Sei sulla pagina 1di 48

y(7HB5J1*KOMKKR( +=!"!:!#!

Venerd 19 agosto 2011

OPINIONI NUOVE - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale

D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano

FONDATORE VITTORIO FELTRI

DIRETTORE MAURIZIO BELPIETRO ANNO XLVI NUMERO 200 EURO 1,20*

BERLUSCONI SI SVEGLIA

Varato un caminetto per riscrivere il decreto. Il contributo di solidariet? Io non lo volevo

SILVIO: CAMBIO LA MANOVRA


di BARBARA ROMANO
S, cambio la manovra. La tentazione gli ribolliva dentro gi da un po. Dal 13 agosto, per lesattezza, giorno del varo della manovra bis. E ieri Silvio Berlusconi esploso. Ha contattato uno ad uno i suoi consiglieri pi stretti e ha dato il grande annuncio. Sar un comitato ristretto composto da lui, il segretario del Pdl Angelino Alfano e i capigruppo di Camera e Senato, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri, a riscrivere la manovra. Con buona pace di Giulio Tremonti, che ha solo unalternativa, per Berlusconi: Se gli sta bene, bene. Senn quella la porta, ha tagliato corto con chi provava a obiettargli: Ma Tremonti?. Il Cav vuole passare alla storia come il salvatore della patria, (...)
segue a pagina 2

Disastro in tutte le Borse del mondo, sullOccidente lo spettro della recessione


PERCH LA SUPERTASSA
NON AIUTA NESSUNO MA AFFONDA LITALIA
di MAURIZIO BELPIETRO
Lultima accusa che ci piovuta addosso - fra le tante che ci vengono quotidianamente rivolte - di essere egoisti. Anzi: di non avere a cuore linteresse nazionale e di non essere disposti a fare sacrifici per il nostro Paese. In maniera velenosa si cerca di ridurre la campagna contro il contributo di solidariet imposto dalla manovra a una faccenda di tornaconto personale, anzi a una banale questione di portafoglio. Chi ha di pi deve concorrere secondo le proprie possibilit al risanamento dellItalia, argomentano i nuovi difensori dellinteresse nazionale. Se non lo fa perch gretto, pensa solo ai propri affari e non vuole aiutare la patria in un momento di difficolt. Laccusa non solo spregevole, ma falsa. Essa si basa infatti su un presupposto che non corrisponde al vero, e cio che il contributo di solidariet (ma sarebbe ora di chiamarlo con il nome giusto, cio tassa) serva a riequilibrare i conti e impedire che il Paese vada in bancarotta. Come hanno spiegato diffusamente numerosi economisti, ultimo dei quali Alberto Alesina sul Corriere della sera di ieri, limposta sui redditi alti offre solo lillusoria convinzione di aver risolto il problema. In realt (...)
segue a pagina 3 CLAUDIO ANTONELLI a pagina 8

I nuovi padroni

E gli Usa di Obama si inginocchiano davanti alla Cina


di FAUSTO CARIOTI
Per capire quanto cambiato il mondo nelle ultime due settimane bisogna leggere il comunicato diffuso ieri dallagenzia di Stato Xinhua (Nuova Cina), la voce del regime di Pechino, (...)
segue a pagina 9

Lincendiario del Pd

Bersani sogna gli scontri di piazza


di FRANCESCO BORGONOVO a pagina 11

Umberto contestato

Neppure la base segue pi le piroette di Bossi


di MARTINO CERVO
C da salvare la Lega e, forse, non pi Bossi a poterlo fare. Luno-due con cui il capo del Carroccio ha affrontato il massacro politico che va sotto il nome di manovra 2011 (...)
segue a pagina 13

Senatori assenteisti

La casta non capisce giunta lora di tagliarla a met


di GIANLUIGI PARAGONE
Niente, non c niente da fare. Non lo vogliono capire. Fuori dai loro palazzi privilegiati c un paese che non ne pu pi della Casta e questi (...)
segue a pagina 15

OLTRE ALLO SCUDO

Lultima idea: un condono bis


di FRANCO BECHIS a pagina 5

COSTA AZZURRA E CAP

VISTA

MARE

MART

IN

Bisognerebbe prendere la Sicilia, commissariarla allistante e cambiare la Costituzione per normalizzare la sua amministrazione parassita: altro che il ricorso presentato da un gruppo di consiglieri siciliani (capofila il sindaco di Messina, vedi articolo) che mirano a mantenere il doppio stipendio alla faccia di una sentenza della Consulta e soprattutto alla faccia nostra, che non possiamo neppure linciarli: in luglio lassemblea siciliana si assicurata contro il rischio insurrezione (tumulti e aggressioni, po-

APPUNTO
di FILIPPO FACCI

E la Sicilia?
lizza estesa ai familiari) e hanno fatto bene, visti gli incredibili privilegi di cui godono: dai pranzi a 9 euro al contributo sepoltura di 5mila euro in caso di morte (tutto vero) e questo da parte di una classe dirigente che costa 496.400 euro annui a consigliere (pi dei parlamentari di Montecitorio) quando i consiglieri sono

90 perch rifiutano di ridurli. Aggiungi 20mila dipendenti strapagati (1,7 miliardi annui, quasi come tutte le altre regioni messe insieme) che vanno in pensione prima degli altri e che costano 349 euro annui a cittadino, quasi venti volte il costo di un dipendente lombardo. Dimenticavamo il record nazionale di consulenze e auto blu. Dimenticavamo i 1428 dirigenti che secondo la Corte dei Conti sono in sovrannumero rispetto alla legge. Dimenticavamo ogni volta, il problema questo.

* Con: La dea della vendetta

5,00; Il mago

5,0 0.

Prezzo allestero: CH - Fr. 3.00 / MC & F -

2.00 / SLO -

2.00.

@ commenta su www.libero-news.it

Venerd 19 agosto 2011

PRIMO PIANO

la grande crisi

IL CAMINETTO A riscrivere il decreto sar un comitato ristretto composto da lui, Alfano e i capigruppo di Camera e Senato, Cicchitto e Gasparri. Escluso Tremonti

Silvio si sveglia: cambio la manovra


Il premier vuole alleggerire il nuovo balzello (me lhanno imposto Bankitalia e sindacati) e incoraggia i liberisti del Pdl: In voi mi riconosco. Tra le modifiche in arrivo c il quoziente familiare voluto da Casini
::: segue dalla prima BARBARA ROMANO
.

VOGLIA DI RISCOSSA
Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e, nel tondo, il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli. Oly e Ansa

(...) non come il presidente del Consiglio che ha frugato nelle tasche degli italiani dopo aver cantato per diciassette anni la canzone opposta. E lidea di essere proprio lui il premier taglieggiatore gli pesava sullo stomaco come un tiramis avariato. No, non si pu, sbottato con un ministro del Pdl, con questa manovra io mi sputtano a vita. Perci ha deciso di prendere lui il timone e sterzare a tutta. Si cambia, ha giurato a tutti quelli che hanno avuto modo di parlare con lui nelle ultime ore ad Arcore, dove il Cav si rimesso al lavoro dopo una brevissima vacanza in Sardegna, qui non blindato proprio niente. Oddio, il premier sa bene che i margini di manovra sono ristretti sotto lo sguardo arcigno di Merkel & Sarko. Ma qualcosa si pu fare, va ripetendo Berlusconi ai suoi interlocutori. E il caminetto sulla crisi sar il suo predellino finanziario. Il colpo dala per dimostrare agli italiani che lui non venuto meno al contratto e che non ha nessuna intenzione di rinnegare la politica di una vita. Perci, ai suoi ha assicurato di essere gi allopera per tradurre in legge tutte le idee che sono emerse per correggere la manovra bis. Termine che il premier non riesce nemmeno a pronunciare, tanto gli sgradito. Lho fatta in quattro giorni, solo io potevo riuscirci. Cosa vuoi, bisognava stringere la cinghia, ce lha chiesto lEuropa, ha detto ieri a uno dei suoi parlamentari pi assidui a Palazzo Grazioli, quasi a voler giustificare il drastico giro di vite. Ma ci sono delle cose che si possono migliorare, su questo il Cav molto ottimista. Terremo conto di tutti i suggerimenti che ci sono

giunti dalle opposizioni, ha promesso, con particolare riferimento allintroduzione del quoziente familiare proposto dal leader del terzo polo, Pier Ferdinando Casini. Ma il premier non sordo alle proteste della fronda antitremontiana del Pdl. Anzi, ascolter anche i liberal del suo partito: Voi siete quelli nei quali mi riconosco di pi, ha confidato a uno di loro. E li ha affidati ad Alfano, che ancora allestero. Ma appena rientrer dalle ferie, gi luned, incontrer i frondisti guidati da Antonio Martino e Guido Crosetto, che gli presenteranno un loro pacchetto di modifiche alla manovra aggiuntiva. Il premier non ce lha con i ribelli, anzi, d loro ragione. Soprattutto sulla battaglia contro il contributo di solidariet. La supertassa io non la volevo, ha giurato ad alcuni giacobini antitremontiano che ha sentito ieri, me lhanno imposta la Banca dItalia assieme ai sindacati. E anche Confindustria non si opposta. Quindi, al di l della presa di distanza ufficiale, il Cav non ha nessuna intenzione di punire uniniziativa che non giudica affatto di rottura. Anzi, se non fossi il capo del governo, lo farei io tutto il casino che state facendo voi, ha detto Berlusconi a uno dei frondisti, che gli hanno spiegato la bont delle loro proposte assicurandogli che mai nessuno ha pensato di dividere il partito e di tradire il leader. Il suo ruolo istituzionale gli impedisce di schierarsi apertamente dalla loro parte, ma in sostanza ha promesso che lo far. Come? Esponendosi in prima persona per la correzione del decreto anti-crisi. Qui si cambia. A saldi invariati, non tartasseremo in questo modo i contribuenti, attingeremo altrove. Gi, ma dove? In cantiere c prima di tutto il contributo di solidariet:

da modificare. Il premier sa bene che difficilmente lo potr sopprimere. Ma alleggerirlo, s. Con lintroduzione del quoziente familiare, proposto da Casini, per ridurre limpatto della supertassa. Il comitato ristretto far sua anche lidea del leader leghista Umberto Bossi, di spalmare il Tfr mese per mese sulle buste paga. In agenda c pure lo scudo bis. Ovvero la tassa dal 7 al 10 per cento sui capitali scudati rientrati o ancora giacenti allestero. Il caminetto dovr decidere che fine far fare a questa proposta dopo che il ministro delle Attivit produttive, Paolo Romani, ha detto che il governo non sta studiando nessuno scudo bis. Alfano, Gasparri e Cicchitto studieranno anche altre opzioni, come la liberalizzazione degli ordini professionali, le privatizzazioni, la cancellazione delle Province sotto i 300mila abitanti (mantenendo le prefetture) e la revisione del taglio di Comuni, per non scatenare la guerra dei sindaci. Berlusconi sta anche facendo pressing su Tremonti per una stretta sulle pensioni di anzianit e la progressiva parit fra donne nel privato, perch vadano tutte in pensione a 65 anni sia nel pubblico che nel privato. La cosa importante, per il presidente del Consiglio, convertire in legge la manovra e farlo nel pi breve tempo possibile per dare un segnale allEuropa. E pazienza se i ritocchi non piaceranno al Superministro, che non perde occasione di ricordare come lUe abbia dato lok al testo del decreto cos come uscito dal Consiglio dei ministri. Berlusconi sapeva bene che ieri era il compleanno del divino Giulio. Ma stoppava cos chi gli chiedeva se gli avesse telefonato per fargli gli auguri: Tremonti non un mio ministro, un ministro della Lega.

Enti locali verso la piazza

Triplo no del governo allo scudo E ora scoppia la grana dei Comuni
QQQ Non ci sar uno scudo fiscale bis. C voluta una tripla smentita del governo per fugare lipotesi. Nessun condono in arrivo, hanno fatto sapere prima il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli e, successivamente, Paolo Romani. Una realt virtuale che nella manovra non c, ha fatto notare il primo. A mio avviso, ha dichiarato il titolare dello Sviluppo economico, il governo al momento non sta studiando questa ipotesi. Anche il ministro per le Infrastrutture, Altero Matteoli, fa sapere: Uno scudo bis per i capitali esportati allestero non una misura in programma. Pi fumosa la situazione sullabolizione delle festivit. Per salvare il 25 aprile, il primo maggio, il 2 giugno e un settore, come quello turistico, che rischia gravi danni dalla scomparsa dei ponti di primavera cresce in Parlamento un fronte bipartisan. Il tema stato al centro della prima riunione al Senato della commissione Affari Costituzionali per il via libera sui requisiti di legittimit alla manovra bis. Sono intervenuta in commissione, spiega la senatrice del Pd Mariangela Bastico, per sottolineare che una scelta che non ha effetti economici diretti, ma che ha effetti gravi per il turismo, oltre che rappresentare un disvalore per la memoria della storia collettiva del Paese. Parole che hanno trovato il favore del Pdl Lucio Malan, secondo il quale se non fa risparmiare non sembra una misura cos indispensabile. Della stessa idea anche il presidente della commissione, Carlo Vizzini: Il pensiero di uccidere la

LE LETTERE DELLA PROTESTA


Scriveteci allindirizzo lettere@libero-news.eu

Tagliamo anche i rimborsi ai partiti


Nonostante io sia un elettore del Pdl sono esterefatto da questa manovra e ancor pi sorpreso nello scoprire di condividere quello che dicono personaggi come Casini, Letta e addirittura la Marcegaglia. Il primo grossissimo errore politico commesso dal governo stato quello di dare a questi personaggi argomentazioni plausibili. Eppure c un modo per combattere levasione e aumentare il gettito fiscale. semplice: basta permettere di detrarre, ad esempio, il 5% della spesa dal fruttivendolo o lintervento dellelettricista. Cos il cittadino incentivato a chiedere le fatture perch ne trae un beneficio reale. Ultima cosa: come mai non si sono tagliati anche i rimborsi elettorali ai partiti? Marco Garavaglia

Mi iscrivo al movimento anti-tasse


Partito No-Tax? Ci sto. Dove ci si iscrive? Credo che il problema non sia tanto il non pagare le tasse, ma avere una tassazione equa con un ritorno in servizi che funzionano e una classe politica che pensi innanzitutto al bene della Nazione e non al modo di riempirsi le tasche sempre di pi a spese nostre. Prima si tagliano i costi di uno Stato che peggio di una sanguisuga e solo dopo, se non basta, si pensa anche chiedere altri sacrifici agli Italiani. Seve60

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it
LA PROMESSA Se il premier canceller limposta verser lequivalente del prelievo in beneficenza. Dare una mano a chi ne ha bisogno non mi spaventa

Venerd 19 agosto 2011

la grande crisi

La supertassa non salver lItalia


Il contributo di solidariet non serve a risanare i conti ma solo a tappare momentaneamente la falla. Chiedere di abolirlo realismo, non egosimo. Per risanare il Paese bisogna tagliare le spese e fare la riforma delle pensioni

:::

ALLO STUDIO

::: segue dalla prima MAURIZIO BELPIETRO


.

TFR Lidea, che sta per perdendo quota dopo una raffica di critiche provenienti anche dalla maggioranza, di spalmare il Trattamento di Fine Rapporto nella busta paga mensile per rilanciare i consumi. In questa maniera ci sarebbero nello stipendio retribuzioni mensili pi ricche del 6,9% al posto della futura liquidazione. IVA Cresce il fronte di chi pensa sia necessario laumento di un punto percentuale dellaliuota ordinaria (al 20%) in modo tale da avere un gettito aggiuntivo di 5-6 miliardi per ammornidire il contributo di solidariet. SCUDO Smentita seccamente dal governo lipotesi di uno scudo bis. Pi lontana, per questioni anche di praticabilit e di legittimit costituzionale, lidea di tassare nuovamente i capitali gi rientrati (104 miliardi) con la sanatoria di due anni fa. Le ipotesi di aliquota vanno dall1 al 20%. PENSIONI Resta sul tavolo lipotesi di intervento sulle pensioni di anzianit. Lopzione minima sarebbe quella di un anticipo dal 2013 al 2012 della cosiddetta quota 97 (ovvero let anagrafica sommata agli anni di contributi versati). FESTIVIT Fronte bipartisan per cancellare la norma che abolisce le festivit infrasettimanali. Al Tesoro si studia una soluzione per alcune date come il 25 aprile e la festa di San Gennaro del 19 settembre.

memoria del 25 aprile mi fa male. Dal Tesoro, dove i tecnici continuano a lavorare alle ipotesi di modifica, non arrivano conferme di una marcia indietro. Ma qualcuno ammette a mezza bocca che il problema esiste. Soprattutto per una data simbolica come il 25 aprile e per alcune feste religiose che non cadono di domenica, come quella di San Gennaro (il 19 settembre) la cui abolizione provocherebbe, oltre alle proteste gi espresse dalla diocesi di Napoli, la rivolta dellintera citt. Nel dibattito sulle modifiche tiene banco il tema pensioni. Nella maggioranza aumenta, infatti, il fronte di chi opterebbe per una ulteriore stretta. Ma la novit di ieri lo strappo dei comuni. Dopo le dichiarazioni

polemiche successive allincontro a Palazzo Chigi e il nulla di fatto rispetto alle richieste, lAnci ha deciso di convocare esattamente fra una settimana, gioved 25 agosto, un Comitato direttivo a Roma con un unico punto allordine del giorno: valutazioni e decisioni sugli effetti della manovra finanziaria, sui servizi pubblici locali e sulla spesa per gli investimenti dei comuni. Per il 29, comunque, stata gi annunciata una manifestazione a Milano. Proteste su cui la Lega tiene gli occhi bene aperti. Umberto Bossi, che nei giorni scorsi aveva alzato un argine sulla questione delle pensioni, oggi parla di una nuova priorit: Il punto debole della manovra sono gli enti locali. Per quanto riguarda invece lipotesi del tfr in busta paga perplessit vengono espresse sia dai sindacati, come la Cisl, sia dalle organizzazioni datoriali come Confcommercio. Nella maggioranza, intanto, continuano a premere i frondisti. Va trovata la sintesi, ha spiegato il vicecapgruppo del Pdl alla Camera, Osvaldo Napoli, per rafforzare da un lato lazione di governo e, dallaltro lato, il profilo del PdL come partito popolare e liberale. C e va trovata unalternativa alle tasse.
S.IAC.

(...) si tratta di un sistema per tappare momentaneamente la falla, rinviando la soluzione della tenuta dei conti a tempi futuri. Un anno, due o forse pi: nessuno lo pu dire. Di sicuro c che il governo di centrodestra sta facendo esattamente quanto hanno sempre fatto i governi passati: prende tempo e per non fare scelte coraggiose preferisce quelle comode, evitando di affrontare il nodo della spesa statale. Come si accumulato uno dei debiti pubblici pi spaventosamente elevati che ci sia al mondo? Proprio nel modo in cui sta procedendo il governo. Invece di riconoscere che un Paese come una famiglia e se spende troppo deve ridurre le uscite, lesecutivo continua a finanziare le proprie ricorrendo ad espedienti, ovvero a nuove tasse. I ministri pi onesti e provveduti ne sono a conoscenza e sanno che la spesa di alcune Regioni del Sud insostenibile. Cos come lo sono gli ospedali che non servono a curare ma a garantire stipendi. O i lavori socialmente inutili, le municipalizzate create dalla megalomania di alcuni enti locali e i molti milioni versati ai sindacati. Tagliare queste spese - meglio sarebbe chiamarli sprechi - richiede per la forza di affrontare gruppi o lobby organizzate che vi si oppongono. Mettendo in conto rumorose contestazioni e una rottura della pace sociale. In questo momento il governo non se la sente o per lo meno ritiene di non averne la forza: proprio come hanno fatto molti esecutivi della prima Repubblica. In tal modo, perpetuando lintervento pubblico per consentire loccupazione l dove non c, continuando a sostenere un

welfare che non pi sostenibile e concedendo sussidi a unindustria che non ce la fa a stare sul mercato, non si salva lItalia: la si affonda. E per evitarlo non servir aumentare le tasse sul ceto medio. Anzi. Paradossalmente limposizione di nuovi tributi confermer nei propri convincimenti chi pensa che le misure possano essere allontanate, barattando il contributo di solidariet con una riforma delle pensioni che tutta Europa ci chiede ma noi ottusamente tardiamo a fare. In un momento di difficolt non serve prendere tempo o nascondere la testa sotto la sabbia: bisogna agire. Invece di fare discorsi populisti, Bossi e soci farebbero meglio a farne di franchi, parlando chiaro agli italiani. Diversamente rischiamo di essere costretti ai tagli sullonda dellemergenza, proprio come accaduto la scorsa settimana, quando la Bce ci ha imposto una manovra dietro la minaccia di non sottoscrivere pi i nostri titoli di Stato. Ecco perch siamo contrari alla tassa su chi guadagna pi di 90 mila euro. Non si tratta di egoismo ma di realismo. A questo Paese teniamo pi di molti cattivi predicatori che tardivamente si sono scoperti paladini della nazione. E sappiamo che la medicina per evitare il peggio non far ingrassare lo Stato con le tasse, ma metterlo a dieta. Ps. Per dar prova del sentimento nei confronti del Paese sono pronto a un giuramento. Nel caso in cui, come pare avverr, Berlusconi ascoltasse i nostri suggerimenti e abolisse limposta sul ceto medio, al netto delle tasse verser lequivalente del prelievo in beneficenza. Il contributo a chi ne ha bisogno non mi spaventa. Il contributo a spingere lItalia ancor pi nel baratro s.
maurizio.belpietro@libero-news.it

Il Cav ha deluso. Ma meglio lui di Bersani Pronto a lottare per la libert


C crisi. Ce ne siamo accorti tutti. Colpa di Berlusconi? Certamente. Questo governo avrebbe dovuto agire prima. Con gran gioia e gongolamento della sinistra, siamo daccordo anche a destra: troppi tentennamenti e una riforma che non soddisfa le attese, soprattutto per i pochi o nulli provvedimenti per fare in modo che la massa sempre pi consistente di mantenuti si riduca e diventi parte produttiva. Questo Stato sempre stato e rimane lassista, assistenzialista e piacione. Era cos anche quando il Cavaliere con la politica non aveva nulla a che fare. Ma non oso nemmeno immaginare dove saremmo ora se al posto di Berlusconi, Tremonti e Maroni avessimo Bersani, Di Pietro e Casini. Lorna Campari Gentile direttore, ha messo il dito nella piaga. La differenza tra destra e sinistra dovrebbe essere nel modo di concepire lo Stato e la societ. Il centrodestra dovrebbe mettere al primo posto un valore supremo come la libert dellindividuo. Berlusconi doveva rappresentare il vento rinnovatore, lapostolo delle libert, ledificatore di una societ regolata da leggi non coercitive, ed in nome di questi valori che ha ricevuto i voti. Oggi questa grande energia rinnovatrice sinfrange fragorosamente sugli scogli del consociativismo, la speranza di 38 milioni di cittadini italiani, in parte padani, svanisce in una bolla di sapone. E cos regaliamo nuovamente il Paese alle carogne di sempre. Da micro-imprenditore sono pronto a lottare per la libert. Vittorio Fabbri

@ commenta su www.libero-news.it

Venerd 19 agosto 2011

PRIMO PIANO

la grande crisi

PRO E CONTRO Berlusconi e Tremonti temono leffetto depressivo sui consumi. Ma Confindustria e pure la Cisl di Bonanni spingono per lintroduzione del provvedimento

La stangata sullIva certa Si discute solo sul come


Anche Scajola propone il passaggio dal 20 al 21% per cancellare leurotassa Ma laumento delle aliquote pi basse comunque gi scritto nella manovra
::: SANDRO IACOMETTI
QQQ In un modo o nellaltro la stangata sullIva arriver sul groppone degli italiani. Lidea di alzare le aliquote delle imposte indirette per ammorbidire leffetto del contributo di solidariet continua ad essere al centro del dibattito sulla manovra di ferragosto. Dopo le numerosi indiscrezioni provenienti da ambienti governativi e le parole del premier Silvio Berlusconi, che ha detto chiaramente di aver scartato lipotesi, di gran lunga preferibile a quella di mettere le mani nelle tasche degli italiani, solo per paura di un effetto depressivo sui consumi e sulla crescita, ieri arrivato anche il sostegno di Claudio Scajola. Lex ministro dello Sviluppo economico, che in parlamento pu contare su un gruppetto di fedelissimi che sfiorerebbe la ventina, ha ribadito la tesi che non si pu pensare di chiedere il sacrificio maggiore a chi dichiara di pi e non a chi possiede di pi e che, quindi, bisogner riequilibrare il provvedimento. Piuttosto che il contributo di solidariet, ha spiegato, che colpisce chi le tasse le paga gi, meglio laumento di un punto dellIva ordinaria, che porterebbe tra i 5 e i 6 miliardi ogni anno e, ad avviso di Scajola, non deprimerebbe i consumi. Della stessa idea sembrano essere anche le parti sociali. Confindustria sostiene da tempo che laumento dellIva una strada percorribile e pi equa per trovare i soldi necessari a raggiungere il pareggio di bilancio. E ieri anche la Cisl scesa in campo sulle imposte indirette. Secondo il segretario Raffaele Bonanni laumento sarebbe la soluzione per evitare una stangata sul ceto medio. Senza conseguenze catastrofiche sui consumi. Anche la Ue, ha spiegato, raccomanda di alzare le aliquote, considerando che la tassazione italiana una delle pi basse in Europa. La realt che al di l del chiacchiericcio e delle varie cordate sulle proposte di modifica alla manovra, alla fine della fiera un incremento dellIva arriver comunque. Sul tavolo del governo, per ora, lipotesi che raccoglie pi consensi quella di introdurre nel maxiemendamento un aumento limitato ad un punto percentuale solo dellaliquota ordinaria, che passerebbe dal 20 al 21%, con un effetto sul gettito, come si detto di 5-6 miliardi. E un effetto sulle famiglie quantificato dal Codacons, in assenza di riflessi speculativi sui prezzi, di 290 euro annui a famiglia. Ma lIva pi salata uneventualit gi contenuta sia nella manovra di luglio che in quella di ferragosto. Nella relazione tecnica della correzione bis si legge chiaramente che il provvedimento anticipa gli effetti della cosiddetta clausola di salvaguardia contenuta nel testo di luglio, che altro non che una sforbiciata del 5% il primo anno e del 20% il secondo anno di tutte le agevolazioni fiscali attualmente in vigore nel caso il governo non riesca a mettere in atto la delega fiscale e assistenziale. La modifica prevede di anticipare al 2012 i 4 miliardi precedentemente previsti per il 2013 e di rimodulare leffetto per il 2013 (il maggior gettito previsto passa da 4 miliardi a 16 miliardi). Il problema che i tagli lineari alle agevolazioni fiscali riguardano anche lIva, che, come tutti sanno, oltre a quella ordinaria del 20%, ha due aliquote privilegiate. La minima, al 4%, per i generi di prima necessit (alimentari, stampa quotidiana e periodica, ecc.), la seconda, al 10%, per determinati prodotti alimentari, per particolari operazioni di recupero edilizio e per i servizi turistici (alberghi, bar, ristoranti e altri prodotti turistici). Ebbene, il taglio del 5% e del 20% previsto dalla clausola di salvaguardia, nel caso dellIva agevolata si traduce in un maggiore gettito nellordine delle stesse percentuali e, quindi, in un bellaumento delle aliquote. Nel dettaglio, la riduzione del 5% comporterebbe un incremento delle due aliquote rispettivamente al 4,7% e al 10,5%, mentre la stangata nel caso del taglio del 20% porterebbe lIva minima al 6,8% e quella intermedia al 12,1%. Se le cose su questo fronte dovessero andar male la manovra di ferragosto chiara. inoltre previsto, si legge nella relazione tecnica, che in alternativa, anche parziale, alle riduzioni dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, possa essere disposta la rimodulazione delle aliquote delle imposte indirette, inclusa laccisa. E il gioco fatto. Se poi, nella migliore delle ipotesi, il governo dovesse esercitare la delega fiscale e assistenziale, il discorso cambia poco. Non un mistero che uno dei principali obiettivi della riforma annunciata nei mesi scorsi da Giulio Tremonti sia quello di trasferire la tassazione dalle persone alle cose. Laumento delle imposte dirette, cio dellIva, sar quindi uno dei punti centrali della delega fiscale. Lidea iniziale era quello di compensare la stretta con un alleggerimento dellIrpef, ma vista laria che tira c da scommettere che le cose andranno diversamente.

Scontro Pdl-Lega

Cresce la voglia di toccare le pensioni


Lala socialista (Brunetta e Cazzola) con i liberisti di Martino: intervenire su donne e anzianit
::: TOMMASO MONTESANO
ROMA

QQQ Il fronte si allarga. Dopo i frondisti e i cattolici, ora tocca allala socialista del Popolo della libert premere su Silvio Berlusconi affinch in Parlamento, nella manovra da 45 miliardi, sia inserito un intervento sulle pensioni di anzianit cos da agire pi sul versante del taglio alla spesa che su quello delle nuove entrate. Una tenaglia che sta spingendo il presidente del Consiglio a pressare su Umberto Bossi affinch il ministro delle Riforme rimuova il veto della Lega sulla previdenza. Il pressing sul Senatur c ed forte, conferma un ministro vicino al Cavaliere. Secondo fonti tecniche della maggioranza, un intervento strutturale che preveda ladeguamento dellet pensionabile delle donne e la stretta sui requisiti delle pensioni di anzianit frutterebbe circa due miliardi di euro lanno. E su queste basi uno spiraglio potrebbe aprirsi. Magari approfittando della volont del Carroccio di allentare la presa sugli Enti locali. In attesa che la prossima settimana il gruppo dei ribelli consegni al segretario del Pdl, Angelino Alfano, il testo con le proposte di modifica da tramutare poi in emendamenti nellAula del Senato, il blocco che chiede di mettere mano alle pensioni si rafforza. Ieri dalle colonne del Sole 24 Ore sceso in campo Renato Brunetta, ministro della Funzione pubblica. Chiarissimo il messaggio lanciato alla Lega. Molto stato fatto per la sostenibilit del nostro sistema pensionistico, concede Brunetta, ma rimangono almeno due anomalie da correggere per portare il nostro sistema a essere pi equo e sostenibile. La prima: La possibilit di pensionarsi prima di

raggiungere let per la vecchiaia. La seconda: Alle donne, ma solo a quelle del privato, si applica un requisito per la vecchiaia pi basso di quello cui sono soggetti gli uomini e le lavoratrici pubbliche. Due interventi, quello sulle pensioni di anzianit e quello sullaumento dellet pensionabile femminile nel settore privato, che il ministro auspica di realizzare in Parlamento in sede di conversione del decreto con una maggioranza pi ampia di quella che sostiene il governo. Sul tema, infatti, la Lega resta ostile. Siamo intervenuti troppe volte sulle pensioni e lunica cosa che non si pu fare mettere in discussione un diritto acquisito, fa muro Roberto Calderoli, ministro della Semplificazione, a proposito della proposta di innalzare

il graffio
LIva di Bersani
Abbiamo lIva pi alta dEuropa, ha detto ieri Pier Luigi Bersani. Non cos. In Portogallo, in Danimarca e in Grecia, per dire, al 23%. In Svezia al 25. In Belgio al 21. Esattamente la quota alla quale il governo vorrebbe innalzare la nostra, di aliquota, che al 20. Ma Bersani non si limita a questo sfondone (grave, per lui, che fu ministro delle Attivit produttive...). Dice s che abbiamo lIva pi alta; ma dice anche che disposto a discutere il possibile aumento. Ecco, siamo due volte in disaccordo con lui.

let pensionabile delle donne. Non si possono cambiare le carte in tavola quando i giochi sono gi fatti. Anche se, aggiunge, se proprio bisogna fare qualcosa, lo si faccia con uno scivolo di una durata sufficiente. Chiusura totale, almeno in apparenza, rispetto allipotesi di agire sulle pensioni di anzianit. Intransigenza che ormai nel Pdl sopportano a fatica non solo la dozzina di parlamentari che gi sono usciti allo scoperto, ma anche esponenti finora rimasti defilati come Giuliano Cazzola, vicepresidente della commissione Lavoro della Camera. Io spero che la Lega si renda conto che non vero che toccare le pensioni di anzianit vuol dire toccare la povera gente, sostiene il deputato esperto di previdenza. La campagna in difesa delle gloriose pensioni padane, aggiunge, solo campagna elettorale. Proprio come la proposta di spalmare il Tfr in busta paga, altra buotade leghista di Ferragosto. Purtroppo la Lega lalleato del Pdl, un alleato difficile da gestire. Eppure con la sortita di Brunetta e Cazzola evidente che sulla proposta di intervenire sulle pensioni di anzianit si sta formando unalleanza trasversale che comprende lala laburista del Pdl, i frondisti liberali capeggiati da Guido Crosetto e Antonio Martino e i cattolici (per Avvenire, quotidiano dei vescovi, gli esodi anticipati sono un tab da rimuovere). Non giusto che, con laspettativa di vita arrivata a 80 anni, chi va in pensione a 59 debba campare pi di ventanni a spese della collettivit. Una rendita parassitaria intollerabile, attacca Giorgio Stracquadanio, uno degli animatori della rivolta antitasse del Pdl alla quale ieri si iscritto ufficialmente anche il deputato Santo Versace.

PRIMO PIANO

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
IL TESORETTO Allestero dovrebbero trovarsi circa un centinaio di miliardi. La sanatoria prevederebbe una sanzione di poco superiore al 5%

la grande crisi

Almeno un condono il governo dovr farlo


Allo studio una norma per salvare dalla sentenza della Consulta chi ader alla sanatoria del 2001. E alla misura potrebbe accompagnarsi un nuovo scudo fiscale
BUON COMPLEANNO Il ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, ieri ha festeggiato il suo sessantaquattresimo compleanno a Calalzo, in provincia di Belluno, in compagnia, come tradizione, di Umberto Bossi e Roberto Calderoli. Tremonti si sente sicuro quando ci siamo noi, non si sente abbandonato in mezzo ai lupi, ha detto Bossi. Il titolare del dicastero di Via XX Settembre contrario ad inserire un aumento dellIva nella manovra economica per il timore di innescare una frenata dei consumi. (Olycom)

::: FRANCO BECHIS


QQQ Potrebbe essere una riapertura un po mascherata del condono fiscale tombale della legislatura 2001-2006 larma segreta per emendare la manovra e alleggerire un po il suo impatto fiscale. A rendere quasi obbligatorio un intervento sulla materia sono gli effetti della recentissima sentenza della Corte Costituzionale, la n. 247 del 25 luglio 2011, sulla legittimit dei termini di raddoppio degli accertamenti fiscali. La questione molto tecnica, ma in sostanza rende possibili accertamenti da parte dellamministrazione finanziaria fino al 31 dicembre 2011 anche per chi ader ai condoni tombali di Giulio Tremonti del 2002. Se lAgenzia delle Entrate dovesse ravvisare negli accertamenti su chi allora ader al condono una soglia di violazione fiscale che possa portare a sanzioni penali (ai sensi dellarticolo 331 del codice penale), potrebbe procedere nei confronti di tutti i contribuenti individuati. E lo farebbe anche senza grande sforzo, perch sono gli stessi contribuenti ad avere di fatto denunciato la propria situazione di irregolarit formale o sostanziale aderendo a quel condono. Le prime vittime di questa situazione paradossale potrebbero essere proprio quei contribuenti che aderirono nel 2002 al condono per le somme Iva non versate, denunciarono cos la propria situazione e poi nel 2008 si videro disapplicare la norma da una sentenza della Corte di Giustizia europea. Con la nuova decisione della Corte Costituzionale lAgenzia delle Entrate dovrebbe inseguirli uno a uno, denunciarli e inviare cartelle esattoriali di contestazione entro fine anno. In ballo ci sarebbe una decina di miliardi di euro condonati allora solo ai fini Iva pagando unoblazione del due per cento. Ma a rischio potrebbero essere anche altri contribuenti che aderirono per diverse imposte al condono tombale e secondo alcuni giuristi potrebbe esservi ricompreso anche chi ader al primo scudo fiscale di Tremonti. Laccertamento fuori termine sarebbe contrario alle norme dello Statuto del contribuente (per altro ampiamente derogate nel decreto legge di agosto del governo a proposito del contributo straordinario sui redditi sopra i 90 mila euro). Ma la violazione dello Statuto stata stabilita da un decreto legge del 2006 di Pier Luigi Bersani e Vincenzo Visco, di cui la Corte Costituzionale ha

LE LETTERE DELLA PROTESTA


Scriveteci allindirizzo lettere@libero-news.eu

Mamma single tartassata


Sono socia di uno studio legale. Lavoro a Milano. Ho studiato e lavorato tanto e costantemente. Non ho immobili, se non una casa acquistata lanno scorso con un mutuo che mi accompagner finch morte non ci separi. Non ho barche, Ferrari, conti esteri, societ. Non ho altro che la mia professione. Ho 2 figlie (piccole) a carico. E non avendo la mia famiglia vicino devo pagarmi chi si occupa di loro. Conduco una vita normale. Fortunata s, rispetto a chi ha meno. Ma non ricca. Del mio reddito mi metto in tasca, s e no, il 40%. Con le continue crisi e contrazioni di mercato, non dato di sapere per quanto ancora avr il mio lavoro. In tutto questo dovr pagare il contributo solidariet per i prossimi tre anni. Un contributo calcolato sul lordo, che non tiene conto della mia situazione familiare, di single con due piccole da crescere, del mutuo e tutto il resto. Cristina Martorana

riconosciuto il 25 luglio scorso la legittimit sostenendo che ogni governo fa le leggi che vuole che hanno valore superiore allo Statuto del contribuente. Dopo avere preso un po sottogamba la sentenza, ora molte associazioni di categoria hanno suonato lallarme rosso trovando ascolto presso la maggioranza e il governo. Per questo si sta preparando una norma ad hoc che possa almeno sterilizzare gli effetti di questa sentenza, bloccando sul nascere la caccia al contribuente che si era fidato del suo patto con lo Stato. Questo perch alcune centinaia di cartelle esattoriali sono gi state emesse dalla Agenzia delle Entrate, e tutte sono accomunate dal dato pi grottesco: le contestazioni si basano tutte sulle autodenunce (ai fini del condono) degli stessi contribuenti nel 2002. Dovendo sanare questa caccia grossa a chi si era fidato dello Stato allora, i deputati si maggioranza stanno immaginando di inserire nella norma di sterilizzazione anche una possibile e limitata apertura del condono fiscale per anni successivi al tombale di Tremonti. Proprio per questo lemendamento dovrebbe accompagnarsi a quello gi ventilato sulla riapertura dello scudo fiscale per gli ultimi italiani che hanno tenuto ancora allestero i loro capitali (le stime dicono superiori ai 100 miliardi di euro). Le due norme andrebbero a braccetto: una porticina aperta, a prezzo pi salato del passato, per chi ha esportato illegalmente i propri capitali e una anche per chi in patria ha preso in giro o sottratto qualcosa al fisco in modo magari meno fraudolento. Quel che manca al momento la sostenibilit politica del pacchettino sui condoni fiscali. Potrebbe sostituire parte del contributo di solidariet (forse anche lintera cifra richiesta fra 90 e 150 mila euro) e fare pagare qualcosa a chi ha evaso o eluso il fisco pi che a chi sempre stato ligio e per questo oggi si trova bastonato. Le opposizioni probabilmente griderebbero allo scandalo, e tutto si giocher sulla aliquota immaginata. Non sono pi proponibili i 2 o i 5% gi utilizzati in passato per condoni e scudi fiscali, ma altrettanto evidente che percentuali a cifra doppia non farebbero scattare la corsa alla regolarizzazione con il fisco. La questione aperta, e verr sciolta entro fine settimana. Ma una norma per le vittime della Corte Costituzionale sar comunque inserita nel decreto in conversione.

NEL 2011

Le Fiamme Gialle smascherano 3.000 falsi invalidi


Unaltra Italia di furbi scoperta dalla Guardia di finanza: ciechi che guidano lauto e vanno in bicicletta, poveri proprietari di decine di appartamenti, persone che prendono la pensione dei parenti morti. Nei primi sette mesi dell'anno le Fiamme Gialle hanno eseguito oltre 11 mila controlli sui beneficiari delle cosiddette prestazioni sociali agevolate ed hanno denunciato alla magistratura oltre 3 mila truffatori. Si tratta di persone che avevano fruito da enti pubblici di agevolazioni non spettanti sotto forma di borse di studio, assegni di maternit, buoni mensa, contributi sugli affitti ed altri sussidi che potevano e dovevano essere destinati ai veramente bisognosi per un totale di 19 milioni di euro di frode. La Guardia di finanza ha cos scoperto tanti falsi poveri che possedevano decine di case e finti ciechi che guidavano la macchina ed andavano a fare la spesa. Lultimo, in ordine di tempo, pochi giorni fa nella provincia di Lecce: in poco pi di 10 anni aveva percepito dallInps 112 mila euro nononostante avesse una vista assolutamente normale.

Venerd 19 agosto 2011

PRIMO PIANO

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
LE RICETTE Serve una riduzione dellapparato pubblico: meno spesa, riforma della giustizia civile e semplificazione amministrativa

la grande crisi

Urne vuote contro questo fisco


Piero Ostellino, ex direttore del Corriere della Sera: I cittadini non hanno altra strada che lastensionismo per contrastare un sistema che ci sottrae il 50% dei redditi. Dicevano che lItalia era solida e poi hanno alzato le imposte. Serviva pi chiarezza
::: FRANCESCO SPECCHIA
QQQ Diceva John M. Keynes (interventista, ma non nel senso di Colbert, n di Tremonti n di Robin Hood) che, in fondo, sfuggire alle tasse lunica impresa che offra ancora un premio. In senso lato, potrebbe essere daccordo anche lei, caro Piero Ostellino. Lei che liberale in senso genetico, lei che da direttore del Corriere della sera, chiam come editorialista proprio Giulio Tremonti? Sulle tasse mi viene in mente questidea di prelievo sui capitali scudati. Un sondaggio di Sky afferma che per il 90% degli italiani assolutamente giusto farla. Ma questo sa cosa significa? Non solo la rottura di un patto, ma soprattutto la distruzione del principio della certezza del diritto. Totale Le potrebbero obbiettare che in stato di estrema urgenza e necessit il principio pu essere derogato. Certo. Ma le ricordo che accadde unaltra sola volta nella storia del Paese, nel 22. Vogliamo ritrovarci nelle stesse condizioni che favorirono lascesa del fascimo? Per carit. Nei suoi ultimi editoriali lei ritiene la tassazione in s un restringimento della libert di mercato, un disincentivo per gli investimenti. Conferma? Io appuro che siamo, con la Francia, il Paese col pi alto livello di pressione fiscale. E che questo governo prima di mettere le mani in tasca ai cittadini avrebbe dovuto dire come stavano le cose. Il vero problema che la fame di costruttivismo nei processi di politica economica pubblica ha impedito la realizzazione della cosiddetta societ aperta La societ apertadi Popper... La societ aperta teorizzata soprattutto da Popper prevede che lo Stato fornisca solo le regole del gioco (meno regole possibili), perch i giocatori giochino come gli pare, a patto che non si facciamo del male fra loro. Bene, questa societ aperta, di mercato, era quella che Silvio Berlusconi aveva promesso nel 94, ma che ad oggi non ha realizzato. Lo Stato sullorlo del disastro ma non c andato da solo, ce lhanno portato Solo fino a tre mesi fa i suoi pezzi sul Corriere della sera non erano di altro tono? Pi condiscendenti verso Berlusconi. Cos cambiato? In questi tre mesine ho viste davvero di tutti i colori; quando io sento il presidente del Consiglio dire passer alla storia come il salvatore dellItalia e dellunit dello Stato, io rimango interdetto e sottolineo: ma doveri tu quando lo Stato andava a rotoli? Va bene lautostima e la consapevolezza di s, ma bisognerebbe avere un po di misura, non crede? Dicono che Berlusconi sia sottoposto da un lato ai ricatti della Lega, dallaltro alla pressione di Tremonti. Io non entro nel merito dei giochi dei partiti. Io guardo, semmai, da pi in alto E quindi cosa? E quindi i tartassati incavolatissimi, i cittadini oppressi cosa possono fare? Ben poco, ad onor del vero Andiamo bene... Vede, credo che qui si stia verifiLO SCUDO cando ci che Jean Jacques Rousseau diceva della democrazia inQ La tassa sui glese: Gli inglesi sono liberi quando vanno a votare , tornano schiacapitali gi rientrati vi il giorno dopo. Ecco, noi siamo sarebbe la rottura a questo livello. Sia che comandi la di un patto e la destra sia la sinistra, la politica fidistruzione del nanziaria la stessa da anni. Siamo sempre principio della pi fagocitati dallo certezza del stesso Stato che ci diritto strangola; uno Stato che ci sotUN SEGNALE trae il 50% dei redditi lei lo chiaQ Gli ma liberale? Quindi la sua inglesi soluzione saPiero Ostellino Olycom sono liberi rebbe il rigetto quando dello Stato? vanno Non dello Stato -io rimango un liberale-, ma di questo tipo di Staa votare, tornano to. Daltronde si sono capovolti i schiavi capisaldi del liberalismo: lo Stato il giorno dopo. che ora ci costringe ad essere al suo servizio, quando dovrebbe esLo diceva Rousseau, sere esattamente il contrario. Da la crisi finanziaria, quanto la spa- ha cercato di convincerci del falliE da pi in alto cosa vede? noi siamo a questo qui la necessit delle riforme mento dello Stato liberale e che il E vedo che soltanto tre mesi fa il ventosa crisi culturale del Paese livello. comunismo era il migliore dei ministro dellEconomia aveva Culturale in che senso? Lei parla di cura dimagrante necessario detto che il sistema previdenziale Ora emerge che tutto quello che mondi possibili. Questi io li capidellapparato pubblico. italiano era il pi solido e sicuro ci hanno raccontato sullo Stato sco. Ma se la stessa tesi viene apEsatto. a) riduzione della spesa che alle prossime dEuropa; ma solo ieri Bossi riba- sociale, sul controllo dei conti poggiata da intellettuali non copubblica; b) riforma della giustizia elezioni ci sia diva che senza la manovra non pubblici era unenorme balla. E io munisti che sono ancora in circocivile: oggi per avere il risarcimenun astensionismo avremmo avuto le pensioni. Che capisco che questa tesi venisse ap- lazione, mi chiedo se costoro fosto di un credito ci vogliono secoli, almeno si mettessero daccordo. poggiata da intellettuali ex Pci , sero stupidi o mascalzoni ed uno dei motivi per i quali gli almeno del 70% . Ma vede, il problema non tanto cio da gente che per settantanni E quindi? stranieri non ci pensano neppure ad investire in Italia; c) la semplificazione amministrativa che riduca il numero degli adempimenti burocratici, compreso il pagamento delle tasse che costano alla piccola e media impresa 16,2 miliardi lanno. In pi serve la semplificazione normativa, che riduca ::: DAVIDE GIACALONE fine accoppato dal completarsi del ciclo ni pi o meno organizzate, colme di perleghista, partito contro Roma e giunto sone che chiedono di dare e non di riceil numero di leggi dello Stato e di regolamenti degli Enti locali: faciQQQ Non solo ingeneroso, ma anche allamatricianizzazione pensionistica e vere. Hanno un difetto: si deve prenderli litano la diffusione della corruzioun po comico accusare Giulio Tremonti sanitaria. Tutto ci non ha riguardato so- sul serio e non in giro. ne. accaduto con la legge Bassadi avere tradito il sogno liberale del 1994. lo la materia economica, bens anche canini: prima si doveva liberalizzare, Intanto perch siamo nel 2011, il che in- pitoli sensibili del diritto e del vivere civiFARE POLITICA? e solo dopo privatizzare dica un troppo lungo sonno, bench al- le, sicch non pu essere messo sul conto Il terzo passo consiste nel fare politica, Be, il ministro Calderoli, sulla lietato dallattivit onirica. Poi perch il di uno, ma di molti. Senza escludere il ca- vale a dire nel non limitarsi alla testimosemplificazione afferma di aver ministro dellEconomia ha fatto la sola po: Silvio Berlusconi. nianza inutile (gi fatto in questi lunghi sforbiciato parecchio. cosa che era in suo potere: trattenere la anni, quelli del tradimento). Ci significa Evidentemente il ministro non spesa. Siccome la delusione c, ed scovare fra i diversi da s quanti possono LORA DELLA CHIAREZZA Il fatto che ci se ne renda conto, sebbe- portare forza ad unItalia che saffranchi ha fatto abbastanza grande, siccome non presente solo Poi ci sono gli sprechi... presso alcuni che hanno, in tutti questi ne tardi e male, comunque positivo. da corporazioni, camarille, protezioni e Quelli sono una nostra tipica maanni, avuto un seggio in Parlamento, ma Bene, e ora cosa si fa? Della fronda inter- rendite. Ce ne sono, anche a sinistra. trice: nella Sanit, nella Pubblica dilaga presso la gran parte dellelettorato, na al centro destra nessuno sa cosa far- Non ai vertici, ma ce ne sono. Penso ai amministrazione, nella Scuola, e siccome in politica non sono ammesse sene, se non i pochi che, sulla base di tale rottamatori, a quanti non hanno perso la nella Giustizia, soprattutto al Sud, ingenuit esagerate, sar il caso di dirla posizione, torneranno a chiedere di re- cultura garantista, a quanti non si sono non si contano. Ovvio che poi del tutta, senza far credere che la pattuglia li- stare dove si trovano: in Parlamento. rassegnati a esistere solo in tanto in basso livello politico, gli italiani nel berale si sia ridestata pi dal letargo che Buon per loro, ma inutile per gli altri. La quanto oppositori di Berlusconi. La culmigliore dei casi si sono stufati, nel dal sogno. prima cosa da farsi usare la schiettezza tura liberaldemocratica gi roba per peggiore infuriati In Italia la cultura democratica (intesa nel linguaggio, chiarendo che meno tas- minoranze, dalle nostre parti, figuratevi E quindi... come conflitto didee e interessi, non co- se significa anche meno welfare. Cosa se la si divide in spezzoni! Niente alleanze me vaniloquio delle diversit) e del mer- che non affatto disastrosa, ma promet- generiche, e meno ancora generazionali, E quindi, da qui, per i cittadini, cato non patrimonio condiviso e diffu- tente, perch il nostro vecchio welfare ma lavoro serio su istruzione, mercato ecco la soluzione estrema: essenso. Il sogno liberale, articolato in meno (come quello degli altri) condannato a del lavoro, sanit, giustizia. Nessuna fredo noi nelle stesse condizioni di Rosseau necessario che alle tasse, meno spesa pubblica e meno Stato morte, per costi e disfunzioni, talch si gola di unirsi, ma nessuna paura di ricoprossime elezioni ci sia un astennel mercato non ha mai preso piede. deve pensare ad un modello diverso, qui noscersi. Nella prima Repubblica era condiviso da tante volte accennato. Per seconda cosa sionismo almeno del 70% La crisi unoccasione non ancora colforze minoritarie. Nella seconda sembr si deve provvedere ad aprire porte e fine- ta. Per, almeno, ad una cosa servita: Il nostro sistema elettorale non incarnarsi nel centro destra, salvo il fatto stre delle macilente strutture partitiche, chiaro che il vecchio andazzo non poteva prevede un quorum (ma potrebbe che anche in questo regolarmente fini- dando voce ai tanti cittadini che hanno continuare. Dirlo un bene. Passare oltre essere unidea...). Servirebbe? to in minoranza. Ad opera dei vecchi voglia di esserci e di dire. LItalia piena meglio. La rabbia silenziosa sarebbe un www.davidegiacalone.it missini, poi dei reduci democristiani, in- di nuclei e fermenti, di circoli e formaziosegnale politico fortissimo.

Commento

Lunica cura: tagliare il welfare e abbassare le tasse

Venerd 19 agosto 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

la grande crisi

IN NEGATIVO Lo sviluppo economico globale scende rispetto alle stime. Per Vecchio Continente e Stati Uniti male i dati su occupazione e produzione

Da ieri lOccidente in recessione


Morgan Stanley rivede al ribasso le stime sulla crescita mondiale e avverte: fate qualcosa o non si salva nessuno Lindice manifatturiero Usa crolla del 30% e trascina tutte le Borse. Merkel e Sarkozy sanno solo pensare alla Tobin Tax
::: CLAUDIO ANTONELLI
QQQ La cappa nera afosa che da giorni opprime le Borse mondiali calata di colpo ieri. Si chiama recessione. Tecnicamente servono due trimestri negativi consecutivi ma si sa Borse e mercati bruciano i tempi. Ieri mattina gli esperti di Morgan Stanley hanno rivisto in netto ribasso le stime sulla crescita economica mondiale del 2011, a +3,9% dal +4,2% indicato precedentemente. Pi marcata la correzione delle previsioni sul Pil del 2012, a +3,8% da +4,5%. Nel 2011, secondo la banca d'affari, la crescita economica dei dieci principali Paesi al mondo dovrebbe essere di appena l1,5%. I dubbi che lasciano sempre le stime (ci sono grandi margini di interpretazione) sono stati schiacciati da una statistica che arriva da Philadelphia. Lindice manifatturiero dellarea pi industrializzata degli Usa precipitato da un +3,2% di luglio a un - 30,7 di agosto. Una batosta che dopo il calo della produzione tedesca (per non parlare del Pil italiano e di quello inglese) sancisce definitivamente che lOccidente in recessione. Cos dopo giorni di perdite i listini europei e pure Wall Street sono precipitati. Piazza Affari ha perso oltre il 6%, Francoforte ha ceduto il 5,82%, Parigi il 5,48% e Londra il 4,49%. ma questo ancora poco. Il peggio probabilmente deve ancora arrivare. E la fregola sulloro dimostra che le liquidit si spostano velocemente da prodotti finanziari ballerini verso quelli pi strutturati fino a cercare certezza nella natura: ovvero possedere loro fisico. Non un caso che il Venezuela di Chavez abbia richiesto il rimpatrio dei propri lingotti dallInghilterra (depositati presso Barclays e Bank of Nova Scotia) esattamente come cinque mesi fa hanno fatto le autorit cinesi. la paura che loro fisico termini e chi non lha richiesto in tempo resti a secco e col cerino in mano. Un po come se tutti i correntisti andassero allo sportello a ritirare contanti. Col risultato, per quanto riguarda il metallo giallo, che il prezzo in poche settimane potrebbe superare i 2000 dollari e creare sempre pi disagio ai listini. Senza contare che ieri stato declassato il rating del New Jersey e a giorni si attende il responso di Moodys che lo scorso 17 giugno ha messo sotto osservazione il debito italiano. Sofferente dopo la notizia di una calo della crescita del Pil e dopo le batoste energetiche frutto della guerra in Libia. Tanto pi che mentre si consuma quello che sar ricordato come il dramma occidentale, dai vertici dellEuropa arrivano molti problemi senza la ricerca concreta di soluzioni. La cancelliera Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy con la loro intenzione di togliere i fondi per lo sviluppo ai Paesi membri che sgarrano sui conti sanciscono la fine delleuro. E dal canto loro sperano di creare, affossando i Piigs gi in crisi, di creare una doppia moneta europea. Quella dei forti da un lato e quella degli sfigati dalaltro. Manovrate entrambe da Berlino e da Bruxelles. Una pacchia in teoria, una fregatura per tutti nella pratica. Perch i vincoli che tanto ama la Merkel sono gli stessi che eccitano i mercati e la speculazione. la quale senza freni crescer di preda in preda fino a godere probabilmente prima o poi anche di Berlino. E di fronte a tale scenario la soluzione statalista dei due big franco tedeschi si limita alla Tobin Tax. Merkel e Sarkozy affossano ulteriormente i listini gi in caduta per la recessione confermando lintenzione di mettere un balzello sulle transazioni finanziarie. Si assicurano cos un gettito sicuro (a breve termine) ma al tempo stesso (a medio termine) una perdita dellintero comparto e una vera e propria fuga di capitali verso altri continenti e verso altre piazze. Tutte quelle che non attueranno mai linsana idea della Tobin Tax, non a caso inventata quaranta anni fa e mai applicata. Non arriviamo a sperare di essere (economicamente) governati come sudditi della Cina, dove le strategie valutarie e deflattive sono con gli attributi, per noi europei meriteremmo che di fronte a una recessione i politici pensino solo a generare altra spesa e sostenerla con nuove tasse. Le ultime saranno quella imposte persino a chi chiude bottega e fallisce. Getta la spugna e spera davvero di lavorare sotto bandiera asiatica. Sar lultima tassa dellOccidente.

