Sei sulla pagina 1di 48

y(7HB5J1*KOMKKR( +#!z!}!"!

Gioved 8 settembre 2011

OPINIONI NUOVE - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale

D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano

FONDATORE VITTORIO FELTRI

DIRETTORE MAURIZIO BELPIETRO ANNO XLVI NUMERO 217 EURO 1,20*

E LI CHIAMANO TECNICI

IL GOVERNO DEI TROMBATI


Il Senato approva la manovra e gi riparte lassalto di chi vuol prendere il posto di Silvio Da Profumo a Pisanu a DAlema a Montezemolo: sperano nella crisi per riciclarsi Tremonti apre la caccia a chi fece il condono Iva 2002. Obiettivo: recuperare 60 miliardi
Lesperto di Bossi PURE LA LEGA LO SA: SENZA RIFORMA NIENTE PI PENSIONI
di MAURIZIO BELPIETRO
Ieri sera il Senato ha approvato la manovra e nei prossimi giorni toccher alla Camera votarla. Le misure sono quelle annunciate marted sera e frutto di 15 giorni di tormenti. Cosa ne pensiamo lo abbiamo gi scritto e non abbiamo intenzione di annoiare i lettori ripetendolo: i provvedimenti non ci piacciono e riteniamo che se ne potessero trovare di migliori. Purtroppo non siamo stati ascoltati, o meglio, se lo siamo stati, lo stato solo in parte, come nel caso del contributo di solidariet, che stato ridotto nelle dimensioni del prelievo e introdotto soltanto per i redditi sopra i 300mila euro, esentando dunque quasi mezzo milione di contribuenti. Visto come sono andate le cose, temiamo per che presto il governo dovr tornare a bussare alla porta degli italiani: se non per chiedere altre tasse, almeno per chiedere altri interventi. Nonostante lesultanza dalle parti del centrodestra per la reazione dei mercati e le parole di buon auspicio della Ue, siamo dellidea che servissero misure pi strutturali, come veri tagli alla spesa pubblica e una concreta sterzata a quella previdenziale. A convincerci ancor di pi di quanto gi non fossimo, stato ieri il signor Brambilla. Vi domanderete: chi costui? (...)
segue a pagina 3 FRANCO BECHIS a pagina 2

Lintervista a Beppe Pisanu apparsa ieri su Repubblica la prima avvisaglia dun tormentone destinato a montare non appena la squinternata manovra economica terminer il suo iter parlamentare. Serve un go-

di RENATO BESANA
verno di larghe intese, un patto di fine legislatura, ha detto il presidente della Commissione antimafia: scenario da lui lunga-

mente accarezzato, ma che potrebbe, di qui a qualche settimana, varcare il confine che separa le speranze dalla realt. (...)
segue a pagina 7

::: LEADER NEI GUAI

D. GIACALONE e G. ROSELLI alle pagg. 6-7

Anche a causa loro lItalia non cambier mai

Sogno una rivolta del centrodestra contro Berlusconi


di GIAMPAOLO PANSA
Mi sono stancato di leggere le paginate dei giornali sulla manovra finanziaria. Tutto mi sembra un pessimo romanzo dappendice, con colpi di scena spesso incomprensibili. Perch dovrei sprecare il mio tempo? Tanto so come andr a finire. Sono uno degli italiani che dovranno pagare sempre pi tasse, dirette e indirette. E la mia sorte la conosco. quella di tutti i contribuenti onesti: versare il sangue (...)
segue a pagina 8

Io invece sogno il Cav che si ribella al Paese di m...


di MARIA G. MAGLIE
Sar che una rivoluzione fasulla di quelle che via il bambino con lacqua sporca lho gi vista e ci ho quasi rimesso la pelle, perch, caro Maestro Pansa, allinvidia lasciata a briglia sciolta seguono sempre calunnia e delazione, si tratti di redditi sbattuti in prima pagina o di vendette sommarie di fine repubblica, e se inviti alla rivolta, preparati al peggio; sar che se non si vedono alternative, non capisco bene chi (...)
segue a pagina 9

Pescato col mollusco proibito Molla il Suv sui binari del tram Il sub Fini non ne azzecca una Lapo rischia le botte a Milano
di MATTIAS MAINIERO
Fini come Scajola, ma senza appartamento con vista Colosseo. Pi modestamente, molluschi e stelle marine. Specie protette, intoccabili. Ecco la versione fornita dal portavoce del presidente della Camera: li hanno pescati (...)
segue a pagina 13

di GIORDANO TEDOLDI
Non ce la pu fare. Ormai evidente, qualunque tentativo di insegnargli come si sta al mondo, o anche semplicemente che esiste un mondo in cui ci si relaziona con altre persone, destinato a un ignominioso fallimento. (...)
segue a pagina 21

Lassalto rosso al Giro della Padania


di TOMMASO LORENZINI
Fa male constatare come lignoranza della preistorica sinistra extraparlamentare riesca ancora a colpire, danneggiando al grido di la Padania non esiste perfino il ciclismo, quello sport che pi popolare e proletario non si pu, quello sport che volando sullepica del sacrificio ha azzerato (...)
segue a pagina 14 INTERCETTAZIONI

I compagni menano i ciclisti e la sinistra chic fa il tifo


LULTIMA TEORIA

Le grandi firme che rovistano nel pattume


di FILIPPO FACCI a pagina 11

Non fu giustiziato Il Duce ucciso durante un litigio


di ROBERTO FESTORAZZI a pagina 19

* Con: Sequestro di persona

5,00; La valle della paura

5,0 0.

Prezzo allestero: CH - Fr. 3.00 / MC & F -

2.00 / SLO -

2.00.

@ commenta su www.libero-news.it

Gioved 8 settembre 2011

PRIMO PIANO

la grande crisi

DIFFICOLT Il tema spinoso: molte aziende nel frattempo sono fallite e le altre rischierebbero di vedere compromessi i propri piani industriali

Parte la caccia a chi condon nel 2002 Obiettivo: 60 miliardi


Un milione di adesioni alla sanatoria sullIva, la multa di quasi 3 miliardi, poi lo stop della Corte di Giustizia Ue. E oggi quei furbi ritornano nel mirino di Tremonti
::: FRANCO BECHIS
QQQ A sorpresa la caccia ai furbetti del condono diventa caccia grossa allargandosi anche ai contribuenti pi sfortunati di tutti, quelli che pagarono il condono Iva del 2002 e poi non sono stati condonati perch la norma stata bocciata. Il ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, ha inserito nel maxiemendamento alla manovra anche una proroga di un anno per gli accertamenti su chi fece il condono Iva allepoca: Per i soggetti, recita il testo, che hanno aderito al condono di cui alla legge 27 dicembre 2002, n. 289, i termini per laccertamento ai fini dellimposta sul valore aggiunto pendenti al 31 dicembre 2011 sono prorogati di un anno. Questo significa che lAgenzia delle Entrate potr dare la caccia ancora un anno ai 939.041 contribuenti che aderirono fra il 2003 e il 2004 al condono Iva versando inutilmente 2 miliardi e 974 milioni di euro. Quasi la met di quel condono (1,6 miliardi) venne versato dalle 249.019 societ di capitale: il 37,7% di quelle esistenti. Il resto fu sostanzialmente versato da 457.167 ditte individuali e da 211.397 societ di persone. Di fatto quei 2,9 miliardi di euro di una tantum pagata fece emergere irregolarit o mancati versamenti su un montante complessivo di 60 miliardi di euro. Il condono per fu poi cassato dalla Corte di Giustizia dellUnione europea, che invit il governo italiano a recuperare le somme evase restituendo le rate di condono gi incassate, perch illegittime. In realt la situazione restata congelata cos perch i termini per laccertamento fiscale erano ormai scaduti, e tutto era andato in prescrizione. Nel luglio scorso per la Corte Costituzionale riconoscendo la legittimit di una vecchia norma varata da Pier Luigi Bersani e Vincenzo Visco, ha disposto che in caso di violazione della normativa penale i termini per laccertamento potevano essere raddoppiati. Siccome quasi tutti quelli che aderirono al condono Iva del 2002 chiuse-

:::

LA SCHEDA

LAUMENTO Aumento di un punto dal 20 al 21% con destinazione del maggior gettito al miglioramento dei saldi del bilancio pubblico. Andr a pesare su una lista di prodotti di servizi: dai giocatolli ai televisori, abbigliamento, auto, moto, caff, vino e cioccolato e altri. Anche il turismo viene toccato dallaumento. 4% E 10% INVARIATE Per quel che riguarda le aliquote agevolate del 4 e 10%, per ora restano invariate. 939.041 CONTRIBUENTI il numero delle persone che aderirono fra il 2003 e il 2004 al condono Iva versando 2 miliardi e 974 milioni di euro. Nel maxiemendamento compare una proroga di un anno per gli accertamenti su chi fece il condono Iva allepoca. IL CONDONO 2002 La met del condono venne versato da 249.019 societ di capitale. Il resto fu versato da 457.167 ditte individuali e da 211.397 societ di persone.

MINISTRO ro pendenze che avevano un profilo penale (come ogni evasione o elusione dei pagamenti Iva), fino al 31 dicembre 2011 lAgenzia delle Entrate avrebbe potuto denunciare uno per uno chi ader a quel condono, recuperando coattivamente lintero montante delle irregolarit. Operazione abbastanza semplice, perch quelle societ aderendo al condono avevano dichiarato implicitamente le loro irregolarit. La somma teorica da recuperare - 60 miliardi pi sanzioni e interessi decennali - naturalmente ingolosisce il fisco. Non procedere avrebbe fatto rischiare al direttore della Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, una procedura della Corte dei Conti per danno erariale. Il ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, ieri al Senato Lapresse Ma il tema spinoso, e se ne rendono conto tutti. Perch quei contribuenti aderirono a un patto con lo Stato, certo con loro vantaggio. Ma non colpa loro se quel patto non ha retto alla prova internazionale di legittimit. Solo che con un atto concordato si sono auto-dichiarati tutti evasori e ora offrono il capo alla ghigliottina. Lallungamento di un anno dellaccertamento serve un po a recuperare in tempi realistici il possibile di quei 60 miliardi, ma anche ad offrire la sponda al Parlamento per una soluzione pi politica del caso. Perch lamministrazione stessa sa che dopo dieci anni molte di quelle imprese non ci sono pi, e quindi non sarebbero in grado di pagare nulla. Molte di quelle che ci sono probabilmente dovrebbero portare i libri in tribunale di fronte alle somme richieste, comprensive di interessi e sanzioni. E anche i grandi gruppi coinvolti (quasi tutti, compreso quello del premier) pur essendo in grado finanziariamente di pagare quanto verr richiesto, vedrebbero compromessi tutti i loro piani industriali e finanziari. una torta dunque appetitosa che per alla fine rischia di non sfamare proprio nessuno. E di costringere a varare la pi straordinaria follia fiscale italiana: il condono sui condonati.

Laumento al 21%

Colpiti auto, giochi e vestiti Per le famiglie botta di 100 euro


::: FRANCESCO DE DOMINICIS
ROMA

DARE E AVERE Secondo i calcoli della Cgia di Mestre gli effetti dellinnalzamento dellIva, che porter circa 4 miliardi nelle casse dello Stato, si tradurranno in una mini-stangata per le famiglie. magna (330,7), Piemonte (297,9) e Toscana (253,4). Minimo, invece, lapporto di Umbria (61,3 milioni), Abruzzo (60,1 milioni) e Basilicata (22 milioni). Sullo sfondo i timori delle associazioni di categoria, dei commercianti e dei consumatori. Per Confcommercio il rischio che lItalia paghi, tutta insieme, un conto davvero troppo pesante. Ogni aumento dellIva - ha osservato Confesercenti - si va tra l'altro a sommare ai recenti rialzi delle materie prime che a sua volta stanno surriscaldando linflazione. Per il Codacons la decisione di aumentare lIva da irresponsabili e va a a colpire anche le famiglie pi povere. Laumento dellIva - ha sottolineato Federalimentare - riguarda un terzo dei prodotti alimentari abitualmente acquistati e, considerato che si viene gi da cinque anni di flessione nei consumi alimentari domestici, frena ogni possibilit di rimbalzo della spesa e incentiva linflazione. C da dire che leventuale incremento dellaliquota ordinaria Iva fa salire tra laltro lItalia in testa alla classifica dei vari regimi di aliquote ordinarie praticati dai maggiori Paesi europei. In Germania infatti al 19,6%, in Francia al 19,6%, in Spagna al 18%, e in Gran Bretagna si attesta al 20%.

QQQ Automobili, vestiti e giochi. Sono i settori che corrono il rischio di essere pi colpiti dallaumento dellIva deciso dal governo e infilato al fotofinish nella manovra bis sui conti pubblici. Lombardia, Lazio e Veneto - guardando da un punto di vista geografico - le regioni pi colpite dal ritocco allins dellimposta sui consumi. A poche ore di distanza dal giro di boa, al Senato, della finanziaria demergenza, gli addetti ai lavori valutano il giro di vite fiscale, con le prime mappe sugli effetti per i consumi e per il gettito. Lesecutivo di Silvio Berlusconi ha preferito non agire sulle aliquote Iva agevolate al 4% e al 10%. Mentre ha portato quella ordinaria dal 20% al 21%. Ritocco che a regime, nel 2013, porter nella casse dello Stato circa 4 miliardi di euro lanno (700 milioni nellultimo scorcio del 2011). Cifra che contrbuisce ad alzare il saldo finale della manvora bis da 45,5 miliardi a 54,2: un record per il nostro Paese. La Cgia di Mestre ha gi calcolato laggravio per famiglia: varia da reddito a tipo di nucleo e - secondo gli artigiani di Mestre - pu arrivare al massimo fino a 123 euro. Il punto in pi di Iva voluto dal go-

verno per tenere a galla i conti pubblici si ripercuoter quasi inevitabilmente sui prezzi dei beni e dei servizi. Lo shopping destinato a diventare un po pi caro. E la Cgia ha preso in considerazione le fasce di reddito che vanno da un minimo di 15mila ad un massimo di 55mila euro e per ognuna di esse ha calcolata lincidenza dellaumento in diversi casi. Per un reddito di 15mila euro si va da un aggravio annuo di 37,54 euro senza famigliari a carico ad uno di 60,64 con coniuge e 2 figli; per i redditi di 30mila euro le cifre passano da 58,27 a 77,84 euro. Lultima fascia di reddito considerata, ovvero gli stipendi, di 55mila euro chiaramente quella con gli aumenti pi consistenti con un minimo di 99,75 per coloro che non hanno familiari a carico ad un massimo di 123,21 per chi ha coniuge e 2 figli. Il conto pi salto, sul piano geografico, arriver nelle zone settentrionali. Con leccezione del Lazio, infatti, sono prevalentemente del Nord le regioni in testa alla classifica del gettito sul territorio. Sui 4,1 miliardi stimati come gettito in pi, quasi 1 (960,9 milioni per lesattezza) saranno assicurati dalla Lombardia. Quasi il doppio rispetto ai 597,2 millioni del Lazio e il triplo rispetto ai 395 milioni del Veneto. Nel ranking, poi, seguono Emilia-Ro-

PRIMO PIANO

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it
IL RIMEDIO Tra le misure suggerite, oltre allaumento dellet pensionabile, un contributo di solidariet da chiedere ai baby pensionati

la grande crisi

La Lega lo sa: toccheranno le pensioni


Il super esperto di Bossi, Alberto Brambilla, spiega che il sistema previdenziale non pi sostenibile: oltre 9 milioni di vitalizi sono oggi integrati a spese dei contribuenti. E tra qualche anno diventeranno 16 milioni
::: segue dalla prima MAURIZIO BELPIETRO
.

(...) Dietro uno dei nomi pi comuni della Lombardia si cela il principale esperto di pensioni. Sconosciuto ai pi, Alberto Brambilla il presidente del nucleo di persone che al ministero del Lavoro studiano landamento della spesa previdenziale. Marted, mentre infuriava la polemica sulle decisioni del governo in materia di vitalizi, il signor Brambilla si messo al computer e ha scritto una lettera a Ferruccio de Bortoli. La sua non stata proprio una cartolina, ma in duecento righe ha spiegato al direttore del Corriere della Sera e ai suoi lettori perch prima o poi bisogner decidersi a mettere mano seriamente alla questione. Il super controllore, in pratica, ha ammesso che il bilancio tra i contributi incassati e i vitalizi erogati fa acqua: il disavanzo crescente e gi nel 2009 sfiorava i 9

miliardi di euro. Non solo: su 23,4 milioni di assegni previdenziali (uno ogni 2,5 abitanti), circa 9 milioni sono integrati a spese del contribuente perch chi le percepisce non riuscito a raggiungere i requisiti per avere una pensione minima; si tratta cio di persone che non avrebbero diritto a godere del vitalizio, ma alle quali lo Stato riconosce un assegno di poco inferiore da quello incassato da chi invece la pensione se l sudata. Brambilla e la sua squadra si sono presi pure la briga di fare due conti sulle pensioni future, scoprendo che ci sono 8 milioni di contribuenti su 41 milioni che non dichiarano nulla al fisco, mentre altri 8 milioni dichiarano talmente poco da riuscire a pagare contributi per poche migliaia di euro. In totale fanno 16 milioni di persone cui, in prospettiva, lo Stato dovr dare o integrare la pensione. Ci vuol poco a capire che di questo

:::

LE CIFRE

9 MILIONI Su 23,4 milioni di assegni previdenziali (uno ogni 2,5 abitanti: un record) circa 9 milioni sono integrati a spese del contribuente, perch chi le percepisce non ha i requisiti per la pensione minima. 16 MILIONI Su oltre 41 milioni di contribuenti, 8 milioni non dichiarano nulla al fisco. Altri 8 milioni dichiarano talmente poco da riuscire a pagare contributi per poche migliaia di euro. 9 MILIARDI Il deficit 2009 del sistema pensionistico italiano pari a circa 9 miliardi di euro (8,9 miliardi). Colpa di una spesa sempre in aumento (pi 3,7% nel 2009 sullanno prima).

passo lInps sprofonder nel baratro e che, lo si voglia o no, si dovranno prendere provvedimenti. Il signor Brambilla si chiede: cos difficile dire queste verit agli italiani?. Per il super esperto s, perch tutti hanno in casa un pensionato e un aspirante tale e nessuno vuole accettare la realt. Eppure, per il presidente del nucleo di valutazione della spesa previdenziale, il giorno della resa dei conti si avvicina. Sar difficile non intervenire sulla spesa per la macchina pubblica, cos come sar impossibile non intervenire sulle pensioni. Linnalzamento dellet pensionabile, un contributo di solidariet sui vitalizi di chi non ha versato i contributi e sulle baby pensioni, la riduzione dei contributi figurativi, la revisione della reversibilit dellassegno e delle indennit di accompagnamento, per Brambilla sono tutte ipotesi da prendere in considerazione. Fin qui nulla di nuovo: pur dette con

maggior competenza, si tratta delle stesse cose che noi scriviamo da un pezzo e che avremmo voluto fossero inserite nella manovra. Dove sta allora la novit? Nella provenienza dellillustre esperto. Alberto Brambilla, oltre ad avere un passato da dirigente di banca, un leghista della prima ora. Nel Carroccio sempre stato considerato uno specialista in previdenza e per questo fu nominato sottosegretario nel secondo governo Berlusconi, con lincarico di seguire proprio le pensioni. Ma chi frena oggi pi di tutti la riforma giudicata da Brambilla impossibile da evitare? Proprio la Lega e il suo leader. cos difficile dire la verit agli italiani, anche se questa dolorosa, si chiedeva ieri nella lettera al Corriere il super tecnico. Evidentemente s. Tanto che Brambilla ha difficolt a dirlo a Bossi. O forse il Senatr che ha difficolt a sentirlo?
maurizio.belpietro@libero-news.it

A carico dellInps

I contributi versati non bastano C chi vive a sbafo per ventanni


::: ALESSANDRO GIORGIUTTI
QQQ Una spesa in continua crescita: oltre 192 miliardi di euro nel 2009, pi 3,7 per cento sullanno precedente (nel 2008 laumento era stato del 4,2 per cento). Un deficit di 8,9 miliardi. Finanziamenti statali aggiuntivi pari ad altri 75 miliardi. Per il sistema pensionistico italiano, i conti non tornano. E impietosamente ( cos difficile dire queste verit agli italiani? Evidentemente s) questi conti li ha messi nero su bianco ieri, sul Corriere della Sera, Alberto Brambilla, presidente del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale presso il ministero del Lavoro, gi presidente di una commissione che esattamente dieci anni fa radiograf gli squilibri del settore, mettendo insieme due voci che risult impossibile far combaciare: i contributi versati e gli anni effettivi di pensione. Si era, allepoca, nel 2001. Il secondo governo Berlusconi (dopo la sfortunata esperienza del 1994-95) sembrava intenzionato ad affrontare il nodo gordiano della spesa pensionistica tagliandolo con laccetta. Nel frattempo, la riforma Dini aveva posto fine, con gradualit, al sistema retributivo, introducendo il metodo contributivo. Se fino a quel momento il vitalizio era calcolato sulla base delle retribuzioni percepite negli ultimi anni lavorativi, da quel momento, dopo un breve interregno con sistema misto, la pensione sarebbe stata calcolata sui contributi realmente versati nel corso dellintera vita lavorativa. (Di qui, la stima di pensioni pi basse e il consiglio di ricorrere alla previdenza integrativa per rimpolparle.) Intanto, per, le pensioni commisurate agli ultimi stipendi continuavano, e continuano, ad essere erogate. Rendendosi responsabili dellaumento costante della spesa, di cui si diceva. La commissione Brambilla decise di quantificare questa spesa: categoria per categoria, somm tutti i contributi versati nel corso della vita lavorativa e li capitalizz al tasso dinteresse dei titoli di Stato. Quindi, divise il montante cos calcolato per limporto annuo della pensione erogata: il risultato avrebbe indicato il numero degli anni coperti effettivamente dai contributi. Si scopr che molti anni erano scoperti. E, pertanto, non pagati dai lavoratori (e dai datori di lavoro) con i contributi, ma dallo Stato con la fiscalit generale. Insomma, chi andava, e va, in pensione con il sistema retributivo copriva, e copre, con i suoi contributi soltanto una parte degli anni di pensione: il resto era, ed , a carico della collettivit. Qualche esempio. Come si legge nella tabella a fianco, un dipendente pubblico ritiratosi dal lavoro tra 1970 e 2005 ha accumulato nel corso della sua vita lavorativa un montante contributivo pari a quasi 15 anni di vita. Ma andando in pensione a 65 anni poteva sperare di viverne altri 19 (per la precisione, la cifra era calcolata sommando le stime sulla vita residua del lavoratore e quelle sulla vita residua del coniuge superstite). Ritirandosi a 58 anni, gli anni di vita inattiva diventavano pi di 25. Il pensionato avrebbe pertanto vissuto interamente a carico dello Stato rispettivamente per quattro e per dieci anni. Per il dipendente privato le cose non cambiavano di molto: grazie ai suoi contributi si messo a posto per 17 anni. Ma andando a riposo a 58 anni gliene restano mediamente 25: per otto anni la sua pensione gliela paga interamente lo Stato. Per gli autonomi lo squilibrio ancora pi evidente. I loro contributi coprono poco pi di cinque anni. Ritirandosi a 65 anni, per, gliene rimangono in media 19. Che diventano 25 per chi si ritira a 58 anni. Di questi, venti sarebbero a carico della collettivit. Tutto questo, nel 2001. E oggi? La situazione non migliorata, avverte Brambilla, tanto che abbiamo ancora un 40 per cento di soggetti che nel difficile futuro dovremmo (non so se le condizioni economiche lo consentiranno) assistere finanziariamente. Certo, prima o poi, il flusso dei reduci del retributivo si interromper e i conti torneranno in ordine. Ma con gradualit. Molta gradualit: i primi ad andare in pensione col sistema misto (quelli che nel 2005 avevano meno di 18 anni di anzianit) lo faranno nel 2014. E per vedere il sistema in equilibrio, quando ogni lavoratore si pagher lintero trattamento previdenziale con i contributi accantonati, bisogner aspettare il 2045.

Verso una legge delega

Anzianit nel mirino: pressing sul Carroccio


QQQ Il braccio di ferro con la Lega sulle pensioni alla fine ha partorito il topolino dellanticipo di due anni dellavvio delladeguamento dellet pensionabile delle donne a quella degli uomini. Un percorso che partir nel 2014 (invece che nel 2016) e si concluder nel 2026 (invece che nel 2028). Limpatto della misura sui conti pubblici non chiaramente neanche vicino a quello che avrebbe potuto avere una riforma strutturale come quella chiesta dalla Bce nel documento che ha spinto il governo ad anticipare di un anno il pareggio di bilancio. Secondo la relazione tecnica laccelerazione porter risparmi per le casse dello Stato di 90 milioni nel 2105, che saliranno progressivamente a 720 nel 2021. Piaccia o no alla Lega, molti nella maggioranza sono convinti che sul fronte previdenziale si debba intervenire con pi coraggio. Una riforma seria delle pensioni di anzianit viene invocata non solo dai frondisti, ma anche da ambienti pi vicini al premier Silvio Berlusconi. Del resto, lo stesso segretario del Pdl, Angelino Alfano, durante la trattativa con il Carroccio aveva detto che avrebbe spiegato alla Lega che ragionevole che vivendo pi a lungo si vada in pensione pi tardi e ci senza mai toccare i diritti acquisiti di chi la pensione ce lha gi. La proposta di riaprire il capitolo pensioni arrivata ieri da Renato Brunetta. Dal momento, ha spiegato il ministro della Pa in unintervista, che bisogna realizzare la delega fiscale e assistenziale, credo che si possa inserire anche una delega previdenziale per mettere ordine allintero sistema. Lidea di Brunetta sarebbe quella di arrivare alleliminazione definitiva delle pensioni di anzianit. Ipotesi pi graduali sul tavolo, che aveva gi proposto Roberto Maroni qualche anno fa, sono quelle del superbonus per i pensionandi che restano al lavoro o altre forme per incentivare alla rinuncia alle anzianit.

@ commenta su www.libero-news.it

Gioved 8 settembre 2011

PRIMO PIANO

la grande crisi

CAV ASSENTE Nei banchi della maggioranza spicca lassenza del presidente del Consiglio. Il volto dellesecutivo Tremonti, per tutto il tempo scortato da Calderoli

S alla manovra che non piace a nessuno


Il governo mette la fiducia e il Senato approva il decreto da 54 miliardi. Aula deserta fino allinizio della diretta tv, poi opposizione allattacco e maggioranza rassegnata. Gianni Letta: un momento amaro. Bricolo (Lega): Perderemo consensi
Q C chi pensa che la crisi economica mondiale dipenda da Berlusconi, ma il problema non rimuovere Berlusconi, ma affrontare la crisi e rivendico a questo governo di averlo fatto
IGNAZIO LA RUSSA (PDL)

::: ELISA CALESSI


ROMA

Q Il momento che attraversiamo ci vede vivere settimane difficili e amare. Sono le sfide difficili che chi ha responsabilit chiamato ad affrontare
GIANNI LETTA (PDL)

Q Il governo vuole nascondere agli italiani che con questa manovra si chiude la lunga stagione delle vostre promesse sul taglio delle tasse. tutto finito e per sempre
FRANCESCO RUTELLI (API)

QQQ Ciascuno, vero, ha i suoi motivi per rumoreggiare. Per i senatori di Pdl e Lega questa manovra di tasse per tutti un boccone indigeribile. Per quelli dellopposizione questo voto di fiducia allontana, per lennesima volta, la speranza di governi tecnici o nazionali. Fatto sta che la seduta di Palazzo Madama con cui alle otto di sera, grazie a 165 s, 141 no e 3 astenuti, viene approvata una manovra correttiva da 54 miliardi, la pi pesante degli ultimi decenni, nel tentativo di scongiurare la fine della Grecia, va in scena in un clima di generale svogliatezza e malumore. Mentre fuori dal Palazzo c la guerriglia urbana. Alle tre e mezza, quando comincia la discussione, in aula ci sono 13 persone. E quando alle sei lemiciclo si riempie perch cominciano le dichiarazioni di voto e c la diretta tv, il presidente Renato Schifani costretto per ben due volte a richiamare un po di disciplina. Allinizio della seduta: Senatori, un po di compostezza. Questaula non una sala di incontri per chiacchiericcio. E una mezzora dopo: Mi trovo in grande imbarazzo, c pure la tv: senatori che gridano dietro il banco di presidenza, altri che saltano da un posto allaltro.... DELUSIONE NEL PD Sar che, come ammette Franco Marini alla buvette, manca la suspence: un copione gi scritto: la fiducia ci sar, la manovra passer. Del resto, messi come siamo messi e dopo lappello di Napolitano, non si poteva non approvare questa manovra. Nel Pdl un lamento continuo: per i tagli alle indennit, per il contributo di solidariet, per laumento dellIva. Ma niente si muove. La ragione la spiega Stefano Ceccanti, Pd: Nel 2008, per paura che uscisse un Senato incerto, tutti i partiti hanno fatto liste blindate: la Lega berlusconiana, il Pdl compatto. Non so alla Camera, ma qui non succeder niente. Non ci si fa illusioni nemmeno su Beppe Pisanu che proprio oggi su Repubblica ha chiesto a Berlusconi di farsi da parte per consentire un governo di larghe intese. Pisanu vale se stesso..., il commento generale. Del resto lui stesso il primo a raffreddare gli entusiasmi. Mollare la maggioranza? Ma no. Io voter la fiducia e convintamente. Ho solo detto che per il bene del Paese bisognerebbe unire tutte le forze.... Ma chi sia in grado di farlo, nessuno lo sa. Forse i mercati, forse le Borse, forse la Bce. Nicola Latorre, Pd, si dice convinto che con questa manovra la maggioranza ha raggiunto il limite. Pi di questo, non reggono. Se ne servir unaltra, crollano. Forse. Ma intanto la maggioranza c, il decreto passa e le facce dei senatori, di maggioranza e di opposizione, sono sem-

pre pi annoiate. In tutto questo spicca la poltrona vuota al centro dei banchi del governo, quella riservata al presidente del Consiglio. Il governo rappresentato da Giulio Tremonti, per tutto il tempo scortato, dentro e fuori dallaula, da Roberto Calderoli. Ci sono Maria Stella Gelmini, molto pi in l Renato Brunetta, Altero Matteoli. E c Gianni Letta, il tramite tra Palazzo Chigi e Quirinale, che prende posto sotto il posto del premier. Cominciano le dichiarazioni di voto. Rutelli grida contro la fine delle vostre promesse: Taglieremo le tasse, ridurremo le aliquote.... Tutto finito!. Ma se la prende anche con una certa opposizione che ha paura dellimpopolarit. Ed evoca, non sar lunico, la possibilit che presto occorra fare unaltra manovra. MAL DI PANCIA LEGHISTI Felice Belisario, Idv, paragona il decreto a uno yougurt che si compra al mattino e scade alla sera. E poi unaltra metafora: Grandina e voi avete aperto un ombrello di carta!. Tremonti ascolta, con un sorriso, a braccia conserte. Si innervosisce, invece, quando Gianpiero DAlia, Udc, dopo aver detto che, vista lurgenza della situazione, non contestano il ricorso della fiducia, accusa: Un governo che mente sui conti pubblici un governo di cui nessuno in Europa si pu fidare!. Tremonti fa no con la testa. No e no. Per fortuna segue Federico Bricolo, Lega, che spiega come in una crisi che ha colpito tutta Europa siamo riusciti a resistere grazie ai provvedimenti lungimiranti e prudenti di Tremonti. Applausi dei leghisti. Ammette, per, che questo decreto non ci porter consenso. E rende onore alla determinazione di Bossi, grazie alla quale siamo riusciti a non toccare le pensioni di anzianit e a inserire il contributo di solidariet che pagheranno anche i calciatori miliardari. Ma una cosa la deve dire: In Padania tutti sanno che questa crisi non ci sarebbe stata se il Sud si fosse comportato come il Nord. Al Pd non resta che far la parte della Cassandra: Luigi Zanda attacca lincapacit del governo, cita un Nobel che ha definito il premier buffone. Chiede a Schifani di dire in pubblico cosa ne pensa del ricorso alla fiducia. Snocciola previsioni catastrofiche: questa manovra non baster, i mercati non ci crederanno, conoscono Berlusconi e si opporranno, voi sopravviverete, ma uccidete lItalia. Ora il decreto passa alla Camera. E gi si profila uno scontro sui tempi. La maggioranza punta ad approvarlo entro la settimana. Lopposizione chiede qualche giorno in pi. Ma c lincognita Gianfranco Fini. Domenica chiude la festa di Fli a Mirabello. Nel Pdl il timore che punti far slittare la manovra cos da riservarsi un affondo domenica davanti alle telecamere.

Q Vogliamo difendere la democrazia non come qualche banchiere che ha messo a repentaglio i soldi dei risparmiatori...
MAURIZIO GASPARRI (PDL)

Cobas sotto Palazzo Grazioli

Bengala e mortaretti contro Palazzo Madama


::: ROMA
QQQ Mentre in Aula si andava verso il voto sulla fiducia sulla manovra economica, fuori dal Senato scoppiata la bagarre. Circa cinquecento persone si sono avvicinate da piazza Navona, dove cera un presidio dei sindacati di base contro la manovra, verso Palazzo Madama e hanno cercato di forzare i blocchi della polizia, tirando bengala e mortaretti. Ci sono state due cariche. La contestazione stata contenuta dai poliziotti che presidiano il tratto di strada che collega corso Rinascimento a piazza Navona. Dunque mentre in Aula si discute la manovra, allesterno si inscena la protesta. Gi da marted in piazza Navona in corso una mobilitazione di alcune rappresentanze sindacali come Usb e Fds. Ieri, intorno alle 19, alcuni manifestanti hanno cercato di avvicinarsi al Senato, forzando il blocco di transenne e polizia. Bengala, mortaretti, sassaiole, fumogeni. Gli agenti hanno caricato. E dopo pochi minuti la situazione tornata alla calma. Ma la tendopoli, montata a piazza Navona itinerante. Un gruppo si spostato raggiungendo prima Palazzo Grazioli al grido di Lavoro, lavoro e Silvio vattene. E quindi alla Camera perch la battaglia continua. Per alcuni momenti, comunque, la situazione intorno a Palazzo Madama stata davvero incandescente e si sono riviste scene da anni Settanta. Nel frattempo in Aula il presidente del Senato, Renato Schifani, ha interrotto la chiamata nominale dei senatori per dare notizia degli scontri. Depreco in modo forte e convinto la violenza nelle vicinanze del Senato, un vulnus alla democrazia e al Paese, sono state le parole pronunciate dalla seconda carica dello Stato.

Q Con orgoglio voteremo ancora una volta no ma sappiamo che una delle ultime volte perch andrete presto a casa. Volete curare un malato che si trova sotto la tenda ad ossigeno con laspirina
. FELICE BELISARIO (IDV)

PRIMO PIANO

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it
TEMPI Trattandosi di leggi costituzionali, liter sar giocoforza pi lungo. Per la riforma federale, bocciata dal referendum del 2006, ci vollero venti mesi

la grande crisi

Tagli a Casta e Province pronta la fase due


Aula semideserta prima del voto Lapresse

Oggi il consiglio dei ministri vara i ddl sul pareggio di bilancio in Costituzione e sulla riduzione degli enti locali. In agenda anche il dimezzamento dei parlamentari
::: TOMMASO MONTESANO
ROMA

Botta e risposta

Castelli contro i boiardi E Napolitano se la prende


::: ROMA
QQQ Roberto Castelli attacca, Giorgio Napolitano risponde. Botta e risposta tra il viceministro delle Infrastrutture e il Quirinale sulle prerogative di Corte costituzionale e presidenza della Repubblica. C una super casta romana che vuole mantenere tutti i propri privilegi, attacca Castelli, che denuncia la presenza, nel maxi-emendamento del governo alla manovra, di una disposizione che esonera dal taglio delle indennit previsto per tutti gli organi costituzionali, i super boiardi di Consulta e Quirinale. Mi rivolgo al presidente della Repubblica affinch intervenga a sanare questa... ciascuno la giudichi come crede. A stretto giro di posta arriva la replica del Colle, che dopo aver ironizzato sulla sortita di Castelli (non si sa quali super boiardi sarebbero esclusi...), precisa: Non solo il Quirinale estraneo alla formulazione della norma contenuta nel maxiemendamento del governo di cui Castelli fa parte, ma a tutto il personale della Presidenza gi si applica il contributo di solidariet. Il viceministro, per, non molla e controreplica: Non ho mai detto che la manovra sia stata ispirata dal Quirinale. E anche io non so quali e quanti siano i super boiardi che beneficeranno della norma. Che riguarda, precisa, il taglio delle indennit, non il pagamento del contributo di solidariet.
T.M.

QQQ Adesso tocca alla fase due. Archiviata, per adesso, la pratica della manovra economica con il via libera del Senato, il governo prova a ripartire. Obiettivo: iniziare a carburare in vista del 2013, data di scadenza della legislatura, grazie ai provvedimenti anti-Casta. Si parte oggi con il varo, da parte del consiglio dei ministri, dei due disegni di legge costituzionali per lintroduzione del pareggio di bilancio in Costituzione e per labolizione delle Province. LAGENDA DEI TAGLI gi iniziato, invece, liter per il dimezzamento del numero dei parlamentari. Ieri il Senato ha avviato lesame dei quattro testi presentati sul tema da Partito democratico, Popolo della libert, minoranze linguistiche e Lega. La settimana prossima toccher alla discussione generale, al termine della quale sar fissato il termine per gli emendamenti. Restano attivi anche i frondisti del Pdl, che guidati da Antonio Martino annunciano battaglia su lotta alla spesa pubblica e spacchettamento del ministero dellEconomia. In 25, a Montecitorio, hanno depositato una proposta di legge costituzionale per fissare un tetto alla spesa: massimo il 45% del Pil. Laggressione ai costi della politica servir allesecutivo anche per mascherare lennesi-

mo passo indietro compiuto sulla sforbiciata ai danni del Palazzo. Nel maxi-emendamento che ha riscritto il decreto anti-crisi per la quarta volta, infatti, stato alleggerito il taglio delle indennit dei parlamentari. Originariamente previsto del 50% per i deputati e i senatori titolari di altri redditi da lavoro, le ultime modifiche hanno stabilito che la riduzione dellindennit si applica in misura del 20% per la parte eccedente i 90mila euro e in misura del 40% per la parte eccedente i 150mila euro. Lappuntamento fissato per le 8,30 di stamattina. Quando, salvo colpi di scena, al termine della riunione di governo Palazzo Chigi annuncer lapprovazione del testo che elimina le Province per lasciare il posto ai nuovi enti intermedi costituiti da citt metropolitane e unioni dei Comuni, il cui funzionamento dovrebbe essere regolato dalle Regioni. Laltro provvedimento, invece, sar dedicato allinserimento del vincolo del pareggio di bilancio allinterno dellarticolo 81 della Costituzione. Trattandosi di due disegni di legge costituzionali, liter sar giocoforza pi lungo. Per completare quello di due legislature fa sulla riforma federale, poi bocciato dal referendum confermativo, ci vollero venti mesi. Stavolta, avverte Carlo Vizzini, presidente della commissione Affari costituzionali del Senato, bisogner fare pi in fretta proprio per evitare il ricorso alle urne. Qualora anche solo il referendum confermativo si tenesse dopo la fine della legi-

slatura, infatti, i tagli slitterebbero di almeno cinque anni. Una tabella di marcia che Vizzini ha ben presente a proposito dei disegni di legge sulla riduzione dei parlamentari, che deve diventare operativa prima della prossima scadenza elettorale. Se tutti i gruppi terranno fede ai loro impegni, avremo una maggioranza ampia (i due terzi, ndr) e non ci sar bisogno di ricorrere al referendum confermativo. FRONDISTI ALLATTACCO Nel Pdl, in prima linea ci sono i frondisti. Incassato qualche successo in sede di riscrittura del decreto da 55 miliardi di euro, il gruppo dei ribelli gi tornato alla carica. Questa manovra comunque non mi piace, d voce ai contestatori Giuseppe Moles, che annuncia unazione in Parlamento su fisco, pensioni, vendita del patrimonio mobiliare e immobiliare pubblico, privatizzazioni e liberalizzazioni. Terremo alta lattenzione sulle riforme. Con la benedizione di Silvio Berlusconi, pronto a sfruttare le proposte frondiste per imprimere una svolta allazione del governo. A Montecitorio, tanto per cominciare, sono arrivate due proposte di legge destinato a inasprire lo scontro con Tremonti. Entrambe hanno come primo firmatario Martino: la prima torna a separare ministero dellEconomia e ministero delle Finanze; la seconda, oltre a introdurre il vincolo del pareggio di bilancio, fissa un tetto per spesa pubblica.

Gioved 8 settembre 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

la grande crisi
:::
Analisi

LOBBY Da settimane, complice la bufera finanziaria, tornato a soffiare il vento delle larghe intese con le grandi lobby che vorrebbero un banchiere per premier

Un altro esecutivo? No, allEuropa serve pi politica


::: DAVIDE GIACALONE
QQQ Per misurare il grado di superficialit e lassenza di consapevolezza circolanti baster osservare la scena in corso: il decreto non ancora stato approvato, lulteriore prelievo di quattrini dalle tasche degli italiani non ancora iniziato, e gi partita la processione dei senza dicastero, che reclamano un governo diverso. Naturalmente pi bello e pi capace. Che non ci vuole neanche molto, viste le prove ardite offerte da questo. Ma colpisce la totale assenza di ragionamento politico, loblio dellinteresse nazionale. Che non quello di tenersi il governo in carica, ma di non buttare via i soldi che ancora si devono raccogliere. In un Paese assennato si procederebbe in modo diverso. Nel momento stesso in cui sapprova il decreto, a sua volta frutto delle istruzioni impartite dalla Banca centrale europea, e tutelate dal ruolo vigile del Quirinale, quindi frutto di una scelta non libera, il governo prende carta e penna e scrive ai colleghi europei: quanto chiesto lo abbiamo fatto, al prossimo giro di speculazione scordatevi che gli italiani siano nuovamente disposti a pagare, sapete bene che il difetto strutturale nelleuro, che lItalia sar pure un Paese che vive al di sopra delle proprie possibilit, ma n pi n meno di voi, quindi, cari colleghi, vediamoci subito e proviamo ad affrontare il nodo del problema, il trattato di Maastricht. In un Paese ragionevole le forze dopposizione, pur ribadendo il loro desiderio di mandare a casa il governo e prenderne il posto (possibilmente dopo essere state votate), converrebbero con una simile iniziativa, perch le conseguenze della speculazione sui titoli del debito pubblico sono ingovernabili per chiunque. LUNIONE FA LA FORZA Forti di tale unit, che non sarebbe affatto unaccozzaglia politica, ma il minimo comun denominatore dellinteresse nazionale, gli italiani potrebbero rivolgersi agli altri europei avendo solide argomentazioni da spendere. Come quella per cui ove loro non si svenino per obbedire agli amministratori delleuro la prima conseguenza consisterebbe nel vedere saltare le banche tedesche e francesi. Il che non induce affatto a volere il peggio, ma dovrebbe sollecitare tutti a non credere che i soldi dei propri cittadini devono essere tutelati, mentre quelli degli altri possono essere bruciati. Negli ultimi anni non abbiamo fatto nulla di male. Noi italiani rimproveriamo ai governi di non avere fatto abbastanza bene, ma in termini di disciplina di bilancio non abbiamo colpe gravi. Il problema europeo. Va affrontato in quella sede. Pensare, invece, nel mentre sapprova il decreto, di cambiare il governo equivale a volere approfittare della crisi per regolare i conti interni. Che , appunto, una dimostrazione dincoscienza. La corsa ad accreditarsi come migliori interpreti della sottrazione di sovranit non vede in pista gli animi nobili e i profondi pensatori, ma le mezze seghe della superbia senza consenso popolare. In questa legislatura non ci sono maggioranze alternative a quella berlusconicentrica, che sarebbe sostituita da un coagulo frutto di un crollo politico. Un Paese la cui sovranit economica minacciata da imposizioni che vengono da fuori e che sceglie di licenziare la politica, ha gi firmato la resa. Lalternativa sono le elezioni, ma indirle adesso significa farsi mettere sul conto la crisi delleuro. Anche i greci ci farebbero la morale, come gi gli spagnoli. Le urne ci sarebbero volute. Ora tardi. Riparliamone quando sar possibile chiudere la partita nel pi breve tempo possibile. E ci sia detto non certo per smania di difendere il governo in carica, giacch si tratta di un esercizio destinato a sicuro insuccesso, dato che entro il tempo necessario a finire queste poche righe gi sar emerso qualche altro puttanaio. Nel senso non figurato del termine.
www.davidegiacalone.it

Finch c crisi c speranza Il governo tecnico gufa...


Lex ministro Pisanu rilancia a Repubblica la necessit di un passo indietro del Cav che lasci il posto a una coalizione di responsabilit. E ci casca anche qualcuno del Pdl
::: GIANLUCA ROSELLI
ROMA

QQQ Il partito del governo tecnico rialza la testa e trova il suo sponsor politico pi prestigioso. Si tratta di Beppe Pisanu che, per dirla come il deputato pidiellino Amedeo Laboccetta, ieri ha finalmente gettato la maschera. Il Cavaliere faccia un passo indietro, ora serveun governodi largheintese, unpatto di fine legislatura con tutte le forze responsabili, ha detto il presidente della commissione Antimafia, nonch uno dei fondatori di Forza Italia. E comunque un uomo del Pdl, anche se sia i colleghi senatori sia a via dellUmilt da tempo ne hanno perso le tracce. Pisanu ormai rappresenta solo se stesso e lavora a disegni sganciati dal partito, lo stigmatizza Osvaldo Napoli. Ma ieri lex ministro dellInterno ha soffiato su un fuoco che da qualche giorno ha ricominciato ad ardere. Le difficolt e le indecisioni del governo di fronte alla crisi economica, e quelle personali di Silvio Berlusconi per le nuove intercettazioni giunte dalla procura di Napoli sul caso Lavitola-Tarantini, hanno di fatto indebolito lesecutivo. E ridato fiato a tutti coloro che sognano la sostituzione del Cavaliere con un nuovo governo tra il tecnico e listituzionale, di larghe intese. Non si tratta di un vero e proprio ribaltone, perch chi ne parla dice espressamente che ne deve far parte anche il Pdl, ma poco ci manca. Intendiamoci: di governo tecnico si parla da almeno otto mesi, ma durante lestate lipotesi sembrava tramontata. Ora, invece, come un fiume carsico, torna a riemergere. A sognarlo sono sempre gli stessi: le grandi lobby economiche e finanziarie che fanno capo a Confindustria e alle maggiori banche, la grande stampa (Corriere e Repubblica) e i partiti di opposizione (tranne lIdv, che vuole le elezioni), con la sponda, importante, del Quirinale. E unaltra sponda altrettanto importante, ma esterna, fa capo alla Bce, a cui non dispiacerebbe vedere un banchiere a Palazzo Chigi. I maligni del Pdl tra i complottisti mettono anche Giulio Tremonti. Perch, il loro ragionamento, il comportamento del ministro dellEconomia durante la crisi sembrava avere come obbiettivo proprio la caduta dellattuale esecutivo. Un concetto espresso, nei suoi colloqui

riservati, dallo stesso Berlusconi. Secondo cui lo scopo di Tremonti sostituirlo a Palazzo Chigi alla guida di un governo istituzionale. E nelle ultime ore i pretoriani del Cav hanno guardato con sospetto anche alle mosse di Renato Schifani per via delle sue uscite sempre perfettamente in linea con quelle di Giorgio Napolitano. Ma ufficialmente a via dellUmilt ci mettono la mano sul fuoco: Schifani? Figuriamoci! Impossibile un suo tradimento, lui deve tutto, ma proprio tutto, a Berlusconi.

I primi a ridare fiato alle polveri, comunque, sono stati imprenditori ed economisti presenti al workshop Ambrosetti a Cernobbio, un paio di settimane fa. Ormai questo governo non pi credibile in Europa, occorre un governo tecnico, hanno detto diversi protagonisti di quel forum. E cos il vento ha ricominciato a soffiare. Poi arrivato Alessandro Profumo. Che si gentilmente messo a disposizione del Paese. Davanti alla crisi serve uno sforzo da 400 miliardi. Lo pu fare solo

:::
Intervento

La maggioranza deve far quadrato o ci ritroviamo il partito dei pm


::: ANTONIO ANGELUCCI*
AMEDEO LABOCCETTA**

QQQ Da tempo andavamo sostenendo che il presidente dellAntimafia brigava per colpire al momento opportuno il premier Berlusconi, il suo esecutivo e quindi la maggioranza. La sua intervista di ieri non ci sorprende avendo spesso riscontrato la doppiezza del politico sardo in Commissione Antimafia. Da navigato marpione ha scelto il momento apparentemente pi debole del nostro esecutivo per tirare laffondo. Ma il disegno di Pisanu non passer. Gli anticorpi del mondo politico, leali a Berlusconi, sono ancora tanti e la partita del 2013 tutta da giocare. Gli italiani hanno le scatole piene degli sputtanamenti mediatici portati avanti contro Berlusconi. Agli italiani interessa superare la crisi economica e riprendere una vita serena. Ma sembra proprio che ad alcuni pm tutto ci non interessi, presi come sono dal loro furore ideologico di massacrare il premier scelto dagli italiani nel 2008. La maggioranza non deve

aver paura dellennesima offensiva giudiziaria portata avanti dal nuovo partito dei pubblici ministeri, i quali hanno deciso di giocare in proprio. evidente che lo scenario politico profondamente mutato. Siamo infatti convinti che nel 2013 molti di coloro che attualmente sono impegnati in delicate inchieste a carico di esponenti politici si candideranno nella costituenda formazione, un neo partito giustizialista, della quale far certamente parte Marco Travaglio e con alta probabilit spezzoni del Pd, dellIdv e del Fli. Tra due anni oltre alle classiche formazioni presenti oggi in Parlamento, vi sar il partito dei pm dassalto: non si tratta di fantapolitica ma della serena valutazione di tanti elementi che ci convincono della fondatezza delle nostre affermazioni. Bisogner arrestarli oggi prima che sia troppo tardi. * Deputato del Pdl ** Deputato del Pdl e componente della Commissione Antimafia

un esecutivo tecnico. Io sono disponibile, ha annunciato il banchiere ex amministrato delegato (defenestrato) di Unicredit. Altro banchiere candidato alla premiership il ceo di Intesa San Paolo, Corrado Passera. Poi ci sono i soliti noti: Mario Monti, Mario Draghi e Luca di Montezemolo. Insomma, se parte del mondo economico e finanziario spinge in una direzione, difficile non andargli dietro. E cos su Repubblica, e pi velatamente anche sul Corriere, ricominciato il mantra per chiedere le dimissioni del Cavaliere e un nuovo esecutivo. In Parlamento hanno subito dato la loro disponibilit Pier Ferdinando Casini (che ieri a sorpresa ha convinto anche il leader della Cisl Raffaele Bonanni) e Gianfranco Fini. Il Pd prima ha nicchiato, poi arrivato il benestare di Massimo DAlema. Che, in unintervista al Messaggero, ha ammesso candidamente che si sta lavorando alla costruzione di un comune tessuto su cui poggiare la nascente intesa tra moderati e progressisti in Parlamento come reale alternativa a questo esecutivo. E ieri DAlema ha giudicato di buon senso le parole di Pisanu perch in questo momento un altro governo una necessit. Qualcuno, per, ne parla anche nel Pdl. Ufficialmente lo fa solo Giuliano Cazzola. Se tra la crisi economica e i problemi giudiziari la situazione dovesse ulteriormente peggiorare, a quel punto o la maggioranza trova la forza per ripartire con un nuovo slancio per arrivare al termine della legislatura, oppure meglio dimettersi e mettere in piedi un governo per salvare il Paese, osserva il deputato pidiellino. Altri suoi colleghi di partito fanno lo stesso ragionamento, ma senza uscire allo scoperto. Insomma, per il Cavaliere i guai finiranno con lapprovazione della manovra. Naturalmente molto dipender dalla situazione economica: se la Borsa continuer a perdere e lo spread con la Germania a salire, allora per il premier sar sempre pi difficile difendersi dagli assalti di coloro che auspicano un suo passo indietro. I quali, per, ancora non sono riusciti a convincere lunico davvero indispensabile: Umberto Bossi. Fosse per Maroni saremmo gi al dopo Berlusconi, ma per fortuna Bossi non lo stesso del 1995, sussurrano fiduciosi a Palazzo Chigi.

PRIMO PIANO

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it
AMMUCCHIATA Quirinale, Terzo Polo, Pd, parte della Lega: in tanti tifano per una fase di transizione guidata da un tecnocrate. Senza il disturbo delle urne

la grande crisi

La carica dei trombati


Da Profumo a Montezemolo, da Fini a Monti, gli aspiranti salvatori della patria portano in dote una collezione di fallimenti personali. E ora puntano a rifarsi a palazzo Chigi
::: segue dalla prima RENATO BESANA
.

