608. Attualita
10.00 MI Mkh0k 8kII8.
Attualita
11.10 I6 3 MIh0II.
11.15 LI5I8. Attualita
12.00 I6 3.
12.25 I63 F008I I6. Att.
12.45 Fkh 000II0Ikh0.
Attualita
13.10 IL IMF0 Lk
5I08Ik. Attualita
14.00 I6 8 I6 8 MI0.
14.20 I6 3. MI0 3.
14.50 I68 L0hk800.
Attualita
15.00 I6 3 L.I.5.
15.05 I68 FIkIIk kFFk8I.
Attualita
15.10 49 II88h0 -
k08IkII00. 1
tappa. Donoratico -
8an Vincenzo.
Ciclismo
16.10 k5FIIkh00 60.
Documenti
17.10 60. Documenti
19.00 I6 3.
19.30 I6 8 I6 8 MI0.
7.20 MIkMI I0. Telefilm
8.15 0hI8. Telefilm.
Con Fred Dr]er
9.40 0k8k8IhI8I.
Telefilm
10.40 5kI 005k Mkh6I?
Attualita
10.50 8I0II
kLL'IIkLIkhk.
Attualita
11.30 I6 4 - MI0.II
12.00 0I0II Ih
0085Ik. Telefilm
12.55 Lk 5I6h08k Ih
6IkLL0. Telefilm
14.00 L0 5F08ILL0 0I
F080M. Attualita
15.30 kM8086
0I5I8II0 21.
Telefilm
16.35 FILM L khI08
0L 0kFIIkh0
08h8L0w8.
(Avventura, Usa,
1951j.
18.55 I6 4 - MI0.II
19.35 IL 568I0.
Telenovela
6.00 I6 5 F8IMk Fk6Ihk.
Attualita
8.00 I6 5 MkIIIhk.
8.45 MkIIIh0 0Ih00.
Attualita
10.00 I6 5 08 10.
11.00 F080M. Attualita
13.00 I6 5. MI0.II
13.40 8k0IIF0L. 8oap
14.05 68kh0 F8kILL0
13. Realit]
14.10 0hI0I8Ih. 8oap
14.45 00MIhI 00hh.
Talk show. Conduce
Naria De Filippi
16.05 68kh0 F8kILL0
13. Realit]
16.15 IL 568I0.
Telenovela
17.10 F0M8I66I0
0Ih00. Attualita
18.50 kkhII 0h kLI80!
0uiz
20.00 I6 5. MI0.II
20.40 5I8I50Ik Lk h0IIIIk
- Lk 00
0LL'I880hIk. Tg
8atirico
6.25 0khI! Telefilm
6.55 F8Ih05. 8erie
7.50 L 860L
0LL'kM08. 8erie
8.45 0hk MkMMk F8
kMI0k. Telefilm
10.30 08. 005 -
M0I0kL 0II5I0h.
Telefilm
12.25 5I00I0 kF8I0.
MI0.II
13.05 5F08I M0Ik5I.
13.40 68kh0 F8kILL0
13. Realit]
14.00 68kh0 F8kILL0
13 - LI. Realit]
14.10 I 5IMF50h. Cartoni
14.35 08k60h 8kLL 6I.
Cartoni
15.00 8I6 8kh6 I08 .
8erie
15.50 00 00MIhI 1I2.
8erie
16.35 0w I MI 008
M0I8. Telefilm
17.25 hIkIIk. Telefilm
18.30 5I00I0 kF8I0.
MI0.II
6.00 I6 Lk7.
7.00 0MhI805 -
8k556hk 5IkMFk.
Attualita
7.30 I6 Lk7.
7.50 0MhI805 MI0.
Attualita
7.55 0MhI805. Attualita
9.45 00FF 88kk.
Attualita. Conduce
Tiziana Panella
11.00 L'k8Ik 0 II8k.
Attualita
13.30 I6 Lk7.
14.00 I6 Lk7 080hk0.
Attualita
14.40 L 5I8k0 0I 5kh
F8kh0I500. Telefilm
16.40 00MMI55k8I0
0080I8. Telefilm.
Con Pierre Nond],
Bruno Nadinier,
Antonella lualdi
18.10 L'I5FII08
8k8hk8. Telefilm.
Con John hettles,
Jane w]mark, Barr]
Jackson
23.45 F08Ik k F08Ik.
Attualita. Conduce
Bruno Vespa
1.15 I6 1 h0II.
1.45 0 IMF0 Fk.