MICCICH ATTACCA

Una follia sospendere i fondi Ue


Una follia. Cos il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e leader di Forza del Sud definisce la richiesta di Francia e Germania di sospendere i fondi strutturali Ue per i Paesi in deficit. A pagare - spiega Miccich dalle colonne de Il Mattino - sarebbero solamente le regioni pi deboli d'Europa. Non solo quelle del Mezzogiorno d'Italia ma anche alcune aree della Grecia o del Portogallo. Sarebbe come - aggiunge se in l'Italia il governo nell'ultima manovra avesse preteso uno sforzo solo ai redditi pi bassi. Nella lettera inviata dal presidente francese Nicolas Sarkozy e dal cancelliere tedesco Angela Merkel al presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy si chiede che, i pagamenti provenienti dai fondi strutturali e di coesione vengano sospesi per i Paesi che non si conformeranno alle raccomandazioni sulle procedure di riduzione dei deficit eccessivi e sforeranno i pareggi di bilancio. A Miccich non meraviglia la richiesta di Sarkozy e Merkel: lhanno avanzata perch i loro due Paesi non hanno fondi strutturali da ricevere e contano di far cadere tutto sugli altri. Insomma, per il leader di Forza del Sud quella avanzata da Francia e Germania una proposta sulla quale non discutere, da bocciare senza sedersi ad alcun tavolo perch pura follia: a guardare l'Italia, tutto il peso dello stop conclude Miccich - sar tutto sulle spalle del Sud, dalla Campania alla Sicilia. R.E

Milano gi del 6%

Piazza Affari perde il 25% in 2 mesi


Affogano i bancari: ieri Unicredit ha ceduto il 7%, Intesa Sanpaolo il 9,26% e Mps il 6,84%
QQQ Un cocktail di notizie tossiche provenienti dai quattro angoli del pianeta ha prodotto un risultato devastante su praticamente tutti i listini di Borsa. E ha trascinato Piazza Affari in profondo rosso, spinta al ribasso dai bancari, con una drammatico -6,15%, il peggior risultato in Europa. Oltre 22 miliardi di euro andati in fumo in una sola seduta, 227 miliardi nellintero Vecchio continente. Nel giro di due mesi il listino milanese ha lasciato sul campo un quarto del suo valore. Anche se molti analisti avevano avvisato dei pericoli di unestate rovente, non semplice abituarsi a questi dati. La sintesi dei pericoli che sta correndo leconomia globale stata fatta ieri dalla banca daffari Morgan Stanley che in un documento diffuso dal quotidiano britannico Guardian ha sottolineato come gli Usa e la zona euro sono pericolosamente vicini alla recessione. La seconda in pochi anni. Quel double deep che nellanalisi tecnica precede il rimbalzo ma che resta capace di fare danni devastanti. Morgan Stanley dunque sollecitato i leader di Ue e Stati Uniti ad agire in modo pi efficace contro la crisi del debito. La banca ha tagliato la stima di crescita mondiale al 3,9% mentre nelle economie avanzate il Pil dovrebbe crescere solo dell1,5% nel 2011 e 2012. Neanche le economie emergenti sono al riparo dal pericolo di una nuova recessione, dice la banca. Nel corso della giornata, unaltra tegola caduta sulle teste degli operatori: lindice Fed di Philadelphia, che monitora lattivit del comparto manifatturiero nel distretto orientale americano, ad agosto sprofondato. Poi arriva il taglio il taglio sulle stime delle vendite di automobili in Europa e negli Stati Uniti di Goldman Sachs e il calo dellexport del Giappone. Linasprirsi dei timori che aleggiano da tempo sul debito dei paesi occidentali ha completato lopera. Tra i listini principali del vecchio continente, Francoforte ha ceduto il 5,82%, Parigi il 5,48% e Londra il 4,49%. Lindice Ftseurofirst 300 ha lasciato sul terreno il 4,9%. Particolarmente venduti i titoli del comparto automobilistico, con lindice di settore in calo del 7,7%. Male anche le banche: lo Stoxx Europe 600 banking ha registrato un crollo del 6,6%. Tartassato il settore bancario e Milano non fa eccezione. Fra gli istituti di credito la performance peggiore quella di Intesa Sanpaolo, che perde il 9,26%, mentre Unicredit cala del 7,41%. Limita le perdite a -2,1% Mediobanca. Mps cede quasi il 7%. Crollo di Fonsai (-12,36%), mentre Generali perde il 4,83%. Nellenergia scivoloni di Tenaris e Saipem, mentre Enel perde il 5,39% ed Eni il 4,83%. Crollano, fra gli industriali, le azioni del Lingotto: in una giornata in cui il comparto auto stato fra i peggiori in Europa, Fiat Industrial ha perso oltre il 12% e Fiat Spa l11%. Male anche la controllante Exor (-9%). Cali oltre il 9% anche per Pirelli, Stm e Finmeccanica mentre un nuovo contratto tiene Ansaldo Sts a -4,77%. Male Mediaset (-6,26%), venduto il lusso con Luxottica e Tods. Perdono oltre il 6% anche Campari e Lottomatica.
ANT. S.

PRIMO PIANO

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
ARMI Gli Usa non intendono pi vendere a Taipei i 66 caccia F-16 promessi per difendersi dalla Cina. Hanno paura di perdere lappoggio di Pechino

la grande crisi

Obama ostaggio cinese: cala le braghe sul Tibet


Il vice-Barack in visita dopo labbassamento del rating Usa abbandona al suo destino pure Taiwan. Leconomia ha messo Washington sotto schiaffo del Dragone
::: segue dalla prima FAUSTO CARIOTI
.

LA LUNGA MARCIA Irriverente accostamento in un negozio di Pechino del presidente degli Usa Barack Obama alla figura del leader comunista Mao Tse Tung. LaPresse

(...) al termine del colloquio che il vicepresidente statunitense Joe Biden ha avuto con il suo pari grado cinese, Xi Jinping. In quelle due pagine di ricostruzione ufficiale, che la Casa Bianca si guardata bene dal rettificare, c un signore che detta le condizioni, ed il numero due del governo cinese, e ce n un altro che le accetta senza fiatare, ed il vice di Barack Obama. C la minaccia manco troppo velata dei nuovi signori del pianeta, i quali ricordano che la Cina il pi grande possessore di titoli del debito pubblico statunitense, con circa 1.165 miliardi di dollari in certificati del Tesoro americano. E ci sono i nomi delle vittime dei nuovi rapporti di forza sino-americani: la democratica Taiwan e il pacifico Tibet. Ambedue sono appena stati ufficialmente abbandonati dagli Stati Uniti. Pechino comanda, Washington si adegua: il nuovo ordine mondiale. Biden arrivato in Cina due giorni fa. La decisione di Obama di inviare il suo numero due stata presa subito dopo la umiliante sgridata che il governo cinese, sempre tramite lagenzia Xinhua, aveva inflitto agli Stati Uniti appena appreso che lagenzia Standard & Poors aveva declassato il rating americano. Era il 6 agosto, e le diplomazie internazionali capirono che tutto era cambiato leggendo che la Cina, il pi grande creditore dellunica superpotenza

Q La Cina il pi grande possessore di titoli del debito pubblico Usa, con 1.165 miliardi di dollari
LAGENZIA DI STATO XINHUA

Q Gli Usa non appoggiano lindipendenza di Taiwan, e riconoscono che il Tibet della Cina
JOE BIDEN

mondiale, ha il diritto di chiedere oggi agli Stati Uniti la soluzione dei problemi di debito strutturali e garantire la sicurezza degli asset cinesi denominati in dollari. Lagenzia di Stato indicava agli americani le riforme da fare: ridurre la gigantesca spesa militare e i gonfi costi della previdenza sociale. Due giorni dopo veniva annunciato il viaggio di Biden. Viste queste premesse, ci che accaduto ieri non dovrebbe stupire. Lagenzia Xinhua riferisce che Xi ha rivolto a Biden le seguenti parole: La chiave per assicurare uno sviluppo sano e stabile delle relazioni tra Cina e Stati Uniti il rispetto dei reciproci interessi cruciali. Per essere pi chiaro, il numero due di Pechino ha aggiunto che i temi relativi a Taiwan e al Tibet, che riguardano gli interessi cruciali della Cina e i sentimenti di 1,3 miliardi di cinesi, devono essere maneggiati in modo prudente e opportuno, per evitare di danneggiare le relazioni tra la

Cina e gli Stati Uniti. Biden, prosegue il resoconto, ha dato la risposta che i cinesi si attendevano: Gli Stati Uniti riconoscono pienamente che i temi relativi a Taiwan e al Tibet sono parte degli interessi cruciali della Cina. Ha anche assicurato che gli Usa sostengono con fermezza la politica di una sola Cina e non appoggeranno lindipendenza di Taiwan, oltre a dare il pieno riconoscimento che il Tibet parte inalienabile della Cina. Alla vigilia dellarrivo di Biden era filtrata la notizia che gli Stati Uniti non intendono pi vendere a Taiwan i 66 caccia F-16, ultima versione, promessi a Taipei per difendersi dalla Cina, che tiene puntati 1.300 missili contro lisola. Era il segnale dellintenzione americana di lasciare Taiwan al proprio destino per ottenere la benevolenza di Pechino; intenzione confermata ieri da Biden. Il quale - ma di questo nei resoconti ufficiali ancora non c traccia - ha chiesto

in cambio alle autorit cinesi di rivalutare lo yuan, la valuta nazionale, la cui debolezza rispetto al dollaro contribuisce ad affossare la bilancia commerciale americana. Sono lontani i tempi in cui Obama, ricevendo il premier cinese Hu Jintao, si permetteva di chiedergli in pubblico di rispettare i diritti dei tibetani e di aprire il dialogo con il Dalai Lama. Era il gennaio di questanno, ma come se fossero trascorsi decenni. Cos come fa tenerezza leggere che il dissidente cinese He Depu, il quale ha trascorso otto anni in carcere per aver cercato di fondare un partito democratico, ha chiesto a Biden di focalizzare lattenzione sui diritti umani in Cina e sulla condizione degli attivisti per i diritti umani e religiosi. Obama e Biden hanno altro cui pensare. Negli Usa torna lo spettro della recessione, linflazione superiore alle attese (0,5% su base mensile anzich 0,2), le nuove domande per i sussidi di disoccupazione sono state 9.000 invece delle 5.000 previste, lindice della produzione nellimportante distretto di Philadelphia crollato del 30,7% e secondo un sondaggio Gallup il 71% degli americani boccia la politica economica di Obama. E questo solo per limitarsi alle notizie uscite ieri. Pretendere che la Casa Bianca difenda democrazia e diritti umani davanti al principale creditore degli Stati Uniti, di questi tempi e con una simile amministrazione, davvero troppo.

I (pochi) lati positivi dei crolli

BENE RIFUGIO Da inizio anno l'oro si apprezzato di quasi il 30%. Il prezzo del metallo giallo ha di nuovo superato la soglia di 1.800 dollari loncia e si avvicina verso quota 2000. litiche, come sottolineato ieri dal presidente Hugo Chavez, che si sta preparando alle elezioni del prossimo anno. Il presidente al suo terzo mandato, che ha gi ricondotto diversi settori economici sotto il controllo statale, ha ora nel mirino l'industria aurifera dopo i contrasti tra il Governo e le societ straniere, che si sono lamentate dei limiti imposti alle esportazioni, potenzialmente lesivi per le finanze e lo sviluppo dei progetti d'estrazione. Sembra che Chavez abbia perso la pazienza e abbia deciso di portare l'industria nelle mani dello stato. L'altro bene rifugio, il franco svizzero, ieri invece calato contro euro e dollaro, con i trader che parlano di voci che la banca centrale svizzera stia immettendo liquidit attraverso il mercato dei futures valutari. Il franco svizzero si era spinto al rialzo contro la moneta unica durante le battute asiatiche, con attese di ulteriori guadagni in mancanza di passi decisivi da parte dell'istituto centrale elvetico.

Loro continua a salire ma conviene fare mutui


QQQ Mutui e prestiti pi convenienti, benzina in calo e opportunit di guadagno sulloro. Saranno pure piccole consolazioni per il ceto medio martoriato, ma in tempi di crisi aguzzare lingegno serve, almeno quanto tirare la cinghia. E vediamo perch. Innanzitutto i prestiti per comprare una casa. Per adesso, e questa la prima notizia positiva, chi ha sottoscritto un variabile da 100 mila euro a ventanni dovrebbe risparmiare qualcosa. Dallinizio di agosto, quando la crisi pian piano precipitata, lEuribor a un mese passato dall1,43 all1,35 mentre il tasso a tre mesi passato da 1,61 a 1,54 (si tratta dei due riferimenti interbancari che con laggiunta dello spread vanno a formare il tasso complessivo pagato da chi acquista una casa a prestito). Nulla di trascendentale. Piccolissime variazioni che comportano risparmi per un centinaio di euro lanno. Ma soprattutto un cambio di tendenza. LEuribor passato dall1% di inizio anno all1,60% di poche settimane fa e le prospettive pre-crisi parlavano di una rapida risalita verso il 2% con ulteriori due rialzi della Bce attesi da qui a fine anno. E adesso? Le prospettive sembrano capovolte. I tassi impliciti che si ricavano dai future danno l'Euribor a 3 mesi all'1,30 a settembre e all'1,14 a dicembre. Vedremo. E sul fisso? Buone nuove arrivano anche dallEurirs a 20 e 25 anni (le durate oggi pi gettonate per il fisso) che passato rispettivamente dal 3,54 e 3,48 del primo agosto al 3,32 e 3,25%. Ovviamente il discorso vale per chi decidesse di stipulare un mutuo oggi. Capitolo benzina. Si diceva, e giustamente, il petrolio scende, ma la benzina no. Con il prezzo del barile che negli scorsi giorni era sceso repentinamente nei pressi della soglia 80 dollari (vista la crisi e lo stop della domanda). E fino a Ferragosto le flessioni alla pompa sono state davvero irrisorie. Passata la festa le cose dovrebbero andare un po meglio. Secondo la stima di Federconsumatori e

Adusbef ci sono almeno 14 centesimi di tagli ancora in ballo. Speriamo bene. Affari con loro? Con gli investitori pi preoccupati per una nuova recessione, l'oro, bene rifugio per eccellenza, vola. Il prezzo spot del metallo giallo ha infatti di nuovo superato la soglia di 1.800 dollari l'oncia dopo che Morgan Stanley e Goldman Sachs hanno tagliato le stime sulla crescita del Pil globale nel 2011-2012. Il metallo prezioso oggetto di un rinno-

vato interesse degli investitori alla luce delle perdite sull'azionario (chiaro segno di un aumento dell'avversione al rischio), della persistente crisi dei conti pubblici nell'Eurozona. Da inizio anno l'oro si apprezzato di quasi il 30%. E visto che non smette di salire il Venezuela ha intenzione di nazionalizzare l'industria aurifera e trasferir le proprie riserve internazionali dai paesi occidentali verso i paesi pi vicini alle sue posizioni po-

10

Venerd 19 agosto 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

la grande crisi

IL NODO A far infuriare il sindacato soprattutto la possibilit di modificare in sede aziendale larticolo 18: C il rischio concreto di una proliferazione di accordi pirata

La Cgil chiama i suoi: rientrate dalle ferie qui c da scioperare


La Camusso attacca la manovra e fissa una riunione straordinaria il 23 agosto per stabilire la data della mobilitazione. Presidio di fronte al Senato per il 24
::: TOBIA DE STEFANO
QQQ Ci voleva laria di sciopero per far rientrare i sindacalisti in fretta e furia dalle ferie agostane. La battuta, facile, servita su un piatto dargento dalle news che arrivano da corso dItalia, la sede romana della Cgil. Susanna Camusso, che stava consumando gli ultimi giorni di vacanza in Sardegna, ha dato seguito alle minacce di mobilitazione contro la manovra correttiva da 45 miliardi precettando i suoi per una riunione straordinaria. Data? Il 23 agosto. Obbligo di presenza per tutti. Dai segretari generali delle diverse categorie fino alle strutture territoriali del sindacato. Obiettivo? Decidere la data dello sciopero, cosaltro. Non vedo un altro modo per cambiare liniquit del decreto, sentenziava lei. Spazi per ripensamenti? Praticamente nulli. Anzi. Si va oltre. Per il 24, infatti, il

NICHI E IL COMPAGNO A TERLIZZI

Lestate calda di Vendola


Ecco gli scatti pubblicati dal settimanale Chi che ritraggono il leader di Sel Nichi Vendola con il compagno di origine canadese Eddy, di 18 anni pi giovane. Non la prima volta che i due si fanno vedere in pubblico: in questo caso stanno trascorrendo giorni di ferie a Terlizzi in provincia di Bari. sindacato rosso starebbe organizzando un presidio davanti al Senato con tanto di conferenza stampa del segretario che presenter le sue proposte di modifica. Una sorta di contromanovra. Perch stando alle dichiarazioni di questi giorni alla Camusso non va gi quasi nulla. Il contributo di solidariet? Si colpisce solo chi paga le tasse. Il Tfr? Che fine ha fatto quella parte del trattamento di fine rapporto depositato allInps. Il nuovo scu-

.
dei lavoratori dipenderanno dalle condizioni della propria azienda: c il rischio concreto di una proliferazione di accordi pirata, firmati da sindacati di comodo. Mentre Bonanni non la pensa allo stesso modo: Il sindacalismo non ideologizzato spiega in unintervista rilasciata al Sole 24 Ore - sa che quelle norme riprendono lintesa interconfederale di giugno riconoscendo la centralit della contrattazione territoriale [...]Abbiamo piena fiducia nei nostri dirigenti aziendali. La mobilitazione della Camusso? In queste condizioni contraria al buon senso, serve solo a tenere buona la Fiom. Morale della favola: la Cgil scender in piazza per il sesto sciopero contro il governo Berlusconi e Cisl, Uil e Ugl continueranno il pressing sullesecutivo per ottenere, magari, laumento dellIva e ulteriori tagli ai costi della politica al posto del contributo di solidariet. Lennesima puntata di un copione gi visto tante altre volte.

do? Siamo inorriditi. Insomma tornato il sindacato del no a oltranza. Ma al di l delle dichiarazioni colorite, quello che in corso dItalia proprio non digeriscono il pacchetto sul lavoro. l che Cgil-Cils e Uil avevano ritrovato (con lintesa sui contratti del 28 giugno) spiragli di unit, ed l che oggi si separano di nuovo. Sulla possibilit di modificare in sede aziendale larticolo 18 dello Statuto (quello che regola i licenziamenti) i compagni non transigono, i diritti

ecco le tre notizie pi calde dellestate.

fino al 31 agosto puoi avere fino a 500 di extrabonus sulla gamma fiat in pronta consegna + una delle 3 offerte di fiat summer tris:

Fina Fi Finanziamento.
AD ES ESEMPIO, su fiat 500 anticipo zero ES e in inte interessi zero (TAEG 4,49%), 12 mesi di assic assicurazione RC in omaggio E PAGHI DAL 2012.

SuperValutazione.
Su tutta la Gamma in pronta consegna Fiat supervaluta il tuo usato rispetto alla quotazione Quattroruote, ad esempio su Punto ti offre fino a 1.000 di supervalutazione.

WWW.FIAT.IT
Panda MyLife 1.2 bz. p z Panda MyLife 1.2 bz. prezzo promo 8.800 (IPT esclusa). Punto 150 1.2 bz. 3p. prezzo promo 9.900 (IPT esclusa) e per la versione 5p.+ 800. Offerta valida no al 31.08.2011 con il contributo dei Concessionari Fiat. Fiat 500 1.2 Lounge prezzo promo con nanziamento 13.550 (IPT esclusa). Es. Finanz. 12 prezzo mesi d polizza omaggio: mesi dii polizza RC omaggio: Ant. 0, 60 mesi, 1 rata a gennaio 2012, rate 56 mensili di 271,88, imp. tot. del Credito 15.026,64 (inclusi SavaDna e Prestito Protetto per 1.162,02, spese pratica 300, bolli 14,62), imp. tot. dovuto 15.238,39, spese incasso Rid pari a 3,5/rata, spese invio e/c 2,81 z ma polizza anno, sso 0%, TAEG 4,4 anno, TAN sso 0%,TAEG 4,4 Salvo approvazione TAEG 4,49%. . Fino al 31/08/11, messaggio a scopo promozionale, fogli Inf. su sava.it, Doc. Precontrattuale in Concessionaria. Punto MyLife 1.2 bz. 3p. prezzo promo con supervalutazione dellusato 12.350 (IPT esclusa). Offerta valida con il contributo dei Concessionari Fiat Fiat no al 31.08.2011 riferi alle quotazioni dellusato Quattroruote per vetture cedute ai Concessionari. Punto MyLife e Punto 150: consumi ciclo combinato 5,2 (l/100km). Emissioni CO2 123 (g/km). 500: consumi ciclo combinato max 5,8 (l/100km). Emissioni CO2 max 135 (g/km). Panda MyLife: 31.08.2011 riferita 31.08.2011 f consum ciclo combina 4,9 con um ciclo combinato 4 (l/100km). Emissioni CO2 113 (g/km). Fino a 500 di extra bonus: valido sulle vetture della Gamma Fiat in pronta consegna con il contributo dei Concessionari no al 31.08.2011. Gamma Fiat: consumi ciclo combinato da 3,9 a 8,3 (l/100km). Emissioni CO2 da 92 a 173 (g/km). on umi n mbina consumi i lo combinato

PRIMO PIANO

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it
PARADOSSI Nella stessa intervista dove parla di temperature pericolose, il leader democratico cita il Vangelo: Non di solo pane vive luomo

11

la grande crisi

E Bersani sogna gli scontri di piazza


Il segretario del Pd non presenta controproposte alla manovra del governo ma si limita a chiedere le dimissioni di Berlusconi e a vaticinare un autunno caldo. Per fortuna neanche i suoi lo prendono sul serio
::: FRANCESCO BORGONOVO
QQQ Sar un autunno caldo, dice Pier Luigi Bersani. Infatti lui, per non sudare troppo, si messo in maniche di camicia un anno fa e da allora non c stato verso di fargli infilare una giacca, tanto che alle feste di partito lo scambiano per laddetto alla griglia. Ieri il capoccia del Pd ha confermato quel che da tempo sospettavamo, cio che egli avesse rinunciato alla politica per dedicarsi alla meteorologia, uscendone fulminato: Nel Paese clima pericoloso, era il titolo della sua intervista al Messaggero. E gi milioni di vacanzieri scendevano con la mano a sfiorarsi i gioielli, per scacciare la rogna e il diluvio nelle localit balneari. Non avevano tutti i torti, poich il segretario sembra seriamente intenzionato a menare sfiga, non essendo capace daltro. La carriera di politicante, dicevamo, va male. Di fronte alla manovra dolorosa presentata dal governo il Pd - che pure avrebbe avuto gioco facile - non riuscito a imbastire uno straccio dopposizione credibile, tanto che il centrodestra ha dovuto crearsi unopposizione da s. Il dibattito sulle tasse tutto interno alla maggioranza; a discutere, litigare e persino darsele di santa ragione sono soltanto gli esponenti del Pdl e della Lega. La carriera di comico sembrerebbe offire a Bersani qualche soddisfazione in pi, almeno da quando ha deciso di dedicarsi a tempo pieno a copiare Maurizio Crozza, diventando lunico politico che imita il suo imitatore. Di trovate da ridere Pier Luigi ne ha escogitate parecchie. Al Messaggero ha ribadito la sua idea delluna tantum sui patrimoni scudati. La facciamo considerevole perch vogliamo usarla per lo sviluppo. S, come no, i denari rientrati in Italia protetti dallo

Le reazioni

Il Pdl avverte: frasi pericolose


::: ROMA
QQQ Nuovo scontro frontale tra maggioranza e opposizione. Alle parole di Bersani replica Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl: A Bersani secondo il solito non va bene nulla. La salvezza pu venire solo dalla famosa sinistra progressista europea, ma, specifica Cicchitto, Bersani diventa davvero inquietante quando arriva a delegittimare di fatto la potest del governo, a fare manovre economiche incisive e quando parla di clima pericoloso nel Paese e che potrebbe bastare una scintilla. Per usare una espressione tratta da un lessico a lui ben conosciuto possiamo dire che quella di Bersani una esercitazione del tutto avventurista, di per se stessa pericolosa. Nuova bordata dal Pd, da parte del responsabile comunicazione del Pd, Stefano Di Traglia, secondo il quale irresponsabile Cicchitto che non vede la situazione seria sotto gli occhi di tutti. Commenta Osvaldo Napoli, vicepresidente Pdl alla Camera: Le parole sono pietre e tali sono quelle di Bersani per cui gli insulti di Di Traglia sono solo la controprova di gente a cui sono saltati i nervi. E il presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri paragona il segretario del Pd, allattacco del governo mentre le borse vanno in crisi in tutto il mondo, agli speculatori finanziari.

Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani Agf scudo fiscale stanno l ad aspettare che Bersani li vada a prendere. Fallimento come politico, fallimento come comico: c da uscirne distrutti. E infatti Pier si incupito. Pesta i piedi come i bambocci e, non riuscendo a giocare lui, vuol rovinare la partita a tutti. A costo di distruggere la palla e persino il campo, invocando calamit. Smacchiava giaguari, dun tratto passato a pettinare gli uccellacci del malaugurio: C in questo momento in Italia una paura, unincertezza, un disamore e uno scoramento che non ha precedenti, lha tirata sul Messaggero. C anche un distacco pericoloso dalla politica e dalle istituzioni: temo che questo dato sia largamente sottovalutato. La temperatura molto pi alta di quel che comunemente si pensi. La giornalista era allibita: non parler mica di un autunno caldo anche per lordine pubblico? E lui: Non lo so, basta una scintilla perch queste cose possano certamente sfociare in ribellismi. Fanno cos gli avvoltoi: aspettano che le belve stronchino la preda svolazzando in cerchio. Quando la vittima inoffensiva, calano a godere di quel che resta. La zoologia bersaniana meno tragica: lavvoltoio della specie piacentina tuttal pi sorvola le sagre e savventa sul tortellino indifeso. Incapace di scalzare Silvio anche dopo una manovra che pi impopolare non si pu, il capo del Pd sogna la rivolta popolare. Proprio lui, che con quelle manichette arrotolate al massimo pu rivoltare una salsiccia sul barbecue. Infatti, in conclusione di intervista, sfodera la citazione evangelica (per difendere le feste laiche del 25 aprile e 1 maggio): Non di solo pane vive luomo. Gi, serve anche po di luganega, se no alle sagre di cui sopra non ci va nessuno. Fortuna che non lo prendono sul serio, altrimenti ci sarebbe da preoccuparsi che a sinistra sorgano strane idee. Che volete dire a uno cos? Bersani, per Dio, va bene rifiutare la giacca, ma stia attento ai colpi di sole, si metta almeno un cappello. Anche se, considerando il livello, in testa sarebbe pi appropriato lo scolapasta.

Commento

La sinistra va in trincea sul 25 aprile Non rinuncia al diritto di propaganda


::: GIORDANO TEDOLDI
QQQ Forse la gravosa manovra economica varata dal governo almeno un risultato sicuramente positivo lo porter: abolire il megaconcertone del primo maggio, festa dei lavoratori. Ecco, non vorrei trarre in inganno, ho detto abolire, quando invece la proposta di Tremonti per risparmiare un po di spiccioli in questi tempi di vacche magre chiara: non di abolire le feste repubblicane si tratta, ma di spostarle tutte, con i loro annessi e connessi (concerti comizianti inclusi) alla domenica successiva. Schiodare dai loro giorni fissi le tre festivit civili ma sacralizzate dai benpensanti di sinistra, cio Liberazione, festa della Repubblica e festa del Lavoro e accantonarle alla domenica, cos pu anche succedere che il primo maggio, miracolosamente, si festeggi il lavoro andando a lavorare. E che lo stesso si faccia il 25 aprile, il 2 giugno, altre ricorrenze in cui il nostro paese si trasforma in una specie di museo a cielo aperto in cui i cittadini di sinistra vestono la livrea dei custodi, e i cittadini di destra vengono invitati a guardare ma non toccare, gli si chiede se hanno pagato il biglietto per stare in questa repubblica, e di stare zitti a ascoltare i discorsi dei partigiani. Qualcuno dir che non cos, che le tre festivit a rischio di domenicalizzazione appartengono a tutti. Dopo che gli sar cresciuto il naso, lo invitiamo a porgere orecchio alle proteste che si stanno levando a difesa dellimmobilit delle ricorrenze in questione: provengono tutte da sinistra (anche se c qualche sparuta eccezione pure nel Pdl) e la Repubblica ha gi suonato le trombe di guerra per gli indignados digitali titolando: E la Rete si mobilita. Che strano, a sinistra adorano mobilitarsi, la Rete si mobilita sempre alla minima cretinata, la festa dei lavoratori invece deve stare immobile, attaccata al primo maggio come una cozza. Ma via, amici di sinistra, non eravate laici a prova di bomba? Da quando per voi le festivit hanno questo valore sacrale, da suolo e sangue? Ma cosa siete, antichi romani devoti ai Lari, asburgici imperial-regi alle prese col giubileo di Cecco Beppe? Non un po ridicola questa fedelt al calendario, quando siamo tutti disincantati figli del ventunesimo secolo? Capirei se si stesse minacciando di farvele scomparire. Ma qui solo un ricollocazione per il bene delle casse dello Stato, che dovrebbero starvi a cuore almeno quanto i gagliardetti delle brigate Osoppo. Ma forse il vero motivo delle vostre proteste che vi dispiace abbassare le grinfie da celebrazioni che avrebbero dovuto essere condivise e sentite datutti i cittadini, e che invece con la vostra ottusa strumentalizzazione ideologica avete trasformato in aggressive parate dellorgoglio di parte, sulla base di ricostruzioni storiche di

IN PIAZZA La manifestazione dell'Anpi, l'Associazione nazionale partigiani, nel 2009, per celebrare il 25 Aprile, a Porta San Paolo a Roma LaPresse del 14 luglio, o lAmerica la festa del Ringraziamento del 4 luglio. E perch no? A parte che il caro Obama presto non avr granch da ringraziare, rischiando lui di fare la fine del tacchino farcito al banchetto dei cinesi con in tasca i titoli di stato americani. Quanto ai francesi, gente che ha ghigliottinato un re quando gli venuto il capriccio, figurarsi se, in caso di stretta economica, non pronta a spostare la presa della Bastiglia. Solo qui da noi abbiamo il paradosso di una sinistra che ci fa la morale laica ogni giorno e poi diventa pi tetragona di un druido gallico quando gli toccano una festivit in cui ha affondato i denti della sua ideologia, rivelandosi cos molto dogmatica e retrograda. Non dico di esser pronti a rivoluzionare le proprie visioni come fece Galileo, per citare un nome che risulter gradito a Margherita Hack, ma almeno relativizzare la portata della questione, come avrebbe fatto Einstein.

comodo. Stupisce anche che a unirsi al coro delle proteste sia una scienziata, la stimata astronoma Margherita Hack. Donna orgogliosamente di sinistra, razionalista e materialista fino al midollo, che si pone a difesa del 25 aprile come farebbe un cristiano per il 25 dicembre, il quale per giustamente, in ossequio alla sua credenza di un ordine divino necessario, pretende che il giorno resti immutato nel tempo. Ma in

quale eternit, in quale necessit pu credere la professoressa Hack? O dobbiamo arrivare al paradosso di sostenere che le festivit civili affondano la loro legittimazione nello stesso disegno provvidenziale e di preghiera di quelle sacre? E dobbiamo dirlo, come fa Hack, con un messaggio sul sito dellAnpi o dallaltare di qualche nuova teologia laica? Altri ricordano che mai la Francia sposterebbe la presa della Bastiglia

@ commenta su www.libero-news.it

12

Venerd 19 agosto 2011

PRIMO PIANO

la grande crisi

LA PROTEZIONE Per il capo della Lega, in mezzo a noi il titolare dellEconomia non tra i lupi. Calderoli nega uno scudo bis: Nella manovra non c

Bossi festeggia Tremonti Ma assediato dai fischi


Tensione in Cadore: padani arrabbiati, autonomisti e pd fuori dallhotel dove alloggia il leghista. Che promette aiuti agli enti locali e si scusa con Brunetta
::: MATTEO PANDINI
QQQ Sar anche il compleanno di Giulio Tremonti (da ieri sono 64: auguri), ma attorno al superministro dellEconomia e ai leghisti Bossi e Calderoli non c aria festosa. In Cadore c ancora tensione, dopo lincontro pubblico dellaltra sera annunciato dai quotidiani locali e poi mandato a monte. I maligni hanno dato la colpa ai fischi, ma il titolare della Semplificazione ha negato ci fossero comizi in programma. Fatto sta che per gli esponenti leghisti assedio continuo. Padani arrabbiati, autonomisti che sognano lannessione al Trentino Alto Adige, truppe del Pd, malpancisti generici. In mattinata, davanti allalbergo Ferrovia a Lorenzago dove alloggiano Bossi e Calderoli, un drappello di contestatori capitanati dal sindaco ha srotolato uno striscione per chiedere una nuova legge elettorale. Poi stato il turno degli autonomisti, che hanno chiesto (inutilmente) un faccia a faccia. Quindi ecco il Pd: scenate contro la soppressione delle province e le sforbiciate in generale. Allora di pranzo arrivato Tremonti, che s tenuto costantemente informato sui mercati finanziari. Piatti serviti in hotel. Alla fine i tre sono usciti allaperto protetti dalle guardie del corpo. Impossibile avvicinarli, anche per i giornalisti che sono calati in massa nel paesino delle Dolomiti. Per la cronaca, il Senatur s presentato con la tradizionale canottiera bianca. Da segnalare alcune macchine che, strombazzando davanti allhotel, hanno urlato insulti. Una situazione che ha consigliato ai ministri di prevedere una cena riservata, lontana dallhotel Ferrovia e off-limits per giornalisti e curiosi. Poi s sparsa la voce: vanno al taglio del nastro di un minielettrodotto tra il Friuli e il Veneto. Ci andranno solo Giulio e Umberto. Il Senatur, arrivato nella notte tra mercoled e ieri da Ponte di Legno, non stato con la bocca tappata. Prima ha confessato di aver chiamato Renato Brunetta per scusarsi, dopo averlo definito nano di Venezia e rompicoglioni. Poi ha parlato di Tremonti: Si sente sicuro quando ci siamo noi, non si sente abbandonato in mezzo ai lupi. Per il compleanno di Giulio, Umberto augura che riesca a riposarsi, perch bisogna ritornare in Parlamento e riprendere in mano la manovra. Ecco, la manovra: Stiamo facendo delle cose per tenere in piedi il Paese, daltronde il punto debole sono gli enti locali. Evidentemente gli sono giunte allorecchio anche le critiche del presidente provinciale di Belluno Gianpaolo Bottacin, leghista doc, che laltro giorno ha fatto presente a Calderoli un lungo elenco di critiche. In territori come quello di Belluno spiega Bottacin la Provincia non percepita come ente inutile, anche perch deve occuparsi anche di viabilit e tutela del suolo. Ho 700 chilometri di strade e centinaia di frane da controllare. Ogni anno, Belluno spedisce a Roma fino a 800mila euro. Ne tornano indietro briciole. Sempre pi piccole. Calderoli lha rassicurato: intende anticipare lentrata in vigore del federalismo fiscale imponendo tagli solo per gli enti spendaccioni. Che sono quasi tutti al Sud. Speriamo... dice Bottacin. Umberto, intanto, blinda lalleanza: Vedo che alla fine troviamo sempre una via giusta, la via possibile che ci fa andare avanti. Se Tremonti non parla, Calderoli nega uno scudo bis: una realt virtuale che nella manovra non c.

il graffio
Serve la psicologa
Tra chi contesta i leghisti in Cadore c lex presidente pd della Provincia di Belluno. Si tratta del consigliere regionale Sergio Reolon. furioso per i tagli. Proprio lui, condannato dalla Corte dei conti a risarcire lente con 100mila euro: quando governava aveva concesso una ricca consulenza (definita aria fritta dal procuratore) a una psicologa. migliorato: adesso Reolon fa polemica gratuita.

UNA CANOTTIERA PER GLI AUGURI Umberto Bossi e Giulio Tremonti chiacchierano dopo pranzo a Calalzo, Belluno Ansa

PRIMO PIANO

Venerd 19 agosto 2011

13

@ commenta su www.libero-news.it
LA RICETTA Il ministro del Federalismo blinda lalleanza: Col Pdl troviamo sempre unintesa. Il presidente di Anci Lombardia critica il governo

la grande crisi

Il popolo della Lega festante a Pontida. In questi ultimi giorni si acceso il dibattito sul partito e sul Senatur Umberto Bossi. [LaPresse]

Neppure la base Ma sulle pensioni capisce pi Umberto ha difeso le scelte della Lega le ragioni del Nord
Aveva invitato i Comuni a non lamentarsi. Ora Bossi dice: Dobbiamo trovare una via pi completa per loro. la richiesta di Maroni, che sa che su questo il partito si gioca tutto
::: segue dalla prima MARTINO CERVO
.

Il professor Galli, vicino al Carroccio: Il Settentrione, come al solito, chiamato a fare i sacrifici maggiori. Per dopo i vitalizi il Senatur cercher di salvare anche i Comuni
::: ANDREA VALLE
QQQ Che la manovra sia discutibile non ci piove. E che Bossi e la Lega, in questo momento, si trovino in una posizione davvero molto delicata un altro dato di fatto. Ma bisogna andarci piano con i giudizi sommari. Stefano Bruno Galli, docente di Storia delle Dottrine politiche, un politologo molto vicino alla Lega. Galli, cos successo al Carroccio? Ci troviamo di fronte a uno Stato che, ogni anno, si mangia oltre il 50% del Pil per mantenere se stesso. uno Stato dalle dimensioni elefantiache, in cui si annidano troppe zecche e troppi parassiti; pidocchi li chiamava Gianfranco Miglio. uno Stato che a certi privilegiati garantisce delle pensioni non doro, bens di platino, superiori ai trentamila euro mensili. Cosa centra con Bossi, scusi? Centra. Difendere le pensioni e i lavoratori soprattutto al Nord che, per tutta una vita, hanno lavorato e versato regolari contributi una questione anzitutto morale. Per questo ha ragione Bossi. Sta emergendo di fronte a questa crisi il problema della nuova povert. Prima delle vacanze estive sono passato al mercato di viale Papiniano, a Milano. Ho notato alcune persone anziane, vestite dignitosamente, raccolte attorno a un gruppo di extracomunitari che avevano appena saccheggiato un vicino supermercato. Stavano barattando lacquisto a basso costo di alcuni generi alimentari. Siamo tornati alleconomia del baratto. Di fronte a scene come questa, difendere le pensioni ripeto un dovere morale. Tenga conto che solo due famiglie su dieci, in questo momento, non stanno erodendo il patrimonio per vivere; otto famiglie su dieci stanno dilapidando il patrimonio cumulato negli anni. Anche per questa ragione le giovani generazioni hanno un futuro incerto davanti a loro. S, ma intervenire sulle pensioni ha senso proprio per garantirle ai giovani. Anche le imprese, tessuto del Nord, sono tartassate. Indubbiamente c anche il problema della piccola e media impresa che rappresenta la struttura portante dellorganizzazione economica e produttiva del Nord. E che alla crisi, nel solo 2010, ha pagato un pedaggio oltremodo elevato: meno 40 miliardi di euro in Lombardia, meno 20 miliardi di euro in Veneto. Cos come cil problema degli enti locali, soprattutto dei Comuni, tartassati dalla manovra e gi da tempo sofferenti per via del patto di stabilit. Per la verit, occorre sottolineare che gli enti locali potranno utilizzare gli strumenti offerti dal federalismo fiscale per arginare gli effetti della mannaia della manovra, a cominciare dalle tasse di scopo. poi possibile prevedere unazione da parte della Lega particolarmente agguerrita nel doppio passaggio parlamentare della manovra economica. Cos, di fianco alla tutela delle pensioni, si potranno arginare anche i tagli che penalizzano gli enti locali e la piccola e media impresa del Nord. Finora il dibattito si concentrato sugli emendamenti di Pdl e Pd. Bossi perfettamente consapevole che, dopo anni di alleanza con Berlusconi, deve tutelare sino in fondo le giuste ragioni del Nord. Che ogni anno garantisce circa il 60% del Pil e stacca un assegno di oltre 50 miliardi di euro a beneficio del resto del Paese. E che adesso si sobbarcher circa il 70% di questa manovra. la solita vacca da mungere. Per ci, chi vuole governare il Paese deve fare i conti con il grande Nord.

(...) a proposito degli enti locali lo specchio di una situazione difficilissima, potenzialmente devastante tanto per la Lega quanto per lintero centrodestra. Prima pensiamo ai poveracci, ha detto Bossi nelle ore successive al consiglio dei ministri. Il Senatur ha poi rivendicato in toni accesi di aver salvato le pensioni, opponendosi ai suggerimenti di Bce e Bankitalia: anche ieri la famigerata lettera di Draghi e Trichet stata evocata dal ministro per le Riforme con misteriose allusioni a maniromane. Bossi ha poi regalato unaltra piroetta: Il punto debole della manovra sono gli enti locali, si pu trovare una via pi completa per gli enti locali, ha detto ai cronisti, confessando dubbi sulla possibilit - peraltro gi prevista da una clausola di salvaguardia in manovra - di aumentare lIva. Di suo, lespressione ha dellincredibile: dopo il Consiglio dei ministri Bossi aveva detto che comuni e province non dovevano lamentarsi, e i suoi colonnelli erano scesi su questo in polemica con Formigoni; lo stesso ministro leader di un partito che ha votato con tutti i suoi ministri la manovra coi 9 miliardi di tagli agli enti locali. O tutti sapevano che il decreto sarebbe stato assaltato dal giorno successivo, oppure Bossi e i suoi non avevano compreso la portata della manovra. Nella logica della Lega, latteggiamento di Bossi meno incomprensibile. Salvare gli enti locali vuol dire salvare il cuore del partito: sindaci e amministratori per i quali il federalismo fiscale (che ora si pensa di anticipare, ma che contestualmente a un taglio dei trasferimenti equivarrebbe a pi tasse locali) era stato voluto e pensato. Significa

combattere la battaglia di Roberto Maroni, sostenuto da quegli stessi sindaci ormai apertamente ostili al governo e, cosa davvero inaudita, disposti a mettere in discussione lo stesso Bossi. Il comizio saltato, malgrado le spiegazioni di Calderoli, rimane un episodio preoccupante perch tra mura che pi amiche non si pu. A parte la grottesca intrusione del Pd che ha spostato una sua manifestazione dove cera il capo del Carroccio, il segnale forte di ieri la rabbia degli autonomisti bellunesi che cercavano lappoggio del Senatur per i loro tentativi di secessioneverso il Trentino. Anche le urla dirette dopo il pranzo a porte blindate contro Umberto e Giulio fanno male: la Lega rischia perch una crisi sui soldi il tema peggiore per un partito nato per grandiosa intuizione di Bossi su rivendicazioni fiscali che univano identit territoriali diverse. Ieri il Senatur ha discusso con Tremonti e Calderoli: probabile che le loro soluzioni non coincidano con quelle elaborate da Berlusconi con Alfano, Cicchitto e Gasparri. Toccher al premier e a Bossi (ancora una volta molto uniti da sorti dure e speculari in oneri e onori) trovare la quadra con un emendamento, su cui poi porre una fiducia difficilmente evitabile? Il capo leghista gioca una partita terribile per la sopravvivenza stessa della Lega. Tenta di replicare lo schema con cui ha battuto tutti e tutto per anni: Canottiera, rivendicazioni, spariglio per poi portare a casa ci su cui si impunta, presentandolo al suo popolo e domando i dissidi nel partito. I problemi sono due: lo schema il solito, ma il campo troppo diverso e si chiama crisi mondiale. Il secondo che pure il suo popolo manda cenni destinati a bucare perfino il cordone protettivo attorno al vecchio leone.

FONTANA (VARESE)

Sindaco lumbard guida la rivolta contro i tagli


Attilio Fontana, Presidente di Anci Lombardia, chiama i colleghi primi cittadini alla mobilitazione contro i contenuti della manovra: importante partecipare tutti alla assemblea degli amministratori del Nord promossa da Anci, una forte mobilitazione dei Sindaci e degli amministratori comunali per far capire al Paese che bastonare i Comuni pi grandi e sopprimere i pi piccoli non fa diminuire il debito pubblico, ma semmaifa diminuire il livello di democrazia del nostro Paese. Una prima riunione straordinaria dei Sindaci si terr a Milano il 29 agosto, e sar incentrata sugli accorpamenti dei piccoli Comuni sotto i 1000 abitanti, una decisione che non porter reali benefici. Basterebbe prosegue Fontana - diminuire davvero il costo da centinaia di migliaia di euro lanno di parlamentari e consiglieri regionali, i rimborsi astronomici di chi siede nelle authority per risparmiare molto di pi.

14

Venerd 19 agosto 2011

UN TUFFO NEL COLORE.

HIGH TECH LOW COST da 49

La robustezza della cassa in acciaio, impermeabile a 10 bar. Lafdabilit di Citizen. La sportivit del design. La cura dei dettagli. Tutto questo a partire da 49 euro. Solo Vagary high tech, low cost. www.vagary.it

PRIMO PIANO

Venerd 19 agosto 2011

15

@ commenta su www.libero-news.it
IL DUBBIO Lesecutivo ha annunciato la sforbiciata delle poltrone, ma finch i provvedimenti non diventano realt c ragione di dubitarne

la grande crisi

La Casta ha dimostrato che va dimezzata


Solo undici senatori presenti allarrivo della manovra in Aula. Chi non cera prova a giustificarsi: non era una seduta importante. Ma col loro comportamento hanno dato ragione a chi chiede di ridurre i parlamentari
::: segue dalla prima GIANLUIGI PARAGONE
.

(...) che fanno? Bigiano la seduta del Senato, quella introduttiva alla manovra lacrime e sangue. Imbarazzante, per non dire penoso. Come le scuse che tirano fuori per giustificare quel vuoto di poltrone impressionante. Ma non era una seduta importante, hanno balbettato un po tutti. Come se un dipendente o un dirigente potesse andare a lavorare solo quando ci sono cose importanti da fare o da decidere! Nella vita lavorativa capitano giornate pi o meno impegnative; talune lo possono essere fino a spaccare la schiena (ma non mai il caso dei politici, tranquilli) e altre non lo sono affatto. Per al lavoro si va lo stesso. In parlamento evidentemente no: ognuno fa quello che gli pare. Vanno e vengono, ci sono o non ci sono: dipende da come si svegliano la mattina. Ieri laltro stata lapoteosi: solo undici senatori in aula. Altre assenze per ci sono state anche in passato; non poche volte il governo persino andato sotto in aula per la mancanza dei deputati. COSE EVIDENTI A questo punto appaiono evidenti due cose. La prima che un parlamento di circa mille politici mestieranti non serve a nulla, un dispendio di soldi pubblici inutile. Perch se gli scranni sono vuoti, il Senato co-

saranno la met di quelli attuali. Non dico di abolire il bicameralismo perfetto (ci avevano provato, va ammesso) in quattro e quattrotto ma almeno dimezzare gli onorevoli, questo va fatto e pure alla svelta. Con progressiva normalizzazione pure del personale che gira attorno al parlamento. MANCA LA VOLONT Diciamo che non c la volont. E la sfacciataggine con cui i parlamentari umiliano le istituzioni (quelle istituzioni che diventano sacre quando c da salvaguardare la poltrona) ne la prova. Al lavoro si va quando si ha genio, il ristorante con prezzi da mensa dei poveri ma con menu da ristorante per ricchi. E poi i privilegi, pensioni e vitalizi, insomma tutte voci che ci hanno promesso mille volte di togliere e invece restano l perch quando una mano li toglie laltra li rimette. Si pu andare avanti cos? No. Con che spirito, domando, la classe politica pensa di affrontare gli affanni dellItalia quando coi fatti dimostra di essersi messa su un piedistallo? Forse non se ne sono resi conto ma nel Paese sta montando la rabbia. La politica dimostri di essere umile, si ricordi di essere al servizio del Paese e non al traino. E soprattutto si rassegni a dimagrire: la velocit con cui le Borse e gli andamenti economici mettono a soqquadro il pianeta si scontra con la lentezza della Casta.

IN CONTUMACIA munque gira a pieno con tutti i suoi costi di personale e di funzionamento vario. E chi lo paga il conto? Noi, cio quegli stessi cittadini contribuenti che da anni chiediamo un dimagrimento della Cosa pubblica ma che ci ritroviamo solo lennesima batosta fiscale da pagare. Anticipo lobiezione: in questa maLimmagine dellaula del Senato occupata da solo 11 partecipanti nella giornata di mercoled. Ansa novra c una forte riduzione della politica. Lho gi scritto: non credo finch non vedo. davvero difficile fidarsi di chi dalloggi al domani perderebbe di colpo una serie di privilegi. E veniamo al secondo punto: le tasse noi dobbiamo versarle subito, i tagli alla politica invece necessitano sempre di una commissione che valuti, che rifletta, che non penalizzi eccetera eccetera. Che ci vuole a scrivere due righe secche: a partire dalla prossima legislatura i parlamentari

Palermo rifiuta la dieta

I furbetti di casa Vendola

Lo scandalo-Sicilia senza vergogna E in Puglia inventano il trucco Vuole tenersi la doppia indennit per triplicare lo stesso rimborso
::: ROMA
QQQ Non c manovra che tenga. N cinghie da stringere. A fare i sacrifici e a contenere la spesa, in Sicilia non pensano neanche un po. Ecco, quindi, in successione, prima lannuncio del ricorso della Regione alla Corte costituzionale contro la sforbiciata decisa da Giulio Tremonti alle poltrone locali; e poi lappello di sei parlamentari contro il divieto di cumulo della pensione maturata da consigliere regionale con lindennit percepita a Roma. Il governatore Raffaele Lombardo ha rotto gli indugi: le misure contenute nella manovra a carico della Sicilia sono irricevibili. Nel mirino della Regione c il collegamento tra la concessione dei fondi statali per il federalismo e le misure imposte dal governo alla Sicilia. Ovvero il taglio di 1.753 poltrone tra Regione, Provincia e Comuni. O la Sicilia riduce i costi della politica, insomma, o i fondi non arrivano. Un escamotage che si reso necessario per limpossibilit, visto lo status costituzionale di Regione a statuto speciale della Sicilia, di imporre i sacrifici attraverso una legge ordinaria quale il decreto di Tremonti. Ma la giunta Lombardo non ci sta e preannuncia il ricorso alla Consulta contro una manovra definita iniqua e dannosa. corretto che la Regione siciliana partecipi al processo di razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica, ma questo non deve autorizzare alcuna lesione delle nostre garanzie statutarie, applaude Giovanni Pistorio, senatore dellMpa (il partito di Lombardo). Parallelamente, sei ex deputati regionali ora parlamentari nazionali (Calogero Mannino del gruppo misto, Alessandro Pagano, Sebastiano Burgaretta e Giuseppe Firrarello del Pdl, Vladimiro Crisafulli del Pd e Salvo Fleres di Forza Sud) hanno presentato ricorso alla Corte dei Conti per chiedere lannullamento di una delibera dellAssemblea siciliana che da gennaio vieta di cumulare lindennit di parlamentare con la pensione maturata in Sicilia. Una doppia entrata che, in qualche caso, portava a circa 20mila euro netti lintroito complessivo mensile degli interessati. In Sicilia vacche grasse anche per i dipendenti pubblici: allinizio di agosto lufficio legislativo del governatore ha confermato che il blocco degli aumenti di stipendio fino al 2014 disposto a danno dei travet italiani da due decreti di Tremonti non si applicher in Sicilia sempre in nome della speciale autonomia regionale. Basta non recepire la legislazione statale.
T.M.

::: ANTONIO CANTORO


QQQ un lavoro duro, ma qualcuno deve pur farlo. Quello di consigliere regionale in Puglia un mestiere faticoso, che ti sfianca al punto da farti meritare un assegno di fine mandato pari a una mensilit ogni anno di legislatura. In teoria serve ad agevolare il reinserimento occupazionale: il punto che lo

incassa anche chi un lavoro, non lo ha mai perso. O non lo ha mai avuto. Sembra di vederlo il vate Nichi Vendola in coda per lassegno che gli gonfier la vena poetica da scrittore di fiabe per bambini. Ne ha diritto anche chi quando lascia il Consiglio ha ormai let giusta per incassare il vitalizio garantito dalla Regione. Ch poi dire et giusta un eufemismo: bastano 30 mesi per maturare il diritto al vitalizio al compimento dei sessantanni; con due quinquenni di laticlavio la pensione si incassa gi al compimento dei 55 anni; con tre legislature il bonifico supera i 10mila euro. In realt viene il mal di mare a seguire i balzelli di cui si fanno premio: indennit pari all80% di quella di un parlamentare, che raddoppia con la diaria, pi altri mille euro di spese per il rapporto con gli eletti, totale 10mila euro netti. E in pi: contributo al gruppo consiliare per telefono, spese postali e di cancelleria, pi indennit per aggiornamento culturale. Le stesse spese sono rifuse sia al grup-

po che ai singoli consiglieri. In pi questi ultimi hanno un rimborso chilometrico per la distanza tra Bari e la residenza (come prova di effettiva presenza basta la parola): avrebbero gi la diaria, ma va perequata la differenza tra i consiglieri baresi e quelli che vivono altrove. Se poi un consigliere anche assessore scattano ugualmente i rimborsi per il suo gruppo anche se lui ha uffici, segretarie e autisti gi a carico della giunta. In pratica la stessa voce di bilancio moltiplicata per tre. vero: chi si assenta viene multato, gli tolgono 250 euro al giorno. Ma basta chiedere a un collega di fare presenza al suo posto e la diaria resta intonsa. Il massimo della sfrontatezza per il diritto alla indennit anche ai consiglieri sottoposti a misure cautelari. Pure con le manette riscuotono met indennit pi il 30% della diaria, come se stessero in carcere o ai domiciliari ma soltanto per i due terzi di se stessi. Lunico compenso che non si danno i consiglieri pugliesi il pi meritato, quello per la faccia tosta.