IL NUOVO CHE AVANZA


Da sinistra, lex amministratore delegato di Unicredit, lex presidente Fiat e di Confindustria e attuale numero uno della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, il leader dellUdc ed ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, lattuale presidente della Camera Gianfranco Fini e lex ministro dellInterno Beppe Pisanu. Sono loro tra i pi accesi sostenitori di un governo tecnico (Lapresse e Olycom)

(...) La prospettiva duna compagine di transizione, o di unit nazionale, sembrava tramontata il 14 dicembre dello scorso anno, quando la risicata fiducia ottenuta da Berlusconi stronc la faida finiana. Nonostante le malvagie ironie su Scilipoti&C, la maggioranza parve in grado di reggersi. Negli ultimi mesi, per, il precipitare dei mercati ha mutato dimprovviso il quadro. Berlusconi, per la prima volta, non sembra in grado di padroneggiare la situazione con efficacia. Se gli effetti della manovra dovessero mostrarsi inferiori alle attese, lipotesi di una crisi non sarebbe peregrina. Di andare subito a elezioni non se ne parla: a sconsigliare il ricorso alle urne non il timore duno schianto finanziario, quanto limpreparazione delle forse in campo. In compenso, sono in tanti a sognare un governo tecnocratico, nato fuori dal recinto dei partiti. Lo vorrebbe Napolitano, che nella sua videoconferenza allo Workshop Ambrosetti di Cernobbio s quasi scusato di non poter prescindere dalle maggioranze in Parlamento; lo vorrebbero il patto di sindacato del Corriere, la Confindustria della Marcegaglia e i banchieri che, sempre a Cernobbio,

non hanno lesinato bacchettate al centro destra. Farebbe comodo al Pd, che avrebbe cos il tempo per decantare la propria situazione interna, e non dispiacerebbe a parte della Lega, Maroni in testa, desiderosa di liberarsi dallabbraccio col Cav. Quanto a Casini e al Terzo Polo, sono stati i primi a invocare la grande ammucchiata. Dunque tutti daccordo, o quasi. Ad apparire disperante, pe-

r, il profilo esibito dagli aspiranti salvatori della Patria. Il titolo ideale duna fotografia che li ritraesse in gruppo sarebbe la compagnia dei trombati: ciascuno sembra alla ricerca dun qualche risarcimento per glinsuccessi personali. Un gran trombato lo stesso Pisanu, costretto al ruolo di comparsa in seguito alla pessima figura rimediata da ministro dellInterno nella notte dei bro-

A sinistra preparano gi liste e nominati

Intesa elettorale Bersani-Diliberto: tre seggi sicuri al leader comunista


QQQ Manca solo lufficialit, ma per quella c ancora tempo: Oliviero Diliberto torna in Parlamento. Grazie a Pier Luigi Bersani. Laccordo, raccontano in Transatlantico, cosa fatta: il Partito democratico dovrebbe garantire tre posti sicuri al leader comunista. Radio-Palazzo d gi per certa anche la composizione della fortunata terna pronta a staccare lambito biglietto per Montecitorio: Oliviero Diliberto (segretario dei Comunisti italiani), Antonino Cuffaro (presidente dei Comunisti italiani) e Manuela Palermo (gi portavoce di Diliberto e direttore dellorgano ufficiale Rinascita). Una cosa per pochi eletti, in ogni senso. E che forse aiuta a capire come mai proprio Diliberto si sia sfilato dal coro che, a sinistra, invoca larrivo di un governissimo per archiviare Berlusconi: C bisogno di un governo politico serio, credibile e autorevole che abbia il mandato elettorale per far uscire il Paese fuori dalla secche della crisi, ha detto ancora ieri invocando le elezioni anticipate...
M. G.

gli del 2006. Trombati di lusso, e di charme, anche gli uomini sui quali puntano Pd e terzopolisti, cio Alessandro Profumo e Luca di Montezemolo. Berlusconi scese in politica allapice del successo; loro stanno meditando il gran passo allapice dellinsuccesso: luno messo parte da Unicredit, laltro da Fiat e da Confindustria. Mario Monti, il pi corteggiato di tutti, sembra non essersi mai riavuto dalla delusione daver dovuto abbandonare il posto di commissario europeo. Il minimo che si aspetta, per ricompensare i suoi meriti, la presidenza del Consiglio. Intorno ai supereroi gravitano alcuni trombati cronici: Fini, cassintegrato della politica in mobilit lunga il cui progetto a dir poco in crisi; DAlema, un ex premier passato a prendere schiaffi da Vendola e piazzato al Copasir; Rutelli, preso a sberle prima da Berlusconi poi da Alemanno. Tutti costoro, per raggiungere i propri obiettivi, devono superare un impiccio trascurabile: la democrazia elettiva, quel perfido sistema che impone il consenso degli elettori. Ci provassero: con i mezzi e le amicizie di cui dispongono, non dovrebbe essere difficile. I tecnocrati salvo uno, Romano Prodi sono allergici al responso delle urne. Si ritengono i migliori: non ne hanno bisogno.

Gioved 8 settembre 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

la grande crisi

LINCUBO angosciato dalla pubblicazione di nuove telefonate dal contenuto hard con Tarantini e pensa a un intervento urgente per evitare finiscano sui giornali

Pm e ribaltoni: il Cav in ansia


Teme la spallata giudiziaria: Chi mi vuole mandare a casa venga a sfiduciarmi in Aula, ma sappiano che se cado io ci sar il voto. Sospetti anche sul Carroccio e su Tremonti
::: SALVATORE DAMA
ROMA

QQQ Altre ipotesi di governo non esistono. Rimango io a Palazzo Chigi fino alla fine della legislatura, porteremo lItalia fuori dalla crisi. Avete visto oggi (ieri, ndr) al Senato che numeri solidi? Chi vuole la mia testa venga in Parlamento e proponga la sfiducia. Ci contiamo, sono pronto. E se qualche irresponsabile pensa di farci cadere, non si illuda: lalternativa a questo esecutivo il ritorno alle urne. Il Quirinale non autorizzerebbe mai un ribaltone. Pi per farsi coraggio che per reale convinzione. Ma tant: il discorso che fa Silvio Berlusconi questo qui. Luscita di Beppe Pisanu (Passo indietro del premier e larghe intese) non lo coglie di sorpresa. Sono giorni che sente il fiato sul collo. Una mischia di opposizioni, poteri forti, finanza, partner europei che tira per la giacca il Cavaliere: fatti in l. La cosa oramai non lo scompone pi di tanto. Semmai linterrogativo un altro: Quanti dei nostri sarebbero disposti a seguire Pisanu?. Nessuno in grado di rispondere

a questa domanda perch la soluzione lui, Berlusconi. Gli eretici aumentano (o diminuiscono) a seconda della parabola berlusconiana. Pi Silvio si avvicina alla polvere, maggiori proseliti fa il lodo Pisanu. Poi c la Lega: da quando Bossi convalescente, le mosse del Carroccio sono imprevedibili. Infine c Tremonti: i rapporti con Giulio vanno di male in peggio, il ministro dellEconomia ci penserebbe un attimo a voltare le spalle al premier, dovesse capitare loccasione. Lui? Lui si fa forza: Abbiamo incassato la fiducia sulla manovra anti-deficit, andiamo avanti cos. Oggi Berlusconi si prepara a presenziare un consiglio dei ministri importante, ricco ordine del giorno: la cancellazione delle Province e la regola del pareggio di bilancio inserita in Costituzione. Roba che, se fatta sul serio, rimani nella storia di questo Paese. Ma il Cavaliere teme di essere ricordato per altro. Questo: nelle prossime ore la madre di tutti gli sputtanamenti suoner alla porta di Palazzo Grazioli. La procura di Bari sta per chiudere linchiesta sulle escort di Tarantini. Negli atti che

saranno depositati ci sono i verbali di indagati e testimoni, ma soprattutto le intercettazioni di telefonate tra Giampy e il capo del governo. Contenuti hard sulle attitudini sessuali delle ragazze, pare. Ma - gira voce - anche affermazioni licenziose su alcuni leader europei fatte a margine di vertici internazionali. Insomma: si prevede uno tsunami di fango. Che Berlusconi vorrebbe in qualche modo arginare. Ieri stato chiuso tutto il giorno a via del Plebiscito con gli avvocati, poi con Angelino Alfano, quindi cena con il segretario del Pdl e con Franco Frattini, originariamente organizzata per fare il punto sulla fondazione Ppe. Nellarco della giornata Silvio s dovuto sorbire anche lo sfogone di Esteban Juan Caselli. Caselli lepifenomeno del dramma delle intercettazioni: Silvio, conversando al telefono con Valter Lavitola, aveva definito pericolosissimo il senatore del Pdl. Uno da tenere a distanza. Giudizi finiti prima nel filone napoletano dellaffaire Tarantini e poi sui giornali. Ieri il premier ha dovuto un chiarimento al parlamentare eletto allestero perch

quello s offeso: Piena fiducia in te, ha giurato Berlusconi. Che non ne pu pi: Bisogna fare qualcosa per fermare questo stillicidio. vergognoso che le mie telefonate finiscano sui giornali, in quale paese civile succede questo? I giudici vogliono annientarmi. Ma cos fanno il male dellItalia, la danno in pasto agli speculatori. E marted a Palazzo Chigi arriveranno i pm napolitani per ascoltare Berlusconi come testimone nellinchiesta che vede indagati Lavitola, Tarantini e consorte. Ma vi pare che mentre leuro sotto attacco e io impegno tutte le mie forze per gestire la crisi, debba perdere un pomeriggio con uninchiesta che non esiste, che frutto della fantasia di tre pm?. Il Cavaliere fuori dalla grazia di Dio. Bisogna fare qualcosa, intervenire prima che sia troppo tardi. Sicch tornato a ipotizzare un decreto durgenza per vietare la diffusione delle intercettazioni sui mezzi di informazione. Lunica soluzione concreta per evitare un nuovo sputtanamento planetario. Il problema? Il problema sta seduto al Quirinale. E si chiama Giorgio Napolitano.

Botta...

Sogno una rivolta azzurra contro Silvio e Umberto


::: segue dalla prima GIAMPAOLO PANSA
.

(...) anche per gli evasori ed essere bastonato sino a quando morir. La mia condizione di fesso cornuto e mazziato, anzi razziato, ha un unico vantaggio: il poter dire con franchezza che cosa penso di chi ci governa. Comincio dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Ecco un vecchio malridotto, senza pi forze, privo della lucidit di un tempo, assediato dalle inchieste giudiziarie, messo in piazza dalle intercettazioni. Adesso che la dieta lo fa dimagrire, sembra ancora di pi lo spettro del Cavaliere vincitore. Credo che neppure lui si diverta a guidare il nostro pazzo Paese. Se ne sta lontano da Roma per giorni e giorni. Non si presenta in tiv per spiegare agli italiani come ridotta la baracca e come ritiene di sistemarla. Del resto, in uno sfogo telefonico, ha confessato che vorrebbe andarsene da questo posto di merda. Il suo alleato, Umberto Bossi, conciato peggio di lui. Non riesce a parlare con chiarezza. Cammina a fatica e soltanto se qualcuno lo sorregge. Verrebbe da dire che tiene lanima con i denti. Eppure persiste nello stare arroccato a un potere che si sta sfaldando, anche per la lotta fra due clan che si contendono la sua eredit. La loro coalizione gi andata a gambe allaria. Lo dico con rammarico perch sul fronte opposto al centro-destra non c niente che possa sostituirla. Le sinistre sono divise in pi bande con capi che si combattono. Bersani, Di Pietro e Vendola sono dei compagni di coltello e cercano di sopprimersi a vicenda. Anche messi insieme, non sanno come affrontare la crisi italiana. Il loro programma gi stato bocciato da illustri economisti di sinistra. Invece di approfittare della debolezza avversaria, il centro-destra ha pensato bene di tagliarsi la

gola da solo per morire in bellezza. Se non fosse cos, lavremmo gi visto dare lunico segno di vita che tanti loro elettori aspettano: togliere la fiducia a Berlusconi e convincerlo od obbligarlo a ritirarsi. Per poi tentare un rilancio con un altro premier e un altro governo. Non sarebbe una rivolta di palazzo, bens lunica strada per non perdere il rispetto degli italiani che li hanno votati. POCHI SEGNALI Purtroppo per il centro-destra, non ci sar nessuna rivolta di palazzo. Qualche segnale sembra arrivare soltanto dalla Lega, dove il ministro Roberto Maroni si d molto da fare per avere la meglio sul Cerchio magico che imprigiona Bossi. Ma nelle file del Pdl non si vede nulla. E faremo bene a non aspettarci nulla. Il partito sta tirando le cuoia, per i sottocapi del Cavaliere sembrano aver deciso di morire con lui. Il segretario del Pdl, Angelino Alfano, non muover un dito. La sua mossa pi notevole stata di unassurdit folle. Quella di dichiarare che il Cavaliere sar il leader del centro-destra anche nella consultazione elettorale del 2013. Ad Alfano sembra non importare un piccolo dettaglio anagrafico. Allora Berlusconi avr la bellezza di 77 anni. E se arrivasse alla fine della legislatura toccherebbe il traguardo degli 82 anni. Ma allora vero quanto avevano detto la sinistre dopo la nomina di Alfano. Ossia che Silvio aveva messo a guidare il partito un suo replicante o un manichino. Mi domando che cosa ne pensino Fabrizio Cicchitto, Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello, per citare soltanto tre big del centro-destra. Li conosco da anni. Non sono degli sciocchi. E sanno che il loro re nudo. Eppure sembrano paralizzati. Per lealt verso Berlusconi. O perch sanno che senza di lui il Pdl crollerebbe di colpo, come una castello di carte da gioco. La crisi del centro-destra testimoniata anche

da qualche novit imbarazzante. Lultima di ieri. Intervistato da Repubblica, Giuseppe Pisanu, senatore del Pdl e presidente della Commissione antimafia, ha chiesto a Berlusconi di fare un passo indietro, ossia di dimettersi. Per favorire larrivo di un governo di larghe intese. Credo di poter dire che non da oggi Pisanu la pensa cos. Se ha creduto bene di parlarne con il giornale pi avverso a Berlusconi, significa che nel Pdl il clima si fatto irrespirabile. E la crisi della coalizione moderata priva di sbocchi. Tuttavia anche Pisanu commette un errore. E mi stupisce che un politico avveduto come lui, gi nel vertice della vecchia Democrazia cristiana, non se ne sia accorto. Il fatto che Pisanu siede in Senato e dirige la Commissione antimafia per nomina del sovrano che vorrebbe cacciato dal trono. Per questo la sua richiesta, legittima e comprensibile, avrebbe avuto un senso se lui, prima di esternarla, si fosse dimesso da Palazzo Madama. Un nominato che si snomina: ecco uno spettacolo che mi piacerebbe vedere. Ma non credo che lo vedr mai. Da quel che so, parecchi altre eccellenze del Pdl la pensano come Pisanu. Eppure tacciono, per convenienza o per timore. Ma prima o poi la crisi li obbligher ad uscire dal silenzio che si so-

no imposti. Anche la manovra che si cerca di approvare non baster. Presto ce ne vorranno delle altre. E tacere diventer impossibile. Il governo Berlusconi avr la forza di imporre agli italiani nuovi sacrifici? Vorrei sbagliarmi, per io credo che non ci riuscir. Per una debolezza interna sempre pi grande. E non per colpa della speculazione internazionale o delle pretese della Banca centrale europea. SOLUZIONE URGENTE Dunque una soluzione va trovata e in fretta. E non credo consista in un nuove elezioni generali. Lassalto dei mercati diventerebbe ancora pi feroce. Per evitare questa sciagura, o sperare di attenuarla, occorre una fase intermedia. quella che in un mio vecchio Bestiario su Libero ho chiamato la fase del governo tecnico. Un esecutivo lontano dagli interessi elettorali che rendono vana ogni riforma. Guidato da una personalit decisa dal Presidente della Repubblica. E composto anche da politici, tanto della maggioranza che dellopposizione. So bene che sembra unimpresa titanica. Anche perch ha come condizione primaria luscita di scena di Berlusconi e di Bossi. Loro faranno di tutto per impedirla. Rispetto al leader leghista, il Cavaliere ha pure un motivo in pi per non accettare questa soluzione: le inchieste giudiziarie

PRIMO PIANO

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it
LA STRATEGIA I lumbard hanno paura che a Palazzo Chigi possa arrivare un Profumoe Bobo cerca sponde nel Pdl per correggere alcune scelte, a partire dalle pensioni

la grande crisi
Non c solo la manovra

Bossi agitato per i dossier pro-Trota Bobo lavora contro il governo tecnico
QQQ Situazione difficile in casa Lega. Umberto Bossi non si fa vedere, perch i medici gli hanno prescritto riposo assoluto dopo loperazione al gomito. in forte dubbio anche per la festa del Carroccio a Novara, nel fine settimana, mentre domani sera saranno presenti i ministri Maroni e Calderoli col padrone di casa Roberto Cota. Per la manovra la tensione nella maggioranza resta altissima, con sindaci e militanti padani tra il perplesso e linferocito. Gira anche voce che lo stato maggiore dei lumbard, qualora fossero necessari nuovi correttivi dolorosi, sia pronto a staccare la spina per non intestarsi manovre troppo pesanti e che ricadranno soprattutto sulle regioni del Nord. Il titolare del Viminale, al quale guardano ampie fette del movimento, terrorizzato soprattutto da un governo tecnico in cui - dicono alcuni dei suoi - comanderebbero i banchieri. Ora sta lavorando - facendo asse con lala pi liberal del Pdl - con lobiettivo di prevenire ribaltoni e correggere la manovra nei prossimi mesi, a partire dalle pensioni. Al di l degli equilibri romani, per, i vertici del Carroccio osservano preoccupati anche quelli sul territorio. Se Berlusconi teso anche per laffaire Tarantini, pure il Senatur ha dei grattacapi per motivi giudiziari. Entro sabato terminer la sfilata di leghisti nella procura di Brescia. Motivo: i presunti dossier commissionati dallassessore regionale Monica Rizzi con lobiettivo di favorire la sua ascesa politica e quella di Renzo Bossi (che per non ne sapeva nulla) danneggiando possibili rivali interni. A dire la verit, i primi colloqui in procura sono avvenuti allinizio dellestate, ma ora gli inquirenti hanno deciso di accelerare. Tra i convocati ci sono alcuni amministratori di primo piano, oltre ad ex consiglieri regionali e leader locali. Alcuni di loro hanno fatto capire di voler procedere con una querela. Hanno anche lintenzione di chiedere i danni materiali e morali. Fatti due conti, se dimostrassero di essere stati esclusi da una possibile candidatura al Pirellone potrebbero immaginare fino a 500mila euro di risarcimento solo per i mancati stipendi incassati da chi bazzica i banchi del consiglio regionale. da settimane che il Senatur sta seguendo la vicenda. Pubblicamente aveva difeso la Rizzi, quando per era finita nei guai perch sera spacciata per psicologa senza esserlo.Poi saltata fuori la faccenda dei dossier, grana che stata discussa anche a via Bellerio. Alcuni fedelissimi riportano cos il pensiero di Umberto: Temo vogliano inguaiare la Rizzi per colpire Renzo, al momento aspetto le decisioni dei magistrati. In questo clima, si avvicina sempre pi il congresso provinciale di Brescia, dove la bionda padana scesa in campo per sponsorizzare un suo uomo, Mattia Capitanio, che piace al cerchio magico fedele alla moglie di Bossi. Laltro candidato, spinto dai maroniani, il vicesindaco del capoluogo Fabio Rolfi.
M. PAN.

LEADER IN CRISI
Il premier Berlusconi nato a Milano il 29 settembre 1936, e ha vinto le prime Politiche nel 1994. Bossi, leader della Lega, nato a Cassano Magnago il 19 settembre 1941 (Oly)

...e risposta

No, io invece sogno ancora un Cavaliere che si ribella a questo Paese di m...
::: segue dalla prima MARIA GIOVANNA MAGLIE
.

che lo affliggono e i processi che lo aspettano. Senza lo scudo di Palazzo Chigi, si troverebbe in bala dei suoi nemici. Ma la crisi che incalza lItalia ci rende insensibili ai problemi giudiziari e personali di Berlusconi. Per tutti noi i rischi sono enormi. Sappiamo bene che cosa accadrebbe se anche il nostro Stato fallisse come accaduto in Grecia. LE FRASI DI PISANU Proviamo a immaginare che un certo giorno il governo non riesca a pagare gli stipendi agli statali e i milioni di pensioni che il 27 di ogni mese vengono erogate. Il famoso default di cui tanto si parla questo: limpossibilit di onorare gli impegni assunti con chi ha lavorato per te. E c uno scenario ancora pi orrendo. Lha evocato Pisanu nellultima riga della sua intervista: le piazze in rivolta. Lui non lunico a temere questo sbocco crudele della crisi politica e finanziaria. Anchio ci penso e ne scrivo spesso, per lesperienza che ho fatto negli anni Settanta o Ottanta. Ma oggi potrebbe andare molto peggio. Da tempo, le fiammate di ribellismo sono frequenti. Tuttavia riguardano soltanto gruppi isolati di antagonisti che per ora vengono tenuti a bada dalle forze dellordine. Per non so che cosa accadrebbe se a questi nuclei di violenti si unissero migliaia di cittadini che si ritengono danneggiati dalla gestione della crisi. In quel caso disgraziato, avremmo di fronte non soltanto le piazze dei cosiddetti indignati, bens un esercito di gente disperata. Che, a torto o a ragione, vuole distruggere il nemico, ossia lo Stato repubblicano. per questo che scruto con apprensione il futuro del Paese, che anche il mio e delle persone che amo. Ed ancora per questo che il rifiuto di Berlusconi e di Bossi a prendere atto che il loro ciclo finito non risulta soltanto incomprensibile, ma rischia di diventare criminale.

(...) e perch venga chiamato a prendersi il posto dello stanco numero 1; sar che vorr pur dire qualcosa se il centro destra e i suoi leader fanno acqua, ma Bersani sembra un fumetto pubblicitario delle vecchie coop, e tutti quelli del centro sinistra come alternativa credibile di governo si propongono di accodarsi alla nostra nuova pasionaria, Bellicapelli Camusso, e chi la capisce bravo; sar che, avendo ancora e per fortuna parecchi anni di meno dei vecchiardi di cui qui si chiede la testa, voglio ostinatamente rivendicare che giovani non basta, si vedano Fini o Letta o Veltroni o Franceschini, ma che un po di coerenza richiede a chi pretenda la testa dei suddetti vecchiardi di non invocare come motore primo del cambiamento sotto forma di governo tecnico nientemeno che Giorgio Napolitano, anni 86 felicemente suonati, molti dei quali, sia detto senza cattiveria, trascorsi serenamente da comunista, ad aspettareche la storia seppellisse il comunismo per smettere di esserlo senza neanche un frizzo di autocritica, nessuno gliene ha mai chiesto conto, eppure sar peggio delle mignotte di Bari, o no?; sar infine che il vezzo italiano a tutti comune del piove governo ladromi ha veramente rotto le scatole e sento profondamente che di questi mediocri siamo elettori e responsabili, e dovremmo prendercela la responsabilit, indovinare azioni positive, disturbarli, incalzarli, invece di stare l come delle amebe a subire qualunque cosa e poi risvegliarci alimprovviso a suon di monetine, piazzali Loreto, ire funeste sulla casta, intanto che andiamo a fare la spesa in orario di lavoro e ci facciamo fare il certificato medico fasullo. LO SCETTICISMO Sar tutto questo a farmi essere tanto scettica quando sento scrivere e parlare della necessit di mandare a casa a calci i nostri governanti, e non perch mi piacciano, al contrario, disistimo e disprezzo

perfino una buona parte di loro, e giudico di pessimo livello la composizione complessiva dellattuale Parlamento. Sono contraria alla legge elettorale vigente, ma non mi dimentico quel che mi spieg il grande Cossiga: Maria Giovanna, la stessa legge fatta per la Regione Toscana, Fassino e Berlusconi si sono messi daccordo di eleggere la servit, chi ne ha di pi governa, perci diffido di chi oggi mena tanto scandalo su quella legge che ha fatto comodo a tutti i galli del pollaio. Non mi straccio certo le vesti a difendere Silvio Berlusconi e Umberto Bossi, ma voglio ragionare. Intanto non sono sullo stesso piano, uno ha il compito spesso impossibile di tenere in piedi laccordo con la Lega indispensabile alla sopravvivenza dellesecutivo, laltro sempre pi spesso si mette a fare il guastatore, e non sappiamo nemmeno se lo fa di sua iniziativa o su commissione di quel famoso cerchio magico di figli, mogli, badanti, che sta diventando una cosa grottesca. Al primo non vedo un alternativa interna al Pdl, mi si facciano i nomi e sul serio, non per scherzare, cerano due delfini i cui cognomi finivano per ini, la verit che non hanno avuto pazienza, non hanno saputo aspettare, con una differenza, uno un furbone laltro un traditore, uno esiste sia pur a fatica e mal circondato in politica, laltro raccoglie stelle marine da fondali proibiti, e i suoi fedelissimi o corteggiano Di Pietro o Sabina Began. Al secondo invece lo vedo pronto il successore, si chiama Roberto Maroni, e se fosse vero che in fondo un antiberlusconiano, pazienza, non sar il primo, pensate che la governatrice del Lazio per grazia berlusconiana ricevuta ha ritenuto di insultare lopposizione dicendo loro siete berlusconiani, certo pi intelligente di tutti gli altri, si decida a dar battaglia e parli chiaro, magari ci spiegher che cosa successo alla Lega negli ultimi mesi, perch a noi comuni osservatori linvoluzione appare spaventosa. La pantomima della manovra stata orribile, diciamoci la verit, soprattutto perch tutto stato fatto in pubblico, le stronzate, i ripensamenti, le ripicche, gli errori. Certo, nessuna manovra che pretenda follemente e allimprovviso il pareggio

di bilancio indolore, certo il Berlusca non lo vediamo e sentiamo sul serio da un mese, e bene farebbe prima o poi a spiegarci perch se non daccordo non caccia i ministri che non stima pi. LA GOGNA FISCALE La gogna fiscale lha tolta, lo ringrazio, ma poteva essere pi chiaro prima che si scatenasse il casino. La persecuzione giudiziaria lo azzoppa, lo ammetto, ma i suoi vizi privati sono stati consegnati nelle mani di troppi delinquenti. La rivoluzione liberale non lha fatta, e fatico a rispondere agli amici, suoi elettori, al momento potenzialmente ex, che gli rimproverano di essersi rivelato un monopolista preoccupato soprattutto dei suoi interessi. Vorrei poterlo difendere, se fatico perch la sostanza delle accuse vera. Ma questo mi conduce ancora una volta a rispondere al Maestro Pansa. Non serve cacciare uno che non sai come sostituire, non serve invocare un governo tecnocratico, se questo e resta il Paese degli sprechi, delle corporazioni, del pezzo di carta, delle servit, degli enti locali egoisti, dei travet malpagati che in cambio pretendono di lavorare poco e andare in pensione presto, delle donne sottovalutate e neglette che sonocontente di essere tratate comeesseri umani di serie B. Se questo resta il Paese delle tasse inique, tanto alte e irragionevoli, tanto pensate per spremere e non per aiutare chi metta denaro in circolazione, che evaderle, ecco sto per scriverlo, giusto. Abbiamo scritto fino alla nausea quel che basterebbe per una, cento manovre: tutti in pensione a 67 anni, o anche pi tardi, subito; un mercato del lavoro totalmente liberalizzato; scioglimento degli ordini professionali e abolizione del valore legale del titolo di studio; vendita dello sterminato patrimonio pubblico inutilizzato, ceduto agli enti territoriali per destinare risorse ai servizi per i cittadini; una o al massimo due aliquote fiscali, e totale deducibilit delle spese. Tutto il resto, contributi di solidariet, Iva e quantaltro, fuffa, eppure quel che si far, perch questo un Paese di merda, chi lha detto?

10

Gioved 8 settembre 2011

PRIMO PIANO

@ commenta su www.libero-news.it

::: POLITICA E TRIBUNALI


Verso ludienza del 3 ottobre

Berlusconi scrive alla Camera: stop alle intercettazioni su Ruby


Il tribunale di Milano tace sulla validit delle registrazioni del caso Rubacuori Gli avvocati del premier: Serve una valutazione. La sinistra non ci sta

LA LETTERA DEL CAV

Q Avendo il Tribunale omesso non solo di decidere, ma anche di inviare gli atti a codesta Camera per le valutazioni del caso, vi il precipuo interesse (di chi scrive, ndr) che codesta Camera voglia valutare lutilizzabilit in quella sede giudiziaria del materiale
.

::: ENRICO PAOLI


QQQ Qualcuno lha definita irrituale e temeraria. Ma in una fase in cui lirritualit la temerariet sono la norma e non la variabile dellattuale stagione politica, ad apparire fuori contesto non la lettera inviata al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, alla Giunta per le autorizzazioni della Camera chiamata a pronunciarsi sul caso di Ruby Rubacuori, quanto le polemiche montate ad arte dalla sinistra, rimasta a corto di argomenti. Avendo il tribunale omesso non solo di decidere, ma anche di inviare, si legge nella lettera trasmessa alla Giunta della Camera, gli atti a codesta Camera per le valutazioni del caso, vi il precipuo interesse che codesta Camera voglia valutare lutilizzabilit in quella sede giudiziaria del materiale di cui vengono forniti gli allegati, cio le intercettazioni che riguardano alcune ragazze dellOlgettina - Nicole Minetti e Marysthelle Garcia Polanco in particolare - tutte relative al processo Ruby. Insomma, da parte del premier non c nessun assalto frontale alle istituzioni o, tantomeno, il tentativo di delegittimare lorgano parlamentare, ma un semplice invito alla valutazione dei fatti, puntando sul conflitto dattribuzione fra Camera e Tribunale di Milano. Nella lettera depositata dal legale di Berlusconi e parlamentare del Pdl, Niccol Ghedini, si motiva la ragione della richiesta e si chiede in sostanza alla Giunta di prendere una decisione su una materia sulla quale il Tribunale di Milano non si pronunciato, ovvero linutilizzabilit o meno ai fini processuali delle intercettazioni sui telefonini delle ragazze dellOlgettina. Come si potr evincere dagli atti, si

LE RAGAZZE DELLOLGETTINA Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori, 18 anni Olycom legge nella nota, si era chiesto al Tribunale di pronunciarsi anche sullutilizzabilit o meno delle intercettazioni telefoniche essendo queste state disposte, in violazione dellarticolo 68 della Costituzione. Il Tribunale, per, ometteva di assumere una decisione in merito. Da qui le ragioni delle missiva. La prossima udienza dibattimentale fissata per il 3 ottobre e in quella data dovranno essere formulate le eventuali richieste di acquisizione anche del materiale dindagine. Apriti cielo. La lettera del premier inviata alla Giunta per le autorizzazioni a dir poco irrituale, oltre che, naturalmente, irricevibile, sostiene il deputato di Fli, Nino Lo Presti, la Giunta deve occuparsi di ci che riguarda i parlamentari, non pu certo prendere posizione su conversazioni telefoniche relative a terze persone. Linea, quella dei finiani, condivisa dallItalia dei Valori e dal Pd. A riportare tutti sulla linea di galleggiamento ci pensa il presidente della Giunta per le autorizzazioni, PierluigiCastagnetti: La richiestadi Berlusconicirca lutilizzabilit o meno delle intercettazioni nella vicenda Ruby, sar esaminata dopo il 16 settembre, al termine, cio, del voto sulla richiesta di arresto nei confronti dellex braccio destro di Giulio Tremonti, Marco Milanese. Castagnetti, ovviamente, ha informato della missiva anche il presidente della Camera, Gianfranco Fini.

IN CARCERE PER BANCAROTTA

E Mora piange davanti ai giudici


Lacrime per Lele Mora alluscita del tribunale del Riesame di Milano dove lagente dei vip ieri ha depositato istanza per i domiciliari. Mora in carcere dal 20 giugno scorso per il crack della sua Lm Management. Dagli atti dellinchiesta emergono nuovi dettagli circa i prestiti chiesti dal manager a Silvio Berlusconi. Nellottobre 2010 Mora avrebbe cercato di avere altri 3 milioni di euro, dopo i 2,8 ricevuti in precedenza (soldi che, stando allex manager dei vip, sarebbero andati in buona parte a Emilio Fede, che invece nega).

Spifferati i gusti del Cav sulle ragazze

Marted Woodcock a Palazzo Chigi Spunta un legame Tarantini-Papa


::: ROBERTA CATANIA
QQQ Le inchieste napoletane si espandono a macchia dolio. Dopo avere in qualche modo inglobato lindagine barese sulle escort (facendo aprire un provvedimento a Lecce sul procuratore Antonio Laudati, sospettato dai pm napoletani di avere rallentato gli atti dopo avere ascoltato una telefonata tra Tarantini e Lavitola), i magistrati campani starebbero per condire linchiesta sulla presunta estorsione a Silvio Berlusconi con appendici ricavate dalla P4 e dalla sanitopoli pugliese. Minimo comune denominatore: Salvatore Metrangolo, oggi nel mirino per avere aiutato la segretaria di Alfonso Papa, il deputato PdL finito in carcere il 20 luglio per corruzione e rivelazione di segreto, e ora riscoperto allopera con Giampaolo Tarantini e Lea Cosentino, impegnati a spartirsi consulenze durante una colazione nella saletta dellhotel De Russie il 21 gennaio del 2009. Al centro, dunque, ancora consulenze di Finmeccanica e di Selex, la partecipata che dava lavoro anche al latitante Valter Lavitola, che da Panama manda comunicati rassicuranti: Torner presto per chiarire la mia posizione con i magistrati, forse dopo che linchiesta si sar ammorbidita. Lunica speranza, per lex direttore dellAvanti, che Silvio Berlusconi, nel corso dellaudizione prevista per marted prossimo, ribadisca la tesi avanzata dal faccendiere: Mi aveva incaricato il pre-

:::

LA VICENDA

MANETTE Il primo settembre scattano le manette per limprenditore Gianpaolo Tarantini. Laccusa estorsione ai danni del premier. Indagato anche Valter Lavitola, direttore de LAvanti TELEFONATE Tra le intercettazioni finite sui giornali c un Berlusconi che in uno sfogo definisce lItalia paese di merda e si scopre che Lavitola lamante della moglie di Tarantini INTERROGATORI I pm di Napoli ascolteranno il premier, che sar interrogato marted a Palazzo Chigi come parte lesa

mier di aiutare i Tarantini e daccordo con lui non diedi a Gianpaolo tutti i soldi insieme, per paura che li spendesse anzich investirli. Nel primo pomeriggio del 13 settembre il procuratore capo di Napoli, Giovandomenico Lepore, laggiunto Francesco Greco, e i pm Vincenzo Piscitelli, Francesco Curcio e John Henry Woodcock varcheranno il portone di Palazzo Chigi. Berlusconi li aspetter nel proprio ufficio per rispondere alle domande che gli inquirenti hanno ritenuto necessario rivolgergli in quanto parte lesa di questo provvedimento. Sar dunque persona informata sui fatti: posizione che non prevede la possibilit di svicolare da domande scomode e neppure concede di avere un avvocato con s. Una condizione svantaggiosa, soprattutto se gli inquirenti approfitteranno dellincontro (e dellimpossibilit di rifiutarsi di rispondere) per car-

pire informazioni al premier tali da metterlo nei guai. Ad esempio, da vittima di una presunta estorsione, il presidente del Consiglio potrebbe ritrovarsi indagato per corruzione, qualora i pm puntassero sulla tesi che il Cavaliere pagava Tarantini per tenerlo buono nel processo sulle escort di Bari portate a Palazzo Grazioli. Ipotesi, tra laltro, gi delineata nellordinanza di arresto di Tarantini e Lavitola. Diametralmente opposta la condizione di Giampi, che oggi nel carcere sar di nuovo interrogato dai pm, i quali vorranno sapere di pi e meglio dei suoi rapporti con Laudati per mezzo dellavvocato Quaranta, ascoltato laltro ieri per quattro ore (stavolta senza il segreto professionale, rimosso dal giudice). Gli chiederanno anche dei rapporti con Metrangolo, uomo della Selex e di Finmeccanica, e vecchia conoscenza dellex imprenditore della sanit. Lo si scopre adesso, ripren-

NEL CICLONE
Gianpaolo Tarantini (nel tondo) e Terry De Nicol, una delle donne dello scandalo

dendo la vecchia intercettazione ambientale svolta allinizio del 2009 nel prestigioso Hotel De Russie di Roma, dove gli investigatori pugliesi registrarono laudio dellincontro tra Tarantini, Cosentino, limprenditore Enrico Intini e Metrangolo. Lo stesso Metrangolo del quale aveva parlato mesi fa Maria Elena Valanzano, ex assistente parlamentare di Papa, convocata dai pm della P4: Preciso che nellestate 2010 volevo andar via dal Papa Lui mi present Rino Metrangolo di Finmeccanica e precisamente di Selex. Ho stipulato contratti di consulenza con Selex per 1500 euro al mese. Intanto a Bari c grande attesa per la chiusura dellinchiesta sulle escort e il relativo deposito delle intercettazioni. Prossima settimana la procura dovrebbe fare la mossa decisiva. Intanto hanno ricominciato a circolare le telefonate gi venute allo scoperto nel 2009. Com andata allora ieri sera? chiedeva Tarantini al premier dopo una cena. E poi altre chiacchierate sulle prossime amiche che avrebbero potuto recarsi a Palazzo Grazioli. A quanto pare Berlusconi avrebbe anche chiesto quali sono le specialit e le qualit delle donne che limprenditore pugliese proponeva.

PRIMO PIANO

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it

11

::: POLITICA E TRIBUNALI


Grandi firme in crisi didentit

Cronisti della m... travestiti da filosofi


Sguazzano nel pantano delle intercettazioni ma le spacciano per ritratto della societ
::: FILIPPO FACCI
QQQ Siccome anche le grandi firme sono costrette a razzolare nella merda (scusate, ma ormai abbiamo sdoganato anche quella) abbondano i pi vari affreschi voyeristici che riportano meramente tutte le intercettazioni possibili, anche le pi inutili e inconferenti: e per lo fanno con la postura dellanalisi para-sociologica, dello spaccato di un Paese o di unera politica, tutta una tara pretenziosa che serve a giustificare un contenuto netto che puro guardonismo. Basta atteggiarsi a sensori di unepoca o a viaggiatori salgariani ( sufficiente leggere dei brogliacci via internet, del resto) ed ecco che il grande corsivista o analista o elzevirista pu tranquillamente continuare a rovistare nella merda, perch i tempi sono quelli che sono e la magistratura il nostro vero editore, ormai. Ecco allora che abbondano le citazioni letterarie, le metafore, i riferimenti alla commedia allitaliana, non c scambio telefonico che non riassuma il grande dramma dellItalia e altre sciocchezze finto-distaccate: ma lodore rimane. Oltretutto non vero, le intercettazioni non riassumono niente, non sono uno spaccato di niente, una metafora di niente, tutta una scusa, una IN AMERICA CENTRALE Valter Lavitola, editore e direttore de LAvanti, indagato per lestorsione al premier ma attualmente latitante a Panama Ansa tutti i giorni, dalle Alpi a Capo Passero - unaltra cosa come tutti sappiamo, e come nei giornali sempre meno descritto: anche perch non sono solo i politici ma anche i giornalisti, ormai, a far parte dello stesso calderone virtuale, della stessa piazza rigorosamente catodica. O telefonica, ormai. Francesco Merlo, su Repubblica, si spinto a scrivere che certi scambi telefonici bisognerebbe farli circolare nelle scuole: ma per favore. Provi a chiedere nelle scuole di Parigi, dove vive, che cosa ne pensano. Ha scritto questo, Merlo, dopo aver fatto unanalisi approfondita della frase vieni qui e fammi una pompa. Merlo utilizza il personaggetto Lavitola anche per sostenere, nella sua pretesa di esclusivit nel rapporto con Berlusconi, che LItalia costruita cos. Ma lo cerchi nei rapporti Istat, lo spaccato del Paese. Nei rapporti Censis. In una collana di libri de Il Mulino. Oppure in un mestiere che, come per i panettieri, nessuno vuole pi fare: il giornalista.

il graffio
Macchietta a chi?
Il governo Berlusconi la causa della mancanza di credibilit del nostro Paese nei mercati internazionali. Lo sapete chi ha lanciato questo pop dammonimento? Antonio Di Pietro. Toccher fidarsi del leader Idv, che tra strafalcioni e tele-imitatori e che cazzecca?, sulla credibilit pu dar lezione a tutti.

balla. Gli squarci parziali aperti da colloqui parziali sono scampoli parziali di realt parziali, schegge di nicchie pi o meno miserande del potere, frammenti di realt spesso private e spesso banali che diventano ancora pi banali per come noi giornalisti cerchiamo appunto di banalizzarle, cio di piallarle alle nostre esigenze di bottega, renderle archetipiche e sociologiche perch ci vergogniamo di come abbiamo ridotto il nostro mestiere.

Noi non siamo gossipari, siamo giornalisti. Eh gi. Non scrivo da un eremo, e conosco quanto basta gli anfratti di quella politica e di quel potere che ora si vorrebbe trasformare ne il grande dramma dellItalia: dunque credo di poter dire, semplicemente, che quella non lItalia. Le vite disinvolte e disperate dei Tarantini e dei Lavitola non sono lItalia. Sar anche e in minima misura lo specchio del Paese, ma quello reale - quello di

Su Panorama

Ciancimino riciclava denaro con laiuto dei boss mafiosi


::: ROBERTA CATANIA
QQQ Panorama anticipa lo scoop e lo fa mandare in Rete da Dagospia: Massimo Ciancimino intercettato nel 2010: Negli uffici della procura di Palermo io faccio quel che minchia voglio, e ancora: Negli uffici di Ingroia (cio il procuratore aggiunto di Palermo, ndr) tu digiti un nome dice e gli puoi fare vita, morte e miracoli..., infine, annunciano ancora dal settimanale: Si vanta di entrare nella banca dati del Viminale e a conti bancari, indagini in corso: se ti serve qualcosa.... Parole agghiaccianti, trascrizioni di intercettazioni ambientali ancora pi pesanti di quel che pensa Panorama, perch alla fine del 2010 la loro rivelazione era costata ai pm di Reggio Calabria larresto del figlio del sindaco mafioso, poi finito in manette il 21 aprile scorso su disposizione della procura di Palermo. Un passo indietro. Queste (e molte altre) parole sono sono gi apparse nove mesi fa in due articoli firmati da Giovanni Bianconi sul Corriere della Sera. Il 5 dicembre 2010, e in un altro articolo di 13 giorni dopo, Bianconi aveva riportato gli stralci principali dellintercettazione ambientale captata dalla Squadra mobile di Reggio Calabria il 16 novembre e il primo dicembre dellanno scorso. Di pi. Il Corriere della Sera era stato cos tempestivo nel pubblicare il colloquio tra Ciancimino e Girolamo Strangi da far saltare larresto di Massimo, il quale nellincontro con il boss del clan dei Piromalli prendeva accordi per riciclare denaro. Avrebbe dato centomila euro in contanti per 70mila euro in assegni. Un cambio a perdere, se non fosse che per lui i contanti sono carta straccia, perch se ricomincio a spendere o spostare banconote ricomincerebbero i guai. Vado su tutti i giornali del mondo: Ciancimino andato a recuperare il tesoro, riferendosi ai milioni di euro che don Vito gli avrebbe lasciato in Francia. Infatti nella chiacchierata registrata in casa di Strangi, a Verona, Massimino svela che il denaro sta a Parigi e lo scambio sarebbe dovuto avvenire a Gioia Tauro. Troppe informazioni nei due articoli di Bianconi, troppi dettagli e troppo presto, tanto che leventuale arresto di Ciancimino per riciclaggio era sfumato. Poi aveva provveduto laffezionata procura di Palermo a portarlo in cella, vietando per ai colleghi

LUOMO DEL PAPELLO Massimo Ciancimino, 48 anni, figlio di Vito Ciancimino ex sindaco di Palermo il cui nome legato a Cosa Nostra LaPresse nio Ingroia, ndr) tu digiti un nome dice e gli puoi fare vita, morte e miracoli.... Ciancimino sostiene di avere accesso a conti bancari, indagini in corso: Se ti serve qualcosa... si vanta con Strangi. Aggiunge che qualche sera prima c stata una riunione alla direzione distrettuale antimafia e racconta: Mi lasciano nella stanza chiusa per non farmi vedere dai giornalisti dice Massimo. Cos, in assenza del magistrato, Ciancimino sostiene di avere armeggiato al suo pc. Poi il procuratore rientra: E vede che sto al computer. Dice: Lei bastardo!... Mica mi nascondo, io faccio quello che minchia voglio l dentro, peggio per loro che mi lasciano l. Laltra volta mi sono andato a vedere un file dove cerano le barche da sequestrare.... Infine Ciancimino deride la propria scorta: Io dice ci ho una specie di squadra di calcetto dietro. Ieri mi veniva da ridere: sono stato a casa (probabilmente a Palermo, ndr) e sembravano... con i giubbini antiproiettile e i fucili a pompa. E la gente domandava: Ma chi deve passare?. Il tecnico della questura sottolinea: I due ridono.

di Caltanissetta (che lo avevano indagato per primi per diffamazione) di interrogarlo assieme a loro. Oggi, dopo nove mesi, Panorama riprende in mano lintera

questione. Una copertina dedicata a ricordare che il plurindagato entra nella banca dati del Viminale dal computer. Negli uffici di Ingroia (cio il procuratore aggiunto di Palermo, Anto-

DECISIONE DI MANTOVANO

Spatuzza nel programma di protezione: adesso un pentito doc


Gaspare Spatuzza, lex capomafia di Brancaccio, che dopo essersi pentito ha parlato delle stragi del 92-93 e dei rapporti tra il boss Graviano, DellUtri e Berlusconi, ora collaboratore di giustizia. Ieri il Viminale lha ammesso al programma di protezione dopo il precedente annullamento del Tar. Il sottosegretario allInterno, Alfredo Mantovano, presidente della commissione sui programmi di protezione, spiega: su Spatuzza la Direzione Nazionale Antimafia e le Direzioni Distrettuali Antimafia di Caltanissetta, Firenze e Palermo hanno di recente fornito nuovi importanti elementi informativi, ulteriori rispetto a quelli a disposizione della Commissione centrale allepoca della decisione del giugno 2010, con i quali sono stati documentati provvedimenti giudiziari adottati sulla base delle dichiarazioni rese dal collaboratore. Inoltre la sentenza del Tar ha affermato il principio di diritto secondo cui le dichiarazioni di Spatuzza, bench tardive, non precludono lammissione al programma di protezione in quanto riguardano non conoscenze dirette, ma dati appresi da altri.

12

Gioved 8 settembre 2011

ITALIA

Gioved 8 settembre 2011

13

@ commenta su www.libero-news.it

::: VACANZE FUTURISTE


Tre anni fa le immersioni a Giannutri

Fini ci ricasca: pescato col mollusco proibito


Il presidente della Camera beccato con un esemplare protetto. Lui si difende: lho ributtato subito in mare
::: segue dalla prima MATTIAS MAINIERO
.

(...) a sua insaputa. Fini non sapeva. E quando se ne accorto, assieme ai suoi compagni, ha restituito tutto al legittimo proprietario, il mare. Dunque innocente. Sar, ma la storia - pubblicata dal settimanale Oggi - tutta da raccontare. Isola di Giannutri, perla del Mediterraneo. Siamo al largo dellArgentario, mare di vip e di Gianfranco. Il presidente della Camera in barca. Con lui, Elisabetta Tulliani e gli attori Giorgio Pasotti e Nicoletta Romanoff. Sono tutti ospiti sullo yacht del padre di Nicoletta, Giuseppe Consolo, deputato finiano, amico di Fini e anche legale di Fini, oltre che di madame Tulliani. Prima immagine: Gianfranco ha una maglietta bianca con scritta sul retro. Dovrebbe essere quella dei vigili del fuoco. Costume nero. Coscette da ultracinquantenne. leggermente inchinato. In mano, un grosso mollusco. lungo una quarantina di centimetri. Il settimanale Oggi, ascoltati gli esperti, spiega: un esemplare di Pinna Nobilis, specie protetta che non consentito prelevare dal suo habitat. Aggiunge: il mollusco sembra morto perch lapertura fra le due valve particolarmente accentuata. Seconda immagine: nulla di particolare da segnalare. Fini, in tuta da sub, mostra una bella pancetta. La Tulliani sorride. Terza foto: si intravede una stella marina. Non c bisogno di chiedere agli esperti: protetta, non pu essere pescata. Altre foto: lallegra comitiva chiacchiera, sale sul gommone (guida Fini) eccetera. Il fotografo scatta, il settimanale pubblica e intervista il comandante della Capitaneria di Porto dellArgentario, che spie-

:::

LA VICENDA

IL VIZIETTO

Gianfranco Fini con un esemplare di Pinna Nobilis, specie protetta che non consentito prelevare dal suo habitat. Accanto, Nicoletta Romanoff ammira una stella marina, con lei Elisabetta Tulliani ga: La pesca con bombole assolutamente vietata. Il pescatore sportivo subacqueo non pu raccogliere coralli, molluschi e crostacei. Linfrazione di tali regole comporta una multa compresa fra i mille e i tremila euro. Nel caso in cui nellarea protetta di Giannutri si asporti qualcosa, e a maggior ragione un esemplare di specie protetta, si pu incorrere in una denuncia penale. Denuncia penale? Multa? Assolutamente no, ribatte il portavoce di Fini, che accusa il settimanale di malafede: la giornalista sapeva, perch glielo aveva detto lorganizzatrice dellescursione, che il presidente della Camera non aveva pescato nulla. Lorganizzatrice ha confermato specificando che limmersione era consentita, che il mollusco era una vecchia conchiglia regalatale da un pescatore anni fa e da lei regalata a Fini e che la stella marina stata immediatamente

rimessa in acqua. Immediatamente dopo le foto, si presume. Scene dallinterno di una vacanza vip con pioggia di smentite e illustre precedente. Presidente, ricorda? Sempre Giannutri, altra immersione. Quella volta limbarcazione era dei vigili del fuoco. La denuncia fu di Legambiente: il sub Fini (subacqueo, non subcomandante) si immerso in una zona proibita. Il fotografo la becc. Cera la muta e cerano pure le bombole di ossigeno. Lei ammise, disse che si era trattato di una colpevole leggerezza, spieg che pensava di essere nella cosiddetta area 2 e non nellarea protetta e si offr (bont sua) di pagare la multa. Ieri si immerse a sua stessa insaputa. Oggi i suoi amici hanno

IL PRECEDENTE Tre anni fa, il presidente della Camera, appassionato di subacquea, fu pizzicato mentre si immergeva di fronte allIsola di Giannutri (Grosseto), in unarea protetta dove le immersioni sono vietate. Chiese scusa e disse di essere pronto a pagare la multa RISCHIO DENUNCIA Stavolta stato fotografato con molluschi proibiti di fronte a Punta Secca, specchio dacqua a nord della stessa isola (ma che non fa parte dellarea protetta). Come spiega a Oggi il comandante della Capitaneria di Porto dellArgentario, Giorgia Capozzella, la pesca con bombole assolutamente vietata. Il pescatore sportivo subacqueo non pu raccogliere coralli, molluschi e crostacei. Linfrazione di tali regole comporta una multa compresa tra i mille e i 3 mila euro. Nel caso in cui si asporti qualcosa nellarea protetta di Giannutri, ea maggiorragione un esemplare di specie protetta, si pu incorrere in una denuncia penale

pescato a sua insaputa e poi restituito al mare. Un nostro lettore ha commentato ironicamente: al fondale (protetto) non c mai Fini. Poi le ha anche offerto una ciambella di salvataggio. Ha detto che merita comprensione, che gettato a mare dalla politica giunto sul fondo e ha visto le stelle. Cosa doveva fare, lasciarle l, non afferrare loccasione al volo? Malizioso. Presidente, senza malizia: la prossima volta si informi sulle aree e pure sui compagni. Anche perch qualcuno potrebbe scrivere che la cucina (Scavolini) gi ce lha. Ora ha pure i molluschi. Fritto di mare a casa Fini-Tulliani. Offre il presidente della Camera. E speriamo che nessuno appioppi a noi la multa. Non si sa mai: con i tempi che corrono, potremmo pure mangiare a nostra insaputa. A proposito, presidente: in tutte le enciclopedie, i manuali, le guide e forse pure i volantini scritto che Giannutri zona naturale protetta e che la maggior parte del suo mare area 1 (immersioni proibite). E noi che pensavamo che almeno come sub ci sapesse fare.

Fine della storia

Began e lItalo furioso: Bocchino mi minaccia


::: dallinviato a Mirabello BRUNELLA BOLLOLI

SANGUE CALDO Italo Bocchino si lascia trasportare dalla passione e tenta di abbracciare una riluttante Sabina Began in un ristorante di Maiori (Salerno) puri come Fabio Granata, Flavia Perina, Roberto Menia, aspettano da Gianfranco Fini un segnale che, forse, arriver domenica, quando il presidente della Camera si decider a rompere il silenzio. Enzo Raisi, organizzatore della festa tricolore, annuncia lo show delle ballerine di Notre Dame de Paris e, in quanto alle polemiche sulle veline e il latin lover Bocchino: Hanno scritto che questa festa un flop, ma io vedo i dibattiti pieni. Qui sono tutti volontari e nel weekend faremo il pieno. Certo, se i giornali parlano solo di miss e di api regine. Colpa della macchina del fango anche per i ragazzi di Generazione Futuro: Dino, Pierfrancesco, Giuseppe, Davide, Carlo, et media 25 anni, t-shirt blu con le frasi di Cecco Angiolieri simbolo di Mirabello 2011. Bocchino? stato un ingenuo con la Began. cascato nella trappola, ma almeno lei maggiorenne.

QQQ Italo Bocchino mi ha minacciata. Minacce via sms, dopo i messaggini da innamorato ormai di dominio pubblico. Italo e Sabina Began travolti da un insolito destino nellazzurro mare di Ravello: passione e agopuntura, digiuno e politica. La bella ape regina, nata in Germania ma di origini bosniache, ripercorre con Libero la breve storia della sua avventura con il numero due di Futuro e Libert: Mi ha abbordato lui. Non mi mollava pi. Alla fine lho invitato in barca, non bello ma era super dolce e intelligente. Gli scatti, del resto, ci sono. I messaggi, pubblicati da Vanity Fair, anche. E il finiano si arrabbiato assai. Non solo ha annunciato querela, ma ha gridato al trappolone, alla macchina del fango messa in moto dagli

amici del Cavaliere, fino ad arrivare alle intimidazioni. Ha detto che va dal giudice per denunciarmi per come ho avuto il passaporto. Pensa che me labbia fatto avere il presidente. Faccia pure, sono in regola perch lavoro qui. Nessuno tocchi il presidente Silvio Berlusconi, su questo Sabinanon transige.Lui unsanto, come uno shamano, un uomo spirituale e io gli devo tutto. I miei amici lo trovano simpaticissimo, c una grande confidenza tra noi, unamicizia che dura da sette anni, tatuata sul corpo di lei con le iniziali Sb, che non stanno per Sabina Beganovich. Italo mi ha implorato. Tu che sei la regina, mi diceva, parla con Berlusconi. Penso che fosse disposto a lasciare Fini per tornare con il premier. Poi, per sono uscite le nostre foto ed diventato un diavolo: Quello str di Berlusconi, urlava. Ho i testimoni, non stato carino. Ma io ti

mangio vivo se parli male del mio presidente. Storia archiviata. Resta in comune lagopunturista, che Sabina ha presentato sia a Silvio, che a Italo. Pare funzioni. La Began finita nelle intercettazioni del caso Tarantini-Lavitola, quando limprenditore pugliese, a corto di soldi, si sfoga con il giornalista: A Sabina ha dato una casa che neanche Onassis, e a me un cazzo. Vorrei farvi vedere la mia casa, ci dice lei, cos finalmente c la prova che le

intercettazioni riportano una realt distorta. E se Silvio forse si fidato troppo di tipi come Giampi e Valterino perch lui passava un brutto momento dopo la fine del matrimonio, ma non credo si possa criminalizzarlo. Di sicuro non un bugiardo come Bocchino. A Mirabello, dove in corso la festa di Fli, raccontano che appena si saputo degli sms del numero due del partito, c stato il panico: Ancora Italo, basta. I duri e

@ commenta su www.libero-news.it

14

Gioved 8 settembre 2011

ITALIA

::: SINISTRA FUORI STRADA


Figuracce mondiali

I compagni menano i ciclisti, la sinistra chic fa il tifo


Assalto di Rifondazione alla seconda tappa del Giro della Padania. I corridori si ribellano ma i giornali progressisti li irridono
::: segue dalla prima TOMMASO LORENZINI
.

il graffio
Massimo ipocrita
Penna veloce Massimo Gramellini ha forato in salita ma non se n accorto. Nel suo affondo quotidiano su La Stampa, vomita incredulit sul Giro della Padania. Perch? Perch la Padania non esiste, mentre, esempio, il giro di Sardegna si fa perch lisola sta sulle cartine. Eppure, a pagina 46 di marted, su La Stampa cera una bella pubblicit della corsa verde che, presumiamo, qualcuno avr pagato. Magari non lha vista: forse stavolta Gramellini ha mangiato troppa peperonata. permetta di farlo. Siamo professionisti, chiediamo rispetto nei confronti del nostro lavoro. Qualcuno andato oltre e ci ha rifilato delle sberle. Questi comportamenti sono inaccettabili non accettiamo che i nostri sforzi vengano resi vani cos. Coinvolti anche un poliziotto e un carro funebre diretto in chiesa per i funerali. Non ci vengano a dire che soltanto una gara in bicicletta, sibilava la rosea. Per i politici no, per i ciclisti s, come abbiamo visto e sentito. Quei pedalatori che onorano il contratto, quelli anche stranieri (e cos rimediamo lennesima figuraccia internazionale) per cui il Padania(oggi terza frazione, Lonate Pozzolo-Salsomaggiore Terme di 198 km) un buon test per le gambe in vista dei mondiali di Copenhagen, fra 10 giorni. Rassegna iridata per cui gente come Modolo (preceduto ieri in volata sul traguardo di Vigevano da Viviani della Liquigas - entrambi in odore di convocazione) sta sputando sangue pur di esserci proprio con la maglia azzurra. Diplomatico Gianni Bugno, ex campione iridato e presidente del sindacato mondiale dei corridori

ROSSI DI FOLLIA Un momento degli scontri a Savona durante il Giro di Padania che non si tratta di un bluff. Magari se scattassero le manette (la Digos di Savona ha identificato P.P., 73 anni, tricolore al collo, ripreso in foto mentre mette le mani al collo di Modolo), uscirebbero rafforzate le parole di Renato Di Rocco, presidente Federciclo: Non avevamo motivi per non dare il via libera alla corsa. Queste violenze non hanno niente a che fare con il ciclismo. Chiaro il leghista Paolo Franco: Questo dimostra cosa succederebbe alla democrazia se ci fossero Di Pietro, Grillo e Vendola al Governo: minacce, scioperi e botte per chi non la pensa come loro. E oggi, delle violenze, gli acuti Grasso (Corriere) e Gramellini (La Stampa), cosa scriveranno? Che sono immaginarie? Che non esistono? Faranno ancora ironia sullultima trovata? Per chi tiferanno? Paradosso, di Ferrero e sodali sarebbe fiero il Duce, uno che gli sport li ha amati tutti tranne il ciclismo, che sopportava solo quando cera da salire sul carro dei vincitori: perch il ciclismo sport di poveri, di unItalia stracciona ed affamata, da nascondere. Che ne dite, compagni?