1.50 50II000. Attualita
0.10 08IIII0 FIkhIk.
Attualita
1.10 8kI Fk8LkMhI0
IL6I08hkL.
1.20 Lkw & 0808.
Telefilm
24.00 I63 LIhk h0II.
0.10 I6 86I0h .
1.00 MI0 3.
1.05 08k5 - 00hIkII0
IMFkII0
00hIhIk.
1.30 M05I0 LIh -
5F0IkL. Nusicale
2.30 I8I 066I Ih I
5F0IkL. Varieta
4.20 LF. 0uiz
5.05 II6 Ik6. 0uiz
1.30 I6 5 h0II.
MI0.II
2.00 5I8I50Ik Lk h0IIIIk
- Lk 00
0LL'I880hIk. Tg
8atirico
0.35 FILM 0I5k5I8
M0I. (Commedia,
Usa, 2OO8j. Regia di
Jason Friedoerg,
Aaron 8eltzer. Con
Carmen Electra
1.10 M0I FLk5. Att.
1.15 0II0 MII0.
Attualita
1.55 FILM L'kMk80
5kF08 0L
F0I8.
0TI 0I Pk00kMMZI0NE
F0kNITI 0
18.35 Lk FIMFk. Cartoni
18.55 M0F. Cartoni
19.10 Lk 0k5k 0LL kFI
(I I). Cartoni
19.30 Lk 0k5k 0I
I0F0LIh0. Cartoni
19.50 I 0k8I0hI 0LL0
I00Ih0. Cartoni
20.10 FFFk FI6. Cartoni
21.20 IL FI000L0 86h0 0I
8h & 0LL.
19.25 I8 8I85. 8erie
20.10 IL Mk850IkLL0
8000k. 8erie
21.10 0hk 68kh0
FkMI6LIk. 8erie
23.00 k0I08II8kIII.
Attualita
23.45 00MM55.
Niniserie
1.30 8kI hw5 - h0II.
1.35 505FIII. Niniserie
cIass.it
C|a
v
Ra|
Fremium
rai.it
Ra|
Mevie
rai.it
16.15 FILM F85IkMI Lk
I0k Mkh0.
17.50 8kI hw5 - 6I08h0.
17.55 FILM Lk 8kh08k -
Mk80Ik 0 M008I.
19.35 FILM I 0Lkh.
21.15 FILM 0k8LIh6
00MFkhI0h.
23.05 FILM 08IMIhI
IhI5I8ILI.
1.00 8kI hw5 - h0II.
Teleraccomando
di Maria Volpe
Film e programmi
PER SORRIDERE
Claudio Bisio
interpreta Pennac
dedicato a Daniel Pennac il
nuovo ciclo di Rai5 al via
oggi. Si comincia con
Grazie, il primo testo
scritto da Pennac per il
teatro, interpretato da
Claudio Bisio (foto). Un
surreale monologo nel quale
lattore interpreta uno
scienziato pazzo e tenero, cui
viene assegnato un premio.
Deve dunque cimentarsi col
discorso di ringraziamento:
scoprir che il ringraziamento
un genere a s e sar
loccasione per ripercorrere la
sua vita. Bravo Bisio a dar
vita a una figura nevrotica e
di uomo confuso e al tempo
stesso brillante e ironico. Il
regista Giorgio Gallione.
Grazie
Rai5, ore 21.15
PER DISTRARSI
Torna la Carr
e arriva J-Ax
Seconda stagione ai nastri
di partenza. Prima novit:
al posto di Cocciante arriva,
come coach, il rapper J-Ax.
Con lui il team dellanno
scorso: Noemi, la grande
Raffaella Carr (foto) e
Piero Pel. Altra novit il
presentatore che Federico
Russo, affiancato da
Valentina Correani. La
finalissima prevista per
gioved 5 giugno (quindi non
di mercoled). Quella di
stasera e le prossime quattro
sono le cosiddette blind
audition, ovvero le cinque
puntate gi registrate e nelle
quali i quattro coach hanno
composto la propria
squadra di sedici elementi.
The Voice of Italy
Rai2, ore 21
Willis cerca la cura
a un potente virus
2035, Philadelphia. Gli uomini,
decimati da un virus, vivono
nel sottosuolo. Il detenuto
James Cole (Bruce Willis, foto)
viene spedito indietro nel
tempo per trovare un antidoto.