16

Venerd 19 agosto 2011

ESTERI

@ commenta su www.libero-news.it

::: TENSIONE IN MEDIO ORIENTE

TERRORE IN ISRAELE Razzi contro due autobus a Eilat: 14 morti


Hamas: non siamo stati noi, ma approviamo. Scatta immediata la rappresaglia su Gaza, uccisi 6 palestinesi
::: ALESSANDRO CARLINI
QQQ Il terrore tornato in Israele passando da quel confine maledetto con l'Egitto. Almeno sette terroristi si sarebbero infiltrati dal sud, attraversando il Sinai, e diretti verso la cittadina israeliana di Eilat per compiere uno dei peggiori attentati degli ultimi anni. Il bilancio delle vittime non ancora definitivo, ma ci sarebbero almeno sette israeliani morti e decine di feriti: si tratta di civili e soldati che erano a bordo di una serie di veicoli colpiti da molteplici assalti che sono pi tipici dell'Afghanistan. In quelle strade, che portano alle spiagge del Mar Rosso, c' stata una vera e propria battaglia. Con diversi terroristi che hanno iniziato a sparare all'impazzata con armi automatiche, lanciarazzi, mortai e hanno addirittura fatto saltare mine. Tre di loro hanno preso d'assalto un autobus passeggeri della compagnia Egged proveniente da Be'er Sheva e poi si sono dileguati, lasciando alle loro spalle diversi passeggeri (fra cui militari) feriti. Poco dopo, nella stessa zona, un'unit dell'esercito che stava accorrendo per prestare soccorso al bus esplosa su una mina piazzata dai terroristi. Altri feriti. Ma non finisce qui. Gli assalitori hanno sparato un razzo contro un veicolo civile israeliano in transito. E su quella strada infernale sono arrivati anche colpi di mortaio. Cinque israeliani (fra cui due donne) sono morti, si parla di una famiglia intera saltata in aria a bordo di un van. Poco distante da l sono entrate in azione altre due cellule di assalitori, che hanno sparato due razzi anti-carro contro alcuni automezzi israeliani: uno stato colpito,

:::

NEL SINAI

PENISOLA IN FIAMME La Penisola del Sinai, occupata da Israele nella guerra del 1967, dovrebbe essere un territorio smilitarizzato, secondo laccordo di pace israelo-egiziano del 1979 TERRORISTI E BEDUINI Nella zona, unarea montagnosa di 21mila chilometri quadrati, hanno trovato rifugio circa duemila terroristi bene armati di diversi gruppi islamici, anche grazie alla complicit di 350mila beduini che non hanno mai visto di buon occhio lautorit del Cairo. NEL MIRINO Di fatto ingovernabile, il territorio del Sinai divenuto il punto di passaggio prediletto dei contrabbandieri di armi, in gran parte di provenienza iraniana, che affluiscono nella Striscia di Gaza dal Sinai. Inoltre, nella Penisola si sono verificati anche i cinque attacchi che negli scorsi mesi hanno danneggiato il gasdotto egiziano che fornisce il combustibile a Israele e alla Giordania.

I SOCCORSI I soccorsi ai militari rimasti feriti nellattacco agli autobus al confine con lEgitto [Ap] prezzo. Il bersaglio dell'aviazione israeliana stato ancora una volta la Striscia di Gaza, anche se il gruppo integralista di Hamas nega ogni coinvolgimento ma saluta i morti sionisti. Ad aver compiuto la strage sarebbe stato il movimento salafita che opera dalla Striscia e passa attraverso il confine con l'Egitto per poter colpire fino nel cuore d'Israele. Dal Cairo arrivata una secca smentita alle accuse. Tutto questo non ha fermato il raid israeliano contro Rafah, a sud di Gaza. Nell'attacco condotto coi droni gli aerei senza pilota sarebbe morto Abu Sabri Enner, capo delle Brigate Salah Eddin, braccio armato di un gruppo salafita islamico, e quattro miliziani. Ma si parla anche di un bambino di nove anni, che purtroppo si trovava vicino agli edifici colpiti. Da tempo Gerusalemme dice di non sentirsi pi al sicuro. La caduta dell'ex presidente egiziano, Hosni Mubarak, avrebbe lasciato sguarnito il confine del Sinai. Nonostante le promesse del Cairo, chiunque, armato fino ai denti, pu tranquillamente entrare in territorio israeliano e compiere una strage. Qualche testimone ha riferito che i terroristi si erano travestiti da agenti di polizia, altri hanno parlato di divise dell'esercito egiziano. Tutto questo non fa certo dormire sonni tranquilli agli israeliani che si sentono sempre pi vulnerabili. Mentre il sole calava sul deserto del Neghev le ricerche di eventuali terroristi ancora pronti a colpire andavano avanti e ieri sera si sentivano ancora spari provenire dal confine. Nella notte due guardie armate egiziane sono state uccise al confine con Israele e unaltra rimasta ferita. Secondo lesercito egiziano, laviazione israeliana avrebbe erroneamente aperto il fuoco contro i loro durante un raid per cercare i responsabili degli attentati. Nellarea la tensione resta altissima.

l'altro per fortuna no. Una vera e propria strage, condotta sotto gli occhi dell'esercito che presidia quella zona ma che non ha potuto fare molto, trovandosi in mezzo alla guerriglia. Solo l'intervento delle forze speciali ha permesso di fermare gli attentatori: sette di loro sono stati uccisi ma ci potrebbero essere dei superstiti. Poco dopo aver subito l'attentato, il premier Benjamin Netanyahu ha ordinato l'immediata ritorsione, affermando: Chi colpisce Israele paga un duro

Bloccati gli asset siriani negli Usa

Dopo 2mila vittime Obama si sveglia: ora che Assad lasci il potere
::: GLAUCO MAGGI
NEW YORK

SENZA PIET Il presidente siriano Bashar al-Asad, responsabile finora dellucisione di almeno 2000 persone [LaPresse]

QQQ Alla fine, quando le vittime siriane della repressione del tiranno Assad junior hanno superato la cifra di 2mila, e gli arrestati tra i dimostranti sono oltre i 10mila, il presidente Obama ha cambiato rotta. Si arreso allevidenza di dover trattare, a parole, il presidente ereditario del padre assassino Assad Senior alla stessa stregua del colonnello libico Gheddafi e, prima di lui, del presidente egiziano Mubarak. Obama, che ha scelto di guidare da dietro le manovre militari contro Tripoli, da fatto facendo marcire liniziativa bellica della Nato che dopo sei mesi non ha anco-

ra vinto una guerra impari, si risvegliato dallillusione di poter ridurre alla ragione con la diplomazia un regime che ha da sempre governato con la mano durissima e negato elementari libert ai suoi cittadini. Cos ieri, con un comunicato scritto, ha indicato che gli Usa vogliono le sue dimissioni. chiaro che il presidente Assad crede di poter ridurre al silenzio la voce del suo popolo utilizzando le tattiche repressive del passato. Ma ha torto. Come abbiamo imparato negli ultimi mesi, talvolta il modo in cui vanno le cose non il modo in cui andranno in futuro. tempo per il popolo siriano di determinare il proprio destino, e noi continueremo a stare fermamente al suo fianco. Alle dichiarazione

politica, la Casa Bianca ha aggiunto un ordine esecutivo in cui ha disposto che tutti gli asset siriani sotto la giurisdizione Usa vengano congelati. Obama ha anche vietato limportazione di petrolio dalla Siria. Il segretario di Stato Hillary Clinton si subito dopo incaricata di spiegare con un discorso in tv la nuova politica di Obama, e lo ha fatto senza autocritica e senza arrossire. Eppure tutti sanno che il governo Obama aveva deciso di rimettere lambasciata a Damasco, che George Bush aveva ritirato quando il governo siriano aveva orchestrato lassassinio del primo ministro filo-occidentale del Libano, Hariri, in ossequio al nuovo corso di Barack della mano tesa verso i nemici dichiarati degli

Usa, segnatamente la coppia Siria-Iran, i noti sponsor del terrorismo anti-israeliano degli Hezbollah. Hillary stessa, poi, era andata oltre fino a definire un riformatore Assad Junior, quando gi i venti della primavera araba soffiavano fortissimi da Tunisi al Cairo, dallo Yemen a Damasco. La mossa di Obama stringer ulteriormente il cerchio dellisolamento attorno al regime siriano, ha detto ieri la Clinton, perch il popolo della Siria merita un governo che rispetti la sua dignit, protegga i suoi diritti, ha concluso. In mattinata la Siria aveva comunicato allOnu che le operazioni militari contro le proteste popolari erano state fermate. Una dichiarazione cui le Nazioni Unite

hanno risposto con un rapporto che parla di esecuzioni sommarie ai danni degli insorti. A maggio 26 persone sono state uccise in uno stadio a Daraa. Tra loro anche un ragazzino di 13 anni. Nel frattempo la pur lenta macchina obamiana si era avviata al primo passo contro Assad, le sanzioni economiche. Anche Gran Bretagna, Francia e Germania si sono unite a Washington nel chiedere le dimissioni di Assad. Visto il precedente di Gheddafi che in sella dopo sei mesi di cannonate, si pi immaginare come il tiranno siriano prender linvito di Obama e degli altri leader, che peraltro non hanno mai accennato a un intervento in Siria, a differenza che in Libia.

ESTERI

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it

17

::: TENSIONE IN MEDIO ORIENTE


Entrati in Israele dal Sinai

Il prezzo della primavera araba


I terroristi palestinesi protetti dai Fratelli Musulmani ora sempre pi forti in Egitto
::: ANDREA MORIGI
QQQ Se davvero, come sostiene il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak, lattacco terroristico di ieri nella zona turistica di Eilat, sul Mar Rosso, ha avuto origine da Gaza, allora va rimessa in discussione non solo la strategia antiterrorismo egiziana, ma anche lingenuo approccio occidentale alle rivoluzioni in corso nel Medio Oriente. Al Cairo, dalla caduta del regime di Mubarak in poi, tutto il potere in mano ai militari, che declinano ogni responsabilit per leccidio di ieri. La frontiera con lo Stato ebraico, assicurano, ben controllata. I terroristi dunque non possono essere passati dallEgitto. Allapparenza lesercito e le forze di sicurezza egiziani non hanno nulla da rimproverarsi. In effetti, la settimana scorsa hanno lanciato lOperazione Aquila, con il placet di Israele. Hanno schierato le loro truppe meccanizzate nella penisola del Sinai, duemila uomini impegnati a stanare gli estremisti islamici e le bande di beduini intenzionati a prendere il controllo della regione. Negli scontri, finora, un terrorista stato ucciso, dieci sospetti e sei ricercati sono stati arrestati. Sarebbe piuttosto difficile ignorare il contributo dato dagli egiziani per evitare sabotaggi ai gasdotti nella penisola e per fermare il contrabbando di armi con la Striscia di Gaza. Tuttavia, secondo il quotidiano di Tel Aviv Haaretz ora evidente che i soli sforzi egiziani non sono sufficienti e che Tsahal deve nuovamente rafforzare il controllo della frontiera meridionale, estremamente ridotto negli ultimi trentanni. Per questo necessario completare al pi presto le fortificazioni lungo il confine. Lo confermano implicitamente i colpi di mortaio sparati ieri dalla Striscia di Gaza contro i militari israeliani impegnati nella manutenzione alla recinzione di sicurezza al confine tra lo Stato ebraico e

IL RAS VICINO ALLA FINE

I ribelli avanzano Conquistata citt a 50km da Tripoli


Anche ieri le forze dei ribelli libici hanno proseguito unavanzata che da giorni stringe una morsa attorno a Tripoli. Nelle ultime ore stata conquistata la raffineria di Zawiya, seppure nella citt, 50 km a ovest della capitale, si annidino ancora truppe del regime. Sarebbe invece completa loccupazione di Garyan, 80 km a Sud di Tripoli, mentre poco verificabile pare la presa di Morzuk, nel desolato Fezzan. Il condizionale dobbligo dato che la guerra libica abitua ai colpi di scena. Sempre ieri, i ribelli avebbero trovato a Tawargha, presso Misurata, una fossa comune con 150 civili uccisi dai lealisti. Ma per ora mancano conferme. Non detto, comunque, che il nuovo slancio degli anti-governativi avvicini la fine del conflitto. Le forze di Gheddafi usano per la maggior parte carburante contrabbandato dal deserto e la perdita della raffineria di Zawiya non sarebbe un grosso problema. Inoltre, gli stessi capi ribelli temono il bagno di sangue man mano che ci si avvicina a Tripoli. I territori invasi, vanno poi tenuti e non facile, ci vogliono rifornimenti saldi. Perci continuano in parallelo fra le parti trattative a Djerba, in Tunisia, con la mediazione dellex-premier francese De Villepin, come da lui ammesso ieri. MI.MOL.

ULTIMA CORSA Le immagini televisive dellinterno di uno dei due autobus colpiti dai razzi nei pressi di Eilat [Ap] lEgitto. A far sospettare un coordinamento fra le azioni, il lancio di colpi di mortaio avvenuto mentre erano in corso gli attacchi multipli nel sud di Israele. la riprova che la vulnerabilit di Israele dipende da un fronte ancora scoperto nella lotta internazionale al terrorismo. In quel vuoto si muovono a loro agio i terroristi di Hamas, protetti istituzionalmente dai Fratelli Musulmani, che in Egitto puntano alla conquista del potere attraverso le prossime elezioni legislative di settembre. La minaccia contro Israele, insomma, non dipende tanto da lacune nella sicurezza quanto da una mancanza di volont politica. Alla giunta militare del Cairo, destinata a breve ad abbandonare il potere, non si pu chiedere molto di pi. Dai governi impegnati nel dialogo con i Fratelli Musulmani, invece, si dovrebbe pretendere ben altro che la legittimazione del fondamentalismo islamico. C un banco di prova, il prossimo 20 settembre, quando i palestinesi di Abu Abbas, ormai alleati di Hamas, presenteranno allAssemblea delle Nazioni Unite la richiesta di essere riconosciuti come rappresentanti di uno Stato sovrano. prevedibile che quel gesto di proclamazione unilaterale non avr successo, sebbene pare vi abbiano aderito gi 122 Paesi. Ma altrettanto probabile che si moltiplicheranno le pressioni esercitate dal Quartetto formato da Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Onu, nei confronti del governo di Gerusalemme affinch cessi di consentire la costruzione degli insediamenti ebraici, che finora rappresentano lunico ostacolo concreto alla nascita di uno Stato terrorista. Sarebbe troppo tardi se levoluzione della Primavera araba si dovesse tradurre soltanto in un indebolimento del diritto allesistenza di Israele. A quel punto le illusioni sullavvento della democrazia in Medio Oriente si tramuterebbero in amare delusioni.

18

Venerd 19 agosto 2011

ATTUALIT

@ commenta su www.libero-news.it

Domenica linaugurazione nel Cremonese

Un altro tempio sikh in Padania Non c solo la minaccia islamica


Sono comunit pacifiche e ben integrate. Ma lo Stato deve imporre regole certe e paletti per evitare infiltrazioni e pericolose derive
::: CARLO PANELLA
QQQ Ora tocca ai sikh, che aprono i loro templi nelle citt e paesi della pianura padana in cui lavorano numerosi, ed strano che ancora non sia toccato agli ind, ancora pi numerosi dei sikh (sono apprezzatissimi negli allevamenti di mucche, che trattano con tanto rispetto che crolla la presenza di microbi nel latte) che sono anchessi immigrati in Italia in decine di migliaia. Domenica prossima si inaugurer un tempio a Pessina Cremonese, mentre a Novellara gi in funzione il secondo tempio per grandezza in tutta Europa (dopo quello di Londra). Non solo moschee, dunque, ma anche templi di vario tipo, per riti diversi, per tre religioni, si badi bene, che presentano caratteristiche pericolose - non teologiche - assolutamente simili. infatti esistito (anche se scemato) un terrorismo sikh, di cui fu vittima Indira Ghandi, uccisa per vendicare lassalto da lei ordinato al Tempio dOro di Amitsar in cui si era rinchiusa una setta sikh estremista. Esistono anche un estremismo e un terrorismo ind, che operano in India, dove producono centinaia di morti nel contrasto allestremismo e terrorismo islamico. BOVINI E SUDORE Una sola caratteristica distingue sikh e ind dai musulmani: non praticano il proselitismo, non cercano di convertire gli italiani, e, neanche nelle loro frange pi estreme, non accarezzano il sogno di fare dellItalia, o dellEuropa un continente che abbracci la loro fede. Questa assenza di pretese egemoniche non da poco, ma indubbio che possono nascere tensioni e livori nelle comunit in cui essi vivono e in cui vogliano disporre di loro templi. Nessun allarme, per ora, ma evidente che il tema va regolato: i sikh, come gli ind - come i musulmani - sono immigrati regolari, che lavorano bene, molto apprezzati in agricoltura dai nostri imprenditori padani e del centro Italia, ed indispensabile che vogliano e possano esercitare il loro diritto costituzionale di praticare i propri riti religiosi nei loro templi. altrettanto indispensabile che

ACCOLTE LE PROTESTE DELLA CGIL

Retromarcia delle Poste Bandi-casa annullati per far posto agli stranieri
BRESCIA Poste italiane mette allasta le sue case. Requisito: la cittadinanza italiana. Anzi no, ci siamo sbagliati. Tutto da rifare. Anche le assegnazioni gi andate a buon fine. La gara va riaperta, a beneficio pure degli immigrati. Lo ha deciso ieri il giudice. E lente pubblico (condannato a pagare 3mila euro di spese processuali) daccordo. lepilogo a sorpresa di una polemica estiva finita in tribunale. Da una parte lazienda di stato. Dallaltra Cgil di Brescia - citt interessata dalla vendita di immobili - e Asgi (Associazione studi giuridici sullimmigrazione). Casus belli, il regolamento dellazienda che aveva diffuso un bando per vendere immobili, 22 case in varie citt tra cui Brescia, Verona, Vercelli, Novara, Taranto, Bologna, Catanzaro, Milano, Ferrara. Il tribunale ha dichiarato cessata la materia del contendere dal momento che la parte chiamata in causa, le Poste, ha dato ragione ai ricorrenti. I quali avevano presentato un ricorso per discriminazione. Risultato: il bando s'ha da rifare. E laddove le case sono gi state assegnate - il caso di Novara, Taranto, Verona - scatta la revoca. Siamo sbalorditi da questa schizofrenia, denuncia il segretario della Cgil bresciana, Damiano Galletti, mesi fa avevamo protestato prima con lUnar che ci diede ragione, e poi con lazienda stessa, che invece ribad la bont del regolamento. Sebbene gli stranieri con i kit per i permessi di soggiorno dal 2006 abbiano regalato a Poste italiane la bellezza di almeno 10 milioni. Si atteso il processo per fare dietrofront e combinare pasticci. Al centro della disputa, il contestato disciplinare che al punto tre, alla voce destinatari, specificava: persone fisiche in possesso dei requisiti previsti dalle norme vigenti per non incorrere nella decadenza del diritto allassegnazione di alloggi delledilizia residenziale pubblica, in particolare cittadinanza italiana. Sui motivi del cambio di rotta per ora sono un mistero: Il 5 agosto lazienda ha fatto sapere allUnar che avrebbe rivisto i criteri di assegnazione, spiega il legale dei ricorrenti, Alberto Guariso, si parlato informalmente di complicazioni burocratiche, di disguidi tra uffici diversi. In realt noi crediamo che qualcuno si fosse impuntato. Pergli stranieri prima esclusi dalla gara dunque buone notizie. Per chi invece credeva di essersi gi aggiudicato una casa a prezzi popolari - dai 23mila ai 110mila euro - dovr fare un passo indietro. Per colpa di un errore. BEATRICE RASPA

:::

LA SCHEDA

SIKH IN ITALIA Il sikhismo una religione nata in India nel XV secolo. In Italia i sikh sono almeno 10 mila, ma raggiungono quota 25 mila nei periodi di maggior afflusso stagionale. Vivono soprattutto nella pianura padana e si occupano della cura dei bovini. LUOGHI DI CULTO Un nuovo tempio sikh verr inaugurato domenica nel Cremonese. Ledificio stato costruito interamente con i fondi della comunit sikh e i lavori sono durati dieci anni (costo 1,5 milioni di euro): sar il pi grande dEuropa. Esistono gi in Italia altri due luoghi di culto importanti, uno nel Bresciano e uno a Novellara (Re). PROBLEMI La religione sikh impone di usare del turbante e di portare sempre con s il kirpan, un pugnale.

FINANZIATO DALLA COMUNIT


Una cerimonia sikh a Novellara (Re), dove ha sede quello che fino a oggi stato il secondo tempio dEuropa (inaugurato nel 2000 alla presenza di Romano Prodi. In alto una foto del nuovo tempo di Pessina Cremonese, finanziato dai fedeli [Ansa]

lo Stato si preoccupi di imporre che questi templi funzionino secondo regole certe e identiche a quelli delle altre fedi e che non diventino momenti di aggregazione anche - ripetiamo, anche - degli estremisti e dei terroristi che intrecciano queste fedi ad azioni violente di vario tipo (ad esempio, trasportando in Italia gli scontri inter-

religiosi con i musulmani che negli ultimi anni hanno mietuto migliaia di vittime). Il disastro per, che lItalia regola il tema delle fedi diverse dalla cattolica con una legislazione concordataria: se queste fedi stipulano con lo Stato italiano unIntesa (processo complesso, regolato da passaggi e verifiche che fanno capo a una specifica Direzione del ministero degli Interni), i loro templi e i loro religiosi sono sottoposti a regole, verifiche e controlli. Ma se queste fedi non percorrono questo cammino, se fanno quel che fanno i musulmani che si guardano bene dal siglare unIntesa, a Costituzione vigente, regna il caos pi sovrano. Lo Stato non ha strumenti, perch il regime delle Intese stato codificato (tra il 1929 e il 1984) con norme e leggi precedenti allesplodere del fenomeno dellestremismo e del terrorismo religioso nei paesi di provenienza degli immigrati. Un caos che sinora stato argi-

nato alla belle meglio dalla sorveglianza delle forze di sicurezza e da sindaci che hanno applicato quando lo hanno fatto - norme amministrative, sanitarie e urbanistiche del tutto generiche. CONTROLLI LOCALI dunque urgente e indispensabile che governo e Parlamento adeguino la legislazione (e forse anche la Costituzione) a fronte di questa novit clamorosa: abbiamo in Italia centinaia di migliaia di immigrati che praticano fedi legittimissime (e di pace), che per sono attraversate da sette e da scismi che praticano il fondamentalismo pi aggressivo e anche il terrorismo. Va trovato un nuovo equilibrio tra la indispensabile libert di fede e di culto, e il necessario filtro che impedisca a estremisti e terroristi islamici, come sikh o ind di nuotare come pesci nellacqua (come hanno gi fatto in alcune moschee) nei loro templi nel nostro Paese.

::: SIMONA VERRAZZO


QQQ Lanatema dei fondamentalisti islamici si abbattuto su uno dei simboli della televisione statunitense, forse sul suo presentatore pi famoso: quel David Letterman che tutti i vip - ma anche i politici - fanno a gara per incontrare nel suo studiare. E sedersi di fronte alla sua ormai mitica scrivania, quella del David Letterman Showtrasmesso dalla rete tv Cbs. Tagliate la lingua a questo rozzo ebreo e fatelo tacere per sempre, questo il messaggio riservato al celebre anchorman, preso di mira dai simpatizzanti di Al Qaeda, che sembrano ignorare il fatto che - nonostante il nome - Letter-

Fatwa per una battuta del comico


man non sia di origine ebraica. La colpa del famoso presentatore quella di aver fatto una battuta sarcastica (cos come nel suo stile) sul nuovo presunto leader della rete del terrore, Ilyas Kashmiri, rimasto ucciso il 5 giugno - scrive lagenzia Ap - dalle forze statunitensi in un raid aereo in Pakistan. In uno dei suoi soliti monologhi, pochi giorni dopo, Letterman se ne era uscito con questa frase: Cos hanno scelto un successore e il suo nome Ilyas Kashmiri. Bene, indovinate: stato fatto saltare

Al Qaeda minaccia pure Letterman: Ti tagliamo la lingua


in aria da un drone americano. Il riferimento alla successione a quella di Osama bin Laden, rimasto ucciso il 2 maggio durante una operazione delle forze americane in Pakistan. C tra voi un Sayyid Nosair al Masri (che Allah lo protegga) per tagliare la lingua a questo rozzo ebreo e metterlo a tacere per sempre. Proprio come Sayyid fece con lebreo Kahane, si legge su Site Monitoring Service, che riporta un messaggio postato sul forum Shumukh alIslam. Il riferimento a Sayyid Nosair al

David Letterman

Masri, condannato per lassassinio del rabbino Meir Kahane a New York nel 1990. La notizia non stata commentata n dalla tv Cbs n dal portavoce di Letterman, Tom Keaney, mentre lFBI ha deciso di prendere il fatto seriamente. Dobbiamo mettere fine a queste provocazioni, ha detto il portavoce del Federal Bureau of Investigation, Tim Flannelly. Letterman non il primo personaggio televisivo ad aver ricevuto minacce dai simpatizzanti di Al Qaeda. Lo scorso anno erano stati presi di mira anche i creatori della serie tv South Park, per aver inserito nel loro cartone satirico il profeta Maometto vestito da orso.

ATTUALIT

Venerd 19 agosto 2011

19

@ commenta su www.libero-news.it

Via alla Giornata mondiale della giovent

Il Papa chiede rispetto. E Zapatero si inchina


Ratzinger atterra in Spagna e ammonisce il premier: custodite le radici cristiane. AllUe: Pi lavoro per i giovani

Linchino del premier spagnolo Jos Luis Zapatero al momento dellincontro con il papa Benedetto XVI allaeroporto di Madrid

::: CATERINA MANIACI


ROMA

QQQ Ci andato, senza che nessuno se lo aspettasse non era neppure stato invitato - ma ci andato lo stesso: Jos Luis Rodriguez Zapatero ha voluto essere allaeroporto, insieme al re Juan Carlos e alla regina Sofia, quando arrivato il Papa. Il re usa un bastone, ha un piede ingessato e si vede che affaticato, ma va incontro a Benedetto XVI come si fa con un amico di vecchia data. Ma il Pontefice, nel rivolgere il primo discorso di saluto, chiarisce subito il senso della sua visita: chiede rispetto per i ragazzi della Giornata mondiale della giovent (che laltro giorno hanno subito pesanti insulti nella manifestazione degli indignados). Spiega che in questi giorni a Madrid sar unito a voi, tenendo anche ben presenti tutti i giovani del mondo, in particolare quelli che attraversano delle prove di diversa natura. Per il Papa teologo, la Gmg servir ad aiutare i giovani discepoli di Ges a rimanere saldi nella fede e ad assumere la meravigliosa avventura di annunciarla e testimoniarla apertamente con la propria vita. Ed offrir - conclude con un implicito accenno agli spiacevoli incidenti provocati dagli indignados - una testimonianza coraggiosa e piena di amore per il fratello, decisa e prudente al contempo, senza nascondere la propria identit cristiana, in un clima di rispettosa convivenza con altre legittime opzioni ed esigendo, nello stesso tempo, il dovuto rispetto per le proprie. Per i giovani spera che Niente e nessuno vi tolga la pace, anche se, in realt, la vita e il futuro oggi sono pi che mai incerti: Molti giovani guardano con preoccupa-

LAPPELLO DEL PAPA

Q Molti giovani guardano con preoccupazione al futuro di fronte alla difficolt di trovare un lavoro degno, o perch lhanno perduto o perch . precario e insicuro

zione al futuro di fronte alla difficolt di trovare un lavoro degno, o perch lhanno perduto o perch precario e insicuro. E per questo il Pontefice si rivolge alle istituzioni, in primis a quelle europee, perch, nellaffrontare la difficile crisi economica, si tenga conto della necessit di offrire nuove prospettive proprio per chi pi giovane. Ma ci sono altri problemi, ancora pi urgenti, per i ragazzi. Non pochi, denuncia Papa Ratzinger, a causa della loro fede in Cristo, soffrono in se stessi la discriminazione, che arriva al disprezzo e alla persecuzione aperta od occulta, che patiscono in deter-

minate regioni e Paesi. Li si perseguita volendo allontanarli da Lui, privandoli dei segni della sua presenza nella vita pubblica e mettendo a tacere perfino il suo santo nome. Cos il Papa esorta tutti loro: Non vergognatevi del Signore: Egli non ha avuto riserve nel farsi uno come noi e sperimentare le nostre angustie per portarle a Dio. E cos, ci ha salvato. E guardando alla Spagna in cui ritorna per la terza volta, da Pontefice, ricorda che questo Paese possiede profonde radici cristiane, molto feconde nel corso dei secoli. Si tratta di un grande tesoro, che certamente vale la pena di custodire

con atteggiamento costruttivo, per il bene comune di oggi e per offrire un orizzonte luminoso allavvenire delle nuove generazioni. Questo tesoro stato spesso e volentieri saccheggiato e disperso, negli ultimi anni, grazie alla politica e alla cultura laicista in Spagna - ma in realt in Europa - cercando di cancellare i segni visibili della fede, bollando come intollerante chi si dichiara semplicemente cristiano o monoteista. A riprova il fatto che indignados e gruppi radicali, dopo la bella serata offerta mercoled con urla, insulti e tafferugli con la polizia, ci han-

Luomo delle nozze gay e del divorzio rapido

La resa dellex principe della sinistra anticlericale


::: ALESSANDRO BONELLI
QQQ La Giornata mondiale della giovent e la visita di Benedetto XVI giungono in un momento delicato per la Spagna, dopo sette anni di rapporti tesi fra la Chiesa cattolica e il governo socialista di Zapatero, considerato dal Vaticano lavanguardia in Europa della minacciosa crescita del laicismo radicale. Le elezioni anticipate del 20 novembre, che segneranno la fine del zapaterismo (il premier non si ripresenta), sono alle porte e il voto cattolico sar cruciale. La Spagna si dichiara sempre al 71,7% cattolica (l82,1% nel 2001), anche se poco praticante. Per Benedetto XVI il secondo viaggio nel paese in meno di 10 mesi. Era stato in novembre a Barcelona e Santiago de Compostela. Gi allora aveva stigmatizzato il laicismo spagnolo. Un messaggio che, si prevede, ribadir a Madrid denunciando leggi come quelle sullaborto o sui matrimoni gay approvate nel corso dellera Zapatero. Tuttavia negli ultimi mesi, forse proprio in vista delle elezioni (che avrebbero dovuto comunque svolgersi nel 2012) lo slancio anticlericale del premier socialista andato sfumando. Il suo governo, dopo le elezioni del 2008, ha adottato un volto pi conciliante nei confronti del Vaticano e della Chiesa cattolica e non vuole una nuova "guerra di religione" a pochi mesi dal voto. Niente scintille come durante la prima legislatura, quando misure come i matrimoni gay o il cosiddetto divorzio express suscitarono la fiera opposizione delle gerarchie cattoliche e misero pi volte alle strette Madrid e la Santa Sede. Le relazioni fra la Spagna e il Vaticano sono fluide, spieg Zapatero in occasione dellultima visita di Benedetto XVI, quando i due ebbero un fugace incontro allaeroporto di Barcellona. La Costituzione spagnola, disse Zapatero, esprime uno Stato aconfessionale che riconosce il peso della Chiesa cattolica, ma garantisce il diritto di tutti. I due si strinsero la mano e la breve conversazione si concentr sui temi caldi delleconomia internazionale. Non di meno, consacrando il tempio della Sagrada Familia, il Pontefice lanci un messaggio chiarissimo per richiamare la Spagna zapaterista ai valori della famiglia naturale, del matrimonio indissolubile uomo-donna, alla promozione della natalit e alla difesa della vita in ogni fase. Resta invece lettera morta la riforma della legge sulla libert religiosa che lesecutivo ha in cantiere da tempo, e che dovrebbe fra laltro regolamentare la rimozione dei crocifissi dalle scuole pubbliche. conveniente ma non urgente, ha detto in proposito Zapatero, precisando che il governo ha deciso di non portarla avanti per il momento perch attorno al testo manca consenso sociale e politico. Di questo il capogruppo della sinistra verde Icv, Joan Ridao, ha chiesto spiegazioni al premier socialista e ha accusato il governo di dare ogni anno 6 miliardi di euro alla Conferenza episcopale spagnola e di essere succube della chiesa. Nel febbraio scorso Madrid ha cambiato il proprio ambasciatore presso la Santa Sede. Maria Jesus Figa Lopez Palop, ex-segretario di stato agli esteri ed ex-capo dellambasciata presso la Repubblica Dominicana, ha sostituito il rappresentante permanente Francisco Vazquez, nominato nuovo difensore del popolo a Madrid dal governo socialista.

no riprovato e hanno lanciato via web un nuovo appuntamento per protestare contro la la visita del Papa. Mentre il sito web della Giornata mondiale della giovent, www.madrid11.com, viene attaccato da hacker, bloccando per circa unora, esattamente nel momento in cui il Papa Benedetto XVI toccava il suolo spagnolo. Nonostante tutto, comunque la fiesta non si interrotta. Per tutta la citt si sentono canti e slogan di saluto al Papa, mentre lunghe fila di ragazzi si muovono verso Plaza de Cibeles, dove si attende Benedetto XVI, il quale, prima di arrivare allappuntamento con i ragazzi, ha un incontro ravvicinato con i cavalli della Real Escuela de Caballera, che compiono alcune evoluzioni e vengono fatti inginocchiare davanti al Santo Padre, cui un cavaliere porge un dono. A decine di migliaia si accalcano lungo il tragitto della papamobile verso la Plaza. Benedetto XVI giunge alla piazza della Puerta de Alcal dove viene ricevuto dal sindaco Alberto Ruiz Gallardn, del partito popolare, che gli consegna simbolicamente le chiavi della citt. Poi il Papa va incontro ai cinquanta giovani, dieci per ogni continente, che sono stati scelti per accompagnarlo nella passeggiata nella vicina Plaza de Cibeles, distante 400 metri, dove vi sar lincontro con i giovani della Gmg. Che il Papa continua ad esortare: Voi siete alla ricerca. una cosa buona cercare sempre. Cercate soprattutto la verit, che non un'idea, unideologia o uno slogan, ma una Persona, il Cristo, Dio stesso venuto tra gli uomini. Nella Plaza la fiesta esplode e andr avanti per tutta la notte. Con buona pace di indignados e atei urlanti.

20

Venerd 19 agosto 2011

ATTUALIT

@ commenta su www.libero-news.it

Paura a Roma

BATTUTI I CAMPI ROM

Bimba contagiata da infermiera Incubo Tbc per mille neonati


Sospesa la dipendente del Gemelli: analisi su tutti i nati negli ultimi 4 mesi In Italia almeno 10mila casi lanno e nessun controllo sul personale sanitario
::: CRISTIANA LODI
QQQ La piccolina stata partorita il 22 marzo al policlinico Agostino Gemelli. E l, nel reparto di neonatologia, lavorava linfermiera ammalata di Tubercolosi che potrebbe averla infettata. Usiamo il condizionale nonostante le probabilit che la piccina possa avere contratto il contagio in qualunque altra sede o circostanza, sono praticamente inesistenti. Anche perch i suoi genitori, sanissimi, sono risultati negativi al test. Sar per lesito degli esami specifici a stabilire se si tratta o meno dello stesso ceppo di Tbc diagnosticato allinfermiera. Intanto in quello che viene considerato il migliore ospedale capitolino serpeggia la paura collettiva, che ha fatto scattare lallarme rosso con diecimila bambini nati fra marzo e luglio sottoposti (con una media di 25 al giorno) ai test di controllo. Linfezione, giudicata a torto una peste del passato ormai debellata, torna a seminare il panico adesso che i suoi tentacoli si sono insinuati proprio in un luogo tanto ovattato e puro come dovrebbe essere il nido di un ospedale. In Italia ogni anno vengono notificati al ministero della Salute circa cinquemila nuovi casi di Tbc. E il dato addirittura sottostimato poich non tutti vengono diagnosticati, spiega il senatore democratico Ignazio Marino presidente della commissione dinchiesta sul Servizio sanitario nazionale, tant che i casi potrebbero realisticamente essere almeno il doppio. Considerare la malattia debellata dunque un errore. E questo non consente di comprendere per quali ragioni, come afferma Filippo Berlocco della direzione sanitaria del Gemelli, la diagnosi della Tubercolosi non rientri affatto nellambito dei controlli periodici che il personale degli ospedali, come il Gemelli, effettua. Motivo? Mistero. si sa solo che: Il personale ospedaliero viene sottoposto a tutti i controlli previsti dalla normativa, specifica Filippo Berlocco, ma nel pacchetto, di norma, non sono inclusi accertamenti specifici per la diagnosi dellinfezione da Tbc. Intanto una piccolina si ammalata e altri diecimila nati fra marzo e luglio (lasso di tempo che va da quando linfermiera ha contratto il batterio fino alla sua sospensione) da ieri sono sotto esame. La neonata infetta, ora in costante miglioramento, stata ricoverata a met luglio al Bambino Ges: perch non cresceva. Da l la scoperta dellinfezione. Siccome i genitori risultavano negativi ai test, sono partite le indagini fino alla scoperta dellinfermiera del policlinico che lavorava pur avendo in corso linfezione. Ogni caso di Tbc, del resto, deve essere registrato allAsl di riferimento e quando a luglio stata scoperta la malattia dellinfermiera la cosa stata segnalata alla rete di controllo. La coincidenza fra i due casi fa ipotizzare che la bambina sia stata contagiata subito dopo la nascita in ospedale. Il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, minimizza: Inutile creare allarmismi. Le procedure sono quelle dei codici internazionali, la situazione sotto controllo. Il primario di Malattie infettive del Bambino Ges, Alberto Villani, consiglia ai genitori di stare calmi, il vero rischio il panico, sottolinea. Ma vallo a spiegare alle almeno diecimila famiglie che aspettano e dovranno aspettare le fatidiche 48 ore (dopo il test di controllo), per sapere se potranno tornare a casa con i loro piccoli sani oppure cominciare il calvario dell cure. I controlli andranno avanti per almeno tre mesi. Ovvio che i sentimenti dei genitori siano contrastanti: chi esprime riconoscenza per la decisione di effettuare i controlli e chi invece si indigna per la mancanza di test specifici contro la Tbc.

Nomade 17enne sparita da Ferragosto


TORRE DEL LAGO (LU) Sono arrivati anche i sommozzatori Genova per esplorare le le acque e i fondali del lago di Massaciuccoli, vicino Lucca. Non c, per, ancora nessuna traccia di Vandana Orban, la 17enne sparita dal campo rom di Torre del Lago (Lucca) la sera di Ferragosto. Il mistero che sta scuotendo la Versilia presenta ancora molti lati oscuri. I militari dellArma che stanno seguendo le indagini non tralasciano nessuna pista e per le ricerche stata utilizzata anche una unit cinofila che, per, non ha fornito elementi utili alle indagini. La ragazza stata vista lultima volta giocare con i suoi fratelli e le sue sorelle, la sera del 15 agosto. Verso le 21 i genitori si sono accorti che era scomparsa e hanno dato l allarme. Secondo il racconto dei componenti della comunit nomade, quella sera sono state viste allontanarsi tre auto dal campo nomadi di Viareggio. E sono frequenti le denunce dei rom - fatte ai volontari che gestiscono il campo - di anziani beccati a offrire soldi ai ragazzi e alle ragazze nomadi per scopi sessuali. Intanto, il parroco della chiesa di San Giuseppe a Torre del Lago, don Graziano Raschioni, ha fatto visita al campo rom e ha incontrato i genitori della ragazzina. Chi sa qualcosa si rivolga ai carabinieri, lappello del sacerdote, importante anche ogni minima informazione per fare luce su questa vicenda. Le ricerche sono proseguite anche nei numerosi campi rom nella zona che hanno contatti con quello di Torre del Lago, mentre sono cominciati i primi controlli nelle strutture di tutta Italia. I genitori della ragazza, accompagnati dai responsabili dellassociazione Berretti Bianchi che segue lattivit della comunit rom al campo e in Versilia da anni, hanno incontrato i vertici dei carabinieri.

CROLLA UNA TENSOSTRUTTURA

Tempesta durante un concerto, morti e feriti in Belgio


Forse sei vittime e centinaia di feriti in Belgio per una violenta tempesta di pioggia e vento che si abbattuta su tutto il Paese ieri e a fine pomeriggio ha divelto e fatto crollare le strutture montate per un mega concerto di tre giorni, il noto festival di Pukkelpop, che si tiene vicino a Saint-Trond nelle Fiandre, e a cui partecipano dalle 40mila alle 60 mila persone. Il pubblico si era rifugiato sotto delle grandi tensostrutture su cui per si sono caduti alberi abbattuti dal vento. Una crollata e l'altra volata via. Sotto la tenda caduta sono rimaste decine di persone. Inizialmente si parlato di sei morti, poi di due, ma potrebbe essere un bilancio provvisorio. Tra il pubblico si immediatamente scatenato il panico, le persone hanno cercato di fuggire. La stazione ferroviaria di Kiewit stata presa dassalto dai ragazzi che cercavano di tornare a casa. In quarantamila avevano piantato da ieri le loro tende per assistere al festival, molto popolare in Belgio. Tutti i concerti per ora stati sospesi e probabilmente saranno cancellati anche quelli previsti nei prossimi giorni.

::: RITA CAVALLARO


QQQ Attenti a quei frati, perch se perdono la pazienza al posto della benedizione lanciano anatemi. Malefici di poco conto, non certo castighi eterni, ma che creano comunque qualche mal di pancia non solo nel destinatario della maledizione, un cleptomane fissato con la Bibbia, ma anche tra la comunit dei fedeli, che passando davanti al convento non ha potuto fare a meno di leggere il messaggio. Preghiamo il Signore che a questo ladro faccia venire una forte cacarella e che questa sia di stimolo per aiutarlo a non compie-

Dopo lennesimo furto nel Fiorentino

I frati maledicono i ladri: Vi venga la cacarella


re nuovi furti. Il malaugurio nero su bianco, sulla porta del convento di San Salvatore al Monte, la chiesa che si trova sulla collina dietro piazzale Michelangelo, a Firenze. La rabbia dei frati scattata dopo lennesimo furto avvenuto allinterno della basilica, dalla quale sono state trafugate due pregiate edizioni della Bibbia che erano adagiate sul pulpito, e sul leggio al centro della chiesa. I religiosi, dopo il colpo, hanno rimesso a disposizione dei fedeli altre due Bibbie, una in italiano e una in lingua inglese, ma temendo altri blitz hanno deciso di lanciare lanatema, per scoraggiare i malintenzionati. Hanno cos esposto limbarazzante cartello, che inizia con linvito a restituire il sacro bottino e termina con la catartica maledizione. Purtroppo fratello ladro ha colpito nuovamente, c scritto sul manifesto, e nuovamente vogliamo pregare per la sua conversione. Che si penta e restituisca il maltolto. Poi la preghiera, sempre rivolta al Signore, affinch il cleptomane abbia la giusta punizione, quel mal di pancia che i frati chiamano in modo non troppo canonico con il termine cacarella. Anche perch dal convento spiegano che le due Bibbie trafugate nellarco di pochi giorni erano molto importanti. La prima era una versione pregiata, anche costosa. Rubata questa, un benefattore ce ne ha riportata unaltra e hanno rubato anche questaltra. Abbiamo fatto denuncia alla

polizia. Secondo i frati ci rubano le Bibbie per regalarle ad altri, visto che sono libri poderosi, ma che comunque si trovano in commercio. Ora, se agli occhi dei laici pi convinti la vittima del malaugurio potrebbe pure essersela cercata, resta il fatto che a un francescano non saddice siffatto comportamento. Eppure nessun abitante del convento pentito per il cartello, che in questi giorni sta facendo sorridere i fiorentini. Un linguaggio non proprio pulito da parte di chi fra noi ha scritto il messaggio, ha ammesso uno dei padri, ma non ne potevamo pi. Il Signore e i fedeli ci capiranno.

ATTUALIT

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it

21

A FORMENTERA

Bobo Vieri a Formentera stato aggredito dallex socio del suo marchio di abbigliamento Baci & Abbracci Roberto Adago. Nella foto piccola, lincontro sullisola con Nicole Minetti [Olycom]

::: SELVAGGIA LUCARELLI


QQQ E alla fine Bobo Vieri due schiaffoni li ha presi sul serio. No, tranquilli. Non stata la Satta, anche se un po cavremmo sperato tutte. Voglio dire, va bene rifarsi una vita dopo una storia di cinque anni e sia chiaro che da uno come Bobo Vieri non ci aspettavamo una rielaborazione del lutto della serie Per dimenticare Melissa vado in India a lottare accanto ai paria, ma chiudere una storia importante e farsi immortalare dai fotografi in compagnia delligienista dentale Nicole Minetti, un affronto di quelli intollerabili. Di quelli che se io fossi stata Melissa Satta, dopo un sereno confronto verbale, lavrei rispedito s tra le braccia delligienista, ma per fargli rimettere a posto larcata dentale (e almeno avremmo finalmente capito se sta donna col trapano da dentista in mano sa davvero sistemare un canino o non arriva neanche a fissare una mensola al muro). E invece gli schiaffoni, secondo il racconto dei numerosi testimoni, ieri mattina Bobo Vieri li avrebbe presi in quel di Formentera dallex socio del suo marchio di abbigliamento Baci & Abbracci Roberto Adago. Le ragioni dellalterco sono al momento sconosciute. Di sicuro c solo che Vieri avrebbe difeso una cameriera del bar, Carolina, dai modi brutali dellAdago, il quale le avrebbe lanciato una sedia. Lo so, Vieri paladino del gentil sesso credibile quanto Michele Santoro testimonial di un trikini La Perla, ma pare che questa parte della vicenda sia assolutamente vera. Cosa abbia scatenato il tutto meno certo, ma dubito che i due non fossero daccordo sulla manovra economica e il

Picchiato per aver difeso una cameriera

LESTATE NERA DI VIERI


Altroch Baci & Abbracci, lex socio lo prende a morsi Dai pugni a Corona alla Minetti, che bomber di gossip
:::
BRAVATE
CON CORONA Due mesi fa, in occasione del compleanno di Claudia Galanti, durante un acceso scambio di vedute sugli effetti del marxismo sulla societ industriale con Fabrizio Corona, Bobo Vieri ha preso a pugni il re dei paparazzi che ne uscito con un occhio nero. CON BETTARINI Vieri stato fotografato (uscito su Chi) nellatto di attaccare cento euro su un cartello stradale e scommettere con lamico Stefano Bettarini su chi dei due riuscisse a centrare la banconota con una pallonata. CON MINETTI Poi arrivata Nicole Minetti nella sua vita. Le foto dei due al mare, i titoli sui giornali...

pareggio di bilancio. Saranno stati argomenti pi alti, tipo la mia moto dacqua solleva onde pi alte della tua o la cubista con cui chai provato ieri sera era mia cugina. Fatto sta che in un noto bar sulla spiaggia, ieri mattina Bobo stava giocando a scala quaranta con alcuni amici quando lui e Adago avrebbero cominciato a discutere animatamente. Adago avrebbe morso Vieri sul naso, poi avrebbe lanciato la sedia in direzione della cameriera e infine sarebbero passati alle mani con un epilogo poco edificante per lex calciatore: volto sanguinante e corsa al pronto soccorso per farsi medicare ferite lacero-contuse, come da referto. Al pronto soccorso ci sono finite anche la cameriera e la proprietaria del bar e

pare che la guardia civil stia ancora cercando Adago (suppongo per spiegargli con le buone che la prossima volta che mette piede a Formentera lo accoglieranno prendendolo a mazzate coi racchettoni da spiaggia di Federica Nargi). Ora. Dando unocchiata su google per gli approfondimenti araldici su questo Roberto Adago, viene fuori che in effetti la biografia del tizio somiglia in maniera inquietante a quella de Er Monnezza. Lanno scorso infatti, era stato arrestato dopo una rissa allArmani Caff, a Milano, dopo che aveva preso a pugni il nipote di Clara Agnelli, Ernesto von Furstenberg Fassio, non si sa se per eccesso dalcol nel sangue o di cognomi nella parte lesa. Ma nel 1994, il mite Adago, sempre a

Formentera aveva partecipato ad un violento scontro con la Guardia Civil dellisola finito con lincendio di una macchina della polizia locale, un paio di manganellate sparse e larresto di Adago. Insomma, ci voleva giusto la lungimiranza di Bobo Vieri per fondare con un tipino cos, un marchio dal nome Baci & Abbracci. Spero che domani abbiano perlomeno il buon gusto di mettersi al tavolo col commercialista e convertire il nome della societ in : Pugni e mazzate che mi sembra pi pertinente. E comunque, che Bobo Vieri prima o poi avrebbe finito per prenderle era nellaria. Due mesi fa, in occasione del compleanno di Claudia Galanti, il suo gentile scambio di vedute sugli effetti del marxismo sulla societ

industriale con un altro filosofo contemporaneo, Fabrizio Corona, erano costati un occhio nero a questultimo. Poi cerano stati altri momenti poco felici. Su tutti, la fine della sua storia con la Satta con lei che se fino a quel momento al massimo finiva sui giornali per presentare il mazzo da carte da poker in regalo sul numero speciale ferragosto di Di pi, senza Bobo sera accaparrata perfino la copertina di Vanity fair. Nel frattempo, anche lui finiva immortalato su una nota rivista: pi precisamente Chi, fotografato nellatto di attaccare cento euro su un cartello stradale e scommettere con lamico Stefano Bettarini su chi dei due riuscisse a centrare la banconota con una pallonata. Della serie: mio figlio di sei anni, con in mano un Pokemon e il tappo di un succo di frutta, capace di mettere in piedi attivit ludiche pi intelligenti. Poi c stata la fine della storia Clooney/Canalis e in molti avevano ipotizzato un ritorno di fiamma tra Elisabetta e Bobo, ma diciamocelo: lidea di passare dalla notte degli Oscar alle nottate di veglia per i tornei di scopone scientifico con Bobo e compagnia bella, non deve averla allettata un granch. Infine, arrivata Nicole Minetti nella sua vita. Le foto dei due al mare, le battute sui giornali. Non voglio gossip, lasciatemi in pace!, aveva tuonato lui. E allora mi sentirei di dare un consiglio, a Bobo Vieri. Se il pressing mediatico ti infastidisce tanto, mio caro Bobo, anzich difenderla dai bruti, prova a fidanzarti, con una cameriera . Ti risparmierai le copertine sui giornali, il chiacchiericcio mediatico e magari, anche qualche schiaffone.

::: BRUNA MAGI


QQQ Chiss che cosa accadrebbe se a qualcuno venisse in mente di rispolverare le antiche regole del buon vivere in societ, partendo dal Cortegiano di Baldassar Castiglione, rispolverando le regole per leducazione delle fanciulle di stampo ottocentesco, sino ai galatei redatti dalle riviste femminili, vedi i consigli di Donna Letizia e affini. Probabilmente scoppierebbe una risata oceanica, di portata mondiale. Non c dubbio infatti che lepoca in cui viviamo quella dellarroganza, vedi gli insulti in politica, tipo la recente definizione di nano rompicoglioni rivolta da Bossi a Brunetta, ma non certo lunico, le sceneggiate a base di zuffe tra parlamentari hanno spesso costituito piatti gustosi per il palato degli spettatori di Striscia la notiziaoPaperissima. E dobbiamo sorbirci lo sgomitare dei vip, gente di spettacolo e affini, che per avere un minimo di visibilit disposta ad annientare i parenti pi stretti. E senza toccare il pubblico ma li-

Sondaggio Usa

Addio merito, pi sei arrogante pi fai carriera


mitandoci al privato di tutti noi, alzi la mano chi non si mai trovato a dover affrontare la maleducazione dei nostri simili. Per la cronaca: c chi ti passa la mano sulla testa per prendere lo zucchero al bancone del caff, (a me capitato addirittura di veder spinta via la mia tazzina per essere serviti pi in fretta) chi ti sgomita in coda, chi ti sorpassa da destra (lo fanno quasi tutti i motociclisti di ogni taglia e cilindrata), chi occupa il tuo posto in treno e non vuole alzarsi nonostante non abbia la prenotazione. C chi protesta, chi urla e chi esprime il dissenso timidamente, rischiando a volte laggressione, ma spesso e di sicuro si becca gli insulti, pur avendo ragione. Qualcuno dovrebbe dire loro di smetterla, perch di sicuro ci sar una ricompensa per chi si comporta bene, e carbone a chi sgarra? Altra risata epocale. Perch ormai gli odiosi arroganti sono ufficialmente catalogati come vincenti, e i cortesi, gentili, educati rientrano nella categoria dei pirla. Tipologia alla quale non appartengono di sicuro i calciatori restii a pagare la tassa di solidariet, tanto a loro che cosa importa dei poveracci in difficolt. Che siamo arrivati a questi punti lo ha stabilito un sondaggio condotto di recente negli Stati Uniti, in base al quale gli arroganti fanno pi carriera dei cretini ligi alle regole. I dati arrivano da un gruppo di ricercatori, guidati da Timothy Judge, docente di management presso il Mendoza College of Business dellUniversit statunitense di Notre Dame, Indiana. Gli studiosi hanno raccolto e analizzato ventanni di dati, prendendo come esempio la categoria impiegatizia e arriMeryl Streep in Il Diavolo veste Prada Oly

vando alle seguenti conclusioni : guidano la classifica i tipi pi odiosi, quelli che stanno sulle palle a tutti i colleghi. Pi sono sgradevoli, pi guadagnano: infatti questi tipi arrivano a guadagnare anche il 18,31% in pi dei loro colleghi gentili che non pestano mai i calli a nessuno. Succede anche alle donne, ma con percentuali pi basse: le signore antipatiche si ritrovano in busta paga circa il 5,47 % in pi delle colleghe simpatiche, generose, disponibili con tutti. Che si ritrovano quasi sempre sul gradino pi basso delle gratificazioni aziendali. Da notare: alcuni commentatori non applaudono le donne perch sono percentualmente inferiori in questa brutta classifica. Ma, in ossequio alla scontata chiave di lettura femminista, dicono che come al solito le donne sono battute dagli uomini. Specie quelle dolci e gentili, definite mollaccione. Insomma: dalle situazioni aberranti di Fantozzi (e la carrierista signorina Silvani era una vera dura) non cambiato molto nellambiente di lavoro. Ed un dilagante fenomeno mondiale.