(...) ogni distanza sociale, estetica. Quello sport che nel 1948, grazie al coraggio e alla toscanaggine di Gino Bartali (vincitore del Tour ma picchiato ripetutamente dai francesi), ha salvato lItalia dalla guerra civile dopo lattentato al comunista Togliatti. Fa male notare come perfino la Gazzetta dello Sport, per meri interessi di business, si schieri contro il Giro della Padania (non lo organizza Rcs...), suggerendo che questa sia chiaramente la corsa della Lega, e che abbia rinominato cos la Monviso-Venezia solo come cassa di risonanza. lo stesso identico palcoscenico calcato dai contestatori che da due giorni stanno mettendo i bastoni fra le ruote alla corsa verde irrisa dalla sinistra chic. Non questa altrettanta propaganda? Peccato che adesso le bandiere rosse (esistono ancora?) abbiano superato il limite della legittimit. Dopo lo show del rifondarolo Paolo Ferrero a Mondov, ieri (insieme a Pd, Cgil, Arci, Anpi) c stata una pi violenta replica a Savona, in occasione della seconda tappa. Sonny Colbrelli (Colnago), under 23, ha rimediato un pugno (sporta denuncia), Ivan Basso e Sacha Modolo denunciano autentiche aggressioni: Siamo ciclisti, siamo venuti per correre e chiediamo solo che il pubblico ci

(Cpa): Andava fermato, cos ci vanno di mezzo i corridori, fuori fase i contestatori: Il Giro di Padania lennesima trovata della Lega, ha commentato il vicesegretario del Pd ligure, Giovanni Lunardon, mentre Ferrero intima alla Federciclismo di annullare tutto evitando che i problemi aumentino. Le proteste continueranno e a questo punto evidente

La rabbia di Moser

Ma cosa vogliono i comunisti? Facevano il giro della Liberazione...


da corridore: qui si superato il limite, da tempo. In democrazia si deve accettare tutto? Questa tutto tranne che democrazia. C modo e QQQ inviperito, Francesco Moser. Lo sempre modo di contestare, avrebbero potuto farlo prima e quando toccano il suo ciclismo, fidopo le tappe, nessuno avrebbe guriamoci ora che cercano di apdetto nulla. Cos invece, mettendo profittarsene per beghe politiche di mezzo gli atleti si rendono ridicoli. E si ricordino che se siamo in queche nulla centrano. Io ancora non ho capito che vosto stato perch i problemi li hanno creati loro, a sinistra come a degliono questi comunisti. Il Giro di stra. Pensino a fare il bene dellItalia Padania una corsa con tutti i crismi, statoapprovato dallaFederae lascino stare il ciclismo. Una proposta riconciliante a Ferrezione ma soprattutto ha avuto tutti i ro e al Prc? permessi che gli servivano, comSe pensano di essere tanto bravi la presi quelli dei politici che amminiorganizzino loro una gara cos. Visto strano citt e province. Lo dovevache la Padania non esiste, come dino fermare allora, mica adesso che cono, la chiamino Corsa dei due partito. E poi sono anche poco intelventi o come vogliono loro e soligenti, non hanno capito che gli Q Ma cosa prattutto offrano la stessa qualit fanno solo della pubblicit. che c qui. Almeno vediamo quanSinora lo sport era rimasto fuori dai vogliono questi to sono bravi. Io e alcuni amici da un giochi della politica. Ora non c pi comunisti con tutte paio danni ci stiamo provando con speranza? quelle bandiere lEuregio fra Trentino e Tirolo: maSiamo arrivati allassurdo e il pegrosse? La Padania gari non si far mai, ma a nessuno gio che a far casino sia gente di siverrebbe in mente di cancellarlo nistra che per anni ha organizzato e esiste, inutile far perch non esiste. organizza ancora corse per dilettanfinta di niente ti come il Giro delle Regioni o il LiOra spera in una tregua? berazione. Quando correvo io e Basterebbe che ognuno facesse il FRANCESCO MOSER cera la nazionale russa li favorivano suo mestiere. Qui ci sono dei profes. apertamente e nessuno poteva dire sionisti, non parlo solo dei ciclisti, nulla, tanto comandavano loro. E che si stanno giocando il loro futuro ora perch degli organizzatori hanno messo su una e anche una maglia per i Mondiali, lo si visto in quecorsa bella, andando a riempire un buco negli ap- ste prime due tappe. La partecipazione dice che, Papuntamenti italiani, si permettono di contestare toc- dania o non Padania, le squadre ci tenevano ad essercando i corridori. Non parlo come organizzatore, ma ci perch nessuno le ha costrette. Lasciamole fare.
MILANO

::: FEDERICO DANESI

ITALIA

Gioved 8 settembre 2011

15

@ commenta su www.libero-news.it

::: LO SCANDALO DEMOCRATICO


Il sistema Sesto

A caccia della tangente rossa nelle consulenze Serravalle


I pm analizzeranno la gestione della societ autostradale e gli incarichi distribuiti agli amici di Penati dopo lacquisto delle azioni dal gruppo Gavio
::: ANDREA SCAGLIA
QQQ Conti e movimenti finanziari della Milano Serravalle. I periti incaricati dai magistrati di Monza li stanno esaminando. Per trovare conferme allipotesi pi clamorosa dellinchiesta: che il passaggio di azioni della societ autostradale dal gruppo Gavio alla Provincia di Milano allora guidata da Filippo Penati - era il 2005, ricavo da 179 milioni per limprenditore - nascondesse una maxi tangente. La Procura ha gi acquisito i documenti delle tre societ di Gavio che vendettero le azioni. Ma saranno analizzati anche i bilanci della Milano Serravalle - e pure dellAsam, la societ della Provincia che sintest lacquisto e il relativo debito.Asam che, negli anni successivi, rest una sorta di scatola vuota. Doveva ripianare il debito con Banca Intesa, istituto che finanzi lacquisto delle azioni: 260 milioni scesi a 185 nel 2006 grazie alla vendita da parte della Provincia di altri titoli. Ma il buco rimase, con Banca Intesa - un suo manager, Maurizio Pagani, indagato nellinchiesta - a incassare laute commissioni. Giulio Sapelli, il professore che fu messo a capo di Asam, se ne and in aperta polemica nel 2007: Serravalle come lEni Petromin esclam davanti alla commissione provinciale, riferendosi allo scandalo della tangente Eni versata agli arabi, e che si supponeva nascondesse anche un ritorno illecito per i partiti. Anche le consulenze assegnate negli anni dalla Milano Serravalle saranno riesaminate alla luce di quanto emerso. Due milioni spesi nel 2006, uno e mezzo nel 2007 solo per gli avvocati. Un piano industriale affidato a societ esterne e poi completamente rivisto, costo 350mila euro. Una crescita di fatturato di circa sei milioni, dovuta allincremento dei pedaggi, e per un aumento dei costi gestionali di sette. E scorrendo le consulenze ci sono nomi che ritornano. Per esempio quello di Renato Sarno, larchitetto indagato poich considerato il mediatore del pagamento di due milioni, secondo i pm chiesto da Penati, da parte di un manager Gavio - Bruno Binasco - a Piero Di Caterina - laccusatore. Soldi che, sempre secondo laccusa, sarebbero parte della tangente pagata da Gavio a Penati per loperazione Serravalle. Dal 2005 al 2010 Sarno stato ingaggiato dalla societ, sorta di superconsulente. Sovrintendente ad operazioni aziendali, ma anche intestatario di appalti attraverso il suo studio darchitettura. Esempio: nel 2009, per la proroga del contratto progetti speciali e la valorizzazione aree di servizio, due incarichi per complessivi 400mila euro. Tutto in chiaro, intendiamoci, tutto segnato. Infine: ieri in Procura s presentato Adriano Alessandrini, sindaco di Segrate. A dire di Di Caterina, avrebbe anchegli intascato tangenti in relazione a un appalto per il trasporto pubblico. Alessandrini ha negato, e denunciato Di Caterina per calunnia. Uno dei bus di Di Caterina utilizzati per la campagna Pd

Coincidenza imbarazzante

Il leader del Pd di Monza sul pullman di Di Caterina


::: LAURA MARINARO
QQQ Accuse, smentite, tangenti vere o presunte. Quellaccusa di finanziamento illecito al Pd da parte di Penati e soci. E poi ecco che vien fuori questa curiosa coincidenza - e sia detto senza malizia. Sempre in Brianza, protagonista colui che era considerato uno dei delfini di Penati medesimo. Gigi Ponti da Cesano Maderno, segretario provinciale del Pd. Nel 2009, in vista delle elezioni per la presidenza della Provincia di Monza e Brianza, lidea dimpostazione prodiana: la campagna elettorale in pullman. Pullman di linea. Con lufficio stampa a divulgare immagini di questo modo cos progressista e democratico di parlare alla gente. La gara elettorale fu poi vinta da Dario Allevi, candidato del centrodestra. Riviste oggi, le foto di quel pullman assumono un aspetto quasi beffardo. Basta leggere la targa, chiedere una visura al Pubblico Registro Automobilistico. E si scopre il proprietario dellautobus: la Caronte srl, la societ di Piero Di Caterina. Proprio laccusatore di Penati, colui che sostiene daverlo economicamente (e illecitamente) accompagnato nella sua scalata politica. Naturalmente non sinsinua nemmeno lontanamente che fra Ponti e Di Caterina esistessero accordi sottobanco come quelli che i pm ora rinfacciano a Penati, e va detto con chiarezza. Cos come non dato sapere se sia stato lo stesso Penati a procurare il mezzo al suo sodale politico. Resta lennesima dimostrazione di come Di Caterina fosse inserito in profondit nella vita del partito. Quindi: in questo caso reato no. Ma imbarazzo, b, il minimo.

ALLOMBRA DEL DUOMO Filippo Penati nel 2007. Era ancora presidente della Provincia di Milano Oly

16

Gioved 8 settembre 2011

ESTERI

@ commenta su www.libero-news.it

Lotta al terrorismo

Bush, leroe scomodo dell11 settembre


Le celebrazioni degli attacchi tacciono sul vero protagonista della guerra a Osama, fino alla Primavera araba
::: GLAUCO MAGGI
NEW YORK

QQQ Dieci anni sono tanti per fare un Memoriale, ma alla fine governatori, sindaci e la Porth Authority che controlla larea del WTC ce lhanno fatta. Ma dieci anni sono anche un tempo che ai newyorkesi sembrava, quel mattino di settembre 2001, impensabile per un altro traguardo: non subire nessun altro attentato grave in citt, e neppure nel resto del Paese. Invece successo ma viene ora sottovalutato, non se ne parla tanto, si guarda oltre rimuovendo quelle paure (ricordate lantrace?) che riempivano le giornate di tutti noi che avevamo vissuto da vicino lattacco di guerra di Al Qaeda. un silenzio assordante, questo sulla sicurezza conquistata, perch porta il nome di George W. Bush fino al 20 gennaio 2009, e poi quello di Obama, il suo fedelissimo seguace in politica antiterrore, di fatto se non di retorica. Bush un nome tossico per la stampa dominante, che lo cita solo quando Barack, sempre pi pateticamente, accusa la passata amministrazione per il disastro economico di oggi, che in realt ormai un parto tutto suo, visto che governa da 31 mesi e che la recessione bis in cui rischia di precipitare lAmerica dovuta ai suoi stimoli e alle sue riforme che paralizzano il business. Lex presidente ha scelto di non intromettersi nella politica Usa, usando lo stile alto dello statista che lascia al successore onori e oneri. Ma il suo marchio di qualit nella lotta al terrore rimane, e sar nei libri di storia anche se non entra nelle cronache dei quotidiani. Non a caso, due giornalisti del New York Times, Eric Schmitt e Thom Shanker, esperti in sicurezza, hanno scritto gi un libro dedicato alla battaglia condotta dalla

IL MEGAFONO DEL POMPIERE Cia e dalle altre agenzie ad Al Qaeda. Counterstrike. The Untold Story of Americas Secret Campaign against Al Qaeda (Contrattacco. La storia non raccontata della campagna segreta dellAmerica contro Al Qaeda) racconta come la macchina governativa abbia funzionato a dovere, al di fuori dei riflettori, per vincere la guerra contro Bin Laden. Ci sono gli oscuri esperti del ministero del Tesoro che si sono dedicati a smascherare i finanziatori degli estremisti, ne hanno bloccato i conti, li hanno costretti alla macchia economica. E poi c il cambio epocale rispetto al tempo di Bill Clinton sul terreno della cooperazione tra Fbi, Cia, esercito, National Security Agency ed altri enti. La famosa immagine di George Bush che abbraccia il vigile del fuoco Bob Beckwith di fronte alle macerie del World Trade Center di Manhattan dopo lattacco terroristico dell11 settembre 2001 LaPresse Prima cera la muraglia cinese, e nessuno scambio di notizie perch ognuno riferiva solo ai suoi superiori. Una linea che si fondava sul malinteso senso della protezione della privacy: il governo di Clinton era preoccupato principalmente di scalfire il diritto personale di un sospetto terrorista e dei suoi contatti. Bush cambi tutto, ma non fu un fatto tecnico. Il suo merito fu di capirea fondo la natura di Al Qaeda, che aveva gi fatto un attentato nel 1993 con diversi morti alle Torri Gemelle, ed altri micidiali nelle ambasciate Usa in Africa, ma era stata trattata come una banda mafiosa. Bush elev lo scontro a guerra, e dichiar sulle ceneri di Ground Zero che i nemici presto ci sentiranno. Tutto il suo governo ag di conseguenza: vennero Guantanamo per detenere i nemici combattenti, che non avevano i diritti dei normali soldati secondo la Convenzione di Ginevra; vennero gli interrogatori duri, con i celebri 3 o 4 casi dei simulati affogamenti ai pezzi pi grossi di Al Qaeda, che permisero il progressivo smantellamento delle cellule fino alla scoperta di Bin Laden. La

sua eliminazione merito diretto di Obama, allievo modello, che ha dato lordine di ucciderlo. Ma un successo che nasce con Bush. E Obama ha anche moltiplicato luso dei letali droni in Pakistan e Afghanistan, che era stato, anche questo, introdotto da Bush. E che dire della dottrina del cambiamento democratico di regime? Limpatto sui movimenti della cosiddetta Primavera araba che i discorsi di Bush sulla necessit di esportare la democrazia possono aver avuto un tema ancora tutto da approfondire; ma negare a priori il legame assurdo. La stampa denigratoria ha scritto migliaia di articoli su Abu Ghraib, su Gitmo, sui trasferimenti forzati dei sospetti nelle carceri estere della Cia, sempre associandoli a George Bush. Ma il Paese, che aveva bene inteso quanto stesse facendo il presidente di guerra per difendere lAmerica, gli ha fatto vincere il bis nel 2004 contro Kerry, e con un margine maggiore rispetto alla prima vittoria anche se si era in piena guerra in Iraq. Lo scomodo vincente Bush sar difficile da rimuovere completamente nei prossimi giorni, per. Intanto sar sul luogo dove conquist il 90% dei favori popolari, 10 anni fa, brandendo quel megafono passatogli dal pompiere. Sar a fianco di Giuliani, altro eroe dell11 settembre, e di chi venuto dopo, Obama e Bloomberg. In Tv, non poteva che essere lui ad aprire la serie delle interviste di commemorazione ospitate dal canale Tv del National Geographic. Usa la dignit del riserbo che ha mantenuto rigidamente da quando un ex, ma chi lo ha apprezzato, e anche chi lo odia ancora oggi, sa benissimo che lui aveva visto giusto, e che lui che ha salvato chiss quante vite umane dopo l11 settembre 2001.

Bernard-Henri Lvy fa carriera...

INTELLETTUALE E DANDY Bernard-Henri Lvy, 63 anni, con la camicia bianca dordinanza aperta sul petto. Il filosofo ha subto 7 attentati a base di torte in faccia LaPresse

Convinse Sark a cacciare Gheddafi Il filosofo BHL nominato colonnello


::: SIMONA VERRAZZO
QQQ Filosofo e colonnello: Bernard-Henri Lvy, uno degli intellettuali pi celebri di Francia, fa carriera nellarme. Su proposta di Serge Dassault potente miliardario proprietario dellomonima industria degli armamenti nonch parlamentare dellUmp, lo stesso partito del presidente Nicolas Sarkozy Bernard-Henri Lvy stato insignito del titolo di colonnello dellaeronautica militare francese ed stato inserito nella lista degli ufficiali di riserva. Il filosofo pi interventista dOltralpe si cos tolto una bella soddisfazione, proprio lui che nei mesi scorsi aveva spinto per lintervento di Parigi e della comunit internazionale contro il regime di Muammar Gheddafi. Fin dallinizio delle rivolte in Cirenaica BHL, come viene chiamato in patria, ha spinto lEliseo verso uniniziativa armata contro laltro Colonnello, quello che stava a Tripoli. Il presidente Sarkozy, arrivato tardi sia con la rivoluzione tunisina (con annesso scandalo dellallora ministro degli Esteri Michle Alliot-Marie) sia con quella egiziana, non se lo fatto ripetere due volte, facendo affidamento sullamico filosofo. Lattivismo di BHL stato senza pari nella vicenda libica e a lui si deve il riconoscimento di Parigi del Consiglio nazionale transitorio (Cnt) quale unico governo legittimo della Libia, primo paese al mondo a fare un passo del genere. Il fondatore della Nouvelle Philosophie, celebre don Giovanni che con la sua bellezza da intellettuale ha fatto innamorare mezza popolazione femminile francese, allinizio di agosto aveva dichiarato alla radio Europe1 che per diverse settimane colloqui segreti si sono svolti tra i ribelli e alcuni importanti esponenti del regime, rivelando cos di essere a conoscenza di numerose informazioni riservate su quanto accede nellaltra sponda del mediterraneo. E la conferma del ruolo da protagonista di BHL nato in Algeria da genitori ebrei-sefarditi arrivata dallindiscrezione fatta dal quotidiano Le Monde, che ha rivelato come il filosofo, da settimane, sia protetto dalla polizia per il timore di rappresaglie di agenti di Gheddafi, pro-

IL CNT E IL TRATTATO DI AMICIZIA CON LITALIA

Le trattative segrete per portare il ras in esilio


Colloqui segreti sarebbero in corso per raggiungere un accordo sulla sorte di Muammar Gheddafi, concedendo al Colonnello un asilo sicuro fuori dalla Libia ed evitando la resa dei conti con i ribelli. Lo riferiscono alcuni reporter del quotidiano britannico Telegraph. Una fonte a conoscenza dei negoziati, tuttavia, ha reso noto che l'accordo non stato ancora raggiunto n sarebbe stato risolto il nodo della destinazione finale di Gheddafi. Ieri il Cnt ha chiesto al niger di respingere Gheddafi e non concedergli asilo; ma il ministro degli Esteri nigerino Mohamed Bazoum, ha dichiarato di non essere in grado di chiudere il confine con la Libia: unarea troppo ampia e abbiamo pochissimi mezzi. Intanto la diplomazia italiana al lavoro. Il futuro dei rapporti bilaterali con la Libia parte dalla riattivazione dellAccordo di amicizia italo-libico che il Cnt ha gi richiesto, con riunioni tecniche che si dovranno tenere per valutare insieme eventuali aggiornamenti: ad affermarlo stato Franco Frattini, riferendo alle Commissioni Esteri riunite di Camera e Senato. Il titolare della Farnesina ha ricordato la riapertura della rappresentanza italiana nella capitale libica, annunciando che il nuovo ambasciatore italiano, Giuseppe Buccino Grimaldi, sar il 15 mattina a Tripoli.

prio perch considerato lideologo dellintervento militare della Nato. Eppure soltanto quattro anni fa, nel 2007, le posizioni tra il fondatore della Nouvelle Philosophie e il presidente francese non erano proprio le stesse riguardo alla Libia. Mentre Gheddafi veniva ricevuto allEliseo con tutti gli onori, il mondo culturale dOltralpe, capeggiato dal neo colonnello-cittadino, insorgeva, tanto che lo stesso BHL dichiar: un terrorista in visita di Stato. Sarkozy allora parl di intellettuali da caff. Ora per i due si sono riavvicinati, complice la visita di BHL a Bengasi a marzo, allinizio delle rivolte, con cui ha praticamente consegnato il CNT alla Francia, per mettere una pezza ai ritardi sulle rivoluzioni tunisina ed egiziana. Ora il filosofo riceve il riconoscimento pubblico e il suo super-ego (ha fama di essere vanitosissimo) gongola, tanto che il quotidiano Le Point, per il quale lo stesso BHL ha scritto, ironizza ricordando come Se non prende il Quai dOrsay (il ministero degli Esteri della Francia, ndr) potr ambire al ministero della Difesa.

ESTERI

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it

17

Sparate del Consiglio dEuropa

La Svezia xenofoba accusa i politici italiani Razzisti da galera


Il commissario ai diritti umani Hammarberg ci attacca Ma a Stoccolma che lodio per lo straniero un problema
::: ANDREA MORIGI
QQQ Se in Europa c un Paese a rischio xenofobia, la Svezia. Cercano di nasconderlo, i socialdemocratici di Stoccolma, prendendo di mira le politiche di accoglienza e di integrazione del governo italiano. Lincaricato dellanatema lattuale commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Thomas Hammarberg, giunto nel 2006 a quella posizione su indicazione dellallora governo di centrosinistra svedese. COMMISSARIO POLITICO stato nella Penisola per ben due giorni, il 26 e il 27 maggio scorsi, e ha fatto il compitino: un rapporto di 20 pagine, secondo il quale le autorit italiane negli ultimi tre anni non hanno fatto alcun passo in avanti per rendere pi facile la vita di rom e immigrati. Seguono 12 pagine di replica del ministero degli Esteri, in cui le affermazioni di Hammarberg sono confutate punto per punto. Ciononostante, si stupisce un po il sottosegretario allInterno Sonia Viale. Durante il loro incontro, incentrato sullemergenza umanitaria legata agli sbarchi degli extracomunitari a Lampedusa, Hammarberg aveva speso parole di elogio nei confronti del Paese e degli operatori per come avevano affrontato la situazione, anche in qualche modo in solitudine rispetto allUnione Europea. Fra laltro, non si trattava di una visita ufficiale, ma di un colloquio nellambito di un convegno e comunque non propedeutico allelaborazione di un rapporto, precisa. Si era parlato di anche dellemergenza dei campi nomadi, ovviamente. Il sottosegretario Viale aveva indicato la soluzione per affrontare il problema attraverso la creazione di campi regolari, evitando le condizioni indegne in cui si viveva, inaccettabili per un Paese civile. Abbiamo segnalato che le operazioni di sgombero erano state compiute nei campi abusivi. Hammarberg invece rimasto scioccato dai manifesti che ho visto a Milano durante la mia visita avvenuta in piena campagna elettorale: mettevano in guardia dal rischio che la citt si trasformasse in una zingaropoli.

:::

SCHEDA

IL COMMISSARIO Thomas Hammarberg, nato in Svezia nel 1942, dal 1 aprile 2006 il commissario europeo per i diritti umani. In precedenza aveva lavorato per molti anni nel campo della tutela dei diritti umani in Europa e nel resto del mondo: Dal 1980 al 1986 stato segretario generale di Amnesty International, poi fino al 1992 ha guidato Save the Children Svezia mentre negli anni 2000 stato segretario generale del Centro internazionale Olof Palme di Stoccolma. LEUGENETICA Sotto i governi socialdemocratici svedesi (al potere dal 1934 al 1996) Stoccolma ha portato avanti un piano di eugenetica di matrice razziale che ha portato a sterilizzato, tutto legalmente, 230mila persone, al 90% donne e disabili, fra le quali tra i 600 e i 700 nomadi (22 di questi per motivi puramente razziali, come accertato da una commissione dinchiesta).

NOSTALGICI DEL FHRER Non si sar nemmeno peritato, da autentico sordo che non vuol sentire, di parlare con la popolazione dei quartieri che confinano con gli accampamenti dei nomadi. TRAVE E PAGLIUZZA Come del resto gli sar sfuggito anche che, nelle ultime settimane, in seguito alla strage avvenuta in Norvegia il 22 luglio scorso, i siti dei principali organi dinformazione svedesi stanno sistematicamente censurando i commenti dei lettori, tra i quali si trova una quantit preoccupante di ammiratori dello sterminatore di Oslo, Anders Behring Breivik. Erano abituati cos, almeno dal 1934 al 1996, grazie ai governi socialdemocratici svedesi che avevano sterilizzato, ma legalmente, 230mila persone, al 90% donne e Militanti neonazisti innalzano cartelli con il volto di Rudolph Hess nella citt di Trollhttan in Svezia Ap disabili, fra le quali tra i 600 e i 700 nomadi (22 di questi per motivi puramente razziali, come accertato da una commissione dinchiesta). Seguivano la teoria eugenetica, la stessa presa in prestito pi tardi da Adolf Hitler nel folle tentativo di purificare la stirpe ariana. A Stoccolma vantano anche il triste primato del primo Istituto statale di biologia razziale del mondo, fondato nel 1921. Da che pulpito, insomma. Servirebbe un bellesame di coscienza nazionale, in tutta la Scandinavia magari, anzich un transfert psicoanalitico sui Paesi che per ragioni geografiche sono pi sottoposti allinvasione. Gli risponde Francesco Speroni, capodelegazione della Lega Nord al Parlamento Ue, giudicando il rapporto Hammarberg uningerenza negli affari interni di uno Stato sovrano che va contro lazione di un governo nazionale. Gli spiega che se fossimo di fronte a una violazione dei diritti umani ci sarebbero tutti gli strumenti giurisdizionali a cui potersi appellare. Ma qualcuno come il portavoce dellIdv, Leoluca Orlando, definisce le dichiarazioni di Hammarberg una sonora bocciatura dell'Ue alla politica italiana. La bocciatura va a lui, gli risponde Speroni perch confonde l'Unione europea con il Consiglio dEuropa, dimostrando una profonda ignoranza in materia di istituzioni internazionali.

Per i loro 25 anni, Class Editori e Class promuovono una grande iniziativa multisensoriale e multimediale raccontando storia ed evoluzione del meglio della qualit, delloriginalit e della creativit di fashion, design e lusso.

I L SI S T E M A M U LT I M E DI A L E

IL SITO WEB 2.0 LAPP PER I TABLET IL LIBRO


Allegato a Class di settembre e in vendita al bookshop della Triennale di Milano. 520 pagine in quattro lingue. Una web app per entrare nelluniverso del lusso e consultare tutte le sue proposte. Disponibile per iPad e Android, scaricabile gratuitamente su www.class25.com Ideato e sviluppato per essere la boutique/museo costantemente aggiornato e arricchito nei contenuti. www.class25.com

IL PROGRAMMA TV
25 puntate con approfondimenti, storie, immagini esclusive e interviste ai protagonisti dei marchi pi prestigiosi.

LA MOSTRA
Emozioni, cultura e visioni a cura dellarchitetto Italo Rota.

Alla Triennale di Milano, viale Alemagna 6, dall8 settembre al 2 ottobre 2011 - www.class25.com

Sponsor Istituzionali

Sponsor Tecnici

18

Gioved 8 settembre 2011

in edicola il numero 102

WWW.MONSIEUR.IT

ATTUALIT

Gioved 8 settembre 2011

19

@ commenta su www.libero-news.it
LALTRA VERIT Il corpo di Benito Mussolini adagiato accanto al cadavere di Claretta Petacci subito dopo lesecuzione. La nuova versione smentirebbe in parte quella ufficiale, che identifica il killer in Walter Audisio

DAL BRASILE

Battisti ci sfotte: Non mi pento ma perdonatemi


Cesare Battisti chiede perdono per le vittime degli attentati avvenuti in Italia negli anni Settanta, limitatamente alle responsabilit politiche ma nega la sua partecipazione diretta agli attacchi terroristici. Comunque, lex terrorista dei Proletari armati per il Comunismo, respinge la parola pentimento: Non mi piace, unipocrisia, sinonimo di delazione, legata alla religione. Del resto, non ritiene di avere colpe da scontare. Non si assoggetta a un qualsivoglia codice morale, chi non accetta nemmeno il codice penale. Gli rimane, dice, compassione per le vittime: Quando c stato lattentato a Torregiani e il figlio rimasto ferito, ricordo che ho pianto, fin da subito, da quando ho letto la notizia su La Nottedi Milano. Chi quel giorno fu colpito, personalmente e negli affetti pi cari, non ha lacrime da versare. Alberto Torregiani a dichiarare: Almeno abbia il pudore di stare zitto. Quello che continuiamo a chiedere che Cesare Battisti accetti di scontare la pena e quindi torni in Italia. Una reazione ancora pi dura quella del ministro degli Esteri, Franco Frattini, che giudica le nuove sparate di Battisti dichiarazioni orribili che non meritano nessuna risposta da parte istituzionale. Per il titolare della Farnesina, il terrorista deve sapere che non finita qui: Il Brasile deve comprendere che il momento didare corso aquella richiesta italiana che ho gi formulato da tre settimane di costituire il collegio di conciliazione per andare alla Corte internazionale, altrimenti, sar costretto a rivolgermi dautorit alla Corte internazionale per far nominare il collegio.

::: ROBERTO FESTORAZZI


QQQ La telenovela sulla morte di Mussolini si arricchisce di un nuovo capitolo: lennesimo, per la verit. A scriverlo un esperto di medicina legale, il professor Giovanni Pierucci, il quale, sulla base di un incrocio tra lesame delle traiettorie dei colpi sparati sul Duce e quello svolto sui reperti autoptici eseguiti sul cadavere, avrebbe stabilito che il capo del fascismo sarebbe morto alcune ore prima di quanto affermato dalla cosiddetta versione ufficiale consegnata alla storia dagli esecutori materiali. Cio alle 16.10 del 28 aprile 1945, davanti al cancello di Villa Belmonte, a Giulino di Mezzegra, sul lago di Como, per mano di un commando inviato dal leader del Pci Luigi Longo e formato da agenti di provata fede comunista, come il colonnello Valerio, alias Walter Audisio, e Aldo Lampredi, Guido, uomo del Comintern allevato alla scuola leninista di Mosca. Il nuovo studio, reso possibile dai nuovi e sofisticati strumenti di analisi offerti dalle tecnologie informatiche, rivelato in un dvd curato dal giornalista Fabio Andriola, esperto dongologo e direttore di Storia in Rete. Lo scenario che emergerebbe dalla ricostruzione del perito non peraltro nuovo e riferisce che Mussolini sarebbe stato ucciso ben prima delle 16 di quel fatidico 28 aprile; ma vi si aggiunge tuttavia un elemento nuovo: la colluttazione. Cio, si sarebbe trattato di tuttaltra cosa che di una rituale e normale esecuzione, introdotta - secondo la vulgata storiografica finora dominante - dalla formula in nome del popolo italiano. In attesa di apprendere i particolari di questo studio, che in ogni caso non avrebbe un valo-

Altra versione sulla fine del dittatore

Mussolini non fu giustiziato Ucciso durante un litigio


Storia in Rete presenta la tesi secondo cui il Duce venne colpito nel corso di una colluttazione: a provarlo nuovi esami sui reperti
:::
LA VICENDA
re probatorio assoluto, in assenza di nuovi documenti, non azzardato affermare che il contributo scientifico offerto allopinione pubblica riporta in primo piano la questione della serrata competizione (per non dire lotta) che ebbe luogo tra le varie correnti della Resistenza per gestire le operazioni riguardanti la sorte del dittatore. Se, infatti, i comunisti premevano per la eliminazione sommaria del Duce, le forze moderate del Cln erano notoriamente inclini a una soluzione diversa, che prevedeva la consegna di Mussolini agli americani e la sua futura deposizione in un processo sul genere di Norimberga. Gli interessi dei comunisti, coi loro stretti alleati azionisti e socialisti, erano in questo senso convergenti con gli obiettivi dei britannici, per i quali il Duce vivo (con i documenti a portata di mano, come il caso del famoso carteggio con Winston Churchill) avrebbe significato uno smacco intollerabile, a causa di quanto avrebbe potuto svelare sui segreti maneggi che portarono allentrata in guerra dellItalia, il 10 giugno 1940. In ogni caso, la querelle sulla morte del Duce appare destinata a non avere termine, finch non sar prodotto il documento inoppugnabile che taglierebbe la testa al toro: la sequenza filmata della fucilazione, che probabilmente neppure esiste, nonostante qualche fanfaluca circolata in proposito anche in anni recenti. Dopo la drammatica e macabra esposizione dei cadaveri di Dongo a Piazzale Loreto, il 29 aprile 45, il sipario non solo non mai calato sullintera vicenda, ma iniziata la ridda delle ipotesi, delle testimonianze e delle rivelazioni su ci che senza dubbio uno dei pi appassionanti gialli del nostro tempo. Perci, ancora una volta, non resta che affidarsi alle parole con le quali un grande maestro di giornalismo, Tommaso Besozzi, aveva raccontato lenigma della morte del bandito Giuliano: Di sicuro si sa solo che morto.
LA CATTURA Il 26 aprile 1945, a Dongo, i partigiani comunisti catturano Benito Mussolini che, travestito da soldato tedesco, cercava di fuggire in Svizzera. LA MORTE Per la versione ufficiale, Mussolini venne fucilato dai partigiani il 28 aprile 1945, a Giulino di Mezzegra. LA COLLUTAZIONE Secondo lultima versione, pubblicata in un dvd curato dal sito La Storia in rete di Fabio Andriola, avvenne una collutazione prima delluccisione di Mussolini.

Fikri scagionato troppo in fretta

Lunica pista sul delitto di Yara sviata da un dubbio del pm


::: MATTEO PANDINI
QQQ Il fascicolo con la richiesta darchiviazione ancora l, sulla scrivania del gip di Bergamo Vincenza Maccora. Dal 20 luglio scorso il pm Letizia Ruggeri, che segue linchiesta sullomicidio della 13enne Yara Gambirasio (volatilizzata nella sua Brembate Sopra il 26 novembre e trovata cadavere tre mesi dopo in un campo a pochi chilometri di distanza) ha chiesto di far uscire dallinchiesta il marocchino Mohamed Fikri. Lavevano arrestato su un traghetto al largo della Liguria e poi fatto uscire da galera con tante scuse. Il gip ha lavorato anche ad agosto, pur di scandagliare tutte le carte. Eppure non ha ancora deciso il destino dellafricano che, fino a due giorni fa, era segnalato ancora a Montebelluna, in Veneto. Da l si sposta per fare il suo lavoro di muratorepiastrellista. Era stato nel cantiere di Mapello anche il 26 novembre. Pochi giorni dopo, i cani molecolari avevano fiutato tracce di Yara in uno stanzino con cavi elettrici. In passato, Fikri aveva bazzicato pure Chignolo dIsola, in uno di quei capannoni vicini al campo dove stato rinvenuto il cadavere. Dopo lanalisi dellanatomopatologa Cristina Cattaneo sul corpo della ragazzina si rafforza la pista che conduce al mondo delledilizia. La polvere presente sui vestiti della giovane. Quella nei polmoni. La probabile arma del delitto, che sarebbe un taglierino da piastrellista. Il cerchio intorno a Fikri si era stretto grazie al fiuto dei carabinieri di Bergamo, che avevano messo sotto controllo i cellulari degli operai del cantiere di Mapello. Alcune chiacchierate delluomo, secondo tre esperte africane, laureate in lingue e che aiutano da anni gli investigatori, avevano fatto scattare lallarme. Frasi del tipo: Allah mi perdoni non lho uccisa io, fino a un sospetto lhanno uccisa davanti al cancello che per il pm Ruggeri non aveva ritenuto interessante. Dopo aver dato il via libera allarresto delluomo, il magistrato aveva chiamato altri tre esperti di lingua araba che aveva-

I CANI INDICARONO MAPELLO Per lautopsia Yara morta in un cantiere: i cani molecolari indicarono pi volte il passaggio della ragazza nel sito di Mapello (anche) il festival delle sfortune. La sera della scomparsa della giovane era anche lultimo giorno di lavoro del procuratore capo Adriano Galizzi, che ha lasciato il testimone al sostituto Massimo Meroni, quello che in una memorabile conferenza stampa farcita di non so e non so rispondere aveva esibito davanti ai cronisti un disegnino per punzecchiare il premier sulla Giustizia. Il caso-Yara era finito alla giovane dottoressa Ruggeri, che sulla scrivania s ritrovata un macigno con puntati i riflettori di tutta Italia. Fatto sta che, nelle ultime settimane, tra gli inquirenti si fatta strada la convinzione che la 13enne sia stata rapita fuori dal centro sportivo di Brembate, per poi essere aggredita e uccisa da unaltra parte (un cantiere?) e quindi abbandonata nel campo di Chignolo. Ora. Se Fikri davvero innocente significa che gli investigatori non hanno in mano nulla o quasi. In caso contrario, vuol dire che i carabinieri avevano ragione. E quindi sono stati persi mesi di lavoro. Non si sa cosa sia peggio.

no smontato il castello dellaccusa: Allah, fai che mi risponda! avrebbe detto Fikri sperando di parlare al cellulare con un tizio per una faccenda di soldi da restituire. Nel dubbio, con tre periti che dicevano una cosa e altrettanti che sostenevano lopposto, la Ruggeri aveva deciso per la teoria innocentista. Aveva pure interrogato Fikri, peraltro senza torchiarlo, affermando che sera convinta della sua estraneit. Di pi. Sconfessando il lavoro dei carabinieri aveva chiesto al gip cosa assai rara di non applicare nemmeno la custodia cautelare in carcere. Poco dopo era andata in ferie. Alla fine, il muratore era stato liberato con tante scuse. E non gli stata inviata neanche una notifica quan-

do stata eseguita lautopsia sul corpo di Yara. Proprio la Ruggeri filtra da ambienti investigativi - avrebbe deciso di non insistere con la pista del cantiere di Mapello. Pista poco approfondita anche dalla polizia che stata coinvolta in seconda battuta. Di certo, al di l dei risultati dellautopsia non c nulla di concreto. Ci si aggrappa ai dna, sperando di trovare qualche collegamento con le tracce sui vestiti di Yara, tra cui gli slip. Un tampone, tra i circa 4mila raccolti fino a ora, stato chiesto addirittura a un consigliere regionale bergamasco. Sullo sfondo resta una crescente tensione tra carabinieri e procura, con i militari convinti daver imboccato una pista giusta ma prematuramente cassata. Le indagini su Yara sono state

20

Gioved 8 settembre 2011

ATTUALIT

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it

21

Lultima gaffe

Il ricordo

CHE TRAMVATA, LAPO


Elkann blocca il traffico col suo suv piazzato sui binari Il rampollo Agnelli rischia il linciaggio della folla
::: segue dalla prima GIORDANO TEDOLDI
.

Il genio della musica che incant gli Usa


::: SERGIO DE BENEDETTI
QQQ Helmut Gradener e Robert Fuchs, bravi insegnanti austriaci di musica classica, nel 1911 decisero di rompere gli indugi e di proclamare il giovane Erich Wolfgang Korngold un autentico genio musicale. Confortati in questo senso gi anni prima da lusinghieri giudizi espressi da Gustav Mahler e Claude Debussy che avevano avuto modo di apprezzare la musica del precoce autore, proprio in quellanno ricevettero ulteriori attestazioni di stima da parte di Richard Strauss e Giacomo Puccini. Nato a Brno (oggi citt della Repubblica Ceka ma allepoca territorio austriaco) il 29 maggio 1897, Erich era figlio del critico musicale Julius ed in giovanissima et compose alcuni brani che ebbero alti riconoscimenti ed entusiastici giudizi. Nel 1920 debutt come Direttore dellOrchestra Filamornica di Amburgo mentre dello stesso anno la sua opera pi artisticamente riuscita ed interessante, Die tote Stadt (la citt morta), che ancor oggi pi o meno regolarmente inserita nei repertori dei teatri musicali. In seguito, Korngold continu la sua attivit di compositore e direttore ma, decisamente, linteresse intorno a lui si spense fino a farlo tornare nellombra. Nel 1929 inizia per la collaborazione con il grande regista austriaco Max Reinhardt (al secolo Maximilian Goldmann) per il quale scrive alcune musiche originali per lavori teatrali. A causa delle leggi razziali nel 1933, Reinhardt sar costretto a lasciare lEuropa ed a trasferirsi negli Stati Uniti dove, due anni dopo, sar raggiunto da Korngold. Tra i due peraltro, dopo alcuni tentativi di collaborazione, non nascer alcun rapporto artistico poich Erich presto si trasferir in California, attratto dagli Studios di Hollywood e dalle composizioni musicali per films di successo. Per questa attivit Korngold ricever ben cinque nomination allOscar, una delle quali, Anthony Adverse vincer nel 1937 la statuetta quale miglior film musicale mentre nel 1939, con Le avventure di Robin Hood, protagonista uno scatenato Errol Flynn, avr la consacrazione per la miglior colonna sonora. Nel 1943 otterr la cittadinanza americana, al pari di Max Reinhardt che morir lo stesso anno. Ormai famoso ma infelice perch il successo era arrivato attraverso composizioni di musica leggera con film di cassetta, Korngold nel dopoguerra fu avversato dalla critica musicale europea per aver venduto la sua straordinaria capacit alla facile commercializzazione delle composizioni deffetto, venendo meno ai sacri dettami della musica seria e, dunque, tradendo la scuola del Vecchio Continente. Giudizio troppo severo che, francamente, non ci sentiamo di condividere. Mor a Los Angeles il 29 novembre 1957.

(...) Parliamo di Lapo Elkann, leterno fanciullo, la pecora nera dai capelli ricciuti rossi che accanto al fratello John, una specie di cyborg programmato per gestire aziende, fa la figura dellintruso in casa, dellerede diabolicamente destinato a far sprofondare una fu grande famiglia. Ieri il nostro Lapo ha parcheggiato la sua utilitaria, un suv mastodontico con una sobria carrozzeria mimetica stile Desert Storm, giusto quello che ci vuole per non farsi notare, accanto alle rotaie del tram in corso San Gottardo a Milano. Qualunque altra forma di vita intelligente avrebbe compreso che, con quel veicolo da sbarco tra marciapiede e carreggiata, il tram mai e poi mai sarebbe riuscito a passare. Ma Lapo non sa che farsene di simili ragionamenti da buon senso borghese. Lui uno che a primi di settembre porta in testa un cappello di lana grigia perch i capelli rossi, prima dellarrivo dellautunno, stonano con larredo urbano. E poi sicuramente andava di corsa, forse qualche rivoluzionaria iniziativa per la sua factory creativa, la Independent Ideas di cui manager e designer, e viene il sospetto che lindipendenza citata nel brand sia soprattutto dalla sede del pensiero. Comunque, sia che il suo ribollente cerebro stesse disegnando a occhi aperti un giubbetto mimetico in kevlar con la scritta ITALIA in serie limitata o qualche altro accessorio da vendere a un prezzo base di migliaia di euro, sia che dovesse raggiungere di corsa una riunione per definire meglio il concetto di no-brand che ispira la sua societ, sta di fatto che per mezzora, sopraggiunto fatalmente il tram, lo si dovuto attendere. Il suo arrivo non stato salutato precisamente con entusiasmo, n dai passeggeri inferociti n dai passanti. Le fotografie scattate sul posto mostrano espliciti inviti a andare, lui e il suo carrarmato, a quel paese. E il buon Lapo, calcato il berretto trendy in testa, montato

IN MEZZO AI PIEDI
Il fuoristrada mimetico di Lapo Elkann impedisce il transito del tram nel centro di Milano. I passeggeri non lhanno presa bene di entrare in quella fucina di invenzioni, slanci psichedelici, fiondate del pensiero che la mente di Lapo non facile, ma pi o meno basta guardarlo dritto nelle pupille degli occhi, per capire che di quel momento Lapo conserver appena qualche pallida rimembranza, ovattata dal confortevole tepore del suo berretto di lana, che gli ricorda tanto lorsacchiotto che aveva da piccolo, il cui nome non era Teddy, ma Brand, e con il quale parlava a voce alta mentre John, in salotto, faceva finta dascoltare i soporiferi romanzi del padre Alain Elkann mentre in realt si fregava le mani. Con una simile concorrenza in famiglia, non cera storia: a lui le redini dellazienda, al pap le vanit letterarie, a Lapo il suv.

sul suv senza fare una piega, appena disturbato da quel vociare incomprensibile del volgo, e si allontanato. Si pu stare sicuri che gi cinque minuti dopo non ricordava pi niente, n il tram, n i passeggeri inferociti, n gli inviti a portarsi a quel paese. Rifletteva forse cos: com possibile che le strade di Milano siano cos ineleganti, maleducate, ostili al suo ca-

tafalco da guerra? E perch nel 2011 circola ancora un mezzo depoca umbertina come il tram, quando evidente che sarebbe tempo di utilizzare i Suv a propulsione nucleare gi progettati dalla Indipendent Ideas, la sua factory creativa, e il cui prototipo gi stato consegnato a Marchionne insieme a un maglioncino in kevlar? Certo, tentare

Class in mostra alla Triennale di Milano

Venticinque anni di storia raccontati attraverso il lusso


::: DANIELA MASTROMATTEI
QQQ Una mostra per raccontare la storia e levoluzione della moda, del design e del lusso e per festeggiare i primi 25 anni di Class Editori e del mensile Class. Una singolare esposizione, C25-Options of Luxury, curata da Italo Rota (alla Triennale di Milano) che per la prima volta associa i prodotti delleccellenza alle pi moderne tecnologie digitali. Unesperienza interattiva durante la quale i visitatori possono interagire, grazie a tablet e telefonini, con gli oggetti, le idee e le loro rappresentazioni digitali. Dodici percorsi differenti per raccontare concretamente levoluzione di questo mondo del lusso che dopo lEuropa e gli Usa sta esplodendo in Asia, in Cina e in India. Tra le eccellenze in mostra, i marchi italiani come Benetton, Roberto Cavalli, Fiat 500, Giorgio Armani, Krizia, Pirelli, Salvatore Ferragamo, Valentino, Versace, Vespa, Zegna. E dallestero, le migliori creazioni di Ballantyne, Blackberry, Cartier, Chanel, Dior, Louis Vuitton, Tiffany. Di Hermes esposta lintramontabile Birkin; di Gucci c la riedizione della storica Bamboo. Pezzi destinati allimmortalit estetica, con unanima deluxe, dalluso quotidiano ma capaci di diventare memoria affettiva. Immancabile il primo mocassino Tods. Prada ha scelto di mettere in scena i capi speciali della primavera-estate 2011, mentre sullo specchio delle mie brame gigante, figlio della favola di Biancaneve, scorrono testimonianze di icone della bellezza moderna. Oltre a borse, scarpe, abiti, gioielli, orologi nella stanza otto viene presentato il nuovo living figlio di una semplicit che permette di accogliere oggetti raffinati e di design. Fino al lusso dei sogni con lisola ce non c ma che si pu immaginare, cos quella dallarchitetto Rota: Oggi il lusso si spiega, si progetta, si immagina in nuove dimensioni. Il tempo, lo

TRADIZIONE E NOVIT
Accanto, due esempi di lusso esposti a Milano. Sopra, la storica bottiglia di profumo Chanel numero 5. Sotto, un set di bocce firmate dalla griffe Luis Vuitton spazio e la nostra capacit di muoversi fanno parte di questattitudine e non possiamo immaginarle senza un pensiero alla natura, un altro tema portante della mostra con il mondo impalpabile del web. Class Editori, leader nellinformazione finanziaria, fondata nel 1986 da un gruppo di giornalisti guidati da Paolo Panerai, oggi con i suoi 400 dipendenti sparsi tra le sedi di Milano, Roma, Londra e New York pubblica tre quotidiani - tra cui MF Fashion, lunico quotidiano europeo della moda e del lusso 11 periodici, ha 9 canali tv, tra cui Class Horse la televisione dedicata al mondo dei cavalli, unemittente radiofonica e unagenzia di stampa. Il sito web (www.class25.com) e un libro di 520 pagine in quattro lingue con le analisi di grandi esperti fanno la radiografia di 225 marchi protagonisti del fashion, del design e del lusso. Dopo Milano, dove rester fino al 2 ottobre, la mostra si sposter a New York, a Shanghai e a Seul.

Borsa Milano-FTSE Mib

Borsa Londra-FTSE 100


5.318,59

Borsa Parigi-CAC 40
3.073,18

Petrolio - al barile
114,36 $

Euro/Dollaro

Gli indici

14.645,96

-0,45%
1,4036

+4,24%

+3,14%

+3,63%

+3,78%

Piazza Affari vola del 4,23%

Germania costretta a salvare leuro


La Merkel: senza moneta unica lEuropa va allo sfascio. E la Corte costituzionale di Berlino benedice il fondo salva-Stati. La produzione industriale tedesca cresce oltre le attese e le Borse festeggiano
::: ANTONIO SPAMPINATO
QQQ Tre buone notizie provenienti dalla Germania hanno fatto tornare ieri il buonumore ai mercati. Una quarta, diffusa gi nella serata di marted, veniva invece dallItalia, e riguardava la nuova versione della manovra addizionale finalizzata al pareggio di bilancio che ha ricevuto la benedizione di Bruxelles. Cos le borse europee hanno chiuso la giornata in forte rialzo, con Piazza Affari in testa (+4,24%) seguita da Francoforte (+4%) e Parigi (+3,63%). Il primo strappo al rialzo stato dato dai mercati dopo che la Corte costituzionale tedesca ha respinto i ricorsi presentati da un gruppo di accademici e politici euroscettici contro la partecipazione della Germania ai piani di salvataggio dei Paesi delleurozona. Secondo la Corte, ladesione di Berlino al piano salvaStati per la Grecia, Irlanda e Portogallo legale. Al tempo stesso, per, la Corte ha rafforzato i diritti di partecipazione del Bundestag alle future decisioni, che potranno essere prese dal governo solo dopo lapprovazione della Commissione bilancio del Parlamento. Dopo il s del governo tedesco di qualche giorno fa al rafforzamento del nuovo fondo salva-Stati, lEfsf, il via libera della Corte di ieri ha dato un duro colpo agli speculatori che hanno scommesso sul crac dei paesi periferici del Vecchio continente. La seconda buona notizia arrivata in tarda mattinata, quando lagenzia Bloomberg ha diffuso il dato della produzione industriale di luglio della Germania, risultato in crescita del 4%, molto pi alto di quanto si attendevano gli economisti (un misero +0,5%). Si tratta del balzo pi alto registrato dal marzo del 2010. Su base annuale la crescita, corretta per giorni lavorativi, del 10,1%. La decisione della Corte costituzionale ha dato alla cancelliera Angela Merkel una preziosa sponda per zittire gli euroscettici mentre il dato sulla produzione industriale le ha permesso di confermare al mondo il

Marchionne presidente Chrysler

Termini Imerese trova pace Arriva Dr Motor


QQQ Lo stabilimento di Termini Imerese ha trovato unaltra propriet. Si tratta del Dr Motor di Massimo De Risio che aggiunger limpianto siciliano a quello di Isernia dove produce un suv e una utilitaria sulla base di due modelli provenienti dalla Cina. La caratteristica vincente rappresentato dal prezzo e da una politica commerciale molto aggressiva (compresa la vendita nei centri commerciali). In Sicilia nascer la Dr3, berlina 5 porte che, grazie al listino molto contenuto (tra 11 e i 13 mila euro) potrebbe rappresentare lalternativa alla Punto, alla Fiesta e alla neonata Kia Rio. Nel 2016, prevista la costruzione di 60mila automobili lanno e il riassorbimento di 1.300 degli attuali dipendenti. In omaggio alla nuova sede previsto che lauto porti la sigla T.I. Lintervento di Dr Motor sostituisce la De Tomaso di Gianmario Rossignolo che appare in evidente affanno. Le altre due aziende selezionate sono Lima Group (elettromedicali e protesi sanitarie) e Biogen (energetico e biomasse). Complessivamente le tre imprese chiamate a sostituire Fiat in Sicilia investiranno 341 milioni, ottenendo agevolazioni pubbliche per 67 milioni cui si aggiungeranno i contributi regionali su occupazione e formazione. Impiegheranno a regime circa 1.500 addetti. A Termini Imerese si insedieranno inoltre Medstudios (produzione tv) e Newcoop (piattaforma logistica per la grande distribuzione), gi selezionate in base dalla precedente procedura. Investiranno 20 milioni per unoccupazione complessiva di altri 150 addetti. La conclusione (si spera) positiva, stato un altro elemento di spinta per la quotazione del Lingotto. Ieri stata la migliore fra le blu chips guadagnando l8% (Industrial salita del 5%). Un movimento favorito dalla generale euforia che ha trascinato i titoli automobilistci di tutta Europa. A Parigi Renault + 7,3%, a Francoforte Bmw +6,1%, Volkswagen +5,8%. Ha giocato anche la nomina di Marchionne come presidente di Chrysler. Il segno che lintegrazione fra i due gruppi va avanti e, in questo momento, le vendite della casa americane vanno a gonfie vele. A differenza di quelle in Europa.
N.SUN.

ruolo della Germania come locomotiva dEuropa. E per proteggere il suo Paese, Angela non ha potuto che insistere - stata questa la terza buona notizia - su quanto sia importante salvare la moneta unica e tutti i suoi membri. Se leuro fallisce, fallisce lEuropa, ha detto la cancelliera, intervenendo al Parlamento a Berlino,

in unappassionata arringa in difesa della sua politica europea e delleuro. LEuropa deve affrontare una sfida storica, ha insistito la Merkel sottolineando che il buon andamento delleconomia tedesca non dipende dalle scelte di rigore degli altri altri partner. Leuro molto, molto di pi di una moneta comune, ha con-

PESA LA CRISI

Il Fmi taglia le stime di crescita mondiale Nel 2012 il Pil dellItalia salir dello 0,5%
La crisi dilaga e il Fondo Monetario Internazionale si trovato costretto a dare unennesima sforbiciata alle proprie previsioni di crescita mondiale. Il Fmi ha stilato una nuova bozza in cui decurta ulteriormente le stime di crescita del mondoportandole oraal4% perquestanno eal4,2% perilprossimo, dal4,2% e 4,3% anticipati a met agosto. La limatura non esclude praticamente nessuno, Italia compresa, e la novit che questa volta coinvolge anche i paesi emergenti equelli in viadi sviluppo (+6,5%e +6,2%nel 2011 e2012 contro il+6,6% e +6,4%). Ad arretrare in particolare Eurolandia (+1,7% e +1,3% questanno e il prossimo, dal +1,9% e +1,4% atteso nelle ultime stime). E nel caso dellItalia restano ferme le previsioni 2011, al +0,8%, mentre attesa una minor crescita per il prossimo anno: il Pil avanzer nel 2012 di mezzo punto e non pi dello 0,7%.

tinuato, aggiungendo come gli alti debiti di alcuni paesi non siano solo frutto delle misure anti-crisi, ma siano il risultato di decenni di filosofie sbagliate. Non vediamo alcun segno di recessione, ha poi assicurato. I mercati le hanno creduto e hanno agito di conseguenza. La cancelliera ha poi insistito sulla sua posizione contraria ai titoli di debito europeo: I verdi e la Spd propongono gli eurobond, ma questa una via assolutamente sbagliata, che porta a una Unione del debito e che non bisogna assolutamente percorrere. Quello che noi vogliamo raggiungere la stabilit di bilancio in ogni paese, questo lobiettivo per raggiungere una Unione della stabilit. Questo si pu raggiungere attraverso la solidariet tra i paesi, ma anche con la responsabilit dei singoli paesi. probabile, e secondo molti addirittura auspicabile, che su questo punto la cancelliera sar costretta a cambiare idea.