Lesercito delle 12 scimmie
Iris, ore 21.05
La lotta dello Stato
alla criminalit
Il procuratore nazionale
Antimafia Franco Roberti (foto),
introduce largomento di ogni
puntata di questo programma
che racconta la lotta alla
criminalit organizzata.
Diario Civile
Rai Storia, ore 21.10
La mamma di Asti
sparita da 46 giorni
Da Federica Sciarelli si parla
della scomparsa preoccupante
della mamma di Asti.
Allontanatasi misteriosamente
da 46 giorni, la donna non ha
portato nulla con s.
Chi lha visto?
Rai3, ore 21.05
Tasse e parlamentari
Ne parla Filippo Roma
Nella puntata di oggi Filippo
Roma si occupa di tasse e
indaga se i parlamentari le
pagano esattamente come i
cittadini comuni. Intervista tripla
a Barbieri, Cracco e Bastianich.
Le iene
Italia 1, ore 21.10
Corriere della Sera Mercoled 12 Marzo 2014
55

Pay
Tv
Film
e programmi
Mandelli circondato
da troppe donne
Figlio maschio in una famiglia di
femmine, Andrea (Francesco
Mandelli, foto) vessato da una
madre generale, tre sorelle
fastidiose, una nonna farneticante,
una badante svogliata.
Pazze di me
Sky Cinema 1, ore 21.10
Vincent Cassel
spietato criminale
Tornato a Parigi dalla guerra di
Algeria, Jacques Mesrine (Vincent
Cassel, foto) si mette al servizio di
un boss: sar linizio di una carriera
criminale fatta di rapine e omicidi.
Nemico Pubblico n. 1 - Listinto
di morte
Premium Cinema, ore 21.15
Il terrorista Irons
sfida lagente McClane
Un terrorista di nome Simon
(Jeremy Irons, foto) minaccia di
far esplodere bombe in tutta
New York, a meno che il
poliziotto McClane (Bruce Willis)
non segua le sue istruzioni...
Die Hard - Duri a morire
Cinema Energy, ore 22.50
In cerca dellabito
per Malika Ayane
Nella puntata di oggi del
programma con Eva Herzigova,
Alberta Ferretti e Tomaso
Trussardi, gli stilisti dovranno
realizzare (a coppie) un outfit
per Malika Ayane.
Project Runway Italia
su FoxLife, ore 21
11.35 IL FI80LI8 0scar per il perfetto
D. Da]-lewis, protagonista della
spietata paraoola di un magnate
dell'oro nero del primo '9OO.
5ky 0inema 0uIt
12.40 I 8kh ll detective Fields
chiede aiuto ad Edgar Alla Poe per
indagare su un omicidio i cui
particolari coincidono con uno dei
racconti dello scrittore.
5ky 0inema its 0
13.10 8I8LL - I 88k Nerida,
impetuosa figlia di Re Fergus, decisa
a costruire il suo futuro si rioella alla
tradizione secolare della sua terra...
5ky 0inema FamiIy
14.25 Fk0I0FF - 00 Fk00 0I 0h
k55k55Ih0 h. Cage e J. Travolta si
trapiantano le facce. Come
riconoscere il cattivo tra i due?
Dirige J. woo nel 1997.
5ky 0inema Max 0
15.00 00LFI 0I F0LMIh la storia di uno
psichiatra che si finge prete e di un
diplomatico che perde la testa per
una pescivendola per raccontare
l'amore a prima vista.
5ky 0inema Fassion 0
16.15 MI8k00L0 0I 0hk h0II 0I
Ih8h0 l'orfano hikolas viene
cresciuto dagli aoitanti del villaggio e
passa ogni natale in una casa
diversa. 0uando e ospite del
falegname... 5ky 0inema FamiIy
17.10 0k 00I kLL'I8hII 8ette premi
0scar per il film antimilitarista con
B. lancaster, D. Kerr, F. 8inatra e N.
Clift. Dal romanzo di J. Jones.
5ky 0inema 0Iassics
18.45 5Fkh6LI5 - 00kh00 Ih
FkMI6LIk 50h0 Ih I80FFI k
Fk8Lk8 Paz Vega, nel cast de "la
Nasseria delle allodole" dei fratelli
Taviani, e una messicana a los
Angeles. 5ky 0inema Fassion 0
19.25 IL F8IM0 kM08 0I khh la
piccola Anne, 1O anni, e un vero
maschiaccio. 0uando nella sua
classe arriva Jorgen pero, se ne
innamora come tutte le altre.