22

Venerd 19 agosto 2011

NU-OVO la cellula abitativa polifunzionale by Paolo Maldotti

b2b pranzo cucina doccia fitness armadio guardaroba vasca idromassaggio lettino prendisole postazione internet cellula bimbi libreria sala tv letto punto informativo corner vendita

GIUSSANO - MILANO - TORINO - LONDRA


www.tisettanta.com nu-ovo@tisettanta.it T. +39 0362 319330

Borsa Milano-FTSE Mib

Borsa Londra-FTSE 100

Borsa Parigi-CAC 40

Petrolio - al barile

Euro/Dollaro

Gli indici

-6,15%
14.970,42

-4,49%
5.092,23

-5,48%
3.076,04

-3,86%
106,86 $

-0,75%
1,4369

Guai anche con Tata in India

Marchionne soffre gi di saudade


Dopo le scarse vendite della 500 negli Usa, il marchio italiano perde quote in Brasile e cede il primato a Volkswagen. Fiat reagisce: Nei primi sette mesi dellanno siamo in testa. Ma il titolo crolla del 12%
::: ANTONIO SPAMPINATO
QQQ La seduta di Borsa di ieri stata nefasta per tutti, soprattutto per Fiat, costretta a indossare per un giorno la maglia nera del listino e a subire lonta della sospensione per eccesso di ribasso. I titoli del Lingotto hanno inanellato perdite a due cifre: Fiat ha chiuso a 4,34 euro (-11,6%) e Industrial a 6,14 (-12,6%) mentre la controllante Exor riuscita a recuperare - per quanto sia arduo riuscire a considerarlo un recupero - e a chiudere con un ribasso del 9% a 15,33 euro. Non ha certo aiutato il taglio di Goldman Sachs delle stime sulle vendite di automobili in Europa e negli Stati Uniti per il 2012, rispettivamente del 7% e del 3%, come riflesso di un rallentamento della crescita economica globale. Ma il Lingotto ha aggiunto motivi personalialle notizie di mercato gi pessime. Tra queste ci sono le vendite di vetture in Brasile e lo schiaffo che il partner indiano, Ratan Tata, ha tirato a Marchionne. BRASILE La federazione brasiliana del settore auto (Fenabrave) ha diffuso i dati sulle vendite di vetture nel Paese - uno dei pi importanti bacini del Lingotto - dove risulta una Fiat indebolita rispetto al mercato invece in crescita e superata nella leadership dalla tedesca Volkswagen. Nei primi 15 giorni di agosto, dice la Fenabrave, le immatricolazioni di veicoli Fiat sono scese del 4,4% mentre il mercato ha registrato una crescita dell1,7%. La sua quota in Brasile scende quindi al 22,35% dal 23,78%. Tuttaltro trend viene invece registrato da Volkswagen che, con una quota del 24,5%, scalza Fiat e diventa il nuovo numero uno in Brasile. Secondo gli analisti di Bernstein c il rischio di erosione degli utili nel Paese sudamericano, un allarme che in realt stona rispetto alla raccomandazione

:::

Commento

Tra il Lingotto e Detroit avanza la fronda anti Sergio


::: UGO BERTONE
QQQ In mezzo al disastro generale, i guai di Fiat rischiano di passare inosservati. Eppure, dal 26 luglio scorso, giorno del consiglio Fiat, ad oggi il titolo del Lingotto ha perduto un terzo circa del suo valore di Borsa. Una bella mazzata, per giunta arrivata a sorpresa: nessuno dei membri del clan, invitati al cda che si tenuto in Brasile, si aspettava una botta del genere al proprio patrimonio. Certo, non mancano le spiegazioni generali: a) laria di recessione che si respira in Europa, che ha colpito lindustria dellauto, la pi legata al ciclo economico; b) le decisioni delle grandi case daffari che hanno suggerito ai clienti di vendere i titoli a quattro ruote e di incassare il guadagno per puntare su settori pi depressi. Tutto vero ma, al solito, quando lauto prende il raffreddore la Fiat, cio il gruppo pi fragile, prende la polmonite. Ieri come oggi, a dimostrazione che la grande Fiat, rafforzata da Chrysler (quattro milioni di veicoli, un ebitda di 1,25 miliardi nel secondo trimestre), resta un gigante dai piedi dargilla. Per giunta pieno di guai: a) la caduta del mercato italiano (-10,3% a luglio) rende quasi impossibile lobiettivo di sfruttare a dovere il lancio dei nuovi modelli; b) il partner indiano, Ratan Tata, che anche consigliere di Fiat, fa sapere che laccordo con il Lingotto non ha dato i risultati sperati. Intanto, non si hanno notizie della jv russa, n si parla pi della Cina; c) in Usa si registra il primo flop, quello della 500 che non raggiunger il tetto previsto delle 50 mila vetture vendute entro dicembre; d) infine, Fiat rallenta (-4,4%) in Brasile, mercato ancora in crescita e cos cede lo scettro del primato a Volkswagen. Tanto basta a introdurre una domanda scomoda: Sergio Marchionne ha perduto il tocco magico? Non la prima volta che la Borsa schiaccia i titoli Fiat a livelli infimi. Ma stavolta il verdetto dei mercati, subito dopo il consolidamento di Chrylser, fa davvero impressione. Anche perch, ad ottobre, la nuova Fiat/Chrysler dovr affrontare lesame delle agenzie di rating, preoccupate per la scarsa solidit patrimoniale della casa di Detroit (pi redditizia del Lingotto, per). Di questo passo sar difficile evitare una retrocessione con effetti pesanti per il debito del gruppo. A meno che non entrino nuovi capitali. Magari grazie allIpo di Ferrari o alla vendita di qualche asset. Scelte difficili che minacciano di dividere gli azionisti anche perch lex presidente del Lingotto, Luca di Montezemolo (buon amico di Ratan Tata) stato categorico nel sostenere che Ferrari non si quota. Di qui una sensazione: quando, poche settimane fa, Marchionne ha dichiarato che nel 2015 o nel 2016 potrei lasciare, non si limitato ad una semplice battuta di spirito ma ha voluto lanciare un segnale ben preciso verso il clan della Real Casa che tanto gli deve.

outperform che gli stessi analisti hanno stampato sul dossier Fiat Industrial non pi tardi di qualche mese fa dando al titolo un target price di 12 euro. La Fiat brasiliana per non ci sta a dichiararsi sconfitta dalla concorrente tedesca e, attraverso un comunicato diffuso ieri da San Paolo, chiarisce che sempre lei la reginetta delle vendite nei primi sette mesi dellanno in quel mercato, e questo con un grande margine in relazione al secondo collocato. vero che che nella prima quindicina di agosto stata superata dalla Volkswagen ma per sole 270 unit con un risultato che si deve esclusivamente al calendario di promozioni nelle vendite. La Fiat non ha nessuna intenzione di cedere il podio e intende rag-

giungere il decimo anno di leadership assoluta e consecutiva del mercato brasiliano grazie a un calendario diversificato di lanci di prodotti e versioni durante il secondo semestre che stimoleranno il mercato. Da gennaio al 15 di agosto la Fiat accumula vendite per 464.625 unit (22% del mercato), 36.781 vetture in pi della Volkswagen. Come accennato, il calo delle vendite in Brasile non lunica notizia che ha influenzato ieri la galassia Agnelli. INDIA Lalleanza con il partner indiano Tata mostra qualche crepa. Secondo il bilancio presentato dallalleato, le vendite di auto Fiat effettuate sul mercato indiano nellesercizio 2011 chiuso lo

scorso marzo sono state 20.493 posizionando il Lingotto all11mo posto nella classifica dei costruttori. In totale Tata ha registrato vendite per oltre 269.100 unit di auto nellesercizio 2011 (inclusa Fiat, Jaguar e Land Rover) da circa 232mila dellanno prima. Ma in una recente intervista il patron Ratan Tata ha detto che necessario rivedere i termini della collaborazione con il costruttore italiano per renderla pi realistica in quanto le stime in termini di volumi della nostra joint venturenon si sono materializzate. Non chiaro cosa comporter concretamente questa revisione, ma dal tono usato dal tycoon indiano certo che non si tramuter in niente di buono per Fiat.

QQQ Non a caso nellultimo anno le richieste di soggiorno in Angola da parte dei cittadini portoghesi sono triplicate. il riscatto delle colonie. A Luanda si fa ricchezza, a Lisbona si svende largenteria. Cos come richiesto dagli accordi con Ue e Fmi, il governo portoghese ha venduto il Banco Portugus de Negcios, dopo averlo nazionalizzato 3 anni fa per insolvenza. Lo Stato ha iniettato nellistituto 2,4 miliardi di euro, ma lo ha ceduto per 40 milioni. A fare laffare la Bic, la terza banca angolana. Il cui 25% detenuto da Isabel dos Santos, la figlia del presidente angolano Jos Eduardo. Fino allo scorso anno la banca portoghese era in vendita per 180 milioni, ma

Vendetta africana

LAngola si compra una banca europea


gli angolani sono riusciti a ottenere un super sconto. Certo in cambio di un aumento di capitale di circa 550 milioni. Il prezzo comunque potrebbe aumentare nei prossimi cinque anni se la banca ottiene un risultato operativo superiore a 60 milioni di euro. In questo caso dovr pagare allo Stato il 20% in pi. Loperazione Bpn stata una sofferenza costante per il Governo, che fino allultimo giorno ha dovuto iniettare denaro. Lincubo cominciato il 2 novembre del 2008, quando il socialista Jos Scrates annunci la nazionalizzazione della banca con un buco di 700 milioni di euro. Jos Oliveira Costa, fondatore della banca, fu processato per sette crimini diversi: dallevasione fiscale a riciclaggio di denaro. Nel maggio 2009 il governo inizi a parlare di privatizzazione. Ma la Bpn non ha trovato nessun acquirente interessato, nonoJos Eduardo dos Santos (LaPresse)

stante la proroga del termine fino a fine del novembre 2010. In totale, la Cgd aveva gi concesso alla banca finanziamenti per 4,6 miliardi di euro. Dopo il riscatto finanziario, i creditori internazionali hanno imposto al Paese la vendita di Bpn e fissato il 31 luglio come data limite. Delle quattro offerte ricevute, il Ministero delle Finanze si deciso per il Bic angolese, in quanto, secondo la spiegazione ufficiale, assicura la continuit dellattivit di Bnp e tiene in conto la difesa degli interessi dei depositanti. In soli 10 anni lAngola riuscito a raggiungere il Pil del Sudafrica ed arrivato a fare shopping in Europa. Chiss nei prossimi dieci anni.

24

Venerd 19 agosto 2011

DALLA BORSA
::: Cambi
LEURO CHIUDE IN CALO SUL DOLLARO IL FRANCO SVIZZERO CONTINUA LA CORSA I timori di un ritorno della recessione piegano leuro, che chiude la seduta sul filo di quota 1,43 contro il dollaro statunitense dopo aver toccato un minimo a 1,4269. Anche i dati statunitensi su inflazione e sussidi di disoccupazione, deludenti rispetto alle attese, hanno contribuito a indebolire la divisa unica. In rafforzamento il franco svizzero, considerato un buon rifugio contro leventuale ritorno della recessione. Il cambio si collocato attorno a 1,1317, con un minimo di giornata a 1,1237. La divisa elvetica ha guadagnato anche contro il dollaro, spingendosi attorno a quota 0,79. Gli stessi motivi hanno sostenuto gli scambi sullo yen che ha chiuso la giornata nel vecchio continente in zona 109,55 contro leuro e 76,50 contro il dollaro.

Fosters rifiuta lOpa di SabMiller La giapponese Asahi conquista IndLiquor


Rinnovati timori sulla crescita e sul debito hanno scatenato unaltra ondata di vendite ieri sui mercati internazionali. I mercati azionari a New York e in Europa hanno perso il 6% e oltre, dopo che una sfilza di cattive notizie dagli Usa ha scosso gli investitori e provocato nuovi rialzi delloro. Il benchmark Eurostoxx 600 ha perso il 4,82% a 226,58 alla fine della giornata borsistica in Europa. A guidare i cali stato un altro forte declino per la Borsa di Francoforte, con lindice principale, il Dax, che a un certo punto arrivato a perdere quasi il 7%. Londra ha ceduto il 4,6%, mentre Parigi ha perso il 5% e Zurigo il 4,8%. Anche le Borse dellEuropa Centrale hanno subito un tracollo, con la Borsa principale dellarea, quella di Varsavia, che ha ceduto l8%. Intanto il gigante della birra australiano Fosters ha rifiutato lOpa ostile da 10 miliardi di dollari lanciata dal produttore di birra SabMiller, perch la proposta sottovaluta significativamente lazienda. Nei mesi scorsi il consiglio di amministrazione aveva rifiutato ogni trattativa con la multinazionale. Mentre si combatte per la birra di Melbourne, nella vicina Nuova Zelanda si muove Asahi. La societ giapponese conquista Indipendent Liquor per 97,9 miliardi di yen (circa 1,3 miliardi di dollari) nell'operazione pi corposa che ha mai realizzato allestero.

::: Rating
STANTARD & POORS FIDUCIOSA: LA FRANCIA MANTERR LA TRIPLA A Standard & Poors fiduciosa che la Francia manterr un rating a tripla A nonostante i rumors circa un possibile downgrade. Lo ha affermato il presidente per lEuropa dellagenzia di rating, Carole Sirou, a radio RTL. Il rating della Francia stabile a AAA ed cos dal 1975. Riteniamo che rester tale, ha detto. OBAMA SI VENDICA DI S&P APERTA UNINCHIESTA PER I SUBPRIME Standard & Poors finisce nel mirino della giustizia Usa per il via libera dato ai mutui subprime che hanno innescato la crisi finanziaria del 2008. Secondo una fonte citata dal New York Times, il dipartimento di Giustizia americano ha aperto uninchiesta per verificare se i giudizi dellagenzia di rating siano stati dati in modo improprio.

SU WWW.LIBERO-NEWS.IT LA BORSA IN UN CLICK

Gli indici di Milano


FTSE Italia All Share

Gli altri indici di Milano


Titolo Chiusura Var. % Titolo

grafica a cura di centimetri.it Chiusura Var. %

Gli indici internazionali


New York DOW JONES

15.748,58
-5,82
11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

DJ It Titans 30 Mediobanca Generale Comit Globale Comit Globale R Comit Globale R 1040 Comit Performance R Comit Performance R 1040

1.607,91 43,41 813,54 799,66 48,84 2.637,49 56,94

-6,02 -3,30 -3,25 -5,54 -5,59 -5,54 -5,59

Assicurazioni Banche TLC e Servizi Finanziarie Immobiliari Trasporti e tempo libero Industriali

2.796,35 647,93 1.122,09 236,54 139,09 1.171,27 441,39

-2,19 -4,41 -2,18 -3,64 -3,15 -3,19 -3,45

11.041,80
-3,23
dato di met pomeriggio 11/08 12/08 15/08 16/08 17/08 18/08

T TS Mib

su www.libero-news.it l'aggiornamento delle borse ogni venti minuti

Zurigo SMI

14.970,42
-6,15
11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

5.196,00
-4,15
11/08 12/08 15/08 16/08 17/08 18/08

FT TS Star

DAX

9.557,56
-3,75
11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

5.602,80

SISTEMA

-5,82
11/08 12/08 15/08 16/08 17/08 18/08

FTSE Italia Mid Cap

19.133,16
-4,55
11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

Mai pi cambio pila. Si carica con la luce. Per sempre.

HONG KONG Hang Seng

20.016,30
-1,34
11/08 12/08 15/08 16/08 17/08 18/08

FTSE Mib
Titolo Rif. in Var. %

Titoli di Stato
Titolo ultima rilev. Ren. Titolo ultima rilev. Ren. Titolo ultima rilev. Ren.

Oro e monete
Titolo Denaro Lettera

Euribor
Titolo 360 365

ANSALDO STS 5,685 ATLANTIA 10,72 AUTOGRILL 8,185 AZIMUT 4,746 A2A 0,9 B M.PASCHI SIENA 0,4504 B POP MILANO 1,533 BANCO POPOLARE 1,2 BULGARI 12,17 BUZZI UNICEM 6,535 CAMPARI 5,23 DIASORIN 27,72 ENEL 3,338 ENEL GREEN POWER 1,497 ENI 12,8 EXOR 15,32 FIAT 4,33 FIAT INDUSTRIAL 6,09 FINMECCANICA 4,516 FONDIARIA SAI 1,44 GENERALI 11,63 IMPREGILO 1,635 INTESA SANPAOLO 1,196 LOTTOMATICA 10,93 LUXOTTICA GROUP 19,29 MEDIASET 2,514 MEDIOBANCA 6,3 MEDIOLANUM 2,43 PARMALAT 1,636 PIRELLI E C. 5,36 PRYSMIAN 9,89 SAIPEM 28,51 SNAM RETE GAS 3,286 STMICROELECTRONICS 4,28 TELECOM ITALIA 0,831 TENARIS 11,29 TERNA 2,424 TODS 77,05 UBI BANCA 2,706 UNICREDIT 0,9555

-4,77 -5,13 -4,99 -5,08 -1,69 -6,13 -7,43 -7,69 -0,16 -8,09 -6,1 -4,64 -5,39 -2,6 -4,83 -9,08 -11,88 -13,31 -9,32 -12,36 -4,83 -8,66 -9,26 -6,1 -5,3 -6,26 -2,1 -5,15 -3,93 -9,15 -7,57 -6,62 -3,52 -9,36 -4,15 -6 -1,86 -6,15 -3,56 -7,41

BOT

BOT 31.08.2011 (184) BOT 15.09.2011 BOT 30.09.2011 (183) BOT 14.10.2011 (364) BOT 31.04.2011 (185) BOT 15.11.2011 (365) BOT 31.11.2011 (183) BOT 15.12.2011 (365) BOT 30/12/2011 (180) BOT 16.01.2012 (367) BOT 31.01.2012 (186) BOT 15.02.2012 (365) BOT 15.03.2012 (366) BOT 15.04.2012 (367) BOT 15.05.2012 BOT 15.06.2012 BOT 16.07.2012 (367) BOT 15.08.2012 (366)
BTP

99,98 99,937 99,887 99,825 99,728 99,719 99,625 99,602 99,48 99,35 99,241 99,044 98,821 98,554 98,261 98,088 97,7 97,36 100,061 100,135 101,304 100,38 100,99 99,93 101,419 98,85 102,15 101,501 97,768 101,68 97,52 100,69 98,42

1,21 0,98 1,59 1,18 1,32 1,31 1,35 1,34 1,43 1,59 1,75 1,81 2 2,13 2,38 2,41 2,56 2,74 1,95 2,19 2,42 2,66 3,02 2,94 3,17 3,29 3,28 3,31 3,5 3,55 3,69

BTP 01.09.2011 4,25% BTP 15.9.2011 3,75% BTP 01.02.2012 5% BTP 01.03.2012 3% BTP 15.04.2012 4% BTP 01.07.2012 2,5% BTP 15.10.2012 4,25% BTP 15.12.2012 2% BTP 01.02.2013 4,75% BTP 15.04.2013 4,25% BTP 01.06.2013 2% BTP 1.8.2013 4,25% BTP 01.11.2013 2,25% BTP 15.12.2013 3,75% BTP 01.04.2014 3%

BTP 01.06.2014 3,5% BTP 01.07.2014 4,25% BTP 1.8.2014 4,25% BTP 1.2.2015 4,25% BTP 15.04.2015 3% BTP 15.06.2015 3% BTP 1.8.2015 3,75% BTP 01.11.2015 3% BTP 15.04.2016 3,75% BTP 1.08.2016 3,75% BTP 01.02.2017 4% BTP 1.8.2017 5,25% BTP 01.02.2018 4,5% BTP 01.08.2018 4,5% BTP 1.2.2019 4,25% BTP 01.03.2019 4,5% BTP 01.09.2019 4,25% BTP 1.2.2020 4,5% BTP 01.03.2020 4,25% BTP 01.09.2020 4% BTP 01.03.2021 3,75% BTP 1.8.2021 3,75% BTP 01.09.2021 4,75% BTP 01.08.2023 4,75% BTP 15.09.2023 2,6% BTP 1.11.2023 9% BTP 01.03.2025 5% BTP 01.03.2026 4,5% BTP 1.11.2026 7,25% BTP 1.11.2027 6,5% BTP 1.11.2029 5,25 BTP 01.05.2031 6% BTP 1.2.2033 5,75% BTP 01.08.2034 5%

99,66 101,65 101,65 101,31 97,18 96,7 99,6 96,16 98,55 98,75 99,38 104,7 100,24 99,99 97,9 99,6 97,96 99,38 97,23 95,2 92,56 93,36 99,44 97,5 89,92 131,9 98 91,5 117,99 108,53 96,89 103,2 100 91,38

3,68 3,75 3,74 3,9 3,94 4,03 3,9 4,05 4,14 4,05 4,17 4,4 4,55 4,57 4,63 4,64 4,65 4,67 4,7 4,73 4,81 4,65 4,9 5,1 3,65 5,49 5,27 5,4 5,6 5,75 5,58 5,81 5,8 5,74

BTP 1.2.37 4% BTP 01.08.2039 5% BTP 01.09.2040 5% EUR BTP 15.09.2041 2,55%
CCT

78,18 89,58 89,46 78,8 100,053 99,93 98,85 97,748 95,67 94,84 93,44 93,74 92,25 90,93 90,88 90,55 99,702 98,962 98,383 97,151 96,289 96,2 94,65 99,9 98,93 96,32 93,95 93 88,43 89,6 80,4

5,67 5,81 5,81 3,77 1,71 2,66 3,56 3,99 4,4 4,36 4,51 3,82 4,49 4,52 3,9 4,01 1,4 2 2,32 2,82 2,92 2,99 3,31 2,03 2,64 2,97 3,28 3,38 3,64 4,06 3,65

CCT 1.11.2011 CCT 1.3.2005-2012 CCT 1.11.2012 CCT 1.7.2006-2013 CCT 1.3.2014 IND CCT 1.12.2014 CCT 01.09.2015 CCT-EU 15.12.2015 CCT 01.07.2016 IND CCT 1.03.2017 CCT-EU 15.10.2017 CCT-EU 15.04.2018
CTZ

ORO FINO (EURO/GR) 37.00 ARGENTO (EURO/KG) 808.26 LONDRA ($/ONCIA) 1818.6 ARGENTO LONDRA ($/ONCIA) 40.67 STERLINA V.C. 260.81 STERLINA N.C. (ANT.73) 260.81 STERLINA (POST.74) 260.81 KRUGERRAND 1126.03 MARENGO ITALIANO 210.97 MARENGO SVIZZERO 206.07 MARENGO FRANCESE 206.07 MARENGO BELGA 206.07 MARENGO AUSTRIACO 206.07 20 MARCHI 245.83 10 DOLLARI LIBERTY 552.61

39.95 895.02 1819.6 40.71 293.35 294.38 294.38 1260.15 240.15 236.54 236.54 236.54 236.54 281.47 661.06

1 SETT. 2 SETT. 3 SETT. 1 MESE 2 MESI 3 MESI 4 MESI 5 MESI 6 MESI 7 MESI 8 MESI 9 MESI 10 MESI 11 MESI 12 MESI

1.123 1.213 1.276 1.348 1.416 1.535 1.595 1.659 1.737 1.796 1.844 1.898 1.953 2.014 2.073

1.139 1.23 1.294 1.367 1.436 1.556 1.617 1.682 1.761 1.821 1.87 1.924 1.98 2.042 2.102

Cross Rates
Euro Euro G.Bretagna Gran Bretagna Giappone Svizzera Danimarca Canada Norvegia Svezia USA

CTZ 30.09.2011 CTZ 29.02.2012 CTZ 30.04.2012 CTZ 31.08.2012 CTZ 31.12.2012 CTZ 31.12.2012 CTZ 30.04.2013
BTP INDICIZZATI

1,000 1,149 0,871 1,000

0,908 0,791

0,876 0,763 0,965 1,000

0,134 0,117 0,148 0,153

0,705 0,614 0,777 0,805

0,128 0,112 0,141 0,146 0,955 0,182

0,109 0,095

0,696 0,606

BTPI 15.9.2012 1,85% BTPI 15.9.2014 2,15% BTPI 15.09.2016 2,1% BTPI 15.9.2017 2,10% BTPI 15.09.2019 2,35% BTPI 15.9.2021 2,1% BTPI 15.9.2026 3,1% BTPI 15.9.2035 2,35%

Giappone 110,080126,441 100,000 Svizzera Danimarca Canada Norvegia Svezia Usa

0,120 76,610 0,125 0,813 0,155 0,794 5,185 0,986 5,431

1,141 1,311 7,451 8,558 1,418 1,628 7,804 8,963

1,037 6,768 1,288 7,089

6,530 10,000 5,256 1,242 6,839 8,027 1,259 0,190 1,047 1,229 0,193 1,000

Il maggior rialzo Arkimedica


valore

Il maggior ribasso Molmed


valore

L'azione pi scambiata Banco Popolare


quantit

5,505 10,000 0,852 6,461 1,014

0,111
var. %

0,51
var. %
11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

16.352.190
var. %
11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

9,159 10,521 8,320 1,437 1,650 1,305

1,174 10,000 6,374 0,184 0,157 1,000

+13,27

-17,74

-7,69

11/08 12/08 16/08 17/08 18/08

Venerd 19 agosto 2011

25

Mercato Azionario
AZIONI PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO
5,375 3,352 26,04 0,904 0,8495 0,1015 0,708 2,912 10,79 1,13 9,1 0,12 2,39 4,4 71,1 3,742 5,685 0,3901 0,268 0,0099 0,111 1,469 3,962 10,72 8,185 18,55 6,83 10,48 4,746 0,9 -2,45 -7,15 -5,65 -4,84 -5,87 -0,49 -11,5 -8,77 -9,46 -4,76 -9,13 -6,38 -6,45 -3,85 -4,77 -2,48 1,13 -8,33 13,27 -3,04 -8,37 -5,13 -4,99 -1,75 -6,18 -7,34 -5,08 -1,69 5,4237 3,4299 26,5866 0,9129 0,8679 0,1006 0,741 3,1022 10,7786 1,1713 9,1 0,1214 2,4747 4,5139 72,4248 3,7975 5,7487 0,3976 0,2616 0,0103 0,1072 1,4801 4,0992 10,8896 8,3237 18,5612 7,0157 10,9256 4,8418 0,9007 1,4153 1,9077 2,826 3,3145 4,2532 3,3065 0,4589 5,4521 7,2145 1,7984 1,5934 2,7165 0,3125 6,3304 7,2657 6,494 1,2295 50,6499 2,11 1,2389 43,8084 41,9965 2,696 0,3837 0,3842 0,4747 4,5079 0,4827 1,2622 0,273 1,4626 3,4785 0,49 55,3818 35,0904 21 2,016 23,6346 1,078 1,313 6,7512 0,1203 12,1791 1,0697 6,7539 3,7794 3,7503 2,6007 1,25 1,5954 1,3213 0,2886 5,3006 0,1414 2,418 19,4769 17,4802 1,4324 0,9566 7,2642 1,7912 2,104 0,0817 0,2469 0,5128 1,4263 0,2868 0,9304 0,6377 0,1532 0,7379 1,1302 23,3009 2,4021 2,9208 6,3617 0,0415 0,9794 2,2868 36,3641 1,0146 0,7231 15,0526 8,0924 46,5579 6,0853 1,3462 6,5509 28,749 9,4147 27,899 1,1248 2,4686 17,758 0,7697 0,8496 0,828 10,6364 1,0668

MINIMO 2010/2011
5,025 3,352 26,04 0,8065 0,8495 0,0845 0,477 2,85 9,82 1,13 9,01 0,12 2,208 4,4 71,1 3,5975 5,54 0,3901 0,2193 0,0099 0,091 1,462 3,638 10,68 7,935 18,55 6,83 10,2 4,654 0,854 1,24 1,86 2,9 3,238 4,3 3,3 0,4199 4,922 5,98 1,543 1,309 2,188 0,3061 5,9 6,72 6,315 1,085 49,99 2 1,151 42,7 41,53 2,67 0,3824 0,38 0,451 4,202 0,4554 1,241 0,235 1,286 2,95 0,47 53,05 34,21 20 1,981 20,77 0,995 1,26 6,24 0,12 7,28 1,021 6,5 3,58 3,45 2,49 1,157 1,577 1,302 0,2774 4,438 0,132 2,394 17 15,12 1,24 0,739 5,965 1,66 1,948 0,0799 0,238 0,4761 1,337 0,263 0,8205 0,632 0,102 0,715 1,106 20,3 2,266 2,622 6 0,0413 0,88 1,96 35,2 0,84 0,697 14,67 7,705 42,8 5,49 1,125 5,82 27,85 9 26,71 0,9365 2,306 15,04 0,736 0,861 0,74 10 0,9935

MASSIMO 2010/2011
8,2927 4,64 44,14 1,477 1,192 0,2309 1,477 5,64 12,5 2,495 9,9 0,281 4,432 5,82 108,43 4,502 9,6 0,596 0,3835 0,0285 0,4525 1,718 5,96 16,0972 10,97 24,38 11,4 16,16 8,3489 1,231 1,812 2,78 3,75 4,12 5,585 4,388 0,8589 6,6 9,895 3,0967 3,1625 3,455 0,44 9,3 9,95 11,56 2,7525 69,45 3,1 1,66 59,25 55 4,08 0,522 0,541 0,732 5,725 0,7645 1,45 0,4245 2,012 7,81 0,675 73,65 59,48 21 2,35 31,43 1,349 1,456 10,31 0,1729 12,33 1,46 10,76 6,09 4,4475 3,29 1,399 2,118 1,945 0,4291 5,935 0,411 4,4675 36,3 20,31 1,939 1,932 8,715 2,34 4,1 0,1497 0,34 0,777 1,789 0,52 1,44 0,784 0,371 1,07 1,461 24,77 3,695 5,505 12,82 0,161 1,295 5,02 58,58 1,26 1 24,58 13,69 53 6,54 1,6 9,3 48,57 11,33 36,09 1,573 3,265 23,51 0,907 1,287 1,539 15,14 1,768

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-33,98 -9,65 -41,23 -35,61 -22,63 -45,63 44,2 -37,31 -3,66 -34,11 -7,14 -33,22 9,01 -16,98 -20,04 0,19 -38,13 -19,15 -25,76 -61,02 -75,44 -6,79 -19,51 -26,3 -22,56 -19,7 -32,04 -16,16 -27,64 -12,54 -9,18 -32,97 -21,46 -20,25 -17,94 -21,05 -37,39 -10,89 -23,48 -39,26 -41,49 -20,35 -29,16 -24,47 -24,82 -30,34 -51,19 -19,18 -23,47 -22,98 -20,64 -15,56 -28,68 -23 1,69 -29,76 -8,83 -23,98 -10,49 -27,13 7,52 -39,02 -2 -9,34 -29,13 5 -7,59 -22,43 -16,04 -2,67 -16,05 -15,79 50,53 -11,96 -23,48 -34,19 -10,36 -4,85 11,61 -10,85 -23,41 -23,91 7,39 -43,08 -38,54 -39,34 -8,1 -15,25 -47,21 17,21 -14,42 -11,68 -37,72 -15,66 -22,73 1,97 -37,07 -29,93 -2,88 -61,14 -24,87 -11,88 14,43 -28,68 -37,29 -35,46 -57,17 -7,03 -54,34 -30,3 22,1 -25,24 -38,75 -39,47 -3,44 0,99 18,63 9,01 -28,59 -4,58 -13,94 -23,11 -15,48 18,87 -10,58 -29,71 -40,8 -16,4 -26,83

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)


23/05/11 11/07/11 26/05/03 02/05/06 04/07/11 07/05/07 18/05/09 25/04/08 09/05/11 02/05/08 26/04/11 04/06/07 18/04/11 05/05/11 09/05/11 23/05/11 26/05/08 27/04/09 24/07/00 09/05/11 02/05/11 23/05/11 23/05/11 18/04/11 09/05/11 29/04/11 23/05/11 20/06/11 23/05/11 23/05/11 02/05/11 02/05/11 09/05/11 05/05/08 18/05/09 18/04/11 26/04/11 11/05/09 23/05/11 09/05/11 09/05/11 01/08/11 02/05/11 16/05/11 23/05/11 09/05/11 13/06/11 02/05/11 23/03/11 03/05/10 23/05/11 06/05/02 23/05/11 23/05/11 09/05/11 04/07/11 12/05/08 26/05/08 13/05/11 20/05/11 26/04/10 18/05/09 23/05/11 19/08/81 04/02/08 09/05/11 19/05/03 23/05/11 24/05/10 23/05/11 10/05/10 09/05/11 17/05/10 23/05/11 23/05/11 19/05/08 23/05/11 05/05/08 07/05/10 09/05/11 25/07/11 16/05/11 23/05/11 05/05/08 11/05/09 21/05/01 23/05/11 10/05/10 23/05/11 10/05/11 26/04/11 02/05/11 26/04/11 16/05/11 20/06/11 19/05/03 06/06/11 14/04/11 27/04/09 08/11/10 08/10/10 10/05/11 02/05/11 26/04/11 27/05/11 13/05/11 20/06/11 08/12/08 19/05/08 12/04/10 12/04/10 23/05/11 23/05/11 1.144,7 184,3 108,6 32,5 65,1 74,1 76 459,6 97,5 2.657,4 1.084,6 13,1 5.538,8 193,6 32.272,3 825,6 795,9 17,7 63,2 12,7 9,6 344,4 390 6.756,9 2.082,3 81,2 601 21.894,4 679,9 2.819,6 2.301,3 324,2 38,3 378,8 231,4 515,5 4.884,2 1.688,7 1.815,3 135,1 636,3 80,2 214,6 50.810,5 47 705,2 2.116,2 46.433,4 129,3 21,9 33.363,5 685,6 29,7 139,7 28,2 93 819,9 922,1 12,1 20,2 48,6 90,8 14,7 32.146,5 31.202,8 91,1 52,2 128,4 48,4 1,2 433,1 94,5 4.094,3 109,7 1.080,6 145,7 33,4 202,8 15,6 189,4 162,8 188,1 3.037,6 7,5 110,1 13.477,7 945,5 17,2 168 124,4 288 21,2 13,4 22,6 92,1 1.111,3 29,7 38 460,3 8,9 34,4 321 1.443,8 634,9 964,6 13.758,8 6,7 32,5 35,8 33.953,1 82,6 109,5 599,7 316,1 23.814,7 357,4 413,9 958,3 15.898,4 39.993,3 1.544 16,4 18,9 202,9 3.984,3 95,2 34,5 51,1 66,5

AZIONI
EMAK ENEL ENEL GREEN POWER ENERVIT ENGINEERING ENI E.ON ERG ERGYCAPITAL ESPRESSO ESPRINET EUROTECH EUTELIA EXOR EXOR PRV EXOR RSP EXPRIVIA

PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO


3,362 3,338 1,497 1,95 21 12,8 14,15 8,06 0,3101 1,337 3,394 1,795 0,215 15,32 13,78 11,54 0,725 0,7965 4,33 6,09 3,242 3,282 2,948 3,06 2,904 3,97 4,516 0,3852 1,44 0,888 12,79 1,76 0,0675 2,496 19,41 3,752 0,613 0,86 11,63 2,868 4,87 6,475 6,5 3,19 1,145 4,54 -5,39 -2,6 1,46 -0,43 -4,83 -6,23 -3,88 -2,18 -5,71 -5,72 -0,55 -9,08 -8,26 -7,61 -4,54 -2,81 -11,88 -13,31 -8,52 -10,08 -10,4 -10,16 -2,94 -0,7 -9,32 -3,7 -12,36 -8,22 -2,44 1,68 -1,6 -0,08 -4,67 -2,55 -4,59 -2,22 -4,83 -5,1 -0,57 -0,08 -5,37 3,2529 3,3884 1,5023 1,8945 20,5382 12,9908 14,5193 8,1391 0,32 1,3534 3,4459 1,7862 0,215 15,7863 14,2686 11,8426 0,7435 0,7968 4,5338 6,4103 3,3379 3,4036 3,0495 3,1604 2,9174 3,9616 4,6874 0,391 1,5162 0,9113 12,9282 1,7248 0,0666 2,497 19,3182 3,7897 0,61 0,86 11,7674 2,9162 4,7213 6,4742 6,5 3,1011 1,1558 0,8707 1,1797 0,8873 13,1308 0,6201 1,6871 7,381 5,0517 4,9876 2,1873 5,8307 0,3272 0,7267 3,9556 1,2334 1,0435 0,0015 0,5391 1,9409 0,8841 2,87 1,26 4,7462 2,3359 22,2406 14,6621 9,7587 0,7847 1,4136 1,4545 0,2768 0,5968 0,0048 0,0315 1,6037 1,8262 0,5379 0,3399 80,4 11,1051 19,6247 112,4105 0,8397 4,3407 8,2057 0,2167 1,8497 2,5783 6,294 2,4869 0,054 0,1314 10,1938 0,2889 0,2722 2,1271 0,6194 1,9046 0,4851 5,0772 0,351 0,1328 0,258 0,2233 90,5333 4,4813 2,7605 5,5914 4,005 1,09 0,3963 1,1226 1,6564 0,6709 13,6053 2,304 1,773

MINIMO 2010/2011
3,14 3,338 1,497 1,217 20,51 12,17 13,97 7,9 0,3077 1,29 3,12 1,563 0,215 15,32 13,78 11,06 0,715 0,7965 4,33 6,09 3 3,274 2,948 3,06 2,7 3,912 4,516 0,38 1,334 0,8295 12,37 1,071 0,067 2,3 18,7 3,62 0,54 0,844 10,68 2,868 4,29 6,415 6,5 3,178 1,128 0,7755 1,025 0,871 12,57 0,601 1,557 7,28 4,622 5,05 2,15 5,53 0,327 0,66 3,958 1,132 0,9545 0,0015 0,516 1,528 0,8725 2,664 1,297 4,63 2,15 22,05 13,87 8,7681 0,78 1,3 1,4 0,2635 0,576 0,0042 0,029 1,549 1,77 0,4101 0,3 71,2 8,925 18,81 102,7 0,8045 4,084 7,8 0,205 1,7 2,45 5,4 2,248 0,0434 0,1264 9,25 0,2385 0,2429 2,08 0,381 1,867 0,1566 4,69 0,3451 0,1185 0,2432 0,2238 85 4,1 2,714 5,54 3,462 1,09 0,342 1,099 1,479 0,4912 13,58 2,138 1,555

MASSIMO 2010/2011
4,6 4,832 2,048 2,398 24,32 18,42 25,05 10,44 0,498 2,104 6,275 2,44 0,215 25,76 21,3 20,1 1,155 1,7576 8,05 10,66 7,415 7,395 6,385 6,375 4,14 4,916 9,865 0,515 4,3675 2,9414 16,44 3,262 0,2451 4,16 30 5,25 0,7655 1,17 16,99 4,95 5,195 7,87 6,5 4,49 1,76 1,08 1,755 1,51 15,2 0,91 2,4625 8,2 9,015 7,34 2,89 9,375 0,54 0,815 6,175 2,3294 1,978 0,0068 1,87 2,708 1,407 4,034 2,7643 7,65 3,886 29,9 19,73 9,955 0,986 3,7 2,135 0,391 0,7235 0,0219 0,0737 2,068 3,015 0,761 0,755 90,4 15,44 23,49 130,8 3,6375 5,47 9,46 0,23 2,47 4,9225 8,01 4,084 0,0918 0,3575 10,73 0,8951 0,8676 3,1975 0,7665 2,868 0,72 7,2 0,46 0,175 0,33 0,848 125 5,59 3,4 6,39 8,45 1,175 0,67 1,622 2,64 1,56 25,5 3 3,8125

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-24,28 -10,75 -5,31 56,75 -0,66 -21,66 -38,72 -22,87 -35,46 -21,17 -38,63 -4,77 -37,93 -25,91 -37,82 -23,84 -52,44 -35,33 -44,83 -42,53 -21,46 -9,21 -46,9 -24,47 -60,19 -64,79 -21,53 62,06 -68,76 -37,21 -29,06 -12,13 15,33 -9,33 -18,16 -16,2 0,41 -16,93 -28,64 -26,08 10,23 -17,64 -37,02 -11 -22,32 -22,79 -5 -40,2 -26,44 -8,51 -23,62 -13,71 5 -30,5 -34,49 -34,25 -48,28 -58,72 22,83 -30,37 -18,88 -50,15 -26,55 -33,51 -12,15 -16,53 -18,45 -61,75 -31,58 -15,91 0,26 -72,57 -55,56 -15,3 -40,7 -25,17 -14,32 -7,28 17,84 -15,39 -12,59 -75,57 -2,29 -6,8 0,37 -21,69 -44,47 -5,41 -21,42 16,41 -63,89 2 -62,93 -66,29 -33,07 25,31 -29,55 179,13 3,13 -13,09 -13,27 -13,13 -73,96 -20,33 -7,25 -10,72 -11,76 -47,64 -6,84 -31,75 -25,64 -20,2 -39,15 -40,7 -2,15 -47,94

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)


06/06/11 20/06/11 23/05/11 23/05/11 13/06/11 23/05/11 07/05/09 23/05/11 23/05/11 02/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 02/05/11 23/05/11 18/04/11 93 31.388,4 7.485 34,7 262,5 51.268,6 28.314,2 1.211,6 29,4 548,5 177,9 63,8 14,1 2.455,2 1.058,3 105,8 37,6 232,1 4.731,3 6.652,3 334,9 262,3 304,5 244,5 14,9 167,3 2.610,9 95,7 528,5 113,4 33.437,5 19,7 17,2 112,1 42.578,6 54 900,6 3,2 18.106,4 743,4 28,5 926,5 197,7 19,1 1.276,7 40,5 371,1 37,7 479,9 217,4 658 12,1 545,8 2,6 50,4 11.399 44,3 4,2 386,5 18.539,5 963,3 963,3 6,5 53,7 1.031,1 48,3 10,3 822,9 244 489,1 241,9 145,5 157,2 24 30,5 125,1 25,4 25,4 30 49,6 199,1 37,1 3,6 47.590,6 1.880,1 9.007,9 54.383,1 259,5 265,3 537,9 101,9 34,3 2.969,6 5.425,1 1.783 73,2 6,4 38,8 514,7 26,9 146,6 107,4 460,1 9,9 21,6 52,8 17,1 6,7 3 18.762,1 177 314,8 24,2 15.393,8 14,7 13,9 51,7 2.843,2 2.843,2 13.205,4 855,9 26,4

AZIONI
PININFARINA PIQUADRO PIRELLI E C. PIRELLI E C. RSP POLIGRAFICA S.FAUSTINO POLIGRAFICI EDITORIALE POLTRONA FRAU PPR PRAMAC PRELIOS PREMAFIN PREMUDA PRIMA INDUSTRIE PRYSMIAN

PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO


3,306 2,35 5,36 4,496 6,59 0,42 0,936 109,1 0,72 0,2523 0,3243 0,598 6,7 9,89 1,917 0,729 0,753 0,64 0,4475 6,485 27,5 0,201 18 0,3595 0,215 0,3484 0,1338 0,671 1 25,58 2,99 -0,93 -9,15 -5,86 -2,95 -7,6 -3,79 -6,43 -8,45 0,17 -2,62 -7,57 -1,89 -2,28 -5,34 -1,06 -4,63 -7,16 -3,78 -2,96 1,27 -3,41 0,4 -1,98 1,05 0,96 -7,49 3,2297 2,3446 5,5823 4,436 6,5843 0,4118 0,9734 109,1 0,7383 0,2603 0,3207 0,598 6,4708 10,1519 1,9186 0,7009 0,7878 0,6434 0,4395 6,5662 28,0903 0,2033 17,9433 0,3595 0,2104 0,3286 0,1355 0,6641 1 26,281 15,7793 0,2507 6,9987 4,4018 8,6374 29,1713 37,8 10,8355 49,0718 35,443 1,1019 9,4474 7,0307 0,4734 0,0481 1,2 4,9847 0,299 5,6401 71,9059 2,091 3,3009 22,7943 2,0157 5,4429 0,0471 1,6802 0,4304 166,7 4,4584 1,4681 0,723 0,8386 0,7541 0,1792 0,2631 14,2086 11,469 2,4024 2,5463 0,3769 0,0501 78,7663 1,65 32,8641 7,7489 8,5899 2,708 0,5019 0,9822 1,6231 22,9403 0,3369 0,2621 4,2251 0,1376 1,216 3,8762 3,2619 15,9867 0,0343 0,0823 0,0245 0,6611 1,7 0,022 0,0015 0,017 0,46 0,1175 0,0104 0,008 0,559 0,0067 0,011 0,0065 0,0792 0,0748 0,1383 0,0125 0,0118 9,3249 2,1845 4,7499 0,8881 0,7641

MINIMO 2010/2011
2,894 1,811 5,235 3,9 6,31 0,3819 0,8915 107,5 0,72 0,221 0,277 0,597 6,1 9,65 1,618 0,706 0,753 0,64 0,4249 6,455 27,5 0,2002 17 0,33 0,2018 0,29 0,1338 0,6275 0,9905 25,58 15,6 0,2348 6,1 4,232 8,435 27,06 35,01 9,95 45,45 34,3 1,031 9,105 6,685 0,4301 0,0451 0,725 4,9 0,299 5,515 69,95 2,06 3,286 21,58 1,93 4,95 0,0387 1,617 0,417 166,7 4,28 1,402 0,4932 0,8015 0,719 0,1656 0,2601 13,34 11,29 2,424 2,47 0,3758 0,047 71,95 1,436 31,78 7,17 5,37 2,49 0,49 0,9555 1,6 20,96 0,285 0,2251 4,108 0,1376 1,15 3,658 3,206 14,64 0,0345 0,0781 0,021 0,632 1,2 0,005 0,0014 0,0129 0,364 0,0961 0,009 0,0089 0,37 0,004 0,0099 0,0049 0,04 0,0303 0,0731 0,0116 0,0099 8,15 1,902 4,7 0,4445 0,469

MASSIMO 2010/2011
7,1 2,91 7,675 6,31 10,11 0,4949 1,468 132,1 1,205 0,5925 0,792 0,766 10,03 15,95 2,42 0,8865 1,354 0,8795 2,0775 7,805 49,34 0,2485 21,49 0,607 0,305 0,584 0,2925 1,249 1,392 55,22 25,3 0,4 8,8 6,18 13,72 38,52 39,25 13,7 56,15 45,93 2,0225 10,7 8,1 0,6395 0,095 1,7 7,35 0,299 8,78 99,2 2,7725 4,286 52,1 2,95 6,05 0,0958 2,102 0,66 166,7 9,645 1,59 1,45 1,144 1,025 0,2397 0,4 18,61 18,51 3,476 3,78 0,712 0,0896 96,55 1,72 45,62 11,34 9,5 7,3746 0,53 1,997 2,15 23,84 0,5475 0,419 4,78 0,1376 1,52 4,64 4,11 22 0,0838 0,1478 0,0982 0,853 3,2 0,0265 0,0025 0,0489 1,2 0,275 0,0295 0,029 0,789 0,0174 0,024 0,0179 0,25 0,1711 0,51 0,0249 0,0243 13,32 5,35 5,69 1,569 1,15

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-6,54 25,13 -11,4 -19,86 -29,03 -11,95 -2,5 -9,57 -31,88 -43,43 -56,26 -21,16 -7,52 -22,43 11,26 -16,69 -26,75 -12,27 -77,63 -8,08 -36,75 -17,42 -9 1,13 -17,31 -23,09 -40,19 -36,4 -29,38 -50,7 -38,8 -26,12 -4,32 -12,08 -36,63 -22,61 3,56 0,25 -10,42 -31,75 -5,72 -11,52 -25,66 -44,26 46,34 -16,09 -22,82 -24,78 -23,84 -11,67 -47,22 -21,05 10,95 -42,07 -4,71 -12,84 -45,58 5 10,2 -14,06 -6,77 -26,96 -18,42 -18,56 -38,47 -23,29 -29,43 -41,74 -39,68 4,26 13,17 -19,55 -30,43 57,65 -55,88 -0,88 -38,28 -14,14 -4,8 -28,86 -27,87 0,95 -5,07 -1,51 -9,01 -20,73 -44,06 -37,5 -71,51 3,34 7,94 62,96 -36,36 -59,66 -61,63 -52,08 -58,55 -63,67 -52,82 -53,19 -63,48 -63,84 62,29 -36,36 -44,25 -48,28 -5,56 -60,88 -1,67 82,8 46,24

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)


23/05/05 25/07/11 23/05/11 23/05/11 08/05/00 21/05/07 26/05/08 21/05/10 30/06/08 21/04/08 26/05/08 20/06/11 26/05/08 18/04/11 18/05/98 09/05/11 19/05/08 12/05/08 18/04/11 11/05/11 13/05/02 30/05/11 19/05/08 27/05/02 19/06/06 21/04/11 23/05/11 06/06/11 26/04/11 26/04/11 12/05/08 23/05/11 23/05/11 16/05/11 26/05/11 18/05/09 23/05/11 02/05/11 28/02/11 21/05/07 19/05/08 02/05/11 02/05/11 26/01/11 24/07/00 23/05/11 31/05/11 26/04/11 23/05/11 25/05/08 08/05/06 08/05/06 22/08/11 09/03/11 05/05/03 18/04/11 18/04/11 24/04/06 24/04/06 08/11/10 20/06/11 20/06/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 11/07/11 08/05/06 23/05/11 12/05/08 23/05/11 23/05/11 09/02/11 24/05/10 24/05/10 09/05/11 04/03/02 23/05/11 23/05/11 16/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 18/03/93 09/05/11 01/08/05 19/05/08 99,7 117,5 2.550 55,1 7,9 55,4 131,3 13.807,2 22 212,2 133,1 112,2 57,9 2.120,1 52,4 23,3 551,7 18,8 20,5 1.356,2 7.835,8 75,9 166 57,4 17,6 16,1 108,5 88,9 11,6 13.388,7 179,9 23,6 97,4 32,4 479,3 12.580,7 5,2 1.775 64.105,6 42.043,7 1.022,3 95 376 66,6 88,8 0,8 80,6 7,8 1.269,5 63.948,5 240,7 11.734,9 12.532,1 227,4 496,1 18,6 784,7 36,1 0,3 3.897,1 197,8 30,2 11.149,4 4.561,8 251,2 1,4 65.258,3 13.328,3 4.872,2 68,7 40,2 90,3 2.358,5 50,5 76.799,1 480 22 2.440,1 80,5 18.416,5 39,1 38.787,1 694,1 337,7 44,3 20 36,6 171,7 217,6 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 18.664,8 481,3 2,1 376 20,7 2,5

A
ACEA ACEGAS-APS ACOTEL GROUP ACQUE POTABILI ACSM AEDES AEFFE AEGON AEROPORTO DI FIRENZE AGEAS AHOLD KON AICON ALCATEL-LUCENT ALERION ALLIANZ AMPLIFON ANSALDO STS ANTICHI PELLETTIERI APULIA PRONTOP ARENA ARKIMEDICA ASCOPIAVE ASTALDI ATLANTIA AUTOGRILL AUTOS MERIDIONALI AUTOSTR TO-MI AXA AZIMUT A2A

R
RATTI RCF GROUP RCS MEDIAGROUP RCS MEDIAGROUP RSP RDB RECORDATI RENAULT RENO DE MEDICI REPLY RETELIT RICCHETTI RICHARD GINORI 1735 RISANAMENTO ROMA A.S. ROSSS RWE

F
FALCK RENEWABLES FIAT FIAT INDUSTRIAL FIAT INDUSTRIAL PRV FIAT INDUSTRIAL RSP FIAT P FIAT RSP FIDIA FIERA MILANO FINMECCANICA FNM FONDIARIA SAI FONDIARIA SAI RSP FRANCE TELECOM SA FULLSIX

18/04/11 18/04/11 20/05/02 04/05/09 23/05/11 24/05/10 24/05/10 10/06/11 15/05/06 24/05/10 04/05/11 16/05/11 18/06/07 18/05/09 23/05/11 23/05/11 25/05/09

B
B CARIGE B CARIGE RSP B DESIO BRIA RSP B DESIO E BRIANZA B IFIS B INTERMOBILIARE B M.PASCHI SIENA B P DI SONDRIO B P EMILIA ROMAGNA B POP ETRURIA E LAZIO B POP MILANO B POP SPOLETO B PROFILO B SANTANDER B SARDEGNA RSP BANCA GENERALI BANCO POPOLARE BASF BASICNET BASTOGI BAYER BB BIOTECH B&C SPEAKERS BCA FINNAT BEE TEAM BEGHELLI BENETTON BENI STABILI BEST UNION COMPANY BIALETTI INDUSTRIE BIANCAMANO BIESSE BIOERA BMW BNP PARIBAS BOERO BOLZONI BON FERRARESI BORGOSESIA BORGOSESIA RSP BREMBO BRIOSCHI BULGARI BUONGIORNO BUZZI UNICEM BUZZI UNICEM RSP 1,424 -0,42 1,86 -2,62 2,9 -1,56 3,238 -4,93 4,3 -0,69 3,3 -1,73 0,4504 -6,13 5,48 -2,75 7,155 -5,29 1,796 -1,86 1,533 -7,43 2,696 0,67 0,317 0,63 6,02 -7,95 7,12 -2,2 6,315 -9,33 1,2 -7,69 50,3 -6,33 2,12 -2,66 1,23 -3,91 43,65 -5,52 41,8 -2,13 2,696 -3,37 0,385 -2,53 0,4083 -0,15 0,465 -6 4,488 -2,48 0,4812 -4,62 1,289 -1,68 0,2689 3,42 1,43 -5,49 3,314 -9,06 0,49 -4,58 53,4 -10,18 34,21 -6,61 21 2,01 -1,28 22,82 -6,93 1,078 7,8 1,313 6,485 -9,49 0,12 -5,06 12,17 -0,16 1,031 -5,41 6,535 -8,09 3,58 -9,37 3,72 -2,87 2,588 -3,36 1,25 1,577 -4,08 1,302 -3,56 0,28 -7,28 5,23 -6,1 0,148 2,394 -5,6 19,12 -4,97 17,48 -2,07 1,4 0,79 0,871 -9,88 7,32 0,34 1,81 -0,82 2,124 -1,67 0,0824 -0,72 0,245 -5,73 0,51 -1,92 1,401 -4,69 0,281 -6,33 0,939 1,02 0,64 -1,99 0,1438 -11,51 0,74 -3,9 1,127 -1,66 23,39 1,65 2,35 -5,62 2,902 -5,1 6,18 -8,17 0,0421 -0,24 0,978 -2,1 2,21 35,2 1 0,73 14,67 7,82 46,35 6,115 1,35 6,41 27,85 9,17 27,72 1,161 2,468 17,95 0,769 0,861 0,7915 10,6 1,05 -6,12 -7,42 -1,96 1,32 -7,44 -8,32 -4,92 -1,85 -6,18 -6,29 -7,35 -4,48 -4,64 2,29 -0,88 -2,02 -3,03 -2,16 -8,87 -3,64 -3,93

G
GABETTI GAS PLUS GDF SUEZ GEFRAN GEMINA GEMINA RSP GENERALI GEOX GREENVISION GRUPPO COIN GRUPPO COIN OPA GRUPPO MINERALI MAFFEI

S
SABAF SADI SERVIZI INDUSTR SAES GETTERS SAES GETTERS RSP SAFILO GROUP SAIPEM SAIPEM RCV SALVATORE FERRAGAMO SANOFI SAP SARAS SAT SAVE SCREEN SERVICE SEAT PAGINE GIALLE SEAT PAGINE GIALLE RSP SERVIZI ITALIA SETECO INTERNATIONAL SIAS SIEMENS SNAI SNAM RETE GAS SOCIETE GENERALE SOGEFI SOL SOPAF SORIN STEFANEL STEFANEL RSP STMICROELECTRONICS 15,6 -1,58 0,2545 -2,12 6,64 -3,49 4,396 -2,74 8,435 -6,95 28,51 -6,62 37,8 10,54 -5,64 48,73 -2,54 34,3 -6,03 1,075 -7,17 9,635 4,5 6,795 -2,58 0,481 -0,1 0,0461 -7,62 1,2 4,976 -0,48 0,299 5,58 -6,22 69,95 -6,67 2,06 -4,19 3,286 -3,52 21,58 -12,63 1,95 -5,98 5,47 -0,45 0,0442 -9,8 1,639 -7,61 0,4275 -5,29 166,7 4,28 -9,36 1,47 0,724 0,831 0,757 0,1737 0,2631 13,87 11,29 2,424 2,47 0,3758 0,0485 77,05 1,65 32,38 7,5 8,45 2,706 0,504 0,9555 1,615 22,62 0,3283 0,2593 4,24 0,1376 1,216 3,92 3,23 15,95 -1,28 -4,74 -4,15 -2,26 -6,86 -6 -2,8 -6 -1,86 -7,49 -6,61 -6,37 -6,15 -4,82 -9,96 -3,32 -3,56 -7,41 -6 -4,03 -6,97 -3,61 2,76 1,82 -3,35 -1,24

H
HERA 06/06/11 07/04/08 23/05/11 28/04/08 23/05/11 24/05/11 18/07/11 18/07/11 17/05/11 17/05/11 14/08/08 20/06/11 20/06/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 18/06/01 09/05/11 23/05/11 16/05/11 02/02/09 23/05/11 23/05/11 06/06/11 06/06/11 04/11/02 24/05/10 17/07/91 09/05/11 09/05/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 29/04/02 29/04/11 24/05/10 23/05/11 29/11/10 16/05/11 09/05/11 23/05/11 22/04/02 23/05/11 22/11/10 23/05/11 11/05/09 26/04/10 26/04/10 28/02/11 23/05/11 28/02/05 22/05/06 20/05/02 19/05/03 20/09/10 21/04/11 02/05/11 23/05/11 04/05/11 04/06/07 10/05/04 11/05/09 18/04/11 18/04/11 04/04/11 16/05/11

I
I GRANDI VIAGGI IGD IL SOLE 24 ORE IMA IMMSI IMPREGILO IMPREGILO RSP INDESIT INDESIT RSP INDUSTRIA E INNOVAZIONE ING GROEP INTEK INTEK R INTERPUMP INTESA SANPAOLO INTESA SANPAOLO RSP INV E SVIL 2012 W INVEST E SVILUPPO IRCE IREN ISAGRO IT WAY ITALCEMENTI ITALCEMENTI RSP ITALMOBILIARE ITALMOBILIARE RSP ITALY1 INVESTMENT 0,9 3,45 1,2 0,93 0,871 -1,19 13,03 -1,06 0,6335 0,56 1,635 -8,66 7,5 4,802 -11,32 5,05 -4,72 2,15 -2,27 5,53 -10,23 0,34 -2,83 0,735 3,958 -3,75 1,196 -9,26 1,033 -5,58 0,0015 0,516 -9,15 1,91 -2,65 0,8725 -5,01 2,754 -7,65 1,304 4,646 -6,48 2,314 -5,01 22,05 -3,84 14,8 -1,33 9,7 0,73 0,78 1,377 1,43 0,2796 0,5815 0,0048 0,0308 -2,26 -5,68 -3,96 -0,57 -3,49 -5,23

T
TAMBURI TAS TELECOM ITALIA TELECOM ITALIA RSP TELECOM ITALIA MEDIA TELECOM ITALIA MEDIA RSP TELEFONICA TENARIS TERNA TERNIENERGIA TESMEC TISCALI TODS TOSCANA FINANZA TOTAL TREVI TXT E-SOLUTIONS

J
JUVENTUS FC

C
CAD IT CAIRO COMMUNICATION CALEFFI CALTAGIRONE CALTAGIRONE EDITORE CAMFIN CAMPARI CAPE LIVE CARRARO CARREFOUR CATTOLICA ASSICURAZIONI CDC CELL THERAPEUTICS CEMBRE CEMENTIR HOLDING CENTRALE DEL LATTE TO CHL CIA CICCOLELLA CIR CLASS EDITORI COBRA COFIDE COGEME SET CONAFI PRESTITO CR ARTIGIANO CR BERGAMASCO CR VALTELLINESE CREDEM CREDIT AGRICOLE CRESPI CSP INTERNATIONAL

K
KERSELF KINEXIA KME GROUP KME GROUP RSP KME GROUP 2011 W K.R.ENERGY

U
UBI BANCA UNI LAND UNICREDIT UNICREDIT RSP UNILEVER UNIPOL UNIPOL P

L
LA DORIA LANDI RENZO LAZIO S.S. LE BUONE SOCIETA LOREAL LOTTOMATICA LUXOTTICA GROUP LVMH 1,6 -4,48 1,77 -10,92 0,547 5,39 0,341 79 -4,99 10,93 -6,1 19,29 -5,3 111 -5,77 0,8045 -11,15 4,27 -2,95 8,085 -2,36 0,215 -2,98 1,85 2,514 -6,26 6,3 -2,1 2,43 -5,15 0,0525 2,34 0,1264 -7,53 10,2 2 0,2794 -6,52 0,2628 -9,03 2,08 -1,52 0,51 -17,74 1,867 -4,7 0,4787 -3,29 4,904 -4,87 0,352 -2,22 0,1314 -4,09 0,258 5,74 0,2238 -2,57 90,9 4,48 -0,67 2,714 5,59 4,05 1,09 0,4095 1,14 1,636 0,6365 13,58 2,302 1,77 -1,31 -1,89 0,2 0,88 -3,93 -9,07 -5,76 -1,2 -4,32

V
VALSOIA VIAGGI DEL VENTAGLIO VIANINI INDUSTRIA VIANINI LAVORI VITTORIA ASS VIVENDI

M
MAIRE TECNIMONT MARCOLIN MARR M&C MEDIACONTECH MEDIASET MEDIOBANCA MEDIOLANUM MERIDIANA FLY MERIDIE MID INDUSTRY CAPITAL MILANO ASS MILANO ASS RSP MITTEL MOLMED MONDADORI MONDO HE MONDO TV MONRIF MONTEFIBRE MONTEFIBRE RSP MONTI ASCENSORI MUNICH RE MUTUIONLINE

W
W CAMFIN 11 W ERGYCAPIT 16 W GABETTI 13 W INTERPUMP 12 W PRI 2013 W RGINORI 2013 W TISCALI 14 W UAI 2011-2015 WARR AEDES 2009-2014 WARR BPM 09-13 WARR CREVAL 2014 WARR ERGYCAPITAL 11 WARR FIRST CAPITAL 2013 WARR IKF 10-14 WARR INTEK 2011 WARR ITALY1 WARR KME 09-11 WARR KRE 09-12 WARR MADE IN ITALY 1 WARR MERIDIE 11 WARR PIERREL 08-12 WARR RETELIT 08-11 WARR TAMBURI 2013 WARR UNIPOL PRV 2013 WARR UNIPOL 2013 0,0358 -0,83 0,08 -7,51 0,0245 0,65 -7,14 1,7 0,022 0,0014 -6,67 0,0165 -11,29 0,46 2,68 0,115 -5,81 0,0114 15,15 0,0089 0,559 0,0067 21,82 0,011 0,0065 0,0792 0,0779 0,14 -15,15 0,0126 -1,56 0,012 -3,23 9,085 2,14 4,7 0,85 0,7385 -7,3 -2,19 -2,37 -9,09 -7,8

D
DADA DAIMLER DAMIANI DAMICO DANIELI & C DANIELI & C RSP DANONE DATALOGIC DEA CAPITAL DELONGHI DEUTSCHE BANK DEUTSCHE TELEKOM DIASORIN DIGITAL BROS DMAIL GROUP DMT

N
NICE NOEMALIFE NOKIA CORPORATION NOVA RE

O
OLIDATA

E
EDISON EDISON RSP EEMS EL EN ELICA

P
PANARIAGROUP PARMALAT PARMALAT 2015 W PHILIPS PIAGGIO PIERREL

Y
YOOX YORKVILLE BHN

Z
ZIGNAGO VETRO ZUCCHI ZUCCHI RSP

26

Venerd 19 agosto 2011

@ www.libero-news.it
A tu per tu
di MATTIAS MAINIERO

::: le lettere
LA PROTESTA DEI LETTORI

lettere@libero-news.eu

Le lettere via e-mail vanno inviate sottolineando nelloggetto: lettere. Via posta vanno indirizzate a: Libero - viale L. Majno 42 - 20129 Milano; via fax al n. 02.999.66.264.