Partita la corsa agli indirizzi .xxx


::: NICOLA TIEPOLO
QQQ Per scovare il prodotto pi antico della rete non cera certo bisogno di un dominio specifico, ma con lestensione .xxx, in vendita da ieri presso il provider Icm, la pornografia viene rivestita, per dir cos, di una specifica dignit internettiana. Nei fatti non si tratta di un cambiamento radicale: chi prima maneggiava materiale hard su siti targati .com continuer a maneggiare materiali simili modificando leggermente lindirizzo, ma il dominio sancisce il passaggio del porno dalla rete generalista a un ambito

Porno sicuro: lantivirus vigiler sui nuovi domini hard


specifico, una riserva indiana dove tutto concesso (e ben controllato). Gli utenti che usufruiscono di una fetta sostanziale della rete (il 12 per cento di internet pornografia) avranno tuttavia un vantaggio: McAfee, il produttore di antivirus, che con Icm ha siglato un accordo per cui ogni dominio .xxx acquistato sar automaticamente scansionato e liberto dai virus. Una nuova frontiera del sesso sicuro virtuale. Questo contribuir a rendere Internet un posto meno rischioso, ha detto con trasporto lamministratore delegato di Icm, Stuart Lawley. I benefici per sono estesi anche a chi dal porno vuole distinguersi. Quindicimila indirizzi composti da nomi di celebrit con il dominio .xxx sono stati preventivamente bloccati per evitare imbarazzi e sfruttamento dei nomi altrui, ma a tutte le altre compagnie Icm non ha concesso lo stesso privilegio. Almeno non gratuitamente. Se ad esempio Google vuole impedire che qualcuno si compri il dominio google.xxx e lo riempia di fruste e tutine di lattice, lunica soluzione pagare una tariffa una tantum per bloccarlo. cos che Icm prevede di fare i veri soldi. Pi delicata la posizione di chi ha una pornostar che si ispirata al suo nome: per Drew Barrymore non sar facile tenere lontana Dru Berrymore e Daryl Hannah avr il suo daffare per arginare le controversie con Darryl Hanah, nonostante le evidenti differenze di genere e di dominio. Forse qualcuna di queste stelle potrebbe boicottare lestensione .xxx per

rimanere su piattaforme pi familiari, quelle dove il porno si diffonde liberamente senza bisogno di domini e arbitrati. Uno studio di Business Insider rivela che nella grande sfida fra i portali, PornHub ha sbaragliato la concorrenza dei competitor pi famosi tipo YouPorn e RedTube. Con 25 milioni di visitatori unici al mese - qualcuno in meno di quelli del New York Times, tanto per avere unidea della dimensione del fenomeno - PornHub pu permettersi di ignorare lesistenza del dominio .xxx. E continuare bellamente a far sognare i tanti internauti che naufragano sulle sue calde sponde.

Gioved 8 settembre 2011

23

@ commenta su www.libero-news.it

Moodys taglia il rating di Telecom: Outlook negativo


QQQ Lagenzia Moodys ha tagliato da stabile a negativo loutlook sul rating assegnato a Telecom Italia. La stessa decisione stata presa nei riguardi delle controllate del gruppo telefonico. Il taglio riflette le incertezze sulla capacit di Telecom di raggiungere i previsti target finanziari nel ridurre lindebitamento in un mercato tlc sempre pi competitivo. E proprio la visione sul comparto, ha portato lagenzia di rating a mettere sotto osservazione tre joint venture europee che producono attrezzature per telecomunicazione. Sono finite sotto la lente di Moodys Nsn, Sony Ericsson e St-Ericsson, e secondo gli analisti dellagenzia avranno presto bisogno di nuove iniezioni di contanti e ci potr avere un impatto sulla posizione finanziaria delle loro parent company. Secondo lagenzia di rating, Nokia sarebbe lazienda

pi a rischio, poich il suo credito si gi indebolito con la perdita di posizioni sul mercato globale dei produttori di handset, e una cospicua infusione di contanti verso Nokia Siemens Networks potrebbe accrescere le probabilit che la casa finlandese venga ulteriormente declassata.

La crisi al bivio

:::

Lultima carta di Obama: 300 miliardi per il lavoro


Stanotte il presidente Usa presenter un piano di sgravi e investimenti per rilanciare loccupazione. Ma il via libera della Camera non scontato

Intervento

Bruxelles vuole penalizzare gli agricoltori italiani


::: FRANCESCO SAVERIO ROMANO*
QQQ Negli ultimi mesi abbiamo seguito con grande apprensione landamento dei mercati finanziari, che tengono tutto il mondo con il fiato sospeso. Non dobbiamo per dimenticare che lestate trascorsa stata particolarmente difficile anche per gli agricoltori italiani, in particolare per il settore ortofrutticolo e per la zootecnia. Molto spesso si tende a ritenere che lagricoltura rappresenti ancor oggi un settore assistito, saldamente protetto dalla politica agricola europea. In realt la politica agricola comune (PAC) nellultimo decennio si trasformata profondamente, eliminando tutte le forme di sostegno che erano collegate alla produzione ed al mercato. LA CONCORRENZA I produttori italiani lo sanno assai bene, perch oggi non devono fronteggiare soltanto la concorrenza degli agricoltori spagnoli o tedeschi, ma anche quella del Sudamerica o dei paesi nordafricani, in un mercato mondiale sempre pi aperto e permeabile. Tutto questo avviene in una situazione di grande volatilit dei prezzi, ed i produttori sono indifesi davanti ai repentini cambiamenti del mercato. In questa fase storica i nostri agricoltori avrebbero bisogno di misure dirette ad accrescere la competitivit delle proprie aziende e di strumenti di sostegno idonei a proteggerli in occasione delle crisi di mercato pi acute. La PAC purtroppo non fornisce alcuna risposta. La politica europea attualmente imperniata su un sistema di sostegno svincolato da qualsiasi riferimento alla produzione ed al mercato. Gli aiuti vengono erogati anche se lagricoltore cessa la produzione e senza alcun riferimento alla realt dellimpresa. logico che una impostazione di questo tipo finisca per premiare le aziende meno virtuose, quelle che decidono di limitare i rischi del mercato riducendo gli investimenti e lattivit. Cessando la produzione ed azzerando i costi pu risultare assai appetibile la percezione di un aiuto comunitario, pur se di entit relativamente limitata. Lo stesso ammontare di sostegno invece irrilevante per una impresa che abbia fatto importanti investimenti. Purtroppo la Commissione europea sembra non comprendere che questa strada completamente sbagliata. RIFORMARE LA PAC Alla vigilia del negoziato sulla riforma della PAC la Commissione propone di accentuare ancor di pi tale impostazione commisurando gli aiuti esclusivamente in base alle superfici agricole dei paesi membri, eliminando definitivamente ogni riferimento alla produzione realizzata, agli investimenti ed al lavoro. In tal modo verrebbero penalizzati pesantemente i paesi pi produttivi, come lItalia, che dovrebbe versare 7 miliardi lanno al bilancio comunitario ricevendo soltanto 3,5 miliardi per i propri agricoltori, che hanno il solo torto di lavorare bene ricavando dalle proprie limitate superfici aziendali una produzione elevata. Verrebbero spesi in tal modo ogni anno circa 40 miliardi di aiuti agli agricoltori europei, creando un gigantesco sistema assistenziale, del tutto inutile per le imprese attive ma assai appetibile per coloro che decidano di disinvestire. Una politica di questi tipo non utile a nessuno: n agli agricoltori n ai consumatori e dubito che possa risultare comprensibile per i contribuenti europei. C bisogno invece di una politica al servizio delle imprese orientate al mercato, che hanno bisogno di strumenti per crescere ed affrontare una competizione mondiale sempre pi serrata. *Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Il presidente Obama stato bocciato in economia da met degli americani (LaPresse)

::: GLAUCO MAGGI


NEW YORK

QQQ Obama annuncia stanotte la sua proposta per aumentare i posti di lavoro. Le indiscrezioni sono uscite per gi ieri sul New York Times e poi sulle agenzie di stampa, e quindi lAmerica sa gi quale sar la ricetta prescritta dal presidente. In soldoni, coster attorno ai 300 miliardi di dollari e sar articola in tre grandi capitoli di spesa. Sgravi in busta paga: 170 miliardi per prolungare di un altro anno i sussidi ai disoccupati da lungo tempo, e il taglio di due punti percentuali ai contributi che i dipendenti versano alla Social Security (Inps Usa), dal 6,2% al 4,2%. Significa che i lavoratori avranno mille dollari in pi da spendere anche nel 2012. Per rendere pi attraente la misura al palato repubblicano, Obama estender il taglio anche alla quota che versano i datori di lavoro. Assunzioni agevolate: 30 miliardi quanto sar destinato agli imprenditori, da tempo in virtuale sciopero, per fargli aumentare il personale. Anche questa, per, una misura temporanea e quindi non incontrer lentusiasmo dei datori di lavoro e dei repubblicani che, secondo la dottrina di Reagan che risollev il Paese negli Anni 80, preferiscono tagli fiscali permanenti. Leffetto sulle assunzioni sar limitato, in pratica, a dare uno sconto tributario a chi aveva gi in mente di prendere qualcuno. Per programmare investimenti seri, cio

duraturi in termini di impianti, produzione, e quindi nuovi lavoratori, a un imprenditore non basta una riduzione una tantum. Infine, si rivede lidea di fare opere pubbliche, strade ponti e ferrovie, sostenuta da una spesa di 50 miliardi di dollari. Gi lestate scorsa Obama aveva proposto di

stimolare leconomia con progetti simili, ma il Congresso non vot la relativa legge di spesa. Daltronde, il parlamento aveva gi investito circa 900 miliardi di dollari nel marzo del 2009, che avrebbero dovuto far partire migliaia di cantieri. Fu quando Obama promise che se avesse avuto

MERCATINO
Yahoo licenzia lad Carol Bartz: le subentra il direttore finanziario Morse
INTERNET L'amministratore delegato di Yahoo, Carol Bartz (nella foto Ansa), stata rimossa dal suo incarico su due piedi, attraverso una telefonata. In un comunicato nella tarda serata di marted, riferisce la Cnn, lazienda ha affermato che la decisione stata assunta dal consiglio di amministrazione e ha effetto immediato. Al posto della Bartz, che guidava lazienda da due anni e mezzo, si insedier Tim Morse, direttore finanziario di Yahoo, in attesa della scelta di un nuovo amministratore delegato.

Imprese italiane pi virtuose: migliora la puntualit dei pagamenti


AZIENDE A fine giugno 2011 il 42,98% delle imprese italiane ha saldato i fornitori entro i tempi prestabiliti, facendo registrare un miglioramento netto rispetto a fine 2010, quando solo il 37,5% del totale risultava virtuoso. Lo evidenzia laggiornamento al 30 giugno sui tempi di pagamento delle imprese italiane, presentato da Cribis D&B, societ del Gruppo Crif. Migliora dunque la puntualit nei pagamenti a livello nazionale rispetto al primo trimestre 2011, confermando il trend positivo dei mesi scorsi. Si tratta di un miglioramento anche rispetto a marzo 2011, quando le imprese puntuali erano state il 41,87% del totale.

quei soldi avrebbe creato 3 milioni di posti di lavoro. Da allora se ne sono persi 3 milioni, e il tasso salito dal 7% al 9,1%. La reazione dei repubblicani c gi stata, ma dietro le quinte in attesa del discorso. Il GOP non pregiudizialmente contrario alla prolunga degli sgravi in busta ma chiede che ci sia un taglio di spese in parallelo a questi esborsi. Obama chieder invece al Congresso di bilanciare il costo delle misure a breve termine per il mercato del lavoro con laumento delle entrate fiscali nei prossimi anni, nellambito del piano di riduzione del deficit che sar presentato la prossima settimana alla commissione, prevista dallaccordo sullaumento del tetto del debito, che dovr determinare ulteriori tagli alla spesa per 1.500 miliardi di dollari. Il piano di Obama incontrer serie difficolt alla Camera. Lo speaker John Boehner e il leader dei repubblicani alla Camera, Eric Cantor, gli hanno inviato una lettera con le loro obiezioni allo stimolo del 2009, confermate dal persistere dell'alta disoccupazione. Non concederanno di certo il bis a scatola chiusa. Ma un loro no quello su cui punta Obama. Che sa bene che la sua cura inefficace: se lo fosse avrebbe gi dato risultati. Per un ottimo argomento da sventolare demagogicamente: Volevo tagliare le tasse in busta e fare progetti pubblici che avrebbero impiegato milioni di lavoratori, ma il GOP me lo ha impedito. Il 2012 si avvicina.

COMUNICATO CONSORZIO TOR SANTI QUATTRO SI COMUNICA LA SOSPENSIONE DEL TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE BANDO DI GARA OPERE URBANIZZAZIONE PRIMARIA LOC. E1 ANAGNINA - ROMA

24

Gioved 8 settembre 2011

DALLA BORSA
::: In breve
BOOM PER LEXPORT ITALIANO IN USA MODA E MECCANICA SETTORI LEADER
Volano le esportazioni italiane negli Stati Uniti. Secondo una nota dell'Ambasciata italiana di Washington, nei primi 6 mesi del 2011 sono aumentate del 22%, pari a pi di 16 milioni di euro. LItalia guadagna cos il primo posto nella classifica degli esportatori europei insieme alla Germania. Tra i settori che crescono di pi la meccanica (+33%) e la moda (+22%). Trend positivo anche per il comparto della chimica e dei derivati del petrolio. Una crescita che l'ambasciatore italiano negli Usa, Giulio Terzi, ha definito significativa perch comparti produttivi avanzati e strategici per Italia e Usa. Bene anche il turismo; con 25 milioni di pernottamenti nel 2010 l'Italia, stata la prima destinazione europea per gli americani insieme al Regno Unito.

Campari pecora nera di Piazza Affari dopo il downgrade di Goldman Sachs


QQQ Prove di rimbalzo sui mercati europei che, sulla scia delle buone chiusure asiatiche, riescono a segnare rialzi giornalieri assai interessanti: cos Piazza Affari si riporta a 14645 punti (+4,24%) e recupera la brutta sessione precedente, Francoforte +4,07%, Parigi +3,63%, Londra +3,14 e Madrid +2,67%. Acquisti diffusi su tutto il listino italiano (con performance tra il +4% ed il +8% per automobili e bancari), unico neo: Campari (-1,73% a 5,40 euro con minimi a 5,30 euro) che, dopo una serie di buone sessioni ed in controtendenza rispetto allindice, cede sulla notizia del downgrade di Goldman Sachs che ne ha tagliato il giudizio da neutral a sell. Il titolo ha toccato i suoi massimi assoluti a 5,95 euro a luglio ed poi sceso di colpo sino a 4,83 euro per poi lateralizzare. Lanalisi tecnica evidenzia in effetti una zona di top nellarea 5,50/6,00 euro e la necessit di ripiegamenti a 4,75/4,35 euro. Il livello supportivo (settimanale) da monitorare si trova a 4,40 euro: la sua tenuta consentir la realizzazione di rimbalzi rialzisti; viceversa il cedimento di tale quota segnaler continuazione ribassista per test di 3,90/3,85 euro. Oro in ribasso a 1805 dollari, petrolio in rialzo a 89 dollari, cambio stabile in area 1,4070.
DANIELA TURRI (andaniela@hotmail.com)

::: Societ
BANCA GENERALI, AGOSTO IN RIALZO LA RACCOLTA NETTA VA A 59 MILIONI Agosto positivo per Banca Generali che ha registrato una raccolta netta di 59 milioni di euro, 33 realizzati da Banca Generali private banking e 26 dalla rete Banca Generali. Dall'inizio dell'anno la raccolta sale a quota 713 milioni, 500 milioni da Banca Generali e 213 dalla rete privata. Soddisfatto lad Giorgio Girelli: Il gruppo cresce anche in contesti di mercato molto complessi quale l'attuale, riuscendo a rispondere alle condizioni critiche dei mercati finanziari con soluzioni di investimento diversificate e flessibili. Raccolti anche 68 milioni di masse amministrate, grazie al servizio di consulenza sui titoli obbligazionari, mentre i prodotti assicurativi restano una certezza (38 milioni di euro di produzione assicurativa del mese, 722 milioni da gennaio).

SU WWW.LIBERO-NEWS.IT LA BORSA IN UN CLICK

Gli indici di Milano


FTSE Italia All Share

Gli altri indici di Milano


Titolo Chiusura Var. % Titolo

grafica a cura di centimetri.it Chiusura Var. %

Gli indici internazionali


New York DOW JONES

15.530,63
+4,08
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

DJ It Titans 30 Mediobanca Generale Comit Globale Comit Globale R Comit Globale R 1040 Comit Performance R Comit Performance R 1040

1.570,04 41,73 787,09 793,98 48,33 2.619,25 56,36

+4,48 +2,46 +2,50 +3,97 +3,97 +3,97 +3,97

Assicurazioni Banche TLC e Servizi Finanziarie Immobiliari Trasporti e tempo libero Industriali

2.712,5 569,81 1.092,07 227,76 140,42 1.150,99 441,15

+1,88 +2,25 +2,06 +2,79 +2,28 +2,43 +2,91

11.339,20
+1,79

dato di met pomeriggio 31/08 01/09 02/09 06/09 07/09

T TS Mib

su www.libero-news.it l'aggiornamento delle borse ogni venti minuti

Zurigo SMI

14.645,96
+4,24
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

5.501,26
+2,50
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

FT TS Star

DAX

9.631,18
+3,14
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

5.405,53
+4,07
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

FTSE Italia Mid Cap

HONG KONG Hang Seng

19.412,16
+3,06
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

20.048,00
+1,71
31/08 01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

FTSE Mib
Titolo Rif. in Var. %

Titoli di Stato
Titolo ultima rilev. Ren. Titolo ultima rilev. Ren. Titolo ultima rilev. Ren.

Oro e monete
Titolo Denaro Lettera

Euribor
Titolo 360 365

ANSALDO STS ATLANTIA AUTOGRILL AZIMUT A2A B M.PASCHI SIENA B POP MILANO BANCO POPOLARE BULGARI BUZZI UNICEM CAMPARI DIASORIN ENEL ENEL GREEN POWER ENI EXOR FIAT FIAT INDUSTRIAL FINMECCANICA FONDIARIA SAI GENERALI IMPREGILO INTESA SANPAOLO LOTTOMATICA LUXOTTICA GROUP MEDIASET MEDIOBANCA MEDIOLANUM PARMALAT PIRELLI E C. PRYSMIAN SAIPEM SNAM RETE GAS STMICROELECTRONICS TELECOM ITALIA TENARIS TERNA TODS UBI BANCA UNICREDIT

5,94 10,63 8,24 4,678 0,9085 0,3952 1,32 1,137 12,23 6,385 5,405 28,94 3,192 1,605 13,56 14,89 3,986 5,985 4,87 1,35 11,7 1,66 1,035 10,75 20,54 2,522 6,315 2,426 1,649 5,4 10,4 29,88 3,304 4,282 0,8025 11,21 2,514 78,7 2,352 0,8345

1,45 2,21 2,23 3,54 3,77 5,78 4,68 6,96 0,08 5,28 -1,73 3,17 2,97 4,22 4,15 8,13 8,55 5,09 3,97 3,93 4 2,15 3,81 4,17 4,85 5,08 2,52 3,5 -0,48 7,36 4,52 7,14 3,51 6,31 4,22 6,26 2,95 4,31 4,44 4,97

BOT

BOT 15.09.2011 BOT 30.09.2011 (183) BOT 14.10.2011 (364) BOT 31.04.2011 (185) BOT 15.11.2011 (365) BOT 31.11.2011 (183) BOT 15.12.2011 (365) BOT 30/12/2011 (180) BOT 16.01.2012 (367) BOT 31.01.2012 (186) BOT 15.02.2012 (365) BOT 29.02.2011 (182) BOT 15.03.2012 (366) BOT 15.04.2012 (367) BOT 15.05.2012 BOT 15.06.2012 BOT 16.07.2012 (367) BOT 15.08.2012 (366)
BTP

99,975 99,93 99,844 99,802 99,82 99,7 99,614 99,47 99,319 99,24 99,15 99,03 98,84 98,499 98,111 97,8 97,301 97,188 100 101,1 100,3 100,651 99,297 100,321 97,997 100,99 100,301 97,26 100,88 96,1 99,29 97,02 97,9

1,11 1,1 1,32 1,11 1,2 1,37 1,13 1,48 1,82 1,93 2,11 2,01 2,34 2,68 2,7 2,82 3,04 3,23 2,21 2,56 2,88 3,28 3,72 3,7 3,86 3,95 3,93 3,99 4,11 4,14 4,29 4,27

BTP 15.9.2011 3,75% BTP 01.02.2012 5% BTP 01.03.2012 3% BTP 15.04.2012 4% BTP 01.07.2012 2,5% BTP 15.10.2012 4,25% BTP 15.12.2012 2% BTP 01.02.2013 4,75% BTP 15.04.2013 4,25% BTP 01.06.2013 2% BTP 1.8.2013 4,25% BTP 01.11.2013 2,25% BTP 15.12.2013 3,75% BTP 01.04.2014 3% BTP 01.06.2014 3,5%

BTP 01.07.2014 4,25% BTP 1.8.2014 4,25% BTP 1.2.2015 4,25% BTP 15.04.2015 3% BTP 15.06.2015 3% BTP 1.8.2015 3,75% BTP 01.11.2015 3% BTP 15.04.2016 3,75% BTP 1.08.2016 3,75% BTP 01.02.2017 4% BTP 1.8.2017 5,25% BTP 01.02.2018 4,5% BTP 01.08.2018 4,5% BTP 1.2.2019 4,25% BTP 01.03.2019 4,5% BTP 01.09.2019 4,25% BTP 1.2.2020 4,5% BTP 01.03.2020 4,25% BTP 01.09.2020 4% BTP 01.03.2021 3,75% BTP 1.8.2021 3,75% BTP 01.09.2021 4,75% BTP 1,3,2022 5% BTP 01.08.2023 4,75% BTP 15.09.2023 2,6% BTP 1.11.2023 9% BTP 01.03.2025 5% BTP 01.03.2026 4,5% BTP 1.11.2026 7,25% BTP 1.11.2027 6,5% BTP 1.11.2029 5,25 BTP 01.05.2031 6% BTP 1.2.2033 5,75% BTP 01.08.2034 5%

99,69 99,67 99,5 94,89 94,65 97,24 94 95,86 96,4 97,01 102,12 97,75 98 95,4 98,21 95,46 96,8 94,96 93,41 90,2 90,06 95,56 96,1 92,22 84,48 124,89 92,07 84,99 109,3 100,95 88,82 94,6 91,89 83,2

4,42 4,36 4,4 4,53 4,51 4,4 4,58 4,7 4,62 4,6 4,87 4,87 4,93 4,96 4,96 4,95 4,98 5,03 5,02 5,05 5,05 5,31 5,53 5,67 4,38 6,12 5,84 6,08 6,39 6,46 6,27 6,48 6,47 6,42

BTP 1.2.37 4% BTP 01.08.2039 5% BTP 01.09.2040 5% EUR BTP 15.09.2041 2,55%
CCT

71,96 83,73 81,45 69 100 99,91 98,171 96,15 94,23 93,3 90,04 90,15 88,59 87,39 86,82 87,14 99,922 98,807 97,976 96,83 95,501 95,16 93,202 99,11 96,5 92 89,7 88,75 82 82,51 69,45

6,21 6,42 6,43 4,49 1,73 2,49 3,69 4,42 4,73 4,69 5 4,44 4,99 4,99 4,54 4,58 1,28 2,18 2,93 3,43 3,39 3,8 4,16 2,69 3,5 3,75 4,04 4,02 4,24 4,68 4,45

CCT 1.11.2011 CCT 1.3.2005-2012 CCT 1.11.2012 CCT 1.7.2006-2013 CCT 1.3.2014 IND CCT 1.12.2014 CCT 01.09.2015 CCT-EU 15.12.2015 CCT 01.07.2016 IND CCT 1.03.2017 CCT-EU 15.10.2017 CCT-EU 15.04.2018
CTZ

ORO FINO (EURO/GR) 39.77 41.94 ARGENTO (EURO/KG) 774.69 945.12 LONDRA ($/ONCIA) 1821.31 1822.29 ARGENTO LONDRA ($/ONCIA) 41.56 41.62 STERLINA V.C. 277.85 320.20 STERLINA N.C. (ANT.73) 277.85 321.75 STERLINA (POST.74) 277.85 321.75 KRUGERRAND 1199.73 1353.12 MARENGO ITALIANO 225.95 254.10 MARENGO SVIZZERO 225.18 254.10 MARENGO FRANCESE 225.18 254.10 MARENGO BELGA 225.18 254.10 MARENGO AUSTRIACO 224.66 254.10 20 MARCHI 270.62 309.36 10 DOLLARI LIBERTY 617.17 694.63

1 SETT. 2 SETT. 3 SETT. 1 MESE 2 MESI 3 MESI 4 MESI 5 MESI 6 MESI 7 MESI 8 MESI 9 MESI 10 MESI 11 MESI 12 MESI

1.086 1.19 1.27 1.341 1.412 1.532 1.588 1.65 1.731 1.789 1.835 1.893 1.944 2.011 2.067

1.101 1.207 1.288 1.36 1.432 1.553 1.61 1.673 1.755 1.814 1.86 1.919 1.971 2.039 2.096

Cross Rates
Euro Euro G.Bretagna Giappone Svizzera Danimarca Canada Norvegia Svezia Usa Gran Bretagna Giappone Svizzera Danimarca Canada Norvegia Svezia USA

CTZ 30.09.2011 CTZ 29.02.2012 CTZ 30.04.2012 CTZ 31.08.2012 CTZ 31.12.2012 CTZ 31.12.2012 CTZ 30.04.2013
BTP INDICIZZATI

1,000 1,139 0,878 1,000

0,923 0,810

0,830 0,729

0,134 0,118 0,146 0,162

0,721 0,633 0,781 0,868

0,133 0,116 0,144 0,160 0,987 0,184

0,111 0,098

0,712 0,626

BTPI 15.9.2012 1,85% BTPI 15.9.2014 2,15% BTPI 15.09.2016 2,1% BTPI 15.9.2017 2,10% BTPI 15.09.2019 2,35% BTPI 15.9.2021 2,1% BTPI 15.9.2026 3,1% BTPI 15.9.2035 2,35%

108,380123,440 100,000 0,899 1,205 1,373 7,448 8,482 1,388 1,581 7,543 8,590 1,112 6,872 1,280 6,959 1,000

0,121 77,216 0,134 0,830 0,155 0,859 5,306 0,989 5,374

6,180 10,000 5,367 1,151 6,258 7,445 1,165 0,186 1,013 1,205 0,188 1,000

Il maggior rialzo Eems


valore

Il maggior ribasso Greenvision


valore

L'azione pi scambiata Banco Popolare


quantit

5,435 10,000 0,841 6,466 1,011

0,85
var. %

5
var. %
01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

5.780.498
var. %
01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

8,973 10,220 8,279 1,404 1,599 1,295

1,190 10,000 6,393 0,186 0,156 1,000

+37,1

-7,41

+6,96%

01/09 02/09 05/09 06/09 07/09

Gioved 8 settembre 2011

25

Mercato Azionario
AZIONI PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO
5,655 3,498 24 0,8765 0,827 0,0908 0,83 2,938 9,02 1,255 8,16 0,122 2,418 4,25 65 3,938 5,94 0,3074 0,2205 0,0097 0,0923 1,383 3,924 10,63 8,24 19,09 7,18 9,96 4,678 0,9085 1,354 1,96 2,98 3,48 4,15 3,25 0,3952 5,55 7,07 1,648 1,32 2,42 0,3039 5,71 6,71 6,71 1,137 46,27 2,186 1,195 38,84 40,99 2,74 0,38 0,3725 0,4471 4,94 0,4788 1,385 0,2785 1,419 3,142 0,495 53,55 31,5 21 1,98 25,43 0,91 1,31 6,73 0,1245 12,23 12,25 0,98 6,385 3,402 3,73 2,554 1,18 1,54 1,28 0,2617 5,405 0,14 2,124 16,48 16,96 1,407 0,8345 7,81 1,795 2,04 0,0742 0,2499 0,6 1,453 0,2799 0,867 0,655 0,1139 0,65 1,117 20,49 2,34 2,932 5,64 0,0408 0,971 2,174 34,3 1,062 0,636 16,88 8,4 46 5,96 1,47 7,205 24,49 8,44 28,94 1,21 2,384 16,96 0,7955 0,867 0,85 9,05 2,35 3 2,56 -2,23 -0,6 3,88 7,7 4,85 5,68 -0,28 3,83 8,66 1,45 2,64 2,7 2,11 2,1 0,95 3,26 2,21 2,23 0,74 3,38 4,79 3,54 3,77 -2,31 0,87 2,22 5,78 -1,77 7,28 2,94 4,68 1,27 0,18 1,21 2,68 6,96 4,09 0,18 1,36 2,48 4,3 -1,08 2,05 1,57 4,44 4,66 4,7 3,96 6,73 -0,96 6,14 5,7 2,06 5,96 0,78 7,34 2,13 0,08 2,08 5,28 2,16 3,1 -0,62 3,42 0,65 0,87 2,83 -1,73 -0,71 1,53 3,41 -0,21 2,71 0,13 -1,37 0,99 -1,07 3,36 5,44 3,28 -0,34 2,34 5,86 0,78 4,39 1,54 1,3 2,52 1,71 -4 1,15 4,42 6,36 0,66 4,86 8,83 5,53 0,97 3,74 4,33 2,93 4,48 2,18 3,17 2,76 1,5 3,31 -1,42 37,1 5,72 5,6385 3,4018 23,5783 0,8924 0,8104 0,0938 0,8276 2,8476 9,7839 1,2672 8,1523 0,1197 2,3805 4,2313 64,1718 3,8025 5,9356 0,3011 0,2197 0,0097 0,0913 1,3736 3,9225 10,6278 8,2166 19,0348 7,1746 9,9197 4,662 0,9032 1,372 1,989 2,8469 3,4517 4,1266 3,2383 0,3899 5,5568 6,9287 1,6393 1,3047 2,4604 0,3005 5,799 6,6947 6,6816 1,111 45,8702 2,2041 1,1918 38,2407 40,5929 2,7327 0,3815 0,3714 0,4509 4,8789 0,4758 1,385 0,2728 1,4305 3,1369 0,4967 53,1004 30,6947 21 1,9682 25,0297 0,9189 1,31 6,6139 0,1246 12,2293 12,25 0,9899 6,3215 3,4097 3,7032 2,5642 1,18 1,5361 1,2598 0,2631 5,4073 0,1405 2,1278 16,7237 16,8394 1,367 0,8298 7,8821 1,7994 2,0402 0,0745 0,2453 0,599 1,4306 0,2753 0,8549 0,6469 0,1116 0,6582 1,1236 20,4669 2,3286 2,9503 5,7007 0,0426 0,9684 2,1388 33,8222 1,061 0,6298 16,3592 8,2655 46,6809 5,9496 1,4343 7,2579 24,2523 8,4018 28,589 1,202 2,3628 17,0344 0,7884 0,8597 0,7456 8,9555

MINIMO 2010/2011
5,025 3,352 23,4 0,8065 0,827 0,0845 0,477 2,728 9,02 1,101 8,16 0,1182 2,208 4,25 62,6 3,5975 5,54 0,2995 0,2147 0,0091 0,0904 1,37 3,638 10,33 7,935 18,55 6,775 9,505 4,518 0,854 1,24 1,86 2,898 3,01 4,06 3,25 0,3736 4,922 5,98 1,543 1,261 2,188 0,3001 5,7 6,63 6,27 1,063 44,45 2 1,15 37,9 39,3 2,5 0,3767 0,365 0,4402 4,202 0,4554 1,241 0,235 1,286 2,944 0,47 50,15 29,8 20 1,94 20,77 0,903 1,25 6,075 0,1161 7,28 12,25 0,96 6,065 3,33 3,45 2,47 1,14 1,53 1,269 0,2545 4,438 0,132 2,092 16,48 15,12 1,24 0,739 5,965 1,66 1,948 0,0742 0,238 0,4761 1,337 0,263 0,8205 0,632 0,102 0,645 1,07 20,18 2,266 2,622 5,545 0,04 0,88 1,96 32,25 0,84 0,6065 14,34 7,705 42,8 5,49 1,125 5,82 23,44 8,26 26,71 0,9365 2,306 15,04 0,736 0,858 0,62 8,56

MASSIMO 2010/2011
8,2927 4,64 44,14 1,477 1,192 0,2309 1,477 5,64 12,5 2,495 9,9 0,281 4,432 5,82 108,43 4,502 9,6 0,596 0,3835 0,0285 0,4525 1,718 5,96 16,0972 10,97 24,38 11,4 16,16 8,3489 1,231 1,812 2,78 3,75 4,12 5,585 4,388 0,8589 6,6 9,895 3,0967 3,1625 3,455 0,44 9,3 9,95 11,56 2,7525 69,45 3,1 1,66 59,25 55 4,08 0,522 0,541 0,732 5,725 0,7645 1,45 0,4245 2,012 7,81 0,675 73,65 59,48 21 2,35 31,43 1,349 1,456 10,31 0,1729 12,33 12,25 1,46 10,76 6,09 4,4475 3,29 1,399 2,118 1,945 0,4291 5,935 0,411 4,4675 36,3 20,31 1,939 1,932 8,715 2,34 4,1 0,1497 0,34 0,777 1,789 0,52 1,44 0,784 0,371 1,07 1,461 24,77 3,695 5,505 12,82 0,161 1,295 5,02 58,58 1,26 1 24,58 13,69 53 6,54 1,6 9,3 48,57 11,33 36,09 1,573 3,265 23,51 0,907 1,287 1,539 15,14

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-30,54 -5,71 -45,84 -37,57 -24,68 -51,37 69,04 -36,75 -19,46 -26,82 -16,73 -32,11 10,29 -19,81 -26,9 5,44 -35,35 -36,29 -38,92 -61,81 -79,58 -12,25 -20,28 -26,91 -22,04 -17,36 -28,56 -20,32 -28,68 -11,71 -13,65 -29,37 -19,3 -14,29 -20,8 -22,25 -45,07 -9,76 -24,39 -44,26 -49,62 -28,51 -32,09 -28,36 -29,14 -25,98 -53,75 -25,66 -21,08 -25,17 -29,38 -17,19 -27,51 -24 -7,22 -32,46 0,36 -24,36 -3,82 -24,53 6,69 -42,19 -1 -9,08 -34,74 5 -8,97 -13,56 -29,13 -2,89 -12,88 -12,63 51,27 -16,31 -25,23 -37,46 -10,12 -6,1 5,36 -12,95 -24,71 -28,89 10,99 -46,15 -45,47 -47,72 -10,83 -14,83 -49,42 25,06 -15,13 -15,18 -43,92 -13,98 -9,09 5,75 -37,31 -35,3 -0,61 -69,22 -34,01 -12,67 0,24 -28,98 -36,64 -41,1 -58,49 -7,7 -55,08 -32,08 29,67 -34,87 -29,52 -34,98 -4,17 -1,57 29,17 22,53 -37,21 -12,17 -10,15 -19,87 -18,36 12,32 -7,5 -29,22 -36,42 -28,63

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)

AZIONI

PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO


1,047 3,07 3,192 1,605 2,07 21,01 13,56 13,9 8,295 0,313 1,294 3,07 1,749 0,215 14,89 13,65 12 0,747 0,8075 3,986 5,985 3,064 3,272 2,82 2,844 2,94 3,598 4,87 0,3899 1,35 0,778 12,07 1,7 0,0609 2,26 20,06 3,78 0,6265 0,79 11,7 2,7 5 6,49 6,5 3,086 1,117 0,868 1,31 0,856 13,25 0,6485 1,66 7,655 5,09 5,05 1,86 5,19 0,3179 0,73 4,174 1,035 0,896 0,0027 0,5445 1,979 0,819 2,75 1,391 4,578 2,164 21,18 13,62 9,8 0,8935 1,363 1,44 0,2654 0,578 0,0036 0,0328 1,492 1,59 0,582 0,33 72,4 10,75 20,54 114,4 0,789 3,48 8,045 0,2138 1,678 2,522 6,315 2,426 0,0498 0,1086 10,17 0,27 0,2639 1,938 0,5165 1,921 0,4893 5,385 0,345 0,122 0,2628 0,2395 83,55 4,142 2,664 5,435 4,49 1,09 0,3749 1,06 1,649 0,6555 13 2,454 4,7 -1,29 2,97 4,22 3,5 0,05 4,15 2,06 3,56 -1,63 1,73 0,26 1,92 8,13 7,4 5,73 3,97 1,38 8,55 5,09 6,09 4,54 9,39 8,55 5,38 4,29 3,97 5,29 3,93 3,6 1,17 -0,18 3,22 1,35 1,61 2,7 -1,25 4 4,17 -7,41 -0,08 -0,13 1,55 -1,36 0,77 -2,12 1,69 4,6 2,15 3,88 -1,94 0,54 4,3 1,27 4,82 3,81 4,73 17,39 2,54 2,17 0,61 4,09 -1,83 4,23 1,12 0,24 0,15 1,25 0,44 0,95 3,96 4,79 -0,13 4,47 0,34 -1,5 4,17 4,85 5,93 9,51 7,87 0,5 -0,42 -1,18 5,08 2,52 3,5 5,96 -2,07 6,09 5,56 1,73 3,3 0,84 6,72 1,03 1,17 0,58 -0,04 4,59 0,49 -0,97 0,93 2,75 5,01 -0,84 -0,48 -4,31 -0,61 4,51 1,0356 3,1429 3,1772 1,5769 2,0579 21,0233 13,41 13,8411 8,2263 0,3137 1,2952 3,1064 1,746 0,215 14,6197 13,4394 11,7529 0,7407 0,8179 3,8922 5,937 3,0344 3,2073 2,7596 2,8006 2,8658 3,5878 4,8266 0,3822 1,3425 0,7665 12,0858 1,7223 0,0601 2,2812 20,0509 3,7819 0,6217 0,7995 11,5271 2,692 5,0929 6,4925 6,5 2,9821 1,1224 0,8582 1,3108 0,8562 13,2605 0,6375 1,6571 7,655 5,004 5,0721 1,86 5,1751 0,3186 0,7029 4,1236 1,0293 0,887 0,0023 0,5336 1,9788 0,822 2,7248 1,4067 4,5524 2,1773 21,027 13,5124 9,764 0,888 1,3576 1,4449 0,2656 0,5679 0,0036 0,0329 1,4627 1,5819 0,5865 0,3236 73,0417 10,6883 20,3849 113,6418 0,7647 3,4124 8,0314 0,2161 1,6618 2,4988 6,3077 2,4169 0,0491 0,1061 10,17 0,2658 0,258 1,938 0,5151 1,9252 0,4791 5,3711 0,345 0,119 0,2585 0,238 83,0407 4,1529 2,6781 5,4376 4,4616 1,09 0,3681 1,0577 1,6515 0,6692 12,9954 2,4484

MINIMO 2010/2011
0,9935 3,07 3,1 1,492 1,217 20,51 12,17 13,62 7,9 0,3077 1,272 3,062 1,563 0,215 13,77 12,71 10,85 0,699 0,73 3,672 5,635 2,846 2,99 2,578 2,62 2,7 3,45 4,516 0,3703 1,299 0,751 11,93 1,071 0,0585 2,23 18,7 3,62 0,54 0,79 10,68 2,592 4,29 6,415 6,5 2,97 1,1 0,7755 1,025 0,8515 12,57 0,601 1,557 7,28 4,622 4,652 1,85 4,976 0,3139 0,66 3,88 0,997 0,8555 0,0015 0,516 1,528 0,814 2,642 1,221 4,392 2,14 21,13 13,6 8,7681 0,78 1,3 1,4 0,2629 0,556 0,0029 0,029 1,492 1,522 0,4101 0,3 71,2 8,925 18,81 102,7 0,7205 3,226 7,8 0,205 1,678 2,4 5,4 2,248 0,0434 0,1086 9,25 0,2385 0,2429 1,905 0,381 1,867 0,1566 4,69 0,341 0,1185 0,2432 0,2079 83,55 4,1 2,664 5,335 3,462 1,09 0,342 1,022 1,479 0,4912 12,91 2,138

MASSIMO 2010/2011
1,768 4,6 4,832 2,048 2,398 24,32 18,42 25,05 10,44 0,498 2,104 6,275 2,44 0,215 25,76 21,3 20,1 1,155 1,7576 8,05 10,66 7,415 7,395 6,385 6,375 4,14 4,916 9,865 0,515 4,3675 2,9414 16,44 3,262 0,2451 4,16 30 5,25 0,7655 1,17 16,99 4,95 5,4 7,87 6,5 4,49 1,76 1,08 1,755 1,51 15,2 0,91 2,4625 8,2 9,015 7,34 2,89 9,375 0,54 0,815 6,175 2,3294 1,978 0,0068 1,87 2,708 1,407 4,034 2,7643 7,65 3,886 29,9 19,73 9,955 0,986 3,7 2,135 0,391 0,7235 0,0219 0,0737 2,068 3,015 0,761 0,755 90,4 15,44 23,49 130,8 3,6375 5,47 9,46 0,23 2,47 4,9225 8,01 4,084 0,0918 0,3575 10,73 0,8951 0,8676 3,1975 0,7665 2,868 0,72 7,2 0,46 0,175 0,33 0,848 125 5,59 3,4 6,39 8,45 1,175 0,67 1,622 2,64 1,56 25,5 3

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-27,04 -30,86 -14,65 1,52 66,4 -0,61 -17,01 -39,8 -20,62 -34,86 -23,7 -44,48 -7,21 -39,67 -26,61 -35,34 -21,53 -51,79 -40,47 -47,23 -46,59 -20,49 -17,71 -42,74 -23,55 -62,68 -69,15 -25,95 56,54 -71,82 -43,14 -26,68 -11,48 17,87 -16,71 -17,66 -21,11 3,09 -16,74 -30,96 -27,89 6,31 -10,09 -38,11 -9,49 -20,48 -21,61 -3,04 -36,61 -26,44 -20,85 -28,31 -19,31 4,29 -26,71 -43,31 -42,97 -6,9 -56,44 27,27 -34,64 -19 -46,83 -27,62 -37,82 -15,62 -23,18 -6,59 -62,14 -31,1 -20,18 -0,34 -79,43 -52,67 -21,02 -46,73 -20,38 -17,09 -15,02 15,9 -9,91 -9,91 -76,04 -20,37 -7,26 -0,19 -28,97 -44,3 -5,18 -21,55 10,42 -68,97 1,7 -64,18 -66,14 -37,63 26,9 -27,51 185,31 13,25 -14,81 -19,47 -11,52 -72,13 -26,77 -14,24 -12,37 -14,21 -41,95 -6,84 -37,52 -30,85 -19,56 -37,33 -43,23 4,31

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)

AZIONI

PREZZO VAR% PREZZO RIF. EURO SU PR. RIF. UFF. EURO


1,68 3,436 2,162 5,4 4,318 6,68 0,427 0,88 105,3 0,9085 0,2676 0,325 0,59 6,285 10,4 1,864 0,7 0,78 0,6375 0,425 6,72 25,8 0,1975 18,4 0,3497 0,2059 0,315 0,127 0,6735 0,96 23,43 14,05 0,2458 5,695 4,26 8,59 29,88 37,8 11,7 49,8 37,3 1,235 9,655 6,67 0,4215 0,0461 1,2 5,08 0,299 5,665 67,85 2,048 3,304 19,34 2,1 5,045 0,0435 1,677 0,3696 166,7 4,282 1,49 0,7 0,8025 0,7275 0,175 0,2251 13,43 11,21 2,514 2,596 0,3655 0,0497 78,7 1,55 32,82 7,74 8,37 2,352 0,504 0,8345 1,59 23,26 0,3066 0,24 4,15 0,1376 1,259 4,006 3 15,9 -1,18 4,31 8,81 7,36 2,96 -0,52 4,27 4,76 -2,41 1,11 7,69 5,69 5,36 -0,48 4,52 -1,69 7,69 1,63 4,51 -3,14 3,31 7,1 1,8 2,17 2,85 8,25 -3,05 3,34 0,07 -4 2,72 6,12 1,07 5,76 2,65 4,18 7,14 4 2,26 4,02 8,14 0,57 0,83 -2,11 4,06 2,75 2,44 3,59 1,39 3,51 2,06 4,06 4,24 8,48 4,81 5,66 6,31 3,63 4,22 2,9 2,34 0,04 0,98 6,26 2,95 0,62 2,96 5,97 4,31 1,64 3,57 7,43 4,04 4,44 4,97 5,93 -2,43 3,55 3,14 -0,29 -0,4 0,4 1,01 1,685 3,4769 2,131 5,3141 4,2596 6,4416 0,4152 0,8789 105,3 0,8746 0,2626 0,3059 0,59 6,3085 10,292 1,864 0,6921 0,7851 0,6233 0,4342 6,6993 25,4971 0,1952 18,3554 0,3425 0,1881 0,316 0,1255 0,6736 0,9601 23,372 13,3809 0,2445 5,595 4,196 8,4442 29,2258 37,8 11,7338 49,9054 36,7321 1,2024 9,5622 6,6651 0,4286 0,0454 1,2 5,0548 0,299 5,6641 68,0517 2,0281 3,2814 19,3166 2,0688 5,0586 0,0432 1,666 0,3664 166,7 4,1999 1,4882 0,7007 0,7953 0,7273 0,1736 0,2251 13,4994 10,9887 2,4972 2,5895 0,3632 0,0488 78,847 1,5478 32,5701 7,4511 8,2282 2,3305 0,5019 0,8247 1,5553 23,26 0,303 0,2379 4,2507 0,1376 1,2096 3,9954 2,9947 15,9127 0,0287 0,0781 0,0245 0,689 1,5014 0,0179 0,0014 0,0159 0,4141 0,1088 0,0096 0,0075 0,48 0,0062 0,011 0,0048 0,1 0,0624 0,1498 0,0118 0,0101 10,0608 2,0336 4,8574 0,8901 0,7371

MINIMO 2010/2011
1,555 2,894 1,811 5,03 3,9 6,31 0,3819 0,84 103,7 0,72 0,221 0,277 0,56 6,1 9,51 1,618 0,65 0,753 0,61 0,4249 6,36 24,09 0,194 17 0,33 0,1902 0,29 0,1229 0,6275 0,955 22,81 13,24 0,2348 5,385 4 8,2 27,06 35,01 9,92 45,45 33,54 1,031 9,105 6,605 0,4215 0,0441 0,725 4,9 0,299 5,515 65,5 2,02 3,192 18,95 1,93 4,756 0,0387 1,6 0,3498 166,7 4,028 1,402 0,4932 0,77 0,707 0,1656 0,2235 13,3 10,48 2,424 2,47 0,355 0,0469 71,85 1,436 31,69 6,83 5,37 2,252 0,49 0,795 1,501 20,96 0,285 0,2251 4,096 0,1376 1,15 3,658 2,97 14,64 0,025 0,0773 0,021 0,564 1,2 0,005 0,0014 0,0129 0,364 0,0961 0,009 0,0075 0,37 0,004 0,0099 0,0042 0,04 0,0303 0,0731 0,0116 0,0099 8,15 1,902 4,65 0,4445 0,469

MASSIMO 2010/2011
3,8125 7,1 2,91 7,675 6,31 10,11 0,4949 1,468 132,1 1,205 0,5925 0,792 0,766 10,03 15,95 2,42 0,8865 1,354 0,8795 2,0775 7,805 49,34 0,2485 21,49 0,607 0,305 0,584 0,2925 1,249 1,392 55,22 25,3 0,4 8,8 6,18 13,72 38,52 39,25 13,7 56,15 45,93 2,0225 10,7 8,1 0,6395 0,095 1,7 7,35 0,299 8,78 99,2 2,7725 4,286 52,1 2,95 6,05 0,0958 2,102 0,66 166,7 9,645 1,59 1,45 1,144 1,025 0,2397 0,4 18,61 18,51 3,476 3,78 0,712 0,0896 96,55 1,72 45,62 11,34 9,5 7,3746 0,53 1,997 2,15 23,84 0,5475 0,419 4,78 0,1376 1,52 4,64 4,11 22 0,0838 0,1478 0,0982 0,853 3,2 0,0265 0,0025 0,0489 1,2 0,275 0,0295 0,029 0,789 0,0174 0,024 0,0179 0,25 0,1711 0,51 0,0249 0,0243 13,32 5,35 5,69 1,569 1,15

VAR% PR.UF. DAL 30/12/10


-50,59 -2,87 15,12 -10,74 -23,03 -28,06 -10,48 -8,33 -12,72 -14,05 -40 -56,17 -22,21 -13,25 -18,43 8,18 -20 -24,12 -12,61 -78,75 -4,75 -40,66 -18,86 -6,98 -1,63 -20,81 -30,46 -43,23 -36,16 -32,2 -54,85 -44,88 -28,65 -17,94 -14,8 -35,46 -18,89 3,56 2,45 -2,59 -21,59 -5,53 -13,15 -34,85 -44,26 46,34 -14,33 -21,65 -27,04 -24,29 -11,18 -52,7 -14,98 2,33 -42,99 -2,5 -24,65 -45,56 6,43 6,54 -17,01 -10,41 -26,41 -30,2 -21,14 -38,91 -20,44 -25,83 -43,33 -38,18 6,5 6,31 -18,46 -28,2 56,16 -61,66 -0,88 -46,09 -15,47 -2,1 -33,56 -33,24 -1,19 -1,72 0,65 -15,49 -20,97 -55 -38,98 -71,51 9,54 -4,76 18,52 -36,36 -60,88 -66,14 -54,17 -65,09 -69,39 -52,82 -53,19 -73,03 -54,34 30 -31,91 -47,35 -56,9 5,3 -62,23 2,09 92,47 40,89

DIVIDENDO CAPITALIZZAZIONE DATA (MLN/EURO)

A
ACEA ACEGAS-APS ACOTEL GROUP ACQUE POTABILI ACSM AEDES AEFFE AEGON AEROPORTO DI FIRENZE AGEAS AHOLD KON AICON ALCATEL-LUCENT ALERION ALLIANZ AMPLIFON ANSALDO STS ANTICHI PELLETTIERI APULIA PRONTOP ARENA ARKIMEDICA ASCOPIAVE ASTALDI ATLANTIA AUTOGRILL AUTOS MERIDIONALI AUTOSTR TO-MI AXA AZIMUT A2A

23/05/11 11/07/11 26/05/03 02/05/06 04/07/11 07/05/07 18/05/09 25/04/08 09/05/11 02/05/08 26/04/11 04/06/07 18/04/11 05/05/11 09/05/11 23/05/11 26/05/08 27/04/09 24/07/00 09/05/11 02/05/11 23/05/11 23/05/11 18/04/11 09/05/11 29/04/11 23/05/11 20/06/11 23/05/11 23/05/11 02/05/11 02/05/11 09/05/11 05/05/08 18/05/09 18/04/11 26/04/11 11/05/09 23/05/11 09/05/11 09/05/11 01/08/11 02/05/11 16/05/11 23/05/11 09/05/11 13/06/11 02/05/11 23/03/11 03/05/10 23/05/11 06/05/02 23/05/11 23/05/11 09/05/11 04/07/11 12/05/08 26/05/08 13/05/11 20/05/11 26/04/10 18/05/09 23/05/11 19/08/81 04/02/08 09/05/11 19/05/03 23/05/11 24/05/10 23/05/11 10/05/10 09/05/11 17/05/10 23/05/11 23/05/11 19/05/08 23/05/11 05/05/08 07/05/10 09/05/11 25/07/11 16/05/11 23/05/11 05/05/08 11/05/09 21/05/01 23/05/11 10/05/10 23/05/11 10/05/11 26/04/11 02/05/11 26/04/11 16/05/11 20/06/11 19/05/03 06/06/11 14/04/11 27/04/09 08/11/10 08/10/10 10/05/11 02/05/11 26/04/11 27/05/11 13/05/11 20/06/11 08/12/08 19/05/08 12/04/10 12/04/10 23/05/11

1.204,3 192,3 100,1 31,6 63,4 66,3 89,1 463,7 81,5 2.951,3 972,6 13,3 5.603,7 187 29.503,5 868,8 831,6 14 52 12,4 8 324,2 386,2 6.700,2 2.096,3 83,5 631,8 20.808 670,1 2.846,2 2.188,2 341,6 39,3 407,2 223,3 507,7 4.285,6 1.710,2 1.793,7 124 547,9 72 205,8 48.194 44,3 749,3 2.005,1 42.713,2 133,3 21,3 29.687 672,3 30,1 137,9 25,8 89,4 902,4 917,5 13 20,9 48,2 86,1 14,9 32.236,8 28.731 91,1 51,5 143 40,9 1,2 449,5 98,1 4.121,5 1.452,4 104,3 1.055,8 138,5 33,5 200,1 14,8 185 160 175,9 3.139,2 7,1 97,7 11.616,8 917,3 17,3 161 132,8 285,6 20,4 12,1 23,1 108,3 1.152,6 29,5 35,1 471,1 7 30,2 318,1 1.264,8 632,2 974,6 12.556,6 6,5 32,3 35,2 33.085 87,7 95,4 690 339,6 23.634,9 348,3 450,7 1.077,1 13.980,3 36.809,5 1.611,9 17,1 18,2 191,7 4.121,6 95,9 37,1 43,7