5ky 0inema FamiIy
21.00 Lk 5FIk 0 hh 0kL F8000
Da un romanzo di John le Carr. Un
agente segreto oritannico cerca in
tutti i modi di incastrare un ex
nazista. 5ky 0inema 0Iassics
Lk 80II6k 0I 50I0I0I ln una
citta in cui le persone non vogliono
altro che togliersi la vita, la oottega
dei suicidi e l'unico raggio di
speranza! 5ky 0inema 0uIt
IkMFk 2 - I 0000I0LI 0I hkIkL
0uando lo spirito del natale rischia di
scomparire, Namma hatale e i suoi
4 cuccioli parlanti dovranno salvare
la situazione. 5ky 0inema FamiIy
5I 08IM5 - 6I00I
F8I00L05I Un'affascinante
C||era Spc||
14.10 kM8I0kh 0k0 Fox 0
15.10 00L0 0k5 Fox 0rime 0
16.10 J55I 0isney 0hanneI
17.50 68'5 khkI0M Fox Life
18.15 0w I MI 008 M0I8 Fox
0
19.10 h.0.I.5. Fox 0rime 0
20.20 I0I08I005 8ai 6uIp
21.00 0.5.I. hw 08k Fox 0rime 0
wII 00LLk8 Fox 0
21.05 800hk F08I0hk 0k8LI!
0isney 0hanneI
21.55 0.5.I. hw 08k Fox 0rime 0
8k0I kh0 I 8k5I Fox 0
0k5IL Fox Life
22.00 I 808Ih50h k2
22.45 LMhIk8 Fox 0rime 0
I wkLkIh6 0k0 Fox 0
23.40 08IMIhkL MIh05 Fox 0rime 0
14.30 F80J0I 80hwk IIkLIk 0kIL
Fox Life
15.50 0k5 0k Ih0080 - 05k LI
16.30 IL 8055 0L FkI 0k I 5ky 0no
18.15 I0F 0F LI
18.35 J0hI08 Mk5I80F k05I8kLIk
5ky 0no
19.10 Lk 6088k 0LL I08I LI
19.20 J0hI08 Mk5I80F k05I8kLIk
5ky 0no
19.50 Ih 000Ihk 00h 6IkLL0IkFF8kh0
Fox Life
21.00 F80J0I 80hwk IIkLIk Fox Life
21.10 F8kh0500 I5I - IL
MhIkLI5Ik 5ky 0no
22.05 L'ILL05I0hI5Ik - 08I55 kh6L
5ky 0no
22.35 I 08I5IMk5 0k80 5ky
0inema Fassion 0
18.45 L6h05 0F 0IMk 0artoon
hetwork
18.50 L h00 khI08 0I FI8
Fkh 0ekkids
19.00 066 I MkL0III
50k8kFk66I 8oomerang
19.05 k I0II0 8kLII: kLL 5Ik8 k2
19.10 k0hI08 IIM 0artoon
hetwork
19.20 066 I MkL0III
50k8kFk66I 0ekkids
19.35 L0 5I8k080Ihk8I0 M0h00 0I
60M8kLL 0artoon hetwork
19.40 5khJk kh0 08kI6 hickeIodeon
19.50 I L00h I0h5 50w
8oomerang
20.25 08kMw08k5 08k60h5: I
FkLk0IhI 0I 88k 0artoon
hetwork
14.15 Mk00Ih 6I6khII 0iscovery
5cience
15.20 FIh0Ih6 8I6F00I: 0k00IkI08I 0I
M05I8I 0iscovery 0hanneI 0
16.15 I0F 0k85 0iscovery 0hanneI 0
17.00 0I5k5I80 Ih 0I8IIk istory
0hanneI
18.10 Fk5I h L000 0iscovery 0hanneI
0
19.05 kLk5kk: kI 00hFIhI 0LLk
0IILI 0iscovery 0hanneI 0
20.25 0k00IkI08I 0I 6MM hationaI
6eographic
21.00 Mk80I0 0I Fk888I0k 0iscovery
0hanneI 0
21.55 k000M0LkI08I 58IkLI LI
22.00 hI6MI kLIhI istory 0hanneI
22.05 Lk L66h0k 0I 8kM8IhI
5Lk66I 0iscovery 5cience
Se||e T. ||||a||e||re||c Raa//| Oc:ure||a||
insegnante e circuito da un'allieva,
figlia di una sua ex amante. Dopo un
approccio, la ragazza lo accusa di
stupro. 5ky 0inema Max 0
Lk 0k5k 0L 005I00 Dopo aver
assistitto all'omicidio di sua moglie e
dei 8 figli, Jacoo Fisher, cantore
eoreo, vaga senza meta finche non
arriva in Alaoama.