Vedi Napoli e poi fuggi a Capri


A Ferragosto ho deciso di fare una passeggiata al Borgo Marinari di Napoli. Dopo la passeggiata decido di prendere un taxi per tornare a casa. Al posteggio pi vicino erano presenti tre vetture ma mancavano gli autisti. Ho telefonato al 113 che mi ha messo in contatto con i vigili urbani ai quali ho segnalato lepisodio. Tutto ci mentre in citt cera un buon numero di turisti. Una Napoli turistica non potr mai decollare. Sulla vicenda auspicabile lintervento del sindaco De Magistris. Gennaro Capodanno Napoli Nientaltro? Vediamo: il sindaco di Napoli dovrebbe risolvere il problema dellimmondizia, che scomparsa, ma che, terminate le ferie e riempitasi di nuovo la citt, ritorner nelle strade. Poi, dovrebbe far costruire svariati chilometri di marciapiede e far tappare due o trecentomila buche stradali. Dovrebbe, non so se in questo preciso ordine, pulire le acque del Golfo, bonificare la zona dei Quartieri Spagnoli e rendere pi vivibili i quartieri periferici, dare una sistemata alla Villa Comunale, eliminare o almeno ridurre drasticamente il numero di venditori ambulanti, potenziare i mezzi di trasporto, costruire un aeroporto decente, ridurre il traffico cittadino, migliorare i collegamenti con Capri e Ischia, far sparire milioni di insegne, cartelloni e striscioni abusivi, pulire le facciate di migliaia di palazzi migliorando il decoro cittadino, illuminare meglio la citt. Naturalmente, c anche la storia dei taxi, assieme a quella degli interminabili lavori della metropolitana e a decine di altre storie che in questo momento mi sfuggono. La verit, caro mio, che Napoli ha infiniti problemi. Se non limmondizia sono gli scippatori, se non sono gli scippatori la camorra, se non la camorra il caro prezzi, o le strutture alberghiere non allaltezza, o laeroporto o il caos cittadino. E cos, da almeno mezzo secolo, Napoli non pi una citt turistica: luogo di transito dei turisti. Si arriva, si dorme al massimo una notte e poi si va altrove. Vedi Napoli (dalla stazione ferroviaria o dal finestrino di unauto) e poi fuggi a Pompei, Sorrento, Amalfi, Positano, Capri o Ischia. La seconda verit che per rilanciare Napoli dal punto di vista turistico pi che un sindaco ci vorrebbe un miracolo. E De Magistris solo un ex Pm senza alcuna esperienza amministrativa. Non telefoni al 113, caro Capodanno. La prossima volta telefoni a San Gennaro. mattias.mainiero@libero-news.eu

Questa manovra di sinistra. Basta imposizioni dallUnione europea. Ma c anche chi dice: Viva il contributo di solidariet
Mi associo ai tanti lettori che esprimono rabbia e sconcerto per quanto il governo si accinge a fare. Anzich aumentare le tasse, non potrebbero essere messi in vendita i beni immobiliari dello Stato e le riserve auree? Penso, ad esempio, alle tante caserme non pi in uso: al fine di incassare il miglior prezzo potrebbero essere alienate tramite asta con un provvedimento legislativo che permettesse al compratore di trasformarle in uffici, negozi e appartamenti e con la promessa che l'utile scaturito da tale operazione fosse assoggettato ad una aliquota di tassazione agevolata del 30% massimo. Efrem Cosmacini Udine ***** Che l'impotenza di Berlusconi si sia palesata nel contribuire a redigere una finanziaria che sembra dettata dalla pi becera sinistra ovvio. Che in Italia non esista pi una vera diversit politica assodato. Quindi ne deduco che finch non ripuliamo il parlamento dalle vecchie cariatidi non ne usciremo, perch per tutti loro il futuro oggi il potere, lo stipendio e la poltrona. Fuori tutti e dentro i giovani. Gabriella Simoni e.mail ***** Se la destra si comporta esattamente come la sinistra, vale a dire agendo sulle tasse, non riformando la giustizia, non modificando larchitettura dello Stato, non eliminando radicalmente gli sprechi, non abolendo totalmente gli enti inutili, non riducendo sostanzialmente i costi della politica, non prevedendo un limite di legislature per i parlamentari, la mia domanda questa: alle prossime elezioni per chi votiamo? Cosa c oltre questa destra? Otello Santo Caruso e.mail ***** Abolizione piccoli comuni. Ma perch abolire soltanto quelli sotto i mille abitanti? Son migliori, cio pi efficienti quelli fino a duemila? Si tratta non di abolirli, che non ha senso, ma di riunirli in un insieme pi grande con una sola direzione. Abolizione province. Si devono eliminare tutte, perch non servono pi e sono uno spreco. Servivano quando non c'erano le regioni. Il personale ovviamente passer alle regioni. I politici non servono. I palazzi potranno essere venduti od utilizzati dalle regioni o dai comuni se utile. Sandro Manente e.mail ***** Il contributo di solidariet l'ultima invenzione di un governo alle corde! Dicano che hanno bisogno di soldi e potremmo pagarli pi volentieri questi euro che doverli sborsare per solidariet! urtante questa ipocrisia, questo voler giustificare con dei valori ci che sono tasse per coprire un disavanzo! Berlusconi questo contributo di solidariet deve toglierlo al pi presto, una presa in giro del suo stesso governo. Gianni Mereghetti Abbiategrasso (Mi) ***** Siete tra i pochi che ancora scrivono e propongono idee, per costruire, per crescere, per migliorare una situazione economica drammatica. Oggi la politica solo una scorciatoia per arraffare quello che rimasto. Mauro Rodolatti e.mail ***** Leggo volentieri le lettere dei lettori, per valutare il nervosismo del prossimo rispetto al mio. Vedo purtroppo che siamo in molti a sentirci traditi, ma la lettera veramente e totalmente condivisibile e quella scritta dal sig. Napoleone Zangarini, pubblicata mercoled scorso. Ritengo inutile e fuorviante le lamentele per questo o quel balzello, ma la vera richiesta da fare resta: pi tagli! Luciano Assettini Brescia ***** Temo che dopo 60 anni di democrazia piuttosto incompiuta, i politici italiani - dai rossi, ai neri, azzurri, bianchi, con croce, falce e martello, garofano o fiamma tricolore - abbiano ormai unificato i loro vessilli in un grigio tetro, plumbeo, funereo, che sa di tramonto. Tutti i politici hanno finito per chiudersi nei palazzi romani, predisponendo stipendi e vitalizi doro, dicendo superbe bugie, nel loro esclusivo interesse o dei loro sponsor, che indirettamente ne hanno approfittato, rubando, sprecando e sperperando i beni prodotti dal sudore e dalla fatica della gente comune. Nessun partito in Italia ha saputo rimuovere gli sprechi. Sono chiamati ancora a ripianare il buco con la manovra Tremonti i soliti onesti di sempre. Giacomo Sironi Reggio Emilia ***** Perch in Italia non possibile che i cittadini possano scaricare tutto quello che spendono? Se io metto da parte tutti i miei scontrini fiscali e a fine anno con una calcolatrice da 1 euro e senza commercialisti faccio semplicemente la somma di quegli scontrini e fatture, mi autotasso del 20% sulla somma che ho risparmiato. Per lo Stato mi rimborsa l'Iva che ho costretto a pagare ai vari signori che adesso la evadono tranquillamente. Io preferisco lo sconto. Cos finisce tutta l'evasione. Rino Cavolo Vigevano (Pv) ***** Ci sono tante cose detestabili in Usa, ma non il sistema fiscale. Mi viene in mente mia madre (83enne) che percepisce una pensione di 450 euro. Va dal dentista e quello gli dice: Vuole la fattura? Le costa il 20% in pi, se vuole per le faccio lo sconto del 20%. Iva e tasse evase. Mettessero un bancomat obbligatorio e permettessero alla gente di scalare le spese mediche, vuoi vedere come vanno a finire le cose? Se non dichiari tutto, ti mettono in galera, come in America. Franco Angeli e.mail ***** Sono stato un elettore di Berlusconi perch ho condiviso le cose che ci ha detto: cancro giustizia, troppe tasse, troppo Stato, poco mercato. Non ha saputo fare una sola cosa di ci che ha promesso. Colpa di Fini, Casini, giudici, alleati di governo? Poco importa. Mario Barabbino e.mail ***** Nella situazione attuale, dobbiamo riflettere e trovare soluzioni originali. Questi politici non si arrenderanno mai e continueranno a fare i loro comodi. La prossima mossa sar alzare ancora le tasse. Abbiamo ancora un anno di tempo, non di pi. Prepariamoci. Ernesto Giorgi e.mail ***** Il governo Berlusconi fa la legge promettendo segretezza al rientro dei capitali all'estero contro pagamento di una tassa e ora lo stesso governo ti fa pagare unaltra tassa. Sembra ci siano altri 170 miliardi italiani all'estero che con la premessa di cui sopra non rientreranno mai pi con nessuna legge di qualsivoglia governo. Renato Tomada e.mail

La voce dei No Tax

REDAZIONE MILANO 20129 - Viale L. Majno, 42

DISTRIBUTORE PER LITALIA E LESTERO PRESS-DI Distribuzione Stampa e Multimedia Srl STAMPA: Litosud Srl - Via Aldo Moro, 2 - Pessano con Bornago (Mi) EDIZIONI TELETRASMESSE Litosud Srl - Via Carlo Pesenti, 130 - Roma S.t.s. S.p.A. - Strada V zona industriale, 35 - Catania LUNIONE EDITORIALE S.p.A. - Viale Regina Elena, 12 - Cagliari MARTANO EDITRICE S.r.l. - Viale delle Magnolie - Modugno (BA) CENTRO SERVIZI EDITORIALI Srl - Via del Lavoro, 18 - Grisignano (Vi) TESTATA: Opinioni nuove - Libero Quotidiano Contributi diretti legge 7 agosto 1990 n. 250

DIRETTORE RESPONSABILE Maurizio Belpietro


VICE DIRETTORI Massimo de Manzoni (vicario) - Franco Bechis Fausto Carioti - Pietro Senaldi DIRETTORE GENERALE: Stefano Cecchetti

Telefono: 02.999.666 - Fax: 02.999.66.264 REDAZIONE ROMA 00187 - Via Barberini, 50 Telefono: 06.999.333 - Fax: 06.999.33.443

segui la rubrica anche su

www.

EDITORIALE LIBERO s.r.l. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE: Arnaldo Rossi CONSIGLIERI: Maurizio Belpietro - Sergio De Benedetti

UFFICI AMMINISTRATIVI: Viale L. Majno, 42 - 20129 Milano SEDE LEGALE: Via dei Valeri, 1 - 00184 Roma

n 200 anno XLVI Registrazione: n 8/64 del 22/12/1964 - Tribunale di Bolzano


PREZZO VENDITA ESTERO: CH - Fr. 3.00; MC & F - 2.00.

Venerd 19 agosto 2011 @ www.libero-news.it

27

Tutte le e.mail inviate a Libero e non pubblicate in questa pagina per mancanza di spazio le trovate sul nostro sito allindirizzo www.libero-news.it
Vi invitiamo a scrivere lettere brevi. La redazione si riserva il diritto di tagliare o sintetizzare i testi.

Su www.libero-news.it

***** Sono stufo di essere cittadino italiano e subire i diktat imposti dalla Germania e dalla Francia. Ma la vogliamo finire di subire ancora queste imposizioni dallUe? Vogliamo uscire da questa moneta unica! Leuro ha portato ad un aumento della disoccupazione, a un calo del potere di acquisto delle famiglie, allo sviluppo della precariet del lavoro, in definitiva alla rottura di una delle molle della crescita, il consumo. Occorre che le nazioni riconquistino la loro sovranit. Occorre dunque uscire dall'euro. Lorenzo Pappalardo e.mail ***** Ci sono pi di 2200 ex parlamentari che percepiscono un vitalizio e ci costano pi di 220 milioni l'anno. Per non parlare dei parlamentari in servizio che oltre allo stipendio prendono comunque la pensione (e alcuni anche pi di una pensione). Questi personaggi prendono la pensione anche se hanno meno di 65 anni solo per

essere stati 5 anni (o anche meno) in parlamento. Non c da stupirsi se molti evadono il fisco. Non vogliono pagare dei fannulloni che prendono soldi (e pensioni brevi) senza aver lavorato. Luca Magni e.mail ***** Sono un piccolissimo imprenditore del Nord, il mio commercialista in vacanza quindi non so neppure se rientrer o meno in questa patrimoniale. Ma non importa, se la scampo adesso sicuramente verr colpito a breve da questo Stato che ormai ci tratta solo come sudditi. Un ultimo appello alla Lega: mai nella nostra storia si visto il leader di un partito tradire con tanta disinvoltura il mandato dei sui elettori. Credo che a Maroni, Zaia, Cota, Tosi & co. rimangano pochissimi giorni per decidere se dissociarsi dalle recenti scelte dissennate o se decretare la definitiva fine del partito e del progetto per cui hanno combattuto (a questo punto inutilmente) per anni. Luca Zanni e.mail ***** Io credo che in questo Paese di tasse ce ne siano anche troppe, il problema che le pagano in pochi. Quindi aumentare le tasse a chi gi le paga non solo una ingiustizia ma un accanimento. Ruggero Larco e.mail ***** Da molto tempo son estimatore di F.A. von Hayek e M. Friedman e dei loro - purtroppo pochi - Proconsoli e quindi condivido sempre tutte quelle prese di posizione che vanno nella direzione di dare gambe ad una riforma strutturale liberale di cui lItalia ha bisogno. In primis un forte abbattimento della pressione fiscale, poi come affermava De Gaulle lintendenza seguir, Ue compresa. Berlusconi, se vuole essere ricordato come statista, batta un colpo e non faccia il Visco. Carlo Cerofolini Sesto Fiorentino (Fi) ***** Qui io casi sono due. O Berlusconi e Bossi hanno cinicamente concluso che rapinare 600.000 cittadini noti al fisco, e quindi rinunciare ai loro voti, sia un affare vantaggioso, oppure gli stessi Bossi e Berlusconi hanno perso completamente il contatto con la loro ba-

se elettorale: in entrambe le situazione la possibilit che prendano ancora dei voti nulla. Angelo Bosoni e.mail ***** Del governo non ci si pu fidare. Adesso vuole riaprire il condono fiscale 2008 e imporre nuove aliquote a chi rientrato, rompendo cos in modo unilaterale un contratto, stipulato e accettato. A questo punto mi aspetto di vedere la riapertura anche dei condoni edilizi. Paola Pedrazzoli Varese ***** Ho 27 anni, mi sono laureato col massimo dei voti impiegando un anno in meno del piano accademico, avrei potuto scegliere ottime offerte di lavoro all'estero. ho scelto di restare in Italia e di fare l'imprenditore. Feci male. Avevo solo 24 anni e non avevo ben capito cosa fosse oggi l'Italia. Provo disgusto e rabbia ogni giorno. Da qualche giorno per mi sento derubato! Se prendi voti parlando di semplificazione alle imprese e riduzione della pressione fiscale e poi invece aumenti il controllo sulle imprese oneste che pagano le tasse e aumenti la pressione fiscale, stai facendo solo una cosa caro Berlusconi: ci stai derubando e ci hai rubato il voto. Pierpaolo Melis e.mail ***** Gli italiani ne hanno piene le scatole di questa ignobile classe politica, litigiosa e irresoluta, corrotta, inetta e irresponsabile, incapace di rinunciare ai propri vergognosi privilegi e pronta a scaricare ogni onere sugli incolpevoli cittadini, incapace di attendere ai non pi rinunciabili bisogni del Paese: una sola Camera legislativa con non pi di 250 deputati a stipendi dimezzati, soppressione delle Province e di ogni altro ente inutile e parassitario, aumento della soglia pensionabile al 65 anno subito e per tutti, introduzione del quoziente familiare per restituire potere di acquisto alle famiglie, rilanciando i consumi e la produzione industriale. Giovanni Bertei La Spezia ***** Ma i tagli ai costi dello Stato dove sono? possibile che in Italia siano sempre tutti daccordo sulla necessit di attuare una politica

economica e di risparmio che vada a tagliare gli sprechi e le spese inutili, salvo poi lamentarsi perch i tagli dovrebbero sempre riguardare gli altri e mai s stessi? Stiamo assistendo alle litanie dei rappresentanti delle istituzioni locali che, lamentando dei tagli previsti dalla manovra appena varata, minacciano laumento delle addizionali. Io credo che se questi ultimi cominciassero a spendere i nostri danari in modo pi oculato, di soldi in cassa ce ne sarebbero sicuramente di pi. In questi ultimi anni, nei paesi della provincia di Bergamo abbiamo assistito al rifacimento di piazze, centri storici, strade, ecc. che soprattutto di questi tempi paiono addirittura esagerati. Tanto chi paga siamo sempre noi! Paolo Piccinelli Bergamo ***** La trovata del tfr. I nostri onorevoli hanno dimenticato che abbiamo impegnato la liquidazione nella previdenza integrativa? Che delusione questo centro destra. Come tanti altri lettori anche io mi asterr dal votare questi signori. Hanno tradito sogni e speranze oltre a chiudere e bloccare il futuro dei nostri figli. Domenico Deceglie e.mail ***** L tutto da rifare, cos diceva il grande Bartali. Oggi lo dice una massa enorme di cittadini. La manovra finanziaria il fallimento totale di Berlusconi. C il lavoro privato che crea reddito e paga realmente Irpef/Inps e quantaltro. C il lavoro statale che non crea reddito, senza nessun versamento solo una partita di giro. Uscire dalla crisi profonda della stagnazione del mercato si pu. La mia ricetta: bisogna immediatamente abbassare le tasse ai dipendenti del privato, ai piccoli industriali, agli artigiani, ai commercianti, ai professionisti. Giorgio Alabardi Caidate di Sumirago (Va) ***** Trovo stupefacente l'alzata di scudi contro la tassa di solidariet per chi guadagna oltre 90 mila euro annui. Un miraggio per la stragrande maggioranza dei cittadini, che sperano nel provvedimento, come l'avvio di una minore sperequazione fra chi guadagna troppo e chi troppo poco. Elio Dardano e.mail

NORD: bel tempo con al pi qualche nuvola al mattino sui rilievi alpini; sviluppo di qualche acquazzone sulle Alpi centro-orientali tra pomeriggio e sera. Temperature in ulteriore lieve ascesa, massime tra 32 e 37. CENTRO: soleggiato ovunque, salvo nubi cumuliformi sull'Appennino al pomeriggio. Temperature in ulteriore lieve aumento, massime tra 31 e 36. SUD: bel tempo salvo nubi marittime al mattino sulle coste tirreniche ed addensamenti di poco conto sui rilievi. Temperature in rialzo, massime tra 30 e 36.

LOTTO
Estrazione del 18/08/2011

BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

66 38 69 57 37 54 49 6 26 74 76

24 85 38 63 77 86 19 15 27 58 39

36 44 73 19 38 67 21 25 19 90 88

25 29 87 20 47 26 74 38 66 83 41

57 77 30 88 65 27 81 9 63 72 57

NORD: ancora bel tempo, pur con locali annuvolamenti sulle Alpi soprattutto orientali, ma senza fenomeni. Temperature stazionarie, massime tra 31 e 36. CENTRO: ben soleggiato su tutte le Regioni per l'intero arco della giornata, salvo poche nubi pomeridiane sulla dorsale. Temperature in ulteriore ascesa, massime tra 32 e 37. SUD: tempo stabile su tutti i settori, con al pi qualche nube marittima sulle coste calabre e ridotti addensamenti sui rilievi maggiori. Temperature in lieve ascesa, massime tra 31 e 36.

10eLOTTO
6 15 19 24 26 27 36 37 38 49 54 57 58 63 66 69 74 77 85 86

SUPERENALOTTO
La combinazione vincente:

18 - 23 - 34 - 37 - 67 - 68
Numero jolly: 87 Numero SuperStar: 44 QUOTE SUPERENALOTTO
Nessun 6 (jackpot 52.127.823,30) Nessun 5+1 Ai 3 5 vanno 122.360,65 Ai 989 4 vanno 371,16 Ai 41.337 3 vanno 17,76.

QUOTE SUPERSTAR
Nessun 5 stella Ai 2 4 stella vanno 37.116,00 Ai 209 3 stella vanno 1.776,00 Ai 3.178 2 stella vanno 100,00 Ai 19.985 1 stella vanno 10,00 Ai 46.607 0 stella vanno 5,00.

Montepremi:

2.447.213,01

NORD: si conferma una nuova giornata di sole su tutti i settori con clima molto caldo. Qualche addensamento di poco conto sui rilievi al pomeriggio. Temperature in lieve calo, massime tra 30 e 35. CENTRO: ben soleggiato ovunque, con ridotte formazioni cumuliformi sulla dorsale appenninica durante le ore centrali del giorno. Temperature stazionarie, massime tra 32 e 37. SUD: bel tempo su tutte le Regioni con al pi qualche modesto addensamento sui rilievi. Temperature in ulteriore ascesa, massime tra 32 e 37.

Concessionaria esclusiva per la pubblicit


O 12 O 6 O 3 O 12 O 6 O 3 O 12 O 6 O 3

Abbonamenti nazionali
mesi: 6 giorni mesi: 6 giorni mesi: 6 giorni mesi: 5 giorni mesi: 5 giorni mesi: 5 giorni mesi: 4 giorni mesi: 4 giorni mesi: 4 giorni

Temperature previste oggi


290 155 85 250 130 70 205 105 60
Per lattivazione si prega di inviare i dati precisi dellintestatario dellabbonamento, unitamente alla ricevuta del versamento effettuato, al Fax 02.999.66.279 Ufficio Abbonamenti e arretrati del quotidiano: Tel. 02.999.666 e-mail: abbonamenti@libero-news.eu Orario: 10.00-12.30 (dal luned al venerd) Arretrati del solo quotidiano: disponibili, salvo esaurimento scorte, le copie dellultimo anno. 3,00 cad. con richiesta scritta, accompagnata dallimporto in valori bollati, indirizzata a Libero - Uff. Arretrati Viale L. Majno, 42 20129 Milano
Numero verde

MIN MAX ANCONA AOSTA BARI BOLOGNA CAGLIARI CAMPOBASSO FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO

MIN MAX NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA PRATO ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Direzione Milano 20146, Via Washington 70 Tel. 02.24424611 Fax 02.24424490 Filiale di Roma 00196, Via C. Beccaria 16 Tel. 06.69548111 Fax 06.69548125

.................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. ..................................

Concessionaria per la pubblicit sul WEB


WebSystem - Gruppo24Ore Via Pisacane,1 - 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39 02 30223462 Fax +39 02 30223058 e-mail: marketing.websystem@ilsole24ore.com sito internet: http:/websystem.ilsole24ore.com

Il versamento dovr essere intestato a: Editoriale Libero S.r.l. Viale L. Majno, 42 - 20129 Milano Modalit di pagamento: O versamento su C/C Postale n. 41953050
O bonifico banc. Banco di Brescia

CERTIFICATO N. 6896 DEL 21/12/2010

800-984824

ISSN 1591-0423

Ag. 5, via V. Veneto, Roma IBAN: IT67Y0350003205000000034492


O Carta di credito sul portale www.libero-news.it

La tiratura di venerd 19 agosto 2011 di 204.198 copie

22 20 24 23 21 20 21 24 18 25

32 33 31 37 32 32 36 29 34 34

23 22 18 15 21 21 22 19 24 23

31 29 34 32 37 36 35 35 30 32

Dati meteo a cura di 3BMeteo.com,elaborazione grafica centimetri.it

Morto Del Connell, il creatore di Super Pippo


Lautore statunitense di fumetti Del Connell, creatore di famosi personaggi, tra cui Super Pippo, lalter-ego supereroico di Pippo (il quale si tramuta nella sua versione in piagiamone rosso e mantello mangiando noccioline) degli albi Disney, morto nella sua casa in California allet di 93 anni. Connell stato uno dei pi importanti sceneggiatori della Walt Disney della met del secolo scorso.

Addio a Michel Mohrt, immortale di Francia


Lo scrittore Michel Mohrt, definito dal Figaro il pi britannico tra i romanzieri francesi, morto allet di 97 anni. Lannuncio della scomparsa stato dato dal quotidiano parigino e dal suo editore Gallimard. Saggista, editore, critico e storico della letteratura, Mohrt era un immortale di Francia, eletto allAcademie Franaise nel 1985, dove occupava lo scranno numero 33, quello che fu del filosofo illuminista Voltaire.

Meeting di Rimini
UNA FESTA PER CHESTERTON

Per scrivere un romanzo bastano tre personaggi


Pubblichiamo un testo inedito dello scrittore inglese dedicato a Dickens, da una raccolta di saggi che dimostra come fosse anche un superbo critico
La critica non esiste per raccontaredi unoscrittore ciche sagi da solo, esiste per raccontare di lui ci che ancora non sa. La funzione della critica, se questa ne possiede una legittima, pu essere solo questa: (...) raccontare di uno scrittore cose da farlo balzar su dalla sedia. Straordinario anche nella coscienza del meno noto dei suoi ruoli, il Gilbert Keith Chesterton critico che emerge dalle preziose introduzioni ai romanzi di Charles Dickens pubblicate da Marietti proprio in occasione del Meeting (Una gioia antica e nuova, prefazione di Edoardo Rialti, pp.226, euro 17) riesce a sorprendere anche il lettore accanito. cos innamorato delbello chesorge, sitratti diuna donna o di un racconto fatto come Dio comanda, che per GKC anche la critica deve provocare lesigenza di pienezza. Ogni introduzione come i biscotti per il Porto: unaggiunta preziosa nel suo essere non indispensabile, ma a suo modo necessaria. Se Dickens sia o meno saltato su una metafisica sedia alla lettura di Chesterton non dato sapere. Lo hanno fatto Thomas Stearns Eliot, Clive Staples Lewis e il presidente Franklin Delano Roosevelt. Fa saltare sulla sedia oggi, perch illumina in maniera apparentemente semplice ma sempre nuova il senso e quasi il compito dellarte, dellopera e perfino del suo fruitore, costringendo a un rapporto serio e simpatico con le pagine. un compito che non discende mai da una teoria di questa o quella corrente letteraria o filosofica: prima ancora un rapporto creativo e fecondo, una gioia. Per gentile concessione delleditore Marietti, pubblichiamo lintroduzione a Nicholas Nickleby (1838-1839). La presentazione dellopera occasione per una splendida riflessione sulla modernit e il rapporto tra letteratura e religione, entrambe centrate sulla creazione e non sullevoluzione: Per Dio il tempo corre al galoppo, come per luomo preso dalla lettura di un buon racconto.

di GILBERT K. CHESTERTON
QQQ Il romanzo romantico forse la massima espressione umana, eccezione fatta ovviamente per la religione, cui profondamente legato. Il romanzo assomiglia alla religione soprattutto in questo: non solo una semplificazione, ma unabbreviazione dellesistenza. Sia il romanzo che la religione percepiscono tutte le cose come fossero accorciate. Vedono tutte le cose in una prospettiva immediata e fantastica, che possiede un suo culmine. Ed lessenza di questa prospettiva giungere a un punto. Allo stesso modo, anche la religione ha un obiettivo - arriva al punto. Per questo la religione insiste sempre sulla brevit della vita umana. Ma non insiste sulla brevit della vita umana come fa il pessimista. Il pessimismo insiste sulla brevit della vita umana per dimostrare che la vita non ha alcun valore.

Il pessimismo
Mentre la religione insiste sulla brevit della vita umana per dimostrare come essa sia terribilmente preziosa - come il suo valore sia spaventosamente inestimabile. Il pessimismo sostiene che la vita cos breve da non dare a nessuno unopportunit. La religione sostiene che la vita cos breve da dare a tutti unultima possibilit. Nel primo caso, la parola brevit significa futilit. Nel secondo, opportunit. Ma c altro. La religione abbrevia ogni cosa, perfino leternit. Dove la scienza, cedendo al falso criterio del tempo, vede levoluzione, che lenta, la religione vede la creazione, che improvvisa. Da un punto di vista filosofico, il processo non n lento n veloce, finch non disponiamo dalcun termine di comparazione. La religione preferisce pensarlo come un processo veloce. Per la religione, i fiori spuntano con la velocit di una saetta. Per la re-

ligione, le montagne si sollevano improvvisamente come onde. Chi cita quel bel brano che dice che alla vista di Dio mille anni sono come il giorno di ieri che passato, e come un turno di veglia nella notte, non comprende appieno la forza del significato di questo passaggio. Per Dio mille anni non sono solo una veglia, ma una veglia emozionante. Per Dio il tempo corre al galoppo, come per luomo preso dalla lettura di un buon racconto. Tutto questo, in un certo senso, vale anche per il romanzo. Il romanzo accorcia e leviga le difficolt umane. Mentre noi dobbiamo votare contro un uomo, o scrivere (in modo poco convincente) contro un uomo, o firmare petizioni illeggibili contro un uomo, il romanzo fa per lui ci che vorremmo davvero veder fatto. Gli tira una botta in testa. Accorcia il lento processo della giustizia storica. Tutti i romanzi consistono di tre personaggi. Se ne possono aggiungere altri, ma qualsiasi altro personaggio di contorno al romanzo. Come un cespuglio che ondeggia vivacemente, un palo che si erge con fierezza, o una roccia dipinta con cura che posa con espressione seria. Ma sono tutti elementi che appartengono al paesaggio - sono tutti elementi scenografici. In un romanzo vero ci sono tre personaggi che vivono e agiscono. Possiamo chiamarli san Giorgio, il Drago e la Principessa. Ogni romanzo deve conoscere il duplice tema dellamore e della battaglia. Ogni romanzo deve avere tre personaggi: deve esserci una Principessa, loggetto da amare; deve esserci il Drago, loggetto da combattere, e deve esserci san Giorgio, che il personaggio che ama e combatte. La nostra civilt moderna mostra molti sintomi di cinismo e decadenza, ma di tutti i segnali della fragilit moderna e della mancanza di princpi morali, non ce n nessuno cos superficiale o pericoloso come

questo: che i filosofi di oggi abbiano cominciato a dividere lamore dalla guerra, e a collocarli in campi opposti. Non c sintomo peggiore di quello che vede luomo, fosse pure Nietzsche, affermare che dovremmo andare a combattere invece che amare. Non c sintomo peggiore di quello che vede luomo, fosse pure Tolstoj, affermare che dovremmo amare invece di andare a combattere. Una cosa implica laltra. Una cosa implicava laltra nel vecchio romanzo e nella vecchia religione, che erano le due cose permanenti dellumanit. Non

si pu amare qualcosa senza voler combattere per essa. Non si pu combattere senza qualcosa per cui farlo. Amare qualcosa senza desiderare di combattere per averla non amore, ma lussuria.

Amore e guerra
Potr essere una lussuria ideale, filosofica e disinteressata. Potr essere, per cos dire, una lussuria vergine. Ma pur sempre lussuria, perch totalmente autoindulgente e non invita allo scontro. Daltro canto, combattere per qualcosa

che non si ama, non combattere, ma solo una specie di farsa che pu risultare talvolta fatale. Quando la natura umana umana, incontaminata da sofismi particolari, esiste un naturale legame di parentela tra guerra e corteggiamento, e questo legame naturale si chiama romanticismo. Luomo lo sperimenta soprattutto nel pieno della sua giovinezza e qualunque uomo che sia stato giovane ha vissuto, anche solo per un istante, questultimo paradosso poetico. Egli sa che amare il mondo equivale a combatterlo.

Lo spettacolo teatrale

La tradizione un cavallo bianco


QQQ I filosofi di oggi hanno cominciato a dividere lamore dalla guerra, e a collocarli in campi opposti. Non c sintomo peggiore di quello che vede luomo, fosse pure Nietzsche, affermare che dovremmo andare a combattere invece che amare. Non c sintomo peggiore di quello che vede luomo, fosse pure Tolstoj, affermare che dovremmo amare invece di andare a combattere. In poche frasi, simmetriche e profonde, Chesterton fa a fette la spaccatura dellio contemporaneo. Quellatra soggettoe oggetto,tra speranza e realt: la cesura che si mette tra luomo e il gusto della vita. Tutta lopera di Chesterton un lungo sciogliersi di questa possibilit, intellettuale e umana, di fusione tra amore e giustizia, bellezza e ragione, ideale e realt. Ma forse nessun testo come La ballata del cavallo bianco tocca questo traguardo. Scritta in unepoca (1911) in cui la possibilit stessa della poesia epica era ampiamente negata in letteratura, questa lunga poesia recentemente pubblicata in italiano trova al Meeting la consacrazione teatrale. Otello Cenci, storico regista degli spettacoli della rassegna, ha infatti realizzato, con la curatrice e traduttrice Annalisa Teggi, una lettura musicata del testo chestertoniano. Sul palco lattore e doppiatore Massimo Popolizio (protagonista del palcoscenico teatrale e delle pellicole italiane nonch voce di Bruce Willis e Tom Cruise), accompagnato dalla chitarra di valore internazionale di Marco Poeta. Il cavallo bianco (antichissima ed enorme incisione di 110 metri nella zona del Berkshire) per Chesterton il simbolo della vitalit della tradizione, della positivit

CULTURA

Venerd 19 agosto 2011

29

@ commenta su www.libero-news.it

Il programma

Da domenica Libero segue i grandi eventi

Domenica alle 10, con la Santa Messa officiata dal vescovo Monsignor Francesco Lambiasi, inizia il Meeting 2011 di Comunione e Liberazione, che si tiene come sempre nellarea fiera di Rimini. Anche questanno Libero lo seguir con attenzione, anzi, con un po di attenzione in pi rispetto alle altre edizioni. A partire da oggi infatti dedicheremo pagine speciali di Libero Pensiero ai numerosi eventi della

kermesse, che ormai diventata un appuntamento imprescindibile non solo per i fedeli cattolici, ma per tutto il mondo politico e culturale italiano. Oggi ci dedichiamo in particolare a Gilbert K. Chesterton, il grande romanziere britannico che il Meeting celebrer attraverso numerose iniziative (presentazioni di libri, spettacoli teatrali eccetera). Nei prossimi giorni seguiranno altre paginate dedicate a romanzieri fondamentali per la lettera-

tura europea e mondiale. Il primo appuntamento rilevante nella giornata di domenica la presentazione della mostra Mia sorella la vitasu Boris Pasternak, con la partecipazione di Adriano DellAsta, direttore dellIstituto Italiano di Cultura a Mosca; della poetessa Olga Aleksandrovna Sedakova e di Giovanna Parravicini, della Fondazione Russia Cristiana. Per il programma completo si pu consultare il sito www.meetingrimini.org.

LA DAMA, IL DRAGO E IL CAVALIERE


A sinistra, San Giorgio e il drago, dipinto di Paolo Uccello con i tre protagonisti di ogni romanzo secondo G. K. Chesterton (18741936, ritratto a destra).

:::

I libri e la rivista

Lindau porta in Italia la Chesterton Review


coli che il giovane Edoardo Rialti, gi collaboratore delle pagine di Libero, ha pubblicato sul QQQ Pochi uomini hanno vissuto la certezza Foglio lanno scorso, ora riuniti in Luomo che con lumile e incrollabile presentimento del ve- ride. Entrambi i libri saranno in vendita al ro di Gilbert Keith Chesterton. Nel Meeting di Meeting, per poi andare in distribuzione nel Rimini che alla certezza dedicato (la XXIII edi- circuito nazionale a settembre (Rialti) e nozione che apre domenica con la visita del capo vembre (Casotto). Non finisce qui: anche Madi Stato ha per tema E lesistenza diventa una rietti sfrutta il trampolino del Meeting e manda immensa certezza) il grande inglese non po- in stampa un titolo, stavolta di Chesterton. teva non avere un posto di riguardo. Libri, con- Per la prima volta vengono infatti tradotte e vegni, uno spettacolo teatrale e una rivista che- pubblicate le prefazioni dellautore agli amastertoniana: questo il menu di scena nella set- tissimi romanzi di Charles Dickens (Una gioia timana, plasmata sullattenzione che recenti ri- antica e nuova, 226 pagine, 17 Euro con prefazione dello stesso Rialti). pubblicazioni dello scrittore e saggista hanno ridestato nel Ventitr capolavori che rivelaIN USCITA no, dopo il polemista, lo scritpubblico italiano. Due gli appuntamenti chiatore e lapologeta, il lato critico dello scrittore, non meno acuve, oltre a quello - lungo una IL POEMA settimana - con la libreria tra to e prezioso degli altri. Il poema epico La ballata Da ultimo, Lindau annuncia gli stand: il primo luned 22 del cavallo bianco, da cui tratto lomonimo spettaagosto, secondo giorno del sempre tra gli stand di Rimini il colo teatrale in scena lunefrutto di una collaborazione Meeting, alle ore 21.45 presso d, uscito per Raffaelli lArena D3. Qui andr in scena con Civilit Cattolica: sar inEditore nel 2009. fatti disponibile in fiera (poi (lo spettacolo a pagamento) La ballata del cavallo bianco, solo a gennaio) la prima verIL SAGGIO sione italiana della Chesterton fortunatissimo poema epico di G.K. Chesterton - LenigGKC da poco edito in Italia review, rinomato quadrimema e la chiave (pp. 200, strale dedicato a convegni, (Raffaelli editore, 2009) che euro 12, prefazione di SteOtello Cenci ha affidato al volto saggistica e studi su GKC. In fano Alberto) il saggio di Ubaldo Casotto dedicato Italia la rivista avr cadenza e alla voce narrante di Massial grande scrittore. mo Popolizio e alle liriche di annuale e sar disponibile nelEleanor Shanley. le librerie o su diretta richiesta GLI INTERVENTI Il giorno successivo, martealleditore. Nel primo numero, Luomo che ride (in d, alle 11.15 in sala A3 previche Libero ha avuto modo di uscita per Cantagalli) racsto lincontro dal titolo Amare consultare, compaiono una coglie gli interventi chela realt, difendere la ragione: insolita lettera immaginaria stertoniani pubblicati da guardare il mondo con gli ocscritta dal futuro Giovanni Edoardo Rialti sul Fochi di Chesterton, che riunisce glio. Paolo I, Albino Luciani, allo tre tra i maggiori conoscitori e stesso scrittore: Caro Cheamanti della prosa dellinventore di padre Bro- sterton, tu lo sai, Dio non cos: ma giusto e wn: la professoressa Alison Milbank, associato buono insieme; padre anche dei figli prodighi, di Letteratura e teologia a Nottingham; Edoar- che vuole non meschini e miseri, ma grandi, lido Rialti, professore e traduttore di letteratura beri, creatori del proprio destino. Il nostro Dio inglese e Ubaldo Casotto, giornalista e scritto- talmente poco rivale delluomo che lha vore, gi vicedirettore di Foglio e Riformista. Tutti luto suo amico, chiamandolo a partecipare alla e tre hanno un libro fresco di uscita su GKC: la propria natura divina e alla propria eterna feMilbank autrice di Chesterton and Tolkien licit. E non vero che Egli pretenda da noi as Theologians (T&T Clark), mentre i titoli di esageratamente: si contenta invece di poco, Casotto e Rialti saranno disponibili in vendita perch sa bene che non abbiamo molto. Caro eccezionale e anticipata sul resto della distri- Chesterton, io sono convinto con te: questo buzione italiana. Il primo pubblica per Lindau Dio si far conoscere e amare sempre pi, da G.K. Chesterton - Lenigma e la chiave (200 tutti, compresi coloro che oggi lo respingono pagine, 12 Euro, prefazione di Stefano Alberto), non perch siano cattivi (forse sono buoni pi invito alla lettura che attraversa i temi nodali di noi due!), ma perch lo guardano da un pundella produzione e della concezione umana e to di vista sbagliato! Essi continuano a non crereligiosa dellautore inglese. Cantagalli ha in- dere in Lui? E Lui risponde: - Sono ben io che vece raccolto la fortunata serie di lunghi arti- credo in voi!

::: MARTINO CERVO

Nello stesso istante in cui si offerto di amare tutte le persone, egli si anche offerto di colpirle. Quasi tutti gli uomini che si possono definire tali hanno provato questo momento speciale di massimo romanticismo. Inizialmente, luomo desiderava vivere una storia damore. In un secondo mo-

mento, come ultima spiaggia, si accontentava di scriverne una.

Solo avventure
A un certo momento questo elemento entr da solo nella vita di Dickens. C un momento particolare in cui ci accorgiamo che egli realizz improvvisamente di voler scrivere un ro-

manzo di avventure romantiche e nientaltro. Questo punto emerge chiaramente leggendo le sue lettere e apprezzando il suo spirito: Dickens era radioso per il suo recente matrimonio, era ancora giovane e psicologicamente immaturo, ma, soprattutto, per la prima volta era davvero certo che avrebbe avuto almeno un podi successo. Vi , ripeto, un certo momento in cui sentiamo che Dickens doveva decidere se scrivere romanzi, o qualcosa di completamente diverso. Nicholas Nickleby segn questo momento cruciale nella vita dello scrittore.

:::

Nella foto, Massimo Popolizio

intrinseca delluomo nellapproccio alla vita. Alfred, il protagonista della ballata, un re guerriero che il testo sorprende nel momento pi nero di una battaglia. Col suo carico di ignoranza (incapacit di capire come vada a finire) e di coraggio (certezza di ci per cui valga la pena combattere il nemico Guthrum), invoca la Vergine che gli parla offrendo una speranza smisurata rispetto alle sue stesse aspettative. Non dico nulla per il tuo confronto / , scandisce Maria, e neppure per il tuo desiderio, dico solo: / il cielo si fa gi pi scuro / ed il mare si fa sempre pi grosso / La notte sar tre volte pi buia su di te / e il cielo diventer un manto dacciaio / Sai provar gioia senza motivo? / Dimmi, hai fede senza una speranza?. Di colpo rivelata la ragionevolezza della prospettiva cristiana: il senso della lotta (che

nellepica veste i panni militari, ma che la ricerca del proprio volto umano, non meno tremenda per un impiegato) non nellesito (avete guerre che a stento vincete / e anime che a stento salvate, dice ancora la Madonna), ma nella certezza della presenza di Cristo nel mondo e della sua indistruttibile compagnia alluomo, altrimenti rassegnato a fare a pugni per aggiustare le circostanze secondo un criterio che si fa inevitabilmente calcolo. Non sorprende, cos, che toni cos estranei (una battaglia medievale in un Paese lontano tra popoli distanti) possano investire linteresse e lintelligenza del lettore e dello spettatore. La sfida dello spettacolo di Cenci e Popolizio parte da unaltra certezza: quella di Chesterton, un uomo vivo capace di parlare a uomini vivi, o che desiderano essere tali.

30

Venerd 19 agosto 2011

SPETTACOLI

@ commenta su www.libero-news.it

BONGIORNO Mike torna in tv. Ma solo per fiction


Il figlio Nicol: Due puntate per la Rai. Come attore vorrei LaBeouf o Cage
::: FABIO SANTINI
QQQ Sar il piatto forte della nuova stagione televisiva: una fiction sulla vita di Mike Bongiorno. Lidea nata quando cera ancora pap, racconta a Libero Nicol Bongiorno, 35 anni, regista e sceneggiatore, secondogenito di Mike e Daniela Zuccoli, ma lui non voleva sentirne parlare, lo imbarazzava. Perch? Forse era un modo un po scaramantico di vedere la cosa. Diceva sempre: una fiction su di me? Quando non ci sar pi. Lei ha scritto con suo padre la biografia di Mike: sembra la sceneggiatura di un film. Lo stile di scrittura venuto naturale, mi sono accorto a lavoro ultimato chein realtsembrava diassistere a un lungo film. Quando lho consegnato allEditore, mi ha detto: dovreste portarlo su grande schermo. E invece diventa una fiction. Il progetto allinizio. Noi famigliari di Mike a giugno abbiamo avuto un incontro col direttore di RaiFiction Fabrizio Del Noce. Era entusiasta dellidea. Ci ha dato appuntamento a settembre. Il lavoro va ancora riscritto con il linguaggio televisivo, ogni cosa va definita nei dettagli. Dovremo parlare con i produttori che in genere lavorano con Raiuno come la Lux Vide ad esempio. Nicol, se le offrissero la regia? Ci dovrei fare una bella riflessione. Lei capisce che per me non sarebbe una scelta facile. Ci pu dare qualche anticipazione? Sar una fiction di prima serata per Raiuno. Io credo che il format ideale sia un film-tv da due serate. Noi saremo garanti dei contenuti del racconto, mi piacerebbe molto assumere un controllo editoriale del lavoro. Vedremo. E che cosa vedremo? La carriera di mio padre va di pari passo con la crescita del costume italiano. Ma non si pu non raccontare lAmerica degli Anni 30, gli italo-americani, la Seconda Guerra Mondiale, il carcere condiviso con Indro Montanelli. E poi lItalia delle prime dirette sportive radiofoniche raccontate da mio padre, la gente che fa ritardare linizio del film al cinema per seguire Lascia raddoppia? Poi gli anni di Rischiatutto. E quelli pionieristici della tv commerciale, Berlusconi, Telemilano Pu darsi che il film-tv si incentri sulla prima parte della carriera di pap. Su quellItalia che cresceva, dopo si rischia di raccontare una trafila di quiz uno dietro laltro. Polemico, Nicol? Per nulla. Mio padre ha rappresentato anche lItalia degli Anni80, stato il volto della tv commerciale, ma forse qui il racconto si farebbe pi ripetitivo. La gente vuole sapere chi interpreter Mike: su Internet gi scoppiato il totonomine.

UNA VITA DA RACCONTARE


A sinistra , Mike Bongiorno e nel tondo il figlio Nicol Bongiorno, che sta lavorando a un fiction sulla vita del padre [LaPresse; Oly]

il graffio
Limpresa di Vaime
Silvio capisce di televisione quanto un salumaio: basta vendere, il resto mancia. Cos Enrico Vaime parla del Cav in unintervista a il Fatto Quotidiano. Di Berlusconi si pu dir tutto, ma che non capisca niente di televisioni, lui che le ha fondate e qualche risultato lha ottenuto, talmente poco credibile che sembra una barzelletta. E poi: vogliamo parlare di come fa la tv Vaime? Difficile dare giudizi: quelli che hanno visto il suo ultimo programma Memorie dal bianco e nero sono ancora l che dormono.

un gioco a cui non voglio stare. Glielo propongo io: Michele Placido che ha gi interpretato Tortora in tv, Giulio Scarpati, Beppe Fiorello, Giorgio Pasotti Penso a un nome che non appare nel novero di quelli citati, magari a un giovane la cui et sia assimilabile a quella di mio padre nel periodo Rai. Ma sar la produzione a decidere. Va bene. Per unidea lei se la sar fatta, no?

Da anni sto raccogliendo materiale e dettagli sulla vita di mio padre che un grande romanzo davventura. Le confesso che unidea ce lavrei. Sto pensando a un attore americano la cui somiglianza con Mike sia molto rimarcata sia dal punto di vista morfologico, sia di carattere. E chi ? I nomi sono due: Nicolas Cage, che pi alto di quanto non fosse pap, ma questo non un problema. E Shia LaBeouf, linterprete

del film Transformers, la spalla di Harrison Ford in Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, il quarto episodio della saga. Nonostante abbia solo 25 anni, ha gi un lungo palmares di partecipazioni a importanti fiction della tv, come E.R., X-Files. La somiglianza con pap impressionante. Chi lo doppier? Non lo so. Di una cosa sono certo: non faremo una caricatura del proverbiale modo di presentare di mio padre.