ELICA EMAK ENEL ENEL GREEN POWER ENERVIT ENGINEERING ENI E.ON ERG ERGYCAPITAL ESPRESSO ESPRINET EUROTECH EUTELIA EXOR EXOR PRV EXOR RSP EXPRIVIA

23/05/11 06/06/11 20/06/11 23/05/11 23/05/11 13/06/11 23/05/11 07/05/09 23/05/11 23/05/11 02/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 02/05/11 23/05/11 18/04/11 18/04/11 18/04/11 20/05/02 04/05/09 23/05/11 24/05/10 24/05/10 10/06/11 15/05/06 24/05/10 04/05/11 16/05/11 18/06/07 18/05/09 23/05/11 23/05/11 25/05/09

66,3 84,9 30.015,5 8.025 36,8 262,6 54.312,7 27.813,9 1.246,9 29,7 530,8 160,9 62,1 14,1 2.386,3 1.048,3 110 38,8 235,3 4.355,4 6.537,6 316,5 261,5 291,3 227,3 15,1 151,6 2.815,6 96,9 495,5 99,3 31.555,2 19 15,5 101,5 44.004,5 54,4 920,5 3 18.215,4 699,9 29,3 928,6 197,7 18,5 1.245,5 39,1 405,1 37,1 488 222,6 668,1 12,4 578,6 2,6 43,6 10.698,1 41,5 4,2 407,6 16.043,8 835,5 835,5 6,9 55,7 967,8 48,3 11 810,8 228,2 469,8 222,6 147 180,1 23,7 30,7 118,7 25,3 25,3 31,9 46,3 178,9 39,4 3,5 43.614,7 1.849,2 9.592,8 56.048,8 254,5 216,2 535,2 101,4 31,2 2.979,1 5.438 1.780,1 69,4 5,5 38,6 497,4 27 136,6 108,7 473,4 10,1 23,7 51,8 15,9 6,8 3,2 17.245 163,7 309 23,5 17.066,3 14,7 12,7 48,1 2.893,4 2.893,4 12.641,4 912,4

PIERREL PININFARINA PIQUADRO PIRELLI E C. PIRELLI E C. RSP POLIGRAFICA S.FAUSTINO POLIGRAFICI EDITORIALE POLTRONA FRAU PPR PRAMAC PRELIOS PREMAFIN PREMUDA PRIMA INDUSTRIE PRYSMIAN

23/05/05 25/07/11 23/05/11 23/05/11 08/05/00 21/05/07 26/05/08 21/05/10 30/06/08 21/04/08 26/05/08 20/06/11 26/05/08 18/04/11 18/05/98 09/05/11 19/05/08 12/05/08 18/04/11 11/05/11 13/05/02 30/05/11 19/05/08 27/05/02 19/06/06 21/04/11 23/05/11 06/06/11 26/04/11 26/04/11 12/05/08 23/05/11 23/05/11 16/05/11 26/05/11 18/05/09 23/05/11 02/05/11 28/02/11 21/05/07 19/05/08 02/05/11 02/05/11 26/01/11 24/07/00 23/05/11 31/05/11 26/04/11 23/05/11 25/05/08 08/05/06 08/05/06 28/11/11 09/03/11 05/05/03 18/04/11 18/04/11 24/04/06 24/04/06 08/11/10 20/06/11 20/06/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 11/07/11 08/05/06 23/05/11 12/05/08 23/05/11 23/05/11 09/02/11 24/05/10 24/05/10 09/05/11 04/03/02 23/05/11 23/05/11 16/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 05/05/11 18/03/93 09/05/11 01/08/05 19/05/08

25,1 103,7 108,1 2.569 52,9 8 56,4 123,4 13.326,3 27,7 225,1 133,4 110,7 54,3 2.229,4 51 22,4 571,5 18,7 19,5 1.405,3 7.351,4 74,6 169,7 55,8 16,8 14,5 103 89,3 11,1 12.263,4 162 22,8 83,6 31,4 488,1 13.185,3 5,2 1.970,4 65.513,2 45.721 1.174,5 95,2 369,1 58,4 88,8 0,8 82,3 7,8 1.288,8 62.028,7 239,3 11.799,2 11.231,3 244,9 457,6 18,4 802,8 31,2 0,3 3.899 200,5 29,2 10.767 4.384 253,1 1,2 63.188,1 13.233,8 5.053,1 72,2 39,1 92,5 2.409 47,4 77.842,7 495,4 21,8 2.120,9 80,5 16.084,4 38,5 39.884,6 648,2 312,5 43,4 20 37,9 175,5 202,1 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 18.606,3 536,7 2 390,4 21,8 2,4

R
RATTI RCF GROUP RCS MEDIAGROUP RCS MEDIAGROUP RSP RDB RECORDATI RENAULT RENO DE MEDICI REPLY RETELIT RICCHETTI RICHARD GINORI 1735 RISANAMENTO ROMA A.S. ROSSS RWE

F
FALCK RENEWABLES FIAT FIAT INDUSTRIAL FIAT INDUSTRIAL PRV FIAT INDUSTRIAL RSP FIAT P FIAT RSP FIDIA FIERA MILANO FINMECCANICA FNM FONDIARIA SAI FONDIARIA SAI RSP FRANCE TELECOM SA FULLSIX

B
B CARIGE B CARIGE RSP B DESIO BRIA RSP B DESIO E BRIANZA B IFIS B INTERMOBILIARE B M.PASCHI SIENA B P DI SONDRIO B P EMILIA ROMAGNA B POP ETRURIA E LAZIO B POP MILANO B POP SPOLETO B PROFILO B SANTANDER B SARDEGNA RSP BANCA GENERALI BANCO POPOLARE BASF BASICNET BASTOGI BAYER BB BIOTECH B&C SPEAKERS BCA FINNAT BEE TEAM BEGHELLI BENETTON BENI STABILI BEST UNION COMPANY BIALETTI INDUSTRIE BIANCAMANO BIESSE BIOERA BMW BNP PARIBAS BOERO BOLZONI BON FERRARESI BORGOSESIA BORGOSESIA RSP BREMBO BRIOSCHI BULGARI BULGARI OPA BUONGIORNO BUZZI UNICEM BUZZI UNICEM RSP

G
GABETTI GAS PLUS GDF SUEZ GEFRAN GEMINA GEMINA RSP GENERALI GEOX GREENVISION GRUPPO COIN GRUPPO COIN OPA GRUPPO MINERALI MAFFEI

S
SABAF SADI SERVIZI INDUSTR SAES GETTERS SAES GETTERS RSP SAFILO GROUP SAIPEM SAIPEM RCV SALVATORE FERRAGAMO SANOFI SAP SARAS SAT SAVE SCREEN SERVICE SEAT PAGINE GIALLE SEAT PAGINE GIALLE RSP SERVIZI ITALIA SETECO INTERNATIONAL SIAS SIEMENS SNAI SNAM RETE GAS SOCIETE GENERALE SOGEFI SOL SOPAF SORIN STEFANEL STEFANEL RSP STMICROELECTRONICS

H
HERA

06/06/11 07/04/08 23/05/11 28/04/08 23/05/11 24/05/11 18/07/11 18/07/11 17/05/11 17/05/11 14/08/08 20/06/11 20/06/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 23/05/11 18/06/01 09/05/11 23/05/11 16/05/11 02/02/09 23/05/11 23/05/11 06/06/11 06/06/11 04/11/02 24/05/10 17/07/91 09/05/11 09/05/11 09/05/11 23/05/11 23/05/11 29/04/02 29/04/11 24/05/10 23/05/11 29/11/10 16/05/11 09/05/11 23/05/11 22/04/02 23/05/11 22/11/10 23/05/11 11/05/09 26/04/10 26/04/10 28/02/11 23/05/11 28/02/05 22/05/06 20/05/02 19/05/03 20/09/10 21/04/11 02/05/11 23/05/11 04/05/11 04/06/07 10/05/04 11/05/09 18/04/11 18/04/11 04/04/11 16/05/11

I
I GRANDI VIAGGI IGD IL SOLE 24 ORE IMA IMMSI IMPREGILO IMPREGILO RSP INDESIT INDESIT RSP INDUSTRIA E INNOVAZIONE ING GROEP INTEK INTEK R INTERPUMP INTESA SANPAOLO INTESA SANPAOLO RSP INV E SVIL 2012 W INVEST E SVILUPPO IRCE IREN ISAGRO IT WAY ITALCEMENTI ITALCEMENTI RSP ITALMOBILIARE ITALMOBILIARE RSP ITALY1 INVESTMENT

T
TAMBURI TAS TELECOM ITALIA TELECOM ITALIA RSP TELECOM ITALIA MEDIA TELECOM ITALIA MEDIA RSP TELEFONICA TENARIS TERNA TERNIENERGIA TESMEC TISCALI TODS TOSCANA FINANZA TOTAL TREVI TXT E-SOLUTIONS

J
JUVENTUS FC

C
CAD IT CAIRO COMMUNICATION CALEFFI CALTAGIRONE CALTAGIRONE EDITORE CAMFIN CAMPARI CAPE LIVE CARRARO CARREFOUR CATTOLICA ASSICURAZIONI CDC CELL THERAPEUTICS CEMBRE CEMENTIR HOLDING CENTRALE DEL LATTE TO CHL CIA CICCOLELLA CIR CLASS EDITORI COBRA COFIDE COGEME SET CONAFI PRESTITO CR ARTIGIANO CR BERGAMASCO CR VALTELLINESE CREDEM CREDIT AGRICOLE CRESPI CSP INTERNATIONAL

K
KERSELF KINEXIA KME GROUP KME GROUP RSP KME GROUP 2011 W K.R.ENERGY

U
UBI BANCA UNI LAND UNICREDIT UNICREDIT RSP UNILEVER UNIPOL UNIPOL P

L
LA DORIA LANDI RENZO LAZIO S.S. LE BUONE SOCIETA LOREAL LOTTOMATICA LUXOTTICA GROUP LVMH

V
VALSOIA VIAGGI DEL VENTAGLIO VIANINI INDUSTRIA VIANINI LAVORI VITTORIA ASS VIVENDI

M
MAIRE TECNIMONT MARCOLIN MARR M&C MEDIACONTECH MEDIASET MEDIOBANCA MEDIOLANUM MERIDIANA FLY MERIDIE MID INDUSTRY CAPITAL MILANO ASS MILANO ASS RSP MITTEL MOLMED MONDADORI MONDO HE MONDO TV MONRIF MONTEFIBRE MONTEFIBRE RSP MONTI ASCENSORI MUNICH RE MUTUIONLINE

W
W CAMFIN 11 W ERGYCAPIT 16 W GABETTI 13 W INTERPUMP 12 W PRI 2013 W RGINORI 2013 W TISCALI 14 W UAI 2011-2015 WARR AEDES 2009-2014 WARR BPM 09-13 WARR CREVAL 2014 WARR ERGYCAPITAL 11 WARR FIRST CAPITAL 2013 WARR IKF 10-14 WARR INTEK 2011 WARR ITALY1 WARR KME 09-11 WARR KRE 09-12 WARR MADE IN ITALY 1 WARR MERIDIE 11 WARR PIERREL 08-12 WARR RETELIT 08-11 WARR TAMBURI 2013 WARR UNIPOL PRV 2013 WARR UNIPOL 2013 0,0288 15,2 0,0781 1,03 0,0245 0,689 3,45 1,5 0,016 -38,46 0,0014 0,016 0,63 0,406 -2,4 0,11 0,46 0,0096 0,0075 0,48 0,0067 13,56 0,011 0,0048 0,1 0,0624 0,16 0,1498 0,0119 2,59 0,01 1,01 10,13 2,066 4,88 0,895 0,7115 5,8 5,14 2,65 1,7 -2,47

D
DADA DAIMLER DAMIANI DAMICO DANIELI & C DANIELI & C RSP DANONE DATALOGIC DEA CAPITAL DELONGHI DEUTSCHE BANK DEUTSCHE TELEKOM DIASORIN DIGITAL BROS DMAIL GROUP DMT

N
NICE NOEMALIFE NOKIA CORPORATION NOVA RE

O
OLIDATA

Y
YOOX YORKVILLE BHN

E
EDISON EDISON RSP EEMS EL EN

P
PANARIAGROUP PARMALAT PARMALAT 2015 W PHILIPS PIAGGIO

Z
ZIGNAGO VETRO ZUCCHI ZUCCHI RSP

26

Gioved 8 settembre 2011

@ www.libero-news.it
A tu per tu
di MATTIAS MAINIERO

::: le lettere
LA GRANDE CRISI/1

lettere@libero-news.eu

Le lettere via e-mail vanno inviate sottolineando nelloggetto: lettere. Via posta vanno indirizzate a: Libero - viale L. Majno 42 - 20129 Milano; via fax al n. 02.999.66.264.

Prima riforma: riformare gli italiani


Tutti invocano riforme, ma appena si propongono tutti protestano. Doverano Draghi, Marcegaglia, Montezemolo durante il referendum sulla liberalizzazione dellacqua e sul ritorno al nucleare? Hanno forse sostenuto le ragioni del s accanto al governo? vero: la Germania ha ridimensionato il nucleare, ma le centrali che ha se le tiene ben strette e ne sfrutta i vantaggi economici. Comunque sia, Draghi perch non dice le riforme che bisogna fare? Ha paura di inimicarsi lopposizione? Valentino Castriota Trepuzzi (Le) Comincio dalla fine. Pi si discute di manovra economica, pi si emenda, pi si affollano i suggerimenti e pi mi convinco che il problema dellItalia sono gli italiani, non il governo e neppure lopposizione, che hanno per un grande torto: assomigliano troppo agli italiani e non riescono in alcun modo, neppure sotto lincalzare di una crisi drammatica, a prendere le distanze dagli umori popolari. E ora la spiegazione. Scusi, ma cosa centra Draghi? Quello che doveva dire, il governatore della Banca dItalia lo ha detto chiaramente indicando anche le riforme da fare. Ovviamente, ha parlato per vie generali, perch un governatore pu dare solo indicazioni generali. Altrettanto ovviamente, Draghi non ha alcun timore di inimicarsi lopposizione, se non altro perch ha gi pronta una poltrona che lo attende: capo della Banca centrale europea. E ci nonostante gli italiani, nel caso specifico lei, seminano dubbi. Parentesi: mi permetto di dirle questo perch, conoscendola un po, so che una persona intelligente. Torniamo a noi: che senso ha tutto ci? Perch dobbiamo prendercela anche con Draghi? E perch tirare in ballo il nucleare tedesco che non centra nulla con noi? E ora mi faccia un favore: prenda le sue posizioni e le moltiplichi per dieci o venti o trenta milioni. Avr un popolo un po strano che contesta tutto e tutti, che si oppone a qualsiasi modifica, che se la prende con Draghi per il referendum che non poteva vedere Draghi fra i protagonisti e che non fa certo un favore a se stesso. Glielho detto: secondo me, il vero problema dellItalia sono gli italiani. Dobbiamo curare leconomia, caro Castriota, e dobbiamo scegliere politici allaltezza. Per, forse, sarebbe anche giunta lora di dare una regolata a noi stessi. E le riforme non le chieda a Draghi, che solo il governatore della Banca dItalia. Le pretenda dai politici che ha votato. mattias.mainiero@libero-news.eu

Sacrifici per tutti ma non per la Casta


Che fine hanno fatto i tagli alla Casta? Come da facili previsioni, non si parlato pi del dimezzamento del numero dei parlamentari e delle loro retribuzioni e vitalizi, n della decurtazione del finanziamento pubblico ai partiti. Diranno che solo rinviato in saecula saeculorum. la solita solfa: sacrifici per tutti, meno che per loro. Antonio Massioni Milano

LA GRANDE CRISI/2

cisiva per le sorti del Paese. Questa finanziaria ci propone tutto ed il contrario di tutto, la sensazione diffusa che siamo sempre in alto mare. Il governo non ha avuto il coraggio di andare fino in fondo e dare un taglio netto alle spese e agli sprechi. Non sono stati presi provvedimenti drastici sulle voci di spesa pi pesanti, la sanit, le pensioni, il pubblico impiego, tutto rimasto pi o meno invariato finch forse, quando si arriver al collasso, qualcuno si decider ad avviare riforme radicali. Speriamo non sia troppo tardi. Rita Muscardin e.mail

pria attivit non guadagnano abbastanza per pagarsi le tasse, e questi sarebbero gli evasori fiscali? Lo Stato con i propri esattori dovrebbe essere punito dallEuropa per questi crimini. Invece continua a sperperare e dilapidare denaro pubblico facendo cassa su poveracci. Mauro Perono Perucca e.mail

LA GRANDE CRISI/7

Hanno partorito un aborto


Sono un cittadino sull'orlo di una crisi di nervi. Ma mi chiedo: esisteva momento migliore per attuare le tanto auspicate riforme, della giustizia, dei tagli ai politici, delle pensioni, del mondo del lavoro approfittando della congiuntura economica esistente? Nossignori. Ma i nostri si sono arrovellati il cervello e per non scontentare nessuno hanno partorito un aborto. Ma la maggioranza deve guidare il paese o no? E allora avanti con le riforme una volta per tutte. Nicola Cacciari e.mail

titoli, sostenendone le quotazioni. Ora lo stesso Draghi, questa volta in qualit di governatore ancora in carica della Banca dItalia, informa il governo che non scontato che la Bce continui ad acquistare i nostri titoli di Stato. Sarebbe ora che il governatore la finisca di recitare due parti. Piuttosto venda le ingenti riserve auree della Banca dItalia che hanno un valore attuale superiore ai 100 miliardi di euro. Giacomo Sempioni Milano

LA GRANDE CRISI/10

Era migliore la prima manovra


Era molto meglio la prima versione della manovra Tremonti. Hanno sbragato per accontentare tutte le Caste. I tagli alla politica (se mai ci saranno), non li vedremo in questa legislatura. Spettacolo penoso! Prepariamoci a tirare fuori altri soldi. P.s.: votavo destra. Renato Audano e.mail

LA GRANDE CRISI/5

Unopposizione antipatriottica
In questo continuo straparlare di manovra e di crisi vedo nell'opposizione un desiderio insano di catastrofe. L'ipotesi che la nostra Italia possa fare la fine della Grecia sembra allettare alcuni politici visto che tanto, essendo al governo Berlusconi, ne sarebbe ritenuto responsabile lui. Non capisco questo autolesionismo. Mi preoccupa l'idea che un giorno queste persone possano malauguratamente tornare al governo. Loris Dall'Acqua Poggio Berni (Rn)

Tirare a campare porta alla sconfitta


Berlusconi consapevole (almeno credo) di aver perso la fiducia di buona parte del suo elettorato, ma continua ad avallare misure inefficaci per la riduzione del debito, condannandosi ad un "tirare a campare" che lo porter a sicura sconfitta con disonore. Visto che tutto perduto il Cav dovrebbe avere un briciolo di coraggio, uno scatto d'orgoglio e presentare al Parlamento un pacchetto di tagli di spese strutturali ponendo la fiducia. Se viene sconfitto almeno salver l'onore. Santino Schiavini e.mail

LA GRANDE CRISI/8

LA GRANDE CRISI/3

Soluzione finale: Visco al governo


Soluzione finale. Berlusconi nomini Prodi suo braccio destro, altrettanto faccia Tremonti con Visco. Poi due manovre uniche e decise: raddoppio di tutti gli emolumenti ai politici, amministratori e dipendenti pubblici; confisca immediata di ogni bene privato, case, terreni, aziende, conti correnti. Il pareggio di bilancio sar immediato. A.G. Balestra e.mail

Per una svolta liberista


Non ancora giunto il momento di promuovere una seria mobilitazione per una svolta liberista e uno Stato molto pi "leggero"? Dimezzamento e anche pi dei parlamentari, dimezzamento dei relativi compensi, abolizione delle province, dismissione dei beni pubblici, privatizzazioni dei servizi locali. Tutti ne parlano ma, purtroppo, nessuno agisce. Roberto Natali e.mail

LA GRANDE CRISI/11

Risolviamo lemergenza carceri


Uno dei peggiori problemi che riguarda la giustizia italiana, e che il governo riconosce, quello riguardante il sovraffollamento delle carceri. Si parla di 67.104 detenuti, 27.808 dei quali ancora in attesa di giudizio, e intanto a Gela c' un carcere che dal 1986 attende di essere riempito. Ci che mi lascia perplesso che nel carcere perfettamente funzionante ci "lavorino" 10 agenti di polizia penitenziaria nonostante sia vuoto. Mi chiedo se, a questo punto, convenga chiuderlo poich pur sempre spreco di denaro pubblico e in un momento di crisi nazionale, qualcuno dimentica che un soldo risparmiato sempre un soldo guadagnato. Federico Vitali e.mail

LA GRANDE CRISI/6

Sbagliata la caccia allevasore


Chi ha una piccola attivit professionale (artigianale o commerciale) continuamente salassato dall'oppressione fiscale. Alla fine costretto a chiudere perdendo tutto, finendo in miseria. Altro che evasione fiscale: una balla colossale inventata solo per mandare in malora intere famiglie che si sacrificano dalla mattina alla sera. Nell'estate in corso nella mia citt 10 mila abitanti, due suicidi per impiccagione dovuti all'indebitamento nei confronti del fisco. disumano che i cittadini debbano suicidarsi perch con la pro-

LA GRANDE CRISI/9

LA GRANDE CRISI/4

Siamo ancora in alto mare


Ancora aggiornamenti in tempo reale: sembra una partita di calcio, tutti con il fiato sospeso a seguire il pallone sperando che finisca in rete, peccato che qui si tratti di una manovra finanziaria de-

Draghi venda le riserve auree


Come prossimo presidente della Bce Draghi in agosto ha inviato una lettera al governo italiano, indicando le misure severissime che avrebbe dovuto attuare per far s che la Banca centrale europea acquistasse sul mercato i nostri

REDAZIONE MILANO 20129 - Viale L. Majno, 42

DISTRIBUTORE PER LITALIA E LESTERO PRESS-DI Distribuzione Stampa e Multimedia Srl STAMPA: Litosud Srl - Via Aldo Moro, 2 - Pessano con Bornago (Mi) EDIZIONI TELETRASMESSE Litosud Srl - Via Carlo Pesenti, 130 - Roma S.t.s. S.p.A. - Strada V zona industriale, 35 - Catania LUNIONE EDITORIALE S.p.A. - Viale Regina Elena, 12 - Cagliari MARTANO EDITRICE S.r.l. - Viale delle Magnolie - Modugno (BA) CENTRO SERVIZI EDITORIALI Srl - Via del Lavoro, 18 - Grisignano (Vi) TESTATA: Opinioni nuove - Libero Quotidiano Contributi diretti legge 7 agosto 1990 n. 250

DIRETTORE RESPONSABILE Maurizio Belpietro


VICE DIRETTORI Massimo de Manzoni (vicario) - Franco Bechis Fausto Carioti - Pietro Senaldi DIRETTORE GENERALE: Stefano Cecchetti

Telefono: 02.999.666 - Fax: 02.999.66.264 REDAZIONE ROMA 00187 - Via Barberini, 50 Telefono: 06.999.333 - Fax: 06.999.33.443

segui la rubrica anche su

www.

EDITORIALE LIBERO s.r.l. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE: Arnaldo Rossi CONSIGLIERI: Maurizio Belpietro - Sergio De Benedetti

UFFICI AMMINISTRATIVI: Viale L. Majno, 42 - 20129 Milano SEDE LEGALE: Via dei Valeri, 1 - 00184 Roma

n 217 anno XLVI Registrazione: n 8/64 del 22/12/1964 - Tribunale di Bolzano


PREZZO VENDITA ESTERO: CH - Fr. 3.00; MC & F - 2.00.

Gioved 8 settembre 2011 @ www.libero-news.it

27

Tutte le e.mail inviate a Libero e non pubblicate in questa pagina per mancanza di spazio le trovate sul nostro sito allindirizzo www.libero-news.it
Vi invitiamo a scrivere lettere brevi. La redazione si riserva il diritto di tagliare o sintetizzare i testi.

Su www.libero-news.it

LA GRANDE CRISI/12

Giusto intervenire sulle Coop


Spero che non scompaiano dalla manovra i tagli al mondo delle Coop. Non dimentichiamo il "sistema Penati" e pi in generale l'asfissiante regime sociale ed economico creato dal Pd nelle regioni rosse. Tale regime di fatto si regge principalmente sugli introiti delle Coop e sui rapporti privilegiati tra le medesime e le giunte monocromatiche degli enti locali. Pierpaolo Oliva e.mail

pubblica abbia bisogno di altri ragionieri? E se sono cos necessari non si possono trasferire da altri ministeri? Nella burocrazia romana non mancheranno di certo. Luciano Rondina Prato (Po)

DOPO LO SCIOPERO/1

Una protesta costata cara


Cancellato il volo di ritorno da Lourdes causa sciopero dei controllori di volo di Orio al Serio. Rientrati il giorno dopo su un volo charter di altra compagnia aerea con un aggravio di spesa per me e mia moglie di 423 euro. Ecco il nostro contributo versato, cara Camusso. La barca fa acqua da ogni parte, necessiterebbe di manutenzione mirata. Cinque miliardi di euro (costo dello sciopero insulso) gettati alle ortiche: avercela con il governo costa caro ai contribuenti. Giorgio Collarin Solto Collina (Bg)

r sempre sotto scacco se non vengono attuati, con legge ordinaria, gli articoli della Costituzione: il 39 (registrazione dei sindacati) e il 40 (regolamentazione degli scioperi). Solo cos si possono riportare i sindacati nel campo che loro compete, quello del lavoro e delloccupazione e non certo della politica. Carlo Cerofolini Sesto Fiorentino (Fi)

I GUAI DEL PD

I politici paghino per le loro malefatte


Si ipotizza la richiesta di risarcimento ai responsabili del caso Serravalle in cui coinvolto lex braccio di destro di Bersani, Penati. Spero proprio che ci avvenga anche se nutro seri dubbi. Sarebbe ora che i politici pagassero in prima persona per le loro malefatte. Pierluigi Rigattieri e.mail

DOPO LO SCIOPERO/4

Mobilitiamo la societ civile


Uno sciopero che ha valore solo perch l'esercizio di un diritto. Questo stato il significato della manifestazione del 6 settembre. Ha riaffermato che in Italia la democrazia c'. Ma c' bisogno di qualcosa di pi dell'esercizio formale dei diritti. C' bisogno di una pratica costruttiva della democrazia, per valorizzare le energie vive del paese cos che il bene comune sia oggetto di costruzione e non rimanga dentro le strettoie della rivendicazione. La societ civile deve ridiventare protagonista. Gianni Merenghetti Abbiategrasso (Mi)

TRIPOLI AI RIBELLI

LA GRANDE CRISI/13

Gheddafi braccato nella fuga finale


Gheddafi braccato, disperato, in preda a quelleterna fuga che inizia gi quando gli amici non sono pi tali, e finisce quando lultima spiaggia diventa qualcosa che pu fare a meno di lui. Fin quando baratter loro e il petrolio con la protezione, specie in Paesi africani che ne hanno bisogno, la sua autonomia durer, ma finir quando si esauriranno le provviste materiali che il Rais si porta al suo seguito. Di provviste morali oramai ne ha davvero poche, anzi zero. Bruno Russo Napoli

NORD: cieli velati da nubi alte, a tratti spesse sui monti e parte del Triveneto. Qualche piovasco non escluso la sera sulle Alpi confinali. Temperature in lieve rialzo, massime tra 26 e 31. CENTRO: tempo stabile e soleggiato, salvo innocui addensamenti diurni sull'Appennino e qualche velatura in transito. Temperature in aumento, massime tra 27 e 31. SUD: tempo bello, seppur con qualche addensamento mattutino sui settori tirrenici ed al pomeriggio anche sui rilievi. Temperature stazionarie, massime tra 27 e 31.

La Merkel pensi alle sue grane


Pare che Angela Merkel si stia dedicando alla nostra situazione economica, giungendo a paragonare la situazione del nostro paese a quella della Grecia. Anzich ficcare il naso nei nostri conti abbandonandosi a valutazioni tutt'altro che veritiere, sarebbe pi saggio che guardasse in casa sua, preoccupandosi della batosta presa alle ultime elezioni. Luciano Sborgi e.mail

DOPO LO SCIOPERO/2

Manifestazione fallita
Lo sciopero fallito. Nella mia cittadina, capoluogo di provincia, cerano quattro gatti, funzionari della Cgil, pensionati inquadrati come negli ultimi reparti della Wehrmacht a difesa di Berlino. Comunicato Cgil: sciopero riuscito con una media delle adesioni del 90%. La sensazione che gli operai abbiano lasciato i reparti per paura e sono stati a casa per una giornata di vacanza forzata, non contenti, ma almeno non verranno attaccati come crumiri. Il clima nelle fabbriche da parte degli estremisti della Fiom non dei migliori. Roberto Zanella e.mail

I GUAI DEL PDL

LA GRANDE CRISI/14

Se non si cambia arrivano i forconi


Il 50% degli italiani lavora, paga le tasse e con esse paga gli stipendi e le tasse di coloro che sono nullafacenti e comunque improduttivi, gli sprechi dell'apparato statale (direi il malaffare), i privilegi. Ora, che i guadagni sono scarsi per tutti, non bastano le manovre da furbetti. O si cambia davvero o arriveremo ai forconi. Roberto Villa e.mail

Pisanu contraddice la linea del partito


Pisanu stato nefasto per il Pdl. Pensiamo all'equivoco atteggiamento nelle elezioni 2006, perse per pochi voti e per la sua poca sorveglianza, da ministro degli Interni, su alcune liste civetta. E ancora: le posizioni fuori della linea del partito, vicine a quelle dell'opposizione, ripetutamente manifestate; la sfiducia verso il Premier; la tacita e gradita accettazione di offerte, da parte dell'opposizione, d'incarichi istituzionali in governi di larghe intese, senza Berlusconi. una serpe in seno al Pdl. Come le serpi, ama l'ombra. Esca alla luce del sole e se ne vada dal partito. Sia per una volta chiaro e coerente e non "un coltello nel buio" come pare essere la sua vocazione. Tom Graziano Perugia

CULTURA

Tolgono gli sconti persino ai libri


Senza alcun clamore dal 1 settembre entrata in vigore la legge Levi-Prodi. Io ritengo sia una vergogna. Tutti i sondaggi e le trasmissioni culturali a lamentarsi che gli italiani sono un popolo che legge molto poco, e poi impediscono gli sconti nella vendita dei libri oltre il 15%. cos che incentivano la lettura? Io che in internet comperavo a man bassa con sconti eccezionali, dovr iniziare a rileggere i libri che ho perch quelli nuovi hanno prezzi proibitivi. Volevano aiutare le piccole case editrici? Basta togliere la Siae e calmierare i prezzi e aumentare gli incentivi, non togliere gli sconti! Alda De Carli Lazise (Vr)

NORD: bel tempo ovunque, anche se con residui disturbi al mattino sui settori confinali alpini orientali e qualche acquazzone pomeridiano sulle Dolomiti. Temperature in aumento, massime tra 27 e 32. CENTRO: giornata tipicamente estiva e ben soleggiata, eccetto per qualche annuvolamento diurno lungo la dorsale. Temperature in rialzo, massime comprese tra 28 e 32. SUD: stabile e soleggiato, salvo locali foschie notturne in formazione lungo i litorali della Sicilia. Temperature in aumento, massime tra 28 e 32.

SPRECHI

DOPO LO SCIOPERO/3

Altri ragionieri per il Quirinale


Il Quirinale sta svolgendo un concorso pubblico per 8 posti di ragioniere. Ma possibile che con migliaia di dipendenti la presidenza della Re-

La Costituzione va rispettata
Inutile girarci intorno. Con i sindacati il trovare accordi con il governo non ha mai funzionato. Un esecutivo, specie se di centrodestra, sa-

NORD: cieli generalmente sereni o poco nuvolosi in pianura, parzialmente nuvolosi sui settori alpini e prealpini, con piovaschi notturni sul Verbano. Temperature stazionarie con clima caldo di giorno, massime tra 27 e 32. CENTRO: bello per tutto il corso della giornata, con solo qualche innocuo addensamento diurno sulla dorsale appenninica. Temperature stazionarie, massime tra 28 e 32. SUD: tempo stabile e soleggiato, con poche nubi diurne solo in montagna. Temperature stazionarie, massime comprese tra 28 e 32.

Concessionaria esclusiva per la pubblicit


O 12 O 6 O 3 O 12 O 6 O 3 O 12 O 6 O 3

Abbonamenti nazionali
mesi: 6 giorni mesi: 6 giorni mesi: 6 giorni mesi: 5 giorni mesi: 5 giorni mesi: 5 giorni mesi: 4 giorni mesi: 4 giorni mesi: 4 giorni

Temperature previste oggi


290 155 85 250 130 70 205 105 60
Per lattivazione si prega di inviare i dati precisi dellintestatario dellabbonamento, unitamente alla ricevuta del versamento effettuato, al Fax 02.999.66.279 Ufficio Abbonamenti e arretrati del quotidiano: Tel. 02.999.666 e-mail: abbonamenti@libero-news.eu Orario: 10.00-12.30 (dal luned al venerd) Arretrati del solo quotidiano: disponibili, salvo esaurimento scorte, le copie dellultimo anno. 3,00 cad. con richiesta scritta, accompagnata dallimporto in valori bollati, indirizzata a Libero - Uff. Arretrati Viale L. Majno, 42 20129 Milano
Numero verde

MIN MAX ANCONA AOSTA BARI BOLOGNA CAGLIARI CAMPOBASSO FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO

MIN MAX NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA PRATO ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Direzione Milano 20146, Via Winckelmann 1 Tel. 02.24424611 Fax 02.24424490 Filiale di Roma 00196, Via C. Beccaria 16 Tel. 06.69548111 Fax 06.69548125

.................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. .................................. ..................................

Concessionaria per la pubblicit sul WEB


WebSystem - Gruppo24Ore Via Pisacane,1 - 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39 02 30223462 Fax +39 02 30223058 e-mail: marketing.websystem@ilsole24ore.com sito internet: http:/websystem.ilsole24ore.com

Il versamento dovr essere intestato a: Editoriale Libero S.r.l. Viale L. Majno, 42 - 20129 Milano Modalit di pagamento: O versamento su C/C Postale n. 41953050
O bonifico banc. Banco di Brescia

CERTIFICATO N. 6896 DEL 21/12/2010

800-984824

ISSN 1591-0423

Ag. 5, via V. Veneto, Roma IBAN: IT67Y0350003205000000034492


O Carta di credito sul portale www.libero-news.it

La tiratura di gioved 8 settembre 2011 di 193.774 copie

21 17 21 17 21 15 16 21 15 19

28 30 28 30 30 26 29 26 30 29

21 21 13 14 16 17 17 15 22 19

27 28 28 26 30 30 30 28 26 27

Dati meteo a cura di 3BMeteo.com,elaborazione grafica centimetri.it

Addio al teologo Barrett, esegeta del Nuovo Testamento


Il filosofo e teologo britannico Charles Kingsley Barrett, uno dei pi rinomati studiosi del Nuovo Testamento del XX secolo, autore di fondamentali interpretazioni delle Lettere di San Paolo e degli Atti degli Apostoli, morto a Londra a 94 anni. Professore emerito di Sacre Scritture allUniversity of Durham, Barrett, ministro battista, fu il primo non anglicano a conquistare una cattedra di esegesi biblica in un ateneo inglese.

Al via con due mostre la stagione autunnale del Maxxi


Oggi parte la stagione espositiva autunnale del Maxxi di Roma. Si inaugurano infatti alle 19 due mostre che saranno aperte al pubblico a partire da domani: Exhibiting the collection. Progetti dalle collezioni del Maxxi Architettura. 1950-2010, a cura di Maristella Casciato; e Nature. Campo Baeaza. El arbol de la creacion, a cura di Manuel Blanco.

Il nuovo libro in vendita da oggi

la distanza dal potere che fa grande il cronista


I protagonisti di politica, cultura e scienza visti da lontano. Da Allevi a Marta Marzotto, lo sguardo tagliente di Stefano Lorenzetto ridicolizza la fiera delle vanit dei vip italiani
Da oggi in libreria Visti da lontano. Il prezzo della vanit di Stefano Lorenzetto, (Marsilio, pp. 352, euro 19). Secondo lautore, altissimo, esagerato, il prezzo che i personaggi famosi pagano alla notoriet. Lo ha compreso andando a intervistarli: il musicista Giovanni Allevi ammette di aver costruito la propria immagine di genialoide usando il balsamo Hydraricci della Garnier che rende il riccio definito; il ministro Mara Carfagna contenta delle foto os scattate quando era modella perch un giorno potr dire ai nipoti guardate quantera bella nonna; il fotografo Fabrizio Corona si considera molto sicuro di se stesso; la conduttrice Ilaria DAmico punta a una vicedirezione reale, magari del Corriere della Sera, in alternativa della Repubblica; la contessa Marta Marzotto confessa che fin da bambina si spediva lettere poetiche e aspettava larrivo del postino come se gliele avesse scritte un misterioso spasimante; lonorevole Vittorio Sgarbi convinto di aver propiziato due miracoli, facendo persino uscire dal coma il maritodi una sua ammiratrice.Per non finire come i cosiddetti vip, Lorenzetto - vanitoso al pari di tutti i giornalisti - s dato una regola: vederli da lontano. Per gentile concessione delleditore, pubblichiamo la parte iniziale dellintroduzione.

di STEFANO LORENZETTO
QQQ Io darei la mia vita per il Papa. Lho anche promessoa vocealta, inuna piazza San Pietro deserta, la sera del 13 ottobre 2010. Ma non era quella la prima volta che lo pensavo. Pur essendo una donna dintensa spiritualit, la moglie di Ettore Gotti Tedeschi, presidente dello Ior, lIstituto per le opere di religione noto anche come la banca del Vaticano, mi ha guardato stupita. Il marito stava parlottando al telefonino dieci passi pi indietro di noi. Non posseggo nemmeno un decimo della fede dei coniugi Gotti Tedeschi. Eppure, mentre uscivamo dallArco delle Campane e il colonnato del Bernini mi stringeva con un abbraccio troppo grande perch potessi sentirmi qualcuno o qualcosa, m salita alle labbra quella confessione estemporanea. La finestra dello studio di Benedetto XVI era illuminata. Considero il Papa la persona pi importante che esista sulla faccia del pianeta. Lunica persona importante. Siccome sono un poveruomo, mi auguro che il Vicario di Cristo goda sempre di ottima salute. Infatti non saprei se, giunto il momento fatale, riuscirei davvero a onorare la promessa di rinunciare alla mia vita perch possa continuare la sua. Per, almeno col cuore, lipotetico scambio m sempre parso, fin da bambino, pi che ragionevole: doveroso. Forse si tratta solo duna forma di altruismo interessato, che contempla la clausola della reciprocit. Dopo aver intervistato decine di luminari delloncologia, investigato sulle pi controverse terapie antineoplastiche e visto morire di cancro molte persone care, mi sono posto langoscioso dilemma: che cosa farei, che protocollo di cura sceglierei, qualora venisse diagnosticato a me un tumore inoperabile? la chemioterapia? la radioterapia? gli anticorpi monoclonali? limmunomodulante biologico del professor Giuseppe Zora? il bacillo di Calmette e Gurin iniettato nelle braccia per via intraepiteliale dal professor Saverio Imperato? i cateterismi col bicarbonato del dottor Tullio Simoncini? il metodo Di Bella? Lunica risposta che ho saputo darmi lho riferita da tempo al mio amico Giovanni Maria Vian, direttore dellOsservatore Romano: se mi ammalassi gravemente, promettimi che mi porterai con te

in udienza per qualche minuto dal Santo Padre. Predicate che il regno dei cieli vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, sanate i lebbrosi, cacciate i demni (Matteo 10, 7-8). il mestiere dei preti, guarire, anche se lhanno dimenticato. A maggior ragione lo sar del Papa. Siccome confido solo nello shock terapeutico propiziato dallincontro con luomo pi potente della Terra, in qualche misura compiango sia Vian che Gotti Tedeschi, i quali vengono ricevuti di frequente dal Pontefice: nel momento del bisogno, non avrebbero pi a disposizione la medesima chance. RADIOATTIVIT Credo che il potere, quello vero, sia radioattivo. Meglio mantenersi a debita distanza, soprattutto quando fai un mestiere come il mio. Lo consigliava anche un autorevole columnist americano, Walter Lippmann, morto nel 1974, che dagli anni Trenta fino agli anni Sessanta comment i fatti del giorno sullHerald Tribune di New York: Se vuoi essere un giornalista indipendente, non devi conoscere il presidente. Lambizione della stragrande maggioranza dei miei colleghi si estrinseca nellesatto contrario: se non conosci il presidente, vali meno di niente. Quando parlo di colleghi, metterei nel mazzo anche Giulio Andreotti, iscritto

Q Credo che il potere, quello vero, sia radioattivo. Meglio mantenersi a debita distanza, soprattutto quando fai un mestiere come il mio. Lo consigliava anche un autorevole columnist americano, Walter Lippmann, morto nel 1974, che dagli anni Trenta fino agli anni Sessanta comment i fatti del giorno sullHerald Tribune di New York: Se vuoi essere un giornalista indipendente, non devi . conoscere il presidente.

allOrdine dei giornalisti dal 1945, talmente convinto che il potere logora chi non ce lha da essersi difeso dal logorio della vita moderna non con lestratto di carciofo, come consigliava Ernesto Calindri, bens con loccupazione sistematica degli incarichi pubblici. Nella prima met degli anni Ottanta, Andreotti raccolse in tre libri dallo stesso titolo, Visti da vicino, le memorie degli incontri con i personaggi conosciuti nel corso della sua carriera politica, nientaffatto conclusa considerato che in seguito sarebbe stato ancora per quattro volte ministro e avremmo avuto il sesto e il settimo governo presieduti da lui. (...). Nel mio piccolo ho sempre cercato di praticare la virt opposta: vederli da lontano. Il pi lontano possibile. Esercizio non dei pi facili quando finisci a lavorare in un quotidiano nazionale, soprattutto se la sorte ti assegna il compito di fare da vicario a un direttore, Vittorio Feltri, refrattario quanto te alla contiguit col potere. Rammento linquietudine, a poche settimane dal mio arrivo a Milano, per la prima missione che mi affid: far visita a Seyed Majid Hedayatzadeh, ambasciatore dellIran in Italia, che lo aveva invitato a pranzo nella sede diplomatica di via della Camilluccia, a Roma, per cercare di mitigare lintransigenza del Giornale nei confronti degli ayatollah di Teheran. (...).

Poche settimane prima, in redazione, cera stata unavvisaglia illuminante del modo in cui molti titolati colleghi intendono la professione. Alle 11 di mattina, con fare carbonaro, aveva bussato alla porta del mio ufficio Flavia Podest, inviata speciale della redazione economica, in seguito passata alla Stampa, dove fu stroncata prematuramente da un tumore ai polmoni nel 2004. Flavia amava ostentare una fitta ragnatela di influenti relazioni costruite nel corso degli anni. Solo che non si limitava a servirsene per svolgere al meglio il proprio lavoro. No, partecipava assiduamente e appassionatamente al risiko bancario e finanziario come se lei stessa fosse uno dei protagonisti in campo. (...). Se Flavia diceva Marco, bisognava capire al volo che stava parlando di Tronchetti Provera. Se tinformava daver sentito Giulio, era lapalissiano che sera incontrata con Giulio Tremonti al numero 12 di via Crocifisso, sede dello studio legale e fiscale Vitali Romagnoli Piccardi e associati, dove lex docente di diritto tributario era tornato a lavorare dopo la breve esperienza da ministro delle Finanze nel primo governo Berlusconi. Vezzi innocenti da primadonna, che per le procuravano lostilit di molti colleghi, secondo i quali la sbandierata familiarit della giornalista con ministri, banchieri,

CULTURA

Gioved 8 settembre 2011

29

@ commenta su www.libero-news.it

Libri nel borgo antico

Incontri a Bisceglie Farina e Veneziani tra i protagonisti

Fino a domenica la citt di Bisceglie (Bt) ospita la rassegna Libri nel borgo antico, manifestazione culturale allinsegna di presentazione di libri e incontri con autori e giornalisti di fama nazionale. Tra gli scrittori presenti, ci saranno Aldo Cazzullo (oggi), Marcello Veneziani, Giuseppe Cruciani (entrambi domani), don Angelo Manganiello e Renato Farina (sabato), oltre a politici come Enrico Letta, Raffaele Fitto e Clemente Mastella. Giunto alla sua

II edizione, lappuntamento si svolge allinterno della suggestiva atmosfera della citt vecchia di Bisceglie, in un viaggio nel passato ma anche nel pensiero. Dopo il successo dello scorso anno, lAssociazione Libri nel Borgo Antico, insieme al Comune di Bisceglie, ha voluto valorizzare ulteriormente gli spazi urbani, trasformando vicoli e piazze in un contenitore culturale allaperto. Lidea dellarte su strada si sposa bene con il pae-

saggio del Sud, con la libert dei libri e con la scoperta dei talenti che in quello spazio si muovono. Un sezione della rassegna sar infatti dedicata ai giovani autori pugliesi. Ci sar poi la possibilit di acquistare i libri in locali riservati alle case editrici. Levento un unicum per tutto il territorio e costituisce un Festival rappresentativo di tutto il Meridione. Maggiori info su www.librinelborgoantico.it e allo 080/3960970.

DUE APPROCCI AGLI ANTIPODI

festivaletteratura
Il romanziere con pi talento rapito dalle star del bla bla
A Mantova Latronico discuter con Severgnini e con la Dandini Attento: per entrare nel salotto buono dovrai pensarla come loro
::: PAOLO BIANCHI
QQQ Se il Festivaletteratura di Mantova , tra le altre cose, una vetrina di novit, uno dei prodotti pi importanti in esposizione il giovane scrittore Vincenzo Latronico, classe 1984, di cui Bompiani ha appena pubblicato il secondo romanzo, La cospirazione delle colombe, dopo averlo tenuto a battesimo nel 2008 con Ginnastica e rivoluzione. Latronico un enfant prodige della nostra editoria. Ha cominciato a lavorare come traduttore dallinglese e dal francese prima ancora della maturit classica, e con questo libro dimostra un talento per la scrittura e per la capacit di narrare davvero straordinario. Se il suo lavoro desordio risentiva di qualche perdonabile ingenuit linguistica, o di un eccesso di ricercatezza letteraria, il secondo davvero riuscito. Lautore ne parler al pubblico di Mantova domani alle 17.30, insieme a Christian Frascella e al conduttore radiofonico di Fahrenheit (Radiotre) Giuseppe Antonelli nella chiesa di Santa Maria della Vittoria (lincontro, previsto per oggi, stato posticipato di un giorno). Unoccasione per discutere in maniera non scontata, non banale e possibilmente al di fuori dei soliti clich di alcune caratteristiche della giovent di oggi, considerato che sono proprio giovani meno che trentenni i protagonisti del romanzo. COLOMBA CONTRO FALCO Siamo a Milano, e a Venezia, ma siamo anche nel campus di Harvard, e a Berlino, e a Francoforte, e a New York. I protagonisti, Alfredo Canella, erede di un feroce immobiliarista veneto e Donka Berati, di origine albanese ma italiano di adozione, rappresentano due facce di una stessa medaglia. Entrambi intelligenti, ambiziosi, laureati con merito alla Bocconi di Milano, risentono delle diverse condizioni di origine. Ma con una sostanziale differenza nel carattere. Se Alfredo una colomba che crede di essere un falco, Donka un falco che finge di essere una colomba. Quella tra falchi e colombe una distinzione che viene operata nellambito della cosiddetta teoria dei giochi, un sistema che spiega il complesso delle azioni e delle reazioni umane in condizioni di conflitto. Ecco la ragione del titolo: si chiama cospirazione delle colombe quellintesa per cui gli elementi pi docili e meno aggressivi si coalizzano per isolare quelli pi pericolosi, i falchi appunto. Applicato alla nostra generazione di giovani adulti, questo schema pu risultare fallace e approdare a possibile e abbandonare il sistema. Abbiamo girato le nostre inquietudini direttamente allautore che in effetti ha confermato che linquietudine anche la sua. Inizialmente avevo in mente un finale negativo, cupo, in cui tutti uscissero distrutti, spiega Latronico, poi ho scelto una soluzione diversa, dove qualcuno si salva. Ma sempre a scapito di altri, obiettiamo. S, almeno credo, per ho lasciato il beneficio del dubbio. Qualcuno appare meno colpevole degli altri, o perlomeno pi giustificato. Per ci sono domande alle quale neanche io so come rispondere. Una riguarda il senso di giustizia: tutti sappiamo che cos, ma al momento di definirlo con esattezza cominciano le complicazioni. SULLE ORME DI BOLAO Anche una certa scelta stilistica del libro far discutere. Il punto di vista del narratore onnisciente, a un certo punto, lascia spazio a un io narrante, molto autobiografico. Uninfrazione alle regole che per funziona. Mi stata ispirata dalla lettura di un romanzo di Roberto Bolao, sostiene ancora Latronico, in cui allimprovviso lio narrante viene chiamato con lo stesso nome dellautore. Ci ho pensato un po e poi ho fatto lo stesso. Lio narrante perfettamente autobiografico. A parte il finale, naturalmente. Non possiamo svelare altro, per non guastare la sorpresa a chi vorr leggere la storia. Affrontiamo piuttosto un altro argomento. In forma di accorato appello a Vincenzo Latronico. Lo vediamo, qui a Mantova, invischiato in una serie di incontri, ogni mattina alle 11 al Chiostro di San Francesco. Si chiamano Intervallo dautore e Latronico dovr interloquire con Valerio Massimo Manfredi, Beppe Severgnini, Maria Venturi e Serena Dandini. Con questultima gli toccher perfino parlare di giardinaggio. Lappello questo: Vincenzo, non lasciarti invischiare! Quando sei in fase emergente, ti sono tutti amici, ma poi ti toccher pensarla come loro. O ti toglieranno la fiducia. Sullo starmene un po in disparte, se la ride linteressato, ho gi riflettuto per tempo. In questi ultimi anni ho vissuto molto a Berlino. E sono stato benissimo.

Giulio Andreotti, autore di una serie di volumi dal titolo Visti da vicino, con Benedetto XVI. A sinistra, il giornalista Stefano Lorenzetto; a fianco, la copertina del suo ultimo libro Olycom

ultimi incontri con la stampa. E penso che fosse nel giusto Marcello Sorgi, che fu suo direttore alla Stampa, quando nel necrologio accredit la leggenda secondo cui persino Enrico Cuccia, linavvicinabile sfinge di Mediobanca, alla fine sera deciso a darle udienza in via Filodrammatici, sopraffatto dallassedio irresistibile di quella che in redazione chiamavamo scherzosamente la cingolata. I BIG DA CONOSCERE La Podest sgusci dunque dentro il mio ufficio con aria complice. E senza indugiare - non era certo tipo da preamboli entr subito in argomento: Ti sto organizzando delle colazioni di lavoro in modo da farti conoscere i big di Milano e di Roma. Bisognava capirla: per lei, come mi avrebbe spiegato molti anni dopo il comune amico Luigi Cucchi, un invito a pranzo con un personaggio ragguardevole non era un momento professionale, ma soprattutto unoccasione per rafforzare la propria autostima. Quel giorno casc male. Le risposi che dal mio punto di vista restava esemplare latteggiamento di un giornalista nato nella mia citt, Silvio Bertoldi, che era stato capocronista dellArena prima di trasferirsi a Milano e diventare direttore di Epoca e della Domenica del Corrierenonch apprezzato storico e saggista. Un giorno un messo comunale aveva bussato alla porta del suo ufficio nella redazione dellArena, distante poche decine di metri dalla sede municipale di Verona, per unambasciata che a quei tempi, anni Cinquanta, poteva essere considerata routinaria in un quotidiano di provincia: Il sindaco desidera vederla subito. Al che Bertoldi, senza scomporsi, aveva risposto al fattorino: Riferisca al suo principale che quando il capocronista dellArena vorr parlare col sindaco, sar io ad andare da lui. Quando invece il signor sindaco vorr conferire col capocronista dellArena, verr lui da me. Buongiorno. Perci ringraziai Flavia Podest della premura, ma le dissi che poteva disdire immediatamente il giro conoscitivo che stava predisponendo: non avrei incontrato nessuno dei suoi prestigiosi compagni di merende. Ci rest malissimo e sono convinto che da quel momento mi abbia considerato unfit to lead, inadeguato a guidare. Il bello che aveva perfettamente ragione.

Vincenzo Latronico

:::

CHI

imprenditori, economisti, manager e sindacalisti in molti casi andava considerata millantato credito. Non era affatto cos, e la decisione dello studio Ambrosetti di intitolare sala Flavia Podest lauditorium di Villa dEste, dove ogni anno i grandi delleconomia mondiale tengono la conferenza stampa finale del workshop settembrino di Cernobbio, dimostra che aveva ragione lei ed erano nel torto gli invidiosi. Flavia conosceva tutti,ma proprio tutti, i protagonisti dello scenario economico, a tal punto da potersi permettere di chiamarli non solo per nome, ma talvolta persino per soprannome (il vecchio, il chimico, il cartolaio). I grandi la temevano, e la corteggiavano in tutti i modi, nonostante avesse cessato da tempo di essere la fascinosa trentenne che arrivava al giornale inguainata dentro un paio di jeans attillatissimi. Sapendola molto sensibile agli omaggi floreali, le facevano recapitare in redazione mazzi di rose. Aveva sicuramente un rapporto molto stretto con Raul Gardini, Alessandro Profumo, Fedele Confalonieri, Paolo Scaroni, Piero Gnudi, Pierfrancesco Guarguaglini, Diana Bracco, Marisa Bellisario, Enrico Bondi e con tutta la famiglia Agnelli. Umberto, il presidente della Fiat che sarebbe morto dello stesso male quattro mesi dopo di lei, la volle ricordare in apertura di uno dei suoi

ECLETTICO Vincenzo Latronico, nato a Roma nel 1984, laureato in Filosofia alla Statale di Milano, traduttore dallinglese e dal francese, scrive anche di arte e ha condotto per un anno la rubrica Mai pi soli su Radio Onda dUrto. LE OPERE Tra i suoi libri ricordiamo: Ginnastica e rivoluzione, Linee guida sulla ferocia e La cospirazione delle colombe, tutti usciti per Bompiani. GLI APPUNTAMENTI A Mantova Latronico conduce, presso il Chiostro di San Grancesco alle ore 11, gli Intervalli dautore con Valerio Massimo Manfredi (oggi), Serena Dandini (domani), Beppe Severgnini (sabato) e Maria Venturi (domenica). Inoltre, domani alle 17,30, si confronter con Christian Frascella sulla questione giovanile.

soluzioni narrative fantasiose, ma abbastanza verosimili, come dimostra il romanzo. Crescere in un mondo competitivo, fatto solo di risultati misurabili in termini di soldi, conduce o alla frustrazione o al cinismo. Pare che non ci siano vie duscita, o che la migliore possibile stia proprio nel trasformarsi in falchi, accaparrarsi quanto pi

30

Gioved 8 settembre 2011

SPETTACOLI

@ commenta su www.libero-news.it

In concorso Quando la notte

BUONANOTTE COMENCINI
Un festival in Puglia

Fischi e risate per il film della regista progressista Lei: Una cosa inaudita. Ma al tramonto
::: dallinviato a Venezia FRANCESCO BORGONOVO

Lultima Frontiera di Nichi Vendola


::: dallinviato a Venezia

QQQ Sar che il leit motiv della Mostra del cinema, questanno, limmigrazione. Ma i leader della sinistra non c verso che se ne stiano a casa loro: ogni occasione buona per precipitarsi sul Lido a farsi scattare due foto e a scroccare la visione di un film. Marted allo struscio cera Luigi De Magistris, sindaco di Napoli. Grandi sfilate vicino al red carpet, conferenza stampa e poi proiezione gratis per lui e il suo codazzo di adulatori-accompagnatori. Ieri toccato a Nichi Vendola, il governatore della Puglia che appena possibile si paracaduta in Laguna. Lo avevamo gi visto alla Biennale darte, pochi mesi fa, assieme al fidanzato e intento a sorbire gustosi cocktail. Qui si presentato travestito da Elton John: giacca a quadrettini bianchi e neri, occhiale scuro dordinanza, pantalone elegante e camicia aperta. Un tamarro, in sostanza. Ha partecipato alla conferenza stampa dellApulia film commission, ha concesso miriadi di interviste a chiunque gli si avvicinasse. A una giornalista ha teorizzato lesistenza del berlusconismo globale, terrificante sindrome che affligge tutti i capitalisti dellOccidente, quelli che a suo dire hanno provocato la crisi economica. Poi ha spiegato al mondo intero che organizzer un festival cinematografico anche Nichi Vendola [Oly] a casa sua, chiamato Frontiere, poich in Puglia arrivano i migranti e quindi la Regione divenuta lultima frontiera. In compenso, lApulia film commission ha sostenuto il film di Ermanno Olmi Il villaggio di cartone. Molto orgogliosi, i capoccia della commissione si sono vantati di aver lavorato a una pellicola che con la Puglia non centra un tubo, anzi che interamente registrata in un teatro di posa. Perch spendano soldi ed energie a pagare qualcosa da cui i loro concittadini non avranno alcun beneficio in termini di promozione del territorio o chiss che altro, resta un mistero. Ma Vendola se ne frega, a lui basta farsi vedere in giro tra i vip della Mostra. Lo si visto abbracciare con affetto Pippo Delbono e aggirarsi con sguardo famelico in cerca di una telecamera di riguardo a cui confessare i suoi pensieri e il suo amore per Silvana Mangano. Al Lido era previsto anche larrivo di Pier Luigi Bersani. Doveva comparire in occasione della proiezione del documentario di Vasco Rossi, dicono, ma poich il cantante non cera, ha disertato anche il capo del Pd. Pare per che la vera ragione dellassenza sia lonnipresente camicia con maniche risvoltate che Bersani indossa da mesi. Il tappeto rosso, senza giacca, non te lo fanno percorrere.
FRAN.BOR.