5ky 0inema Fassion 0
21.10 FkII 0I M 0uando finalmente
incontra la donna della sua vita,
Andrea la deve difendere
dall'ingomorante presenza delle
femmine della sua famiglia.
5ky 0inema 1 0
I Lk0 - L'kM08 F8 Lk
LI88I la storia di Aung 8an 8uu
K]i, attivista oirmana Premio hooel
nel 1991 che, dopo aver vinto le
elezioni, venne arrestata. 5
ky 0inema its 0
22.35 M0hI0 8. 8pieloerg ripercorre
l'azione degli estremisti palestinesi,
avvenuta a Nonaco, durante le
0limpiadi del 1972. Con E. Bana.
5ky 0inema 0uIt
23.25 kIIk0k I 8L00k. Ihk5I0h
kLIhk l'infermiera 8am viene
aggredita da una oanda di giovani
teppisti. Riesce a fuggire ma un
meteorite si schianta su una
macchina. 5ky 0inema its 0
14.30 0I0LI5M0: 00h08kII00 - 5kh
Ih0hI0. 16 Tirreno - Adriatico.
Diretta urosport
15.00 00k 50 F8kI0: 1 6I08hkIk
Campionato ltaliano 8erie A
8ai5port 1
16.15 0I0LI5M0: h85 - 8LLILL.
201 Parigi - hizza. Differita
urosport
16.45 8068: 8080k0I - 0L8M0hI
k086h Top 14 5ky 5port 2 0
17.30 0kL0I0: FIhkL Coppa Algarve.
Diretta urosport
18.00 0kL0I0: 8k8 L8k05h -
Fk8I5 5kIhI 68MkIh UEFA
Champions league 5ky 5port 1 0
18.30 0kL0I0: kILII00 Mk08I0 -
MILkh UEFA Champions league
5ky 5port 1 0
19.00 IhhI5: 0IIkI 0I FIhkL ATP
world Tour Nasters 1OOO lndian
wells. Diretta 5ky 5port 2 0
20.00 FkLLk0L0: 5k06LLk IkM
M0hIk - 8I50 500III FkIk
Campionato italiano 8erie A2
femminile 8ai5port 1
20.40 0kL0I0: 8k80LL0hk -
Mkh05I8 0II UEFA
Champions league. Diretta 5ky
5port 1 0
22.45 Lk: II8M 5kILIh6 2013
acht & 5aiI
22.55 60LF: MI55I0h ILL5 ladies
European Tour. Differita urosport

14.20 08. 005 - M0I0kL 0II5I0h.


Telefilm J0I
14.21 IL Fk50Ih0 0I 68k0. Film Mk
15.11 08. 005 - M0I0kL 0II5I0h.
Telefilm J0I
15.25 I00M. 8how Fremium 0inema
15.33 I 00 F85I0hII. Film Tv
Fremium 0inema
15.45 5k8khh0 FkM05I. Film 5tudio
0niversaI
15.53 J0I 85I. 8how J0I
16.03 000k. Telefilm J0I
16.13 0hk MkMMk F8 kMI0k. Telefilm
Mk
16.55 000k. Telefilm J0I
17.02 5I0wk. IIIh8k8I 0'kM08.