Da vedere
Conan the barbarian
Regia: Marcus Nispel Cast: Jason Momoa, Rose Mc Gowan, Ron Perlman Genere: avv - Durata: ore 1.45

CINEPRIME/ Un film di Seth Gordon

Se uccidere il capo fa morir dal ridere


Farsa grossolana ma divertente su tre yuppies che tentano di eliminare i rispettivi boss
::: GIORGIO CARBONE
LA TRAMA Tre amici di sempre (un manager, un dentista, il dirigente di unindustria chimica) si trovano alle soglie della mezza et con un frustrante problema in comune: tutti sono afflitti da un capo opprimente e feroce (nellordine: un odioso presidente, una capa ninfomane, un datore di lavoro cocainomane e tagliatore di teste che ha preso inopinatamente il posto di un babbo di nobili sentimenti). Unica soluzione: far fuori le loro nemesi. Solo cos il primo far carriera, il secondo potr sposarsi la dolce fidanzatina e il terzo non sentirsi responsabile dellavvelenamento del terzo mondo (il nuovo boss ha intenzione di rovesciare le scorie avvelenate sulla Bolivia). Su consiglio di un sedicente esperto in omicidi, i tre decidono di scambiarsi i delitti: il dentista uccider il presidente, il chimico la sessuomane e il manager il cocainomane. Ma sono tre imbranati al cubo, incapaci di schiacciare una mosca. Figuriamoci le tre carogne (ciascuna con gli scrupoli di una blatta). Per fortuna del terzetto bamba, i boss sono talmente ottenebrati dalle rispettive cattiverie che hanno al loro interno i germi dellautodistruzione (uno dei tre uccider un altro, figurarsi).

Da evitare
Horror movie
Regia: Bo Zenga Cast: Steve Howey Diora Baird e Kenan Thompson Genere: comm - Durata: ore 1.27

LA TRAMA Massacrano la famiglia del guerriero Conan. Ma la sua vendetta non si far (troppo) attendere (a ritardarla saranno gli incontri-scontri con spaventosi mostri e streghe anche pi insidiose). Niente tregua per il membruto guerriero fino al centesimo minuto. Arrivato il quale accopper il nemico di sempre, il signore della guerra Khalar Zim e convoler con la dolce Tamara (a rigore lunico personaggio femminile dotato di femminilit). PIACER Ai fan dei film di spada e stregoneria. Il film offre uninsalatona di battaglie che li far certo satolli. Certo, scordatevi il Conan di Schwarzenegger, e lideologia superomistica del regista di allora, il grande (e oggi un po rimba) John Milius.

COME AMMAZZARE IL CAPO E VIVERE FELICI


REGIA Seth Gordon CAST Kevin Spacey, Jennifer Aniston GENERE commedia

Una scena dal film Come ammazzare il capo e vivere felici [Webphoto] poi eccezionale (la scena comunque da mandare a memoria e raccontare al bar quella del dentista che salva la vita alla sua vittima designata prendendolo a fendenti sul petto). Ma per mettere in moto la macchina del divertimento bastano gli Horrible bosses (titolo originale). Un irriconoscibile Colin Farrell (il cocainomame), una poco riconoscibile Jennifer Aniston (ma che coscione che esibisce, chi le avrebbe immaginate?) un riconoscibilissimo Kevin Spacey. Che con la faccia e la recitazione che ha pu rendere plausibilissima anche la pi efferata cattiveria.

LA TRAMA Stan Helsing (la quasi omonimia col nemico di Dracula del tutto casuale) un imbranato commesso di videoteca costretto ad attraversare tutta la citt per portare un vhs (manco un dvd) alla nonna del suo datore di lavoro. Durante il percorso incapper nei pi efferati mostri dello schermo, da Freddy Kruger alla bambola Chucky, da Michael Meyers a Jason. Indovinate dove abita la nonna? A Silent Hill. SPIACER A chi non sentiva proprio la necessit di un ulteriore farsa horror dopo i flop degli ultimi Scary movies. Negli ulteriori motivi di sgradimento aggiungete pure un cast non di prima e nemmeno di decima classe (a cominciare dal protagonista Steve Howey).

PIACER Agli ammiratori della farsa scatenata, con le puttanate, i colpi di scena, i tempi frenetici, la noncuranza per ogni verosimiglianza. Qualcosa come Una notte da leoni trasferita nel mondo degli yuppies vicino alla quarantina. Il pubblico di cui sopra servito bene, il divertimento continuo, nonostante il terzetto dei bamba (Jason Bateman, Charlie Day, Jason Sudeikis) non sia

SPETTACOLI

Venerd 19 agosto 2011

31

@ commenta su www.libero-news.it

Scrittore e giornalista, aveva 91 anni

JACOPETTI, ESILIATO IN PATRIA


Morto il regista di Mondo cane: un genio bandito dalla sinistra
Nel corso di una conversazione con Carlo Rossella abbiamo raccolto questo contributo sulla vita di Gualtiero Jacopetti, scomparso mercoled a 91 anni.

::: CARLO ROSSELLA


QQQ Gualtiero Jacopetti non era soltanto un grande regista ma stato anche un grande scrittore. Aveva fondato un settimanale, Cronache, che poi aveva dovuto lasciare in seguito a uno scandalo. Era considerato un grande giornalista da Indro Montanelli, che lo aveva conosciuto a Milano subito dopo la guerra, in piazza Duomo, quando Jacopetti si era arrampicato sopra un palo per parlare a un gruppo di persone e sotto di lui ad ascoltarlo cerano uno spilungone, come ebbe a dire lo stesso Jacopetti: Un piccoletto, e un uomo grassottello. Erano Indro Montanelli, Leo Longanesi e Giovanni Ansaldo. Lamicizia tra Gualtiero Jacopetti e Indro Montanelli dur a lungo, fino alla morte del grande giornalista e direttore. Come Montanelli Jacopetti era toscano, e come Montanelli aveva uno stile secco, sobrio, fattuale. Peccato che non abbia mai scritto un romanzo o un diario di viaggio. Ma di lui restano solo gli articoli di Cronache e altri articoli scritti successivamente sui giornali, pochi articoli in verit, e soprattutto sul Giornale, che gli apr le porte, e sul Corriere, diretto dal grande Di Bella che lo fece scrivere sotto pseudonimo. Jacopetti fra tutto diresse una ventina tra film e documentari, ma rimane nella memoria per Mondo cane e Africa addio. Fu proprio Africa addio a causare linizio della sua fine. Jacopetti nel film documentario raccont unAfrica post coloniale in preda al disfacimento, alle lotte tribali, alla distruzione ecologica, al massacro degli uomini e degli animali. Scene dure, orripilanti da un certo punto di vista, ma molto rappresentative. Jacopetti aveva mandato un messaggio: lAfrica dopo la fine della dominazione bianca sar molto ma molto peggio di prima. Nel prossimo secolo si scanneranno. Cosa che si regolarmente avverata. Basti pensare alle stragi in Rwanda, Congo, Nigeria, nel Sudan, in Etiopia, in Somalia, in Guinea Equatoriale, in Liberia, in Costa dAvorio. E ancora, riflettere sui disastri ecologici provocati dai nuovi regimi e dalla sovrappopolazione. Quando il Kenya era una colonia britannica aveva cinque milioni di abitanti, oggi ne ha trenta. E quelle terre descritte in modo cos sublime da Karen Blixen oggi sono un luogo di sterminio di animali, e di aberrazioni ecologiche e umane come la periferia di Nairobi. Jacopetti aveva avuto ragione, ma come spesso accade ai profeti aveva ragione con troppo anticipo. La sinistra italiana lo mise al bando, lo condann, gli imped praticamente di fare il suo mestiere. Jacopetti per la sinistra era un appestato, da tenere lontano dai mezzi di comunicazione. Uomo molto bello, di grande fascino (era stato compagno della stupenda attrice inglese Belinda Lee e altre signore affascinanti), Jacopetti sempre elegante e charmoso, lasci il cinema, si diede ai viaggi, alle letture, alle consulenze, e come ho detto scrisse anche sotto falso nome sul Corriere e col suo vero nome sul Giornale quando Montanelli lo fond. Guai avvicinarlo per farlo tornare in tv, guai chiedergli di rientrare nel cinema. Era di fatto uno scomunicato, un esiliato in patria. A un certo punto, molto scocciato, se ne and in Thailandia e vi rimase a lungo, lavorando parecchio per tv e case editrici giapponesi. Poi torn in Italia. Ma non lo avevano ancora perdonato. Qualche anno fa un regista coraggioso ha fatto un documentario su di lui distribuito agli amici, un bellissimo lavoro che qualche tv italiana dovrebbe avere il coraggio di mettere in onda in questi giorni accanto a Mondo cane e Africa addio, due indimenticabili capolavori del cinema che ci fanno ricordare Gualtiero Jacopetti, un uomo, un genio, che ha sofferto in silenzio lostracismo di persecutori e tartufi della gauche. Testo raccolto da Alessandra Mori

Luomo delle provocazioni

Pieno di donne e professionista di talento Ma per molti solo un cineasta di ventura


di onorevoli e di vip da trattare coi guanti. Jacopetti prendeva a schiaffi, a immagini e a parole, tutti o QQQ Gualtiero Jacopetti morto mercoled sera quasi. I santoni della cultura, da Moravia a Pasolini nella sua casa di Roma allet di 91 anni. Il regista, a Visconti, i deputati taglianastri, le bellissime oche per sua esplicita volont, sar sepolto senza alcuna del cinema (considerate appunto a mo di anatre). cerimonia nel Cimitero degli Inglesi della capitale, Provocatorio nel mestiere lo era anche nella vita accanto a Belinda Lee, gi sua compagna nella vita. privata. Playboy di grossa fama, le belle della HolCavolo, ma chi lha girata quella scena, Sergio lywood sul Tevere furono tutte sue (la pi bella, BeLeone?. La domanda me la fece un amico una linda Lee, morta tragicamente a 25 anni). Era andato troppo a muso duro contro i big pertrentina danni fa, quando Leone era il numero uno e il nome di Gualtiero Jacopetti ch presto o tardi non gliela facessero pagare. Pag presto. Nel 62 il quasi dimenticato. La scena era il LA CARRIERA vento politico inizi a cambiare. Il clou di Africa addio e metteva sullo centro sinistra mise in primo piaschermo il massacro di una trib di indigeni ad opera di una banda di no tanta gente che lui aveva sbefMONDO CANE feggiato. Gualtiero divenne luomercenari. I mercenari sparavano Gualtiero Jacopetti era nato a da un camion e le vittime cadevano mo da bocciare qualunque cosa Barga (Lucca). Deve la sua notoriet a Mondo cane - rasfacesse. Il cinegiornale gli fu tolto. come mosche. La sequenza era talsegna internazionale di usanmente feroce e agghiacciante da Il suo primo lungometraggio ze esotiche, bizzarre e crudeli Mondo cane ammazzato prima sembrare vera. E difatti Jacopetti con immagini realizzate dal cerc in un primo tempo di spacancora di arrivare alle prime vivero -che fece assieme a Fransioni. Ammazzato da tutti. Era ovciarla come tale. Poi gli fecero saco Prosperi e Paolo Cavara pere che se la carneficina era auvio che sparassero da sinistra. IL SUCCESSO Meno che i guai gli arrivassero da tentica, se veramente aveva filmaMondo cane fu presentato in to dal camion dei mercenari, Gualpersone che avevano mostrato di concorso al 15 Festival di ammirarlo alla fine degli anni 50. tiero rischiava di finire in galera e Cannes e ottenne una nomirestarci per un pezzo (complicit Mondo cane fu sequestrato, disnation allOscar nel 63 per la sequestrato, ridistribuito nella in strage). Cosicch dovette ricocolonna sonora. Lunica sua noscere che il massacro laveva rimaniera peggiore. Ma diede il via biografia Mondo Cane Ada un filone che and avanti per alcostruito. Per allanima se laveva diodi Marcello Bussi ricostruito bene. Un talento spetmeno 30 anni. Rivedendolo qualtacolare, formidabile, il richiamo dellamico di cui che tempo dopo, non si poteva rilevare che in fonsopra al grande Leone non era affatto inappropria- do Jacopetti era abbastanza misurato, un signore a to. E allora, perch il cinema italiano non seppe confronto delle carognate che avrebbero ammansfruttarlo? Perch non volle. Perch dal 1962 circa nito i suoi epigoni nei sei lustri successivi. Jacopetti lo incontrai di persona al met degli anlambiente del cinema lo considerava un lebbroso, ni Sessanta, quando present alla stampa il suo cineasta di venturaera la definizione pi gentile. Prima del 1962 Jacopetti era stato uno dei perso- quinto e ultimo film Mondo Candido,altra opera a naggi pi inin Italia. Angelone Rizzoli gli aveva af- sensazione per ispirata al capolavoro di Voltaire. fidato il suo cinegiornale, che Gualtiero trasform Mi parve un vero signore, timido, perfettamente in uno strumento di provocazione e rottura. Fino a conscio di uscire da un periodo di silenzio. Ma per lui, gli ex film luce erano rimasti pi o meno ai livelli molti colleghi era sempre il cineasta di ventura. E dei Luce fascisti, conformisti, piatti, retorici pieni in conferenza stampa lo azzannarono senza piet.

::: GIORGIO CARBONE

:::

OPERE E AMORI
Dallalto: Gualtiero Jacopetti durante il XV festival del cinema di Cannes, il 22 maggio 1962, al quale partecip con Mondo cane; Jacopetti con lattrice inglese Belinda Lee ai tempi del loro amore; la locandina del film-documentario Mondo cane [Ansa]

32

Venerd 19 agosto 2011

SPETTACOLI TV

a cura di Giorgio Carbone

La7 ore 21.10

I CONSIGLI DELLA GIORNATA Raitre ore 21.05 Italia 1 ore 23.30

Raitre ore 23.50

Il club delle prime mogli


Tre antiche compagne di scuola si ritrovano quaratenni e tutte abbandonate dai rispettivi mariti. Si coalizzano e si vendicano. Diane Keaton, Goldie Hawn e Bette Midler dilagano.

La grande storia
La puntata dedicata alla propaganda del regime fascista. Cinema, giornali e anche la radio (allora lEiar), tutto concorreva a dare unimmagine suggestiva di Mussolini (foto).

Blade
il primo film di una serie vampiresca tuttaltro che mediocre (furono chiamati fior di registi). Wesley Snipes Blade, grande cacciatore di vampiri nella notte della metropoli.

Blu notte - Misteri italiani


Carlo Lucarelli stasera ricostruisce il naufragio avvenuto nel dicembre del 1996 nel canale di Sicilia. Trecento migranti morirono in quellinattesa e immane tragedia.

RAI UNO
6.30 TG1 - Previsioni sulla viabilit CCISS Viaggiare informati Unomattina Estate La manovra bis e le tante proposte anticrisi. Condotto da Gerardo Greco e Georgia Luzi Un ciclone in convento Il duello con Fritz Wepper Don Matteo 3 Beauty Farm Lincarico con Terence Hill TG1 TG1 Economia Verdetto Finale. Con Veronica Maya. Il Maresciallo Rocca 5 Il figlio di nessuno con Gigi Proietti TG1 Che tempo fa Heartland Nato per correre con Amber Marshall Il Commissario Rex Complici con Gideon Burkahard Reazione a catena TG1 DA DA DA Rai ti DA DA DA di pi Virginia, la monaca di Monza (Drammatico, 2004) con Giovanna Mezzogiorno, Stefano Dionisi. Regia di Alberto Sironi. A sua immagine presenta Speciale XXVI Giornata Mondiale della Giovent (Dir.) TG1 Notte Che tempo fa LAppuntamento Scrittori in tv

RAI DUE
7.00 9.50 10.30 11.25 12.10 13.00 14.00 Cartoon Flakes American Dreams con Gail OGrady TG2punto.it Estate Prima tv Il nostro amico Charly Prima tv La nostra amica Robbie TG2 Giorno Ghost Whisperer Un figlio dal passato con Jennifer Love Hewitt Prima tv Rai Army Wives Passo e chiudo con Catherine Bell Squadra Speciale Colonia con Jophi Ries The Good Wife La testimone con Julianna Margulies Life Unexpected Affitto non riscosso con Brittany Robertson TG2 Flash L.I.S. Rai TG Sport TG2 Cold Case con Kathryn Morris Senza traccia Una vita normale con Anthony LaPaglia TG2 - 20.30 Raidue Rewind N.C.I.S. I fuggitivi La pecora nera Due gocce dacqua con Mark Harmon TG2 Terra delle meraviglie Puntata dedicata alla Campania Master of Magic The Secret Una donna alla Casa Bianca Una difficile battaglia con Geena Davis

RAI TRE
6.30 8.00 9.00 9.15 Il caff di Coradino Mineo La Storia siamo noi Speciale cinema in Tv La spiaggia (Commedia, 1953) con Anna Bassi, Mara Berni. Regia di A. Lattuada. TG3 Minuti Agente Pepper con Angie Dickinson TG3 - Rai Sport Notizie - Meteo 3 Che sar sar Cominciamo Bene Condominio terra La strada per la felicit con Susanne Gartner TG Regione - Meteo TG3 - Meteo 3 TGR Piazza Affari TG3 L.I.S. The Lost World con Peter McCauley Io, Chiara e lo Scuro (Commedia, 1982) con Francesco Nuti, Giuliana De Sio. Regia di Maurizio Ponzi. GEOMagazine 2011 Meteo 3 - TG3 TG Regione - Meteo Blob Alice Nevers - Professione giudice Test di paternit con Marine Delterme La Grande Storia Propaganda TG Regione TG3 Linea notte estate Blu notte - Misteri italiani Il naufragio fantasma. Condotto da Carlo Lucarelli Rai Educational Cult Book Frantumi

CANALE 5
6.00 7.55 8.00 8.50 Prima Pagina Traffico - Meteo 5 Borsa e Monete TG5 Mattina Miracoli degli animali Tre cuccioli da salvare South Pacific Strani indigeni - prima parte Le orribili vacanze della banda Jonsson (Commedia, 2004) con Conrad Cronheim, Buster Sderstrm. Regia di Christjan Wegner. Forum TG5 - Meteo 5 Beautiful Sposa mia moglie (Commedia, 2005) con Heikko Deutschmann, Saskia Vester. Regia di Hajo Gies. Il Mammo Sangue blu con Enzo Iacchetti Il matrimonio del mio ex fidanzato (Commedia, 2006) con Susan Anbeh, Tim Bergmann. Regia di Edzard Onneken. La Stangata TG5 - Meteo 5 Paperissima Sprint. Condotto da Giorgia Palmas, Vittorio Brumotti con il Gabibbo O Professore Prima puntata. Con Sergio Castellitto, Luisa Ranieri TG5 Numeri in chiaro Prima tv Mediaset La profezia dAvignone. Con Louise Monot, Guillaume Cramoisan TG5 Notte - Meteo 5

ITALIA UNO
6.40 8.20 10.25 11.25 Baywatch con David Hasselhoff Cartoni animati Prima tv Nin con Florencia Bertotti Una mamma per amica Il week-end dei genitori con L. Graham Studio Aperto - Meteo Studio Sport Cartoni animati How I Met Your Mother Chiamatemi Swarley con Alyson Hannigan Gossip Girl Nel regno dei Bass con Blake Lively The O.C. La fine dellinnocenza con Benjamin McKenzie Hannah Montana Serata karaoke Un doppio molto misto con Miley Cyrus Love Bugs con Fabio De Luigi Studio Aperto - Meteo Studio Sport C.S.I. Miami La morte corre sul filo con David Caruso Standoff Il ritorno di Neal con Ron Livingston Bad boys (Azione, 1995) con Will Smith, Martin Lawrence. Regia di Michael Bay. Blade (Azione, 1998) con Wesley Snipes, Kris Kristofferson. Regia di Stephen Norrington. Poker1mania Rescue me Immortale con Denis Leary

RETE QUATTRO
6.25 7.00 7.55 9.05 10.20 11.20 11.30 12.00 Mediashopping Vita da strega con Elizabeth Montgomery Miami Vice con Don Johnson Nikita Fuori dal recinto con Peta Wilson Pi forte ragazzi con Sammo Hung Kam-Bo Benessere Il ritratto della salute. TG4 - Meteo Wolff Un amico nei guai con Jurgen Heinrich Distretto di Polizia 3 Sogni doro con Claudia Pandolfi Il tribunale di Forum Anteprima Sessione pomeridiana: il tribunale di Forum Sentieri Il presidente del Borgorosso Football Club (Commedia, 1970) con Alberto Sordi, Margarita Lozano. Regia di Luigi Filippo DAmico. TG4 - Meteo Tempesta damore Renegade La congiura del silenzio con Lorenzo Lamas Ultima puntata Lo spettacolo della natura Un viaggio da Polo a Polo; il mondo degli abissi; rettili e anfibi. Condotto da Tessa Gelisio Mutande pazze (Commedia, 1992) con Eva Grimaldi, Monica Guerritore. Regia di Roberto DAgostino. TG4 Night News

LA 7
6.00 TGLa7 - Meteo Oroscopo - Traffico Informazione Omnibus TG La7 (allinterno) In Onda. Condotto da Luisella Costamagna e Luca Telese (Repl.) Le vite degli altri (Repl.) Chiamata demergenza Pericolo in piscina Lite tra fratelli con Josphine Thiel Da un giorno allaltro Making music with the wrong man con Annie Potts TG La7 Safari Express (Avventura, 1976) con Giuliano Gemma, Ursula Andress. Regia di Duccio Tessari. La7 Doc La vera Regina dAfrica Lispettore Barnaby Dipinto con il sangue con John Nettles Cuochi e fiamme (Replica) TG La7 In Onda. Condotto da Luisella Costamagna e Luca Telese Il club delle prime mogli (Commedia, 1996) con Bette Midler, Goldie Hawn. Regia di Hugh Wilson. TG La7 Jefferson in Paris (Biografico, 1995) con Nick Nolte, Greta Scacchi. Regia di James Ivory. La7 Colors

6.45

7.00 9.45

9.00 9.30

10.40

11.10 11.15 12.00 12.15 13.00 13.10 14.00 14.20 14.45 14.50 15.00 15.40

11.25

12.25 13.00 13.40 15.00

10.25 11.25

14.50

13.30 14.00 14.10 15.00

12.30

15.35 16.20

11.00 13.00 13.40 14.40

15.30

13.00

16.20

13.50 14.05 15.35 16.05

13.30 13.55

17.05

17.00 17.10 17.15

17.10

17.55

17.45 17.50 18.15 18.45 19.35

16.20 16.50

16.05 17.00

18.05 18.30 19.00 19.25

18.50 20.00 20.30 21.10

20.30 21.05

17.20 18.55 19.30 20.00 20.15

18.50 20.00 20.40

18.55 19.35 20.30

19.00 20.00 20.30

20.20

21.10

21.10

21.10

23.25 23.40

21.05 23.20 23.25 23.50

21.20

23.40

23.30

0.20 1.10

23.30 0.00

23.20

23.25 23.35

0.40 1.15

0.55

1.50 2.40

1.45

1.15

2.05

LE ALTRE EMITTENTI
Rai 4
20.25 Flashpoint In comunit con H. Dillon 21.10 The Replicant (Thriller, 2001) con JeanClaude Van Damme, Michael Rooker. Regia di Ringo Lam. 22.45 Wonderland Il mito contemporaneo degli alieni 23.05 Nightmare V - Il mito (Horror, 1989) con Robert Englund, Lisa Wilcox. Regia di Stephen Hopkins. 0.30 Magic Man (Thriller, 2010) con Billy Zane. Regia di Roscoe Lever. 21.10 Scemo di guerra (Drammatico, 1985) con Beppe Grillo, Coluche. Regia di Dino Risi. 23.00 Res Tore Tormento & Estasi p.6 0.00 TG2 Dossier La Flotta bianca

MTV
16.00 17.00 18.00 19.05 20.00 21.00 22.00 23.00 23.30 0.30 Pimp my Ride Made MTV Mobile Chat Inuyasha The Final Act Jersey Shore Hard Times Blue Mountain State Speciale MTV News I soliti idioti Jersey Shore

Canale Italia
20.00 The Planets Funniest Animals 20.30 TG Canale Italia 20.55 Il Meteo 21.00 Cantando e Ballando 23.45 Cera una volta

Telelombardia
14.35 18.45 19.15 19.45 20.30 23.30 23.45 Shopping in Poltrona Le ricette di Giorgia Io tubo QSVS sera Tuttaunaltramusica Io tubo Shopping in Poltrona

LE TV DI CLASS EDITORI
Class Tv Msnbc Dig. Terr. Canale 27, Tiv Sat 30 Class Cnbc Sky Canale 507 Class Horse TV Sky Canale 221 Tiv Sat 55

Class Tv Msnbc
Art TV Capital. La Sfida TG Sera Class Life 7 Estate Punto e a Capo Estate 21.00 CNBC Originals Sport illustrated 21.50 Porsche Live 22.15 The Boat Show 15.05 15.30 18.00 19.00 20.00

7 Gold
20.00 Casalotto 20.30 TG7 Sport 21.10 Lassedio delle 7 frecce (Western, 1953) con William Holden. Regia di John Sturges. 23.10 CNR TV News 23.20 Diretta Stadio...

Antenna 3
Le ricette di Giorgia Shopping in Poltrona Io tubo Azzurro Italia news Chiedimi una canzone Estate 20.30 Azzurro Italia 23.00 Azzurro Italia Notte 0.00 Bunga Bunga 12.30 13.00 18.45 19.00 19.45

Iris
20.20 Law & Order - Unit Speciale Ascendente con Christopher Meloni 21.05 Sniper 3 - Ritorno in Vietnam (Azione, 2004) con Tom Berenger, Byron Mann. Regia di P.J. Pesce. 22.45 Omicidi di classe (Drammatico, 1998) con Matthew Lillard, Randall Batinkoff. Regia di Dan Rosen. 0.30 Salento Finibus Terrae Dulce

18.00 Report Ospiti G. Pinosa (Gospa Consulting) 19.05 Focus Certificates 22.00 Linea Mercati Notte 22.30 Capital. La Sfida Salvatore Ferragamo

Deejay Tv
17.00 Summer Hits 18.45 Best of Believers 19.00 Best of Vacanze romagne 20.00 Jack Osbourne: No Limits 21.00 Fino alla fine del mondo 22.00 Best of Uomini che studiano le donne 23.00 Via Massena 23.30 Il Peggio di Nientology 0.00 DVJ by Night

Class Horse TV
18.00 Web Riding 18.30 Jumping Chantilly La settima tappa del Global Champions Tour 19.30 Speciale Class Coppa Italia la prima tappa di dressage a None 20.00 Manuale di Equitazione LEquitazione naturale 22.10 Speciale Class Events Piazza di Siena 2011

Class Cnbc
11.30 Speciale Class Cnbc Mercato in crisi 12.20 Analisi Tecnica 14.30 La Bussola Economica 15.00 Linea Mercati Wall Street 16.00 Speciale Class Cnbc Mercato in crisi 17.00 Linea Mercati Pomeriggio

Odeon
20.00 21.00 21.15 21.45 22.30 23.00 0.15 Laltra Televisione Schiamazzi Yellow Superbike TV Controvento Rebus Tube Safe Drive Motorsport

TelePadania
20.30 TG Nord Speciale 20.55 I nostri primi ventanni - La storia della Lega Nord raccontata dai Protagonisti 21.20 I polentoni

Rai Storia
20.40 Chi legge? Viaggio lungo il Tirreno Maremma trenta secoli

SPETTACOLI TV

Venerd 19 agosto 2011

33

a cura di Giorgio Carbone

Studio Universal ore 21.15

I CONSIGLI DELLA GIORNATA Cinema Hits ore 21.10 Cinema Max ore 21

Premium Cinema ore 23.05

Greystoke - La leggenda di...


Figlio di un lord inglese morto nella foresta, Tarzan cresce tra le scimmie finch un esploratore non lo riporta alla civilt. Mai la giungla apparsa pi lussureggiante su uno schermo.

2012
Nel 2012 secondo una profezia Maya finir il mondo. Il film la attribuisce a una tempesta solare. Grandi effetti speciali, ma in fondo poco pathos (quasi tutti muoiono fuori scena).

The Hole
Quattro studenti passano un weekend godereccio in un vecchio bunker dismesso. Dopo vari cazzeggi cercano di uscire ma non possono. Buon veicolo per la viperina Thora Birch.

Final Destination: Death Trip


Quarto capitolo della serie jettatoria. Al cinema era in 3D ma in tv piatto. Piatto anche il soggetto coi soliti ragazzotti sventati destinati a essere massacrati da un malignissimo destino.

I FILM
17.20 Flirting with Forty Con Heather Locklear SCP 17.20 12 Round Con John Cena SCM 17.25 Il bacio del serpente Con Greta Scacchi C 17.25 A-Team Con Liam Neeson SC1 17.35 Cado dalle nubi Con Checco Zalone SCC 17.40 S. Darko Con Daveigh Chase SCH 17.45 Un nuovo amore Con John Ritter MGM 18.10 Topolino e i cattivi Disney SCF 18.50 Nuovo cinema Paradiso Con Philippe Noiret SCP 19.20 Il mio amico vampiro Con Jonathan Lipnicki SCF 19.20 Limmorale Con Ugo Tognazzi MGM 19.20 Snatch - Lo strappo Con Benicio Del Toro SCH 19.20 Il mostro degli abissi Con William Forsythe SCM 19.20 Lultimo crodino Con Ricky Tognazzi C 19.25 Ho visto le stelle! Con Vincenzo Salemme SCC 19.30 Cool Dog Con Jackson Pace SC1 21.00 Alice in Wonderland Con Mia Wasikowska SCF 21.00 Omicidio al neon per lispettore Tibbs Con Sidney Poitier MGM 21.00 Ubriaco damore Con Adam Sandler SCP 21.00 The Hole Con Thora Birch SCM 21.00 Lezioni di piano Con Holly Hunter C 21.00 La dura verit Con Gerard Butler SCC 21.10 2012 Con Amanda Peet SCH 21.10 Percy Jackson e gli dei dellOlimpo: Il ladro di fulmini Con Logan Lerman SC1 22.40 Drugstore Cowboy Con Matt Dillon SCP 22.40 Nel continente nero Con Diego Abatantuono SCC 22.45 Trappola in fondo al mare 2 Il tesoro degli abissi Con Chris Carmack SCM 22.50 A muso duro Con Charles Bronson MGM 22.55 Senti chi parla 2 Con John Travolta SCF 23.05 Il mio amico Eric Con ric Cantona C 23.15 The Lost Future Con Sean Bean SC1 23.50 Star System Se non ci sei non esisti Con Simon Pegg SCH

LO SPORT
11.15 Canoa, Campionati Mondiali (Flatwater) 2011 Da Szeged (D) ES 15.00 Calcio, Coppa del Mondo Under 20 2011 Prima semifinale Francia - Portogallo (Sintesi) ES 15.30 Rubrica sportiva Fan Club Napoli Napoli - Genoa 10/11 SP1 15.45 Beach volley, King of the Beach 2011 SP2 16.00 Rubrica sportiva Fan Club Fiorentina Fiorentina - Brescia 10/11 SP1 16.00 Canoa, Campionati Mondiali (Flatwater) 2011 Da Szeged (Ungheria) (Diretta) ES 16.30 Rubr. sport. Fan Club Juventus Juventus - Brescia 10/11 SP1 16.45 Rubrica sportiva Studio Tennis (Diretta) SP2 17.00 Rubrica sportiva Milan sta arrivando la Serie A SP1 17.00 Automobilismo, IndyCar 2011 New Hampshire (Replica) SP3 17.00 Tennis, ATP World Tour Masters 1000 2011 Cincinnati: quarti di finale (Diretta) SP2 17.30 Rubrica sportiva Fan Club Inter Inter - Chievo 10/11 SP1 17.30 Tennis, WTA Tour 2011 Cincinnati: quarti di finale (Dir.) ES 18.00 Calcio, UEFA Champions League 2011/2012 Playoff gara di andata Odense - Villareal (Replica) SP1 19.00 Wrestling WWE NXT Ep. 8 SP3 20.00 Rubrica sportiva Preview Uefa Champions League SP1 20.00 Wrestling WWE Superstars Episodio 8 SP3 20.30 Calcio, Bundesliga 2011/2012 3a giornata Borussia Mnchengladbach - Wolfsburg (D) SP1 21.00 Wrestling WWE Domestic Smackdown Episodio 8 SP3 21.00 Boxe IBF Intercontinental Title, UK - Incontro Peso Welter M. Hatton vs A. Abramenka (Dir.) ES 22.30 Rubrica sportiva Speciale Donato Bergamini SP1 22.45 Rubr. sport. Filler Wrestling SP3 23.00 Rub. spor. Pre Season Liga SP1 23.00 Tennis, ATP World Tour Masters 1000 2011 Cincinnati: quarti di finale (Replica) SP3 23.00 Rubrica sportiva ATP Weekly Magazine Show SP2 23.00 Vario, Strongest Man Champions League in Olanda ES 23.30 Wrestling, Ultimate Fighting Championship Show Ep. 2 SP2 0.00 Bowling, PBA Tour 2011 (Diff.) ES 0.00 Calcio Highlights SP1 0.15 Calcio, Bundesliga 2011/2012 3a giornata Borussia Mnchengladbach - Wolfsburg (R) SP1 1.00 Tennis, ATP World Tour Masters 1000 2011 Cincinnati: quarti di finale (Diretta) SP2
HD Canale disponibile anche in alta definizione

TELEFILM
20.30 I Jefferson Mother Jeffersons Birthday FR 20.30 Hot in Cleveland Il tornadoFL 20.35 La vita secondo Jim La festa del nascituro F 21.00 Lora di Alfred Hitchcock FR Il fiammifero spento 21.00 C.S.I. NY Due anni in pi FC 21.00 90210 Malintesi F 21.20 Il mondo di Patty Chi Cleopatra? DY 21.45 Melrose Place Tra due fuochi F 21.55 Lora di Alfred Hitchcock Tutto contro Eva FR 21.55 Three Rivers Lotta contro il tempo FL 21.55 C.S.I. NY Giustizia criminale FC 22.30 Victorious NCK 22.30 White Collar Una ragazza da 100.000 dollari F 22.35 Jinx DY 22.45 Bones Babbo Natale e la bomba FL 22.50 C.S.I. Miami Disonore FC 22.55 I Jefferson Louises Cookbook FR 23.00 Le sorelle fantasma DY 23.00 H2O NCK 23.00 Nurse Jackie - Terapia durto Menage a trois Menage a trois SKU 23.20 Drake & Josh NCK

SHOW E DOCUMENTARI
20.00 Top Gear D 20.10 Indagini ad alta quota Una svista mortale NGC 20.10 Affari di famiglia I piatti di Hitler THC 20.10 Americas Next Top Model Nona stagione, 5a giornata SKU 20.35 Affari di famiglia Fossili e blackjack THC 21.00 Prima tv Dr. Botox Cleansing Hurts FL 21.00 River Monsters Orrore in Alaska D 21.00 Pizza: a ciascuno la sua THC 21.00 Lol - Tutto da ridere SKU 21.10 Mega: Fabbriche Harley-Davidson NGC 21.10 Extreme Makeover Home Edition Scott Family SKU 21.25 Prima tv Dr. Botox Issues Hurt FL 22.00 A caccia di veleni D 22.00 I miti della Formula 1 Niki Lauda THC 22.00 Prima tv Chef a Beverly Hills SKU 22.10 Prigionieri di viaggio Insegnante spacciatore NGC 22.50 Lol - Tutto da ridere SKU 23.00 Lultimo sopravvissuto Sahara - prima parte D 23.00 Tibet, storia di una tragedia THC

RAGAZZI
16.50 Ben 10: Ultimate Alien CN 16.50 Planet Sheen NCK 16.50 I Simpson Homer va alluniversit F 17.15 I Simpson Lorsetto del cuoreF 17.40 Generator Rex CN CN 18.05 Leone il cane fifone 18.30 Adventure Time CN 18.55 Teen Titans CN 19.15 I Griffin Arma letale F 19.20 Ben 10 CN 19.40 I Simpson La paura fa Novanta IV F 19.45 Ben 10: Ultimate Alien CN 20.00 Spongebob NCK 20.10 Adventure Time CN 20.10 I Simpson Marge in fuga F 20.30 Spank tenero rubacuori NCK 20.35 Leone il cane fifone CN 20.55 Phineas & Ferb Antichit che passioneBeccati! DY 21.00 Spongebob NCK 21.25 Sym-bionic Titan CN 21.50 Wakfu CN 21.50 Due fantagenitori NCK 22.10 Phineas & Ferb Il torneo medievale DY 22.10 Due fantagenitori NCK 22.15 Hero 108 CN 22.20 Phineas & Ferb Phinedroid e Ferbot DY 23.05 Titeuf CN 23.20 I Griffin Baciami stupido F

CANALI PREMIUM DIGITALE TERRESTRE


Joi
15.15 The Middle La porta di casa Il graffio La festa del Ringraziamento 16.30 Detective Monk Il sig. Monk e il Cobra con Tony Shalhoub 17.15 JusticeLa sposa scomparsa Amore folle con Victor Garber 18.50 Royal Pains Comodit sopravvalutate con Mark Feuerstein 19.40 E.R. Qualcuno da amare 20.25 Heist Sesso, bugie e Vinny Momo con Marika Dominczyk 21.15 Prima tv Friday Night Lights Impronta paterna Continua a cercare con Kyle Chandler 23.00 The Event Linizio della fine Larrivo -ultimo episodio 0.35 Rubicon Il cruciverba con James Badge Dale

Steel
13.20 Heroes Two - I due eroi (Azione, 1974) con Alexander Fu Sheng. Regia di Chang Cheh. 15.10 Baywatch Dispersi in mare 16.00 Pushing Daisies Corpo surgelato con Lee Pace 16.50 Trauma Dolce Jane 17.40 Baywatch Una serie di successo con David Hasselhoff 18.35 Squadra Antimafia - Palermo oggi Terza puntata. Con Simona Cavallari, Claudio Gio 20.25 Trauma Fili incrociati 21.15 Supernatural La famiglia Bender Ombre 22.50 Invasion (Fantascienza, 2007) con Nicole Kidman, Daniel Craig. Regia di Oliver Hirschbiegel. 0.35 Pushing Daisies Bzzzzzzzzzzz!

Premium Calcio
14.00 All sport news 14.30 Highlites Uefa Champions League 15.05 Calcio, Trofeo TIM 2011 Milan Inter - Juventus (Replica) 17.45 Highlights Uefa Champions League 18.25 Calcio, UEFA Europa League 2011/2012 Playoff gara di andata Lazio - Rabotnicki (Rep.) 20.10 Highlites Uefa Champions League 20.30 All sport news 21.00 Calcio, Trofeo TIM 2011 Milan - Inter - Juventus (Replica) 23.40 Highlights Uefa Champions League 0.00 All sport news 0.30 Calcio, UEFA Champions League 2011/2012 Playoff gara di andata Arsenal - Udinese (Rep.)

Mya
17.15 Greetings From the Shore (Commedia, 2007) con Paul Sorvino. Regia di Greg Chwerchak. 19.15 Prima tv La complicata vita di Christine Il giorno della vendetta con J. Louis-Dreyfus 19.40 Pretty Little Liars Bugie, ancora bugie Sono unamica 21.15 One Tree Hill La redenzione Limmensit della vita 22.55 Un marito quasi perfetto (Commedia, 1996) con Ellen DeGeneres. Regia di Nick Castle. 0.35 Pretty Little Liars Bugie, ancora bugie Sono unamica con Lucy Hale

Premium Cinema
16.05 Balto (Animazione, 1995) Regia di Simon Wells. 17.30 Tata Matilda e il grande botto (Fantastico, 2010) con Emma Thompson, Ralph Fiennes. Regia di Susanna White. 19.20 Aiuto vampiro (Fantastico, 2010) con Salma Hayek, John C. Reilly. Regia di Paul Weitz. 21.15 Prima tv Adele e lenigma del Faraone (Avventura, 2010) con Louise Bourgoin, Mathieu Amalric. Regia di Luc Besson. 23.05 Final Destination: Death Trip (Horror, 2009) con Bobby Campo. Regia di David R. Ellis.

Studio Universal
15.30 Viaggio nel cinema americano Evento Auditorium Tim Burton 16.00 La fortuna di Cookie (Commedia, 1999) con Ned Beatty, Glenn Close. Regia di Robert Altman. 18.05 Under the Influence Joan Allen 18.35 Giovent bruciata (Drammatico, 1959) con James Dean, Natalie Wood. Regia di Nicholas Ray. 21.15 Greystoke - La leggenda di Tarzan, signore delle scimmie (Avventura, 1984) con Christopher Lambert, Ian Holm. Regia di Hugh Hudson. 23.30 Hollywood Collection Marilyn Monroe

LEGENDA
C Cult CN Cartoon Network D Discovery Channel HD ES Eurosport HD DY Disney Channel F - FR Fox HD - Fox Retro FC Fox Crime HD

FL Fox Life MGM Metro Goldwyn Mayer NCK Nickelodeon NGC National Geographic HD SC1 Sky Cinema 1 HD SCC Sky Cinema Comedy HD SCF Sky Cinema Family HD

SCH Sky Cinema Hits HD SCM Sky Cinema Max HD SCP Sky Cinema Passion HD SP1 Sky Sport 1 HD SP2-3 Sky Sport 2-3 HD SKU Sky Uno THC The History Channel

Brasile, convocato Ronaldinho


Ronaldinho torna con il Brasile dopo 9 mesi. Il ct Menezes ha chiamato lex rossonero per lamichevole del 5 settembre contro il Ghana, a Londra. Fra i convocati cinque italiani: due interisti (Julio Cesar e Lucio) e tre milanisti (Thiago Silva, Pato, Robinho).

Premier, Briatore vende il QPR


Limprenditore malese Tony Fernandes il nuovo azionista di maggioranza del Queens Park Rangers, club di Premier League: ha acquistato il 66% delle quote del club da Flavio Briatore e Bernie Ecclestone. Fernandes titolare del Team Lotus di F1.

Pellegrini-Magnini: c il bacio
Palio galeotto. Da Siena arrivano le prime foto del flirt tra Federica Pellegrini e Filippo Magnini: la storia tra i due campioni di nuoto, che dopo i Mondiali di Shanghai ha infiammato le cronache rosa estive, documentata dal numero in edicola di Chi.

TROFEO TIM A BARI

Gasperini vince il triangolare di lusso ma scontento: teme un Benitez-bis e chiede rinforzi. Per il Milan tanti esperimenti, Juve in palla con Vucinic e Vidal
::: TOMMASO LORENZINI
BARI

Inter cantiere aperto


INTER-JUVE 7-6 DCR (1-1)
RETI: 8 Vucinic; 16 Ranocchia. INTER (4-3-1-2): Castellazzi 6; Ranocchia 6.5, Samuel 6, Chivu sv (11 Zanetti 6); Jonathan 5.5, Thiago Motta 5.5, Stankovic 6, Obi 6; Sneijder 6, Pandev 5, Pazzini 5.5. All. Gasperini. JUVE (4-2-4): Storari 7; Lichtsteiner 6, Barzagli 6, Bonucci 5.5, De Ceglie 6; Marchisio 6.5, Pirlo 7; Krasic 6, Vucinic 7, Del Piero 6.5, Pasquato 5.5. All. Conte. ARBITRO: Damato. NOTE: ammoniti Del Piero, Thiago Motta, Samuel.

QQQ Calcio destate? Non pi. Il Trofeo Tim, collocato nel calendario a dieci giorni dallinizio della serie A, mai come negli ultimi anni ha lintenso profumo di prova generale, il sapore di una notte prima degli esami: quando ti accorgi che hai ancora da perfezionare, studiare. Quando, insomma, sai che di l a pochissimo si far sul serio, e il tempo per rimediare davvero risicato. Il San Nicola di Bari bello affollato, degna cornice per la triplice sfida Milan-InterJuve, un derbyssimo dItalia che, a distanza, potrebbe caratterizzare lintera annata. BUONA LA PRIMA Proprio per la formazione di Conte lattesa era maggiore, vuoi per quel 4-2-4 tutto da vedere, vuoi per la mezza squadra nuova. E i neo-arrivati firmano subito il vantaggio: ad andare in gol all 8 Vucinic, gi integrato alla grande, pericoloso due volte in avvio e poi letale quando sul filo delloff-side trasforma in oro un assist fantastico di Pirlo. Se non sono questi i top player... E lInter sta a guardare. Senza Etoo, Gasp reinventa lattacco, si fida ancora di Obi e lancia Jonathan (sar allaltezza di Maicon?), per la partenza da diesel, i movimenti difensivi ancora farraginosi; la sveglia la suona Ranocchia, che insacca il pari di testa su corner, al 16. La Juve gioca tanto in verticale (ma serve un esterno sinistro di spessore), lInter invece fraseggia lenta. Limpressione che manchino uomini freschi, di gambe, fosforo e fiuto per il gol (Pandev ha ormai detto tutto). Fonti vicine a Gasperini riferiscono che il mister, scontentissimo, stia insistendo molto con Moratti per avere rinforzi. Forse teme di fare la fine di Benitez. Oggi, intanto, dovrebbe essere il giorno di Forlan (ieri non ha giocato in E-League). Si chiude ai rigori, Ranocchia fa traversa-gol, Barzagli solo traversa, ma per Conte in questo caso il risultato negativo solo un dettaglio. Il secondo match, con il Milan, porta per la Juve le conferme di Storari (Buffon non impiegato ma ok), Pirlo, Vucinic e il buon esordio di Ziegler sulla sinistra. Bene anche Vidal (usato da centrocampista, esterno e seconda punta), non al top ma in gol per il pari al 20, grazie a una papera di Roma, che per sul finale gli nega due volte (complice la traversa) il raddoppio. Benissimo Matri, match-winner con una spizzata al 46. GIOVANI ALLEGRI Molte le seconde linee in campo nel Milan, per Allegri utili esperimenti come il baby De Sciglio esterno destro, lirruento Taiwo a sinistra e Simone Ganz (17enne, stessa scaltrezza di pap Maurizio) in attacco. Ancora una volta a referto Antonio Cassano, autore del temporaneo 1-0 rossonero al 13, rete da vero attaccante e prova sostanziosa che lo tengono in corsa per quella maglia da titolare che dieci giorni fa sembrava un miraggio. Anche nel derby, terza mini-partita, il

MILAN-JUVE

1-2

RETI: 13 Cassano, 21 Vidal, 48 Matri. MILAN (4-3-1-2): Roma 5; Antonini 6, Nesta 5.5, Ely 5.5, Taiwo 5.5; Gattuso 5.5, Van Bommel 5.5, De Sciglio 6, Boateng 5.5; Cassano 6.5, Comi (28 Ganz). All. Allegri. JUVENTUS (4-3-3): Storari 6.5; Motta 5, Barzagli 6, Bonucci 6, Ziegler 6; Pazienza 6, Pirlo 6.5 (23 Marrone 6), Vidal 7; Krasic 6 (11 Ruggiero 6, 30 Vucinic 6), Matri 7, Pasquato 5.5 (27 Spinazzola 5.5). All. Conte. ARBITRO: Giannoccaro.

MILAN-INTER

0-1
Capitan Zanetti contende il pallone al centrocampista serbo della Juventus Milos Krasic. Sopra Gian Piero Gasperini perplesso: senza Etoo alla sua Inter servono urgentemente rinforzi. (Ansa)

RETI: 28 Milito MILAN (4-3-1-2): Amelia 6; Abate 6.5, Oddo 6, Bonera 5.5, Zambrotta 5.5; Ambrosini 6, Van Bommel 5.5 (20 Flamini 5.5), Fossati 6; Emanuelson 6; Boateng 6, Cassano 6.5. All. Allegri INTER (3-4-3) Castellazzi 6.5; Ranocchia 6, Faraoni 6, Lucio 6; Zanetti 6, Jonathan 6, T. Motta 6 (30 Sneijder 6), Cambiasso 6.5; Alvarez 5.5, Castaignos 5.5, Milito 7. All. Gasperini ARBITRO: Damato. NOTE: ammonito Bonera, Castellazzi.

PRELIMINARI EUROPA LEAGUE

PRELIMINARI EUROPA LEAGUE

Di Benedetto firma: la Roma sua Ma Totti&C cadono 1-0 con lo Slovan


BRATISLAVA Fra una settimana la Roma dovr battere con due gol di scarto gli slovacchi dello Slovan per arrivare alla fase a gironi di Europa League. A Bratislava l1-0 segnato da Dobrotka a 10 dalla fine complica la chances di qualificazione. I giallorossi faticano in mezzo al campo Caprari e Okaka mancano lo specchio della porta. A met ripresa Simplicio serve Caprari, traversa piena. Quando lo 0-0 sembra scontato, arriva il gol degli slovacchi. Alla gara assisteva anche il nuovo proprietario, Thomas DiBenedetto, che ieri mattina ha firmato il passaggio delle quote. VANNI ZAGNOLI SLOVAN BRATISLAVA-ROMA 1-0 RETE: 35st Dobrotka. SLOVAN BRATISLAVA (4-4-2):Putnocky 6; Dobrotka 6, Zofcak 6, Milinkovic 5,5 (18st Kolcak sv), Cikos 6; Had 6,5, Pauschek 5,5, Bagayoko 5,5, Kladrubsky 5,5; Sebo 5, Lacny 5 (30 st Kuzma). All. Weiss. ROMA (4-3-3): Stekelenburg 6; Cicinho 5,5, Cassetti 6, Burdisso 6, Jose Angel 5,5; Simplicio 6, Viviani 5,5, Brighi 5,5 (18 st Perrotta 6); Caprari 6 (27st Totti sv), Okaka 5,5 (32st Borriello sv), Bojan Krkic 6. All. Luis Enrique. ARBITRO: Lahos (Spa).

La Lazio gioca a tennis allOlimpico Rabotnicki sepolto 6-0 (doppio Ciss)


ROMA Una passeggiata. Landata del preliminare di Europa League della Lazio poco pi di un allenamento. I macedoni del Rabotnicki vengono travolti sotto una valanga di gol. Apre le marcature al 20 Hernanes e nel finale di primo tempo Mauri a raddoppiare. Nella ripresa la Lazio si scatena: la doppietta di Ciss chiude i conti, ma nel finale prima Rocchi e poi Klose trasformano il trionfo laziale in una vera e propria goleada. Tanto che la gara di ritorno sar poco pi di una formalit. LAZIO-RABOTNICKI 6-0 RETI: 20 Hernanes, 39 Mauri, 6 st e 20 st Ciss, 42 st Rocchi, 45 st Klose. LAZIO (4-2-3-1): Marchetti 6; Scaloni 6, Biava 6.5, Dias 6.5, Radu 6.5; Brocchi 6 (17 st Matuzalem), Ledesma 6.5; Mauri 6.5 (26' st Lulic), Hernanes 7, Ciss 8 (40' st Rocchi); Klose 7. All.: Reja RABOTNICKI (4-3-3): Dimitrievski 5 ; Todorovski 5, Najdoski 5, Lazarevski 5, Petrovic 6; Muarem 5 (32 st Gligorov), Vujcic 5, D. Velkoski 5; Micevski 5 (43' Nastevki), Manevski 5, K. Velkoski 5. All.: Petreski ARBITRO: Karasev (Rus) NOTE: amm. Najdoski, D. Velkoski (R)

mister toscano studia nuove soluzioni, mettendo dentro le terze (anche quarte) scelte, come Emanuelson e Fossati a centrocampo, Kingsley Boateng davanti. Cosa vuol dire? Che dopo linfortunio di Ibra a Malmoe, Allegri se ne infischia e non rischia pi niente. Conosce bene le sue carte, se le tiene per le mani importanti. Musica opposta per Gasperini, che mescola ancora di pi ricorrendo a Faraoni, Castaignos e Alvarez larghi (i quali lo fanno infuriare), e Milito punta centrale (traversa su punizione e gol di classe dei suoi, imbeccato da Cambiasso). La vittoria del Trofeo Tim conta giusto per il prestigio, Gasp torna ad Appiano con la consapevolezza che lInter che dovr lanciare lassalto ai cugini non potr essere soltanto un mix fra le due viste ieri. C molta strada da fare e nuovi compagni di viaggio da arruolare.

SPORT

Venerd 19 agosto 2011

35

@ commenta su www.libero-news.it

Scommessopoli

::: ROMA
QQQ Ieri mattina il via al processo dappellodavanti allacorte diGiustizia Federale di Roma che si concluder oggi pomeriggio, con le sentenze di secondo grado. Per la serie A, lunica coinvolta lAtalanta, che si vista infliggere 6 punti di penalizzazione (per

Sentenze dappello Doni pensa al ricorso alla giustizia ordinaria

la gara contro il Piacenza) e la squalifica a 3 anni e mezzo di Cristiano Doni e a 3 anni di Thomas Manfredini. Lavvocato del club, Chiappero, ha portato vecchie sentenze della Caf a supporto del proprio impianto difensivo che mira alla riduzione dei punti; il difensore dei due nerazzurri, Pino, ha cercato di dimostrare linattendibilit del pentito

chiave ed ex Ascoli, Micolucci, e delle prove a carico basate su voci correnti che non hanno valenza probatoria. Dopo il secondo grado, in caso di condanne confermate, si potr ricorrere allAlta Corte del Coni mentre Doni probabilmente imboccher la giustizia ordinaria (Tar e Consiglio di Stato).
MATTEO MAGRI

LACCECATORE E se invece Mou fosse un pirla?


Real ancora ko col Bara, Jos mette un dito nellocchio del vice di Guardiola. Spagna infuriata
::: ALESSANDRO DELLORTO
QQQ Attenzione, lipotesi suggestiva e clamorosa. Ma anche - sicuramente - blasfema per i comprensibilmente abbagliati e teneri tifosi interisti i quali, dopo anni di prese per il culo, sono tornati, due stagioni fa, a vincere tutto con bravura e merito (facciamo finta di dimenticarci larbitraggio di Inter-Barcellona in Champions...). Ol, anzi triplo ole - come da triplete - in loro onore. Eccola, lipotesi. E se Jos Mourinho detto Mou, in barba a quanto ci predic in quella sua storica conferenza stampa di presentazione sulla panchina nerazzurra, fosse per davvero un po un pirla? O, quantomeno, lo stesse diventando? Gli argomenti per sterzare bruscamente su questa affascinante teoria non c nemmeno bisogno di cercarseli con fatica. No, ce li regala lui, il meraviglioso tecnico portoghese, ogni tot partite (e tot sconfitte) con comportamenti affascinanti e addirittura furbacchioni se guardati con occhio superficiale, ma clamorosamente deludenti e discutibili se analizzati con un attimo di calma (e distacco da non tifoso). Prendiamo lultima follia, due sere fa, sfida Supercoppa di Spagna contro il Barcellona, gol del 3-2 di Messi (decisivo per la conquista del trofeo) per i blaugrana, entrata killer di Marcelo su Fabregas, rissa, espulsioni di Ozil e Villa, pim pum pam e Mourinho, da dietro tutti, si avvicina con passo da Pantera Rosa alle spalle di Tito Villanova (che poi, in conferenza stampa, chiamer Pito storpiandogli il nome: gag strafottente che fece anche in Italia e che non fa ridere proprio nessuno), lallenatore in seconda di Guardiola - tuc- da dietro gli schiaccia locchio (non come modo di dire, FINALE INFUOCATO Dopo il 3-2 del Bara, all87, Marcelo falcia Fabregas (steso a terra): rissa Ap di eroe si tratti), anche se capisci che forse un po frustrato perch con il Real non riesce a ripetere quanto fatto con lInter e la colpa soprattutto dei giocatori. Non basta tutto questo. No, ormai la sensazione che Mou sia, come dire, allo sbando, che giochi a provocare senza pi prendersi responsabilit, che sia travolto da se stesso e paghi le sue scelte - quelle s - da paraculo. Un esempio? Mou dove stato ha vinto (gi il cappello), ma poi se ne andato sul pi bello da furbetto, senza prendersi la responsabilit di aprire un ciclo. Ha salutato e ha scelto, in altre nazioni, il club pi ricco e meno vincente del momento per riprovare lo stesso giochino, sapendo che avrebbe avuto tutto da guadagnare (soldi e stima) e che sarebbe stato rimpianto dai vecchi tifosi (solitamente lascia al tecnico che lo sostituisce giocatori spremuti e un ambiente saturo: praticamente impossibile continuare a trionfare). Gli andata bene al Chelsea. Gli andata bene allInter. Ora, per, gli sta andando meno bene al Real. E forse proprio questo lo rende nervoso e poco credibile. Discutibile (dopo il fattaccio stato massacrato da tutti. Piqu: Mourinho sta distruggendo il calcio spagnolo. Carles Vilarrubi, vicepresidente del Barca: una maledizione per il calcio spagnolo). A volte addirittura pi antipatico del solito (impresona). E cos lipotesi - suggestiva e clamorosa - viene avanti da s. E se Mou stesse diventando un po pirla?