QQQ Cristina Comencini aveva scritto il romanzo, poteva accontentarsi. Si intitola Quando la notte e ha un incipit rivelatore: La bistecca sulla piastra, meglio tenere la finestra aperta. Sembra la presa in giro di una poesia giapponese. Il film peggio. Anche perch leggendo non si obbligati a vedere i bulbi oculari di Filippo Timi, che sembra reduce da una seduta di Cura Ludovico direttamente da Arancia Meccanica, o Claudia Pandolfi a cui nessuno ha avuto il coraggio di dire: Cara, guarda che non stiamo girando Distretto di Polizia. Povera Claudia, deve averla indotta in errore la regista quando ha dichiarato: Nella prima parte si ha la sensazione di vedere un thriller, cos perch secondo me i thriller nascono dalla vita quotidiana che si porta con s angoscia. In effetti vedere Quando la notte, in concorso ieri alla Mostra del Cinema di Venezia, stata unesperienza angosciante. Ecco la storia. Marina (la Pandolfi) unaspirante Anna Maria Franzoni che con il figlio di due anni si trasferisce in una casupola alle pendici del Monte Rosa. Il piccolo ha dei problemi, non dice una parola ma quando piange uno strazio, cos una sera la mamma decide di facilitargli il sonno tentando di rompergli la testa. Peccato che sotto i due viva una guida alpina di nome Manfred (Timi), un pezzo duomo taciturno e allegro come una cremazione. Costui ode un tonfo provenire dallalto, poi non sente pi nemmeno un raglio da parte del pupo. Astuto, capisce che rischia di trovarsi in unaltra Cogne e magari - visto che sembra un rifugiato slavo - finisce pure che danno la colpa a lui, dunque sale e impedisce che qualcosa di peggio possa accadere. Sfumato il sogno di sedere a Porta a porta con un plastico tutto per lei, Marina non trova di meglio che innamorarsi di Manfred, lasciato tempo addietro dalla moglie e dalle figlie. Le quali, detto sinceramente, hanno fatto bene, poich la filosofia del nostro amico alpinista (citiamo dal romanzo) la seguente: Basta un paio di scarpe per ogni stagione. Non c bisogno daltro. () I bambini escono in maglietta, un pullo-

FINANZIATA ver a testa. Sapone da bucato anche per i capelli. La consorte stata fin troppo generosa ad andarsene senza ucciderlo. Per farla breve: la quasi mamma killer Marina e la guida Manfred si innamorano, si incrociano qualche volta sulla teleferica e si guardano storditi, lui ha un incidente in cui quasi ci resta secco (e abbiamo la definitiva conferma che il personaggio della Pandolfi porta sfiga), poi non si vedono pi per parecchi anni. Infine, lei - ringalluzzita e madre per la seconda volta - ritorna e con micidiale ritardo si decide a darla al povero montanaro ormai zoppo e invecchiato, ma evidentemente ancora desideroso di attirarsi delle grane. Titoli di coda. In sala a Venezia si udivano sghignazzi, fischi, qualcuno ha gridato Vergogna!. E in conferenza stampa la Comencini ha avuto un sussulto da vera democratica, del tipo: se il film non vi piace perch siete coglioni. In luoghi come i festival spesso le emozioni violente sono rifiutate. Restano un tab. Ci vuole coraggio ad avere emozione, ha detto. Ma era sicura che fossero stati gli uomini a fischiarla, quei bruti: Filippo Timi, Cristina Comencini e Claudia Pandolfi ieri a Venezia. La regista per il suo film ha ricevuto un contributo di 400mila euro [Ansa] Non credo che il rifiuto sia arrivato dalle donne. Dopo tutto lei la leader del movimento antiberlusconiano Se non ora quando?, una sincera progressista, come si permettono di criticarla? E chiss che dietro non ci sia il complottone politico: Ridere durante il film una cosa strana. Inaudita. Civilt vorrebbe che si guardi con rispetto e poi si scriva quello che si vuole, ha sibilato. Poi, da vera femminista, ha fatto intervenire il marito, il potente produttore di Cattleya Riccardo Tozzi: Va bene se al termine della pellicola ti tirano i pomodori; ma le risate durante lo svolgimento sono una forma di violenza, che modifica la percezione di tutto il pubblico. Non so se un episodio spontaneo, tendo a non essere dietrologo: certo Muller e Baratta dovranno porsi il problema di questo tipo di proiezioni. Mancava solo che dicesse: voi non sapete chi sono io! Abbiamo appreso, quindi, che durante i film bisogna essere inespressivi, sembrare mummie, spalancare gli occhi e non tradire mezza emozione. In pratica, bisogna comportarsi come i protagonisti del film della Comencini. Comunque, andatelo a vedere. Guardatelo bene, poi pensate che il Ministero dei Beni culturali ha giudicato di interesse culturale questa pellicola e ha approvato un contributo di 400mila euro. Infine tornate a casa e auguratevi che la commissione ministeriale che ha deciso di concedere i fondi sia chiusa nella baita con la mamma killer. E che Timi, per Dio, non intervenga.

::: BRUNA MAGI


QQQ In parallelo con i meritati fischi a Cristina Comencini, ecco laltro film che pone un analogo problema. Fuori concorso alla sezione Controcampo, tanto pi drammatico quanto pi vero, e per questo molto applaudito, sia dalla critica che dal pubblico. Il titolo, Maternity blues, termine dolce e ingannatore, la definizione di una sindrome assassina, la pi tremenda, quella della depressione post partum che spinge certe madri a uccidere i propri figli. In percentuale, colpisce il 30% delle mamme, secondo il Rapporto Eurispes, nel 2010 in Italia stato compiuto un infanticidio ogni

Controcampo Maternity Blues

Scuote e commuove la raggelante normalit delle mamme killer


venti giorni. Il regista Fabrizio Cattani si ispirato allopera letteraria e teatrale From Medeadi Grazia Verasani, cosceneggiatrice del film. La location una struttura unica in Italia, lospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere, che accoglie le figlicide(tra loro anche quelle che uccidono quando i figli sono gi un po cresciuti), come le definisce con infinita pietas il direttore, che ha collaborato con il regista fornendo la sua esperienza. Quattro storie parallele, ispirate a clamorosi fatti di cronaca: sono quelle di Clara (Andrea Osvart), Eloisa (Monica Birladeanu), Rina (Chiara Martegiani), Vincenza (Marina Pennafina). Clara lultima arrivata, ha condotto i suoi figli, maschio e femmina, ad annegare nel fiume, quasi con dolcezza: il marito, Luigi, uomo sensibilissimo (Daniele Pecci) riesce ancora ad amarla, nonostante linfinito orrore. La bella Eloisa aveva avuto un certo successo come cantante, ma ha amato luomo sbagliato, e ucciso il loro figlio. Rina giovane, ha solo 23 anni, a 16 rimasta incinta e la madre, invece di aiutarla, la trattava come una troia: le scrive spesso un giovanotto che lha vista sui giornali e in Tv, lei vuole illudersi che nel suo futuro esister ancora lamore. Vincenza la pi anziana, sei anni prima ha infilato il pi piccolo dei suoi tre figli nella lavatrice e ha seguito loperazione di lavaggio seduta davanti allobl, non ne poteva pi delle loro urla e dei tradimenti del marito, indifferente alle sue fatiche. Qualcosa, a vederle, ti gela il cuore: la normalit indifferente con la quale nella struttura badano a se stesse, lavano, stirano, preparano dolci per Natale. E lo spettatore, Andrea Osvart raggelato, pensa che forse listinto materno sia solo un modo di dire. Poi una di loro assalita da crisi epilettiche, altre si armano di coltelli. E scopri la determinazione al suicidio, covato dentro per sempre, cercando la liberazione da se stesse.

SPETTACOLI

Gioved 8 settembre 2011

31

@ commenta su www.libero-news.it

La pagella dei famosi di ALESSANDRA MENZANI 10 Lo sfogo di Ely e il delirio di Jim Carrey 3 5 9 7 0 4 6 8
La coppia del momento: Ryan Gosling, rivelazione di Venezia nel film Le idi di marzo e la bomba sexy Eva Mendes. Lui pi giovane, naturalmente. Tom Wilkinson nella serie I Kennedy su La7. Interpreta il padre di Jfk alla perfezione: vizioso come John, un vecchio porco, come lo ha definito Bruno Vespa nel suo libro. e alla piega offre anche... le coccole. Il topless di tutto rispetto di Caterina Balivosu Diva e donna. Uno showman racconta in giro le sue vacanze piccanti: Sono stato a Key West e in Romania. Chi sar costui? Oltre allo sfogo su Chi, Elisabetta Canalis ha scelto Harper Bazar versione Arabia per raccontare la sua rottura con George Clooney. Titolo del servizio: George who?, George chi? Beh sempre meglio del hanno vivisezionato la mia sofferenza. A Milano i vip e non solo sono pazzi per Very Grace, il negozio di parrucchiere che oltre al taglio Il 20 settembre, alla proiezione del suo nuovo film in Italia, Pedro Almodovar ha selezionato alcune star italiane: tra queste, Stefania Sandrelli, Mariangela Melatoe Cristiano Malgioglio.

Siamo molto preoccupati: da quasi due settimane non si hanno notizie fresche su Belen e Fabrizio Corona. Che fine hanno fatto? Rassicurateci per favore. Il delirio di Jim Carrey su Oggi. Si parla di 11 settembre: Credo che ci sia sempre un lato positivo in ogni caso, perfino nel peggiore disastro: per la prima volta, gli americani hanno preso coscienza di altri Paesi, di altri popoli, di altre tradizioni e religioni e si sono aperti nuovi orizzonti. un bene per il mondo.

Prsum coupable di Vincent Garenq [Webphoto]

PUNTATA SPARITA Il matrimonio gay in Rai non sha da fare


Tagli a Un ciclone in convento. Polemiche Mazza-Pd

E lItalia piange i Black Block

Ci voleva un francese per attaccare i giudici


::: MALABARBA
QQQ Dopo gli immigrati sul gommone, largo ai no global. Non bastavano alla Mostra del cinema le tonnellate di film piagnisteo sui poveri stranieri vessati dalle intolleranti e fasciste leggi italiane. Non erano sufficienti il tragico Ermanno Olmi, il ridicolo Francesco Patierno, il pietoso Emanuele Crialese e la loro prole multiculturalista. No, bisognava spiegare ulteriormente che lItalia un regime del tipo sudamericano dove tutte le libert sono abbattute. Cos ecco, nella sezione Controcampo italiano, il mortifero documentario Black Block di Carlo Augusto Bachschmidt, prodotto da Domenico Procacci, sempre in prima linea. La pellicola consiste in una collezione di filmati sul G8 di Genova del 2001, compreso il momento della morte di Carlo Giuliani. Poi, una sterminata serie di interviste in cui alcuni manifestanti pi o meno alternativi spiegano come gli agenti li abbiano massacrati di botte nella scuola Diaz, dove dormivano ignari e beati. Fanno a gara a chi spara il paragone pi ambizioso: quello che ci accomuna al Cile, quellaltro che ricorda gli stivaloni dei soldati nazisti. Applausi, ovviamente. Per trovare qualche film che si sottragga ai comandamenti della sinistra antagonista, bisogna scappare a gambe levate dai film italiani, frequentare le sale pi piccole agli orari pi strani e magari ci si imbatte in qualcosa di bello. Per esempio, il gioiellino Prsum coupable di Vincent Garenq, un piccolo capolavoro che andrebbe al pi presto proiettato nel nostro Paese. Affronta finalmente un tema spinoso, difficilissimo anche solo da sfiorare. un assalto alla casta dei giudici, attraverso il racconto terribile di una vittima di malagiustizia. Nulla di inventato: si ispirato a una storia realmente accaduta in Francia, a Outreau. Una vicenda clamorosa che ricorda molti avvenimenti italiani, anche se meno mostruosi. Una mattina Alain Marcaux viene strappato al letto e arrestato con laccusa di essere un violentatore di bambini. Contro di lui c la testimonianza di due coppie, a loro volta coinvolte in un giro di pedofilia. Segue una galleria degli orrori: carcerazione preventiva, con il rischio di essere linciato dai compagni di galera. Poi i processi, con un giudice incompetente che nella foga di condannare trascura tutti gli indizi che contraddicono la sua tesi, martoriando lo Stato di diritto. Alain tenta il suicidio due volte, la moglie lo lascia, perde il lavoro. Solo grazie a un avvocato coraggioso che lo assiste gratis riesce a dimostrare di essere innocente, dopo quasi cinque anni. In Francia, le persone ingiustamente accusate furono una quindicina, uno si suicidato, un altro (cio Marcaux, che ha anche collaborato alla sceneggiatura) ha scritto un libro sulla sua disgrazia. Sembra di vedere le storie raccontate in libri come Lultracasta di Stefano Livadiotti, con i magistrati che sbagliano ma non pagano mai, e persino Oltralpe il giudice che ha devastato lesistenza di cos tanta gente stato punito con un richiamo, la pena pi lieve. facile stabilire un parallelo con le storture angoscianti della giustizia italiana, e sarebbe bello che qualche regista di casa nostra avesse il fegato di affrontare certi argomenti. Ma nessuno pare aver tempo: sono tutti impegnati a piangere sugli immigrati e i no global.

La palude di Venezia
di FRANCESCO BORGONOVO

Bagni senza salviette Rischio Contagion?


Dai bagni della Mostra del cinema mancano salviette e fazzoletti per asciugarsi le mani. Non si trovano da una settimana, qualunque richiesta risulta vana. Cos accade che molti, dopo aver fatto pip, si lavino e poi si guardino intorno disperati con le mani grondanti acqua, non sapendo se sfregarle sui vestiti o sul primo passante. Altri decidono di non lavarsi. Forse alla Mostra nessuno ha visto il film di Steven Soderbergh, Contagion. L, per un cuoco che non si pulisce le mani, unepidemia decima la popolazione mondiale. Per il costo di qualche salvietta, non ci sembra il caso di scatenare lapocalisse a Venezia.

Una scena della fiction Un ciclone in convento [Webphoto]

::: ENRICO PAOLI


QQQ Mauro Mazza, accorto direttore di Rai Uno, parla di scelta editoriale ponderata per evitare qualsiasi tipo di polemica su un tema di grande attualit che non poteva essere banalizzato. La deputata del Pd Paola Concia - lesbica dichiarata - sostiene, invece, che dietro alla scelta della Rai di non mandare in onda la fiction tedesca Un ciclone in convento ci sia un vero e proprio atto censorio. Eppure, al di l delle dichiarazioni di principio, misura e banalizzazione hanno preso il sopravvento su tutto e tutti. Partiamo dal casus belli che ha scatenato la polemica fra la tv pubblica e la comunit gay. Un episodio della serie tedesca Un ciclone in convento contiene la scena di un matrimonio gay fra due uomini, celebrato da un sindaco sullaltare in una cappella di un convento. Allestero la cosa sta diventando una prassi e non uneccezione. Lavvio della nuova programmazione della rete, spiega Mazza, ci obbligava a togliere un episodio della serie. Dovendo variare le puntate abbiamo deciso di togliere questa in quanto il matrimonio gay avviene sullaltare di una chiesa cattolica, alla presenza di

una suora e di un sindaco. Una situazione che, probabilmente, ci avrebbe creato problemi. Abbiamo deciso di eliminare questa puntata proprio per evitare una polemica e invece ne scoppiata unaltra per ragioni diverse. Non c stata nessuna volont censoria. Una spiegazione che non affatto piaciuta alla comunit gay che ha attaccato a testa

IN CAMPIDOGLIO

Mogol provoca: suono un inedito di Lucio Battisti


Quasi quasi eseguo nuovamente Il Paradiso non qui dal vivo cos mi arrestano e posso far sentire al processo questo capolavoro. Sono veramente rattristato che la vedova Battisti non abbia accolto la possibilit di depositare questa canzone. Mogol non perde il gusto per la provocazione e in occasione della serata evento che celebrer la sua lunga attivit e i suoi successi - il 24 settembre in piazza del Campidoglio a Roma - il paroliere italiano potrebbe proporre linedito di Lucio Battisti.

Occhiali da sole utili in conferenza


Alla fine del pranzo-conferenza stampa con Paolo Baratta e Marco Muller, cio i capi della Mostra, i giornalisti hanno ricevuto in omaggio un bel paio di occhiali da sole Persol. Qualcuno ha fatto addirittura il bis con la scusa di portarli a unamica. Lanno prossimo, li diano prima della conferenza, per favore. Con quelli indosso, si pu dormire passando inosservati.

bassa la Rai. La censura da parte di Rai Uno un fatto politico oltre che culturale, sostiene Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, per questo chiediamo lintervento della Commissione di Vigilanza sulla Rai. In assenza di un provvedimento inviteremo i gay a non pagare il canone. A dar manforte alla comunit gay anche Flavia Perina, esponente di Futuro e Libert, molto attenta ai temi sociali. La decisione della Rai rappresenta la scelta della tv pubblica e del governo di nascondere agli italiani lesistenza di situazioni di questo tipo nel mondo. un tentativo esplicito di regressione del dibattito pubblico sui diritti degli omosessuali e sulla necessit di riconoscere le coppie gay. Insomma, anche in questo caso colpa del governo. E proprio dalla Festa di Fli arriva la replica, sia pur indiretta di Rosy Bindi. Io credo che il matrimonio sia una convenzione eterosessuale, perch voi gay volete una convenzione eterosessuale? Dovreste creare una convenzione omosessuale. Io credo sia pi utile una legislazione ad hoc, che tolga dalla clandestinit situazioni di fatto oggi tenute in clandestinit. E se avesse ragione la Bindi? Altro che censura e puntata cancellata.

32

Gioved 8 settembre 2011

SPETTACOLI TV

a cura di Giorgio Carbone

Raidue ore 21.05

I CONSIGLI DELLA GIORNATA Canale 5 ore 21.20 La7 ore 21.10

Rete 4 ore 21.10

La mia super ex ragazza


Una super eroina viene mollata dal fidanzato. Lei reagisce da super incazzata. Tentativo di parodiare i comic della Marvel. Ma la Thurman non riesce a non farsi prendere sul serio.

Dov mia figlia?


Parte stasera uno sceneggiato in quattro puntate interpretato da Claudio Amendola. Amendola un imprenditore la cui vita sconvolta dalla scomparsa della figlia.

Silvio Forever
La biografia non autorizzata del premier Silvio Berlusconi diretta dal recidivo (Forza Italia) Roberto Faenza con fatto seguente guidato dal direttore di La7 Enrico Mentana.

Men of honor
la storia di Carl Brashear (Cuba Gooding) primo militare di colore a entrare tra i sommozzatori della Marina USA. Una storia ovvia e non la solleva De Niro nei panni di sergente carogna.

RAI UNO
6.30 TG1 - Previsioni sulla viabilit CCISS Viaggiare informati Unomattina Estate. Condotto da Gerardo Greco e Georgia Luzi Un ciclone in convento Super-Miss con Fritz Wepper Provaci ancora Prof 3 Per un pugno di mosche con Veronica Pivetti TG1 TG1 Economia Verdetto Finale. Condotto da Veronica Maya. Un medico in famiglia 6 Ci vorrebbe un amicoFuga damore (ultima puntata). Con Giulio Scarpati. TG Parlamento TG1 - Che tempo fa Il Commissario Rex Le cavie Il bluff con Gideon Burkahard Leredit TG1 Colpo docchio Lapparenza inganna Il commissario Montalbano La pista di sabbia con Luca Zingaretti Dal Teatro di San Carlo di Napoli Le maschere del teatro TG1 Notte Che tempo fa Speciale Cinematografo - 68ma Mostra del Cinema di Venezia 2011 Sottovoce Passione precaria

RAI DUE
6.45 7.00 10.30 11.25 12.10 13.00 14.00 Tracy & Polpetta Cartoon Flakes TG2punto.it Estate Il nostro amico Charly con Ralph Schicha Prima tv La nostra amica Robbie TG2 Giorno Ghost Whisperer Ritrovare se stessi con Jennifer Love Hewitt Prima tv Rai Army Wives Marcia in avanti con Catherine Bell Squadra Sp. Colonia Lultima birra con Jophi Ries The Good Wife In bilico con Julianna Margulies Prima tv Life Unexpected Attegiamento vincente con Brittany Robertson Rai TG Sport TG2 Cold Case Langelo della morte con Kathryn Morris Senza traccia Due di noi con A. LaPaglia Estrazioni del Lotto TG2 - 20.30 La mia super ex-ragazza (Commedia, 2006) con Uma Thurman, Luke Wilson. Regia di Ivan Reitman. TG2 TG2 Punto di vista La Storia siamo noi: 11 settembre - Dieci anni dopo Voci dall11 settembre Close to home Il figliol prodigo con Jennifer Finnigan

RAI TRE
6.30 8.00 Il caff di Corradino Mineo La Storia siamo noi Il patto col diavolo Gandhi - Hitler Questa notte o mai (Commedia, 1957) con Jean Simmons. Regia di Robert Wise. Prima parte Cominciamo Bene TG3 - Rai Sport Notizie Seconda parte Cominciamo Bene Cominciamo Bene Condominio terra La strada per la felicit con Susanne Gartner TG Regione - Meteo TG3 - Meteo 3 The Lost World con Peter McCauley Prima tv The Actors (Commedia, 2003) con Michael Caine, Dylan Moran. Regia di Conor McPherson. GEOMagazine 2011 Meteo 3 - TG3 TG Regione - Meteo Blob a Venezia 2011 Sabrina vita da strega con Melissa Joan Hart Un posto al sole Delitti inquietanti (Poliziesco, 1996) con Steven Seagal, Bob Gunton. Regia di John Gray. TG Regione TG3 Linea notte estate Alisya nel paese delle meraviglie (Documentario, 2009) Regia di Simone Amendola. Magazzini Einstein La Musica di Raitre

CANALE 5
6.00 7.55 8.00 8.50 8.55 Prima Pagina Traffico - Meteo 5 Borsa e Monete TG5 Mattina Ciak Speciale Box Office 3D Una nuova vita per Marion (Commedia, 2005) con Fanny Cottenon, Didier Bezace. Regia di Christiane Lehrissey. Forum TG5 - Meteo 5 Beautiful CentoVetrine Dove sei? Terza puntata. Con Cristina Reali, Elsa Lunghini Prima tv Rosamunde Pilcher: La traccia nel cuore (Drammatico, 2009) con Sylvia Leifheit, Thomas Scharff. Regia di Stefan Bartmann. Avanti un altro TG5 - Meteo 5 Paperissima Sprint. Condotto da Giorgia Palmas, Vittorio Brumotti con il Gabibbo Prima tv Dov mia figlia? Prima puntata. Con Claudio Amendola, Nicole Grimaudo TG5 Numeri in chiaro TG5 Notte - Meteo 5 Paperissima Sprint. Condotto da Giorgia Palmas, Vittorio Brumotti con il Gabibbo (Replica) TG5 Numeri in chiaro 5 Stelle Orgoglio di classe con Susanna Knechtl

ITALIA UNO
6.40 Baywatch 8.20 Cartoni animati 10.25 Prima tv - Ultimo episodio Nin 11.25 Una mamma per amica Serenata con Lauren Graham 12.25 Studio Aperto - Meteo 13.00 Studio Sport 13.40 Prima tv Detective Conan 14.10 I Simpson Lultimo sfavillio di Telespalla Bob Due pessimi vicini di casa 15.00 How I Met Your Mother Fine di una storia con Alyson Hannigan 15.30 The O.C. Il segreto e le bugie Lalba del giorno dopo con Benjamin McKenzie 17.10 Hannah Montana con Miley Cyrus 18.05 Love Bugs con Fabio De Luigi 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.00 Studio Sport 19.25 C.S.I. Miami Lifting letale Tragico reality con David Caruso 21.10 C.S.I. Lassassino modellista con Marg Helgenberger 22.00 Prima tv Mediaset White Collar La bottiglia di Franklin Il passato ritorna Rapina al Consolato con Matthew Bomer 0.35 The Closer Salvare la faccia con Kyra Sedgwick 1.30 Poker1mania 2.20 Studio Aperto La Giornata

RETE QUATTRO
7.00 8.05 9.30 Starsky & Hutch con Paul Michael Glaser Hunter Le regole del gioco con Fred Dryer R.I.S. - Delitti imperfetti Linsospettabile con Lorenzo Flaherty Ricette di famiglia TG4 - Meteo Un detective in corsia Esercitazioni mortali con Dick Van Dyke La signora in giallo Delitto alla ribalta con Angela Lansbury Il tribunale di Forum Hamburg Distretto 21 Doppia vita con Thomas Scharff Ciak Speciale Box Office 3D Salvo DAcquisto (Biografico, 1975) con Massimo Ranieri, Isa Danieli. Regia di Romolo Guerrieri. TG4 - Meteo Tempesta damore Walker Texas Ranger Gioco di squadra con Chuck Norris Men of honor (Drammatico, 2001) con Robert De Niro, Cuba Gooding Jr.. Regia di George Tillman Jr.. I bellissimi di R4 Pazzi in Alabama (Drammatico, 1999) con Melanie Griffith, David Morse. Regia di Antonio Banderas. Mondo cane (Documentario, 1962) Regia di Paolo Cavara, Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi.

LA 7
6.00 TGLa7 - Meteo Oroscopo - Traffico Informazione Omnibus In Onda (Replica) Le vite degli altri. Condotto da Tiziana Panella (Replcia) Chiamata demergenza La resa dei conti Il drogato con Josphine Thiel Cuochi e fiamme TG La7 The New Swiss Family Robinson (Avventura, 1998) con Jane Seymour, David Carradine. Regia di Stewart Raffill. Shamwari Savana Hospital Lispettore Barnaby La seconda vista con John Nettles Relic Hunter La Valle dei tre Fiumi con Tia Carrere TG La7 In Onda Ospiti Antonio Padellaro e Alessandro Sallusti. Condotto da Luisella Costamagna e Luca Telese Film Evento - Prima tv Silvio Forever (Documentario, 2011) Regia di Roberto Faenza, Filippo Macelloni . Enrico Mentana presenta Film Evento: Silvio Forever TG La7 Umbria Folk Festival 2011 In Onda (Replica)

6.45

9.00

7.00 9.45 10.25

10.50

11.35

10.25 12.00 12.25 13.00 13.10 14.00 14.20 15.05 15.45

10.50 11.30 12.00

11.25

14.50

13.30 14.00 14.10

15.35

11.00 13.00 13.40 14.20 14.50

13.00

12.30 13.30 13.55

13.50 15.10

16.20

15.00

15.50

16.15 16.20

17.05

16.05 17.00

16.50 17.00 17.10

17.50 18.15 18.45

19.00

18.50 20.00 20.30 21.20

19.30 20.25 20.30 21.05

17.10 18.55 19.30 20.00 20.15 20.35 21.05

18.30 20.00 20.40

18.55 19.35 20.30

20.00 20.30

21.10

21.20

21.10

23.20

0.35 1.10

22.45 22.55 23.05

23.30 0.30 1.00

23.55 0.00

22.45 22.50 23.25

23.05

2.30

0.10

2.05 2.50

0.05 0.20 1.20

1.45 2.15

0.05 0.35

LE ALTRE EMITTENTI
Rai 4
20.25 Flashpoint Caccia alle streghe con Hugh Dillon 21.10 Mortal Kombat Distruzione totale (Azione, 1997) con Robin Shou, Talisa Soto. Regia di John R. Leonetti. 22.40 Toradora! 23.05 Soul Eater 23.30 Wonderland 23.45 Il vendicatore (Avventura, 1989) con Dolph Lundgren. Regia di Mark Goldblatt. 23.00 Dai Nostri Inviati Venezia 8 settembre 23.05 Res Tore Addio Mike 0.00 Res Tore I giorni della nostra Storia Roma, 8 settembre 1943

MTV
17.00 Coca-Cola Lip Dub At MTV 17.15 Made 18.00 MTV Mobile Chat 19.05 Il testimone 20.00 Greek La confraternita 21.00 Prima tv Paris Hiltons British Best Friend 23.30 South Park 0.30 True Blood

Canale Italia
20.00 The Planets Funniest Animals 20.30 TG Canale Italia 20.55 TG Sport 21.00 Cantando e Ballando 23.45 Cera una volta

0.15

Safe Drive Motorsport

LE TV DI CLASS EDITORI
Class Tv Msnbc Dig. Terr. Canale 27, Tiv Sat 30 Class Cnbc Sky Canale 507 Class Horse TV Sky Canale 221 Tiv Sat 55

Telelombardia
18.00 19.00 19.30 20.00 20.30 23.00 23.15 0.00 QSVS sera TGL Happy Hour QSVS flash Iceberg Lombardia TGPMI Tantasalute Bunga Bunga

Class Tv Msnbc
10.00 11.00 13.00 13.40 14.00 15.00 18.00 19.50 21.00 22.00 23.30 Weather Proof Capital. La Sfida TG Giorno Nightly News con Brian Williams Avatar Design&Living TG Sera Punto e a Capo Models NYC Doctor 2+ The Boat Show

7 Gold
La saga dei McGregor TG7 - Sport Casalotto TG7 Sport Filo da torcere (Commedia, 1978) con Clint Eastwood, Geoffrey Lewis. Regia di James Fargo. 23.20 CNR TV News 23.30 Diretta Stadio... Notte Sport 18.00 19.00 20.00 20.30 21.10

Iris
20.15 Law & Order - Unit Speciale Indagine su uno psicopatico con C. Meloni 21.05 The Unsaid - Sotto silenzio (Thriller, 2001) con Andy Garcia, Vincent Kartheiser. Regia di Tom McLoughlin. 23.05 Iris a Venezia 23.25 Pi greco: il teorema del delirio (Thriller, 1997) con Sean Gullette. Regia di Darren Aronofsky.

Antenna 3
18.30 Io tubo 19.00 Azzurro Italia news 19.45 Chiedimi una canzone 20.30 Azzurro Italia 23.00 Azzurro Italia Notte

16.05 Le Voci di Cernobbio 17.00 Linea Mercati Pomeriggio 18.00 Report Ospite G. Miodini (Aviva Investors) 19.05 Partita Doppia 22.00 Linea Mercati Notte 22.30 Italia Oggi TG

Deejay Tv
18.00 Rock Deejay Rotazione 18.45 Believers 19.00 Vacanze romagne 20.00 Jack Osbourne: No Limits 21.00 Living in America 22.00 Uomini che studiano le donne 23.00 Trin Trun Tran 23.30 Il Meglio di Nientology 0.00 The Club

Class Horse TV
11.00 Parelli Natural Horsemanship 14.10 Manuale di Equitazione: il Completo 14.10 Equestrian Style 2011 18.00 Class Horse TG 18.10 Master Class Tellington TTouch 19.05 Talk Show Polo 20.00 Special Class: Allevacavalli 2011 21.15 Equestrian Style 2011

Class Cnbc
13.20 Forex Update 13.40 BCE: l'annuncio sui tassi Ospite L. Mezzomo (Intesa SanPaolo) 14.30 Conferenza Stampa BCE 15.00 Linea Mercati Wall Street

Rai Storia
21.00 Dixit Stelle Giochiamo al variet: un incontro speciale 22.00 Dixit Stelle Giochiamo al variet: Antonello Falqui

TelePadania
20.30 TG Nord 21.10 TG Nord Sport 21.25 I nostri primi ventanni - La storia della Lega Nord raccontata dai Protagonisti

Odeon
20.00 Superbike TV 20.45 Il campionato dei campioni 23.00 Poker Sportivo Show 23.45 Game Time

SPETTACOLI TV

Gioved 8 settembre 2011

33

a cura di Giorgio Carbone

Premium Cinema ore 21.15

I CONSIGLI DELLA GIORNATA Studio Universal ore 21.15 Cinema 1 ore 21.10

Cinema Hits ore 23

La leggenda di Sleepy Hollow


NellAmerica del 1800 un villaggio terrorizzato dagli omicidi di un cavaliere assassino. Un classico della letteratura USA messo in immagini da Tim Burton come meglio non si poteva.

Doppia personalit
Un mite dott a causa di traumi infantili provocati dal padre soffre di sdoppiamenti della personalit durante i quali uccide i bambini. Ambizioso super flop di Brian De Palma.

La passione
Un regista in crisi non riesce pi a fare film ed costretto ad allestire una sacra rappresentazione paesana. Non convincentissimo ma divertente per via di molti personaggini azzeccati.

La doppia ora
Una cameriera e un sorvegliante mentre fanno lamore in una villa sorvegliata vengono aggrediti da una banda di ladri. Giallo macchinoso ma tutti i pezzi del puzzle sincastrano a dovere

I FILM
17.25 5 appuntamenti per farla innamorare Con Nia Vardalos SC1 17.25 Crocevia della morte Con John Turturro SCM 17.35 Uomini e topi Con Gary Sinise MGM 17.45 The Perfect Score Con Erika Christensen SCF 17.45 La strategia di Adam Con Josh Henderson SCC 17.45 Il profumo del mosto selvatico Con Keanu Reeves SCP 18.20 Biancaneve e gli 007 nani SCH 19.05 Talk Radio Con Eric Bogosian C 19.20 Up SCF 19.20 Controcorrente Con Joseph Fiennes SC1 19.20 Tutto l'amore del mondo Con Nicolas Vaporidis SCC 19.20 Inganni di sangue Con Andrew Kraulis SCM 19.25 La squadriglia dei falchi rossi Con Michael Anthony MGM 19.30 Come se fosse amore Con Michelangelo Pulci SCP 19.35 L'ombra del sospetto Con Liam Neeson SCH 21.00 Tornando a casa Con Jane Fonda MGM 21.00 La banda dei coccodrilli indaga Con Nick Romeo Reimann SCF 21.00 Il cattivo tenente Con Nicolas Cage C 21.00 Sesso, bugie e... difetti di fabbrica SCC Con Jerry OConnell 21.00 Rec 2 Con Manuela Velasco SCM 21.00 Prima tv Miral Con Freida Pinto SCP 21.10 Prima tv Sky La passione Con Silvio Orlando SC1 21.10 Vampiro a Brooklyn Con Eddie Murphy SCH 22.30 Una notte con Beth Cooper Con Hayden Panettiere SCC 22.35 The Italian Job Con Mark Wahlberg SCM 22.40 Arthur e la vendetta di Maltazard Con Freddie Highmore SCF 23.00 La doppia ora Con Kseniya Rappoport SCH 23.00 An Education Con Carey Mulligan SCP 23.05 Condor Con Ray Wise MGM 23.05 Giustizia privata Con Jamie Foxx SC1 23.10 Che fine ha fatto Osama Bin Laden? C 0.20 Monster Con Doug McClure MGM

LO SPORT
8.45 13.45 14.30 Biliardo, Snooker Mastersit City Shanghai 2011 Giorno 4 (D) ES Biliardo, Snooker Mastersit City Shanghai 2011 Giorno 4 (D) ES Golf, PGA European Tour 2011 Da Hilversum The KLM Open: 1a giornata (Diretta) SP2 Calcio, UEFA Champions League 1996/1997 Juventus Ajax (Sintesi) SP1 Rubrica sportiva Stadio Day Juventus L'Avvocato SP1 Ciclismo, Vuelta 2011 18a tappa (Diretta) ES Calcio, UEFA Champions League 2002/2003 Juventus Real Madrid (Sintesi) SP1 Rubrica sportiva La storia dei Mondiali Azzurri SP3 Rubrica sportiva ATP Weekly Magazine Show SP3 Rubrica sportiva Stadio Day Juventus Conte esclusivo SP1 Rubr. sport. Le mete pi belle della Coppa del Mondo SP3 Calcio, Serie A 2005/06 6a giornata Juventus - Inter (Sint.) SP1 Tennis, Grande Slam 2011 U.S. Open: quarti di finale maschili (Diretta) ES Calcio, Serie B 2011/12 3a giorn. Sampdoria - Gubbio (R) SP3 Rubrica sportiva PGA European Tour Weekly Magazine SP2 Rubrica sportiva Stadio Day Juventus Il Backstage SP1 Rubr. MotorSport Ep. 29 SP2 Rubr. sport. Studio Presentazione Stadio Juventus (D) SP1 Rubr. sport. Le mete pi belle della Coppa del Mondo SP2 Rubr. sport. Speciale Manassero - Rocca SP3 Rubrica sportiva PGA European Tour Weekly Magazine SP3 Calcio, Cerimonia d'Apertura Stadio Juventus (Diretta) SP1 Rubr. Road To New Zeland Ep. 1, ep. 2, ep.3 SP2 Golf, PGA European Tour 2011 Da Hilversum The KLM Open: 1a giornata (Replica) SP3 Sky Calcio Prepartita (Dir.) SP1 Calcio, Amichevole Juventus Notts County (Diretta) SP1 Rugby, World Cup 2007 Finale 1/2posto Inghilterra Sud Africa (Replica) SP2 Calcio, UEFA Champions League 2011/2012 Playoff gara di ritorno Udinese - Arsenal (Replica) SP3 Sky Calcio Postpartita (D) SP1 Il viaggio dell'Italia SP2 Calcio, Copa Sudamericana 2011 Velez S. - Argentinos J. (D) SP1 Football, NCAA 2011/12 Oklahoma St. - Arizona (D) SP2
SCH Sky Cinema Hits HD SCM Sky Cinema Max HD SCP Sky Cinema Passion HD SP1 Sky Sport 1 HD SP2-3 Sky Sport 2-3 HD SKU Sky Uno THC The History Channel

TELEFILM
20.05 N.C.I.S. "Il traditore" FC 20.25 I Jefferson "Jenny's Discovery" FR 20.30 Buona fortuna Charlie! DY 20.30 La vita secondo Jim "Andy si sposa" F 20.55 La mia vita con Derek DY 21.00 Prima tv - Guest star Marlee Matlin C.S.I. "Le due signore Grissom" FC 21.00 Prima tv Army Wives "Contromisure""La veterana FL 21.00 Il tenente Colombo "Riscatto per un uomo morto" FR 21.10 Prima tv Spartacus - Gli Dei dell'arena "Pater familias" SKU 21.20 Nin DY 21.50 Criminal Minds "Vite all'asta" FC 21.50 90210 "Risvolti imprevisti" F 22.05 Hung "Piatto ricco" SKU 22.10 Cybergirl DY 22.30 Victorious NCK 22.35 Jinx DY 22.35 Prima tv Femme Fatales "Il fiore bianco" SKU 22.40 C.S.I. Miami "L'Autobomba" FC 22.45 Prima tv Traffic Light "L'addio al celibato" F 22.45 Kitchen Confidential "Ep. pilota: Nato per cucinare" FL 22.50 I Jefferson "The Agreement" FR 23.00 Le sorelle fantasma DY

SHOW E DOCUMENTARI
19.20 Project Runway "4a stagione, 2a puntata: I Started Crying" SKU 19.30 Marchio di fabbrica D 19.55 Invenzioni a catena "Dal frigorifero al telescopio"NGC 20.00 Top Gear D 20.05 Affari di famiglia "Pazzi per una Harley Davidson" THC 20.10 Hell's Kitchen USA SKU 20.35 Affari di famiglia "Il riposo del vecchio" THC 20.55 Mega: Strutture "Una ferrovia sul tetto del mondo" NGC 21.00 Atlantis THC 21.00 Omaggio a New York Rising: la rinascita di Ground Zero "Episodio 3: Il nuovo One World Trade Center" D 21.00 Lol - Tutto da ridere SKU 21.55 Omaggio a New York Caccia a Bin Laden NGC 22.00 Miti da sfatare "Pi veloce della pioggia" D 22.45 Gli eroi del ghiaccio Himalaya "Senza fiato" THC 22.50 Omaggio a New York Doppio gioco in Pakistan NGC 23.00 Miti da sfatare "Guida alla cieca" D 23.35 Most Dangerous "Cheating Death 2" SKU 23.40 Riti e misteri "L'ultimo addio" THC

RAGAZZI
17.00 Phineas & Ferb "Il chiosco della limonata" DY 17.00 I Simpson "Il nonno contro l'incapacit sessuale" F 17.25 Spongebob NCK 18.00 Ben 10: Ultimate Alien CN 18.25 Adventure Time CN 18.45 Futurama "Per un pesce di dollari" F 18.50 Lo straordinario mondo di Gumball CN 19.15 Ben 10: Ultimate Alien CN 19.15 I Griffin "Il disossato" F 19.40 I Simpson "Paura di volare" F 20.00 Spongebob NCK 20.05 Leone il cane fifone CN 20.05 I Simpson "Homer il grande" F 20.30 Spank tenero rubacuori NCK 21.00 Spongebob NCK 21.00 Adventure Time CN 21.00 American dad "Merlot ad alto rischio" F 21.25 Batman: The Brave and the Bold CN 21.25 American dad "Un bullo per Steve" F NCK 21.50 Due fantagenitori 21.50 Virus Attack CN 22.10 Due fantagenitori NCK 22.15 Wakfu CN 22.40 Hero 108 CN 23.15 Titeuf CN 23.40 Polli Kung Fu CN

14.30

15.30 16.00 16.00

16.15 16.45 17.00 17.15 17.30 17.45

18.15 18.30 18.30 19.00 19.00 19.30 20.00 20.15 20.15 20.30 20.45

CANALI PREMIUM DIGITALE TERRESTRE


Joi
15.20 The Middle "La storia della mia nascita" "Il ragazzo delle consegne" con Patricia Heaton 16.10 Detective Monk "Il Sig. Monk e la vendetta sotto l'albero" 17.00 Dr. House "Karma istantaneo" "Cuore impavido" 18.35 Ultra "Dr. House - Medical Division - Strani rapporti umani" 18.50 The Cleaner "Amici pericolosi" 19.40 E.R. "Figli difficili" 20.25 The Mentalist "Mattone rosso ed edera" con Simon Baker 21.15 Justice - Nel nome della legge "Tendere una mano" "Aiutami" 23.05 Friday Night Lights "Record perfetto" "Tensioni" 0.45 The Philanthropist "Kashmir" con James Purefoy

Steel
15.25 Una famiglia del 3 tipo "Un freddo extra... terrestre" 15.55 Surface "Paura sotto il mare (Ep. pilota)" 16.40 Human Target "Ilsa Pucci 17.30 Una famiglia del 3 tipo "Vicini di casa" "Scambio d'identit" 18.25 Squadra Antimafia 3 Palermo oggi "Sesta puntata" con Simona Cavallari 20.25 Human Target "La teoria di Daniel Brooks" con Mark Valley 21.15 Cloverfield (Azione, 2008) con Lizzy Caplan, Jessica Lucas. Regia di Matt Reeves. 22.55 Supernatural "Il quadro maledetto" "Una pistola dal passato" con Jared Padalecki 0.30 Surface "Quarantena"

Premium Calcio
14.00 All sport news 14.30 Calcio, Qualificazioni Europei 2012 Dallo stadio National di Bucarest Romania - Francia (R) 16.20 Highlights Uefa Champions League 16.50 Calcio, UEFA Champions League 2011/2012 Playoff gara di ritorno Zurigo Bayern Monaco (Replica) 18.40 Calcio, Incontro amichevole Da Londra Brasile - Ghana (R) 20.30 All sport news 0.30 Calcio, Qualificazioni Europei 2012 Dallo stadio Las Gaunas di Logronos Spagna - Liechtenstein (Replica) 2.20 Highlights Uefa Champions League

21.00 21.30 22.00

22.45

Mya
17.30 Solo un po' d'@more (Commedia, 2009) con Clmentine Clari. Regia di Nicolas Herdt. 19.10 Le cose che amo di te "L'altra donna" con Amanda Bynes 19.40 Covert Affairs "Tradimento" "Attacco cibernetico" 21.15 Rizzoli & Isles "Quando la pistola fa bum bum" con Angie Harmon 22.00 Close to home "Quadruplo omicidio" con Jennifer Finnigan 22.50 La valigia dei desideri con Natalia Mateo 23.05 One Tree Hill "Festa anni Ottanta " "Nonna Lydia" 0.45 Covert Affairs "Tradimento"

Premium Cinema
16.50 Tata Matilda e il grande botto (Fantastico, 2010) con Emma Thompson, Ralph Fiennes. Regia di Susanna White. 18.45 La sconosciuta (Drammatico, 2006) con Kseniya Rappoport, Michele Placido. Regia di Giuseppe Tornatore. 20.45 Red Carpet "Speciale 68a Mostra del Cinema di Venezia" 21.15 Il mistero di Sleepy Hollow (Fantastico, 1999) con Johnny Depp, Christina Ricci. Di Tim Burton. 23.10 La fabbrica di cioccolato (Fantastico, 2005) con Johnny Depp. Regia di Tim Burton.

Studio Universal
16.25 Il colore viola (Dram., 1985) con Whoopi Goldberg, Danny Glover. Regia di Steven Spielberg. 19.00 Campioni di razza (Com., 2000) con Parker Posey, Christopher Guest. Di Christopher Guest. 20.40 Hollywood Collection "Joan Crawford" 21.15 Doppia personalit (Thriller, 1992) con John Lithgow, Steven Bauer. Regia di Brian De Palma. 22.50 Focus "Schindler's List" 23.00 Schindler's list (Drammatico, 1993) con Liam Neeson, Ben Kingsley. Regia di Steven Spielberg.

23.30 0.00 1.00 2.00

LEGENDA
C Cult CN Cartoon Network D Discovery Channel HD ES Eurosport HD DY Disney Channel F - FR Fox HD - Fox Retro FC Fox Crime HD

HD Canale disponibile anche in alta definizione

FL Fox Life MGM Metro Goldwyn Mayer NCK Nickelodeon NGC National Geographic HD SC1 Sky Cinema 1 HD SCC Sky Cinema Comedy HD SCF Sky Cinema Family HD

Muore investito talento basket


Il giocatore di basket Mario Delle Cave, 18enne talento della Stella Azzurra di Roma e delle nazionali giovanili, ha perso la vita in un incidente stradale: stato investito da un furgone dei carabinieri.

Pirelli, una mostra per la storia


Si aperta ieri Si va che un incanto... Pirelli, storie di gare, piloti, sfide e successi, la mostra che apre larchivio Pirelli dal 1904 a oggi. Ospitata nelle sale della Fondazione Pirelli, chiuder il 14 ottobre.

Spagna: Del Bosque fino 2014


Tutto risolto per il contratto di Del Bosque: resta alla guida delle Furie Rosse fino 2014. Lo hanno confermato lo stesso ct e il presidente della federazione iberica, Villar.Presto ci sar il rinnovo.

Vuelta, Froome vince 17 tappa


Linglese Christopher Froome del team Sky ha vinto la 17 tappa della Vuelta da Faustino V a Pena Cabarga (211 km). Lo spagnolo Juan Jos Cobo (Geox) ha conservato la maglia rossa di leader della corsa.

Sempre pi lontani
::: FABRIZIO BIASIN
MILANO

QQQ Il nuovo stadio della Juve - che ora si chiama Juventus Stadium e un giorno chiss - accogliente come il salotto di casa Marzotto. Ci sono i bar, i ristoranti, il posto per far giocare i beb, il supermarket, negozi vari, ampi parcheggi, persino il campo da calcio. Oggi un po di fortunati (41 mila la capienza) avranno lonore di assistere allo spettacolo dellinaugurazione e al match amichevole tra bianconeri e Notts County. Prima e dopo la sgambata son previsti gli osanna dei vari Andrea Agnelli, John Elkann e figli della Signora vari (del resto loccasione per farsi belli mostruosa). In tribuna il gotha del calcio nazionale: i poltronissimi Beretta, Petrucci, Abete, il ct Prandelli, la gran parte dei presidenti di A e B. Tra gli altri, in ordine sparso: Galliani, Lotito, Mezzaroma, Campedelli, Pulvirenti, Cairo, Percassi e via andare. Passano la mano De Laurentiis (impegno lavorativo) e Massimo Moratti. Vien subito da pensar male: Massimo linterista si d malato per evitare fischi a profusione nella nuova culla bianconera (scelta lungimirante e condivisibile tra laltro). Ma la verit che il n 1 dei nerazzurri ha gi i suoi impegni e nel pomeriggio sar a Sondrio per partecipare al convegno organizzato dalla Banca Popolare di Sondrio e intitolato: Il gioco del calcio. Come dire: loro si fanno lo stadio, io mi faccio i fatti miei. Abbiamo invitato tutti, Moratti compreso ovviamente dice Claudio Albanese, direttore della comunicazione dei bianconeri - Hanno risposto in massa e ne siamo orgogliosi. Qualcuno avrebbe voluto mandare un delegato, ma ab-

SGARBO MASSIMO
La Juventus inaugura lo stadio e invita tutti i presidenti, ma Moratti parla di calcio a Sondrio. Il tavolo della pace utopia
SCELTE INTER
Nel fotomontaggio Massimo Moratti e Andrea Agnelli. Oggi impegnati rispettivamente in un convegno sul calcio e nellinaugurazione del nuovo stadio

Pazzini inguaia Gasp: chi fuori a Palermo? Sneijder: Felice qui


::: TIZIANO IVANI
QQQ Potrebbe diventare una brutta grana. Lennesima in pochi mesi da allenatore dellInter per Gian Piero Gasperini, dopo le pizzicate di Moratti sulla difesa a tre, la cessione di Etoo e il pasticcio Champions di Forlan. Stiamo parlando ovviamente di Giampaolo Pazzini. Gi, proprio lui che marted sera ha firmato con una sua rete lapprodo della Nazionale ai prossimi Europei in Polonia e Ucraina. Proprio lui, per il quale sempre Moratti ha speso parole del tipo: Pazzini deve giocare. Segna sempre. E ora che fa Gasperini? Continuer a farlo partire dalla panchina, o sacrificher al volere del patron uno tra Milito, Forlan, Zarate e Alvarez? La storia insegna che chi si mette contro le idee tecniche del presidente fa poca strada allInter, soprattutto come allenatore. Ma siamo sicuri che Gasperini possa tornare sui propri passi, visto che gi potrebbe rinunciare al suotridente per fare spazio a Sneijder trequartista (ieri tornato a parlare in Olanda: Moratti non ha voluto cedermi e io sono contento a Milano)? La risposta lavremo probabilmente gi domenica a Palermo.

biamo creato un palchetto esclusivo per i presidenti, quindi o loro o niente. Unica eccezione? Galliani, ma semplice capire perch.... E, dunque, siamo alle solite. Alla vigilia del campionato e con lestate passata a farsi la guerra, bianconeri e nerazzurri proseguono per le loro strade divergenti. Lo scudetto 2006, Calciopoli, la prescrizione, i veleni, le frecciate lanciate da Agnelli a Moratti, le repliche di Moratti ad Agnelli, i ricorsi al Tas, il presunto tavolo della pace promosso da Della Valle (che con tutta probabilit sar

IL MILAN PRESENTA ANCHE NOCERINO

Aquilani: Non sono un Pirlo


MILANO Sono stati per tutta lestate Mister Xe laffare last minuteora sono i volti nuovi del centrocampo del Milan. Alberto Aquilani e Antonio Nocerino, presentati dal club rossonero, sono pronti a conquistare sul campo lafiducia dei tifosi. Sono al Milanda dieci giorni, sono arrivato in un club glorioso. Adesso bisogna partire, con gli allenamenti, le partite, siamo carichi, racconta lex giocatore di Liverpool e Juventus, che rifiuta paragoni con Andrea Pirlo, passato al club bianconero: Sarebbe un paragone sbagliato, siamo diversi. Entusiasmo alle stelle anche per Nocerino, giunto in rossonero dal Palermo nellultimo giorno di mercato. Adesso sta a me meritare e sfruttare questa occasione. Io non ho mai vinto niente e voglio cominciare a farlo. Questo il club che ha vinto pi di tutti.

apparecchiato quando gli asini voleranno alti nei cieli): la situazione questa e non migliorer tra le due societ meno amiche della storia del calcio italiano. Cos capitan Del Piero: una rivoluzione culturale e del mondo calcistico, un passo delicato, importante e coraggioso. Parla dello stadio, ovviamente. Di mano tese tra bianconerazzurri neanche lombra e oggi chiss, forse Moratti ci spiegher se il gioco del calcio davvero un gioco o invece una cosa seria. Pure troppo.