Film Mk
17.09 I k0hI088 - IL MI5I80
0LL0 508I6h0 0I MI0k. Film
Fremium 0inema
18.05 F80J0I 68hLI6I 2.
Documentario 5tudio 0niversaI
18.36 k8I 0F 0III I. Telefilm Mk
18.40 IL MI5I80 0h 80L0w. Film
5tudio 0niversaI
19.07 I00M. 8how Fremium 0inema
19.18 5FI8II0 0850. Film Tv Fremium
0inema
19.25 J0I 85I. 8how J0I
19.25 Fk8hI000. Telefilm Mk
19.37 F50. Telefilm J0I
20.22 Fk8hI000. Telefilm Mk
20.25 F50. Telefilm J0I
20.40 0LLw000'5 85I FILM
0I80I085. 8how 5tudio 0niversaI
20.56 80 0k8FI. Ruorica Fremium
0inema
21.15 hMI00 F088LI00 h.1 -
L'I5IIhI0 0I M08I. Film
Fremium 0inema
21.15 0080 k M08I8. Telefilm J0I
21.15 F8II LIIIL LIk85. Tf Mk
21.15 Lk8k 080FI - I0M8 8kI08. Film
5tudio 0niversaI
22.05 0080 k M08I8. Telefilm J0I
22.07 I 08I6IhkL5. Telefilm Mk
22.59 5kML55. Telefilm J0I
22.59 I kMFI8 0Ik8I5. Tf Mk
23.00 0M88 8055. Film 5tudio
0niversaI
23.13 08Ik. Film Fremium 0inema
23.48 I kMFI8 0Ik8I5. Tf Mk
23.54 5kML55. Telefilm J0I
0.38 0h I8 ILL. Telefilm Mk
0.40 5III0 F8 000I08. Film
5tudio 0niversaI
0.41 08. 005 - M0I0kL 0II5I0h.
Telefilm J0I
0.58 6I08hI h00L. Film Fremium
0inema
Mediaset Fremium
Forum Televisioni: www.corriere.it/grasso
Videorubrica Televisioni: www.corriere.tv
A fil di rete
di Aldo Grasso
La prof Littizzetto
e lo stile De Amicis
S
olo una fiction italiana pu iniziare con una frase di
Giacomo Leopardi, tratta dallo Zibaldone: Il pi so-
lido piacere di questa vita il piacere vano delle illu-
sioni. Che ruolo svolge questa enunciazione messa
l, allinizio, quasi come un exerga a Fuoriclasse 2?
Che gli sceneggiatori (Doriana Leondeff, Michele Pellegrini,
Federico Starnone) hanno fatto il liceo classico? Che lillusio-
ne la chiave interpretativa neanche troppo nascosta della
storia? Che noi si lavora per il
pop ma in casa abbiamo una
buona biblioteca?
Tre anni dopo, la prof. Isa
Passamaglia (Luciana Littizzet-
to) ancora al liceo Caravaggio
di Torino: stessi problemi con
gli studenti, stesse rotture di
scatole con i colleghi, stesse
ambasce con la famiglia. Due le
novit: a dare una mano alla
Passamaglia (era lunica a tene-
re in piedi la serie) arriva un
nuovo preside, il prof. Gianrico
DAstolfo (Giulio Scarpati); la
quale Passamaglia, quando or-
mai pensava di essere entrata in
una fase della vita in cui dedica-
re pi tempo a se stessa e ai
viaggi, scopre di essere incinta,
alla bella et di 46 anni (Rai1, lu-
ned e marted, ore 21.15).
Fuoriclasse 2 un teen
drama riveduto e corretto da Ed-
mondo De Amicis (e dai libri di
Starnone), con una forte spruz-
zata di Film Commission (si co-
mincia ormai a odiare Torino
per quanto sfruttata nelle serie
italiane). Dei teen drama, pren-
de a prestito la messa in forma
del disagio adolescenziale, del
bullismo, dei primi amori e ten-
ta di incanalarlo in una narra-
zione scevra di moralismi. Poi per c da tener conto del pub-
blico di Rai1 e allora gli stereotipi scolastici creati da De Ami-
cis vanno benissimo, fanno tanto scuola democratica.
La serie prodotta da Beppe Caschetto che anche lagente
di Luciana. Forse bisognerebbe preoccuparsi un po della so-
vraesposizione cui sottoposta la Littizzetto. Ci spiacerebbe
se le si rivolgesse contro.
RIPRODUZIONE RISERVATA
Vincitori e vinti
Paolo
Del Debbio
Politica
contro
politica,
Del Debbio batte
Formigli. Prima serata
per i talk del luned,
vince Quinta
Colonna su Rete4,
con Paolo del Debbio,
seguito da 1.229.000
spettatori, e uno
share del 5,2%
Corrado
Formigli
Corrado
Formigli
superato da
Del Debbio. Prima serata
per Piazzapulita con
una puntata dedicata
alla decadenza di Roma,
e della politica: per
Formigli e Oliviero
Toscani su La7
1.097.000 spettatori, e
uno share del 4.9%
56
Mercoled 12 Marzo 2014 Corriere della Sera