FALLO DA DIETRO
Mentre esplode la rissa per il fallaccio di Marcelo su Fabregas, Mourinho si avvicina a Tito Vilanova, vice di Guardiola, e gli infila un dito nellocchio destro, rimediando poi uno schiaffone ma godendosi lo spettacolo con aria soddisfatta

Q Se limmagine del Real il mio dito nellocchio del vice di Guardiola, Tito Vilanova? Non conosco questo signore, non so chi sia e come si chiama.
JOS MOURINHO

ma realmente con il dito) e se ne va facendo finta di niente. S, da vigliacco. Perch dallo Special One geniale motivatore e fuoriclasse nel gestire i giocatori, dallo Special One modesto tecnico (tatticamente) ma vincente come pochi, dallo Special One provocatore raffinato e imprevedibile, ti saresti aspettato qualcosa di furbo o almeno coraggioso. Non questo. Anche se capisci che lha fatto per deviare lattenzione (questa di tattica gli esce sempre bene: quando perde combina qualcosa di clamoroso cos si parla daltro e non del suo ko), che lha fatto perch la sfida con il Barca sentitissima e lui ama caricare il proprio ambiente al limite e poi diventare leroe positivo o anche negativo (basta che

Laffare con i russi si blocca in extremis

E ADESSO? Samuel Etoo, 30 anni Oly avranno in mano. Proprio come in una partita a poker, nella quale entrambi i contendenti potrebbero rimetterci qualche cosa di grosso. Se laffare salta i russi fanno una figuraccia e quel che peggio non riuscirebbero ad ingaggiare il super campione africano; per contro Gasperini avrebbe in rosa un Samuel Etoo che difficilmente sar propenso a perdonare alla societ nerazzurra di avergli fatto perdere laffare della vita. Senza contare che perdere ulteriore tempo in questa trattativa rischia di lasciare scoperta lInter sul mercato: Forlan non pu attendere in eterno, idem Lavezzi e Tevez.

Moratti si sveglia: 24 milioni per Etoo sono una miseria


::: FABIO RUBINI
MILANO

QQQ come una partita a poker, coi giocatori seduti attorno al tavolo, attenti a non muovere un muscolo facciale per non tradire unemozione o svelare un bluff. Inter e Anzhi si sono affrontate con questo spirito e la partita non ancora chiusa, perch i 24 milioni offerti dai russi per Etoo sono una miseria nelle strategie (e nei bilanci) di Massimo Moratti. Cos le trattative si sono interrotte. Riprenderanno oggi, ma a questo punto nulla pu essere escluso, anche leventualit (difficile per la verit) che lattaccante camerunese resti dov. AllInter. Lo stallo si verificato ieri subito dopo pranzo. Il nodo rappresentato dalla quantit di milioni che lAnzhi disposta a pagare per il cartellino di Etoo. Del resto non puoi presentarti al cospetto di una grande del calcio mondiale come

lInter, pretendere di strappare il suo giocatore simbolo offrendogli un contratto fuori da ogni logica (60 milioni in tre anni) e poi metterti a lesinare sulla valutazione del giocatore stesso. Dagli e ridagli alla fine deve averlo capito anche Massimo Moratti (lunico presidente che ha trovato un russo multi milionario che invece di pagare si mette a tratta-

re...) che ieri ha detto no allennesimo rilancio da miseria dei russi: partiti da 20 milioni, gli emissari di Kerimov hanno rilanciato una prima volta a 22 e ieri sono arrivati fino a 24 milioni. Troppo poco per chi, lInter, in prima battuta ne aveva chiesti 40 per poi accontentarsi anche di 30. Ma, 24 no, sono troppo pochi. E cos si smesso di parlare. Una si-

il graffio
Mutu e la maglia maledetta
Quanti danni ha fatto Adrian Mutu alla Fiorentina. Dopo le notti brave e i cazzotti in discoteca, dopo la squalifica per doping dietetico, dopo essersi fatto svendere al Cesena, ora nessuno vuole pi la maglia viola numero 10 (quella che fu di De Sisti, Antognoni, Baggio, Rui Costa) rimasta senza proprietario dopo laddio del romeno. Visti i precedenti, magari qualcuno ha paura che Mutu torni a reclamarla a suon di botte.

tuazione che ha fatto aumentare il tasso di nervosismo sia nel clan russo, sia in quello di Etoo. La fumata grigia blocca di fatto tutto il mercato dellInter. Sempre ieri, per esempio, stato avvistato a Milano il procuratore di Diego Forlan (32): aspettava una telefonata da Marco Branca che per non arrivata. Forse il suo cellulare squiller oggi. Sempre che lAnzhi decida di allargare i cordoni della borsa. In caso contrario si potrebbe assistere a un dietrofront clamoroso. Tutto dipende dalle carte che oggi i due giocatori

36

Venerd 19 agosto 2011

Per informazioni:

[LA CONVERSIONE]

I NUMERI DI IERI
::: ::: ::: :::

[LA CLASSIFICA]

Ozzy la Bestia ora fa beneficenza


CRISTIANA LODI a pagina 44

6 auto rubate 1 truffa 11 arresti 25 borseggi

::: ::: ::: :::

19 i penitenziari lombardi 9.434 i detenuti nelle carceri 5.652 i posti letto disponibili 1.200 i poliziotti che mancano

Centri massaggi Sul web le recensioni


LORENZO MOTTOLA a pagina 41

www.cadoroarredamenti.it

ARREDA CON IL MASSELLO PROMOZIONI

CA' D' ORO


:::

CA' D' ORO


Ma Castelli rilancia: tagliare giusto

Via De Amicis, 29/31 MILANO Tel. 02.8321130

Redazione cronaca: viale Majno 42, 20129 Milano; telefono 02.999666; fax 02.99966227; email: milanocronaca@libero-news.eu; Pubblicit: PUBLIKOMPASS SPA, Via Washington 70, 20146 Milano; Tel. 02.24424611 - Fax 02.24424490

Scure sulla cultura

VIA QUADRI E MUSEI PISAPIA PENSA SOLO


A DEMORATTIZZARE
::: TOMMASO LABRANCA
QQQ La chiamerei sindrome della seconda moglie. Lei sposa un vedovo, va ad abitare con lui e, per cancellare ogni segno della defunta, inizia a spostare i mobili e a cambiare di posto i quadri. la sindrome che ha colpito la giunta Pisapia, impegnata in un disperato tentativo di demorattizzare Milano senza una sola iniziativa costruttiva, ma con parecchi spostamenti di mobili. E di quadri, visto che la societ Giuliano & Stefano Piccoli Traslochi vorrebbe caricarsi in spalla il Quarto Stato, lingombrante dipinto di Pelizza da Volpedo, e attraversare Sagrato del Duomo e Galleria per riportarlo a Palazzo Marino dove lantico sindaco Antonio Greppi laveva messo nel 1945. Lopera deve tornare a Palazzo Marino, definito dai Pisapia Boys la casa dei milanesi. Slogan che ricorda quello di un dado da brodo. Proprio come la forza gentile, slogan elettorale di Giuliano, ricordava quello di una candeggina. Una giunta troppo figlia della tv e poco razionale in fatto darte. Boeri dice che al Museo del Novecento il Pelizza si vede male. Ma qualcuno accetta ancora giudizi estetici dalluomo che ha realizzato la torre-pollaio, sede della Rizzoli a Crescenzago? Non fa in tempo a spegnersi leco di questo su e gi del Quarto Stato che a Milano si torna a parlare darte. Ma sono sempre discussioni tignose. Pare che il Museo dArte Contemporanea a CityLife non si far pi. I rendering realizzati dallarchitetto Libeskind e che comprendono i celebri grattacieli molli possono finire direttamente nel cestino. Peccato: a me piaceva molto il museo, con quella sua forma tortile, massiccio e lieve allo stesso tempo, come una sfogliatella. Motivo della cancellazione: un museo in cui raccogliere opere ed esposizioni di arte contemporanea inutile. I radical-chic della Barona ne sono pi che convinti. In fondo ci sono gi tanti spazi in cui fruire dellarte! Per esempio, fior di gallerie cupe e arroganti nascoste nei cortili pi fetidi del Ticinese. Abbiamo addirittura avuto un misto tra galleria e night a Porta Romana, dove vigeva la selezione allingresso. In fondo, perch portare larte e la conoscenza al popolo? E poi cancellare il progetto di un museo unico aiuter il turismo. La Pisapia Gang andr ogni weekend a Bilbao o a Berlino e ne torner esaltando i grandi musei di quelle citt, con tante mostre, il bookshop, la cafeteria e il wifi. Mentre da noi, che schifo, non c uno straccio di centro culturale. Ma si sa: siamo vittime di una Italietta berlusconiana e televisiva, dove c spazio solo per il Grande Fratello e larte non di casa.

Formigoni stoppa le critiche Impossibile toccare Expo


Il governatore lombardo: Boeri si rassegni, non sar la Fiera delle melanzane
IL SORPASSO IN 76 VIE DELLA CITT
QQQ Ridimensionare Expo? Tecnicamente non c problema, dice Roberto Formigoni. Un minuto dopo, per, a tutti gli amministratori coinvolti, da Roma in gi, toccherebbe andare a nascondersi. Non possiamo permetterci unaltra figuraccia. Al governatore non piaciuto il dibattito lanciato in questi giorni da Palazzo Marino. Secondo la giunta (ma anche secondo il sottosegretario Roberto Castelli), la manovra e i conseguenti tagli agli enti locali hanno resto praticamente impossibile rispettare gli impegni. Formigoni, tuttavia, non si arrende. I fondi ci sono, spiega. E sia Tremonti che Pisapia hanno stretto degli accordi. Expo non uno spreco, ma un investimento. E chi, come larchistar Stefano Boeri, continua a rilanciare piani di riserva per rivedere il progetto deve rendersi conto che non ci sono pi i tempi tecnici per tornare indietro.
LORENZO MOTTOLA a pagina 39

Negozi stranieri pi degli italiani


QQQ Cresce la voglia di fare impresa tra i cittadini stranieri. Sono ormai 76 le vie milanesi in cui le ditte con un titolare italiano rappresentano una minoranza. Complessivamente, 13.914 imprese, pari al 25,8% del totale di Milano. Il primato va ancora una volta a via Padova, che si classifica come la via multietnica per eccellenza, con 336 imprese straniere. Nella foto una macelleria araba accanto a un Kebap. (Ftg)

ENTI LOCALI/1

ENTI LOCALI/2

La traduzione
Il dialogo col Pdl? Si pu fare, ma prima dovrebbero lasciare la signora Moratti, travolta da un insolito destino nellazzurro mare dagosto, ad inventarsi un improbabile nuovo ruolo politico Franco DAlfondo, assessore al Commercio Cio: Parlo con i berlusconiani solo se si danno pubblicamente dei cretini

Giuliano in piazza contro la manovra


di GIORGIO MIGLIORE

A rischio il paese del sindaco fai da te


di DI GILBERTO BAZOLI

Ci sar anche Giuliano Pisapia in piazza per contestare i tagli agli enti locali prevista al governo. Il 29 agosto i sindaci del nord, di destra come di sinistra, sfileranno a Milano per chiedere allesecutivo di ripensare la manovra. a pagina 39

Lo si pu trovare mentre taglia le aiuole, controlla il depuratore o recupera i rifiuti. Ma Giuseppe Figoni, sindaco tuttofare di Torlino Vimercati, potrebbe essere costretto a lasciare il suo piccolo comune. Colpa della manovra. a pagina 45

AllOsteria Pizzeria da Gerry


DA SETTEMBRE 2011 INIZIEREMO A PROPORRE I MENU AUTUNNALI DI QUALITA e con veri prezzi anticrisi!
Osteria - Pizzeria da Gerry Via Marconi 27 - 21018 Osmate (VA) Tel. 347 2528641 www.laprovinciadivarese.it

La cura anti-crisi di Pavia


::: LINDA STROPPA

Chi va bene a scuola ha lo sconto sul pullman


QQQ Combattere la crisi e avere uno sconto sulle gabelle? Se sei giovane e vai bene a scuola, da oggi si pu. finita lepoca del binomio promozione-motorino. A Pavia, per tamponare i rincari del prezzo dei trasporti pubblici - che ora di 1,20 euro a corsa -, la Provincia ha lanciato unidea: abbonamenti agevolati ai ragazzi che si distinguono per i risultati sui banchi di scuola. Unipotesi che potrebbe diventare realt e che fa contenti presidi e insegnanti, ma soprattutto i primi della classe che finalmente potranno prendersi una piccola rivincita sui 7 in condotta. Il proposito quello di salvaguardare le famiglie dagli aumenti spiega lassessore ai Trasporti Michele Bozzano. Conciliando la sostenibilit delle aziende dopo i tagli regionali (900 mila euro in provincia) con i bisogni delle fasce pi deboli. Via libera quindi alle riduzioni per gli abbonamenti degli studenti da settembre a giugno. Lo sconto in base a reddito e merito verr introdotto in un secondo tempo: con una certificazione della scuola alla fine del quadrimestre potremmo erogare un rimborso del 10%. Una previsione che consola le famiglie, sollevate almeno per un poco dalla preoccupazione di tirare alla fine del mese. E che dovrebbe diventare un esempio anche per Milano. Un possibile copia e incolla, magari, da proporre allassessore Chiara Bisconti.

AllOsteria Pizzeria da Gerry


il venerd sera, domenica pranzo e cena:
menu di ter ra, menu di mare, menu di lago

Euro 12,00
Osteria - Pizzeria da Gerry Via Marconi 27 - 21018 Osmate (VA) Tel. 347 2528641 www.laprovinciadivarese.it

Venerd 19 agosto 2011 @ commenta su www.libero-news.it

38

CRONACA

NEL MIRINO DI PISAPIA

Arte contemporanea al City Life

Il Mac gratis, Boeri non lo vuole


La Moratti sigl laccordo a costo zero per il Comune. Ma allarchistar non va gi
::: EDOARDO CAVADINI
QQQ Rimozione. Una delle parole chiave dei primi mesi tre mesi di governo Pisapia viene dal lessico freudiano, ma declinata in maniera molto pi pragmatica. Nel senso di togliere, spostare, nel caso del Quarto stato trasferire fisicamente, quanto fatto dalla giunta precedente. Lopera di Pellizza da Volpedo un simbolo di libert e per questo va spostato dalla catacomba del Museo del Novecento targato Moratti - dove lo hanno visto la miseria di 500mila persone -, e va trasferito nella casa liberata di palazzo Marino. Cos suggerisce su Facebook lassessore alla Cultura e Moda (ci sarebbe anche Expo, ma le ultime vicende ne hanno sgonfiato la delega) Stefano Boeri, e cos riprende sempre sul social network il sindaco Pisapia, scatenando pi di una perplessit anche tra gli arancioni militanti. Ora la foga da repulisti della giunta punta la preda grossa. Nel mirino finito il Museo di Arte Contemporanea firmato dallarchistar americano Daniel Libeskind. Un progetto da 45 milioni di euro che dovrebbe nascere nel comprensorio del quartiere residenziale City Life, sui terreni della ex Fiera. Usiamo il condizionale perch non stata posata ancora una pietra, c per un ma grande come una casa. Perch lassegno con limporto per la copertura totale dei lavori gi al sicuro nella cassaforte del Comune dal dicembre dellanno scorso. La cifra tuttaltro che esigua corrisponde infatti agli oneri di urbanizzazione che il privato costruttore ha corrisposto allamministrazione. Come la norma prescrive, gli oneri urbanistici devono comportare benefici per il pubblico. Solitamente si tratta di aree verdi, o scuole, in questo caso la Moratti e lex assessore alla Cultura Finazzer Flory avevano pensato di realizzare il gemello del Museo del Novecento. Mega-progetto di respiro internazionale chiavi-in-mano, una struttura a spirale che di per s avrebbe garantito un plus artistico e quindi attratto visitatori, e il vantaggio di non dover sborsare un euro. Tutto questo per al collega Boeri non va gi, nelle prime dichia-

Dopo lannuncio di voler spostare il Quarto Stato dal Museo del Novecento a palazzo Marino, lassessore alla Cultura ha frenato sulla possibilit di costruire il gemello dedicato allarte contemporanea al City Life [Fotogramma] e niente di pi - attacca -: non si reso conto che ora un amministratore, non pu fare lintellettuale, deve dare risposte alla cittadinanza e ai privati che hanno investito milioni. Per Masseroli inconcepibile rinunciare a un progetto a costo zero per il pubblico che darebbe visibilit internazionale e potenzierebbe di moltissimo lappetibilit turistica di Milano. Poi certo, non esistono dogmi, liberi loro di cambiare idea, ma dicano chiaramente cosa vogliono al posto del Mac: noi volevamo far giocare alla citt una partita internazionale, se Boeri ha paura di scegliere e preferisce rimanere in una dimensione provinciale deve per onest ammetterlo. Anche sul problema dei costi di gestione del museo, si stimano 6 milioni annui, e la difficolt di reperire collezioni allaltezza Masseroli netto: Questa la sfida di un amministratore, se lassessore non si sente allaltezza faccia un passo indietro. Intanto ieri sono continuate le polemiche agostane attorno al capolavoro di Volpedo sempre pi colorato da venature rosse. Il consigliere Biscardini, segretario Psi, ha applaudito allidea del trasferimento a palazzo Marino perch lopera simbolo del socialismo milanese. Lex vicesindaco Riccardo De Corato punta sul colpo di sole agostano di cui stato vittima Boeri. Secondo De Corato non ha alcun senso spostare unopera tra le pi viste del Museo del Novecento per metterla in Comune, dove potr essere ammirata solo durante le aperture straordinarie. Una scelta definita miope e folle ha aggiunto Masseroli.

:::

ALTRI MUSEI A RISCHIO

PALAZZO DELLE SCINTILLE Nelle sale del padiglione 3 di City Life, secondo i progetti dovrebbe trovar posto il Museo dei Bambini. BIBLIOTECA EUROPEA Opera da 290 milioni di euro da realizzare a Porta Vittoria su terreni del Comune. Il progetto carta morta da anni. GRANDE BRERA Mancano ancora i 40 milioni per il progetto esecutivo.

razioni da neo assessore aveva gi messo le mani avanti: Non si tratta solo di finanziare l'edificio, ma bisogna pensare a quanto coster farlo vi-

vere: allestimento, manutenzione, gestione ordinaria. Larchistar nostrana ha ribadito le sue titubanze anche ieri, tirando nel discorso altri pro-

getti culturali come il palazzo delle Scintille (museo dei bambini) sempre al City Life: Non posso dire cosa si potr fare o meno se prima non si avr unidea chiara sullidentit di questi luoghi - largomentazione filosofica dellassessore -. Se il museo sar gestibile e avr un senso farlo sar contento. Chi invece non fa per niente i salti di gioia lex assessore allUrbanistica Carlo Masseroli, oggi capogruppo Pdl: Boeri come al solito non fa una proposta alternativa allesistente, si esercita in generiche critiche

Il commento

Lesproprio di Pellizza, la prima cosa di sinistra di Giuliano


::: LUIGI SANTAMBROGIO
QQQ Ma via, bisogna capirli poveretti: occorreva trovare un diversivo, un colpo dala che smuovesse il fumo e lo gettasse direttamente negli occhi dei poveri contribuenti milanesi. Fare qualcosa di sinistra per fare dimenticare le tante cose di destra che fin qui hanno combinato: pi tasse per tutti, soprattutto per le famiglie del ceto medio basso, lestensione del balzello radical chic di Ecopass e stangatona (aumento del 50 per cento) sui ticket di autobus e metro. Per colpire quelli che al lavoro non ci vanno in taxi o con lauto blu. cos che la strana coppia della sinistra pi strana dItalia, larchistar Stefano Boeri e il sindaco avvocato Giuliano Pisapia, alla fine ha scovato lideona: riportare a Palazzo Marino il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, uno dei simboli universali delle lotte dei lavoratori e del socialismo italiano. Pellizza deve tornare a casa sua, qui in Comune, raccomanda Giuliano Pisapia, spalleggiato dallassessore alla Cultura Boeri che sogna di staccare il grande dipinto dai muri del Museo del 900 per appenderlo proprio nel suo ufficio: cos, quando i milanesi verranno a vederlo potranno pure fare bimbo in braccio. Pellizza lo dipinse tre anni dopo i moti repressi nel sangue dal generale Bava Beccaris che punt i suoi cannoni contro la folla sulle barricate per protestare contro il rincaro del prezzo del pane. Vabb, il paragone un potirato, ma oggi nel ruolo del feroce generale ci potrebbe stare la giunta arancione del comandante Pisapia, la prima ad aver applicato laddizionale sullIrpef per fare cassa e trovare la quadra ai bilanci municipali. Buoni tutti, a governare cos. Ma questa la sinistra a Milano: un intricato rebus politico guidato da alcuni reduci degli anni Settanta. Pisapia e Boeri: luno militava nel Movimento studentesco: la componente pi smaccatamente stalinista della nouvelle gauche. Pisapia, sei anni pi vecchio, bordeggiava i gruppi semiclandestini nati dalla dissoluzione di Lotta Continua. Oggi hanno cambiato look e frequentano buone compagnie. Al rosso antico del proletariato dei tempi di Pellizza da Volpedo preferiscono il pi moderno ed elegante arancione con striature radicalzen: la mise pi adatta per strizzare e tartassare il popolo. Vabb, si prendano pure il Quarto Stato e lo inchiodino a Palazzo Marino: la sola cosa di sinistra che sono in grado di fare.

Il Quarto Stato [Ftg] quattro chiacchiere con lui. Insomma, due piccioni con una fava, anzi con un Pellizza. Il Quarto Stato fu dipinto tra il 1898 e il 1901 e venne acquistato per pubblica sottoscrizione dal Comune di Milano nel 1920; il quadro ritrae una schiera di braccianti che avanza frontalmente, guidata in primo piano da tre persone in grandezza naturale: un uomo al centro affiancato, in posizione leggermente arretrata, da un secondo lavoratore pi anziano e da una donna con un

CRONACA

Venerd 19 agosto 2011

39

@ commenta su www.libero-news.it

Intervista al governatore

Tagliare Expo? Figuraccia planetaria


Formigoni bastona la giunta Pisapia. Nessuno pensi a ritoccare i piani: toccherebbe sparire dalla faccia della terra
::: LORENZO MOTTOLA
QQQ Cambiare il progetto improponibile. Tocca Roberto Formigoni, oggi nei panni di commissario Expo, respingere lennesimo assalto alla kermesse 2015. Stefano Boeri e altri colleghi della giunta sono tornati a parlare di un ridimensionamento dei piani. Unipotesi che il sindaco non ha smentito, ma che il governatore ritiene praticamente ridicola. O meglio, tecnicamente si potrebbe anche fare, spiega, ma poi toccherebbe sparire dalla faccia della terra per la vergogna. Mezza giunta Pisapia, partendo dal sindaco, ha iniziato a mettere in discussione lExpo. Costa troppo, dicono. E in tempi di crisi... Io non so se le cose stiano esattamente cos. Io voglio solo ricordare che Expo non n uno spreco n una spesa superflua, unoccasione straordinaria che sarebbe sciocco perdere, soprattutto in un periodo di diffocolt economica come questo. proprio quando la crescita ristagna che bisogna cercare occasioni per uscirne. Le risorse ci sono e se facciamo le cose bene non ci saranno problemi. Expo ci serve, basti pensare allindotto, partendo dalle aziende che lavoreranno direttamente allevento per arrivare a tutte quelle che avranno la possibilit mettersi di mostra grazie a questa manifestazione. E lo stesso discorso vale per le nostre localit turistiche o per il nostro patrimonio artistico. E se il problema sono solo i conti, vorrei ricordare che tutto questo significher anche un aumento di entrate per lerario. Secondo alcuni consiglieri di centrosinistra, tuttavia, meglio garantire i servizi che fare fiere. Forse a sinistra la voglia di Expo gi sparita. Questa sarebbe una visione miope e comunque vorrei ricordare che nellExpo ci abbiamo creduto tutti, da destra a sinistra. Devo forse ricordare a qualcuno che al progetto ha lavorato anche il governo Prodi? Ora nessuno di noi si faccia cogliere dalla voglia di pensare in piccolo. E per quanto riguarda il ridimensionamento?

IL COMMISSARIO

Q Una tassa per Expo? Non credo che servir. Il governo ha accantonato tutti i fondi necessari. E smentisco che Tremonti abbia intenzione di tagliare Q Boeri parla ancora di parco agroalimentare? Mi sembra che i vertici del Bie abbiano gi cancellato le qualche intellettualino Q vero che la manovra pesante, ma Expo non certo una spesa superflua. lunica occasione che ci . resta per investire

:::

FONDI SCARSI
SITO PI PICCOLO Secondo lassessore Stefano Boeri, a settembre i progetti dovrebbero essere rivisti, magari riprendendo il vecchio piano del parco agroalimentare gi bocciato dal bie. La linea di Sinistra e Libert ancora pi semplice: meglio garantire i servizi sociali che fare fiere. Se necessario, si deve rinunciare a Expo.

LA MANOVRA Il governo ha imposto tagli consistenti agli enti locali. Il Comune di Milano dovr fare a meno di circa cento milioni di euro. Con cifre simili, secondo sindaco e assessori, Palazzo Marino rischia di non avere i fondi necessari per finanziare la societ di gestione il prossimo anno.

Secondo Roberto Formigoni, i soci dellExpo Spa hanno gi ridotto allosso gli investimenti necessari per levento. Impossibile intervenire nuovamente, tanto pi che la manifestazione rappresenta una delle poche occasioni del Paese per investire e rilanciare la crescita. Fotogramma

Anche qui ricordo che noi gi abbiamo provveduto a ridisegnare Expo. Lo abbiamo reso meno costoso, togliendo alcune cose non del tutto necessarie e eliminando alcuni elementi architettonici dentro lo spazio espositivo. Ora bisogna guardare allExpo con lo sguardo di chi ci crede. I fondi ci sono tutti. Ma esiste tecnicamente la possibilit di presentarsi di fronte al Bie per chiedere di alleggerire Expo, come suggerisce qualcuno? S, certo, a patto poi di scomparire dalla faccia della terra. Vogliamo aggiungere questa figuraccia a tutte le altre? Ma per carit... non lo prendo nemmeno in considerazione, cerchiamo di essere persone serie. Forse gli appelli di Pisapia su Expo servono a chidere pi fondi al governo? Non saprei. Io ho incontrato pi volte il sindaco e siamo stati sempre in sintonia sul valore di Expo. Non ho motivo di dubitare che questo sia latteggiamento di fondo della giunta.

Pu essere che qualcunaltro voglia tornare su decisioni gi prese, ma non credo che sia questa lintenzione di Palazzo Marino. Eppure corre voce che anche Giulio Tremonti sarebbe felice di rendere lExpo meno pesante. Smentisco categoricamente. Il governo in questi anni ha fatto esattamente come Regione Lombardia: ha accantonato i fondi anno dopo anno per evitare problemi. Come ho detto, c gi stata una limatura quando ridimensionammo il progetto, ma da quel momento in poi i piani sono stati confermati e non c motivo di avere dubbi in questo senso. Queste uscite servono solo a diffondere scetticismo. Forse c ancora qualcuno del partito anti-Expo che non si rassegnato. Stefano Boeri laltro giorno tornato a parlare dellidea di realizzare un parco agroalimentare al posto dei padiglioni Anche qui, per favore, smetttiamo di chiacchierare e vediamo di essere seri. Il segretario

del Bie Loscertales venuto a Milano apposta per allontanare lidea di un Expo delle melanzane paventata da qualche intellettualino: non possiamo continuare a parlarne. Noi ora dobbiamo trasmettere incertezza, anche per coinvolgere i privati nellorganizzazione. Secondo Massimo Cacciari sarebbe meglio aumentare lIva piuttosto che far fallire questo evento. Dobbiamo aspettarci una tassa per lExpo? Io non lo ritengo necessario. chiaro che questa manovra pesante, ma Expo resta forse lunica occasione importante che abbiamo per invesitire. Dopodich, anche se qualcuno ne ha discusso, non credo che il governo voglia toccare lIva. Ultima domanda: qualcuno nellExpo Spa si lamentato per il tetto del 4 per cento imposto dal governo sulle spese di gestione. Nessun problema. Sono assolutamente convinto che in questa prospettiva positiva questo punto sar presto risolto.

LA REPLICA

Castelli insiste Il progetto si pu rivedere


Ridimensionare il progetto di Expo 2015. La proposta, che segue quanto invocato dalla giunta Pisapia, arriva dal vice ministro legista ai Trasporti e Infrastrutture Roberto Castelli intervistato da Radio Popolare. Castelli ha la delega all'Expo su infrastrutture e trasporti, ma nei giorni caldi della nomina del commissario allevento era stato tra i papabili per la poltrona, salvo poi aver dovuto lasciare il posto ai due commissari Formigoni-Pisapia. Secondo me lo spazio per rivedere il progetto c', ridimensionando alcuni interventi, come il progetto del canale navigabile e delle via d'acqua, ma salvando il cuore di Expo: padiglioni, sistemazione dell'area e parcheggi ha detto il politico lumbard. Vorrei capire cosa vuol fare la nuova giunta di Milano, perch mi pare abbia posizioni diverse al suo interno ha aggiunto. Ora ci sono due nuovi commissari, ci dicano cosa vogliono fare.

Enti locali

E il sindaco scende in piazza contro la manovra


::: GIORGIO MIGLIORE
QQQ I sindaci scendono in piazza contro il governo. E ovviamente Giuliano Pisapia sar in prima fila. LAnci ha annunciato ieri di aver anticipato i tempi del corteo per chiedere a Palazzo Chigi di rivedere lentit dei tagli agli anti locali. Il 29 agosto il presidente leghista Attilio Fontana guider la sfilata dei primi cittadini a Milano. Per Pisapia si tratta di una tappa importante per contrastare una manovra che per i Comuni paragonabile ad uno tsunami. Con questi numeri, ha gi ribadito Palazzo Marino, sar difficile garantire i servizi essenziali. E anche i finanziamenti per lExpo 2015 saranno a forte rischio. Solo per Milano il taglio delle risorse ammonta a cento milioni di euro, ha spiegato ieri il sindaco, che si sommano ai tagli del recente passato. Si tratta di un fronte che vede uniti tutti i sindaci perch penalizzare ancora una volta i Comuni significa danneggiare ulteriormente i cittadini gi duramente colpiti dalle scelte economiche tardive e sbagliate dellEsecutivo. Milano sar in prima fila nella battaglia per cambiare questa manovra iniqua e inaccettabile. Come detto, la protesta delle giunte non riguarda solo il centrosinistra. A chiamare a raccolta i sindaci del nord c il lumbard Fontana, secondo il quale Basterebbe diminuire davvero il costo da centinaia di migliaia di euro lanno di parlamentari e consiglieri regionali per ridurre il peso della manovra sui cittadini. Per la tersa volta in due anni per ripianare i conti dello Stato si mette le mani nelle casse dei Comuni. Secondo il presidente nazionale Anci Osvaldo Napoli, poi, Palazzo Chigi sta intervenendo nellunica parte sana della pubblica amministrazione. Noi siamo

gli unici, ha detto, che in questi anni ha contribuito a ridurre il debito pubblico. Nonostante questo da anni subiscono tagli di miliardi di euro, ben superiori al loro peso nel comparto. E ancora: Per intenderci: se lo Stato si fosse comportato come i Comuni, non solo non ci sarebbe il debito pubblico, ma il bilancio sarebbe in attivo. Nei Comuni lo stipendio medio di un dipendente la met di quello di un dipendente ministeriale, in media c' un dirigente ogni 52 impiegati, contro un rapporto di uno a ventidue nei ministeri. Anche per quanto riguarda laccorpamento dei municipi sotto i mille abitanti, poi, si d un colpo mortale ad una straordinaria rete di partecipazione democratica, di volontariato civico, di impegno per la propria comunit.

40

Venerd 19 agosto 2011

CRONACA

Venerd 19 agosto 2011

@ commenta su www.libero-news.it

41

Recensiti pi di cento locali

Raddoppiati
BUSINESS CINESE Il Comune di Milano li aveva definiti moderne case di tolleranza. I centri massaggi spesso nascondono attivit che vanno oltre a quanto annunciano le insegne. Per un servizietto, spiegano i clienti sul sito www.massaggiamilano.it, basta una ventina di euro. Non tutte le ragazze, tuttavia, si prestano a servizi aggiuntivi. Fotogramma

Sul web spunta la guida ai centri massaggi os


Un locale su due nasconde un bordello. Un sito spiega dove trovarli
::: LORENZO MOTTOLA
QQQ Provato ieri sera. Quaranta minuti, trenta denari per un massaggio romantico (molto olio con sfioramenti nelle zone calde senza mai prendere in mano la situazione). Non mi sembrato possibile ottenere molto, non lo consiglio. Riccardo De Corato li aveva definiti moderne case di tolleranza. Come praticamente chiunque ha sempre sospettato, nei centri massaggi non sempre ci si limita a pacche sulle spalle. Un locale su due, dicono le statistiche del Comune, nasconde un bordello. Ma la vera impresa resta distinguere tra le due categorie. Capita cos che per fugare ogni dubbio qualcuno abbia pensato di aprire un prezioso sito, www.massaggiamilano.it, per facilitare la ricerca. Lintenzione dei gestori, ne siamo certi, era quella di fornire un quadro dettagliato della situazione a Milano per permettere a tutti di evitare fastidiosi equivoci. I lettori, tuttavia, si sono concentrati sulla caccia alla battona. Nel giro di poche settimane i clienti hanno recensito un centinaio di centri, spiegando dove si possono trovare ragazze carine e disponibili che garantiscano un lieto fine a basso costo. Qualche esempio: Stanze piccole, poca riservatezza, si legge su un locale in zona Centrale, massaggio mediocre, possibile finale. In altre parole, non ci si limita alle carezze, ma il posto fa schifo. I tentativi di trovare un po di compagnia, tuttavia, non vanno sempre a

Negozi, in 76 vie sono pi stranieri che italiani


::: LINDA STROPPA
QQQ Continua a crescere la voglia di fare impresa tra i cittadini stranieri. ci che emerge leggendo i dati della Camera di Commercio di Milano. Arrivano a 76 le vie in cui le ditte con un titolare italiano rappresentano una minoranza: in due anni sono pi che raddoppiate, con un aumento del 138% dal 2009. Tra tutte, spiccano via Pietro Crespi, dove i negozi stranieri sono il 91,4% del totale, e via Arqu (85,7%). Numeri simili anche via Busseto, via Fusinato, via Torelli, Via Tracia, Via Conegliano e via Bramante. Complessivamente, il numero di ditte straniere sul totale milanese raggiunge il 25,8%: 13.914 imprese, di cui l86% ha come titolare un cittadino extra-comunitario. I proprietari spiega la Camera di Commercio - sono soprattutto egiziani (24%), che in fatto di commercio battono cinesi (20%) e marocchini. Il primato va ancora una volta a via Padova, che anche questanno si classifica come la via multietnica per eccellenza, con il maggior numero di imprese straniere: 336, per lesattezza. Seguono viale Monza e via Imbonati. Ma anche le strade della china town milanese, come via Paolo Sarpi, in cui le imprese orientali sono 115 imprese, e via Bramante, con 102 negozi di propriet cinese. Le imprese straniere rappresentano un arricchimento del nostro tessuto economico e occupazionale - ha detto Marco Accornero, presidente dellassociazione Asiim per limprenditoria immigrata e membro di giunta della Camera di Commercio - Lattivit imprenditoriale per gli immigrati, per, un percorso ancora poco agevole: rispetto agli imprenditori italiani, essi devono superare molti ostacoli di carattere economico e culturale. Una societ diversa dalla loro, con un mercato etnico da sviluppare. A cui si associano le difficolt della lingua e delladattamento. Per questo abbiamo deciso di aiutare limprenditorialit immigrata, sostenendo la formazione e organizzando dei corsi ad hoc per loro.

buon fine. Esistono anche massaggiatrici caste. Un esempio viene da una bottega in zona porta Romana. Provato pi volte, mi ero impuntato su una ragazza veramente carina ma non c stato verso, spiega un ragazzo deluso, con il tempo diventata pi accondiscendente, ma niente di strabiliante. Tempo sprecato.... La seriet delle operatrici, in generale, indigna la folla. Se avete in mente secondi fini, scordatevi ulteriori bonus, spiegano su un centro in zona Sarpi, il romanticoin

pratica lo stiramento dellelastico del perizoma condito da alcuni grattini. Ovviamente, tuttavia, si tratta di uneccezione. Praticamente ovunque si va dritti al sodo: Venti euro per il massaggio oliatissimo con ragazza carina ma non massaggiatrice e altri venti concordati per finalino frettoloso. C di meglio. Questo sicuro. Al di l della fredda cronaca, c chi entra nei dettagli, raccontando di episodi spiacevoli. Brutta esperienza in questo centro. Sono entrato in stanza

con una ragazza che, dopo avermi cosparso di olio, stata chiamata a fare il servizietto ad un altro avventore che aveva chiesto di lei. Comportamento inqualificabile. Un vero scandalo. Meglio provare in zona Bocconi: Discrezione e soddisfazione certa il motto dello studio, che ti mette a tuo agio con simpatiche ragazze cinesi, che ti fanno rilassare, coccolandoti con massaggi discreti e soddisfacenti al 100%. Prezzo 35 euro all inclusive. Vi ricorderete il ciao amore....

AllOsteria - Pizzeria da Gerry


Profumi di fiori di pesco in arrivo... aromi e sapori di lago che nascono
lo cheffone Gerry e lo cheffino Federico ti preparano allOsteria Caf di Osmate i seguenti MENU che valgono per tutti i giorni di AGOSTO sia a PRANZO che

a CENA.
ci trovi anche su www.laprovinciadivarese.it

Menu di Terra :
Tortino salato Risotto al Castelmagno Tagliata di manzo con patate Degustazione vino di Osmate, acqua e caff

Menu di Mare :
Pepata di cozze con pomodorino pachino Pennette ai frutti di mare Frittura di mare in tempura Degustazione vino di Osmate, acqua e caff

Menu di Lago :
Tris di antipasti Ravioli bont o Pennette al rag di lago Sandra al forno o Lavarello alla brace o Persico dorato Degustazione vini locali

DA SETTEMBRE 2011 INIZIEREMO A PROPORRE I MENU AUTUNNALI DI QUALITA e con veri prezzi anticrisi!
Osteria - Pizzeria da Gerry Via Marconi 27 - 21018 Osmate (VA) Tel. 347 2528641
Venire per credere!!

12, 00

12, 00

12, 00

Gli chef che non mentono mai!!

42

Venerd 19 agosto 2011

MILANO E LOMBARDIA

Venerd 19 agosto 2011

43

@ commenta su www.libero-news.it

TuttoMilano
::: le lettere
BERGAMO

Agenda
FARMACIE
Turno diurno
(dalle ore 8,30 alle ore 21,00) CENTRO (Zona Duomo, P. Volta, Garibaldi, Monforte, Lamarmora, Carrobbio, Magenta): p.za Missori, 3; v. Broletto, 30; v. Cesare Correnti, 2; v. Vincenzo Monti, 56; p.za Principessa Clotilde, 1; v.le Montenero, 37. NORD (Bovisa, Affori, Niguarda, Greco, Quarto Oggiaro, Staz. F.S. Garibaldi): v.le Certosa, 282; v. T. di Ravel, 19; v. Astesani, 43; v. Ornato 13/a; v. Arbe, 65. SUD (Ticinese, Vigentina, Rogoredo, Barona, Gratosoglio): p.za Angilberto II, 10; v. Pezzotti, 61; v. G. Govone, 29; v. Saponaro, 34. EST (Venezia, Vittoria, Romana, Loreto, Citt Studi, Lambrate, Ortica, Forlanini, Mecenate): v. Spallanzani, 15/2; v. F.lli Lumire, 2; v. Celentano, 1; v.le Abruzzi angolo v. Sansovino, 1; v. Pordenone, 1; v. Modena, 25; v. Cima, 7; c.so. XXII Marzo, 52/7; v.le Monte Nero, 37. OVEST (Lorenteggio, Baggio, Sempione, S. Siro): c.so Colombo, 1; v. Lorenteggio, 22; v. Inganni, 81; v. San Michele del Carso, 26; p.za de Angeli, 1; p.za Rosa Scolari, 3; v. Vigevano, 45 (p.za Stazione Porta Genova); v. Canonica, 6.

La cultura costa troppo e il Comune taglia anche i fuochi


Caro Besana, per motivi di lavoro non posso andare in vacanza e cos in queste settimane mi ritrovo in centro nellafa di agosto. Sono allibito di come questa citt non offra nulla o quasi nulla a chi passa lestate a Milano. Ero un deluso dellamministrazione Moratti, ma la rimpiango. Per chi rimane, a parte qualche recitina teatrale in qualche parco il gioved e due concerti di band sconosciute, non c' nulla. Le mostre che ci sono poi, sono arcinote essendo aperte da aprile. Pure a ferragosto nulla di nulla, persino i paesini fuori Milano organizzano pi eventi, sagre, concerti. Questa la nuova giunta Pisapia? Complimenti. Continuiamo pure nel solco del chi se ne frega del cittadino. Capisco i tagli e i sacrifici, ma quali idee ha partorito la nuova giunta? I paletti in Vittor Pisani, i finestrini aperti in metro contro il caldo e il biglietto Atm a 1,50 euro? Ma accidenti, possibile che la grande Milano dellExpo - quando fa comodo definirla cos - sia ridotta peggio dellultimo Comune di provincia? Possibile che non riusciamo ad avere nessun amministratore degno di questo nome in questa benedetta citt, ma questi s? Io ormai lascio ogni speranza Valentino Ruggeri e.mail Risponde Renato Besana Caro Ruggeri, le sere destate (e anche dinverno) Milano offre la sua pi recente specialit, la movida, che non promossa dal Comune ma nasce spontaneamente, dal basso. Lubriachezza molesta fino alle tre del mattino sembra essere il divertimento pi diffuso. Lindomani ci si sveglia rintronati e non si hanno troppe pretese. Altrimenti c il cinema allaperto; lo organizza anche la Regione e ci vanno quattro gatti. Al parco Sempione c il ballo liscio per i vecchietti, orgoglio del sindaco Pisapia. I fuochi dartificio no, costavano troppo. Che tristezza. La rivoluzione arancione aveva promesso di cambiare la vita ai milanesi. La sta cambiando (in peggio).

Pendolari bloccati Ma il collegamento c


Le difficolt dei trasporti attuali denunciate dai pendolari che faticosamente si recano a Milano per lavoro, fanno meditare sul progetto che il Comune di Bergamo aveva lanciato molti anni fa: la costruzione di una metropolitana per un collegamento rapido che congiungesse Bergamo con Milano. Oggi sarebbe sufficiente un collegamento con Gessate dove esiste la fermata della linea metropolitana M2. Per reperire il denaro necessario basterebbe una piccola parte del risparmio che si avrebbe con la chiusura della Provincia di Bergamo, provvedendo subito alla sua eliminazione, come molti politici sostengono da qualche anno. Luigi Poma Bergamo

Turno notturno
(dalle ore 21 alle ore 8,30) v. Boccaccio, 26; p.za Duomo, 21; p.za Cinque Giornate, 6; c.so Magenta, 96; p.za S. Maria Beltrade, 1; p.za Clotilde, 1; p.le Sempione, 8; v.le Zara, 38; v.le Testi, 90; Ripa Ticinese, 33; Stazione Centrale (Gall. Delle partenze); Stazione Garibaldi; v. Stradivari, 1; c.so Buenos Aires, 4; v. Celentano, 1; v.le Lucania, 6; v. Boifava, 31/b; c.so S. Gottardo, 1; v. Lorenteggio, 208; v. Buonarroti, 5; v. Canonica, 32; v. R. Di Lauria, 22; v Vigevano, 45; v.le Ranzoni, 2.

NUMERI -UTILI Soccorso pubblico polizia........................113


Carabinieri.................................................112 Vigili del fuoco ..........................................115 Emergenza medica ....................................118 Corpo forestale dello stato......................1515 Guardia di Finanza .................117 (02.62771) Vigili urbani......................................02.77271 PRONTO SOCCORSO Guardia medica................................02.34567 Fatebenefratelli ............................02.6363469 Policlinico.........................................02.55031 San Carlo ...........................................02.4022 San Paolo...........................................02.8184 San Raffaele.....................................02.26431 ASSISTENZA Alcolcorrelati ..............................02.33029701 Antiveleni...................................02.66101029 Anziani.......................02.8911771/89127882 Handicap ...............02.88463050/02.077/078 Odontoiatrica.............................02.66982478 Ortopedica-Traumat. .....................02.582961 Ostetrica ..........................................02.57991 Pediatrica ...................02.3119233/33100000 Psichiatrica .................................02.58309285 Tossicodipendenza .....................02.64442452 Ustioni .....................02.64442381/64442625 TELEFONI UTILI Cittadinanzattiva........................02.73950559 Lac Lombardia ...........................02.58306583 Linea Amica (ore 20-24)............02.39325273 Sordomuti DTS. .........................02.48204247 SOS Usura. ................................02.72022521 Tel. Amico Milano Sud...............02.48203600 Tel. Donna .................................02.64443043 Telefono Azzurro...................................19696 Telefono Azzurro (per i maggiori di 14 anni) ...........051.481048 Trib. diritti del malato...................02.7389441 Voce Amica................................02.70100000 Linea Verde Droga .......................800.458854 Alcoolisti Anonimi ........................02.3270202 Tel. Blu Sos Consum. .................02.76003013 Telefono amico ..........................02.55230200 ENPA Milano..............02.9706421/97064230 Ass. Consumatori.......................02.36599999 SERVIZI PUBBLICI Comune............................................02.02.02 Anagrafe servizio tel. ...................199.199600 Servizio sociali Milano..................800.777888 Multe e tasse comunali................800.851515 GAS ...................................................02.5255 Elettricit AEM ...................................02.2521 Elettricit ENEL.................................02.23201 Acquedotto................................02.84772000 AMSA ..........................................800332299 TRASPORTI ATM ............................................800.808181 Ferrovie Nord Milano.......................02.85111 Trenitalia .............................................892021 Radio Bus...................................02.48034803 Aeroporto Malpensa ..................02.58583218 Aeroporto Linate..........................02.7382787 Aeroporto Orio al Serio................035.326323 Malpensa Express ........................199.151152 Trasporto Orio al Serio....................86464854 Taxi Numero Unico .......................848814781 Radio Taxi Milano ..............................02.8585 Radio Taxi Milano ..............................02.6969 Radio Taxi Milano ..............................02.4040 Radio Taxi Malpensa....................800.911333 ACI - Soccorso Stradale ......................803116 BENZINAI NOTTURNI Viale Marche 32.......................dalle 22 alla 1 Piazzale Accursio ......................dalle 22 alle 7 Viale Liguria 12 ........................dalle 22 alle 7 Piazzale Baracca .......................dalle 22 alla 1 Viale Certosa 228 .........................fino alle 23

Le lettere via e-mail vanno inviate a: milanolettere@libero-news.eu sottolineando nelloggetto: lettere a LiberoMilano. Via posta vanno indirizzate a: LiberoMilano - viale L. Majno 42 - 20129 Milano; via fax al n. 02.999.66.227. Vi invitiamo a scrivere lettere brevi. La redazione si riserva il diritto di tagliare o sintetizzare i testi.

LA GIUNTA E IL RAMADAN

La scelta di campo musulmana


Sembra che la cattolicissima Maria Grazie Guida presieder la delegazione del Consiglio comunale che a fine agosto incontrer gli islamici, novelli Re magi. Si sa gi cosa porteranno: nuove moschee, mezzi di trasporto gratuiti (perch loro il biglietto non lo pagano) e altri doni, come case nuove per tutti. A Milano mi risulta ci siano anche numerosi buddisti, testimoni di Geova e molti altri gruppi religiosi che se ne stanno buoni buoni e che non protestano n minacciano come fanno i musulmani. Purtroppo essendo a Milano, la giunta si affida a quel vecchio proverbio milanese che tradotto suona: Chi grida di pi, vince la mucca. Lisetta Alberti Agrate Brianza (MB)

APPUNTAMENTI
Alla scoperta del Castello Sforzesco
zioni: 02.6596937 ___________________________ Oggi, ore 15 e 19 (Castello nascosto), Castello Sforzesco, 10 euro colori delle sale. Qui la pizza al trancio: alta, soffice dentro e croccante fuori. Limpasto di farina di grano tenero viene preparato e steso in teglia ogni giorno, cotto al momento nel forno a legna e ricoperto tre volte con la passata di pomodoro dellazienda campana San Marzano. Nellultimo passaggio nel forno aggiunta la mozzarella, vaccina o di bufala. Et voil la pizza pronta e fumante. Oltre 50 in men e due i formati, quello super e quello normale. In agosto sempre aperto.

Se il made in China fa tendenza


DESIGN Dal furniture design alla grafica, dalla multimedialit fino ai complementi d'arredo e alloggettistica. La mostra China New Design, allestita presso Triennale Design Museum, raccoglie una selezione di progetti in molti casi inediti, realizzata da giovani designer cinesi. I pezzi esposti spaziano da serie uniche a produzioni su scala industriale e tratteggiano un panorama ricco e variegato. Lesposizione, promossa e organizzata dallIgav (Istituto Garuzz per le Arti Visive), ha come sede anche Palazzo Chiablese a Torino.

CULLE

Fiocco rosa a LiberoMilano


nata la figlia del giornalista Bruno Baso. La redazione di LiberoMilano si congratula con mamma e pap per la nascita di Beatrice. Auguri! i colleghi di LiberoMilano

ARTE In agosto si rivela al meglio. Il Castello Sforzesco offre per tutto il mese un fitto programma di visite guidate, adatte anche alle famiglie con bambini dagli otto anni in su. Tra le proposte, allettanti quelle notturne alla luce delle torce elettriche. Si pu scegliere tra i percorsi panoramici in altezza, come le Merlate da cui si possono osservare tutti i monumenti milanesi, o i percorsi misteriosi come la Strada coperta della Ghirlandaia. In pi, litinerario Castello nascosto, oggi e il 26 agosto, per scoprire ambienti normalmente chiusi al pubblico. Tutte le visite sono organizzate dallassociazione Ad Artem (www.adartem.it). Per prenota ARDISSONE - Via Ardissone - zona 8 ASMARA - Via Asmara - zona 9 BENEDETTO M. - Via Benedetto M. - zona 3 BORDIGHERA - Via Bordighera - zona 5 CICCOTTI - Via Ciccotti - zona 9 DARSENA - Zona Darsena - zona 1 DELLA RONDINE - Via Della Rondine - zona 6 FALCK - Via Falck - zona 8 FAUCHE - Via Fauch - zona 8 GARIGLIANO - Piazzale Minniti - zona 9 MARTESANA - Piazzale Martesana - zona 2 OGLIO - Largo Oglio - zona 4 OLMI - Via degli Ulivi - zona 7 OSOPPO - Via Osoppo - zona 7 PAPINIANO - Piazza S. Agostino - zona 1 P. NUOVA - Bastioni di Porta Nuova - zona 1 ROGOREDO - Via Rogoredo - zona 4 TABACCHI - Via Tabacchi - zona 5 TRASIMENO - Via Trasimeno - zona 2 V. PERONI - Via Pascal - zona 3

___________________________ Stasera, dalle ore 19, via Tadino 41, Lima M1, tel. 02. 29522734

Gli azzurri sbarcano a Monza


SPORT In preparazione agli europei di settembre in Austria, litalia maschile di pallavolo scende in campo per un match amichevole contro la Repubblica Ceca. La sfida in programma questa sera alle 18 al Palalper di Monza.

___________________________ Oggi, 10.30-20.30, Triennale design museum, ingresso gratuito

Il segreto della pizza napoletana


TAVOLA Little Italy una pizzeria italica negli ingredienti e nei

___________________________ Oggi, ore 18, Palalper, v.le Stucchi, Monza (MB), ingresso libero

MERCATI
Oggi
BENACO - Via Benaco - zona 4 BONOLA - Via Cechov - zona 8 CANALETTO - Via Canaletto - zona 3 CATONE - Via Catone - zona 9 CITTADINI-ARSIA - V. Cittadini-V. Arsia - zona 8 CREMA - Via Crema - zona 5 CURIEL - Via Curiel - zona 6 DEI GUARNIERI - Via Dei Guarnieri - zona 5 FRATELLI DI DIO - Via Fratelli di Dio - zona 7 GRATOSOGLIO NORD - Via Baroni - zona 5 MARCO AURELIO - Via Marco Aurelio - zona 2 NEERA - Via Neera - zona 5 PAGANO - Largo V Alpini - zona 1 PISTOIA - Via Pistoia - zona 7 STRESA - Via Stresa - zona 2

LAVORI IN CORSO
Chiusura al traffico: Via Arona (tratto da Giovanni da Procida a p.le Carlo Magno): per lavori di approntamento cantiere logistico per la metropolitana linea 5. Termine lavori previsto 2015. Via Console Marcello: divieto di transito causa lavori tra Via Privata Monte Altissimo e Via Villapizzone. Il traffico deviato in Monte Altissimo Varesina. Termine lavori previsto: 28 agosto 2011. Via Arcangelo Corelli: (tratto da via Tucidide al confine col Comune di Segrate) chiusura al traffico per lavori MM di posa nuova tubazione fognatura. Termine lavori previsto 11 novembre. Via Privata Alessandro Sanquirico: strada chiusa al traffico causa lavori sulle condutture d'acqua tra Via Giuseppe Gabetti e Via Quinto Cenni Lavori di pronto intervento. Via Fabio Filzi: strada chiusa al traffico causa lavori di manutenzione tra Via Luigi Galvani e Piazza 4 Novembre per Lavori ATM di sostituzione armamento tranviario. Il traffico deviato in p.za Duca d'Aosta e p.za IV Novembre. Viale Carlo Espinasse: strada chiusa al traffico causa lavori di manutenzione tra Piazzale Santorre di Santarosa e Via Panfilo Nuvolone dalle 07:00 del 23 luglio 2011 - Lavori ATM di sostituzione armamento tranviario. Il traffico veicolare deviato su viale Certosa e via Varesina. Traffico difficoltoso in: Via Cenisio: difficolt di circolazione per la chiusura della rotatoria a seguito lavori MM5. Termine lavori previsto Aprile 2015. Via S. Dionigi per Via Ronbon: restringimento della carreggiata in direzione Segrate (SP 103 Cassanese) per lavori di rifacimento dello svincolo; il cantiere comporter la chiusura dell'entrata in Tangenziale Est (carreggiata sud) dir. Bologna. Lavori fino al 31 ottobre 2011. Via Luigi Canonica: senso unico di marcia causa lavori gasdotto tra Largo Carlo Emilio Gadda e Via Pietro Moscati in direzione Viale Elvezia. Via Vitruvio e Via Luigi Settembrini: difficolt di circolazione causa lavori termine previsto 5 settembre 2011. Via Luigi Galvani: difficolt di circolazione causa lavori tra Via Fabio Filzi e Piazza Duca d'Aosta, termine previsto 31 agosto 2011. Via Carlo Amoretti: difficolt di circolazione causa lavori sulle condutture d'acqua. termine lavori previsto 28 agosto 2011.