Solo un superstite nella tragedia aerea

In Russia la Superga dellhockey Morti in 44, sterminato il Lokomotiv


::: GIANLUCA VENEZIANI
MOSCA

Nella foto la squadra del Lokomotiv Yarovslav di hockey schierata al completo. A fianco il giocatore Galimov, unico superstite dellincidente aereo accaduto ieri nei pressi del fiume Volga

QQQ Chiamatela la Superga dellhockey. Lintera squadra del Lokomotiv Yaroslav, in un dannato incidente aereo, scompare, proprio come il Grande Torino nel 1949. Il team russo si stava dirigendo da Yaroslav verso Minsk, per la prima giornata della Kontinental Hockey League, quando qualcosa non ha funzionato. Poco prima del decollo, laereo andato in fuoco e si frantumato in due, spezzando 44 vite. Muoiono tutti i membri dellequipaggio e i componenti della gloriosa compagine. Se ne salva solo uno, Alex Gali-

mov, per lui una sorte da Final Destination. Ora si chieder, con Primo Levi, se sia pi duro essere un sommerso oppure un salvato. Il dramma si consumato a bordo di uno Y-42, quasi una sigla funesta, simbolo della squadra (Yaroslav) e dei 42 che sin dallinizio non ce lhanno fatta (altri due hanno combattuto a lungo tra la vita e la morte). In realt, il nome di un aereo scassato, retaggio dei vecchi apparecchi dellUrss. Ma la scomparsa della squadra del Lokomotiv Yaroslav significa soprattutto il venir meno di una metafora. Lhockey su ghiaccio in Russia ha la stessa capacit fascinativa del calcio in Italia: desta passione, crea benia-

mini, indica appartenenza. Con il Lokomotiv muore unintera comunit, rappresentata dalla squadra. E poi, quasi a rendere pi beffardo il destino, ci sono due simboli evocativi nella tragedia. Il primo, il nome della squadra, Lokomotiv, che allude allimpresa di ferrovie russe, proprie-

taria del team. Chiamata come un vecchio treno (la locomotiva, appunto), la squadra sparisce, per triste ironia, su un aereo vecchio, troppo vecchio, per volare ancora. E poi, c la data di fondazione della squadra: 1949, come lanno della tragedia di Superga. Sembra quasi che il

Grande Torino abbia lasciato in eredit alla Grande Lokomotiva questa maledetta parabola. Una fine e un battesimo, nel segno del sangue. Resta un brivido, non causato dal ghiaccio. Che sconvolge anche chi non non sa nulla di questo sport n conosce i nomi delle squadre ma si ricorda di quando, bambino, si divertiva a colpire, coi pupazzi di plastica, i dischetti neri, buttandoli in rete. Quei giocatori in miniatura avevano gli stessi colori della Lokomotiv.

SPORT

Gioved 8 settembre 2011

35

@ commenta su www.libero-news.it

Denuncia alla Fifa

::: MADRID (SPAGNA)


QQQ Ora potrebbe essere la Fifa a mettersi in mezzo tra Neymar e il Real Madrid. Lattaccante 19enne della Seleao, che interessa anche al Barcellona di Pep Guardiola ma che avrebbe firmato un pre-accordo con le merengues. Secondo Marca il Santos potrebbe denunciare il Real Madrid - se fosse confermato che

Neymar-Real Madrid Il Santos porter i blancos in tribunale

gi stata siglata unintesa con il giocatore - per aver preso accordi con un calciatore ancora sotto contratto con unaltra societ in violazione delle regole Fifa. Il club brasiliano, spiega il giornale, potrebbe denunciare il Real davanti alla commissione disciplinare della Fifa. Laccordo che sarebbe stato siglato con Neymar prevedrebbe larrivo a Madrid del giocatore con un contratto di sei anni a 5 milioni di euro a

stagione. Marca ricorda il precedente del Chelsea, denunciato alla Fifa nel 2009 dal Lens per avere indotto il calciatore del club francese Gael Kakuta a rompere il suo contratto. Il club inglese venne condannato a non contrattare giocatori per un periodo di un anno e mezzo poi ridotto al mercato invernale - e a pagare una multa di quasi un milione di euro.
T.IV

NORMA DRIBBLATA La Roma inventa la tessera anti-Maroni


Abbonamenti a 16 partite per evitare la card del tifoso. Totti tende la mano: Uniti per il bene di tutti
::: TOMMASO
LORENZINI

Totti (35 anni), capitano della Roma

QQQ Il lento disgelo fra Totti e Luis Enrique passa attraverso le accorate parole vergate dal Pupone sul suo blog ufficiale. Tutti quanti noi dovremo stringerci attorno al nuovo allenatore, alla squadra e alla societ per partire nella maniera migliore. Lo faremo assieme e con un unico obiettivo, la Roma, di cui proprio io sono il primo tifoso. questo il modo che il capitano giallorosso sceglie per rompere il suo lungo silenzio, esploso con la mai accettata sostituzione contro lo Slovan, casus belli della guerra fredda interna a Trigoria. Raccolto linvito del ds Sabatini, dopo la lunga chiacchierata di marted davanti a un buon caff, Totti tornato fra i ranghi, lui che soldato semplice non lo ma che da buon generale si impone di dare lesempio, raccogliendo pure il plauso di chi, come Aquilani, giallorosso non lo pi almeno di maglia: Francesco non merita tutte queste critiche. E anche Luis Enrique si accorger di

Q Tutti dovremo stringerci attorno al nuovo allenatore, alla squadra e alla Roma per partire nella maniera migliore
FRANCESCO TOTTI

.
quanto importante. Capitolo chiuso, dunque, in attesa di capire gli sviluppi sul fronte Franco Baldini, dg in arrivo a met ottobre e probabile vero obiettivo del malessere di Totti e di quella parte della societ ancora legatissima al recente passato, quello targato Sensi. Risolto dunque il delicatissimo caso, ora la Roma alla ricerca del consenso popolare, riconquistare migliaia di tifosi con due idee sostanziali, dato che dei ventimila abbonamenti ipotizzati, solo 16mila scarsi

(contro i 18.617 dello scorso anno) sono stati sottoscritti. Primo, la chiusura della campagna slitta da oggi alle 17 di sabato. In pi, e questa la mossa pi spericolata, il club sta progettando una speciale card dal 23 settembre per aggirare la tessera del tifoso (contro cui insieme i suoi tifosi si strenuamente battuta) sulla quale caricare 16 biglietti elettronici (a prezzi popolari: 13 euro per le curve) per le gare di campionato allOlimpico, da Roma-Palermo fino a Roma-Catania. Decisivo sar il parere dellOsservatorio Nazionale, perch liniziativa somiglia molto a quella gi presentata - e bocciata lo scorso primo settembre - per un carnet di biglietti per tutta la stagione di campionato da vendere anche a chi non possiede la famosa Privilege Card, la tessera del tifoso romanista. Motivo: contrasterebbe con il punto 5 del protocollo dintesa firmato a giugno dai club e dallOsservatorio, in cui esplicitato come gli abbonamenti, compresi quelli per pacchetti di gare, possono essere rilasciati solo ai possessori di tessera del tifoso. Lorenzo Contucci, avvocato romano (e romanista), definisce loperazione legittima dal punto di vista giuridico. E il Viminale ha aperto un tavolo di confronto per cercare una mediazione.

ANALISI DI STAGE UP

Serie B italiana al top per conti e qualit Meglio solo i tedeschi


MILANO La Serie B italiana , dal punto di vista economico-finanziario, fra i principali campionati dietro la sola Bundesliga 2. Lo rivela lanalisi di StageUp-Sport & Leisure Business sui principali tornei cadetti in Europa (scaricabile su www.stageup.com). Il secondo torneo tedesco riesce a limitare il costo dei calciatori al di sotto del 50% del fatturato: la Serie B all84%, la Championship inglese al 93% e la Liga Adelante spagnola al 95%. La Bundesliga 2 vanta anche un indebitamento contenuto e garantisce una presenza media negli stadi doppia rispetto alla B. Circa il 20% delle risorse tedesche deriva dagli impianti di gara contro l8% del nostro torneo cadetto, il cui bacino dutenza questanno di 4,1 milioni contro i 3,1 milioni dello scorso anno (la nostra Serie A si attesta su 23,2 milioni).

Sorprenditi!

SPECIALE Cucina, living e camera da letto a meno di

10.000

la qualit Chateau dAx da cogliere al volo.

SERENA ROSSO COME IL FUOCO

590

3 POSTI (cm 216) RIVESTITO IN TESSUTO E COMPLETAMENTE SFODERABILE

O SUT E TES ERABIL D SFO 100%

Vai su www.chateau-dax.it e guarda il filmato con tutte le offerte! 140 negozi in Italia aperti anche domenica pomeriggio numero verde 800-132 132
Offerta valida fino al 2 ottobre 2011 solo nei negozi che aderiscono alliniziativa e limitata ai modelli oggetto della campagna pubblicitaria. Il prezzo del divano si riferisce al tessuto della categoria Special, nel colore come foto. Cuscinetti optional.

Goditi la vita! Scegli Chateau dAx.

36

Gioved 8 settembre 2011

[LECCO]

I NUMERI DI IERI
::: ::: ::: :::

[VARESE]

Il bar vieta lingresso a tutti i bestemmiatori


SALVATORE GARZILLO a pagina 45

21 auto rubate 41 borseggi 22 arresti 26 furti a bordo dauto

::: ::: ::: :::

98.100 parti allanno in Lombardia 27.730 parti con intervento cesareo 15% soglia consigliata dallOms 6.8% crescita dei cesarei in 8 anni

Niente fondi a Malpensa Il sindaco si incatena


MARCO TAVAZZI a pagina 45

CA' D' ORO


:::

Via De Amicis, 29/31 MILANO Tel. 02.8321130

www.cadoroarredamenti.it

ARREDA CON IL MASSELLO PROMOZIONI

CA' D' ORO

Redazione cronaca: viale Majno 42, 20129 Milano; telefono 02.999666; fax 02.99966227; email: milanocronaca@libero-news.eu; Pubblicit: PUBLIKOMPASS SPA, Via Winckelmann 1, 20146 Milano; Tel. 02.24424611 - Fax 02.24424490

Polemica sui disabili

I primati in arancione

SPIEGATE A GIULIANO CHE CHI GUIDA IL SUV


NON SEMPRE UN EVASORE
::: CARLO SALA
QQQ Chi parcheggia nelle aree di sosta riservate alle auto per disabili si beccher la multa e verr segnalato allAgenzia delle Entrate. Ovvio che chi si comporta cos meriti sanzione - e la multa gi prevista - ma linasprimento dei provvedimenti annunciato dal sindaco lascia esterrefatti. Ci sono studi che hanno trovato un consistente nesso tra chi non rispetta i disabili e chi viola la fiscalit ha spiegato Giuliano Pisapia su Facebook mentre Franco Bomprezzi, braccio destro dellassessore Pierfrancesco Majorino per le disabilit, ha testualmente indicato i titolari dei famigerati Suv come i tipici trasgressori delle aree per disabili. Proviamo allora a sbrogliare la matassa. Non raro, per cominciare, che chi ha un Suv abbia un reddito e una posizione professionale tali da consentirgli un posto auto tutto suo sia a casa sia al lavoro. Ma certo anche lui ogni tanto va al ristorante e l di riservato magari ha solo il tavolo. E allora che si fa? Lo si segnala come potenziale evasore fiscale a seconda del parcheggio? Lidea che chi possiede un Suv sia un evasore tanto per cominciare classista, snobistica e da caccia alle streghe: il binomio Suv-evasione sar anche statisticamente significativo - e su Facebook c chi ha chiesto a Pisapia di dar conto di quellasserita connessione - ma qui viene spacciata una coincidenza pressoch del 100% tra evasione fiscale e possesso del Suv. Prima di dirlo, fuori le prove. Prendiamo comunque per buono che chi ha un Suv molto probabilmente evade. Qual la conseguenza logica? Una soltanto: che qualunque titolare di Suv va segnalato al fisco, a prescindere da dove lasci la sua vettura. Magari fosse vera lequazione tra Suv ed evasione! Avremmo risolto il problema del gettito fiscale mancante! Invece facendo del titolare del Suv lemblema della fraudolenza si rischia solo di agevolare ulteriore evasione: basta laccortezza di girare con auto pi modeste. Non finita: se il Suv posteggiato abusivamente intestato a unazienda e concesso come benefit a persona in regola col fisco che succede? E se posteggiata dove non deve unutilitaria, niente segnalazione al fisco? Ma, soprattutto, se laccertamento unulteriore sanzione per il mancato rispetto dei disabili, allora una quota dei tributi eventualmente recuperati andrebbe appositamente destinata ai disabili stessi. Cos non risulta che sia e dunque resta la sgradevolissima sensazione che Pisapia cavalchi i disabili per fare cassa, con lo stesso tatto con cui alcuni guidano un Suv.

I 100 giorni da record di Pisapia Nessuna promessa mantenuta


Atm gratis e wi-fi libero: la giunta non ha realizzato neanche uno dei progetti annunciati
TROPPI CLIENTI, PIZZETTE CRUDE
QQQ Parole al vento, o quasi. Sicuramente promesse non mantenute. Sono la materia con la quale Giuliano Pisapia ha lastricato la strada della propria campagna elettorale. Obiettivi di primissimo mandato, da realizzarsi in que fatidici 100 giorni che danno la misura dellimpatto che il nuovo governo riesce a imprimere sullamministrazione. Giuliano tra un comizio e laltro assicurava sulla diffusione del Wi-Fi gratis in tutta la citt, sullistituzione di un organismo antimafia per la tutela degli appalti di Expo 2015, su unattenzione particolare da riservare alle periferie. Risultato? Aumenti Atm e Irpef ex novo a parte, tutte promesse mancate. Chi naviga in citt deve accontentarsi delle sporadiche reti libere, di commissioni antimafia manco lombra, e in periferia Pisapia lo possono vedere solo sui residui cartelloni elettorali.
EDOARDO CAVADINI a pagina 39

Il panzerotto di Luini non pi lo stesso


.
QQQ Ha messo il buttadentro allingresso, ma ormai non pi quello di un tempo. Il panzerotto di Luini ha perso lo smalto. La colpa, probabilmente, proprio del suo successo: troppi clienti. E la cottura non pi curata a dovere.
TOMMASO FARINA segue a pagina 41

Lex assessore Massari contro il pupillo di Penati

Io ho lasciato per un gossip, Maran ancora l


LESTREMA DIFESA

Il factotum di Filippo Mai visto illeciti


di GIORGIO MIGLIORE

Penati non vestiva Armani, altro che milioni di euro. Parla Pietro Rossi, presidente dellassociazione Fare Metropoli. a pagina 38

QQQ Lui le dimissioni le ha date davvero. Senza essere mai stato non il pupillo di Penati n aver promesso posti a persone segnalate dal suo padrino politico. Paolo Massari, 45 anni, esponente del Pdl dopo una vita in Forza Italia, stato il predecessore di Pierfrancesco Maran come responsabile dellAmbiente prima che la Moratti lo costringesse a to-

gliere il disturbo nel giugno 2010. Una parentesi di sette mesi tra le utopie di Edoardo Croci e le lettere - mai diventate denunce - di due donne che lo accusavano di averle importunate con atteggiamenti indecorosi. Sono stato fuori per un gossip, che nato e morto nel giro di pochi giorni racconta oggi Massari.
MASSIMO COSTA a pagina 38

La traduzione
I commercianti vorrebbero fermare Ecopass Carlo Monguzzi, consigliere comunale Cio: A noi va benissimo che i negozianti comprino loro abbonamenti annui e poi li regalino ai loro migliori clienti

Lultima messa del cardinale

Tettamanzi se ne va. Il Pd perde il suo sponsor


QQQ Questa sera lultima messa dellarcivescovo dallaltare del Duomo. Dopo nove anni, il cardinale Tettamanzi lascia la diocesi di Milano, consegnando il testimone al patriarca di Venezia Angelo Scola. Linsediamento ufficiale previsto per domenica 25 settembre alle 17.30 in Duomo. Con Tettamanzi, che si recher in riposo a Triuggio, si conclude unepoca contraddistinta da pi di una polemica contro lamministrazione Moratti. Il prelato non ha mai nascosto la propria distanza dalle politiche del centrodestra, entrando in aperto contrasto soprattutto con la Lega Nord. E in occasione della vittoria di Giuliano Pisapia alle amministrative, Tettamanzi ha parlato di una nuova primavera. Prima di lasciare, larcivescovo ha deciso di donare alla biblioteca Sormani la sua collezione di 9mila volumi.
ALBERTO MIRANTE a pag 39 IL CASO PENATI

E la sinistra applaude alle critiche del vescovo


di LINDA STROPPA

www.battiato.it

www.battiato.it

13 VILLA CLERICI
Marted
SETTEMBRE
ore 21,15

Via Terruggia 14- Milano Niguarda


INFO LINE 340.816.46.16

Lassessore Majorino concorda con lArcivescovo Tettamanzi, che ha sollevato la questione morale. a pagina 39

13 VILLA CLERICI
Marted
SETTEMBRE
ore 21,15

Via Terruggia 14- Milano Niguarda


INFO LINE 340.816.46.16

Gioved 8 settembre 2011 @ commenta su www.libero-news.it

38

CRONACA

Parla lex assessore ai Trasporti

Il delfino di Penati? Io lasciai per i gossip


Massari: Assurdo che uno come Maran resti in giunta
::: MASSIMO COSTA
QQQ Lui le dimissioni le ha date davvero. Senza essere mai stato non il pupillo di Penati n aver promesso posti a persone segnalate dal suo padrino politico. Paolo Massari, 45 anni, esponente del Pdl dopo una vita in Forza Italia, stato il predecessore di Pierfrancesco Maran come responsabile dellAmbiente prima che la Moratti lo costringesse a togliere il disturbo nel giugno 2010. Una parentesi di sette mesi tra le utopie di Edoardo Croci e le lettere - mai diventate denunce - di due donne che lo accusavano di averle importunate con atteggiamenti indecorosi. Sono stato fuori per un gossip, che nato e morto nel giro di pochi giorni racconta oggi Massari. Politicamente, la vicenda di Maran pi grave. Perch? Io sono stato fatto fuori dal fuoco amico. La Moratti ha preso per buoni dei pettegolezzi usciti sui giornali. Ho dato le dimissioni, ma in assenza di un esposto non ho nemmeno potuto difendermi. Lunico atto esistente, tra laltro, la mia denuncia per calunnia. La vicenda Maran, invece, presenta due aspetti politici di estrema gravit. Quali? Innanzitutto il comportamento della maggioranza. assurdo che si neghi il confronto in consiglio comunale, evidentemente la sinistra ha la coda di paglia. Poi - ed la cosa pi importante dal punto di vista politico - c la totale incompetenza di Maran. Ha delle deleghe pesantissime, ma tutte le decisioni prese nella sua materia passano sopra la sua testa. Si riferisce al licenziamento di Elio Catania in Atm? Quello stato deciso dal sindaco, ma non solo. Laumento dei biglietti stata una scelta dellasse Pisapia-Tabacci, la nomina in Amsa pure. Sulla congestion charge si sta affannando a smentire cose dette da altri. Il sindaco e i partiti fanno bene a difenderlo a spada tratta? Umanamente s, ma politicamente stanno sbagliando perch fuggono dal confronto in aula. Non dico che Maran se ne deve andare perch amico di Penati o perch disonesto, il problema che dal punto di vista politico oggi troppo debole. Dove si sta perdendo tempo? Noi siamo ancora in assenza di un piano delle acque e di un piano dellaria. Perfino le piste ciclabili, loro cavallo di battaglia, sono sparite. Quella sulla LULTIMA DIFESA Paolo Massari durante lultima conferenza prima delle dimissioni. Fotogramma direttrice di viale Argonne era gi finanziata ma ferma da mesi. Lunica cosa che ha detto Maran di abbassare i finestrini se fa troppo caldo in metr. Ha mai pi avuto un contatto con la Moratti? No, non lho pi sentita, ma IL CAPO DI FARE METROPOLI daltronde impossibile parlare con un muro. Di fronte ai pettegolezzi, su di me doveva quantomeno sospendere il giudizio, invece li ha presi per oro Non ho visto niente di sospetto. Penati non vesticolato. Ma io non ho fatto nienva Armani, una persona che vive normalmente alte e non sono accusato di nientro che milioni di euro. Avremo raccolto un po te. pi di 100mila euro, sicuramente eravamo lontanissimi dal milione ma anche da 500mila. Ha avuto pi solidariet MaA parlare, intervistato da Affaritaliani, ran dal Pd che lei dal Pietro Rossi, operaio di 62 anni, presiPdl? dente dellassociazione Fare MetroNella nostra coalipoli, finita sotto la lente di ingranzione mi hanno didimento degli inquirenti per il flusfeso in pochi. stato so di finanziamenti alle campagne un segnale di deboelettorali di Filippo Penati: le prolezza che, ne sono vinciali 2009 e le regionali 2010. Rossi convinto, alle elezioni racconta che nel 2008 si costato. La sinistra aveva chiesto le Filippo Penati Fotogramma dato vita allassociazione cos si poteva fare in modo sue dimissioni? di far convergere fondi di No. Sembra un paradosso, aziende che magari non volevano darli a un partito ma non lo . Mi dicevano: Noi politico. A balzare allocchio degli inquirenti sono i non centriamo, state facendo soldi versati a Nora Radice (circa 150mila euro), retutto voi....

Il factotum dellex presidente Pd: Mai visto illeciti


sponsabile della campagna dellex sindaco di Sesto: A Nora Radice in quanto mandataria della campagnadiFilippoPenatisono statifattiunaseriediversamenti in pi tempi - spiega Rossi -. Lei organizzava la campagna elettorale, i fondi servivano per fare quello. Mai avuto sospetti sullattivit dellassociazione? Non che mi interessassi in maniera particolare dell'associazione, ma in quella sede credo che non sia mai successo niente di "spettacolare". Sulla trasparenza dei versamenti non ci sono dubbi: Tutti dicono che le cose sono a posto, ci sono bonifici bancari in entrata e in uscita, per me non ci sono problemi. Rossi per precisa: Se poi loro nella causale ci scrivevano questo o quello, che cosa ne so io?. Alla fine, la difesa dellex braccio destro di Bersani: lo conosco da anni, una persona che vive normalmente. Con tutti questi milioni, ci avrebbe dovuto pagare altri lussi, no? Invece no. G. MIG.

CRONACA

Gioved 8 settembre 2011

39

@ commenta su www.libero-news.it

Il nuovo corso

Pisapia da record: zero promesse mantenute


Atm gratis, wi-fi per tutti e periferie ripulite: il programma dei primi cento giorni finito nel cestino
::: EDOARDO CAVADINI
QQQ Introduzione delladdizionale Irpef, aumenti per i biglietti Atm, stretta su Ecopass (pagano tutti indistintamente), ganasce al Pgt... Lelenco delle sorprese che Pisapia ha presentato ai milanesi neanche il tempo di cambiare la tappezzeria dellufficio da primo cittadino lungo e articolato. Soprattutto noto a chi sa che entro fine anno si trover con parecchi euro in meno, e zero servizi in pi. Ma per fare cos tante cose in appena tre mesi, il sindaco ha ovviamente dovuto accantonare altri interventi. Guarda caso, proprio quelli che - Pisapia dixit nel profluvio di interviste e interventi in campagna elettorale per il ballottaggio - avrebbero dovuto sostanziare i suoi primi cento giorni alla guida della citt. WI-FI PER TUTTI Lobiettivo era stabilito chiaro e tondo: Collegamento gratis per tutti con 500 Access Point per coprire lintera citt. Scuole, biblioteche, bar, uffici pubblici e le pensiline Atm sarebbero stati i nodi della rete. Lidea era quella di dare sostanza alla vagheggiata citt digitale che piace molto ai giovani e in campagna elettorale fa sempre la sua figura. Fino a ora, neanche unantennina pervenuta. SOS PERIFERIE I primi cento giorni da sindaco? Sar dove sono stato nei mesi scorsi: nei quartieri, a rimettere a posto tutto quello che negli ultimi cinque anni stato lasciato andare. Nero su bianco in unintervista fiume a Repubblica. Le periferie sono l che aspettano ancora che un assessore si faccia vivo, figuriamoci il sindaco. Troppo preso a star dietro alla foga tassatrice dellassessore Tabacci, Giuliano ha fatto in tempo a passare un paio di settimane al mare, salvo tornare ed essere sommerso dalla marea Penati-Maran. Di tempo per farsi vedere a Baggio e Quarto in effetti ne rimane ben poco (anche se un giro per le feste democratiche dItalia non se l negato). Stessa sorte per le mitologiche Case dei diritti che sarebbero dovute nascere, una per ogni zona. Ma forse, in tempi di tagli di bilancio, non stato un male. BICI MON AMOUR La partita investe in primis lassessore Pier Maran, patito delle due ruote e strenuo difensore dei ciclisti - tanto da voler bastonare tutti gli automobilisti con la famigerata congestion charge. Pisapia disse: Occorre collegare in tempi strettissimi le periferie al centro con le ciclabili. Fino a oggi, a parte la conclusione delle ciclabili targate Croci, lintervento pi eclatante stato installare i dissuasori di plastica in via Vittor Pisani. Regolarmente divelti da oscurantisti possessori di Suv. LOTTA ALLA MAFIA Anche in questo caso le parole di Giuliano da candidato con il vento in poppa si sono perse nellaere: Una delle prime cose sar listituzione di un organismo antimafia che sorvegli appalti e subappalti legati a Expo 2015. Detto, ma non ancora fatto. Di certo che Giuliano ha firmato laccordo di programma sottoscritto da Formigoni e Moratti, e che si fatto prestare i soldi dalla Regione per onorare limpegno in Arexpo. MEZZI GRATIS AI NONNI Vero cavallo di battaglia elettorale, si scontrato con le difficolt della copertura economica

:::

PAROLE AL VENTO

WI-FI OPEN PER TUTTI La citt digitale stato uno degli scenari dipinti da Pisapia durante la campagna elettorale. Promessa che avrebbe dovuto mantenere, almeno avviando il progetto di connessione cittadina, nei primi cento giorni di mandato. ATM GRATIS PER GLI OVER 65 Se ne riparler, se tutto va bene, lanno prossimo. Dopo aver approvato la misura in giunta, Giuliano deve passare dallaula consiliare. Inoltre se prima si comprendevano tutti gli over 65, adesso solo chi ha reddito inferiore a 16mila euro Isee. PERIFERIE DA SALVARE Se diventer sindaco far quanto fatto sino a ora, batter palmo a palmo i quartieri periferici. Il candidato Pisapia promise, ma non ha mantenuto. Fino a oggi al di fuori dei Bastioni non lo hanno visto.

nonostante gli aumenti dei biglietti di mezzo euro. La giunta ha dato lok, anche se avranno lagevolazione solo i nonni con un reddito Isee inferiore a 16mila euro, ma prima dellanno prossimo non se ne far niente. Occorre il placet del Consiglio comunale, e la battaglia si annuncia ostica. E di chicche disseminate in campagna elettorale ce ne sarebbero altre, come il discorso sul risparmio nelle consulenze. Per la cronaca, con il neo assunto Giovanni Nani a capo ufficio stampa si sfondato il muro del milione e mezzo.

IL COMUNE

Niente fondi per gli asili, corsi a rischio


Il rischio la chiusura di sezioni delle scuole materne del Comune, anche se non vogliamo arrivare a questo. Lallarme arriva dal vicesindaco e assessore allEducacaione Maria Grazia Guida ascoltata ieri dalla commissione Istruzione. Lindice puntato contro il governo e i vincoli del patto di stabilit che impedirebbe al Comune di coprire i buchi di insegnanti - una settantina appunto - assumendo personale a tempo determinato. Abbiamo una pianta organica per cui non possiamo fare concorsi e nemmeno attivare assunzioni su concorsi gi fatti ha spiegato la Guida, annunciando per che stiamo intervenendo con alcune soluzioni, sostituzioni di lunghe assenze, malattie, maternit, e integrando ore con cooperative che danno servizi di sostegno per la disabilit. La battaglia, questa volta politica, della giunta sar quindi rivolta contro Roma: Dopo la marcia dei sindaci contro la manovra, che stato un momento importante, nei prossimi giorni faremo una pressione pi forte insieme con altre citt perch assurdo che il patto di stabilit blocchi servizi inderogabili come quelli allinfanzia. Il vicesindaco ha ricordato che a Milano lofferta di posti alle materne data al 90% da quelle comunali (174 scuole contro le 22 statali in citt) e lo Stato per questi posti, a fronte di una spesa di 1.000-1.200 euro a bambino ci risarcisce solo del 20% dei costi. Mantenere questo fiore allocchiello della citt una decisione importante. Allorizzonte anche un piano di ristrutturazioni degli edifici scolastici pi degradati, e una revisione della distribuzione dei servizi allinfanzia nei quartieri, in particolare quelli nuovi, con lassessore allurbanistica De Cesaris, anche per risolvere il problema degli asili in cui restano posti vuoti a fronte di altri in cui la domanda molto alta. G. MIG.

Dionigi Tettamanzi stasera in Duomo celebrer lultima messa da arcivescovo di Milano [Ftg.]

Laddio del cardinale anti-Moratti

Lultima messa di Tettamanzi. Lacrime a sinistra


::: ALBERTO MIRANTE
QQQ Questa sera alle 20.30 il Duomo ospiter lultima messa del cardinale Dionigi Tettamanzi nelle vesti di arcivescovo meneghino. Loccasione la celebrazione solenne della Messa della Nativit della Vergine . Con questo ultimo atto ufficiale, il cardinale lascer la diocesi di Milano che ha guidato per nove anni, consegnando il testimone nelle mani del patriarca di Venezia Angelo Scola. Questultimo, infatti, domani a mezzogiorno presieder la cerimonia dei Salmi dellora sesta, prendendo cos la guida del suo nuovo gregge di fedeli. Linsediamento ufficiale sar per domenica 25, quando celebrer la sua prima messa in Duomo alle 17.30. Con Tettamanzi, che si recher in riposo e preghiera a Triuggio, si chiude unepoca pastorale contraddistinta da pi di una polemica nei confronti dellamministrazione Moratti. Il prelato non ha mai mancato di sottolineare - soprattutto in occasione delle celebrazioni di SantAmbrogio la propria distanza dalle politiche del centrodestra, entrando in aperto contrasto principalmente con la Lega Nord in materia di politiche anti immigrazione clandestina. Viceversa da Tettamanzi, in occasione delle elezioni amministrative, era arrivato un vero e proprio endorsement a favore del candidato Pisapia. A vittoria arancione in cassaforte il cardinale aveva parlato della festa arancione auspicando che fosse un inizio, nel segno di una nuova primavera. Esternazioni che avevano mandato in brodo di giuggiole il neo sindaco, capace di catalizzare attorno a s moltissimi voti provenienti dal cattolicesimo sociale (confermati poi da una rappresentanza in Consiglio non indifferente). Prima di lasciare la diocesi il cardinale ha deciso di donare la propria biblioteca privata alla Sormani: una collezione di 9mila volumi composta da testi di teologia, sapienziali, storici. Come segno di ringraziamento per il suo mandato, il Consiglio episcopale aveva promosso una raccolta fondi straordinaria per il Fondo Lavoro Famiglia, voluto da Tettamanzi, che scadr alla fine dellanno. Al 5 settembre con la campagna Grazie Dionigi. Noi andiamo avanti sono stati raccolti pi di 100mila euro.

DOPO LAFFONDO DEL VESCOVO SU PENATI

Majorino si flagella: Giusti gli attacchi al Pd


Arriva inaspettata la dichiarazione dellassessore alle Politiche Sociali sul richiamo alla politica dellArcivescovo di Milano che criticato il ritorno a Tangentopoli: difficile smentire il cardinale sulla questione morale, ha detto Pierfrancesco Majorino, il quale, se su famiglia e coppie di fatto non ha mai fatto mistero delle proprie idee divergenti, sullaffarePenati accorcia lasua distanza dal pensiero della Curia. Deve rinunciare alla prescrizione, si era affrettato a spiegare allindomani dellautosospensione di Penati dal Consiglio regionale, svelando in modo palese le divergenze nate allinternodelPartito Democratico-nelquale non escludo altre mele marce - e criticando lo stesso Bersani, troppo morbido nei confronti del suo braccio destro. Come amministrazione abbiamo la responsabilit di dimostrare che la cosa pubblica pu essere gestita bene, ha detto lassessore al Welfare ieri mattina, al termine di un incontro a palazzo Marino, commentando il giudizio del cardinale in unintervista a Famiglia Cristiana. Un richiamo giusto e forte. Da condividere. Credo che la cronaca giudiziaria di questi giorni non faccia che confermare la necessit di tenere ancora pi alta lattenzione allinterno dei partiti ha spiegato -. Amministrare nel segno della trasparenza possibile. L.STR.

40

Gioved 8 settembre 2011

Speciale a cura di Publikompass

I L B I O I L T R E N D D E L M O M E N TO N E L S E T TO R E D E L LA R R E D A M E N TO

Vivere naturale per vivere meglio


Lutilizzo di materiali sostenibili e lattenzione al cliente hanno contribuito a fare di Tablinum uno dei punti di riferimento per la clientela pi esigente nel settore dellarredamento
ablinum dal 1992, che persegue la sua mission di elaborare il concetto di Arredamento Naturale tramite unattenta e curiosa ricerca di materiali, forme e innovazioni tecnologie che possano migliorare la vita di chi sceglie di afdarsi a questa azienda per arredare la casa. La partecipazione alle pi importanti ere del settore, soprattutto quelle nord europee, dove il vivere naturale ha radici profonde, ha permesso allazienda di rimanere sempre aggiornata sulle innovazioni e di proporre ai clienti sempre nuove proposte in linea con il concetto di vivere naturale. Tablinum linterprete di questo nuovo concetto dellabitare e la scelta ecologica al centro della sua realt dimpresa. Lo show room, inaugurato nel centro commerciale di Milano, in Via Settala 8, il cuore pulsante di Tablinum ed dedicato allarredamento ecologico per tutta la casa. Oltre alla vendita di mobili Tablinum offre servizi di ristrutturazione, seguendo la sessa losoa del ritorno alla natura come fonte di energie e di benessere. Qui il

concetto di natura da toccare con mano si esprime compiutamente. Lo show room ospita periodicamente anche manifestazioni culturali: le aziende partner trovano qui spazio per esporre e fare da testimoni di questo stile. I mobili Tablinum e quelli delle aziende con cui collabora, sono di prima qualit. Le partner di Tablinum, come

Alpes, specializzata in cucine in acciaio, sono riconosciute a livello europeo. Tablinum realizza progetti personalizzati e lavori su misura, avvalendosi di una falegnameria nel cuore della Brianza, dove i mobili si costruiscono ancora per passione e con un fare artigianale che rende i mobili delle vere opere darte.

La progettazione e la consulenza sono il punto di forza offerto al cliente. E tutti i lavori, sino al montaggio e allassistenza post-vendita, anche a distanza di tempo, sono seguiti personalmente dal team aziendale. Le proposte darredo spaziano dalle cucine ai soggiorni; dalle librerie alle camere da letto. Tutte realizzate completamente

in massello e con niture naturali quali oli e cere. la camera da letto il locale dove pi importante circondarsi di materiali naturali. Ecco perch Tablinum offre sistemi per dormire costruiti in legni naturali e materassi in lattice o lana, nati dallesperienza e dalla sicurezza di studi medici. Allo stesso modo importante, sul luogo di lavoro, o durante il relax serale, che la postura sia corretta: la selezione di poltrone e sedute di Tablinum frutto di un approfondito studio ergonomico atto a garantire una naturale seduta. E sono realizzate con cura per garantire il massimo confort. Tra i servizi offerti da Tablinum spicca la formulazione dei capitolati in chiave bioedile, grazie alla collaborazione di personale qualicato e con maturata esperienza nellanalisi dellambiente e della biocompatibilit. Per offrire ci utilizza pitture, vernici, smalti, cere ed oli esenti da prodotti tossici che garantiscono la cura non solo della casa ma soprattutto di chi vi abita. A.P.

CRONACA

Gioved 8 settembre 2011

@ commenta su www.libero-news.it

41

La crisi di un mito

LA POLEMICA

Il panzerotto di Luini lascia lamaro in bocca


Troppi clienti: lo storico panificio ha perso qualit
::: TOMMASO FARINA
QQQ Ha messo il buttadentro allingresso, ma secondo molti non pi quello di un tempo. Sar vero? Non c niente di meglio che fare un salto da Luini, il panzerottaro di via Santa Redegonda, a un minuto (a piedi) dal Duomo. Il verdetto? Qualcosa si perso, ma rimane sempre un bel mangiucchiare. Il famigerato bodyguard in realt un signore che si preoccupa di canalizzare le persone pazientemente in coda. Una coda che inizia prima delle 12. Ci si mette in fila e si aspetta, non troppo a dire il vero, poich le signorine al bancone sono gentili e celeri. A un certo punto, arriverete allingresso. Sorpresa: linterno ruspante e datato, da panetteria anni Settanta, non c pi. Da Luini, esercizio sulla breccia fin dagli anni Quaranta, si sono dati un nuovo look che qualcuno potrebbe chiamare di design. E un tabellone coi prezzi di tutte le pietanze offerte, non poche. Finalmente si arriva al banco e si guardano i panzerotti disponibili. Costano circa 2,50 euro, tranne il panzerotto base (mozzarella e pomodoro) che ne costa 2,20, e che il pi gettonato in assoluto. La prova di questultimo a luci e ombre. Certo buonino. Si lascia mangiare. Ma lascia un po lamaro in bocca quella mozzarella centrale, cos poco fondente, ancora solida o quasi. Forse, a causa del grande successo, devono friggerli pi sbrigativamente. Il difetto viceversa non presente nei panzerotti integrali con le zucchine. Questi ultimi si rivelano anzi i migliori: limpasto di farina integrale decisamente fragrante, quasi croccante. Al centro, la mozzarella, al morso, sallunga in lussuriosi e sensuali fili. E le zucchine sono buone. Il panzerotto col salame piccante, uno dei classici intramontabili del negozio, denota invece, rispetto ad anni fa, una drastica riduzione della quantit di farcia. O almeno, cos sembra a un FRITTO MILANESE Lo storico panificio F.lli Luini di via Radegonda si rifatto il look assaggio circostanziato. Buono, buono. Per la pasta prevalente. Un problema che non ha il succulento panzerotto con cipolle e olive, in cui il ripieno a dir poco traboccante, oltre che molto apprezzabile. Sintesi? Probabilmente la decadenza percepita dai pasdaran del panzerotto normale: se si scelgono diavolerie pi moderne, si esce ancora soddisfatti. Ma certo, limprinting del prodotto pi famoso ha il suo peso...

Tra Comune e Milano Moda scende il gelo


Leggendo le recensioni sulla presentazione delle prossime sfilate donna, sembrerebbe tutto rose e fiori. Ma da unattenta osservazione si pu notare pi di una divergenza di vedute, tra lattuale giunta comunale e la Camera della Moda. Seduto a fianco di Stefano Boeri, assessore alla Cultura, il Cavalier Mario Boselli, Presidente CNMI, sembrava assai distante. Tre essenzialmente i nodi del contendere. Il primo, pi immediato e oneroso, verte sul pagamento o meno da parte degli stilisti della tassa di occupazione del suolo pubblico alla Loggia dei Mercanti. Il secondo punto si focalizza sullutilizzo di piazza del Duomo per i dfil. Se il buongiorno si vede dal mattino larchitetto Boeri porr barricate pur di non vedere qualsivoglia struttura allombra della Madonnina, sconfessando in pieno loperato dei predecessori. Ma in prospettiva futura la situazione pi dolente riguarda la bocciatura di Palazzo Dugnani come quartier generale della Moda meneghina. Niet per il prestigioso edificio di via Manin, scelto dopo mesi di riunioni tra la giunta Moratti e il sistema Moda, bens ricerca di un diverso spazio museale, ancora da individuare. Tradotto: ancora per molti anni la capitale mondiale del fashion, non avr a sua disposizione una struttura di sostegno. Peccato. M.DEA.

Ricoverata la madre dellemiro di Dubai

Al San Raffaele arrivano gli sceicchi. Ospedale blindato


::: LINDA STROPPA
QQQ Una squadra di dieci Bmw nere che presidiano costantemente lingresso del Diamante, il nuovo edificio del San Raffaele, in cui ricoverata da due giorni la madre di Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai City. Lanziana sotto osservazione per una patologia cardiaca al Reparto solventi, unarea privata del San Raffaele, che offre servizi personalizzati: a partire dal men dei pasti, fino al parrucchiere e alla piscina. Ma anche due suite con salottino, terrazzo, cassaforte e vasca idromassaggio. Secondo voci di corridoio, la famiglia reale avrebbe a disposizione molte camere del reparto, con un servizio di sorveglianza potenziato e garantito dal personale dellospedale Perch lo Sceicco, uomo chiave del giro daffari e della politica del Medio Oriente sia volato a Segrate invece che far curare la madre in uno degli attrezzatissimi centri ospedalieri degli Emirati non dato saperlo, ma si pu immaginare. innegabile lamore di Al Maktoum per il nostro Paese. Ma soprattutto per il calcio italiano: nonostante siano state smentite le voci che parlavano di un possibile acquisto delle azioni del Milan da parte della famiglia reale di Dubai, la compagnia araba Fly Emirates - grazie a un accordo di 60 milioni di euro ed altri bonus - sar fino al 2015 sponsor ufficiale della squadra di Silvio Berlusconi. Che sia stato proprio il premier a consigliare ad Al Maktoum di scegliere il polo di don Verz per le cure del genitore?

42

Gioved 8 settembre 2011

MILANO E LOMBARDIA

Gioved 8 settembre 2011

43

@ commenta su www.libero-news.it

TuttoMilano
::: le lettere
INTEGRAZIONE

Agenda
FARMACIE
Turno diurno
(dalle ore 8,30 alle ore 21,00) CENTRO (Zona Duomo, P. Volta, Garibaldi, Monforte, Lamarmora, Carrobbio, Magenta): p.za S. Maria Beltrade, 1; c.so Monforte, 19; v. Moscova, 22; v. Boccaccio, 26. NORD (Bovisa, Affori, Niguarda, Greco, Quarto Oggiaro, Staz. F.S. Garibaldi): v. Cinque Maggio, 1; v. Grigna, 9; v. Ciaia, 3/a; v. De Angelis, 15; v. Tonale, 26. SUD (Ticinese, Vigentina, Rogoredo, Barona, Gratosoglio): p.le Gabrio Rosa, 11; p.le P.ta Lodovica, 2; v. Barrili, 20; v. Lodovico il Moro, 3. EST (Venezia, Vittoria, Romana, Loreto, Citt Studi, Lambrate, Ortica, Forlanini, Mecenate): v. Vitruvio, 11; v. Rovereto 14 ang. viale Monza; v. Maiocchi, 14; v. Palmanova, 67; V. Porpora, 148; v.le Romagna, 25; c.so XXII Marzo, 23; v.le Umbria, 19; v. Bonfadini, 87. OVEST (Lorenteggio, Baggio, Sempione, S. Siro): v. Solari, 40; v. Lorenteggio, 208; v. Bagarotti, 40; v. Zanzottera, 12; v. Pollak, 8 ang. v. Novara, 90; v. Marghera, 18; v. Collecchio, 4; p.za Sempione, 8.

Il Pd invoca la trasparenza ma sfugge al confronto su Maran


Caro Besana, lex vicesindaco De Corato ci ha provato in tutti i modi a chiedere delle spiegazioni sulla faccenda Maran, mai ci ha rinunciato. Pisapia ha dribblato il consiglio comunale. Quella di De Corato per non era una richiesta da poco, dato che in ballo c una storia di affari e tangenti, in cui lassessore alla Mobilit, che i giornali hanno definito pupillo di Penati, potrebbe centrare qualcosa. Il condizionale dobbligo perch Maran ad oggi non indagato. I cittadini, per, vorrebbero sapere la verit: dalla delega assegnata da Pisapia allassessore fino ai fantomatici sms spuntati dai faldoni dei pm che tirano in ballo sia il giovane assessore che il capo di gabinetto del sindaco, Maurizio Baruffi. De Corato ha chiesto una riunione del Consiglio comunale per fare chiarezza. Magari Maran non ha fatto nulla. Meglio cos. Ma perch nascondere la testa sotto la sabbia e lasciar correre come se niente fosse. Proprio la sinistra poi, pronta a puntare il dito contro intercettazioni, fango e vicende personali del resto della classe politica. La stessa sinistra di Pisapia, che ha condotto una campagna elettorale allinsegna del dialogo (fino ad oggi gli unici con cui ha dialogato davvero sono stati i musulmani). Ma soprattutto allinsegna della trasparenza, sbandierata come prerogativa del Pd. Abbiamo visto quanto era trasparente Filippo Penati. Bel modo davvero di fare politica: criticare gli altri e fare peggio. Lho detto a giugno e lo ripeto: fidarsi bene, non fidarsi meglio (soprattutto del Pd). Giulio Trovarelli e.mail Risponde Renato Besana Caro Trovarelli, Maran, che stato eletto grazie ai voti di Penati, ha gi provveduto a rinnegare il suo benefattore: un comportamento che descrive la tempra dellassessore ai trasporti, confermando un vecchio adagio: la gratitudine il sentimento che si prova prima di ricevere un favore. Latteggiamento di Pisapia, che nega qualsiasi confronto sul caso, ha ottenuto lunico risultato di addensare i sospetti.

Rispetto per il niqab, ma resta la paura


Ieri, uscendo di casa, ho girato langolo e mi sono trovata davanti una donna islamica con il niqab, che, per intenderci, il velo che copre interamente il volto lasciando solo una fessura allaltezza degli occhi. A parte il sentimento di paura misto a stupore, ho pensato che dietro quel pezzo di stoffa - che, per carit, anche un simbolo religioso - avrebbe potuto esserci chiunque. Solo di una cosa ero certa: che si trattava di una donna (perch si intravedevano le forme del corpo femminile). Mi chiedo: non esiste in Italia una legge che obbliga a essere sempre riconoscibili e identificabili? Sabina Zema e.mail

Turno notturno
(dalle ore 21 alle ore 8,30) v. Boccaccio, 26; p.za Duomo, 21; p.za Cinque Giornate, 6; c.so Magenta, 96; p.za S. Maria Beltrade, 1; p.za Clotilde, 1; p.le Sempione, 8; v.le Zara, 38; v.le Testi, 90; Ripa Ticinese, 33; Stazione Centrale (Gall. Delle partenze); Stazione Garibaldi; v. Stradivari, 1; c.so Buenos Aires, 4; v. Celentano, 1; v.le Lucania, 6; v. Boifava, 31/b; c.so S. Gottardo, 1; v. Lorenteggio, 208; v. Buonarroti, 5; v. Canonica, 32; v. R. Di Lauria, 22; v Vigevano, 45; v.le Ranzoni, 2.

NUMERI -UTILI Soccorso pubblico polizia........................113


Carabinieri.................................................112 Vigili del fuoco ..........................................115 Emergenza medica ....................................118 Corpo forestale dello stato......................1515 Guardia di Finanza .................117 (02.62771) Vigili urbani......................................02.77271 PRONTO SOCCORSO Guardia medica................................02.34567 Fatebenefratelli ............................02.6363469 Policlinico.........................................02.55031 San Carlo ...........................................02.4022 San Paolo...........................................02.8184 San Raffaele.....................................02.26431 ASSISTENZA Alcolcorrelati ..............................02.33029701 Antiveleni...................................02.66101029 Anziani.......................02.8911771/89127882 Handicap ...............02.88463050/02.077/078 Odontoiatrica.............................02.66982478 Ortopedica-Traumat. .....................02.582961 Ostetrica ..........................................02.57991 Pediatrica ...................02.3119233/33100000 Psichiatrica .................................02.58309285 Tossicodipendenza .....................02.64442452 Ustioni .....................02.64442381/64442625 TELEFONI UTILI Cittadinanzattiva........................02.73950559 Lac Lombardia ...........................02.58306583 Linea Amica (ore 20-24)............02.39325273 Sordomuti DTS. .........................02.48204247 SOS Usura. ................................02.72022521 Tel. Amico Milano Sud...............02.48203600 Tel. Donna .................................02.64443043 Telefono Azzurro...................................19696 Telefono Azzurro (per i maggiori di 14 anni) ...........051.481048 Trib. diritti del malato...................02.7389441 Voce Amica................................02.70100000 Linea Verde Droga .......................800.458854 Alcoolisti Anonimi ........................02.3270202 Tel. Blu Sos Consum. .................02.76003013 Telefono amico ..........................02.55230200 ENPA Milano..............02.9706421/97064230 Ass. Consumatori.......................02.36599999 SERVIZI PUBBLICI Comune............................................02.02.02 Anagrafe servizio tel. ...................199.199600 Servizio sociali Milano..................800.777888 Multe e tasse comunali................800.851515 GAS ...................................................02.5255 Elettricit AEM ...................................02.2521 Elettricit ENEL.................................02.23201 Acquedotto................................02.84772000 AMSA ..........................................800332299 TRASPORTI ATM ............................................800.808181 Ferrovie Nord Milano.......................02.85111 Trenitalia .............................................892021 Radio Bus...................................02.48034803 Aeroporto Malpensa ..................02.58583218 Aeroporto Linate..........................02.7382787 Aeroporto Orio al Serio................035.326323 Malpensa Express ........................199.151152 Trasporto Orio al Serio....................86464854 Taxi Numero Unico .......................848814781 Radio Taxi Milano ..............................02.8585 Radio Taxi Milano ..............................02.6969 Radio Taxi Milano ..............................02.4040 Radio Taxi Malpensa....................800.911333 ACI - Soccorso Stradale ......................803116 BENZINAI NOTTURNI Viale Marche 32.......................dalle 22 alla 1 Piazzale Accursio ......................dalle 22 alle 7 Viale Liguria 12 ........................dalle 22 alle 7 Piazzale Baracca .......................dalle 22 alla 1 Viale Certosa 228 .........................fino alle 23

PARCHEGGIO DISABILI

Le lettere via e-mail vanno inviate a: milanolettere@libero-news.eu sottolineando nelloggetto: lettere a LiberoMilano. Via posta vanno indirizzate a: LiberoMilano - viale L. Majno 42 - 20129 Milano; via fax al n. 02.999.66.227. Vi invitiamo a scrivere lettere brevi. La redazione si riserva il diritto di tagliare o sintetizzare i testi.

Che idea assurda il controllo sui redditi


Lassessore alla mobilit minaccia gli automobilisti che parcheggiano illegittimamente sulle strisce riservate ai portatori di handicap, promettendo ferrei controlli sulla dichiarazione dei redditi. Ma, mi chiedo, cosa centra il reddito di chi parcheggia abusivamente, magari per la mancanza di altri posti auto? E soprattutto, vorrei sapere da Maran una cosa: se mi controllassero il modello 730 e non trovasser alcunch di sbagliato o illegale, non mi darebbero la multa? Perch se cos - visto che dichiaro tutto saprei dove trovare posteggio... Marcello Sorichetti e.mail

APPUNTAMENTI
Pinacoteca in classe il museo per i giovani
svolgere tra i banchi con gli insegnanti. nel segno della moda. Coinvolte le istituzioni locali e le scuole di moda, con lo scopo di valorizzare limmagine di Milano come citt delle sfilate. Previste tariffe aeree agevolate, alberghi convenzionati, biglietti ridotti per le mostre e un portale bilingue per accedere alle notizie necessarie.

___________________________ Venerd, ore 11.30, via Brera 28, ingresso libero

Agostini e Lucchinelli a Como con Dainese


MOTORI Parte oggi da Vicenza lItalian Legendary Tour, lappuntamento on the road di Dainese e Agv giunto alla terza edizione. Un Tour fra le terre pi belle dItalia che domani alle 13.30 arriver per un open day allHangar Aereo Club di Como (viale Masia 44): presenti il mito Giacomo Agostini, il funambolo Marco Lucchinelli e Claudio Corti, pilota della Moto2. Sabato ultima tappa alle 18.30 presso il Mirafiori Motor Village, in piazza Cattaneo 9, a Torino.

___________________________ Oggi, centro storico di Milano

GIRO DI PADANIA

Stupido rovinare lo sport con la politica


Che tristezza che anche una gara sportiva come quella ciclistica del Giro di Padania venga strumentalizzata dalla politica, come avvenuto marted, alla prima prima tappa del Giro. Ma non si riesce a starsene buoni almeno durante un giro in bici - gara a cui tra laltro partecipano dei professionisti, indipendentemente dal partito politico? Gianluca Anselmi e.mail

ARTE Il primo giorno di scuola si avvicina. E la Pinacoteca di Brera apre le sue porte agli studenti di Milano. Venerd pomeriggio e sabato mattina gli educatori del museo illustreranno agli insegnanti i percorsi didattici attivati per lanno scolastico 2011-2012. Anche questanno il programma molto ricco. Obiettivo: rendere lo spazio del museo accessibile al pi ampio numero di giovani. Le proposte sono differenziate per et e obiettivi, con approcci diversi e difficolt crescente. I percorsi Alla scoperta di Brera e A Brera... anchio fanno parte della programmazione scolastica e prevedono, oltre alle visite e ai laboratori in Pinacoteca, specifiche attivit da

Milano di corsa per bimbi in ospedale


SPORT Torna a Milano Media running challange. La corsa, promossa da Coca-Cola HBC Italia, mira a raccogliere fondi destinati allAssociazione per il bambino in ospedale. Le iscrizioni, gi partite online, potranno effettuarsi da domani fino al 10 settembre allo Urban center della Galleria Vittorio Emanuele. Lappuntamento per il 25 settembre. Prevista una corsa competitiva da 10 chilometri. I meno allenati potranno cimentarsi, invece, nella 5 chilometri non competitiva per le vie della citt.

___________________________ Domani ore 13.30, a Como in viale Masia 44, ingresso libero

Hotel pi economici per le sfilate milanesi


MODA Prende il via oggi la terza edizione di Milano fashion city, liniziativa della Camera di commercio che promuove la citt

___________________________ Domani, dalle 11 alle 17, Galleria Vittorio Emanuele, iscrizione 10 euro

MERCATI
Oggi
AMPERE - Via Ampre - zona 3 CALATAFIMI - Via Calatafimi - zona 1 CALVI - Via Melloni - zona 4 CESARIANO - Viale Elvezia - zona 1 DE PREDIS - Via Jacopino da Tradate - zona 8 DI RUDIN - Via Antonio di Rudin - zona 6 ORBETELLO - Via Orbetello - zona 3 OSOPPO - Via Osoppo - zona 7 ROMBON - Via Rombon - zona 3 SAN MARCO - Via San Marco - zona 1 SEGNERI - Via Segneri-Via Reccaro - zona 6 TONEZZA - Via Tonezza - zona 7 TRAVERSI - Via F.lli Antona Traversi - zona 8 UNGHERIA - Viale Ungheria - zona 4 VAL MAIRA - Via Val Maira - zona 9

Domani
BENACO - Via Benaco - zona 4 BONOLA - Via Cechov - zona 8 CANALETTO - Via Canaletto - zona 3 CATONE - Via Catone - zona 9 CITTADINI-ARSIA - V. Cittadini-V. Arsia - zona 8 CREMA - Via Crema - zona 5 CURIEL - Via Curiel - zona 6 DEI GUARNIERI - Via Dei Guarnieri - zona 5 FRATELLI DI DIO - Via Fratelli di Dio - zona 7 GRATOSOGLIO NORD - Via Baroni - zona 5 MARCO AURELIO - Via Marco Aurelio - zona 2 NEERA - Via Neera - zona 5 PAGANO - Largo V Alpini - zona 1 PISTOIA - Via Pistoia - zona 7 STRESA - Via Stresa - zona 2

LAVORI IN CORSO
Chiusura al traffico: Via Arona (tratto da Giovanni da Procida a p.le Carlo Magno): per lavori di approntamento cantiere logistico per la metropolitana linea 5. Termine lavori previsto: 2015. Via Ruggero Bonghi: seguire le deviazioni locali del traffico, lavori causa corsia chiusa al traffico tra Via Francesco Brioschi e Via Giovanni Pezzotti dalle 07:00 del 5 alle 16:00 del 5 settembre 2011 . Via Arcangelo Corelli: (tratto da via Tucidide al confine col Comune di Segrate) chiusura al traffico per lavori MM di posa nuova tubazione fognatura. Termine lavori previsto: 11 novembre. Via San Barnaba, via Pace (tratto da via San Barnaba a via Fanti): chiusura al traffico per lavori A2A teleriscaladamento. Il traffico veicolare deviato su itinerario alternativo segnalato in luogo. Termine lavori previsto 9 settembre. Via Giuseppe Ripamonti: divieto di transito causa lavori tra Via Noto e Via dell'Assunta in entrambe le direzioni - Per "rincalzatura" dei binari tranviari e rifacimento della pavimentazione. Dal 1 settembre al 16 settembre 2011. Traffico difficoltoso in: Via Cenisio: diffi- colt di circolazione per la chiusura della rotatoria a seguito lavori MM5. Termine lavori previsto Aprile 2015. Via S. Dionigi per Via Ronbon: restringimento della carreggiata in direzione Segrate per lavori di rifacimento dello svincolo; il cantiere comporter la chiusura dell'entrata in Tangenziale Est (carreggiata sud) dir. Bologna. Lavori fino al 31 ottobre 2011. Via della Moscova: difficolt di circolazione causa lavori di rimozione binari dismessi. Istituzione del senso unico di marcia in direzione periferia. Termine lavori: 11 settembre 2011. Via Giuseppe Mazzini: possibili rallentamenti dalle 10:40 del 1 alle 12:30 del 1 settembre 2011 causa lavori di manutenzione di scambi tranviari. Carrobbio: possibili rallentamenti dalle 08:30 del 1 alle 10:30 del 1 settembre 2011 causa lavori di manutenzione di scambi tranviari.

44

Gioved 8 settembre 2011

LOMBARDIA

Gioved 8 settembre 2011

45

@ commenta su www.libero-news.it

Bevera di Barzago (Lecco)

CRISI MALPENSA

Il bar vieta lingresso a chi bestemmia


il parroco del posto, don Ambrogio Gatti, nel bar hanno deciso di mettere fine alla malsaQQQ Accipicchia! Cavolo! Ac- na tradizione. Il parroco ed io ciderbolina! Da qualche giorno abbiamo deciso di prendere nel Bar DImbevera di Beve- dei provvedimenti, ha racra di Barzago, in provincia di contato la dipendente del loLecco, sono ammesse solo cale Giuditta Colombo a Il queste imprecazioni. Basta giornale di Merate. Ci stato improperi volgari o, peggio, fatto notare come molte volte bestemmie a tutte le ore del sia capitato che alcuni clienti giorno e della notte. Per chia- usassero parolacce o bestemrire a tutti gli avventori il con- miassero dentro il bar, giocancetto stato anche affisso un do a carte, presi dallentusiacartello in bella mostra: In smo, e la cosa non risultava questo locale vietato bestem- opportuna considerando lambiente circostanmiare!. Con tanto di te. neretto e punto esclamativo miIn principio fu il divieto di funaccioso. Il bar noto mo. Poi arriv quello sulla nella zona per essere un punto somministrazione di alcolici di ritrovo per molti anziani dopo un certo orario e, pensionati che, tra un bicchiere e laltro, pi reDon Ambrogio Ratti centesi lasciano andare spesso a commenti dimente, sinvolti. Niente di strano, teo- quello di ingresso ai marocchiricamente sarebbe il linguag- ni (vedi il caso di Alassio). Ora, gio che (purtroppo) ci si aspet- tocca alle bestemmie. ta in un qualsiasi bar della proQualcuno mi aveva segnavincia. Peccato per che quello lato di come alcuni assidui fredi Bevera si trovi sulla strada quentatori del bar, senza acprovinciale a due passi dal corgersi forse, usassero un linsantuario e dal monumento guaggio poco consono al luodedicato alla Madonna. Un go in cui si trovavano, manluogo di passaggio, dunque, cando in qualche modo di ridove pu accadere che un fe- spetto ai pellegrini, dichiara dele ancora assorto nelle sue don Ratti, che tiene a spiegare: riflessioni si imbatta nelle La nostra stata una sempliesternazioni poco ortodosse ce proposta. Sono certo che i signori che si recano al bar abdegli habitu. Cos, dopo una consulto con biano ora ridimensionato il loBARZAGO (LECCO)

Via i fondi e il sindaco Locale troppo vicino al santuario: il parroco impone il veto per non spaventare i pellegrini si incatena
::: SALVATORE GARZILLO
I comuni sono in crisi, ma c sempre chi se la passa meglio. il caso di Trapani che, per via della guerra in Libia, riuscito a scippare alle altre citt aeroportuali i rimborsi della tassa di imbarco. Un danno economico notevole, soprattutto per i comuni dellarea di Malpensa. I quali sono scesi sul piede di guerra. E il pi indiavolato il sindaco di Ferno Mauro Cerutti, che con 280mila euro allanno era il primo ente locale per rimborsi. Oggi quei soldi sono, il caso di dirlo, volati via. E lui annuncia che, se non torneranno, si incatener per protesta davanti al Municipio. Sono pronto a incatenarmi all'entrata del Comune per protestare contro lo Stato, che ci ha tolto i soldi sui diritti di imbarco. Soldi messi dai cittadini che prendono un aereo e che lo Stato ci deve, ma non ci vuole dare. In maniera plateale dichiarer di uscire dal patto di stabilit perch costretto, dunque legalmente. Mi hanno rubato i soldi. Il punto di rottura potrebbe arrivare gi oggi. A Roma si riuniranno i vertici delle associazioni dei comuni italiani, tra cui anche lAcai, quella dei comuni aeroportuali, guidata da Mario Aspesi. Se non ci sar un cambio di rotta - commenta il sindaco di Ferno - mi incatener. MARCO TAVAZZI

MALEDUCATI BANDITI ro linguaggio e abbiano colto il senso della nostra gentile richiesta. Per strano che possa sembrare, listanza non insolita. Qualche tempo fa tocc ai clienti del bar Lamico di Charlie di Imbersago cambiare linguaggio. Anche in quel caso il titolare fu costretto a intervenire per limitare labitudine di bestemmiare quasi a ogni bicchiere dacqua servito. Del resto, se la chiesa la dimora del Signore, il bar la casa di tutti, e tra gli inquilini potrebbe esserci anche qualche maleducato. sempre stato Il cartello esposto nel bar di Bevera di Barzago per dire basta alle bestemmie dei clienti cos, e ogni locale che sopravviva al vento sferzante della crisi e abbia la forza di diventare un punto di ritrovo storico, finisce con lavere un dizionario personale dellimprecazione. In ogni hinterland che si rispetti assolve al ruolo di letteratura popolare, con variazioni sul tema che identificano meglio di una targa. Tra camionisti il modo pi rapido per capire chi si ha davanti. La storia, raccolta dal GdM ha rapidamente fatto il giro dei locali della zona per sbarcare infine a Milano, dove comincia a serpeggiare il terrore che un divieto simile possa prender piede in citt. Impossibile dimenticare lappello di Pisapia allinizio dellestate: Segnalateci le iniziative interessanti che trovate in altre citt. Cosa accadrebbe se qualcuno raccontasse il sistema dei titolari del bar di Bevera di Barzago e il primo cittadino dovesse innamorarsene? Per fortuna, il popolo arancione pieno di educatissimi professori.

46

Gioved 8 settembre 2011

I FILM

a cura di Giorgio Carbone

::: TEATRI
ALLA SCALA
Riposo
PIAZZA SCALA - 0272003744

ARSENALE

VIA C. CORRENTI - 028321999

Ruggine
Regia: Daniele Gaglianone Cast: Filippo Timi Genere: dramm Dove: Bicocca

Cose dellaltro mondo


Regia: Francesco Patierno Cast: Abatantuono Genere: comm Dove: Odeon

Lanterna verde
Regia: Martin Campbell Cast: Ryan Reynolds Genere: fantasy Dove: Odeon

Solo per vendetta


Regia: Roger Donaldson Cast: Nicolas Cage Genere: thriller Dove: Odeon

Aperte le iscrizioni ai corsi di teatro Scuolarsenale Campagna abbonamenti 2011-2012

AUDITORIUM DI MILANO
L.GO GUSTAV MAHLER - 0283389201-202-203

Riposo

Un mostro segna per sempre le vite di alcuni bambini nella Torino anni 60. Bene gli attori, benissimo lambientazione, manierata la storia.

Con gli extracomunitari si vive male. Ma senza non si vive. Almeno a Treviso. Spunto e personaggi divertenti. Ma le ambizioni rimangono irrisolte

Un pilota riceve in dono un anello che lo arruola nelle Lanterne Verdi difensori dellUniverso. Fumetto in film. Stavolta con un fior di regista.

Un prof sconvolto dallo stupro della moglie accetta di far parte di una squadra di giustizieri della notte. Storia vecchia. Cage sonnambulo.
SALA 02
EURO 6,50-8,20

CARCANO

C.SO DI P.TA ROMANA, 65 - 0255181377

Campagna abbonamenti 2011/2012


Dal luned al venerd ore 8.30-18.30 fino al 22 luglio.

::: CINEMA MILANO


ANTEO SPAZIOCINEMA
Il ragazzo con la bicicletta 15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Le donne del sesto piano
Commedia. Di Philippe Le Guay con Fabrice Luchini VIA MILAZZO, 9 - 026597732 SALA CINQUANTA Drammatico. Di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne con Jeremie Renier EURO 5,00-7,50 SALA CENTO EURO 5,00-7,50

ELISEO MULTISALA

VIA TORINO 64 - 0272008219-199445668 SALA KUBRICK SALA OLMI SALA SCORSESE SALA TRUFFAUT

Kung Fu Panda 2
Animazione. Di Jennifer Yuh

CIAK WEBANK.IT
VIA PROCACCINI, 4/C (C/O) FABBRICA DEL VAPORE

Cose dellaltro mondo


Commedia. Di Francesco Patierno con Diego Abatantuono

15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 I segreti della mente


Thriller. Di Hideo Nakata con Aaron Johnson

15.30-18.00-20.30-22.45 Kung Fu Panda 2 3D


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 03
EURO 10,50

Riposo

15.30-17.50-20.20-22.30 This is England


Drammatico. Di Shane Meadows con Thomas Turgoose

14.00-16.30-19.00-21.20 Questa storia qua


Biografico. Di A. Paris, S. Righetti con Vasco Rossi

ELFO PUCCINI
CORSO BUENOS AIRES, 33 - 0200660606

SALA 04 EURO 6,50-8,20 SALA 05 EURO 10,50 SALA 06


EURO 6,50-8,20

15.30-17.50-20.20-22.30 Terraferma
Drammatico. Di Emanuele Crialese con Filippo Pucillo

14.00-16.15-18.30-20.30-22.30 Fright Night 3D


Horror. Di Craig Gillespie con Colin Farrell

Campagna abbonamenti 2011/2012

EX O.P. PAOLO PINI


CORSO BUENOS AIRES, 33 - 0200660606

15.30-17.50-20.15-22.30 Cose dellaltro mondo 15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Terraferma 15.00-16.50-18.40-20.30-22.30

SALA DUECENTO Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 5,00-7,50 SALA QUATTROCENTO Drammatico. Di Emanuele Crialese con Filippo Pucillo EURO 5,00-7,50

15.30-17.50-20.20-22.30

14.20-17.10-19.50-22.30 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

Campagna abbonamenti 2011/2012


da luned a venerd 11.30-13.30/14.30-18.30

GLORIA MULTISALA
Come ammazzare il capo... e vivere felici

CORSO VERCELLI 18 - 0248008908 SALA MARILYN EURO 4,50-7,50 SALA GARBO EURO 4,50-7,50

14.20-17.10-19.50-22.30 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

SALA 07
EURO 6,50

FRANCO PARENTI
VIA PIER LOMBARDO, 14 - 0259995206

Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

APOLLO SPAZIOCINEMAGALL. DE CRISTOFORIS 3 - 02780390


I segreti della mente
Thriller. Di Hideo Nakata con Aaron Johnson SALA GEA EURO 5,50 SALA GEA
EURO 6,50

15.20-17.40-20.10-22.30 Bad Teacher: una cattiva maestra


Commedia. Di Jake Kasdan con Cameron Diaz

14.40-17.30 Ruggine
Drammatico. Di Daniele Gaglianone con Filippo Timi

SALA 07
EURO 8,20

Campagna Abbonamenti: IMPARENTATEVI 2011 - 2012


Dal luned alla domenica dalle 10.00 alle 19.00

15.20-17.40-20.20-22.30

20.00-22.20 Lanterna Verde


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

15.00-17.15 Super 8
Fantascienza. Di JJ Abrams con Kyle Chandler

MEXICO
13.00-15.20-17.40-20.00-22.15

VIA SAVONA, 57 - 0248951802


EURO 4,50-6,50

SALA 08 EURO 6,50-8,20

LIBERO
Riposo

VIA SAVONA, 10 - 028323126

Harry Potter e i doni della morte - Parte II


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

14.15-16.50-19.40-22.15 Cose dellaltro mondo

19.50-22.10-V.O.consottotitoliinitaliano Terraferma
Drammatico. Di Emanuele Crialese con Filippo Pucillo

SALA 09 Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 6,50-8,20 SALA 10


EURO 6,50-8,20

SALA FEDRA
EURO 5,50-7,50

ODEON - THE SPACE CINEMA


VIA SANTA RADEGONDA, 8 - 892111

14.30-16.50-19.50-22.10 Bad Teacher: una cattiva maestra


Commedia. Di Jake Kasdan con Cameron Diaz SALA 1 EURO 6,50-8,50 SALA 2 EURO 6,50-8,50 SALA 3
EURO 6,50-8,50

LITTA

CORSO MAGENTA, 24 - 0286454545

Campagna abbonamenti 2011/2012


La biglietteria del Teatro Litta rimarr chiusa dal 9 luglio al 4 settembre compresi. Gli uffici rimarranno chiusi dal 30 luglio al 4 settembre compresi.

15.30-17.50-20.00-21.50 Come ammazzare il capo... e vivere felici


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

Kung Fu Panda 2
SALA ELETTRA
EURO 5,50-7,50

Animazione. Di Jennifer Yuh

15.30-17.50-19.50-21.50 Il Conformista - versione digitale 2K


Drammatico. Di Bernardo Bertolucci

13.00-15.05-17.10-19.15-21.20 Solo per vendetta


Poliziesco. Di Roger Donaldson con Nicolas Cage

14.00-16.10-18.20-20.30-22.40 Harry Potter e i doni della morte Parte II 3D


Fantastico. Di David Yates con Daniel Radcliffe

SALA 11
EURO 6,50-8,20

SALA DAFNE EURO 5,50-7,50 SALA URANIA EURO 5,50 SALA URANIA
EURO 5,50-7,50

15.15-17.15-19.30-21.50 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

12.15-14.45-17.15-19.45-22.15 Questa storia qua


Biografico. Di A. Paris, S. Righetti con Vasco Rossi

14.30-17.15-20.00 Conan the Barbarian 3D


Azione. Di Marcus Nispel con Jason Momoa

MANZONI
Riposo

VIA MANZONI, 42 - 027636901

SALA 11 EURO 10,50 SALA 12


EURO 6,50-8,20

15.30 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

12.00-14.05-16.10-18.15-20.20-22.25 Professione Assassino


Azione. Di Simon West con Jason Statham

22.40 I segreti della mente


Thriller. Di Hideo Nakata con Aaron Johnson

MENOTTI-TIEFFE
VIA CIRO MENOTTI, 11 - 0236592544

SALA 4 EURO 6,50-8,50 SALA 4 EURO 6,50-8,50 SALA 5 EURO 6,50-8,50 SALA 5
EURO 6,50-8,50

17.20-19.40-22.00

ARCOBALENO FILMCENTER
VIALE TUNISIA 11 - 0229406054-199199166

14.55-19.35 Come trovare nel modo giusto luomo sbagliato


Commedia. Di Salvatore Allocca, Daniela Cursi Masella

14.40-17.15-20.15-22.35 Terraferma
Drammatico. Di Emanuele Crialese con Filippo Pucillo

SALA 13 EURO 6,50-8,20 SALA 14


EURO 6,50-8,20

Campagna abbonamenti 2011/2012


Dal luned al venerd dalle ore 15.00 alle 19.00. Sabato dalle ore 16.00 alle 19.00

Kung Fu Panda 2 3D
Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 1 EURO 10,00

12.40-17.15-21.50 Solo per vendetta


Poliziesco. Di Roger Donaldson con Nicolas Cage

14.00-16.05-18.10-20.20-22.30 Professione Assassino


Azione. Di Simon West con Jason Statham

NUOVO
PIAZZA SAN BABILA - 0276000086

15.00-17.30-20.00-22.30 Cose dellaltro mondo 15.00-17.30-20.00-22.30 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 2 Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 4,50-7,50 SALA 3


EURO 4,50-7,50

16.35-21.20 I pinguini di Mister Popper


Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

14.00-16.05-18.10-20.20-22.30 Kung Fu Panda 2 3D


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 15
EURO 10,50

Campagna abbonamenti 2011/2012

12.05-14.15-19.05 Lanterna Verde 3D


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

15.00-17.30-20.00-22.15 Lanterna Verde 3D


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

SALA 6 EURO 11,00 SALA 9 EURO 6,50-8,50

SALA 16 EURO 10,50 SALA 17 EURO 6,50-8,20 SALA 18 EURO 6,50-8,20

OUT OFF
VIA MAC MAHON, 16 - 0234532140

15.00-17.00-19.00-21.00

ARIOSTO
Habemus Papam 16.15-18.30-21,00

VIA ARIOSTO, 16 - 0248.003901


EURO 6,50

12.20-14.50-17.25-19.55-22.30 Bad Teacher: una cattiva maestra


Commedia. Di Jake Kasdan con Cameron Diaz

14.50-17.25-20.05-22.35 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

Riposo

PICCOLO TEATRO STREHLER


LARGO GREPPI, 1 - 848800304

Drammatico. Di Nanni Moretti con Michel Piccoli

16.40-18.55-21.10 Cose dellaltro mondo 13.05-15.15-17.30-19.45-22.00 Fright Night

14.30-17.00-19.30-21.45 Solo per vendetta


Poliziesco. Di Roger Donaldson con Nicolas Cage

Campagna abbonamenti 2011/2012


Fino al 22 luglio: orari da luned a venerd ore 12.00-18.30 . Sabato e domenica chiuso. Dal 23 luglio al 31 agosto chiusura estiva.

SALA 7 Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 6,50-8,50 SALA 8


EURO 6,50-8,50

15.10-17.40-20.10-22.40

ARLECCHINO
Ruggine

VIA S. PIETRO ALL`ORTO, 9 - 0276001214-199445668

UCI CINEMAS CERTOSA


Solo per vendetta 20.10-22.35 I pinguini di Mister Popper
Commedia. Di Mark Waters con Jim Carrey

VIA STEPHENSON, 29 - 892960 SALA 1


EURO 8,20

Horror. Di Craig Gillespie con Colin Farrell

Drammatico. Di Daniele Gaglianone con Filippo Timi

16.00-18.10-20.20-22.30

12.10-17.10-22.10 Le regole della truffa


Commedia. Di Rob Minkoff con Patrick Dempsey SALA 1
EURO 4,50-7,00

Poliziesco. Di Roger Donaldson con Nicolas Cage

PICCOLO TEATRO STUDIO EXPO


VIA RIVOLI, 6 - 848800304

CENTRALE MULTISALA
Le donne del sesto piano 14.30-16.30-18.30-20.30-22.30 Student Services 14.30-16.30-18.30-20.30-22.30

VIA TORINO 30/32 - 02874826

SALA 8 EURO 6,50-8,50 SALA 9


EURO 6,00

Commedia. Di Philippe Le Guay con Fabrice Luchini

14.55-19.55 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 1 EURO 6,50 SALA 2


EURO 10,50

Riposo

17.40 Lanterna Verde 3D


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

SALA FONTANA
VIA BOLTRAFFIO, 21 - 0269015733

SALA 2 Drammatico. Di Emmanuelle Bercot con Deborah FrancoisEURO 4,50-7,00

12.10-14.20

ORFEO MULTISALA
Lanterna Verde 3D 15,00-17,30-20,00-22,30 Cose dellaltro mondo 14,50-16,45-18,40-20.35-22,30 Kung Fu Panda 2 3D
Animazione. Di Jennifer Yuh

VIALE CONI ZUGNA, 50 - 0289403039 SALA BLU


EURO 10,00

17.20-19.55-22.30 Kung Fu Panda 2 3D


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 3
EURO 10,50

Riposo

COLOSSEO

V.LE MONTE NERO, 84 - 0259901361-199445668

Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

17.20-19.45-22.15 Questa storia qua


Biografico. Di A. Paris, S. Righetti con Vasco Rossi

SAN BABILA

CORSO VENEZIA, 2/A - 02795469

SALA 4
EURO 6,50-8,20

Campagna abbonamenti 2011/2012


Da luned a venerd ore 10.00-13.00 / 14.00-18.00. Sabato 11.00-13.00

Questa storia qua

SALA VENEZIA Biografico. Di Alessandro Paris, Sibylle Righetti con Vasco Rossi

15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Bad Teacher: una cattiva maestra


Commedia. Di Jake Kasdan con Cameron Diaz

SALA VERDE Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 4,50-7,50 SALA ROSSA EURO 10,00 VIA PALESTRINA, 7 - 026702700
EURO 6,50

18.00-20.30-22.50 Bad Teacher: una cattiva maestra


Commedia. Di Jake Kasdan con Cameron Diaz

SALA 5
EURO 6,50-8,20

SALA CANNES SALA BERLINO SALA SUNDANCE SALA SUNDANCE

TEATRO DAL VERME


VIA SAN GIOVANNI SUL MURO, 2 - 0287905

15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

14,45-16,45-18,40-20,35-22,30

18.00-20.10-22.20 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

PALESTRINA
The Tree of Life 17.00-21.00

SALA 6 EURO 6,50-8,20


EURO 6,50-8,20

Riposo

15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 Lanterna Verde 3D


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

17.45-20.15-22.45 Come ammazzare il capo... e vivere felici SALA 7


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI


VIA DELLINNOVAZIONE, 2 - 0236508343

Drammatico. Di Terrence Malick con Brad Pitt

15.15-22.30 Solo per vendetta


Poliziesco. Di Roger Donaldson con Nicolas Cage

PLINIUS MULTISALA
Kung Fu Panda 2
Animazione. Di Jennifer Yuh

VIALE ABRUZZI, 28/30 - 0229531103 SALA 1


EURO 4,50-7,50

17.30-19.50-22.10 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

SALA 8
EURO 6,50-8,20

Riposo

TEATRO DELLA COOPERATIVA


VIA HERMADA,82 - 0264749997 - 026420761

17.50-20.20 Come ammazzare il capo... e vivere felici


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

SALA LOCARNO

15.00-17.00-19.00-21.00 Lanterna Verde 3D


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

17.10-22.15 Le regole della truffa


Commedia. Di Rob Minkoff con Patrick Dempsey

SALA 2 SALA 3 EURO 4,50-7,50

SALA 8 EURO 8,20

Riposo

19.50

15.30-17.50-20.20-20.20

DUCALE MULTISALA
PIAZZA NAPOLI 27 - 0247719279-199199166

15.00-17.30-20.00-22.30 Terraferma
Drammatico. Di Emanuele Crialese con Filippo Pucillo SALA 1
EURO 4,50-7,50

ARIANTEO - P.TA VENEZIA


BASTIONI P.TA VENEZIA, 3 - 026597732

TEATRO DELLA MEMORIA


VIA CUCCHIARI, 4 - 02313663

Questa storia qua


Biografico. Di A. Paris, S. Righetti con Vasco Rossi

15.30-17.50-20.10-22.30 Cose dellaltro mondo

The Town
Poliziesco. Di Ben Affleck con Ben Affleck
EURO 6,50

Riposo

SALA 4 Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 4,50-7,50 SALA 5


EURO 4,50-7,50

21.00

TEATRO DI VERDURA
VIA SENATO, 14 C/O BIBLIOTECA - 0276215318

15.00-17.30-20.00-22.30 Kung Fu Panda 2


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 2 EURO 4,50-7,50 SALA 2


EURO 7,50

15.30-17.50-20.10-22.30 Bad Teacher: una cattiva maestra


Commedia. Di Jake Kasdan con Cameron Diaz

ARIANTEO - UMANITARIA
VIA SAN BARNABA, 48 - 026597732

Dalla parrucca alla ghigliottina


con Philippe Daverio
EURO 6,50

15.00-17.30-20.00 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig

15.00-17.30 Le amiche della sposa


Commedia. Di Paul Feig con Kristen Wiig Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

Beirut Hotel
Drammatico. Di Danielle Arbid con Charles Berling

ore 21.00

SALA 5
EURO 7,50

20.15

TEATRO FILODRAMMATICI
VIA FILODRAMMATICI, 1 - 0236595671

22.30 Kung Fu Panda 2 3D


Animazione. Di Jennifer Yuh

SALA 3 EURO 10,00 SALA 3 EURO 10,00

20.00-22.30 Come ammazzare il capo... e vivere felici SALA 6


EURO 4,50-7,50

GNOMO MILANO CINEMA


VIA LANZONE 30/A - 02804125

Riposo

Michel Petrucciani - Body & Soul


Documentario. Di Michael Radford
EURO 5,50

15.00-17.30 Lanterna Verde 3D


Fantastico. Di Martin Campbell con Ryan Reynolds

15.30-17.50-20.10-22.30

TEATRO LEONARDO DA VINCI


VIA AMPRE, 1 - 0226681166

UCI CINEMAS BICOCCA


Commedia. Di Seth Gordon con Colin Farrell

VIALE SARCA, 336 - 892960


EURO 6,50-8,20

18.30-21.00

20.00-22.30 Cose dellaltro mondo 15.00-17.30-20.00-22.30

Come ammazzare il capo... e vivere felici SALA 01 14.20-17.15-20.00-22.20

SPAZIO OBERDAN CINETECA ITALIA


VIALE VITTORIO VENETO 2 - 0277406300

Riposo

SALA 4 Commedia. Di Francesco Patierno con Diego AbatantuonoEURO 4,50-7,50

Riposo = BELLO = DA NON PERDERE

TEATRO OSCAR - PACTA DEI TEATRI


VIA LATTANZIO, 58 - 0236503740

LEGENDA:

= DA EVITARE

= COS COS

Riposo

Gioved 8 settembre 2011

47
20.20-22.40 20.30-22.40 20.30-22.40

:::LOMBARDIA
HINTERLAND
ASSAGO UCI CINEMAS MILANOFIORI
VIALE MILANOFIORI - TEL. 892960 Kung Fu Panda 2 17.40-19.50-22.00 Solo per vendetta 17.15-19.45-22.15 Cose dellaltro mondo 18.20-20.30-22.40 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.50-20.15-22.35 Lanterna Verde 3D 17.00-19.40-22.15 Questa storia qua 17.45-19.55-22.10 I pinguini di Mister Popper 17.00 Le amiche della sposa 19.15-22.05 Kung Fu Panda 2 17.00-19.10-21.20 Bad Teacher: una cattiva maestra 18.25-20.35-22.45 Kung Fu Panda 2 3D 17.20-19.30-21.40

PADERNO DUGNANO

LE GIRAFFE

STUDIO CAPITOL
VIA TASSO, 41 - TEL. 035248330 Solo per vendetta Cose dellaltro mondo Ruggine 20.15-22.30 20.30-22.30 20.15-22.30

VIA BRASILE, 4 - TEL. 0291084250 Lanterna Verde 3D 17.40-20.15-22.40 Le amiche della sposa 17.30-20.00-22.30 Terraferma 17.50-20.20-22.45 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.40-20.10-22.40 Kung Fu Panda 2 3D 17.40-19.40-21.40 Questa storia qua 18.00-20.30-22.40 Bad Teacher: una cattiva maestra 18.15-21.15 Cose dellaltro mondo 18.30-21.30 Solo per vendetta 18.15-21.15 Come trovare nel modo giusto luomo sbagliato18.40 Professione Assassino 21.10 Kung Fu Panda 2 18.00-20.00-22.00 I pinguini di Mister Popper 17.30-20.00-22.15 Kung Fu Panda 2 17.30-19.30-21.30

Cose dellaltro mondo Lanterna Verde 3D Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 3D

17.40-20.20-22.20 20.10 17.10-22.30 17.20-20.00-22.10 18.10-21.00

I segreti della mente Bad Teacher: una cattiva maestra Questa storia qua

MIGNON
VIA BENZONI, 22 - TEL. 0376366233

ALBINO
PIAZZA SAN GIULIANO - TEL. 035751490

NUOVO CINETEATRO

LONATO
VIA FORNACE DEI GORGHI - TEL. 0309913670 Lanterna Verde 3D Bad Teacher: una cattiva maestra Cose dellaltro mondo Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 3D

MULTISALA KING
20.00-22.45 20.35-22.45 20.20-22.30 20.10-22.30 20.30-22.40

Chiusura estiva CURTATONE

STARPLEX CURTATONE
20.10-22.25 21.00 20.30-22.30 20.25-22.45 20.25-22.35 22.40 20.10 21.00-22.45

Riposo CLUSONE
VIA XXV APRILE, 1 - TEL. 034622275

CINEMA GARDEN

Riposo CORTENUOVA CINESTAR MULTIPLEX CORTENUOVA


VIA TRIESTE, 15 - TEL. 0363992244

ORZINUOVI

STARPLEX ORZINUOVI
20.15-22.35 20.25-22.35 20.30-22.20 20.25-22.25 20.20-22.25 19.45-21.40

PIOLTELLO

UCI CINEMAS PIOLTELLO

BELLINZAGO LOMBARDO

ARCADIA

C.C. LA CORTE LOMBARDA - TEL. 02954164445 I pinguini di Mister Popper 16.10 Lanterna Verde 20.10 Lanterna Verde 3D 17.40-22.40 Kung Fu Panda 2 16.00-17.00-18.00-19.00-20.00-21.00-22.00-22.50 Kung Fu Panda 2 3D 16.30-18.30-20.30-22.30 Cose dellaltro mondo 16.20-18.20-20.20-22.20 Solo per vendetta 17.50-20.25-22.50 Questa storia qua 16.25-18.25-20.25-22.35 Bad Teacher: una cattiva maestra 16.10-18.15-20.15-22.15 Fright Night 17.30 Le amiche della sposa 19.50-22.25 Terraferma 16.05-18.05-20.05-22.10

CERNUSCO S. NAVIGLIO
VIA MARCELLINE 37 - TEL. 029245343

AGORA`

VIA SAN FRANCESCO, 33 - TEL. 892960 Conan the Barbarian 22.40 Kung Fu Panda 2 17.20-19.40 Cose dellaltro mondo 18.20-20.30-22.40 Lanterna Verde 3D 17.05-19.45-22.20 Kung Fu Panda 2 3D 17.10-19.20-21.40 Solo per vendetta 17.15-19.40-22.05 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.30-20.00-22.30 Questa storia qua 18.00-20.00-22.00 Kung Fu Panda 2 3D 17.45-20.15-22.40 Kung Fu Panda 2 18.30-21.00 Bad Teacher: una cattiva maestra 18.00-20.15-22.30 I pinguini di Mister Popper 17.20 Fright Night 3D 19.45-22.30 Terraferma 18.00-20.15-22.35 Le amiche della sposa 17.00-19.45-22.35 Le regole della truffa 18.25-20.35 Professione Assassino 22.35

Le amiche della sposa Bad Teacher: una cattiva maestra Solo per vendetta Questa storia qua Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 3D

20.00-22.35 20.25-22.25 20.25-22.35 20.30-22.20 20.15-22.35 19.45-21.40 20.20-22.25

VIA LOMBARDIA 26/28 - TEL. 030943605 Lanterna Verde Solo per vendetta Questa storia qua Bad Teacher: una cattiva maestra Kung Fu Panda 2 3D Kung Fu Panda 2

VIA G. MONTANELLI, 31 - TEL. 0376348395 Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 Bad Teacher: una cattiva maestra Solo per vendetta Le regole della truffa Le amiche della sposa Questa storia qua

PAVIA
CORALLO
VIA BOSSOLARO, 15 - TEL. 0382539224 Cose dellaltro mondo Lanterna Verde 20.30-22.30 20.15-22.30

SALO Riposo

CINEMA TEATRO CRISTAL

COSTA VOLPINO
VIA TORRIONE, 2 - TEL. 035971717 Questa storia qua Kung Fu Panda 2

IRIDE VEGA
20.00-22.00 20.00-22.00

L.GO DANTE ALIGHIERI 4 - TEL. 0365521555

POLITEAMA
C.SO CAVOUR, 18/20 - TEL. 0382530343 Kung Fu Panda 2 20.30-22.30

COMO
ASTRA
V.LE GIULIO CESARE, 3 - TEL. 031261234 Il ventaglio segreto 21.00

PARONA

MOVIE PLANET

CURNO

UCI CINEMAS CURNO

ROZZANO
V.LE LOMBARDIA, 53 - TEL. 0257501923

FELLINI

Riposo CERRO MAGGIORE THE SPACE CINEMA SPA CERRO MAGGIORE


VIA TURATI, 62 - TEL. 892111 Kung Fu Panda 2 18.00-20.15-22.30 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.40-20.00-22.20 Cose dellaltro mondo 17.55-20.10-22.25 I pinguini di Mister Popper 17.15-19.35 Le amiche della sposa 21.55 Kung Fu Panda 2 17.00-19.15-21.30 Lanterna Verde 3D 16.40-19.20-22.00 Fright Night 16.30-19.10-21.50 Bad Teacher: una cattiva maestra 17.30-19.50-22.10 Solo per vendetta 16.50-19.15-21.40 Professione Assassino 17.10-19.20-21.35 Questa storia qua 16.30-18.30-20.30-22.35

Riposo ROZZANO

VIA LEGA LOMBARDA, 39 - TEL. 892960 Kung Fu Panda 2 18.00-20.20 Fright Night 3D 22.40 I pinguini di Mister Popper 17.30 Le amiche della sposa 20.00-22.45 Bad Teacher: una cattiva maestra 17.40-20.00-22.20 Questa storia qua 18.00-20.20-22.40 Kung Fu Panda 2 17.30-19.50-22.20 Lanterna Verde 3D 17.20-20.00-22.40 Solo per vendetta 17.45-20.10-22.35 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.40-20.10-22.30 Kung Fu Panda 2 3D 17.50-20.10-22.30

GLORIA
VIA VARESINA, 72 - TEL. 0314491080

Chiusura estiva CANTU

CINELANDIA MULT. CANTU 2000


20.30-22.40 20.20-22.40 20.10-22.40

CORSO EUROPA 23 - TEL. 031710039 Kung Fu Panda 2 Bad Teacher: una cattiva maestra Lanterna Verde

STRADA PROV.LE PER LA CATTANEA, 106 - TEL. 0384296728 Kung Fu Panda 2 3D 21.30 Kung Fu Panda 2 21.00 Bad Teacher: una cattiva maestra 21.30 Solo per vendetta 21.30 Lanterna Verde 3D 21.30 Questa storia qua 21.30 Cose dellaltro mondo 21.30

MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA THE SPACE CINEMA MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA


VIA MIRABELLA, 6 - TEL. 892111 Solo per vendetta 15.50-18.05-20.20-22.40 Come ammazzare il capo... e vivere felici 16.05-18.15-20.25-22.35 Bad Teacher: una cattiva maestra 16.10-18.20-20.30-22.40 Kung Fu Panda 2 16.15-18.20-20.25-22.30 Fright Night 17.15-20.00-22.40 Kung Fu Panda 2 17.05-19.15-21.25-23.35 Lanterna Verde 3D 17.30-20.00-22.30 Cose dellaltro mondo 18.15-20.25-22.35 I pinguini di Mister Popper 15.55 Questa storia qua 15.50-17.40-19.30-21.20-23.15

CANTU
VIA MANZONI, 8 - TEL. 031714759 Kung Fu Panda 2 3D

LUX
21.00

THE SPACE CINEMA ROZZANO

MOZZO Riposo ROMANO DI LOMBARDIA MULTISALA IL BORGO

CINE TEATRO AGORA

CESANO BOSCONE
VIA POGLIANI, 7/A - TEL. 024580242 Welcome

CRISTALLO
21.15

CINISELLO BALSAMO
VIA LIBERTA 108 - TEL. 0266015560

MARCONI

Riposo CINISELLO BALSAMO


VIA FIUME, 19 - TEL. 026600102

PAX

C.SO PERTINI, 20 - TEL. 892111 Kung Fu Panda 2 15.30-17.40-19.50 Solo per vendetta 16.30-19.30-22.10 Cose dellaltro mondo 15.30-17.40-20.00-22.10 Le amiche della sposa 19.25 I pinguini di Mister Popper 15.00-17.20 Come trovare nel modo giusto luomo sbagliato 15.40-17.50-20.00-22.15 Le regole della truffa 19.45-22.20 Bad Teacher: una cattiva maestra 15.20-17.35-19.50-22.05 Come ammazzare il capo... e vivere felici 5.30-17.45-20.00-22.15 Lanterna Verde 3D 15.00-17.30-20.00-22.30 Kung Fu Panda 2 16.00-18.10-20.20-22.30 Lanterna Verde 3D 22.00 Fright Night 16.00-22.10 Professione Assassino 19.40-22.00 Terraferma 15.30-17.50-20.10-22.30 Kung Fu Panda 2 15.15-17.30 Questa storia qua 16.00-18.00-20.00-22.00

VIA S.GIOVANNI BATTISTA 6 - TEL. 035461699

MONTANO LUCINO UCI CINEMAS MONTANO LUCINO


VIA VARESINA - TEL. 892960 Le amiche della sposa 17.15-20.00-22.40 Fright Night 3D 17.15-20.00-22.20 Lanterna Verde 3D 17.20-20.00-22.30 Bad Teacher: una cattiva maestra 17.45-20.15-22.30 Cose dellaltro mondo 17.40-20.10-22.30 Kung Fu Panda 2 3D 17.45-20.10-22.30 Kung Fu Panda 2 17.20 Solo per vendetta 20.00-22.35 I pinguini di Mister Popper 17.35-20.10 Professione Assassino 22.35 Kung Fu Panda 2 18.40-21.20 Questa storia qua 17.40-20.15-22.35 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.30-20.05-22.25

S.S. SONCINESE - TEL. 0363903816 Kung Fu Panda 2 Professione Assassino Fright Night Bad Teacher: una cattiva maestra Lanterna Verde Solo per vendetta

20.30-22.30 20.30 22.15 20.30-22.30 20.30-22.40 20.30-22.30

SONDRIO
EXCELSIOR
VIA C. BATTISTI - TEL. 0342215368

TREVIGLIO

ARISTON MULTISALA
17.50-20.20-22.30 20.10 17.40-22.30 17.30-20.00-22.00 18.30-20.30-22.30 17.30-20.10-22.20 17.40 20.20-22.40

SAN DONATO MILANESE


PIAZZA DALLA CHIESA, 1 - TEL. 0255604225

TROISI

VIALE MONTEGRAPPA - TEL. 0363419503 Bad Teacher: una cattiva maestra Lanterna Verde 3D Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 3D Kung Fu Panda 2 Cose dellaltro mondo I pinguini di Mister Popper Questa storia qua

Riposo STARPLEX SONDRIO


VIA VANONI, ANGOLO VIA TONALE - TEL. 0342214709 Bad Teacher: una cattiva maestra Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 3D Questa storia qua 21.35 21.15 21.15 21.30

CREMONA
CINEMA CHAPLIN
VIA ANTICHE FORNACI 58 - TEL. 0372453005 Cose dellaltro mondo 21.15

MORBEGNO Riposo MORBEGNO Riposo MORBEGNO

CINEMA TEATRO IRIS

FILO
P.ZZA FILODRAMMATICI, 1 - TEL. 0372411252 Questa storia qua 21.15

VIALE AMBROSETTI 27 - TEL. 0342611711

BRESCIA
METROPOL
VIA GALILEO GALILEI, 56 - TEL. 030/305828 I segreti della mente 21.15

Riposo COLOGNO MONZESE CINE-TEATRO SAN MARCO


VIA DON P. GIUDICI 19/21 - TEL.

Riposo SEREGNO
VIA UMBERTO I , 14 - TEL. 0362231385 Terraferma

CINEMA TEATRO PEDRETTI

ROMA
21.15

SPAZIOCINEMA CREMONA PO
VIA CASTELLEONE, 108 - TEL. Kung Fu Panda 2 Solo per vendetta Terraferma Bad Teacher: una cattiva maestra I segreti della mente Kung Fu Panda 2 3D Lanterna Verde 3D 20.00-22.00 20.15-22.30 20.30-22.30 20.30-22.30 20.40-22.30 20.30-22.30 20.00-22.30

PIAZZA MATTEI 1 - TEL. 0342610161

Riposo COLOGNO MONZESE


VIA VOLTA - TEL. 0225308292

CINETEATRO

MORETTO
VIA S. ALESSANDRO - TEL. 03048383 This is England 21.15

CINEMA 3

SEREGNO
VIA CAVOUR, 83 - TEL. 0362230555

S. ROCCO

VIALE AMBROSETTI, 25 - TEL. 0342610161

Riposo GARBAGNATE
VIA VISMARA, 2 - TEL. 029956978

AUDITORIUM S. LUIGI

Riposo GARBAGNATE
VIA VARESE, 29 - TEL. 029956978

Riposo SESTO SAN GIOVANNI CINELANDIA - SKYLINE MULTIPLEX


C/O CENTRO SARCA - TEL. 0224860547

MULTISALA WIZ
VIALE ITALIA ANG. VIA F.LLI UGONI C/O C. COMM. FRECCIA ROSSA TEL. 0302889211 Cose dellaltro mondo 15.30-17.30-19.45-21.40 Red 15.00-17.10-19.30-21.40 Bad Teacher: una cattiva maestra 15.40-17.40-19.40-21.40 Lanterna Verde 14.30-16.50-19.10-21.30 Terraferma 15.30-17.35-19.40-21.40 Kung Fu Panda 2 3D 15.00-17.00-19.00-21.00

Riposo TIRANO Riposo

CINEMA TEATRO MIGNON

PIAZZA MARINONI 1 - TEL. 0342705454

ITALIA

CREMA

MULTISALA PORTA NOVA MULTISALA IMPERO


20.20-22.40 20.20-22.40 20.30-22.20 21.30 20.30-22.30

VARESE
VIA BERNASCONI 13 - TEL. 0332284004 Kung Fu Panda 2 18.00-20.15-22.20 Cose dellaltro mondo 18.00-20.15-22.20 Kung Fu Panda 2 3D 17.40-19.50-22.00 Lanterna Verde 3D 17.30-20.00-22.20 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.30-20.00-22.30 Le amiche della sposa 17.00-22.20 Fright Night 19.50 Bad Teacher: una cattiva maestra 17.55-20.10-22.25 I pinguini di Mister Popper 17.30-20.00-22.30 Solo per vendetta 17.55-20.10-22.25

Riposo LEGNANO
P.ZZA S. MAGNO - TEL. 0331547865

GALLERIA

Riposo LEGNANO
C.SO MAGENTA, 9 - TEL. 0331546291 Terraferma

SALA RATTI
21.00

LISSONE
VIA DON CARLO COLNAGHI, 3 - TEL. 0392457233

EXCELSIOR

Riposo LISSONE

UCI CINEMAS LISSONE

Kung Fu Panda 2 15.30-16.05-17.35-18.05-20.10-22.30 Terraferma 16.00-18.15-20.30-22.35 Bad Teacher: una cattiva maestra 15.20-17.20-20.20-22.20 Cars 2 15.00-17.20 Come ammazzare il capo... e vivere felici 20.15-2235 Lanterna Verde 15.15-17.45-20.15-22.45 Questa storia qua 15.20-17.20-20.20-22.20 Le amiche della sposa 20.10-22.35 This is England 15.15-17.30-20.10-22.30 Solo per vendetta 15.10-17.40-20.10-22.40 Cose dellaltro mondo 15.00-16.55-18.50-20.45-22.40

VIA INDIPENDENZA - TEL. 0373218411 Cose dellaltro mondo Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 3D Bad Teacher: una cattiva maestra

NUOVO EDEN
VIA NINO BIXIO 9 - TEL. 0308379404

LECCO
NUOVO MIGNON
V.LE COSTITUZIONE, 27 - TEL. 0341366331 Lanterna Verde Kung Fu Panda 2 20.00-22.30 20.10-22.30

Riposo OZ IL REGNO DEL CINEMA


VIA SORBANELLA 12 - TEL. 0303507911 Solo per vendetta 14.20-16.25-18.30-20.35-22.40 Bad Teacher: una cattiva maestra 14.50-16.45-18.40-20.35-22.30 Lanterna Verde 3D 15.30-17.50-20.10-22.30 Kung Fu Panda 2 3D 14.40-16.35-18.30-20.25-22.20 Kung Fu Panda 2 14.50-15.40-16.45-17.40-18.40-19.40-20.35-21.40-22.30 Professione Assassino 20.35-22.35 Come ammazzare il capo... e vivere felici 14.40-16.40-18.40-20.40-22.40 Le amiche della sposa 15.10-17.40-20.10-22.40 I pinguini di Mister Popper 14.35-16.35-18.35 Questa storia qua 14.20-16.00-17.40-19.20-21.00-22.40

PALLADIUM
VIA FIUMICELLA 12 - TEL. 0341361533

VIA MADRE TERESA - TEL. 039 484767 Le amiche della sposa 17.00-19.45-22.20 Kung Fu Panda 2 17.00-20.30-22.40 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.10-20.05-22.25 Questa storia qua 17.20-20.10-22.20 Cose dellaltro mondo 17.10-20.10-22.20 Kung Fu Panda 2 3D 17.30-20.00-22.30 Lanterna Verde 3D 17.05-20.05-22.35 Kung Fu Panda 2 18.20-21.30 Bad Teacher: una cattiva maestra 17.30-20.00-22.30 Horror Movie 17.15-20.05-22.25 Solo per vendetta 17.30-20.20-22.40

SESTO SAN GIOVANNI


VIALE MATTEOTTI, 425 - TEL. 0222478183 Uomini senza legge

RONDINELLA
21.15

NUOVO CINETEATRO MANZONI


VIA DEI MILLE, 39 - TEL. 0332237325 I segreti della mente 21.00

Riposo MERATE Riposo OSNAGO


VIA GORIZIA 6 - TEL. 03958093

SETTIMO MILANESE
VIA GRANDI, 4 - TEL. 023282992

AUDITORIUM

VIA GIOVANNI XXIII, 24 - TEL. 039 5981992

SALA FILMSTUDIO 90 SALA SIRONI


VIA DE CRISTOFORIS 5 - TEL. 0332830053 Rassegna Cinematografica 21.00

Riposo SEVESO Riposo SOVICO

MULTISALA POLITEAMA

GALLARATE CINELANDIA MULTIPLEX


VIALE LOMBARDIA, 51 - TEL. 0331268017 Questa storia qua Solo per vendetta Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 3D Lanterna Verde 3D Kung Fu Panda 2 Le amiche della sposa Bad Teacher: una cattiva maestra Cose dellaltro mondo

VIA GALIMBERTI 16 - TEL. 0362540692

Riposo

LODI
DEL VIALE
VIALE RIMEMBRANZE, 10 - TEL. 0371426028

NUOVO

VIA BARACCA, 22/24 - TEL. 0392014667

MAGENTA Riposo MELZO

CINEMATEATRO NUOVO ARCADIA MULTIPLEX


20.20-22.30 20.10-22.20 19.50-22.00 22.40 20.10 20.30-22.40

Riposo VIMERCATE

THE SPACE CINEMA TORRIBIANCHE

PICCOLO CINEMA PARADISO


VIA FRANCESCO LANA, 15 - TEL. 030280010

VIA SAN MARTINO 19 - TEL. 0297291337

VIA MARTIRI DELLA LIBERTA` - TEL. 0295416444 Cose dellaltro mondo Bad Teacher: una cattiva maestra Kung Fu Panda 2 3D Lanterna Verde Lanterna Verde 3D Kung Fu Panda 2

MONZA
VIA A. PENNATI 10 - TEL. 039324272 Kung Fu Panda 2 Questa storia qua

MULTISALA CAPITOL
21.00 21.00

MONZA

MULTISALA METROPOL
20.00-22.00 20.30-22.30 20.30-22.30

VIA CAVALLOTTI 124 - TEL. 039740128 Kung Fu Panda 2 3D Bad Teacher: una cattiva maestra Solo per vendetta

VIA TORRI BIANCHE, 16 - TEL. 892111 Solo per vendetta 16.55-18.10-19.20-20.30-21.40 Professione Assassino 17.50-22.15 Le regole della truffa 17.40-19.50-21.55 Come ammazzare il capo... e vivere felici 17.10-19.20-21.30 Kung Fu Panda 2 16.30-17.30-19.10-20.10-21.50 Kung Fu Panda 2 17.05-18.00-19.40-21.20-22.20 I pinguini di Mister Popper 16.50-19.00-21.10 Bad Teacher: una cattiva maestra 17.25-19.35-21.45 Le amiche della sposa 18.45-21.25 Conan the Barbarian 19.00 Come trovare nel modo giusto luomo sbagliato20.05 Lanterna Verde 3D 17.00-19.30-22.00 Fright Night 16.40-21.35 Cose dellaltro mondo 17.55-20.00-22.05 Terraferma 17.35-19.55 Questa storia qua 17.50-19.50-21.50

Riposo FANFULLA
V.LE PAVIA, 4 - TEL. 0371/30.740 Questa storia qua 21,15

Chiusura Estiva SOCIALE


VIA CAVALLOTTI, 20 - TEL. 03041140 Ruggine 21.15

MODERNO MULTISALA GEMINI


21.15 20.15 22.30 21.15 CORSO ADDA 97 - TEL. 0371420017 Lanterna Verde 3D Come ammazzare il capo... e vivere felici 21.15 21.30

20.30-22.35 20.15-22.45 20.30-22.40 20.15-22.30 20.10-22.40 20.00 22.40 20.30-22.40 20.10-22.35

CAPRIOLO
VIA PALAZZOLO - TEL. 0307460530 Red Kung Fu Panda 2 Kung Fu Panda 2 3D Hanna

GALLARATE CINEMA DELLE ARTI


VIA DON MINZONI, 5 - TEL. 0331791382 Cose dellaltro mondo 21.00

CASALPUSTERLENGO
PIAZZA DEL POPOLO, 15 - TEL. 0377919024

COMUNALE

CORTE FRANCA
VIA ROMA 78 - TEL. 030986060 Questa storia qua Lanterna Verde 3D Cose dellaltro mondo Solo per vendetta Kung Fu Panda 2 3D Kung Fu Panda 2 Bad Teacher: una cattiva maestra Le amiche della sposa

MULTIPLEX NEXUS
21.20 21.00 20.40 20.50 21.30 20.20 21.10 20.30

Riposo PIEVE FISSIRAGA CINELANDIA MULTIPLEX PIEVE


S.S. N 235 - TEL. 0371237012 Kung Fu Panda 2 Bad Teacher: una cattiva maestra Lanterna Verde 3D Kung Fu Panda 2 3D Solo per vendetta Cose dellaltro mondo Questa storia qua 20.30-22.40 20.30-22.40 20.10-22.40 20.20 22.45 20.10-22.35 20.20-22.35

BUSTO ARSIZIO
VIA CALATAFIMI 5 - TEL. 0331677961

MANZONI

Riposo BUSTO ARSIZIO


P.ZZA PLEBISCITO, 1 - TEL. 0331632912 Kung Fu Panda 2

SOCIALE
21.15

SARONNO

CINEMA SILVIO PELLICO


15.30-21.00

VITTUONE Riposo

CINEMA TEATRO TRESARTES

VIA SILVIO PELLICO - TEL. 0299768659 Burn after Reading. A prova di spia

PIAZZA ITALIA 5 - TEL. 0290119352

SARONNO MULTISALA SARONNESE


VIA S. GIUSEPPE 21 - TEL. 0296708190 Lanterna Verde 3D Come ammazzare il capo... e vivere felici 21.00 21.00

MONZA Riposo MONZA

MULTISALA TEODOLINDA

VIA CORTELONGA 4 - TEL. 039323788

BERGAMO
CONCA VERDE
VIA MATTIOLI, 1 - LOC. LONGUELO - TEL. 035251339 Questa storia qua This is England 21.00 21.00

DARFO BOARIO MULTISALA GARDEN MULTIVISION


PIAZZA MEDAGLIE D`ORO 2 - TEL. 0364529101 Kung Fu Panda 2 3D Bad Teacher: una cattiva maestra Lanterna Verde 3D Cose dellaltro mondo 20.00-22.30 20.00-22.30 20.00-22.30 20.00-22.30

MANTOVA
ARISTON MULTISALA
VIA PRINCIPE AMEDEO, 20 - TEL. 0376328139 Terraferma 20.30-22.30 20.30 22.30

TRIANTE

VIA DUCA D`AOSTA, 8 - TEL. 039748081

TRADATE STARPLEX TRADATE


VIA DELLA FORNACE CORTELLEZZI 21049 TRADATE - TEL. Bad Teacher: una cattiva maestra 20.25-22.45 Kung Fu Panda 2 21.00 Kung Fu Panda 2 3D 20.30-22.30 Lanterna Verde 20.10-22.25 Questa storia qua 21.00-22.45 Solo per vendetta 20.25-22.35 Le regole della truffa 20.20-22.20

Riposo OPERA
VIA GIOVANNI XXIII, 5/F - TEL. 0257603881

Sala riservata
Cose dellaltro mondo Ruggine

EDUARDO

DEL BORGO
PIAZZA S. ANNA 51 - TEL. 035270760 I pinguini di Mister Popper 21.00

ERBUSCO

Riposo PADERNO DUGNANO


VIA OSLAVIA, 8 - TEL. 029189181 This is England Terraferma

MULTIPLEX PORTE FRANCHE


22.50 17.10-20.00-22.10 17.00-20.10-22.10 17.30-20.30-22.40

CINECITY MULTIPLEX
PIAZZALE CESARE BECCARIA 5 - TEL. 0376340740 Kung Fu Panda 2 3D Kung Fu Panda 2 Lanterna Verde 3D Solo per vendetta 21.30 20.30-22.30 19.50-22.30 20.15-22.40

AREA METROPOLIS
21.15 21.00

MULTISALA SAN MARCO


P.LE REPUBBLICA 2 - TEL. 035240416 Kung Fu Panda 2 Terraferma 20.00-21.45 20.00-22.00

VIA ROVATO 44 - TEL. 0307717644 Fright Night Questa storia qua Bad Teacher: una cattiva maestra Solo per vendetta

Gioved 8 settembre 2011

5 volte
pi resistente del normale titanio

40% pi
leggero dellacciaio mai pi cambio pila

Tutta la forza della leggerezza


La nuova collezione SuperTitanium ideata per chi apprezza la bellezza e desidera la resistenza e la leggerezza del titanio. Tutti i modelli di questa collezione sono dotati del sistema Eco-Drive che garantisce precisione, afdabilit e rispetto della natura.

168

268
www.citizen.it

Sistema

a carica luce innita con riserva di carica di 8 mesi. Cassa e bracciale in Supertitanio Ti+IP o cinturino in caucci. Vetro zafro. Impermeabile 10 bar. A partire da 158