Domani

ARCANGELI - Via Arcangeli - zona 7

Venerd 19 agosto 2011 @ commenta su www.libero-news.it

44

LOMBARDIA

PREVISTI 37 GRADI

:::
La vetrina dellarte

Caldo record anziani a rischio


Arriver puntuale londata di caldo prevista nei prossimi giorni, con punte fino a 37. A rischio le oltre 5.000 persone anziane di Milano, che il Comune sta contattando per offrire consigli utili ad affrontare lemergenza. A disposizione, il numero verde 800.777.888 da chiamare in caso di necessit. A oggi - spiega lassessore Pierfrancesco Majorino le persone che si sono rivolte al centralino sono state 3.234

Con cera e acciaio lindiano Kapoor parla di eros e filosofia


::: CARLO FRANZA
QQQ Mai fatto opere per il godimento della vista, sarebbe pessima arte. La scultura occupa metaforicamente lo stesso spazio del corpo. A dirlo Anish Kapoor, uno dei pi importanti scultori del mondo, che interroga larte su temi vitali come leros, la filosofia e limmaterialit. Ora la mostra dellartistar indiano stata installata tra la Rotonda della Besana e la Fabbrica del Vapore. Nato a Bombay nel 1954, da padre ind e madre ebrea irachena, dal 1973 Kapoor a Londra dove emerge negli anni Ottanta del Novecento. Nel 1992 consacrato con il Turner Prize con mostre al Guggenheim e al Louvre. Ha iniziato smaterializzando ogni cosa e scolpendo prima il colore. Poi ha osato sfidare larchitettura delle citt con gigantesche sculture Gulliver come Leviathan, un corpo addormentato sotto la cupola di vetro del Grand Palais di Parigi. Alla Fabbrica del Vapore, una monumentale installazione site-specific dal titolo Dirty Corner si lascia leggere come un tunnel in acciaio corten, lungo 60 metri e alto 8 . Una sorta di calice fiore poggiato per terra, in cui la luce si incunea dallimboccatura che il femminile per poi volgersi in questa grotta profonda che rappresenta il maschile. Poi una grandinata di terriccio sassoso cade al centro del tubo facendolo tintinnare come una canna dargento. Kapoor racconta il respiro e il seme del mondo, racconta la vita e la morte, il passaggio dal buio alla luce e viceversa. Alla Rotonda della Besana, sette grandi sculture, tra cui giochi di apparizioni-sparizioni di esseri viventi su acciai lucidati; o la grande meridiana in cera, simbolo spirituale, materiale che si scioglie e d il senso della caducit della vita; o ancora al centro della struttura My Red Homeland, un cratere circolare di cera rossa, tormentata dal moto di una pala meccanica, che si avvia ad essere una sorta di ri-creazione del mondo. Con la scultura Kapoor detta la filosofia del creato, e mette a confronto noi esseri viventi e il cosmo che ci contiene.

Paolo Leoni allergastolo

Ozzy la Bestia si redime


In carcere per gli omicidi del gruppo di satanisti, ora realizza infissi per beneficenza
::: CRISTIANA LODI
QQQ Il soprannome ispirato a Madman Ozzy Osbourne, il re dellheavy metal, ma lui Paolo Ozzy Leoni: ispiratore delle cosiddette Bestie di Satana. Un gruppo di sbandati drogati che dietro il pretesto di Belzeb e del rock duro, sul finire dei Novanta, hanno seminato morte e misteri nei boschi del Varesotto. Quattro omicidi accertati, un suicidio indotto e un alone di sospetti con 18 nomi di ragazzi scomparsi che non hanno pi risposto n allappello dei genitori, n alle indagini dei magistrati. Paolo Ozzi stato definito il leader della setta assassina e oggi sconta lergastolo nel carcere di San Remo (confermato dalla Cassazione nel 2007) dove ogni tanto sfodera un nuovo strato della sua metamorfosi: da pluriassassino (di omicidi gliene hanno inflitti due, pi un suicidio

:::

IL PROCESSO
LACCUSA Nei boschi di Somma Lombardo, nel gennaio 1998, Ozzy partecipa allomicidio di Fabio Tollis e Chiara Marino. LA SENTENZA IN PRIMO GRADO Nel gennaio 2006, la Corte dAssise di Busto Arsizio lo condanna a 26 anni di carcere. LA CONDANNA In appello, nel 2007, Leoni condannato allergastolo.

indotto) a benefattore che dona infissi al bar. E non finita. Dopo i delitti era infatti passato dalla musica metal al rap, quindi aveva inaugurato un suo personalissimo profilo su MySpace e ora la buona azione verso il titolare di un chiosco di Albenga a cui lui ha ricostruito porte e finestre, mandate a fuoco mesi fa da criminali inqualificabili, per usare le parole dellerga-

stolano Ozzy alias Leoni Paolo. Secondo la legge ha satanicamente ordinato a sette complici il delitto duplice di Chiara Marino e Fabio Tollis, uccisi a colpi di piccone e sepolti nei boschi di Somma Lombarda nel gennaio 1998. Insieme con la banda, il pomeriggio dei crimini, aveva scavato la fossa dove i corpi di Chiara e Fabio restarono sepolti dal 96 al 2004: avevano

16 e 17 anni. Il padre di Fabio aveva cercato il figlio per tutto il tempo, tra la folla dei fanatici di heavy metal che si radunavano ai mille concerti dItalia. Ed era proprio Ozzy a fornire tutte le indicazioni sulle singole tappe dei tour, naturalmente. Oggi assicura di essersi redento: regala infissi ai piccoli imprenditori e mentre sconta il fine pena mai, grida la sua immacolata innocenza: sono stato condannato sulla base delle bugie di Andrea Volpe che si improvvisato pentito per ottenere lo sconto di pena. Questo il leitmotiv. Il lavoro degli infissi, invece, stato coordinato dalla cooperativa La Galeotta e realizzato insieme ad altri detenuti. Cos dalla casa circondariale, Ozzy la bestia fa il carpentiere gratis e porta avanti la sua battaglia via social network. A luglio ha incaricato un avvocato di Imperia di trovare la soluzione alla sua richiesta di giustizia.

E LA FESTA CONTINUA CON I NOSTRI PREZZI E LA QUALIT. PUOI TROVARE TANTISSIME ALTRE OFFERTE

OFFERTISSIME DELLA SCELTA


sono valide dal 26 Luglio al 30 Agosto 2011 presso i nostri punti vendita. Novit! (TAVOLA CALDA)

CI TROVATE SU INTERNET AL SITO: WWW.LASCELTA.COM

FINO AD ESAURIMENTO MERCE

VASTO ASSORTIMENTO DI DROGHERIA

PANE FRESCO TUTTI I TIPI

I NOSTRI PUNTI VENDITA LI TROVATE


Via Tolstoj, 33 (MI) - Tel. 02.475208 Via Plinio, 24 (MI) - Tel. 02.29518015 Via Padova, 199 (MI) - Tel. 02.27207441 Via F. Filzi, 47 (MI) - Tel. 02.67071771 Via Imbriani, 61 piazza Bausan (MI) - Tel. 02.39321127 Piazza Diocleziano ang. via M. Mahon (MI) Tel. 02.312935

2,79 al kg

FINO AD ESAURIMENTO MERCE

Via Plinio, 24 (MI) - Tel. 02.29518015

LOMBARDIA

Venerd 19 agosto 2011

45

@ commenta su www.libero-news.it

Torlino Vimercati (Cremona)

:::
Tacchi a spillo

A rischio il sindaco tuttofare Gelati al caramello


Taglia lerba, fa lo spazzino e il carpenitere. Il suo paese sar cancellato dalla manovra o cena Maghreb per stare pi freschi al depuratore. Con il tempo ho ::: GILBERTO BAZOLI
TORLINO VIMERCATI (CR)

QQQ Lo si pu trovare mentre taglia lerba delle aiuole, controlla le valvole del depuratore o recupera i rifiuti abbandonati. Alloccorrenza, timbra e distribuisce carte didentit. Ma Giuseppe Figoni, 59 anni, sindaco tuttofare di Torlino Vimercati (495 abitanti in provincia di Cremona), eletto nel 2004 e confermato nel 2009 alla guida di una lista civica, potrebbe essere costretto a riporre per sempre gli arnesi dei suoi molti lavori: il suo piccolo paese di campagna rischia, infatti, di essere spazzato via dalla manovra del governo. Il Comune ha un operaio, unimpiegata e mezza ragioniera perch laltra met in coabitazione con la vicina Rivolta dAdda. E cos, per risparmiare e fare ci che il personale a disposizione non potrebbe fare, il sindaco di sdoppia e, in qualche caso, si triplica. Ci riusciva, il sabato e la domenica, quando lavorava in una grande ditta alle porte di Milano. Figurarsi ora che, da quattro anni, in pensione. La giornata dellamministratore al tempo della crisi comincia reinventandosi come cantoniere. Quello del Comune fa anche lautista dello scuolabus. Allora ci penso io a pulire le strade e svuotare i cestini. Figoni si improvvisa poi giardiniere. Stamattina ho tagliato i ciuffi derba lungo le vie. E dato che era in zona, ha fatto un salto

imparato e adesso so come intervenire in caso di guasto. Cambiare un pezzo costa 800 euro pi altri 1.500 di manodopera, che per, in questo modo, non dobbiamo spendere. Metto Rossetti, che poi sarebbe uno dei miei due assessori, alle pompe dellimpianto, controllo i dati sul computer e in 15 minuti risolvo il problema. Via dal depuratore, allo sportello: La settimana scorsa ho sostituito limpiegata in ferie. Mi so arrangiare anche in ufficio. Poi di nuovo sul suo pick-up. C qualcuno che abbandona i rifiuti nei campi lungo la strada, spiega - anche cose pesanti come materassi. Mi infilo gli stivali e i guantoni e, con laiuto di qualche pensionato, li recupero. Tutto per 300 euro al mese. Ma la manovra ha tirato una riga sopra i paesi con meno di mille abitanti. Un grosso errore cancellare i Comuni virtuosi che hanno sempre lavorato per i cittadini, dice Figoni. Sono orgoglioso di aver preservato i fontanili e mantenuto il verde, con un piano regolatore con cui si rinuncia alla possibilit di costruire case per 33.000 metri cubi. Il rischio di una seconda Torlino fatta di villette a schiera al posto delle vecchie cascine, recuperate e vincolate, stato evitato, ma ora corre il pericolo di sparire lunica che c. Torlino come unoasi. Se si dovesse aggregare a un altro paese pi grande, diventerebbe una periferia.

COMMISSARIATA LAZIENDA COSTRUTTRICE

::: IL GATTO E LA VOLPE


QQQ Per chi utilizza sempre la vecchia scusa del caldo per cedere a un delizioso gelato, alla Stazione Centrale ha aperto la Cioccolateria Venchi dove si pu gustare una coppa al caramello con Macaron Ladure. Alla gelateria Le Botteghe di Leonardo, in via Solari, invece, via libera alle prelibatezze create con acqua sanificata di fonte, latte emiliano, farina di carruba e zucchero, o alle creme e sorbetti, preparati seguendo le ricette di Giampaolo Valli, tecnologo alimentare specializzato in Scienza e tecnologia del gelato artigianale. Non mancano praline e tavolette di cioccolato, che arricchiscono le vetrine del negozio. Per una pausa rinfrescante, al Bar della Rinascente, poi, aperitivo vista Duomo con cocktail e appetizer tra guglie e vetrate. Lo Smooth di via Buonarroti un melting pot di idee e stili, aperto sempre, tra ambiente minimal chic, tavolini bianchi per happy hour senza file anche al bancone, tra facciate liberty, mostre fotografiche e tele di giovani artisti. Nel cuore del Parco Sempione c il Bar Bianco, immerso nel verde e nella tranquillit, due piani e due bar aperti tutto il giorno e tutti i giorni, tra aperitivi, dj session e musica. Dalla terrazza, al secondo piano, si pu ammirare una suggestiva vista di uno dei polmoni verdi pi belli di Milano. Ma c anche El Jadida, in via Carlo Bazzi, un ritrovo nel quale convivono aromi, umori e arredi di Maghreb e Mediterraneo. Divani, cuscini, damaschi, veli e tappeti, ritmi tribali e danzatrici, ma anche narghil, prodotti a mano nella citt di Damasco. Svariati i gusti, come vaniglia, melone, cappuccino, liquirizia e menta, tabacchi importati direttamente dagli Emirati. La cena servita su tavoli di artigianato marocchino, o accoccolati sui divani. Fra le proposte, delizie del Maghreb rivisitate con spezie e aromi leggeri. In lista, per, non mancano le portate del Bel Paese, preparate dallo chef Fausto Bracchitta. Il venerd e il sabato si cena, mentre le danzatrici del ventre accompagnano i clienti nel cuore della notte.

Como, ferme le paratie


A rischio il lungolago di Como e le opere di difesa dalle piene: la Sacaim, colosso delle delledilizia di Mestre e vincitrice dellappalto di costruzione delle paratie sulla riva comasca del lago Maggiore, stata dichiarata insolvente per 581 milioni di euro dal Tribunale di Venezia. Ed spuntato lincubo del fallimento. Una mazzata per la giunta comunale guidata da Stefano Bruni che rischia di vedere calare il sipario sul maxi cantiere. Ora la Sacaim sotto osservazione: il commissario giudiziale Marco Cappelletto ha due anni di tempo per trovare una via di risanamento di appalti e azienda. L.STR

46

Venerd 19 agosto 2011

I FILM

a cura di Giorgio Carbone

::: TEATRI
ALLA SCALA
Riposo
PIAZZA SCALA - 0272003744

ARSENALE

VIA C. CORRENTI - 028321999

Le amiche della sposa


Regia: Paul Feig Cast: Rose Byrne Genere: comm Dove: Colosseo

I pinguini di mister Popper


Regia: Mark Waters Cast: Jim Carrey Genere: comm Dove: Plinius

Almeno tu nelluniverso
Regia: Andrea Biglione Cast: Giulia E. Gorietti Genere: dramm Dove: Bicocca

Hanna
Regia: Joe Wright Cast: Saoirse Ronan Genere: thriller Dove: Apollo

Aperte le iscrizioni ai corsi di teatro Scuolarsenale Campagna abbonamenti 2011-2012

AUDITORIUM DI MILANO
L.GO GUSTAV MAHLER - 0283389201-202-203

Una ragazza nubile accetta senza molto entusiasmo di far da damigella a unamica che si sposa. Commediassa molto prevedibile. Ma vispa.

Uno yuppie che non ama gli umani (figuriamoci gli animali) si ritrova in casa una trib di pinguini. Bene Jim Carrey, meno sgradevole del solito.
I guardiani del destino

Un ragazzo e una ragazza. Lui depresso e lei lo guarisce. Lei malata e lui cerca di guarirla. Tutto gi detto. Ma il regista (22 anni) forse non lo sa.
SALA OLMI

Una pestifera agente della Cia vuol far fuori una ragazzina. Che per si rivela pi dura di lei. Curioso ma intrigante pastiche di fiaba e spy story.

Riposo

CARCANO

C.SO DI P.TA ROMANA, 65 - 0255181377

Campagna abbonamenti 2011/2012


Dal luned al venerd ore 8.30-18.30 fino al 22 luglio.

::: CINEMA MILANO


ANTEO SPAZIOCINEMA
The Tree of Life
Drammatico. Di Terrence Malick con Brad Pitt VIA MILAZZO, 9 - 026597732 SALA CINQUANTA EURO 5,00-7,50 SALA CENTO
EURO 5,00-7,50

Drammatico. Di George Nolfi con Matt Damon

At the end of the day Un giorno senza fine


Thriller. Di Cosimo Alema con Andrew Harwood Mills

CIAK WEBANK.IT
SALA 13 EURO 6,50-8,20 SALA 14 EURO 6,50-8,20 SALA 14 EURO 8,20 SALA 15
EURO 10,50

VIA PROCACCINI, 4/C (C/O) FABBRICA DEL VAPORE

17.50-20.20-22.30 Hanna
Thriller. Di Joe Wright con Saoirse Rona

Riposo

SALA SCORSESE

16.20-18.25-20.30-22.45 Cars 2
Animazione. Di Brad Lewis, John Lasseter

ELFO PUCCINI
CORSO BUENOS AIRES, 33 - 0200660606

17.50-20.10-22.30 Michel Petrucciani - Body & Soul


Documentario. Di Michael Radford

SALA TRUFFAUT

17.00-19.40-22.15 Il ragazzo con la bicicletta


Drammatico. Di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne con Jeremie Renier

17.30-20.00 Una notte da leoni 2


Commedia. Di Todd Phillips con Zach Galifianakis

Campagna abbonamenti 2011/2012

17.50-20.20-22.30

EX O.P. PAOLO PINI


CORSO BUENOS AIRES, 33 - 0200660606

GLORIA MULTISALA
15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici

CORSO VERCELLI 18 - 0248008908 SALA MARILYN EURO 4,50-7,50

17.00-18.45-20.40-22.30 Le donne del sesto piano


Commedia. Di Philippe Le Guay con Fabrice Luchini

I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

22.40 Transformers 3 3D
Fantastico. Di Michael Bay con Shia LaBeouf

Campagna abbonamenti 2011/2012


da luned a venerd 11.30-13.30/14.30-18.30

SALA DUECENTO EURO 5,00-7,50

19.00-22.15 Conan the Barbarian 3D


Azione. Di Marcus Nispel con Jason Momoa

FRANCO PARENTI
SALA 16 EURO 10,50 SALA 17
EURO 6,50-8,20

VIA PIER LOMBARDO, 14 - 0259995206

17.30-20.15-22.30 Il Conformista - versione digitale 2K SALA QUATTROCENTO


Drammatico. Di Bernardo Bertolucci con Jean-Louis Trintignant
EURO 5,00-7,50

SALA GARBO
EURO 4,50-7,50

Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

15.20-17.40-20.10-22.30

16.40-19.50-22.30 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

Campagna Abbonamenti: IMPARENTATEVI 2011 - 2012


Dal luned alla domenica dalle 10.00 alle 19.00

17.00-20.00-22.30

MEXICO
Il primo incarico
SALA GEA
EURO 5,50-7,50

VIA SAVONA, 57 - 0248951802


EURO 6,00

APOLLO SPAZIOCINEMAGALL. DE CRISTOFORIS 3 - 02780390


Il ragazzo con la bicicletta
Drammatico. Di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne con Jeremie Renier

17.10-19.50-22.35 Diario di una schiappa 2


Commedia. Di David Bowers con Zachary Gordon

LIBERO
Riposo

VIA SAVONA, 10 - 028323126

SALA 18
EURO 6,50-8,20

Drammatico. Di Giorgia Cecere con Isabella Ragonese

16.50-18.30-20.20-22.00

17.20-20.05-22.20

LITTA

CORSO MAGENTA, 24 - 0286454545

ODEON - THE SPACE CINEMA


VIA SANTA RADEGONDA, 8 - 892111

UCI CINEMAS CERTOSA


Le amiche della sposa
Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

VIA STEPHENSON, 29 - 892960 SALA 1 EURO 8,20 SALA 2


EURO 8,20

Campagna abbonamenti 2011/2012


La biglietteria del Teatro Litta rimarr chiusa dal 9 luglio al 4 settembre compresi. Gli uffici rimarranno chiusi dal 30 luglio al 4 settembre compresi.

15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

SALA FEDRA
EURO 5,50-7,50

Chiuso

15.00-17.30-20.00-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

ORFEO MULTISALA
Chiusura estiva

VIALE CONI ZUGNA, 50 - 0289403039

20.10-22.50 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

MANZONI
Riposo

VIA MANZONI, 42 - 027636901

SALA ELETTRA
EURO 5,50-7,50

PALESTRINA
Chiusura estiva

VIA PALESTRINA, 7 - 026702700

19.40-22.00 Conan the Barbarian 3D


Azione. Di Marcus Nispel con Jason Momoa

15.30-17.50-20.30-22.30 Hanna
Thriller. Di Joe Wright con Saoirse Rona

SALA DAFNE EURO 5,50-7,50 SALA URANIA


EURO 5,50-7,50

PLINIUS MULTISALA
Le amiche della sposa

SALA 3 EURO 10,50 SALA 4 EURO 8,20

MENOTTI-TIEFFE
VIA CIRO MENOTTI, 11 - 0236592544

VIALE ABRUZZI, 28/30 - 0229531103 SALA 1 EURO 4,50-7,50

20.00-22.40 Tekken
Azione. Di Dwight H Little con Jon Foo

Campagna abbonamenti 2011/2012


Dal luned al venerd dalle ore 15.00 alle 19.00. Sabato dalle ore 16.00 alle 19.00

15.30-17.50-20.15-22.30 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

15.00-17.30-20.00-22.30 Captain America: il primo vendicatore 3D SALA 2


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

20.20-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici SALA 5


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell
EURO 8,20

NUOVO
PIAZZA SAN BABILA - 0276000086

15.00-16.50-18.40-20.30-22.30

ARCOBALENO FILMCENTER
VIALE TUNISIA 11 - 0229406054-199199166

15.00-17.30-20.00-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici SALA 3


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell
EURO 4,50-7,50

20.20-22.40 Horror Movie


Comico. Di Bo Zenga con Steve Howey

Campagna abbonamenti 2011/2012


SALA 6 EURO 8,20 SALA 7 EURO 8,20 SALA 8 EURO 8,20

Chiusura estiva

OUT OFF
VIA MAC MAHON, 16 - 0234532140

ARIOSTO
Chiusura estiva

VIA ARIOSTO, 16 - 0248.003901

15.30-17.50-20.10-22.30 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

SALA 4 EURO 4,50-7,50

19.30-22.30 Hanna
Thriller. Di Joe Wright con Saoirse Rona

Riposo

ARLECCHINO
Chiusura estiva

VIA S. PIETRO ALL`ORTO, 9 - 0276001214-199445668

15.30-17.50-20.10-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II SALA 5


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe
EURO 4,50-7,50

20.20-22.45 Almeno tu nelluniverso


Commedia. Di Andrea Biglione con Giulia Elettra Gorietti

PICCOLO TEATRO STREHLER


LARGO GREPPI, 1 - 848800304

CENTRALE MULTISALA
Bronson

Campagna abbonamenti 2011/2012


Fino al 22 luglio: orari da luned a venerd ore 12.00-18.30 . Sabato e domenica chiuso. Dal 23 luglio al 31 agosto chiusura estiva.

VIA TORINO 30/32 - 02874826 SALA 1 EURO 4,50-7,00 SALA 2

15.00-18.00-21.00

20.00-22.45
VIALE SARCA, 336 - 892960 SALA 01 EURO 6,50-8,20 SALA 02 EURO 6,50-8,20 SALA 03 EURO 6,50-8,20

Biografico. Di Nicolas Winding Refn con Tom Hardy

UCI CINEMAS BICOCCA


I pinguini di Mister Popper
Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

ARIANTEO - CONSERVATORIO
VIA CONSERVATORIO 12 - 026597732

14.30-16.30-18.30-20.30-22.30 Dancing Dreams - Sui passi di Pina Bausch

Il responsabile delle risorse umane


Drammatico. Di Eran Riklis con Mark Ivanir
EURO 6,50

PICCOLO TEATRO STUDIO EXPO


VIA RIVOLI, 6 - 848800304

Documentario. Di Anne Linsel, Rainer Hoffmann con Pina BauschEURO 4,50-7,00

17.00-19.30-21.45 Conan the Barbarian


Azione. Di Marcus Nispel con Jason Momoa

21.30

Riposo

14.30-16.30-18.30-20.30-22.30

COLOSSEO

V.LE MONTE NERO, 84 - 0259901361-199445668 SALA VENEZIA

17.30-20.10-22.45 Horror Movie


Comico. Di Bo Zenga con Steve Howey

ARIANTEO - P.TA VENEZIA


BASTIONI P.TA VENEZIA, 3 - 026597732

SALA FONTANA
VIA BOLTRAFFIO, 21 - 0269015733

Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

Femmine contro maschi


Commedia. Di Fausto Brizzi con Con Claudio Bisio
EURO 6,50

Riposo

17.30-20.00-22.30 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

17.10-20.00-22.20 Captain America: il primo vendicatore 3D SALA 04


SALA CANNES Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans
EURO 10,50

21.00

SAN BABILA

CORSO VENEZIA, 2/A - 02795469

ARIANTEO - UMANITARIAVIA SAN BARNABA, 48 026597732

Campagna abbonamenti 2011/2012


Da luned a venerd ore 10.00-13.00 / 14.00-18.00. Sabato 11.00-13.00

17.50-20.20-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

17.15-20.00-22.45 Grease - Brillantina


Musicale. Di Randal Kleiser con John Travolta SALA BERLINO

SALA 05
EURO 6,50-8,20

Somewhere
Commedia. Di Sofia Coppola con Stephen Dorff
EURO 6,50

TEATRO DAL VERME


VIA SAN GIOVANNI SUL MURO, 2 - 0287905

17.50-20.20-22.30 Conan the Barbarian 3D


Azione. Di Marcus Nispel con Jason Momoa

17.30-20.00-22.30 Tekken
Azione. Di Dwight H Little con Jon Foo

20.40-22.30
SALA 06
EURO 6,50-8,20

AUDITORIUM DON BOSCO


VIA M. GIOIA, 48 - 0267071772

Riposo

SALA SUNDANCE

TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI


VIA DELLINNOVAZIONE, 2 - 0236508343

17.50-20.10-22.30 Captain America: il primo vendicatore


Fantastico. Di Joe Johnston con Chris Evans

18.20-20.30-22.40 Almeno tu nelluniverso

SALA 07 Commedia. Di Andrea Biglione con Giulia Elettra Gorietti EURO 6,50-8,20 SALA 08 EURO 6,50-8,20

Chiusura estiva

AUDITORIUM SAN CARLO


CORSO MATTEOTTI 14 - 0276020496

Riposo

SALA LOCARNO

16.30-18.30-20.30-22.35 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

TEATRO DELLA COOPERATIVA


VIA HERMADA,82 - 0264749997 - 026420761

Riposo

17.30-20.00-22.30

DUCALE MULTISALA
PIAZZA NAPOLI 27 - 0247719279-199199166

17.30-20.05-22.25 Come ammazzare il capo e... vivere felici SALA 09


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell
EURO 6,50-8,20

AUDITORIUM SAN FEDELE VIA HOEPLI, 3/B - 0286352231


Chiusura estiva

Riposo

TEATRO DELLA MEMORIA


VIA CUCCHIARI, 4 - 02313663

GNOMO MILANO CINEMA VIA LANZONE 30/A - 02804125


Chiusura estiva

Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

SALA 1 EURO 4,50-7,50 SALA 2 EURO 4,50-7,50 SALA 3


EURO 4,50-7,50

17.15-20.00-22.30 Hanna
Thriller. Di Joe Wright con Saoirse Rona

Riposo
VIA SETTALA 27 - 0229529038

17.30-20.00-22.30 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

SALA 10 EURO 6,50-8,20

GREGORIANUM
Chiusura estiva

TEATRO DI VERDURA
VIA SENATO, 14 C/O BIBLIOTECA - 0276215318

17.30-20.00-22.30 Grease - Brillantina


Musicale. Di Randal Kleiser con John Travolta

17.40-20.15-22.45 Harry Potter e i doni della morte Parte II 3D


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

ORIONE
SALA 11 EURO 10,50 SALA 12
EURO 8,20

VIA FEZZAN-ANG. V.LE C. DA FORLI, 1 - 024294437

Dal 24/8: Della fede


con Franco Loi ore 21.00

Chiusura estiva

17.30-20.00-22.30 Hanna
Thriller. Di Joe Wright con Saoirse Rona

16.50-19.40-22.35 Hanna
Thriller. Di Joe Wright con Saoirse Rona

ORIZZONTE
Riposo

TEATRO FILODRAMMATICI
PIAZZA DAMIANO CHIESA - 0233603133 VIA FILODRAMMATICI, 1 - 0236595671

Riposo
VIALE VITTORIO VENETO 2 - 0277406300

SALA 4 EURO 4,50-7,50

SPAZIO OBERDAN CINETECA ITALIA


Chiusura estiva

17.30-20.00-22.30

22.30 Per sfortuna che ci sei


Commedia. Di Nicolas Cuche con Francois-Xavier Demaison

TEATRO LEONARDO DA VINCI


VIA AMPRE, 1 - 0226681166

SALA 12
EURO 6,50-8,20

ELISEO MULTISALA
17.50-20.20-22.30

VIA TORINO 64 - 0272008219-199445668 SALA KUBRICK

WAGNER
Riposo = BELLO

Riposo
PIAZZA WAGNER, 2 - 024817443

Le donne del sesto piano


Commedia. Di Philippe Le Guay con Fabrice Luchini

16.20-18.20-20.25

TEATRO OSCAR - PACTA DEI TEATRI


VIA LATTANZIO, 58 - 0236503740

LEGENDA:

= DA EVITARE

= COS COS

= DA NON PERDERE

Riposo

Venerd 19 agosto 2011

47

:::LOMBARDIA
HINTERLAND
ASSAGO UCI CINEMAS MILANOFIORI
VIALE MILANOFIORI - TEL. 892960 I pinguini di Mister Popper 19.55-22.15 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.05-22.25 Tekken 20.10-22.20 Horror Movie 20.10-22.30 Conan the Barbarian 3D 20.00-22.35 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.10-22.10 Hanna 19.50-22.20 Grease - Brillantina 22.30 Almeno tu nelluniverso 20.00-22.15 Le amiche della sposa 20.15-22.25 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.30

MONZA
VIA DUCA D`AOSTA, 8 - TEL. 039748081

TRIANTE

VITTUONE Chiusura estiva

CINEMA TEATRO TRESARTES

DARFO BOARIO MULTISALA GARDEN MULTIVISION


PIAZZA MEDAGLIE D`ORO 2 - TEL. 0364529101 Conan the Barbarian 3D 20.00-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.00-22.30 I pinguini di Mister Popper 20.00 Hanna 22.30 Le amiche della sposa 20.00-22.30

CINECITY MULTIPLEX
PIAZZALE CESARE BECCARIA 5 - TEL. 0376340740 Conan the Barbarian 3D 19.45-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.30-22.40 Horror Movie 20.30-22.40 Le amiche della sposa 20.00-22.30 I pinguini di Mister Popper 20.20-22.30 Hanna 20.10-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00-22.30

PIAZZA ITALIA 5 - TEL. 0290119352

Riposo OPERA
VIA GIOVANNI XXIII, 5/F - TEL. 0257603881

EDUARDO

BERGAMO
ALBA-BLOB HOUSE
VIA BIAVA, 4 - TEL. 035576080

Chiusura estiva PADERNO DUGNANO


VIA OSLAVIA, 8 - TEL. 029189181

AREA METROPOLIS

Chiusura estiva PADERNO DUGNANO

Chiusura estiva CONCA VERDE


VIA MATTIOLI, 1 - LOC. LONGUELO - TEL. 035251339

ERBUSCO

MULTIPLEX PORTE FRANCHE

LE GIRAFFE

BELLINZAGO LOMBARDO

ARCADIA

C.C. LA CORTE LOMBARDA - TEL. 02954164445 Le amiche della sposa 17.15-19.50-22.25 Horror Movie 17.45-20.30-22.45 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.20-19.55-22.30 Conan the Barbarian 17.30-20.10-22.40 Conan the Barbarian 3D 18.30-21.10 Captain America: il primo vendicatore 17.50-20.20-22.50 I pinguini di Mister Popper 17.10-20.15-22.20 Cars 2 17.25 Tekken 20.05-22.10 Come ammazzare il capo e... vivere felici 17.35-20.25-22.35 Grease - Brillantina 20.00 Hanna 17.40-22.15

VIA BRASILE, 4 - TEL. 0291084250 Conan the Barbarian 3D 17.50-20.20-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 17.40 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.10-22.40 Hanna 18.40-21.20 Cars 2 17.40-20.00 I guardiani del destino 22.40 Le amiche della sposa 17.30-20.00-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 17.30-20.00-22.30 Horror Movie 18.00-19.50-21.50 Captain America: il primo vendicatore 19.00-21.30 Transformers 3 18.20-21.20 Tekken 17.20-19.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.45 Come ammazzare il capo e... vivere felici 17.40-20.10-22.40 I pinguini di Mister Popper 18.00-19.50 Hanna 22.40 I pinguini di Mister Popper 17.30-20.30-22.40

Chiusura estiva DEL BORGO


PIAZZA S. ANNA 51 - TEL. 035270760

Chiusura estiva ESTERNO NOTTE


CORTILE DELLA BIBLIOTECA CAVERSAZZI - VIA TASSO, 4 - TEL. Il ragazzo con la bicicletta 21.15

VIA ROVATO 44 - TEL. 0307717644 Le amiche della sposa 17.20-19.50-22.20 Come ammazzare il capo e... vivere felici 17.30-20.20-22.30 Horror Movie 17.10-20.00-22.10 I pinguini di Mister Popper 17.00-20.00-22.00 Hanna 17.50 Conan the Barbarian 17.40-20.10-22.40 Conan the Barbarian 3D 21.00

MIGNON
VIA BENZONI, 22 - TEL. 0376366233 Tutti al mare 21.00

CURTATONE

STARPLEX CURTATONE
20.20-22.45 20.05-22.35 20.25-22.40 20.10-22.15 20.30 22.30 20.15-22.20 21.30

MULTISALA SAN MARCO


P.LE REPUBBLICA 2 - TEL. 035240416 Il ragazzo con la bicicletta Noi credevamo 21.30

LONATO

MULTISALA KING

STUDIO CAPITOL
VIA TASSO, 41 - TEL. 035248330 The Tree of Life La solitudine dei numeri primi Il cigno nero 21.30 21.30 21.30

VIA FORNACE DEI GORGHI - TEL. 0309913670 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.30-22.45 Conan the Barbarian 3D 20.10-22.50 Le amiche della sposa 20.00-22.40 Diario di una schiappa 2 20.25-22.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.00-22.30

VIA G. MONTANELLI, 31 - TEL. 0376348395 Come ammazzare il capo e... vivere felici Le amiche della sposa Horror Movie I pinguini di Mister Popper Tekken Hanna Come ammazzare il capo e... vivere felici Almeno tu nelluniverso

PAVIA
ARENA ESTIVA
VIA VOLTA 31 - TEL. 0382 25366

ORZINUOVI

STARPLEX ORZINUOVI
20.10-22.35 20.20-22.35 21.20 20.15-22.25 20.25-22.30 20.15-22.30 20.15 22.35

ALBINO
PIAZZA SAN GIULIANO - TEL. 035751490

NUOVO CINETEATRO

PIOLTELLO

UCI CINEMAS PIOLTELLO

Chiusura Estiva CLUSONE


VIA XXV APRILE, 1 - TEL. 034622275 Fast & Furious 5
VIA TRIESTE, 15 - TEL. 0363992244

CINEMA GARDEN
21.00

CERNUSCO S. NAVIGLIO
VIA MARCELLINE 37 - TEL. 029245343

AGORA`

Chiusura estiva CERRO MAGGIORE THE SPACE CINEMA SPA CERRO MAGGIORE
VIA TURATI, 62 - TEL. 892111 I pinguini di Mister Popper 17.40-20.00-22.20 Captain America: il primo vendicatore 16.45-19.30 Almeno tu nelluniverso 22.15 Grease - Brillantina 16.35-21.45 Tekken 19.10 Diario di una schiappa 16.40 Captain America: il primo vendicatore 18.50-21.35 Diario di una schiappa 2 16.50 Hanna 19.10-21.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 16.30-19.20 Tekken 22.10 Tekken 17.00 Conan the Barbarian 3D 19.15-21.50 Conan the Barbarian 18.35-21.10 Le amiche della sposa 16.30-19.15-22.00 Come ammazzare il capo e... vivere felici 17.50-20.10-22.30 Horror Movie 17.00-19.20-21.35

VIA SAN FRANCESCO, 33 - TEL. 892960 Tekken 20.10-22.30 Almeno tu nelluniverso 20.00-22.30 Conan the Barbarian 3D 21.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 21.15 Horror Movie 20.10-22.20 Le amiche della sposa 19.45-22.35 Conan the Barbarian 20.00-22.40 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.50-22.40 Grease - Brillantina 20.00-22.30 I pinguini di Mister Popper 20.10-22.30 Hanna 22.10 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 19.10 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.00-22.30 Hanna 19.50-22.30 Diario di una schiappa 2 19.45-22.00

CORTENUOVA CINESTAR MULTIPLEX CORTENUOVA


Tekken 22.35 I pinguini di Mister Popper 20.25-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.15-22.25 Almeno tu nelluniverso 21.20 Le amiche della sposa 20.10-22.35 Horror Movie 20.20-22.35 Conan the Barbarian 3D 20.15-22.30

VIA LOMBARDIA 26/28 - TEL. 030943605 Le amiche della sposa Horror Movie Almeno tu nelluniverso Come ammazzare il capo e... vivere felici I pinguini di Mister Popper Conan the Barbarian 3D Hanna Tekken

Riposo CORALLO
VIA BOSSOLARO, 15 - TEL. 0382539224

Chiusura estiva POLITEAMA


C.SO CAVOUR, 18/20 - TEL. 0382530343

Chiusura estiva PARONA

MOVIE PLANET

SALO Chiusura estiva ASTRA

CINEMA TEATRO CRISTAL

L.GO DANTE ALIGHIERI 4 - TEL. 0365521555

COMO

V.LE GIULIO CESARE, 3 - TEL. 031261234

STRADA PROV.LE PER LA CATTANEA, 106 - TEL. 0384296728 Conan the Barbarian 3D 20.00-22.30 Horror Movie 20.10-22.30 I pinguini di Mister Popper 20.10-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.10-22.30 Hanna 20.00-22.30 Le amiche della sposa 20.00-22.30 I ragazzi stanno bene 20.10-22.30

COSTA VOLPINO
VIA TORRIONE, 2 - TEL. 035971717

IRIDE VEGA

Chiusura estiva GLORIA


VIA VARESINA, 72 - TEL. 0314491080

MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA THE SPACE CINEMA MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA CINELANDIA MULT. CANTU 2000
VIA MIRABELLA, 6 - TEL. 892111 I pinguini di Mister Popper 17.50-20.05-22.20 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 16.45-19.35 Come ammazzare il capo e... vivere felici 15.55-18.05-20.15-22.25 Almeno tu nelluniverso 22.25 Hanna 16.05 Grease - Brillantina 18.30-21.15 Le amiche della sposa 16.45-19.30-22.15 Captain America: il primo vendicatore 3D 17.15-22.30 Hanna 20.00 Horror Movie 16.05-18.15-20.25-22.35 Conan the Barbarian 3D 17.20-19.55-22.30 Tekken 16.25-18.30-20.35-22.40

Chiusura estiva CURNO

UCI CINEMAS CURNO

ROZZANO
V.LE LOMBARDIA, 53 - TEL. 0257501923

FELLINI

Chiusura estiva ROZZANO

THE SPACE CINEMA ROZZANO

CESANO BOSCONE
VIA POGLIANI, 7/A - TEL. 024580242

CRISTALLO MARCONI PAX VILLA GHIRLANDA


21.30

Chiusura estiva CINISELLO BALSAMO


VIA LIBERTA 108 - TEL. 0266015560

Chiusura estiva CINISELLO BALSAMO


VIA FIUME, 19 - TEL. 026600102

Chiusura estiva CINISELLO BALSAMO


VIA FROVA 10 - TEL. Red VIA DON P. GIUDICI 19/21 - TEL.

VIA EUGENIO CURIEL - TEL. 892111 Captain America: il primo vendicatore 3D 16.00-19.00 Conan the Barbarian 3D 22.00 I pinguini di Mister Popper 15.00-17.20-19.40-22.00 Horror Movie 15.30-17.45-20.00-22.15 Diario di una schiappa 2 16.30-19.00 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.30 Diario di una schiappa 15.30 Captain America: il primo vendicatore 18.00-21.00 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 16.00-19.00 Almeno tu nelluniverso 22.00 Grease - Brillantina 15.00-17.35-20.10-22.45 Le amiche della sposa 16.30-19.15-22.00 Hanna 16.00-19.00-22.00 Captain America: il primo vendicatore 3D 16.30-19.30 Tekken 22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 15.40-17.50-20.00-22.10 Conan the Barbarian 3D 16.30-19.00-21.30 Conan the Barbarian 15.00-17.30-20.00-22.30

VIA LEGA LOMBARDA, 39 - TEL. 892960 Conan the Barbarian 3D 20.00-22.40 Tekken 20.10-22.20 Hanna 20.00-22.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 19.50-22.40 Horror Movie 20.10-22.40 I pinguini di Mister Popper 20.00-22.20 Le amiche della sposa 20.00-22.45 Grease - Brillantina 20.00-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici20.10-22.30

Chiusura estiva CANTU

CORSO EUROPA 23 - TEL. 031710039 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.20-22.40 Le amiche della sposa 20.10-22.40 I pinguini di Mister Popper 20.30-22.40

CANTU
VIA MANZONI, 8 - TEL. 031714759

LUX

Chiusura estiva MONTANO LUCINO UCI CINEMAS MONTANO LUCINO


VIA VARESINA - TEL. 892960 Grease - Brillantina 20.00-22.30 Captain America: il primo vendicatore 20.00-22.45 Le amiche della sposa 20.00-22.45 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00-22.45 Almeno tu nelluniverso 20.10-22.35 Conan the Barbarian 3D 20.00-22.40 I pinguini di Mister Popper 20.10-22.35 Hanna 20.10-22.40 Horror Movie 20.10-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.05-22.25 Tekken 20.10-22.30

MOZZO

CINE TEATRO AGORA

VIA S.GIOVANNI BATTISTA 6 - TEL. 035461699

Chiusura estiva ROMANO DI LOMBARDIA MULTISALA IL BORGO


S.S. SONCINESE - TEL. 0363903816

SONDRIO
EXCELSIOR
VIA C. BATTISTI - TEL. 0342215368

Chiusura estiva TREVIGLIO

ARISTON MULTISALA

Chiusura estiva STARPLEX SONDRIO


VIA VANONI, ANGOLO VIA TONALE - TEL. 0342214709 Horror Movie Le amiche della sposa Conan the Barbarian 3D Come ammazzare il capo e... vivere felici 22.30 21.30 21.20 21.30

VIALE MONTEGRAPPA - TEL. 0363419503 Hanna 22.20 Captain America: il primo vendicatore 19.50 Horror Movie 20.30-22.40 Conan the Barbarian 3D 20.00-22.20 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.20-22.30 Le amiche della sposa 20.00-22.20 I pinguini di Mister Popper 20.20-22.30

CREMONA

MORBEGNO

CINEMA TEATRO IRIS


21.15

ARENA GIARDINO
PARCO TOGNAZZI - TEL. 3465252110 Benvenuti al Sud 21.30

SAN DONATO MILANESE


PIAZZA DALLA CHIESA, 1 - TEL. 0255604225

TROISI METROPOL ROMA

BRESCIA
VIA GALILEO GALILEI, 56 - TEL. 030/305828

VIALE AMBROSETTI 27 - TEL. 0342611711 I pinguini di Mister Popper

MORBEGNO Riposo MORBEGNO

CINEMA TEATRO PEDRETTI

COLOGNO MONZESE CINE-TEATRO SAN MARCO Riposo COLOGNO MONZESE


VIA VOLTA - TEL. 0225308292

Chiusura estiva SEREGNO


VIA UMBERTO I , 14 - TEL. 0362231385

CINEMA CHAPLIN
VIA ANTICHE FORNACI 58 - TEL. 0372453005

PIAZZA MATTEI 1 - TEL. 0342610161

CINETEATRO AUDITORIUM S. LUIGI ITALIA GALLERIA SALA RATTI EXCELSIOR UCI CINEMAS LISSONE

Riposo GARBAGNATE
VIA VISMARA, 2 - TEL. 029956978

Chiusura estiva SEREGNO


VIA CAVOUR, 83 - TEL. 0362230555

Chiusura estiva MORETTO


VIA S. ALESSANDRO - TEL. 03048383

Chiusura estiva FILO


P.ZZA FILODRAMMATICI, 1 - TEL. 0372411252 Dancing Dreams - Sui passi di Pina Bausch 21.15

CINEMA 3
21.15

VIALE AMBROSETTI, 25 - TEL. 0342610161

S. ROCCO

Riposo GARBAGNATE
VIA VARESE, 29 - TEL. 029956978

Chiusura estiva SESTO SAN GIOVANNI CINELANDIA - SKYLINE MULTIPLEX


C/O CENTRO SARCA - TEL. 0224860547

Chiusura estiva MULTISALA WIZ


VIALE ITALIA ANG. VIA F.LLI UGONI - TEL. 0302889211 Come ammazzare il capo e... vivere felici 14.35-16.35-18.35-20.35-22.35 I pinguini di Mister Popper 14.40-16.40-18.40-20.40-22.40 Conan the Barbarian 15.20-17.40-20.20-22.40 Hanna 15.20-17.35-20.20-22.35 Captain America: il primo vendicatore 3D 15.10-17.40-20.10-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 15.15-20.00 Almeno tu nelluniverso 17.50-22.35

Le amiche della sposa

TIRANO Riposo

CINEMA TEATRO MIGNON

SPAZIOCINEMA CREMONA PO
VIA CASTELLEONE, 108 - TEL. Horror Movie 20.30-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00 Captain America: il primo vendicatore 22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.30-22.30 I pinguini di Mister Popper 20.30-22.30 Hanna 20,15-22,30 Le amiche della sposa 20,00-22,30 Conan the Barbarian 3D 20,30-22,30

PIAZZA MARINONI 1 - TEL. 0342705454

VARESE
MULTISALA IMPERO
VIA BERNASCONI 13 - TEL. 0332284004 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.00-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00-22.30 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.10-22.40 Conan the Barbarian 20.00-22.20 Diario di una schiappa 20.00-22.30 Le amiche della sposa 19.40-22.20

Riposo LEGNANO
P.ZZA S. MAGNO - TEL. 0331547865

Chiusura estiva LEGNANO


C.SO MAGENTA, 9 - TEL. 0331546291

Chiusura estiva LISSONE


VIA DON CARLO COLNAGHI, 3 - TEL. 0392457233

Riposo LISSONE

VIA MADRE TERESA - TEL. 039 484767 Hanna 20.10-22.40 Almeno tu nelluniverso 20.20-22.30 I pinguini di Mister Popper 20.00-22.20 Le amiche della sposa 20.00-22.30 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 19.55-22.55 Conan the Barbarian 3D 20.10-22.35 Captain America: il primo vendicatore 3D 20.05-22.50 Tekken 20.15-22.20 Grease - Brillantina 20.00-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.20-22.15 Horror Movie 20.30-22.40

Il discorso del re 15.00-17.30-20.00-22.30 Almeno tu nelluniverso 15.00 I ragazzi stanno bene 17.30-20.20-22.40 Le amiche della sposa 15.00-17.25-20.05-22.45 I pinguini di Mister Popper 15.00-16.10-17.10-18.20-19.20-20.30-21.30-22.40 Conan the Barbarian 15.10-17.40-20.10-22.40 Conan the Barbarian 3D 16.30-18.50-21.10 Hanna 15.10-17.40-20.10-22.35 Come ammazzare il capo e... vivere felici 15.20-17.40-20.15-22.35 Horror Movie 15.00-17.40-20.25-22.45

CREMA

MULTISALA PORTA NOVA

NUOVO EDEN
VIA NINO BIXIO 9 - TEL. 0308379404

Chiusura estiva OZ IL REGNO DEL CINEMA


VIA SORBANELLA 12 - TEL. 0303507911 Come ammazzare il capo e... vivere felici 14.40-16.40-18.40-20.40-22.40 Le amiche della sposa 15.10-17.40-20.10-22.40 Conan the Barbarian 3D 15.30-17.50-20.20-22.40 Horror Movie 20.35-22.30 I pinguini di Mister Popper 14.30-16.30-18.30-20.30-22.30 Tekken 14.50-16.45-18.40-20.35-22.30 Captain America: il primo vendicatore 15.10-17.40-20.10-22.40 Hanna 17.40-20.30-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.00-22.35 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 14.50-17.25-20.00-22.35 Cars 2 15.20

SESTO SAN GIOVANNI


VIALE MATTEOTTI, 425 - TEL. 0222478183

RONDINELLA

VIA INDIPENDENZA - TEL. 0373218411 Le amiche della sposa 20.10-22.40 Tekken 20.40 Hanna 22.35 Conan the Barbarian 20.20-22.40 I pinguini di Mister Popper 20.30-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici20.35-22.35

NUOVO
VIA DEI MILLE, 39 - TEL. 0332237325

Chiusura estiva SALA FILMSTUDIO 90


VIA DE CRISTOFORIS 5 - TEL. 0332830053

LECCO

Chiusura estiva GALLARATE

CINELANDIA MULTIPLEX

Chiusura estiva SETTIMO MILANESE


VIA GRANDI, 4 - TEL. 023282992

NUOVO MIGNON
V.LE COSTITUZIONE, 27 - TEL. 0341366331

AUDITORIUM

Riposo SEVESO Riposo SOVICO

Chiusura estiva PALLADIUM


VIA FIUMICELLA 12 - TEL. 0341361533

MULTISALA POLITEAMA

VIA GALIMBERTI 16 - TEL. 0362540692

Chiusura estiva MERATE Chiusura estiva ARENA ESTIVA


VIA CAVOUR 66 - TEL. Il ragazzo con la bicicletta

CINETEATRO MANZONI

NUOVO

VIA GIOVANNI XXIII, 24 - TEL. 039 5981992

VIA BARACCA, 22/24 - TEL. 0392014667

MAGENTA Chiusura estiva MELZO

CINEMATEATRO NUOVO ARCADIA MULTIPLEX

VIA SAN MARTINO 19 - TEL. 0297291337

Chiusura estiva VIMERCATE

LODI
21.30

VIALE LOMBARDIA, 51 - TEL. 0331268017 Hanna 20.15-22.45 Almeno tu nelluniverso 20.20 Tekken 22.40 Le amiche della sposa 20.00-22.40 I pinguini di Mister Popper 20.30-22.40 Conan the Barbarian 3D 20.15-22.45 Horror Movie 20.30-22.40 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.20-22.40 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 20.00 Captain America: il primo vendicatore 22.40

THE SPACE CINEMA TORRIBIANCHE

GALLARATE
VIA DON MINZONI, 5 - TEL. 0331791382 Se sei cosi ti dico si

CINEMA DELLE ARTI


21.00

VIA MARTIRI DELLA LIBERTA` - TEL. 0295416444 Le amiche della sposa 17.10-19.50-22.30 I pinguini di Mister Popper 17.10-20.00-22.10 Hanna 20.00-22.20 Grease - Brillantina 17.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 17.20-20.10-22.20 Conan the Barbarian 17.40-22.40 Conan the Barbarian 3D 20.10

MONZA
We Want Sex

ARENA VILLA REALE SPAZIOCINEMA


21.30

VIALE REGINA MARGHERITA DI SAVOIA - TEL. 0243912769

MONZA
VIA A. PENNATI 10 - TEL. 039324272

MULTISALA CAPITOL MULTISALA METROPOL MULTISALA TEODOLINDA

Chiusura estiva MONZA Chiusura estiva MONZA Chiusura estiva

VIA CAVALLOTTI 124 - TEL. 039740128

VIA CORTELONGA 4 - TEL. 039323788

VIA TORRI BIANCHE, 16 - TEL. 892111 Le amiche della sposa 19.10-21.45 Transformers 3 21.15 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 18.30 Almeno tu nelluniverso 17.55-20.00-22.05 Per sfortuna che ci sei 19.50-21.55 Diario di una schiappa 2 17.35 Cars 2 17.30-19.55 At the end of the day - Un giorno senza fine 22.25 Horror Movie 18.05-20.10-22.15 Diario di una schiappa 17.40-19.45 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 21.50 I pinguini di Mister Popper 17.55-20.00-22.05 Tekken 20.15-22.20 Captain America: il primo vendicatore 3D 17.35 Harry Potter e i doni della morte - Parte II 3D 20.40 Hanna 18.15 Conan the Barbarian 18.25-20.55 Captain America: il primo vendicatore 18.55-21.30 Grease - Brillantina 18.50-21.10 Hanna 19.35-22.00 Tekken 17.30 Conan the Barbarian 3D 19.40-22.10 Come ammazzare il capo e... vivere felici19.35-21.40

PICCOLO CINEMA PARADISO


VIA FRANCESCO LANA, 15 - TEL. 030280010

DEL VIALE
VIALE RIMEMBRANZE, 10 - TEL. 0371426028 Captain America: il primo vendicatore 20.10-22.30

BUSTO ARSIZIO
VIA CALATAFIMI 5 - TEL. 0331677961

MANZONI

Chiusura Estiva SOCIALE


VIA CAVALLOTTI, 20 - TEL. 03041140

FANFULLA
V.LE PAVIA, 4 - TEL. 0371/30.740

Riposo BUSTO ARSIZIO


P.ZZA PLEBISCITO, 1 - TEL. 0331632912

SOCIALE

Chiusura estiva CAPRIOLO

GEMINI

Chiusura estiva MODERNO MULTISALA


CORSO ADDA 97 - TEL. 0371420017

VIA PALAZZOLO - TEL. 0307460530 Conan the Barbarian 20.15-22.30 Tutti per uno 20.15-22.30 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.15-22.30

Chiusura estiva SARONNO Riposo SARONNO Chiusura estiva TRADATE

CINEMA SILVIO PELLICO

Chiusura estiva PIEVE FISSIRAGA

VIA SILVIO PELLICO - TEL. 0299768659

CINELANDIA MULTIPLEX PIEVE

CORTE FRANCA

MULTIPLEX NEXUS
20.50 21.10 20.40 20.30 20.20 21.30 21.20 21.00

VIA ROMA 78 - TEL. 030986060 Le amiche della sposa Conan the Barbarian 3D Horror Movie I pinguini di Mister Popper Hanna Ladri di cadaveri - Burke & Hare Come ammazzare il capo e... vivere felici Grease - Brillantina

S.S. N 235 - TEL. 0371237012 Le amiche della sposa 20.00-22.40 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.20-22.40 Conan the Barbarian 3D 20.15-22.45 I pinguini di Mister Popper 20.30-22.40 Horror Movie 20.30-22.40 Hanna 20.15-22.45

MULTISALA SARONNESE

VIA S. GIUSEPPE 21 - TEL. 0296708190

STARPLEX TRADATE

MANTOVA

ARISTON MULTISALA
VIA PRINCIPE AMEDEO, 20 - TEL. 0376328139

Chiusura estiva

VIA DELLA FORNACE CORTELLEZZI 21049 TRADATE - TEL. Tekken 22.35 Horror Movie 20.25-22.40 Conan the Barbarian 3D 20.20-22.40 I pinguini di Mister Popper 20.10-22.15 Le amiche della sposa 20.05-22.35 Come ammazzare il capo e... vivere felici 20.25-22.35 Almeno tu nelluniverso 21.30

Venerd 19 agosto 2011